Issuu on Google+

Sabato 31 Gennaio 2009 Euro 1,00 Anno XII - Numero 30

Calabria

Il Cartellone - Appuntamenti in Calabria (da pag. 32 a pag. 43) PAOLA L’evento su questa fondamentale figura si terrà presso il Complesso Polifunzionale Sant’Agostino

CATANZARO “Madre coraggio” in scena al teatro Politeama

Fera e il Rito Scozzese Antico e Accettato Una grande Isa Danieli PAOLA — Saverio Fera, fondatore della Comunione massonica di Rito Scozzese Antico ed Accettato, è una figura fondamentale nella storia della Massoneria italiana. Per rendere omaggio a lui e al suo ruolo, la loggia “Anita Garibaldi” di Paola, in collaborazione con la Regione massonica Calabria, ha in programma oggi il convegno “Saverio Fera: per la restituzione del Rito Scozzese Antico ed Accettato”. L’evento si terrà presso il Complesso Polifunzionale Sant’Agostino a Paola (Cs).

CATANZARO — Nei giorni scorsi presso il Politeama è andata in scena “Madre coraggio”, uno dei capolavori più rappresentati di Bertolt Brecht. L’opera, diretta dalla regista Cristina Pezzoli, è stata caratterizzata dalla forza interpretativa di Isa Danieli.

A PAGINA 33

A PAGINA 32

REGGIO

Miseria e nobiltà A PAGINA 32

LAMEZIA TERME Tre presunti affiliati alla ’ndrangheta sono stati arrestati dalla polizia con l’accusa di avere compiuto una serie di estorsioni

Lavori pubblici nel mirino dei clan Nel corso delle indagini gli inquirenti hanno convinto gli imprenditori vessati a collaborare LAMEZIA TERME — Tre presunti affiliati alla 'ndrangheta sono stati arrestati dalla polizia a Lamezia con l’accusa di avere compiuto una serie di estorsioni e tentate estorsioni. Gli arresti sono stati fatti dalla Squadra mobile di Catanzaro, nel corso di un’operazione denominata “No stop”, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip su richiesta del pm della Dda Gerardo Dominijanni. Le estorsioni sarebbero state compiute ai danni di imprenditori del comprensorio di Lamezia Terme, costretti, con minacce e violenze, a versare una percentuale dei loro introiti.

A PAGINA 19

L’eterna incompiuta, una vera e propria metafora delle storture

A3 e Questione Meridionale CATANZARO — Undici anni per

metterla in piedi; una quantità ancora indefinita di tempo per ultimarla così da traghettare il Sud verso l’Europa. L’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria è l’eterna incompiuta. Di più, essa conquista il rango di metafora delle storture. La conferenza stampa ieri in Questura

A PAGINA 17

OSPEDALE DI CHIARAVALLE Il sindaco Bruno scrive una preoccupata nota alla Regione

«Il processo di riconversione è lento» CHIARAVALLE — Il sindaco Antonio

Bruno ha scritto una nota al direttore generale dell’Asp e al presidente della Regione per invitarli a trovare un soluzione relativamente alla situazione dell’ospedale di Chiaravalle. «Alla luce della lentezza del processo di riconversione - scrive il primo cittadino - non posso non raccogliere i malumori e le preoccupazioni diffuse nella popolazione». A PAGINA 27

MALTEMPO

Il Governo dichiara lo stato di emergenza A PAGINA 16

SOVERATO

Comune, si rischia la sindrome del 2001

LAMEZIA

Trauma Center incontro Pd-Loiero a pagina 25

A PAGINA 28

IL PUNTO SULLE CALABRESI

Il “divino” Provenza e il torpore giallorosso di Vittorio Ranieri

l pubblico catanzarese è all’altezza della squadra, bisogna però prendere atto che si è creata una situazione di torpore. Una situazione che arriva da delusioni passate che non hanno nulla a che fare con chi oggi indossa la casacca giallorossa in campo e di chi si trovi dietro a una scrivania». Così parlò Nicola Provenza ai microfoni di una testata giornalistica telematica. Manco a dirlo, il tecnico giallorosso, ancora una volta, si è reso autore di un’osservazione sottile e, con ogni probabilità, molto azzeccata usando il termine “torpore”. Un po’ personaggio ma allo stesso tempo (e paradossalmente) anti-personaggio. Proprio così. Nicola Provenza da Salerno non perde mai occasione di meravigliare… in positivo. Il tutto accompagnato da un modo di fare non certo da prima donna (alla Josè Mourinho per intenderci) ma che, alla fine, lo porta sempre a prendersi le luci della ribalta. Del resto, è quel che sta facendo dal mese di luglio. Insomma, vuoi vedere che, magari, c’è uno special one anche dalle nostre parti! E vuoi vedere che l’identikit dello special one dei tre colli corrisponda a colui che, per due giorni a settimana, fa il gastroenterologo a Salerno salvo poi insegnare calcio (e qualcosina in più) a Catanzaro. Insomma, il ragionamento è semplice semplice. C’è chi ambisce alla santità e c’è chi aspira, invece, all’essere speciale come Josè Mourinho. Ma c’è anche chi aspira alla normalità. Per dirla alla Lucio Dalla “ma l’impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale”. Ebbene, Nicola Provenza, a sommesso avviso di chi scrive, sa essere speciale per la sua normalità e per il suo senso dell’equilibrio. Una dichiarazione, quella riportata in apertura, che lo pone come un personaggio che della realtà giallorossa ha capito veramente tutto.

«I

CONTINUA A PAGINA 45


2 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Un mondo di immagini Gandhi moriva 61 anni fa L’India ricorda il suo liberatore

“Tibet subito libero” Manifestazioni di piazza in Belgio

Il 30 gennaio 1948, a Nuova Delhi, Gandhi veniva colpito a morte dall’estremista indù Nathuram Godse

Proteste contro il leader cinese Wen Jibao Losanna invasa da ballerine

Al via il Gran Prix delle danzatrici A Bruxelles, in occasione della visita del premier cinese Wen Jiabao al presidente della Commissione europea Barroso, si sono svolte iniziative di protesta

Alcune delle giovani promesse si riscaldano prima delle esibizioni

La siccità è arrivata a tal punto che i fedeli scendono in strada per pregare la pioggia

Nelle regioni del Medio Oriente scoppia l’emergenza idrica Precipitazioni mai così scarse

Soldati dell’esercito presenziano di fronte al monumento realizzato alla memoria del leader pacifista. Gandhi è stato uno dei pionieri e dei teorici della resistenza all'oppressione tramite la disobbedienza civile di massa

La Corte europea per i diritti umani compie mezzo secolo

Fu istituita nel 1950 con l’intento di garantire ai cittadini europei protezione dagli abusi di potere dei governi

Una veduta del moderno edificio che la ospita a Strasburgo, nella Francia orientale. I giudici sono eletti, ogni volta per sei anni, dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa

Barbara attrazione a Kabul Puntate sulle lotte tra cani

Musulmani radunati in una piazza di Amman, capitale della Giordania. Le già scarse riserve si sono ulteriormente diminuite nel giro di settimane

La Nec costretta Quattromila artisti di strada a tagliare oltre in scena a Singapore ventimila posti Per la tradizionale parata “Chingay”

E’ il più grande licenziamento della compagnia

in Afghanistan il dog fighting, nonostante la crudeltà, è considerato uno sport molto popolare

Una parte dello spettacolo che si è sviluppato nella città asiatica E’ solo una delle stravaganti competizioni che vengono organizzate soprattutto in occasione di feste paesane

Due esemplari combattono sotto gli occhi dei loro padroni e degli scommettitori. Sotto il regime talebano questa particolare pratica era stata proibita in quanto «anti-islamica», al pari del ballo, della musica e della tv

Il campione dei mangiatori di ali di pollo fritte, John "Super Squibb", impegnato nella finale “di specialità” che si è svolta a Philadelphia

La sede principale del colosso colpito duramente dalla crisi

Negli Stati Uniti si gareggia a chi mangia più ali di pollo Alla faccia della dieta


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 3

Speciale Moda&Obama

Cercasi modelle simili alle figlie di Barack. Ha iniziato il magazine Harper Decine di pazienti hanno visto una figura con mantello nero

Ospedale britannico con spettro chiama l’esorcista LONDRA - Un ospedale di Derby, in Gran Bretagna, ha chiamato un esorcista dopo che una serie di dipendenti sono stati terrorizzati da un presunto fantasma. Secondo quanto riporta ieri il Sun, lo spettro di un uomo con addosso un mantello nero è stato avvistato più volte nei corridoi del Royal Derby Hospital, una nuova struttura costruita dove in passato sorgeva un altro ospedale. «Ci sono state decine di avvistamenti nelle ultime settimane e la gente è spaventatissima. Molti hanno visto un uomo coperto dalla testa ai piedi da un mantello nero attraversare velocissimo le stanze passando attraverso ai muri, specie nei reparti vicini all’obitorio. La cosa ha avuto ripercussioni sull’umore generale e la direzione ha deciso di intervenire», contattando il vescovo che dovrà dare il via libera all’esorcismo.

Il fantasma sarebbe quello di un soldato romano ucciso dove l’ospedale fu costruito negli anni Venti, sopra a una delle principali strade romane

L’Uomo di Similaun rivela ferite che suggeriscono ipotesi sulla sua fine É stato colpito alcuni giorni prima di fuggire sul ghiacciaio del Giogo

Oetzi, giallo senza tempo Il massiccio del Similaun, vicino al giogo di Tisa, il luogo dove fu trovato Oetzi, vissuto 5.300 anni fa e giunto a noi intatto solo per le particolari condizioni climatiche

Salito a Tisa fu raggiunto da una freccia e con un masso BOLZANO - Oetzi è stato aggredito due volte prima di morire, 5.300 anni fa, sul ghiacciaio del Giogo di Tisa. Una ferita a una mano risale ad alcuni giorni prima della sua morte. Sul ghiacciaio, a 3.210 metri, Oetzi è stato invece ferito mortalmente alle spalle da una freccia e poi colpito sulla schiena con un corpo contundente. Lo rileva uno studio dell’università Ludwig Maximilian e di ricercatori bolzanini. Secondo gli studiosi, Oetzi è stato ucciso durante la sua fuga in alta quota ed è morto dissanguato nel giro di pochi minuti, dopo essere stato colpito da una freccia. L’aggressore l’ha anche colpito con un corpo contundente, forse un sasso oppure un bastone. Lo dimostra un ematoma, trovato vicino alla ferita provocata dalla freccia. Oetzi era comunque già ferito ad una mano quando si è messo in cammino verso il Giogo di Tisa. La ferita risale ad alcuni giorni prima della morte e potrebbe essere stata inflitta durante una colluttazione. L’arco come anche le frecce nella faretra dovevano essere ancora rifinite. Questo dimostrerebbe che Oetzi era partito frettolosamente senza quest’arma indispensabile. La mummia del Similaun (nota anche come Uomo di Similaun, Uomo venuto dal ghiaccio o appunto Öetzi) è un reperto antropologico scoperto sulle Alpi Venoste (ghiacciaio di Similaun, 3.210 m s.l.m., ai piedi del monte omonimo) al confine fra Italia e la Valle del Tirolo Austriaco Ötztal (sul versante italiano, nella Provincia autonoma di Bolzano) nel 1991. Sono stati effettuati degli studi, per cui la mummia poteva essere originaria

La formazione degli sciami che spesso hanno effetti distruttivi dipende dalla serotonina

Le cavallette meno timide fanno danni

Di norma è un insetto solitario

ROMA - Dalle reminiscenze bibliche, una delle dieci piaghe d’Egitto, l’invasione delle cavallette, approda nei laboratori di neurobiologia. Il mistero che da sempre avvolge questi spettacolari quanto nefasti movimenti mi-

gratori improvvisi di locuste sembra essere stato svelato. Un gruppo di ricercatori delle università di Oxford, Cambridge e Sydney avrebbe individuato in un neurotrasmettitore, la serotonina, la causa del repentino cambio di comportamento delle cavallette: da animali solitari e timidi, questi insetti si uniscono in sciami enormi, per ragioni finora inspiegabili, che possono divorare in poche ore una quantità di cibo pari al proprio peso, con conseguenze devastanti per le coltivazioni e la vegetazione. Nel novembre scorso, ad esempio, uno sciame di cavallette ha devastato le coltivazioni su un territorio lungo oltre 5 chilometri in Australia e l’anno successivo ha praticamente dimezzato il raccolto di grano

in Mauritania. La fase gregaria è una strategia derivante dalla disperazione e guidata dalla fame; lo sciame è una risposta alla necessità di nuovi ’pascoli’», spiega Steve Rogers, della Cambridge University, fra gli autori della ricerca pubblicata su Science: «Adesso abbiamo trovato il meccanismo che controlla questo processo. Abbiamo aperto la scatola nera per capire come funziona». Secondo lo studio, esiste una correlazione diretta fra questo comportamento e la serotonina, un neurotrasmettitore presente nel cervello delle locuste, così come in quello di molti animali e degli esseri umani. La serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) è un neurotrasmettitore monoaminico del sistema nervoso centrale.

di Velturno. In seguito ad analisi sul DNA mitocondriale del corpo mummificato, è risultato che il ceppo genetico dell'uomo di Similaun risulta non più presente a livello mondiale. Si tratta del corpo di un essere umano di sesso maschile conservatosi grazie alle particolari condizioni climatiche prodottesi all'interno del ghiacciaio (in Siberia sono stati ritrovati mammuth conservatisi in condizioni analoghe). L'attribuzione del nome deriva dal toponimo registrato più vicino, appunto Similaun. Inizialmente si pensò che si potesse trattare di un alpinista scomparso in età recente, tanto che venne attivata la gendarmeria austriaca. Durante il recupero, avviato senza particolari accorgimenti conservativi, furono danneggiate parti del corpo (tessuti esterni, femore sinistro seriamente danneggiato). Il corpo fu inizialmente portato in Austria (Innsbruck) dove fu esaminato da esperti ed attribuito ad un antico abitante di queste zone, soprannominato in seguito da un giornalista Ötzi (od Oetzti), dato il luogo del ritrovamento. La datazione al radiocarbonio gli attribuisce un'età compresa tra il 3.300 - 3200 a.C. Questo lo pone nell'Età del Rame, momento di transizione tra il Neolitico e l'Età del Bronzo. Assieme al corpo furono ritrovati anche resti degli indumenti e oggetti personali di grande interesse archeologico come un arco in legno di tasso, una faretra con due frecce pronte ed altre in lavorazione, un coltello di selce, un "correttore" per lavorare la selce, un'ascia in rame, una perla in marmo, esche ed acciarino ed uno zaino per contenere questi oggetti.


4 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano Sciopero il 4 aprile Lo ha proclamato il direttivo della Cgil

Mangiare costa di più ma il prezzo al campo è in picchiata -14%

Viaggiare in treno sarà più caro Aumenti da domani

ROMA - Il Direttivo Cgil contro un “governo senza idee per la crisi, inadeguato, che non stanzia risorse” ha proclamato 4 ore di sciopero. L’iniziativa si concluderà il 4 aprile prossimo con una manifestazione a Roma perchè, per la Cgil, l’Italia è in una situazione in cui l’Esecutivo “scarica i costi della crisi sulle condizioni dei lavoratori dipendenti e dei pensionati”. Di qui lo sciopero “a sostegno di misure di contrasto alla crisi e contro l’accordo separato raggiunto senza la Cgil”. Quanto ai contratti “la Cgil non avrebbe mai firmato un accordo senza gli altri”, e chiede a Cisl e Uil che l’accordo separato “sia sottoposto al voto, che organizzerà la Cgil se le altre sigle non vorranno la consultazione”.

ROMA - Il fatto che i prezzi dei prodotti alimentari «siano aumentati del 4,3% al consumo, mentre in campagna alla produzione sono diminuiti del 14% su base annuale dimostra la presenza di forti inefficienze di filiera che non sono giustificabili dalla crisi generale». È quanto emerge da una analisi presentata all’Assemblea della Coldiretti, sulla base dei dati Istat nel mese di dicembre. «Per ogni euro speso dai consumatori in alimenti - denuncia la Coldiretti - ben 60 centesimi vanno alla distribuzione commerciale, 23 all’industria alimentare e solo 17 centesimi agli agricoltori. I prezzi sono aumentati in media di cinque volte dal campo alla tavola».

ROMA - Scatta domani l’adeguamento dei biglietti e degli abbonamenti relativi a viaggi su treni regionali con partenza e arrivo da regioni diverse. Lo comunica Ferrovie dello Stato ricordando che l’adeguamento era stato deliberato nel 2007 in accordo con il coordinamento degli assessori regionali ai trasporti. Il provvedimento, si precisa nella nota, «non è altro che l’applicazione della seconda tranche di adeguamenti deliberata nel 2007». Lo stesso coordinamento, in una sua recente riunione, concludono le Fs, «ha ribadito la validità degli adeguamenti già deliberati in passato e Trenitalia ha provveduto a ricordarne l’applicazione, lo scorso 27 gennaio, a tutte le associazioni dei consumatori che siedono al tavolo con il gruppo Fs».

I numeri dell’Istat confermano l’allarme lanciato dal sindacato che a gran voce chiede al governo l’avvio di iniziative concrete

Grandi imprese, occupazione a picco A novembre il dato peggiore dal 2002 Enrica Piovan

ROMA - Calo record dell’occupazione e boom di ricorsi alla cassa integrazione. Novembre è stato un mese nero per i lavoratori delle grandi imprese, dove l’occupazione alle dipendenze ha incassato il maggior calo annuo dal novembre 2002, mentre l’utilizzo della cig ha registrato un’impennata senza precedenti negli ultimi otto anni, cioè da quando esistono le serie storiche dall’Istat. Una fotografia che non fa che confermare gli allarmi lanciati nei giorni scorsi e che consente ai sindacati di tornare a strigliare il governo chiedendo iniziative concrete a tutela dell’occupazione. Nelle imprese con 500 e più addetti, secondo i dati diffusi dall’Istituto di statistica, l’occupazione (escludendo i dipendenti in cassa integrazione) è diminuita a novembre del 2,1% rispetto allo scorso anno (-1% al lordo della cig), con un calo particolarmente accentuato nell’industria (-4,7%). All’ emorragia di posti di lavoro fa poi da contraltare un sempre più ampio ricorso allo strumento della cassa integrazione, il cui utilizzo ha toccato livelli che non si vedevano dal 2000: il ricorso alla cig è stato di 19,1 ore per 1.000

Cassa integrazione in volata A pagare è l’industria

La Cassa integrazione Le ore di Cig su 1.000 lavorate nelle grandi imprese a novembre novembre 2008 Nell'industria

differenza di ore rispetto a ottobre novembre 2008 2007 +15,5

+29,8

48,7 Nei servizi (commercio e professioni) +0,9

+1,5

2,2 Globale

19,1

+5,8

+11,5

dato più alto dal 2000, inizio serie storiche di rilevazione statistica

Crolla l’occupazione

ore lavorate (+11,5 in un anno) ed è stato particolarmente consistente nell’ industria (48,7 ore per mille ore lavorate, +29,8 dal 2007). Il calo dell’occupazione si è sentito un po’ in tutti i settori, con punte particolarmente negative nella produzione di energia elettrica, gas e acqua e nelle costruzioni. Flessioni marcate hanno interessato anche alcuni comparti

ANSA-CENTIMETRI

Fonte: Istat

delle attività manifatturiere, come tessile e abbigliamento (-8%), produzione di apparecchi meccanici e industrie di pelli e calzature (-5%) e fabbricazione di prodotti chimici. Nei servizi, invece, i più colpiti sono stati alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni, e l’intermediazione monetaria e finanziaria. A confermare questo quadro fosco è anche l’Eurispes, che nell’ultimo rapporto

sul 2008 sostiene che l’occupazione si avvia verso una crescita zero con un tasso di occupazione in Italia che risulta tra i più bassi d’Europa. Dati che allarmano soprattutto i sindacati. «Quanti dati negativi sull’occupazione devono ancora arrivare perchè il governo prende iniziative concrete a tutela dell’occupazione?», si chiede il segretario confederale della Cgil Fulvio Fammoni, aggiungendo

che «per non chiudere aziende e non perdere posti di lavoro servono sviluppo e risorse». Susanna Camusso (Cgil) vede profilarsi un quadro preoccupante: «Senza politiche di contrasto, la crisi lascerà nodi strutturali di depotenziamento del nostro sistema produttivo». Questi dati, secondo il segretario confederale dell’Ugl, Cristina Ricci, «sono l’ennesima dimostrazione della necessità di garantire risorse adeguate per gli ammortizzatori sociali e al contempo affrontare il potenziamento di politiche attive del lavoro». Non aggiungono speranza gli altri dati diffusi ieri dall’ Istat: l’aumento delle retribuzioni nelle grandi imprese (+5,9%) risente probabilmente degli effetti di calendario (novembre ha avuto un giorno in più rispetto al 2007); il rallentamento dei prezzi alla produzione (a dicembre hanno segnato l’aumento tendenziale più basso dal 2004, +0,6%, e il quarto calo congiunturale di fila, portando il 2008 a chiudere a +6%) dovrebbe riflettersi sull’inflazione ma - avvertivano già nei mesi scorsi gli analisti - rischia anche di tradursi in minori profitti per le aziende, minori investimenti e possibili nuovi tagli occupazionali.

L’economia americana annaspa e per gli analisti il fondo della crisi non è stato ancora toccato

“Il Pil giù, un disastro continuo per le famiglie” Il presidente Obama: fare presto con il piano di stimoli NEW YORK - Il pil americano si contrae nel quarto trimestre del 3,8%, registrando il calo maggiore dal 1982 quando l’economia scese del 6,4%. Si tratta, comunque, di un risultato migliore delle attese che scommettevano su una flessione superiore al 5%. Ma gli analisti avvertono: il dato dimostra che probabilmente il peggio deve ancora venire e l’attesa «si sta facendo dolorosa». Il presidente Barack Obama, infatti, non usa mezzi termini: la contrazione del pil «non è soltanto un concetto economico, è un disastro continuo per le famiglie di lavoratori americani. È il significato reale di queste cifre a contare davvero per il popolo americano: si fanno meno acquisti, le imprese effettuano meno investimenti, i datori di lavoro assumono meno». Da qui l’invito ad accelerare l’approvazione del piano di stimolo, che «non è la fine ma solo l’inizio» del rilancio. Nel 2008 l’economia statunitense è cresciuta dell’1,3%, in rallentamento rispetto al +2% del 2007. Il risultato migliore del previsto nel quarto trimestre è imputabile all’aumento delle scorte, legato a sua volta al calo dei consumi. Proprio l’aumento delle scorte, infatti, ha dato un contributo al pil in

termini di crescita di ben 1,3 punti percentuali. Vera zavorra della crescita americana sono i consumi, motore dell’economia a stelle e strisce rappresentando i due terzi del pil. La spesa per i consumi nel quarto trimestre si è contratta del 3,5% a tasso annuo, dopo il -3,8% dei tre mesi precedenti. L’indice dei prezzi del pil, che include l’inflazione, ha segnato un -0,1%. In termini reali, cioè depurando il pil dalle variazioni dei prezzi, il calo del quarto trimestre e del 4,1%, il peggiore dal 1954. «La recessione si sta facendo più profonda e l’emergenza per la nostra economia si sta ampliando», con molti americani che «stanno vivendo il sogno americano al contrario», ha evidenziato Obama presentando la task force per la classe media, che sarà guidata dal vice presidente Joe Biden. «Ogni giorno assistiamo a un altro round di licenziamenti. Abbiamo perso 2,6 milioni di posti di lavoro lo scorso anno, e altri 2,8 milioni di persone che avrebbero bisogno e vorrebbero un impiego a tempo pieno si devono accontentare di un’occupazione part-time» ha aggiunto il presidente americano.

Il prodotto interno loro degli States Andamento delle variazioni trimestrali* e indicazione della media annua 6,0 4,9

+2,8% 2007

2006 4,8

+2,2% 2008

+1,3%

4,8 4,8

3,8

2,8

2,7

2,7

0,8 1,5

1,6

0,9 0,1

0,5 -0,6

-0,5

-0,2

-1,7 -2,8 -3,9

-3,8

-5,0

I

II

III

IV

I

*variazione % sull’ultimo trimestre x 4

II

III

IV

I

II

III

IV

ANSA-CENTIMETRI

Marcegaglia a Davos

“Più merito E spazio ai giovani” ROMA - Bisogna fare «spazio ai giovani». Cambiare così un welfare che spende tutto in pensioni, un sistema scolastico che non sa premiare le eccellenze, un mercato del lavoro che non tiene conto della meritocrazia: dove gli anziani sono inamovibili e i giovani precari. Il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, assieme a un nutrito drappello di banchieri lancia da Davos un appello. L’Italia penalizza le sue giovani generazioni e in questo modo distrugge il suo futuro. Allora «bisogna sfruttare la crisi per riconvertire il sistema e dare più potere ai giovani». I nodi da affrontare sono tanti, ma due appaiono più vistosi. Il primo è nel mondo del lavoro dove - per dirla con le parole di Marcegaglia - c’è un forte divario tra «i lavoratori anziani di fatto stabili e inamovibili, e i giovani che invece sono precari». Per risolvere questo divario, la soluzione potrebbe arrivare da un contratto unico antigap, «anti-disparità», che unisca giovani e anziani. «Il nodo si affronta non con licenziamenti più facili - mette in chiaro la numero uno degli industriali italiani - ma studiando un contratto unico che preveda inizialmente meno tutele e poi progressivamente un loro aumento, evitando così l’attuale segmentazione troppo netta tra anziani e giovani». La parola chiave, più volta richiamata da Marcegaglia, è «meritocrazia». Sul tappeto c’è anche il tema del welfare, che in Italia non può che essere declinato con la parola pensioni. «Il sistema afferma Marcegaglia - va ripensato. È tutto spostato sugli anziani. Abbiamo un sistema di welfare che passa tutto per le pensioni, agli anziani senza dare un euro per i sussidi di disoccupazione per i giovani e per le donne che hanno figli. Tutto il welfare è pensato per un sistema di lavoro indeterminato, maschile, per aziende che non cambiano mai».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 5

Primo piano

Le stime del Centro nazionale trapianti, primi in Europa per donatori

I numeri dei trapianti In Europa 60.000

10

Pazienti in attesa di un trapianto

Persone che ogni giorno muoiono per mancata disponibilità

In Italia - dati 2007 DONATORI POTENZIALI Pazienti segnalati dai reparti di rianimazione

-3,3% sul 2006

38,5

36,6

2007

2006

In Italia trend positivo Siamo tra i primi in Europa

DONATORI UTILIZZATI

20,0

19,3

2006

2007

Casi per milione di abitanti

Casi per milione di abitanti

OPPOSIZIONE ALLA DONAZIONE

I TRAPIANTI EFFETTUATI Totale 3.021 di cui

27,9%

2006

30,9%

2007

1.573 1.033 308 76 2

RENE FEGATO CUORE PANCREAS INTESTINO

Fonte: Centro italiano trapianti

ANSA-CENTIMETRI

Rene, fegato, cuore e polmone. Ecco i dati italiani

Ma almeno 9700 persone sono in lista d’attesa Il tempo medio prima dell’intervento 2/3 anni

Un’auto dedicata al trasporto organi aspetta il carico arrivato da un aereo

ROMA - In Italia si registra un trend positivo, che ci colloca tra i primi in Europa, nel settore dei trapianti, con 21 donatori per milione di abitanti. Nel 2008, secondo stime del Centro nazionale trapianti (Cnt), saranno circa tremila i trapianti effettuati. Le donazioni sono circa 1.200 l’anno. Buona anche la percentuale dei donatori: se infatti la media europea è di 18,5 donatori per milione di abitanti, nel nostro Paese sono circa 21 per milione. In lista di attesa per un trapianto d’organo ci sono attualmente in Italia circa 9.700 pazienti. Nel 2007, sulla base dei dati del Centro nazionale trapianti, sono stati eseguiti complessivamente 1.587 trapianti di rene, 912 di fegato, 323 di cuore e 111 di polmone. Il tempo medio di attesa è di 2-3 anni:

circa 6.700 pazienti sono in attesa di un rene, 1.675 di un fegato, 781 di un cuore, 237 per il pancreas e 317 per il polmone. Il tempo medio di attesa più alto è quello per i trapianti di rene (3,03 anni) e quello più basso per il fegato (1,84 anni).

Maroni: “In Italia spariti 400 bambini migranti nel 2008, è necessaria la banca dati Dna” Il Parlamento chiede chiarezza sui dati. Mussolini con Pdl e Pd presenta un’interrogazione

Allarme traffico d’organi Almeno 60mila le piccole vittime in tutto il mondo ROMA - Ci sono «evidenze» che vi sia un traffico di organi che vede coinvolti «minori extracomunitari presenti o rintracciati in Italia». L’allarme del ministro dell’Interno Roberto Maroni piomba sull’assembla annuale dell’Unicef a Roma poco dopo la presentazione del rapporto dell’agenzia dell’Onu in cui si dice che nel 2009 sarà necessario oltre un miliardo di dollari per aiutare i bambini e le donne in 36 paesi in grave emergenza. Ed è un allarme che il ministro non spiega citando inchieste o condanne della magistratura ma, appunto, «evidenze». E cioè «l’analisi incrociata dei dati sui minori extracomunitari scomparsi dopo esser arrivati a Lampedusa e le segnalazioni relative al traffico d’organi inviate dai paesi d’origine alla polizia italiana tramite Interpol». «Solo nel 2008 - dice - di 1.302 minori arrivati sull’isola, circa 400 sono spariti. Di loro non abbiamo più notizie». Ragazzi che, aggiunge, solo la banca dati del Dna, che con l’approvazione del trattato di Prum da parte del Parlamento vedrà la luce, potranno essere protetti meglio. La traccia del traffico di organi che riguarderebbe il nostro paese, insomma, è rintracciabile «negli esposti provenienti da diversi paesi del mondo che negli anni - prosegue Maroni - e anche nel 2008, sono stati segnalati alla polizia italiana, che ha iniziato un’attività di indagine». Paesi come Brasile, Sri Lanka, Congo, Thailandia ma anche altri se è vero che, come afferma l’ex presidente della commissione d’Infanzia Burani Procaccini, sono almeno 60mila i bambini vittime del traffico. Una conferma all’allarme del ministro, seppur indiretta, arriva dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini secondo cui il fenomeno «potrebbe trovare connivenze anche in Italia». Le parole di Maroni attivano comunque un immediato corto circuito in Parlamento. Il ministro dell’interno del governo ombra del Pd Marco Minniti dice che «il ministro ha il dovere di fare chiarezza» mentre il presidente della

Su Internet

Pioggia di annunci illegali

Il ministro dell’Interno Roberto Maroni interviene all’assemblea annuale dell’Unicef ieri a Roma

Commissione d’Infanzia Alessandra Mussolini prima chiede la costituzione di una «task force» del Viminale e del ministero degli Esteri «per combattere questa atro-

cità» e poi, assieme agli esponenti di Pdl e Pd in Commissione presenta un’interrogazione urgente sia alla Camera sia al Senato affinchè il ministro «venga urgentemen-

te in aula per chiarire la questione». Che il sistema italiano di trapianti sia sicuro lo afferma il direttore del Centro nazionale trapianti (Cnt) Alessandro Nanni Costa: «la

rete trapiantologica è sicura e estranea al fenomeno del traffico di organi e nessun organo di provenienza sconosciuta può entrare nel circuito».

ROMA - Asia e Sud America. È qui, affermano gli esperti, che il fenomeno del traffico illegale di organi raggiunge i livelli più preoccupanti. Con un dato complessivo, conferma l’Organizzazione mondiale della sanità, allarmante: si stima che almeno il 10% di tutti i trapianti di rene a livello mondiale sia stato frutto di un traffico illegale. Un fenomeno che negli ultimi anni sta però anche cambiando volto. Il traffico di organi, infatti, oggi segue anche un’altra via: quella della Rete. La Colombia è, ad esempio, una delle nuove mete emergenti, si registra infatti un ’boom’ di annunci su internet di cliniche colombiane per disponibilità di reni da trapiantare. Secondo dati recenti, sfruttando le comunità virtuali di incontro, soprattutto Orkut e Facebook, molto popolari in India e tra gli indiani all’estero, migliaia di persone alimentano il traffico di organi.

La scelta del paziente da impiantare non segue solo l’ordine cronologico, ma considera diversi parametri

Rigorose le procedure per i trapianti

Il nostro protocollo è preciso L’attività è articolata su quattro livelli, dal nazionale a quello locale ROMA - Severe procedure regolano in Italia la rete dei trapianti in Italia che da molti anni viene considerata di eccellenza, fra i primi posti in Europa per risultati ottenuti, e all’interno della quale le istituzioni sanitarie hanno sempre escluso l’utilizzo di organi illegali. Procedure blindate che hanno permesso al sistema italiano di crescere e di far aumentare il numero di donatori. In base alla Legge del primo Aprile 1999 il Servizio sanitario nazionale prevede che il coordinamento dell’attività di donazione (che è obbligatoriamente gratuita), prelievo e trapianto, sia articolato su quattro livelli: nazionale

L’attività dei trapianti in Italia (donazione, prelievo e trapianto) è regolata dalla legge del primo Aprile 1999.

(con il Centro Nazionale Trapianti), regionale (Centri Regionali Trapianto) e interregionale (Centri interregionali Trapianto) e locale (Asl e Centri Trapianto). Il Centro Nazionale Trapianti ha il compito di controllare e coordinare l’attività di prelievo e trapianto

su scala nazionale, di elaborare e sostenere le linee-guida e formulare le raccomandazioni operative monitorizzare, attraverso il Sistema Informativo Trapianti e archiviare l’intera attività svolta in Italia. I trapianti avvengono solo ed esclusivamen-

te in centri pubblici autorizzati con decreto ministeriale e i malati devono essere iscritti nelle liste di attesa divise per organo. La scelta del paziente che riceve l’organo non è però seguita, ovviamente, in rigido ordine temporale di iscrizione nella lista di attesa. Ogni volta che un organo si rende disponibile devono essere considerati alcuni fondamentali parametri medici per stabilire a chi impiantare l’organo e in questo il centro nazionale e quelli interregionali di coordinamento svolgono un ruolo fondamentale di controllo per assicurare che tutto avvenga secondo legge.


6 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Ha detto di parlare per rispetto del Papa

La produzione italiana aumenta del 5%

ROMA - Il vescovo lefebvriano Richard Williamson chiede scusa al Papa per le affermazioni «imprudenti» sulla Shoah. Ma dice di averlo fatto più per rispetto al Papa che per quello dovuto alla «verità divina». Non è una ritrattazione, insomma, e non sarà forse sufficiente a placare gli animi. La lettera di scuse, pubblicata sul suo sito, giunge dopo una settimana di tempesta attratta sul Vaticano dalle affermazioni negazioniste quasi contemporanee alla revoca della scomunica a Williamson e ad altri tre vescovi ordinati da Marcel Lefebvre.

ROMA - Il consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità il decreto sulle quote latte che si conta di convertire in legge per l’inizio della campagna lattiera (primo di aprile). «Viene sanata una situazione costata miliardi alle casse dello Stato e si consente a tante aziende di tornare a lavorare nell’alveo della legalità. Dal primo aprile non avremo più sovrapproduzione e quindi multe da pagare», ha detto il ministro all’agricoltura Zaia. La quota italiana è stata aumentata del 5%.

Il prete negazionista si scusa ma ci ripensa

Decreto quote latte Finita l’era delle multe

Williamson si scusa ma resta negazionista

Svolta dopo 25 anni di contenziosi

Il ministro degli esteri Frattini ha replicato al guardasigilli brasiliano Genro che ha interpretato l’insistenza su Battisti come spia di un Paese rimasto al passato

“Anni di piombo battaglia vinta” “La battaglia giuridica per l’estradizione difende il valore della parola rifugiato” ROMA - «Gli anni di piombo sono stati in Italia sofferenza e sangue versato e non vogliamo vedere gli autori di quegli anni, come Cesare Battisti, rimessi in libertà». Così il ministro degli Esteri Franco Frattini ha commentato le parole del guardasigilli brasiliano Tarso Genro che ieri si è riferito all’Italia come ad un Paese fermo agli anni di piombo. «Noi - replica Frattini abbiamo saputo affrontare e battere il terrorismo nella legalità. Con lo stesso spirito abbiamo deciso di affrontare una battaglia giuridica fino alla suprema autorità di giustizia del Brasile, perché ne va anche del valore di una parola importante: rifugiato». Il Brasile ha deciso

Ma con una lettera il terrorista ribadisce l’estraneità agli omicidi

Sarà la nostra Irem a costruire una raffineria, scioperi

Gli operai britannici non vogliono quelli italiani

LONDRA - La protesta contro l’arrivo di operai italiani e portoghesi sul sito della raffineria Lindsey Oil, nell’Est dell’Inghilterra, si è estesa a tutto il Regno Unito. Centinaia di lavoratori britannici hanno incrociato le braccia a Grangemouth, in Scozia, a Wilton, nel NordEst dell’Inghilterra, e ad Aberthaw, nel Sud del Galles a sostegno dei colleghi del Lincolnshire impiegati in un impianto della Total. All’origine della protesta, iniziata mercoledì scorso, la scelta, da parte della compagnia petrolifera francese, dell’impresa italiana Irem per la costruzione di una nuova raffineria: un appalto da 220 milioni di euro con l’impiego di di concedere lo status di rifugiato politico all’ex militante della lotta armata Battisti, condannato in Ita-

Operai della Lindsey Oil Refinery protestano per l’arrivo di manodopera dall’Italia

operai italiani e portoghesi. La Irem Spa è un gruppo di Siracusa attivo nel settore delle costruzioni e montaggi meccanici, con filiali in Francia, Belgio, Svizzera, Spagna, Libia e Azer-

lia per quattro omicidi compiuti negli anni 70 e di cui Roma chiede l’estradizione. Il tribunale supre-

baigian. A Lindsey lo sciopero continua senza incidenti e con la polizia che controlla la situazione a distanza. La compagnia francese ha assicurato che non ci saranno licenziamenti.

mo federale del Brasile si riunirà il 2 febbraio per decidere in via definitiva. Intanto hanno destato scal-

pore la lettera che ieri Battisti ha fatto diffondere tramite gli avvocati: «Non sono responsabile per nes-

suna delle morti di cui sono accusato». In particolare nega ogni addebito per l’omicidio del gioielliere Pier Luigi Torregiani. «La persona che mi ha accusato è stata torturata» ha scritto dal carcere di Papuda, senza farne il nome. Alberto Torregiani, figlio di Pierluigi, non è affatto sorpreso: «È tutto negli atti processuali. Lui non c’era perché era a Mestre a uccidere Sabbadin (il macellaio mestrino ammazzato dai Pac, ndr). Ma c’è una sentenza di condanna definitiva e testimonianze che lo indicano, lui e suoi coimputati, come responsabili dell’omicidio di mio padre». É stata infine confermata la visita di Berlusconi in Brasile.


il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 7

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Toni foschi nella cerimonia di apertura dell’anno giudiziario in Corte di Cassazione

Sì alle intercettazioni ma è sfascio giustizia

Margherita Nanetti

ROMA - Riforme condivise, senza scontri tra le forze politiche e con la disponibilità della magistratura a cooperare con il legislatore. È questo l’auspicio e la mano tesa che il Primo presidente della Cassazione Vincenzo Carbone ha rivolto - dopo anni di tensione tra toghe e ’Palazzo’ - nella sua relazione alla cerimonia d’apertura dell’anno giudiziario, svoltasi nell’Aula magna di Piazza Cavour, alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del guardasigilli Angelino Alfano. Ma sulle intercettazioni le distanze restano e il clima è da battaglia, con divisioni nello stesso ’Palazzaccio’. Sullo sfondo rimane sempre l’insostenibile lentezza dei processi che colloca l’Italia dietro ai paesi africani quanto a efficienza, e provoca l’aumento della spesa dello Stato per rifondere ai cittadini i danni da ’giustizia lumacà, lievitati a quota 32 milioni e 103 mila euro. La difesa a spada tratta delle intercettazioni - strumento investigativo «costoso ma essenziale» specie contro i clan mafiosi - è stata sostenuta dal Procuratore generale della Suprema Corte, Vitaliano Esposito, ’capo’ dei pm italiani. Carbone, invece, ha criticato «l’abnorme ricorso alle proroghe» degli ascolti e proposto di limitarne tassativamente la reiterazione. A suo avviso, inoltre, serve più tutela della privacy e non devono essere trascritte le conversazioni inutili al processo; «utile» sarebbe invece un archivio dei record consultabile da legali e pm. Se la relazione di Carbone ha ricevuto il plauso del governo - per voce dei ministri Franco Frattini, che ne sottoscriverebbe «ogni parola», e Roberto Calderoli - e del vicepresidente del Csm Nicola Mancino sulla condivisione delle riforme, obiezioni non gli sono state risparmiate, sull’apertura alla revisione dell’obbligatorietà dell’azione penale, dal segretario dell’Anm Giuseppe Cascini. Per Carbone «si dovrebbero individuare, eventualmente sulla base di criteri indicati dal legislatore, i processi che devono avere la precedenza rispetto ad altri meno urgenti». Il tutto andrebbe realizzato con «prudenza» e con l’introduzione di «rimedi deflattivi» delle notizie di reato e «senza attribuire poteri discrezionali al pubblico ministero». Per il segretario del sindacato delle toghe, invece, non è «ragionevole» che il Parlamento indichi le priorità nella lotta al crimine. E la

AZIONI DISCIPLINARI NEL 2008

111 36 3

entrambi

Il primo presidente della Corte di Cassazione Carbone durante la relazione di apertura Nel grafico a destra i procedimenti disciplinari promossi a carico dei magistrati

Sintonia tra Carbone ed Esposito si è registrata sul ’nò alla politicizzazione dell’azione dei magistrati col rischio che si tramutino in «tribuni della plebe», e che ne venga snaturata la funzione con la celebrazione di «processi mediatici» che devono essere evitati. ’Bastà alla «gogna mediatica» che ferisce la «dignità della persona» ha chiesto anche il ministro Alfano sottoli-

150

Procura generale Cassazione Ministro della Giustizia

promosse da

MAGISTRATI INQUISITI

Il primo presidente: sì alla riforma ma si faccia senza scontri

disponibilità alle riforme non è piaciuta nemmeno al consigliere del Csm Giuseppe Berruti, togato dei moderati di Unicost. «Carbone - ha detto Berruti - ha parlato da ministro della giustizia, perchè ha esposto un vero e proprio programma piuttosto che una relazione per l’anno giudiziario: il suo è un ragionamento complessivo, in parte opinabile».

Il controllo sui giudici

neando di essere al lavoro «affinchè il processo sia rapido e giusto, consapevoli che un processo giusto con una sentenza tardiva è comunque ingiusto». Sul tema, il leader dell’Italia dei valori Antonio Di Pietro la pensa diversamente. «L’esposizione mediatica dei magistrati - ha detto - non si risolve col bavaglio e consegue al fatto che in molte inchieste sono coinvolte

2%

183

20%

dei giudici in servizio nel 2008

dei giudici in servizio sottoposti a controllo del Csm in 10 anni

CAUSE TRATTATE DALLA SEZIONE DISCIPLINARE DEL CSM

117

Non luogo a procedere

Sentenze di condanna

36

36

Sentenze di assoluzione

Estinzione del giudizio per dimissioni

28

17

Fonte: Procuratore generale Cassazione

persone di primo piano della politica e degli affari». Sullo scontro tra le Procure di Salerno e Catanzaro, Carbone ha avuto parole dure ed Esposito ha ricordato che sono in aumento i procedimenti disciplinari - arrivati a quota 150 contro le toghe (183 ’inquisiti« nel 2008) e che i magistrati vantano il primato di essere la categoria del pubblico impiego più sottoposta a

ANSA-CENTIMETRI

controllo (uno su cinque è ’attenzionato’). Mentre le riforme sono in cantiere e c’è bisogno di ridare fiducia ai cittadini, Carbone non ha nascosto che un rapporto della Banca Mondiale ha collocato il nostro Paese tra i ’fanalini di codà, al 151mo posto su un totale di 181, nella graduatoria degli stati con la giustizia meno celere. Siamo dopo l’Angola e il Gabon.

Carbone: regolare l’autonomia dell’accusa

Il presidente Napolitano, che è anche presidente del Csm, interviene alla cerimonia

Siamo al 156˚ posto nel mondo su 181, dopo Gabon e Angola, per efficienza dei giudizi

L’Italia ha un processo in...civile

ROMA - In Italia i processi del settore civile avvengono a una ’velocità che ci pone - nella graduatoria dell’efficienza giudiziaria - al posto n. 156 (su un totale di 181 Paesi), attestandoci così, per la lentezza dei processi, dopo Stati come l’Angola, il Gabon, la Guinea e Sao Tomè. Lo sottolinea il Primo presidente della Cassazione Vincenzo Carbone nella sua relazione per l’apertura dell’Anno Giudiziario 2009. I dati sono tratti da un rapporto della Banca Mondiale. E d’altro canto iIl 62,3% degli italiani ritiene che il problema principale della giustizia italiana sia rappresentato proprio dalla durata irragionevole dei processi. Più bassa è, invece, la

percentuale di coloro i quali sono convinti che la principale causa del malfunzionamento della macchina giudiziaria sia attribuibile all’inadeguatezza dell’ordinamento giuridico (20,4%) o alla mancanza di imparzialità dei magistrati (10,8%). Pochissimi giudicano positivo l’operato di questa Istituzione (1,6%). È’ quanto emerge dal Rapporto Italia 2009 dell’Eurispes che ha indagato il punto di vista degli italiani in merito alle principali cause che ostacolano il funzionamento della macchina giudiziaria. L’Eurispes, inoltre, stima i danni dell’ingiustizia in 3 punti di Pil. Al 31 dicembre 2007, l’Italia è al 7 posto per condanna da parte della

Corte europea dei diritti dell’uomo con 2.900 processi pendenti (pari al 4% di quelli proposti dinanzi alla stessa Corte), per la durata eccessiva dei processi e gli espropri per pubblica utilità. Inoltre, la spesa per la giustizia nel nostro Paese, pur essendo in linea con lo standard europeo, non riesce ad attestarsi sugli stessi livelli di efficienza dei partners europei cui siamo soliti confrontarci: Svezia, Germania e Olanda, ad esempio, svolgono processi civili in meno di metà del tempo necessario in Italia, pur disponendo di risorse pubbliche assai prossime a quelle italiane (46 euro): 44 euro per abitante in Svezia, 53 euro in Germania, 41 in Olanda.

Il Guardasigilli sollecita tutte le parti ad evitare polemiche per migliorare

Solo la durata iniqua dei processi costa 81 milioni di risarcimenti

ROMA - Nel suo intervento il ministro del- non sempre coinvolgono quel popolo italiala Giustizia Angelino Alfano, ha spiegato no nel cui nome ogni giorno, tra mille diffiche le riforme del processo penale a cui il coltà che nessuno intende negare». Secongoverno sta lavorando avrando il ministro della Giustino, tra l'altro, come obietti- Il ministro: un errore zia, inoltre, «vi è un nemico vo quello di porre un freno la gogna mediatica non convenzionale e occulto a una «gogna mediatica» va rispettata di più della giustizia: è la rassegnache danneggia la dignità delall’inefficienza, alle pola dignità delle persone zione la persona. Nel suo discorso lemiche e allo status quo». il Guardasigilli ha messo anche l'accento L’obiettivo cui devono contribuire tutti gli sulle polemiche circa i rapporti tra politica attori del mondo della giustizia «facendo e magistratura, sottolineando che «esse su- gioco di squadra» è «quello di ridare con scitano l'interesse degli addetti ai lavori, ma urgenza dignità alla giustizia civile».

ROMA - Dalla relazione del primo presi- della legge Pinto che risarcisce l’iniqua dudente di cassazione Carbone emergono an- rata del processo. che aspetti particolari. Fisco contestato I ricorsi dei cittadini conSud più lento Da una retro il fisco la fanno da padrogione all’altra il processo Il gratuito patrocinio ne in Cassazione (27,8% delpuò durare anche tre volte per 80mila cittadini le liti), seguiti dal contenziodi più. Ad esempio nel è un’altra fonte so sul lavoro (15,4%), sulla Nord Ovest una causa di la’legge Pinto’ (6,7%) e sulla di uscite pesanti voro dura (in primo grado) previdenza (6,3%). 369 giorni, nel Nord Est 609, nel Centro Costa il gratuito patrocinio Nell’ultimo 591 e nel Sud 1031. anno lo hanno richiesto 108 mila persone I risarcimenti Ammonta a 81 milioni l’in- ed è stato concesso a 84 mila per 85 milioni dennizzo ricevuto dai cittadini per effetto di spesa.

Alfano fa appello al gioco di squadra Troppe falle in un bilancio che fa acqua

ROMA - Un plauso dalla politica, un altolà dai magistrati. La relazione del presidente della Corte di Cassazione, Vincenzo Carbone, ha lasciato con l’amaro in bocca molte ’toghe’. Non tanto per l’auspicio a «riforme condivise» diventato quasi un un vecchio refrain - quanto piuttosto per aver aperto sulla revisione dell’obbligatorietà dell’azione penale o per aver criticato «l’abnorme ricorso alle proroghe» delle intercettazioni proprio nel momento in cui dalla maggioranza arriva il giro di vite con gli emendamenti del governo al ddl Alfano. Pochi passi più in là il segretario dell’Anm, Giuseppe Cascini, esprime la contrarietà del sindacato delle toghe a definire le priorità per l’esercizio dell’azione penale («non ci sembra ragionevole che il legislatore indichi, anno per anno, i comportamenti che non devono essere puniti») e torna a definire «limitazioni drastiche» quelle previste dal governo sulle intercettazioni. Di tutt’altro avviso il Pdl e anche dall’Udc, la cui apertura agli emendamenti del governo al ddl intercettazioni è di fatto un importante viatico per la maggioranza, arriva un ’placet’ a Carbone. Il Pd, con il ministro ombra della Giustizia Lanfranco Tenaglia ribadisce che «affrontare i problemi della giustizia è cosa profondamente diversa da ciò che fa il governo» ed infatti - aggiunge - il ddl intercettazioni così come emendato «limita uno strumento di indagine fondamentale».


8 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Un frusinate di 65 anni arrestato dopo un anno di indagini Raggiungeva tutti i giorni i giardini pubblici romani

Pensionato pendolare per adescare bambini

Muore a 19 anni in un agguato

BIANCO (REGGIO CALABRIA) - Un giovane di 19 anni, Francesco Polifroni, incensurato, è stato ucciso in un agguato ieri mattina a Bianco, un centro della Locride, mentre stava rientrando a casa. Contro il giovane una persona, appostata dietro una siepe, ha sparato quattro colpi con un fucile caricato a pallettoni. Polifroni è morto all’istante. Sull’omicidio hanno avviato indagini i carabinieri del Gruppo di Locri che riguardo il movente, al momento, non escludono alcuna ipotesi. Si approfondiscono le frequentazioni e le amicizie della vittima per verificare se tra i conoscenti di Polifroni ci siano persone con cui aveva avuto contrasti. A compiere l’agguato sarebbero state due persone, una sola delle quali ha sparato con un fucile caricato a pallettoni. Modalità tipicamente mafiose, secondo quanto riferito dai carabinieri, che contrastano con la personalità delle vittima.

Allettava i ragazzini usando regali via via più costosi fino ai cellulari ROMA - Ogni giorno prendeva il bus da Frosinone a Roma e, puntualmente, si faceva trovare nei giardinetti di piazza Vittorio, al quartiere Esquilino a Roma o in quelli periferici di largo Preneste e Centocelle. Qui aspettava le giovani vittime, quasi sempre stranieri, che uscendo da scuola si ritrovavano per giocare a pallone. Ore intere a fotografarli e guardarli poi, scelto il bambino di turno, cominciava l’opera di adescamento. E così l’orco passava dall’offrire la merenda ai piccoli regalini. Poi, come in una sorta di copione, osava di più e regalava schede telefoniche e oggetti più costosi e in cambio pretendeva atti sessuali o fotografie dei bambini senza vestiti. A volte, come nel caso di due fratelli di 12 e 15 anni, è arrivato anche a chiedere biancheria intima dei due ragazzini regalandogli poi due nuovi cellulari. È stato proprio il padre dei due fratelli ad accorgersi che i propri figli avevano improvvisamente cambiato carattere: ’scontrosi e improvvisamente silenziosi’. Così ha controllato il telefonino di uno dei due e si è accorto di alcuni messaggi a contenuto erotico e pornografico. Quando i bambini han-

Metodi mafiosi per un incensurato

Ha lasciato un biglietto per spiegare

Uccide il fratello e si suicida perché solo I giardini pubblici di Roma erano teatro delle incredibili avventure di un pensionato pedofilo

no confessato si è rivolto alla squadra mobile di Roma. L’indagine per arrivare al pedofilo è durata circa un anno ma, al momento dell’arresto, gli investigatori della Mobile diretti da Vittorio Rizzi, avevano prove più che sufficienti per far tornare nuovamente in carcere il pensionato di 65 anni. Il pedofilo è stato accusato di induzione alla prostituzione di minori e tentata violenza

La vittima denunciò tutto nel 2007

sessuale su minori. L’uomo aveva già precedenti di questo tipo. Durante le indagini gli investigatori della Mobile hanno seguito diversi bambini e trovato nella casa dell’uomo anche 50 nuove schede telefoniche pronte per essere usate. É finito in carcere con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di un giocatore di basket tredicenneun bolognese

di 65 anni, sposato, infermiere in pensione. L’uomo svolgeva nell’estate scorsa le funzioni di massaggiatore di una squadra bolognese giovanile di pallacanestro. A metà luglio, in un centro sportivo sull’Appennino forlivese, il massaggiatore avrebbe pesantemente importunato, nella zona idromassaggio, un giovane giocatore, sottoponendolo ad atti sessuali.

Napoletano fingeva di fare da tramite per avere soldi

Si fingeva amico dei loro figli Picchiato in carcere Tre agenti alla sbarra Così ha truffato decine di anziani

Sospetti abusi al carcere di Parma

PARMA - Sarebbe stato picchiato brutalmente in carcere a Parma sino a procurargli un trauma craniofacciale ed ecchimosi varie. La vittima è Aldo Cagna, 30 anni, l’assassino di Silvia Mantovani, la giovane uccisa con 21 coltellate la mattina del 12 settembre del 2006. Gli autori della brutale aggressione, secondo il pm Giorgio Grandinetti che ne ha richiesto il rinvio a giudizio, due guardie carcerarie e un assistente capo. Le guardie sono accusate di concorso in violenza privata, lesioni personali aggravate e maltrattamenti. A carico dell’ispettore capo l’accusa è invece di favoreggiamento. L’udienza preliminare di fronte al gup Pietro Rogato è fissata per il prossimo 11 marzo. I fatti risalirebbero all’1 febbraio del 2007. I due l’avrebbero spintonato, buttato a terra, trascinato per la scale del carcere di via Burla e poi colpito a calci e pugni. Quindi Cagna venne trasferito per essere medicato al pronto soccorso dell’Ospedale Maggiore e, per paura di ritorsioni, sarebbe stato diffidato dal parlare e dal proporre querela. Querela che invece fu sporta dando vita all’indagine che ha portato, grazie alla collaborazione della direzione del carcere, a individuare i presunti responsabili.

I Nas di Latina bloccano 120mila confezioni

Sequestrata acqua conservata male

ROMA - In due diversi interventi i carabinieri dei Nas hanno sequestrato oltre 120mila confezioni di acqua minerale conservate su piazzali di capannoni alle intemperie e in precarie condizioni igieniche. Le ispezioni da parte del nucleo antisofisticazioni di Latina si sono intensificate soprattutto nel settore alimentare a seguito dei numerosi illeciti riscontrati negli ultimi tempi.

Con modi affabili prendeva informazioni anche dai vicini VERONA - Prendeva discretamente informazione sulle sue vittime nei negozi, parlando con i vicini, poi con modi gentili e affabili le avvicinava e gettava l’esca. Agiva sempre così, secondo le decine di ricostruzioni della squadra mobile di Verona, Antonio Esposito, 41 anni, il napoletano arrestato con l’accusa di aver truffato in mezza Italia moltissimi anziani. Raggiri definiti ’odiosi’ dagli stessi investigatori. L’uomo davanti alla sua vittima si fingeva amico del figlio, li informava che il congiunto era rimasto coinvolto in un incidente e aveva bisogno di soldi. Era lo stesso napoletano quindi ad accompagnare con la propria Fiat 500 nera gli anziani in banca per il prelievo ’urgente’ e a riaccompagnarli a casa dopo essersi fatto consegnare i soldi. È stata proprio l’auto a tradire il presunto truffatore: la polizia ha stretto il cerchio sugli acquirenti della vettura arrivando così al pregiudicato partenopeo riconosciuto dalle stesse vittime. L’uomo, assie-

MACERATA - Una tragedia della solitudine quella che si è consumata ieri a Col dell’Aglio, una piccola frazione di campagna vicino San Ginesio (Macerata), dove un agricoltore di 77 anni, Primo Valori, ha ucciso con un colpo di fucile il fratello Filippo, 73 anni, con problemi psichici, e poi si è suicidato sparandosi al volto. Primo Valori in un biglietto ha confessato la sua paura a non riuscire più ad accudire il fratello, essendo anche lui avanti con gli anni. I genitori erano morti, le cinque sorelle ormai sposate e lontane. Vivevano soli in una casa isolata dal paese.

Denunciata la responsabile del negozio

Le negano la toilette Cassiera rischia il coma Anziani sempre più nel mirino dei truffatori

me ai tre presunti complici denunciati si muoveva da Napoli con due vetture, e risaliva la penisola mettendo a segno strada facendo i suoi raggiri. Soddisfazione per l’operazione svolta dalla squadra mobile di Verona è stata espressa dal questore del capoluogo scaligero Vincenzo Stingone. «Ci siamo trovati di fronte anziani

presi dallo sconforto, dai sensi di colpa, persone distrutte nello spirito, assaliti dalla vergogna. Nei nostri uomini hanno trovato un appoggio e recuperato serenità». Il questore invita a una maggiore attenzione cassieri di sportelli bancari e postali quando davanti a loro si presentano persone anziane per operazioni non del tutto ordinarie.

MILANO - La cassiera di un supermercato, malata di diabete e ipertensione, aveva chiesto di andare in bagno perché si sentiva male, ma il permesso le è stato negato dalla responsabile. La donna poi ha avuto un malore ed è stata portata al pronto soccorso, da dove è uscita con una prognosi di 10 giorni. Pochi giorni dopo il fatto, avvenuto il 26 gennaio, Rosaria Mazza, 58 anni, si è rivolta alla Filcams-Cgil, che ieri ha reso nota la vicenda. «Ho rischiato un coma diabetico, per questo ho denunciato la mia responsabile», ha detto.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 9

Cronache in breve Maltratta la moglie Allontanato da casa TRAPANI - La squadra mobile di Trapani ha eseguito un’ordinanza cautelare di allontanamento dalla casa familiare, emessa dal gip, nei confronti di un uomo di 77 anni sul quale pendono indizi di colpevolezza per maltrattamenti in famiglia, lesioni e violenza privata nei confronti della moglie. Lei viveva segregata in una stanza dove si chiudeva a chiave e da dove usciva solamente in assenza del marito.

La vulcanica Hilton da oggi parteciperà a un reality sul canale Mtv Uomini e donne si contenderanno il diritto di farle compagnia

Marina la scuola e vince 10mila euro AGROPOLI - Marina la scuola e vince 10mila euro. È accaduto ieri ad uno studente ad Agropoli. Il giovane, un diciottenne, si è recato in una tabaccheria del centro cittadino e ha acquistato un gratta e vinci da cinque euro. Travolto dall’emozione per la vincita, ha quindi afferrato il cellulare e ha chiamato il padre. Questi, dopo aver saputo della vincita, si è messo a gridare dalla gioia al telefono.

Estate australiana con caldo da record SYDNEY - L’Australia sudorientale è già da una settimana in preda a un’ondata di caldo senza precedenti, attribuita al cambiamento climatico. Il caldo ha provocato vasti incendi, distorto i binari ferroviari e lasciato senza corrente oltre 150 mila abitazioni, anche a causa dell’uso di condizionatori. Melbourne ha registrato tre giorni sopra i 43 gradi. Secondo il ministro Penny Wong, tutto dipende dal cambiamento climatico.

Bancomat di un’anziana sfruttato dalla badante ROMA - Una giovane badante che lavorava per un’anziana di 86 a Valmontone da qualche settimana effettuava prelievi di 250 euro alla volta con il bancomat dell’anziana. Ma i familiari hanno capito che i prelievi avvenivano quando tutti erano fuori per lavoro denunciando la rumena.

Incendio al supermarket fa oltre 60 vittime a Nairobi NAIROBI - Si aggrava il bilancio dell’incendio che ha devastato un grande supermercato nel centro di Nairobi. Le vittime accertate sono ora 15, ma gli scomparsi sono passati da 40 ad almeno 47, e per loro ormai non c’è più alcuna speranza. Lo hanno dichiarato fonti ufficiali. E il bilancio potrebbe ulteriormente aggravarsi.

FIUMICINO (ROMA) - L’arresto di due giovani operatori aeroportuali sorpresi in flagranza di furto ai danni dei bagagli dei passeggeri, tre borseggiatori in manette e un giovane ghanese sorpreso con 50 mila euro falsi al momento di imbarcarsi su un volo con destinazione Malaga (Spagna). È il bilancio di alcune delle operazioni più significative condotte nelle ultime settimane dalla Polaria di Fiumicino. Un altro giovane di nazionalità romena, invece, è stato sorpreso fare acquisti nei negozi con carte di credito clonate. I controlli sulla linea di frontiera, peraltro, hanno consentito di trarre in arresto una donna di nazionalità nigeriana colpita da ordine di cattura per l’espiazione di una pena di altri due anni di carcere per traffico di sostanze stupefacenti.

Prima scuola intitolata al presidente Obama WASHINGTON - ’Scuola elementare Barack Obama’: a Hempstead (Stato di New York) è nata la prima scuola che porta il nome del neo-presidente Usa. Ma non è l’unica iniziativa del genere: a Opa-Locka, un sobborgo di Miami, al presidente è stata intitolata una strada. Stessa iniziativa a Saint Louis, in Missouri, a Hollywood una coppia ha lanciato una crociata perchè una via venga rinominata in ’boulevard Barack Obama’.

Stupro in una baracca Denunciato bulgaro ROMA - Un bulgaro, P.G., di 44 anni, è stato arrestato per violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni gravi dai carabinieri della Compagnia Cassia. L’uomo è gravemente indiziato di aver violentato la propria ex compagna, una cittadina russa, di 19 anni, in una baracca, dopo averla selvaggiamente picchiata e legata al letto. La giovane, che l’ha denunciato, è stata portata in un centro di accoglienza.

Tra i ladri a Fiumicino anche due aeroportuali

Furto al Roxy Bar Sparisce un De Pisis Paris Hilton a caccia dell’amico del cuore in un reality televisivo

Paris vuole l’amico del cuore ROMA - Paris Hilton cerca su Mtv il suo miglior amico. L’ereditiera più famosa al mondo sarà protagonista, da oggi alle 21 su Mtv Italia, di ’Paris Hilton’s my new bff (Best friend forever)’, il reality show che vedrà protagonisti venti giovani ragazzi e ragazze costretti a vivere sotto lo stesso tetto mentre si cimenteranno in una battaglia senza esclusione di colpi per conquistare l’amicizia della bionda Paris. Si affronteranno in test di lealtà e resistenza e dovranno dimostrare di essere all’altezza di uno

stile di vita over-the-top. È inoltre online all’indirizzo www.mtv. it/parishilton il microsito dedicato allo show. Dal 31 gennaio, oltre alla possibilità di rivedere on demand il video delle puntate, avere informazioni su Paris Hilton, sullo show e scaricare widget sul proprio desktop, il sito offre a tutti gli utenti la possibilità di entrare a far parte della community Paris Hilton Best Friends e partecipare ad una competition per aggiudicarsi il premio in palio: un viaggio per 2 persone a Barcellona.

BOLOGNA - Quarantamila euro in contanti e un quadro di De Pisis. Sarebbe questo il bottino di un furto compiuto la scorsa notte al Roxy Bar di via Rizzoli, nel centro di Bologna e a pochi passi dalle Due Torri, il locale ’celebrato’ anche da Vasco Rossi nella sua ’Vita spericolata’. Il sistema di allarme collegato alle forze dell’ordine è scattato verso le 5.30, ma all’arrivo dei carabinieri i ladri si erano già allontanati. Dai primi accertamenti, sarebbero entrati nel bar passando dalle cantine. Oltre a un pò di merce di scarso valore, avrebbero portato via il denaro custodito in un armadio, circa 40.000 euro, e staccato un De Pisis che era appeso a una parete.

Operazione antimafia Su Facebook il gruppo Assenti alla festa del patrono? Sequestrati 1300 13 arresti nel Messinese “Uccidiamo Luxuria” Richiamo per vigili di Napoli Gratta e Vinci falsi MESSINA - I carabinieri hanno eseguito nella provincia di Messina 13 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Le ordinanze sono state emesse dal gip del tribunale di Messina su richiesta della Procura distrettuale antimafia per associazione mafiosa, estorsioni, usura ed altri reati. Le indagini del Ros hanno documentato le infiltrazioni della famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto negli appalti pubblici.

NAPOLI - Ramanzina ufficiale per i vigili urbani di Napoli. A farla, nero su bianco, è stato il comandante del Corpo, il generale Luigi Sementa. La ragione? L’assenza alla celebrazione eucaristica, lo scorso 20 gennaio, di San Sebastiano, Santo patrono dei vigili urbani: un’assenza che è costato un rilievo che sarà inserito nel fascicolo personale. Secondo quanto rende noto il consigliere comunale del Partito democratico, Diego Venanzoni, il richiamo è stato inviato a diversi vigili.

Molestano donna incinta Arrestati due marocchini CASERTA - Arrestati per violenza sessuale due cittadini marocchini che avrebbero molestato in treno una giovane incinta. I due, ventenni e con regolare permesso di soggiorno, sul treno Napoli-Roma, approfittando del fatto che il fidanzato della ragazza si era allontanato per qualche minuto, hanno chiuso le tendine, e l’hanno palpeggiata. La giovane si è messa ad urlare e il capotreno ha chiamato la polizia. Il fatto ha suscitato enorme scalpore all’interno del convoglio una vola che i paseggeri hanno capito l’accaduto.

Vladimir Luxuria

ROMA - Su Facebook c’è un gruppo intitolato «Uccidiamo Vladimir Luxuria»: lo denuncia Aurelio Mancuso, presidente di Arcigay, che commenta: «In questo tempo di recrudescenza dell’odio e dell’intolleranza non ci possiamo più stupire di nulla. È’ evidente che il fondatore della pagina, tal Paolo Buti non si renda conto della gravità del suo incitamento a uccidere una persona; inoltre quello che colpisce sono i commenti carichi di rancore e odio».

Minori rintracciate grazie a “Messenger” MILANO - «È la prima volta che, usando Messenger, abbiamo avuto esito positivo nel rintracciare delle persone»: lo sottolinea il dirigente della Polizia Postale per la Lombardia, Eliseo Santoro, commentando il ritrovamento di due minorenni: una ragazza di 14 anni, di Milano, di origine cinese ma cittadina italiana che, mettendosi d’accordo con una sua amica di 17 anni si era allontanata da casa senza avvisare i genitori.

LATINA - La Guardia di finanza di Aprilia ha sequestrato 1300 cartoline che riproducevano i biglietti della lotteria nazionale istantanea Gratta e vinci nel corso di controlli in esercizi commerciali di Aprilia. La Guardia di finanza ha denunciato due persone per frode nell’esercizio del commercio ed esercizio abusivo di attività di gioco. Nei loro confronti sono state elevate sanzioni amministrative dai mille ai 10 mila euro.

Il poker online si trasferisce in tv SANREMO (IMPERIA) - Sanremo diventa capitale del poker, questo weekend, con la finale del torneo online ’Uno-100mila’, che lascia i tavoli virtuali per approdare a quelli reali del Casinò, sotto l’occhio delle telecamere della trasmissione «Poker1mania» di Italia 1. Al tavolo finale partecipano i migliori otto dei quasi 23mila giocatori che hanno partecipato ai 5.467 tornei satellite online di qualificazione, che si sono svolti dal novembre 2008 al gennaio 2009. Montepremi del tavolo finale del torneo è di 240mila euro.


10 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

L’Eurispes ha presentato il rapporto sull’Italia: riforme subito e una buona notizia, a fine anno l’economia tornerà a girare

Il Paese? Meglio di chi lo governa I contenuti principali del Rapporto Italia 2009 dell'Eurispes (dati 2008) MAFIE REDDITI SOCIETÀ

130 mld

52,5%

66,6%

Il fatturato di mafia, camorra, 'ndrangheta e sacra corona unita

Considera l'omosessualità una forma di amore

Le famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese

GIUSTIZIA E CRIMINALITÀ Rispetto al 2007 Furti -39,7% Rapine

Le principali fonti di guadagno (mld) Ecomafie 16

Droga 59

o

ROMA - Italiani più «cresciuti e consapevoli», sicuramente migliori di coloro che li rappresentano in Parlamento e più evoluti dei loro governanti. È così che li vede l’Eurispes nel suo Rapporto Italia 2009, presentato ieri, e che vede rosa anche rispetto alla crisi: la ripresa per la nostra economia comincerà già a fine 2009. «Il sistema Italia non può più attendere oltre - ha spiegato il presidente dell’istituto, Gian Maria Fara, presentando il rapporto - e questa consapevolezza è diffusa nell’opinione pubblica a prescindere dall’orientamento politico degli italiani». Se il governo non vuole dilapidare il patrimonio di consenso conquistato, ha ammonito, «dovrà rapidamente produrre le risposte attese affrontando le grandi questioni sul tappeto», le più urgenti delle quali sono la riforma della giustizia, quella della pubblica amministrazione e la ridefinizione del modello di welfare in senso europeo. Particolarmente critico, il presidente di Eurispes, nei confronti della classe politica («chi non sa usare la grammatica e per strada insulta il capo dello Stato») e di Bankitalia: «Se prevede un calo del 2% del Pil, visto che le sue previsioni non sono mai azzeccate, ci sono buoi motivi per prevedere una ripresa».

