Issuu on Google+

Martedì 11 Maggio 2010

Anno XIII - Numero 128

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

FONDI FAS

BORSA E BANCHE

De Rose attacca: il Sud sta finanziando il Nord

NAPOLITANO

Piano salva euro, Piazza Affari + 11,28, Unicredit e Intesa + 20%

Bene il governo italiano che si è battuto per il successo dell’accordo

a pag » 22

a pag » 6

a pag » 21

ESCLUSIVO Parla il segretario nazionale preannunciando interventi per il partito democratico nella nostra regione

Bersani: disagio per il Pd calabrese Il leader del centrosinistra cita esplicitamente l’ipotesi commissariamento, già caldeggiata da Franceschini L’INTERVENTO

No alla violenza e alla rottura della legalità

«È da molto che stiamo guardando con una certa attenzione la realtà calabrese IL COMMENTO Certamente c’è una situazione di disagio - ha ammesso Bersani - di difficoltà, ma che vogliamo risolvere». Lo ha dichiarato al Domani ieri mattina a Roma di Alessandro Caruso a pag » 4

IL DECIMO ASSESSORE

Credere nella sfida europea come opportunità

di Giorgio Napolitano

di Erminia Mazzoni

Presidente della Repubblica

europarlamentare gruppo Ppe-Pdl

La memoria delle vittime del terrorismo - di quella lunga, sanguinosa stagione - si coltiva in molti modi, privati e pubblici, tutti ugualmente apprezzabili. Ma quanti riescono a raccontare le storie di vita e di sacrificio dei loro cari, iniquamente e precocemente perduti, arricchiscono il nostro sforzo collettivo di una singolare capacità di comunicazione, di coinvolgimento emotivo, di vibrazione umana: che apre l’animo di tanti, pur lontanissimi dal mondo delle vittime del terrorismo e dei loro famigliari, alla comprensione intima di quel mondo e alla lezione di quei tragici eventi. Chi riesce a scrivere, o a raccontare per immagini, la storia, poniamo, del proprio padre ucciso dai terroristi... segue a pag » 2

Dichiarazione redditi 2010: obblighi e documentazione

Regione, Scopelliti nomina Capua CATANZARO - E’ Fabrizio Capua il decimo assessore della Regione Calabria. Il decreto di nomina è stato firmato ieri mattina dal presidente Giuseppe Scopelliti. Lo stesso Scopelliti, nel corso di un incontro con la stampa, ha anche reso noto di aver nominato Franco Torchia, esponente del Pri, sottosegretario alla presidenza.

Si avvicina il termine per la presentazione della Dichiarazione dei redditi 2009 da redigersi su modello Unico 2010 redditi 2009. Ecco le scadenze: 30 giugno per la presentazione cartacea; 16 giugno 2010 per il versamento imposte; 16 luglio 2010 per il versamento delle imposte con la maggiorazione dello 0,40%; 30 settembre 2010 per la presentazione telematica. Novità di quest’anno, il bonus arredi.

a pag » 3

di Gaia Mutone a pag » 15

LAMEZIA TERME Giornata dell’economia regionale a pag » 11

CATANZARO Fondazione Betania in difficoltà a pag » 29

GEROCARNE Battaglia contro il digital divide a pag » 35

Nel giorno in cui si celebra anche a Cosenza la giornata dell’Europa, il neo presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, designa l’imprenditore Fabrizio Capua quale assessore alle politiche euromediterranee, ai programmi speciali dell’Unione europea, alla internazionalizzazione, alla cooperazione tra i popoli e alle politiche per la pace. Più che alla singolare casualità, mi piace credere nella volontà politica fatta di coraggio e lungimiranza. Il nuovo governatore della Calabria ha già dimostrato di credere nella sfida europea, perché le istituzioni comunitarie non siano più percepite solo come organismi burocratizzati e sanzionatori ma come cabina di regia delle opportunità di sviluppo del mezzogiorno d’Italia. Dal mio canto, mi impegno a garantire al nuovo esecutivo regionale un interlocutore europeo attento e propositivo perché la tanto auspicata filiera responsabilizzi ciascuno ad un impegno istituzionale serio oltre che ad un condiviso programma di strategia politica. Condivido l’intenzione del presidente di riorganizzare l’ufficio di Bruxelles dando a questo non più il formale ruolo di rappresentanza ma affidandogli l’essenziale compito di diretta interlocuzione con le istituzioni comunitarie. Le strutture, per come spiegato da Scopelliti, per molti aspetti hanno bisogno di una ridefinizione e di un riassetto e dovranno produrre diventando i motori dell’accelerazione che vogliamo dare sulla strada dello sviluppo.


2

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI L’INTERVENTO di Giorgio Napolitano No alla violenza e alla rottura della legalità ... di un gruppo o dell’altro, rende un servigio alla memoria di tutte le vittime, anche le meno note, le più umili. [...] Tanti colpi mortali furono sferrati, nell’orribile 1980 contro servitori dello Stato e uomini semplici, tutti vittime innocenti di ciechi disegni distruttivi : il generale dei Carabinieri e la guardia giurata, il dirigente di azienda e il tipografo - per odio politico perfino la casalinga e il cuoco. Li ricordiamo con commozione tutti - i loro nomi li abbiamo iscritti due anni fa nell’albo della memoria che abbiamo dedicato loro - e ci stringiamo con affetto a tutti i famigliari. Ho voluto mettere l’accento sul sacrificio di uomini di legge, per sottolineare come da magistrati, avvocati, docenti di diritto venne un contributo peculiare di fermezza, di coraggio e insieme di quotidiana serenità e umanità nello svolgimento di una funzione essenziale per poter resistere all’ondata terroristica e averne ragione : la funzione dell’amministrare la giustizia secondo legge e se-

condo Costituzione, sempre, contro ogni minaccia e ogni prevaricazione. Ed è bello poter additare ad esempio per i giovani che entrano in magistratura figure come quella di Guido Galli, e vedere le figlie raccoglierne l’impegno, allo stesso modo in cui Umberto Ambrosoli ha raccolto l’impegno di avvocato del padre Giorgio, e in cui i figli del Vice Brigadiere Evangelista indossano la stessa divisa di polizia del loro genitore. L’altra considerazione a cui non si sfugge ricordando alcune delle personalità scomparse in quella notte della Repubblica che furono gli anni del terrorismo omicida, riguarda la gravità delle ferite subite dalla nostra comunità nazionale: maestri di diritto e di vita morale come Vittorio Bachelet, magistrati di altissima qualità come Guido Galli, economisti geniali come Ezio Tarantelli, quante energie preziose, ancora giovani, destinate a superare molte nuove prove, ha per-

COSE DELL’ALTRO MONDO

di Carlo Bassi

Chi avrebbe mai creduto in una foto così? Se volete capire immediatamente l’età di chi vi sta di fronte, c’è un metodo sicurissimo. Basta portarsi dietro la foto qui accanto e mostrarla al vostro interlocutore. Se sbianca in volto, è sicuramente nato prima del 1980: ha fatto a tempo a sentir parlare di guerra fredda, di com’erano le cose prima della caduta del muro e della fine dell’Unione Sovietica. Noi che la guerra fredda ce la siamo cuccata tutta, comprese le ore di terrore della crisi dei missili quando tutti ci chiedevamo se almeno l’olocausto nucleare ci avrebbe assicurato una fine deliziosamente veloce, siamo praticamente ossessionati da questa foto: vedere the Royal Welsh Guard della regina Elisabetta che sfila impeccabile davanti alle mura del Cremlino era qualcosa che non avremmo mai avuto il coraggio di immaginare. Onore dunque a Vladimir Putin e a Dimitri Medvedev se tutto questo è stato possibile per festeggiare i 65 anni della fine vittoriosa della Seconda guerra mondiale. Capiamo perfettamente che vecchi comunisti ubriachi di vodka abbiano potuto contestare questa partecipazione di forze della Nato, americanski compresi, davanti alle mura in cui sono sepolti gli eroi dell’Unione Sovietica. Ma sono nel torto. Si può solo gioire nel guardare questa foto. impressionante.

duto l’Italia - un impoverimento che è stato, insieme con lo sconvolgimento della vita civile e della vita politica, il prezzo pagato dal nostro paese a quella deriva ideologica generazionale e a quei torbidi intrecci eversivi che espressero e alimentarono il terrorismo tra gli anni ’70 e ’80 dello scorso secolo. Intrecci eversivi, nel caso di Ustica anche intrighi internazionali, che non possiamo oggi non richiamare insieme con opacità di comportamenti da parte di corpi dello Stato, a inefficienze di apparati e di interventi deputati all’accertamento della verità - nel rivolgere la nostra solidarietà a chi ha duramente pagato di persona o è stato colpito nei propri affetti famigliari per effetto delle stragi degli anni ’80. Tre lunghi decenni sono passati. Per il devastante attentato alla Stazione Centrale di Bologna, i processi si sono susseguiti fino all’aprile 2007, tra progressi nel ricostruire i fatti e individuare le responsabilità, battute d’arresto, ritorni indietro, sentenze definitive. Un iter tormentoso per quanti hanno atteso giustizia. Le ombre e i dubbi che sono rimasti hanno stimolato un nuovo filone d’indagine, dagli sviluppi ancora imprevedibili. E c’è chi come Sonia Zanotti ha vissuto questo trentennio con una ininterrotta ansia di giustizia e in un percorso dolorosissimo di sofferenze fisiche e psicologiche. Siamo accanto a lei come a tutti coloro le cui vite sono state spezzate da quell’inferno del 2 agosto 1980 ; e insieme sollecitiamo il governo a sciogliere i nodi che rendono ancora incerto e precario l’insieme dei diritti pure riconosciuti per legge a chi è sopravvissuto e ai famigliari delle vittime. Vorrei che sentissero egualmente vicine le istituzioni i parenti delle vittime della strage di Ustica; è stato giusto ascoltare la loro voce nel nostro incontro di oggi, anche perché tutti sappiano come comprendiamo il loro tenace invocare ogni sforzo possibile, anche sul piano dei rapporti internazionali, per giungere a una veritiera ricostruzione di quel che avvenne la notte del 27 giugno 1980. Concludo. Persone della mia generazione, ritornando col pensiero al clima angoscioso di tensione anche sul piano politico e istituzionale di cui furono partecipi, fanno quasi

fatica a rivivere quel che significò per anni l’interrogarsi sulle sorti circondate allora di pesanti incognite - della democrazia e della nazione. L’Italia corse rischi estremi : ci dà forza il ricordarlo perché sapemmo uscirne nettamente, pur pagando quei duri prezzi che ho voluto richiamare, e avemmo così la prova di quanto profonde fossero tra gli italiani le riserve di attaccamento alla libertà, alla legalità, ai principi costituzionali della convivenza democratica, su cui poter contare. Ebbene, quelle riserve vanno accuratamente preservate, ravvivate, e messe in campo nella situazione attuale del paese e del mondo che ci circonda. Dall’esterno dell’Italia, da diverse aree di crisi e di conflitto meno lontane dall’Europa di quanto magari non dica la carta geografica, giungono fino a noi gli echi del più cupo fondamentalismo, del rifiuto di ogni dialogo tollerante ed aperto tra sistemi di valori diversi, e giungono insieme le insidiosissime diramazioni del terrorismo internazionale. Anche il nostro paese non è esente da contagi e infiltrazioni di quel terrorismo ; l’impegno di vigilanza su tale versante dev’essere più che mai forte, congiungendosi con quello che esplichiamo con la partecipazione a missioni internazionali di garanzia della pace e della stabilità in aree di crisi tra le più esposte e difficili. Nello stesso tempo, specie guardando ai problemi da affrontare anche in Italia su terreno economico e sociale in una fase che è stata e rimane critica per tutta l’Europa, è necessario tenere sempre alta la guardia contro il riattizzarsi di nuove possibili tentazioni di ricorso alla protesta violenta, e di focolai, non spenti una volta per tutte, di fanatismo politico e ideologico. No alla violenza e alla rottura della legalità in qualsiasi forma: è un imperativo da non trascurare in nessun momento, in funzione della lotta che si combatte, anche con importanti successi, contro la criminalità organizzata, ma più in generale in funzione di uno sviluppo economico, politico e civile degno delle tradizioni democratiche e del ruolo dell’Italia. Sono convinto che anche questa sia la lezione che viene, che anche questo sia il contributo che può venire, da una sempre più ricca pratica della memoria della devastante esperienza del terrorismo italiano.

:: www.ildomani.it ::

::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Guido Talarico Amministratore

Redazione Francesco Pungitore (caposervizio)

Recapiti telefonici-fax-email - Calabria -

calabria@ildomani.it Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 - Roma -

roma@ildomani.it Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

Capua decimo assessore: sfida euromediterranea Il decreto di nomina è stato firmato ieri mattina dal presidente della Regione. Lo stesso Scopelliti ha poi incontrato la stampa CATANZARO-E’FabrizioCapua il decimo assessore della Regione Calabria. Il decreto di nomina è stato firmato ieri mattina dal presidente Giuseppe Scopelliti. Lo stesso Scopelliti, nel corso di un incontro con la stampa a Palazzo Alemanni, a Catanzaro, ha anche reso noto di aver nominato Franco Torchia, esponente del Pri, sottosegretario alla presidenza. Programmi speciali dell’Unione europea, politiche euro mediterranee, internazionalizzazione, cooperazione tra i popoli e politiche per la pace sono le deleghe che il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti ha affidato a Capua. E’ stato il governatore a ripercorrere le tappe di questi ultimi giorni, che hanno portato il noto imprenditore nell’amministrazione regionale. «Quella di Capua - ha detto Scopelliti - è una presenza che rende ancora più

Anche la cooperazione tra i popoli e le politiche per la pace tra le deleghe attribuite al noto imprenditore forte e qualificata questa giunta, è la dimostrazione che un imprenditore di successo vuole impegnarsi per questa terra. Fabrizio, al quale mi lega un’amicizia trentennale, fa parte di questa squadra e comincia con noi questa avventura. Sono contento perché dimostra la stima verso questa terra, è un grande imprenditore e crede che questa terra possa farcela». Ripercorrendo le giornate

trascorse tra la presentazione dei primi nove assessori e quella di Capua, Scopelliti ha sottolineato che non ci sono stati rifiuti o ripensamenti da parte del neo componente dell’esecutivo, ma semplicemente la necessità di un periodo di riflessione. Il neo assessore ha ringraziato il governatore per la fiducia e la stima dimostrata: «La mia prima titubanza era dovuta al fatto che avevo necessità di organizzarmi. Il primo sentimento che ho avuto dopo la proposta di Scopelliti è stato quello di essere lusingato e onorato e questo è stato anche il principale motivo che mi ha spinto ad accettare questa carica così prestigiosa». Nell’evidenziare il suo impegno per la Calabria, l’assessore ha aggiunto:«L’internazionalizzazione è un tema centrale per molti paesi, visto il momento e la crisi in atto. Regioni come la Calabria hanno la possibilità di acquisire un

ruolo importante in Europa e nel resto del mondo, può avere un ruolo primario tra i paesi che si affacciano sul Mediterraneo». «La Calabria - ha concluso - deve uscire dal luogo comune di essere una regione del Sud, dobbiamo avere un ruolo primario». Per quanto concerne la seconda presenza in giunta di un imprenditore, dopo Antonella Stasi, Scopelliti ha dichiarato che «si tratta di una casualità, ma anche di un segnale e del fatto che in ruoli tecnici la regione può avvalersi di per-

sone esperte. E’ un segnale positivo per il mondo dell’imprenditoria, anche se non basta avere due assessori in giunta perché bisogna fare politiche che vanno nell’interesse di tutti gli imprenditori». Capua, 43 anni, è sposato e ha due figli di 10 e 5 anni. Dopo la laurea in Economia e Commercio, il Master in economia d’Impresa all’Università Bocconi e ulteriori studi negli Stati Uniti, ha lavorato in Coca-Cola Italia, per proseguire nell’azienda di famiglia.


4

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

PRIMO PIANO

Bersani avverte il Pd calabrese: «Ci stiamo occupando di voi» Il segretario non esclude la soluzione del commissariamento, caldeggiata da Franceschini di Alessandro Caruso ROMA - Dopo una settimana di malumori interni al Partito democratico, il segretario nazionale Pierluigi Bersani ha cominciato a parlare, fornendo le prime risposte alle ripetute lamentele, proposte e provocazioni dei giorni scorsi e ha rassicurato: «È da molto che stiamo guardando con una certa attenzione la realtà calabrese. Certamente c’è una situazione di disagio - ha ammesso - di difficoltà, ma che vogliamo risolvere». Lo ha dichiarato al Domani ieri mattina a Roma, dove si trovava per partecipare all’assembleapubblicapromossadaCasartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti. Il segretario ha sottolineato la necessità di affrontare questo momento di crisi interna al partito calabrese restando uniti:

Bersani: «È da molto che stiamo guardando con una certa attenzione la realtà calabrese. Certamente c’è una situazione di disagio ha ammesso - di difficoltà, ma che vogliamo risolvere»

«Adesso vediamo come muoverci. Vediamo tutti assieme, con i nostri organismi in direzione». E sul commissariamento del partito, proposto da Dario Franceschini, capostipite della corrente Area democratica, risponde: «Si esamina tutto», di fatto non escludendo tale ipotesi, che fino a oggi ha riscosso anche l’appoggio di alcune anime del Pd calabrese. Del resto di questa soluzione estrema già in molti hanno parlato, soprattutto dopo l’epilogo verificatosi negli ultimi giorni, con l’iniziativa attribuita ad Agazio Loiero di creazione di un gruppo autonomo in Consiglio e con l’autosospensione di Giuseppe Bova. Non sono, infatti, solo i franceschiniani a chiedere il commissriamento, ma anche i sostenitori del gruppo 25 aprile, che fa riferimento al senatore Ignazio Marino, la cui coordinatrice calabrese è Fernanda Gigliotti. «La nostra richiesta - diceva fino a venerdì scorso la Gigliotti - assume il carattere della necessità e dell’urgenza sopratutto alla luce dell’implosione istituzionale e politica del Pd in Consiglio regionale e con ciò che ne è seguito sul piano degli attacchi personali tra gli attori protagonisti. C’è la necessità - ammoniva - e l’urgenza di procedere ad azzerare il tessaremento del Pd calabrese e a nominare un commissario di alto profilo politico».

Ma soprattutto, le parole di Bersani rompono un indugio iniziato con la lettera che il suo omologo regionale Carlo Guccione gli aveva spedito una settimana fa, sollecitando l’apertura di una nuova fase politica, senza la quale non vi potrebbe essere alcun futuro per un partito, il Pd, che, ammetteva «in Calabria non è mai

E sul commissariamento del partito, proposto da Dario Franceschini, capostipite della corrente Area democratica, Bersani risponde: «Si esamina tutto», di fatto non escludendolo

nato». Le responsabilità della debacle elettorale, diceva Guccione nell sua missiva «non possono essere sottaciute. Né aiuta il gioco a nascondino di quanti pensano a improbabili ricollocazioni in funzioni direzionali nel partito e nelle istituzioni, senza rendersi conto continuava - che si è chiusa una fase e le vecchie pratiche intrise di tatticismi e di furbizie sono ormai arrivate al capolinea. Se non si ha il coraggio di aprire subito una fase nuova, non vi sarà nessun futuro per il Pd». L’interessamento di Bersani, tuttavia, ha fatto intendere che da Roma ci si sta occupando della questione interna calabrese e che a breve arriveranno soluzioni più definitive. La settimana appena iniziata, quindi, per il Pd nostrano, assume una fondamentale rilevanza politica.

La polemica di Loiero con Letta CATANZARO - «Alla fatica di un’analisi seria, anche Enrico Letta, parlando della Calabria preferisce la comodità degli stereotipi e non sa che sui fondi Ue, negli ultimi cinque anni, ha centrato tutti gli obiettivi entrando nel club delle regioni virtuose secondo il giudizio di Bruxelles». L’ex presidente della Regione Calabria Agazio Loiero aveva replicato così, nei giorni scorsi, al vicesegretario del Pd che aveva parlato di "allarme zavorra" riferendosi alla situazione di alcune regioni meridionali. «Il Sud - è la tesi di Loiero - è quello che è, con i suoi ritardi e i suoi problemi irrisolti, ma l’analisi di Letta pecca di superficialità e di presunzione. Se solo si fosse informato di come stanno le cose in Calabria, e poteva farlo direttamente con l’ex assessore Mario Maiolo, a lui vicino, che aveva la delega al settore, Letta avrebbe facilmente appreso che gli obiettivi di spesa del Por 2000-2006 sono stati raggiunti e la Calabria non ha perso un solo euro; che i ServizidellaCommissioneEuropea hanno definito il POR 2007-2010 uno dei migliori in Europa per il forte e coerente disegnodisviluppo;chesecondo il giudizio del valutatore indipendente dell’Ue, la Regione Calabria ha avviato un importante processo di modernizzazioné; che la nostra Regione ha avuto la migliore performance tra quelle a Obiettivo convergenza; che alla verifica di medio termine, effettuata nel 2009 dal Dipartimento per lo Sviluppo, la situazione è stata giudicata confortante e i risultati conseguiti fanno sperare in una forte premialità». re. ca.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

La Laganà in piazza per i fondi Fas CATANZARO - Anche la deputata del Pd Maria Grazia Laganà Fortugno, come il suo segretarioregionaleGuccione, attacca il Governo per l’atteggiamento assunto sulla gestione dei fondi Fas. Le accuse sono dirette al «Governo leghista di Berlusconi, che continua a togliere alla Calabria mezzi di sostentamento, già destinati con precedenti provvedimenti per lo sviluppo di servizi essenziali». E questo, secondo la Laganà, succede anche di fronte alla insensibilità di quanti, invece, dovrebbero essere i primi a dovere fare garantire il buon governo della regione». Lo specifica in una nota fatta circolare ieri: «L’ultimo saccheggio del governo di centrodestra, in ordine di tempo - aggiunge - è quello fatto sui Fas, i fondi destinati alle aree sottosviluppate. Da 43 milioni e passa destinati alla Calabria per l’edilizia scolastica, il Governo ne ha assegnato solo 14, annullando completamente la delibera del Cipe». Un altro colpo, sostiene la deputata, per la dignità dei giovani calabresi, che sono costretti a frequentare scuole fatiscenti e fuori dai principali standard di sicurezza e agibilità. «Per questo - conclude Maria Grazia Laganà - aderisco all’iniziativa di lunedì 10 maggio partecipando al sit in di protesta organizzato dal Partito democratico a Cosenza, davanti all’Ufficio scolastico provinciale. Un momento per denunciare l’ulteriore scippo attuatoneiconfrontidellascuola calabrese e per tentare di recuperare il mal tolto». C.G

Denuncia di Guccione sui Fas: «Il Governo ci ha derubato» Il segretario regionale del Pd scuote gli animi e denuncia: mancano iniziative forti per il Sud di Cesare Giraldi CATANZARO - Il Partito democratico calabrese rivendica i fondi Fas (Fondi per le aree sottoutilizzate) che gli sono stati sottratti per l’edilizia scolastica e Carlo Guccione si solleva in opposizione al Governo Berlusconi da buon capopopolo: «L’ennesimo scippo dei fondi Fas alla scuola è l’ultima di una serie di rapine compiute dal Governo Berlusconi nei confronti della Calabria e del Mezzogiorno d’Italia». Lo ha detto ieri attraverso una nota diffusa nel pomeriggio e la sua polemica ripete quella innescata giorni fa dall’onorevole Franco Laratta, intervistato su queste colonne. «Sono 37, infatti - prosegue Guccione - i miliardi di euro che il Governo di centrodestra, negli ul-

Il ragionamento è sempre lo stesso: secondo Guccione questi soldi sarebbero stati destinati al Nord per compiacere «gli appetiti egoistici di Bossi e della Lega»

37

Sono i miliardi di euro che il Governo, secondo Guccione, ha sottratto alla Calabria e al Sud

Carlo Guccione

timi due anni, ha sottratto alla nostra regione e alle regioni del Sud. Parliamo dei fondi che l’Europa aveva destinato allo sviluppo del Mezzogiorno per colmare i ritardi e che il Governo ha, invece, impegnato in opere pubbliche e iniziative a sostegno del Nord». Il ragionamento è sempre lo stesso: secondo Guccione questi soldi sarebbero stati destinati al Nord per compiacere quelli che definisce «gli appetiti egoistici di Bossi e della Lega» ricordando che la stessa Corte dei Conti è intervenuta lanciando grido di allarme sullo sperpero e sull’utilizzo innaturale di questi fondi. «Di fronte a questa ennesima, mortificante beffa - afferma - il Pd deve assumere un’iniziativa forte, tesa a in-

vertire una tendenza che nuoce allo sviluppo del Mezzogiorno e dell’intero Paese. Per quanto ci riguarda lo abbiamo già detto: solo se riparte il Mezzogiorno possono riaccendersi i motori dell’econo-

Secondo Guccione è importante riportare al centro dell’agenda politica del Governo il tema del Mezzogiorno e affrontare con equilibrio la necessità di un federalismo solidale

mia dell’intero Paese». Per questo motivo, secondo il segretario, èimportante riportare al centro dell’agenda politica del Governo il tema del Mezzogiorno e affrontare con equilibrio ma con determinazione la necessità di un federalismo solidale che sia in grado di aprire, anche in questa parte del Paese «una nuova stagione e determinare la nascita di una nuova classe dirigente in grado di mettere in campo un serio progetto di sviluppo della nostra terra».


6

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

PRIMO PIANO Iniziativa di Italia dei valori, presentata a Cosenza dal commissario regionale

Un patto etico per la Calabria, ovvero 6 macroaree per discutere di Enzo Rocca CATANZARO - Un patto etico per la Calabria, ovvero sei macroaree in cui gli esponenti della societa civile possono discutere e fare proposte operative che diventeranno proposte legislative. E’ l’iniziativa di Italia dei Valori, presentata ieri mattina a Cosenza dal commissario regionale Ignazio Messina in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato i tre consiglieri regionali Mimmo Talarico, Giuseppe Giordano ed Emilio De Masi. La prima area d’interesse è quella relativa al codice etiLa prima area co. «Ribadiamo il nostro no - ha spiegato Messina - ai d’interesse è condannati nelle liste elettorali. Inoltre chi incorre in quella problemi giudiziari duranrelativa al te il mandato si dimetta, si difenda e poi eventualmencodice etico. te può tornare a fare politica tranquillamente». «Ribadiamo il Seconda macroarea pronostro no - ha posta da Idv è lavoro, formazione, in cui spiegato Messina scuola, dovrebbero apportare quei miglioramenti al sistema - ai condannati formativo calabrese tale da nelle liste poter affermare che «non si deve fare del precariato un elettorali» mestiere», ha ricordato ancora Messina. Terzo aspetto importante è l’ambiente, nelle sue accezioni di riqualificazione del territorio e anche dell’uso dell’acqua, per il quale Idv sta proponendo un referendum. Sulla questione del Ponte sullo Stretto, il commissario regionale del partito dipietrista, Messina, ha precisato che quello di Idv «non è un no secco al ponte, ma bisogna avere le strade per arrivarci».

La priorità, dunque, è creare infrastrutture in generale. Altra posizione ferma e decisa di Idv è la lotta alle ecomafie. Quarta macroarea, che è anche il tema spinoso del momento in Calabria, è la sanità. Messi- Messina ha na ha chiesto la «razionalizzazione dei servizi, anche con meno strutture sul ter- anche ritorio ma più efficienti». chiesto la Inoltre ha ribadito la necessità di innescare un meccanismo di accesso alle «razionalizzazione carriere per competenze e non per dei servizi legami personali o altre affinità con gli esponenti politici. sanitari Quinto aspetto è lo sviluppo economico. «Finora i fondi europei sono stati utiliz- anche con zati per le spese ordinarie, non per meno creare sviluppo. Bisogna avere un disegno strategico complessivo» ha detto strutture Messina. Infine il tema delle riforme istituzionali, sul territorio che consistono «nell’intervenire sulle ma più efficienti» leggi che non consentono lo sviluppo», ha spiegato il commissario regionale di Idv. Ad esempio è stato proposto di sistemare il meccanismo degli appalti e di migliorare

il dispositivo per l’allontanamento dei mafiosi o dei collusi agli appalti pubblici. «Si sta discutendo anche a livello nazionale - ha detto Messina che la richiesta del certificato antimafia alle imprese è stato un fallimento. Noi vogliamo trovare soluzioni per superare questo sistema. Ad esempio si potrebbe chiedere alle società la compagine sociale, per sapere chi effettivamente vi sta dietro, oppure aprire conti correnti in cui far transitare gli appalti in modo tale che l’azienda possa dimostrare dove prende i soldi, come li spende e quanto rimane». Nelle prossime settimane sarà attivato un sito internet che raccoglierà le proposte dei cittadini e della società civile su queste sei macroaree. «Sono dei contenitori - ha concluso Messina- da riempire di contenuti». A coordinare il patto etico in Calabria sarà Enzo Tromba, gionalista ed esperto di comunicazione sociale. Giuseppe Giordano, insiste sull’esigenza di avanzare delle proposte, per la risoluzione dei drammi della Regione nel tentativo di scrivere una pagina di cambiamento reale, chiedendo aiuto a tutti i Calabresi per formularle ed usare i rappresentanti istutuzionali di Italia dei Valori per farle attuare. Emilio De Masi definisce il patto etico come una via d’uscita dal’autoreferenzialità all’interno della quale si consuma la crisi sociale e Mimmo Talarico invoca l’unione della cultura specialistica con la passione civile per ripristinare la crescita sociale e il senso civico della Calabria danneggiato da politici, politicanti, e varie scorribande. Da qui, dunque, le grandi sei macroaree tematiche in cui gli esponenti della societa civile possono discutere e fare proposte operative che diventeranno proposte legislative. Una base di partenza per un nuovo modo di fare politica al servizio dei cittadini e con una piattaforma programmaticadi vera alternativa.

De Rose: il Sud finanzia il Nord! COSENZA - «Ha poca importanza se si tratta di 30 o di 10 miliardi di euro, o se valutazioni più o meno pesanti provengano da destra o da sinistra, quel che è certo è che il tanto vituperato Sud sta finanziando, con risorse destinate al suo svi-

luppo, le emergenze di tutto il Paese». E’ chiara e netta la posizione del Presidente degli Industriali calabresi, Umberto De Rose, circa l’utilizzo e la destinazione dei Fondi Fas soprattutto in relazione alla costante quanto continua erosione delle risorse

finanziarie ad essi destinati. «Non solo però - continua - si assiste al continuo e diverso utilizzo di queste risorse, quanto ci tocca anche leggere e sentire dichiarazioni come quelle del Presidente della Regione Veneto Zaia, secondo il quale non è possibile alcuna solidarietà "nordista" nei confronti di chi come il Sud si è affidato al crimine organizzato. Ma come se è proprio con la gran parte delle risorse destinate allo sviluppo del "cattivo" Sud che "tutto" il Paese sta facendo fronte alla crisi ed alle continue emergenze! Forse sarebbe davvero tempo di uscire da luoghi comuni che si sono consolidati nel tempo e cominciare a guardare, con approccio diverso, a questa grande area non più come un problema bensì come un’op-

portunità di sviluppo dell’intero Paese, pur senza nascondersi dietro ai problemi che il Mezzogiorno vive e sui quali sono innanzitutto gli stessi meridionali i protagonisti della loro risoluzione. Per questo - ha concluso De Rose - spero davvero che il lavoro che il nuovo Governo regionale sta portando avanti, soprattutto in Conferenza Stato - Regioni, produca quella necessaria, forte ed irrinviabile iniziativa finalizzata a salvaguardare lo sviluppo del Mezzogiorno e quindi della Calabria. E’ un auspicio che sta a cuore non solo alle imprese ma a tutti coloro che credono nello sviluppo integrato e sinergico del Mezzogiorno ed all’interno di esso della Calabria». Chiaro e deciso, comunque, il messaggio del leader calabrese degli industriali su una tematica di così stringente attualità: «Ha

poca importanza se si tratta di 30 o di 10 miliardi di euro, o se valutazioni più o meno pesanti provengano da destra o da sinistra, quel che è certo è che il tanto vituperato Sud sta finanziando, con risorse destinate al suo sviluppo, le emergenze di tutto il Paese»


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO Protocollo d’intesa per la prevenzione di infiltrazioni criminali alla ex Pertusola

Nitto Palma: denunciare il crimine per favorire una azione di sviluppo CROTONE - «Denunciare il crimine significa favorire lo sviluppo». Lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Nitto Palma, a Crotone per la sottoscrizione di un protocollo d’intesa per la prevenzione di infiltrazioni criminali nell’esecuzione dei lavori di bonifica e messa in sicurezza dell’area dello stabilimento ex Pertusola. L’intesa si propone di prevenire e contrastare tentativi di infiltrazione mafiosa nei lavori di bonifica programmati, per circa 500 milioni di euro nel sito di interesse nazionale di Crotone, Cassano e Cerchiara. Il tutto alla vigilia della firma del contratto del primo lotto dei lavori appaltato ad un’impresa del nord. Il protocollo punta a garantire legalità e trasparenza ma anche sicurezza sui luoghi di lavoro, tra la società del gruppo Eni proprietaria dei siti e responsabile della bonifica, Syndial spa, rappresentata dall’amministratore delegato Sergio Polito, la Prefettura di Crotone, rappresentata dal prefetto Vincenzo Panico, le parti sociali e le istituzioni locali. Attaverso il protocollo sia le ditte che si aggiudicheranno gli appalti sia quelle che otterranno dei lavori in subappalto saranno sottoposte alla certificazione antimafia. Palma, nel suo intervento, ha sottolineato che «è fondamentale anche la denuncia delle imprese dei tentativi di estorsione subite» ricordando come «in quanto a trasparenza e legalità la provincia di Crotone possa vantare il primato della nascita della prima stazione unica appaltante (Sua) in Calabria, con criteri più rigorosi di Sua di altre

province». «Mi auguro che il protocollo ha aggiunto Palma - sia allargato anche all’Ance, a Confindustria e alle organizzazioni dei lavoratori». Il protocollo è stato sottoscritto dal vicepresidente della Giunta regionale calabrese Antonella Stasi (che è anche presidente provinciale di Confindustria Crotone), dal presidente della Provincia di Crotone Stanislao Zurlo ed il sindaco di Crotone Peppino Vallone. «Il complesso dei lavori da effettuare - è scritto in una nota della prefettura - da lungo tempo attesi dall’opinione pubblica per il ripristino di una grave si-

L’intesa si propone di prevenire e contrastare tentativi di infiltrazione mafiosa nei lavori di bonifica in fase di avvio

tuazione ambientale, è tale da fare ritenere probabile un interesse dei gruppi criminali infiltratisi negli appalti relativi onde fruire di illeciti arricchimenti». «L’intento primario dell’atto pattizio - prosegue la nota - è quello di subordinare e condizionare la conclusione di tutti i contratti e sub-contratti che verranno stipulati per le attività di bonifica alle risultanze di accertamenti analoghi alle informazioni antimafia emesse ai sensi del Dpr 252/1992». L’intesa prevede che la società che si occupa della bonifica «si impegna a installare e mantenere una banca dati sulle imprese aggiudicatarie». Inoltre, si stabilisce che sarà verificato il rispetto delle norme di tutela del lavoro e si opererà per consentire la tracciabilità dei flussi finanziari. Dunque, il protocollo punta a garantire legalità e trasparenza ma anche sicurezza sui luoghi di lavoro.

