Issuu on Google+

Venerdì 06 Agosto 2010

Anno XIII - Numero 214

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

GIOIA TAURO

PIANO CASA

CONFINDUSTRIA

Il porto ormai in pieno rilancio ritornano l’attivo e le grandi navi

Idv e Pd passano all’attacco: adesso via libera alla speculazione edilizia

a pag » 3

a pag » 9

Condanna netta dopo le minacce rivolte ai vertici della Regione a pag » 5

Le cinque Camere di commercio calabresi si sono ritrovate a Lamezia per rinsaldare l’unione clamorosamente perduta nei mesi scorsi

Unioncamere risana la spaccatura Già decisa la staffetta al vertice nel 2011, al presidente Roberto Salerno subentrerà Giuseppe Gaglioti IL COMMENTO

Sul Piano Casa una opposizione senza alcun senso

Abramo, Dattola, Gaglioti, Lico e Salerno hanno quadrato il cerchio, stringendo un patto di ferro che risolve un delicato rebus istituzionale e dimostra la straordinaria capacità di sintesi innovativa del sistema camerale calabrese a pag » 7

QUELLA CASA A MONTECARLO...

L’INTERVENTO

Una drammatica richiesta di affitti a prezzi calmierati

di Alfonsino Grillo

di Matteo Mauri

consigliere regionale Scopelliti Presidente

responsabile infrastrutture del Pd

Finalmente la Regione Calabria ha approvato la legge recante “Misure straordinarie a sostegno dell’attività edilizia finalizzata al miglioramento della qualità del patrimonio edilizio”. Com’è noto, la Calabria è l’ultima in ordine di tempo fra le Regioni italiane a dotarsi del Piano Casa. Questo ritardo non consentirà di conseguire appieno gli obiettivi economici che il testo si era prefisso. Tuttavia può contribuire a contrastare la crisi economica in atto e può servire al rilancio dell’edilizia. Ciò detto, è bene ricordare che il ritardo di cui parlavo non è certo ascrivibile a responsabilità dell’attuale maggioranza. Anche oggi gli uomini del centrosinistra, come avevano fatto ieri quando governavano...

Retifici industriali da pesca: siglato l’accordo

La Procura di Roma apre una inchiesta ROMA - La procura di Roma ha aperto un’inchiesta sulla cessione da parte di Alleanza Nazionale di un immobile ubicato a Montecarlo. I Pm hanno disposto l’acquisizione di documenti. Nell’occhio del ciclone il presidente della Camera, Fini, e il fratello della sua compagna, Giancarlo Tulliani, a cui sarebbe stata venduta la casa. Per ora non ci sono indagati ma si ipotizza il reato di truffa aggravata.(a pagina 19 )

È stato sottoscritto in data 29 luglio 2010 tra Federpesca-Confindustria e le organizzazioni sindacali dei lavoratori (Filctem - Cgil, Femca Cisl, Uilta - Uil) l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto di lavoro 6 maggio 2008 per il settore delle attività industriali della filiera ittica e dei retifici. Il nuovo contratto ha durata triennale con decorrenza dal 1° gennaio 2010 e scadenza il 31 dicembre 2012.

segue a pag » 2

di Giuseppe Tetto a pag » 16

REGGIO CALABRIA Truffa all’Ue, mega sequestro della Finanza per oltre 700 milioni di euro e 5 arresti a pag » 33

CATANZARO Gualtieri sollecita ancora una maggiore pulizia e più cura del quartiere Lido a pag » 29

COSENZA Federalismo fiscale e manovra finanziaria l’impegno di Bevacqua e del Pd a pag » 31

Le misure appena varate del governo Berlusconi sono un’occasione persa per affrontare il problema abitativo. Nel nostro Paese vi è, infatti, una drammatica richiesta di affitti, soprattutto a prezzo calmierato. Secondo gli ultimi dati ben 500mila appartamenti sono sfitti e la media degli affitti è una delle più alte della Ue. Le misure messe in campo dal governo, pertanto, sprecano una preziosa occasione senza, tra l’altro, conseguire gli obiettivi che si prefissano. Il sistema, per come è congegnato, rischia di disincentivare il meccanismo degli affitti a prezzoconcordatocolpendosoprattutto i ceti medi e quelli più bassi. In Italia gli affitti sono troppo pochi e troppo cari, bisogna fare in modo che aumentino le case in affitto sul mercato e che siano a prezzi contenuti. Il decreto, in questo senso, compie un passo avanti e due indietro. Così si rischia di disincentivare l’affitto a prezzocalmierato: se si vuole intervenire seriamente per avere affitti più economici bisogna portare la cedolare secca per coloro che affittano a prezzi calmierati al 12,5%. La stessa prevista per le rendite finanziarie. Per la casa purtroppo il governo ha fatto poco o niente: ha tagliato il Fondo a sostegno degli affitti, ha congelato le risorse per la casa messe dal governo Prodi a favore delle Regioni, non ha aumentato le risorse perl’edilizia sociale e il piano casa è fermo da due anni. Insomma il solito governo Berlusconi che parla ma non fa nulla per i cittadini.


2

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Alfonsino Grillo Sul Piano Casa una opposizione senza alcun senso ... la Regione, hanno cercato di ostacolare il varo della legge. Abbiamo assistito, infatti, ad una opposizione strumentale da parte dei colleghi di centrosinistra, i quali hanno fatto a gara a chi la sparava più grossa. Abbiamo ascoltato parole campate in aria del tipo "questa legge sconvolge l’assetto urbanistico" oppure "è un condono mascherato", che dimostrano come, in realtà, quella dell’opposizione è una presa di posizione a prescindere dalla realtà dei fatti, cioè del testo approvato dalla commissione infrastrutture. Il testo, infatti, è addirittura migliorativo rispetto a quello proposto dal Governo alle Regioni nel 2009, perché introduce premialità per coloro i quali eliminano dagli spazi demaniali e pubblici, strutture realizzate anche in presenza di concessioni edilizie, ed inoltre introduce premialità per tutti coloro i quali dimostrano di voler eliminare l’amianto e tutte le materie inquinanti sulle proprie abitazioni. Resterebbe da capire

il perché di questo comportamento ostruzionistico, ieri su posizioni di governo, oggi dai banchi dell’opposizione, rispetto ad un provvedimento privo di alcun carattere di eccezionalità. Ma non siamo riusciti proprio a comprenderlo come, del resto non lo hanno capito gli operatori economici del settore edile, i lavoratori del comparto e tutti coloro che aspettavano da anni di potere migliorare le proprie abitazioni.

COSE DELL’ALTRO MONDO

Alfonsino Grillo

di Carlo Bassi

Caro Paolo vedrai come ti saranno utili i tentacoli Mi chiedeva al telefono il polpo Paolo (ci sentiamo spesso da quando l’ho proposto come capo di un governo tecnico) se ho la possibilità di trovargli una sistemazione per qualche giorno a Montecarlo. Secondo lui, siccome scrivo di politica, non dovrebbe essermi difficile chiedere magari al presidente della Camera ospitalità in quella casetta di cui tanto si parlava anche ieri. Mi è venuto spontaneo chiedere a Paolo che cosa voglia fare a Montecarlo e ha confessato che gli piacerebbe tentare la sorte al tavolo verde. Avere otto mani o piedi che siano deve avergli dato alla testa e ho dovuto ricordargli che non esistonotavolidagiocosubacquei.Sigoda la sua popolarità in Germania, in attesa che arrivino proposte dall’Italia per una nuova carriera in politica, dove tutti quei tentacoli gli saranno utilissimi, a giudicare di quello che si sente dai magistrati. A quanti mi hanno fatto notare che anche presiedere un Consiglio dei ministri non è facile per un polpo, vorrei semplicemente ricordare che l’intero governo thailandese si è recentemente riunito in un Cdm subacqueo - durato anche parecchio - per sottolineare i problemi dell’ambiente, come dimostra la foto.

LA LETTERA Cari politici, impariamo... E’ notizia di oggi l’arresto di 5 imprenditori calabresi responsabili di frode con fondi comunitari per oltre 700milioni di euro. Cifre cosi ingenti azzerano ogni speranza di credibilità del sistema Calabria, un operazione criminale che lascia prefigurare probabili convivenze con la classe politica calabrese passata e recente. Mentre guardavo un notiziario di informazione in Tv, Rai News, Massimo D’Alema nel commentare la crisi attuale del centro destra si scagliava contro quei meridionali che a suo dire criticano il Mezzogiorno, a suo dire responsabili di esprimere ragionamenti autolesionistici di stampo leghista, perciò responsabili della foschia culturale che domina lo stivale italico. Ma quanto accade nel Mezzogiorno non è frutto anche della nostra classe politica poco incline a rinnovarsi, mediocre e lontana per convenienza da quel sentimento di rivalsa dei veri meridionali? Pensandoci bene le uniche cose che sembrano costanti in Calabria sono le frodi con fondi europei e l’autoreferenzialità della classe politica! D’Alema, vorrei ricordare, leader politico del Pd sponsor delle privatizzazioni pubbliche, in particolare quella della Telecom, promettendo efficienza e risparmio per le casse dello Stato, grandi sviluppi occupazionali per via di una maggiore efficienza gestionale da parte dei privati. Un azienda allora leader nella rete delle comunicazioni, costruita con i soldi degli italiani e con oltre 120mila lavoratori, oggi trasformata in una serie di scatole cinesi pronta a fare cassa per l’interesse delle banche, fare dividendi. La voracità del sistema bancario ha fagocitato oltre 60mila lavoratori con il licenziamento e producendo parallelamente utili e dividendi, portando il debito ad oltre 40miliardi così da preservarla da mire altrui. Se un politico dovesse essere giudicato da ciò che fa allora D’Alema dovrebbe essere mandato, dopo 20 anni in Parlamento, all’isola d’Elba. Invece rappresenta l’ossatura del Pd e lascio ai lettori le amare conclusioni della pochezza ideale e propositiva dei partiti di maggioranza e di opposizione perché portatori di interessi altrui. Ritornando a quanto sta accadendo in Calabria, dopo una miriade di scandali che og-

ni anno vengono scoperti dalle forze dell’ordine, proprio di quei fondi europei destinati a recuperare il gap-sociale con il resto dell’Italia, è evidente che questa classe politica non è più credibile. Una cifra così eclatante doveva per forza godere di un appoggio politico regionale largo, di convivenze con l’apparato pubblico regionale, pertanto vogliamo chiarezza e verità. Con questi soldi si sarebbe potuto sviluppare il sistema portuale regionale, creare nuove iniziative per il turismo, costituire dei consorzi agro-alimentari per potenziare il commercio e conquistare nuovi mercati in Europa, favorire processi qualitativi e di certificazione nel sistema produttivo, incentivare nuova imprenditoria giovanile, promuovere la formazione, valorizzare l’ambiente e le risorse naturali, innovare il territorio ed il tessuto economico favorendo progetti di ricerca che consentissero ai tanti laureati calabresi di concentrare le proprie energie in loco, rendendo funzionali i saperi acquisiti alle necessità di sviluppo e d’innovazione del territorio. Queste e altre iniziative significano favorire il lavoro dei calabresi, immettere dosi di calabresi desiderosi di lavorare e cambiare il pensiero dominante, contribuire a costruire una comunità operosa e vogliosa di innovare il tessuto sociale. Invece assistiamo all’ennesimo scippo di calabresi sui calabresi, questo è il vero problema della nostra terra caro D’Alema! Un appello di speranza lo lancio ai Caligiuri, ai De Magistris, ai Scopelliti, ai Principe e ai Traversa, a tanti che rappresentano una classe politica di merito per come hanno amministrato in passato la cosa pubblica. Partiamo da questa brutta storia perché si segni un solco rispetto al passato, non concentriamo le risorse in pochi progetti dove è più semplice per gli apparati di potere intervenire, frodare, invece diamo la possibilità alle tante energie e competenze dei calabresi di lavorare e d’ideare, realizzare e di innovare, questa è la strada da seguire cioè rendere protagonisti le persone e non gli apparati.

Antonio Arcuri


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

Il porto di Gioia in pieno rilancio ritornano l’attivo e le grandi navi

di Mario Astariti GIOIA TAURO - «A fine luglio, dopo un annus horribilis, il porto di Gioia Tauro, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, ritorna in attivo del 15% e del 30% da aprile scorso ad oggi». E’ quanto si afferma in un comunicato dell’Autorità portuale a conclusione della riunione del comitato a cui ha preso parte la vice presidente della Regione, Anto-

nella Stasi. «Un dato positivo - prosegue la nota - che conferma l’oculatezza della scelta adottata dall’Autorità portuale di Gioia Tauro di abbassare le tasse d’ancoraggio. Grazie alla legge approvata dal Parlamento, su proposta del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, che ha presentato un emendamento al decreto milleproroghe per fronteggiare le difficoltà dei porti italiani, con particolare riguardo a quelli che

Un dato positivo che conferma l’oculatezza della scelta adottata dall’Autorità portuale di Gioia Tauro di abbassare le tasse d’ancoraggio

movimentano i container come Gioia Tauro, Taranto e Cagliari, specializzati nelle operazioni di transhipment, l’Autorità portuale gioiese ha potuto intraprendere questa importante scelta strategica. Dati alla mano si è passati da un-14,1%,rilevatoneimovimenti del mese di maggio 2010, ad un +15,5% di luglio. Una crescita del 30% che si è concentrata, esattamente, nei soli due mesi in cui sono state abbassate le tasse d’ancoraggio». «E’ ancora presto per cantare vittoria in quanto questi ottimi risultati devono essere stabilizzati - ha detto il presidente dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro, Giovanni Grimaldi - ritengo, comunque, importante che ci sia un vistoso e concretocambiamentoditendenza positivo, ma è naturale che bisogna aspettarne la stabilizzazione». «La vice presidente della Regione, Antonella Stasi - prosegue la nota - ha ribadito l’interesse della Giunta, guidata dal presidente Giuseppe Scopelliti sul porto di Gioia Tauro». «Attraverso la mia figura al tavolo del Comitato portuale - ha detto è lo stesso presidente Scopelliti che vuole essere presente all’interno dell’Autorità portuale. E continuerà ad esserlo in modo forte, anche, attraverso contributi progettuali perché crede nell’Autorità portuale e nel progetto Gioia Tauro, ma crede, al-

tresì, nello sviluppo di tutti i porti già presenti nella Regione. Del resto, è forte l’attenzione del presidente Scopelliti al tema del mare e dello sviluppo dell’attività portuale, partendo da ciò che è Gioia Tauro: una realtà importante, ricca di potenzialità inespresse, su cui la Regione intende puntare con nuovi progetti, non solo a livello regionale ma anche

A fine luglio, dopo un annus horribilis, il porto di Gioia Tauro, rispetto allo stesso mese dell’ anno precedente, ritorna in attivo del 15% nazionale e internazionale». Per la Stasi l’incremento dei flussi «è una nota positiva a testimonianza di una scelta messa in atto dal presidente Grimaldi, e dall’intero Comitato, che sta premiando le attività del porto. E’ il segnale di una buona politica che funziona e che premierà, probabilmente, anche in futuro». A conferma del cambiamento di tendenza positivo nel porto di Gioia Tauro, proprio mercoledì scorso è giunta la "Maersk Edinburgh", tra le navi più grandi al mondo.


4

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

PRIMO PIANO Con la manovra la Calabria si appresta a risparmiare 40 milioni di euro dal 2011

Approvato il Bilancio, Mancini: «Iniziata l’era del virtuosismo» di Alessandro Caruso REGGIO CALABRIA - Il Consiglio regionale, presieduto da Francesco Talarico, ha approvato mercoledi a tarda notte e con i soli voti della maggioranza la manovra di assestamento del Bilancio 2010 e le misure di razionalizzazione e riordino della spesa regionale. Approvata anche una proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta contenente gli indirizzi per la programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa della regione Calabria e una proroga dei termini di scadenza del piano faunistico regionale. Tra gli emendamenti più significativi votati dal Consiglio, quello relativo al finanziamento di 200 mila euro, sottoscritto dai capigruppo Luigi Fedele e Giovanni Bilardi, rispettivamente del PdL e della lista Scopelliti presiTra gli emendamenti dente, per consentire i bandi di manifestazione di più significativi vi volontà degli enti locali e sub regionali che intendoè quello relativo al no far proseguire l’espefinanziamento di rienza dei migliori giovani laureati calabresi, il così 200 mila euro per detto programma stage, è consentire i bandi sicuramente il più significativo. Il pomo della didi manifestazione scordia costituito dall’Arche ha provocato di volontà degli enti pacal, l’interruzione deilavori per locali e sub regionali un confronto con i sindacati, si è risolto con il ritiro che puntano sui dall’esame dell’aula un articolo del collegato con cui giovani calabresi si modificava la ragione giuridica e la sua trasformazione sociale da agenzia ad azienda. Soddisfatto l’assessore al Bilancio Giacomo Mancini: «Esprimo grande apprezzamento – ha detto – per l’approvazione dell’asse-

Giacomo Mancini

stamento di Bilancio. Per l’anno in corso saranno risparmiati circa 15 milioni di euro, che nel 2011 saliranno a 40. Tutto questo, senza mettere le mani in tasca ai calabresi». Con l’approvazione della manovra finanziaria, ha spiegato Mancini, la Calabria si avvia a essere una regione virtuosa nella spesa pubblica: «Abbiamo ridotto i costi della politica, tagliato le spese di funzionamento del Palazzo, diminuito le poltrone e le indennità degli enti di sottogoverno, cancellato una serie di leggi che producevano sprechi e alimentavano clientele. E - ha continuato l’assessore - abbiamo posto le basi per riordinare e razionalizzare tutta la spesa regionale. In quaranta anni di regionalismo mai era stato fatta una riforma simile». Soprattutto se si considera il contesto di crisi che si sta vivendo: «In più, in un momento di crisi, la Calabria - ha proseguito Mancini - riesce a risparmiare 15 milioni di euro per quest’anno e 40 milioni ad iniziare dal 2011. Tutto ciò senza mettere le mani nelle tasche dei calabresi e, anzi, avendo la forza di reperire le risorse per finanziare la legge a sostegno delle famiglie».

