Page 1

Giovedì 22 Gennaio 2009 Euro 1,00 Anno XII - Numero 21

Calabria

Il Cartellone - Appuntamenti in Calabria (da pag. 32 a pag. 43) SELLIA MARINA Una serata all’insegna del divertimento quella proposta dalla compagnia teatrale

SOVERATO Il prossimo sabato 24 gennaio al teatro comunale

Scarpetta rivisitato da Vincenzo Laganà Sud e la Maison D’Art SELLIA MARINA — Una serata all'insegna

del divertimento quella che la compagnia teatrale dell’associazione Sellia Marina ha regalato presso l’oratorio, con l’interpretazione della commedia di Eduardo Scarpetta “Tre calzoni fortunati”, rivisitata dal poliedrico Vincenzo Laganà. A PAGINA 33

CATANZARO

L’epico Brecht di Madre coraggio

SOVERATO — Un grande evento in programma per il prossimo sabato 24 gennaio al teatro comunale di Soverato. Alle ore 21, infatti, è previsto il primo fuori programma della stagione teatrale 2008/2009, uno spettacolo della Maison D’ Art: “Sud”.

A PAGINA 33

VIBO VALENTIA

La Fondazione Federica A PAGINA 32

A PAGINA 32

L’INTERVISTA Sulle emergenze calabresi a colloquio con Angela Napoli (PdL) componente della Commissione parlamentare antimafia

«L’esercito contro la criminalità a Vibo» «Il controllo del territorio deve essere coadiuvato da un intervento nazionale» VIBO VALENTIA — Non abbassare la guardia dinanzi alla ripresa dell’attività criminale sul territorio. Di questo ritorno della violenza che nel Vibonese ha colpito inesorabilmente ne abbiamo parlato con Angela Napoli, deputato del PdL, componente della commissione parlamentare antimafia. «Il controllo del territorio - spiega - dovrebbe essere coadiuvato da un intervento nazionale, con l’invio di presidi militari, anche alla luce del fatto che l’attuale governo nazionale ha inviato militari in varie parti d’Italia, forse in punti nei quali poi questa necessità non era così pressante».

A PAGINA 21

LAMEZIA Nella seduta del civico consesso spazio alla surroga

IL PUNTO SULLE CALABRESI

Petronio neo consigliere

Il Cosenza di Toscano e… la forza dei numeri

LAMEZIA — Un Consiglio comu-

nale con pochi punti all’ordine del giorno: molto sentito per la commemorazione che il sindaco e il civico consesso hanno voluto dedicare al compianto assessore Gianni Lucchino. Inoltre, Petronio è subentrato a Scalese. Angela Napoli

MALTEMPO

Speziali (Pdl): riconoscere lo stato di calamità

patrocinio della Nidil Cgil Calabria, ha organizzato un incontro di studio su “Cultura, lavoro, legalità e precarietà: dati, contraddizioni ed esperienze”

opo diciannove partite, il Cosenza continua a guidare, ininterrottamente dalla prima giornata, la classifica del girone C del campionato di Seconda divisione. Un’altra stagione, dopo il successo in serie D, all’insegna di risultati straordinari grazie a un progetto su cui la società sta lavorando da tempo. L’evidente conferma che nel calcio non si inventa nulla, soltanto con una programmazione mirata si possono raggiungere determinati risultati. Non siamo qui a celebrare il primato del Cosenza, anche perché il campionato è ancora lungo e il primo posto ha un certo valore soltanto a maggio. Però è sembrato opportuno dare il giusto merito a una squadra che con i suoi 43 punti, nei campionati professionistici italiani è al primo posto a braccetto con l’Inter di Mourinho. Identica media, segno evidente che i rossoblu stanno tenendo un'andatura eccezionale. Numeri che mettono in risalto anche le qualità di Mimmo Toscano, che con i suoi 38 anni è uno degli allenatori più giovani della categoria, se non il più giovane e, tra l’altro, esordiente nei professionisti. Prendete appunti: il suo Cosenza è in testa alla classifica da ben 46 domeniche fra serie D e Seconda divisione, nel corso della quali ha raccolto qualcosa come 123 punti sui 159 disponibili nelle 53 partite in cui Toscano si è seduto sulla panchina silana. Primati su primati per il giovane tecnico reggino, messi in risalto anche da una attenta ricerca fatta da Riccardo Tucci, collega giornalista esperto in statistiche.

A PAGINA 25

CONTINUA A PAGINA 46

A PAGINA 23

A PAGINA 31

COSENZA Nella corsa delle Provinciali sarà partita vera e con evidenti ripercussioni regionali

COSENZA

Le insidie “in casa” per Pino Gentile

Tenta di corrompere i finanzieri, arrestato

COSENZA — Magari le aboliranno

COSENZA — Un cittadino cinese

più in là, le Province, ma per adesso saranno cazzotti veri e non a caso Cosenza fitta il suo ring al palcoscenico regionale. Gara vera, abbiamo detto. Perché come già scritto fino alla noia Pino Gentile è già della partita e sta scrutando nelle liste. Oliverio vs Gentile. La voglia non gli è mai venuta del tutto, al fratello maggiore della griffe di Cosenza. A PAGINA 15

di Valter Leone

LAMEZIA TERME

Furti e droga due arresti

tenta di corrompere i finanzieri del nucleo di Polizia Tributaria, impegnati in una attività di sequestro di migliaia di giocattoli pericolosi provenienti dalla Cina, ma viene immediatamente arrestato. Prosegue senza sosta la lotta delle Fiamme Gialle all’illecita immissione sul mercato di prodotti pericolosi per la salute.

A PAGINA 18

A PAGINA 18

LAMEZIA TERME

Scuola, cultura del lavoro e dramma del precariato

LAMEZIA TERME — L’Istituto professionale di Stato “Luigi Einaudi”, con il

D


2 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Un mondo di immagini Il cielo stellato sopra di noi Ma prima l’allenamento

L’udienza papale si prenota anche su internet

Il cosmonauta Charles Simonyi si allena nella capsula spaziale russa a Star City subito fuori Mosca

Il Pontefice seduto nella sala Paolo VI Tra artisti e mangiatori

Spettacoli “di fuoco” affascinano i russi Tutti i mercoledì si svolge in Vaticano l’udienza papale. Grazie a internet, i pellegrini di tutto il mondo possono prenotare

Una delle performance andate in scena nella città di Minsk

Il progetto è stato portato a compimento grazie agli sforzi compiuti in sinergia da americani e iracheni

A Baghdad arriva acqua potabile per duecentomila persone

Il Centro di addestramento di Gagarin Cosmonaut (GCTC) presso Star City, fu creato l'11 gennaio 1960. Qui si sono addestrati tutti gli astronauti russi e anche molti stranieri I russi si impegnarono fortemente nella gara spaziale negli anni ‘50 e ‘60, poi mollarono

Solidarietà per Gaza in arrivo dal Sud Africa

Gift of the givers, associazione umanitaria dello Stato africano, ha raccolto ben 84 tonnellate di materiale

Un volontario tira un carrello contenente parte dei beni destinati alla popolazione nella Striscia. Un ponte aereo vi trasporterà medicinali, materassi, cibo, latte per bambini

Mille ex soldati si schierano contro il Governo inglese

Una parte del nuovo impianto di trattamento realizzato per un quartiere della città, la cui costruzione ha richiesto tre anni e mezzo e 65 milioni di dollari

Dallo stesso padre ma da differenti madri

Nove cuccioli di leone nati in cattività in Germania

La crisi globale colpisce anche il Gigante rosso

Otto dei nove piccoli ricercano conforto stringendosi l’un con l’altro

Un uomo fa il suo carico di lattuga in un mercato all’aperto di Beijing

La Cina ha rallentato la crescita economica

Erano stati impiegati nei test nucleari del 1950, in seguito ai quali sono insorti gravi problemi di salute

Il segretario della Difesa britannico John Hutton posa per i fotografi con le forze di stanza a Kandahar nella sua visita in Afghanistan

Douglas Hern, uno dei veterani che prese parte alle sperimentazioni, immortalato al di fuori della Corte d’assise londinese. E’ uno dei tanti accusatori del Ministero della Difesa inglese, che sostengono di essere stati usati come cavie di laboratorio

Sul campo gli americani hanno già 30 mila unità, contro le 8.100 britanniche. Gli inglesi sono ancora presenti in Irak, nel Sud, con 4.100 soldati

Le truppe britanniche in Afghanistan in parata per il ministro


4 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Mafia Borgetto e Partinico: luce su sei omicidi, una lupara bianca e un tentato assassinio

Decimate le cosche in guerra

PALERMO - Rimasti senza l’autorevole guida dello storico capo mandamento, assetati di potere non hanno esitato, per cercare di conquistarlo, a commettere delitti dando vita ad una sanguinosa faida che ha provocato, alla fine, sei morti ammazzati, una ’lupara bianca’, ed un tentato omicidio. Il terreno di ’battaglia’ è stato quello del mandamento mafioso di Partinico e Borgetto, un tempo ’amministrato’ dai boss Vito e Leonardo Vitale finiti da un pezzo nelle patrie galere. Un territorio ’cerniera’ fra le province di Palermo e Trapani quello di Partinico e Borgetto, e per questo considerato rilevante all’interno di Cosa nostra e sul quale avrebbe anche messo gli occhi anche il superboss trapanese, Matteo Messina Denaro, tuttora latitante. Arrestati i Vitale, a quel punto, la scelta, non gradita ad alcuni, di Maurizio Lo Iacono come ’reggente’, nonostante l’avallo di Bernardo Provenzano, ha scatenato un putiferio di fuoco che

ha preso il via con il delitto di Mario Rappa e dello stesso Lo Iacono fra il giugno e l’ottobre del 2005. Poi è stato un susseguirsi di omicidi, tentativi di omicidio e una ’lupara bianca’ della quale è stato vittima Antonio Frisella. La ferocia delle due ’cordate’ contrapposte, capeggiate da Nania-Giambrone e Corrao-Salto, è stata ricostruita dai magistrati della Dda di Palermo e dai carabinieri di Monreale che a conclusione di una indagine denominata «Carthago» hanno convinto il Gip ad emettere 16 ordinanze di custodia cautelare, 15 delle quali sono state notificate ai presunti vertici e gregari delle due fazioni contrapposte nella ’corsà al potere. L’unico a non aver ricevuto il provvedimento restrittivo è il latitante Domenico Raccuglia. Agli indagati, comunque non sono stati contestati i singoli delitti ma i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione e detenzio-

Il commercio andava avanti per tutta la giornata con spacciatori che si alternavano in turni da dieci

Drive-in dello spaccio tra bimbi e pizze calde Manette nel Napoletano NAPOLI - Spacciavano nella zona del «Quadrilatero delle carceri», vecchia roccaforte del clan Gionta, dandosi il cambio per coprire l’intera giornata in un vero e proprio sumermarket della droga. Il «drive in» degli stupefacenti, come l’hanno definito gli inquirenti, è stato smantellato ieri dalla polizia che ha eseguito all’alba le 25 ordinanze di custodia cautelare (21 arresti e 4 notifiche in carcere) emesse dalla Procura di Torre Annunziata in collaborazione con il Tribunale dei Minori, visto che due indagati sono minorenni. Gli arresti sono arrivati al termine di una lunga indagine coordinata dal procuratore capo Diego Marmo e dall’aggiunto Raffaele Marino che per evitare la sorveglianza delle sentinelle che avvertivano gli spacciatori hanno fatto piazzare una telecamera in un’auto in sosta a Largo Pescatore. E quelle immagini hanno mostrato uno scenario di quotidiana convivenza con l’illegalità, in cui i bambini vanno a giocare con gli spacciatori e ricevono da loro dei soldi, mentre la titolare di una friggitoria porta pizze calde al pusher di turno per evitargli di dover abbandonare l’attività per pranzo e cena. E di sostentamento dalla vendita di cocaina, hashish e crack ne arrivava molto: il commercio andava avanti per tutta la giornata con spacciatori che si alternavano in turni da dieci ore ciascuno per servire circa 1000 clienti al giorno con un incasso medio quotidiano di 50.000 euro. Cifre che rendevano l’incrocio tra via Castello, via Bertone e Largo Pescatore una delle piazze di spaccio più grandi della Campania, che doveva chiaramente agire con la benevola benedizione del clan Gionta. I clienti erano di tutte le età, dai ragazzini agli anziani, ma l’angolo dello spaccio era anche un luogo di ritrovo per le persone della zona, che si intrattenevano con il pusher di turno, e lo avvertivano dell’eventuale arrivo di auto delle forze dell’ordine che, infatti, trovavano l’angolo sempre deserto. Le immagini della polizia mostrano episodi surreali, come quando Pasquale Romito, detto ’o Turco, ruba l’antenna della radio ad un cliente distratto dallo spacciatore durante l’acquisto, ma anche l’inquietante arrivo di clienti accompagnati da bambini che, spiega Marino, «vedevano gli enormi guadagni di queste persone con il minimo sforzo e li consideravano come degli eroi».

Sedici ordinanze di custodia cautelare eseguite dai Cc ne di armi. L’ indagine condotta dai carabinieri, non ha potuto contare sulla collaborazione neppure delle parti offese. Nel tentativo di ’scalatà i due gruppi criminali, secondo quanto emerge dall’inchiesta, non avrebbero esitato ad ’appoggiarsì, i Nania-Giambrone ai Lo Piccolo, mentre Corrao-Salto al latitante Raccuglia. Gli investigatori hanno riscontrato ulteriormente, se ce ne fosse bisogno, l’esistenza dei collegamenti, attuali, fra la mafia siciliana e quella degli Stati uniti. È stato accertato infatti che il boss Francesco Nania, arre-

stato negli Usa lo scorso anno, influiva in maniera determinante sulle scelte criminali che avvenivano in Sicilia e, con una certa frequenza, riceveva pure esponenti mafiosi siciliani. Fra i vari episodi

criminali ricostruiti dai militari dell’Arma nei due anni di indagini anche il tentativo degli uomini della cosca di Partinico di uccidere Antonino Giambrone. E si è così scoperto, grazie alle ’pulcì sapien-

temente installate dai militari dell’Arma, che per provare le armi i killer hanno pure sparato, uccidendoli, ad alcuni cani randagi nella campagne di Borgetto. I carabinieri hanno avuto modo di

Stroncata una struttura camorristica radicata da tempo nella capitale e ded

Croceviadiinteressiilleciti:41 Le mani della criminalità organ Vincenzo Sinapi

ROMA - «Roma si conferma crocevia importante per interessi illeciti di tipo mafioso» portati avanti da diversi gruppi criminali «che riescono a convivere pacificamente», perchè ci sono affari e spazio per tutti. Il colonnello Mario Parente, vicecomandante dei carabinieri del Ros, sintetizza così il bilancio dell’operazione ’Orchidea’ che ha portato ieri all’arresto di 41 persone, componenti di una struttura camorristica radicata da tempo nella capitale, dedita al narcotraffico internazionale. E non solo. A capo dell’organizzazione, secondo l’accusa, il boss Michele Senese, «un personaggio - ha detto Parente - legato al clan Moccia di Afragola ed attivo sulla scena criminale romana da molti anni». Il gruppo che a lui fa capo avrebbe organizzato l’importazione dall’estero, in particolare Spagna ed Olanda, di centinaia di chili di cocaina ed hascisc poi commercializzati soprattutto sul mercato laziale e campano. Ma soprattutto, «oltre ad essere in rapporti con storici esponenti della criminalità romana, quali Enrico Nicoletti, è diventato negli anni - ha affermato l’ufficiale - punto di riferimento per diversi gruppi criminali mafiosi: non solo storici clan camorristici, ma anche di Cosa nostra siciliana e pugliesi» che

Operazione Orchidea Capo della «banda» secondo l’accusa, il boss Michele Senese

gestiscono ciascuno i propri affari illeciti, «infiltrando il mercato legale, senza contrasti tra loro». Si può parlare dunque di una sorta di interessata ’pax criminalè? «In linea di massima è così», risponde il coordinatore della Dda di Roma, Giancarlo Capaldo, secondo cui «il territorio offre molto ed è in

grado di soddisfare gli appetiti di diverse organizzazioni, che possono convivere senza motivo di scontrarsi tra loro». Questo però «’non significa - ha subito aggiunto Capaldo - che tra queste organizzazioni vi sia un accordo trasversale per spartirsi gli affari illeciti, anzi le indagini dicono che non è cosi». Insomma, ha aggiunto

il colonnello Parente, «non si può parlare, a Roma, di un controllo del territorio di tipo mafioso», come avviene in altre zone d’Italia. Nell’ambito dell’operazione ’Orchidea’ oltre alle 41 persone arrestate, altre 30 sono state indagate a piede libero: perquisizioni sono state effettuate in Lazio, Campania, Lombardia, Emilia Romagna, Abruzzo e Puglia.


il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 5

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

ascoltare pure i dettagli del progetto di omicidio scoprendo che da tempo i sicari seguivano i movimenti e le abitudini dell’uomo. Anche i carabinieri erano pronti ad intervenire per evitare il delit-

to, ma fortunatamente per lui, Giambrone venne richiamato d’urgenza negli Usa da Nania che, evidentemente, aveva avuto sentore di quanto stava per accadere al suo complice.

ita al narcotraffico internazionale

La cattura del boss di Cosa nostra Bernardo Provenzano l'11 aprile 2006 Ricercato dal 9/05/’63 Una latitanza di oltre 40 anni

La Lav si costituirà parte civile contro gli autori di questi «delitti»

Giambrone, però, non riuscì a sfuggire al piombo il 31 ottobre del 2007 quando dei killer in moto lo crivellarono con 11 colpi di pistola. Poco prima, a luglio, era stato ucciso, sotto casa, Giuseppe Lo Baido. Nella scia di sangue provocata dalla faida, c’è da aggiungere anche il duplice omicidio del 12 febbraio dello scorso anno, quando sotto i colpi dei sicari finirono i fratelli Gianpaolo e Giuseppe Riina sorpresi in un bar di Partinico. E ancora il tentato omicidio di Nicolò Salto, del 19 ottobre scorso a Borgetto. L’uomo rimase gravemente ferito ieri, è finito in cella. «Il successo dell’operazione infierisce un duro colpo ai mandamenti di Borghetto e di Partitico e dà nuova speranza ai cittadini siciliani. Vivi complimenti al dda palermitano e alle forze dell’ordine, che non abbassano la tensione e confermano un formidabile impegno sul territorio». Lo afferma Sergio D’Antoni, responsabile Mezzogiorno del Partito democratico. «Da qualche tempo in Sicilia e in tutto il Mezzogiorno - afferma D’Antoni in una nota - si respira un’aria nuova. Inquirenti, società civile e parti sociali marciano nella direzione giusta: ora la parola passa al governo nazionale e a quello regionale. Servono leggi che garantiscano certezza della pena e provvedimenti capaci di portare sviluppo economico e lavoro al Meridione. Solo in questo modo l’Italia - conclude - riuscirà a debellare le condizioni che sono alla base del fenomeno mafioso».

PALERMO - In due anni e mezzo la guerra fra le cosche mafiose del palermitano ha provocato sei vittime e alcuni feriti, fra cui un boss. Da un lato le cosche guidate dal boss Lo Piccolo, che tentavano di espandersi verso il trapanese, dall’altro il clan del latitante Matteo Messina Denaro. L’inchiesta, denominata «Carthago», è sfociata in 16 ordini di custodia richiesti dalla Dda di Palermo, decapitando di fatto i vertici delle cosche di Borgetto e Partinico, due paesi della palermitano, definiti dagli stessi indagati nelle intercettazioni, il «far west della mafia». Alcuni indagati, per mettersi al riparo da possibili vendette, avrebbero trovato riparo negli Usa. Per essere sicuri che i loro piani di morte andassero a buon fine, gli uomini del clan di Partinico si esercitavano a sparare sui cani randagi nelle campagne di Borgetto. La Lav ha annunciato che si costituirà parte civile contro gli autori di questi «delitti». Il capo della procura di Palermo, Francesco Messineo, spiega: «Il territorio di Partinico è inquinato da un’alta densità di presenza mafiosa. Per questo l’operazione è molto importante». La «guerra di mafia», dalle indagini, sembrava essersi conclusa a favore della fazione capeggiata da Salvatore Corrao e Nicolà Salto. I carabinieri hanno registrato che il denaro necessario per il sostentamento dei detenuti ed il mantenimento dei fa-

Le vittime della faida palermitana Sui cani randagi un tiro a segno La faida Esplosa negli ultimi anni tra Partinico e Borgetto, si è combattuta tra i territori che erano guidati dai boss Lo Piccolo, che tentavano di espandersi nel trapanese, dove comanda il latitante Matteo Messina Denaro San Vito lo Capo Monreale

Castellammare del Golfo

Trapani

Palermo

Borgetto Partinico

A19

Alcamo A29

SICILIA Corleone

Marsala Prizzi

Castelvetrano

LE VITTIME Il 24 giugno Mario Rappa è assassinato nelle campagne di Monreale. Il 3 ottobre i sicari delle cosche uccidono Maurizio Lo Iacono a Partinico, mentre è a bordo della sua automobile

2005

Il 19 magggio Antonio Frisella scompare per lupara bianca. Il 13 luglio i killer uccidono Giuseppe Lo Baido a Partinico e il 31 ottobre i sicari, giunti a bordo di una motocicletta, fanno irruzione nell'officina di Borgetto in cui lavorava Antonino Giambrone, uccidendolo con 11 colpi

2007

2008

Il 12 febbraio sono uccisi in un bar di Partinico i fratelli Gianpaolo e Giuseppe Riina ANSA-CENTIMETRI

miliari dei mafiosi, cominciava ad essere assicurato dalle attività illecite, che erano appannaggio esclusivo della gestione «vincente». Una circostanza confermata anche dalla lista degli imprendi-

tori che pagavano il «pizzo» sequestrato alcuni mesi fa dai carabinieri ad Antonio Salto, figlio minore del boss di Borgetto, fermato a un posto di blocco con 70 mila euro in contanti.

La drammatica traversata su un semplice gommone dalle coste della Libia fino all’isola siciliana Il Sindaco al premier e al Papa: “Illumini Maroni perchè non crei strutture che il popolo non vuole”

1arrestideiRos “Morivano per la fame e per il freddo” nizzata su Roma A Lampedusa sbarcati 64 clandestini Il governatore della Regione Lazio Piero Marrazzo: “Inferto un duro colpo”

Sul fronte del riciclaggio del denaro frutto del narcotraffico, le indagini hanno accertato gli interessi del gruppo nella ricettazione di preziosi (in manette è finito anche un gioielliere) e nell’abusivo esercizio dell’attività finanziaria. In particolare, l’organizzazione a delinquere avrebbe esercitato «il controllo quotidiano delle aste pubbliche presso il

banco dei pegni di Roma», infiltrandosi anche nel mercato della compravendita di autovetture, un settore in cui veniva assicurato un supporto finanziario occulto a imprese decotte allo scopo di rilevarne la gestione. Sequestrati beni mobili e immobili per alcune decine di milioni di euro. Secondo il procuratore Capaldo, quello delle «infiltrazioni di appartenenti ad associazioni mafiose - calabresi, campane o di altre origini - nel territorio di Roma e del Lazio, è un fenomeno sempre più pericoloso e attuale»: per questo l’operazione del Ros costituisce «una forte risposta dello Stato». Dello stesso avviso il sindaco della capitale, Gianni Alemanno, secondo cui è stato inferta «una battuta d’arresto nei confronti dell’infiltrazione della criminalità organizzata nella nostra città». «Un duro colpo - per il governatore del Lazio Piero Marrazzo - per quella criminalità organizzata che ha fatto di Roma e del Lazio un punto di passaggio, e a volte una testa di ponte, per affari illeciti di ogni genere».

Le minacce degli scafisti: “Non parlate o getto un neonato”

I testimoni immigrati parlano anche di 10 morti

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) Potrebbero essere una decina i morti durante la drammatica traversata che ha portato a terra, a Lampedusa, 64 migranti intercettati all'alba dai carabinieri sulla spiaggia di Cala Pisana. Lì è stato trovato un cadavere: secondo alcuni superstiti sarebbe lo scafista alla guida dell'imbarcazione. «Altre otto o dieci persone sono morte di stenti, durante la traversata» hanno detto i testimoni -. Morivano per le fame e per il freddo, scivolando in mare. Nessuno di noi era in grado di aiutarli». Una versione che gli inquirenti stanno vagliando e che per il momento non trova conferme. Le motovedette perlustrano comunque il tratto di mare antistante l'isola per recuperare eventuali altri corpi. Il gommone utilizzato per la traversata è stato recuperato a circa un chilometro e mezzo da Cala Pisana, dove sono stati intercettati gli extracomunitari, tutti provenienti dall’Africa sub sahariana. I migranti sono già stati trasferiti nel Centro

tentativo, avrebbero minacciato di gravi rappresaglie gli altri extracomunitari se avessero fornito agli investigatori italiani elementi utili alla loro identificazione. Il commissario europeo alla Giustizia, Jacques Barrot si recherà nei prossimi giorni a Lampedusa per rendersi conto personalmente della situazione degli immigrati. E lancia appelli al Papa e al presidente Silvio Berlusconi, il sindaco di Lampedusa, Bernardino De Rubeis. Al premier dice: «chiarisca cosa intende fare dell’isola e della sua popolazione, tenendo conto che è idea del ministro Maroni quella di creare strutture che il popolo non vuole». Al Pontefice chiede un intervento «affinchè illumini le menti, soprattutto quella di Maroni». «Noi - prosegue - vogliamo essere accoglienti verso questi disperati ma non accettiamo nè carceri nè centri di espulsione». «E poi credo che Maroni sia confuso. Si può espellere quando è certa la provenienza di un immigrato, - osserva - altrimenti non si può fare».

Gli sbarchi in Italia nel 2008

90 x 110

I numeri dell'immigrazione clandestina

60 x 130

Le rotte e le vittime dei viaggi della speranza

130 x 100

Le vittime dei viaggi della speranza nel Canale di Sicilia

90 x 110

La mappa dei Centri di prima accoglienza

90 x 140 90 x 90

La scheda dell’isola di Lampedusa La mappa dei principali Paesi di provenienza degli immigrati clandestini

di prima accoglienza, dove adesso si trovano 1850 persone. Ed a Pozzallo (Ragusa), sono stati fermati 5 extracomunitari accusati di essere gli ’scafisti’ della barca con cui 2 giorni fa 228 migranti sono giunti in Sicilia. Per non farsi tradire dai migranti, li avrebbero minacciati

150 x 90

anche fingendo di gettare in mare un neonato. Secondo l’accusa, i cinque prima dall’arrivo si sarebbero confusi tra i clandestini e avrebbero cercato di fare rovesciare l’imbarcazione e farla affondare, per non lasciare tracce sulla loro presenza. Non riuscendo in questo


6 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Una promessa fatta in campagna elettorale

Attentato a Herat, muoiono due afghani

WASHINGTON - Il primo giorno vissuto alla Casa Bianca per gli Obama è stato molto speciale: come promesso in campagna elettorale, ieri è stata aperta al pubblico, e sia per le fatiche di martedì, sia per l’eccitazione di ieri, a Sasha e Malia Obama i genitori hanno concesso un giorno di riposo speciale: niente scuola. «È per questo che sono contenta della decisione di mia madre di venire a vivere con noi - ha aggiunto la first Lady riferendosi alla madre Marian - perchè la sua presenza rende un pò più facile la mia vita di madre».

ROMA - Un’auto-bomba saltata in aria vicino a una base Nato; due soldati afghani morti, oltre all’attentatore suicida, e altri tre feriti: questo il bilancio dell’ennesimo attentato in Afghanistan. L’attacco è avvenuto ieri nei pressi di Camp Stone, una base della missione Isaf della Nato che ospita, oltre a soldati spagnoli e sloveni, anche un centinaio di militari italiani. Quando però il kamikaze si è fatto esplodere al passaggio di una pattuglia, questa era composta solo da militari locali: due sono morti, mentre tre sono rimasti feriti.

Casa Bianca aperta a tutti nel primo giorno di Barack

Kamikaze sulla base dei militari italiani

Finalmente: Barack nello Studio Ovale

Soldati italiani sul luogo dell’attentato

Il neo presidente degli Stati Uniti è deciso a chiudere entro l’anno il controverso carcere Si va verso il blocco dei processi a carico dei detenuti rinchiusi nella struttura di Cuba

Obama: Guantanamo ha i mesi contati Affrontata anche in un giro di telefonate l’emergenza in Medio Oriente WASHINGTON - Barack Obama non ha fatto trascorrere invano il suo primo primo giorno da presidente degli Stati Uniti ed ha posto mano a due autentiche emergenze, Guantanamo e il Medio Oriente. Anzitutto mettendo in una bozza l'ordine di chiudere il carcere entro il 2009. Su suo ordine, poi, i pubblici accusatori dei tribunali di Guantanamo per i crimini di guerra hanno chiesto ai giudici militari di 'congelare' per 120 giorni i casi in sospeso ed è stato annunciato che il Pentagono riesaminerà completamente le procedure per la detenzione dei prigionieri accusati di terrorismo, in attesa di nuove diret-

“Mi impegnerò per un’intesa durevole tra israeliani e palestinesi”

Ma i giornali iraniani non fanno sconti di sorta

La stampa dei Paesi arabi divisa tra speranza e diffidenza ROMA - Il discorso di Obama è stato accolto con parole di speranza sui giornali dei Paesi arabi moderati e con scetticismo su quelli anti-Occidentali. Fra i primi c’è il quotidiano panarabo Al Sharq Al Awsat, secondo cui “Abbiamo scelto la speranza e non la paura”; sulla stessa linea Al Hayat, secondo cui Obama resuscita il sogno americano non solo con la forza, ma anche con lo sviluppo e con l’apertura”. Meno impressionato è l’iraniano Keyhan, dove si preferisce sottolineare la pioggia di scarpe su Bush che se ne va, mentre su Obama il giornale osserva acido che “non è tive da parte della Casa Bianca. Ieri un giudice ha annunciato la sospensione del processo a cinque

Il quotidiano iraniano Keyhan è tra i più critici sull’elezione di Obama e sulle prospettive per il mondo

stato un giorno speciale, perchè niente cambierà”. In Libano as Safir ritiene che Obama “cercherà di riconciliare l’America con se stes-

presunti responsabili delle stragi dell'11 settembre, che era in preparazione nella base americana a Cu-

sa e con il mondo”, mentre il saudita al Watan si augura che il nuovo presidente “porti l’America lontano da azioni infantili”.

ba: i cinque rischiano tutti la pena di morte. Dall'ufficio ovale, in mattinata sono partite le prime telefo-

nate ufficiali, fatte a leader mediorientali. Obama ha chiamato per primo il presidente dell'Anp Abu

Mazen, promettendo di impegnarsi per trovare una soluzione duratura alla crisi di Gaza e assicurando di voler ''lavorare con lui e i suoi partner per stabilire una pace duratura nella regione''. Ha poi parlato con il premier israeliano Ehud Olmert, il presidente egiziano Hosni Mubarak, il sovrano giordano Abdallah II. Nel suo colloquio con Obama, Olmert ha auspicato che l'impegno internazionale contro i traffici di armi verso Gaza possa consolidare il processo di pace e ha assicurato che Israele "farà ogni sforzo" in favore delle esigenze umanitarie della popolazione palestinese della Striscia.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 7

Attualità

Sequestrato per quindici giorni. Gli aguzzini sono quattro uomini tra i 24 e i 31 anni

Seviziatodabandadigiostrai un muratore disabile psichico TREVISO - In una ventina di filmati c’è la storia di 15 giorni di sevizie e torture sessuali a cui è stato sottoposto un uomo di 32 anni, con problemi psichici, residente nel trevigiano. I presunti aguzzini sono tre giovani giostrai posti in stato di fermo dai carabinieri di Montebelluna (Treviso). Un quarto è accusato di aver compiuto un raid contro la vittima dopo che aveva fatto ritorno a casa. Anche per lui è scattato il fermo. Nei loro confronti la procura di Treviso aveva chiesto delle misure cautelari, ma il pericolo di fuga e il rischio - come ha detto il procuratore Antonio Fojadelli - di nuovi soprusi «vista la situazione di parziale menomazione della vittima» ha fatto accelerare il corso delle indagini. La trama orribile di questa storia di sevizie ha avuto inizio nell’ottobre scorso quando l’uomo, muratore, in un bar di un paesino sarebbe stato convinto da uno dei giostrai a seguirlo con la scusa di aiutarlo nella posa di un pavimento nella sua casa a Musano di Trevignano, nel trevigiano. In cambio, gli avrebbe assicurato da mangiare. Un particolare che dà il segno del difficile quadro sociale in cui sono maturati i soprusi. La vittima, il fratello e il padre, che soffrono di problemi legati all’alcol, da tempo infatti sono seguiti dagli assistenti sociali della zona dove risiedono. Una volta fatto entrare nello scantinato dell’abitazione, però, per l’uomo è sceso il buio che è durato una quindicina di giorni, fino a quando è tornato libero e ha fatto ritorno nella sua abitazione. Nei confronti degli aguzzini non risulta sia stata avanzata l’ipotesi di sequestro di persona, mentre le accuse vanno da violenza privata a violenza sessuale di gruppo. In quei giorni di segregazione nello scantinato, come testimonierebbero i filmati, il trentaduenne avrebbe subito ogni tipo di sevizia, con l’uso anche di alcuni oggetti. Non ci sarebbe stato, invece, un rapporto carnale, mentre nelle scene registrate pare con telefonini comparirebbe un cane. Una volta a casa, davanti alle richieste dei familiari sulle ragioni di una assenza così lunga, il trentaduenne aveva raccontato solo alcuni episodi delle tante angherie subite. Alcune settimane dopo, però, il fratello durante un incontro con un avvocato, membro dei Lions di zona che segue le famiglie disagiate, aveva parlato di quanto era successo al congiunto. Il legale si era quindi recato dai carabinieri. Una volta convocato in ca-

I carabinieri hanno trovato anche una ventina di filmati I responsabili del gesto sono tre giovani giostrai. A sinistra, una giostra Lo stato di fermo è stato eseguito dai carabinieri di Montebelluna, nel Trevigiano

serma, il trentaduenne avrebbe sì confermato il racconto ma avrebbe detto di non voler presentare denuncia. Le indagini sono comunque proseguite d’ufficio, visto che era stato ravvisato il reato di violenza sessuale di gruppo. Qualche giorno fa sono così scattate delle perquisizioni a carico degli indagati. Proprio durante questi controlli sarebbero stati trovati

i filmati che hanno permesso di accelerare le indagini fino ad arrivare ai quattro fermi. Oltre ai tre indagati per le sevizie, il quarto è accusato di lesioni personali gravi. Tutti hanno un’età compresa tra i 24 e 31 anni e risiedono in alcuni paesini del trevigiano. La vittima, assieme al padre e al fratello sarebbero stati accompagnati in una struttura protetta fuori Ve-

neto. Indagini sarebbero in corso anche per capire se un incendio, pare di origine dolosa, che ha danneggiato qualche giorno fa la casa dove viveva il trentaduenne possa essere riconducibile o meno alla vicenda delle sevizie. Il pericolo di fuga e la possibilità di nuovi soprusi da parte dei sospetti ha fatto scattare i fermi dei quattro giostrai. L’indi-

cazione arriva dal procuratore della Repubblica di Treviso Antonio Fojadelli. «Avevamo richiesto una misura cautelare - ha detto Fojadelli - ma visti un pericolo concreto di fuga e il rischio di una reiterazione della condotta criminosa vista la situazione di parziale menomazione della vittima abbiamo deciso di intervenire con rapidità e fermarli». Fojadelli ha aggiunto

che adesso aspetta la convalida dei fermi, ma che l’udienza non è ancora stata fissata. Nessuna indicazione da parte del magistrato, invece, sui nomi delle persone indagate. Fojadelli con amarezza ha infine commentato che in tanti anni in magistratura «ogni volta rimango sorpreso dalla gravità e crudeltà di certe condotte criminali».

Tutta Italia conta i danni del maltempo

La conferenza stampa in questura a Livorno

Un’infermiera manometteva i risultati oncologici creando ritardi nella diagnosi di tumori

Alterava i referti medici, arrestata LIVORNO - Manometteva i referti del Corat di Livorno, il centro di raccolta degli esami oncologici della Asl, e poi li spediva ai pazienti. È l’accusa per la quale un’infermiera è stata arrestata, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. I referti manomessi sarebbero stati più di 400, 33 pap test e 368 al colon retto, e questo avrebbe provocato ritardi nella diagnosi di 18 casi di tumore al colon. L’infermiera, Susanna Fiorini, 49 anni, è accusata di lesioni personali aggravate, falsità materiale commessa da dipendente pubblico incaricata di pubblico servizio e abuso d’ufficio. Gli inquirenti temono che i casi di tumore diagnosticato in ritardo possano essere superiori ai 18

già scoperti e per questo la procura ha dato incarico a un medico di svolgere una consulenza tecnica sui referti manomessi. L’infermiera, prima spostata di incarico, attualmente in ferie, sarà sospesa dal lavoro. Le indagini, coordinate dai pm Paola Rizzo e Giuseppe Rizzo e condotte dalla squadra mobile guidata da Marco Staffa, sono scattate a luglio, dopo una denuncia della Asl, e hanno riguardato i test svolti dal 2006 al 5 luglio 2008, relativi al colon retto e alla cervice dell’utero. Secondo gli investigatori, l’infermiera avrebbe falsificato i referti attraverso un articolato lavoro di fotocopiatura, sostituendo e manomettendo gli originali. Poi avrebbe spedito a casa dei pazienti i referti alterati,

inserendo nella banca dati del Corat i risultati falsificati. Ancora poco chiaro, invece, il movente del sabotaggio. Gli inquirenti non escludono che la donna abbia agito per rappresaglià contro l’efficienza del Corat o che l’abbia fatto per snellire il proprio lavoro e dunque evitare di richiamare quei pazienti sottoposti allo screening per i quali erano necessari ulteriori approfondimenti clinici. «La mia assistita respinge ogni addebito e si dichiara estranea alla vicenda. È già stata ascoltata tre volte come persona informata sui fatti, durante le indagini, e in quelle occasioni ha spiegato di non sapere chi abbia manomesso quei referti» ha detto l’avvocato Alberto Uccelli, che la difende.

Trasferiti a Bologna gli atti del processo

Previsto anche un intervento alla Corte suprema brasiliana

ROMA - Giovanni Consorte e il suo braccio nanzi alla Suprema Corte, insieme con il destro Ivano Sacchetti escono “puliti” dalla professor Renzo Costi. Cassazione - che ha appena annullato la loro Per quanto riguarda la sussistenza del reato condanna per insider trache si concretizza nella rivelading e azzerato il processo Annullata zione di informazioni riservatrasferendo gli atti a Bologna la condanna per te, Sgubbi rileva: «Non ho - e «possono svolgere qualun- “insider trading” mai capito perchè abbiano que attività manageriale percondannato Consorte e Sacper lui e il socio chè non hanno più alcuna chetti che hanno sempre agicondanna nè sanzioni accessorie che limiti- to nell’interesse dell’Unipol, operando su no il loro operato». Lo dice all’ANSA il pro- strumenti finanziari i cui termini di rimborfessor Filippo Sgubbi che ha difeso l’ex presi- so erano pubblicati sulle comunicazioni sodente e l’ex vicepresidente dell’Unipol, in- cietarie».

ROMA - Sono allo studio e stanno per essere na pervenuta la notizia della concessione delassunte una serie di iniziative con la «predi- lo status di rifugiato politico a Cesare Battisposizione di tutti i ricorsi possibili» dai par- sti, e auspica che siano «create le condizioni» te dei ministri della Giustizia per «rivedere» le decisioni e degli Esteri, compreso un Il ministro prese dal governo brasiliano. «intervento presso la Corte Elio Vito L’esecutivo, ha aggiunto il misuprema brasiliana» per chie- ieri al question-time nistro per i Rapporti con il dere l’estradizione di Cesare parlamento rispondendo a della Camera Battisti. Lo ha detto ieri al un’interrogazione dell’ Italia Question Time della Camera il ministro per i dei Valori, «condivide lo stupore e il profonRapporti con il Parlamento, Elio Vito. Il go- do rammarico» espresso dal presidente della verno, ha ricordato Vito, ha già compiuto Repubblica Giorgio Napolitano, dopo la «numerosi passi ai più alti livelli», non appe- mancata estradizione di Battisti all’Italia.

Consorte, per la Cassazione è “pulito” Ricorsi per l’estradizione di Battisti

ROMA - Mezza Italia sott’acqua: nubifragi, neve, valanghe, frane, esondazioni e forte vento. Il maltempo investe soprattutto le regioni del Nord-Est, Veneto e Liguria in testa; ma il dipartimento della Protezione civile ha esteso anche al Mezzogiorno lo stato di allerta già proclamato lunedì per le regioni settentrionali: dalle prossime ore sono previste «precipitazioni diffuse e temporali anche di forte intensità». Sulla parte nord-occidentale della penisola è intanto rientrato l’allarme, ma si fa la conta dei danni: per la Liguria si stima che ammontino a milioni di euro. Campagne isolate, danni ingenti all’agricoltura. È inoltre allarme valanghe, in Trentino e sulle Dolomiti. Campagne isolate, aziende agricole in difficoltà, terreni allagati, smottamenti e frane, danni nei campi coltivati ad ortaggi, per le serre, le strutture aziendali e i macchinari: questo, secondo la Cia-Confederazione italiana agricoltori, un primo bilancio di maltempo che ha colpito l’Italia, in particolare in Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Campania e Sicilia. L’associazione ancora non quantifica i danni, ma sottolinea che «per le zone colpite è stato richiesto lo stato di calamità naturale». Secondo la Cia, le piogge violente «hanno distrutto coltivazioni orticole, mentre sono stati devastati dalle acque i campi appena seminati a cereali». Risultato: «In alcune zone deve essere effettuata la risemina per il grano».


8 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità Il presidente della Liguria: “Giusto incrociare le braccia”

Il portavoce Pd: “Si faccia presto piena chiarezza sull’accaduto”

Pagliarini (Pdci): “Ma il testo unico sulla sicurezza ora è a rischio”

GENOVA - «Tutti dobbiamo fare di più perché questi lutti cessino e bene fanno i sindacati a scioperare», ha detto il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando.

GENOVA - Andrea Orlando, portavoce del Pd: «Auspico che tutte le autorità competenti compiano al più presto le più approfondite verifiche su quanto accaduto».

GENOVA - Il responsabile lavoro Pdci, Gianni Pagliarini: «Ma il governo prova a picconare il Testo Unico sulla sicurezza del centrosinistra col plauso di Confindustria».

A La Spezia un operaio è morto schiacciato da un carrello I sindacati hanno indetto 24 ore di sciopero per tutta la categoria Ci sta pensando il Parlamento europeo

La galera se assumi irregolari BRUXELLES - La commissione Libertà civili del Parlamento europeo ha approvato ieri la proposta per introdurre sanzioni penali per i datori di lavoro che assumono immigrati non in regola. La commissione parlamentare ha approvato per 46 sì 6 no e un astenuto una proposta di compromesso del relatore Claudio Fava (Sd) negoziata con la presidenza di turno dell’Ue, che sarà votata in plenaria il 19 febbraio In particolare la proposta di direttiva prevede sanzioni finanziarie e anche penali, nel caso in cui le violazioni siano particolarmente gravi e cioè quando siano reiterate, quando riguardino un numero significativo di immigrati illegali e si verifichino condizioni di sfruttamento del lavoro, o di traffico di esseri umani o se si tratta di minori. La direttiva, che fa il paio con quelle sul rimpatrio e sulla carta blu e che si inserisce nel contesto della lotta Ue all’immigrazione clandestina, prevede anche che i datori di lavoro paghino gli arretrati e i contributi che sarebbero spettati al lavoratore se fosse stato messo in regola. Una deroga alle sanzioni finanziarie, riducendole, è stata introdotta se il datore di lavoro è un privato che dà lavoro a un immigrato clandestino per fini privati, quindi in casa, senza condizioni di sfruttamento. Si sollecitano gli Stati ad adottare meccanismi efficaci per garantire agli immigrati ’sans papier’ di denunciare i datori di lavoro.

I porti listati a lutto Tre incidenti gravi nel bilancio di ieri Arrestato titolare di una cava

I portuali oggi incrociano le braccia per protestare contro l’ennesima morte sul lavoro che ha colpito la loro categoria. Nella giornata di ieri anche tre infortuni gravi

ROMA - Un operaio morto al porto di La Spezia, due feriti gravi a Milano e Savona. È il tragico bilancio degli incidenti sul lavoro avvenuti ieri, «una catena che va interrotta» secondo Cgil che insieme a Cisl, Uil e Ugl ha proclamato uno sciopero delle attività portuali. Una lotta alle morti bianche che si affianca alle attività delle forze dell’ordine che nella notte hanno arrestato in Puglia uno dei datori di lavoro dell’operaio morto l’altro ieri in una cava per l’estrazione del marmo: l’accusa è di omicidio colposo. L’ultima tragedia al porto di La Spezia. È morto sul colpo l’operaio del porto di La Spezia che ieri mattina è stato travolto da un grosso carrello mentre lavorava alla movimentazione delle merci: la lesione da schiacciamento dell’addome è stata tanto violenta e netta da tranciare il corpo in due. Il sindaco della città, Massimo Federici, ha chiesto il «pieno rispetto del diritto alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Aspetteremo le verifiche, per capire. Resta il fatto che si continua a morire sul lavoro, e che questa strage va fermata». Lorenzo Cimino, segretario della Cgil spezzina, ha espresso solidarietà alla famiglia del lavoratore, rilanciando la necessità di una sicurezza ancora maggiore. Sciopero nei porti. Intanto Filt

te ferito l’operaio che ieri è caduto da una scala nel cantiere per la ristrutturazione di una palazzina in località Maschio, a Savona. Un altro incidente sul lavoro si è verificato anche in una fabbrica di filati a Castelmartini di Larciano, la Filatura Tipo srl. Un operaio di 51 anni ha riportato gravi ferite ad un braccio che è rimasto incastrato nei rulli di un macchinario. Sono stati i colleghi dell’operaio a bloccare il macchinario e ad aiutare l’uomo a estrarre l’arto lesionato in modo grave all’altezza dell’avambraccio. L’operaio è stato trasportato all’ospedale di Empoli e da qui visto le gravi condizioni con un elicottero al Cto di Firenze. Ha avuto una prima prognosi di 30 giorni. Arrestato il titolare di una cava. A Ruvo di Puglia è stato arrestato con l’accusa di omicidio colposo uno dei titolari della cava in cui lavorava l’operaio morto l’latro ieri, schiacciato da un grosso blocco di marmo. L’uomo, secondo quanto accertato dagli investigatori, dopo l’incidente avrebbe dato ordine ad altri operai di spostare i mezzi meccanici da dove era avvenuto il fatto in un altro punto della cava stessa. É invece ricercato un operaio di Viareggio che l’altro ieri ha sparato contro il datore di lavoro, che opera nel campo dell nautica. Forse il gesto è stato scatenato al mancato pagamento dello stipendio.

Cgil, Fit Cisl e Uil trasporti hanno proclamato uno sciopero di 24 ore in tutti i porti italiani, a partire dalla mezzanotte di oggi.«Il lavoro e la sicurezza dei lavoratori sono le priorità dei porti su cui

devono intervenire urgentemente il Governo e le autorità competenti», affermano in una nota i tre sindacati e, chiedono «un incontro urgentissimo e non più rinviabile con i Ministeri del Lavoro e

dei Trasporti e con tutti gli organi istituzionali competenti». Anche l’Ugl ha annunciato «uno sciopero nazionale dei lavoratori portuali di 24 ore a partire dal primo turno di oggi».

Altri infortuni a Milano, Savona e Montecatini. Un operaio di un’azienda milanese è stato travolto da pesanti tubi in acciaio, riportando fratture al bacino e agli arti inferiori. Ed è gravemen-

La scioccante provocazione scelta a Milano per una mostra sui diritti violati

Novecento lapidi in ricordo dei lavoratori

Iniziativa sui cantieri che uccidono

MILANO - Ogni giorno in Italia quattro persone muoiono sul lavoro. Per comunicare questo drammatico dato la mostra multimediale «Al Lavoro» non si avvale solo di testi, fotografie o video-installazioni, ma anche di lapidi

con incisi i nomi delle morti bianche del 2008. L’esposizione, realizzata da «Progetto comunicazione» con la Provincia di Milano, è stata allestita a Sesto San Giovanni (Milano), dove aprirà i battenti venerdì per concludersi l’8 febbraio. Non solo la morte, ma anche le malattie professionali, i diritti negati, la precarietà, la fatica e l’immigrazione: sono questi i temi della mostra, il cui obiettivo è fotografare la società odierna attraverso una critica analisi delle condizioni imposte ai lavoratori. L’allestimento presenta una serie di aree tematiche, dalla strage della Thyssen di Torino a quella della Eternit di Casale Monferrato, dal lavoro in nero alla questione ambientale. Le lapidi, posizionate ai bordi del pavimento, conduco-

no i visitatori nelle varie sezioni e fungono quindi da filo conduttore tra le diverse aree. «Sono solo 900 sul totale delle 1.300 morti bianche del 2008 - hanno spiegato gli organizzatori - perché in alcuni casi non è stato possibile, nemmeno a distanza di mesi, risalire a tutti i dati necessari». La mostra sfrutta quindi tutti i mezzi comunicativi possibili per compiere il suo racconto e, sulle pareti, gli articoli della Costituzione e dello Statuto dei lavoratori ricordano come si dovrebbe lavorare nel nostro Paese. Completano il quadro i dati Inail relativi alle malattie professionali: ogni anno tra i 3 mila e i 6 mila lavoratori muoiono per tumori dovuti all’esposizione ai metalli, alle polveri sottili e ai solventi.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 9

Cronache in breve Scuola allagata a Napoli Mamme bloccano il traffico NAPOLI - Circa cinquanta donne hanno attuato un blocco stradale di protesta nel quartiere napoletano di Pianura, nella zona di Contrada Pisani. Le donne protestavano per le carenze della scuola elementare della zona che si allaga ad ogni forte pioggia. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani impegnati anche per i grossi disagi creati al traffico dalla protesta delle mamme.

I separatisti musulmani del Kashmir vogliono impedire all’attrice indiana di impersonare una militante islamica in un film: la ritengono troppo sexy

L’Evening Standard ceduto per una sterlina LONDRA - Il miliardario russo Alexander Lebedev - ex spia del KGB e già proprietario del quotidiano ’Novaya Gazetà - ha acquistato una quota di maggioranza del pomeridiano londinese Evening Standard. Lo ha confermato ieri la casa editrice ’The Daily Mail & General Trust’, precisando di aver aver venduto il quotidiano per una «cifra nominale» di una sterlina. L’Evening Standard, infatti, è stato colpito duramente dalla crisi.

Pugni per un ragazzo tra compagne di scuola ANZIO (ROMA) - Aggressione a calci e pugni fra compagne di scuola dopo insulti tramite Facebook per un ragazzo conteso. Protagoniste dell’ennesimo episodio di bullismo giovanile, tre studentesse di 15 anni dell’Istituto Alberghiero di Anzio, località sul litorale vicino a Roma, che dopo essersi insultate via web per tutto il pomeriggio si sono picchiate ieri mattina poco prima di entrare a scuola. In due hanno aggredito una compagna di scuola che ha riportato lesioni guaribili in sette giorni.

Adesca ragazzine Arrestato settantenne EMPOLI - Un empolese di 71 anni è stato arrestato dalla sezione di pg della polizia con l’accusa di violenza sessuale. Le manette sono scattate dopo il racconto di una ragazzina di 14 anni, che ha detto di essere stata molestata dall’anziano, nel 2007.

Crolla finestra all’asilo Maestra rimane ferita ROMA - Una maestra di un asilo nido di Fiumicino è rimasta leggermente ferita ieri dopo essere stata colpita da una finestra crollata improvvisamente. Il fatto è avvenuto intorno alle 11:30 in una scuola materna comunale. La donna è stata trasportata in codice giallo all’ospedale di Ostia. Le sue condizioni non sono preoccupanti.

FIRENZE - Hanno stilato una mappa dei luoghi e degli orari in cui avvenivano gli scippi e, sulla base delle descrizioni delle vittime dei colpi, hanno individuato lo scooter utilizzato dal malvivente. Grazie anche a questa serie di elementi, la squadra mobile ha arrestato un quarantenne, di origine napoletana, con l’accusa di essere autore di almeno 10 scippi compiuti a Firenze. Nel suo appartamento, a Firenze, gli agenti hanno trovato una serie di oggetti che sarebbero stati sottratti a persone vittime di scippo. Nel corso delle indagini, i poliziotti hanno anche controllato 600 scooter e stilato una lista delle persone con precedenti per scippo. A contribuire alle indagini, poi, è stata una delle vittime, che è riuscita a memorizzare parte del numero di targa dello scooter su cui viaggiava il malvivente.

Il Giappone proibirà i cellulari nelle scuole TOKYO - Il Giappone si appresta a bandire i telefonini dalle scuole del Paese, con una nuova direttiva del ministero dell’Istruzione che sarà formalizzata entro il mese prossimo. Dopo mesi di discussione sulla necessità di limitare a livello nazionale l’utilizzo e la circolazione dei cellulari negli istituti scolastici, il governo nipponico sta per inviare una circolare di indirizzo a tutte le scuole elementari, medie e superiori.

Il papà morto nel freezer per intascare la pensione AOSTA - Nascose per otto anni il cadavere del padre nel freezer per intascarne la pensione. Gaetano Sivieri, 65 anni, di Aosta, è stato per questo condannato ieri, con rito abbreviato, dal Gup di Aosta Giuseppe Colazingheri a 4 anni di carcere (occultamento di cadavere, truffa e falso) e a un risarcimento a Inps e Inail di complessivi 277mila euro. La vicenda fu scoperta nel febbraio del 2007 quando fu trovato per caso da un nipote il corpo di Olmo Sivieri, classe 1914, chiuso nel surgelatore di casa. Fu accertato che la morte era avvenuta per cause naturali.

Con la mappa dei colpi preso scippatore seriale

Bipasha Basu viene ritenuta la donna più provocante dell’Asia e l’Islam le va contro

L’Islam contro Bipasha

NEW DELHI - E' un momento delicato a Bollywood e un momento difficile per l'attrice "più sexy dell'Asia" Bipasha Basu. Sta girando il film 'Lamhaa' sulla realtà del Kashmir, regione a maggioranza musulmana teatro di una guerra tra separatisti ed esercito indiano, ma è già scoppiata la polemica. L'attrice dovrebbe interpretare Asyia Andrabi, leader delle "Figlie della Nazione" (gruppo islamico femminile), una donna che fa del burqa uno dei suoi strumenti di lotta. Per questo non accetta che sia quella donna sexy a prestarle il volto (anche se coperto) sullo schermo: ''Per qualcuno sarà

affascinante, ma per me è una donna indegna, il simbolo dell'immoralità di Bollywood. Io sono religiosa, credo nei valori dell'Islam, nel purdah. Lei invece si mostra quasi sempre seminuda'' ha detto Asiya. La militante avrebbe dato mandato ad un avvocato di perseguire in tribunale il film, il regista dal canto suo però dice di non aver ricevuto alcun documento legale da parte di Asiya Andrabi. Secondo il regista, poi, il personaggio interpretato da Bipasha, Aziza, non avrebbe niente a che fare con la militante islamica e quindi le accuse di Asiya sarebbero prive di fondamento.

A Rigutino due rapine in contemporanea AREZZO - Due rapine in banca, quasi in contemporanea, ieri mattina a Rigutino, frazione a sud di Arezzo. Alle 9,30 due banditi, sono entrati nella filiale della Cassa di risparmio di Firenze. All’interno c’erano tre impiegati e due clienti. I malviventi, che parlavano italiano, hanno minacciato i cassieri con due taglierini e si sono fatti consegnare il denaro. Alla stessa ora, a mezzo chilometro di distanza, presso il centro commerciale Planet, altri due banditi sono entrati nella filiale di Bancaetruria. All’interno c’erano 4 impiegati e tre clienti. Anche qui poche parole, e sotto la minaccia dei taglierini si sono fatti consegnare i soldi delle casse e poi sono fuggiti.

Oggi in Kenya i funerali L’ex auto di Obama Overdose in serie Svezia, sì in chiesa del missionario ucciso venduta a prezzo record E’ allarme a Parigi per gli sposi gay NAIROBI - I funerali di padre Giuseppe Bartaina, il missionario della Consolata che operava in Kenya da oltre 50 anni e barbaramente assassinato venerdì scorso a Nairobi, si svolgeranno oggi nella Chiesa della Consolata, nella capitale keniana. Padre Giuseppe, 82 anni, originario di Madonna dell’Olmo (Cuneo), è stato ucciso per rapina nel suo ufficio da tre persone, tra cui un suo ex allievo.

PARIGI - Ventuno tossicodipendenti sono stati ricoverati l’altra sera in ospedale in gravi condizioni per overdose di eroina in serie in Seine-Saint-Denis e nella Val-d’ Oise, due periferie a nord di Parigi. Lo ha annunciato la procura di Bobigny. «Diverse persone sono in rianimazione, ma non sono in pericolo di vita», ha aggiunto la procura. Secondo la Direzione generale della sanità «si tratterebbe di un’eroina tagliata male o contenente un prodotto tossico». La procura di Bobigny ha affidato le indagini alla polizia giudiziaria di Seine-Saint-Denis.

Graziate due adultere Dal patibolo alle frustate TEHERAN - Dieci uomini sono stati impiccati ieri nel carcere di Evin, a Teheran. Lo riferisce l’agenzia Isca. Almeno altre 3 esecuzioni - 9 secondo il sito di un’organizzazione per i diritti umani erano avvenute ieri in diverse prigioni del Paese. E intanto la magistratura iraniana ha annullato la condanna alla lapidazione per due sorelle, assolvendole dall’accusa di adulterio e disponendone il rilascio dopo aver passato 2 anni in carcere e ricevuto 99 frustate. Quest’ultima posizione è stata ritenuta sufficiente.

Un affare per Obama

BERLINO - L’Obamamania colpisce anche Ebay: l’ex auto del neo presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, una Chrysler modello ’300 C’, è stata venduta all’asta sul sito Internet Usa per 271.300 dollari (210mila euro), un prezzo circa 20 volte superiore al valore di mercato della vettura. Secondo quanto scrive il settimanale tedesco Der Spiegel nella sua edizione online, l’asta si è chiusa ieri mattina: il venditore era un certo Tim ÒBoyle, di Berkeley (Illinois).

STOCCOLMA - La Svezia potrebbe autorizzare i matrimoni gay in chiesa dal maggio del 2009 se il Parlamento adotterà una proposta di legge presentata ieri. Lo ha annunciato il partito del primo ministro Frederik Reinfeldt. «La principale proposta contenuta nel progetto di legge si riferisce al fatto che il sesso di una persona non sarà più un ostacolo al matrimonio. La legislazione relativa al matrimonio e le altre leggi riguardanti i coniugi non faranno più distinzioni fra i sessi», si legge in un comunicato del Partito dei moderati.

Gb: ubriachi al volante Molotov sulla scuola 9mila arresti in un mese Confessano due studenti (LONDRA - Oltre 9mila automobilisti sono stati arrestati in Inghilterra nel corso di una campagna lunga circa un mese, intorno al periodo natalizio, lanciata dalla polizia per stanare chi si mette alla guida dopo aver consumato alcolici. Durante l’intera campagna, 183.397 automobilisti sono stati sottoposti all’alcol test, di questi 9.148 sono stati arrestati con il sospetto di aver superato i limiti di alcol consentiti.

BOLOGNA - «Quando ho visto il servizio alla televisione ho capito di averla fatta grossa». A parlare è uno degli adolescenti autori dell’atto vandalico contro una scuola media di Bologna. Due dei tre minorenni denunciati per il lancio di due bottiglie molotov dentro un’aula delle scuole medie Alessandro Volta di Borgo Panigale, alla periferia di Bologna, hanno confessato martedì sera.


10 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Economia

L’export crolla A novembre -13,3% Peggio solo nel ‘91

Lavoratori statali A febbraio aumenti e arretrati

Trichet insiste: misure anticrisi ma con prudenza

ROMA - A picco gli scambi commerciali dell’Italia, che mettono a segno risultati fortemente negativi. A crollare è soprattutto l’export, che a novembre scorso ha lasciato sul terreno un -13,3%, rispetto allo stesso mese del 2007: si tratta del dato peggiore degli ultimi 17 anni, cioè da quando, nel 1991, è iniziata la serie storica dell’Istat. Male anche le importazioni che, sempre a novembre, sono diminuite del 10,7%, in questo caso mettendo nero su bianco il risultato peggiore dal 1996. Cali notevoli si registrano, sempre sulla base dei dati diffusi dall’Istituto di statistica e riferiti agli scambi complessivi, nel confronto su base congiunturale: rispetto ad ottobre, le esportazioni sono scese del 6,4% e le importazioni del 4,5%.

ROMA - A fine febbraio arriveranno gli aumenti con gli arretrati per i dipendenti statali. Lo ha detto il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, nella conferenza stampa tenuta insieme al premier. Brunetta ha spiegato che il ritardo di una sola settimana per i contratti ha determinato lo slittamento di un mese perchè l’obiettivo iniziale era il pagamento a gennaio. «A fine febbraio ci saranno gli aumenti con gli arretrati. Ho fatto di tutto perchè il contratto fosse pagato». Poi rivolto al collega dell’Economia, Giulio Tremonti, che si era solo affacciato, Brunetta ha detto scherzando: «Mi guarda male: ’li stai trattando bene i tuoi dipendentii’. Sì li tratto bene perchè solo così si può chiedere più produttività».

BRUXELLES - «Ognuno deve assumersi le sue responsabilità»: i governi che devono attuare i piani di rilancio dell’economia, e le banche che devono ripristinare le normali condizioni di credito e tradurre in vantaggi concreti per i cittadini il taglio dei tassi da parte della Bce. Ma attenzione: sul fronte delle misure anticrisi «serve prudenza», per non minare la sostenibilità dei conti pubblici. È un Jean-Claude Trichet tutto all’attacco quello che davanti al Parlamento europeo fa il punto su una situazione economica e finanziaria che resta caratterizzata da «un elevato ed eccezionale grado di incertezza». Anche per una persistente «fragilità dei mercati» che il presidente della Bce definisce «inaccettabile».

La mappa delle arterie dove si muore di più, 50 le tratte a rischio Il ministro dei Trasporti in audizione alla Camera

La strada brucia il 2,4% del Pil Troppi incidenti, serve sicurezza ROMA - In Italia il costo sociale degli incidenti stradali è pari al 2,4% del Pil. Lo ha detto il ministro dei Trasporti Altero Matteoli nel corso di un’audizione alla Camera. Nel 2007, ha detto, gli incidenti stradali hanno causato 5.131 morti e 325.850 feriti, «con un costo per lo Stato, imprese e famiglie di 31.137 milioni di euro, pari al 2,4% del pil, quota sensibilmente più elevata della media europea». Nella classifica Ue sulla sicurezza l’ Italia si colloca all’ 11mo posto, «un livello di sicurezza inferiore a quello italiano si registra solo in Lussemburgo, Portogallo, Belgio, Grecia» ha detto Matteoli. Tra le misure adottate dall’ Italia per raggiungere l’obiettivo indicato dalla Ue di un dimezzamento delle vittime entro il 2010, vi è un aumento considerevole dei controlli. «Solo relativamente alla guida in stato di ebbrezza - ha evidenziato Matteoli - i controlli tra il 2005 e il 2008 sono aumentati di circa 7 volte, passando da 200.000 a 1.400.000 all’ anno». Tuttavia, ha aggiunto, l’Italia è ancora distante dal numero di controlli che riescono a effettuare altri paesi come Finlandia, Svezia, Francia dove la densità copre ogni anno una quota tra il 10% e il 20% dei conducenti. Matteoli ha poi indicato gli inter-

Via Villari, in arrivo Zavoli?