La fotografia del Paese

altr

Dalle donne pagate meno al lavoro che non c’è

130 mld

Armi 5,8

Usura Racket 12,6 9

altro

-28,8%

Gli italiani sfavorevoli al lodo Alfano 86,3%

9,3% la definisce immorale

53,4% Gli italiani che faticano a far quadrare il bilancio familiare

33,3% la tollera se non ostentata

33,4% Le famiglie che riescono a risparmiare qualcosa

Vuole pene più severe per chi uccide 20,4%

5,8% Bocciano il maestro unico

64%

dei residenti

Sfavorevole alle classi ponte 62%

L'aumento degli studenti stranieri negli ultimi 10 anni

Vuole pene più severe per chi stupra 18,5%

+609%

Minoranza religiose Islamica 1.253.704 Ortodossa 1.129.630 ANSA-CENTIMETRI

Lavoro che non c’è L’occupazione secondo Eurispes si avvia verso una crescita zero con un tasso che risulta tra i più bassi d’Europa. Il lavoro è infatti il vero «incubo» degli italiani: sia per la sua mancanza che per la precarietà. La maggior parte (46,2%) ritiene che le ultime misure in fatto di flessibilità abbiano peggiorato le possibilità per i giovani. Donne pagate meno Quattromila euro è lo scarto annuale fra le retribuzioni medie delle donne e degli uomini. Una differenza del 16% che penalizza la forza lavoro femminile. Gli uomini si collocano in media su 28 mila euro l’anno, le donne su 24 mila. Più fiducia nelle istituzioni Sembra invertirsi la tendenza degli ultimi anni al calo della fiducia: gli italiani sono più fiduciosi nel capo dello Stato, nel governo e nel Parla-

mento. In controtendenza invece la Chiesa, che in un anno segna un crollo verticale di più di 10 punti percentuali. Il pil criminale È di circa 130 miliardi di euro il fatturato di mafia, camorra, ’ndrangheta e sacra

corona unita nel 2008, con un utile che sfiora i 70 miliardi. La principale fonte di guadagni resta il traffico di droga (59 miliardi di euro), mentre armi e altri traffici portano nelle tasche dei mafiosi 5,8 miliardi dell’attivo, il racket 9 miliardi,

l’usura 12,6 miliardi, le ecomafie 16 miliardi. Voglia di punizione L’omicidio e la violenza sessuale meritano condanne più dure secondo gli italiani. Per il 20,4% e il 18,5% vanno inasprite le pene per chi uccide e

Più aperti al mondo dell’omosessualità: sì alle unioni gay

Bocciato il ricorso al nucleare

E’ un quadro a tutto tondo del paese e dei suoi cittadini quello delineato ieri dall’Eurispes. No anche al nucleare Con uno scarto di 7,4% rispetto ai favorevoli, gli italiani bocciano il ricorso al nucleare come fonte di energia. In particolare, contrario all’atomo si dice il 45,7% dei cittadini, contro il 38,3% dei favorevoli. Più aperti sui gay L’omosessualità? Per la maggioranza degli italiani è una forma di amore come l’etero-

sessualità. Sì prevalente anche al riconoscimento giuridico delle unioni tra gay, più chiusura invece sull’adozione. Facebook, quanto ti amo Tre italiani su dieci, giovani o giovanissimi, residenti nell’Italia centrale, che usano il social network per ritrovare vecchi amici: è l’identikit del popolo di Facebook. Gli italiani poi privilegiano ancora la tv per tenersi informati, ma ne giudicano l’offerta superficiale e diseducativa.

L’Unicef chiede aiuto: serve almeno un miliardo di dollari Ogni giorno migliaia di bambini muoiono per malnutrizione dimenticate», ha detto il direttore generale di Unicef, Ann M. Veneman. «Donne e bambini muoiono ogni giorno a causa di malattie, povertà e fame, ma purtroppo la loro morte è quasi inosservata», ha aggiunto spiegando che oltre la metà dei fondi sono destinati al proseguimento dei progetti a sostegno delle

vittime delle cinque più grandi operazioni umanitarie a livello mondiale: Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sudan, Uganda e Zimbabwe. L’Unicef ha anche fatto una stima degli interventi in risposta alle emergenze: tra il 2005 e il 2007 è stato risposto a una media annua di 276 emergenze in 92 paesi (il 75% nuove emergenze). Oltre il 50% di queste sono state causate da calamità, il 30% da conflitti, mentre le emergenze legate alla salute, come le epidemie, hanno rappresentato il 19%. Il ministro Maroni ha ricordato ai ragazzi, presenti

Mamma di 8 gemelli Aveva già sei figli

Numeri da paura per la fame nel mondo

in sala e in collegamento internet, l’impegno del governo per i minori immigrati, per la scolarizzazione

dei bambini rom, per la lotta alla droga e per contrastare il fenomeno dei siti a rischio su internet.

Nonostante il momento difficile tiene la raccolta fondi a favore di organizzazioni e associazioni del no profit

La crisi non ferma la generosità

Gino Strada anima di Emergency

ROMA - Magari è ancora prematuro, non si può certo cantare vittoria ma, per ora, le attese flessioni nella raccolta fondi a favore di organizzazioni e associazioni del no profit non risento-

chi stupra. Al terzo posto, tra i reati verso i quali usare la mano più dura c’è la guida in stato di ebbrezza (14,8%) e quelli di natura finanziaria (13,7%). È bassa, invece, la percentuale di quanti chiedono pene più pesanti per immigrazione clandestina (5%) e truffe (4,5%), così come per consumo di droga (3,7%), rapina (2,6%), furto (2,5%) e prostituzione (2%). Contro lodo Alfano e maestro unico L’86,3% degli italiani è contrario all’immunità per le alte cariche dello Stato, prevista dal cosiddetto Lodo Alfano. Almeno sei italiani su 10 (64%), poi, bocciano il ritorno del cosiddetto maestro unico nella scuola elementare e il 62,2% ha accolto sfavorevolmente anche l’introduzione delle classiponte pensate per colmare le lacune linguistiche dei bambini stranieri.

In cura per la fertilità

A rischio fame 50 milioni di persone ROMA - Una festa per Unicef Italia, in concomitanza con la sua prima assemblea nazionale aperta, a Roma, per continuare a raccontare il disagio, le sofferenze, la malattia dei bambini nel mondo. Un’occasione, però, anche per «contare» gli aiuti ricevuti dagli italiani nel 2008 (pari 61,5 mln in aumento rispetto al 2007) e, soprattutto, rilanciare l’appello per il 2009: per affrontare le crisi in 36 paesi in grave emergenza serve un miliardo di dollari. Una crisi che, entro il 2010, per i cambiamenti climatici, ma anche per colpa dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari, porterà a rischio fame 50 milioni di persone. L’assemblea nazionale, che si è svolta alla presenza di tanti ragazzi e di ospiti come il ministro dell’Interno Roberto Maroni e della presidente della bicamerale per l’Infanzia, Alessandra Mussolini, è stata anche l’occasione per presentare l’annuale rapporto delle attività Unicef nel mondo. «Con Humanitarian Action Report lanciamo ogni anno un appello di raccolta fondi per i Paesi in emergenza - ha ricordato il presidente di Unicef Italia, Vincenzo Spadafora e quest’anno chiediamo un importo superiore di circa il 17% rispetto a quello del 2008, in gran parte per l’aumento del fabbisogno in Africa orientale e meridionale». «Molti Paesi evidenziati nel rapporto vivono emergenze silenziose o

STRANIERI

SCUOLA

no della crisi finanziaria. Anzi, in alcuni casi, i privati (da 896 mila a 980 mila euro). Un risulprimi dati dei bilanci sulle donazioni degli tato, che vede un incremento di entrate pari al italiani mostrano un incremento, seppure pic- 10%. Anche Emergency, che assiste le vittime colo. In ogni caso, «tengono». E le ultime festi- delle guerra, ha vissuto una situazione simile. vità natalizie hanno fatto registrare performan- Nella ong di Gino Strada stanno ancora facence di tutto rispetto. Fra chi vando i conteggi, ma la tendenza Boom a Natale ta un risultato decisamente popare chiara: prima di Natale, il I privati meglio sitivo, l’Unicef Italia: nel bilanconfronto fra il 2008 e il 2007 cio del 2008: 61.5 milioni di era destinato a registrare una di imprese euro raccolti contro i 61.084 flessione del 15-20%. Ma le fee fondazioni dell’anno precedente. Quasi 10 stività hanno prodotto risultati milioni di questi fondi provengono da lasciti positivi. Buono, quindi, il contributo dei privatestamentari. ti che resta per l’ong il contributo più significaL’associazione umanitaria Soleterre onlus regi- tivo, pari a circa l’80% del totale delle risorse. stra un aumento di 154 mila euro nella raccol- Mentre è confermata la riduzione delle donata fondi 2008, rispetto al 2007, proveniente da zioni da parte di imprese e fondazioni.

WASHINGTON - La donna americana che al Kaiser Permanente Bellflower Medical Center di Los Angeles ha dato alla luce otto gemelli è una madre che ha già sei figli. Lo hanno confermato le autorità ospedaliere, senza fornire nè l’età nè le generalità della donna, ma confermando che si era sottoposta a suo tempo ad una cura per aumentare la sua fertilità. Secondo quanto riportato ieri dal Los Angeles Times, che ha intervistato la madre della donna, gli otto gemellini nati all’inizio della settimana stanno tutti bene, anche i due che subito dopo la nascita avevano dovuto essere attaccati a un respiratore. Il quotidiano di Los Angeles riporta anche che la donna si era presentata in ospedale subito dopo aver scoperto di essere incinta. I medici, dopo averle detto che era in attesa di sette gemelli (invece erano otto, ma lo hanno scoperto solo al momento del parto), le avevano fatto presente che, se voleva, poteva eliminare alcuni embrioni. Lei invece ha deciso di portare avanti la gravidanza fino in fondo e - se tutti i gemelli sopravviveranno, come sembra probabile - avrà stabilito un record: negli Stati Uniti c’era stato finora un solo caso di parto otto-gemellare, in Texas, ma non tutti i bambini erano sopravvissuti. Nel caso di Los Angeles, invece, i medici hanno confermato che i bambini stanno bene.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 11

Attualità

Approvato alla Camera giovedì il ddl che introduce il reato di stalking Chiunque minacci o compia atti persecutori rischia la detenzione

Hunziker, “io, perseguitata per anni” La presidente della commissione giustizia

“Ora le vittime possono rivolgersi al questore”

Giulia Bongiorno, si è molto adoperata per il ddl

ROMA - «Un provvedimento condiviso da tutti in commissione Giustizia - ha spiegato la presidente e relatrice Giulia Bongiorno, intervenendo in aula giovedì poco prima dell’approvazione del ddl anti-stalking- Ogni intervento è stato finalizzato a offrire un contributo. Per questo mi sorprende che l’unica critica arriva da chi non ha partecipato ai lavori della commissione». «Questa legge- sottolinea Bongiorno- non è contro i corteggiatori insistenti ma contro i molestatori, contro coloro che si trasformano in persecutori. Una legge necessaria, che le donne aspettavano da tempo. Mi sono trovata, anni fa, a difendere una donna vittima di molestie, sono passati anni e anni e quella donna è morta in attesa di giudizio. Questo provvedimento ha una grande portata innovativa e le vittime, donne e uomini, ora hanno la possibilità di rivolgersi direttamente al Questore, che in questo caso diventa la risposta immediata dello Stato».

Da sempre combatte con le vittime Ha fondato un’associazione onlus ROMA - «Mi sento un pò figlia di questa legge. Quando ho iniziato a parlarne, tre-quattro anni fa, non si sapeva neanche cosa fosse lo stalking, un grave fenomeno in costante aumento. Questo primo passo è molto importante, ora confidiamo anche nel Senato»: Michelle Hunziker racconta all’Ansa di essere «molto, molto felice» per l’approvazione alla Camera del disegno di legge che introduce il reato di stalking, ovvero le molestie gravi e reiterate. La Hunziker, cofondatrice insieme all’avvocato Giulia Bongiorno (relatrice del provvedimento) della Fondazione Doppia Difesa Onlus in favore delle vittime di discriminazioni e violenze, è da anni in prima linea in questa battaglia: «Quando abbiamo cominciato a parlarne mi sembrava incredibile che in Italia lo stalking non fosse punibile. Giulia aveva messo a punto una bozza di proposta di legge, ma mi disse “sarà durissima, ma cerchiamo di farla passare”. Anche i media ci hanno aiutato» a parlare di un «fenomeno inquietante», che lei ha vissuto sulla sua pelle: «Ho fatto scuola di stalking, è veramente molto pesante. I miei persecutori sono stati tutti rinviati a giudizio, uno mi ha perseguitato per tre anni, l’altro mi ha minacciata di morte. Il giorno in cui è stato rinviato a giudizio mi ha scritto “io manter-

La Hunziker è cofondatrice, con Bongiorno, della Fondazione Doppia Difesa Onlus

ro” la mia promessa”. Gli stalker non hanno paura, per questo è molto importante questa legge», che prevede il carcere fino a 4 anni. Spera nella certezza della pena: «Abbiamo un pò paura della giustizia. In Italia non si sa se, al primo reato, si va in carcere. Ma si può chiedere l’intervento del questore, anche prima del processo, così possiamo invitare questa persona a desistere nella sua persecuzione». La sanzione, aggiunge, «serve a cercare di far ragionare il molestatore, a intimidirlo». Oltre ad auspicare anche l’istituzione del nu-

mero verde, previsto nel testo approvato ieri alla Camera, Michelle sottolinea: «È un passo importante per tutte le donne. Sono le poche le stalker femminili. Ci sono, ma è una piccolissima percentuale rispetto agli uomini ed è difficile che finiscano sulla cronaca nera». Come ha vissuto la condizione di perseguitata? «Mi ritengo fortunata, perchè posso pagare delle persone che mi proteggono e che mi stanno vicino. Però ho capito che anche se hai un uomo accanto, se uno ti vuole fare del male lo fa. Con la crisi che c’è, la gente non si

può permettere una guardia del corpo. Quindi ben venga questa legge. Nella casistica della nostra fondazione ci sono storie rispetto alle quali le mie non sono niente: fidanzati che si introducono nelle case delle vittime, sfregiano tutti i vestiti che sono nell’armadio, lasciano biglietti inquietanti. Pensano “a costo di farle male, quella donna deve essere mia”. Inizia sempre con una telefonata, poi una seconda, poi l’uomo si apposta sotto casa. E al primo rifiuto la cosa si aggrava: è una crescita esponenziale».

Pene da sei mesi a quattro anni per molestie e minacce, aggravate se la vittima è minore o donna incinta. Arriva il numero verde

Carcere fino a sei anni se è il coniuge che molesta

Il giudice può imporre all’imputato di mantenersi a distanza di sicurezza ROMA - Chiunque minacci o compia atti persecutori nei confronti di qualcuno rischia il carcere fino a quattro anni. Se poi a molestare è il coniuge (anche separato o divorziato), il convivente o il fidanzato e se la molestia ad oggetto una donna incinta la detenzione può durare fino a sei anni. Sono le principali novità del testo approvato dall’Aula della Camera che introduce il reato di “stalking” nel nostro ordinamento con un nuovo articolo: il 612-bis del codice penale. Il provvedimento è passato con una maggioranza quasi unanime: gli unici voti contrari sono stati quelli dei due deputati liberaldemocratici. Il disegno di legge stabilisce anche che nei confronti del molestatore si possa disporre l’allontanamento fino ad un anno dalla casa o dal luogo di lavoro della vittima o anche, ad esempio dalla scuola dei figli. Ecco, in breve, cosa prevede il testo che ora passa al Senato. ATTI PERSECUTORÌ - È con questo termine che il nuovo reato verrà indicato nel codice penale. In sostanza la norma prevede la reclu-

Il ministro per le Pari Opportunità Carfagna

“Oggi è un grande giorno per il paese e le donne” ROMA - «Oggi è un grande giorno per il Paese, per la politica, per le donne». Così il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna, ha salutato giovedì scorso l’ok bipartisan al ddl sullo stalking da parte della Camera. Ora la palla passa al Senato, che «spero vorrà approvarlo celermente. Adesso - osserva il ministro- le donne avranno uno strumento in più per potersi difendersi contro quegli atti persecutori, quei comportamenti invasivi, intrusisione da sei mesi a quattro anni per chiunque «molesta o minaccia taluno con atti reiterati ed idonei a cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero ad ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al me-

desimo legata da relazione affettiva ovvero a costringere lo stesso ad alterare le proprie scelte o abitudini di vita». LE AGGRAVANTI - La pena aumenta se a molestare è il coniuge, anche se separato o divorziato, o il convivente o il fidanzato (anche

ex). Si prevede più carcere anche se la vittima è un minore o un “diversamente abile” o una donna incinta e se gli “atti persecutori” sono stati commessi usando armi”. QUERELA E PROCEDIBILITÀ Il delitto è punito sempre a querela di parte. Ma si può procedere

vi, ossessivi che rendono la vita delle donne un inferno dal punto di vista psicologico e spesso anche fisico». Carfagna, parlando con i cronisti a Montecitorio, appare soddisfatta anche per l’appoggio incassato dal provvedimento da parte di tutte le forze politiche. Sul capitolo risorse, il ministro assicura che «c’è un fondo di 20 milioni di euro a disposizione del Dipartimento delle Pari opportunità». E poi «sarà mia cura cercare di ottenere altri fondi». d’ufficio se il reato è commesso nei confronti di un minore o di un disabile e anche quando il molestatore era già stato ammonito dal magistrato. Per raccogliere prove del reato di stalking è consentito disporre intercettazioni telefoniche. AMMONIMENTO - Prima di pre-

Per le vittime di stalking è istituito un numero verde nazionale per fornire una prima assistenza psicologica e giuridica

sentare querela, la vittima può anche raccontare il suo calvario alla pubblica autorità chiedendo che questa ammonisca il responsabile degli atti persecutori. Il Questore, nel caso ritenga fondata la denuncia , ammonisce oralmente l’accusato e lo invita a tenere una «condotta conforme alla legge». Se la persecuzione continua, il magistrato potrà procedere d’ufficio contro di lui. DIVIETO DI AVVICINARSI AI LUOGHI FREQUENTATI DALLA VITTIMA - Il testo prevede che il giudice possa intimare all’imputato di non avvicinarsi ai luoghi normalmente frequentati dalla vittima. O di mantenersi a distanza. E il divieto può durare anche fino ad un anno. Al molestatore, infine, si può vietare anche di comunicare con qualsiasi mezzo con la vittima o i prossimi congiunti. IL NUMERO VERDE - Per le vittime di stalking è istituito un numero verde nazionale per fornire una prima assistenza psicologica e giuridica e per indirizzarle presso gli sportelli allestito nelle questure.


12 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

LOTTO & SUPERENALOTTO

A CURA DI PASQUALE SANTILIO*

Sono sette le estrazioni di ritardo per ambo, su Tutte le ruote

La cadenza 7 ha le ore contate ROMA - In questa occasione, desideriamo proporvi per ogni ruota previsioni mirate e ristrette da seguire solo per due estrazioni, vale a dire quella di sabato 31 e per martedì 3 febbraio. Come

potete osservare dal box che ospita questi pronostici, vi proponiamo per ogni compartimento un ambo ed una cinquina. I numeri che formano l’ambo sono da giocare anche per

ambata; gli stessi si ripetono anche nella cinquina che deve essere seguita per le sorti di ambo, terno, quaterna e cinquina sulla ruota di riferimento. A vostra discrezione, potete

giocare la cinquina di una ruota anche su Tutte solo per terno, quaterna e cinquina. Vi ricordiamo che l’ambo con cinque numeri paga un premio pari a circa 25 volte la cifra giocata, il terno rende 425 volte la somma puntata, la quaterna 16.000 volte e la cinquina poco meno di 6 milioni ciò che abbiamo scommesso. Ogni pronostico è stato elaborato su base statistica, poiché abbiamo raggruppato gli elementi di convergenza tra le serie più ritardate di ogni singola ruota. Il gioco va abbandonato al conseguimento della prima vincita realizzata nei tempi e con le modalità ora indicate.

Le previsioni valide per le prossime 2 estrazioni 7-17

7-17-52-62-90

Napoli

5-77

5-23-41-59-77

Cagliari 7-87

7-80-83-85-87

Palermo 1-37

1-19-37-55-73

Bari

Firenze 37-47 37-47-67-77-87

Roma

17-44 17-26-44-80-89

Genova 7-17

Torino

68-87 17-27-37-68-87

Milano

7-17-37-67-87

17-53 17-35-53-71-89

Venezia 8-89

8-17-80-88-89

I numeri su fondo grigio ed in bianco sono da giocare per ambata e ambo secco. Ogni cinquina, invece, va giocata per ambo, terno, quaterna e cinquina.

I dieci numeri più in ritardo BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE TUTTE

N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT.

59 97 19 57 30 72 83 77 33 76 9 82 70 75 38 66 68 114 38 72 24 58 6 7

SUPERENALOTTO

64 95 79 51 37 50 42 58 25 72 1 56 44 53 57 57 32 83 56 64 86 58 21 7

35 50 72 49 19 48 17 51 27 69 5 52 73 50 13 56 49 70 76 63 54 55 7 6

68 47 21 47 55 48 45 46 36 56 70 45 60 49 21 52 39 62 3 61 84 52 37 6

56 46 89 42 58 44 16 38 86 47 40 43 72 49 76 43 63 54 15 58 23 50 48 6

75 43 28 40 47 35 77 37 87 46 75 40 27 45 26 39 20 43 77 46 49 43 41 4

ritardate ed altre fortemente scompensate. Per tanto, non sono molti gli spunti statistici a cui far riferi-

6-10-18-39-77-79-90

6-10-18-39-77-79-37

6-10-18-39-77-79-12

6-10-18-39-77-79-49

6-10-18-39-77-79-21

6-10-18-39-77-79-42

6-10-18-39-77-79-88

6-10-18-39-77-79-83

6-10-18-39-77-79-7

6-10-18-39-77-79-28

Ogni combinazione è composta da sette numeri e costa euro 3,50. Sono giocate integrali anche dette matematiche.

21 42 59 40 51 31 44 32 43 42 6 39 65 43 47 36 22 43 82 46 57 43 80 4

22 40 78 40 56 31 9 30 42 41 42 35 22 41 49 36 12 40 33 42 20 39 84 4

90 40 68 39 3 30 21 29 80 40 71 34 17 36 81 35 65 38 59 39 83 36 16 3

N UM. FREQ. UM. CAGLIARI FNREQ . N UM. FIRENZE FREQ. N UM. GENOVA FREQ. N UM. MILANO FREQ. N UM. NAPOLI FREQ. UM. PALERMO FNREQ . N UM. ROMA FREQ. N UM. TORINO FREQ. N UM. VENEZIA FREQ. UM. NAZIONALE FNREQ . N UM. TUTTE FREQ.

Jackpot previsto di

61 18 47 16 9 16 79 17 16 16 16 19 63 16 55 18 14 17 84 17 39 19 42 116

78 16 73 16 40 16 14 16 65 16 80 18 88 16 23 17 26 17 8 16 27 17 74 116

8 15 15 15 14 15 22 16 66 16 2 15 29 14 34 17 9 16 27 16 17 15 46 114

Figure

14 15 17 15 20 15 64 15 8 15 19 15 30 14 63 16 19 16 73 16 33 15 9 112

44 15 42 15 48 15 73 15 82 15 23 15 35 14 72 16 28 15 83 16 76 15 22 112

50 15 81 15 62 15 74 15 7 14 64 15 39 14 18 15 48 15 9 15 18 14 40 112

70 15 1 14 89 15 2 14 9 14 20 14 40 14 42 15 51 15 42 15 20 14 82 111

85 15 33 14 25 14 4 14 15 14 35 14 42 14 84 15 75 15 22 14 26 14 20 110

87 15 64 14 33 14 12 14 35 14 39 14 50 14 87 15 27 14 32 14 38 14 28 110

76

Cadenze

Fig. R.A. R.S. F.A. F.S.

mento per l’individuazione e la selezione di buoni numeri. In questa circostanza, come potete osservare dal box in questo spazio, abbiamo deciso di proporvi un piccolo sistema composta da 10 giocate di 7 numeri ciascuna per una spesa pari a euro 3,50. Sono combinazioni matematiche dove la sestina composta da 6-10-18-39-77-79 funge da base. Gli altri numeri ruotano nell’ambito del sistema e, come è facile immaginare, alla sortita di almeno tre numeri fissi potremo assicurarci vincite multiple. Per non parlare di esiti straordinari se dovessimo avere la fortuna di centrare quattro o tutte e cinque le fisse da noi previste. Buona fortuna a tutti voi.

IN SESTINA

65

22 19 58 18 32 17 68 17 17 20 13 23 62 16 20 18 79 18 46 17 25 19 88 121

BARI

0 0 4 0 0 1 3 1 0

1 2 3 4 5 6 7 8 9

11 10 9 9 11 8 9 11 9

13 8 5 13 10 8 8 9 4

2296 2263 2307 2336 2253 2299 2339 2317 2302

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 9 serie figurali, nella sestina.

Decine

86

60

N UM. RIT.

0 1 2 3 4 5 6 7 8

2 2 0 0 1 0 0 0 0

8 13 9 14 11 11 8 11 13

8 12 13 7 8 10 10 7 3

2313 2254 2155 2220 2244 2248 2353 2400 2525

I ritardi attuali e storici, così come le frequenze, di un numero di ciascuna delle 10 decine, nella sestina.

18

36

77 53 11 88

42 57

37

10

57

56

54

38

37

35

34

76 90

3

85

52

46

40

51

39.700.000,00 €

I dieci numeri più frequenti IN SESTINA

N UM. FREQ.

88

81

Cad. R.A. R.S. F.A. F.S. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0

1 0 2 1 0 0 0 2 4 1

12 13 11 13 9 12 10 10 12 12

7 7 5 15 16 5 4 6 6 7

2136 2089 2093 2052 2080 2080 2019 2068 2035 2060

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 10 cadenze, nella sestina.

Dec. R.A. R.S. F.A. F.S.

I dieci numeri più in ritardo

Così l’ultimo concorso: 55

31

Dieci giocate integrali dal costo di euro 3,50 ciascuna

Il sistema è valido per il concorso odierno

32

6

I dieci numeri più frequenti

73 43 42 41 5 39 58 37 57 46 47 42 11 48 75 41 6 53 65 50 41 47 17 4

6-10-18-39-77-79 è la sestina base del nostro sistema

27

NAZIONALE 51 81 38

* Direttore responsabile di SuperLotto

6-10, coppia sincrona pronta a ...scoppiare ROMA - Gli ultimi concorsi hanno determinato lo sfaldamento di alcune tra le formazioni tradizionali più

ESTRAZIONE N. 13 DEL 29/1/2009 BARI 65 26 8 31 88 CAGLIARI 83 77 30 58 64 FIRENZE 27 31 33 15 36 GENOVA 62 28 57 22 1 MILANO 55 66 61 5 14 NAPOLI 86 79 74 66 64 PALERMO 76 85 28 3 8 ROMA 32 69 72 85 60 TORINO 61 73 58 55 11 VENEZIA 60 46 72 85 87

66 83 87 79

275 265 263 262 260 259 255 255 254 253

Super

Lotto in edicola lunedì e venerdì


il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 13

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

GIOCHI & SCOMMESSE

TS

A CURA DELLA REDAZIONE DI

In Italia ottime basi sono gli «1» di Juve e Inter e il «2» della Roma

Liverpool-Chelsea, supersfida da «X»

SERIE A

In Inghilterra lo scontro diretto tra Liverpool e Chelsea è da «X». Come alternativa c’è sempre l’«Under». Piacciono poi l’«1» dell’Aston Villa con il Wigan e il «Goal» di Manchester Utd-Everton, visto che i “Red Devils” non incassano gol da ben 1032’. Infine occhio all’«1» di MiddlesbroughBlackburn. In Spagna è da prendere il «2» di un Malaga in forma contro l’Athletic a Bilbao. Il Barcellona è atteso da una trasferta non semplice a Santander. E’ da tentare l’«Under» . Poi, visto che lo Sp. Gijon continua a non pareggiare da 20 giornate, vale un tentativo la «X» nella gara col Siviglia. Infine torna la Germania che propone una buona base in Werder BremaArminia Bielefeld che è da «1». Tra le altre sfide piacciono l’«Over» di Hoffenheim-Cottbus e l’«Under» di Dortmund-Leverkusen.

Juventus-Cagliari Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

2.00 16

1-2

X-1

X-X

X-2

2-1

2-X

2-2

66 4.25 6.50 15

28

16

15

1ª giocata

1-2

0-4

1-4 2-4 3-4

0-1 0-2

15

22 100 66

66 250 200 200 250 Quote

70 200 12

Reggina-Roma Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

1-2

X-1

X-X

X-2

2-1

11

15

30

11 5.50 4.00 50

2-X

2-2

15 2.45

1-0 2-0

2-1

3-0 3-1 3-2

12

22

18

80

0-1 0-2

1-2

0-3 1-3 2-3

4-1 4-2 4-3

2-2

3-3 4-4 altro

13 7.00 16

70 175 20

1-X

1-2

X-1

X-X

2-X

30

12 9.00

2-2

2-1

3-0 3-1 3-2

30

9.00 16

14

60

0-0 1-1

2-2

3-3 4-4 altro

13 7.00 13

66 150 20

0-1 0-2

11

1-2

Lazio-Milan Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

1-2

X-1

7.00 15

30

7

X-X

X-2

2-0

2-1

3-0 3-1 3-2

8.00 14

12

50

1-2

0-3 1-3 2-3

0-0

0-2 1-1

33 18

25

2-2

3-3 4-4 altro

12 6.50 13

50 150 30

1-1

1-X

3.75 14

1-2

X-1

X-X

0-1 0-2

50 200 175 175 200

8.00 12 0-0 1-1

8.00 6.50 15

75 150 40

7.50 6.00 14

60 150 25

Santander-Barcellona Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

1-2

X-1

X-X

X-2

2-1

12

15

28

12 5.75 4.00 50

2-X

2-2

15 2.30

Risultato esatto al 90° 1-0 2-0

2-1

3-0 3-1 3-2

12

20

18

80

0-1 0-2

1-2

0-3 1-3 2-3

7.00 7.00 8.00 10

65 10

2-1

3-0 3-1 3-2

4-0

4-1 4-2 4-3

55

11

40

85

80

2-2

3-3 4-4 altro

28

33

60 125 80 125

Amburgo-Bayern M. Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

6.00 14

1-2

X-1

X-X

X-2

2-1

25 6.50 5.50 4.50 33

2-X

3-0 3-1 3-2

50

1-2

0-3 1-3 2-3

0-4

1-4 2-4 3-4

0-1 0-2

22

20

6.50 8.00 7.50 20 0-0 1-1

33 16

4-0

4-1 4-2 4-3

33 125 100 125 125 25

2-2

3-3 4-4 altro

13 7.00 12

50 130 25

partita

1

X

2

U

O

G

NG

18.00 20.30 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 20.30

3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798

23 24 25 26 27 28 29 30 31 32

Napoli-Udinese Juventus-Cagliari Atalanta-Catania Bologna-Fiorentina Chievo-Sampdoria Genoa-Palermo Inter-Torino Reggina-Roma Siena-Lecce Lazio-Milan

1.85 1.37 1.90 3.00 2.70 1.90 1.18 5.30 1.85 3.40

3.00 4.00 3.15 2.90 2.85 3.15 6.00 3.30 3.10 3.10

4.55 8.50 4.00 2.40 2.70 4.00 16.00 1.65 4.30 2.10

1.85 1.90 1.68 1.68 1.60 1.75 1.90 1.90 1.58 1.85

1.79 1.74 1.98 1.98 2.11 1.89 1.74 1.74 2.14 1.79

1.70 1.78 1.78 1.73 1.80 1.70 1.90 1.78 1.78 1.68

1.95 1.86 1.86 1.92 1.84 1.95 1.74 1.86 1.86 1.98

43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53

Modena-Rimini Ascoli-Ancona Avellino-Triestina Bari-Frosinone Empoli-Vicenza Parma-Albinoleffe Piacenza-Grosseto Pisa-Sassuolo Salernitana-Cittadella Treviso-Brescia Mantova-Livorno

2.70 2.20 2.45 1.50 1.85 1.60 2.35 2.70 1.90 3.10 3.00

2.70 2.70 2.75 3.55 2.95 3.20 2.75 2.65 2.90 2.75 2.65

2.75 3.60 3.00 6.50 4.55 6.00 3.20 2.80 4.50 2.40 2.60

1.65 1.65 1.68 1.70 1.70 1.65 1.68 1.70 1.65 1.60 1.57

2.03 2.03 1.98 1.95 1.95 2.03 1.98 1.95 2.03 2.11 2.16

1.70 1.75 1.75 1.82 1.78 1.82 1.75 1.70 1.78 1.78 1.75

1.95 1.89 1.89 1.82 1.86 1.82 1.89 1.95 1.86 1.86 1.89

5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Athl. Bilbao-Malaga Atl. Madrid-Valladolid Betis-Getafe Osasuna-Maiorca Numancia-Real Madrid Valencia-Almeria D. La Coruna-Villarreal Santander-Barcellona Espanyol-Recr. Huelva Sp. Gijon-Siviglia

2.05 1.50 2.05 2.00 6.15 1.55 2.55 6.66 1.95 3.50

3.15 3.65 3.15 3.20 3.50 3.60 3.15 3.65 3.25 3.15

3.50 6.66 3.50 3.55 1.55 5.85 2.60 1.50 3.70 2.05

1.75 2.11 1.75 1.70 2.06 2.03 1.75 2.14 1.68 1.89

1.89 1.60 1.89 1.95 1.63 1.65 1.89 1.58 1.98 1.75

1.70 1.65 1.75 1.75 1.65 1.68 1.68 1.70 1.75 1.65

1.95 2.03 1.89 1.89 2.03 1.98 1.98 1.95 1.89 2.03

Amburgo-Bayern M. Hannover-Schalke 04 Colonia-Wolfsburg B. Dortmund-Leverkusen Hertha B.-Eintracht Fr. Hoffenheim-E. Cottbus Stoccarda-M'Gladbach Werder Brema-A. Bielefeld Bochum-Karlsruher

3.20 2.65 3.00 2.45 1.73 1.40 1.40 1.37 2.00

3.20 3.25 3.25 3.20 3.40 4.15 4.10 4.20 3.25

2.15 2.45 2.20 2.70 4.50 7.25 7.35 8.00 3.50

1.92 1.90 2.11 2.11 1.97 2.11 2.11 2.36 1.90

1.73 1.74 1.60 1.60 1.69 1.60 1.60 1.48 1.74

1.55 1.60 1.47 1.45 1.60 1.67 1.70 1.58 1.65

2.20 2.11 2.39 2.44 2.11 2.00 1.95 2.14 2.03

Auxerre-Lorient Le Havre-Nancy Le Mans-Nantes Monaco-Grenoble Paris SG-Caen Valenciennes-Nizza Rennes-Tolosa Bordeaux-Lille Sochaux-Marsiglia Lione-StEtienne

2.50 2.85 2.10 1.95 1.57 2.60 1.87 1.85 3.45 1.40

2.95 2.80 2.90 3.00 3.40 2.85 3.10 3.15 2.95 3.90

2.80 2.60 3.65 4.10 6.15 2.80 4.25 4.25 2.15 8.15

1.55 1.60 1.60 1.55 1.65 1.57 1.60 1.65 1.63 1.75

2.20 2.11 2.11 2.20 2.03 2.16 2.11 2.03 2.06 1.89

1.84 1.80 1.75 1.84 1.75 1.75 1.75 1.70 1.75 1.90

1.80 1.84 1.89 1.80 1.89 1.89 1.89 1.95 1.89 1.74

3.20 1.43 1.65 2.60 1.95 2.10 2.40 2.40 2.50 1.37

3.15 3.90 3.40 3.15 3.20 3.15 3.15 3.15 3.00 3.75

2.15 7.25 5.15 2.55 3.75 3.33 2.80 2.80 2.80 10.00

1.84 1.89 1.75 1.70 1.68 1.75 1.75 1.75 1.55 1.70

1.80 1.75 1.89 1.95 1.98 1.89 1.89 1.89 2.20 1.95

1.65 1.75 1.80 1.70 1.75 1.70 1.75 1.70 1.80 2.11

2.03 1.89 1.84 1.95 1.89 1.95 1.89 1.95 1.84 1.60

Italia Serie B 30/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 02/02

20.45 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 20.45

3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798 3798

Spagna Liga 31/01 01/02 01/02 01/02 31/01 01/02 01/02 01/02 01/02 01/02

20.00 17.00 17.00 17.00 22.00 19.00 17.00 17.00 17.00 21.00

3807 3807 3807 3807 3807 3807 3807 3807 3807 3807

30/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 01/02 01/02

20.30 15.30 15.30 15.30 15.30 15.30 15.30 17.00 17.00

3789 3789 3789 3789 3789 3789 3789 3789 3789

1 2 3 4 5 6 7 8 9

Francia Ligue 1 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 01/02 01/02 01/02

19.00 19.00 19.00 19.00 19.00 19.00 21.00 17.00 17.00 21.00

3791 1 3791 2 3791 3 3791 4 3791 5 3791 6 3791 7 3791 8 3791 9 3791 10

Inghilterra Premier League 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 31/01 01/02 01/02 02/02

13.45 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 14.30 17.00 21.00

3790 3790 3790 3790 3790 3790 3790 3790 3790 3790

71 72 73 74 75 76 77 78 79 80

Stoke-Man. City Arsenal-West Ham Aston Villa-Wigan Bolton-Tottenham Fulham-Portsmouth Hull-West Brom. Middlesb-Blackburn Newcastle-Sunderland Liverpool-Chelsea Man. Utd-Everton

Le classifiche dei maggiori campionati esteri Inghilterra Spagna Germania Francia Man. Utd Chelsea Liverpool Aston Villa Arsenal Everton Wigan West Ham Man. City Hull Fulham Sunderland Tottenham Bolton Portsmouth Newcastle Blackburn Middlesbro' Stoke West Brom.

50 48 48 47 42 37 32 32 28 27 26 26 24 24 24 23 22 21 21 21

Barcellona R. Madrid Siviglia Valencia Villarreal Atl. Madrid Malaga D. La Coruna Santander Ath. Bilbao Getafe Valladolid Almeria Sp. Gijon Recreativo Betis Numancia Maiorca Espanyol Osasuna

53 41 38 34 34 32 32 30 28 26 24 24 24 24 23 21 20 17 16 14

Hoffenheim Bayern M. Hertha B. Amburgo Leverkusen B. Dortmund Schalke 04 W. Brema Wolfsburg Stoccarda Colonia Eintracht F. Hannover 96 A. Bielefeld E. Cottbus Karlsruhe Bochum M'Gladbach

35 35 33 33 32 29 27 26 26 25 22 19 17 14 13 13 11 11

Lione Bordeaux Marsiglia Rennes Tolosa Paris Sg Lille Nizza Lorient Nancy Le Mans Grenoble Caen Monaco Nantes Auxerre St. Etienne Sochaux Valenciennes Le Havre

42 41 38 37 37 36 35 33 28 25 25 25 24 24 23 20 20 17 16 12

2-2

14 3.50

Risultato esatto al 90° 12

70 150 15

2-2

14 5.75

1-4 2-4 3-4

2-1

13 7.00 15

2-X

0-4

1-0 2-0

3-3 4-4 altro

2-1

0-3 1-3 2-3

8.00 14

2-2

60 125

60

4-1 4-2 4-3

40 125

35

28

1-2

22

50 200 150 175 175 28

4-0

1-4 2-4 3-4

40

Risultato esatto al 90°

1-4 2-4 3-4

40

0-4

X-2

0-4

80

4-1 4-2 4-3

30 4.75 5.00 6.00 28

0-3 1-3 2-3

50 100

4-0

Parziale-finale (45°-90°)

1-0 2-0

3-3 4-4 altro

2-2

15 3.30

Liverpool-Chelsea

7.00 9.00 7.50 25

15

2-X

33 125 100 125 150

30

2-2

2-1

5.25 4.25 33

4-1 4-2 4-3

20

50 125

35 150 125 150 175

40

0-0 1-1

0-0 1-1

40

4-0

14

4-1 4-2 4-3 1-4 2-4 3-4

25

6.50 7.00 7.50 18

Quote

1-0 2-0

14

4-0 0-4

0-1

2-1

2-2

15 7.50

0-3 1-3 2-3

6.50 8.00 7.50 22

50 150

X-2

2-X

1-2

25

45 4.00 4.50 10

2-1

40

1-4 2-4 3-4

Parziale-finale (45°-90°) 1-1

3-0 3-1 3-2

30

Empoli-Vicenza 3.00 12

2-1

0-4

Quote

30

X-2

25

1-0

PREMIER L.

10

4-0

60 175 150 175 200

BUNDESLIGA

0-0 1-1

60

X-X

pal. avv.

Germania Bundesliga

Risultato esatto al 90°

Quote

Quote

SERIE B

2ª giocata

0-1 0-2

SERIE A

Quote

SERIE A

1-0 2-0

40 200

Risultato esatto al 90°

Quote

X-1

36 4.25 5.50 8.00 30

6.50 7.00 7.00 18

6.00 6.00 7.00 12

LIGA

1-2

16

3-3 4-4 altro

segno quota Under 2.05 X 3.30 2 3.30 Over 1.73 Under 2.10

Risultato esatto al 90°

Risultato esatto al 90°

Quote

1-X

3.00 15

4-1 4-2 4-3

2-2

squadra Santander Sp. Gijon Ath. Bilbao Hoffenheim Dortmund

Parziale-finale (45°-90°) 1-1

20

14 7.50 14

segno quota X 2.75 1 1.90 Under 1.57 1 1.60 Goal 2.10

10 euro = 811.06 euro + ev. bonus

4-0

0-0 1-1

segno quota 1 1.40 2 2.35 2 1.60 1 1.55 X 2.75

10 euro = 275.63 euro + ev. bonus

3-0 3-1 3-2 0-3 1-3 2-3

31/01 31/01 01/02 01/02 01/02 01/02 01/02 01/02 01/02 01/02

10 euro = 224.38 euro + ev. bonus

6.50 6.50 8.00 10 9.00 28 28

2-1

squadra Piacenza Salernitana Liverpool Aston Villa Man Utd

ora

Italia Serie A

Napoli-Udinese

Risultato esatto al 90° 1-0 2-0

data

I nostri consigli squadra Juventus Bologna Reggina Parma Treviso

3ª giocata

non dovrebbero avere problemi a vincere i rispettivi match casalinghi contro Cagliari e Torino. Non ci sono altri segni «1» molto scontati. A Reggio Calabria la Roma dovrebbe tornare con il bottino pieno. Il «2» è da prendere anche in BolognaFiorentina. In serie B un segno che piace è la «X» per Treviso-Brescia e Piacenza-Grosseto visto che un pari dovrebbe far comodo a tutte e 4 le squadre. Il Sassuolo potrebbe fare il colpo a Pisa considerato il momento di grande difficoltà dei nerazzurri: «2» da tentare. Il Parma non dovrebbe fallire il confronto con l’AlbinoLeffe: «1» senza indugi. Più incerto è lo scontro diretto tra Empoli e Vicenza che, comunque, dovrebbe far uscire l’esito «Under». Infine ottima base è l’«1» di Salernitana-Cittadella.

SERIE A

ROMA - In serie A Juventus e Inter

Quote del week-end

0-4

1-4 2-4 3-4

45

35

45 100

… la TUA migliore scommessa Ogni martedì e venerdì in edicola


14 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

GIOCHI & SCOMMESSE

A CURA DELLA REDAZIONE DI

TGSPORT

Concorso n° 9 del 01/02/2009 - Sabato il Cagliari delle meraviglie incontra i bianconeri all’Olimpico di Torino

L’Inter potrebbe ancora allungare 2

ATALANTA-CATANIA

4

Nei 64 precedenti ufficiali a Bologna il bilancio vede 26 vittorie emiliane (ultima 3-2 nella serie A 2001/02), 23 pareggi (ultimo 0-0 nella serie A 2004/05) e 15 successi viola (ultimo 2-0 nella coppa Italia 1998/99). Sfida tecnica inedita tra Mihajlovic e Prandelli.

1 2

5

GENOA-PALERMO

Nei 30 precedenti ufficiali a Marassi si contano 15 successi liguri (ultimo 1-0, nella serie B 2001/02), 13 pareggi (ultimo 3-3, nella serie A 2007/08) e 2 vittorie siciliane (ultima 3-2 nella serie B 1978/79). Gasperini sempre sconfitto per 1-2 nei 2 precedenti finora disputati contro Ballardini.

7

123

Sono 6 i precedenti ufficiali tra le due squadre a Siena e finora lo score è in perfetto equilibrio: 1 successo bianconero (2-1, nella serie A 2003/04), 4 pareggi (ultimo 1-1, nella serie A 2004/05) ed 1 affermazione pugliese (2-1 nella serie A 2005/06). Sempre pareggio nei 2 precedenti disputati tra Giampaolo e Beretta.

10

1

11 1

Atalanta-Catania Bologna-Fiorentina Chievo-Sampdoria Genoa-Palermo Inter-Torino Reggina-Roma Siena-Lecce Lecco-Pro Patria Foligno-Gallipoli Olbia-Ivrea Bassano-Giulianova Prato-Poggibonsi Gela-Igea Virtus B. Lazio-Milan

Concorso n° 8 del 31 gennaio 2009 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Napoli - Udinese Juventus - Cagliari Ascoli - Ancona Avellino - Triestina Bari - Frosinone Empoli - Vicenza Parma - Albinoleffe Piacenza - Grosseto Pisa - Sassuolo Salernitana - Cittadella Treviso - Brescia Bolton - Tottenham Fulham - Portsmouth Middlesbrough - Blackburn Rov.

4

FOLIGNO-GALLIPOLI

I pugliesi sono in serie positiva da sei turni. Nell'unico precedente fra le due formazioni, la partita d'andata di questa stagione, la squadra di casa si è imposta per 2-0.

X2 324

12

12

PRATO-POGGIBONSI

Le due reti sono una costante per ambedue le formazioni in una gara estremamente aperta. Pronostico leggermente favorevole ai padroni di casa. Unica nota la statistica che vede il segno «2», nella casella, tardare da 13 turni.

1

X

1X2 4

GRUPPO 2

Bologna - Fiorentina Chievo - Sampdoria Siena - Lecce Olbia - Ivrea Bassano - Giulianova Prato - Poggibonsi Empoli - Vicenza Piacenza - Grosseto Pisa - Sassuolo Salernitana - Cittadella Treviso - Brescia Bolton - Tottenham

1X 1 1X

Lazio - Milan Valenzana - Pro Vercelli Gela - Igea Virtus B. 1-0, 2-0, 2-1

Napoli - Udinese Fulham - Portsmouth 1-0, 1-1, 2-1 Middlesbrough - Blackburn

BIG MATCH - Conc. 8 GRUPPO 1

X21 4

Juventus - Cagliari Ascoli - Ancona Avellino - Triestina Bari - Frosinone Parma - AlbinoLeffe Arsenal - West Ham

Il nostro picchetto X 2 0-1 2 3

4+

46 24 27 43 73 17 41 26 25 46 50 35 45 32

36 41 42 37 24 35 38 38 41 36 37 34 36 35

26 28 24 25 26 26 24 29 23 30 23 26 23 26

22 20 18 19 32 33 16 25 19 20 19 32 19 32

1

X

Il nostro picchetto 2 0-1 2 3

4+

51 66 46 40 54 50 46 36 33 54 27 29 36 41

35 27 36 37 34 35 36 39 35 35 35 38 34 35

1

1 1 2

18 35 31 20 3 48 21 36 34 18 13 31 19 33

14 7 18 23 12 15 18 25 32 11 38 33 30 24

20 22 30 29 19 18 33 19 30 22 26 19 26 19

19 18 33 32 27 30 32 24 18 19 28 34 24 22

32 30 28 27 23 23 27 27 28 28 32 23 32 23

23 23 27 26 29 28 26 30 23 25 30 27 27 30

26 26 24 23 25 24 23 28 26 27 24 23 31 28

32 33 16 19 19 18 19 18 33 29 18 16 18 20

1 1 1

Sistemi integrali

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Atalanta - Catania Genoa - Palermo Inter - Torino Reggina - Roma Lecco - Pro Patria Foligno - Gallipoli

Sistemi integrali

Concorso n° 9 dell’1 febbraio 2009

9

GRUPPO 2

GRUPPO 1

1

LAZIO-MILAN

Nei 72 confronti: 18 vittorie laziali (ultima 4-0 nella coppa Italia 2003/04), 33 pareggi (ultimo 0-0 nella serie A 2006/07) e 21 affermazioni rossonere (ultima 5-1 nella serie A 2007/08). Nei 14 precedenti Delio Rossi è in svantaggio contro Ancelotti: 3 successi del mister laziale, 4 pari e 7 vittorie del tecnico rossonero.

4

2

BIG MATCH - Conc. 9

2

14

12

REGGINA-ROMA

2

GELA-IGEA VIRTUS B.

Per il Gela, che ha conosciuto la prima sconfitta del campionato domenica scorsa a Barletta, è previsto un pronto riscatto. I messinesi, che ancora non conoscono la vittoria in trasferta, non costituiscono un test impossibile per la formazione di casa.

1

BASSANO-GIULIANOVA

Il Bassano, dopo una serie positiva di sette giornate, sono incappati in quattro giornate negative. Buone chance nel confronto con i marchigiani che contano una sola vittoria esterna che risale alla quinta giornata di questo campionato.

32

13

6

X

Nei 9 precedenti il bilancio vede 2 successi calabresi (ultimo 1-0 nella serie A 2006/07), 2 pareggi (ultimo 0-0 nella serie A 2003/04) e 5 vittorie giallorosse (ultima 2-0 nella serie A 2007/08). Tra Orlandi e Spalletti esiste il solo precedente dell'andata nella serie A 2008/09: Roma-Reggina 3-0.

LECCO-PRO PATRIA

Il girone di ritorno vede due realtà contrapposte: ottimo inizio per il Lecco mentre la Pro Patria stenta a trovare il bandolo della matassa. I due attacchi sembrano essere spuntati. Una vittoria, un pareggio e una sconfitta ciascuna negli ultimi tre incontri tra le due formazioni.

1X

OLBIA-IVREA

I piemontesi sono più pericolosi in trasferta ma l'Olbia, in serie positiva da tre turni, cerca una vittoria in casa che manca da ben otto giornate.

23

INTER-TORINO

8

SIENA-LECCE

Nei 7 precedenti: 1 successo veneto (3-2 in B 1999/00), 4 pari (ultimo 1-1 in A 2006/07) e 2 vittorie blucerchiate (ultima, 2-1 in C. Italia 2006/07). Di Carlo sempre sconfitto nei 2 precedenti contro Mazzarri, entrambi relativi alla doppia sfida Parma-Sampdoria nella serie A 2007/08.

X2

Sono 76 i precedenti ufficiali tra le due squadre a Milano con bilancio che vede 42 successi interisti (ultimo 4-0, nella serie A 2007/08), 23 pareggi (ultimo 0-0, nella serie A 2001/02) ed 11 affermazioni granata (ultima 1-0, nella serie A 1987/88). Primo confronto tecnico ufficiale tra Mourinho e Novellino.

1X

CHIEVO-SAMPDORIA

GRUPPO 3

Sono 22 i precedenti a Bergamo con bilancio che vede 14 successi lombardi (ultimo 3-0, nella serie B 2003/04), 4 pari (ultimo 0-0, nella serie A 2007/08) e 4 affermazioni siciliane (ultima 2-1, nella serie B 2005/06). Del Neri sconfitto nell'unico precedente contro Zenga: 0-1 a Catania nell'andata della serie A 2008/09.

3

BOLOGNA-FIORENTINA

GRUPPO 3

1

1X 1 X2

4 DOPPIE Col. 16 Rid. 4

7 DOPPIE Col. 128 Rid. 16

9 DOPPIE Col. 512 Rid. 64

1 TRIPLA 4 DOPPIE Col. 48 Rid. 8

1 TRIPLA 6 DOPPIE Col. 192 Rid. 24

3 TRIPLE 3 DOPPIE Col. 216 Rid. 24

3 TRIPLE 5 DOPPIE Col. 864 Rid. 96

4 TRIPLE Col. 81 Rid. 9

1 X2 X 1X 1 2 1 X X 1 1 1X 1 X2

1 X2 X 1X 1 2 1 X X 1 1 1X 1 X2

1 X2 X 1X 1 X2 1 1X X 1X 1 1X 1 X2

1 X X X 1 X2 1 1X X 1X 1 1X 1 1X2

1 X2 X 1X 1 X2 1 1X X 1X 1 1X 1 1X2

1 X X 1X 1 X2 1 1X2 X 1X 1 1X2 1 1X2

1 X2 X 1X 1 X2 1 1X2 X 1X 1X 1X2 1 1X2

1 1X2 X 1 1 X 1 1X2 X 1 1 1X2 1 1X2

4 DOPPIE Col. 16 Rid. 4

7 DOPPIE Col. 128 Rid. 16

9 DOPPIE Col. 512 Rid. 64

1 TRIPLA 4 DOPPIE Col. 48 Rid. 8

1 TRIPLA 6 DOPPIE Col. 192 Rid. 24

3 TRIPLE 3 DOPPIE Col. 216 Rid. 24

3 TRIPLE 5 DOPPIE Col. 864 Rid. 96

4 TRIPLE Col. 81 Rid. 9

1 1 1 1X 1 1 1 1X X 1 X2 X2 1 1

1 1 1 1X 1 1 1 1X X2 1 X2 X2 1X 1X

1 1 1X 1X 1 1 1X 1X X2 1 X2 X2 1X 1X

1 1 1 1X 1 1 1X 1X 1X2 1 2 X 1X 1

1X 1 1X 1X 1 1 1X 1X 1X2 1 2 X 1X 1

1 1 1X 1X 1 1 1X 1X2 1X2 1 2 X 1X2 1

1 1 1X 1X 1X 1X 1X 1X2 1X2 1 2 X 1X2 1

1 1 1 1X2 1 1 1X 1X2 1X2 1 2 X 1X2 1


Pag. 15

CALABRIA il Domani

www.ildomanionline.it

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

Sabato 31 Gennaio 2009

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

Gli amministratori aennini con Scopelliti e Ferro in testa potrebbero ricevere da Berlusconi il premio di guidare il gruppo calabrese

Pdl, coordinamento regionale ad An? In base al gioco dei bilanciamenti il “regista” del Popolo della libertà potrebbe essere Traversa COSENZA — Non perde tempo con

seggi di cartone e primarie di plastica. No, il Pdl viaggia su altri binari e prima di disegnare sulla sabbia la leadership è già dal notaio. È fatto così Silvio Berlusconi e non da oggi tratta in questo modo le cose che lo riguardano politicamente. È cronaca delle ultime ore la distillazione col bilancino del peso specifico che ognuno potrà avere a marzo nel Pdl. Non un grammo in più del consentito e piuttosto uno di meno, a chi non lo merita. Già detto e da mesi che Forza Italia porterà a casa il 70% delle nomine e il rimanente 30 toccherà al resto della compagnia (con An ovviamente e fare la parte del leone) rimane da capire che fine farà, e quale casella occuperà, la nostra regione. E proprio questo pare essere il primo dei nodi che più d’uno se la sente di sciogliere, oggi come oggi. La Calabria, insieme ad altre sei regioni, andrà in “quota” An per quanto riguarda il coordinamento regionale. È obsoleta tutto sommato come immagiwww.ildomani.it

Reg. Tribunale nr. 64 del 15/7/97

Fondatore

ne, la definizione in “quota” di un territorio politicamente inteso. Ma o nasceva così, il Pdl, o avrebbe fatto fine peggiore dei colleghi del Pd, impantanati da un anno con le regole di polistirolo nelle borse e con i carabinieri a presidiare le democratiche primarie in una domenica d’inverno. Poche chiacchiere e una solida squadretta in mano. Così s’ha da fare il Pdl e così si procederà. La Calabria, come del resto anche il Lazio, viene considerata terra di conquista più sicura se l’organizzazione viene affidata nelle mani di chi fino a ieri ha portato la maglietta di An sul petto. Il concetto non nasce per svilire i colonnelli di Forza Italia ma a Roma è sotto gli occhi di tutti che il partito di Fini e Gasparri s’è organizzato meglio da queste parti negli ultimi anni. I calci li ha tenuti sotto il tavolo, quando ci sono stati e la polvere non l’ha quasi mai fatta uscire da sotto il tappeto. E per di più, chiamata ad amministrare a Reggio e a Catanzaro ha risposto presente all’appello. Scopelliti, Traversa e oggi anche Wanda Ferro sulla poltrona di enti strategici sono lì a testimoniare che si è stati soprattutto abili a controllare i nemici interni. Non che non ce ne siano state, di rogne intestine. O che non ce ne siano tuttora. Ma An le sa coprire a differenza di

Forza Italia che un paio di giorni fa ha portato alla ribalta della Camera la discussione sulle dimissioni al veleno di Giancarlo Pittelli, ex coordinatore andato via sbattendo la porta e lasciando intendere che se parla e dice cosa c’ha nello stomaco per qualcuno sono dolori. E che dire poi di Iole Santelli e Santo Versace a giocare partita in proprio, un po’ per scelta e un po’ per necessità. Berlusconi questi dettagli se li è fatti prima raccontare e poi in cuore suo ha deliberato, senza poi perderci molto tempo. Il probabile coordinamento regionale del partito nelle mani di An (Michele Traversa?) non dice poi neanche tutto circa la rappresentanza conterranea nel super direttivo nazionale dei 20, chiamati tutti a coadiuvare il triumvirato sul trono del partito (con Berlusconi presidente). Anche in questo caso potrebbe starci una piccola sorpresina con il delegato calabrese che non è escluso possa fare riferimento a quell’unica poltroncina che vanta sul tavolo Stefano Caldoro, Nuovo Psi. Una regione su 20, sulla carta, potrebbe avere un delegato con il Garofano sul petto al tavolo nazionale e più d’uno non esclude che questa alla fine sarà la Calabria (si fa il nome di Adolfo Collice, vicesegretario e in ottimi rapporti proprio con

Caldoro). Ma siamo ai preliminari ancora. Lo statuto è prossimo alla firma del notaio e fino all’ultimo può sempre accadere di tutto. Certo siamo in materia di Pdl, notoriamente meno soggetta a scosse telluriche. E poi non ci sono primarie all’orizzonte, si decide in pochi e funziona più spedita la faccenda. Quel che è certo è che non sono previste code di delusi col muso lungo, magari pronti a remare contro. Poi come sempre accade qualcuno ci rimarrà male alla conta finale dell’organizzazione ma il numero finirà per essere limitato, sotto controllo. E non solo perché accanto ad un coordinatore regionale Berlusconi nominerà un vice, evidentemente in quota “altra” rispetto al partito d’origine del coordinatore. Quanto perché, esperienza insegna, se un partito si porta da casa l’organizzazione e l’esperienza in materia l’altro può tranquillamente portarsi invece le performance elettorali. Uno stratifica il terreno e l’altro appiccica i manifesti al muro. E se ad An, come pare, andrà il coordinamento regionale del Pdl provate ad immaginare invece quale partito alla fine esprimerà il candidato del dopo Loiero…

Orlandino Greco tuona su Donnici difendendo le prerogative del Movimento per l’autonomia

sonaggio interpretato da Mel Gibson». «La rinascita del meridione - ha proseguito Greco - avviene seguendo strategie ben delineate, che sono state già indicate dal presidente del Mpa, Raffele Lombardo. E la Sicilia, dove Lombardo è governatore, sta dando i primi segnali di una ripresa economica forte e durevole nel tempo, e dove le capacità e l’impegno vengono premiate. A chi parla di “questione meridionale” devo rispondere che è finito il tempo di piangerci addosso: è necessario mettere da parte chi persevera nel “consenso a prebenda” che tanto male ha fatto in quest’area del sud e che umilia professionalità costrette a genuflettersi al politico “fumoso” di turno. Le battaglie del Mpa sono concrete e vengono portate avanti da Lombardo con costanza nel sud, come a Roma».

Michele Traversa

Se Alleanza nazionale sembra destinata al coordinamento è prevedibile sapere a chi toccherà il “dopo Loiero”

Domenico Martelli

Guido Talarico Direttore

Massimo Tigani Sava Direttore responsabile

Orlando Rotondaro Editore

T&P Editori Direzione, Redazione e Amministrazione

loc. Serramonda - Zona industriale Marcellinara (Cz) 0961/996802 FAX 0961.903801/903907 E-mail: redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it “La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250.”

PUBBLICITA’ LOCALE Concessionaria esclusiva

Mediatag Spa Presidente

Giuseppe Gangale Loc. Serramonda, Zona Industriale 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 fax 0961.903421 - 903.784 e-mail: info@mediatag.it

NAZIONALE: Piemme Spa via Umberto Novaro, 18 - 00195 Roma tel. 06.377081 - fax 06.3724830 Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

CENTRO STAMPA Stab. Tipografico De Rose - Montalto U. (Cs) per T&P Editori tel. 0961.996802 GRAFICA

manolibera

Progettazione grafica editoriale e pubblicitaria via Milelli, 1 - Catanzaro tel. 0961.706110 - fax 0961.743764 DIFFUSIONE•ABBONAMENTI Media Services - tel. 0965.644464

«Per il Meridione c’è già l’Mpa» COSENZA — «Un soggetto politico che si faccia interprete del risveglio culturale e del riscatto economico e sociale del popolo meridionale esiste già e si chiama Movimento per l’autonomia. Un soggetto politico che conta un numero considerevole di rappresentanti istituzionali che con il passare dei giorni raccoglie consensi, e che rompe schemi precostituiti di politica stantia». E’ la risposta del coordinatore provinciale e componente dell’organismo regionale del Movimento per l’autonomia, Orlandino Greco, in merito alle dichiarazioni rilasciate dal deputato europeo, Beniamino Donnici sulla costituzione di un partito meridionali-

Orlandino Greco

sta. Proposta avanzata dal deputato europeo nelle scorse settimane. «L’iniziativa - ha proseguito il sindaco di Castrolibero - non ha raccolto i risultati che Donnici e

compagni (o dovremmo dire ex compagni), avevano previsto. La Calabria soffre di memorabili problemi che gli ex comunisti, ex dirigenti di partito, ex assessori come Donnici con le loro indimenticabili iniziative hanno provocato. Come può il parlamentare europeo dimenticare il suo trascorso nella giunta Loiero, e poi successivo implacabile accusatore? Quali sono le iniziative che Donnici ha portato alla Calabria, dopo il soggiorno a Bruxelles pagato dai contribuenti? Ora a fine mandato si ricorda dei calabresi e si innalza a novello “Braveheart” della cultura meridionalista, ma purtroppo per lui non somiglia neanche un po’ al per-

Sanità, nuova replica di Tallini a Elena Bova Il consigliere regionale Domenico Tallini in relazione all’articolo della dottoressa Elena Bova, «con cui la stessa replica ad un mio intervento nel corso del quale ho effettuato delle considerazioni», precisa quanto segue: «Non ho mai sostenuto, per quanto basta rileggere lo stesso intervento, che, passando dall’Azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” all’Azienda sanitaria provinciale, lo stipendio di medico della dottoressa Elena Bova sia modificato. Ho sostenuto invece che la stessa ha ricevuto un incarico per un progetto (screening) del quale prendo atto che si sta effettuando senza risorse aggiuntive anche se è strano che, nonostante i tantissimi medici in forza presso l’Asp, questo incarico sia stato dato a lei, appartenente all’epoca all’Aopc attraverso un comando effettuato, sì è vero, dall’allora Dg dott. Antonio Palumbo. A tal proposito la dottoressa Elena Bova avrà fin troppo chiara la differenza tra l’istituto del “comando” e di un “trasferimento definitivo” vero e proprio effettuato con delibera del Dg dott. Vincenzo Ciconte nell’aprile del 2008 e con decorrenza 1° luglio dello stesso anno. Infine mi permetta la dottoressa Elena Bova di dire che il sottoscritto non si è mai sognato di considerare i suoi interventi meschini, solo perché non condivisibili; l’unico mio tentativo, con l’intervento di replica, era soltanto quello di far capire che il suo non era un intervento opportuno o comunque un intervento disinteressato, anche perché, tra l’altro, è stata proprio lei a deviare il livello della discussione dal merito delle singole questioni da me sollevate in maniera puntuale su argomentazioni di carattere generale».