Mancini: «La Calabria riesce a risparmiare 15 milioni di euro per quest’anno e 40 milioni ad iniziare dal 2011. Tutto ciò senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini calabresi»

Arpacal, l’aula abbandonata dall’opposizione REGGIO CALABRIA - L’ultima seduta del Consiglio prima della pausa estiva ha trascinato con sè molte polemiche, soprattutto da parte dell’opposizione a causa del comportamento assunto dalla maggioranza nelle votazioni. Il dito è puntato contro la Giunta e contro Francesco Talarico, che avrebbe concesso alcune deroghe al regolamento. Ecco i fatti: la Giunta Scopelliti, rimproverano i capigruppo d’opposizione, in merito al provvedimento sull’Arpacal, improvvisamente, avrebbe presentato in aula, non rispettando il regolamento, un subemendamento, che in realtà era un vero e proprio emendamento e che, quindi, avrebbe dovuto essere presentato almeno 24 ore prima, anche perché il nuovo testopropostointroducemodifiche importanti alla legge istitutiva dell’Arpacal. I gruppi consiliari rappresentanti i partiti ed i movimenti di opposizione hanno fatto rilevare la violazione del regolamento, manifestando, tra l’altro, la volontà di discutere, dopo le ferie estive, per un miglioramento della legge attraverso le procedure normali. Gli stessi gruppi consiliari, hanno fatto rilevare, inoltre, che con un testo proposto improvvisamente all’attenzione dell’aula non si poteva emanare una vera e propria legge. Ecco perché «a fronte della irremovibilità della maggioranza di Governo e del presidente Talarico denuncianoicapigruppodiopposizione in una nota congiunta - abbiamo deciso di abbandonare l’aula». A.C

L’Idv contro il Bilancio, Giordano: «Serve un taglio netto ai costi della politica REGGIO CALABRIA - «Nella proposta di legge economico finanziaria,sihal’impressionedi assistere a una esaltazione della politica del rigore, mentre dati alla mano si fa ben poco in quella direzione». È l’opinione di Giuseppe Giordano, capogruppo di Idv, in merito all’approvazione del Bilancio. «Ci troviamo di fronte a una manovra di assestamento che potremmo paragonare al gioco

delle tre carte o per meglio comprendere alla teoria dei vasi comunicanti,laddove da unaparte si prende e dall’altra parte si spende. Vorrei ricordare- continua Giordano - che parte delle somme risparmiate sulla base di quanto dichiarato dal presidente Scopelliti, avrebbero dovuto essere spese interamente per gli interventi a favore della famiglia». E ha ricordato la prima seduta del Consiglio regionale nel-

la quale il Governatore, con un colpo a effetto, proponeva l’abolizione dell’art.7 della precedente legge finanziaria contro lo spreco della precedente amministrazione regionale e si impegnava a erogare le somme a favore delle fasce deboli. «Ebbene - ha continuato Giordano questi soldi sono spariti, dirottati verso altri lidi. Ma non è finita. Invece di utilizzare pienamente i tagli effettuati per il contenimento della spesa, si assiste in modo quasi soft ad un aumento di spesa verso settori che rappresentano i cosiddetti costi della politica e ai quali Scopelliti ha dichiarato guerra». Ciò che auspica l’Idv è il taglio netto di tutte le consulenze, gli incarichi esterni, gli organismi, gli staff vari che a vario titolo servono a soddisfare le appetenze della classe politica.


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO Snellito il corpo normativo calabrese: abrogate 179 leggi REGGIO CALABRIA - Il Consiglio regionale nella sua ultima seduta ha rimesso mano al corpo legislativo regionale semplificandolo e rendendolo più accessibile. Sono state abrogate ben 179 leggi regionali. «Un segnale forte che fa percepire come, dopo solo 3 mesi dal nostro insediamento, il processo di cambiamento della Calabria sia già pienamente avviato». Lo ha detto il sottosegretario regionale alle Riforme Alberto Sarra, che ha espresso tutta la sua soddisfazione per l’articolato sulla semplificazione normativa inserito nell’assestamento di bilancio approvato durante il Consiglio di due giorni fa. «L’abolizione delle leggi in questione, entrate in

vigore tra il 1970 e il 1990, dimostra la volontà dell’Esecutivo regionale di attualizzare e semplificare il sistema normativo. La conseguenza è tutta a vantaggio dei cittadini, che avranno un accesso più semplice alle fonti normative con un netto miglioramento del rapporto tra utenti e Regione . Provvedimenti di questo tipo – afferma l’esponente del Popolo della libertà – evidenziano come la giunta Scopelliti operi secondo il principio costituzionale dell’efficacia e dell’efficienza dell’azione amministrativa, che è posto alla base dell’ente». C.G

Gli industriali calabresi hanno espresso solidarietà a Talarico e alla Stasi

Confindustria condanna le intimidazioni alla politica CATANZARO - «Dopo gli imprenditori e la magistratura ora sembra toccare alla politica: non c’è tregua nelle minacce mafiose a tutti coloro che vogliono provare a cambiare qualcosa nella nostra regione». È dura e chiara la presa di posizione di tutta la Confindustria calabrese e dell’Ance regionale dopo gli ennesimi vili atti intimidatori nei confronti del presidente del Consiglio regionale, Franco Talarico e della vicepresidente della Giunta regionale Antonella Stasi subiti nei giorni scorsi. L’intero Consiglio direttivo degli industriali calabresi presieduto da Umberto De Rose e composto dai presidenti delle associazioni territoriali, dal presidente regionale dell’Ance, Francesco Cava, dal presidente dei giovani industriali, Nuccio

Caffo e dal presidente della Piccola industria, Giuseppe Pugliese, nonché quello dei costruttori dell’Ance ha voluto così esprimere tutta la sua vicinanza e solidarietà a chi è stato vittima in questi ultimi giorni di intimidazioni e minacce. È segno evidente, è stato ribadito «che la criminalità si

Umberto De Rose

sente oramai accerchiata da una magistratura che, con le ultime operazioni antimafia, ha dato un duro colpo alla loro organizzazione e da esponenti della politica che, per loro cultura, ideali e convinzione, vogliono rompere con un sistema bloccato e condizionato dalla “ndrangheta». Confindustria e Ance vogliono perciò non solo testimoniare la propria vicinanza, solidarietà e incoraggiamento ad andare avanti a chi si ritrova vittima di queste vili ritorsioni, ma assicurare che anche tutta la classe imprenditoriale vuole scendere direttamente in campo per affrancare la regione da condizionamenti atavici che ne impediscono lo sviluppo. A.C

La soddisfazione del promotore della legge Giovanni Nucera

Riordinata la rete penitenziaria calabrese di Andrea Morrone REGGIO CALABRIA - Un nuovo penitenziario a Lamezia Terme e il completamento delle strutture penitenziarie previste nella regione, in particolare ad Arghillà e a Reggio Calabria. Questa la sostanza del provvedimento approvato all’unanimità ieri l’altro dall aula consiliare su proposta di Giovanni Nucera, Pdl. Il segretario questore dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale ha espresso il suo plauso: «Il quadro, davvero allarmante, delle condizioni in cui versano le carceri in Calabria - ricorda Nucera - è stato al centro di una serie di iniziative politiche ed istituzionali che sono servite a meglio sviscerare le problematiche connesse individuando le maggiori criticità. Il sovraffollamento delle carceri, la vetustà delle strutture insieme al sottodimensionamento del personale addetto ai servizi penitenziari, determinano una pesante compromissione dei diritti e delle stesse condizioni essenziali di vivibilità all’interno degli istituti di pena». Nelle 12 carceri calab-

resi risultano reclusi circa 3.100 detenuti a fronte di una capienza regolamentare di 1.849 posti. Si registra una situazione di sovraffollarnento, pari a 1200 detenuti in più rispetto alla capienza regolamentare (di questi, circa 800, sono stranieri), peraltro in linea con i dati nazionali, ma che ha superato abbondantemente i livelli toccati nel luglio 2006, quando fu approvata l’ultima legge di concessione dell’indulto. «Da qui - sottolinea Nucera - l’ordine del giorno di cui mi sono fatto promotore e che riserva particolare attenzione al corpo della polizia giudiziaria da sempre in prima linea nei compiti d’istituto. Il personale dell’amministrazione penitenziaria denuncia da tempo la carenza di personale, di risorse e di automezzi per l’espletamento del servizio di trasferimento dei detenuti. In tal senso - prosegue l’esponente del Pdl - il documento impegna l’Esecutivo a dare priorità alla destinazione di risorse per la dotazione di automezzi destinati al trasporto dei detenuti, per la realizzazione di sistemi di sicurezza nelle aree periferiche degli istituti penitenziari della regione».


6

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

PRIMO PIANO Arrivano il generale della Gdf Luciano Pezzi e il dottore Giuseppe Navarria

Due subcommissari per il piano di rientro della Regione di Lucio Pitaro ROMA - Il Consiglio dei ministri, «tenuto conto della complessità degli interventi, su richiesta del presidente della Regione Giuseppe Scopelliti», ha nominato due subcommissari per il piano di rientro della Regione Calabria: si tratta del generale della Guardia di Finanza Luciano Pezzi e del dottore Giuseppe Navarria. Il Cdm - si legge in una nota di Palazzo Chigi - «ha rivolto un particolare elogio al Presidente Scopelliti per l’impegno con cui ha affrontato, quale Commissario ad acta, il difficoltoso compito del rientro dal disavanzo sanitario». Sul commissariamento della sanità calabrese e sulle conseguenti polemiche, con l’affondo dell’ex governatore Loiero all’indirizzo della nuova maggioranza di centrodestra, è intervenuto, con una nota, Il Cdm il consigliere regionale Claudio «Le esternazioni dell’ex ha rivolto un Parente. Presidente Loiero sul commissariamento della sanità - ha dichiaparticolare rato - lasciano allibiti tutti i cittaelogio al dini calabresi, oltre che i professionisti e gli imprenditori del setpresidente tore, che hanno pagato sulla proScopelliti per pria pelle le conseguenze di cinque anni della sua gestione. Canl’impegno didamente, lo stesso, si chiede cosa sia potuto succedere in questi con cui mesi per arrivare ad un provvedimento, secondo lui, chiaramente affronta punitivo. Ma cosa altro doveva il difficoltoso succedere se non l’evidenza del disastro provocato da alcuni dei compito suoi dirigenti, bravi a mistificare od occultare numeri, atti e fatti nell’ambito di disegni diversi, rispetto alla tutela della salute dei cittadini calabresi. Disegni che, sicuramente, il controllo della Guardia di Finanza non avrebbe permesso. L’ex Presidente Loiero cerca di arrampicarsi su tutto quello che sta per diventare operativo, dichiarando in consiglio regionale di avere già chiuso gli ospedali (quando e quali?) non avendo, però, il coraggio di dire che si è pronunciato in modo netto, deliberando due giorni prima delle elezioni e rendendolo noto dopo, solo sull’accorpamento dell’Oncologia del Pugliese Ciaccio, una delle poche eccellenze della sanità calabrese. Nel difendere l’indifendibile, cercando meriti e crediti che non gli appartengono, ricordo all’ex Presidente Loiero il giudizio espresso dagli stessi compagni di

Frane, Oliverio scrive a Scopelliti COSENZA - Il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, ha scritto al presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, per chiedere un incontro «a riguardo della situazione di criticità che si registra sul territorio cosentino in seguito alle intense precipitazioni atmosferiche che negli inverni degli ultimi due anni hanno prodotto un grave dissesto idrogeologico e consistenti danni». «Come è noto - prosegue Oliverio - il territorio calabrese e, in particolare quello della Provincia di Cosenza, è stato interessato nelle stagioni invernali 2008-2009 e 2009-2010 da intense precipitazioni atmosferiche che hanno prodotto un grave dissesto idrogeologico. In particolare mi preme ricordare che numerose sono state le strade provinciali che hanno subito danni per i notevoli

ventura, passati e presenti, che non hanno avuto remore nel definire la gestione della sanità degli ultimi anni "in balia alla cattiva politica, alle clientele ed al malaffare". Il Presidente Scopelliti, fra non molto, darà sul campo le risposte che si aspettano tutti i cittadini e gli operatori del settore e questo grazie alla determinazione ed al coraggio che sta animando la sua azione». Anche il presidente del Comitato per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza, ha replicato al consigliere regionale di minoranza, Agazio Loiero, che, in apertura di settimana, è tornato a commentare, con toni alquanto polemici, la scelta del Consiglio dei ministri di commissariare la Sanità in Calabria. «L’onorevole Loiero - ha affermato in proposito Salvatore Pacenza - ha impiegato circa un anno per stilare un Piano di rientro che è poi stato accettato con molte riserve dal governo, così come dichiarato dallo stesso ministro della Sanità Ferruccio Fazio. Senza considerare che, a conti fatti, la vecchia amministrazione di centrosinistra non ha mai attuato una sola mossa prevista in quel Piano. Il governatore Peppe Scopelliti, invece, impiegando un terzo del tempo utilizzato dal centrosinistra, non solo è riuscito a quantificare il debito, ma ha anche presentato, in tempi celeri, la sua strategia per compiere un giro di vite sugli sprechi e sugli abusi perpetrati nel settore Sanità in Calabria. Una "cura", quella disegnata dal governatore Scopelliti, che porterà ad un risparmio complessivo di circa 200 milioni di euro l’anno. Adesso, si parla di risparmio e non più di sprechi. Come i 75mila euro di straordinario per manutenzione del parco macchine accordati all’autista del direttore generale dell’Azienda sanitaria di Cosenza».

Il Consiglio dei ministri ha tenuto conto della complessità degli interventi ed ha effettuato le nomine

movimenti franosi, richiedendo in molti casi l’emanazione di ordinanze di divieto al transito con conseguente isolamento di alcune comunità. Trentasette sono state le strade provinciali interdette al traffico. Altre strade provinciali hanno subito dissesti di entità inferiore provocando per alcuni tratti la riduzione della carreggiata e la limitazione del carico di transito creando notevoli disagi alle comunità servite». «Ancora: consistenti movimenti gravitativi - prosegue Oliverio hanno interessato gli abitati di vari Comuni della provincia di Cosenza a cui sono seguite ordinanze di sgombero di numerosi fabbricati. Inoltre, si sono verificate esondazioni di fiumi e torrenti per l’eccezionalità delle loro portate con la rottura di argini e lo scalzamento delle opere idrauliche e di protezione dalla corrente fluviale con conseguente riduzione dell’officiosità idraulica. Ciò premesso,l’approssimarsidellastagioneautunnale mi impone di riproporre alla sua attenzione le problematiche relative alle criticità di dissesto idrogeologico prima richiamate e che a tutt’oggi non sono ancora risolte. In molti casi questa Amministrazione è intervenuta per rimuovere o alleviare situazioni di difficoltà e disagio, garantire il collegamento dei centri abitati di alcune comunità al fine di scongiurare l’isolamento delle stesse e mitigare i dissesti che hanno interessato varie infrastrutture».


