Page 1

Venerdì 19 Dicembre 2008 Euro 1,00 Anno XI - Numero 349

Calabria

Il Cartellone - Appuntamenti in Calabria (da pag. 34 a pag. 45) CATANZARO L’evento visitabile presso il Centro per l’arte contemporanea Open Space

LAMEZIA TERME Concorso Nazionale Biennale d’Arte

La mostra personale di Max Marra Pittura, scultura e ceramica CATANZARO — E’ stata inaugurata nei giorni scorsi, nel Centro per l’arte contemporanea Open Space di Catanzaro la mostra personale “Humana Res” di Max Marra, artista calabrese di origine e lombardo d’adozione che da oltre un trentennio opera nel campo della ricerca.

LOCRI

Concerto di Natale a Palazzo Nieddu

LAMEZIA TERME — Seconda edizione per il Concorso Nazionale Biennale d’Arte di Lamezia. Una grande manifestazione che richiamerà tutti i più prestigiosi nomi del settore pittura, scultura e ceramica. La rassegna partirà lunedì 22 dicembre.

A PAGINA 34

A PAGINA 34

RENDE

Lo studio delle ’ndrine A PAGINA 35

A PAGINA 35

’NDRANGHETA Nella rete della polizia il presunto mandante e gli autori del delitto consumatosi nell’ambito di una faida tra cosche rivali

Omicidio Cordì, quattro arresti Tra i destinatari dell’ordine di custodia cautelare figura anche il boss Antonio Cataldo LOCRI — Nuovo, duro colpo alla

’Ndrangheta. La polizia ha arrestato quattro persone di Locri accusate di essere responsabili dell’omicidio del boss Salvatore Cordì. Tra i destinatari dell’ordine di custodia cautelare figura Antonio Cataldo, 52 anni, capo dell’omonima cosca, presunto mandante del delitto. Le manette sono scattate anche per: Michele Curciarello, 46 anni, e Antonio Martino, 32 anni, zio e nipote, che avrebbero eseguito materialmente l’assassinio. Antonio Panetta, 31 anni, accusato di aver partecipato all’ideazione dell’omicidio, è stato arrestato a Rimini. A PAGINA 18

WHY NOT Il Pg di Catanzaro Enzo Jannelli ieri davanti al Csm

«Ho agito correttamente» CATANZARO — Il procuratore ge-

nerale di Catanzaro Enzo Jannelli ieri ha confermato alla prima commissione del Csm la convinzione «di avere agito con la massima correttezza istituzionale» nell’ambito dell’ormai noto scontro con Salerno per gli atti dell’inchiesta Why Not. Antonio Cataldo

WHY NOT/2

Loiero: ne uscirò a testa alta A PAGINA 14

ALLE PAGINE 14 e 15

LAMEZIA TERME Riemerge la questione dei tagli dei voli. Il presidente Sacal continua la sua battaglia

Ripepe a Cai: Sud troppo penalizzato

L’INTERVENTO

Produttori e consumatori

LAMEZIA TERME — La cancellazione di voli già

di Michele Drosi

preannunciati da Cai, spinge il Presidente della Sacal a richiamare ancora una volta l’attenzione sul problema che, da qualche mese, si riversa non solo sulle Società di gestione ma anche e immancabilmente sui passeggeri. «Finora nessun gestore aeroportuale è stato coinvolto quale principale attore della filiera di trasporto aereo» afferma Eugenio Ripepe. Lo scopo, continua il presidente Scal, «è quello di determinare una nuova e più giusta attenzione nei confronti di tutti gli scali, e in particolare a quelli del Sud».

CATANZARO — E’ un dato ormai ampiamente riconosciuto che i consumatori pretendono dall’agricoltura una risposta di qualità e di sicurezza alimentare. Ciò è possibile attraverso un chiaro accordo tra agricoltura e società, proprio per mettere a fianco consumatori e produttori agricoli...

A PAGINA 32

A PAGINA 25

IL PUNTO SULLE CALABRESI

Al giro di boa tra ansia e certezze di Valter Leone

i siamo, il campionato di Seconda divisione è giunto al giro di boa con il Cosenza campione d’inverno con una giornata d’anticipo. La squadra di Toscano domenica torna al San Vito, dove nelle ultime due partite ha raccolto soltanto due pareggi col Monopoli prima e nel derby col Catanzaro dopo. Arriva il Pescina, squadra a tratti indecifrabile: l’undici di Chiappini, dopo otto risultati utili consecutivi, ha rallentato la marcia nelle ultime quattro gare nel corso della quali ha perso a Barletta e poi pareggiato le ultime tre. Fuori casa ha il miglior attacco e si esprime meglio che davanti al proprio pubblico. Sarà un Cosenza decimato da squalifiche (De Rose e Polani) e infortuni (Catania, Galantucci e Chianello) ma con la spinta del pubblico si punta a chiudere l'anno con un altro successo. Il big match della diciassettesima giornata si gioca ad Andria dov’è atteso il Gela. I pugliesi stanno attraversando un grande momento di forma: non perdono dal 2 novembre quando davanti al proprio pubblico vennero battuti dal Catanzaro con un’autorete nei minuti finali. L’undici di Di Leo dopo quel ko ha raccolto 14 punti, frutto di quattro vittorie e due pareggi, grazie ai quali i biancazzurri hanno agguantato la zona playoff. Cosco si presenterà a questa sfida senza Cecere e Battisti con un’Andria decisa ad avvicinarsi ulteriormente al terzo posto.

C

CONTINUA A PAGINA 49


2 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Un mondo di immagini Imparare a godersi la vita poi tutto diventa più facile

In Afghanistan sale la protesta antiamericana

Un divertente e rumoroso corteo di 500 pagliacci in pellegrinaggio a Guadalupe per ringraziare la Vergine

Dopo i raid aerei Usa con vittime tra i civili Un turismo ricco di fascino

In Cappadocia sul... pallone Appartenenti al partito islamico Jamat-eIslami gridano slogans antiamericani e sfilano per le strade di Peshawar dopo recenti attacchi missilistici

Un pallone aerostatico sopra le chiese rupestri della Cappadocia

Unioni che secondo Castro non sono «fraterne come le nostre» in America latina

Il “calore” dell’America latina non è fenomeno da esportazione Castro ironizza sulle relazioni Ue

I clown vestiti di tutto punto con il costume utilizzato negli spettacoli hanno ringraziato la Vergine per aver dato loro il dono di far ridere la gente. I pagliacci insieme ai loro familiari, hanno percorso 5 chilometri denominati Calzada de la Virgen fino al santuario

Molotov contro la polizia Atene insorge di nuovo

Giovani manifestanti lanciano bombe molotov e sassi contro la polizia, che risponde con i lacrimogeni

Nuovi scontri fra manifestanti e polizia sono scoppiati ieri nel centro di Atene,dove si sono radunati circa 3.000 studenti, per protestare contro l’uccisione di un ragazzo

Sapore di mare ecologico In arrivo la guida del Wwf

Il presidente cubano Raul Castro ha ironizzato ieri in una visita ufficiale in Brasile, sul tipo di relazioni mantenute dai governanti dell’Unione europea

I presidenti della Russia e del Nicaragua

Medvedev e Ortega cercano intese sul futuro

Anche in Turchia si manifesta in nome di Muntadar

Vertice a Mosca tra i due capi di stato per nuovi rapporti economico-politici

Un gruppo di protestanti ad Ankara davanti all’ambasciata americana

Dopo il lancio della scarpa a Bush

Semaforo verde per acciughe e rombi compatibili con la salvaguardia delle specie

Una delle manifestazioni più attese del Medio Oriente Dal muso al pelo, i giudici devono esprimere il verdetto

In vista dei banchetti natalizi, anche in Italia sbarca con il Wwf la mini-guida pocket, anche online, «Sai che pesci pigliare», che indirizza a un consumo intelligente dei prodotti del mare per sedici specie da scegliere con tranquillità

Ad Abu Dhabi c’è grande attesa per il concorso di bellezza riservato al cammello, l’animale che è il re del deserto, essenziale per il mondo arabo

A Dubai il concorso di bellezza riservato ai cammelli: 30mila esemplari in passerella


4 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Il Consiglio dei ministri vara i decreti attuativi della riorganizzazione scolastica: maestro unico nel 2009, superiori cambiate dal 2010

La scuola della Gelmini prende forma Il regolamento della primaria

Elementari e maestro unico Ecco cosa succede nel 2009

Un insegnante con un cartello anti-Gelmini

ROMA - Elementari: come si arriverà al maestro unico? I genitori potranno scegliere tra i due modelli base che prevedono un unico maestro di riferimento - 24 e 27 ore - oppure potranno richiedere, sulla base dell’organico assegnato alla scuola, uno dei modelli a richiesta: fino a 30 ore, con attività facoltative o opzionali; il tempo pieno a 40 ore. I bambini che hanno già cominciato le elementari proseguiranno con l’attuale modello. Chi andrà in prima elementare il prossimo anno, avrà invece due insegnanti, ma uno dei due sarà considerato prevalente e avrà per intero il suo orario contrattuale (22 ore); l’altro insegnante completerà l’orario: se sarà in grado di insegnare inglese potrà farlo, altrimenti, aggiungendosi alle previste ore di inglese e di religione, coprirà le ore necessarie a completare il pacchetto delle 40 ore. Le ore che gli rimarranno per completare il suo orario di lavoro contrattuale saranno dirottate su un’altra classe.

“L’istruzione è un volano in un momento di crisi economica” ROMA - I regolamenti attuativi del piano programmatico sulla scuola sono approdati ieri al Consiglio dei Ministri senza il preliminare, previsto, confronto sui contenuti con i sindacati. Si tratta di quattro provvedimenti: due, sui quali verranno acquisiti i pareri prescritti, riguardano la riorganizzazione della rete scolastica (e l’utilizzo delle risorse umane) e il riordino dell’assetto della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione: altri due, sui quali ieri è stato avviato l’esame che verrà completato in una prossima seduta, sono relativi al riordino dei licei e degli istituti tecnici. Soddisfatta il ministro Mariastella Gelmini secondo la quale i provvedimenti varati «segnano la volontà del governo di innovare fortemente» anche nella consapevolezza che «in un momento di crisi economica, come quello attuale, la scuola è un volano straordinario per dare la certezza di un futuro ai nostri ragazzi». Per la prima volta dopo la riforma Gentile del ’23 ha sottolineato - si mette mano alla scuola con una riforma organica di elementari, medie e superiori. E poco importa se la «rivoluzione» avverrà in due tranche. «Non c’è nessuno stop alla riforma delle superiori - ha precisato il ministro stemperando l’euforia di chi nei giorni scorsi ha parlato di una sua

Il ministro Mariastella Gelmini ieri alla conferenza stampa dopo il consiglio dei ministri

retromarcia - Abbiamo lasciato un anno di tempo alle scuole per adeguarsi alle novità, magari partendo con qualche sperimentazione». Per quanto riguarda il primo ciclo d’istruzione (la riforma sarà attuata dal prossimo anno scolastico a partire dalle prime classi della scuola elementare) la novità più incisiva è il superamento del cosiddetto «modulo» e l’introduzione del maestro unico. E su questo punto Mariastella Gelmini è stata chiara: «Il modello educativo di riferimento resta il maestro unico, con una libertà di scelta delle fami-

glie non sulla tipologia di maestro ma sul quadro orario». Quanto alla riorganizzazione della rete scolastica, il ministro ha confermato che non ci sarà nessuna chiusura delle scuole delle isole, dei comuni montani o dei piccoli comuni. «Otterremo i risparmi necessari ha spiegato - accorpando il personale amministrativo e dirigente». La riforma delle scuole superiori partirà invece, dal primo settembre 2010 e spazzerà via una gran mole di indirizzi di studio: nei licei si passerà da 510 a 9 e negli istituti tecnici da 204 a 11. Sul fron-

te dei licei ci saranno due new entry, il liceo musicale e quello delle scienze umane, mentre gli istituti tecnici verranno organizzati in due bienni+un anno. Si darà più spazio alle lingue (l’inglese verrà studiato in tutti i licei obbligatoriamente per tutti e cinque gli anni e nei tecnici al quinto anno una materia sarà insegnata in inglese) e alle materie scientifiche che verranno potenziate sia al classico sia allo scientifico. Infine l’ora di lezione: sarà di 60 minuti e non più di 50 come è consuetudine».

La riforma della secondaria slitta di un anno, ma già si profilano i cambiamenti. Intanto il Senato dice sì alle classi-ponte

Ora di 60 minuti, inglese e meno indirizzi di studio Due nuovi licei: quello musicale e quello delle scienze umane ROMA - Nessuno stop alla riforma delle superiori, soltanto lo slittamento di un anno della sua attuazione e la possibilità di far partire sperimentazioni. Lo ha spiegato il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, illustrando come sarà, dal primo settembre 2010, il nuovo volto dell’istruzione secondaria in Italia. La novità più evidente, auspicata peraltro anche dal precedente Governo, è una drastica riduzione degli indirizzi di studio di licei e istituti tecnici: i primi passeranno da 510 (a far lievitare il numero sono le ’sperimentazionì) a 9, i secondi da 204 a 11. Due nuovi licei. Accanto a scientifico (dove contrariamente alle indiscrezioni dei mesi scorsi, rimarrà lo studio del latino), classico, linguistico (dove la terza lingua si studierà già dal primo anno), artistico (con tre nuovi indirizzi: arti figurative; architettura, design, ambiente; audiovisivo, multimedia, scenografia), vengono introdotti il liceo musicale-coreutico e quello delle scienze umane (ex magistrali).

Cobas, Garavaglia, Unione Studenti protestano

Le reazioni non mancano “Insegnamento povero” ROMA - Il giorno del varo dei regolamenti della riforma Gelmini, non mancano le reazioni. Mentre il Consiglio dei ministri approvava la riorganizzazione scolastica, fuori Palazzo Chigi manifestavano i Cobas, il cui portavoce Piero Bernocchi afferma di voler continuare la lotta e che sul maestro unico accadrà che in realtà il Tempo Pieno scomparirà. Il ministro ombra dell’Istruzione Mariapia Garavaglia (Pd) invece critica il fatto che si tratPiù inglese e matematica, ore di 60 minuti. Lo studio dell’inglese è obbligatorio per tutti e cinque gli anni delle superiori (ora al classico è presente solo al ginnasio); in tutti i nuovi licei (musicale, artistico e scienze umane) saranno obbligatorie due lingue stra-

niere; nei licei scientifico e classico saranno potenziate le materie scientifiche; le ore di lezione passano da 50 minuti effettivi a 60. Rivoluzionati gli istituti tecnici. I nuovi istituti tecnici saranno quelli richiesti dal mondo del lavoro. Ci saranno dunque due settori

(economico e tecnologico) e 11 indirizzi. Saranno organizzati in due bienni+un anno. Il primo biennio avrà un contenuto formativo di base, il secondo sarà specialistico mentre l’ultimo anno sarà di perfezionamento e una materia sa-

ta solo di tagli in assenza di “un progetto educativo generale”. L’Unione degli Studenti non cessa di far sentire la propria voce dopo tanti mesi di contestazione. I giovani lamentano un insegnamento più povero e il depauperamento degli istituti tecnici sempre più vicini alle vecchie scuole di avviamento professionale. Ancora una critica dal Coordinamento nazionale in difesa del tempo pieno che prefigura la rinascita del vecchio doposcuola. rà insegnata in inglese. L’orario settimanale sarà di 32 ore di 60 minuti e aumenteranno le quote di flessibilità a disposizione degli istituti: 20% nel primo biennio, 30% nel secondo, 35% il quinto anno. Si darà ampio spazio ai laboratori, al quinto anno sarà data ai ragazzi

Una manifestazione degli studenti delle scuole superiori davanti a Palazzo Chigi il 23 ottobre scorso La riforma slitta al 2010

l’opportunità di svolgere stage in azienda e sarà possibile la collaborazione con esperti esterni per arricchire l’offerta formativa e sviluppare competenze specialistiche. Gelmini, più apertura al mondo del lavoro. «Puntiamo a una maggiore sinergia - ha detto il ministro - tra scuola media e superiore e a una maggiore collaborazione tra secondarie e università. I diversi livelli di scuola non devono essere considerati compartimenti stagni. Serve, inoltre, più attenzione al tema dell’orientamento e una grande apertura al mondo del lavoro, anche considerando che se oggi gli istituti tecnici sforano 135.000 diplomati all’anno, il fabbisogno del mercato, secondo Confindustria, sarebbe di 200.000 unità». Classi-ponte, il Senato dice sì. Sempre ieri un’altra notizia che riguarda la scuola del futuro. Il Senato ha bocciato tre mozioni presentate dall’opposizione che puntavano all’integrazione dei minori stranieri nelle scuole, contro le classi-ponte volute dalla Lega.


il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 5

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Il Parlamento ha approvato una proposta di legge in merito

Il Lussemburgo legalizza l’eutanasia

Ora perchè la norma sia promulgata andranno ridotti i poteri del Granduca Henri

Piergiorgio Welby morto due anni fa

BRUXELLES - Il parlamento del Lussemburgo ha approvato la legge sull’eutanasia. Dopo 5 ore di dibattito, 31 deputati hanno votato a favore del progetto di legge, 26 contro e 3 si sono astenuti. La Camera dei deputati ha votato la normativa in prima lettura dopo alcune modifiche da parte del Consiglio di Stato al testo già approvato nel febbraio scorso. I parlamentari hanno chiesto ora di essere dispensati dal voto in seconda lettura, ma l’ultima parola spetterà al Consiglio di Stato. Una volta terminato l’iter parlamentare, la legge potrà essere promulgata solo dopo l’annunciata modifica alla Costituzione per ridurre i poteri del Granduca

Papa Ratzinger: aveva lanciato ieri un monito: “Non fatela passare”

Henri che si era detto contrario alla norma e disposto a vedere ridotti i suoi poteri piuttosto che appoggiare l’eutanasia. Proprio ieri il Papa aveva invitato i deputati del Lussemburgo a non votare la legge malvagia.

La clinica di Udine che avrebbe dovuto ospitarla per staccare il sondino aspetta che la Regione si pronunci sul caso prima di dare il via libera alle pratiche

Eluana non puòancoramorire La struttura intanto denuncia le “intimidazioni” del ministro UDINE - Sembrava vicina alla conclusione ed è invece improvvisamente e inaspettatamente tornata in una situazione di stallo la vicenda di Eluana Englaro, la ragazza che da 17 anni è in stato di coma vegetativo permanente a causa di un incidente stradale e per la quale la Corte di Appello di Milano ha autorizzato l’interruzione dell’alimentazione e dell’idratazione. La casa di cura «Città di Udine», che nei giorni scorsi aveva dato la disponibilità a ospitare Eluana nel suo ultimo viaggio, in serata ha rimesso tutto in discussione: ha definito «intimidazioni» le iniziative del ministro Maurizio Sacconi (che ha inviato un atto di indirizzo alle Regioni al fine di «garantire a qualunque persona diversamente abile il diritto alla nutrizione e idratazione»), confermando la propria disponibilità ad accogliere Eluana a condizione, però, che «la Regione Friuli Venezia Giulia si prenda la responsabilità di condividere questo percorso di pietas». Al duro attacco della clinica hanno risposto i sottosegretari Eugenia Roccella e Francesca Martini. «Sacconi - ha detto Roccella - non ha intimidito nessuno, ma ha richiamato il Servizio Sanitario Nazionale alla sua funzione principale, che è quella di tutelare la salute di tutti i cittadini». Non meno dura Martini, per la quale «non è compito del Servizio Sanitario Nazionale quello di far morire le persone e una struttura che accettasse di farlo tradirebbe il suo mandato istituzionale». La posizione della clinica ha aperto un fronte di polemica politica anche in Friuli Venezia Giulia, dove non appare per nulla scontata la posizione della Regione. Se il Presidente della Regione, Renzo Tondo (Pdl), che nei giorni scorsi non ha dato alcuno “stop” alla clinica sostenendo che «si tratta di rapporti fra privati», ieri ha detto che «non parla del caso di Eluana», Lega Nord e Udc, che fanno parte della maggioranza, si sono schierati apertamente sulle posizioni di Sacconi, la prima, e contro l’interruzione dell’alimentazione e dell’idratazione, il secondo. Il nuovo colpo di scena nella vicenda di Eluana è arrivato intorno alle 18,

La vicenda

Per “violenza privata”

L'ULTIMA SENTENZA Il 13 ottobre scorso la Cassazione rende definitivo il decreto della Corte d'Appello del 9 luglio 2008 che autorizza la sospensione di alimentazione e idratazione a Eluana Englaro, donna in stato vegetativo permanente da 16 anni

LA LETTERA DI SACCONI Il 16 ottobre il ministro della Salute, invia a tutte le strutture pubbliche e private del Sistema sanitario nazionale un atto secondo cui sarebbe illegale negare l'alimentazione a persone in stato vegetativo

LE REPLICHE Mercoledì scorso i legali della famiglia Englaro rispondono all'atto di Sacconi sostenendo che questo non abbia alcun effetto giuridico. Tesi confermata anche dal giudice di corte d'Appello, Filippo Lamanna che si dice certo che il decreto di luglio non necessiti di altre certificazioni di esecutività

IERI La casa di cura "Città di Udine" fa sapere che nella propria struttura tutto è pronto per il trasferimento di Eluana

Eluana Englaro, la ragazza in come vegetativo da ormai diciassette anni

quando Claudio Riccobon, amministratore delegato della clinica «Città di Udine», ha incontrato i giornalisti in un albergo del capoluogo friulano. Riccobon è stato

molto duro con Sacconi che - a suo parere - ha cercato, con l’atto di indirizzo, «di colpire una azienda nel suo interesse vitale arrivando a minacciare la sospensione dell’atti-

ANSA-CENTIMETRI

vità in accreditamento con il Servizio Nazionale». Dopo aver parlato di «un Paese alla deriva» perchè «non si riesce a dare applicazione a un decreto di Corte d’Appello, rati-

ficato dalla Corte di Cassazione, e quindi inoppugnabile». In questa situazione, gli avvocati della famiglia Englaro hanno espresso moderato ottimismo.

Un esposto contro Sacconi ROMA - Interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità e violenza privata attraverso minaccia di un male ingiusto: l’Aduc ha inviato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma un esposto denuncia sulle dichiarazioni rilasciate dal ministro Maurizio Sacconi sul caso di Eluana ipotizzando questi reati. «Nel minacciare la revoca dell’accreditamento con il Ssn qualora la struttura privata convenzionata di Udine presso la quale avrebbe dovuto trasferirsi Englaro eseguisse il decreto della Corte d’Appello di Milano - ha spiegato l’associazione - ha di fatto bloccato l’esercizio di un diritto costituzionale». E stamattina anche Giuseppe Rossodivita, presidente del Comitato Radicale per la Giustizia Piero Calamandrei, depositerà una denuncia contro Sacconi ipotizzando il reato di violenza privata aggravata.

Un’equipe di neurochirurghi di Torino è riuscita a risvegliare una ragazza grazie all’elettrostimolazione

Dopo due anni esce dal coma

Dai medici un invito alla cautela sull’applicabilità del metodo: “Ogni caso è un caso a sè” e serve ancora sperimentazione TORINO - Un’equipe di neurochirurghi torinesi ha reso pubblico di aver risvegliato una ragazza di 21 anni dallo stato vegetativo permanente in cui si trovava in seguito a un incidente d’auto, avvenuto nel dicembre 2005. Il metodo adottato - dicono i medici è potenzialmente applicabile a tutti i pazienti in coma vegetativo permanente, ma, interpellati sul caso di Eluana Englaro, hanno invitato alla cautela. Il metodo è innovativo e senza rischi - hanno spiegato i neurochirurghi - ma ogni caso è caso a sè e comunque si tratta di un intervento che ha bisogno di essere confermato da altri pazienti. La ragaz-

I medici Barbara Massa Micon e Sergio Canavero illustrano la vicenda del risveglio dal coma della ragazza ventenne in stato vegetativo per due anni

za, abitante nel Torinese, dopo 3 anni dal trauma e a 20 mesi dall’intervento avvenuto a luglio 2007, è in stato minimamente conscio: è in grado di masticare, deglutire, se sostenuta mantiene la posizione eretta, e risponde a comandi semplici. L’equipe guida-

ta dai neurochirurghi Sergio Canavero, delle Molinette, e Barbara Massa Micon, del Cto, ha operato una stimolazione corticale extradurale bifocale. Fra la calotta cranica e la meninge più esterna sono state introdotte due piastrine collegate a un pacemaker, che

non sono a contatto con il cervello ma lo stimolano con campi elettromagnetici. «Non essendoci contatto col cervello - spiega Canavero - il rischio di mortalità è nullo: l’intervento, quindi, è indicato per tutti i pazienti in stato vegetativo permanente». Difficile, però, per il medico, un parallelo col caso Englaro: «Non conosco la cartella clinica di Eluana - spiega - e in teoria questo intervento potrebbe giovarle. Ma è in coma da molto tempo, e le sue condizioni fisiche generali potrebbero non reggere un’anestesia». Anche i genitori della ragazza rifiutano il collegamento con la vicenda di Eluana.


6 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

La presidente di Confindustria al “Gemelli” per gli accertamenti. Torna e tranquillizza

Marcegagliachespavento! Servita acqua alla varechina Colta da malore alla Conferenza dei Diplomatici alla Farnesina ROMA - Nessuna conseguenza ma sicuramente uno spiacevole incidente per Emma Marcegaglia, colta da malore dopo aver bevuto un bicchier d’acqua, forse contaminata da varechina o candeggina, ieri mattina alla Farnesina dove doveva partecipare alla Conferenza degli ambasciatori. Sottoposta ad accertamenti al Policlinico Gemelli per ben due volte (una ieri mattina subito dopo il malessere, l’altra nel pomeriggio per ulteriori controlli), il presidente di Confindustria sta bene ed è stata dimessa in buone condizioni. Marcegaglia ha bevuto un bicchiere d’acqua, di cui ha subito notato il sapore anomalo, accusando disturbi di stomaco. La leader degli industriali è stata immediatamente tra-

Il ministro Frattini (a sinistra) ha espresso il suo rammarico per l’accaduto al presidente di Confindustria Emma Marcegaglia vittima di un episodio che avrebbe potuto avere ben più gravi conseguenze

sportata in ospedale dove è stata trattenuta per due ore. Il ministro Franco Frattini si è quindi intrattenuto con lei per esprimerle il pro-

prio rammarico per l’accaduto e constatare di persona la sua definitiva ripresa. È stata poi la stessa Marcegaglia, rientrata al ministero

degli Esteri, a rassicurare sulle sue condizioni di salute e a raccontare l’accaduto: «Abbiamo bevuto quest’acqua, evidentemente c’era

qualcosa. Ma stiamo bene. Tutto a posto», ha detto, includendo nel suo racconto il vicesegretario del Ministero Carlo Maria Oliva, an-

che lui sottoposto a un controllo precauzionale per aver assaggiato la stessa acqua. I carabinieri del Nas (Nucleo anti-sofisticazioni) sono sati subito chiamati e bicchieri, bottiglie e caraffe chiuse in una stanza per tutto il tempo della conferenza. L’acqua è stata sottoposta ad esami all’Istituto di Medicina Legale del Gemelli: a causare il malessere di Marcegaglia è stato l’ipoclorito di sodio, comunemente noto come varechina o candeggina, probabilmente usato nel lavaggio di bicchieri e caraffe.

Inviata ai carabinieri, indagini sulla veridicità Dal 12 dicembre non ha dato notizie poi il ritorno e il suo racconto alla Procura di Bari

Lettera minatoria contro Berlusconi

L’odissea dell’imprenditore scomparso: “Il sistema non tutela chi denuncia i criminali” Francesco Dipalo ha dovuto pagare il pizzo per due anni e ora vuole partire

La villa San Martino ad Arcore

MILANO - Una lettera minatoria contro il premier Silvio Berlusconi è stata recapitata, ieri, ad Arcore, il paese dove si trova Villa San Martino, storica residenza del presidente del Consiglio. La notizia è stata confermata da fonti vicine all’Arma dei Carabinieri. La lettera, sui particolari della quale fino a ieri sera è stato mantenuto il più stretto riserbo, è stata recapitata alla stazione dei carabinieri di Arcore, via posta. Indagini sono in corso per capire

da quale centro meccanizzato postale sia giunta, ma soprattutto sull’ attendibilità del contenuto. Il plico verrà sottoposto anche ai rilievi scientifici. La lettera, secondo indiscrezioni, è scritta su carta normale, probabilmente con un Pc, e non è molto lunga. Nel testo verrebbe minacciato un generico attentato a Berlusconi, senza però riferimenti diretti ad Arcore. L’attendibilità naturalmente è al momento ancora tutta da valutare.

Le religiose scomparse in Kenya il 9 novembre

Appello per le suore rapite “Il Governo faccia qualcosa” TORINO - Di loro non si sa più nulla. Scomparse. Dopo essere state rapite da banditi somali che in un primo momento sono stati considerati vicini ad Al Qaida. Adesso inizia la mobilitazione per due religiose piemontesi rapite in Africa. Un appello, con raccolta di firme di adesione, al governo italiano perchè «faccia il massimo per la liberazione di suor Maria Teresa Olivero e suor Caterina Giraudo rapite in Kenya il 9 novembre» è stato lanciato sul sito di Misna, l’agenzia dei missionari cattolici. Misna sottolinea che ad oltre un mese dall’assalto al villaggio al confine somalo dove le due suore prestavano la loro opera, gruppi di preghiera di Torino con il sostegno dell’Ufficio pastorale dei migranti dell’ Arcivescovado hanno lanciato una campagna pubblica con una raccolta di firme su internet per sollecitare il governo italiano a concludere il delicato negoziato. Le due religiose si trovano in Africa da molti anni operando nel campo dell’assistenza ai bambini e alle donne, soprattutto.

BARI - Vittima «non solo del racket delle estorsioni» ma anche di «un sistema che non tutela chi denuncia i propri aguzzini». In circa tre ore d’interrogatorio, l’imprenditore Francesco Dipalo ha raccontato al pm Marcello Quercia, della procura di Bari, la sua verità sui motivi che lo hanno indotto ad allontanarsi volontariamente dalla sua casa di Altamura (Bari) lasciando nell’angoscia per cinque giorni la moglie che ne aveva denunciato la scomparsa il 12 dicembre temendo che potesse essere stato vittima di gruppi criminali dopo le sue denunce di estorsioni e aggressioni. Durante l’audizione in questura, Dipalo, che ha 47 anni ed è stato ascoltato come testimone, ha ribadito quello che aveva detto nelle interviste rilasciate ieri mattina alle tv. «Me ne vado via per sempre con la mia famiglia - ha detto - così non sarò più deriso per le mie denunce e io e i miei famigliari non saremo più costretti a subire non solo le aggressioni dei criminali ma anche le umiliazioni da parte di chi, come un magistrato, è arrivato a dire che sono mentalmente instabile». Dipalo ha spiegato di essersi allontanato per cercare un luogo dove poter trasferire la propria famiglia, aggiungendo di non aver potuto avvertire neppure i suoi congiunti per non correre rischi. «Tutti possono constatare che da parte dello Stato non c’è stata reazione». ’Cosa ha fatto in questi cinque giorni?’, gli ha chiesto il dirigente della squadra mobile, Luigi Liguori. L’imprenditore ha spiegato di esse-

L’imprenditore scomparso dal 12 dicembre Francesco Dipalo si ritiene non sufficientemente tutelato dallo Stato

re stato in Francia, a Parigi, dove ha incontrato colleghi che sono interessati a un suo brevetto e di aver concordato con loro la possibilità

di lavoro. Andrà dunque via, con i famigliari, in una località che non ha intenzione di rivelare, per liberarsi una volta per sempre di colo-

ro che gli hanno reso la vita difficile. Dipalo, che vive ad Altamura, nella zona industriale di Matera ha un’impresa, ormai chiusa, di ceramiche e vasche da idromassaggio nella quale ospita e sfama 153 cani randagi. Qualche anno fa denunciò di aver dovuto pagare il pizzo dal 2001 al 2003. Successivamente ha denunciato di aver subito - lui e i suoi famigliari - aggressioni in varie circostanze, sia nella sua azienda sia sotto casa. «Ora - ha detto non voglio più pensarci, ritengo di aver trovato una soluzione ai miei problemi. Mi sono allontanato perchè stavo pianificando di mettere in sicurezza la mia famiglia». «Ora credo di aver trovato una soluzione, non voglio più - ha ribadito interloquire con lo Stato».

Giovanni Lombardi Stronati accusato di appropriazione indebita e di altri reati

Indagato il presidente del Siena Calcio Sigilli al teatro Ambra Jovinelli

ROMA - Indagato il presidente del Siena Calcio, l’immobiliarista Giuseppe Lombardi Stronati nell’ambito di una inchiesta su operazioni immobiliari illecite della Procura di Roma. La GdF di Roma ha sequestrato beni mobili e immobili tra cui anche il teatro Ambra Jovinelli di Roma. Stronati è accusato di appropriazione indebita, emissione di fatture false, omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e omesso versamento di imposte, ma non di reimpiego di capitali illeciti. Le medesime ipotesi di reato vengono contestate a Guido

Stronati, presidente Siena

Carenza amministratore di quattro società immobiliari. Per reimpiego di proventi da capitali illeciti sono indagati Clodomiro Murolo, cugino di Lombardi Stronati, Angelica Facilla, Maria Krebs ex moglie del presidente del Siena, e Paola Biancone. L’immobiliarista Vittorio Casale è indagato per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture false. Vi è infine un altro indagato, Vittorio Murolo fratello di Clodomiro. Il valore delle proprietà sequestrate, tra cui due dipinti di Picasso e un Morandi, è di 400 milioni di euro.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 7

Attualità

L’immobiliarista si difende: “Sono innocente, non c’è l’ombra di una tangente”

Romeo sotto torchio respinge tutte le accuse

NAPOLI - Il sistema Romeo, quello che il gip ha definito una «consorteria di malaffare» nella quale i politici sono proni agli interessi dell’imprenditore che li contraccambia con piccoli o grandi favori, non esiste. Si difende così Alfredo Romeo, arrestato nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti al Comune di Napoli, che si è sottoposto nel carcere di Poggioreale a 5 ore di interrogatorio per replicare alle accuse di aver piegato ai propri interessi, amministratori locali, politici, burocrati, magistrati e rappresentanti delle forze di polizia. La linea adottata da Romeo, come hanno spiegato all’uscita del carcere i suoi legali, gli avvocati Francesco Carotenuto e Bruno Von Arx, è stata quella di negare con decisione ogni addebito, in particolare facendo ricorso a un’argomentazione logica: tutti gli appalti al centro dell’inchiesta, tra cui il Global Service da 400 milioni di euro, non se li è mai aggiudicati. Durante le telefonate, dunque, Romeo si sarebbe limitato a «stabilire quali erano i requisiti minimi che avrebbero dovuto osservare chi si sarebbe aggiudicato la gara». Romeo ha messo poi l’accento su un’altra circostanza, a suo avviso fondamentale: negli ultimi 20 anni si è aggiudicato un solo appalto a Napoli, quello relativo alla gestione del Patrimonio immobiliare del Comune, e alcune gare che avrebbe dovuto vincere, come il bando relativo alla manutenzione degli immobili che egli stessi gestisce, le ha addirittura perse. Ma c’è un altro punto che i legali hanno tenuto a sottolineare: in questa vicenda, che si configura per i magistrati come un caso di corruzione ambientale, non c’è l’ombra di una tangente, non «ci sono soldi». Per approfondire i singoli episodi contestati hanno spiegato i legali - è stato chiesto un nuovo interrogatorio che si terrà davanti ai pm una volta ultimati gli interrogatori di garanzia degli altri 12 indagati. Oggi tocca agli assessori comunali Enrico Cardillo e Felice Laudadio, entrambi agli arresti domiciliari. Intanto, sulla vicenda, interviene da Venezia Massimo Cacciari. «È una pura utopia che Bassolino e la Iervolino possano gestire il cambiamento - ha detto - basta con i giri di parole, si devono dimettere». «La classe politica - ha aggiunto Cacciari - sia al comune di Napoli sia alla Regione non è in grado di rinnovare alcunchè. Queste persone avrebbero dovuto capire da tempo che il ciclo era già chiuso». Anche il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino, ha qualcosa da dire e a proposito delle vicende

Intanto Cacciari “invoca” le dimissioni della Iervolino Massimo Cacciari Il sindaco di Venezia ha chiesto le dimissioni di Bassolino e Iervolino L’Hotel Romeo, proprietà dell’imprenditore omonimo arrestato a Napoli insieme ad altre 12 persone

napoletane ha dichiarato che la Iervolino, «la quale non è stata sfiorata da alcuna indagine», deve chiedersi se è in grado di dare un segnale forte di cambiamento». Per il sindaco di Firenze, Leonardo Domenici, invece, si stanno al momento verificando le condizioni di governabilità e quindi bisogna aspettare. Tant’è che il sindaco di Napoli ha manifestato la chiara in-

tenzione di andare avanti, rinnovare in maniera profonda e ripartire. All’indomani della bufera politicogiudiziaria che ha travolto la sua giunta, il primo cittadino ha ribadito la volontà di proseguire la sua esperienza «nell’interesse della città», ma senza ripartire da zero. Anzi, forte dell’ok ricevuto dal leader del Pd Walter Veltroni, («Nè la Finocchiaro, nè Cacciari, nè Gere-

micca cambiano la posizione del Pd. Andatelo a chiedere a Veltroni e vedrete in direzione nazionale», risponde a chi le fa presente che nel suo partito c’è chi la invita a lasciare) punta ad un ricambio che faccia salvi «alcuni pilastri». Si tratterebbe del vicesindaco con delega alle Infrastrutture Tino Santangelo e dei quattro tecnici entrati in giunta nel rimpasto fatto a maggio

(l’ex ministro della Giustizia e assessore alla Legalità Luigi Scotti e i docenti Mario Raffa, Gioia Rispoli e Agostino Nuzzolo). Deroghe alla originaria richiesta di azzeramento totale che il sindaco avrebbe concordato con lo stesso Veltroni nel corso della animata riunione romana nella quale il leader del Pd le ha rinnovato la fiducia chiedendole però di procedere con «un rinno-

vamento profondo e radicale» della squadra. Ecco perchè ulteriori salvataggi non sarebbero graditi a chi nel partito chiede novità nei volti e nelle politiche. Un pressing ribadito, assieme al pieno sostegno, dal vice di Veltroni, Dario Franceschini, mentre da fonti vicine alla segreteria regionale arriva l’invito al sindaco a fare scelte nella più completa autonomia.

Il crac Parmalat costa a Tanzi dieci anni

Il leader del Partito democratico Walter Veltroni alle prese oggi con la direzione nazionale

Oggi la Direzione più delicata della breve storia del partito, appena nato e già in crisi

Alla prova i “pontieri” del Pd

ROMA - «Abbiamo pronta una riforma della giustizia penale nella direzione auspicata da tutti gli italiani». Silvio Berlusconi, il giorno dopo la bufera giudiziaria che travolge la giunta Iervolino a Napoli e due deputati di spicco come Renzo Lusetti (Pd) e Italo Bocchino (Pdl), rivendica il «garantismo» del centrodestra, schiaccia l’acceleratore e rilancia. La riforma va fatta subito, insiste. Quindi rincara la dose. Soprattutto sul fronte delle intercettazioni: «Saranno concesse solo per reati di terrorismo internazionale e di mafia, delitti con pene dai 15 anni in su». Il presidente del Consiglio restringe così ancora di più il campo di azione dei Pm, visto che in precedenza aveva parlato

di un limite di 10 anni perchè fosse possibile il controllo delle telefonate. L’opposizione, ancora scossa per le inchieste giudiziarie in Campania, Abruzzo e Basilicata, ascolta. Alcuni concordano, ma altri, sulle intercettazioni ricordano che l’Anm pochi giorni fa aveva lanciato un allarme dicendo che se davvero le intercettazioni fossero state limitate solo a reati con pene così elevate, sarebbe stato «impossibile» indagare contro la mafia. Intanto Walter Veltroni chiama a raccolta oggi, nella Direzione più delicata della (breve) storia del Pd, il gruppo dirigente del Partito. Ma l’intesa tra le varie aree non è scontata e fino all’ultimo i “pontieri” saranno al lavoro per

definire il documento unitario, che il vertice approverà per uscire dalle secche della questione morale, del crollo elettorale in Abruzzo e delle tensioni interne. E non si esclude che per affrontare uniti un momento così difficile possa nascere un “gabinetto di crisi” che affianchi il segretario. Convocata per un chiarimento interno dopo settimane di tensioni e accuse reciproche, la Direzione di oggi cambia in parte ordine del giorno dopo la bufera giudiziaria che ha scosso il partito e che, secondo i rumors, non è ancora finita. Sul tavolo le proposte del Pd davanti alla crisi economica, la questione morale e la reazione del Pd, il profilo dell’opposizione e il partito.

Decise le elezioni anticipate dopo l’arresto del sindaco D’Alfonso

L’onorevole coinvolto nell’inchiesta del petrolio non andrà ai domiciliari

ROMA - Il ministro dell’Interno Roberto Ma- gennaio, scioglierò il comune, nominerò un roni ha annunciato che all’inizio del mese commissario e si voterà alle successive ammiprossimo scioglierà la giunta comunale di Pe- nistrative”, ha spiegato Maroni a Palazzo Chiscara, dopo che nei giorni gi, annunciando che il consiscorsi il sindaco della città A breve sarà nominato glio dei ministri ha approvato abruzzese, Luciano D’Alfonso anche un commissario l’accorpamento delle elezioni del Pd, è stato arrestato nel- Lo ha annunciato ieri europee e amministrative per l’ambito di un’inchiesta su il 6 e 7 giugno. Il sindaco è il ministro Maroni corruzione, truffa, falso e pestato messo agli arresti domiciculato per presunti abusi e favoritismi nei liari insieme ad altre due persone nella tarda confronti di alcuni imprenditori. “Il sindaco serata di domenica. Secondo l’accusa avrebbe di Pescara è stato arrestato e si è dimesso il 16 chiesto denaro alle imprese verso le quali avedicembre. Dopo 20 giorni regolamentari, il 5 va potere di proroga nei contratti di appalto.

POTENZA - L’on. Salvatore Margiotta (Pd) ne della Giunta della Camera, «vi è la mannon andrà agli arresti domiciliari: è la decisio- canza - hanno spiegato i deputati del Pd Donane della Giunta per le autorizzazioni della tella Ferranti, Lorenzo Ria e Marilena SampeCamera, in una giornata nella ri - delle esigenze cautelari e L’Idv non condivide non vi è adeguatezza e proporquale, a Potenza, si sono svolti gli interrogatori di garanzia la decisione della Giunta zione tra i fatti contestati e la dei due principali indagati per le autorizzazioni misura cautelare richiesta». dell’inchiesta sulle tangenti Tesi non condivisa solo dai dedella Camera del petrolio e il Governatore putati dell’Idv: «Il no all’arreVito De Filippo ha chiesto che si arrivi rapida- sto - ha detto il leader dell’Idv, Antonio Di mente a una sentenza, e a Policoro (Matera) e Pietro - è incostituzionale: solo la magistratualtrove sono stati eseguiti sequestri di beni ra ha il diritto e il dovere di valutare nel corso per 50 milioni di euro. Alla base della decisio- del processo le prove a carico dell’imputato».

Il Comune di Pescara sarà sciolto

Margiotta “non si può arrestare”

MILANO - I giudici del tribunale di Milano hanno condannato a dieci anni di reclusione Calisto Tanzi per la vicenda del crac Parmalat. Tanzi è stato ritenuto responsabile dei reati di aggiotaggio, ostacolo all’attività degli organi di vigilanza, concorso in falso con i revisori. Inoltre, l’ex patron di Collecchio è stato interdetto dai pubblici uffici per la durata della pena e condannato a risarcire in via provvisionale le parti civili. I giudici hanno condannato anche la società di revisione Italaudit (ex Grant Thornton) a una sanzione di 240 mila euro e hanno disposto la confisca di oltre 455 mila euro. È stato assolto solo per un capo di imputazione relativo al concorso in aggiotaggio con gli ex funzionari di Bank of America, assolti anche loro, Luca Sala, Antonio Luzi e Louis Moncada. Fuori dai “guai” anche i consiglieri di amministrazione indipendente Paolo Sciumè, Luciano Spilingardi, Enrico Barachini e Giovanni Bonici, ex responsabile di Parmalat Venezuela. «Prendiamo atto che lui è l’unico responsabile», ha affermato Giampiero Biancolella, legale di Calisto Tanzi, lasciando l’aula del tribunale di Milano dove è stata letta la sentenza che ha condannato l’ex patron di Collecchio. «Non rilasciamo alcun commento - ha spiegato Biancolella - prendiamo atto che Tanzi è l’unico responsabile». Ai chi gli domandava se farà ricorso, il legale ha risposto: «queste sono frasi di costume che non servono a nulla. Dobbiamo leggere le motivazioni della sentenza».


8 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Un uomo travolto da un’auto è stato portato al policlinico di Bari La famiglia: “Rimasto senza cure”. L’ospedale: deceduto per lo schianto

Muore dopo tre ore al pronto soccorso A Milano chiesti quattro anni per il primario di Humanitas BARI - «Perché nostro padre, di 77 anni, vittima di un incidente stradale, trasportato in ospedale con il codice rosso (imminente pericolo di vita) è rimasto in attesa per quasi tre ore» nel pronto soccorso del policlinico di Bari «senza che gli venisse praticata alcuna cura»? È la domanda che si pongono i tre figli di Domenico Colasanto, morto, alle 16 di sabato scorso, nel reparto di rianimazione del policlinico di Bari in seguito a un incidente stradale dopo che il suo arrivo al pronto soccorso era avvenuto alle 10 di mattina e alle 13 era stato ricoverato in rianimazione. I parenti dell’uomo hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Bari. Secondo i parenti, dopo i primi esami radiologici, Colasanto è stato messo su una barella e lì è rimasto sino alle 13, quando, cioè, è stato trasportato in rianimazione dove poi è morto. «Illazioni totalmente infondate»: così la direzione generale del Policlinico di Bari definisce i presunti ritardi negli accertamenti diagnostici. La direzione generale poi afferma che Colasanto «è giunto al Pronto soccorso alle 10.02» e che «alle 10.11 ha iniziato la terapia infusionale con espansori del plasma, soluzioni elettrolitiche, cortisonici, ossigenoterapia ed è stato sottoposto a suture delle multiple ferite al volto», nonché a emogasanalisi ed elettrocardio-

Un esposto alla Procura della Repubblica è stato fatto dai familiari di un uomo deceduto al pronto soccorso del policlinico di Bari. Intanto va avanti l’inchiesta milanese

gramma. «Alle 10.38 sono state richieste Tac total body e le radiografie dei segmenti ossei traumatizzati». Esami e referti completati alle 12.50; alle 13.12, dopo consulenza neurochirurgica, il paziente è stato ricoverato in Rianimazione. Per il Policlinico, in attesa degli accertamenti medico-legali, si può dire però che c’è stato «un rapporto causale diretto» tra l’inci-

dente e la morte del paziente. Inchiesta Humanitas. I pm di Milano, Maurizio Romanelli e Eugenio Fusco, hanno chiesto al gup Andrea Pellegrino la condanna a 4 anni e 8 mesi di reclusione per Roberto Gallotti, primario di cardiochirurgia della clinica Humanitas di Rozzano, accusato di lesioni personali gravissime e di un episodio di omicidio preterintenziona-

le nei confronti di otto pazienti che sarebbero stati operati al cuore senza che ce ne fosse l’indicazione chirurgica e in alcuni casi procurando danni fisici. Tutto per ottenere i rimborsi dalla Regione Lombardia. I due pm nel procedimento che si sta celebrando con rito abbreviato, hanno chiesto inoltre 4 mesi di reclusione per il chirurgo Giorgio Franciosi, imputato per due episodi di lesioni e la prescrizione per Enrico Citterio. Quest’ultimo e insieme a Gallotti era accusato dell’omicidio colposo di un paziente. Per entrambi il reato è stato ritenuto prescritto in base al fatto che la pubblica accusa ha chiesto il riconoscimento delle attenuanti generiche per tutti. Da qui la riduzione di pena chiesta per Gallotti, diminuita di sei mesi. Le nuove richieste dei pm Romanelli e Fusco sono dovute al fatto che il gup lo scorso 28 aprile, prima di entrare in camera di consiglio per decidere, aveva rinviato la sua decisione e disposto una perizia sui casi al centro dell’inchiesta. Ieri, dopo le richieste di condanna dei pm Maurizio Romanelli e Eugenio Fusco, la parola è passata ai legali di alcuni pazienti (parti lese) o dei loro familiari, che si sono riservati di quantificare in modo specifico il risarcimento del danno. Alla prossima udienza (il prossimo 5 febbraio) la parola passerà alle difese.

Lo scorso agosto avevano fatto irruzione in un convento torinese e picchiato i religiosi Frà Salvatore Magliano, una delle vittime della brutale aggressione

Dopo il fatto si erano separati e dati alla fuga

Sono quattro romeni gli aggressori dei frati

TORINO - I carabinieri del Comando provinciale di Torino hanno fermato quattro pregiudicati romeni, accusati del raid del 26 agosto al convento di Belmonte (Torino). Uno è stato arrestato a Modena, gli altri in Svizzera, Spagna e Austria. I quattro, armati di bastone e con il volto coperto, avevano picchiato quattro frati che cenavano nel refettorio, procurando loro ferite molto gravi. Un frate, trovato in fin di vita, è ancora ricoverato all’Ospedale Mauriziano di Torino. In manette sono finiti George Bineata, 21 anni, suo fratello Florin, 22 anni, Viorel Iulian Vrabie, 31 anni ed Emilian Slivneanu, 22 anni. Quest’ultimo era stato ospite del convento dei frati minori, per i quali aveva anche svolto alcuni lavoretti saltuari.

Rapine alle coetanee da parte di una gang di ragazzine milanesi

Anziana quasi uccisa in uno scippo

Spezzata dai carabinieri una catena di piccoli soprusi

NAPOLI - A Giugliano (Napoli) i carabinieri della locale compagnia hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata e lesioni personali gravissime in concorso, Aniello Cammisa, di 23 anni e Maria Astuccia, di 22, che a Villaricca, col volto scoperto e a bordo di una Ford Fiesta, hanno affiancato una 71enne del luogo, che con i propri familiari passeggiava in via Domenico Fontana, e senza scendere dall’auto hanno strappato la borsa che la donna teneva in mano, con una piccola somma di denaro ed effetti personali. La donna, urtata con lo specchietto retrovisore destro dell’auto, è caduta a terra battendo violetentemente la testa. Trasportata subito all’ospedale La Schiana di Pozzuoli, la donna, considerata in pericolo di vita, è stata ricoverata per trauma cranico con ematoma cerebrale. I due sono stati rintracciati e bloccati dai carabinieri dopo un inseguimento. Brutta rapina sempre ai danni di un’anziana anche a Roma, dove due tossicodipendenti a bordo di un’auto in corsa hanno aggredito una 63enne, tirandola per la borsa fino a farla cadere, trascinandola per oltre dieci metri, scaraventandola contro un albero e, infine, colpendola con calci e pugni. Il 113 ha intercettato i due aggressori: P.R. di 39 anni, e C.S. di 33 anni, tossicodipendenti romani. Anche gli agenti sono stati aggrediti dai due.

Bulli in gonnella per amore dei cellulari MILANO - Il bullismo dilaga tra i più giovani senza distinzioni di sesso. É quanto emerge da un grave episodio venuto a galla a Milano dove i carabinieri sono dovuti intervenire per sventare una catena di rapine commesse da una banda di baby-bulle. Era composta di sole ragazze una baby gang che seminava il panico tra le ragazzine che bazzicano via Torino, nel centro di Milano, rapinando le coetanee di soldi e cellulari. Mercoledì i carabinieri di Milano hanno eseguito un’ordinanza del Tribunale dei minorenni nei confronti di due di loro, considerate responsabili delle rapine insieme ad altre coetanee. Le loro vittime, oltre ai passanti, erano gruppi di coetanee numericamente inferiori al loro branco. Nei confronti delle due, L.L., 18 anni (ma ai tempi dei fatti minorenne) e A.S., di 16, entrambe di Milano, il Tribunale ha disposto un obbligo di dimora in casa che permette loro, però, di frequentare le lezioni. Altre due ragazze, amiche delle prime due, sono indagate in stato di libertà, dato che su di esse i riconoscimenti fotografici non sono stati univoci: si tratta di altre due studentesse milanesi di 17 e 18 anni. Alle quattro vengono contestati, a vario titolo, due episodi: il primo avvenuto il 7 febbraio scorso ai danni di due amiche di 20 e 21

anni, l’altro il 17 aprile nei confronti di due ragazze di 15 anni. Proprio da quest’ultimo sono partite le indagini della Compagnia Duomo, che dal cellulare di una delle rapinate, usato da L.L., hanno rintracciato l’allora minorenne. È stata poi lei a indicare i nomi delle giovani complici.

Il branco, che si componeva ogni volta in modo diverso a seconda di chi c’era, si trovava in corso Vittorio Emanuele, sulle murate adiacenti al Duomo. Poi si dirigeva quasi sempre in via Torino, zona frequentatissima dai teenager e dove quasi quotidianamente si verificano rapine simili, spesso nemmeno denunciate. Un filmato preso da una telecamera ha ripreso le quattro in azione che circondano, strattonano e derubano le due coetanee il 14 aprile, in un vicolo. Quando sono state scoperte, con

aria strafottente come per le baby gang di maschi, hanno chiesto un avvocato e si sono giustificate di-

cendo che quando gli serviva un telefonino lo «scavallavano», ovvero lo prendevano a qualcuno.

É accaduto in un cantiere edile durante la gettata delle fondamenta. Fatale per un 23enne un colpo alla testa

Muro crolla e fa una giovane vittima

Una vittima del lavoro a Vicenza

VICENZA - Un giovane edile è morto a Vicenza in un incidente sul lavoro per il crollo di un muro durante lo scavo delle fondamenta di un edificio.

L’infortunio è costato la vita a Christophe Forse anche per effetto del prolungato malRepele, 23 anni, di Zovencedo (Vicenza). tempo degli ultimi giorni, il muro è improvDue suoi compagni, Alessandro Garbin, 42 visamente crollato e li ha travolti. Tutti e tre anni, e Luciano Chimenti, 44, sono rimasti sono rimasti semisepolti, ma Christophe è feriti, ma non sono in pericolo di vita. stato colpito alla testa. Per lui, all’arrivo dei In via del Borghetto, a due primi soccorritori, non c’era passi dalla chiesa dei Carmi- Semisepolti più nulla da fare. Sul posto il ni, sono in corso lavori di ri- altri due operai Suem 118, i vigili del fuoco, la strutturazione edilizia affidati ma sono riusciti polizia, lo Spisal. I due feriti alla ditta De Facci. Nel primo sono stati prima medicati sul a cavarsela pomeriggio di ieri i tre edili posto e poi trasferiti in ospestavano lavorando alle fondamenta di un edi- dale: uno ha patito un trauma toracico piuttoficio che confina con altri risalenti agli anni sto serio, l’altro fratture non gravi. Quaranta. Nel compiere lo scavo, sono arri- Il pm Giorgio Falcone ha dato il nulla osta vati a lavorare molto vicino a un muro preesi- per la rimozione della salma e aprirà un stente che delimita la proprietà dei vicini. fascicolo di indagine.


il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 9

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Cronache in breve Si incatena ai binari per riavere il lavoro PALERMO - Salvatore Palumbo, ex operaio licenziato dai cantieri navali di Palermo, si è incatenato per protesta con la moglie e i tre figli ai binari della stazione centrale di Palermo chiedendo la riassunzione. Le forze dell’ordine hanno tranciato le catene e lo hanno identificato. L’operaio chiede di incontrare il Presidente della Regione. Lunedì Palumbo aveva piantato una tenda davanti al Tribunale.

La bella attrice umbra ha confessato di pensare spesso al matrimonio Vorrebbe convolare con il suo fidanzato di sempre col quale vive a Perugia

Scoperti al Louvre disegni di Leonardo PARIGI - Scoperta inaspettata al museo del Louvre: secondo quanto ha riferito martedì la televisione France 2, alcuni conservatori del museo della capitale avrebbero trovato dietro il dipinto “La vergine con il bambino e Sant'Anna” di Leonardo Da Vinci alcuni disegni che potrebbero essere del grande artista italiano. Realizzati con la pietra nera, raffigurano la testa di un cavallo, un pezzo di cranio e un bambino.

PARIGI - Carla Bruni riceverà 40.000 euro di danni e interessi dalla società Pardon che nell’isola francese Reunion aveva messo in vendita una borsa con una foto senza veli della premiere dame di Francia. Tutte le borse saranno inoltre ritirate dal mercato, secondo quanto ha deciso il tribunale di SaintDenis, capuologo della Reunion. Come già annunciato, la somma andrà interamente in beneficienza.

VENEZIA - Il campanile di San Marco si sta deteriorando e rischia di inclinarsi: i pali di legno delle fondamenta hanno subito danneggiamenti a causa dell’acqua salmastra. Senza contare gli effetti negativi alla struttura legati all’innalzamento del livello del mare e all’acqua alta. Si è deciso di impiegare il titanio per i lavori di manutenzione, e la ThyssenKrupp di Terni ha ottenuto l’incarico per la fornitura di 12 tonnellate di titanio.

Guasto tecnico blocca il traforo del Frejus PARIGI - Il traforo stradale del Frejus, che collega Italia e Francia, è stato chiuso nella girnata di ieri alla circolazione a causa di un problema tecnico. Lo rende noto il Cnir, l’ente francese responsabile per l’informazione stradale, senza specificare la natura del guasto.

Con l’alcol nel camino provoca un incendio SAN CASCIANO (FIRENZE) - Un fondo adibito ad abitazione lungo la via Cassia, a San Casciano, è stato completamente distrutto da un incendio, provocato dall’ inquilino, un pensionato che stava tentando di accendere un camino attizzando le fiamme con l’ alcool. Il locale è dichiarato inagibile dai vigili del fuoco.

Uccisero il boss Cordì Quattro arresti a Locri Laura Chiatti: l’attrice umbra sogna il matrimonio con il fidanzato di sempre Francesco Arca

Laura e Francesco presto sposi PERUGIA - In Francia la adorano tutti, quasi quanto Monica Bellucci; ma Laura Chiatti si sente “italianissima” e sembra non avere alcuna intenzione di fare carriera oltralpe. La bella attrice, umbra anche lei come la Bellucci, dice di desiderare e di cercare una vita “normale”. Confessa di non sentirsi affatto una diva, per quanto sia difficilissimo per lei passare inosservata, e sulle colonne di “Elle” confessa: “Sono una ragazza semplice, una ragazza di provincia. Lasciatemi qui,

Nessun 6 nè 5+

Oltre mille morti di colera in Zimbabwe GINEVRA - Il bilancio dell’epidemia di colera che ha colpito lo Zimbabwe è salito a 1.111 morti, con un totale di 20.581 casi sospetti. Lo rivela l’Ufficio di coordinamento degli Affari umanitari dell’Onu (Ocha) da Ginevra. Il precedente bilancio parlava di 978 morti e 18.413 casi sospetti. Ma le agenzie dell’Onu, che definiscono l’epidemia ’senza precedenti’, stimano che i potenziali contagiati siano circa 60.000.

Temeva i ladri in casa si ferisce con la sua pistola CONEGLIANO (TREVISO) - Un uomo di 58 anni, residente a Conegliano, si è ferito gravemente per un colpo partito accidentalmente da un revolver che aveva impugnato temendo la presenza di intrusi in casa. L’uomo, nelle prime ore di ieri era stato svegliato dal suono dell’ impianto di allarme ed era uscito nel giardino della sua villa impugnando una vecchia pistola calibro 22. Una volta verificato che non c’erano problemi, era rientrato in casa ma l’arma gli sarebbe caduta di mano e toccando terra è partito un colpo che l’ha ferito all’inguine.

faccio tante belle cose”. Certo, i sogni nel cassetto non mancano nemmeno alla bellissima attrice. Per il 2009 sembra averne uno in particolare, da condividere con l’ex tronista di Uomini e Donne Francesco Arca, lo “storico” fidanzato con cui divide una casa a Perugia: “E’ l'uomo più bello del mondo - dice la Chiatti del suo uomo -. E' forte, mi appoggia. Spero di sposarlo un giorno. Sì vorrei che fosse lui”. Nozze in vista?

Estrazioni

del 18/12/2008 Bari 70

27

10

13

16

Cagliari

35

66

13

65

5

Firenze

9

57

59

88

54

Genova

31

63

64

25

85

Milano

31

56

65

3

49

Napoli

26

59

52

13

41

Palermo

58

33

81

86

68

Roma

29

62

32

83

27

Torino

71

52

18

72

43

Venezia

21

68

10

88

72

RUOTA NAZ. 43

38

36

52

72

9

26

29

31

58

70

Jolly

Super Star

21

43

ANSA-CENTIMETRI

Il campanile di San Marco ha bisogno di cure urgenti

ROMA - I carabinieri del Nucleo Operativo dell’Eur hanno fermato un pregiudicato romeno di 37 anni del campo nomadi di Castel Romano, ritenuto responsabile dei reati di riduzione in schiavitù, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione minorile, violenza sessuale su minori e ricettazione. A denunciarlo, trovando il coraggio di raccontare la sua odissea è stata la vittima, una ragazza di 17 anni. Alla minorenne, connazionale dell’uomo, era stato promesso un lavoro sicuro in un night club in Spagna ma invece del lavoro, una volta arrivata a Roma, ha subito minacce, è stata picchiata, violentata e obbligata a prostituirsi tutte le notti in zona Eur. Dopo la denuncia della ragazza, i carabinieri hanno individuato e fermato il suo aguzzino, nei pressi di Lungotevere San Paolo che viaggiava a bordo di una macchina rubata.

La Bruni risarcita per le sue foto osè

Esplosione in miniera 18 intrappolati in Cina PECHINO - Un’esplosione è avvenuta all’interno di una miniera di carbone in Cina e diciotto minatori sono rimasti intrappolati nei pozzi. Lo riferisce l’agenzia ufficiale Xinhua. L’incidente è avvenuto mercoledì pomeriggio nella città di Lianyuan, nella provincia Hunan. Al momento dell’esplosione nei pozzi c’erano 32 minatori, quattordici dei quali sono riusciti a mettersi in salvo.

Minorenne schiavizzata e costretta a prostituirsi

Nessun 6 nè 5+ al Superenalotto. Le quote: ai 5: 54.288,77 euro; ai 4: 297,99 euro; ai 3: 16,33 euro. Quote Superstar: Nessun vincitore con 5. Ai 4: 29.799 euro; ai 3: 1.633 euro; ai 2: 100 euro; agli 1: 10 euro; agli 0: 5 euro.

LOCRI (REGGIO CALABRIA) - Quattro persone sono state arrestate a Locri dalla polizia con l’accusa di essere responsabili dell’omicidio, avvenuto il 31 maggio del 2005, del boss Salvatore Cordì, indicato come il capo dell’omonima cosca della ’ndrangheta. I quattro arresti sono stati eseguiti dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dal commissariato di Siderno (Reggio Calabria). Il movente dell’omicidio di Cordì, secondo quanto è emerso dalle indagini, è da collegare allo scontro con la cosca dei Cataldo, alla quale appartengono gli arrestati. Secondo l’accusa, uno sarebbe stato il mandante e gli altri tre gli esecutori materiali dell’omicidio.

Stop all’abuso in carcere delle ispezioni corporali ROMA - La Cassazione dice basta all’eccessivo ricorso, da parte delle guardie penitenziarie, alle ispezioni corporali sui detenuti. La Corte, dando ragione al ricorso di un condannato, sottolinea che «l’unica base giustificativa delle modalità, di per sè degradanti e umilianti, dell’ispezione corporale, in grado di rendere l’operazione non arbitraria nè vessatoria, è costituita dalla congruità dell’atto rispetto al fine cui è diretto».

Professore sotto processo Dava voti senza interrogare ASTI - Sotto processo ad Asti un insegnante, Luigi Monti, dell’istituto magistrale della città, accusato di aver dato i voti senza interrogazioni e compiti in classe. L’ipotesi di reato è falso ideologico. Il docente è insegnante di diritto ed economia e la vicenda ha inizio nel maggio del 2005 quando una sua collega si è rivolta alla polizia per riferire le confidenze ricevute da alcune studentesse. Nelle indagini è emerso che il prof non interrogava e non dava compiti in classe assegnando i voti secondo criteri giudicati incomprensibili e strani.