Francesco Pungitore

L’intesa prevede che la società che si occupa della bonifica «si impegna a installare e mantenere una banca dati sulle imprese aggiudicatarie»

Il Comune di Mendicino e il Confidi Fedimpresa insieme per dare credito alle imprese

COSENZA - Il Comune di Mendicino ed il Confidi Federimpresa insieme per dare credito alle imprese. Si terrà domani, mercoledì 12 maggio, alle ore 18 presso la sala consiliare (ex Filanda) del Comune di Mendicinounconvegno/dibattitointitolato "Comune e Confidi: diamo credito alle imprese". L’iniziativa è frutto di un Protocollo d’intesa tra l’AmministrazioneComunaleguidata da Ugo Piscitelli e l’organismo di garanzia collettiva di Confartigianato Cosenza. La convenzione, siglata dall’Assessore alle Attività Produttive e Politiche del Credito Francesco Gervasi e dal presidente del Confidi Aldo Stancati, prevede la costituzione di un fondo di garanzia finalizzato a favorire l’accesso al credito al-

le aziende artigiane ed alle piccole e medie imprese aventi sede nel territorio di Mendicino. Il Comune ha previsto un’ulteriore agevolazione sotto forma di un contributo in conto abbattimento interessi pari a 1,5 punti percentuali sul tasso convenzionato pagato a fronte di finanziamenti finalizzati all’aumento del grado di competitività. Sono ammessi all’agevolazione prevista dal Protocollo d’intesa tutti gli investimenti in attrezzature e macchinari, ristrutturazione e riammodernamento locali, innovazione tecnologica ed ogni altro intervento utile a rendere competitiva l’azienda. Oltre al sindaco Piscitelli ed all’Assessore Gervasi parteciperanno

Regione, quattro nuovi dirigenti indicati dalla giunta La Giunta regionale si è riunita, presieduta dal Presidente Giuseppe Scopelliti, per discutere su una serie di provvedimenti di carattere amministrativo. Tra gli altri provvedimenti adottati, su proposta dell’assessore al Personale Domenico Tallini, l’Esecutivo ha nominato quattro nuovi dirigenti generali: Fabio Filocamo al Dipartimento della Programmazione nazionale e comunitaria, Pietro Manna al Bilancio, Umberto Nucara al Personale e Raffaele Rio al Turismo. «Prosegue così - ha commentato il Presidente Scopelliti - l’opera di rinnovamento e cambiamento avviato da questa Giunta, legata all’inserimento di figure professionali esterne di grande qualità e di giovani, considerato che i nuovi quattro Dirigenti nominati hanno un’età che non supera i quarant’anni. Il nostro impegno è quello di continuare in questa direzione». «Gli uffici della Regione di Roma e Bruxelles sono molto importanti ma devono concorrere al raggiungimento degli obiettivi che ci siamo posti». Lo ha detto il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, incontrando i giornalisti per presentare il nuovo assessore Fabrizio Capua. «Le strutture, per molti aspetti - ha aggiunto Scopelliti - hanno bisogno di una ridefinizione e di un riassetto. Ci saranno dei cambiamenti a breve. Per quanto riguarda Bruxelles andrò al Ministero del Lavoro per verificare la possibilità di poter contare sull’apporto, come responsabile, di Serena Angioli». «Sono stato nell’ufficio di Roma - ha aggiunto Scopelliti - e sono necessari cambiamenti. La stessa cosa a Bruxelles».

all’incontro il Presidente di Confartigianato Cosenza Nicola Baldo, il Presidente di Confidi Federimpresa Aldo Stancati ed il Vice Presidente della Provincia Domenico Bevacqua.


8

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

PRIMO PIANO

di Sofia Ricciardi CATANZARO – È Cosenza la città capoluogo di provincia che, in Calabria, nel 2008, ha registrato la media più alta, 53,7 euro pro-capite, per multe al codice della strada, a fronte della media nazionale che vede un dato pro-capite pari a 61,70. A rivelarlo è il Sole 24 Ore che ha elaborato i dati di Aida Pa, la banca dati per i bilanci della pubblica amministrazione locale, e di Bureau Van Dijk sulla base dei consuntivi 2008 resi disponibili dal ministerio dell’Interno. Nel dettaglio, la somma accertata dal comune di Cosenza relativamente alle multe è pari complessivamente a 3,74 milioni di euro,

Dopo anni di incrementi, nel 2008 i comuni hanno registrato una diminuzione degli introiti alla voce "entrate per multe". La flessione si concentra nelle province, mentre gli importi sono rimasti stabili nei comuni capoluogo

1,48

miliardi. A tanto ammontano le multe accertate nel 2008 registrando una flessione del 9,5% rispetto al 2007

Valgono 8,8 milioni di euro le multe accertate in Calabria Cosenza, con 53,7 euro, è al 21° posto per accertamenti pro-capite. Ultima Crotone riscossi solo per il 26,3% (qui il riferimento è alle multe accertate e pagate nel corso dello stesso anno), che, con il confronto con il 2007, fa segnare una differenza in positivo del 69,3%. A seguire nella speciale classifica troviamo Catanzaro, (all’80° posto su 107) con 1,5 milioni di euro di accertato e 16,1 euro pro-capite. Il riscosso, nel capoluogo, è del 36,1 con una differenza rispetto all’anno precedente di -11,9%. A Reggio sono state accertate multe per 2,71 milioni con una ricaduta pro-capite di 14,6 euro. Il riscosso è del 48% con un -50,7% rispetto al 2007. A Vibo e Crotone cifre accertate rispettivamente di 360 mila (10 ,7 euro pro-capite) e 490 mila euro (8 euro). A Vibo è stato riscosso il 39,4% (con un +20 rispetto al 2007) mentre a Crotone ha introitato l’82,4% con un -17,5% sull’anno precedente. A livello nazionale, il 2008 è stato l’anno della flessione. Erano anni che le entrate locali provenienti dalle multe non diminuivano: la progressione dal 2001 al 2007 era stata notevole poiché, mentre nove anni fà nelle casse comunali entravano 816.800 euro, con un accertamento medio per ogni automobilista pari a 22,7 euro, nel 2007 gli accertamenti totali ammontavano a 1.643.000 euro e quelli pro-capite a 42,6 euro. Nel 2008, invece, la riduzione è stata del 9,8% poiché le somme messe a bilancio alla voce "entrate per multe" hanno sfiorato com-

plessivamente il miliardo e mezzo di euro, contro quasi il miliardo e 650mila euro dell’anno prima. La cifra accertata rappresenta circa il 13% di tutte le entrate non fiscali dei comuni e la diminuzione registrata è anche, almeno in parte, conseguenza delle polemiche e dai ricorsi presentati in tutta Italia contro quei municipi che in

Firenze, Brescia e Milano occupano i primi tre gradini nella classifica dei proventi maggiori in rapporto alla popolazione. A parte Cosenza, le altre province calabresi si collocano tutte dopo l’80ma posizione. Emerge dall’elaborazione dei dati diffusi dall’Interno modo fraudolento estorcevano multe ai cittadini. Non sono pochi i casi di autovelox "truccati" resi noti dalla stampa. Il Mezzogiorno registra solo un balzo in alzo, quello di Catania al sesto posto con 95,4 euro accertati pro-capite. Sono 58 le città che hanno visto aumentare le entrate provenienti dalla polizia municipale, mentre le flessioni hanno interes-

38,4

euro. È l’accertamento medio per ogni automobilista contro i 42,6 euro del 2007

sato 48 città, soprattutto quelle province che neglui anni passati avevano messo a segno incassi da record. Diversa la situazione nei capoluoghi, dove le somme accertate si mantengono stabili. Tra i comuni con maggiori introiti pro-capite si segnala Cannero Riviera (Vibo Valentia), che si colloca al 20° posto, con un accertamento di 354 euro pro-capite.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO

Il Domani intervista in esclusiva il direttore regionale Inps e coordinatore dell’Istituto per il superamento delle criticità nel meridione, Pietro Corasaniti

I vouchers: una svolta sociale ed economica di Mario Mirabello CATANZARO - A margine del seminario svoltosi nei giorni scorsi a Catanzaro, promosso in piena sinergia dai direttori regionali dell’Inail e Inps, avente per oggetto: "I vouchers per il lavoro occasionale ed accessorio", abbiamo chiesto ragguagli più specifici al Direttore Regionale Inps per la Calabria, nonché coordinatore dell’Istituto per il superamento delle criticità nel meridione, dr. Pietro Corasaniti. Direttore, innanzitutto cosa sono i Vouchers? «Non sono altro che dei buoni lavoro della riforma Biagi. In buona sostanza, sono strumenti di pagamento, cartacei, alla stregua di assegni circolari, o telematici, alla stregua di movimenti finanziari fatti tramite bancomat o carta di credito, at-

«Il lavoro occasionale e accessorio è una forma di lavoro diffusa nel meridione. Un privato si rivolge ad un altro affinché esegua un lavoro limitato nel tempo. Situazione non riconducibili a contratti di lavoro» traverso i quali un committente può pagare un prestatore d’opera». In che consiste il lavoro occasionale ed accessorio? «È una forma di lavoro molto diffusa in Calabria e nel meridione. Un privato si rivolge ad un altro affinché esegua, su sua commissione, un lavoro limitato nel tempo. Si tratta di situazioni che non sono riconducibili a contratti di lavoro, in quanto svolte in modo saltuario». Qualche esempio? «Quello classico, che è anche quello dove fu sperimentato per la prima volta, è la vendemmia: un proprietario di un vigneto recluta occasionalmente prestatori d’opera per la raccolta dell’uva, ma anche la potatura di alberi da frutto è un lavoro occasionale, la verniciatura d’una tromba di scale in un condominio, la pulizia occasionale di un locale e molti altri ancora, insomma, tutti quei rapporti di lavoro caratterizzati da estemporaneità e

brevità d’esecuzione». In effetti, in Calabria si preferisce chiamare l’imbianchino o il potatore, piuttosto che rivolgersi ad aziende specializzate nel settore. Una prassi, questa, molto diffusa. «Ciò è dovuto in massima parte al fatto che la Calabria ha una economia depressa, con un tessuto estremamente parcellizzato delle unità produttive. È rara la grande impresa poiché, purtroppo, non siamo un territorio che attrae molti investimenti o grossi volumi d’affari, né tantomeno abbiamo fatto molto per esserlo. Inutile ripercorrere le cause dell’arretratezza che affligge la nostra macroeconomia e la recente crisi economica mondiale può solo peggiorarne lo stato di salute se non si trovano immediatamente e dall’interno opportunità di rilancio e, soprattutto, di moralizzazione del sistema». I Vouchers potrebbero essere un’opportunità di rilancio e moralizzazione? «Certamente, anche se non da soli. Senz’altro farebbero emergere tutta una schiera di rapporti di lavoro che, a tutt’oggi, rientrano nell’economia sommersa. A titolo d’esempio, si prenda il caso di un potatore di alberi da frutto, figura tipica, spesso non regolarizzata, dell’economia rurale, che chiamato a prestare la sua opera dal proprietario di un piccolo fondo, sia retribuito in contanti. Il lavoro c’è stato ed ha prodotto ricchezza - la potatura, se ben fatta, incrementa la produzione della coltivazione; ciò, però, si è tradotto in un banale passaggio di mano di contante, che non contribuisce in nessun modo alla crescita del sistema economico. Ho fatto l’esempio di un potatore, ma la vendemmia, la raccolta delle olive, delle arance o dei pomodori, hanno caratteristiche analoghe. Fatte le debite somme, il tutto si traduce in un giro economico che alimenta solo la spirale dei consumi, senza creare valore sociale». Cosa intende per valore sociale? «Garantire giusta retribuzione al lavoratore e giusta contribuzione al sistema socio-economico. Quando in un rapporto di lavoro il contante passa banalmente di mano dal committente al prestatore d’opera si perde traccia sia dell’aspetto retributivo - il prezzo della prestazione d’opera è deciso dal mercato sommerso sia dell’aspetto contributivo - mancate prestazioniprevidenzialiperillavoratore occasionale - sia in trasparenza e legalità

del mercato del lavoro - bene che vada, risulta aleatoria o non determinabile la misura del volume d’affari complessivo, conseguentemente,divieneestremamen-

«Ciò è dovuto al fatto che la Calabria ha una economia depressa, con un tessuto produttivo parcellizzato. È rara la grande impresa poiché non siamo un territorio che attrae grossi volumi d’affari» te difficile indirizzare e misurare gli effetti delle politiche pubbliche. In buona sostanza, la contribuzione affluente dai buoni lavoro, non solo consente la copertura contributiva Inps ed Inail al prestatore d’opera, ma incrementa le entrate statali, contribuendo attivamente sulla possibile riduzione della pressione fiscale. In un’ottica di federalismo fiscale, l’incremento del numero di contribuenti derivante dall’emersione generalizzata del lavoro occasionale nel meridione, specialmente in agricoltura, può fare senz’altro la differenza tra una economia squisitamente assistita e una economia attivachecontribuisceconcretamentealla crescita del paese, gettando le basi per creare occasioni di sviluppo». Il lavoro occasionale in agricoltura è collegato ai recenti fatti di Rossano e Rosarno. «Certamente e purtroppo nel modo peggiore. Nella stragrande maggioranza dei casi è stato constatato l’utilizzo di avventizi reclutati per la raccolta di frutto pendente, spesso extracomunitari o neocomunitari immigrati qui con la prospettiva di un futuro migliore. I Vouchers per il lavoro occasionale potrebbero essere un’ottima rampa di lancio, nel meridione, per moralizzare la raccolta di frutto pendente e l’utilizzo di manodopera regolare extracomunitaria o neocomunitaria. In Calabria c’è un forte bisogno di legalità e la diffusione ben gestita di tale strumento sarebbe un buon inizio». Come pensate di diffondere l’utilizzo dei "Vouchers per il lavoro occasionale ed accessorio"? «Abbiamo attivato una forte sinergia Inps-Inail a livello regionale, sia sul fronte della divulgazione, sia su quello della

vigilanza integrata. Sul versante della divulgazione sono previsti altri convegni e ulteriori strumenti di comunicazione; su quello della vigilanza si stà fortemente lavorando sulle potenzialità di intelligence condivisa tra tutti gli enti preposti, inclusi Magistratura, Prefetture e Forze dell’ordine. L’obiettivo ultimo è quello di realizzare una rete di competenze a presidio attivo e permanente della legalità». Come si utilizzano allora i Vouchers? «Una volta richiesti dal committente, vengono da questo utilizzati come retribuzione per il prestatore e quest’ultimo, recandosi con un valido documento di riconoscimento presso il più vicino ufficio postale, può riscuoterlo in contanti. All’atto del risconto viene trattenuta la quota di contributi Inps ed Inail che andrà ad alimentare la posizione contributiva del prestatore. Tutto qui. Indubbiamente, molti sono i rapporti di lavoro per i quali è previsto l’utilizzo dei buoni

«I Vouchers potrebbero essere un’opportunità di rilancio e moralizzazione. Senz’altro farebbero emergere tutta una schiera di rapporti di lavoro che, a tutt’oggi, rientrano nell’economia sommersa» lavoro e, a mio avviso, il loro utilizzo, unito ad una azione di vigilanza mirata sul mercato del lavoro, non potrà avere che effetti benefici sulla Calabria ed il meridione. Il tutto, però, passa attraverso una forte presa di responsabilità da parte di tutta la PA meridionale: le risorse sono sempre più esigue e il consumismo ad ogni costo mostra, ormai, evidenti segni di declino. Occorre disciplinare, rendendole socialmente produttive, forme di lavoro che, pur essendo sempre esistite, non hanno sinora arrecato alcun vantaggio al sistema. Ciò non solo per allargare banalmente la base imponibile, ma per incamerare e valorizzare energie produttive per poter essere competitivi. Se al Nordest tira la piccola impresa, al Sud potrebbe essere trainante la piccola agricoltura, se riesce a produrre prodotti di qualità a costi contenuti e i Vouchers per il lavoro occasionale ed accessorio hanno, in effetti, un basso costo di gestione».


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 11

IMPRESE E LAVORO

Il tavolo dei lavori durante l'esecuzione dell'Inno d'Italia ad opera del Quartetto di sassofono del Conservatorio di Cosenza

Unioncamere Calabria ha illustrato il quadro preoccupante mettendo in luce le criticità del sistema calabrese

Giornata dell’economia regionale di Oriana Tavano LAMEZIA TERME - Nell’ambito della VIII Giornata nazionale dell’economia, Unioncamere Calabria ha inteso promuovere un proficuo incontro, svoltosi ieri mattina nella sede camerale di Lamezia Terme, tra istituzioni locali, rappresentanti del mondo accademico, esperti e imprenditori, allo scopo di illustrare i dati emersi dall’indagine condotta dall’Ufficio di studio dell’Osservatorio economico regionale di Unioncamere. L’iniziativa, denominata Giornata dell’economia regionale, ha offerto interessanti spunti di analisi sulla situazione economica in cui versa la nostra regione, non mancando di rilevare le forti criticità che attanagliano il nostro sistema e che troppo spesso finiscono per soffocare og-

«In Calabria - ha affermato la dott.ssa Romeo il problema principale non riguarda la natalità aziendale, bensì la precoce mortalità imprenditoriale» ni ambizione o prospettiva di sviluppo regionale. Sulle note dell’Inno d’Italia, eseguito egregiamente dal Quartetto di sassofono del Conservatorio di musica “S. Giacomantonio di Cosenza, si è aperto l’incontro a cui hanno preso parte, tra gli altri, il vicepresidente della Giunta regionale, Antonella Stasi, il presidente di Unioncamere Calabria, Fortunato Roberto Salerno e il presidente della Camera di commercio di Catanzaro, Paolo Abramo. Dati niente affatto rassicuranti quelli illustrati nel corso della relazione esposta dalla dott.ssa Donatella Romeo, segretario generale di Unioncamere Calabria. Un quadro preoccupante che bolla ancora una volta la Calabria come fanalino di coda, insieme a Campania e Sicilia, del sistema economico nazionale e che allontana sempre di più l’orizzonte dell’internazionalizzazione delle imprese calabresi. Gli indicatori presentati non possono far altro che al-

-0,6%

È il trend di sviluppo negativo calcolato sulla base del tasso di natalità delle imprese e del flusso di cessazioni

larmare, in quanto investono settori chiave del sistema economico regionale: occupazione, produzione, consumi e investimenti, tutti in netto calo rispetto alla media nazionale. Il bollettino si fa ancor più tragico se si considera il quadro imprenditoriale calabrese, che consta di quasi 180 mila imprese registrate al 31 dicembre del 2009: «In Calabria - ha affermato la dott.ssa Romeo - il problema principale non riguarda la natalità aziendale, bensì la precoce mortalità imprenditoriale, nel senso che le imprese, non supportate da adeguati incentivi e misure di accompagnamento, non riescono da sole a superare la delicata fase di start up». Nello specifico, il tasso di natalità si attesta intorno al 4,8%, ma pur diminuendo il flusso delle cessazioni, che risulta essere pari al 5,4%, viene generato un saldo corrispondente a un trend di sviluppo negativo dello 0,6%. Trattandosi di piccole o piccolissime imprese meno di 10 addetti - le neonate realtà economiche sono costrette a subire la lievitazione dei costi di gestione, affacciandosi sui singoli segmenti del mercato senza prima aver compiuto un’attenta valutazione dei fattori di rischio. Altro aspetto venuto fuori dal rapporto di Unioncamere è l’esame della composizione del tessuto imprenditoriale, distribuito per il 70,5% all’interno dei settori tradizionali, quali agricoltura, commercio, costruzioni e manifatturiero, tuttavia ancora poco proteso verso i segmenti innovativi del mercato. Una ulteriore nota dolente che penalizza lo sprint imprenditoriale è rappresentato dalla bassa propensione all’investimento, in special modo da parte della pubblica amministrazione, e dall’eccessiva rigidità del sistema creditizio che reagisce bloccando ogni incentivo alle imprese in rosso. Infine, per quanto riguarda il fronte delle esportazioni, la nostra regione continua ad arrancare,

Il presidente della Camera di commercio di Catanzaro, Paolo Abramo

Il rapporto bolla ancora una volta la Calabria come fanalino di coda del sistema economico nazionale, allontanando l’orizzonte dell’internazionalizzazione

Gli indicatori presentati investono settori chiave: occupazione, produzione, consumi e investimenti, tutti in netto calo rispetto alla media nazionale

mentre se si considera il sistema delle importazioni emerge una forte contraddizione, generata dalla amara considerazione sulla tipologia di prodotti che arriva dall’estero: principalmente pesce e carne, due beni alimentari per i quali la produzione calabrese dovrebbe, in linea di principio, essere bastante a se stessa. Nonostante il posizionamento geografico altamente strategico che consentirebbe alla Calabria di proporsi come ponte tra l’Europa e i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, essendo collocata lungo uno dei principali assi strategici europei, il cosiddetto “Corridoio Meridiano”, la regione non si mostra ancora in grado di realizzare gli obiettivi dell’asse, quali la riqualificazione delle risorse, lo sviluppo delle accessibilità e delle economie e, infine, la promozione delle eccellenze. Interventi autorevoli di esponenti del mondo accademico calabrese, quello del preside della facoltà di Economia dell’Università

della Calabria di Cosenza, Franco Rubino, e ancora di Domenico Gattuso, della facoltà di Ingegneria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e, infine, di Annarita Trotta, della facoltà di Giurisprudenza dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, hanno messo in luce i due principali nodi che avvolgono in un giogo inestricabile le potenzialità di sviluppo regionale: la burocrazia e la morsa della criminalità organizzata. Due piaghe sempre aperte, a cui si aggiunge la pratica sempre più diffusa del clientelismo e della corruzione nelle amministrazioni pubbliche. L’unica strada percorribile, che è stato il filo conduttore di tutti gli interventi, è rintracciabile nel necessità di coordinamento delle azioni in direzione dello sviluppo. «Alla Calabria ha concluso la Stasi - le risorse non sono mai mancate. Ciò che manca è un coordinamento che le trasformi in effettivo volano di sviluppo»


12

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

IMPRESE E LAVORO Riaperte ieri le Terme Luigiane di Aquappesa e di Guardia Piemontese ACQUAPPESA - Nella giornata di ieri sono tornati in funzione tutti i servizi erogati dalle Terme Luigiane di Acquappesa e Guardia Piemontese per la stagione 2010. Di conseguenza sono entrati in funzione i due stabilimenti termali "Thermae Novae" ed il vecchio "San Francesco", ben restaurato, che offriranno alla clientela i vari tipi di prestazioni per la cura di malattie otorinoloringoia-

triche, delle vie respiratorie, ginecologiche, dermatologiche e reumatiche. Sarà anche funzionante il Centro di Fisiochinesiterapia e il Beauty Centre. Verrà pure aperto il Parco Termale "Acquaviva", con le sue tre piscine termali ad acqua fluente con idromassaggi e nuoto controcorrente, la palestra, i corsi di acquagym, le sedute di ginna-

stica rilassante, le turbo docce e le applicazioni di fango cutaneo che rendono morbida e vellutata la pelle. Ma dove è stato creato, a metà stagione dello scorso anno, un piccolo parco di intrattenimento per i bambini con giochi e piscina. Lucia e il residence, i Villini Belvedere. E’ il caso di ricordare che entreranno in funzione anche i servizi ricettivi erogati in 4 diversi alberghi.

L’iniziativa, promossa da Confagricoltura con il ministero delle Politiche agricole, era rivolta alle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado

“I prodotti tipici dell’agricoltura” Concluso il concorso Agriturist Si è concluso il concorso "I prodotti tipici dell’agricoltura e dell’alimentazione italiana: tutela e valorizzazione di qualità, origine, tradizione", organizzato da Agriturist (Confagricoltura) con il contributo del ministero delle Politiche agricole e forestali, e rivolto alle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado. La giuria, presieduta da Vittoria Brancaccio, presidente di Agriturist, ha eletto le scuole vincitrici delle quattro sezioni in cui era articolato il premio: - Sezione Scuola dell’Infanzia, istituto "Alba serena" di Torrette di Ancona; - Sezione Scuola Primaria, istituto "Marco Polo" di Bomporto (Modena); - Sezione Scuola Secondaria di Primo Grado, istituto "A. Maiuri" di Pompei (Napoli); - Sezione Scuola Secondaria di Secondo Grado, Istituto Tecnico Agrario G. Pavoncelli di Cerignola, in provincia di Foggia. La qualità degli elaborati in gara è stata complessivamente molto buona, come evidenzia l’assegnazione anche di sette menzioni di merito ad altrettanti contributi giudicati dalla Giuria particolarmente meritevoli: - Sezione "Grandi" della Scuola dell’infanzia"S.MartinoVescovo" di Cussignacco (Udine); - Classe 1a sezione B della Scuola Primaria "S. Antonino" di Barcellona (Messina); - Classi 5a sezioni A e B della Scuola Primaria di via F. Gioia - Direzione Didattica Statale "17 Circolo" di Cagliari; - Classe 3a sezione G della Scuola Secondaria di Primo Grado "Centro Storico" di Pordenone; - Istituto Tecnico Agrario "G. Cerabona" di Marconia di Pisticci (Matera); Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "V. Lilla" di Francavilla Fontana (Brindisi); - Classe 5a sezione A dell’ Istituto Tecnico Agrario "S. Nilo" di Rossano (Cosenza). "Siamo molto soddisfatti dell’esito del concorso - dichiara il presidente di Agriturist, Vittoria Brancaccio - soprattutto perché la maggior parte degli elaborati in gara ha tratto spunto da visite in

fattore didattiche. I ragazzi hanno così potuto conoscere dal vivo lo svolgimento delle attività agricole e le particolari lavorazioni che accompagnano la produzione delle straordinarie specialità a denominazione d’origine per le quali l’Italia è al primo posto in Europa". "L’esperienza diretta - prosegue il presidente di Agriturist - ha consentito un rilevante impiego delle tecnologie multimediali impegnando con successo docenti ed allievi nella realizzazione di presentazioni col computer di eccel-

lente qualità". "Molte delle aziende agricole visitate dalle scuole - conclude Vittoria Brancaccio - offrivano anche ospitalitàagrituristica,suscitando così nei ragazzi curiosità verso questa proposta di vacanza che avvicina alla cultura alimentare e allaconoscenzadell’ambientenaturale". E’ stata questa un’esperienza che ha lasciato entusiastii ragazzi che vi hanno partecipato. Molti di loro, infatti, non avevano mai assistito alla lavorazione di alcune specialità.

E’ venuto a mancare all’affetto dei suoi cari il Professor GAETANO CISTARO Sindaco di Guardia Piemontese Le esequie avranno luogo martedì 11 maggio alle ore 17.00 nella Chiesa di S. Maria Goretti, adiacente alla piazza Centrale, Guardia Piemontese Marina. In occasione del 1°Anniversario della morte del Signor ALFONSO ROMANO sarà celebrata una messa in suffragio martedì 11 maggio alle ore 17.45 nella Chiesa di S. Giuseppe rione Pianocasa a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte della Signora URIDIA GUERRA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 11 maggio alle ore 17.00 nella Basilica dell’Immacolata a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor ANTONIO GIGLIOTTI sarà celebrata una messa in suffra-

gio mercoledì 12 maggio alle ore 18.30 nella Chiesa di S. Giuseppe rione Pianocasa a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor LUIGI GRANDE sarà celebrata una messa in suffragio mercoledì 12 maggio alle ore 18.30 nella Chiesa di S. Croce rione Pontepiccolo a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora CARMELINA BAGNATO CARUSO sarà celebrata una messa in suffragio mercoledì 12 maggio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Maria Zarapoti.

Tale iniziativa ha avvicinato i giovani studenti al mondo agricolo, facendo loro comprendere quanto siano laboriose ma allo stesso tempo belle e soprattutto appaganti le attività connesse a tale sfera. I vincitori del concorso di Agriturist saranno premiati con un ricco assortimento di prodotti agroalimentari italiani riconosciuti dall’Unione Europea DOP e IGP.

Il presidente di Agriturist, Vittoria Brancaccio: «Siamo soddisfatti anche perché la maggior parte degli elaborati ha tratto spunto da visite in fattorie didattiche»

r. c.

In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora ANTONIA CRITELLI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 23 marzo alle ore 17.30 nella Chiesa di Santa Croce in rione Pontepiccolo a Catanzaro. In occasione del 25° Anniversario della morte dei coniugi NICOLA LUCISANO ed ELVIRA FREGOLA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 23 marzo alle ore 18.00nellaBasilicadell’Immacolata a Catanzaro.

La cultura del ricordo La Mediatag Spa è vicina a Mimmo Frontera affranto per la morte del caro PADRE La T&P Editori partecipa al dolore di Mimmo Frontera colpito negli affetti dalla morte dell’amato PADRE Manolibera si stringe all’amico Mimmo Frontera in questo momento di dolore per la morte del caro PADRE Guido e Sophie Talarico abbracciano commossi Mimmo Frontera affranto per la morte dell’amato PADRE Giuseppe e Maria Pia Gangale sono vicini all’amico Mimmo Frontera per la scomparsa del caro PADRE FrancoArcidiacosistringeall’amico MimmoFronteraduramentecolpito negli affetti per la morte del caro PADRE Maurizio D’Agostino esprime il propriocordoglioeabbracciaconsincero affetto il caro amico Mimmo Frontera, colpito negli affetti dalla morte del caro PADRE

Accettazione telefono

0961 996.802


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 13

IMPRESE E LAVORO REGGIO C. Rispettato l’articolo 35 del trattato istitutivo dell’Euratom

Laboratorio fisico Arpacal Ok dagli ispettori della Ue REGGIO CALABRIA - Il laboratorio fisico del dipartimento provinciale di Reggio Calabria dell’Arpacal (Agenzia regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria) ha superato con esito favorevole la visita degli ispettori della Commissione dell’Unione Europea per la verifica del rispetto dell’articolo 35 del trattato istitutivo dell’Euratom.In base al trattato comunitario, infatti, gli Stati aderenti devono garantire un monitoraggio in continuo della radioattività in aria, acqua e suolo e trasmettere periodicamente i dati raccolti alla Commissione Europea; in Italia, la gestione delle reti per acquisire tali dati è di competenza delle Regioni.Sulla base di tali impegni, gli Stati accettano che la Commissione Europea effettui visite ispettive periodiche sullo stato del monitoraggio della radioattività ambientale. Una prima ispezione venne condotta in Italia nel Maggio 2006, e, in base all’esito di quella verifica si stabilì In base al di effettuare una nuova ispezione, fissata per maggio 2010, per veritrattato ficare l’adempimento da parte comunitario delle Regioni del Sud alle prescrizioni comunitarie. La Regione gli Stati Calabria, quindi, ha scelto per l’ispezione il Laboratorio Fisico aderenti del Dipartimento provinciale Ardevono pacal di Reggio Calabria che, già una delibera di giunta garantire un con regionale del 1995, era stato indimonitoraggio viduato come Centro di Riferimento Regionale per il Monitodella radioat- raggio della Radioattività. L’attività degli Ispettori della Commistività in aria sione Europea in Italia Meridionale ha avuto inizio prima a e acqua Palermo, presso la sede della DirezioneGeneraledell’ARPASicilia. Per il Laboratorio Fisico del Dipartimento provinciale Arpacal di Reggio Calabria ha preso parte alla riunione la Dr.ssa Daniela Morelli. L’attività è proseguita con l’ispezione dei laboratori istituiti nelle Regioni per il controllo della radioattività. Così, nei giorni scorsi, ha fatto tappa anche in Calabria l’equipe di ispettori della Commissione Europea, composta dal Dr. Constant Gitzinger e dal Dr. Eberhardt Henrich. Gli ispettori europei hanno iniziato la loro visita verificando il sistema di monitoraggio del Particolato Atmosferico installato recentemente, insieme ad una stazione meteorologica, sul tetto dell’Edificio che ospita il Dipartimento provinciale Arpacal di Reggio Calabria; la visita è poi proseguita nei locali del labora-

VIBO VALENTIA - La Camera di Commercio di Vibo Valentia, in collaborazione con il suo Comitato Imprenditoria Femminile e con Retecamere, nell’ambito del progetto "Sportello per l’Imprenditoria Femminile" ha organizzato per giovedì 13 maggio, presso l’aula formazione dell’Ente camerale, dalle ore 9.00 alle 13.00, il seminario formativo su "Web Marketing - Scrittura, blog, statistiche e motori di ricerca per una presenza vincente sul world wide web". Il seminario, che è il primo di una serie di appuntamenti già in fase di programmazione, è un’importante occasione, soprattutto per le imprese, di approfondire la conoscenza sugli strumenti e sui linguaggi tecnologici a supporto di una offerta e di una promozione più mirata ed efficace.

Un'immagine di Reggio Calabria

torio fisico dove i tecnici Angelo Sartiano, Daniela Morelli e Santina Marguccio, hanno illustrato la strumentazione presente, rispondendo alle domante poste dagli Ispettori. L’ispezione ha interessato in modo particolare: Campionamento : è stata mostrata l’attività di campionamento del particolato atmosferico e la strumentazione per il campionamento della deposizione secco/umida che a breve verrà posizionata sul tetto dello stabile. Ricezione campioni: sono stati mostrati: il protocollo dei campioni sia in forma cartacea sia elettronica, le schede di catalogazione dei campioni, un esempio di fascicolo per un campione analizzato, completo di verbale di prelievo, scheda, report analisi e certificato finale. Analisi dati: sono state illustrate tutte le strumentazioni disponibili nel Laboratorio Fisico e per ognuna è stata illustrata la metodica sperimentale utilizzata. Calibrazione dei sistemi: sono state fornite indicazioni circa la periodicità delle calibrazioni. È stato, inoltre, ispezionato il locale adibito a deposito sorgenti e sono stati controllati i certificati di calibrazione delle sorgenti detenute nel laboratorio. Archiviazione dati: è stato chiesto di reperire un’analisi passata per verificare la rintracciabilità dei dati. Al termine della visita gli Ispettori della Commissione Europea hanno, quindi, espresso un giudizio favorevole sull’operatività del laboratorio, suggerendo di estendere alcune metodologie di misura con particolare riferimento alle analisi di tipo radiochimico, e consigliando di preventivare, su indicazione dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricercadell’Ambiente),unostageformativo per acquisire maggiori competenze in un settore che ancora in Italia è poco sviluppato.

“Web-marketing e scrittura”, seminario a Vibo

Un'immagine della città di Vibo Valentia

L’attività degli ispettori della Commissione Europea in Italia meridionale ha avuto inizio a Palermo

E’ stato infatti pensato in un’ottica operativa, dal taglio pratico e funzionale alle esigenze concrete di chi è sul mercato e vuole espandere il proprio business. Il programma prevede due sessioni. La prima è dedicata al Web Writing: la scrittura per il web dal sito al blog. Dall’apertura di una e-mail alla scelta dei risultati in un motore di ricerca, sono i testi che spesso determinano il successo di un’iniziativa via Internet. Le tematiche affrontate saranno quindi: -lo stile della scrittura; -lavorare sui motori di ricerca: metodi gratuiti e a pagamento; -come scrivere gli annunci AdWords di Google.Nella seconda parte Analisi delle statistiche: capire cosa cercano gli utenti, saranno fornite le nozioni per analizzare, appunto, i dati di traffico del proprio sito in modo da ottimizzarne gli aspetti positivi e/o correggere eventuali "errori". Si parlerà, infatti dell’ABC delle Web Analytics: terminologia di base e si presenterà una Breve rassegna dei tool più comuni. Al termine delle sessioni è previsto un question time per rispondere direttamente ai quesiti dei partecipanti.La partecipazione al seminario è gratuita. Per informazioni e adesioni il riferimento è l’Ufficio Promozione della Camera di Commercio di Vibo Valentia, responsabile dott.ssa Ornella Ortona (tel. 0963.294611- 294626).


14

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

IMPRESE E LAVORO I dati sono stati pubblicati alcuni giorni fa dal giornale “Il Sole 24 ore”

«Cosenza, città fra le più “spendaccione” d’Italia»

Ugl: «Irregolare rinnovo del Comitato etico» CATANZARO - La Segreteria aziendale comparto Ugl dell’Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro ha evidenziato al dimissionario direttore generale, Giuseppe Perri, delle irregolarità circa il recente rinnovo dei membri del Comitato Etico. Secondo Pasquale Santaguida, subentrato a Giampaolo Mungo cooptato nel Direttivo confederale della segreteria provinciale per seguire la vicenda della soppressione dell’Oncologia dell’Ospedale De Lellis-Ciaccio, "la composizione del comitato è in netto contrasto sia con il Decreto ministeriale che detta i requisiti minimi per l’istituzione, l’organizzazione e il funzionamento dei Comitati etici per le sperimentazioni cliniche dei medicinali, che con lo statuto dello stesso comitato".