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO Corbelli e il “caso Calabria”

La pacificazione è stata sancita presso la sede regionale di Lamezia alla presenza dei cinque presidenti

Unioncamere ritrova lo spirito unitario Pronta la staffetta al vertice nel 2011 di Roberto De Bonis LAMEZIA TERME - Finisce la diaspora delle Camere di Commercio calabresi che ritrovano la perduta unità. La pacificazione è stata sancita ieri presso la sala conferenze di Unioncamere Calabria a Lamezia Terme, nel corso di una conferenza stampa dei cinque Presidenti delle Camere di Commercio calabresi che hanno subito espresso profonda solidarietà al Vicepresidente della Giunta regionale della Calabria Antonella Stasi ribadendo ammonimento e indignazione per l’inqualificabile atto intimidatorio subito in questi ultimi giorni. «Il patto siglato ieri dalle cinque Camere di Commercio calabresi - è scritto in una nota - ha messo la parola fine all’interminabile conflitto sull’Unione Regionale delle Camere di Commercio. Abramo, Dattola, Gaglioti, Lico e Salerno, hanno quadrato il cerchio, stringendo un patto di ferro che, se da un lato risolve un rebus istituzionale che aveva portato per l’ennesima volta il caso Calabria alle ribalte romane di Unionca-

mere, dall’altro dimostra la straordinaria capacità di sintesi innovativa del sistema Camerale e la predisposizione strutturale a risolvere i conflitti nell’interesse dei comparti produttivi locali. E sì, perché il conflitto tra le cinque istituzioni delle imprese calabresi ha mostrato, lungo tutto l’ultimo decennio, di avere radici politiche profonde e dinamiche radicali: ma è stata proprio questa radicalità, che rappresenta, in un certo qual modo, l’altra faccia della concretezza dell’imprenditore, a costituire l’innesco della rivoluzione istituzionale che i cinque rappresentati della Camere hanno sancito con il loro accordo. La situazione di conflitto, precedente, col passare del tempo ha mortificato tutti. Le imprese in primo luogo, che non trovano servizi adeguati per la propria promozione in assenza di quelle economie di scala e di scopo, unico vantaggio competitivo per un territorio, quello calabrese, ancora ai margini dell’economia nazionale e continentale. Ma anche il sistema camerale nel suo insieme, privato del suo fattore principale di

La Lista Scopelliti guarda alle prossime elezioni di primavera

di Renzo Massi

affidabilità: la propria capacità di fare squadra per interloquire con l’intero sistema Paese e offrire agli imprenditori calabresi opportunità di scala nazionale e internazionale. Ma è da dentro questo travaglio, dal confronto quotidiano con i limiti operativi profondi che discendono dalla frattura, che le cinque camere di Commercio trovano le ragioni per un rinnovato patto fondativo di una nuova Unione Regionale, per una rivoluzione che si radichi nella tradizionale vocazione ad operare nell’interesse delle imprese». «La sintesi compiuta - prosegue la nota - rimette al centro le imprese destinatarie dei servizi dell’Unione Regionale e rinsalda il patto associativo tra le cinque Camere di Commercio di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia. Un apposito regolamento di rilevanza statutaria disciplinerà il modo in cui le strutture dell’Unione dovranno programmare le attività, elaborare i progetti con le singole Camere di Commercio e verificare a consuntivo l’obiettivo di proporzionalità condiviso». «Il siste-

CATANZARO - Alle 16 di oggi all’Hotel "501" di Vibo Valentia si aprirà la prima convention regionale della Lista "Scopelliti Presidente". Il movimento che si ispira al Governatore della Calabria ha raccolto nelle elezioni del marzo scorso oltre centomila voti, diventando il terzo raggruppamento elettorale della regione dopo il Pdl e il Pd. "Si tratta di un’associazione politica e culturale, non di un partito, e non siamo assolutamente in competizione o il alternativa con il Pdl ma operiamo per allargare l’area politica del centro-destra". Così spiega Mario Caligiuri, Segretario regionale della lista "Scopelliti Presidente" e assessore regionale alla Cultura. Caligiuri prosegue sostenendo che "la lista "Scopelliti Presidente" è un movimento culturale, punto di incontro nella società calabrese di professionisti, imprenditori intellettuali e

ma camerale - conclude il comunicato - con questo rinnovato patto si candida a cooperare unito con la nuova giunta regionale, recependo appieno, nella propria operatività quotidiana i principi che informano le politiche nazionali e comunitarie di sviluppo e coesione». L’attuale vertice dell’Unione Regionale, nella persona del Presidente Roberto Salerno, compirà, ad aprile 2011, il suo mandato. È stato deciso all’unanimità dalle cinque Camere che, a Giuseppe Gaglioti, Presidente della Camera di Commercio di Cosenza, nel maggio successivo, toccherà raccoglierne il testimone.

«La sintesi compiuta rimette al centro le imprese e rinsalda il patto associativo tra le cinque Camere di Commercio»

amministratori pubblici che intendono rafforzare il progetto di profondo cambiamento che il Presidente Scopelliti ha già avviato in tutta la Calabria". Oggi alle ore 16 inizieranno i lavori ai quali si prevede la partecipazione di numerosi rappresentanti da tutta la Calabria. Dopo i saluti dei 5 coordinatori provinciali Oreste Romeo, Francesco Granato, Annamaria Astorino, Tonino Venneri, Pip-

CATANZARO - Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, dopo la «gravissima accusa del vicepresidente della Commissione ParlamentareAntimafia,FabioGranata, che ha denunciato le infiltrazioni mafiose tra gli eletti in alcune regioni e ha accusato i partiti e alcuni candidati alla Presidenza delle Regioni di non aver vigilato come era richiesto e doveroso, e l’autorevole conferma di questa stessa clamorosa denuncia da parte del presidente dell’Antimafia, Giuseppe Pisanu chiede un immediato chiarimento sul caso Calabria». Corbelli, che ribadisce di «essere garantista con tutti, nel rispetto del principio di presunzione di innocenza e della stessa Costituzione, chiede un chiarimento delle autorità preposte per porre fine a questo inaccettabile stillicidio di notizie e sospetti, nell’interesse e a difesa esclusivamente dell’istituzione regionale. I nomi dei consiglieri regionali eletti collusi con la mafia e i nomi dei presidenti delle regioni che non hanno vigilato e che sono coinvolti in inchieste di mafia, devono essere subito resi noti. Chiediamo che questo avvenga per tutte le Regioni sospette ad iniziare dalla Calabria, che rappresenta su questo fronte una vera emergenza, dove se non si ferma questa ondata giustizialista si rischia di travolgere, screditare e affossare letteralmente l’istituzione regionale».

po Bonanno e la relazione del segretario regionale Mario Caligiuri, sono previsti gli interventi dei Consiglieri Regionali Giovanni Bilardi (Capogruppo Consiliare), Francesco Pugliano(AssessoreAmbiente),Salvatore Magarò (Presidente Commissione Antimafia), Claudio Parente (Consigliere Segretario Commissione Attività sociali, sanitarie, culturali, formative), Candeloro Imbalzano (Consigliere Segretario Commissione Fondi Comunitari), Alfonsino Grillo (Vice Capogruppo Consiliare). A seguire ci saranno le testimonianze di Aldo Pecora, Gianvito Casadonte e Ruggero Pegna. Le conclusioni del meeting saranno svolte dal Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti. Il tema principale sarà il futuro dell’associazione e la partecipazione alle elezioni amministrative della primavera del 2011.


8

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

PRIMO PIANO Pino Gentile: allineati alla normativa nazionale REGGIO CALABRIA - «Con l’approvazione della legge n. 24 “Misure straordinarie a sostegno dell’attività edilizia finalizzata al miglioramento del patrimonio edilizio residenziale”, meglio conosciuta come Piano casa, la Regione Calabria si è finalmente allineata, ultima fra tutte le altre, alla normativa nazionale che consente una qualificazione del nostro patrimonio edilizia esistente

anche mediante l’ampliamento in misura del 20 per cento delle volumetrie». Lo ha detto l’assessore regionale alle Infranstrutture, Lavori pubblici e Casa, Pino Gentile, promotore in Giunta del disegno di legge che è stato definitivamente approvato dall’Assemblea regionale. «L’aula di Palazzo Campanella - aggiunge - ha approvato il provvedimento dopo l’esame approfondito concluso

dalla Commissione preposta presieduta dal collega Alfonso Dattolo. E di questo voglio ringraziare innanzitutto le forze e i colleghi consiglieri della maggioranza, riconoscendo anche alle minoranze di aver fornito un contributo positivo, sia pur con vari distinguo. Un particolare ringraziamento sento di doverlo al collega Piero Aiello per aver contribuito alla stesura della norma».

Fedele e Dattolo difendono il provvedimento approvato in consiglio regionale «Può contribuire a riqualificare parte del patrimonio edilizio calabrese»

«Piano Casa, una legge attesa e voluta che genererà sviluppo» di Settimio Rocca REGGIO CALABRIA - «Questa è una legge attesa e voluta dai calabresi perché garantisce lo sviluppo effettivo dell’economia nella nostra regione». E’ quanto afferma il capogruppo del Pdl alla Regione, Luigi Fedele a seguito dell’approvazione da parte dell’Aula del Piano Casa. «La normativa - ha aggiunto - era stata approvata in Quarta commissione e approfondita con criterio sotto ogni aspetto. Un lavoro sinergico che, grazie al contributo degli assessori Pino Gentile e Pietro Aiello, ha ricevuto il consenso della maggioranza in Consiglio. Al contrario di quanto dichiarato da alcuni consiglieri di minoranza che affermano che questa legge è tra le più permissive che le regioni d’Italia hanno approvato, il Piano Casa sposato dalla Regione Calabria diventa uno strumento fondamentale e necessario per l’incremento della nostra economia e, nello stesso tempo, può contribuire a riqualificare parte del patrimonio edilizio calabrese». «La legge è stata concepita, nel suo insieme, come strumento premiante ed allo stesso tempo riqualificante». Lo afferma in presidente della quarta commissione del consiglio, Alfonso Dattolo, circa l’approvazione del Piano Casa. «L’incentivazione, sottoforma di concessione - aggiunge - di incrementi volumetrici di unità abitative, si pone come obiettivo non solo di favorire le famiglie mediante lo snellimento burocratico delle procedure edilizie, ma anche il sanare il tessuto urbano calabrese, devastato da un’edilizia incontrollata ed incompiuta, fatta spesso di cattedrali nel deserto delle quali le strutture portanti si ergono nude ed estranee nel territorio, di incanalare i fondi così acquisiti dai comuni in migliorie atte a riqualificare il territorio, ed a consentire alle famiglie, di effettuare piccoli ampliamenti volumetrici delle proprie abitazioni, ma con cognizione di causa e miglioria

del contesto abitativo, architettonico ed energetico in cui, ad oggi si trovano a (soprav)vivere. Il problema dell’abusivismo edilizio e del selvaggio costruire, ed i successivi condoni, hanno condotto alla realizzazione di una vera e propria jungla di calcestruzzo, tondini di ferro, di mattoni a vista. La realizzazione di una serie di strutture, senza criterio e senza estetica, ha portato, nel corso degli anni, alla deturpazione del territorio, obbligando ad assistere ad un proliferare di costruzioni spesso indiscriminatamente edificate

e purtroppo anche incompiute. Ed è anche per questo che nella presente legge, tra le condizioni di accesso alle agevolazioni, è stato inserito il vincolo di eliminare gli scempi architettonici dell’ incompiuto edilizio, al fine incentivare, attraverso finanziamento con fonti proprie, attività di recupero, accedendo al Piano Casa ed al relativo premio, ottenendo un miglioramento del contesto edilizio in generale (e pertanto conducendo ad un doppio beneficio per il fruitore: incremento volumetrico del proprio stabile e miglioria

estetica del contesto in cui esso vive)». «Ulteriore incentivo - prosegue Dattolo - sarà dato a chi deciderà di effettuare l’ampliamento a seguito di demolizione e ricostruzione, e ciò al fine di incentivare non solo l’incremento dello standard globale dell’edifico, ma anche la sua armonia (stop ai blocchiaggiunti)intrinseca(ovvero della stessa struttura) ed estrinseca (ovvero riadeguandolo al contesto in cui esso si erge). Importanti sono anche gli accorgimenti per la bonifica urbanistica edilizia, che prevedono azioni di

riqualificazioneorilocalizzazione (entrambi con ovvio premio volumetrico, il quale è ulteriormente incrementato in particolari casi, qualora si decida di procedere alla rilocalizzazione) per gli edifici, legittimamente realizzati, in disaccordo con il contesto circostante. Immancabile è inoltre, in periodo di crisi energetica e sviluppo di fonti alternative, la sensibilizzazione e l’incentivo di politiche di risparmio energetico: sarà richiesta la certificazione dell’edificio in toto, e la sua appartenenza ad una classe energetica».


Venerdì 06 Agosto 2010 201oL1i6uVlgrdneì

il Domani li Domani

9

5

PPRIMO R IM O PPIANO IA N O

dano e dai consiglieri Talarico e terrà conto di alcun limite dal De Masi si è voluto premiare chi, punto di vista volumetrico». «Anin sfregio alle regole di uno stato che la proposta di rendere più civile, si è reso responsabile di pregnanti - conclude il gruppo abusi edilizi e che, grazie a queste Idv - gli indici di prestazioni enernorme, viene messo nelle condi- getiche avrebbe attenuato l’aspetzioni di poter ampliare ulterior- to negativo degli interventi, mente l’immobile abusivo e poi ma,anche in questo caso, si è ritecondonato». «I consiglieri inter- nuto di posticipare ad altra data venuti, poi, hanno posto l’accento gli interventi in campo energeti- prosegue la nota - sul momento co. In Calabria si è costruito, in temporale di applicazione della legge che non può essere CO indiviSEN ZA - Il centrodestra si prepara alle duato al momento della applicaam m inistrative «Condel la prossim scusaodianno un e con i zione della legge, al fatto mche le auspici. «Siam o pronti a conquistaigliori presunto miglioramento caratteristiche dell’immobile de- uni re i com di C osenza, C rotone e C atanzave essere esclusivamente residenro alle prossim e elezioni am m inistrative in del patrimonio edilizio ziale senza permettere altreC destialabria con nostri candidati a sostegno nazione d’uso, che i volumidelle realizliste si di determinerà centrodestra. U ltim unao atto per zabili in sede di demolizione e di definitivam ente il Pd e il centrosispazzare speculazione ricostruzione non possono nistra da questa terra». Lo haedilizia afferm ato M isuperare determinati limitichele e nonFilippelli, presidente del m ovim ento a larga scala» riguardare siti non prettamente politico "Scom ode Presenze". «Sindaci coresidenziali; ciò al fine di m evitare e Salvatore Perugini - prosegue - m eritache su determinate aree, no vedasi di essere ricandidati e di essere bocciati ex siti industriali, si innescano questi ultimi anni più che da un popolo feroce chetrenta per cinque anni ha processi speculativi chedovuto nulla subire in duemila anni diam storia e viene l’incapacità m inistrativa, hanno a che vedere conlail paralisi mi- saccheggiata senza burocratica dall’edilizia e l’inefficienza dei glioramento del territorio. Il servizi regole ache ha imbruttito il nostro sem plici causa di una scelta scelleLa dicotom ia governo regionale, nonostante paesaggiofiducia». e compromesso le rata eladi rinnovata ragionevolezza dinamiche turismo. Più C om e avvenuto con legate PeppealScopelliti alla coi leghistidelle osservazioni presentate, non ha inteso recepilegge sulla casa, R egione, che secondo Filippelli, anchequesta questa nonsiaviene re, pur parzialmente, approvata è un a sindaco condonodi voltagliil Pdl troverà candidati emendamenti presentati permetregionale mascherato». giovane età e di alta professionalità con conferm ata qualità orali al perplessità di sopra di ogni tendo che sulla nostra regione si m Forti sonosospetto. state m a uno i toni la preoccupante «Solo, infatti, con una sinergia tra com uni, apra scenario espresse anche dal capogruppo governo nazionale - ha concluso dove lobby di costruttori e regione impre- e del Pd secondo il quale «Preocculasciano Filippelli pa - si la potrà continuare a realizzare se mafiose porteranno a compideroga generalizzata che quel progetto di rilancio che punta a rendemento il saccheggio sistematico viene concessa rispetto ai limiti di "annusare" non solo sulla ecarta, la C alabria regione del territorio, in particolarre, modo altezze di distanze stabilite dai sulle aree dismesse dove d’E nonuropa». si Piani Regolatori».