10 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Economia

Bankitalia-Bnl Einaudi sul portafoglio degli italiani Ma il reddito è insufficiente per un cittadino su tre

La ricchezza un affare per pochissimi ROMA - La ricchezza delle famiglie italiane tiene nonostante la crisi si inizi a far sentire ma solo, per il momento, come contrazione delle attività finanziarie. Intanto gli italiani stretti dalla crisi economica iniziano a percepirne gli effetti, ed uno su tre ritiene che il proprio reddito sia insufficiente. È il quadro che emerge, rispettivamente, dall’ultimo supplemento al Bollettino statistico della Banca d’Italia dedicato proprio alla ricchezza delle famiglie del Belpaese e dal rapporto Bnl-Einaudi. I venti della crisi si sentono sui dati più recenti, quelli relativi al primo semestre 2008: secondo via Nazionale infatti tengono le attività reali (immobili, ad esempio) nonostante una contrazione di prezzi e volumi di compravendite. Ma gli italianipagano i recenti corsi azionari e si registra un -6% per la ricchezza finanziaria. Mentre il rapporto Bnl-Einaudi evidenzia che rispetto al proprio reddito «la percentuale di intervistati che hanno espresso un giudizio positi-

vo, di sufficienza o più che sufficienza, passa da 89% a 70%», mentre sale a 29,8% (da 11,1%) la quota di chi ritiene di avere un reddito insufficiente o del tutto insufficiente. Ricchezza regge La ricchezza delle famiglie italiane regge: «A prezzi costanti la crescita della ricchezza complessiva rispetto al 2006 risulta pari all’1,7% (circa 139 miliardi di euro del 2007) con un aumento pro capite dello 0,8%». La ricchezza netta complessiva a prezzi correnti è cresciuta invece di circa il 3,9% (circa 317 miliardi) un valore inferiore al tasso medio di crescita annuale del periodo 1995-2006 (il 6,2%). Questo rallentamento è dovuto ad una «sostanziale stasi delle attività finanziarie (+0,6%) e alla crescente incidenza dei debiti (+8,2%) mentre la dinamica delle attività reali è rimasta contenuta (+6,7%). Tiene la casa La ricchezza reale delle famiglie italiane, rappresentata prevalentemente da immobili, re-

C’era pure quella sulla camera del fascio A giugno on line l’archivio dei testi vigenti

L’accetta di Calderoli Cancellate 29mila vecchie leggi

Il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli

ROMA - Via libera del Consiglio dei Ministri al decreto ’taglialeggi’ del ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli. Vanno così in pensione 29.095 norme antecedenti al 1948. Contemporaneamente viene avviata la realizzazione di ’Normattiva’, l’archivio on line gratuito con i testi delle leggi vigenti che sarà operativo da giugno e vengono recuperate circa 30 leggi sulle 3.300 che erano state cassate con il precedente ’taglialeggi’. Dalla lotta contro le cavallette che infestavano l’Italia nel 1946 alla disciplina sul trattamento doganale del prosciutto cotto, dall’assegnamento annuale per il principe ereditario stabilito nel 1865 da-

gli stanziamenti per l’acquisto di navi bananiere deciso in epoca fascista. Il decreto taglia-leggi approvato dal consiglio dei ministri toglie di mezzo veri e propri relitti legislativi, restati in vigore, in alcuni casi, per più di centocinquant’anni. Sono circa 29mila le leggi finite sotto la scure del ministro per la semplificazione Calderoli. Il caso forse più eclatante di sopravvivenza, riguarda probabilmente la legge fascista che istituiva la Camera dei fasci e delle corporazioni. Accanto alla sforbiciata, il decreto approvato dal consiglio dei ministri riporta in vita sessanta leggi dichiarate decadute da un precedente decreto di Calderoli.

Quote modeste per la stragrande maggioranza delle famiglie sta sostanzialmente stazionaria. Secondo l’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia del Territorio nella prima parte del 2008 si è registrato un rallentamento della crescita nei prezzi degli immobili e un forte calo dei volumi di compravendita. «Le componenti di cui sono già noti gli andamenti per il primo semestre 2008 - si spiega - rappresentano circa il 90% del complesso della ricchezza netta delle famiglie; si può dunque ipotizzare che in questo periodo l’aggregato complessivo, a prezzi costanti, sia rimasto sostanzialmente staziona-

rio». 360mila euro a famiglia... Ogni famiglia italiana poteva contare mediamente nel 2007 su una ricchezza di 360.000 euro, cioè 143.000 euro a testa.

Ma ricchezza molto concentrata Via Nazionale spiega però che la distribuzione della ricchezza è caratterizzata «da un elevato grado di concentrazione cioè molte famiglie detengono livelli modesti o nulli di

ricchezza mentre poche dispongono di una ricchezza elevata». Da questo punto di vista, gli ultimi dati relativi al 2006, mostrano che «la metà più povera delle famiglie italiane deteneva meno del 10% della

Il Consiglio dei ministri ha varato il decreto legge “milleproroghe”. Promettono b

Ci sono 16 miliardi per le i Per la class action altri 6 m

ROMA - Via libera al secondo pilastro del piano anticrisi del governo: il Comitato interministeriale per la programmazione economica approva il pacchetto infrastrutture da 16,6 miliardi, che si tradurrà nel 2009 in investimenti in opere per un valore di 27,7 miliardi. È invece ancora semaforo rosso sulla class action: il Consiglio dei ministri ieri ha varato il decreto legge ’milleproroghe’ e ha deciso di far slittare l’introduzione delle nuove regole di altri sei mesi, posticipandole a giugno. Una pausa che fa alzare barricate alle associazioni dei consumatori, ma che per l’Esecutivo è necessaria per costruire un progetto organico. Al momento resta comunque confermata l’intenzione di creare uno scudo per il passato: le nuove norme, secondo l’impianto allo studio del governo, dovranno valere esclusivamente a partire dal primo luglio 2008. Il nuovo rinvio non piace nè al Partito democratico nè all’Italia dei Valori. «È una presa in giro dei cittadini - afferma Andrea Lulli che il governo porta avanti senza vergogna». Per il partito di Antonio Di Pietro si tratta dell’ennesima dimostrazione del fatto che «l’esecutivo ha a cuore solo gli interessi - accusa il deputato dell’Idv Antonio Borghesi - del pro-

Via libera del Cipe ai fondi per il pacchetto grandi opere

prio presidente e quelli di chi commette illeciti finanziari». La proroga è invece appoggiata dalla maggioranza, che ieri ha votato una risoluzione in commissione Giustizia (dove sono all’esame diverse proposte su questa materia). Ben venga il tempo in più, spiega il relatore ai provvedimenti sulla class action Antonino Lopresti,

ma ora la proposta del governo sia trasformata in un disegno di legge da discutere insieme ai provvedimenti omogenei già all’esame del Parlamento. In zona Cesarini, dopo numerosi rinvii, intanto è arrivato l’ok del Cipe alle risorse per le infrastrutture. «Abbiamo varato un primo stanziamento di 16,6 miliardi», an-

nuncia il premier Silvio Berlusconi. Un tetto che viene raggiunto sommando in realtà diverse voci: il Cipe infatti ha sbloccato un primo stanziamento di 7,3 miliardi di Fondi fas, ai quali occorre aggiungere 2,3 miliardi varati con il decreto legge anticrisi di fine novembre e 7 miliardi di risorse private e project financing. «Le opere


il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 11

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Economia

Peggiorano ancora i dati Istat del terzo trimestre

La ricchezza delle famiglie RICCHEZZA REALE 5.570 miliardi (60% del totale)

ATTIVITÀ FINANZIARIE 3.652 miliardi (40% del totale)

altri fabbricati

82% titoli privati (bond, azioni...) 6,5%

impianti/ macchinari

6,5%

terreni

3,4%

oggetti di valore

titoli pubblici 2,1% (bot, cct...)

abitazioni

Variazioni 2007/06

49%

26%

contante e depositi bancari

a prezzi costanti

+1,7%

a prezzi correnti

+3,9%

PASSIVITÀ FINANZIARIE 710 miliardi (4% del totale) 39,6%

mutui casa

credito al consumo

13,1%

debiti commerciali

29,6%

5,5%

Ricchezza media

famiglie

360.000 euro

singoli

143.000 euro ANSA-CENTIMETRI

Fonte: Bankitalia - dati a fine 2007

Gli italiani stretti dalla crisi economica iniziano a percepirne gli effetti, ed uno su tre ritiene che il proprio reddito sia diventato ormai insufficiente

ricchezza totale mentre il 10% più ricco deteneva quasi la metà della ricchezza complessiva». Molte case, ma anche debiti Maggioritaria la quota di ricchezza reale in abitazioni (82%), seguita

con molto distacco dai fabbricati non residenziali (6,5%), impianti e macchinari (6,5%), terreni (3,4%) e oggetti di valore (quadri, preziosi, mobili, ecc) 2,1%. Per le attività finanziarie la quota più rilevante

barricate le associazioni dei consumatori

infrastrutture mesi di attesa Il Cipe ha approvato il pacchetto infrastrutture da 16,6 miliardi, che si tradurrà in opere per 27,7 miliardi

(49%) è quella detenuta in obbligazioni private, titoli esteri, prestiti alle cooperative, azioni, partecipazioni e fondi comuni di investimento. Contante, depositi bancari, risparmio postale sono il 26%. Reddito non basta a un italiano su tre Secondo il rapporto BnlEinaudi un italiano su tre giudica insufficiente o peggio, totalmente insufficiente il proprio reddito. Inoltre nel 2008 quasi sette italiani su dieci non sono riusciti a mettere soldi da parte e quattro su dieci hanno incontrato difficoltà a saldare le rate dei propri debiti.

La disoccupazione continua a salire Un milione e mezzo in cerca di lavoro ROMA - Non si ferma la corsa della disoccupazione, che sta crescendo da inizio anno e nel terzo trimestre arriva al 6,1%. Ma anche sul fronte dell’occupazione non arrivano buone notizie: nel terzo trimestre dell’anno, la crescita del numero degli occupati frena allo 0,4%, in «deciso rallentamento» rispetto al recente passato (+1,4% nel primo trimestre, +1,2% nel secondo). Da un lato, quindi, sono sempre più i cittadini in cerca di occupazione, mentre dall’altro si fa più fatica a trovare un posto di lavoro. Senza contare che l’offerta di lavoro rimane ferma al livello dei tre mesi precedenti. Il quadro poco confortante emerge dai dati Istat sul mercato del lavoro, che mostrano come nel terzo trimestre dell’anno il numero delle persone in cerca di occupazione abbia registrato il terzo aumento tendenziale consecutivo, superando il milione e mezzo di unità (+9% rispetto al terzo trimestre 2007). Il tasso di disoccupazione è quindi aumentato di mezzo punto percentuale rispetto a un anno prima, posizionandosi al 6,1%, mentre, in confronto al secondo trimestre 2008, il tasso di disoccupazione è diminuito di un decimo di punto. Nel terzo trimestre, invece, il numero di occupati è salito a 23,5 milioni, con un aumento su base annua dello 0,4% (+101.000 unità) che, come sottolinea l’Istat, riflette «ancora una volta l’incremento della popolazione stranie-

ra registrata in anagrafe». Si registra invece «un marginale incremento» dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. Se per l’Isae siamo di fronte a un quadro di «sostanziale tenuta» all’interno del quale emergono comunque «segnali di deterioramento, in par-

La disoccupazione in Italia Il tasso di disoccupazione del III trimestre 2008 a confronto con quello del 2007 2007

2008

2,8

3,8

3,6

5,7

4,7

3,3

MEZZOGIORNO 10,3

5,6

ticolare nel Mezzogiorno», per i sindacati invece è il momento di «una svolta» nelle politiche del lavoro. Ma le preoccupazioni arrivano anche dal mondo imprenditoriale: «I dati mostrano quanto sia diventato difficile per le aziende assumere nuovo personale in questa fase economica», spiega Confapi, mentre Confesercenti

Cifre in miliardi di euro (prezzi attualizzati 2007) 60

56,7

pubbliche servono al Paese per modernizzarsi - commenta soddisfatto il ministro per le Infrastrutture Altero Matteoli - e sono indispensabili per aiutare la ripresa economica, la crescita del Pil e la difesa dell’occupazione». Meno soddisfatti gli altri ministri. Il titolare del Tesoro Giulio Tremonti, secondo quanto riferisco-

40

30

20

31,2 10

Fattura petrolifera

0 ’73 ’75 ’80 ’85 ’90 ’95 ’96 ’97 ’98 ’99 ’00 ’01 ’02 ’03 ’04 ’05 ’06 ’07 ’08* Fonte: Unione petrolifera

il bilancio 2008: un bilancio molto pesante per i conti dell’azienda Italia - con una fattura energetica a 56,7 miliardi ed una petrolifera a 31,2 miliardi (+4,8 mld sul 2007) nonostante il calo dei consumi ed il supereuro che ha evitato costi ancor più salati. Sul fronte della domanda domestica, il 2008 si chiude infatti con un calo dei consumi petroliferi del 3,5% (-1,1% quelli totali energe-

* stima

6,1

ANSA-CENTIMETRI

Fonte: Istat - dati in %

Le bollette per l’Italia

Fattura energetica

3,4

ITALIA

11,1

Maxi batosta dall’energia Bolletta più cara di sempre ROMA - L’Italia chiude il 2008 con una maxi-bolletta energetica: un conto da 56,7 miliardi di euro per acquistare le fonti dall’estero che rappresenta la fattura più salata pagata nella storia, superiore a quelle dei tempi degli choc petroliferi del secondo scorso. Colpa del caro greggio che ha spinto la bolletta di quest’anno a guadagnare 10 miliardi in più del 2007, spingendosi fino al 3,6% del Pil. Ma i numeri dell’impatto delle fiammate del greggio - le cui quotazioni in media quest’anno hanno sfiorato i 100 dollari al barile - arrivano proprio nella giornata in cui il prezzo del barile, sui mercati internazionali, crolla sotto ai 38 dollari al barile. Ai minimi cioè da oltre 4 anni, incurante della stretta decisa ieri l’altro dall’Opec che ha annunciato un taglio della propria produzione, da gennaio, di 2,2 milioni barili al giorno: ieri i future a New York hanno lasciato sul terreno oltre il 5% facendo segnare così, dal luglio scorso quando sfiorarono quota 150 dollari, un ribasso di quasi il 75%. Di certo, al momento, c’è

2,9

NORD

CENTRO

50

no alcuni partecipanti al tavolo, infatti avrebbe fatto valere le ragioni del rigore e non avrebbe acconsentito al pressing dei colleghi che chiedevano il via libera, immediato, di un altro gruzzolo di risorse Fas. Sorte simile, seppure condita con alcune rassicurazioni, sarebbe toccata al sindaco di Milano Letizia Moratti, a Palazzo Chigi in veste di commissario per l’Expo. Ecco l’elenco degli interventi principali finanziati dal Cipe. Autostrada Cecina-Civitavecchia Il progetto sarà interamente finanziata con capitali privati. Il costo è di 3,8 miliardi. Mose Per la sesta tranche del Sistema Mose di Venezia arrivano 2,3 miliardi. Terzo valico Via libera al progetto per il Terzo Valico dei Giovi. Ai lavori è destinato circa 1 miliardo di euro. Fondo per Pmi Arrivano 70 milioni che consentono il via a finanziamenti per almeno 700 milioni. Prevista anche una semplificazione delle procedure.

Nord-est

Nord-ovest

Nell’anno che sta per finire un conto di 56,7 miliardi di euro La Stato “guadagna” 500 milioni in più di gettito fiscale

Ma cala il prezzo del greggio e questo contribuisce a limitare i danni

parla di «stillicidio per migliaia di piccole e medie imprese». Secondo i dati Istat, l’innalzamento del livello della disoccupazione risente soprattutto della crescita degli ex-occupati nel Nord e nel Centro e degli ex-inattivi nel Mezzogiorno, mentre, per la pri-

ANSA-CENTIMETRI

tici) con la domanda di benzina in calo del 7,6%. Colpa soprattutto dei prezzi che quest’anno, hanno visto i carburanti raggiungere picchi storici con la benzina, in media d’anno, che ha guadagnato 6,6 centesimi al litro ed il gasolio che ha preso 14,5 centesimi rispetto alle medie 2007. A beneficiarne, per ora, è stato lo Stato che ha ’intascato’ circa 500 milioni in più di gettito fiscale.

ma volta dall’ultime trimestre del 1997, si è registrato un calo dell’occupazione maschile pari allo 0,2% (-27.000 unità). Al contrario, sale l’occupazione femminile: sempre nel terzo trimestre dell’anno, ha segnato un incremento dell’1,4% (pari a 127.000 unità), sempre nel confronto con il medesimo periodo del 2007.

Cambia faccia la strenna aziendale

Un ticket per acquisti il regalo di Natale

MILANO - La crisi colpisce il Natale e con esso anche il tradizionale regalo aziendale: addio a panettoni, agende e penne varie, quest’anno molti dipendenti riceveranno in dono dai loro datori di lavoro dei buoni da spendere liberamente in oltre 8.000 negozi in tutta Italia. Una scelta, quella del voucher, che ha segnato nel 2008 un incremento del 30%, registrando un giro d’affari complessivo di 22 milioni di euro. Si chiamano ’Ticket compliments’, sono i fratelli minori dei ’Ticket restaurant’ e hanno un valore medio di 25 euro. «Sono più di 2.000 le aziende che quest’anno li hanno scelti come regalo per i dipendenti - spiega in una nota Graziella Gavezotti, ad di Accor Services, l’azienda che li ha lanciati - e ogni beneficiario in media viene omaggiato con un carnet del valore complessivo di 250 euro». Nella classifica degli oggetti più acquistati vince la tecnologia: Mp3, Cd, videogiochi e telefonini sono tra i più gettonati, seguiti da prodotti alimentari di vario tipo e accessori di abbigliamento. Non mancano comunque i regali più classici, come buoni libro, buoni bellezza o buoni viaggio. Attenzione però a un curioso fenomeno in costante crescita: i buoni per servizi quali il personal shopper o il consulente d’immagine.


12 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPROFONDIMENTI

Taglio Ici, a farne le spese è il Sud Svimez: il provvedimento è stato coperto con risorse destinate alle infrastrutture di Nadine Solano ROMA - Nel rapporto sulle previsioni economiche 2008-2009 dello Svimez (Associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno), presentato ufficialmente pochi giorni fa, c'è un paragrafo intitolato "Esenzione Ici prima casa: quanto costa e chi ci guadagna?". Lo Svimez parla chiaro: il taglio dell'Ici sulla prima casa, deciso dal Governo Berlusconi, è stato coperto tramite fondi destinati al Sud. "Per assicurare - si legge nel documento - la copertura complessiva del decreto che, si ricorda, prevedeva anche la detassazione degli straordinari e dei premi di produttività, sono stati cancellati stanziamenti per interventi infrastrutturali nel Mezzogiorno per quasi due miliardi". Scendendo più nel particolare, lo Svimez spiega che "sono stati usati a copertura delle nuove spese circa 1,4 miliardi della dote Fintecna per la costruzione del Ponte sullo Stretto, che la Finanziaria 2007 aveva destinato a interventi per la realizzazione di opere ferroviarie e stradali in Sicilia e in Calabria e circa 500 milioni per opere viarie minori, sempre in Calabria e Sicilia. Il Mezzogiorno ha quindi dato un contributo rilevante in termini di risorse a tale provvedimento". Ma il punto non è solo questo. Ce n'è un secondo, che ha ancor di più il sapore del paradosso. Perché, in base a un confronto territoriale, il provvedimento in questione "ha un impatto nelle regioni meridionali assai minore che nel resto del Paese". Il denaro non è uscito dalla porta per rientrare dalla finestra, insomma. Tutt'altro: "sia il beneficio medio - è scritto nel rapporto - sia la quota com-

plessiva del beneficio, sia la percentuale di beneficiari sono nel Sud Italia, infatti, minori rispetto ai valori che si registrano per il Centro e il Nord Italia". E ancora: "Nel Sud si concentra appena il 22 per cento del beneficio, 15 punti meno del peso demografico

In più, il beneficio non è distribuito in modo equilibrato: nel Mezzogiorno si registra appena il 22 per cento, mentre il resto va al Centro e al Nord Italia dell'area. Il risultato è quindi un aumento della distanza, in termini di reddito, fra la parte meno ricca e quella più ricca del Paese". Nel rapporto si fa poi una breve, quanto significativa, panoramica sugli eventuali differenziali regionali: "sarebbero molto rilevanti e si passerebbe da un beneficio medio per famiglia di 175 euro nel Lazio agli appena 34 euro di Sicilia e Basilicata". Allo stato attuale, tutte le regioni del Mezzogiorno si aggirano intorno ai 50 euro, fatta eccezione per la Sardegna (72 euro) e la Campania (87 euro). I conti salgano decisamente in riferimento al resto del territorio nazionale: "i valori più elevati si registrano, dopo il Lazio, in Liguria (144 euro), Emilia Romagna e Toscana (intorno ai 100 euro) e Lombardia (81 euro).

In più, "le differenze permangono rilevanti anche se consideriamo, invece del beneficio medio per tutte le famiglie, quello relativo alle sole famiglie beneficiarie. In questo caso si passa dai 304 euro del Lazio ai 256 del Trentino, ai 236 della Liguria, per poi scendere ai 110 di Puglia e Calabria, fino ad appena 90 euro in Sicilia". Lo Svimez ribadisce quindi co-

me le regioni deboli abbiano visto sottrarre le risorse ad esse destinate e come, successivamente, il beneficio si sia concentrato nel centro Nord. A conclusione del rapporto si esprimo perplessità riguardo "la stima del mancato gettito effettuata dal Governo, alla base del dimensionamento del fondo compensativo". Stando alle stime dello Svimez, insom-

ma, nella sua totalità l'intervento dovrebbe costare assai più di quanto valutato dall'esecutivo: "3.202 ml. ottenuti sommando ai 1.151 ml. della riforma Prodi, i 2.051 ml. derivanti dall'abolizione dell'Ici residua. Si evidenzierebbe dunque nel 2008 un differenziale tra mancati introiti dei comuni e fondo compensativo di oltre 500 milioni di euro".

Aspetta un bebè dal compagno Bernardo Corradi, attaccante della Reggina

La Santarelli è in dolce attesa: si trasferisce in Calabria? ROMA - Elena Santarelli e Bernardo Corradi si amano ormai da due anni. Quando però lui si è trasferito in Calabria per indossare la maglia della Reggina, la bionda showgirl non l'ha seguito. E' rimasta a Milano, perché è lì che lavora. L'hanno più volte avvistata in quel di Reggio ma lei, durante un'intervista, ha messo le cose in chiaro: "Ho semplicemente aiutato il mio fidanzato a trovare casa. Per me sarebbe impossibile vivere lì". Adesso, tuttavia, le cose potrebbero cambiare. Perché l'ex naufraga dell'Isola dei famosi aspetta un bebè, da circa otto settimane. A rivelarlo è stato il settimanale "Chi", secondo il quale la Santarelli avrebbe scoperto di essere incinta lo scorso 6 gennaio. A questo punto, quindi, la coppia deve annullare le distanze. E allora, Elena metterà da parte gli impegni professionali per raggiungere il compagno a Reggio Calabria? La sua car-

Anche se si sono visti spesso, finora la coppia ha vissuto a distanza, perché Elena lavora a Milano. Ma ora le cose potrebbero cambiare riera va a gonfie vele, ormai è uno dei volti più amati di Mtv; fra non molto, però, il pancino comincerà a lievitare. Bisognerà prendere una decisione. Insomma, uno dei due dovrà fare le valigie. Secondo qualcuno, è più probabile che il passo venga compiuto da Corradi. Alcune voci lo danno in partenza dalla Reg-

gina a gennaio. E poiché l'attaccante sta raccogliendo buoni risultati con la casacca amaranto, l'unico motivo per questo addio sarebbe, appunto, la dolce novità. Pare anche che Bernardo sia corteggiato da una squadra vicina al capoluogo lombardo, forse Torino o Bologna. "Credo nel matrimonio e desidero dei figli", diceva la Santarelli lo scorso settembre con aria sognante. E, a proposito del nuovo ingaggio di Bernardo: "Faremo i salti mortali per vederci, lui verrà da me appena possibile", aggiungeva. A distanza di tre mesi, il desiderio si è realizzato e a luglio i due avranno il loro primogenito. Peccato, se Corradi lascia la Calabria. Però Elena potrebbe convincersi. C'è il mare, l'aria è salutare e il cibo genuino: quale migliore ricetta per crescere un pupino? N.S.


Pag. 13

CALABRIA il Domani

www.ildomanionline.it

Venerdì 19 Dicembre 2008

Il segretario del Pd calabrese rilancia la questione morale sulla Stampa giocando d’anticipo rispetto a Walter Veltroni

Minniti scarica i compagni inquisiti? «Bisogna utilizzare questa terribile occasione per rinnovare dove c’è da rinnovare» COSENZA — Tutta la grinta che le

rotative conterranee non hanno fin qui avuto l’onore di ospitare, viene fuori all’improvviso e su scala nazionale. Quando oramai un po’ tutti pensavano che di Marco Minniti nel momento peggiore del Pd se ne fossero perse le tracce eccolo spuntare dal piombo del terzo quotidiano nazionale, “La Stampa”. Un’uscita che sa di “scarico”, di salvacondotto. Un fendente ai compagni di partito di sventura e di regione. Un modo come un altro, il migliore evidentemente secondo Minniti, per anticipare di qualche ora il cazziatone di Veltroni che dicono essere pronto a commissariare anche il Pd alla calabrese. E cosa fa un leader di regione quando si mette male sul palcoscenico nazionale? Corre ai piani alti e spara a zero, sulla Calabria ovviamente… «Bisogna tagliare dette teste, tentare di utilizzare questa terribile occasiowww.ildomani.it

Reg. Tribunale nr. 64 del 15/7/97

Fondatore

Guido Talarico Direttore

Massimo Tigani Sava Direttore responsabile

Orlando Rotondaro Editore

T&P Editori Direzione, Redazione e Amministrazione

loc. Serramonda - Zona industriale Marcellinara (Cz) 0961/996802 FAX 0961.903801/903907 E-mail: redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it “La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250.”

PUBBLICITA’ LOCALE Concessionaria esclusiva

Mediatag Spa Presidente

Giuseppe Gangale Loc. Serramonda, Zona Industriale 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 fax 0961.903421 - 903.784 e-mail: info@mediatag.it

NAZIONALE: Piemme Spa via Umberto Novaro, 18 - 00195 Roma tel. 06.377081 - fax 06.3724830 Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

CENTRO STAMPA Stab. Tipografico De Rose - Montalto U. (Cs) per T&P Editori tel. 0961.996802 GRAFICA

manolibera

Progettazione grafica editoriale e pubblicitaria via Milelli, 1 - Catanzaro tel. 0961.706110 - fax 0961.743764 DIFFUSIONE•ABBONAMENTI Media Services - tel. 0965.644464

ne per rinnovare dove c’è da rinnovare. Quanti capicorrente ha il Pd? Cinque, sei, sette? Bene: si riuniscano, chiamino chi devono chiamare e li convincano che è l’ora di lasciare: pena la distruzione del partito. Lo so, non è facile - dice ancora Minniti su “la Stampa” -. C’è la presunzione d’innocenza, i rapporti personali, una legittima preoccupazione politica… Lo so che non è facile perché io l’ho fatto: in primavera, in Calabria ho messo fuori dalle liste personaggi discussi o inquisiti. Avremo perso qualche voto, certo: ma abbiamo lanciato un segnale, e adesso di notte possiamo dormire tranquilli. Almeno spero…». Alzi la mano chi lo conosceva di questa tempra, il segretario. Inedito sotto certi aspetti e, stando a leggere quanto pubblicato sul quotidiano nazionale, in grado fin qui di adoperarsi da Robespierre con una mandria di discoli in fuga. Una

Marco Minniti

rivoluzione avrebbe di suo già fatto in Calabria, Minniti, che ieri “La Stampa” dava «seduto su un partito e su un vulcano in Calabria» con la «faccia scura almeno quanto l’abito che indos-

sa». Non sono in pochi quelli che magari per distrazione si sono persi questo repulisti alla calabrese ma sono certamente di più quelli che oggi come oggi si stropicciano gli occhi d’innanzi a questa posizione. In piena vagonata di fango per il Pd e con un fiume che scende di latitudine con dentro delegittimazioni per la Calabria il segretario indossa il suo miglior abito e si precipita laddove si decide di cose serie a porte chiuse. E mette le mani avanti prima che Veltroni le metta addosso a lui. Io il partito ho provato a pulirlo in Calabria, lascia intendere. Ora facciamolo dappertutto e mettiamo fuori gli inquisiti. Tutti gli inquisiti, anche ovviamente quelli che parlano lo stesso dialetto conterraneo. Poche parole e giù lo scarico. Giù il governatore Loiero, giù Nicola Adamo. Giù l’ossatura portante di un partito che pure ha guidato formalmente da segretario. Ma

con le mani e la coscienza pulite, si lascia scrivere su “La Stampa”. E quando le cose stanno messe così non è un segretario che deve andare a casa ma sono gli altri a dover uscire, dalla casa. Inquisiti e “colpevoli” di distruggere più o meno consapevolmente un neonato, il Pd. Si salvi una testa allora, magari calva. E a casa tutto il resto, ognuno a sbrigarsi le proprie memorie difensive. Parole, e concetti, da segretario regionale. Che in punta di piedi ha mollato tutti e a poche ore da un direttivo nazionale (oggi, ndr) suona le campane a morto dei compagni. Qualcuno forse rimpiangerà d’aver avuto fiducia di lui. Ma è il “prezzo” della politica e non ci puoi far niente. Di suo nella valigia Minniti non ne porta cartelle di Why not e di questi tempi e con l’aria che tira non sono dettagli da poco. Domenico Martelli

Consiglio regionale, energia elettrica: La voragine della sanità passa la legge sulle fonti alternative fotografata dall’Aiop REGGIO CALABRIA — Il Consiglio regionale ha approvato, all’unanimità, la legge di disciplina in materia di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili. La votazione è arrivata dopo una lunga consultazione, in aula Commissioni, alla presenza dell’assessore regionale alle Attività produttive, Francesco Sulla, nel corso della quale è stato ridefinito l'art. 3 della legge, comprensivo delle proposte emendative che erano state presentate in Aula. Il consigliere di Forza Italia Pietro Aiello, ha chiesto il rinvio in Commissione, per ulteriori chiarimenti, del secondo punto all'ordine del giorno inerente la “stabilizzazione del personale dirigente medico con rapporto di lavoro precario”. Via libera anche alla stanilizzazione dei lavoratori Arssa. A margine dei lavori dell’Aula, il consigliere regionale Pasquale

Tripodi, capogruppo “Udc Svp e autonomie” ha rilasciato la seguente dichiarazione: «A nome di tutti i capigruppo dell’opposizione, sottolineo che, solo grazie alla permanenza in Aula dei consiglieri della minoranza è stato possibile approvare il provvedimento per la stabilizzazione dei lavoratori del comparto agricolo dell’Arssa. Rimarco soprattutto - ha detto ancora Pasquale Tripodi - il senso di responsabilità di tutti i consiglieri di minoranza che, in questa occasione come in tante altre, hanno assicurato il numero legale. Mi auguro - ha concluso - che anche per altre categorie di lavoratori precari che ancora attendono risposte, l’Esecutivo adotti i provvedimenti necessari per dare certezza al loro futuro lavorativo, perché altrimenti sembrerebbe che la Giunta regionale calabrese abbia “figli e figliastri”».

Vibo, gli “ex Proserpina” occupano la Provincia Gli ex lavoratori della “Proserpina” addetti alla raccolta differenziata, hanno occupato il palazzo della Provincia di Vibo Valentia, annunciando di volervi rimanere anche durante le festività natalizie. I lavoratori respingono lo stato di disoccupazione. Il 31 dicembre in molti Comuni scadranno i contratti di affidamento del servizio per la raccolta differenziata dei rifiuti e nel caso in cui non si dovesse procedesse al rinnovo delle convenzioni, molti operai rimarrebbero senza lavoro. Un rischio da scongiurare, soprattutto alla luce della precarietà occupazionale che caratterizza il già fragile territorio vibonese. Lo stato di agitazione pertanto permane. E a ribadirlo sono stati il coordinatore provinciale dello Slai Cobas, Nazzareno Piperno, e l'avvocato Iconio Massara, che tutela i diritti dei lavoratori aderenti al sindacato di base. Al loro fianco, in segno di vicinanza istituzionale, il consigliere regionale Brunello Censore e il presidente del Consiglio provinciale, Giuseppe Barilaro. A determinare lo sconforto dei lavoratori, in particolare, la notizia secondo cui sarebbe ormai naufragato il progetto avanzato dalla Provincia di “ricostituire” la Proserpina, o quantomeno di mettere in piedi un'azienda a carattere pubblico che potesse occuparsi della raccolta differenziata nel Vibonese. La rinascita della società a capitale misto non avverrà a causa dei bilanci precari tanto della Provincia quanto della stessa Azienda che avanza crediti da numerosi Comuni e che è in via di liquidazione. Pertanto, la proposta avanzata da Massara e Piperno è stata quella di attivarsi affinché nei Comuni del Vibonese - quelli più piccoli, soprattutto - si possa procedere alla creazione di società consortili per unire le forze e trovare i fondi necessari a mantenere in vita il servizio di raccolta differenziata. In questa direzione, è stato rivolto un appello all'assessore regionale all’Ambiente, Silvio Greco, affinche' possa prendere a cuore la vertenza e garantire il sostegno della Regione a tutela dei posti di lavoro. (Agi).

COSENZA — Sono state 278.204 le

prestazioni erogate dalle 39 strutture ospedaliere pubbliche in Calabria nel 2007, con un costo di un miliardo e 282 milioni di euro e un’incidenza sulla spesa sanitaria pari al 40% della spesa sanitaria. Il dato è contenuto nell’analisi dell’attività ospedaliera in Calabria elaborato dall’Associazione ospedalità privata (Aiop) e presentato ieri a Cosenza. Il rapporto mette a confronto il volume della spesa sostenuta nella regione per le strutture pubbliche con quanto invece è stato speso nelle 36 strutture ospedaliere private accreditate Aiop che sono state in tutto 74.522 per un costo pari a 74 milioni 522 mila euro e un’incidenza sulla spesa sanitaria complessiva del 7,03%. «Il rapporto - è scritto in una nota fornisce i numeri che spiegano la voragine che si è aperta nella spesa sanitaria e che, molto probabilmente, porterà, da parte del governo nazionale, alla nomina di un commissa-

rio». «Un altro elemento che il Rapporto mette in evidenza - prosegue la nota - è la crescita di modalità collaborative “dal basso” tra ospedali privati accreditati e ospedali pubblici, le quali permettono di giocare a sistema per il bene del cittadino a partire, ad esempio, dall’accorciamento delle liste di attesa esistenti». «Il Rapporto rileva inoltre - conclude la nota - una tendenza delle strutture accreditate ad elevare le proprie prestazioni in chiave di complessità ma in un quadro di costi sostanzialmente decrescenti mentre, al contrario, la spesa per l’ospedalità pubblica tende ad espandersi nel tempo». (Ansa).

“Nel pubblico spesa in crescita In calo nel privato”


14 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA E’ l’associazione per delinquere la più grave tra le accuse che compaiono nell’avviso di conclusione delle indagini

«Ecco il sistema Saladino» WHY NOT CATANZARO — E’ l’associazione per delinquere, la più grave tra le accuse che compaiono nell’avviso di conclusione delle indagini di Why Not, emesso mercoledì scorso dalla Procura generale della Repubblica di Catanzaro, Il reato è quello contestato innanzitutto ad Antonio Saladino, considerato l’indagato principale dell’intera inchiesta, ma anche a nomi ben noti della politica regionale. Antonio Saladino, in base alle accuse, sarebbe il “deus ex machina” dell’intera vicenda, colui il quale avrebbe messo in piedi e diretto un meccanismo illecito per l’accaparramento di fondi pubblici destinati allo sviluppo della Calabria. L’imprenditore, ex leader della Compagnia delle opere in Calabria, secondo i magistrati catanzaresi avrebbe «organizzato e capeggiato una compagine di persone al fine programmatico di porre in essere condotte integranti i reati di peculato, abuso d’ufficio, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture, corruzione aggravata, turbata libertà degli incanti, istigazione alla corruzione», creando un vero e proprio “sistema” di cui sarebbe il “centro di gravità”, ed in cui avrebbe coinvolto anche politici di ogni colore ed esponenti delle istituzioni. Questi ultimi, stando alle contestazioni, avrebbero garantito finanziamenti pubblici alle società riconducibili a Saladino in cambio di consenso elettorale, gestito tramite l’assegnazione di posti di lavoro, in un circuito che proprio così si autoalimentava. Infatti, la medesima

«Su segnalazione dei politici assumeva o faceva assumere sotto varie forme contrattuali»

Antonio Saladino

accusa di associazione a delinquere è rivolta a numerosi amministratori pubblici calabresi destinatari del provvedimento di chiusura indagini i quali avrebbero «partecipato al sodalizio finalizzato a porre in essere» la lunga serie di illeciti programmati. Tutti i pubblici amministratori, scrivono gli inquirenti, avrebbero «nelle rispettive funzioni di componenti dei consigli regionali, costituito, mantenuto ed alimentato, con Antonio Saladino e le persone allo stesso legate, uno stabile sistema, a condotte corrispettive e, perciò con comportamenti reciprocamente interdipendenti, coessenziali e vincolanti, in forza del quale, al fine di conseguire, in cambio, un clientelare consenso elettorale, assicuravano delittuosamente a strutture societarie di fatto governate da Saladino o nelle quali il medesimo era co-

munque interessato, fondi pubblici per l’esecuzione di lavori prospettati come di pubblica utilità». Per questi lavori poi, proseguono i pm «Antonio Saladino su segnalazione dei suddetti politici, assumeva o faceva assumere, sotto varie forme contrattuali (“a progetto”, “interinali”, “consulenziali”, ed altre) tutte comunque caratterizzate da precarietà, un rilevante numero di persone, costituendo, per un verso, una pletora permanente di aspiranti lavoratori sempre in attesa di una stabilità mai dai politici realmente voluta ed attuata e, per altro verso, un vasto e reiterato flusso, anch'esso clientelare, di finti lavoratori per opere e servizi mai realizzati o solo in parte o solo apparentemente realizzati». «Con tale essenziale condotta - è scritto ancora nel provvedimento - attraverso la rete dell'associazione ed in concorso con Saladino, centro di gravità del sistema trasversalmente condiviso e quindi permanente copertura politica in seno agli enti, veniva cristallizzato il metodo operativo che garantiva la rinnovabilità delle operazioni illecite, così rendendo costante nel tempo la partecipazione individuale ai profitti ed ai vantaggi illeciti, oltre che economici anche di appoggio politico elettorale, attraverso la rete della Compagnia delle opere calabrese che veniva finanziata dall’imprenditore Saladino con i proventi dell’attività illecita, con conseguente rafforzamento del sistema clientelare». (Agi)

Loiero: ne uscirò a testa alta non ho nulla da nascondere CATANZARO — «Spero anche adesso di uscire a testa alta da questa vicenda giudiziaria nella quale sono trascinato per storie che neppure conosco». Così scrive in una nota il Presidente della Regione, Agazio Loiero, destinatario di un avviso di conclusione indagini nell’ambito dell’inchiesta Why Not. «Non appena mi sarà notificata la comunicazione della conclusione delle indagini prosegue - e avrò chiara conoscenza delle fonti di accusa, tramite i miei legali chiederò di essere ascoltato e conto di chiarire ogni cosa già davanti al pm. E non è un rito, bensì radicato convincimento culturale sempre ben riposto, se ribadisco la mia fiducia nella magistratura ritenendo, come in altre occasioni, di ottenere giustizia. Sono sereno. Non ho comportamenti da rimproverarmi, ho agito sempre nella legalità e per il bene collettivo, le mie mani sono pulite e attendo che questa bufera passi presto con il riconoscimento della mia estraneità ai fatti conte-

Agazio Loiero

stati. Voglio aggiungere, infine, che la giunta da me presieduta, malgrado le enormi difficoltà e le insidie tipiche di un contesto difficile come quello calabrese, ha compiuto uno sforzo non comune di rinnovamento e di impegno legalitario».

“Antonio Saladino, in base alle accuse, sarebbe colui il quale avrebbe messo in piedi e diretto un meccanismo illecito per l’accaparramento di fondi pubblici destinati allo sviluppo della Calabria”

Secondo i magistrati il danno è stato enorme in termini di paralisi dello sviluppo Oltre 1,6 milioni di euro spesi per la lotta alla tristezza degli agrumi calabresi

«Nepotismo nelle assunzioni» Un virus che costava tanto CATANZARO — «L’ampio fenomeno del nepoti-

smo nelle assunzioni fittizie, genetico di ampio parassitismo lavorativo, determinando una funzionale omertà di base, garantiva il meccanismo attraverso il quale le pubbliche risorse deviavano dal corso legale dell’interesse generale della Regione Calabria e confluivano nelle secche dell’illecito vantaggio individuale». E’ quanto gli inquirenti scrivono in merito all’associazione a delinquere delineata nell’avviso di conclusione delle indagini di Why Not, ed ai reati alla cui commissione essa sarebbe stata finalizzata, nonchè al meccanismo secondo il quale gli imprendito-

ri, e fra essi soprattutto Antonio Saladino, avrebbero ottenuto finanziamenti pubblici dai pubblici amministratori calabresi in cambio di segnalazioni di persone da assumere, con conseguente ritorno in termini di voti. «Il danno per la regione - aggiungono i pm - è stato enorme sia per la paralisi del processo di sviluppo della struttura industriale ed imprenditoriale, sia per la paralisi delle opere che avrebbero dovuto garantire l’ambiente dai fenomeni di inquinamento e sia per i servizi di grande utilità, inabissando la stessa Regione in una crisi di efficienza». (Agi)

CATANZARO — Alcuni dei componenti le

giunte regionali di centrodestra e di centrosinistra che si sono succedute in Calabria avrebbero, violando la legge, affidato ad una società riconducibile ad Antonio Saladino, principale indagato dell’inchiesta Why Not, il servizio per la lotta al virus della tristezza degli agrumi calabresi. E' una delle ipotesi accusatorie contenute nell'avviso di conclusione indagini di Why Not. In particolare, l’ipotesi è contestata all'ex presidente della Regione Giuseppe Chiaravalloti ed ai suoi assessori Giovanni Dima, Dionisio Gallo, Giu-

La parlamentare del Pdl Angela Napoli, componente della Commissione Nazionale Antimafia, interviene sulla vicenda

seppe Gentile, Gianfranco Luzzo, Alberto Sarra, oltre che all’attuale presidente Agazio Loiero, agli assessori Luigi Incarnato e Mario Pirilloe agli ex assessori della stessa Giunta Nicola Adamo, Ennio Morrone e Diego Tommasi. Per tutti vengono ipotizzati i reati di peculato, abuso d’ufficio e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Secondo l’ipotesi dell’accusa, con l'affidamento alla società Sial, gli indagati avrebbero procurato un ingiusto vantaggio alla società di Saladino di 1,6 milioni di euro. (Ansa)

«La stagione di Mani pulite non è mai finita»

Inchiesta Poseidone, il pm ha chiesto sequestri di beni per 5 milioni di euro

CATANZARO — L’intervento di Angela Napoli, componente della Commissione Nazionale Antimafia, sulla vicenda Why Not: «Da tempo vado ribadendo che la Calabria potrà uscire dalla gabbia del malcostume e della corruzione solo se si punterà, non a parole, sulla questione morale ed etica. Nel settembre del 2007, allorquando insieme alle donne ed agli uomini della mia componente calabrese “Risveglio ideale”, presentai a Lamezia Terme il “Manifesto dei valori”, alcuni ambienti, anche interni ad Alleanza Nazionale, criticarono l’iniziativa accusandomi di inutile protagonismo e di eccessivo richiamo moralistico. Mi rendo conto che forse allora sono apparsa una “pecora nera”, oggi, però, ritengo che nessuno possa

CATANZARO — La Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il sequestro di beni per cinque milioni di euro nei confronti di tre indagati nell’inchiesta Poseidone sui presunti illeciti nella gestione della depurazione in Calabria. La richiesta di sequestro, che è stata avanzata nei mesi scorsi, è stata rivolta al gip di Catanzaro che a sua volta l’ha trasmessa al giudice di Roma per competenza territoriale. La vicenda riguarda una parte dell'inchiesta Poseidone relativa all'utilizzo di fondi comunitari per la realizzazione di una azienda in Calabria. L’inchiesta Poseidone, che conta un centinaio di indagati, fu avviata nel

Angela Napoli

non concordare con la necessità di porre la questione morale e la cultura etica al centro di ogni azione contro le degenerazioni cronicizzate della corruzione politica e dei silenzi conniventi, e contro ogni forma di clientelismo e malaffare frutto di un utilizzo distorto e particolare del potere. Quanto emerge in Calabria, in Campania, in Abruzzo ed in altre Regioni è la palese dimostrazione di come in Italia non sia mai finita la stagione di “Mani Pulite” e di come nelle Regioni del Sud permanga il sistema clientelare ed assistenzialistico, certamente non indicativo di responsabilità di reato, ma che fino ad oggi è valso solo per abbattere l’affermazione di quella necessaria meritocrazia, quale unico metro ed unico metodo di selezione».

2005 dall'ex pm di Catanzaro, Luigi De Magistris, al quale fu revocata dall'allora procuratore Mariano Lombardi dopo che il suo sostituto inviò un'informazione di garanzia al senatore Giancarlo Pittelli. Lombardi motivò la sua decisione con il fatto di non essere stato informato preventivamente dell'informazione di garanzia. Successivamente l’indagine è stata affidata al sostituto procuratore Salvatore Curcio. Gli atti di Poseidone sono stati recentemente sequestrati dalla Procura di Salerno nell'ambito dell’inchiesta scaturita dalle denunce presentata da De Magistris dopo che gli fu revocata l’indagine. (Ansa)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 15

CALABRIA Il procuratore generale di Catanzaro, Enzo Jannelli, ieri davanti alla prima commissione del Csm

«Ho agito con correttezza» WHY NOT ROMA — La chiusura dell’inchie-

«Salerno voleva appropriarsi dell’inchiesta. Legittimo il contro sequestro» pani di chiedere un numero imponente di atti. Solo a posteriori, con la notifica del decreto di sequestro, ha detto il pg alla prima commissione, la Procura generale ha capito che le intenzioni dei magistrati salernitani erano quelle di indagare i magistrati catanzaresi impegnati nell’inchiesta Why Not perché gli atti richiesti servivano per dimostrare l’ipotesi di complotto ai danni dell’ex pm Luigi De Magistris. Atti, ha rilevato Jannelli, che nella maggior parte dei casi erano già in possesso dei magistrati salernitani per averli avuti per altra via. Non è stato il contro sequestro della Procura generale di Catanzaro, ma il sequestro disposto dalla Procura di Salerno ed un campagna di stampa che, strumentalmente, ha parlato di guerra tra uffici giudiziari, a creare sconcerto nell’opinione pubblica. E’ questo uno degli aspetti affrontati, davanti alla prima commissione del Csm, dal procuratore generale di Catanzaro Enzo Jannelli che ha indicato nell’appropriazione dell’inchiesta Why Not lo scopo ultimo dei magistrati salernitani. Il pg di Catanzaro ha specificato che il contro-sequestro non é stato motivato da rivalsa o

rabbia ma è stato l’unico rimedio consentito per impedire il trasferimento a Salerno del fascicolo con conseguente paralisi dell’inchiesta. Al riguardo il magistrato ha sottolineato che l’avviso di conclusione delle indagini fatto prima del decreto di perquisizione e notificato ieri, smentisce la ricostruzione dei pm salernitani che ipotizzano nei confronti dei colleghi catanzaresi l’intenzione di insabbiare tutto e favorire un ipotetico complotto ai danni dell’ex pm Luigi De Magistris. Jannelli ha anche evidenziato che nella situazione paradossale che si era venuta a creare, la Procura generale di Catanzaro non avrebbe potuto seguire le vie ordinarie, come il ricorso al tribunale del riesame, perché soggetto impersonale rispetto all’oggetto sequestrato, cioé gli atti dell’inchiesta. Jannelli ha anche evidenziato che l’iniziativa dei magistrati salernitani è talmente singolare da non essere stata prevista dal legislatore. Per tale motivo Jannelli ha chiesto al Csm di distinguere tra l’azione dell’ufficio giudiziario salernitano e la contro-azione, legittima, del suo ufficio. (Ansa)

Il sindaco di Cosenza annuncia che depositerà istanza per essere formalmente interrogato

Sorveglianza che, nel sistema duale del nuovo diritto societario in precedenza deliberato da Tesi, equivale all'assemblea dei soci. In tale veste - prosegue - ho esercitato un ben preciso mandato politico-istituzionale degli Enti locali, che avevano nella società Tesi una irrilevante partecipazione al capitale sociale, mandato che era quello di tentare di salvaguardare i livelli occupazionali esistenti e i diritti retributivi dei lavoratori, da molti anni e costantemente in pericolo. Mandato, espletato come mio costume in modo assolutamente gratuito, che, a mio avviso, soprattutto nel Mezzogiorno d'Italia, compete

ad ogni pubblico amministratore e che quotidianamente assolvo anche nella mia attuale qualità di sindaco della città di Cosenza». Perugini aggiunge: «Ciò che preciso è persino contenuto nel provvedimento giudiziale laddove, con riferimento all'anno 2005, che è poi l'anno che riguarda la mia presenza nella società, si riconosce espressamente che la società Tesi ha utilizzato le risorse finanziarie ricevute unicamente per pagare il personale dipendente e gli oneri della corrente gestione ordinaria. Prospetterò, dunque, - conclude il sindaco Perugini - al Magistrato questi fatti, dichiarando la mia totale estraneità a qualunque ipotesi di reato per come contestato, confidando in un sereno, attento, imparziale esercizio della funzione giurisdizionale». (Agi)

Paola, omicidio Mannarino Sei affiliati alla ’ndrangheta fermate quattro persone condannati nel piacentino

Eracles e Perseus: oltre 120 gli avvisi per chiusura indagini

COSENZA — I carabinieri della

CROTONE — Un avviso di conclusio-

sta Why Not da parte della Procura di Catanzaro, con la richiesta di 106 rinvii a giudizio, non incide sulle valutazioni della prima commissione del Csm che si sta occupando dello scontro tra i magistrati calabresi e la Procura di Salerno sul caso De Magistris. Lo ha confermato il presidente della prima commissione, Ugo Bergamo, al termine delle audizioni del Pg di Catanzaro Enzo Jannelli e del procuratore di Salerno Luigi Apicella. Bergamo ha detto che «una parola fine deve comunque essere posta sia sulla ventilata ipotesi di un complotto nei confronti di De Magistris sia sulla volontà di perseguire con determinazione i reati alla base dell’indagine avviata a Catanzaro da De Magistris». Il procuratore di Salerno Luigi Apicella non ha risposto alle domande della prima commissione del Csm che lo aveva convocato per interrogarlo in merito allo scontro con la Procura di Catanzaro sul caso De Magistris. Il presidente della commissione Ugo Bergamo ha spiegato che Apicella «ha ritenuto di non conoscere a sufficienza gli elementi con i quali è stata avviata la procedura di COSENZA — Il sindaco di Co-

senza, Salvatore Perugini, si dice totalmente estraneo a qualunque ipotesi di reato in riferimento al suo coinvolgimento nell’inchiesta Why Not. «Desidero svolgere - scrive in una nota - una pubblica precisazione in merito alla notifica da parte della Procura Generale della Repubblica di Catanzaro, dell'avviso di conclusione delle indagini preliminari i cui molto sommari contenuti sono stati gia' diffusi dalla stampa e dagli organi di informazione locali e nazionali. Premesso che, da autentico garantista, interpreto e considero la notifica dell'avviso quale strumento di tutela per l'esercizio del diritto di difesa, pur senza sottacere, anzi sottolineando, il gravissimo disagio che, ricoprendo un incarico istituzionale, avverto per la generica comunicazione mediati-

Compagnia di Paola e del comando provinciale di Cosenza hanno fermato 4 persone nell'ambito delle indagini sull’omicidio di Stefano Mannarino, avvenuto il 24 novembre scorso nella cittadina tirrenica. Il cadavere dell'uomo fu rinvenuto nei pressi di un torrente a Paola. I fermi sono avvenuti in Calabria ed a Roma Non si hanno al momento ulteriori dettagli. Una conferenza stampa è stata fissata per le ore 11 nella sede del Comando provinciale dei Carabinieri, a Cosenza. L'omicidio, secondo la ricostruzione degli inquirenti, è stato consumato con inaudita violenza. I fermati sono i fratelli Domenico e Vincenzo La Rosa, di 51 e 53 anni rispettivamente, la mamma dei due, Elena Serpa, 70 anni, e un amico romano, Stefano di Vanno, 43 anni. Sono accusati di omicidio premeditato con l'aggravante della crudeltà. Sarebbero stati loro a contattare Mannarino per un chiarimento, sospettando che avesse avu-

trasferimento di ufficio e ha ritenuto di non fare alcuna dichiarazione». Il procuratore, ha aggiunto Bergamo, si è comunque «assunto la responsabilità delle iniziative promosse dalla Procura di Salerno, ma non i fatti successivi, riferibili ad altri» e dunque alle perquisizioni negli uffici giudiziari di Catanzaro. Il procuratore generale di Catanzaro Enzo Jannelli ha confermato alla prima commissione del Csm la convinzione «di avere agito con la massima correttezza istituzionale soprattutto nella preoccupazione di salvaguardare la famosa banca dati di cui si parla ormai da tempo». Vale a dire i dati anagrafici e telefonici raccolti da Gioacchino Genchi, consulente dell'ex Pm di Catanzaro Luigi De Magistris per l’inchiesta Why Not. Potrebbero essere oltre un milione i contatti telefonici contenuti nella banca-dati correlata alle inchieste Why not e Poseidone. La stima è stata fatta dal procuratore generale di Catanzaro, Enzo Jannelli, davanti alla prima commissione del Csm spiegando che proprio per tutelare la riservatezza dei dati contenuti nella banca-dati, nella quale ci sono oltre 578 mi-

Enzo Jannelli

la “anagrafici”, cioé utenze telefoniche e indirizzi, aveva chiesto ai magistrati di Salerno chiarimenti sull’effettiva pertinenza della richiesta di acquisizione degli atti delle inchieste che era stata avanzata. Jannelli ha anche evidenziato che dal carteggio con la Procura di Salerno, trasmesso anche alla Procura generale di Roma, al Csm ed al Ministero, senza ricevere rilievi, non emergeva la necessità da parte dei magistrati cam-

Perugini: sono totalmente estraneo ai fatti ca e ribadendo, proprio da garantista, che per me vale la presunzione di innocenza per tutti gli indagati, sento la necessità di informare la pubblica opinione di alcune circostanze specifiche che illustrerò al Magistrato, presso il quale, già domani (oggi, ndr), depositerò istanza per essere formalmente interrogato. L’unica contestazione che mi riguarda - aggiunge Salvatore Perugini - (capo 21 del provvedimento), gran parte della quale si riferisce a fatti e circostanze del 2002, 2003, 2004 e 2007, anni in cui non facevo parte di alcun organismo societario essendone assolutamente estraneo, attiene esclusi-

to un ruolo nell'omicidio di Antonello La Rosa, ucciso un mese prima in un agguato mafioso. Domenico e Vincenzo La Rosa vivono a Roma ed erano arrivati a Paola, in treno, proprio per partecipare al trigesimo della morte del fratello scomparso. Cerimonia alla quale non hanno poi neanche più partecipato, lasciando Paola in tutta fretta. Addirittura sarebbe stata mandata una congiunta a saldare il conto dell'hotel dove avevano soggiornato. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Mannarino, nella mattinata del 24 novembre, tra le 11 e le 12, avrebbe raggiunto l'abitazione dei La Rosa. Qui, all'esterno della casa, dove sono state trovate anche tracce di sangue, sarebbe stato ucciso, colpito a morte con oggetti contundenti, forse pietre o mattoni. Questo dopo che, forse con un filo metallico, si sarebbe prima provato a strangolarlo. Ma Mannarino avrebbe resistito. Da qui l'aggressione feroce, anche a suon di calci e di pugni.

vamente alla mia partecipazione nel Consiglio di Sorveglianza di Tesi SpA che mi ha visto impegnato per pochissime sedute, cinque o sei in tutto, per un limitatissimo periodo di tempo, dal febbraio 2005 al giugno 2006, data in cui ho rassegnato formalmente le mie dimissioni, essendo stato eletto sindaco della città di Cosenza. In tale limitato periodo ho rappresentato, da pubblico amministratore - ero vice presidente della Provincia di Cosenza -, la Provincia di Cosenza, il Comune di Cosenza e il Comune di Rende, non nell'organo amministrativo e gestionale della società, bensì nel Consiglio di

PIACENZA — Sei pluripregiudicati affiliati a una cosca della 'ndrangheta che fa capo al boss Nicolino Grande Aracri e con base nel Piacentino, sono stati condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso. Le pene inflitte dal collegio giudicante di Piacenza vanno da due anni e otto mesi a sei anni, lievemente inferiori a quelle chieste dal pm Antonio Rustico della direzione distrettuale antimafia. Si tratta di Francesco Lamanna, condannato a tre anni e sei mesi di reclusione;

Antonio Villirillo (stessa condanna); Alfonso Mesoraca, condannato a sei anni; Carmine Pascale, tre anni e sei mesi, Gennaro Pascale quattro anni e sei mesi; Gianluca Amato, due anni e otto mesi. Sono invece stati assolti Luciano e Andrea Villirillo e Antonio Vito perché i fatti loro contestati non sussistono. Assolto dall'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso anche Carmine Oliviero Megna, condannato però a otto mesi per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Atto intimidatorio nel reggino Atto intimidatorio a Marina di Gioiosa Jonica, nel reggino, contro il direttore di una banca. Intorno alle 12 di ieri, in via Carlo Maria, nei pressi della filiale del Monte dei Paschi di Siena, un giovane, a bordo di uno scooter di colore nero e col volto coperto da casco integrale, ha sparato 4 colpi di pistola contro l’autovettura Fiat Stilo di proprietà di Giuseppe Vitalone, direttore dell'istituto, danneggiandone la portiera anteriore sinistra, il finestrino anteriore sinistro e quello anterioredestro. Una guardia giurata, in servizio nella filiale, dipendente dell’istituto di vigilanza privata è “Sicur Center spa”, con sede a Reggio Calabria, ha sparato un colpo di pistola calibro 21, con la sua pistola in dotazione, all’indirizzo del malvivente, senza colpirlo e senza arrecare danni a cose o persone. Sul posto sono stati rinvenuti e sequestrati dai Carabinieri 4 bossoli calibro 32 auto e un bossolo calibro 9 per 21.

ne delle indagini è stato emesso dal sostituto procuratore della repubblica Pierpaolo Bruni, applicato alla Dda di Catanzaro, nei confronti di 120 persone coinvolte in due diverse inchieste giudiziarie sfociate in altrettante operazioni portate a termine dalla squadra Mobile di Crotone: quella denominata Eracles che risale all'aprile scorso e l'altra, che ne rappresenta la naturale prosecuzione, dal nome in codice Perseus, portata a termine nelle scorse settimane. Nell'elenco degli indagati figurano i nomi di capi e gregari delle cosche crotonesi ma anche di esponenti politici e funzionari pubblici coinvolti nelle indagini della Dda. Oltre che ai presunti affiliati alle cosche VrennaCorigliano-Bonaventura e Macrì di Crotone, e ai clan Megna e Russelli di Papanice, l'avviso di conclusione è stato notificato anche alle persone coinvolte nel filone dell'indagine che riguarda la realizzazione del villaggio turistico Europaradiso,


16 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA VIBO VALENTIA L’alto ufficiale da cui dipendono i Comandi Carabinieri Sicilia e Calabria ha visitato i Reparti della Caserma “Aeroporto Luigi Razza”

Il generale Orlando ieri in città Nel corso dell’incontro vagliate in maniera diretta le problematiche operative, logistiche ed infrastrutturali VIBO VALENTIA — Il generale di Corpo d’Armata Stefano Orlando, da cui dipendono i Comandi Regione Carabinieri della Sicilia e della Calabria, ha visitato i Reparti della Caserma “Aeroporto Luigi Razza” di Vibo Valentia. Il Generale Orlando, è stato ricevuto dal comandante della Regione Carabinieri Calabria, Generale di Brigata Marcello Mazzuca ed ha incontrato il personale del Gruppo Operativo Calabria, dell’8° Nucleo elicotteri nonché i comandanti provinciali e dei reparti speciali della Regione, una rappresentanza dei militari del Comando Regione, dei comandi provinciali, di compagnia e di stazione operanti sul territorio, il Comitato di base di rappresentanza e il personale dell’Arma in congedo. Il generale Orlando nel corso dell’incontro che gli ha consentito di valutare in maniera diretta le problematiche operative, logistiche ed infrastrutturali dei reparti della sede e di quelli della Regione, ha rivolto al Generale Mazzuca ed a tutti i militari il proprio apprezzamento per l’impegno e la dedizione profusi concludendo con un augurio, esteso alle famiglie, per le prossime festività. Nel corso della sua visita a Vibo Valentia, il generale Orlando ha incontrato il Prefetto Sodano. VIBO VALENTIA — È uno degli eventi

culturali maggiormente attesi tra le iniziative in programma per le festività natalizie. Questa sera con inizio alle ore 20.30, alla biblioteca comunale, sarà messo in scena il “Cantico di Natale” ideato da Giovanni Guaccero. Si tratta di un musical ispirato alla celebre opera di Charles Dickens, il “Canto di Natale”, appunto, considerata una tra le opere più interessanti della letteratura in-

Decollatura, anziana morta di freddo e stenti nella sua abitazione DECOLLATURA — Una donna di 80

anni, A. C. residente a Decollatura, è stata ritrovata cadavere nella sua abitazione dai carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli. Era vedova e condivideva l’abitazione con una figlia con problemi mentali. Dai primi accertamenti pare sia deceduta da circa quattro giorni ma la figlia, non accortasi del decesso, continuava ad accudirla e a portarle da mangiare. La macabra scoperta, dunque, ieri da parte dei militari dall’Arma che avvisati dai vicini di casa insospettiti dall’assenza della donna, hanno dovuto irrompere nell’abitazione con il supporto dei vigili del fuoco del distaccamento lametino che hanno provveduto a sfondare la porta d’ingresso. E mentre A. C. veniva trasportata all’obitorio, dove veniva accertato il decesso per stenti e freddo, la giovane figlia veniva affidata alle cure mediche dei sanitari del nosocomio lametino. Antonietta Bruno

VIBO VALENTIA E’ uno degli eventi culturali maggiormente attesi tra le iniziative in programma in questi giorni

Il “Cantico di Natale” ideato da Giovanni Guaccero ternazionale. L’iniziativa, organizzata dalla promoter Maria Teresa Marzano, oltre alla collaborazione dell’assessorato comunale alla Cultura, si avvale del sostegno indispensabile fornito dall’assessore al Turi-

smo di palazzo “Luigi Razza”, Giovanni Colace, che ha sposato - sostenendola immediatamente - l’iniziativa culturale. I temi dell’opera di Dickens sono quelli del rimpianto per le occasioni perdute, del ricordo

dell’infanzia, del senso del Natale, della caducità della vita, con l’invito finale a godere del presente. Temi che saranno riproposti in forma di “canzoni recitate” da un gruppo di artisti: il pianista Guaccero, Sandra Del Ma-

ro, Monica Demuru e Patrizia Rotonda (voci); Nicola Raffone (percussioni), Benedetto Fanna (fisarmonica) e Antonia D’Amore (marionettista). Per l’occasione, farà parte del gruppo il promettente percussionista e batterista Alessandro Marzano. Lo spettacolo è rivolto ad un pubblico adulto, ma anche ai più piccoli. Un musical unico nel suo genere. m. b.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 17

CALABRIA RIFIUTI Il Consiglio dei ministri conferma la via del commissariamento. Si interverrà anche per fronteggiare i danni del maltempo

Il Governo dichiara l’emergenza Loiero è ottomista: «Ora si puù guardare avanti». L’opposizione invoca gli impianti CATANZARO — La questione rifiuti in

Calabria, si mostra in tutta la sua criticità anche a Roma. Il Consiglio dei ministri, ieri, ha dichiarato lo stato di emergenza, per fare fronte - spiegano da palazzo Chigi - alle criticità in materia di smaltimento di rifiuti urbani. Il provvedimento, secondo logica, significa in pratica prorogare il commissariamento della regione almeno per quanto riguarda i rifiuti. Il Consiglio dei ministri sempre ieri ha assunto un’altra decisione di rilievo. In considerazione delle straordinarie precipitazioni che hanno colpito l’Italia negli ultimi due mesi e al fine di riparare i danni ingenti causati, ha approvato la dichiarazione di stato d’emergenza sull’intero territorio nazionale. Quindi anche per la Calabria (la Giunta regionale nei giorni scorsi aveva avanzato richieste al Governo proprio in questo senso). In una breve nota diramata dal portavoce, il presidente della Regione Agazio Loiero usa toni positivi: «Considero importanti - dichiara - sia la dichiarazione dello stato di emergenza per i danni provocati dal maltempo, sia quella per fare fronte alle criticità da noi segnalate al governo anche in materia di smaltimento di rifiuti urbani nel territorio calabrese». Loiero ringrazia il governo «per l’attenzione su due questioni particolarmente delicate che interessano le popolazioni calabresi. Ora - sottolinea si può guardare avanti con più sereCOSENZA — «La grave situazione at-

tuale pone una evidenza su tutte: per come è stato concepito e per come è stato portato avanti, il sistema di gestione della raccolta dei rifiuti non può reggere. Non può esserci una società mista che da un lato organizza i servizi e dall’altro i Comuni che incassano i tributi. La strozzatura deve essere superata; deve essere al più presto pensata ed attuata una riorganizzazione del servizio in modo da superare questa stessa strozzatura, garantire l’occupazione dei lavoratori ed un servizio efficiente e qualificato». Queste - si legge in una nota dell’ufficio stampa della Provincia di Cosenza - sono state le parole chiaramente rivolte dal presidente Mario Oliverio ai lavoratori della società Valle Crati che, proseguendo nella loro azione di protesta inizia-

nità e si potrà porre mano, come noi abbiamo auspicato, alla definitiva soluzione dei problemi del settore rifiuti che si trascinano da almeno un decennio». «Particolarmente soddisfatto», il governatore, si è detto anche per lo stato di emergenza nazionale, che permetterà di riparare i gravi danni provocati dalle piogge su tutta la Calabria e in particolare nel Reggino. «La giunta regionale - ricorda Loiero proprio mercoledì scorso aveva approvato una delibera e aveva sollecitato al Dipartimento della Protezione Civile il riconoscimento della calamità naturale in Calabria per potere far fronte all’emergenza e risollevare soprattutto l’economia agricola messa in ginocchio della recenti piogge torrenziali». Che la situazione dei rifiuti non fosse rosea, lo si sapeva già. Lo sblocco della discarica di Rossano, nel Cosentino, per sollevare il territorio Reggino dallo stato di crisi, è soltanto una delle note buie della complessa vicenda. Anche le avvertenze dell’assessore regionale all’Ambiente, Silvio Greco, la dicono lunga: «Puntare sulla raccolta differenziata - dichiara giorni fa in una conferenza stampa - è l’unica soluzione per uscire dall’emergenza», rispetto alla quale non bastano gli interventi tampone in programma (ad esempio le cinque discariche, una per provincia, da attivare «nei prossimi mesi»). Diversa l’impostazione di base

ché i pochi impianti di trattamento e smaltimento esistenti in Calabria stanno esaurendo le loro capacità di intervento». Secondo il centrodestra si è «di fronte ad una situazione tragica, che può esplodere da un momento all’altro per motivi ormai fin troppo noti che possono essere sintetizzati in pochi ma significativi punti: - alla ben nota assenza di impianti di trattamento e smaltimento esistente in particolare nella provincia di Cosenza, si sta affiancando il problema gravissimo delle altre province, le cui capacità di intervento si stanno lentamente ma inesorabilmente esaurendo. Si è così iniziato ad assistere al paradosso che i rifiuti vengono trasportati per l’intera regione facendo esplodere le proteste degli amministratori comunali e dei cittadini; - anche il servizio di raccolta è entrato in crisi e sono ormai in scadenza i contratti con le società miste, per cui con il nuovo anno non si saprà più chi dovrà occuparsi di effettuare la raccolta; - la normativa in vigore stabilisce che i nuovi affidamenti debbano essere disposti con regolari gare, come peraltro previsto e richiesto dall’Unione Europea. Ma le nostre società miste non potranno neppure partecipare ai bandi di gara, perché l’Autorità per la concorrenza - su segnalazione della Corte dei conti - ha stabilito che tutte le società miste calabresi sono state costituite illegalmente in quanto i soggetti privati non hanno i requisiti

dalla legislazione vigente; - in Calabria non esistono, a norma di legge, i soggetti titolati a fare le gare perché il testo unico n. 152/2006 in materia ambientale (Governo Prodi) prevede l’obbligo per le Regioni di individuare gli Ambiti Territoriali Ottimali (Ato) e le relative Autorità d’Ambito titolate a fare le gare per l’affidamento del servizio e la Giunta regionale non ha ancora adottato i necessari provvedimenti attuativi». «Il governatore Loiero e la sua Giunta - continuano dall’opposizione -, non sanno fare altro che richiedere in continuazione la proroga del commissariamento, con l’esclusivo obiettivo di scaricare sui altri responsabilità che invece appartengono alla Giunta. Noi abbiamo da tempo avanzato una precisa proposta di legge regionale in materia di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. La proposta prevede l’adeguamento alla normativa nazionale e mette in condizione i Comuni di poter immediatamente operare, stabilisce inoltre, con un semplice rapporto di convenzione, come utilizzare impianti di trattamento e smaltimento che interessano ambiti sovracomunali e affida alle Province il compito di coordinare tutta l’attività dei Comuni, di approvarne i progetti e di valutarne le convenzioni, ponendosi, altresì, il problema del finanziamento immediato degli interventi con una parte dei Fondi Por». (f. c.)