Matteoli: in prevenzione il 50% delle contravvenzioni

Vigilanza Rai Commissione tutta da rifare

Il ministero dei Trasporti Matteoli ha individuato i ’buchi neri’ della rete nazionale viaria, le strade cioè dove si muore di più

venti volti a migliorare la sicurezza: la riforma del Codice della strada, l’aggiornamento del Piano nazionale della sicurezza stradale, inoltre vanno rafforzate le sedi di coordinamento e confronto sulle misure di sicurezza adottate e sui risultati conseguiti, oltre ad avviare un sistema di monitoraggio de-

gli interventi e dei risultati. Non meno importante, infine, il miglioramento del livello di educazione nelle scuole. Il ministro ha evidenziato che la quota di risorse investite negli altri Paesi a questo scopo è senz’altro maggiore. Matteoli ritiene auspicabile altresì «rendere più cogente l’obbligo di

investire il 50% dei proventi delle contravvenzioni in sicurezza stradale». Il gettito complessivo della sanzioni irrogate dalla polizia locale «è valutabile intorno ai 1.700 milioni di euro», cui va aggiunto il gettito delle sanzioni di Polizia Stradale e Carabinieri. Il ministero dei Trasporti ha indi-

Nel 2008 i Monopoli hanno raccolto 47,5 miliardi di euro: +12,7% sull’anno prima

Lotterie e gratta e vinci, quasi un “tesoretto” Nelle tasche di chi ha tentato la fortuna sono entrati oltre 35 miliardi

Confermati il successo dei gratta e vinci e delle scommesse, in crisi rimangono le scommesse ippiche e il bingo

ROMA - Nel 2008 i giochi pubblici hanno fatto registrare una raccolta di 47,5 miliardi di euro (pari al 2% del Pil), con un incremento, rispetto al 2007, del 12,7%. Le entrate erariali derivanti dai giochi si sono attestate a 7,7 miliardi di euro (+ 7,7% rispetto al 2007). Ai giocatori sono stati distribuiti in vincite circa 32,5 miliardi di euro rispetto ai 29 dell’anno precedente. Sono i dati ufficiali resi noti ieri dall’Amministrazione autonoma Monopoli di Stato (Aams). «L’incremento della raccolta spiegano dai Monopoli - è per larga parte il risultato del costante recupero di quote di gioco ille-

trattenimento». L’aliquota media dell’imposizione sul gioco è passata, infatti, dal 22,6% del 2003 e dal 17,1 % nel 2007 al 16,3% nel 2008. Inoltre, la liberazione delle risorse dovuta alla diminuzione delle imposte è stata destinata all’incremento delle vincite ai giocatori, quest’anno pari a oltre il 68% della raccolta. L’avvio e la stabilizzazione del mercato del gioco on line, poi, si è attestato quest’anno su oltre 1,5 miliardi di euro di raccolta. Infine, confermati il successo delle new slot, dei gratta e vinci e delle scommesse, mentre in crisi rimangono le scommesse ippiche e il bingo.

gale ed irregolare». Un contributo significativo al miglioramento dei risultati è derivato dalla stabilizzazione del fatturato delle lotterie, per effetto soprattutto del successo del Gratta e Vinci, e l’aumento della domanda di gioco attraverso gli apparecchi da intrattenimento e divertimento (21,5 miliardi di euro di raccolta nel 2008

e 2,5 miliardi di entrate erariali). Altro elemento positivo è stato ravvisato da Aams in una politica di «progressiva riduzione delle imposte sulle scommesse sportive ed ippiche, sui concorsi a pronostico su base sportiva, sulle lotterie, sui giochi opzionali del lotto e del SuperEnalotto e sugli apparecchi da divertimento ed in-

viduato i ’buchi neri’ della rete nazionale viaria, le strade cioè dove si muore di più: si tratta di 50 tratte - ha detto il ministro Altero Matteoli - per complessivi 2.900 chilometri, il 5% della rete dove si concentra il 24% degli incidenti, il 20% dei morti e il 25% dei feriti. «Si tratta di strade al altissimo rischio, ben note alla cronaca dei giornali, rimaste tali negli ultimi 20 anni, fatto che indica chiaramente - ha aggiunto il ministro parlando in audizione - come sino ad oggi su di esse non sia stata svolta finora un’azione specifica». Tra le prime cinque, Matteoli ha indicato «il Grande raccordo anulare di Roma, la Ss7 quater via Domiziana, la Ss207 Nettunense, la Ss148 Pontina, la Ss309 Romea». E, di fronte ai dati resi noti dal ministro dei Trasporti il Codacons lancia una provocazione: «eliminare ogni segnaletica delle strade urbane». «Si tratta - spiega l’associazione in una nota - del cosiddetto ’shared space’, ossia spazio condiviso, che consiste nell’eliminazione su una strada di qualsiasi forma di segnaletica, dai semafori alle strisce pedonali, dai cartelli alle linee che separano i sensi di marcia». In Europa, sottolinea ancora il Codacons, «tale sistema ha portato a grandi risultati. In Danimarca, in Olanda e in Inghilterra l’eliminazione in alcune strade della segnaletica ha favorito una forte riduzione del numero di incidenti e dei morti (dal 35% al 100%)».

ROMA - Tutto da rifare. I presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, azzerano la commissione di Vigilanza e chiedono ai gruppi parlamentari di procedere all’indicazione dei commissari che andranno a occupare le poltrone della bicamerale di San Macuto, fino a ieri mattina presieduta da Riccardo Villari. Una scelta, scrivono Fini e Schifani nella missiva inviata ai parlamentari membri della Commissione, resasi necessaria per «risolvere una non più sostenibile situazione di paralisi dell’organo parlamentare». Ora in pole position per guidare la commissione torna il nome di Sergio Zavoli, senatore del Pd, su cui maggioranza e opposizione avevano trovato un accordo dopo l’elezione di Villari. La svolta era arrivata in mattinata con il parere favorevole delle Giunte per il Regolamento di Camera e Senato allo scioglimento della bicamerale, a seguito delle dimissioni di 37 dei suoi 40 componenti. Dimissioni che hanno «posto la commissione - scrivono i primi inquilini di Montecitorio e Palazzo Madama - nella evidente, permanente ed irreversibile impossibilità di svolgere le rilevanti funzioni che l’ordinamento le assegna». La palla passa dunque ai gruppi parlamentari, che dovranno indicare i loro rappresentanti in modo da consentire ai vertici di Camera e Senato di convocare la commissione per la sua istitituzione. I tempi dovrebbero essere assai brevi. E l’orientamento, di maggioranza e opposizione, è quello di confermare i commissari uscenti.Villari, tuttavia, sceglie la prudenza rispetto alle ipotesi di un ricorso contro i presidenti delle Camere: «Mi mancano un sacco di elementi, devo valutare la questione bene e con calma».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 11

Attualità

Israele ha concluso il ritiro dalla Striscia dopo 3 settimane di guerra Obama telefona a tutte le parti in causa. Hamas contro i filo-sionisti

A Gaza la tregua è appesa a un filo Frattini assicura: “L’Italia ci sarà”

La diplomazia egiziana lavora a una conferenza

Il ministro degli esteri italiano Franco Frattini

SHARM EL SHEIK - L’ Egitto lavora a una conferenza su Gaza per la ricostruzione della Striscia ma che abbia anche una forte componente politica. E l’Italia parteciperà nella sua veste di presidente di turno del G8. Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ne ha parlato ieri con le massime autorità egiziane, dal presidente Hosni Mubarak al capo della diplomazia Abul Gheit, fino a quell’Omar Suleiman che, con la sua trama sotterranea di contatti riservati con Israele e Hamas sta conducendo, anche in questi giorni, negoziati per rendere duraturo il cessate il fuoco e convincere Hamas che conviene far parte del progetto di ricostruzione, pena un duro isolamento anche nel mondo arabo. Un osservatorio privilegiato quindi per il titolare della Farnesina che rimane convinto che possa esistere un solo stato palestinese (guidato da Anp) e che Hamas non possa essere considerato un interlocutore.

L’operazione “Piombo Fuso” ha un bilancio di 1300 vittime TEL AVIV - Il rilancio dell’impegno americano per la pace in Medio Oriente, annunciato da Barack Obama ad altrettanti leader della regione nelle prime quattro telefonate della sua presidenza, ha salutato ieri il completamento del ritiro delle forze israeliane dalla Striscia di Gaza. Un atto che mette fine, almeno per ora, alla fase acuta di una delle crisi di maggior impatto internazionale, dopo tre settimane di guerra e un bilancio di 1.300 palestinesi (e 13 israeliani) uccisi, pesanti distruzioni e ordigni inesplosi disseminati sul campo. A decretare la conclusione dell’operazione Piombo Fuso in un clima che resta peraltro teso e punteggiato di reciproci avvertimenti armi alla mano - è stato, qualche ora dopo l’oceanico Obama Day di Washington, un portavoce dell’esercito israeliano (lo Tsahal). «Questa mattina - ha detto - l’ultimo soldato ha lasciato la Striscia di Gaza e le forze israeliane si sono rischierate fuori». Un ripiegamento guardingo, ha fatto capire, ammonendo che i reparti sono in allerta «pronti a ogni evenienza», nel caso in cui le milizie islamico-radicali di Hamas dovessero riprendere il fuoco. Sul terreno, intanto, la tregua sembra tenere, malgrado gli incidenti di confine e gli sporadici botta e risposta di ieri.

Un palestinese osserva sconsolato le rovine della sua città

Mentre sulla scena diplomatica irrompe Barack Obama, fresco di giuramento, con un giro di consultazioni telefoniche, tutte concentrate sul Medio Oriente. L’obbiettivo della tregua resta tuttavia legato a numerose incognite, come emerso oggi stesso dai colloqui di Bruxelles del ministro degli Esteri israeliano, Tzipi Livni, col responsabile della politica estera e di difesa dell’Ue, Javier Solana. Questi ha ha parlato di una tregua fragile e ha sollecitato Israele a consolidarla attraverso un rapido alleggerimento del blocco attorno

alla Striscia e la riapertura dei valichi. Dall’interno della Striscia non mancano del resto segnali preoccupanti. A cominciare dai toni odierni di un portavoce di Hamas, Ehab Al-Ghsain, il quale ha respinto l’accusa di violenze nei confronti dei rivali interni di Fatah (fedeli ad Abu Mazen), ma ha confermato l’avvio d’una caccia all’uomo contro i presunti «collaborazionisti del nemico sionista». Nell’opinione pubblica israeliana, viceversa, resta forte il sostegno alla linea dura delle autorità sul dossier Gaza.

Mentre trovano scarso interesse e ancor meno credito - le notizie di indagini internazionali sull’asserito uso durante il conflitto di armi al fosforo bianco o all’uranio impoverito (smentito a tamburo battente dal ministero degli Esteri, dopo la denuncia presentata da alcuni Paesi arabi all’Aiea). E appaiono confinate nel folklore le petizioni di anonimi gruppi di difesa dei diritti umani, balenate qua e là su internet, in favore dell’arresto per crimini di guerra di mezzo vertice politico e militare d’Israele.

Sono stati selezionati in base alle loro patologie e accompagnati dalle madri.Non hanno ferite di guerra ma malattie croniche

Dieci piccoli malati palestinesi curati in Toscana L’operazione rientra nel progetto «Saving Childrens» attivo dal 2003

FIRENZE - Sono dieci i bambini palestinesi malati che sono arrivati martedì notte in Toscana per essere curati. Ma ora, mentre i piccoli vengono sottoposti agli esami necessari, il messaggio che parte dalla regione è quello di non dimenticare gli altri bambini malati che vivono e rimangono a Gaza. . I bambini, che hanno da pochi mesi a tredici anni, cinque maschi e altrettante femmine, sono ricoverati in vari ospedali della Toscana: cinque al Meyer di Firenze, due a Pisa, due a Siena, uno all’Opa di Massa. Non hanno ferite di guerra, non sono in pericolo di vita imminente, ma sono malati cronici, soffrono di problemi neurologici, urologici, cardiologici e metabolici e hanno bisogno di cure e medicinali adeguati che gli ospedali palestinesi non erano più in grado di garantire, data l’entità dei feriti che affluiscono nelle strutture. Così si è messa in moto la macchina degli aiuti della delegazione italiana guidata dal ministro Franco Frattini: la Regione Toscana ha messo l’esperienza e la credibilità del progetto Saving Children, che

La Croce Rossa: “nuovo grave pericolo”

Due bambini vittime di munizioni inesplose GAZA -Due bambini palestinesi di Gaza sono stati uccisi da munizioni inesplose rimaste sul terreno. Lo ha reso noto il Comitato internazionale della Croce Rossa che ha messo in guardia contro «questo nuovo grave pericolo». I due piccoli sono rimasti uccisi ieri nella zona di Shaaf, vicino a Jabaliya (a est di gaza City), ha precisato il Cicr nel suo comunicato. «La maggior parte dei bambini sono rimasti a casa durante durante le ultime tre settidal 2003 ha consentito ad oltre 5000 bambini palestinesi di essere curati in ospedali israeliani; poi c’è stata la collaborazione del mondo della cooperazione, della Croce rossa, del Centro Peres per la pace, dell’Aeronautica militare. I bambini sono stati selezionati in

base alle loro patologie, sono stati messi in regola con i documenti e, insieme a mamme o nonne, hanno potuto lasciare la striscia di Gaza. Martedì notte l’arrivo a Pisa, dove sono stati presi in carico dai sanitari e dai volontari della Croce rossa, muniti di giochi e piccoli regali

di benvenuto. Ma tutto questo «non rimanga un miracolo isolato», ha auspicato il presidente della Regione Toscana Claudio Martini, che li ha accompagnati l’altra notte sul volo diretto a Pisa. «Spero - ha detto Martini - che que-

mane a causa dei combattimenti, ma ora che sono cessati i bambini si avventurano di nuovo nelle strade e corrono il rischio di essere uccisi o storpiati dai resti di questa guerra», ha spiegato Imad Abu Hasirah, del Cicr a Gaza. Le munizioni inesplose, la cui presenza rischia di rallentare anche gli aiuti umanitari, sono ancora più preoccupanti perché la Striscia è una delle zone più densamente popolate al mondo. sta missione possa contribuire all’apertura di un ponte sanitario permanente. In questo senso l’assessore toscano alla cooperazione Massimo Toschi ha incontrato il ministro alla sanità Fhaty Abu Moghli dell’Autorità nazionale palestinese, e hanno convenuto che sarà

L'arrivo dei bambini all' aeroporto militare di Pisa a bordo del C-130J della 46/a brigata aerea dell'Aeronautica militare

l’Anp a fornire gli elenchi dei bambini che hanno bisogno di cure. Saranno possibili tre modalità di intervento: il supporto in loco; il ricovero negli ospedali israeliani; l’invio dei casi più gravi in Italia». «Il progetto Saving Children - ha concluso Martini - fa onore alla Toscana e le dà credibilità nel mondo, ma ora non dimentichiamoci degli altri bambini rimasti a Gaza: su 5.000 feriti nel conflitto, un terzo sono bambini». E su questo proprio la dottoressa palestinese arrivata in Italia al seguito dei piccoli ha lanciato un appello. «Far uscire i bambini malati dalla Striscia per essere curati in Italia è complesso e i piccoli bisognosi di cure non sono quantificabili: spero che i medici italiani potranno venire nella Striscia per aiutarci. Le mamme e le nonne dei bambini - ha spiegato Irfaeya - sono molto preoccupate non solo per la salute dei bambini ma anche per i familiari che hanno lasciato a Gaza e per il perdurare del conflitto che ha già fatto 1.500 morti, oltre 5.000 feriti e danni enormi a case e strutture sanitarie».


12 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

LOTTO & SUPERENALOTTO

A CURA DI PASQUALE SANTILIO*

Straordinario esito positivo al primo colpo di gioco

Torino vince il terno 34-79-88 ROMA - In questa occasione, desideriamo proporvi per ogni ruota previsioni mirate e ristrette da seguire solo per due estrazioni, vale a dire quella di giovedì 22 e per sabato 24 gennaio. Come

potete osservare dal box che ospita questi pronostici, vi proponiamo per ogni compartimento un ambo ed una cinquina. I numeri che formano l’ambo sono da giocare anche per

ambata; gli stessi si ripetono anche nella cinquina che deve essere seguita per le sorti di ambo, terno, quaterna e cinquina sulla ruota di riferimento. A vostra discrezione, potete

Le previsioni valide per le prossime 2 estrazioni 12-48 12-30-48-66-84 Napoli 67-85 13-31-49-67-85

Bari

Cagliari 30-66 12-30-48-66-84

Palermo 48-84 12-30-48-66-84

Firenze 12-84 12-30-48-66-84

Roma

71-89 17-35-53-71-89

Genova 3-39

Torino

31-49 13-31-49-67-85

3-21-39-57-75

Milano 39-75 3-21-39-57-75

Venezia 53-89 17-35-53-71-89

giocare la cinquina di una ruota anche su Tutte solo per terno, quaterna e cinquina. Vi ricordiamo che l’ambo con cinque numeri paga un premio pari a circa 25 volte la cifra giocata, il terno rende 425 volte la somma puntata, la quaterna 16.000 volte e la cinquina poco meno di 6 milioni ciò che abbiamo scommesso. Ogni pronostico è stato elaborato su base statistica, poiché abbiamo raggruppato gli elementi di convergenza tra le serie più ritardate di ogni singola ruota. Il gioco va abbandonato al conseguimento della prima vincita realizzata nei tempi e con le modalità ora indicate.

I numeri su fondo grigio ed in bianco sono da giocare per ambata e ambo secco. Ogni cinquina, invece, va giocata per ambo, terno, quaterna e cinquina.

I dieci numeri più in ritardo BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE TUTTE

N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT.

64

1

45

35

68

56

73

75

21

93

91

72

49

46

43

42

39

39

38

19

79

72

21

23

57

89

42

28

59

53

47

45

43

40

38

38

37

36

36

30

37

19

55

67

58

24

5

47

51

68

46

44

44

42

40

38

35

31

27

83

30

11

42

17

86

45

1

16

58

73

59

56

54

47

46

42

37

34

33

33

25

27

36

86

57

87

14

43

42

72

68

65

52

43

42

42

40

38

37

9

1

5

36

70

40

47

75

6

28

78

52

48

41

41

39

38

36

35

32

70

44

73

60

72

4

11

27

65

22

71

49

46

45

45

44

44

41

39

37

38

19

57

13

21

1

18

76

75

26

62

58

53

52

48

45

45

39

37

35

68

32

49

58

39

64

63

6

11

20

110

79

66

66

58

58

50

49

46

39

40

25

38

23

56

76

3

15

65

77

90

76

68

64

60

59

57

54

46

42

82

24

86

54

84

23

41

49

57

20

55

54

54

51

48

46

43

39

39

35

61

68

81

2

12

31

69

83

6

21

6

6

6

4

4

4

4

4

3

3

N UM. FREQ. UM. CAGLIARI FNREQ . N UM. FIRENZE FREQ. N UM. GENOVA FREQ. N UM. MILANO FREQ. N UM. NAPOLI FREQ. UM. PALERMO FNREQ . N UM. ROMA FREQ. N UM. TORINO FREQ. N UM. VENEZIA FREQ. UM. NAZIONALE FNREQ . N UM. TUTTE FREQ.

BARI

ritardate ed altre fortemente scompensate. Per tanto, non sono molti gli spunti statistici a cui far riferi-

Il sistema è valido per il concorso odierno

11-20-56-83-88-18-36

11-20-56-83-88-43-59

11-20-56-83-88-77-53

11-20-56-83-88-67-39

11-20-56-83-88-42-57

11-20-56-83-88-7-74

11-20-56-83-88-10-6

11-20-56-83-88-3-27

11-20-56-83-88-4-5

11-20-56-83-88-22-81

Ogni combinazione è composta da sette numeri e costa euro 3,50. Sono giocate integrali anche dette matematiche.

52

Jackpot previsto di

21

61

50

70

78

85

8

14

87

3

17

16

16

16

16

15

15

15

14

47

58

73

15

17

33

42

1

11

71

17

17

16

15

15

15

15

14

14

14

32

9

40

14

20

25

48

89

29

35

17

16

16

15

15

15

15

15

14

14

68

79

14

12

64

73

74

2

4

15

17

17

16

15

15

15

15

14

14

14

17

65

16

8

66

81

82

7

9

53

20

17

16

15

15

15

15

14

14

14

13

16

80

2

19

20

23

39

51

52

22

18

18

15

15

15

15

14

14

14

88

21

39

40

62

63

75

29

30

35

16

15

15

15

15

15

15

14

14

14

20

23

34

55

63

53

72

84

11

18

17

17

17

17

17

15

15

15

14

14

14

26

79

9

19

28

75

48

51

27

18

17

17

16

16

16

16

15

15

14

84

8

27

73

9

46

83

22

32

42

20

17

16

16

15

15

15

14

14

14

25

39

27

17

33

74

75

76

18

20

19

19

17

16

16

15

15

15

14

14

88

42

46

9

20

22

40

90

39

63

120

114

114

113

111

111

111

111

110

110

75

Cadenze

Fig. R.A. R.S. F.A. F.S.

mento per l’individuazione e la selezione di buoni numeri. In questa circostanza, come potete osservare dal box in questo spazio, abbiamo deciso di proporvi un piccolo sistema composta da 10 giocate di 7 numeri ciascuna per una spesa pari a euro 3,50. Sono combinazioni matematiche dove la cinquina composta da 11-20-56-83-88 funge da base. Gli altri numeri ruotano nell’ambito del sistema e, come è facile immaginare, alla sortita di almeno tre numeri fissi potremo assicurarci vincite multiple. Per non parlare di esiti straordinari se dovessimo avere la fortuna di centrare quattro o tutte e cinque le fisse da noi previste. Buona fortuna a tutti voi.

IN SESTINA

49

2

19

0 4 0 0 3 2 0 0 3

1 2 3 4 5 6 7 8 9

11 10 9 9 11 8 9 11 9

9 2 5 7 6 7 7 8 3

2292 2257 2307 2330 2249 2298 2338 2316 2301

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 9 serie figurali, nella sestina.

Decine

79

41

N UM. RIT.

0 1 2 3 4 5 6 7 8

2 0 1 0 0 0 1 0 1

8 13 9 14 11 11 8 11 13

4 11 9 5 6 7 6 5 1

2309 2253 2151 2218 2242 2245 2349 2398 2523

I ritardi attuali e storici, così come le frequenze, di un numero di ciascuna delle 10 decine, nella sestina.

18

36

77 53 11 88

42 57

37

10

53

52

50

36

34

33

31

30

66 83 87 79

90

3

76

85

48

42

7

34.500.000,00 €

I dieci numeri più frequenti IN SESTINA

N UM. FREQ.

88

81

Cad. R.A. R.S. F.A. F.S. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0

3 0 1 1 0 3 1 2 0 3

12 13 11 13 9 12 10 10 12 12

4 2 3 12 13 3 2 4 6 5

2133 2084 2091 2049 2077 2078 2017 2066 2035 2058

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 10 cadenze, nella sestina.

Dec. R.A. R.S. F.A. F.S.

I dieci numeri più in ritardo

Così l’ultimo concorso: 35

68 66

22

Figure

Ecco le serie più scompensate dall’inizio dell’anno

19

7

Dieci giocate integrali dal costo di euro 3,50 ciascuna

Figura 2 e decina 80-89: riscatto immediato! ROMA - Gli ultimi concorsi hanno determinato lo sfaldamento di alcune tra le formazioni tradizionali più

NAZIONALE

* Direttore responsabile di SuperLotto

I dieci numeri più frequenti

59

SUPERENALOTTO

ESTRAZIONE N. 9 DEL 20/1/2009 BARI 19 88 13 79 32 CAGLIARI 73 54 84 17 13 FIRENZE 79 89 80 44 15 GENOVA 19 62 76 66 87 MILANO 49 10 75 62 58 NAPOLI 35 56 88 24 63 PALERMO 75 59 5 23 79 ROMA 52 70 63 73 82 TORINO 66 88 34 79 44 VENEZIA 41 16 45 79 1

275 265 263 262 260 259 255 254 254 253

Super

Lotto in edicola lunedì e venerdì


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 13

Speciale

LA SVOLTA

La Commissione europea apre alla coltivazione del mais biotech

Il medico non ha colpe se opera bene senza consenso

Nessuna condanna per il medico che durante una operazione conclusasi con la guarigione del paziente effettui un trattamento diverso da quello prima stabilito

ROMA - Non risponde nè di lesioni colpose nè di violenza privata il medico che, durante una operazione conclusasi positivamente e con guarigione del paziente, effettui un trattamento chirurgico diverso da quello per il quale aveva ottenuto il consenso informato della persona malata. Lo hanno stabilito le Sezioni Unite penali della Cassazione, con la sentenza 2437. A sollecitare la pronuncia è stato il caso di Roberta M., una donna alla quale nel 1997 era stata asportata una tuba durante una laparoscopia. La paziente aveva dato il consenso solo per la laparoscopia ma il medico - Nunzio G. - si era reso conto della necessità di asportare la tuba sinistra, cosa che fece con competenza e guarendo la paziente. In primo grado il medico venne condannato per lesioni volontarie aggravate, in appello il reato fu dichiarato prescritto con revoca della condanna al risarcimento per mancanza di prove. Ora la Cassazione.

Rapporto dell’Osservatorio nazionale sulla salute delle donne Emerge il ritratto di un paese a due facce in fatto di prevenzione

Una su tre senza pap test Il 52% delle mamme favorevoli al vaccino per scongiurare il tumore all’utero

Negli ultimi 20 anni la mortalità causata dal tumore dell’utero è calata di oltre il 50%, passando da 8,6 casi ogni 100mila donne nel 1980 a 3,7 casi ogni 100mila nel 2002

ROMA - Il vaccino contro il papilloma virus umano, offerto gratuitamente dalle regioni alle 12enni dal 2008 grazie alla campagna vaccinale promossa dal ministero della Salute, è conosciuto e convince le mamme italiane, che chiedono però più informazione. Ma se questo tipo di prevenzione contro i tumori dell’utero ha appena messo piede nel nostro Paese, c’è un’altra forma, quale è il pap test, diffuso ormai decenni, che stenta ad affermarsi, visto che ancora una donna su tre non lo fa mai. È questo il quadro che emerge dal rapporto dell’Osservatorio nazionale sulla salute donna (Onda). Il 52% madri favorevoli a vaccino Secondo il rapporto oltre la metà delle madri di adolescenti tra i 12 e 15 anni ha vaccinato la propria figlia contro il papilloma virus umano (hpv) o pensa di farlo. Il resto è contrario al vaccino o ancora in dubbio. C’è una diffusa conoscenza del vaccino (84,5%) e della campagna (85,5%), ma ci sono anche conoscenze confuse. Il 40% delle donne ad esempio possiede informazioni corrette sulla trasmissione del virus, ma solo il 41,2% sa che si può prendere anche se si usa il preservativo. Colpisce la fonte delle informazioni: per il 40% delle madri infatti arrivano infatti da tv, giornali e riviste, per il 14,9% dalla propria asl, mentre solo per il 7,5% dal medico di base e per il 3,1% dal ginecologo. Quanto alla vaccinazione in sè, il 31,4% delle madri non ha ancora deciso, il 16,5% non vuole farla fare alla figlia, il 36,9% pensa di farla fare e il 15,7% ha già vaccinato la figlia. Una donna su tre senza pap test Il pap-test, esame di preven-

zione rapido e indolore, raccomandato da decenni a tutte le donne, è ancora lontano anni luce dalla realtà di molte di loro, visto che una su tre non vi si sottopone mai. «Il divario tra nord e sud nella prevenzione è ancora profondo - spiega Sergio Pecorelli, membro della commissione ministeriale Prevenzione e screening - anche se la situazione è migliorata negli ultimi anni. Se nel nord i programmi di screening con il pap-test interessano il 65% della popolazione, il 92% al centro e il 68% al sud, l’adesione all’invito è ancora scarsa. Al sud è infatti del 27% contro il 47% del Nord e il 40% del Centro». Negli ultimi 20 anni comunque la mortalità causata dal tumore dell’utero è calata di oltre il 50%, passando da 8,6 casi ogni 100mila donne nel 1980 a 3,7 casi ogni 100mila donne nel 2002. Martini, abbassare prezzo per diffondere vaccino Il prezzo del vaccino contro l’hpv «è ancora troppo alto in una fase in cui la sua diffusione non è così capillare a livello regionale tale da permetterne l’abbassamento del prezzo - ha detto il sottosegretario al Welfare, Francesca Martini - È questa la direzione in cui bisogna andare, se si vuole implementare la diffusione di questa forma di prevenzione tra le adolescenti e sviluppare politiche di prevenzione integrata, che affianchino la vaccinazione antihpv al pap test». Quanto all’eventuale ampliamento delle coorti di riferimento per la vaccinazione, Martini ha precisato che il «sta alle regioni decidere le modalità organizzative e l’eventuale allargamento ad altre fasce d’età per la vaccinazione».

Secondo uno studio lo sono l’8,2% dei ragazzini fra gli 11 ed i 14 anni che vivono nelle aree urbane

Quegli adolescenti mentalmente disturbati

Sono stati studiati oltre 3mila ragazzi

MILANO - L’8,2% dei ragazzi italiani fra 11 e 14 anni che vivono in aree urbane «soffre di un disturbo mentale clinicalmente diagnosticabile». È emerso dallo studio Prisma, in via di pubblicazione su ’European Child and

Adolescent Psychiatry’. Lo ha detto il responsabile dello studio, Massimo Molteni, Unità di Neuroriabilitazione dell’ Irccs Eugenio Medea di Bosisio Parini (Lecco). Lo studio, cominciato quattro anni fa, è stato condotto su un campione di 3.418 ragazzi di Roma, Milano, Lecco, Cagliari, Pisa, Rimini e Conegliano Veneto (Treviso). «Allo screening generale - ha spiegato Molteni - i giovani che presentavano un qualche disagio emozionale erano pari al 9,8%, ma non sempre il disagio emozionale raggiunge la significatività per dare origine a un disturbo clinico conclamato». I risultati, che secondo Molteni fotografano

una situazione lievemente migliore di quanto accade a livello internazionale, indicano ancora che il 6,5% dei ragazzi soffre di disturbi di ansia e depressione mentre l’1,2% ha disturbi esternalizzanti, cioè disturbi della condotta, sindromi del bambino iperattivo (Adhd), disturbo oppositivo-provocatorio. Proprio per seguire meglio i giovani e abbassare la soglia dell ’8,2% dello studio Prisma, si è costituita la Fondazione Sapere, che ha varato un progetto di grande respiro con il coinvolgimento di una sessantina di ricercatori, associazioni e aziende, col compito di preparare già nel 2009 un sito Internet, un Forum sul disagio giovanile, un Libro bianco e un primo progetto strategico di ricerca.


PAGINA 10

Contrada Guido - Sellia Marina - tel. 0961.961495 www.contradaguido.it


Pag. 15

CALABRIA il Domani

www.ildomanionline.it

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

Giovedì 22 Gennaio 2009

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

COSENZA La discesa in campo sembra assodata ma le spine nel fianco dell’esponente azzurro si fanno sentire e vengono proprio dal Pdl

Insidie “in casa” per Pino Gentile Più che gli autonomisti turbano i silenzi di Pino Galati, Iole Santelli e Giovanni Dima COSENZA — Una decina di gior-

ni, non di più, e sarà gara vera per la provincia più grande che c’è. Due mari, due catene montuose, almeno quattro aree urbane, un paio di fiumi e un lago di milioni di euro per il Palazzo di Cosenza, quello di via XV Marzo. Magari le aboliranno più in là, le Province, ma per adesso saranno cazzotti veri e non a caso Cosenza fitta il suo ring al palcoscenico regionale. Gara vera, abbiamo detto. Perché come già scritto fino alla noia Pino Gentile è già della partita e sta scrutando nelle liste. Oliverio vs Gentile. La voglia non gli è mai venuta del tutto, al fratello maggiore della griffe di Cosenza, e la pace di questi giorni (finta) nel Pd se è possibile lo ha scoraggiato ancora di più. Ma non c’è corsa solitaria dell’Udc o di Orlandino Greco o di un Pd costretto a votare compatto che tenga. Pino Gentile è semplicemente dentro la corsa per il solo mowww.ildomani.it

Reg. Tribunale nr. 64 del 15/7/97

Fondatore

tivo che sono scaduti i termini politici per chiamarsi fuori. Non c’è alternativa, non è stata costruita e poi c’è sempre un fratello in famiglia a cui dar conto ed è pure altolocato. Acqua passata, corsa deve essere e corsa sarà, ormai. E poi il gruppo di centrodestra non aspettava altro, se vogliamo. Vedere stampati i manifesti tre per sei di Pino Gentile, dopo anni di attesa. E il problema forse è proprio questo, per il Pino più furbo di Cosenza. Prestare il fianco a chi non gli vuole bene e che da tempo lo sta aspettando al varco. Passi pure per la decadenza e lo svilimento di un asse trasversale storico che Gentile ha da sempre in tasca con il pezzo forte del Pd di Cosenza (non perché siano diventati nemici ma perché ormai ognuno salva la propria pelle, di questi tempi). Passi pure per la corsa solitaria di Roberto Occhiuto e dell’Mpa saldamente sponsorizzato. Ma le spine vere poi sono anche altre e stanno tutte nei silenzi che da una costa all’altra, passando per Lamezia, si sentono fino a Cosenza. Iole Santelli dal Tirreno, Giovanni Dima dallo Jonio e Pino Galati da fuori provincia sono dei

Pino Gentile

L’ipotetica vittoria del Pdl a Cosenza non sarebbe cosa tanto gradita per il Galati lametino

Guido Talarico Direttore

Massimo Tigani Sava Direttore responsabile

Orlando Rotondaro Editore

T&P Editori Direzione, Redazione e Amministrazione

loc. Serramonda - Zona industriale Marcellinara (Cz) 0961/996802 FAX 0961.903801/903907 E-mail: redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it “La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250.”

PUBBLICITA’ LOCALE Concessionaria esclusiva

Mediatag Spa Presidente

Giuseppe Gangale Loc. Serramonda, Zona Industriale 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 fax 0961.903421 - 903.784 e-mail: info@mediatag.it

NAZIONALE: Piemme Spa via Umberto Novaro, 18 - 00195 Roma tel. 06.377081 - fax 06.3724830 Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

CENTRO STAMPA Stab. Tipografico De Rose - Montalto U. (Cs) per T&P Editori tel. 0961.996802 GRAFICA

manolibera

Progettazione grafica editoriale e pubblicitaria via Milelli, 1 - Catanzaro tel. 0961.706110 - fax 0961.743764 DIFFUSIONE•ABBONAMENTI Media Services - tel. 0965.644464

Immigrati della Piana, Bertolaso: «Serve il nulla osta del ministro» ROMA — Nell’incontro già fissato da tempo, per esaminare le varie emergenze in Calabria tra cui quella dei danni procurati dalle avversità atmosferiche, tra il presidente della Calabria Agazio Loiero ed il sottosegretario alla Protezione Civile Guido Bertolaso è stata affrontata anche la questione relativa alla permanenza dei 1.500 lavoratori migranti che vivono in condizioni disperate a Rosarno, Rizziconi e San Ferdinando. Bertolaso - si legge in una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale -, pur condividendo la proposta della Regione di trovare una soluzione dignitosa per i lavoratori stranieri impiegati nella raccolta degli agrumi nella piana di Gioia Tauro, ha sottolineato quanto ribadito dalla Protezione civile regionale fin dal primo momento: la Regione non ha la competenza né per la creazione né per l’individuazione di un’area adeguata. Una competenza, questa, che è in via esclusiva dei Comuni. Dal momento però che nel caso specifico alcuni dei Comuni interessati sono commissariati, la competenza è in capo ai prefetti e di conseguenza del ministero degli Interni. Per un intervento della Protezione civile nazionale, dunque, servirebbe il nulla -osta del ministro degli Interni Roberto Maroni. Appena il Viminale darà risposta la Protezione civile - prosegue la nota - potrà collaborare con la Regione Calabria e convocare tutti i soggetti competenti, locali e nazionali, per realizzare un piano di emergenza che permetta di migliorare le condizioni di vita dei lavoratori stranieri

Guido Bertolaso

della Piana. «Non si tratta dunque di passare la palla ai Comuni, come ha scritto oggi qualche organo di stampa. Chi lo scrive ignora o finge di ignorare la normativa che prevede - ha sottolineato anche Bertolaso - competenza esclusiva dei Comuni. La palla è sempre stata loro, in altre parole. Nessuno scarica barile, insomma. Il problema naturalmente - ha proseguito il governatore - si sarebbe già risolto il giorno dopo il primo sopralluogo della Protezione civile regionale se i Comuni avessero individuato un’area o avessero dato l’ok ad interventi sulle ex fabbriche nelle quali attualmente vivono i migranti. Ma niente di tutto ciò, a distanza di due settimane e ancora avvenuto». Per quanto di sua competenza invece la Regione è già intervenuta attivando il Dipartimento della salute e la Protezione civile regionale per procedere ad una vaccinazione di massa.

punti oscuri nella corsa di Pino Gentile verso la conquista della Provincia, l’unico Palazzo per ora alla sua portata. Ma non perché possano prestare il sottotavolo dei voti a Mario Oliverio, come si usa fare a Cosenza per solito. Non ne trarrebbero alcun vantaggio diretto e poi non gli riuscirebbe neanche facile, sono ruoli che non si improvvisano questi. Quanto perché nel Pdl di primavera è bene farsi trovare posizionati con la schiena dritta e con il numero minore di avversari intorno. È pur vero che Cosenza tolta dalle mani del centrosinistra, fatto storico questo, suonerebbe come spinta propulsiva eccezionale per tutte le altre competizioni a seguire. Ma il lato b di questa marcia trionfale sarebbe esattamente il contrario e cioè Cosenza a dettare la linea della riscossa del centrodestra su scala regionale. Esattamente quello che non vuole Pino Galati, per esempio. E che non festeggerebbe con prosecco nemmeno Iole Santelli, alla fin fine. Cosenza è lontana d’inverno vista dal Tirreno e per lei lo è stata ancor di più negli anni. Le è venuto più facile frequentare Roma e a questo

punto della carriera è difficile cambiare le abitudini. Altra costa, altri interrogativi per Pino Gentile. Giovanni Dima non ha nessuna voglia di far passare il fronte a Mario Oliverio ma ne ha anche pochissima a pensare che in Calabria si vince solo con volti azzurri, nel Pdl. Chi gli sta vicino lo descrive combattuto, in cuor suo. Da un lato l’ennesima sconfitta e il trionfo dei regnanti di sempre, a Cosenza. Dall’altra finalmente la vittoria ma che non sarebbe lui a portare sul tavolo di Traversa in primavera, quando il Pdl sarà una cosa seria. Ma il mestiere della politica questo è. Aggiusti una cosa e se ne guasta un’altra. Incassi un successo e paghi la cambiale di una insidiosa sconfitta. Va a finire che l’abilità stringi stringi è quella di rimanere in mezzo e non rischiare niente. E questo ha sempre fatto fin qui Pino Gentile, il più astuto in circolazione. Finché le condizioni glielo hanno permesso “l’ha promessa a tutti e non l’ha data a nessuno”, come si dice per strada. Ma oggi le cose sono cambiare e bisogna rischiare. Domenico Martelli

Parlamento europeo, nasce la “Costituente meridionalista” «A giudicare dalle piccate reazioni di molti addetti ai lavori, tra i quali il Ministro Fitto, lo spazio per una “lega” meridionale non solo esiste, ma è potenzialmente in grado di ridisegnare gli attuali rapporti tra le forze politiche». Lo ha dichiarato ieri mattina da Bruxelles Beniamino Donnici, annunciando di aver formalizzato, al presidente dell'Alde (liberaldemocratici) Graham Watson, la costituzione di un gruppo denominato “Costituente meridionalista”, all’interno del Parlamento europeo. Donnici ha confermato che l’Assemblea fondativa si terrà nel mese di marzo e che i 18 movimenti ed associazioni, che nello scorso week end in Calabria hanno sottoscritto un patto di unità, sono già diventati 25, a dimostrazione «della straordinaria accelerazione del processo in atto». «Con l'implosione del sistema dei partiti e l'affannata costruzione di loro surrogati virtuali - ha aggiunto Donnici - l’unica forza organizzata rappresentativa di interessi territoriali è la Lega di Bossi. Ciò sta determinando la padanofilia dei gruppi dirigenti del Pdl e del Pd, di Confindustria e persino dei sindacati. Dobbiamo scongiurare questa tendenza che avrebbe conseguenze nefaste per la coesione nazionale e per la stessa tenuta democratica». «Non possiamo assistere ha concluso Donnici - alla cassazione della questione meridionale in favore di quella settentrionale, sarebbe la beffa dopo il danno. Per questo, per la prima volta, tantissime associazioni, movimenti e singole personalità si sono persuasi della necessità di un grande ed unitario movimento meridionalista e diversi parlamentari sono pronti a gettare il cuore oltre l'ostacolo delle attuali appartenenze partitiche. Chi aveva fatto i conti senza il Sud rimarrà sorpreso e deluso».

Concessionaria esclusiva di pubblicità tel. 0961.996802 fax 0961.903421-903784 Sede legale: località Serramonda di Marcellinara


16 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CASO DE MAGISTRIS Le dichiarazioni del procuratore di Salerno Luigi Apicella, nella puntata di “Annozero” che andrà in onda stasera

«Ho già deciso di lasciare l’Anm» «Non tutti gli atti alla base della richiesta di archiviazione per Mastella erano stati trasmessi al Gip» ROMA — «Ho già deciso di la-

sciare l'Associazione Nazionale Magistrati». Lo ha detto il procuratore di Salerno Luigi Apicella, nella puntata di “Annozero” che andrà in onda oggi, a proposito della sua sospensione dalle funzioni e dallo stipendio decisa dal Csm in seguito allo scontro con la procura di Catanzaro sulle inchieste condotte da Luigi De Magistris. «Mi sono accorto che, purtroppo, l’Anm è cambiata totalmente da quando io, oltre trent'anni fa, ho aderito a Unicost - ha detto Apicella, intervistato da Sandro Ruotolo - ed oramai non ci sono più i presupposti per credere nei principi che loro ritengono di perseguire. Annuncio le dimissioni e penso che sia più utile devolvere ai bambini di Gaza le quote associative che ogni mese si trattengono». «Per noi si è chiusa una pagina nera per l'Anm - sottolinea -. Ci aspettavamo ben altre tutele, ben altri interventi dall'Anm, composto da tanti fini cultori del diritto che in questa situazione anziché cercare di approfondire i problemi che le vicende ponevano si sono astenuti dalla valutazione di qualsiasi intervento, hanno semLOCRI — Dopo l’agguato del giorno di Natale 2006, nel quale morì Maria Strangio, moglie del presunto boss Gianluca Nirta, ed altre quattro persone, tra le quali un bambino, rimasero ferite, nessuno denunciò l'accaduto e le forze dell'ordine vennero a sapere quanto era accaduto solo dopo il ricovero dei feriti nell'ospedale di Locri. A riferirlo è stato il maggiore Pier Paolo Mason, responsabile della sezione investigativa del Gruppo cara-

Il procuratore di Salerno Luigi Apicella

plicemente giudicato in modo negativo la nostra operazione, forse nemmeno approfondendo i reali termini della questione». «Non tutti gli atti alla base della richiesta di archiviazione per Mastella erano stati trasmessi al Gip». Lo afferma il procuratore di Salerno, Luigi Apicella, nell'intervista sullo scontro con la procura di Catanzaro sulle inchieste di De Magistris, che sarà trasmessa da "Annozero" nella

puntata di oggi. «Noi lo scontro l'abbiamo evitato - spiega Apicella -. Tutti sapevano che gli atti non venivano dati. C'era già stata una nostra prima audizione il 9 gennaio 2008 alla prima commissione del Csm su questa vicenda e soprattutto sulla questione dei magistrati di Catanzaro coinvolti nelle nostre indagini». Il magistrato fa notare che dopo le richieste e non aver avuto gli atti, «si è verificato un altro

fatto rilevante. De Magistris ci aveva riferito di una situazione relativa all'archiviazione fatta dalla Procura generale di Catanzaro per Mastella. De Magistris ci aveva segnalato che dagli elementi da lui raccolti in precedenza, prima che venissero avocati i procedimenti, aveva verificato che non tutti gli atti posti a base della richiesta di archiviazione per Mastella erano stati trasmessi al Gip». Sulla base di questi elementi posti a disposizione di De Magistris e dell'audizione dei consulenti di testimoni e altri - sottolinea il procuratore di Catanzaro, "noi avevamo elementi per ritenere che effettivamente si dovesse verificare questo fatto. Quindi l'unico modo per verificare questa situazione direttamente era quello di sequestrare il processo». Quanto alla sentenza del Csm, Apicella ha commentato: «Noi e quelli che ci conoscono siamo rimati sconvolti dalle decisioni del Csm. Non ci aspettavamo questa decisione perché ritenevamo e riteniamo di avere la coscienza a posto nell'espletamento del nostro dovere». Ansa

LOCRI A riferirlo, nel processo, il maggiore Pier Paolo Mason, responsabile della sezione investigativa dei carabinieri

«Strage di San Luca, nessuno denunciò» binieri Locri, deponendo al processo in Corte d'assise, a Locri, contro 14 presunti affiliati alle cosche di San Luca protagoniste di una violenta faida culminata con la strage di Duisburg. Mason ha ricostruito le fasi immedia-

tamente successive alla strage di Natale, spiegando che le indagini si erano subito indirizzate verso la faida. Una tesi che trovò conferma nell'omicidio, avvenuto il 4 gennaio 2007 di Bruno Pizzata. L'ufficiale ha anche ri-

CRONACA Nel 2006 avevano assaltato un furgone portavalori prelevando oltre un milione di euro

Rapina nel Pavese, arrestati due calabresi gheta, si nascondeva al nord presso un complice per sfuggire all'esecuzione di un altro provvedimento emesso nel settembre dello scorso anno dall'autorità giudiziaria di Catanzaro per il reato di associazione per delinquere finalizzata all'estorsione aggravata. Durante la rapina, i banditi, travestiti da carabinieri, avevano simulato un posto di controllo a bordo di autovettura con le insegne dell'Arma e, sotto minaccia di pistole e fucili mitragliatori, dopo aver posizionato un

di Andrea Naselli*

LAMEZIA Naselli, presidente dei Cattolici per la democrazia, sul rinnovamento della classe politica

LAMEZIA TERME — Abbiamo letto con grande attenzione il Vostro editoriale di domenica 18 gennaio 2009 dal titolo: «Si! sostituiamo i politici incapaci!». Ad onor del vero è già da diverso tempo che insistiamo su questa linea. Il maestro e poeta Francesco Sisca mi ha fatto dono della sua ultima composizione poetica avente per titolo: “Sono stanco di tutto” nella quale in una strofa afferma: “vorrei cadere nell’oblio profondo per dimenticare il vivere degli uomini oppressi, le fatiche che non sfamano, la disperazione dei disoccupati, la paura dei deboli, lo spreco del denaro pubblico, le menzogne elettorali, la sepoltura delle virtù umane, la rassegnazione dei mansueti, l’angoscia dei morti ammazzati”. In questo scorcio di lirica poetica c’è quasi tutta la problematica del popolo calabrese. Noi abbiamo sempre fatto la nostra parte attraverso la stampa:

«Il nostro obiettivo è il bene comune» sociale è composto da Politici corrotti, amministratori ladri, mascalzoni e faccendieri, i quali, quasi sempre riescono a farla franca. Che senso ha la denuncia se poi si scopre che ci sarà sempre una legge che prima o poi verrà emessa da quella sorta di grande compagnia di assicurazione che si chiama impunità? Ecco quindi che la denuncia, piuttosto che la messa in piazza di vicende che non dovrebbero più ripetersi, almeno ad opera di coloro che se ne sono resi responsabili e che andrebbero indicati alla giustizia perché ne possa valutare eventuali responsabilità e colpe, finisce per risultare la presa d’atto di qualcosa che, come la camorra, la mafia o la ndrangheta rischiano di dover rappresentare una realtà im-

ROMA — «Il Consiglio Superiore del-

la Magistratura, con la decisione assunta sul cosiddetto “Caso De Magistris”, che accoglie quasi totalmente le richieste avanzate dal Ministro della Giustizia, si è reso responsabile della messa in discussione dell’autonomia stessa della Magistratura, rispetto alla politica, soprattutto quella di centro destra» si legge in una nota di Pino Commodari, Danilo Barreca e Omar Minniti del Comitato Politico Nazionale Prc - Sinistra Europea. «Siamo di fronte ad una decisione che si colloca all’interno di quella deriva autoritaria che caratterizza fortemente questa fase della democrazia italiana. Non può essere definita diversamente una decisione che, di fatto, impedisce ai Magistrati che non si omologano di svolgere il proprio ruolo. Più che mai è oggi d’attualità una frase di Antonio Gramsci: “siamo di fronte al sovversivismo delle classi dirigenti”. Pertanto oggi è fondamentale una mobilitazione per la difesa della democrazia e della libertà». torsioni. Mason ha anche detto che alcuni affiliati ai Pelle-Vottari, uscivano, per poco tempo, solo di sera e vestiti con tute mimetiche simili a quelle dei militari per camuffarsi come appartenenti alle forze dell'ordine. La deposizione di Mason proseguirà venerdì prossimo. Il dibattimento è scaturito dall'operazione Fehida fatta da polizia e carabinieri pochi giorni dopo la strage di Duisburg, che, però, non è oggetto del processo. (Ansa)

Lamezia, omicidio Panzarella pentito conferma le accuse

MILANO — Due uomini, ritenuti i presunti responsabili della rapina da oltre un milione di euro effettuata nell'ottobre del 2006 ai danni di un furgone porta valori sul raccordo autostradale Bereguardo-Pavia, sono stati arrestati dalla polizia su provvedimento del Gip di Pavia. Un terzo complice risulta indagato in stato di libertà. Entrambi gli arrestati sono di origine calabrese ed uno dei due, stabilmente residente in quella regione ed affiliato ad una cosca della 'ndran-

denunce di truffe, imbrogli, episodi di malcostume politico e sociale, scandali e forme diverse di malasanità che dovrebbero far rabbrividire, al punto da provocare una specie di gogna mediatica per coloro che si sono resi responsabili ed anche per coloro che cercano d’inquinare le indagini. Si scopre che tali vicende non esplodono in clamorose denunce destinate a fare scandalo, ma scivolano sempre più spesso nell’indifferenza generale che riesce prima a masticarle con disgusto ma li digerisce poi con molta facilità. Insomma, dopo aver prodotto, al massimo, sussulti di rabbia e di indignazione finiscono presto nel dimenticatoio. Scopriamo infatti che raramente qualcuno paghi. La quasi totalità del mondo

candelotto di dinamite con miccia sul parabrezza, avevano costretto le tre guardie giurate a uscire e poi a spostare il furgone in una zona isolata. Dopo aver aperto la cassaforte che si trovava nel vano posteriore, si erano impossessati di 1.260.000,00 ed erano scappati lasciando legati a un albero le guardie. Maggiori particolari verranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 16.30, in Questura, a Pavia. (Ansa)

ferito che nei giorni immediatamente successivi ai due delitti, boss e gregari delle cosche in guerra, i Nirta-Strangio da una parte ed i Pelle-Vottari dall'altra, si erano allontanati dal paese o stavano chiusi in casa per paura di ri-

Prc: dal Csm una decisone che impedisce ai magistrati di svolgere il proprio ruolo

CATANZARO — l collaboratore di giu-

stizia, Francesco Michienzi, è stato sentito ieri mattina nel processo a Giuseppe Fruci, di 39 anni, ritenuto l'autore dell'omicidio di Santo Panzarella, scomparso il 10 luglio del 2002 a Curinga. Nel corso dell'udienza Michienzi ha confermato le accuse rivolte nei confronti di Fruci accusandolo dell'omicidio di Panzarella. Nel corso dell'interrogatorio è emerso che la vittima fu uccisa perché amava la moglie del suo capo cosca. Panzarella, secon-

mutabile, oltretutto rese tali proprio da noi. Anche per questo come reazione, regna in Calabria una disaffezione generalizzata sulla classe politica tutta e per fermarla, molti politici sembrano muoversi più per tentativi, che non sulla base di forti convincimenti. Più del confronto diretto con le persone che ancora sarebbero interessate, infatti, essi preferiscono affidarsi ai sondaggi adeguando a quelli, i propri comportamenti. Tuttavia nella generale confusione che coinvolge tutte le tradizioni politiche del Novecento, emerge per tutti un dato comune: la crisi della partecipazione. È vero, sui media il prodotto politico "tira" e ha una propria platea. Ma l'impressione che questo interesse suscita, non appare

do la ricostruzione, fu ucciso il giorno della sua scomparsa e il suo corpo gettato in una zona isolata e impervia. Del suo corpo è stato ritrovato solo un frammento osseo. Nel corso del processo a Catanzaro, il difensore di Fruci, l'avvocato Francesco Gambardella, ha chiesto l'acquisizione delle trasmissioni televisive dalla Rai durante le quali Angela Donato, madre di Panzarella, ha raccontato vicende relative alla scomparsa del figlio. Il processo proseguirà il 26 marzo prossimo. capace di generare a sua volta politica, ma gossip a parte, solo consenso o dissenso. L'intera disponibilità politica pertanto finisce per ridursi solo all'espressione del voto. Essa non è più considerata come il luogo naturale del dialogo civile. Una mancanza però allarga drammaticamente le distanze tra elettori ed eletti, per colmare le quali lo spazio virtuale della sola comunicazione mediatica, non è sufficiente a suscitare un impegno, né un vero interesse a occuparsi democraticamente del bene comune. Dopo i tanti mutamenti della nuova transizione ai quali è seguita quella conflittualità (fittizia) tra le forze degli schieramenti, per abbindolare il prossimo. Noi Sturziani convinti, non siamo rassegnati a credere che questa sia la politica il nostro obiettivo sarà il difficile e ambito traguardo: Il bene comune. *Presidente Comitato dei Cattolici per la democrazia


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 17

CALABRIA CASO DE MAGISTRIS L’Anm torna con un documento sulla vicenda dello scontro tra le procure di Salerno e Catanzaro

«Le toghe rispettino le regole» «La soggezione del magistrato alla legge è anche il limite del suo potere» ROMA — «La magistratura è, e pretende di essere, custode della legalità. Ed è giusto che a noi si possa e si debba richiedere rispetto assoluto delle regole, di tutte le regole, processuali, etiche e deontologiche». L’Associazione nazionale magistrati torna con un lungo documento sulla vicenda dello scontro tra le procure di Salerno e Catanzaro, dopo che la sezione disciplinare del Csm ha sanzionato i protagonisti del conflitto. Un documento in cui ribadisce che non tocca al sindacato delle toghe «esprimere valutazioni» sul merito dei provvedimenti disciplinari: «Non si tratta di difendere aprioristicamente le decisioni del Csm, né di schierarsi comunque in difesa dei colleghi incolpati». Perché tra i doveri dell’associazione c’é «certamente la difesa dell’autonomia del singolo magistrato, ma senza rinunciare al fondamentale ruolo di promuovere sul piano culturale un modello di magistrato adeguato al ruolo costituzionale e alla rilevanza degli interessi coinvolti dall'esercizio della giurisdizione». E tutto questo proprio perché «la forza e la credibilità dell’associazione nazionale magistrati è rappresentata proprio dall’impegno nella difesa dell'ordine giudiziario nel suo complesso e dei valori costituzionali su cui si fonda». L’Anm assicura che non intende sottrarsi «al confronto con il senso di insoddisfazione manifestato da molti colleghi che lamentano, nella complessiva vicenda, carenze, lacune e ri-

tardi del circuito istituzionale». Ribadisce che la Calabria è «una terra difficile» e che «la magistratura, anche associata, ha, al riguardo, delle responsabilità importanti». E rinnova una «forte autocritica: troppo a lungo abbiamo consentito che la direzione di uffici giudiziari delica-

tissimi fosse affidata per decenni a magistrati spesso professionalmente squalificati, a volte addirittura collusi con i potentati locali. Non abbiamo saputo o voluto vedere quanto il criterio dell’anzianità senza demerito fosse inadeguato soprattutto in realtà dove la conser-

vazione di un sistema di potere illegale si nutre e si alimenta anche della inefficacia e della collusione degli apparati dello Stato». Ma «proprio per questo dobbiamo essere oggi capaci di apprezzare l’inversione di tendenza, in applicazione della riforma del 2007, nella scelta dei dirigenti degli uffici giudiziari con la temporaneità degli incarichi direttivi, l’abolizione del criterio dell’anzianità senza demerito e la valorizzazione del merito, della professionalità e delle attitudini». Un'inversione «che ha cominciato a dare frutti concreti, anche se resta ancora molto da costruire: in particolare un sistema affidabile e verificabile di valutazione della professionalità che consenta di sottrarre il più possibile le scelte del Csm a logiche di appartenenza o di protezione corporativa». «Noi rivendichiamo l’indipendenza dei magistrati in un unico ordine», scrive l’Anm. «Ma dobbiamo essere consapevoli del fatto che la soggezione del magistrato alla legge è anche il limite del suo potere», che va «esercitato nel rigoroso rispetto delle regole». Dunque, «le difficoltà oggettive e interne ad una inchiesta delicata, sommate all'ostilità dell’ambiente in cui si opera e ai ritardi da parte degli organi istituzionali, possono forse spiegare la ricerca di soluzioni fuori del processo, ma non possono giustificarle; né sono mai ammissibili nell’esercizio della giurisdizione scorciatoie o torsioni». (Ansa)

Ma i pm di Salerno: Csm sconcertante, serve un’assemblea NAPOLI — I pm della Procura di Salerno esprimono «sconcerto e preoccupazione» per le decisioni disciplinari prese dal Csm relativamente alla guerra fra procure esplosa sul caso De Magistris. In una nota firmata da 25 pubblici ministeri - soltanto un magistrato non ha aderito alla iniziativa - si sollecita unaassemblea straordinaria per ridiscutere l'autonomia della magistratura italiana. «La notizia delle decisioni adottate della Sezione Disciplinare del Csm in data 19 gennaio 2009, nei confronti del Procuratore Della Repubblica di Salerno, Luigi Apicella, e dei Sostituti Procuratore Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi - si legge nella nota - ha destato sconcerto e preoccupazione nei magistrati in servizio presso la Procura della Repubblica di Salerno». «La gravità e l'urgenza delle sanzioni cautelari adottate nei confronti dei predetti colleghi ha sconvolto non solo l'organizzazione della Procura della Repubblica di Salerno - continuano i magistrati ma anche le nostre coscienze, considerato che abbiamo potuto apprezzare la indiscutibile professionalità, serietà, onestà e correttezza degli stessi durante i lunghi periodi di lavoro comune». Ansa


18 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA Due distinte operazioni portate a buon fine dal personale della Squadra Investigativa del Commissariato di Pubblica Sicurezza

Due giovani lametini in manette In carcere per furto Andrea Berlingeri e per spaccio di droga Fabio Stranges LAMEZIA TERME — Nella giornata

di martedì scorso, il personale della Squadra Investigativa del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Lamezia Terme ha tratto in arresto, in diverse e distinte operazioni, due giovani lametini. Gli Agenti hanno eseguito nella mattinata di ieri l’ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme nei confronti di Andrea Berlingeri, 25enne pluripregiudicato, il quale deve scontare 2 mesi e 15 giorni di reclusione, come fine pena, per i reati da lui commessi di più furti aggravati in concorso. Successivamente, in serata, gli investigatori hanno effettuato, a con-

clusione di intense indagini volte a reprimere il fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti nella città della Piana, una perquisizione domiciliare nell’abitazione del pregiudacato 25enne Fabio Stranges. In una camera da letto della casa, abilmente occultata all’interno di una caldaia in disuso, è stata così rinvenuta una busta di plastica contenente 21 singole confezioni, ben sigillate con del nastro adesivo, di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Il ragazzo è stato quindi arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e la droga, avente un peso complessivo di 230 grammi, debitamente sequestrata.