Idv e Pd all’attacco: adesso Msarà anovra, le R egioni non m ollano speculazione edilizia m a abbassano i toni col G overno Errani: i tagli sono squilibrati, non interrom piam o il lavoro che stiam o facendo

di Andrea M orrone R O M A - La m anovra com incia a essere discussa in Parlam ento, m a le R egioni non m ollano e continuano a cercare di essere soddisfatte nelle loro richieste: «D a qui a quando arriveranno le conseguenze di questa m anovra ci sarà tem po di lavorare; noi non rinunciam o a cercare di cam biarla». C osì si è espresso il presidente della C onferenza delle R egioni, V asco E rrani, arrivando ieri alla sede della C onferenza per VascoEarni l’inizio dei lavori. E rrani continua Errani: «D a a m antenere ferm a la sua linea: «I qui a quando tagli sono squilibrati», ha ripetu- non viene quindi conferm ata da nessuno, anche se isitoni la lasciano sem pre "annusare". Anche to. R oberto C ota, G overnatore gruppi di opposizione, sia riudi LinoleCastagna arriveranno dall’altra parte del tavolo sono arrivati com del Piem onte, hasciti invece espresso sotto a contenere il profilo «Preoccupa la deroga piacim enti soddisfazione: «È un docum ento volumetrico (mille metri cubi) laper l’atteggiam ento costruttivo delle conseguenze REGGIO CALABRIA - Il gruppo R egioni. la generalizzata che viene positivo: non si parla di legge resti- riguardante parte più della consiliare di Italia dei valori delle in se-deleghe Il m inistro tuzione e si im posta della m anovra possibilità degli ampliamenti de-dei R apporti con le R egioni R affaele de di approvazioneildaconfronto parte del congliiledifici Fitto ha detto: concessa «Saluto con rispetto favore la ritrovata G overno in residenziali, è indubbio ci consiglio sarà tem po regionale del cosiddetto unità di intenti delle R egioni nella prosecuzione m odo costruttivo, non con un che la maggioranza governativa ai limiti di altezze diun confronto costruttivo con il G overno che Piano Casa ha espresso la propria m uro contro m uro: questa è la via si sia resa responsabile di un di posizione lavorare» per parte sua, a questo confronto, non ha m ai negativa da in seguire». ordine adM entre R oberto Forprovvedimento che, con la scusa e di distanze fatto m ancare la propria piena disponibilità». un articolato nel quale si «rischia m igoni, G overnatore della Lom di un presunto miglioramento del stabilite dai Le decisioni assunte unanim em ente dalla C onfedi stravolgere in modo irreversibardia, va cauto: «Le R egioni patrimonio edilizio, determinerà renza delle R egioni sono, secondo lui, una a m arciare«Benunite e auna ritenere insostebile ilcontinuano territorio calabrese». speculazione edilizia a larga Piani Regolatori» m anovra. Poi chiediam governo buona notizia che si aggiunge a quella altrettanchè, nibile graziequesta agli emendamenti - scala oal sotto diversi profili. Come to im portante per il sistem a paese rappresentata di aprire finalm ente il tavolo federalism o». prosegue la nota - presentati dai sulgià rilevato dal Capogruppo GiorLa dicotom ia tra leghisti e resto della ciurm a dal voto favorevole del Senato alla m anovra.

Filippelli: il Pdl punta sui giovani per le am m inistrative


il Domani

|

AsteInfoappalti

10

Venerdì 6 Agosto 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, DOTT. G. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n 95/05 R.G.E. pendente tra INPS E [OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto unico: quota ideale di 1/2 della proprietà di terreno sito in Catanzaro loc. Corace in catasto al fg. 66 part. 151 e 152; PREZZO BASE: euro 24.670,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa, entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare non trasferibile intestato a “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 95/05” portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00 è fissata in data 22/09/2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in Cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 27/07/2010. °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI Procedura esecutiva n.121/08 R.G. Espr. Il Giudice dell’Esecuzione dott. Giuseppe Cava; dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto nella relazione di stima “terreno in zona B1 del PRG identificato al fg. 35 part. 566 superficie catastale Ha 00.06.80 nel Comune di Chiaravalle Centrale, con R.D. pignorato, pianeggiante, incolto, con libero accesso da strada comunale adiacente” al prezzo base di euro 7.650,00; la valutazione del bene contenuta nella relazione di stima è di euro 10.200,00 (superficie mq 680,00 x euro/mq 15,00); fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti con rialzo minimo non inferiore ad euro 2.000,00 l’udienza del 6.10.2010 ore 9:30; dispone che le offerte di acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - proc. N.121/08” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto da imputare a cauzione. L’immobile meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto dedotta la cauzione entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione;

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Catanzaro 21.7.2010 Il Cancelliere dott. Aiello Il Giudice dott. Giuseppe Cava °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione, dr. G. Cava, nella procedura esecutiva n. 33/91 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Terreno in Torre Ruggiero, località Logge, fg. 8, p.lle 611, 285, 613, 618, 283 Prezzo base d’asta euro 4.935,37. Lotto 2: Terreno in Torre Ruggiero, loc. Monte Cucco, fg. 8, p.lle 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 58, 59, 60. Prezzo base d’asta euro 26.972,40. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 06.10.2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc, in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonchè un Assegno circolare “Non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro - proc. n. …” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile in caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo d’acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Catanzaro, 08.04.2007 °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Cancelliere Comunica che il Giudice dell’esecuzione,esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n. 3/88 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: Appartamento per civile abitazione sito nel comune di Badolato (fraz. Marina) via Nazionale 213, di vani 3 più accessori, piano secondo, sup. mq. 106, con balcone di mq. 36, in catasto fol. 28, p.lla 354, sub 9 PREZZO BASE D’ASTA euro 29.236,00 Lotto 2: Appartamento per civile abitazione sito nel comune di Badolato (fraz. Marina) via Nazionale 213, di vani 3 più accessori, piano secondo, sup. mq. 101, con balcone di mq. 12, in catasto fol. 28, p.lla 354, sub 10 PREZZO BASE D’ASTA euro 27.591,00 Lotto 3: Appartamento per civile abitazione sito nel comune di Badolato (fraz. Marina) via Nazionale 213, di vani 3 più accessori, piano terzo, sup. mq. 106, con balcone di mq. 36, in catasto fol. 28, p.lla 354, sub 11 PREZZO BASE D’ASTA euro 29.236,00 Lotto 4: Appartamento per civile abitazione sito nel comune di Badolato (fraz. Marina) via Nazionale 213, di vani 3 più accessori, piano terzo, sup. mq. 101, con balcone di mq. 12, in catasto fol. 28, p.lla 354, sub 12 PREZZO BASE D’ASTA euro 27.591,00 Lotto 5: Appartamento per civile abitazione sito nel comune di Badolato (fraz. Marina) via Nazionale 213, scala B di vani 3 più accessori, quarto piano, sup. mq. 93, con balcone di mq. 52, in catasto fol. 28, p.lla 354, sub 13 PREZZO BASE D’ASTA euro 25.867,00 Lotto 6: Appartamento per civile abitazione sito nel comune di Badolato (fraz.

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

Marina) via Nazionale 213, scala B di vani 3 più accessori, quarto piano, sup. mq. 90, con balcone di mq. 32, in catasto fol. 28, p.lla 354, sub 14 PREZZO BASE D’ASTA euro 24.712,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 13 ottobre 2010 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo,fotocopia del documento di identità,nonché assegno circolare non trasferibile intestato a Tribunale di Catanzaro proc. n. 3/88 di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto in Cancelleria,dedotta la già versata cauzione,entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento relative all’immobile aggiudicato saranno a carico della procedura esecutiva. °°°°°°°°°° Cancelleria esecuzioni immobiliari Avviso di vendita dei beni immobili pignorati ex art. 569 c.p.c., comma 6 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.111/00 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza inca nto dei seguenti beni: Lotto n.1: Fabbricato in Girifalco, via Milano (F.22, P.lla 451, Sub 1-4) Euro 27.403,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 06 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (05 ottobre 2010), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 111/00” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione . Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - II Domani Catanzaro 21 aprile 2010

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

°°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 100/92 r.g.e., a scioglimento della riserva di cui all’udienza del 04.12.08, ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1: terreno in Davoli (CZ), identificato al catasto al Fg.13, part.lle 324 e 390, al prezzo a base d’asta di euro 7.750,00 Lotto n. 2: unità abitativa in Davoli (CZ), Via Veneto in catasto al Fg. 11 part.lla 448, sub. 5 e 1001 al prezzo a base d’asta di euro 15.620,00 Gli immobili, meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 06 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (05 ottobre 2010), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n.100/92” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 2.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione . Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - II Domani Catanzaro 21 aprile 2010 °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr.ssa Maria C. Andricciola RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n. 87/92 r.g.e ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Terreno in Belcastro, loc. Cannizzaro (F.23, P.lla 107, 121, 383 ; P.lla 373 sub 1, 2, 3, 4) Euro 20.752,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 13 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 cpc,n caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (12 ottobre 2010), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

11

Venerdì 6 Agosto 2010 Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 87/92 RGE” di un importo pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. ln caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 500,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta (60) giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it ; - Il Domani Catanzaro, 17 marzo 2010.

offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 21 aprile 2010

°°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 276/95 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei beni indicati nel prospetto allegato e ai seguenti prezzi: Lotto n. 2: Terreno Agricolo in Badolato (CZ), loc. Orto di Provvidenza (F.21, P.lla 20) Euro 337.50 Lotto n. 5: Magazzini saltuariamente destinati a residenza turistica siti in Badolato (CZ), Frazione Marina, Via F. Caporale (F.28, P.lla 552 - sub 4 - 11) Euro 22.882,50 Lotto n. 6: Magazzini saltuariamente destinati a residenza turistica siti in Badolato (CZ), Frazione Marina, Via C. Alvaro (F.28, P.lla 552 - sub 5 - 12) - Euro 22.072,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 06 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n.276/95 RGE” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo

Esecuzioni Imm. n. 87/2007 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Professionista Delegato: Lotto: 1°. La piena ed intera proprietà di capannoni a aree di servizio coperte della superficie commerciale complessiva lorda di circa mq.3.877,22; palazzina uffici di mq. 120 circa, tutti siti in Strongoli - frazione Scalo - contrada Donna Rosa. Prezzo base: 1° lotto euro. 639.396,50 Rilancio: 1° lotto euro. 10.000,00 Vendita senza incanto: 6.10.2010 Vendita con incanto: 13.10.2010 Le vendite saranno effettuate presso il proprio Ufficio sito nel Tribunale di Crotone. Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la data di vendita. Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it o rivolgersi in Cancelleria delle Espropriazioni Immobiliari presso il Tribunale di Crotone e/o al custode giudiziario, avv. Rosanna Macrini (tel. 0962/26922).

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

TRIBUNALE DI CROTONE

°°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 61/92 R.G.E. G.E. Dott. Franesco Murgò Custode Giudiziario: Avv. Andrea Alioisio Lotto1: Intera proprietà di complesso industriale a Rocca di Neto Prezzo base: euro 199.125,00 Rilancio: euro (/00) 1.500,00 Vendita senza incanto: 06/10/2010 Vendita con incanto: 13/10/2010 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancel-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it leria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti intere net www.tribunaledicrotone.net www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PROC. N. 19/96 R.E. - G.E. dott. Brancaccio Richiesta da: Mantella Francesco SI RENDE NOTO Che il giorno 13.10.2010 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili di seguito elencati: - Lotto n. 1: fabbricato in Decollatura costituito da una casa a due piani fuori terra per civile abitazione con annessa corte e garage distinto in catasto al foglio n. 30 particella n. 840 sub 2,3 e 4 - valore stimato compreso tra 60.000 e 70.000 euro; - Lotto n. 2: appezzamento di terreno agricolo ubicato in Carlopoli esteso 810 mq e distinto in catasto al foglio di mappa n. 6 particella n. 14 - valore stimato 5.000 euro; - Lotto n. 3: fabbricato in Carlopoli costituito da una casa per civile abitazione a due piani fuori terra più seminterrato e annessa corte (910 mq compresa la costruzione) distinta in catasto al foglio di mappa n. 6 particelle n.588 sub n. 2 e 3 valore stimato 124.500 euro; - Lotto n. 4: (se non riconosciuto agli attuali possessori) appezzamento di terreno edificabile distinto al catasto terreni del Comune di Carlopoli al foglio n. 6 particelle n. 602 e 603 di 260 mq - valore stimato di 5.200 euro alle seguenti condizioni: prezzo base: euro 18.350,08 per il primo lotto; prezzo base: euro 2.048,00 per il secondo lotto; prezzo base: euro 26.109,55 per il terzo lotto; prezzo base: euro 2.129,92 per il quarto lotto. Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare nella cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto: primo lotto: euro 1.835,00 per cauzione e euro 3.670,00 per spese secondo lotto: euro 204,80 per cauzione e euro 409,60 per spese terzo lotto: euro 2.610,95 per cauzione e euro 5.221,91 per spese quarto lotto: euro 213,00 per cauzione e euro 426,00 per spese. L’aumento minimo da apportarsi alle offerte è di euro 917,50 per il primo lotto; euro 102,40 per il secondo lotto; euro 1.305,47 per il terzo lotto; euro 106,50 per il quarto lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata nelle forme dei depositi giudiziari,

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

entro trenta giorni dall’avvenuta vendita, e dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Maggiori informazioni in cancelleria. Lamezia Terme 21.7.010 IL CANCELLIERE Bruna Bernardi IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE dott. Brancaccio

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 4/1977 promossa da ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 27.04.2007 LOTTO 1: Unità immobiliare adibita a civile abitazione (mq. 90 circa) in Ardore, loc. Signora Giulia, ora individuato nel NCEU del medesimo Comune al foglio 36 part. 845 sub 2, con diritti sulla corte comune, identificata al sub 1 della medesima particella Prezzo base d’asta: Euro 32.000,00 Deposito per cauzione: Euro 3.200,00 Deposito per spese: Euro 4.800,00 LOTTO 2: Unità immobiliare adibita a civile abitazione (mq. 92 circa, oltre balconi) in Ardore, loc. Signora Giulia, ora individuato nel NCEU del medesimo Comune al foglio 36 part. 845 sub 3, con diritti sulla corte comune, identificata al sub 1 della medesima particella Prezzo base d’asta: Euro 36.000,00 Deposito per cauzione: Euro 3.600,00 Deposito per spese: Euro 5.400,00 L’incanto avverrà, CON IL PREZZO RIDOTTO DI 1/5, all’udienza del 07.10.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base eventualmente ribassato. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 07.10.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 05 luglio 2010

Info 0961 996802


12

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

IMPRESE E LAVORO Nella seconda parte del 2009 i prezzi delle case a Soverato sono rimasti stabili

Tecnocasa, mercato immobiliare turistico: in Calabria calo del 3,1% di Vania Notaro ROMA - Nella seconda parte del 2009 le quotazioni delle abitazioni nelle località turistiche di mare hanno segnalato una diminuzione del 2%. Lo sottolinea uno studio di Tecnocasa. In genere si prediligono immobili non lontano dalle spiagge, per poterle raggiungere senza utilizzare la macchina. In particolare, in Calabria le quotazioni delle abitazioni sono diminuite del 3,1% nella seconda parte del 2009. Si segnalano a Scalea un discreto interesse da parte di acquirenti russi. Lo sviluppo edilizio interessa i comuni ScLa domanda hiavonea e Soverato. Nel secondo semestre del 2009 immobiliare nonsiregistranovariazioni dei prezzi immobiliari a si divide Schiavonea, frazione di equamente Corigliano Calabro, dove si concentra la domanda di tra famiglie seconde case da parte di turisti napoletani (in magalla ricerca gioranza), romani e miladella prima casa nesi. Il capitale medio a disposizione degli acquirenti e turisti in cerca è di 70 mila euro. L’area di Schiavonea adiacente al della casa mare è caratterizzata da per trascorrere condomini realizzati nei primi anni ’80. La parte cola vacanza stiera a nord, meno turistica e che costituisce il caratteristico borgo marinaro è invece composta da case di pescatori realizzate prima del ’67. Corso Cristoforo Colombo è il lungomare di Schiavonea dove si possono acquistare appartamenti medio usati fronte mare ad un prezzo di 1000 euro al mq. Il canone di affitto per un bilocale 4 posti letto a luglio è di 800 euro mentre ad agosto si spendono 1800 euro. I prezzi delle case a Scalea non hanno subito

variazioni nel secondo semestre del 2009. Da segnalare che nel 2009 si è registrata una buona domanda da parte turisti russi, che cercano prevalentemente nell’area centrale di Scalea preferendo i piani più alti anche se privi di ascensore. Il Centro storico di Scalea è di epoca medioevale ed offre soluzioni in palazzi d’epoca con vista panoramica sul mare, apprezzati in prevalenza da turisti stranieri. A Soverato L’area centrale di Scalea si è sviluppata dagli anni ’80 in poi ed è composta pre- sono in fase di valentemente da condomini aggregati in "parchi". Via Fiume Lao, via Lauro e cor- completamento so Mediterraneo sono tra le vie principa- i lavori per li del centro. Qui si possono acquistare soluzioni medio usate a 1000 euro al mq. nuove villette Più signorile la zona detta Baia del Cara schiera e pino, in località Petrosa, molto richiesta perché panoramica, verde, tranquilla e palazzine, la cui con la presenza di spiagge private. L’edilizia è composta da ville ed appartamen- valutazione è ti realizzati negli anni ’80. In questa zona compresa tra acquistare una soluzione in buone condizioni con vista mare costa circa 1200 € 1800 e 2000 al mq. Da segnalare che è in fase di progettazione il nuovo porto, che porterà tra euro al mq l’altro alla riqualificazione dell’area di corso Mediterraneo. Chi volesse acquistare soluzioni semindipendenti può orientarsi nella zona marina del comune di Santa Maria

del Cedro, dove è possibile trovare ville bifamiliari, quadrifamiliari e a schiera. I prezzi per le villette a schiera partono da 100 mila euro mentre quelli per le villette bifamiliari partono da 120 mila euro. Il mercato delle locazioni è attivo solamente nel mese di agosto. Per l’affitto di un bilocale di quattro posti letto si spendono da 1000 a 1500 euro in base alla vicinanza al mare. Nella seconda parte del 2009 i prezzi delle case a Soverato sono rimasti stabili. La domanda immobiliare si divide equamente tra famiglie alla ricerca della prima casa e turisti in cerca della casa vacanza. I turisti provengono prevalentemente dalla Campania, ma anche da Roma, Bari e dalla Calabria stessa. Si registrano sporadici acquisti da parte di turisti tedeschi, inglesi e danesi, anche se in genere gli stranieri preferiscono usufruire dei villaggi vacanza e delle strutture alberghiere. Chi acquista la casa vacanza cerca di solito soluzioni con una metratura compresa tra 60 e 70 mq, situate nei pressi del mare e con uno spazio esterno come giardino o terrazzo. L’area centrale di Soverato, che si trova a ridosso del mare, è quella su cui si concentrano le richieste di seconde case. Il Centro è stato edificato tra gli anni ’70 e gli anni ’80 ed è composto da palazzine al massimo di 5 piani. Acquistare un appartamento usato costa tra 1900 e 2100 euro al mq, mentre per soluzioni con vista mare si possono spendere fino a 2600 euro al mq. Il Centro storico, sorto nei primi anni ’50, caratterizzato da case di pescatori ristrutturate, è richiesto prevalentemente da residenti. Nell’area panoramica di Soverato sono in fase di completamento i lavori per la realizzazione di nuove villette a schiera e palazzine, la cui valutazione è compresa tra 1800 e 2000 euro al mq. Continua inoltre lo sviluppo di alcuni comuni nei pressi di Soverato, come ad esempio Montepaone e Davoli, dove si costruiscono villette ed appartamenti valutati 1400 euro al mq.