COSENZA Il presidente della Provincia ha incontrato i lavoratori della società addetta alla raccolta dei rifiuti

peto». «Come sta accadendo da ormai troppo tempo - proseguono i gruppi di minoranza - sulla scottante questione dell'emergenza rifiuti la Provincia nasconde la testa sotto terra come gli struzzi, evitando di prendere posizione ed aggravando ulteriormente le proprie responsabilità rispetto alla mancanza di scelte strategiche, alimentando in tal modo il clima di forte tensione che aleggia fra i lavoratori ed i cittadini» «I gruppi del Pdl, Italia di Mezzo e La Destra - conclude la nota - ribadiscono la richiesta di inserire al primo punto dell’ordine del giorno del Consiglio provinciale del 22 dicembre la discussione sull’emergenza rifiuti nella nostra provincia e sulla posizione dei lavoratori».

Foto generica

espressa in una nota dai capigruppo dell’opposizione in Consiglio regionale. «Dall’emergenza rifiuti non si esce se non si realizzano impianti di trattamento e di smaltimento», affermano i capigruppo regionali di Forza Italia Giuseppe Gentile, di An Alberto Sarra, dell’Udc Michele Trematerra, del Nuovo Psi Francesco Galati, di Calabria Popolare Democratica Giovanni Nucera, dei Popolari Europei verso il Pdl Giampaolo Chiappetta e i consiglieri Pasquale Tripodi dell’Udc Svp e Autonomie, Pasquale Senatore e Gabriele Limido del gruppo misto. «Più tempo passa - avvertono -, più la situazione rischia di aggravarsi, per-

Vallecrati, Oliverio: riprendere il servizio ta mercoledì scorso hanno «pacificamente» occupato ieri mattina la sala del Consiglio chiedendo di poter parlare proprio con Oliverio della «grave situazione che li vede protagonisti». «Comprendo le vostre preoccupazioni - ha affermato Oliverio - ed è per questo che ho posto la nostra attenzione istituzionale seppure in totale assenza di competenze relative. La Provincia non ha allo stato competenze e poteri in materia di gestione dei rifiuti. E’ anzi da molto tempo che ci stiamo battendo perché venga definitivamente chiusa la fase di gestione commissa-

riale e perché vengano trasferiti poteri agli enti locali, a partire dalle Province. «Siamo disposti - ha detto ancora Oliverio - a dare un contributo anche attraverso l’apertura di un tavolo con tutti i soggetti istituzionali interessati perché si possa discutere della riorganizzazione del servizio». Quindi l’appello ai lavoratori per la ripresa del servizio di raccolta. I consiglieri provinciali del Pdl, Italia di Mezzo e del centrodestra, in una nota, affermano di essere «dalla parte dei lavoratori della Valle Crati» e stigma-

tizzano l’attegiamento del presidente della Provincia. «Accade - dichiarano in una nota - che si convochi un Consiglio per il 22 dicembre, con decisione unilaterale, e che alla successiva richiesta di Pasqualina Straface, in rappresentanza del gruppo del Pdl, e di Franco Corbelli, di Diritti Civili, di inserire al primo punto l’emergenza rifiuti e la grave situazione dell'azienda Valle Crati, il Presidente del Consiglio e i capi gruppo della sinistra abbiano avuto l’ardire di rispondere che l’Ente non ha competenze in materia e non c’entra nulla con la questione sul tap-

MALTEMPO Nucera (Popolari Liberali) chiede al Consiglio regionale azioni rapide

«Non basta l’intervento di Roma» AVVISO Oggetto: Richiesta di Compartecipazione alla realizzazione dei Centri di Raccolta dei Rifiuti Urbani raccolti in modo differenziato I Comuni della Provincia di Catanzaro, che intendono adeguare o realizzare exnovo dei “Centri di Raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato” disciplinati dal Dm Ambiente 8 aprile 2008 (Gazzetta Ufficiale 28 aprile 2008 n.99), e che non siano già destinatari di finanziamenti/compartecipazioni di enti pubblici per interventi analoghi, possono chiedere la compartecipazione dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, presentando all’indirizzo di cui al bando integrale, entro il 15 febbraio 2009, richiesta sottoscritta dal legale rappresentante del Comune (in caso di progetto intercomunale la richiesta deve essere sottoscritta dal legale rappresentante di ciascun comune) con allegato il progetto esecutivo regolarmente validato dal RUP, conforme ai requisiti tecnico-gestionali di cui all’allegato 1 al Dm Ambiente 8 aprile 2008. L’importo complessivo finalizzato alle quote di compartecipazione dell’Amministrazione Provinciale, ammonta ad euro 31.800,00 (IVA compresa), mentre la quota di compartecipazione dell’Amministrazione Provinciale per ciascun centro di raccolta è pari al 40% della spesa sostenuta e documentata, con esclusione delle spese tecniche, e comunque nella misura omnicomprensiva, ma non può superare il tetto massimo di euro 10.600,00 (diecimilaseicento /00) per progetto. Il bando integrale è pubblicato sull’albo pretorio dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro e sul portale www.provincia.catanzaro.it. Copia dello stesso potrà essere richiesta presso il Settore Tutela Ambientale dell’Ente in p.zza Rossi n.5. Responsabile del Procedimento è la Dott.a Serinuccia Procopio. La Dirigente del Settore Tutela Ambientale Dott. B. Sozzi

REGGIO CALABRIA — «Il Consi-

glio regionale non può restare fermo ad aspettare che sia il Governo nazionale ad intervenire dopo i devastanti danni che la nostra regione in generale e la provincia di Reggio in particolare hanno subito in seguito alle devastanti precipitazioni che si sono abbattute sul territorio durante gli scorsi giorni». Ad affermarlo, in una nota, è il consigliere regionale e coordinatore calabrese dei Popolari Liberali Giovanni Nucera, il quale chiede al governatore Agazio Loiero di «attivarsi immediatamente per intraprendere tutte le iniziative necessarie per tamponare l’emergenza che stanno vivendo migliaia di cittadini calabresi». «Le popolazioni di comuni come Monasterace, Galatro, Caulonia, Oppido, Calanna non possono essere abbandonate a se stesse - dichiara Nucera -. In attesa che il Governo Berlusconi riconosca lo

stato di calamità e prenda le misure necessarie a far rientrare l’emergenza, occorre che la Regione faccia la sua parte per sostenere il già fragile tessuto socio-economico della nostra regione». Secondo il coordinatore regionale dei Popolari Calabresi, inoltre, «i devastanti danni prodotti dal maltempo degli scorsi giorni devono essere punto di partenza per avviare una discussione più generale sullo stato della politica

“Utilizzare anche i Por con misure concrete su cui si dovrà riferire in Aula”

regionale in tema di lavori pubblici, infrastrutture, viabilità e opere di manutenzione». «E’ evidente - spiega il consigliere regionale Giovanni Nucera che il sistema non regge e che occorre rivedere nel suo complesso la politica degli interventi necessari per mettere in sicurezza un territorio come quello calabrese, orograficamente esposto a maggiori rischi in caso di eventi atmosferici come quelli cui abbiamo assistito nell’ultimo periodo». «I fondi Por 2007/13, gli ultimi prima che la Calabria esca dall’obiettivo 1, - afferma Nucera - dovranno essere utilizzati anche in questa direzione e il centrosinistra dovrà riferire in aula, in modo dettagliato, quali saranno le misure che saranno messe in campo per dare concretezza ad un’azione politica che, in questo settore come negli altri, fino ad oggi è stata costituita esclusivamente da mere promesse».


18 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA ’NDRANGHETA Ieri mattina sono state arrestate quattro persone per l’omicidio del boss Salvatore Cordì, avvenuto il 31 maggio del 2005

Decapitata la cosca dei Cataldo L’assassinio venne subito inquadrato dagli investigatori nella faida di Locri tra le due famiglie egemoni REGGIO CALABRIA — Decapitata

dalla polizia la cosca Cataldo di Locri. Per l’omicidio del boss Salvatore Cordì, avvenuto il 31 maggio del 2005, ieri mattina, quattro persone sono state colpite da provvedimento restrittivo del Gip distrettuale di Reggio. A finire in galera Antonio Cataldo, di 52 anni, Michele Curciarello (46), Antonio Martino (32), e Antonio Panetta (31). A Cataldo, alias “papuzzella”, il provvedimento restrittivo è stato notificato nel carcere di Ascoli Piceno dove si trova ristretto dovendo scontare una pena per associazione a delinquere di tipo mafioso con scadenza oggi; Panetta è stato arrestato a Rimini, mentre per gli altri due indagati, Martino e Curciarello, le manette sono scattate nelle loro abitazioni di Siderno. Antonio Cataldo è accusato di essere il mandante del fatto di sangue; Curciarello e Martino gli esecutori materiali, e Panetta concorrente nel reato. Un ruolo, quest’ultimo, svolto anche da Domenico Zucco, 26 anni, arrestato esattamente tre anni fa per lo stesso reato. Nei suoi confronti è pendente un processo dinnanzi la Corte d’Assise del Tribunale di Locri. Antonio Cataldo, nel 1997, era rimasto coinvolto nell’operazione “Primavera” con l’accusa di associazione mafiosa quale componente dell’omonima cosca in lotta con i Cordì. Arrestato nuovamente nel 2005, sempre per reati associativi, il provvedimento gli è stato notificato in carcere. Antonio Panetta, nel luglio del 1996, venne ferito a colpi di pistola mentre si trovava in macchina in compagnia di Antonio Panetta e Giuseppe Cataldo, poi assassinato nel febbraio del 2005; coinvolto nell’operazione “Primavera”, nel 2005 era nuovamente finito in carcere. Dopo la scarcerazione è stato sottoposto a libertà vigilata con l’obbligo di soggiorno nel comune di Rimini. Il curriculum penale di Michele Curciarello indica che l’uomo è finito in carcere nel gennaio del 1993 per associazione mafiosa e scarcerato nell’aprile di quattro anni dopo. Nell’ambito del processo scaturito dall’operazione “Siderno Group”, in primo grado, era stato condannato per reati associativi, ma venne assolto in appello. Il movente del delitto andrebbe ricercato nello scontro con la cosca rivale dei Cataldo, una delle ‘ndrine di Locri e del circondario. Un commando sorprese Salvatore Cordì mentre questi sta-

va raggiungendo la propria autovettura. Nella circostanza un killer, che viaggiava in sella ad uno scooter guidato da un complice, esplose alcuni colpi di fucile caricato a pallettoni contro il presunto boss – all’epoca cinquantunenne - uccidendolo all’istante. L’omicidio di Cordì, soprannominato “u cinesi”, venne subito inquadrato dagli investigatori nella faida di Locri tra le consorterie Cordì e Cataldo: una riposta all’omicidio di Giuseppe Cataldo, avvenuto nella cittadina ionica il 15 febbraio del 2005. Le due vittime, prima della loro eliminazione, venivano indicate ai vertici delle rispettive organizzazioni criminali. Secondo le indagini, che si sono avvalse del-

Il tavolo della conferenza stampa di ieri

Michele Curciarello

Antonio Panetta

Antonio Martino

Cosenza, gli operai Platania, ingiurie della Valle Crati e intimidazioni di nuovo in piazza contro il parroco

Vibo, arrestato un senegalese senza permesso

COSENZA — Proseguono senza sosta le proteste degli operai della Valle Crati, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti. Da ieri mattina, infatti, gli operai sono scesi di nuovo in piazza per manifestare. Un folto gruppo ha occupato la sede stradale nei pressi di contrada Andreotta, isolando di fatto il popoloso comune di Castrolibero dal resto della città. Un’altro gruppo ha invece fatto ingresso nei saloni di rappresentanza della Provincia di Cosenza. Intanto langue la raccolta dei rifiuti, che ricominciano ad ammassarsi in città e nell’hinterland. Le ditte private che avrebbero dovuto sostituire la Valle Crati nella accolta rifiuti non stanno effettuando il servizio da ormai tre giorni, probabilmente per paura di ritorsioni da parte degli operai in protesta.

PLATANIA — Alcune scritte in-

VIBO VALENTIA — Un extraco-

giuriose e di minaccia sono comparse ieri mattina sul muro della chiesa di Platania, un piccolo centro della provincia di Catanzaro, contro il parroco don Pino Latelli. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Soveria Mannelli che hanno eseguito i rilievi necessari ed aperto le indagini per risalire agli autori del gesto. Le scritte ingiuriose e con riferimenti anche a sfondo sessuale, sono comparse sul muro del luogo di culto, chiuso da qualche giorno ai fedeli a causa dei danni causati dal maltempo. (Agi)

munitario di ventinove anni originario del Senegal, è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Tropea con l’accusa di immigrazione clandestina. L’arresto è avvenuto a Nicotera, una cittadina turistica sulla costa vibonese, dove i militari dell’Arma di quella stazione diretti dal luogotenente Raffaele Castelli, lo hanno sorpreso in una campagna nei pressi della stazione ferroviaria impegnato con molta probabilità nella raccolta dio agrumi per conto di qualche proprietario terriero. Da un primo controllo, effettuato dai mlitari dell’Arma, è emerso che l'extracomunitario era colpito da un provvedimento di espulsione da parte della prefettura di Milano, reato di cui dovrà rispondere dinnanzi nel processo per direttissima. (Agi)

I carabinieri stanno indagando

Antonio Cataldo

le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Domenico Novella, Antonio Cataldo avrebbe deciso l’eliminazione del suo “parigrado” della consorteria rivale dopo aver chiesto ed ottenuto il permesso alla famiglia Curciarello, locale del territorio (Siderno), dove si è consumato il delitto di Salvatore Cordì. In particolare, l’autorizzazione è stata concessa da Michele Curciarello che avrebbe inteso vendicare la morte di Pietro Cacciamo (avvenuto a Siderno il 20 dicembre del 2000) marito della sorella e figlio naturale di Michele Cataldo. Autorizzazione caldeggiata anche dal nipote Antonio Martino, uno dei quattro colpiti dal provvedimento del Gip richiesto dalla Dda di Reggio Calabria. Con l’operazione della scorsa notte, viene decapitata la cosca Cataldo. L’arresto di Antonio Cataldo, infatti, si aggiunge a quello del cugino omonimo, avvenuta, qualche giorno fa, a Locri nell’abitazione dei genitori dopo che si era reso irreperibile per sfuggire alla condanna a 30 anni di carcere, emessa il 30 ottobre scorso, dal tribunale di Paola. Antonio Latella


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 19

CALABRIA COSENZA Un marocchino 27enne è stato accusato di sequestro di persona, violenza carnale e privata, oltre che di spaccio di droga

Segregava la fidanzata, denunciato La ragazza non poteva più uscire da sola, nè parlare al telefono con i genitori COSENZA — I carabinieri della

stazione di Cosenza Nord, coadiuvati dall’aliquota operativa, nella tarda serata di giovedì hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria un cittadino marocchino di 27 anni, ritenuto responsabile dei reati di sequestro di persona, violenza carnale, violenza privata ai danni di una ragazza appena maggiorenne. Inoltre sarebbe responsabile di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. La ragazza si sarebbe invaghita, qualche tempo fa, di quello che poi sarebbe diventato il suo fidanzato e con il quale andò a convivere nella zona di Villapiana. I genitori della ragazza non avevano condiviso la decisione ma avevano acconsentito tenedosi costantemente informati sull'andamento della convivenza. Lontano dai familiari, per la malcapitata serebbe iniziata una serie di restri-

zioni e privazioni: non poteva più uscire da sola, nè parlare al telefono. I familiari, a sorpresa, sono quindi andati a trovare la figlia rendendosi conto del disagio in cui si trovava la ragazza. Con la scusa di prendere gli abiti invernali l'hanno quindi accompagnano a Cosenza dove, lontana dal fidanzato, in lacrime, la vittima ha raccontato tutto. Il fidanzato ha chiesto alla ragazza di tornare. Al diniego ha deciso di andare a riprenderla. Ma all’appuntamento c’erano i carabineiri che lo hanno accompagnato in caserma per il prosieguo delle verifiche. Il giovane marocchino è risultato gravato da un provvedimento di espulsione a lui mai notificato. Concretizzato il pericolo di fuga, l'uomo è stato sottoposto a fermo e portato nella casa circondariale di Cosenza. (Agi)

PIZZO I carabinieri hanno sorpreso il 29enne mentre passeggiava tranquillamente per le vie del paese

Evade dagli arresti domiciliari, beccato PIZZO — Aveva il permesso per uscire dall’abitazione in cui si trovava ristretto da alcuni mesi solo per poche ore al giorno e solo per assolvere alle proprie necessità di vita. Evidentemente Sciarrone Giovanbattista, classe ’79, ben noto alle forze dell’ordine, ha deciso che il tempo a sua disposizione era troppo poco ed ha voluto concedersi una passeggiata prenatalizia per le vie di Pizzo. Peccato che a rovinare i suoi piani ci abbiano pensato gli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia. Una pattuglia della Stazione Carabinieri di Pizzo ha infatti notato l’uomo, più volte arrestato negli ultimi anni, men-

Giovanbattista Sciarrone

tre stava tranquillamente girovagando per le strade della cittadina ed ha provveduto immediatamente ad intimargli l’alt. Il pregiudicato ha così tentato di accampare alcune vaghe scuse sul perché non si trovasse all’interno della propria abitazione, nonostante il periodo di permesso fosse ampiamente terminato. Ma, in spregio ai suoi sforzi, gli uomini dell’Arma lo hanno ugualmente ammanettato dichiarandolo in arresto con l’accusa di evasione dagli arresti domiciliari. Ora l’uomo si trova ristretto, con l’accusa di evasione, nelle camere di sicurezza dell’Arma in attesa del giudizio con rito direttissimo.

BOTRICELLO A finire nella rete dei militari dell’Arma è stato il marito della proprietaria CATANZARO I due imputati erano finiti in manette nel 2007

Appicca l’incendio al negozio voleva ottenere il risarcimento

Reati di usura ed estorsione ridotte le pene al processo

BOTRICELLO — Ha pensato di chiudere l’esperienza dell’attività commerciale della moglie, in difficoltaà economiche, appiccando il fuoco per ottenere il risarcimento dell'assicurazione, ma è rimasto ferito nell'incendio ed è stato denunciato a piede libero dai carabinieri. A finire nella rete dei militari dell'Arma della stazione di Botricello, guidati dal maresciallo Natale Malagrinò, un trentaquattrenne residente nella cittadina del Catanzarese, P. G., che ora dovrà rispondere di danneggiamento a seguito di incendio. Il fatto è accaduto lo scorso 10 dicembre, sulla centralissima strada statale 106 ionica. Il negozio era esploso dopo che ignoti avvevano dato fuoco all'interno dell'im-

mobile, utilizzando circa venti litri di benzina cosparsi nell'esercizio e uccidendo anche gli animali in vendita. Un episodio che aveva creato preoccupazione nella cittadina ionica, vocata al commercio, per una possibile matrice estorsiva. I carabinieri hanno, quindi, avviato le indagini, acquisendo elementi utili che hanno permesso di ricostruire ogni aspetto. La titolare del negozio aveva detto ai militari che il marito non si trovava in sede, ma i carabinieri hanno scoperto che l'uomo era in realtà a casa, con gravi ustioni al volto. Nell'esercizio e nei dintorni sono stati rinvenuti anche alcuni oggetti del trentaquattrenne, utili per la ricostruzione dei fatti. Guzzo, secondo la rico-

Rende, estorsione arrestati in quattro dalla polizia

Cosenza, truffa all’Inps Provincia Crotone per duecentomila euro Tar respinge ricorso sequestrati conti correnti della ditta di pulizie

RENDE — La Polizia ha arrestato

COSENZA — Undici conti correnti, per un valore complessivo di duecentodiciotto mila euro, sono stati sequestrati dai carabinieri nella frazione di Cittadella del Capo a Bonifati, in provincia di Cosenza. Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal gip del tribunale di Paola, Salvatore Carpino, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Stefano Berni Canani. I titolari degli undici conti correnti, indagati nell'ambito di una inchiesta su una presunta truffa ai danni dell'Inps, avrebbero incassato illegalmente l'assegno sociale. Le persone indagate, utilizzando false autocertificazioni, avrebbero attestato di essere residenti in Italia mentre vivevano stabilmente all'estero, in particolare in Argentina e Uruguay. (Ansa)

CATANZARO — Si è concluso con uno sconto di pena, ieri davanti alla Corte d’appello di Catanzaro, il giudizio di secondo grado per Domenico Iannazzo di 49 anni e Giuseppe Onorato di 55, entrambi di Lamezia Terme, ritenuti dagli inquirenti esponenti della cosca Iannazzo, accusati di usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso. I due uomini, il 14 febbraio del 2008, erano stati giudicati con rito abbreviato (che comporta lo sconto di pena di un terzo) dal giudice dell’udienza preliminare distrettuale di Catanzaro, che alla fine aveva condannato entrambi a cinque anni e otto mesi di reclusione, ed alla interdizione perpetua dai pubblici uffici. Quella sentenza è stata poi impugnata dai difensori, gli avvocati Francesco Gambardella, Sergio Rotundo, Romolo Andricciola e Paolo Mascaro, i quali hanno ottenuto dal collegio d'appello una riduzione delle condanne. I giudici, infatti, non hanno ritenuto sussistente l'aggravante della “mafiosità”, ed hanno rideterminato la pena per Iannazzo in quattro anni e due mesi, e per Onorato in quattro anni e quattro mesi, prevedendo per entrambi l'interdizione solo temporanea dai pubblici uffici. Gli imputati erano finiti in manette, il 14 febbraio del 2007, nell'ambito dell'operazione antiusura della Dda di Catanzaro battezzata Sciacalli. A portarli in carcere era stata un'ordinanza di

quattro persone a Commenda di Rende con l'accusa di estorsione ai danni di un imprenditore titolare dell'appalto per la realizzazione dell'impianto di pubblica illuminazione ad Aprigliano (Cosenza). Due degli arrestati, Mario Oliveti, di 29 anni, pregiudicato, e Gianni Travo, di 30, incensurato, sono stati bloccati mentre intascavano la tangente dall'imprenditore, col quale avevano concordato un incontro in un bar. Gli altri arrestati, Mario Musacco, di 58 anni, presunto affiliato alla cosca Perna di Cosenza, ed il cugino Giuseppe Musacco, di 54, incensurato, sono accusati di essere stati i mandanti dell'estorsione. Agli arrestati viene contestata l'estorsione con l'aggravante delle modalità mafiose. Secondo quanto è emerso dalle indagini della Squadra mobile di Cosenza, che ha eseguito gli arresti, all'imprenditore era stata imposta una tangente del tre per cento sull'importo di 400 mila euro dell'appalto concesso dal Comune di Aprigliano.

struzione degli inquirenti, è rimasto nel locale all'orario di chiusura serale e, intorno all'una e trenta di notte, ha dato fuoco da una finestra posteriore del negozio dopo avere versato la benzina. L'esplosione è stata immediata e l'uomo è stato scaraventato ad alcuni metri di distanza, riportando gravi ustioni al volto curate solo dopo la ricostruzione dei carabinieri e la relativa denuncia. L'attività commerciale, finanziata con contributi pubblici, secondo le indagini, registrava difficoltà economiche e la possibilità di chiudere ogni conto grazie anche all'assicurazione ha convinto Guzzo a incendiare tutto, provocando però un'esplosione che solo per un caso non gli è costata la vita.

CROTONE — Il Tar Calabria ha respinto, dichiarandolo inammissibile, il ricorso proposto dalla ditta Puliverde nei confronti dell'Amministrazione provinciale di Crotone. La vertenza riguardava il mancato rinnovo da parte dell'Ente, del contratto con cui alla ditta ricorrente era stato affidato il servizio di pulizia degli immobili dell'Amministrazione provinciale. Lo comunica una nota dell'ente provinciale. Avverso tale decisione, la Puliverde aveva ottenuto in sede cautelare dal Tar un provvedimento di sospensiva. Lo scorso 12 dicembre lo stesso Tar, discutendo il merito della vertenza e dichiarando l'inammissibilità del ricorso, ha di fatto riconosciuto la legittimita' della delibera con cui la Giunta provinciale decideva di affidare il servizio prima svolto dalla ditta Puliverde alla ditta Gestione Servizi, società interamente partecipata dalla Provincia. L'Amministrazione provinciale è stata difesa dai legali avvocati Annapaola De Masi ed Emanuele Pantisano.

Erano ritenuti esponenti del clan Iannazzo custodia cautelare, emessa su richiesta del sostituto procuratore antimafia Vincenzo Luberto, e notificata anche ad una terza persona, Antonio Crugliano, di 52 anni originario di Cirò, considerato inserito nella cosca FaraoMarincola di Cirò. Vittima del sistema degli strozzini sarebbe stato un imprenditore barese che, avviata la propria attività imprenditoriale a Lamezia Terme, era finito in mano ad una presunta rete di strozzini, che se lo sarebbero “passato” l'un con l'altro - qualche volta pretendendo soldi in piu' di uno - man mano che lui si spostava nelle altre province calabresi, da Catanzaro a Crotone e poi a Cosenza, in virtù di nuovi e lucrosi accordi fra le ’ndrine dei vari territori. Una vicenda emersa dopo oltre due anni di indagini della Polizia di Stato, partire sul finire del 2004, in seguito alle dichiarazioni di un odontotecnico catanzarese che, raccontando i ripetuti episodi di usura di cui sarebbe rimasto vittima, avrebbe poi descritto l'esistenza di una fitta rete di pericolosi “prestasoldi”, citando inoltre un lungo elenco di presunte vittime, soprattutto imprenditori agricoli dell'Alto Jonio cosentino. Un unico imprenditore, parte offesa nel processo, aveva poi confermato quei prestiti ottenuti, per un totale di 10.000 euro, ad un tasso di interesse del 10 per cento mensile. (Agi)

IN BREVE Vibo Valentia, marocchini clandestini arrestati Due extracomunitari del Marocco sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Tropea con l'accusa di immigrazione clandestina. I due, E. A ed M. L, rispettivamente di 29 e 38 anni, sono stati sorpresi dai militari della stazione di Spilinga mentre vagavano senza una meta precisa. In seguito ad un controllo da parte del luogotenente Francesco Cocciolo, è emerso che entrambi, nel giugno del 2008, erano stati espulsi dalla prefettura di Milano dal territorio nazionale. Da qui l'arresto.


20 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA IMMIGRAZIONE L’organizzazione umanitaria in azione nella Piana di Gioia Tauro. Kit per l’igiene agli stagionali

L’allarme di Medici senza Frontiere «Nelle piantagioni situazioni inaccettabili. Le autorità locali intervengano presto» ROMA — Sfruttati, privati delle cure

mediche essenziali, costretti a vivere in capannoni senza acqua potabile né riscaldamento, vittime di violenze quotidiane. Gli “schiavi” del nuovo secolo non chinano la schiena nelle piantagioni di cotone ma raccolgono gli agrumi nelle campagne della Piana di Gioia Tauro. Le spaventose condizioni in cui vivono migliaia di lavoratori immigrati stagionali in Calabria per la raccolta degli agrumi hanno spinto Medici senza Frontiere (Msf) a un intervento umanitario d’emergenza nella provincia di Reggio Calabria. Nei comuni di Rosarno, San Ferdinando e Rizziconi, Msf ha individuato una popolazione di almeno 1.500 migranti che versano in condizioni igienico-sanitarie “inaccettabili”. Per questo la settimana scorsa Msf ha distribuito circa 1.500 kit igienico-sanitari (sacco a pelo, sapone, spazzolino da denti e dentifricio) e rinnovato la richiesta alla presidenza della Regione Calabria e alle autorità locali di effetVIBO VALENTIA — La designazione di

Lamezia Terme quale sede della Enoteca regionale della Calabria diventa oggetto di polemiche. Sulla vicenda interviene il vicepresidente della Provincia di Crotone, Emilio De Masi. «Abbiamo da tempo concluso - dichiara - un intenso lavoro istituzionale quale presupposto per il riconoscimento del territorio cirotano quale sede dell’Enoteca regionale della Calabria. Abbiamo ottenuto la piena e convinta adesione all’iniziativa dei Comuni della nostra provincia, oltre che degli enti e delle associazioni titolati in materia vitivinicola. Culmine di questo processo è stato un apposito atto deliberativo, congiuntamente adottato dai vari soggetti che avevano condiviso il disegno, consegnato all’assessore Sulla alla presenza di tutti i parlamentari regionali del crotonese. Erano stati anche predisposti sia lo Statuto che il Regolamento di funzioni e finalità dell’Enoteca». «L’aspirazione a quel ricono-

Emilio De Masi: “Ineguagliabili le peculiarità della produzione nel territorio del Crotonese”

tuare “in tempi brevissimi”, interventi d’emergenza come l’installazione di latrine, docce e cisterne d’acqua potabile necessarie a garantire condizioni minime di accoglienza per tutti gli stranieri impiegati come stagionali. Medici senza Frontiere ha chiesto inoltre alle autorità sanitarie locali di garantire il potenziamento del servizio dedicato agli immigrati. «Il minimo che ci si possa aspettare da un Paese come l’Italia», ha ammonito in conferenza stampa Antonio Virgilio, capo missione Msf, «è il rispetto degli standard minimi di accoglienza internazionali. Secondo le Nazioni Unite in un campo sfollati ci deve essere almeno una latrina ogni venti persone. Neanche questo avviene nei luoghi che abbiamo visitato in Calabria, per una popolazione che tra l’altro rappresenta il sostentamento fondamentale alle economie agricole locali». Inoltre, gli ha fatto eco Cristina Falconi, coordinatore del progetto dell’organizzazione in Calabria, «scarsa

protezione dal freddo e il cucinare e dormire in spazi non areati influisce considerevolmente sull’insorgenza di infezioni alle vie respiratorie». Le difficili condizioni di vita e di lavoro, ha aggiunto, «portano invece a patologie gastroenteriche e osteomuscolari: ci troviamo di fronte a una popolazione che arriva sana in Italia e si ammala qui». Ma il fenomeno dei lavoratori immigrati impiegati nell’agricoltura non avviene solo in Calabria, denuncia Msf: nel sud Italia ogni anno migliaia di persone si spostano di regione in regione per lavorare come braccianti agricoli. Un fenomeno, sottolineano i medici dell’organizzazione umanitaria, «che si ripete puntuale ogni anno e quindi sarebbe programmabile e gestibile in termini di accoglienza». Msf ha denunciato le drammatiche condizioni di vita e di lavoro degli stagionali già nel 2005 con il rapporto “I Frutti dell’Ipocrisia” e ancora nel 2008 con il documentario “Una Stagione all’Inferno”. (Agi)

Integrazione delle extracomunitarie: Vibo partecipa al progetto Podi VIBO VALENTIA — La provincia vibonese entra a pieno titolo in un progetto ministeriale per l’inclusione sociale e lavorativa delle donne immigrate, denominato Podi (Percorsi opportunità donne immigrate). Finanziato dal Fondo per l’inclusione sociale degli immigrati e realizzato dalla Fondazione risorsa donna e dall’associazione onlus Cras, il progetto ha una durata di 18 mesi ed è finalizzato a prevenire e contrastare i fenomeni di emarginazione sociale, di sfruttamento e di discriminazione ai danni delle donne extracomunitarie, promuovendo l’inserimento occupazionale in forma autonoma o associata. «Da sottolineare - si legge in una nota - che destinatari del progetto sono soltanto la Regione Lazio e la Provincia

di Vibo Valentia, e questo grazie all'impegno dell'assessore provinciale alle Politiche sociali, Maria Salvia». «Con riferimento al Vibonese - si apprende ancora -, è prevista una campagna di sensibilizzazione e d'informazione rivolta alle donne immigrate, con particolare attenzione al tema del microcredito per l’avvio di piccole attività imprenditoriali o di lavoro autonomo. A questo scopo sarà realizzato uno studio di fattibilità per avviare sul territorio provinciale un progetto di microcredito sociale. serimento sociale e lavorativo». «Secondo i dati Istat aggiornati a gennaio 2008, nella provincia di Vibo Valentia - conclude la nota - risiedono 4.211 immigrati, di cui 2.353 sono donne».

Il centro della produzione vinicola nella Piana. Crotone insorge contro la Regione

state avviate altre importanti iniziative, come il premio nazionale enologico promosso dall’Ente Fiera, che vede impegnati esperti del settore come Saveria Sesto, e la costituzione, avvenuta nei giorni scorsi, del consorzio per la tutela dei vini doc, presieduto dal lametino Alberto Statti. Si tratta - spiega la parlamentare - di attività che certamente contribuiranno a mettere in rete i diversi comprensori Doc ed Igt della Calabria con vantaggi per l’intero settore vitivinicolo regionale. Credo che si stia compiendo un passo importante verso la valorizzazione delle risorse naturali di questa regione, partendo da un comprensorio nel quale l’agricoltura calabrese ha uno dei suoi punti di forza e che vanta la presenza di una Fiera agricola diventata punto di riferimento per la Calabria». «La scelta di Lamezia Terme come sede dell’enoteca - conclude Lo Moro - è quindi da salutare come la presa d’atto di una realtà consolidata».

Enoteca della Calabria: Lo Moro difende Lamezia scimento - continua De Masi - non è una pretesa né un capriccio campanilistico perché nasce dalla piena consapevolezza dei requisiti storici, culturali e produttivi che, sul versante enologico, possiedono, nella realtà cirotana, inoppugnabili crismi di eccellenza. L’80% dei vini calabresi è prodotto nelle nostre zone; grandissima parte della ricerca e dell’innovazione produttiva viene proficuamente sperimentata nell’area del cirotano. E’ persino superflua la rievocazione delle ineguagliabili peculiarità che, in campo vitivinicolo, sono detenute dal nostro territorio, ormai sancite nella relativa letteratura scientifica internazionale. Suscita, pertanto, incredulità, anzi autentica indignazione, la notizia, riportata su alcuni organi di stampa, secondo la quale la Giunta regionale, indifferente all’indiscutibile fondamento su cui è basata la nostra richiesta, coltiva l’iniquo intento di prevedere l’allocazione dell’Enoteca regionale in un’altra realtà calabrese. Cogliamo l’al-

Doris Lo Moro

larme lanciato al riguardo dal Consigliere Pacenza e ci predisponiamo conclude De Masi - a riconvocare, entro pochissimi giorni, un incontro utile a verificare l’attendibilità della notizia ed all’eventuale adozione di

ogni atto necessario a scongiurare una scelta culturalmente innaturale ed inammissibile politicamente». Di tutt’altra posizione è la parlamentare lametina Doris Lo Moro. «L’istituzione dell’enoteca a Lamezia Terme, decisa dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Agricoltura Mario Pirillo, poggia - afferma in una nota Lo Moro - su caratteristiche di idoneità che fanno della Città della Piana la sede appropriata di questa struttura. E’ certamente un contributo al rilancio di un settore che manifesta nel comprensorio e nella regione elementi di vitalità incoraggianti». «L’assessore Pirillo - prosegue il deputato del Pd - ha portato a compimento in tempi brevi l’impegno assunto nei giorni scorsi durante di una manifestazione pubblica. E’ un fatto positivo per la Calabria, che si adegua ad un modello affermatosi nelle più importanti regioni produttrici di vino, dove già operano enoteche regionali. A Lamezia l’enoteca si collocherà in un contesto in cui sono

La parlamentare lametina: “Passo importante per la valorizzazione delle risorse naturali della regione”

Chiesa di Natuzza, i club service si mobilitano

FNP-CISL Federazione Nazionale Pensionati CISL Segreteria Provinciale - CATANZARO

AVVISO Sabato 20 dicembre 2008 con inizio alle ore 15.00 in prima convocazione e alle 16.00 in seconda convocazione, presso la sede CISL di via Tagliamento Lamezia Terme/Nicastro si svolgerà il CONGRESSO DELLA LEGA FNP-CISL DI LAMEZIA TERME - NICASTRO Tutti gli Iscritti/Soci FNP-CISL di Lamezia Terme - Nicastro, sono invitati a partecipare al dibattito congressuale ed alla elezione dei Componenti il Direttivo di Lega e dei Delegati al V Congresso Provinciale FNP-CISL. Il Segretario Generale (Antonio Fernando Maio)

Il completamento della costruzione della nuova Chiesa voluta da Natuzza a Paravati continua ad essere uno degli obiettivi privilegiati da parte dei club service della provincia di Vibo Valentia. Questa volta l’idea è dell’Inner Wheel di Nicotera che ha voluto misurare il “cuore” delle innerine iscritte al club di Nicotera verso l’iniziativa della Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, da anni impegnata nella realizzazione della struttura invocata dalla stessa Natuzza. Delfina Barbieri Caffo, al suo secondo anno di presidenza alla guida dell’Inner Wheel, ha chiamato a raccolta tutte le associate con le rispettive famiglie, estendendo la partecipazione anche al Rotary Club di Nicotera, presieduto da Pasquale Sodano. Il risultato è stato che Inner Wheel e Rotary hanno risposto in pieno all’appello e la gara di solidarietà, passata attraverso l’allegro e spensierato svolgimento del gioco della tombola e del mercante in fiera, che ha fruttato una significativa raccolta destinata alla Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime. «Il progetto sulla solidarietà ideato negli scorsi anni - ha dichiarato Delfina Barbieri Caffo, presidente dell’Inner Wheel di Nicotera - quest’anno ha avuto come obiettivo la raccolta di fondi per la nuova chiesa di Paravati voluta da Natuzza. L’Inner Wheel di Nicotera, che non si è mai sottratta a questo tipo di iniziative benefiche, non ha tradito le attese offrendo un momento di forte adesione ed una partecipazione che conferma quanto sia importante aiutare la Fondazione presieduta da don Pasquale Barone ad assicurare il successo ad un progetto verso cui guarda con forte e mai spenta speranza tutto il pianeta che gravita attorno all’amore per Natuzza». Delfina Barbieri Caffo ha anche ringraziato il Rotary Club di Nicotera. (m. b.)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 21

CALABRIA Il magistrato che indaga sulla strage di Duisburg nominato ieri dal Csm insieme al giudice di Caltanissetta Ottavio Sferlazza

Nicola Gratteri “aggiunto” a Reggio La Procura di Catanzaro al lavoro per fare chiarezza sulla microspia in una stanza del magistrato ROMA — Il plenum del Csm, a

maggioranza nella seduta di ieri, ha nominato Nicola Gratteri e Ottavio Sferlazza nuovi procuratori aggiunti della Repubblica al tribunale di Reggio Calabria. Nicola Gratteri dal 1996 ha operato come Pm a Reggio Calabria; ha fatto parte anche nel 2006 del Dda mentre Ottavio Sferlazza è attualmente giudice a Caltanissetta. Al plenum del Csm, Nicola Gratteri ha ricevuto 18 voti contro i 5 espressi a favore di Ottavio Sferlazza, candidato quest’ultimo ad entrambi i posti di Procuratore aggiunto. Sempre Sferlazza ha poi ricevuto 15 voti contro gli 8 voti ottenuti dall’altro Fulvio Massimo Rizzo. Nicola Gratteri è il titolare di alcune tra le più importanti inchieste della Dda di Reggio Calabria sulla ’ndrangheta tra cui quella sulla strage di Duisburg, in Ger-

Nicola Gratteri

mania, nel giorno di Ferragosto del 2007. La strage, in cui furono uccise sei persone, è avvenuta nell’ambito della faida di Locri tra le cosche Nirta-Strangio e Pelle-Vottari,

gruppo quest'ultimo del quale avrebbero fatto parte le vittime. Le indagini della Squadra mobile di Reggio Calabria, coordinate da Gratteri, hanno portato all’identificazione del presunto responsabile della strage, Giovanni Strangio, che è latitante. Gratteri ha coordinato anche le indagini dei carabinieri del Ros che hanno portato all’arresto, dopo molti anni di latitanza, dei boss della ’ndrangheta Giuseppe Morabito, detto “’u tiradrittu” e Giuseppe Barbaro. Nello scorso mese di aprile Gratteri è stato al centro di una vicenda sulla quale sta ancora indagando la Procura della Repubblica di Catanzaro. In una stanza della Dda, utilizzata dal magistrato per gli incontri con la polizia giudiziaria, fu trovata una microspia. La vicenda è stata oggetto di specifici accertamenti da parte del Csm. (Ansa)

Il Consiglio regionale ha approvato la Dichiarazione varata dalle Nazioni Unite nel ’48

Palazzo Campanella sposa i diritti dell’uomo REGGIO CALABRIA — Il Consiglio regionale della Calabria, ieri in apertura dei lavori, recependo la richiesta di un nutrito gruppo di associazioni, ha approvato all’unanimità la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Un atto dall’alto valore simbolico, con cui l’Assemblea di palazzo Tommaso Campanella ha inteso sottolineare il sessantesimo anniversario del documento, varato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948. «Una forte rappresentanza del mondo dell’associazionismo, con in testa Amnesty International, ha chiesto che anche quest’Aula, nella prima seduta utile, assumesse questo impegno - ha spiegato il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Bova

Il Consiglio regionale

-. Il valore della Dichiarazione, tra l’altro, nei giorni scorsi è stato rimarcato non solo da parte degli organi d’informazione, ma soprattutto dalle più alte Istituzioni del nostro Paese e da prestigiosi organismi internazionali. E la ricorrenza appare ancor più significativa, giacché riguarda il primo atto mai approvato sulla dignità della persona, consacrata quale patrimonio di tutti i popoli». «L’auspicio - ha concluso Bova - è che, a questo formale adempimento, faccia seguito un sempre maggiore impegno per la salvaguardia dei diritti insopprimibili di libertà e uguaglianza, nonché delle garanzie a tutela della dignità dell’uomo che devono essere riconosciute a ciascuna e ciascuno di noi».

Vibo, non c’è traccia di Grasso Monte Poro sotto i “raggi x” VIBO VALENTIA — Passato lo scon-

certo per quanto accaduto, a Mandaradoni ha preso il sopravvento la paura: Francesco Grasso continua a nascondersi con il suo fucile caricato a pallettoni. Le condizioni del tempo - da ieri ha ricominciato a piovere - aiutano l’uomo, che conosce quelle campagne più delle sue tasche, ma non è detto che stia pensando solo a nascondersi: se davvero è in preda ad una follia omicida, potrebbe anche decidere di ritornare sul luogo del duplice delitto con l’intento di consumare ancora la sua vendetta familiare. È una delle ipotesi che costringe i carabinieri non solo a setacciare le campagne ai piedi del Monte Poro, ma anche a presidiare, con discrezione ma con decisione, corso Garibaldi a Mandaradoni. I vari reparti si sono divisi i compiti in questa caccia all’uomo. I militari del Norm presidiano il centro abitato, quelli della com-

pagnia speciale si addentrano tra siepi, avvallamenti, torrenti, uliveti tra Zungri, Zambrone e Briatico; ma in quelle zone sono note anche le tante grotti naturali esistenti, difficili da controllare in modo capillare; intanto, “Falchi” e “Cacciatori” si muovono nelle zone più impervie sotto il controllo del Nucleo radiomobile e con l’ausilio dei gruppi cinofili e, quando le condizioni meteorologiche e visive lo consentono, con l’utilizzo di un elicottero dell’8° elinucleo, che si alza in volo dalla sede del Goc Calabria, poco distante da quelle zone. D’altronde, l’ordine del procuratore della Repubblica, Mario Spagnuolo, che coordina le indagini, è stato secco e perentorio: fate terra bruciata intorno all’omicida. Ma ancora dell’ex carpentiere Francesco Grasso non c’è traccia! Maurizio Bonanno

Il seminario, rabbia e ostilità nella separazione Lunedì scorso, presso il centro “La Pira” di Vibo Valentia, si è svolto il quarto incontro del “Corso per Genitori”, organizzato dalla locale sezione dell’associazione nazionale “Papà Separati” onlus. Tema della serata, “rabbia, ostilità e autostima nei processi di separazione”. Il relatore, Giovanni Caruso, psicoterapeuta ed esperto in gestione delle risorse umane, ha evidenziato come, dopo una fase di innamoramento, possa sopraggiungere l’incomunicabilità e successivamente la rabbia: «Quest’ultima, però, può essere utilizzata a nostro vantaggio, in quanto l’energia che da essa scaturisce, se bene indirizzata, ci può permettere di raggiungere obiettivi positivi». Caruso ha coinvolto i numerosi presenti con dimostrazioni pratiche di tecniche semplici ma molto efficaci per il controllo della rabbia e l’accrescimento dell’autostima. L’esperto ha, inoltre, delineato i tratti dell’ostilità, decisamente più negativa della rabbia, e molto più difficile da curare. Il messaggio fondamentale che è scaturito nel corso della trattazione è, comunque, che bisogna prima di tutto amare se stessi per poter amare gli altri. Alla fine dell’incontro, i presenti, divenuti nell’occasione protagonisti, hanno aggiunto al loro bagaglio culturale metodi pratici per migliorare la loro autostima e capacità relazionale. Molto soddisfatto dell’andamento del corso è stato il presidente dell’associazione, Pierluigi Lo Gatto: «Perché ogni incontro - ha dichiarato - è occasione di crescita, confronto e arricchimento culturale per i partecipanti, che sono sempre più numerosi ed entusiasti». (m. b.)


22 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO La De Co (denominazione comunale) è stata votata all’unanimità dal consiglio e permetterà di valorizzare i prodotti tradizionali

Una certificazione per i piatti tipici Oggi presso l’Agriturismo Basilea, sarà ufficializzato l’avvio della procedura per il Morzello CATANZARO — Finalmente anche

i prodotti catanzaresi saranno tutelati con un apposito marchio di qualità. La De. Co. ossia la Denominazione Comunale servirà proprio a questo. Questa certificazione, che avviene attraverso uno studio approfondito delle peculiarità locali comunali è una procedura snella, particolarmente interessante per le produzioni legate alla vita delle comunità locali, poiché permette di conservare e valorizzare le colture e le preparazioni tradizionali legate alla cultura del territorio, aiutando anche a proteggere la biodiversità. Un evento importantissimo per la nostra città e in particolare per

la valorizzazione e salvaguardia dei prodotti tipici catanzaresi. La De. Co è stata votata all’unanimità dal Consiglio Comunale che ha spostato e colto con entusiasmo la proposta dell’Assessorato al Marketing e Turismo, guidato da Roberto Talarico. Questo marchio servirà a tutelare e veicolare le specialità agroalimentari catanzaresi con tutti i benefici effetti che ciò può comportare sia in campo turistico che in quello economico. Il Comune a tal proposito, ha istituito un’apposita commissione coinvolgendo tutti gli operatori commerciali, al fine di selezionare le specialità da sottoporre a salvaguardia ed a cui assegnare il

Il morzello catanzarese

CATANZARO Si registra già il tutto esaurito nelle serate del 22 e 23 dicembre per uno degli spettacoli di punta della stagione

Politeama, sold out per Massimo Ranieri CATANZARO — Doppio sold out

(circa 2mila spettatori) per Massimo Ranieri che arriva al Politeama lunedì 22 e martedì 23 per uno degli eventi di punta del cartellone 2008-2009. Al botteghino continuano ad arrivare richieste da tutta la regione e dalle regioni limitrofe per assistere all’ultimo show del “cantattore” napoletano, “Canto perché non so cantare…da 40 anni”, che ha sbancato al Sistina di Roma per alcuni mesi. «Ci sarebbe piaciuto dare una risposta a tutti», ha sottolineato la direzione del Politeama, «ma ci sarebbero volute altre due serate». Massimo Ranieri arriva a Catanzaro sulla cresta dell’onda, fresco dei recenti successi come regista cinematografico. L’artista sbarcherà negli Usa alla vigilia degli Oscar per presentare al pubblico americano la sua ultima fatica sul grande schermo. Il popolare showman partenopeo parteciperà al “4° Los Angeles, Italia - Film, Fashion and Art Fest” in programma dal 15 al 21 febbraio al teatro Cinese di Hollywood dove sarà “ambasciatore” di Napoli e della sua tradizione artistica in California. Accompagnato dal regista Maurizio Scaparro, Ranieri infatti presenterà in anteprima americana il film “L’ultimo Pulcinella”, già proposto al Festival di Roma. Successi oltreoceano ma anche in Italia per Massimo Ra-

Massimo Ranieri

nieri che riceverà il premio speciale “Capri Patroni Griffi Award 2008” il prossimo 26 dicembre al 13° Festival “Capri, Holliwood”. Ranieri verrà insignito del riconoscimento che fu del regista Michael Radford, Ben Gazzara e Michele Placido. C’è da dire che Massimo Ranieri firma anche la regia del musical “Poveri, ma belli”, remake teatrale del celebre film di Dino Risi, in programma al Politeama nei primi giorni di febbraio. Nel suo ultimo spettacolo “Canto perchè non so nuotare... da 40 anni” Massimo Ranieri canta, balla e recita raccontando tappe emozionanti della sua vita. Non interpreta solo i suoi brani più

famosi, ma anche i classici della canzone italiana. Il tutto, con un successo pazzesco. Scritto a quattro mani con Gualtiero Peirce, lo show melodico è coreografato da Franco Miseria, con gli splendidi costumi di Giovanni Ciacci ed è accompagnato da un’orchestra tutta al femminile, così come di sole donne è composto il corpo di ballo. Scenografie e regia, invece, sono dello stesso Ranieri. In “Canto perché non so nuotare…” lo showman interpreterà molte perle della canzone italiana d’autore, spaziando con sensibilità e deferenza da Battisti a Battiato, Mina, Paoli e Tenco. Lo spettacolo, diviso in due tempi, non avrà un vero e proprio filo conduttore. Ci saranno racconti e monologhi autobiografici ispirati alla figura di un bambino che lentamente si materializzerà (in scena con Ranieri ci sarà il talentuoso Emanuele D’Angelo, ragazzino di dieci anni abitante a San Cesareo, due volte campione mondiale di tip tap), ma il leit motiv dello spettacolo saranno loro, le emozioni. E i ricordi filati direttamente dal pentagramma: “Canterò le canzoni care agli italiani, quelle che ricordano la fanciullezza, da Io che amo solo te a Vedrai vedrai di Bindi fino a Prendi fra le mani la testa, una canzone poco nota di Battisti che sentii al Cantagiro del ‘67”.

TI HANNO NEGATO UN PRESTITO PERCHÉ SEI

Catanzaro, strade del vino: il workshop della Camera di Commercio e del Gal CATANZARO — Strade del vino: i territori rurali protagonisti del successo di un sistema turistico locale il workshop in programma oggi alle ore 10, nella sala del Consiglio Provinciale e organizzato dalla Camera di Commercio di Catanzaro, in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale e il Gal Serre Calabresi - Alta Locride. Il workshop costituisce l’approdo conclusivo del Corso di formazione di esperto in promozione e valorizzazione del territorio e dei circuiti eno-

gastronomici, realizzato dalla Camera di Commercio e promosso dal suo Comitato per l’Imprenditoria Femminile con l’obiettivo di adeguare e migliorare la formazione di operatori turistici e animatori locali, nonché favorire l’inserimento lavorativo di persone disoccupate e potenzialmente interessate ad avviare iniziative imprenditoriali connesse all’ospitalità, sia in ambito rurale sia urbano, e più in generale ai servizi al turismo rurale ed enogastronomico.

Catanzaro, Arte in corso ha ora il proprio sito internet monotematico CATANZARO — In questo fine

settimana di dicembre si svolgerà la terza edizione di “Arte in corso, il festival degli artisti di strada”. “Arte in Corso”, così come tutte le manifestazioni organizzate dall’Amministrazione Comunale, ha un proprio portale internet monotematico: www. arteincorso. net. Un sito che con un grafica accattivante, divertente e frizzante servirà a dare ampie informazioni sul festival degli artisti di strada che si svolgerà nel centro storico cittadino. Sarà quindi pubblicizzata e divulgata la kermesse in tutto il mondo, grazie alle opportunità

PROTESTATO

NO DA BANCHE E FINANZIARIE? MediaConsult AGENZIA D’AFFARI

SEI STANCO DI SENTIRTI DIRE

Via Italia, 51/53 - Info 0961.743398 - 334.6690330 - 334.6690331 88100 CATANZARO - mediaconsultcz@gmail.com

RIABILITAZIONE

TI FINANZIA LA TUA TELEFONA O INVIA UN SMS CON IL TUO NOME E I TUOI DATI ANAGRAFICI UNO STAFF DI ESPERTI E’ A TUA DISPOSIZIONE

marchio comunale di Denominazione di qualità. Oggi alle ore 20:30 presso l’Agriturismo Basilea, sarà ufficializzata, in una serata organizzata dalla “Contea d’o Morzeddhu Catanzarisa”, l’avvio della procedura per l’assegnazione della De. Co. per il Morzello che è il più tipico e antico piatto della tradizione gastronomica del capoluogo di regione. Chiunque voglia avere informazioni sulla De. Co. e quindi proporre un prodotto o piatto tipico catanzarese, può collegarsi sul sito internet dell’amministrazione comunale www. comunecatanzaro. it e scaricare la delibera con relativo regolamento.

GRATUITAMENTE

offerte dalla rete. Il sito internet servirà anche a veicolare Catanzaro dando notizie sulla città, sui suoi monumenti, su come raggiungerla, sugli artisti che si esibiranno, sugli eventi collaterali, ecc. Una guida divertente, colorata e costantemente aggiornata da cui attingere notizie, curiosità, orari dei mezzi di trasporto e programmazione degli spettacoli. Sarà inoltre possibile scoprire tutti gli “ingredienti” segreti che renderanno unica ed indimenticabile questa nuova edizione del festival degli artisti di strada scaricando la brochure ufficiale di “Arte in corso”.

Finanziamenti e mutui • Cancellazione e riabilitazione • protesti (cambiali o assegni) Aggiornamento • Banche Dati Prestiti personali • Istruzioni pratiche • finanza agevolata Leasing • strumentale e immobiliare Cessione • del Quinto e Delega di Pagamento Visure • on line u.i.c. A 60164


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 23

CALABRIA CATANZARO Il presidente della commissione lavori pubblici di Palazzo De Nobili Antonio Gigliotti (Pd) spinge ad andare avanti con chiarezza

«Necessaria una nuova fase politica» «Sì ad una maggioranza allargata ma bisognerà confrontarsi con i partiti e non con le singole persone» CATANZARO — Il presidente della commissione lavori pubblici di Palazzo De Nobili, nonché esponente del Partito Democratico, Antonio Gigliotti, ha diffuso una dichiarazione sulla situazione politica in Consiglio comunale, annunciando che non parteciperà alla seduta di domani in attesa che il quadro politico venga chiarito. «Il quadro politico al Comune di Catanzaro è profondamente cambiato rispetto al voto del 2006» scrive Gigliotti. «Fatti nazionali - prosegue - (elezioni politiche, nascita di Pd e Pdl) e fatti locali (elezioni provinciali) hanno contribuito a rimescolare le carte. A ciò bisogna aggiungere le spinte particolaristiche che, per la verità, sono sempre esistite nel Consiglio comunale. Alcuni hanno osservato che la maggioranza che ha vinto il ballottaggio del 2006 non esiste più o, quanto meno, si è notevolmente assottigliata, attestandosi sulla soglia minima dei 21 voti compreso il sindaco. In ogni caso, bisogna doverosamente prendere atto che una fase politica si è conclusa, ma questo non significa che l’esperienza del centrosinistra non possa proseguire, sia pure su base diverse e nuove. Il senso delle istituzioni e la necessità di consentire al sindaco Olivo di completare ambiziosi programmi quali il sistema ferroviario metropolitano, il sistema delle scale mobili, il ritorno dell’Università nel centro storico, devono suggeri-

Antonio Gigliotti

re soluzioni di alto profilo politico e non soluzioni pasticciate che aggraverebbero i problemi. La chiarezza dovrà orientare le nostre scelte. Servono accordi organici con i partiti riconosciuti e non con le persone. Bisogna spezzare il perverso meccanismo che sta portando al proliferare di monogruppi, di mini-partiti “fai da te”, di posizioni aventiniane. Anche la recente posizione assunta dal collega Elia, passato ad un partito costituente del Pdl, avrà il fiato corto se non sarà corroborata dalle decisioni del suo nuovo partito. La ricerca della maggioranza consiliare “di volta in volta” otterrebbe l’unico effetto di istituzionalizzare la crisi della maggioranza politica.

Mentre la richiesta di “soccorso” all’on. Tallini, venuta da alcuni esponenti del Pd, allontanerebbe solo temporaneamente l’acuirsi dei problemi. Il Partito Democratico deve avere il coraggio di imprimere una svolta. La via maestra è quella di un confronto aperto con tutte le componenti che sono interessate ad una fase nuova nella vita del Comune. I partiti della maggioranza del ballottaggio (Pd, Rifondazione, Catanzaro nel Cuore, Socialisti) possono lavorare ad un allargamento, coinvolgendo su basi programmatiche quelle forze che, come l’Udc, sono opposizione nel Paese e che in alcune realtà territoriali (vedi Cosenza) sono pronte ad accordi strategici con il centrosinistra. Nessuna difficoltà a fare sedere al tavolo della trattativa il Pri dell’on. Nucara, se questo partito è realmente animato dalla volontà di fare proseguire questa legislatura. Ma, lo ripeto, bisognerà confrontarsi con i partiti e non con le singole persone. Una maggioranza allargata numericamente e politicamente potrebbe consentire all’on. Olivo di lavorare con tranquillità alla inevitabile rivisitazione della giunta e, soprattutto, alla realizzazione dei Piani e dei Programmi strategici che sono indispensabili per il futuro della città. Si utilizzi la pausa natalizia per aprire questa nuova fase che potrebbe portare risultati importanti per la vita dell’Amministrazione comunale».

CATANZARO Domani alle 10 presso la sala di Confcommercio una riunione aperta a militanti e simpatizzanti

Incontro pre congressuale del Pd CATANZARO — “Costruiamo insieme un moderno partito riformista radicato nel territorio”. Questo è il tema dell’incontro convocato per domani alle 10.00 nel Salone delle Conferenze della Confcommercio (Club degli Operatori Economici - Area San Giovanni). L’incontro è aperto a tutti i militanti, dirigenti, amministratori e simpatizzanti del Pd della provincia di Catanzaro e vuole costituire un momento di riflessione sulla fase precongressuale che avrà termine con la celebrazione delle primarie il 25 gennaio 2009 che consentiranno l’elezione del segretario e dell’assemblea provinciale, dei segretari di Circolo in tutti gli 80 Comuni della provincia ed intende offrire un contributo positivo e propositivo per costruire un percorso unitario al-

l’interno del Partito con una linea politica condivisa e con la consapevolezza delle difficoltà che il Partito attraversa e che vanno affrontate con coesione ed unità vera intorno ad un disegno condiviso e coralmente vissuto.