Riceviamo e pubblichiamo una lettera di Tonino Russo, segretario generale Ust Cisl Cosenza: «La lettura dei dati pubblicati dal Sole 24 ore qualche giorno fa registra che in una ipotetica graduatoria tra i capoluoghi italiani, Cosenza occupa i primi posti fra quanti spendono di più per personale e per costi istituzionali. I dati forniti dal Ministero dell’Interno evidenziano l’undicesimo posto per la spesa del personale e crea una spesa pro capite annuale per i cittadini superiore a 470 euro, mentre la spesa per Giunta, Consiglio e Circoscrizioni colloca Cosenza al terzo posto fra i più spendaccioni d’Italia. Si tratta, con tutta evidenza, di un risultato estremamente negativo che può essere ulteriormente peggiorato se si prende in esame anche la spesa per "Servizi Sociali" notevole proporzionalmente ai cittadini a fronte di una modesta quota di servizi offerti. I dati Sarebbeutileapprofondireanche altri aspetti: quelli urbanistico, forniti dal dei trasporti e dei servizi, a coministero minciare dalla raccolta dei rifiuti, e quelli organizzativi, ma almeno dell’Interno per ora mi concentrerei sui nue pubblicati meri proposti dal quotidiano economico. Lungi da me l’idea di recentemen- aprire in questa sede processi mi limiterò ad alcune te, evidenzia- aziendali modeste osservazioni sullo stato delle cose. Cosenza ha quattro no l’11° circoscrizioni solo ed esclusivaposto per la mente perché il commissario prefettizio "autonomamente" decise spesa del di ridurre le sette circoscrizioni prima delle elezioni che hanno personale incoronato sindaco Salvatore Perugini. Molto probabilmente la politica non sarebbe mai riuscita a ridurle. Facciamo un pò di conti: le quattro circoscrizioni affrontano spese, per la sede (fitto locali, luce, telefono, riscaldamento, cancellerie) per gli stipendi dei dipendenti e le indennità dei consiglieri. Se sommiamo queste spese ci accorgiamo che mediamente ogni circoscrizione spende da due a tre volte più del denaro che gestisce. Verifichiamo poi cosa accade agli Amministratori Comunali che percepiscono gettoni di presenza e indennità piuttosto elevate e che probabilmente, proprio in virtù di quanto guadagnano non lascerebbero il loro "posto". Non ho usato casualmente la parola "posto" visto e considerato che le elezioni amministrative sembrano sempre di più un concorso pubbli-

co a " consigliere comunale".Prima della legge 81 e della elezione a sindaco di Mancini in quindici anni si sono succeduti ben 13 sindaci a dimostrazione di una certa litigiosità è vero ma soprattutto di una voglia di operare e di una certa dignità non pagata dal ruolo e non ripagata da uno stipendio. La città di Cosenza ha una dotazione organica tra personale del comparto e dirigenza che è al di sopra della media nazionale riferita alla popolazione amministrata. Inoltre, a questo vanno aggiunti le tante consulenze esterne, i tanti incarichi dirigenziali esterni e i tanti comandi accettati da altri Enti. Ancora da inserire in questo quadro le cooperative di tipo A e di tipo B. L’amministrazione comunale invece di pensare a ottimizzare le risorse umane disponibili e le professionalità che pure esistono pensa a deliberare ulteriori incarichi dirigenziali. Nello stesso tempo, però, riduce illegittimamente il fondo salario accessorio del personale dipendente del comparto di circa 450.000,00 euro. A Cosenza, nel mentre si pensa a razionalizzare, nello stesso momento si prepara a conquistare il primo posto tre gli Enti che spendono molto di più di quanto dovrebbero. Certo, come sindacalista ovviamente, sono e sarò sempre favorevole alla creazione di nuovi posti di lavoro, da creare in rapporto alle effettive necessità dei servizi e con adeguate professionalità, ciò al fine di porre un freno al precariato, cui si ricorre troppo spesso perpetuando l’incertezza e la provvisorietà del posto di lavoro. L’augurio è che si pensi di più al domani della città, alla dignità dei lavoratori e delle loro famiglie e, se questo dovesse costare qualcosa agli Amministratori, che lo si possa accettare con serenità e con reale spirito di servizio».

L'Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio

La spesa per Giunta, Consiglio e circoscrizioni colloca la città Bruzia al terzo posto

Nella comunicazione inviata a Perri, è scritto in una nota, "é stato anche chiesto di sospendere la prossima riunione del Comitato in quanto l’anomalia segnalata potrebbe riflettersi sui pareri rilasciati da quest’ultimo rendendoli illegittimi". "Il Comitato etico - prosegue la nota - afferisce alla Struttura Alpi Comitato etico diretta da Luigi Mancuso a cui la segreteria aziendale comparto Ugl riconosce alta professionalità e sottolinea la propria stima anche in considerazione degli incarichi egregiamente svolti negli anni, e soprattutto sotto la gestione del direttore generale pro-tempore, Vincenzo Ciconte". (Ansa)

Santaguida: «La composizione del comitato è in contrasto con il decreto che detta i requisiti per l’istituzione dei Comitati etici»

Una via della città di Cosenza


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 15

APPUNTAMENTI CON IL FISCO Speciale Dichiarazione 2010 per i redditi percepiti nel 2009 Chi ha l’obbligo di presentazione della Dichiarazione, scadenze e familiari a carico Si avvicina la scadenza per la presentazione della Dichiarazione dei redditi 2009 da redigersi su Modello unico 2010 redditi 2009. Hanno obbligo di presentazione : i lavoratori dipendenti che hanno cambiato datore di lavoro e sono in possesso di più certificazioni di lavoro dipendente o assimilati (Cud 2010 e/o Cud 2009), nel caso in cui l’imposta corrispondente al reddito complessivo superi di oltre euro 10,33 il totale delle ritenute subite; i lavoratori dipendenti che direttamente dall’Inps o da altri Enti hanno percepito indennità e somme a titolo di integrazione salariale o ad altro titolo, se erroneamente non sono state effettuate le ritenute o se non ricorrano le condizioni di esonero previste nel capitolo successivo; lavoratori dipendenti ai quali sono state riconosciute dal sostituto d’imposta deduzioni dal reddito e/o detrazioni d’imposta non

spettanti in tutto o in parte (anche se in possesso di un solo Cud 2010 o Cud 2009); i lavoratori dipendenti che hanno percepito retribuzioni e/o redditi da privati non obbligati per legge ad effettuare ritenute d’acconto (per esempio collaboratori familiari, autisti e altri addetti alla casa); chi ha conseguito redditi sui quali l’imposta si applica separatamente (ad esclusione di quelli che non devono essere indicati nella dichiarazione - come le indennità di fine rapporto ed equipollenti, gli emolumenti arretrati, le indennità per la cessazione dei rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche se percepiti in qualità di eredi - quando sono erogati da soggetti che hanno l’obbligo di effettuare le ritenute alla fonte); i lavoratori dipendenti e/o percettori di redditi a questi assimilati per i quali non vi siano state trattenute o non siano state trattenute nella misura dovuta le ad-

dizionali comunale e regionale all’Irpef. In tal caso l’obbligo sussiste solo se l’importo dovuto per ciascuna addizionale supera euro 10,33; chi ha conseguito plusvalenze e redditi di capitale da assoggettare ad imposta sostitutiva da indicare nei quadri RT e RM. Le scadenze relative al modello Unico sono invece le seguenti: 30 giugno 2010 per la presentazione cartacea; 16 giugno 2010 per il versamento delle imposte; 16 luglio 2010 per il versamento imposte con la maggiorazione dello 0,40%; 30 settembre 2010 per la presentazione telematica. Sono considerati fiscalmente a carico, se nel 2009 non hanno percepito redditi per un ammontare superiore a euro 2.840,51: il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; i figli, anche se naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati. Gaia Mutone

Novità Unico 2010: Bonus arredi

La documentazione da presentare Le detrazioni per coniuge e figli a carico spettano anche se questi non vivono con il contribuente e non risiedono in Italia. Anche se i figli sono oltre i limiti di età

Al fine della corretta compilazione del modello Unico è necessario presentare la seguente documentazione. Codice fiscale/tessera sanitaria del coniuge e dei familiari a carico . Le detrazioni per coniuge e figli spettano anche se questi non convivono con il contribuente e non risiedono in Italia. Quella per i figli compete anche se gli stessi hanno superato i limiti di età, se sono studenti o a tirocinio gratuito. Per poter fruire della detrazione per "altri familiari a carico" questi devono convivere con il contribuente o ricevere da lui assegni alimentari non risultanti da provvedimenti giudiziari. Per quanto riguarda i redditi da fabbricati e terreni : copia degli atti notarili di acquisto e/o vendite stipulati nell’anno 2009 o nei primi 6 mesi del 2010;dichiarazionedisuccessione,domande

di voltura per immobili ereditati; indicazione dell’abitazione principale con la precisazione di eventuali periodi di occupazione se inferiori all’anno; canoni di locazione percepiti distinti per singole unità immobiliari e copia contratto registrato anche se affittato a canone convenzionato; precisazione dei periodi in cui le stesse sono state a disposizione o sfitte;certificati catastali non ancora nella disponibilità dello studio. Per i redditi da lavoro dipendente e assimilati : modelli Cud, rilasciati da datori di lavoro e/o Enti; dichiarazioni sostitutive rilasciate dall’Inps e/o datori di lavoro privati; certificati di redditi da collaborazione coordinata e continuativa, contratti a progetto e certificazione redditi derivanti da associazione in partecipazione. Per i redditi diversi occorre presentare la documentazione relativa a: proventi occasionali di lavoro autonomo o di attività commerciale; proventi da lottizzazione di terreni o rivendita di immobili nel quinquennio dall’acquisto; proventi derivanti da indennità di esproprio o assimilati; indennità di avviamento percepite per cessazione di locazione commerciale; risarcimenti assicurativi per perdite di reddito; incassi da riscatto di assicurazioni sulla vita; redditi di capitale non assoggettati a ritenute a titolo d’imposta; eventuali altri redditi soggetti a tassazione separata; redditi derivanti dalla dconcessione in usufrutto e dalla sublocazione dei beni immobili, dall’affitto, locazione, noleggio o concessione in uso di veicoli, macchine e altri beni mobili; redditi di natura fondiaria non determinabili catastalmente, compresi quelli dei terreni dati in affitto per usi non agricoli; redditi di terreni o fabbricati all’estero.

Tra le novità di quest’anno in merito agli oneri detraibili, troviamo nella sezione E del modello 730/2010, dedicata agli oneri detraibili e deducibili, una sezione nella quale andranno indicati gli oneri per i quali è riconosciuta la detrazione Irpef del 20%. In particolare quelli relativi agli acquisto finalizzati all’arredo di immobili in ristrutturazione. Quattro sono le tipologie di spesa soggette all’agevolazione del 20%: sostituzione del vecchio frigorifero con uno nuovo a basso consumo; acquisto e installazione di motori ad elevata efficienza e di inverter; acquisto di variatori di velocità; acquisto di mobili, elettrodomestici, apparecchi televisivi, e computer. Nel rigo E37, colonna 4, indicare le spese sostenute dal 7 febbraio al 31 dicembre 2009 per l’acquisto di mobili, apparecchi televisivi, computer ed elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A +, finalizzato all’arredo di immobili ristrutturati. Per le ristrutturazioni edilizie su singole unità immobiliari residenziali deve trattarsi di lavori di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo. La detrazione, prevista su una spesa massima complessiva di 10.000 euro da suddividere tra gli aventi diritto (se viene sostenuta da più soggetti), verrà ripartita in cinque rate di pari importo dal soggetto che presta l’assistenza fiscale. Spesa massima prevista: 1.000 euro. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


16

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

ENTI LOCALI & PA

di Ettore Zonno Tiscali Business Services, la divisione di Tiscali che si occupa di offrire prodotti e servizi alle aziende e alla Pubblica amministrazione, ha annunciato il lancio di Open-Net, soluzione definita "chiavi in mano" di "municipal wireless". Si tratta di un sistema che porta con sé molte facilitazioni in materia di adempimenti burocratici legati al decreto Pisanu. Infatti, insieme al software di gestione Il sistema libera dell’infrastruttura, Open-Net fornisce l’accesso ad un la Pa dalla portale web comincombenza pletamentededicaalla registradella "burocrazia to zione e all’autentidigitale" e regala cazione degli utenti.Questasoluzione una banca dati libera pertanto la utile a chi utilizza PA dall’incombenza di una "burocradi frequente zia digitale" e fa del "captive portal", il sistema così si chiama lo strumento online che colleziona i dati degli utenti, una banca dati provvisoria molto utile nei casi di frequente utilizzo della rete da

Tiscali lancia Open Net, la rete wi-fi per la Pa

Regioni postmoderne: la Toscana lancia la sua "App" su iPhone

parte della stessa persona oltre che per le statistiche di accesso al servizio. Tiscali ha comunque pensato all’alternativa di uno sportello fisico, ma tale meccanismo rende la soluzione meno scalabile rispetto a quella online, che è invece personalizzabile e disponibile in diverse applicazioni, in base alle esigenze della PA. Indipendentemente dalla procedura di identificazione e registrazione, gli utenti potranno comunque

Dopo Jesolo, anche la Regione Toscana ha lanciato la sua "App", l’applicazione per iPhone, dedicata ai turisti. Oltre al vantaggio di sostituire dépliant turistici e cartine topografiche, l’applicazione "Tuscany+" avrà molti strumenti "live" che informeranno in tempo reale il turista sulle diverse attrattive della Regione. L’applicazione, commissionata dall’assessorato al Turismo, si basa sulla possibilità di geolocalizzare le foto fatte con il cellulare a livello della strada e di associare alle mappe contenuti come guide e informazioni. Una volta scari-

navigare e telefonare via internet gratis e senza limiti di tempo da tutti i punti di accesso della rete Open-Net. La creazione di aree wi-fi libere e gratuite può rappresentare una risorsa sociale molto importante per le amministrazioni. Una soluzione chiavi in mano come quella di Tiscali, inoltre, allontana le paure degli eccessivi costi di avviamento e incoraggia la diffusione degli hot spot a disposizione dei cittadini.

cata l’applicazione dall’App Store, basterà puntare la fotocamera dell’iPhone per entrare in modalità map e vedere comparire sullo schermo una serie di indicatori con tutto il materiale testuale interattivo sul monumento o sulla via inquadrata. Tuscany+ è la prima app sviluppata interamente in Italia (tradotta anche in inglese) in questo campo: è un progetto H-art, la interactive design agency partner di Fondazione sistema Toscana. Disponibile per ora solo per iPhone 3GS, presto verrà realizzato anche un software analogo per Android.

Comune di Roma, nuovi servizi per sfruttare la Pec di Ludovico Casaburi

Seat e Poste Italiane firmano un accordo strategico per offrire insieme servizi online Nel corso del "Transformaction Day" di Seat Pagine Gialle, l’azienda torinese ha annunciato gli intenti dell’accordo strategico con Poste Italianeperl’offertadeiservizi di Posta elettronica certificata e Comunicazione elettronica postale. «L’obiettivo è quello di accrescere le occasioni d’uso per i nostri portali grazie a nuovi servizi di comunicazione dedicati alle imprese, ai cittadini e alla Pubblica Amministrazione - ha detto Alberto Cappellini, ad di Seat - in futuro ci sarà spazio anche per il commercio elettronico, l’e-finance e i servizi bancari digitali per le imprese. Seat opera in uno scenario con grande potenziale di crescita

poiché solo un terzo delle imprese italiane è presente sul web con un proprio sito internet. I traguardi raggiunti da Seat nel 2009 sono paragonabili a quelli degli operatori specializzati del mercato. Si tratta di 85mila siti aziendali sviluppati, dei 128,5 milioni di accessi per Paginegialle.it, 164,4 milioni per Paginebianche.it e 30 milioni per Tuttocitta.it, dei 250mila download di applicazioni mobile avvenuti in soli 8 mesi solo nel mondo iPhone. I risultati evidenziano insomma l’accelerazione del business online tale da poter prevedere nel giro dei prossimi 2 anni un bilanciamento con quello tradizionale».

Entro un mese sarà possibile sfruttare la Pec per accedere a diversi servizi del Comune di Roma oltre a quelli già disponibili, come la richiesta di certificati anagrafici, sul sito del Campidoglio. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno cavalca l’onda generata dalla partenza della Pec offerta come sistema di comunicazione gratuita e certificata tra cittadino e Pubblica amministrazione. Alemanno ha infatti dichiarato di Per richiedere voler convertire un certificato si all’online, attraverso l’utilizzo dovrà scaricare il della Pec, molti modulo, compilarlo dei servizi che attualmente pree allegarlo all’e-mail vedono l’utilizzo di documenti certificata. cartacei e la conIl certificato arriverà segna agli sportelli. L’estensione sulla Pec dell’utente di validità della Pec anche per entro 24 ore l’iscrizione agli asili nido, per i servizi sociali e quelli che fanno capo all’avvocatura sono solo un esempio di ciò che il sindaco Alemanno ha dichiarato essere negli obiettivi a breve termine dei suoi uffici. I tempi di realizzazione delle infra-

strutture - ha detto nei giorni scorsi il primo cittadino - non andranno oltre la settimana poichè Uir e Telecom stanno lavorando per cablare tutta la città: in questo modo avremo l’hardware necessario per supportare le richieste e, nel giro di un mese, il servizio sarà a regime». Attualmente, sul portale istituzionale del Comune di Roma è già possibile utilizzare il servizio di certificazione anagrafica on-line attraverso una semplice registrazione al sito. Con l’introduzione della Pec non si farà altro che offrire un’altra possibilità per raggiungere l’amministrazione e per usufruire dei suoi servizi.

«I cittadini romani potranno inviare un’e-mail di posta elettronica certificata - informa l’assessore ai servizi tecnologici Enrico Cavallari - all’indirizzo anagraferoma@ postacertificata.gov.it. Per richiedere un certificato anagrafico al Comune il cittadino dovrà seguire questa procedura: scaricare dal portale del comune di Roma il modulo di richiesta; compilarlo indicando il certificato desiderato e allegare il modulo all’e-mail certificata. A quel punto, il personale dell’anagrafe si preoccuperà di inoltrare digitalmente alla Pec del cittadino il certificato richiesto entro 24 ore.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 17

DIRITTO & LAVORO

di Danilo Desiderato

Uno sguardo alle pensioni di alcune categorie lavorative

Secondo uno studio, pubblicato ieri su ItaliaOggi Sette, ai 60 mila giovani dottori commercialisti che si affacciano in questo periodo così poco felice alla professione, molto probabilmente Una pensione estrespetterà una pensione pari solo al 15 % mamente ridotta acdel loro ultimo reddito annuo. comuna le sorti del Situazione identica per i consulenti del ragioniere, del biolavoro, i periti agrari o i biologi. logo e dello psicologo. Le prospettive peggiori si prevedono Se il biologo (come lo perigiovanifarmapsicologo) si aspetta un trattamento di pen- Le prospettive cisti o gli infermieri, che potrebsione che non arriverà bero non arrivare peggiori si al 15% dell’ultimo redpercepire più del dito, per i geometri prevedono per 10 %. l’assegno pensionistiSi evidenzia da co oscillerà tra il 50 e il tutti i giovani questo studio co70% del loro ultimo me, al di là delle reddito.Per i ragionieri farmacisti e misurazioni statila performance miinfermieri stiche sulla sostenigliore è quella del probilità nel medio e fessionista che lavora lungo periodo delle a bassa crescita anvarie casse di previdenza che non posnuale dei profitti. Per i sono prevedere i dati più significativi, il giovani notai, la penproblema di fondo sarà lo scontro sione si manterrà generazionale. all’interno dell’interChi si appresta ad andare in pensione vallo tra il 100 e il 70% ora, ha la prospettiva di non pegdell’ultimo reddito. giorare più di tanto il proprio stile di vi-

Pensioni: il futuro per i giovani è preoccupante

ta; chi invece nei prossimi anni dovrà lavorare per pagargli una pensione dignitosa, pur essendo costretto a versare molti più contributi che in passato, avrà davanti a se, molto probabimente, un destino di miseria. La generazione dunque che si sta preparando per abbandonare il posto di lavoro e godersi la meritata pensione lascerà ai futuri lavoratori una situazione alquanto critica. I giovani purtroppo stanno subendo

questa situazione e non possono far nulla, ma quando si avvicineranno alle leve economiche e giuridiche, ci si chiede se saranno ancora disposti a sopportare tutto questo, accollandosi il debito e pagandolo senza proferir parola. Lo squilibrio è tale che se non si troveranno dei meccanismi di compensazione si rischia di innescare un conflitto intergenerazionale del quale è impossibile prevedere gli esiti.

Futuro plumbeo anche per medici e farmacisti Futuro plumbeo per farmcisti, medici, veterinari e periti agrari. Oltre l’età di accesso alla pensione a 65 anni, li attende una pensione molto ridotta: non olre il 35% dell’ultimo reddito. Tragica la situazione dei faramcisti, dopo 35 anni si prevede una pensione di 17mila euro a fronte di un ultimo reddito pari a 273mila euro, per un tasso di sostituzione all’incirca del 6%. I medici sorridono ma anche la loro situazione non è poi così buona, si prevede infatti una pensione di 29mila euro a fronte di 89mila euro, ultimo reddito.

Quote rosa in aumento nel mondo degli avvocati d’affari di Simone Saracino Sono determinate, tenaci e spesso hanno anche figli le donne che stanno imponendo la loro presenza nel mondo degli avvocati. Sono avvocatesse d’affari italiane che, giorno per giorno, si fanno largo negli studi legali. Fino a pochi anni fa sarebbe stato impensabile. Le qualità previste per tale mondo come il pugno di ferro, considerata una caratteristica prettamente maschile, Crescono le sono ormai anche appannaggio del posizioni di gentil sesso. vertice per La tendenza degli anni dimosle donne negli ultimi tra chiaramente la crescita nelle posistudi legali zioni di vertice per italiani le figure femminili all’interno degli studi legali. Nell’articolo pubblicato su AvvocatiOggi, le avvocatesse intervistate, confermano che il mondo degli avvocati d’affari è ancora principalmente al maschile e che risulta comunque davvero difficile incontrare donne ai tavoli delle operazioni veramente importanti, o perlomeno non come teamleader. È vero però, che qualcosa sta cambiando come risulta dalle parole delle inter-

vistate. Nell’ultimo decennio molte donne hanno conquistato ruoli di spicco anche in settori, storicamente maschili, del corporate e del finance. Molte a metà carriera hanno preferito spostarsi negli uffici legali delle società o scegliere specializzazioni meno pressanti come la proprietà intellettuale o il media entertainment. Lo sbarco della law firm in Italia ha contribuito a svecchiare questo modello e poco per volta le professioniste più valide e tenaci hanno cominciato a salire di ruolo anche nei settori del corporate e del finance. Queste professioniste si presentano come elementi pragmatici e professionali alle quali quindi non si potrà impedire l’accesso a closing prestigiosi. AvvocatiOggi ha preso in esame i maggiori studi legali in Italia e ha individuato 17 delle migliori avvocatesse d’affari presenti sul mercato. Tra le esperienze al femminile che nelle ultime settimane hanno scosso la vita degli studi si segnala la nomina di Laura Marangione a chief operating officer (coo), ovvero direttore operativo, manager posto alle dirette dipendenze dall’amministratore delegato, con responsabilità di coordinamento e ottimizzazione di tutte le attività operative e progettuali di una azienda per renderle più efficaci e funzionali ai fini del business, nella sede milanese dello studio legale internazionale Lin-

Il settore legale cresce grazie all’apporto delle donne ma il loro reddito resta ancora basso

klaters, una delle law firm più accreditate del mercato italiano. LauraMarangione,laureatainEconomia aziendale e commercialista, dal 12 aprile ha il compito di coordinare e sviluppare tutte le attività operative e progettuali delle sedi italiane dello studio. Nonostante la presenza delle donne negli studi legali sia ancora molto ridotta, oggi avere una famiglia con figli e tutti gli impegni che ne conseguono, non rappresenta più un ostacolo insormontabile. L’essere donna dunque non impedisce affatto di riscuotere successo nella professione, al contrario talvolta può costituire un vantaggio

La disparità di trattamento economico fra una professionista e un legale uomo è stata ben fotografata dalla Cassa di previdenza forense che ha rilevavato come una donna arriva a guadagnare almeno il 20% in meno di un collega. Esaminando le cifre del Modello 5 del 2009, infatti si evidenzia come il reddito Irpef degli avvocati "rosa" sia in media di 28.177 euro contro i 66.025 dei rappresentantimaschili.Un raffronto che diviene sconsolante se si considera che la categoria è cresciuta soprattutto grazie all’apporto femminile. Parcelle light per le donne del Foro, qualunque sia la loro età e anche nel caso di professioniste stimate. Se si considera poi l’ambito

degli incarichi che il cliente decide di affidare ad una donna, non si sfugge al luogo comune: più che adatta a occuparsi di affari, la si considera adeguata a trattare questioni che interessano la persona. Meglio il contenzioso di massa con particolare riferimento alle vicende familiari e condominiali, contrattuali e concernenti l’infortunistica. La diffidenza sulle capacità e la preparazione cresce nei settori tecnici, ossia nel diritto societario, tributario o della tutela contro la pubblica amministrazione. Un altro aspetto interessante della galassia dell’avvocatura femminile è la tendenza ad abbracciare la "colleganza allargata" dimostrandocosìumiltà e serietà nel lavoro.


18

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

SICUREZZA & AMBIENTE

di Giuseppe Tetto Ecco una bella iniziativa a tutela della sicurezza del lavoro che viene dalle Marche. È stata infatti potenziata la struttura voluta da Inail Regione Marche e Università degli Studi di Urbino per monitorare in modo permanente la legislazione in materia di sicurezza. Dal 2006 sono un milione e mezzo le consultazioni effettuate da ricercatori, studenti,pubbliche amministrazioni, A tale scopo, imprese e addetti prevenzione. Regione e Inail alla La nuova struttura dal nome Olymsi sono pus, finalizzata al impegnate a monitoraggio permanente della legistanziare slazione e della 20 e 10mila giurisprudenza in di sicurezeuro per ogni materia za sul lavoro, sarà così potenziata per annualità migliorarne la programmazione della sua attività e rendere più efficace il compito dei molteplici soggetti (Enti, parti sociali, ordini professionali, ma anche singoli operatori) destinatari dei suoi servizi. Un rafforzzamento questo

Sicurezza sul lavoro, Olympus sempre vigile

Sicurezza: campagna di promozione europea per la prevenzione degli infortuni

da un a tre anni voluto dalla la Giunta regionale che ha approvato l’integrazione dell’intesa sottoscritta il 21 luglio 2009 tra Regione, Direzione regionale per le Marche dell’Inail e Università degli Studi di Urbino.Uno dei vantaggi è che la firma dell’atto prevedela possibilità di adesioni da parte di soggetti istituzionali qualificati in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e di collaborazioni con altre istituzioni per realiz-

Per celebrare la Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro dello scorso 28 aprile, l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro ha lanciato la sua nuova campagna "Ambienti di lavoro sani e sicuri" per il 2010/11, volta a promuovere una manutenzione sicura in tutta Europa. Con il lancio della campagna presso la sede della Commissione europea a Bruxelles, Jukka Takala, direttore dell’EU-OSHA, insieme al Commissario Ue per l’Occupazione, gli affari sociali e le pari opportunità, László Andor, hanno delinea-

zare specifici progetti di ricerca e di approfondimento. A tale scopo, Regione e Inail si sono impegnate a stanziare rispettivamente 20mila e di 10mila euro per ciascuna annualità mentre la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Urbino garantisce la messa a disposizione di un gruppo di ricerca formato da giuristi e di nucleo di supporto costituito da personale tecnico o amministrativo.

to gli obiettivi della campagna e le regole di base per una manutenzione sicura, come contributo chiave affinché gli ambienti di lavoro siano sani e in sicurezza. In alcuni paesi europei il 20% di tutti gli infortuni sul lavoro sono legati alla manutenzione e in diversi settori lo sono più della metà. Si calcola che in Europa il 10-15% degli infortuni mortali sul lavoro possa essere attribuito a operazioni di manutenzione. In Italia, l’11-12% degli infortuni mortali è collegato alla manutenzione G.T

Ecco il sistema nazionale per la gestione dei pneumatici fuori uso di Giulio Crocitti

Rapporto Unioncamere 2009: la Green Economy indispensabile per superare la crisi La Green Economy è indispensabile per recuperare terreno nel post-crisieconomica.Soprattutto in un paese imprenditorialmente strutturato in piccole e medie imprese, le tecnologie green applicata al Made in Italy possono rappresentare il vero traino. Lo dice il Rapporto Unioncamere presentato oggi in occasione dell’ottava Giornata dell’Economia. I dati evidenziano la necessità di riconvertire in chiave eco-sostenibile i processi industriali tradizionali, come quelli legati al settore manifatturiero. In parte, il Belpaese ha già risposto positivamente a questa emergenza green, con il 30% delle Pmi che ha già intrapreso piani di investi-

mento in prodotti a basso impatto ambientale e alto risparmio energetico. Il trend continuerà nel 2010, soprattutto per le aziende che sono riuscite ad avere un bilancio positivo nel 2009 e quelle capaci di investire sulla diversificazione e sul miglioramento della qualità dei prodotti. Bene il Sud che, grazie al 38% delle aziende impegnate ad investire in tecnologieinnovative,risulta il territorio con maggiore interesse nelle tematiche green. A seguire si piazzano il Nord-Ovest (29,8%) e il Centro (29,6%), mentre il Nord-Est si ferma in ultima posizione (28,3%). G.C

Un protocollo d’intesa per assicurare una corretta gestione nazionale dei pneumatici fuori uso, in attesa del Decreto Ministeriale che darà il via ad un sistema nazionale integrato per la gestione dei Pneumatici Fuori Uso. Lo rende noto Ecopneus in seguito al secondo convegno nazionale di Assorigom a Perugia, dove i principali operatori del settore hanno firmato il protocollo d’Intesa dal titolo "La gestione Il decreto del dei pneumatici fuori uso: tutelare ministero l’ambiente e dare valore ad una risordell’Ambiente sa preziosa". «Nel darà vita ad un lungo cammino che porterà all’atsistema di tuazionediunsisteraccolta e ma nazionale di recupero dei pneurecupero del matici fuori uso, gli operatori del setto100% dei Pfu re hanno scelto di generati ogni confrontarsi e condividereimportanti anno in Italia obiettivi, gettando le basi per una filiera impostata all’efficienza, all’ottimizzazione dei processi ed alla valorizzazione delle migliori aziende esistenti», afferma

Ecopneus sottolineando che tale docu- gom, Assodem) si sono impegnati ad mento risulta importante attuare, ognuno per l’ampoichè i firmatari rappresen- Tra i principi bito di propria competentano una parte cospicua del za, un sistema improntato sistema che prenderà il via ispiratori al rispetto di alcuni princicon l’atteso decreto del mini- troviamo la lotta pi tra i quali lotta all’illegastero dell’Ambiente che darà lità, garanzia di una totale vita ad un sistema di raccolta all’illegalità e lo tracciabilità,attuazionedee recupero del 100% dei Pfu gli indirizzi comunitari e generati ogni anno in Italia". sviluppo sviluppo di un’industria I firmatari (Ecopneus, Fe- del riciclo nazionale del riciclo e del derpneus, FiseUnire, Assorirecupero di alta qualità.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 19

BANDI & AVVISI DI GARA

Affidamento Servizio di Vigilanza per l’A.O. di Cosenza Ente appaltante : Autorità Regionale Stazione Unica Appaltante Scadenza : presentazione delle offerte 23/06/2010 ore 12.00 Contatti : per informazioni: Dott.ssa Maria Marano. Tel. 0961/857299; Fax 0961/857297, E-mail m.marano@regcal.it Indirizzo e-mail protetto dal bots spam, deve abilitare Javascript per vederlo Oggetto, importo e durata dell’appalto : L’appalto ha per oggetto l’affidamento del Servizio di Vigilanza da attuarsi presso i Presidi Ospedalieri di Cosenza (Annunziata e Mariano Santo) e Rogliano (Santa Barbara), e presso gliuffici e servizi, anche amministrativi, della Sede Legale di Cosenza in via S. Martino, in conformitàalla vigente normativa in materia ed alle prescrizioni del presente capitolato. L’importo complessivo e presunto dell’appalto ammonta ad 8 milioni di eur, Iva esclusa. La durata è di 5 anni, a decorrere dalla data di stipula del contratto, e non è rinnovabile. L’aggiudicataria si impegna a proseguire nel servizio, senza alcuna maggiorazione dei prezzi, oltre la data della scadenza definitiva e sino all’espletamento della nuova procedura di gara. Sopralluogo : L’appaltatore da atto di essere a perfetta conoscenza dell’ubicazione, dell’estensione e della natura dei locali da vigilare e di essere edotto di ogni altra circostanza di luogo e di fatto inerente ai locali stessi. Conseguentemente nessuna obiezione potrà essere sollevata per qualsiasi difficoltà che dovesse insorgere nel corso dell’espletamento del servizio in relazione ad una pretesa ed eventuale o imperfetta acquisizione di ogni elemento relativo all’ubicazione, articolazione, specifica destinazione o altre caratteristiche in genere dei locali da sorvegliare. Caratteristiche generali del Servizio : Il servizio dovrà essere espletato in conformità alle disposizioni contenute nel bando e nel presente capitolato speciale d’appalto e nello schema di prescrizioni tecniche . 1)Luoghi dove dovrà essere espletato il servizio : In relazione a quanto richiesto circa i luoghi destinati all’esecuzione del servizio, l’Azienda Ospedaliera pone a disposizione dell’aggiudicataria i locali, i luoghi e le attrezzature nello stato in cui si trovano. L’operatore economico potrà apportare, in sede di presentazione dell’offerta, tutte quelle varianti (migliorative rispetto alle ipotesi progettuali minimali di base) ritenute necessarie od opportune, che saranno oggetto di valutazione da parte della Commissione di Gara. 2) Lavori: Eventuali lavori di installazione e messa a norma di impianti attrezzature ed altro, dovranno essere conformi alle norme antincendio, antinfortunistica ed alla normativa vigente in materia di lavori pubblici; dovranno essere eseguiti a regola d’arte e nel rispetto delle prescrizioni dell’Ufficio Tecnico dell’Azienda Ospedaliera, in modo che rispondano perfettamente a tutte le condizioni stabilite nel presente capitolato ed al progetto presentato Dall’aggiudicataria. Tutti gli eventuali lavori relativi alle installazioni delle apparecchiature, dovranno essere ultimate entro e non oltre 60 giorni naturali e consecutivi, a decorrere della data di comunicazione dell’avvenuta aggiudicazione. Per ogni giorno di ritardo nell’avvio del servizio, a causa di lavori non ultimati, sarà applicata una penale di 250 euro. Attrezzature ed impianti per l’espletamento del servizio. Tipologia del Servizio: Sulla scorta dell’organizzazione del servizio proposta dall’Azienda Ospedaliera il numero minimo presunto di ore/uomo annue necessario per assicurare il servizio di vigilanza all’intero complesso oggetto del presente capitolato, è di 90.490. Tale previsione può essere oggetto di proposta migliorativa sulla scorta di adeguate prescrizioni tecniche da produrre insieme all’offerta economica. L’Azienda Ospedaliera si riserva, comunque, la piena ed in-

sindacabile facoltà, nel corso del rapporto contrattuale, in relazione alle proprie esigenze organizzative, di sospendere, ridurre, sopprimere o variare taluni servizi o modelli organizzativi e le ore/uomo in qualsiasi momento, mediante preavviso da comunicare all’aggiudicataria almeno 10 giorni prima, con conseguente variazione dell’importo contrattuale che deve essere sempre corrispondente alle ore/uomo effettivamente rese, senza che l’aggiudicataria possa accampare pretese e richieste d’indennizzo. Modalità di espletamento del Servizio: L’operatore economico, dovrà assicurare, come condizioni minime del servizio, le indicazioni di seguito riportate e tali indicazioni andranno elaborate in fase di predisposizione del progetto tecnico. L’aggiudicataria dovrà provvedere alla manutenzione degli impianti esistenti dei PP.OO. Annunziata, Mariano Santo, Santa Barbara e della Sede Legale ed all’adeguamento e messa a norma degli impianti già esistenti (telecamere, altoparlanti, citofoni, porte, sbarre, cancelli, etc.) di proprietà dell’Azienda Ospedaliera se ritenesse di doverli attuare per la gestione del servizio. In tal caso dovrà evidenziare, per ciascun impianto: la descrizione degli impianti esistenti, indicando anche l’impresa produttrice, modello e quantità; l’ubicazione e i lavori (manutenzione, adeguamento, messa a norma, etc.) da effettuare; i criteri di dimensionamento e di funzionamento degli stessi; quant’altro ritenuto necessario e naturalmente la manutenzione periodica ordinaria e straordinaria degli stessi. Dal progetto si deve desumere (per ciascun impianto e nel complesso) il valore tecnico dell’intervento e dovranno essere evidenziati i tempi per l’esecuzione dei lavori, che non devono superare i 60 giorni naturali e consecutivi dalla data di ricezione della comunicazione dell’avvenutaaggiudicazione. Per quanto concerne i nuovi impianti, l’elaborato sarà valutato come miglioria al servizio e dovrà esplicitare l’allestimento ed il funzionamento di nuovi impianti, che andranno ad ampliare quelli già esistenti, e che l’operatore economico intenderà installare. Dovranno essere evidenziati, per ciascun nuovo impianto: la descrizione delle caratteristiche tecniche di funzionamento; l’ubicazione e i lavori necessari per l’installazione; i criteri di dimensionamento e di funzionamento degli stessi; le telecamere da installare devono essere in possesso di Certificazione ISO 9002 o Vision 2000, rilasciata da Ente certificatore; presso ogni stanza di osservazione dei locali adibiti ad obitorio dovranno essere installate telecamere fisse, collegate con la centrale operativa, per la sorveglianza dei defunti; presso tutte le medicherie delle Unità Operative e dei Servizi dovranno essere installati segnalatori di allarme e altoparlanti collegati con la Centrale Operativa; quanto altro ritenuto necessario. Dalla elaborazione progettuale si deve desumere il valore tecnico dell’intervento e dovranno essere evidenziati i tempi per l’esecuzione dei lavori, che non devono superare i 60 giorni naturali e consecutivi dalla data di ricezione della comunicazione dell’avvenuta aggiudicazione. Inoltre presso gli uffici della Direzione Sanitaria del P.O. Annunziata dovrà essere previsto un sistema di allarme a distanza con pulsante di emergenza e nell’edificio del Dea dovranno essere previste telecamere per il controllo degli accessi. Dovranno, inoltre, essere dettagliate: 1) Modalità di gestione del servizio di videosorveglianza, radio sorveglianza, monitoraggio ed altro, distinto per ciascun accesso o ingresso o punto di rilevazione, econ indicazione degli orari; 2) Modalità di gestione di apertura, chiusura e vigilanza degli ingressi esterni, distinta per ciascun ingresso con indicazione degli orari; 3) Modalità di gestione di apertura, chiusura e vigilanza degli ingressi interni, distinta per ciascun ingresso con indicazione degli orari.

Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Regione Calabria"


RUGA via Conti Falluc snc - Catanzaro - tel.0961.759659 / 367062 r.a.- e-mail: ruga.hyundai@tin.it in collaborazione con

PUNTO AUTO di Lico Giorgio via Longobardi Vibo Marina (Vv) tel. 0963.573820

AUTOCHIARA by Lamezia Gomme via del Progresso Lamezia T. (Cz) tel. 0968.456686

VITALE GLOBAL TRADING srl Loc. Pennicchio snc 88060 - Satriano (Cz) tel. 333.3168487

SUPERMOTORI di Santoro L. via Cutro, 600 (Kr) tel. 0962.964568

AUTOLECCO di Colosimo Maurizio c.da Grasso Sellia Marina (Cz) tel. 0961.961213

PANZINO AUTO S. Francesco di Paola, 131 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996498

GRANDINETTI ALDO AUTOMOBILI via Maigret Soveria Mannelli (CZ) tel. 0968.662348


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 21

POLITICA NAZIONALE Per il presidente fedeli al nostro naturale ruolo di veri europeisti convinti

Napolitano elogia il ruolo del governo italiano nell’eurocrisi di Carlo Bassi ROMA - La grande crisi dell’euro e l’apparentemente scampato pericolo hanno dominato la giornata anche nel contesto della politica nazionale. E su tutti spicca il giudizio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha tenuto a sottolineare il ruolo fattivo dell’Italia nel raggiungimento dell’accordo. Se c’era da attendersi infatti la soddisfazione del governo, descritta in una nota ufficiale di Palazzo Chigi che dice «Il governo italiano esprime piena soddisfazione per la positiva conclusione del Vertice di Bruxelles a sostegno dell’euro». Il commento del Presidente della Repubblica, super partes, ha indubbiamente fatto piacere alla maggioranza. Tale commento è apparentemente giustificato dal fatto che è stata è stata una una telefonata del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi al telefonata cancelliere tedesco Angela Merkel a sbloccare una situazione di del premier stallo totale. Silvio Dopo il colloquio, è passata solo un’altra ora e mezzo dopo le 10 Berlusconi ore precedenti) per firmare l’acal cancelliere cordo. l’ha dato il Presidente Berlusconi quando, poco prima tedesco dell’1 di notte, ha chiamato al telefono il Cancelliere Merkel. Angela Fino a quel momento le trattative a Bruxelles si stavano arenando Merkel sulle diverse proposte presentate a sbloccare che non riuscivano a raccogliere il necessario consenso». lo stallo «Nel corso della frenetica giornata di domenica a Bruxelles dice la nota - il presidente del Consiglio si era mantenuto in stretto contatto con i suoi principali omologhi europei, con il presidente Barroso, con il commissario Tajani e con il ministro delle Finanze Tremonti. A complicare ulteriormente lo scenario stava contribuendo purtroppo l’improvvisa indisposizione del ministro delle Finanze tedesco. La lotta contro il tempo per arrivare ad un risultato utile prima dell’apertura dei mercati asiatici si faceva, quindi, sempre più serrata. In questo contesto si moltiplicavano i contatti tra le cancellerie e i relativi sherpa, impegnati a trovare una soluzione che potesse soddisfare le rispettive esigenze». Poi, ecco la svolta messa in luce da palazzo Chigi: «A questo punto è arrivata la telefonata del presidente

del Consiglio al cancelliere Merkel e successivamente si è materializzata sul tavolo del negoziato una nuova bozza di compromesso, poi tradotta nell’accordo finale. Una bozza che ricalcava i concetti e le linee proposti dall’Italia prima del vertice dell’eurogruppo di venerdì scorso, e successivamente condivisi con i principali partners europei. Subito dopo il contatto tra i due leader, il ministro Tremonti a Bruxelles su mandato del presidente Berlusconi, ed in stretta collaborazione con l’omologo francese, ha condotto la parte finale delle trattative». Spagna e Portogallo hanno annunciato, come era stato loro richiesto, le addizionali misure anti-crisi. Anche su questo aspetto il presidente Berlusconi ha giocato un ruolo determinante nei suoi contatti con i primi ministri Zapatero e Socrates, sin dal vertice dell’eurogruppo di venerdì scorso a Bruxelles. Continueranno anche oggi sottolineava palazzo Chigi - i contatti del presidente Berlusconi con gli altri leader europei per monitorare attentamente la situazione dopo il fondamentale accordo di ieri notte a Bruxelles». Dal canto suo, il Presidente dell Repubblica ha commentato: «Nel momento culminante della crisi solo ora arginata, l’Italia ha fatto la sua parte e l’ha fatta nel senso giusto, secondo il ruolo che l’ha storicamente caratterizzata: proporre e sollecitare più Europa, più unità, più integrazione, contro ogni ripiegamento su meschini, indifendibili egoismi nazionali». «Le decisioni finalmente prese a Bruxelles e a Francoforte per sconfiggere l’offensiva contro l’Euro e a prestare valide garanzie a tutela non solo della moneta unica ma dell’economia europea e

delle sue esigenze di sviluppo, costituiscono un importante motivo di fiducia nel futuro dell’Europa e delle sue istituzioni comuni», ha continuato il Presidente. «Dopo molte esitazioni e resistenze, che hanno provocato dannosi ritardi e pesanti perdite di prestigio - ha aggiunto il capo dello Stato - si è aperta una strada di più efficace integrazione lungo la quale c’è ora da procedere speditamente». Una frase che la dice lunga su quello che il Presidente pensa della posizione della Germania negli ultimi cinque mesi, anche se si è guardato bene dal nominarla. Ma numerosi analisti e commentatori - se si deve giudicare da una panoramica su tutti i mezzi di comunicazione italiani, e non solo - hanno pochi dubbi sul fatto che la resistenza della Germania apparentemente per motivi politici interni e per una forma di sussiegoso atteggiamento da docente seccato - abbia causato danni e sofferenze inenarrabili. La stessa situazione greca non sarebbe forse precipitata con le conseguenze dolorose che tutti abbiamo letto, se si fosse proceduto davvero invece di contenere a promettere senza agire, atteggiamento che i mercati hanno prontamente punito.

Stroncato racket dell’ortofrutta con 67 arresti in tutto il meridione

Bozza che ricalcava i concetti e le linee proposti dall’Italia prima del vertice di venerdì scorso, e condivisi dai partners

NAPOLI - Grande colpo al racket dell’ortofrutta in tutta l’Italia meridionale, un business di camorra, mafia e ’ndrangheta che costava ai consumatori soldi veri, per i ricarichi nei trasporti dei prodotti. In tutto 67 arresti, fra i quali quello di un boss in crociera, ma altri potrebbero seguire. L’operazione della Dia di Napoli e della squadra mobile della questura di Caserta ha smantellato una presunta organizzazione criminale che imponeva il monopolio ai commercianti ed agli autotrasportatori di prodotti ortofrutticoli in tutto il centro-sud Italia, con la conseguente lievitazione dei prezzi della frutta. Ci sono stati arresti, perquisizioni e sequestri di beni in diverse zone del centro e del sud Italia. Nel mirino i clan camorristici dei Casalesi e dei Mallardo che, alleati con le famiglie mafiose dei Santapaola-Ercolano, agivano secondo l’accusa nel settore dell’ortofrutta e dell’autotrasporto ad esso collegato. La Dia di Napoli e la polizia di Caserta stanno eseguendo una settantina di ordinanze di custodia cautelare in carcere. I capi delle organizzazioni camorristiche e mafiose si riunivano nella sede di un’azienda di trasporti del Casertano per decidere le strategie e le alleanze. Nel corso dell’indagine, sono stati sequestrati veri e propri arsenali di armi provenienti dalla Bosnia. GALAN - «All’agricoltura vanno tolte maschere e cosmesi che nascondono una ben triste realtà è il commento del ministro delle Politiche agricole, Giancarlo Galan. - Quest’ultima straordinaria operazione di polizia rivela ancora una volta come in diverse parti della nostra Italia, la nostra agricoltura sia fortemente inquinata». «Francesco Rosi quando girò il film ’La sfida’ nel 1958 - continua Galan - mai avrebbe pensato che il controllo della camorra a Napoli su prodotti e mercati dell’ortofrutta si sarebbe esteso fino al 2010. Eppure è a questo che siamo costretti ad assistere: camorra e mafia, mafia e camorra presenti nella filiera dell’ortofrutta in Campania, Lazio e Sicilia», conclude il ministro, che sottolinea: «È questa la criminalità che può causare guai enormi alla nostra economia, alla pari degli speculatori finanziari che assalgono le economie degli Stati europei».

Roc


22

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

BANCHE Creati in pochissime ore 350 miliardi di capitalizzazione dopo la grande paura

Vola Piazza Affari e le banche guidano la carica: +11 per cento di Roberto Carli MILANO - Volano i tappi di champagne in tutta Europa, ma è Piazza Affari quella che guadagna di più, con le banche a fare da traino. E il listino si ricapitalizza per 350 miliardi dopo la grande paura che aveva fatto perdere una decina di punti percentuali nel giro di pochi giorni, con l’euro sotto attacco.Volano tutte le piazze del Vecchio continente (con Milano in particolare evidenza l’Ftse Mib chiuderà a +11,28%) e anche Wall Street apre in netto rialzo: il Dow Jones segna +2% in avvio e dopo poche battute tocca il +4,3%. Un’ulteriore iniezione di fiducia che rimbalza subito in Europa, dove a Piazza Affari l’Ftse Mib sale del 10%. Alla fine però il risultato per Piazza Affari è ancora migliore. Come detto l’Ftse Mib chiude a +11,28%, ed è il secondo rialzo di sempre dal 1997, mentre l’Ftse All-Share termina a +10,50%. Balzano anche gli scambi, che sfiorano i 7 miliardi di controvalore, fermandosi in chiusura a 6,99 miliardi di euro, il nuovo record dell’anno. L’ondata di acquisti riguarda tutti titoli del listino ma ma soprattutto i bancari con Unicredit e Intesa che segnano rialzi di oltre il 19 per cento. E volano comunque tutti i titoli finanziari, che più avevano perso terreno la scorsa settimana; balzi nel comparto industriale, bene gli energetici con il prezzo del petrolio in risalita, su anche Telecom Italia intorno

al dieci per cento, e l’euforia fa balzare del dieci per cento anche le Fiat.. Più prudenti le utilities, che si erano meglio difese la scorsa settimana; pochissimi i segni negativi sul listino completo. Anche le altre Borse europee corrono al rialzo. Madrid che chiude a +14,43% e Atene che ha chiuso a +9,13% guidano la ripresa. Seguono a breve distanza Parigi e Dublino, poi Londra, Francoforte e Zurigo con una crescita compresa tra il 4 e il 5%. Listini tutti trainati dai titoli bancari. Come detto, si tratta del secondo maggior rialzo di sempre per la Borsa di Milano. Dal 1994, anno di avvio del sistema telematico, l’aumento percentuale maggiore era stato segnato dall’indice Mibtel il 13 ottobre 2008 con un aumento del 10,93%. A spingere il paniere principale sono stati i titoli del comparto bancario, i più penalizzati dalle vendite dei giorni scorsi. Principali protagonisti Intesa SanPaolo (+19,68% a 2,40 euro) e Unicredit (+20,93% a 1,97 euro). Rialzi esagerati anche per il resto del comparto: Monte dei Paschi è balzata dell´11,16% a 0,97

euro, Banco Popolare del 12,35% a 4,59 euro, Ubi Banca dell´8,57% a 8,74 euro, Popolare Milano del 13,85% a 3,96 euro. A ruota gli assicurativi: Generali (+13,10% a 15,71 euro), Mediolanum (+9,95% a 3,67 euro). Exploit anche di Fiat (+10,56% a 9,32 euro) e Exor (+10,89% a 13,24 euro). Balzo di Mediobanca (+16,57% a 6,72 euro) dopo il Consiglio di amministrazione che ha sancito il cambio al vertice di piazzetta Cuccia: Renato Pagliaro sarà il nuovo presidente, Francesco Saverio Vinci assumerà la carica di direttore generale. Approvati anche i risultati dei primi nove mesi dell´esercizio 2009-2010 chiusi con un utile netto di 354,4 milioni di euro, in deciso rialzo rispetto ai 39,3 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. I profitti del solo terzo trimestre sono stati pari a 84 milioni, due in più di quelli previsti dal consensus. In crescita del 25% i ricavi a 1,60 miliardi. Le rettifiche di valore sulle attività finanziarie hanno segnato una flessione del 70% a 105,5 milioni. Il Core tier 1 ha superato l´11% dall´11% di fine dicembre 2009.

Anche le altre banche europee corrono al rialzo e trascinano le borse con Madrid che chiude a +14,43% e Atene a +9,13% seguita da Parigi e Dublino

Renato Pagliaro è il presidente di Mediobanca Roc ROMA - Il Consiglio di amministrazione di Mediobanca, tenutosi proprio ieri, ha nominato presidente dell’Istituto Renato Pagliaro, Consigliere non indipendente e non esecutivo. Il Consiglio, su proposta dell’amministratore delegato, ha altresì nominato Direttore generale e Vice presidente del comitato esecutivoFrancesco Saverio Vinci, consigliere non indipendente e esecutivo cui riportano la Divisione operations (che include le funzioni contabilità e bilancio e la Struttura integrata di servizi) nonché le partecipazioni del Gruppo bancario. Vinci mantiene inoltre la responsabilità dell’Area mercati nell’ambito della Divisione corporate e investment banking che continua a rimanere a diretto riporto dell’amministratore delegato. Inoltre, su proposta dello stesso amministratore delegato, il Consiglio ha deliberato di attribuire a Clemente Rebecchini, Direttore centrale, la guida della Divisione principal investing (che include gli investimenti per partecipazioni stabili, quelli di merchant banking, private equity e connesse attività di advisory), precedentemente affidata a Pagliaro.

Finalmente è toro...

Ma come si fa a sopravvivere ad uno stress del genere? a Intesa e Unicredit se lo chiedono

ROMA - Davvero una vitale boccata di ossigeno per le banche italiane quella di ieri. E gli analisti nonché gli osservatori economici sono anche un po’ perplessi per queste folle oscillazioni, così evidenti nell’ultima settimana. Per quanto riguarda le due principali banche italiane, nei giorni scorsi era stato stimato un rischio Grecia e titoli di Stato europei sul portafoglio di Intesa Sanpaolo di circa 1,4 miliardi, e sulla scorta di quelle interpretazioni il gruppo guidato da Corrado Passera ha bruciato in cinque sedute ben sei miliardi di capitalizzazione. Logico dunque che la possibilità di rifiatare ieri sia stata un vero toccasa. Ma restano gli interrogativi su speculazioni tanto forti. Quantoi a Intesa San Paolo proprio ieri ha comunicato i risultati della

controllata Banca Imi, che ha chiuso il primo trimestre del 2010 con una crescita del margine d’intermediazione (ricavi) del 45,5 per cento a 349,1 milioni e un utile netto di 211,5 milioni con un incremento del 78,9 per cento rispetto ai 118,2 milioni di un anno fa. In tempi normali sarebbero bastati quei dati a far volare il titolo. Ieri Intesa ha recuperato il 18,9 per cento ma grazie all’euforia collettiva e il suo valore di capitalizzazione oggi è soltanto il il 4 per cento in meno rispetto a venerdì 30 aprile. Stesso discorso per Unicredit, che ha guadagnato il 20,9 per cento. La banca guidata da Alessandro Profumo non fornisce un dettaglio preciso sui bond che ha in portafoglio, tuttavia secondo gli esperti il rischio legato alle obbligazioni degli stati a risc-

hio dell’Eurozona era stimato in circa mezzo miliardo. La scorsa settimana il gruppo di Piazza Cordusio aveva bruciato 7 miliardi di controvalore, ma grazie al rimbalzo di ieri vale ora soltanto l’1,2 per cento in meno di venerdì 30 aprile.Ma c’è davvero bisogno di rischiare l’infart, si chiedono in molti, se i valori reali prima o poi emergono?


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 23

ECONOMIA NAZIONALE Anche Bankitalia è sul mercato come richiesto dalla Bce nel piano pro euro

Le Banche centrali acquistano titoli di Stato dei Paesi nei guai di Roberto Carli MILANO - La Banca d’Italia, come molti altri istituti centrali, è attiva sul mercato secondario dei titoli di Stato per acquistare bond greci e italiani, a quanto confermano gli stessi operatori. Non è escluso che l’istituto centrale stia comprando anche titoli spagnoli e portoghesi. Alla domanda se la Banca d’Italia fosse sul mercato per acquistare titoli di Stato, una fonte di mercato ha risposto: «Sì, si tratta di titoli greci e di Btp». Anche un secondo operatore ha parlato di titoli greci e di titoli di Stato italiani e ha aggiunto: «Potrebbero esserci anche Portogallo e Spagna». La notizia dell’inizio di questa attività delle banche centrali europee èpoi arrivata dalla Banca centrale di Finlandia, e successivamente dalla Banca d’Italia e dalla Bundesbank. Le banche centrali dei Paesi della zona euro hanno iniziato ad acquistare titoli di Stato emessi dai membri dell’eurozona. La conferma è giunta dalla Bundesbank e dalla Banca d’Italia che hanno avviato gli acquisti dei bond governativi, come previsto dal programma della Banca centrale europea nell’ambito del maxi-piano per stabilizzare la moneta unica. I portavoce della Bundesbank e della Banca d’Italia non hanno voluto aggiungere altri commenti. Secondo la Banca di Finlandia, tutte le banche centrali

stanno effettuando acquisti di bond governativi, ma la Bce non ha confermato. Alle 3.15 del mattino di ieri la Bce ha annunciato che avrebbe acquistato bond governativi, sottolineando che nel prendere questa decisione, il board della Banca centrale aveva tenuto conto dell’impegno dei governi dell’area euro «di adottare le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi di finanza pubblica, quest’anno e negli anni a venire, in linea con le procedure di deficit eccessivo». L’euro ha beneficiato delle decisioni della notte scorsa a Bruxelles e soprattutto dell’annuncio della Bce. Dopo un mini-

1,30

La quotazione dell’euro che ha recuperato in poche ore dal livello di 1,27, il minimo in 14 mesi

mo appena sopra quota 1,28 nei confronti del dollaro registrato intorno alle 3 della notte scorsa, la divisa europea è risalita fino a 1,3084 a metà mattinata. Alle 13 scambiava poco sotto quota 1,30. La Banca centrale europea ha comunicato le modalità di intervento (Securities markets programme) decise per calmare le tensioni sui mercati che hanno evidenziato «disfunzioni». Oltre all’acquisto dei bond pubblici e privati, per «riattivare un appropriatomeccanismoditrasmissione della politica monetaria e far fronte al cattivo funzionamento dei mercati finanziari», il piano prevede interventi per sostenere la liquidità del dollaro, comprato a piene mani da chi abbandonava l’euro. Perciò, Bank of Canada, Bank of England, Federal Reserve e Banca nazionale svizzera e Bce hanno riattivato temporaneamente gli accordi di swap sulla valuta americana. Come ha spiegato la Fed in una nota diffusa nella notte, è «di migliorare le condizioni di liquidità sui mercati in dollari» e di «prevenire la diffusione di disordini». Ha poi aderito anche la Banca del Giappone.

Bankitalia starebbe comprando soprattutto titoli di Stato di Grecia, Portogallo e Spagna, secondo gli operatori sul mercato

La produzione industriale sale del 6,4% sul 2009 Roc ROMA - Nel mese di marzo 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l’indice della produzione industriale destagionalizzato, con base 2005 fatta uguale a cento, ha registrato una diminuzione dello 0,1 per cento rispetto a febbraio 2010. Ma l’indice della produzione corretto per gli effetti di calendario ha registrato in marzo un aumento tendenziale del 6,4 per cento (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di marzo 2009). La variazione della media del trimestre gennaio-marzo rispetto a quella dei tre mesi precedenti è pari a più 1,4 per cento. Ma, allo stesso tempo, nel primo trimestre la variazione rispetto allo stesso trimestre del 2009 è stata di più 3,1 per cento (i giorni lavorativi sono stati 62 come nel 2009). L’indice grezzo della produzione industriale ha registrato un aumento dell’8,7 per cento rispetto a marzo 2009. Nel confronto tendenziale relativo al periodo gennaio-marzo, l’indice è aumentato del 2,8 per cento. Si tratta del miglior risultato da dicembre 2006. Per il dato grezzo, invece, il dato è il migliore da aprile 2008.

Jean Claude Trichet e Mario Draghi

Anticipata a questo mese l’approvazione del decreto per manovra da 1,6% per 2011- 2012

ROMA - Il governo potrebbe anticipare a questo mese da fine giugno-inizio luglio l’approvazione della manovra 2011-2012 da 1,6 punti di Pil con lo strumento del decreto legge per dare un segnale ai mercati, secondo quanto riferisce una fonte vicina al dossier. «Credo che la manovra, da circa 25 miliardi, sarà approvata prima di giugno per decreto legge. In questo modo il governo darà un segnale ai mercati. Altrimenti se si fa un disegno di legge, l’approvazione degli interventi si diluisce nel tempo e l’Italia rischia di rimanere in balia della speculazione», ha detto la fonte che ha chiesto di rimanere anonima. Il ministero dell’Economia aveva ridotto a +1% da 1,1% la stima di crescita del Pil nel 2010 confermando nello stesso anno un indebitamento

netto al 5% del prodotto interno lordo. Nella Relazione unificata sull’economia e la finanza pubblica (Ruef) pubblicata giovedì scorso e disponibile sul sito del ministero, il Tesoro conferma gli impegni assunti con l’Europa per portare gradualmente sotto al 3% il rapporto deficit/Pil entro il 2012, quando dovrebbe assestarsi al 2,7%. Per centrare i target, il governo non prevedeva una manovra netta nell’anno in corso ma stimava una correzione di 1,6 punti nel biennio 2011-2012, pari a 0,8 punti in ciascun anno. In termini assoluti, nel biennio la correzione ammonta a circa 26 miliardi e non tiene conto della partecipazione al piano di salvataggio della Grecia, che impegna l’Italia a fornire quasi 15 miliardi tra 2010 e 2012. Le precedenti stime governative, dif-

fuse a gennaio con il programma di stabilità, indicavano una correzione pari a 1,2 punti nel biennio divisa in 0,4 punti nel 2011 e 0,8 nel 2012. Secondo i calcoli precedenti, il saldo primario (al netto degli interessi), resterebbe negativo anche nel 2010 (-0,4) per tornare in territorio positivo nel 2011, quando dovrebbe attestarsi all’1% del Pil (2,5% nel 2012).


24

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

ECONOMIA INTERNAZIONALE

E i mercati danno immediatamente un responso positivo, risale l’euro, crollano gli spread e i Cds

Maratona di 11 ore per il salvataggio di Carlo Bassi ROMA - I mercati europei salutano con decisi rialzi l’accordo tra i ministri delle finanze dell’Ecofin per un piano di aiuti che potrebbe arrivare fino a 750 miliardi di euro e porre un freno alle tensioni che hanno investito l’area euro sull’onda della crisi del debito greca. L’entità del pacchetto anti-crisi - risultato di una maratona negoziale - qalcosa come undici ore di rattative - che nel fine settimana ha coinvolto ministri delle finanze, governatori delle banche centrali e Fondo monetario internazionale - ha sorpreso gli investitori, spingendo al recupero la moneta unica sulle piazze valutarie. Poderoso anche l’intervento della Banca centrale europea che ha deciso di ricor-

È il più massiccio intervento nella storia decennale della moneta unica, una valuta nata a tavolino sempre forte fino all’inizio della crisi greca rere a quella che gli economisti hanno definito "l’opzione nucleare" e acquistare titoli di Dtato dell’area euro. La banca centrale continuerà inoltre a mantenere in vita misure straordinarie sulla liquidità che aveva invece intenzione di eliminare e ne reintrodurrà alcune dismesse. Da parte sua la Federal Reserve americana, per assicurare liquidità in dollari, ha annunciato di avere riaperto le linee di swap con varie altre banche centrali. Anche la Bce farà ripartire le operazioni di prestito in dollari per riequilibrare i mercati valutari. Appoggio al pacchetto Ecofin/Fmi è giunto anche dai ministri delle finanze del Gruppo dei Sette e del Gruppo dei Venti. La moneta unica, affondata la settimana scorsa a un minimo di 14 mesi contro il dollaro, è tornata sopra 1,30 dagli 1,27 di venerdì mattina. Se sulle prospettive a lungo termine dei

750

Sono i miliardi messi sul tappeo fra Unione europea ( 500)e Fmi (250) per difendere l’euro da attacchi speculativi

membri più deboli della zona euro rimangono dei dubbi, al momento l’azione decisa delle autorità europea sembra essere in grado di contrastare quello che il ministro delle Finanze svedese ha definito l’atteggiamento da "branco di lupi" dei mercati finanziari. Il pacchetto d’emergenza prevede 440 miliardi di euro in garanzie bilaterali dagli Stati dell’eurozona mentre 60 miliardi andranno ad aumentare il plafond di un meccanismo creato dalla Commissione per sostenere la bilancia dei pagamenti dei paesi dell’est Europa, il cui tetto è attualmente di 50 miliardi. Secondo fonti dell’Ecofin, i 60 miliardi, garantiti da tutti e 27 gli Stati dell’Unione, verranno usati come collaterale per prendere a prestito sui mercati consentendo alla Commissione di raccogliere circa 10 volte l’ammontare sul tavolo. E questo è stato un notevole successo diplomatico, in senso unitario, visto che in un primo momento la Gran Bretagna aveva opposto un netto rifiuto e cercava anche di creare un gruppo dim minoranza capace di bloccare la decisione. Blocco difficile, perché l’articolo 122 del

Il presidente Obama han chiamato più volte la Merkel...

Trattato di Lisbona prevede interventi del genere, del resto già scattati per nuovi Paesi membri, soprattutto dell’est europeo. L’accesso di un Paese europeo agli aiuti potrà avvenire solo sotto le rigide condizioni dettate dall’Fmi. Per quanto riguarda i soli Paesi dell’area euro invece, il meccanismo proposto dalla Commissione prevede la costituzione di un veicolo ad hoc che verrà garantito pro-rata dagli stati membri. Un portavoce del governo tedesco ha precisato oggi che è possibile che non tutti i membri dell’euro partecipino agli aiuti bilaterali e che il veicolo ad hoc non vedrà una garanzia unica da parte degli stati.

Secondo fonti dell’Ecofin, i 60 miliardi, garantiti da tutti e 27 gli Stati dell’Unione, serviranno come collaterale per prendere a prestito circa 10 volte quell’ammontare Il Fondo monetario dovrebbe contribuire con circa 250 miliardi di euro portando il totale del pacchetto a circa 750 miliardi di euro o mille miliardi di dollari. Gli economisti stimano che se Portogallo, Irlanda e Spagna avessero bisogno di salvataggi come quello varato per la Grecia, il costo totale potrebbe essere di circa 500 miliardi di euro. L’entità degli acquisti di titoli di Stato da parte della Bce, partiti già questa mattina, deve essere ancora determinata ma operazioni di assorbimento della liquidità verranno comunque utilizzate per neutralizzare gli effetti monetari. I mercati obbligazionari hanno reagito all’avvio del piano di acquisti della Bce comprimendo i premi al rischio richiesti sul debito dei paesi ’non core’ verso Germania e riducendo il costo di assicurare questi titoli contro l’ipotesi di default. E immediatamente tutti i rendimenti dei titoli di Statom poliennali sono crollati.


il Domani Martedì 11 Maggio 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

21.547,32 10,50 20.971,21 11,28 23.910,20 6,90 22.753,65 4,43 21.974,41 0,75 10.872,30 4,65

Euro

METALLI

US $

UK £

USD/on

EURO/gr

1203,45

30,15

18,68

0,47

PLATINO

1701,00

42,98

PALLADIO

535,00

13,69

¥en

1 Euro

1.0

1.2775

0.85890 119.01

ORO

1 US $

0.78240

1.0

0.67220 93.140

ARGENTO

1 UK £

1.1639

1.4866

1.0 138.47

1 ¥en

0.0083996 0.010731 0.0072181

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,737 -3,41 16.30.11 0,737 0,78 A2A 1,237 +6,18 17.30.24 1,193 1,238 Acea 7,495 +3,02 17.30.24 7,39 7,58 4,25 +1,37 16.30.49 4,20 4,25 Acegas-Aps Acotel Group 59,39 +7,98 17.30.28 57,00 59,45 Acque Potabili 1,57 +2,95 16.30.46 1,541 1,637 Acsm-Agam 0,916 +2,92 16.30.53 0,915 0,949 Actelios 3,64 +3,70 17.30.58 3,51 3,66 Aedes 0,2057 +3,21 16.30.35 0,203 0,214 Aeffe 0,326 +8,85 17.23.25 0,31 0,33 Aegon 5,18 +11,28 16.59.55 4,985 5,22 Aeroporto Firenze 13,03 -2,40 13.44.11 12,51 13,30 Ageas 2,27 +32,67 17.30.05 1,835 2,29 Ahold Kon Aicon 0,288 +1,05 16.30.53 0,2805 0,3055 Alcatel-Lucent 2,055 +2,80 17.22.14 1,98 2,1225 Alerion 0,56 +5,07 16.30.18 0,5485 0,58 Allianz 82,08 +6,39 17.30.33 79,87 83,75 Amplifon 3,7225 +10,30 17.30.22 3,4825 3,7375 13,81 +7,14 17.30.45 13,30 13,82 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,494 +10,52 16.30.00 0,4705 0,50 Apulia Prontop 0,4185 +4,63 16.30.01 0,409 0,4265 Arena 0,0298 +7,19 16.30.34 0,0293 0,0305 Arkimedica 0,529 -1,85 16.30.16 0,522 0,57 Arkimedica 2012 Cv5% 99,30 +0,31 15.17.19 99,00 100,00 Ascopiave 1,577 +0,57 17.30.08 1,541 1,598 4,975 +7,34 17.30.34 4,7625 4,985 Astaldi Atlantia 16,08 +8,80 17.30.54 15,24 16,08 Autogrill Spa 8,71 +6,74 17.30.52 8,385 8,74 10,08 +4,89 17.30.14 9,84 10,20 Autostrada To-Mi 20,34 +2,73 16.30.51 19,96 20,42 Autostrade Merid 14,35 +14,43 17.30.48 13,52 14,51 Axa 8,45 8,085 +9,41 17.30.31 7,92 Azimut 90,70 +0,22 16.01.06 90,03 90,90 B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers 2,82 +1,44 16.30.52 2,7475 2,87 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 107,59 +1,78 17.08.54 106,15 107,79 Banca Generali 7,815 +13,10 17.30.42 7,195 7,89 Banca Ifis 7,525 +0,07 17.30.01 7,41 8,00 Banca Intermobiliare 4,17 +0,48 16.24.16 4,15 4,17 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 108,88 +1,87 17.03.07 107,31 108,68 Banco Popolare 4,5925 +12,36 17.30.52 4,3075 4,595 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 105,96 +2,13 17.30.52 105,59 106,80 Banco Santander 9,20 +20,18 16.54.06 8,92 9,435 43,42 +6,11 16.28.22 42,00 43,42 Basf Basicnet 2,78 +2,96 16.30.29 2,78 2,94 1,97 +8,84 16.30.34 1,90 2,0275 Bastogi Spa Bayer 46,76 +2,72 16.22.41 46,20 48,82 45,40 +0,89 17.30.41 45,06 45,73 Bb Biotech Bca Carige 1,716 +11,00 17.30.37 1,61 1,725 2,87 2,79 +2,20 16.30.03 2,76 Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% 111,20 -0,71 12.47.04 110,11 111,30 0,537 +7,40 17.30.30 0,5185 0,538 Bca Finnat Bca Mps 0,971 +11,16 17.30.40 0,924 0,9795 4,28 +6,53 15.56.41 4,20 4,3975 Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna 9,455 +15,59 17.30.01 8,60 9,905 3,59 3,55 +5,19 17.30.10 3,45 Bca Pop Etrur-Lazio 3,965 +13,86 17.30.16 3,6825 3,99 Bca Pop Milano 7,19 7,06 +11,62 17.30.54 6,68 Bca Pop Sondrio 0,489 +5,96 16.30.56 0,484 0,525 Bca Profilo 3,88 +4,30 14.03.00 3,8025 3,935 Bco Desio Bria Rnc 4,0175 +4,08 16.30.03 3,9175 4,075 Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp 10,00 +5,15 16.19.39 9,71 10,25 Bee Team 0,4105 +5,12 16.30.41 0,404 0,421 Beghelli 0,668 +6,03 16.30.34 0,6515 0,67 Benetton Group 6,145 +4,69 17.30.51 6,035 6,235 Beni Sta 2011 Cv2,5% 98,89 +0,81 17.23.51 98,10 99,09 Beni Stabili 0,605 +9,01 17.30.47 0,563 0,6055 1,292 +2,95 14.54.54 1,292 1,309 Best Union Company Bialetti Industrie 0,475 +1,28 16.30.36 0,475 0,4995 1,42 +2,53 16.30.34 1,406 1,457 Biancamano Biesse 5,78 +11,69 17.30.50 5,30 5,78 Bioera Sosp. Bmw 37,38 +3,95 17.16.55 35,06 37,38 53,00 +21,01 17.30.58 46,50 53,00 Bnp Paribas Boero Bartolomeo 1,717 +13,63 17.30.25 1,604 1,717 Bolzoni Bonifiche Ferraresi 30,85 +2,83 16.22.47 30,03 31,47 0,9695 -7,40 16.30.13 0,9695 1,086 Borgosesia Borgosesia R 1,279 +0,71 11.42.17 1,258 1,279 Bp-10 Cv 4,75% 99,92 +0,02 17.20.51 99,90 99,99 101,85 +0,20 16.06.53 101,50 102,00 Bper 12 Cv Sub 3,7% 5,60 +6,67 17.30.27 5,39 5,605 Brembo 0,195 +4,84 16.30.23 0,1919 0,1979 Brioschi 6,12 +4,35 17.30.19 6,01 6,175 Bulgari Buongiorno 0,8565 +4,32 17.30.19 0,8505 0,8845 Buzzi Unicem 10,49 +10,65 17.30.45 9,80 10,56 6,35 6,20 +8,20 17.30.02 6,11 Buzzi Unicem Rnc Cad It 4,6225 +5,06 17.24.10 4,43 4,75 Cairo Communication 2,4975 +4,06 17.30.56 2,40 2,50 Caleffi 1,10 +7,42 16.30.43 1,03 1,10 2,32 +3,46 16.30.25 2,25 2,335 Caltagirone Caltagirone Edit 2,09 +4,24 16.30.23 1,99 2,09 Camfin 0,267 +3,89 16.30.20 0,257 0,269 Campari 3,885 +5,43 17.30.06 3,6425 3,885 0,3125 +0,81 16.30.55 0,30 0,333 Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 89,00 -0,09 15.24.44 89,00 90,18 2,50 +7,64 16.30.35 2,40 2,5575 Carraro