Idraulico-forestali, prosegue la protesta CASTROVILLARI - Continua lo stato di agitazione dei circa cento lavoratori idraulico - forestali del Pollino che ancora non hanno ricevuto le loro legittime spettanze. Proseguirà fino a quanto i lavoratori non si vedranno corrisposto quanto loro dovuto. Come evidenzia Michele Tempo, segretario generale comprensoriale della Flai - Cgil Pollino - Sibari - Tirreno, si tratta di una situazione,

Michele Tempo

quella dei continui e inspiegabili ritardi nei pagamenti delle spettanze, non più tollerabile. «I lavoratori sono costretti, ancora una volta, a subire l’incertezza quotidiana del vivere senza salario - afferma Tempo -, a non poter onorare gli impegni assunti, a subire e a far subire alle proprie famiglie le mille difficoltà che tale situazione comporta. La situazione dei circa 100 lavoratori idraulico - fore-

stali del Pollino, rispetto ai loro colleghi dell’intera regione Calabriache,seppureconritardo, hanno percepito le loro legittime spettanze, è aggravata dal fatto che sono costretti a dover sopportare ulteriori ritardi che si registrano nella consegna degli assegni, a tutt’oggi ancora non avvenuta e che, da notizie riferite dall’Afor regionale, dovrebbero essere recapitati nella giornata di domani presso gli uffici Afor di Castrovillari». La Flai Cgil Pollino Sibari Tirreno, che ritiene la questione dei ritardi nei pagamenti una situazione non più tollerabile perché i diritti dei lavoratori, primo fra tutti il salario,devonoesseregarantiti, annuncia che lo stato di agitazione dei circa 100 lavoratori idraulico - forestali del Pollino perdurerà fino a quando non

Lavoratori idraulico-forestali


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 13

IMPRESE E LAVORO Galati: «Necessario istituire il Distretto agroalimentare di qualità del lametino» ROMA - «L’istituzione del distretto agroalimentare del lametino pone le condizioni per un significativo sviluppo del territorio facendo leva sull’alta competitività del settore particolarmente florido nel settore ortofrutticolo, florovivaistico e vitivinicolo. Ho già manifestato all’assessore Trematerra il mio apprezzamento e sostegno per questa importante iniziativa che, tra le altre cose, metterà i produttori agricoli nella condizione di beneficiare dei vantaggi che la normativa in vigore pone loro in essere». Sono le dichiarazioni del deputato del Pdl on. Giuseppe Galati che assicura il suo sostegno all’esecutivo calabrese per l’importante iniziativa, manifestando il suo apprezzamento alle dichiarazioni già rilasciate sull’argomento dal presidente della V Commissione "Riforme e Decentramento" on. Mario Magno.

«Sfruttare le potenzialità del territorio - afferma l’on. Galati - è il modo migliore per mettere in atto quelle politiche di sviluppo che possono portare al tempo stesso ricchezza ed occupazione facendo leva su un settore che si caratterizza per un’agricoltura tipica e nello stesso tempo innovativa. È solo la conoscenza delle diverse specificità della nostra regione, accompagnate dalla volontà politica nel compiere le scelte che contano, che può portare ad un razionale, condiviso e produttivo sviluppo della Calabria ed in quest’ottica l’istituzione del distretto agroalimentare di qualità del lametino può portare considerevoli benefici. A tutto questo - conclude Galati - bisogna aggiungere le ricadute positive in termini di produttività, maggiore specializzazione del settore, sviluppo ed occupazione».

L’economista calabrese non cessa di seguire con attenzione le vicende calabresi

Malasanità, non solo numeri. Lilia Infelise: «Siamo alla resa dei conti» di Mario Mirabello CATANZARO - Lilia Infelise, economista calabrese, in questi ultimi tempi più stabilmente impegnata a Bologna, non cessa di seguire con attenzione le vicende della sua Regione. Ancora una volta la Calabria alla ribalta della cronaca nazionale e internazionale.Inquestigiornisi parla insistentemente della sanità calabrese da due punti di vista ugualmente inquietanti: il deficit fuori controllo ed errori quotidianicheprocuranolamorte, purtroppo molto spesso di giovani e bambini. Ed ora anche il commissariamento. «Effettivamente siamo alla resa dei conti nella sanità; l’incolmabile deficit, la corruzione di alcuni medici che si prestano alle becere pratiche assistenzialistiche ben note (false certificazioni di invalidità o assegnazioni di giornate di malattia per raggiungere le ’51 giornate che danno diritto all’assegno di disoccupazione). Questo non per quel mal interpretato senso di pietà per il più debole, ma come becero mercato del

voto. Il più terribile mercato mai esistito, lo ha messo a punto la politica calabrese, senza distinzioni di colori si vendono e si acquistano voti in cambio di sopravvivenza! Insieme però a questa Calabria della corruzione, vi sono pezzi della regione di cui essere orgogliosi e di cui purtroppo i media non amano parlare. Uno dei tanti esempi è costituito dalla recente sentenza di Vibo Valentia per la tragica scomparsa di Federica Monteleone. Un processo istruito in tempi dovuti, con condanne esemplari, come quelle comminate dai giudici di Vibo Valentia a tutti coloro che ne hanno responsabilità dirette e indirette, a tre anni dalla morte della giovane sedicenne». Lei si è occupata di sanità nel suo ruolo di economista, specialista di sviluppo organizzativo e sviluppo delle risorse umane, da dove partirebbe per affrontare la questione sanitaria calabrese. «Innanzitutto occorre trarre dalle recenti drammatiche vicende di malasanità un monito preciso: non facciamo mercato politico,

almeno nella sanità, e non riduciamo il tutto a una questione di numeri. Senza entrare in una disamina approfondita, basti solo ricordare che la spesa sanitaria pubblica italiana è molto inferiore rispetto a quella di altri importanti paesi europei. A fronte dei poco più di 2 mila dollari pro capite in parità di potere d’acquisto spesi in Italia nel 2007, la Francia ne spende 2.844, la Germania 2.758 e il Regno Unito 2.446. Un studio molto serio condotto dal Cerm, pubblicato lo scorso novembre, mette in luce un elemento di rilievo: sovra spesa e bassa qualità vanno di pari passo, sono due facce della stessa medaglia».

«La sanità calabrese nell’arco dell’ultimo decennio è diventata il bacino di reclutamento del consenso elettorale»

Quali sono le ragioni a suo parere di questo nefasto binomio: crescita fuori controllo dei costi e più bassi livelli di qualità delle prestazioni, rispetto a tutte le altre regioni italiane. «Le cause a mio parere sono essenzialmente due: la sanità calabrese nell’arco dell’ultimo decennio è diventata il bacino di reclutamento del consenso elettorale inteso non come adesione convinta ad un progetto di sviluppo, bensì come mercato nel quale si baratta il voto in cambio di protezione, la forma più arcaica e nefasta di dipendenza. La seconda, il progressivo degrado della cultura del lavoro a favore di una concezione assistenzialistica del servizio. Tutto questo con conseguente soffocamento e frustrazione dei professionisti seri, sia nel mondo della ricerca, sia nel campo delle professionalità mediche che si trovano ad operare con, personale non adeguatamente preparato, in strutture realizzate non a norma, pensiamo alle sale operatorie del polo universitario di Catanzaro, recentemente realizzate, ma inspiegabilmente, secondo stan-

dard da tempo abbandonati». Una qualità dei sistemi educativi e formativi tornerebbe sicuramente utile alla sanità calabrese. «Certamente! Ritengo che sia giunta l’ora che per la sanità calabrese si parli non solo di cifre, ma anche di risorse umane e di processi e modelli organizzativi. Esito di una cultura del lavoro, che si insegna a partire dai banchi di scuola, dalla primaria sino alle facoltà universitarie, di un sistema educativo e formativo finalmente all’altezza di una sfida straordinaria: uscire dal chiuso delle aule delle tradizionali istituzioni formative e incunearsi, infiltrarsi in tutti i luoghi in cui una comunità vive, giovani e meno giovani, alti dirigenti e semplici lavoratori o cittadini, indigeni o arrivati da pesi lontani. Solo a partire da una formazione scolastica ed universitaria appropriata sarà possibile proseguire con successo la formazione sui luoghi di lavoro. In poche parole occorre costruire un sistema di apprendimento lungo tutta la vita che raggiunga livelli tali di eccellenza da attrarre studenti da tutto il mondo e divenire il vero motore dello sviluppo economico della nostra regione. La Calabria ha, come altre volte ho ricordato, ben 90 milioni di euro a sua disposizione per quell’attività che gli specialisti chiamano capacity building, ovvero per la formazione del personale della P.A. regionale e lo sviluppo di efficienti modelli organizzativ».


14

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

IMPRESE E LAVORO Sulla questione rilancia il consigliere regionale della Federazione della sinistra

Centrale Mercure, Aiello (Fds): «Bloccare subito la riattivazione» di Cecilia Bartoli REGGIO CALABRIA - Un ordine del giorno che «impegna il Presidente e la Giunta regionale ad esprimere con forza una posizione di contrarietà alla riattivazione della centrale del Mercure, impianto costruito a metà degli anni ’60 ed ormai completamente inattivo da oltre 12 anni», è stato presentato dal consigliere regionale della Federazione della Sinistra, Ferdinando Aiello che ne chiede la trattazione urgente in Aula. Nel ricordare «Bisogna tenere che «l’impianto, situato nel territorio di in considerazione Laino Borgo (Cs) all’interno del periprioritariamente metro del Parco i fabbisogni nazionale del Pollino, utilizzare energetici regionali, dovrebbe come combustibile le biomasse per una nonché l’utilizzo potenza elettrica dicdi fonti rinnovabili hiarata di 41 MW/e (35MW/enetti),ovvecompatibili con ro, tra le centrali a biomasse più grandi gli impegni assunti d’Italia e che, a seguidal protocollo to di una lunga ed altalenante fase istrutdi Kyoto» toria di quasi 10 anni, non è stato ancora definito il procedimento autorizzativo», Aiello ribadisce «la necessità di valutare adeguatamente la proposizione di nuovi impattanti impianti di energia sul territorio regionale». Il consigliere regionale sostiene che «bisogna tenere in considerazione prioritariamente i fabbisogni energetici della regione - sottolinea -, nonché l’utilizzo esclusivamente di fonti rin-

interessi delle popolazioni della Valle del Mercuri». Aiello conclude così: «Pertanto, va bloccato definitivamente il progetto dell’Enel di riattivazione della centrale del Mercure, anche per non incorrere in altri provvedimenti sanzionatori da parte della Comunità europea e per impedire che si concretizzino gravi infrazioni alla normativa nazionale e a quella comunitaria, che sanciscono l’impossibilità che un’opera come quella della riattivazione della centrale del Mercure possa essere realizzata in un’area soggetta a doppio vincolo ambientale, determinato dalla sua insistenza all’interno, contemporaneamente, del Parco nazionale del Pollino e della zona di protezione speciale Pollino e Orsomarso».

La centrale del Mercure

novabili che siano compatibili con gli impegni assunti dal protocollo di Kyoto e non arrechino danni al «È fondamentale patrimonio agricolo, naturalistico e forestale calabrese». Su questo adottare misure punto, l’esponente del centrosini- a tutela della salute, stra rilancia: «È fondamentale adottare misure a tutela della salu- dello sviluppo te, dello sviluppo economico ed occupazionale delle popolazioni del- economico ed la valle del Mercure, dell’ambiente occupazionale e delle specie protette del Parco del Pollino che riceverebbero, dall’en- della valle trata in esercizio della Centrale del Mercure, gravissimo danno. Al- del Mercure, trettanto inderogabile è la neces- dell’ambiente e sità di predisporre ulteriori iniziative per impedire che l’attività av- delle specie protette viata da parte del Dipartimento del Parco del Pollino» regionale delle Attività Produttive, ed in particolare i pareri degli Enti e Amministrazioni interessate, venga effettuata senza rispettare fatti, diritti e

Ferdinando Aiello

Crisi, la Cciaa a fianco delle aziende reggine REGGIO CALABRIA - Nella consapevolezza della recrudescenza della crisi economica che sta attraversando il sistema imprenditoriale reggino, la Camera di Commercio di Reggio Calabria ha messo in campo un sistema di interventi finanziari per supportare le imprese nell’attuale momento di stretta creditizia e calo dei fatturati. Gli interventi riguardano: Il

Lucio Dattola

programmadiMicrocreditoche prevede finanziamenti fino a 200.000,00 Euro con un moltiplicatore di 400.000,00 quale fondo di garanzia; La convenzione con la Banca Popolare del Mezzogiorno - Bpm con finanziamenti fino a 400.000,00 per l’abbattimento dei tassi di interesse; interventi di sostegno al sistema dei Confidi per un ammontare di 1.080.000 Euro suddiviso tra Fondo di Garanzia,

Microprestiti e per l’abbattimento dei tassi di interesse; altri finanziamenti di minore entità a supporto degli investimenti e dell’occupazione. «Il notevole impegno di risorse finanziarie messo in campo dichiara il Presidente Lucio Dattola - intende sostenere un sistema imprenditoriale messo a dura prova dal calo dei fatturati e dalla stretta creditizia, attuata dal sistema bancario per far fronte ai rigorosi parametri di Basilea 2, che stanno accentuando in modo devastante il disagio economico in cui versano le imprese». La Camera di Commercio, attraverso l’immmisione nel sistema economico di oltre 2 milioni di euro ad esclusivo beneficio delle aziende, sta attuando gli indispensabili ed urgenti strumenti di contrasto diretto

alla crisi economica di cui necessita il sistema imprenditoriale. «Continuiamo a dare risposte alle aziende in difficoltà con fatti concreti, senza promesse e senza enunciazioni di buona volontà prosegue il presidente Dattola -, ma realizzando in maniera tangibile un programma di interventi di supporto finanziario che ammonta ad oltre due milioni di Euro. Si tratta di risorse di immedia-

to utilizzo che possono contribuire a dare fiducia e speranza nel futuro ad un sistema imprenditoriale reggino chiaramente in difficoltà. Il suggerimento che posso dare è quello di porre attenzione, soprattutto per ciò che riguarda il sistema dei Confidi, ai bandi che le associazioni di categoria emaneranno già dai primi giorni di settembre».