All’iniziativa saranno presenti il Presidente della Giunta regionale Loiero e il segretario Minniti

Una piattaforma politica sarà portata all’attenzione di tutto il Partito perché essa possa costituire una base di partenza per riflettere insieme su come costruire il Partito, sul suo profilo, sugli impegni programmatici e di contenuto per incontrare le esigenze dell’intero territorio provinciale in un quadro unitario e complessivo che leghi tutti i territori ed avanzi proposte concrete per il suo sviluppo. All’iniziativa - alla quale, tra gli altri, saranno presenti il Presidente della Giunta regionale Agazio Loiero ed il Segretario regionale del Partito Marco Minniti - hanno aderito Parlamentari, Consiglieri regionali, amministratori locali, dirigenti del Partito, simpatizzanti, sindacalisti, imprenditori, studenti.

Catanzaro, De Gaetano: arrivano i fondi per la messa in sicurezza della Fiumarella CATANZARO — «Finalmente! Saranno eliminati gli ostacoli per la realizzazione della parte di lungomare che attraversa la Fiumarella. Con decreto del 28 novembre scorso, il Ministro dell’Ambiente, ha varato il programma di interventi a tutela dell’ambiente e della difesa del suolo nella regione Calabria e con lettera del 2 dicembre scorso, il direttore generale dello stesso Ministero ha comunicato al Sindaco on. Olivo, l’avvenuto finanziamento dell’intervento concernente le opere di sistemazione idraulica per la messa in sicurezza del tratto terminale del torrente Fiumarella per un importo di 900 mila euro» si legge in una nota del consigliere comunale, Giuseppe de Gaetano. «Tale finanziamento - prosegue - era stato promesso in sede di conferenza dei servizi per la realizzazione del ponte ferroviario, che è in fase di realizzazione nelle immediate vicinanze, al fine di realizzare un muro spondale e permettere la declassificazione da rischio R4 a R2 per il territorio posto a sinistra della foce del torrente. Declassificazione necessaria per la realizzazione del lungomare, tant’è che in un recente passato, la Regione ne aveva impedito la esecuzione delle opere pur in presenza di un finanziamento previsto all’interno del Psu, obbligando l’Amministrazione alla rimodulazione. Il finanziamento ottenuto consentirà all’Amministrazione comunale di avviare l’iter per la declassificazione sin dall’approvazione del progetto esecutivo del muro spondale e nelle more della realizzazione dello stesso, potrà programmare i finanziamenti per la realizzazione del lungomare. Un primo - continua - e forse il più importante passo in avanti è stato fatto, anche se la strada da percorrere è ancora lunga, ma l’attenzione che l’Amministrazione Olivo ha dimostrato di avere per il quartiere marinaro è tale da ritenere i consiglieri comunali, gli assessori, il

Giuseppe De Gaetano

sindaco in prima persona, impegnatissimi per stringere al massimo i tempi necessari alla realizzazione di quel tratto di lungomare che la cittadinanza tutta ed i turisti fruitori di Lido, attendono da anni. Opera - sottolinea - che permetterà di eliminare in via definitiva quella barriera psicologica che separa, non solo fisicamente Marina e Casciolino. L’Amministrazione Olivo - spiega De Gaetano - è pienamente consapevole della necessità della ricucitura dei territori periferici e delle zone decentrate con il centro per la costruzione di un’armatura urbana che riconduca ad unità la città e la sua popolazione. Ne sono ampie e palese testimonianza - conclude - i contratti sottoscritti per la realizzazione del sistema metropolitano, che con le scale mobili, il Pendolo e la Metropolitana di superficie, trasformerà il sistema trasporti stico e le abitudini dei cittadini proiettando Catanzaro, non solo nella dimensione di Capoluogo di Regionale, ma anche di città europea, in quanto a servirsi infrastrutturali, ma anche gli obiettivi e le azioni previste nel preliminare del Piano strategico che dopo l’approvazione del Consiglio comunale, diverranno il faro dell’azione amministrativa nei prossimi anni».


24 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Per la Corte dei Conti le procedure seguite dal Comune in relazione al Conservatorio sono state regolari e di alto valore sociale

Archiviata la denuncia di Murmura «L’istituzione di una sede nel capoluogo permetterà un ampio sviluppo delle arti musicali» CATANZARO — Nessuna illegittimità è stata compiuta dal Comune di Catanzaro per avere fornito una sede alla sezione decentrata del Conservatorio di Vibo Valentia. Nessun danno erariale si è registrato con la scelta di destinare al Conservatorio l’ex istituto Rossi, anzi, «la mancata utilizzazione degli immobili, ovvero la non redditività degli stessi, può essere causa di danno erariale» e «dalla scelta effettuata dal Comune di Catanzaro sono derivati vantaggi sia all’Amministrazione, sia alla comunità amministrata ed alla collettività tutta». Sono questi i passaggi fondamentali del provvedimento con cui il Procuratore generale della Corte dei Conti, dottoressa Cristina Astrali, ha archiviato la segnalazione di danno erariale presentata dall’ex senatore Antonino Murmura, nel tentativo di contrastare la nascita nel Capoluogo di una sezione decentrata del Conservatorio “Torrefranca” di Vibo Valentia. La Procura della Corte dei Conti ha effettuato un’accurata istruttoria ed esaminato tutta la documentazione acquisita al Comune di Catanzaro, pervenendo alla conclusione che «non sussistano le

Catanzaro, un grande spettacolo di luci al complesso San Giovanni

condizioni che possano giustificare un’azione di competenza di questa Procura Regionale non vertendosi in alcuna ipotesi di responsabilità amministrativa per mancanza sia dell’elemento soggettivo del dolo e/o colpa grave, sia dell’elemento oggettivo del danno». Sotto il profilo della legittimità, nessun addebito può solversi nei confronti del Comune di Catanzaro «perché trattasi di una regolare e legittima modalità di utilizzazione dell’immobile». Il Procuratore Regionale ha anche osservato che ai vantaggi economici, si aggiungono anche quelli sociali e culturali, poiché «l’istituzione di una sede del Conservatorio musicale anche a Catanzaro

permette e permetterà sicuramente un ampio sviluppo delle arti musicali e darà a molti giovani la possibilità di avvicinarsi alla musica». Si è trattato di «scelte di alto valore sociale e politico, frutto di ampie intese ed attente valutazioni e considerazioni realizzate di concerto con l’Amministrazione Provinciale, corrispondenti alle finalità istituzionali dell’ente, senz’altro dirette alla soddisfazione di esigenze ed interessi della collettività tutta». Alla luce di tali considerazioni e dell’attività istruttoria compiuta, la dottoressa Astrali ha disposto l’archiviazione della vertenza aperta dalla segnalazione dell’ex senatore Murmura.

CATANZARO La nota di Squillace: «Il Pugliese organizza corsi socio-sanitari ma non assume»

«Si preferiscono operatori di altre regioni» CATANZARO — «A quasi un anno esatto dalla conclusione del corso regionale per operatore socio sanitario presso l’A. O. “Pugliese - Ciaccio”, non c’è nessuna novità per quanto riguarda il personale che lo ha frequentato, che ha superato gli esami risultando idoneo e che avrebbe dovuto essere inquadrato nel ruolo» si legge in una nota di Ferdinando Squillace ex consigliere comunale di Catanzaro. «Eppure - prosegue -, quel corso si concluse con un bellissimo intervento del Dg, Enzo Ciconte, che mise in evidenza le capacità e la qualità del personale formato, sottolineando altresì le carenze di organico e il fabbisogno di operatori socio sanitari dell’Azienda e dunque, impegnandosi per una rapida immissione in ruolo per chi aveva sostenuto con successo gli esami. Ebbene, dopo un anno siamo ancora qui in attesa e anche la lettera, inviata a firma da tutti gli interessati nel mese di novembre al Dg, è

«Il corso si concluse con un intervento di Ciconte, che evidenziò le capacità del personale formato» rimasta senza risposta. Eppure, in questo arco di tempo, l’Azienda Ospedaliera non è rimasta certo con le mani in mano: l’immissione di operatori socio sanitari è avvenuta ma, grazie al meccanismo della mobilità, il personale è arrivato da altre regioni d’Italia, mortificando e penalizzando così chi, all’interno del Pugliese - Ciaccio, si era impegnato seriamente nello studio e nella formazione. Insieme con i colleghi, ci chiedia-

mo dunque a cosa sia servito organizzare e tenere un corso di formazione. Un corso frequentato da circa ottanta persone e che, si badi bene, è costato fior di quattrini all’Azienda, serviti per pagare docenti venuti da fuori e personale interno appositamente formato per il supporto alle attività didattiche; un corso costato sacrifici a chi lo ha frequentato e ha dovuto contemporaneamente fare fronte alle esigenze del lavoro e a quelle dello studio. In questa vicenda - conclude -, oltre a risaltare in negativo le promesse non mantenute del dottor Ciconte, suona strano anche il silenzio dei sindacati, solitamente svelti nel sottolineare la disorganizzazione e gli sprechi del sistema sanitario, nonché le aspettative mortificate del personale del comparto. Evidentemente, però, conviene anche al sindacato distinguere tra personale di seria A e personale di serie B».

CATANZARO — Un grande spettacoli di

luci e suoni ha fatto da cornice alla conclusione del seminario organizzato dal Formez e del Comune Capoluogo di regione, svoltosi al complesso monumentale del San Giovanni, sul tema: “Territori Innovativi”. Una straordinaria iniziativa di spettacolo originale voluto dal Comune eseguita con il supporto e la consulenza artistica del Prof. Paolo Dalla Sega, Docente all’Università Cattolica di Milano ed Esperto del Formez. L’evento è stato simbolicamente chiamato “San Giovanni Illuminato”, e rappresenta la prima manifestazione del nuovo progetto culturale che il Comune di Catanzaro e le Associazioni culturali e giovanili, firmatarie della “Carta di intenti”. Hanno voluto come anteprima del 2009. Anno già proclamato dal Parlamento Europeo “Anno europeo della creatività e dell’innovazione”. Il Programma dell’iniziativa si è articolato in due eventi. Il primo dal titolo “Orizzonte-Futuro”, realizzato nel Chiostro e nel Belvedere del S. Giovanni a cura dell’artista Stefano Mazzanti, “lighting designer” di Salò, il quale, ha realizzato numerose installazioni artistiche sviluppando un lavoro di ricerca sul valore espressivo della luce. Lo spettacolo ha consistito nella realizzazione di una scala di luci nel Chiostro e di fasci di lu-

ci verticali verso il cielo sul Belvedere, particolarmente suggestive al buio completo degli ambienti di sera. L’illuminazione, inaugurata lunedì 15, è proseguita fino all’apertura della Mostra di Cozza e Preti al San. Giovanni il giorno dopo, e continuerà ad animare l e manifestazioni che si realizzeranno con “Arte in Corso” in programma fino al prossimo 21 dicembre. Il secondo evento è stato rappresentato con lo spettacolo “Elevation”, performance multimediale degli artisti Claudio Sinatti e Giuseppe Ielasi. Un’opera unica di illuminazione e sonorizzazione urbana informa di concreto (“live electronics”), con suoni e immagini elaborati dal vivo e proiettati sulla facciata della Chiesa di San Giovanni. Una valorizzazione dello spazio architettonico, una esaltazione gioiosa del tema della luce, un’opera tutta dal vivo, carica di emozioni e suggestioni,. La rappresentazione è stata ammirata da centinaia di cittadini catanzaresi, L’iniziativa, voluta dal sindaco Rosario Olivo è stata supportata dagli assessori comunali Antonio Argirò e Roberto Talarico con l’apporto tecnico del dirigente Antonio De Marco, ed è stata coordinata sul piano artistico dal Prof. Paolo Dalla Sega e dall’artista Umberto Angelini di Milano.

Giornata dei Testimoni di giustizia Oggi alle ore 11 presso la sala Giunta del Comune di Catanzaro avrà luogo una conferenza stampa indetta dalla Fondazione Don Francesco Caporale Onlus, avente ad oggetto l’Istituzione della I° Giornata Nazionale a favore dei testimoni di Giustizia. «La nostra idea come Fondazione - si legge in una nota -, il nostro modesto contributo, è quello di dare maggiore visibilità al coraggio dei testimoni di giustizia; e ciò al fine di gettare il seme per il risveglio, per la fioritura di una coscienza cristiana, da troppo tempo sopita, che pure esiste nel cuore di tanti calabresi di tanti Italiani. Abbiamo, dunque deciso di istituire la I° giornata nazionale per i testimoni di giustizia da celebrare nella data del 10 Gennaio 2009 in Catanzaro, attraverso una serie di manifestazioni itineranti. L’evento in oggetto alla sua prima edizione, ha già ricevuto il patrocinio del Consiglio Regionale della Calabria».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 25

CALABRIA Una risposta alla crisi del settore dell’agroalimentare, secondo il vice presidente della Conderazione Italiana Agricoltori Calabria, è possibile

Produttori e consumatori insieme E’ necessario sviluppare un progetto che punti a stabilire un rapporto di fiducia di Michele Drosi CATANZARO — E’ un dato ormai

ampiamente riconosciuto che i consumatori pretendono dall’agricoltura una risposta di qualità e di sicurezza alimentare. Ciò è possibile attraverso un chiaro accordo tra agricoltura e società, proprio per mettere a fianco consumatori e produttori agricoli al fine di costruire insieme un domani di reali certezze. E’ necessario sviluppare, quindi, un progetto che fondi le sue radici sulla sicurezza alimentare, sulla sicurezza ambientale e sulla sicurezza territoriale, che insieme rappresentano i presupposti essenziali per una politica agricola orientata alla qualità e in grado di stabilire un vero e solido rapporto di fiducia con i consumatori. Non c’è dubbio che la qualità rappresenta un “plus” di com-

petizione non basata sui costi. Essa è un fattore determinante e distintivo di un prodotto sul mercato ed un elemento determinante delle strategie di penetrazione sui mercati. La qualità è nello stesso tempo miglioramento organolettico e nutrizionale, logistica e organizzazione commerciale, sistema di controllo, vigilanza, autocontrollo e autocertificazione, firma del produttore, etichettatura e informazione, tracciabilità, monitoraggio e certificazione. Pertanto, occorre investire più risorse per una politica della qualità per esaltare l’agricoltura italiana, diversificata e tipica, con una maggiore diffusione dei prodotti di origine e tradizionali attraverso un’adeguata promozione all’estero dei prodotti certificati. L’accordo tra agricoltura e società è in sintonia anche con

Michele Drosi

quelli che possono essere considerati come punti fondamentali del dibattito che contraddistingue il futuro dell’agricoltura europea che di deve sempre più orientare sull’offerta di

prodotti di qualità, ai quali guarda con grande attenzione la società, con la quale è necessario dialogare in maniera permanente. Oggi, davanti alle varie emergenze sanitarie che rischiano di mettere in ginocchio l’economia agricola e ai problemi creati dagli O. G. M., l’obiettivo prioritario è quello di porre le basi per una politica che consenta di governare le strategie e di gestire al meglio queste situazioni, individuando tutte quelle soluzioni utili a superare le difficoltà del momento. In questo quadro è del tutto evidente che, ormai, diventa urgente e necessario inserire l’agricoltura nelle politiche economiche e sociali del Paese, per poter rilanciare il settore e valorizzare la centralità dell’impresa agricola. Non si può, dunque, guardare al settore primario con politi-

che settoriali, poiché il ruolo multifunzionale dell’agricoltura impone risposte più complessive nella direzione di un impegno che deve portare alla formazione, alle infrastrutture, ai trasporti, al credito e all’introduzione delle tecnologie innovative; alla ricerca scientifica, che operi nel rispetto del principio di precauzione, ma che non sia preclusa alle capacità dei ricercatori e delle professionalità nazionali; ad un fisco che non sia punitivo, ma che sia basato sull’equità; ad una burocrazia meno asfissiante, con una semplificazione amministrativa, di delegificazione e decentramento reale; al sostegno alle filiere produttive. Solo così sarà possibile invertire la tendenza e ridare fiducia ad un settore che deve vedere produttori e consumatori insieme per un futuro migliore. *Vice presidente Cia Calabria

Presentato il Catalogo del Musmi

Catanzaro, all’Università il business game globale “Ace Manager”

CATANZARO — Ieri presso la Sala

CATANZARO — Sarà presentato

Convegni del Musmi (Museo storico militare) all’interno del Parco delle Biodiversità è stato presentato il nuovo catalogo del Museo. Ha preso aprte alla illustrazione anche il Presidente della Provincia Wanda Ferro. I Catalogo verrà ufficialmente presentato domani alle 11 e 30. Il Musmi, museo storico provinciale Brigata Catanzaro, è ubicato all’interno di un grande parco cittadino, il Parco della Biodiversità Mediterranea. Il Museo e il Parco sono entrambi sospesi tra passato e futuro. Il Museo con i suoi cimeli a cavallo dei due secoli scorsi è un monito per un futuro si spera meno incline alla guerra e meno funestato dai suoi terribili drammi.

oggi agli studenti dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, il business game globale “Ace Manager”. L’iniziativa, promossa nell’ambito degli insegnamenti di Economia degli intermediari finanziari tenuti dalla Professoressa Annarita Trotta per i Corsi di laurea in Economia Aziendale e Management e consulenza aziendale dell'Ateneo, si terrà alle ore 12.30 nell’Aula O e alle ore 14 nell’Aula G dell’Edificio dell’area giuridica economica e delle scienze sociali del Campus universitario “Salvatore Venuta”. Il business game sarà presentato dalla responsabile “Customer Satisfaction - Area Calabria” della Bnl e dalla responsabile del “Segmento imprese - Area Calabria” sempre della Bnl. “Ace manager” è un business game rivolto ai migliori studenti delle più quotate business school e università in 26 Paesi. Al gioco, che dura sei settimane, possono partecipare squadre di quattro studenti universitari iscritti al terzo anno di corso o iscritti a business school. L’iniziativa, per la prima volta lanciata da Bnp Pa-

CATANZARO L’illustrazione ufficiale domani al Museo storico militare del Parco delle Biodiversità

La presentazione

CATANZARO Oggi la presentazione durante la conferenza stampa dell’associazione forense “Diritto di Difesa”

Partono il 21 i caffè giuridico letterari CATANZARO — Oggi alle ore 15.30, presso il Museo delle Arti di Catanzaro, via Alessandro Turco, conferenza stampa dell’associazione forense “Diritto di Difesa” per la presentazione dei caffè

giuridico-letterari il cui primo incontro è previsto per domenica, 21 dicembre, alle ore 17. Dopo i saluti di Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro che ha patrocinato l’iniziativa, Da-

niela Palaia, presidente dell’associazione Diritto di Difesa, illustrerà la rassegna che vedrà confrontarsi avvocati e magistrati autori di pubblicazioni di natura letteraria e/o strettamente tecnica.

ribas, offre l’opportunità agli studenti di conoscere il mondo di Bnp Paribas e scoprire cosa significhi lavorare in una banca. Il gioco è interamente in inglese e si svolge attorno al mondo del tennis: gli studenti-giocatori devono ricoprire il ruolo di "financial advisors" di una banca virtuale della “tennis economy”. Il progetto, che ruota intorno al lavoro di squadra, prevede lo svolgimento di tre “case studies”: aiutare una casa produttrice di racchette ad incrementare la propria produzione; agevolare la carriera di un promettente tennista; seguire una Federazione di tennis nell’organizzazione di un torneo. Le 5 migliori squadre finaliste si sfideranno a Parigi dove una giuria internazionale assegnerà loro un premio: 10.000 euro alla squadra vincitrice, 2.600 alla seconda classificata, 1.600 alla terza in classifica, oltre a biglietti per assistere a tornei di tennis. Per tutte le informazioni riguardanti le iscrizioni e le modalità di gioco è possibile consultare il sito internet http: //acemanager. bnpparibas. com/.


26 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO L’Ugl Autoferrotramvieri scrive una lettera all’Amc per sollecitare la definizione del nuovo premio di risultato

«I diritti dei lavoratori vanno garantiti» «Chiediamo che a partire dalla busta paga di gennaio venga erogata la somma richiesta» CATANZARO — L’Ugl Autoferrotramvieri scrive una lettera all’Azienda Mobilità Catanzaro Spa. «Egregio Presidente, avendo atteso invano per troppo tempo (ben oltre i classici tempi tecnici) una comunicazione da parte dell’Azienda riguardo la prosecuzione della trattativa sulla definizione del nuovo premio di risultato, ed avendo l’Azienda ignorato la richiesta sindacale di riconoscere, in attesa di definizione dello stesso, una somma pari al 50% delle indennità giornaliere attualmente corrisposte, in aggiunta alle stesse, questa O. S. chiede che a partire dalla busta paga di gennaio 2009 venga erogata ai lavoratori la somma richiesta. Si comunica, che in caso contrario, vista la scarsa considerazione dimostrata dall’Azienda nei confronti delle OO. SS. ci vedremo costretti ad interrompere le relazioni industriali. Si

sottolinea inoltre, che molti altri problemi affliggono l’Azienda a partire dalla soppressione dei turni di servizio che giornalmente si verifica a causa della continua rottura di mezzi di servizio esausti ed ultimamente anche per mancanza di personale conducente. Malgrado ciò quotidianamente si apprende dagli organi di informazione che l’Azienda risponde alle più svariate richieste della cittadinanza o dei suoi rappresentanti, assicurando l’attivazione di ulteriori servizi, servizi che certamente ben vengano, ma non si comprende con quali mezzi, con quale personale ed in particolare chi sopporterà gli oneri economici relativi all’effettuazione degli stessi. Si invita l’Azienda a prendere i dovuti provvedimenti al fine di offrire alla cittadinanza stessa un servizio in grado di garantire un minimo di qualità e di affidabilità».

Tra passione e arte “Tra Passione e Arte” è il dibattito sull’arte che si terrà nella sala convegni del Complesso Monumentale San Giovanni oggi alle ore 18. Interverranno all’iniziativa l’Assessore alla Cultura e Beni Culturali Antonio Argirò, il Presidente dell’ordine degli Architetti Biagio Cantisani, Valentina Cosco, diagnosta presso la Sovraintendenza dei Beni Culturali e Artistici, gli artisti Rosanna Papaianni e Vincenzo Caroleo, e il Direttore Commerciale dell’azienda Cotto Cusimano, Antonio Di Giovanni. Nel corso del convegno saranno argomentati lavori d’eccellenza nel settore artistico, e verranno descritte le fasi di un’importante scoperta legata a Mattia Preti. Ai partecipanti dell’incontro sarà consegnato il calendario 2008, presentato dall’azienda Cotto Cusimano, sponsor dell’iniziativa, raffigurante alcune opere esposte durante il convegno.

CATANZARO Il 15 dicembre scorso ha avuto luogo l’assemblea del sodalizio presieduto da Vito Bordino

La riunione dell’associazione Tempi moderni CATANZARO — Il 15 Dicembre scorso, si è tenuta a Catanzaro l’Assemblea, “allargata”, dell’Associazione politico-sociale-culturale “Tempi Nuovi”, presieduta da Vito Bordino. La riunione, pur cadendo alla vigilia delle festività natalizie, ha registrato numerose presenze (anche di non associati) e dopo i saluti di benvenuto e l’intervento introduttivo del Presidente Vito Bordino è seguito quello del Segretario-Tesoriere Nicola Canino. E’ stato illustrato rapidamente l’excursus delle iniziative avviate nei mesi scorsi dall’Associazione e, quindi, sono seguiti gli interventi di alcuni membri del Direttivo: Maria Candida Elia, Pasquale Palmerino, Gianluca Tassone (web master), Veronica Lamonaca, Alessio Coppoletti e Domenico Fulciniti, che hanno voluto dare il loro saluto ed il loro qualificato contributo. Il Presidente Vito Bordino ha ricordato le motivazioni e gli scopi che ispirano l’organismo, fin dalla sua fondazione avvenuta nell’ormai lontano 1993, nonchè le iniziative già in corso e quelle che avranno il loro avvio col nuovo anno. «Con questa Assemblea - è stato evidenziato dal Presidente - oltre a essere l’occasione per gli auguri per il Santo Natale e per il Nuovo Anno, si vuole rendere partecipi tutti, vecchi e nuovi iscritti, dell’attività dell’Associazio-

ne Tempi Nuovi. Le ragioni che ispirano l’Associazione sono le stesse del ‘93, le motivazioni di allora sono ancora attuali. L’Associazione politico sociale - culturale Tempi Nuovi, ha l’ambizione di rappresentare un centro di eccellenza di presenze qualificate, di esperienze, formazioni e professionalità diverse, di voglia di dare un contributo serio e fattivo. Essa, aperta a tutti i contributi, vuole agire nel sociale cercando di condizionare la vita politica intesa come tutto ciò che concerne l'attività di una comunità organizzata; cioè la realizzazione di un percorso culturale di risveglio delle coscienze per porsi da protagonisti dell’oggi per contribuire a costruire un domani migliore. E ancora, di esaltazione della responsabilità di ognuno concretizzata da libera scelta e da fattiva partecipazione, senza condizionamenti ed indipendentemente dal credo politico. L’obiettivo primario è quello di far comprendere che gli interessi generali sono associati a concrete azioni di crescita e di sviluppo in un contesto di evoluzione culturale, per l’obbligatorio tentativo di uscire dalla preoccupante crisi di valori della società, oggi duramente aggravata dalla crisi economico-finanziaria globale che pesa così tanto sull’economia reale, già profondamente provata.

Con questi intenti, quindi, Tempi Nuovi si pone l’obiettivo di stimolare e facilitare il dibattito sulle diverse problematiche di interesse locale o nazionale. Intende, infatti, stimolare un largo confronto, quale momento di reciproco arricchimento, su tematiche di grande rilevanza quali la tutela della dignità e della centralità della persona, il valore sociale della famiglia, i valori di solidarietà, libertà e giustizia e la tutela dell’iniziativa individuale e collettiva dei cittadini, nonché la valorizzazione di ogni ambito territoriale, nel rispetto e nell’esaltazione delle diverse specificità e peculiarità. Inoltre, è formata da persone che hanno come valore di fondo la concezione della politica quale momento di autentico servizio e di volontariato, quale strumento di interpretazione e mediazione delle esigenze e delle attese dei cittadini e soprattutto della crescita sociale e culturale della nostra comunità». Il Presidente Bordino, in conclusione, ha voluto evidenziare come l’Associazione “Tempi Nuovi” rappresenti una voce trasversale, libera e pluralista, capace di essere polo attrattivo e riferimento della pluralità e della generalità degli interessi della collettività, e, quindi, per gli obiettivi che si prefigge, non si sottrarrà a qualsivoglia impegno politico e sociale.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 27

CALABRIA CATANZARO Il consigliere comunale D’Andrea interviene sulla nota politica del presidente Lomanaco e sottolinea: «Non si tratta solo di personalismi»

«Per il Pd è un momento di confusione» «I malumori della maggioranza derivano anche dalla mancata realizzazione di promesse ai cittadini» CATANZARO — Assistiamo ormai giornalmente ad interventi di semantica politica che poco hanno a che fare con i bisogni dei cittadini,. Mi riferisco al sia pur pregevole, nell’intenzione di creare unità, intervento del presidente della II Circoscrizione Massimo Lomonaco che mistificando la realtà inneggia ad un governo di unità cittadina» si legge in una nota del consigliere comunale Valerio D’Andrea. «Senza nulla togliere - prosegue alla necessità di aprire un dialogo con tutti i consiglieri e le forze politiche che hanno a cuore il bene della città, invito da me rivolto anche durante la conferenza stampa di passaggio al gruppo misto, il presidente Lomonaco dovrebbe essere più onesto e non addossare false e non meglio precisate responsabilità del malessere politico a “eccessivi personalismi” di alcuni consiglieri di maggioranza. Vorrei ricordare che i malumori di questa maggioranza, in parte derivano dalla mancata realizzazione di promesse ai cittadini ed aspettative degli stessi non soddisfatte. Vivo nella stessa circoscrizione del presidente Lomonaco, ma haimè, nonostante quasi 3 anni di governo purtroppo non abbiamo assistito ad un cambiamento della qualità di vita dei residenti. E’ un momento di grave confusione, abbiamo assistito nelle ultime elezioni regionali abruzzesi ad un

aumento pericoloso dell’astensionismo, ad una diminuzione sensibile dei consensi del Pd, c’è estremo bisogno di certezza nell’azione politica, non a caso Italia dei Valori ha sestuplicato i consensi. E’ un momento in cui gli amici autorevoli del Pd del nord propongono ed ottengono dal segretario Veltroni, sia pur a parole - continua -, un distinguo dai compagni del sud incapaci, secondo la loro opinione, a formare una nuova e giovane classe politica; è il momento anche in cui un autorevole esponente quale il capogruppo al senato del Pd Finocchiaro da come soluzione generale alle note vicende delle Giunte napoletane, abruzzesi e lucane, il concedere di nuovo valore alle assemblee elettive. Certo riesce difficile immaginare e sperare in un futuro roseo del nuovo Pd quando un esponente della segreteria provinciale di Catanzaro come Lomonaco afferma che: “Molti consiglieri di maggioranza hanno nostalgia del vecchio sistema che prevedeva l’elezione indiretta del sindaco e che quindi consentiva alle varie maggioranze di cambiare il primo cittadino a scadenza semestrale”. Il Presidente Lomonaco non si erga a politologo sopraffine sminuendo a eccesso di personalismo una dimissione sofferta e motivata di un consigliere del calibro di Casalinuovo e neanche una presa di distanza anch’essa motivata e

sofferta come quella del sottoscritto, per non parlare poi dei disagi del consigliere De Gaetano e del cambio di partito del consigliere Elia, sia pur con un piccolo neo d’ambiguità che lo vede, per opportunità, come da lui dichiarato, appartenere al Partito Repubblicano e contemporaneamente al defunto Pdm! Ci dica Lomonaco che cosa intende per eccesso di personalismo e spieghi lui ai cittadini il motivo delle diverse posizioni di ogni consigliere, forse si accorgerebbe che la sindrome, come lui dice, del 21° consigliere non esiste, il rischio sarebbe quello di accorgersi che, con questi modi, si arriverà a quella del 15°? La città ha bisogno di chiarezza, la città ha bisogno di efficientismo, non disdegna i grandi progetti ma ha anche bisogno delle piccole opere che accompagnano la vita quotidiana dei suoi cittadini, ha bisogno del rispetto delle regole, ha bisogno del controllo del territorio, ha bisogno di educazione civica! Mi chiedo - conclude -, in ultimo, conoscendo l’estrema vicinanza e la stessa appartenenza partitica del Presidente della II Circoscrizione e del Sindaco, se Lomonaco parla da portavoce o in alternativa mi piacerebbe molto sentire il commento pubblico del Sindaco in merito all’intervento ed alle soluzioni proposte del dirigente del Pd Massimo Lomonaco».

CATANZARO La denuncia di Sità dopo i lavori alla rete fognaria che hanno causato problemi ai cittadini

«Il cortile del V circolo non è sicuro» CATANZARO — «I lavori esegui-

ti dalle imprese, per conto dell’amministrazione comunale, a volte presentano alcune imperfezioni che andrebbero evidenziate e sanate perché si ripristini nel modo dovuto, come prescrive il contratto, lo stato dei luoghi» si legge in una nota del preidente della Prima circoscrizione Sità. «Così non è avvenuto - prosegue - per lavori eseguiti su alcuni tratti della rete fognaria eseguiti nella prima circoscrizione, uno dei quali all’interno del cortile scolastico del V circolo nel plesso S. Antonio. Lavori eseguiti prima dell’estate e che, già da subito, dopo la messa in opera dell’asfalto, veniva evidenziato un ribassamento della sede di scavo. A nulla sono valse segnalazioni scritte nonché sopralluoghi effettuati con il direttore dei lavori. Ad oggi, dopo mesi, non è stato ripristinato lo stato dei luoghi con conseguente pericolo per la incolumità non solo degli alunni e degli operatori scolastici ma anche dei tanti cittadini che si servono del cortile della scuola per raggiungere la vicina parrocchia. Eppure non mi era sembrata un’impresa titanica. Sarebbe bastato che il direttore dei lavori diffidasse l’impresa, richiamandosi alle clausole contrattuali, al rispetto del contratto intimando all’immediato ripristino dei difetti evidenziati nell’esecuzione dei lavori. Appare incomprensibile - continua - che ciò non sia ancora avvenuto facendo permanere uno stato di pericolo che non solo può provocare danni alle

«Il presidente Napolitano venga anche a Catanzaro» CATANZARO — «È ormai certo: il Presidente della Repubblica a metà gennaio farà visita alla Calabria. È, questa, una buona notizia» si legge in una nota del consigliere comunale di Nuova Alleanza, Franco Cimino. «La risposta - prosegue -, che un galantuomo e un democratico, qual è Giorgio Napolitano, uomo delle istituzioni, offre alla Calabria in uno dei momenti più drammatici della sua poco fortunata storia. La visita ha il significato anche di un “no” a quanti, tra federalismo fiscale, globalizzazione trionfante, crisi economica imponente, considerano la nostra regione come una specie di ingombro per l'intesa politica bipartisan, ovvero una sorta di zavorra al piede di un Paese in crisi. Napolitano in Calabria significa, soprattutto, che la più alta carica dello Stato riconosce l' esistenza di un problema meridionale, e che questo è rappresentato dalla regione più ultima tra le ultime. Significa, ancora, apprezzamento verso un territorio che può farcela e un invito alla speranza rivolto a tutti i calabresi. In sostanza, è come se dicesse: “credo in voi, conosco le ingiustizie subite da una terra ricchissima e bellissima. Il male che vi affligge, la mafia e l' insipienza politica, lo respingo e lo combatto. Ma voi calabresi fate altrettanto, e con più forza”. Sono certo che queste parole il nostro Presidente dirà. E con determinazione. Secondo il programma, che ogni giorno si modifica, le dirà a Reggio Calabria, a Cosenza e, secondo le notizie delle ultime ore, anche a

Lamezia. Scelte giuste e significative. Ma, le stesse parole avrebbero un significato più largo e una persuasione maggiore, se Giorgio Napolitano le pronunciasse, anche con il silenzio di una breve passeggiata sul corso o una altrettanto breve visita al Municipio, a Catanzaro, capoluogo di regione. Siccome - contnua - una visita del Capo dello Stato non è evento facile a ripetersi in tempi brevi, chiedo al sindaco e al Presidente della Regione, di forzare l' agenda presidenziale a favore di un breve incontro di Napolitano con la nostra città. Un capoluogo che parli, attraverso tale incontro, a tutta la Calabria e all' Italia, è voce autorevole e forte che si leva in direzione di una promessa di cambiamento profondo. Il nostro, di calabresi che vorranno riscattarsi dalla loro pigrizia e dalla loro condizione; e quello dell' Italia, che vorrà farsi perdonare le tante colpe accumulate nei nostri confronti. Si dirà che altre due volte un simile tentativo è stato effettuato: la prima, con Sandro Pertini, la seconda con Azeglio Ciampi. Inutilmente. Ma conclude -, questa volta è diverso. Di drammaticamente diverso c'è che per la Calabria è l'ultima spiaggia: rinascere o perire. Per l'Italia c'è che non potrà restare in Europa sé perderà una parte di sé. La più bella».

Cimino: «E’ un no a chi ci considera un ingombro»

CATANZARO CENTRO

FITTASI PRESTIGIOSO IMMOBILE loft indipendente, arredato e climatizzato, precedentemente abitato da funzionari di istituti di credito. ANCHE USO FORESTERIA

INFO

334 1875277

CATANZARO CENTRO STORICO CORSO MAZZINI

VENDESI

La situazione degli scavi poco dopo i lavori

persone ma anche alla credibilità ed all’immagine dell’amministrazione comunale nonché della Circoscrizione. Invito conclude -, pertanto, il dirigente del settore del territorio a

monitorare lo stato del territorio anche attraverso le segnalazioni che provengono dalla circoscrizione, richiamando i responsabili ai propri doveri d’ufficio».

ATTIVITA’ COMMERCIALE ADIBITA A BAR Per informazioni chiamare al numero

338/9096746


28 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZAROIl 25 gennaio il Pd calabrese è atteso dai congressi provinciali. Intanto martedì scorso Amato in una riunione dell’esecutivo ha sottolineato...

«Sì al voto di preferenza per le primarie» «Se vogliamo che i cittadini siano protagonisti per prima cosa essi devono riavere la possibilità di scegliere» CATANZARO — Il 25 gennaio 2009 il Partito Democratico calabrese è atteso dai congressi provinciali. Sarà l’elezione degli organismi dirigenti, infatti, a caratterizzare i tratti definitivi del Pd, che in ogni provincia determinerà un segretario, un’assemblea, dei coordinatori territoriali e dei direttivi di Circolo. Lo strumento decisivo, con il quale aderenti ed iscritti all’albo elettori potranno scegliere i prossimi dirigenti di partito, sarà quello delle Primarie, così come previsto dallo statuto e nel rispetto del confronto democratico che il Pd promuove nel paese. Ed il Pd della provincia di Catanzaro non vuole essere da meno. Ma per giungere pronti al congresso è necessario mettere a

punto gli ultimi determinanti passaggi. A tal proposito, considerata l’impellenza di tali decisioni, domenica mattina si riunirà l’assemblea provinciale convocata dalla Presidente Concetta Stanizzi, alle otto in prima convocazione ed alle dieci in seconda. D’altronde ai congressi manca poco più di un mese, neanche intero se si considera la pausa forzata imposta dai giorni di festa. Tocca, infatti, all’assemblea provinciale approvare punti importanti, così come stabilito dalla direzione regionale del partito nel corso dell’ultima seduta. Ed urge accelerare i tempi, poiché dopo le assemblee provinciali si dovranno ufficializzare le decisioni assunte attraverso l’emanazione di circola-

ri integrative. Già martedì scorso si era riunito l’esecutivo provinciale, convocato dal Coordinatore Pietro Amato, che all’unanimità aveva stabilito di proporre all’approvazione dell’assemblea sia il numero dei componenti del prossimo direttivo provinciale (240) e la loro ripartizione nei 30 collegi del territorio secondo i voti conseguiti alle ultime elezioni della Camera dei Deputati e sia la necessità di svolgere le Primarie adottando il voto di preferenza. E proprio questi saranno i temi della discussione della riunione convocata per domenica, con la quale saranno sciolti gli ultimi nodi in vista del 25 gennaio. «Il Pd nazionale - ha detto Amato sostiene una riforma elettorale che

annulli il sistema attuale delle liste bloccate e reintegri il voto di preferenza sia per le elezioni politiche che per le prossime elezioni europee. Noi abbiamo il dovere di essere coerenti con ciò che sosteniamo e pertanto è giusto e doveroso che alle prossime Primarie gli organismi dirigenti siano scelti con la preferenza espressa direttamente dagli elettori. Il nostro segretario Veltroni, il nostro statuto e la nostra natura democratica spingono affinché siano nuovamente gli elettori ad essere protagonisti del voto, esprimendo liberamente le figure che dovranno rappresentarli sia nel partito che nelle istituzioni. Non esiste nulla di più democratico e responsabilmente ognuno di

noi deve mettersi in gioco e guadagnare la fiducia degli elettori sulla base di proposte e programmi adeguati alle necessità espresse dalla società. Abbiamo scelto di aderire a questo progetto ed abbiamo sottoscritto regole democratiche e condivise, attraverso le quali vogliamo costruire un grande partito. Il Pd - ha concluso Amato - vuole tornare a parlare di politica con i cittadini, vuole allargare la partecipazione, vuole coinvolgere, ma se veramente vogliamo che gli uomini e le donne della nostra società tornino ad essere protagonisti del loro destino non v’è dubbio che per prima cosa essi devono riavere la possibilità di scegliere, di rappresentarsi e di farsi rappresentare».

CATANZARO La celebrazione si è tenuta ieri alla presenza delle più alte cariche del settore

La santa messa per le Interforze CATANZARO — Si è svolta presso la Basilica dell’Immacolata la messa di Natale di tutte le forze armate. La santa messa è stata celebrata da Mons. l’arcivescovo Ciliberti che ha ricordato anche il valore del lavoro delle forze armate per l’intera cittadinanza. Si tratta infatti di uomini che sacrificano la loro vita per la sicurezza degli altri. Si tratta di una ricorrenza annuale che vede la partecipazione di tutte le massime cariche delle forze armate che operano sul territorio catanzarese. Tanti anche i giovani che hanno preso parte come ogni anno alla santa messa che è stata in questa occasione anche un particolare momento di riflessione in vista dell’arrivo di un difficile 2009.

La santa messa è stata celebrata da Mon. Ciliberto che ha ricordato il valore delle forze armate per il territorio


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 29

CALABRIA IL FATTO Sono partiti gli incontri a cadenza mensile voluti da Grandinetti e dal movimento che punta all’identità territoriale

«Lamezia non può essere Rimini» «L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica perché la città non perda le sue potenzialità» LAMEZIA TERME — “Lamezia, la Rimini che possiamo”. Questo il tema del primo di tutta una serie di appuntamenti a cadenza mensile organizzati dal movimento Lameziaprovinciaenonsolo e dal Comitato Difendiamo il lametino, svoltosi nella serata di giovedì presso il teatro piccolo del Grandinetti e che prende spunto da una frase che sia il sindaco Gianni Speranza che l’esponente politico, Nuccio Iovene, pronunciarono in seno ad un incontro del luglio scorso quando affermarono che “Lamezia non è Rimini”. Una frase questa, che evidentemente colpì molto il leader di Lameziaprovinciaenonsolo, Francesco Grandinetti e i membri del comitato e del movimento cittadino, tra i quali il già assessore comunale, Francesco Mancuso e rappresentati delle due entità, Michela Cimmino, Eugenio Lupia Palmieri e Giovanni Ferraro, che hanno voluto ieri riprendere per spiegare il perché “Lamezia non può essere Rimini”. E lo hanno fatto, documentando con apposite diapositive, mettendo in evidenza alcune delle cose chieste all’attuale Amministrazione Speranza e mai portate a termine. Tra queste, la questione del Medipark concepita come industria del divertimento e del turismo al centro del Mediterraneo e Lungomare mancato poiché “nonostante il Consiglio deliberò” su proposta dell’allora

La riunione di giovedì

consigliere comunale Francesco Grandinetti tutta una serie di attività svolte in una determinata ottica di sviluppo turistico della zona costiera, l’Amministrazione avrebbe agito in modo diverso. «Quello che più ci deprime oggi - hanno infatti affermato i presenti - è che a parte che i lavori siamo al momento bloccati per motivi che possono accadere in questi casi, perché non rispecchiano il progetto del lungomare come inizialmente concepito e da noi proposto». Di conseguenza, secondo quanto affermato, non un intervento ad hoc che dalla Marinella passa per toccare il Cafarone miglioramento anche sotto il profilo delle esondazioni e

arriva a toccare la zona di Ginepri favorendo, peraltro, anche insediamenti turistici ed alberghieri, ma una passeggiata da percorre a piedi su di un tratto ben più corto. Questo solo uno dei temi affrontati, ai quali si è aggiunto il dissapore per altre mancanze e che avrebbe portato sia l’ex assessore Mancuso che il consigliere Grandinetti a lasciare i propri incarichi in seno all’Amministrazione comunale guidata da Gianni Speranza. Il Lungomare come primo punto della discussione aperta alla stampa e alla società civile, ma allargata anche alle associazioni e agli esponenti politici locali, (presenti all’incontro c’erano sia esponenti del Pd che

del Mpa) ai quali si è aggiunto il dissapore dell’”ultima ora”. La presa a conoscenza che nella stessa giornata di giovedì altri 120milioni di euro sono stati erogati per la creazione della metropolitana di Catanzaro per il tratto Catanzaro - Catanzaro Lido Germaneto. «Qui non si tratta di essere l’uno contro l’altro - ha aggiunto a tale proposito Francesco Grandinetti - ma non restare a guardare mentre gli altri operano concretamente. Cercare di accelerare i percorsi evidenziando tutte le strade mancate e rimanere uniti affinchè Lamezia non perda più la possibilità di vivere e crescere per la non lungimiranza delle persone che la governano». Uniti nella battaglia, dunque, seguendo anche le linee guida di quella che è stato inizialmente e che sarà per le prossime competizioni elettorali, il programma del candidato a sindaco Francesco Grandinetti. «Il nostro obiettivo, anche attraverso questa serie di incontri allargati si è detto ancora - è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica stessa che bisogna stare uniti e perseguire le stesse strade se si vuole davvero che Lamezia non perda definitivamente le sue potenzialità». E al momento, molte cose a Lamezia si sono perse. «Si è perso il problema della metropolitana poiché Catanzaro lo sta facendo prima di noi hanno proseguito ancora - abbia-

mo perso la situazione dei teatri; la zona turistica non viene evidenziata come punto di forza come fa invece Soverato; l’università nel centro storico viene portata avanti dal sindaco Olivo nel centro storico di Catanzaro pur avendola già a Germaneto e sulla questione provincia, anche li c’è silenzio nonostante il governo sia contrario. Per tutti questi motivi, noi non vogliamo più stare zitti né stare a guardare come centinaia di milioni di euro vadano ad altre parti e a Lamezia, i milioni di euro vengono spesi solo per costruire marciapiedi». Queste, le argomentazioni portate alla luce durante il primo dei cinque incontri-dibattito e al quale, subito dopo le festività natalizie, si aggiungerà quello sul credito bancario nel lametino e delle problematiche inerenti al delicato tema in questione. Antonietta Bruno

Riunione Sd Sabato 20 dicembre ore 11.30 al Grand hotel Lamezia avrà luogo la conferenza stampa di Sinstra democratica. Il tema sarà: "Le proposte di sd per la sanità calabrese". Saranno presenti: Nuccio Iovene , segretario regionale di Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo e i dirigenti regionali del movimento che illustreranno alla stampa il documento di analisi e proposte sulla sanità predisposto dal coordinamento regionale.


30 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO La Loprete è stata arrestata nei giorni scorsi con l’accusa di aver ucciso la sua figlioletta Annarita dopo aver ferito il convivente

La vicenda di Morena al Tribunale del riesame La difesa sostiene che le condizioni di salute dell'indagata non sarebbero compatibili con il regime carcerario CATANZARO — Approda al Tribunale del riesame la vicenda di Morena Loprete, 20 anni, di Catanzaro, arrestata nei giorni scorsi con l'accusa di avere ucciso Annarita, la figlioletta di due settimane, dopo avere ferito a morsi e con un coltello anche il convivente. Il difensore della donna, l'avvocato Alessandro Guerriero, ha proposto ricorso contro l'ordinanza cautelare del giudice Antonio Giglio il quale, accogliendo le richieste dell'Ufficio di procura, aveva confermato per lei la custodia in carcere a seguito della convalida dell'arresto. La discussione davanti al Collegio è fissata per martedì prossimo. Fin dall'inizio la difesa della Loprete, che chiede la revoca o la sostituzione della misura cautelare in atto, ha sostenuto che le condizioni di salute dell'indagata non sarebbero compatibili con il regime carcerario. Su

istanza dell'avvocato Guerriero, il giudice Giglio aveva già disposto che la donna venisse sottoposta a perizia medico legale. Il medico legale Massimo Rizzo ha già depositato una prima relazione, ma ha chiarito che gli sarà necessario effettuare ulteriori verifiche per rispondere ai quesiti posti dal giudice per le indagini preliminari. Proprio a tal fine, lunedì, le parti si incontreranno nuovamente per disporre approfondimenti. Morena Loprete, secondo l'accusa, avrebbe ucciso la piccola Annarita, di sole due settimane, al culmine di una violenta lite con il convivente, Rosario Donato, 24 anni, ferito al petto con una coltellata e preso a morsi fino a staccargli il lobo dell'orecchio sinistro. Il fatto è avvenuto all'alba del primo dicembre nel quartiere Gagliano di Catanzaro.

LAMEZIA TERME Nessun conferma ufficiale ma continui contatti con il Quirinale. La soddisfazione di Speranza

«La visita di Napolitano, un momento storico» LAMEZIA TERME — I«n merito alle

notizie apparse sulla stampa relative alla visita del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in Calabria e anche nella nostra città, il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, rende noto che fin dal momento dell'elezione di Napolitano al Quirinale, l'Amministrazione comunale gli rivolse l'invito per una eventuale visita in città in occasione del quarantesimo anniversario della fondazione di Lamezia» è quanto si legge in una nota del Comune. «Il sindaco - prosegue - è stato anche invitato a recarsi al Quirinale e lì ha avuto contatti con la segreteria della Presidenza con la quale è tuttora in costante rapporto per conoscere gli sviluppi sul programma del Capo di

Gianni Speranza

Stato nei prossimi mesi. Da tempo si è a conoscenza del fatto che se il Presidente della Repubblica fosse venuto in Calabria avrebbe inserito Lamezia Terme tra le probabili tappe del suo viaggio. Allo stato però non

c'è alcuna conferma ufficiale, ma si è in continuo e quotidiano contatto con il Gabinetto del Presidente, con il Prefetto di Catanzaro nell'attesa fiduciosa di una comunicazione ufficiale che fissi programma e data. La presenza a Lamezia del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sarebbe certamente il modo più bello per concludere l'anno del quarantennale. L'Amministrazione comunale - conclude - e il sindaco sperano che questo evento possa realizzarsi, perché si tratterebbe di un momento storico per la città, un'occasione di grande gioia e di festa. Nel caso arrivasse conferma, la Giunta è pronta ad accogliere il presidente Napolitano nella maniera migliore possibile».

«Dare i fondi natalizi ai più bisognosi»

Lamezia Terme, Piero Prcopio al carcere per uno spettacolo

CATANZARO — «Ancora una volta, la

LAMEZIA TERME — Il 16 dicem-

IL FATTO Visto il ritardo nell’installazione delle luminarie il Movimento Catanzaro Marina chiede....

Giunta Olivo, non finisce mai si stupirci per la sua approssimazione e la sua negatività, e dopo il carnevale in piena quaresima, l'ultima trovata è relativa al posizionamento delle luminarie e degli addobbi natalizi (ma ancora è tutto da verificare, perchè le parole che spende questa Giunta volano leggere, senza che alle stesse seguono i fatti) su Corso Progresso e vie limitrofe, a ridosso della venuta dei Re Magi». Questo il commento goliardico e sarcastico di Massimo Scarfone, Consigliere della IV Circoscrzione e membro del Movimento indipendentista Catanzaro Marina. «C' è da ridere - commenta Scarfone -, sull'assurda decisione presa dall'Amministrazione Comunale di Catanzaro, che dopo aver posizionato in gravissimo ritardo, rispetto alla ricorrenza del Santo Natale, addobbi e luminarie su Corso Mazzini, ed aver depauperato altri soldi pubblici in malo modo, spendendo per l'acquisto delle stesse 75.000 euro (negli anni passati si eraSELLIA MARINA — Una raccolta fir-

me per il testamento biologico. E’ l’iniziativa organizzata da Giuseppe Candido e Marco Marchese (Radicali Italiani - Associazione Coscioni): “Con Eulana Englaro e per Piergiorgio Welby”. «La Cellula Coscioni per il medio Ionio assieme all'associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica e all'associazione Radicale calabrese per la Resistenza Nonviolenta, nell'ambito dell'iniziativa 100 città italiane con Piergiorgio Welby, organizzano un tavolo di informazione e di raccolta firme su testamenti biologici e su petizione al parlamento italiano per l'eutanasia legale. A Sellia Marina dove due anni fa tenemmo una veglia con e per Piergiorgio Welby. L'appuntamento è il prossimo 20 dicembre in Via Giardinello dalle 18.00 alle 20.00 e in Via Mercato dalle 20.30 alle 23.00». «Il 20 dicembre 2006 Piergiorgio Welby, dopo tre mesi di lotta politica e giudiziaria, riuscì ad affermare il suo diritto (costituzionalmente garantito dall'articolo 32 della Costituzione) all’autodeterminazione e ad interrompere la tortura alla quale era sottoposto. A due anni di distanza da quel 20 dicembre

no spesi complessivamente, per tutti i quartieri euro 120.000), ora annuncia e fa sapere, per bocca di qualce consigliere, che nei prossimi giorni forse avremo le luminarie anche in Catanzaro Marina, a detta della Giunta Olivo, il fiore all'occhiello di Catanzaro, ovvero la porta che apre il capoluogo ai forestieri!. Siamo alle comiche. Infatti, tantissimi residenti e commercianti, mi hanno pregato, sia quale consigliere circoscrizionale, che quale associato del Movimento Catanzaro Marina, di farmi portavoce, anche attraverso la stampa, nell'esprimere il loro totale disappunto sul modo con cui viene trattata la Marina e Corso Progresso. I medesimi, ritengono tale posizionamento, oltre che una presa in giro, l'ennesima discriminazione degli stessi e l'ennesima divisione dell'Amministrazione Comunale tra commercianti di serie A e commercianti di serie B. Dopo infatti i soldi spesi dal Comune in favore delle vetrine di Corso Mazzini e delle facciate dei palazzi, con una pioggia di euro

(2.500.000.0 euro), di cui i commercianti di Marina, non hanno naturalmente usufruito, ecco arrivare la trovata dei geni di Palazzo De Nobili delle luminarie a ridosso della befana!. Si conferma- continua - che la costante dei questa amministraziine comunale è la navigazione a vista, senza alcuna rotta e priva di bussola. A tal punto raccogliendo la vox populi - conclude -, preghiamo l'Amministrazione Comunale di destinare, attraverso l'Assessorato alle Politiche Sociali, coadiuvato dai servizi sociali, le somme che dovrebbero essere investite per tale assurdità fuori dal tempo massimo delle festività natalizie, ad opere di bene, quali vestiario e mezzi di prima necessità ai poveri e bisognosi, per l'acquisto di giocattoli a bambini meno fortunati, onde regalare loro un momento di felicità, e/o a donazioni a tante famiglie che si troveranno a passare, sicuramente in condizioni economiche non favorevoli il Santo Natale e le altre festività. Questo chiedono gli abitanti di Catanzario Marina».

bre scorso si è svolto presso la Casa circondariale di Lamezia Terme lo spettacolo natalizio che ha visto protagonista il noto cabarettista catanzarese Piero Procopio. Si tratta di una attività che si inserisce a pieno titolo in un’opera trattamentale complessiva finalizzata al reinserimento dei ristretti ed ha consentito di condividere un momento di festa ed intrattenimento in un

Si tratta di un’attività finalizzata al reinserimento dei ristretti in occasione del periodo natalizio

SELLIA MARINA Radicali italiani e associazione Coscioni hanno organizzaato l’iniziativa per domani

Raccolta firme per il testamento biologico 2006, il Parlamento italiano, dopo aver sabotato l'indagine conoscitiva sulla eutanasia clandestina, sta ora discutendo una legge che si prepara ad essere Contro il testamento biologico, nel tentativo di restringere ancora di più gli spazi di libertà individuale. Sulla vicenda di Eluana Englaro fanno da megafono senza contraddittorio alle posizioni vaticane, con l'uso ingannevole dei "malati che vogliono vivere" o di "risvegli" che nulla hanno

a che vedere con la situazione di Eluana. La libertà e responsabilità individuale nelle scelte di fine vita, deve potersi affermare attraverso sia il testamento biologico che l'eutanasia legale. Questa era la battaglia di Welby. Per questo la Cellula Coscioni di Sellia Marina per il medio Ionio e l'associazione Radicale calabrese per la Resistenza Nonviolenta, in sostegno silenzioso alla famiglia di Eulana e per onorare Piero, la sua vita e la sua lotta, or-

ganizzerà, sabato 20 dicembre 2008, un tavolo di informazione e di raccolta firme in Via Giardinello, di Sellia Marina(area antistante edificio vecchia sede comunale) e, a seguire, in via Mercato. Ai tavoli accenderemo delle fiaccole per non dimenticare, distribuiremo e raccoglieremo testamenti biologici (sulla base di un formulario preparato con l'associazione “A buon diritto” di Luigi Manconi) e raccoglieremo firme su una petizione al

periodo dell'anno dove maggiore si sente il peso della restrizione della libertà e la mancanza degli affetti familiari. «La direzione della Casa Circondariale si legge in una nota - ringrazia Piero Propio pe rla grande disponibilità dimostrata nel mettere a disposizione il proprio tempo per offrire un attimo di svago, di spensieratezza e di allegria. Un riconoscimento particolare continua - va dato all'associazione di volontariato "Sacro Cuore" di Catanzaro e, in modo particolare ai coniugi Costantino, per il contributo dato alla riuscita della manifestazione. Si ringrazia prosegue - tutto il personale e, in particolare, il dottor Calogero Busito dell'Area Trattamentale che, già impegnato nella attività istituzionale, dedica le proprie energie affinché questa, come tutte le altre attività organizzate in questa struttura, raggiungano i risultati migliori». Parlamento e iscrizioni ai soggetti della galassia radicale. Per l'occasione distribuiremo un numero speciale di Agenda Coscioni sul tema. L'obiettivo è quello di costruire anche fuori dal Palazzo un fronte di resistenza nonviolenta alla legge-contro il -testamento-biologico che potrebbe, con il coinvolgimento in particolare di eletti di ogni livello e partito, trasformarsi anche in soggetto promotore di “iniziativa popolare” (referendum e proposte di legge) da attivare un domani, per far diventare l’Italia una democrazia e uno Stato di diritto. Info: http: //www. lucacoscioni. it/petizioneeutanasia».

Lamezia Terme, racket ed usura: convegno

Soverato, presentazione concerto di Natale

Ala, l’Associazione Antiracket Lamezia ha organizzato per oggi alle ore 9, presso l’Istituto Tecnico Commerciale “De Fazio” un convegno durnte il quale, il prof. Vittorio Mete, Docente dell’Università di Firenze, incontrerà gli studenti per una conversazione sul racket e sull’usura. L’iniziativa si inquadra nel “progetto legalità” che Ala sta realizzando nelle Scuole cittadine. La conversazione del prof. Mete, originario di Lamezia Terme con un rapporto anche con l’Università “ Magna Grecia” di Catanzaro, segue quelle già realizzate con la prof. ssa Carmela Salazar, che ha parlato sulla Costituzione, e con il prof. Enzo Ciconte, che ha discusso delle origini e sviluppo della ‘ndrangheta.

Il ventitrè dicembre alle 10 e 30 presso al Sala Consiliare di “Palazzo di città” di Soverato avrà luogo la presentazione alla stampa del “Concerto di Natale” che il coro di musica gospel “The Anthony Morgan’s Inspiration Choi of Harlem” terrà il ventisei dicembre 2008, giorno di Santo Stefano, alle ore diciannove presso la chiesa Sant'Antonio dell'Istituto Salesiano di Soverato col patrocinio dell'amministrazione provinciale di Catanzaro e dell'associazione "Ecsdance". Alla conferenza stampa del ventitrè saranno presenti il sindaco della città Raffaele Mancini, il presidente della Provicnia Wanda Ferro e l'assessore alla cultura del Comune di Soverato, Sonia Munizzi.


32 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME Dopo la nuova cancellazione dei voli Ripepe parla di «un modo di agire ingiusto verso il passeggero»

«Assaeroporti predisponga un tavolo di lavoro» «Il nuovo network di Cai è insensibile verso la regione Calabria e i suoi cittadini» LAMEZIA TERME — La cancellazione di voli, già preannunciata da Cai, spinge il Presidente della Sacal a richiamare ancora una volta l’attenzione sul problema che, da qualche mese, si riversa non solo sulle Società di gestione ma anche e immancabilmente sui passeggeri. «Finora nessun gestore aeroportuale è stato coinvolto quale principale attore della filiera di trasporto aereo», afferma Eugenio Ripepe. «E’ importante -prosegue - che Assaeroporti si adoperi per predisporre un tavolo di lavoro, in cui anche le società di gestione che rappresentano e conoscono il territorio, possano confrontarsi in maniera seria con Cai. Lo scopo, continua il presidente Scal, è quello di determinare una nuova e più giusta attenzione nei confronti di tutti gli scali, e in particolare a quelli del Sud, fortemente penalizzati». La lettera di Ripepe al Presidente Assaeroporti, Fulvio Cavalleri. «Dal mese di gennaio la nuova Cai entrerà ufficialmente nel mercato aereo, bisognerà perciò fare presto i conti con

un nuovo network invernale preannunciante innumerevoli “tagli” e cancellazioni rispetto a quello ultimo di Alitalia\Air One. Una rivisitazione presentata come indispensabile necessità strategica, che deve necessariamente tenere in debito conto dello “storico”: cioè del network per come si era costruito e mantenuto negli anni e per le risposte commerciali e il “fideraggio” che negli stessi anni aveva, appunto, assicurato e magari migliorandolo. Senza tediarla con tutte le altre possibili considerazioni legate a questo ragionamento, certo concorderà sul fatto che a fare le spese di questa “rivoluzione silenziosa e unilaterale” potrebbero essere ancora una volta gli aeroporti medio-piccoli: penalizzati dai voli, esclusi dal confronto, privati della prospettiva di possibili, o almeno temporanee, alternative. Non vorrei che Cai, sin dall’inizio della propria attività, operasse con le stesse modalità utilizzate nell’ultimo periodo dalla vecchia compagnia di bandiera. Un modo di agire, mi consenta, che appa-

re ingiusto nei confronti delle Società di gestione ma che è anche e soprattutto assolutamente poco rispettoso verso colui che è il nostro principale ed esclusivo interlocutore: il passeggero. Per stare ai fatti, la recente decisione presa da Alitalia di dismettere su Lamezia 3 voli quotidiani per Roma su 4 (oltre quello per Milano, destinazione servita comunque sufficientemente da altri vettori), sommata alla raffica di cancellazioni disposte dal 10 novembre scorso fino a oggi, e che prevede per l’intero mese di dicembre l’annullamento di ben 107 voli, sta già avendo i suoi negativi effetti. Il nuovo network di Cai annuncia adesso una nuova, evidente insensibilità verso la regione Calabria e i suoi cittadini, che avranno altre difficoltà nel raggiungere via aerea la capitale Roma: con collegamenti ridotti, orari scomodi, tariffe esose. Ciò, come ho avuto modo di scrivere al Ministro Matteoli e dichiarare alla stampa, riporta indietro il Paese e la Calabria di trent’anni, riproponendo il film già visto delle economie cercate col ta-

glio di rotte erroneamente e capziosamentevalutate dalla Compagnia come non fondamentali, non prioritarie (e che invece fondamentali e prioritarie sono, intanto per il fatto che a Lamezia il fattore di riempimento aereo di Alitalia è sempre stato eccellente) senza prendere invece direttamente per le corna i veri problemi (e i veri costi) sopportati, per troppo tempo e con troppa noncuranza, dal vettore (e quindi dal Paese). Considerando che lo scenario riguardante Lamezia Terme registra analoghe proiezioni in altri scali italiani, auspichiamo a questo punto che Assaeroporti faccia una debita riflessione, cercando di anticipare e correggere le decisioni di Cai, e in un certo senso “costringendo” la stessa cai a rapportarsi in maniera più seria con le Società di gestione aeroportuale e a rivedere di conseguenza le proprie autonome posizioni. Finora, non ci risulta alcun coinvolgimento dei gestori aeroportuali quali principali attori della filiera del trasporto aereo. Le Società di gestione non offrono solo servizi alle

compagnie aeree. Chi gestisce un aeroporto è soprattutto a contatto diretto con il territorio, lo rappresenta, è, spesso, espressione di colui che utilizza lo scalo, l’utente. In questi mesi di trattative tra Cai e Alitalia molti sono stati i momenti di tensione, ma solo ed esclusivamente per difendere i diritti dei piloti o degli assistenti di volo, nessuno ha mai pensato ai disagi creati ai passeggeri. Quale sarebbe il destino del personale viaggiante se gli decidessero di utilizzare un altro mezzo di trasporto? Per tutte queste ragioni, che, come detto, riguardano Sacal e in maniera analoga diverse altre Società di Gestione italiane, riterrei utile predisporre un tavolo di lavoro in seno ad Assaeroporti, in cui confrontarsi, trovare la migliore sintesi e la maniera più incisiva per portare congiuntamente avanti una adeguata “pressione” su Cai, che determini una nuova e più giusta attenzione nei confronti degli scali fortemente penalizzati, riuscendo finalmente a contraddire gli ingiustificati “ritardi” nei loro confronti».