Stranges e la droga sequestrata

REGGIO CALABRIA Il consuntivo dell’attività svolta nel 2008 dalle Fiamme Gialle della provincia

Gdf, confermato l’alto livello di presenza REGGIO CALABRIA — Un incontro per

tirare le somme del lavoro che la Guardia di Finanza di Reggio Calabria sviluppa quotidianamente sul territorio a presidio della sicurezza economica e finanziaria dei cittadini e delle imprese. Ieri a Reggio sono state illustrate le missioni perseguite ed i risultati dell’attività operativa dei reparti del Comando provinciale nel corso del 2008, con alcune brevi note di commento ai dati di consuntivo. Le prioritarie linee d’azione sviluppate nel 2008 sono state: la lotta all’evasione ed all’elusione fiscale in tutte le sue manifestazioni. Mi riferisco all’economia sommersa riconducibile ai soggetti che non presentano le dichiarazioni annuali dei redditi ed IVA, all’evasione parziale posta in essere dai soggetti che dichiarano basi imponibili inferiori a quelle reali, ovvero alle frodi fiscali, rappresentate dagli illeciti più gravi di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, di omessa, infedele o fraudolenta dichiarazione con imposte evase superiori alle soglie penali; il contrasto alla criminalità che danneggia l’economia: l’appropriazione fraudolenta di risorse comunitarie e nazionali destinate allo sviluppo, la falsificazione dei mezzi di pagamento; l’aggressione alla c. o. sotto il profilo patrimoniale; la tutela del mercato dei beni e servizi; il controllo del territorio ai fini della lotta al gioco illegale, del contrasto all’immigrazione clandestina ed ai traffici illeciti di contrabbando e di sostanze stupefacenti. La lotta all’evasione La lotta all’evasione è un obiettivo strategico per la Guardia di Finanza. Il piano d’azione per il 2008 ha confermato il livello già alto della presenza ispettiva reso possibile dall’adozione generalizzata di metodologie di verifica più snelle ma fondate su una più attenta selezione dei soggetti da controllare al fine di concentrare l’attenzione sulle attività della gestione d’impresa connotate da maggiore rischio di evasione. In concreto, le 1.748 verifiche eseguite (sostanziali e controlli fiscali) hanno portato alla verbalizzazione di redditi proposti per il recupero a tassazione per 185 milioni di euro, cui si aggiungono un’I. v. a. evasa di 27 milioni e rilievi all’I. r. a. p. per 3 milioni. In particolare, si può osservare come nella provincia, il peso dell’economia sommersa continui ad essere rilevante: gli evasori totali scoperti nel 2008 sono stati ben 120 (le categorie economiche maggiormente colpite sono risultate essere: allevamenti di animali, costruzioni e lavori edili, commercio e riparazione di autovei-

coli, commercio ambulante in genere) mentre i lavoratori in nero ed irregolari individuati nei cantieri e nelle aziende sono pari a 710. Nel settore delle ricevute e degli scontrini fiscali le pattuglie del Corpo hanno invece accertato, nell’intera provincia, 1.238 violazioni a fronte di 8.188 controlli complessivamente eseguiti, proponendo all’Amministrazione finanziaria la chiusura di 17 esercizi commerciali risultati recidivi, di cui 4 già sottoposti al relativo provvedimento. Contrasto alle frodi Le indagini antifrode hanno determinato la scoperta di truffe di contributi all’agricoltura per 71 milioni di euro, di frodi per 8 milioni di euro nel settore dei fondi strutturali finanziati dall’Unione Europea e di indebite percezioni di incentivi alle imprese a carico dei bilanci statale e regionale per oltre 12 milioni di euro, per un totale di ben 91 milioni di euro. In questo ambito sono stati anche eseguiti sequestri preventivi finalizzati alla confisca per equivalente per circa 6 milioni di euro. Parallelamente, i reparti del Comando Provinciale hanno sviluppato una serie d’indagini di iniziativa o per delega della Corte dei Conti che hanno portato all’accertamento di danni erariali per 37 milioni di euro. Da un’analisi un po’ più ampia emerge, poi, che nell’ultimo triennio (2006-2008) sono stati complessivamente 149 i milioni di euro di contributi pubblici illecitamente percepiti e/o richiesti nel territorio provinciale di cui, 75 nel settore della P. a. c., 47 nei Fondi strutturali e 27 nei Fondi nazionali. I settori maggiormente colpiti dalle frodi, nello stesso arco temporale, risultano essere quello degli aiuti alla produzione ed al consumo dell’olio di oliva, quello inerente il Fesr ed i contribuenti elargiti sulla base della legge n. 488/92. Contraffazioni Anche il fronte della tutela dei mezzi di pagamento in un periodo di grave crisi economica internazionale con forti ripercussioni sulla liquidità disponibile richiede un elevato livello di attenzione. Infatti, i 35 interventi eseguiti nel 2008, evidenziano una tendenza alla crescita del fenomeno con un aumento del 20% rispetto al 2007 in termini di valore facciale delle banconote contraffatte sequestrate, che ammonta, complessivamente, a 21.220 euro. Lotta alla criminalità organizzata L’impegno del Corpo nella lotta alla criminalità organizzata è strettamente connesso al ruolo istituzionale pri-

mario di polizia economica finanziaria sancito dal D. Lgs. n. 68/2001. In tale quadro l’obiettivo di fondo è quello di cercare di sottrarre alle organizzazioni criminali le ricchezze accumulate al fine di impedirne lo sfruttamento, il riciclaggio ed il reimpiego successivo. Le indagini per il contrasto alla criminalità organizzata sotto il profilo patrimoniale hanno consentito, complessivamente, di intercettare profitti illeciti per circa 14 milioni di euro. Più in particolare sono state avanzate proposte di sequestro per 5,3 milioni di euro, mentre ammonta rispettivamente a 5,5 milioni di euro ed a 3 milioni di euro il valore dei beni sequestrati e confiscati. L’azione dei reparti del Comando Provinciale per la lotta alla contraffazione ha portato nel 2008 al sequestro di circa 1,9 milioni di prodotti con marchi contraffatti o pericolosi per la sicurezza dei consumatori. Il dato è in flessione (-15%) rispetto al 2007, e rispecchia l’analogo andamento registrato in ambito nazionale ed europeo. Pirateria fonografica e audiovisiva L’impegno profuso nel comparto della pirateria fonografica e audiovisiva ha permesso di segnalare all’A. G. n. 21 persone e sequestrare n. 29.075 cd illecitamente prodotti e n. 3 apparecchiature utilizzate per la per la riproduzione degli stessi. Lotta al carovita Sono stati effettuati più di 260 controlli per rilevare i prezzi al consumo effettivamente praticati nella provincia, in tali circostanze 58 esercenti (il 25%) sono stati verbalizzati amministrativamente per avere eluso l’obbligo di esporre al pubblico i prezzi di offerta delle merci. I reparti dipendenti hanno, poi, effettuato su incarico dell’Autorità Garante per la Sorveglianza dei prezzi n. 50 accessi per indagini conoscitive sui prezzi del burro, dei prodotti della filiera cerealicola e dei trasporti marittimi. Attività di polizia giudiziaria E’ stata, infine, intensa l’attività di polizia giudiziaria condotta, sia di iniziativa che su delega delle Procure della Repubblica di Reggio Calabria, Palmi e Locri, e della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Nel periodo di riferimento sono stati denunciati 750 soggetti, per varie e gravi tipologie di reato, e tratte in arresto 68 persone in esecuzione di provvedimenti restrittivi e flagranza di reato. Sono stati, inoltre, effettuati sequestri preventivi di beni immobili per un valore di oltre 43 milioni di euro.

Cosenza, commerciante cinese tenta di corrompere i finanzieri COSENZA — Un cittadino cinese tenta di corrompere i finanzieri del nucleo Polizia Tributaria di Cosenza, impegnati in una attività di sequestro di migliaia di giocattoli pericolosi provenienti dalla Cina, ma viene immediatamente arrestato. Prosegue senza sosta la lotta delle Fiamme Gialle all’illecita immissione sul mercato di prodotti pericolosi per la salute dei consumatori. Nella giornata di martedì 20 gennaio, i finanzieri del nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza hanno sottoposto a sequestro circa 3500 giocattoli quali, ad esempio, automobiline, lavagnette, pistole ad aria compressa, laser pointer, scimmiette di peluche, pupazzi winnie the pooh che sarebbero dovuti essere destinati ad un pubblico di bambini di età compresa tra 0 e 8 anni. Fatto singolare è che i finanzieri operanti, nel mentre erano in corso le operazioni di sequestro della merce pericolosa, venivano avvicinati con destrezza e disinvoltura dal malcapitato Lingxing Jiang, nato a Zhejiang (Cina) in data 17.12.1975, fratello della moglie del titolare dell’esercizio commerciale controllato che, dopo aver assistito alle operazioni di servizio, consegnava loro due distinte buste con alcune centinaia di euro, allo scopo di scongiurare gli esiti negativi delle operazioni di servizio. In particolare: una, recante la dicitura “x 4 p” (verosimilmente destinata ai 4 componenti la pattuglia); l’altra caratterizzata dalla dicitura “caffettino”. Senza batter ciglio veniva arrestato per istigazione alla corruzione e condotto, su disposizione

La merce sequestrata

Le buste con i soldi

del sostituto procuratore della Repubblica, Dr. Francesco Cozzolino, nelle locali patrie galere. I giocattoli, tutti non conformi alle normative di sicurezza che ne garantiscono il loro utilizzo, erano stoccati in un negozio ubicato in una zona periferica della città bruzia, esercizio commerciale gestito da un altro soggetto di nazionalità cinese. Quest’ultimo è stato segnalato alla locale procura della repubblica perchè ritenuto responsabile della violazione degli artt. 4 e 5, sanzionati dall’art. 11 del d. lgvo nr. 313/91 il quale, nel recepire una direttiva comunitaria, disciplina le condizioni di sicurezza dei giocattoli. E’ sempre più crescente lo sforzo profuso dalla Guardia di Finanza a presidio della legalità soprattutto quando, nel più ampio contesto della tutela dell’ordine e della sicurezza economico-finanziaria ed, in particolare, di quella pubblica, sono maggiormente esposti i clienti più indifesi in virtù della tenera età e, quindi, più soggetti ai rischi rappresentati da oggetti costruiti non a norma e con materiali, oltrechè scadenti, soprattutto pericolosi.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 19

CALABRIA La sede calabrese dell’Azienda di Stato compie mezzo secolo di vita. Pino Nano: «Un patrimonio di energie e professionalità»

Rai, cinquant’anni portati bene Il presidente Claudio Petruccioli: «Siamo da sempre a servizio della gente» COSENZA — Cinquant’anni ben

portati. Sono quelli festeggiati dalla Sede Rai della Calabria, protagonista principale Claudio Petruccioli presidente della Rai. E’ stato lo stesso Petruccioli a sottolineare «il profondo legame tra la Rai e l’Italia: una sorta di cordone ombelicale - ha detto Petruccioli - lega la nostra Azienda di Stato al resto del Paese, ma questo è vero perché da quando la Rai è nata è rimasta sempre e soprattutto un’azienda al servizio della gente». Claudio Petruccioli ha sottolineato, in particolare, la necessità per la Rai di operare per far vivere ed esaltare la diversità e la varietà del nostro Paese ai fini di una più forte unità dell’Italia. La giornata è inoltre coincisa con l’inaugurazione in Calabria della nuova striscia informativa “Buongiorno regione”, «un tassello - ha ricordato Petruccioli di questo profondo legame che esiste tra l’azienda e il Paese». Centinaia e centinaia le presenze istituzionali all’iniziativa, che è stata aperta da un intervento di Basilio Bianchini, direttore della sede regionale per la Calabria, e ha visto gli interventi del presidente dell’Ordine calabrese dei giornalisti, Giuseppe Soluri; del presidente della Regione, Agazio Loiero; del sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini; dell’arcivescovo della città, monsignor Salvatore Nunnari; del presidente dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, Wanda Ferro e del vicedirettore nazionale della Tgr Domenico Nunnari. Relazione centrale è stata quella del caporedattore della sede Rai per la REGGIO CALABRIA — «Un altro

provvedimento legislativo che dimostra, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto l’attuale Governo di centrodestra presieduto da Silvio Berlusconi sia nemico della Calabria». Così, Michelangelo Tripodi, segretario del Pdci Calabria e assessore regionale all’Urbanistica e Governo del Territorio, commenta, in una nota, l’esclusione della Calabria dalla normativa che consente alle imprese delle regioni economicamente più deboli il diritto agli incentivi per l’assunzione di lavoratrici donne con contratti di inserimento. «Un fatto gravissimo - sostiene Michelangelo Tripodi - tanto da far rizzare i capelli persino al senatore del PdL, Vincenzo Speziali, che ha presentato un’interrogazione ai ministri del Lavoro e dell’Economia. Un provvedimento incomprensibile e sciagurato che discrimina un’intera regione ma, soprattutto, tutte le donne e le lavoratrici calabresi. Come abbia fatto il ministro ad equiparare nel decreto del 13 Novembre 2008 la Calabria alle regioni più ricche ROMA — «Com’è ormai a tutti noto -Governo compreso - la Social card si è rivelata un clamoroso flop, un pasticcio che mortificato e umiliato tantissima gente. Da un milione e mezzo di social card previste dal Governo fino al 31 dicembre, solo 520 mila sono state assegnate. E di queste, ben 190 mila sono risultate non coperte quando la povera gente è andata al supermercato a fare la spesa». E’

Un momento della celebrazione dei 50 anni della Rai in Calabria

Presentata la nuova striscia “Buongiorno Regione”. Sempre più vicini al territorio Calabria, Pino Nano, che ha voluto ricordare tutti i capiredattori che prima di lui hanno guidato la sede calabrese della Rai, da Alfredo Caputo a Ninì Talamo, da Enrico Mascilli Migliorini a Gegè Greco, da Franco Falvo a Cesare Viazzi, da Emanuele Giacoia a Franco Martelli da Domenico Nunnari a Vittorio Fiorito e poi a Gregorio Corigliano. E’ stato sempre il presidente della Rai Claudio Petruccioli a rac-

contare la nuova striscia quotidiana della testata giornalistica regionale “Buongiorno Regione”. Il programma trasmesso in diretta su RAITRE dal lunedì al venerdì, dalle 7,30 alle 8,00 darà sempre più spazio all’informazione dalle realtà locali. Due edizioni del telegiornale, tante informazioni di servizio su meteo e viabilità, la rassegna stampa dei giornali regionali, l’agenda dei principali appuntamenti. Ampio spazio - dice il Capo della redazione giornalistica Pino Nano - daremo alle sollecitazioni dei telespettatori, in una rubrica dal titolo “Ditelo al TGR”, che attraverso video, foto o email segnaleranno argomenti da trattare in trasmissione. Nella mezz’ora ci saranno anche collegamenti in diretta dedicati ai fatti più importanti del proprio territorio e una rubrica dedicata ai prezzi dei mercati, sia all’ingrosso che al dettaglio. Un

“Daremo spazio alle sollecitazioni dei telespettatori che segnaleranno argomenti da trattare” occhio speciale poi ai problemi del lavoro, della scuola, della famiglia e della terza età: ogni puntata sarà conclusa con la “buona notizia”, una curiosità in positivo. «Per la Calabria sarà una vera e propria sfida editoriale - sottolinea il Capo della redazione giornalista Pino Nano perché dal 1988, chiusa definitivamente la fase della programmazione regionale, RAI Regione produceva ormai soltanto i tra-

OCCUPAZIONE FEMMINILE Michelangelo Tripodi (Pdci) rivendica gli incentivi ai contratti di inserimento

«Ennesima mazzata alla Calabria» e strutturate del Paese, come il Veneto, la Lombardia, il Piemonte e via discorrendo, è veramente un vergognoso mistero». «Pare, quindi, sempre più chiaro - secondo il segretario regionale dei comunisti italiani -l’intento del Governo Berlusconi di penalizzare ancora e duramente la Calabria, unica regione del Mezzogiorno lasciata fuori dai benefici previsti dal decreto emanato dal Ministero del Lavoro». «L’ennesima mazzata nei confronti della nostra regione prosegue Tripodi - che arriva dopo i numerosi scippi già perpetrati. Iniziando dal biglietto da visita relativo alla cancellazione dei fondi ex Fintecna per coprire gli ammanchi derivanti dall’abolizione dell’Ici ai Comuni e a favore delle classi sociali con un elevato reddito personale e proseguendo poi con l’azzeramento delle risorse europee come i fondi Fas, con il

Michelangelo Tripodi

blocco degli investimenti nelle infrastrutture strategiche, con l’azzeramento dei finanziamenti per i lavori di costruzione della statale 106 e di altre opere necessarie allo sviluppo del terri-

Social Card, Laratta (Pd): «Raddoppiare l’importo» quanto dichiara in una nota il parlamentare del Pd Franco Laratta. «A questo punto - prosegue il comunicato -chiediamo a Tremonti di utilizzare tutte le risorse rimaste nelle mani del governo - che so-

no tante - per raddoppiare l’importo della social card da 40 a 80 euro mensili, e per portare immediatamente a un milione le tessere da assegnare a chi ha già fatto domanda».

torio». A parere del segretario regionale del Pdci «ormai siamo veramente al paradosso, di fronte ad un’arroganza senza precedenti e al disinteresse più totale del Governo centrale nei confronti della Calabria». «E’ un dato ormai appurato, infatti, che per la prima volta nella storia della Repubblica - afferma ancora Michelangelo Tripodi - un Governo viene e mette le mani in tasca al Mezzogiorno, alla Calabria in particolare, a beneficio delle aree più ricche del Paese, invece di programmare e di avviare investimenti. Adesso la nuova incomprensibile e scellerata esclusione sociale e lavorativa che coinvolge e discrimina l’universo femminile e le imprese calabresi. E fatto ancor più grave, in una regione, come la nostra, dove invece è assolutamente di primaria importanza il miglioramento della condizio-

dizionali GR e TG. Oggi invece si torna sul territorio in diretta e alla grande, con il conforto e la consapevolezza di avere alle spalle un patrimonio di energie e di professionalità che sono nei fatti la storia stessa della Rai in questo Paese». «L’informazione vicino casa - sottolinea il Direttore della TGR Angela Buttiglione - è il claim di Buongiorno Regione. Con la nuova iniziativa editoriale targata TGR la Rai sarà sempre più al fianco dei cittadini rilanciando il ruolo delle redazioni e delle sedi regionali anche grazie ad un forte rinnovamento tecnologico e all’impiego di giovani giornalisti, impiegati e tecnici». E per essere ancora più vicini ai cittadini, oltre alla rubrica “Ditelo alla TGR” in Buongiorno Regione saranno utilizzati collegamenti via web e in videoconferenza. Si punterà così a fornire le ultime notizie e le informazioni della giornata sulla regione e uno sguardo sui tanti aspetti delle realtà locali che non possono trovare spazio nei Tg nazionali. In Calabria a condurre il programma saranno Maria Luigia Cozzupoli e Claudia Bellieni che si alterneranno per sei mesi come padrone di casa dagli studi Rai di Viale Marconi a Cosenza. «Di fatto sarà una redazione quasi tutta al femminile - conferma Pino Nano che avrà alla sua guida una giornalista di grande prestigio e di grande esperienza come Annarosa Macrì, che dopo aver lavorato per tantissimi anni insieme a Enzo Biagi torna oggi definitivamente in Calabria per vivere con tutti noi questa nuova esperienza professionale». ne occupazionale della donna soprattutto nei settori del commercio, in quello del terziario e dei servizi in cui la presenza femminile è tradizionalmente più radicata e consistente». «Altro che politica verso il Mezzogiorno - puntualizza il segretario del PdCI -. La verità è ormai sotto gli occhi di tutti: lo sfascio, la crisi, il declino socio-economico che si sta consumando la dice tutta sulla politica che l’attuale Governo sta portando avanti nei confronti delle fasce più esposte e più deboli». «Ma noi sicuramente non stiamo e non staremo a guardare - conclude Michelangelo Tripodi -. Come calabresi, come uomini del Sud e come Comunisti Italiani non mancheremo di dare il nostro contributo schierandoci a fianco alle donne e alle lavoratrici calabresi affinché questo assurdo provvedimento venga al più presto rivisto. Per questo denunciamo con forza quanto di grave è stato fatto e chiediamo a chi di dovere di correre subito ai ripari contro questa ennesima, vergognosa e assurda esclusione».

Cosenza, Greco (Giustizia giusta): il Comune tuteli i randagi «Il Comune di Cosenza spende ogni anno oltre 200 mila euro per il ricovero di cani randagi in strutture di altri Comuni della Calabria. I cani ospitati a Gioia sono morti a causa del maltempo che ha parzialmente distrutto la struttura ospitante. Il sindaco Perugini deve definire una strategia precisa in difesa degli animali». Lo sostiene, in una nota, il presidente di Giustizia giusta, Emilio Greco. «Il canile sanitario di Donnici - prosegue Greco - è stato dichiarato inagibile dall’azienda sanitaria e il Comune non riesce a convocare le associazioni per pervenire ad una soluzione del problema. Grazie alla Lav nel recente passato 91 cani randagi sono stati curati e dati in adozione, ma oggi tutto questo non viene reso possibile». «Non è normale - conclude il presidente di Giustizia giusta - che un'amministrazione spenda tanti soldi e che non ci siano controlli adeguati sui cani ospitati fuori città». (Ansa).


20 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA COSENZA I segretari della Cisl Tramonti e De Rose plaudono alla convenzione tra Sant’Anna Hospital e Azienda ospedaliera

«Il “Centro del cuore” è una opportunità» «Il Piano sanitario non è più rinviabile. Puntare su alte specialità e territorio» COSENZA — «Per la Cisl la con-

venzione stipulata tra il Sant’Anna Hospital e l’Azienda ospedaliera di Cosenza, che prevede la realizzazione di un “Centro integrativo di alta specializzazione del cuore”, potrebbe costituire una valida opportunità per il rilancio del comparto sanitario della nostra provincia». Ad affermarlo, in una nota congiunta, il segretario generale dell’Ust-Cisl Cosenza, Paolo Tramonti e il segretario generale della Fp-Cisl Territoriale Ugo De Rose. Per i due sindacalisti «va comunque ricordato, così come è stato sottolineato in questi giorni, che l’accordo tra le due strutROMA — Il Governo, con il decreto

legge 208/2008, ha modificato le regole su come arrivare al risarcimento del danno ambientale, causato dai soggetti privati che hanno inquinato il territorio. L’assessore regionale all’Ambiente Silvio Greco - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta - in qualità di coordinatore della “Commissione ambiente e protezione civile” delle Regioni ha proposto ieri una riflessione agli altri colleghi, per valutare le ricadute concrete che la nuova norma porterà sia sulla determinazione del risarcimento che sull’obbligo di bonifica. «Su un tema così delicato ed al centro dell’attenzione della popolazioREGGIO CALABRIA — Il coman-

dante interregionale “Culqualber” dei Carabinieri, generale di corpo d’armata Stefano Orlando, ha reso visita ieri mattina al presidente del Consiglio regionale della Calabria. Ad accompagnare l’alto ufficiale, le cui responsabilità abbracciano la nostra regione e la Sicilia, è stato il comandante provinciale reggino della Benemerita, colonnello Leonardo Alestra. L’incontro, dai toni sobri e cordiali, si colloca nel quadro delle eccellenti relazioni istituzionali che intercorrono tra l’Arma e la presidenza di palazzo Tommaso Campanella. Il generale Orlando, che da alcuni mesi si è insediato al vertice del comando interregionale con sede a Messina, ha spiegato al presidente Bova di conoscere bene la realtà calabrese e le sue criticità, per avervi lavorato dal 1974 al 1982. Il comandante, che in

ture prima di diventare operativo e ottenere il via libera della Regione Calabria dovrà prevedere il rispetto dei criteri di rimodulazione e degli impegni di spesa previsti dal nuovo piano sanitario regionale tenendo conto, in ogni caso, del momento contingente che impone l’assunzione di provvedimenti legati al rientro del debito, nonché alla mancata approvazione del piano stesso». In questo senso per la Cisl «non è ulteriormente rinviabile l’emanazione del nuovo Piano sanitario, quale strumento che dovrà fornire risposte in termini di riassetto e riorganizzazione del comparto investendo sulla qualità ed effi-

L’Annunziata di Cosenza

cienza dei servizi, sulla riqualificazione professionale e tecnologica, sul potenziamento di infrastrutture e presidi territoriali, sulla creazione di poli di eccellenza, sulle alte specialità». A giudizio di Tramonti e De Rose, «in ogni caso, gli elementi essenziali per condividere qualsiasi tipo di percorso volto alla definizione di un nuovo modello organizzativo non possono che essere rappresentati dalla garanzia dei servizi sanitari ai cittadini, da un equilibrio finanziario del sistema e dal mantenimento dei livelli occupazionali esistenti. Per questi motivi «la Cisl continuerà a guardare con grande at-

DANNI AMBIENTALI L’assessore mostra perplessità per le soluzioni risarcitorie del Governo

Greco: «Pericolosa sottovalutazione» ne - ha detto Greco - gli assessori regionali devono avere la possibilità di entrare nel merito del provvedimento, per capire se esso lede i diritti individuali dei cittadini e quelli degli Enti locali, in materia di tutela della salute e di salvaguardia dell’ambiente. Così com’è stato emanato, il decreto legge, che tende a chiudere qualsiasi contenzioso penale e civile sul danno ambientale con un contratto, impedisce nei fatti a cittadini e istituzioni territoriali

di rivalersi su chi ha inquinato sulla base di una quantificazione certa sia del danno causato dall’inquinamento che dei costi reali della bonifica». Il problema - prosegue la nota - nasce dallo strumento giuridico previsto dal decreto legge 208, per l’attuazione di interventi di bonifica e messa in sicurezza di uno o più siti di interesse nazionale. Esso è un semplice contratto di transazione globale, con una o più imprese, pub-

bliche o private, in ordine alla spettanza e alla quantificazione degli oneri di bonifica, degli oneri di ripristino, nonché del danno ambientale e degli altri eventuali danni di cui lo Stato o altri Enti possano richiedere il risarcimento. La bozza di tale contratto viene predisposta dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e comunicata ai soggetti istituzionali del territorio, ad associazioni e a privati interessati.

ISTITUZIONI Il generale alla guida del “Culqualber” dei Carabinieri ospite a Palazzo Campanella

Bova riceve il comandante Orlando

Da sinistra il presidente del Consiglio Bova e il generale Orlando

passato ha anche ricoperto incarichi di grande responsabilità al Quirinale, ha ricordato la visita che nel 1996 l’allora Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro compì nella stazione dei carabinieri di Rosarno: «Il più piccolo presidio di legalità in un territorio soggiogato allo strapotere della criminalità organizzata». L’on. Giuseppe Bova, da parte sua, ha rimarcato «l’importanza di un’istituzione come quella dei Carabinieri che, oltre ad essere unica al mondo, svolge una duplice funzione: per un verso garantisce la libertà e la sicurezza dei cittadini, cui l’Arma è vicina con i propri presidi territoriali;

tenzione all’evolversi della situazione nella consapevolezza che le scelte che si dovranno fare tengano realmente conto delle necessità delle nostre popolazioni, al di fuori da ogni logica di appartenenza e di interessi lobbistici». «In questo contesto - proseguono i sindacalisti - per la Cisl anche la realizzazione del nuovo ospedale nell’area urbana cosentina può rappresentare un ulteriore momento di svolta ai fini di un più efficace modello di assistenza sanitaria, in considerazione dell’ampio bacino di utenza costituito da una popolazione che a livello provinciale conta oltre 750.000 residenti». Successivamente il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare svolge svolge una conferenza di servizi decisoria, fra i soggetti pubblici aventi titolo, per acquisire e comporre gli interessi di cui ciascuno risulti portatore. Le determinazioni assunte all'esito della conferenza chiudono ogni altra strada di risarcimento. Così, la stipula del contratto di transazione comporta l’abbandono del contenzioso pendente e preclude ogni ulteriore azione per rimborso degli oneri di bonifica e di ripristino ed ogni ulteriore azione risarcitoria per il danno ambientale, per le altre eventuali pretese risarcitorie azionabili dallo Stato e dagli Enti territoriali. per l’altro assolve a delicati compiti nelle missioni militari di pace all’estero. E’ per questo che ognuno di noi non può non apprezzare e sostenere il lavoro quotidiano di chi esprime al meglio il valore del lealismo nel nostro ordinamento». Proprio per sottolineare questi aspetti, il Presidente del Consiglio regionale ha donato al generale Orlando un volume dedicato ai fioretti di San Francesco di Paola, patrono della nostra regione, ed una copia anastatica dell’Albo d’oro dei caduti calabresi nella Grande Guerra. Quest’ultimo volume, realizzato su iniziativa dell’Assemblea regionale, contiene un’appendice fotografica che, oltre alle immagini sul primo conflitto mondiale, presenta una serie di testimonianze sulle recenti missioni di peacekeeping dei militari italiani all’estero.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 21

CALABRIA CRIMINALITA’ Intervista alla parlamentare componente della Commissione Antimafia. «Recrudescenza preoccupante»

Napoli: «A Vibo servono i militari» «Positiva l’iniziativa di De Rose. Ma arriva tardi e ancora non siamo come la Sicilia» VIBO VALENTIA — Non abbassare

la guardia dinanzi alla ripresa dell’attività criminale sul territorio. Deve essere questo un obbligo per quanti a vario titolo sono impegnati nelle attività sociali: istituzioni, forze dell’ordine, forze sociali, associazioni di categoria, ma anche mezzi di informazione. Ed è per questo che, dopo che la settimana scorsa l’argomento ha conquistato l’attenzione dei mass media regionali, adesso non bisogna rallentare. Di questo ritorno della violenza e della criminalità che nel Vibonese ha colpito inesorabilmente imprenditori, commercianti, amministratori, politici ne abbiamo parlato con Angela Napoli, deputato del PdL, componente della commissione parlamentare antimafia, da sempre impegnata nella lotta alla criminalità, particolarmente attenta al fenomeno ‘ndrangheta e di quanto accade

“Fino a quando vige la garanzia dell’impunità dovremo assistere a una preoccupante ascesa criminale” COSENZA — Oggi, alle 11,00, nel-

la sala giunta del Comune di Castrovillari verrà presentato il Rapporto 2008 sullo stato delle autonomie calabresi. Lo rende noto, in un comunicato, il presidente di Legautonomie Calabria, Antonio Acri. I dati del dossier si preannunciano interessanti. «Se la pressione finanziaria dei comuni calabresi è aumentata di 13,46 euro per ogni residente negli ultimi due anni, la spesa sociale - viene sottolineato nella nota, che anticipa in parte i contenuti del dossier - è aumentata di appena 3,75 euro pro capite, dato che conferma la Calabria all’ultimo posto nel panorama nazionale come percentuale di spesa comunale assorbita dall’erogazione di servizi nel campo della funzione socio-assistenziale». «Ad inizio 2009 - continua Acri -, l’importo totale dei mutui vigenti nei Comuni calabresi con imporREGGIO CALABRIA — «Combatteremo un’aspra battaglia perché la proposta di Piano di razionalizzazione della rete scolastica regionale venga dibattuta in aula così come previsto dal regolamento». Lo annuncia, in una nota, il consigliere regionale Salvatore Pacenza dopo l’iniziativa intrapresa dai Popolari europei verso il Pdl che, per mano del loro capogruppo, on. Gianpaolo Chiappetta, hanno scritto al presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Bova, perché la bozza di Piano venga trasmessa alla Commissione competente per essere poi discussa nell’assemblea di Palazzo Campanella. Come si ricorderà, infatti - prosegue la nota -, nell’ultima seduta del Consiglio regionale, il vicepresidente Domenico Cersosimo aveva sostenuto che il provvedimento spettava alla Giunta,

nel Vibonese. «Decisamente una recrudescenza preoccupante - riconosce la parlamentare di centrodestra che dimostra come, nonostante le attività che hanno garantito alla giustizia i noti boss della provincia vibonese, vi sia una volontà, da parte delle giovani leve della criminalità organizzata locale di dominare il territorio per diventare padroni di tutte le attività che si trovano ed operano in questa provincia». «È una recrudescenza - aggiunge Angela Napoli - che io reputo necessiti di un adeguato controllo, senza il quale non potrà essere più garantita la sicurezza». A questo punto, la componente della commissione antimafia si inserisce in un dibattito che già a livello nazionale rappresenta un aspetto di discussione politica particolarmente dibattuto: «Il controllo del territorio anche vibonese - spiega infatti - dovrebbe essere coadiuvato da un intervento nazionale, con l’invio di presidi militari, anche alla luce del fatto che l’attuale governo nazionale ha inviato militari in varie parti d’Italia, forse in punti nei quali poi questa necessità non era così pressante come quella che si evince in Calabria ed in particolare in questo momento nella provincia di Vibo Valentia». «Controlli e garanzie di sicurezza - aggiunge - che dovrebbero essere altresì coadiuvate da una

Angela Napoli

maggiore concentrazione delle forze dell’ordine, degli organici di polizia ed anche della magistratura perché c’è necessità di grande capacità investigativa, c’è altresì la necessità di garantire poi i processi ed anche di garantire la certezza della pena, perché fino a quando vige la garanzia dell’impunità è chiaro che continueremo ad assistere a questa preoccupante ascesa criminale». Quindi, la riflessione si sposta sulle reazioni della società civile, su alcune iniziative delle diverse associazioni di categoria, in particolare gli imprenditori calabresi che con il loro presidente regionale, Umberto De Rose stanno

ora lanciando segnali precisi ed in una precisa direzione. «Certamente un’iniziativa positiva - afferma Angela Napoli - anche se mi sento di sottolineare la tardività con la quale è stata assunta questa iniziativa: non siamo ancora ai livelli che invece sono stati registrati nella vicina Sicilia. Lì c’è stato un intervento, anche giusto ed in tempi rapidi, qui si è troppo sorvolato, si è lasciato in incarichi regionali imprenditori che pur si sapeva erano legati alla criminalità organizzata. Tuttavia è certamente da registrare positivamente la decisione del presidente De Rose, ma non ci si può limitare solo alle decisioni, a questo punto occorre verificare la volontà di tutto il mondo imprenditoriale calabrese, perché non bastano gli appelli, non bastano le decisioni, gli imprenditori calabresi, a mio avviso, devono reagire fin dall’inizio, fin dalla fase dell’acquisizione dell’appalto: non ci si può servire di aiuti della ’ndrangheta per avere la garanzia di vincere questo o quell’appalto, non ci si può servire degli aiuti della ‘ndrangheta per espletare l’appalto vinto, nel senso che occorre da subito mettere da parte qualsiasi richiesta che provenga da uomini della ‘ndrangheta e che provenga sotto le più svariate forme quale quella della guardiania del cantiere, quale quella dell’acquisizione di materiale presso deter-

IL DOSSIER Il dato emerge dal Rapporto di Legautonomie Calabria

In calo le intimidazioni agli amministratori to a carico, ammonta a 1,585 miliardi di euro. Si tratta di una massa imponente destinata agli investimenti ma che è spesso frazionata in innumerevoli piccoli interventi che non incidono sul complesso dei problemi infrastrutturali delle comunità locali, specie di quelle minori. La necessità di azionare la leva del debito per far fronte a spese di investimento anche di modeste entità, è un ulteriore indicatore della rigi-

dità strutturale dei bilanci». «Nel 2008 - si apprende inoltre - si è registrato un calo degli atti intimidatori a danno degli amministratori locali calabresi rispetto al precedente anno. Ha fatto eccezione la Provincia di Vibo con un incremento rispetto al 2007. Nel periodo 2000-2008, in valori assoluti solo la provincia di Crotone non è ancora a “tripla cifra” con circa 700 episodi nell’intera regione, una cifra “agghiaccian-

te”». «Sono questi - rende noto Acri - alcuni dei dati che saranno illustrati domani (oggi per chi legge, ndr), nel corso della presentazione del Rapporto 2008 sullo stato delle autonomie locali calabresi, a cura di LegAutonomie Calabria. Alla presentazione del rapporto parteciperà, oltre al sindaco di Castrovillari, Blaiotta e ad altri amministratori locali, l’assessore regionale al Lavoro Mario Maiolo».

SCUOLA Per Pacenza (Popolari europei) i programmi di dimensionamento devono riguardare l’Assemblea legislativa

«Il Piano è materia del Consiglio» richiamandone la piena legittimità della delega. «Con questo intervento - prosegue Pacenza -, noi dei Popolari europei, rivendichiamo con forza l’esclusiva competenza del Consiglio a deliberare su tutti i piani regionali. Se così non fosse, verrebbe commesso un atto grave nei confronti dell’assemblea e delle norme statutarie della Regione. Sarebbe un precedente inammissibile per l’integrità democratica delle istituzioni calabresi. Ma in proposito c’è da aggiungere altro. Quattro su cinque delle Province calabresi hanno redatto le loro proposte di ridimensionamento prima che il

Consiglio regionale approvasse le relative linee guida (deliberate nella seduta del 29 dicembre 2008). Sarebbe quindi questa un’opportunità per porre all’attenzione dell’assemblea correttivi e integrazioni». Guarda anche al suo territorio di riferimento, Salvatore Pacenza, e aggiunge: «In questo frangente non posso, inoltre, non additare anche quanto accaduto in Provincia di Crotone. L’approvazione da parte dell’assemblea provinciale del provvedimento che di fatto dà il via all’accorpamento “anomalo” di alcuni istituti del territorio è una manovra che non trova legittimità procedurale. Vie-

ne anch’essa prima che la Regione adotti i criteri per il ridimensionamento. È un accorpamento in cui vengono disegnate soluzioni improbabili che non tengono in alcun conto fasce d’utenza e profili storici di molti istituti del territorio. Probabilmente - conclude il consigliere regionale -, seguendo con più dovizia le indicazioni della Regione il provvedimento avrebbe avuto una sostanza diversa. Ma non tutto è perduto. Se infatti il Piano passasse nuovamente al vaglio del Consiglio, sarebbe ancora possibile formulare le proposte di modifica. Ecco perché noi Popolari europei lo chiediamo con forza».

minate ditte, quale quella dell’acquisizione di lavoratori che vengono indicati da questo o da quel boss». «Allora, la reazione deve esserci insiste - e deve esserci in maniera totale, perché altrimenti credo sia ora anche di finirla di voler attribuire le responsabilità ad una sola parte, lasciare il contrasto alla criminalità organizzata solo ed esclusivamente alle forze dell’ordine ed alla magistratura. Naturalmente non voglio sottrarre o addebitare queste responsabilità solo al mondo imprenditoriale: sento di richiamare all’appello anche il mondo politico, che deve acquisire la consapevolezza di una situazione che è pesante nella provincia di Vibo Valentia, ma anche nell’intera Calabria che deve fare le proprie scelte in maniera sana e trasparente, senza collusioni di alcun genere». Maurizio Bonanno

“E’ necessaria una reazione da parte di tutti. Non lasciamola solo alla magistratura e alle forze dell’ordine” Il codex purpureus di Rossano “Il codex purpureus di Rossano: un tesoro d’arte, cultura e teologia”, questo il tema della conferenza del vescovo della diocesi di Mileto, Nicotera e Tropea, mons. Luigi Renzo, in programma per le ore 17,30 di domani nella sala congressi dell’hotel 501 di Vibo. L’iniziativa è del Rotary Club e dell’associazione culturale “Incontri Vibonesi”. Saranno i presidenti Giuseppe Francese e Antonio Potenza ad introdurre l’evento che verrà coordinato da don Gaetano Currà, direttore dell’ufficio comunicazione della diocesi di Mileto. Rotary Club e Associazione “Incontri Vibonesi” hanno deciso di comune accordo di offrire all’attenzione della città un momento di riflessione storico teologica, affidandolo al vescovo Luigi Renzo che proviene proprio dalla diocesi di Rossano. «Il Codice Purpureo di Rossano - viene annunciato nella presentazione della conferenza - risalente alla fine del V e l’inizio del VI secolo d. C., è un Evangelario Greco miniato composto sicuramente in Medioriente, Siria o Palestina e quasi certamente ad Antiochia sull’Oronte. Giunge a Rossano tra il IX ed il X secolo, forse portato da qualche monaco in fuga dall’Oriente. Si tratta di un Evangelario di 376 pagine in pergamena purpurea, illustrato da sedici miniature sulla vita di Cristo, con i vangeli di Matteo e Marco. È scritto con eleganti caratteri onciali in oro e argento, su pergamena sottilisima di color porpora, della dimensione di circa 30x20. In origine doveva trattarsi di un Tetravangelo, come indica il frontespizio della “tavola delle concordanze” dove sono presenti i busti dei quattro evangelisti». Al termine della conferenza è previsto un dibattito. (m. b.)


22 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Lagacoop sostiene “Venezia” che in realtà è una opportunità di inserimento dei nomadi nel contesto cittadino a partire da un lavoro

Nasce la prima cooperativa rom «E’una scommessa sulla quale ora sono chiamate anche le Istituzioni locali perchè possa avere risultati positivi» CATANZARO — «L'integrazione

non è una strada facile. No lo è per chi accoglie, non lo è per chi è accolto, mai» si legge in una nopta di Quirino Ledda e Angela Robbe. «Quando - prosegue l anota - poi alle normali resistenze si aggiunge la diffidenza alimentata da comportamenti e scelte quanto meno discutibili diventa un percorso in salita. E' questo il caso dei rom a Catanzaro, nonostante la loro presenza sia ormai storica non sono ancora sentiti come parte della cittadinanza e, ancora oggi, non hanno accoglienza “a braccia aperte”, del resto non sempre hanno avuto atteggiamenti concilianti. Molti fatti hanno oggettivamente reso difficile l'integrazione con il contesto cittadino sano, mentre hanno avvicinato questa comunità ai circuiti più sotterranei e meno virtuosi del territorio, alimentando una frattura esistente e assottigliando le possiCATANZARO — «La Pallacanestro Catanzaro, massima società calabrese in questa disciplina, rappresenta una grande realtà sportiva in continua espansione, soprattutto nelle attività che riguardano i giovani ed i bambini». Lo ha detto il sindaco Rosario Olivo, a conclusione dell’incontro svoltosi ieri mattina con una delegazione della dirigenza della Pallacanestro Catanzaro (il vicepresidente Giuseppe Parentela, il dirigente del settore giovanile Mau-

ro, una quotidianità segnata dai ritmi della scuola e del lavoro, la ricerca di un riscatto sociale. Questo - continua - è lo spirito con cui, sostenuti da una associazione, sono venuti in Legacoop un gruppo di rom. La volontà era quella di interagire e integrarsi con il contesto cittadino, l'idea era di farlo a partire da un lavoro, da una attività che mettesse a frutto esperienze di vita, lo strumento individuato un'impresa in forma cooperativa. Hanno dovuto convincerci della possibilità di riuscita dell'iniziativa, della qualità del loro impegno e della volontà di perseguire con costanza e continuità una scelta tutt'altro che facile, non è stato semplice. La cooperativa oggi è nata, ha voglia di fare, di lavorare e di trovare un proprio spazio nella città di Catanzaro, crediamo possa farlo, anche se dovrà incontrarsi con tanti che la guarderanno con

diffidenza iniziale, dovrà essere più rigorosa di altre imprese nelle scelte e negli atteggiamenti, e forse dovrà superare anche la diffidenza degli stessi rom, ma è un tentativo che abbiamo ritenuto giusto sostenere. I presupposti ci sono, ma questa cooperativa non potrà farcela da sola, è una scommessa sulla quale ora sono chiamate anche le Istituzioni locali perchè possa avere risultati positivi e ci auguriamo che colgano questa opportunità. Se questa scommessa - conclude - sarà vinta dalla cooperativa Venezia avremo tutti contribuito a mettere un tassello sulla via dell'integrazione, se questa scommessa sarà persa per distrazione del contesto, forse senza far niente avremo perso un po' tutti un'occasione, alimentando la distanza già ampia che ci separa e lasciando spazi di malessere che sono la riserva naturale dove pescano le organizzazioni illecite».

CATANZARO Il sindaco ha incontrato ieri una delegazione della massima società calabrese in questa disciplina

zaro Calcio). Comune e Regione concordano sulla necessità di sostenere lo sforzo organizzativo della Pallacanestro Catanzaro che concentra i suoi sforzi anche nel settore giovanile. Si è anche parlato del problema delle strutture e degli impianti. E’ emersa la necessità di adeguare il Palacorvo alle esigenze di una società ambiziosa che si pone il traguardo della serie A dilettanti, obiettivo che costituirebbe un grande onore per l’intera città.

bilità di rapporto e persino di contatti con la città. Come sempre accade un gruppo, per quanto possa sembrare un tutto unico non lo è, un gruppo è composto da individui con volontà, aspet-

tative e aspirazioni differenti per quanto possa essere coeso e unito, questo vale anche per i rom e alcuni, con tenacia e ostinazione, cercano una propria personale via all'inserimento: un lavo-

«Pallacanestro, adeguare il Palacorvo» rizio Guzzomì) alla presenza del rappresentante dell’assessorato regionale allo sport (il dott. Tommaso Loiero) e del consigliere comunale Eugenio Occhini. Il sindaco Olivo ha preso atto con soddisfazione dell’ottimo livello di

organizzazione raggiunto dalla società catanzarese che, come è noto, milita nel campionato B2 maschile e non nasconde le sue ambizioni di promozione nelle serie superiori. Il sindaco ha colto l’occasione per riferirsi alla

grande tradizione cestistica della città di Catanzaro ed ha voluto ricordare la figura del compianto Francesco Puccio, pioniere della pallacanestro negli anni Cinquanta (successivamente è stato apprezzato dirigente del Catan-


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 23

CALABRIA CATANZARO — Secondo il senatore del Pdl Vincenzo Speziali, segretario della Commissione Finanze e Tesoro di Palazzo Madama, «la Calabria si trova a dover fare i conti con due gravi criticità: i guasti ambientali prodotti dall'azione dissennata dell'uomo e l'assoluto e colpevole lassismo dell'organo regionale che non ha mai provveduto alla realizzazione di un'adeguata pianificazione del territorio. Le alluvioni del 13 e 14 gennaio scorso -

Vincenzo Speziali (Pdl), segretario della Commissione Finanze del Senato sulle alluvioni del 13 e 14 gennaio scorsi

«Necessario un intervento governativo» sottolinea Speziali - hanno messo a nudo le fragilità morfologiche del suolo calabrese determinando una lunga serie di danni alla rete viabile e alle zone litoranee devastate da violente mareggiate. Non meno

gravi sono stati i danneggiamenti subiti dai cittadini, dalle colture agricole e da centinaia di piccoli imprenditori che hanno visto rallentare, se non addirittura interrompere, la propria produzione.

Se si considera che il servizio geologico nazionale ha collocato la Calabria al terzo posto, dopo Piemonte e Lombardia, nella classifica per rischio d'alluvione e che i fenomeni atmosferici assumono spesso ca-

rattere di eccezionalità, appare ancor più grave la responsabilità delle competenti amministrazioni locali di fronte alle mancate strategie di prevenzione del rischio. Sulla base di queste analisi - conclude -risulta palese la necessità di un rapido intervento governativo che riconosca lo stato di calamità naturale, richiesto dai sindaci di molti comuni, e che sia in grado di garantire alla popolazione la vicinanza e il pieno sostegno delle Istituzioni».

CATANZARO Il consigliere Armignacca sottolinea che dopo il maltempo la Provincia ha subito attivato la sua “cabina di regia” coordinando interventi urgenti

Il mini uragano ha lasciato il segno «Un ringraziamento va agli uomini della protezione civile, ai tecnici e ai dirigenti» CATANZARO — Il maltempo che ha investito il capoluogo nei giorni scorsi ha provocato ingenti danni, così come ha sottolineato il consigliere provinciale Nicola Armignacca: «Il mini-uragano, come hanno titolato i maggiori giornali locali e nazionali, parafrasando le parole del sottosegretario Guido Bertolaso in merito alle avverse condizioni meteorologiche, ha lasciato segni pesanti sul territorio provinciale. Frane, smottamenti, alberi sradicati, allagamenti si sono registrati un pò dovunque. L´Amministrazione Provinciale, allertata nei giorni precedente l’alluvione, ha subito attivato la sua "cabina di regia" approntando e coordinando una serie di interventi urgenti. Costante e completo il monitoraggio effettuato attraverso i cantonieri e gli agenti della polizia provinciale. I danni più evidenti risultano ad oggi alla rete viaria, per la quale l´Ufficio Tecnico Provin-

ciale, ha già provveduto a fare una stima nelle tre macroaree del Catanzarese del Lametino e del Soveratese. Per alcune arterie, per le quali i danni alluvionali hanno compromesso il piano stradale e quindi la sicurezza e percorribilità, si è proceduto alla chiusura e all’individuazione di percorsi alternativi: si tratta delle strade provinciali Marcellinara-Tiriolo, San Sostene-San Sostene Scalo. A percorribilità limitata la Sorbo San Basile, la Pratora-Tiriolo e la Satriano-Cardinale. Grossi problemi si sono registrati anche sulla Marcellinarazona industriale, Siano- Motorizzazione, Siano-Santo Janni, ancora sulla Girifalco-Maida-Jacurso-Cortale, nonché nelle zone di Badolato, Davoli, Montauro, Montepaone, Gasperina, Stalettì». Armignacca ha poi proseguito: «Tempestivo l´intervento dell’ufficio tecnico che ha proceduto nell´immediatezza degli

possibile. Gli interventi sono stati realizzati attraverso l’ordinaria manutenzione ed alcuni provvedimenti di pronto intervento. Il Presidente Wanda Ferro ha seguito in maniera costante lo sviluppo degli eventi e degli interventi approntati. Ammonta a trentasei milioni di euro la somma richiesta per il ripristino dei danni da calamità naturale, avanzata al Governo, per il tramite della Regione, per i danni causati dalle alluvioni del 6/7 novembre e del 10/11 dicembre scorsi alla rete viaria, al patrimonio dell´Ente e agli argini dei fiumi. Non appena sarà pronta una prima stima dei danni causata dal maltempo di questi giorni, il presidente Ferro si attiverà presso l´Ente Regione per la richiesta di stato di calamità naturale». Il consigliere ha infine concluso: «Un ringraziamento va agli uomini della protezione civile, agli agenti della polizia provinciale, ai tecnici e diri-

genti dell´ufficio tecnico provinciale, ai cantonieri, che in questi giorni e nelle ore immediatamente successive all´evento alluvionale, sono stati costantemente presenti sui luoghi ed hanno approntato interventi tempestivi». Proprio a proposito di ringraziamenti Celestino Ursano, titolare del "bar Bistrot" di Via Lungomare, nel quartiere marinaro del capoluogo di regione ha precisato: «Vorrei ringraziare l´operato degli addetti del Comune che stanno da giorni, anche di domenica, adoperandosi per liberare le strade di Catanzaro lido dalla montagna di sabbia portata dal mare. In particolare un grazie va al signor Pino Barone, uno dei primi che insieme alla sua squadra, è intervenuto. Ricordo come se fosse ieri l’ondata eccezionale che ha invaso e sommerso il nostro quartiere. Era il 13 gennaio…».,

CATANZARO — «Le mareggiate

CATANZARO La nota di Rosario Fittante: «Chiediamo al sindaco un impegno straordinario»

spreco di risorse, in quanto i lavori apportati sono andati persi a causa delle continue inondazioni del mare e delle piogge che nelle scorse settimane sono state eccezionali. Potrebbe essere utile riprendere il vecchio progetto Urban che prevedeva Il raccordo dei due lungomari ed altro. Sig. Sindaco, conoscendo l’impegno che ha avuto nel revocare insieme a tutto il consiglio il piano delle lottizzazioni di Giovino per destinare quell’area ad una zona di sviluppo turistico compatibile, siamo certi che sta già lavorando per la soluzione dei tanti problemi causati dalla mareggiata. Noi ci adopereremo per una fattiva collaborazione, ritenendo che le associazioni i comitati la società civile, debbano essere partecipi allo sviluppo del proprio territorio con proposte concrete e critiche costruttive, pertanto le chiediamo di partecipare ad un tavolo di confronto per la condivisione di quello che sarà la pianificazione del quartiere marinaro nel suo insieme. Se - conclude - Marina splenderà la città rafforzerà la propria posizione di capoluogo di regione».

dei giorni scorsi sono state devastanti, hanno messo in evidenza in tutta la sua fragilità il quartiere» si legge in una nota di Rosario Fittante, Presidente “La voce” e Direttivo “Comitato “Il Quartiere”. «I danni - prosegue - sono stati contenuti da un lungomare che forse esteticamente non è il massimo, ma ha funzionato contenendo in parte una mareggiata che ha eguali forse in quella che nel 1972 devastò tutta la nostra Marina segnando la fine di locali storici come Il Miramare, la Bussola e di quello che doveva essere un porto e che forse mai lo sarà. Noi oggi con questo nostro intervento attraverso la stampa, chiediamo all’amministrazione, al sindaco Olivo un impegno straordinario per fronteggiare questa emergenza. Sappiamo - continua - che alcuni primari interventi si stanno effettuando, ma crediamo che, senza un piano di recupero forte e senza le risorse necessarie, rischiamo di ritrovarci fra qualche mese in prossimità della stagione estiva ancora in condizioni di emergenza, e non ce ne voglia il Sindaco se possiamo CATANZARO — «Nella nostra regione

urge una riforma complessiva del sistema della formazione professionale» si legge in una nota della presidenza del Cna provinciale di Catanzaro. «La dimensione europea dell’educazione - prosegue - e la forte domanda sociale di qualità dell’offerta formativa impone alla nostra regione una scelta innovativa capace di interpretare le esigenze e rispondere alle acutizzate aspettative lavorative ed occupazionali da parte delle aziende e soprattutto di migliaia di giovani in cerca di occupazione stabile e duratura. Se da un canto si può definire che nella nostra regione l’offerta formativa proposta dal sistema dell’istruzione (scuola e università) in molti casi non

Nicola Armignacca

eventi, la dove possibile, a ripristinare la percorribilità delle arterie. Per quelle più danneggiate, si procederà alla redazione immediata di progetti che consentano interventi nel più breve tempo

«Marina, un quartiere fragile da far splendere» Il quartiere Marina durante e subito dopo il maltempo dei giorni scorsi. Tanti gli interventi necessari per la ripresa della zona

sembrare poco fiduciosi, ma proprio perché crediamo ancora nell’operato del Sindaco poniamo la questione in modo garbato evitando polemiche che non ci appartengono. Siamo altresì dispo-

nibili a collaborare con l’amministrazione insieme ad altre associazioni e/o comitati di cittadini e dare il nostro contributo anche attraverso forme di volontariato se fosse necessario. Apriamo una

breve parentesi sui lavori che si stanno facendo nell’alveo del la fiumarella per la realizzazione di un parco per chiederci il senso di questi lavori, il cui risultato è stato solo di mettere in evidenza un

CATANZAROLa presidenza del Cna provinciale scrive una nota al consiglio regionale sulla formazione professionale

«Urge una riforma complessiva» si dimostra più adeguata alla domanda dei nuovi profili professionali richiesti dalle aziende calabresi, non si può dire di meno della formazione professionale. Difatti - continua - proprio la formazione professionale in Calabria si trova davanti ad un percorso obbligato: riproporsi sul mercato formativo in maniera innovativa, integrata e altrettanto qualificata con il sistema della ricerca e dell’istruzione pubblica nell’intento di rispondere alle richieste di nuove professionalità

che arrivano proprio dal mercato del lavoro per togliersi di dosso quella fama di inefficiente carrozzone mangiasoldi che da tempo ormai si porta appresso, quella di una formazione che nell’accezione più rituale negli anni è servita più ai formatori che non ai formati. Diviene quindi non più rinviabile la scelta di modernizzazione di un settore. Una formazione moderna deve essere calibrata sulle reali esigenze di professionalità richieste dalle imprese per garantire, quanto più possi-

bile, concreti sbocchi lavorativi ed occupazionali dopo il processo istruttivo e formativo. Un modo, insomma, per ribadire che la ricerca, l’istruzione e la formazione devono avere l’unica finalità di dotare soprattutto i giovani di un bagaglio professionale che consenta loro di trovare un occupazione certa e immediata, possibilmente in concomitanza al termine dei percorso didattico e formativo. Nella nostra regione continua a registrarsi una domanda formativa delle imprese più

Rita Macrì

bassa rispetto all’offerta effettivamente disponibile. In sostanza il tessuto produttivo calabrese non è in grado di assorbire, o peggio non ha bisogno, di tutti i giovani che escono dalla scuola dell’obbligo e ancor di più dai corsi di formazione professionale. Un dato che offre molte chiavi di lettura, ma che deve indurre a cambiare una volta per tutte un sistema che non si dimostra certamente adeguato alle aspettative di futuro della comunità calabrese di oggi e soprattutto di domani. Ci aspettiamo - conclude - quindi segnali importanti da parte del governo regionale che deve riportare in maniera concreta l’istruzione e l’apprendimento al centro delle politiche di sviluppo della nostra regione».


24 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Giaimo della Fiamma Tricolore su Napolitano: «L’avremmo sentita vicino se avesse affrontato i problemi reali delle nostre città»

«Nessuna visita ai luoghi del degrado» «Sincera ammirazione per la riuscita “provocazione” nazional-popolare di CasaPound» CATANZARO — «“Chapeau ai camerati di CasaPound! ” E’ con sincera ammirazione, ed anche con un tantino di invidia per non essere stati noi i protagonisti dell’ennesima e riuscita “provocazione” nazional-popolare contro l’arroganza e la siderale distanza del Potere rispetto al Popolo, che la segreteria provinciale della Fiamma Tricolore saluta l’azione messa in essere di fronte al Municipio di Lametia Terme dall’agguerrita e fantasiosa Comunità Militante lametina di CasaPound per protestare contro la politica “della polvere sotto il tappeto” messa in atto dall’Amministrazione Lametina in occasione della visita del Presidente Napolitano» si legge in una nota di Natale Giaimo, segretario provinciale della Fiamma Tricolore. «La Fiamma Tricolore - prosegue Giaimo -, meno fantasiosa-

mente ma con altrettanta forza e rabbia, chiede invece allo stesso Presidente, od a chiunque altro possa o voglia rispondere, di sapere come mai il Presidente, nella sua visita in Calabria, non abbia sentito il bisogno di visitare la “vera” Calabria e non quella, ripulita ed ovattata, che gli è stata propinata». «Caro Presidente - sottolinea ancora il segretario provinciale della Fiamma Tricolore - l’avremmo sentita certamente più vicino vedendola visitare i “luoghi del degrado”, che in Calabria sono tanti ed esistono in tutte le nostre cttà, e quelli del dolore - da Cavallerizzo alle zone costiere, appena massacrate dal maltempo - e gli uomini che in questi posti sono costretti a vivere quotidianamente e, spesso, da questi posti devono anche trarne l’amaro “pane quotidiano”. E l’avremmo certamente sentito più vicino a noi se - con-

tinua -, invece di farsi portare a spasso per vie e piazze ripulite di fresco, e subito dopo tornate più sporche di prima, avesse affrontato i problemi che le nostre città quotidianamente affrontano - criminalità comune ed organizzata, spazzatura, disoccupazione e sottoccupazione, disagio scolastico e bullismo, massiccia immigrazione, degrado diffuso, malasanità, e quant’altro - invece di lanciare bolsi e generici appelli alla nostra gioventù sulla necessità di un rinnovo generazionale, magari non immediatamente, della classe politica calabrese, anche se ciò è giusto e necessario. In relazione a quanto sopra questa Segreteria Provinciale annuncia una serie di inziative che partiranno nei prossimi giorni e che saranno tempestivamente comunicate onde ottenere la massima partecipazione popolare».

Lamezia, il Presidente della Repubblica alla mostra del Convento di S. Domenico

Il presidente con Speranza. Per gentile concessione del fotografo Franz. Mazza

LAMEZIA TERME — Conoscendo l’in-

LAMEZIA La lettera del coordinatore provinciale dei Popolari Europei, Salvatore De Biase, al Capo dello Stato

«La sua presenza ha dato speranza alla città» LAMEZIA TERME — Il coordinatore Provinciale dei Popolari Europei verso il Pdl, Salvatore De Biase, scrive una lettera aperta al Presidente della Repubblica, a seguito della sua vista a Lamezia. «Caro Presidente, i lametini sono stati ben lieti per la Sua visita: la Sua presenza ha dato lustro, slancio e speranza alla nostra città ed i lametini hanno ricambiato il Suo graditissimo gesto con tutto il calore di cui sono capaci, attraverso un abbraccio virtuale che voleva, però, anche avere il significato di uno sprone, Suo tramite, verso il governo cittadino che - di fatto - ha abbandonato i temi più delicati di questa città. Il reale volto di Lamezia Terme vera e propria “realtà a servizio della regione” - è fatto di giovani volenterosi ed entusiasti, di un’imprenditoria vivace e spesso sottoposta a soprusi di vario genere, di professionisti seri e capaci, di uomini e donne profondamente onesti ma, soprattutto, è oggi rappresentato da una classe politica di governo che non eccelle in programmazione e sviluppo. Ed allora

sig. Presidente, se le Sue parole sono pietre infuocate da scagliare contro la disamministrazione e se la Sua invocazione rivolta al Sud è tesa ad una trasformazione generazionale improntata sulla moralizzazione della politica e sulla capacità di programmare sviluppo ed occupazione (veri e propri volani di speranza per le nuove generazioni) la realtà del giorno dopo alla Sua venuta a Lamezia Terme sconcerta e stride di fronte a quanto a Lei rappresentato. Non si vede per questo territorio né programmazione e né sviluppo da parte dell’amministrazione comunale e ciò traspare dalla conclamata notizia secondo la quale il governo di centrosinistra di questa città non ha saputo mettere in cantiere alcuna prospettiva di sviluppo che sia legata ad una programmazione credibile e sia sostenuta da un’azione finanziaria adeguata. Infatti il sindaco di questa città e la sua giunta, non hanno saputo organizzare il proprio bilancio finanziario e, soprattutto, hanno mostrato in pieno i loro limiti, che sono stati segnalati, peraltro, dal se-

vero richiamo pervenuto dalla Corte dei Conti in ordine all’attività di spesa del nostro comune. In tal senso, l’amministrazione cittadina ha accumulato un debito pari a circa 80. mln di euro; si è vista bocciare 30 mutui pari a circa 16. mln di euro; ha visto svanire la possibilità di realizzare opere pubbliche negli ex comuni, ovvero su Nicastro, 7 mln; Sambiase 2 mln; Sant’Eufemia 3 mln. Quindi: come definire un disastro finanziario di tale portata? Nel frattempo, la sanità in questa città muore nell’indifferenza generale, l’assistenza è sempre più precaria, limitata e circoscritta. Sarà forse il caso, sig. Presidente, che si organizzi un Suo ritorno a Lamezia Terme, ma questa volta - senza la comprensibile distrazione derivante dal caloroso abbraccio che Le hanno riservato i cittadini guardi negli occhi gli amministratori di questa città, per registrare il loro rossore di fronte ad una comunità che ha mille prerogative che, purtroppo, vengono giornalmente annullate da amministratori incapaci, inconcludenti e superbi».

TI HANNO NEGATO UN PRESTITO PERCHÉ SEI

teresse del Presidente Giorgio Napolitano per i libri antichi, è stata inserita nel programma di visita alla città una breve tappa nell’edificio più rappresentativo della storia e della vita culturale cittadina passata e presente, il Convento di S. Domenico, con i suoi 500 anni ininterrotti di storia e col suo prezioso lascito di un fondo librario d’eccezione, esito di una biblioteca dotata sin dalla sua fondazione dei testi fondamentali per la formazione dei novizi dell’ordine domenicano dei teologi e predicatori, oggi custoditi nella Casa del Libro antico. La piccola mostra allestita per il Presidente in un salone del S. Domenico è stata limitata ai libri del ‘500, testi di diritto, filosofia e teologia su cui sui fondava la Scolastica, e in particolare a quel gruppetto di testi che presentano segni, sottolineature, annotazioni a margine convincentemente ricondotte dalla Dott. ssa Antonella De Vinci, già responsabile della Casa del Libro antico, dopo anni di studio approfondito, alla mano di uno studente d’eccezione, il giovanissimo frate Tommaso Campanella, che nel convento di Nicastro ha trascorso tre anni di studi intensissimi dal 1585 al 1588. Ad accogliere e guidare il Presidente Napolitano nella visita alla mostra è stata la prof. ssa Giovanna De Sensi Sestito, Presidente del Corso di laurea in Scienze dell’antichità dell’Università della Calabria e consulente culturale del sindaco, Gianni Speranza. Dopo aver illustrato il valore storico e documentario dei testi

PROTESTATO

NO DA BANCHE E FINANZIARIE? MediaConsult AGENZIA D’AFFARI

SEI STANCO DI SENTIRTI DIRE

Via Italia, 51/53 - Info 0961.743398 - 334.6690330 - 334.6690331 88100 CATANZARO - mediaconsultcz@gmail.com

RIABILITAZIONE

TI FINANZIA LA TUA TELEFONA O INVIA UN SMS CON IL TUO NOME E I TUOI DATI ANAGRAFICI UNO STAFF DI ESPERTI E’ A TUA DISPOSIZIONE

GRATUITAMENTE

esposti, la prof. De Sensi si è soffermata in particolare sul secondo tomo delle opere di Aristotele stampato a Lione nel 1563, e sulla sezione relativa al De natura animalium, che presenta più frequenti e insistite sottolineature e annotazioni. Questo volume è stato riprodotto per l’occasione in copia anastatica unica dalla Rubbettino, utilizzando l’archiviazione digitale realizzata col progetto “I postillati di Campanella” dell’Amministrazione comunale in collaborazione con la Fondazione Carical, ed è stato offerto dal sindaco al Presidente come omaggio e ricordo della visita alla città di Lamezia. Il Presidente Napolitano ha espresso sorpresa e compiacimento per l’inaspettata scoperta di un patrimonio librario di tale importanza a Lamezia, si è ripromesso di parlarne in un prossimo incontro nell'Istituto nazionale di Studi rinascimentali di Firenze, ed ha mostrato di aver particolarmente gradito il dono del volume postillato, che ha dichiarato di voler collocare come testo prezioso nella Biblioteca del Quirinale. Nel corso della visita il Presidente ha salutato il gruppetto di studenti dell’Istituto Commerciale Einaudi, che guidati dai docenti Aiello e Vatalaro, avevano allestito per lui un piccolo buffet di bevande e dolci, e i pochissimi presenti all’incontro, tra cui il vescovo della diocesi lametina Mons. Luigi Antonio Cantafora, il vescovo emerito Mons. Vincenzo Rimedio, il regista Carlo Rambaldi, il presidente dei giovani industriali calabresi Florindo Rubbettino.