16

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Retifici industriali da pesca: siglato l’accordo Sottoscritta tra Federpesca-Confindustria e il sindacato dei lavoratori l’ipotesi di accordo per rinnovo del contratto E’ stato siglato in data 29 Luglio 2010, tra FEDERPESCA e FEMCA-CISL, FILCTEM-CGIL, UILTA-UlL, l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL 6/5/2008 per il settore delle attività industriali della filiera ittica e dei retifici. Il nuovo contratto avrà durata triennale. Con validità a decorrere dal 1° gennaio 2010 fino al 31 dicembre 2012 sia per quanto concerne la parte economica, che per quella normativa. L’incremento dei minimi contrattuali viene di norma corrisposto in tranches entro il periodo di vigenza del contratto, riportiamo, pertanto, nella tabella sottostante i rispettivi aumenti dei minimi contrattuali che l’ipotesi di accordo per il rinnovo ha previsto e le relative decorrenze di erogazione. E’ prevista, inoltre, come riportato nella tabella soprastante, per tutti i lavoratori in forza alla data di stipulazione del presente accordo, l’erogazione - in

due tranches di pari valore - di un importo forfettario lordo "una tantum". La cui corresponsione avverrà: la prima con la retribuzione del mese di agosto 2010; la seconda con la retribuzione del mese di settembre 2010. Per meglio rispondere ai bisogni dell’azienda, le parti condividono la volontà di integrare, ove ne esistano le condizioni, la contrattazione di secondo livello (aziendale o territoriale) cercando, pertanto, le condizioni ottimali al fine di garantire il raggiungimento di tale obiettivo. In mancanza della contrattazione di secondo livello, ai lavoratori in forza dalla data di stipula del presente contratto, in aziende prive di contrattazione di secondo livello con contenuti economici, verrà erogata a titolo perequativo - e sempre in corrispondenza della retribuzione di Dicembre - una cifra in forma annua: di € 210,00 lordi, per l’anno 2010, onnicomprensiva e non incidente sul TFR; di € 230,00 lordi

per l’anno 2011; di € 250,00 lordi per l’anno 2012. Con la sottoscrizione dell’accordo 29/7/2010 di rinnovo del CCNL 6/5/2008 è stata concordata una procedura esecutiva in disposizione alla trattenuta e al versamento delle quote di sottoscrizione contrattuale di € 30,00 a carico dei lavoratori non iscritti alle Organizzazioni sindacali Femca-Cisl, Filctem-Cgil, Uilta-Uil. Per la definizione, entro il 30 giugno 2011, di iniziative a favore dei lavoratori finalizzate all’assistenza sanitaria integrativa le Parti sono d’accordo per attivarsi tramite la costituzione di apposita Commissione Paritetica Nazionale. E’ stato pertanto realizzato un fondo sanitario integrativo attraverso il finanziamento a carico delle imprese, a partire dal 1.1.2012, di € 3,00 mensili per 12 mensilità. Giuseppe Tetto

Artigiani, più semplice mettersi in regola

Cartolarizzazione dei crediti L’Agenzia delle entrate ha stabilito che non è possibile lo scomputo delle ritenute durante una operazione di cartolarizzazione

A seguito di un interpello presentato da una SPV (Special purpose vehicle), l’Agenzia delle Entrate, ha risposto che, nel corso di una cartolarizzazionesipuòprocederealloscomputo delle ritenute d’acconto subite, quando l’operazione risulta terminata, o meglio, può procedere al recupero nel periodo d’imposta in cui decade il vincolo di destinazione del patrimonio separato. Nel caso di specie, la società istante, ha svolto due diverse cartolarizzazioni una delle quali terminata nel 2007 senza emersione di alcun residuo attivo tassabile in capo alla SPV. La società ha ceduto due distinti portafogli di crediti da parte di altrettanti orginator e emettendo, contestualmente, due serie di titoli obbligazionari. Naturalmente ogni operazione, ha anche un patrimonio, separato, destinato esclusivamente al soddisfacimento "dei diritti incorporati nei titoli emessi

per finanziare l’acquisto dei crediti, nonché al pagamento dei costi dell’operazione" (articolo 1, lettera b), legge n. 130/1999), in pratica utilizzabile per il rimborso dei titoli emessi, per il pagamento degli interessi pattuiti e dei costi dell’operazione. Si chiede dunque all’Agenzia delle Entrate, come scomputare le ritenute d’acconto subite: per intero con la dichiarazione dei redditi al termine dell’ operazione oppure durante lo svolgimento dell’intera operazione. L’Agenzia delle Entrate, precisa che i flussi attivi e gli interessi, benché maturati su conti intestati alla società veicolo, vanno inclusi nel patrimonio separato e destinati unicamente al rimborso e alla remunerazione dei titoli emessi. Gli utili confluiscono nel reddito della società soltanto a fine cartolarizzazione, una volta soddisfatti tutti i creditori. Le imposte trattenute in acconto possono essere recuperate dalla Special purpose vehicle attraverso la dichiarazione dei redditi uccessiva al termine dell’operazione. Per l’operazione conclusasi nel 2007 la società avrebbe dovuto scomputare le ritenute in Unico 2008. (Non avendolo fatto può chiedere il rimborso del surplus d’imposta all’ Agenzia). Le somme recuperate, riconducibili al patrimonio separato, vanno attribuite agli obbligazionisti che hanno partecipato alla cartolarizzazione e tassate secondo la disciplina prevista per gli interessi bancari e altre rendite finanziarie connesse a titoli obbligazionari (Dlgs n. 239/1996). Nel caso contrario l’imposta diventa reddito imponibile per la SPV ed è soggetta a Ires ordinaria. DT

Più facile, per gli artigiani, mettersi in regola con il fisco. Equitalia, la società pubblica di riscossione dei tributi, e Casartigiani, la Confederazione autonoma sindacati artigiani, hanno infatti firmato un accordo quadro biennale, che sancisce una stretta collaborazione tra i due enti per migliorare l’assistenza fiscale ai contribuenti del mondo dell’artigianato. A base dell’intesa, attività di consulenza, formazione e informazione e l’attuazione di strategie mirate per soddisfare al meglio le particolari esigenze di questa categoria di operatori sul fronte del fiscale. Punto di forza sono gli accordi locali siglati tra gli agenti della riscossione e le strutture periferiche di Casartigiani, che consentiranno un’assistenza specifica a livello territoriale. Previsti incontri periodici per verificare i risultati raggiunti e superare eventuali criticità. Il protocollo rappresenta un ulteriore avvicinamento dell’agentedella riscossione alcittadino. Diventanosempre meno complessi, grazie alle numerose intese concluse da Equitalia con enti, associazioni e ordini, gli adempimenti connessi alla riscossione dei tributi. Ricordiamo, infatti che, ad esempio, con il recente protocollo su "Reti amiche", presto sarà possibile pagare le tasse dal tabaccaio e alla cassa del supermercato. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 17

BANDI & AVVISI DI GARA

Lavori di costruzione di una sala mensa presso la Scuola elementare 1° Circolo di Via Roma – II lotto Ente appaltante: Comune di Castrovillari Scadenza: presentazione offerte: 30.08.2010 ore 12.00 Contatti: per informazioni Tel. 0981/25220 e-mail: appalti@comune.castrovillari.cs.it

CIG: 052287219 Appalto n. 16/2010

Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Denominazione ufficiale: Città di Castrovillari Indirizzo postale: Piazza Vittorio Emanuele II Città: Castrovillari (CS) Cap / Zip: 87012 Paese: Italia Punti di contatto: All’attenzione di: Arch. Angelo Maccari 39.0981.25309 Dott.ssa Maria Francesca Covello - Ufficio Appalti Telefono: + 39.0981.25220 Posta elettronica: llpp@comune.castrovillari.cs.it appalti@comune.castrovillari.cs.it Fax: + 39.0981.21007 Indirizzi internet: Amministrazione aggiudicatrice: http://www. comune.castrovillari.cs.it SezioneII: Oggetto dell’Appalto (Lavori) II.1) Descrizione II.1.1) Denominazione conferita all’appalto dall’amministrazione aggiudicatrice: Lavori di costruzione di una sala mensa presso la Scuola Elementare 1° Circolo di Via Roma - II lotto II.1.2) Tipo di appalto e luogo di esecuzione: LAVORI ESECUZIONE Sito o luogo principale dei lavori: Comune di Castrovillari: Via Roma II.1.3) L’avviso riguarda un appalto pubblico II.1.5) Breve descrizione dell’appalto: L’intervento prevede ulteriori lavori per il completamento dell’edificio scolastico Scuola elementare 1° circolo Via Roma II.1.8) Divisione in lotti: no II.1.9) Ammissibilità di varianti: no II.2) Quantitativo o entità dell’appalto II.2.1) Quantitativo o entità totale (in euro, Iva esclusa)155.356,05 di cui: 147.069,50 lavori (soggetti a ribasso) 17.582,71 oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza (non soggetti a ribasso) 5.990,65 opere provvisionali (non soggetti a ribasso) a) Categoria prevalente: OS6 Classifica I b) Categoria scorporabile o subappaltabile OG1 Classifica I Importo 64.219,41 euro % sui lavori 41,40 % II.2.2) Opzioni: no II.3) Durata dell’appalto o termine di esecuzione Periodo in giorni: 180 (dalla data del verbale di consegna dei lavori) Sezione III: Informazioni di carattere giuridico e tecnico III.1) Condizioni relative all’appalto III.1.1) Cauzioni e garanzie richieste a) per i concorrenti: garanzia provvisoria di euro 3.107,12 pari al 2% dell’importo complessivo dell’appalto (importo dei lavori comprensivo degli oneri di sicurezza) ex art. 75 del d.lgs. n. 163 del 2006, mediante cauzione con versamento in contanti in tesoreria o fideiussione conforme allo schema 1.1 approvato con d.m. n. 123 del 2004, integrata dalla clausola esplicita di rinuncia all’eccezione di cui all’articolo 1957, comma 2, del codice civile; b) per l’aggiudicatario: 1) cauzione definitiva non inferiore al 10% dell’importo del

contratto, incrementabile in funzione dell’offerta, ex art. 113 del d.lgs. n. 163 del 2006, mediante fideiussione conforme allo schema 1.2 approvato con d.m. n. 123 del 2004, integrata dalla clausola esplicita di rinuncia all’eccezionedi cui all’articolo 1957, comma 2, del codice civile; 2) polizza assicurativa per rischi di esecuzione (C.A.R.) per un importo non inferiore all’importo del contratto e per responsabilità civile per danni a terzi (R.C.T.) per un importo di euro 500.000,00 ex art. 129, comma 1, d.lgs. n. 163 del 2006, conforme allo schema 2.3 approvato con d.m. n. 123 del 2004. Importi della garanzia provvisoria di cui alla lettera a) e della cauzione definitiva di cui alla lettera b), numero 1), ridotti del 50% per i concorrenti in possesso della certificazione di sistema di qualitàconforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000, ai sensi dell’articolo 40, comma 7, d.lgs. n.163 del 2006. III.1.2) Principali modalità di finanziamento e di pagamento a) finanziamento: Mutuo Cassa DD.PP. imputato al Cap. E 5277 ed al Cap. U 3459; b) nessuna anticipazione; pagamenti per stati di avanzamento ogni qualvolta il credito dell’impresa raggiunga la cifra di 50.000,00 euro, ai sensi dell’art. 45 del Capitolato speciale d’appalto; c) corrispettivo interamente a misura ai sensi degli articoli 53, comma 4, secondo periodo, e 82, comma 2, lettera a), del d.lgs. n. 163 del 2006, e dell’art. 45, comma 7, del d.P.R. n. 554 del 1999; III.1.3) Forma giuridica che dovrà assumere il raggruppamento aggiudicatario dell’appalto: Tutte quelle previste dall’ordinamento. Sia raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario mediante atto di mandato collettivo speciale e irrevocabile ex art. 37, commi 15, 16 e 17, d.lgs. n. 163 del 2006 che Società, anche consortile, tra imprese riunite, ex art. 96 del d.P.R. n. 554 del 1999. III.2) Condizioni di partecipazione III.2.2) Capacità economica e finanziaria: non richiesta III.2.3) Capacità tecnica: Dichiarazioni sostitutive ai sensi del d.P.R. n. 445 del 2000, in conformità al disciplinare di gara, indicanti: (per la categoria e la classifica di attestazione S.O.A. il riferimento obbligatorio è fatto rispettivamente all’Allegato A e all’art. 3, comma 4, del d.P.R. n. 34 del 2000) a) attestazione SOA nella categoria prevalente OS 6, in classifica I e contemporaneamente indicazione di voler subappaltare interamente la categoria OG 1; in alternativa: attestazione SOA nella categoria prevalente e contemporaneamente nella categoria scorporabile; Sezione IV: Pocedura IV.3.3) Condizioni per ottenere il capitolato d’oneri e la documentazione complementare Termine per il ricevimento delle richieste di documenti o per l’accesso ai documenti: Giorno: venerdì Data: 27 08 2010 Ora: 12 00 IV.3.4) Termine ultimo per il ricevimento delle offerte: Giorno: lunedì Data: 30 08 2010 Ora: 12 00 IV.3.8) Modalità di apertura delle offerte Giorno: martedì Data: 31 08 2010 Ora: 10 00 Luogo: Palazzo Gallo - Piazza Vittorio Emanuel II - Castrovillari Ammessi all’apertura delle offerte: massimo due persone per ciascun concorrente; i soggetti muniti di delega o procura, o dotati di rappresentanza legale o direttori tecnici dei concorrenti, come risultantidalla documentazione presentata, possono chiedere di verbalizzare le proprie osservazioni.

*Su richiesta di alcuni lettori, oggi ripubblichiamo. Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Amministrazioni Varie"


18

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

ENERGIA & AMBIENTE

di Giuseppe Tetto

Pannelli fotovoltaici, a Catania nasce la più grande fabbrica d’Italia La più grande fabbrica di pannelli fotovoltaici del nostro Paese sarà inaugurata a Catania, queste le decisioni prese il 2 agosto 2010 da Enel Green Power, la società del gruppo Enel dedicata alle energie rinnovabili, Sharp Solar Energy (Esse) e STMicroelectronics, altre aziende leader nelle fonti rinnovabili e nelle energie pulite.Il progetto 3Sun prevede un finanziamento di 150 milioni di euro che servirà per realizzare lo stabilimento catanese di moduli e celle fotovoltaiche.Il funzionamento della più grande fabbrica di pannelli fotovoltaici d’Italia è previsto per la seconda metà del 2011. Parte del

costo per l’impianto siciliano è finanziato per 49 milioni di euro dal Cipe, mentre le tre società partner hanno sottoscritto 1/3 del capitale, impegnandosi per 70 milioni di euro. Se Enel Green Power darà il suo contributo nel mercato delle energie rinnovabili e nel project managment, l’ azienda STM metterà a disposizione le sue elevate capacità manufatturiere e l’avanguardia tecnologia nel campo della microelettronica, mentre il gruppo Sharp apporterà le sue competenze nella realizzazione di film sottile a tripla giunzione, prodotto negli impianti di Sakai, in Giappone.

Promuovere l’uso delle fonti rinnovabili e alternative, abbattere i costi della produzione di energia e ridurre le emissioni nocive degli impianti destinati all’edilizia civile, industriale, commerciale e al settore agricolo. Sono questi gli obiettivi di Enerplan, un piano di ricerca e innovazione ideato dal Parco scientifico di Trieste Area Science Park e supportato dal ministero dell’Ambiente, che ha deciso di finanziarne al 50% i costi, che ammontano a 6 milioni e 805mila euro. Enerplan prevede lo sviluppo di otto progetti sperimentali finalizzati a una migliore gestione dell’energia, che verranno applicati a edifici situati all’interno del parco scientifico triestino. Alla realizzazione di ciascun progetto parteciperanno università, enti di ricerca e imprese. Gli impianti pilota permetteranno di testare tecnologie che in seguito potranno essere impiegate per rendere più efficienti le attività di riscaldamento e raffreddamento di abitazioni private e di edifici pubblici e per garantire l’autosufficienza energetica delle aziende agricole, per illuminare le strade con led a basso

Enerplan, piano di ricerca per il risparmio energetico

consumo e per monitorare il grado di inquinamento di grandi aree. «Il piano verrà completato nel giro di tre anni. Da quel momento i partner di Enerplan potranno servirsi del bagaglio di conoscenze acquisito per proporre e realizzare sistemi ad elevata efficienza nel Friuli Venezia-Giulia, in Italia e all’estero. Iniziative come questa rappresentano una grande opportunità dal punto di

vista industriale per l’Italia. Il nostro paese può giocare, a mio avviso, un ruolo importante nel mercato delle energie rinnovabili e del risparmio energetico. Qui, infatti, vantiamo un know-how di rilievo che si giova anche delle competenze che molte nostre imprese hanno nei settori della meccanica e della domotica», spiega il presidente di Area Science Park Giancarlo Michel-


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 19

POLITICA NAZIONALE Intenso il dibattito dopo la mozione contro Caliendo: il premier ha il boccino