Concessionaria esclusiva di pubblicità tel. 0961.996802 fax 0961.903421-903784 Sede legale: località Serramonda di Marcellinara


16 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA MALTEMPO Il Consiglio dei Ministri lo ha deciso a seguito di una riunione sui dissesti idrogeologici e sugli allagamenti verificatisi in tutta la Calabria

Il Governo dichiara lo stato di emergenza Intanto la Regione ha costituito una Task force per monitorare costantemente il territorio Il Consiglio dei Ministri ha dichiarato ieri lo stato di emergenza su tutto il territorio della regione Calabria in relazione ai dissesti idrogeologici, agli allagamenti e alle esondazioni nel mese di gennaio. «La situazione nel territorio calabrese, a seguito del maltempo degli ultimi giorni, continua ad aggravarsi». È quanto riferisce una nota dell’ufficio del portavoce del presidente della Regione Calabria Agazio Loiero. Segnalazioni di frane e smottamenti stanno giungendo alla protezione civile regionale. L’ultima, quella di ieri notte a Belvedere Marittimo, che minaccia di bloccare la Statale 18, con tutto ciò che ne consegue in termini di viabilità regionale, ha indotto il presidente Loiero a costituire una Task force presso la protezione civile di Germaneto. Questa Task force, di cui faranno parte tecnici della protezione civile, coordinati dal responsabile regionale Eugenio Ripepe, dell’autorità di bacino, del Cnr (prof. Pasquale Versace), dei Vigili del fuoco, avrà il compito di monitorare l’emergenza nella sua evoluzione, mediante controlli continui e interventi ovunque si renda necessario. La Task force disporrà di tutti i mezzi della protezione civile regionale, elicottero compreso per i sorvoli delle aree a rischio. Inoltre, ha già fornito la disponibilità a intervenire, il Genio militare. La frana di Belvedere, al momento, è quella che tiene in maggiore allarme la protezione civile che già da ieri notte è presente sul posto per monitorare la sua evoluzione e intervenire nel caso si rendesse necessario. Intanto, sempre ieri, a Reggio in Prefettura si è tenuta una prima riunione del tavolo tecnico con gli esperti della Protezione civile per fare il punto della situazione sul rischio frane e viabilità stradale. Nell'Ufficio territoriale del governo della città calabrese dello Stretto, è sempre attivo il tavolo operativo delle emergenze, coordinato dal

La visita di Bertolaso di giovedì scorso

prefetto Francescantonio Musolino, che sta monitorando l'intero territorio provinciale con particolare riferimento alle situazioni critiche dell'A3 nel tratto tra Scilla e Bagnara e della statale 18. Si aggrava di ora in ora la già precaria situazione della viabilità in Calabria. La continua segnalazione del pricolo di smottamento sta determinando la parziale o totale chiusura di molte strade. Problemi si registrano, in particolare, sulla strada statale 18, unica alternativa alla Salerno-Reggio. L'autostrada è chiusa in due tratti, nel Cosentino, fra Rogliano e Cosenza, e nel reggino, tra Scilla e Villa San Giovanni. La pressione del traffico sulla statale litoranea, su cui sono dirottati i veicoli in transito sull’A3, è enorme e rischia di appesantirsi a causa di interruzioni o riduzioni di carreggiata, sopratutto nel cosentino. Nei pressi di Paola uno smottamento ha invaso la strada determinando un restringimento che ha costretto l'Anas a predisporre la circolazione a senso alternato. «Lo Stato di emergenza dichiarato in Consiglio dei Ministri, al di là della gravità della contingenza, fa emergere una contraddizione tutta italiana: chiamiamo emergenza

una realtà che si conosce da almeno 10 anni. La Calabria soffre di emergenza “cronica” di dissesto idrogeologico: ha unafragilità di tipo geofisico pesantemente aggravata dallo sviluppo urbanistico che si è realizzato e che rischia di peggiorare viste le grandi opere che il Governo ha nel suo programma, il Ponte sullo Stretto in primis, che assorbirebbe ogni risorsa libera e meglio utilizzabile. La contraddizione tra gli investimenti previsti per la gestione del rischio idrogeologico e quelli per le opere che si vorrebbero realizzare è dilaniante. Non si tratta più di sapere cosa fare, ma di fare quello che con notevoli sforzi si è ampiamente studiato di dover fare». E’ l’intervento del Wwf. «Dopo i fatti di Soverato del 2000, - prosegue il Wwf - fu avviata una complessa indagine del rischio idrogeologico che ha portato la Regione Calabria ad adottare nel 2002 il piano regionale di assetto idrogeologico che, secondo le dichiarazioni di allora, avrebbe dovuto recuperare anni di ritardo e fare un riordino nella pianificazione della difesa del suolo. Il piano, definito “enciclopedico”, consta di circa 3.000 fogli, con monitoraggi su circa 700 centri urbani, con la rile-

La prima commissione del Csm ha deciso di proporre al plenum l’invio di alcuni atti inerenti il magistrato

De Magistris rischia nuove azioni disciplinari strare l'archivio furono i carabinieri del Ros dopo che la Procura generale di Catanzaro aveva avocato Why Not e revocato l'incarico a Genchi. E’ terminata poco dopo le 13.20 l'audizione del magistrato Luigi De Magistris, davanti al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica Copasir sulla vicenda Genchi. Lasciando Palazzo San Macuto, De Magistris non ha voluto commentare l'audizione. Inseguito da giornalisti e dalle telecamere ha semplicemente detto: «Non rilascio dichiarazioni», senza voler aggiungere altro. Il magistrato, ascoltato dal Comitato, ha dovuto chiarire con quali modalità abbia consentito al suo consulente di acquisire tabulati telefoni nell'ambito dell'inchiesta Whay Not. (Ansa)

vazione e l’analisi di circa 8.000 movimenti franosi, di cui 6.000 ad alto rischio; sono stati effettuati monitoraggi su circa 1.000 corsi d'acqua, con circa 50.000 schede compilate da sorveglianti idraulici che hanno posto in evidenza lo stato di salute dei fiumi calabresi. Il piano, che ha visto la partecipazione di tutti i comuni, dovrebbe avere un carattere sovraordinatorio, cioè dovrebbe condizionare le scelte urbanistiche dei piani regolatori. Si è avviata una complessa e non sempre coerente strutturazione di uffici tecnici regionali e dell’autorità regionale di bacino che, soprattutto negli ultimi anni, hanno gestito interventi per circa 350 milioni di euro; interventi ed investimenti comunque assolutamente insufficienti per affrontare seriamente il problema che andrebbe visto nel contesto più complesso della pianificazione e della gestione territoriale. La situazione attuale ha infatti responsabilità precise sia sotto il profilo delle omissioni che su quello delle autorizzazioni: da un lato infatti si sono omessi gli interventi repressivi obbligatori e necessari che arginassero il diffusissimo fenomeno dell’illegalità urbanistica che ha devastato larghe porzioni del territorio, dall’altro sono state rilasciate autorizzazioni con pareri tecnici del tutto discutibili. Il Cnr ha stimato che una messa in sicurezza ambientale della Calabria necessita di un piano di lavoro con investimenti costanti per almeno 15 anni. Il problema va quindi affrontato in modo sistematico mettendo a frutto il bagaglio di conoscenze già oggi disponibili. Il Wwf chiede al Governo al Parlamento un riorientamento dei fondi comunitari allocati con il DL112/2008. In particolare chiede che il Cipe stabilisca i termini di priorità degli oltre 4 miliardi di fondi Fas destinati al Sud fissando tre obiettivi primari irrinunciabili: messa in sicurezza del territorio per il rischio idrogeologico, sgombero, abbattimenti

Oggi si inaugura l’Anno Giudiziario Jannelli alla cerimonia di Catanzaro

CATANZARO — L’ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris rischia nuove azioni disciplinari. La prima commissione del Csm ha infatti deciso di proporre al plenum l'invio di alcuni atti inerenti il magistrato ai titolari dell'azione disciplinare. La commissione, infatti, si accinge ad archiviare i fascicoli aperti su De Magistris, dato che l’ex pm è già stato trasferito dalla sede e dalla funzioni per decisione del “tribunale delle toghe”, ma ritiene che vi siano elementi che il pg della Cassazione e il Guardasigilli debbano esaminare. Intanto, la Procura generale di Catanzaro ha trasmesso alla Procura di Roma gli atti relativi all'archivio di Gioacchino Genchi, il consulente dell'ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris. Gli atti, portati dai carabinieri, sono già arrivati ie-

ri nella Capitale e sono nella disponibilità dei magistrati romani. La trasmissione degli atti è stata decisa perché, secondo i magistrati catanzaresi, competente ad indagare su eventuali reati è la Procura di Roma dal momento che l'acquisizione dei tabulati era avvenuta nella sede dei gestori telefonici che, appunto, hanno sede nella capitale. Nell'archivio Genchi ci sarebbero 578 mila record anagrafici, 1.402 tabulati e oltre un milione di contatti telefonici. I contatti riguarderebbero parlamentari, magistrati, esponenti delle forze dell'ordine e dei servizi di sicurezza ed alte cariche dello Stato. I contatti telefonici sono stati acquisiti nell'ambito delle inchieste Why not e Poseidone quando queste erano condotte da De Magistris. A seque-

CATANZARO — Il sen. Emilio Nicola Buccico, del Pdl, sindaco di Matera, è stato interrogato ieri mattina dal pm di Catanzaro Vincenzo Capomolla, titolare dell'inchiesta Toghe lucane dopo il trasferimento di Luigi De Magistris deciso dal Csm. Buccico, assistito dagli avvocati Giuseppe e Danilo Iannello, ha risposto alle domande del pm. «Siamo oltremodo soddi-

TOGHE LUCANE L’esponente del Pdl è indagato per i reati di abuso d’ufficio e favoreggiamento personale

CATANZARO — Il procuratore

Enzo Jannelli

Dal pm di Catanzaro il senatore Buccico sfatti - ha detto Giuseppe Iannello - per come in maniera esauriente e veramente esaustiva il sen. Buccico ha risposto a tutte le domande, producendo anche documenti a suffragare

quanto ha sostenuto. Oltre che contenti - ha proseguito il legale - siamo molto fiduciosi che questa vicenda possa decidersi in breve tempo ed in termini positivi. Buccico chiedeva da tem-

e delocalizzazione delle strutture ricadenti nelle aree a rischio più elevato, miglioramento della struttura ferroviaria di collegamento tra Salerno e Reggio Calabria». «Certamente soddisfatto dell’attenzione mostrata dal capo del dipartimento della protezione civile come dal governo nazionale e regionale, purtroppo dobbiamo constatare per l’ennesima volta che per governare questo territorio bisogna dichiarare lo stato di emergenza, riteniamo che questa sia una cosa oggi intollerabile, dobbiamo assolutamente cambiare modo di lavorare e tornare con urgenza all’ordinarietà della gestione del territorio». Così Antonino Morabito, presidente di Legambiente Calabria, in un’intervista alla Agenzia Radiofonica Econews sull’emergenza frane nel territorio calabrese. «Serve dare atto e dare seguito alla pianificazione e alla programmazione degli interventi ordinari - ha proseguito Morabito - serve ripristinare la buona e vecchia usanza della manutenzione ordinaria di viabilità di strade, di fossi, serve ridare lavoro alla gente e rimettere in condizioni anche di qualità il territorio. Questa attenzione è stata trascurata da troppi decenni - ha continuato - quindi non è una responsabilità solo del governo regionale in carica, ma è una cosa che continua a non ripartire, continua ad essere procrastinata sembra in attesa che arrivi l’evento che richieda nuovamente lo stato di emergenza, è qualcosa di incredibile». Poi il presidente di Legambiente Calabria fa un appello ai governi, nazionale e regionale: «Intervenire subito sull’assetto e sulla prevenzione del rischio del territorio calabrese e’ un appello per tutti i cittadini calabresi di oggi e di domani - ha concluso Morabito - non possiamo più accettare che la Calabria debba dichiarare per i vari argomenti necessità di uno stato di emergenza, abbiamo urgentissimo bisogno dell’ordinarietà».

po di essere sentito, ma purtroppo ciò non era avvenuto. Finalmente adesso, con il nuovo sostituto, è stata accolta la nostra richiesta e il sostituto ha disposto la sua audizione».

generale di Catanzaro, Enzo Jannelli, interverrà oggi alla cerimonia per l’inaugurazione dell'Anno Giudiziario nel distretto della Corte d’appello di Catanzaro. Per il procuratore generale Enzo Jannelli, nelle scorse settimane, il Consiglio Superiore della Magistratura ha disposto il trasferimento di sede e funzioni nell'ambito della vicenda dello scontro tra le Procure di Catanzaro e Salerno sull'inchiesta Why Not. La cerimonia di oggi sarà aperta dalla relazione del presidente della Corte d’appello, Pietro Sirena. (Ansa) Buccico è indagato per i reati di abuso d'ufficio e favoreggiamento personale che avrebbe commesso nella sua qualità di avvocato e di componente, negli anni scorsi, del Consiglio superiore della magistratura. Nei mesi scorsi a Emilio Nicola Buccico era stato notificato l'avviso di conclusione indagini. (Ansa)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 17

CALABRIA La Salerno-Reggio è l’eterna incompiuta: come l’eterno nodo del Mezzogiorno fa comodo a chi specula sul bisogno e sull’arretratezza

La A3 e la Questione meridionale La terra delle continue emergenze figlie della politica miope che non ascolta i tecnici CATANZARO — Undici anni, dal ’63 al ’74, per metterla in piedi; una quantità ancora indefinita di tempo per ultimarla così da traghettare il Sud verso l’Europa. L’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria è l’eterna incompiuta. Conquista il rango di metafora delle storture della politica e della società civile. E come la questione meridionale la sua problematicità diventa elemento di comodo per la riproduzione degli assetti di potere. Le denunce fatte da sindacalisti, opinionisti, e da ultimo dal governatore Loiero sulle infiltrazioni criminali nei cantieri e negli affari legati all’Autostrada, rimandano al male più evidente con cui si deve fare i conti: la ’ndrangheta, le forze criminali che si annidano nella rete degli appalti e subappalti e che traggono giovamento dal fatto che l’A3 è un cantiere eterno, un’arteria indefinitamente incompiuta. La Salerno-Reggio è allora un po’ come la questione meridionale. Anzi, di tale Questione è parte integrante, significante per eccellenza. Le continue promesse di chiudere la partita dell’Autostrada spese di anno in anno dai ministri di volta in volta in carica, sono analoghe alle continue promesse dei politici di turno, che, campagna elettorale dopo campagna elettorale, si dicono certi di poter risolvere al meglio la piaga sociale ed economica del Mezzogiorno. Come la (eterna) questione meridionale, l’A3 eterno cantiere fa comodo al potere alimentato dal bisogno, fa comodo a chi vede negli affari un motivo di sviluppo non già della collettività ma del proprio potere (legale e non). Oltre alle storture criminali sottolineate da indagini giudiziarie e da appelli politico-sindacali più o meno retorici, la A3 è tinta del grigio della miopia in apparenza lontana dalla più cruda sfera criminale. La Salerno-Reggio si potrebbe associare alla superficialità diffusa e allo sviluppo incontrollato che non tiene conto dei veti posti dalla natura. C’è poi nello specifico il grave errore di aver fatto passare l’autostrada dal tratto cosentino teatro della tragedia costata la vita a due persone. Come sottolinea Gian Antonio Stella sul Corsera, “l’area del disastro, infatti, è tra quelle additate ad alto rischio nel

A3 Salerno-Reggio, il luogo della frana costata la vita a due persone

Piano di assetto idrogeologico di un territorio, quello calabrese, non solo instabile ma sottoposto in questi anni a una cieca e suicida devastazione”. La Calabria è dunque la terra dove la tecnica - in questo caso il sapere (inascoltato) dei geologi - passa in secondo piano rispetto alla (spesso miope) categoria dell’opportunità della politica, che prende decisioni, stabilisce tracciati e deviazioni, in funzione di facili consensi. Sempre Stella riporta sulle colonne del suo giornale le parole di rabbia espresse al Gr1 dal presidente dell’Ordine dei geologi calabresi, Paolo Cappadona. “Cose da terzo mondo”, sbotta Cappadona, “non si può morire per una frana sull’autostrada. La Calabria è geologicamente molto

Quinto e sesto maxilotto della A3. L’allarme del segretario del Pdci reggino, Ivan Tripodi

«A rischio 625 posti di lavoro» REGGIO CALABRIA — «I nuovi licenziamenti» sono il frutto di «una catena perversa di subappalti dei subappalti che hanno prodotto rallentamenti nel 5° maxi lotto e, addirittura, il fermo totale del 6° maxilotto». E’ quanto dichiara, in una nota, il segretario cittadino del Pdci di Reggio Calabria, Ivan Tripodi. Che annuncia il licenziamento di oltre 600 lavoratori impegnati nei cantieri della Salerno-Reggio Calabria. «Quella che si sta giocando - esordisce Ivan Tripodi - non è una partita a poker dove i bluff a volte riescono e servono a vincere la partita. Qui si sta decidendo il presente e il futuro di 625 lavoratori lasciati a casa senza una ben che minima plausibile giustificazione. Incontrando i sindacati, il Consorzio Scilla, il raggruppamento composto da Impregilo e Condotte, ha in sostanza confermato e ufficializzato - continua la nota - il licenziamento dei 466 operai e dei 159 impiegati e quadri impegnati nei lavori per l’ammodernamento del 5° e 6° maxilotto della Sa-Rc, mettendo in pratica la parola fine su una vertenza che non ha sbocchi. Le dichiarazioni rilasciate, successivamente all’incontro avuto dalle organizzazioni sindacali con Impre-

RICERCA PERSONALE QUALIFICATO Si precisa che tutte le inserzioni relative alla ricerca di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata ai sensi dell’art. 1 della legge 9/12/77 nr. 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

GRUPPO CALABRIA SPOSI LEADER NEL SETTORE,

RICERCA 1 CAPO AREA CALABRIA FORMAZIONE/FISSO MENSILE INTERESSANTI PROVVIGIONI ED INCENTIVI. SI RICHIEDE ESPERIENZA MINIMO BIENNALE NELLA GESTIONE DI RETI VENDITA E LA PROVENIENZA DAL SETTORE PUBBLICITARIO OFFRESI

E N° 1 AGENTE PUBBLICITARIO PER ROSSANO E CORIGLIANO. PER COLLOQUIO INVIARE CURRICULUM A:

direttore@calabriasposi.com O N° VERDE 800

985 387.

WWW.CALABRIASPOSI.COM

giovane. E quindi è la più esposta a rischi idrogeologici. Tutto dovrebbe essere progettato con molta più attenzione. Al contrario, assistiamo da decenni a cattiva gestione del territorio, incuria, devastazioni. E ogni volta che cerchiamo come geologi di sensibilizzare le istituzioni sul problema ci scontriamo con un muro di gomma. Finché non c’è il disastro... ”. Appunto, finché non c’è il disastro. Le frane che hanno squarciato la Calabria facendola tornare al suo storico isolamento infrastrutturale, rimandano a un dato di fatto innanzitutto culturale. Programmare e abbandonare la miopia dell’oggi, è un’abitudine tutta da conquistare con il risultato che affondiamo sempre nella continua emergenza, ambientale, dei rifiuti, geologica, meteorologica e chi più ne ha più ne metta. Assistiamo a un vero e proprio rosario delle emergenze. Al punto che anche i mass media dimenticano il senso vero del termine: emergenza è infatti l’inaspettato che emerge, d’un tratto, inaspettatamente; le emergenze nostrane sono invece un dato storico, da tempo a galla, appartengono alla sfera del risaputo, del prevedibile, del tanto prevedibile quanto trascurato. La Calabria è però di fronte a un bivio. I modi di reagire e di condizionare la storia possono essere tanti. Il solito fatalismo dell’ultraterreno è sempre in agguato. Il padre di uno dei ragazzi travolti dalla tragedia della A3 - riporta Stella - avrebbe detto a Loiero che questo tragico fatto “lo ha voluto Dio”. Ma i geologi inascoltati dalla politica sorda non la pensano proprio così...

gilo e Condotte, dal bravo segretario della Filca-Cisl reggina Nino Botta, non lasciano, purtroppo, grandi prospettive per il futuro dei 625 lavoratori. E’ inutile, infatti afferma sempre Tripodi -, che Impregilo e Condotte cerchino di sfuggire dalle proprie responsabilità, precisando che la procedura di riduzione del personale risponde a esigenze di riorganizzazione delle attività e che i lavori proseguiranno secondo i programmi previsti con l’Anas. Per quanto riguarda l’andamento dei lavori è noto a tutti che i ritardi sono abissali. Quindi niente scuse. Quello che sta succedendo, lo ribadiamo, è di una gravità assoluta, frutto di un sistema perverso che ha già fatto nei mesi scorsi altre vittime tra i lavoratori, lasciati a casa da un giorno all’altro senza senza motivazioni valide se non quelle degli interessi senza scrupoli delle imprese che si occupano della realizzazione dell’opera». «I nuovi licenziamenti sostiene il segretario dei Comunisti italiani - sono la causa di quanto avevamo già denunciato e continuiamo a denunciare: una catena perversa di subappalti dei subappalti che hanno prodotto rallentamenti nel 5° maxi lotto e, addirittu-

ra, il fermo totale del 6° maxilotto ( solo qualche sbancamento a Villa S. G.). Alla faccia della trasparenza questa catena perversa prosegue e fa da traino alle pesanti difficoltà ambientali legate alla presenza della ‘ndrangheta che spadroneggia e condiziona l’attività lavorativa in tutti i cantieri dell’autostrada. L’Anas e il Governo, principali attori negativi della vicenda, continuano a rimanere in rigoroso, preoccupante e stucchevole silenzio. La verità, al di là delle parole di Anas, Impregilo e Condotte, è che siamo al collasso e che la SalernoReggio Calabria si avvia a diventare l’eterna incompiuta». «Bisogna dire la verità, in primis ai lavoratori: allo stato attuale - è l’amara previsione - l’unica prospettiva concreta è rappresentata dalla cassa integrazione straordinaria. Tutto ciò è inaccettabile. Noi Comunisti italiani non ci arrediamo: siamo e saremo sempre a fianco dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali, pronti a denunciare quanto di grave e di allucinante continua a consumarsi nel colpevole silenzio del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, dell’Anas e delle Istituzioni locali, Comune e Provincia di Reggio in primis».

REGGIO CALABRIA — L’Anas ha

Statale 184, “Gallico-Gambarie” riaperto l’ultimo tratto del II lotto

aperto ieri al traffico il secondo ed ultimo tratto del 2° lotto della strada a scorrimento veloce "GallicoGambarie", da Prioli a Mulini di Calanna, nel Comune di Reggio Calabria. E’ quanto reso noto dall’ufficio stampa dell’Anas. «L’Anas conferma il proprio impegno per la regione Calabria - dichiara, nella nota, il presidente dell'Anas, Pietro Ciucci - a dimostrazione che non si occupa solo delle grandi infrastrutture, ma anche delle opere di collegamento a carattere prevalentemente locale, in collaborazione con le amministrazioni del territorio». «L'opera - prosegue il comunicato - fa parte di un più ampio intervento, ormai completato, che consiste nella nuova arteria stradale in variante alla ex strada statale 184 attualmente gestita dall’Amministrazione provinciale di Reggio Calabria. La nuova arteria è composta da due corsie, una per senso di marcia, della larghezza di 3,75 metri, oltre alle banchine laterali. Il tracciato si sviluppa in accostamento al torrente “Gallico” per 4.851 metri e costituirà un più rapido ed agevole collegamento tra il

Francesco Ciampa

Il presidente dell’Ordine dei geologi calabresi: “Ci scontriamo sempre con un muro di gomma finché non c’è il disastro”

Statale 184, tratto “Gambarie-Gallico”

litorale tirrenico e il centro aspromontano che presenta una geometria plano-altimetrica fortemente penalizzata dalla complessa morfologia del versante collinare». «Il tratto stradale di 1.268 metri, oggi aperto al transito, è caratterizzato - sopttolineano ancora dall’Anas - dalla presenza di importanti opere d’arte quali una galleria naturale della lunghezza di 110 metri; del viadotto a 4 campate "S. Biagio", della lunghezza comples-

siva di 88 metri; del viadotto a 6 campate "Tre Valloni", della lunghezza complessiva di 125 metri; nonché di alcune opere minori. L’importo complessivo delle opere realizzate ammonta a circa 5,5 milioni di euro. La realizzazione degli ultimi lotti, che completeranno l'itinerario, verrà effettuata dall’Amministrazione provinciale, a cui sono state trasferite le competenze gestionali della ex statale 184».


18 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA MONTAURO Operazione dei carabinieri della Stazione di Davoli, nel corso di uno specifico servizio disposto dal superiore Comando Compagnia di Soverato

Trasportavano rifiuti pericolosi, arrestati In manette sono finiti Fiore Amato, di 47 anni, e Cesare Amato, di 30 anni, entrambi di etnia rom MONTAURO — Nel primo pome-

riggio di giovedì, i carabinieri della Stazione di Davoli, diretti dal Mar. Sandro Pagano, nel corso di uno specifico servizio finalizzato alla salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica, disposto dal superiore Comando Compagnia di Soverato, agli ordini del Ten. Emanuele Leuzzi, hanno tratto in arresto due persone di etnia rom di Lamezia Terme, Fiore Amato, di 47 anni, e Cesare Amato, di 30 anni, ritenuti responsabili in concorso di aver effettuato attività illecita di raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi in un territorio in cui vige lo stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti senza la prescritta autorizzazione regionale. In particolare, verso le 15:00 di giovedì pomeriggio, nel transitare lungo la statale 106, all’altezza di Montauro, i militari della Stazione di Davoli hanno notato un autocarro, con a bordo due persone, che trasportava del materiale ferroso e una vecchia auto fuori uso. Poiché la carcassa d’auto e quanto rinvenuto nel cassone dell’autocarro, secondo quanto indicato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio ai sensi del D. lgs. 152/2006, sono da considerarsi rifiuti pericolosi, i militari hanno deciso di fermare il furgone per effettuare un controllo più approfondito. E’ emerso quindi che

Cesare Amato

Fiore Amato

La sede della Compagnia Carabinieri di Soverato

i due non avevano alcuna autorizzazione per effettuare attività di raccolta e trasporto di rifiuti come previsto dalla normativa vigente in materia di smaltimento dei rifiuti ed approvata a dicembre per fronteggiare l’emergenza rifiuti e recante misure urgenti di tutela ambientale. Considerato, inoltre, che nello scorso dicembre la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha proclamato lo stato di emergenza rifiuti urbani anche per la Regione Calabria fino al 31 dicembre 2009 e visto che i due nomadi è risultato avessero a loro carico dei precedenti penali specifici ed in particolare uno di loro era già stato denunciato nel 2003 dai carabinieri di Chiaravalle Centrale per aver trasportato illecitamente rifiuti speciali, i militari di Davoli hanno dichiarato i due rom in stato di arresto e posto sotto sequestro il furgone e tutto il materiale trasportato. I due Amato sono stati poi ac-

I due non avevano alcuna autorizzazione per effettuare attività di raccolta e trasporto di rifiuti

Serre, aumentano i controlli Corigliano, pesca del novellame del Corpo Forestale dello Stato al via i controlli della Capitaneria MONGIANA — Gli uomini del Corpo

Forestale dello Stato, al fine di contrastare il triste fenomeno degli animali vaganti sull’altopiano delle Serre calabresi, sono stati impegnati, negli ultimi giorni, in una serie di controlli ad aziende zootecniche della zona che hanno portato alla denuncia di due diversi allevatori per abbandono di animali e pascolo abusivo. Elevate numerose sanzioni amministrative anche nel settore della vendita al dettaglio di carne. Negli ultimi tempi sono stati intensificati, da parte dei Reparti operanti sotto le direttive del Comando Provinciale di Vibo Valentia, i controlli per contrastare il fenomeno degli animali vaganti sull’altopiano delle serre calabresi, nell’ambito delle attività predisposte dalla locale Prefettura ed a seguito anche di specifiche denunce e segnalazioni, da parte di coltivatori, di danneggiamenti subiti sui propri fondi ad opera di bovini vaganti incustoditi. Nello specifico, l’attività il personale del Posto Fisso di Mongiana e del Comando Stazione di Vallelonga ha portato ad individuare 10 bovini vaganti in località “Scendamo” di Serra San Bruno (VV) ed altri 8 bovini vaganti in località “Pendina Palati” di Vazzano (VV). In entrambi i casi gli agenti della Forestale, attraverso gli auricolari degli animali, sono risaliti ai proprietari degli stessi e quindi allo loro denuncia all’Autorità Giudiziaria di Vibo Valentia per danneggiamento e abbandono di animali su fondo altrui e pascolo abusivo. Nell’ambito della medesima attività, il personale del Comando Stazione di Serra San Bruno, unitamente ai veterinari dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Vibo Valentia, ha effettuato i controlli sanitari an-

che in alcune stalle, con l’irrogazione di diverse sanzioni amministrative, relative all’omesso aggiornamento del registro di stalla e per omessa custodia e malgoverno di animali. Altre sanzioni sono scaturite per trasferimento di animali bovini da un comune all’altro senza la prescritta autorizzazione. Nel corso di posti di controllo, inoltre, il personale del Comando Stazione di Vibo Valentia ha contestato una violazione amministrativa all’autista di un camion adibito al trasporto di animali, perché trovato sprovvisto nella necessario certificato di idoneità previsto dalla vigente normativa comunitaria. Complessivamente, in tale ambito, sono state comminate sanzioni per un importo pari a . 7.000 circa. Nel settore del commercio della carne destinata al consumo umano, infine, sono stati effettuati alcuni controlli in diversi esercizi commerciali al dettaglio, che hanno portato alla contestazione di due illeciti amministrativi per omessa etichettatura della provenienza delle carni, per un importo complessivo di . 8.000. Il problema degli animali vaganti è seguito con particolare attenzione da parte del Corpo Forestale dello Stato in quanto causa danni alle colture agricole, determina un sicuro pericolo per la circolazione stradale e per la pubblica e privata incolumità, può costituire un pericolo per la salute umana trattandosi, il più delle volte, di bovini privi di controllo sanitario che potrebbero essere immessi sul mercato anche attraverso la macellazione clandestina. Per garantire la sicurezza dei cittadini sono tuttora in corso controlli in alcune macellerie e mattatoi della provincia.

CORIGLIANO CALABRO — Ieri è partita la campagna di pesca 2009 del novellame di pesce azzurro. La Capitaneria di porto di Corigliano Calabro ha completato la consegna, ai pescatori, delle autorizzazioni per la pesca speciale del bianchetto pervenute dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Quest anno c’è una novità introdotta dalla Capitaneria di Porto. Il Capo del Compartimento Marittimo di Corigliano Calabro ha, infatti, emanato apposita ordinanza finalizzata a censire puntualmente tutti i piccoli natanti utilizzati allo scopo, le zone di pesca abituali, gli addetti a tale tipo di pesca ed altre informazioni utili, giacchè, anche per il 2009, il Ministero ha autorizzato l’utilizzo di imbarcazioni tipo

“canadian” alternativamente ai motopescherecci. Con la predetta ordinanza, la numero 6/2009, consultabile sul sito web della Guardia Costiera, sono stati introdotti particolari obblighi a carico degli armatori e dei comandanti delle unità che consentiranno di migliorare i controlli in mare ed allo sbarco contribuendo ad evitare forme di abuso sia in materia di pesca che di arruolamento del personale marittimo. Ieri già i primi due verbali di contravvenzione per inosservanza delle norme sul lavoro marittimo a seguito dell’accertamento che su due imbarcazioni “canadian”, impegnate nella pesca nella parte nord del Compartimento, erano imbarcati soggetti (pescatori) non regolarmente assunti.

compagnati presso il carcere di Catanzaro-Siano su disposizione del P. M. di turno, d. ssa Alessia Miele, in attesa del giudizio per direttissima che si è tenuto nella mattinata odierna. Il giudice ha convalidato l’arresto per entrambi disponendo nei loro confronti l’obbligo di dimora nel comune di residenza e l’obbligo di presentazione alla P. G. ed ha confermato anche il sequestro di tutto quanto è stato rinvenuto sull’autocarro. Quelli di venerdì sono stati i primi arresti nella provincia di Catanzaro avvenuti a seguito delle disposizioni indicate dalla legge numero 210 del 30 dicembre 2008, che prevede, tra l’altro, pene da 1 a 6 anni per chi, in territori in cui vige lo stato di emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti (la Calabria è una di queste), effettua un’attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza dell’autorizzazione, iscrizione o comunicazione prescritte dalla normativa vigente. La misura straordinaria prevista dalla legge in questione è stata disposta inizialmente per fronteggiare l'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania e per la tutela dell’ambiente, ed è stata poi estesa anche a tutti quei territori in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza.

In breve Catanzaro, rimborsi gonfiati: slitta il processo Il secondo giorno di astensione dalle aule di giustizia dei pubblici ministeri non togati (che protestano contro la mancata attribuzione di maggiori competenze) ha fatto slittare la trattazione del processo a carico di 5 pubblici amministratori ed il titolare di un’agenzia di viaggi coinvolti nell'inchiesta su un presunti rimborsi non dovuti sborsati dagli enti pubblici di appartenenza ad amministratori che avrebbero consumato veri e propri raggiri. Emissioni polveri da cementificio, denuncia a Vibo I carabinieri hanno denunciato il direttore di un cementificio per violazione della normativa ambientale. I militari hanno rilevato l'emissione di polveri di lavorazione.

CROTONE Il Comando stazione forestale di Petilia Policastro intensifica il controllo del territorio delle aree a rischio

Due denunce per furto di legname CROTONE — Il Comando stazione forestale di Petilia Policastro, nel corso di alcuni servizi effettuati in materia ambientale, nonché di controllo del territorio delle aree maggiormente a rischio del fenomeno furtivo, e precisamernte in località LafrI in agro e di proprietà del Comune di Mesoraca, ha proceduto a deferire alla autorità giudiziaria competente tale M. G. di anni 48 di Mesoraca. La pattuglia in servizio accortasi di alcuni movimenti sospetti, accertava che M. G. simulando di essere in possesso di una autorizzazione da parte del comune di Mesoraca, aveva proceduto al taglio di una pianta di faggio da adibire a

legna da ardere. Dalle indagini espletate immediatamente dagli uomini del CfS, è emerso che il Comune di Mesoraca non aveva rilasciato alcuna autorizzazione al taglio della predetta pianta. Nel corso degli accertamenti di rito, eseguiti con l’ausilio delle apparecchiature Gps, per rilevare le coordinate geografiche, e sim. (sistema informativo della montagna), che consente di sovrapporre cartografia catastale e rilievo aerofotogrammetrico della stessa zona con le coordinate geografiche, è stato possibile accertare che l’area oggetto del furto appartiene al demanio pubblico, di proprietà del Comune di Me-

soraca, riportata in catasto al foglio n. 06 particella n. 03. Pertanto, l’indagato, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato, più precisamente, per avere abbattuto una pianta di faggio ed avere trafugato contestualmente il relativo materiale legnoso, senza l’autorizzazione e/o concessione dell’ente proprietario. Ciò che è emerso nel corso delle indagini, conferma quanto sospettato dagli uomini del Corpo Forestale, ossia di persone che frequentemente tagliano e rubano piante a danno del Comune di Mesoraca, dove in alcuni casi ne fanno una vera e propria attività commerciale.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 19

CALABRIA LAMEZIA TERMEI particolari dell'operazione “No Stop” sono stati resi noti ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta in Questura a Catanzaro

Lavori pubblici nel mirino dei clan Le organizzazioni criminali del Lametino si confermano particolarmente attive nel fenomeno delle estorsioni CATANZARO — Le organizzazioni criminali del Lametino si confermano particolarmente attive nel fenomeno delle estorsioni. Lo dimostrano i tre arresti effettuati dalla squadra Mobile della Questura di Catanzaro in collaborazione con il Commissariato di Lamezia Terme. Gli inquirenti hanno potuto ricostruire alcuni episodi nei confronti di due imprenditori edili della zona. Nell'inchiesta, denominata "No stop" sono finiti Giuseppe Fruci, 40 anni, di Curinga (Cz), già detenuto nel carcere di Secondigliano (Na); Vincenzo Giampà, 41 anni, alias "Camacio", già detenuto nel carcere di Melfi (Pz); Gaetano La Rosa, 35 anni, incensurato, originario della Locride ma da tempo residente nel Lametino. Secondo le ipotesi investigative, i tre avrebbero messo in piedi, ognuno in rappresentanza della cosca di appartenenza, attività estorsive. Le estorsioni erano mensili o una tantum e talvolta servivano come contributo per le spese legali per esponenti delle cosche. In particolare Fruci, affiliato alla cosca Anello-Fruci, detenuto per l'operazione "Domino", avrebbe portato a termine un'estorsione di 10.000 euro, come contributo per le spese legali, tentando una seconda estorsione di 30.000 euro come unica soluzione e la richiesta di ulteriori 3.000 euro mensili, tutti a danno di un imprenditore di calcestruzzi. Per Giampà, invece, affiliato all'omonima cosca lametina, l'accusa è quella di avere estorto 6.000 euro a due imprenditori, padre e figlio, come

In breve Vibo, due autovetture incendiate Due autovetture sono state incendiate durante la notte tra giovedì e ieri nel Vibonese. Il primo incendio è avvenuto a Francica, comune poco distante da Vibo, dove, intorno alle 23,30, è stata data alle fiamme una Fiat Bravo di proprietà di F. G. 30 anni, aiutante panettiere. Il secondo episodio a Fabrizia, un comune nelle Serre vibonesi, dove è stata data alle fiamme una Fiat Panda, di proprietà di una casalinga di 40 anni, B. M. Interventi dei vigili del fuoco e dei carabinieri per le indagini. (agi) Droga, latitante si costituisce a Milano Un latitante, Francesco Pesce, di 25 anni, ritenuto dagli investigatori elemento di spicco del clan Pesce-Bellocco di Rosarno (Reggio Calabria), si è costituito giovedì sera presentandosi alla Guardia di finanza di Milano. Pesce era sfuggito alla cattura lo scorso 19 maggio nell'ambito dell'operazione “Timoleonte”, condotta dalla guardia di finanza di Catania nei confronti di presunti appartenenti ad una organizzazione dedita al traffico e allo spaccio di cocaina ad Adrano e nei comuni limitrofi. Le indagini, coordinate dalla Dda del capoluogo etneo, hanno permesso di individuare il canale di approvvigionamento della droga, della quale sarebbero stati fornitori i clan “Nirta-Strangio” di San Luca e “Pesce-Bellocco” di Rosarno. Il 19 maggio scorso era stato arrestato Rocco Palaia. (Ansa)

Giuseppe Fruci

Vincenzo Giampà

Gaetano Larosa

prio La Rosa è stato trovato in possesso di diverse armi da fuoco legalmente detenute, che sono state ritirate in attesa dei provvedimenti successivi. Nell'obiettivo dei tre arrestati, che

operavano distintamente uno dall'altro, erano finiti alcuni lavori pubblici, come la realizzazione di una piazza a Feroleto Antico e di uno stabile destinato a uffici pubblici a Lamezia Terme. Gli episodi contestati che risalirebbero al 2005 per Fruci e al 2006 per gli altri due arrestati. L'inchiesta, che ha portato all'emissione dei provvedimenti di custodia cautelare in carcere concessi dal Gip del Tribunale di Catanzaro, Camillo Falvo, è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia con il pm Gerardo Dominijanni. Le indagini effettuate dalla polizia hanno permesso di ricostruire gli episodi, convincendo, davanti ai riscontri ottenuti, anche gli imprenditori a collaborare. I particolari dell'operazione sono stati resi noti ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta in Questura alla presenza del capo del-

La conferenza stampa di ieri

"assicurazione" contro danni e furti. Infine, La Rosa, incensurato, vicino alla cosca Torcasio, avrebbe estorto a un imprenditore la somma di 2.000 euro per evitare possibili ritorsioni. Pro-

CATANZARO Il Tar Calabria si pronuncia in merito al bando di gara del 5 maggio 2008 del Comune di Rende

Psc, illegittima l’esclusione dei professionisti CATANZARO — Il Tar Calabria – Catanzaro (Presidente Mastrocola – Relatore Anastasi) all’udienza in Camera di Consiglio del 29.1, accogliendo integralmente le tesi difensive svolte dall’avv. Oreste Morcavallo, ha accolto la domanda dell’architetto D. F. capogruppo di un raggruppamento temporaneo di professionisti, e per l’effetto ha sospeso il provvedimento del Comune di Rende di esclusione dei professionisti dalla procedura di affidamento dell’incarico e con cui ha dichiarato deserta la gara. I fatti. Con bando di gara del 5 maggio 2008 il Comune di Rende indiceva “Procedura aperta CATANZARO — I finanzieri del Gico di Catanzaro hanno sottoposto a sequestro, nella provincia di Vibo Valentia, due imprese (la “Calor System s. r. l. ” e “La Pavone s. a. s. ” con sede, rispettivamente, in Maierato e Ionadi) per un valore stimato di circa 1 milione di euro, riconducibili a Carmelo Lo Bianco, di anni 63, attualmente detenuto, affiliato alla omonima cosca. Il provvedimento ablativo, emesso dal tribunale di Vibo Valentia ai sensi dell’art. 2 ter e seguenti della legge 575/65 e successive modificazioni, rap-

per l’affidamento dell’incarico professionale finalizzato alla redazione del Piano strutturale comunale (P. s. c.) e del Regolamento Edilizio ed Urbanistico (R. e. u.). Il criterio di aggiudicazione consisteva nell’offerta economicamente più vantaggiosa. Alla gara partecipava l’arch. D. F. in qualità di capogruppo di un raggruppamento temporaneo di professionisti comprendente architetti, urbanisti, geologi, ingegneri, agronomi di altissimo livello professionale. Con provvedimenti del 10 novembre 2008 e del 14 novembre 2008 il Comune di Rende

procedeva alla esclusione dalla gara dei professionisti, rilevando la mancanza per uno di questi del requisito del pagamento delle imposte e delle tasse previsto dal Codice degli appalti. Nella specie si contestava il mancato pagamento del canone Rai da parte di uno dei professionisti partecipanti. Il Comune di Rende, quindi, avendo escluso dalla gara anche un secondo raggruppamento di professionisti concorrenti, dichiarava la gara deserta ed indiceva nuova procedura. Avverso i provvedimenti comunali proponeva ricorso l’arch. D. F. nella qualità di capo-

la Mobile, Francesco Rattà, del vice Saverio Mercurio, e del responsabile del commissariato di Lamezia Terme, Angelo Paduano. La situazione criminale del comprensorio di Lamezia Terme, secondo quanto emerso dalla conferenza stampa, appare sempre più complessa, come ha evidenziato il capo della squadra Mobile della Questura di Catanzaro, Francesco Rattà. «Il territorio del Lametino - ha spiegato - è controllato dalle cosche che lo hanno diviso in zone di influenza, per questo un imprenditore può essere vittima di più estorsioni, da parte di cosche diverse, a seconda delle realtà in cui opera di volta in volta». Gli investigatori hanno avuto modo di verificare una “divisione territoriale” a cui sono giunte le 'ndrine locali che permette un equilibrio tra le stesse e che viene mantenuta anche con omicidi e vendette nei confronti di chi non rispetta gli accordi. Nell'operazione "No stop", in cui sono finiti in manette gli esponenti delle cosche Anello-Fruci, Giampà e Torcasio, è stato possibile evidenziare come lo stesso imprenditore è stato contemporaneamente vittima di estorsione da parte di due cosche diverse, a seconda del luogo in cui lo stesso operava con i cantieri edilizi. Tra l'altro, l'inchiesta portata a termine dalla polizia di Stato è la prosecuzione di altre importanti attività investigative (Domino, Effetto Domino e Super Domino) che si sono succedute negli ultimi tempi contro le cosche di Lamezia Terme. (Agi) gruppo, difeso dall’avv. Morcavallo, il quale sosteneva che il criterio dell’obbligo di pagamento delle imposte e delle tasse, quale requisito di partecipazione alle gare pubbliche, non può ricomprendere il canone di abbonamento al servizio Rai, sia perché non rientra nella generale tipologia delle imposte e tasse definitivamente accertate, sia per l’esiguità della tassa che non può condizionare la solvibilità futura dei soggetti che operano con la Pubblica Amministrazione. «E’ la prima decisione sulla materia degli affidamenti degli incarichi per i Piani strutturali comunali – commenta l’avv. Oreste Morcavallo – che farà testo in tutte le gare pubbliche per i nuovi principi affermati sui requisiti dei partecipanti». r. s.

VIBO VALENTIA I risultati dell’inchiesta portata avanti dai finanzieri del Gico di Catanzaro a Maierato e Ionadi

Le Fiamme Gialle sequestrano due imprese presenta la prosecuzione di una più ampia indagine dello stesso G. i. c. o. che, nell’aprile del 2008, era pervenuto al sequestro di uno stabilimento industriale di impianti termoidraulici ubicato in Maierato, di tre unità immobiliari nonchè di quote societarie delle imprese innanzi menzionate, che ora vengono integralmente poste sotto sequestro. La co-

Beni stimati per un valore di circa 1 milione di euro, riconducibili a Carmelo Lo Bianco

stante attività investigativa espletata dalle fiamme gialle di Catanzaro è finalizzata ad impedire, in maniera sempre più incisiva, l’utilizzo ed il reimpiego dei proventi illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata, che tende, sempre più spesso, per autofinanziarsi, ad infiltrarsi nelle maglie dell’economia “legittima”.


20 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA Secondo l’Eurispes ogni amministrazione regionale spende in media 10,6 miliardi di euro. In Calabria la sfida dello snellimento

Spese della Regione, luci e ombre Il costo del personale si è ridotto ma bisogna tagliare i compensi per consulenze e comitati CATANZARO — La spesa complessiva

delle Amministrazioni regionali, nel corso del 2007, è stata di oltre 233,4 miliardi di euro, con una spesa media per Regione di 10,6 miliardi di euro. Il dato emerge dal 21esimo Rapporto dell’Eurispes riferito al 2007e ci offre lo spunto per parlare della situazione specifica della Regione Calabria. La nostra Regione è infatti sottoposta a un delicato e non facile processo di trasformazione. L’obiettivo è di accorpare i dipartimenti, dimezzandoli, riducendo il personale, secondo un processo di snellimento già in atto. Per una Regione del Sud dove un posto di lavoro nel pubblico ha rappresentato il più grande ammortizzatore sociale messo in campo, il taglio del personale rappresenta un capitolo centrale della storia calabrese. Di passi in avanti se ne sono fatti. La Corte dei conti - nella relazione riferita al 2007 - rileva infatti che il costo del personale regionale è passato dai circa 174 milioni e mezzo del 2004 a poco meno di 124 milioni nelREGGIO CALABRIA — Il parla-

mentare Aurelio Misiti, segretario regionale di Italia dei Valori, a margine di un incontro promosso da Idv della zona ionica reggina sul federalismo fiscale, ha commentato le notizie riferite dalla stampa regionale relative a un presunto attacco di Antonio Di Pietro, tramite il suo blog, alla giunta regionale e al presidente Loiero. Nel merito - si legge in una nota il deputato di Idv «si è dichiarato molto rammaricato per il significato attribuito alle parole di Di Pietro, che non voleva certo attaccare la Calabria e il suo attuale presidente ma soltanto fare un VIBO VALENTIA — «Ho avuto modo di leggere le prime dichiarazioni dei politici locali in merito alla frana che si è abbattuta sulla città di Tropea. Non avevo dubbi, e pertanto non mi sono stupito nel trovarne conferma: è tutta una smielata passerella di chi si è recato sul posto, di chi dichiara la propria disponibilità, di chi si stringe affettuoso e commosso, di chi si dichiara il proprio impegno, di chi dichiara il proprio proposito di fare. In altri termini: solo chiacchiere e distintivo». Si apre così la nota dell’europarlamentare Domenico Antonio Basile, che interviene in merito alla frana che ha investito la cittadina del Vibonese. «Perché invece - si domanda Basile -, dopo essersi rimboccate le maniche per superare la prima emergenza (ed a tale riguardo non si hanno altri da ringraziare che i sempre presenti e generosi uomini e donne dei Vigili del Fuoco, della ProtezioCATANZARO — Il leader del movi-

mento Diritti Civili, Franco Corbelli, dopo la violenta ondata di maltempo che ha colpito la Calabria, parla di «vera e propria emergenza sicurezza delle strutture scolastiche più fatiscenti, obsolete e pericolose» e chiede alle Amministrazioni competenti (Comuni, Province, Regione) di voler «disporre, in attesa degli interventi governativi, preannunciati dal Ministro della Istruzione, Gelmini, che avranno tempi burocratici lunghi, una immediata verifica delle condizioni di stabilità di tutti gli edifici scolastici calabresi particolarmente a rischio». «Dopo l’ondata di maltempo e la pioggia incessante che hanno investito la Calabria, causando frane,

l’anno 2007. Un risultato favorito dal trasferimento di deleghe e funzioni alle Province ma che si inserisce in una tendenza di più ampia portata. Il “capitolo personale” è però solo un aspetto. Bisogna infatti considerare la collezione di dati negativi che emerge dalla relazione dei giudici contabili. La Corte dei conti mette in evidenza anche le storica difficoltà della Regione a spendere. Il riferimento sono soprattutto i fondi comunitari, nello specifico il Fondo sociale europeo: anche se viene sottolineato lo sforzo della Regione per tornare in carreggiata al fine di non perdere una gran mole di risorse che l’Europa aveva destinato alla Calabria per il suo sviluppo economico e sociale.

Centrale è anche il “capitolo consulenze”. Sempre dal dossier dell’Eurispes, emerge che i compensi erogati dalle Amministrazioni pubbliche per consulenze e collaborazioni esterne hanno superato la cifra di 1,3 miliardi di euro (spesa per abitante pari a circa 22 euro). In Calabria, a tal proposito, i compensi per consulenze e componenti di comitati, commissioni e organi collegiali non sembrano proprio associabili alla piena economicità. Come osserva la Corte dei conti, la Giunta regionale, con delibera del 2007, ha disposto (anche per i suoi enti strumentali o partecipati) la riduzione di compensi nella misura del 20 per cento in linea con la legge regionale numero 9 approvata a maggio. Ma viene sottolineato - le disposizioni dell’Esecutivo sono rimaste in buona parte lettera morta: infatti «dalle notizie acquisite in sede di istruttoria risulta che hanno conseguito l’obiettivo soltanto Azienda Calabria Lavoro, Aterp di Crotone e di Reggio Cala-

bria, Arpacal, Arssa, Azienda ospedaliera di Reggio Calabria». Mentre «tutti gli altri enti risultano inadempienti o non hanno fornito alcuna o sufficiente documentazione». Inoltre, sempre in riferimento alle consulenze esterne, secondo la Corte dei conti è mancata la dovuta pubblicità sui sito web dell’ente come prevista dalla legge. E infatti «da un esame del sito della Regione non sembra che ciò sia avvenuto in tutti i casi di pagamento». C’è però un altro aspetto che soffoca la Regione. E’ di tipo culturale. E lo sottolinea parlando alla Corte dei conti il vicepresidente della Giunta regionale, Domenico Cersosimo. Al netto dei “piccoli e importanti” cambiamenti che ha abbracciato, la Calabria - dice Cersosimo - è «alle prese con un contesto sociale dalle emergenze, a volte fittizie» che la appesantiscono allontanandola dalla modernità amministrativa.

Aurelio Misiti difende il leader di Italia dei Valori. «Non ha parlato di nove miliardi perduti»

municazione nazionale si concentra necessariamente sulle notizie criminis contenute non solo nei processi avviati dalla procura di Catanzaro ma anche sulle continue retate delle forze dell'ordine. Il partito Italia dei Valori Calabria, che lealmente appoggia la maggioranza in Consiglio regionale e il presidente Loiero, con l'avallo di Antonio Di Pietro, vuole continuare ad essere propositivo per rendere sempre più incisiva l'azione di governo regionale, anche attraverso critiche costruttive affinché la situazione economica e sociale possa migliorare rispetto al passato».

Palazzo Alemanni

“La pubblicità del pagamento dei consulenti non in tutti i casi è stata riscontrata sul sito istituzionale della Regione”

«Di Pietro non ha attaccato Loiero» richiamo ai contenuti dei principali processi in atto nella regione legati alle vicende della stessa politica nazionale». «Sul blog - prosegue il comunicato - è riportato, nell'ambito di una dichiarazione in difesa della manifestazione di piazza Farnese del 28 gennaio e contro le distorte informazioni dei media nazionali che hanno indotto i politici di quasi tutti i partiti presenti in Parlamento a censurare il pre-

sunto attacco al Capo dello Stato, la seguente frase: “Nessuno ha parlato della luna, tutti intenti a guardare il dito perché è vietato guardare la luna. La luna ha un nome, why not, e parla di miliardi di finanziamenti europei che scompaiono nel nulla ogni anno in Calabria e che finiscono nelle tasche della criminalità organizzata e dei partiti politici. Linfa vitale della dittatura in cui siamo scivolati”».

«Di Pietro - sottolineano ancora da Italia dei Valori - non ha parlato di nove miliardi di fondi europei perduti ma genericamente di miliardi che nel Por 2000/2006 sono stati impegnati e utilizzati senza aver prodotto risultati tali da avviare un minimo di sviluppo rispetto al passato, come dimostra l’andamento dell'economia calabrese. Purtroppo - si difendono i dipietristi - la lettura esterna non è benevola in quanto la co-

FRANA DI TROPEA Il parlamentare europeo chiama in causa la Provincia di Vibo

Basile: «Una smielata passerella» ne Civile, dei Vigili Urbani, della Polizia di Stato, dei Carabinieri e di tutti i volontari che ancora una volta sono intervenuti con la passione e la competenza usuali), non si va alla ricerca, ed alla denunzia (ma non in termini giudiziari, tanto in questi casi il rimpallo di responsabilità è talmente complesso che giungere ad una condanna è sempre difficile), di quanti dovevano fare e non hanno fatto, di quanti potevano agire ed hanno preferito, nel migliore spirito italico e calabrese, restare a dormire, di quanti tutte queste cose dovevano controllare e sono rimasti con gli occhi chiusi». «Innanzitutto - continua la nota -, l’Amministrazione provinciale di Vibo Valentia, che, per chi non lo sa-

Domenico Basile

pesse o facesse finta di ignorarlo, è l’Ente progettista ed appaltante dei lavori della Variante esterna alla città di Tropea, laddove si è aperto il primo fronte di frana. Bisogna domandare agli Amministratori pro-

vinciali se le scarpate franate rispondevano ai requisiti tecnici di legge. Ed è inutile che ci si barrichi dietro le distinzioni fra poteri di indirizzo, assegnati agli organi politici, e poteri di esecuzione e gestione, affidati alla burocrazia, poiché ai primi, e cioè alla politica, è anche assegnata la fondamentale funzione di controllo, proprio perché l’ordinamento non ha voluto sottrarre agli eletti quella parte di responsabilità che poi, in sede elettorale, deve costituire un elemento sul quale fondare la fiducia ed il consenso». «Ed allora - si chiede ancora Basile -, ha, la Provincia di Vibo Valentia, adempiuto a tutti i suoi obblighi di legge? Risponde la strada, per come progettata e realizzata, agli stan-

EDILIZIA SCOLASTICA Il leader di Diritti Civili. «Serve l’immediata azione di Regione e enti locali»

Corbelli: non aspettiamo il Governo smottamenti e la tragedia sull’A3, c’è - dichiara, in una nota, Franco Corbelli -, insieme a quella delle strade, una emergenza scuole che va affrontata immediatamente, senza perdere tempo. Apprezziamo gli interventi preannunciati ieri dal ministro della Pubblica istruzione, Gelmini, per un controllo in tutte le scuole italiane. Finalmente i nostri appelli sono stati accolti dal Governo. Non vogliamo rivendicare alcun merito, per quella che è una lunga e vecchia battaglia

che Diritti Civili in solitudine, con il sostegno della sola stampa calabrese, sta portando avanti, da anni, in Calabria e nel resto del Paese. L’ultimo nostro appello lo avevamo lanciato alla vigilia di Natale chiedendo ai sindaci, ai presidenti delle Province di approfittare della chiusura delle scuole per le Festività natalizie per verificare le condizioni di sicurezza di tutti gli edifici scolastici. Oggi - prosegue Corbelli - vogliamo richiamare l’attenzione delle autorità preposte sulla

assoluta priorità e urgenza di una verifica immediata delle condizioni di sicurezza delle scuole in Calabria. Occorre che le amministrazioni competenti verifichino subito la stabilità degli edifici scolastici, almeno di quelli fatiscenti, vecchi e particolarmente a rischio. Bisogna fare in fretta. L’acqua incessante di questi giorni può avere arrecato danni enormi a queste vecchie strutture con il rischio di possibili cedimenti strutturali e crolli. Queste scuole per que-

Fran. Cia.

dard di sicurezza? E non quelli, per intenderci, dell’epoca nella quale è stata avviata la progettazione, ma di quella nella quale è stato effettuato il collaudo? E le scarpate, gli attraversamenti, le cunette, i tombini, in una parola tutte le opere d’arte, sono state mantenute da quando la variante esterna è stata messa in esercizio?». «Sono queste - avverte il parlamentare europeo - le prime semplici domande alle quali rispondere, perché i cittadini hanno il diritto di capire come e perché il proprio territorio si sta sbriciolando sotto questa pioggia battente, perché la gente vuole sapere se vi sono delle responsabilità politiche e di chi sono queste responsabilità. Quanto di drammatico sta accadendo in questi giorni non sia lo scudo dietro il quale gli amministratori possano nascondersi in attesa che, passata l’emergenza, ci si dimentichi e nessuna risponda di quanto sta accadendo». sto motivo vanno subito monitorate e se il caso chiuse, in attesa di essere messe in sicurezza. Non vanno assolutamente dimenticati, né sottovalutati - è l’appello - i tanti episodi di crolli che si sono verificati nei mesi scorsi in Calabria e in Italia, miracolosamente in molti casi senza provocare vittime e in una occasione purtroppo anche con una tragedia, come nel Liceo di Rivoli, in Piemonte, dove ha perso la vita un giovanissimo studente. Dobbiamo evitare - conclude Corbelli - che si ripetano simili tragedie. Bisogna prevenire, soprattutto considerando che oltre il 50% delle scuole in Calabria e in Italia è a rischio, come denunciato nei mesi scorsi dalla Protezione Civile».


il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 21

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA GIOIA TAURO Consolidata anche nel 2008 la già forte crescita del 2007 AGRICOLTURA Asse Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Contship Italia, un anno di risultati molto positivi

Sottoscritto l’accordo su ricerche e strategie

GIOIA TAURO — Si chiude con un

CATANZARO — Gli Assessori

«risultato molto positivo» il 2008 per il gruppo Contship Italia malgrado «una situazione di mercato già pesantemente condizionata dalla recessione e dalla brusca contrazione dei volumi anche sulle rotte del traffico container». Lo riferisce un comunicato del gruppo. «A fronte di una flessione media dell’1,1% subita dai principali porti italiani - è scritto nella nota - tutti i terminal del gruppo hanno tenuto, con punte di eccellenza a Livorno e a La Spezia. Il Terminal Darsena Toscana cresce del 17,4% e La Spezia Container Terminal, oltre a confermare il primato mediterraneo della più alta produttività per metro quadro, sorpassa, con il nuovo record storico di un milione e 51mila Teu i principali concorrenti dell'area nord tirrenica». «Anche a Gioia Tauro - prosegue la nota - Medcenter Container Terminal consolida la forte crescita del 2007 e si prepara a gestire con continuità l’arrivo delle più grandi navi portacontainer classe 14.000 Teu confermando il proprio ruolo strategico tra i grandi hub di transhipment. Contship Italia rafforza inoltre in modo significativo il suo posizionamento strategico nel Medi-

terraneo attraverso la presenza a Tangeri, terminal dove sono arrivate in questi giorni le ultime tre nuove gru super post panamax e che segnala uno start up positivo delle attività commerciali. Secondo gli indicatori dell'ufficio studi Contship «il 2008 ha evidenziato difficoltà e criticità su più fronti del trasporto italiano, subendo anche le conseguenze negative di un globale ripensamento delle strategie delle grandi linee. Il gruppo Contship ha reagito in modo positivo

riuscendo in particolare a rilanciare il porto di Cagliari che negli ultimi mesi dell'anno ha invertito il trend negativo e vanta oggi uno zoccolo duro di linee e traffici che proiettano lo scalo nella mappa delle principali rotte internazionali». «Il Gruppo Contship Italia - riporta ancora la nota - è riuscito anche a tamponare sul fronte intermodale gli effetti negativi della recessione (che pur risultano evidenti nel consuntivo 2008) e di scelte strategiche del principale operatore ferroviario. La Sogemar mantiene comunque la sua leadership sul mercato italiano». Per l’ufficio studi del gruppo «il 2009 si presenta gravato di forti criticità e da numerosi elementi di incertezza: di qui la scelta della holding Contship Italia di monitorare e aggiornare costantemente la sua strategia ridisegnando il planning e il timing degli investimenti programmati nel gruppo. Scelta questa comune ai maggiori attori del trasporto containerizzato che stanno procedendo ad una nuova schedulazione dei piani di investimento e di potenziamento della flotta oltre ad un nuovo disegno dei servizi a cui seguirà una revisione delle scelte strategiche in tema di porti».

«Un importante momento di raccordo funzionale» all’Agricoltura delle Regioni della Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) hanno sottoscritto, il 29 gennaio scorso, un documento sulle principali tematiche di ricerca di interesse comune, coerenti con le strategie regionali e nazionali individuate nei rispettivi documenti programmatici. Il documento, che scaturisce da una proposta del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (Cra) ed è stato messo a punto attraverso specifici incontri con gli Uffici tecnici regionali, propone alcuni importanti contributi in termini progettuali ed esprime la domanda di innovazione tecnologica maggiormente avvertita a livello territoriale. In sede attuativa verrà verificata, in ciascuna Regione, la possibilità di sviluppare idonee sinergie con la comunità scientifica ed imprenditoriale in un’ottica di partenariato. «L’iniziativa - è scritto in una nota dell’assessore regionale calabrese Mario Pirillo - costituisce un importante momen-

Mario Pirillo

to di raccordo funzionale tra domanda e offerta di innovazione nei settori agroalimentare, zootecnico e ambientale, finalizzato ad una più efficace e razionale utilizzazione delle risorse finanziarie che si renderanno disponibili nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività” nonché nei Programmi Operativi Regionali finanziati dal Fesr».

VIBO VALENTIA Una riunione in vista del prossimo congresso nazionale del Partito Liberale

CATANZARO CENTRO

Marco Taradash domani al Valentianum

FITTASI

VIBO VALENTIA — È in programma per il pomeriggio di domani nel teatro del Valentianum, a partire dalle ore 14.30, una riunione in vista del prossimo congresso nazionale del Partito Liberale, alla presenza di alcuni esponenti nazionali, tra i quali l’on. Marco Taradash ed il direttore del quotidiano “L’Opinione”, Arturo Diaconale. La riunione si inserisce nell’ambito di una seria di iniziative che su tutto il territorio nazionale è portato avanti da un gruppo denominatosi "Per un nuovo Partito Liberale Italiano", che punta a rilanciare il Pli, il partito liberale, e riportarlo all'interno della sua area naturale, che è quella del centrodestra, in una collocazione autonoma ed indipendente. Con questo obiettivo, un gruppo di persone ha deciso di ritornare alla politica attiva nella convinzione che sia necessario un maggiore impegno dei liberali per colmare il deficit di liberalismo che affligge il centrodestra, individuando quali leader Arturo Diaconale, direttore del quotidiano “L’Opinione”, e Marco Taradash, ex parlamentare protagonista delle più significative battaglie liberiste in Italia. «Riteniamo che il più antico soggetto liberale italiano - ha dichiarato Maurizio Bonanno, ex assessore comunale di Vibo Valentia e da sempre impegnato nel riportare la cultura liberale e liberista sul territorio possa assumersi questo compito, anche se purtroppo in questi anni è rimasto vittima di un isolamento che lo ha relegato, non solo nei consensi, ai margini della vita politica del Paese. La delusione e l'irritazione, pur se comprensibili, per il mancato accordo con il Pdl alle ultime elezioni, hanno spinto il segre-

Marco Taradash

tario Stefano De Luca a traghettare progressivamente il partito su una posizione innaturale di singolare vicinanza al fronte variegato dell'attuale opposizione. Dietro questo spostamento non c'è una analisi approfondita ed esauriente della situazione politica italiana. C'è un pizzico di pur comprensibile ritorsione. E, soprattutto, c'è la radicata convinzione che l'unica possibilità di trovare uno spazio politico dipenda per il Pli non da una sua linea, dalle sue battaglie e dal suo radicamento nella società italiana ma solo da una gestione “politicista” del proprio nome e del proprio blasone». Vi è in tutta Italia un gruppo di persone che crede che: «Proseguire lungo questa strada e con questi comportamenti politici significa condannare il più antico partito italiano alla definitiva dissoluzione. Viceversa, se il Pli vuole tornare a vivere deve necessariamente cambiare. Il cambiamento deve riguardare gli uomini ed il modo di fare politica. E, soprattutto, deve poggiare su una analisi della situazione politica nazionale da

cui emerge con assoluta chiarezza che, mentre all'interno delle opposizioni di centro e di sinistra non c'è alcuno spazio politico per chi voglia portare avanti battaglie liberali, nell'area del centrodestra si stanno determinando le condizioni migliori per consentire ad un Pli rinnovato di giocare le proprie carte. In piena autonomia ed indipendenza dagli altri partiti della maggioranza di governo». Insomma «un Pli che non si annulli nel Pdl ma sia la “coscienza critica” di una coalizione che senza il sale dei valori della democrazia liberale costantemente sostenuti e rilanciati rischia l'omologazione e l'appiattimento». L’occasione per dare un nuovo slancio al Pli arriva con il congresso del partito già convocato dal 20 al 22 febbraio. Questo gruppo, denominatosi, appunto, “Per un nuovo Partito Liberale Italiano” ha così avviato una serie di appuntamenti in giro per la penisola avendo già riunito i liberali del Nord a Milano, quelli del centro a Roma, e dando ora appuntamento a quelli meridionali a Vibo Valentia per un incontro programmato per domenica 1 febbraio a partire dalle ore 14.30 nel Valentianum, al quale saranno presenti i due leader, Arturo Diaconale, candidato alla segreteria del partito, e Marco Taradash, proposto come nuovo presidente del rinnovato Pli. «Invito i tanti calabresi che si riconoscono nella cultura liberale e liberista - ha concluso Maurizio Bonanno, organizzatore dell’incontro di domenica prossima al Valentianum di Vibo Valentia - a partecipare attivamente considerando che questa potrà essere l'occasione per perseguire l'obiettivo di una nuova politica liberale, di rinnovamento e di rilancio».

PRESTIGIOSO IMMOBILE loft indipendente, arredato e climatizzato, precedentemente abitato da funzionari di istituti di credito. ANCHE USO FORESTERIA

INFO

334 1875277

CATANZARO CENTRO STORICO CORSO MAZZINI

FITTASI LOCALE

CON ANNESSA ATTIVITA’ COMMERCIALE Per informazioni chiamare al numero

338/9096746

VENDESI FURGONE Renault Traffic anno 1992 per la vendita ambulante di panini, bibite e pizze, perfettamente funzionante.

Info tel. 0961.996686 cell. 3493923191


22 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega alle politiche per la famiglia, ha incontrato gli studenti e i docenti di Germaneto

Il senatore Giovanardi al Campus Il rettore Costanzo ha descritto le numerose opportunità di formazione che provengono dalle Facoltà CATANZARO — «La visita di que-

sta mattina mi conferma che esistono punte di eccellenza al Sud e che visioni stereotipate sul Sud non corrispondono a vero, visto la presenza di strutture avanzatissime che non si trovano in altre parti d’Italia». Lo ha detto il senatore Carlo Giovanardi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per la famiglia, al contrasto delle tossicodipendenze e al servizio civile, che, qieri mattina, ha visitato il Campus dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, incontrando studenti, docenti, e le tante autorità civili e militari intervenute. Il senatore Giovanardi è stato accolto dal Rettore dell’Universita Magna Graecia, Francesco Saverio Costanzo, e dal Senato Accademico dell’Ateneo, rappresentato nell’occasione dai Professori Luigi Ventura, Giovambattista De Sarro e Giuseppe Scala. Il rettore Francesco Saverio Costanzo ha presentato al Senatore Giovanardi il progetto scientifico e culturale del Campus universitario “Salvatore Venuta”, incentrato sui concetti-cardine di interdisciplinarietà e di integrazione tra saperi e competenze diverse. Ha poi descritto le numerose opportunità di formazione e specializzazione che provengono dalle Facoltà e dai corsi di laurea interateneo, e le innovative linee di ricerca condotte che mettono insieme i saperi e le conoscenze sviluppate nell’area delle bioscienze e della biomedicina, nell’area giuridica, economica e delle scienze sociali, facendo convivere e interagire attivamente le differenti professionalità di settore. Il Rettore ha proseguito, illustrando la peculiarità architettonica delle strutture del Campus, fondata sul raccordo diretto e costante tra i luoghi e gli spazi della didattica, della ricerca e della cura: il problema nasce al letto del paziente, viene portato nel laboratorio dove diverse competenze scientifiche assicurano quella sinergia dei saperi e delle tecnologie, oggi indispensabile per dare nuove risposte ai problemi della salute e del laboratorio, e dalla sperimentazione ritorna risolto al letto del paziente. Il senatore Giovanardi, incuriosito e interessato a conoscere

La visita del senatore Carlo Giovanardi

tutti gli aspetti del progetto che sta alla base del Campus universitario, ha voluto conoscere nel dettaglio il progetto relativo all'attivazione dell'asilo nido, che è ormai prossimo ad essere ospitato in una struttura ubicata proprio di fronte l’Edificio delle Bioscienze. Subito dopo l’incontro con le autorità, la visita ad alcuni laboratori di ricerca e alle strutture cliniche, presso l’Aula Magna A dell’Edificio delle Bioscienze, il Senatore Giovanardi ha tenuto un seminario a tutta la comunità universitaria catanzarese sull’azione di contrasto alle tossicodipendenze. Hanno introdotto i temi del seminario, a cui ha preso parte un nutrito gruppo di studenti, docenti e ricercatori dell’Ateneo, i saluti del Rettore Francesco Saverio Costanzo, del sindaco Rosario Olivo che ha ribadito l’importanza per Catanzaro di essere città universitaria e del Presi-

de della Facoltà di Medicina e Chirurgia, Giovambattista De Sarro, che ha ricordato le attività di formazione avanzata e di ricerca sulle tossicodipendenze, testimoniate da percorsi specifici attivati nell’insegnamento della farmacologia, dai corsi di perfezionamento e dai master in medicina delle tossicodipendenze, dell’alcolismo e patologie correlate. Il messaggio di Giovanardi, nel corso del seminario, si è incentrato, per quanto concerne il problema sociale della tossicodipendenza, su due concetti chiave: prevenzione e recupero. «Il mio impegno è quello di arruolare i giovani e meno giovani in questa grande battaglia contro la droga»: ha spiegato il Senatore Giovanardi, che ha insistito sulla pericolosità di queste sostanze, il cui uso prolungato, può lasciare “buchi nel cervello” e provocare danni sociali in-

calcolabili. Bisogna partire per questo dalla prevenzione, e il Senatore Giovanardi ha parlato di prossime campagne di sensibilizzazione sul tema rivolte alle famiglie, con un portale online dedicato ed uno slogan basato sul fatto che “non è mai troppo presto” per scoprire l’uso di droghe tra i giovani; è importante, per questo, collegare la prevenzione al recupero sociale e favorire la collaborazione di Sert e comunità. Il Rettore Francesco Saverio Costanzo, in segno di ricordo della giornata, ha consegnato al Senatore Carlo Giovanardi una medaglia che riproduce il logo dell’Università Magna Graecia: una moneta brettia del III secolo A. C. raffigurante i Dioscuri a cavallo; un book illustrativo dell’Ateneo e il libro della grande mostra sulla Magna Graecia realizzata qualche anno fa dall’Ateneo catanzarese.

Catanzaro Laboratorio di autodifesa Oggi, alle ore 11.30 presso l’Hotel Niagara di Catanzaro Lido, il presidente dell’associazione “Over the Top” Dario Condello, assieme alla psicologa Tiziana Fregola, al coordinatore Giuseppe Corapi e a Daniele Carchidi dell’associazione “Pic. Asso”, partner del progetto “Più consapevole, più sicura” finanziato dal Centro Servizi al Volontariato della provincia di Catanzaro, illustrerà alla stampa i risultati ottenuti con il laboratorio di autodifesa personale destinato alle donne appena concluso. Per circa tre mesi, infatti, un gruppo di donne di variegata età ha appreso le tecniche di autodifesa verbale e corporale, e approfondito a livello psicologico il significato legato agli episodi sempre più frequenti di violenza a danno delle donne.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 23

CALABRIA CATANZARO Il presidente del Centro Calabrese di solidarietà ha incontrato il Governatore per discutere delle problematiche della struttura

Don Mimmo ricevuto da Loiero Tra le criticità, le rette molto basse e i ritardi nel pagamento delle prestazioni erogate CATANZARO — Il presidente della

Regione Calabria, Agazio Loiero, ha ricevuto ieri mattina, nella sede della giunta di Palazzo Alemanni a Catanzaro, don Mimmo Battaglia, presidente del Centro Calabrese di solidarietà, accompagnato da Isa Mantelli e Giovanni Merando, membri del consiglio d’amministrazione della struttura catanzarese. Al centro dell’incontro, le varie problematiche che stanno condizionando la stessa sopravvivenza della struttura di recupero e aggregazione giovanile. Tra le criticità esposte dallo stesso Don Mimmo Battaglia, la grave crisi finanziaria dovuta essenzialmente a due fattori: le rette molto basse, ma soprattutto i ritardi nel pagamento delle prestazioni erogate da parte delle Aziende sanitarie calabresi. Il presidente Loiero si è detto disponibile a valutare tutte le possibilità idonee per venire incontro alla soluzione dei problemi esposti dal Centro di Solidarietà. Per questo, già nella prossima settimana si svolgerà una riunione tecnica tra il capo di gabinetto Michele Lanzo, il direttore generale al dipartimento alla Salute Andrea Guerzoni e gli

Chiarella: «Mi impegno a scongiurare la chiusura dell’importante struttura» CATANZARO — «La Regione dovrà si-

curamente intervenire a favore del Centro di Solidarietà Calabrese, diretto da Don Mimmo Battaglia, per non rischiare di perdere un punto di eccellenza nel campo delle tossicodipen-

CATANZARO La replica dei consiglieri e assessori provinciali dell’Mpa alle dichiarazioni del parlamentare Agazio Loiero

stessi responsabili del Centro. Il presidente Loiero, infine, nelle prossime settimane farà visita ai ragazzi ospiti nella struttura di recupero e aggregazione giovanile. I responsabili del centro di solidarietà, al termine del colloquio, hanno ringraziato il presidente della Regione Calabria per la sensibilità dimostrata affrontando personalmente la questione nell’intento di risolverla definitivamente.