Apertura

0,778 1,207 7,46 4,20 57,00 1,588 0,915 3,5275 0,2089 0,325 5,005 2,185 0,2915 2,1025 0,5505 80,00 3,4875 13,30 0,475 0,419 0,0294 0,56 99,00 1,595 4,79 15,30 8,49 9,84 20,21 14,51 8,095 90,03 2,87 7,40 7,67 4,155 109,10 4,45 9,35 2,835 1,98 1,61 0,525 0,9425 4,2925 9,43 3,4525 3,90 6,68 0,509 4,0575 10,10 0,405 0,66 6,085 98,10 0,587 1,309 0,489 1,411 5,365 48,67 1,65 30,03 1,06

5,39 0,1937 6,08 0,86 10,45 6,14 4,51 2,4825 1,03 2,30 2,045 0,268 3,79 0,312 89,49 2,4475

AZIONI

Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Everel Group Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

34,94 22,70 2,065 0,4175 5,005 2,605 2,5625 0,379 0,148 0,285 0,8075 1,528 0,545 1,52 0,6685 0,5785 100,00 0,907 23,78 4,6325 10,66 1,622 4,4675 0,168 102,00 0,922 1,172 3,8625 37,58 0,869 17,01 9,37 42,96 3,7425 3,44 1,184 51,55 8,785 29,20 1,95 4,87 13,85 25,00 0,99 1,301 1,512 11,95 1,79 4,29 3,8275 1,28 23,85 16,47 5,90 10,21 0,764 0,7895 6,835 2,285 0,1604

+4,61 +9,14 +9,26 +5,96 +1,99 +2,96 +0,49 +6,16 +7,64 +0,00 +4,46 +7,38 +8,67 +2,08 +1,29 +4,42 +0,90 +4,37 +2,94 +12,99 +13,83 +3,31 +9,77 +1,51 +1,95 +2,44 +0,77 +7,14 +2,34 +2,00 +4,23 +5,10 +4,37 +1,98 +3,77 +4,32 +11,73 +1,50 +5,45 +0,00 +2,85 +25,80 -0,75 +3,67 +0,85 +17,12 +3,55 +5,29 +3,37 +7,97 +0,00 +3,70 +7,58 +6,79 +2,51 +5,38 +8,15 +6,22 +8,81 +2,17

14.57.01 17.30.41 16.30.27 16.30.27 16.58.21 17.30.16 17.30.25 16.30.26 16.30.33 16.30.12 16.30.05 17.30.15 16.30.57 17.30.13 16.30.26 16.30.41 12.25.12 16.10.33 16.45.01 17.30.05 17.22.52 16.30.10 17.30.43 16.30.59 17.23.52 16.30.23 17.30.59 17.30.43 16.01.22 16.15.17 16.30.31 16.30.19 12.19.44 17.30.03 16.30.57 17.30.10 17.30.40 17.10.57 17.30.24 17.30.46 16.44.15 17.30.08 16.45.00 17.30.20 17.24.55 17.30.22 16.12.48 17.30.54 15.39.16 17.30.37 16.30.55 17.30.22 17.30.18 17.30.19 17.30.00 16.30.53 16.30.31 17.30.58 17.30.43 16.30.24

34,94 21,92 2,065 0,415 4,8075 2,57 2,525 0,351 0,1425 0,28 0,8015 1,474 0,52 1,471 0,668 0,573 100,00 0,885 23,53 4,24 10,25 1,621 4,22 0,168 101,20 0,918 1,141 3,77 37,15 0,844 17,01 9,365 41,16 3,72 3,3825 1,132 49,64 8,65 27,90 1,915 4,6375 11,51 24,89 0,969 1,283 1,342 11,70 1,74 4,0675 3,69 1,27 23,30 15,82 5,65 10,09 0,7515 0,7795 6,555 2,20 0,157

34,94 22,91 2,065 0,4445 5,18 2,7175 2,635 0,379 0,15 0,285 0,8355 1,535 0,549 1,598 0,695 0,5895 100,00 0,945 24,48 4,6325 11,00 1,686 4,4675 0,1749 102,50 0,95 1,239 3,945 37,58 0,877 17,84 9,785 42,96 3,92 3,56 1,185 52,22 8,82 29,50 2,0025 4,90 13,90 26,20 0,9955 1,329 1,52 12,20 1,80 4,3325 3,8275 1,34 24,24 16,47 5,90 10,33 0,782 0,831 6,985 2,2975 0,1726

13,24 8,12 9,47 1,029 13,95 9,32 5,235 5,565 3,79 4,3475 0,551 0,154 9,185 2,2475 0,562 9,58 6,885 15,90 1,089 0,3835 5,70 25,79 2,10 0,576 1,47 15,71 4,8225 3,3325 2,105 3,24 5,13 5,335 4,79

+10,89 +8,05 +6,89 +6,63 +7,23 +10,56 +10,56 +9,23 +4,99 +2,17 +2,04 +3,84 +5,94 -0,11 +3,12 +9,55 +4,32 +3,99 +3,71 +3,65 +3,07 +7,41 +1,45 +4,73 +3,59 +13,10 +6,34 +5,13 +8,56 +1,25 +2,60 +5,85 -2,34

17.30.49 17.30.37 17.24.54 17.20.04 17.30.15 17.30.10 17.30.55 17.30.17 14.05.55 17.30.33 16.30.14 16.30.44 17.30.40 17.30.08 16.30.45 17.30.54 17.30.05 16.02.09 15.59.31 16.30.55 16.09.13 15.47.24 15.51.54 17.30.17 15.49.12 17.30.28 17.30.29 16.30.00 17.30.40 17.30.12 16.30.43 16.30.18 16.30.42

12,24 7,80 8,955 0,9895 13,47 8,89 4,81 5,31 3,70 4,2175 0,551 0,149 8,88 2,2475 0,54 9,15 6,755 15,56 1,04 0,38 5,60 25,77 2,0675 0,56 1,40 14,68 4,66 3,2275 1,982 3,14 5,13 5,04 4,79

13,30 8,155 9,59 1,029 13,99 9,32 5,235 5,58 3,80 4,3475 0,5915 0,1585 9,185 2,2475 0,57 9,585 7,09 16,02 1,089 0,40 5,75 25,79 2,1875 0,599 1,499 15,77 4,8225 3,39 2,115 3,29 5,37 5,345 5,09

+3,93 17.30.46 1,534 +9,40 17.20.11 1,70 +0,00 16.30.25 0,97

1,581 1,865 0,985

1,561 1,85 0,97

Apertura

21,92 0,4225 2,60 0,379 0,149 0,28 0,8355 1,49 0,53 1,55 0,695 0,5895 100,00 0,945 4,29 10,25 1,648 4,27 0,1748 0,94 3,79 0,871 17,10 9,45 3,42 1,132 49,65 8,79 28,45 1,937 4,90 12,64 26,20 0,983 1,329 1,487 12,20 1,80 3,7625 16,01 5,76 10,31 0,782 0,7975 6,62 2,2975 0,1699 13,30 7,80 9,20 13,65 8,99 4,9275 5,33 3,70 0,5915 0,1512 9,00 0,56 9,17 6,76 1,05 0,398 5,60 25,79 0,566 1,40 15,75 4,74 3,25 2,005 3,2025 5,37 5,04 5,01 1,57 1,807

AZIONI

I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding Sosp. It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

14,95 +4,18 17.30.42 14,50 14,99 14,56 1,225 +5,70 17.30.43 1,181 1,23 1,181 0,8995 -0,06 16.31.20 0,8705 0,8995 1,54 +2,67 16.30.51 1,527 1,60 1,60 0,88 +3,53 16.30.21 0,873 0,903 0,88 2,2325 +8,51 17.30.51 2,15 2,2375 2,15 8,095 +0,43 16.21.25 8,045 8,095 9,42 +5,25 17.30.47 9,28 9,945 9,315 8,28 +6,22 13.50.47 7,65 8,28 2,10 +4,87 15.35.11 2,10 2,20 2,14 6,80 +21,54 17.19.09 6,00 6,80 6,00 0,5195 +2,97 16.30.20 0,51 0,53 0,52 0,899 +0,90 11.41.15 0,899 0,899 3,63 +4,91 17.30.45 3,5375 3,65 3,54 2,4025 +19,68 17.30.27 2,22 2,405 2,35 1,952 +16,82 17.30.21 1,86 1,97 1,952 0,055 +6,80 16.23.12 0,053 0,0555 0,0545 1,389 +3,27 17.30.22 1,365 1,389 1,416 +7,85 17.30.36 1,355 1,416 1,355 2,89 +3,21 17.19.13 2,87 2,99 2,87 3,50 7,765 4,34 24,37 18,97 1,80 0,8045 0,067 4,80 2,65 0,269 0,60

+2,94 +8,30 +7,36 +6,42 +5,39 +5,20 +4,48 +1,67 +5,44 +3,92 +1,51 +0,25

16.47.30 17.30.27 17.30.55 17.30.13 17.30.36 16.30.28 17.30.30 16.30.54 17.30.50 16.30.27 16.30.21 16.09.33

3,3625 3,54 7,38 7,765 7,50 4,15 4,35 4,155 23,26 24,55 23,40 18,18 18,97 18,40 1,773 1,835 1,835 0,7605 0,81 0,77 0,067 0,0738 0,0708 4,75 4,925 4,75 2,60 2,70 0,28 0,2765 0,265 0,571 0,6375 0,60

2,0925 2,8625 13,57 20,57 86,83 2,9525 0,1565 1,695

+5,36 +8,02 +8,65 +6,31 +8,54 +8,75 +0,97 +4,44

17.30.55 17.30.39 17.30.51 17.30.00 16.06.25 17.30.45 16.30.57 16.12.12

1,96 2,0925 1,96 2,75 2,8625 2,78 13,12 13,72 13,12 19,55 20,57 19,90 83,23 86,84 2,8325 2,965 2,835 0,1565 0,1615 0,1593 1,64 1,695 1,64

6,945 +1,17 17.30.07 6,88 2,885 +5,29 13.27.35 2,63 5,68 +7,88 17.30.34 5,40 6,72 +16,57 17.30.09 6,095 3,675 +9,95 17.30.31 3,52 2,50 +3,95 16.30.33 2,50 0,122 +16,52 16.30.40 0,118 0,475 +5,56 15.57.54 0,461

7,04 6,98 2,885 2,885 5,68 5,43 6,80 6,54 3,70 3,6025 2,54 2,50 0,123 0,118 0,475

1,67 1,711 +7,61 17.30.20 1,661 1,733 1,939 +7,13 17.30.50 1,814 1,944 1,87 3,55 +2,97 15.42.08 3,4975 3,6775 3,4975 1,344 +10,62 16.30.04 1,28 1,344 1,334 2,605 +4,30 17.30.06 2,5525 2,66 2,5875 0,1446 +5,55 12.56.30 0,1446 0,1495 0,1485 7,31 +2,96 16.41.39 7,02 7,435 7,02 0,43 +0,00 16.30.33 0,41 0,4395 0,435 0,1722 +5,64 16.30.27 0,17 0,1799 0,1759 0,5225 +6,63 16.21.32 0,4875 0,5295 0,5295 1,27 1,27 1,225 +6,06 16.03.39 1,161 106,11 +4,03 16.28.45 105,79 106,11 5,18 +0,00 17.20.44 5,11 5,245 5,115 1,785 +2,59 11.04.48 1,739 1,785 3,0625 +0,16 17.30.04 3,05 3,0925 5,925 +3,95 14.00.36 5,825 5,925 5,825 8,755 +5,29 17.23.58 8,63 8,925 0,3875

+2,11 16.30.50 0,3875

0,41 0,4095

1,85 1,957 23,91 2,2975 3,755 2,185 1,25 0,447 0,5395 0,3805 3,99 11,19 0,486 0,795 0,783

+6,38 +5,39 +3,96 +4,43 +2,60 +4,05 +5,04 +9,56 +5,37 +3,96 +2,31 +6,37 +1,67 -0,87 +3,44

17.30.28 17.30.57 17.09.16 16.30.34 15.20.18 16.24.37 16.24.40 17.30.12 17.30.07 17.30.02 16.13.18 17.30.05 15.03.52 16.22.29 17.30.50

1,79 1,879 1,791 1,886 1,989 1,923 23,91 25,99 25,20 2,27 2,3975 2,34 3,755 3,955 3,755 2,185 2,28 2,22 1,201 1,25 1,201 0,421 0,447 0,444 0,522 0,5515 0,5485 0,373 0,398 0,398 3,88 4,48 4,14 10,77 11,30 10,80 0,476 0,5125 0,476 0,795 0,825 0,825 0,773 0,805

1,496 1,006 0,71 7,37 12,80 0,1941 0,87 1,297 0,746 2,11

+9,04 +0,10 +3,65 +3,66 +8,29 +1,09 +3,57 +9,92 +5,07 +1,44

16.30.24 16.30.55 16.17.07 17.30.09 17.30.04 16.30.05 16.30.59 17.30.38 17.30.31 12.09.49

1,496 1,575 1,561 1,001 1,024 1,012 0,69 0,72 0,72 7,04 7,565 7,04 12,22 12,89 12,32 0,1941 0,2043 0,1941 0,86 0,881 0,88 1,217 1,297 1,24 0,7075 0,748 2,0275 2,1125


26 Martedì 11 Maggio 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Socotherm Sosp. Sogefi

Prezzo ultimo contr. Var %

5,67 33,50 0,192 16,68 0,383 0,0596 0,336 0,89 58,85 0,3185 16,84 0,461 5,34 4,4475 8,89 27,65 51,09 1,751 9,30 6,90 0,641 0,1589 1,40 4,9025 6,635 92,55 73,02 2,3475 3,48

+2,72 +8,87 +6,43 +3,86 +5,51 +2,58 +5,16 -0,78 -2,57 +5,12 +4,21 +3,13 +2,79 +5,64 +9,75 +8,14

Ora

17.30.59 13.30.27 17.07.09 17.30.50 16.22.49 16.30.33 16.30.16 16.30.36 16.43.46 16.30.20 17.30.33 16.30.50 17.30.56 17.30.41 16.30.23 17.30.08

Min

+4,27 15.29.58 49,50 +5,10 +1,25 +5,26 +2,07 +6,57 +1,45 +2,78 +6,93 +1,79 +6,04 +6,71 +2,88

17.30.17 13.12.08 16.30.04 16.30.10 17.30.40 17.30.03 17.30.47 17.30.36 16.03.53 17.15.54 16.30.48 17.30.18

Max

Apertura

5,535 5,695 5,61 32,60 33,50 32,60 0,182 0,193 0,182 16,29 16,78 0,372 0,393 0,385 0,059 0,0629 0,0605 0,3315 0,349 0,34 0,89 0,92 0,909 58,70 58,87 0,301 0,32 0,305 16,25 17,00 0,4485 0,4615 0,457 5,285 5,50 5,285 4,27 4,50 4,44 8,30 8,89 8,50 26,51 27,65 26,65 51,45

1,715 1,76 8,995 9,30 6,90 6,99 0,62 0,6455 0,1527 0,162 1,40 1,40 4,8875 5,00 6,22 6,725 92,50 93,88 68,42 73,27 2,33 2,44 3,40 3,49

1,744 6,94 0,637 0,153 6,39 2,40 3,47

0,0866 +2,85 16.30.19 0,086 0,0929 0,0886 40,30 +20,12 17.21.07 38,13 40,93 40,01 2,135

+8,10 17.30.29

2,00 2,1625

2,02

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Sosp. Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Sosp. Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass

4,18 47,00 1,373 12,00

-0,24 -5,43 -2,21 -2,75

Ora

Min

Max

Apertura

AZIONI

4,205 48,53 1,439 12,80

Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

16.30.38 4,18 4,3525 16.30.55 47,00 51,00 16.30.11 1,373 1,449 16.30.16 12,00 12,80

6,715 +6,08 17.30.48 6,62 6,835 6,68 1,25 +1,22 16.30.48 1,25 1,308 1,25 12,10 -3,28 14.09.38 12,01 12,15 12,01 2,00 +0,00 17.23.24 1,90 2,0975 2,00 0,82 +0,06 16.11.40 0,8195 0,821 0,8195 1,033 +10,66 17.30.47 0,958 1,038 1,011 0,712 +1,71 16.30.35 0,70 0,739 0,7155 0,827 +4,95 17.30.36 0,8025 0,8375 0,812 17,08 +12,37 17.20.21 16,48 17,08 16,48 15,12 +4,93 17.30.59 14,96 15,24 14,99 3,015 +3,34 17.30.03 2,955 3,025 2,965 3,72 +8,38 16.30.39 3,6625 3,84 3,75 0,1426 +6,02 17.30.32 0,14 0,1443 0,1405 52,87 +7,11 17.30.09 51,19 52,87 51,23 1,46 +0,41 15.55.46 1,457 1,46 39,85 +4,81 17.20.07 38,95 41,23 12,31 +6,21 16.30.37 11,81 12,39 12,10 6,45 +6,17 17.08.02 6,15 6,45 8,74 +8,57 17.30.08 8,515 8,95 8,585 107,10 +1,61 17.22.32 105,80 107,40 0,699 +4,41 17.30.29 0,671 0,715 0,671 1,97 +20,93 17.30.10 1,79 1,97 1,89 2,6725 +3,99 17.30.47 2,64 2,75 2,6725 0,73 0,5135 4,37

+8,96 17.30.03 0,709 +7,54 17.30.58 0,50 +5,94 16.24.20 4,21

0,731 0,715 0,524 0,50 4,395 4,2125

1,43 4,46 3,6625

-0,69 11.00.24 +1,36 16.30.51 +3,46 17.30.38

1,43 1,43 4,505 4,4225 3,725 3,575

1,43 4,33 3,50

Prezzo ultimo contr. Var %

18,05 9,845 0,0659 0,022 2,94 0,039 0,3465 0,3955 0,129 0,0956 0,089 0,0588 0,2665

+6,62 -0,96 +7,15 +16,40 +14,84 -1,01 +12,32 +2,46 +15,18 +2,69 -1,11 +2,44 +2,50

Ora

Min

Max

17.04.00 16.47.15 16.30.53 17.30.00 16.22.15 16.15.53 17.22.52 17.11.51 16.30.46 16.30.35 15.20.16 15.23.03 17.30.01

17,64 9,845 0,0631 0,02 2,60 0,039 0,311 0,39 0,129 0,0951 0,089 0,056 0,252

18,53 10,15 0,0679 0,024 2,995 0,04 0,3465 0,41 0,144 0,10 0,0895 0,0631 0,269

Apertura

0,066 0,0225 2,80 0,04 0,311 0,41 0,1323 0,0951 0,0588 0,252

0,034 -1,45 16.30.40 0,029 0,034 0,03 0,021 +0,96 14.11.39 0,0181 0,021 0,021 0,0193 +9,66 16.30.21 0,018 0,0205 0,0193 0,0559 +25,90 17.30.15 0,049 0,0559 0,052 0,0166 -7,26 15.41.41 0,0166 0,0166 0,0166 0,95 +7,47 16.47.11 0,8805 0,985 0,90 0,245 +1,66 16.08.31 0,245 0,2455 0,2455 2,4925 +8,13 14.48.40 2,4925 2,50 2,50 0,1028 +8,90 16.19.32 0,085 0,1029 0,1028 0,0034 0,0278 6,455 0,1032 4,2625 0,529 0,532

+0,00 +9,88 +6,26 +2,69 +5,05 +1,73 +2,41

17.19.50 17.24.27 17.30.13 16.30.05 17.30.46 16.30.09 12.08.27

0,0032 0,0036 0,0033 0,0252 0,029 0,028 6,20 6,575 6,34 0,1022 0,1095 0,1022 4,1325 4,35 4,25 0,506 0,5475 0,546 0,51 0,533 0,53

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity

-0,30 -3,50 -2,01 -3,03 -3,03 -2,92 -3,12 -2,13 -2,95 -2,51 -2,88 -2,94 -2,96 +0,44 +0,51 -3,17 -2,34 -3,16 -2,94 -4,48 -2,54 -3,22 -3,22 -2,74 -2,74 -2,86 -3,20 -3,23 -3,07 -3,06 +0,47 -2,70 -3,05 -2,85 -2,28 -3,21 -2,89 -2,89 -2,54 +0,00 -2,13 -3,28 -3,26 -2,18 -2,37 -2,14 -2,14

-1,95 -1,77 -1,69 -1,47 -1,23 +0,00 -2,15 -1,65 -1,47 -1,40 -1,38 -1,49 -1,48 -1,98 -1,77 -1,43 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

-0,36 -0,75 -0,76 -0,51 +0,05

14,843 5,434 4,005 18,726 18,416 17,971 6,485 6,722 16,007 5,004 4,387 4,78 4,849 3,621 3,324 15,296 4,43 10,908 18,076 17,092 14,638 10,113 10,205 11,716 12,016 9,409 20,115 7,899 14,164 8,206 4,506 5,728 5,722 5,085 5,319 11,96 12,479 12,822 15,871 5,00 3,492 10,021 5,456 5,423 4,573 8,709 8,596

4,27 3,877 13,688 11,696 4,188 4,251 23,771 12,525 4,146 5,345 5,148 5,867 6,046 5,25 4,651 5,248 7,055 7,055 4,672 4,648 5,329 15,529 15,327 6,85 4,082

VARIAZ. QUOT.

-1,35 Anima Europa Arca Azioni Europa -1,18 Bim Azionario Europa -1,36 Bnl Azioni Europa Crescita -1,16 Bnl Azioni Europa Dividendo -0,84 -0,99 Bpvi Azionario Europa Carige Azionario Europa A -0,88 Carige Azionario Europa B -0,87 Carismi Dynamic Europe A +0,19 Carismi Dynamic Europe B +0,43 Consultinvest Azione -1,11 +0,00 Epsilon Qvalue Eurizon Az. Europa Multimanager +0,13 -0,85 Eurizon Az. Pmi Europa -1,13 Eurizon Focus Az. Europa Euromobiliare Europe Eq. -1,21 -1,25 Europa Fideuram Master Sel.Equity Europe -0,20 Fondaco Eu Sri Equity Beta -1,46 Fondersel Europa -1,25 Fonditalia Eq. Europe R -1,36 Fonditalia Eq. Europe T -1,36 Gestielle Europa A -1,05 -1,04 Gestielle Europa B -1,23 Gestnord Azioni Europa -1,24 Imieurope Iniziativa Europa -1,04 -1,00 Interfund Eq. Europe Investitori Europa -1,17 Laurin Eurostock -1,06 -0,46 Mc G.Fdf Europa A Mc G.Fdf Europa B -0,48 Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 Nextam P. Az. Europa -0,69 Norvega Az. Europa A -1,15 -1,16 Norvega Az. Europa B Optima Azionario Europa -1,28 -1,17 Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A -1,02 Prima Geo Europa A -1,09 -0,94 Prima Geo Europa Pmi A Prima Geo Europa Pmi Y -0,93 -1,09 Prima Geo Europa Y Ras Lux Equity Europe -1,12 Sai Europa -0,91 Soprarno Azioni Euro 50 -1,91 Symphonia Europa -0,88 -1,40 Synergia Az. Europa -0,32 Talento Comp. Europa -1,20 Ubi Pramerica Azioni Europa Unibanca Azionario Europa -1,31 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime -1,09 AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente -0,71 AZ. FINANZA -2,64 Eurizon Az. Finanza -3,63 Fonditalia Euro Financials R -3,63 Fonditalia Euro Financials T AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate -1,53 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali -1,07 Ducato Immobiliare A +0,21 Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources -0,27 -0,65 Fonditalia Euro Cyclicals R Fonditalia Euro Cyclicals T -0,66 -1,41 Fonditalia Euro Defensive R -1,40 Fonditalia Euro Defensive T Fonditalia Euro T.M.T. R -1,25 Fonditalia Euro Tmt T -1,25 -0,24 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R Interfund Int.Sec.New Economy -1,56

3,736 8,936 9,396 11,146 2,715 3,703 5,206 5,439 4,189 3,96 8,265 5,101 5,469 7,921 7,804 13,013 12,276 8,654 83,337 12,464 8,635 8,713 6,687 6,846 8,06 17,497 6,457 5,563 4,802 3,639 6,237 3,534 5,854 15,001 4,723 4,455 4,51 2,782 13,887 6,43 10,344 19,216 19,795 10,666 38,128 9,894 3,596 5,264 5,837 116,154 5,417 5,747 9,098

14,869

17,778 5,068 5,103 4,126

5,751 8,432 8,662 10,904 10,487 10,596 11,011 11,125 5,234 5,272 2,46 33,701

VARIAZ. QUOT.

Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Ff 1classe Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Ff 1classe Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Ff 1classe Valore Azimut Scudo Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 Carige Bilanciato 30 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 Euromobiliare Moderato Fonditalia Core 1 R Fonditalia Core 1 T Gestielle Global Asset 1 Managers & Co. Comparto 30 Mediolanum Elite 30 L Mediolanum Elite 30 S Mix Norvega Sintesi Audace Prima Forza 2 A Prima Forza 2 B Prima Forza 2 Y Prima Forza 3 A Prima Forza 3 B Prima Forza 3 Y

VARIAZ. QUOT.

+0,00 -1,26 4,16 Symphonia Adagio -1,26 4,16 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia -1,38 -0,37 -1,44 2,739 Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. -0,48 +0,14 2,849 Ubi Pra. Portafoglio Moderato -0,08 +0,14 2,917 Ubi Pramerica Privilege 1 -0,22 -1,71 5,81 Ubi Pramerica Privilege 2 -0,27 +0,10 5,101 Visconteo -0,39 -1,77 8,196 OB. EURO GOVERNATIVI BT Allianz Monetario -0,18 -0,24 3,785 Alto Monetario -0,57 +0,23 3,907 Amundi Breve Termine -0,30 +0,23 3,961 Arca Mm -0,21 -0,53 32,015 Bancoposta Monetario -0,02 -0,49 10,104 Bg Focus Monetario -0,40 -0,49 10,20 Bim Obb.Breve Termine -0,11 -0,54 4,441 Bnl Obbligazioni Euro Bt -0,03 -0,55 4,491 Bpvi Breve Termine -0,22 -1,41 12,223 Carige Monetario Euro A -0,07 -0,68 4,523 Carige Monetario Euro B -0,06 -0,36 3,918 Cividale Forum Iulii Prudenza A -0,31 -0,36 3,92 Cividale Forum Iulii Prudenza B -0,31 -0,37 3,986 Consultinvest Breve Termine -0,28 -1,19 5,168 Cr Cento Monetario Plus -0,02 -0,39 5,108 Cs Monetario Italia B -0,08 -0,08 Cs Monetario Italia I -0,05 -0,03 17,594 Ducato Fix Euro Bt A -0,05 +0,10 4,943 Ducato Fix Euro Bt Y -0,48 16,267 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine -0,31 -0,11 -1,12 29,786 Euromobiliare Prudente -0,07 -0,99 4,583 Fideuram Security -0,53 -0,22 3,999 Fondersel Reddito -0,08 -0,70 23,041 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R -0,08 -0,13 5,947 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T -0,01 -1,03 22,003 Fonditalia Euro Currency R -0,01 -1,10 5,668 Fonditalia Euro Currency T -0,45 -1,10 5,775 Gestielle Bt Euro A -0,45 -0,89 5,121 Gestielle Bt Euro B -0,54 +0,16 4,273 Gestielle Cedola -0,05 +0,16 4,329 Imi 2000 +0,03 +0,00 6,083 Interfund Euro Currency -0,29 -0,05 34,947 Intra Obb. Euro Bt -0,25 -0,82 6,166 Laurin Money -0,20 -1,11 24,171 Leonardo Monetario -0,05 -0,46 26,43 Mediolanum Risparmio Corrente -0,15 -0,04 12,21 Mediolanum Risparmio Dinamico Monetario -0,10 -0,22 -0,04 9,36 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine -0,31 +0,00 5,901 Norvega Obb. Euro Breve Termine A -0,29 -0,49 8,462 Norvega Obb. Euro Breve Termine B -0,23 -0,65 16,179 Optima Reddito B.T. -0,13 -0,60 5,437 Optima Riserva Euro -0,31 -0,12 4,986 Passadore Monetario +0,00 -0,20 7,579 Pioneer Monetario Euro A -0,28 +0,02 5,443 Prima Fix Obbligazionario Bt A -0,28 -0,12 22,545 Prima Fix Obbligazionario Bt Y +0,02 -0,64 4,96 Soprarno Pronti Termine -0,12 -0,78 5,084 Synergia Obb Euro B.T. -0,35 +0,08 3,976 Teodorico Monetario -0,12 +0,15 3,98 Tesoreria Fondo Per Le Imprese -0,13 -0,22 6,465 Ubi Pramerica Euro B.T. -0,35 -0,35 10,417 Unibanca Monetario +0,03 -0,35 10,492 Valori Responsabili Monetario -0,16 -0,51 8,821 Zenit Monetario I -0,16 -0,13 5,316 Zenit Monetario R -0,13 5,242 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM -0,16 10,061 Allianz Reddito Euro L -0,03 -0,42 5,625 Allianz Reddito Euro T -0,03 -0,11 5,66 Anfiteatro Bond Corporate +0,00 +0,04 4,623 Anima Obb. Euro -0,41 +0,06 4,625 Arca Rr -0,40 +0,06 4,671 Azimut Reddito Euro +0,08 -0,06 4,96 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,07 -0,06 4,96 Bim Obb. Euro -0,14 -0,06 5,04 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt -0,22

5,917 5,229 5,392 5,757 5,90 5,555 5,518 33,97

15,726 6,985 7,423 14,542 6,175 16,248 6,527 7,439 6,236 11,624 11,40 5,413 5,465 4,937 5,765 7,748 7,804 6,285 6,327 15,081 8,438 9,521 13,761 7,91 7,948 7,843 7,875 7,456 7,509 6,265 16,821 6,671 5,587 6,851 6,042 13,841 5,457 12,113 8,911 5,77 5,813 6,574 5,26 7,075 13,163 10,07 10,084 5,127 5,056 7,406 6,88 6,708 5,687 5,877 7,489 7,447 32,612 31,957 4,979 7,084 8,857 15,651 6,893 6,892 6,809

VARIAZ. QUOT.

-0,39 Bpvi Obblig. Euro Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario -0,07 Carige Obbligazionario Euro A -0,10 Carige Obbligazionario Euro B -0,09 Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,11 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,07 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 Epsilon Qincome -0,93 -0,41 Eurizon Focus Obb. Euro Euromobiliare Reddito -0,19 +0,03 Europe Bond -0,37 Fondaco Euro Gov. Beta Fondersel Euro -0,66 -0,42 Fonditalia Euro Bond Long Term R Fonditalia Euro Bond Long Term T -0,42 Fonditalia Euro Bond Medium Term R -0,23 Fonditalia Euro Bond Medium Term T -0,23 Gestielle Lt Euro A -1,07 Gestielle Lt Euro B -1,06 Gestielle Mt Euro A -0,49 -0,49 Gestielle Mt Euro B -0,53 Imirend -0,43 Interfund Euro Bond Long Term Interfund Euro Bond Medium Term -0,23 -0,04 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 -0,12 Intra Obb. Euro -0,30 +0,00 Italfortune Euro Bonds Leonardo Obbligazionario -0,29 Mediolanum Euromoney -0,12 Mediolanum Italmoney -0,08 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine -0,24 Norvega Obb. Euro A -0,32 -0,32 Norvega Obb. Euro B Optima Obbligazionario Euro -0,29 -0,63 Prima Fix Obbligazionario Mlt A -0,64 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y Ras Lux Bond Europe +0,05 -0,31 Sai Eurobbligazionario Synergia Obb Euro M.T. -0,19 -0,23 Ubi Pra. Euro M/L Termine Unibanca Obbligazionario Euro -0,36 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 Vrg Coro Reddito -0,30 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE +0,24 Amundi Corporate 3 Anni +0,26 Amundi Corporate Giugno 2012 Arca Bond Corporate -0,07 -0,08 Carige Corporate Euro A Carige Corporate Euro B -0,07 Corporate Bond -0,26 Ducato Etico Fix Y -0,08 Ducato Etico Fix A -0,06 -0,20 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine-0,23 -0,08 Fonditalia Euro Corporate Bond R -0,08 Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond -0,04 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate -0,20 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A -0,02 Prima Fix Imprese A -0,17 Prima Fix Imprese Y -0,15 Sai Obbligazionario Corporate -0,03 -0,07 Synergia Obb Corporate Ubi Pramerica Euro Corporate -0,28 OB. EURO HIGH YIELD -0,72 Eurizon Focus Obb. Euro High Yield Fonditalia Bond Euro High Yield R -0,91 Fonditalia Bond Euro High Yield T -0,91 -0,91 Interfund Bond Euro High Yield Prima Fix High Yield A -1,75

6,589 5,455 10,836 10,971 5,636 5,741 5,527 5,584 7,594 7,676 7,318 13,986 15,382 7,542 119,366 7,832 7,288 7,346 10,892 10,959 7,959 8,041 14,709 14,847 9,241 8,261 8,205 6,954 11,542 5,936 8,42 7,55 6,411 6,561 17,209 6,481 6,555 6,843 5,708 5,719 57,624 12,773 5,178 6,901 5,785 6,252 6,252 5,592

100,665 4,985 7,071 6,604 6,677 7,348 5,313 5,26 5,624 7,495 8,454 8,499 5,034 7,616 4,792 6,53 6,612 6,617 5,412 7,804 7,182 14,032 14,092 7,712 7,875

VARIAZ. QUOT.