Bossi: se si vota si stravince Casini: voto irresponsabile di C. Iannuzzi ROMA - «Se si vota noi e il Pdl insieme spazziamo via tutti». Lo ha detto Umberto Bossi rispondendo ai cronisti alla Camera. Bossi non ha dubbi sul mantenere l’alleanza con il Pdl "saremo alleati", ha detto all’Adnkronos. Anche se, specifica, «noi le alleanze le facciamo sui programmi». Quindi "vedremo". Comunque, secondo il Senatur, «Pdl e Lega insieme non avrebbero alcun problema a vincere le elezioni. Se sta con noi, Berlusconi vince», aggiunge. Un governo di transizione, invece, «sarebbe il caos nel Paese». Quanto all’ipotesi che a guidare un esecutivo di transizione possa essere Giulio Tremonti, Bossi la liquida osservando che il ministro dell’Economia «non è mica scemo. Lui vuole bene a Berlusconi». Il leader del Carroccio ha detto che non teme agguati in Parlamento a settembre, per esempio sulla giustizia: «Non temiamo niente perché non temiamo le conseguenze». A votare, il Nord "è sempre pronto". Per Bossi, «le cose sono più

difficili, non è che automaticamente viene un governo tecnico». In ogni caso, la Lega come prima cosa «confida in Napolitano. Secondo, confidiamo nel Paese: ci sono milioni di persone che non accetterebbero un governo tecnico. Sono convinto che il buon senso prevarrà». Per analizzare le prospettive a breve e medio termine e prepare il rilancio del Pdl Berlusconi ha convocato un nuovo vertice del partito, ieri pomeriggio a Palazzo Grazioli. Nella residenza romana del presidente del Consiglio erano presenti i tre coordinatori nazionali Denis Verdini, Ignazio La Russa e Sandro Bondi, i capigruppo di Camera e Senato Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri. In via del Plebiscito anche i ministri Giulio Tremonti, Franco Frattini, Altero Matteoli e il guardasigilli Angelino Alfano, insieme al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti. Intanto anche all’opposizione l’idea che

si possa andare a votare fa venire i brividi a molti, sia nel Pd che nella Udc. «L’area di responsabilità nazionale non potrà che aumentare perché è una cosa fortissima e nuova, è la proiezione nel palazzo di quello che vogliono i cittadini. E Berlusconi farebbe molto male a non vedere quello che è successo ieri», con il voto di astensione sulla mozione Caliendo. È Pierferdinando Casini che parla e spiega:

«Se si vota noi e il Pdl insieme spazziamo via tutti».Bossi non ha dubbi sul mantenere l’ alleanza con il Pdl: «Saremo alleati anche se noi le facciamo sui programmi»

Casini è convinto che la prova di fronte centrista compiuta sul caso Caliendo da Fli, Udc, Mpa e Api sia la strada giusta per uscire dalla situazione difficile

«Non un terzo polo, non un grande centro, ma un’area di responsabilità istituzionale che nasce non per sfasciare ma per dare un contributo a ricucire il Paese». Pierferdi Casini è convinto che la prova di fronte centrista compiuta sul caso Caliendo da Fli, Udc, Mpa e Api sia la strada giusta per uscire dalla situazione difficile che si è aperta per governo e maggioranza dopo il distacco dei finiani. L’area di responsabilità nazionale chiede al presidente del Consiglio di governare: «I governi vengono disfatti e fatti dopo le consultazione con il capo dello Stato - dice il leader Udc -, fino ad allora c’è un governo che ha diritto di governare». Mentre la strada delle elezioni anticipate «sarebbe per Berlusconi una fuga dalle sue responsabilità». «Il presidente del Consiglio - dice Casini - è chiamato a dire con serenità: ’mi dimetto’ oppure ’governo’. In questa fase delicata mi limito a dire che gli italiani devono sapere se Berlusconi vuole sfuggire alla responsabilità, andando a votare oppure vuole governare». Nel secondo caso, il premier deve "misurarsi" con la novità rappresentata dalla nuova area emersa mercoledì. «Un governo di responsabilità nazionale - assicura Casini - è assolutamente necessario per risolvere i problemi degli italiani». Sulla proposta di D’Alema per un governo di transizione che riformi la legge elettorale, Casini dice: «Prima Berlusconi si deve dimettere. Noi consideriamo l’attuale legge elettorale illiberale, perché i leader stabiliscono 630 parlamentari. Dobbiamo ridare ai cittadini libertà di scegliere».

L’indagine contro ignoti per gli strani passaggi dell’immobile a Montecarlo

La procura di Roma apre dossier sulla famosa casa di An di Nicola Leone ROMA - Acquista rilievo giudiziario l’inchiesta giornalistica lanciata dal Giornale e ripresa da altre testate sulla casa di Montecarlo ereditata da An, ceduta a una società offshore e attualmente abitata - «per un’inspiegabile coincidenza», ha commentato il senatore Francesco Pontone, che l’11 luglio del 2008, per 300mila euro, firmò l’atto di vendita per conto del partito alla sociertà "Printemps ltd", con sede ai Caraibi - da Giancarlo Tulliani, "cognato" di Gianfranco Fini. Il quale interviene con una nota: «Ben vengano le indagini su tutto ciò che concerne il patrimonio di An, anche se la denunzia proviene da avversari politici». La Procura di Roma ha aperto un fascicolo ipotizzando il reato di truffa al momento contro ignoti in merito alla vicenda dell’appartamento. Gli investigatori acquisiranno innanzitutto i documenti relativi al passaggio di proprietà dell’immobile e alle persone fisiche e

giuridiche coinvolte. Le verifiche saranno seguite dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e affidate agli uomini della Guardia di finanza. L’apertura del fascicolo è considerato dalla Procura di Roma un atto dovuto, vista la denuncia presentata negli ultimi giorni di luglio ai carabinieri di Monterotondo (che l’hanno girata a Roma) da due esponenti della Destra di Storace. I due autori della denuncia sono Roberto Buonasorte e Marco Di Andrea. Nell’atto, secondo quanto riferisce il numero di Panorama domani in edicola, i due esponenti politici ricostruiscono, parlando di Gianfranco Fini e dei due tesorieri di An Donato La Morte e Pontone, l’intricata vicenda dell’immobile di Boulevard Charlotte 14 lasciato in eredità ad Alleanza nazionale e al suo leader «come contributo per la buona battaglia» dalla nobildonna fascista Anna Maria Colleoni, deceduta nel 1999. Nella denuncia, contro ignoti, si ipotizza il reato di truffa aggravata nei confronti dei destinatari dell’eredità («per avere con artifizi indotto in errore tutti gli at-

tuali partiti e movimenti politici aventi causa dal disciolto partito di An»). La procura capitolina, riporta ancora il settimanale, sta valutando se procedere all’iscrizione di qualcuno a "modello 21", cioè nel registro degli indagati. Nel caso in cui Fini venisse coinvolto nell’indagine aperta dalla Procura di Roma, il suo percorso giudiziario - rileva Panorama - seguirebbe la via ordinaria, senza scudi processuali, anche perché i presunti reati sarebbero stati commessi non certo nel suo ruolo di terza carica dello Stato. «Ereditata da An nel 2001, la casa - ha spiegato Il Giornale - è stata ‘dimenticata’ per anni dal partito, che ha anche rifiutato una serie di vantaggiose proposte di acquisto dagli altri inquilini del palazzo che la ospita. Fino a quando, nel 2008, An la cede per appena 300mila euro a una società creata presumibilmente ad hoc un mesetto prima, la Printemps, il cui amministratore è appunto James Walfenzao. E la Printemps la rivende, tre mesi dopo, con 30mila euro di plusvalenza a una società gemella (stesso capitale so-

ciale, stessa sede sull’isola caraibica di Saint Lucia), la Timara. Operazioni evidentemente mirate alla copertura del reale acquirente dell’immobile». Il presidente della Camera nei giorni scorsi ha puntualizzato che «non è titolare dell’appartamento, e non sono a lui riconducibili le società che hanno acquistato l’immobile. Del pari è falsa la notizia relativa alla cifra versata quale corrispettivo. Sarà l’autorità giudiziaria - ha avvertito Fini - ad acclarare la totale infondatezza di quanto divulgato e ad accertare la condotta diffamatoria".


20

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

SPECIALE ESTATE «Balotelli immorale» L’Inghilterra accusa Immorale: questo il lapidario giudizio che il Daily Express dà di Mario Balotelli. A far infuriare il quotidiano inglese, seguito a ruota dal cugino Daily Star, le esorbitanti richieste economiche fatte al Manchester City. Tramite il suo agente, Mino Raiola, l’attaccante dell’Inter è arrivato a pretendere qualcosa come 180.000 sterline a settimana.


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 21

SPECIALE ESTATE Sebastian Giovinco finisce al Parma Sebastian Giovinco è ufficialmente un giocatore del Parma. Il fantasista della Juventus è stato acquistato a titolo temporaneo con diritto di riscatto della metà. La presentazione allo stadio Tardini prima dell’amichevole con il Racing Santander. La prima uscita in gialloblù di Giovinco in diretta via web. Ventitrè anni, lascia Torino dopo due anni.


22

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 22

ECONOMIA NAZIONAL EC I profitti ammontano a 873 milioni di euro, più delle migliori previsioni con un incremento del 73,2 per cento

Generali primo semestre con utili più 73 per cento di Daniele Tosatti MILANO - Generali ha chiuso il primo semestre 2010 con un utile netto di 873 milioni di euro, in crescita del 73,2 per cento rispetto alla stesso periodo del 2009 e conferma gli obiettivi sul 2010 anche se il contesto attuale di mercato rende i target più ambiziosi. Il risultato è leggermente superiore alle attese degli analisti che in un sondaggio Reuters prevedevano un utile di 869 milioni di euro, e beneficia dell’incremento del risultato operativo Vita a 1,6 miliardi (+23,5%), "il migliore risultatosemestraledel segmento degli ultimi tre esercizi", spiega una nota. Il risultato operativo complessivo segna una crescita del 14,5% a 2,2 miliardi di euro. I premi lordi complessivi superano i 38 miliardi, in crescita del 9,1% con un incremento dei premi Vita a 26,4 miliardi (+13,3%) a fronte di un andamento sostanzialmente stabile (+0,7) dei premi Danni a 11,8 miliardi. Nel Vita la nuova produzione in termini di Ape (annual premium equivalent) sale del 10,7% a 2,784 miliardi da 2,393 miliardi nel primo semestre dell’anno scorso, grazie al forte sviluppo in particolare in Italia, Francia e Germania. Le riserve

tecniche nette vita, comprensive degli investments contracts, crescono del 5,6% a 302 miliardi (286 miliardi a fine dicembre). Nei danni il combined ratio è peggiorato al 98,8% da 97,9% del primo semestre 2009 condizionato da una maggiore incidenza degli eventi catastrofali (in particolare la tempesta Xynthia, le alluvioni in Francia e nell’Est Europa e il terremoto in Cile) che hanno pesato per 2,3 punti percentuali. Il patrimonio netto è salito del 3% a 17,1 miliardi con un coefficiente Solvency I al 132% (da 129% a fine 2009). Se si includono anche le plusvalenze immobiliari ammissibili il coefficiente sale al 140%. Nel secondo trimestre 2010 Generali ha realizzato un utile netto di 346 milioni in flessione dai 400 milioni nel secondo trimestre 2009. Secondo quanto si

Per il 2010 Generali ribadisce la previsioni di una crescita dei margini operativi e del risultato netto in crescita rispetto al 2009 tra 3,6 e i 4,2 mld

legge nelle slide di presentazione dei risultati, l’utile operativo si attesta a 1,012 miliardi, in rialzo rispetto ai 925 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Per il 2010 Generali ribadisce la previsioni di una crescita dei margini operativi e del risultato netto in crescita rispetto al 2009. In particolare, conferma l’obiettivo di un utile operativo 2010 tra i 3,6 e i 4,2 miliardi, ma precisa che il raggiungimento di questo target rappresenta una sfida maggiore per il gruppo nell’attuale scenario di mercato. «I target sono molto ambiziosi ma siamo fiduciosi», ha detto l’Ad di gruppo, Giovanni Perissinotto, nel corso della conference call di presentazione dei risultati. «Continuiamo ad essere fortemente impegnati a rispettare i targeto», ha aggiunto. Nei dettagli, per i rami Danni Generali prevede una raccolta in contenuta crescita, una tenuta dei marginitecnicicomplessivi,mentre per il Vita è previsto un mantenimento degli alti livelli di produzione anche se con ritmi di crescita più bassi quelli visti nel primo semestre. Commentando la semestrale, il presidente Cesare Geronzi si è detto soddisfatto dei risultati, anche se a suo giudizio la

Trovato escamotage per l’accordo sul clima: sarà diviso in tre parti vincolanti ROMA - L’accordo Onu sui cambiamenti climatici che dovrà fare seguito al Protocollo di Kyoto potrebbe essere composto di tre parti diverse, legalmente vincolanti, per tentare di appianare le divergenze tra i Paesi occidentali e quelli in via di sviluppo. Lo ha detto ieri Luis Alfonso de Alba, il rappreLo ha detto Luis Alfonso sentante speciale per i cambiamenti climatici de Alba, il rappresentante del Messico, il Paese dosi terrà il prossimo speciale per i cambiamenti ve summit globale, in programma a Cancun a noclimatici del Messico, il vembre. Lo scorso anno Paese dove si terrà il un precedente vertice Nazioni Unite a prossimo summit globale delle Copenaghen, cui avevanopartecipatocirca 190 nazioni, non era riuscito a produrre un nuovo accordo legalmente vincolante per combattere i cambiamenti climatici. De Alba ha detto alla Reuters che potrebbero esserci tre accordi distinti per vincolare i paesi a ridurre le emissioni di gas serra e per aiutare i paesi colpiti dal riscaldamento globale. «Uno strumento sarà dedicato ai Paesi che già aderivano al Protocollo di Kyoto, ma è anche possibile che ne sia creato uno dedi-

cato agli Stati Uniti e un terzo per i Paesi in via di sviluppo», ha detto. L’Unione europea aveva detto martedì di essere disposta a considerare due diversi accordi per superare l’impasse tra i paesi in via di sviluppo e quelli ricchi. Riguardo al vertice di Cancun, de Alba ha detto che il Messico spera si riesca a raggiungere «il massimo, non il minimo», riconoscendo che potrebbero essere necessari «diversi anni e diversi strumenti» per rendere effettivo un documento legalmente vincolante.

Cesare Geronzi

Anche gli Usa pesano Telecom e Tenaris non aiutano Piazza Affari in perdita dello 0,76% MILANO - Il gelo riservato da Piazza Affari ai risultati di Tenaris e di Telecom Italia ha complicato una seduta difficile per la borsa italiana, complici anche i dati Usa poco incoraggianti sulla disoccupazione settimanale. L’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,76%, l’AllShare lo 0,69%, mentre il Mid Cap arretra dello 0,48%. Volumi per oltre 2 miliardi di euro nel finale. Tenaris ha lasciato sul terreno il 5,05% a 15,03 euro dopo la semestrale chiusa con un utile netto in calo del 12% a 295 milioni di dollari. «I dati sono deludenti così come l’outlook che non è cambiato», osserva un trader. Pesante Telecom che ha chiuso in calo del 4,29% a 1 euro, dopo che aveva rotto in giornata questo importante livello al ribasso. Lo stoxx settoriale �� in calo dello 0,6%. I risultati semestrali sono stati in linea con le attese del mercato, mentre il gruppo ha annunciato che rafforzerà la partnership in Sofora. Una trader parla del classico "sell on news". Un altro sottolinea che il mercato si attendeva la cessione degli asset in Argentina, "anche se l’impatto è comunque limitato". Vendite anche sulle banche. Unicredit cede l’1,89% sempre penalizzata dalla trimestrale e dai numerosi tagli di raccomandazioni sul titolo dal parte dei broker. Giù anche Intesa Sanpaolo (-1,34%), mentre Monte dei Paschi di Siena è riuscita a chiudere in rialzo. Brilla Pirelli guadagnando il 2,84% dopo che il competitor finlandese Nokian Renkaat ha annunciato risultati sopra le attese e alzato la guidance per l’anno in corso. In deciso rialzo anche Fiat (+2,08% circa), in linea con l’andamento positivo del settore a livello europeo. Un trader cita la rottura di una resistenza importante e i "buy" di alcune sim italiane.