Catanzaro, sciopero ad oltranza alla scuola primaria di Siano sud

La protesta di alcuni genitori

CATANZARO — E' partito ieri lo scio-

pero ad oltranza degli alunni e dei genitori della scuola primaria di Siano sud, che hanno così deciso di interrompere ogni attività didattica fino a quando «le autorità competenti non

denze nella nostra Regione» si legge in una nota di Egidio Chiarella. «Ho ascoltato l’appello “drammatico” di Don Mimmo ai microfoni di Rai 3 - prosegue -, per non far morire questa importante realtà. Tutti conosciamo il la-

voro concreto che il Centro svolge ogni giorno, con un percorso fortemente motivato da una effettiva azione solidale e professionale. La prossima settimana - conclude - con l’assessore regionale Mario Maiolo e su sollecitazione del Sindaco Rosario Olivo, promuoverò una visita ufficiale al Centro di Solidarietà Calabrese, per capire assieme all’assessore Maiolo, come la Regione debba intervenire, per scongiurare la chiusura della struttura».

prenderanno una definitiva decisione per garantire il diritto allo studio degli studenti». I genitori attendono un intervento da circa un mese dopo aver chiesto l’aiuto della dirigente scolastica e dell’ispettore ministeriale.

«Belcastro continua ad evitare il dialogo» CATANZARO — I consiglieri e gli as-

sessori provinciali dell’Mpa, Cardamone, Mormile e Costanzo, replicano alle dichiarazioni dell’on. Belcastro: «Sono gli organismi nazionali ed il presidente Raffaele Lombardo che ci hanno legittimati sia alla presentazione della lista che per l’indicazione della rappresentanza in Giunta Provinciale di Catanzaro; il fatto che l’on. Belcastro continui, imperterrito, ad esercitare il ruolo di coordinatore regionale del Mpa, esclusivamente attraverso proclami e comunicati stampa, evitando accuratamente e sistematicamente il confronto ed il dialogo con gli unici rappresentanti istituzionali eletti nel Partito della Provincia di Catanzaro, come nell’intera regione Calabria, la dice lunga sulla valenza delle affermazioni fatte come sulla qualità ed autorevolezza di una guida politica, che disconosciamo e rispetto alla quale abbiamo avuto già modo di relazionare più volte al nostro presidente Lombardo al quale affettuosamente riportiamo alla memoria la storica figura dell’Imperatore romano Caligola e la sua celebre decisione di nominare senatore (deputato?) il suo cavallo. Ma al di la di qualunque iperbole crediamo che tale premessa resti ampiamente sufficiente per cogliere tutti i punti deboli di un ragionamento che, per un movimento “autonomista e territoriale”, porta all’assunzione di scelte ed alla determinazione dei propri organismi, regionali e provinciali, volutamente ignorando l’unica realtà che ha saputo misurarsi ed affermarsi con il programma e sotto il simbolo del Partito: assessori, consiglieri eletti e tutti i Candidati del Mpa per la Provincia di Catanzaro. Questa è la storia! Questi in sintesi gli aspetti politici ripetutamente rilevati e segnalati in diverse occasioni ai vertici regionali e nazionali del Movimento da chi, lo ri-

badiamo, non ha mai abbandonato l’Mpa e conseguentemente non ha mai aderito ad altra formazione politica. Non confonda l’on. Belcastro le sue strampalate fantasie con una realtà inesistente! Come farebbe meglio a non dimenticare, l’on. Belcastro, che se oggi ricopre la carica di Deputato della Repubblica lo deve anche ai circa 5000 voti ottenuti dal Mpa nella Provincia di Catanzaro tra i quali certamente non possono annoverarsi quelli dell’attuale coordinatore provinciale, Pasqualino Ruberto, che all’epoca militava e si candidava in ben altra forza politica e le cui sproporzionate ambizioni, già misurate e respinte dal suo ex partito, potevano trovare spazio soltanto nella confusa linea politica dell’on. Belcastro. Lasciamo, eventualmente, al presidente Lombardo il compito di analizzare pensieri e comportamenti apertamente disordinati ed incoerenti, ma certamente non possiamo consentire a chicchessia di mettere in discussione un risultato politico – elettorale che con circa 14.000 voti ha visto il nostro Movimento affermarsi nell’ultima competizione provinciale. Un consenso ottenuto con le bandiere del Mpa, su diretta investitura del presidente Lombardo, che ci legittima, oggi e domani, sia ben chiaro all’On. Belcastro, di rappresentare il Movimento in seno al Consiglio della Provincia di Catanzaro come di escludere dal nostro Gruppo Consiliare un coordinatore provinciale nominato che non riconosciamo e che risulta essere eletto in altro Partito. Altresì non consentiremo che in nome di strani trasversalismi e di una dichiarata politica regionale dalle “mani libere”, francamente incomprensibile, si possano determinare condizioni di disagio per una maggioranza so-

lida ed efficace che trae origine e forza anche dagli accordi elettorali sottoscritti da tutte le componenti, che riconoscono unicamente il quadro politico espresso al momento del voto, e che privilegiano, per volontà del presidente Ferro, una politica di risultati e di risposte concrete alle attese di un territorio problematico, e non il rimescolio continuo di posizioni ondivaghe che non può trovare spazio nella serietà dei comportamenti di donne ed uomini quotidianamente impegnati a rispettare gli impegni assunti con il proprio elettorato. In sintesi, stia tranquillo il fantomatico coordinatore regionale, tale fino a quando il nostro presidente Lombardo non riterrà di rimuoverlo, che gli assessori ed i consiglieri eletti nell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, forti del mandato elettorale conseguito, portano avanti una politica coerente con il mandato ricevuto dal presidente Lombardo, rispettosa degli impegni assunti con il resto della coalizione e con il nostro presidente Wanda Ferro, e non sarà una presunta procedura di espulsione dal Partito a distoglierci dalle nostre responsabilità. Nessun tesseramento è mai stato fatto dal partito dell’Mpa, né i consiglieri né gli assessori risultano tesserati, e pertanto l’espulsione attuata dallo spettrale coordinatore provinciale non può trovare fondamento. Come si può essere espulsi da un partito se mai si è avuto un tesseramento? Per l’ennesima volta registriamo, nostro malgrado, come l’on. Belcastro porti avanti una politica di distruzione di massa del partito; l’azione che un coordinatore regionale deve promuovere è quella di crescita del partito e non nel delegittimare un gruppo consiliare eletto nelle liste dell’Mpa, sotto suggerimento dell’amico Pasqualino Ruberto».


24 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Il Presidente della Società Ambiente & Servizi Franco Laudadio invita ad utilizzare le buste biodegradabili in mater-bi

«Ecco come raccogliere i rifiuti organici» «La frazione “umida” sarà avviata a recupero presso l’impianto di Alli diventando “compost”» CATANZARO — Il Presidente del-

la Società Ambiente & Servizi Catanzaro Spa Franco Laudadio, comunica che i rifiuti organici raccolti in maniera differenziata, diventeranno nuova materia prima da impiegare nel ciclo produttivo. Pertanto, l’utenza domestica non dovrà raccogliere i rifiuti organici prodotti all’interno della propria abitazione nel sacco “nero” dei rifiuti solidi urbani, ma nell’adeguata busta biodegradabile in mater-bi, da conferire negli appositi contenitori stradali di colore giallo, dislocati su tutto il territorio comunale di Catanzaro. Le buste biodegradabili sono disponibili per l’utenza cittadina, presso le circoscrizioni cittadine di Cz Lido, Cz Sala, Pontegrande e quella sita in Via Mario Greco, mediante l’installazione di distributori automatici al costo di 2 euro a rotolo. La frazione “umida” sarà avviata a recupero presso l’Impianto Regionale di Trattamento Rifiuti sito in loc. Alli - Catanzaro diventando “compost”, ovvero terriccio fertilizzante utilizzabile in agricoltura. Occorre utilizzare i sacchetti in mater-bi solo per la raccolta differenziata dell’organico, in quanto gli stessi sono realizzati in uno speciale materiale denominato “Mater-bi”. Il mater-bi è una speciale plastica che, invece di essere derivata dal petrolio, viene estratta dal mais. Ciò le consente di essere completamente biodegrada-

bile. Biodegradabile vuol dire che grazie all’azione di agenti naturali come la luce solare, l’umidità e batteri, la busta si scompone in particelle. I rifiuti organici, conferiti nell’apposito sacchetto biodegradabile, dovranno essere portati all’interno dei cassonetti e bidoni di colore giallo, dislocati su tutto il territorio comunale della città di Catanzaro. «Nello specifico - ricorda Franco Laudadio - che bisogna conferire le seguenti tipologie dei rifiuti: Tipologia rifiuto - Umido-rifiuti organici - Cosa conferire: scarti di cucina, avanzi di cibo, alimenti avariati, gusci d'uovo, scarti di verdura e frutta, fondi di caffè, filtri di the, escrementi, lettiere di piccoli animali domestici, fiori recisi e piante domestiche, pane vecchio, salviette di carta unte, ceneri spente di caminetti, pannolini, assorbenti, piccole ossa e gusci. Modalità di svolgimento: Umidorifiuti organici - Come conferire. L’Amministrazione Comunale della città di Catanzaro sta compiendo un ulteriore impegno per incrementare le percentuali di rifiuti raccolti separatamente ed avviati a recupero, al fine di ridurre le quantità di rifiuti da smaltire in discarica e di contenere gli aumenti futuri dei costi di smaltimento degli stessi». Il Presidente On. Franco Laudadio rivolge l’invito alla popolazione a «non conferire nei cassonetti e/o bidoni di colore giallo rifiuti

estranei alla frazione umida-organica e conferire, invece, solo con le buste biogedradabili. Ciò al fine di garantire la qualità della frazione umido-organica ed affinché l’Impianto di Trattamento sito in Loc. Alli - Catanzaro non declassi il carico di raccolta differenziata». Inoltre, rivolge l’invito alla popolazione «a conferire i rifiuti organici all’interno del cassonetto apposito, di colore giallo, ed a mantenere chiusi i coperchi dei contenitori stessi, ai fini di avere anche nella città di Catanzaro il rispetto delle norme di decoro di igiene pubblica». «Con la raccolta differenziata» ribadisce il Presidente Laudadio «si tutela l’ambiente e si risparmiano risorse naturali ed energia». «La Società Ambiente & Servizi Catanzaro Spa - continua Laudadio - informa i cittadini che solo i rifiuti raccolti in maniera differenziata, andranno ad essere immessi nuovamente nel ciclo produttivo». Laudadio conclude ribadendo che «i conferimenti non corretti da parte dell’utenza cittadina, ovvero, il conferimento di rifiuti in buste “nere” e in comuni “buste di plastica dei supermercati non biodegradabili”, all’interno dei contenitori e/o bidoni di colore giallo, produrranno un danno notevole al sistema del riciclo in quanto trasformeranno il rifiuto da differenziato a spazzatura, con gravi danni all’ambiente, alla salute pubblica ed all’economia».

Catanzaro, sul federalismo fiscale Bevacqua d’accordo con Bassanini CATANZARO — «Noto con piacere di aver anticipato una perfetta sintonia con quanto oggi autorevolmente scrive sul federalismo fiscale il prof. Franco Bassanini, già Ministro per la funzione pubblica ed autore nel recente passato di importanti riforme amministrative» si legge in una nota di Antonio Bevacqua del Pd di Catanzaro. «Bassanini - prosegue - definisce il federalismo “una riforma necessaria e urgente”, senza la quale “sarà difficile mantenere il controllo della finanza pubblica, contenere la pressione fiscale, assicurare un adeguato livello di servizi delle prestazioni erogati a cittadini e imprese”. Secondo l’ex Ministro le Regioni e gli Enti locali non dovranno più ricevere le risorse “a piè di lista, ma attivando un rigoroso circuito delle responsabilità tra prelievo e spesa”, esistendo un unico modo per raggiungere l’obiettivo di migliorare l’efficienza della spesa e la produttività delle amministrazioni: “distribuire le risorse partendo dalla definizione di livelli e costi standard per ciascuna funzione”. Nei giorni scorsi - continua - avevo guardato con stupore

e disagio alle note di censura del voto espresso al Senato sul disegno di legge sul federalismo fiscale, note che a mio avviso tendevano a riprendere l’anacronistica querelle dello scontro Nord-Sud, al fine probabilmente di risvegliare fantasmi di contrapposizione territoriale, avevo detto, forieri solo di isolamento. Nella mia uscita avevo espresso disappunto nell’osservare come l’alzata di scudi provenisse proprio da dirigenti ed amministratori di un partito, il Pd che oltre ad aver collaborato coi suoi componenti alla stesura in Commissione della bozza di decreto legislativo approvata ora al Senato, altri non era (è) che l’erede diretto e legittimo di quel centrosinistra che diede proprio esso l’avvio al federalismo fiscale attraverso la modifica del Titolo V della Costituzione. Il mio articolo non fu molto gradito qui in Calabria perchè in contrasto, come titolato da qualche quotidiano col “solito pianto greco”. Oggi, però - conclude -, dopo aver letto l’intervento del prof. Bassanini mi sento più rincuorato e motivato a continuare a coltivare le mie idee sul federalismo fiscale».

CATANZARO La nota del consigliere circoscrizionale Lanfranco Nisticò sulla situazione delle periferie

«Il Comune intervenga su via Lenza» CATANZARO — «Semplicemente vergognoso! Questa è l’unica definizione che mi viene in mente ogni qualvolta sono costretto a passare per via Lenza e umanamente mi immedesimo nei residenti che, a differenza di tutti noi, sono costretti a passare per quel maledetto pontino per minimo due volte al giorno» si legge in una nota del consigliere circoscrizionale Lanfranco Nisticò. «Sull’argomento - prosegue -, in questi anni in veste di consigliere di circoscrizione, sono tornato più volte ma la situazione non è assolutamente cambiata anzi, mi vien da sorridere dovendo constatare che, con le ultime piog-

ge, è peggiorata e di questo il cittadino se ne accorge transitando per via Lenza lungo la stradina semi distrutta che porta al tanto famigerato pontino. Non mi stancherò mai di strillare per far risaltare le pessime condizioni della strada che è una vera e propria trincea! I disagi - continua - a cui sono confinati i residenti sono svariati ed appunto si va da un pessimo stato del manto stradale, ad un pessimo sistema di raccolta e deflusso delle acque, per finire, come ciliegina sulla torta, ad un pessimo impianto semaforico che, a volte, per essere interpretato, avrebbe bisogno della costante presenza di

un indiano che appunto legga i relativi segnali di fumo. Per mia sfortuna ho avuto il piacere di assistere ad alcuni accesissimi diverbi tra automobilisti ignari del fatto che le loro liti erano causate dal cattivo funzionamento del semaforo in questione! Eppure il rimedio ci sarebbe! Basti pensare al vicino pontino esistente in via Jerrocades! Anzi, a tal proposito mi domando, come mai alcuni mesi addietro lo stesso pontino era stato spogliato e ripulito dalle erbacce che lo avvolgevano da anni ed oggi, improvvisamente, tale proposta, non si sa per quale oscura ragione, è stata re-

Il consigliere Nisticò vicino al pontino di via Lenza

pentinamente abbandonata? Ed ancora, i cittadini di via Lenza sono di serie A o di serie B? All’amministrazione comunale - conclude Nisticò - rivolgo il mio ennesimo appello per la so-

luzione del problema sicuro del fatto che i grandi progetti relativi alla primavera di Catanzaro non interesseranno solo il centro storico ma anche le periferie».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 25

CALABRIA LAMEZIA TERME Luzzo, presidente dell’assise cittadina, invita a dare risposte su tematiche come il piano strategico

«Il Consiglio comunale avvii una svolta» «Per quanto riguarda la sanità spero che la Regione mantenga fede all’impegno preso» LAMEZIA TERME — «Diventa importante in questo particolare momento per la città dare slancio e produttività all’attività del consiglio comunale, cercando di trovare un’intesa su quei punti cardine di sviluppo che non possono essere più rinviati». Ad affermarlo è il Presidente del Consiglio Comunale di Lamezia Gianfranco Luzzo, che sollecita la massima assise cittadina ad avviarsi verso una svolta tanto auspicata nel dare risposte alla città ed ai cittadini di Lamezia su tematiche che da troppo tempo aspettano una loro risoluzione. «Il Piano Api - continua il Presidente Luzzo - la cui adozione in Consiglio Comunale risale al dicembre 2007, necessita il raggiun-

gimento di un’intesa tra le diverse parti per advenire alla sua approvazione. Allo stesso modo la discussione e l’approvazione del Piano Strategico, venuta a mancare nell’ultimo consiglio comunale del 2008, non è più rinviabile: dare un volto e disegnare la futura città per avere un’idea di sviluppo di Lamezia rappresenta un’altra risposta da dare ai lametini senza più perdersi in ulteriori diatribe che la città difficilmente percepisce». «Il consiglio comunale è il luogo deputato, pur nelle diverse contrapposizioni che possono coesistere tra i diversi schieramenti ed anche all’interno degli stessi, per dare risposte ai cittadini che si sono recati al voto ed hanno dato fi-

Gianfranco Luzzo

TRAUMA CENTER In una nota viene confermato l’impegno del sindaco Gianni Speranza

«Le polemiche della destra sono immotivate» LAMEZIA TERME — Il sindaco di

Lamezia Terme, Gianni Speranza, come aveva preannunciato nella giornata di giovedì, ha incontrato i consiglieri regionali della città, Amendola, Chiarella e Talarico, per discutere di tutte le iniziative politico-istituzionali da portare avanti ai fini della realizzazione del Trauma center. Preso atto della dichiarazione del presidente della Regione, on. Agazio Loiero, che riconferma la volontà di realizzare questo servizio di eccellenza a Lamezia, il sindaco unitamente ai consiglieri regionali si incontrerà nei prossimi giorni con il Presidente della Giunta regionale. A lui si ribadirà anche quanto stabilito nell’ultima

riunione di Consiglio comunale aperto. «Il Trauma Center è contenuto nel Piano sanitario vigente approvato dal Consiglio regionale nel 2005 - si legge in una nota del Comune - ed è un servizio che comporta un cambiamento qualitativo e migliorativo dell’ospedale, che viene previsto in maniera allargata e logisticamente più strutturata nella proposta di nuovo Piano sanitario licenziato dalla Giunta e all’esame del Consiglio regionale». Il sindaco e i consiglieri regionali chiederanno, quindi, al governatore Loiero che si proceda con l’avvio degli atti amministrativi e finanziari, al di là della discussione e dei tempi più o meno lunghi del Piano sanitario, nella direzio-

ne della realizzazione del trauma center, come centro di eccellenza che potrebbe lavorare in sinergia con il Centro protesi Inail, una struttura che si sta ultimando nella nostra città. «Quindi queste ripetute polemiche della destra continua la nota - sono del tutto immotivate, propagandistiche e segno di un’eterna campagna elettorale, sia perché il sindaco si è impegnato più di tutti nella questione sanità, As di Lamezia e si batte continuamente per i problemi della città, sia perché, al di là della diversa maggioranza, è nell’interesse della città che il Comune abbia rapporti istituzionalmente corretti e positivi con la Regione e la Provincia».

ducia agli eletti». «A questo punto - prosegue - è necessario che il primo dei partiti di maggioranza, il Partito Democratico, una volta raggiunti gli equilibri interni, possa finalmente rendersi attore principale, insieme a tutte le altre espressioni consiliari, di un dibattito aperto e produttivo tra i banchi della massima assise cittadina, per giungere in maniera democratica ed il più condivisa possibile all’approvazione del Piano Api e del Piano Strategico». «L’attività consiliare ed amministrativa - afferma il Presidente Luzzo - deve imprimere una svolta decisiva allo sviluppo della città dal momento che a meno di un anno e mezzo dalla fine della consi-

liatura è necessario essere risolutivi: un sistema democraticio esige un dibattito aperto tra le varie componenti, ma allo stesso tempo necessita delle risposte da dare ai cittadini». «Per quanto riguarda il Trauma Center, già previsto al tempo della mia guida all’assessorato alla Regione Calabria - conclude il Presidente Luzzo, -spero si mantenga fede agli impegni presi, dal momento che mai come in tema di sanità, è importante far valere la baricentricità di Lamezia nel contesto regionale, creando così un punto di eccellenza che diventi sicuro riferimento non solo per la Calabria ma per il Mezzogiorno d’Italia».

Lamezia, la Polizia municipale festeggia il maresciallo Natrella

LAMEZIA TERME — La polizia municipale, guidata dal colonnello Giuseppe Ca-

puti, festeggia con una solenne cerimonia l'ex comandante dei vigili urbani, maresciallo Pasquale Natrella, in occasione del suo novantatreesimo compleanno. Alla cerimonia, che si terrà oggi alle ore 10,30 nella nuova sede del comando della polizia locale, prenderanno parte il sindaco, gli assessori, i dirigenti comunali, il comandante Caputi e tutti i componenti del Corpo. «Vogliamorendere onore al maresciallo Natrella - ha spiegato il comandante Caputi - figura di spicco dei vigili urbani e di riferimento per le Amministrazioni e per la cittadinanza».

Trauma Center, Saladino (Nuovo Psi): necessario l’impegno degli amministratori

TRAUMA CENTER Chiara Macrì dopo la nota di Chiarella ha voluto incontrare il Governatore

LAMEZIA TERME — «I Socialisti del Garofano Rosso ritengono di dover intervenire sul polverone artificiosamente costruito sul Trauma Center proponendo all’opinione pubblica una loro interpretazione dei fatti, basati su una ricostruzione non fantastica né di parte ma proponendosi come elemento di chiarezza e di responsabilità nel dibattito in corso» si legge in una nota di Luigi Saladino, Componente Consiglio Nazionale Nuovo Psi. «La deliberazione incriminata - prosegue, quella della Giunta Regionale del 9 dicembre 2008, n.919 avente ad argomento “Approvazione della rete regionale per l’assistenza al paziente critico. Modello Hub e Spoke” si limita, infatti, a regolamentare provvisoriamente la rete dell’emergenza, urgenza in quanto l’intero sistema presenta delle criticità, compresa quella traumatologica, fino all’istituzione del Trauma Center, che resta allocato nel territorio di Lamezia Terme. E’ evidente - continua - che la realizzazione di questa struttura sanitaria richiederà una rivisitazione dell’attuale programma per l’emergenza in Calabria. Questi i fatti, di una semplicità elementare, che non richiedono lunghe ed argomentate fatiche ermeneutiche e che non devono nè possono essere distorti per motivi elettoralistici, che nulla hanno a che fare con la sana politica perché altrimenti - tramite stampa e televisione - si ingenerano false e strumentali convinzioni nella popolazione, che viene così indotta a

LAMEZIA TERME — In seguito all’intervento del Consigliere Regionale Egidio Chiarella, il Partito Democratico di Lamezia Terme ha attentamente esaminato quanto da lui denunciato riguardo alla questione Trauma Center e il suo probabile scippo, causato dalla delibera 919 approvata dalla Giunta Regionale lo scorso 11 dicembre 2008. «Il partito - si legge in una nota -, nella persona del designato segretario cittadino, Chiara Macrì, si è subito attivato per incontrare il Governatore Agazio Loiero e avere da lui delucidazioni. La delegazione costituita da Mario Saladino, Chiara Macrì, Giuseppe Petronio, Giuseppe Zaffina, Tonino Scalzo e Fabrizio Muraca, ha incontrato il Presidente Loiero ieri presso Palazzo Alemanni. I delegati hanno chiesto di avere certezze circa il Trauma Center, visto che Lamezia Terme versa in una condizione di ormai conclamata deficienza sanitaria. La delegazione, dopo aver descritto le problematiche relative alla carenza di attrezzature e di personale, soprattutto riguardo i ruoli dei dirigenti, ha chiesto al Governatore un intervento deciso. Loiero - continua la nota - ha ribadito che il Trauma Center è previsto dal Piano Sanitario e che non mette assolutamente in discussione la sua presenza a Lamezia Terme. Dopo aver ribadito che la Delibera 919 non ha nulla a che vedere con il Trauma Center e che serve per riordinare i servizi attuali e for-

reazioni inconsulte. Con questi tentativi di distorcere la realtà e con queste ottiche falsificanti ci si assume la responsabilità politica di contribuire a costruire ed ampliare aree di litigiosità artefatte che ostacolano la soluzione pacifica e concordata dei problemi della Sanità nel comprensorio lametino. Meraviglia - ma solo fino ad un certo punto - che questa interpretazione della delibera regionale con la quale si regolamenta l’emergenza sia stata effettuata da un operatore qualificato dell’Azienda Sanitaria di Lamezia Terme - il dott. Nello Lofi. La questione - incalza -, poi, è stata ripresa dal consigliere regionale Chiarella e da altri che senza verificare i dati testuali hanno fondato le loro congetture su un’interpretazione erronea o volutamente distorta, producendo risvolti emotivi, tensioni ed allarmismi privi di qualsivoglia fondamenta. Riteniamo - conclude -, invece, che le forze politiche responsabili di Lamezia e del Lametino per ottenere l’effettiva realizzazione del Trauma Center - nell’intesa comune e condivisa che la salute non ha colore e che urge una effettiva razionalizzazione della spesa sanitaria, anche in vista della riforma dello Stato che sarà introdotta con il federalismo fiscale - debbano compattarsi sull’unico obbiettivo: quello della realizzazione nel più breve tempo possibile del Trauma Center, sollecitando politici ed amministratori perché ognuno, per quanto di competenza, faccia la sua parte».

«Il Pd ha chiesto certezze a Loiero» nire così maggiore sicurezza ai cittadini calabresi, il Governatore ha riferito che entro un mese, massimo quarantacinque giorni, sarà definito il piano di rientro e quindi sarà approvato definitivamente il Piano Sanitario, dove è inserito il Trauma Center. Immediatamente dopo l’approvazione del Piano Sanitario, il Governatore si è impegnato ad avviare le procedure necessarie per la realizzazione immediata del Trauma Center. Nel frattempo si impegna ad intervenire sul Direttore Generale perché provveda immediatamente a coprire i posti vacanti con personale altamente qualificato (Chirurgia, Ortopedia…). La delegazione - si legge infine nella nota - ha fatto

inoltre presente al Presidente che per avviare il Trauma Center sarà necessario che la struttura contempli altri reparti, come la Neurochirurgia, la Chirurgia toracica e la chirurgia d’urgenza». Agazio Loiero annuncia anche alla città che sarà presente il 6 febbraio alle 10 per l’inaugurazione del Reparto di Medicina Generale. In questa occasione, dove sarà altresì presente il Direttore Generale Pietro Morabito, Loiero si renderà disponibile, se necessario, ad un confronto con gli operatori sanitari e le istituzioni. Certi che il Presidente tiene a cuore le sorti del nostro territorio, rimarremo comunque vigili e ci batteremo perché Lamezia Terme abbia ciò che gli spetta.

LICEO ARTISTICO STATALE Tel. Presidenza 0961 775390 - Segreteria e Fax 0961 353157 CF. 80004170793 - CM. CZSL010003

www.liceoartisticocz.it; e.mail CZSL010003@istruzione.it Via T. Campanella, 182 88100 CATANZARO

Programmazione PON 2007-2013 Si rende noto che il Liceo Artistico Statale di Catanzaro, vista l’autorizzazione a realizzare interventi formativi destinati agli Studenti, ha pubblicato in data 31.01.2009, il Bando di Selezione Esperti Esterni. Sul sito www.liceoartisticocz.it gli interessati potranno trovare il Bando integrale completo del modulo di domanda. Scadenza 09.02.2009


26 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Il sindaco Rosario Olivo ha completato la ricognizione sull’attività amministrativa del Comune e ha sottolineato...

«Nel 2009 si concretizzerà il mio programma» Esaminate le criticità allo scopo di imprimere una ulteriore accelerazione all’azione politica CATANZARO — Il sindaco Rosario Olivo ha completato la ricognizione sull’attività amministrativa del Comune, esaminando, assieme alla Giunta, ai presidenti delle commissioni consiliari e alla dirigenza, i risultati conseguiti dai Dipartimenti 1 (“Politiche istituzionali”) e 2 “Servizi al cittadino”. Come si ricorderà, l’attività dei Dipartimenti 3 (“Politiche del territorio”) e 4 “Politiche di sviluppo”) era stata analizzata in una precedente riunione. Anche in questo caso, è prevalsa la soddisfazione del primo cittadino per gli obiettivi conseguiti, sia pure in una situazione finanziaria e complessiva molto delicata. Sono state esaminate talune criticità allo scopo di imprimere un’ulteriore accelerazione all’azione amministrativa nel corso del 2009, «anno che - ha detto il sindaco - vedrà la concretizzazione di buona parte del programma sottoposto agli elettori». «Ma ecco - si legge in un comunicato di Palazzo De Nobili -, nel dettaglio, quanto è emerso dalla lunga riunione presieduta dal sindaco a Palazzo De Nobili. Pubblica istruzione e sport Oltre all’ erogazione dei servizi di base destinati alla popolazione scolastica, in questo delicato settore va segnalato l’ avvio nel 2008 delle attività della sezione decentrata del Conservatorio musicale. Il Comune ha svolto un ruolo preminente sia nell’ottenimento del riconoscimento da parte del Ministero dell’istruzione e dell’alta formazione, sia nell’organizzazione logistica della struttura. I dodici corsi musicali sono stati ospitati in una prima fase nei locali della scuola media Mazzini in attesa della riqualificazione dell’ex Istituto Rossi dove, da qualche settimana, si stanno svolgendo le lezioni per circa 300 studenti. Il Comune ha anche provveduto a implementare la dotazione di strumenti musicali e a istituire un servizio di accoglienza e vigilanza nella nuova e prestigiosa sede. Sul piano della qualificazione scolastica, occorre ricordare due iniziative che hanno riscosso notevole successo: il Festival dell’Antropologia,, che si è sviluppato in oltre cinquanta incontri tematici, e il Festival della Creatività Scolastica che ha coinvolto cinquanta scuole della provincia. Nel settore sport, oltre al sostegno alle società dilettantistiche e all’organizzazione di decine di manifestazioni, da segnare i lavori che hanno riguardato l’adeguamento alle norme di sicurezza dello stadio “Ceravolo” e la ristrutturazione dello stadio “Curto” di Lido. Cultura e politiche giovanili Oltre 60mila visitatori per le sette mostre ospitate al San Giovanni nel 2008 (Castellaria, Golgota oggi, Giuseppe Rito, Cinema e colorazioni, l’arte presepiale, Il filo dell’arte, Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti) costituiscono un risultato di tutto rilievo nel settore della cultura. La mostra che ha consentito alla Calabria di riscoprire la figura dello scultore Giuseppe Rito è stata abbinata al progetto di restauro della statua del Cavatore, in collaborazione con il Rotary. Il Comune ha ottenuto dalla Regione Calabria, nell’ambito dell’Apq sui beni culturali, un finanziamento di circa un milione di euro per migliorare la funzionalità del teatro Politeama e per realizzare un potenziamento dei servizi nel complesso monumentale del San Giovanni. Nel 2008 le strutture culturali comunali sono state utilizzate in maniera massiccia dagli operatori e dalle associazioni: San Giovanni, auditorium Casalinuovo e Centro di aggregazione di via Fontana Vecchia sono stati impegnati per 460 giornate. Oltre 120 sono state le manifestazioni culturali direttamente promosse dal Comune o in compartecipazione con le associazioni. Tra le più significative: Una città per

cantare, Marinfest, omaggio a Giovanni Patari, omaggio a Mario La Cava, le rassegne jazz. Un discorso a parte riguarda la biblioteca comunale “De Nobili” che, nonostante la forzata chiusura per i lavori di ampliamento e riqualificazione, ha svolto nel 2008 è stato l’ inscatolamento razionale di intere sezioni di opere (oltre 13.000 volumi). La biblioteca sarà riaperta al pubblico nei prossimi mesi, unitamente all’ archivio storico. A fine lavori la Biblioteca dovrà essere risistemata anche in funzione dei nuovi spazi. Si prevede una nuova collocazione per oltre 30.000 volumi e la riorganizzazione dei servizi, alcuni di nuova attivazione. Sono state acquisite più di 2.000 nuove opere, tutte regolarmente inventariate, di cui 1.300 sono state anche schedate e inserite in Sbr (Sistema Bibliotecario Regionale). Anche nel 2008, la biblioteca ha svolto un’attività culturale, sviluppatasi in decine di incontri, convegni e presentazione di libri. Molto intensa l’attività nel settore delle politiche giovanili: sono stati avviati lo sportello Informa giovani, il centro polivalente per i giovani, il centro di aggregazione Polivaliamo, il progetto Gargantua. Anche l’apertura della biblioteca tematica sul meridionalismo (tremila volumi) è da inserire nel contesto dei servizi destinati ai giovani. Politiche sociali e città solidale Il Comune di Catanzaro, attraverso lo stanziamento temporaneo di 700mila euro all’Asp, ha favorito la ripresa dei lavori di ristrutturazione dell’Umberto I che diverrà un qualificato centro a servizio degli anziani. L’azienda sanitaria provinciale nel prossimo mese di febbraio bandirà la gara per il completamento dell’opera che, salvo intoppi, sarà consegnata a fine anno e messa a disposizione della città e dell’hinterland. Il settore delle politiche sociali è stato impegnato massicciamente su più fronti, sviluppando decine di iniziative - direttamente o in collaborazione con il mondo del volontariato allo scopo di fornire servizi e sostegni alle fasce deboli della popolazione. Tra le decine di servizi attivi e progetti realizzati da segnalare tra i più significativi: l’assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti, il rilancio dei cinque centro sociali comunali, lo sportello informativo sulle adozioni e sugli affido, lo sportello “aiuto anziano”, progetto “Incontri”, progetto “Oasi”, progetto “piscina per anziani”, servizio semi-residenziale per i minori, istituzione dell’”area dell’infanzia” presso la scuola materna “Pepe”, progetto “La Rosa rossa”, progetto “La Casa di Alì”, progetto “Contr-addiction” sulla prevenzione dell’uso di droghe, progetto “Welcome” per il sostegno e la protezione delle vittime della tratta, progetto “La Casa di Nilla” per minori abusati, progetto “Rosa e azzurro” (centro di accoglienza per donne e minori vittime di maltrattamenti), Casa di accoglienza “Maddalena” (ha ospitato nel 2008 52 persone italiane e straniere senza fissa dimora); la banca del tempo over 65; il servizio di formazione antibullismo. Tra i progetti in avanzata fase di elaborazione - che dovrebbero essere avviati nel 2009 - la “Tutela di donne in grave disagio sociale”, il progetto “Servizi per le persone non autosufficienti”, il progetto “Jonathan” in favore dei minori stranieri, i micro-nidi aziendali, il progetto “Amico taxi” per il trasporto e accompagnamento di anziani e disabili). Di particolare importanza, oltre all’ipotesi dell’ elezione di un Consigliere comunale aggiunto (un cittadino straniero residente nel territorio comunale) e alla costituzione della Consulta della Sanità, è l’attuazione del progetto legato al Pon Sicurezza che - secondo le assicurazioni del ministro Maroni - sarà

Rosario Olivo

presto finanziato: prevede interventi per la prevenzione dei reati e l’educazione alla legalità nei quartieri a rischio della città. Intensa l’attività sul fronte del problema casa. Oltre ad avere espletato l’ istruttoria di 1.269 istanze di contributo di integrazione del canone d’affitto, il settore ha gestito una situazione di emergenza di 54 famiglie senza tetto ed erogato contributi in conto capitale a 32 giovani coppie per l’acquisto e la ristrutturazione della prima abitazione. Sempre nel settore alloggiativi, il Comune di Catanzaro è stato inserito nel programma del Ministero delle infrastrutture per la riqualificazione urbana (recupero di alloggi con quota di cofinanziamento non inferiore al 14% del complessivo finanziamento Stato-Regione). Sono stati assegnati 32 alloggi Aterp in via Fares (lavoratori dipendenti) e 26 alloggi Aterp in località Pistoia. Servizi finanziari e tributi Il risultato più importante ottenuto nel 2008 dal settore finanziario dell’amministrazione è un risultato poco appariscente, ma decisivo per le sorti del Comune: il mantenimento degli equilibri di bilancio ed il rispetto del “patto di stabilità”. Un risultato non scontato vista la politica dei tagli agli investimenti e ai trasferimenti agli enti locali (Catanzaro attende ancora il rimborso per la cancellazione dell’ICI sulla prima casa). A Catanzaro, si è anche dovuto far fronte all’emersione dal passato amministrativo di debiti per milioni e milioni di euro, accertati con sentenze della magistratura giunta al termine di processi durati decenni. Le finanze comunali hanno retto a questo urto grazie all’intervento deciso dell’amministrazione e all’impegno dell’ufficio finanziario dell’ente e senza fare ricorso alla leva fiscale. In tutti e tre gli esercizi finanziari dell’a Giunta Olivo sono rimasti invariati i tributi locali e le tariffe: Tarsu, Tosap, Tassa sulla pubblicità, Tariffa per la fornitura idrica sono le stesse del 2005 ed addirittura l’Ici sulla prima casa era stata ridotta ancor prima degli interventi governativi. Nel 2008 è stato avviato un progetto biennale contro l’evasione Tarsu ed è stato emesso un nuovo ruolo. Il 2009 sarà l’anno dell’acquedotto con un intervento coordinato con l’Ufficio tecnico al fine di far emergere abusi e comportamenti elusivi/evasivi. Particolare attenzione inoltre, sarà rivolta al recupero dell’Ici sulle aree fabbricabili. Qualche parola, infine, sugli aspetti del controllo dei risultati raggiunti e della programmazione. Per la prima volta della storia dell’Ente, con il coordinamento della direzione Generale, e il lavoro degli uffici finanziari, è stato adottato il Piano generale di sviluppo, strumento che traduce il programma del Sindaco in scelte amministrative. È stato inoltre redatto il 1° referto sul controllo di gestione che permetterà un monitoraggio più attento del lavoro dei settori comunali e dei loro dirigenti. Si sono create così le

condizioni per la realizzazione del controllo di gestione e per la predisposizione del bilancio sociale che costituiscono gli nostri obiettivi per il futuro prossimo. Risorse umane e patrimonio E’ stato avviato il piano assunzioni per la copertura di complessivi 63 posti di cui: 54 per concorso pubblico (quasi ultimata fase istruttoria domande di ammissione concorso istruttore di vigilanza); due per chiamata numerica (procedura in corso); 5 stabilizzazioni (procedura completata); due dirigenti a tempo determinato (procedura completata). Sono state attuate le progressioni verticali, piano 2007, per la copertura di 63 posti di varie categorie professionali di cui: per 49 posti procedura completata; per 14 posti procedura in corso (prove selettive già fissate per il 2 febbraio prossimo). Sono stati redatti il Piano pluriennale fabbisogno personale 2008/2010 e il Piano assunzioni 2008 che contiene la previsione della copertura di ulteriori 32 posti di cui: 12 per progressioni verticali interne (procedura avviata); 11 per concorsi pubblici (procedura avviata); 9 per stabilizzazioni comandi/mobilità volontaria dall’esterno ( per 6 posti procedura completata e per 4 posti procedura in corso). Oltre a numerosi progetti e iniziative per migliorare l’organizzazione aziendale, da segnalare l’attività formativa svolta dalla Fondazione Centro di formazione permanente per il personale degli Enti locali, promossa dal Comune di Catanzaro e da altri 12 Comuni: nel solo 2008 si sono svolti dieci seminari di formazione che hanno coinvolto qualificati docenti e centinaia di dipendenti pubblici. Il settore patrimonio, da parte sua, ha aggiornato l’inventario dei beni immobili di proprietà comunale, formando nel contempo l’elenco di tutti i beni accatastati. Si sta procedendo alla ricognizione dei dati inseriti, alla ricerca presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari ed al conseguente completamento delle schede informative. Tali attività sopra sono propedeutiche alla redazione del Piano dell’alienazione e valorizzazione degli immobili comunali non strumentali all’esercizio delle funzioni istituzionali e che costituirà allegato fondamentale al Bilancio di previsione 2009. Oltre alle attività di routine (rilascio di ben 886 concessioni di occupazione di suolo pubblico, accertamento n.280 passi carrabili nel centro storico), da segnalare la connessione al Sid-Sistema informatico marittimo e l’intenso lavoro legato agli usi civici (sono state presentate 960 istanze di legittimazione e affrancazione). L’acquisizione della Galleria Mancuso al patrimonio viario pubblico rappresenta uno degli obiettivi più qualificanti del settore, in quanto consentirà di recuperare una struttura di notevole interesse per la rete commerciale e per il tempo libero nel cuore della città. Affari generali e avvocatura Tra i risultati più significativi del settore affari generali da sottolineare: l’esperimento di sorveglianza e vigilanza del palazzo municipale e delle sedi circoscrizionali a cura dell’Associazione nazionale carabinieri; i nuovi appalti per il servizio di pulizia di tutti gli immobili comunali e del palazzo di giustizia (con notevole beneficio economico per l’Ente); la redazione del nuovo regolamento di accesso agli atti amministrativi (è all’esame del Consiglio comunale); lo stage formativo rivolto a studenti delle scuole superiori. Per quanto riguarda la Stazione unica appaltante, nel corso del 2008 il Comune ha completato tutti gli adempimenti di sua competenza ed è ora in attesa delle determinazioni della Prefettura e della Provincia. Il settore avvocatura, di recente istituzione, nel corso del

2008 ha gestito oltre 600 nuovi giudizi presso le diverse magistrature, nonché 2000 vertenze relative agli anni pregressi con evidente, notevolissimo risparmio per le casse comunali. L’istituzione di uno specifico assessorato alla legalità si pone in linea con gli obiettivi di tutela, vigilanza e controllo del territorio. In tale ottica, il settore - di concerto con il settore patrimonio - ha curato la concessione in comodato al Provveditorato regionale dell’Amministrazione Penitenziaria di un immobile in località Pistoia che sarà destinato ad ospitare il Presidio di legalità in attesa dell’istituzione dell’Isspe (istituto superiore di studi penitenziari). Decentramento, servizi demografici, pari opportunità Il settore è intervenuto per eliminare i disagi che possano derivare ai cittadini da carenti indicazioni stradali: nel corso del 2008 sono state acquistate e posate le targhe toponomastiche nelle vie censite nel territorio della circoscrizione Catanzaro Lido); è stato aggiornato e stampato lo stradario, strumento ufficiale per l’individuazione di tutti i toponimi (vie, piazze, vichi, ecc.) presenti nel territorio cittadino con l’esatta indicazione dei loro confini e della circoscrizione di appartenenza. In ottemperanza alle linee di sviluppo della Pa, è stata elaborata, in formato elettronico, la “Carta dei Servizi” del settore servizi demografici e decentramento, con lo scopo di rendere note le modalità di erogazione di tutti i servizi di competenza. La “Carta” sarà pubblicata nei prossimi giorni sul sito istituzionale del Comune. Il settore ha predisposto una serie di servizi on line: fruibilità dei dati statistici della popolazione residente; avvio delle pratiche relative all’iscrizione all’albo degli scrutatori, dei Presidenti di seggio e dei Giudici Popolari, con contestuale comunicazione ai diretti interessati, attraverso e mail, sullo stato della pratica e sulla conclusione del procedimento; analoga azione è stata attuata per le richieste di cambio di abitazione disponibili sul sito internet del Comune; pubblicazione, sempre sul sito ufficiale dell’Ente, di una raccolta completa dei risultati elettorali degli ultimi dieci anni per tutti i tipi di consultazioni elettorali. Nel 2009 è prevista la realizzazione del servizio “Demografici senza frontiere” che rappresenta un nuovo servizio telematico di ausilio e comunicazione per i colloqui degli operatori degli sportelli degli uffici dei Servizi Demografici con gli utenti stranieri. Dopo 20 anni di abbandono, è stata ripristinata la rilevazione dei prezzi al consumo (in virtù di tale attività il Comune di Catanzaro è stato ufficialmente inserito nell’indice nazionale dei prezzi al consumo da parte dell’Istat). Nel settore delle pari opportunità, si segnala il protocollo d’intesa con l’Associazione “Città Solidale” per la creazione di un Centro antiviolenza. Si è inteso estendere il ruolo istituzionale del decentramento con una serie di funzioni di informazione, di orientamento e di accompagnamento dei cittadini, in modo da contribuire al consolidamento dell’immagine “amica” delle Circoscrizioni. Nelle sedi circoscrizionali è possibile accedere ai servizi dello “Sportello Europa” e dello “Sportello lavoro”. Nel contempo è stato avviato il confronto con l’Amministrazione Provinciale per la stipula di un accordo istituzionale per il collegamento dello “Sportello Lavoro” al “Centro per l’Impiego” della Provincia e l’utilizzo di banche dati della rete dei Servizi Pubblici per l’Impiego. Di notevole impegno i due convegni pubblici: “Piacere di Conoscerti”, sull’immigrazione e la politica dell’accoglienza e “Staffetta di Donne” sul tema della violenza contro le donne.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 27

CALABRIA CHIARAVALLE Il sindaco Bruno ha scritto una nota a Morabito e a Loiero per invitarli a trovare un soluzione alla situazione dell'ospedale

«La riconversione della struttura è lenta» «L'aumento da 4 a 8 posti letto non risulta ancora attuato per mancanza di un altro medico» CHIARAVALLE — Il sindaco Antonio Bruno ha scritto una nota al direttore generale dell'Asp, Pietro Morabito, e al presidente della regione, Agazio Loiero per invitarli a trovare un soluzione relativamente alla situazione dell'ospedale di Chiaravalle. «Alla luce della lentezza del processo di riconversione dell'ospedale» scrive il primo cittadino, «non posso non raccogliere i malumori e le preoccupazioni diffuse nella popolazione e nelle amministrazioni locali, malumori che potrebbero sfociare in proteste concrete contro le istituzioni, e comunque, in una sostanziale perdita di credibilità delle stesse». Bruno comunica a Loiero e a Morabito di aver registrato delle incongruenze nonostante l'impegno che lui stesso ha notato da parte del dirigente generale dell'Asp per la riconversione dell'ospedale. Per tale ragione secondo Bruno la fase della vita ospedaliera di Chiaravalle sarebbe «negativa». «In buona sostanza - prosegue - se da una parte, non viene attuato quanto previsto dall'atto aziendale vigente, riconfermato dal Piano sanitario, approvato dalla Giunta regionale, dall'altra sono stati depotenziati i servizi esistenti in quanto non oggettiva-

Il Consiglio direttivo dell’Unione delle Provinced’Italia,riunitoaRomainAssemblea il 18 dicembre 2008, in rappresentanza di tutte le Province italiane, approva il presente ordine del giorno. «Premesso che sono passati ormai 7 anni dall’entrata in vigore del nuovo titolo V, parte seconda, della Costituzione e, fino ad ora, il Governo e il Parlamento non sono ancora riusciti a dare una coerente attuazione delle nuove disposizioni costituzionali; nel Dpef 2009-2013 il Governo si è impegnato ad approvare la delega per l’attuazione dell’articolo 119 della Costituzione in materia di federalismo fiscale e il nuovo Codice delle Autonomie locali; il Governo ha approvato il ddl di delega sul federalismo fiscale il 3 ottobre scorso, con il parere favorevole espresso da Regioni, Province e Comuni in Conferenza unificata, ed ha presentato il provvedimento al Senato della Repubblica (As 1117) dove è iniziato l’iter di approvazione; il Ministro dell’Interno ha trasmesso alle associazioni rappresentative delle autonomie locali i 4 provvedimenti relativi al nuovo Codice delle autonomie locali (Funzioni Fondamentali, Città Metropolitane, Carta Autonomie e Piccoli Comuni) sui quali è stato avviato un confronto preventivo prima della loro formale approvazione in Consiglio dei Ministri. Considerato che con l’avvio del dibattito parlamentare sul federalismo fiscale, contestualmente alla presa d’atto di una congiuntura economica recessiva nazionale e mondiale, sono ripresi nei mass media gli attacchi ai principi di autonomia, pluralismo, responsabilità democratica che caratterizzano l’assetto costituzionale italiano, tra i quali deve essere inserita la campagna denigratoria per l’abolizione delle Province; la campagna deniDAVOLI — E’ stata un’eccezionale due

giorni didattica per alcuni giovani allievi catanzarese appassionati di equitazione. Convocati presso il nuovissimo circolo ippico Fenusa di Davoli cavalieri ed amazzoni hanno avuto il privilegio di partecipare ad uno stage tenuto dal campione olimpionico Juan Carlos Garcia, atleta di punta dell’equitazione azzurra. Garcia, che solitamente non tiene lezioni, è sceso per la seconda volta in Calabria in virtù

nuovi posti letto, occorrono medici, infermieri, strumenti e locali idonei. Ha l'azienda una proposta credibile da realizzare in tempi accettabili? Lungodegenza. L'aumento da 4 a 8 posti letto, da lei disposto nel settembre 2007, non risulta tutt'oggi attuato, pare per mancanza di un altro medico. Ma è davvero impossibile trovare un medico nell'arco di un anno. Pronto soccorso. E' inspiegabile il fatto che anche le prestazioni non classificate con codice rosso e quindi gestibili nell'ospedale di Chiaravalle siano dirottate al servizio 118 verso Soverato con un duplice negativo risultato gestionale e sanitario, di ridurre l'offerta di servizio nelle Preserre e contemporaneamente di sovraccaricare, anche impropriamente, il Pronto soccorso di Soverato. Chirurgia. I chirurghi inviati dal Reparto di Soverato per il servizio di Day di Chiaravalle sono raramente quelli che hanno operato a Chiaravalle per tantissimi anni e, spesso, la seduta salta per l'assenza del chirurgo designato. Se - si domanda Bruno -, formalmente, non si può eccepire alcunché, nella sostanza si vuole davvero fare buona

sanità? Manutenzione e acquisto strumentazione (colonscopio, gastoscopio, apparecchiatura di radiologia ecc) . Finalmente, dopo anni di discussione, sembra che sia in arrivo il colonscopio. Ciò nonostante, vengono sollevati nuovi ostacoli che finiscono col mettere in forse un importante servizio di diagnosi, cui la popolazione faceva riferimento da molti anni. Prevenzione e cura osteoporosi. Il progetto, di grande rilevanza sanitaria e territoriale, non è stato avviato». Dunque sono diverse le problematiche che il sindaco di Chiaravalle vuole porre all'attenzione di Loiero e Morabito anche se in realtà non è la prima volta che la situazione viene messa in luce. Da tempo il primo cittadino di Chiaravalle pone all'attenzione di chi dirige la sanità regionale provinciale le problematiche, che farebbero parte di un progetto più ampio di riconversione strutturale e funzionale dell'Ospedale San Biagio. «Su di esse - conclude - la popolazione delle Preserre merita certo una risposta non più formale ma concreta da parte delle autorità competenti».

IL FATTO Il Consiglio direttivo dell’Unione delle Province d’Italia si è riunito per discutere del riordino degli Enti

vincia e del Comune capoluogo. Occorre avviare una verifica approfondita sulla dimensione demografica e territoriale dei diversi livelli di governo (comunale, provinciale e regionale) per verificare le possibilità di accorpare gli enti su dimensioni adeguate per l’esercizio delle funzioni attribuite ad ogni livello di governo. Nella prospettiva di un rafforzamento del ruolo di governo provinciale di area vasta, occorre bloccare l’istituzione di nuove province ed, anzi, prevedere un intervento relativo alla revisione delle circoscrizioni provinciali. Il federalismo fiscale dovrà garantire alle Province, come ai Comuni e alle Regioni, la certezza delle risorse finanziarie necessarie per l’esercizio delle funzioni istituzionali, allocando la gestione dei cespiti tributari in modo appropriato e trasparente tra i diversi livelli di governo ed esaltando l’autonomia e la responsabilità di tutte le istituzioni costitutive della Repubblica: occorre legare strettamente il prelievo fiscale alla responsabilità politica di ciascun livello di governo, collegando il gettito dei tributi alle capacità dei territori e individuando nuovi meccanismi di perequazione e solidarietà, ancorati a fabbisogni standard di servizi ed interventi che tengano conto delle diverse condizioni oggettive dei territori. Nella prospettiva della semplificazione istituzionale e della riduzione della spesa pubblica occorre infine ripensare complessivamente i costi delle istituzioni, razionalizzare la disciplina delle ineleggibilità ed incompatibilità a tutti i livelli, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo politico ed istituzionale delle istituzioni democratiche della Repubblica, restituire agli eletti una vera rappresentanza territoriale e rafforzare il ruolo di indirizzo e controllo delle assemblee elettive».

L’ospedale di Chiaravalle

mente ostacolati da alcuni settori gestionali operanti all'interno dell'azienda e del presidio di Soverato». A quanto pare la messa in sicurezza e la riqualificazione strutturale dell'edificio ospedaliero sarebbero ancora in corso un confronto fra l'onorevole Loiero e i venti sindaci del territorio. «Ritengo comunque utile segnalare - sottolinea Bruno - alcune problematiche che, con una ferma e convinta azione, l'azienda potrebbe quantomeno av-

viare a soluzione». Il sindaco elenca in dettaglio tutte le situazioni che lo preoccupando maggiormente. «Riabilitazione. Mentre sembra concretizzarsi - spiega il primo cittadino - l'avvio del reparto di riabilitazione motoria con 8 posti letto, rimane invece una grande incertezza sulla riabilitazione respiratoria e cardiologica. Se l'accordo con l'Università di Germaneto non decolla, l'azienda ha un piano alternativo efficace? Per aggiungere

«Il federalismo fiscale dovrà garantire le risorse» gratoria contro le Province e, in generale, contro le istituzioni territoriali che costituiscono il presidio pluralistico e democratico dell’articolazione della Repubblica italiana, deriva dalla volontà di conservare gli assetti di potere esistenti: si vuole il ritorno al centralismo a scapito dell’autonomia e della responsabilità delle diverse istituzioni costitutive della Repubblica; l’abolizione delle Province è innanzitutto un “attacco alla democrazia”, poiché tutta la società civile italiana è organizzata a livello provinciale e verrebbe meno l’unico ente che sul territorio provinciale ha la legittimazione democratica e la capacità di rappresentanza generale dei diversi interessi organizzati; se, invece, l’obiettivo è esclusivamente quello di tagliare i costi della politica, ovvero “eliminare” gli amministratori provinciali e le loro indennità, allora non si riesce a comprendere perché non siano considerati tutti i costi della politica dei vari livelli istituzionali diretti e indiretti; nel dibattito pubblico sulle Province sono state riportati dati e notizie falsi e privi di fondamento, quali quelli relativi all’incremento delle spese e del personale delle amministrazioni provinciali, dimenticando che tale incremento è derivato esclusivamente da trasferimenti o deleghe di funzioni da parte dello Stato e delle Regioni; non si comprende quale risparmio reale derivi dalla soppressione delle Province, considerato che per abolirle serve una riforma costituzionale che ha notoriamente tempi lunghi e che le loro funzioni ed i servizi da esse resi dovranno

comunque essere garantiti da altri enti ai quali si dovranno trasferire le relative risorse, poiché non si potrà certo provvedere ad un taglio in blocco delle funzioni e del personale ora a carico delle Province: con il risultato di creare nuove burocrazie regionali lontane dai territori o nuovi enti e strutture che comunque moltiplicherebbero i costi e la confusione dei ruoli; l’ingiustificata affermazione dell’inutilità delle Province costituisce un oltraggio verso il lavoro dei 61.000 dipendenti che quotidianamente svolgono numerosissimi interventi e servizi fondamentali per assicurare il benessere dei cittadini e lo sviluppo del territorio; l’Italia ha invece bisogno di dare certezza agli assetti istituzionali: occorre portare a compimento il lungo periodo di transizione che si è aperto negli anni ’90, attraverso una profonda opera di riordino delle istituzioni che semplifichi effettivamente la pubblica amministrazione e fornisca un quadro di riferimento stabile, snello, moderno ed efficiente della Repubblica, che valorizzi i soggetti che oggi la costituiscono: i Comuni, le Province, le Regioni e lo Stato; costruire un assetto istituzionale chiaro e stabile per i cittadini e le imprese e la premessa essenziale per porre le condizioni di una ripresa della fiducia e degli investimenti nei nostri territori, a partire dalla consapevolezza che non vi può essere crescita senza un grande patto tra il Governo e le comunità locali che valorizzi il ruolo delle istituzioni più vicine ai cittadini e la sussidiarietà tra soggetti pubblici e soggetti privati. Il Consiglio direttivo

dell’Upi ribadisce le seguenti proposte delle Province: Si deve procedere ad un forte riordino istituzionale che consenta di semplificare la pubblica amministrazione,individuandolefunzioni fondamentali di Comuni e Province e riorganizzando in modo organico tutte le funzioni amministrative intorno alle istituzioni che compongono la Repubblica, colpendo le reali inefficienze e superando enti e strutture ridondanti a livello nazionale e a livello regionale, che non hanno una diretta legittimazione democratica e che non sono quindi responsabili nei confronti della cittadinanza. Nel riordino del sistema amministrativo è essenziale che ogni livello di governo sia disponibile a concentrarsi sulle funzioni che rientrano nella specifica missione istituzionale, evitando di invadere il ruolo degli altri livelli di governo. In particolare, chiediamo che sia ridefinito chiaramente il ruolo delle Province, nelle funzioni di governo del territorio, di programmazione e di pianificazione territoriale e su quei compiti che non possono essere svolti adeguatamente a livello comunale, e che siano ricondotte in modo organico in capo alle Province le funzioni di governo di area vasta di diversi organismi ed enti intermedi(ades.Atoacqueerifiuti,agenzie, enti strumentali, uffici delle Regioni decentrati a livello provinciale, …). Nelle aree metropolitane, occorre rilanciare l’istituzione delle Città metropolitane come enti di governo integrato nel quale assorbire la gran parte delle funzioni comunali e provinciali, con il conseguente superamento della Pro-

DAVOLI Nell’occasione Wanda Ferro ha ufficializzato l’apertura del Circolo Equestre nel Parco delle Biodiversità

Lo stage di Garcia al circolo ippico Fenusa dell’amicizia personale con l’imprenditore Michele Notaro, proprietario della ‘Fenusa’ e dell’annesso Centro Sportivo “S. Francesco” che si inaugura proprio in questo fine settimana. Protagoniste di questo strardinario

addestramento le amazzoni juniores Carmen Notaro e Maria Rosaria Capogreco, interessanti promesse del movimento calabrese e già inserite nelle classifiche di categoria. Il campione ha curato la preparazione in vi-

sta della stagione agonistica che per le due calabresi vede imminente il Concorso Ippico indoor di Bologna a fine mese e l’importante Toscana Tour in primavera. Il cavaliere colombiano ha montato un percorso mirato a far

Carmela Mirarchi

raggiungere alle ragazze la continuità di movimento su distanze impegnative e le ha fatto provare ‘girate’ piuttosto complicate. «E’ uno sport molto dispendioso - ha detto Garcia - sia sotto il profilo dell’impegno che delle risorse economiche. Fondamentale è il legame tra cavaliere e cavallo». Nell’occasione Wanda Ferro ha ufficializzato che il 26 giugno prossimo sarà inaugurato il nuovo Circolo Equestre all’interno del Parco delle Biodiversità.


28 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA SOVERATO La maggioranza comunale rispedisce al mittente l’idea di una spaccatura in seno al gruppo di centrodestra

«Siamo in undici e siamo uniti» Ma lo scontro tra Mancini e i Matacera apre scenari dirompenti in vista delle prossime elezioni SOVERATO — I consiglieri di mag-

gioranza Arcidiacono, Barone, Gioviale, Matozzo, Munizzi, Rattà, Riccio, Scuteri, Sica, Sinopoli e Tiani ribadiscono in una nota «in maniera inequivocabile e senza false interpretazioni» la loro grande «coesione di operosità, di legalità, di trasparenza e di grande attaccamento alla città di Soverato, riconoscendosi tutti nel progetto politico del centrodestra». Nel documento, firmato dalla “maggioranza attiva”, si coglie l’occasione per affermare che «non vi è nessuna spaccatura nella coalizione che guida ormai da otto anni circa la città». «Semmai - sottolinea la nota stampa - coloro che sono stati privati della poltrona hanno de-

Raffaele Mancini

liberatamente scelto di non farne parte». Ma chi è che è stato “privato della poltrona”? Traducendo dal politichese, il riferimento è chiaro: Pietro Matacera. E’ pur vero, però, che l’atto di estromissione dell’ex vice sindaco, all’epoca dei fatti, fu accompagnato da dichiarazioni piene di zucchero e complimenti reciproci. Solo un tentativo di coprire fratture molto più dirompenti? Forse sì, se è vero (come è vero) che da quel momento in poi si è scatenato un assalto durissimo al sindaco, Raffaele Mancini, ed alla sua coalizione. Tant’è che, come ribadisce la stessa nota diffusa ieri dalla “maggioranza attiva” della città di Soverato, al momento la trincea del centrodestra in Aula può con-

S. PIETRO A MAIDA Giuseppe Arena, sindaco e membro della consulta Piccoli Comuni Anci, scrive al presidente Perugini

«Canone depurazione, serve una riunione» SAN PIETRO A MAIDA — Giuseppe Are-

na, sindaco di S. Pietro a Maida e membro della consulta Piccoli Comuni Anci, scrive al presidente Regionale Anci, Perugini: «Caro presidente, come certamente sai, per effetto della sentenza della Corte Costituzionale n. 335 del 15/10/2008, che dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art.14, comma 1, legge 5/1/1994 n.36 e dell’art.155, comma 1, primo periodo, del Decreto Legislativo 3/4/2006 n.152, l’applicazione del canone depurazione sulle bollette dell’acqua, nei Comuni dove il servizio non esiste, è illegittima. Pertanto molti utenti stanno già richiedendo il rimborso delle somme versate e non dovute, mentre molti altri continuano a recarsi presso i vari uffici tributi comunali per avere chiari-

menti e informazioni, ottenendo, nostro malgrado, risposte evasive ed imprecise; Quindi, al fine di dare risposte più puntuali e rassicuranti ai cittadini e per non dare la sensazione di aver lasciato i singoli comuni soli nelle loro

decisioni, Ti chiedo d’investire, della delicata materia, tutti i competenti organi regionali e nazionali e di convocare al più presto un’assemblea di tutti i comuni soci, per un confronto serio ed approfondito».

Catanzaro, convegno farmacisti Oggi, alle ore 11.30, presso la sala convegni dell’Ordine dei Farmacisti della provincia di Catanzaro, situata in via Italia, numero 81, si terrà una conferenza stampa organizzata sulla campagna di raccolta latte in polvere necessario al sostentamento dei bambini prematuri per i primi dodici mesi di vita ed allo svezzamento di tutti i nati da madri Hiv positive. La conferenza è indetta dal Rotaract club di Catanzaro. Il latte raccolto sarà inviato al Centre Medicale Saint Camile di Ouagadougou in aiuto dei neonati del Burkina. Alla conferenza stampa di oggi interverranno: dott. Vincenzo Defilippo, presidente Consulta regionale; ing. Giuseppe Martucci, presidente Rotaract Catanzaro e ing. Quirino Ierillo, presidente Rotari Catanzaro Tre Colli.

SELLIA MARINALa cerimonia è stata officiata dall’arcivescovo della diocesi Catanzaro-Squillace, Mons. Antonio Ciliberti

Inaugurate l’Acqua Salus e l’azienda Varacalli SELLIA MARINA — L’arcivescovo della diocesi Catanzaro-Squillace, Mons. Antonio Ciliberti, accompagnato dai parroci don Giuseppe Cosentino e don Raffaele Rimotti, in visita nella comunità selliese in occasione dell’inaugurazione di due strutture d’eccellenza, l’Acqua Salus, centro di riabilitazione estensiva e l’azienda Varacalli. Ha espresso gratitudine, il presule, per la capacità degli imprenditori di creare nuove strutture in periodi economicamente non felici, ma soprattutto per essere riusciti a coniugare la qualità del servizio con la professionalità. Nel centro di riabilitazione, definito da Mons. Ciliberti, un luogo dove si cura la sofferenza, in particolare, ha elogiato coloro i quali, con senso di professionalità, lavorano a sostegno della salute. «La vita è un dono di Dio - ha sostenuto il Presule - a noi il compito di accogliere questo dono. In queste strutture s’impara ad apprezzarla di più, in quanto la sofferenza e la malattia va contemplata non come condanna, ma come una condizione di privilegio. Si rende necessario lavorare uno per tutti e tutti per uno ha concluso Mons. Ciliberti, per rendere un servizio migliore alla collettività». Entrambe le strutture, e ciascuna nel proprio settore, ricoprono un ruolo di fondamentale importanza. La prima, diretta dal Responsabile Sanitario dott. Colao, fisiatra, il quale, si è detto confortato dalla presenza dell’arcivescovo come sostegno per il difficile compito da attuare, quello di alleviare la sofferenza fisica delle persone, si occupa di riabilitazione, una struttura, accredi-

Pietro Matacera

tare solo su 11 consiglieri comunali, tutti “graduati” sul campo: assessori, capigruppo, ecc. La figura del consigliere semplice, dunque, si è estinta per autoconsunzione. A ciò bisogna anche aggiungere i recenti incroci di fioretto tra Mancini e Giacomo Matacera (fratello di Pietro) attuale assessore provinciale di Catanzaro. Cosa lascia presagire tutto ciò? Un’idea che viene in mente è che la spaccatura c’è. Magari non all’interno degli 11 “colonnelli” del sindaco. Ma c’è, sicuramente, nell’area del centrodestra soveratese. E con la prospettiva delle prossime Amministrative all’orizzonte, un ritorno al passato (elezioni 2001, Cdl spaccata in due liste) è più che probabile.

Catanzaro, per il maltempo strada provinciale 45 chiusa CATANZARO — «La strada provinciale 45: “Catanzaro Sala – Germaneto” nel tratto compreso tra il chilometro 1+500 e il chilometro 2+500, per un movimento franoso, è stata chiusa la traffico». A darne notizia, mediante un comunicato, è l’ufficio stampa della Provincia di Catanzaro. Continuano, perciò, i danni provotati dal maltempo, che anche nelle prossime ore porterà pioggia e allagamenti. Si consiglia la massima prudenza sulle strade. «Il traffico della strada provinciale 45 - prosegue la nota della Provincia - sarà deviato sulla strda provinciale 48: “longitu-

Il traffico sarà deviato sulla strda provinciale 48: longitudinale in sinistra del fiume Corace dinale in sinistra del fiume Corace (raccordo Corace sulla SS 280 bivio Nalini sulla SS 106), sulla provinciale 157: “S. Maria – Germaneto” e sulla statale 280».