-1,75 8,023 Prima Fix High Yield Y OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +1,33 9,27 Azimut Reddito Usa +1,26 6,179 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt +1,41 6,42 Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 +0,28 7,085 Ducato Fix Dollaro Y +1,72 8,77 Fonditalia Bond Usa R +1,72 8,834 Fonditalia Bond Usa T Gestielle Bond Dollars A +1,68 9,381 Gestielle Bond Dollars B +1,69 9,508 Interfund Bond Usa +1,71 7,625 Nordfondo Obbligazioni Dollari +1,45 14,703 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI +1,14 16,177 Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T +1,15 15,867 Alpi Obbligazionario Internazionale +0,15 7,175 +1,03 6,466 Alto Internazionale Obb. Arca Bond +0,65 12,635 Aureo Obbligazioni Globale -0,01 8,008 +0,78 5,943 Bim Obb. Globale Bpvi Obblig. Internazionale +1,09 5,909 Carige Obbligazionario Internazionale A +1,44 5,98 Carige Obbligazionario Internazionale B +1,45 6,095 -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. A -0,23 5,694 Carismi Bond Internaz. B +0,00 8,147 Ducato Fix Globale A Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali +0,74 8,626 Euromobiliare Intern. Bond +0,25 8,751 Fondersel Internazionale +0,75 14,568 +0,68 6,507 Gestielle Obbligazionario Intern. A +0,69 6,604 Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond +1,18 16,273 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Mc G.Fdf Global Bond A -0,39 5,296 Mc G.Fdf Global Bond B -0,40 5,242 Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 +0,83 5,852 Norvega Obb. Internazionale A Norvega Obb. Internazionale B +0,82 5,917 Optima Obb. Euro Global -0,20 6,843 +0,80 9,833 Pianeta +1,05 9,116 Prima Fix Obbligazionario Globale A Prima Fix Obbligazionario Globale Y +1,05 9,138 Prima Forza 1 A +0,08 5,077 Prima Forza 1 B +0,08 5,078 Prima Forza 1 Y +0,08 5,111 Sai Obb.Internazionale +0,80 8,141 +1,00 5,83 Ubi Pra. Obbligazioni Globali OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Ubi Pra. Obbl. Globali Alto Rendimento -0,82 8,596 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan +2,01 5,84 OB. PAESI EMERGENTI -0,84 13,133 Arca Bond Paesi Emergenti Bnl Obbligazioni Emergenti -0,15 22,647 Emerging Markets Bond -0,43 6,066 -0,68 11,098 Eurizon Focus Obb. Emergenti Euromobiliare Emerging Markets Bond -0,18 7,11 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R-0,82 10,178 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T-0,82 10,22 Gestielle Emerging Mkt Bond A -0,75 10,007 Gestielle Emerging Mkt Bond B -0,76 10,18 Interfund Bond Global Emerging Markets -0,89 10,474 +0,26 7,277 Mc G.Fdf High Yield A Mc G.Fdf High Yield B +0,27 5,261 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti -0,20 8,767 Norvega Obb. Paesi Emergenti A -0,08 7,325 Norvega Obb. Paesi Emergenti B -0,08 7,431 +0,01 7,599 Optima Obb. Emergent Market -0,22 10,005 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A Prima Fix Emergenti A -0,56 12,867 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI


il Domani Martedì 11 Maggio 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,02 Amundi Obbligazionario Euro -0,37 Anima Convertible -0,81 Azimut Trend Tassi +0,08 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine -0,27 Consultinvest Obbligazionario -0,37 Ducato Fix Convertibili A -0,08 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 Eurizon Focus Obb. Cedola -0,44 Eurizon Obb. Etico -0,31 Fonditalia Euro Yield Plus T -0,16 Fonditalia Inflation Linked R +0,18 Fonditalia Inflation Linked T +0,19 Gestielle Obbligazionario Corporate A -0,45 Gestielle Obbligazionario Corporate B -0,44 Groupama It. Bond Sel. Fund -0,02 Interfund Inflation Linked +0,28 Mediolanum Risparmio Reddito -0,22 Nordfondo Obbligazioni Convertibili -0,32 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,07 Pioneer Obb. Euro Dis. A +0,06 Prima Fix Emergenti Y -0,55 Ras Lux Short Term $ +0,00 -0,70 Ras Lux Short Term Euro -0,11 Symphonia Comp.Obb. Area Europa Ubi Pra. Obbligazioni Dollari +1,38 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario -1,00 Alto Obbligazionario -0,42 Anima Fondimpiego -0,45 Arca Obb.Europa -0,51 -0,15 Azimut Contofondo Azimut Solidity -0,24 Bancoposta Mix 1 -0,07 Bim Corporate Mix -0,05 Bnl Telethon -0,03 Ca Multimanager Difensiva +0,00 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 -0,32 Carige Bilanciato 10 -0,53 Cividale Forum Iulii Rendita A -1,88 Cividale Forum Iulii Rendita B -1,88 Cr Cento Misto Best -0,15 Eurizon Diversificato Etico -0,67 -0,52 Eurizon Rendita Eurizon Soluzione 10 -0,42 Fucino Dynamic +0,17 Gestielle Etico Per Ail A -0,36 Gestielle Etico Per Ail B -0,35 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica -0,41 Leonardo 80/20 -0,73 Nextam P. Obbligazionario Misto -0,50 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni-0,55 +0,09 Norvega Sintesi Moderato Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A +0,44 Sai Multi Fund Linea Prudente -0,35 -0,23 Sai Performance -0,03 Sforzesco Symphonia Patr.Globale Reddito -0,23 Synergia Bilanciato 15 -0,27 Total Return Obbligazionario +0,11 -0,07 Ubi Pra. Portafoglio Prudente Valori Responsabili Obbligaz. Misto -0,03 -0,42 Zenit Obb. I Zenit Obb. R -0,43 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi -0,37 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale -0,41 +0,09 Arca Cedola Corp. Bond Arca Cedola Corp. Bond Ii +0,04 Arca Cedola Corporate Bond Iii +0,00 Arca Cedola Gov. Euro Bond -0,14 +0,29 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii +0,00 Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii Aureo Cash Dynamic -0,19 -0,15 Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' -0,06 -1,10 Cividale Forum Iulii Strategia A Cividale Forum Iulii Strategia B -1,18 Consultinvest High Yield -0,57 -0,57 Consultinvest Monetario Consultinvest Reddito -0,73 Ducato Fix Rendita A -0,02 Ducato Fix Rendita Y -0,01 -0,11 Euromobiliare Tr Flex 2 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale -0,86 Premium -0,08 -0,08 Risparmio -0,57 Ritorni Reali Symphonia Bond Flessibile -0,12 Ubi Pra. Active Duration -0,18 Ubi Pramerica Total Return Prudente -0,08 +0,02 Vegagest Obbligazionario Flessibile -0,04 Volterra Tr Obblig. LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash -0,42 Allianz Liquidita' A -0,11 -0,10 Allianz Liquidita' At Allianz Liquidita' B -0,11 -0,01 Amundi Eonia -0,19 Amundi Liquidita' -0,11 Anfiteatro Tesoreria Anima Liquidita' -0,06 Arca Bt -0,11 -0,12 Arca Bt Tesoreria Aureo Liquidita' -0,07 -0,28 Azimut Garanzia Bnl Cash -0,23 Carige Liquidita' Euro A -0,14 -0,14 Carige Liquidita' Euro B Carismi Liquidita' B -0,02 Epsilon Cash -0,10 Eurizon Focus Tesoreria Euro A -0,20 Eurizon Focus Tesoreria Euro B -0,20 Eurizon Liquidita' A -0,25 Eurizon Liquidita' B -0,24 Euromobiliare Conservativo -0,03 +0,01 Euromobiliare Contovivo Fideuram Moneta +0,03

5,044 5,457 6,139 8,922 5,118 5,181 8,702 8,819 6,098 5,401 9,482 13,792 13,871 7,12 7,226 5,775 13,69 11,115 5,368 5,837 16,103 6,604 13,135 144,771 65,119 9,496 5,272

5,449 8,684 19,789 8,198 5,208 7,85 5,864 5,51 5,883 5,00 5,24 5,449 5,157 5,276 5,844 7,894 5,917 6,832 4,643 6,286 6,337 5,646 5,995 5,953 6,561 5,624 8,234 4,874 17,31 9,947 7,078 5,251 4,356 6,093 6,123 8,091 8,043

4,854 4,903 5,373 5,078 4,997 4,939 4,784 4,992 5,188 6,67 9,973 5,499 5,61 5,708 5,415 7,316 18,313 18,583 6,607 9,934 6,499 7,736 5,915 5,151 5,613 10,482 5,268 5,186

5,505 5,575 5,05 5,697 102,022 8,922 5,65 6,589 8,701 5,736 5,702 12,226 22,056 6,307 6,366 5,297 6,257 7,618 7,658 7,245 7,418 11,08 11,84 14,592

VARIAZ. QUOT.

Fondaco Euro Cash -0,11 115,283 Fondo Liquidita' -0,07 7,564 Gestielle Cash Euro A -0,43 6,963 Gestielle Cash Euro B -0,44 6,998 Nextam P. Liquidita' -0,28 5,756 Nordfondo Liquidita' -0,19 6,16 Norvega Monetario A -0,14 5,834 Norvega Monetario B -0,14 5,872 Optima Money -0,11 6,118 Pensplan Invest Cash Fund -0,07 5,932 Pioneer Liquidita' Euro A +0,02 5,06 Prima Fix Monetario A -0,16 8,473 Prima Fix Monetario I -0,16 8,568 Prima Fix Monetario Y -0,18 8,553 Sai Liquidita' -0,25 11,469 Symphonia Comp.Monetario -0,09 7,409 Synergia Monetario -0,16 4,998 Synergia Tesoreria -0,18 5,023 Ubi Pramerica Euro Cash -0,08 7,244 Vrg Coro Tesoreria -0,11 5,627 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +1,03 13,004 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ -0,19 16,527 FLESSIBILI -0,15 5,235 8a+ Gran Paradiso -0,57 5,029 8a+ Latemar 8a+ Monviso -0,02 5,113 Abis Flessibile +0,00 5,656 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 4,655 Agora Flex -0,28 6,663 Agora Selection -0,02 4,85 Agora Valore Protetto -0,43 6,202 -2,22 4,351 Alarico Re Alkimis Capital Ucits -1,66 4,977 Allianz F100 L -1,21 4,18 Allianz F100 T -1,23 4,105 Allianz F15 L -0,31 5,414 Allianz F15 T -0,30 5,338 Allianz F30 L -0,46 5,245 Allianz F30 T -0,46 5,17 Allianz F70 L -1,00 27,792 Allianz F70 T -1,01 27,242 Amundi Absolute -0,13 5,288 Amundi Azionario Trend -1,33 96,59 -0,50 5,181 Amundi Dynamic Allocation Amundi Equipe 1 -0,13 5,264 Amundi Equipe 2 -0,17 5,194 Amundi Equipe 3 -0,15 5,198 Amundi Equipe 4 -0,31 4,831 -7,28 4,84 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 Amundi Eureka China Double Wine -0,78 5,504 Amundi Eureka China Ripresa 2015 -1,08 4,943 Amundi Eureka Doppia Opportunit¿ 2014 -0,10 5,051 -1,05 5,392 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win -1,14 5,484 Amundi Eureka Double Win 2013 -1,80 4,851 -0,24 6,157 Amundi Eureka Dragon -0,85 5,13 Amundi Eureka Ripresa 2014 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 -1,49 4,84 Amundi Eureka Settori 2016 -0,35 4,825 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 -0,44 5,02 +0,08 4,90 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 -0,11 5,222 -0,16 4,899 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014-0,57 5,026 +0,07 5,701 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. Amundi Form. Private Div. Opp. +0,06 4,948 Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 -1,32 4,395 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013 -1,45 4,405 Amundi Formula Garantita 2012 +0,10 5,088 Amundi Formula Garantita 2013 +0,12 4,907 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,14 4,933 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014+0,00 4,897 -0,20 5,626 Amundi Piu Amundi Premium Power -0,27 5,177 -0,23 4,867 Amundi Private Alpha Amundi Qreturn -1,25 5,373 -1,22 4,683 Amundi Soluzione Azioni Amundi Strategia 95 -0,08 4,957 Anfiteatro Bond Plus +0,00 7,404 -0,02 5,158 Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return -0,09 5,638 Anfiteatro Corporate Bt -0,19 5,151 Anfiteatro Total Return +0,00 3,368 -1,29 13,73 Anima Fondattivo +0,00 4,903 Aqqua Arca Capitale Garantito Dic 2013 -0,21 5,201 -0,28 4,971 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 -0,24 5,501 Arca Corporate Bt Arca Rendimento Assoluto T3 -0,59 5,096 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 4,958 Aureo Defensive -0,10 5,056 -0,17 5,432 Aureo Ff 1classe Flessibile -0,20 6,077 Aureo Finanza Etica -0,96 9,295 Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia -1,95 16,165 Aureo Flex Opportunity -0,23 4,815 -0,32 5,927 Aureo Plus Aureo Rendimento Assoluto -0,52 5,58 -0,61 5,044 Azimut Strategic Trend -1,33 18,919 Azimut Trend -0,28 9,30 Azimut Trend America Azimut Trend Europa -0,78 11,831 Azimut Trend Italia -2,88 14,042 -0,43 6,55 Azimut Trend Pacifico Bancoposta Centopiu' -0,08 5,281 +0,00 5,235 Bancoposta Centopiu' 2007 Bancoposta Extra +0,02 5,291 Bancoposta Step +0,00 4,998 -0,06 4,961 Bancoposta Trend Bg Focus Azionario -0,51 22,508 Bim Flessibile -0,62 3,878 Bnl Target Return Conservativo -0,10 5,064 Bnl Target Return Dinamico -0,55 12,56 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia -0,43 5,368 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa -0,16 5,034 Bnpp Equipe Attacco -0,50 4,532 -0,25 4,821 Bnpp Equipe Centrocampo Bnpp Equipe Difesa -0,13 5,402

Carige Flessibile Carige Flessibile B Carige Flessibile Piu' A Carige Flessibile Piu' B Carismi Absolute Perf. A Carismi Absolute Perf. B

VARIAZ. QUOT.

-0,15 -0,17 -0,20 -0,20 -0,02 10/12/09 -0,02 Carismi Pratico A +0,00 Carismi Pratico B +0,00 Consultinvest Alto Dividendo -1,37 Consultinvest Mercati Emerg. -0,74 Consultinvest Multi Flex -1,70 Consultinvest Plus -0,40 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global -0,48 Epsilon Qreturn +0,00 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 -0,56 Eurizon Focus Garantito 03/13 -0,51 -0,41 Eurizon Focus Garantito 06/12 -0,39 Eurizon Focus Garantito 09/12 Eurizon Focus Garantito 12/12 -0,45 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,06 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 -0,27 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 -0,27 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 -0,27 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,34 -0,13 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 Eurizon Focus Profilo Dinamico -0,36 Eurizon Focus Profilo Moderato -0,45 Eurizon Focus Profilo Prudente -0,27 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni -0,20 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni -0,17 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A -0,27 Eurizon Team 1 G -0,27 Eurizon Team 2 A -0,28 Eurizon Team 2 G -0,28 -0,38 Eurizon Team 3 A Eurizon Team 3 G -0,36 Eurizon Team 4 A -0,23 Eurizon Team 4 G -0,22 Eurizon Team 5 A -0,26 -0,28 Eurizon Team 5 G Euromobiliare Real Assets +0,17 Euromobiliare Strategic +0,03 Euromobiliare Strategic Flex -0,20 -0,13 Euromobiliare Tr Flex 3 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 Federico Re -0,10 -0,29 Fideuram Master Sel.Absolute Return -0,53 Flessibile Fondaco Global Opportunities +0,00 Fondersel Duemila +0,00 Fonditalia Flex. Emerging Mkts T -0,20 -3,22 Fonditalia Flexible Dynamic R Fonditalia Flexible Dynamic T -3,13 -0,72 Fonditalia Flexible Growth R Fonditalia Flexible Growth T -0,71 -0,12 Fonditalia Flexible Income R Fonditalia Flexible Income T -0,13 Fonditalia Flexible Multimanager R -0,21 -0,21 Fonditalia Flexible Multimanager T Fonditalia Flexible Opportunity R -0,33 Fonditalia Flexible Opportunity T -0,33 Formula 1 Alpha Plus 20 -0,52 -0,26 Formula 1 Conservative -0,59 Formula 1 High Risk Formula 1 Low Risk -0,20 -0,48 Formula 1 Risk Gestielle Brasile -0,50 +0,00 Gestielle Global Asset Plus Gestielle Harmonia Dinamico -0,06 Gestielle Harmonia Moderato -0,09 -0,02 Gestielle Harmonia Vivace Gestielle Total Return -0,38 Gestielle Total Return Obiettivo Piu' -0,08 Gestnord Asset Allocation -0,56 -0,15 Igm Flessibile A -0,15 Igm Flessibile B Interfund System 100 -0,24 -0,17 Interfund System 40 -0,40 Interfund System Evolution Interfund System Flex -0,14 Intra Assoluto +0,68 Intra Flessibile +1,09 -0,94 Investitori Flessibile -0,93 Kairos Partners Fund +0,00 Kairos Partners Income Kairos Partners Small Cap -1,28 Macro F.0. -1,35 -0,04 Mc G.Fdf Flx Low A Mc G.Fdf Flx Low B -0,04 -0,11 Mc G.Fdf Flx.High B -0,23 Mc G.Fdf Flx.Med. A -0,24 Mc G.Fdf Flx.Med. B Mediolanum Flessibile Globale -0,87 Mediolanum Flessibile Italia -2,73 -0,92 Mediolanum Flessibile Strategico Nextam P. Flessibile -0,51 -1,01 Nordest Sicav Norvega Flessibile A +1,14 Norvega Flessibile B +1,19 09/03/10 Norvega Mb Absolut -0,07 3,014 Norvega Mb Strategic 09/03/10 -0,07 2,97 Norvega Rendimento A +0,48 Norvega Rendimento B +0,46 Ob. Rendimento -0,26 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 -0,09 -0,47 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 Paritalia Orchestra C +0,00

5,19 5,198 4,532 4,585 4,819

4,897 6,075 6,122 3,169 4,958 4,786 5,171 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,948 6,17 4,987 5,09 5,068 5,049 5,056 5,284 5,132 5,223 5,086 4,928 5,213 5,296 5,324 5,444 5,492 5,222 4,93 8,111 5,978 5,978 5,647 5,638 4,714 4,732 3,978 3,999 3,833 3,852 4,195 3,206 13,436 4,621 6,877 5,209 9,256 2,811 98,818 95,466 2,483 6,063 6,076 8,718 8,792 8,512 8,548 9,532 9,611 7,85 7,892 6,464 6,465 6,785 6,651 6,468 4,983 5,392 5,352 5,285 5,419 14,12 5,035 4,803 4,044 4,082 9,519 11,086 10,10 10,351 5,613 6,371 6,185 5,779 6,686 9,095 3,874 5,211 5,202 3,687 5,749 3,807 14,308 15,227 6,263 4,676 3,91 7,599 7,628 5,416 5,436 5,784 4,549 3,799 73,212

VARIAZ. QUOT.

Pioneer Target Controllo A -0,17 5,345 Pioneer Target Equilibrio A -0,06 5,375 Pioneer Target Sviluppo A +0,02 22,624 Prima Strategia A-Rt 100 A +0,02 5,133 Prima Strategia A-Rt 100 Y +0,02 5,144 Prima Strategia A-Rt 200 A +0,04 4,902 Prima Strategia A-Rt 200 Y +0,02 4,913 Prima Strategia A-Rt 50 A +0,04 16,343 Prima Strategia A-Rt 50 Y +0,04 16,367 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,04 2,241 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,09 2,258 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A-0,26 14,013 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y-0,26 13,986 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,11 4,745 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,10 4,79 Profilo Best Funds -0,17 5,928 Profilo Elite Flessibile -0,32 5,544 Sofia Flex -0,29 0,695 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A +0,65 5,408 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A +0,69 5,398 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B +0,69 5,416 Soprarno Contrarian A -0,55 3,789 Soprarno Contrarian B -0,55 3,797 +0,79 5,212 Soprarno Global Macro A +0,80 5,265 Soprarno Global Macro B Soprarno Inflazione +1,5% A +0,32 5,575 Soprarno Inflazione +1,5% B +0,32 5,604 Soprarno Relative Value A +1,49 5,519 Soprarno Relative Value B +1,49 5,573 Symphonia Asia Flessibile +0,00 6,027 Symphonia Comp.Fortissimo -1,08 2,574 -1,33 4,912 Symphonia Italia Flessibile Synergia Total Return +0,04 5,245 Total Return +0,17 2,296 Ubi Pra. Active Beta -0,30 4,714 Ubi Pra. Alpha Equity -0,25 5,139 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A -0,16 5,102 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B -0,18 5,119 Ubi Pra. Total Return Dinamico -0,50 4,955 Unibanca Plus -0,17 5,275 Volterra Dinamico -0,06 5,32 Volterra Tr Glob. -0,44 5,449 Vrg Coro Rendimento -0,34 5,238 +0,97 5,852 Zenit Absolute Return I Zenit Absolute Return R +0,98 5,773 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 -0,13 4,66 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico -1,41 11,221 Antonveneta Vita Armonico 2007 -1,43 9,604 Antonveneta Vita Attivo -2,01 11,963 -1,75 9,193 Antonveneta Vita Attivo 2007 Antonveneta Vita Azionario -2,66 14,102 Antonveneta Vita Azionario Globale -0,13 8,412 Antonveneta Vita Azionario Specializzato -0,17 10,015 -0,82 11,196 Antonveneta Vita Bilanciato Euro Antonveneta Vita Bilanciato Globale -0,41 10,987 Antonveneta Vita Dinamico -1,60 13,314 Antonveneta Vita Equilibrato -0,29 14,647 -0,01 11,393 Antonveneta Vita Euromoneta Antonveneta Vita Monetario -0,03 11,802 -0,05 11,906 Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,00 13,371 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto -0,25 12,32 Antonveneta Vita Protetto -0,08 12,529 Antonveneta Vita Protetto 2007 +0,03 10,556 -0,05 12,849 Antonveneta Vita Sicuro Antonveneta Vita Trend -1,19 11,845 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced -0,30 10,706 +0,63 10,335 Aurora New Bond -0,59 11,506 Aurora New Share Aurora Unietic -0,12 10,517 +0,94 10,536 Aurora Unit Balanced Aurora Unit Bond +0,87 8,92 +0,67 9,605 Aurora Unit Share Aurora Winvest Bilanciata -1,20 11,759 Aurora Winvest Dinamica -1,74 10,479 -0,84 12,558 Aurora Winvest Prudente AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 9,638 Axa Mps Carattere Forte +0,18 8,999 +0,42 8,15 Axa Mps Fin. Az. Europa -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Giappone Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 15,86 +0,41 6,603 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,96 11,228 Axa Mps Fin. Az. Top Ten Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 10,754 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 10,755 +0,07 11,785 Axa Mps Fin. Conservativo +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico +0,50 11,734 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +0,90 21,892 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,04 11,21 +0,03 10,77 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double -0,03 11,864 +0,01 10,057 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 +0,01 10,028 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 -0,27 9,574 -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 +0,13 13,021 Axa Mps Fin. Secure A Axa Mps Fin. Usa Equity A +1,11 6,033 BCC VITA -0,24 4,959 Bcc Vita Equity America Bcc Vita Equity Asia -0,34 5,328 Bcc Vita Equity Europa -3,31 4,73 Bcc Vita World Global Bond +0,06 5,39 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 -0,50 5,96 Bpm Az 50 -1,04 5,72 Bpm Az 80 -2,01 5,36 -1,09 4,53 Bpm Az Flex Bpm Financial Audace -2,22 3,96

VARIAZ. QUOT.

Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,18 5,52 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 5,58 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18 5,52 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,36 5,52 Bpm Financial Equilibrato -1,48 4,65 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,00 5,57 Bpm Financial Geographic Areas -1,75 3,37 Bpm Financial Global Bond +0,16 6,16 Bpm Financial Industrial Sector -1,99 3,45 Bpm Financial Prudente -0,95 5,24 Bpm Financial Riserva Euro +0,15 6,49 Bpm Financial Vita Azionario -2,48 4,72 Bpm Financial Vita Bilanciato -1,57 5,66 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,29 7,02 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 -0,17 10,821 Bnl Vita Capital Unit 60 -0,70 8,824 Bnl Vita Capital Unit 90 -1,38 6,853 Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B -1,94 141,875 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 -0,89 123,124 Cardif Bilanciato A -1,16 195,199 Cardif Bilanciato B Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B -0,22 218,877 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A -0,59 185,346 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 +0,29 173,009 Cardif Spazio Naturale CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,17 Carige Gestilink Arancione Dinamica -0,98 3,93 Carige Gestilink Blu Moderata -0,28 5,356 Carige Gestilink Verde Prudente -0,22 6,69 Carige Protezione Attiva -0,16 104,44 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario -0,33 4,287 Cattolica Bilanciato -0,18 4,513 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 -1,26 3,443 Cattolica Bpbari Freeway Desert Cattolica Bpbari Freeway Jungle -1,42 0,277 Cattolica Cividale Percorso Azionario -1,43 11,93 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario +0,10 11,352 Cattolica Ferrara Investire Azionario -0,66 3,456 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario +0,09 5,537 Cattolica Fondo Protetto +2,26 5,106 Cattolica Formula Life Azionaria -0,96 4,542 Cattolica Formula Life Bilanciata -1,04 4,876 -0,56 4,652 Cattolica Fuoriclasse Balanced Cattolica Fuoriclasse Bond +0,09 5,462 Cattolica Fuoriclasse Equity -1,40 3,317 -1,49 1,457 Cattolica Fuoriclasse High Tech -0,12 5,602 Cattolica Nuove Rotte Cattolica Obbligazionario +0,12 4,957 Cattolica Progetto Attivo Bond +0,11 4,677 Cattolica Progetto Attivo Equity -0,35 3,934 -0,20 4,519 Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica -0,42 5,206 +0,00 6,249 Cattolica Soluzione Prudente Cattolica Soluzione Vivace -0,64 3,72 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra -0,37 73,212 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 -0,09 150,274 Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 +0,06 166,006 Centrovita Anni 60 -0,68 122,467 Centrovita Anni 70 -1,65 125,347 -2,25 100,491 Centrovita Anni 80 -2,35 113,27 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue -2,21 59,918 -2,38 60,337 Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus -2,30 138,113 -1,12 152,584 Centrovita Bilanciato Centrovita Bilanciato Plus -1,11 179,852 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 +0,00 1.049,92 Centrovita Eag 2006 Centrovita Obbligazionario +0,31 189,807 Centrovita Obbligazionario Blue +0,28 124,678 Centrovita Obbligazionario Plus +0,32 211,275 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. -2,17 2,076 Duomo Unit Dynamic Unit Moderate +0,04 4,842 GENERTELLIFE S.P.A. -1,47 6,025 Adria Equilibrio Genertellife Aptus 1 -0,67 5,01 Genertellife Aptus 2 -0,86 4,719 Genertellife Aptus 3 -1,09 3,993 -1,15 10,341 Genertellife Bg 2005-2015 -1,20 9,778 Genertellife Bg 2005-2020 -1,00 9,001 Genertellife Bg 2005-2025 Genertellife Bg 2005-2030 -0,83 8,63 Genertellife Bg Azionario 1 -1,15 2,33 -1,08 2,658 Genertellife Bg Azionario 2 Genertellife Bg Bilanciato 1 -0,84 4,033 -0,60 5,156 Genertellife Bg Bilanciato 2 -1,57 8,508 Genertellife Bg Dinamico -0,97 2,96 Genertellife Espansione Genertellife Espansione2000 -1,05 2,924 Genertellife Sviluppo -0,79 4,293 -0,93 3,829 Genertellife Sviluppo2000 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,65 5,933 -0,43 5,799 Genertellife Tirreno Unit Protezione Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -1,17 5,228 Genertellife Valore -0,54 6,104 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo -0,10 4,10 Ina Fondo Valute Estere +0,79 1,154 Ina Nuovo Fondo Ina -0,10 7,865 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,63 5,341 Intesa Vita Azionario America Growth +1,64 9,484 Intesa Vita Azionario America Value +1,29 10,34 +1,32 22,522 Intesa Vita Azionario Cina Intesa Vita Azionario Europa Growth +0,04 10,808

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario Europa Value -1,38 11,514 Intesa Vita Crescita -0,33 6,058 Intesa Vita Dinamica -0,91 4,787 Intesa Vita Eurounit Azionario -0,62 3,222 Intesa Vita Eurounit Dinamico -0,47 5,047 Intesa Vita Eurounit Equilibrato -0,31 5,536 Intesa Vita Eurounit Prudente -0,02 6,354 Intesa Vita Gpa Accordo +0,25 680,50 Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,24 653,73 Intesa Vita Gpa Acuto +1,31 420,57 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +0,33 353,74 Intesa Vita Gpa Armonia +0,30 524,58 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +0,30 461,18 Intesa Vita Gpa Motivo +0,25 630,92 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,31 592,19 Intesa Vita Monetario Dollaro +1,46 9,334 Intesa Vita Monetario Euro -0,01 10,847 Intesa Vita Obbligazionario Euro -0,37 11,348 Intesavita Gpa Private Bond -0,26 727,18 Intesavita Gpa Private Global Guar. +0,30 591,35 Intesavita Gpa Private Global High +3,30 356,15 +0,29 674,44 Intesavita Gpa Private Global Low Intesavita Gpa Private Global Medium +1,15 554,99 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo -0,06 3,604 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -0,05 4,137 Mediolanum Azionario Fedelt¿ +0,00 2,038 Mediolanum Azionario Lntraprendenza -0,12 3,345 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -0,10 4,107 Mediolanum Azionario Protezione -0,10 5,87 Mediolanum Balanced +0,10 4,779 Mediolanum Balanced Bis +0,17 4,851 Mediolanum Country -0,06 3,513 Mediolanum Country Bis -0,07 4,095 +0,17 4,225 Mediolanum Dynamic Mediolanum Dynamic Bis +0,19 4,639 Mediolanum Eurobond Breve Termine -0,12 6,711 Mediolanum Eurobond Opportunita' +0,25 6,887 Mediolanum Eurobond Sviluppo +0,01 6,695 -0,11 4,355 Mediolanum Euroequity Opportunita' Mediolanum Euroequity Protezione -0,08 6,483 -0,04 4,637 Mediolanum Euroequity Sviluppo Mediolanum Moderate +0,14 5,158 Mediolanum Moderate Bis +0,21 5,175 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis -0,13 5,50 Mediolanum Obb. Crescita Bis +0,30 5,421 -0,10 5,221 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,02 5,455 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,24 6,762 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' -0,12 6,621 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,02 6,594 Mediolanum Opportunity -0,13 3,902 -0,12 4,268 Mediolanum Opportunity Bis -0,13 6,17 Mediolanum Prudent Mediolanum Prudent Bis -0,13 5,472 Mediolanum Sector -0,06 3,471 Mediolanum Sector Bis -0,05 4,318 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +0,00 3,124 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,14 4,447 Milano Assicurazioni Previlink Monetario -0,03 6,173 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario-0,14 5,575 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,00 3,438 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,34 5,893 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -0,96 13,374 -1,06 13,066 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,61 11,924 -0,18 11,402 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda -0,19 10,036 Risparmio Formula Link In Terza -0,21 8,399 Risparmio Gestivita Azionario -0,23 9,011 Risparmio Gestivita Bilanciato -0,17 10,708 +0,06 12,172 Risparmio Gestivita Obbligazionario Risparmio Patavium Ul Dinamico -0,67 8,213 Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,43 9,213 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A -0,96 8,486 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale -1,02 8,135 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo -1,12 9,131 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -1,06 9,552 -0,21 9,73 Sara Vita Profilo Guardian Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno +0,00 119,51 Unipol Uninvest Azioni Piu' -0,43 109,49 -0,28 13,662 Unipol Uninvest Crescita +0,33 12,90 Unipol Uninvest Equilibrio Unipol Uninvest Flessibile +0,61 7,08 -0,56 109,329 Unipol Uninvest Grande7 -0,28 105,204 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 -0,43 111,702 -0,40 104,113 Unipol Uninvest Otto&Mezzo Unipol Uninvest Performance Europa -0,84 7,708 Unipol Uninvest Risparmio -0,16 13,51 Unipol Uninvest Valore +0,14 12,904 ZURICH LIFE AND PENSION +0,00 5,416 Zlap Controllo Zlap Crescita -1,07 6,499 Zlap Equilibrio -0,34 7,598 -0,23 4,863 Zlap Evoluzione Zlap Protezione +0,00 7,87 Zlap Prudenza -0,19 5,741 Zlap Sicurezza +0,02 5,473 Zlap Sviluppo -0,60 3,787


28

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

CRONACHE Gigi Proietti al Politeama Successo con tifo da stadio CATANZARO - Sketch esilaranti alternati a liriche d’amore, dai grandi successi internazionali alla canzone romana: Gigi Proietti ha concluso domenica scorsasera la sua tre giorni catanzareseconunaltrosuccesso, tributato a scena aperta dal pubblico con una standing ovation. Tre spettacoli che hanno fatto registrare il tutto esaurito al Politeama che ha accolto un artista vero, poliedrico che con la sua verve ha contagiato il pubblico coinvolgendolo nelle gag più divertenti. Proietti ha portato in scena, aggiornandolo, il suo ultimo show "Di nuovo Buonasera".

Quarto congresso regionale dell’Age Tema: "Il geriatra territoriale" CATANZARO - "Il geriatra territoriale: tra prevenzione e complessità gestionale del paziente anziano" è stato l’argomento al centro del quarto congresso regionale dell’Age (Associazione geriatri extraospedalieri), svoltosi a Catanzaro e organizzato da Pietro Gareri e Roberto Lacava, rispettivamente presidente e segretario regionale dell’Age. Il Congresso si è svolto in collaborazione con le società scientifiche geriatriche regionali, la Sigg, la Sigos e l’Aip, rappresentate dai rispettivi presidenti Giuseppe Battaglia, Giovanni

Ruotolo e Amalia Bruni). La stretta collaborazione tra le società scientifiche testimonia la ferma volontàdellesezionigeriatriche calabresi di costruire percorsi comuni per la persona anziana e modelli di assistenza continuativa flessibili, pratici e funzionali, come sostenuto da Gareri all’apertura dei lavori. Il ruolo del geriatra è fondamentale nella prevenzione e nella cura delle disabilità dell’anziano, nella comprensione dei meccanismichelapossonodeterminare e quindi nella prevenzione delle possibili conseguenze.

Furti, spaccio e vandalismo Confcommercio: concretezza CATANZARO - «Un tentato atto intimidatorio ai danni di un locale di lido, qualche giorno dopo l’incendio di un auto, di proprietà del figlio di un imprenditore, omicidi rimasti irrisolti e poi ancora furti nel centro della città, atti vandalici e la realtà di quartieri che sono crocevia dello spaccio di droga. Questo è il clima che si respira nel capoluogo calabrese». A sottolinearlo, in una nota, è il presidente di Confcommercio Catanzaro, Piero Tassone. «E’ contro questa realtà - aggiunge - che sentiamo forte il bisogno di chiedere che si convochi subito un Comitato per l’ordine e la sicurezza dal quale non escano più solo documenti costituiti solo di parole, ma che si dia seguito a fatti concreti con un presidio del territorio che sia fatto di uomini e mezzi. Pensiamo ad esempio a quelle telecamere che fanno da ornamento all’arredamento di corso Mazzini e che dovevano servire da strumenti "punitivi"controautomobilistiindisciplinati.Invitiamol’Amministrazione comunale a valutare l’ipotesi di rendere produttivo quell’investimento, fatto con soldi pubblici, e di utilizzare quelle telecamere come supporto al lavoro delle forze dell’ordine. La nostra preoccupazione - conclude Tassone - è grande e non vorremmo che si trasformasse ancora una volta in dolore per l’accadimento di fatti ai quali si potrebbe porre rimedio».