Finanziamenti e mutui • Cancellazione e riabilitazione • protesti (cambiali o assegni) Aggiornamento • Banche Dati Prestiti personali • Istruzioni pratiche • finanza agevolata Leasing • strumentale e immobiliare Cessione • del Quinto e Delega di Pagamento Visure • on line u.i.c. A 60164


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 25

CALABRIA LAMEZIA TERMEL’Istituto “Luigi Einaudi” con il patrocinio di Nidil Cgil Calabria ha organizzato un incontro sulla legalità e sulla precarietà

«Bisogna lottare per invertire la rotta» I numeri sono allarmanti, ad esempio 6 mila giovani hanno trovato un impiego solo presso i call center LAMEZIA TERME — L’Istituto professionale di Stato “Luigi Einaudi” di Lamezia Terme, con il patrocinio della Nidil Cgil Calabria, nell’ambito delle giornate indette a portare avanti i “percorsi per la legalità”, ha organizzato per la mattinata di ieri, un incontro di studio con gli alunni delle V classi. Tema del dibattito “Cultura, lavoro, legalità e precarietà: dati, contraddizioni ed esperienze” anche personali, che i relatori presenti hanno portato alla luce per meglio spiegare si giovani, che a breve si troveranno dinnanzi il grande dilemma se proseguire negli studi universitari o addentrarsi nel difficile mondo del lavoro, come meglio muoversi per evitare lavori in nero e vessazioni da parte di datori di lavoro poco ligi alle regole. A parlare ai ragazzi, Daniele Carchidi, responsabile ai servizi di Orientamento al lavoro della Cgil di Catanzaro; Maria Di Serio, segretaria nazionale Nidil Cgil e Cimino della Cgil mentre ad intervenire sulla delicata tematica i cui lavori sono stati introdotti da Antonio Lugarà per conto del dirigente scolastico Francesco Cappelli, sono stati il sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza e il vicepresidente della provincia di Catanzaro, Emilio Verrengia. Percorsi di legalità, dunque, che si sono concentrati sui lunghi percorsi della stabilità lavorativa, sui contratti atipici, sulla legge Biagi e su tutto quanto gravita attorno ai giovani in cerca di un primo impiego e quindi maggiormente soggetti a scelte sbagliate pur nella consapevolezza di volere avere un minimo di autonomia monetaria. Condizione lodevole da un lato, ma alquanto mortificante dall’altra poiché il lavorare in nero, non dà diritti né libertà a potere progettare un futuro dignitoso. Su queste direttrici hanno principalmente focalizzato l’attenzione Di Serio e Carchidi. Archeologa ed oggi insegnante la prima e laureato e lavoratore di call center il secondo, con dati alla mano hanno descritto i modo chiaro il quadro della situazione attuale e che per via della crisi internazionale alla quale anche il nostro Paese è soggetto, va sempre peggio. Circa il 90% dei lavoratori oggi risultano essere in nero e questo in tutta con-

traddizione di quello che è l’art. 1 della Costituzione, 850mila risultano essere lavoratori a progetto, 350mila interinali (lavoratori in affitto) e oltre 6 mila giovani di età compresa tra i 18 e i 32 anni, hanno trovato un impiego presso i call center. Numeri e dati allarmanti ma che sono serviti ad inquadrare la grave situazione italiana che si accentua nelle regioni meridionali dove molto meno sono le aziende e le fabbriche inserite nel processo produttivo e quello il precariato, che dovrebbe essere la prima e momentanea fase verso la professionalizzazione dell’individuo per la successiva stabilizzazione, diviene la normalità. Problematica questa, che tutti conoscono e condannano ma che sopportano pur di avere qualche soldo da spendere e, quel che è peggio, mandare avanti la propria famiglia. L’appello di Nidil Cgil, è stato dunque quello di “lottare per invertire la rotta”. Di non accettare condizioni vessatorie ma avere la forza di dire no nel rispetto della persona stessa e nella dignità di ogni singolo lavoratore. Tra gli interventi previsti, poi, quello del vicepresidente del Consiglio dell’Ente intermedio di Catanzaro e del primo cittadino di Lamezia che nel ringraziale la gioventù di Lamezia che «è stata straordinaria nell’accogliere con tanto calore il presidente della Repubblica che ha molto apprezzato tale gesto anche da parte dei bambini che nonostante il freddo ed il ritardo hanno atteso pazientemente e con gioia tale evento unico nella storia della città».

A parlare ai ragazzi: Daniele Carchidi, responsabile ai servizi di Orientamento al lavoro della Cgil di Catanzaro; Maria Di Serio, segretaria nazionale Nidil Cgil e Cimino della Cgil; Antonio Lugarà per conto del dirigente scolastico Francesco Cappelli, sono stati il sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza e il vicepresidente della provincia di Catanzaro, Emilio Verrengia

Riguardo il tema dell’incontro, Gianni Speranza si è dilungato sulla questione italiana e calabrese e sul fatto che un sindaco in tali situazioni può fare ben poco. «Nonostante questo però - ha sottolineato il sindaco - il Comune di Lamezia Terme per fare rispettare appieno la legge è intervenuto sugli appalti, e messo nelle condizioni che un lavoratore socialmente utile, che non ha comunque diritto al versamento dei contributi previdenziali, arrivasse a prendere circa 1.300 euro. Altri 18 Lsu sono stati assunti dalla Lamezia Multiservizi a tempo indeterminato – ha aggiunto - e lo scorso anno speso ben 200 mila euro. Una somma che può sembrare irrisoria ma che così non è per un Comune come quello di Lamezia». E poi, un incoraggiamento agli studenti presenti. «Non ci sono scuole di serie A e scuole di serie B - ha proseguito

ancora Gianni Speranza - tutte le scuole sono ottime ed importanti, il punto non è “che scuola frequenti” ma “come la frequenti”» e da qui il monito a studiare ed investire nella cultura personale per costruirsi un futuro migliore e dignitoso. A chiudere l’incontro, tra le domande dei giovani presenti, il vicepresidente del Consiglio provinciale, Verrengia che ribadendo quanto enunciato da chi lo ha ampiamente preceduto, ha affermato che in quest’epoca così infelice per quel che riguarda la sfera lavorativa, il precariato non è solo quello del call center o dell’edilizia, ma anche quello delle banche dove i nuovi “assunti”, sono precari ed il loro apprendistato dura ben 4 anni. Anche su questo versante, dure sono le lotte intraprese dai sindacati così come dura è la battaglia che stanno portando avanti le istituzioni. Da qui, l’impegno delle

provincia di Catanzaro che negli ultimi anni, come sottolineato dallo stesso Verrengia, ben cento dei seicento precari sono stati stabilizzati e all’interno dell’Amministrazione provinciale, allo stato attuale ci sono solo lavoratori regolarmente assunti. Inoltre, per debellare il fenomeno della precarietà e del lavoro sommerso, è stata istituita una apposita Commissione di controllo. «Ma tutto questo non basta ancora - ha aggiunto e concluso Verrengia - una azione di forza concreta e sistematica deve necessariamente avvenire anche dall’Inps, dagli uffici del lavoro e dalla Guardia di Finanza perché solo così, facendo ognuno bene la propria parte, si può accrescere la cultura della legalità e accorciare il passaggio verso la stabilizzazione di tutti i lavoratori». Antonietta Bruno


26 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME Sesto, del direttivo del circolo A. Argada (Prc), chiede al Comune di prendere parte alla Giornata del risparmio

Appello per “M’illumino di meno” «Lo scorso anno il “silenzio energetico” coinvolse simbolicamente le piazze principali in Italia e in Europa» LAMEZIA TERME — Il circolo A. Argada di Rifondazione Comunista chiede, pubblicamente che il comune aderisca alla giornata internazionale di mobilitazione, in nome del risparmio energetico, denominata “M’illumino di meno”. «Nelle precedenti edizioni M’illumino di meno ha contagiato milioni di persone impegnate in un’allegra e coinvolgente gara etica di buone pratiche ambientali» si legge in una nota di Francesco Sesto del direttivo del circolo A. Argada (Prc). «Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, istituzioni, associazioni, commercianti e artigiani hanno aderito - prosegue la nota -, ciascuno a proprio modo, alla Giornata del Risparmio dimostrando che esiste un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio. Lo scorso anno il “silenzio energetico” coinvolse simbolicamente le piazze principali in Italia e in Europa: a Roma il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a Verona l’Arena, a Torino la Basilica di Superga, a Venezia Piazza San Marco, a Firenze Palazzo Vecchio, a Napoli il Maschio Angioino, a Bologna Piazza Maggiore, a Milano il Duomo e Piazza della Scala ma anche Pari-

gi, Londra, Vienna, Atene, Barcellona, Dublino, Edimburgo e altre si sono “illuminate di meno”, come altre decine di città in Germania, in Spagna, in Inghilterra, in Romania. La campagna di M’illumino di meno 2009, che, per il secondo anno consecutivo, ha ottenuto il patrocinio del Parlamento europeo è iniziata il 12 gennaio e si protrarrà fino al 13 febbraio. Anche Lamezia può dire la sua partecipando all’evento al pari

delle altre città, organizzando iniziative comuni, una qualche manifestazione o semplicemente intervenendo sul consumo energetico almeno per un giorno. Rifondazione Comunista ricorda al Comune questo appuntamento, anche perché in linea con lo stesso Piano energetico ambientale approvato da questa Amministrazione con propria delibera di Giunta a giugno 2006 su proposta del Prc. Il Piano Energetico comunale prevedeva per Lamezia uno nuovo modello di gestione del pacchetto dell’energia (riscaldamento e illuminazione) attraverso la realizzazione di una Esco. Avremmo contribuito a rendere più efficienti i servizi esistenti sia sulle strade che negli edifici pubblici, avremmo risparmiato in termini di tonnellate di petrolio equivalenti e di emissioni in atmosfera ed anche e non ultimo in termini economici. Ci saremmo cioè adeguati alle direttive del protocollo di Kyoto. Nel reclamare - conclude - quindi la sensibilità del Comune aderendo all’iniziativa del 13 febbraio 2009, quella data potrebbe essere un punto di partenza per dare nuovo impulso al Piano».

Catanzaro, dal 26 gennaio Idv avvia la campagna tesseramenti

CATANZARO — Italia dei Valori si

prepara al tesseramento. La decisione è emersa a seguito di una riunione della direzione provinciale del partito, che martedì scorso, ha avviato un ampio dibattito sui problemi organizzativi dello stesso e ha, infine, deciso di avviare la campagna tesseramento a partire dal 26 gennaio. In poco più di due mesi Idv dovrà concludere il tesseramento: la data di chiusura della campagna è fissata infatti per il prossimo 31 marzo. «Italia dei Valori di Catanzaro - scrive in una nota il rappresentate della sezione capoluogo, Francesco Caligiuri - ritiene che ci siano le condizioni per andare ad un superamento dell’attuale fase commissariale, attraver-

so la celebrazione del Congresso Provinciale che dovrà necessariamente tenersi nel mese di aprile. Idv, - prosegue Caligiuri - è pienamente convinta che ai nuovi appuntamenti elettorali, il partito si debba presentare con nuovi organismi, liberamente eletti dall’assemblea congressuale». Da martedì 27 a martedì 31 marzo, quindi, presso la sede del partito, in viale De Filippis 39, e per ogni martedì dalle 18 alle 20 i rappresentati del partito riceveranno quanti hanno intenzione di iscriversi. Per quanto riguarda i comuni della provincia saranno affisse delle locandine al fine di promuovere il tesseramento. Maria Teresa Folino


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 27

CALABRIA CATANZARO Dopo sei anni, Aldo Costa giunge al termine del suo incarico di direttore della Fondazione che gestisce il teatro

«Politeama, una scommessa vinta» «Ringrazio il sindaco Rosario Olivo per la piena fiducia che mi ha sempre manifestato» CATANZARO — «Con la conclusione

dei primi corsi di formazione professionale per maestri accompagnatori, tecnici del suono, scenografi e tecnici di palcoscenico organizzati dalla Fondazione Politeama, dalla Fondazione Scuole Civiche di Milano e dal Consorzio Catanzaro 2000 termina anche il mio impegno, protrattosi per oltre sei anni, all’interno dell’ente teatrale catanzarese». Così Aldo Costa comunica la fine del suo incarico di direttore della Fondazione Politeama. «Mi soffermerò più a lungo, in seguito, su cosa abbia significato avviare la programmazione e la produzione di un grande teatro pubblico in una Città come Catanzaro, le difficoltà incontrate e gli innegabili successi conseguiti, ma anche sulla felice intuizione di costituire, per la prima volta in Calabria, una Fondazione per la gestione di un teatro. Ma in questa sede, alla fine di un percorso tanto affascinante quanto impervio, e pur senza voler trarre alcun bilancio del lavoro fatto, credo sia utile sottolineare i risultati raggiunti in un’impresa che a tanti era sembrata irrealizzabile. Ricordo ancora, quando mi insediai come direttore generale della Fondazione Politeama, il solito scetticismo e le banali ironie dei soliti, inguaribili affossatori delle iniziative altrui che pronosticavano l’imminente crisi, subito dopo l’inaugurazione, e l’evidente impossibilità di riempire costantemente un teatro di quasi mille posti. La scommessa è stata senz’altro vinta e il Politeama oramai ha conquistato un posto di primo piano nel panorama teatrale nazionale che, spero vivamente, nel prosieguo della sua attività possa non soltanto consolidare, ma addirittura miglioraCATANZARO — «L’associazione sporti-

va dilettantistica senza fini di lucro “Calabria Racing” sta organizzando il primo Tour della Calabria: gara di regolarità turistica per auto storiche e moderne, rievocazione storica del “Giro delle Calabrie”» si legge in una nota di Piero Canino, presidente di Calabria Racing. «Si tratta - prosegue - di iniziativa moderna ma anche storica e mitologica assieme. E se in questo mito c’è l’occhio di un ciclope, è quello del capoluogo regionale dei due Mari, Catanzaro, che si ritroverà al centro di quel memorabile circuito “a otto” che un tempo ne faceva il fiore all’occhiello dell’automobilismo del Sud. Insomma tornerà a rivivere il memorabile Giro delle Calabrie, mitica competizione automobilistica che localmente segnò la memoria di un’intera generazione e che tanta fama e gloria ha dato alla nostra regione e all’intera Penisola, tra il 1948 e il 1958. Erano altri tempi, si dirà! Ma molti di Voi già c’erano e continuano e continueranno a esserci, con i loro marchi e con la loro forza imprenditoriale! Nell’immediato secondo dopoguerra, il lungo nastro stradale dell’elettrizzante competizione automobilistica si snodava così lungo 723 chilometri di strade calabresi, con un rombante tracciato di emozioni: LAMEZIA TERME — Il 29 gennaio 2009, con inizio alle 9,30, presso il Grand Hotel Lamezia di Lamezia Terme si terrà il V Congresso Territoriale della Federazione Nazionale Pensionati Cisl di Catanzaro. «Anche per gli anziani una vita dignitosa» è il motto della manifestazione. Ai lavori che si apriranno con la relazione introduttiva del Segretario Generale della Fnp-Cisl di Catanzaro, Antonio Fernando Maio, parteci-

tive anche a Catanzaro rilanciando, per chi ne ha voglia, ad esempio, la mia vecchia idea di una manifestazione internazionale, con una sezione dedicata alla prosa, dedicata al già dimenticato maestro Mimmo Rotella scomparso or sono tre anni fa. Ed ancora, non posso non ringraziare il Sindaco di Catanzaro, e Presidente della stessa Fondazione, Rosario Olivo per la piena fiducia che mi ha sempre manifestato, pur comprendendo io stesso le dinamiche della politica che, spesso, impongono difficili scelte. La sua decisione, in una delicata fase di transizione, di affidare il ruolo di consulente al sottoscritto per l’innegabile esperienza maturata, ha garantito continuità gestionale all’ente (ispirandosi anche ad analoghe situazioni di altre strutture culturali come il San Carlo di Napoli dove il Sovrintendente, dopo la nomina del Commissario Governativo, è stato nominato consulente) rendendo in tal modo più facile il passaggio di consegne. E ciò, nonostante vacui cicalecci di mediocri personaggi della politica catanzarese che hanno creduto ad improbabili macchinazioni che di certo non mi appartengono. Che poi, incredibilmente, alcuni rappresentanti dell’attuale opposizione al governo comunale, dimentichi del loro passato ma per fortuna ora caduti in disgrazia, abbiano premuto per accelerare la mia sostituzione ciò non può che rafforzare la mia personale stima nell’attuale Sindaco al quale, nei giorni scorsi, ho consegnato una bozza di convenzione per l’auspicabile costituzione di un Polo delle Arti nella nostra Città. Da oltre trenta anni mi occupo di organizzazione e di promozione

culturale (dalle giovanili iniziative al Liceo “Siciliani” alla creazione delle prime radio libere, dalla Cooperativa “Nuova Ipotesi” ai grandi concerti musicali allo stadio “Ceravolo”, dall’Università Verde “Norman Douglas” ai seminari politicoculturali, dalla fondazione del circuito regionale dei Teatri Calabresi Associati alla Cineteca della Calabria e al primo Capodanno in piazza, fino alla direzione, con tempi e ruoli diversi, delle grandi strutture cittadine dal rinnovato cinema-teatro Masciari nel 1991 al Complesso del San Giovanni ed al Politeama, ed altro potrei aggiungere) e ritengo, ancora oggi, che i cittadini della nostra terra altra strada non abbiano che quella di perseverare nel costante impegno in un settore che sempre turba il sonno ai detentori del potere, ma rappresenta uno dei pochi antidoti ad una banale esistenza. In conclusione, quando Sergio Abramo nel 1997 mi affidò l’assessorato alla cultura, oltre alla delega di Vice Sindaco, bisognava inventare spazi dove effettuare le più varie manifestazioni culturali (la Galleria Mancuso ed il centro “Le Botteghe” per il jazz, il mercato di Via Daniele per iniziative artistiche, il teatro tenda in Piazza Prefettura, Piazza Brindisi e Piazza Dogana a Lido per le rassegne estive, l’inadeguato stadio ed il palasport per i concerti musicali) mentre oggi, credo anche con il mio costante impegno e la mia disinteressata passione, la nostra Città si è trasformata in un luogo ideale dove qualsiasi evento può realizzarsi compatibilmente, è ovvio, con le risorse finanziarie disponibili e con il dovuto coinvolgimento di altri soggetti privati».

CATANZARO Il capoluogo si ritroverà al centro del circuito “a otto”, fiore all’occhiello dell’automobilismo del sud

per attraversare i territori comunali di Melito Porto Salvo, Brancaleone, Bovalino, Locri, Gioiosa Jonica, Monasterace, Guardavalle, Badolato, Soverato, Catanzaro Lido e rientro nel Capoluogo regionale, dove si concluderà l’ultimo tratto dell secondo anello, con premiazione dei vincitori. Vetture ammesse alla manifestazione: auto storiche e moderne. Finalità sportive. Il Tour automobilistico della Calabria - conclude la nota - che si intende riportare qui in auge, fu infatti l’unica realtà automobilistica sportiva presente sul territorio regionale; è questo il motivo per cui l’imprenditorialità sportiva di oggi intende far ricorso a ogni intervento e iniziativa che possa tornare utile a riaccendere la fiaccola di una simile testimonianza di valori sportivi; le finalità dell’evento comprendono inoltre un grande sforzo di sensibilizzazione per allargare la consueta cerchia del pur già vasto pubblico che facilmente sa farsi entusiasmare dall’automobilismo; lungo i circuiti delle gare automobilistiche di regolarità, far conoscere questo sport a livello regionale (ma non solo) è anche il modo che l’Organizzazione, negli anni passati, ha sperimentato con successo per promuovere la guida sicura tra i giovani».

re. Brevemente, anche per intervenire nel dibattito in corso sulle politiche teatrali in Calabria, ritengo che si debba dar seguito, come pare stia avvenendo, allo sforzo di organizzare il Politeama come stabile centro di produzione e di formazione, quindi non soltanto come vuoto spazio di rappresentazioni, per “fare teatro”, come suol dirsi tra gli addetti ai lavori, che resta pur sempre uno strumento indispensabile alla crescita civile e culturale di una regione ancor stretta nelle soffocanti maglie di una classe politica onnivora, da qualunque parte la si guardi. Anche le coproduzioni liriche con gli enti teatrali di Reggio Calabria e di Cosenza, avviate sin dal 2005 con la splendida “Madama Butterfly”, credo meritino maggiore sostegno tenuto conto dei costi medi delle opere e della possibilità di offrire un’immagine senz’altro positiva e laboriosa della nostra Calabria.

Ma, è chiaro, come è stato più volte sostenuto, che occorre prima di tutto mettere finalmente mano alla definizione di un’efficiente dotazione organica ed alla valorizzazione delle risorse umane disponibili al fine di dare concretezza a validi progetti che, seppur ambiziosi, corrono il rischio di naufragare. Accanto a questo occorre, a mio avviso, lavorare seriamente alla riorganizzazione del sistema teatrale regionale che deve tenere conto delle grandi strutture presenti sul territorio, che non possono essere penalizzate da contributi a pioggia e da singole iniziative che servono solo a dar visibilità al politico di turno, ma tolgono importanti risorse a chi opera quotidianamente nel settore. Rassegne quali “Calabria Palcoscenico” e festival come “Primavera dei Teatri” a Castrovillari o quello dedicato ai siti archeologici delle città della Magna Graecia meritano di essere maggiormente supportati, ma occorre ideare nuove inizia-

A settembre il primo “Tour della Calabria” dalle tortuose carrozzabili delle alture della Sila, alle verdi e pianeggianti strade litoranee, tra il Tirreno e lo Jonio. Purtroppo, la sciagura che segnò le Millemiglia e l’aumento del numero di veicoli in circolazione fecero sì che un triste giorno calasse il sipario anche su quel mito. Il suo fascino, esaltato dai giornalisti sportivi di allora, dimora però intatto nel patrimonio sportivo regionale calabrese, come quello di una leggenda o di una brace accesa nella memoria. Oggi - continua - Calabria Racing intende riportare all’attenzione di tutti gli appassionati di automobilismo, in Italia e all’estero, il mito di una manifestazione storica che sembrava tramontato; per tornare a riempire le pagine di quel libro e per ritrasformare in realtà le gesta fiabesche di quei pionieri. L’organizzatore di eventi «Calabria Racing», titolare di licenza ufficiale (n. 221349) rilasciata dalla Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (Csai) è oggi più che fermamente intenzionato a riaccendere i fari proprio su quella ribalta segnata dal-

l’entusiasmante decennio a cavallo degli anni Cinquanta, dieci anni vissuti proprio sotto il segno dello sviluppo e della fiducia nel futuro dei mercati. Girando la chiavetta dell’accensione, tornerà dunque allo sprint, per così dire, il primo «Tour della Calabria: gara di regolarità turistica per auto storiche e moderne», rievocazione storica del «Giro delle Calabrie». Ma per l’Organizzazione, questa è già ben più di un’idea: la manifestazione risulta infatti inserita nel Calendario nazionale Csai, alle date 17-20 settembre 2009 e da oggi le opportunità di sponsorizzazione sono a disposizione di tutte le numerose realtà imprenditoriali interessate all’evento. Programma: I 723 chilometri del Tour si snoderanno lungo le statali SS 18, SS 19 delle Calabrie ed SS 106. 17 settembre 2009: dalle ore 13,30 alle ore 20, verifiche sportive e tecniche in piazza Prefettura, a Catanzaro; successiva sistemazione alberghiera presso il Villaggio Guglielmo di Copanello di Stalettì; ore 21, cena di gala. 18 settembre 2009: alle ore 7,30,

trasferimento delle vetture partecipanti in piazza Prefettura; alle ore 8,30, presentazione delle automobili al pubblico; alle ore 9,30, partenza della prima vettura da piazza Prefettura, con attraversamento dei centri abitati di Tiriolo, Marcellinara, Lamezia Terme, Soveria Mannelli, Bianchi, Cosenza, Celico, San Giovanni in Fiore, Santa Severina, Crotone, Cutro (bivio Steccato di Cutro), Catanzaro Lido e rientro a Catanzaro. Il tracciato sopra descritto commemora il primo anello dello storico circuito a otto di un tempo. 19 settembre 2009: alle ore 7,30, trasferimento delle vetture partecipanti in piazza Prefettura; alle ore 9,30 partenza della prima vettura, per raggiungere le località di Bivio Martella e poi immettersi sulla SS 18, con attraversamento dei territori comunali di Pizzo Calabro, Vibo Valentia, Gioia Tauro, Scilla, Bagnara e tappa a Reggio Calabria, per visitare le bellezze storico-artistiche della città. 20 settembre 2009: alle ore 9,30, partenza da corso Garibaldi, a Reggio Calabria,

LAMEZIA TERME All’incontro che avrà luogo il 29 gennaio parteciperà anche Antonio Fernando Maio

Il V Congresso territoriale della Fnp Cisl peranno, oltre a 70 delegati in rappresentanza dei pensionati Cisl di tutta la provincia, Girolamo Minardi, Segretario Nazionale Fnp, Giuseppe Mercurio Segretario Regionale Fnp e Domenico Cubello Se-

gretario Generale della Cisl di Catanzaro. La rivalutazione del potere di acquisto delle pensioni, l’approvazione e il finanziamento della legge per i non-autosufficienti, contrastare tutte le situazioni di sofferenza

e precarietà sociale, sono i temi fondamentali su cui si svolgerà il dibattito. «Il Congresso è per la nostra Organizzazione un momento fondamentale di democrazia interna» dice il Segretario Generale della Fnp di

Catanzaro, Maio. «E’ nel Congresso, infatti, che tutti soci possono esprimersi su quanto è stato fatto e su quanto ancora si dovrà fare per la tutela dei pensionati. In questa occasione ribadiremo quelli che sono i punti cardine della nostra vertenza. Dal 1992 ad oggi, abbiamo perso il 35-40% del potere di acquisto della nostra pensione. Non possiamo permettere più che questa frana che rode le nostre pensioni continui».


28 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO L’assessore all’Igiene, Lorenzo Costa, contesta i contenuti di un servizio televisivo sulla realtà cittadina

«Corvo e Aranceto, nessuna emergenza» «Ritengo che il sindaco Olivo possa pretendere dalla Tv pubblica un atteggiamento equilibrato» CATANZARO — «Il servizio mandato in onda dal Tg3 della Calabria su una presunta emergenza ambientale nei quartieri di Corvo e Aranceto non corrisponde alla realtà dei fatti. Si è fornita un’immagine che non ha alcun riscontro e che non rende merito al grande impegno che l’Amministrazione sta producendo nel settore dell’igiene del territorio. Evidentemente, qualcuno ha nostalgia dei sistemi adottati dalla precedente amministrazione che, proprio nel settore dell’igiene pubblica, ha prodotto notevoli guasti e ritardi. Non vogliamo certo dire che i nostri quartieri sono diventati angoli di paradiso, ma possiamo con orgoglio affermare che notevoli sono stati i passi in avanti. In ogni caso, non esiste alcuna emergenza ambientale e la situazione è assolutamente sotto controllo». Lo ha affermato l’assessore all’Igiene Lorenzo Costa, riferendosi ad un

servizio mandato in onda dal Tg3 Calabria nei giorni scorsi. «Appare ormai evidente - scrive l’assessre - che la redazione di Catanzaro del Tg3 è impegnata a danneggiare l’immagine della città, sottovalutando o addirittura nascondendo tutte le cose positive che stiamo facendo. Ritengo che il sindaco Olivo, con tutta la sua autorevolezza, possa pretendere dalla Tv pubblica un atteggiamento quanto meno equilibrato e super partes. Nessuno si sogna di impedire ai giornalisti di denunciare eventuali situazioni di degrado, anzi ben vengano le segnalazioni costruttive. Ciò che non è accettabile è una linea politica del Tg3 Calabria assolutamente ostile alla città capoluogo di Regione. Penso che si debba passare dalle parole ai fatti e chiedere l’intervento di tutti i soggetti preposti a tutelare l’interesse pubblico di una città e dei suoi abitanti».

Catanzaro, si è concluso il corso “I comportamenti legati al ruolo” CATANZARO — E’ stato il presidente della Fondazione del centro di formazione permanente, Francesco Granato, a concludere la due giorni di studio tenutasi, a palazzo de Nobili incluse nel secondo modulo del corso “I comportamenti legati al ruolo”. L’iniziativa è stata intrapresa dalla Fondazione in collaborazione con il settore personale del Comune Capoluogo. Un percorso formativo che rientra nel programma di riqualificazione del personale avviata dal centro diretto dal dott Roberto Di Tommaso e che si avvale della collaborazione di esperti e docenti universitari.. La due giorni di lavoro ha visto la presenza della dottoressa Barbara Battelli, esperta in comunicazione e relazioni interpersonali, che ha trattato tratterà quattro temi fondamentali che riguardano l’apparato burocratico dell’ente. La qualità del servizio: i fattori

che la determinano; la comunicazione interpersonale l’assertività; le principali norme comportamentali; la metodologia didattica: interventi ed esercitazioni. I lavori sono stati introdotti dalla dirigente del settore personali, Carmelina. Tutor del corso, Daniela Gentile, coordinatore Domenico. Nel la giornata conclusiva ha preso parte ai lavori anche l’assessore Tommasina Lucchetti. Nel messaggio di saluto, l’assessore Granato ha ringraziato la docente «per l’elevato contenuto dei temi trattati e per l’ottima impostazione». Granato ha ringraziato l’aula «che ha seguito con attenzione e partecipazione l’alta qualità della didattica che la Fondazione sta mettendo in campo» dichiarandosi «soddisfatto per la scelta che l’amministrazione Olivo ha fatto, in questo campo attraverso la costituzione del Centro di formazione con l’obbiettivo di riqualificare il personale».

Botricello, Antonio Viscomi (Pd): candidato unico segno di coesione BOTRICELLO — «L’unità del Parti-

to Democratico di Botricello, con l’indicazione del candidato unico alla segreteria del circolo, dimostra in maniera inconfutabile la ferma volontà di costruire una forza democratica coesa, capace di rispondere alle esigenze di sviluppo della nostra comunità». Lo afferma in una nota il candidato unico alla segreteria del Circolo del Pd di Botricello, Antonio Viscomi. «A pochi mesi dalle elezioni amministrative aggiunge Viscomi - il Partito Democratico è pronto per proporre un progetto basato sui principi della legalità, della crescita e della coesione sociale. Per questo, siamo disponibili ad aprire un confronto leale e sincero con tutte le forze democratiche che operano a Botricello. L’obiettivo è quello di proporre ai cittadini un gruppo in grado di rispondere alle esigenze di una comunità che vuole progredire e che ha in sè le

potenzialità per cogliere tutte le opportunità che si potranno presentare dal punto di vista politico e sociale per il bene di tutti». «Pertanto - conclude Antonio Viscomi - il Partito Democratico di Botricello ribadisce la propria disponibilità ad aprire un dialogo costruttivo con tutte le altre forze politiche, i movimenti e le associazioni che intendono condividere i temi della collettività nel programma di governo».

Catanzaro, bambini consiglieri per un giorno Oggi alle ore 9,30 nella sala del consiglio comunale di palazzo de Nobili, il presidente del consiglio, Francesco Passafaro, riceverà cinquanta alunni che frequentano la V classe del “Galluppi” di Catanzaro. L’incontro si inserisce nel programma di educazione civica che la presidenza Passafaro sta sviluppando sin dal suo insediamento.

CATANZARO Sulla questione sono intervenuti i consiglieri comunali Tallini, Costanzo, Corsi e Nisticò

«Oggi sarà ripristinato il servizio idrico» CATANZARO — Oggi sarà ripristinato il regolare servizio idrico nella zona nord della Città, dove da alcuni giorni i rubinetti sono rimasti a secco a causa della rottura della rete principale del Guerriccio, provocata dalle abbondanti piogge cadute sul territorio comunale. Più specificatamente a risentire del problema, sono stati i residenti della zona compresa tra S. Elia e Pontegrande -Bambinello Gesù. Il Comune ha provveduto ad allertare la Protezione civile per l’invio di autobotti in modo da alleviare i disagi degli utenti. «Ci siamo trovati difronte ad un grosso problema - ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Antonio Tassoni - causato dal nubifragio dei giorni scorsi che ha prodotto la rottura di una tubazione posta in una zona scoscesa. E’ stato necessario by passare con circa trecento metri di tubazione questa zona. Gli addetti hanno, quindi, lavorato in condizioni difficilissime, per giunta di notte e sotto la pioggia proprio per limitare al massimo i tempi di intervento. Voglio, quindi, ringraziare i tecnici e gli operai per la serietà e la profes-

sionalità dimostrata - ha concluso Tassoni - e scusarmi, a nome dell’intera amministrazione, con la popolazione che ha subito pesanti disagi a causa dell’interruzione del servizi». Intanto alcuni consiglieri hanno richiesto una informativa relativamente all’emergenza idrica della città. «A proposito delle disfunzioni del servizio di approvvigionamento idrico verificatosi a seguito del maltempo dei giorni scorsi, i sottoscritti Consiglieri Comunali chiedono: Premesso che tali disfunzioni hanno creato notevoli disagi agli abitanti di interi quartieri soprattutto quelli della zona nord della città: Sant’Elia, Piterà, Pontegrande, Pontepiccolo, Siano nonché disagi nei quartieri popolosi di Gagliano, Materdomini, Sant’Antonio, Cavita e Viale de Filippis; che pur riconoscendo lo sforzo profuso dai tecnici comunali e dai dirigenti impegnati a fronteggiare tale l’emergenza per un ritorno alla normalità, si registra, purtroppo, l’assoluta mancanza di informazioni circa l’entità dei danni e i tempi di ripristino della rete idrica nonché i crite-

ri e le modalità di approvvigionamento alternativi attraverso i mezzi della Protezione Civile» si legge nella richiesta dei consiglieri comunali: Domenico Tallini, Sergio Costanzo, Antonio Corsi e Franco Nisticò. «Per quanto in premessa i sottoscritti Consiglieri invitano, pertanto, gli organi preposti: Sindaco, Assessore ai Llpp, dirigenti competenti, ad utilizzare ogni strumento, anche straordinario, per la soluzione del problema ed a provvedere con l’urgenza che la stessa emergenza impone, ad emanare una informativa finalizzata a tranquillizzare la popolazione dei quartieri interessati, circa i tempi di ripristino di un servizio, quello dell’erogazione dell’acqua, fondamentale anche per gli aspetti igienico-sanitari». Da oggi comunnque sarà ripristinato il regolare servizio idrico nella zona nord della città, dove da alcuni giorni i rubinetti sono rimasti a secco a causa della rottura della rete principale del Guerriccio, provocata dalle abbondanti piogge cadute sul territorio comunale.

CATANZARO All’Hotel Guglielmo premiati tutti i lavoratori con più di 25 anni di servizio

Il raduno dei dipendenti Telecom CATANZARO — Si è svolta presso il rinnovato Hotel Guglielmo del Capoluogo il raduno dei dipendenti con più di 25 anni di servizio della Telecom Italia Spa, che rimane, anche dopo 10 anni dalla liberalizzazione del mercato delle telecomuni-cazioni, la prima Compagnia d’Italia. Si sono ritrovati assieme, come non avveniva da molto anni, tutti i dipendenti festeggiati dall’Azienda per il compimento dei 25 anni di servizio, dei 30 ed dei 35 per quello che è stato il “Seniority Day”. Ad essi la Telecom ha voluto tributare come in tempi passati assai più ricchi e fascinosi, il riconoscimento per il contributo dato, con il lavoro, alla crescita ed al mantenimento del servizio telefonico, passando dall’arcaico sistema delle “centraliniste” con gli spinotti, alla moderna innovazione dei sistemi di trasmissione digitale e a banda larga. In rappresentanza dell’Azienda Telecom (già Sip) c’è stato l’ing. Gianfranco Sità, catanzarese doc, ormai collocato in posizione importante in Direzione Generale, a Roma, che ha presentato lo sforzo della Società Telefonica a mantenere saldo lo spirito di Gruppo di Telecom/Tim, nonostante la globalizzazione dell’economia e l’esistenza di “imprenditoripredatori”. Dopo il saluto in teleconferenza dell’Amministratore delegato Franco Bernabè, che ha voluto espressamente rassicurare i dipendenti tutti che la Telecom continuerà ad essere il riferimento certo del “Sistema Paese” in materia di telecomunicazione, mantenendo alto, come sempre l’impegno verso gli investimenti nelle strutture ed nelle risorse umane, nonostante le vicissitudini sui cambi degli Azionisti di maggioranza degli ultimi 10 anni. Prima del ricco buffet in onore dei festeggiati, la Responsabile Ru, dr. ssa Bellezza, pu-

re originaria calabrese, ha voluto presentare il Responsabile del Gruppo Anziani-Alatel, Antonio Gareri che ha avuto il compito di orgnizzare con le hostess e le veterane colleghe consegnare ai presenti i Premi Aziendali: una penna d’Argento con medaglietta, un prestigioso orologio da polso. Sulle buone politiche ed iniziative della Telecom, la Cisal/Com è intervenuta con una nota a firma del Segretario Regionale, Luigi Costa che ha dichiarato: aLa Telecom è stata una delle 5 prime Società nazionali che hanno fatto grande l’Italia, essa ha modernizzato la Nazione da quando Benito Mussolini nel 1936, fece nascere l’Iri - Ist. per la Ricostruzione Industriale, che incurante dei “capitalisti tirchi”, fece in Italia gli immensi investimenti in tutte le infrastrutture: ferrovie, banche, elettrificazione, telefonia e televisione». «Ebbene, da tanta laboriosità - conclude il comunicato della Cisal/Com - sono nate professionalità impareggiabili, sono nate migliaia di lavoratori che hanno assicurato benessere e sviluppo alla comunità italiana. Fino a quando esisteranno Manager, degni di tale nome, che sapranno accomunare gli interessi del capitale con quello delle risorse umane, l’economia della Telecom e l’intera economia nazionale sarà salva…altro che economia “creativa” o “virtuale”». Questo l’elenco dei dipendenti Telecom/Tim premiati per i 25 anni, per i 30 e per i 35: Agazio Aiello, Antonio Rocco Aloise, Anna Anastasi, Giuseppe Andreoli, Antonio Andrieri, Sergio Ansani, Vittorio Aprigliano, Aldo Argiro, Umberto Babuscia, Antoniono Bagala, Rosamaria Baralis, Ciro Bellantone, Roberto Bottura, Giuseppe Brilli, Salvatore Burello, Pietro Cannistra, Domenico Capogreco, Luigi

Cartisano, Antonio Celso, Raimondo Chirillo, Fernando Cittadino, Franco Cordua, Domenico Costa, Luigi Costa, Saverio Costa, Francesco Cristofaro, Domenico Critelli, Giuseppe Crudo, Antonio Crucio, Sergio Cutrulla, Salvatore Cutuli, Annunziato Danaro, Ezio D’Atri, Salvatore De Falco, Rinaldo Deluca, Stefano Di Pinto, Vincenzo Di Vasto, Giuseppe Epifano, Giuseppe Fabiano, Domenico Falduto, Federico Menotti, Pasquale Femia, Antonino Fiumano, Giuseppina Folino, Michelangelo Fusca, Francesco Gabriele, Domenico Galluzzo, Damiano Giglio, Ottaviano Giuliano, Angelo Iannazzo, Geffrino Imbrgno, Gianfranco Iozzo, Andrea La Carbonara, Giuseppe Labate, Salvatore Lantieri, Giuseppe lanzino, Luciano Laudari, Alfredo Lepore, Carmine Lo Bello, Antonio Lobono, Antonino Lombardo, Rosario Lopez, Antonio Madeo, Santo Malavenda, Francesco Mancuso, Salvatore Mancuso, Gianfranco Marinaro, Natale Martino, Giovanni Mazzarella, Antonio Dante Mazzeo, Francesco merante, Lorenzo Minnitit, Copsmo Montalto, Giuseppe Montechiarello, Francesco Nanci, Bonaventura Ombres, Luigi Orlanduccio, Carmelo Panuccio, Mario Parratto, Domenico Percoco, Giovanni Perri, Gennaro Pileggi, Vincenzo Pirillo, Giuseppe Paonessa, Giorgio Ricca, Francesco Rossu, Raffaele Russo, Renato Salicetti, Giovanni Saporito, Gennaro Sarubbi, Pasquale Schifino, Giuseppe Sciarrone, Sergio Nicomede, Francescoantonio Sorrentino, Salvatore Suriano, Annunziato Antonio Tenuta, Leonardo Tirintino, Giovanni Trebisacce, Emilio Turano, Antonio Ursino, Michele Varacalli, Loredana Vavala, Domenico Veraldi, Iolanda Vicinanza.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 29

CALABRIA CATANZARO Il commento di Filippo Capellupo sulle dichiarazioni del senatore Vincenzo Speziali e i dati Eurispes sull’emigrazione giovanile

«Servono prospettive serie di lavoro» «Gli incentivi dati alle imprese per le assunzioni non devono alimentare il precariato» CATANZARO — Filippo Capellupo,

LAMEZIA TERME La lettera aperta al sindaco del consigliere comunale Pasqualino Mastroianni

Critiche a dirigenti e tecnici dell’ente LAMEZIA TERME — La lettera

aperta al sindaco del consigliere Comunale Pasqualino V. Mastroianni: «Purtroppo quelli che erano i miei peggiori timori si sono avverati nel modo più inopportuno e sfavorevole. I mutui non accettati, per milioni di euro, dalla “Cassa depositi e prestiti” al comune di Lamezia Terme rappresentano un danno enorme per l’intera collettività e migliaia di cittadini non potranno avere un futuro migliore, rinunciando a strade più comode, a fognature, a impianti di illuminazione ecc. Mai come in questo caso avrei voluto aver torto, ma a niente sono serviti i miei ammonimenti, le mie denunce, le mie richieste pressanti e continue a mettere mano al settore dei lavori pubblici. Prova ne è che da alcuni mesi che il sottoscritto ha presentato una mozione di sfiducia nei confronti del dirigente del settore e ancora non è stato possibile discuterla in Consiglio Comunale. Forse se qualcuno mi avesse dato ascolto, si sarebbe potuta evitare questa beffa nei confronti dell’intera comunità; forse se le richieste di mutuo fossero state presentate prima, non staremmo a di-

scutere di questo; forse se i tecnici comunali, all’interno del settore “Lavori Pubblici” avessero lavorato con meno frustrazione e con più armonia, i progetti e le richieste di mutuo si sarebbero fatte con largo anticipo, con un risultato positivo per la nostra città. Vorrei dire un grazie personale a tutti coloro che si sono adoperati, anche al di là dei loro turni lavorativi, a sbrigare le pratiche, arrivate con tanto ritardo, per la richiesta dei mutui e nello stesso tempo chiedere scusa perché il loro lavoro è stato inutile ( non certo per colpa loro) perché i mutui non sono stati accettati. Di fronte a questo, che io ritengo un danno enorme per Lamezia Terme, che frena le sue già misere (per colpa nostra) possibilità di sviluppo, non è assolutamente possibile rimanere indifferenti o attuare mosse di scarso peso e rilevanza. Non si può andare incontro ad un simile fallimento convinti che “tanto non paga mai nessuno” e quindi non sarà mai presentato il conto a chicchessia. In un caos del genere le ragioni degli onesti si perdono e insieme ai bisogni dei cittadini cresce anche la loro insoddisfazione e la lo-

Soveria Mannelli ha conquistato la definizione di città senza fili SOVERIA MANNELLI — Si sono concluse a Soveria Mannelli le celebrazioni per il 202° anniversario. La città di Soveria Mannelli, già conosciuta come il comune più informatizzato d’Italia (37° Rapporto sullo stato del paese? Censis), ha conquistato la definizione di città senza fili. La presentazione della rete wireless è stata occasione per il sindaco Sirianni e il vicesindaco Caligiuri per fare un discorso più ampio sul concetto di senza fili. Leonardo Sirianni, sindaco di Soveria Mannelli ha dichiarato in apertura della conferenza stampa: «L’attenzione alle nuove tecnologie e all’innovazione è da sempre il fiore all’occhiello del comune di Soveria che negli anni ha realizzato servizi avanzati per facilitare il rapporto tra amministrazione e cittadini. Per il 202° anniversario il nuovo servizio presentato è una rete wireless gratuita per tutti i cittadini, servizio molto ben accolto che nella giornata di lancio ha raccolto oltre 50 registrazioni da parte dei cittadini di Soveria. L’invito alla presentazione della rete wireless è stato inviato ai cittadini anche attraverso il social network Facebook dall’Associazione Fiore di Lino ad oltre 700 amici in tutto il mondo. Senza fili quindi come la connessione wi-fi, ma anche senza fili come la capacità della città di Soveria di sperimentare nuove tecnologie e progetti all’avanguardia. Senza fili e cittadini del mondo. La presenza del cittadino Ralph Chiodo, vincitore del Manno d’oro ha emozionato tutti per l’entusiasmo di questo giovane sessanteseienne volato a Soveria insieme a tutta la sua famiglia, esempio di imprenditorialità sana e di self made man soprattutto per i giovani che hanno

ascoltato il suo intervento. E ancora senza fili e liberi di fronte a ogni tipo di ostacolo o costrizione, liberi come Pino Masciari, che seppure costretto a vivere in esilio dalla sua regione, porta con coraggio la sua testimonianza di verità e il suo messaggio di cambiamento». Molto sentito l’intervento di Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro, che ha dichiarato in seguito all’intervento dell’imprenditore Masciari: «La Calabria per bene è amica di Pino Masciari». Anche Cosimo de Tommaso e Florindo Rubbettino, altri imprenditori presenti, hanno raccontato come sia difficile fare impresa in Calabria, ma hanno anche raccontato come con impegno, qualità del proprio lavoro, cultura e senso d’identità si possano superare in parte gli ostacoli presenti. Mario Caligiuri, vicesindaco di Soveria Mannelli in chiusura, come saluto per tutti i presenti, ha invece dichiarato: «Soveria ha confermato ancora una volta di essere un luogo di incontro, un luogo dove si fa una politica di qualità che guarda all’interesse comune, che riesce a superare il senso di sfiducia e di anti? politica dei giorni mostri, realizzando progetti utili e a servizio dei cittadini. Soveria una città di speranza dove si sente che è possibile cambiare le regole del gioco, così come i nostri ospiti, ognuno a suo modo, ci hanno testimoniato. Altri progetti sono in corso e ci auguriamo di poter invitare tutti i presenti molto presto, di nuovo a Soveria per poter presentare i risultati raggiunti. Convinti che sia abitudine e pratica della buona politica quella di fare e poi dire: realizzare progetti e poi condividerne i risultati con i cittadini e la stampa».

ro riluttanza nei confronti della politica. Di fronte ad un dirigente che invece di badare a mettere ordine nel proprio settore cominciando con l’instaurare con i propri “subalterni”un rapporto di collaborazione e di fiducia, bada, senza nemmeno buoni risultati, a piccole beghe di quartiere; Di fronte ad un dirigente che invece di badare ai problemi di grande sviluppo della città, bada, seppur nella legalità, ai problemi dell’amico o dell’amico dell’amico, non basta più chiederne l’allontanamento. “La potenza è nulla senza controllo”, diceva la pubblicità di un famoso pneumatico! Non serve a nulla lavorare venti ore al giorno se poi i risultati sono così negativi! A nome di tutti i cittadini, umiliati, delusi e sconfortati nell’apprendere che le loro speranze e le loro possibilità di una vita migliore si fermano qui, chiedo al sindaco di dimettere, con immediatezza il dirigente dei lavori pubblici, valutando la seria possibilità, qualora ce ne fossero i presupposti, di chiederne, a chi di competenza, il risarcimento per il danno procurato all’intera comunità».

presidente della commissione provinciale per l’emersione del lavoro risponde alle dichiarazioni del senatore Vincenzo Speziali e ai dati eurispes sull'emigrazione giovanile. «Le parole del senatore Vincenzo Speziali scrive - in merito agli incentivi di cui potrebbero usufruire le aziende per l'assunzione di nuova forza lavoro e i dati dell'Eurispes sulla predisposizione dei giovani a lasciare la Calabria per andare fuori a lavorare, se pur contestualmente lontane, possono in qualche modo trovare una sintesi riflessiva. La prima cosa da sottolineare è che ha certamente ragione il senatore Speziali nel chiedere che la Calabria sia inserita tra le regioni che possono usufruire degli incentivi per l'assunzione, soprattutto di lavoratrici, tramite contratti di inserimento, purchè questa tipologia di rapporto non crei forme ataviche di precariato e sia comunque utilizzata secondo quella che è la sua natura, ossia fornire al lavoratore o alla lavoratrice che ne beneficia, una formazione adeguata tale da poter essere riutilizzata all'interno della stessa azienda o rivenduta sul mercato. Gli incentivi a cui le aziende possono accedere devono avere come contropartita l'impegno da parte delle stesse di offrire al lavoratore tutti quegli strumenti adeguati per raggiungere livelli di competitività per sè e per l'azienda stessa. Quanto poi ai dati circa la scelta dei nostri giovani di lasciare la Calabria per cercare lavoro altrove, se da una

parte tutto ciò fa parte di un antico retaggio che ha visto negli anni le intelligenze della nostra terra emigrare e fare la fortuna delle regioni del nord, dall'altro in questo momento di crisi deve mettere tutti noi ancora più in allerta. Quando il momento "nero" sarà passato e le nostre terre si saranno impoverite delle migliori risorse umane, da dove ricominceremo? Ecco perchè oggi più che mai è necessario creare prospettive ai giovani. Proprio ora che i dati economici sono in flessione, è possibile trovare i margini per investire sulla creatività, sull'energia delle nuove classi dirigenti, sfruttando le economie di scala, la naturale propensione alla flessibilità dei giovani e tutte quelle risorse finanziarie che l'Unione Europea ha destinato ancora alla Calabria. E' il momento di investire queste risorse e non solo di spendere questi soldi. Se la battaglia da combattereè contro i numeri neri dell'economia, è bene capire che da soli non si vince, perchè senza un serio investimento sul futuro, ogni crisi sarà irreparabile. Ecco dove la richiesta del senatore Speziali e i dati Eurispes si incontrano. Laddove le aziende sappiano sfruttare al meglio le possibilità date dall'utilizzo di incentivi per le nuove assunzioni ci sarano giovani motivati a non andar via e gratificati perchè impareranno un lavoro, è necessario far capire ai giovani che lavorare nella propria terra, significa lavorare per costruire e non solo per “tirare a campare”».


30 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CROPANI L’esperimento, che avrà la durata di dieci incontri ognuno dei quali con particolari lavori per stimolare le capacità dei bambini, è articolato in due fasi

Arriva in Calabria il “Baby sensory” Il consultorio familiare può svolgere un ruolo importante nella sperimentazione veicolandone i corsi CROPANI — Il “Baby sensory”, la stimolazione sensoriale per stimolare la crescita e l’apprendimento dei bambini, direttamente dell’Inghilterra in Calabria. L’iniziativa sperimentata già da cinque anni nel paese anglosassone con approfondite ricerche e lavori di studiosi ed esperti nella cura dei bambini, come John Bowlby che ha curato la teoria dell’attaccamento, Jean Piaget per lo sviluppo cognitivo, Mary Sheridan per lo sviluppo sensoriale e Keller Pringle per il gioco come prerequisito indispensabile per la crescita mentale, è giunta nella nostra regione per volere della psicoterapeuta, dott. ssa Carla Cosco, che ha frequentato nella sede originaria di “Baby sensory”, in Inghilterra, il corso di formazione. La sua esperienza e la sua professionalità in forma esclusiva in Italia, partendo una volta tanto dalla Calabria, unica regione ad avvalersi del servizio. Il programma già in fase di sperimentazione a Soverato e a Catanzaro e che ha ricevuto richieste anche da Napoli e Roma, è approdato al consultorio famigliare di Cropani, il primo a recepire l’importanza dell’esperimento, che per voce della responsabile, la psicologa dott. ssa Carmelina Chiarelli, sempre attenta ad ogni forma di sperimentazione per favorire la prevenzione, ha dato immediatamente la diSOVERATO — «Non posso che espri-

mere il mio compiacimento e la mia riconoscenza per la generosa considerazione cui i Popolari europei verso il Pdl sono stati oggetto nella nota stampa del Segretario Cittadino di An Renato Repici». Ad affermarlo, Vincenzo Cilurzo dei Popolari Europei verso il Pdl. «Il fatto scrive in una nota - che la strada che abbiamo intrapreso nella direzione della dialettica e del confronto sia apprezzata e condivisa rappresenta dimostrazione della spontanea voglia di fare politica attraverso la partecipazione attiva e questo non può che rafforzare la nostra convinzione che tale via sia l’unica strada possibile per recuperare il senso di sfi-

Sopra: Cosco, Chiarelli e Chiaravalloti. A lato un momento del corso

sponibilità di collaborazione convocando un gruppo di genitori e i loro bambini in età compresa tra 0 e 13 mesi, con particolari attenzioni ai bambini portatori di handicap, per un intervento dimostrativo. L’esperimento che avrà la durata di dieci incontri, ognuno dei quali con particolari lavori per stimolare le capacità dei bambini, è articolato in due fasi, la prima con attività ed esperienze sensoriali, supportate dal linguaggio dei segni che apprenderanno anche i genitori per age-

volare la comprensione nei bambini e da musica appropriata ai ogni tipo di lavoro per dare ritmo alle attività e accrescere l’apprendimento; la seconda fase è quella del gioco esplorativo per favorire la creatività, l’autonomia e la socializzazione del bambino. L’esperimento risulta essere gradito dai genitori che frequentano il corso, i quali, hanno affermato che i loro bambini sono coinvolti in attività che stimolano le loro capacità sensoriali. La partecipazione ai corsi e la presenza di esperti

aiuta il genitore ad affrontare l’educazione del bambino in maniera più serena, favorendo l’instaurazione di una relazione positiva favorendo il rapporto empatico tra genitori e figli. Il consultorio famigliare, uno dei luoghi preposti allo sviluppo delle capacità sensoriali per la crescita dei bambini, può svolgere un ruolo importante in tale sperimentazione veicolandone i corsi. L’iniziativa che assume un alto valore educativo, al momento è sostenuta dalla volontà della dottoressa Cosco che si

avvale anche della collaborazione dell’assistente sociale Maria Rosaria Chiaravalloti e dal contributo di 80 euro che i genitori verseranno per l’intera frequenza del corso, dovrebbe essere preso in considerazione dalle Aziende Sanitarie, in virtù del fatto che prevenire è sempre meglio che curare. Per info contattare il numero 0967577563 - www. babysensory. it o il consultorio famigliare allo 0961-965510.

SOVERATOVincenzo Cilurzo ricorda anche che il partito ha organizzato un incontro per parlare del Piano Spiaggia

della città ma una cosa è certa nel rispettare il sacrosanto diritto della stessa Amministrazione di operare le scelte politiche che meglio ritiene conveniente sarebbe opportuno che lo stesso rispetto e la stessa considerazione venisse concesso per quanti si prodigano al fine di favorire quei processi di informazione cui chi governa e chi gestisce la cosa pubblica dovrebbe farsi carico. Pertanto nello stigmatizzare tali posizioni e tali atteggiamenti preconcetti invito quanti vorranno partecipare all’incontro pubblico dal titolo “Piano spiaggia: parliamone“ che si terrà sabato 24 gennaio alle ore 17,00 presso l’Hotel “Il Nocchiero”».

I Popolari Europei verso il Pdl ringraziano An ducia e la diffidenza ingenerata nell’opinione pubblica. Allo stesso tempo rimango dubbioso sulle contraddizioni che caratterizzano una fase particolare della vita politica a Soverato e mi sembra del tutto naturale che fin quando tali incoerenze dovessero, per volontà di quanti si dichiarano parte integrante del costituente Pdl, permanere il nostro atteggiamento sarà nei confronti di quanti si dimostreranno ostili di totale diffidenza e questo non potrà

che ripercuotersi negativamente sui futuri assetti del centro-destra in città. Non posso, invece, che esprimere il mio disappunto rispetto alle ingenerose considerazioni di certa stampa secondo le quali gli incontri ed i pubblici dibattiti democraticamente e liberamente organizzati attraverso il diretto coinvolgimento della cittadinanza sarebbero “illazioni”. Sembra, infatti, che, per l’appunto, “quotidianamente fioriscono interventi e illazioni sul Ps…..

” che da quanto sembrerebbe lasciare intendere l’art. stesso il Ps avrebbe il merito di dare “utili informazioni in tal senso” in quanto “sino ad oggi nulla si sapeva di quanto succedeva sul demanio”. Sinceramente io non so se il giornalista o la giornalista in questione abbia contezza di quanto la cittadinanza sia effettivamente a conoscenza di come questa Amministrazione abbia intenzione di programmare e progettare il futuro turistico

Giuseppe Fittante

Pro Loco, tante manifestazioni natalizie

Falerna, Giorno della Memoria il 27 incontro alla scuola primaria

TIRIOLO — Con grande soddisfa-

FALERNA — L’Istituto Comprensivo

TIRIOLO La rievocazione delle usanze è iniziata sin dalla festa della Immacolata Concezione

zione del Presidente Paone e del Consiglio Direttivo della Pro Loco di Tiriolo, si sono concluse le manifestazioni legate alle festività Natalizie. Giovanni Paone, presidente della Pro Loco, a tal proposito ha sottolineato: «Naturalmente, la gioia più grande è stata colta il giorno antecedente l'Epifania, per la grande partecipazione dei bambini alla ricorrenza; nonostante le avversità atmosferiche e l'abbondanza di giorniricreativi trascorsi, i bambini non sono voluti mancare alla festa della vecchietta che, nella stessa giornata, li ha colmati di doni, distribuendo fra essi oltre duecento giocattoli. Gioiosamente, dopo aver degustato i panettoni ed i dolcetti diproduzione locale, i piccoli si sono sbizzarriti nell'accompagnare le danzatrici, creando un gioco di ballo tra la trottola e latarantella». «Possiamo affermare di aver trascorso alcune ore liete in compagnia della gente di Tiriolo, degli uomini e delle donne di domani; - ha proseguito Paone che ha aggiunto -. La rievocazione delle usanze del Santo Natale, come appare ovvio, è iniziata sin dalla festa

della Immacolata Concezione che, già nelle prime ore del mattino, come consuetudine, ha fatto ritrovare in strada i ragazzi della "strina", che con la loro musica, hanno fatto da ambasciatori all'approssimarsi della ricorrenza della nascita del Redentore: freddo e pioggia non hanno fermato gli indomiti. Il successivo 20 dicembre, in piazza Italia, la parte del leone l'ha fatta "il maiale" che, grazie alle sue deliziose prelibatezze, ha contribuito alla nostra "dieta" (si fa per dire), offrendoci il meglio di sé. Quando, poi, dal ristorante "Due mari" è sopraggiunto lo spiedino di "porco" che, unito alla pancetta ed alla salsiccia fresca prodotta dalle nostre botteghe, si è raggiunto l'apice del gusto e dell'appagamento. Ad allietare la serata ci ha pensato l'orchestrina di un collaudato e simpatico gruppo di belle speranze di Tiriolo». Infine il presidente Paone ha concluso: «Il 25 dicembre, in occasione del Santo Natale, preceduti dalla banda musicale di Tiriolo, quattro cavallerizzi, ammantati da Santa Klaus, in sella ai loro stalloni hanno fatto il loro ingresso nella cittadina; una presenza fe-

stosa quella dei giovani, con i loro costumi ed il rumore degli zoccoli dei loro destrieri che hanno voluto ricambiare il "dono", abbigliandosi anch'essi come l'uomo con la barba bianca. La festa è proseguita al centro di aggregazione sociale, laddove sono state distribuite le strenne che la Pro Loco aveva predisposto in precedenza. Un ruolo importante per la buona riuscita delle festività è stato svolto dall'Azione Cattolica che ha messo in opera una recita nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'Associazione Musicale "il Metronomo", il trenta di dicembre, ha eseguito un atteso saggio di fine anno facendo esibire i giovani della scuola. Anche l'Associazione di danza "Tersicore" di Rosmine Giordano ha presentato nella serata del 21 di dicembre il saggio di fine anno delle sue danzatrici e dei giovani allievi della scuola, con una festa che ha contribuito, non poco, ad animare il periodo, contribuendo alla gioia ed alla felicità della Comunità di Tiriolo e dei nuclei circostanti. Ora l’appuntamento resta fissato per Carnevale». Rita Macrì

di Falerna organizza un incontro a scopo storico ed etico in occasione del Giorno della Memoria e del Ricordo. «Il convegno - spiega un nota - si svolgerà il 27 Gennaio 2009 alle ore 10,45 nei locali della Scuola Primaria di Falerna Marina. Il dirigente scolastico, la referente del Progetto Shoah, Ins. Maria Abiuso C. - i docenti coinvolti Vittoria Adamo, Anna Sacco, Angela Famularo, Patrizia Davoli e Orietta Raso – gli alunni di ogni ordine del medesimo Istituto, ritengono necessario soffermarsi su una tematica, quale l’Olocausto, che ha determinato una crisi di fede e di identità e ha sconvolto l’ intera opinione pubblica. La manifestazione è frutto del lavoro di alunni e docenti, per riscoprire e dare valore a una pagina fondamentale della storia del Novecento. Durante questi mesi di preparazione si è sentita l’esigenza di non ridurre il giorno della memoria a un avvenimento poco preparato, superficialmente studiato e poco approfondito, con scarso spazio a riflessioni e a rielaborazioni personali; è stato sottolineato come la conoscenza e la narrazione della Shoah, costituisce uno degli elementi irrinunciabili della forma-

zione della coscienza umana e serve per preparare in ogni uomo una risposta efficace e pronta che dia capacità di riconoscimento e di reazione al minimo segnale di ripresa delle ideologie in cui nasce, si coltiva e cresce l’odio razzista. Le leggi razziali, il perché esse siano state una realtà in un passato storico non lontano ma- ancora oggi purtroppo- fondamento di comportamenti sociali e bellici, sono alcuni degli argomenti che verranno trattati grazie alle presenza di figure competenti quali il prof. Antonio Bagnato e don Armando Augello. La sezione U. c. i. i. m. di Lamezia Terme parteciperà alla manifestazione con la presenza del suo presidente prof. Vittorio Masi».