Cropani, partita amichevole tra la Scd e gli ospiti del centro di accoglienza

Un momento dell’inaugurazione a Sellia Marina con il vescovo Ciliberti

tata con il Servizio Sanitario Regionale, con riconoscimento di Qualità Iso 9901-2000, concepita in modo molto funzionale e attrezzata a livelli ottimali, con figure professionali di elevata e provata esperienza, per svolgere una mansione importantissima, alleviare la sofferenza fisica delle persone con patologie diversificate. Nel nuovo e confortevole centro, infatti si possono riabilitare patologie dell’apparato osteo-articolare, del sistema neurologico, dell’infanzia e della’accrescimento e dell’apparato circolatorio. Punta di diamante della struttura riabilitativa, il servizio di riabilitazione acquatica, che comprende tre vasche, ognuna delle quali pensata e utilizzata per terapie diversificate, che può essere utilizzata in sostituzione o come supplemento alla terapia, con esercizi, praticata tradizionalmente in palestra e rappresenta uno strumento ideale per il recupero motorio. La seconda azienda, da oltre trent’anni sul mercato, gestita dal sig. Giuseppe Varacalli con la collaborazione dei tre figli, Ni-

cola, Antonio e Grazia, è diventata nel tempo un importante punto di riferimento regionale per la fornitura di materiali e attrezzature riguardanti i settori, acquedottistica, fognature, irrigazione, idraulica e termoidraulica. La nuova struttura occupa una superficie di circa 3 mila mq, con ampi reparti espositivi e altrettanti dedicati all’accoglienza dei clienti e al deposito materiali. L’azienda Varacalli, ha una filiale anche a Lamezia Terme, e va sottolineato il fatto che per la realizzazione della nuova struttura ha utilizzato solo fondi propri senza mai accedere a contributi pubblici. Un motivo di orgoglio per il primo cittadino, il sindaco Giuseppe Amelio, che ha definito Sellia Marina un paese in movimento e in continua evoluzione, il quale, ha elogiato gli imprenditori per gli sforzi compiuti, anche in termini occupazionali, indicandoli, insieme ai tanti altri presenti sul territorio, il motore propulsivo dell’economia locale. Giuseppe Fittante

I giocatori

CROPANI — Dopo aver superato i mo-

menti difficili iniziali del campionato di terza categoria, e trovato una buona quadratura tecnica, a tal punto di rientrare nella zona play off, la Scd Cuturella, società matricola del campionato, ha trovato anche il tempo di dedicarsi alle problematiche sociali. Il presidente della Scd Cuturella, Angelo Grano, nei giorni scorsi, ha incontrato il direttore del centro di accoglienza per extra comunitari, di Cropani Marina, Domenico Lisotti, gestito dalla cooperativa 29 Giugno, discutendo di integrazione, e insieme hanno concordato l’organizzazione di un torneo di calcio tra i calciatori della Scd Cuturella e una squadra composta dagli ospiti del centro. Il torneo si svolgerà il 6 febbraio alle ore 19.00, presso il

campo di calcetto dell’Ale. Mia, a Cropani Marina, struttura residenziale che ospita gli extracomunitari. L’incontro calcistico sarà preceduto da momenti di socializzazione. «Un modo per vivere più da vicino le problematiche di chi è meno fortunato di noi - ha detto Grano - capire e comprendere chi ha una cultura diversa dalla nostra è un dovere morale, che deve spingere le persone timorate da Dio a creare le condizioni per creare un rapporto di fratellanza. Lo sport può svolgere in tal senso un ruolo importante. Ecco perche ci siamo prefissi di stabilire con gli ospiti del centro un rapporto di interazione volto a fargli superare i disagi dell’inserimento sociale». Giu. Fit.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 29

CALABRIA SATRIANO Il sindaco Drosi annuncia la pubblicazione di un testo in ricordo di un educatore che ha combattuto per il progresso della sua terra

«Ranieri, un punto di riferimento politico» «Cesare si mise alla testa dei braccianti diseredati per rivendicare con forza i loro giusti e sacrosanti diritti» di Michele Drosi* SATRIANO — Tra qualche settimana vedrà la luce una pubblicazione per ricordare la vita e l’azione di Cesare Ranieri, educatore e punto di riferimento politico per le battaglie di avanzamento e di progresso. E’ una linea giusta, come abbiamo sempre fatto del resto, quella di trasmettere alle nuove generazioni i gesti, le battaglie, gli insegnamenti di chi ci ha preceduti, di chi ha operato nell’interesse della Comunità, di chi non ha mai tollerato “tutele” e totalitarismi di ogni sorta e ha sempre combattuto e lottato per far trionfare gli ideali di democrazia e di libertà. Sin da giovane studente e, successivamente, come insegnante ebbe modo di distinguersi come spirito libero, non conformista, nemico dichiarato del regime e repubblicano convinto al punto da essere “confinato”, per punizione, in una condizione di isolamento, per evitare che le sue idee potessero contagiare tanti altri spiriti liberi, pronti ad abbracciare la sua nobile causa. Anche nella sua Satriano diede un contributo fondamentale per l’elevazione delle coscienze, come maestro che seppe infondere non solo “i fondamentali” del sapere ma anche quelli della vita. E’ proprio a Satriano diresse la Federterra, nella cui sede si recavano i contadini per affrontare le problematiche legate alla loro attività che veniva portata avanti con enormi sa-

crifici e tante rinunzie, in tempi davvero difficili. A questi contadini, ai quali Cesare Ranieri era legato da un rapporto profondo, insegna come si fa a mettere la firma, a leggere ai più volenterosi, a conseguire la licenza elementare. Ma la Federterra era l’organizzazione dei contadini e dei mezzadri che rivendicavano i loro diritti, che reclamavano la terra, quella terra in mano ai possidenti del tempo, per poterla coltivare con piena dignità. E per raggiungere questo obiettivo, di fronte all’arroganza di chi non voleva addivenire ad accordi capaci di considerare nella giusta misura i protagonisti dei campi, Cesare Ranieri non disdegnò di mettersi alla testa dei tanti braccianti diseredati per rivendicare con forza i loro giusti e sacrosanti diritti, incappando nelle maglie della giustizia del tempo che, nel successivo grado giudiziario, lo assolse con la formula più ampia. Cesare Ranieri fu anche amministratore del suo amato paese e anche in questa veste non smise mai di lavorare per l’emancipazione dei suoi concittadini. E proprio in questa direzione si impegnò tenacemente per l’istituzione della scuola media unificata a Satriano. Ricordare ed evidenziare, quindi, la figura di Cesare Ranieri è un obbligo morale, almeno per tutti coloro che hanno a cuore quei valori, quegli ideali, quei sentimenti nei quali egli ha profondamente creduto e per i quali si è profondamente battuto. *Sindaco di Satriano

SOVERATO Cilurzo e i Popolari Europei verso il Pdl esprimono la loro solidarietà al sindaco Drosi

«Un vile ed ignobile atto intimidatorio» SOVERATO — «Apprendiamo con

vivo sconcerto la notizia del vile quanto ignobile atto intimidatorio cui è stato vittima nei giorni scorsi l’amico nonché Sindaco di Satriano Michele Drosi. Tutto il gruppo dei Popolari Europei verso il Pdl di Soverato vuole esprimere, al di là delle frasi di circostanza, l’appropriata quanto sincera vicinanza ad un uomo che ha sempre e comunque fatto della trasparenza la propria azio-

ne politica» si legge in una nota di Vincenzo Cilurzo. «Vogliamo prosegue -, altresì, esprimere la nostra spontanea solidarietà e partecipazione alla giunta, al consiglio comunale e a tutta la comunità satrianese che egli rappresenta in quanto riteniamo che siffatta nefandezza finisce per colpire quanti sono quotidianamente impegnati nel diffondere la cultura della legalità che deve rappresentare patrimonio di tut-

te le forze sane cui ci sentiamo di appartenere. A Michele Drosi va - conclude -, pertanto, il nostro sostegno ed incoraggiamento convinti che l’impegno di quanti si prodigano in modo unitario nella direzione della legalità e del vivere civile costituisca momento di condivisione che deve trovare, al di la delle appartenenze, la via comune del fare onesto ed incorruttibile».

SATRIANO La solidarietà di Giuseppe Soriero e di Nicola Adamo dopo il «tentativo di ostacolare la trasparenza»

«Prosegui nel tuo impegno istituzionale» SATRIANO — L’associazione “Il campo - Idee per il futuro” esprime la propria vicinanza al sindaco di Satriano, Michele Drosi, oggetto di pesanti intimidazioni da parte della malavita locale. «Caro Sindaco - si legge in una nota del presidente Giuseppe Soriero - bloccato a Roma da impegni familiari (che già conosci) sono vicino a te, alla tua famiglia, al Consiglio Comunale, ai cittadini di Satriano. Le gravi minacce - continua - sono state a te rivolte pochi giorni dopo la importante manife-

stazione pubblica sulla legalità e i valori della Costituzione, tenuta alla presenza dei vertici Provinciali e Regionali dell’Arma dei Carabinieri. Forte della solidarietà che già ti è stata espressa a Satriano e in tutta la Calabria, prosegui nel tuo impegno istituzionale, politico, e culturale affinchè il nostro paese natio sia sempre più riferimento per la Calabria che non si rassegna alla violenza, alla delinquenza, alla mafia. Guardiamo - conclude - al futuro con la coscienza serena di chi

opera per l’interesse generale e il benessere della collettività». Anche il consigliere regionale Nicola Adamo ha espresso la sua solidarietà a Drosi. «Questo grave episodio - ha detto - non può non essere letto come il tentativo di ostacolare un’azione politica e amministrativa tesa ad affermare trasparenza, regole e certezza del diritto per il cittadino. Insomma una intimidazione ad una vera e propria azione riformista che Michele Drosi da tempo va conducendo».


30 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME Ieri la conferenza stampa alla presenza del segretario regionale dello Scudocrociato Francesco Talarico

«L’Udc mantiene una linea politica autonoma» «Riteniamo che ci sia bisogno del federalismo fiscale, ma quella di Calderoli è una riforma pasticciata» LAMEZIA TERME — «L’Udc è un

partito in salute, un partito che mantiene la sua linea politica autonoma appoggiando quelle che sono le decisioni ritenute a favore del territorio e bocciando le altre. Un partito, quello dell’Udc, che a Lamezia ha ottenuto nelle ultime competizioni elettorali l’8,5% e che nonostante le recenti vicende di iscritti che sono andati via, continua a fare politica confrontandosi con il proprio elettorato riuscendo ad ottenere consensi e a recuperare beneplaciti anche tra i più giovani». Questo in sintesi quanto affermato nel pomeriggio di ieri in conferenza stampa dal segretario regionale dell’Udc Francesco Talarico, dal presidente Massimo Sdanganelli e dal commissario provinciale Armando Dionisi. Una riunione, quella di ieri, alla quale hanno preso parte anche i due consiglieri comunali Nicola Mazzocca e Gennaro Talaia, e organizzata proprio in occasione della visita del neo-commissario Dionisio nella città della Piana. Una funzione la sua, comunque, che ha messo ben chiaro «è solo transitorio, già da oggi - ha affermato Armando Dionisi - preannunceremo tutta una serie di iniziative per arrivare a celebrare i congressi a Catanzaro e Lamezia in vista anche di quelli provinciali la cui sede di svolgimento è ancora in via di determinazione». Elogiando poi il lavoro “degli amici di Lamezia”, il commissario provinciale ha ribadito la loro posizioSOVERATO — Sabato 24 gennaio al-

le ore 20,30, nella splendida cornice offerta dal Teatro Comunale di Soverato, la scuola di danza Maison d'Art diretta da Francesco Piro ha messo in scena un balletto di pregiata fattura. È stato un grande successo, nonostante il freddo, la pioggia torrenziale ed il forte vento gli amanti della danza non si sono voluti perdere la serata. Lo spettacolo "Sud" ha visto l'elite della Maison LAMEZIA TERME — Francesco Forgione, calabrese di Tiriolo, giornalista e scrittore, già deputato e presidente della Commissione parlamentare antimafia, ieri mattina ha incontrato gli studenti dell’istituto tecnico “Valentino De Fazio”. L’incontro rientra nell’ambito del progetto ideato e realizzato dall’Associazione Antiracket Lamezia che mira a far entrare i rappresentanti istituzionali nella scuola per un confronto dialettico e propositivo tra giovani ed esponenti dei diversi settori sociali. Forgione ha ripreso la relazione dell’anno scorso stilata dalla Commissione antimafia che ha accertato che la ‘ndrangheta è la holding criminale più potente del mondo con un fatturato che oscilla tra i 100 e 150 milioni di euro. L’ex parlamentare ha ribadito che «la mafia “droga” l’economia e chi dice che essa dà lavoro, dice solo un’assurdità perché il lavoro offerto dal malaffare e illegale e sottopagato». «Infatti Campania, Calabria e Sicilia - si legge in una nota dell’Ala - sono le tre regioni a più alta densità mafiosa e anche ad altissima percentuale di povertà e disoccupazione». Forgione ha parlato dell’autostrada Salerno Reggio Calabria «che è uno dei più grandi affari della storia del Paese, a causa della collusione tra mafia e politica. Per gli appalti sull’A/3 ha spiegato l’ex presidente della Commissione antimafia - la ‘ndrangheta si è spartita il territorio. In questo modo il diritto viene soppresso dal sistema della clientela e dei favori». «La divisione della “torta” - prosegue l’Ala -è

chiarire. Premettendo che «l’Unione di Centro è stato il partito che più di ogni altro ha difeso la Sanità a Lamezia, e che Talarico stesso è stato l’unico consigliere calabrese a votare contro circa la decisione delle soppressione dell’Azienda sanitaria locale n.6, avviando poi una campagna di raccolta firme e presentando alla regione Calabria una proposta di legge di iniziativa popolare», Talarico ha ribadito che «sulla questione del Trauma Center, che è una norma di legge contenuta nel piano approvato dall’allora assessore al ramo Gianfranco Luzzo col voto favorevole per Lamezia, norma alla quale i direttori generali che si sono succeduti nel tempo non hanno dato seguito alla realizzazione di questo punto di eccellenza che, oltretutto si collegherebbe benissimo con il centro protesi Inail che si sta realizzando nell’area industriale di Lamezia e che quindi potrebbero insieme dar vita ad un polo traumatologico al centro della regione e del mediterraneo, il mio impegno continua ad essere forte. Io sono un consigliere regionale di minoranza - ha aggiunto ancora Talarico - e sono coerente con questo ruolo di minoranza all’interno del Consiglio, ma sono anche minoranza propositiva per cui, non mi sono mai fermato e sulla vicenda del Trauma Center appena due giorni fa ho avuto un incontro con i consiglieri regionali e il sindaco Speranza al quale ho dato la mia collaborazione per solle-

citarne la sua realizzazione». Il Trauma Center, anche dalle recenti dichiarazioni del presidente Agazio Loiero, a Lamezia si farà, dunque, ma bisogna sbloccare l’iter burocratico. Iter, che secondo Franco Talarico, va solo sollecitato poiché, ricollegandosi anche a quanto affermato dal direttore generale dell’Asp di Catanzaro durante il Consiglio comunale aperto sulla Sanità tenutosi a Lamezia il 22 ottobre, «la pratica è pronta ed il tutto è stato anche quantificato economicamente» il che vuol dire che i giochi sono stati fatti e manca solo il nulla osta della regione. «Il nostro compito - ha aggiunto e concluso Talarico - tra le varie iniziative a favore della città di Lamezia, sarà dunque quello di andare dal presidente Loiero e chiedere di velocizzare l’iter di definizione e dare mandato al direttore generale che dovrà provvedere al più presto alla realizzazione di questa struttura strategica e importantissima non solo per Lamezia e la Calabria, ma per tutta l’area del Mediterraneo». L’incontro, si è poi concluso con i ringraziamenti di Talarico ai due consiglieri comunali Mazzocca e Talaia per quanto hanno fatto per il bene della città votando anche contro lo scioglimento del Consiglio comunale perché il Partito lo ha voluto non ritenendo la scelta favorevole per la crescita e la vita amministrativa della terza città della Calabria.

SOVERATO Al teatro comunale la scuola diretta da Francesco Piro ha messo in scena un balletto di pregiata fattura

del palcoscenico ed essere condotto per mano all'interno di una terra fatta di forti emozioni, luci ed ombre, colori vivi e veri. La ciliegina sulla torta è stata la partecipazione allo spettacolo del maestro Piro che ha voluto, all'interno della coreografia, regalare al pubblico un saggio delle sue doti di ballerino, senza tuttavia voler rubar la scena agli suoi allievi. È stata una bella serata. Peccato per chi non c'era.

La riunione dell’Udc di ieri

ne di Centro e spiegato anche il perché del voto sfavorevole al federalismo fiscale. «Riteniamo che nel nostro Paese ci sia bisogno di federalismo fiscale - ha aggiunto ancora - ma quella di Calderoli ci sembra una riforma pasticciata e ciò, in qualche modo lo mette in risalto anche il ministro Tremonti che non sa quanto questo federalismo costa agli italiani né quale peso avrà per il sud. Noi al contrario, vogliamo riforme che valorizzino il meridione d’Italia e che vengano portate avanti linee politiche chiare. In quest’ottica, nei prossimi giorni, il nostro partito aprirà le porta alla Costituente di centro. Un nuovo soggetto politico al centro più ampio ma rimanendo fedele all’auto-

nomia nel pieno rispetto degli atteggiamenti di sempre e quindi, sostenendo i provvedimenti che ritiene giusti e votando contro quelli per i quali il partito non è d’accordo». Entrando più nel locale, ad illustrare la posizione del partito rispondendo anche alle domande dei giornalisti presenti in sala e dopo le premesse affidate al presidente Sdanganelli, è stato lo stesso segretario regionale Franco Talarico. Punto cardine della conversazione, la questione sanità e la realizzazione del trauma center a Lamezia. Tema attualissimo che vede pareri contrari e in qualche modo anche scarichi di responsabilità, ma che il segretario del partito e consigliere regionale ha inteso

Maison d'Art , uno spettacolo dedicato al sud D'Art esibirsi in una performance dall'elevata qualità artistica; sulle note della musica popolare dei Mattanza, di Assurd e di E. Bennato appositamente arrangiate per l'occasione. In un sapiente gioco di

luci e colori i ballerini della scuola, rigorosamente in costume d'epoca, hanno saputo mettere in evidenza il calore, il carattere, le grandi contraddizioni e l'amore della terra del Sud. Il direttore artistico della

scuola, il maestro Francesco Piro, ha creato una coreografia armoniosa, mai pedante, lineare, mai scontata, ricca di contenuti tecnici, ma mai leziosa. Lo spettatore aveva l'impressione di essere al centro

LAMEZIA TERME Il seminario di Forgione all’istituto tecnico grazie ad un progetto ideato dall’Ala

Al De Fazio un incontro sulla legalità

L’incontro di ieri con il sindaco Speranza

avvenuta tra le diverse famiglie che gestiscono i traffici illeciti nella nostra regione, guidando l’organizzazione a livello internazionale. Non per niente, oggi, la Calabria è anche al primo posto per frodi all’Unione europea. La ‘ndrangheta calabrese ha il controllo assoluto sul traffico internazionale di droga, gestendo le porte d’ingresso dei cartelli africani colombiani». Forgione ha puntualizzato che «la ‘ndrangheta non ha una struttura come la mafia che ha come vertice su-

premo la “cupola”, piuttosto le cosche nostrane si fondano su radicati legami parentali per i quali non esiste il fenomeno del pentitismo. Le organizzazioni criminali hanno potere perché gestiscono l’economia e quindi contrastano il potere dello Stato. Uno dei primi che capì che la mafia si poteva sconfiggere solo aggredendo il suo potere economico e quindi sottraendole dei beni fu il parlamentare Pio La Torre che propose nel 1976 una legge in merito. Legge che fu appro-

vata dal Parlamento solo dopo il suo assassinio e dopo l’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nel 1982. Chiedendo il “pizzo” in cambio di una fantomatica protezione, la mafia impone la sua autorità sostitutiva al posto dello Stato». Forgione ha poi risposto alle domande degli studenti ribadendo la necessità di trasparenza, giustizia e legalità in ogni campo se veramente si vuole fare la lotta alla mafia: «lo Stato deve fare la sua parte mentre la società civile deve mostrare capacità autonoma di reazione al triste fenomeno. Lo stato deve bonificare le amministrazioni sciolte per infiltrazioni mafiose e deve procedere alla bonifica degli altri organismi come le aziende sanitarie. Bisogna incrementare la confisca dei beni alle cosche mafiose, beni che non devono più essere restituiti a parenti ed amici dei mafiosi, ma ridati alla società civile che deve farne un uso prettamente sociale. Per quanto riguarda gli appalti è importante creare una stazione unica per controllare eventuali e possibili connivenze col potere malavitoso; per conoscere gli imprenditori non basta più il certificato antimafia perché spesso ci si avvale della copertura di prestanome. Forgione non ha risparmiato la politica e i partiti che devono darsi una ripulita e presenta-

Antonietta Bruno

re delle liste elettorali trasparenti e al di sopra di ogni sospetto». Tuttavia anche i cittadini devono saper discernere e al momento del voto fare una scelta oculata, perché «se li votiamo, poi non possiamo lamentarci, dire che le cose non funzionano e che la politica continua a fare affari con la mafia». Altro tema scottante del momento le intercettazioni che, secondo Forgione, sono state usate in maniera eccessiva. «Esse - ha detto - sono comunque uno strumento necessario per le indagini sulle organizzazioni criminali o per il traffico di stupefacenti. Il problema non sono i giornali che pubblicano i dialoghi intercettati ma, piuttosto, i magistrati che in molti casi dovrebbero mostrare più rigore». Sempre secondo l’ex parlamentare il disegno di legge in atto «non è buono». All’incontro con gli studenti erano presenti il presidente dell’Ala Armando Caputo e il coordinatore del progetto Costantino Fittante. Tra gli ospiti anche il sindaco Gianni Speranza che ai ragazzi dell’istituto tecnico ha ricordato la grande lezione di democrazia, dignità e maturità data dai giovani della città il 15 gennaio scorso in occasione della visita del capo dello Stato a Lamezia. Il primo cittadino ha detto che l’amministrazione si sta adoperando per acquisire dei beni confiscati nella zona sud della città, appartenuti ad una cosca della zona; locali che presto saranno riconvertiti ad uso sociale e destinati a strutture ricreative proprio per le giovani generazioni. s


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 31

CALABRIA SELLIA MARINA A cadere nelle strette maglie tese dalle pattuglie delle forze dell’ordine un giovane di 20 anni incensurato

Spacciava hashish in sala giochi, arrestato In totale sono stati 35 i grammi di stupefacente sequestrati già suddivisi e pronti per il traffico SELLIA MARINA — I Carabinieri della Stazione di Sellia Marina sotto la guida esperta del Maresciallo Romeo, icona indiscussa della lotta alla illegalità nel territorio selliese, ha portato a casa un nuovo arresto. Stavolta a cadere nella rete della giustizia un giovane di 20 anni conosciuto dall’intera comunità giovanile di Sellia in quanto abituale frequentatore della sala giochi “Romano” in via mercato, rinomato ritrovo di tutti i ragazzi della cittadina. Fabrizio Scarpetta, classe ’88, questo il nome del giovane incensurato e arrestato. Anche giovedì sera si era portato nella sala giochi, però, proprio quello che di solito era un posto per lui di relax è divenuto il luogo della sua amara capitolazione. A seguito del servizio adeguatamente predisposto dai Carabinieri con l’ausilio delle unità cinofile chiamate in supporto all’Arma territoriale, sono CATANZARO — Undici condanne

per un totale di 89 anni di galera ed un'assoluzione sono state richieste ieri dal pubblico ministero antimafia Gerardo Dominijanni, nell'ambito dei giudizi abbreviati a carico di altrettante persone coinvolte nell'operazione "Gambero", condotta dai carabinieri e dalla Dda di Catanzaro contro una presunta associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il pm, in particolare, ha chiesto al giudice dell'udienza preliminare Abigail Mellace di assolvere Cosimo Passalacqua, 36 anni, già rimesso in libertà lo scorso 9 gennaio dopo che i suoi avvocati, Arturo Bova e Gianni Russano, hanno dimostrato grazie ad una perizia fonica come la voce registrata nell'intercettazione utilizzata dagli inquirenti per sostenere le accuse contro lo

Fabrizio Scarpetta

stati ritrovati addosso al giovane 5 grammi di sostanza stupefacente del tipo Hashish e altri 3 pacchetti di 5 grammi l’uno, appositamente occultati sotto lo sgabello dove si trovava seduto

Perquisita anche l’abitazione del giovane 20enne

indisturbato, dei quali lo stesso ne ammetteva la proprietà. La perquisizione continuava anche nell’abitazione del giovane, che vive con i genitori in località Finocchiaro, e il fiuto del cane uti-

CATANZARO Il pm antimafia Dominijanni sarebbe favorevole solo all’assoluzione di Cosimo Passalacqua

Operazione Gambero, chieste 11 condanne zingaro non fosse in realtà la sua. Ancora, Dominijanni ha riqualificato le contestazioni a carico di Maurizio Abbruzzese, detto "il Gambero", 22enne da cui prese il nome l'operazione, poiché inizialmente era considerato il promotore e l'organizzatore del sodalizio criminale, ed inoltre quello da cui sarebbe stato possibile trovare la cocaina migliore, purissima, come quel mezzo chilo che i carabinieri del Norm gli trovarono in casa il 30 dicembre del 2005. La perizia medica effettuata sul giovane dal dottore Massimo Rizzo, su istanza dell'avvocato Bova, ha però dimostrato che le condizioni del giovane Abbruz-

zese non gli avrebbero consentito di dirigere l'organizzazione, ma solo di avere un ruolo di mero partecipe al traffico di droga. La condanna più pesante, e precisamente a 16 anni di reclusione, il pm l'ha dunque chiesta nei confronti di Antonio Abbruzzese, 33 anni, già indicato nelle carte dell'inchiesta come il "vertice" della lucrosa attività di spaccio di cocaina, acquistata nel Reggino e smerciata a Catanzaro e provincia. Proprio la famiglia Abbruzzese, del resto, avrebbe gestito il fornitissimo market di stupefacenti di via Isonzo, dove vivono quasi tutti gli accusati. Dominijanni ha infine chiesto 8 anni di reclusione

ciascuno per i restanti dieci imputati: il "Gambero" Maurizio Abruzzese, Rita Abbruzzese, 29 anni, Cosimo Abbruzzese, 25, Rita Passalacqua, 32, Domenico Passalacqua, 30, Fiore Passalacqua, 26, Giovanni Passalacqua, 29, Maurizio Passalacqua, 21, Pierino Passalacqua, 27, Antonio Colacino, 50, tutti di Catanzaro. Le arringhe dei difensori (tra loro, oltre a Bova e Russano, anche Anselmo Mancuso e Gregorio Viscomi) si svolgeranno il 6, 13 e 20 febbraio, giorno in cui è attesa la sentenza. I dodici imputati di "Gambero" furono destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le

lizzato dai Carabinieri ha fatto il resto. In un giaccone all’interno dell’armadio del ragazzo venivano ritrovati altri pezzi di hashish opportunamente confezionati e pronti per essere smerciati. In totale sono 35 grammi i grammi di stupefacente sequestrato già suddiviso e pronto per il traffico, e proprio questa (detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio, art 73 Dpr 390/1990 e succ. modif.) è l’ accusa con la quale Fabrizio Scarpetta è stato arrestato e trasportato già nel corso della nottata presso il carcere di Siano Catanzaro come disposto dalla dottoressa Miele del foro della Procura di Catanzaro. Il problema della droga nella realtà selliese viene quotidianamente affrontato dai Carabinieri ma non dev’essere sottovalutato nemmeno all’interno delle famiglie, il primo luogo dove deve nascere la cultura alla legalità. indagini preliminari, Tiziana Macrì, e notificata dai carabinieri con il blitz scattato alle prime luci dell'alba del 21 gennaio 2008. Quel giorno finirono in manette undici persone, tutti pregiudicati e tutti domiciliati in viale Isonzo e traversa Isonzo. Il dodicesimo destinatario dell'ordinanza, Antonio Col acino, sfuggito inizialmente alla cattura, fu preso la sera del 25 gennaio, mentre consumava una pizza in un locale di Marcellinara. A molti degli indagati già in passato erano stati contestati singoli episodi di spaccio (nel corso di due anni di indagini gli inquirenti hanno sequestrato circa un chilo e mezzo di cocaina), ma con "Gambero" gli investigatori, ritenendo di aver ricostruito la rete dei collegamenti tra i componenti del gruppo ed i vari ruoli, sono giunti a contestare il reato associativo.

Rainbow, il gip di Vibo Valentia conferma le misure cautelari

REGGIO CALABRIA I killer hanno atteso Francesco Polifroni, 19 anni, davanti casa. Sull’agguato indagano i carabinieri

VIBO VALENTIA — Nella giornata del 29 gennaio, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Cc di Lamezia Terme ed i Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme e del Nucleo di Polizia Tributaria di Catanzaro, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Vibo Valentia - d. ssa Lucia M. Monaco nei confronti del “gruppo vibonese” coinvolto nell’operazione “Rainbow” che, il 13 gennaio scorso, ha portato all’arresto di 14 persone per i reati di usura ed estorsione. Il provvedimento è stato emesso, ai sensi dell’articolo 27 del Codice di Procedura Penale, dopo la trasmissione degli atti all’Autorità Giudiziaria di Vibo Valentia, al fine di dare conferma alle misure coercitive disposte dal Gip di Lamezia Terme che, contestualmente all’emissione della propria ordinanza, aveva dichiarato la propria incompetenza territoriale per i fatti accertati nel vibonese. L’Ordinanza del Gip vibonese, che ha ritenuto completo ed assolutamente condivisibile il quadro probatorio evidenziato

REGGIO CALABRIA — I killer hanno atteso il suo rientro a casa e quando Francesco Polifroni, 19 anni, si apprestava a lasciare l’auto è stato centrato da quattro scariche di pallettoni. Le modalità dell’agguato, avvenuto a Bianco alle 2,30 di ieri mattina, sono tipicamente mafiose, ma la vittima non solo non aveva precedenti penali, ma non aveva mai avuto occasione per segnalarsi alle forze di polizia. Lo stesso discorso vale per i familiari. La morte di Francesco Polifroni, uno dei tanti giovani diplomati della zona, è stata pressoché immediata. Il commando, composto da due persone, ha eseguito la sua missione di morte da dietro una siepe: luogo dove, probabilmente, ha atteso chissà per quanto tempo che il giovane entrasse nel mirino di un fucile automatico. Dei sicari, a sparare sarebbe stato uno solo. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Bianco, dipendente per territorio dal Gruppo di Locri, si svolgono a trecentosessanta gradi. Il caso, fin dalle prime battute, non sembra di facile soluzione. Nulla, neanche il pur minimo indizio che possa mettere gli inquirenti sulle tracce degli esecutori mate-

dai magistrati lametini, ha riguardato Domenico Nicola Piccolo classe 1967, Antonio Carlo Varone classe 1969, Carlo Russo classe 1978, Gregorio Loiacono classe 1958 Gabriele Bombai classe 1970 e Pasquale Loiacono classe 1931, tutti già detenuti in carcere, tranne il Pasquale Loiacono, che si trova agli arresti domiciliari. L’operazione Rainbow è giunta a conclusione di complesse indagini dirette dal Pm dr. Elio Romano su un sodalizio criminale operante nel comprensorio lametino, ma con importanti ramificazioni anche nella limitrofa provincia di Vibo Valentia, il quale, dal 2004 al 2008, ha posto in essere numerosi episodi di usura ed estorsione, applicando tassi di interesse oscillanti dal 120 al 250 per cento. Le indagini svolte da Carabinieri e Guardia di Finanza che hanno, tra l’altro, fatto emergere elementi di responsabilità penale per il reato di truffa aggravata e abusivo esercizio del credito, sono ancora in fase di approfondimento in relazione alla posizione dei numerosi indagati coinvolti.

Ucciso con quattro scariche di pallettoni

riali del delitto. Un giallo, dunque. Il lavoro investigativo, in queste prime ore, sembra concentrato sulle frequentazioni della vittima e, in particolare, cerca di stabilire se Polifroni, nei giorni e nelle ore che hanno preceduto l’agguato, abbia avuto contrasti con persone in qualche modo legate alla malavita organizzata o al suo sottobosco. Dietro il delitto potrebbe celarsi qualcosa che ha poi fatto scattare la condanna a morte di Polifroni. Difficile ipotizzare di cosa si tratti. Ieri sono stati ascoltati i familiari e gli amici del diciannovenne. Sui risultati di questi interro-

gatori nulla è trapelato. Chi ha sparato, conosceva bene le abitudini del giovane, così come i luoghi dell’agguato. La vittima designata, infatti, è caduta nel cortile di casa e vani sono stati i tentativi di soccorrerlo anche attraverso i sanitari del 118. Il delitto, tenendo conto di tutte queste ipotesi (ovviamente giornalistiche) appare ben pianificato e non si esclude sia stato affidato a killer di professione. Difficile per chi non è avvezzo ad uccidere eseguire con precisione la condanna a morte di un essere umano. Antonio Latella


Pag. 32

APPUNTAMENTI il Domani

Sabato 31 Gennaio 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

CATANZARO In scena nei giorni scorsi al Politeama uno dei capolavori più rappresentati e discussi di Bertolt Brecht

La forza interpretativa di “Madre coraggio” Isa Danieli, attrice partenopea, ha sostenuto magistralmente il ruolo della protagonista CATANZARO — Nei giorni scorsi presso il nuovo Teatro Politeama di Catanzaro è andata in scena “Madre coraggio”, uno dei capolavori più rappresentati e discussi di Bertolt Brecht. L'opera, diretta dalla regista Cristina Pezzoli, è stata caratterizzata dalla forza interpretativa di Isa Danieli, attrice partenopea che ha sostenuto magistralmente il ruolo della protagonista. Il celebre dramma è stato in parte attualizzato grazie all'intervento di riscrittura parziale del testo attuato da Antonio Tarantin, che ha diversificato il linguaggio in una serie di accenti e dialetti italiani. Anche le musiche, firmate da Paul Dessau, sono adattate ai nostri tempi: motivi rock e melodici sono ritmati grazie a diversi strumenti a percussione. Per quanto concerne invece la scenografia, lo spettacolo resta assai fedele agli allestimenti del Berliner Ensemble (documentati dalla grande quantità di fotografie scattate da Brecht stesso in occasione di ogni spettacolo); troviamo quindi il classico carro (che è anche la casa) di Madre Coraggio e addirittura la stessa disposizione dei personaggi in molte scene celebri dell'opera. Nel cast hanno dato bella prova di

Una scena di “Madre Coraggio”

sé gli attori: Alarico Salaroli (il Cappellano) e Marco Zannoni (il Cuoco), nonché Xenia Bevitori che interpreta Kattrin (la figlia muta). L'opera teatrale è ambientata nei primi anni del Seicento, nel corso della Guerra dei Trent'anni che vide contrapporsi cattolici e protestanti. Racconta le disavventure di una vivandiera, Anna Fierling (nota ai soldati come "Madre coraggio"), che cerca di guadagnarsi da vivere vendendo mercanzie nei ter-

ritori combattuti. La donna partecipa quindi allo scontro per puri motivi economici e non ideologici, affermando in uno dei suoi dialoghi che: "E' la pace, che m'ammazza". Eppure, se da un lato la lotta armata la salva dalla miseria, dall'altro le porta via i suoi figli (avuti con tre uomini diversi). Il maggiore, Eilif, arruolatosi, sarà processato e ucciso come criminale per le azioni commesse in battaglia. L'altro, Schweizerkas, buono e retto, si fa

REGGIO CALABRIA Il grande classico di Eduardo Scarpetta negli spettacoli in riva allo Stretto

“Miseria e nobiltà” al Francesco Cilea REGGIO CALABRIA — La prosa al Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria, ieri e oggi, per un grande classico di Eduardo Scarpetta, “Miseria e nobiltà”. La storia, scritta nel lontano 1888, racconta di Felice, povero scrivano squattrinato e del suo amico Pasquale che vivono, con le loro famiglie, nello stesso appartamento in condizioni miserevoli. La fame li perseguita, insieme al padrone di casa del quale sono debitori di cinque mesi d’affitto arretrato. A risolvere la situazione interviene Eugenio, un marchesino che, per ottenere la mano di Gemma, una ballerina del Teatro San Carlo, convince Felice e Pasquale a farsi passare

per i propri parenti per poterli presentare a Gaetano, padre di Gemma, ed ottenerne la mano. Fingendosi nobili, Felice e Pasquale, si introducono in casa di Gaetano dando vita ad una serie di equivoci esilaranti. Un’opera molto amata, che mette in risalto ed in contrapposizione la tragedia della miseria e il grottesco della nobiltà, portata sul grande schermo anche da Totò. La pièce, diretta da Armando Pugliese, riproduce, dunque, il grande tema della fame ed il divertente gioco degli equivoci. Nei panni di Felice, Francesco Paolantoni, gradito ritorno in riva allo Stretto, dopo “La concessione del telefono” di Camilleri,

durante la stagione 2005/2006. E, poi, Pasquale è interpretato da Nando Paone; Luisella, Convivente Di Felice da Antonella Cioli; Bettina, Moglie Di Felice da Imma Villa; Concetta, Moglie Di Pasquale, da Patrizia Spinosi; Peppiniello, Figlio Di Felice, da Riccardo Radice; Pupella, Figlia Di Pasquale da Paola Boccanfuso; Gaetano Semmolone da Giuseppe De Rosa; Gemma, Figlia Di Gaetano, da Ivana Maione; Luigino, Figlio Di Gaetano, da Ernesto Lama; il Marchese Ottavio Favetti da Antonio Ferrante; Eugenio, Suo Figlio, da Lello Radice; Vicienzo e Gioacchino Castello da Carlo Di Maio; Biase da Antonio Fiorillo.

REGGIO CALABRIA Protagonista del rendez - vous all’insegna delle note, il maestro Luca Pitteri e la Vge Vocal Project

Domani “Dialoghi Musicali in Teatro” REGGIO CALABRIA — Proseguono

gli appuntamenti previsti nel cartellone “Dialoghi Musicali in Teatro”, ideati dal consulente alla cultura del comune di Reggio Calabria, Marcello Veneziani. Protagonista per questo nuovo rendez - vous all’insegna delle note, il maestro Luca Pitteri e la Vge Vocal Project. L’artista e il suo ensamble di musicisti e coristi (in tutto venticinque elementi) saranno, infatti, in scena domani, alle ore 21 al Teatro Comunale “Francesco Cilea” per un viaggio ai confini della cosiddetta cultura ‘black’ con contaminazioni musicali moderne. Lo stesso Pitteri, lunedì 2 febbraio alle ore 11 e 30 e sempre al teatro “Francesco Cilea” terrà un

Luca Pitteri

incontro - stage con i giovani insieme a Marcello Veneziani ed al consigliere comunale delegato al settore cultura Antonino Nicolò per dar vita ad un momento di confronto sulle tematiche legate alla musica. Tutti gli appuntamenti della due giorni di Pitteri in riva allo Stretto sono stati organizzati anche con la fattiva collaborazione di Franco Dattola, direttore dell’Accademia Musicale di Canto moderno di Reggio Calabria, nonché profondo cultore della musica moderna, docente di canto moderno ed esperto dell’arte dello spettacolo che non ha mai smesso la propria personale ricerca della “Tecnica Perfetta” e dei migliori metodi per riuscire a trasmettere la conoscenza.

uccidere per troppa onestà. La più piccola, Kattrin, muta e poi sfregiata, sente di essere un grave peso per la madre; vive nella speranza della pace che difficilmente potrà arrivare, così come il marito che lei sogna. La stessa, considerata da molti critici la sola eroina dell'opera, morirà salvando un villaggio da un attacco a sorpresa; prefigurandosi come unico personaggio ancora innocente, simboleggia la bontà e l'altruismo, schiacciati da tutti gli orrori che la belligeranza porta. Questo dramma si è prefigurato, fin dalle sue prime rappresentazioni, un campo d'indagine e di proiezioni spesso contrastanti sul valore simbolico della protagonista. Una donna animata da incredibile praticità quando afferma che: “La corruzione è la nostra unica speranza. Finché c'è quella, i giudice sono più miti, e in tribunale perfino un innocente può cavarsela”; scettica quando sostiene che: “Presentarsi come una persona seria, per me non è una raccomandazione”; indipendente e dall'animo incrollabile, capace di dichiarare alla fine dell'opera: “Spero di farcela da sola, col carro. Camminerà, non c'è molta roba dentro. Devo riprende-

re il mio commercio”. Una nota di Brecht precisa che Anna "crede nella guerra sino alla fine. La lezione della catastrofe non le insegnerà più di quanto la cavia non impari di biologia". Ma, come assicura lo stesso drammaturgo: “Non è compito dell'autore aprire gli occhi a Madre Courage. All’autore importa invece che, a vedere, sia il pubblico”. Quest'ultimo, grazie al dramma andato in scena al Politeama, è stato spinto a riflettere sulla natura dell'uomo e sulle operazioni belliche che insanguinano la terra. Scontri che, oggi come ieri, seminano morte e miseria fra i poveri, favorendo pochi scelti. Perché, come asserì lo stesso Brecht: “Ci vuole un coltello molto lungo, al tavolo della guerra, per potersi tagliare la propria fetta di torta”. Benché impegnata, l'opera ha riscosso vivo interesse da parte degli amatori della grande prosa. Spettatori che anche a scena aperta non hanno perso occasione di applaudire la brava Isa Danieli e l’intero cast, confermando l'attualità e lo spessore dei temi trattati da questo grande capolavoro. Teresa Lara Pugliese

Cosenza, Per i bambini di Gaza Si è svolta con enorme successo la manifestazione “Per i bambini di Gaza" organizzata presso il Teatro dell'Acquario dal Centro Rat, con Maria Scalese, e con la collaborazione dell'Arci Provinciale Cosenza e dall'Aipd Cosenza. Obiettivo dell'iniziativa è stata la raccolta fondi per i bambini di Gaza da destinare all'Ism (International Solidarity Movement), al Free Gaza Movement, attraverso una serie di iniziative che hanno coinvolto associazioni del territorio e soprattutto artisti del circuito musicale cosentino. L'evento che è iniziato alle 11.00 con l'apertura del Mercatino della Solidarietà, è proseguito con la proiezione di due film tematici: Paradise Now e Il Gardino di Limoni e alle 20,00 circa si sono alternanti sul palcoscenico del Teatro Acquario numerosi artisti che hanno proposto letture, poesie, canti tradizionali musica contemporanea ricordiamo il Coro dell'Università, il Gruppo Gospel con la bellisima voce di Elisa! Palermo, i Sabatum Quartet - fino a tarda notte con un successo di pubblico che oltre ad assistere alle varie performances è intervenuto attivamente alla serata donando volontariamente un offerta per contribuire in modo concreto al sostegno alle popolazioni colpite dal conflitto in Medio-oriente e per concretizzare la loro sensibilizzazione al tema. La serata inoltre è stata realizzata anche attraverso Vittorio Arrigoni l'attivista/ giornalista del "Il Manifesto" che durante il recente assedio israeliano è stato l'unico corrispondente italiano da Gaza è riuscito a raccontare la vita sotto le bombe.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 33

APPUNTAMENTI CALABRIA Ben 33 i punti di raccolta che l’Airc ha organizzato in Calabria per continuare la lotta contro i tumori scegliendo come simbolo l’agrume rosso siciliano

Le arance per combattere il cancro Il presidente regionale Pellegrini Serra: «La ricerca ha dimostrato che possiamo prevenire 3 casi su 10» Otto euro per continuare la lotta contro i tumori. E’ il contributo che l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro chiederà oggi in oltre 2000 piazze italiane e più di 700 scuole nell’ormai consueta giornata dedicata alle “Arance della Salute”. Ben 33 i punti di raccolta che l’Airc ha organizzato in Calabria. L’Airc per la sua prima iniziativa del nuovo anno ha scelto l’arancia rossa di Sicilia, offerta dalla Regione, ricca di antociani e di vitamina C,comesimbolodellaprevenzionealimentare contro le neoplasie, perché la buona alimentazione è molto importante nella difesa dai tumori. «La ricerca – dice Rosella Pellegrini Serra, presidente Airc Calabria - ha dimostrato che possiamo prevenire 3 casi di cancro su 10 facendo attenzione agli alimenti che mettiamo nel piatto. Non solo: la ricerca ha scoperto quali sono le sostanze contenute nei diversi cibi che offrono protezione contro le malattie tumorali e attraverso quale meccanismo. Gli studi di laboratorio confermano quanto la natura e in particolare i cibi vegetali sono ricchissimi di molecole dalle proprietà anti-tumorali estremamente efficaci nel contrastare l’insorgenza della malattia senza causare effetti collaterali devastanti». Insiemealle“ArancedellaSalute”,ivolontari distribuiranno nelle piazze la pubblicazione speciale “La prevenzione in cucina” con le indicazioni dei nostri esperti su uno stile di vita sano e una dieta varia e 10 ricette, realizzate per Airc da “La Cucina Italiana”, per preparare un gustoso e salutare menù anti-cancro.

Le piazze in Calabria LOCALITA'

PR

PIAZZE

ACRI CERISANO CETRARO CETRARO MARINA COSENZA COSENZA FIUMEFREDDO FIUMEFREDDO MARINA GUARDIA PIEMONTESE LAINO BORGO LUZZI MARCELLINA MARCELLINA MENDICINO MENDICINO MENDICINO

CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS CS

MORMANNO PAOLA PRAIA A MARE RENDE SAN GIOVANNI IN FIORE SAN LUCIDO SCALEA TORTORA BORGIA CORTALE MAGISANO SOVERATO TIRIOLO CIRO' MARINA CROTONE CROTONE PLATI'

CS CS CS CS CS CS CS CS CZ CZ CZ CZ CZ KR KR KR RC

Scuola Primaria Pastrengo Piazza Zupi Piazza del Popolo Piazza S. Marco Piazza 11 Settembre Via Giacomantonio ("I Vini di Greta" Enoteca) Piazza del Popolo Via Nazionale (Villa Comunale) Via Aldo Moro Piazza Navarro Parcheggio San Francesco Via Orsomarso (Chiesa Sacro Cuore di Gesù) Piazza Agorà Piazza Municipio Contrada Rosario (Pasticceria Dodaro) Contrada Pasquali (Circolo Socio Culturale "L'Incontro") Piazza Umberto I° Piazza IV Novembre Viale della Libertà (Cafè Marie) Centro Commerciale "Metropolis" Scuola Media Statale "Giocchino da Fiore" Piazza Fiume Piazza Caloprese Via Leonardo da Vinci (Villa Comunale) Direzione Didattica Statale Via Andrea Cefaly Piazza Avv. Pietro Lia Scuola "S. Domenico Savio" I. C. Settingiano Scuola Secondaria "V. De Filippis" Istituto Comprensivo n° 1 "Don Bosco" Dir. Didattica 10° Circolo "Maria Montessori" Istituto Tecnico Industriale "G. Donegani" Istituto Comprensivo "De Amicis"

PAOLA Oggi presso il Complesso Polifunzionale Sant’Agostino

Un convegno su Saverio Fera PAOLA — Saverio Fera, fondato-

re della Comunione massonica di Rito Scozzese Antico ed Accettato, è una figura fondamentale nella storia della Massoneria italiana. Per rendere omaggio a lui e al suo ruolo, la loggia “Anita Garibaldi” di Paola, in collaborazione con la Regione massonica Calabria, ha in programma oggi il convegno “Saverio Fera: per la restituzione del Rito Scozzese Antico ed Accettato”. L’evento si terrà presso il Complesso Polifunzionale Sant’Agostino a Paola (Cs). Due le sessioni previste, con inizio rispettivamente alle ore 9:15 e alle ore 14:45. Nato il 6 gennaio 1850 a Petrizzi, in provincia di Catanzaro, Fera a 16 anni partecipa, sotto il comando di Garibaldi, alla Terza Guerra d'Indipendenza. L’esperienza garibaldina lo segnò a tal punto da farlo convertire al Metodismo Weslyeiano e più tardi, a Palermo, divenne Libero Muratore. Il cammino nella Comunione massonica lo portò nel 1908, quale Luogotenente facente funzione di Sovrano Gran Commendatore, a guidare lo scisma dal Grande Oriente

d’Italia che portò alla nascita della Serenissima Gran Loggia d'Italia. La frattura fu determinata dalla decisione di non appoggiare la proposta di censura avanzata dal Sovrano Gran Maestro del Goi, Ettore Ferrari, per i parlamentari aderenti alla massoneria che si erano rifiutati di votare alla Camera dei Deputati la mozione per l’abolizione dell'insegnamento della religione nella scuola elementare in nome della tolleranza religiosa e della libertà personale. Fera, umile e volitivo, saggio e determinato, fu un concreto sognatore, convinto che la Massoneria dovesse essere penetrata da un forte spirito di libertà. Spesso dimenticato, è non solo il simbolo di una massoneria riconsegnata alla sua dimensione iniziatica, ma anche della Calabria, terra ferace di patrioti, massoni, filantropi che consacrarono la propria vita sull'ara dell'ideale. Al convegno interviene il Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro della Gran Loggia d'Italia Luigi Pruneti. Conduce Roberto Pinotti, presidente del Centro Ufologico Nazionale.


34 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA LAMEZIA TERME — Dopo il grande

successo della mostra PontileLamezia NuoveIpotesi, dell’Associazione culturale 400Kc – le proposte progettuali realizzate da diversi studi di architettura di tutta Italia saranno esposte negli spazi dell’Asi. Si tratta di un importante traguardo per la manifestazione che ricordiamo ha trovato la partecipazione di circa 100 tra artisti e architetti italiani e stranieri, suggellata da una elegante pubblicazione

LAMEZIA TERME Un importante traguardo per la manifestazione organizzata dall’Associazione culturale 400Kc

Pontilelamezia, in esposizione negli uffici Asi edita da Rubbettino e curata sempre dagli organizzatori di 400KC, l’architetto Carlo Carlei e la giornalista Caterina Misuraca. «Siamo decisamente grati all’Asi di Lamezia Terme - così Carlei e Misuraca – per l’interesse mo-

strato nei confronti della mostra che da questo momento in poi diventa patrimonio permanente dell’Azienda e della collettività. Tutti i progetti realizzati dagli architetti protagonisti di PontileLamezia NuoveIpotesi, quin-

di, costituiranno un percorso espositivo sempre aperto al pubblico. Una finestra sul “come” il mostro ex Sir potrebbe essere riscattato». Il fatto che il Consorzio per lo sviluppo industriale di Lamezia - che ricordiamo ha già av-

viato uno studio di fattibilità sul pontile ex Sir – abbia scelto di “fare proprie” le opere della sezione architettura della mostra»evento vuol dire intanto un riconoscimento al valore delle opere specifiche e all’intera iniziativa culturale che dopo più di 30anni di silenzio ha posto i riflettori su un caso scottante. Inoltre l’attenzione dell’ASI dimostra un deciso impegno nei confronti di un’emergenza ambientale che dopo 30anni dovrà essere risolta.

COSENZA Questo pomeriggio alle 17, presso la Sala degli Stemmi della Provincia organizzato da Italia dei Valori

Un dibattito sulla lotta alla mafia Alla presenza di Giovanni Impastato, Mario Congiusta, Romano De Grazia e Leoluca Orlando COSENZA — Questo pomeriggio al-

le 17, presso la Sala degli Stemmi della Provincia di Cosenza, si terrà un incontro-dibattito alla presenza di Giovanni Impastato, Mario Congiusta, Romano De Grazia e Leoluca Orlando. L’appuntamento è stato organizzato dal gruppo consiliare di Idv regionale e dal capogruppo, Maurizio Feraudo. «Credo che la lotta alla mafia necessiti di un impegno unitario che, se non vuole rimanere una sterile enunciazione retorica, deve trovare uno sbocco politico positivo in grado di mettere a profitto, orientate verso un comune obiettivo di rinnovamento, le diverse esperienze dei partiti e della società civile. Da questa logica e da questa prospettiva, l’esigenza di Idv per prodigarsi in questo impegno unitario. Sono passati trent’anni dall’assassinio politico-mafioso di Peppino Impastato e qualcuno dall’assassinio di Gianluca Congiusta. Un percorso di impegno e di afflizione che ha portato anche a sperimentare l’amarezza e la rabbia quando si è toccato con mano la collusione tra la politica, le Istituzioni e la mafia. Il lavoro e gli sforzi per onorare la loro memoria in questi anni sono stati faticosi, ma non certo vani:

Peppino Impastato

hanno contribuito a sviluppare una coscienza antimafiosa nelle nuove generazioni che hanno fatto proprio il messaggio. La mafia non è un fenomeno circoscritto alla Sicilia e le sue vittime non si fermano lì. Hanno conquistato rischiosamente tutto il territorio nazionale, coniugandosi con ogni forma di speculazione, di corruzione, di collusione con le Istituzioni e con il potere politico ed economico, accumulando grandi masse di capitale

con il traffico di droga che ha provocato migliaia di morti per overdose e ha alzato il tiro uccidendo chiunque tentasse di ostacolare il suo processo di espansione. Giudici, poliziotti, politici, militanti della sinistra, giornalisti, tutti ammazzati uno dopo l’altro in una mattanza che è durata molti anni, troppi, ed è culminata con la strategia dello stragismo. Parlare di legalità, oggi, significa anche riportare alla luce la versione veritiera di quanto è accaduto a Peppino e a Gianluca. Oggi, a distanza di tanti anni da quei fatti, viviamo una realtà che non si è affatto riassestata. Il sistema mafioso prolifera e i conflitti sociali non si sono mai assopiti: per far fronte alle degenerazioni della società, da cui scaturiscono le fortune politiche di personaggi come Berlusconi e di tanti altri, i movimenti continuano a mettere in pratica l’impegno dal basso ricoprendo un ruolo centrale nel mantenere viva l’autodeterminazione dei cittadini. Se non riusciamo a costruire un progetto e a trasmettere un messaggio di fiducia e di speranza alle nuove generazioni, bombardate da una strategia della diseducazione che indica come esempi da seguire personaggi

Promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos Giovani per martedì 3 febbraio

Reggio, giovani per la libertà incontro dedicato alla Shoah REGGIO CALABRIA — "Giovani per la libertà - Dalla Rosa Bianca a Piazza Tien’anmen" è il tema di un incontro promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos Giovani che si terrà martedì 3 febbraio alle ore 18 presso la Sala Parrocchiale di San Giorgio al Corso. Dopo l’incontro dedicato alla Shoah (27 gennaio 2009) l’Anassilaos Giovani torna ad affrontare un tema importante e sensibile quale quello della libertà e lo fa analizzando tre diversi momenti della storia del Novecento nei quali è emerso l’impegno dei giovani a favore della libertà , un impegno forte che ha rigettato ogni forma di violenza e adottato strumenti di resistenza pacifica, pur dinanzi a regimi tirannici, che questi giovani hanno pagato con la vita. Con la decapitazione i cospiratori della Rosa Bianca, con il suicidio Jan Palach, con la repressione violenta e diverse centinaia di morti i giovani cinesi che nella primavera-estate del 1989 reclamavano più democrazia. Amanda Tympani ricostruirà le diverse fasi della Rosa Bianca, il movimento di resistenza al nazismo, di ispirazione cristiana, nato a Monaco di Baviera, composto dagli studenti Hans Scholl, da sua sorella

“Dalla Rosa Bianca a Piazza Tien’anmen” il tema affrontato nella Sala Parrocchiale di S. Giorgio al Corso Sophie Scholl, Christoph Probst, Alexander Schmorell e Willi Graf, poco più che ventenni, cui si unì il professore di filosofia Kurt Huber e lo studente Hans Leipelt che, dopo l’arresto dei fratelli Scholl, operò ad Amburgo, distribuendo il sesto ed ultimo dei volantini che invitavano i tedeschi a reagire al regime nazista e a rifiutare la guerra. Antonio Cormaci parlerà, invece, della figura di Jan Palach nel 40° anniversario della morte. Della protesta di piazza Tian'anmen, l’insieme di manifestazioni guidate soprattutto da studenti, con la partecipazione di intellettuali ed operai, che agitò la Cina tra il 15 aprile e il 4 giugno del 1989, parlerà invece, nel 20° anniversario, Giovanni Az-

zarà . A fare da trait d’union tra i diversi interventi, che saranno intramezzati da proiezioni video, letture di documenti e testi, il Presidente Giovanile dell’Anassilaos Tito Tropea, che si propone con tali manifestazioni di sensibilizzare il mondo dei giovani verso tutte le problematiche attinenti alla difesa dei diritti e della libertà, un valore di cui spesso «egli afferma - ci si dimentica e che si rimpiange una volta perduto; un valore che va difeso giorno dopo giorno e che, come ci insegna la storia, non è mai scontato nè dato una volta per tutte. L’Associazionismo, soprattutto giovanile, ha d"altra parte un significato e un ruolo - rileva Tropea "soltanto se contribuisce all’affermazione di valori non soltanto culturali ma anche e soprattutto umani e sociali. In questo rientra il dovere della memoria, il ricordo di quanti si sono spesi e hanno sacrificato anche la vita affinchè tali valori divenissero patrimonio comune dell’umanità. La figura dei giovani che ricorderemo è un esempio ma anche un monito, rivolto a noi giovani, a non sciupare, abusandone, e a conservare la libertà». r. s.

Leoluca Orlando

di successo cinici e sfrontati, politici e rappresentanti delle Istituzioni spesso sotto processo o condannati per mafia, come Dell’Utri e Cuffaro, difficilmente riusciremo a far crescere in loro una coscienza democratica e antimafiosa. Esistono percorsi ben più sostenibili e compatibili con il benessere e il rispetto di tutti, che vengono però esclusi perché non fanno gli interessi dei soliti noti. Aspettiamo ancora il perfezionamento della leg-

ge sulla confisca dei beni mafiosi, la legge 109 del ’96, proposta da Libera di Don Ciotti con una petizione popolare che ha raccolto un milione di firme sull’onda emotiva delle stragi di Capaci e via D’Amelio. L’intento era di avviare un nuovo percorso di sviluppo economico antimafioso, ma si è arenato negli scogli della burocrazia, del lasciar correre e degli interessi mafiosi. Siamo convinti che costruire un mondo senza mafia è possibile. Non solo, è necessario. In una società competitiva come quella attuale, dobbiamo comprendere che solo il rispetto delle norme del nostro ordinamento giuridico può permettere la realizzazione di quelli che sono i principali valori della Costituzione: libertà, uguaglianza, giustizia, lavoro. L’opinione comune deve cambiare ed è cambiata un po’ fino ad ora, anche grazie a persone come Impastato che non l’hanno accettata passivamente quasi come fosse normale, scontata e appartenente al nostro costume, ma, altresì, combattuta fino alla morte. Peppino e Gianluca con il loro sacrificio, ci hanno dato tanto. Non basta ricordarli. Bisogna raccogliere quanto ci hanno lasciato e continuare».

In breve...

Catanzaro, nuovo complesso parrocchiale Oggi alle ore 11, in loc. Croci in Santa Maria di Catanzaro, S. E. Mons. Antonio Ciliberti, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, presiederà il rito di benedizione per la posa della prima pietra del nuovo complesso parrocchiale "Santa Maria della Pace". Un giorno significativo poiché ricorre anche l'anniversario della nomina di Mons. Arcivescovo a Pastore della Chiesa che è in Catanzaro-Squillace. Alla posa della prima pietra saranno presenti anche: l'arcivescovo emerito, mons. Antonio Cantisani, il Vicario Generale Mons. Raffaele Facciolo, il sindaco di Catanzaro Rosario Olivo, il vice prefetto vicario, Sebastiano Cento, il Questore, Arturo De Felice, il vice questore, Angelo Carlutti Cento, il comandante della Regione Carabinieri Calabria, Marcello Mazzuca, e tante altre autorità regionali e provinciali. La giornata sarà animata dalla corale "Mater Redemptionis", fondata e diretta dallo stesso don Biagio Maimone.

Catanzaro, seminario culturale Il secondo ciclo di lezioni del Seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, prosegue oggi, alle ore 17, nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro. Il presidente dell’Associazione culturale “La ragione e il tempo” Carlo Scalfaro terrà la Lezione sul tema: “Giovanni Giolitti e lo Stato moderno”. Il Seminario è rivolto a tutti coloro, giovani e meno giovani, che hanno ancora la capacità di porsi e di porre domande sulla nostra storia, sulle idee, sul pensiero e sul mondo in cui viviamo.

Gioia Tauro, incontro con l’auore La Libreria Scarabeo di Gioia Tauro organizza domani alle ore 17 l’incontro con la scrittrice Federica Legato autrice del romanzo “Il pacchetto rosso”, Città del Sole Edizioni. Interverranno: Nuccia Guerrisi, saggista, Laura Melara, psicologa e Caterina Provenzano, critico letterario. All’incontro parteciperanno, inoltre, gli attori Daniela D’Agostino e Andrea Naso che interpreteranno brani scelti dal libro.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 35

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Festeggiamenti in onore di San Biagio a partire da oggi a Cassano Ionio

“Seta. Il filo dell’arte”, mostra a Catanzaro IL CARTELLONE

“Grease”, il musical in scena sabato 7 febbraio a Castrovillari

ALTOMONTE (Cs) - Iniziative di Carnevale Sono partite le iniziative rientranti nel cartellone del “Primo carnevale delle tradizioni” che si terrà nella città di Altomonte fino al 24 febbraio 2009. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Altomonte ed è ideata e promossa dai giovani dell’associazione culturale denominata “Altomonte in Movimento”. CARIATI (Cs) - Studenti a Bruxelles Da lunedì 9 a giovedì 12 febbraio, i sei studenti vincitori della prima edizione del concorso denominato “Diventare Cittadini Europei” dedicato alla memoria di Altiero Spinelli, padre italiano dell’unità europea, saranno a Bruxelles per spendersi il viaggio/premio oggetto del concorso stesso. Gli studenti in questione, lo ricordiamo, sono stati selezionati da una Commissione esaminatrice, riunitasi lo scorso mese di dicembre, presieduta dal direttore dell’Università Popolare di Rossano il prof. Giovanni Sapia e composta da rappresentanti del Consiglio Comunale cittadino, degli istituti secondari coinvolti e dal Movimento Federalista Europeo. Tra i premiati del concorso sopra descritto, frequentanti gli istituti superiori di Cariati, Ipsaar, Ipsia e Liceo Scientifico, vi sono anche degli studenti residenti a Cirò Marina, a Crucoli ed a Scala Coeli. CASSANO I. (Cs) - Festa in onore di San Biagio Tornano ad acquisire una dimensione diocesana i festeggiamenti in onore di San Biagio, patrono della diocesi di Cassano allo Ionio, in calendario per il 3 febbraio. Ricco e articolato il programma: le celebrazioni inizierannooggi, con la celebrazione della messa (alle 18.00, in Cattedrale) in memoria di San Giovanni Bosco, protettore dei giovani. L’1 febbraio, giornata della vita consacrata, sempre la Cattedrale ospiterà, a partire dalle 18.00, prima la santa messa, quindi una rassegna di canti liturgico-religiosi, a cura dei cori attivi in Diocesi. A seguire, lunedì 2 febbraio, ancora in Cattedrale, alle 18.00, il Vescovo officerà la messa benedicendo le candele; alle 20.00, il critico letterario Piefranco Bruni animerà la riflessione sull'opera e l’insegnamento di san Paolo. Infine, il 3 febbraio, solennità di San Biagio, da segnalare: nel pomeriggio, alle 16.30, processione in città (lungo corso Garibaldi, via Terme e via Amendola) con la statua del Santo Patrono che, dopo più di mezzo secolo, tornerà a rivivere tra la sua gente; alle 18.00, solenne pontificale officiato da monsignor Bertolone in Cattedrale. Durante la celebrazione, verrà conferito l’ordine del diaconato a don Gabriel Aind.

CASTROVILLARI (Cs) - Spettacoli Primafila Riparte la settima edizione di Primafila. Gli abbonamenti per la rassegna che si terrà a Castrovillari presso il Teatro Sybaris-Protoconvento Francescano fino al 7 marzo (ore 21.30) e che prevede sette spettacoli ha il costo di 70,00 euro, sono già in vendita presso la Dany Music di via Mazzini 57/A e la sede dell’associazione Culturale Novecento in Via G. Boccaccio n.14. Il programma degli spettacoli: sabato 7 febbraio, Compagnia B-Way in “Grease” il Musical. Sabato 28 Febbraio, Gianluca Belardi in “danni di piombo”. Sabato 7 marzo, Compagnia Cavea in “Non ti pago”di E. De Filippo. CASTROVILLARI (Cs) - Carnevale e festival folk Fino al 24 febbraio, è in programma il cinquantunesi-

mo carnevale di Castrovillari & festival internazionale del folklore”. L’evento, organizzato dalla Pro Loco del Pollino di Castrovillari - presieduta da Giovanni Amato - in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo degli Assessorati al Turismo e Spettacolo di Provincia di Cosenza e Regione Calabria e dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, sarà diretto artisticamente da Gerardo Bonifati.

portale, realizzato dal webmaster Domenico Concolino, si presenta con una grafica semplice, accattivante ed intuitiva, come una vetrina sulle nostre iniziative e una “web-brochure” che illustra come aiutarci e contattarci. Inoltre, al vecchio indirizzo e-mail si affianca ora: info@liltcz.it.Info: 0961725026 o liltcz@libero.it oppure info@liltcz.it.Info: 0961725026 opp. 3208603557 o scrivere a: lilt.cz.press@gmail.com.

CATANZARO - “Seta. Il filo dell’arte”, mostra La mostra “Seta. Il filo dell’arte” rimarrà apertafino al 28 febbraio. L’evento espositivo è stato realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, dalla Regione Calabria - Fondazione Calabria Film Commision, dal Museo Diocesano di Arte Sacra di Catanzaro, con il patrocinio dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro – Squillace. La mostra, curata da Oreste Sergi, resterà aperta fino al 28 febbraio. In questo periodo si potranno ammirare, nelle sale espositive della struttura museale, damaschi, velluti, taffetas, broccati, broccatelli, gros de Tours, provenienti dalle maggiori chiese della città - Cattedrale di S. Maria Assunta e dei Santi Pietro e Paolo, Rettoria del SS. Rosario, Parrocchia di S. Teresa all’Osservanza ,Rettoria di S. Maria de Figulis seu Montecorvino – dalle chiese di Sellia Superiore, di S. Pietro Magisano e di Vincolise, nonché da alcune collezioni private. Da apprezzare una dalmatica in broccatello della fine del XV secolo proveniente dalla parrocchia di S. Nicola di Sellia Sup., due abiti settecenteschi provenienti dalla parrocchia dei SS. Simone e Giuda di Vincolise, una splendida gonna in damasco “bizzarre” proveniente dal Santuario della Madonna della Luce di S. Pietro Magisano, la seicentesca pianeta detta dei “Borgia” e l’abito impero in velluto piano dell’Addolorata provenienti dalla rettoria del Rosario di Catanzaro, un piviale in damasco classico proveniente dalla Cattedrale, una dalmatica cinquecentesca in damasco viola dell’Osservanza, una raffinata pianeta in taffetas broccato appartenente alla rettoria di S.Maria de Figulis. Catanzaro – Museo Diocesano d’Arte Sacra, Palazzo Arcivescovile, via dell’arcivescovado, 13. Fino al 28 febbraio con orario: lunedì chiuso - domenica apertura solo dalle 17,00 alle 19,30 - tutti gli altri giorni, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,30 (possono variare, verificare sempre via telefono). Biglietti: free admittance.

CATANZARO - Nuovo complesso parrocchiale Oggi, alle ore 11.00, in loc. Croci in Santa Maria di Catanzaro, S.E. Mons. Antonio Ciliberti, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, presiederà il rito di benedizione per la posa della prima pietra del nuovo complesso parrocchiale "Santa Maria della Pace". Un giorno significativo poiché ricorre anche l'anniversario della nomina di Mons. Arcivescovo a Pastore della Chiesa che è in Catanzaro-Squillace. Alla posa della prima pietra saranno presenti anche: l'arcivescovo emerito, mons. Antonio Cantisani, il Vicario Generale Mons. Raffaele Facciolo, il sindaco di Catanzaro Rosario Olivo, il vice prefetto vicario, Sebastiano Cento, il Questore, Arturo De Felice, il vice questore, Angelo Carlutti Cento, il comandante della Regione Carabinieri Calabria, Marcello Mazzuca, e tante altre autorità regionali e provinciali. La giornata sarà animata dalla corale "Mater Redemptionis", fondata e diretta dallo stesso don Biagio Maimone.

CATANZARO - “I lilt you”, campagna volontariato Ha avuto inizio la campagna Volontariato 2009 “I lilt you”, che consiste nella ricerca e nel reclutamento di volontari che possano essere parte integrante della Sezione Provinciale Lilt di Catanzaro. Il volontario è una risorsa preziosa che, ogni giorno, attraverso piccoli gesti contribuisce alla mission Lilt: vincere il cancro attraverso la prevenzione, ma anche prendersi cura del malato oncologico, alleviandone le sofferenze e condividendone la gioia della guarigione. Non servono competenze specifiche, basta avere più di 18 anni e qualche ora di tempo da dedicare per aiutare chi ha bisogno. Ci sono tanti modi per essere volontario Lilt, dall’assistenza al malato, alla diffusione della cultura della prevenzione, all’organizzazione degli eventi, sono tante le possibilità attraverso cui puoi offrire il tuo contributo e donare speranza ed una migliore qualità di vita al malato oncologico. Diventare volontario Lilt è semplice, basta contattare il numero verde 800-998877 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00 o visitare il sito www.lilt.it oppure telefona al numero 0961725026, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Da oggi è anche disponibile il sito ufficiale della sezione provinciale di Catanzaro, raggiungibile all’indirizzo www.liltcz.it. Il

CATANZARO - Il dottor Cassese a “Sabato&Domenica” Il dottor Mauro Cassese, direttore del dipartimento di Chirurgia Cardiovascolare del S. Anna Hospital, sarà ospite oggi, negli studi di “Sabato & Domenica”, la popolare trasmissione di Rai Uno condotta da Sonia Grey, Franco Di Mare e con Gianfranco Vissani, in onda dalle 7.00 alle 9.30 per la regia di Alessandro Corrado. Cassese, che sarà accompagnato da uno dei pazienti curati al S. Anna, parlerà del bypass aorto-coronarico; della patologia che ne richiede l’impianto (la cardiopatia ischemica); delle cause di questa malattia; dei fattori di rischio; delle diverse tipologie di intervento chirurgico; ma soprattutto, dello stile di vita da adottare dopo l’intervento stesso che, per quanto risolutore, ha lo scopo di riparare i danni di una patologia che può comunque continuare a provocarne, in assenza appunto di un appropriato e corretto stile di vita. CATANZARO - “Autori in passerella” L’associazione culturale Salotto Letterario con sede a Torino, Palermo e Sassari inaugura la sua nuova sede a Catanzaro con una serata di “Autori in passerella” un interessante momento culturale dove l’arte è emozione e i riflettori sono puntati sugli autori e il loro territorio. L’evento, curato da Sandrina Piras, Presidente del Salotto Letterario e dalla Delegata per la Regione Calabria Marisa Provenzano, avrà luogo oggi a partire dalle ore 18,00 presso la Sala Concerti di Palazzo Nobili. Protagoniste di questo appuntamento narrativa e poesia fruita, dagli autori e dagli appassionati, attraverso i linguaggi differenti apportati dall’arte visiva, dalla musica, dal teatro e dalla letteratura. Ospiti di questa straordinaria kermesse artistico-letteraria noti autori come Giovanni Marziano (Pittore),Giuliana Franco (Poetessa e pittrice), Antonio De Sensi (Prof. di Estetica all’Unical), Luigia Granata (Pittrice), Alfonso Riccio (Poeta), Peppino Sala (Artista Fotografo), Fernanda Iiritano (Soprano), Mario Maruca (Attore) e lo Scrittore romano Patrizio Pacioni.