LAMEZIA TERME Ieri la riunione della Sinistra democratica per presentare un documento sulla sanità

«L’ospedale cittadino deve essere autonomo» LAMEZIA TERME — Il gruppo dirigente della Sinistra Democratica di Lamezia Terme, ha presentato ieri alla stampa un documento inerente alle problematiche della sanità calabrese ed in particolar modo alla questione sanitaria lametina, che intende ora portare a conoscenza a tutti i consiglieri comunali e provinciali oltre che agli assessori regionali lametini e fino al Parlamento, per fare in modo che questo argomento che tanto sta a cuore ai lametini, non passi nel dimenticatoio. Tante le manifestazioni di protesta e tanti i disagi apportati all’intero settore da quel 30 aprile di un anno fa in cui vide la luce il maxiemendamento di accoramento della Asl, e tanti, da allora, le prese di posizione e le proposte avanzate da più parte ma mai prese in seria considerazione da chi di dovere. Tra i tanti, un documento dettagliato, arriva ora proprio da Sinistra Democratica e nello specifico dai massimi rappresentanti del partito politico in città, a partire da Costantino Fittante, Giandomenico Crapis, Rosario Piccioni e dal capogruppo Sd in Consiglio comunale, Gianfranco Vasta (assente durante la conferenza stampa di pre-

sentazione, il coordinatore Carlo Carlei). Ma quali i punti focali dell’atto? In primis, essendo l’ospedale di Lamezia Terme classificato di primo livello, che si proceda in tempi brevi alla sua riqualificazione per potere puntualmente offrire le prestazioni riferite alla sua classificazione. Una riqualificazione dell’intero comparto che, ovviamente, dovrà riguardare il consolidamento e il potenziamento dei reparti assegnati con il completamento dei rispettivi organici; la dotazione di nuovi e più moderni strumenti diagnostici così come anche la non proliferazione di primariati e l’ampliamento ingiustificato degli organici sanitari ed amministrativi. Nello stesso intento di evitare il decadimento della struttura lametina, sin dagli anni ’70 fiore all’occhiello della sanità Calabrese tant’è che fu la prima azienda in Calabria ad effettuare con successo il primo trapianto di pass-maker, che nell’ambito del Piano della Salute all’esame del Consiglio regionale, venga definitivamente destinato a Lamezia Terme, il centro traumatologico regionale. Stavolta però, non solo sottolineando la sua presenza negli atti, ma realizzandolo

concretamente e concretamente finanziarlo e dotarlo di strumenti e uomini capaci al suo funzionamento. Secondo Sinistra Democratica, infatti: «Nel piano devono essere chiaramente indicate il bacino di riferimento che non può essere quello regionale, le specializzazioni di cui deve essere dotato il presidio, il numero dei posti letto aggiuntivi rispetto a quelli dell’ospedale di primo livello, l’organico del personale, l’entità degli stanziamenti e i tempi per la sua realizzazione» Ma soprattutto «deve rispondere alla richiesta avanzata da Sd che l’ospedale di Lamezia, con la presenza del Trauma Center, centro di eccellenza e unico presidio regionale, venga elevato ad azienda ospedaliera con una autonomia organizzativa e gestionale che comprenda anche la parte del nosocomio non strettamente collegata al trauma center in questione». Questa, la richiesta più sentita dal gruppo lametino, alla quale si aggiunge però anche il ripristino delle 11 Asl o in caso contrario di quella lametina considerato che nella vicina Catanzaro le Asl sono rimaste due sacrificando alla seconda quella di Lamezia, che nel

La riunione si sinistra democratica

piano della salute venga rivisto l’assetto dell’ospedale di Soveria Mannelli, che venga rafforzato il Polo universitario lametino e completato il Centro protesi Inail ubicato nell’ex area Sir sempre nel territorio di Lamezia Terme. Richieste, che stavolta non dovranno passare inosservate poiché si chiede l’impegno corale della classe politica lametina ai vari livelli, e perché non si può più pensare di intervenire con «nuovi piani sanitari solo sotto elezione». Quattro infatti, i Piani sanitari che hanno interessato il settore e tutti a ridosso delle competizioni elettorali regionale per poi rimanere bloccati in attesa che altri vengano stipulati, a discapito dei servi-

zi carenti e delle non risposte date all’utenza. In quest’ottica, un discorso a parte, è stato indirizzato anche sulla ricaduta del piano di rientro in ambito sanitario e del deficit che ammonta a 2 milioni di euro. Per cui, bene è pensare ad un risparmio della spesa sanitario, ma non certo a discapito del servizio. «Il diritto alla salute è sancito dalla Costituzione italiana hanno ribadito i presenti - e questo diritto deve essere salvaguardato sia per tutela dell’ammalato che per evitare i vergognosi viaggi della speranza che Lamezia e la Calabria, prurtroppo, conoscono bene». Antonietta Bruno

Nigeriano 26enne provoca una rissa al Centro di accoglienza di Cropani

CATANZARO A consegnare il regalo ai ragazzi il sindaco Olivo e il presidente della seconda circoscrizione Lomonaco

CROPANI — Un cittadino nigeriano ospite del Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Cropani Marina è stato arrestato dai carabinieri per resistenza, violenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale. In manette è finito il ventiseienne di nazionalità nigeriana Cluks Ogoh. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il nigeriano avrebbe prima provocato una rissa con un altro ospite del centro, poi avrebbe aggredito i due finanzieri intervenuti per sedare la lite, provocandogli ferite giudicate guaribili in 15 giorni. Sul posto sono quindi intervenuti i carabinieri della Compagnia di Sellia Marina e della stazione di

CATANZARO — Il Sindaco di Catanzaro Rosario Olivo, unitamente al presidente della seconda Circoscrizione Massimo Lomonaco, in occasione delle festività natalizie, nel pomeriggio di ieri, hanno fatto omaggio di un biliardo calcio balilla ai minori ospiti dell'Istituto penale per i minorenni "Silvio Paternostro" di Catanzaro. L’attrezzatura è stata consegnata alla presenza di Francesco Pellegrino, direttore dell'Istituto, e degli educatori e degli agenti di Polizia penitenzaria. Nella circostanza, sempre su iniziativa della seconda Circoscrizione, è stata realizzata all'interno della struttura uno spettacolo musicale curato da Saverio Palermo e da Anna Folino, durante il quale i ragazzi hanno avuto la possibilità di esibirsi nel karaoke.

Cropani, guidati rispettivamente dal capitano Alberto Pigozzo e dal maresciallo Franco Volante, che hanno tratto in arresto il giovane. Ieri il nigeriano è stato processato per direttissima davanti al giudice del Tribunale di Catanzaro, con il pm Francesco De Tommasi che ha chiesto la custodia cautelare in carcere. Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l'obbligo di dimora. Da ricordare che da mesi i cittadini denunciano la pericolosità del Centro d’accoglienza e hanno dato vita spesso a manifestazioni per dire il loro no ad una struttura che metterebbe a rischio la vocazione turistica della zona.

Un calcio balillla al carcere minorile

Il sindaco Olivo alla consegna


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 33

CALABRIA SOVERIA MANNELLI La proposta della Comunità Montana Reventino-Tiriolo-Mancuso alla Regione è di migliorare il livello del “sistema locale rurale”

«Il Piar sarà utile a 2000 aziende» «La qualità dell’ambiente ha consentito di promuovere l’istituzione di un’area protetta» SOVERIA MANNELLI — «Tra i tanti

progetti importanti della Comunità Montana dei Monti Reventino-Tiriolo-Mancuso vi è il Piar (Progetti Integrati Aree Rurali), che con deliberazione di Consiglio n° 14 del 19.07.2007 ha deciso che la Comunità Montana doveva farsi promotore, nel territorio di competenza per l’avvio di una concertazione tra soggetti pubblici e privati, al fine di definire interventi ed azioni all’interno del Por 2007-2013 o relativi agli strumenti di attuazione quali Piar, Pit, Pif ed altro». E’ quanto si legge in una nota del Presidente Comunità Montana Reventino, Costantina Talarico. «La proposta di Piar dei monti ReventinoTiriolo-Mancuso consiste nel - prosegue -: migliorare il livello di attrattività del “Sistema Locale Rurale” in una prospettiva di qualità diffusa, in tutte le componenti sociali ed economiche caratterizzanti il territorio dei Monti Reventino-Tiriolo-Mancuso (organizzazione di filiere e micro-filiere, produzioni tipiche, tradizioni MARTIRANO LOMBARDO — Si è conclusa la seconda edizione di “Martirano Lombardo per Telethon”. In favore della ricerca sulle malattie genetiche sono stati raccolti 2.300 euro tramite diversi eventi promossi dagli “Amici di Telethon” in collaborazione con l’amministrazione comunale. «Siamo soddisfatti - ha detto la responsabile della manifestazione Marisa Aiello - per il numero di persone che spontaneamente hanno contribuito, dimostrando altruismo e condivisione nel sostenere ed intendere la ricerca come indispensabile mezzo di speranza». Un convegno, tenuto sabato 6 dicembre, ha inaugurato il programma delle iniziative che sono continuate lunedì 8. Alla tavola roCARAFFA — «A distanza di oltre un anno e mezzo dall’ affermazione della lista “Uniti per Caraffa”, mi corre l’obbligo di intervenire rispetto a quello che è l’andamento amministrativo, che mi è molto difficile condividere, vuoi per la mancanza di scelte, vuoi per la mancata programmazione. Questa mia dichiarazione vuole essere, come in precedenza anticipato, un momento di riflessione per tutti» si legge in una no-

culturali locali, artigianato di qualità, cultura dell’accoglienza e rete dell’ospitalità diffusa); concentrare ed integrare gli sforzi organizzativi verso il cambiamento, in termini di innovazione gestionale delle risorse disponibili, da parte dei soggetti che aderiscono al partenariato locale. La Comunità Montana ha trasmesso alla Regione Calabria un documento finalizzato alla presentazione del Piar (manifestazione d’interesse), indicando, tra l’altro, anche l’ambito territoriale di intervento e l’idea complessiva per un’adeguata azione di valorizzazione e sviluppo delle risorse locali; che gli obbiettivi generali che si intendono perseguire si possono sintetizzare come segue: miglioramento della qualità della vita per la popolazione in ambito rurale; aumento della qualità dei servizi per la popolazione in ambito rurale; aumento dell’occupazione, dell’occupazione regolare e della qualità dell’occupazione; emersione del lavoro non regolare attraverso l’avvio di processi di regola-

rizzazione dell’economia locale; potenziamento dei livelli di attrattività, economica e sociale, del sistema locale rurale. Il carattere di marginalità e di ruralità - continua -, che caratterizza buona parte dei centri dell’area interna, ha consentito di preservare valori culturali e tradizioni locali che costituiscono l’ossatura dei punti di forza sui quali innescare meccanismi di sviluppo endogeno, basati sulla valorizzazione delle risorse locali. L’area Piar dei Monti Reventino-TirioloMancuso, da questo punto di vista, si presta alla valorizzazione di nicchie produttive da fare emergere nell’ambito delle dinamiche del mercato regionale, nazionale ed estero: filiera agro-alimentare dei prodotti tipici nelle aree interne di Decollatura - Soveria Mannelli - Cicala-Carlopoli - Miglierina; olio di qualità nelle colline di Gizzeria – Falerna - Nocera e Gimigliano - Tiriolo-Amato e Miglierina; produzioni particolari quali, ad esempio, la cipolla rossa di Tropea nell’area della fascia costiera, i pro-

dotti del bosco e del sottobosco in tutta l’area di riferimento; artigianato tipico nell’area di Serrastretta, per la lavorazione del legno, di Tiriolo per i tessuti, di Cicala Soveria M. e Decollatura per i prodotti tipici; produzione enologica nell’area di Nocera Terinese; zootecnia e produzione casearia tipica, diffusa in tutta l’area di riferimento. La qualità dell’ambiente e del patrimonio naturale e paesaggistico, ha consentito di promuovere l’istituzione di un’area protetta attraverso la realizzazione di un sistema di parchi, inseriti coerentemente nel sistema più generale delle aree protette regionali. Il contesto ambientale, associato al carattere di ruralità dei centri, inoltre, pone le condizioni per rafforzare sul territorio un’offerta turistica mirata ad uno specifico segmento di domanda. Nell’ambito del Psr - sottolinea - le misure attivabili ed attuate dal Piar sono state quattro e precisamente: la misura 125, che riguarda il Miglioramento e sviluppo delle infrastrutture in parallelo con lo

sviluppo e l’adeguamento dell’agricoltura; la misura 216, che riguarda il Sostegno agli investimenti non produttivi; la misura 227, che riguarda il Sostegno agli investimenti non produttivi; la misura 321, che riguarda Servizi essenziali per l’economia e la popolazione rurale; I comuni di Carlopoli, Cicala, Conflenti, Falerna, Gimigliano, Miglierina, Martirano, Martirano L. do, Motta S. Lucia, S. Mango d’Aquino, S. Pietro Apostolo, Serrastretta e Tiriolo hanno trasmesso la documentazione relativa all’adesione al Piar monti Reventino Tiriolo Mancuso, all’approvazione dei progetti esecutivi ed ai relativi elaborati grafici, alla scheda per la predisposizione del Piar. In coerenza - conclude - con le priorità richieste dal Psr 2007/2013 gli interventi nel complesso andranno a servire ben oltre il 50% della popolazione del comuni aderenti al partenariato ed il numero di aziende che andranno a beneficiare degli interventi distribuiti sul territorio del Piar supera le 2000 unità».

MARTIRANO LOMBARDO Dopo diverse manifestazioni è stata raggiunta la cifre di 2.300 euro già depositata

contro si è tenuta la seconda sagra delle crespelle con concerto di fisarmoniche, attentamente organizzato dall'insegnante Michelina Isabella. Il giorno dell’Immacolata sono stati allestiti gazebo anche a Martirano e Nocera Marina. Nel pomeriggio la comitiva ha fatto rientro a casa per dare attuazione al secondo torneo di briscola, a cui hanno partecipato 32 coppie. La chiusura della seconda edizione “Martirano Lombardo per Telethon” è avvenuta sabato 13 scorso con uno spettacolo di danza dell'accademia dance di Bonanata, ben disposto dal maestro di ballo Luca Bonanata. In serata è stata depositata la somma nella filiale della banca a Lamezia Terme.

Telethon, la raccolta fondi per la ricerca tonda hanno preso parte il sindaco Eugenio Gallo, il consigliere regionale Francesco Talarico, il dottore Franco Pucci, ricercatore del centro ospedaliero Mater Domini di Catanzaro, e il dottor Pasqualino Graziani, responsabile Bnl di Lamezia Terme. «La ricerca sulle malattie genetiche hanno evidenziato in coro i relatori è un lavoro impegnativo che va affrontato con i mezzi e le risorse necessarie per ottenere risultato. Ci vogliono, però, anche bravi professio-

nisti, che in Italia, senza strumenti validi a disposizione, tendono ad espatriare. Ebbene, Telethon sta riuscendo a trattenerli. Questo incontro serve ad informare ma, sopratutto, a suscitare un coinvolgimento volontario importante per facilitare il compito degli scienziati, chiamati in prima persona ad operare per rendere positivo il nostro futuro, la nostra salute». Nel corso del convegno è stato presentato il calendario 2009 su Martirano Lombardo, con i disegni dell'ar-

chitetto Leonardo Roperti sui luoghi più suggestivi. Le litografie originali, raffiguranti viale Dei Tigli, La Rotonda ed una Veduta, sono state messe all'asta: acquirente è risultato il comune. «Un vivo ringraziamento - ha detto ancora Marisa Aiello - intendo rivolgerlo all'amministrazione comunale per la collaborazione e l’acquisto delle litografie che, in questo modo, resteranno per sempre esposte nella sede municipale come bene della comunità». A conclusione dell’in-

CARAFFA Il consigliere Conidi riflette sulla situazione politica e sui bisogni dei cittadini

«Bisognerebbe rimodulare l’esecutivo» ta del consigliere provicniale e comunale, Francesco Conidi. «Nonostante - prosegue - i miei continui tentativi miranti all’apertura verso la gente con la quale condividere l’azione amministrativa, a tutt’oggi

nulla di tutto questo è accaduto. È con senso di responsabilità che affermo queste cose. Quando sostenni la lista, che ha vinto le elezioni amministrative, puntavo ad un rinnovamento della politica condivisa e

non a semplici azioni personali o a prerogative di pochi. La politica è un arte nobile che può dare grandissime soddisfazioni se si riesce a fare con grande umiltà, rispondendo a quelle che sono le aspettative ed i bi-

sogni della gente, ma diventa altresì una cosa poco credibile se ci si arrocca su posizioni personali. Molte sono le aspettative - conclude - e le speranze dei cittadini di Caraffa che non è giusto deludere e per le quali non intendo addossarmi alcuna responsabilità. Ritengo necessario, ed in tempi urgenti, una verifica sullo stato dell’Amministrazione se necessario, una rimodulazione dell’esecutivo».


Pag. 34

APPUNTAMENTI il Domani

Venerdì 19 Dicembre 2008

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

CATANZARO Presso il Centro per l’arte contemporanea l’inaugurazione di “Humana Res” dell’artista calabrese di origine e lombardo d’adozione

Personale di Marra all’Open Space La mostra, curata dal critico Coltellaro, fa parte dell’articolato programma della rassegna “In out quattro” CATANZARO — E’ stata inaugurata nei giorni scorsi, nel Centro per l’arte contemporanea Open Space di Catanzaro la mostra personale “Humana Res” di Max Marra, artista calabrese di origine e lombardo d’adozione che da oltre un trentennio opera nel campo della ricerca e della sperimentazione visiva. La mostra, curata dal critico Teodolinda Coltellaro, è parte dell’articolato programma della rassegna “In_out quattro” 2008-2009 promossa ed organizzata dall’Associazione culturale Open Space di Catanzaro. Ha presentato la mostra la curatrice soffermandosi sulle opere in mostra, esemplificando contenuti, temi e linguaggi che accompagnano da anni la personale ricerca e poetica dell’artista. Nell’articolata presentazione, il critico ha ulteriormente sottolineato come dal lavoro di Marra emerge un saldissimo legame con le sue radici culturali che non ha mai smarrito, sotterraneo filo che riconduce costantemente il suo fare alla terra che gli ha dato le origini, quella stessa terra, che ne accoglie i periodici, fertili, ritorni. Anche questa mostra all’Open Space di Catanzaro si profila sul-

Domani parte Lamezia Jazz col performer Gegè Telesforo LAMEZIA TERME — Una intensa sta-

Il pubblico all'inaugurazione

le note emozionali del ritorno, di un moto affettivo che carica l’evento espositivo di un valore aggiunto fondamentale, profondamente umano. La sua recente produzione artistica in mostra è rappresentata da segni, disegni, tracce, impronte con una forte valenza gestuale. Nella sua ricerca artistica utilizza linguaggi diversi (dalla pittura alla scultura, all’installazione). Sono intervenuti all’inaugura-

zione il Presidente della Provincia di Catanzaro dott. ssa Wanda Ferro, l’Onorevole Doris Lo Moro e numerosi artisti e operatori culturali. La mostra è patrocinata dall’assessorato alla Cultura della Provincia e del Comune di Catanzaro e resterà aperta sino al 12 gennaio 2009 (lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 17.00 alle 21.00. Chiusa dal 27 dicembre 2008 all’1 gennaio 2009).

LOCRI Domani l’esibizione dei giovani e talentuosi fratelli Vincenzo ed Ermes Nizzardo

“Concerto di Natale” a Palazzo Nieddu Del Rio LOCRI — A Locri domani, con inizio alle ore 18,30, Palazzo Nieddu Del Rio sarà al location del “Concerto di Natale” con l’esibizione dei fratelli Vincenzo ed Ermes Nizzardo. Il concerto rientra nel ricco calendario delle manifestazioni che sono in programmazione nella Città di Locri nel mese di dicembre 2008 e che si concluderanno nella prima settimana del mese di gennaio 2009. Nonostante la giovane età i fratelli Vincenzo ed Ermes Nizzardo vantano un lungo curriculum musicale: Finalisti a Bologna dello Zecchino D’Oro Finalisti Nazionali a Cologno Monzese per “Bravo Bravissimo”. Anno 1999 città di Aiello Calabro prov. di Cosenza ricevono il premio “Migliore interpretazione” al festival della canzone “Memorial Rino Gaetano”. Nello stesso anno Ermes vince il premio “ La Befana d’Oro” e l’anno successivo lo stesso premio viene vinto da Vincenzo. Vincono il Concorso Internazionale di Canzoni Inedite “Biancamusica” a Salerno. Anno 2001 Vincenzo riceve il premio “Regione Campania” dal Presidente della Regione. Nell’anno 2001 e 2002 partecipano al Tour estivo in Calabria con il noto cantante Mino Reitano, inoltre, partecipano con Reitano al Programma “La Sera dei Miracoli” condotto da Simona Ventura e trasmesso in diretta da Rai 1. Anno 2002, Vincenzo, su 1800 partecipanti arriva al IV posto al “Festival di Napoli” con l’Accademia Chopin, condotto da Iva Zanicchi e trasmesso in mondovisione da Rete 4 con il brano L’Orizzonte, scritto e musicato dal Cantautore Danilo Amerio. Vincenzo nel 2003 partecipa allo stage e supera le semifinali del “Premio Mia Martini” a Bagnara Calabra. Su oltre 250 partecipanti i fratelli Nizzardo entrano a far parte del-

Vincenzo e Ermes Nizzardo

la rosa dei 15 cantanti del “Festival Italiani nel Mondo” tenutosi nell’anfiteatro di Lioni prov. di Avellino e per questo ricevono il premio “Città di Catanzaro” dal Sindaco Sergio Abramo. Nel 2004 si aggiudicano il premio “Fabio Marino” e accedono di diritto al festival “Il Pilone D’oro” di Messina. Vincenzo si aggiudica il I° posto alla “VI° selezione internazionale Fredrych Chopin” nella sezione cantanti Lirici 2004 tenutosi a Gizzeria Lido (Lamezia Terme), conduttrice della serata Sara Ventura e Premiato dal presidente della giuria M° Rolando Nicolosi. Si sono esibiti col Tenore “Terranova”. Hanno duettato con il Tenore “Edoardo Guarnera” alla V° ediz. F. Chopin. Vincono con L’Accademia Chopin Teenagers il I° posto alla XIX° ediz. del Festival Internazionale “Passaporto per il Successo”, tenutosi al teatro delle fonti di Fiuggi. I° posto a Messina dove vincono il Premio “Il Pilone D’oro”IV° edizione. Vincenzo vince il “Festival della Canzone” di Tursi

prov. di Matera che gli dà diritto di partecipare alle semifinali del Festival di Castrocaro 2005 ed Ermes si aggiudica la “Migliore interpretazione”. Partecipano come vincitori del Pilone D’oro allo stage “Stefania Rotolo” ad Ostia Lido e trasmesso da Rai 2. Vincono il concorso canoro città di Taurianova e gli viene assegnata una borsa di studio. Vincenzo vince il 15°concorso Europeo di Canzoni Inedite “Biancamusica” ad Atena Lucana (SA). Vincenzo partecipa alle selezioni nazionali del Festival di Castrocaro. Vincenzo fa parte dell’imponente Cast del Musical in due Atti scritto dal Maestro Antonio Maiello “Federico II La danza del falcone” nel ruolo di Pierre delle Vigne prodotto da David Zard, con il quale si è esibito nei più importanti teatri d’italia come Il teatro Massimo di Palermo, il teatro Pirandello di Agrigento, il Teatro Liryk di Assisi, ecc. Vincenzo vince come migliore interprete maschile il “Sanremo Music Awards” al Palafiori di Sanremo. Vincono il Festival Show 2007 classificandosi al 3° posto condividendo il Palcoscenico con i più grandi artisti della Musica Italiana. Ermes si aggiudica il 1° posto alla Rassegna “Ali da Spiegare “ tenutosi nel prestigioso teatro Cilea di Reggio Calabria. Partecipano al Sanremo Lab riscuotendo consensi da diversi Produttori Discografici.

gione di concerti, seminari e varie iniziative atte a promuovere la diffusione del Jazz, quella organizzata dalla Associazione Musicale Bequadro, che ripropone con successo le creative sonorità di questa musica, nelle sue varie forme, e con una rinnovata volontà di scandagliare meglio le grandi realtà musicali che il Jazz è capace di offrire. I vari appuntamenti che la rassegna di quest’anno ci proporrà, convergono tutti verso un unico scopo: accrescere la capacità di pensare e di immaginare la musica e quindi ampliare la portata culturale ed educativa di chi ne fruisce. Gli artisti che vi prenderanno parte, con la loro storia e le loro performance sonore, ci hanno inviteranno a cercare in questa musica quell’intimo insegnamento che forse non ci aiuta a vivere, ma che ci può aiutare a cogliere sempre meglio il nucleo, la sostanza della nostra condizione di uomini. “Lamezia Jazz” si è presentata con una programmazione concertistica varia ed articolata, capace di offrire, non solo alla città di Lamezia, ma a tutto il territorio regionale, i presupposti per una maturazione musicale e culturale costante ed equilibrata. Giuliana Soscia, Pino Iodice, Dario Deidda, Pippo Matino, Daniele Scannapieco, Max Ionata, Reuben Rogers, Clarence Penn, Scott Henderson, Buster Williams e tantissimi altri artisti saranno gli artisti che saliranno il palcoscenico di questa settima edizione del Lamezi Jazz Festival. Domani presso il Teatro Umberto alle ore 20 aprirà la rassegna GeGè Telesforo è l’unico artista/performer italiano che si possa fregiare del titolo di Groove Master, dal 1989 ad oggi con i suoi numerosi dischi ha unito anima e cuore, corpo e testa in una musica semplice, in un unico groove. Facendosi circondare dai migliori musicisti del jazz e del funk nazionale ed internazionale GeGè ha riversato nella sua carriera l’esperienza accumulata in tanti anni di televisione, il contatto con i grandi artisti incontrati, l’intuizione tipica dell’ uomo di radio quale è. Conscio dell’importanza di mantenere

sempre intatta la propria libertà artistica Telesforo ha scelto la strada dell’indipendenza produttiva molti anni fa. Nessun altra scelta poteva essere migliore! E proprio l’indipendenza è la cifra comune di questa raccolta: la capacità di muoversi nella musica senza limitazioni e di sfruttarne tutti i lessici. L’amore del jazz viene da lontano per GeGè, così come da lontano viene l’uso ritmico della voce, doveroso tributo ai suoi maestri, ma è il funk che trasuda da questa raccolta, un funk tutto italiano che la scena internazionale ci invidia e che Telesforo ha portato ovunque in giro dagli Stati Uniti al Giappone, come ospite di revues e come solista con i suoi fidi musicisti, mettendosi in discussione e condividendo il palcoscenico proprio con i suoi maestri. La lista di amici che si uniscono a GeGè in questa festa è lunga e non vi vogliamo togliere qui il piacere di scoprirli uno ad uno ma possiamo anticiparvi con sicurezza che i prossimi ad essere invitati siete Voi Per ricordarvi il coraggio del jazz e l’orgoglio del funk che GeGè Telesforo ha colorato di passione italiana. Il Sindaco Gianni Speranza ha dichiarato che Lamezia Jazz è diventata un appuntamento usuale per tutti quelli che vogliono avvicinarsi a questa musica; una scatola sonora che merita di essere dischiusa, una storia che aspetta di essere narrata, un palcoscenico che attende di essere illuminato dalle grandi emozioni che il Jazz è ancora capace di dare, e che sta segnando quella svolta artistico-culturale che da tempo attendevano.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 35

APPUNTAMENTI CALABRIA La rassegna, curata dall’Associazione Calabria Mia, partirà lunedì 22 dicembre presso il Complesso Monumentale di San Domenico

La II biennale d’arte città di Lamezia Terme Una mostra dedicata a due pittori calabresi recentemente scomparsi, il lametino Nicolino Romeo e il tropeano Albino Lorenzo LAMEZIA TERME — Seconda edi-

zione per il Concorso Nazionale Biennale d’Arte di Lamezia. Una grande manifestazione che richiamerà tutti i più prestigiosi nomi del settore pittura, scultura e ceramica. La rassegna partirà lunedì 22 dicembre, con inaugurazione alle ore 17, presso il Complesso Monumentale di San Domenico con l’apertura della Sezione storica, con mostra delle opere dei maestri: per la Pittura Nicolino Romeo, Albino Lorenzo, Andrea Cefaly, Enotrio Pugliese, Giuseppe Marino, Rodolfo Zito, Vincenzo Caridi, Mimmo Rotella, Antonio Marasco, Enzo Benedetto, Silvio Lo Celso, Martino Serra; per la Scultura Michele Zappino, Pino Farina, Carmine Cecola, Antonio Saladino. La rassegna verrà dedicata a due pittori calabresi recentemente scomparsi, il lametino Nicolino Romeo e il tropeano Albino Lorenzo. Sessanta saranno le opere pittoriche e sedici le sculture che faranno parte della sezione storica e vanno dai primi del ‘900 ai giorni nostri, più precisamente dal Futurismo alla Transavanguardia L’evento, curato dall’Associazione

Cosenza, al Morelli “Scena verticale” e “Libero teatro” COSENZA — Due classici della commedia e tragedia greca, L’Aiace di Sofocle e I Cavalieri di Aristofane, sono al centro dei lavori laboratoriali che, nell’ambito di Calabria palcoscenico, sono state rappresentate ieri e andranno in replica oggi al Teatro Morelli di Cosenza. Le compagnia “Scena verticale” e “Libero teatro” hanno trascorso intere giornate per produrre il progetto “Polis – potere e corruzione dall’antica Grecia alla nuova Calabria”. Un titolo che la dice lunga su quali siano gli obiettivi delle due pièce, di circa 50 minuti ciascuna, nella quali sarà possibile rintracciare elementi dell’attualità politica e della questione morale che sta accendendo il dibattito in questi giorni. La regia dei due spettacoli è affidata a Dario De Luca e Max Mazzotta. «Cos'è più efficace contro le mafie, la politica corrotta e i loro poteri, la comicità o la tragedia? Aristofane o Sofocle? Nel percorso laboratoriale – scrivono nella nota di presentazione - abbiamo provato con l'uno e con l'altro linguaggio: con la crudezza e l'espressività del linguaggio tragico, ma anche esercitando la critica del riso nei confronti delle goffaggini kitsch delle mafie e dei nostri governanti corrotti, con cui anelano "grandezza". Non a caso i due testi su cui abbiamo indagato sono l'Aiace di Sofocle (tragedia) e I Cavalieri di Aristofane (commedia). Queste le premesse che ci hanno permesso di lavorare insieme ad un progetto di forte valenza culturale oltre che artistica. Ci siamo divertiti, ma abbiamo anche riflettuto molto. Pensiamo che il Teatro - concludono - abbia ancora tanto da raccontare a questa nostra terra, per questo crediamo sia sempre utile e attuale indagare come i grandi maestri, ma anche i giovani spettatori si confrontano con i temi della democrazia, dell'impegno civico, dell'arte e della letteratura che il lavoro dei grandi classici suggerisce».

Calabria Mia di Pino Natale, è patrocinato dal Comune di Lamezia e dalla Provincia di Catanzaro. Da giovedì 22 gennaio la rassegna si arricchirà con la mostra di tutte le opere in concorso e fuori concorso, con chiusura e premiazione giovedì 19 febbraio alle ore 11.30 nel parterre del Teatro Umberto. Importante appuntamento per il settore dell’Arte ma anche per la città, che per la seconda volta diventa luogo di incontro d’artisti provenienti da tutte le parti d’Italia. Tante le iscrizioni al concorso, che chiuderanno il 30 dicembre, che sono giunte al Comitato scientifico composto da Luigi Talarico, critico d’arte; Carlo Fabrizio Carli, architetto e membro permanente del Comitato scientifico della Biennale di Venezia; Silvio Amelio, scultore e docente; Pino Farina, scultore e docente; Elvira Leuzzi, docente di critica d’arte. Si tratta soprattutto di giovani che hanno espresso grande apprezzamento per una rassegna che dà spazio all’arte. Pino Natale ha dichiarato: «Ho organizzato e curato tantissime mostre, e non solo a Lamezia Terme, ma in tutta la Calabria, e sono lieto

di poter contribuire, sostenuto da un valido e preparato Comitato Scientifico, con iniziative di questo genere alla crescita culturale della nostra città”. Aggiungendo che la mostra, “non è solo occasione per fregiare Lamezia Terme di nomi importanti, ma anche per gli artisti, troppo spesso bistrattati, di vedersi riconosciuti anche in questa città un doveroso spazio per esibire il frutto di anni e anni di lavoro». Gli ammessi al Concorso proverranno da tutta Italia, tutte le regioni saranno degnamente rappresentate, anche se a fare la voce grossa sarà certamente la regione Lazio, seguita da Campania, Piemonte, Liguria, nonché la nostra Calabria. I premi: ai primi classificati per ognuna delle due sezioni, Pittura e Scultura, andrà un assegno di 1,000 euro cadauno. Ai primi tre classificati, sempre delle due sezioni, una targa in oro e argento. Tutti gli artisti partecipanti alla Biennale vedranno il loro nome inserito nella Rassegna artistica a cura di Pino Natale. Fuori Concorso saranno assegnati il premio della Critica e per la Carriera.

L’Unical realizza un archivio immagini Rai sulla ‘ndrangheta RENDE — La ‘ndrangheta diventa

oggetto di ricerca accademica. Grazie all’iniziativa del Centro Studi sull’Intelligence promosso dal Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università della Calabria, verrà sottoscritto domani venerdì 19 dicembre alle ore 11 presso al sala stampa dell’Aula magna dell’Università della Calabria un protocollo d’intesa con la sede regionale della Rai per la realizzazione di un archivio di immagini sulla ‘ndrangheta provenienti dalle teche dell’emittente pubblica radiotelevisiva. Tale materiale, raccolta con finalità di documentazione scientifica, sarà selezionato e messo a disposizione di studiosi e studenti anche tramite internet. Saranno il Direttore del Dipartimento di Scienze dell’Educazione Viviana Burza e il Direttore della sede Rai della Calabria Basilio Bianchini a firmare l’accordo che prevede la realizzazione dell’archivio di documentazione entro il mese di giugno 2009. Per confermare l’impor-

tanza culturale dell’avvenimento, alla conferenza stampa parteciperanno il Rettore Gianni Latorre, il Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia Raffaele Perrelli, il Presidente del Corso di laurea di scienze della formazione primaria Giuseppe Spadafora, il Presidente del Corso di laurea di Scienze dell’educazione Giovannella Greco, il Coordinatore del Centro Studi di documentazione scientifica sull’Intelligence Mario Caligiuri, il Questore di Cosenza Raffaele Salerno nonché numerosi docenti e iscritti al master sull’Intelligence dell’ateneo calabrese ed altre autorità. «Il contrasto alla criminalità oggi, in tempi di crisi finanziaria globale, non può che avvenire sul piano culturale della conoscenza scientifica. Appunto per questo lo strumento dell’intelligence diventa strategico e decisivo», ha dichiarato Mario Caligiuri, coordinatore del Centro Studi e direttore del Master sull’Intelligence dell’Università della Calabria.

RICERCA PERSONALE QUALIFICATO Si precisa che tutte le inserzioni relative alla ricerca di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata ai sensi dell’art. 1 della legge 9/12/77 nr. 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

Societa’ finanziaria leader del mercato

CERCA in Calabria

per completamento organico

n. 2 figure professionali cosi delineate:

a) Professionista esperto di mutui b) Figura commerciale prestiti personali. I candidati interessati dovranno far pervenire curriculum vitae ed espressa autorizzazione al trattamento dati al seguente indirizzo:

Silf ubi><banca, via Leopoldo Muzii 22, 65123 Pescara indicando sul retro della busta:

selezione area Calabria.

Ica Foods SpA

azienda leader nel settore alimentare, ricerca per le provincie di CATANZARO e CROTONE

VENDITORI per attività di vendita con furgone Garantiamo: provvigioni mensili, premi ed incentivi, automezzo (Ducato), formazione retribuita. Requisiti: patente di guida B, disponibilità ad operare con p. iva. Per info. e colloqui 0968. 727809 (ore ufficio) oppure 335.7274580

www.icafoods.it

SPA

è la concessionaria di pubblicità esclusiva dei mezzi : AsteInfoappalti QuiEconomia il Domani della Calabria QuiSardegna Nord e di un qualificato sistema internet come www.aste.eugenius.it | www.calabriacity.com | www.ildomani.it Inoltre rappresenta, per la Calabria, importanti gruppi editoriali nazionali . Nel quadro di un programma di sviluppo della Divisione Pubblicità locale

ricerca

nr. 5 SALES ACCOUNT/ambosessi per le province di

Catanzaro | Vibo Valentia | Crotone | Cosenza | Reggio Calabria ai quali verrà affidato un importante elenco clienti da sviluppare, per prodotto di vendita, nella provincia di competenza. Ricerchiamo diplomati o neolaureati, brillanti e responsabili con spiccate capacità relazionali che dimostrino costanza e tenacia nel raggiungimento degli obiettivi. Offriamo: la possibilità di entrare in un’azienda innovativa e che da sempre forma i migliori venditori del settore attraverso formazione e supporto costante sul campo; un importante compenso provvigionale con erogazione di anticipi mensili commisurato alle effettive capacità. incentivi al raggiungimento degli obiettivi; mandato Agente Enasarco sede di lavoro: Calabria Si richiede: disponibilità all’iscrizione all’Albo Agenti e auto propria. SEDE DI LAVORO: province di Catanzaro, Vibo Valentia, Crotone, Cosenza, Reggio Calabria DIVISIONE AZIENDALE: Vendite Pubblicità Locale TIPOLOGIA CONTRATTO: Agente di Commercio Inviare dettagliato curriculum vitae a : Mediatag Spa - Selezione Fax : 0961.903421 | Email: info@mediatag.it Località Serramonda- Zona Ind.le , 88040 Marcellinara (Cz) Ai sensi degli articoli n°1 L.903/77 e n°4 L.125/91 questo annuncio è diretto a candidati dell’uno e dell’altro sesso. Informativa ai sensi del D. Lgs 196/2003. La gestione dei dati avviene nel pieno rispetto del D. Lgs 196/2003 ed in qualsiasi momento l´Interessato potrà esercitare i diritti di cui all´articolo 7.


36 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA Da domenica presso il Museo Diocesano d’Arte Sacra un evento espositivo sui tessuti della città dei Tre Colli dal XV al XIX secolo

“Seta. Il filo dell’Arte” a Catanzaro Un’occasione per celebrare una storia delle produzioni tessili dalle sfaccettature vaste e diversificate CATANZARO — Domenica 21 dicembre alle ore 17.30 presso il Museo Diocesano d’Arte Sacra di Catanzaro verrà inaugurata la mostra: “Seta. Il filo dell’Arte” Tessuti a Catanzaro dal XV al XIX secolo. L’evento espositivo è realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, dalla Regione Calabria - Fondazione Calabria Film Commision, dal Museo Diocesano di Arte Sacra di Catanzaro, con il patrocinio dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro – Squillace. La mostra, a cura di Oreste Sergi, resterà aperta fino al 28 febbraio. In questo periodo si potranno ammirare, nelle sale espositive della struttura museale, damaschi, velluti, taffetas, broccati, broccatelli, gros de Tours, provenienti dalle maggiori chiese della città Cattedrale di S. Maria Assunta e dei Santi Pietro e Paolo, Rettoria del Ss. Rosario, Parrocchia di S. Teresa all’Osservanza, Rettoria di S. Maria de Figulis seu Montecorvino – dalle chiese di Sellia Superiore, di S. Pie-

I manufatti esposti testimoniano quel fervore culturale che nei secoli ha contraddistinto il capoluogo di regione tro Magisano e di Vincolise, nonché da alcune collezioni private. Tra i numerosi pezzi si potranno apprezzare una dalmatica in broccatello della fine del XV secolo proveniente dalla parrocchia di S. Nicola di Sellia Sup., due abiti settecenteschi provenienti dalla parrocchia dei Ss. Simone e Giuda di Vincolise, una splendida gonna in damasco “bizzarre” proveniente dal Santuario della Madonna della Luce di S. Pietro Magisano, la seicentesca pianeta detta dei “Bor-

gia” e l’abito impero in velluto piano dell’Addolorata provenienti dalla rettoria del Rosario di Catanzaro, un piviale in damasco classico proveniente dalla Cattedrale, una dalmatica cinquecentesca in damasco viola dell’Osservanza, una raffinata pianeta in taffetas broccato appartenente alla rettoria di S. Maria de Figulis. I tessuti serici rappresentano per Catanzaro e la Calabria intera l’occasione per celebrare una storia sulle produzioni tessili catanzaresi dalle sfaccettature vaste ed estremamente diversificate in cui la bellezza dell’effimero, che riluce dalle cromie delle sete d’orditi e trame, dialogano con una storia più ‘importante’. Una storia fondata, principalmente, su vicende umane che ritrovano, in ogni singola tipologia tessile, quelle circostanze con le quali, quasi per assurdo, condividono i segni di avvenimenti che hanno per sempre cambiato il corso degli eventi di una comunità. Catanzaro in quest’occasio-

ROCCA IMPERIALE Prenderà il via sabato 27 dicembre, sotto la direzione artistica di Enzo Arcuri

P-assaggi Sonori, la I edizione ROCCA IMPERIALE — Prenderà il via sabato 27 dicembre prossimo, sotto la direzione artistica di Enzo Arcuri ed il coordinamento musicologico della dott. ssa Clara Tufarelli, la manifestazione “P-assaggi sonori – L’arte di guardarsi intorno”, patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Rocca Imperiale, in collaborazione con il Consorzio per la tutela e la valorizzazione del limone di Rocca Imperiale e dell’Alto Jonio Cosentino. Si tratta di una rassegna itinerante dedicata alle arti che, attraverso la realizzazione di una serie di eventi culturali, intende promuovere artisti di culture, linguaggi e storie diverse valorizzando, al contempo, la cultura locale ed il patrimonio architettonico dei centri dell’Alto Jonio. La manifestazione, quest’anno al suo esordio, rende omaggio alla cittadina di Rocca Imperiale, ed in particolare al suo celebre “limone”, ormai annoverato tra i prodotti Igp (Indicazione Geografica Protetta) della Regione Calabria.

Attraverso cinque appuntamenti musicali, che si terranno tra dicembre ed aprile nello splendido Monastero costruito fra la fine del 500 e l'inizio del 600 dai Frati Minori francescani e recentemente ristrutturato, sarà possibile rivisitare il percorso territoriale compiuto dal “limone” (Medioriente - Sud America – Europa dell’Est – Spagna) prima del suo approdo nell’Italia meridionale e, più precisamente, a Rocca Imperiale. Il periodo di svolgimento della manifestazione (da dicembre ad aprile) è stato consapevolmente scelto dagli organizzatori tra quelli al di fuori dei tradizionali flussi turistici, proprio al fine di promuovere e valorizzare le bellezze architettoniche e territoriali ed i migliori prodotti agroalimentari a denominazione di origine protetta, ascoltando musica ed esaltando i piaceri sensoriali. Tutte le serate prevedono, infatti, una prima fase dedicata alla degustazione, affidata alla vineria “I Baccanti” di Nova

siri, che proporrà pietanze a base di limone accompagnate dai vini delle Cantine Cerrolongo dell’azienda agricola Battifarano e, a seguire, l’esibizione musicale. In occasione del primo appuntamento si esibirà il gruppo di musica etnica degli “Omphalos”, con un itinerario musicale che, partendo dalla Grecia, dal Nord Africa e dal Medio Oriente, approderà nel Sud Italia attraversando la Campania, la Puglia e la Calabria, per continuare il suo cammino fino alla Spagna e al Portogallo; il tutto arricchito da influenze irish-folk, celtiche, balcaniche, ebraico-sefardite, jazz e afroamericane. Un ponte immaginario, quindi, che abbraccerà non solo le diverse culture musicali sparse per il mondo, ma anche la danza e la poesia, componenti fondamentali della tradizione dei popoli che da sempre influenzano il modo di far musica del gruppo. Info www. p-assaggisonori. it r. s.

Nelle sale espositive damaschi, velluti, taffetas, broccati, gros de Tours, provenienti dalle maggiori chiese ne, pertanto, può oggi, attraverso una ricontestualizzazione dei “suoi” tessuti, ritrovare parte della sua storia. Con l’iniziativa della mostra documentaria di manufatti tessili serici ci si prefigge lo scopo non solo di creare e stimolare la capacità di percepire, conoscere, studiare e valutare i propri beni storico - artistici, ma anche di formare e sviluppare attraverso essi, una propria identità culturale locale, cercando di produrre, documentare e trasmettere cultura.

Il percorso di ricerca, studiato e creato per analizzare i diversi manufatti e le diverse tipologie di tessuti e di moduli decorativi, punta l’obiettivo su di un’analisi di studio inerente ad interventi finora prodotti al di fuori della Calabria, in particolare in quelle regioni ove forte era ed è la produzione e la commercializzazione di tessuti serici: Sicilia, Campania, Toscana, Liguria, Veneto, Lombardia. L’argomento assume grande rilevanza sia nel contesto globale culturale della Calabria, sia per ciò che concerne la situazione della città di Catanzaro con le sue specificità e gli aspetti manifatturieri artistici di particolare interesse ed a tratti unici. I manufatti esposti testimoniano, pertanto, quel fervore culturale che nei secoli ha contraddistinto la città di Catanzaro, rispetto le altre realtà calabresi e meridionali, all’interno della quale un’attività produttiva, come quella serica, diveniva pretesto per affermare la propria espressività.

Cosenza, un corso di teatro primo avvicinamento all’arte COSENZA — Il corso di teatro proposto dal Cifa (Centro Internazionale Formazione delle Arti) si pone come un primo avvicinamento al teatro, un’occasione per indagare la voglia e il coraggio di mettersi in gioco. Quello del laboratorio teatrale è un approccio graduale alla creazione di uno spettacolo, che si propone di raggiungere in prima istanza una consapevolezza del diverso valore che il corpo e la voce acquisiscono nello spazio scenico, per poi incanalare le scoperte individuali verso un prodotto creativo unitario. Utilizzando tecniche teatrali, quali l’improvvisazione, il training fisico e vocale, la scrittura creativa, si cercherà di rendere i partecipanti più consapevoli e più sicuri dei propri mezzi espressivi sollecitando la creatività del singolo. Attraverso la guida di docenti dalle specifiche competenze professionali, l’allievo sarà portato ad essere protagonista di ogni aspetto dell’evento teatrale che si andrà a realizzare: la drammatizzazione, la creazione del personaggio, il costume, la musica e il canto. Il per-

corso del laboratorio teatrale è finalizzato alla creazione di uno spettacolo che verrà presentato al pubblico e rappresenta una prima tappa di un progetto triennale che si propone come momento di formazione teatrale non occasionale ed isolata, ma estesa nel tempo e diversificata nelle sue proposte didattiche. r. s.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 37

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“I fuochi di Tomtor” oggi al castello medievale di Castrovillari con il reading di poesia “la pausa tra due note”

A Cariati “Sentu lu strisciu...” IL CARTELLONE

Con l’associazione culturale “Sala365”, “Natale insieme 2008” a Catanzaro

ALTOMONTE (Cs) - Iniziative di Carnevale Pronto il cartellone del 1°Carnevale delle Tradizioni che si terrà ad Altomonte dal 21 al 24 febbraio 2009. Un’iniziativa, patrocinata dal Comune di Altomonte, ideata e promossa dai giovani dell’associazione culturale “Altomonte in Movimento”. BORGIA (Cz) - Festa del Natale La Roma Touring di Francesco Corea,con il patrocinio dell’assessorato allo Sport e Spettacolo del Comune di Borgia, presenta la “Festa del Natale”. Domenica 21 dicembre dalle ore 17.00, Animazione e sagra delle crespelle. Ore 18.30 presso la Chiesa Matrice, il concerto del Tenore Amerigo Marino. CARIATI (Cs) - Eventi natalizi Natale a Cariati. Il programma degli eventi “Sentu lu strisciu di ...”: Oggi, zampogne per le vie della città, piccola recita natalizia presso il salone della Chiesa Cristo Re e “pitta ccù sarde”, divertente spettacolo teatrale a cura CompagniaKrimisa di Cirò Marina. CASTROVILLARI (Cs) - Mostra d’arte Ri-uso L’associazione culturale FormaEventi, con il patrocinio della Provincia di Cosenza, assessorato all’Ambiente e del Comune di Castrolibero, presenta la mostra “Ri-uso d’arte ovvero la fantasia ri-trovata” che sarà allestita presso la sala conferenze del “Centro Associazioni” dell’Amministrazione comunale di Castrolibero con apertura al pubblico fino al 23 dicembre prossimi. La mostra sarà visitabile fino al 23 dicembre, tutti giorni dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle16.00 alle ore 20.00. CASTROVILLARI (Cs) - Fuochi di Tomtor Prosegue la prima edizione de I fuochi di Tomtor – Tre appuntamenti di poesia organizzati da “Il Musagete” di Francavilla Marittima e da Aljon Editrice con la collaborazione del Teatro della Sirena di Castrovillari, dell’Amministrazione comunale di Oriolo e dell’Istituto Tecnico Commerciale “Luigi Palma” di Corigliano, è itinerante e si svolgerà quest’anno a Castrovillari, Corigliano e Oriolo. Il Programma: oggi, ore 18.00, presso il Castello medievale con il reading di poesia La pausa fra due note-Viaggio nella poesia d’amore. CASTROVILLARI (Cs) - Spettacoli Primafila Riparte la 7° edizione di Primafila. Gli abbonamenti per la rassegna che si terrà a Castrovillari presso il Teatro Sybaris-Protoconvento Francescano dal 26 dicembre al 7 marzo (ore 21.30) e che prevede sette spettacoli ha il costo di 70,00, sono già in vendita presso la Dany Music di via Mazzini 57/A e la sede Dell’associazione Culturale Novecento in Via G. Boccaccio n.14 mentre, tra le novità di quest’anno, per tutti coloro che saranno presenti sul territorio cosentino, solo nel periodo Natalizio, è in vendita l’ abbonamento Festività che prevede tre spettacoli al costo di 37,00. Il programma degli spettacoli: venerdì 26 dicembre, Festival del Cabaret con Sergio Giuffrida, Giuliano Chiarello e Alessandro Bolide. Martedì 30 dicembre, Dario Cassini in “In caso d’amore scappa”. Venerdì 2 gennaio, Antonio e Michele in “Non è chiaro”. Sabato 24 gennaio, Compagnia teatrale Tisette gruppo del Pierrot in “L’arte della commedia”di E. De Filippo. Sabato 7 febbraio, Compagnia B-Way in “Grease” il Musical. 28 Febbraio, Gianluca Belardi in “danni di piombo”. 7 Marzo, Compagnia Cavea in “Non ti pago”di E. De Filippo. CATANZARO - Mostra di preziosi “Voglio solo essere meraviglosa”, questo il titolo della nuova

collezione di preziosi in argento e pietre dure di Ingrid Panetta, ispirata alla mitica figura di Marylin Monroe e che si terrà fino oggi, dalle ore 9.30 alle ore12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 21.00 presso la sala dell’Enel in Piazza Matteotti a Catanzaro. CATANZARO - Programmazione Polvere di stelle Fino a mercoledì 31 dicembre, nella zona adiacente allo stadio comunale, ed in particolare da via Pio x fino a piazza F.lli Bandiera per poi risalire per via Paglia, si svolgeranno una serie di iniziative con eposizioni varie, sagre e spettacolo di magia. Il Programma: oggi, esposizione bancarelle dell’artigianato ore 17.30 , Anni ’90 18.30 in poi, Sagra delle frittelle e della birra ore 20.30. Sabato 20 dicembre, sagra del gelato (Bar Tavano) ore 16.00 in poi , esposizione bancarelle dell’artigianato ore 17.30, sagra patate e peperoni e della birra ore 20.30 , Gdl in concerto ore 21.00. Domenica 21 dicembre, Free Style, modellini con motore a scoppio ore 10.00, esposizione bancarelle dell’artigianato ore 17.30 , Babbo Natale incontra i bambini ore 18.00, musica ore 18.30, Insieme a Piero Procopio ore 21.30. Martedì 23 dicembre, giornata del caffè offerta dal Bar Oasi del Caffè ore 8.00 in poi , tombolata e Musica alle ore 20.30. Mercoledì 24 dicembre, brindisi di Natale offerto dal Rocks Bar ore 18.30. Sabato 27 dicembre, esposizione bancarelle dell’artigianato ore 17.30. Musica di Salvatore Cuffaro ore 20.30. Domenica 28 dicembre, Musica, Insieme a Piero Procopio Atto II e mercoledì 31 dicembre, brindisi fine anno offerto dal Rocks Bar dalle ore 18.00 in poi. CATANZARO - Foto in bianco e nero L'Associazione fotografica “La Fototeca” a Catanzaro Marina, espone fino a martedì 6 gennaio, sulle vetrine degli esercenti di corso Progresso e via T. Gulli, foto in bianco e nero. CATANZARO - Eventi natalizi L’Associazione Culturale “Sala365” con il contributo dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, organizza nell’ambito della manifestazione “Natale Insieme 2008”, una serie di eventi. Fino al 7 gennaio prossimo, presso i locali Bivio Sala, mostra di presepi artigianali del “maestro” Antonio Mancuso. Oggi, mattinata interamente dedicata agli alunni ed ai bambini delle scuole materne ed elementari di Sala/Campagnella con la messa in scena di uno spettacolo teatrale, curato dal regista Mario Maruca. Nella stessa mattinata al suono delle “zampogne” di Andrea Bressi un “Babbo Natale” e le sue “mascottine” consegneranno “doni” di natale a tutti gli alunni delle elementari e materne. Per gli studenti della media sarà invece il Mago Florius con le sue “magie” a portare gli auguri con uno spettacolo che si terrà presso la scuola media Don Milani. A seguire, i “Binghillo Blues Band” nella mattinata di domenica 28 dicembreallieteranno i presenti con la loro musica pmentre presso lo stadio federale di Catanzaro Sala si terrà il torneo di calcio “Quadrangolare dell’Amicizia”. La Tombolatissima è prevista invece per lunedì 29 dicembre. Domenica 11 gennaio, torneo individuale di Burraco presso i locali Bocciofila Sala. Serata a teatro lunedì 12 gennaio con la commedia in vernacolo presso il Teatro Hercules. Martedì 13 gennaio, premiazione dei vincitori del primo concorso di poesia “Natale Insieme” e del primo concorso di fotografia “Il Natale in un clik”. CATANZARO - Mostra In-Out quattro Rimarrà aperta fino al 12 gennaio prossimo, presso il Centro per l’Arte Contemporanea “Open Space” di Catanzarola quarta edizione della rassegna “In-Out quattro”, un ciclo di mostre, eventi, incontri, promossi ed organizzati, per la stagione artistica 2008/09. Tra questi, anche la personale di Max Marra artista calabrese e lombardo di adozione, che presenta la sua più recente produzione artistica intitolata Humana Res (segni e dise-

gni, inchiostri, acrilici su carta e tela). Inoltre, per l’occasione è stato edito un catalogo per le Edizioni “Rubbettino”, contenente testo critico del curatore, apparato iconografico e nota bio-bibliografica sull'artista. La mostra resterà aperta fino al 12 gennaio 2009 (lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 17.00 alle 21.00). CATANZARO - Concorso di pittura e di scultura L’associazione di volontariato “Angologiro”, presieduta da Bianca Maria De Angelis, ha indetto un concorso di pittura e scultura per i ragazzi frequentanti l’ultimo anno all’Istituto d’Arte di Squillace ed al liceo artistico di Catanzaro. I ragazzi avranno tempo fino al 15 gennaio per aderire al concorso con le loro opere, che saranno visionate da un’apposita giuria. Per fine maggio si conosceranno, poi, i nomi dei sei vincitori che riceveranno premi in denaro, dell’importo di 750 euro (per i primi due classificati delle categorie “pittura” e “scultura”), di 500 (per i secondi classificati) e di 250 euro (per i terzi classificati). Le opere resteranno esposte nella bellissima “Villa Linda” di Sant’Elia, a cui fa capo l’associazione. CATANZARO - Mostra di Mimmo Rotella Fino al 20 gennaio, presso la F.lli Verduci Arte di via Duomo al n.18, si terrà la mostra dell’artista Mimmo Rotella. Orario galleria: feriali 9.00 - 13.00, 16.00 - 20.00 Festivi 10.00 - 13.00, 17.00 - 20.00. CATANZARO - Esposizione di Mimmo Rotella Rinnovata al Marca l’esposizione delle lamiere di Mimmo Rotella. Dopo cinque mesi di successi ed il grande consenso popolare che ha caratterizzato l’apertura del museo e lo spazio dedicato al maestro catanzarese, è tempo di cambiamenti. Così la mostra delle lamiere si completa con una integrazione che aiuta a comprendere fino in fondo una delle fasi creative più feconde del grande artista catanzarese. Grazie alla collaborazione tra Provincia di Catanzaro e Fondazione Rotella sono infatti giunte a Catanzaro, prevalentemente da importanti collezioni private milanesi, altre 16 opere. La rinnovata esposizione, curata ancora da Alberto Fiz, si protrarrà fino a marzo. CATANZARO - Rassegna espositiva Inaugurata presso il Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro, un’ampia rassegna espositiva dedicata ai più grandi pittori calabresi del Seicento, attivi a Roma: Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti, a cura di Rossella Vodret e Giorgio Leone. L’esposizione, voluta dalla Regione Calabria e dalla città di Catanzaro, con il contributo del Comitato Nazionale per le celebrazioni del III centenario della morte di Mattia Preti, presieduto dall’On. Vittorio Sgarbi, è stata organizzata dalla Soprintendenza per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici del Lazio, diretta da Rossella Vodret. La mostra, visitabile fino al 15 marzo 2009, resterà aperta tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 10.00 alle ore 19.00. CATANZARO - Allievi in mostra Oggi, presso il plesso Galati, alle ore 16.00, allievi in mostra e vendita di beneficenza sotto l’albero CATANZARO - Manifestazioni natalizie Manifestazioni natalizie del V Circolo didattico di Catanzaro. Programma: oggi ore 9.00, “Natale festa dell’amore” Scuola infanzia V.le Campanella; ore 16.30 Canti sotto l’albero Scuola primaria di S.Antonio e ore 16.30 ”Natala…’ncumpagnia” Scuola primaria di V.le Campanella.