Sporcizia su 32 vagoni Rienzi: Regione intervenga di Carmela Mirarchi LAMEZIA TERME - Sporcizia di varia natura in compartimenti, corridoi e servizi igienici è stata riscontrata dai carabinieri del Nas di Catanzaro nel corso di controlli su 32 vagoni utilizzati su treni nazionali e regionali in transito nella stazione di Lamezia Terme che hanno accertato le precarie condizioni igienico-sanitarie dei mezzi. Nel corso dell’operazione è stata inoltre constatatal’eccessiva usuradegliarredi Constatata e dei rivestimenti l’eccessiva dei compartimenti e dei serviusura degli zi igienici, tale da arredi. Troppo non garantire i requisiti minimi scarsa di igiene. I controlli, coordinati l’igiene dalla Procura di Lamezia ed eseguiti insieme a personale dell’Azienda sanitaria provinciale, sono stati disposti in seguito all’incidente occorso ad un passeggero che, alcuni mesi fa, si è dovuto sottoporre a cure mediche dopo esse-

re stato punto da una zecca. In alcuni vagoni, i carabinieri hanno anche accertato l’omessa verifica semestrale degli estintori. In una carrozza è stata riscontrata la mancata chiusura della porta automatica durante la marcia del treno. Dopo la contestazione delle violazioni, sono stati completamente sostituiti gran parte degli interni, sono state eseguite pulizie straordinarie delle carrozze e revisionati gli estintori. Ai due dirigenti dell’ente gestore del servizio, individuati come responsabili dal punto di vista legale delle irregolarità riscontrate, sono state notificate

ammende per un ammontare totale di 40 mila euro. Sulla questione è intervenuto il Presidente del Codacons, Carlo Rienzi, che ha sollecitato l’intervento della Regione Calabria. «Da una parte le tariffe ferroviarie aumentano, dall’altra il servizio non solo non migliora, ma addirittura sembra peggiorare, a tutto danno degli utenti che pagano di più senza però ottenere in cambio una maggiore qualità del servizio. I carabinieri di tale nucleo, a seguito di una apposita indagine - è scritto nella nota dell’associazione dei consumatori - avrebbero riscontrato uno stato diffuso di sporcizia sui vagoni oltre che usura degli arredi e dei rivestimenti dei compartimenti e dei servizi igienici. Tutto ciò è assolutamente paradossale - afferma Rienzi - la Regione Calabria deve intervenire seguendo l’esempio di altre amministrazioni regionali del nord, multando Trenitalia con sanzioni da milioni di euro, unico strumento che possa fungere da deterrente e obbligare la società a offrire un servizio migliore ai passeggeri».

Aipef, volontari alla Vivaldi CATANZARO - Nei prossimi giorni prenderà il via presso l’istituto comprensivo statale "V.Vivaldi" un progetto di collaborazione con l’associazione Aipef che ha il compito di fornire assistenza pre e post scolastica a bambini ed adolescenti. L’associazione italiana psicologia educativa e familiare nasce con fini non lucrativi, proponendosi di perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale e di arrecare benefici a persone svantaggiate in ragione di condizione fisiche, psichiche, economiche e familiari. L’Aipef nasce quindi con lo scopo di aiutare tutte quelle famiglie che per diverse ragioni si trovano in difficoltà economiche, sociali e culturali e infatti organizza corsi alla genitorialità, promuove e gestisce sportelli di ascolto e crea centri di benessere psico-fisico negli enti e nelle strutture scolastiche e nella grandi aziende. L’idea di creare questa associazione nasce dalla genialità e dallo spirito imprenditoriale e di gruppo del dott. Salvatore Varano presidente della stessa e dalla collaborazione con la psicologa Concetta Procopio vicepresidente, coordinatrice e responsabile. Sulla base di questi principi di solidarietà, partecipazione e pluralismo il dirigente scolastico della Vivaldi Vitaliano Rotundo insieme al prezioso aiuto della prof.ssa Flora

Mottola ha siglato un protocollo sorvegliare, intrattenere, favorire d’intesa con l’Aipef per un servizio il processo di avvio e di conclupre-post sione della scuola che giornata prenderà il via scolastica proprio in venendo questi giorni, così inconl’associazione tro a quei metterà infatti genitoriche a disposizione devonopordella scuola tare prima personale o non posqualificato sono rinelle figure di prendere i 12 volontari loro figli suesperti in conbito dopo il testi educativi, suono della che avranno il campanelcompito di Concetta Procopio dell'Aipef la.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 29

CRONACHE Fondazione Betania in difficoltà Prosegue sciopero dei lavoratori di Gianni De Rossi CATANZARO - Ieri mattina i lavoratori di Fondazione Betania hanno manifestato davanti ai cancelli della struttura in Via Molise a Catanzaro nella prima giornata di sciopero proclamato dalle organizzazioni sindacali di categoria Cgil - Cils - Uil per protestare contro «l’ ingiusto licenziamento di unalavoratricedi Fondazione BeI lavoratori tania avvenuto rivendicano la alcuni giorni addietro oltre ad uniformità di annunciati ultelicenapplicazione riori ziamenti». A renderlo noto sono di un unico stati i segretari Contratto dei sindacati. «Inoltre - hanno aggiunto - i lavoratori hanno protestato contro il permanente ritardo nella corresponsione degli stipendi ed il man-

cato pagamento di quota degli arretrati contrattuali che vantano da anni; in più, i lavoratori rivendicano la uniformità nell’applicazione di un unico Contratto Collettivo di Lavoro e non due come si sta facendo attualmente, estendendo a tutto il personale di Fondazione Betania il contratto nazionale di lavoro Aris con migliori trattamenti retributivi e normativi. Lo stato d’incertezza e precarietà che permane per centinaia di lavoratori e le loro famiglie è stato ulteriormente aggravato dall’avvenuto licenziamento della collega professionista biologa. La riduzione di personale così qualificato, per come paventata, comprometterebbe sicuramente la qualità del servizio e , quindi , la protesta dei lavoratori è anche nei confronti della Regione Calabria che non deve consentire alcun licenziamento, per non far abbassare di un millimetro il livello qualitativo che Fondazione Betania fornisce nel servizio verso una fascia molto delicata

di pazienti ed anziani . La riunione in Prefettura del 3 maggio scorso, tra Fondazione Betania e le organizzazionisindacali,allaqualeerano presenti anche i rappresentanti degli Assessorati Regionali alla Salute ed al Lavoro e Servizi Sociali nonché il Direttore Generale dell’AziendaSanitariaProvinciale, non ha sortito il raffreddamento e la conciliazione necessarie per la revoca dello sciopero: Fondazione Betania non ha accolto le richieste del Sindacato. Sull’applicazione concludono Cgil, Cisl e Uil - di un unico contratto nazionale di lavoro addirittura è apparsa sulla stampa una dichiarazione della parte datoriale che si sarebbe passati all’applicazione per tutti i dipendenti di Fondazione Betania del Ccnl meno vantaggioso: quindi una reale riduzione dello stipendio per molti lavoratori. Stante la grave situazione i sindacati ed i lavoratori hanno confermato lo sciopero che proseguirà anche oggi».

Controlli della Polizia, 5 denunce a Catanzaro di Marina Bianco CATANZARO - Cinque persone denunciate e 6 motoveicoli rubati recuperati. E’ il bilancio dell’attività svolta durante lo scorso fine settimana dagli uomini della Squadra Volante della Questura di Catanzaro. Gli agenti, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato un’autovettura con a bordo delle persone che, dopo aver visto la volante, ha accelerato per eludere il controllo dei poliziotti. Ne è scaturito un inseguimento che ha portato all’identificazione delle persone occupanti l’auto:

B.M.di 33 anni, sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora in Catanzaro, con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione dalle ore 19 alle ore 6,30 ; B.C. di 35; P.F. di 15; R.G. di 16. Un controllo dell’autovettura sulla quale viaggiavano, una Lancia Y, ha permesso di rinvenire una grossa pinza in acciaio, 3 cacciaviti con

punta a taglio, fili elettrici, varie chiavi inglesi e un’asta metallica. Gli arnesi, chiaramente utilizzabili per commettere reati contro il patrimonio, sono stati sequestrati ed i giovani denunciati. La persona sottoposta alla misura cautelare è stata anche denunciata per la violazione delle prescrizioni imposte dal magistrato di sorveglianza. Nel quartiere S. Maria, i poliziotti hanno recuperato e restituito ai legittimi proprietari, 6 motocicli: un ciclomotore Piaggio Ngr, un Mbk Teos; un Piaggio Liberty; un ciclomotore Piaggio Liberty e un Piaggio Vespa.

Convegno Soroptimist Un film su Vienna da Fuscaldo LAMEZIA TERME - Donna modesta, umile, ritirata e soprattutto devota: Vienna da Fuscaldo, madre di San Francesco di Paola, è stata una delle figure più importanti nell’educazione e nella formazione spirituale del Santo protettore della Calabria. E proprio a lei, il Soroptimist International di Lamezia Terme, insieme al Terz’Ordine dei Minimi, ha voluto dedicare un convegno, nel corso del quale è stato proiettato il film realizzato dal regista Fabio Marra dedicato a questa donna.

Auto danneggiata dai vandali davanti l’ospedale di Lamezia LAMEZIA TERME - Ancora atti vandalici all’ospedale civile "Giovanni Paolo II" di Lamezia. Nel pomeriggio di ieri, 4 auto parcheggiate all’interno dell’area ospedaliera di contrada Ferrantazzo sonostate danneggiate. In particolare, ignoti hanno rotto i vetri dei finestrini delle auto, tre delle quali parcheggiate all’in-

terno dell’area destinata ai disabili, proprio di fronte all’ingresso principale del nosocomio. Dell’accaduto sonostateinformateleforze dell’ordine. La situazione dell’ordine pubblico a Lamezia e a Soverato, è al centro oggi di di una riunione del Comitato provincialeperlasicurezza pubblica.

Gualtieri di Catanzaro Marina: concludere decespugliamento CATANZARO - «Non riusciamo a comprendere con quale metodo viene effettuato il decespugliamento ed il diserbo di Catanzaro Marina, e ciò che è accaduto a Giovino ne è il chiaro esempio». E’ quanto si legge in una nota di Gualtieri del Movimento CatanzaroMarina.«Dopol’ennesima sollecitazione a mezzo stampa, gli operai ed il personale preposto, hanno iniziato il decespugliamento e l’opera di diserbo in Giovino, ma ciò è stato un mordi e fuggi. Chiediamo - conclude la nota di Gualtieri quindi con forza che l’opera iniziata, in Marina ed in Giovino, sia terminata al più presto».


30

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

CRONACHE

Festa dell’Europa. Ospiti Barbara Matera e l’assessore alla Cultura

«L’Euromed è il futuro» La proposta di Caligiuri di Marisa Rossi ROSSANO - «Oggi a Corigliano voglio stipulare un patto di amicizia e collaborazione con questo territorio e con la Calabria. Da questo momento sarò la vostra voce in Europa. Il Presidente Scopelliti e la sua squadra potranno operare bene anche se faranno squadra con i rappresentanti meridionali al Parlamento Europeo». E’ quanto ha scandito la ventottenne eurodeputata pugliese Barbara Matera, protagonista della 9° Edizione regionale della festa dell’Europa, organizzata da Otto Torri e dal Comune di Corigliano e svoltasi nei giorni scorsi al Castello Ducale nel centro storico. «Lavoriamo insieme ad un progetto innovativo per riuscire a strutturare in Calabria un programma di educazione alla cultura europea». E’, questa, la proposta che l’Assessore alla Cultura della Regione Calabria, il Prof. Mario Caligiuri ha rivolto pubblicamente all’Eurodeputato Barbara Matera, interloquendo con gli studenti nella Sala degli Specchi. «Il mio obiettivo ha continuato la Matera - è quello di riuscire a colonizzare il maggior numero di centri nelle sei regioni del sud all’idea ed all’importanza di appartenere all’Europa Unita. L’Unione - ha aggiunto la prima

eletta nel Sud alle ultime europee - lavora e produce per noi molto più di quanto ci viene spesso raccontato. Anche per questo motivo - ha detto - abbiamo il dovere di sceglierci rappresentanti capaci a Bruxelles». Nel corso del suo intervento, appassionato ed appassionante, l’On. Matera ha illustrato il suo impegno per lo sblocco dei fondi UE destinati alla città de L’Aquila, per il G8 delle donne e sul fondo europeo per la globalizzazione. L’integrazione dei popoli - ha continuato - è la strategia e l’impegno più importante per il futuro». Alla sua prima uscita pubblica, a Corigliano, come Assessore Regionale alla Cultura, il Prof. Mario Caligiuri, nel suo intervento, non ha perso occasione per invitare i giovani, suoi dirimpettai preferiti, «a studiare, ad impegnarsi e - dice - ad andare in direzione ostinata e contraria, ad acquisire un pensiero critico, a conoscere le parole perché - scandi-

sce - attraverso il significato delle parole si costruisce la realtà». Ma non evita, Caligiuri, neanche di perlare dell’efficienza della pubblica amministrazione e dice come la pensa: «La logica che hanno i funzionari regionali non è quella di spendere al meglio, ma quella di spendere comunque. Ciò porta disastri dal punto di vista civile, economico ed educativo. E se noi identifichiamo l’Europa con lo spreco di risorse, l’Europa non serve. E’ indubbio: l’Unione Europea è fondamentale, ma è per questo - aggiunge - che la vorremmo migliore. Oggi non c’è molta euro-democrazia. Eppure - ricorda quasi il 90% delle leggi sono di derivazione comunitaria. Probabilmente non riusciamo a cogliere e ad utilizzare nel profondo le grandi opportunità dell’Europa, a causa di una disorganizzazione strutturale in capo alle regioni. Una cosa è però certa: dobbiamo guardare all’Euro-

pa così come dobbiamo guardare al Mediterraneo, insieme. L’Euromed può essere il nostro grande futuro, punto di arrivo di investimenti e di formazione delle elite dei paesi del Sud Europa».

Partita l’organizzazione del CampoGiovani 2010 a Scalea Stummo: tutte le informazioni presso l’assessorato SCALEA - L’assessore alle Politiche giovanili, Antonio Stummo, ricorda che sono state avviate quattro iniziative legate ai Campi Giovani 2010, organizzate dalla Presidenza del Consiglio, dipartimento della Gioventù, in collaborazione con la Marina Militare, il dipartimento Vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile. «Il progetto - ricorda l’assessore Stummo - può essere preso in considerazione da tutti i giovani di

età compresa fra i 14 ed i 22 anni compiuti alla data della compilazione della domanda». Il progetto Campogiovani ha avuto successo nella prima edizione ed è destinato a ragazzi e ragazze residenti in Italia che frequentino istituti scolastici superiori o siano iscritti ai primi anni del ciclo universitario. La graduatoria verrà formata in base a criteri di merito scolastico e, in caso di parità in base al modello Isee più basso.

Il sindaco Sero: costruire l’Europa dal basso CARIATI - «L’Europa si fa dal basso. E’ in questa ottica e con profonda convinzione, mia personale e dell’Amministrazione Comunale, che partecipiamo alla 9° Edizione Regionale della Festa dell’Europa, ricordando celebrando ed interrogandoci sull’Europa, a 60 anni dalla Dichiarazione Schuman del 9 Maggio 1950». Così ha esordito il Sindaco di Cariati, Filippo Sero intervenendo alla cerimonia solenne della Festa dell’Europa organizzata da "Otto Torri sullo Jonio", ospitata quest’anno nella prestigiosa Sala degli Specchi del Castello Ducale, a Corigliano. «Come Amministrazione Comunale - ha detto SERO - siamo impegnati con diverse iniziative, su tutte il Concorso Altiero Spinelli, finalizzate a educare i nostri giovani a pensare di essere cittadini europei e a diventare cittadini europei attivi, sforzandosi di acquisire maggiore consapevolezza e di porsi positivamente ed operativamente verso questa nostra comune e più ampia citta-

dinanza. Credo - ha aggiunto il Sindaco - che l’Europa debba diventare una nazione, fatta di tante culture e di popoli diversi. C’è necessità di un soggetto nuovo che, a livello internazionale, possa esercitare una politica estera capace di intervenire e di sostenere le attese e le esigenze umanitarie, di pace e quelle ambientali». «La Sezione Gfe di Cariati - ha detto il giovane Presidente Domenico Tavernise - è la prima nata in Calabria. Ciò, ovviamente, non può che farci sentire orgogliosi nel ribadire, con impegno, il nostro senso di appartenenza ai valori, ai metodi ed alle opportunità della cittadinanza europea. In una terra dalle mille difficoltà quotidiane - ha aggiunto Tavernise rivolgendosi all’Ass. Caligiuri ed all’On. Matera - sentirci militanti dell’Europa Unita ci motiva ad essere anzi tutto calabresi più attivi. Paradossalmente - ha concluso -ci sentiamo meno distanti dai rappresentanti al Parlamento Europeo che dalla politica nazionale».


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 31

CRONACHE Incontro a Cariati, tra i presenti anche l’assessore regionale e il sindaco Sero

Pesca, no ai finanziamenti a pioggia Trematerra: presto linee di sviluppo CARIATI - Pesca. No a finanziamenti a pioggia; sì a incentivi che producano, come effetti a lungo termine, redditi e cultura d’impresa. Cariati è, per la sua identità, per le sue tradizioni, per il lavoro e per l’impegno per lo sviluppo economico dell’area portuale, a tutti gli effetti, "Città del mare". Sono queste, in sintesi, alcune delle considerazioni emerse nel corso della riuscitissima "Giornata della Pesca 2010", evento co-organizzato dall’Amministrazione Comunale e dalla Cooperativa Pescatori, che ha visto, a Cariati, la presenza, tra gli altri, del neo Assessore Regionale all’Agricoltura e Forestazione on. Michele Trematerra. Lo stesso assessore regionale all’Agricoltura, Michele Trematerra, si è impegnato ad incontrare, nei prossimi giorni, il responsabile regionale di Lega Pesca, Salvatore Martillotti, per definire delle linee operative che vadano nella direzione di uno sviluppo sostenibile nel settore della piccola e grande pesca e per la salvaguardia della costa, in relazione, anche, alle aree montane. e"Psce trasparente" è, questo, il progetto che l’Amministrazione Comunale guidata da Filippo Sero, in sinergia con Lega Pesca, porterà avanti con l’apertura del mercato ittico al consumo. «Il pescato - ha detto il Sindaco deve costituire un reddito per i pescatori,

che potranno venderlo direttamente, senza intermediari». Al partecipato incontro di sensibilizzazione, moderato dalla scrittrice e ricercatrice Assunta Scorpiniti (curatrice della importante mostra fotografia itinerante sull’identità marinara inaugurata proprio in occasione ed a margine dell’evento di Lega Pesca), sono intervenuti, oltre al Sindaco, anche Francesco Stagira (2° T.V. Co-

mandante della Capitaneria di Porto di Corigliano), Salvatore Martillotti (Presidente Cooperativa Legapesca Calabria), Carla Creo (Enea, Referente Nazionale Fee-Italia), Mario Marino (Direttore del Dip. Prevenzione dell’Asp) e l’assessore Leonardo Trento.

Pesce trasparente è il progetto che la Giunta Sero in sinergia con Lega Pesca porterà avanti con l’apertura del mercato ittico al consumo

Sì a incentivi che producano come effetti a lungo termine redditi e cultura d’impresa. Cariati è, per la sua identità, per le sue tradizioni “Città del mare”

Aterp, 60 % degli inquilini morosi ha stipulato il piano di rientro

COSENZA - Il 60% degli inquilini di abitazioni dell’Aterp che avevano delle morosità pregresse, hanno provveduto a stipulare il "piano di rientro" dal debito predisposto dall’Ente. Lo scorso mese di ottobre l’Aterp aveva provveduto ad inviare, per lettera raccomandata, circa 2500 diffide nei confronti degli affittuari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica della provincia di Cosenza che avevano accumulato un debito residuo sul canone di locazione. In base alla legge vigente, l’amministrazione dell’Aterp di Cosenza ha così deciso di concedere, nei confronti degli inquilini particolarmente morosi, un "piano di rientro", cioè una rateizzazione per il saldo delle morosità pregresse. La ri-

sposta da parte di questi ultimi è stata positiva poiché, tramite raccomandata o direttamente presso gli sportelli dell’Urp, numerosi hanno estinto il debito, altre 400 famiglie circa hanno pagato invece un acconto e hanno rateizzato la restante

Camera di Commercio Sede di Corigliano non chiuderà COSENZA - La sede della Camera di Commercio di Cosenza distaccata in località Cantinella a Corigliano Calabro «non chiuderà, ma verrà potenziata, essendo questo presidio ritenuto essenziale per la crescita del comprensorio ove lo stesso è ubicato». Lo ha sostenuto il presidente della Camera di commercio, Ernesto Gaglioti, in merito a notizie di stampa. «La scelta operata dalla Camera di Commercio, in tempi non sospetti - ha proseguito il presidente della Camera di Commercio - è contenuta nella delibera di approvazione dell’esercizio 2010, licenziato nel novembre del 2009 dal Consiglio Camerale. Nel documento contabile è previsto lo stanziamento di una somma considerevole destinata alla ristrutturazione della sede in questione. E’ pur vero - ha continuato il Presidene della Camera di Commercio, Gaglioti - che l’Unioncamere regionale è proprietaria della sola parte d’immobile dove è ubicata la sala contrattazione, sebbene la disponibilità, in forza di regolare contratto è legittimamente in capo alla Camera di Commercio di Cosenza sino al febbraio 2021; e che comunque, poiché la parte prevalente dell’immobile, su cui insistono gli uffici della sede camerale distaccata, sono di esclusiva proprietà della Camera di Commercio di Cosenza, non vi è mai stato alcun rischio remoto di chiusura degli uffici di Cantinella, né tantomeno l’interruzione dei servizi erogati dalla sede»

somma da versare all’Ente. Tutti gli inquilini potranno recarsi presso gli uffici per avere informazioni. L’orario di ricevimento al pubblico è il lunedì dalle 9 alle 12:30 e dalle 15 alle 16:30, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12:30.


32

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

CRONACHE Progetto Daily, la Provincia al meeting di apertura ad Atene REGGIO CALABRIA - Oggi si realizzerà ad Atene il meeting di apertura del progetto Daily., "Democracy and Intercultural Language among Young" gestito dalla Provincia di Reggio Calabria in partenariato con la cooperativa Cisme, il Development Education Centre "European perspective" di Atene e il Local Youth Council di Salonicco. Il progetto, finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani, nell’ambito del Programma Comunitario "Gioventù in Azione", ha come obiettivo generale la promozione della cittadinanza attiva dei giovani, attraverso lo scambio di buone prassi.

Bova, associazione chiede all’Anas segnali bilingue BOVA-Indicazionibilingue in italiano e calabrogreco sulla segnaletica stradale di direzione. E’ quanto ha chiesto di fare all’Anas il presidente del circolo culturale "Apodiafazzi" di Bova, nel reggino, Carmelo Giuseppe Nucera. Il circolo si propone la difesa e la valorizzazione della lingua edellaculturagreco-calabra. La richiesta trae origine dalla legge 482 del 15 dicembre1999sullenorme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche, che prevede, scrive Nucera all’Anas, «misure di tutela e valorizzazione della cultura delle popolazionialbanesi,catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo e che, in aggiunta ai

toponimi ufficiali, i consigli comunali possono deliberare l’adozione di toponimi conformi alle tradizioni e agli usi locali». Nucera evidenzia inoltre che il regolamentoattuativoprevede anche, «in relazione agli ambiti territoriali delle minoranze linguistiche storiche, la possibilità dell’utilizzo di indicazioni scritte bilingui negli uffici pubblici e ne disciplina la segnaletica stradale, ’nel caso siano previsti segnali indicatori di localita’ anche nella lingua ammessa a tutela, si applicano le normative del codice della strada, con paridignità graficadelle due lingue». In provincia di Reggio Calabria, scrive Nucera, sono 16 i Comuni delimitati dal Consiglio provinciale nei quali si applicano le misure di tutele previste dalle leggi.

Università Mediterannea, domani Convegno sul design responsabile REGGIO CALABRIA - La Facoltà di Architettura della Mediterranea di Reggio Calabria ha organizzato per domani dalle 9 e 30 un convegno sul ruolo sociale del design, intitolato Design responsabile. L’iniziativa si colloca nel solco dell’approccio organico alle esigenze della società e del territorio che la Facoltà perseguedatempo:interazione con la realtà sociale locale, in un processo di reciproca valorizzazione e scambio di saperi. Il ConvegnosuDesignresponsabile ha in programma la testimonianza di Riccardo Varini, docente di Design

industriale all’IUav di Veneziaepromotoredinumerosi progetti di cooperazione in Italia e in realtà difficili quali l’Africa, nell’ambito dei quali l’insegnamento del design diventa strumento di attivazione di saperi tradizionali.

Tentata estorsione e lesioni In manette due rom reggini di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - Nella serata del 9 maggio i carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno tratto in arresto Amato Giovanni, classe 75, e Morello Patrizio, classe 90, con le accuse di tentata estorsione, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Nella nottata precedente, infatti, era stata sottratta l’autovettura di C.E. nel centro della città. Puntuale era giunta una telefonataconrichiesta di pagamento di Rubano una 700 euro per la auto e restituzione della macchina. chiedono L’appuntamento era stato fissato 700 euro presso le palazziper la nediviaCiccarello. All’incontro restituzione però si sono presentati due militari in borghese i quali venivano immediatamente avvicinati da un soggetto che ha riferito di essere in possesso dell’autovettura e richiedeva il pagamento dei 700 euro. Per comprovare il possesso del

mezzo il soggetto, successivamente identificato nel Morello, l’uomo forniva il certificato di proprietà dell’auto in originale. A quel punto i militari si sono qualificati e lo hanno bloccato. Immediatamente sono accorsi in soccorso del malvivente prima una decina di complici che erano nelle vicinanze e poi altre persone di etnia rom presenti nei cortili delle palazzine adiacenti. Grazie all’arrivo immediato dei rinforzi, mentre il Morello riusciva a guadagnare la fuga aiutato dai complici, è stato bloccato uno degli aggressori, l’Amato, che è stato

tratto in arresto. Grazie all’intervento delle pattuglie in supporto la situazione è stata riportata alla normalità, mentre sono proseguite le ricerche del Morello. In tarda serata lo stesso si è consegnato ai militari riferendo di trovarsi in Arghillà, dove poi è stato arrestato. Entrambi gli arrestati sono accusati di tentata estorsione, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. I due sono stati associati alla Casa Circondariale di Reggio Calabria a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

«Re.ge.s, obiettivi rispettati» di Marisa Medici REGGIO CALABRIA - Il presidente della Re.ge.s s.p.a Serafino Nucera, a qualche giorno dall’approvazione del bilancio dell’anno sociale 2009, esprime «piena soddisfazione per essere riusciti a rispettare gli obiettivi prefissati». «Una gestione - spiega Nucera - attenta ed oculata ha consentito il raggiungimento di un risultato economico più che positivo. Esso si ripete da più esercizi che, unitamente ad altri traguardi raggiunti di ordine gestionale ed in termini di servizi offerti alla cittadinanza, ha generato un clima di fiducia che ha portato l’organo amministrativo a scelte importanti di crescita della società». Il presidente della Re.ge.s in una nota evidenzia poi come in questi giorni «si concretizza, la volontà da parte del socio pubblico e privato di effettuare un aumento gratuito del capitale sociale che comporterà una nuova emissione di azioni che verranno assegnate gratuitamente agli azionisti in proporzione a quelle già possedute. Continuando ad investire nella società, anche attraverso la sua capitalizzazione è il miglior modo per valorizzare gli importanti risultati economici rag-

giunti negli ultimi esercizi grazie a tutto il personale della società, che attraverso il suo impegno ha permesso di migliorare la qualità deiservizioffertialla cittadinanza. In questo contesto prosegue Nucera tante sono state le azioni poste in essere dalla Reges durante l’ultimo anno. Prima fra tutte l’istituzione dello sportello no stop, quindi l’apertura di sportelli dedicati come quello sociale e l’altro riservato ai professionisti, che hanno consentito di raggiungere un duplice obiettivo: non solo la soddisfazione di esigenze specifiche per professionisti e aziende, e per le persone anziane e diversamente abili, ma anche una notevole riduzione delle code allo sportello e quindi dei tempi d’attesa. Obiettivo raggiunto anche grazie all’iniziativa dell’autolettura dei contatori direttamente da parte dei cittadini. Tenendo sempre ben presente che la finalità primaria della società è quella di offrire alla

popolazione servizi sempre più efficienti prosegue ancora il presidente di Re.ge.s - si è data voce, attraverso l’istituzionediappositi tavoli di concertazione, alle associazioni di rappresentanza dei consumatori, venendo così a conoscenza delle esigenze, soddisfazioni e problematiche dei destinatari dei servizi. La soddisfazione di entrambi i soci - pubblico e privato - dell’organo amministrativo e dirigenziale e del personale ha generato la consapevolezza di aver operato bene e la volontà di incrementare, con tutti gli strumenti in nostro possesso, il valore di un circuito che si è rivelato virtuoso grazie al costante impegno garantito incessantemente e indistintamente da tutti i livelli di una società che non ha mai scordato di essere al servizio dei cittadini». Ang.Lat.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 33

CRONACHE È ritenuta responsabile di due colpi, messi a segno il 24 gennaio e il 17 aprile

Furti in casa e lesioni ad anziani Arrestata "la donna" di una gang

Reggio è la 5° zona preferita dal turismo globale

di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - La presenza di una giovane era il denominatore comune di una banda dedita alle rapine in abitazioni di persone anziane. La donna è stata arrestata ieri dai poliziotti della sezione Volanti della Questura di Reggio Calabria, in esecuzione di un provvedimento restrittivo del gip del tribunale della città dello Stretto. Mariarosangela Corrado, 29 anni, si trova, adesso, in una cella della Casa circondariale di via San Pietro. E’ indagata per i reati di rapina pluriaggravata e lesioni. La Corrado è ritenuta responsabile, in concorso con altre persone in via di identificazione, di due colpi, messi a segno, rispettivamente, il 24 gennaio e il 17 aprile di quest’anno. Il modus operandi dei due episodi, secondo quanto hanno accertato le indagini della polizia, si caratterizza dalla presenza femminile nella banda, con la ragazza che, con una scusa, si faceva aprire la porta dell’appartamento della vittima designata, consentendo così ai complici di entrare in azione. I rapinatori prima immobilizzavano i malcapitati, poi facevano razzia di oggetti di valore e danaro con grande tranquillità. Le rapine sono state particolarmente cruente. Nel colpo d’inizio d’anno, le vittime sono state finanche picchiate, al punto da riportare traumi facciali e cronici e, nel caso di un’anziana, la frattura di una costola. In quella circostanza - sempre secondo la polizia - la ragazza che guidava

il gruppo di rapinatori ha fatto irruzione in casa della vittima armata di un’ascia che poco prima aveva prelevato all’esterno. Nel secondo colpo l’anziana padrona di casa è stata legata ed imbavagliata, mentre il gruppo criminale si è impossessato di preziosi e di un telefonino cellulare. Sbattuta la donna nelle patrie galere, i poliziotti delle Volanti, coordinati dal vice questore Gerlando Costa, proseguono l’attività investigativa al fine di accertare eventuali responsabilità di Mariarosangela Corrado in altre rapine che hanno avuto come vittime degli anziani e per identificare ed arrestare gli altri componenti la gang. Le caratteristiche esecutive di alcune rapine non hanno escluso un sistema seriale di questo genere di reato. Al lavoro investigativo si è aggiunta la testimonianza delle vittime i quali hanno descritto i dati somatici della donna corrispondenti a quelli della Corrado.

I rapinatori immobilizzavano i malcapitati, poi facevano razzia di oggetti di valore e danaro con tranquillità

Confisca 42 villette di Punta Pellaro, soddisfatta la Lipu BirdLife

REGGIO CALABRIA - La Lipu - BirdLife Italia dichiara la sua soddisfazione dopo la recente sentenza da parte della Corte di Cassazione che ha stabilito la confisca definitiva delle 42 villette sorte abusivamente a Punta Pellaro di Reggio Calabria. Una storia- è sottolineato in una nota - che ha visto la Lipu impegnata in un’aspra battaglia contro il complesso impropriamente definito "Villaggio turistico Punta Pellaro". La vicenda ha avuto inizio nel 1997 quando l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria rilasciò una concessione edilizia per la realizzazione del "villaggio". La Lipu in quella circostanza denunciò «l’aggiramento della normativa, perchè in realtà l’intervento edilizio non rispondeva a criteri di interesse generale (come previsto dalla destinazione d’uso dell’area) ma andava solo a vantaggio

dei privati. Una lottizzazione pura e semplice, peraltro realizzata a soli 15 metri dalla battigia, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico». Un primo esposto - è scritto in una nota - denunciò le violazioni alle norme urbanistiche, mentre un secondo, due anni dopo, ipotizzò anche i reati di lottizzazione abusiva, truffa e falso. Dopo una prima archiviazione, la svolta con il Pubblico ministero Giuseppe Bianco che ottenne dal Gip il sequestro cautelativo delle costruzioni. Dopo vari ricorsi (tutti respinti) presentati dalla ditte costruttrici si arrivò quindi al processo: il primo grado sancì la confisca del complesso, la sentenza di appello nel 2009 revocò la confisca stessa, e infine la Corte di Cassazione, che pochi giorni fa ha ribaltato la sentenza d’appello e bocciato in via definitiva il "villaggio". «La sentenza della Cassazione - afferma il vice presiden-

REGGIO CALABRIA - « La classifica sulle località turistiche emergenti, pubblicata nei giorni scorsi da "TripAdivisor", è uno stimolo per Reggio Calabria e per il sistema socio- turistico- culturale e recettivo che ruota attorno alla più grande città della Calabria». Lo ha affermato il consigliere comunale Giuseppe Sergi. «Il riconoscimento ci inorgoglisce come reggini e come componenti del centrodestra, che da otto anni governa la Città. Un orgoglio giustificato dall’autorevolezza della più grande community di viaggi del mondo, la cui struttura organizzativa ha stilato la particolare graduatoria. Se Reggio Calabria è la quinta destinazione preferita dal turismo globale lo si deve ad una serie di variabili che vanno dalla bellezza dei luoghi alla storia, dall’accoglienza ed ospitalità della gente ai segni di una modernità che avanza rispetto ad altre realtà mediterranee, al nuovo modo di programmare. La particolare posizione geografica di Reggio Calabria e l’orografia del territorio, con la brevissima distanza tra mare e montagna, sono tra gli elementi che suscitano l’interesse del turista che, una volta giunto in riva allo Stretto, si trova di fronte a diverse soluzione per un soggiorno interessante e gradevole. La classifica - ha concluso - è l’ulteriore conferma della bontà del lavoro svolto dalla Giunta Scopelliti che ha ridato vivacità al nostro tessuto socioculturale e turistico che in passato ci ha visti relegati agli ultimi posti del gradimento della gente»

te Lipu Fulvio Mamone Capria - ha un’importanza fondamentale nella lotta all’abusivismo edilizio che spesso porta danni irreversibili a paesaggi e natura del nostro paese. Le ragioni della Lipu, sostenute da 13 anni di battaglie e di lotte, sono state finalmente riconosciute da questa sentenza che evidenzia in modo netto le irregolarità commesse. Ci auguriamo che ora l’area venga presto restituita a un utilizzo che porti vantaggio a tutta la comunità». In questo contesto la Lipu, oltre la demolizione delle villette, «propone una reale valorizzazione dell’area: ripristino della vegetazione originaria, percorsi pedonali per raggiungere la spiaggia, dove nel frattempo ha nidificato la tartaruga caretta-caretta, strutture leggere a servizio dei bagnanti». Ang.Lat.