36 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Seminario di formazione culturale e politica oggi pomeriggio nella Città dei Tre Colli

Franco Battiato in concerto al Politeama IL CARTELLONE

Prosegue il progetto “Primi passi a teatro” a Catanzaro

CATANZARO - Rotaract club e Federfarma, incontro Si comunica che oggi alle ore 11.30 presso la Sala Convegni dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Catanzaro – via Italia, 81 Catanzaro - si terrà una conferenza stampa organizzata sulla campagna di raccolta latte in polvere necessario al sostentamento dei bambini prematuri per i primi 12 mesi di vita ed allo svezzamento di tutti i nati da madri Hiv positive indetta dal Rotaract club Catanzaro e Federfarma Catanzaro. Il latte raccolto sarà inviato al Centre Medicale Saint Camille di Ouagadougou in aiuto dei neonati del Burkina. Interverranno: dott. Vincenzo Defilippo - Presidente Consulta Regionale; ing. Giuseppe Martucci – Presidente Rotaract Catanzaro; ing. Quintino Ierillo – Presidente Rotari Catanzaro tre Colli. CATANZARO - “Live night” L'associazione culturale sala 365 con il patrocinio del Comune di Catanzaro - musicadentro presentano Live night, oggi, presso l'auditorium Casalinuovo. Ingresso gratuito ore 21.00. Ospiti della serata: Francesco Carmine Fera (Tenore); Anna Maria Bagnato (Soprano); Salvatore Gallo (Pianista); Valentino Brigitte (Vocalist). Infoline: 331/7787058. CATANZARO - Seminario di formazione culturale Il secondo ciclo di lezioni del Seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, prosegue oggi, alle ore 17,00, nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro. Il presidente dell’Associazione culturale “La ragione e il tempo” Carlo Scalfaro terrà la Lezione sul tema: “Giovanni Giolitti e lo Stato moderno”. Il Seminario è rivolto a tutti coloro, giovani e meno giovani, che hanno ancora la capacità di porsi e di porre domande sulla nostra storia, sulle idee, sul pensiero e sul mondo in cui viviamo. CATANZARO - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena oggi al Politeama.

CATANZARO - Variazione orario uffici La Commissione tributaria regionale per la Calabria, sezione di Catanzaro, porta a conoscenza di tutti gli interessati che gli orari di ricezione che si attueranno presso l’ufficio in questione, a partire dal giorno lunedì 2 febbraio 2009saranno nella mattinata dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, e nel pomeriggio, dalle ore 14.30 alle ore 15.30. CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama: martedì 3 e mercoledì 4 febbraio, “Poveri ma belli”, un’idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo, con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Canfora; giovedì 12 febbraio, “Giselle “di Jules - Henri Vernoy de Saint - Georges e Thèophile Gautier - corpo di ballo del maggio musicale fiorentino; mercoledì 18 e giovedì19 febbraio“La strada” di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi, con Massimo Venturiello e Tosca, tratta dall’omonimo film di Federico Fellini; domenica 22 febbraio “Lo Schiaccianoci” di Pyotr Ilyich Tchaicovsky. Balletto nazionale di Sofia; venerdì 6 marzo “Puppin Sisters live. See the fabulous”; martedì 10 e mercoledì 11 marzo, “Faust” di Johann Wolfgang Goethe, con Glauco Mauri e Roberto Sturno; domenica 15 marzo “Mare notrum”. Concerto del trio Poalo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren; Giovedì 19 marzo “Recital” di Hirano Midori al violino e Charles Abramovic al pianoforte; giovedì 26 e venerdì 27 marzo “Due dozzine di rose scarlatte” di Aldo De Benedetti, con Leopoldo Mastelloni e Katia Terlizzi; venerdì 3 e sabato 4 aprile, “Momix - Bothanica”. L’ultimo capolavoro di Moses Pendleton; giovedì 9 aprile,“Ludovico Einaudi”, piano solo; venerdì 17 aprile, “La Serena”, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; giovedì 23 aprile, “Domenico Codispoti” in concerto; lunedì 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; venerdì 8 domenica 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Sabato 21 novembre 2009, “Tutto quello che le donne (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. Sabato 19 dicembre 2009, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; Venerdì22 gennaio 2009, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; Domenica 14 febbraio 2009, “Per tutti Revolution” di Alessandro Siani e Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo 2009, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile 2009,

recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. CATANZARO - Consiglio provinciale E’ stato convocato per il prossimo 5 febbraio alle ore 9.30 il Consiglio Provinciale di Catanzaro. Lo ha deciso la conferenza dei capi gruppo consiliari convocata dal Presidente del Consiglio Peppino Ruberto. All’ordine del giorno dei lavori: approvazione verbale seduta precedente; regolamento disciplina esami per il conseguimento della idoneità - attività studi di consulenza automobilistica; regolamento vigilanza scuole nautiche; regolamento rilascio autorizzazioni e vigilanza tecnico amministrativa studi di consulenza automobilistica; modifica regolamento per l assegnazione e la gestione delle aree comprese nel p.i.p. ed alcuni ordini del girono presentati dal consigliere Pasqualino Ruberto.

CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Di seguito si riporta l’intero programma delle iniziative: febbraio: venerdì 6 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, musica e immagini concerto per grandi e piccoli, Maria Vacca, compositrice e interprete al pianoforte; venerdì 13 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Mattia Zappa, violoncello; Massimiliano Mainolfi, pianoforte; venerdì 27 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Vladimir Ovcinnikov, pianista. Marzo: venerdì 6 marzo, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, sestetto d'archi di Amburgo, Alina Komissarova, violino; Joanna Rundberg, violino; Sonia Reuter, viola; Antje Dampel, viola; Roberto Trainini, violoncello; Joannes Krebs, violoncello; venerdì 20 marzo, ore 20.00, presso Basilica Immacolata, orchestra da camera I solisti di Sofia, Plamen Djurov, direttore. Aprile: venerdì 16 aprile, ore 21.00, presso auditorium A. Casalinuovo, "Voce e notte" il tenore nella grande tradizione musicale napoletana, Giuseppe Talamo, tenore; Francesco Stillitano, pianoforte; venerdì 24 aprile 2009, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: venerdì 8 maggio 2009, ore 18.00, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; il 13 maggio 2009,ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le tradizionali ed intramontabili crespelle.

CATANZARO - Adol, la stagione L'Adol “Jussi Bjorling” presenta il programma 2008/2009 che viene riportato di seguito: il 14 febbraio, sul Don Giovanni di Mozart ore 17.30, presso San Giovanni; sabato 14 marzo, grandi scene da opere Verdiane ore 17.30, presso il Circolo Unione; sabato11 aprile, sulla direzione e concertazione d’orchestra nell’opera lirica ore 17.30, presso il CicoloUnione; maggio (data e ora da definire), messa in scena dello spettacolo “La Serva Padrona” di Pergolesi, presso l'Auditorium Casalinuovo. CATANZARO - Spettacolo per bambini L'assessorato alle Risorse Educative e Scolastiche, la Media service produzione spettacoli e la Fondazione Politeama presentano: "Primi Passi a Teatro". Il progetto è finalizzato alla frequentazione dei bambini in teatro, una opportunità di svago domenicale per i genitori da condividere con i propri figli e potranno essere tema di discussione anche nelle scuole di appartenenza. Le rappresenazioni saranno effettuati dalla compagnia teatrale Il Cilindro del Teatro San Raffaele di Roma. Le date saranno: domenica 15 febbraio 2009 con "Le mille e una notte”, domenica 22 marzo 2009 con "I VII Re di Roma” e domenica 19 aprile 2009 con "Un Uomo chiamato Francesco". Il prezzo del biglietto è di Euro 5,00 posto unico. Per informazioni e prenotazioni: biglietteria teatro Politeama 0961-501818 / 501819 negli orari di apertura biglietteria - oppure fuori orario: cell. 334.2637312 338.6302118. CATANZARO - Franco Battiato al Politeama Franco Battiato e il suo tour “Live in Theatre 09”, il 31 marzo al teatro Politeama di Catanzaro. Per informazioni contattare la Esse Emme Musica di Maurizio Senese: www.essemmemusica.it.

CATANZARO - Reclutamento Luiss La Luiss, - Libera università internazionale degli studi sociaali “Guido Carli”, sta reclutando i migliori talenti sul territorio nazionale, valorizzando l’eccellenza di un modello che forma con cultura d’impresa e vocazione in-

ternazionale “classe dirigente” per il Paese. L’evento, organizzato in collaborazione con Confindustria Catanzaro, avrà come oggetto le opportunità di studio e gli sbocchi professionali offerti dalla Luiss: uno dei più importanti atenei italiani, il cui presidente è Luca di Montezemolo. La prova di ammissione ai Corsi della Luiss si terrà il 6 aprile a Roma e, contemporaneamente, in altre città italiane, tra cui Catanzaro per agevolare gli studenti a svolgere la prova stessa nella propria regione di residenza. CHIARAVALLE (Cz) - Stagione teatrale 2009 Domenica 15 febbraio “Edipo a Colono” di Sofocle premio olimpico 2008 con Roberto Herlitzka, regia di Ruggero Cappuccio. Sabato 28 febbraio “Lisetta” di T. Falvo con P. Cristiano,Sabina Ermio, T.Falvo, regia di Tonino Falvo. Sabato 14 marzo “Marlene” di Guseppe Manfridi con Pamela Villoresi, David Sebasti, Orso Maria Guerrini, regia di Maurizio Panici. Sabato 21 marzo “L‘amore mio non può”di Lia Levi con Manuela Kustermann regia di Manuela Kustermann. Sabato 4 aprile “La Cena Dei Cretini” di Francis Veber con S. Douani, F. Calderoni,R. Graziosi, regia di F.Calderoni e S. Douani . Sabato 18 aprile “Goodnight Italia” di N. Leonzio,G.Giugliarelli, S.Marino con S. Marino, Federica Innocenzi regia di Lamberto Dorigo. Sabato 9 maggio “I due gemelli veneziani”di Carlo Goldoni, Compagnia teatrale Tempo Nuovo. Abbonamenti: Poltrona 140,00 - ridotto 100,00. CORTALE (Cz) - “Amore sulla neve” "Amore sulla neve" è l'esclusivo e variopinto modo di festeggiare la festa dell'amore proposto dallo Sthendal Club!cena a lume di candela con proiezione delle più belle scene di film d'amore, animazione Colpo di Fulmine, dj set e soprattutto l'estrazione di un weekend in un ventro benessere per 2 persone. Il tutto arrucchito da effetti speciali e tanta tanta "neve"... Appuntamento allo Sthendal Club a Cortale in Contrada Malittoro. Per informazioni:347-4000340 0968-76760. COSENZA - Mostra di Paolo Setti Sarà possibile visitare, fino a giovedì 12 febbraio prossimo, dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.30, anche nei giorni festivi e con ingresso gratuito, la mostra della Galleria d’Arte Provinciale di Santa Chiara, in Salita Liceo, nel cuore del Centro Storico di Cosenza. Dal 12 dicembre scorso, data dell’inaugurazione ufficiale, la mostra ospitante la collezione d’arte contemporanea di Paolo Setti “La vera Pandora di tutte le virtù celesti”, che si sarebbe dovuta concludere il 31 gennaio, è risultata essere meta privilegiata per diverse migliaia di persone. Per altri venti giorni, accogliendo le numerose richieste di cittadini e scuole, si potranno ammirare ancora le opere esposte che, considerando la mole di visitatori, sono state apprezzate quali veri e propri gioielli della migliore arte contemporanea nazionale ed internazionale. La Galleria è corredata, inoltre, da un video totem multimediale con dispositivo blue-tooth, che consente di avere disponibili sui cellulari le informazioni audio-guida alla mostra, rendendo così possibile anche ai non vedenti la fruizione della stessa. Disponibili cataloghi e materiale illustrativo forniti dal personale addetto che accompagnerà nel percorso dando ogni utile spiegazione sulle opere esposte.

COSENZA - Jazz festival & musica in provincia Fino a lunedì 16 febbraio, si svolgerà la 4ª edizione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia 2008/2009. Oltre al capoluogo di regione, coinvolgerà altri 10 Paesi del territorio provinciale quali Belvedere, Cassano allo Ionio, Castrovillari, Civita, Frascineto, Rossano, San Nicola Arcella, Scalea, Spezzano Albanese e Trebisacce. COSENZA - Mostra di Ruggero Maggi La Galleria Vertigo di via Rivocati 63, Cosenza ha inaugurato la mostra-installazione dell’artista Ruggero Maggi che continuerà fino a venerdì 20 febbraio. COSENZA - “Neveuisp Sud” Le montagne della Sila ospiteranno per la prima volta “Neveuisp Sud” a Lorica (Cs) fino a oggi.Oggi, verranno disputate le finali di slalom gigante e alle 14.00, ci sarà la cerimonia di premiazione. Naturalmente lo sci non sarà l’unico protagonista: la Lega sport e giochi tradizionali Uisp infatti organizzerà numerosi tornei; sarà possibile poi avventurarsi in escursioni tra i monti della Sila, fare passeggiate con gli sci di fondo e con le ciaspole. Sono previsti naturalmente corsi di sci per i bambini che non parteciperanno alle gare e le serate saranno animate da musica e spettacoli. Da ricordare infine che “Neveuisp Sud” sarà anche la cornice che ospiterà quest’anno il 6° Trofeo di centro sud di sci alpino dell’Uisp.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 37

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“La variante di Lunenburg” dal romanzo di Paolo Maurensig al Teatro Rendano

“Il divo Garry” in scena a Crotone IL CARTELLONE

I Marlene Kuntz in concerto mercoledì 4 febbraio a Cosenza

COSENZA - Presentazione ricerca scientifica BoscasItaly il body scanner per sartorie artigianali è firmato Calabria. Si tratta dell'ultima novità tecnologica e all'avanguardia nel campo della moda per quanto riguarda la promozione del made in Italy nel mondo. Oggialle 17, 30 nella Sala Tokyo del Museo del Presente di Rende saranno presentati i risultati della ricerca scientifica. Un team di ricercatori della Zeus, società di Rende, ha progettato e sperimentato lo straordinario strumento che a sei mesi dalla presentazione ufficiale, centra l’obiettivo; quello di fornire agli operatori della moda artigianale all’estero l’alta qualità e il gusto della moda italiana. Alla conferenza sarà presente il sindaco di Rende, Umberto Bernaudo, l'ingegnere Giuseppe Lopez, coordinatore scientifico del progetto illustrerà le linee guida e le fasi di sperimentazione. Relazioneranno sul tema Luigi Paradiso, tecnologo della moda a Napoli, che ha messo a disposizione di questo progetto la sua professionalità nel campo della sartoria. Interverranno inoltre, il dirigente regionale, Giuseppe Rossi e Pietro Ruffolo assessore alle attività produttive del Comune di Rende. COSENZA - Marlene Kuntz in concerto I Marlene Kuntz in concerto a Cosenzamercoledì 4 febbraio ore 21.00 al Teatro Garden in Via Strada Statale 19, Rende.

COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: giovedì 5 e venerdì 6 febbraio 2009, Bianca Guaccero "Poveri ma belli"; Martedì 2 e mercoledì 3 marzo 2009, Amanda Sandrelli "Col piede giusto"; Lunedì 23 e martedì 24 marzo, Andrea Giordana "L'Otello"; Domenica 5 aprile, Tosca D'Aquino "Ogni anno punto e a capo"; Venerdì 17 e giovedì 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; Sabato 16 e domenica 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicembre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre,opp.22 opp. 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair spray. COSENZA - Congresso Fnp-Cisl Su decisione presa dal Consiglio generale, venerdì 13 febbraio 2009 prossimo si svolgerà a Cosenza, l’ottavo congresso territoriale della Federazione pensionati FnpCisl. COSENZA - Teatro Rendano, stagione di prosa Stagione di prosa 2008/2009 presso il teatro comunale "A. Rendano" di Cosenza. Sabato 14 febbraio, ore 21.00, domenica 15 febbraio, ore 18.00, Artisti associati "La variante di Lunenburg" dal romanzo di Paolo Maurensig, con Milva; sabato 21 febbraio, ore 21.00, domenica 22 febbraio, ore 18.00, Area teatromusica "Gloriosa" di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli; sabato 28 febbraio, ore 21.00, domenica 1 marzo, ore 18.00, Il Teatro del Carretto "Pinocchio" da Carlo Collodi, regia di Maria Grazia Cipriani; giovedì 5 marzo, ore 21.00, venerdì 6 marzo, ore 21.00, Placet musical "Cenerentola" con Roberta Lanfranchi e Antonio Cupo, regia di Massimo Romeo Pi-

paro; sabato 14 marzo, ore 21.00, domenica 15 marzo, ore 18.00, Gershwin spettacoli "Un Paese di gente per bene" con Gian Antonio Stella e Bebo Storti; sabato 21 marzo, ore 21.00, domenica 22 marzo, ore 18.00, Teatro Stabile delle Marche "Casa di bambola - L'altra Nora" da Henrik Ibsen con Lunetta Savino. COSENZA - “La scuola dei classici” Ritorna “La scuola dei classici”, stagione teatrale specificamente indirizzata alle giovani generazioni, con precipuo intento didattico e formativo. Per il secondo anno consecutivo l'associazione “Porta Cenere”, diretta da Mario Massaro e Natale Filice, in stretta collaborazione con il Comune di Cosenza, assessorato alle Politiche dell'educazione, offre ai dirigenti e ai docenti delle scuole medie inferiori e superiori la possibilità di arricchire l'offerta formativa curriculare con l'indispensabile apporto dei classici teatrali. Gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro Comunale Italia "A. Tieri", sito in piazza Amendola a Cosenza e coinvolgeranno solo attori e tecnici professionisti. Per la stagione 2008/2009 i periodi programmati sono i seguenti: da lunedì 23 a sabato 28 febbraio "Anfitrione" di Plauto; ad aprile 2009 "Cavalleria Rusticana" di Giovanni Verga. COSENZA - Programma Memoria meeting Programma Memoria meeting. Giovedì 5 marzo, a Cosenza presso il Palazzo della Provincia-salone degli Specchi, Piazza Prefettura, ore 9.30, cerimonia di premiazione del concorso sul tema dell’Antisemitismo promosso dall’assessorato alle politiche sociali della Provincia di Cosenza con l’assegnazione di tre borse di studio. Intervengono: Ferdinando Aiello, assessore alle politiche sociali della Provincia di Cosenza; Basilio Bianchini, direttore sede Regionale Rai per la Calabria.

COSENZA - Più di me tour 2009 Per i 50 anni di Carriera, la signora della canzone italiana, Ornella Vanoni, si esibirà nei principali teatri della penisola. Il suo debutto con il “Più di me tour 2009” il 7 marzo a Cesena. In Calabria, sarà al Teatro Rendano di Cosenza nella serata di mercoledì 11 marzo 2009. COSENZA - Anteprima stagione di prosa Teatro comunale Alfonso Rendano, anteprima stagione di prosa.Mercoledì1 aprile2009 concerto di Franco Battiato. CROTONE - “Trust in favore dei soggetti deboli” L’Associazione “…E’ Solidarietà”, Onlus cha ha sede in Crotone, con il patrocinio dell’Associazione “Il trust in Italia”, dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e Ragionieri collegiati della Provincia di Crotone, con la collaborazione del Centro Servizi Volontariato della provincia di Crotone presentano la Conferenza “Trust in favore dei soggetti deboli” che si terrà a Crotone presso la Sala Provinciale dell’Istituto Sandro Pertini dalla ore 9.45 alle 13.00 oggi.La conferenza

intende fornire le soluzioni pratiche che il trust – nuova tecnica negoziale- offre a tutela degli interessi della persona che, in ragione del proprio status, necessita di una maggiore protezione, apprestando quell’organizzazione economica ed assistenziale necessaria. Tra i relatori interverrà il Presidente del Tribunale di Crotone, dott.ssa Maria Luisa Mingrone, il Presidente della Sezione Penale dello stesso Tribunale, dott. Raffaele Lucente e la prof.ssa Amalia Di Landro, titolare della cattedra di diritto dei trust presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Vi sarà anche la partecipazione di professionisti (Notaio G.F. Condò, Avv. R. Sarro, Avv. G. La Torre Avv. S. Buttà e Avv. Nicola L. de Renzis Sonnino) che illustreranno diverse applicazioni pratiche di trust, realizzati a tutela degli interessi dei soggetti deboli, nonché gli aspetti fiscali.

CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone. martedì 11e sabato 12 febbraio, La contrada - teatro stabile di Trieste Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi "Il divo Garry" di Noel Coward traduzione Masolino D'Amico regia di Francesco Macedonio; Giovedì 19 e venerdì 20 febbraio, teatro Bellini, Tato Russo "Il paese degli idioti" di Tato Russo - da Fedor Dostoevskij regia di Alvaro Piccardi; martedì 17 e mercoledì 18 marzo, teatro stabile di Calabria Geppy Gleijeses, Gennaro Cannavacciuolo, Lorenzo Gleijeses e la partecipaziopne di Gigi De Luca "Ditegli sempre di si" di Eduardo De Filippo regia di Geppy Gleijeses; Giovedì 2 e venerdì 3 aprile, Tunnel produzioni, Alessandro Siani "Per tutti revolution" regia di Mimmo Esposito; Sabato18 e domenica 19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. L’inizio di tutti gli spettacoli è previsto alle ore 20.30. CROTONE - “L’altra parte di Ron” Parte da Cotronei il 3 marzo 2009, precisamente dal Teatro Comunale del centro Crotonese, “L’altra parte di Ron”, il nuovo evento teatrale che ha come protagonista assoluto Ron. Per ulteriori informazioni e per saterne di più sulle prevendita rivolgersi a: Teatro Stabile di Calabria al numero di telelefono 0962/905416 - oppure alla Esse Emme Musica di Maurizio Seneseal numero di rete fissa 0961/761471 – o di cellulare 335/5244393 - o ancora consultare il sito internet www.essemmemusica.it.

CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal mercoledì 16 al martedì 20 settembre.


38 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

La compagnia “Nutrimenti terrestri” in “L’Istruttoria” di Claudio Fava in scena a Gioiosa Jonica

Fiera Agricola a Lamezia Terme IL CARTELLONE

Convegno annuale della Caritas calabrese a Falerna Lido

FALERNA (Cz) - Caritas, convegno annuale Oggi torna l’annuale convegno della Caritas calabrese, quest’anno in collaborazione con la Commissione regionale della Pastorale sociale e del lavoro, su un tema molto scottante: il lavoro e la sua dignità. Negli anni scorsi, come si ricorderà, la due giorni della Caritas calabrese ha affrontato tra l’altro la questione ‘ndrangheta, molto richiesti ancora gli atti su È cosa nostra, e le tante problematiche che deve affrontare la famiglia; a Falerna lido, il prossimo fine settimana, verrà posto all’attenzione dei delegati delle 12 diocesi calabresi come la Chiesa guarda attualmente il mondo del lavoro, ma anche il tipo di lavoro che l’uomo deve affrontare. Saranno tre le sessioni: «Il lavoro che c’è e che auspichiamo», con una serie di testimonianze, percezioni e letture del mondo del lavoro in Calabria; la seconda riguarda «Il lavoro è per l’uomo, non l’uomo per il lavoro», il posto dell’etica e della giustizia nel mercato e nell’economia locale e globale. La terza sessione, che si terrà nella mattinata di sabato «Il lavoro e le esigenze del bene comune» affronterà le sfide per la società e la Chiesa oggi in Calabria. Al convegno sono stati invitati come relatori o testimoni: imprenditori, impiegati, sindacalisti, lavoratori stranieri, docenti universitari e naturalmente quanti sono “appassionati” al mondo del lavoro. Nei due giorni saranno presenti anche: il presidente della Facite mons. Ignazio Schinella e per i vescovi della Calabria: il presidente della Conferenza Episcopale Calabra mons. Vittorio Mondello, del vescovo di Locri, mons. Giuseppe Fiorini Morosini, incaricato per la pastorale giovanile; l’arcivescovo di Crotone mons. Domenico Graziani, incaricato della pastorale sociale e del lavoro e mons. Luigi Cantafora vescovo di Lamezia, incaricato per la Caritas, che tra l’altro presiederà una celebrazione eucaristica in suffragio di tutte le vittime sul lavoro.Gli obiettivi del convegno di quest’anno, secondo il delegato regionale della Caritas calabrese, don Ennio Stamile, sono tre: il primo quello di rendere la Chiesa e la società maggiormente consapevoli della varietà dei luoghi di esistenza in Calabria, delle modalità di lavoro sia umanizzanti che di quelle disumanizzanti; il secondo è quello di comprendere al meglio e per il futuro il mondo dell’occupazione, l’apprendimento e la trasmissione delle professionalità, la sfida educativa per l’impegno lavorativo delle nuove generazioni ed in ultimo, valutare il ruolo della Chiesa nel compito di umanizzare, elevare e santificare il lavoro nei contesti storici e di fatica quotidiana in cui si esprime, alla luce della Parola di Dio e della Dottrina Sociale. Il programma completo del convegno ed altre indicazioni sul sito: www.caritascalabria.it. GIOIOSA J. (Rc) - “L’Istruttoria”, spettacolo Il teatro “Gioiosa di Gioiosa Jonica presenta, oggi ore 21,00, la compagnia: Nutrimenti Terrestri in “L’Istruttoria” di Claudio Fava con: Claudio Joè, Donatella Finocchiaro. Regia di Ninni Bruschetta. LAMEZIA T. (Cz) - Centro Screening a Fiera Agricola Il Centro Screening di Lamezia Terme, diretto dalla dott.ssa Maria Paola Montesi, sarà presente nei padiglioni della 38ª edizione della Fiera Agricola di Lamezia Terme, che è aperta al pubblico fino al 3 febbraioprossimo. All'esposizione fieristica sarà infatti presente un apposito spazio denominato "Guadagnare salute”, all'interno del quale l'Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro ha allestito degli stand per la promozione della salute. L'obiettivo e' quello di promuovere l'adozione di corretti stili di vita nella popolazione, che e' un imperativo categorico per chi si occupa di prevenzione.Il pubblico che arriverà in fiera potrà rivolgersi al personale dell’Azienda sanitaria e ai volontari presenti, dai quali sarà possibile ricevere informazioni e materiale illustrativo utili per la tutela della propria salute.Una novità importante messa a punto dal Centro screening è che a tutti gli assistiti inclusi nel programma di screening del colon retto sarà consegnato il kit per il test gratuito per la prevenzione del tumore dell’intestino.

LAMEZIA T. (Cz) - Biennale d’arte Ha preso il via, e proseguirà fino a giovedì 19 febbraio prossimo, presso il Complesso monumentale di San Domenico e con l’apertura della Sezione storica, la seconda edizione del concorso nazionale biennale d’arte di Lamezia. La rassegna verrà quest’anno dedicata a due pittori calabresi recentemente scomparsi, il lametino Nicolino Romeo e il tropeano Albino Lorenzo. Inoltre, la rassegna si arricchisce con la mostra di tutte le opere in concorso e fuori concorso, con chiusura e premiazione giovedì 19 febbraio alle ore 11.30 nel parterre del Teatro Umberto.

LAMEZIA T (Cz) - Fiera Agricola, 38ma edizione Fino al 3 febbraiosi terrà a Sambiase in Piazza Diaz la 38ma edizione della Fiera Agricola di Lamezia . Un appuntamento importante per il mondo dell'agricoltura calabrese, che ospiterà aziende del settore, con grande importanza dedicata quest'anno alle macchine agricole, agli agriturismo, ma soprattutto alle produzioni regionali. L'Ente Fiera, infatti, ha sposato i princìpi ispiratori del grande progetto culturale "Consuma e spendi calabrese", portato avanti dall'associazione di giornalisti "Jonici". Belle novità anche per i bambini: negli ampi spazi della Fiera verrà allestita l'aia, per dare la possibilità anche ai più piccoli di vedere da vicino polli, conigli, galline, tacchini, oche... Potrà essere visitata gratuitamente dalle scolaresche, purchè prenotino la visita al seguente indirizzo di posta elettronica: info@lameziafiere.it. Nell'arco dei 5 giorni si svolgerà anche una rassegna dedicata agli olii extravergine di oliva, denominata "Oleum olivarum". LAMEZIA T. (Cz) - Compleanno Pasquale Natrella Oggi, alle ore 10.30, presso il Comando della Polizia Locale, ubicato nella nuova sede di Via Sen. A. Perugini (adiacente il nuovo Comune ), il Comandante e tutti i componenti del Corpo, festeggeranno, con una solenne cerimonia, il 93° anno di età dell'ex M.llo Pasquale Natrella, figura di spicco dei Vigili Urbani. Saranno presenti, il sindaco Gianni Speranza, gli assessori e i dirigenti. LAMEZIA T. (Cz) - Incontro sulla Sanità Si è riunito il comitato “Sifendiamo il lametino” e il movimento “Lameziaprovinciaenonsolo” ed ha deliberato di indire un incontro dibattito d'urgenza sulla situazione sanitaria a Lamezia: saranno invitati l'on. Lo Moro; on. D'Ippolito; l'on. Galati; i consiglieri regionali lametini Chiarella, Talarico ed Amendola, il sindaco e tutti i consiglieri comunali. L'incontro dibattito si terrà oggi, presso il piccolo del teatro Grandinetti, alle ore 17.00.

LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival E’ partito il Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “FiatLancia”, c’è il centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel Lamezia. La settima edizione del Jazz Festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi. I dettagli del programma: oggi, si ritorna al Teatro Umberto e Lamezia Jazz ospiterà una formazione con un organico particolare due bassi e batteria. Progetto titolato Bassproject nato dall'incontro di due artisti "fuoriclasse". Pippo Matino e Dario Deidda. Sabato 7 febbraio, presso la concessionaria Fiat-Lancia di G.Tripodi, esibizione del Quartetto Tenor Legacy. Sabato 21 marzo, al teatro Umberto, in scena il chitarrista Scott Henderson alla guida della sua Blues Band Henderson. Sabato 28 marzo sempre all’Umberto, Buster Williams 4tet presenterà “Something More”. Coordinatore artistico dell’evento, Tommaso Colloca. Attività parallele alla rassegna. Sabato 17 gennaio alle ore18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi”, ascolto guidato: “Il Tango e Piazzolla”. Sabato 7 febbraio, alle ore 18.00 Concessionaria FiatLancia “G.Tripodi” ascolto guidato: " Be bop: anche per il sax è ora di spiccare il volo”. Domenica 1 febbraio, ore 10.00, Yara Records - Catanzaro, Workshop di Basso elettrico - Docente Pippo Matino. 13 febbraio ore 22.00 Jazz Club Rua Sao Joao, Egidio Ventura Trio “Latino Vivo!”. Per info contattare i numeri di telefono di seguito riportati: 0968/442864 - 339/8309044; oppure scrivere a bequadro@bequadro.it. LAMEZIA T. (Cz) - Incontri Uniter Proseguono gli incontri dell’Uniter, Università della terza età e del tempo libero di Lamezia Terme, che nel corso della programmazione del XX anno accademico dedicato al tema “dare vita agli anni” sta tenendo presso la Casa del sacerdote di via Misiani, una serie di interessanti appuntamenti. Il Programma: Febbraio:4 mercoledì: avv. Gian Lorenzo Franzì, Il cinema italiano: riflessi politici e sociali della commedia di costume; 6 venerdì: prof.ssa Vittoria Butera, Antonio Porchia: i grandi temi nelle piccole frasi; 11 mercoledì : prof. Renato Nunnari, Dall’isolamento alla condivisione per la salute mentale dell’anziano; 13 venerdì : prof.ssa Luigina Parlati, La vana ricerca della felicità in Lucrezio; 18 mercoledì : avv. Alfredo De Grazia, “… e lucemi dallato il calavrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato” ( Dante, Paradiso, canto XII v.139 e segg.); 20 ve-

nerdì : prof. Saverio Di Bella, Le origini e la fine del blocco agrario;25 mercoledì : prof. Lucio Leone, Sui banchi di scuola nell’antica Roma (con video proiezione); 27 venerdì : prof.ssa Maria J. De Santis, Il racconto di una donna di Adelina Vulpitta/Anna Amato, nostra compianta amica dell’Uniter. Marzo 2009, ore 17,00: 4 mercoledì: prof. Antonio Bagnato, L’incontro del popolo nella prima guerra mondiale, tra violenza, repressione e scoperta dell’identità nazionale; 6 venerdì : prof. Vincenzo Villella, Il vero viaggio di Ulisse di Armin Wolf (conversazione rinviata il 28/01/2009); 11 mercoledì: avv. Francesco Bevilacqua, Originalità del Gran Tour in Calabria; 13 venerdì : dott.ssa Marina Galati, L’evoluzione delle famiglie Rom a Lamezia Terme;20 venerdì: prof. Daniele Macris, Luciano: il sorriso della grecità imperiale; 25 mercoledì : Giovanni Cimino e Antonio Canneto, Poesia e musica nella canzone napoletana tra Ottocento e Novecento; 27 venerdì : prof. Filippo D’Andrea, Profilo religioso nel filosofo Francesco Fiorentino?.Per il ventennale Uniter : domenica 1 febbraio, ore 17,00 al Teatro Umberto col patrocinio del Comune di Lamezia Terme, Falso in atto pubblico del Gruppo teatrale lametino I Dialettanti (Regia di Gaetano Montalto); 29 marzo, ore 17,00 al Teatro Umberto col patrocinio del Comune di Lamezia Terme, concerto di musica classica. LAMEZIA T. (Cz) - Stagione teatrale Ricrii Riparte la stagione teatrale Ricrii. Programma: 14/15 febbraio, "...Come l'acqua", Teatro Filadelfia regia di Francesco Pileggi; 13 marzo, "Il volto e la notte" scuola lab Scenari Visibili; 18 marzo, "Made in Italy" Babilonia Teatri con Valeria Raimondi, Enrico Castellani, Premio Scenario 2007; 22 marzo, "Attese" perfotext Tetraedro Teatro in regia Francesco Cerra; 4 aprile, "La nuova colonia" Spazio Teatro, regia Gaetano Tramontana. Gli spettacoli si svolgeranno al Teatro Umberto con inizio alle 21.00; 15 febbraio, ore 18.30. Info: www.scenarivisibili.it - info@scenarivisibili.it - 0968/22547 - 392-8249508. Biglietti: Intero euro 12. Ridotto euro 10. Studenti euro 5. Abbonamenti: Intero euro 60. Ridotto euro 50. Studenti euro 25. LAMEZIA T. (Cz) - “Città di Lamezia Terme”, concorso La Fisiodinamic palestre e il Csen centro sportivo educativo nazionale organizzano il concorso "Città di Lamezia Terme" gara qualificante per i campionati italianio 2009 domenica 15 febbraio, presso il palazzetto dello sport viale Marconi. Programma: domenica, ospiti della manifestazione, dalla trasmissione Amici di Canale 5 "Valentina" e "Roberta"; ore 9.00, ritiro numeri; ore 10.00, inizio competizione; balli coppia (tutte le categorie); teamdance (balli di gruppo) sincronizzato - coreografico - show dance - hip hop - danza moderna - danza classica, cat. und. 6 - und. 9 - und. 11; premiazioni; domenica ore 13.00, ritiro numeri; ore 14.00, inizio competizione; teamdance (balli di gruppo) sincronizzato coreografico - show dance - hip hop - danza moderna - danza classica, cat. under 13 - under 15 - under 21 - under 34 over 35; premiazioni. I partecipanti dovranno essere tesserati Csen per l'anno in corso. Si qualificano alla fase successiva i primi 6 di ogni categoria. Info: 333/3989908 - csencatanzaro@hotmail.com www.csencatanzaro.it 328/6330166 - www.csencrotone.it - sergiostellato@virgilio.it - 0984/837123 - 339/6901951 - 0968/26471 - www.fisiodinamic.tk. LAMEZIA T. (Cz) - Stagione teatrale comunale “Dalla pagina alla scena”, “Grandi interpreti fra parole e musica” e “L’arte della commedia”, saranno i tre temi che caratterizzeranno la nuova stagione teatrale promossa dal Comune di Lamezia Terme. Una stagione che va a completare e rafforzare tutta una serie di iniziative culturali intrecciate con i grandi eventi di “Teatro ragazzi”, degli appuntamenti con la musica jazz, di quelli inseriti nella stagione di prosa e in quella concertistica, e che vedranno ufficialmente la luce il prossimo 26 febbraio quando lo storico teatro Politeama di Lamezia, aprirà finalmente i battenti. La serata di inaugurazione (fuori abbonamento) è prevista per il prossimo 27 e 28 febbraio con Luca Zingaretti e la sua “Sirena” dal racconto “Lighea” di Tomasi di Lampedusa. Ad arricchire l’articolato programma, per metà composto da spettacoli in esclusiva per la Calabria, altri otto eventi di spessore. Tullio Solenghi con “L’ultima radio” il 12 e 13 marzo; Lunetta Savio e Paolo Bessegato con “45 giri di parole d’amore” il 19 e 20 marzo; Caterina Casini, Simona Marchini e Lucia Poli in “Pazze”il 24 e 25 marzo; Elisabetta Pozzi in “Annie Wobbler” di Arnold Wesker il 30 e 31 marzo; la Compagnia attori e tecnici in “Rumori fuori scena” di Michael Frayn il 4 e 5 aprile; Erica Blanc e Gianfelice Imparato in “Niente sesso siamo inglesi” di Anthony Marriot & Alistair Foot il 14 e 15 aprile ed in chiusura di stagione con il teatro del carretto il “Pinocchio” di Carlo Collodi.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 39

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Proseguono gli appuntamenti della rassegna “Dialoghi musicali in teatro” a Reggio Calabria

“Miseria e nobiltà” al Cilea IL CARTELLONE

“Incontriamo l’associazione ‘Un ponte per...’” a Platania

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, si terrà la mostra-evento “Oggettinstabili seconda edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Il versamento di euro 25,00 dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato ad: associazione culturale 400Kc, via dei mille 79, 88046 Lamezia Terme; coordinate bancarie: Iban it 78 y O1030 42841 000003790008 monte dei paschi di Siena filiale di Sambiase; causale del versamento: contributo realizzazione mostra moti urbani stazionimpossibili; termine perentorio fissato per le iscrizioni (incluso versamento), mercoledì 4 febbraio. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia Terme - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Il luogo della mostra sarà reso noto entro mercoledì 4 marzo. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 info@400kc.eu caterina@400kc.eu carlo@400kc.eu. LAMEZIA T. (Cz) - Concorso diocesano La Fondazione Centro Culturale Paolo VI di Lamezia Terme organizza un concorso rivolto agli studenti delle scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. La traccia riguarda il tema «San Paolo apostolo, la globalizzazione e i giovani lametini costruttori di speranza» ed è indirizzato agli alunni frequentanti le scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. Le sezioni previste sono tre: elaborati scritti di qualsiasi genere letterario, ogni forma di creazione artistica e creazioni multimediali o fotografie. Gli elaborati dovranno pervenire entro e non oltre martedì 31 marzo pressola sede della Fondazione Centro Culturale Paolo VI, presso la Curia Vescovile di Nicastro, Via Lissania, 2 ed in ogni plico dovrà essere inserita una scheda che riporti generalità e recapito del concorrente. A fine concorso, sarà premiato il primo lavoro di ogni sezione, con la somma di euro 400,00 entro martedì 30 giugno 2009. MAIDA (Cz) - Gianni Morandi in concerto Dopo l'apertura del 12 e 13 marzo con Fiorella Mannoia a Rende ed al Cilea di Reggio, confermato il secondo evento di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009" , la XXIII edizione della rassegna del miglior live d´autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla "Lotta a leucemie e linfomi dell'Associazione Amena dell'Ospedale Pugliese di Catanzaro, che premia con il "Riccio d'Argento" del celebre oarfo Gerardo Sacco i migliori concerti d'autore dell'anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni Morandi che con "Grazie a tutti", il suo imponente nuovo tour prodotto dalla "Ballandi", sarà l’ 8 e il 9 maggio al Teatro Tenda che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Lamezia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pressi dell' uscita di Maida. Avviata la vendita dei biglietti per i concerti di Gianni Morandi del 8 e 9 maggio presso il Teatro Tenda Lottomatica che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Maida, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro. La prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltronissima ed euro 30.00 proseguirà fino ad esaurimento nelle prevendite autorizzate. Previsto anche uno sconto di quattro euro a biglietto per comitive di almeno venti persone, fino ad esaurimento delle disponibilità. I concerti di Gianni Morandi dei giorni 8 e 9 maggio inizieranno alle ore 21.00. Per informazioni 0968.441888 oppure www.ruggeropegna.it. PALMI (Rc) - Il “L’Ottava del Carnevale della Piana” L’associazione “Per Palmi” anche quest’anno è impegnata a realizzare, nell’ambito delle festività carnascialesche, con il patrocinio del Comune, la manifestazione de "l’Ottava del Carnevale della Piana", giunta al 26° anno consecutivo e che

si svolgerà domenica 1 marzo, con la sfilata di carri e gruppi di artisti formati da ballerini, musicanti e splendide maschere, lungo il tradizionale percorso cittadino. L’amministrazione comunale e l’associazione Per Palmi aspettando l'ottava di carnevale organizzano lunedì 23 febbraio, alle ore 17.30, presso l'auditorium Sacra Famiglia il carnevale del bambino 1ª riedizione concorso usignolo d'oro e mascherina 2009. Potranno partecipare al concorso canoro 20 bambini selezionati dalle scuole elementari; potranno partecipare alla mascherina 2009 24 bambini frequentanti le scuole elementari che indosseranno mascherine originali, fantasiose e simpatiche, realizzate artigianalmente e che si iscriveranno, presso la sede dell'associazione Per Palmi, entro le ore 12.00, di domenica 1 febbraio, e fino al raggiungimento del numero prestabilito. Domenica 1 marzo, ore 14.30, piazzale concordato, l'ottava del carnevale della piana 26ª edizione partenza della sfilata di carri allegorici, maschere, artisti di strada bande buffe e gruppi mascherati provenienti da Paternò, Castrovillari, Taurianova, Cittanova, Polistena, Delianuova; ore 18.00, piazza 1°Maggio, esibizione di tutti i partecipanti, premiazione dei vincitori e spettacolo musicale. Informazioni telefonando al n. 3663668211 o presso profumeria Umberto corso. PLATANIA (Cz) - “Un ponte per...”, attività Oggi dalle ore 17:30 presso il Valentino De Fazio di Platania si terrà il primo di una serie di incontri organizzati dal Circolo locale di Rifondazione Comunista. Il titolo dell'evento è: "Una cultura di pace - Incontriamo l’associazione Un pone per...”.Un incontro per conoscere le attività portate avanti dell'assoziazione "Un Ponte Per..." nei luoghi di guerra.Un Ponte per... è una associazione di volontariato nata nel 1991 subito dopo la fine dei bombardamenti sull'Iraq, con lo scopo di promuovere iniziative di solidarietà in favore della popolazione irachena, colpita dalla guerra e in opposizione all'embargo a cui il paese è stato per lungo tempo sottoposto. All'incontro sarà presente Giovanni Grotti, responsabile regionale dell'associazione.Durante l'incontro sarà presentato il calendario delle attività 2009 del circolo. Dalle 19:30, cucina tipica locale. PAOLA (Cs) - Seminario su Saverio Fera Saverio Fera, fondatore della Comunione massonica di Rito Scozzese Antico ed Accettato, è una figura fondamentale nella storia della Massoneria italiana. Per rendere omaggio a lui e al suo ruolo, la loggia “Anita Garibaldi” di Paola, in collaborazione con la Regione massonica Calabria, organizza oggi il convegno “Saverio Fera: per la restituzione del Rito Scozzese Antico ed Accettato”. L’evento si terrà presso il Complesso Polifunzionale Sant’Agostino a Paola (Cs). Due le sessioni previste, con inizio rispettivamente alle ore 9:15 e alle ore 14:45.

PAOLA (Cs) - “Paola in scena”, programma Programma stagione teatrale "Paola in scena" 2008/2009. Venerdì 6 febbraio, "Sunshine" con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli; sabato 28 febbraio, "Da giovidì a giovidì" con Marco Marzocca; sabato 14 marzo, "Come uno scandalo al sole" con Isabella Russinova e Pietro Longhi; lunedì 30 marzo, "L’appartamento è occupato" con Paola Gassman; lunedì 6 aprile, "Quaranta ma non li dimostra" con Luigi De Filippo. La stagione teatrale, a decorrere dal 22 dicembre, prevede due spettacoli al mese, per un totale di otto rappresentazioni. Il costo dell’abbonamento è pari ad euro 120,00 in platea, e ad euro 100,00 in galleria. La prevendita si effettua, tutti i giorni esclusi il mercoledì e il giovedì, al botteghino del teatro Odeon dalle 16.30 alle 21.30 (info 333/494394 – 331/3887161 - www.paolainscena.it).

nico 3471232368. REGGIO C. - Mostra “Estrusioni” Visto il sempre più crescente numero di visitatori ed estimatori, la Galleria Technè Contemporary Art, che vanta la direzione artistica dell’artista Angela Pellicanò, proroga la mostra Estrusioni, sculture in ceramica, marmo e alluminio, personale della prof. Maria Teresa Oliva fino alla prima settimana di febbraio . L’esposizione è allestita a Reggio Calabria in via dei Correttori, 6 (info 339.1863561).

REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Nel dettaglio il programma prevede: oggi, Komiko procduction “Miseria e nobiltà”; sabato 7 e domenica 8 febbraio, compagnia del balletto Mimma Testa “Capricci e bisticci ovvero la Principessa sul pisello”; Venerdì 13, sabato 14e domenica 15 febbraio, Teatro stabile “La contrada di Trieste” (prosa) “Il divo Garry”; domenica 22 e martedì 24 febbraio, “Il pipistrello” (lirica); il 25 e il 26 febbraio, Nautilus pictures - Fiore di cactus; il 12 marzo, concerti sinfonici M° Veronesi; Sabato 21e domenica 22 marzo, Ballet de “Les parentes terribles” (danza) - produzione in collaborazione con il Teatro dell’opera di Roma; venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 marzo, Teatro Bellini di Napoli - Masaniello; Venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 aprile, “I due della Città del sole” (prosa) - “Quaranta ma non li dimostra”; giovedì 9e sabato10 aprile, concerti sinfonici - M°Moranti; mercoledì15 e giovedì 16 aprile, Candoco dance company London (danza) - Double bill; sabato 18 e lunedì 20 aprile, Werther (lirica); domenica 26, lunedì 27e martedì 28 aprile, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; sabato 9 maggio, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingresso fino a sabato l7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.00. REGGIO C. - Comunisti Italiani, raccolta firme Prosegue la raccolta di firme promossa dal Partito dei Comunisti Italiani per la presentazione di cinque proposte di legge di iniziativa popolare. Programma: il 1 febbraio dalle ore 10.00 a Polistena in Piazza della Repubblica;il 1 febbraio dalle ore 10.00 a Cittanova presso la Villa Comunale.

REGGIO C. - “Dialoghi musicali in teatro” Proseguono gli appuntamenti previsti nel cartellone “Dialoghi musicali in teatro”, ideati dal consulente alla cultura del comune di Reggio Calabria, Marcello Veneziani. Protagonista per questo nuovo rendez - vous all’insegna delle note, il maestro Luca Pitteri e la Vge Vocal Project. L’artista e il suo ensamble di musicisti e coristi (in tutto venticinque elementi) saranno, infatti, in scena domenica 1 febbraio, alle ore 21 al Teatro Comunale “Francesco Cilea” per un viaggio ai confini della cosiddetta cultura ‘black’ con contaminazioni musicali moderne. Lo stesso Pitteri, lunedì 2 febbraio alle ore 11 e 30 e sempre al teatro “Francesco Cilea” terrà un incontro - stage con i giovani insieme a Marcello Veneziani ed al consigliere comunale delegato al settore cultura Antonino Nicolò per dar vita ad un momento di confronto sulle tematiche legate alla musica. Tutti gli appuntamenti della REGGIO C. - La mostra “Notte Santa” due giorni di Pitteri in riva allo Stretto sono stati organizzaProsegue fino a oggipresso le sale espositive Cerere del ca- ti anche con la fattiva collaborazione di Franco Dattola, distello di Scilla, la mostra personale di fotografia di P. Ar- rettore dell’Accademia Musicale di Canto moderno di Regbitrio denominata “La notte santa - I presepi viventi nella gio Calabria, nonché profondo cultore della musica moderprovincia di Reggio Calabria”. na, docente di canto moderno ed esperto dell’arte dello spettacolo che non ha mai smesso la propria personale ricerca della “Tecnica Perfetta” e dei migliori metodi per riuscire a REGGIO C. - Osservatorio famiglia, iscrizioni trasmettere la conoscenza. Sono aperte le iscrizioni all'Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia di Reggio Calabria. Gli avvocati che volessero iscriversi hanno tempo fino al oggi in occasione del semina- REGGIO C. - Crisi Socib-Coca Cola di Pellaro, incontro rio di studi organizzato presso l'Auditorium “Lamberti Ca- Su indicazione del sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe stronuovo” in via Damiano Chiesa 5. La lezione sarà tenuta Scopelliti, l’assessore comunale al Lavoro ed Attività Prodal dott. Giacomo Oberto , magistrato presso il Tribunale di duttive, Candeloro Imbalzano, ha convocato una riunione Torino, sul tema dei trasferminti patrimoniali nella crisi fa- con i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl, Uil ed Ugl, per afmiliare. Per qualsiasi ulteriore informazione si può scrivere frontare la vertenza riguardante la crisi Socib – Coca Cola all'indirizzo di posta elettronica dell'associazione osservato- di Pellaro. L’appuntamento si terrà lunedì 2 febbraioalle ore riofamigliarc@yahoo.it oppure contattare il numero telefo- 10 e 30 nella Sala Giunta di Palazzo San Giorgio.


40 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Tutti possiamo essere... supereroi” a partire da martedì 3 febbraio nella Città dello Stretto

“Giovani Insieme”, iniziativa a Reggio IL CARTELLONE

Luca Carboni con il nuovo lavoro “Musiche ribelli” al Teatro Cilea

REGGIO C. - “Tutti possiamo essere... supereroi” Prosegue il viaggio itinerante della mostra curata dall’Adspem-Fidas, (Associazione Donatori di Sangue per il Paziente Emopatico) promossa per l’anno accademico 2008/2009. Ancora un'altra tappa per la campagna di comunicazione che racconta il mondo della donazione del sangue. Con lo slogan “Tutti possiamo essere … supereroi”, l'iniziativa rivolta agli studenti dell’Università Mediterranea, da lunedì 2 (dalle ore10:30) e da martedì 3 fino a venerdì 6 febbraio (dalle ore 08:30), sarà ospitata nei locali del Conservatorio di musica di Reggio Calabria “Francesco Cilea”. Testimonial della campagna quindi, sono i supereroi di fumetti, cartoni animati e film. Sono loro i protagonisti di un messaggio: non è necessario avere poteri paranormali per salvare vite umane, ma è sufficiente un gesto semplice come donare il sangue. La campagna si incentra su una mostra di tavole a fumetti, che raccontano la donazione in ogni sua sfaccettatura, si rivolge alle giovani generazioni della nostra città e della provincia per far comprendere l'importanza di un gesto di grande responsabilità. L'iniziativa promossa avvalendosi dell'aiuto dell'Accademia del fumetto “ReggioComix”, si inquadra tra le strategie finalizzate a diffondere tra gli studenti una cultura della donazione del sangue, strategie che la stessa Università Mediterranea si è impegnata a incoraggiare e sostenere attraverso il protocollo d’intesa sottoscritto con l'Adspem-Fidas il 27 maggio 2003. REGGIO C. - Anassilaos, manifestazioni Manifestazioni associazione Anassilaos. Programma febbraio 2009: martedì 3 febbraio, ore 18.00, presso la saletta San Giorgio al corso Anassilaos Giovani. Incontro sul tema “Giovani per la libertà/Dalla rosa bianca a Piazza Tien’anmen e oltre”. Introduce Tito Tropea, presidente. Intervengono Giovanni Azzarà (Piazza Tien’anmen), Antonio Cormaci (Jan Palach), Amanda Tympani (La Rosa Bianca); venerdì 6 febbraio, ore 21.00, presso saletta San Giorgio al Corso serate filosofiche. Dott. Arturo Occhiuto. Introduzione alla filosofia; martedì 10 febbraio, ore 18.00, presso saletta San Giorgio al Corso, omaggio a Pio XI (Achille Ratti 1857-1939) nel 70° della morte. Celebrazione dell’80° anniversario dei Patti Lateranensi (1929/2009). Proiezioni e letture di testi a cura dell’Anassilaos. In apertura, in occasione del giorno del ricordo 2009, riflessioni sulle foibe a cura di Antonio Cormaci, responsabile Anassilaos Giovani; venerdì 13 febbraio, ore 21.00, presso saletta San Giorgio al Corso, invito alla lettura dei classici della letteratura universale. Il dr. Alessandro Crupi legge “La luna e i falò” di Cesare Pavese; sabato 14 febbraio,ore 18.30, presso la chiesa San Giorgio al Corso, in collaborazione con il centro internazionale scrittori della Calabria festività di San Valentino. Santa Messa celebrata da Don Antonio Santoro, parroco della Chiesa di San Giorgio al Corso. Al termine benedizione delle coppie di sposi presenti alla funzione e intervento dello stesso Don Santoro; sabato 14 febbraio, ore 19.45, presso la saletta San Giorgio al Corso, festività di San Valentino. Letture e proiezioni. In dono alle coppie di sposi che abbiano raggiunto i 40 anni di matrimonio di un “cuore” realizzato dall’artista Antonclaudio Pizzimenti. Consegna a tutti di uno speciale diploma-ricordo con annullo filatelico della giornata; martedì 17 febbraio, ore 18.00, presso saletta San Giorgio al Corso, “Festival della canzone Italiana/Sanremo, gli anni d’oro”. In occasione del 59° Festiva della Canzone Italiana. A cura di Biagio D’Agostino; venerdì 20 febbraio,ore 21.00, presso saletta San Giorgio al Corso, centenario del futurismo. I° incontro. Centenario della pubblicazione su “Le Figaro” del manifesto del futurismo. Lettura dei manifesti futuristi. Proiezioni. A cura dei componenti dell’associazione Anassilaos. In omaggio la speciale cartolina realizzata dall’associazione; martedì 24 febbraio, ore 18.00, presso saletta San Giorgio al Corso, storia. Incontro sul tema "L'età aurea di Reggio: considerazioni storiche sulla monetazione di Anassila". Interviene dr. Natale Zappalà;venerdì 27 febbraio,ore 11.00, a Roma sede società chimica italiana V.le Liegi 48, centenario della società chimica italiana - Centenario del futurismo. Convegno promosso dalla associazione culturale Anassilaos e dalla società chimica italiana sul tema chimica e futurismo e presentazione del saggio Atomi elementi molecole - Storia della chimica da Dalton alle nanostrutture (Laruffa editore) di Francesco Cardone con la presentazione del presidente della Sci prof. Luigi Campanella e gli interventi del dr. Stefano Iorfida (Presidente dell'associazione culturale Anassilaos di Reggio Calabria), del prof. Luigi Tallarico con una relazione sul tema "Introduzione al movimento futurista", del dr. Francesco Cardone che tratterà del tema “Chimica e futurismo tra letteratura e scienza", del prof. Angelo Liguori che interverrà sul tema "Atomi elementi molecole storia della chimica da Dalton alle nanostrutture": presentazione e considerazioni”. Seguirà dibattito; il 27 febbraio, ore 21.00, Reggio saletta San Giorgio al Corso, Otto Marzo 2009. Festa della donna. Incontro su “Donne per la libertà/Profili di donne” a cura delle sezioni donna e giovani dell'associazione Anassilaos. REGGIO C. - Concerto dell’Orfeo Stillo Si terrà al Teatro Comunale di Reggio Calabria Francesco

Cilea il prossimo 5 febbraio alle ore 21.00 il concerto dell’orchestra da camera “Orfeo Stillo” diretta dal Maestro Fernando Romano. L’evento è prodotto dalla Bluocean in collaborazione con la Fondazione “Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” di Paravati (Vv) alla quale è destinato tutto il ricavato della serata. L’Orfeo Stillo è il gruppo strumentale costituito dalla Società Beethoven allo scopo di dotare la Provincia di Crotone di un organo artistico altamente qualificato, è formato stabilmente da 14 archi (fiati aggiunti) e si dedica prevalentemente alla diffusione della Musica da Camera di autori calabresi del tutto dimenticati, oltre al repertorio tradizionale per tale formazione. E' composta prevalentemente da giovani strumentisti calabresi, ma si avvale della collaborazione di solisti di chiara fama, come i violinisti Bruno Pignata, Markus Placci, Laura Marzadori, Masha Diatchenko; i pianisti Vladimir Backariov, Alessandra Torchiani, Yoko Kikuchi. REGGIO C. - Partito sociale, riunione “Più opposizione, soprattutto al comune di Reggio Calabria, più attenzione ai temi sociali, soprattutto per quanto riguarda le vertenze sociali”. Di questi argomenti si discuterà sabato 7 e domenica 8 febbraio presso la sala “Giuditta Levato” del Consiglio regionale. “Il partito sociale infatti vuole essere uno strumento di inchiesta, di controinformazione, di apertura di vertenzialità, di contrasto attivo alle politiche securitarie, che vengono proposte sia dalla destra, ma anche dal pd”. Gli incontri, organizzati dal Dipartimento nazionale del partito sociale del Prc, vedranno la partecipazione di importanti dirigenti nazionali del Prc come Claudio Bellotti della segreteria nazionale e Angela Lombardi della Direzionale nazionale del Prc, e saranno conclusi da Ramon Mantovani, già responsabile esteri del partito. REGGIO C. - Ussi-Fnsi, elezioni Ai sensi degli Statuti regionale e nazionale Ussi ed Fnsi, è convocata nei giorni 7 e 8 febbraio 2009 l’Assemblea Ordinaria per le elezioni del Presidente, del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei Conti dell’Ussi Calabria e dei Delegati al Congresso Nazionale. L’Assemblea si aprirà sabato 7 alle in prima convocazione ed alle ore 10.30 in seconda, a Reggio Calabria, presso il Sindacato dei Giornalisti della Calabria (Via Biagio Camagna n° 28). Le operazioni di voto si svolgeranno sabato 7 febbraio dalle ore 11 alle ore 20 e domenica 8 febbraio 2009 dalle ore 10 alle ore 14, a Reggio Calabria, presso il Sindacato dei Giornalisti della Calabria (Via Biagio Camagna n° 28). Hanno diritto al voto tutti gli iscritti all’Ussi Calabria ed al Sindacato dei Giornalisti della Calabria in regola con il pagamento delle quote associative.

REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: martedì 10 febbraio, martedì 10 marzo, martedì 21 aprile, martedì 9 giugno. REGGIO C. - Accademia Kronos e Club Re Italo Calendario delle attività promosse da Accademia Kronos Calabria e dal Club Unesco Re Italo di Reggio. Febbraio: lunedì 16, ore 17.00, presso il tipico, riunione club Unesco Re Italo; giovedì 26, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; marzo: giovedì 5, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione di Santa Caterina, proiezione video su ambiente (Ambiente giovane); giovedì 5, ore 19.30, presso il tipico, assaggio prodotti tipici (Ambiente giovane); giovedì 12, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, proiezione video su ambiente (Ambiente giovane); giovedì 12, ore 17.30, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro con giovani stranieri (Giovani insieme); giovadì 12, ore 20.00, presso il tipico, assaggio prodotti tipici (Ambiente giovane); giovedì 19, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro giovani reggini e stranieri (Giovani insieme); giovedì 26, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, presentazione programma socio-culturale per stranieri (Pscs); aprile: domenica 5, ore 8.00, escursione culturale (Pscs). Gerace + museo d'arte moderna Santa Barbara di Mammola, valorizzazione dei borghi antichi e delle strutture museali locali (MusaBa); giovedì 16, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro Pscs, proiezione video, programmazione visite; domenica 19, ore 8.00, escursione culturale (Pscs), Gallicianò, area di cultura Grecanica, chiesa ortodossa, conoscenza e valorizzazione tradizioni, arte e culinaria grecanica (Kumelca); lunedì 20, ore 17.00, presso il tipico, riunione club Unesco Re Italo; giovedì 23, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; dal 30 aprile al 3 maggio, as-

semblea nazionale federazione italiana club Unesco Cagliari; maggio: giovedì 7, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro Pscs su gestione attività di promozione culturale; domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs) Aspromonte, Cascate note come “Maesano” sull’Amendolea (“‘u scicciu ra spana”), diga sul Menta itinerario lungo il torrente Amendolea (in pullman fino alla diga, percorso a piedi diga - cascate); domenica 17, ore 8.00, escursione culturale club Unesco Re Italo (Giovani insieme) Palmi ed aree limitrofe (con la collaborazione del Club Unesco di Palmi); domenica 24, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs), Lago Costantino, San Luca (casa natale di Corrado Alvaro), itinerario parco letterario. Percorso a piedi da Pietra Longa (andata) e lungo la Fiumara Bonamico (ritorno), + visita borgo (Club Unesco); giovedì 28, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, riepilogo attività Pscs e incontro con stranieri;giovedì 28, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; domenica 31, ore 8.00, escursione culturale naturalistica (Pscs), San Giorgio Morgeto, Castello, borgo, itinerario articolato, incontro con amministrazione comunale e gruppi di volontariato; giugno: domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica culturale (Pscs), Scilla, traversata dello Stretto con barche di pescatori, Ganzirri, Capo Peloro. Visita guidata parco letterario “Horcynus Orca” e centri urbani interni (Club Unesco);mercoledì 17, ore 17.00, presso la sala palazzo storico della provincia, convegno e proiezione video escursioni Pscs; giovedì 25, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; venerdì 26, ore 19.30, presso la sala ristoro, conviviale con stranieri (Pscs). REGGIO C. - Iniziativa “Giovani Insieme” Il Club Unesco Re Italo di Reggio, intende provocare un proficuo contatto tra i giovani reggini ed i giovani stranieri, e tra i giovani stranieri delle diverse comunità esistenti a Reggio, accomunati da un rinnovato interesse verso il patrimonio culturale locale. Con l’iniziativa Giovani Insieme (patrocinata dalla Provincia di Reggio) il Club, attraverso tali nuovi rapporti, faciliterà il formarsi di un sistema duraturo di scambio culturale tra le diverse comunità, e l’incentivazione dello scambio tra i giovani reggini e tra essi ed i giovani stranieri, iniziando da Polacchi, Rumeni e Filippini che, prima di altri, si sono organizzati in Comunità. Attraverso incontri, proiezioni, dibattiti, e degustazioni di prodotti tipici, i soci del Club Unesco potranno riuscire a determinare un nuovo interesse, per la condivisione estesa a tutti i giovani residenti a Reggio, di ogni nazionalità ed etnìa. Momento ulteriormente aggregante sarà costituito da una visita di studio, guidata, che si svolgerà il 17 maggio, a Palmi e nel suo territorio. Dopo il primo incontro organizzativo, si svolgerà, alle ore 17.00, di lunedì 16 febbraio, (presso la seconda terza sede del Club, presso Il Tipico, in Via Santa Caterina n° 124), un secondo incontro, aperto, come il primo agli esponenti delle stesse Comunità di stranieri, per il migliore coordinamento del programma. I giovani interessati potranno già da ora prenotare la propria partecipazione scrivendo direttamente al Club, alla mail clubunesco@sandhi.eu.

REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: martedì 18 febbraio, ore 17.00 19.00, autore D'Annunzio, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dott.ssa D. Belmondo, dott.ssa R. Nucera; mercoledì18 marzo, ore 17.00-19.00, autore Faulkner, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa F. Farano; mercoledì 15 aprile, ore 17.00-19.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 13 maggio, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; mercoledì 10 giugno, ore 17.00 - 19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 15 luglio, ore 17.00 - 19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica il dottor Paolo Praticò. REGGIO C. - Luca Carboni in concerto “Musiche ribelli” è il nuovo lavoro di Luca Carboni che prende il nome anche del suo nuovo tour teatrale, il tour parte il 02 marzo da Verona è toccherà i maggiori teatri della penisola. Il 23 marzo sarà di scena al Teatro Cilea di Reggio Calabria. Per maggiore informazioni: 0965 312701, Esse Emme Musica di Maurizio Senese 0961 761471, Nuova Star Italia 09655936441, www.essemmemusica.it.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 41

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Inaugurazione del nuovo centro sportivo “Luigi Demme” domenica 1 febbraio a Scandale

Slow Food, assemblea annuale a Soverato IL CARTELLONE

Ornella Vanoni con “Più di me” in scena il 6 aprile a Reggio Clabria

REGGIO C. - Ornella Vanoni al Teatro Cilea “Più di me ” è il titolo dell’ultimo capolavoro di Ornella Vanoni, l’artista milanese che in questo ultimo album si vede duettare con i maggiori artisti italiani. La sua nuova tournèe teatrale dal titolo “Piu di me tour 2009” toccherà i maggiori teatri della penisola. Anche la Calabria è pronta ad ospitarla precisamente nella Città di Reggio Calabria nel bellissimo Teatro Cilea il 6 aprile, l’evento sarà organizzato dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese e la Nova Star Italia.I tagliandi che sono già in vendita, sono divisi in quattro ordini di posti, posti: primo ordine euro 48,00 comprende tutta la platea e palchi di primo livello; posti di secondo ordine euro 40,00 palchi di secondo livello, posti di terzo ordine euro 35,00 palchi di terzo livello, e loggione euro 25,00. Tutti i prezzi elencati sono compresi di prevendita. Per ulteriori informazioni: Teatro Cilea 0965/312701- Esse Emme Musica Tel. 0961- 761471 - Nova Star Italia 0965/5936441 www.essemmemusica.it. RENDE (Cs) - Gemellaggio Sicilia-Calabria Oggialle ore 16.30 presso l’hotel Executive di Rende, si terrà un incontro per il gemellaggio tra Sicilia e Calabria. Nella stessa giornata, la Delegazione di Cosenza e l’Accademia italiana del peperoncino Onlus, organizzano e presentano il XIII Convegno regionale “La Cultura del mare…”. Ad introdurre i lavori, Nuccia Carmagnola presidente della Delegazione di Cosenza – Rende Accademia italiana del peperoncino. Relazioneranno: Nuccia Carmagnola, enogastronomica e timoniere d’oro del Turismo che curerà il tema “Il mare: ultima vera frontiera del pianeta”. Il biologo marino e assessore all’ambiente della regione Calabria che presenterà “Lo stato dei mari calabresi”. L’architetto e presidente Fidapa Taormina e l’avvocato Stefania Covello, assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione della provincia di Cosenza che si soffermeranno su tema del “Gemellaggio Sicilia – Calabria”, il delegato provinciale Fmsi e direttore Uoc Medicina Irca Cosenza Bruno Mazzei che si occuperà di “Sport, giovani e sana alimentazione”, il presidente Slow Food Condotta di Cosenza Raffaele Riga che curerà l’aspetto de “il pesce nella ristorazione calabrese” e il docente di geologia strutturale dell’Università della Calabria, Carlo Tansi, che parlerà ai presenti della dinamica delle spiagge di Calabria dagli anni 50 ad oggi”. Concluderà i lavori, il presidente della Giunta regionale della Calabria, onorevole Agazio Loiero. Allieterà la serata, l’accademico Gigi Aloe che canterà brani magnificanti il mare.