38 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Ernesto Galli della Loggia sarà oggi ospite nella città dei Tre Colli per l’appuntamento culturale “Parole Chiave”

Siae per Telethon oggi a Catanzaro IL CARTELLONE

Il nuovo catalogo del Musmi sarà presentato con apposita cerimonia nel capoluogo di regione

CATANZARO - Siae per Telethon La Siae, direzione provinciale di Catanzaro, in collaborazione con alcune associazioni teatrali e con il patrocinio dell’assessorato al Comune di Catanzaro, ha organizzato per oggi presso l’auditorium Casalinuovo di Catanzaro, la serata di beneficenza a favore di Telethon da titolo “Cabarettando”. Tra gli altri, si esibiranno gli artisti Piero Procopio e Enzo Colacino. L’ingresso di 5,00 sarà devoluto interamente alla ricerca sulle malattie genetiche. CATANZARO - Gran galà di beneficenza Oggi, ore 21.00 presso il rinnovato Hotel Guglielmo di Catanzaro i Giovani imprenditori di Confindustria della provincia di Catanzaro, hanno organizzato il Gran Gala di Beneficenza giunto quest’anno alla sesta edizione. CATANZARO - Conferrenza su Piano P.o. Oggi, alle ore 11.00 presso gli uffici di via Gioacchino da Fiore a Catanzaro, la consigliera regionale di Parità, Maria Stella Ciarletta terrà la conferenza stampa di fine anno per presentare i risultati del “Piano Pari Opportunità Calabria” avviato nel 2007, su sollecitazione del presidente Agazio Loiero. Sarà presente all’incontro, oltre alla supplente dell’ufficio di Parità Tommasina Lucchetti, anche la vice capo di Gabinetto della Presidenza della Giunta Roberta Porcelli. CATANZARO - Paolo Migone al Masciari Oggi, con inizio alle ore 20.45, si esibirà al Teatro Masciari di Catanzaro, Paolo Migone con lo spettacolo "Completamente spettinato". Migone, noto artista della televisiva Zelig, porta sulla scena i migliori personaggi del suo repertorio e affronta i grandi problemi della vita con lo stile e l'ironia che da sempre lo contraddistinguono. L'artista toscano col solo strumento della parola racconterà l'eterna complessità del rapporto uomo donna ma anche situazioni di vita quotidiana in un racconto in cui all'invenzione alterna episodi autobiografici. Musica e una scenografia essenziale completano una serata che promette momenti di riflessione e tante risate. Biglietti: poltronissime e palchi reali Euro 22; poltrone e palchi euro18; galleria euro 10. Per informazioni e prenotazioni telefonare allo 0961-728390 o recarsi presso il botteghino del teatro Masciari dalle ore 17.30 alle 22.00. CATANZARO - Conferenza su “Diritto di difesa” Oggi, alle ore 15.30, presso il Museo delle Arti di Catanzaro, via Alessandro Turco, si terrà una conferenza stampa dell’associazione forense “Diritto di Difesa” per la presentazione dei caffè giuridico–letterari il cui primo incontro è previsto per domenica, 21 dicembre, alle ore 17.00. Interverranno, Wanda Ferro, presidente della provincia di Catanzaro e Daniela Palaia presidente dell’associazione Diritto di Difesa. CATANZARO - Sottovuoto di Perino e Vele Oggi, allle ore 11.00 al Marca, Museo delle arti sito in via Aessandro Turco a Catanzaro, si terrà la conferenza stampa di presentazione “Sottovuoto di Perino e Vele”. CATANZARO - Le strade del vino Oggi,alle ore 10.00 presso la sala del Consiglio provinciale, organizzato dalla Camera di Commercio di Catanzaro, in collaborazione con l’Amministrazione provinciale e il Gal Serre Calabresi - Alta Locride, si terrà il workshop “Strade del vino: i territori rurali protagonisti del successo di un sistema turistico locale”. CATANZARO - Mostra d’arte in ospedale Sarà inaugurata oggi alle ore 12.00 presso i locali del reparto di chirurgia pediatrica dell’ospedale Pugliese-Ciaccio, la mostra dei prodotti artigianali realizzati dal personale del reparto stesso. La mostra sarà visitabile fino a mercoledì 31 dicembre. CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Programma: Oggi, ore 18.00, presso Palazzo de Nobili, Emanuele Arciuli, pianista. Gennaio 2009: giovedì 15, ore 19.00, presso Teatro Politeama, concerto di capodanno Moscow state radio and tv synphony orchestra, Nicola Giuliani, direttore; Giuseppe Albanese, pianista; sabato 17, ore 18.00, presso Palazzo de Nobili, Daniela Ramacher, violino; Mario Cavaceppi, pianoforte; venerdì 30, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Claudia Antonelli, arpa; Lidia Osha Vkova, flauto. Febbraio: venerdì 6, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, musica e immagini concerto per grandi e piccoli, Maria Vacca, compositrice e interprete al pianoforte; venerdì 13, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Mattia Zappa, violoncello; Massimiliano Mainolfi, pianoforte; venerdì 27, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Vladimir Ovcinnikov, pianista.Marzo: venerdì 6, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, sestetto d'archi di Amburgo, Alina Komissarova, violino; Joanna Rundberg, vio-

lino; Sonia Reuter, viola; Antje Dampel, viola; Roberto Trainini, violoncello; Joannes Krebs, violoncello; venerdì 20, ore 20.00, presso Basilica Immacolata, orchestra da camera I solisti di Sofia, Plamen Djurov, direttore. Aprile: venerdì 16, ore 21.00, presso auditorium A. Casalinuovo, "Voce e notte" il tenore nella grande tradizione musicale napoletana, Giuseppe Talamo, tenore; Francesco Stillitano, pianoforte; venerdì 24, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: venerdì 8, ore 18.00, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; mercoledì 13, ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le tradizionali ed intramontabili crespelle. CATANZARO (Cz) - Parole chiave Oggi, presso l’Auditorium dell'Istituto Industriale di Catanzaro, nell’ambito degli appuntamenti di “Parole chiave”, sarà ospite della gionata uno dei maggiori opinionisti italiani, la firma di punta del «Corriere della Sera», Ernesto Galli della Loggia. CATANZARO - Testimoni di giustizia Oggi, alle ore11.00 presso la sala Giunta del Comune di Catanzaro, avrà luogo una conferenza stampa indetta dalla Fondazione Don Francesco Caporale Onlus, avente ad oggetto l’Istituzione della “1ª Giornata Nazionale a favore dei testimoni di Giustizia”. In merito alla questione, è stato anche deciso di istituire la “1ª giornata nazionale per i testimoni di giustizia” da celebrare sabato10 gennaioa Catanzaro, attraverso una serie di manifestazioni itineranti. CATANZARO - Concerti Gdl In occasione dei festeggiamenti natalizi “Polvere di stelle”, la Gdl Produzioni Artistiche Musicali, presenta ulteriori due concerti che si terranno in piazza Stadio di Catanzaro, oggi e sabato 20 dicembre dalle ore 18.00 in poi. Oggi, per “Stelle sotto l’albero”, la Gdl band composta da Fabio Sessa alla chitarra, Piero Dardano al basso, Antonio Gallelli alle tastiere e Gianfranco Caroleo alla batteria, accompagnerà tutti i cantanti storici della città di Catanzaro. Sabato 20 dicembre, “Anna Laura in concerto” accompagnata dalla sua band ufficiale, la Gdl. CATANZARO - Recite natalizie al VII Circolo La direzione didattica VII Circolo di Catanzaro, comunica che oggi, alle ore 9.30 presso la scuola dell’infanzia di Siano nord, si svolgerà la recita intitolata “Arriva Babbo Natale”.Sempre oggi alle ore 10.00, presso la scuola dell’infanzia Siano sud, si svolgerà la recita “Natale ... tempo di festa nel mio quartiere”. Alle ore 11, 00, presso la stessa scuola, la recita “Notte Santa” mentre alle ore 17.00, presso la scuola dell’infanzia di “Janò”, sita in via Strada per Magisano, la recita intitolata “Concerto di Natale” accompagnata da uno spettacolo per bambini e gioiose canzoni sotto l’albero. CATANZARO - Concerto del pianista Arciuli Oggi, alle ore 18.00 presso il Palazzo De Nobili di Catanzaro, a cura dell’Associazione Amici della Musica di catanzaro, si terrà il concerto del pianista Emanuele Arciuli. CATANZARO - Arte in corso Oggi, sabato 20 e domenica 21 dicembre, in diversi punti di corso Mazzini, ritornerà la magia di “Arte in Corso”, il festival degli artisti di strada promosso dall’Assessorato al Turismo del Comune di Catanzaro, guidato da Roberto Talarico. CATANZARO - Il cosmo sul comò Programmazione cinema comunale Catanzaro:da oggi a mercoledì 31 dicembre "Il cosmo sul comò" con Aldo Baglio, Giacomo Poretti, Giovannio Storti, Angela Finocchiaro eIsabella Ragonese". Orari Spettacoli: 16.00 -18.00 - 20.10 - 22.15. Chiusura settimanale, giovedì. Prezzo biglietto: Intero 6,00 - Ridotto 5,00 . CATANZARO - Pensieri di libertà Il Circolo unione-università permanente ufficializza il suo programma: Sabato 20 dicembre ore 17.00, Inaugurazione mostra pittorica dell’artista Luciano Blanc. La mostra resterà aperta fino al 31dicembre dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00; ore 17.30 : Scambio d’auguri e tradizionale tombolata. Lunedì 22 dicembre ore 17.30, momento di riflessione e spiritualità sul Santo Natale con monsignor Antonio Ciliberto, arcivescovo metropolita della Diocesi Catanzaro-Squillace. Sabato 27 dicembre ore 17.30, “Hotel Hallah” racconti di ambientazione e vissuto arabo di Giorgio Gigliotti. Intervengono il prof. Francesco Tigani Sava e Gabriel Cacho Millet. CATANZARO - Adol, presentazione stagione L'Adol “Jussi Bjorling”, presenta il programma 2008/2009: sa-

bato 20 dicembre, ricordo di G.Puccini nel 150°della nascita ore 17.30, presso il Circolo Unione; gennaio (data da definire), concerto augurale nuovo anno ore 17.30, presso il Comune; 14 febbraio,sul Don Giovanni di Mozart ore 17.30, presso San Giovanni;14 marzo,grandi scene da opere Verdiane ore 17.30, presso il Circolo Unione; 11 aprile, sulla direzione e concertazione d’orchestra nell’opera lirica ore 17.30, presso il Cir.Unione; maggio(data e ora da definire), messa in scena de “La Serva Padrona” di Pergolesi, presso l'Auditorium Casalinuovo. CATANZARO - Catalogo Musmi L’Amministrazione Provinciale di Catanzaro e il Comando Regionale “Calabria” Guardia di Finanza organizzano per sabato 20 dicembre, alle ore 11.30, all’interno del Parco della Biodiversità Mediterranea, una cerimonia di presentazione del nuovo catalogo del Musmi - Museo Storico Militare “Brigata Catanzaro”. CATANZARO - Gran Galà arti marziali Anche quest’anno il Centro avviamento allo sport della scuola di arti marziali “Taekwondo Guerra” di Catanzaro di concerto con L’associazione culturale e musicale “Catanzaro Spettacoli”, Croce Azzurra, Anmic sezione di Catanzaro, ha organizzato il “Gran Galà 2008 ” della disciplina Olimpica TaekwonDo Fita. La festa sportiva si svolgerà sabato 20 dicembre al palazzetto dello Sport di S.Elia e avrà inizio a partire dalle ore 16.30. CATANZARO - Mostra di tessuti preziosi Domenica 21 alle ore 17.30 presso il museo diocesano di Catanzaro - Palazzo vescovile, si inaugurerà una mostra di tessuti pregiati. CATANZARO - Natale in acqua Domenica 21 dicembre presso la piscina comunale di Catanzaro, si svolgerà la tradizionale manifestazione “Natale in acqua”. Gara non agonistica che coinvolgerà nel periodo di festa, principianti e nuotatori esperti. CATANZARO - Natale al quartiere Siano L’Associazione quartiere Siano, organizza per le festività natalizie, una serie di eventi. Il programma: domenica 21 dicembre ore 10.00, esposizione da parte dell’ Asd Traktor club Calabria, di particolari esemplari di trattori su tutto il territorio del quartiere. Ore11.30, gara dei trattori con relativa premiazione che si svolgerà presso l'agriturismo ai reduci. Ore 17.30 sagra della crespella (Siano centro); Ore 18.00, Franco Nocera in concerto. CATANZARO - Prevendita biglietti Fc Catanzaro La segreteria sportiva Fc Catanzaro, rende noto che in ottemperanza alla normativa vigente, relativa alla vendita dei biglietti ai tifosi della squadra ospite, sono già disponibili, presso “Ricevitoria Rotundo Domenico” di Catanzaro Sala, via Della Stazione, 30 - i tagliandi del Settore Ospiti relativi alla gara Isola Liri - Fc Catanzaro di domenica 21 dicembre. Il costo unitario è di 10,00 + d.p.. Scadenza prevendita alle 19.00 di sabato 20 dicembre. Nel giorno della gara il botteghino ospite resterà chiuso. CATANZARO - Al quartiere Christmas fest Domenica 21 dicembre, a cura dell’associazione socio-culturale “Occhio al quartiere” presieduta da Domenico Concolino, riservata ai residenti del rione De Filippis, si terrà la manifestazione natalizia “AlQuartiere Christmas Fest 2008”. Una giornata ricca di appuntamenti che avrà inizio alle ore 11.00 con un torneo di calcetto e proseguirà secondo programma alle ore 17.00 con “il quizzone”; alle ore 19.00 con l’esibizione del gruppo folk “I strinari”; alle ore 20.00 con la sagra della salsiccia e del buon vino; alle ore 21.00 con lo spettacolo teatrale “Il padrino” e alle ore 22.30 con il “Karaoke night Christmas”. L’iniziativa, patrocinata dalla Provincia di Catanzaro, si svolgerà nell’area della parrocchia SS. Salvatore. CATANZARO - Tombolata di solidarietà Domenica 21 dicembre alle ore 17.30, presso la sede dell’associazione Il Pungolo di Catanzaro, si svolgerà presso il locale Moma (ex Zula) di Catanzaro una tombolata di solidarietà. L’intero ricavato delle serata sarà utilizzato per acquistare beni e strumenti utile al reparto di chirurgia pediatrica dell’Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio. CATANZARO - Tombolata di Babbo Natale Domenica 21dicembre presso la parrocchia di S. Croce a Pontepiccolo, a cura dell’Associazione Chiaridea, con il patrocinio dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, si terrà la tombolata di Babbo Natale.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 39

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

A Catanzaro presentazione del progetto “Play Day - giocando e suonando per la solidarietà”

Convegno sulla viticultura a Cirò IL CARTELLONE

A Caulonia la IV edizione della mostra che unisce artisti e viticultori “Art&vino”

CATANZARO - Natale in Polizia Domenica 21 dicembre, alle ore 16.00 presso il parco dei Principi di Catanzaro, a cura del Coisp - sindacato di Polizia e dell’Anmic, con il patrocinio della provincia di Catanzaro, del Comune di Catanzaro e della Camera di Commercio di Catanzaro, si terrà la manifestazione “Natale in polizia - Giornata del cuore” in favore dei ragazzi diversamente abili della provincia di Catanzaro. Il Programma: Ore 16.00, spettacolo di magia e illusionismo, distribuzione doni, dolcini, dolcezze e tanta musica in compagnia di Ernestino e dei personaggi Disney. Ore 18.30 buffet e brindisi. Ore 19.00, “The Best Family” (A famigghja d’e besti), rappresentazione teatrale in vernacolo di Francesco Passafaro a cura del Teatro Incanto. CATANZARO - Mostra di Modellismo Lunedì 22 dicembre alle ore 17.00 presso i locali del Convitto Galluppi di Corso Mazzini, si inaugurerà la 13ª edizione della “Mostra di modellismo - città di Catanzaro”. La mostra rimarrà aperta fino al prossimo 31 dicembre e sarà visitabile tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 20.00. CATANZARO - Play Day Lunedì 22 dicembre il Centro Polivalente per i Giovani sito in via Fontana Vecchia a Catanzaro, presenta il progetto “Play Day - Giocando/suonando per la solidarietà”. L’iniziativa, ideata e realizzata da una rete di associazioni guidata dall’associazione di volontariato Clemens e dal Centro Calabrese di Solidarietà e composta da Amistrada, Aism, Gossace, Meristema, Emergency, Motore della vita, Metanoya, Confine incerto, I Sotterranei – in collaborazione con il Centro Servizi per il Volontariato di Catanzaro e che ha come obiettivo la raccolta fondi a favore delle diverse compagini associative e dei progetti legati al volontariato e alla ricerca. Alle 18.00, è prevista la conferenza di presentazione dell’associazione Clemens. CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Politeama, programma 2008/2009: 22/23 dicembre 2008, Massimo Ranieri, Canto perché non so nuotare.... da 40 anni. Lo show è accompagnato da un orchestra tutta al femminile; 1 gennaio 2009, concerto di Capodanno - Moscow State Radio and Tv Symphony orchestra; 5/6 gennaio 2009, Il giorno della Tartaruga - con Garinei e Giovannini. Con Chiara Noschese e Christian Ginepro; 9/10 gennaio 2009, Miguel Angel Zotto, Il ritorno di Buenos Aires Tango. Partner di Zotto Daiana Guspero e 13 ballerini; 14/15 gennaio 2009, Portami tante rose. it il Musical, di Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime. Con Valeria Valeri e i ragazzi di Amici; 27/28 gennaio 2009, Madre coraggio di Bertold Brecht. Con Isa Danieli; 3/4 febbraio 2009, Poveri ma belli, un’idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo, con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Canfora; 12 febbraio 2009 - Giselle di Jules - Henri Vernoy de Saint Georges e Thèophile Gautier - corpo di ballo del maggio musicale fiornentino; 18/19 febbraio 2009 - La strada di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi, con Massimo Venturiello e Tosca, tratta dall’omonimo film di Federico Fellini; 22 febbraio 2009 - Lo Schiaccianoci di Pyotr Ilyich Tchaicovsky. Balletto nazionale di Sofia; 6 marzo 2009 - Puppin Sisters live. See the fabulous; 10/11 marzo 2009- Faust di Johann Wolfgang Goethe, con Glauco Mauri e Roberto Sturno; 15 marzo 2009 - Mare notrum. Concerto del trio Poalo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren; 19 marzo 2009 - Recital di Hirano Midori al violino e Charles Abramovic al pianoforte; 26/27 marzo 2009, Due dozzine di rose scarlatte di Aldo de Benedetti, con Leopoldo Mastelloni e Katia Terlizzi; 3/4 aprile 2009, Momix - Bothanica. L’ultimo capolavoro di Moses Pendleton; 9 aprile 2009, Ludovico Einaudi, piano solo; 17 aprile 2009, La Serena, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; 23 aprile 2009, Domenico Codispoti in concerto; 4 maggio 2009, serata d’onore. Tributo ad Armando Trovajoli. Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; 8/10 maggio 2009, High School Musical. Il Politeama al Masciari: 21 novembre 2009, Tutto quello che le donne (non) dicono, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. 19 dicembre 2009, Completamente spettinato con Paolo Migone; 22 gennaio 2009, Outlet, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; 14 febbraio 2009, Per tutti Revolution di Alessandro Siani e Francesco Albanese. Con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo 2009, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile 2009, recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. CATANZARO - Prevendita biglietti Politeama La direzione del Politeama, in considerazione delle numerose richieste che stanno arrivando da tutta la regione, ha deciso di anticipare l’inizio delle prevendite per i cinque spettacoli in programma nel mese di gennaio. I cinque spettacoli sono: Concerto di Capodanno (1 Gennaio); Il giorno della tartaruga (5-6 Gennaio); Miguel Angel Zotto (9-10 Gennaio); Portami tante rose (14-15 Gennaio); Madre Coraggio (27-28 Gennaio). Il botteghino del Politeama, come è noto, è aperto tutti i giorni, tranne la domenica, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00. CATANZARO - Abbonamenti Politeama Il calendario della campagna abbonamenti del Teatro Politea-

ma per la stagione 2008-2009 è stato definito. La richiesta che arriva al botteghino del Politeama un po’ da tutta la regione ha indotto la direzione del teatro ad anticipare per il doppio show di Massimo Ranieri (22 e 23 dicembre). Il botteghino del Politeama è aperto da lunedì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30. CATANZARO - Regaliamoci un sorriso Da sabato 27 dicembre, piazza Procopio che ospiterà per la prima volta il suo teatro tenda sarà interessata da un sei giorni di eventi dal titolo “Regaliamoci un sorriso”. Sabato 27 dicembre alle ore 11.00, inaugurazione della manifestazione e in serata esibizione del gruppo di danza dell’Associazione “Riccardo La Croce” con lo spettacolo “Cristhman show”. Domenica 28 dicembre, torneo di calcio balilla nella mattinata e la sera l’esibizione del trio “I Ditelo Voi”. Il Teatro Hercules di Piero Procopio, sarà impegnato la sera di lunedì 29 dicembrecon la commedia in vernacolo “Bell’e papà” mentre nel primo pomeriggio, una mostra cinematografica a cura dell’Associazione “Il Borgo” verrà allestita all’interno del teatro tenda. In contemporanea alla mostra cinematografica è prevista la proiezione di un film per tutta la famiglia. Nelle ore pomeridiane di ciascuna giornata sono previsti incontri con i giovani, con la terza età e con tutti gli associati delle varie associazioni socio- culturali e di volontariato che hanno collaborato all’evento. L’Istituto delle Poverelle “Palazzolo” di S. Maria di Catanzaro, l’Associazione L’Alveare, l’Unione ciechi ed Ipovedenti, la Parrochia S. Maria Zarapoti e la Cooperativa Sociale Zarapoti saranno impegnati nei giorni in programmazione per una campagna di sensibilizzazione sui problemi legati alla terza età nonché in una campagna di prevenzione all’uso dell’alcol e delle droghe, promossa dalla Cooperativa Sociale Zarapoti. sempre a seguire, concerto di Capodanno a cura dell’Associazione “Accademia Leonardo Vinci”, il concerto lirico-leggero di Francesco Carmine Fera, il Karaoke di Francesco Procopio e la musica dal vivo di Annarita Chiarella, Patrizio Pirri ed Aurelio Pirri per finire con la serata del 31 dicembre per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno. CATANZARO - Crespelle Acli La 3ª Circoscrizione di Catanzaro e l’associazione Acli Zarapoti, organizzano per sabato 27 dicembre in piazza Santa Maria una iniziativa gustosa.Dalle ore 18.00 in poi, i soci dell’Acli distribuiranno le tradizionali ed intramontabili crespelle. CATANZARO - Dj Cristian Marchi al No Màs Club Lunedì 29 dicembre, con inizio alle ore 23.30 presso il No Màs Club di Catanzaro, la Confusion Night presenta lo spettacolo del Dj Cristian Marchi. CATANZARO - Sonic Crash Martedì 30 dicembre, alle ore 22.00 presso l’Hemingway Rock Pub di località Giovino a Catanzaro Lido, in scena il Sonic Crash - Indipendent Music Festival 2008. Ingresso 5 euro. CATANZARO - Iniziative Lilt La sezione provinciale di Catanzaro della Lilt (Lega Italiana per la lotta contro i tumori), ha in programma per il mese di dicembre, una serie di iniziative denominate “Decora il Natale...dai cuore alla vita”, al fine di avvicinare tutti a un corretto stile di vita. Per chiunque fosse interessato a compiere un gesto di solidarietà, presso la sede della sezione provinciale di Catanzaro, è iniziata la distribuzione delle palline per addobbare l’albero di Natale, tutte realizzate in vetro soffiato e decorate a mano. Con un piccolo contributo, acquistando una pallina natalizia, si può aderire al sostegno delle attività di prevenzione oncologica e di diagnosi precoce. Per i dettagli sulle iniziative e per maggiori informazioni telefonare allo 0961-725026, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00. CATANZARO - Mostra Molè Da lunedì 19 gennaio a mercoledì 28 gennaio, presso la chiesetta di San Omobono di Catanzaro, il maestro Francesco Molè esporrà una serie di disegni e pitture ispirati alla maternità. CATANZARO - Concorso Unicef In occasione della ricorrenza del 60° anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani, il Comitato provinciale dell’Unicef di Catanzaro ha bandito un concorso a premi sul tema “Ti racconto i miei Diritti” per gli alunni delle scuole elementari, medie e del biennio degli istituti superiori della provincia. I termini per l’adesione al concorso da parte delle scuole avverrà attraverso una scheda di adesione che dovrà essere trasmessa al Comitato Provinciale Unicef (c/o Direzione Didattica del 5° circolo- Viale Tommaso Campanella 125-Catanzaro) entro il 20 gennaio; I lavori degli alunni, raccolti a cura dei Dirigenti Scolastici dovranno essere trasmessi dagli stessi, in plico sigillato e allo stesso indirizzo su esteso, entro il 20 aprile 2009.

CATANZARO - Reclutamento Luiss La Luiss, - Libera università inteeernazionale degli studi sociaali “Guido Carli”, sta reclutando i migliori talenti su tutto il territorio nazionale, valorizzando l’eccellenza di un modello che, per la qualità della didattica e dell’ambiente studentesco e il forte collegamento con il mondo del lavoro, forma con cultura d’impresa e vocazione internazionale “classe dirigente” per il Paese. L’evento, organizzato in collaborazione con Confindustria Catanzaro, avrà come oggetto le opportunità di studio e gli sbocchi professionali offerti dalla Luiss: uno dei più importanti atenei italiani, il cui presidente è Luca di Montezemolo. La prova di ammissione ai Corsi della Luiss si terrà il 6 aprile 2009 a Roma e, contemporaneamente, in altre città italiane, tra cui Catanzaro per agevolare gli studenti a svolgere la prova stessa nella propria regione di residenza. CAULONIA (Rc) - Mostra Art&vino Oggi e sabato 20 dicembre, promossa dall'associazione culturale U0v0 e dalla cooperativa sociale Cuntrascenzia, alle ore 19.30 presso i saloni del “Palazzo del Fermento”nel centro storico di Caulonia, si terrà la IV edizione della mostra che unisce artisti e viticultori, denominata “Art&vino”. CAVALLERIZZO C. (Cs) - Messa dei defunti Oggi, alle ore 10.30, verrà celebrata nella chiesa di San Giorgio Martire a Cavallerizzo di Cerzeto, una messa di Natale e in suffragio dei defunti. In caso di pioggia, l’appuntamento sarà rinviato a venerdì 23 dicembre. CHIARAVALLE (Cz) - Stagione teatrale 2009 Venerdi 16 gennaio 2009“Lascio alle mie donne” di Diego Fabbri con Lello Arena, A.Baggi,S.Tringali, regia di Nanni Fabbri. Domenica 15 febbraio “Edipo a Colono” di Sofocle premio olimpico 2008 con Roberto Herlitzka, regia di Ruggero Cappuccio. Sabato 28 febbraio “Lisetta” di T. Falvo con P. Cristiano,Sabina Ermio, T.Falvo, regia di Tonino Falvo. Sabato 14 marzo “Marlene” di Guseppe Manfridi con Pamela Villoresi, David Sebasti, Orso Maria Guerrini, regia di Maurizio Panici. Sabato 21 marzo “L‘amore mio non può”di Lia Levi con Manuela Kustermann regia di Manuela Kustermann. Sabato 4 aprile “La Cena Dei Cretini” di Francis Veber con S. Douani, F. Calderoni,R. Graziosi, regia di F.Calderoni e S. Douani . Sabato 18 aprile “Goodnight Italia” di N. Leonzio,G.Giugliarelli, S.Marino con S. Marino, Federica Innocenzi regia di Lamberto Dorigo. Ssabato 9 maggio “I due gemelli veneziani”di Carlo Goldoni, Compagnia teatrale Tempo Nuovo. Abbonamenti: Poltrona 140,00 - ridotto 100,00. CIRO’ (Kr) - Convegno sulla viticoltura Sabato 20 dicembrealle ore17.30 nei saloni di palazzo Porti, si terrà il convegno dibattito “Una nuova stagione per la viticoltura cirotana: prospettive ed iniziative”. Coordinerà i lavori, Sergio Ferrari della Direzione provinciale Cdd di crotone. Interverranno, Nicodemo Parrilla – sindaco di Cirò Marina, Gaetano Cianciaruso – pres. cons.Tutela del Cirò e del Melissa, Roberto Salerno – presidente Cciaa di Crotone e Salvatore Lucà – garante associazione Cdd di Crotone. CORTALE (Cz) - Spettacolo Radio M2o Giovedì 25 dicembre, presso lo Sthendal Club di Cortale sito in contrada Malittoro, Radio M2o e il suo dj, Alberto Remondini, allieterà la notte di Natale. COSENZA - “Proiezioni d’autunno” Le“Proiezioni d’autunno” andranno avanti fino a oggi. A chiudere sarà un omaggio ad Ingmar Bergman che ha anche aperto il ciclo con “Sussurri e grida”. COSENZA - Scena verticale & tempo libero Fino a oggi, presso il Teatro Morelli, per l’ultimo appuntamento di Calabria Palcoscenico, alle ore 20.30, andrà in scena, “Scena verticale & libero teatro” in Polis, potere e corruzione dall'antica Grecia alla moderna Calabria. Laboratorio-spettacolo su Aiace da Sofocle e i cavalieri da Aristofane diretto da Dario De Luca e Maxmilian Mazzotta.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax:

0961-903801


40 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Nell’ambito delle giornate dell’ingegneria, nel Cosentino si parlerà di smaltimento rifiuti e programmazione dei fondi comunitari

Congresso Fnp - Cisl a Cosenza IL CARTELLONE

Al Rendano il “Più di me tour 2009” con la signora della musica italiana Ornella Vanoni

COSENZA - Giornate dell’ingegneria Smaltimento dei rifiuti urbani, programmazione dei fondi comunitari ed etica professionale, saranno i temi trattati nella prima edizione de “Le Giornate dell’Ingegneria”, in programma fino al 20 dicembre. La manifestazione, organizzata dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cosenza e dalla Fondazione Mediterranea per l’Ingegneria, col patrocinio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri. La seconda giornata, prevista per oggi, si terrà presso la sala consiliare del Comune di Rende - Piazza Matteotti, due sessioni a partire dalle ore 11.30. La terza giornata, sabato 20 dicembre presso l’Aula “Caldora” – Rende - Università della Calabria, unica sessione a partire dalle ore 15.30. COSENZA - Natale itinerante & Mab Natale Itinerante&Mab, “Spettacolo e arte a spasso nel corso”. Questo la denominazione scelta dall’Assessorato allo Spettacolo del Comune di Cosenza per il programma degli artisti di strada che animeranno Corso Mazzini fino a martedì 6 gennaio. COSENZA - Mostra d’arte Rimarrà aperta fino asabato 10 gennaiopresso la sede di piazza Bilotti, la mostra d’arte dei maestri contemporanei promossa dal Centro d’arte “La Bussola” di Cosenza. COSENZA - Mostra d’arte contemporanea Organizzata dal Centro Internazionale di ricerca per la Cultura e le Arti visive contemporanee, presenta, a sei anni di attività a Vertico, la mostra ”Rivocati 63“.La vetriva artistica, rimarrà aperta fino al 15 gennaio prossimo. COSENZA - Il presepio di Chicco e Chiara Oggi, alle ore 18.30, sul Terrazzo Pellegrini, si terrà la presentazione de "Il presepio di Chicco e Chiara". COSENZA - Jazz festival & musica in provincia Oggi, alle ore 10.30 presso la Sala Conferenze della Confindustria di Cosenza, sita in Via Tocci n. 2/c, terrà una conferenza stampa di presentazione della 4ª edizione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia 2008/2009 che si svolgerà da domenica 21 dicembre al 16 febbraio 2009 e coinvolgerà, oltre al capoluogo, altri 10 Paesi del territorio provinciale (Belvedere, Cassano allo Ionio, Castrovillari, Civita, Frascineto, Rossano, San Nicola Arcella, Scalea, Spezzano Albanese e Trebisacce). COSENZA - Stand in piazza In occasione del Santo Natale l’Associazione di Volontariato “Anche noi siamo utili” allestirà uno stand in Piazza XI settembre, sabato 20 dicembre, dalle ore 10.00 alle ore 19.00 per l’esposizione di oggetti di uso comune, dolci natalizi e addobbi, realizzati con il contributo dei genitori e dei bambini. L’iniziativa ha la finalità di diffondere gli scopi dell’associazione. Per le donazioni segnaliamo il c/c postale n. 86677861 intestato alla nostra Associazione, ovvero per i bonifici bancari Iban C0760116200000086677861. COSENZA - Dance Christmas party L’associazione dei giornalisti cosentini “Maria Rosaria Sessa” ha organizzato per sabato 20 dicembre, a partire dalle 21.30, il primo Dance Christams Party, una serata danzante con musica anni ’70,’80,’90, con un piccolo tuffo negli intramontabili anni ’60. COSENZA - Officina della fantasia Sabato 20 dicembre,dalle ore 10.00 alle ore 18.00 presso la villetta comunale di via S. Albo di Cosenza, (In caso di pioggia, l’appuntamento si svolgerà nel salone del centro sociale di Serra Spiga) organizzata dalla ludoteca comunale di Serra Spiga e da “La Cooperativa delle donne”, dalla IV Circoscrizione e dal Comitato “Mamme - San Vito”, avrà luogo la terza edizione dell’artigianale mostra-mercato denominata “L’Officina della Fantasia”. COSENZA - Serata di gala Lilt La sezione di Cosenza della Lilt (Lega Italiana per la lotta contro i tumori) organizza per sabato 20 dicembre nei saloni dell’Hotel Europa di Roges di Rende, la sssserata di Gala con Cena Sociale. Il ricavato della serata, tolte le spese, sarà devoluto alla stessa Lega per assolvere i compiti istituzionali di ricerca e prevenzione. COSENZA - Jonica, stagione 2008 Riprende la stagione concertistica 2008 organizzata dall’Associazione Culturale Jonica. Il programma: Lunedì 22 di-

cembre Sarah Jane Morris, vera e propria stella della musica leggera internazionale, sensuale cantautrice che si muove agilmente fra rock, blues, jazz e soul accompagnata al pianoforte dal grande Danilo Rea per un recital dal titolo “Angels at Christmas”. Ultimo appuntamento della stagione,sabato 27 dicembre al teatro Rendano di Cosenza con un coro di grande bravura per la prima volta in Italia:il concerto gospel di Earnest Pugh & The Assembly per rinnovare la tradizione natalizia che coniuga musica e preghiera. Tutti i concerti inizieranno alle ore 20.30. Per ulteriori informazioni: 0984/21412 info@profserv.it. COSENZA - Servizio intrattenimento ragazzi Sono aperte le iscrizioni al servizio di intrattenimento che si terrà presso la Città dei Ragazzi del Comune di Cosenza durante il periodo delle vacanze natalizie nei giorni 22, 23, 29, 30 dicembre 2008 e 2 e 5 gennaio 2009. Per l’occasione, la struttura varierà i propri orari, prevedendo un’apertura antimeridiana dalle ore 8.00 alle ore 14.00. Come di consuetudine verranno proposte, ai bambini e alle bambine che aderiranno all’iniziativa, interessanti e creative mattinate attraverso l'offerta di itinerari ludici e laboratoriali che coniugano l'impegno costruttivo con il divertimento, valorizzando le potenzialità del gioco e della socialità. Le iscrizioni al servizio potranno essere effettuate presso gli uffici amministrativi di Città dei Ragazzi entro e non oltre venerdì 19 dicembre, tempo utile per consentire alla struttura di programmare, modulare e attivare i percorsi ludico-creativi secondo le diverse fasce di età degli iscritti. COSENZA - Concerto di Natale Martedì 23 dicembre la città di Cosenza ospiterà l’Orchestra della Magna Grecia insieme al soprano Francesca Pipitone, sotto la direzione del M° Luciano Acocella, che vanta un’intensa attività concertistica e collaborazioni con importanti artisti. La Chiesa del Sacro Cuore di Gesù in Piazza Loreto alle ore 19.30 sarà la location ideale per assistere al Concerto di Natale. COSENZA - “La scuola dei classici” Ritorna “La scuola dei classici”, stagione teatrale specificamente indirizzata alle giovani generazioni, con precipuo intento didattico e formativo. Per il secondo anno consecutivo l'associazione “Porta Cenere”, diretta da Mario Massaro e Natale Filice, in stretta collaborazione con il Comune di Cosenza, assessorato alle Politiche dell'educazione, offre ai dirigenti e ai docenti delle scuole medie inferiori e superiori la possibilità di arricchire l'offerta formativa curriculare con l'indispensabile apporto dei classici teatrali. Gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro Comunale Italia "A. Tieri", sito in piazza Amendola a Cosenza e coinvolgeranno solo attori e tecnici professionisti. Per la stagione 2008/2009 i periodi programmati sono i seguenti: dal 23 al 28 febbraio "Anfitrione" di Plauto; ad aprile 2009 "Cavalleria Rusticana" di Giovanni Verga. COSENZA - Anteprima stagione di prosa Teatro comunale Alfonso Rendano, anteprima stagione di prosa. Concerti: 2 gennaio 2009, gran concerto di Capodanno; 11 marzo, Ornella Vanoni; 1 aprile, Franco Battiato. COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: mercoledì 21 e giovedì 22 gennaio, Tognazzi, "La panne"; 5 - 6 febbraio, Bianca Guaccero "Poveri ma belli"; 2 - 3 marzo, Amanda Sandrelli "Col piede giusto"; 23 - 24 marzo, Andrea Giordana "L'Otello"; 5 aprile, Tosca D'Aquino "Ogni anno punto e a capo"; 17 - 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; 16 - 17 maggio,Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica:6 novembre, Lucio Dalla; 3 dicembre, Gianluca Grignani; 21 dicembre,opp.22 opp. 23 Harlem gospel; 7 - 8 gennaio, Hair spray. COSENZA - Teatro Rendano, stagione di prosa Stagione di prosa 2008 presso il teatro comunale "A. Rendano". Sabato 17 gennaio, ore 21.00, domenica 18 gennaio, ore 18.00, Teatro Stabile della Sardegna "Pensaci Giacomino" di Luigi Pirandello, con Enzo Vetrano e Stefano Randisi; sabato 24 gennaio, ore 21.00, domenica 25 gennaio, ore 18.00, Compagnia Gli Ipocriti "Madre coraggio" di Bertolt Brecht, con Isa Danieli; sabato 14 febbraio, ore 21.00, domenica 15 febbraio, ore 18.00, Artisti associati "La variante di Lunenburg" dal romanzo di Paolo Maurensig, con Milva; sabato 21 febbraio,ore 21.00, domenica 22 febbraio, ore 18.00, Area teatromusica "Gloriosa" di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli; sabato 28 febbraio, ore 21.00, domenica 1 marzo, ore 18.00, Il Teatro del Carretto "Pinocchio" da Carlo Collodi, regia di Maria Grazia Cipriani; giovedì 5 marzo, ore 21.00, venerdì 6 marzo, ore 21.00, Placet musical "Cenerentola" con Roberta Lanfranchi e Antonio Cupo, regia di Massimo Romeo Piparo; sabato 14 marzo, ore 21.00, domenica 15 marzo, ore 18.00, Gershwin spettacoli "Un Paese di gente per bene" con Gian Antonio Stella e Bebo Storti; sabato 21 marzo, ore 21.00, domenica 22 mar-

zo, ore 18.00, Teatro Stabile delle Marche "Casa di bambola L'altra Nora" da Henrik Ibsen con Lunetta Savino. COSENZA - Congresso Fnp-Cisl Su decisione del Consiglio generale, il 13 febbraio prossimo si svolgerà a Cosenza, l’ottavo congresso territoriale della Federazione pensionati Fnp-Cisl. COSENZA - Più di me tour 2009 Per i 50 anni di Carriera, la signora della canzone italiana, Ornella Vanoni, si esibirà nei principali teatri della penisola. Il suo debutto con il “Più di me tour 2009” il 7 marzo a Cesena. Il Calabria, sarà al Teatro Rendano di Cosenza l’ 11 marzo 2009. CROTONE - Gazebo della solidarietà Organizzati dall’associazione di volontariato Meklaie Onlus, sabato 20 e domenica 21 dicembre, si svolgeranno due appuntamenti natalizi. Il "Gazebo della solidarietà" nel pomeriggio di sabato 20 dicembre e per tutta la giornata di domenica 21 dicembre, i volontari di Meklaie saranno ‘on the road’ sul lungomare di Crotone (presso la piscina Coni) ed in piazza della Resistenza per sensibilizzare sulle tematiche relative al Sud del mondo e raccogliere fondi anche grazie ai prodotti generosamente offerti da molti commercianti e amici di Crotone. Lunedì 22 dicembre, alle ore 19.00, presso la sala Sant'Agostino della Parrocchia Santa Rita in Crotone, sarà presentata la seconda edizione del Progetto Gonxha, finalizzato a dare la possibilità di vivere una breve esperienza missionaria. CROTONE - Auguri di Natale L’Ufficio scolastico provinciale di Crotone – coordinamento per l’ educazione fisica e sportiva. organizza per sabato 20 dicembre alle ore 19.00, presso La chiesa dell’Immacolata, il concerto “Auguri di Natale”. CROTONE - Presentazione service UniLeo Martedì 23 dicembre presso la Sala Azzurra della Provincia di Crotone, alle ore 17.00, sarà presentato il nuovo service dei pandorini da parte dei ragazzi del Leo club Crotone. Il ricavato sarà devoluto a favore del progetto “UniLeo 4 Light” per garantire gli studi ed un futuro professionale ai disabili della vista. CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone. 8, 9 gennaio 2009, gli ipocriti, A. Casagrande, G. Esposito, T. Taiuti in "La scampagnata dei tre disperati" "Francesca Da Rimini" due atti unici tratti da Antonio Petito, regia di Antonio Casagrande; 14 - 15 gennaio, teatro stabile del Veneto, teatro biondo stabile di Palermo, teatro stabile di Verona Gat Gaia aprea "Peccato che sia una sgualdrina" di John Ford, traduzione Enrico Groppati adattamento e regia di Luca De Fusco; 27 - 28 gennaio 2009, Nautilus pictures Remo Girone, Eleonora Giorgi "Fiore di cactus" di Pierre Barillet & Jean-Pierre Gredy traduzione Gerardo Guerrieri, regia di Guglielmo Ferro; 11 - 12 febbraio, La contrada - teatro stabile di Trieste Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi "Il divo Garry" di Noel Coward traduzione Masolino D'Amico regia di Francesco Macedonio; 19 - 20 febbraio, teatro Bellini, Tato Russo "Il paese degli idioti" di Tato Russo - da Fedor Dostoevskij regia di Alvaro Piccardi; 17 - 18 marzo, teatro stabile di Calabria Geppy Gleijeses, Gennaro Cannavacciuolo, Lorenzo Gleijeses e la partecipaziopne di Gigi De Luca "Ditegli sempre di si" di Eduardo De Filippo regia di Geppy Gleijeses; 2 - 3 aprile, Tunnel produzioni, Alessandro Siani "Per tutti revolution" regia di Mimmo Esposito; 18-19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: 26 - 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. Inizio spettacoli ore 20.30. CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal 16 al 20 settembre 2009. DECOLLATURA (Cz) - Festa delle crespelle Sabato 20 dicembre,alle ore 15.00 a Decollatura si terrà la “festa delle Grispelle”: una manifestazione popolare rivolta ai cittadini in occasione delle festività natalizie, organizzata da Rinascita del Mediterraneo, associazione Onlus con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. La manifestazione, con risvolti musicali oltre che gastronomici, si svolgerà nei locali del Centro Polifunzionale cittadino.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 41

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Massimo Lopez a Gioiosa Jonica per “Ciao Frankie”, il concerto - tributo a Frank Sinatra

A Lamezia Terme i concerti Gospel IL CARTELLONE

Per Lamezia Jazz Festival, il concerto di Gegè Telesforo al teatro Umberto cittadino

LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival Attesa in tutta la regione per l’avvio del Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “FiatLancia”, c’è il centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel Lamezia. La settima edizione del jazz festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi (partirà il 20 dicembre GASPERINA (Cz) - Christmas show 2008 e chiuderà nel marzo 2009). I dettagli del programma: La Asd palestra Gymnica Fitness Club di Gasperina presenta Sabato 20 dicembre, concerto di Gegè Telesforo G-Jazz 5tet il gran prix “christmas show”. La 3° edizione delle gare ben- presso il Teatro Umberto alle ore 20.00. Il17 gennaio 2009, ch press e braccio di ferro che si terranno domenica 21 di- presso la concessionaria Fiat-Lancia di G.Tripodi alle ore cembre presso la sala comunale dell’ex scuola elementare di 20.30, concerto dedicato al tango argentino con musiche di Corso Mazzini. Il programma: Bench Press - ore 09.00 pesa- Astor Piazzolla, il gruppo che suonerà Soscia/Iodice Italian tura, ore 10.30 gara. Braccio di ferro - ore 15.00 pesatura - ore Tango 4tet. Sabato 31 gennaio, si ritorna si ritorna al Teatro Umberto e Lamezia Jazz ospiterà una formazione con un or16.00 gara. ganico particolare due bassi e batteria. Progetto titolato Bassproject nato dall'incontro di due artisti "fuoriclasse". Pippo GIOIOSA J. (Rc) - Tributo a Frank Sinatra Matino e Dario Deidda. Sabato 7 febbraio 2009, presso la conOggi, alle ore 21.00, presso il Teatro "Gioiosa", Si terrà lo spet- cessionaria Fiat-Lancia di G.Tripodi, esibizione del Quartettacolo con Massimo Lopez "Ciao Frankie", concerto-tributo to Tenor Legacy. Il 21 marzo 2009, al teatro Umberto, in scea Frank Sinatra. na il chitarrista Scott Henderson alla guida della sua Blues Band Henderson. Sabato 28 marzo 2009 sempre all’Umberto, Buster Williams 4tet presenterà “Something More”. GIRIFALCO (Cz) - Presentazione FreeAid Coordinatore artistico dell’evento, Tommaso Colloca. AttiDomenica 21 dicembre alle ore 17.00, presso la sala convegni vità parallele alla rassegna. Sabato 17 gennaio 2009 alle del Complesso Monumentale, saranno presentati gli scopi e ore18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi”, ascolto gli obiettivi di “FreeAid - un passo dai sogni”. guidato: “Il Tango e Piazzolla”. Sabato 07 febbraio 2009, alle ore 18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi” ascolto guidato: " Be bop: anche per il sax è ora di spiccare il volo”. ISCA M. (Cz) - Inaugurazione Open Space Domenica 1 febbraio 2009 ore 10.00, Yara Records – CatanOggi, alle ore 18.00, si terrà una conferenza stampa di pre- zaro, Workshop di Basso elettrico – Docente Pippo Matino. sentazione della nuova struttura polivalente “Open Space Venerdì 13 febbraio 2009 ore 22.00 Jazz Club Rua Sao Joao, Studios Tv”. Alle ore 20.00, cena di gala e spettacolo con arti- Egidio Ventura Trio “Latino Vivo!”. Info: 0968/442864 sti nazionali e locali. 339/8309044 - bequadro@bequadro.it. GASPERINA (Cz) - Concerto del tenore Marino La Roma Touring di Francesco Corea,con il patrocinio del Comune di Gasperina; presenta per giorno20 dicembre alle ore 21.30 presso la Chiesa Matrice di San Nicola Vescovo a Gasperina (Cz) il concerto Natalizio del Tenore Amerigo Marino,il quale per l'occasione sarà accompagnato da una pianista. Ingresso gratuito.

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra biblica Esposta presso la Casa del Giovane della parrocchia del Redentore di Lamezia Terme, la Mostra Biblica curata dal padre Michele Perruggini. L’importante iniziativa culturale intitolata La Bibbia, libro di vita e di cultura è articolata in tre itinerari: quello storico che comprendente un itinerario storico-didattico sulle vicende del popolo d’Israele; quello bibliografico con esposizione di numerose edizioni di pregio di Bibbie e altri testi e quello iconografico con una ricca rassegna di illustrazioni d'arte dei grandi maestri su soggetto biblico. La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 7 gennaio prossimo dalle ore 10.00 alle ore 11.30 e dalle 17.00 alle 18.30. LAMEZIA T. (Cz) - Conferenza A seguito del viaggio a Bruxelles organizzato dal Comune di Lamezia Terme e dell'esperienza positiva dei 41 studenti delle scuole superiori - selezionati in tutti gli istituti superiori lametini in base al merito - che hanno visitato il Parlamento europeo, oggi, alle ore 15.00, si terrà una conferenza stampa nello Spazio Giovani di Via Aldo Moro. LAMEZIA T. (Cz) - Nuovo settore aeroportuale Oggi, alle ore 10,30 presso l’aeroporto internazionale di Lamezia Terme, verrà inaugurato il settore aeroportuale della polizia penitenziaria. LAMEZIA T. (Cz) - Body center Christmas Oggi, alle ore 20.30 presso la palestra Body Center, gran galà natalizio con “Body center Christmas” LAMEZIA T. (Cz) - Inaugurazione strada Sabato 20 dicembre, alle ore 11,30 presso l’aerea parcheggio del cimitero di Sambiase-Lamezia, ci sarà l’intitolazione di una strada cittadina al dott. Antonio Cappelli. LAMEZIA T. (Cz) - Conferenza Sd su Sanità Sabato 20 dicembre alle ore 11.30 presso il Grand Hotel Lamezia si terrà una conferenza stampa di Sinistra Democratica sul tema “Le proposte di Sd per la sanita' calabrese”. Interverranno: Nuccio Iovene, segretario regionale di Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo e i dirigenti regionali del movimento che illustreranno alla stampa il documento di analisi e proposte sulla sanità predisposto dal coordinamento regionale. LAMEZIA T. (Cz) - VII sagra grispelli e vinu La Pro Loco di Lamezia Terme in collaborazione con la Parrocchia di Maria Ss del Soccorso, presenta la “VII Sagra Grispelli e Vinu”. La sagra si svolgeràsabato 20 dicembrein Contrada Magolà ed avrà inizio alle ore 18.30. Per l’occasione si potranno degustategrispelle e assistere allo spettacolo musicale.

LAMEZIA T. (Cz) - Concerto gospel Sabato 27 dicembre,con inizio alle ore 19.30 presso la Cattedrale di Lamezia Terme si terrà, proposto dall’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, il concerto Gospel, “The inspirational choir of harlem”. Lo spettacolo vede la collaborazione organizzativa dell’Associazione Culturale Ecsdance e della Diocesi di Lamezia Terme Ufficio Beni Culturali. LAMEZIA T. (Cz) - 1º torneo della comunicazione Domenica 28 dicembre a partire dalle ore 9.30 presso il palasport di Lamezia Terme si terrà il 1° torneo della comunicazione. Kermesse di calcio a 5 tra squadre di testate giornalistiche patrocinato da Comune di Lamezia, assessorato allo Sport, provincia di Catanzaro e Rai sede regionale per la calabria. Squadre partecipanti: Il Domani, Il Quotidiano, Calabria Ora, Rai Calabria, ReteKalabria, Rtc-Calabria Channel, Ten, Lameziaweb.biz. Ospite della manifestazione l'attore Gianni Pellegrino. Ingresso libero.

LAMEZIA T. (Cz) - Incontri Uniter Proseguono gli incontri dell’Uniter, Università della terza età e del tempo libero di Lamezia Terme, che nel corso della programmazione del XX anno accademico dedicato al tema “dare vita agli anni” sta tenendo presso la Casa del sacerdote di via Misiani, una serie di interessanti appuntamenti. Il Programma: Alle ore 17.00, di venerdì 9 gennaio, Giuseppe Masi e Antonio Serra con un economista calabrese del ‘600. Mercoledì 14 gennaio Italo Leone, Dal “vero” secondo il mito al nuovo “vero” della filosofia nella cultura greca del VI sec. a. C. . Venerdì 16 gennaio, Filomena Stancati con Il dialetto nicastrese nella sua origine storica, con lettura di composizioni poetiche in vernacolo. Mercoledì 21 gennaio, Cesare Perri con Anoressia e bulimia: il cibo come metafora della relazione. Venerdì 23 gennaio, Monica Sdanganelli e prof.ssa Maria Antonietta Torchia, La romanza e il melodramma (rinviaLAMEZIA T. (Cz) - Proiezione cortometraggi ta a febbraio-marzo). Mercoledì 28 gennaio, Vincenzo VillelIn occasione del 60º anniversario della dichiarazione unila con Il vero viaggio di Ulisse di Armin Wolf (con proiezione). versale dei diritti umani, domenica 21 dicembre, alle ore 17.30 la Amnesty International e Pax Christi di Lamezia Terme, propongono presso il Rua SÃo Joao a piazza S.Giovan- LAMEZIA T. (Cz) - Mostra-evento “Oggettinstabili” ni, l’associazione Culturale “Algo Mas” La bottega del mondo equo e solidale, una riflessione sulla problematica attraverso Dal 6 - 20 giugno,si terrà la mostra-evento “Oggettinstabili sela proiezione di alcuni cortometraggi. “All Human Rights for conda edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La parteciAll” lavori realizzati da trenta registi italiani, tra cui il maestro pazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrasVittorio De Seta, ospite della serata. segnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera riLAMEZIA T. (Cz) - Natale in piazza Fiorentino cevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, reDomenica 21 dicembre, dalle ore 9.30 alle ore 13.00, si svol- capito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. gerà nell’omonima piazza del quartiere di Sambiase a La- Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare mezia Terme, il primo mercatino "Natale in piazza Fiorenti- copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale conno". tributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Il versamento di euro 25,00 dovrà essere effettuato con bonifico LAMEZIA T. (Cz) - Biennale d’arte bancario intestato ad: associazione culturale 400Kc, via dei Lunedì 22 dicembre, con inaugurazione alle ore 17.00, pres- mille 79, 88046 Lamezia Terme; coordinate bancarie: Iban it so il Complesso Monumentale di San Domenico e con l’a- 78 y O1030 42841 000003790008 monte dei paschi di Siena pertura della Sezione storica, prenderà il via la seconda edi- filiale di Sambiase; causale del versamento: contributo reazione del concorso nazionale biennale d’arte di Lamezia. La lizzazione mostra moti urbani stazionimpossibili; termine rassegna verrà quest’anno dedicata a due pittori calabresi re- perentorio fissato per le iscrizioni (incluso versamento): 4 febcentemente scomparsi, il lametino Nicolino Romeo e il tro- braio 2009. Le opere selezionate saranno esposte pubblicapeano Albino Lorenzo. Inoltre, da giovedì 22 gennaio la ras- mente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia Terme - inolsegna si arricchirà con la mostra di tutte le opere in concorso e fuori concorso, con chiusura e premiazione giovedì 19 feb- tre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allebraio alle ore 11.30 nel parterre del Teatro Umberto. Le iscri- stita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collabozioni al concorso si chiuderanno il 30 dicembre prossimo. rano con l’associazione. Il luogo della mostra sarà reso noto entro il 4 marzo 2009. Al termine dell’evento tutte le opere saLAMEZIA T. (Cz) - Musica etnico - popolare ranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle riLunedì 22 dicembrealle ore 20.30 presso il Teatro Umbero di spettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: Lamezia Terme, si terrà il concerto di Musica Etnico-popo- 338/3985193 - 339/5837077 - info@400kc.eu - caterina@400kc.eu - carlo@400kc.eu. lare del gruppo lametino Terra di Calabria. LAMEZIA T. (Cz) - Concerti di Natale Nell'ambito degli avvenimenti natalizi che si terranno a Lamezia Terme, i concerti dell'Orchestra di Fiati "Tommaso Colloca" si terranno, venerdì 26 dicembre alle ore 11.00 concerto su C.so Giovanni Nicotera (Isola pedonale) sotto la direzione del maestro Francesco Rotella e martedì 6 gennaio alle ore 20.30 presso la Cattedrale di Lamezia Terme con coro e orchestra sempre diretti dal maestro Francesco Rotella. LAMEZIA T. (Cz) - Natale sui pattini Sabato 27 dicembre alle ore 18.00 presso il palazzetto dello Sport di Lamezia Terme, per la ricorrenza dei 25 anni di attività, l’associazione Pattinaggio Lamezia presenterà lo spettacolo “Natale sui pattini”. Oltre agli atleti dell’Asp Lamezia, saranno presenti anche l’atleta Kimon Fusco di Napoli e la coppia danza Alessandra Basile della Società sportiva Calabria e Marco Mondello dell’associazione Futura 90 di Messina.

LOCRI (Rc) - Formazione operatori sanitari Oggi,si terrà il corso di formazione per operatori sanitari dell’Asl 9 e dell’Asp 5 promosso dalla Regione Calabria nell’ambito del piano per la prevenzione degli incidenti stradali.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax:

0961-903801


42 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Per “Paola in scena”, la commedia “Sunshine” con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli

A Reggio “Aspettando il Natale” IL CARTELLONE

A Palazzo Nieddu di Locri, il concerto di Natale con i fratelli Vincenzo e Ermes Nizzardo

LOCRI (Rc) - Calendario Palcoscenico 2008 L’Amministrazione comunale di Locri ha stilato il calendario delle manifestazioni che si svolgeranno nel mese di dicembre 2008 e nella prima settimana del mese di gennaio 2009. Un ricco e completo calendario di eventi in programma per festeggiare il Natale e il nuovo anno, tra conferme e novità importanti. Il programma: Sabato 20 dicembre, con inizio alle ore 18.30 presso il Palazzo Nieddu Del Rio sarà la location del “Concerto di Natale” con Vincenzo ed Ermes Nizzardo. Ancora un esibizione di altissima qualità si terrà domenica 21 dicembre alle ore 18.30 presso l’auditorium dell’Istituto Magistrale, con il concerto “Arie e Romanze” a cura del soprano Rosalba Dominichelli, violinista Graziella Barillà, pianista Andrea Calabrese. Nel proseguo del calendario degli eventi della Città di Locri si giunge a venerdì 26 dicembre quando, alle ore 18.30, presso l’auditorium del Centro Giovanile Salesiano, sarà di scena l’Orchestra e Coro Polifonico Diocesano, diretto dal Maestro Natale Femia. Altri eventi in eventi in programmazione per sabato 27 dicembre, ore 18.30 presso l’auditorium del Centro Giovanile Salesiano, il concerto del “Two Jazz Guiters”. Domenica 28 dicembre sarà di scena a Palazzo Nieddu Del Rio, con inizio alle ore 18.30, “Itinerari Gospel”. Sabato 27, domenica 28 e lunedì 29 dicembre, i saloni di Palazzo Nieddu ospiteranno la mostra concorso: “Resti di Luce”, a cura dell’associazione Ape 03. Per festeggiare l’inizio del 2009 l’Amministrazione Comunale della Città di Locri rinnova l’appuntamento con “Capodanno in Piazza”, dalle ore 00.30 ed a seguire uno spettacolo musicale. L’evento, in caso di pioggia, si sposterà da Piazza Dei Martiri a Palazzo Nieddu. Sabato 3 gennaio 2009 presso Palazzo Nieddu a partire dalle ore 19.00 il premio di poesia “Trofeo del Mare” a cura dell’associazione Nazionale Marinai d’Italia. Martedì 6 gennaioaltro importante avvenimento di solidarietà presso il reparto pediatria dell’ospedale di Locri si terrà la “Festa dell’Epifania”. Pomeriggio del 6 gennaio alle ore 16.30 a Palazzo Nieddu “Festa della Befana” a cura delle associazioni Portale Giovani e Fiadda Labor. Ancora il 6 gennaio, alle ore 18.00 presso l’auditorium “Sant’Antonio” del centro giovanile Salesiani si terrà “Flussi del mare ed echi di montagna”, a cura del Campo Scuola “Speriment –Arti”. Infine da mercoledì 7 gennaio a mercoledì 14 gennaio si rinnova l’appuntamento con l’arte a Palazzo Nieddu, con la mostra “La Donna in Arte” a cura della “Fondazione Nosside”. LOCRI (Rc) - Concerto di Natale L’Amministrazione comunale della Città di Locri organizza per sabato 20 dicembre,alle ore 18.30 presso Palazzo Nieddu Del Rio il “Concerto di Natale” con l’esibizione dei fratelli Vincenzo ed Ermes Nizzardo. PAOLA (Cs) - “Paola in scena”, programma Programma stagione teatrale "Paola in scena" 2008/2008. 22 dicembre, "Romantic commedy" con Marco Columbro e Mariangela D’Abbraccio; 17 gennaio,"Sognando il mare" con Dario D’Ambrosi e Lorenzo Alessandri; 29 gennaio,"Miseria e nobiltà" con Francesco Paolantoni e Nando Paone; 6 febbraio, "Sunshine" con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli; 28 febbraio, "Da giovedì a giovidì" con Marco Marzocco; 14 marzo, "Come uno scandalo al sole" con Isabella Russinova e Pietro Longhi; 30 marzo, "L’appartamento è occupato" con Paola Gassman; 6 aprile, "Quaranta ma non li dimostra" con Luigi De Filippo. La stagione teatrale, a decorrere dal 22 dicembre, prevede due spettacoli al mese, per un totale di otto rappresentazioni. Il costo dell’abbonamento è pari ad euro 120,00 in platea, e ad euro 100,00 in galleria. La prevendita si effettua, tutti i giorni esclusi il mercoledì e il giovedì, al botteghino del teatro Odeon dalle 16.30 alle 21.30 (info 333/494394 – 331/3887161 - www.paolainscena.it). PETRONA’ (Cz) - Profumi e sapori d’inverno La Pro-loco di Petronà, nell’ambito del programma della settimana natalizia e nella rassegna “Profumi e sapori di inverno”, presenta con il patrocinio dell’assessorato provinciale al turismo di Catanzaro, la II sagra della pittanchiusa e del maiale. Il programma della manifestazione che si terra in piazza Muraca prevede: Sabato 20 dicembre alle ore 15.30, sagra della pittanchiusa e altri dolci tipici preparati da massaie. Saranno premiate le tre migliori pittanchiuse. Ore 18.30, serata con il gruppo “Gli zampognari” accompagnati dai fisarmonicisti del complesso Petraia. E’ previsto anche il canto della strina che continuerà per le vie del paese anche domenica 28 dicembre. Domenica 21 dicembre, ineve, alle ore16.00, distribuzione di carne di maiale con vino locale. Completerà la serata il gruppo folcloristico Petrania. POLISTENA (Rc) - Discussione sulla Sanità L’Associazione la Città del sole, con il patrocinio di numerosi partner a partire dal Comune di Polistena, presenta per domenica 21 dicembre alle ore 9.30 presso il salone delle feste di Polistena, il dibattito “Calabria: che sanita”.Le conclusioni dell’incontro saranno affidate ai due parlamentari europei, Beniamino Donnici e Iles Braghetto.

REGGIO C. - Mostra “Estrusioni” La Galleria Technè Contemporary Art ospiterà fino a martedì 30 dicembre , la personale “Estrusioni”, sculture in ceramica marmo e alluminio di Maria Teresa Oliva. L’inaugurazione della mostra è prevista per oggi alle ore 18.00 in via dei Correttori n°6 di Reggio Calabria. REGGIO C. - Aspettando il Natale Aspettando il Natale, la Biblioteca e la Mediateca comunale di Siderno e la Med2000rc, hanno organizzato alcune attività culturali per augurare buone feste all'Aministrazione Comunale, alle Istituzioni, alle associazioni del territorio e ai ittadini. La mostra sarà aperta fino al 31 gennaio. L’ultimo appuntamento è per domenica 28 dicembre alle ore 17.00 con la presentazione del libro di Giorgio Gigliotti "Hotel Allah. Racconti dall'Islam". REGGIO C. - Convegno - studi Oggi, alle ore 15,30 presso la sala conferenze del Dipartimanto Pau di Reggio Calabria, si terrà un convegno di studi dal titolo “Cooperazione euromediterranea, Commercio internazionale, sviluppo economico del mezzogiorno e in Calabria”. REGGIO C. - Giornata di studio Oggi, alle ore 8.30, presso l’auditorium S. Antonio di Reggio Calabria, è organizzato dall’Ordine dei consulenti del lavoro di Reggio Calabria e dall’Unione provinciale Ancl, in collaborazione con Ance, associazione nazionale costruttori edili di Reggio, l’Ente scuola edile di Reggio Calabria, la Direzione regionale dell’Inail e la sede reggina, si terrà una giornata di studio dedicata alle novità introdotte dal Decreto Legislativo n.81 del 9 aprile 2008, in materia di sicurezza sul lavoro. REGGIO C. - Incontri di filosofia Riprendono presso la saletta parrocchiale di San Giorgio al Corso (ingresso Lungomare) gli incontri di filosofia e gli Inviti alla Lettura dei Classici della Letteratura, della Filosofia, della Scienza promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos che si alterneranno nei giorni di venerdì con inizio alle ore 21.00. Di seguito i primi incontri. Oggi, ore 21.00, dott. Giuseppe D’Agostino; venerdì 9 gennaio 2009, ore 21.00, dott. Gianfranco Cordì. Supervisione scientifica: dott. Gianfranco Cordì.Gli incontri si terranno presso la saletta della chiesa san Giorgio al Corso. REGGIO C. - Sviluppo e occupazione Oggi, con inizio alle ore 9.30, presso il Palazzo del Consiglio regionale della Calabria, si terrà l’incontro promosso dall’Azienda Calabria Lavoro sul tema “Insieme per costruire la Calabria - sviluppo, occupazione, mercato del lavoro”. REGGIO C. - Convocazione Consiglio comunale Il presidente Aurelio Chizzoniti ha convocato il Civico Consesso per oggi, alle ore 12.00. L’Assemblea reggina si ritroverà nella Sala delle Adunanze di Palazzo San Giorgio per discutere di diversi punti previsti all’ordine del giorno, tra cui due ratifiche di variazione di bilancio, alcuni riconoscimenti di debiti fuori bilancio, una proposta di variante al PRG in merito la nuova Fiera di Arghillà, l’adesione alla Stazione Unica Appaltante Provinciale (Suap) e l’adesione alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Ulteriore appuntamento, lunedì 22 dicembre, alle ore 11.00. In quell’occasione l’argomento trattato riguarderà la questione degli Lsu ed Lpu comunali. REGGIO C. - Programmazione Anassilaos L’Associazione culturale Anassilaos di Reggio Calabria presenta il cartellone degli eventi del mese di dicembre. Programma: Oggi, ore 21.00 saletta San Giorgio al Corso, per le Serate Filosofiche conversazione della Caterina Di Leo sul tema “Questioni di storia”. Domenica 28 dicembre ore 20.45 chiesa San Giorgio al Corso “testimonianze dal terremoto” in memoria delle vittime del terremoto del 28 dicembre - proiezione di un documentario realizzato da Giacomo Marcianò e letture di sopravvissuti e testimoni. Nel corso della manifestazione in omaggio una speciale cartolina con annullo filatelico. REGGIO C. - Programma natalizio L’Accademia del tempo libero di Reggio Calabria presenta il suo ricco calendario del mese di dicembre: sabato 20 dicembre, alle ore 20 .30, con il Concerto Gospel del “Corona Chorus”. Trascorso il Natale gli amici del sodalizio si incontreranno il giorno di San Silvestro (31 dicembre) con “Aspettando il 2009…”, cenone, musica e animazione. Il nuovo anno si aprirà domenica 4 gennaio con la visita alla mostra dei Presepi.

REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: 21 gennaio 2009, ore 17.00-19.00, autore Kafka, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa S. Cordiani; 18 febbraio, ore 17.00-19.00, autore D'Annunzio, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dott.ssa D. Belmondo, dott.ssa R. Nucera; 18 marzo, ore 17.0019.00, autore Faulkner, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa F. Farano; 15 aprile, ore 17.00-19.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; 13 maggio, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; 10 giugno, ore 17.00-19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; 15 luglio, ore 17.00-19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dr. Paolo Praticò. REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Nel dettaglio il programma prevede: gennaio: 10-11,compagnia opera Italia (danza) - Carmen..una storia mediterranea; 16-17-18, Teatro stabile del Veneto (prosa) - Peccato che sia una sgualdrina; 24-25, concerti sinfonici - M° J. Kovatchev; 30-31, Komiko procduction - Miseria e nobiltà; febbraio: 7-8, compagnia del balletto Mimma Testa - Capricci e bisticci ovvero la Principessa sul pisello; 13-14-15, Teatro stabile La contrada di Trieste (prosa) - Il divo Garry; 22-24, Il pipistrello (lirica); 2526, Nautilus pictures - Fiore di cactus; marzo: 12, concerti sinfonici - M° Veronesi; 21-22, Ballet de 2Les parentes terribles” (danza) - produzione in collaborazione con il Teatro dell’opera di Roma; 27-28-29, Teatro Bellini di Napoli - Masaniello; aprile: 3-4-5, I due della Città del sole (prosa) - “Quaranta ma non li dimostra”; 9-10, concerti sinfonici - M° Moranti; 15-16, Candoco dance company London (danza) - Double bill; 18-20, Werther (lirica); 26-27-28, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; maggio: 9, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingresso fino al 7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30, al mattino, e dalle 16.30 alle 19.00, al pomeriggio. REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: martedì 13 gennaio 2009, martedì 10 febbraio, martedì 10 marzo, martedì 21 aprile, martedì 9 giugno 2009.