Il lavoro di alunni e docenti, per riscoprire e dare valore ad una pagina fondamentale della storia del ’900


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 31

CALABRIA LAMEZIA TERME Ieri l’assise che ha avuto inizio con la surroga di Sandro Scalese. Commemorato l’assessore Lucchino

Petronio neo consigliere comunale A conclusione della seduta il dibattito sulla visita del Presidente della Repubblica, Napolitano LAMEZIA TERME — Un Consiglio comunale con pochi punti all’ordine del giorno quello che si è discusso ieri a Lamezia, ma alquanto emozionante per la commemorazione che il sindaco Speranza, il presidente del Consiglio e il civico consesso nella sua quasi totalità ha voluto dedicare al compianto assessore Gianni Lucchino prematuramente scomparso a poco meno di un mese. Una assise particolare, la prima del nuovo anno, che ha però avuto inizio con la surroga dell’ormai ex consigliere comunale Sandro Scalese che, nominato quale membro del Consiglio di Amministrazione dell’Asi, ha ceduto, con l’automatica dimissione avvenuto il 12 gennaio scorso, il suo posto al primo dei non eletti e navigato esponente politico cittadino, Giuseppe Petronio. Ieri dunque, il cambio di guardia e l’immediata eseguibilità dell’incarico politico ad un uomo di grande esperienza che oltre ad essere sindaco di Lamezia e successivamente anche consigliere, ha rappresentato Lamezia e la Calabria anche nei prestigiosi scanni del Senato e del Parlamento italiano. A nomina ufficiale avvenuta, tante le testimonianze di affetto e di buon auspicio per il nuovo incarico assunto elevate sia da parte del Pd con il consigliere Curcio, che del Pdl con il capogruppo Mario Magno, entrambi concordi che in questo scorcio di amministrazione, c’era bisogno di un uomo di esperienza e di grande polso. Pensieri questi, ampiamente esposti dai colleghi Vasta, Mazzotta e Aiello, ma anche dallo stesso sindaco Gianni Speranza che ha ricordato l’operato di Giuseppe Petronio durante il primo Consiglio comunale di Lamezia. Quello LAMEZIA TERME — «La proposta di deliberazione al Consiglio Comunale: Individuare nella fondazione di partecipazione la forma di gestione più adatta nello specifico contesto del comune di Lamezia Terme per la gestione del Teatro Comunale; approvare il progetto tecnico di costituzione della fondazione di partecipazione del teatro comunale; approvare la proposta di schema statutario della costituenda fondazione di partecipazione; approvare la proposta di schema di convenzione per la gestione delle attività e delle strutture teatrali comunali, con preghiera di dare mandato agli uffici competenti per svolgere tutti gli adempimenti necessari» si legge nella richiesta di delibera dell’ avvocato Gennarino Masi, Consigliere comunale di Sd. «Premesso che il Comune di Lamezia Terme gestisce un complesso insieme di attività culturali ed animative di rilevante impatto sul territorio; nell'ambito di un più ampio percorso teso ad adeguare il proprio assetto strutturale in vista di superiori livelli di efficienza e funzionalità, il Comune intende procedere all'adeguamento della forma gestionale del Teatro Comunale utilizzando il modello giuridico della Fondazione di partecipazione (...). Richiamati sinteticamente i vantaggi del ricorso allo strumento della Fondazione di partecipazione, meglio descritti nell'allegato progetto: disponibilità di un istituto di diritto privato la cui natura influenza il regime contrattuale sottraendolo ai vincoli e soprattutto agli appesantimenti procedurali tipici dell'Ente pubblico; miglioramento delle potenzialità di attrazione delle risorse fi-

La seduta consiliare di ieri

di 40 anni fa quando Petronio era amministratore della città assieme a Perugini e Scarpino. Ricordi lontani ma sempre vivi e che mai avrebbe immaginato potessero un giorno concretizzarsi con un Speranza sindaco e un Petronio a fianco seduto alla sua Sinistra. Per l’incarico assunto, ovviamente, a dire la sua è toccato anche al diretto interessato che nell’occasione, ha ricordato i momenti belli e quelli difficile di Lamezia. Una città colpita da due scioglimenti ma che piano piano è riuscita a risollevarsi. E questo, è anche l’auspicio per il futuro del neo-consigliere Petronio che ha riconosciuto al sindaco della città la forza di andare avanti anche senza maggioranza e auspicato nel proficuo lavoro di tutti affinché questo mandato giunga a termine per il bene della città. «Tutti quanti - ha detto Petronio - abbiamo il dovere di lavorare per lo sviluppo della città poiché sarebbe un vero e proprio

delitto non utilizzare al meglio questi ultimi mesi, a partire dall’approvazione del Piano Strategico per il rilancio di Lamezia. E’ questa - ha aggiunto e concluso l’occasione per dimostrare a tutti che siamo in grado di guardare avanti e superare le difficoltà ed in quest’ottica, io darò il mio contributo». Una breve “cerimonia”, se così si può definire quella della nomina ufficiale a Consigliere di Lamezia di Giuseppe Petronio, seguita da una comunicazione d’ufficio da parte del presidente Luzzo che ha informato i presenti circa la costituzione del nuovo gruppo consiliare composto dal consigliere Francesco Ruberto e dalla consigliere Aurora Gatto sua vice, e meglio identificato come “la terza via”. Un nuovo organismo un modo nuovo di affrontare la politica in città e concepito nel tentativo di meglio incidere nei dibattiti che stanno alla base della buona pratica politica cittadina. Da qui in

avanti, il Consiglio tutto è stato interamente dedicato al ricordo indelebile dell’assessore Lucchino con emozionanti interventi da parte del sindaco e amico fraterno Gianni Speranza che ha chiesto all’intera assise di pensare a programmare qualcosa che possa ricordare la sua figura e il suo operato nel tempo, e che sono proseguiti con quelli di Rosa Andricciola che ha messo in evidenza il profilo sensibile dell’uomo e la tempra forte e decisa del politico che vuole bene alla sua città. Un’eredità lasciata e che non va sprecata quella del suo insegnamento, ribadito nel discorso di Vincenzo Cutrì, dell’avversario ma amico Tonino Saladino che lo ha ricordato come uomo e grande professionista, di Mario Magno che lo ha conosciuto all’età di 14 anni e che ha proposto al sindaco di riprendere in suo onore il discorso della cittadella dello sport alla quale Lucchino tanto teneva, e ancora, al legame forte con Nicola

Mazzocca, con Gianfranco Vasta e persino con chi lo ha conosciuto più di recente come i consiglieri Chirillo e Pasqualino Mastroianni. Commenti commossi e positivi per un uomo, un politico, un professionista ma, soprattutto, un amico sensibile, leale e sincero per tutti. A conclusione della seduta, poi, il dibattito sulla visita del Capo dello Stato a Lamezia. Esperienza di certo positiva e condivisa da tutti, ma che ha lasciato spazio anche a note polemiche nel senso che, “bene tutto ma ora bisogna riprendere il lavoro per fare del bene”. Quindi non solo parole, parate antimafia e quant’altro, ma azioni concrete per il rilancio della città così come è stato anche il monito dello stesso presidente Giorgio Napolitano che ha riconosciuto a Lamezia la forza di andare avanti, ma deve lavorare, e anche molto, affinché questo avvenga realmente.

LAMEZIA TERME La proposta di delibera dell’avvocato Gennarino Masi, consigliere comunale di Sd

coordinata dalla direzione organizzativa presso il Comune di Lamezia Terme, così come prevista dal vigente regolamento per la gestione delle attività culturali e di spettacolo, che si avvale di un consulente artistico e che emana a sua volta un servizio promozione e comunicazione, un servizio amministrativo e di un servizio tecnico. Tale attività teatrale è gestita in economia dal Comune, con l'apporto di un direttore artistico esterno legato al Comune da un rapporto di natura consulenziale, relativamente alla stagione di Prosa, e con appositi accordi di collaborazione (nei limiti dell’impegno finanziario da parte dell’Ente Comune pari al 60% delle spese artistiche complessive) con Associazioni culturali cittadine, per la gestione delle altre stagioni, che già operavano sul territorio con proprie attività e con ottimi risultati gestionali. I buoni riscontri ottenuti da parte della cittadinanza hanno imposto una riflessione in ordine alle sue possibili forme di gestione alternative alla gestione in economia (...). Modalità di realizzazione del progetto L’Amministrazione concede in comodato d’uso alla Fondazione le strutture teatrali: l’Umberto ed il Politeama. Il Comune di Lamezia Terme, altresì, relativamente ai primi cinque anni, si impegna a concedere il personale comunale, da utilizzare per l’amministrazione e l’organizzazione in orari extra - lavorativi. La Fondazione corrisponderà a questi ultimi un‘indennità forfettaria. La gestione totale passa alla Fondazione ed il rapporto fra le parti è regolato da un’apposita convenzione.

Il progetto relativo al “Teatro Comunale” nanziarie e di know how: la fondazione attraverso opportune regole statutarie, favorisce l'attività di raccolta fondi e di coinvolgimento attivo di altri soggetti interessati a sostenere l'attività; stabilizzazione del personale entro una disciplina contrattuale adeguata alle attività; mantenimento di un forte controllo pubblico sulla gestione senza aggravi procedurali: la soluzione della Fondazione di partecipazione espande la possibilità di spostare il controllo, preventivo e successivo, dagli adempimenti ai risultati (...). Ritenuto: di individuare nella Fondazione di partecipazione la forma di gestione più adatta nello specifico contesto del Comune di Lamezia Terme per la gestione del Teatro Comunale; di approvare il progetto tecnico di costituzione della Fondazione di partecipazione; di approvare la proposta di schema statutario della costituenda fondazione; di approvare la proposta di schema di convenzione per la gestione delle attività e delle strutture teatrali comunali di un fondo di dotazione iniziale costituito daapporti finanziari pari a 80.000 euro, da finanziare con l’istituzione di un apposito intervento nel redigendo bilancio di previsione anno 2009 e dal diritto d'uso delle strutture teatrali concesse dal Comune all'Ente di nuova costituzione; da un apporto finanziario annuale, per la gestione delle attività, che, per il primo anno di attività, è pari ad 400.000 euro da finanziare con l’i-

stituzione di un apposito intervento nel redigendo bilancio di previsione anno 2009. (...). Delibera di individuare nella Fondazione di partecipazione la forma di gestione più adatta nello specifico contesto del Comune di Lamezia Terme per la gestione del Teatro Comunale. Di approvare il progetto tecnico di costituzione della Fondazione di partecipazione del Teatro Comunale. Di approvare la proposta di schema statutario della costituenda fondazione di partecipazione nella formulazione allegata parte integrante e sostanziale. Di approvare la proposta di schema di convenzione per la gestione delle attività e delle strutture teatrali comunali, nella formulazione allegata parte integrante e sostanziale. Di fornire alla Giunta comunale l'indirizzo di procedere, sulla base della proposta tecnica elaborata, con la predisposizione degli atti definitivi relativi al completamento dell'operazione, tenuto conto: a) di un fondo di dotazione iniziale costituito da apporti finanziari pari a 80.000 euro, da finanziare con l’istituzione di un apposito intervento nel redigendo bilancio di previsione anno 2009, e dal diritto d'uso delle strutture teatrali concesse dal Comune all'Ente di nuova costituzione; b) da un apporto finanziario annuale, per la gestione delle attività, che, per il primo anno di attività, è pari ad 400.000 euro da finanziare con l’istituzione di un apposito intervento nel redigendo bi-

lancio di previsione anno 2009». Progetto per l’esternalizzazione del “Teatro Comunale” «Il presente lavoro si propone la costruzione e la gestione di un progetto concreto di esternalizzazione dell’attività teatrale a Lamezia Terme. Il Comune ha voluto riprendere, dal 2004, l'attività teatrale, avviando le “stagioni del teatro” (Prosa, Altro Teatro, Teatro Ragazzi, Grandi Eventi di Musica, Musica da Camera) ed ha costruito un sistema teatrale peculiare. I servizi teatrali, la gestione degli spazi scenici e degli aspetti di promozione e cura per il teatro sono affidati ad organismi esterni, mentre l’organizzazione ed il coordinamento amministrativo e tecnico è stato gestito con personale e professionalità interni. Questa organizzazione (pubblico - privato) ha fatto sì che ognuna di queste attività si sia radicata in maniera capillare nel tessuto sociale e culturale cittadino e che oggi vi sia la possibilità di un lavoro di approfondimento dei temi, di allargamento delle fasce sociali coinvolte, di creazione di nuove modalità per la fruizione teatrale. Le attività del Teatro Comunale, realizzate presso il Teatro Grandinetti ed il Teatro Umberto sono state gestite dal Comune in economia. E’ in fase di ultimazione anche la ristrutturazione del teatro Politeama che rappresenterà un ulteriore elemento per la costruzione del sistema teatrale cittadino. L’intera struttura teatrale è

Antonietta Bruno


Pag. 32

APPUNTAMENTI il Domani

Giovedì 22 Gennaio 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

SOVERATO Un grande evento il prossimo sabato 24 gennaio al teatro comunale con lo spettacolo della Maison D’Art

“Sud”, la danza contemporanea Un “fuori programma” che affronterà nuovi linguaggi e proporrà avvincenti sperimentazioni SOVERATO — Un grande evento in programma per il prossimo sabato 24 gennaio al teatro comunale di Soverato. Alle ore 21, infatti, è previsto il primo fuori programma della stagione teatrale 2008/2009, uno spettacolo della Maison D’ Art: “Sud”. Un appuntamento con la danza contemporanea che si esprimerà con nuovi linguaggi e proporrà avvincenti sperimentazioni. Per quanto concerne i Fuori programma è importante rammentare che gli abbonati hanno diritto di prelazione sul loro posto e possono chiamare per confermare la loro presenza allo 0961/ 551269. La regolare stagione teatrale proseguirà i prossimi venerdì 6 e sabato 7 febbraio con “Hair The tribal love rock Musical” direzione musicale Elisa; sabato 28 febbraio “Dr Jekill e Mr Hyde The strange show” di e con Fabrizio Paladin; sabato 7 marzo, Claudio Insegno con “Risate al 23° piano” di Neil Simon; sabato 21 marzo, Gaia De Laurentis in “Sottobanco” per la regia di Claudio Beccaccini. Sabato 4

VIBO VALENTIA Con la “Fondazione Federica per la Vita onlus”

“Progetto dei giovani per i giovani” VIBO VALENTIA — Maria Sorrentino,

aprile si proseguirà con Tosca D’Aquino in “Ogni anno punto e a capo” di Eduardo De Filippo; giovedì 16 aprile, le sorelle Marinetti in “Non ce ne importa niente regia Max Croci”; sabato 25 aprile con il Teatro instabi-

le d’Aosta in Mimondi per la regia di Marco Chenevier e, infine, domenica 3 maggio Giorgio Albertazzi in “Lezioni americane” di Italo Calvino. c. v.

Ieri sera nella splendida cornice del Palazzo Falcone lo spettacolo scritto, diretto e interpretato da Giancarlo Cauteruccio

Ad Acri “Panza, crianza, ricordanza” ACRI — Ieri sera nella splendida cornice del Palazzo Falcone di Acri, Magarie -Teatro ha messo in scena “Panza, crianza, ricordanza. Tre pezzi dalla solitudine”, scritto, diretto e interpretato da GIancarlo Cauteruccio per la Compagnia “Krypton”. Il corpo contemporaneo avverte in profondità la crisi e il fallimento della propria identità nel complesso sistema della comunicazione: il corpo diviene solo l’immagine di se stesso, in una realtà che è soltanto la rappresentazione della realtà. Partendo dalla presa di coscienza di questa condizione di crisi, Cauteruccio si inoltra in un percorso in cui recupera la sua lingua originaria componendo tre poemetti che affrontano le tematiche della solitudine e della marginalità esistenziale dell’uomo contemporaneo. L’artista si fa testimone e interprete di tre punti cardine che tratteggiano le problematiche della fisicità con la sua complessità, la sua

patologia, la sua urgenza mnemonica come materia viva. Cauteruccio si mette in gioco come corpo unico dell’opera, come vittima e carnefice, come soggetto e oggetto dell’esperienza totale dell’arte, in senso poetico/sentimentale e fisico/patologico. La sua voce inconfondibile, il suo idioma antico, la sua obesità malata, la sua visionarietà fortemente intrisa di memoria, concorrono a creare un’opera performativa estrema. In questa Trilogia dalla solitudine Cauteruccio racconta il proprio corpo estirpato, mobile e immobile, reale e visionario, interno e esterno, sazio e affamato, parlante e silente, luminoso e buio, in tre distinti movimenti che nomina: Mi fa fame, Parru sulu, M’arricuordu. In scena la malattia della fame si interseca con la rabbia dell’incomunicabilità e il dolore della memoria, in un’azione leggera e violenta dominata dal particolare uso della sua lingua calabrese, una sonorità

COSENZAIl Maestro bolognese domani all’Aula Magna del Conservatorio di musica

Concerto del pianista Giulio Giurato COSENZA — Prosegue fino a domani la fervida l’attività del Conservatorio di musica di Cosenza con un seminario-laboratorio sul canto barocco tenuto dal mezzosoprano Gloria Banditelli, specialista del repertorio. Il seminario ha anche lo scopo di individuare i partecipanti alla produzione dell’opera “Dido and Aeneas” di Henry Purcell, che il Conservatorio sta preparando in occasione nel 350° anniversario della nascita del compositore inglese. Questa sera, inoltre, il concerto del pianista Giulio Giurato alle ore 20 nell’Aula Magna del Conservatorio. Il Maestro bolognese, docente

dell’Istituto, per l’occasione ha scelto un programma dal titolo “Fantasie e Improvvisi” ed eseguirà brani di Mozart, Schubert e Mendelsshon- Bartoldy. L’ingresso è libero. Il concerto, organizzato in collaborazione con l’Avsi Associazione volontari per il servizio internazionale e con il Centro culturale don Emanuele Ostellari, ha uno scopo benefico: raccogliere fondi che l’Avsi devolverà per le popolazioni in difficoltà, come fa dal 1972 impegnandosi in oltre 100 progetti di sviluppo in 39 Paesi del mondo. Michela Vellone

arcaica che si integra con i ritmi di un particolare apparato di strumenti a percussione. La Trilogia dalla solitudine è un viaggio poetico nel quale la fame diviene un lamento ma anche un’ invettiva. Un’analisi spietata sulla realtà della parola: la parola detta, scritta, urlata, stampata, negata; la parola defraudata dal caotico sistema della comunicazione. La vitalità del corpo attraverso la parola si lancia contro il nulla e l’ascolto soccombe alla potenza dell’immagine, catapultando tutto nel silenzio. Infine il ricorso alla memoria: il dolore, i soprusi, le ingiustizie, la malattia. Cercare nei luoghi reconditi dell’esperienza le ragioni le scelte, i piaceri, le conquiste, la nascita, gli amori, i lutti, i fallimenti, per riattraversarli e trasformarli in nuovi punti di riferimento. Il ricordo come serbatoio della memoria a cui attingere quando il “qui e ora” vacilla nell’assedio inesorabile, per una via d’uscita, forse.

In breve... Catanzaro, teatro per bambini L'assessorato alle Risorse Educative e Scolastiche, la Media service produzione spettacoli e la Fondazione Politeama presentano: "Primi Passi a Teatro". Il progetto è finalizzato alla frequentazione dei bambini in teatro, una opportunità di svago domenicale per i genitori da condividere con i propri figli e potranno essere tema di discussione anche nelle scuole di appartenenza. Le rappresenazioni saranno effettuati dalla compagnia teatrale Il Cilindro del Teatro San Raffaele di Roma. Le date saranno: domenica 15 febbraio 2009 con "Le mille e una notte”, domenica 22 marzo 2009 con "I VII Re di Roma” e domenica 19 aprile 2009 con "Un Uomo chiamato Francesco".

presidente della “Fondazione Federica per la Vita onlus” nata per onorare la memoria delle figlia Federica, ha presentato, in adesione allo statuto, il programma delle attività per l’anno 2009 un “Progetto dei giovani per i giovani”, promozione della tutela della salute e della cultura della donazione, valorizzazione del ruolo delle famiglie nell'ambito dell'assistenza socio-sanitaria, servizi ed attività di sostegno e supporto a famiglie e malati. La signora Sorrentino, con l'occasione, ha chiesto il contributo anche economico di «quanti animati da spirito di solidarietà intendano partecipare all’attuazione degli obiettivi prefissati», attraverso donazioni al seguente conto corrente intestato alla Fondazione: IT34T0525642831000000902324. Le erogazioni liberali effettuate a favore della “Fondazione Federica per la Vita onlus”, sono deducibili ai fini Irpef/Ires nel limite del 10 per cento del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui (art.14 del dl. 14/03/2005 n°35 convertito in Legge n°80/2005 e succ. modif.). I coniugi Monteleone hanno confermato, inoltre, che presenteranno ufficialmente la "Fondazione Federica per la Vita" durante l'evento "Buon Compleanno Federica", organizzato per il 7 febbraio alle ore 21 presso il Palasport di Vibo Marina, nel giorno in cui Federica avrebbe compiuto diciotto anni. "Buon Compleanno Federica" vedrà sul palcoscenico l' omaggio di giovani artisti calabresi tra cui i "Porci Comodi" di Mimmo Labate di Paola, band scelta dal fratello di Federica, le "For Love", due ragazze diciottenni della scuola di canto di Rosa Martirano, i ragazzi della scuola di danza "Arabesque" frequentata da Federica. Inoltre è prevista l'esecuzione di alcuni suoi brani del cuore, da "Albachiara" di Vasco Rossi, cantata dalla Martirano, a "Colpo di fulmine" di Anna Tatangelo, la sua cantante preferita, che ha aderito gratuitamente a fare da madrina

Federica Monteleone

Per il 18º anno "Buon Compleanno Federica", il 7 febbraio al Palasport di Vibo Marina all' inaugurazione della Fondazione ed alla speciale festa di compleanno. "Ero la sua cantante preferita e sarà una grande emozione cantare per lei", ha dichiarato la Tatangelo. Un omaggio a Federica sarà anche portato dal noto stilista Anton Giulio Grande e dal celebre Maestro orafo Gerardo Sacco, che creerà un suo gioiello da donare alla Fondazione. La serata prevede altri momenti emozionanti, come la lettura di pezzi scritti da Federica, quale aspirante giornalista. I coniugi Monteleone hanno reso noto che l'evento sarà patrocinato da Comune e Provincia di Vibo Valentia e dalla Regione Calabria. La serata su richiesta della signora Sorrentino sarà curata da Ruggero Pegna e sarà anche trasmessa in diretta da Videocalabria.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 33

APPUNTAMENTI CALABRIA Una serata all'insegna del divertimento allestita dalla compagnia teatrale dell'associazione culturale Sellia Marina

All’oratorio “3 calzoni fortunati” Il presidente-attore Vincenzo Laganà ha curato la regia e i testi della commedia SELLIA MARINA — Una serata

all'insegna del divertimento quella che la compagnia teatrale dell'associazione culturale Sellia Marina, ha regalato ai selliesi presso l'oratorio parrocchiale, con l'interpretazione della commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta "3 calzoni fortunati", rivisitata dal poliedrico Vincenzo Laganà, presidente dell'associazione organizzatrice, che ne ha curato la regia, ed ha dato anche prova della sua bravura artistica, come del resto tutti gli altri attori, interpretando il personaggio chiave della commedia, Vincenzo. In un periodo in cui le vicissitudini internazionali destano non poche preoccupazioni, e il pessimismo dettato dalla crisi economica la fa da padrone, trascorrere una serata che ti mette buon umore e che trasmette anche un pizzico di ottimismo, fino a far venire la con-

Da oltre 10 anni per promuovere la cultura nel territorio vinzione che prima o poi la buona sorte busserà alla propria porta, non guasta, anzi, ti stimola a credere che, come nella commedia, anche nella vita, il saper sfruttare al meglio le opportunità, rende la vita stessa più serena. La filosofia dei nostri avi, che non vivevano certo nel lusso, insegnava che con l'umiltà, il sorriso e il buon senso, si affrontavano sacrifici, sofferenze e miseria, oggi, nonostante il progresso tecnologico abbia portato grandi comodità, la maggior parte delle persone ha perso il sorriso, ma anche la fantasia e la speranza di un futuro migliore. Un plauso dunque a chi non perde la speranza e la trasmette anche agli altri. Un convinto grazie ai portatori di cultura e ottimismo è venuto dalla numerosa presenza di selliesi che hanno apprezzato l'ottima qualità dell'interpretazione tributando copiosi applausi. L'associazione culturale Sellia Marina non è nuova a tali esperienze, da circa dieci anni opera con l'intento di promuovere la cultura e valorizzare il territorio, prediligendo l'interpretazione teatrale, ha infatti rap-

La compagnia teatrale dell'associazione culturale Sellia Marina in scena con "3 calzoni fortunati"

Ottima la qualità dell'interpretazione Copiosi gli applausi

presentato commedie del livello di "Gli Amori", "Ditegli sempre di sì", "Miseria e nobiltà", "Filumena Marturano", "Non è vero ma ci credo", e così via, avvalendosi della collaborazione di tanti provetti attori. Per l'occasione i personaggi e gli interpreti di una bravura pressappoco professionale, sono stati: Carmela, Rosaria Leuzzi; Eugenio, Raffaele Mussari; Colonnello, Giuseppe Gualtieri; Conte, Giuseppe Onofrio; Pasquale. Antonio Corea; Totò; Daniele Lopez; Luigino, Tommaso Elia; Michele, Giuseppe Laganà; Teresa, Luana Sinopoli; Rafelina, Maria Francesca Servino; Enrico, Antonio Tedesco; Laura Carla Vicinanza; Marchesa, Sabrina Dardano; Barone, Luigi Tedesco; Amelia, Serene Colonna; Vincenzo, Vincenzo Laganà che ha curato anche la regia. La scenografia è stata curata da Giancarlo Budace e dagli assistenti Giuseppe Gualtieri e Antonio Corea, i costumi da Saverina Talarico e la sua assistente Rosaria Leuzzi, l'audio e le luci dalla "Idea Giovane Service". Giuseppe Fittante

CATANZARO Oggi al foyer del Politeama conferenza sul tema

“Brecht e il teatro epico” CATANZARO — Oggi, alle ore

17,30, al foyer del Politeama, a cura dell’Associazione “Amici del Politeama” e del Club Placanica, è stata organizzata una conferenza sul tema: “Madre Coraggio: Bertolt Brecht e il teatro epico”, che sarà svolta da Tina Marino che è ben nota nell’ambiente catanzarese. E’ professoressa in materie letterarie e docente all’Istituto Commerciale Einaudi dove continua a mantenere, da tantissimi anni, anche l’incarico di vice-preside. E’ dotata di profonda e brillante cultura nonché di buona oratoria per cui le sue conferenze, normalmente, risultano di notevole interesse ed efficacia. La conferenza è stata indetta anche ritenendo che l’iniziativa possa tornare utile ai fini di una migliore fruibilità dello spettacolo - “Madre Coraggio” -

che andrà in scena al Politeama il 27 e 28 gennaio. L’opera teatrale “Madre coraggio e i suoi figli” e’ ambientata al tempo della guerra dei trent ’anni (1618-1648), che vide impegnati, contro l’impero asburgico i paesi del nord Europa e la Francia, guerra che si concluse con l’umiliante pace di Westfalia che segno’ la fine della potenza degli Asburgo d’Austria. Il dramma porta in scena le vicende che vanno dal 1624 al 1636 ed ha come protagonista “Madre coraggio”, nome con cui viene indicata Anna Fierling, una povera vivandiera, che trascina il suo carro pieno di cianfrusaglie da un campo all’altro alla ricerca di magri affari, ora con i cattolici ora con i protestanti, ora con gli imperiali, ora con gli svedesi. Ad uno ad uno perderà nella guerra i suoi tre figli.


34 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA Presentata a Roma la piattaforma per i settori dell'informazione, del turismo e dell'agroalimentare italiano

Calabria Excelsa incontra il Cardinale Vallini Alla celebrazione presenti Letta, Tajani, Lo Jucco, Zichichi, la Fondazione “Paolo di Tarso” ROMA — Si è tenuto a Roma tra le

prestigiose mura della Chiesa dello Stato l'incontro con il Cardinale Agostino Vallini, Vicario di Benedetto XI per la Diocesi di Roma, all'interno del quale sono stati presentati i frutti del lavoro della Fondazione Paolo di Tarso" nel mondo della rete, nei settori dell'informazione e del Turismo on line Made in Italy. E' stato Mons. Renzo Giuliano a presentare le attività svolte e tra esse, proprio in onore al Cardinale Vicario che ha sostituito da poco il Cardinale Camillo Ruini, il complesso sistema di rete Comunicareitalia all'interno del quale prenderà vita a breve Italiaexcelsa. com e relativi servizi regionali tra cui Calabria Excelsa, la piattaforma di promo - commercializzazione del prodotto turistico e dell'agroalimentare italiano. Italiaexcelsa sarà al servizio della diffusione del Brand Italia ed il Made in Italy per un Turismo d'eccellenza. Un grande successo di concretezza. Chiaro e diretto il commento del Cardinale Agostino Vallini che ha commentato in termini di concreto entusiamo per la capacità e la determinatezza con la quale la "Paolo di Tarso" si sta adoperando nel settore dei servizi tecnologici di rete a supporto della società civile. "Un trionfo anche per le presenze istituzionali che hanno reso densa e particolarmente carica di significati la mattinata di lavori" - dichia-

Cosenza

La mostra di Ruggero Maggi La Galleria Vertigo di via Rivocati 63, Cosenza inaugura sabato 24 gennaio alle ore 18 la mostra-installazione dell’artista Ruggero Maggi che continuerà fino a venerdì 20 febbraio. Non aspettatevi catastrofismi o fine del mondo, perché l’artista non fa appello alla paura, ma all’ironia e alla razionalità, presentando uova, anzi immagini fotografiche di uova al tegamino in nidi sospesi da invisibili fili al soffitto che, a causa del gran caldo, nascono cotte, anzi fritte. Ottiene così di porre l’attenzione sulla gravità del problema con ludica leggerezza. Con l’installazione Ecce ovo, che contamina lo spazio in tutti i punti, l’artista ottiene l’effetto di completa immersione dello spettatore, che diventa attore dell’azione metaforica. L’aver messo in atto un processo che ridesta la nostra sensorialità assopita attraverso il tatto, l’udito (i gusci d’uovo sparsi sul pavimento saranno calpestati dal pubblico producendo un suono-rumore), la vista (con effetto immersione), la razionalizzazione di un evento possibile, significa mettere al centro dell’arte la vita e l’uomo nella sua totalità. E’ quanto fa da anni Ruggero Maggi con notevoli risultati artistici che lo collocano fra i sensori più sensibili del nostro tempo.

L’incontro con il Cardinale Agostino Vallini

ra Fabio Gallo chiamato dalla Chiesa dello Stato a condurre personalmente la presentazione di Italiaexcelsa e Calabriaexcelsa. Alla celebrazione eucaristica presieduta dal Cardinale Agostino Vallini numerose Istituzioni di casa nella Chiesa delle Celebrazioni Ufficiali della Repubblica Italiana. Tra esse: ilSottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei MinistriGianni Letta, il Sottosegretario ai Beni Culturali Francesco Maria Giro, il Vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani, Domenico Lo Jucco già Sottosegretario di Stato con delega all'Interno, Fabio De Lillo Assessore All'Ambiente del Comunale di Roma, Lorenzo Zichichi. «E’ la mecca per il sistema alber-

ghiero - afferma Viviana Normando, Direttore Gruppo Comunicareitalia -, delle agenzie e tour operator che scommetteranno sul Brand Italia e sul Made in Italy». «Degno del michelangiolesco luogo in cui è stata concepita l'idea» hanno affermato l'esperto di settore Stella Bottai, Esperto d'Arte e Turismo. «Un capolavoro d'ingegno di un minimalismo estetico - informatico che cela il grande lavoro alle spalle e che offrirà molte opportunità finanziarie agli operatori del Turismo in Italia», dichiara inoltre Andrea Presutto Responsabile del settore accoglienza turisti e pellegrini della sede del romano Pontefice, San Giovanni in Laterano.

TROPEAIn scena con lo spettacolo “Die panne - La notte più bella della mia vita” diretto da Armando Pugliese

soltanto la dimostrazione attraverso il paradosso. La panne. Il testo, qui riproposto in teatro con la sapiente regia di Armando Pugliese, assume contemporaneamente i toni cangianti del leggero, del comico, dell'angosciante, del tragico e coinvolge lo spettatore nello stesso modo in cui cattura il protagonista. Il tema dominante è il conflitto dell'individuo con un mondo intimo, mostruoso ed ignoto, comune a tutti noi.

Questa sera Gianmarco Tognazzi al Teatro “La Pace” successo economico, Traps si trova di fronte alla prova della sua colpevolezza e si autoinfligge la condanna a morte che gli era stata sanzionata per gioco. Per Dürrenmatt, quindi, siamo tutti colpevoli: il racconto ne è

CATANZARO CENTRO

FITTASI PRESTIGIOSO IMMOBILE loft indipendente, arredato e climatizzato, precedentemente abitato da funzionari di istituti di credito.

Gianmarco Tognazzi

TROPEA — Al Teatro “La Pace” di

Drapia-Tropea questa sera alle ore 21 con la “Compagnia delle indie occidentali” lo spettacolo “Die panne La notte più bella della mia vita” di Friedrich Dürrenmatt con Gianmarco Tognazzi, Bruno Armando, Roberto Tesconi, Franz Capolupo, Lidia Giordano e Lombardo Fornara per la regia di Armando Pugliese. Un bravo Gianmarco Tognazzi è in questo spettacolo alle prese con un testo di Friederich Durrematt dai risvolti inquietanti. Un banale incidente, l'automobile in panne, costringe Alfredo Traps (Tognazzi) rappresentante di tessuti- ad una sosta indesiderata. Cercando aiuto trova ospitalità a casa di un vecchio giudice in compagnia di due amici, un pubblico ministero e un avvocato in pensione che gli spiegano, con l'intento di coinvolgerlo, il loro unico passatempo: ricelebrare alcuni importanti processi storici come quello a Socrate, a Gesù e a Federico di Prussia. Tra una bottiglia di vino e

l'altra, Traps si ritrova imputato in un vero e proprio processo e, in un'atmosfera sempre più inquietante, il gioco si fa realtà: il protagonista parla, si confessa, la sua vita mediocre sembra acquistare improvvisamente risvolti inaspettati; si scopre che Traps ha effettivamente compiuto un delitto divenendo l'amante della giovane moglie del suo principale che, avvertito anonimamente dell'accaduto dallo stesso Traps, è morto a causa di un infarto. Il delitto di Traps è il frutto di una mente assolutamente innocente e inconsapevole; la sua cattiveria è originaria e, come tale, esente da sensi di colpa a meno che qualcuno non intervenga a fargli notare che ha compiuto un delitto, a fare emergere i ricordi dalla nebbia di un passato neppure così tanto remoto, come hanno fatto i suoi commensali che lo hanno ospitato processandolo, come fanno con tutti gli ospiti che si trovano ad avere. E così raccontando le vicende della propria vita, rivelando il mistero del suo

ANCHE USO FORESTERIA

INFO

334 1875277

VENDESI FURGONE Renault Traffic anno 1992 per la vendita ambulante di panini, bibite e pizze, perfettamente funzionante.

Info tel. 0961.996686 cell. 3493923191


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 35

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Esposizione delle lamiere di Mimmo Rotella fino al mese di marzo a Catanzaro

“L’arte della commedia” a Castrovillari IL CARTELLONE

Giornata cittadina della sicurezza stradale in programma a Cariati

ALTOMONTE (Cs) - Iniziative di Carnevale Pronto il cartellone del “Primo carnevale delle tradizioni” che si terrà nella città di Altomonte fino al 24 febbraio 2009. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Altomonte ed è ideata e promossa dai giovani dell’associazione culturale denominata “Altomonte in Movimento”.

degli spettacoli: Sabato 24 gennaio, Compagnia teatrale Tisette gruppo del Pierrot in “L’arte della commedia”di E. De Filippo. Sabato 7 febbraio, Compagnia B-Way in “Grease” il Musical. Sabato 28 Febbraio, Gianluca Belardi in “danni di piombo”. Sabato 7 marzo, Compagnia Cavea in “Non ti pago”di E. De Filippo.

CARIATI (Cs) - Giornata della sicurezza stradale Comunicazioni; valutazione delle bozze del logo dell'Osservatorio; scelta indirizzo mail; varie ed eventuali. Sono questi alcuni dei punti all’ordine del giorno che saranno discussi durante l’assemblea composta da un rappresentante dell’Amministrazione Comunale, dal comando di Polizia Municipale, dai responsabili della sicurezza dei vari istituti scolastici, dai tecnici del progetto sulla sicurezza stradale, dai responsabili delle scuole guida, dal mondo dell’associazionismo e da semplici volontari. La priorità, anche per l’incontro di venerdì 23, rimane la redazione del progetto relativo al concorso nelle scuole legato alla progettazione, da parte degli studenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado, di percorsi “sicuri” casa-scuola. Durante la prima giornata cittadina della Sicurezza Stradale, evento che sarà organizzato dall’Amministrazione Comunale e dall’Osservatorio, in collaborazione con altri enti patrocinanti, è prevista la premiazione e la realizzazione, al termine dell’anno scolastico, dei progetti più meritevoli. Il prossimo incontro sarà dedicato, quindi, alla definizione delle modalità, dei termini e del regolamento del concorso destinato agli studenti delle scuole cittadine.

CASTROVILLARI (Cs) - Carnevale e festival folk Fino a martedì 24 febbraio 2009, è in programma il cinquantunesimo carnevale di Castrovillari & festival internazionale del folklore”. L’evento, organizzato dalla Pro Loco del Pollino di Castrovillari - presieduta da Giovanni Amato - in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo degli Assessorati al Turismo e Spettacolo di Provincia di Cosenza e Regione Calabria e dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, sarà diretto artisticamente da Gerardo Bonifati.

CASTROVILLARI (Cs) - Autonomie locali, rapporto Oggi, alle ore 11,00, presso la sala giunta del Comune di Castrovillari (Cs) presentazione del Rapporto 2008 sullo stato delle autonomie locali calabresi. Lo studio, come ogni anno ricco di inedite risultanze, sarà l’occasione per fare il punto sui punti di forza e di debolezza del nostro sistema ed avanzare alcune proposte operative. Si tratta dell’ottavo appuntamento annuale di LegAutonomie Calabria che questo anno cade in un momento di straordinaria difficoltà sia a livello nazionale che internazionale. Il Rapporto contiene le risultanze sull’andamento della finanza locale con una inedita attenzione alla situazione debitoria dei Comuni per mutui; una analisi della CARIATI (Cs) - Studenti a Bruxelles spesa sociale nella Regione; la consueta relazione sul fenoDa lunedì 9 a giovedì 12 febbraio, i sei studenti vincitori meno degli atti intimidatori a danno degli amministratori lodella prima edizione del concorso denominato “Diven- cali.

tare Cittadini Europei” dedicato alla memoria di Altiero Spinelli, padre italiano dell’unità europea, saranno a Bruxelles per spendersi il viaggio/premio oggetto del concorso stesso. Gli studenti in questione, lo ricordiamo, sono stati selezionati da una Commissione esaminatrice, riunitasi lo scorso mese di dicembre, presieduta dal direttore dell’Università Popolare di Rossano il prof. Giovanni Sapia e composta da rappresentanti del Consiglio Comunale cittadino, degli istituti secondari coinvolti e dal Movimento Federalista Europeo. Tra i premiati del concorso sopra descritto, frequentanti gli istituti superiori di Cariati, Ipsaar, Ipsia e Liceo Scientifico, vi sono anche degli studenti residenti a Cirò Marina, a Crucoli ed a Scala Coeli.

CASSANO ALLO J. (Cs) - Teatro Cantiere Oggi,ore 12.00, conferenza stampa di presentazione del Teatro Cantiere febbraio - maggio 2009, presso l’Enoteca Il Tempio di Bacco, Corso Cavour. Info: 328/9509457.

CASTROVILLARI (Cs) - Spettacoli Primafila Riparte la settima edizione di Primafila. Gli abbonamenti per la rassegna che si terrà a Castrovillari presso il Teatro Sybaris-Protoconvento Francescano fino al 7 marzo (ore 21.30) e che prevede sette spettacoli ha il costo di 70,00 euro, sono già in vendita presso la Dany Music di via Mazzini 57/A e la sede dell’associazione Culturale Novecento in Via G. Boccaccio n.14. Il programma

CASTROVILLARI (Cs) - Ricordando la Shoah In occasione della giornata della “memoria” e per ricordare la “Shoah”, che si celebra in tutta Italia il prossimo 27 gennaio, l’Amministrazione comunale di Castrovillari ha pensato quest’anno ad una manifestazione, programmata, nel teatro Sybaris del Protoconvento francescano, per domenica 25 gennaio, a partire dalle ore 17. Questa si tiene in sinergia con la Biblioteca Civica “Umberto Caldora”, con la Mediateca di Castrovillari, l’Ati Infomedia e la Fondazione Internazionale “Ferramonti di Tarsia per l'amicizia tra i popoli”. Una importante giornata celebrativa di “memoria condivisa” per non dimenticare le pagine più buie della storia del '900. L’iniziativa sarà introdotta dai saluti del sindaco, professor Franco Blaiotta, e vedrà la partecipazione del dottor Carlo Spartaco Capogreco, Presidente della “Fondazione Ferramonti”, che presenterà la XXI edizione del Memoria-meeting Fondazione Ferramonti, e della dottoressa Teresa Grande, docente all’Università della Calabria. I lavori, invece, saranno coordinati dalla dottoressa Maria Pina Cirigliano, collaboratrice della Mediateca di Castrovillari. Nell'ambito della manifestazione verrà proiettato il film “18.000 giorni fa” (1993) della regista Gabriella Gabrielli, liberamente tratto dal libro di Carlo Spartaco Capogreco “Ferramonti: la vita e gli uomini del più grande campo d'internamento fascista 1940-1945”, ambientato nel più grande campo d'internamento fascista “Ferramonti”. Inoltre nel foyer del teatro Sybaris sarà allestita una mostra collettiva sul tema “Identità e memoria” con la collaborazione di

artisti che, con grande sensibilità, hanno voluto dare il loro pregevole contributo attraverso le loro opere.

CASTROVILLARI (Cs) - Concerto gospel Martedì 4 febbraio 2009, presso la Sala 14 del Protoconvento, nell’ambito dell’iniziativa rientrante nella programmazione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia, è in programma una rassegna organizzata dall'Associazione Picanto con il patrocinio della Soprintendenza Base della Calabria, dell'assessorato al Turismo e Spettacolo della provincia di Cosenza e di ben dodici Amministrazioni comunali, si terrà il concerto dei Tenor Legacy, quartetto "piano - less" dei sassofonisti Daniele Scannapieco e Max Ionata con Reuben Rogers al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria. La rassegna si concluderà lunedì 16 febbraio 2009 con l’esibizione del quartetto all star band del sassofonista Jimmy Greene, con Xavier Davis al piano, Vicente Archer al contrabbasso e Gregory Hutchinson alla batteria. CATANZARO - Mostra “Effetti d’arte” Niko Citriniti e Giorgia Boccuzzi saranno i protagonisti della nuova mostra organizzata al teatro Masciari di Catanzaro nell'ambito di "Effetti d'arte, "Pop-recycle" prima e dopo lo spettacolo". La vetrina artistica, allestita nei locali adiacenti il foyer della storica struttura catanzarese e arricchita da pezzi unici che bene rappresentano la fusione tra Pop art e Recycle art, rimarrà aperta fino a mercoledì 28 gennaio e sarà visitabile dalle ore 18.00 fino a tarda sera. CATANZARO - Esposizione di Mimmo Rotella Rinnovata al Marca l’esposizione delle lamiere di Mimmo Rotella. Dopo cinque mesi di successi ed il grande consenso popolare che ha caratterizzato l’apertura del museo e lo spazio dedicato al maestro catanzarese, è tempo di cambiamenti. Così la mostra delle lamiere si completa con una integrazione che aiuta a comprendere fino in fondo una delle fasi creative più feconde del grande artista catanzarese. Grazie alla collaborazione tra Provincia di Catanzaro e Fondazione Rotella sono infatti giunte a Catanzaro, prevalentemente da importanti collezioni private milanesi, altre 16 opere. La rinnovata esposizione, curata ancora da Alberto Fiz, si protrarrà fino al mese di marzo. CATANZARO - Rassegna espositiva Inaugurata presso il Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro, un’ampia rassegna espositiva dedicata ai più grandi pittori calabresi del Seicento, attivi a Roma: Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti, a cura di Rossella Vodret e Giorgio Leone. L’esposizione, voluta dalla Regione Calabria e dalla città di Catanzaro, con il contributo del Comitato Nazionale per le celebrazioni del III centenario della morte di Mattia Preti, presieduto dall’On. Vittorio Sgarbi, è stata organizzata dalla Soprintendenza per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici del Lazio, diretta da Rossella Vodret. La mostra, visitabile fino a domenica 15 marzo 2009, resterà aperta tutti i giorni della settimana, escluso il lunedì, dalle ore 10.00 alle ore 19.00.


36 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Rimarrà aperta fino al 28 febbraio la mostra “Seta. Il filo dell’arte” nella Città dei Tre Colli

A Catanzaro la “Befana per i più piccoli” IL CARTELLONE

Conferenza sul tema “Madre Coraggio: Bertolt Brecht e il teatro epico” al Politeama

CATANZARO - “Dalla Calabria a Roma”, visita alla mostra Per informazioni e prenotazioni sulle visite guidate alla mostra "Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti. Dalla Calabria a Roma", presso il Complesso Monumentale S.Giovanni, chiamare o inviare un fax allo 0961.746360 (Soc. Coop. AreaCultura, coordinamento visite guidate c/o S.Giovanni).

CATANZARO - Mostra Molè Fino a mercoledì 28 gennaio, presso la chiesetta di San Omobono di Catanzaro, il maestro Francesco Molè esporrà una serie di disegni e pitture ispirati alla maternità. CATANZARO - “Seta. Il filo dell’arte”, mostra La mostra “Seta. Il filo dell’arte” rimarrà aperta fino al 28 febbraio. L’evento espositivo è stato realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, dalla Regione Calabria - Fondazione Calabria Film Commision, dal Museo Diocesano di Arte Sacra di Catanzaro, con il patrocinio dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro – Squillace. La mostra, curata da Oreste Sergi, resterà aperta fino al 28 febbraio. In questo periodo si potranno ammirare, nelle sale espositive della struttura museale, damaschi, velluti, taffetas, broccati, broccatelli, gros de Tours, provenienti dalle maggiori chiese della città - Cattedrale di S. Maria Assunta e dei Santi Pietro e Paolo, Rettoria del SS. Rosario, Parrocchia di S. Teresa all’Osservanza ,Rettoria di S. Maria de Figulis seu Montecorvino – dalle chiese di Sellia Superiore, di S. Pietro Magisano e di Vincolise, nonché da alcune collezioni private. Da apprezzare una dalmatica in broccatello della fine del XV secolo proveniente dalla parrocchia di S. Nicola di Sellia Sup., due abiti settecenteschi provenienti dalla parrocchia dei SS. Simone e Giuda di Vincolise, una splendida gonna in damasco “bizzarre” proveniente dal Santuario della Madonna della Luce di S. Pietro Magisano, la seicentesca pianeta detta dei “Borgia” e l’abito impero in velluto piano dell’Addolorata provenienti dalla rettoria del Rosario di Catanzaro, un piviale in damasco classico proveniente dalla Cattedrale, una dalmatica cinquecentesca in damasco viola dell’Osservanza, una raffinata pianeta in taffetas broccato appartenente alla rettoria di S.Maria de Figulis. Catanzaro – Museo Diocesano d’Arte Sacra, Palazzo Arcivescovile, via dell’arcivescovado, 13. Fino al 28 febbraio 2009 con orario: lunedì chiuso - domenica apertura solo il pomeriggio dalle 17,00 alle 19,30 - tutti gli altri giorni, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,30 (possono variare, verificare sempre via telefono). Biglietti: free admittance. CATANZARO - “I lilt you”, campagna volontariato Ha avuto inizio la campagna Volontariato 2009 “I lilt you”, che consiste nella ricerca e nel reclutamento di volontari che possano essere parte integrante della Sezione Provinciale Lilt di Catanzaro. Il volontario è una risorsa preziosa che, ogni giorno, attraverso piccoli gesti contribuisce alla mission Lilt: vincere il cancro attraverso la prevenzione, ma anche prendersi cura del malato oncologico, alleviandone le sofferenze e condividendone la gioia della guarigione. Non servono competenze specifiche, basta avere più di 18 anni e qualche ora di tempo da dedicare per aiutare chi ha bisogno. Ci sono tanti modi per essere volontario Lilt, dall’assistenza al malato, alla diffusione della cultura della prevenzione, all’organizzazione degli eventi, sono tante le possibilità attraverso cui puoi offrire il tuo contributo e donare speranza ed una migliore qualità di vita al malato oncologico. Diventare volontario Lilt è semplice, basta contattare il numero verde 800-998877 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00 o visitare il sito www.lilt.it oppure telefona al numero 0961725026, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Da oggi è anche disponibile il sito ufficiale della sezione provinciale di Catanzaro, raggiungibile all’indirizzo www.liltcz.it. Il portale, realizzato dal webmaster Domenico Concolino, si presenta con una grafica semplice, accattivante ed intuitiva, come una vetrina sulle nostre iniziative e una “web-brochure” che illustra come aiutarci e contattarci. Inoltre, al vecchio indirizzo e-mail si affianca ora: info@liltcz.it. Per contattare la Lega Sez. Prov. Cz telefonare al num: 0961725026 o scrivere a liltcz@libero.it oppure a info@liltcz.it. Per contattare l’Ufficio Relazioni con gli organi di stampa telefonare al num: 0961725026 opp. 3208603557 o scrivere a: lilt.cz.press@gmail.com. CATANZARO - “La promessa americana”, dibattito La Fondazione Imes Catanzaro - Istituto meridionale di sto-

ria e scienze sociali invita la cittadinanza a partecipare al dibattito “La promessa americana: discorsi di Barack Obama per la presidenza degli Stati Uniti – Una politica per il futuro”, che si terrà presso la sala stampa del Complesso Monumentale di San Giovanni di Catanzaro, oggi dalle ore 17:30. L’incontro è realizzato grazie alla collaborazione delle associazioni “Altracatanzaro”, “Circolo Placanica”, “MetaSud”, “La Ragione e il Tempo” e degli universitari di “Ulixes” e sarà introdotto e moderato da Alberto Scerbo, professore della facoltà di Giurisprudenza dell’Università Magna Graecia e membro del Direttivo della Fondazione Imes Catanzaro. La discussione verrà aperta dal presidente dell’ordine dei giornalisti della Calabria Giuseppe Soluri e dagli studenti universitari Salvatore Bullotta (Unical e membro del direttivo Imes Catanzaro), Mariachiara Chiodo (UniCz) e dagli allievi dei licei catanzaresi Luca Bagnato (liceo scientifico “L. Siciliani”) e Marta Vero (liceo classico “P. Galluppi”). CATANZARO - Conferenza su “Madre Coraggio” Per oggi, alle ore 17.30, al foyer del Politeama, a cura dell’Associazione “Amici del Politeama” e del Club Placanica, è stata organizzata una conferenza sul tema: “Madre Coraggio:Bertolt Brecht e il teatro epico”, che sarà svolta da Tina Marino. CATANZARO - Mese della Pace, iniziative L’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace per il corrente mese di gennaio, mese per la Chiesa Cattolica dedicato alla pace, propone una serie di iniziative che vedranno coinvolti varie associazioni e uffici della diocesi per un’intera settimana dedicato al tema "Combattere la povertà, costruire la pace"che riprende il Messaggio di Sua Santità Benedetto XVI per la celebrazione della 42a Giornata Mondiale della Pace. Il tema scelto dal Santo Padre sottolinea la necessità di lottare contro la povertà come via per costruire la pace. Pace è… Preghiera. programma: oggi, presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro - ore 16:00 - Giornata sul tema Economia e pace: stand, messa a dimora dell’albero della pace e seminario su “Finanza a servizio dell’uomo per costruire la pace” – interverranno S.E. Mons. Antonio Ciliberti, prof. Alberto Scerbo (Università Magna Graecia Catanzaro), dott. Ernesto De Nito (Università Magna Graecia Catanzaro), dott.ssa Marina Galati (GIT Italia Meridionale), don Ennio Stamile (Caritas Calabria) e Elio Lobello (Associazione “I Sotterranei”). Pace è… Incontro: 24 gennaio 2009, presso l’istituto alberghiero di Soverato (Cz) – mattina - Incontro con i giovani delle scuole superiori su “Combattere la povertà, Costruire la pace”. Pace è… Missione: 25 gennaio 2009, raduno ore 15:30 in Piazza Matteotti – Catanzaro Giubileo paolino dei ragazzi missionari: “L’annuncio è la nostra festa. Pace è…Memoria il 27 gennaio 2009, presso il centro polivalente di Via Fontana Vecchia in Catanzaro. In occasione della giornata della memoria l’Associazione Terra di Confine propone “Porrajmos: A forza di essere vento” mostra fotografica a partire dalle ore 10:00, proiezione documentario “Hugo” la testimonianza di un sinto tedesco torturato da Mengele ore 17:00 e a seguire lettura brani tratti dal libro “Forse sogno di vivere – una bambina rom a BergenBelsen” di Ceija Stojka. Pace è… Incontro: 28 gennaio 2009, presso il centro polivalente di Via Fontana Vecchia in Catanzaro – ore 18:00 - Incontro con i giovani su “Combattere la povertà, Costruire la pace” - interverrà mons. don Pino De Masi, Associazione Libera e Vicario per la Pastorale della diocesi di Oppido-Palmi. CATANZARO - “Beati gli ultimi” L’associazione socio-culturale “Nuova Era” ed Emmaus Catanzaro presentano “Beati gli ultimi". Tre giorni di discussioni, analisi ed approfondimenti sul tema del disagio sociale e della povertà. L’evento si svolgerà presso la sede dell’associazione “Nuova Era”, sita in Via F. Fiorentino, 19 (nelle vicinanze del Palazzo Comunale), oggi, il 23 e il 24 gennaio. Programma degli incontri:oggi, ore 17.00, “Conferenza d'apertura”. Presentazione della manifestazione. I perché dell’iniziativa, illustrazione delle finalità e degli obiettivi. Intervengono: Maria Concetta Infuso, presidente Emmaus Catanzaro; Roberto Rizza, presidente associazione “Nuova Era”; testimonianza. Venerdì 23 gennaio, ore 17.00, tavola rotonda "Lo stato del disagio". Analisi territoriale. Discussione sullo stato del disagio nella città di Catanzaro, approfondimento su dati e riflessi sul tema della sicurezza. Intervengono: Quirino Ledda, responsabile regionale area Welfare Legacoop; Vincenzo Caserta, dirigente assessorato politiche sociali Regione Calabria; Mario Cortese, presidente “Associazioni Amiche”; Andrea Lorenzo, consigliere

provinciale; testimonianza; modera: Vincenzo Capellupo. Sabato 24 gennaio, ore 17.00, tavola rotonda "Lo stato della speranza". E’ ancora possibile rilanciare ed affermare il concetto di giustizia sociale nella società moderna? Risposte e soluzioni. Intervengono: Federico Bonacci, presidente Amci sez. Catanzaro; Stefano Morena, direttore Csv Catanzaro; Nicola Ventura, assessore alle politiche sociali Comune Catanzaro; Eugenio Riccio, consigliere comunale con delega alla sicurezza; testimonianza; modera: Vincenzo Capellupo. CATANZARO - La Befana per i più piccoli La Sezione Femminile del Comitato Provinciale di Croce Rossa di Catanzaro organizza con la collaborazione dei volontari Cri, per il secondo anno consecutivo, la Befana per i più piccoli. L'iniziativa, divenuta ormai un appuntamento molto atteso dai bambini, si realizza anche grazie alla promozione nelle scuole della città del progetto "Riempiamo la calza - Doniamo un sorriso". La distribuzione dei doni, destinati a 96 bambini, avrà luogo in un clima allegro e giocoso venerdì 23 gennaio alle ore 16.00 presso l'aula convegni dell'Università, situata in via San Brunone di Colonia 1. Al pomeriggio di festa parteciperanno tutte le componenti volontaristiche del Comitato Provinciale di Croce Rossa di Catanzaro. CATANZARO - Presentazione rapporto Unicef Sabato 24 gennaio 2009, nei locali del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco (Ambasciatori Unicef)- Via V. CorteseCatanzaro, alle ore 10,00, si svolgerà la manifestazione di presentazione del Rapporto internazionale Unicef sulla condizione dell’infanzia nel Mondo 2009. Saranno presenti le autorità e le rappresentanze della scuole cittadine.

CATANZARO - Assemblea provinciale Pd Domenica 25 gennaio 2009, il Partito Democratico calabrese terrà una serie di congressi provinciali per l’elezione degli organismi dirigenti. CATANZARO - Assemblea elettiva Il Commissario straordinario Fib Calabria, ha indetto per domenica 25 gennaio 2009, presso la sede del Coni Provinciale di Catanzaro, sala conferenze della Figc – Lnd comitato regionale Calabria sita in via Contessa Clemenza al n.1 di Catanzaro, a partire dalle ore 8.00 in prima convocazione e a partire dalle ore 9.00 in seconda convocazione, l’Assemblea regionale ordinaria elettiva. CATANZARO - Corso di sci Il Cai di Catanzaro organizza un corso di sci di fondo escursionistico. La prima lezione a titolo gratuito si terraà in Sila nella zona di Buturo domenica 25 gennaio. Per informazioni: 339/8276877- 0961/726133.

CATANZARO - Istituzione albo fornitori Inpdap La Inpdap – Direzione Regionale Calabria - informa che è in corso l’istituzione dell’Albo Fornitori Nazionale dell’Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica, realizzato mediante procedura di accesso on-line, accessibile per le imprese attraverso il sito internet dell’Istituto: http://www.inpdap.gov.it" www.inpdap.gov.it. L’iscrizione on-line da parte delle imprese dovrà essere completata entro e non oltre lunedì 26 gennaio. La documentazione cartacea a corredo dovrà pervenire all’ufficio Gare e Contratti entro e non oltre giovedì 26 febbraio.

Per segnalare un appuntamento a questa rubrica, inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica

appuntamenti@ildomani.it o un fax al numero 0961-903801 ALMENO QUARANTOTTO ORE PRIMA DELLO SVOLGIMENTO DELL’EVENTO


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 37

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Lo spettacolo “Madre Coraggio” di Bertold Brecht con Isa Danieli in scena a Catanzaro

Biagio Antonacci al Politeama IL CARTELLONE

Prosegue il seminario di formazione culturale e politica nella Città dei Tre Colli

CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama: martedì 27 e mercoledì 28 gennaio “Madre coraggio” di Bertold Brecht con Isa Danieli; martedì3 e mercoledì 4 febbraio, “Poveri ma belli”, un’idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo, con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Canfora; giovedì 12 febbraio, “Giselle “di Jules - Henri Vernoy de Saint - Georges e Thèophile Gautier - corpo di ballo del maggio musicale fiorentino; mercoledì 18 e giovedì19 febbraio “La strada” di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi, con Massimo Venturiello e Tosca, tratta dall’omonimo film di Federico Fellini; domenica 22 febbraio “Lo Schiaccianoci” di Pyotr Ilyich Tchaicovsky. Balletto nazionale di Sofia;venerdì 6 marzo “Puppin Sisters live. See the fabulous”; martedì 10 e mercoledì 11 marzo, “Faust” di Johann Wolfgang Goethe, con Glauco Mauri e Roberto Sturno; domenica 15 marzo “Mare notrum”. Concerto del trio Poalo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren; Giovedì 19 marzo “Recital” di Hirano Midori al violino e Charles Abramovic al pianoforte; giovedì 26 e venerdì 27 marzo “Due dozzine di rose scarlatte” di Aldo De Benedetti, con Leopoldo Mastelloni e Katia Terlizzi; venerdì 3 e sabato 4 aprile, “Momix - Bothanica”. L’ultimo capolavoro di Moses Pendleton; giovedì 9 aprile,“Ludovico Einaudi”, piano solo; venerdì17 aprile, “La Serena”, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; giovedì 23 aprile, “Domenico Codispoti” in concerto; lunedì 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; venerdì 8 domenica 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Sabato 21 novembre 2009, “Tutto quello che le donne (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. Sabato 19 dicembre 2009, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; Venerdì 22 gennaio 2009, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; Domenica 14 febbraio 2009, “Per tutti Revolution” di Alessandro Siani e Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo 2009, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile 2009, recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. CATANZARO - Prevendita biglietti Politeama La direzione del Politeama, in considerazione delle numerose richieste che stanno arrivando da tutta la regione, ha deciso di anticipare l’inizio delle prevendite per gli spettacoli in programma nel mese di gennaio: Madre Coraggio (martedì 27 e mercoledi 28 gennaio). Il botteghino del Politeama, come è noto, è aperto tutti i giorni della settimana, tranne la domenica, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00. CATANZARO - “Porte aperte all’Europa” Si svolgerà giovedì 29 gennaio, dalle 9.00 alle 13.30, presso l’Istituto tecnico commerciale “Fra’ Luca Pacioli” di Catanzaro Lido, il seminario regionale di informazione “Porte aperte all'Europa: una giornata per conoscere ed approfondire le novità del Lifelong Learning Programme - Llp 2009”. Le attività, organizzate dall’Agenzia Nazionale per lo Svi-

luppo dell’Autonomia Scolastica - Nucleo territoriale ex Irre Calabria, sono rivolte ai dirigenti e ai docenti di ogni ordine e grado della scuola calabrese, nonchè a rappresentanti di Associazioni operanti nel territorio. L’incontro promuove la Dimensione Europea dell’Educazione con l’obiettivo di: favorire l’integrazione e la formazione del cittadino e delle cittadine; di perseguire l’inclusione; di ridurre gli abbandoni scolastici; di sostenere la pace e combattere la violenza nelle sue varie forme. E ancora è mirato a diffondere le buone pratiche e a dare informazioni utili per la partecipazione ai Progetti Europei. I lavori saranno introdotti dalla prof.ssa Donata Larocca, Direttore ad interim dell’ Agenzia Nazionale ex Irre Calabria, seguiranno le relazioni: “Sguardo sui Progetti europei in Calabria” della prof.ssa Mariagraziosa Costa, referente Llp dell’Agenzia Naz.le ex Irre Calabria; “Programma per l'Apprendimento permanente Llp: le opportunità nella Call 2009” della dott.ssa Marta Tedros e del dottor Lorenzo Guasti, referenti Llp Agenzia Naz.le di Firenze. Per la Finestra sulle esperienze (diffusione di buone pratiche) interverranno i docenti di progetti già attivati, Silvana Montesano dell’Ipsar di Soverato e Remo Scavello dell’Itis Monaco di Cosenza. Saranno presenti la Dirigente Scolastica dell’Itc “Frà Luca Pacioli”, dott.ssa Maria Levato, e il referente dell’ Ufficio Scolastico Regionale, Giuseppe Bonadio.

pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; mercoledì 13 maggio 2009, ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le tradizionali ed intramontabili crespelle.

CATANZARO - Provincia, riunione La Provincia di Catanzaro, il prossimo 30 gennaio, così come avverrà in tutta Italia, si riunirà in seduta straordinaria per discutere con i Comuni, i rappresentanti dei partiti, delle imprese, dei sindacati, delle forze sociali e con i cittadini “per difendere la dignità delle istituzioni e ribadire la necessità di aprire un confronto reale sulla riorganizzazione del sistema istituzionale del Paese”.