RENDE (Cs) - Fiorella Mannoia in tour Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale, aprirà il giovedì 12 marzo 2009 al teatro Garden di Rende e venerdì 13 marzo 2009 al Teatro Cilea di Reggio Calabria, la XXIII edizione della rassegna “Fatti di musica Radio Juke Box 2009” ideata e diretta dal promoter Ruggero Pegna. L’evento sarà abbinato alla “lotta alle leucemie e linfomi dell’amena”. La vendita dei biglietti dei concerti di Fiorella Mannoia a Rende e Reggio Calabria sarà possibile in tutte le prevendite autorizzate elencate al sito www.ruggeropegna.it (Cosenza: Inprimafila e Bar Tosti; Rende: Teatro Garden; Reggio Calabria: Boutique Taxi. Quattro i prezzi dei biglietti: euro 44.50 poltronissima, euro 38,50 poltrona, euro 33,50 ed euro 27,50 per palchi e galleria. Per ulteriori informazioni contattare il numero telefonico di rete fissa di seguito riportato 0968.441888. ROSSANO (Cs) - Corso per arbitri L’Associazione Italiana Arbitri Sezione “A. Celestino” di Rossano, nell’ambito delle proprie linee programmatiche di reclutamento di nuove risorse, ha organizzato il nuovo Corso arbitri per l’anno 2009. L’iniziativa, prenderà il via oggi alle ore 15,30, con lezioni da due a tre volte la settimana. Il corso viene promosso una volta all’anno e vi possono partecipare gratuitamente persone di entrambi i sessi la cui età è compresa tra i 15 e i 30 anni. Il corso ha una durata di due mesi circa, con lezione sabato e domenica, al termine del quale si svolgerà l’esame finale che consiste in una prova scritta e una orale. Le lezioni teoriche si svolgeranno presso i locali della sezione arbitri in Via G. Galilei, 7 a Rossano Scalo. Sono previsti altresì lezioni che si terranno presso un campo di calcio della zona. Le lezioni prevedono l’insegnamento della struttura dell’organizzazione calcistica, del regolamento e della struttura dell’Associazione Italiana Arbitri, del regolamento e casistica del giuoco del calcio e del calcio a cinque, delle sue varie tecniche di giuoco, della stesura del rapporto di gara ed aspetti legali connessi, elementi di medicina e dietetica, preparazione atletica. A fine corso, superato l’esame finale, si diventerà arbitro della Federazione Italiana Giuoco Calcio e si avrà diritto alla tessera per poter assistere gratis alle partite di calcio organizzate dalla stessa Federazione. Per potersi iscrivere al nuovo corso 2009 è possibile farlo direttamente presso i locali della sezione di Rossano. Per i minori di 18 anni è necessaria la dichiarazione di assenso da parte di chi esercita la patria potestà. Per ulterio-

ri chiarimenti è possibile telefonare presso la sezione al n. te- febbraio alle ore 17.30 presso la sede del quartiere Bonporto lefonico 0983/511640 o consultare il sito internet www.aia- a Soverato Superiore (salendo da Soverato Marina, alla fine del centro abitato di Soverato Superiore, dopo il monumenrossano.it. to ai caduti, sulla destra presso la struttura ex lavatoio). ROSSANO (Cs) - Convegno Pdl Un evento politico e di partecipazione democratica: per consolidare la fiducia con i propri elettori che rappresentano la maggioranza in questa vasta area; per chiamare a raccolta, in questa Città e nel territorio, quanti ormai da tempo non nutrono alcuna fiducia nel Centro Sinistra al governo della Regione, della Provincia di Cosenza e nella Città di Rossano; per costruire, insieme e dal basso, le basi per un nuovo imminente successo elettorale, a conferma della vittoria del 13 e 14 Aprile 2008. Sono questi gli obiettivi della importante manifestazione politica, organizzata dalle forze aderenti al Pdl di Rossano, in programma per domenica 1 febbraio, alle ore17.30, presso il Cinema Teatro S.Marco allo Scalo. “Dalle province alle’Europa – Il Pdl verso il voto del 6-7 Giugno 2009”. E’ questo il titolo scelto dagli organizzatori.

SCALEA (Cs) - Global beat moviment Il 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia Marina, è in programma una serata al locale Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SCANDALE (Kr) - Inaugurazione centro sportivo Domenica 1 febbraio, in occasione dell’incontro di calcio di Terza categoria, Scandale-Camellino, sarà inaugurato il centro sportivo “Luigi Demme”. All’inaugurazione parteciperanno il presidente della Provincia di Crotone, Sergio Iritale, il consigliere provinciale Antonio Barberio e le istituzioni locali. Il centro sportivo è costituito da un campo regolamentare di calcio in erba naturale, un campo di calcetto in erba sintetica, due piste di bocce al coperto ed un campo di tennis in via di rifacimento.

SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza sul sito internet di seguito riportato www.movidacommunity.it. SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center di località Campo, sempre aperto durante la settimana tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso". SIDERNO (Rc) - Incontro dedicato a M. La Cava Mario La Cava , scrittore calabrese presente ancora una volta alla Biblio-mediateca di Siderno. in occasione del centennario della sua nascita numerosi sono stati gli incontri dedicati a Mario La Cava. Il prossimo si svolgerà oggi alle ore 17.00 presso i locali della Bibio-mediateca di Siderno in Via Turati in collaborazione con l'Amministrazione comunale e la Med2000rc. Si tratta di una pubblicazione, da parte della casa editrice Città del Sole, di un inedito, la sua tesi di laurea dal titolo "La Repubblica Cisalpina (Appunti sulla Costituzione e sull'Attività legislativa della Repubblica Cisalpina). Lo studio si compone di tre capitoli: il primo introduttivo sulla situazione politica in Italia all'arrivo di Napoleone, il secondo dove si analizzano i discorsi dei deputati e la legislazione in discussione, e le conclusioni dove emerge che la figura di Napoleone sia quella, per La Cava, di un "un grande talento organizzatore della vita civile. Alla presentazione del libro saranno presenti Giuseppe Italiano, critico letterario;Gaetano Briguglio, docente del liceo classico di Locri; Francesco Arcidiaco, editore di Città del Sole. Introce e Modera la serata l'avvocato Francesco Macrì. Info tel 0964/384092email: mediateche.provincia.rc@gmail.com.

SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: lo spettacolo previsto per venerdì 6 e sabato 7 febbraio “Hair The tribal love rock Musical” è stato cancellato e sostituito; sabato28 febbraio“Dr Jekill e Mr Hyde The strange show” di e con Fabrizio Paladin; sabato 7 marzo, Claudio Insegno “Risate al 23° piano” di Neil Simon; sabato 21 marzo, Gaia De Laurentis “Sottobanco” regia Claudio Beccaccini; Sabato 4 aprile Tosca D’Aquino “Ogni anno punto e a capo” di Eduardo De Filippo; giovedì 16 aprile, Sorelle Marinetti “Non ce ne importa niente regia Max Croci”; sabato 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domenica 3 maggio Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di Italo Calvino. SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Ha ufficialmente avuto inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Programma: Venerdì 13 e sabato 14 febbraio, in scena “l’Edipo a Colono” scritto e diretto da Ruggero Cappuccio per un formidabile Roberto Herlitzka che con questo spettacolo ha anche vinto il Premio Eti - Olimpici del Teatro 2008. La programmazione seguirà domenica 1 marzo con la compagnia Spazioscenico con “Un sesso di troppo”. Un cocktail esplosivo di doppi sensi e situazioni esilaranti condito con un pizzico d'amore e molto buon umore. Franco Procopio dirigerà la divertentissima commedia di James Sherman, campione d'incassi a New York. Domenica 15 marzo, sarà la volta di un cast di straordinari interpreti per rievocare il percorso umano e artistico della Dietrich, che per decenni e fino ai nostri giorni ha sollecitato l’immaginario collettivo. “Marlene”, ultima fatica di Giuseppe Manfridi e novità assoluta della stagione teatrale in corso, vede in scena, per la regia di Maurizio Panici, un’intensa Pamela Villoresi, accompagnata, tra gli altri, da Orso Maria Guerrini e David Sebasti. Domenica 22 marzo, sarà la volta de “L’amore mio non può”. Nel settantennale delle leggi della vergogna razzista, una strepitosa Manuela Kustermann trasforma in poesia una realtà maledettamente violenta. Dall’omonimo romanzo di Lia Levi uno spettacolo applauditissimo. Concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagione precedente possono confermare il posto telefonando o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica di seguito riportato "teatrodelgrillo@libero.it". SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Per ulteriori informazioni contattare i numeri di tel: 0961/34618 - 368/7376942 - 347/1094691 320/0473698 - oppure consultare il sito internet di seguito riportato www.calabriaguide.it.

STALETTI’ (Cz) - Percorso di avvicinamento al vino Oggi, ore 20:00, presso il Blanca cruz nella splendida cornice del golfo di Stalettì si terrà un percorso di avvicinamento e conoscenza del vino nonchè dell'abbinamento con il cibo; tale percorso si articolerà in più incontri dove verranno esposti i principi dell'enologia la valutazione visiva, olfattiva e gustativa del vino e le basi dell'abbinamento enogastronomico. A condurre tale percorso sarà il sommelier Ais dott. R. Iuliano che presterà le proprie conoscenze scientifiche. Non solo vino di qualità ma anche alta cucina diretta dallo chef MassiSOVERATO (Cz) - Slow Food, assemblea annuale mo Fratto. Cultura, cucina e musica in una cornice divina. L’assemblea annuale dei soci Slow Food si terrà domenica 1 Per informazioni e prenotazioni 333/5736483. SOVERATO (Cz) - Al Bar Mario Programma Bar Mario: domenica 01 febbraio la corrida...karaoke con isa; giovedi 5 febbraio isa e il suo karaoke; venerdi 6 febbraiodrug queen francis; sabato 7 febbraionew romantic in concerto; domenica 8 febbraio la corrida con isa; giovedi 12 karaoke di isa; venerdi 13 drug queen francis; sabato 14cover band alanisis morissette; domenica 15la corrida con isa. Info: www.bar-mario.com.


42 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Esposizione di due nuove opere di Mattia Preti al Museo civico di Taverna

“Buon compleanno Federica” a Vibo IL CARTELLONE

Triduo di preghiera in onore di San Giovanni Bosco a Stalettì

STALETTI’ (Cz) - In onore di San Giovanni Bosco A Stalettì oggi: triduo di preghiera in inore di San Giovanni Bosco, su iniziativa dell'oratorio parrocchiale "Cuori gioiosi". Oggi, ore 16.30: santa messa animata dall'oratorio; seguirà festa con i bambini.

TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Per ulteriori informazioni telefonare: 0961/34618 - 368/7376942 329/9149079 - 347/8871177 - o visitare il sito www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. VIBO V. - Attività del conservatorio di musica Particolarmente ricca e interessante l'offerta formativa del conservatorio di musica di Vibo Valentia proposta per l'anno accademico in corso. Accanto agli appuntamenti ormai consueti quali il convegno internazionale, giunto alla sua X edizione, il falaut day, i concerti con i giovani solisti e l'orchestra da camera del conservatorio e i concerti della "Veipo flute orchestra", per questo anno sono programmate una serie di masterclasses con docenti ospiti di livello internazionale. Primo appuntamento il 5, 6, 7 febbraio, la masterclass è dedicata ai clarinettisti con il M°Patrick Messina, il M° Felice Cusano incontrerà gli studenti violinisti con cadenza mensile fino a giugno, i pianisti potranno seguire una masterclass sul repertorio per duo pianistico con i maestri Hector Moreno e Norberto Capelli, i chitarristi animeranno una "clase magistral de guitarra" con la docente Laura Young, e, nell'ambito del corso di canto moderno che costituisce una novità assoluta per il conservatorio, sono previsti incontri con il M° Luca Jurman. A completare questo programma, laboratori e seminari mirati alla produzione di due favole in musica, un musical e concerti monografici articolati nel corso di tutto l'anno accademico.

VIBO V. - “Buon compleanno Federica” Evento speciale il 7 febbraio alle ore 21.00 nel palasport di Vibo Marina, giorno in cui Federica Monteleone avrebbe festeggiato i suoi diciotto anni. Si chiamerà, infatti, "Buon compleanno Federica" l'evento voluto dai genitori della ragazza vibonese prematuramente scomparsa due anni fa a seguito di un intervento chirurgico presso l' Ospedale di Vibo Valentia, diventato un caso nazionale di malasanità. I coniugi Monteleone durante l' evento, a cui parteciperanno tutti gli amici di Federica, presenteranno la "Fondazione Federica per la Vita", destinata a raccogliere fondi per la costruzione di una "Casa del Risveglio" a Vibo Marina. Per questa festa speciale la signora Maria Sorrentino, madre di Federica, ha chiesto il coordinamento artistico-organizzativo di Ruggero Pegna, che ha predisposto numerosi eventi a scopo benefico ed umanitario. "Buon Compleanno Federica" vedrà sul palcoscenico l' omaggio di giovani artisti calabresi tra cui i "Porci Comodi" di Mimmo Labate di Paola, band scelta dal fratello di Federica, le "For Love", tre ragazze diciottenni della scuola di canto di Rosa Martirano, i ragazzi della scuola di danza "Arabesque" frequentata da Federica. In conclusione l'esecuzione di alcuni suoi brani del cuore da "Albachiara" di Vasco Rossi, cantata dalla Martirano, a "Colpo di fulmine" di Anna Tatangelo, la sua cantante preferita, che ha aderito gratuitamente a fare da madrina all' inaugurazione della Fondazione ed alla speciale festa di compleanno. Un omaggio a Federica sarà anche portato dal celebre stilista Anton Giulio Grande e dal maestro orafo Gerardo Sacco che creerà un suo gioiello da donare alla Fondazione. La serata prevede altri momenti emozionanti, come la lettura di pezzi scritti da Federica, quale aspirante giornalista. I coniugi Monteleone hanno reso noto che l'evento sarà patrocinato da Comune e Provincia di Vibo Valentia e dalla Regione Calabria.

CALABRIA - Cunta Calabria L’Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Vibonese” di Vibo Valentia presenta la seconda edizione di “Cunta Calabria”. La Calabria si racconta attraverso il teatro popolare e non solo. Il programma: venerdì 6 febbraio, Piero Procopio & Band Cabaret e Musica Popolare. Venerdì 20 febbraio, Associazione Culturale “Nuovo Teatro Aquila” di Pellaro “L’eredità e a jettatura”. Venerdì 6 marzo, “Gruppo Teatrale Anoiano”. Venerdì 20 marzo, Gruppo Teatrale “Giangurgolo” di Gioia Tauro“U muru”. Ingresso pubblico ore 20.30 – Sipario ore 21.00. CALABRIA - Concorso enologico internazionale La curiosità degli eno-appassionati per le bottiglie originali da inserire nelle proprie collezioni si unisce in una formula di marketing territoriale innovativa con il web. Per l’edizione 2009 de “La Selezione del Sindaco”, il concorso enologico internazionale che elegge il vino-simbolo delle Città del Vino di tutta Italia (dal 22 al 24 maggio, Istituto Agrario di San Michele all’Adige, Trento; info www.selezionedelsindaco.it), la piccola produzione d’eccellenza italiana sbarca sul web e punta all’e-commerce: per conoscere o acquistare le originali bottiglie dell’unica rassegna internazionale che prevede la partecipazione congiunta dell’azienda e del comune in cui sono localizzati i vigneti, riservata ai vini Docg, Doc e Igt con una produzione tra le

1.000 e le 50.000 bottiglie, basterà un click su www.dilloconilvino.it. Questo è l’obiettivo di un accordo che le Città del Vino hanno sottoscritto con il nuovo portale www.dilloconilvino.it che prevede la partecipazione al concorso senza oneri per le aziende che si associano al servizio. CALABRIA - “Sos ricerca in mare” “Sos ricerca in mare”. I precari della ricerca siciliani e calabresi sul traghetto per protestare contro la legge sul riordino universitario. Oggi alle ore 13 sul traghetto Messina – Villa S.G. l’iniziativa dei Coordinamenti dei Precari della Ricerca di Sicilia e Calabria. CALABRIA - “M’illumino di meno” Risparmio energetico e tutela ambientale: un binomio imprescindibile per proseguire il cammino intrapreso dai Paesi più industrializzati per una sempre più efficace salvaguardia della Terra. Naturalmente il compito della salvaguardia del pianeta non può essere affidato solo alle grandi scelte nazionali, ma deve diventare “cultura” del gesto quotidiano di ogni cittadino, perché i grandi numeri del risparmio e della tutela si realizzano sommando anche i piccoli numeri. Per tale motivo l’”Accademia IncontroLuce” aderisce ed invita ad aderire all’iniziativa per il risparmio energetico “M’illumino di meno”, patrocinata dal Parlamento Europeo e portata avanti da “Caterpillar” (programma radiofonico Rai Radio2), ormai per il quinto anno consecutivo. La campagna ha preso il via il 7 gennaio, si protrarrà fino al 13 febbraio e culminerà con la giornata di mobilitazione internazionale per il risparmio energetico, il 13 febbraio 2009, alle 18.00, ora in cui verrà rivolto a tutti l’invito di spegnere le luci e tutti i dispositivi elettrici non indispensabili in quel momento. Nelle precedenti edizioni “M’illumino di meno”ha contagiato milioni di persone, scuole, aziende, musei, istituzioni, comuni, associazioni di volontariato e università, impegnandole in una gara etica di buone pratiche ambientali. Lo scorso anno il”silenzio energetico”coinvolse anche le piazze e i monumenti: a Roma il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio; a Verona L’Arena, a Torino la Basilica di Superga; a Venezia Piazza S.Marco, così come il Duomo e Piazza della Scala a Milano; ma anche Parigi, Londra ,Vienna, Atene, Barcellona, Dublino si sono “illuminate di meno”, coinvolgendo le ambasciate di ogni parte del mondo. L’”Accademia Incontroluce”, che ha già veicolato l’importanza di diminuire anche l’inquinamento luminoso dell’illuminazione pubblica, sia per motivi di spreco e sia, più romanticamente, per non privare gli occhi e i sensi della contemplazione della volta celeste notturna, invita tutti a farsi portavoce dell’iniziativa, in modo tale che, da simbolica, diventi gesto quotidiano. CALABRIA - “Dall’Alleanza... al Progetto” Conferenza stampa per la presentazione della manifestazione nazionale 1 Marzo 2009 "Dall'Alleanza... al Progetto", rappresentazione dell'Alleanza con la Locride e la Calabria, a suo tempo promossa dal Consorzio Goel della Locride, dal Consorzio Calabria Welfare e dal movimento Comunità Libere. La manifestazione si svolgerà il 1 Marzo 2009 a Crotone. La conferenza stampa si terrà il 2 febbraio 2009 alle ore 12.00 presso La Casa della Carità "Angelo Abriani", in via Brambilla n. 8/10 a Milano.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 43

APPUNTAMENTI CALABRIA Ospiti di “Inchiostro Elettronico” Mario Perri, Liliana Gennaccaro e i rappresentanti della banda di Tiriolo: Antonio Mazzei, Marco Codamo e Giovanni Viapiana

Tumori, l’importanza della prevenzione Interessante l’intervento di Oscar Tommasini che ha raccomandato di seguire una corretta alimentazione CATANZARO — Il conduttore Massimo Tigani Sava, direttore del quotidiano regionale “Il Domani della Calabria” nonché portavoce dell’Associazione di giornalisti “Jonici”, ha aperto la puntata di ieri “Inchiostro elettronico”, l’ultima di questo mese di gennaio, dando ampio spazio all’intervento del sindaco di Decollatura, Merio Perri, che dopo aver parlato genericamente del bellissimo comune che si trova a rappresentare, si è soffermato sul tema del dimensionamento scolastico: «Una delibera della Provincia di Catanzaro ha approvato un nuovo piano di dimensionamento scolastico. La scuola di Decollatura, che prima era autonoma, è stata aggregata a quella di Serrastretta. Non abbiamo niente contro Serrastretta ma crediamo che l’accorpamento con comuni più vicini possa rendere più efficiente il servizio scolastico. Ricorreremo al Tar». Sempre su questo problema si è soffermata l’attenzione dell’assessore alla pubblica istruzione del comune di Decollatura, Liliana Gennaccaro: «In questa delibera non hanno tenuto conto della distanza reale che esiste tra Decollatura e Serrastretta. Le scuole, infatti, si trovano in un raggio chilometrico di 35 chilometri. Esiste una difficoltà oggettiva da parte delle famiglie e di tutti i protagonisti di questa vicenda. Preferiremmo mantenere l’autonomia ma se ciò non dovesse essere possibile, vorremmo essere accorpati con comuni vicini come quello di Soveria Mannelli». Liliana Gennaccaro, in qualità di maestra dell’istituto comprensivo “Michele Pane” di Decollatura, ha aggiunto: «L’istituto in cui lavoro funziona in un modo eccellente. Abbiamo avuto alcuni riconoscimenti come il “Label Europeo”, con il progetto “Il mio cuore palpita francese” e vissuto molte esperienze anche all’estero». Infine il sindaco Perri si è soffermato sull’importanza del promuovere e valorizzare il nostro immenso patrimonio ambientale ed enogastronomico: «I comuni possono fare molto per promuovere la cultura del “consumare e dello spendere calabrese”, a partire ad esempio dalle mense scolastiche. Convinti di questo principio abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa con l’Associazione di giornalisti “Jonici”, impegnata nel progetto culturale denominato appunto“Consuma e Spendi Calabrese”. Dobbiamo lavorare per realizzare il federalismo alimentare per il bene delle nostre comunità». Il conduttore, nel corso della puntata, ha come di consueto letto alcuni articoli apparsi sulle principali testate giornalistiche locali e nazionali. Tra gli interventi degli ospiti presenti in studio molto interessante quello del dottor Oscar Tommasini, direttore dell’unità operativa dipar-

Nella foto da sinistra: Giovanni Viapiana, Marco Codamo, Antonio Mazzei, Massimo Tigani Sava, Liliana Gennaccaro, Mario Perri

timentale di endoscopia chirurgica operativa, presso l’Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro, il quale ha parlato di tumori del colon: «Il carcinoma colorettale rappresenta una delle principali cause di morbosità e mortalità per neoplasia in tutti i paesi occidentali e ad alto sviluppo tecnologico. Si riscontrano 678.000 nuovi casi l’anno nel mondo, 150.000 in Europa e 30.000 in Italia. L’incidenza grezza nel nostro paese è di 30 – 50 nuovi casi per anno per 100.000 abitanti; i tassi più elevati si registrano nell’Italia centro settentrionale con una maggior prevalenza per i tumori del retto nel sesso maschile. Allo stato attuale, nonostante questa neoplasia presenti elevati livelli di curabilità rispetto a quelle insorgenti in altri distretti dell’apparato digestivo, la sopravvivenza a cinque anni si attesta mediamente sul 40 – 50 %, potendo raggiungere l’80 – 90% nelle forme precoci. Il 12% di tutte le morti per tumore negli uomini ed il 16 % nelle donne sono riferibili a neoplasie di questo distretto. E’ ben dimostrata l’importanza di fattori costituzionali e genetici (per esempio: alta frequenza in alcune popolazioni rispetto ad altre, elevatissima incidenza nelle famiglie con individui portatori di poliposi familiare), come pure della qualità e quantità dei cibi ingeriti. I carcinomi del colon, dal punto di vista biologico, sono neoplasie in genere a basso potenziale maligno, soprattutto nelle età più avanzate; la chirurgia, se realizzata in fase precoce, ha dunque possibilità curative». Il dottor Tommasini si è poi soffermato sulla sintomatologia di tale patologia: «Il carcinoma del colon-retto è spesso presente per lungo tempo prima di manifestarsi con segni clinici. Tuttavia, in relazione alla sede di insorgenza, si possono avere segni diversi con

Vitaliano Marino assieme con il regista Franco Selvaggio

Oscar Tommasini

tempi di comparsa differenti. I carcinomi del colon sinistro sono in genere più precocemente riconoscibili attraverso il reperimento di sangue nelle feci accompagnato o meno da diarrea e/o costipazione. I carcinomi del lato destro hanno comportamento più subdolo; possono esserne il campanello d’allarme sintomi non caratteristici quali astenia, malessere, rapida perdita di peso e anemia, senza apparenti motivi. In ogni caso il carattere principale e comune di tali neoplasie rimane l’elevata tendenza al sanguinamento, per cui il segno da ricercare è la presenza di sangue nelle feci. La loca-

Per diventare i protagonisti di “Inchiostro elettronico” occorre rivolgersi alla redazione contattando il numero: 3484929505

lizzazione anatomica più frequente, pari a circa il 70-75%, è a livello del sigma-retto di cui il 30% è esplorabile manualmente e il 60% è evidenziabile con la rettosigmidoscopia: tale dato è estremamente utile per le indagini clinico-strumentali di prevenzione. In considerazione di quanto detto, appare chiaro come la storia naturale della malattia possa essere influenzata dalla prevenzione e dalla diagnosi tempestiva; la prevenzione, sia primaria che secondaria, è una delle poche armi che abbiamo a disposizione per combattere tale patologia. Il tumore diagnosticato in fase iniziale di malattia è curabile radicalmente con la sola chirurgia; infatti le percentuali di guarigione a 5 anni sono proporzionali allo stadio di malattia». Il dottor Tommasini a proposito di alimentazione ha aggiunto: «Le abitudini alimentari possono condizionare l’insorgenza di tale neoplasia, così come dimostrato da molteplici studi. Una alimentazione povera di fibre vegetali può favorire l’insorgenza di un carcinoma del colon-retto (le fibre, dando luogo a un transito intestinale accelerato, diminuiscono il tempo di contatto della mucosa con eventuali carcinogeni), come pure una dieta ricca in grassi (colesterolo e suoi derivati: sostanze a potenziale carcinogenetico); anche una dieta iperproteica è in grado di alterare la flora batterica del colon (prevale la crescita degli anaerobi, capaci di trasformare i sali biliari in carcinogeni, rispetto agli aerobi)». Infine il medico ha concluso: «Le localizzazioni prevalenti del cancro del colon (70% circa) sono il sigma e il retto. Ricordiamo a tal proposito alcune raccomandazioni per la prevenzione primaria dei tumori del colonretto: ridurre l’assunzione di grassi; includere nella dieta quotidiana frutta e verdura; assumere alcoolici

Rosalba Paletta e Rita Macrì

con moderazione; evitare l’obesità; diminuire il consumo di cibi conservati; aumentare l’apporto giornaliero di fibre». Tra gli ospiti anche i rappresentanti della Banda musicale di Tiriolo. Il presidente ha raccontato: «La banda nasce nel 1908 e ha compiuto da poco 100 anni. Vorremmo creare una realtà lavorativa per tutti coloro che in modo concreto sono impegnati nell’organico; 40-45 elementi, tutti musicisti calabresi diplomati al conservatorio, che svolgono un lavoro stagionale che li impegna da aprile a ottobre. Suono il clarinetto piccolo in mib. Tutti coloro siano interessati ad avere nostre notizie possono collegarsi al sito: www. bandamusicaletiriolo. com». Riguardo il repertorio il direttore artistico, Marco Codamo, ha specificato: «Eseguiamo un repertorio classico, lirico, sinfonico che si basa sui brani dei grandi compositori come Verdi, Puccini, Rossini, Cilea, Domizzetti, dando spazio anche alla “musica originale per banda” e rivalutando i nuovi compositori italiani come Poseddu, Somadossi, Creux. Sono un compositore; vivo per la musica e spero di continuare ad operare nella mia regione, sempre coltivando la mia grande passione. Mi sono diplomato in tromba al conservatorio “Cilea” di Reggio Calabria e in direzione di banda presso l’Accademia musicale pescarese sotto la guida del maestro Fulvio Creux, con il quale sono stato in America, dove ho avuto il piacere di dirigere la “Synfonich band” di Hattiesburg». Giovanni Viapiana, responsabile amministrativo della banda, ha rimarcato: «Operiamo con passione. Il nostro gruppo si mantiene grazie al contributo di alcuni sponsor e alle prestazioni, che soprattutto nel periodo estivo, vengono da noi realizzate prettamente nei comuni calabresi e siciliani. Molto suggestiva la performance che ci ha visti protagonisti al Vaticano in occasione della quale abbiamo suonato per papa Benedetto XVI°». “Inchiostro elettronico” è una trasmissione che ogni giorno, dal lunedì al venerdì, viene trasmessa in diretta dagli studi televisivi di Telesapazio, dalle 14 alle 16, su Telespazio Tv; è possibile seguirla in replica sempre sullo stesso canale alle due di notte, mentre sulla seconda rete, Telespazio Tv Studio 3, a partire dalle 20.30. Preziosa la collaborazione, per la buona riuscita del programma, del regista Franco Selvaggio e della redazione. Per diventare i protagonisti di questo nuovo format occorre scrivere all’indirizzo di posta elettronica: inchiostroelettronico@telespaziotv. com o contattare il numero 3484929505. Rita Macrì


44 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

IL CASO

INGHILTERRA

I Galaxy negano Beckham al Milan Lo attendono a marzo negli Usa

Ferguson: dopo il Manchester me ne andrò in pensione

Inizio posticipato di quindici minuti per lo sciopero dei calciatori Tra i bianconeri rientra Chiellini. Nel Cagliari Allegri lancia Matri

Ranieri vuole una Juve d’orgoglio Ancora panchina per Trezeguet In avanti Amauri e Del Piero

Il Cagliari dopo la sosta ha preso dieci punti su dodici

TORINO - Riscatto subito: è il minimo che Claudio Ranieri possa chiedere alla propria squadra dopo il capitombolo di Udine. Anche per fugare dubbi sulla condizione fisica, apparsa in calo. Il tecnico taglia subito corto: «Non siamo stanchi». Ma sarà solo il campo a dare la conferma. Certo il Cagliari di oggi, reduce da tre vittorie consecutive e in grande forma psicofisica, non era proprio l’avversario più indicato per rialzare la testa subito e lanciare un chiaro segnale di vita all’Inter. Lo ammette anche Ranieri: «È’ un periodo in cui ai rossoblù riesce bene tutto quello che fanno. Noi siamo avvertiti». E torna sulla sconfitta di Udine, spiegandola così: «La stanchezza non c’entra, perchè una squadra stanca non schiaccia l’avversario nella sua area per un’ora. Il fatto è che non siamo stati compatti e quindi non abbiamo giocato come sappiamo. Mi aspetto un pronto riscatto. D’accordo, nel 2009 il trend non è stato superlativo, come lo era stato quello del dopo-Napoli, ma è normale, si va a periodi. Sapevamo della forza dell’Inter, ma il campionato non è finito. Noi abbiamo sempre l’obiettivo di rendere la vita difficile ai nerazzurri, l’abbiamo sempre detto. Indietro non mi guardo, anche se la Roma sta facendo cose fantastiche. Se arriverà a insidiare le nostra zona-Champions, dipenderà dalle tre davanti: se rallentano, può sperare, altrimenti, no». Tra i giocatori che più visibilmente stanno accusando segno di fatica, c’è Amauri. Ma Ranieri inquadra così la situazione del brasiliano: «Non lo vedo fuori forma. È la critica che spesso valuta in forma un giocatore solo se segna. Lui sta passando un periodo comune a tanti attaccanti, non inquadra la porta, così come prima tirava e la centrava sempre.

«Lo dirò a Blanc, non a voi». In realtà, sarebbe d’accordissimo con l’ad bianconero di lasciar partire l’attaccante, che però non sarebbe proprio entusiasta dell’idea. Con Trezeguet sano, lo Iaquinta spesso in infermeria troverebbe ancora meno spazio, anche se il Giovinco visto mercoledì a Udine non può garantire il ruolo di quarta punta. Sul fronte Cagliari regna la fiducia. «Stasera troveremo una Juve avvelenata, che vorrà rifarsi dopo la sconfitta di Udine, ma noi abbiamo tanto entusiasmo e voglia di fare una bella partita, come a Milano con l’Inter». Massimiliano Allegri non nasconde le difficoltà che il Cagliari incontrerà nell’anticipo di Torino, ma dopo le ultime belle prestazioni della sua squadra sogna di fare lo sgambetto alla Vecchia Signora. Il Cagliari sta vivendo un momento magico. Dalla ripresa del campionato ha conquistato 10 punti su 12: il pareggio a San Siro con i campioni d’Italia e le tre vittorie consecutive con Udinese, Lazio e Siena. E stasera c’è la Juve. «Un avversario durissimo che riavrà Del Piero e Chiellini, e il ritorno di Trezeguet». La partita avrà inizio, così come tutte quelle del week end, con 15’ di ritardo, in seguito alla protesta de calciatori contro la squalifica di un anno imposta dal Tas a Daniele Mannini e Davide Possanzini, per il ritardo di mezzora al controllo antidpoing. Le probabili formazioni. Juventus (4-4-2): 1 Buffon, 21 Grygera, 33 Legrottaglie, 3 Chiellini, 28 Molinaro, 32 Marchionni, 22 Sissoko, 19 Marchisio, 11 Nedved, 10 Del Piero, 8 Amauri. All. Ranieri Cagliari (4-3-1-2): 22 Marchetti, 14 F. Pisano, 20 Bianco, 21 Canini, 31 Agostini, 8 Biondini, 5 Conti, 10 Lazzari, 27 Jeda, 9 Acquafresca, 32 Matri. All. Allegri.

L’allenatore è in attesa di risposte

Serie A: la 22ª giornata PARTITE

ARBITRI

OGGI 18.15

Gervasoni

Napoli-Udinese 20.45

Juventus-Cagliari

Banti

DOMANI 15.15

Atalanta-Catania Bologna-Fiorentina Chievo-Sampdoria Genoa-Palermo Inter-Torino Reggina-Roma Siena-Lecce

Dondarini Orsato Gava Trefoloni Bergonzi Rosetti Brighi

20.45

Lazio-Milan

Rizzoli

CLASSIFICA Inter Juventus Milan Genoa Roma Fiorentina Napoli Palermo Cagliari Lazio Atalanta Udinese Catania Siena Sampdoria Bologna Lecce Torino Chievo Reggina

49 43 41 37 36 35 33 32 31 31 27 26 26 25 23 22 19 17 17 14

ANSA-CENTIMETRI

Ma svolge un gran lavoro per la squadra e dà lo stesso apporto anche se non fa gol». E Trezeguet? «Non credo che non sia ancora in grado di giocare subito, ma lo aspetto». Tradotto: tocca ancora alla coppia Amauri-Del Piero e poi, in caso di bisogno, il francese è pronto, anche magari in un tridente. Su Alex, quasi a sfatare un accenno di «rumors» su qualche pic-

cola incomprensione tra i due, afferma sicuro: «Con lui in campo c’è più tranquillità. Però noi dobbiamo dare il 120%, altrimenti siamo una squadra battibile». Solito catenaccio imbarazzante, invece, sulle voci di mercato. Quando gli si chiede se sarebbe favorevole a una partenza di Iaquinta (lo Zenit ha formalizzato la richiesta offrendo 11 milioni), Ranieri risponde:

Lazio a nervi scoperti. A Formello duecento tifosi contestano giocatori e allenatore

Il Milan con la difesa a pezzi

Gli ultrà biancocelesti hanno criticato l’assenza di carattere, il poco impegno e lo scarso attaccamento alla maglia

Ancelotti, già privo di Maldini, deve rinunciare anche all’influenzato Bonera Varese - Dopo l’occasione sprecata contro il Genoa, il Milan riparte domani sera all’Olimpico contro una Lazio in piena crisi. Guai in difesa per Ancelotti. Si ferma di nuovo Bonera: il difensore bresciano era rientrato in gruppo soltanto giovedì ma ieri è stato costretto di nuovo a fermarsi a causa della febbre. E Maldini è squalifi-

cato. Probabile che la coppia centrale sarà formata da Senderos e Favalli. Contro i biancocelesti Ancelotti pensa al rilancio di Ronal-

dinho. Nervi tesi in casa Lazio. La squadra ieri a Formello è stata contestata da 200 tifosi. A parlare è stato il presidente Lotito: «Rossi

non si discute. Se una squadra non va io non cambio l’allenatore». Nel giorno della contestazione, il numero uno si è schierato in difesa del suo tecnico, smentendo ogni ipotesi di esonero. Rossi, intanto, si trova col dubbio Rocchi. Probabile l’impiego del duo Zarate - Pandev. De Silvestri sostituirà lo squalificato Lichtsteiner.

Marino punta su Quagliarella - Di Natale Reja rispolvera Denis. Fuori Zalayeta

Udinese con l’entusiasmo Il Napoli ritrova Hamsik ROMA - Ritrovato il sorriso e i tre punti grazie al successo nel turno infrasettimanale sulla Juventus, l’Udinese adesso va a caccia di conferme. Oggi alle 18 l’anticipo della 22.ma giornata contro il Napoli allo stadio San Paolo: «Sicuramente il tempo per recuperare è poco - ha spiegato il tecnico friuliano, Pasquale Marino - mercoledì c’è stato un grande dispendio di energie, ma spero che l’entusiasmo per la prestazione e per la vittoria faccia dimenticare un pò la fatica». Le probabili formazioni. Napoli (3-5-2): 30 Navarro; 28 Cannavaro, 83 Rinaudo, 96 Contini; 11 Maggio, 8 Blasi, 23 Gargano, 17 Hamsik, 3 Vitale; 9 Denis, 7 Lavezzi. All. Reja. Udinese (4-4-2): 22 Handano-

vic, 32 Ferronetti, 13 Coda, 2 Zapata, 25 Lukovic, 15 Isla, 20 Asamoah, 21 D’Agostino, 88 Inler, 27 Quagliarella, 10 Di Natale. All. Marino.

L’ex arbitro parla del post Reggina - Juve del 2004

Paparesta scagiona Moggi e Giraudo Non sono stato chiuso nello spogliatoio ROMA - «Finalmente posso dire l’unica verità su quel 6 novembre 2004: non sono mai stato chiuso in uno spogliatoio da Moggi». Gianluca Paparesta, l’ex arbitro pugliese coinvolto nello scandalo di Calcio-

poli, lo ha rivelato nel corso dell’intervista concessa alla trasmissione de La7 ’Niente di personale’. «Moggi e Giraudo entrarono agitati e si lamentarono del mio operato - ha spiegato Paparesta riferendosi a quanto accadde al termine di Reggina-Juventus, conclusasi con la vittoria per 2-1 dei calabresi -. Nessuno però mi ha chiuso dentro lo spogliatoio. Si sono solo lamentati in maniera decisa perchè non avevo concesso loro un rigore e avevo annullato il gol del pareggio proprio un attimo prima del finale, cosa che per altro dimostra che non soffrivo certo di sudditanza. Poi se ne sono andati via e io ho solo sbagliato a non inserire nel referto di gara l’episodio». «Questa non è la mia versione ma la realtà. Non ero solo, con me c’erano assistenti, quarto uomo e un osservatore».

Serie B Le partite della 23esima giornata dei cadetti

Il Bari si getta all’assalto del Frosinone Il Brescia si ritrova privo di Possanzini ROMA- Il Bari capolista attende il Frosinone sapendo di poter contare sull’apporto del pubblico: previsti oltre ventimila spettatori. In attesa di sapere cosa farà il Livorno, impegnato nel posticipo di lunedì sera a Mantova, il Brescia di Sonetti va all’assalto del Treviso, invischiato nella zona calda della classifica. Il Grosseto va a Piacenza, il Parma si scontra con l’Albinoleffe. Queste le partite in calendario. Ascoli - Ancona, Avellino - Triestina, Bari - Frosinone, Empoli - Vicenza, Parma - Albinoleffe, Piacenza - Grosseto, Pisa - Sassuolo, Sa-

lernitana - Cittadella, Treviso - Brescia, Modena - Rimini (rinviata per nebbia), Mantova - Livorno (il posticipo di lunedì sera).


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 45

Sport

Tennis Affronterà lo svizzero Federer

Sci Nella Coppa del mondo di fondo

Nadal va in finale agli Australian Open

Colpi di Longa e Follis Primo e secondo posto

MELBOURNE - Una maratona di 314 minuti, la più lunga nella storia del torneo di Melbourne. Per conquistare la sua prima finale Slam lontano dal Vecchio Continente Rafael Nadal ha dovuto sudare sette camicie contro Fernando Verdasco. Cinque set, per cinque ore e 14 minuti. Nadal trova in finale Roger Federer. Il n.2 del mondo vi arriva più fresco e riposato: su sei partite giocate ha ceduto soltanto due set (entrambi negli ottavi al ceco Tomas Berdych). E adesso è lanciatissimo per uguagliare il record di 14 titoli Slam di Pete Sampras. «Ai miei occhi Roger è il migliore giocatore della storia - ha detto Nadal Giocherà per uguagliare Pete, sarà una partita importante per lui. Ma lo è anche per me. È la mia prima finale qui, è speciale». llato 16 palle-break su 19, di cui due match-point).

RYBINSK (RUSSIA) - Come ai tempi di BelmondoDi Centa l’Italia del fondo rosa centra in Russia una straordinaria impresa: nella 10Km a tecnica libera Marianna Longa conquista in volata la prima vittoria della carriera davanti alla compagna di squadra Arianna Follis. L’Italia domina la gara femminile, che vedeva al via praticamente tutte le protagoniste della Coppa del Mondo, anche grazie a Sabina Valbusa (9/a) e ad Antonella Confortola (15/a). Tredici anni dopo l’impresa conquistata a Seefeld nel febbraio ’96 da Di Centa e Belmondo, sempre in una 10Km, L’Italia torna a volare. È la terza volta in assoluto che due azzurre salgono contemporaneamente sul podio. La prima fu nel febbraio ’93 ai mondiali di Falun quando Belmondo vinse il titolo della 30Km con una manciata di secondi sulla sua rivale.

Lo spagnolo ha battuto il connazionale Verdasco dopo un match di cinque ore

Le atlete azzurre in testa al gruppo prima dell’arrivo al traguardo

Tensioni a causa dell’articolo de Il Giornale su una presunta combine Balotelli lascia in lacrime il campo d’allenamento dopo un rimprovero

Inter sull’orlo di una crisi di nervi Domani contro il Torino Mourinho schiera Ibra e Cruz MILANO - Non ha tempo di gustarsi il nuovo strappo in campionato, che l’Inter si trova a dover schivare l’ennesimo caso e con un Balotelli che fa notizia perchè, in allenamento, cede alle lacrime. Il caso, dunque. Questa volta si tratta di un rapporto informativo di polizia che getta ombre sulla volata verso l’ultimo scudetto conquistato: l’ipotesi suggerita è che Roberto Mancini e alcuni giocatori abbiano rallentato apposta nel testa a testa finale con la Roma per rianimare le scommesse, accantonate quando il vantaggio sembrava incolmabile. Il ’Giornale’ ha sbattuto la notizia in prima pagina. ’Il Pm indaga sull’Inter: ’Ha voluto favorire le scommesse’. Un titolo definito ’fuorviante’ dal club, che non si scompone ma è pronto ad andare

Duro Moratti: quelle pubblicate sono solo buffonate

La società va al contrattacco “Pronti ad andare in tribunale”

ROMA - Inter e «Il Giornale» finiranno in tribunale. Nel definire in un comunicato ufficiale emesso ieri pomeriggio «disinvolto e fuorviante» il titolo comparso ieri sulla prima pagina del quotidiano, in merito all’articolo pubblicato sul rapporto di polizia giudiziaria secondo cui l’Inter lo scorso anno avrebbe perso volutamente punti nel finale di campionato per incentivare le scommesse sullo scudetto di altre squadre, la società nerazzurra annuncia che «tutelerà la propria immagine in tutte le sedi competenti». Il club campione d’Italia, nel citare una «dichiarazione che non risulta essere mai stata resa» comparsa nell’articolo, ribadisce quindi che «come precisato dalla Procura della Repubblica di Milano, non esiste, presso tale Autorità, nessuna inchiesta sull’andamento del campionato 2007/2008 ed in particolare sull’Inter». E nel corso della giornata è arrivato anche il commento del presidente Massimo Moratti, che ha liquidato il tutto con un semplice «sono buffonate». Non si è fatta attendere la replica della testata: «Non si può definire ‘una buffonata’ l'articolo del 'Giornale', che si è limitato a riportare una notizia vera in termini corretti».

Il tecnico portoghese

per vie legali (vedi altro servizio in pagina, ndr). E dalla procura milanese è arrivata la conferma che non è stata aperta alcuna inchiesta sul campionato 2007/2008 nè sull’Inter in particolare.

In Eurolega, Venezia, battuta, è fuori

Il basket alla resa dei conti con l’elezione presidenza Fip

Dino Meneghin è riuscito a raggiungere una «intesa di massima» fra Lega e Fip

ROMA - L’assemblea elettiva della Federazione Italiana Pallacanestro si terrà il prossimo 7 febbraio a Roma, presso l’Hotel Ergife. Saranno eletti il Presidente, il Consiglio federale e il Collegio dei Revisori dei Conti. Niente da fare intanto per l’Umana Venezia, ancora sconfitta nell’Eurolega di basket femminile. Nel ritorno degli ottavi di finale, infatti, le lagunari sono state battute 65-57 a Pecs dal Mizo, dopo essere state battute anche all’andata 61-60. Niente gara3, quindi, per Venezia che ha provato a vincere con la Carson (12 punti) e soprattutto la HaydenJohnson (13 e 9 rimbalzi).

Di solito alle turbolenze esterne dall’esterno - come è avvertita la notizia sulle scommesse - i nerazzurri rispondono con partite arrembanti. Domani arriva il Torino, avversario da non sottovalutare nonostante i 32 punti di distan-

za. Mourinho, esaurita la squalifica, non vuole distrazioni, ma senza Materazzi, Samuel, Chivu, Vieira e gli squalificati Muntari e Adriano dovrà chiedere qualche sacrificio. In difesa potrebbe affidarsi alla

coppia di centrali Burdisso e Cordoba, confermare Santon a destra e a sinistra Maicon, che ha giurato amore eterno alla maglia nerazzurra. Qualche dubbio ha invece Mourinho a centrocampo. Senza Muntari, Maxwell potreb-

Il campione è già in testa nel rally d’Irlanda al termine della prima prova

Pioggia e freddo non fermano Loeb DUBLINO (Irlanda) - Sebastien Poi ho trovato il mio ritmo e le Per il tempo Loeb su Citroen è in testa al rally cose sono andate molto bene con inclemente di Irlanda, prima prova del Monle gomme da neve. È un peccato diale, al termine della prima tapsono state annullate che abbiano cancellato le ultime pa. La giornata è stata caratterizzadue prove, l’atmosfera di guidare due “speciali” ta dalla pioggia e dal freddo. Prodi sera doveva essere molto speciaprio le difficili condile. Gli organizzatori zioni meteo hanno però sanno quanta costretto gli organizacqua c’è sul percorzatori a cancellare le so, per cui per motiultime due prove spevi di sicurezza la deciali di giornate, precisione è giusta». Loviste in serata. Loeb eb ha un vantaggio dunque inizia questo di 44” sul compagno Mondiale così come di squadra, lo spaaveva chiuso il precegnolo Dani Sordo, e dente. Il francese ha di 1’04” sul finlandepreso il comando del se Mikko Hirvonen rally nella quarta spe(Ford). L’altro pilota ciale, approfittando del team ufficiale anche delle difficoltà La prima prova del Mondiale sorride a Loeb Ford, Jari-Matti Ladei rivali. Dopo tre tvala, è stato invece speciali al comando, infatti, la sor- della sesta speciale, perdendo ol- protagonista di due forature nella presa del giorno Urmo Aava (Sto- tre 20’. «Nella prima speciale non seconda speciale; nella terza poi bart Ford) ha lasciato la prima po- ho voluto spingere perchè avevo non è riuscito a partire a causa di sizione a Loeb finendo fuori stra- scelto le gomme sbagliate - ha det- un problema all’albero motore da e poi in un fosso nel corso to Loeb - Rischiavo di finire fuori. della sua Focus.

Il giovane Santon va verso la conferma da titolare be trovare posto al fianco di Cambiasso e Zanetti, ma non è escluso che Stankovic arretri in mediana lasciando a Figo il ruolo di trequartista alle spalle delle punte. Difficilmente una sarà Balotelli, che ieri a fine allenamento è stato visto piangere, dopo aver subito un rimprovero da un compagno di squadra. Ma forse anche per un cedimento alla troppa pressione che un ragazzo di 18 anni si trova addosso. È’ stato preso da parte e confortato dallo staff tecnico. E ancor più difficilmente l’altra punta sarà Obinna, in partenza verso il Betis Siviglia. Più probabile vedere Cruz con Ibrahimovic che, alla sua centesima gara con l’Inter, vorrà dimostrare che l’unica verità contenuta nel rapporto è che lui è sempre determinante.

L’azzurro ora è quinto nella graduatoria iridata

Fabris non va oltre il 10˚ posto nei 5.000

Quando scende in pista, è ancora viva l’emozione per il due volte oro olimpico

ERFURT (Germania) - Enrico Fabris ha chiuso al decimo posto la prova dei 5000 metri di Erfurt, in Germania, valida per la coppa del mondo di pattinaggio di velocità. L’azzurro, vincitore di due ori Olimpici, ha chiuso con un distacco di 16 secondi e 73 centesimi dal vincitore. Questa la classifica finale: 1. Sven Kramer (Ola) 6:16.02; 2. Haevard Boekko (Nor) 6:22.37; 3. Bob de Jong (Ola) 6:23.45; 10. Enrico Fabris (Ita) 6:32.75. La classifica generale dopo 4 prove su 6 disputate: 1. Sven Kramer (Ola) 300 punti; 2. Haevard Boekko (Nor) 285; 3. Bob de Jong (Ola) 280; 4. Carl Verheijen (Ola) 235; 5. Enrico Fabris (Ita) 218.


46 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT Domani il match con la Roma. Parla il giovane centrocampista

S E R I E

A

REGGINA

Nino Barillà: la Reggina è in grado di salvarsi!

REGGIO CALABRIA — «Corsa, vo-

lontà, cuore e attaccamento alla maglia». Ecco gli ingredienti per ottenere un’altra salvezza, secondo Nino Barillà. Il giovane centrocampista amaranto, prodotto del vivaio del Sant’Agata, non ha dubbi: «La Reggina è in grado di salvarsi. Lo farà se scenderà in campo in campo con queste caratteristiche. Basta che a testa diamo il 110% e ce la faremo. Ne sono convinto». Lavorare dunque a testa bassa e col massimo impegno senza guardare la classifica, che è parecchio deludente. «Non guardiamo la graduatoria – spiega il giocatore in conferenza stampa -. Non lo facevamo neanche negli anni passati. Lo faremo all’ultima giornata, per capire le ultime tre squadre che retrocedono. In questo momento a noi interessa conquistare più punti possibili per poter salvare. Ce la faremo». E’ ottimista, Barillà, sul futuro della sua squadra, che da qui alla fine del torneo, così come promesso ai tifosi, darà il massimo per poter conquistare la stellina auspicata a inizio di campionato dal presidente Lillo Foti. Stellina che significa il decimo campionato del club calabrese nella massima serie. Per centrare questo traguardo la squadra amaranto può contare sull’entusiasmo del giovane centrocampista che nel corso dell’attuale torneo ha ottenuto la fiducia sia di Nevio Orlandi che di Bepi Pillon. Frutto, secondo Barillà, del duro lavoro svolto durante la settimana. «Avere la fiducia del mister – afferma – è

Nino Barillà

senz’altro gratificante. E il fatto di giocare ogni domenica mi rende felice. Durante gli allenamenti cerco di dare sempre il massimo, in modo da poter indurre il mister ad affidarmi una maglia da titolare la domenica. Se sono cresciuto tantissimo negli ultimi lo devo anche ai miei compagni. Cerco di raccogliere tutti quei consigli che gente esperta come Cirillo, Cozza e Corradi mi danno». Il punto conquistato nel turno infrasettimanale in casa del Torino ha restituito la fiducia alla Reggina, che domani è attesa dal difficilissimo match del Granillo contro la Roma. «Il pareggio conquistato contro il Toro – prosegue Barillà -forse ci va stretto se guardiamo soprattutto la prestazione e tutte le occasioni che

abbiamo avuto e che non siamo riusciti a concretizzare. Ma è un punto che ci dà morale, dopo le tre sconfitte consecutive e che ci farà affrontare col piglio giusto la partita contro la Roma. Domenica, così come fino alla fine del campionato, non dovremo guardare chi avremo di fronte, ma solo cercare di fare più punti possibili. E’ vero, quella con la Roma sarà una gara difficile, ma noi ce la metteremo tutta. Abbiamo voglia di riscattarci dalla pesante sconfitta dell'andata. Avevamo fatto un buon primo tempo, eravamo ben messi in campo ed abbiamo avuto qualche palla gol, poi nella ripresa siamo calati, l'avversario ha avuto più spazi e sono uscite fuori le qualità tecniche. E’ andata male. Speriamo di rifarci». Notiziario. Allenamento a porte chiuse, ieri per la squadra, che ha provato schemi da attuare domani contro la Roma. Si va verso la riconferma del 3 – 5 – 2 impiegato da mister Orlandi a Torino nella gara che ha sancito il suo ritorno sulla panchina amaranto dopo l'esonero del dicembre scorso. L'unica eccezione sarà rappresentata sicuramente da Brienza, che anche ieri è rimasto fermo a scopo precauzionale. Il suo posto sarà preso, come avvenuto all'Olimpico, da Ceravolo. Contro i giallorossi torna disponibile Cirillo, mentre Carmona deve scontare ancora un'altra giornata di squalifica. Angela Latella

A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

SPERANZE E ILLUSIONI SFOGLIANDO LA MARGHERITA C

entrocampista o difensore? Arrivi o solo partenze? Sfogliamo la margherita, magari, per illuderci o per sperare che la prossima campagna trasferimenti porti alla Reggina gli uomini di cui Orlandi ha bisogno per realizzare il suo secondo miracolo. Il materiale in atto a disposizione del tecnico non sembra idoneo allo scopo. Serve qualche aggiustamento. Di questo il patron e il diesse si stanno occupando a Milano, in questi giorni di chiusura dell'ultima fase di calciomercato. Altre volte lo abbiamo scritto: ci troviamo di fronte ad una campagna acquisti difficile, soprattutto per mancanza di danaro liquido a fronte di esose richieste da parte dei club proprietari dei cartellini degli uomini che interessano alla Reggina. Ai cronisti, che giornalmente devono riempire le colonne dei giornali, non resta che fare ipotesi: a volte con punte di verità, altre lavorando di fantasia. E così, ogni giorno che passa, i nomi dei probabili acquisti sono sempre diversi, tenendo vivo l’interesse dei lettori. Una strategia che, da un lato, salva dalle critiche gli operatori di mercato, dall'altro suscita grosse aspettative nella tifoseria. Che spesso da queste notizie trae materia per illudersi e rifor-

nirsi di benzina per alimentare le future proteste. I saggi del vecchio mondo contadino, che ahinoi rimpiangiamo, dicevano che i guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che gira la pietanza. Ecco perché appare difficile entrare nel merito del lavoro che a Milano stanno portando avanti Lillo Foti e Gabriele Martino. Noi possiamo scrivere quello che vogliamo, fare qualsiasi considerazione, ma la reale situazione la conoscono solo il presidente ed il direttore sportivo. Non i procuratori, i quali hanno tutto l’interesse di lanciare proclami per racimolare qualche euro in più per i calciatori della loro scuderia. E naturalmente per la loro parcella. In questi giorni che precedono la chiusura dell’ultima fase dei trasferimenti si dicono tante cose: a volte senza pensare agli affetti (spesso devastanti) che le parole provocano. Se possiamo permetterci, senza offesa per nessuno, diciamo che siamo fiduciosi sul futuro della Reggina. Lo siamo, innanzitutto, perché il lavoro del vertice tecnicosocietario amaranto porterà in riva allo Stretto buoni puntelli; poi perché crediamo ciecamente in Nevio Orlandi: gran conoscitore di calcio ed ottimo professionista.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 47

SPORT 2ª D I V I S I O N E

Il tecnico rossoblù si affida all’attaccante per l’assenza di Polani schierando la squadra con una sola punta

Toscano crede in Galantucci COSENZA

Contro il Manfredonia un centrocampo a tre con Occhiuzzi, Mortelliti e Catania

COSENZA — E’ durata appena una

tutt’ora si trova impegnato nella riabilitazione anche Morelli. Il terzino rossoblù era atteso in città già nella scorsa settimana ma ha prolungato ancora di qualche giorno la sua permanenza in Romagna per non avere dubbi sull’essersi completamente dai malanni fisici. L’infortunio al centravanti romano non fa sorridere certo la tifoseria che già di a prescindere da questo malanno capitato all’ex Benevento, sta facendo pressioni (se così possono definirsi) sulla società per l’acquisto di una punta che potesse fare la differenza e mettere il punto esclamativo alla stagione del Cosenza. Staremo a vedere: la notizia apparsa sulle pagine di cosenzachannel. it nei giorni scorsi secondo cui Massimiliano Mirabelli, si sarebbe recato a Milano nel corso delle ultime ore di calcio mercato, trova maggiore eco a questo punto in tutto l’ambiente. Certo è che l’infortunio di Polani, a questo punto restituisce una maglia da titolare ad Alessio Galantucci che domenica riprenderà il ruolo di cen-

travanti e, i tifosi si augurano, riprenderà la confidenza con il gol che gli manca dal girone d’andata quando aveva iniziato la stagione col botto. La formazione che scenderà in campo contro il Manfredonia a questo punto è scontata. Se un dubbio poteva esserci sullo schema tattico con cui schierare la squadra, ieri è venuto meno e dunque dal primo minuto vedremo un 4-2-3-1 con Galantucci vertice avanzato e con il con trio delle meraviglie Occhiuzzi, Mortelliti e Catania in appoggio. Ad arbitrare la sfida fra Cosenza e Manfredonia sarà il signor, Lorenzo Spadaccini di Vasto, coadiuvato da Salvatore Fazio di Messina e Luigi Surano di Nocera Inferiore. Per Spadaccini un ritorno al San Vito dopo la buona prestazione nella gara Cosenza Igea Virtus conclusasi con la vittoria dei rossoblù per 1-0 con rete di Polani. Staremo a vedere se il giovane fischietto abruzzese saprà confermarsi.

Contro la Val di Sangro torna Ragatzu in coppia con Sergi. Oggi pomeriggio la rifinitura

la Vigor dovrebbe scendere in campo con Panìco tra i pali. Linea difensiva con Ciminari (Di Donato), Pascuccio, Filippi e Marinelli. Centrocampo con Ciotti a destra e Riccobono a sinistra. In questo caso Carraro andrà in panchina. Coppia centrale formata da Cacciaglia e Lopetrone. In attacco, Ammirata opterà per il rientrante Ragatzu che sarà affiancato a Sergi. All’occorrenza, il tecnico chiamerà in causa l’altra punta, Falco che contro il Cosenza ha fatto una buona impressione. Arbitrerà l’incontro di domani il signor, Luigi Nasca di Bari. Assistenti, Salvatore Labriola di Potenza e Fabrizio Posado di Bari. Mercato. In attesa dell’ufficializzazione dell’ingaggio del difensore Cascone, nulla ancora è dato sapere sul ritorno di Rosamilia che rimane nel mirino del dg, Donnaruma. Infine, come abbiamo anticipato nei giorni scorsi, Ciotti ha firmato un contratto biennale che, con l’ingaggio attuale, porterà a tre le stagioni del forte jolly in maglia biancoverde.

giornata la tregua mal tempo e così anche il venerdì del Cosenza è stato caratterizzato da pioggia e freddo. La squadra non si è vista sul prato del Sanvitino preferendo, con ogni probabilità la scelta di una giornata di esercizio in palestra. La tregua mal tempo durata così poco, si può dire accompagnarsi alla fine della tregua sul fronte infortuni. Mentre l’infermeria rossoblù sembrava svuotarsi velocemente, ecco che un nuovo componente è andato a fare compagnia a Massimo Morelli. Si tratta di Enrico Polani che ieri è uscito anzitempo dal campo nel corso della partitella infrasettimanale. All’inizio sembrava non essere nulla di grave ma gli accertamenti effettuati nella giornata odierna hanno dato la brutta notizia a tutto l’ambiente rossoblù. Per il “Re Leone”, si parla di un lungo stop a causa di uno stiramento al polpaccio. A questo punto la società potrebbe decidere di inviare Enrico a curarsi presso il centro Green sport di Cesenatico dove

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA

L’attaccante del Cosenza Alessio Galantucci che domani rientrerà in squadra. Su di lui Toscano conta molto affidandolgli il ruolo di unica punta.

Ammirata non vuole rischiare e domani si affiderà al 4-4-2...

LAMEZIA TERME — La Vigor Lamezia di Fofò Ammirata parte stamattina per raggiungere Atessa in Abruzzo dove, nel pomeriggio, svolgerà la seduta di rifinitura in vista dell’importante match di domani contro la Val di Sangro. Escluso lo squalificato Clasadonte, il tecnico avrà tutti gli effettivi a disposizione. Unico dubbio, il difensore Ciminari che comunque si aggregherà al gruppo. Gara decisamente delicata, dunque, quella contro i sangrini che occupano l’ultima posizione in classifica e che intendono fare lo sgambetto ai biancoverdi. La Vigor, dal canto suo, non può sbagliare e cercherà di tutto per uscire indenni della trasferta abruzzese

2ª D I V I S I O N E

Il fantasista Vincenzo Riccobono Domani contro la Val di Sangro sarà uno dei punti di forza della formazione biancoverde.

prima della pausa prevista per domenica 8 febbraio. E’ importante tornare con qualche punto, magari anche con l’intera posta in palio per poi affrontare in casa il Melfi in uno altro scontro diretto che potrebbe rivelarsi a dir poco fondamentale per il prosieguo del campionato. Ieri, una sola seduta pomeridiana per Sergi e compagni. Oggi, la partenza. Vi è da dire che, quasi certamente, Fofò Ammirata non “tradirà” il suo collaudato modulo e pertanto, dovrebbe schierare la Vigor con il 4-4-2 nonostante gli “esperimenti” fatti in occasione della partitella di giovedì al, allorquando ha provato a far giocare la squadra con il tridente. Domani,

Dopo tre sconfitte consecutive gli uomini di Galfano non vogliono sfigurare

VIBONESE

VIBO VALENTIA — Finalmente un

derby calabrese aperto a tutti! Certo, Catanzaro-Vibonese è risaputo che è sempre stata una partita all’insegna della “festa dello sport”: le due tifoserie sono gemellate, ma soprattutto vi è un antico amore dei tifosi nei confronti della formazione giallorosa, al punto che spesso, in occasione della presentazione di questo derby, si è sempre parlato di una sfida giallorossoblù. E allora, tutti sereni e tranquilli, spazio alla sfida sana sugli spalti oltre che sul terreno di gioco. Una premessa importante per ricordare il clima, piacevole, che si respira alla vigilia. E per dire che c’è tempo fino a questo pomeriggio alle 18 per decidere di andare dome-

La Vibonese pensa al riscatto nell’atteso derby col Catanzaro nica a Catanzaro e vedere la gara sugli spalti del Ceravolo. I tagliandi disponibili per il settore ospiti si possono ancora acquistare all’edicola-tabacchi Messina, situata nei pressi dello stadio Luigi Razza. Si tratta di biglietti nominativi per i quali verrà predisposta una lista che poi verrà inviata a Catanzaro, dove, domenica all’entrata del Ceravolo, si potranno ritirare i biglietti veri e propri acquistati in prevendita, esibendo il documento di identità al botteghino dello stadio di Catanzaro riservato al settore ospiti. Ciò detto, riprendiamo il discorso puramente calcistico. Come detto, squadra ed allenatore, con lo staff tecnico al completo si sono rivisti anche ieri mattina nel

Il portiere rossoblù, Amabile

chiuso dello spogliatoio del Razza per un’ultima analisi della partita pesa col Melfi, riconoscere e valutare gli errori e soprattutto impegnarsi a non ricadere nella trappola di non ascoltare tutte le raccomandazioni del tecnico e garantendo il massimo impegno ed oltre. Ci si prepara ad andare a Catanzaro con la consapevolezza di affrontare una squadra forte in una gara davvero difficile, ma con la ferma intenzione di cercare un riscatto di prestigio ribaltando tutti i pronostici della vigilia. Angelo Galfano è convinto di aver toccato le corde giuste e per questo è intenzionato a confermare gli undici che sono scesi in campo nella sfortunata partita contro il Melfi.

Carmelo Grandinetti

r. s.

Una scelta dettata da diversi ordini di motivi, primo fra tutti l’intenzione di dare fiducia al gruppo caricandolo delle proprie responsabilità e vederlo alla prova dei fatti quanto sia caratterialmente maturo per superare il momento difficile evitando di cadere in depressione se i risultato nelle ultime partite non sono arrivati. Dunque, chiamati al riscatto soprattutto gli ultimi arrivati, Sgambato e Iadaresta, che non hanno offerto la prestazione che ci si attendeva. Iadaresta, soprattutto, deve dimostrare quel che vale dopo l’esordio da dimenticare. Per Genesio, invece, discorso diverso, considerato che il suo ingresso in campo è stato positivo ed ha dato quella spinta in avanti che necessitava alla squadra. Per il resto, gli uomini sono quelli e su quelli si deve puntare, compreso Di Franco, che merita altre chance e stando sempre in attesa del recupero di Taua, che, rientrato nel gruppo, dimostra voglia di recuperare velocemente e si programma il suo rientrato tra un paio di settimane. E ora tutti concentrati per la trasferta di Catanzaro. Maurizio Bonanno


48 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT 2ª D I V I S I O N E

L’INTERVISTA Il centrocampista giallorosso, Pasquale Berardi, parla del derby di domani contro la Vibonese

«Dobbiamo essere aggressivi» CATANZARO

CATANZARO — C’è grande attesa per il primo dei tre derby regionali relativi al girone di ritorno: quello appunto che vedrà, domani, il Catanzaro opposto alla Vibonese. «Un match tanto difficile, quanto spigoloso – ha commentato l’esperto centrocampista giallorosso Pasquale Berardi -, considerato la rabbia agonistica degli ospiti, che, reduci da tre consecutive sconfitte, non tralasceranno nulla nel tentativo di fare risultato. Una gara allora da prendere con le molle, anche se, per quel che riguarda, abbiamo l’esigenza assoluta di incamerare l’intera posta». Tra l’altro c’è da difendere ed aumentare le giornate di imbattibilità, giunte a venti. «Non vi è dubbio che proprio l’imbattibilità, oltre che renderci orgogliosi, è da stimolo ogni qualvolta scendiamo in campo. Quello che è importante è cercare di ottenere sempre il massimo quanto a risultato, sia se si gioca al cospetto del pubblico amico, sia in trasferta. Certamente ce la metteremo tutta per centrare l’obiettivo principale, che è poi quello della promozione, sia diretta o attraverso i play-off». In ogni caso bisogna recuperare il gap di sei punti dalla capolista Cosenza. «Il campionato è ancora lungo, per cui i sei punti non destano preoccupazione, almeno per il momento. E’ comunque opportuno non commettere passi falsi, anche perché se il Cosenza dovesse allungare ancora, sarà difficile riacciuffarlo. Indispensabile, allora, tenere ben saldi sia la mente che il fisico, due requisiti che, alla fine, incideranno sull’esito del campionato. Il tutto, naturalmente, senza mai abbassare la guardia». CATANZARO — Un solo dubbio nella testa di Nicola, ovvero quello relativo all’impiego di Claudio Zaminga. Un dubbio, detto per inciso, che non dipende dalla volontà del tecnico. Sarà infatti solo la rifinitura di stamattina a dire se il centrocampista riuscirà a scendere in campo contro la Vibonese. Dopo lo stop patito nella partitella del giovedì, ieri, il sette polmoni giallorosso s’è allenato. Zaminga ha svolto per intero il lavoro atletico e quello tattico, non disputando però la sgambatura sulla palla di fine seduta. Decisiva sarà pertanto la rifinitura di stamattina per valutare le sue condizioni. Il calciatore proverà a forzare il ritmo e, se non sentirà dolore, sarà regolarmente in campo. Qualora non dovesse farcela è pronto Benincasa. Per il resto, l’undici anti-Vibonese sembra già pronto. In difesa, dinanzi al numero uno Mancinelli, giocheranno F. Montella, il rientrante Di Maio, Gimmelli e Armenise; in mezzo campo, spazio per Berardi e Zaminga (o Benincasa),

“In gare come queste è importante cercare di sbloccare subito il risultato” dendosi la maggior parte in difesa, hanno lasciato pochi spazi alla nostra manovra. Aggiungerei che, partite casalinghe a parte, bisognerà, anche in trasferta, mettere in cascina più punti possibili». Un Catanzaro che, dopo le prime due gare del girone di ritorno, proprio domenica scorsa a Cassino ha ritrovato il suo gioco. «Condivido in pieno dette considerazioni! Effettivamente in terra laziale si è assistito ad un netto miglioramento rispetto ai precedenti incontri di Aversa e Manfredonia, anche se, ancora una volta, va sottolineata la stranezza del calcio. Per spiegarmi meglio: sia ad Aversa, che in casa contro il Manfredonia, non siamo stati reattivi, uscendo comunque dal campo con altrettanti successi pieni. Domenica scorsa a Cassino la squadra ha espresso un buon calcio, ma, alla fine, ha racimolato appena un pareggio». Due punti persi o un punto guadagnato, allora. «Senza dubbio l’approccio alla gara non è stato ottimale, se è vero, come è vero, che, dopo pochi minuti dal fischio iniziale, siamo stati costretti a rincorrere il risultato. Una volta poi raggiuntolo, abbiamo tenuto sempre il pallino del gioco, per cui avremmo meritato il successo pieno. Per una squadra, come la nostra, che ha grosse ambizioni, forse, anzi senza forse, sarebbe meglio giocare male ed ottenere tre punti, piuttosto che fornire buone prestazioni e poi ritrovarsi con un pari. Spesso e volentieri gioco, spettacolo e risultato non vanno a braccetto». Sempre a proposito della gara di Cassino, la tua posizione in campo ha lasciato adito a qualche perplessità. «Ho avuto più volte modo di ribadi-

re che il mio ruolo è completamente diverso da quello della passata stagione, ovvero un ruolo di interdizione e di recupero, anche se, come si è potuto spesso notare, non mi tiro indietro quando capita di finalizzare l’azione. Diciamo allora che gli equilibri della squadra devono essere primari rispetto al ruolo del singolo. Desidererei aggiungere che il gol fa sempre parte della mia indole, anzi non vedo l’ora di bissare la rete messa segno contro il Gela». Ritornando al derby di domani, cosa dovrà fare il Catanzaro per ottenere la vittoria? «Partire subito con la mentalità giusta, ovvero vincente, sbloccando il risultato il più presto possibile, anche perché, con il passare dei minuti, tutto potrà diventare più difficile, nel senso che l’avversario, intravedendo la possibilità di uscire imbattuto dal confronto, potrebbe chiudersi in difesa, con le conseguenze che tutti conosciamo. Ciò in ogni caso non dovrà accadere, perché, come già detto in precedenza, proprio le sette gare interne assegnate dal calendario saranno decisive ai fini della promozione. Quindi, pronti e via, senza nulla altro aggiungere». Poi dopo, un attimo di pausa. «Mi auguro, domani, di vedere gli spalti pieni. L’apporto del pubblico deve caratterizzare sia la squadra, che la società, la quale ultima stà svolgendo un compito abbastanza arduo. Proprio i tifosi, allora, possono e devono venire incontro alla società stessa, dando il loro contributo e nel contempo incitare la squadra. Vedere le tribune del Ceravolo colme di tifosi è davvero fondamentale per la squadra, per raggiungere traguardi sempre più ambiziosi».