AVVISO AI LETTORI Per ottenere la pubblicazione in questa rubrica di appuntamenti riguardanti la cultura, l’arte, lo spettacolo, la convegnistica, e qualsivoglia altro evento, occorrerà che le comunicazioni giungano a questa redazione

ALMENO 48 ORE PRIMA Segnala un appuntamento via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 43

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

A Rocca Imperiale, la manifestazione “P-esaggi sonori - l’arte di guardarsi attorno” e la valorizzazione del limone

A Sellia una petizione sull’eutanasia IL CARTELLONE

Oggi, concerto Gospel nel piccolo tempio di San Nicola a Scalea

REGGIO C. - Gianni Morandi con “Grazie a tutti” Confermati i due concerti reggini del tour "Grazie a tutti" del cantante Gianni Morandi per l’ 8 e il 9 aprile 2009. I concerti inizieranno alle ore 21.00. La tendostruttura sarà installata in località Pentimele, nei pressi del Palasport. Previsti due tipi di biglietto: poltronissima euro 40.00 e tribuna euro 30, compreso diritti di prevendita. I due concerti di Gianni Morandi a Reggio Calabria fanno parte di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009", la XXIII edizione della rassegna del miglior live d'autore italiano e godono del patrocinio e della collaborazione dell' assessorato comunale alla Cultura. RENDE (Cs) - Mostra Hemingway Una mostra di Franco Azzinnari dedicata ad Ernest Hemingway si terrà presso l’Università della Calabria fino all’8 gennaio 2009. La mostra dedicata al grande scrittore americano, del quale il prossimo anno ricorre il 110 anniversario della nascita. L’iniziativa è stata promossa dall’Ateneo di Arcavacata in collaborazione con il pittore calabrese Franco Azzinari, che ha vissuto a lungo nei luoghi più amati da Hemingway durante la sua vita, Cuba e l’Africa, e che in splendide tele ha dipinto i momenti, i personaggi, gli ambienti e le peculiarità più significativi di quelle realtà RENDE (Cs) - Fiorella Mannoia in tour Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale, aprirà il 12 marzo 2009 al teatro Garden di Rende ed il 13 marzo al Teatro Cilea di Reggio Calabria, la XXIII edizione della rassegna “Fatti di musica Radio Juke Box 2009” ideata e diretta dal promoter Ruggero Pegna. L’evento sarà abbinato alla “lotta alle leucemie e linfomi dell’amena”. La vendita dei biglietti dei concerti di Fiorella Mannoia a Rende e Reggio Calabria sarà possibile in tutte le prevendite autorizzate elencate al sito www.ruggeropegna.it (Cosenza: Inprimafila e Bar Tosti; Rende: Teatro Garden; Reggio Calabria: Boutique Taxi. Quattro i prezzi dei biglietti: euro 44.50 poltronissima, euro 38,50 poltrona, euro 33,50 ed euro 27,50 per palchi e galleria. Per informazioni 0968.441888). ROCCA IMPERIALE (Cs) - P-aesaggi sonori Sabato 27 dicembre, patrocinata dall’Amministrazione comunale di Rocca Imperiale, in collaborazione con il Consorzio per la tutela e la valorizzazione del limone di Rocca Imperiale e dell’Alto Jonio Cosentino, sotto la direzione artistica di Enzo Arcuri ed il coordinamento musicologico di Clara Tufarelli, si terrà la manifestazione “P-assaggi sonori – L’arte di guardarsi intorno”. ROSSANO (Cs) - Maratona artistica Presso la sede dell’associazione Internazionale Centro Arte Club di Rossano, su iniziativa del pittore Ercolino Ferraina si terrà una maratona artistica di fine anno. Il programma: fino a oggi, personale di Ercolino Ferraina, mentre dal 20 al 27 dicembrenegli stessi locali si potranno ammirare le straordinarie distese di fiori e campiture dei paesaggi calabresi del Trebisaccese Franco Abate. Nello stesso periodo, fino al 27 dicembre si terrà in contemporanea una importante mostra di grafica d’autore con le opere di Franco Azzinari, Antoni Addamiano, Ulisse, Sciarrano, Fiorentini, Cascella, Bocchi e Claudio Malacarne. ROSSANO (Cs) - Città bizantina...a Natale La città di Rossano, assessorato al Turismo, spettacolo e manifestazioni culturali, presenta la terza edizione di “Rossano la bizantina...a Natale”. Per l’occasione, oltre agli eventi musicali inseriti nel cartellone “Rossano città della musica”, il programma natalizio prevede: Oggi, inaugurazione alle ore 17.30 sempre presso Palazzo Bernardino, della mostra “contemporanea 2008”. Alle ore 19.00 galleria d’arte “Frurion” a Rossano Scalo, direzione artistica Settimio Ferrari. Alle ore 20.00, “Concerto natalizo” dell’orchestra sinfonica del Conservatorio “F.Torrefranca” di Vibo Valentia. Sabato 20 dicembre.ore 17.00 “presentazione monografica sguardi multipli” a cura dell’associazione Koinè. Domenica 26 dicembre, ore 17.00, quartiere Santo Stefano “Presepe vivente” a cura del Comitato Santa Maria della Pace. Domenica 28 dicembre, ore 19.00, “Concerto di capodanno” a cura della Fidapa sezione di Rossano. Domenica 4 gennaio ore 18.30 “Scanderbeg Jazz Trio in standarede extra”. Lunedì 5 gennaio, ore 18.30 “Mi ritorni in mente...” “Ricordando Battisti” a cura dell’Accademia musicale Rossanese e Grafosud. Martedì 6 gennaio ore 15.30, Palazzetto sportivo dei padri Giuseppini di Rossano Scalo, “Festa della Befana 2009 per i diversamente abili” a cura dell’associazione Lions Club Rossano Sybaris e 1ª edizione della Befana interforze“ a cura di Genius management Sas. Alle ore 17.00, piazza Steri “Arrivano i Re Magi” realizzati nel laboratorio di cartapesta del prof. Isidoro Esposito. Domenica 11 gennaio, ore 18.30, premiazione della “vetrina più bella”.

ROSSANO (Cs) - La città della Musica Al via la terza edizione de “La città della Musica”. Il ricco cartellone degli eventi, allestito dall’assessorato al Turismo e Spettacolo del Comune di Rossano, prevede le esibizioni di artisti e formazioni da camera di levatura nazionale, provenienti dalla Calabria e da Bologna, Venezia, Torino e Firenze. Il programma: Domenica 21 dicembre, Virginio Aiello (fisarmonica) e Paolo Lucani (pianoforte). Sabato 27 dicembre, Aurelio Schiavoni (soprano) e Francesco Addobbo (pianoforte). Sabato 3 gennaio, Quartetto Telesio: Fabio Falsetta (pianoforte), Giovanni Azzinnari (violino), Alessio Vilardo (viola) e Stefano Amato (violoncello). Tutti gli eventi si terranno presso Palazzo San Bernardino di Rossano Centro e avranno inizio alle ore 18.30. SCALEA (Cs) - Appuntamenti “Vivi il Natale” Diffuso il programma del “Vivi il Natale a Scalea”: oggi, ore 19.00. Concerto Gospel. Chiesa San Nicola in Platea, a cura dell’associazione Pro-loco. Dal 20 al 27 dicembre e fino a sabato 3 gennaio, dalle ore 14.00 alle16.00, La natività; rappresentazione artistica del presepio con la mostra antropologica. Nella saletta Cimalonga, a cura del Comitato Cimalonga. Dal 20 dicembre al 6 gennaio, Presepe sulla Torre Talao. Orario: 15.00 -19.30 (Giorni feriali). 9.30 -13.00 e 15.00 -19.30 (Giorni festivi). A cura dell’associazione Sporting club La valle. Sabato 20 dicembre ore 20.30, commedia: A casa da ciutia. Sala Polifunzionale. A cura della Compagnia teatrale Salvino di Mendicino. Sabato 20 dicembre,ore 15.00 “U panni i Santa Lucia”. In Piazza Cimalonga a cura del Comitato Cimalonga( spettacolo posticipato per maltempo).Domenica 21 dicembre ore 20.30, concerto con i maestri Perrone, al violino, Tramontano, al flauto, Miele, al violoncello. Sala della biblioteca comunale a cura dei Solisti dell’accademia musicale del Vallo di Diano. Lunedì 22 dicembreore 19.00. Concerto di pianoforte con i maestri Perciaccante e Dominici. Nella sala polifunzionale. Martedì 23 dicembre ore 21.00. Quinta edizione, tombolata scout. Nella sala polifunzionale a cura del Gruppo Scout. Giovedì 25 dicembre. ore 10.00 –13.00, Babbo Natale in vespa in Piazza Caloprese, a cura del Vespa club. Dal 26 dicembre al 30 dicembre torneo interparrocchiale, Allo Sporting club La Valle, a cura dell’associazione La Valle. Venerdì 26 dicembre ore 14.30, memorial di calcio “T.Barletta”, Stadio Longobucco, a cura del Comitato Tonino Barletta. Venerdì 26 dicembre ore 20.30. Rappresentazione teatrale: Stanott’ pass’ ‘u bommino. Nella sala polifunzionale a cura dell’associazione Carnem levare. Sabato 27 dicembre Forum. Nella sala polifunzionale a cura della Diocesi, San Marco Argentano-Scalea e alle ore 18.00, coro polifonico presso la chiesa di San Nicola in Platea, a cura del Coro Laudate Dominum. Domenica 28 dicembre ore 18.00. Serata pa’ Scalia. Nella sala polifunzionale, a cura dell’associazione Sporting la valle. Lunedì 29 dicembre ore 20.30, alla scoperta dei talenti, la Corrida dei cedri – VII edizione. Nella sala polifunzionale, a cura dell’associazione Libero forum. Martedì 30 dicembreore 20.00, concerto di Natale presso sala polifunzionale, a cura della banda musicale Città di Scalea. Mercoledì 31 dicembreore 24.00, Fuochi d’artificio di fine anno dalla Torre Talao, a cura dell’Associazione sporting club La Valle. Sabato 3 gennaio ore 17.00. Rappresentazione teatrale: ‘A vrascera d’u mis(i) i Natal(i). Nella sala polifunzionale. A cura del Comitato Cimalonga. Domenica 4 gennaio ore 21.30, Gospel, concert con Wendy Lewis Duet. Nella sala polifunzionale, a cura dell’associazione culturale Picanto. Lunedì 5 gennaio dalle ore 15.00, il rito del ceppo, con l’assaggio delle gaimelle. In piaza Cimalonga, a cura del ComitatoCimalonga. Alle ore 20.30, concerto del coro polifonico Harmonia di Santa Maria del Cedro, diretto dalla maestra Caria. Nella sala polifunzionale a cura del Coro polifonico Harmonia. Martedì 6 gennaio ore 20.30, concorso regionale “Miss Mondo Italia 2009”.Sabato 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia Maria, serata al Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SAN SOSTENE (Cz) - Natale in casa Cupiello Sabato 20 dicembre, alle ore 16.30 presso la scuola primaria di San Sostene si terrà la rappresentazione teatrale dei ragazzi della scuola secondaria dal titolo “Natale in casa Cupiello” SCALEA (Cs) - Consiglio comunale Lunedì 22 dicembre, si riunirà a Scalea alle ore 16.00, un Consiglio comunale con tre i punti all’ordine del giorno: Ratifica della delibera di giunta comunale n.136 del 10 novembre 2008 ad oggetto “Variazione al Bilancio di previsione 2008”; Delibera di giunta n.137 del 10 novembre 2008; comunicazione al Consiglio comunale del prelevamento dal fondo di riserva ordinario; Piano di localizzazione degli impianti stradali di distribuzione carburanti-Variante al vigente Piano comunale.

SELLIA M. (Cz) - Petizione popolare sull’eutanasia Sabato 20 dicembre in via Giardinello dalle 18.00 alle 20.00 e in via Mercato dalle 20.30 alle 23.00, i Radicali Italiani e l’associazione Coscioni, organizzano nell’ambito dell’iniziativa “100 città italiane con Piergiorgio Welby”, organizzano un tavolo di informazione e di raccolta firme su testamenti biologici e petizione al Parlamento italiano per l'eutanasia legale. SERSALE (Cz) - Christmas show La Asd palestra Dinamic Club di Sersale organizza il gran prix “Christmas Show”. La 3ª edizione della gara dedicata a Esordienti e Semiesordienti che si terrà sabato 20 dicembre a Sersale presso l’Auditorium della scuola elementare. Ore 16.00 pesatura, ore 18.00 gara. La kermesse prevede anche l’esibizione fuori gara di atleti nazionali ed internazionali. SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza su www.movidacommunity.it. SETTINGIANO (Cz) - Booling Center, promozioni Il Booling Center di località Campo, sempre aperto tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso". SETTINGIANO (Cz) - Selezioni ragazza cinema La sera di oggi, presso il locale l’“Orso cattivo” di località Martelletto, si terrà la selezione regionale del “concorso ragazza cinema ok”. SOVERATO (Cz) - Presentazione libro Oggi, alle ore 18.00, presso l'Istituto Alberghiero di Soverato, la Fidapa presenterà il volume diMariastella Sinopoli "Preces e profundo corde". SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale 2008/2009 Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: Oggi, Compagnia Donati Olesen Comedy Show regia G. Donati e J. Olesen. Domenica 21 dicembre l’Accademia internazionale dello spettacolo “Officina Teatrale” alle ore 21.00 presenterà il saggio – spettacolo “Antologia di Spoon River” di E.L. Master. Costo del biglietto per studenti, 8 euro. Lo spettacolo è collegato a Telethon, per cui la metà dell’ incasso sarà devoluta in beneficenza. Sabato 3 gennaio Caprioglio Scaccia La Dodicesima Notte di William Shakespeare; 6 gennaio Concerto Lirico Vocale “Una voce poco fa” a cura del Maestro Vito Cristofaro; 10-11 gennaio Tullio Solenghi L’Ultima Radio regia di Marcello Cotugno; 6-7 febbraio Hair The tribal love rock Musical direzione musicale Elisa; 28 febbraio Dr Jekill e Mr Hyde The strange show di e con Fabrizio Paladin; 7 marzo Claudio Insegno Risate al 23° piano di Neil Simon; 21 marzo Gaia De Laurentis Sottobanco regia Claudio Beccaccini; 4 aprile Tosca D’Aquino Ogni anno punto e a capo di Eduardo De Filippo; 16 aprileSorelle Marinetti Non ce ne importa niente regia Max Croci; 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; 3 maggio Giorgio Albertazzi lezioni americane di Italo Calvino.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


44 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Oggi, presso il Centro multimediale diocesano di Vibo Valentia, si parla di volontariato e responsabilità sociale

“La storia di Adelina” a Trebisacce IL CARTELLONE

L’Orchestra sinfonica di Pazardjik a Soverato per il concerto di Natale

SOVERATO (Cz) - Concerto di Natale 2008 Il Lions Club di Soverato e versante Ionico delle Serre, presenta il concerto di Natale 2008. Con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Soverato e la collaborazione dell’Istituto Alberghiero, la manifestazione si terrà sabato 27 dicembre alle ore 21.00 presso il teatro comunale di Soverato. Protagonista della serata, l’Orchestra sinfonica di Pazardjik (Bulgaria) diretta dal maestro Giovanni Froio, di Ponchielli-Strauss e Rossigni ed è prevista la partecipazione straordinaria di Gerardo Sacco con “Frammenti di luce”. SOVERATO (Cz) - Evento Teatro/Canzone Domenca 4 gennaio ore 21.00 presso il Teatro Comunale di Soverato, evento teatro/canzone con Carlo Lucarelli, Simona Vinci e gli Arangara. SOVERIA M. (Cz) - “La Rosa nel bicchiere” La Rosa nel bicchiere propone un percorso di degustazione, riscoperta e rivalutazione dei prodotti e della cucina tradizionali attraverso un calendario di serate a tema legate allo scorrere delle stagioni. Programma: Tutti i sabato sera e per tutto il periodo natalizio nella tavernetta de La Rosa nel bicchiere Wine bar, degustazione taglieri di salumi e formaggi, musica e crêpes flambées. Per ulteriori e più dettagliate informazioni è possile contattare i numeri di telefono di seguito riportati: 0968/666668 – 349/6886589; o ancora consultare il seguente sito internet www.larosanelbicchiere.it. SOVERIA S. (Cz) - Non c’è due senza s...tre...ss “Non c’è duo senza s..tre..ss” del duo Battaglia & Miseferi, sabato 27 dicembre, presso la palestra comunale di Soveria Simeri, a partire dalle ore 21.30, i famosi comici del Bagaglino si supereranno in materia di risata. L’evento è stato voluto l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco e consigliere provinciale Mario Amedeo Mormile, in collaborazione della Provincia di Catanzaro e della “Onofrio Concerts” di Giuseppe Onofrio.

la Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. TREBISACCE (Cs) - La storia di Adelina Conte Sabato 20 dicembre,alle ore 18.00, presso la Sala consiliare del Comune di Trebisacce, si terrà la manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Il Musagete di Francavilla Marittima, e dalla Casa Editrice “Aljon” per parlare dell’opera di Adelina Conte “Vi racconto … la storia”. Saranno presenti, Piero De Vita, Tullio Masneri, Giuseppe Roma, Bonifacio Vincenzi e Maria Grazia Scarnecchia, direttore editoriale Aljon Editrice. Sarà presente l’autore. TORRE DI RUGGIERO (Cz) - Teatro/canzone Venerdì 2 gennaio alle ore 20.30 presso la sala Conferenze del Comune di Torre di Ruggiero si terrà l’evento Teatro/canzone con Carlo Lucarelli, Simona Vinci, Mimmo Martino (Mattanza), Mario Lo Cascio (Discanto), Carlo Grillo (Calabria Logos), Marcello Piccioni, Roberta Parravano, Gianfranco Riccelli (Arangara). Letteratura, musiche e canti. la stessa iniziativa si ripeterà sabato 3 gennaio alle ore 21.00 all’auditorium Casalinuovo di Catanzaro e domenica 4 gennaio al teatro comunale di Soverato.

SQUILLACE (Cz) - Conferenza Nuciforo Sabato 20 dicembre, alle ore 10.00 presso la sala conferenza dell’Istituto Cassiodoro, si terrà un convegno su "Amicizia, solidarietà e donazione in memoria di Mimà Nuciforo" su iniziativa dell'Avis di Squillace e del Comune, con il patrocinio della Regione Calabria, della provincia Catanzaro e dei Comuni di Amaroni, Vallefiorita e Palermiti.

VIBO V. - Volontariato e responsabilità sociale Oggi, presso il Centro multimediale diocesano, in Via S. Famiglia a Vibo Valentia, alle ore 18.30 si terrà una tavola rotonda sul tema, “Volontariato e Responsabilità Sociale”. Saranno presenti all’incontro, tra gli altri, Franco Todaro, vicepresidente Csv Vibo, Egidio Chiarella, presidente Coge Calabria, Marco Granelli, presidente coordinamento nazionale Csv, Luciano Squillaci, presidente coordinamento regionale Csv, Lorenzo M. di Napoli, vicepresidente della Consulta nazionale Coge.

SQUILLACE (Cz) - Visite al centro storico L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Info: 0961/34618 - 368/7376942 347/1094691 - 320/0473698 - www.calabriaguide.it.

VIBO V. - Incontro - dibattito Sabato 20 dicembre alle ore 16.30 presso la biblioteca Comunale di Vibo Valentia, si terrà un incontro – dibattito sul tema “I Padroni della provincia e la politica che non c’è”. Interverranno: Barbara Citton, Pino Tassi, Gaetano Luciano, Giuseppe Pasquino, don Peppino Fiorillo dell’associazione “Libera”, Ignazio Vasapollo dell’associazione “Ambrosoli”. Coordinerà i lavori, Caterina Achille. Riflessioni finali, Nuccio Iovene.

STALETTI’ (Cz) - Natale sul posto di lavoro L’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo, aderente all’Unaie, celebra i suoi XXVI anni con la manifestazione “Natale sul posto di lavoro”. L’incontro si svolgerà martedì 23 dicembre alle ore 18.00 presso la torrefazione della Caffè Guglielmo sita a Copanello di Stalettì in via Nazionale e si comporrà di due momenti: una Santa Messa celebrata da Sua Eccellenza Monsignor Antonio Ciliberti Arcivescovo metropolita di Catanzaro - Squillace e la consegna del premio “Calabria Mondo 2008” destinato a calabresi che si sono particolarmente distinti nei propri settori di attività.

VIBO V. - Auguri di Natale Martedì 23 dicembre, alle ore 10.00 presso la Sala del Consiglio Comunale di Palazzo Luigi Razza, il sindaco della città Franco Sammarco incontrerà i rappresentanti degli Organi di stampa per il tradizionale scambio di auguri. Alla conferenza stampa, che come negli anni passati è anche circostanza utile per tracciare un breve consuntivo del lavoro svolto, è prevista la partecipazione dei componenti l’esecutivo comunale.

TAVERNA (Cz) - Cena Emergency Il gruppo Emergency volontari di Catanzaro organizza per oggi, dalle ore 20.30 presso la pizzeria "il Semaforo" di Taverna, la seconda edizione di "A cena con Emergency" serata di solidarietà a favore della Sierra Leone. Ingresso a sottoscrizione volontaria, offerta minima 5 euro. Allieteranno la serata i gruppi musicali degli Apostrophe e dei Felis Manul.Tutto il ricavato andrà a sostenere il centro pediatrico di Goderich in Sierra Leone. Prenotazione obbligatoria TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 - 368/7376942 - 329/9149079 347/8871177 - www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione del-

che promuove il percorso tra arte, cultura, ambiente, storia e territorio, e che coinvolge i Comuni della provincia di Cosenza e Catanzaro fino al prossimo 18 gennaio. Le tappe programmate della mostra itinerante, nelle stazioni ferroviarie della Calabria sono: fino a oggi aRogliano; dal 20 al 23 dicembre Soveria Mannelli; dal 27 al 30 dicembre Catanzaro; 2-3 gennaio 2009 Serrastretta; dal 4 al 6 gennaio Camigliatello Silano; dal 7 al 10 gennaio San Giovanni in Fiore; 11-12 gennaio Serra Pedace e dal 13 al 18 gennaio Cosenza centro. CALABRIA - Cunta Calabria L’Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Vibonese” di Vibo Valentia, fino al 20 marzo 2009 presso il nuovissimo Auditorium della Chiesa “Gesù Salvatore” in Vena di Jonadi, presenta la seconda edizione di “Cunta Calabria”. La Calabria si racconta attraverso il teatro popolare e non solo. Il programma: oggi, Teatro “In…canto” di Catanzaro “The best family”. Venerdì 9 gennaio, Compagnia Teatrale “Hercules” di Catanzaro “A scacammi n’atra”. Venerdì 23 gennaioAssociazione Teatrale “Roccella Jonica”. “ Nta casa i Don Rafeli”. Il 6 febbraio, Piero Procopio & Band Cabaret e Musica Popolare. Il 20 febbraio, Associazione Culturale “Nuovo Teatro Aquila” di Pellaro “L’eredità e a jettatura”. Il 6 marzo,“Gruppo Teatrale Anoiano”. Il 20 marzo, Gruppo Teatrale “Giangurgolo” di Gioia Tauro“U muru”. Ingresso pubblico ore 20.30 – Sipario ore 21.00. CALABRIA - Spettacoli Fandango A cura della Ccomunità terapeutica Fandango dell'Associazione Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme, si tarranno per il periodo natalizio, diverse esibizioni pubbliche dello spettacolodi cabaret "Fandango Circus, in Tour". Partito da Nocera Terinese, lo spettacolo si sposterà a Francavilla Angitola oggi, alle ore 18.30 presso i locali della parrocchia del SS. Rosario. CALABRIA - Concerti Acam La Società Beethoven Acam di Crotone presenta la stagione concertistica 2008. Il programma: Domenica 21 dicembreconcerto dell’Orchestra da Camera “Orfeo Stillo”, Basilica Cattedrale di Crotone, ore 19.00. Domenica 26 dicembre, concerto dell’Orchestra da Camera “Orfeo Stillo”, chiesa Madre di Cutroore 19.00. Domenica 27 dicembre concerto del duo Aurelio Schiavoni - Francesco Addabbo, sala Complesso San Bernardino di Rossano, ore 18.30. Domenica 28 dicembre concerto del duo Aurelio Schiavoni - Francesco Addabbo, auditorium Liceo Musicale “O. Stillo” di Crotone, ore 19.00. CALABRIA - Prim’olio IX edizione L’associazione “Saperi e sapori” presenta la IX edizione di Prim’Olio (giornate internazionali per la valorizzazione dell'olivicoltura Mediterranea). Giovedì 29 gennaio, presso la Facoltà di Agraria di Bologna si terrà la presentazione nazionale della “Guida agli extravergini Calabresi”, a conclusione della nona edizione di “Primolio”. CALABRIA - Concerti di Natale Stagione concertistica 2008 “Concerti di Natale” curata dall’orchestra della provincia di Catanzaro e che vedrà protagonista il giovane direttore calabrese, Vito Cristofaro. Il Programma: Carlopoli, Chiesa Madre, domenica 21 dicembreore 18.00. Curinga, Chiesa Matrice, lunedì 22 dicembre ore 18.30. Soverato, Parrocchia dell’Immacolata, martedì 23 dicembre ore 19.00.

Ogni lunedì sul Domani

VIBO V. - “Vibo Presepi 2008” La Pro Loco di Vibo organizza la IV edizione della mostra-concorso “Vibo-Presepi 2008” che si terrà nella Chiesa rinascimentale di San Michele. La partecipazione è gratuita e suddivisa in due sezioni: privati; scuole, associazioni, enti, ecc.. Ogni partecipante può presentare più presepi per la mostra, ma solo due per il concorso. Ogni partecipante che avrà fatto pervenire nei termini stabiliti, i presepi presso la Chiesa di San Michele, potrà ritirarli entro e non oltre lunedì 12 gennaio 2009. I presepi non ritirati entro tale data resteranno in proprietà alla Pro Loco. Giorno ed ora della consegna e del ritiro, vanno preventivamente concordati con la Pro Loco. I presepi verranno giudicati da una giuria competente ed il giudizio sarà insindacabile. La mostra resterà aperta fino al 5 gennaio 2009, nei seguenti orari: tutti i giorni: ore 10.00 - 12.00/ 17.00 - 20.00. A mezzanotte di mercoledì 24 dicembre, la Chiesa accoglierà la suggestiva “ Processione del Bambinello” con personaggi in costume ed accompagnata dalla dolce musica degli zampognari e dal “Gran Falò di Natale”.

Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video

CALABRIA - Notti di Natale Ha ufficialmente preso il via presso la stazione Vaglio Lise di Cosenza, la manifestazione “Notti di Natale 2008/2009”: “In carrozza tra stelle e presepi”. La rassegna itinerante su rotaie

Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 45

APPUNTAMENTI CALABRIA Ospiti di “Inchiostro elettronico”: Roberto Coppola, Franco Lucia, Carmelo Carabetta, Elena Vera Stella, Aldo Casalinuovo, Gerardo Mancuso

In Tv: la crisi delle Istituzioni Un programma in onda ogni giorno, dal lunedì al venerdì, in diretta dalle 14 alle 16 dagli studi di Telespazio CATANZARO — Il conduttore Massimo Tigani Sava, direttore del quotidiano regionale “Il Domani della Calabria” nonché portavoce dell’Associazione di giornalisti “Jonici” ha aperto la tredicesima puntata di “Inchiostro elettronico” dando ampio spazio alla lettura di alcuni articoli apparsi sulle principali testate giornalistiche locali e nazionali ed, in particolare, ha evidenziato la notizia messa in risalto in questi giorni da tutti gli organi di stampa: “Il caso “Why Not”. E’ stato chiuso il fascicolo d’indagine e sono stati inviati 106 avvisi di conclusione a molti nomi noti. Su questo tema è stato chiamato a rispondere e chiarire alcuni termini tecnico-giuridici l’avvocato penalista Aldo Casalinuovo, presidente della Camera penale di Catanzaro. Erano presenti inoltre in studio altri cinque autorevoli ospiti che hanno avuto la possibilità di confrontarsi su vari argomenti di attualità: il professor Carmelo Carabetta, titolare della cattedra di “Sociologia generale” presso la facoltà di “Scienze politiche” di Messina; il vicequestore Roberto Coppola, dirigente della sezione Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Catanzaro; Franco Lucia, vice presidente della Camera di commercio di Catanzaro; la giovane imprenditrice Elena Vera Stella, stilista; il dottor Gerardo Mancuso, direttore dell’Unità operativa complessa Medicina interna ospedale di Lamezia Terme. Quest’ultimo ha posto l’accento sull’importanza di seguire una dieta corretta al fine di prevenire alcune malattie come quelle cardiovascolari ed i tumori. «Consiglio ai calabresi: di mangiare molta frutta e verdura, ridurre il

consumo di carne ed implementare quello di pesce, consumarlo per star bene almeno due volte la settimana; non dimenticare di utilizzare per i condimenti l’olio di oliva; mangiare la pasta sempre al dente, perché più facilmente digeribile. Bere vino rosso, due bicchieri al giorno, aiutano a prevenire l’invecchiamento, sopratutto delle arterie, perché questo prodotto contiene circa 6.000 sostanze chimiche che conferiscono le caratteri-

stiche organolettiche all’alimento. Proprio i polifenoli aiutano a rimanere giovani». I primo vitigno in italiano fu proprio adottato dai romani e fu coltivato qui in Calabria e precisamente nella zona del crotonese, “La Tellus Vini”, la terra dei vini». Il professor Carmelo Carabetta, in qualità di esperto di sociologia, riguardo la crisi delle istituzioni ed il passaggio dalla modernità alla post modernità, ha commentato:

chiaramente quanto i rapporti sociali e sentimentali siano cambiati. In questo solco le tradizionali gerarchie hanno perso ogni loro potere». «La società cammina su nuovi binari dove il treno dell’individualismo narcisistico svetta veloce verso la meta dell’edonismo» – ha voluto precisare Carabetta che ha continuato: «Su questo treno, metaforicamente parlando, non hanno diritto di accedere i più deboli. E’ questa l’unica

accedere ai conti bancari. Crescono dunque i reati telematici! Attenti anche a non lasciare mai la carta di credito nelle mani di chi non conosciamo: ci vogliono pochi secondi per clonarla!». Franco Lucia si è soffermato sul tema della crisi economica: «E’ un fatto positivo che Bersani e Tremonti si siano incontrati per risolvere questo problema; bisogna fare fronte comune. Il governo deve subito intervenire e redigere provvedimenti con-

Nella foto da sinistra: Roberto Coppola, Carmelo Carabetta, Rita Macrì, Franco Lucia, Elena Vera Stella, Massimo Tigani Sava, Gerardo Mancuso, Aldo Casalinuovo.

Momenti della diretta

Alcuni dei protagonisti di ieri di “Inchiostro elettronico”

«In aderenza al cambio d’epoca che ha segnato il passaggio dalla modernità alla postmodernità, si registra un marcato processo di trasformazione che interessa tutta la vita degli individui e le istituzioni. Nel nuovo clima culturale, che si afferma con sempre maggiore incidenza, si assiste ad un mutamento che attraversa la scuola, la famiglia, la giustizia, i sindacati, i partiti politici, il mondo del lavoro ed i rapporti socio-relazionali. La stabilità e la solidità dei valori della modernità vengono invalidati da nuovi valori specifici della postmodernità che esaltano la fluidità e la precarietà». Poi Carabetta ha proseguito: «I nuovi rapporti sollecitati da un clima culturale pienamente modificato giustificano comportamenti che la società pregressa riteneva devianti ed inopportuni. Nel nuovo clima delle libertà totali, ogni individuo, svincolato dai limiti delle norme sociali e spesso anche dai limiti delle norme giuridiche, afferma comportamenti utili solo per esaltare il proprio egoismo e le proprie passioni. I giovani, così come gli adulti, sono liberi di creare rapporti per poi immediatamente invalidarli: ci si fidanza e nel giro di poco tempo ci si lascia, ci si sposa e subito ci si separa. Lo stesso avviene nell’ambito della scuola, dove ognuno è libero di interrompere gli studi per poi entrare nel mondo lavorativo e di uscirne da questo per poi riprendere a studiare. I giovani sovente lasciano la famiglia per vivere secondo i loro progetti personali e non di rado rientrano in famiglia dove hanno la certezza di essere sempre accolti e di poter fare quello che vogliono. Le considerazioni summenzionate affermano

condizione che incute timore e che ogni individuo cerca di superare uniformandosi ai modelli dominanti. Per alcuni questo processo risulta possibile, mentre per tanti come gli anziani, gli handicappati ed i diseredati privi di un capitale fisico idoneo l’accesso al treno del piacere per il piacere viene negato. Questi individui sono destinati a perdere il passo, ovvero ad essere tagliati fuori e a vivere ai margini della società». Infine il professore ha concluso: «A pochi giorni dalla festività natalizia è spontaneo domandarsi in che misura la festa della Natività è aderente alle necessità di tutti gli individui. Il Natale, nella tradizione cristiana, ha segnato e continua a segnare con meno incisività i valori più alti non solo della fede ma anche della bontà, della solidarietà e dell’incontro spirituale. Nella società contemporanea i summenzionati valori connessi alla venuta di Gesù bambino sembrano ampiamente opacizzati da una nuova cultura. Una cultura che emargina il sacrificio, la rinuncia e simultaneamente esalta il piacere per il piacere e la negazione di tutto quanto include il differimento delle gratificazioni». Il vice questore Coppola ha voluto nel corso del suo intervento mettere in guardia gli utenti di Internet dalle possibili truffe sul Web: «Attenti ad aprire e-mail sospette. In Calabria stanno crescendo anche le truffe legate ad Internet, per esempio quelle connesse ad un uso illecito della posta elettronica. Vengono veicolate, infatti, attraverso questo canale, tutta una serie di possibile situazioni truffaldine tra cui i tentativi di carpire l’uso delle password degli utenti per

sistenti sul piano finanziario. Servirebbero 15 miliardi di euro per fronteggiare la potenza distruttiva di questa crisi che falcerà 600 mila posti di lavoro, decretando il fallimento di molte imprese». Infine, a tal proposito, la coraggiosa giovane imprenditrice Elena Vera Stella ha puntualizzato: «Quando la gente ha difficoltà ad acquistare i beni di prima necessità è normale che faccia tagli sul superfluo. La moda, intesa come artigianato di qualità, non può che risentire della crisi economica in atto, specie se si pensa che noi stilisti dobbiamo fare i conti con la concorrenza sleale del made in Cina. Ho studiato fuori dalla Calabria ma sono voluta tornare a vivere nella mia terra nonostante avessi la consapevolezza che sarebbero state moltissime le difficoltà da superare. In primis la lontananza, proprio a livello geografico, dai poli della moda, Roma e Milano; poi la burocrazia e il fatto di non essere riconosciuti professionalmente. Comunque mi reputo fortunata perché anche nei momenti difficili posso contare sull’appoggio dei miei familiari». “Inchiostro elettronico” va in onda tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, su Telespazio Tv, dalle 14 alle 16 in diretta, anche grazie al contributo di tutti coloro lavorano dietro le quinte per la buona riuscita del programma. Tra questi Vitaliano Marino. Chiunque abbia voglia di parlare di temi che meritano la giusta attenzione può essere il protagonista di questa trasmissione. Per informazioni contattate il 3484929505 o scrivere a: inchiostroelettronico@telespaziotv. com. Rita Macrì


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

46 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Fallimento n.20/89 Il Giudice delegato,dott. Giuseppe Cava, Vista la richiesta di vendita del curatore, Dispone la vendita senza incanto del compendio di seguito descritto: - lotto unico “quota ideale di 1/2 della proprietà di terreno con soprastante fabbricato in Centrache in catasto al fg. 7 partt. 323, 314, 311, 330 al prezzo base di euro 21.244,00 (la restante quota di 1/2, di proprietà del coniuge del fallita, sarà posta in vendita lo stesso giorno allo stesso prezzo nell’ambito della procedura esecutiva n. 188/89); fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 03.02.09 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00, l’udienza del 04.02.09 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura fallimentare n.20/89” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura; Dispone che il curatore provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano “Il Domani”. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 09.12.2008 Il Giudice Dott.Giuseppe Cava °°°°°°°°° Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 83/82 R.G. Espr. Il Giudice dell’Esecuzione, Dott. Giuseppe Cava, confermando all’udienza del 12/11/2008 l’ordinanza del 17/03/2008; visti gli artt. 569 e ss. Cpc e vista la richiesta di vendita, dispone la vendita senza incanto con riduzione di 1/4 del prezzo base del compendio pignorato di seguito descritto, con esclusione dei lotti 9 e 10 privi di dati catastali: - lotto 2 “appartamento in Montepaone in catasto al fg. 10 part 119 sub 9 al prezzo base già ridotto di 1/4 di euro 32.443,50; - lotto 4 “appartamento in Montepaone in catasto al fg. 10 part. 119 sub 7 al prezzo base già ridotto di 1/4 di euro 78.364,50“. Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 03/02/2009 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 3.000,00, l’udienza del 04/02/2009 ore 9,30. Dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro- Procedura n. 83/82” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; l’immobile meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore onerato degli adempimenti pubblicitari con l’ordinanza resa all’udienza del 12/11/2008 provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 cpc non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano “Il Domani”. Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 cpc..

PROGETTO

A CURA DELLA

Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro 12/11/2008. Il Giudice F:to G.Cava. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI ex art. 569 c.3 cpc PROCEDURA N. 113/96 R.E. SI RENDE NOTO Che il G.E. con sua ordinanza dell’8.10.2008 ha disposto la vendita all’incanto per il giorno 04.02.2009 alle ore 9.30,00 e segg. nell’aula delle pubbliche udienze di questo Tribunale avanti al giudice delle esecuzioni, degli immobili sottoelencati: - quota parte di 1/4 pro indiviso dell’intera proprieta’ di quattro unita’ immobiliari ad uso residenziale poste due al piano terra e due al primo piano in Lamezia Terme via degli Itali,13 loc.Pilli. fg 32 p.lle nn. 445 sub 3-4-5-6-. La p.lla 445 sub 3 piano terra è costituita da 5 vani, bagno e due balconi: la p.lla 445 sub 4,piano terra, è costituita da 5 vani bagno e due balconi; la p.lla 445 sub 5,primo piano, è costiuita da 6 vani,ripostiglio e due balconi; la p.lla 445 sub 6 è costituita da 5 vani,bagno,ripostiglio e due balconi. Prezzo base d’asta euro 28.016,65. Ogni concorrente per essere ammesso all’incanto deve presentare istanza di partecipazione in regola con il bollo, recante a pena di inefficacia l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di riconoscimento del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es.procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione da presentarsi in busta chiusa senza segni di riconoscimento deve essere depositato assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa per la cauzione in ragione del 10 % del prezzo base d’asta e a titolo di spesa il 20% del prezzo base d’asta.Il termine ultimo per depositare istanza di partecipazione nella cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Lamezia Terme è entro e non oltre le ore 13.00 di quattro giorni prima della vendita,la misura minima da apportare alle offerte a pena d’inammissibilità è pari a euro 7.004,16. L’immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, così come identificato dall’esperto nella perizia. L’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo d’aggiudicazione,dedotta la cauzione già versata, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari entro il termine di giorni 60 dall’avvenuta aggiudicazione mediante assegno circolare intestato a Poste Italiane e provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Solo all’esito di tale adempimento, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario,sarà emesso il decreto di trasferimento ai sensi dell’art. 586 cpc. Maggiori informazioni in Cancelleria. Lamezia Terme 08.10.08 Il Cancelliere C1 f.to Bernardi °°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 CPC NELLA PROC. ESEC.IMM. N. 84/98 RE Si rende noto che il G.E. con ordinanza dell’08.10.2008 ha disposto la vendita all’incanto del seguente bene immobile in unico lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO N. 1 lotto unico - “capannone industriale sito in San Pietro a Maida, località Serre, esteso complessivamente per 2.145,41 mq riportato nel NCT di detto comune al fg. 9, p.lla 407 e al fg. 10 p.lle 907, 911, 913”. Valore del bene euro 920.037,70. Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare il bene in vendita chiedendo di accedere all’immobile, previa preventiva comunicazione scritta al custode dott. Paolo Cosentino Via G.Garibaldi,49 Lamezia Terme. FISSA la vendita senza incanto per il giorno 11.02.2008, ore 9,30 e segg. presso il

MEDIATAG

Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e per il caso che detta vendita non abbia esito, in via sussidiaria, la vendita con incanto per il 25.02.2008 ore 9,30 e segg., al prezzo base d’asta così come sarà determinato ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 11.02.2008 all’esito della vendita senza incanto. Ogni concorrente per essere ammesso all’incanto deve presentare istanza di partecipazione in regola con il bollo, recante a pena di inefficacia l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di riconoscimento del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es.procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione da presentarsi in busta chiusa senza segni di riconoscimento deve essere depositato assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa per la cauzione in ragione di un decimo del prezzo base d’asta. In ogni caso le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario,cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. L’offerta di acquisto è irrevocabile, salvo che: il giudice ordini l’incanto, siano decorsi 120 giorni dallla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. L’offerta non è efficace se perviene oltre il termine stabilito, se è inferiore al prezzo determinato, se l’offerente non presta cauzione. Il termine ultimo per depositare l’istanza di partecipazione nella cancelleria delle esecuzione immobiliari del Tribunale di Lamezia Terme è entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 10.02.2009 per la vendita senza incanto e termine fino alle ore 13.00 del 24.02.2009 per la vendita con incanto. Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del valore dei lotti. Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione. L’aggiudicatario dovrà versare: a) entro il termine massimo di 60 giorni dall’aggiudicazione,il prezzo di aggiudicazione detratto l’importo già versato a titolo di cauzione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa. b) depositare idonea ed aggiornta certificazione ipo-catastale concernente l’imobile posto in vendita ed attestante le risultanze delle visure catastali e dei registri immobiliari, nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria. -L’aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile, alla sanatoria e/o condono di eventuali irregolarità urbanistiche entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Il creditore procedente dovrà provvedere ad inserire l’avviso di vendita sul sito internet www.aste.eugenius.it,, per una sola volta su un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta, per una sola volta sulla rivista “Aste giudiziarie” Ulteriori informazioni in Cancelleria. Lamezia Terme 08.10.2008 Il cancelliere C1 f.to Bernardi TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 118/97 promossa da PRETURA DI LOCRI (richiesta da Ditta ZANASI LUIGI) ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Ardore località Serra riportato nel NCEU alla partita 1000660 foglio di mappa 31 particella 231 sub 4 cat. A/3 classe 3^ cons. 4,5, in ditta.................. Prezzo base del lotto Euro 38.993,00 Deposito per cauzione Euro 3.899,30 Deposito per spese Euro 5.848,00 2° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Ardore

Per informazioni 0961 996802

località Serra riportato nel NCEU alla partita 1000660 foglio di mappa 31 particella 231 sub 5, in ditta.................. Prezzo base del lotto Euro 29.593,00 Deposito per cauzione Euro 2.959,30 Deposito per spese Euro 4.439,00 L’incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 27.02.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente l’incanto, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 1.250,00 per il 1° Lotto ed Euro 1.000,00 per il 2°. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 27.02.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 02 settembre 2008 IL CANCELLIERE °°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 119-1989 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 26.05.2008 LOTTO 1: “Quota pari ad un quarto di terreni in Caulonia coltivati a querceto, uliveto, agrumeto ad alberi da frutto sparsi nelle località Petrida - San Tommaso - Vignale - Fratelleri - Pezzollo - Tre Donne - Sgrungi. In catasto alla partita 1444, Foglio 48, part. 131-155-156184-185-199-201-203-298-344-345 e Foglio 62 part. 245-246-279-341” Prezzo base d’asta: Euro 18.342,50 Deposito per cauzione: 10% del prezzo - Deposito per spese: 15% del prezzo LOTTO 2: “Porzione di terreno in Caulonia, contrada Petrida, dove sono situati quattro piccoli corpi di fabbrica (Fabbricato rurale di 58 mq. - ripostiglio in muratura - deposito di derrate agricole - pollaio e porcilaia). In Catasto alla partita 6118, foglio 48 part. 354 Prezzo base d’asta: Euro 44.294,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo - Deposito per spese: 15% del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo SOPRA INDICATO, all’udienza del 23.01.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base eventualmente ribassato; c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore all’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d’asta indicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. L’aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Maria TORRE - (Tel. 329.6693495). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il Custode Giudiziario. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 23.01.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 05 dicembre 2008 IL CANCELLIERE


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 47

Sport

JUVENTUS

MONDIALE CLUB

Si ferma Iaquinta De Ceglie bianconero fino al 2013

Manchester U. in finale Due gol di Rooney nel 5-3 al Gamba

I blucerchiati fanno fatica ma riescono a battere il Siviglia Un’impresa che vale l’accesso ai sedicesimi di Coppa Uefa (1-0) Dal Brasile dicono: il 23 gioca al Maracanà. Eppure è malato...

Colpito da infiammazione all’inguine ieri si è comunque allenato a Milanello

Mourinho esasperato dal caso Adriano

Ancelotti spera che il brasiliano ci sia con l’Udinese

Adriano agita la vigilia dell’Inter atteso a Siena

Kakà ci prova E intanto il Milan accoglie Beckham

MILANO - La possibilità che l’attaccante del Chelsea Didier Drogba possa vestire la maglia dell’Inter il prossimo gennaio sono pari allo «zero per cento». A sostenerlo, in una intervista all’emittente inglese Sky Sport News, è l’allenatore dell’Inter, Josè Mourinho che nega, così, ogni ipotesi di scambio a gennaio tra l’attaccante ivoriano e Adriano. A proposito del giocatore, il ’Jornal do Brasil’ sostiene che l’attaccante avrebbe confermato la presenza per la partita delle stelle, tradizionale gara di beneficenza realizzata per Zico il 23 dicembre allo stadio Maracanà. Se Adriano dovesse scendere in campo la motivazione ufficiale resa dal club sull’infortunio muscolare andrebbe rivista. Intanto l’Inter domani a Siena cerca l’ottava vittoria consecutiva.

MILANO - Cercasi rinforzi. Non è disperato l’appello di Carlo Ancelotti, ma entro gennaio serve almeno un nuovo innesto a centrocampo per coprire l’enorme vuoto lasciato da Gattuso e dare fiato agli altri mediani tutti, chi più chi meno, acciaccati. Al punto che domenica con l’Udinese sarà difficile mettere assieme un reparto all’altezza. A Milanello si è rivisto in campo Kakà per un pò di corsa intensa e non è escluso che il brasiliano, fermo da qualche giorno per un’infiammazione all’inguine, domenica sia pronto. Ma lo scenario resta preoccupante. Di sicuro mancherà per squalifica Ambrosini. Per il resto, molto è nelle mani dello staff medico. Intanto un nuovo centrocampista sbarcherà a Milano domani: David Beckham atterrerà in mattinata.

UnghiatavincentedellaSamp Una rete di Bottinelli ha siglato il successo Sampdoria (3-5-2): Castellazzi 6,5; Campagnaro 6, Gastaldello 6, Lucchini 6 (17’ st Bottinelli 7); Padalino 6,5, Delvecchio 6, Sammarco 6,5, D. Franceschini 6, Pieri 6 (1’ st Ziegler 6); Bellucci 5 (46’ st Stankevicius sv), Cassano 6. A disp. Mirante, Accardi, Bonazzoli, Fornaroli. All. Mazzarri 6,5 Siviglia (4-4-2): Palop 6; Prieto 6, Escudè 5, Fazio 5,5, Dragutinovic 5,5; Konko 6,5 (9’ st Mosquera 6), Maresca 6 (33’ st Romaric sv), Jesus Navas 6, Adriano 6 (22’ st Diego Capel 6); Renato 5, Luis Fabiano 6. A disp. Javi Varas, Duscher, Navarro. All. Jimenez 5,5 Arbitro: Webb (Ing) 6 Marcatore: 30’ st Bottinelli Note: ammoniti Pieri, Fazio, Bottinelli, Bellucci, Navarro. Spettatori 9.000 circa. GENOVA - Un acuto di Bottinelli apre ad unaSampdoria generosa e capace di soffrire le porte della qualificazione ai sedicesimi di Cop-

Marco Padalino contrasta lo spagnolo Federico Fazio

Oggi il sorteggio Con doriani e friulani anche i rossoneri

Sconfitta indolore (2-0) per gli uomini di Marino

L’Udinese va sotto in Olanda ma resta la prima della classe Nec (4-3-3): Babos 6; Fernandez 6, Wisgerhof 6, Zomer 6,5, El-Akchaoui 6; Sibum 6, Schone 7, Davids 6,5; Ntibazonkiza 5 (1’ st John 6,5), van Beukering 7 (45’ st Janssen sv), Bouaouzan 6. A disp. Baart, Pothuizen, Otten, Kivuvu, El Kabir. All. Been 7 Udinese (4-4-2): Belardi 7; Nef 5,5, Coda 5,5, Domizzi 6, Felipe sv (23’ st Inler 6); Motta 6,5 (24’ st D’Agostino 6), Obodo 6, Isla 5,5 (17’ st Lukovic 6), Pasquale 6,5; Floro Flores 6, Sanchez 6. A disp. Handanovic, Sala, Quagliarella, Di Natale. All. Marino 5,5 Arbitro: Matejek (Cec) 6 Marcatori: 29’ st John, 33’ st van Beukering Note: ammoniti Sanchez, Motta, Fernandez, Pasquale, John, Belardi. Recupero 2’ pt, 3’ st. Spettatori 15.000 circa. NIJMEGEN. - Il Nec ha battuto 2-0 l’Udinese nell’ultima giornata del gruppo D di Coppa Uefa ma per i friulani si tratta di una sconfitta indolore: già qualificati, hanno pure conservato il primo posto del raggruppamento. Gli inglesi del Tottenham, che vincendo potevano superarli, hanno infatti pareggiato in casa per 2-2 con lo Spartak Mosca rimontando pure due gol. pa Uefa. Dovevano solo vincere i blucerchiati contro un Siviglia forse tecncicamente superiore e ce l’hanno fatta scalando una montagna. Il fatto che a firmare il successo sia stato un difensore nella parte finale della gara dice quante difficoltà abbiano dovuto superare gli

uomini di Mazzarri. Primo tempo combattuto a centrocampo ma con poche occasioni da gol. Nella ripresa i blucerchiati falliscono due palle gol con Sammarco e Franceschini.Al 75’ la rete della qualificazione: punizione dalla destra e Bottinelli, entrato 12’ prima, insacca di

l’udinese Floro Flores (a destra) contro Zomer

petto. Il Siviglia non ci sta e sfiora il pareggio con Capel. Ma alla fine è la Samp che passa il turno. E oggi sorteggio sedicesimi di finale a Nyon con le tre italiane presenti, Milan, Udinese e Sampdoria, tutte qualificate. Il sorteggio vedrà le prime classificate degli otto gironi ac-

coppiate alle terze classificate, con le otto retrocesse dalla Champions accoppiate a loro volta alle seconde dei gironi di Uefa: e come per gli ottavi di finale di Champions (sorteggiati anch’essi oggi a Nyon) anche in questo primo turno dell’eliminazione diretta saranno vie-

tati i «derby» nazionali. Per la Coppa Uefa si effettuerà sempre oggi anche il sorteggio per gli accoppiamenti degli ottavi di finale. E proprio al Milan, secondo nel Gruppo E di Coppa Uefa, toccherà una delle sette terze classificate (esclusa la Fiorentina ovviamente) nei gironi di Champions League: ovvero una fra Bordeaux, Werder Brema, Shakhtar Donetsk, Marsiglia, Aalborg, Dinamo Kiev e Zenit San Pietroburgo (i russi sono anche i detentori del trofeo). All’Udinese, invece, che ha vinto il Gruppo D, toccherà una delle terze classificate degli altri gironi di Uefa (Braga, Aston Villa, Copenaghen, Lech Poznan, Paris Saint Germain e Olympiakos). Alla Sampdoria, infine, toccherà una delle vincenti degli altri sei gironi (l’Udinese è ovviamente esclusa) tra Manchester City, Metalist, Wolfsburg, Amburgo, Cska Mosca e Saint-Etienne.


48 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

La Coppa del mondo domani a St.Moritz

Il corridore positivo nello scorso Tour

Negli sci della Fanchini le speranze azzurre

Antidoping impietoso Piepoli rischia lo stop

VAL GARDENA - La coppa del mondo uomini è arrivata in Italia, in Val Gardena. Oggi è in programma un superg e domani la classica discesa. Ma le vere speranze italiane sono invece tutte affidate a Nadia Fanchini. La coppa del mondo donne è infatti in Svizzera a St.Moritz dove il calendario prevede oggi una super combinata, domani la discesa e domenica un super gigante. La Fanchini ha ottenuto nelle due prove cronometrate sempre un eccellente 2/o tempo.

ROMA - La Procura antidoping del Coni presieduta da Ettore Torri ha richiesto al Tribunale nazionale antidoping la squalifica di due anni per il ciclista Leonardo Piepoli. Il corridore, che ieri mattina era stato ascoltato dalla Procura negli uffici dello stadio Olimpico di Roma, era stato trovato positivo allo scorso Tour de France dall’agenzia francese antidoping sia il 4 sia il 15 luglio 2008 per Cera (Epo di ultima generazione). A proposito del Tour, secondo indiscrezioni l’edizione del 2010 passerà da Bergamo.

La Franchini con Lindsey Vonn e la Riesch

Leonardo Piepoli rischia due anni di fermo

Nelle mani di Bruno Conti oggi alle 12 a Nyon i sorteggi degli ottavi di Champions Alla finale di febbraio la Roma corre verso il Real, la Juve può trovare il Chelsea

Italiane verso un sorteggio a rischio L’Inter potrebbe pescare male tra Barcellona e Manchester United GINEVRA - Oggi a mezzogiorno, nella sede dell’Uefa a Nyon, Bruno Conti, in quanto «ambasciatore» della finale che si svolgerà il 27 maggio a Roma, procederà al sorteggio degli ottavi di finale di Champions League (24-25 febbraio e 10-11 marzo). Nel medesimo luogo, ma un’ora più tardi, verranno sorteggiati gli abbinamenti di sedicesimi (18-19 e 26 febbraio) ed ottavi di finale (12 e 18-19 marzo) della Coppa Uefa. Juventus, Roma ed Inter sono ancora in lizza in Champions League: i primi della fase a gironi affronteranno i secondi, giocando la gara di ritorno in casa. Due i paletti posti dall’Uefa: non possono essere abbinate due squadre che si sono affrontate nella fase a gironi e non vi possono essere ottavi di finale fra due formazioni dello stesso paese. Per quanto riguarda le italiane, Roma e Juven-

Serie B Dal prossimo anno si rinuncia ai ripescaggi

Frosinone-Vicenza domenica in campo L’addio laziale al presidente Stirpe MILANO - Frosinone-Vicenza, 19/a giornata di Serie B, si giocherà domenica alle 15 anzichè domani alle 16. Il rinvio a domenica della partita era stato chiesto dallo stesso Frosinone in segno di lutto per la morte, avvenuta ieri a Roma all’età di 85 anni, di Benito Stirpe, padre dell’attuale presidente della società Maurizio Stirpe e presidente onorario. I funerali si svolgeranno domani alle 11. Intanto dalla stagione 2009-2010 la serie B dirà stop ai ripescaggi (per un massimo di due squadre) e potrebbe quindi scendere da 22 a 20 formazioni. La Corte di giustizia federale ha infatti valutato che il blocco non configura una modifica del format. Ora andranno individuati i criteri, «che non saranno solo di classifica - ha spiegato il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete - ma guarderanno anche alla solidità patrimoniale delle società». La conferma della decisione presa lo scorso primo dicembre è venuta dall’ultimo Consiglio federale del 2008. Niente blocco, invece, nella Lega Pro che non si è detta pronta ad un tale passo. tus hanno vinto il proprio girone, mentre l’Inter è finita alle spalle del Panathinaikos. I capitolini non potranno incontrare nè il Chelsea nè l’Inter. Quasi tutti i potenziali avversari sono di altissimo livello. Da evitare in pri-

mis le spagnole. Il Real Madrid, comunque eliminato dai giallorossi la scorsa stagione, è sempre avversario pericoloso e probabilmente con il nuovo allenatore Juande Ramos saprà risollevarsi dopo una prima fase di stagione

Serie B: la 19ª giornata PARTITE

ARBITRI

OGGI Brescia-Grosseto (ore 19.00)

Pierpaoli

Parma-Cittadella (ore 21.00)

Pinzani

DOMANI 16.00 Ancona-Triestina

Brighi

Empoli-Mantova

Peruzzo

Livorno-Sassuolo

Gervasoni

Modena-Bari

Stefanini

Piacenza-Pisa

Tozzi

Rimini-AlbinoLeffe

Cavaretta

Salernitana-Ascoli

Ayroldi

Treviso-Avellino

Baracani

DOMENICA 15.00 Frosinone-Vicenza

Russo

Penalizzazioni: Treviso -4 punti

difficile. L’Atletico Madrid di Aguero oppure il Villarreal di Giuseppe Rossi sono pure rivali temibili. Un gradino sotto figurano il Lione (già eliminato due anni fa negli ottavi dalla Roma) e l’Arsenal, che non sta realizzando un

CLASSIFICA Sassuolo Empoli Livorno Parma Grosseto Brescia Triestina Bari Vicenza Pisa AlbinoLeffe Mantova Rimini Frosinone Ancona Cittadella Salernitana Piacenza Avellino Treviso Modena Ascoli

32 31 29 29 29 29 28 28 27 26 26 24 22 21 20 20 20 17 17 15 15 15

ANSA-CENTIMETRI

grande campionato. L’avversaria ideale sarebbe lo Sporting Lisbona. Lo stesso discorso vale per la Juventus, che non potrà vedersela col Real Madrid ma che, rispetto alla Roma, ha il rischio Chelsea in più. Anche per l’Inter, che non

Vietati abbinamenti tra fornmazioni dello stesso Paese Caccia alle portoghesi potrà affrontare nè Juventus nè Roma nè Panathinaikos, il sorteggio ideale sarebbe con una portoghese, il Porto che vinse la Champions League con Mourinho ma che è solo quarto attualmente in campionato. Gli altri potenziali avversarsi, ossia Manchester United (detentore del trofeo), Barcellona (in testa in Spagna), Liverpool (capoclassifica in Inghilterra) o il Bayern Monaco di Toni e Ribery sono da brividi. Per quanto riguarda la Coppa Uefa, le prime di ogni girone affronteranno le terze di un altro (gara di ritorno in casa della prima) e le seconde dei gruppi (ritorno in casa) se la vedranno con le terze dei gironi di Champions League. Per i sedicesimi di finale, esiste ancora la protezione geografica (due squadre dello stesso paese non possono affrontarsi), mentre per gli ottavi il sorteggio sarà libero.

Un altro Natale all’insegna del “Dio” pallone, la globalizzazione della fede conquista il mondo del calcio e i suoi personaggi

In campo tra acqua santa e superstizione

Da suor Paola ultrà al Pallone d’oro di Kakà ricevuto “in dono dal Divino”

Il legale dell’arbitro escluso: “Contro di lui atto odioso”

ROMA - Annus Domini 2008. C’è il pallone sull’albero di Natale. Tondo e pieno di effetti. Tra sacro e profano, c’è più religione. Il «non» si è perso nei luoghi comuni. Sempre di più il calcio trascina tutto nella trascendenza, le mani si alzano continuamente al cielo, con gli sguardi invocanti e i sottomaglia da negozio di souvenir che santificano la globalizzazione della fede: «100% Jesus», «I love Jesus», e via invano nominando. Ogni gol una dedica al misticismo, il segno della croce per un calcio d’angolo e un bacetto al crocifisso per un rigore assegnato. È un altro Natale del Dio Pallone, per chi ci crede. Sul campo nascono le sette, hanno mille nomi, e troppi ’santoni’ a gestirne gli interessi mondani. Sono i calciatori il terreno fertile. Poi le alte sfere completano il quadro. Kakà vinse il Pallone d’oro «in dono da Dio» (Cristiano Ronaldo non si è pronunciato ancora in materia), il presidente della Fifa, Blatter, crede che «con la sua Parola, con i suoi ministri, la Chiesa potrà aiutare la gente a capire che il calcio è un gioco e la violenza un

ROMA - «Il fatto che la federazione si trinceri dietro il difetto di giurisdizione, prova l’indifendibilità nel merito di un atto odioso nei confronti di Paparesta, il primo arbitro che nella storia del calcio italiano è stato dismesso dai ruoli senza previa valutazione delle sue capacità, del resto notoriamente eccellenti». Lo ha sostenuto con grande convinzione l’avvocato Gianluigi Pellegrino, legale dell’arbitro, a conclusione dell’udienza nella

Colpevole di “giustizia” Il ricorso di Paparesta

male». Amen. Dopo la morte di Gabriele Sandri, Antonio Matarrese, presidente della Lega - con gli agganci giusti visto che suo fratello Giuseppe è vescovo - chiamò il segretario di Stato vaticano, il cardinal Tarcisio Bertone, per una ’Santa alleanza’ con la Chiesa per argi-

nare il fenomeno violenza. Una treccia di rapporti continua. La domenica d’altronde è sempre stata giorno del Signore sì, ma anche del pallone. E gli «atleti di Cristo» oggi sono tra noi, con la loro storia folkloristica, e i riti curiosi. In Italia scoprimmo tutto con Amarildo,

che al diretto avversario regalava una bibbia. Da lì un movimento con una sola convinzione: Cristo è brasiliano. Che si chiamino evangelici o pentacostali, palleggiano e studiano teologia. Marcio Amoroso, che si chiama Dos Santos non a caso, quando segnava gol a raffica

quale è stato discusso il ricorso con cui Paparesta contesta l’esclusione dai quadri tecnici dell’Aia. Per Pellegrino «Paparesta è stato chiaramente colpevolizzato per avere lealmente collaborato con la giustizia sportiva e ordinaria. I limiti entro cui possa essere il giudice a correggere questa dolorosa ingiustizia e questo abnorme uso del potere lo stabilirà il Tar, la cui decisione rispettosamente attendiamo». con l’Udinese, una volta scrisse a mano sotto la maglia «Grazie Dio», e la Chiesa italiana, che ancora non aveva intuito il trend, lo prese per blasfemo. Ronaldo esultava mimando con le braccia larghe il Cristo del Corcovado. E Adriano il 15 marzo 2005 segnò a San Siro con-

Il sottomaglia di Kakà. Il giocatore dice spesso che una volta smesso di indossare la divisa vorrebbe diventare pastore

tro il Porto mostrando al mondo la maglia del ringraziamento: «Filipesi 4:13», versetto biblico della lettera di San Paolo ai filipesi («Io posso ogni cosa in colui che mi fortifica»). Se ne ricordasse adesso... Ma la religione, sia anche solo semplice superstizione, raccoglie una famiglia enorme. Trapattoni ai Mondiali nippo-coreani annaffiava il campo con l’acqua santa, Ancelotti segue le partite del Milan con il rosario stretto in pugno, Beppe Signori non ha mai nascosto la sua devozione per Padre Pio. Come Moggi, che uscito diavolo dall’estate del giudizio di Calciopoli, si riciclò persino commentatore per il sito cattolico Petrus (quello che strappò a Donadoni un modesto «la mia carriera mi ricorda quella di Papa Benedetto XVI...»). E mentre stadi italiani e tv e si riempivano di religiosi ultrà (la laziale Suor Paola, ad esempio), Abel Balbo annunciava al mondo: «Papa Wojtyla tifava Roma». Passare alle vie di fatto è un attimo. Kakà dice spesso che una volta smesso di indossare pantaloncini vorrebbe diventare pastore.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 49

SPORT L’attaccante amaranto Franco Brienza parla della delicata trasferta a Cagliari e promette il massimo impegno

S E R I E

A

«Vogliamo fare un bel regalo ai tifosi» REGGINA

“Non sarà facile ma noi lotteremo per conquistare la vittoria”

REGGIO CALABRIA — Vincere a Ca-

gliari non solo per risalire la classifica ma anche per trascorrere con più serenità le festività natalizie. Franco Brienza, alla vigilia della partenza per Cagliari, attraverso Regginatv, parla dell'ultima gara del 2008. «Speriamo di fare un bel regalo ai nostri tifosi», afferma il fantasista amaranto, che presenta così il match. «Sarà una partita difficile contro un avversario che in casa sta facendo molto bene e che sta attraversando un buon momento di forma. Per noi spiega ancora - è una partita delicata, considerato che veniamo da un periodo particolarmente negativo». Proprio per uscire dal momentaccio che dura praticamente dall'inizio di questo campionato, il presidente Foti ha deciso di dare una scossa all'ambiente esonerando Orlandi e chiamando sulla panchina amaranto Pillon. L’obiettivo è quello di dare un svolta al torneo, già dalla gara del Sant’Elia. «Dobbiamo invertire questa rotta negativa e dare uno scossone alla nostra classifica che non è delle migliori - dice Brienza-. La gara col Cagliari, un po’ come tutte le trasferte, sarà difficile. Ma noi abbiamo la consapevolezza di dover fare punti per riprendere il nostro cammino verso la salvezza. E vogliamo farli già domenica a Cagliari. Certo, non sarà facile, visto, come detto, che il nostro avversario vive un periodo positivo. Essendo poi uno scontro diretto la posta in palio vale doppio. E noi dobbiamo sperare di ottenere un risultato positivo». La Reggina, nel corso di questo campionato, ha già incontrato i sardi, in occasione della gara di coppa Italia, in cui gli amaranto si aggiudicarono il passaggio del turno. «Quella di domenica però sarà una gara completamente diversa - tiene a sottolineare Brienza-. Per questo dovremo affrontare l’avversario con concentrazione e determinazione. Per questo ci stiamo preparando bene». Grande attenzione in tutte le fasi di gioco, secondo il fantasista ex Paler-

2ª D I V I S I O N E

A MICROFONO APERTO di Antolio Latella

AMORE PER LA MAGLIA? NO, PER I SOLDI C

L’attaccante amaranto Franco Brienza in allenamento

mo secondo il quale per «colpire la difesa rossoblu (che nel corso del torneo ha incassato 20 reti) è necessario cercare di battere i giocatori in velocità. Credo che questo tipo di atteggiamento non potrà che creare fastidi». Brienza, che ha conosciuto Pillon ai tempi della sua esperienza ad Ascoli, traccia infine un bilancio di questi primi giorni di nuova gestione. «Stiamo lavorando abbastanza bene dal punto di vista tattico - conclude il giocatore -. Il mister è arrivato da poco e vuole vedere tutti all’opera. E’ un tecnico preparato sa quello che deve fare. Dell'’esperienza di Ascoli, in

cui ho avuto Pillon come tecnico, ho ricordi positivi. Ho fatto un'ottima annata con lui. E’ una bravissima persona, un ottimo allenatore». Notiziario. Seduta a porte chiuse ieri per la Reggina impegnata da mister Pillon in esercitazioni tattiche e nel consueto collaudo di metà settimana contro la Primavera. Alla sgambatura non hanno partecipato Giosa, Vigiani e Cascione. La squadra tornerà in campo questo pomeriggio e stasera partirà alla volta della Sardegna.

bisogna continuare sulla strada intrapresa senza cambi di rotta e soprattutto senza che i buoni risultati e la buona posizione in classifica rappresentino un motivo per rilassarsi: vincere domenica diventa importante per una lunga serie di motivi, primo fra tutti quello di riportare allo stadio un maggior numero di tifosi presentandosi davanti al proprio pubblico con la voglia e l’intenzione di riuscire a mettere in campo un buon calcio e regalare così spettacolo e vittoria. Al resto, ci penserà Angelo Galfano, allenatore di qualità che sta dando prova di notevoli capacità, soprattutto di saper gestire un gruppo eterogeneo dove si coniugano in perfetta armonia giocatori di esperienza e giovani carichi di entusiasmo, atleti concreti e talenti virtuosi. La formula vincente della Vibonese odierna è questa: chiudere il 2008 nel migliore dei modi è il regalo più bello da fare a tutto l’ambiente, certo, ma soprattutto a se stessi. Maurizio Bonanno

Valter Leone

E domenica al “Razza” arriva l’Aversa Normanna to che Galfano sembra propenso a non rischiarlo domenica. Ma non è tutto: da due giorni è con la febbre Bica Baden, il giovane difensore laterale che rappresenta una delle sorprese più interessanti della formazione rossoblù. Insomma, mai che si possa lavorare una settimana in piena tranquillità in vista dell’appuntamento domenicale. Un appuntamento da prendere con la giusta concentrazione, perché le insidie sono tante. Le caratteristiche della formazione avversaria, infatti, inducono all’ottimismo ed è proprio questo il pericolo maggiore: abbassare la guardia in un eccesso di sicurezza potrebbe essere un errore imperdonabile. La Vibonese non può e non deve permettersi un simile atteggiamento, finora la formula vincente è stata sempre l’umiltà nel lavoro, il rispetto dell’avversario e la certezza nei propri mezzi. Queste qualità non devono essere abbandonate proprio adesso che i frutti del lavoro e dell’applicazione si stanno raccogliendo con le belle soddisfazioni raggiunte finora. Ed allora,

LEONE dalla prima I siciliani, dopo il mezzo passo falso casalingo con l’Isola Liri, restano una squadra tosta. Proprio all’Isola Liri, ancora con l’amaro in bocca per la beffa siciliana, farà visita il Catanzaro, imbattuto insieme al Gela. La squadra di Provenza, grazie a quel possesso palla a tratti ossessivo per gli avversari, lontano dal Ceravolo si esprime meglio. Però, al di là delle dichiarazioni di facciata, che ci stanno, quella giallorossa è una squadra costruita per vincere il campionato. Con il recupero di Frisenda, il tecnico salernitano avrà un’elteriore freccia da inserire nel proprio arco. I due punti lasciati al Noicattaro andrebbero recuperati proprio dalla trasferta laziale, in modo da chiudere la prima parte del campionato per come era cominciato: mantenere il primo posto sempre a portata di mano. Quello di Barletta è un vero e proprio esame per il Cassino in caduta libera nelle utlime quattro gare: due ko interni e due pareggi in trasferta. E dire che con l’arrivo di Patania si era rivisto l'entusiasmo dopo la vittoria sulla Scafatese. Restare agganciati al treno playoff è un obbligo. La Vigor Lamezia ospita il Monopoli, squadra in uno strepitoso momento di forma: cinque vittorie e due pareggi nelle ultime sette partite. Ai biancoverdi non sono consentiti ulteriori passi falsi, altrimenti si corre il rischio di staccarsi ulteriormente, e a quel punto anche con i rinforzi di gennaio sarà dura centrare la salvezza. La Vigor è l’unica squadra del girone C di Seconda divisione a non avere mai vinto in casa. E’ arrivato il momento di cancellare questo zero. La Vibonese ospita un’Aversa che non riesce ad allontare lo spettro dei playout. Se la linea verde di Galfano riuscirà a centrare la vittoria, per i rossoblu potranno aprirsi scenari molto intriganti. Chiudono la giornata gli scontri diretti per la salvezza Igea Virtus-Melfi e Noicattaro-Val di Sangro, e un Manfredonia-Scafatese con i pugliesi a caccia di una vittoria che ormai manca da ben dieci giornate. Buon campionato a tutti e appuntamento a mercoledì prossimo.