34

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

CRONACHE

Interinali Asp di Crotone Pacenza: verso la mobilità finitiva dei 150 dipendenti (un processo da realizzare attraverso gli annunciati concorsi pubblici alcuni dei quali in itinere). La richiesta di mobilità è però un percorso condiviso che richiede sia la collaborazione dell’Inps, che l’intervento attivo dei sindacati. Dovranno - conclude la nota - infatti essere loro i promotori della relativa richiesta presso gli organi competenti. Tale soluzione verrà per questo motivo prospettata mercoledì prossimo, nel corso della riunione convocata presso la sede della Direzione generale dell’Asp di Crotone, proprioconleorganizzazionisindacali».

di Carmela Mirarchi CROTONE - Si apre uno spiraglio nella vicenda che lega i circa 150 dipendenti interinali di Obiettivo lavoro all’Azienda sanitaria provinciale di Crotone. Per loro, si parla adesso di mobilità. «Come è più volte stato reso noto dagli organi d’informazione locale, a partire dalla fine del maggio prossimo, la somministraA sollecitare zionelavorativaa tempo determinato con l’Asp pil’incontro è tagorica verrà instato il terrotta in quanto, il rinnovo delconsigliere la specifica tipologia contratregionale tuale, non è più Pacenza praticabile secondo i termini previsti dalle legge». A dirlo con una nota è stato ieri l’on. Salvatore Pacenza. Una parziale soluzione del problema si è così cercato di fornirla nel corso di una riunione avuta lo scorso venerdì a Catanzaro presso gli uffici dell’assessorato al Lavoro. A sollecitare l’incontro è stato proprio il consigliere regionale del Pdl, Salvatore Pacenza, di concerto col direttoregenerale dell’Asp di Crotone, Mimmo Scuteri. Delle problematiche relative ai 150 precari dell’Aziendasanitariapitagoricase ne sono inoltre occupati il vicepresidente della Regione, Antonella Stasi, e gli assessori

regionali Francescantonio Stilitani (Lavoro) e Domenico Tallini (Personale e lavoro interinale). «Tra le tante opzioni vagliate nel corso della riunione - si legge nella nota - , si è convenuto che quella più percorribile è proprio il ricorso alla mobilità. Nello specifico, si tratterebbe di una fase transitoria da adottare dopo la scadenza del contratto, in attesa che si decida nel merito della stabilizzazione de-

Si apre uno spiraglio nella vicenda che lega i circa 150 dipendenti interinali di Obiettivo lavoro all’Asp di Crotone Per loro, si parla adesso di mobilità

Detenzione ai fini dello spaccio La polizia arresta due donne CROTONE - Due donne sono state tratte in arresto dagli agenti della squadra Mobile di Crotone con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. Si tratta di Antonella Bevilacqua, 26 anni, di Crotone, e Addolorata Bevilacqua, 21 anni, di Catanzaro. Nel corso di una perquisizione nell’abitazione di Antonella Bevilacqua, nel quartiere abitato dai nomadi, presso la quale era stato notato un via vai di persone, i poliziotti hanno rinvenuto, nascosti in varie zone della casa, 91 grammi di cocaina, 37 grammi di hascish, 55 grammi di mannite utilizzata per tagliare la coca, un bilancino elettronico, un frullatore elettrico nel quale vi erano residui di polvere bianca ed una confezione aperta di bicarbonato. Inoltre, Addolorata Bevilacqua è stata trovata in possesso di una somma di 800 euro sulla cui provenienza non ha saputo fornire spiegazioni convincenti. L’arresto delle due donne è stato convalidato dal giudice del Tribunale che poi ne ha ordinato la scarcerazione disponendo nei loro confronti l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Conferenza sulla Pace Alla casa della Cultura CROTONE - L’amministrazione comunale di Crotone aderendo all’invito del Coordinamento Nazionale Enti Locale per la Pace organizza per domani alle ore 12 presso la Sala "Dionigi Caiazza" della Casa della Cultura un conferenza stampa sul tema della Pace. In particolare la conferenza stampa sarà l’occasione per lanciare l’appello per la partecipazione alla Marcia della Pace di Assisi ma soprattutto per invitare i media a partecipare sinergicamente all’iniziativa che l’amministrazione comunale di Crotone intende promuovere sul tema della Pace. L’iniziativa si svolge in contemporanea in tutti i comuni che hanno aderito alla Marcia della Pace di Assisi. Si tratta di una lodevole iniziativa dell’amministrazione comunale della città di Pitagora che ha vuole così lanciare l’appello a partecipare alla Marcia della Pace di Assisi.

Cibus, soddisfatto Marino: c’è interesse per il Crotonese CROTONE - Dai salumi ai formaggi, dai "rossi" del Cirò doc, alle spezie. Questo ed altro ancora è in mostra a Parma all’interno dello stand della Provincia di Crotone, presente al 15/mo salone internazionale dell’alimentazione "Cibus". «Sono ampiamente soddisfatto - ha sostenuto l’assessore alla Promozione e valorizzazione del prodotti tipici Gianluca Marino - sull’andamento della prima giornata del Cibus. C’é interesse da parte dei tantissimi visitatori che si sono soffermati allo stand della Provincia. Debbo dire anche che diversi sono stati i contatti che hanno preso i nostri produttori. L’idea di mettere a disposizione di 12 aziende del crotonese lo spazio espositivo é stata vincente. Manifestazione come il Cibus permettono a noi tutti di con-

Cibus

frontarci con le altre realtà». Dalla partecipazioni ad eventi di caratura internazionale - ha concluso Marino - si apprende molto per quanto attiene la promozione e valorizzazione dei nostri antichi sapori». Si è aperto dunque ieri a Parma Cibus, il Salone internazionale dell’ alimentazione che si tiene nel quartiere fieristico fino a giovedì 13. La rassegna ha registrato una grande partecipazione, al punto che sulla A1 prima di Parma nella mattina si è formata una coda di 10 km a causa del traffico diretto alla Fiera. La kermesse è stata inaugurata dal ministro della Salute Ferruccio Fazio che, tra l’altro, ha annunciato un tavolo presso il Consiglio dei Ministri per la nascita a Parma della scuola internazionale di alta formazione sulla Sicurezza Alimentare.


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 35

CRONACHE

La banda larga a Gerocarne E’ il secondo in Calabria di Carmela Mirarchi VIBO VALENTIA- Arriva nel vibonese, a Gerocarne, la banda larga mobile di Vodafone Italia, nell’ambito di un progetto che si propone di contribuire alla riduzione del digital divide. Lo riferisce un comunicato della società di telefonia mobile. Dopo il lancio di Verzino (Crotone) avvenuto nel giuIl Comune gno 2009, Gerocarne è il del Vibonese secondo coha offerto mune calabrese ad avere ditutto il sponibile la connessionefisupporto no a 7.2 necessario megabit al secondo in download,grazie alla tecnologia Hsdpa. Il progetto di Vodafone Italia - è scritto nel comunicato - di cui ieri si è realizzata un’altra tappa, è stato annunciato a fine 2008 al viceministro alle comunicazioni, Paolo Romani, e vede l’azienda impegnata a coprire, ogni mese in una regione diversa, un comune in digital divide. Vodafone Italia, in questo modo vuole confermare l’impegno a promuovere in Italia lo sviluppo della banda larga mobile e ad assicurare ai propri clienti i migliori servizi disponibili. «E’ con vivo apprezzamento - afferma il sindaco di Gerocarne, Alfonso Grillo, neoconsigliere regionale - che accogliamo l’arrivo della banda larga mobile di Vodafone nel comune di Gerocarne. Un progetto per realizzare il quale, l’amministrazione ha offerto tutto il supporto necessario in termini di attenzione ed efficienza. Riteniamo che la banda

larga sia uno strumento indispensabile per le opportunità di crescita economica, sociale e culturale del nostro territorio. Da oggi infatti i nostri operatori turistici, commerciali e gli artigiani potranno

Il progetto di Vodafone Italia è stato annunciato a fine 2008 al viceministro alle comunicazioni l’azienda si impegna a coprire, ogni mese un comune in digital divide

competere, sul mercato globale, alla pari dei colleghi delle altre realtà». «Oggi ci auguriamo di aver dato un utile contributo a ridurre ulteriormente il divario digitale nel vibonese - sostiene Ludovico Rozzi, direttore Rete Area Centro-Sud di Vodafone Italia - un risultato che conferma il nostro costante impegno nell’assicurare i migliori servizi disponibili ai clienti ma anche un esempio delle concrete possibilità offertedalla banda larga mobile per affiancare i servizi di rete fissa in modo efficiente ed efficace nella copertura del digital divide». Arrivata dunque anche nel vibonese, a Gerocarne, la banda larga mobile di Vodafone Italia, nell’ambito di un progetto che si propone di contribuire alla riduzione del digital divide.

Dipendenti ex Nostromo occupano centro per l’impiego VIBO VALENTIA - Alcuni ex dipendenti dello stabilimento Nostromo di Vibo Valentia, che usufruiscono degli ammortizzatori sociali, hanno occupato ieri mattina gli uffici del Centro per l’impiego della città. I lavoratoriche hannoattuato la protesta sono quelli non riassorbiti dalla società subentrata nella proprietà alla Nostromo. Dei 90 lavoratori originari, solo 40 sono alle dipendenze della nuova proprietà dell’impianto. L’assessore alle Politiche del lavoro della Provincia di Vibo, Michelangelo Mirabello ha chiesto al prefetto Luisa Latella la convocazione urgente di un incontro sulla vertenza che vede coinvolti i lavoratori dell’ex Nostromo (fruitori di ammortizzatori sociali in deroga), che oggi hanno occupato gli uffici del Centro per l’impiego di Vibo Valentia. Con una lettera inviata anche agli assessori regionali alle Attività produttive e al Lavoro, Mirabello sottolinea la necessità di affrontare sinergicamente e in maniera risolutiva la delicata questione. «Oggi più che mai, in una situazione di crisi generale che grava maggiormente su un territorio come quello vibonese - ha affermato l’assessore -, occorre che tutti i soggetti coinvolti, a cominciare dalle Istituzioni, affrontino la drammatica e delicata vertenza dei lavoratori dell’ex Nostromo, i quali, esasperati per la loro condizione, hanno animato anche oggi una vibrante protesta. Da qui la necessità di costituire un tavolo tecnico-istituzionale che affronti in maniera sinergica con i sindacati, questa annosa questione, avviando la ricerca di soluzioni efficaci e condivise».

Stupefacente sparito da ospedale, una sospesione SERRA S. BRUNO - Irregolarità nella gestione di un farmaco classificato come stupefacente sono state riscontrate nel presidio ospedaliero di Serra San Bruno. A renderlo noto è la direzione dell’Asp di Vibo che ha immediatamente avvertito i carabinieri, ha avviato un’indagine interna e ha deciso la sospensione cautelare per 30 giorni di un dipendente del Presidio nei confronti del quale sono emersi gravi elementi di responsabilità.

Assunzione vigili, chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco di Ricadi RICADI - La Procura della Repubblica di Vibo Valentia ha chiesto il rinvio a giudizio per abuso di ufficio e falso ideologico del sindaco di Ricadi, Domenico Laria, di 66 anni, di quattro assessori Francesco Melidoni, Domenico Locane, Francesco Taccone e Antonio Caracciolo), e di un un funzionario del comune, Giovanni Loiacono, in relazione alle procedure di assunzione di 18 vigili stagionali. La richiesta di rinvio al giudizio è stata avanzata al gip del tribunale di Vibo Valentia a conclusione di indagini condotte dal Nucleo di polizia tributaria su incarico della procura. Gli amministratori e il funzionario avevano ricevuto, nelle scorse settimane, degli avvisi di garanzia ed erano stati sentiti dal sostituto procuratore Sirgiovanni. Sulla vicenda dell’assunzione avve-

nuta nel 2009, i finanzieri, su specifiche direttive della Procura vibonese, hanno esaminato l’intero iter burocratico - amministrativo dal quale sono emerse fattispecie penalmente rilevanti a carico di amministratori e dipendenti dell’Ente. In particolare - secondo quanto riferito dalla Guardia di finanza - sono stati evidenziati comportamenti fraudolenti, emersi dall’analisi di tutti gli atti adottati dagli amministratori che si sono concretizzati, di fatto, nella non giustificata proroga di una graduatoria scaduta, al solo fine di procedere all’assunzione, a tempo determinato, di agenti ausiliari di Polizia municipale a favore di terzi, anche parenti di amministratori e dipendenti comunali, a scapito di candidati in buona fede. La richiesta di rinvio al giudizio è stata avanzata al gip del tribunale di Vibo Valentia.


36

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA Reggio Calabria ospita fino al primo luglio le visioni dell’artista statunitense

Lawrence Ferlinghetti sessant’anni di mondi pittorici Giorgia Bernoni «E non dimenticate di dipingere tutti coloro che hanno vissuto la propria vita come portatori di luce. Dipingete i loro occhi e gli occhi di ogni animale. Dipingete la luce dei loro occhi, la luce di una risata illuminata dal sole, la canzone degli occhi, la canzone degli uccelli in volo». È racchiusa in questi versi, composti dallo stesso Lawrence Ferlinghetti, tutto il sentimento e il pensiero di un illuminato artista capace di fiutare l’aria del suo tempo e riportarla in versi e sfumature di colore. Dopo il successo di visitatori ottenuto al museo di Roma in Trastevere, la mostra Lawrence Ferlinghetti: 60 anni di pittura approda a Reggio Calabria ospitata fino al primo luglio nel foyer del Teatro Francesco Cilea. L’esposizione rende omaggio al poeta che seppe dare forma ai pensieri con una mostra che ripercorre la carriera dell’artista statunitense, dalle prime prove tecniche degli anni Cinquanta fino alla piena maturazione espressiva delle opere contemporanee. In cinquanta tele, tutte provenienti dallo studio di Lawrence Ferlinghetti a San Francisco, viene affrontato un percorso creativo che presenta i temi sociali più importanti degli ultimi sessant’anni di storia: dall’emigrazione alla pena di morte, dall’intolleranza all’illusione tradita del sogno a stelle e strisce. Nonostante abbia cominciato a dipingere già negli

anni 50, la sua opera pittorica è rimasta offuscata da quella letteraria. Negli ultimi decenni, anche la sua attività di artista figurativo ha cominciato a ricevere lo spazio e l’attenzione critica che merita.Partendo dalla lezione pittorica attraverso l’espressionismo astratto e la contaminazione con la Transavanguardia italiana, l’attività pittorica di Ferlinghetti si è sviluppata in un contesto di grande spessore artistico e letterario, accompagnandosi ad altre esperienze culturali di editore, scrittore, poeta, attivista, critico e commediografo. Dagli argomenti politici e sociali alle ingiustizie della società moderna, passando per le opere a tema sentimentale, ispirate a un fine lirismo pittorico, caratterizzate dagli studi di nudo con la dolcezza delle figure femminili. Il lungimirante poeta newyorkese è stato anche uno dei proprietari della casa editrice City lights che pubblicò i primi lavori letterari della beat generation, tra cui i manoscritti di Jack Kerouac e Allen Ginsberg. «Ospitare Ferlinghetti è un onore per la città – scrive Giuseppe Scopelliti, neo governatore della regione Calabria, sul catalogo della mostra –

Il percorso museale con le sue opere offre squarci tanto sui muri simbolici delle tele di denuncia sociale e politica quanto sui raggi luminosi delle opere più personali Questo evento di enorme portata conferma l’impegno che l’amministrazione ha in questi anni perseguito con passione e determinazione verso una politica di promozione e valorizzazione culturale. L’iniziativa, inoltre, ha anche un altro merito, in quanto è realizzata in sinergia con il comune di Roma che ha ospitato la mostra nei due mesi precedenti. Per questo motivo è ancora più importante, perché s’inserisce nella stessa direzione dell’accordo siglato tra il nostro comune e la città di Roma. Un gemellaggio culturale che ha lo scopo condiviso di valorizzare i capolavori d’arte, attraverso cui pro-

muovere la conoscenza delle reciproche realtà culturali».«La bellezza dell’arte ed il linguaggio globale della cultura sono alla base dell’ispirazione creativa del maestro Ferlinghetti, che ha scelto la nostra città quale sede d’eccellenza per una esposizione antologica che unisce sogni e visioni universali», dichiara l’assessore Antonella Freno. Nonostante abbia cominciato a dipingere già negli anni ’50, la sua opera pittorica è rimasta offuscata da quella letteraria. Per questo motivo l’Associazione Culturale Angoli Corsari propone in Italia, a Roma e a Reggio Calabria, una sua grande retrospettiva che ripercorre tutta la carriera dell’artista: dalla lezione dell’espressionismo astratto di De Kooning alla contaminazione con la Transavanguardia italiana, dai riferimenti a illustri pittori del passato a un nuovo figurativismo astratto. Tale poliedricità tecnica si rispecchia nella varietà dei temi affrontati e delle suggestioni poetiche insite nelle opere: dalle tele che spiccano per la propria valenza politica e sociale a quelle improntante a un fine lirismo pittorico, dagli attacchi alle ingiustizie della società moderna alle opere a tema amoroso, agli studi di nudi e alla dolcezza delle figure femminili. «Tutto ciò che volevo fare era dipingere luce sui muri della vita», ha scritto Ferlinghetti. Il percorso museale con le sue opere, offre squarci tanto sui muri simbolici delle tele di denuncia sociale e politica, quanto sui raggi luminosi delle opere pittoriche più intime e liriche, espressione di una ferma volontà di riscatto, di amore e di profezia di miglioramento.

L’esposizione rende omaggio al poeta che seppe dare forma ai pensieri con una mostra che ripercorre la carriera dell’artista fino alla maturazione espressiva Una tela di Lawrence Ferlinghetti

La chitarra di Picasso

Errata corrige

Il successo di Hopper

I carabinieri della stazione di Roma Porta Cavalleggeri hanno riconsegnato la "Pequena guitara para Paloma", prezioso giocattolo realizzato da Pablo Picasso per la figlia Paloma, a Eros Mercuriali, presidente del museo Parisi Valle di Maccagno (Va), alla presenza dei figli dell’artista Giuseppe Vittorio Parisi. L’opera, recuperata dai militari nel dicembre dello scorso anno, fu donata dall’autore all’amico artista Giuseppe Vittorio Parisi, originario di Maccagno, che per molto tempo l’ha conservata con cura. La "chitarra di Paloma" era poi sparita dopo che Parisi, all’epoca novantaduenne, affidò l’opera di Picasso nelle mani di un commerciante di Pomezia incaricato di costruire una bacheca dove custodire degnamente l’opera. La chitarrina verrà esposta al pubblico a Maccagno e al museo Picasso di Malaga.

Giovedì 6 maggio l’articolo "Genius Loci il dio dei luoghi perduti" è stato corredato dalla foto di Francesco Bevilacqua, politico di Vibo Valentia nonché autore di testi per la Rubbettino editore, invece che dell’omonimo giornalista e scrittore lametino, presidente onorario del Wwf Calabria, autore del testo di cui si dava notizia. Ce ne scusiamo con gli interessati e i La copertina del volume lettori.

Una hit, un successo. Così l’autorevole quotidiano New York Times definisce la mostra del pittore americano Edward Hopper che si terrà fino al 13 giugno alla Fondazione Roma Museo del Corso a Roma. Michael Kimmelman, critico del quotidiano newyorchese, ha visitato la mostra raccontando in un articolo cosa l’ha colpito di più. Il giornalista è rimasto particolarmente ammirato soprattutto dalla scelta di inserire nella prima galleria una sgargiante ricostruzione su vasta scala del bar raffigurato nel celebre dipinto "Nighthawks", un ingresso che invita a immergersi nel mondo di Hopper e a diventare protagonisti del dipinto. A Palazzo Reale di Milano, la prima tappa della mostra, ha realizzato il numero più alto di visitatori degli ultimi 10 anni e Roma si prospetta destinata allo stesso successo.


38

il Domani Martedì 11 Maggio 2010

MOTORI Il coupé del marchio tedesco punta sui consumi contenuti

Grandi prestazioni per la nuova Audi RS5 Andrea Celia Magno

Honda lancia il suo primo coupé "ibrido" É stata presentata nel week-end dell’ 8 e 9 maggio la prima coupé della casa giapponese con motore ibrido: la CR-Z. Aerodinamica nel design, come vuole ogni sportiva che si rispetti, la CR-Z abbina un motore elettrico a quello benzina che ne riduce al minimo possibile le emissioni di CO2. Prezzi che vanno da E. 21.800 fino a E. 28.100.

Nissan ridisegna alcuni particolari della Qashqai Nissan ha presentato alcuni rinnovamenti stilistici nel crossover Qashqai, il più vendutoinItalianellasuacategoria. Le novità riguardano i fari anteriori e le luci posteriori, il muso nel complesso e gli interni, che vedono una strumentazione riorganizzata e maggiormente funzionale, con la possibilità di inserire nuove funzioni opzionali.

BMW: qualche novità per il suv X5 Audi si è sempre contraddistinta per aver costantemente mantenuto un occhio di riguardo sull’eleganza dei propri modelli di automobili. Siano esse delle classiche berline, delle station wagon o delle più sportive coupé, l’eleganza è sempre il trait d’union dei diversi modelli della casa automobilistica di Ingolstadt. Non fa eccezione la nuova Audi RS5 coupè, ultimo rifacimento Elegante, sportiva nella versione ancora più sportiva dell’Audi A5. La sie dinamica, la gla RS (dal tedesco Renn Sport) indica proprio la nuova RS5 offre caratterizzazione sportiva, piacere di guida quanto a prestazioni e a design, della nuova coupé. e tanta Sportività nella forma, sicurezza grazie a classica per una coupé, contraddistinta dalla tipica una tenuta di calandra frontale delle caratterizzato dal distrada superlativa; Audi, segno a nido d’ape e perso10 km con 1 litro; nalizzato, in questa versione come in tutte quelle Prezzo di partenza RS, anche dalla sigla RS5. Dimensioni da coupé, con di euro 81.100. una larghezza di 2 metri se si prendono in considerazione gli specchietti laterali aperti, e una lunghezza di poco superiore ai 4 metri e mezzo. Sempre sul davanti si notano le grandi prese d’aria incastrate nel paraurti che sono il segnale di quanto sia potente il motore benzina da 4.200 cm3. Il retro della RS5 caratterizza maggiormente la sportività dell’automobi-

le rispetto al frontale più classico. I due terminali di scarico sono molto ampi e si inseriscono con armonia nel contesto del paraurti posteriore. A velocità superiori ai 120 Km/h uno spoiler esce automaticamente dal portellone posteriore per dare maggiore aerodinamicità alla vetture e ottimizzarne le prestazioni. Prestazioni da pista, se è vero che il motore 4.2 V8 FSi è capace di un accelerazione da 0 a 100 in 4,6 secondi e che la ripresa è garantita dalla trazione integrale. Gli in-

É un X5 rinnovata quasi per nientenel design esterno,ma molto nel motore e nei consumi, il suv rilanciato da BMW per restare al passo con le case automobilistiche concorrenti. Migliorie nell’assetto, più "da strada", e nel motore che consentono all’X5 di consumare meno carburante e inviare nell’atmosfera una minore quantità di CO2, grazie al rispetto degli standard Euro 5.

Il nuovo Codice della strada terni sono eleganti e sportivi al tempo stesso, con la possibilità di scegliere differenti stili per i sedili. Si può optare per tre assetti di guida grazie al dispositivo drive-select. Il cambio è quello S-tronic a 7 marce e a doppia frizione, per sfruttare tutta la potenza del motore senza perdere velocità, che raggiunge la punta massima di 280 km/h (su pista). La tenuta di strada è eccezionale: la RS5 sembra incollata all’asfalto. Ma è sui consumi di carburante che supera le concorrenti nel proprio segmento: 10,8 litri bruciati in 100 km su un tracciato misto, rendono l’ultima creazione Audi più che competitiva, con consumi molto inferiori rispetto a quelli di una vettura di questa cilindrata.

Importanti novità nel nuovo Codice della strada italiano che ha da poco ottenuto il sì delSenato:inasprimentodelle sanzioni per chi trucca motorini o minicar; sarà reso obbligatorio il casco anche per chi va in bicicletta al di sotto dei 14 anni; divieto di alcolici per gli autotrasportatori e per i neo patentati (fino a 3 annidal conseguimento); le multeandrannonotificateentro 60 (in prec. erano 150) giorni dall’infrazione, pena l’annullamento.

Il servizio completo è consultabile nella sezione motori del sito www.ildomani.it


Martedì 11 Maggio 2010

il Domani 39

CARTELLONE Finale concorso "Miss il Domani" Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni CATANZARO II° Simposio Regionale Giorno 12 maggio , alle ore 11.00, presso la sala concerti del comune di Catanzaro si svolgerà la conferenza stampa del Convegno II° simposio regionale Calabria: trattamento mininvasivo delle patologie vascolari: come, quando, perchè, che si svolgerà il 15 maggio, presso la sala consiliare del Comune di Catanzaro. Mostra di pittura Dopo il grande successo ottenuto dalla personale dedicata a Antoni Tàpies. Materia e Tempo, il museo MARCA diCatanzaroapreleportealdesigne all’architettura organizzando un’ampia retrospettiva dedicata a Alessandro Mendini, architetto e designer tra i più celebri a livello internazionale. Alchimie. Dal Controdesign alle Nuove Utopie è il titolo della rassegna curata da Alberto Fiz, direttore artistico del MARCA. L’evento è promosso dalla Provincia di Catanzaro Assessorato alla Cultura con il patrocinio della Regione Calabria,delMinisteroperiBeniele Attività Culturali e della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria. La mostra rientra nel Piano Operativo Regionale Calabria Fondi Europei di Sviluppo Regionale 2007/2013. Sonooltre70leopereespostesinoal 25 luglio in un percorso che comprende dipinti, sculture, mobili, oggetti, schizzi e progetti con alcune testimonianze inedite o mai viste prima d’ora in Italia. Ne emerge un’indagine esaustiva dell’attività svolta negli ultimi quarant’anni dove, accanto alle opere più famose di Mendini, si evidenzia la componente maggiormente sperimentale e meno conosciuta del suo lavoro. Il progetto, poi, ha tra le sue peculiarità quella di sottolineare le collaborazioni tra Mendini e gli altri protagonisti del mondo dell’arte, in particolare Mimmo Paladino, Francesco Clemente, Bruno Munari, Luigi Veronesi, Bob Wilson e Peter Halley. In mostra sono molti gli omaggi di amici e colleghi come i ritratti realizzati da Paladino, Mimmo Rotella, Michele De Lucchi e dall’artista giapponese Tiger Tateishi. Tra i prestatori anche le aziende con cui Mendini ha collaborato. Adol, stagione 2009/2010 Adol, Amici Dell’Opera Lirica "Jussi Bjorling" presenta il programma 2009/2010: 22 maggio 2010, 2°incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unioneore 17.30. Premio di poesia L’editore Ursini, presidente dell’Associazione “Accademia dei Bronzi” di Catanzaro, ha presentato la prima edizione del Premio “Alda Merini” di poesia,promossodalsodalizioculturale catanzarese.

Al Premio, suddiviso in due sezioni, (la prima a partecipazione libera e la seconda riservata a tutti coloro che ruotano intorno ai Centri Diurni dei CSM o reparti di Psichiatria d’Italia) si può partecipare con tre poesie inedite a tema libero, ciascuna delle quali non dovrà superare i 30 versi. Gli elaborati, firmati e corredati di relativo indirizzo, dovranno essere spediti con posta ordinaria, in duplice copia, insieme alla scheda di adesione, entro il 31 luglio 2010, all’Associazione “Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia, 26 - 88100 Catanzaro.Le migliori poesie saranno pubblicate gratuitamente in una prestigiosa antologia dal titolo “Cara Alda, ti scrivo…” che sarà presentata nel corso della cerimonia di premiazione che si terrà a Catanzaro, nel mese di novembre, in occasione del primo anniversario della morte di Alda Merini. Copie del volume saranno inviate in omaggio alle biblioteche degli ospedali psichiatrici d’Europa e a quelle delle più importanti Istituzioni italiane. Sono previsti numerosi premi tra i quali la pubblicazione gratuita di un volume ai due autori primi classificati nelle rispettive sezioni del concorso. Nel corso della cerimonia di premiazione l’Associazione “Nuova Accademia dei Bronzi” consegnerà anche dei premi speciali (targhe in argento realizzate da esperti orafi) a giornalisti o scrittori che si sono particolarmente distinti nel campo delle comunicazionisociali.Ilregolamento può essere scaricato dal sito internet www.ursiniedizioni.it, o richiesto via fax al n. 0961.782980.

Iniziativa "Un mare da pulire" Giorno 14 maggio , dalle ore 9.00 alle 12.00, c’è "Un mare da pulire", progettopromossodalministeroper l’Ambiente,dallaLeganavalediCrotone, dalla Provincia, dall’area marina protetta "Capo Rizzuto" e Capitaneria di porto e sponsorizzato da Sovreco, Salvaguardia ambientale, Akrea e Akros. L’iniziativa si inserisce nel progetto "Applicazione pratica dell’educazione e della conoscenza dell’ambiente marino dell’Amp rivolto alle scuole", giunto ormai alla sua quarta edizione. La seconda giornata si svolgerà il 14 maggio, sempre dalle 9.00 alle 12.00. L’iniziativa, questa volta, toccherà la spiaggia grande di Isola Capo Rizzuto, e quelle di Sovereto e Le Castella.

MONTAURO Finale concorso "Miss il Domani" Giovedì 27 maggio , alle ore 21.30, presso il residence Costaraba serata finale del concorso di bellezza "Miss il Domani" 2010 settima edizione organizzato dalla F&V di Franco e Veneranda Arena in collaborazione con la testata giornalistica del Domaniel’emittenteTelevisivaSoverato 1 Tv, conduttori della serata saranno Maria Rosaria Juli e Antonio Stagliano. Alla fine verrà eletta la nuova reginetta del 2010 che indosserà la corona offerta e realizzata dall’orafo Gerardo Sacco.

PAOLA Concorso di musica

COSENZA Concerto di Filipp Kopachevky Oggi,ore20.30,alTeatro"A.Rendano" di Cosenza l’associazione culturale Jonica in collaborazione con il Comune di Cosenza presenta Filipp Kopachevky pianista, omaggio a Schumann e Chopin.

CROTONE Seminario Ance Oggi , dalle ore 9.00 alle ore 16.30, pressolasedediAnceCrotone,viaA. De Curtis, 2 si terrà, l’incontro su "Mud,sistri,trattamentorifiutiedilizi e rocce e terre da scavo – Gli adempimenti delle imprese edili". Il seminario, sarà curato da uno dei principali esperti del settore: il dott. Marcello Cruciani dirigente Ance dell’area legislazione mercato privato che risponderà ai quesiti dei presenti che auspico interessati e numerosi".

L’associazione musicale "Orfeo Stillo" organizza la IX edizione del Concorso Internazionale "Giovani Musicisti Città di Paola – Premio S. Francesco di Paola" che si terrà a Paola dal 29 maggio al 4 giugno , presso l’auditorium S. Agostino, con serata finale presso il Teatro Rendano di Cosenzasabato5giugno.Lascadenza delle domande d’iscrizioni è prevista per il 15 maggio . Novità quest’anno anche lo svolgimento, all’interno della settimana del concorso,di2seminari(clinics),ilprimo conilgrandeMaurizioDeiLazzaretti (batterista delle ultime 10 edizioni del Festival di Sanremo nonché dei più grossi artisti pop italiani) e il secondoconFioZanotti(arrangiatore, produttore e discografico dei più noti artisti pop nonché di trasmissioni di successo quali Music Farm, X Factor, etc.). Per info: tel. e fax: 0982/585567 – 347/2380422 .

STALETTI’ Conferenza stampa concorso "Miss il Domani" Giovedì 13 maggio , ore 18.00, presso il Villaggio Guglielmo a Copanello di Stalettì , conferenza stampa del concorso di bellezza "Miss il Domani 2010", organizzato da Franco e Veneranda Arena. XX Convegno Nazionale Associazione Italiana Veterinari Igienisti XX Convegno Nazionale Associazione Italiana Veterinari Igienisti sulla "Qualità dell’ambiente e sicurezza alimentare" presso il Villaggio Guglielmo, Copanello di Stalettì. Programma : mercoledì 16 giugno , ore 12.00, apertura segreteria e registrazione dei partecipanti; ore 14.00, comunicazioni scientifiche; ore 17.30,coffeebreak;ore17.45,comunicazioni scientifiche; ore 18.30, assemblea dei soci; ore 20.00, degustazione di prodotti tipici presso la Piazza del Comune di Squillace; a seguire cena libera. Giovedì 17 giugno : ore 9.00, inaugurazione XX Convegno Aivi; introduzione a cura di Roberto Macrì, presidente Comitato Organizzatore; saluti delle autorità; ore 10.00, tavola rotonda "Qualità dell’ambiente e sicurezza alimentare", moderatori: Cortesi, Panebianco; ore 10.00, ambiente ed alimenti: quale sicurezza? di Borrello - Ministero della Salute; ore 10.15, contaminanti tossici e persistenti "vecchi" e "nuovi": loro attualità in un contesto di produzione locale e di commercioglobaledeglialimenti,conDi Domenico –Istituto Superiore di Sanità; ore 10.30, Valutazione dell’impatto sulla salute (Vis) dei tossici di origine alimentare con Mollace – Iannone – Arpacal; ore 10.45, Ambiente e farmacoresistenza con Agostino Macrì – Istituto Superiore di Sanità; ore 11.00, coffee break; ore 11.15, Patogeni alimentari: un approccio filiera con Civera – Ianieri; ore 11.35 L’impatto ambientale della filiera zootecnica italiana: rischio o opportunità? con Scordamaglia – vice presidente Assocarni; ore 12.00, discussione; consegna dei Premi riservati a giovani ricercatori non strutturati: "Premio Mc Donald’s" premia il Dr. Massimo Barbieri; "Borsa di studio in memoria di Vincenzo Gallelli", premia il Luigi Gallelli; consegna del “Premio Risveglio Ideale” per la migliore tesi di laurea (a.a. 2008/2009) premia l’on. Angela Napoli; ore 13.00, pausa pranzo; ore 14.30, comunicazioni scientifiche; ore 17.00, coffee break; ore 19.00, comunicazioni scientifiche; ore 21.00, cena sociale calabrese. Venerdì 18 giugno , ore 8.30, visita per accreditamento Ecm; ore 11.00, comunicazioni scientifiche; ore 13.00 pausa pranzo; ore 14.20, sessione poster; ore 14.30, tavolarotonda"Ilcontrolloelatutela delle realtà agro-alimentari del territorio", moderatori: Mollica, Loschi, Soncini; ore 14.40, Il monitoraggio marino-costieroedisuoiriflessisulla pesca in Calabria, con Cellini – Dia-

no; ore 14.55, La Ricerca al servizio del controllo ufficiale e dei sistemi di qualità aziendali, con Anastasio – Palma;ore16.10,Derogheigienico– sanitarieetuteladeiprodottiagroalimentari tradizionali con Bilei – Bogdanova; ore 16.30, coffee break; ore 16.45, Il controllo sanitario dei prodotti tutelati con Grillone; ore 17.00, L’esperienza del Caseificio con Orlando Dedoni; ore 18.00, chiusura.

VIBO VALENTIA Conversazione con l’autore Oggi , alle ore 17.30, presso l’auditorium del Sistema bibliotecario vibonese, si terrà conversazione con l’autore, Francesco Loriggio e Vito Teti discutono di Emigrazione, nostalgia e modernità: l’esperienza italo-canadese. Seminario sul cinema Il Sistema Bibliotecario Vibonese presenta L’Itala, il Cinematografo Autobiografia di una nazione: 1861-2010, seminario di storia e critica del cinema. Il seminario, che prevede laproiezione di 10 film, oltre a 11 sedute, avrà la durata di 4 mesi, finoagiugno.Glialtrifilmproiettati saranno: La grande guerra di Mario Monicelli, Roma città aperta di Roberto Rossellini, Ladri di biciclette di Vittorio De Sica, Un maledetto imbroglio di Pietro Germi, I pugni in tasca di Marco Bellocchio, Todo modo di Elio Petri, Bianca di Nanni Moretti, L’uomo in più di Paolo Sorrentino, Biutiful cauntri di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero. Le proiezioniavranno luogo nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 13 febbraio,alle ore 15.00; il 15 febbraio, alle ore 21.00; il 26 marzo, alle ore21.00; il 27 marzo, alle 18.00; il 29 marzo, alle 21.00; il 29 aprile, alle ore 21.00; il 30 aprile, alle ore 21.00; il 3 maggio, alle 21.00; il 14 maggio, alle ore 21.00. Gli altri incontri sono invece previsti nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 15 febbraio, alle ore 16.00; il 16 febbraio, alle ore 16.00; il 26 marzo, alle ore 16.00; il 29marzo,alleore16.00;il30marzo, alle ore 18.00; il 30 aprile, alle ore 16.00; il 3 maggio, alle ore 16.00; il 4 maggio, alle ore 18.00; il 15 maggio, alle ore 21.00; il 17 maggio alle ore 17.00. Tutte le sedute avranno come relatore Antonio Tricomi, fatta eccezione per l’ultima, che vedrà l’intervento dello sceneggiatore cinematografico e televisivo Leonardo Marini. Il seminario èaperto a tutti. Le domande di ammissione al seminario dovrannopervenire entro il 31 gennaio 2010 alla segreteria del seminario di storia e critica del cinema, Sistema Bibliotecario Vibonese,ViaAbatePignatari-89900,Vibo Valentia. La partecipazione al seminario è gratuita. Al termine del seminario, a chi avrà assistito alla proiezione di almeno 6 film e abbia preso parte ad almeno 6 incontri, verrà rilasciato un attestato di frequenza comprensivo delle firme dei relatori.



il domani