CATANZARO - Variazione orario uffici La Commissione tributaria regionale per la Calabria, sezione di Catanzaro, porta a conoscenza di tutti gli interessati che gli orari di ricezione che si attueranno presso l’ufficio in questione, a partire dal giorno lunedì 2 febbraio 2009saranno nella mattinata dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, e nel pomeriggio, dalle ore 14.30 alle ore 15.30.

CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Di seguito si riporta l’intero programma delle iniziative: venerdì 30 gennaio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Claudia Antonelli, arpa; Lidia Osha Vkova, flauto. Febbraio: venerdì 6 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, musica e immagini concerto per grandi e piccoli, Maria Vacca, compositrice e interprete al pianoforte; venerdì 13 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Mattia Zappa, violoncello; Massimiliano Mainolfi, pianoforte; venerdì 27 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Vladimir Ovcinnikov, pianista. Marzo: venerdì 6 marzo, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, sestetto d'archi di Amburgo, Alina Komissarova, violino; Joanna Rundberg, violino; Sonia Reuter, viola; Antje Dampel, viola; Roberto Trainini, violoncello; Joannes Krebs, violoncello; venerdì 20 marzo, ore 20.00, presso Basilica Immacolata, orchestra da camera I solisti di Sofia, Plamen Djurov, direttore. Aprile: venerdì 16 aprile, ore 21.00, presso auditorium A. Casalinuovo, "Voce e notte" il tenore nella grande tradizione musicale napoletana, Giuseppe Talamo, tenore; Francesco Stillitano, pianoforte; venerdì 24 aprile 2009, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: venerdì 8 maggio 2009, ore 18.00, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano,

CATANZARO - Consiglio provinciale E’ stato convocato per il prossimo 5 febbraio alle ore 9.30 il Consiglio Provinciale di Catanzaro. Lo ha deciso la conferenza dei capi gruppo consiliari convocata dal Presidente del Consiglio Peppino Ruberto. All’ordine del giorno dei lavori: approvazione verbale seduta precedente; regolamento disciplina esami per il conseguimento della idoneità - attività studi di consulenza automobilistica; regolamento vigilanza scuole nautiche; regolamento rilascio autorizzazioni e vigilanza tecnico amministrativa studi di consulenza automobilistica; modifica regolamento per l assegnazione e la gestione delle aree comprese nel p.i.p. ed alcuni ordini del girono presentati dal consigliere Pasqualino Ruberto.

CATANZARO - Seminario di formazione culturale Il secondo ciclo di lezioni del Seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, prosegue sabato 31 gennaio 2009, alle ore 17,00, nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro. Il presidente dell’Associazione culturale “La ragione e il tempo” Carlo Scalfaro terrà la Lezione sul tema: “Giovanni Giolitti e lo Stato moderno”. Il Seminario è rivolto a tutti coloro, giovani e meno giovani, che hanno ancora la capacità di porsi e di porre domande sulla nostra storia, sulle idee, sul pensiero e sul mondo in cui viviamo. CATANZARO - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 31 gennaio al Politeama.

CATANZARO - Adol, la stagione L'Adol “Jussi Bjorling” presenta il programma 2008/2009 che viene riportato di seguito: sabato 14 febbraio, sul Don Giovanni di Mozart ore 17.30, presso San Giovanni; sabato 14 marzo, grandi scene da opere Verdiane ore 17.30, presso il Circolo Unione; sabato11 aprile, sulla direzione e concertazione d’orchestra nell’opera lirica ore 17.30, presso il CicoloUnione; maggio (data e ora da definire), messa in scena dello spettacolo “La Serva Padrona” di Pergolesi, presso l'Auditorium Casalinuovo.


38 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Le mille e una notte” nell’ambito del progetto “Primi passi a teatro” a Catanzaro

Jazz festival a Cosenza IL CARTELLONE

“La passione per la politica”, convegno a Corigliano Calabro

CATANZARO - Spettacolo per bambini L'assessorato alle Risorse Educative e Scolastiche, la Media service produzione spettacoli e la Fondazione Politeama presentano: "Primi Passi a Teatro". Il progetto è finalizzato alla frequentazione dei bambini in teatro, una opportunità di svago domenicale per i genitori da condividere con i propri figli e potranno essere tema di discussione anche nelle scuole di appartenenza. Le rappresenazioni saranno effettuati dalla compagnia teatrale Il Cilindro del Teatro San Raffaele di Roma. Le date saranno: domenica 15 febbraio 2009 con "Le mille e una notte”, domenica 22 marzo 2009 con "I VII Re di Roma” e domenica 19 aprile 2009 con "Un Uomo chiamato Francesco". Il prezzo del biglietto è di Euro 5,00 posto unico. Per informazioni e prenotazioni: biglietteria teatro Politeama 0961-501818 / 501819 negli orari di apertura biglietteria - oppure fuori orario: cell. 334.2637312 338.6302118.

CATANZARO - Invito As Venice Club L’Associazione ”A.s. Venice Club“ con sede in via Cosenza (accanto Sidis di Catanzaro Lido) vi aspetta per festeggiare insieme il rinnovo locali; un modo per far star bene mente e corpo. CATANZARO - Reclutamento Luiss La Luiss, - Libera università internazionale degli studi sociaali “Guido Carli”, sta reclutando i migliori talenti su tutto il territorio nazionale, valorizzando l’eccellenza di un modello che, per la qualità della didattica e dell’ambiente studentesco e il forte collegamento con il mondo del lavoro, forma con cultura d’impresa e vocazione internazionale “classe dirigente” per il Paese. L’evento, organizzato in collaborazione con Confindustria Catanzaro, avrà come oggetto le opportunità di studio e gli sbocchi professionali offerti dalla Luiss: uno dei più importanti atenei italiani, il cui presidente è Luca di Montezemolo. La prova di ammissione ai Corsi della Luiss si terrà lunedì 6 aprile 2009 a Roma e, contemporaneamente, in altre città italiane, tra cui Catanzaro per agevolare gli studenti a svolgere la prova stessa nella propria regione di residenza. CHIARAVALLE (Cz) - Spettacolo teatrale Venerdì 23 gennaio, per la stagione teatrale di Chiaravalle 2008/2009, con Gian Marco Tognazzi e Bruno Armando, sarà in scena lo spettacolo diretto dal regista Armando Pugliese, “La notte più bella della mia vita”. CHIARAVALLE (Cz) - Stagione teatrale 2009 Domenica 15 febbraio “Edipo a Colono” di Sofocle premio olimpico 2008 con Roberto Herlitzka, regia di Ruggero Cappuccio. Sabato 28 febbraio “Lisetta” di T. Falvo con P. Cristiano,Sabina Ermio, T.Falvo, regia di Tonino Falvo. Sabato 14 marzo “Marlene” di Guseppe Manfridi con Pamela Villoresi, David Sebasti, Orso Maria Guerrini, regia di Maurizio Panici. Sabato 21 marzo “L‘amore mio non può”di Lia Levi con Manuela Kustermann regia di Manuela Kustermann. Sabato 4 aprile “La Cena Dei Cretini” di Francis Veber con S. Douani, F. Calderoni,R. Graziosi, regia di F.Calderoni e S. Douani . Sabato 18 aprile “Goodnight Italia” di N. Leonzio,G.Giugliarelli, S.Marino con S. Marino, Federica Innocenzi regia di Lamberto Dorigo. Sabato 9 maggio “I due gemelli veneziani”di Carlo Goldoni, Compagnia teatrale Tempo Nuovo. Abbonamenti: Poltrona 140,00 - ridotto 100,00. CORIGLIANO (Cs) - “La passione per la politica” “La passione per la politica. Partiti politici e Amministrazioni comunali a Corigliano Calabro dagli anni ’50 ai giorni nostri. La figura di Pasquale Orsini a dieci anni dalla scomparsa”. Questo il tema di un convegno-dibattito, organizzato dalla Città di Corigliano Calabro – Biblioteca “F. Pometti” e Mediateca Regionale, che si terrà sabato 24 gennaio 2009, alle ore 16.30, presso il Centro di eccellenza di Corigliano Scalo. L’iniziativa è stata ideata nella ricorrenza del decennale dalla scomparsa di Pasquale Orsini, consigliere comunale e provinciale e tra i “padri” del Pci coriglianese. A moderare i lavori sarà il giornalista di Calabria Ora Fabio Pistoia. Interverrà, per porgere i saluti istituzionali, il commissario prefettizio del Comune di Corigliano, Paola Galeone.La relazione introduttiva è stata affidata al prof. Giovanni Pistoia, ex sindaco di Corigliano. Sarà poi la volta delle te-

stimonianze: Mario Oliverio, presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza; Franco Filareto, sindaco della città di Rossano; gli ex sindaci di Corigliano Pasquale Benvenuto, Ernesto Cerbella, Armando De Rosis, Cosimo Esposito, Giovanni Battista Genova, Giuseppe Geraci, Giampiero Morrone, Franco Pistoia. Hanno inoltre assicurato la loro presenza: i deputati Giovanni Dima e Cesare Marini, l’assessore regionale Damiano Guagliardi, i consiglieri regionali Maurizio Feraudo e Franco Pacenza, l’assessore provinciale Luciano Manfrinato, i consiglieri provinciali Pasqualina Straface e Franco Bruno. Nell’occasione sarà presentato il foto-video “La Piazza e la Politica” realizzato dalla Mediateca Regionale di Corigliano.

CORIGLIANO (Cs) - Convegno - dibattito Sabato 24 gennaio, alle ore 16.30, presso il Centro di eccellenza di Corigliano Scalo, si terrà un convegno-dibattito, organizzato dalla Città di Corigliano Calabro – Biblioteca “F. Pometti” e Mediateca Regionale, sul tema “La passione per la politica. Partiti politici e Amministrazioni comunali a Corigliano Calabro dagli anni ’50 ai giorni nostri. La figura di Pasquale Orsini a dieci anni dalla scomparsa”. Lincontro, sarà utile agli organizzatori anche per tracciare un “amarcord” degli ultimi cinquant’anni di vita politica ed amministrativa cittadina. Interverranno al dibattito, il commissario prefettizio del Comune di Corigliano, Paola Galeone, Giovanni Pistoia ex sindaco di Corigliano e seguiranno le testimonianze di Mario Oliverio, presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza; Franco Filareto , sindaco della città di Rossano; gli ex sindaci di Corigliano Pasquale Benvenuto, Ernesto Cerbella, Armando De Rosis, Cosimo Esposito, Giovanni Battista Genova, Giuseppe Geraci, Giampiero Morrone e Franco Pistoia. Non è esclusa la pertecipazione dei deputati Giovanni Dima e Cesare Marini, dell’assessore regionale Damiano Guagliardi, dei consiglieri regionali Maurizio Feraudo e Franco Pacenza, dell’assessore provinciale Luciano Manfrinato, dei consiglieri provinciali Pasqualina Straface e Franco Bruno. Nell’occasione sarà presentato il foto-video “La Piazza e la Politica” realizzato dalla Mediateca Regionale di Corigliano. COSENZA - Jazz festival & musica in provincia Fino a lunedì 16 febbraio, si svolgerà la 4ª edizione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia 2008/2009. Oltre al capoluogo di regione, coinvolgerà altri 10 Paesi del territorio provinciale quali Belvedere, Cassano allo Ionio, Castrovillari, Civita, Frascineto, Rossano, San Nicola Arcella, Scalea, Spezzano Albanese e Trebisacce. COSENZA - Conservatorio di musica, attività Prosegue l’attività del Conservatorio di musica di Cosenza. Nella prossima settimana si svolgeranno altre due diverse iniziative, fra le tante programmate dall’istituto a corollario e completamento dell’ordinaria attività didattica. Fino al 23 gennaioun seminario-laboratorio sul canto barocco sarà tenuto dal mezzosoprano Gloria Banditelli, specialista del repertorio. Il seminario ha anche lo scopo di individuare i partecipanti alla produzione dell’opera “Dido and Aeneas” di Henry Purcell, che il Conservatorio sta preparando in occasione nel 350° anniversario della nascita del compositore inglese. Il seminario è riservato ai cantanti che saranno ammessi previa selezione. È aperto a tutti, al contrario, il concerto che sarà tenuto dal pianista Giulio Giurato oggi alle ore 20 nell’Aula Magna del Conservatorio. Il maestro bolognese, docente dell’Istituto, per l’occasione ha scelto un programma dal titolo “Fantasie e Improvvisi” ed eseguirà brani di Mozart, Schubert e Mendelsshon- Bartoldy. L’ingresso è libero. Il concerto, organizzato in collaborazione con l’Avsi Associazione volontari per il servizio internazionale e con il Centro culturale don Emanuele Ostellari, ha uno scopo benefico: raccogliere fondi che l’Avsi devolverà per le popolazioni in difficoltà, come fa dal 1972 impegnandosi in oltre 100 progetti di sviluppo in 39 Paesi del mondo. COSENZA - Presentazione volume “Il mondo al femminile nelle Variae di Cassiodoro” è il titolo del volume della scrittrice catanzarese Rossana Cosco, pubblicato di recente dalle Edizioni Ursini, che sarà presentato nel Salone di rappresentanza del comune di Cosenza, oggi, alle ore 17. All’iniziativa, promossa dall’Amministrazione comunale di Cosenza, in collaborazione con le Associazioni “Mediterranei d’Europa” e “Bene Comune”, con l’autrice e l’editore, saranno presenti illustri esponenti del

mondo politico e culturale cosentino. Porgeranno il saluto il sindaco Salvatore Perugini e Michele Chiodo, della Biblioteca Civica. Introdurrà l’assessore alla Cultura, Salvatore Dionesalvi. Relazioneranno: Filomena Falsetta, presidente dell’Associazione Bene Comune Calabria, Maddalena Arnoni, presidente del Centro Italiano Femminile di Cosenza, e Stella Fagiani, docente. Gli interventi saranno coordinati dalla giornalista Rosalba Baldino. Nel corso della manifestazione saranno proiettate immagini di Amalasunta, Teodora ed altre illustri donne dell’antichità, tra cui alcune calabresi.

COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: oggi, Tognazzi, "La panne"; giovedì 5 e venerdì 6 febbraio, Bianca Guaccero "Poveri ma belli"; Martedì 2 e mercoledì 3 marzo, Amanda Sandrelli "Col piede giusto"; Lunedì 23 e martedì 24 marzo, Andrea Giordana "L'Otello"; Domenica 5 aprile, Tosca D'Aquino "Ogni anno punto e a capo"; Venerdì 17 e giovedì 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; Sabato 16 e domenica 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicembre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre, opp.22 opp. 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair spray. COSENZA - Teatro Rendano, stagione di prosa Stagione di prosa 2008/2009 presso il teatro comunale "A. Rendano" di Cosenza. Sabato 24 gennaio 2009, ore 21.00, domenica 25 gennaio 2009, ore 18.00, Compagnia Gli Ipocriti "Madre coraggio" di Bertolt Brecht, con Isa Danieli; sabato 14 febbraio, ore 21.00, domenica 15 febbraio, ore 18.00, Artisti associati "La variante di Lunenburg" dal romanzo di Paolo Maurensig, con Milva; sabato 21 febbraio, ore 21.00, domenica 22 febbraio, ore 18.00, Area teatromusica "Gloriosa" di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli; sabato 28 febbraio, ore 21.00, domenica 1 marzo, ore 18.00, Il Teatro del Carretto "Pinocchio" da Carlo Collodi, regia di Maria Grazia Cipriani; giovedì 5 marzo, ore 21.00, venerdì 6 marzo, ore 21.00, Placet musical "Cenerentola" con Roberta Lanfranchi e Antonio Cupo, regia di Massimo Romeo Piparo; sabato 14 marzo, ore 21.00, domenica 15 marzo, ore 18.00, Gershwin spettacoli "Un Paese di gente per bene" con Gian Antonio Stella e Bebo Storti; sabato 21 marzo, ore 21.00, domenica 22 marzo, ore 18.00, Teatro Stabile delle Marche "Casa di bambola - L'altra Nora" da Henrik Ibsen con Lunetta Savino. COSENZA - “Neveuisp Sud” Le montagne della Sila ospiteranno per la prima volta “Neveuisp Sud” a Lorica (Cs) dal 28 al 31 gennaio. L'iniziativa verrà presentata mercoledì 28 gennaio, alle ore 11.00, al salone dei ricevimenti del Comune di Cosenza, alla presenza dell’assessore provinciale allo sport, del presidente provinciale del Coni e di altri rappresentanti istituzionali. Programma di “Neveuisp Sud”: Saranno quattro giornate di eventi molto intense. L’apertura della manifestazione di mercoledì, sarà seguita dalla gara di slalom gigante di giovedì e da quella di slalom parallelo di venerdì. Sabato 31 gennaio, verranno disputate le finali di slalom gigante e alle 14.00, ci sarà la cerimonia di premiazione. Naturalmente lo sci non sarà l’unico protagonista: la Lega sport e giochi tradizionali Uisp infatti organizzerà numerosi tornei; sarà possibile poi avventurarsi in escursioni tra i monti della Sila, fare passeggiate con gli sci di fondo e con le ciaspole. Sono previsti naturalmente corsi di sci per i bambini che non parteciperanno alle gare e le serate saranno animate da musica e spettacoli. Da ricordare infine che “Neveuisp Sud” sarà anche la cornice che ospiterà quest’anno il 6° Trofeo di centro sud di sci alpino dell’Uisp. COSENZA - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 30 gennaio al Rendano di Cosenza. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Esse Emme Musica di Maurizio Senese ai numeri telefonici 0961- 761471, cell 335/5244393 - oppure è possibile contattare il sito internet www.essemmemusica.it.

COSENZA - Congresso Fnp-Cisl Su decisione del Consiglio generale, venerdì 13 febbraio prossimo si svolgerà a Cosenza, l’ottavo congresso territoriale della Federazione pensionati Fnp-Cisl.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 39

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Conferenza stampa di presentazione della trentottesima fiera agricola nella Città della Piana

“Girotondo... con la pace” a Lamezia IL CARTELLONE

Arriva al Teatro Rendano, con “Più di me tour 2009”, Ornella Vanoni

COSENZA - “La scuola dei classici” Ritorna “La scuola dei classici”, stagione teatrale specificamente indirizzata alle giovani generazioni, con precipuo intento didattico e formativo. Per il secondo anno consecutivo l'associazione “Porta Cenere”, diretta da Mario Massaro e Natale Filice, in stretta collaborazione con il Comune di Cosenza, assessorato alle Politiche dell'educazione, offre ai dirigenti e ai docenti delle scuole medie inferiori e superiori la possibilità di arricchire l'offerta formativa curriculare con l'indispensabile apporto dei classici teatrali. Gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro Comunale Italia "A. Tieri", sito in piazza Amendola a Cosenza e coinvolgeranno solo attori e tecnici professionisti. Per la stagione 2008/2009 i periodi programmati sono i seguenti: da lunedì 23 a sabato 28 febbraio "Anfitrione" di Plauto; ad aprile 2009 "Cavalleria Rusticana" di Giovanni Verga. COSENZA - Più di me tour 2009 Per i 50 anni di Carriera, la signora della canzone italiana, Ornella Vanoni, si esibirà nei principali teatri della penisola. Il suo debutto con il “Più di me tour 2009” il 7 marzo a Cesena. In Calabria, sarà al Teatro Rendano di Cosenza nella serata di mercoledì 11 marzo 2009. COSENZA - Anteprima stagione di prosa Teatro comunale Alfonso Rendano, anteprima stagione di prosa. Mercoledì 1 aprile concerto di Franco Battiato. CROTONE - Escursionismo invernale Da venerdì 23 gennaio, avrà inizio un nuovo ciclo di escursioni organizzate dall'associazione Explora aventi come scenari gli ambienti innevati della provincia di Crotone e del resto della Calabria. La quarta edizione del Corso di escursionismo invernale, si svolgerà nei fine settimana con visite nei territori interni della regione e consentendo di conoscere ed apprezzare alcuni dei più interessanti e suggestivi paesaggi montani con particolare riferimento della Sila crotonese e del massiccio del Pollino. Per informazioni sul programma del corso e per iscriversi: explora_ndo@hotmail.it, tel. 380.6869262. CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone. Martedì 27 e mercoledì 28 gennaio, Nautilus pictures Remo Girone, Eleonora Giorgi "Fiore di cactus" di Pierre Barillet & Jean-Pierre Gredy traduzione Gerardo Guerrieri, regia di Guglielmo Ferro; Martedì 11e sabato 12 febbraio, La contrada - teatro stabile di Trieste Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi "Il divo Garry" di Noel Coward traduzione Masolino D'Amico regia di Francesco Macedonio; Giovedì 19 e venerdì 20 febbraio, teatro Bellini, Tato Russo "Il paese degli idioti" di Tato Russo - da Fedor Dostoevskij regia di Alvaro Piccardi; martedì 17 e mercoledì 18 marzo, teatro stabile di Calabria Geppy Gleijeses, Gennaro Cannavacciuolo, Lorenzo Gleijeses e la partecipaziopne di Gigi De Luca "Ditegli sempre di si" di Eduardo De Filippo regia di Geppy Gleijeses; Giovedì 2 e venerdì 3 aprile, Tunnel produzioni, Alessandro Siani "Per tutti revolution" regia di Mimmo Esposito; Sabato 18 e domenica 19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. Inizio spettacoli ore 20.30. CROTONE - “Trust in favore dei soggetti deboli” L’Associazione “…E’ Solidarietà”, Onlus cha ha sede in Crotone, con il patrocinio dell’Associazione “Il trust in Italia”, dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e Ragionieri collegiati della Provincia di Crotone, con la collaborazione del Centro Servizi Volontariato della provincia di Crotone presentano la Conferenza “Trust in favore dei soggetti deboli” che si terrà a Crotone presso la Sala Provinciale dell’Istituto Sandro Pertini dalla ore 9.45 alle 13.00 il 31 gennaio.La conferenza intende fornire le soluzioni pratiche che il trust – nuova tecnica negoziale- offre a tutela degli interessi della persona che, in ragione del proprio status, necessita di una maggiore protezione, apprestando quell’organizzazione

economica ed assistenziale necessaria. Tra i relatori interverrà il Presidente del Tribunale di Crotone, dott.ssa Maria Luisa Mingrone, il Presidente della Sezione Penale dello stesso Tribunale, dott. Raffaele Lucente e la prof.ssa Amalia Di Landro, titolare della cattedra di diritto dei trust presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Vi sarà anche la partecipazione di professionisti (Notaio G.F. Condò, Avv. R. Sarro, Avv. G. La Torre Avv. S. Buttà e Avv. Nicola L. de Renzis Sonnino) che illustreranno diverse applicazioni pratiche di trust, realizzati a tutela degli interessi dei soggetti deboli, nonché gli aspetti fiscali.

l’importanza dei due protocolli e ne illustreranno le motivazioni che hanno spinto i noti organismi ad unire le proprie risorse. Due i protocolli previsti: Coldiretti Calabria e Fondazione “Paolo di Tarso” per l’accesso ufficiale delle Aziende Coldiretti a Calabria Excelsa l’innovativo Sistema di rete che promuove il Brand Calabria nell’ambito della piattaforma Italiaexcelsa, basandosi sulla promo-commercializzazione e offerta dei suoi prodotti e punti di eccellenza.

LAMEZIA T. (Cz) - Fiera agricola, presentazione Conferenza stampa di presentazione della 38.esima fiera agricola di Lamezia Terme, venerdì 23 gennaio, alle ore CROTONE - “L’altra parte di Ron” 11.30. Presso la sala consiliare dell'ex Comune di Sambiase Parte da Cotronei il 3 marzo 2009, precisamente dal Teatro sarà presentato il programma dei 5 giorni di fiera, che si terrà Comunale del centro Crotonese, “L’altra parte di Ron”, il nuo- dal 30 gennaio al 3 febbraio. vo evento teatrale che ha come protagonista assoluto Ron. Per informazioni e pre-vendita rivolgersi a: Teatro Stabile di Ca- LAMEZIA T. (Cz) - Al via “Teatro ragazzi” labria tel 0962/905416 - Esse Emme Musica di Maurizio Senese 0961/761471 – 335/5244393 - www.essemmemusica.it. Giorno 24 gennaio, al teatro Umberto alle ore 10.00, e domenica 25 gennaio, alle ore 17.00, parte la stagione Teatro ragazzi con lo spettacolo “Girotondo... con la pace” di e con Oreste Castagna. Info e prenotazioni: 0968/411452 CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di www.teatrop.191.it.

Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal mercoledì 16 al martedì 20 settembre. FALERNA (Cz) - Good Vibration Venerdì 23 gennaio 2009, a partire dalle ore 22.00, il progetto musicale Good Vibration ideato dal dj Claudio Giordano approderà al Twiga Music Restaurant di Falerna Lido sito in località Schipani. Una miscellanea pazza e continua di musica anni 70/80/90 e nuova dance commerciale verrà proposta dai due dj catanzaresi: Claudio Giordano e Server. A questa iniziativa seguirà anche l’esibizione di uno dei percussionisti più originali della movida notturna calabrese, il noto Davide Tribal.

LAMEZIA T. (Cz) - Stagione teatrale Ricrii Riparte la stagione teatrale Ricrii. Programma: 24 gennaio, Teatro Umberto prologo ore 18.30, newlibris, Nuovo Teatro Calabria a cura di E.Orrico ed. Le Nuvole 2008; 30 gennaio, "Briganti" di e con Gianfranco Berardi, Corte dei Miracoli in coll. Teatro Stabile di Calabria; 14/15 febbraio, "...Come l'acqua", Teatro Filadelfia regia di Francesco Pileggi; 13 marzo, "Il volto e la notte" scuola lab Scenari Visibili; 18 marzo, "Made in Italy" Babilonia Teatri con Valeria Raimondi, Enrico Castellani, Premio Scenario 2007; 22 marzo, "Attese" perfotext Tetraedro Teatro in regia Francesco Cerra; 4 aprile, "La nuova colonia" Spazio Teatro, regia Gaetano Tramontana. Gli spettacoli si svolgeranno al Teatro Umberto con inizio alle 21.00; 15 febbraio, ore 18.30. Info: www.scenarivisibili.it - info@scenarivisibili.it - 0968/22547 - 3928249508. Biglietti: Intero euro 12. Ridotto euro 10. Studenti euro 5. Abbonamenti: Intero euro 60. Ridotto euro 50. Studenti euro 25.

FEROLETO A. (Cz) - EsSensum Fino al 30 dello stesso mese va in scena, presso Il Casale LAMEZIA T. (Cz) - “Etica, legalità e sviluppo” Art Espace di Feroleto Antico (Cz), l’appuntamento a ca- L'osservatorio Falcone Borsellino Scopelliti in collaboradenza mensile con EsSensum. Info: 0968/455023. zione con la scuola media "Ardito" di Lamezia Terme orgaGIOIOSA J. (Rc) - In ricordo del miracolo di S. Rocco A ricordo del prodigioso miracolo di San Rocco a favore della cittadinanza di Gioiosa Jonica, amministrazione comunale di Gioiosa Jonica e Pro Loco fans club official "Quartaumentata", associazione "Amici di San Rocco", martedì 27 gennaio, organizzano, ore 18.00, presso Santuario chiesa di San Rocco, il concerto del soprano Eleonora Pisano; dalle ore 20.00, in piazza Vittorio Veneto, zeppolata e vino locale; ore 20.30, esibizione in onore di San Rocco: Mimmo Cavallaro Cosimo Papandrea (alias Caddararu) - Antonio Orlando e gli altri. Info: Telefono/fax: 0964/410039 - 0964/369685 - consultagioiosaj@libero.it.

nizzano convegno su "Etica, legalità e sviluppo", lunedì 26 gennaio, ore 10.30, presso i locali della scuola media "Ardito" di Lamezia Terme. Saluti della prof.ssa Angelina Esposito Ariganello, dirigente scolastico; interventi: prof. Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme; dott.ssa Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro; Carlo Mellea, presidente dell'Osservatorio; dibattito con gli studenti; conclusione del prof. on.le Leoluca Orlando.

LAMEZIA T. (Cz) - Assemblea Fps - Cisl Le Segreterie regionali unitarie della Fps Cisl, già incontratesi nella riunione del 22 dicembre u.s. hanno deciso la convocazione dell’assemblea dei lavoratori in condizioni di precarietà e difficoltà lavorative per scelte mancate o sbagliate della Giunta Regionale. L’Assemblea si LAMEZIA T. (Cz) - Biennale d’arte svolgerà il giovedì 26 gennaio alle ore 10.00, presso il Ha preso il via, e proseguirà fino a giovedì 19 febbraio Grand Hotel Lamezia Terme. Oltre ai lavoratori, prenprossimo, presso il Complesso monumentale di San Do- deranno parte all’incontro le segreterie confederali remenico e con l’apertura della Sezione storica, la seconda gionali. edizione del concorso nazionale biennale d’arte di Lamezia. La rassegna verrà quest’anno dedicata a due pittori calabresi recentemente scomparsi, il lametino Nico- LAMEZIA T. (Cz) - Flussi turistici, conferenza lino Romeo e il tropeano Albino Lorenzo. Inoltre, da og- Conferenza prevista per il 26 gennaio sui flussi turistici del gi la rassegna si arricchirà con la mostra di tutte le opere 2008, alle ore 11.00, presso la Sala Conferenze del Grand in concorso e fuori concorso, con chiusura e premiazio- Hotel Lamezia. Saranno presenti rappresentanti delle Istine giovedì 19 febbraio alle ore 11.30 nel parterre del Tea- tuzioni e della politica comunale, provinciale e regionale. tro Umberto. LAMEZIA T. (Cz) - Nuovi protocolli d’intesa Conferenza stampa di presentazione dei due protocolli che uniranno le forze della Federazione Coldiretti Calabria a Calabria Excelsaa e alla Sias. Oggi alle ore 10,30 a Lamezia Terme (Sant’Eufemia) al Grand’Hotel Lamezia si stipuleranno i due Protocolli che uniranno le risorse delle su citate istituzioni. Sarà Pietro Molinaro presidente della Coldiretti Calabria a fare gli onori di casa e accoglierà il presidente della Fondazione “Paolo di Tarso” Luana Gallo e il presidente regionale della Sias Antonio Graditone. Le istituzioni spiegheranno

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax:

0961-903801


40 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Con “Il vero viaggio di Ulisse” proseguono gli incontri dell’Uniter a Lamezia Terme

“Vitivinicoltura calabrese”, incontro a Locri IL CARTELLONE

“Miseria e nobiltà” con Paolantoni e Paone in scena a Paola

LAMEZIA T. (Cz) - Incontri Uniter Proseguono gli incontri dell’Uniter, Università della terza età e del tempo libero di Lamezia Terme, che nel corso della programmazione del XX anno accademico dedicato al tema “dare vita agli anni” sta tenendo presso la Casa del sacerdote di via Misiani, una serie di interessanti appuntamenti. Il Programma: mercoledì 28 gennaio, Vincenzo Villella con “Il vero viaggio di Ulisse” di Armin Wolf (con proiezione). Febbraio:4 mercoledì: avv. Gian Lorenzo Franzì, Il cinema italiano: riflessi politici e sociali della commedia di costume; 6 venerdì: prof.ssa Vittoria Butera, Antonio Porchia: i grandi temi nelle piccole frasi; 11 mercoledì : prof. Renato Nunnari, Dall’isolamento alla condivisione per la salute mentale dell’anziano;13 venerdì: prof.ssa Luigina Parlati, La vana ricerca della felicità in Lucrezio; 18 mercoledì : avv. Alfredo De Grazia, “… e lucemi dallato il calavrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato” ( Dante, Paradiso, canto XII v.139 e segg.); 20 venerdì : prof. Saverio Di Bella, Le origini e la fine del blocco agrario;25 mercoledì : prof. Lucio Leone, Sui banchi di scuola nell’antica Roma (con video proiezione); 27 venerdì : prof.ssa Maria J. De Santis, Il racconto di una donna di Adelina Vulpitta/Anna Amato, nostra compianta amica dell’Uniter.Marzo 2009, ore 17,00: 4 mercoledì : prof. Antonio Bagnato, L’incontro del popolo nella prima guerra mondiale, tra violenza, repressione e scoperta dell’identità nazionale; 6 venerdì : prof. Vincenzo Villella, Il vero viaggio di Ulisse di Armin Wolf (conversazione rinviata il 28/01/2009); 11 mercoledì: avv. Francesco Bevilacqua, Originalità del Gran Tour in Calabria; 13 venerdì : dott.ssa Marina Galati, L’evoluzione delle famiglie Rom a Lamezia Terme;20 venerdì: prof. Daniele Macris, Luciano: il sorriso della grecità imperiale; 25 mercoledì : Giovanni Cimino e Antonio Canneto, Poesia e musica nella canzone napoletana tra Ottocento e Novecento; 27 venerdì : prof. Filippo D’Andrea, Profilo religioso nel filosofo Francesco Fiorentino?.Per il ventennale Uniter : domenica 1 febbraio, ore 17,00 al Teatro Umberto col patrocinio del Comune di Lamezia Terme, Falso in atto pubblico del Gruppo teatrale lametino I Dialettanti (Regia di Gaetano Montalto); 29 marzo, ore 17,00 al Teatro Umberto col patrocinio del Comune di Lamezia Terme, concerto di musica classica.

LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival Attesa in tutta la regione per l’avvio del Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “Fiat-Lancia”, c’è il centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel Lamezia. La settima edizione del jazz festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi. I dettagli del programma: sabato 31 gennaio, si ritorna al Teatro Umberto e Lamezia Jazz ospiterà una formazione con un organico particolare due bassi e batteria. Progetto titolato Bassproject nato dall'incontro di due artisti "fuoriclasse". Pippo Matino e Dario Deidda. Sabato 7 febbraio, presso la concessionaria Fiat-Lancia di G.Tripodi, esibizione del Quartetto Tenor Legacy. Sabato 21 marzo, al teatro Umberto, in scena il chitarrista Scott Henderson alla guida della sua Blues Band Henderson. Sabato 28 marzo sempre all’Umberto, Buster Williams 4tet presenterà “Something More”. Coordinatore artistico dell’evento, Tommaso Colloca. Attività parallele alla rassegna. Sabato 17 gennaioalle ore18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi”, ascolto guidato: “Il Tango e Piazzolla”. Sabato 7 febbraio, alle ore 18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi” ascolto guidato: " Be bop: anche per il sax è ora di spiccare il volo”. Domenica 1 febbraio, ore 10.00, Yara Records - Catanzaro, Workshop di Basso elettrico - Docente Pippo Matino. 13 febbraioore 22.00 Jazz Club Rua Sao Joao, Egidio Ventura Trio “Latino Vivo!”. Info: 0968/442864 - 339/8309044 - bequadro@bequadro.it. LAMEZIA T. (Cz) - “Città di Lamezia Terme”, concorso La Fisiodinamic palestre e il Csen centro sportivo educativo nazionale organizzano il concorso "Città di Lamezia Terme" gara qualificante per i campionati italianio 2009 domenica 15 febbraio, presso il palazzetto dello sport viale Marconi. Programma: domenica, ospiti della manifestazione, dalla trasmissione Amici di Canale 5 "Valentina" e "Roberta"; ore 9.00, ritiro numeri; ore 10.00, inizio competizione; balli coppia (tutte le categorie); teamdance (balli di gruppo) sincronizzato - coreografico - show dance - hip hop - danza moderna - danza classica, cat. und. 6 - und. 9 - und. 11; premiazioni; domenica ore 13.00, ritiro numeri; ore 14.00, inizio competizione; teamdance (balli di gruppo) sincronizzato coreografico - show dance - hip hop - danza moderna - danza classica, cat. under 13 - under 15 - under 21 - under 34 over 35; premiazioni. I partecipanti dovranno essere tesserati Csen per l'anno in corso. Si qualificano alla fase successiva i primi 6 di ogni categoria. Info: 333/3989908 - csencatanzaro@hotmail.com www.csencatanzaro.it 328/6330166 - www.csencrotone.it - sergiostellato@virgi-

lio.it - 0984/837123 - 339/6901951 - 0968/26471 - www.fisiodinamic.tk.

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, si terrà la mostra-evento “Oggettinstabili seconda edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Il versamento di euro 25,00 dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato ad: associazione culturale 400Kc, via dei mille 79, 88046 Lamezia Terme; coordinate bancarie: Iban it 78 y O1030 42841 000003790008 monte dei paschi di Siena filiale di Sambiase; causale del versamento: contributo realizzazione mostra moti urbani stazionimpossibili; termine perentorio fissato per le iscrizioni (incluso versamento), mercoledì 4 febbraio. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia Terme - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Il luogo della mostra sarà reso noto entro mercoledì 4 marzo. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 - info@400kc.eu - caterina@400kc.eu - carlo@400kc.eu. LAMEZIA T. (Cz) - Concorso diocesano La Fondazione Centro Culturale Paolo VI di Lamezia Terme organizza un concorso rivolto agli studenti delle scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. La traccia riguarda il tema «San Paolo apostolo, la globalizzazione e i giovani lametini costruttori di speranza» ed è indirizzato agli alunni frequentanti le scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. Le sezioni previste sono tre: elaborati scritti di qualsiasi genere letterario, ogni forma di creazione artistica e creazioni multimediali o fotografie. Gli elaborati dovranno pervenire entro e non oltre martedì 31 marzo pressola sede della Fondazione Centro Culturale Paolo VI, presso la Curia Vescovile di Nicastro, Via Lissania, 2 ed in ogni plico dovrà essere inserita una scheda che riporti generalità e recapito del concorrente. A fine concorso, sarà premiato il primo lavoro di ogni sezione, con la somma di Euro 400, entro martedì 30 giugno 2009. LOCRI (Rc) - “Vitivinicoltura calabrese”, incontro L’Amministrazione comunale della Città di Locri, il sindaco Francesco Macrì, rende noto che sabato 24 gennaio 2009, ore 17,00, presso la Sala del Consiglio Comunale Palazzo di Città Locri si terrà l’incontro dibattito dal titolo “Prospettive e sviluppi della vitivinicoltura calabrese alla luce degli ultimi provvedimenti presi dalla Provincia e dalla Regione”. Interverranno l’onorevole Mario Pirillo, Assessore regionale con delega all’Agricoltura, Foreste e Forestazione; il ottore Antonio Scali, ssessore provinciale alla Protezione Civile, Parchi ed Aree protette, Attività produttive, Agricoltura e Forestazione; il dottore Felice Valenti, Consigliere Provinciale. MAIDA (Cz) - Gianni Morandi in concerto Dopo l'apertura del 12 e 13 marzo con Fiorella Mannoia a Rende ed al Cilea di Reggio, confermato il secondo evento di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009" , la XXIII edizione della rassegna del miglior live d´autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla "Lotta a leucemie e linfomi dell'Associazione Amena dell'Ospedale Pugliese di Catanzaro, che premia con il "Riccio d'Argento" del celebre oarfo Gerardo Sacco i migliori concerti d'autore dell'anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni Morandi che con "Grazie a tutti", il suo imponente nuovo tour prodotto dalla "Ballandi", sarà l’ 8 e il 9 maggio al Teatro Tenda che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Lamezia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pressi dell' uscita di Maida. La prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltronissima ed euro 30.00 per la poltrona partirà nella prossima settimana nelel prevendite autorizzate. Info: 0968.441888 oppure www.ruggeropegna.it. MONTEPAONE (Cz) - Nuova sede Anutel A 15 anni dalla sua nascita l’associazione Anutel si presenta

agli enti locali con un’iniziativa di grande spessore che la vedrà maggiormente presente a sostegno della pubblica amministrazione: la realizzazione della nuova sede Anutel con annessa “Scuola finanziaria tributaria degli enti locali”. La cerimonia di “Posa della prima pietra” avrà luogo nel Comune di Montepaone Sup. (Cz), in Via della Marina,il 24 gennaio, alle ore 11.00. Presenzieranno: mons. Antonio Ciliberti, Arcivescovo di Catanzaro-Squillace; gli organi associativi dell’Anutel; numerosi amministratori locali e varie autorità a livello nazionale.

PAOLA (Cs) - “Paola in scena”, programma Programma stagione teatrale "Paola in scena" 2008/2008. Giovedì 29 gennaio, "Miseria e nobiltà" con Francesco Paolantoni e Nando Paone; venerdì 6 febbraio, "Sunshine" con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli; sabato 28 febbraio, "Da giovidì a giovidì" con Marco Marzocca; sabato 14 marzo, "Come uno scandalo al sole" con Isabella Russinova e Pietro Longhi; lunedì 30 marzo, "L’appartamento è occupato" con Paola Gassman; lunedì 6 aprile, "Quaranta ma non li dimostra" con Luigi De Filippo. La stagione teatrale, a decorrere dal 22 dicembre,prevede due spettacoli al mese, per un totale di otto rappresentazioni. Il costo dell’abbonamento è pari ad euro 120,00 in platea, e ad euro 100,00 in galleria. La prevendita si effettua, tutti i giorni esclusi il mercoledì e il giovedì, al botteghino del teatro Odeon dalle 16.30 alle 21.30 (info 333/494394 – 331/3887161 - www.paolainscena.it). REGGIO C. - Mostra “Reggio 28 dicembre 1908” Prosegue fino a venerdì 30 gennaio, presso la biblioteca comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria, la mostra “Reggio 28 dicembre 1908: viaggio nella memoria”. Un percorso culturale inserito nelle celebrazioni organizzate in ricordo del centenario del sisma che colpì Reggio e Messina. L’esposizione si compone di libri, giornali ed immagini dell’epoca, nonché di volumi che raccontano la storia della città nei periodi successivi al tragico evento naturale. La vetrina culturale, è visitabile gratuitamente, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 e nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30. REGGIO C. - La mostra “Notte Santa” Prosegue fino a sabato 31 gennaio 2009 presso le sale espositive Cerere del castello di Scilla, la mostra personale di fotografia di P. Arbitrio denominata “La notte santa - I presepi viventi nella provincia di Reggio Calabria”. REGGIO C. - Comunicazione per docenti La scuola secondaria di primo grado "Vittorino Da Feltre" procederà alle operazioni di individuazione dei docenti destinatari di proposta di assunzione con contratto a tempo determinato per la copertura delle cattedre e dei posti vacanti e/o disponibili, secondo il calendario. La presente comunicazione vale quale convocazione a tutti gli effetti, poiché non sono previste convocazioni individuali. Gli aspiranti della scuola secondaria di 1° (A028 – A030- A032 –) e 2° grado (A048) dovranno presentarsi oggi, alle ore 9.00, presso la scuola media “Vittorino da Feltre” – Via Cannizzaro, 12.

REGGIO C. - Eventi Anassilaos Manifestazioni associazione Anassilaos. Il programma: oggi, ore 17.30 Sala Giuditta Levato Consiglio Regionale della Calabria, Poesia e omaggio a Giuseppe Tympani.Interverrà Francesca Neri. Introduce Daniela Pericone. Proiezione di un documentario. Letture a cura del Laboratorio di Lettura dell’Anassilaos. Venerdì 23 gennaio ore 21.00, Saletta San Giorgio al Corso, serate filosofiche con Alessandro Degli Espositi. Martedì 27 gennaio, ore 18.00, Saletta San Giorgio al Corso, Anniversari a cura dell’Anassilaos Giovani. “Giorno della Memoria 2009” con letture di testimonianze, proiezione di documentari e immagini. Presentazione della cartolina commemorativa delle vittime della shoah, realizzata dall’Associazione. Venerdì 30 gennaio, ore 21.00 saletta San Giorgio al Corso, invito alla lettura dei classici della letteratura universale con il prof. Pino Papasergio. REGGIO C. - Area Grecanica, forum Un forum per la convivialità e lo sviluppo sostenibile dell’Area Grecanica, sabato 24, ore 10.00, presso il Centro Giovanile “Rempicci” a Condofuri M.. Proseguono, quindi, le attività di animazione e promozione territoriale che il Gal – Area Grecanica sta portando avanti per discutere di un futuro possibile dell’area. Durante l’incontro il Gal intende definire un programma orientato a individuare una serie di occasioni di sviluppo dell‘economia rurale dell’area Grecanica rivolto a valorizzare le potenzialità locali inespresse, aumentare l‘occupazione, favorire la diversificazione economica e ridurre lo spopolamento delle aree interne.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 41

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Contemporanea ’08”, rassegna nazionale di arti visive fino a sabato 24 gennaio a Rossano

“Premio don Renato Cosentini” a Scandale IL CARTELLONE

Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale a Rende

REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Nel dettaglio il programma prevede: sabato 24, domenica 25 gennaio, “concerti sinfonici” - M° J. Kovatchev; venerdì 30 e sabato 31 gennaio, Komiko procduction “Miseria e nobiltà”; sabato 7 e domenica 8 febbraio, compagnia del balletto Mimma Testa “Capricci e bisticci ovvero la Principessa sul pisello”; Venerdì 13, sabato 14e domenica 15 febbraio, Teatro stabile “La contrada di Trieste” (prosa) - “Il divo Garry”; domenica 22 e martedì 24 febbraio, “Il pipistrello” (lirica); il 25 e il 26 febbraio, Nautilus pictures Fiore di cactus; il 12 marzo, concerti sinfonici - M° Veronesi; Sabato 21e domenica 22 marzo, Ballet de “Les parentes terribles” (danza) - produzione in collaborazione con il Teatro dell’opera di Roma; venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 marzo, Teatro Bellini di Napoli Masaniello; Venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 aprile, “I due della Città del sole” (prosa) - “Quaranta ma non li dimostra”; giovedì 9e sabato10 aprile, concerti sinfonici - M° Moranti; mercoledì 15 e giovedì 16 aprile, Candoco dance company London (danza) - Double bill; sabato 18 e lunedì 20 aprile, Werther (lirica); domenica 26, lunedì 27e martedì 28 aprile, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; sabato 9 maggio, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingresso fino a sabato l7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30, al mattino, e dalle 16.30 alle 19.00, al pomeriggio. REGGIO C. - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 29gennaio al Teatro Cilea.

REGGIO C. - Banlieues Show Giovedì 29 gennaio, alle ore 9. 15 e alle ore 11. 30, presso il Teatro Odeon di Reggio Calabria, sito in via Veneto n.77, si terrà lo spettacolo teatrale didattico in lingua francese di Frédéric Lachkar e con Aline D’Andrea, Aurélie Bidault, Nirys Pouscoulous e Véronique Vergari, “Banlieues Show”. REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: martedì 10 febbraio, martedì 10 marzo, martedì 21 aprile, martedì 9 giugno. REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo cultura-

le “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: martedì 18 febbraio, ore 17.00 19.00, autore D'Annunzio, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dott.ssa D. Belmondo, dott.ssa R. Nucera; mercoledì18 marzo, ore 17.00-19.00, autore Faulkner, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa F. Farano; mercoledì 15 aprile, ore 17.00-19.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 13 maggio, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; mercoledì 10 giugno, ore 17.00 - 19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 15 luglio, ore 17.00 - 19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica il dottor Paolo Praticò. REGGIO C. - Ornella Vanoni al Teatro Cilea “Più di me ” è il titolo dell’ultimo capolavoro di Ornella Vanoni, l’artista milanese che in questo ultimo album si vede duettare con i maggiori artisti italiani. La sua nuova tournèe teatrale dal titolo “Piu di me tour 2009” toccherà i maggiori teatri della penisola. Anche la Calabria è pronta ad ospitarla precisamente nella Città di Reggio Calabria nel bellissimo Teatro Cilea il 6 aprile, l’evento sarà organizzato dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese e la Nova Star Italia.I tagliandi che sono già in vendita, sono divisi in quattro ordini di posti, posti: primo ordine euro 48,00 comprende tutta la platea e palchi di primo livello; posti di secondo ordine euro 40,00 palchi di secondo livello, posti di terzo ordine euro 35,00 palchi di terzo livello, e loggione euro 25,00. Tutti i prezzi elencati sono compresi di prevendita. Per ulteriori informazioni: Teatro Cilea 0965/312701- Esse Emme Musica Tel. 0961- 761471 - Nova Star Italia 0965/5936441 www.essemmemusica.it.

REGGIO C. - Gianni Morandi con “Grazie a tutti” Confermati i due concerti reggini del tour "Grazie a tutti" del cantante Gianni Morandi per mercoledì8 giovedì 9 aprile. I concerti inizieranno alle ore 21.00. La tendostruttura sarà installata in località Pentimele, nei pressi del Palasport. Previsti due tipi di biglietto: poltronissima euro 40.00 e tribuna euro 30, compreso diritti di prevendita. I due concerti di Gianni Morandi a Reggio Calabria fanno parte di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009", la XXIII edizione della rassegna del miglior live d'autore italiano e godono del patrocinio e della collaborazione dell' assessorato comunale alla Cultura. RENDE (Cs) - Fiorella Mannoia in tour Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale, aprirà il giovedì 12 marzo 2009 al teatro Garden di Rende e venerdì 13 marzo 2009 al Teatro Cilea di Reggio Calabria, la XXIII edizione della rassegna “Fatti di musica Radio Juke Box 2009” ideata e diretta dal promoter Ruggero Pegna. L’evento sarà abbinato alla “lotta alle leucemie e linfomi dell’amena”. La vendita dei biglietti dei concerti di Fiorella Mannoia a Rende e Reggio Calabria sarà

possibile in tutte le prevendite autorizzate elencate al sito www.ruggeropegna.it (Cosenza: Inprimafila e Bar Tosti; Rende: Teatro Garden; Reggio Calabria: Boutique Taxi. Quattro i prezzi dei biglietti: euro 44.50 poltronissima, euro 38,50 poltrona, euro 33,50 ed euro 27,50 per palchi e galleria. Per ulteriori informazioni contattare il numero telefonico 0968.441888. ROSSANO (Cs) - Contemporanea ‘08 Fino a sabato 24 gennaio, presso le sale delle esposizioni di Palazzo S. Bernardino a Rossano Centro, si terrà la rassegna nazionale di arti visive “Contemporanea ’08”. SCALEA (Cs) - Global beat moviment Il 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia Marina, in programma una serata al Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SCANDALE (Kr) - Premio don Renato Cosentini Il tradizionale premio che la Banca di Credito Cooperativo di Scandale consegna ogni anno ai migliori laureati, diplomati e ai ragazzi che hanno ottenuto la Licenza Media con ottimo si arricchisce e diventa “Premio Don Renato Cosentini”, parroco di Scandale per 60 anni, che verrà consegnatosabato 24 gennaio a Scandale. Il premio si divide in quattro sezioni: sezione: Premio della solidarietà sociale. Obiettivi: promuovere e diffondere la cultura della solidarietà sociale, dei diritti della persona e della legalità. Destinatari: il premio viene attribuito a persone fisiche e/o giuridiche e ad Enti residenti o con sede sul territorio nazionale che si sono distinte nel campo della cultura, della solidarietà sociale, della legalità e della pace, contribuendo alla crescita umana e socioculturale della Calabria. Assegnazione. Il premio sarà assegnato da una Commissione nominata dal Consiglio di Amministrazione della Banca e presieduta dal Presidente della Bcc o da un suo delegato. Per tale sezione il premio consisterà in un assegno di Euro 5.000. Sezione Premio di laurea: il Premio di euro 1.000 viene assegnato ai migliori laureati soci o figli di soci, clienti o figli di clienti della Bcc; sezione Premio di diploma: il Premio di euro 500 viene assegnato ai migliori diplomati soci e figli di soci; sezione Premio di euro 200 Ragazzi promettenti: viene assegnato ai ragazzi figli di soci o di clienti della banca che hanno conseguito il diploma di scuola media inferiore con la votazione di “ottimo”. La Commissione del “Premio Don Renato Cosentini”, nominata dal Consiglio di Amministrazione della Bcc di Scandale è formata dalle seguenti persone: Fabio Brescia, sindaco di Scandale, Vincenzo Pugliese, sindaco di Roccabernarda, Carmine Barbuto, sindaco di San Mauro Marchesato, Alfonso Dattolo, sindaco di Rocca di Neto (ossia i sindaci dei 4 Comuni dove è presente la Banca di Scandale), Vittorio Emanuele Esposito, dirigente scolastico Liceo Classico Crotone, Rocco De Rito, presidente Rotary International, Domenico Cirillo, Presidente collegio Probiviri Bcc Scandale e Alberto D’Ettoris, dirigente scolastico Liceo linguistico Crotone. SELLIA M. (Cz) - Visita di mons. Ciliberti Mons. Antonio Ciliberti, Arcivescovo Metropolita di Catanzaro-Squillace, sabato 24 gennaio 2009, alle ore 17.30, si recherà in visita pastorale a Sellia Marina dove benedirà i locali del Centro di riabilitazione estensiva "Aquasalus". All'evento sono state invitate le massime autorità. Il Centro di riabilitazione estensiva Aquasalus di Sellia Marina ha iniziato la propria attività nell’ottobre 2006.


42 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Consegna dei riconoscimenti del quarto Premio Valentia e del Premio del Coni a Vibo

“La notte più bella della mia vita” a Tropea IL CARTELLONE

Un percorso di avvicinamento al vino è in programma a Stalettì

SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza sul sito internet di seguito riportato www.movidacommunity.it. SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center di località Campo, sempre aperto durante la settimana tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso". SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: Venerdì 6 e sabato 7 febbraio “Hair The tribal love rock Musical” direzione musicale Elisa; sabato 28 febbraio “Dr Jekill e Mr Hyde The strange show” di e con Fabrizio Paladin; sabato 7 marzo, Claudio Insegno “Risate al 23° piano” di Neil Simon; sabato 21 marzo, Gaia De Laurentis “Sottobanco” regia Claudio Beccaccini; Sabato 4 aprile Tosca D’Aquino “Ogni anno punto e a capo” di Eduardo De Filippo; giovedì 16 aprile, Sorelle Marinetti “Non ce ne importa niente regia Max Croci”; sabato 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domenica 3 maggio Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di Italo Calvino. SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Ha ufficialmente avuto inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Programma: Venerdì 13 e sabato 14 febbraio, in scena “l’Edipo a Colono” scritto e diretto da Ruggero Cappuccio per un formidabile Roberto Herlitzka che con questo spettacolo ha anche vinto il Premio Eti - Olimpici del Teatro 2008. La programmazione seguirà domenica 1 marzo con la compagnia Spazioscenico con “Un sesso di troppo”. Un cocktail esplosivo di doppi sensi e situazioni esilaranti condito con un pizzico d'amore e molto buon umore. Franco Procopio dirigerà la divertentissima commedia di James Sherman, campione d'incassi a New York. Domenica 15 marzo, sarà la volta di un cast di straordinari interpreti per rievocare il percorso umano e artistico della Dietrich, che per decenni e fino ai nostri giorni ha sollecitato l’immaginario collettivo. “Marlene”, ultima fatica di Giuseppe Manfridi e novità assoluta della stagione teatrale in corso, vede in scena, per la regia di Maurizio Panici, un’intensa Pamela Villoresi, accompagnata, tra gli altri, da Orso Maria Guerrini e David Sebasti. Domenica 22 marzo, sarà la volta de “L’amore mio non può”. Nel settantennale delle leggi della vergogna razzista, una strepitosa Manuela Kustermann trasforma in poesia una realtà maledettamente violenta. Dall’omonimo romanzo di Lia Levi uno spettacolo applauditissimo. Concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagione precedente possono confermare il posto telefonando o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica "teatrodelgrillo@libero.it". SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giornidalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Bor-

gia. Info: 0961/34618 - 368/7376942 - 347/1094691 320/0473698 - www.calabriaguide.it. STALETTI (Cz) - Percorso enologico Sabato 24 gennaio alle ore 20.00, presso il Blanca Cruz di Stalettì, si terrà un percorso di avvicinamento e conoscenza del vino nonchè dell'abbinamento con il cibo; tale percorso si articolerà in più incontri dove verranno esposti i principi dell'enologia la valutazione visiva olfattiva e gustativa del vino e le basi dell'abbinamento enogastronomico. A condurre tale percorso sarà il sommelier Ais, R. Iuliano che presterà le proprie conoscenze scientifiche. Non solo vino di qualità ma anche alta cucina diretta dallo chef Massimo Fratto. Cultura, cucina e musica in una cornice divina. Per informazioni e prenotazioni 333/5736483 Maurizio. TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 368/7376942 - 329/9149079 - 347/8871177 - www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. TROPEA (Vv) - “La notte più bella della mia vita” Il Teatro La Pace - Drapia-Tropea presenta, oggi alle ore 21.00, la Compagnia delle Indie Occidentali in “Die Panne” La notte più bella della mia vita di Friedrich Dürrenmatt con: Gianmarco Tognazzi, Bruno Armando, Roberto Tesconi, Franz Capolupo, Lidia Giordano, Lombardo Fornara. Regia di Armando Pugliese. VIBO V. - Seminario formativo Ance L’Ance Vibo Valentia, al fine di approfondire le principali novità introdotte dal terzo decreto correttivo e tracciare lo stato dell’arte della normativa in materia di lavori pubblici, organizza il seminario formativo “Il Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture dopo il terzo decreto correttivo” che si svolgerà il prossimovenerdì 23 gennaio 2009, alle ore 10.00, presso la sala convegni del Sistema Bibliotecario Vibonese, in via Abate Pignatari, Vibo Valentia. Relatore del seminario sarà il direttore dell’Area Legislazione Opere Pubbliche dell’Ance, avv. Cesare Loria, che approfondirà gli aspetti più significativi delle principali modifiche apportate dal terzo decreto correttivo al Codice dei contratti pubblici, con particolare riguardo all’ampliamento dell’arco temporale dei requisiti per la qualificazione Soa delle imprese, all’esclusione automatica delle offerte anomale, al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, al subappalto delle opere specialistiche, all’avvalimento, all’anticipazione del prezzo dei materiali ed alla verifica di congruità dell’incidenza della manodopera. VIBO V. - Premio annuale del Coni Si svolgerà lunedì 26 gennaio al 501 Hotel di Vibo Valentia, la cerimonia di consegna dei riconoscimenti del VI Premio Valentia e del Premio annuale del Coni. La manifestazione è organizzata, quest'anno, dal Comitato Provinciale del Coni e da Vibosport e gode del patrocinio di Provincia e Comune di Vibo Valentia, dell'Asi e dell'Ussi Calabria. In questa edizione si è dato spazio soprattutto ai protagonisti dello sport locale e regionale. A ricevere uno dei premi Valentia sarà il direttore generale del Coni, Maurizio Romano. Avrebbe do-

vuto raggiungere Vibo Valentia anche il presidente nazionale del comitato olimpico italiano, Gianni Petrucci, ma per impegni inderogabili, ha dovuto rinviare la sua presenza alla prossima edizione. VIBO V. - “Buon compleanno Federica” Evento speciale il 7 febbraio alle ore 21.00 nel palasport di Vibo Marina, giorno in cui Federica Monteleone avrebbe festeggiato i suoi diciotto anni. Si chiamerà, infatti, "Buon compleanno Federica" l'evento voluto dai genitori della ragazza vibonese prematuramente scomparsa due anni fa a seguito di un intervento chirurgico presso l' Ospedale di Vibo Valentia, diventato un caso nazionale di malasanità. I coniugi Monteleone durante l' evento, a cui parteciperanno tutti gli amici di Federica, presenteranno la "Fondazione Federica per la Vita", destinata a raccogliere fondi per la costruzione di una "Casa del Risveglio" a Vibo Marina. Per questa festa speciale la signora Maria Sorrentino, madre di Federica, ha chiesto il coordinamento artistico-organizzativo di Ruggero Pegna, che ha predisposto numerosi eventi a scopo benefico ed umanitario. "Buon Compleanno Federica" vedrà sul palcoscenico l' omaggio di giovani artisti calabresi tra cui i "Porci Comodi" di Mimmo Labate di Paola, band scelta dal fratello di Federica, le "For Love", tre ragazze diciottenni della scuola di canto di Rosa Martirano, i ragazzi della scuola di danza "Arabesque" frequentata da Federica. In conclusione l'esecuzione di alcuni suoi brani del cuore da "Albachiara" di Vasco Rossi, cantata dalla Martirano, a "Colpo di fulmine" di Anna Tatangelo, la sua cantante preferita, che ha aderito gratuitamente a fare da madrina all' inaugurazione della Fondazione ed alla speciale festa di compleanno. Un omaggio a Federica sarà anche portato dal celebre stilista Anton Giulio Grande e dal maestro orafo Gerardo Sacco che creerà un suo gioiello da donare alla Fondazione. La serata prevede altri momenti emozionanti, come la lettura di pezzi scritti da Federica, quale aspirante giornalista. I coniugi Monteleone hanno reso noto che l'evento sarà patrocinato da Comune e Provincia di Vibo Valentia e dalla Regione Calabria.

CALABRIA - Cunta Calabria L’Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Vibonese” di Vibo Valentia presenta la seconda edizione di “Cunta Calabria”. La Calabria si racconta attraverso il teatro popolare e non solo. Il programma: Venerdì 23 gennaio, Associazione Teatrale “Roccella Jonica”. “ Nta casa i Don Rafeli”. Venerdì 6 febbraio, Piero Procopio & Band Cabaret e Musica Popolare. Venerdì 20 febbraio, Associazione Culturale “Nuovo Teatro Aquila” di Pellaro “L’eredità e a jettatura”. Venerdì 6 marzo, “Gruppo Teatrale Anoiano”. Venerdì 20 marzo, Gruppo Teatrale “Giangurgolo” di Gioia Tauro“U muru”. Ingresso pubblico ore 20.30 – Sipario ore 21.00. CALABRIA - Prim’olio IX edizione L’associazione “Saperi e sapori” presenta la IX edizione di Prim’Olio (giornate internazionali per la valorizzazione dell'olivicoltura Mediterranea). Giovedì 29 gennaio, presso la Facoltà di Agraria di Bologna si terrà la presentazione nazionale della “Guida agli extravergini Calabresi”, a conclusione della nona edizione di “Primolio”.