Rientrano Ranellucci e Pirrone Fuori Ruscio. In dubbio Taua

VIBO VALENTIA — Convivere con l’emergenza. Sembra questo il destino della Vibonese. La squadra che sta rappresentando al momento la sorpresa vera di questa prima parte del campionato di Seconda divisione non fa in tempo a celebrare la sua bella vittoria a Cassino che, nel momento in cui è chiamata a preparare la successiva gara casalinga contro l’Aversa Normanna, si ritrova a fronteggiare una nuova emergenza. Rientrati dal turno di squalifica Ranellucci e Pirrone, ecco che il giudice sportivo torna ad appiedare il recidivo Ruscio, con Bianciardi sempre fuori per un infortunio che, se tutto andrà bene, lo riporterà in campo solo con l’anno nuovo; tornato nei ranghi Emiliano Melis, anche perché l’allenatore ha deciso di non impiegarlo nemmeno a Cassino a titolo precauzionale, ecco ritornare il risentimento muscolare a Vincent Taua, le cui condizioni, a questo punto e considerata la lunga convalescenza alla quale è stato costretto nella prima metà di campionato, sono tali al pun-

no giudizi, ma comportamenti che offrono agli altri la possibilità di giudicare le nostre azioni. Facciamo un esempio: se il presidente di una qualsiasi squadra stipula un contratto con un centrocampista, una mezza punta, un difensore o un portiere per ics euro a stagione è giusto che a fine annata il calciatore riceva quanto pattuito. Fino all’ultimo centesimo. L'obbligazione, dunque, va rispettata. Lo stesso però vale per il calciatore, il quale non può bussare sempre e comunque a quattrini chiedendo adeguamenti economici e facendo i capricci nel caso in cui queste sue richieste non vengano evase. Torniamo al campo. Per dire che non è concepibile che un calciatore, per ritorsione nei confronti della società che gli rifiuta il ritocco del contratto, passeggi in campo. Si potrà obiettare che quella domenica, in quella partita, il nostro eroe non ha reso perché non in buone condizioni fisiche. Ma se uno non sta bene è inutile che pretenda di scendere in campo e comportarsi come un coniglietto bagnato. Non è giusto intanto per l’onore dell’interessato e non è giusto perché si manca di rispetto ai tifosi e si produce un danno alla società ed al contesto che rappresenta. A buoni intenditori...

Angela Latella

Continua l’emergenza nella compagine rossoblù di Galfano

VIBONESE

ambiato l’allenatore, Lillo Foti, adesso, dovrebbe mandare a casa qualche calciatore che si comporta da ragazzo viziato. Dopo l’avviso al mister di spazzare gli angoli dello spogliatoio per eliminare gli acari che generano le fronde, oggi vogliamo affrontare un altro tema: l'attaccamento dei calciatori alla maglia amaranto. L'argomento è di grande attualità e, purtroppo, continua ad agitare i nostri sogni. Da molte lune, infatti, ci chiediamo che valore attribuire a gesti e parole di quanti per il semplice fatto di tirare - a volte anche male -calci ad un pallone diventano modelli di una società effimera e senza valori. I recenti fatti che hanno agitato il mare della Reggina insinuano nella nostra mente dubbi atroci. E come in un puzzle diventa difficile dare risposte a questi perché. Alla fine, come tutti i comuni mortali, non ci resta che arrenderci all’avidità di una disciplina praticata da gente che, in prevalenza, si comporta come un qualsiasi Paperon de Paperoni. E’ vero, il calcio è una professione. Che diversamente da tante altre attività ha come unico obiettivo i soldi. Dunque mercenari? Non lo abbiamo mai detto. E pensato? Vade retro, Satana! Non so-


50 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT 2ª D I V I S I O N E

Primo piano sul duo d’attacco della formazione di mister Provenza: Antonio Montella e Max Caputo

Il tandem delle meraviglie CATANZARO

CATANZARO — In origine era la cooperativa del gol. Adesso, invece, il Catanzaro si identifica sempre di più nel tandem delle meraviglie CaputoMontella. L’Fc, dopo sedici gare di campionato, può infatti vantare la coppia d’attacco più prolifica del girone meridionale di Seconda divisione. L’estro dell’ex numero dieci di Brescia e Juve Stabia unite alla velocità e alla confidenza con la porta avversaria dell’aeroplanino giallorosso costituiscono, sino a questo momento, un autentico valore aggiunto per la compagine di Nicola Provenza. Per dirla in cifre, il Conte Max, al secolo Massimiliano Caputo, è il capocannoniere della squadra con le sue sette marcature. Antonio Montella, dal canto suo, è a quota sei centri. Quest’ultimo sembra preferire le doppiette, ovvero quel che è avvenuto in due circostanze (a Vibo Valentia ed a Melfi). Caputo, invece, si sta segnalando per una grande verve realizzativa, se solo si dà un’occhiata a quelli che sono i “numeri” recenti. Il fantasista campano ha rotto il digiuno con la porta avversaria alla “sesta” di campionato. Al “D’Ippolito” di Lamezia Terme, la sua prima rete in giallorosso regalò il vantaggio alle Aquile. Da quel giorno è andato a segno altre sei volte. Riepilogando, per lui sette reti nelle ultime undici gare. Il tutto per una media di 0,6 gol a partita… da due mesi a questa parte! Semplicemente, cosa chiedergli di più? Per giunta, nel caso di Max Caputo, si tratta sempre di realizzazioni di pregevole fattura. Il pubblico del “Ceravolo” gradisce, tant’è che il fantasista di Nicola Provenza è già stato insignito, per ben due volte, dal sito “Catanzarocalcionews”, del premio quale calciatore del mese. E ciò al termine di un sondaggio portato avanti dal portale dedicato all’universo a tinte giallo e rosse. Ma non solo. Lo stesso Caputo è a un passo dal record personale di marcature. Nella stagione 2006/2007, aveva messo a segno 8 reti in 30 incontri. Ora, ha quasi fatto meglio… quando siamo a CATANZARO — Due tempi regolamentati hanno caratterizzato il galoppo settimanale del Catanzaro, disputato ieri al “Mirko Gullì” di Giovino contro la formazione Berretti, allenata da Tonino Aloi, che domani (inizio 14.30), incontrerà la Cavese, nell’incontro valevole per l’ultima giornata di andata del campionato di categoria. Il tecnico Provenza, considerato anche le assenze degli infortunati Ciano, Gimmelli e Caputo, (che si sono limitati ad effettuare qualche giri di camp), ha schierato nella prima parte una difesa a quattro composta, davanti al portiere Gregoraci, da Francesco Montella e Tomi difensori esterni, Di Meglio e Di Maio centrali; a centro campo, Bruno Berardi e Zaminga con Mangiacasale, Criniti ed Antonio Montella in attacco. Un 4-3-3 che non è affatto dispiaciuto, con Mangiacasale ed Antonio Montella in evidenza, autori entrambi di buone giocate. Il rientro in formazione di Berardi, dopo le due giornate di squalifica, ha dato poi maggiore impulso nella zona nevralgica del campo, sia pure su un terreno di gioco molto pesante ed in alcune zone dello stesso al limite della praticabilità. La Berretti ha risposto con un 4-42: alle spalle di Mancinelli, Lia, Gennaro, Corigliano e Ruggiero difensori, Trapasso, Romano, Capicotto e Barberio centro campisti, Melissari e Iacullo in avanti. L’unica rete dei primi quarantacinque minuti è stata siglata da Zaminga, dopo quasi trenta minuti di gioco, durante i quali Antonio Montella si è reso protagonista di alcune conclusioni non porta-

E’ la coppia più prolifica del girone meridionale di Seconda divisione

Antonio Montella dopo un gol

metà campionato! Ma per Nicola Provenza sono anche altri i buoni motivi per sorridere. Balza subito all’occhio come i difensori giallorossi, oltre a custodire con attenzione la porta di Mancinelli, abbiamo un ottimo feeling con la porta avversaria. Pensate un po’, ad eccezione di Armenise, tutti i componenti del pacchetto arretrato (perlomeno i titolari) sono andati regolarmente in gol. E’ il caso dei centrali Di Maio e Gimmelli e degli esterni Ciano e Tomi. Le loro reti non sono certo frutto del caso o dell’improvvisazione. Gli inserimenti dei difensori sono studiati, provati e riprovati in allenamento. Il tecnico giallorosso è un maniaco degli schemi e dell’ordine tattico. Capita così che sui calci (in particolare sui

Max Caputo, uno degli elementi di spicco della formazione di Provenza

corner), ogniqualvolta, si muovano le torri giallorosse son dolori per le retroguardie avversarie. Nella prima di campionato, al 13’, Corapi viene messo giù da un rude intervento dello stopper dell’Aversa Normanna, Migliozzi. Punizione di Armenise dal vertice destro (praticamente un calcio d’angolo corto) e colpo di testa vincente di Di Maio. Alla terza giornata, il Catanzaro era sull’orlo del Ko contro l’ostico Cassino (i laziali alla mezzora del primo tempo conducevano per 2-0) ma trovava la forza di reagire con Roberto Gimmelli, la cui inzuccata riapriva il match. Il momento d’oro dei difensori in casacca giallorossa è proseguito alla quarta di campionato, nel derby di Vibo Valentia. Nell’occasione, uno spunto di

Ciano ha aperto la strada al successo del Catanzaro. Col Pescina ci ha pensato Roberto Di Maio a togliere le castagne dal fuoco in un match che le Aquile hanno corso il rischio di perdere. Con la Val di Sangro, poi, il sorpasso dell’Fc, alla luce del pareggio abruzzese firmato da Epifani, è stato firmato da Tomi, che ha vestito i panni di cecchino implacabile… almeno per un giorno. A mettere il risultato in cassaforte ci ha pensato il colpo di testa di Gimmelli. Al termine di questa veloce carrellata, c’è da dire come per Roberto Di Maio il feeling con la porta avversaria sia ormai un dato consolidato. Il difensore col vizietto del gol dell’Fc, praticamente, vanta “numeri” che poco hanno a che fare col suo ruolo. Lo stopper, arrivato a

Catanzaro dopo un lungo corteggiamento del Livono, s’è portato in dote sui tre colli le dieci marcature (avete capito bene!) realizzate negli ultimi quattro anni con la maglia del San Marino. Per gli altri componenti della linea difensiva, il gol non è proprio uno sconosciuto, tant’è che in carriera sia Tomi che Gimmelli qualche rete l’hanno pure realizzata. E dinanzi a cotanta grazia, Nicola Provenza non può che gongolare! La bravura del gastroenterologo di Nocera Inferiore è nello sfruttare al massimo le peculiarità degli elementi a disposizione. I suoi difensori segnano e, allo stesso tempo, fanno un’ottima guardia alla porta di Mancinelli.

NOTIZIARIO E’ il modulo schierato ieri durante il test contro la formazione Berretti

stra di Frisenda, concluso dallo stesso Marchano sul palo e sulla ribattuta ancora sul palo da Cardascio. All’allenamento sulla palla, a parte i già citati Ciano, Gimmelli e Caputo (tutti difficilmente recuperabili per la trasferta di domenica prossima ad Isola Liri), non hanno preso parte: Armenise (appiedato in ogni caso dal giudice sportivo) per una lombocruralgia, l’ivoriano Diarrà, per una contusione al primo dito del piede destro, in seguito ad una botta rimediata nella seduta di mercoledì ed il secondoportiereParisi,perunaleggerofastidioalginocchio.Perquantoconcerne, infine, Corapi, lo stesso ha intensificato i giri di pista in bicicletta, continuando comunque il lavoro di riabilitazione in palestra. «Un buon test – ha Provenza a fine allenamento, intrattenendosi con i giornalisti presenti -, utile soprattutto per mantenere un buon livello di intensità. C’è sempre la voglia di fare bene e noto con piacere che i ragazzi sono totalmente mentalizzati a cercare gioco, anche quando, come oggi, le condizioni del terreno di gioco sono al limite della praticabilità». Quanto al modulo adottato nella partitella (un 43-3, rispetto al canonico 4-4-2), questa la risposta del mister: «Una delle prove che si fanno il giovedì e che deve poi tornare utile non solo domenica prossima, ma in altre occasioni. E’ chiaro che dal test odierno ho avuto delle risposte, che andrò a valutarle prima di prendere le decisioni finali circa la squadra da mandare in campo ad Isola Liri».

Provenza ha in mente il 4-3-3 Nicola Provenza osserva la squadra impegnata durante una seduta d’allenamento.

te a buon fine, vuoi per troppa precipitazione, vuoi anche per alcuni interventi dell’estremo difensore Mancinelli. Nellasecondafrazionedigioco,iltecnicocatanzarese ha mantenuto lo stesso modulo di gioco, schierando (con Gregoraci prima e Nagero dopo a guardia della rete) De Franco e Gaglione difensori esterni, confermando Di Meglio e Di Maio centrali; a centro campo Cardascio, Benincasa e Sorrentino, con Frisenda, Marchano e Iannelli a comporre, infine, iltriod’attacco.Dopodieciminutilostes-

so Iannelli è stato costretto ad abbandonare il terreno di gioco, causa un risentimento all’adduttore destro. Tra i pali, nella formazione Berretti, prima Mancinelli e dopo Gregoraci, con Lia, Gennaro, Alfieri e Ruggiero difensori, Trapasso, Poerio, Santoro e Falcone a centro campo, Melissari e Sticozzi punte. Quattro le reti realizzate in questa seconda parte. Autori, Di Maio (dopo un angolo battuto da Cardascio ed una deviazione di Frisenda) e Marchano, con questo ultimo che ha messo a segno una

tripletta: il primo gol, appoggiando di piatto un assist proveniente dalla destra ad opera di Cardascio, il secondo (cross dalla sinistra di Gaglione) con un preciso tocco, dopo avere anticipato un difensore avversario, il terzo a conclusione di una azione personale di Cardascio, che con un pallonetto metteva l’attaccante in condizione di saltare Alfieri e di insaccare alle spalle di Gregoraci, subentrato nel frattempo a Mancinelli. Risultato finale 5-0. Da segnalare un buon spunto sulla de-

Vittorio Ranieri

Mario Mirabello


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 51

SPORT 2ª D I V I S I O N E

L’esterno sinistro suona la carica. Intanto, buone notizie dall’infermeria: Catania recupera

COSENZA

COSENZA — C’è subito una buona notizia per il Cosenza e i suoi tifosi. Che sono tanti e sono pure trepidanti e te ne accorgi dagli allenamenti infrasettimanali che vengono seguiti con una presenza in progress dietro la rete del campo. Il centrocampista Catania, che l’altro ieri ha corso a parte senza toccare il pallone, sta meglio e migliora di ora in ora. Nella partitella di ieri è stato schierato tra le fila dei cosiddetti partner d’occasione, la squadra avversaria del Cosenza versione ufficiale. Se l’è cavata più che bene correndo sempre meglio. Potrebbe farcela per domenica e la sua è una presenza che viene da tutti ritenuta fondamentale per il gioco della squadra. Rimangono stazionarie invece le “quotazioni” di Chianello che non dà gli stessi segni di miglioramento che invece ha dato ieri Catania. Fuori gioco invece per domenica Galantucci che come detto già ieri si sta curando fuori sede. L’attacco non perde solo lui per la sfida con il Pescina. Come è noto è squalificato Polani (insieme a De Rose a centrocampo) ma ci sono due arieti che promettono scintille lo stesso. Cantoro, l’argentino, sprizza salute e Danti giusto ieri, nella partitella, ha realizzato i due gol con i quali il Cosenza ha vinto. Sta bene e lo si vede ad occhio nudo. Polani e Galantucci

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA

Musacco non fa sconti «Col Pescina dobbiamo ottenere i tre punti...» In alto un’immagine di Musacco. Qui, a fianco, Catania in azione durante un match dei rossoblù allo stadio San Vito.

in questa categoria non si possono relegare a nessuno ma è opinione diffusa che Cantoro e Danti in questo momento siano qualcosa di più che semplici riserve. In sala stampa s’è presentato Musacco con le sue due certezze nel taschino. La prima è il Cosenza e Cosenza, la sua città. Rossoblù nel sangue e nel cuore Musacco, questa la seconda delle certezze, la fascia sinistra fin

qui in carriera l’ha fatta tutta a scendere dall’attacco in giù, fino alla difesa. Ha iniziato la carriera giocando a sinistra come esterno d’attacco per poi fare il quarto di centrocampo e oggi come laterale difensore di spinta. E che spinta, c’è da dire. Musacco è uno dei pochi che non smette mai di proporsi una volta entrato in possesso palla e Toscano sa bene cosa questo significhi per l’economia complessi-

va del Cosenza. Veloce, grintoso e schietto in campo e fuori. Lui i giri di parole non li frequenta più di tanto e il lessico classico del mondo del pallone è un optional, per lui. «Niente frasi a metà, con il Pescina domenica dobbiamo vincere – entra nell’argomento -. Non ha senso chiudere l’anno con il titolo di campione d’inverno senza aver vinto in casa il saluto di auguri con i tifosi. Non ci è riuscita la

Nel test di ieri pomeriggio contro il Tiriolo. Ciminari a riposo precauzionale

Ammirata prova il modulo con l’unica punta Ragatzu

LAMEZIA TERME — Buon galoppo

ieri pomeriggio allo stadio provinciale “Carlei”. La Vigor ha affrontato in amichevole il Tiriolo e Ammirata ha schierato quella che dovrebbe essere la formazione titolare in vista della difficile gara di domenica contro il Monopoli. Eccezion fatta per il difensore Ciminari - a riposo precauzionale e che ha lavorato a parte - il tecnico lametino ha schierato nel primo tempo, come sempre la frazione più probante, Panìco tra i pali, linea difensiva da destra a sinistra con Bassi De Masi, Stroffolino, Filippi e Marinelli. Più avanti il duo Clasadonte-Carraro. Quindi, a ridosso dell’unica punta, Ragatzu, il trio composto da Ciotti a destra, Sanso al centro e Riccobono a sinistra. Ergo, il modulo più congeniale, secondo Ammirata, per cercare di scardinare la difesa pugliese dovrebbe essere il 4-2-3-1. D’altronde, non potrebbe essere altrimenti visto la penuria di attaccanti. Vi è da dire tuttavia che Ciminari dovrebbe recuperare e quindi sarà impiegato, presumibilmente, al posto di Bassi De Masi. Per la cronaca, la gara è finita 2-1 a favore della Vigor con le reti segnate nel primo tempo da Ciotti e Ragatzu. Nella ripresa, solita girandola di sostituzioni e in campo si sono rivisti, tra gli altri, il difensore centrale Pascuccio e il centrocampista, Lopetrone. Così come l’ulti-

Sopra a sinistra, l’attaccante Michele Sergi col presidente Antonio Cantafio, A destra, l’altra punta Attilio Angotti In basso il riscaldamento prepartita di ieri pomeriggio allo stadio Carlei.

vittoria nel derby con il Catanzaro ma adesso non può davvero sfuggirci. Catanzaro e Gela possono rallentare ancora sulla carta e noi dobbiamo approfittarne assolutamente. Stare avanti di due o quattro punti in un girone come questo non vuol dire niente. Bisogna tenere presente – dice ancora Musacco – che a gennaio più o meno tutti andranno a rinforzare gli organici. Chi è già forte lo sarà ancora di più e chi si deve salvare tirerà fuori acquisti in grado di cambiare il volto di quasi tutte le squadre. In poche parole, il mercato di riparazione in queste categorie può rivoluzionare un po’ tutti gli equilibri. Il Cosenza è la squadra più forte, su questo non ci sono dubbi. Ma quattro punti a dicembre sono pochi per stare tranquilli. Dobbiamo correre ora, scoraggiare tutti. E il Pescina di domenica è un appuntamento che non possiamo sbagliare. Certo si chiuderanno e anche bene per partire in contropiede – conclude – ma questo non deve rappresentare più di tanto un problema per noi». Ediratio mo arrivato in casa biancoverde, ovvero l’attaccante Sergi. E sempre a proposito di attaccanti, pare ormai sulla via del completo recupero il lametino doc, Attilio Angotti che a gennaio dovrebbe essere totalmente a disposizione della squadra. Detto ciò, per tornare all’impegno di domenica con la compagine di mister Geretto, è scontato sottolineare che la Vigor sarà obbligata a vincere per centrare la prima vittoria stagionale in casa e per cancellare l’unico zero in una casella altrimenti desolatamente a secco di punti. Un impegno, dunque, da rispettare con la massima concentrazione e con il dovuto attaccamento alla maglia per dimostrare che la Vigor è viva e vegeta e intende lottare fino allo spasimo per conquistare l’intera posta in palio. Confermata la richiesta di 100 tagliandi inviati a Monopoli fin da mercoledì e con la quasi certa presenza di altrettanti tifosi pugliesi. Mercato. Anche ieri giornata interlocutoria con le “solite” indiscrezioni. La Vigor pare sempre interessata all’ingaggio di Mauro Marchano, attaccante argentino in forza al Catanzaro. Quindi, come già ricordato, secondo notizie provenienti da Foggia, società biancoverde con gli occhi puntati sul 29enne difensore dei satanelli, Giuseppe Rinaldi. Così come si fa il nome di Roberto Pasca, un altro ex attaccante, già a Lamezia tre stagioni fa. Resta sempre in piedi la trattativa per Raffaele Battisti, col Gela che resiste. Guzzi al Carlei. Infine, per dovere di cronaca, ieri al “Carlei” si è rivisto il dimissionario presidente onorario, Ermanno Guzzi che ha comunque dichiarato la sua vicinza alla squadra. Antonio Cannone


52 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPROFONDIMENTI RELIGIONE

Dopo l’ondata New Age parlare di religioni pagane, di neopaganesimo, oggi, non suscita più scandalo

L’uomo, la terra e le divinità Centri e gruppi di preghiera spesso si legano alle associazioni ambientaliste

Ceppi europei - La Romuva Tra i centri più sviluppati del paganesimo moderno occorre menzionare

ne della religione tradizionale baltica negli Stati Uniti, durante il periodo di dominazione sovietica nei Paesi Baltici, è stato esercitato soprattutto dagli immigrati, con la fondazione di organizzazioni come la Romuva Usa o il Sacro Serpente. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica i centri del neopaganesimo baltico si sono tuttavia ritrasferiti nei Paesi d’origine. Oggi la Romuva è fortemente radicata in Lituania; si è organizzata infatti utilizzando un sistema simile a quello della Chiesa cattolica, istituendo una serie di centri minori (una sorta di diocesi) in un buon numero di distretti municipali del Paese. In Lettonia, la religione pagana è stata riportata alla luce da un’organizzazione chiamata Dievturiba (anche Chiesa di Dievturiba), che in lingua lituana significa letteralmente “ciò che Dio detiene”. Colui che negli anni Venti fondò il gruppo fu Ernest Brastins, che trasse parecchie informazioni sulla vecchia religione dalle antiche canzoni folkloriche (come per esempio i dainas), dalla letteratura e dai simboli tradizionali intrisi di spiritualità pagana. Durante la dominazione sovietica, la Chiesa di Dievturiba fu repressa perché considerata una minaccia per il potere. Ernest Brastins fu perseguitato negli anni Quaranta ad Astrakhan, mentre molti fedeli del Neopaganesimo baltico furono esiliati. In Lettonia sono stati pubblicati parecchi libri di carattere pagano, in molti vengono ritratte le gesta eroiche degli antenati che si opposero all'invasione cristiana. La Romuva, è un’istituzione pagana nata di recente e oggi distintamente radicata in Lituania. I termini

la Lituania. Particolarmente radicato è il rituale neopagano della Romuva. Il termine prussiano che traduce letteralmente la parola tempio è “romove”, termine da cui trasse spunto, nel 1967 un’associazione di carattere curale per la difesa delle tradizioni autoctone, chiamata Ramuva, la quale fu però repressa nel 1971 a causa degli elementi religiosi che tendeva ad esplicitare sempre di più. Successivamente, nel 1988, la Ramuva reistituì le sue attività, fondando anche un’organizzazione totalmente religiosa, la Chiesa di Romuva; oggi ha aperto centri e gruppi di preghiera in cinque città lituane e detiene rapporti saldi con le associazioni ambientaliste per il rispetto della natura in quanto divina: uno dei principali obiettivi della Romuva, in attinenza all’etica pagana. La Chiesa di Romuva organizza rituali e festività dell’antica religione pagana baltica, organizza seminari, convegni e registra un numero sempre crescente di nuovi fedeli. I membri della Romuva organizzano frequentemente dei campi estivi a cui parteciano anche pagani residenti in altri Paesi. Un ruolo importante nella preservazio-

Romuva, Romove e Ruomuva derivano dal vocabolo antico prussiano che significa “tempio” o “santuario”. La Romuva era la religione di Stato del Granducato di Lituania, fino al 1387. La Romuva e la Dievturi, la religione indigena lettone sua parente prossima, furono le religioni pagane durante più a lungo in Europa, in quanto Lettonia e Lituania furono tra le ultime nazioni europee ad essere cristianizzate. Ci sono aderenti alla Romuva in tutto il mondo, ma la religione esiste principalmente in Lituania e nelle nazioni dell’ex blocco orientale. La Romuva ha legami stretti con il sentimento nazionalista lituano e baltico. Per essere accettati dalla comunità religiosa della Romuva non è necessario avere antenati lituani. Praticare la Romuva è considerata da molti aderenti come una forma di orgoglio culturale, insieme alla celebrazione di forme tradizionali d’arte, narrare il patrimonio popolare baltico, praticare le festività tradizionali, suonare musica tradizionale baltica, cantare le tradizionali dainas o inni e canzoni come anche l’attivismo ecologico e la gestione di luoghi sacri.

FILOSOFIA CATANZARO — Parlare di religioni

pagane, di neopaganesimo, oggi, non suscita più scandalo. L’epoca della New Age, un’onda trasformata dal consumismo in moda effimera e superficiale, ha comunque sfondato il muro del pregiudizio. Ci si può, pertanto, approcciare senza fanatismo alla scoperta di un fenomeno che, nel mondo, abbraccia ormai milioni di persone, orientate verso principi filosofici che, nel tempo, stanno strutturando vere e proprie “chiese” organizzate. Difficile risulta, comunque, schematizzare un universo di ideali, dottrine e riti che riecheggiano antichissime tradizioni, sopravvissute, per secoli, nel folklore locale, ed oggi riproposte all’attenzione generale con la dignità di vere

Riti moderni che ripropongono antichi cerimoniali

spiritualità pagane, sorte in Occidente nel corso degli ultimi decenni. Le religioni incluse nel movimento spaziano da filosofie di vita che tentano di mantenere una continuità con il passato - i fenomeni di metodo ricostruzionistico - a sistemi di credenza totalmente nuovi. I movimenti neopagani sono spesso definiti come religiosità della Terra. Complessivamente gli aderenti a movimenti religiosi di matrice neopagana possono essere stimati in circa un milione, di cui la maggior parte presenti in Stati Uniti d’America e Canada. Ma anche in Europa la diffusione di dottrine che si richiamano alle forze della natura, all’antica mitologia greca e romana o agli archetipi nordici non manca di suscitare un certo interesse.

e proprie “religioni”: da religàre, cioè “legare” l’uomo alla divinità e gli uomini nella comunità, sotto le stesse leggi e lo stesso culto. La mappa del fenomeno Esiste nel mondo un’ampia varietà di nuove religioni, principalmente ispirate a una ripresa delle antiche

Pagani ed ellenici Il termine Paganesimo è nato con l’aggiunta del suffisso -ismo (indicante insegnamenti e dottrine di varia tipologia) alla parola “pagano”. Quest’ultima deriva dal latino paganus, un nome originariamente legato alla civica romana antica - in quanto indicante l’abitante dei “pagi” (dal latino pagus, pagi), ovvero una tipologia di villaggi di campagna relativamente autonomi dal punto di vista amministrativo. Il lemma era dunque già in origine tendenzialmente utilizzato per indi-

care qualcosa di agreste, rozzo o isolato dalla società cittadina. Con la diffusione del Cristianesimo i suoi fedeli iniziarono ad etichettare come pagani tutti coloro che non desideravano convertirsi e abbandonare le vecchie religioni. Il termine assunse in queste istanze un significato progressivamente dispregiativo sino a diventare - nei primi secoli cristiani e successivamente sino a tempi recenti - un vero e proprio insulto. L’assunzione della parola in ambito religioso è probabilmente legata anche al fatto che il Cristianesimo iniziò a diffondersi partendo dai centri urbani, non dai piccoli villaggi di campagna. Si ritiene che il contatto tra Ebrei cristiani ed Elleni portò alcuni a dare a Hellene una valenza religiosa: l’elleno era un filosofo, quindi o ateo o politeista e comunque pagano. Col passare dei tempi si giunse a chiamare tutti i pagani con il termine Hellene. L’accezione di “pagano”, nel termine Hellene è riuscito a persistere sino ai tempi recenti: molti gruppi neopagani che propugnano la ripresa del culto olimpico, si sono autonominati “Elleni” o “Ellenisti” e la propria religione Hellenismo. Non più insultorio, il lemma è oggi utilizzato tranquillamente dalla maggior parte delle comunità neopagane per indicare le religioni postcristiane occidentali. Le religioni Neopagane sono, pertanto, mo-

derne forme delle antiche religioni pagane che si possono essere evolute dai tempi antichi o che possono esser state ricreate in tempi moderni. Le religioni neopagane sono usualmente politeistiche, orientate alla natura, non dogmatiche ed orientate alla crescita personale attraverso la diretta interazione con gli Dei e le Dee. Esistono neopagani che venerano gli Dei e le Dee della Grecia Antica e di Roma.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 53

APPROFONDIMENTI RELIGIONE

Nella tarda antichità si svolse una lotta “politica” che coinvolse tutto il bacino mediterraneo e l’Europa

Dal politeismo al monoteismo La Calabria “pagana”: processi di conservazione culturale FILOSOFIA di Giuseppe Barbera* CATANZARO — Nella tarda antichità si svolse una lotta di politica religiosa che coinvolse prima tutto il bacino mediterraneo, poi l’Europa. Si tratta del passaggio dai culti politeisti al culto monoteistico. Giambattista Vico diceva che la storia si articolasse in corsi e ricorsi. Così quel che era avvenuto mille anni prima in Mesopotamia, in Persia, e duemila anni prima in Egitto, si ripeté nell’Impero Romano: al passaggio dai regimi politicamente policratici a quelli monarchici scompariva un antico politeismo sostituito da un nuovo monoteismo. I Tanti dei babilonesi furono sostituiti dal monoteismo del dio Marduk, il quale sottomise tutti gli altri, così come i sovrani di Ur avevano sottomesso i loro antagonisti politici. Il potere dei diversi centri cultuali veniva accentrato in un’unica figura sacrale, quella del sovrano, cosicché tutti i cleri rispondevano ad un solo centro politico-religioso, concentrando così rispetto, ricchezze templari e ideologie filosofico-religiose su di un unico uomo il cui potere assoluto era ufficialmente riconosciuto da tutti. Medesima cosa accadeva nell’Impero Persiano sin dalla metà del VII secolo: Zaratustra riformava il culto dei Magi nel monoteismo di Ahura Mazda, dio del bene oppositore del dio del male Arimane; si tratterebbe in effetti di un dualismo, ma un unico dio rappresentava tutti i valori di bene, amore, prosperità e benessere, gli stessi valori che incarnava il Re dei Re, l’imperatore Persiano. Ahura Mazda governava sulle schiere del Bene, l’esercito di Asha, così come Dario ed i suoi eredi governavano su più di cento popoli, partecipi dell’esercito Persiano. Nella religione si faceva riflettere il piano politico: se tanti dei riconoscevano un solo dio sovrano, tanti uomini potevano riconoscere un re assoluto. E così come gli uomini erano servi dell’imperatore, i sacerdoti erano schiavi del dio. Solamente nell’antico Egitto il Faraone non riusciva ad avere il controllo dei cleri locali: la religione era politeista e ogni santuario era un centro di potere spirituale, politico ed economico. Ciò non fu gradito al sovrano Akenamon, il quale decise di creare un monoteismo per bloccare lo strapotere crescente del clero ammonio e di altri santuari nilotici, creò così un monoteismo incentrato su Aton, dio del Sole, e cambiò il suo nome in Akenaton (servo di Aton), esponendo pubblicamente il suo ideale politico-religioso. Il nuovo centro decretato a capitale di un nuovo regno fu Amarna (da qui il nome di rivoluzione amarniana per il tentato enoteismo di Aton), ma i templi dei tanti dei non acconsentirono ad essere servitori assoluti di un unico sovrano, si ribellarono ed attraverso congiure di palazzo uccisero Akenaton, colui che minacciava i loro poteri provinciali. Il giovane figlio, Tutankaton fu costretto a cangiare il suo nome in Tutankamon per mostrare di essere favorevole allo strapotere del culto ammonio, ma all’età di 18 anni fu fatto morire misteriosamente. Quando l’impero romano era dilaniato da continue guerre intestine ed incursioni barbariche Aureliano propose il culto del Sole Invitto di-

In Europa e nel bacino mediterraneo i segni di una religiosità antichissima

cendo che uno è il dio sovrano ed uno solo deve essere l’imperatore, abolendo temporaneamente la tetrarchia. Costantino scelse un culto monoteistico per lo stato, affinché il modello dell’unità potesse irradiarsi dalla religione alla politica. Ciò non fu subito accettato da un impero fortemente legato alle tradizioni e la necessità spinse i suoi successori, come Teodosio II, ad imporre la loro visione con la forza. Appena il potere politico centrale affrontasse un momento di debolezza riaffioravano, qua e la, i culti politeisti all’interno dell’impero ed alcuni imperatori, come Flavio Claudio Giuliano, pensarono che la convivenza delle diverse religioni non dovesse necessariamente creare frammentazioni. I loro successori non la pensarono alla medesima maniera ed ordinarono la distruzione delle biblioteche, ma ciò non fermava il pensiero libero, e così decretarono la distruzione delle librerie private e la condanna a morte per chi conservasse libri diversi dal nuovo canone. Ad Alessandria d’Egitto la biblioteca più grande del mondo venne data a fuoco su istigazione di Teofilo, ostile alla cosiddetta “saggezza pagana”. In un sol giorno l’umanità vide bruciare secoli di sapere. Correva l’anno 491 d. C. Ma la sapienza è un’esperienza e non si apprende dai libri quanto dalla vita quotidiana. Nei villaggi rurali, i Pagi, era cosa rara incontrare qualcuno che sapesse leggere e scrivere, eppure ognuno rimembrava gli insegnamenti dei padri e conosceva i momenti astronomici alla perfezione, sfruttava al meglio il periodo della semina e seguiva la luna per sapere quando raccogliere i prodotti agricoli; nessuno aveva mai letto trattati filosofici ma conoscevano la logica dell’analogia, effettuavano riti per propiziare il raccolto e l’uccisione del maiale era una festa che faceva invidia ai più grandi santuari del mondo antico. Superstizioni, diciamo noi oggi, ma a quelle superstizioni dovette piegarsi la nuova re-

ligione e seppur acculturava il popolo col nuovo evangelo s’inculturava delle tradizioni dei luoghi. La Calabria, più di ogni altra regione italiana, ha mantenuto quasi intatti i suoi antichi riti, dalle grandi città ai piccoli paesi. A Crotone annualmente si svolge una processione a Capocolonna, ieri dedicata ad Hera, oggi alla Madonna. E’ sempre il modello della madre, lo si chiami in un modo o nell’altro, ed è sempre lo stesso rito, colla sola aggiunta dei fuochi d’artificio in età moderna. Nella Sila piccola l’uccisione del maiale è quasi un rituale ed alcune anziane signore giocano a leggere il futuro nelle viscere dell’animale ucciso, cercano di vedere il sesso dei nascituri dal rene dell’animale, sono inconsce trasmissione di un’arte per molti persa, ma qui ancora viva: l’aruspicina. A Gagliano, località nel comune di Catanzaro, alcune signore raccon-

tano di accompagnare i morti nell’aldilà, sognando giorni prima quando questi scompariranno: medesime convinzioni di quegli esuli Traci che si facevano chiamare “mistoi”: gli iniziati ai culti orfici. Per non parlare delle ricette delle feste: una su tre ha il sapore dell’antico. In quei luoghi dove nasceva la prima Italia ancora oggi può trovarsi il retaggio della grecità in tutti i suoi aspetti. In tutto il bel paese un richiamo verso l’antico è in atto: associazioni di studi storico-religiosi, di filosofia antica ecc. si sviluppano qua e là, ma spetta alla nostra regione il primato del maggior numero di associazioni specializzate in questo settore: studiosi di pitagorismo, di tradizioni classiche e delle società antiche da noi abbondano e seppur i nostri poli universitari non sono noti come la Bocconi o La Sapienza vantano il merito di aver condotto convegni internazionali, come quello sul Pitagorismo tenutosi nel 2006 al Consorzio universitario di Crotone, con docenti provenienti da tutta Europa. Può sembrare strano ma ancora oggi l’Italia è pagana nella sua essenza religiosa, nonostante la forma sia quella cristiana. Ai tanti dei si sono sostituiti i molti santi e dove prima s’ergevano templi spesso ora sorgono chiese. I luoghi fisici del sacro sono così sopravvissuti e si sono conservati. Gli usi ancor più: come nei Saturnalia di duemila anni fa (feste che andavano dal 17 al 24 dicembre) facciamo cenoni e giochiamo a carte. Gli antichi consideravano caotico il periodo prossimo al solstizio, poiché in questi giorni il buio della notte predomina sulla corta giornata, pertanto consideravano lecito far ciò che la legge nel resto dell’anno vietava, come il gioco d’azzardo. Cosa faceva il romano del I sec. a. C. il 24 dicembre? Una bella tavolata in famiglia ed una giocata a dadi. Aveva ragione Vico: corsi e ricorsi storici. E se prima si festeggiava la nascita del Sole al 25, per il prolungarsi della giornata, oggi si festeggia quella del Salvatore: il Cristo. Molti gruppi di studiosi affrontano studi scientifici per trovare le radici delle nostre usanze, perché solo guardando indietro possiamo comprenderci e potremo andare avanti, così ad esempio l’Associazione Tradizionale Pietas, nata a Crotone e poi sviluppatasi tra l’Italia e la Grecia, conduce ricerche sul mondo classico proponendo poi al pubblico i suoi

risultati in conferenze, convegni e quaderni di studio, dall’ambito universitario a quello cittadino, cercando inoltre il coinvolgimento di tutti considerando il patrimonio culturale un bene universale così anche l’associazione “Le Crotoniadi” che propone eventi ed attività culturali di ricostruzione storica. Medesima cosa fanno ad esempio le associazioni Pomerium e Symmetria a Roma, Vita Nova a Verona ecc. Vi sono anche associazioni che cercano di recuperare l’antica religiosità, come il Movimento Tradizionale Romano, l’Associazione Religiosa Gentilitas e l’Associazione Romania Quirites. In Grecia movimenti di studio sulla cultura classica hanno riacceso negli animi il desiderio di vivere l’antica religione, ed oggi gli Elleni sono la quarta fede nel loro paese. Ma non ha tanto importanza la forma di ciò che si fa o di ciò in cui si crede, quanto l’essenza delle proprie convinzioni, e quando queste sono intrise di sani valori ben vengano, perché le forme e le religioni cambiano nel tempo, ma l’etica del rispetto, della lealtà, dell’amicizia, dell’amore e della tolleranza va al di là delle bandiere ed è eterna, poiché non crollano con le loro civiltà e con le loro religioni, ma vivono per sempre. Ed è su questi valori che l’Associazione Tradizionale Pietas ha improntato il suo lavoro: lo studio della religione e della società classica non deve essere il nascere di nuove forme di fanatismo ed incomprensioni, ma la ricerca di un’essenza che ha attraversato i millenni e che fin chissà dove risale nel tempo. La Calabria di duemilacinquecento anni fa è stata la matrice della cultura romana: il Pitagorismo segnò Roma profondamente, al punto tale che all’entrata della curia della Res Publica si conservava un busto di Pitagora, i Gracchi lottarono per riformare la società su basi pitagoriche (la suddivisione delle terre conquistate ai più poveri e non ai già ricchi), Mario dopo di loro, poi Cesare, Roma unì quell’Italia che tempo prima era la Lega Italiota voluta dai Crotoniati; come un tempo ancora oggi possiamo essere la matrice culturale di un paese in ginocchio che necessita di rialzarsi, e da dove incominciare, se non dal “Sapere”? Conservando le nostre tradizioni salvaguarderemo la nostra identità e cercando in esse i nostri valori potremo sopravvivere ad un mondo in decadenza. *Dottore in archeologia


54 Venerdì 19 Dicembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI - TV - COSTUME - TURISMO In 12 scatti la bella Miriam Leone: un anno da sfogliare e ammirare con la reginetta del concorso

Dal trionfo al calendario A festeggiare, in prima fila, anche Enzo e Patrizia Mirigliani MISS ITALIA ROMA — Presentato a Roma il calendario 2009 visibile anche sul sito internet di Miss Italia. In 12 scatti la bella Miriam Leone: un anno da sfogliare e ammirare. La presentazione del sesto calendario del Concorso è avvenuta nei giorni scorsi a Roma durante una conferenza stampa svoltasi nella sede dell’Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata. Dopo nomi illustri del settore, il calendario è stato affidato a quattro ragazzi, di età compresa dai 23 ai 28 anni, premiati con questo privilegio per la loro serietà negli studi della fotografia: non sono famosi come chi li ha preceduti, ma hanno la stessa loro passione. Ognuno di loro ha creato l’immagine di tre mesi, ognuno con la propria personalità. «E’ stato un lavoro complesso ed emozionante nostro, dei fotografi e dei designer», ha detto Patrizia Mirigliani, seduta accanto al press agent Enrico Lucherini e al direttore artistico del progetto Tiziana Luxardo. Miriam Leone, che si è commossa durante la proiezione del video sul backstage di quei giorni, ha sùbito commentato «sono un carico di emozioni e spero di aver lasciato qualcosa di me a loro come loro

La presentazione del calendario e, a lato, il successo di Miriam Leone

l'hanno lasciato a me. Hanno fatto vedere alcune parti di me che non sapevo neanche di possedere». Intanto la miss, è pronta a sostenere un provino per il film “Oggi Sposi” in programma ad aprile, con protagonista Luca Argentero. Dopo la presentazione grande festa al Beige di Trastevere, per Miriam Leone e i quattro giovani fotografi (Gaia Tofani, Omar Ricci, Emanuele Menduini e Francesco Berardinelli), studenti dell’Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata e autori del calendario di Miss Italia, da oggi disponibile per tutti sul sito www. missitalia. rai. it. A festeggiare il calendario, in prima fila, Enzo e Patrizia Mirigliani, ma

anche la direttrice artistica del progetto Tiziana Luxardo e il press agent cinematografico Enrico Lucherini. Sono stati tanti gli amici del Concorso (che l’anno prossimo compirà 70 anni) che hanno voluto brindare a questo sesto album. C’erano le miss Claudia Andreatti, Gloria Bellicchi, Christiane Filangieri e Ylenia De Valeri. Tra i tanti artisti, anche Manuela Aureli, Fioretta Mari, Rosanna Lambertucci, Amedeo Minghi, Pino Insegno, Pamela Camassa e Filippo Bisciglia. Hanno partecipato all’evento serale anche le troupe de La Vita in Diretta (Raiuno) e di Pomeriggio 5 (Canale5). Che hanno realizzato vari servizi andati in onda a promuovere il calendario.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI-TV

T&P Editori, Mediatag e Manolibera declinano ogni responsabilità in relazione a cambiamenti nei palinstesti, i quali vengono rilevati da Internet, seppure su siti ufficiali

RAIDUE

RAIUNO 06:00 ATTUALITÀ Euronews 06:05 RUBRICA Anima Good News 06:10 TELEROMANZO Incantesimo 9 06:30 Tg 1 06:45 ATTUALITÀ Unomattina 07:00 Tg 1 07:30 Tg 1 L.I.S. 07:35 Tg Parlamento 08:00 Tg 1 08:20 Tg 1 Le idee 09:00 Tg 1 09:30 Tg 1 Flash 10:00 RUBRICA Verdetto Finale 10:50 RUBRICA Appuntamento al cinema 11:00 RUBRICA Occhio alla spesa 11:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 11:30 Tg 1 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 Telegiornale 14:00 Tg 1 Economia 14:10 RUBRICA Festa italiana 16:15 ATTUALITÀ La vita in diretta 16:50 Tg Parlamento 17:00 Tg 1 17:10 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 QUIZ L'Eredità 20:00 Telegiornale 20:30 GIOCO Affari tuoi 21:10 MINISERIE Ali Babà e i 40 ladroni 22:55 Tg 1 23:00 ATTUALITÀ Tv7 00:00 RUBRICA L'appuntamento 00:30 Tg 1 Notte 01:00 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:05 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:10 RUBRICA Sottovoce 01:40 RUBRICA E-Cubo 02:15 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 02:45 DOCUMENTARIO Overland 8 La riscoperta delle Americhe 03:35 TELEFILM Il marsigliese 04:40 RUBRICA Stella del Sud 05:10 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 05:45 ATTUALITÀ Euronews

R A D I O F R E Q U E N Z E MESSINA Studio 55 diffusion 98.700, 87.500

R. CALABRIA Touring 104.4, 103.7, 101.1 Energie 90.00 Radio DJ Club Studio 54 101.8 - 102.9 (Jonio CatanzaroCrotone, 102 - 106.3; Tirreno, 106.5)

COSENZA Sound 100.600, 98.700 (a Vibo, 96.8, /101.1; a Catanzaro, 101.2/ 96.800/107.6; a Lamezia, 96.8/91.6; costa tirrenica, 101; costa ionica, 98.7; Cosenza, 100.6/98.7 Castrovillari, 97.0 Crotone, 101.0/107.6; Reggio Calabria e Messina, 94.3

RAITRE

06:00 VARIETÀ Cercando cercando 06:15 ATTUALITÀ Focus 06:20 Tg 2 Medicina 33 06:25 REAL TV X Factor I casting 06:55 RUBRICA Quasi le sette 07:00 RUBRICA Cartoon Flakes 09:15 RUBRICA TGR Montagne 09:45 RUBRICA Un mondo a colori 10:00 Tg2punto.it 11:00 TALK SHOW Insieme sul Due 13:00 Tg 2 Giorno 13:30 Tg 2 Costume e società 13:50 Tg 2 Sì, viaggiare 14:00 MUSICALE Scalo 76 Cargo 14:45 RUBRICA Italia allo specchio 16:15 TALK SHOW Ricomincio da qui 17:20 TELEROMANZO Julia Sulle strade della felicità 18:05 Tg 2 Flash L.I.S. 18:10 NEWS Rai Tg Sport 18:30 Tg 2 19:00 REAL TV X Factor I casting 19:35 TELEFILM Squadra speciale Cobra 11 20:30 Tg 2 20.30 21:05 TELEFILM Close to Home 21:50 SERIE TV Justice 23:25 Tg 2 23:40 TEATRO Palcoscenico presenta: "Nuotando con le lacrime agli occhi" Cabaret 01:15 RUBRICA Tg Parlamento 01:25 REAL TV X Factor I casting 01:55 Meteo 2 02:00 RUBRICA Appuntamento al cinema 02:05 Tg 2 Costume e società 02:20 MINISERIE La ragnatela 2 03:05 VARIETÀ Cercando cercando 03:30 DOCUMENTARIO Le grotte dell'Etna 03:55 RUBRICA Alla gallina abbuffata 04:15 RUBRICA NET.T.UN.O 05:45 RUBRICA Quasi le sette 05:50 VIDEOFRAMMENTI Zibaldone Cose a caso

Cosenza centrale 94.100, 104.00 Tir Rossano 95.350 Radio Cosenza Nord 102.000; 98.400 Radio Punto Nuovo 91.800 Sibari, Corigliano - 103.000 Paola, Amantea, Tropea - 91.500 Costa Tirrenica, Cosentina

CROTONE Nove Nove Network 99.00

CATANZARO Radio Amore 94.6;106.5 Radio Valentina 96.100; 100.600 104.8 Radio Squillace 92.00

VIBO VALENTIA Radio Onda Verde 92.200; 98,00

06:00 Tg 5 Prima pagina

08:15 RUBRICA La storia siamo noi

08:00 Tg 5 Mattina

09:15 RUBRICA Verba volant

10:00 Tg 5

Prima 09:55 RUBRICA Cominciamo bene

11:00 RUBRICA Forum

12:00 Tg 3

13:00 Tg 5

12:10 Coppa del mondo Sci alpino

13:40 SOAP OPERA Beautiful

13:30 DOCUMENTARIO Geo & geo

14:10 TELEROMANZO CentoVetrine

14:00 Tg Regione

14:45 TALK SHOW Uomini e donne

14:20 Tg 3

16:15 REAL TV Amici

14:50 RUBRICA TGR Leonardo

16:55 ROTOCALCO Pomeriggio Cin-

15:00 RUBRICA TGR Neapolis

que

15:10 Tg 3 Flash LIS 15:15 RUBRICA Trebisonda

17:55 Tg5 minuti

17:00 GIOCO Cose dell'altro Geo

18:50 QUIZ Chi vuol essere milionario?

17:50 RUBRICA Geo & Geo

20:00 Tg 5

18:15 Meteo 3

20:30 TG SATIRICO Striscia la notizia

19:00 Tg 3 La voce della supplenza

19:30 Tg Regione

21:10 SHOW Superpaperissima Errori

20:00 ATTUALITÀ Blob 20:10 TELEROMANZO Agrodolce 20:35 TELEROMANZO Un posto al sole

in Tv 23:30 ATTUALITÀ Matrix 01:15 Tg 5 Notte

21:05 Tg 3

01:45 TG SATIRICO Striscia la notizia

21:10 RUBRICA Mi manda Raitre

La voce della supplenza

23:10 TALK SHOW Parla con me

02:15 TELEVENDITA Mediashopping

00:00 Tg 3 Linea notte

02:30 REAL TV Amici

00:10 Tg Regione 01:00 RUBRICA Appuntamento al cinema

03:15 TELEVENDITA Mediashopping 03:25 Tg 5 Notte

01:10 RUBRICA Economix

04:00 SITUATION COMEDY Otto sot-

01:40 RUBRICA ApriRai

to un tetto

01:50 RUBRICA Fuori orario. Cose 05:25 TELEVENDITA Tre minuti con

(mai) viste 04:30 DOCUMENTI Prove tecniche

Mediashopping 05:30 Tg 5 Notte

LA 7 06:00 Tg La7 07:00 ATTUALITÀ Omnibus 09:15 ATTUALITÀ Omnibus Life 10:10 TELEGIORNALE Punto Tg 10:15 RUBRICA Due minuti un libro 10:25 TELEFILM Il tocco di un angelo 11:30 TELEFILM Matlock 12:30 Tg La7 12:55 NEWS Sport 7 13:00 TELEFILM Cuore e batticuore 14:00 FILM La battaglia di Algeri 16:20 TELEFILM MacGyver 17:20 DOCUMENTARIO Atlantide Storie di uomini e di mondi

19:00 TELEFILM Stargate SG-1 20:00 Tg La7 20:30 ATTUALITÀ Otto e mezzo 21:10 TALK SHOW Le invasioni barbariche 23:55 RUBRICA V-ictory 00:55 Tg La7 01:20 RUBRICA 25ª ora Il cinema espanso 03:20 ATTUALITÀ Otto e mezzo 04:00 TELEFILM Alla corte di Alice 05:00 RUBRICA Due minuti un libro 05:05 ATTUALITÀ CNN News

RADIO RADIOUNO 6,08 Italia , istruzione per l’uso 7,34 Questioni di soldi 8,35 Golem 9,08 Radio anch’io 10,06 Il bacio del milennio 12,00 Come vanno gli affari 12,36 Radioacolori 14,08 Con parole mie 15,06 Ho perso il trend 16,06 Baobab 17,00 Come vanno gli affari 19,23 Ascolta si fa sera 19,33 Zapping 21,03 Zona Cesarini - Musica Club 22,34 Uomini e camion 0,38 la notte dei misteri 2,02 Non solo verde/Bella Italia RADIODUE 6,00 Incipit 6,01 Il cammello di radio 2 8,45 Una strana coincidenza. Storia per la radio 9,00 Il ruggito del coniglio 11,00 3131 Chat 12,00 Il cammello di radio 2 15,00 Acquario «I topi ballano» 16,00 Il cammello di radio 2 16,35 Top 10 Singles 18,00 Caterpillar 19,00 Fuori giri 20,00 Al-

08:40 ATTUALITÀ Mattino Cinque

09:20 RUBRICA Cominciamo bene

le otto della sera. Il racconto delle cose e dei fatti 20,37 Dispenser 20,50 Il cammello di radio 2 22,00 Boogie nights 24,00 Il pittore 2,01 3131 Chat 2,50 Alle otto della sera (replica) RADIOTRE 6,00 Mattinotre - Lucifero 7,15 Radio Tre Mondo 9,01 Mattinotre 10,00 Radio Tre Mondo 10,30 Il sigillo di Luffenbach 10,50 I concerti di mattinotre 11,40 Arrivi e partenze 11,45 La strana coppia 12,15 Tournèe 12,30 La musica di domani 13,00 La Barcaccia 14,00 Fahrenheit 14,10 Diario Italiano 14,30 Invenzioni a due voci 18,00 Cento lire 18,15 Invenzioni a due voci 19,03 Hollywood party 19,50 Radiotre Suite 20,00 Teatro giornale 20,30 Concerto dell’orchestra del teatro comunale di Bologna 23,30 Storia alla radio 24,00 Notte classica

RETE 4

ITALIA 1

CANALE 5

06:00 ATTUALITÀ Rai News 24

di trasmissione

il Domani Venerdì 19 Dicembre 2008 55

06:30 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 06:35 CARTONI ANIMATI 09:05 TELEFILM Starsky & Hutch 10:05 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 10:10 TELEFILM Supercar 12:15 RUBRICA Secondo voi 12:25 TELEGIORNALE Studio Aperto 13:00 NEWS Studio Sport 13:40 CARTONI ANIMATI What's My Destiny Dragon Ball 14:05 CARTONI ANIMATI Tutti all'arrembaggio! 14:30 CARTONI ANIMATI I Simpson 15:05 TELEFILM Paso Adelante 15:55 SITUATION COMEDY Zack & Cody al Grand Hotel 16:50 CARTONI ANIMATI Gormiti 17:05 CARTONI ANIMATI Idaten Jump 17:30 CARTONI ANIMATI Cattivik 17:50 CARTONI ANIMATI My Melody sogni di magia 18:05 CARTONI ANIMATI Holly e Benji due fuoriclasse Che campioni Holly e Benji!!! 18:30 TELEGIORNALE Studio Aperto 19:00 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 19:05 SITUATION COMEDY Don Luca c'è 19:35 SITUATION COMEDY Medici miei 20:05 SITUATION COMEDY Camera Café Ristretto 20:15 SITUATION COMEDY Camera Café 20:30 GIOCO La ruota della fortuna 21:10 TELEFILM CSI: Miami 23:05 TELEFILM Standoff 00:00 MINISERIE Quo Vadis, baby? 01:45 NEWS Studio Sport 02:10 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 02:15 TELEGIORNALE Studio Aperto La giornata 02:25 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 02:30 RUBRICA Ciak Speciale 02:40 MUSICALE Talent 1 Player 03:00 TELEVENDITA Shopping By Night 03:25 SERIE TV Rescue Me 04:10 FILM Mazzabubù... quante corna stanno quaggiù? 05:25 NEWS Studio Sport 05:50 TELEGIORNALE Studio Aperto La giornata

MTV 07:00 MUSICALE Wake Up! 09:00 MUSICALE Pure Morning 11:30 RUBRICA Lovetest 12:30 MUSICALE MTV 10 of the best 13:30 REAL TV My Super Sweet Sixteen 14:00 GIOCO Next 14:30 REAL TV Pimp My Ride 15:00 MUSICALE TRL Total Request Live 16:00 TELEGIORNALE Flash 16:05 MUSICALE My Video 17:00 TELEGIORNALE Flash 17:05 MUSICALE Into the Music 18:00 TELEGIORNALE Flash

18:05 SHOW Made 19:00 TELEGIORNALE Flash 19:05 SHOW Italo Americano 20:00 TELEGIORNALE Flash 20:05 SITUATION COMEDY Clueless 21:00 MUSICALE Spice Girls: Giving you Everything 22:00 MUSICALE MTV Live 22:30 TELEGIORNALE Flash 22:35 RUBRICA True Life 23:30 MUSICALE Lazarus 00:30 MUSICALE The QOOB Show 01:00 MUSICALE One Republic Live@Mtv Day 2008 01:30 MUSICALE Into the Music

IL FILM DI OGGI

06:00 RUBRICA Peste e corna e gocce di storia 06:05 TELEFILM Chips 06:55 TELEVENDITA Mediashopping 07:30 TELEFILM Quincy 08:30 TELEFILM Hunter 09:35 SOAP OPERA Febbre d'amore 10:30 TELENOVELA Bianca 11:30 Tg 4 Telegiornale 11:40 SOAP OPERA My Life 12:40 TELEFILM Un detective in corsia 13:30 Tg 4 Telegiornale 14:00 RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di Forum 15:00 TELEFILM Wolff Un poliziotto a Berlino 15:55 FILM I moschettieri del mare 18:40 SOAP OPERA Tempesta d'amore 18:55 Tg 4 Telegiornale 19:35 SOAP OPERA Tempesta d'amore 20:20 TELEFILM Walker Texas Ranger 21:10 SOAP OPERA Tempesta d'amore 23:20 RUBRICA I bellissimi di Rete 4 23:25 FILM I soldi degli altri 01:25 Tg 4 Rassegna stampa 01:50 MUSICALE Canzoni d'inverno 03:10 FILM Dì di sì 05:05 RUBRICA Peste e corna e gocce di storia 05:10 SOAP OPERA Febbre d'amore

OGGI IN T Attualità - Matrix Canale 5 ore 23,30 Matrix è un programma di attualità e approfondimento giornalistico condotto da Enrico Mentana in onda su Canale 5. La trasmissione viene trasmessa in seconda serata tre sere a settimana dal Centro Palatino di Roma. La trasmissione tratta ogni volta un tema di prima pagina, di stretta attualità, di cronaca, politica o spettacolo, con ospiti in studio e numerosi filmati. Mentana, per ideare e dirigere il programma, si è avvalso per le prime due stagioni della collaborazione di uno dei più affermati autori della tv italiana, Davide Parenti, già padre del fortunato show televisivo Le Iene. Il regista della trasmissione è Ermanno Corbella, assistito da Paola Sposi. Il programma si avvale di una squadra di giornalisti proveniente dalle diverse testate Mediaset: la caporedattrice Silvia Brasca, i giornalisti Roberto Pavone, Pietro Suber, Barbara Li Donni e Claudia Marchionni.

I soldi degli altri Rete 4 ore 23.25

Regia: Norman Jewison Cast: Gregory Peck, Danny DeVito, Piper Laurie, Penelope Ann Miller Titolo originale Other People's Money. Genere: Commedia Produzione: USA 1991. Ras della finanza di Wall Street, Garfield (D. DeVito) si propone di impadronirsi di una fabbrica antiquata, venderla facendo guadagnare la maggioranza degli azionisti e chiuderla. Intanto fa la corte all'avvocato

101’ (P.A. Miller) della parte avversa. Insomma è un Robin Hood postindustriale che ruba ai ricchi per donare alla borghesia medio-alta. E gli operai? Che s'arrangino. Una macchina comica che diverte con intenzioni critiche tutte interne al sistema capitalistico. Tratto da una pièce di Jerry Sterner, espone sul registro “basso” del comico quel che Wall Street (1987) di Stone racconta in chiave di denuncia, ma, per analogia di intenti satirici e moralistici, la distanza tra i 2 film è più apparente che reale.


il domani  

Edizione del 19 Dicembre 2008

Advertisement