NOTIZIARIO Oggi la decisione di Provenza nel corso della rifinitura

mentre sulle corsie laterali ci sarà posto per Cardascio e Tomi; in avanti, poi, il duo FalomiCaputo. Fermi ai box sono ancora Antonio Montella (l’attaccante si trova a Roma dove si sta sottoponendo a esami specifici), Bruno (ieri nuovamente febbricintante) e Mangiacasale. Corapi e Ciano, invece, si sono allenati col resto del gruppo. Capitolo stadio. Nonostante le notizie circolate nei giorni scorsi, ieri, non c’è stata alcuna visita al “Ceravolo” da parte della Commissione di Vigilanza. Visita che si terrà solo quando verrà acquisita dal Comune la documentazione dei lavori (con relative modifiche). In parole povere, distinti e tribuna est ancora chiusi al pubblico. In vista del derby di domani, sono attesi dalla vicina Vibo Valentia almeno un centinaio di tifosi rossoblù. E ciò per rinsaldare un vecchio e solido legame in una partita all’insegna dell’amicizia sugli spalti.

L’esperto centrocampista giallorosso, Pasquale Berardi

Occorrerà, comunque, avere un comportamento migliore per quanto attiene le gara casalinghe. «E’ fuori di dubbio, anzi è condizione essenziale per centrare l’obiettivo della promozione. In questo gi-

rone di ritorno abbiamo a disposizione sette gare interne: senza fare voli pindarici, il Catanzaro dovrà cercare, se non ricavare il massimo, quasi. La verità è che le formazioni fino ad ora scese al Ceravolo, chiu-

Zaminga unico dubbio L’alternativa è Benincasa

RANIERI dalla prima A Catanzaro (come a Lamezia qualche anno fa) ha portato una freschezza di equilibrio e di rigido rispetto delle regole. Per alcuni può essere speciale, per altri normale. Chissà. Probabilmente, per cultura e stile di vita sa, semplicemente, il fatto suo e vede il calcio ed anche quello che sta fuori dal rettangolo verde in una certa maniera. In unamanieratalecomeaCatanzarononsieraabituati da tempo. E poi, v’è da dire che ci ha preso

A sinistra, il centrocampista Claudio Zaminga. In forte dubbio la sua presenza domani nel derby con la Vibonese. Sopra. mister Nicola Provenza.

Mario Mirabello

Vit. Ran.

gusto… in fatto di record. Due anni fa, si era tolto lo sfizio di conquistare un importante risultato. Esattamente il 4 gennaio del 2007, dalle colonne de “L’unità”, il giornalista Francesco Caremani annunciava che alla Vigor Lamezia, all’epoca guidata da Provenza, andava l’oscar della migliore qualità del football espresso in campo. Da qui i titoloni dei giornali sportivi: i biancoverdi praticano il miglior calcio d’Europa. E ciò sulla base di una serie di criteri rigidissimi. In questa stagione, poi, ecco un primato non solo italiano ma di livello europeo. Domenica scorsa, in con-

comitanza con la caduta del Gela, quella giallorossa costituisce l’unica roccaforte inespugnabile. Pensate un po’, venti gare senza una sconfitta. In poche parole, nello stivale, le Aquile sono la sola compagine imbattute nel mondo dei “prof”, al cospetto di ben 132 squadre! Dando una sbirciatina all’universo della serie D, ovverossia nella principale categoria dilettantistica, balza subito all’occhio una curiosità: nessuna squadra presenta lo “0” nella casella delle sconfitte. Siamo quindi al cospetto di un primato italiano… in tutti i sensi, scomodando persino la serie D. Tuttavia,

quello a tinte giallo e rosse è, addirittura, un primato europeo. Ebbene, cari sportivi catanzaresi adesso è venuto il momento di scrollarsi di dosso quel torpore di cui parlava Provenza. Domani, tutti al “Ceravolo”. E non solo perché c’è il derby dell’amicizia con la Vibonese. Bisogna, infatti, tributare un forte applauso alla truppa degli imbattuti. C’è un grossissimo motivo per gonfiare il petto d’orgoglio e per non pensare ai 6 punti di distacco dalla vetta. Vittorio Ranieri


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 49

SPORT LAMEZIA TERME — In centinaia al-

la festa dello sport organizzata dall’Unione Veterani dello Sport di Falerna - sezione “Domenico Zaccone” presieduta dalla dinamica Caterina Bertolusso. A termine l’assemblea annuale dei soci e la riconferma in toto del direttivo composto, tra gli altri, dai due vice presidenti Luigi Talarico e Aldo Pujia, e nonostante la pioggia battente che reso difficili gli spostamenti da fuori provincia, dinnanzi alla numerosa platea fatta di soci, atleti, dirigenti di società sportive, tecnici e semplici appassionati dello sport, si è provveduto alla premiazione di alcuni degli atleti calabresi che per tenacia, titoli e meriti si sono distinti nell’ultimo anno agonistico. Una formula questa, che ha da sempre caratterizzato la sezione “Domenico Zaccone” della Unvs diretta della Bertolusso perché sia dalla sua costituzione, ha inteso rendere omaggio, con riconoscimenti di merito e targhe, a medagliati e personaggi che a qualsiasi titolo hanno contribuito a far crescere lo sport nella provincia di Catanzaro e nell’intera regione Calabria. E quindi, alla presenza del consigliere provinciale del Coni di Catanzaro, Sergio Servidone, del delegato regionale della Unvs Salvatore Caputo e dei soci della sezione di Falerna, tra i quali anche la Nuccia Carmagnola che nonostante il gravoso impegno del XIII convegno regionale su “La cultura del mare” che si terrà oggi a Rende non ha voluto mancare all’appuntamento del 2009, tantissimi i riconoscimenti assegnati. In primis una pergamena in memoria e una poesia dedicata in vernacolo da parte del vicepresidente Talarico al mastro di sport e di vita per tanti atleti e oggi validi tecnici di scherma e tennis, Armando Ruffo. Per lui a ritirare il riconoscimento tributato dalla Unsv, la vedova Maria Costanzo e la figlia Gabriella Ruffo. A seguire, dopo anche il ricordo attraverso aneddoti di vita vissuta di amici ed ex atleti, la consegna di ulteriori premi. Il prestigioso medaglione edizione 2009 inviato dall’Unione nazionale veterani dello Sport di Milano e assegnato all’atleta dell’anno 2008, Leonardo Sestito, assente a Falerna perché impegnato alla Maratona di Lecce dove ha conquistato il terzo posto nella graduatoria generale. Atleta tesserato con la Hobby Marathon di Catanzaro, emerge nelle gare di fondo ma ha importanti partecipazioni alle maratone di New York, Salerno Pestum, Messina e Pescara ed espugna il podio della maratonina di Bari. Tra i vari titoli conquisti si è anche aggiudicato la quinta edizione della Corsa dei Due Mari, la Super Maratona di 57 chilometri ideata e portata avanti dalla società sportiva Violettaclub di Lamezia Terme. Sotto la magistrale regia alla presidente Bertolusso e del suo vice Talarico, la serata è continuata con la consegna di ulteriori nove diplomi al merito sportivo. Uno consegnato a Caterina Fiorino, campionessa femminile per la Marcia e pluridecorata atleta della Violettaclub, per lei, infatti, ben 12 i record regionali conquistati e tali da permetterle di entrare a far parte delle prime dieci migliori marciatrici italiane. Sempre per la Violettaclub, riconoscimento di merito anche per la famiglia Fico, papà Antonio e mamma Rosa Maria e ai sei figli Alessandro, Arianna, Lucrezia, Angelica, Riccardo e Ludovica tutti protagonisti di belle vittorie sia nella corsa campestre che in gare su strada, montagna e pista. Il piccolo Riccardo, per l’occasione, è stato premiato anche per avere stabilito il record regionale della categoria Esordienti (1,02 mt.) Nel salto in alto. E ancora per la Violettaclub, riconoscimenti a Luigi Calimeri e Orazio Di Marzo. Due giovani lametini che la Unvs non ha tributato per meriti sportivi ma per l’impegno costante e proficuo che entrambi hanno sempre profuso assicurato allo sport lametino e, in particolar modo, agli eventi organizza-

LAMEZIA TERME Una festa organizzata dall’Unione Veterani dello Sport di Falerna - sezione “D. Zaccone”

Premi ai migliori atleti calabresi Un riconoscimento a chi si è distinto nell’ultimo anno agonistico

Terme “titolare” della squadra di Calcio Unsv della sezione di Falerna e destinatario del riconoscimento ritirato dall’ispettore Gennaro Pileggi; uno alla maestra coreografa dell’Accademy Dance Planet, Angela Gariano, già volto noto della trasmissione “Amici” di Maria De Filippi e programmi su Rai Uno con Gianni Morandi e Lorella Cuccarini oltre che componente del corpo di ballo di Massimo Ranieri; uno ancora alla maestra della scuola di danza “Giselle” sempre di Lamezia, Elena Gramuglia e che ha tenuto alto il nome della sua scuola e della sua città ai campionati italiani di danza 2008 conquistando con i suoi atleti, sei titoli italiani e ben tre medaglie d’argento. Ancora, riconoscimenti di merito sono andati a Lino Piricò fondatore e oggi segretario della società sportiva Violettaclub di Lamezia Terme. Lo stesso, per il forte impegno decennale profuso nello sport, ha ritirato nove medaglie per altrettanti atleti e uno alla giornalista Antonietta Bruno per “avere negli anni documentato facendo conoscere tutti gli eventi sportivi organizzati dalle società lametine nel resto della provincia di Catanzaro e della regione Calabria”. Tra intermezzi di danza, la serata di festa è poi proseguita con la consegna di alcune targhe andate rispettivamente a Marcello Anastasio, già vicepresidente dell’allora Vigor Nicastro Calcio e attuale presidente della Federazione italiana giuoco calcio sezione Dilettanti; a Demetrio Russo, scrittore e giornalista sportivo; a Giovanni Di Cello, ex giocatore della Vigor Nicastro e attuale direttore sportivo della A. S. Raffaele Nicastro oltre “emblema” dello sport avendo perseguito la sua grande passione nonostante un tragico infortunio che nella giovinezza gli costò l’amputazione di una gamba, e ancora una a Franco Cerra, presidente della Violettaclub di Lamezia e anch’egli pioniere dell’atletica leggera in città. Antonietta Bruno

ti dalla Società di appartenenza, che tutto si svolgesse in perfetta armonia e secondo regole. Altro diploma al merito, ma per una disciplina diversa, è andato a Giovanni Crimi, pluricampione di ciclismo e vela oltre che papà del già assessore comunale di Lamezia Terme e atleta che ha preso parte alle Olimpiadi nella disciplina della Ginnastica artistica Giusy Crimi; uno a Nicoletta Palmieri, prima lama interregionale a Foggia e Lamezia e giovane promessa della scherma oltre che atleta a rappresentare la continuità del maestro Armando Ruffo. Ed ancora uno al maestro di Judo Umberto Russo, uno al Commissariato di Polizia di Lamezia

Alcuni dei premiati alla festa dello sport organizzata dall’Unione Veterani dello Sport di Falerna - sezione “Domenico Zaccone” presieduta dalla dinamica Caterina Bertolusso


50 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT SERIE C1 Nella diciassettesima giornata la Catanzarese impegnata oggi a Vibo Valentia contro la locale Mimmo Polistena

Derby per Zona e Atletico Panarea CALCIO A CINQUE

Una gara dagli alti toni agonistici, considerando le qualità tecniche delle due formazioni

CATANZARO — L’odierna giornata

del massimo torneo regionale, la diciassettesima, quarta di ritorno, presenta, per ciò che concerne le tre formazioni cittadine, incontri interessanti, soprattutto ai fini della classifica, che vede sempre in testa la compagine reggina della Fata Morgana, tallonata ad un solo punto dal duo Catanzarese - San Giuseppe Rosarno. E proprio i “giallorossi” sono impegnati oggi a Vibo Valentia contro la locale Mimmo Polistena. «Un impegno abbastanza ostico – ha sottolineato il tecnico catanzarese Gino Fregola -, considerato che i vibonesi, sul proprio parquet, si esprimono al meglio, tanto da rendere vita difficile, due settimane addietro, alla capolista Fata Morgana, con questa ultima che ha dovuto lottare sino al termine per centrare l’obiettivo della vittoria. Nessuno ti regala niente, per cui mi aspetto una partita tirata, soprattutto dal punto di vista agonistico. E’ chiaro che, per quel che riguarda, ce la metteremo tutta per incamerare l’intera posta, anche per non vanificare le due consecutive vittorie interne, utili non solo per la classifica, ma anche per il morale. Ecco allora che oggi i ragazzi, oltre ad avere un buon approccio con la gara, dovranno affrontare l’avversario con il piglio giusto, rimanendo concentrati dall’inizio sino al termine, per evitare spiacevoli cali di tensione, che poi potremmo pagare a caro prezzo». Sulla stessa lunghezza d’onda il direttore generale Rino Valentino. «Non esistono partite facili, né bisogna lasciarsi ingannare dalla classifica dell’avversario – ha evidenziato -. Di certo è che la nostra squadra, se non perde la tramontana, è in grado di superare qualsiasi avversario, per cui, anche oggi a Vibo Valentia, dipenderà soltanto da noi. Ripeto, se i ragazzi entreranno in campo ben determinati, il terzo successo consecutivo non dovrebbe sfuggirci. Naturalmente con tutto il rispetto per il Mimmo Polistena, formazione che, a mio avviso, meriterebbe qualcosa in più del terzo ultimo posto in graduatoria». Per la gara odierna, il tecnico Fregola dovrà rinunciare ancora una volta all’estremo difensore Patruno (distorsione alla caviglia sinistra) ed a Mardente (alle prese con la pubalgia), per non parlare della sfortuna che ancora una volta si è accanita su D’Elia, infortunatasi nel corso della preparazione settimanale alla spalla, la stessa per la quale aveva già subito un intervento chirurgico. Una assenza non da poco conto, considerato che il giocatore, proprio nelle ultime settimane, aveva acquistato una forma splendida, distinguendosi sempre come uno dei migliori per la propria formazione. A proposito della quale, il tecnico giallorosso manderà, inizialmente, in campo, un quintetto composto da: Sperlì, Lanciano, Cipparrone, Corea e Voci. A disposizione: Bruni, Virgolino, Carnevali e Cundò. E’ “derby” invece tra la Zona 2002 e l’Atletico Panarea. Al “Pala Gallo” (inizio ore 15.00) una gara dagli alti toni agonistici, considerato le qualità tecniche delle due formazioni, con quella ospite che nelle ultime sette giornate di campionato, ha perso soltanto una volta. La Zona 2002, ricompattatasi a livello societario, dopo le ultime settimane di dissapori, ha tutte le carte in regola per recuperare i punti persi e riprendere il cammino verso i quartieri alti della classifica, dove invece si trova posizionato l’Atletico Panarea.

Incontri odierni (XVII giornata) Zona 2002-Atletico Panarea Siderno-Maestrelli Rende-Fata Morgana Kroton-Carpe Diem Cs Mimmo Polistena-Catanzarese Gallinese-Mirto Oratorio San Fr. -San Giuseppe Ros.

Classifica generale Fata Morgana 34, Catanzarese, San Giuseppe Rosarno 33, Atletico Panarea 29, Gallinese 27, Zona 2002 25, Maestrelli 22, Mirto* 21, Oratorio San Francesco** 20, Kroton 19, Carpe Diem Cs** 16, Mimmo Polistena 14, Siderno 10, Rende 9. * due punti di penalizzazione ** una partita in meno

L’Atletico Panarea

Laudadio: «La squadra, finalmente, si è potuta allenare in piena tranquillità, preparando nel migliore dei modi questa stracittadina»

resto, puntiamo anche noi. Non dimentichiamo, infatti, che le tre formazioni cittadine sono tutte di primissimo ordine, pronte ad occupare i quartieri alti della classifica. Ritornano all’impegno odierno – ha proseguito Rotundo – mi auguro che sia un derby improntato al massimo rispetto, come del resto consuetudine di entrambe le compagini. Una gara avvincente, ben giocata dal punto di vista tecnico, oltre che valida sotto l’aspetto agonistico. Per quel che ci riguarda speriamo di avere un buon approccio iniziale, sfruttando al meglio quelle che sono le nostre caratteristiche. Il tutto, naturalmente, con grande risolutezza, senza mai abbassare la tensione, che, invece, dovrà essere alta per tutto l’arco del match, proprio per evitare spiacevoli inconvenienti». Un “derby”, aggiungiamo, che tra l’altro vedrà di fronte quattro giocatori, due per parte, che fino a qualche settimana addietro giocavano

insieme in serie B con il Catanzaro Calcio/5. Si tratta, infatti, di Brandonisio e Carrozza della Zona 2002 e di Celia e Pastori dell’Atletico Panarea. Se poi vogliamo aggiungere la maggior parte degli altri elementi componenti le due squadre, tutti tecnicamente validi, oltre che esperti, non vi è dubbio che, risultato a parte, si potrà assistere ad un grande spettacolo, che certamente richiamerà sugli spalti del “Pala Gallo” il pubblico delle grandi occasioni. Quanto alla formazione dell’Atletico Panarea, il tecnico Rotundo potrebbe schierare, almeno inizialmente, un quintetto composto da: Scerbo, De Santis G., Scozzafava, Celia e Pastori. A disposizione, oltre all’estremo difensore De Santis A., Ambrosio, Critelli, Zurlo, Trapasso, Amendola e Calabrese. Mario Mirabello

La Catanzarese Stefano Gallo

Mister Rotundo: «Vedremo chi sarà in condizione di giocare. Ma chiunque sarà chiamato, sono sicuro, offrirà il meglio di sé»

AIAC Il segretario Pilato chiarisce alcuni aspetti delle norme sugli allenatori

«Impossibile il 2° tesseramento» SANTA CATERINA — Riceviamo e

Tranquillo e soddisfatto il tecnico Ivan Laudadio, dopo le tribolazioni degli ultimi tempi. «Quella che stà per finire – ha sottolineato il mister – è stata la settimana migliore dal punto di vista psicologico. La squadra, finalmente, si è potuta allenare in piena tranquillità, preparando nel migliore dei modi questo derby, che, come tutti i derby, è pur sempre una grossa incognita, nel senso che non si possono fare previsioni circa l’esito dell’incontro, legato quasi sempre a degli episodi. E’ chiaro che, da parte nostra, ce la metteremo tutta per imporci, anche per non essere rosicchiati nella zona bassa della classifica. Dovremmo cercare allora di imporre il nostro gioco, difendendoci con ordine, sfruttando poi le veloci ripartenze. Del resto è questo il modulo che applichiamo in ogni impegno: a volte ci va bene, altre volte no. L’essenziale, in ogni caso, è mettere sempre la massima dedizione in campo, abbinata ad una voglia di vincere. Un ritorno alla vittoria è allora quasi d’obbligo, anche per riscattare il risultato del match d’andata, disputato al Pala S. Elia, che ci ha visto sconfitti. Rispettiamo i nostri cugini dell’Atletico Panarea, dimostratisi – ha concluso Laudadio formazione ostica, ben messa in campo e che, con gli innesti di Celia e Pastori, ha aggiunto un qualcosa in più quanto a qualità, esperienza e concretezza». Circa la formazione, certi i rientri di Galera, che ha scontato la giornata

di squalifica, Spagnolo, Danilo Caroleo e Brescia, con questo ultimo che lo stesso tecnico ha definito elemento di grande carisma, oltre che esperto. Inizialmente potrebbe scendere in campo un quintetto composto da: Rotundo, Brandonisio, Carrozza, Caliò e Brescia. A disposizione: Caroleo G. Caroleo D., Amerato, Spagnolo e Manuel Laudadio. Quanto all’Atletico Panarea, la formazione del presidente Leo cercherà di ripetere la prestazione della gara d’andata, «anche se – ha evidenziato il massimo esponente societario – ogni partita fa storia a sé, figuriamoci poi se si tratta di un derby». Sempre cauto nei giudizi il tecnico Toni Rotundo, che nel corso della preparazione settimanale ha dovuto fare di necessità virtù, considerato le defezione di alcuni elementi, tutti alle prese con l’influenza. «Vedremo solo prima della gara – ha sottolineato il mister – chi sarà in condizione di scendere in campo. Ciò, in ogni caso, conta poco, in quanto chiunque sarà chiamato, sono sicuro, offrirà il meglio di sé stesso». Lo stesso tecnico ha avuto poi parole di elogio per l’avversario. «La Zona 2002 – ha testualmente affermato – è la squadra che applica il migliore calcio a cinque della categoria. Ora che ha superato alcuni problemi societari, potrà riprendere il proprio cammino, puntando decisamente ai plaj-off, ai quali, del

pubblichiamo*: «Leggendo gli articoli apparsi sui quotidiani locali in questi giorni, ancora una volta siamo costretti ad intervenire come Associazione Italiana Allenatori Calcio per chiarire alcuni aspetti delle norme che riguardano gli allenatori. Ribadiamo ancora una volta che un allenatore tesserato per una società della Lnd che dopo la prima giornata di campionato viene esonerato o decide di dimettersi dal proprio incarico, non può effettuare un secondo tesseramento ne può offrire la propria collaborazione o consulenza durante gli allenamenti settimanali o la partita ufficiale per altra società diversa da quella per cui è stato tesserato. L’allenatore esonerato o dimissionario essendo comunque tesserato per l’intera annata calcistica può essere richiamato solo dalla società che lo ha tesserato. L’allenatore in questi casi può anche rifiutare il suo ritorno, ma a partire dalla data di rifiuto, non ha più diritto a percepire il compenso pattuito nell’accordo economico depositato ad inizio stagione. Un allenatore deve sempre mettere in preventivo eventuale esonero. Fa parte del gioco. Ciò non deve permettere che lo stesso violi le norme. Pertanto riteniamo che quando si verificano questi episodi la responsabilità primaria è da attribuire all’allenatore mentre le società diventano complici nel momento in cui, obbligate a fare il

Raffaele Pilato, Segretario Aiac Calabria

tesseramento entro 30 giorni dall’esonero o dimissioni del tecnico abilitato, si vedono rigettata la richiesta di tesseramento dal Settore Tecnico. Da quel momento anche le società violano le norme in quanto non possono disporre di un allenatore che la domenica può regolarmente sedersi in panchina in quanto non tesserato per quella società. Ci auguriamo che tutto quello che si è letto sui quotidiani locali sia un mero errore di comunicazione o fraintendimento, se ciò invece dovesse rispondere al vero questo gruppo regionale sarà costretto ad inoltrare le segnalazioni alla Procura Federale per i provvedimenti del caso». *Raffaele Pilato Segretario Aiac Calabria


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 51 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione Civile Fallimento n° 11/03; Il Giudice Delegato dott. Giuseppe Cava, Vista la richiesta di vendita del curatore; dispone la vendita senza incanto del compendio di seguito descritto: lotto 1: “quota pari ad ∏ di nuda proprietà di terreno sito in Simeri Crichi, loc. Cona (CZ), are 26, centiare 35; con soprastante fabbricato, identificato in Catasto al foglio 20, p.lla 229”. Prezzo base d’asta: euro 19.458,00. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.2009, ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 2.000,00, l’udienza del 25.03.2009, ore 9.30; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura fallimentare n° 11/03” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; l’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si considererà conosciuto dall’aggiudicatario; l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; le spese di trasferimento saranno a carico della procedura; dispone che il curatore provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi, nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima, mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it, e diffusione sul quotidiano “Il Domani”. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore; Catanzaro, 20.01.2009. Il Giudice Dott. Giuseppe Cava °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’Esecuzione Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n° 128/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Magisano: lotto n. 5: Fabbricato (F. 28, P.lla 35) Euro 31.151,45 lotto n. 6: Fabbricato - Euro 19.336,53 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di consulenza tecnica consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 25.03.2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente, per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenere domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n……….” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 cpc entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani. °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava Nella procedura esecutiva n. 7/1991 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1 Locale sito in Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n. 47, della superficie di mq.29,50, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 64 prezzo base euro 11.181.00 Lotto n. 3 Locale sito in Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n.47, della superficie di mq. 8,90, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 66 prezzo base euro 2.110.00 Lotto n. 4 Locale sito Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n.47, della superficie di mq. 10.40, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 67 prezzo base euro 2.532,00 Lotto n. 5 Locale sito Catanzaro alla via Barlaam da Seminara n.47, della superficie di mq. 11.10, ubicato al piano seminterrato e riportato in catasto alla partita 21044 foglio 43 particella 194 sub 68 prezzo base euro 2.743,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 25/3/2009 ore 9,30 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto Ogni offerente per essere ammesso alla ven-

PROGETTO

A CURA DELLA

dita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita e il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonchè un assegno circolare non trasferibile intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. N.7/1991” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 per tutti i lotti. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 16 gennaio 2009 °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 71/07 R.G.Es. Il Giudice dell’Esecuzione, dott. Giuseppe Cava, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 30.10.08, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto unico “appartamento in Catanzaro in Catasto al fg. 47 part. Graffate 618 sub 19 e 620 sub 9 al prezzo base di euro 576.840,00” fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 24.03.2009 ore 12.00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 5.000,00, l’udienza del 25.03.2009 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 71/07” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore onerato degli adempimenti pubblicitari provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano “Il domani”. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 30.10.2008 Il Giudice F.to Giuseppe Cava °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice delle Esecuzioni dott.ssa Maria Carmela Andricciola ha pronunciato la seguente ordinanza nel procedimento n. 38/05 R.G.E. pendente tra omissis E Omissis Visti gli atti DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti Lotto 1 Fabbricato in Gimigliano loc. Buda, n. 71 posto su tre livelli di cui un seminterrato adibito a garage- cantina e due piani fuori terra, in catasto al foglio 55 p.lla 292 prezzo euro 186.200,00 lotto 2 Fabbricato in Gimigliano loc. Buda, n. 78 posto su tre livelli di cui un seminterrato adibito a garage- cantina e due piani fuori terra, in catasto al foglio 56 p.lla 269 prezzo euro 208.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. N. 38/2005 un importo pari al 10 % del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del 17 marzo 2009, restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 372 c.pc. e per l’ eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.pc. è fissata in data 18.3. 2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione , entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano „Il Domani‰, la rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 4 novembre 2008. Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola

MEDIATAG

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI procedura esecutiva n°.71/1989 R.G.E. richiesta da Banca MPS SpA si rende noto che il giorno 25 marzo 2009 ore 12.00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce alle seguenti condizioni: prezzo base: euro 16.923,25 per il primo lotto prezzo base: euro 17.980,96 per il secondo lotto ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare nella Cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto. primo lotto: euro 1.692,32 per cauzione e euro 3.384,65 per spese secondo lotto: euro 1.798,06 per cauzione e euro 3.596,19 per spese l’aumento minimo da apportarsi alle offerte è di euro 2.065,83 per il primo e di euro 2.194,94 per il secondo lotto. L’aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Entro il termine di sessanta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva (settanta giorni dalla vendita) l’aggiudicatario dovrà versare nelle forme dei depositi giudiziari il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione. Maggiori informazioni in cancelleria. ELENCO BENI IMMOBILI: PRIMO LOTTO: fondo agricolo ubicato in località “Margi” agro di Lamezia Terme-Nicastro catastalmente censito al NCT alla partita 14232 foglio 64, particella 173, vigneto di 1^, superficie complessiva di Ha.1.23.90. Interamente coltivato a vigneto allevato a tendone SECONDO LOTTO: fondo agricolo sito in località “Acanto” agro di Lamezia Terme-Sambiase. Individuato catastalmente alle partite 13738 e 16138, foglio 64 e costituito dalle particelle 149150-151-152-401-402-403, vigneto di 1^, superficie totale di Ha. 1.31.74. Intermante coltivato a vigneto allevato a tendone L’aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli, fermi restando gli obblighi di legge imposti alla parte debitrice. Lamezia Terme, Il Cancelliere (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.87/1995 RGE, promossa da MPS con ordinanza emessa all’udienza in data 03.12.2008 ha disposto la vendita con incanto del lotto numero cinque, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 25.03.2009 lotto n. 5 - “Fabbricato in Lamezia Terme - Sambiase - via Mantenga, di tre piani fuori terra, al piano seminterrato vi sono due locali, un servizio igienico, un’autorimessa, la scala di accesso ai piani superiori; al piano rialzato vi sono un soggiorno, una cucina, un bagno ed il vano scala; al primo piano vi sono tre vani, due bagni ed il vano scale; al secondo piano vi sono due locali comunicanti, il vano scala, un balcone ed un ampia superficie terrazzata, per una superficie residenziale complessiva di mq. 183; è in buono stato ed è dotato di impinato idrico - sanitario, elettrico e di riscaldamento; ne costituisce pertinenza il giardino circostante di circa di mq. 112, detto fabbricato, edificato su terreno riportato in NCT al foglio di mappa 85, particelle 1141 e 1152 è in corso di definitivo accatastamento; presenta alcune difformità urbanistiche sanabili entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento mediante il pagamento della somma di £.8.000.000 (pari a euro 4.131,66) circa, già detratta dal prezzo base d’asta; Valore euro 186.417,70 SI RENDE ANCORE NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo ai prezzi sopra indicati; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 1.549,37 per il lotto n. 5 - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione agli incanti termine fino a quattro giorni prima della data fissata per l’incanto;

Per informazioni 0961 996802

- per il giorno 25 marzo 2009, ore 12.00 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; SI AVVISA, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VISI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO, RAG. EUGENIO TRAVAGLIO, con studio professionale in Lamezia Terme (88046), Via Crati n° 3, nella procedura esecutiva n. 44/06 R.G.E., Visto il provvedimento di delega alle operazioni di vendita emesso, in data 22/05/2008, dal Giudice dell´Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme, nell’ambito della procedura esecutiva n° 44/2006 RGE; Vista l’autorizzazione del G.E. del 14.01.2009 ad effettuare la riduzione di π del prezzo base d’asta; Ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati; Vista la relazione tecnica depositata dal CTU, Arch. Fabio Lorelli, in data 14.03.2008; Visto l´art. 569 c.p.c. AVVISA che mercoledì 25 marzo 2009 alle ore 12:00, presso il proprio studio professionale sito in Lamezia Terme, Via Crati n° 3, si terrà la vendita senza incanto della piena proprietà dei seguenti beni: LOTTO N.° 1: Terreno sito in Pianopoli, Località Cerzulla, riportato al N.C.T. del predetto comune al foglio di mappa 10, particelle 162 - 163 - 170 173, della superficie complessiva di mq. 7.700, reddito dominicale euro 112,66, reddito agrario euro 43,45, e più precisamente: - part. 162, qualità agrumeto di cl 1, di mq 730, red. dom. euro 15,46, red. agrario euro 5,66; - part. 163, qualità agrumeto di cl 2, di mq 2.390, red. dom.euro 33,33, red. agrario euro 12,96; - part. 170, qualità agrumeto di cl 2, di mq 3.320, red. dom.euro 46,30, red. agrario euro 18,00; - part. 173, qualità agrumeto di cl 2, di mq 1.260, red. dom.euro 17,57, red. agrario euro 6,83. Il terreno, secondo il vigente P.R.G. del Comune di Pianopoli, era classificato in zona omogenea “E”, “Rurale”. Con la variante al P.R.G., adottato con delibera C.C. n 15 del 19/04/2006, le particelle n. 162, 163 e 170 del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricadono nella nuova area omogenea “D”, “Aree per l’industria e l’artigianato”, e la particella n. 173, del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricade nell’”area di attenzione” definita dal P.A.I. redatto dall’A.d.B. della Regione Calabria (delibera n. 115 del 28/12/2001). Prezzo Base euro 180.000,00 (Euro Centottantamila/00) LOTTO N.° 2: Terreno appena a valle del rilevato ferroviario sito in Pianopoli, Località Cerzulla, riportato al N.C.T. del predetto comune al foglio di mappa 10, particelle 164 - 166 - 168, della superficie complessiva di mq. 17.445, reddito dominicale euro 242,07, reddito agrario euro 94,14, e più precisamente: - part. 164, qual. agrumeto di cl 2, di mq 12.030, red. dom. euro 167,75, red. agrario euro 65,24; - part. 166, fabbricato rurale, di mq 85; - part. 168, qual. agrumeto di cl 2, di mq 5.330, red. dom. euro 74,32, red. agrario euro 28,90. Sul terreno insistono 2 fabbricati rurali di cui solo uno risulta al catasto terreni. Sul fondo è in opera una grande serra, con una estensione di 13.092 mq, autorizzata dal Comune di Pianopoli il 17/05/1999 (Autorizzazione prot. n. 2316/99). Il terreno, secondo il vigente P.R.G., era classificato in zona omogenea “E”, “Rurale”. Con la variante allo stesso P.R.G., adottato con delibera C.C. n 15 del 19/04/2006, le particelle n. 164, 166, 168, del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricadono nella nuova area omogenea “D”, “Aree per l’industria e l’artigianato”. Le particelle n. 164, 168, del Foglio 10 del Comune di Pianopoli sono confinanti con il tracciato della linea ferroviaria S. Eufemia Lamezia Catanzaro lido e pertanto risentono dei vincoli di rispetto per tali tracciati. Prezzo Base euro 623.000,00 (Euro Seicentoventitremila/00) LOTTO N.° 3: Terreno appena a valle del rilevato ferroviario sito in Pianopoli, Località Cerzulla, riportato al N.C.T. del predetto comune al foglio di mappa 10, particelle 155 - 171 - 174, della


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

52 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani superficie complessiva di mq. 19.836, reddito dominicale euro 276,60, reddito agrario euro 107,57, e più precisamente: - part. 155, qual. agrumeto di cl 2, di mq 196, red. dom. euro 2,73, red. agrario euro 1,06; - part. 171, qual. agrumeto di cl 2, di mq 15.790, red. dom. euro 220,18, red. agrario euro 85,63; - part. 174, qual. agrumeto di cl 2, di mq 3.850, red. dom. euro 53,69, red. agrario euro 20,88. Sul terreno insiste un fabbricato rurale non riportato al catasto terreni. Sul fondo è in opera una serra con una estensione di 13.314 mq autorizzata dal Comune di Pianopoli il 23/09/1998 (Autorizzazione prot. n. 2903/98). Il terreno, secondo il vigente P.R.G., era classificato in zona omogenea “E”, “Rurale”. Con la variante allo stesso P.R.G., adottato con delibera C.C. n 15 del 19/04/2006, una parte della particella n. 171 (per 9.500 mq) del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricade nella nuova area omogenea “D”, “Aree per l’industria e l’artigianato”, e la particella n. 174, del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricade nell’ “area di attenzione” definita dal P.A.I. redatto dall’A.d.B. della Regione Calabria (delibera n. 115 del 28/12/2001), e la particella 155, del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, nella fascia di rispetto degli impianti ferroviari. Prezzo Base euro 484.000,00 (Euro Quattrocentottantaquattromila/00) LOTTO N.° 4: Terreno, appena a monte della strada provinciale 84, sito in Pianopoli, Località Cerzulla, riportato al N.C.T. del predetto comune al foglio di mappa 10, particelle 44 - 572 - 174, della superficie complessiva di mq. 34.430, reddito dominicale euro 480,10, reddito agrario euro 186,70, e più precisamente: - part. 44, qualità agrumeto di cl. 2, di mq 14.320, red. dom. euro 199,68, red. agrario euro 77,65; - part. 572, qualità agrumeto di cl. 2, di mq 20.110, red. dom. euro 280,42, red. agrario euro 109,05. Sul terreno insiste un piccolo fabbricato rurale non rilevato dal catasto terreni. Secondo il vigente P.R.G., era tutto classificato in zona omogenea “E”, “Rurale”. Con la variante allo stesso P.R.G., adottato con delibera C.C. n 15 del 19/04/2006, le particelle n. 44 (ma solo per 5.430 mq) e la 572 (ma solo per 18.800 mq) del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricadono nella nuova area omogenea “D”, “Aree per l’industria e l’artigianato”. Prezzo Base euro 728.000,00 (Euro Settecentoventottomila/00) LOTTO N.° 5: Terreno, appena a monte della strada provinciale 84, sito in Pianopoli, Località Cerzulla, riportato al N.C.T. del predetto comune al foglio di mappa 10, particelle 24 - 25 - 43 - 228 - 229 - 348, della superficie complessiva di mq. 23.310, reddito dominicale euro 324,94, reddito agrario euro 126,41, e più precisamente: - part.24, qualità agrumeto di cl 2, di mq 3.040, red. dom. euro 42,39, red. agrario euro 16,49; - part.25, qualità agrumeto di cl 2, di mq 3.310, red. dom. euro 46,16, red. agrario euro 17,95; - part.43, qualità agrumeto di cl 2, di mq 5.520, red. dom. euro 76,97, red. agrario euro 29,93; - part.228, qualità agrumeto di cl 2, di mq 5.880, red. dom. euro 81,89, red. agrario euro 31,89; - part.229, qualità agrumeto di cl 2, di mq 2.800, red. dom. euro 39,04, red. agrario euro 15,18; - part.348, qualità agrumeto di cl 2, di mq 2.760, red. dom. euro 38,49, red. agrario euro 14,97. Sul terreno è in sito un piccolo fabbricato rurale non rilevato dal catasto terreni. Secondo il vigente P.R.G., era tutto classificato in zona omogenea “E”, “Rurale”. Con la variante allo stesso P.R.G., adottato con delibera C.C. n 15 del 19/04/2006, la particella n. 228 (ma solo per 1.100 mq) del Foglio 10 del Comune di Pianopoli, ricade nella nuova area omogenea “D”, “Aree per l’industria e l’artigianato”. Prezzo Base euro 210.000,00 (Euro Duecentodiecimila/00) AVVISA ALTRESÌ Che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte di acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell´art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall´art. 572, comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto dei medesimi beni nelle seguenti date e luoghi: mercoledì 15 aprile 2009 alle ore 12:00, presso lo studio professionale del Professionista Delegato, Rag. Eugenio Travaglio, sito in Lamezia Terme, Via Crati n° 3. In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo, ovvero: LOTTO N. 1: Prezzo Base euro 180.000,00 (Euro Centottantamila/00) Rilancio minimo euro 9.000,00 (Euro Novemila/00) LOTTO N. 2: Prezzo Base euro 623.000,00 (Euro Seicentoventitremila/00) Rilancio minimo euro 31.000,00 (Euro Trentunomila/00) LOTTO N. 3: Prezzo Base euro 484.000,00 (Euro Quattrocentottantaquattromila/00) Rilancio minimo euro 24.000,00 (Euro ventiquattromila/00) LOTTO N. 4: Prezzo Base euro 728.000,00 (Euro Settecentoventottomila/00) Rilancio minimo euro 36.000,00 (Euro Trentaseimila/00) LOTTO N. 5: Prezzo Base euro 210.000,00 (Euro Duecentodiecimila/00) Rilancio minimo euro 11.000,00 (Euro Undicimila/00) I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell´esperto Arch. Fabio Lorelli, che può essere consultata dall´offerente, presso lo studio professionale del sottoscritto in Lamezia Terme Via Crati n° 3, e/o sul sito internet www.aste.eugenius.it ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l´esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. Custode Giudiziario dei beni pignorati è il sottoscritto Professionista Delegato, al quale tutti gli interessati potranno fare riferimento per ricevere maggiori informazioni e per visitare i beni nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10:00 alle

PROGETTO

A CURA DELLA

ore 12:00 e dalle ore 17:00 alle ore 19:00. Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti dell´edificio che devono ritenersi comuni a norma di legge (ed eventuale regolamento di condominio). La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo; conseguentemente l´esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell´anno in corso e dell´anno precedente non pagate dal debitore -, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle “Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegate” allegate al presente avviso. Lamezia Terme, 28.01.2009 IL PROFESSIONISTA DELEGATO Rag. Eugenio Travaglio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Tutti, ad eccezione del debitore, sono ammessi a formulare offerte per l’acquisto che dovranno essere presentate in busta chiusa, unitamente all’assegno circolare non trasferibile per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l´offerta, che può anche essere persona diversa dall´offerente, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura. Nessuna altra indicazione deve essere apposta sulla busta; L´offerta, in regola con il bollo, dovrà contenere: - se persona fisica: il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l´immobile (non sarà possibile intestare l´immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l´offerta), il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Se l´offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l´offerente è minorenne, l´offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare. Se l´offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l´atto di nomina che giustifichi i poteri. Se l’offerente partecipa in qualità di titolare di omonima ditta individuale, dovrà essere indicata la partita IVA ed all´offerta dovrà essere altresì allegata una recente visura camerale della ditta stessa. Alla domanda dovranno essere allegate copie fotostatiche di un valido documento di identità e del codice fiscale (anche del coniuge se in regime di comunione legale) dell’offerente. se società o ente: i dati identificativi, inclusa la partita IVA e/o codice fiscale, recapito telefonico, nonché nome, cognome, luogo e data di nascita del legale rappresentante. Alla domanda dovranno essere allegati sia una recente visura camerale (dalla quale risulti lo stato della società o ente ed i poteri conferiti all´offerente in udienza) sia copia fotostatica di un valido documento di identità e del codice fiscale dell’offerente. - i dati identificativi del bene per il quale l´offerta è proposta; - l´indicazione del prezzo offerto, che, a pena di esclusione, non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell´avviso di vendita; - l´espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All’offerta dovrà essere allegato un assegno circolare non trasferibile intestato al sottoscritto Professionista Delegato per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell´acquisto. Ove l´offerta riguardi più lotti ai sensi dell´articolo precedente, potrà versarsi una sola cauzione, determinata con riferimento al lotto di maggior prezzo. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. Si precisa che in caso di mancata aggiudicazione, detto assegno sarà restituito immediatamente. L´offerta presentata è irrevocabile. L´offerente è tenuto a presentarsi all´udienza sopra indicata personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale. I procuratori legali possono fare offerte per persone da nominare. Se l´offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell´intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall´esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l´offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell´intera cauzione o respingerà la relativa domanda. L’aggiudicatario deve dichiarare la propria residenza o eleggere domicilio nel circondario del Tribunale di Lamezia Terme. Il versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese deve avvenire entro 60 giorni dalla aggiudicazione, mediante assegni circolari non trasferibili intestati a me sottoscritto professionista delegato, uno quale saldo prezzo e uno di importo pari al 20% del prezzo di aggiudicazione quale presumibile importo spese. In caso di inadempimento l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. E´ possibile chiedere un mutuo, a tasso e condizioni economiche prestabilite da ogni singola banca aderente al c.d. protocollo Abi per la concessione di mutui agli aggiudicatari, ossia: Banca Carime, San Paolo IMI-Banco di Napoli, Banca Popolare

MEDIATAG

di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro. L’elenco delle banche ed il loro recapito telefonico è disponibile presso lo studio del professionista delegato o presso il sito ABI. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sullo stesso immobile posto in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. A norma dell´art. 46 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 l´aggiudicatario, qualora l´immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di permesso in sanatoria, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell´aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità eventualmente esistenti, con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. È altresì a carico dell’aggiudicatario ogni onere fiscale derivante dalla vendita. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO: Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa, nelle forme innanzi descritte, entro le ore 12:30 di venerdì 20 marzo 2009 presso lo studio del sottoscritto Professionista Delegato sito in Lamezia Terme, Via Crati n° 3. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi effettuerà il rilancio più alto. L’aggiudicazione in sede di gara sarà di regola definitiva non essendo ammesso l’aumento di quinto nelle vendite senza incanto. QUANTO ALLA VENDITA CON INCANTO: Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa, nelle forme innanzi descritte, entro le ore 12:30 di venerdì 10 aprile 2009 presso lo studio del sottoscritto Professionista Delegato sito in Lamezia Terme, Via Crati n° 3. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà provvisoriamente aggiudicato al maggior offerente. L’offerente, anche se è unico, deve fare almeno un rilancio per avere aggiudicato il bene. La misura dell’aumento da apportare alle offerte non potrà essere inferiore al 5% del prezzo base arrotondato per eccesso al migliaio di euro più prossimo. L´aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Divenuta definitiva l´aggiudicazione dovrà essere versata nei sessanta giorni successivi la differenza del prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a me sottoscritto Professionista Delegato nonché il venti per cento del prezzo di aggiudicazione sempre mediante assegno circolare non trasferibile intestato a me sottoscritto Professionista Delegato quale presumibile importo spese. OFFERTE IN AUMENTO A norma dell´art. 584 c.p.c., avvenuto l´incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell´incanto. Tali offerte devono essere depositate presso l´indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all´art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all´incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta, secondo le previsioni di cui all´art. 584 c.p.c., una gara alla quale potranno partecipare oltre agli offerenti in aumento, l’aggiudicatario e gli offerenti al precedente incanto. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell´art. 584, comma 3, c.p.c., l´aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall´esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell´Esecuzione. IL PROFESSIONISTA DELEGATO Rag. Eugenio Travaglio TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 53/2004 promossa da I.L.R. INDUSTRIE LATERIZIE RIUNITE SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 27.03.2009, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA

Per informazioni 0961 996802

RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. M.E. CINANNI (Tel. 0964.29114) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 28 GENNAIO 2009 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 53/2004 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS ...., DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Diritto di piena proprietà sul fabbricato in Gioiosa J., via Abruzzo 25, p. terra, attualmente adibito alla produzione e confezione di cosmetici e detersivi (mq. 129), identificato nel NCEU al foglio di mappa n. 26, particella 342 sub 4” PREZZO BASE: Euro 25.800,00 (bene assoggettato ad IVA, non inclusa) CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE: per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Ing. O. BARBARELLO) da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma c.p.c.); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9) l’udienza di vendita è fissata per il giorno 09.10.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto bancario; 13) in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla


Pag. 53

Inserto speciale di annunci gratuiti, rubriche, compravendita, occasioni, secondamano

VITA DI CONDOMINIO Anche questa settimana, la consueta rubrica a cura del Centro Studi Anaci di Catanzaro

Caduta calcinacci, responsabili i proprietari dell’immobile Se la causa è la mancata manutenzione dell’edificio i condomini devono risarcire il malcapitato di Pietro Bullotta* CATANZARO — Nella rubrica “Vita di Condominio” a cura del Centro Studi Anaci di Catanzaro si parla di “Caduta calcinacci”. Se la sfortuna ci assiste e siamo colpiti dalla da calcinacci caduti da uno stabile, a chi dobbiamo chiedere un risarcimento? Dopo aver accertato che l’incidente è stato causato dalla mancata manutenzione dell’dificio, la Corte di Cassazione con la sentenza 13934/2008 ha stabilito che la responsabilità cade sui proprietari dell’immobile i quali sono tenuti al pagamento di una multa per i reati previsti dagli articoli 677 e 590 del Codice penale, in tema di lesioni personali colpose, compreso il risarcimento del danno alla parte civile. Nello specifico l’art. 677 dichiara tratta dell’omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina e afferma che: “Il proprietario di un edificio o di una costruzione che minacci rovina ovvero chi è per lui obbligato alla conservazione o alla vigilanza dell'edificio o della costruzione, il quale omette di provvedere ai lavori necessari per rimuovere il pericolo, è punito con l'ammenda non inferiore a lire duecentomila. Alla stessa pena soggiace chi, avendone l'obbligo, omette di rimuovere il pericolo cagionato dall'avvenuta rovina di un edificio o di una costruzione. Se dai fatti preveduti dalle disposizioni precedenti deriva pericolo per

Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

14)

15) 16)

17)

18)

19)

VITA DI CONDOMINIO INVIA I TUOI QUESITI AGLI ESPERTI DEL CENTRO STUDI ANACI DI CATANZARO

- Centro Studi Anaci Direttore Pietro Bullotta. Componenti: Valentino D’Onofrio; Daniela Gemelli; Lidia Cupido; Marianna Cupido; Marzia Milano; Concetta Bruni; Maria Commisso.

Per informazioni e domande utilizzare l’e-mail: lapiazza@ildomani. it le persone, la pena è dell'arresto fino a sei mesi o dell'ammenda non inferiore a lire seicentomila”. In questo caso, quindi, i condomini non posso imputare la responsabilità della mancata manutenzione al proprio amministratore di condominio in quanto il reato previsto dall’art. 677 presenta le caratteristiche di “reato proprio” deducibile dal dalla qualità di “proprietario dei beni”; tanto più che all’amministratore è imputabile esclusivamente la gestione ordinaria delle cose comuni come da art. 1130 del Codice civile. Quindi, la re-

cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Siderno, Roccella Jonica e Gioiosa Jonica (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 06.03.2008 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’ini-

PROGETTO

A CURA DELLA

20)

21)

22)

23)

24)

25)

26)

27)

sponsabilità cade sul singolo condomino quando il pericolo di rovina riguardi la parte di edificio di cui egli è proprietario esclusivo; negli edifici in condominio l’obbligo di rimuovere il pericolo derivante dalla rovina di parti comuni incombe sull’amministratore, fermo restando il diritto di quest’ultimo ad insorgere a carico dei singoli condomini qualora, per cause accidentali, l’amministratore è impossibilitato ad intervenire tempestivamente.. *Direttore del Centro Studi Anaci

zio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pro-

nuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi anche al custode. LOCRI, 15 maggio 2007 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI AVV. A.M. SPEZIALE FASCICOLO della VENDITA IMMOBILIARE Disposta dal Giudice dr. Davide LAURO con ordinanza in data 02.2.2006 e successive. nella Proc. Di Espr. Immob. N. 97/1995 R.Es.I. promossa da: Intesa BCI G. C. c/ … 1° Incanto fissato per il 27. 02.2009 - 2° Incanto fissato per il… Rinvio al 27.02.2009 L’ordinanza di vendita dovrà essere pubblicata: per UNA VOLTA, almeno 20 gg. prima del termine per la presentazione delle offerte: 1. mediante MANIFESTI MURALI da affiggersi nei COMUNI di: SIDERNO, MARINA DI GIOIOSA JONICA, LOCRI E GROTTERIA. 2. su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + Periodico Aste + Internet: www.eugenius.it) Documentazione da depositare in Cancelleria per l’avvenuta pubblicazione: 1. Fatture per: spese di stampa, spese di affissione; 2. N. 1 Manifesto murale; 3. Attestato di avvenuta pubblicazione sul progetto Aste. 1. TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 97/1995 promossa da INTESA BCI GESTION CREDITI SPA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 02.02.2006.

MEDIATAG • Per informazioni 0961 996802

LOTTO 1: “locale deposito sito in Sidemo, alla via Fiume, di cima 470 mq, facente parte di una struttura a tre piani f. t., riportato nel N.C.E.U. del medesimo Comune al foglio di mappa 30, particella n. 1207 sub 22 (ex sub 13), cat. C/2” Prezzo base d’asta: euro197.820,00 Deposito per cauzione: euro19.782,00 Deposito per spese: euro29.673,00 LOTTO 2: “locale deposito sito in Sidemo, alla via Fiume, di cima 129 mq, posto al piano terra di un fabbricato a tre piani f.t., riportato nel N.C.E.U. del medesimo Comune al foglio di mappa 30, particella n. 1207 sub 23 (ex sub 3), cat. C/” Prezzo base d’asta: euro108.360,00 Deposito per cauzione: euro10.836,00 Deposito per spese: euro16.254,00 LOTTO 3: “locale adibito parzialmente a garage e parzialmente a deposito sito in Sidemo, alla via Fiume, di cima 262 mq, posto al piano terra di un fabbricato a tre piani f. t., riportato nel N.C.E.U. del medesimo Comune al foglio di mappa 30, particella n. 1207 sub 24 (ex sub 3), cat. C/i” Prezzo base d’asta: euro220.080,00 Deposito per cauzione: euro22.008,00 Deposito per spese: euro33.012,00 L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 27.02.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: - Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino M’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: euro 4.000.00 per il lotto 1, euro 3.000.00 per il lotto 2; euro 5.000,00 per il lotto 3. - L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.euaenius.it Custode Giudiziario: dr. Vittorio Loschiavo (Tel.: 096429517) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 27.02.2.009. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 27.01.2009 Esatte: E 14,62 per bolla - E 6,20 per diritti.


54 Sabato 31 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI - TV - COSTUME - TURISMO

Eva Herzigova non tramonta mai ROMA — La stupenda modella

Eva Herzigova ha abbantonato le passerelle da un bel po’, ma il suo fisico rende ancora al meglio. Molte sono le donne che cedono ai piaceri della golosità dopo una carriera fatta di sacrifici culinari come quella nel campo della moda. La modella ceca ha mostrato un fisico, con annesse curve, da urlo mentre si godeva recentemente le vacanze a St. Barts. Insomma, queste modelle degli anni ‘90 non se vogliono proprio andare. Qualche giorno fa tutti i media mondiali hanno mandato un servizio sexy di Helena Christensen. Oggi è il turno della ex top model ceca Eva Herzigova. Sembra quasi che il tempo non passi mai per queste donne. Per la bionda dell’Est il 2009 è stato un vero e proprio revival. Con 24 scatti esclusivi ha dato vita a un'operazione da sogno: il calendario di Marie Claire. Il primo per un giornale femminile, il primo firmato da Karl Lagerfeld-fotografo. Protagonista la “sua” modella, Eva Herzigova, che radiosa si accinge, nel 2009, a festeggiare 20 anni di carriera. E che, per Marie Claire, si è divertita a giocare con personaggi iconici e fumettosi, che citano il Novecento in diverse sfaccettature. Esaltando la sua naturale bellezza. Il calendario è stato allegato al numero di gennaio di Marie Claire ed è stato presentato l’11 dicembre sera a Palazzo Clerici a Milano.

Per la bionda dell’Est il 2009 è stato un vero e proprio revival. Con 24 scatti esclusivi ha dato vita a un'operazione da sogno: il calendario di Marie Claire. Il primo per un giornale femminile, il primo firmato da Karl Lagerfeld-fotografo


il Domani Sabato 31 Gennaio 2009 55

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI-TV

T&P Editori, Mediatag e Manolibera declinano ogni responsabilità in relazione a cambiamenti nei palinstesti, i quali vengono rilevati da Internet, seppure su siti ufficiali

RAIDUE

RAIUNO 06:00 ATTUALITÀ Euronews 06:10 TELEROMANZO Incantesimo 9 06:30 RUBRICA Sabato & domenica 09:35 RUBRICA Settegiorni 10:25 RUBRICA ApriRai 10:35 RUBRICA Appuntamento al cinema 10:40 RUBRICA Tuttobenessere 11:30 RUBRICA Occhio alla spesa 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 Telegiornale 14:00 RUBRICA Easy Driver 14:30 RUBRICA Effetto sabato 17:00 Tg 1 17:10 RUBRICA A sua immagine 17:40 Tg 1 L.I.S. 17:45 RUBRICA Passaggio a Nord Ovest 18:50 QUIZ L'Eredità 20:00 Telegiornale 20:30 NEWS Rai Tg Sport 20:35 GIOCO Affari tuoi 21:30 VARIETÀ Ballando con le stelle 00:05 Tg 1 00:10 RUBRICA Applausi 00:50 Tg 1 Notte 01:00 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:05 Estrazioni del Lotto 01:10 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:15 RUBRICA Sabato Club 02:45 RUBRICA Città amara 04:40 TELEFILM Aeroporto internazionale 05:30 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 05:50 RUBRICA Agenzia RiparaTorti

R A D I O F R E Q U E N Z E MESSINA Studio 55 diffusion 98.700, 87.500

R. CALABRIA Touring 104.4, 103.7, 101.1 Energie 90.00 Radio DJ Club Studio 54 101.8 - 102.9 (Jonio CatanzaroCrotone, 102 - 106.3; Tirreno, 106.5)

COSENZA Sound 100.600, 98.700 (a Vibo, 96.8, /101.1; a Catanzaro, 101.2/ 96.800/107.6; a Lamezia, 96.8/91.6; costa tirrenica, 101; costa ionica, 98.7; Cosenza, 100.6/98.7 Castrovillari, 97.0 Crotone, 101.0/107.6; Reggio Calabria e Messina, 94.3

RAITRE

06:00 VIDEOFRAMMENTI Zibaldone Cose a caso 06:10 Tg 2 Sì, viaggiare 06:20 RUBRICA L'avvocato risponde 06:30 RUBRICA Inconscio e magia 06:45 VARIETÀ Mattina in famiglia 07:00 Tg 2 Mattina 08:00 Tg 2 Mattina 09:00 Tg 2 Mattina 09:30 Tg 2 Mattina L.I.S. 10:15 RUBRICA Sulla via di Damasco 10:45 RUBRICA Quello che 11:25 RUBRICA ApriRai 11:35 VARIETÀ Mezzogiorno in famiglia 13:00 Tg 2 Giorno 13:25 RUBRICA Dribbling 14:00 MUSICALE Scalo 76 presenta: X Factor Il processo 15:30 MUSICALE Scalo 76 17:10 RUBRICA Sereno variabile 18:00 Tg 2 18:10 TELEFILM The District 19:00 REAL TV X Factor La settimana 19:35 VARIETÀ Scorie di Scorie 20:25 Estrazioni del Lotto 20:30 Tg 2 20.30 21:05 TELEFILM Cold Case Delitti irrisolti 21:50 SERIE TV Justice 22:40 RUBRICA Sabato sprint 23:20 Tg 2 23:30 Tg 2 Dossier 01:50 REAL TV X Factor 02:20 Meteo 2 02:25 RUBRICA Appuntamento al cinema 02:30 Tg 2 Sì, viaggiare 02:45 TALK SHOW Il Caffé 03:45 VARIETÀ Cercando cercando 04:15 RUBRICA NET.T.UN.O 05:00 RUBRICA Tipografia Antica 05:45 RUBRICA Quarto potere

Cosenza centrale 94.100, 104.00 Tir Rossano 95.350 Radio Cosenza Nord 102.000; 98.400 Radio Punto Nuovo 91.800 Sibari, Corigliano - 103.000 Paola, Amantea, Tropea - 91.500 Costa Tirrenica, Cosentina

CROTONE Nove Nove Network 99.00

CATANZARO Radio Amore 94.6;106.5 Radio Valentina 96.100; 100.600 104.8 Radio Squillace 92.00

VIBO VALENTIA Radio Onda Verde 92.200; 98,00

08:00 Tg 5 Mattina 08:50 MUSICALE Loggione 09:30 RUBRICA Amici libri 13:00 Tg 5 13:40 REAL TV Grande Fratello Riassunto 14:10 REAL TV Amici 15:30 ROTOCALCO Verissimo Tutti i colori della cronaca 18:15 REAL TV Grande Fratello 18:50 QUIZ Chi vuol essere milionario? 20:00 Tg 5 20:30 TG SATIRICO Striscia la notizia La voce della supplenza 21:10 SHOW La Corrida (dilettanti allo sbaraglio) 23:55 SHOW Se ve li siete persi 00:15 TALK SHOW Maurizio Costanzo Show 01:30 Tg 5 Notte 02:00 TG SATIRICO Striscia la notizia La voce della supplenza 02:30 TELEVENDITA Mediashopping 02:45 FILM TV La neve in agosto Fantastico 04:15 TELEVENDITA Mediashopping 04:30 REAL TV Grande Fratello 05:00 SITUATION COMEDY Tutti Amano Raymond

LA 7 09:15 RUBRICA Movie Flash 09:20 RUBRICA L'intervista

20:00 Tg La7

09:50 DOCUMENTARIO

20:30 TELEFILM J.a.g. Avvo-

DOCUMENTARIO 10:20 RUBRICA Movie Flash 10:25 TELEFILM Alla conquista del west 12:30 Tg La7 12:55 NEWS Sport 7 13:00 DOCUMENTARIO Animal face off

cati in divisa 21:30 TELEFILM L'ispettore Barnaby 23:30 FILM Una bionda tutta d'oro 01:25 Tg La7 01:45 RUBRICA Movie Flash

14:00 TELEFILM Jack Frost

01:50 RUBRICA M.O.D.A.

16:00 FILM Per amore di Las-

02:25 FILM Sherlock Holmes

sie 17:45 RUBRICA Movie Flash 17:50 FILM Il bianco, il giallo, il

06:25 TELEFILM Classe di ferro 06:55 CARTONI ANIMATI Angelina ballerina 07:10 CARTONI ANIMATI Garfield e i suoi amici 07:25 CARTONI ANIMATI I Puffi 07:35 CARTONI ANIMATI Baby Looney Tunes 07:50 CARTONI ANIMATI Tom & Jerry Kids 08:05 CARTONI ANIMATI Bratz 08:20 CARTONI ANIMATI Le avventure di Jimmy Neutron 08:40 CARTONI ANIMATI Top Cat 09:05 CARTONI ANIMATI Mermaid Melody Principesse sirene 09:35 CARTONI ANIMATI Mostri e pirati 09:50 CARTONI ANIMATI Transformers 10:15 CARTONI ANIMATI Yu-gi-oh GX 10:40 CARTONI ANIMATI Bernard 10:45 SITUATION COMEDY Dharma & Greg 11:20 TELEFILM V.I.P. 12:25 TELEGIORNALE Studio Aperto 13:00 NEWS Studio Sport 13:40 SITUATION COMEDY La vita secondo Jim 14:05 FILM Karate Kid III 16:00 FILM Free Willy 2 18:30 TELEGIORNALE Studio Aperto 19:00 SITUATION COMEDY Tutto in famiglia 19:25 FILM Un topolino sotto sfratto 21:10 FILM Garfield 2 22:45 TELEFILM Journeyman 23:35 TELEFILM Ivasion 00:25 SHOW Poker1mania 01:25 NEWS Studio Sport 02:00 RUBRICA Ciak speciale: Italians 02:10 TELEVENDITA Shopping By Night 02:30 FILM La cosa 05:30 TELEVENDITA Shopping By Night 05:45 NEWS Studio Sport

MTV nero

La valle del terrore 04:30 ATTUALITÀ CNN News

RADIO RADIOUNO 6,08 Italia , istruzione per l’uso 7,34 Questioni di soldi 8,35 Golem 9,08 Radio anch’io 10,06 Il bacio del milennio 12,00 Come vanno gli affari 12,36 Radioacolori 14,08 Con parole mie 15,06 Ho perso il trend 16,06 Baobab 17,00 Come vanno gli affari 19,23 Ascolta si fa sera 19,33 Zapping 21,03 Zona Cesarini - Musica Club 22,34 Uomini e camion 0,38 la notte dei misteri 2,02 Non solo verde/Bella Italia RADIODUE 6,00 Incipit 6,01 Il cammello di radio 2 8,45 Una strana coincidenza. Storia per la radio 9,00 Il ruggito del coniglio 11,00 3131 Chat 12,00 Il cammello di radio 2 15,00 Acquario «I topi ballano» 16,00 Il cammello di radio 2 16,35 Top 10 Singles 18,00 Caterpillar 19,00 Fuori giri 20,00 Al-

06:00 Tg 5 Prima pagina

le otto della sera. Il racconto delle cose e dei fatti 20,37 Dispenser 20,50 Il cammello di radio 2 22,00 Boogie nights 24,00 Il pittore 2,01 3131 Chat 2,50 Alle otto della sera (replica) RADIOTRE 6,00 Mattinotre - Lucifero 7,15 Radio Tre Mondo 9,01 Mattinotre 10,00 Radio Tre Mondo 10,30 Il sigillo di Luffenbach 10,50 I concerti di mattinotre 11,40 Arrivi e partenze 11,45 La strana coppia 12,15 Tournèe 12,30 La musica di domani 13,00 La Barcaccia 14,00 Fahrenheit 14,10 Diario Italiano 14,30 Invenzioni a due voci 18,00 Cento lire 18,15 Invenzioni a due voci 19,03 Hollywood party 19,50 Radiotre Suite 20,00 Teatro giornale 20,30 Concerto dell’orchestra del teatro comunale di Bologna 23,30 Storia alla radio 24,00 Notte classica

07:00 MUSICALE Wake Up! 09:00 MUSICALE Pure Morning 11:00 RUBRICA Lovetest 12:00 MUSICALE Hitlist Italia 14:00 CARTONI ANIMATI Full Metal Panic 14:30 CARTONI ANIMATI Nabari 15:00 MUSICA Chart Blast 16:00 TELEGIORNALE Flash 16:05 MUSICALE My Video 17:00 TELEGIORNALE Flash 17:05 MUSICALE Into the Music 18:00 TELEGIORNALE Flash

18:05 MUSICA Made 19:00 TELEGIORNALE Flash 19:05 MUSICALE 10 of the best 20:00 TELEGIORNALE Flash 20:05 REALITY SHOW America's Best Dance Crew 21:00 ROTOCALCO Paris Hilton's My New BFF 22:00 SHOW Exiled 22:30 TELEGIORNALE Flash 22:35 MUSICA Mtv The Most 23:30 REAL TV Real World: Hollywood 00:30 REAL TV Wild Boyz 01:00 MUSICALE

IL FILM DI OGGI

RETE 4

ITALIA 1

CANALE 5

07:00 PUPAZZI ANIMATI Drago 07:35 RUBRICA Il videogiornale del Fantabosco 08:45 RUBRICA Accipicchia: Ci hanno rubato la lingua! 09:00 TALK SHOW Tv Talk 10:30 RUBRICA Art News 11:00 RUBRICA TGR I nostri soldi 11:15 RUBRICA TGR EstOvest 11:30 RUBRICA TGR Levante 11:45 RUBRICA TGR Italia Agricoltura 12:00 Tg 3 12:25 ROTOCALCO TGR Il Settimanale 12:55 RUBRICA TGR Bell'Italia 13:20 REPORTAGE TGR Mediterraneo 14:00 Tg Regione 14:20 Tg 3 14:50 RUBRICA TGR Ambiente Italia 15:50 Tg 3 Flash LIS 15:55 RUBRICA Sabato Sport 16:00 Coppa del mondo Sci alpino 16:45 Catania Lazio Pallanuoto 17:15 Coppa del mondo Spada Scherma 18:10 RUBRICA 90° minuto Serie B 18:55 Meteo 3 19:00 Tg 3 19:30 Tg Regione 20:00 ATTUALITÀ Blob 20:10 TALK SHOW Che tempo che fa 21:30 RUBRICA Speciale Superquark 23:25 Tg 3 23:40 Tg Regione 23:45 RUBRICA Correva l'anno di storia 00:40 Tg 3 00:50 Tg 3 Agenda del mondo 01:05 Tg 3 Sabato notte 01:20 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:25 RUBRICA Fuori orario. Cose (mai) viste

07:40 MINISERIE L' Avvocato Porta 09:55 MINISERIE 11:30 Tg 4 Telegiornale 11:40 MINISERIE Le ali della vita 2 13:30 Tg 4 Telegiornale 14:05 RUBRICA Forum: Sessione pomeridiana del sabato 15:50 FILM TV Poirot sul Nilo Giallo 17:00 TELEFILM Detective Monk 18:00 RUBRICA Pianeta mare 18:55 Tg 4 Telegiornale 19:35 TELEFILM Walker Texas Ranger 21:30 FILM Maximum Risk 23:20 RUBRICA Guida al campionato 00:10 FILM Notte d'essai: La terza guerra mondiale 01:55 Tg 4 Rassegna stampa 02:10 SHOW Ieri oggi in TV special 03:55 TELEVENDITA Mediashopping 04:10 TELEFILM L.A. Dragnet 04:55 SOAP OPERA Febbre d'amore

OGGI IN T Maximum Risk Rete 4 ore 21,30 Regia: Ringo Lam

Cast: Jean-Claude Van Damme Natasha Henstridge Zach Grenier Jean-Hugues Anglade Genere: Thriller Durata 100 min. Produzione: USA 1996. Nel Sud della Francia muore un uomo (J.-C. Van Damme), inseguito da due sicari: è un russo, emigrato a New York e in odore di mafia, ma anche un sosia, come nota un investigatore, di un ex soldato francese (Van Damme) che parte per New York a scoprire il passato del suo fratello gemello e l'identità dei suoi assassini.

Garfield 2 Italia 1 ore 21.10

Regia: Tim Hill. Cast: Breckin Meyer, Jennifer Love Hewitt, Billy Connolly, Lucy Davis, Ian Abercrombie, Veronica Alicino Titolo originale Garfield: A Tail of Two Kitties. Genere: Commedia Produzione: USA 2006 L'aristocratico Principe, gattone viziato e raffinato assai simile al celebre Garfield, eredita il castello (l'Howard Castle presso York) della sua nobile padrona, suscitando le ire di Lord Dargis, l'avido nipote della donna che voleva sostituirlo con un lussuoso (e lucroso) centro benessere. Lord Dargis cerca di liberarsi del micione gettandolo in un fiume che lo trascina fino a Londra. Caso vuole che anche Garfield

82’ si trovi nella capitale del Regno Unito per impedire al proprio padrone di chiedere la mano alla bella veterinaria di cui è innamorato. Il rozzo felino americano è scambiato per il suo simile britannico e portato al castello, dove dà il via a una serie di catastrofici incidenti. Pensata per il pubblico dei più piccoli, la 2ª avventura cinematografica del pigro e scorretto gatto dei fumetti ricicla la trama del romanzo di Mark Twain Il principe e il povero (1881). La sceneggiatura di Joel Cohen e Alec Sokolow riesce a condurre in porto la commedia con garbo e dosata ironia: il risultato è godibile, grazie soprattutto alla comicità slapstick cui si presta il buffo gatto (animazione Rhythm & Hues Studios). Fiorello sostituisce Bill Murray nel doppiaggio italiano dei 2 gatti: fenomenale.



il domani