AVVISO AI LETTORI Per ottenere la pubblicazione in questa rubrica di appuntamenti riguardanti la cultura, l’arte, lo spettacolo, la convegnistica, e qualsivoglia altro evento, occorrerà che le comunicazioni giungano a questa redazione

ALMENO 48 ORE PRIMA Segnala un appuntamento via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 43

APPUNTAMENTI CALABRIA Ospiti di “Inchiostro elettronico“ il professore Enzo Bubbo, il presidente della Camera di Commercio di Crotone, Fortunato Roberto Salerno e Vincenzo Sirianni dell’Ente Fiera

Una Calabria dai numerosi tesori Presenti in studio anche i rappresentanti del Circolo Velico “Magna Grecia Wind Club” di Reggio Calabria CATANZARO — “Obama: un’era di

responsabilità”. Questo il titolo di apertura della prima pagina del “Corriere della sera” che ha aperto anche la puntata di ieri di Inchiostro elettronico”; la notizia che ha fatto il giro del mondo sull’insediamento del nuovo presidente degli Stati Uniti d’America è stata commentata dal conduttore Massimo Tigani Sava, direttore del quotidiano regionale “Il Domani della Calabria” nonché portavoce dell’Associazione di giornalisti “Jonici”. Presenti in studio i rappresentanti del Circolo Velico “Magna Grecia Wind Club” di Reggio Calabria, affiliato alla Federazione Italiana Vela, il presidente, Gianlorenzo Imbriaco, istruttore Fiv III livello, una

Nella foto da sinistra: Salerno, Bubbo, Geraci, Imbriaco

Un momento della diretta: Imbriaco e Sirianni

Rita Macrì e Rosalba Paletta

rarità in Calabria, oltre che agronomo e consulente tecnico presso il tribunale di Reggio Calabria, accompagnato da Antonio Geraci, responsabile del consiglio direttivo, dei progetti e dell’ufficio stampa. Quest’ultimo ha commentato: «Il nostro circolo si occupa di sport acquatici, prevalentemente di Windsurf, Kite surf e vela ed è quello con più soci in Calabria e Basilicata avendo circa 400 soci. Le sedi nautiche sono due: una situata all’interno del lido comunale G. Zerbi, a due passi dalla via marina; l’altra inaugurata questa estate a Punta Pellaro, a 7 km da Reggio Calabria, centro rinomato in Europa per la pratica del Kite surf grazie alla presenza in questa zona di un vento costante. Il nostro è un circolo molto attivo sia come attività sportive che sociali». Geraci ha proseguito: «Molti sono stati gli eventi organizzati dal circolo a carattere nazionale, tra cui: nel 2003 ricordo con piacere il Campionato nazionale Asso-

tutti a partecipare alla 38°edizione della Fiera Agricola: «Vorrei invitare tutti a partecipare a partire dal 30 Gennaio, data fissata per l’inaugurazione e fino al 3 febbraio ad un grande evento che vorremmo si trasformasse in una vetrina di tutto ciò che c’è di buono in Calabria. Questi gli orari: dalle 9:00 alle 21:00. Tra le novità di quest’anno, un’area attrezzata ad ospitare molti animali, soprattutto per la gioia dei più piccoli e delle scolaresche che godranno, se avranno cura di prenotarsi scrivendo a: info@lameziafiere. it, dell’ingresso gratuito. Quest’anno ci stiamo impegnando, inoltre, per incentrare la Fiera sulla meccanica agricola; molto interessante sarà la rassegna “Oleum Olivarum”. Tutte

luto Formula Windsurfing; dal 2004 al 2008 la Coppa Italia nazionale; nel 2005 il Campionato Italiano Assoluto formula windsurfing e Aloha(giovanile); nel 2008 il Campionato Nazionale Rsx, Formula Windsurfing e Aloha, più varie regate interregionali. Nel sociale, tra i vari progetti, vorrei ricordare quello dedicato agli anziani e alle persone diversamente abili, denominato “Dream”, finalizzato allo sviluppo di corsi mirati di vela, una terapia con inserimento di personale medico e paramedico per la riabilitazione e l’integrazione dei soggetti più deboli, ed il “Velainsieme” realizzato in collaborazione con il Rotary Club Parallelo 38 e l’ Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Reggio Calabria che partirà a giugno e si occuperà dell’approccio alla vela per i soggetti con trisomia 21(sindrome di down)». Infine Geraci ha concluso: «Vorrei citare infine il progetto “Vela Scuola”, nato da una collabora-

zione tra il Ministero della Pubblica Istruzione e la Federazione Italiana Vela, con lo scopo di portare la cultura del mare all’interno delle scuole elementari e una grande soddisfazione grazie ad Alberto Menegatti che a settembre ha conquistato il titolo italiano slalom e 4 giorni fa a Big Bay (south AfricaCape Town) ha conquistato il terzo posto ai mondiali di slalom, tralasciando le partecipazioni alle più importanti regate europee». Il presidente Gianlorenzo Imbriaco, in qualità di atleta ma anche di istruttore, ha evidenziato l’importanza dell’alimentazione per uno sportivo: «L’alimentazione è alla base di una buona prestazione agonistica. Siamo attenti a curare l’alimentazione dei nostri atleti che, già da piccoli, vengono educati a seguire una dieta corretta ed equilibrata, ricca di proteine, vitamine, sali minerali, carboidrati e povera di grassi. In periodo di gara, di norma, devono consumare: miele, cereali e alimenti zuccherati per avere energie subito a disposizione». Riguardo al mare ha precisato: «Ho iniziato ad amare il mare all’età di 10 anni; a distanza di 30 anni, continua ad essere la mia grande passione». Il professor Enzo Bubbo, professore di lettere e giornalista pubblicista, nel corso del suo intervento ha lungamente esposto la sua esperienza professionale a conttato con le giovani generazioni, soffermandosi sull’importanza della legalità: «Insegno lettere presso l’Istituto comprensivo “Corrado Alvaro” di Petronà, in cui è dirigente la professoressa Gina Guzzi. Siamo una scuola in prima linea nell’educazione alla legalità, lo siamo insieme al Comune e alle associazioni. Spieghiamo ai ragazzi che nella vita non servono le scorciatoie, che non serve l’oroscopo per essere felici, che non bisogna farsi abbagliare dal guadagno facile perché magari ti compri una moto subito, ma poi rimani a piedi e per sempre. Meglio dieci euro guadagnati onestamente e non mille frutto di illecita provenienza. Cose dette e ridette nelle nostre aule dove ogni anno passa qualcuno che sa di legalità». «La criminalità organizzata si vince anche nelle scuole – ha rimarcato Bubbo -. L’azione di contrasto alla mafia non è una prerogativa delle forze dell’ordine. Accanto alla repressione, serve la prevenzione, c’è l’azione educativa-culturale per dire che non vivi tranquillo se sai che ti arrestano o finisci dentro una bara. Qui la scuola ha un ruolo focale. Purtroppo nella nostra terra il rapporto mafia-società civile è del 27%, ossia un calabrese su tre ha simpatia per i mafiosi quando bisognerebbe isolarli perché ostacolo allo sviluppo economico e sociale.

Tanta gente si gira dall’altra parte, fa finta di non vedere, lascia scivolare tutto. Non rassegnamoci, non ci deve essere spazio per l’indifferenza. Il rischio è che sulla ruota dell’abitudinarietà diventa normale ciò che normale non è». Bubbo ha infine puntualizzato: «Chi non rispetta le regole da piccolo non lo farà neppure da grande. Troppe cose non funzionano intorno a noi e dove le abbiamo apprese se non nell’infanzia: ecco perché l’educazione è la cosa più importante che c’è». Il Presidente della Camera di commercio di Crotone ha posto l’accento sulla questione della localizzazione dell’enoteca regionale, a seguito di dichiarazioni apprese dagli organi di informazione. «Da Lamezia si levano paradossali accuse di campanilismo, quando la situazione è chiara – ha affermato Fortunato Roberto Salerno - la sede naturale per l’enoteca regionale è Cirò, perché Cirò vanta un diritto che affonda le radici nella storia, nella qualità e nei numeri delle produzioni vitivinicole». «Il 64,7% delle superfici vitate iscritte presso gli Enti camerali calabresi (1.604,95 ettari) ricadono della provincia di Crotone (64,4% nella sola zona del Cirò); mentre l’83,4% sul totale della produzione calabrese (6.0476 quintali) deriva dalla produzione di vini Cirò, Melissa e Sant’Anna (Ultimo dato disponibile – vendemmia 2006) – ha proseguito Salerno –. La fama dei vini Cirò va oltre qualsiasi confine non solo locale e regionale, bensì nazionale. A che servirebbero i localismi quando un nome così prestigioso parla da solo sui mercati esteri? Da noi si sono svolte iniziative di promozione di rilievo internazionale: basti pensare soltanto alle ultime: Vincalabria, che ha visto la presenza delle principali testate giornalistiche specializzate, ed il Week end del Cirò, il Seminario nazionale che l’Organizzazione nazionale degli assaggiatori vinicoli ha voluto tenere a Crotone e che ha visto la presenza di qualificati assaggiatori provenienti da tutt’Italia. I riflettori dei clienti e degli specialisti del settore è naturalmente proiettato verso l’area crotonese ed in particolare cirotana. Il vino Cirò, col suo gusto, col suo profumo, con i suoi colori, con la sua storia, parla nel mondo e parla non di Crotone ma della Calabria intera. E’ giusto che un testimonial così importante sia riconosciuto ufficialmente e valorizzato dalle istituzioni regionali, che in realtà dovrebbero valorizzare tutto il patrimonio enogastronomico calabrese per puntare al successo della nostra regione che ha un potenziale enorme. La politica deve essere al servizio del territorio». Il presidente dell’Ente Fiera Lamezia, Vincenzo Sirianni, ha invitato

Massimo Tigani Sava

le aziende hanno ancora tempo per iscriversi e avere uno stand fino al 26 gennaio». Riguardo il progetto culturale “Consuma e Spendi Calabrese” il presidente ha concluso: «La Fiera ha permesso di realizzare un “punto di incontro” strategico che non faccia mai venir meno la qualità dei prodotti. Sono felice di aver sottoscritto un protocollo di intesa con l’associazione di giornalisti “Jonici” in quanto sono d’accordo con la teoria che se tutti iniziassero a consumare i prodotti calabresi, il nostro Pil crescerebbe e di conseguenza lo sviluppo della nostra regione». Proprio nella città della Piana tante persone potranno trovare un’alternativa valida al classico “giro” in un centro commerciale, per trascorrere un pomeriggio diverso dalla solita routine, alla scoperta di tanti stand che occuperanno un’area di circa 10.000 metri quadri. “Inchiostro elettronico” è una trasmissione che ogni giorno, dal lunedì al venerdì, viene trasmessa in diretta dagli studi televisivi di Telesapazio, dalle 14 alle 16, su Telespazio Tv; è possibile seguirla in replica sempre sullo stesso canale all’una di notte, mentre sulla seconda rete, Telespazio Tv Studi03, a partire dalle 20.30. Preziosa la collaborazione, per la buona riuscita del programma, del regista Franco Selvaggio e della redazione: Francesco Pungitore, Rosalba Paletta, Vitaliano Marino e Rita Macrì. Per diventare i protagonisti di questo nuovo format occorre scrivere all’indirizzo di posta elettronica: inchiostroelettronico@telespaziotv. com o contattare il numero 3484929505. Rita Macrì


44 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

MERCATO

LA CRISI FINANZIARIA

Dopo il no di Kakà il City si consola con De Jong

Manchester United a caccia di un nuovo sponsor L’Aig lo abbandona

Coppa Italia Lo svedese segna la rete che elimina la Roma (2-1) Taddei aveva pareggiato la rete iniziale nerazzurra di Adriano Campionato Juve e Fiorentina guardano allo scontro di sabato

Rossi sceglie Rocchi e Zarate Novellino si affida a Bianchi

Il leader della retroguardia bianconera

Zarate nel team d’attacco di Delio Rossi

Chiellini tiene Ranieri in ansia Frey tra i pali viola

E stasera la Lazio tenta di fermare la carica del Toro

TORINO - Buffon a casa con la bronchite, Manninger influenzato. Ma l’austriaco sabato ci sarà. Continua a lavorare a parte invece Chiellini, che in vista della Fiorentina resta in dubbio, così come Iaquinta. Contro la Fiorentina Ranieri non potrà contare su Sissoko e Molinaro, squalificati. Giocheranno probabilmente De Ceglie e Marchisio. In casa viola, tiene banco la questione Frey, ma alla fine il portierone scenderà in campo. La truppa di Prandelli è chiamata al risultato positivo dopo le due sconfitte consecutiva subite per mano di Lecce e Milan. Carico il peruviano Vargas: «I bianconeri sono davvero forti, in ogni reparto. Noi però abbiamo una gran voglia di rimetterci in marcia dopo gli ultimi due ko».

ROMA - Questa sera (ore 21, diretta Raitre) i quarti di finale di Coppa Italia vedono impegnate Lazio e Torino. Granata chiamati alla riscossa dopo la sconfitta di misura subita domenica per mano della Roma. Più serenità in casa laziale, dove Rossi rilancia il brasiliano Matuzalem. LAZIO (4-3-2-1): 86 Muslera; 29 De Silvestri, 13 Siviglia, 25 Cribari, 3 Kolarov; 5 Brocchi, 6 Dabo, 8 Matuzalem; 17 Foggia, 10 Zarate; 18 Rocchi. All. Rossi TORINO (4-4-2): 99 Calderoni; 32 Ri. Colombo, 22 Di Loreto, 14 Natali, 15 Dellafiore; 23 Abate, 5 Corini, 8 Barone, 24 Saumel; 90 Bianchi, 30 Stellone. All. Novellino

Ibra rilancia l’Inter

La squadra di Mourinho dimentica il ko con l’Atalanta Inter (4-3-1-2): Toldo 6,5; Maicon 6, Burdisso 6, Samuel 6, Santon 6,5; J. Zanetti 6, Cambiasso 6,5, Muntari 6 (41’ st Mancini sv); Stankovic 6,5; Ibrahimovic 6,5, Adriano 7 (32’ st Chivu sv). A disp. Julio Cesar, Rivas, Figo, Quaresma, Balotelli. All. Mourinho 6,5 Roma (4-3-1-2): Artur 6; Cicinho 5,5, Mexes 5,5, Juan 5,5, Riise 5 (25’ st Menez sv); Taddei 6,5 (34’ st Aquilani 5,5), De Rossi 6, Brighi 6,5; Perrotta 5,5; Baptista 5, Vucinic 5 (15’ st Pizarro 6). A disp. Julio Sergio, Loria, Cassetti, Greco. All. Spalletti 6 Arbitro: Orsato di Schio 5 Marcatori: 10’ pt Adriano (I), 16’ st Taddei (R), 18’ st Ibrahimovic (I) Note: ammoniti Juan, Vucinic, Samuel, Perrotta, Mexes. Recupero 2’ pt, 4’ st. MILANO - Negli ultimi quattro incontri in Coppa Italia, Inter Roma è stato sinonimo di finale.

Ibrahimovic ha segnato la rete decisiva dopo che Taddei aveva pareggiato il gol di Adriano

Spalletti si rammarica: “Abbiamo giocato una buona gara”

Di Natale ha mancato un penalty nel finale sull’1-1

La Sampdoria passa ai rigori Per l’Udinese nuova delusione UDINE - La Sampdoria passa al Friuli e va in semifinale di Coppa Italia. La partita si è conclusa sull’1-1 con le reti di Pazzini, alla sua prima realizzazione con la nuova maglia, e di Di Natale su penalty. Al 44’ della ripresa l’attaccante friuliano ha sbagliato un altro rigore. Udinese (4-3-1-2): Handanovic 6; Isla 6,5, Felipe 6 (6’ pts Zapata), Domizzi 6, Pasquale 6; Obodo 6 (14’ st Sanchez 7), Tissone 6 (14’ st G. D’Agostino 6), Inler 6; Asamoah 6; Pepe 6, Di Natale 6. A disp. Koprivec, Sala, Zimling, Ighalo. All. Marino 6 Sampdoria (3-5-2): Mirante 7; Raggi 6 (3’ pts Palombo 6), Lucchini 6, Accardi sv (3’ pt Gastaldello 6); Padalino 6,5, Stankevicius 6,5, Sammarco 6, D. Franceschini 6, Ziegler 6,5 (23’ st Pieri 6); Pazzini 6, Delvecchio 5,5. A disp. Castellazzi, Donati, Mustacchio, Marilungo. All. Mazzarri 6 Arbitro: Pierpaoli di Firenze 6 Marcatori: 10’ st Pazzini (S), 18’ st rig. Di Natale (U) Note ammoniti Gastaldello, Ziegler, Pieri, Sanchez. Allontanato dalla panchina all’8’ sts il tecnico Mazzarri (S) per proteste. Al 44’ st Di Natale (U) ha sbagliato un calcio di rigore. Ieri sera, solo di un “misero” quarto di finale. Bene l’Inter, nella quale Mourinho rilancia Adriano dal 1’, più bloccata la Roma detentrice del trofeo, scesa a San Siro ancora senza il suo capitano Francesco Totti. Mourinho lancia in difesa il giovane Santon, autore di una

prestazione più che positiva.Subito grandi emozioni. Perrotta al 7’ manda di poco a lato di testa, poco dopo Vucinic segna ma l’arbitro Orsato annulla per tocco di mano in mischia. Sulla lunga battuta della punizione da parte di Toldo al 10’ la retroguardia ospite

Il sampdoriano Pazzini al colpo di testa su Tissone

pasticcia, Riise e Juan si scontrano, Cicinho scivola e ne approfitta Adriano che con un preciso sinistro porta in vantaggio l’Inter. Al 19’ su un bel cross di Maicon Stankovic batte al volo in acrobazia, ma colpisce la traversa. Al 24’ è ancora Inter, con Ibrahimovic

che tenta di superare Artur con un pallonetto. Bravo l’estremo romanista. Due minuti e arriva la risposta ospite. Grande girata di Perrotta e parata d’istinto di Toldo. Nella ripresa la Roma, gioco forza, alza il baricentro di azione, scoprendo i fianchi ai contropiedi

dell’Inter. Al 12’ Ibrahimovic colpisce al volo in girata e va vicino al raddoppio. Spalletti chiede geometrie a Pizarro, che subentra all’infortunato Vucinic. Un minuto e c’è il pareggio. Percussione di Brighi in area sulla sinistra, palla in mezzo e tiro imparabile di Taddei. Emozioni senza fine. Un altro giro di orologio e arriva il 2-1. Palla lunga di Cambiasso in area, Artur abbozza solo l’uscita e, dopo aver salvato su Samuel, viene trafitto da Ibrahimovic in rovesciata. Il replay evidenzia che la posizione di partenza di Samuel era in fuorigioco. La Roma si gioca anche la carta Menez. Esce Riise. Al 34’ la più grande occasione per gli ospiti. Azione confusa in area interista, mischia e palla che arriva ad Aquilani, che spalle alla porta mette di poco fuori. Finisce con un accenno di rissa tra Mexes e Ibrahimovic. Ora l’Inter se la vedrà con la Sampdoria.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 45

Sport

Presentato Osvaldo, neo acquisto del Bologna

La decisione della commissione disciplinare

BOLOGNA - «Non sono un rompiscatole, anche se può darsi che in campo abbia un carattere forte». Pablo Daniel Osvaldo mette subito le cose in chiaro. Non vuole equivoci e soprattutto non vuole passare per quello che non è. Perchè a Bologna è venuto per giocare, anche se per farlo dovrà aspettare almeno una giornata. Di squalifica, ovviamente, eredità che l’italo-argentino si è portato dietro da Firenze: «Dove ho fatto un’esperienza positiva - ha raccontato Osvaldo nel giorno della presentazione al Bologna - e non è vero che ho avuto problemi con Prandelli. Era giusto che cambiassi aria, ora sono qui e questo è quello che conta. Mi hanno detto che la società e i tifosi si aspettano tanto da me. Per me Bologna è una grande opportunità. Il mio ruolo? Mi muovo bene sia da prima che da seconda punta».

ROMA - Christian Terlizzi è stato deferito alla commissione disciplinare nazionale per aver espresso, nel corso di dichiarazioni pubblicate da un organo di informazione, «giudizi lesivi della reputazione di altro tesserato e idonee a costituire, direttamente o indirettamente, incitamento alla violenza». Il giocatore alla vigilia del partita con la Roma del 21 dicembre scorso, vinta 3-2 dai siciliani con un finale piuttosto concitato, aveva dichiarato che per fermare uno come Totti «in campo andrebbe picchiato di più». Per responsabilità oggettiva è stato deferito anche il Catania. Il difensore si era giustificato affermando che la sua era stata «una battuta da bar fatta in maniera ironica semplicemente per far capire quanto sia imprevedibile e forte un giocatore come Francesco Totti».

Il neo rossoblù è sicuro “Qui per rilanciarmi”

“Totti va picchiato di più” Terlizzi è stato deferito

La maglia numero 99 per il neo acquisto del Bologna, a lui va benissimo

Il difensore del Catania si è giustificato dicendo che era solo una battuta

Perez vuole presentarsi alle presidenziali del club con il sì del brasiliano La stampa iberica convinta: c’è già l’accordo economico con il Milan

Il Real allunga le grinfie su Kakà Si parla di una cifra attorno agli 80 milioni di euro MADRID - La possibile cessione di Kakà, ormai archiviata dai giornali inglesi, continua a tenere banco sulle prime pagine dei quotidiani sportivi spagnoli. AS associa il nome dell’attaccante brasiliano al Real Madrid, assicurando che a Kakà piacerebbe atterrare fra le merengues per mano di Florentino Perez, che «probabilmente si presenterà alle prossime elezioni del club di Chamartin». Un ritorno del vecchio presidente, con la sua politica dei galacticos, che cambierebbe lo scenario. «O resto al Milan o me ne vado a Madrid», titola AS, citando le parole che lo stesso Kakà avrebbe detto al padre e rappresentante, Bosco Leite, che ha dovuto rinunciare ai 10 milioni di euro che gli avrebbe fruttato l’ingaggio del figlio al Manchester City. Ma sono comunque tre gli scenari ipotizzati dalla cronaca:

L’interesse degli spagnoli avrebbe portato al no per il City

Sopra, Florentino Perez, tra i candidati alla presidenza del Real A sinistra, il brasiliano in azione contro la Fiorentina

che Kakà resti al Milan, che vada al Real Madrid, ma che sia anche nell’obiettivo del Barcellona, che a sua volta all’orizzonte l’elezione dei nuovi vertici del club. ’Kakà verrebbe solo con Florentino’, strilla Marca a tutta prima pagina.

Vanno fuori anche Brianti e Knapp

Bolelli eliminato da Fish Vittoria della Errani

L’azzurro non è stato fortunato nella sua sfida all’americano Fish, che era favorito

ROMA - Australian Open amaro per i colori azzurri. Simone Bolelli non sovverte il pronostico contro lo statunitense Mardy Fish, n. 24 del mondo, che in carriera vanta un quarto di finale a Melbourne (nel 2007). Il bolognese si deve arrendere 6-4, 6-1, 7-5. In tabellone restano Fabio Fognini e Flavio Cipolla. Tra le donne si salva solo Sara Errani, che supera la romena Monica Niculescu (6-2, 6-3) e aspetta la russa Zvonareva. Niente da fare invece per Alberta Brianti contro la serba Ana Ivanovic, finalista lo scorso anno, mentre Karin Knapp cede alla kazaka Galina Voskoboeva (6-4, 6-1).

E, per avallare la tesi, cita le dichiarazioni fatte dall’ex direttore sportivo del Real Madrid, Arrigo Sacchi, a radio Onda Zero: «Perez tenterà di tornare al Real Madrid e cercherà di avere Messi, Kakà e Cristiano Ronaldo». Anche per El

Mundo Deportivo, «Kakà sarà il nuovo Figo di Florentino Perez per recuperare la poltrona del convulso Real Madrid, quando la prossima estate saranno celebrate le elezioni». Secondo il quotidiano, l’imprenditore madrileno «ha

già raggiunto un accordo con Silvio Berlusconi, proprietario del Milan, perchè il brasiliano arrivi al Bernabeu nella stagione 2009-2010». Nel registrare i ’rumorì, El Mundo Deportivo rilancia: 80 milioni di euro la somma che

La nuotatrice francese si prende un anno di pausa dalle gare

La Manaudou saluta tutti fino al 2010 ROMA - Poco più di 20 giorni fa è che Laure prova, oggi come ogSarà aveva salutato il cambio di anno gi, uno stato di saturazione che la la grande assente come una sorta di maledizione inpriva del piacere e della voglia di franta, lasciandosi definitivamennuotare. Senza questa voglia, che ai prossimi te alle spalle un 2008 difficile da l’ha portata a costruire uno dei Mondiali di Roma più ricchi palmares del nuoto dimenticare. Oggi, invece, Laure Manaudou ha deciso mondiale, Laure non di rimandare l’apè più in grado di ripuntamento con la ritrovare le sue qualità vincita, annuncianfisiche e mentali, indo la decisione di dispensabili per la riprendersi una sorta cerca delle migliori di anno sabbatico. A prestazioni». Alla barenderlo noto il suo se del ritiro anche legale, Didier Poulproblemi di natura fimaire, che in una nosica: «La seconda rata ha chiarito: «Ha gione è che soffre di deciso di mettere un nuovo del dolore altermine alla sua stala spalla ed ha mal gione sportiva di testa molto intensi 2008-2009 al fine di La campionessa annuncia la sua decisione che la disturbano neinterrompere la sua gli allenamenti». La preparazione sportiva di alto livel- 2 agosto) della sfida con la rivale Manaudou era stata protagonista lo». Un annuncio a sorpresa che di sempre, Federica Pellegrini. A di un 2008 da dimenticare, fallenha scosso il mondo del nuoto, pri- chiarire le ragioni della clamorosa do gli appuntamenti più importanvando i prossimi mondiali di Ro- decisione è ancora il suo avvoca- ti (su tutti i Giochi Olimpici di ma (in programma dal 18 luglio al to: «Ci sono due ragioni, la prima Pechino).

Florentino Perez avrebbe accordato per il fuoriclasse brasiliano, la «testa d’ariete del suo assalto alla casa blanca», che inaugurerebbe una nuova era galactica assieme al tecnico dell’ Arsenal, Arsène Wenger, nelle vesti di allenatore e di manager generale. Le tesi della stampa iberica ieri sono state sostenute anche da Emerson: «Io ho sempre detto - ha affermato il Puma in un’ intervista pubblicata nel sito web di As - che il Real vuole Kakà da due anni. Se Ricardo ha la possibilità di andarci, non ci pensi su. Qui non sta male ma lì è il massimo». Frasi, tuttavia, smentite dal diretto interessato nella tarda serata. Intanto, Kakà ieri era con i suoi compagni di squadra ad Hannover, dove il Milan ha sostenuto un’amichevole con la squadra locale. Da segnalare l’esordio di Thiago Silva.

Rispetto al 2007 sono il 51% in più

Nel 2008 effettuate 391 milioni di scommesse

Ogni italiano ha scommesso in media undici volte l’anno, un trend in aumento

ROMA - Scommesse sportive, passione sempre più diffusa nel nostro paese. Nel 2008, riferisce Agipronews, le giocate sono state pari a 391 milioni e 285 mila, per un valore medio di 9,99 euro l’una. In media, ogni italiano ha effettuato undici scommesse nell’arco dell’anno, per un totale di 110 euro. La raccolta generale ammonta a 3 miliardi e 909 milioni di euro, cifra che fa segnare un incremento di circa il 51 per cento rispetto al 2007. Le vincite risultano molto frequenti benchè siano di importi non eccessivi (la media degli importi dei biglietti vincenti è pari a 182 euro) e, comunque, al di sotto dei 10.000 euro.


46 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT Il difensore amaranto, Maurzio Lanzaro, parla della gara di sabato contro il Chievo Verona

S E R I E

A

«Ultima spiaggia? No grazie!» REGGINA

REGGIO CALABRIA — Rebus difesa. Tra acciacchi e squalifiche, mister Bepi Pillon ha qualche dubbio di troppo su chi del pacchetto arretrato impiegare contro il Chievo. Valdez non è al top della condizione, per il fastidio muscolare di cui risente dalla gara di sabato scorso col Siena, gara in cui è tornato disponibile dopo un intervento al ginocchio. Cirillo, nel corso della seduta di ripresa, ha avuto un problema al ginocchio e dopo uno stop precauzionale di un paio di giorni, ieri ha disputato solo metà partitella infrasettimanale. Santos è stato squalificato per una giornata, mentre Krajcik, sebbene sabato scorso abbia esordito, rappresenta ancora un’incognita. Le uniche certezze al momento sono Lanzaro e Costa. Gli ultimi tre allenamenti prima della gara col Chievo dovranno chiarire le idee al trainer che ha il compito di ricomporre i cocci di una stagione deludente e di dare una svolta al torneo già sabato pomeriggio quando il Granillo ospiterà una diretta concorrente nella lotta per non retrocedere. La Reggina sa che la posta in palio è altissima, crede nel rilancio ma non è d’accordo con chi afferma che la partita sia l’ultima chance per poter sperare ancora nella salvezza. E’ il difensore amaranto Maurizio Lanzaro a sostenerlo. «Ho sentito dire che la gara col Chievo per noi sarà l’ultima spiaggia - spiega il giocatore in conferenza stampa -. Non credo assolutamente che sia così. Mi sembra eccessivo, siamo ancora alla prima gara del girone di ritorno. Sarà sicuramente una partita fondamentale. Dovremo scendere in campo da adesso fino alla fine del campionato con la consapevolezza che ogni gara per noi sarà im-

2ª D I V I S I O N E

“Sono convinto che ci tireremo fuori da questa situazione” A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE residente Foti, ciò che dice lei è vero ed è sacrosanto. Negli ultimi dieci anni la Reggina è riuscita a portare a compimento un progetto che, fino alle soglie del Duemila, per questa città aveva rappresentato solo un sogno irrealizzabile, quasi una chimera. Rimanere per due lustri in serie A, oltre ad un paio di campionati ai vertici della cadetteria, è impresa degna degli "annales" di Reggio e, più in generale, della Calabria sportiva. La squadra amaranto è riuscita e sta riuscendo tutt’ora - a fare calcio ai massimi livelli, nonostante le difficoltà che incontrano tutti i club di media e piccola caratura. In questo contesto, è un piccolo “miracolo” di sana gestione l'aver mantenuto in piedi questa azienda, che peraltro è collocata nell’estremo lembo meridionale della penisola, dove è quasi impossibile fare le cose normali. Tra occupazione diretta ed indotto, promozione dell’immagine della città e della regione, marketing e merchandising, la Reggina è riuscita a dare moltissimo a questa terra; probabilmente più di quanto meritasse una realtà ormai troppo abituata al dolce sapore della serie A, come confermano i dati risibili degli incassi allo stadio. Se oggi la squadra è ancora lì, a confrontarsi con Juventus e Inter e Milan, è certamente merito suo,

P

Il difensore amaranto, Maurizio Lanzaro

Ma in difesa mister Pillon dovrà fare i conti con troppe assenze tra infortuni e squalifiche...

portante, che sarà una finale. Io sono convinto che però ci tireremo fuori da questa situazione». Il difensore dunque nutre fiducia e afferma come la Reggina stia «benissimo. Sabato ce la giocheremo alla pari. Rispettiamo il Chievo - conclude -, ma non abbiamo timore di alcuna squadra. Sono certo che faremo un'ottima gara». Angela Latella

Acquistati Genesio e Iadaresta. L’attaccante dovrebbe esordire già domenica contro il Melfi

VIBONESE

VIBO VALENTIA — Ha rispettato in pieno il mandato il presidente Santino Gurzillo e così, di ritorno da Coverciano, dove era andato per i suoi impegni di consigliere di Lega, non è tornato a mani vuote. Chiuso velocemente l’accordo con il Gubbio per il giovane difensore scuola Palermo (soprattutto, scuola Galfano, perché è stato proprio l’allenatore rossoblù ad averlo cresciuto nelle fila della Primavera rosanero), Valerio Genesio, il presidente si è attardato in terra toscano riuscendo nell’impresa di convincere l’attaccante sul quale da settimane aveva messo gli occhi: Pasquale Iadaresta. Iadaresta, marcantonio di un metro e 92, era stato seguito già in estate, quando il centravanti classe ’86 era ancora in forza alla squadra proprietaria del cartellino, il Siena. A quel tempo, però non si era fatto niente avendo

La Vibonese provvede a rafforzare la rosa...

scelto di confermare Mastrolilli e così il Siena lo aveva spedito a Foligno. Come siano andate le cose nel periodo natalizio ormai sono risapute, con la partenza del centra-

Presidente: della sua oculata amministrazione e della capacità di fare tutto, ma proprio tutto, pur di salvare questa benedetta Reggina. Certamente ha trovato anche uno zoccolo duro della tifoseria che non ha mai ceduto, oltre a politici disposti ad ascoltarla e a sostenerla. L’anno più duro per la Reggina non è stato il 2007, ma il 2005. Quell’estate c’era il serio rischio che fallisse tutto. Però lei ha trovato dei validissimi alleati nel sindaco, nel presidente della Provincia e nel presidente del Consiglio regionale: i primi due hanno trovato un milione di euro, l’altro ne ha reperiti addirittura tre da destinare, nell'arco di un triennio, alla sponsorizzazione della società. E’ stata un'operazione del tutto eccezionale, portata a termine in condizioni di particolare necessità ed urgenza. A nostro avviso non si ripeterà mai più. Oggi la situazione qual è? E’ questo che le chiediamo, presidente. Parli. Non tenga per sé eventuali pesi, eventuali opprimenti pensieri. Si apra all’opinione pubblica. Sicuramente avrà sbagliato anche lei: solo il Padreterno, che ci risulti, è perfetto. Nessuno potrà mai condannarla: lei ha fatto tanto. Non commetta adesso l’unico vero errore: quello di credere nel superuomo. La vita è fatta di diverse stagioni. Lei un posto nella storia lo ha già conquistato.

vanti sardo alla volta di Andria, per cui subito il pensiero è tornato all’obiettivo estivo. Le caratteristiche fisiche e quelle di gioco sono molto simili, infatti a quelle di Mastrolilli, da qui la volontà di

stringere soprattutto su questo giocatore, per diversi e validi motivi. L’arrivo di Iadaresta, infatti, non sconvolge gli equilibri tattici della squadra come Galfano l’ha disegnata e messa in campo durante tutto il girone d’andata. Iadaresta, sa essere uomo squadra, al servizio dei compagni, sa tenere la posizione ed è in grado di svolgere quel ruolo di boa centrale, così come fatto da Mastrolilli per l’intero girono d’andata. Insieme a queste qualità similari, Pasquale Iadaresta ha la più giovane età ed una possanza fisica ancora più marcata, il che tornerà utile per dare peso e vigore alla linea avanzata della Vibonese. Raggiunto l’accordo con il giocatore, bisogna ora stringere i tempi da un punto di vista burocratico. La pratica Iadaresta è già stata depositata in Lega ed è calda la linea telefonica tra Vibo Valentia e Firenze affinché tutto si possa

concludere ad una velocità tale da consentire l’esordio dell’attaccante proveniente dal Foligno già domenica prossima contro il Melfi. Insomma, due buone notizie – finalmente, dopo le ultime tribolate settimane! – per Angelo Galfano. Alla quale se ne aggiunge un’altra e che riguarda Stefano Bianciardi. Il forte difensore, vero pilastro della fascia arretrata rossoblu, potrebbe recuperare e non saltare, come temuto, la gara contro Melfi. In questo senso c’è l’impegno solenne di Carlo Sposato. La contusione c’è ed è molto forte, ma le qualità fisiche del giocatore aiutano; soprattutto, si confida molto sulle magiche mani e sull’esperienza di un massaggiatore straordinario come, appunto, Carlo Sposato: su di lui sono poste le speranze per rimettere velocemente in sesto il forte difensore e garantire al pacchetto arretrato la sua presenza sin da subito. Intanto, il presidente Gurzillo ha fatto una promessa ai dirigenti del Gubbio che hanno dato l’ok per l’arrivo di Genesio a Vibo Valentia: convincere Di Stani ad andare in Umbria. Chiuso il capitolo mercato per la Vibonese? In linea di massima sembrerebbe di sì, ma, da qui al 2 febbraio, se c’è qualcos’altro di interessante si può pure fare! Maurizio Bonanno


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 47

SPORT 2ª D I V I S I O N E

QUI COSENZA Prosegue la preparazione dei rossoblù in vista del derby contro i biancoverdi

Parisi e Occhiuzzi in dubbio COSENZA

Toscano recupera Catania e punta sulla disponibilità di Morelli

COSENZA — Gli infortuni che

hanno falcidiato la rosa del Cosenza e l’influenza che ha messo da parte alcuni dei migliori calciatori a disposizione di Mimmo Toscano, sembrano iniziare a diminuire. Alcuni degli atleti che domenica hanno dovuto dare forzosamente forfait, hanno ripreso ad allenarsi normalmente con la squadra. In primis parliamo di Musacco che domenica dovrebbe riprendere il suo posto da titolare sulla fascia sinistra. Discorso differente va fatto per chi non veniva dall’influenza che la scorsa settimana ha colpito anche Emanuele Catania che non era al 100% domenica. Parliamo precisamente di Massimo Morelli, del “Principe” Occhiuzzi e del capitano Aniello Parisi. Per il primo si è in attesa del rientro da Cesenatico che dovrebbe avvenire nel corso del fine settimana. Pare che il mastino di piazza Loreto stia bruciando le tappe per tornare finalmente fra i disponibili. Resta fermo il fatto che Toscano ha ormai dato ad Alessandro Bernardi i gradi di titolare: la “freccia” di Lamezia Terme ha meritato con prestazioni sempre senza sbavature di giocare sempre con la maglia numero due. Certo è che il recupero di Morelli può consentire allo staff tecnico rossoblù di programmare anche una giornata di riposo per Bernardi e di non essere costretto a sperare che nel

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA LAMEZIA TERME — Una sola seduta ieri mattina per la Vigor Lamezia di Fofò Ammirata allo stadio provinciale “Carlei”. I biancoverdi si preparano per quella che si annuncia una sfida importantissima contro la capolista Cosenza. Un match che definire delicato è oltremodo eufemistico. La Vigor intenderà dar seguito alla due consecutive vittorie per scalare ancora posizioni in classifica e tirarsi fuori dalla zona calda. Tuttavia, di fronte ci sarà un Cosenza determinato ad allungare la serie di vittorie per tenere a distanza la concorrenza. Ergo, sarà una gara titartissima che, probabilmente, potrebbe essere decisa da singoli episodi a favore dell’una o dell’altra compagine. Per quanto riguarda gli aspetti, per così dire più tecnici, rimane in forte dubbio la presenza del fantasista Riccobono tra le fila dei biancoverdi, Anzi, le possibilità di vederlo in campo domenica sono ridotte davvero risicate. Non sarà del match, l’attaccante Ragatzu costretto dal giudice sportivo a un turno forzato di riposo. La punta sarda è senza dubbio uno degli artefici delle ultime vittorie della Vigor avendo realizzato tre reti nelle ultime tre giornate. Al suo posto, Fofò Ammirata quasi certamente schiererà l’ultimo acquisto in ordine di tempo. Ovvero, l’attaccante casertanto proveniente dall’Ascoli, Falco che farà coppia con il

A sinistra, Emanuale Catania. Qui a fianco, il capitano del Cosenza Parisi. La compagine silana prosegue la preparazione in vista del derby di domenica con la Vigor Lamezia.

corso di una partita nessuno si faccia male qualcuno degli scesi in campo dal primo minuto. La gara di domenica contro la Vibonese insegna: il Cosenza in panca non aveva nessun difensore disponibile complice anche l’infortunio di Parisi. Morelli, inoltre, può essere schierato, in caso di necessità, anche come difensore centrale. Per gli infortunati più recenti, Parisi ed Occhiuzzi, il recupero, in

Musacco dovrebbe riprendersi il posto di titolare sulla fascia sinistra con il lametino Berardi a destra

vista dell’atteso derby con la Vigor Lamezia, appare ancora dubbio: il capitano viene tenuto sotto osservazione mentre il centrocampista di Cetraro non si è ancora allenato con la squadra. Per il “Principe” è molto più difficile il recupero, con ogni probabilità ci vorrà la prossima settimana per essere a diposizione di Toscano. Sul mercato rossoblù, tutto sembra ancora fermo ma siamo certi

QUI LAMEZIA Nel test contro il Cortale Ammirata prova la formazione per domenica

gigante Sergi. Oggi, in occasione del test infrasettimanale contro i dilettanti del Cortale, ne sapremo di più. La gara dovrebbe disputarsi allo stadio “D’Ippolito”, condizioni meteo permettendo. Nel ca-

so in cui dovesse piovere la partita sarà dirottata al “Carlei”. Giornata tutti allo stadio. Intanto cresce l’attesa per il derby di domenica. La società ha indetto la “Giornata tutti allo stadio” che fa

Carmelo Grandinetti

LEONE dalla prima

seguito alla “Giornata biancoverde” in occasione del derby col Catanzaro. Nei punti vendita già sono stati venduti numerosi tagliandi e fino a sabato sera si prevede una massiccia adesione. Ricordiano che non sono validi gli abbonamenti. Come abbiamo ricordato ieri, secondo indiscrezioni pare che in seno alla tifoseria organizzata lametina qualcosa stia cambiando. Come è noto, i gruppi ultras da tempo sono divisi e, forse, in occasione del derby col Cosenza ritroveranno un minimo di unità. Infatti, alcune fonti parlano di una “macchina organizzatrice che si è messa in moto” alla quale parteciperanno anche gruppi di tifosi gemellati del Milazzo, del Genoa e della Paolana. Diretta tv. Il prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa ha disposto la diretta televisiva che sarà trasmessa da Rai Tre nella sola provincia di Cosenza. Il prefetto ha disposto che il derby sia disputato senza la presenza di tifosi ospiti e che i biglietti vengano venduti nella sola provincia di Catanzaro. Eventuali biglietti già venduti a Cosenza dovranno essere annullati. Calvosa ha adottato le prescrizioni, recependo le decisioni del Casms che, a sua volta, aveva fatte proprie le indicazioni dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive.

Dai dati in suo possesso, emerge che Toscano è l’allenatore nella storia del Cosenza, dal 1929 a oggi, con la media punti più alta: 2,320. Domenica scorsa, grazie al successo sulla Vibonese ha centrato la vittoria numero 38 eguagliando uno dei monumenti della panchina silana, quell’Oscar Montez che guidò il Cosenza a metà e poi verso la fine degli anni Sessanta e a inizio degli anni Settanta. Toscano ora è a un passo da un altro allenatore che ha fatto la storia rossoblu: Bortolo Mutti, che di vittorie ne ha centrate 39. E continuando con questa media, da qui alla fine del campionato l'attuale tecnico silano può battere anche il record assoluto nella storia del Cosenza che è di 42 vittorie ed è detenuto dall'ungherese Zsengeller protagonista della promozione in serie B nella stagione 1960/61. C'è un altro dettaglio che non può passare in secondo piano, ed è il numero delle presenze accumulate dai predecessori di Toscano che, ricordiamo, domenica scorsa ha toccato quota 53. Ai primi tre posti troviamo Mutti con 111 presenze seguito da Montez con 101 e Zsengeller 90. Se è vero che i numeri, per quanto asettici, fanno la storia di una squadra di calcio e dei suoi protagonisti, sorge spontanea una domanda: ma cosa deve fare Toscano per conquistarsi la gratitudine di tutti i tifosi rossoblu? Difficile trovare una risposta. Forse perché il calcio non si nutre soltanto di numeri ma di paradossi che alimentano la passione, propellente imprescindibile per quei milioni di allenatori che ogni domenica seguono la propria squadra del cuore.

r. s.

Valter Leone

Sergi-Falco, oggi in campo la nuova coppia d’attacco

L’attaccante biancoverde, Michele Sergi

che questa impressione è solo per chi osserva dall’esterno. Il Cosenza non vuole fare passi falsi e quindi siamo certi che ci stupirà negli ultimi istanti di mercato. Si allontana Galardo mentre sempre più probabile è l’ingaggio di un uomo di esperienza e di un giovane che vadano a coprire i vuoti sulle fasce difensive e al centro dell’attacco.


48 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT 2ª D I V I S I O N E

LA DOPPIA INTERVISTA A tu per tu con i bomber giallorossi, artefici della vittoria contro il Manfredonia

Caputo-Frisenda, attenti a quei due CATANZARO

CATANZARO — Il diciannovesimo risultato utile consecutivo del Catanzaro, grazie alla vittoria ottenuta domenica scorsa al “Ceravolo” contro il Manfredonia, è coinciso con l’ennesimo centro (il nono, per l’esattezza) di Max Caputo, sempre più uomo squadra. Ma è stata una giornata importante anche per l’atro attaccante “giallorosso”, Rino Frisenda, schierato dal tecnico Provenza, per la prima volta, dopo l’infortunio e l’intervento chirurgico subito, sin dall’inizio. Due giocatori, quindi, con grandi motivazioni, artefici tra l’altro della quinta vittoria casalinga della formazione catanzarese. Proprio Frisenda, allo scadere dei due minuti di recupero della prima frazione di gioco, ha servito un perfetto assist al compagno di squadra, che di testa ha infilato la porta pugliese. «Ho visto e sentito Max che chiamava palla – ha ricordato il giocatore nativo di Crotone – e non ci ho pensato due volte a mettere la stessa proprio nel punto che desideravo. E’ stato poi bravo e lucido lo stesso Max a colpire di testa e a depositare la sfera in fondo alla rete avversaria». Contento di questo vero e proprio debutto? «Dire felice è poco, considerato anche che rientravo, dall’inizio, dopo quasi un anno. Certamente devo riacquistare la migliore forma, anche se dal punto di vista dell’impegno ritengo di avere fatto in pieno il mio dovere. In ogni caso ringrazio il mister per la fiducia accordatami, che spero di ricambiare al più presto, allorquando ritornerò ad essere il Frisenda che tutti conoscono. Quello che comunque è importante in questo momento non è tanto la forma fisica di Frisenda, ma lo stato di salute della squadra, davvero ottimale, frutto di un lavoro che la stessa svolge settimanalmente e che poi trova il giusto riscontro la domenica. Del resto parlano i numeri, che recitano di un Catanzaro imbattuto dall’inizio del torneo e che, in atto, occupa la seconda posizione in classifica». Caputo, un gol che ha tutta l’aria di un record personale? «Se ti riferisci al fatto che quello di domenica è stato il nono centro personale, possiamo effettivamente dire che ho già superato le otto marcature realizzate in C1 con la maglia della Juve Stabia. Vorrà dire che ora ci adopereremo al massimo per aumentare il bottino, magari realizzando con il piede destro, considerato che l’ebbrezza della reCATANZARO — Giocar male e continuare a vincere. E’ un po’ uno dei motivi di discussione nell’ambiente sportivo. Di certo, non è affatto un brutto segno conquistare due successi consecutive al termine di prestazioni diciamo opache. Quello che sta scendendo in campo in queste prime domeniche del 2009, comunque, è un Catanzaro non proprio brillante. E su questo non ci piove. Quali i motivi? Come ha detto il tecnico Provenza, al termine del match col Manfredonia, i carichi di lavoro della sosta natalizia si stanno facendo sentire. Da qui il venir meno di quell’intensità nella manovra che ha sempre contraddistinto le Aquile. Il problema, semmai, sono i cali di concentrazione che, a volte, vengono accusati dal pacchetto arretrato. E le palle-gol lasciate agli avversari ne sono una riprova. Nel frattempo, ieri, è proseguita la preparazione di

«La nostra squadra è in salute, frutto del lavoro settimanale che trova riscontro la domenica»

Massimiliano Caputo

te di testa l’ho già provata domenica scorsa». Due reti, altrettante vittorie: possiamo dire che è iniziato nel migliore dei modi il girone di ritorno per Max Caputo. «Diciamo che è iniziato in maniera ottimale per il Catanzaro. Certamente il gioco espresso dalla squadra, in particolare domenica scorsa contro il Manfredonia, non è stato lineare come al solito, ma non sempre brillantezza e successo vanno a braccetto, nel senso che alcune volte si vincono le partite quando le prestazioni sono scadenti, così come non è detto che, giocando al top, la vittoria sia sicura. Quindi accontentiamoci del successo ottenuto, conseguenza comunque di una concentrazione che non è mai venuta meno». Sulla stessa lunghezza d’onda Rino Frisenda, che ha sottolineato la praticità della squadra, al cospetto di un avversario abbastanza tosto. «Non dimentichiamo – ha eviden-

Rino Frisenda

ziato l’attaccante giallorosso – che il Manfredonia, dopo le prime tre della classe, è la formazione che ha subito meno reti. Una difesa, quella pugliese appunto, che si è chiusa abbastanza bene, anche dopo avere subito il gol di svantaggio. In ogni caso mi pare di essere riusciti a gestire bene la gara, sia pure soffrendo negli ultimi dieci minuti, dopo l’inferiorità numerica, dovuta all’espulsione di Di Maio». Domenica il mister ha tolto dal cilindro un 4-3-3, in luogo del collaudato 4-4-2. Come vi siete trovati in avanti. «Diciamo che lo schema di domenica, pur provato diverse volte in allenamento, è bisognevole di un certo periodo di tempo per poterlo applicare alla perfezione – ha affermato Max Caputo -. Per quel che riguarda, nel primo tempo, relegato sulla fascia destra, sono entrato poche volte nel vivo del gioco, anche se mi sono fatto trovare puntuale a raccogliere il “bacio” di Rino (il cross

di Frisenda n. d. r). Potrei anche aggiungere che forse non è la posizione che prediligo, ma mi attengo sempre a quelle che sono le disposizioni tattiche del mister”. “Preferisco giocare a due in avanti – ha affermato da parte sua Rino Frisenda -, considerato che si creano più spazi per la manovra di attacco. Nel risvolto della medaglia mi va da osservare che nel calcio i numeri contano e non contano: ognuno di noi calciatori, indipendentemente dallo schema in campo, deve pensare solo a fare bene, facendo prevalere esclusivamente l’agonismo e la massima determinazione. Due presupposti, del resto, che hanno contribuito, fino a questo momento, all’imbattibilità del Catanzaro». Domenica si affronta la trasferta di Cassino. Con quali presupposti? «Un incontro da prendere con le dovute cautele – ha affermato il bomber Caputo -, anche perché, indipendentemente dall’avversario,

qualsiasi formazione che d’ora in avanti incontrerà il Catanzaro, farà di tutto per passare alla storia come la squadra che ha interrotto l’imbattibilità dei giallorossi. E’ chiaro che da parte nostra l’obiettivo è quello di centrare sempre la vittoria, sia se giochiamo in casa o in trasferta. Ci siamo dentro ed intendiamo andare avanti su questi ritmi, magari fino al termine del campionato». Si era parlato nelle settimane scorse di un “caso Frisenda”. «Nessun caso Frisenda – ha spiegato il diretto interessato -; anzi approfitto della domanda che mi hai rivolto per puntualizzare una cosa: non ho mai chiesto alla società di cambiare aria, ovvero di andare via. Il mio contratto scade il prossimo 30 giugno. Se la società stessa intenderà poi avvalersi ancora delle mie prestazioni non potrò che essere onorato, oltre che felice».

NOTIZIARIO Ritornerà Zaminga dopo la squalifica. Assente Antonio Montella

blea generale della tifoseria, fortemente voluta dagli ultras 1973. Un’iniziativa in programma domani sera, alle ore 21, presso la sede della IV circoscrizione di Catanzaro Lido. L’invito è già giunto a tutti i rappresentanti dei club della tifoseria organizzata ed è esteso ad ogni singolo e tifoso. Diversi i punti all’ordine del giorno: a) consuntivo della quota raccolta per l’aiuto ai 3 ultras eroi sul San Vito con i deltaplani; b) iniziative congiunte della tifoseria per le gare del Catanzaro al Ceravolo; c) iniziative congiunte della tifoseria per le gare in trasferta; d) sensibilizzare la società Fc Catanzaro ad una maggiore propaganda in occasione delle partite al Ceravolo; e) sensibilizzare la società dell’Fc per la creazione di un Format mediatico; f) servizio di distribuzione capillare nella provincia catanzarese dei tagliandi di ingresso allo stadio Ceravolo.

Oggi le prove anti-Cassino contro i giovani della Berretti Gimmelli e compagni in vista dell’ostica trasferta di domenica prossima in quel di Cassino. Una doppia seduta ha contraddistinto, come di consueto, il mercoledì dei giallorossi. Al mattino, la truppa giallorossa s’è divisa tra campo e palestra per una robusta razione atletica. Nel pomeriggio, invece, lavoro tattico col mister. Quest’ultimo, già da oggi pomeriggio (in occasione del test infrasettimanale contro la formazione Berretti), inizierà a provare l’un-

dici da mandare in campo a Cassino. Nelle fila giallorosse mancheranno Antonio Montella (ancora fermo ai box per la lombo sciatalgia) e lo squalificato Di Maio. Riprenderà, però, il suo posto in mezzo al campo Claudio Zaminga. Capitolo infortunati. Ciccio Corapi s’è aggregato da qualche giorno al resto del gruppo. Potrebbe esser pronto per la seconda settimana di febbraio. Ivano Ciano prosegue la fisioterapia a San Lucido. Da martedì pros-

simo si metterà a disposizione di Nicola Provenza. Nulla di nuovo, poi, sul fronte-mercato. Luis Criniti, infatti, è ancora un giocatore dell’Fc. Il suo passaggio all’Isola Liri non s’è ancora definito. Si aspetta, in questo senso, una mossa decisiva del club laziale. Fermento tra i tifosi. “Tutti insieme appassionatamente”. Una nota testata telematica, dedicata all’universo a tinte giallo e rosse, propone questo slogan in vista dell’assem-

Mario Mirabello

Vittorio Ranieri


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 49

SPORT SERIE C1 Il quintetto di mister Fregola all’Agrario cala il poker agli avversari del Maestrelli

Catanzarese, ritorno alla vittoria Agganciato al 2º posto della graduatoria il San Giuseppe Rosarno

CALCIO A CINQUE CATAN ZAR ESE MAESTR E LLI

4 3

SERIE C1 Il team di mister Rotundo rimedia una sconfitta

Marcatori: I tempo: 2’ Praticò (aut), 21’ D’Elia; II tempo: 19’ Nelo, 21’ Lanciano, 27’, 28’ Creaco, 31’ Bruni. Catanzarese: Patruno, D’Elia, Lanciano, Bruni, Mardente, Lacava, Carnevali, Corea, Cundò, Virgolino, Voci, Sperlì. All. Fregola. Maestrelli: Gervasi, Nelo, Cormaci, Albanese, Laurendi, Lorenti, Creaco, Marando, Praticò, Malara, Lombardo, Spanò. All. D’Arrigo. Arbitri: Rose di Cosenza e Polistena di Vibo Val. CATANZARO — Dopo quattro

turni ritorna alla vittoria la Catanzarese Stefano Gallo. Un successo importante, perché, a parte il riscatto della sconfitta subita nel derby cittadino con l’Atletico Panarea, consente alla formazione allenata da Gino Fregola di agganciare al secondo posto della graduatoria il San Giuseppe Rosarno. Ora sono soltanto tre i punti che dividono i “giallorossi” dalla capolista Fata Morgana. All’Agrario si è assistito ad un incontro tecnicamente valido, con i padroni di casa che hanno avuto la meglio sui reggini della Maestrelli grazie ad una gara tutto cuore, incerta fino al termine e decisa sul filo di lana da un gol del giovane Bruni, che ha fatto impazzire i numerosi spettatori convenuti sugli spalti. I padroni di casa, scesi in campo privi di Cipparrone, fermato da un attacco febbrile e con Mardente in condizioni fisiche precarie, hanno impresso alla gara un ritmo elevato. Tutti gli elementi schierati dal tecnico catanzarese si sono dati un gran da fare: da Lanciano, vero trascinatore, a Voci, dal sempre valido D’Elia al giovane Bruni. Tra gli ospiti in evidenza Creaco, autore di una doppietta e Nelo, anche se la squadra tutta ha fornito una buona prestazio-

L’Atletico Panarea cade sul campo della Gallinese L’incontro finisce 3 a 2 per i padroni di casa La Catanzarese Stefano Gallo

XV giornata Gallinese-Atletico Panarea Catanzarese-Maestrelli M. Polistena-Fata Morgana Siderno-Carpe Diem Cs Kroton-Mirto Rende-S. Giuseppe Ros. Oratorio San Fr. -Zona 2002

3-2 4-3 3-5 3-4 6-2 6-6 6-1

Classifica Fata Morgana 33, Catanzarese, San Giuseppe Ros. 30, Gallinese 27, Atletico Panarea 26, Zona 2002 25, Oratorio San Fr. 20, Maestrelli 19, Kroton, Mirto*18, Carpe Diem Cs 16, Mimmo Polistena 14, Siderno 10, Rende 9. (* 2 punti di penalizzazione)

ne, soprattutto dal punto di vista agonistico. La cronaca si apre con il vantaggio dei locali al 2’. Sul consueto schema di calcio d’angolo battuto da Lanciano, il tocco tanto decisivo, quanto sfortunato, di Praticò, mette fuori causa il portiere Spanò. La reazione della Maestrelli non approda a nulla, perché Patruno, con alcuni ottimi interventi, non si fa sorprendere. Raddoppia, invece, la Catanzarese con D’Elia, a coronamento di una serie di precedenti azioni pericolose portate sotto la rete avversaria. Nella seconda frazione di gioco i padroni i casa accusano

un calo, con i reggini che ne approfittano per dimezzare le distanze con Nelo, che batte Patruno, a conclusione di una azione personale. Ci pensa al 21’ capitan Lanciano a siglare il gol del tre a uno, direttamente su calcio di punizione, sia pure con la complicità dell’estremo difensore ospite. A questo punto sono i reggini a prendere in mano le redini del gioco; prima Lorenti e poi Marando tentano la via della rete, che arriva comunque al minuto 27 per merito di Creaco, lesto a concludere una mischia sotto la porta difesa da Patruno. Sulle ali dell’entusiasmo, sessanta secondi dopo, l’insperato pareggio, sempre ad opera di Creaco. Quando si aspetta il fischio finale arriva la rete della vittoria dei padroni di casa: Bruni riceve palla dal compagno di squadra Corea, si gira e dal limite dell’area di rigore reggina con un tocco di sinistro fa fuori Spanò. Le emozioni non sono comunque finite, perché Lorenti, con Patruno battuto, colpisce il palo. Finisce con la vittoria, meritata, anche se sofferta, della Catanzarese, ma vinti e vincitori meritano, all’unisono, un applauso per avere dato vita ad un incontro davvero entusiasmante. Mario Mirabello

SERIE C1 Subiscono 6 reti i ragazzi allenati da Laudadio sul terreno di gioco di San Giovanni in Fiore

L’Oratorio San Francesco si “abbatte” sulla Zona 2002 ORATORIO SAN FR. ZONA 2002

6 1

Marcatori: I tempo: 1’ Oliverio M., 14’ Alessi; II tempo: 4’ Mannarino, 8’ Oliverio M., 19’ Romano, 24’ Caliò, 29’ Oliverio S. Oratorio San Fr.: Madia, Atteritano, Oliverio S., Alessi, Oliverio N., Mannarino, Ruggiero, Straface, Urso, Oliverio M., Romano. All. Federico. Zona 2002: Nisticò, Laudadio M., Caroleo D., Spagnolo, Caroleo G., Amerato, Carrozza, Caliò, Brescia, Carnuccio, Brandonisio. All. Laudadio I. SAN GIOVANNI IN FIORE —

Brutta sconfitta della Zona 2002 sul campo di San Giovanni in Fiore. Davvero una giornataccia per i ragazzi allenati da Ivan Laudadio, che ancora una volta hanno dimostrato la loro scarsa vena nelle gare in

trasferta. Ma al di là della sconfitta c’è da sottolineare il pesante punteggio con il quale si è concluso il match: non c’è stata infatti partita, in quanto i locali dell’Oratorio San Francesco hanno dominato in lungo ed in largo, lasciando agli avversari ben poco. Di certo la rete subita dopo soli venti secondi dal fischio d’inizio ha alquanto disorientato Carrozza e compagni, che non hanno avuto quindi un buon approccio con la gara. Tutto altro! Chiusa la prima frazione di gioco sul doppio vantaggio, i silani hanno gradatamente aumentato il bottino delle reti nei secondi trenta minuti, durante i quali la porta difesa catanzarese è stata letteralmente bersagliata. Solo sul cinque a uno, Caliò ha salvato la faccia realizzando il gol della bandiera. Per quel che concerne la cro-

naca, ad aprire le marcature Oliverio M., che dopo soli venti secondi, manda la sfera alle spalle dell’estremo difensore catanzarese con un tiro a mezza altezza. Il due a zero lo firma Alessi, che conclude un’azione corale della propria squadra. Nella ripresa, prima Mannarino, poi ancora Oliverio M. fissano il punteggio sul quattro a zero. La quinta segnatura è opera di Romano, dopo una veloce ripartenza del compagno di squadra Mannarino. La Zona 2002 ha un attimo di reazione con Caliò che, con una conclusione da dentro l’area di rigore avversaria, batte il portiere silano. La rete nel finale di gara, segnata da Oliverio S., serve solo a fissare il risultato finale sul sei a uno. M. M.

L’Atletico Panarea

GALLINESE ATLETICO PANAREA

3 2

Marcatori: II tempo: 5’ Catanese, 12’ Vazzana, 15’ Logiudice, 17’ Celia, 30’ Cacia. Gallinese: Tamiro, Venanzi, Iracà, Logiudice, Catanese, Martino, Vazzana, Parisi, Praticò, Pedà, Polito, Costantino. All. Cutrupi. Atletico Panarea: Scerbo, Critelli, Calabrese, Scozzafava, De Santis G., Ambrosio, Celia, Pastori, Zurlo, Cacia, De Santis A. All. Rotundo. Arbitri: Sammarco e Santoro di Paola. REGGIO CALABRIA — Dopo la vittoria nel “derby” cittadino contro la Catanzarese Stefano Gallo, l’Atletico Panarea di mister Toni Rotundo, rimedia una sconfitta sul non certo facile campo della Gallinese. Un successo, quello dei padroni di casa, che consente loro di superare in classifica gli stessi catanzaresi, ora quinti, a quattro punti dalla zona play-off. Un match molto combattuto da ambo le parti, con le due squadre che non si sono affatto risparmiate per tutto l’arco dell’incontro. Nel primo tempo l’Atletico Panarea sciupa parecchie occasioni per passare in vantaggio: basti pensare che già dopo pochi secondi dal fischio d’inizio, Celia, con una staffilata da fuori area, impegna in due tempi Tamiro. I padroni di casa, in ogni caso, si difendono abbastanza bene, grazie anche alle straordinarie e miracolose parate del già citati portiere Tamiro, che in più occasioni evita il peggio ai suoi. Al 5’ De Santis G. serve Celia, che si libera facilmente di un avversario, scarica per Pastori, che lascia partire un siluro potentissimo, con Tamiro che allunga una gamba e sulla linea di porta devia in angolo. La Gallinese tenta di reagire con Vazzana, che servito da Lo Giudice, prova da fuori area: senza problemi la parata di De Santis A. Verso la fine del tempo De Santis A. effettua un lungo passaggio per Cacia, che in rovesciata, impegna Tamiro; l’estremo difensore reggino, con la punta delle

dita, devia in angolo. Proprio in chiusura Vazzana, servito da Catanese, prova da fuori area; De Santis A., in tuffo, toglie le castagne dal fuoco ai suoi. La seconda frazione di gioco si apre con una Gallinese abbastanza aggressiva. Arriva, infatti, al minuto 5 la rete del vantaggio dei padroni di casa: Catanese riesce ad intercettare un passaggio di Celia per Pastori, salta un avversario e infila nel sette con un potente rasoterra. La reazione degli ospiti non si fa attendere: Pastori, dribblati due avversari, scarica un potente destro, ma ancora una volta Tamiro salva la propria porta. Lo stesso numero uno locale si ripete subito dopo neutralizzando un pallonetto di Cacia. Di contro arriva il raddoppio della Gallinese al 12’ con Vazzana, bravo a conquistare palla ed a superare l’estremo difensore De Santis A. per poi depositare la sfera in rete. E’ il momento migliore della Gallinese, che cerca di assediare la metà campo ospite, impegnando più volte De Santis A. sempre con alcune potenti conclusioni di Vazzana. Tre minuti più tardi la terza segnatura da parte dei locali reggini. Su un angolo battuto da Vazzana, la palla finisce sui piedi di Logiudice, che prova da fuori area, con la stessa che sbatte sui piedi di un avversario e carambola in porta. A questo punto mister Rotundo prova la carta del quinto uomo. La mossa dà i suoi frutti, perché al minuto 17 l’Atletico Panarea accorcia le distanze con Celia che, servito lungo dal compagno di squadra Pastori, in velocità batte Tamiro. Arriva anche nel finale la seconda realizzazione, firmata da Cacia; il giocatore catanzarese, dopo un preciso passaggio di Celia, batte il portiere avversario con un potente rasoterra. Finisce tre a due per i padroni di casa, con parecchie recriminazioni da parte degli ospiti, ai quali va comunque il merito di avere riaperto la gara, anche se con notevole ritardo. M. M.


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

50 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, dr. Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 1/96 r.g.e. promosso dalla Carical visti gli atti DISPONE procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto 1: quota pari a 1/5 di terreno edificabile in Santa Caterina sullo Ionio, Via Mattia Preti, mq 6610 con sovrastanti fabbricati rurali, in Catasto foglio 34, p.lle 10 e 12. Prezzo euro 13.050,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’offerente, depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro proc. n. 1/96 RGE” portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 17.03.09, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 18.03.09. Aumento minimo in caso di gara euro 500,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, il prezzo d’acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione in Cancelleria. Catanzaro, 27.06.2007 Il Giudice M.C. Andricciola °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Maria Carmela Andricciola Nella procedura esecutiva n.128/03 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1): appartamento posto al primo piano di fabbricato per civile abitazione, sito in Girifalco (CZ), tra le Vie San Martino, Leonardo da Vinci, Giulio Cesare, composto da ingresso, cucina, bagno, quattro camere, mq.84,40, oltre mq 9,30 di balconi; identificato in catasto: foglio 11 mappale 190 sub 1, cat. c/3, classe 2 Prezzo euro 17.442,000 Lotto 2): locale posto al piano terra di fabbricato per civile abitazione, sito in Girifalco (CZ), tra le Vie San Martino, Leonardo da Vinci, Giulio Cesare, composto da un unico vano con ingresso munito di serranda e porta d’accesso da via Leonardo da vinci, mq 84,00; identificato in catasto: foglio 11 mappale 190 sub 2, cat. c/3, classe 2 Prezzo euro 21.205,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 11.03.2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenete domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n…” di importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto -dedotta la già versata cauzioneentro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per le offerte di acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicati entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: www.eugenius.it - Il Domani. L’Operatore Giudiziario Ficchì Miryam °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Maria Carmela Andricciola ha pronunciato la seguente ordinanza nella procedura esecutiva n. 154/05 R.G.E. pendente tra Neos Finance S.p.A. contro _________; visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Quota pari a 1/2 di porzione di fabbricato in Caraffa di Catanzaro, Piazza Reduci 64, in catasto al foglio 6, p.lla 646, Prezzo euro 70.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in

PROGETTO

A CURA DELLA

Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un Assegno Circolare intestato a Tribunale di Catanzaro proc. n. 154/05 RGE di un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione entro le ore 12,00 del giorno 17.03.2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 18.03.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione in Cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 04.11.2008 Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 32/2005 promossa da BANCA ANTONIANA POPOLARE VENETA SpA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete,vedere l’ordinanza di vendita del 09.07.06 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 05.03.2009 alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; - l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; - l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); - l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete,vedere l’ordinanza di vendita del 09.07.06 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 04.06.2009, CON IL PREZZO RIBASSATO DI 1/4+1/4, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it - Custode Giudiziario: Dott. F. SERAFINO (Tel. 0964.381184) Maggiori informazioni potranno essere acquisite pres-

MEDIATAG

so la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 16 gennaio 2009 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 32/2005 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS ...., DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Diritto di piena proprietà sul terreno in Riace, loc. Pietra, adibito ad uliveto, identificato nel Catasto Terreni al foglio di mappa n. 1, particelle n. 222, mq. 2.520” PREZZO BASE: Euro 3.284.350,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE: per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. Gabriella Di Stefano) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma c.p.c.); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9) l’udienza di vendita è fissata per il giorno 17.04.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine di gg. 60 dall’aggiudicazione dovrà versare l’eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l’importo della cauzione, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione;

Per informazioni 0961 996802

13) in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); 15) maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri oppure presso il custode giudiziario; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Riace, Stignano, Monasterace (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 05.07.2007 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 09 giugno 2006 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 31/96 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 6 cat. A/3, classe 3^ vani 8,5, in ditta coniugi ..................... proprietari per 250/1000, ...................... proprietaria per 250/1000, coniugi ................ proprietari per 250/1000, coniugi ....................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 10.306,00 Deposito per cauzione: Euro 1.030,60 Deposito per spese: Euro 1.546,00 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, con-

PROGETTO

A CURA DELLA

trada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 7 cat. A/3, classe 2^ vani 5, e sub 11 cat. A/3 classe 3^ vani 4,5, in ditta coniugi ................. proprietari per 250/1000, ..................... proprietaria per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 9.513,00 Deposito per cauzione:”Euro 951,30 Deposito per spese: Euro 1.427,00 3° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 8 cat. A/3, classe 3^ vani 10, in ditta coniugi ....................... proprietari per 250/1000, ..................... proprietaria per 250/1000, coniugi .................... proprietari per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 12.162,00 Deposito per cauzione:”Euro 1.216,20 Deposito per spese: Euro 1.824,00 4° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 9 e sub 12 cat. A/3, classe 3^ vani 5, in ditta coniugi ........................ proprietari per 250/1000, ...................... proprietaria per 250/1000, coniugi ................. proprietari per 250/1000, coniugi ........................ proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 10.269,00 Deposito per cauzione:”Euro 1.026,90 Deposito per spese: Euro 1.540,00 5° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sul lastrico solare posto al primo piano costituente la copertura a terrazzo di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 10 di mq. 682, in ditta coniugi ....................... proprietari per 250/1000, ...................... proprietaria per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000, coniugi ....................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 4.263,00 Deposito per cauzione: Euro 426,30

Deposito per spese: Euro 639,00 STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 27.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 400 per i Lotti 1°, 2°, 3° e 4° ed Euro 150,00 per il 5° Lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 27.02.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 16 gennaio 2009 IL CANCELLIERE” °°°°°°°°°° SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 95/97 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Terreno sito nel Comune di Locri, C.da Castello, catastalmente riportato alla partita 1395, foglio di mappa 19, particella 103, seminativo arborato di are 00.37.70, classe 1^, r.d. £. 45.240, r.a. £. 15.080, in ditta ....................... proprietaria per 1/2 e usufruttuaria per 3/4, ........................... proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 131.541,47 Deposito per cauzione: Euro 13.154,16 Deposito per spese: Euro 19.731,24 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 27.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’u-

MEDIATAG • Per informazioni 0961 996802

dienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 2.700,00. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 27.02.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 16 gennaio 2009 IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA R.G. 28/84 Procedura di espropriazione immobiliare promossa da Banco di Napoli Il Giudice dell’esecuzione con ordinanza del 4.11.08 ha disposto procedersi alla vendita dei seguenti beni immobili. LOTTO N. 1 appartamento per civile abitazione sito a Vibo Valentia alla via Forgiari angolo Vitt. Eman. III, con accesso da Via Santa maria dell’Imperio, ubicato al primo piano. In Catasto al fg n. 32 p.lla 812 sub 9 cat. A/3 vani 6. Prezzo base d’asta Euro 126.720,00 STABILISCE per la vendita con incanto l’udienza del 17.3.2009 con le seguenti modalità: - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro1.000,00. - Ciascun offerente dovrà depositare, entro le ore 11 del giorno precedente l’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base di cui 10% a titolo di cauzione e 15% per presumibili spese di vendita. - entro 30 giorni dall’aggiudicazione definitiva l’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione dedotta la cauzione, su libretto bancario intestato alla procedura con vincolo al G.E. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria del Tribunale. Vibo Valentia, 6.11.2008 IL CANCELLIERE Dott.ssa Liliana Addesi


Pag. 51

Inserto speciale di annunci gratuiti, rubriche, compravendita, occasioni, secondamano

L’ANGOLO DEL COMMERCIALISTA Un importante argomento viene affrontato nella rubrica a cura del dottor Salvatore Varano

Il Governo propone un piano anticrisi sui mutui Secondo il decreto lo Stato si accollerebbe la spesa in interessi per la parte che supera il tasso del 4% di Salvatore Varano*

Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

CATANZARO — Piano anticrisi sui mutui: oltre il 4% paga lo Stato. La manovra del Governo relativamente ai mutui ed il relativo Decreto che deve ancora essere approvato e quindi potrebbe essere soggetto a modifiche o limiti di applicazione. Soggetti interessati al contributo Sarebbero oggetto del beneficio i mutui: - già stipulati; - riguardanti la "prima casa"; - regolati a tasso variabile. I mutui a tasso fisso non sono toccati dalla manovra indipendentemente dal tasso applicato. Natura del Contributo Lo Stato si accollerebbe la spesa in interessi per la parte che supera il tasso del 4%. Il beneficio non verrà però applicato per tutta la durata del mutuo ma solo per il 2009. Poi salvo proroghe tutto tornerà come prima. Rimborso del contributo Non è chiaro se la rata verrà compensata mensilmente dalla banca o se si pagherà subito per intero e lo Stato rimborserà il credito più avanti. Entità del rimborso

Il dottor Salvatore Varano

Considerata l'avvenuta riduzione dell'Euribor si può ipotizzare che il contributo ammonterà mediamente a circa l'1% del debito residuo (es. 800 Euro su un capitale residuo di 80.000 Euro). Se le

la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 09 giugno 2006 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 31/96 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 6 cat. A/3, classe 3^ vani 8,5, in ditta coniugi ..................... proprietari per 250/1000, ...................... proprietaria per 250/1000, coniugi ................ proprietari per 250/1000, coniugi ....................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 10.306,00 Deposito per cauzione: Euro 1.030,60 Deposito per spese: Euro 1.546,00 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, con-

PROGETTO

A CURA DELLA

attese relative ad un ulteriore flessione dell'Euribor si avvereranno, l'importo rimborsato sarà conseguentemente inferiore. Per chi vuole sostituire il vecchio mutuo Chi passa oggi ad un mutuo a tasso fisso può garantirsi un tasso tra i migliori che siano mai stati disponibili. Si pensi che i clienti TeleMutuo in fase di stipula in questi giorni stanno contraendo i seguenti tassi fissi per mutui destinati all'acquisto dell'abitazione: 5 anni: 4,4%; 10 anni: 4,9%; 15 anni: 5,1%; 20 anni: 5,0%; 25 anni: 4,8%; 30 anni: 4,6%. Chi rinvia non può sapere quali condizioni troverà durante o alla fine di una delle più gravi crisi finanziarie mondiali. Né potrà contare su ulteriori contributi di uno Stato con bilanci provati da un periodo così difficile. Se il mutuo è ancora lungo, rimandare potrebbe rivelarsi dannoso. Riferimento al tasso Bce Sembra che dal 2009 chi sceglierà un mutuo a tasso variabile potrà chiedere di ancorarlo alle variazioni del tasso stabilito dalla Bce (Banca Centrale Europea) invece che all'Euribor. Il tasso Bce è di solito un po' più basso

trada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 7 cat. A/3, classe 2^ vani 5, e sub 11 cat. A/3 classe 3^ vani 4,5, in ditta coniugi ................. proprietari per 250/1000, ..................... proprietaria per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 9.513,00 Deposito per cauzione:”Euro 951,30 Deposito per spese: Euro 1.427,00 3° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 8 cat. A/3, classe 3^ vani 10, in ditta coniugi ....................... proprietari per 250/1000, ..................... proprietaria per 250/1000, coniugi .................... proprietari per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 12.162,00 Deposito per cauzione:”Euro 1.216,20 Deposito per spese: Euro 1.824,00 4° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sull’unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato e al piano terra di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 9 e sub 12 cat. A/3, classe 3^ vani 5, in ditta coniugi ........................ proprietari per 250/1000, ...................... proprietaria per 250/1000, coniugi ................. proprietari per 250/1000, coniugi ........................ proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 10.269,00 Deposito per cauzione:”Euro 1.026,90 Deposito per spese: Euro 1.540,00 5° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/8, sul lastrico solare posto al primo piano costituente la copertura a terrazzo di un fabbricato ad un piano seminterrato ed uno fuori terra sito nel Comune di Siderno, contrada Feudo Vecchio località Badalia riportato nel NCEU alla partita 4858 foglio di mappa 36 particella 382 sub 10 di mq. 682, in ditta coniugi ....................... proprietari per 250/1000, ...................... proprietaria per 250/1000, coniugi ......................... proprietari per 250/1000, coniugi ....................... proprietari per 250/1000 Prezzo base del lotto: Euro 4.263,00 Deposito per cauzione: Euro 426,30

dell'Euribor. Tuttavia è ovvio che lo spread sarà conseguentemente più alto, visto che le banche si riforniscono di denaro al tasso Euribor. Infatti gli istituti di credito che già oggi agganciano il tasso

Deposito per spese: Euro 639,00 STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 27.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 400 per i Lotti 1°, 2°, 3° e 4° ed Euro 150,00 per il 5° Lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 27.02.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 16 gennaio 2009 IL CANCELLIERE” °°°°°°°°°° SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 95/97 promossa da CARICAL. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Terreno sito nel Comune di Locri, C.da Castello, catastalmente riportato alla partita 1395, foglio di mappa 19, particella 103, seminativo arborato di are 00.37.70, classe 1^, r.d. £. 45.240, r.a. £. 15.080, in ditta ....................... proprietaria per 1/2 e usufruttuaria per 3/4, ........................... proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 131.541,47 Deposito per cauzione: Euro 13.154,16 Deposito per spese: Euro 19.731,24 L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 27.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di parte-

MEDIATAG • Per informazioni 0961 996802

al parametro della Bce chiedono uno spread dell'1,5%, quasi doppio rispetto a quelli correlati all'Euribor. *Commercialista, revisore, contabile

cipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 2.700,00. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 27.02.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 16 gennaio 2009 IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA R.G. 28/84 Procedura di espropriazione immobiliare promossa da Banco di Napoli Il Giudice dell’esecuzione con ordinanza del 4.11.08 ha disposto procedersi alla vendita dei seguenti beni immobili. LOTTO N. 1 appartamento per civile abitazione sito a Vibo Valentia alla via Forgiari angolo Vitt. Eman. III, con accesso da Via Santa maria dell’Imperio, ubicato al primo piano. In Catasto al fg n. 32 p.lla 812 sub 9 cat. A/3 vani 6. Prezzo base d’asta Euro 126.720,00 STABILISCE per la vendita con incanto l’udienza del 17.3.2009 con le seguenti modalità: - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro1.000,00. - Ciascun offerente dovrà depositare, entro le ore 11 del giorno precedente l’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base di cui 10% a titolo di cauzione e 15% per presumibili spese di vendita. - entro 30 giorni dall’aggiudicazione definitiva l’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione dedotta la cauzione, su libretto bancario intestato alla procedura con vincolo al G.E. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria del Tribunale. Vibo Valentia, 6.11.2008 IL CANCELLIERE Dott.ssa Liliana Addesi


52 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPECIALE ESPERTI VITA DI CONDOMINIO Anche questa settimana, la consueta rubrica a cura del Centro Studi Anaci di Catanzaro

Installazione antenne satellitari, aspetti giuridici e fiscali Analisi delle problematiche sorte in seguito alla “rivoluzione” posta in essere dalle nuove tecnologie di Pietro Bullotta* CATANZARO — Nella rubrica “Vita di Condominio” a cura del Centro Studi Anaci di Catanzaro si parla di “Antenne satellitari”. Una breve dispensa commissionata dall'Anaci, Sede Provinciale di Taranto. Le antenne tv nel regime condominiale Breve sintesi legislativa Il principio informatore della disciplina del regime delle antenne era quello di consentire l’installazione nella proprietà immobiliare di alcuno "degli aerei esterni destinati al funzionamento di apparecchi radiofonici appartenenti agli abitanti degli stabili o appartamenti stessi. Che tale diritto non fosse assimilabile ad una servitù o ad un limite intrinseco alla struttura del diritto di proprietà veniva specificato dall’art. 3 che consentiva al proprietario la rimozione dell’aereo ovvero la ricollocazione in altro luogo qualora avesse dovuto sostenere nello stabile lavori o innovazioni. Successivamente prende il sopravvento il principio delle limitazioni legali ex art. 232. I fili e i cavi senza appoggio degli impianti possono passare, anche senza il consenso del proprietario, sia sopra proprietà pubbliche che private, sia dinanzi che ai lati degli edifici ove non vi siano finestre o aperture praticabili. Inoltre, il proprietario non può opporsi all’appoggio di antenne, sostegni, fili o qualsiasi altro impianto nell’immobile di sua proprietà. Infine, passando ai giorni nostri, solo le recenti disposizioni contenute nella cosiddetta Legge Maccanico, la legge n° 249 del 1997, ai commi 13 e 14 dell’art. 3, si occupano da un lato delle antenne satellitari, dall’altro si riferisce alle nuove costruzioni ed interventi di ristrutturazioni a decorrere dal 1° gennaio 1998. Opinioni in dottrina e giurisprudenza. Il primo studioso a svolgere un lavoro sistematico fu Gianni Galli, i cui risultati si possono così riassumere: la L. 554 del 1940 rappresenta un primo tentativo di collegare la locazione all’ambiente condominiale per il fatto che la norma anticipa una tendenza sviluppatasi in seguito, mettendo in crisi di identità il sistema condominiale di fronte alle esigenze dell’abitare; i giudici di legittimità e di merito negli ultimi 30-40 anni hanno modificato il loro approccio interpretativo alla problematica in oggetto: infatti, la Cassazione negli anni 60 con sentenza n. 1005/1960 poneva a carico del proprietario una vera e propria servitù coattiva. Successivamente i giudici di legittimità sostennero che il diritto di installare antenne è un diritto soggettivo perfetto di natura personale che ha come soggetto obbligato il condominio/proprietario terzo. Infine, un terzo orientamento espresso dalla Cassazione con sentenza 7418 del 1983 ha riconosciuto all’utente il diritto soggettivamente perfetto di installare l’antenna in quanto tale diritto troverebbe fondamento nell’art. 21 della Costituzione quale corollario della manifestazione di pensiero con qualsiasi mezzo. Al diritto di informare corrisponde il diritto di essere informati. Problemi applicativi della normativa. Si verifica sotto l’aspetto strettamente giuridico una latente conflittualità tra norme: da un lato il diritto all’informazione e dall’altro il diritto a mantenere in decoroso condizioni l’edificio. Quanto all’espressione "ristrutturazione generale", la c.d. Legge Maccanico non ripete alcuna delle qualificazioni adottate dall’art. 31 della L 457/’78, infatti, essa pare rivolta a ricomprendere tutte quelle tipologie di interventi che necessitano della autorizzazione da parte dell’autorità comunale. Sono esclusi quindi gli interventi di manutenzione ordinaria per i quali sono sufficienti solo le comunicazioni di inizio lavori, per cui non sussiste alcun dubbio circa la comprensione nella categoria della ristrutturazione generale. Il comma 13 dell’art. 3 è formato da due disposizioni: la prima si riferisce agli impianti da realizzarsi in edifici di nuova costruzione o sottoposti a ristrutturazione generale, la seconda ad interventi nei centri storici. Mentre nella prima

VITA DI CONDOMINIO INVIA I TUOI QUESITI AGLI ESPERTI DEL CENTRO STUDI ANACI DI CATANZARO

- Centro Studi Anaci Direttore Pietro Bullotta. Componenti: Valentino D’Onofrio; Daniela Gemelli; Lidia Cupido; Marianna Cupido; Marzia Milano; Concetta Bruni; Maria Commisso.

Per informazioni e domande utilizzare l’e-mail: lapiazza@ildomani. it ipotesi è agevole pensare che il costruttore predisponga un impianto comune di ricezione di programmi televisivi via satellite, nella seconda fattispecie si interviene in un contesto edilizio già formato nel quale lo stesso legislatore avverte la necessità di limitare la selvaggia proliferazione di antenne. Quindi, le antenne potranno essere, se non beni comuni, almeno beni in comune . Infine, la modifica, negli edifici storici, dell’impianto tradizionale tv, o l’eventuale nuova installazione di un’antenna satellitare accanto a quella preesistente costituisce una manutenzione straordinaria? Poiché l’innovazione è una modifica diretta al miglioramento delle cose comuni ex art. 1120 c.c., si può avere tecnicamente una innovazione allorquando l’intervento sia di sostituzione, integrazione, miglioramento del bene comune preesistente. Al contrario, se si intende realizzare l’installazione di un’antenna satellitare al fine di scongiurare il proliferare di antenne individuali, siamo nel campo della realizzazione di un’opera nuova destinata ad essere in comune fra più soggetti, nulla impedendo che tutti i condomini possano avvalersi di tale realizzazione. Il pregiudizio del decoro architettonico Al fine di stabilire se le opere modificatrici pregiudicano il decoro, debbano essere tenute presenti le condizioni in cui l’edificio si trovava nello stato precedente, con la conseguenza che una modifica non può essere ritenuta pregiudizievole per il predetto decoro se apportata ad un edificio la cui estetica era stata già di per se menomata. Integra l’alterazione del predetto decoro la realizzazione di opere che non mutano l’originario aspetto anche soltanto di singoli elementi o punti del fabbricato, tutte le volte che tale imputazione sia suscettibile sull’insieme dell’aspetto dello stabile. Essendo il concetto di decoro architettonico piuttosto elastico, il Magistrato è tenuto a porre in essere un ragionevole equilibrio bilanciando gli interessi contrapposti, scegliendo, ove necessario, quello maggiormente tutelabile. La discrezionalità dell’ente giudicante trova però un suo limite ogni qualvolta un regolamento condominiale abbia specificatamente definito a priori cosa si intende per alterazione dell’estetica dell’edificio. Antenne per cellulari ed inquinamento elettromagnetico. Se tutti i comproprietari sono d’accordo nella locazione della terrazza non sorgono problemi. In caso contrario sorge il problema delle maggioranze. In mancanza di un regolamento contrattuale, bisogna far riferimento alla normativa civilistica ed alla giurisprudenza di merito. Se la locazione ha durata superiore a 9 anni è indispensabile il consenso di tutti i condomini. Se la durata del contratto è infranovennale, la Cassazione ha stabilito che la locazione della cosa comune può essere disposta con votazione a maggioranza dei partecipanti soltanto quando non sia possibile l’uso diretto dello stesso bene per tutti i condomini. In mancanza di tali condizioni, la delibera è nulla. Infine, va osservato il problema dei permanenti danni psico-fisici che l'installazione di tale antenne può provocare a lungo termine. Il Tribu-

nale di Monza ha approvato che l’ installazione del ripetitore è da ritenersi illegittima se non sono state tenute presenti le esigenze di salute dei condomini e se non è stato fornito agli stessi alcun elemento valutativo circa le caratteristiche e le misure della nocività dell’impianto stesso. Ultima questione non ancora affrontata dai giudici è il deprezzamento che le singole unità immobiliari possano subire . Gli appartamenti ubicati sotto la stessa e nelle vicinanze, subiscono una elevata diminuzione del valore economico. E se il ripetitore viene installato su un lastrico di proprietà esclusiva? Il Tribunale di Piacenza ha precisato con sentenza n. 51 del 1998 che è lecita l’installazione di tale impianto a patto che non rechi danno alle parti comuni dello stabile. Ma recentemente la Procura della Repubblica di Venezia ha constatatato che 30 persone che abitavano a poca distanza da un elettrodotto soffrivano di tumori linfatici. Con riferimento a quest’ultimo evento il legislatore è corso ai ripari. Infatti, il 14 ottobre del 1999 alla Camera è stato approvato il disegno di legge di una legge quadro che rinvia al Governo alcuni argomenti quali la fissazione di limiti di esposizione ed i valori di attenzione nei confronti di stazioni di telefonia cellulare. Tali decreti devono prevedere nuovi limiti suddivisi in diverse fasce a seconda della grandezza e ampiezza delle onde elettromagnetiche. Le maggioranze assemblari per l’installazione di un impianto tv - satellitare centralizzato Le maggioranze necessarie Nel caso in cui un impianto televisivo centralizzato per la ricezione della tv tradizionale esista già, riconvertirlo ed estenderlo in impianto satellitare significa modificare un impianto tecnologico già esistente. In questi casi, la deliberazione deve essere approvata con le maggioranze previste dall’art. 1136 comma 1, 2 e 4 c.c.. In prima convocazione sarà necessaria la presenza di tanti condomini che rappresentino almeno i due terzi del valore dell’edificio ed i due terzi dei partecipanti al condominio: la delibera sarà approvata con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti ed almeno la metà del valore dell’edificio. In seconda convocazione non sarà necessaria la presenza di un numero minimo di condomini ma la delibera dovrà essere approvata con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti e di oltre 500 millesimi. Nel caso in cui nell’edificio esistano solo antenne singole si tratta di deliberare una vera e propria miglioria e non semplicemente di integrare un impianto già esistente. La giurisprudenza ha precisato che per miglioria deve intendersi una innovazione diretta al miglioramento o all’uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comuni. Ciò significa che l’installazione di un’antenna centralizzata rientra nel concetto di miglioria di cui all’art. 1120 c.c., e pertanto, i condomini possono deliberarne l’installazione con le maggioranze previste dagli artt.li 1120 e 1136 c.c. In prima convocazione l’assemblea sarà regolarmente costituita con l’intervento di tanti condomini che rappresentino i due terzi del valore del-

l’edificio e i due terzi dei partecipanti al condominio: la delibera dovrà essere approvata con un numero di voti che rappresenti la maggioranza dei partecipanti al condominio e i due terzi del valore dell’edificio. In seconda convocazione non è richiesta la presenza di un numero minimo di condomini ma la delibera dovrà, comunque, essere approvata con i voti favorevoli della maggioranza dei partecipanti al condominio e dei due terzi del valore dell’edificio. Nel caso in cui l’immobile in cui deve essere installata l’antenna centralizzata sia particolarmente povero dal punto di vista degli impianti tecnologici esistenti, si potrebbe ipotizzare che la realizzazione di un impianto all’avanguardia, rappresenti una vera e propria innovazione di carattere voluttuario. In questo caso non è sufficiente che la delibera sia approvata con la maggioranza anche qualificata. Prevede, infatti, l’art. 1121 c.c. che, qualora l’innovazione abbia carattere voluttuario rispetto alle particolari condizioni dell’edificio e consista in impianti suscettibili di utilizzazione separata, i condomini non interessati sono esonerati dal partecipare alla spesa. I condomini che decidono di installare l’impianto possono predisporre particolari accorgimenti affinché gli appartamenti dei condomini dissenzienti siano esclusi dalla ricezione dei segnali trasmessi dal satellite. Nel caso in cui ciò non sia tecnicamente possibile, l’innovazione non sarà consentita a meno che la maggioranza dei condomini che l’ha deliberata intenda, comunque, sopportarne integralmente la spesa. Libertà per gruppi di condomini di realizzare l’impianto centralizzato indipendentemente dall’approvazione dell’assemblea condominiale I condomini, riuniti in gruppi, possono installare antenne paraboliche, a meno che non ci siano particolari ragioni in contrario. Tutto ciò vuol dire che, anche se in sede di delibera assembleare non si raggiungono le dovute maggioranze, gruppi di condomini interessati possono, comunque, dare mandato all’amministratore del condominio di far predisporre un impianto satellitare limitato ai loro appartamenti facendosi loro stessi carico di tutte le spese. I condomini dissenzienti potranno successivamente partecipare all’innovazione contribuendo alle spese di esecuzione e di manutenzione. In questo caso il condominio - o il gruppo di condomini - deciderà la quota di partecipazione alle spese di installazione inizialmente sostenute dagli altri e, da quel momento in poi, anche quel condomino parteciperà alle spese di manutenzione e di gestione dello stesso impianto. Anche nel caso in cui l’impianto centralizzato venga realizzato solo da una parte dei condomini, questi hanno diritto alle detrazioni fiscali. Nel caso, invece, in cui sia un singolo condomino ad installare l’antenna, questo non avrà diritto ad alcuna agevolazione. Impianto centralizzato e antenne individuali La Corte di Cassazione ha precisato in più occasioni che qualora sia installata una antenna centralizzata per volontà della maggioranza dei condomini, l’assemblea non può vietare al singolo condomino l’installazione di un’antenna autonoma a meno che, così facendo, non venga arrecato un qualche pregiudizio alle parti comuni dell’edificio oppure venga pregiudicata la possibilità di utilizzazione delle parti comuni da parte degli altri condomini. Non può essere, inoltre, imposto a coloro che già possiedono un’antenna di eliminarla. L’ amministratore stesso potrà proporre, consultando l’installatore, una soluzione volta a sfruttare l’impianto autonomo già esistente. I vantaggi fiscali La legge sugli incentivi per la ristrutturazione del patrimonio edilizio e la circolare applicativa del Ministero delle Finanze hanno inserito tra gli interventi che possono usufruire dei benefici fiscali anche "le opere finalizzate alla cablatura degli edifici previste dalla L. 249/97, per realizzare,

nelle nuove costruzioni o in edifici soggetti a integrale ristrutturazione, antenne collettive o reti via cavo per distribuire la ricezione nelle singole unità abitative. L’importo da detrarre è pari al 36% dell’intero importo comprensivo dell’Iva, delle spese di progettazione e di quelle sostenute per prestazioni professionali. Tale importo va sottratto dall’importo dell’imposta che sarebbe dovuta per il relativo anno ma ciò solo fino alla concorrenza del suo ammontare. Naturalmente le spese sostenute per la realizzazione dell’impianto centralizzato andranno sommate alle detrazioni riconducibili a tutti gli altri eventuali interventi di ristrutturazione immobiliare realizzati dal singolo inquilino o dal condominio nello stesso anno. È importante rilevare che l’ammontare della spesa detraibile è correlato alla realizzazione degli interventi per collegare le unità immobiliari. Inoltre, se uno stesso soggetto possiede o detiene più di un immobile, questi può calcolare la detrazione per ciascuna delle unità immobiliari possedute o detenute. Infine, anche in caso di comproprietà, contitolarità di diritto reale o coesistenza di più diritti reali, a ciascun comproprietario o contitolare spetta la detrazione per le spese sostenute ed effettivamente rimaste a carico. Chi ha diritto a tale beneficio e come ottenerli Hanno diritto alla detrazione coloro che abbiano effettivamente sopportato la spesa, non importa se proprietari, affittuari, usufruttuari, comodatari e così via. Nel caso di vendita dell’immobile le detrazioni che non sono state utilizzate dal venditore spettano, per i restanti periodi d’imposta, all’acquirente. Condizione per aver diritto alla detrazione è che i lavori siano eseguiti su edifici censiti al catasto o di cui sia stato chiesto l’accatastamento e sui quali risulti pagata l’Ici per il 1998/99. Le procedure e la documentazione da fornire si riferisce al complesso dei lavori di ristrutturazione effettuati dal condominio nel 1998 e nel 1999. Nel caso in cui il condominio avesse quindi in programma di effettuare - oltre all’impianto centralizzato - un’altra serie di interventi sarà bene dunque fornire la documentazione una sola volta riferita all’insieme dei lavori di ristrutturazione da effettuare, inserendo in essa anche la documentazione relativa all’impianto centralizzato. Prima di iniziare i lavori il condominio deve inviare al centro di servizio competente, mediante raccomandata: la comunicazione della data in cui avranno inizio i lavori, redatta sul modello ministeriale disponibile presso gli uffici del territorio e delle entrate del Ministero delle Finanze; i permessi comunali che abilitano l’esecuzione o la denuncia di inizio lavori; la documentazione catastale relativa all’immobile; le ricevute di pagamento dell’Ici; le tabelle millesimali di ripartizione delle spese; la deliberazione dell’assemblea condominiale; una dichiarazione di esecuzione dei lavori sottoscritta da un professionista abilitato; il contratto di affitto regolarmente depositato presso l’ufficio del registro;una dichiarazione con la quale il proprietario dell’appartamento dà il proprio consenso alla realizzazione dei lavori. Prima di iniziare i lavori il condomino o il condominio deve, inoltre, comunicare, con raccomandata, all’azienda sanitaria locale competente, la data di inizio dei lavori. La circolare ministeriale aggiunge che si deve comunicare anche: l’ubicazione dei lavori da effettuare e committente; la natura delle opere da realizzare; l’impresa esecutrice delle opere e assunzione di responsabilità, da parte dell’impresa, di aver adempiuto a tutti gli obblighi imposti dalle norme sulla sicurezza sul lavoro e contributivi. Il pagamento dei lavori deve essere effettuato attraverso bonifico bancario intestato al condominio a favore dell’esecutore. Nel bonifico devono essere indicati la causale del versamento, il codice fiscale dell’amministratore del condominio o di uno qualunque dei condòmini e la partita Iva del beneficiario. *Direttore del Centro Studi Anaci


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 53

SPECIALE ANNUNCI NOVITA’ - SI VENDE -ANIMALI - caprette tibetane di tutte le età e colori, vendesi a Davoli Marina (Cz) [Per info: 328-1152342 email: info@agriturismolacalabrisella.com] -ANIMALI - Vendo o scambio pesci tropicali "Discus" di diverse dimensioni, varietà rosso turchese. [Per info: 331-6031330] - BOTTIGLIE-Vendesi collezione bottiglie birra vuote/piene euro 0,15 cad.una. [Per info: 0968-51227] - FRANCOBOLLI - Vendo 126 francobolli da collezione dal 1954 al 1996 [Per info: 334-1230153] - FRANCOBOLLI - Italiani. Regno, Colonie e Repubblica, stupendo lotto oltre 1000 pezzi assortiti nuovi/usati, compreso commemorativi, servizi, alti valori, serie complete, quartine, interi postali, vecchi documenti ecc.., alto valore catalogo, vendesi solo Euro. 100 contrassegno [Per info: 338-4125401] - GIRADISCHI - vendo coppia di giradischi professionali technics sl 1200 mk2- in ottimo stato completi di testine stanton. Causa inutilizzo [Per info: 333-9821004]

Per la casa

NOVITA’ - PER LA CASA - ARREDAMENTO - espositivo completo, costituito da n. 30 mensole in cristallo doppio e 9 montanti in alluminio preverniciato. Merce come nuova. Prezzo scontatissimo. [Per info:329-6173591] - PER LA CASA - Tre rubinetti per vasca, doccia,lavabo e bidet con miscelatore, tutti in acciaio lucido, modello Zucchetti. Cedo per non utilizzo, 80 euro in tutto. Possibile consegna a domicilio. Nuovi imballati. Possibile mms, fax, email. [Per info:328-4619824] - PER LA CASA - tavoli per casa o locali pizzeria vendo legno massello vari tipologie e modelli presso aff. [Per info:333-3208062] - PER LA CASA - Specchio bagno - legno con 1 pensile - 2 lampadine - colore noce, nuovo. Culla stoffa richiudibile euro 30,00 lenzuolini (3 cotone - 4 flanella) e piumino color verde euro 40,00. Copriletto singolo di cotone, a righe euro 30,00 e copriletto matrimoniale euro 50, 00. Lenzuola di flanella matrimoniali euro 15,00, singole euro 10,00. Lenzuola ,di cotone bianco matrimoniali, euro 35,00 singole euro 30,00. Teli bagno color rosa o azzuro euro 15, 00 cadauno. Tappeti scendiletto color crema euro 25,00 cadauno. Scrittoio cm 120 color noce 1 cassetto euro 70,00. ore pasti. [Per info: 338-7726863 / 3296172906] - PER LA CASA - forno per pizzeria o pub, 2 camere, 380 volt. Perfetto funzionante. Vendo prezzo affare. [Per info: 333-3208062] - VARIE - Chiosco mobile per frutta e verdura o altre cose. Vendo a prezzo aff. Tel.: 333/3208062 [Per info: 333-3208062] - POLTRONE - vendo due poltrone con tavolinetto in legno per salone molto comode prezzo da concordare [Per info: 333-3952113]

Arredamento - Edilizia/sanitari/riscaldamento Elettrodomestici e casalinghi - Fai da te - Etc.

-ARREDAMENTO -vendo angolo cottura completo di frgo, lavello, cucina, scolapiatti, pensile. Euro 450,00. Tel. 339-4477093 -ARREDAMENTO -vendo, causa cambio arredamento, divano fine ottocento ottime condizioni. Prezzo irrisorio. Tel. 333-6114588 -ARREDAMENTO - tre rubinetti per vasca-doccia, lavabo e bidet, Modello Zucchetti, cedo per non utilizzo, 80 euro in tutto con consegna a domicilio. Per info: 320-7935230 - CLIMATIZZATORE- Caldo - Freddo 12000 Btu, Nuovissimo ancora imballato senza mai usato , prezzo da concordare ma è un affare. Tel. 338-7430503 - FAI DA TE - Isolazione impermeabilizzazione per tetto/pareti vendesi prezzo affare tel333-3208062 - TAVOLO IN MOGANO - vendo tavolo rotondo in mogano primi ‘900, perfettamente restaurato. 400 euro. Tel. 0961-31392

Di tutto un po’ Salute - animali domestici - finanziamenti - altro

-ATTREZZATURA PER BAR- vendo bancone bar da 3,5 metri con vetrina gelato e retrobanco a specchiera, macchina per caffè a due bracci, cioccolatiera, registratore di cassa, granitore, usati poco. Tel. 327-7789722 - ATTREZZATURA PER PIZZERIA - privato vende attrezzatura peer pizzeria: lavello a due vasche, lavastoviglie-cucina 6 fuochi-cappa aspirante-forno a gas per pizze una camera, tavolo da lavoro, armadio frigo a un’anta, marca Zanussi mai usati, impastatrice italia macchine e altri attrezzi. 329-873014 - ARREDO CALL CENTER - Cedesi arredo per call center, ced, scuola d'informatica, autoscuola, 11 postazioni compresi computer mmx, monitor e tastiere, arredo segreteria. Prezzo euro 1000,00. Trattativa diretta. Per info: 334/3501125 - BILANCIA - professionale da banco, 35x45x13 cm, piatto acciaio, con 6 display fronte e cliente, peso, prezzo, costo, con tastierino numerico e memorie. Batteria tampone lunga durata. 0-30 kg. Euro 99.00. Su richiesta foto, mms. Tel. 320-7935230 - BOTTIGLIE - Cerco bottiglie da collezione

di whisky e liquori anche intere. Tel. 3355875454 - COMBINATA PER LEGNO - monofase, norme Ce, completa di utensili, piani in ghisa, squadratrice, ad euro 749. Tel. 327-6592986 -C ULTURA - azzerata la questione omerica. Grecista offre informazioni gratis. Tel. 0965-620932 - DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CHEWING GUM - marca dreams. ottimo per attività commerciali (bar, pizzerie, sala giochi).Tel. 329-1873014 -EDILIZIA - Bordatrice monospalla automatica, marca 9 Stefani. Euro 2.000 trattabili. Troncatrice doppie seghe, marca Tris Omgao Euro 3.000 trattabili Tel 333-3208062 - FRANCOBOLLI - COllezione di 500 Francobolli usati differenti del regno , Colonie e Repubblica d'Italia, compreso regno antico, commemorativi, alti valori ecc., perfetto stato di conservazione, alto valore catalogo, vendesi euro 30,00 contrassegno. Tel. 3384125401 - FUMETTISTICA - vendesi Tex di Repubblica come nuovi dal n° 1 al n° 95. 3 euro cadauno Tel. 349 1233190 - FUMETTISTICA - Numeri vari, 224, Diabolik. 0, 50 euro. Tel. 328-4040603 - IMPASTATRICE- marca italiana macchine da 30 kg a spirale v380 nuova, mai usata. Tel. 329-1873014 - MACCHINA CAFFÈ - vendo macchina da caffè Rancilio a due gruppi, quasi nuova, prezzo interessante. 329-1873014 - MEDAGLIA D’ORO - al valore militare “Ricordati che sei un cavaliere di Savona”, Savone Bonness Novelles. Vendesi ad euro 100,00. Tel. 329-1873014 - MEDAGLIE - Militari, rara Croce in bronzo dell'ordine dei cavalieri di Vittorio Veneto più Croce bronzo al merito di Guerra di Vittorio Emanuele III, tutte in ottimo stato di conservazione con nastrino e custodia originali, vendesi Euro 75,00 contrassegno. Tel. 338/4125401 -NUMISMATICA - monete da collezione: romana di Costanzo II (337 - 361 d.c.) euro 30; due marchi argento Germania nazista (1936/39) euro 25; Cinque lire Aquilotto d'argento (1927) euro. 20; Tre pesos Cubana di Che Guevara euro 18; serie 6 monete impero fascista (1936/43) euro 20. Pagamen-

- NUMISMATICA -Stupenda collezione 50 mondiali differenti tutte fior di stampa, provenienti dall'Europa, America, Africa ed Asia ed omaggio banconota da lire 1 Luogotenenza di Umberto del 1944, vendesi tutto Euro. 30 contrassegno [Per info: 338-4125401] - MONETE -Euro Città del Vaticano emissioni 2008, stupenda divisionale versione fdc tiratura 91.400 serie vendesi Euro 100 più stupendo due euro commemorativo "Anno Paolino" versione fdc tiratura 106.000 esemplari vendesi Euro 60; Pagamento contrassegno. [Per info: 338-4125401] -REGISTRATORI DI CASSA - Riv anni/64 e Ancker anni ‘70, funzionanti e in ottime condizioni, vendesi. Per collezionisti e/o antiquari. [Per info: 338-2389544] - STUFA CAMINETTO - nuova, mai usata, completa di tubi, gomiti, girofumi, vendo a Badolato. [Per info: 349-2396430]

Trattativa privata

to contrassegno. Tel. 338-4125401 - PEDANA - vibrante basculante vibro power xtec cv, nuova, imballata, mai utilizzata, completa di tutto, svendo causa doppio regalo a solo 280 euro e posso anche consegnare. Possibile e-mail o mms. Tel. 3449563480 - PRODOTTI OMEOPATICI - vendo ottimi prodotti omeopatici provenienti da una multinazionale statunitense. Tel. 328-9393157 - QUADRO -vendo quadro di Napoleone su tela 170 per 120. Certificato da Museo Napoleone di Roma. Valore stimato 10.000 euro. Prezzo affare: euro 4.000. Tel. 340-8236960 - SAUNA -Belt Solution cintura dimagrante comprata in tv ed elettrostimolatore Gold Hand 602 simile al Tesmed, sei programmi, quattro elettrodi, due canali. Vendo entrambi a 50,00 euro non trattabile. Tel. 3494500151 - TORNIO PER METALLI - monofase, norme Ce, ad euro 1.040 e combinato tornio fresa foratrice ad euro 1.190 tel 327- 6592986 - VETRINE - vendo 2 ottime vetrine, una calda e una fredda, ideali per conservare cibi, per panini e salumi, lunghezza 1,50 metri cad., ottimo prezzo. 329-1873014


54 Giovedì 22 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI - TV - COSTUME - TURISMO

Adriana una fashion model

SULLE PASSERELLE

ROMA — E’ nata a Brezno, in Slovacchia, nel 1971. Ed alla non più tenera età di 37 anni è ancora considerata una delle donne più belle del mondo. Capelli biondi e occhi azzurri, vanta le misure perfette: 90, 60, 90. Ma il suo pezzo forte sono le gambe, le più lunghe del mondo. Adriana Sklenarikova, dunque, è tutt’oggi una top model di successo. I primi passi della sua carriera di fotomodella risalgono al 1994. Una folgorazione per gli italiani, quando diventa testimonial pubblicitario della birra Peroni. Da quel momento in poi è un crescendo: presta la sua immagine per i costumi da bagno Parah, per Calzedonia e viene scelta della marca di reggiseno Wonderbra con la quale firma un contratto fino al 2001. Unica clausola: niente figli. Al di là delle passerelle, la vetrina più importante per Adriana Sklenarikova - sposata con il calciatore Christian Karembeu - è il video. Dal piccolo schermo entra nelle case degli italiani in compagnia di Amadeus e Natalie Kriz. È la star di Domenica in 2000. I suo numeri: 90-60-90 per 1,84 d’altezza, di cui 1,26 di sole gambe! A scoprirla per le passerelle tricolori, la Fashion Model Management, la prima agenzia di modelli e modelle in Italia, nata negli anni ‘60 da un’idea casuale di Paolo Roberti, fondatore e oggi presidente dell’agenzia. Lungimirante e vero talent scout Paolo Roberti, insieme con i due soci, Lorenzo Pedrini e Giorgio Santambrogio (che si occupano dei rapporti con Europa e Usa) è stato lo scopritore di personaggi internazionali e vere star della moda e dello spettacolo in generale. Alla Fashion sono passati nomi famosissimi, come Claudia Schiffer, Clarissa Burt, Milla Jovovich, Helena Christensen, Tricia Helfer, Yasmeen Ghauri, Reneé Simonsen… Qui sono passati anche personaggi noti in campi diversi, dall’alta società con Afef Jnifen, al cinema con Maria Grazia Cucinotta, Connie Nielsen, Yamila Diaz e Monica Bellucci, fino alla TV con Federica Fontana, Tessa Gelisio e Michelle Hunziker… Per non parlare del reparto “Celebrity” che comprende star di tv e cinema. Alcuni esempi? Adriana Sklenarikova, appunto, la top model che ha partecipato all’edizione '99/2000 di “Domenica In” e già testimonial della campagna stampa Wonderbra e Croce Rossa; Ellen Hidding, l’olandesina di “Mai dire Gol”, “Momenti di Gloria”, “Mai dire Mike”, “Zelig” e del più recente “Lo Stivale delle Mera-

viglie”. Kartika Luyet, già coprotagonista, insieme con Fiorello, del programma “Stasera pago io” di RAI 1, e testimonial degli spot Fiat (i famosi granchietti) e Lancetti Profumo; Natalie Kritz, che ricor-

diamo in "Quelli che il calcio" con Fabio Fazio, in "Domenica In", in "Carramba", ospite di Raffaella Carrà, in "Sottovoce" con Marzullo, in "Dove ti porta il cuore”. E poi Vanessa Incontrada, modella, presentatrice e attrice nel film “Il cuore Altrove” diretto da Pupi Avati; Moran Atias, già protagonista dello spot Peroni per la birra Peroncino, si è fatta conoscere dal grande pubblico con la trasmissione di Italia 1, “Matricole e Meteore”, al fianco di Enrico Papi e con Carlo Conti nella trasmissione di Rai 1, “I Raccomandati”. L’agenzia milanese vanta oltre mille top model e cinquecento modelli. E promette di stupire ancora.

SULLE RIVISTE


il Domani Giovedì 22 Gennaio 2009 55

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI-TV

T&P Editori, Mediatag e Manolibera declinano ogni responsabilità in relazione a cambiamenti nei palinstesti, i quali vengono rilevati da Internet, seppure su siti ufficiali

RAIDUE

RAIUNO 06:00 ATTUALITÀ Euronews 06:05 RUBRICA Anima Good News 06:10 TELEROMANZO Incantesimo 9 06:30 Tg 1 06:45 ATTUALITÀ Unomattina 07:00 Tg 1 07:30 Tg 1 L.I.S. 07:35 Tg Parlamento 08:00 Tg 1 08:20 Tg 1 Le idee 09:00 Tg 1 09:30 Tg 1 Flash 10:00 RUBRICA Verdetto Finale 10:50 RUBRICA Appuntamento al cinema 11:00 RUBRICA Occhio alla spesa 11:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 11:30 Tg 1 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 Telegiornale 14:00 Tg 1 Economia 14:10 RUBRICA Festa italiana 16:15 ATTUALITÀ La vita in diretta 16:50 Tg Parlamento 17:00 Tg 1 17:10 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 QUIZ L'Eredità 20:00 Telegiornale 20:30 GIOCO Affari tuoi 21:10 SERIE TV Il commissario Manara 23:15 Tg 1 23:20 ATTUALITÀ Porta a Porta 00:55 Tg 1 Notte 01:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:30 Estrazioni del Lotto 01:35 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:40 RUBRICA Sottovoce 02:10 RUBRICA FuoriClasse Canale scuola lavoro 02:40 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 03:10 FILM TV Il maresciallo Rocca Senso di colpa 04:40 TELEFILM Zorro 05:00 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 05:45 ATTUALITÀ Euronews

mic

R. CALABRIA Touring 104.4, 103.7, 101.1 Energie 90.00 Radio DJ Club Studio 54 101.8 - 102.9 (Jonio CatanzaroCrotone, 102 - 106.3; Tirreno, 106.5)

COSENZA Sound 100.600, 98.700 (a Vibo, 96.8, /101.1; a Catanzaro, 101.2/ 96.800/107.6; a Lamezia, 96.8/91.6; costa tirrenica, 101; costa ionica, 98.7; Cosenza, 100.6/98.7 Castrovillari, 97.0 Crotone, 101.0/107.6; Reggio Calabria e Messina, 94.3

08:00 Tg 5 Mattina

09:15 RUBRICA Verba volant

06:25 REAL TV X Factor

09:20 RUBRICA Cominciamo bene

06:55 RUBRICA Quasi le sette

08:40 ATTUALITÀ Mattino Cinque

Prima

07:00 RUBRICA Cartoon Flakes

10:00 RUBRICA Cominciamo bene

09:45 RUBRICA Un mondo a colori

12:00 Tg 3

Files 10:00 Tg2punto.it 11:00 TALK SHOW Insieme sul Due 13:30 Tg 2 Costume e società 13:55 Tg 2 Medicina 33

12:25 Tg 3 Chièdiscena 12:45 ATTUALITÀ Le storie Diario ita-

13:40 SOAP OPERA Beautiful 14:05 REAL TV Grande Fratello

13:05 TELENOVELA Terra nostra

14:10 TELEROMANZO CentoVetrine

14:00 Tg Regione

14:45 TALK SHOW Uomini e donne

14:45 RUBRICA Italia allo specchio

14:50 RUBRICA TGR Leonardo

16:15 TALK SHOW Ricomincio da

15:00 RUBRICA TGR Neapolis

16:15 REAL TV Amici 16:55 ROTOCALCO Pomeriggio Cinque

15:10 Tg 3 Flash LIS

qui

18:00 Tg5 minuti

15:15 RUBRICA Trebisonda

17:20 TELEFILM Law & Order I due

17:00 GIOCO Cose dell'altro Geo

volti della giustizia

10:00 Tg 5

13:00 Tg 5

14:20 Tg 3

14:00 REAL TV X Factor

09:55 REAL TV Grande Fratello

11:00 RUBRICA Forum

liano

13:00 Tg 2 Giorno

18:05 ROTOCALCO Pomeriggio Cinque

18:05 Tg 2 Flash L.I.S.

17:50 RUBRICA Geo & Geo

18:10 NEWS Rai Tg Sport

18:15 Meteo 3

18:50 QUIZ Chi vuol essere milionario?

18:30 Tg 2

19:00 Tg 3

20:00 Tg 5

19:00 REAL TV X Factor

19:30 Tg Regione

20:30 TG SATIRICO Striscia la notizia

19:35 TELEFILM Squadra speciale

20:00 ATTUALITÀ Blob

Cobra 11

20:35 TELEROMANZO Un posto al

21:05 ATTUALITÀ Annozero

del popolo ebraico massacrato 02:15 Tg 2 Costume e società 02:30 TELEFILM ChiaroScuro 03:20 DOCUMENTARIO Islanda in-

do 03:40 Tg 2 Mizar

01:10 TG SATIRICO Striscia la notizia

21:10 TELEFILM Medium

La voce della supplenza

23:25 TALK SHOW Parla con me 00:00 Tg 3 Linea notte

01:40 TELEVENDITA Mediashopping

00:10 Tg Regione

01:55 REAL TV Amici

01:00 RUBRICA Appuntamento al ci-

02:40 TELEVENDITA Mediashopping

nema

cantesimo del fuoco 03:30 ATTUALITÀ Cercando Cercan-

00:40 Tg 5 Notte

21:05 Tg 3

23:35 TEATRO Moni Ovadia Canto

21:10 FILM Il Diavolo veste Prada 23:40 REPORTAGE Terra!

sole

23:20 Tg 2

23:40 Tg Parlamento

La voce della supplenza

20:10 TELEROMANZO Agrodolce

20:25 Estrazioni del Lotto

02:50 REALITY SHOW Grande Fratel-

01:10 RUBRICA Cult Book 01:40 MUSICALE La musica di Raitre 02:15 RUBRICA Fuori orario. Cose (mai) viste

04:15 RUBRICA NET.T.UN.O

lo 03:25 SITUATION COMEDY Tutti amano Raymond

05:00 RUBRICA Topografia Antica

02:20 RUBRICA Rainotte

04:13 TELEFILM Squadra emergenza

05:45 Tg 2 Costume e società

02:35 ATTUALITÀ Rai News 24

05:30 Tg 5 Notte

F R E Q U E N Z E Studio 55 diffusion 98.700, 87.500

06:00 Tg 5 Prima pagina

08:15 RUBRICA La storia siamo noi

Cosenza centrale 94.100, 104.00 Tir Rossano 95.350 Radio Cosenza Nord 102.000; 98.400 Radio Punto Nuovo 91.800 Sibari, Corigliano - 103.000 Paola, Amantea, Tropea - 91.500 Costa Tirrenica, Cosentina

CROTONE Nove Nove Network 99.00

CATANZARO Radio Amore 94.6;106.5 Radio Valentina 96.100; 100.600 104.8 Radio Squillace 92.00

VIBO VALENTIA Radio Onda Verde 92.200; 98,00

LA 7 06:00 Tg La7 07:00 ATTUALITÀ Omnibus 09:15 ATTUALITÀ Omnibus Life 10:10 TELEGIORNALE Punto Tg 10:15 RUBRICA Due minuti un libro 10:20 RUBRICA Movie Flash 10:30 TELEFILM Il tocco di un angelo 11:25 RUBRICA Movie Flash 11:30 TELEFILM Matlock 12:30 Tg La7 12:55 NEWS Sport 7 13:00 TELEFILM L'ispettore Tibbs 14:00 FILM Il ribelle di Scozia 16:00 RUBRICA Movie Flash 16:05 TELEFILM MacGyver

17:05 TELEFILM Streghe 19:00 TELEFILM Cold Squad 20:00 Tg La7 20:30 ATTUALITÀ Otto e mezzo 21:10 TELEFILM Crossing Jordan 23:40 DOCUFICTION Delitti 00:40 Tg La7 01:00 RUBRICA Movie Flash 01:05 ATTUALITÀ Otto e mezzo 01:45 TELEFILM Star Trek: Deep Space Nine 02:45 TELEFILM Alla corte di Alice 03:45 RUBRICA Due minuti un libro 03:50 ATTUALITÀ CNN News

RADIO RADIOUNO 6,08 Italia , istruzione per l’uso 7,34 Questioni di soldi 8,35 Golem 9,08 Radio anch’io 10,06 Il bacio del milennio 12,00 Come vanno gli affari 12,36 Radioacolori 14,08 Con parole mie 15,06 Ho perso il trend 16,06 Baobab 17,00 Come vanno gli affari 19,23 Ascolta si fa sera 19,33 Zapping 21,03 Zona Cesarini - Musica Club 22,34 Uomini e camion 0,38 la notte dei misteri 2,02 Non solo verde/Bella Italia RADIODUE 6,00 Incipit 6,01 Il cammello di radio 2 8,45 Una strana coincidenza. Storia per la radio 9,00 Il ruggito del coniglio 11,00 3131 Chat 12,00 Il cammello di radio 2 15,00 Acquario «I topi ballano» 16,00 Il cammello di radio 2 16,35 Top 10 Singles 18,00 Caterpillar 19,00 Fuori giri 20,00 Al-

le otto della sera. Il racconto delle cose e dei fatti 20,37 Dispenser 20,50 Il cammello di radio 2 22,00 Boogie nights 24,00 Il pittore 2,01 3131 Chat 2,50 Alle otto della sera (replica) RADIOTRE 6,00 Mattinotre - Lucifero 7,15 Radio Tre Mondo 9,01 Mattinotre 10,00 Radio Tre Mondo 10,30 Il sigillo di Luffenbach 10,50 I concerti di mattinotre 11,40 Arrivi e partenze 11,45 La strana coppia 12,15 Tournèe 12,30 La musica di domani 13,00 La Barcaccia 14,00 Fahrenheit 14,10 Diario Italiano 14,30 Invenzioni a due voci 18,00 Cento lire 18,15 Invenzioni a due voci 19,03 Hollywood party 19,50 Radiotre Suite 20,00 Teatro giornale 20,30 Concerto dell’orchestra del teatro comunale di Bologna 23,30 Storia alla radio 24,00 Notte classica

06:50 CARTONI ANIMATI Doraemon 07:05 CARTONI ANIMATI Vipo 07:20 CARTONI ANIMATI Le avventure di Piggley Winks 07:50 CARTONI ANIMATI Alla ricerca della valle incantata 08:15 CARTONI ANIMATI Casper 08:30 CARTONI ANIMATI Scooby Doo 09:00 SITUATION COMEDY La tata 09:30 TELEFILM Ally McBeal 10:20 SITUATION COMEDY Will & Grace 10:50 SITUATION COMEDY E alla fine arriva mamma! 11:20 TELEFILM Friends 12:15 RUBRICA Secondo voi 12:25 TELEGIORNALE Studio Aperto 13:00 NEWS Studio Sport 13:40 CARTONI ANIMATI What's My Destiny Dragon Ball 14:05 CARTONI ANIMATI Tutti all'arrembaggio! 14:30 CARTONI ANIMATI I Simpson 15:00 TELEFILM Paso Adelante 15:50 TELEFILM Smallville 16:40 SITUATION COMEDY Drake & Josh 17:10 CARTONI ANIMATI Spiders riders 17:30 CARTONI ANIMATI My Melody sogni di magia 17:50 CARTONI ANIMATI Twin princess Principesse gemelle 18:05 CARTONI ANIMATI Twin Princess Principesse Gemelle 18:30 TELEGIORNALE Studio Aperto 19:00 NEWS Studio Sport 19:35 SITUATION COMEDY Tutto in famiglia 20:05 SITUATION COMEDY Camera Café Ristretto 20:15 SITUATION COMEDY Camera Café 20:30 GIOCO La ruota della fortuna 21:10 FILM Natale in India 23:15 TELEFILM Gossip Girl 23:55 SHOW Chiambretti Night 01:25 NEWS Studio Sport 01:50 TELEGIORNALE Studio Aperto La giornata 02:05 MUSICALE Talent 1 Player 02:40 SERIE TV Rescue Me 03:35 TELEVENDITA Shopping By Night 03:50 FILM Darklight 05:10 NEWS Studio Sport

MTV 07:00 MUSICALE Wake Up! 09:00 MUSICALE Pure Morning 11:30 RUBRICA Lovetest 12:30 MUSICALE Chart Blast 13:30 SHOW Brooke Knows Best 14:00 REAL TV Room Raiders 14:30 GIOCO Next 15:00 MUSICALE TRL Total Request Live 16:00 TELEGIORNALE Flash 16:05 MUSICALE My Video 17:00 TELEGIORNALE Flash 17:05 MUSICALE Into the Music 18:00 TELEGIORNALE Flash

18:05 SHOW Made 19:00 TELEGIORNALE Flash 19:05 MUSICALE Chart Blast 20:00 TELEGIORNALE Flash 20:05 SITUATION COMEDY Kebab For Breakfast 21:00 TELEFILM Reaper 22:00 SHOW Neurovisione 22:30 TELEGIORNALE Flash 22:35 TALK SHOW Very Victoria 00:00 MUSICALE Lazarus 00:30 MUSICALE Brand: New Video 01:30 MUSICALE Into the Music 03:00 MUSICALE Insomnia

IL FILM DI OGGI

RETE 4

ITALIA 1

CANALE 5

06:00 ATTUALITÀ Rai News 24

06:20 Tg 2 Medicina 33

R A D I O MESSINA

RAITRE

06:00 VIDEOFRAMMENTI Videoco-

06:35 TELEVENDITA Mediashopping 07:10 TELEFILM Quincy 08:10 TELEFILM Hunter 09:00 TELEFILM Nash Bridges 10:10 SOAP OPERA Febbre d'amore 10:30 TELENOVELA Bianca 11:30 Tg 4 Telegiornale 11:40 SOAP OPERA My Life 12:40 TELEFILM Un detective in corsia 13:30 Tg 4 Telegiornale 14:00 SHOW Pomeriggio con Retequattro 14:05 RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di Forum 15:00 TELEFILM Wolff Un poliziotto a Berlino 15:55 SOAP OPERA Sentieri 16:10 FILM Pomeriggio al cinema Come prima, meglio di prima 18:35 SOAP OPERA Tempesta d'amore 18:55 Tg 4 Telegiornale 19:35 SOAP OPERA Tempesta d'amore 20:20 TELEFILM Walker Texas Ranger 21:10 FILM U-571 23:30 FILM La giusta causa 01:25 Tg 4 Rassegna stampa 02:00 FILM Notte d'essai Cuore di mamma 03:30 RUBRICA Peste e corna e gocce di storia 03:35 TELEFILM L.A. Dragnet 04:20 SOAP OPERA Febbre d'amore

OGGI IN T La giusta causa Rete 4 ore 23,30 Regia: Arne Glimcher. Cast: Sean Connery, Laurence Fishburne, Kate Capshaw, Hope Lange Titolo originale Just Cause. Genere: Thriller Durata 102 min. Produzione: USA 1995. Da un romanzo di John Katzenbach, liberamente adattato. Al prof. di diritto Paul Armstrong arriva una disperata richiesta di aiuto da un giovane nero, laureato, condannato a morte in Florida per l'efferato assassinio di una ragazzina bianca. Accetta l'incarico, va in Florida, riesce ad aprire il caso e a dimostrare l'innocenza del suo cliente. È un falso finale che apre la porta a un colpo di scena.

Il Diavolo veste Prada Canale 5 ore 21.10

Regia: David Frankel. Cast: Meryl Streep, Anne Hathaway, Stanley Tucci, Simon Baker, Emily Blunt, Adrian Grenier, Tracie Thoms, Rich Sommer, Daniel Sunjata, David Marshall Grant, James Naughton Genere: Commedia Produzione: USA 2006 Sulla strada del giornalismo d'impegno, Andy Sachs non rifiuta l'assunzione come assistente di Miranda Priestly, potente e temuta direttrice della rivista fashion Runway, personaggio che fa chiaramente riferimento alla celebre direttrice di Vogue America Anna Wintour. Era un'occasione da non perdere, ma i modi della terribile Miranda trasformano la sua vita in un inferno: tra richieste impossibili a tutte le ore del giorno e della notte e raggelanti sentenze, la povera

109’ Andy vivrà un incubo firmato Valentino e Oscar de la Renta. Tratta dall'omonimo best seller di Lauren Weisberger, adattato da Aline Brosh McKenna, la commedia – che con le sue ambientazioni sfavillanti e ultraglamour, le battute pungenti, le solite rivalità femminili, ha tutti i numeri per essere l'ultimo griffato esemplare di chick flick – diretta dall'esordiente D. Frankel, già regista di alcuni episodi del leggendario Sex and the City, è un affresco brillante e non polemico del mondo della moda. Con 3 meriti: la collezione di Chanel, la simpatia di S. Tucci e soprattutto M. Streep (nominata all'Oscar) che incarna la perfida Miranda, tiranna, gelida e scostante ma permeata di una vena malinconica che solo un'interprete d'alta classe poteva far trapelare, perfezionista infida e scorretta ma capace di gesti di inaspettata lealtà.


il domani  

Edizione del 22 Gennaio 2009