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 23

ECONOMIA, BANCHE E BORSE I dati dell’Agenzia delle entrate comunicati dal direttore generale Attilio Befera fanno prevedere il recupero di oltre otto miliardi entro la fine dell’anno

Quasi 5 miliardi rientrati e intanto il rapporto deficit Pil scende al 4,6 di Carlo Bassi ROMA - Nei primi sette mesi del 2010 la lotta all’evasione ha portato incassi per 4,9 miliardi di euro, il 9 per cento in più rispetto allo stesso periodo (gennaio-luglio del 2009), che era già stato un anno record. Lo ha riferito ieri il direttore dell’Agenzia delle entrate, Attilio Befera, nel corso di una conferenza stampa. L’obiettivo per tutto il 2010 è di incassare attraverso la lotta all’evasione fiscale «almeno 8 miliardi di euro, contiamo ovviamente anche di superarli», ha poi detto Befera, a margine di una conferenza sui risultati del contrasto all’evasione. «I risultati raggiunti in questi primi mesi del 2010 - ha sottolineato Befera - rappresentano una nuova meta sulla via del recupero dell’evasione intrapresa con vigore negli ultimi anni». E ha aggiunto «oltre ai risultati tangibili, l’azione di contrasto sta iniziando

ad aggregare il consenso sociale sulla lotta all’evasione, nella convinzione che chi evade danneggia la collettività tutta e, quindi, anche se stesso oltre ogni considerazione di convenienza». Per continuare il contrasto all’evasione, secondo Befera, serve un cambiamento culturale, occorre considerare l’evasore «non come un furbo, ma una persona che si sta danneggiando». Inoltre l’Agenzia è impegnata, ha evidenziato Befera, in una «forte

«I risultati raggiunti in questi primi mesi rappresentano una nuova meta sulla via del recupero dell’ evasione intrapresa»

Arriva al 7 per cento in Unicredit la Libia ROMA - Arriva anche la Lia nel capitale di UniCredit con una quota del 2,075 per cento rilevata il 28 luglio. Il pacchetto dell’agenzia governativa di Gheddafi, nata per In mano ai soci libici reinvestire i proventi del petrolio, si aggiunge al c’è complessivamente 4,9 per cento già detenuto dalla Banca centrale libiil 7% del capitale della ca che esprime il viceprebanca guidata da sidenteFarhatBengdara, non si somma ai fini Alessandro Profumo che ma del limite ai diritti di voto fissato al 5 per cento. prepra 4700 esuberi In mano ai soci libici c’è ora comunque complessivamente il 7 per cento del capitale della banca guidata da Alessandro Profumo, che ieri ha confermato le indiscrezioni di fonte sindacale su un piano di 4.700 esuberi concentrati in Italia. Intanto con il decreto legge licenziato mercoledì dal Consiglio dei ministri sono stati prorogati fino al 31 dicembre di quest’anno i termini entro i quali le banche potranno far ricorso ai cosiddetti Tremonti bond per rafforzare i propri ratio patrimoniali. Mentre procede il piano della banca unica, piazza Cordusio ha fatto sapere che per ridurre i costi intende eliminare 4.700 posti di lavoro, che - sebbene non comunicato ufficialmente - sarebbero tutti in Italia. In parallelo aumenterà il numero di laureati assunti, anche se su questo capitolo non sono state date cifre.

azione di contrasto della corruzione interna». Il direttore ha ricordato come siano state «licenziate delle persone» e sia stata «rafforzata la struttura Audit» con l’obbiettivo di mettere fuori «le mele marce». Anche grazie al contributo dell’azione antievasione, il rapporto fra il deficit e il Prodotto interno lordo scenderà a fine anno al 4,6 per cento dall’attuale 5 per cento. Lo ha dichiarato ieri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti intervenendo alla trasmissione Unomattina. «Queste polemiche tutte politiche

fanno dimenticare che in queste ore il fabbisogno dello Stato è diminuito mentre i saldi della Tesoreria sono aumentati. Sono tutti dati che ci permettono di prevedere una riduzione del deficit rispetto al Prodotto interno lordo dall’attuale 5 per cento al 4,6 già entro la fine dell’anno, un ottimo risultato», ha detto Bonaiuti. L’ultima stima ufficiale del governo, diffusa il 6 maggio con la Relazione unificata sull’economia e la finanza, fissa l’obiettivo di deficit/pil al 5 per cento nel 2010, quindi già in calo rispetto al 5,4 per cento del culmine della crisi.

4,9 I miliardi recuperati nei primi sette mesi dell’anno nella lotta all’evasione


24

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

POLITICA ED ECONOMIA INTERNAZIONALE Secondo le rivelazioni della talpa ha 15 volte più soldi del tedesco più ricco

È un italiano il pesce più grosso fra gli evasori del Liechtenstein di Roberto Carli MILANO - È un italiano il più prosperoso evasore del Liechtenstein. Secondo i dati affidati al settimanale Stern da Heinrich Kieber, 42 anni, la gola profonda che aveva venduto ai servizi di intelligence tedeschi i dischetti con la lista di 3.929 conti in nero di fondazioni e 5.828 di persone fisiche, c’è materiale gustoso per noi: «un italiano ereditiere di una famiglia industriale», ha scatenato già la guerra all’uomo. Chi sarà? Di certo abbiamo un altro «primato» nazionale di cui non andare fieri. La super-talpa Kieber, anch’essa ricca visto che in cambio dei documenti aveva incassato 5 milioni di euro dal Bundesnachrichtendienst, non ha aggiunto molto altro. Se non che la cifra in questione sarebbe vertiginosa: 450 milioni di euro. Un capitale che farebbe appunto dell’italiano il maggior evasore tra tutti coloro che si erano affidati allo schermo del Liechtenstein. Il maggior evasore tedesco, ha aggiunto Kieber per dare un elemento di confronto, aveva nascosto un patrimonio di «soli» 35 milioni. In realtà sembra che il giornalista di Stern prima di pubblicare la notizia avrebbe guardato le carte pur impegnandosi a mantenere il segreto sull’identità dell’italiano. Ma ciò che conta è che quei dati siano in mano al fisco tedesco. L’Agenzia delle entrate aveva già detto in passato di essere pronta ad accogliere dati da uffici di altri Paesi. Il

passaggio sarebbe più che legittimo e non creerebbe nessun tipo di complessità in un eventuale processo visto che non è stato il Tesoro italiano a pagare per avere i dati. È dunque probabile che già ieri siano stati in molti ad avviare la caccia all’uomo, sempre che il fisco italiano già non abbia quelle carte in mano: la lista era stata venduta infatti ben due anni fa tanto che aveva portato già a delle catture eccellenti come quella dell’ex presidente delle Poste tedesche, Klaus Zumwinkel, condannato nel 2009 a due anni di reclusione con la condizionale, a una multa da un milione e al pagamento dei

450

I milioni di euro del più ricco evasore fiscale con conto in Liechtenstein, un italiano

3,9 milioni evasi. In ogni caso per lo stato italiano e per il governo Berlusconi, che dopo lo scudo fiscale aveva ripromesso una stretta sui capitali nascosti all’estero, sarebbe un colpaccio. Per il magistrato Pier Luigi Dell’Osso che si occupa di antiriciclaggio e reati di mafia «la notizia è rilevante ed è interesse economico dello Stato italiano sapere chi è la persona indicata. Naturalmente si tratta di vedere quali sono gli elementi dietro la segnalazione. Nell’ambito della collaborazione tra Stati della Ue, se la lista è in possesso del fisco tedesco, è interesse di quello italiano chiedere ulteriori informazioni. Si può anche attivare l’ex Ufficio cambi di Bankitalia, oggi Uif, che fa parte delle financial intelligence units europee e che rappresentano un’altra possibilità investigativa». In realtà esiste anche la possibilità che nel frattempo la superevasione sia stata scudata. La grande caccia all’uomo diventerebbe una grande beffa, sia per il Tesoro che per i cittadini onesti. Con l’operazione di rientro dei capitali che si è chiusa definitivamente lo scorso aprile i soldi detenuti illegittimamente all’estero potevano rientrare.

In ogni caso per lo stato italiano e per il governo, che dopo lo scudo fiscale aveva promesso una stretta sui capitali nascosti all’estero, sarebbe un colpaccio

Bce: come previsto tassi invariati nella eurozona

BRUXELLES . Come ampiamente previsto dagli analisti, il consiglio direttivo della Bce ha lasciato invariato il costo del denaro nella zona euro. Il tasso di rifinanziamento resta dunque all’1 per cento , (0,25 oer cento il tasso deposity facility e 1,7oer cento quello marginal lending facility). Èdal 13 maggio 2009 che la Bce non modifica i tassi di interesse che non sono mai stati così bassi da quando esiste la moneta unica. Il mercato ritiene che la situazione resterà invariata per i prossimi 12 mesi. Alle 14.30 nella consueta conferenza stampa il presidente Jean-Claude Trichet ha fatto un quadro positivo: la crescita dell’economia nella zona euro «si è rafforzata nel secondo trimestre» e i dati disponibili per il terzo «sono migliori del previsto». Gli

stress test ai quali sono state sottoposte 91 banche dell’Eurozona e di altri Paesi europei «sono stati completi e severi» e «hanno confermato la resistenza del sistema bancario europeo agli shock», aumentando la trasparenza nel settore.. Dopo l’esito positivo degli stress test su 91 banche europee (esito che contribuisce ad alimentare la fiducia nella tenuta dell’economia della Ue) potrebbe lasciarsi andare a parole di ottimismo, affermando che la doppia recessione potrà esser evitata. Almeno in Europa. Il presidente della Bce ha anche enfatizzato i segnali di miglioramento sui mercati citando il fatto che gli acquisti di bond da parte della banca centrale sono rallentati in modo sostanziale (81milioni di euro la scorsa settimana contro i 16,5 miliardi della prima settimana

Diamanti in regalo dal dittatore Naomi ammette di Carlin ROMA - La top model Naomi Campbell ha detto ai giudici del tribunale speciale per la Sierra Leone, all’Aia, di avere ricevuto in regalo «alcune piccole pietre sporche» ma di non sapere che venissero dall’ex presidente della Liberia Charles Taylor. La top model depone al processo per crimini di guerra e contro l’umanità contro l’ex presidente della Liberia. «Stavo per addormentarmi quando qualcuno ha bussato alla mia porta. Ho aperto e due uomini mi hanno consegnato una piccola borsa dicendomi ’Un regalo per lei’», ha raccontato Naomi in tribunale. «Il giorno dopo ho aperto la borsa e ho trovato piccole pietre grezze» ha aggiunto la top model, che ha testimoniato in abito grigio e con i capelli raccolti. La modella dice di aver parlato del regalo al suo agente Carole White e all’attrice Mia Farrow, il giorno dopo durante una colazione. «Una delle due mi disse che era chiaramente un regalo da parte del presidente Taylor e io risposi ’credo di sì’». Le «piccole pietre sporche» ricevute in regalo durante una notte in Sud Africa, da due «emissari sconosciuti», furono da lei date a Jeremy Ractliffe «Children Fund» di Nelson Mandela.

dell’intervento)». Trichet, dunque, «senza riesumare discorsi di exit strategy», potrebbe dichiarare che le misure intraprese per ridurre l’eccesso di liquidità «stanno andando nella direzione giusta». Poco prima della Bce, anche la Banca d’Inghilterra aveva mantenuto


il Domani Venerdì 6 Agosto 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

VAR. %

21.762,59 -0,69 21.302,97 -0,76 23.497,04 -0,48 21.541,39 0,04 22.186,92 0,60 10.656,19 0,23

Euro

METALLI

US $

UK £

1 Euro

1.0

1.3177

1 US $

0.75850

1.0

1 UK £

1.2046

1.5877

1 ¥en

¥en

USD/on

EURO/gr

1196,40

29,16

18,53

0,454

PLATINO

1612,50

39,64

PALLADIO

523,00

13,03

0.82970 113.18

ORO

0.62950

ARGENTO

85.870

1.0 136.34

0.0088316 0.011640 0.0073306

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,9505 +0,69 17.30.09 0,9305 0,955 A2A 1,18 +0,34 17.30.42 1,171 1,198 Acea 9,30 +1,70 17.30.43 9,11 9,43 Acegas-Aps 4,17 +1,09 17.30.41 4,06 4,1775 Acotel Group 50,10 -2,26 17.30.07 49,40 51,17 Acque Potabili 1,70 +0,00 17.30.27 1,671 1,70 Acsm-Agam 0,955 -1,04 17.30.53 0,947 0,965 Actelios 2,7825 -0,62 17.30.57 2,7525 2,815 Aedes 0,2051 +0,39 17.30.10 0,201 0,2072 Aeffe 0,3335 -0,30 17.30.58 0,3305 0,3385 Aegon 4,765 -1,40 16.36.20 4,765 4,83 Aeroporto Firenze 12,12 -3,04 17.07.06 12,12 12,59 Ageas 2,27 +1,79 17.23.36 2,235 2,325 Ahold Kon Aicon 0,259 -1,52 17.30.29 0,257 0,2615 Alcatel-Lucent 2,305 -0,22 17.00.56 2,295 2,3575 Alerion 0,566 +0,00 17.30.35 0,565 0,573 Allianz 89,95 -1,46 17.10.13 89,95 90,97 Amplifon 3,97 +0,38 17.30.51 3,92 3,98 Ansaldo Sts 10,13 -2,13 17.30.43 10,12 10,39 Antichi Pellettieri 0,548 +0,37 17.30.24 0,53 0,5665 Apulia Prontop 0,418 +0,36 17.21.24 0,411 0,418 Arena 0,028 -3,11 17.30.52 0,0275 0,0293 Arkimedica 0,487 +1,46 17.21.33 0,484 0,488 Arkimedica 2012 Cv5% 98,65 -0,04 16.20.37 98,60 98,85 Ascopiave 1,551 -0,26 17.30.40 1,55 1,57 Astaldi 4,885 +1,14 17.30.21 4,84 4,93 Atlantia 15,46 +0,98 17.30.35 15,28 15,57 Autogrill Spa 9,685 -0,97 17.30.49 9,67 9,85 Autostrada To-Mi 10,06 -3,45 17.30.26 10,04 10,49 Autostrade Merid 22,23 -0,54 17.30.56 22,12 22,36 Axa 14,67 +0,55 17.22.42 14,63 14,94 Azimut 7,725 -0,83 17.30.42 7,67 7,88 B Interm-15 Cv 1,5% 90,82 +0,35 16.33.07 90,82 90,99 B&C Speakers 3,1375 +0,64 11.08.23 3,05 3,1375 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 106,21 -0,05 17.03.29 106,10 106,21 Banca Generali 8,65 -0,57 17.30.18 8,58 8,745 Banca Ifis 5,25 +0,77 17.30.35 5,175 5,26 Banca Intermobiliare 4,16 +0,42 16.24.34 4,145 4,16 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 107,30 +0,20 13.47.03 107,20 Banco Popolare 5,00 +0,30 17.30.26 4,955 5,06 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 106,49 +0,35 15.55.11 106,08 106,60 Banco Santander 10,35 +0,00 17.13.46 10,29 10,46 Basf Basicnet 2,665 -0,74 17.30.23 2,6225 2,69 Bastogi Spa 1,753 -2,61 14.48.41 1,753 1,80 Bayer 48,58 +3,83 17.15.08 47,68 48,70 Bb Biotech 42,09 +1,67 17.30.52 41,61 42,10 Bca Carige 1,767 -0,51 17.30.27 1,751 1,795 Bca Carige R 2,70 +1,50 15.04.23 2,70 2,70 Bca Carige-13Cv 1,5% 109,70 +0,06 15.48.30 109,70 109,71 Bca Finnat 0,524 -0,19 16.51.55 0,5225 0,53 Bca Mps 1,025 +0,59 17.30.52 1,013 1,034 Bca Pop Di Spoleto 4,11 +0,43 13.48.04 4,11 4,11 Bca Pop Emil Romagna 9,39 -0,95 17.30.26 9,355 9,495 Bca Pop Etrur-Lazio 3,2625 -0,15 17.30.04 3,24 3,2975 Bca Pop Milano 4,1375 +0,12 17.30.16 4,1125 4,215 Bca Pop Sondrio 6,86 -1,01 17.30.05 6,86 6,97 Bca Profilo 0,516 -1,24 17.30.43 0,51 0,523 Bco Desio Bria Rnc 3,70 +0,61 17.10.03 3,6975 3,70 Bco Desio Brianza 3,7425 -2,41 17.30.38 3,74 3,8275 Bco Sardegna Risp 9,68 +0,94 15.15.04 9,68 9,68 Bee Team 0,3565 -0,83 17.23.22 0,3565 0,365 Beghelli 0,653 +1,01 17.30.13 0,644 0,659 Benetton Group 5,60 -0,36 17.30.10 5,585 5,68 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,82 -0,08 17.04.04 99,70 99,91 Beni Stabili 0,635 +0,00 17.30.22 0,632 0,638 Best Union Company 1,195 +0,00 17.21.16 1,195 1,20 Bialetti Industrie 0,41 +0,00 17.30.57 0,408 0,4245 Biancamano 1,445 -0,14 17.30.29 1,43 1,455 Biesse 5,79 +0,26 17.30.19 5,68 5,81 Bioera Sospens. Bmw 44,50 +1,71 16.30.21 43,86 44,77 Bnp Paribas 56,28 +0,70 17.30.34 55,89 57,00 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,979 +0,00 17.30.52 1,923 1,988 Bonifiche Ferraresi 29,58 +3,07 17.05.54 28,70 29,58 Borgosesia 1,00 +0,00 16.56.26 0,975 1,01 Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,50 +0,20 14.41.18 102,01 102,55 Brembo 5,53 +3,08 17.30.12 5,405 5,62 Brioschi 0,1729 +0,35 17.30.25 0,1724 0,1772 Bulgari 6,105 +0,00 17.30.30 6,085 6,15 Buongiorno 0,959 -0,10 17.30.53 0,948 0,965 Buzzi Unicem 8,57 +1,12 17.30.30 8,45 8,645 Buzzi Unicem Rnc 4,945 +1,75 17.30.38 4,86 4,95 Cad It 4,28 +0,77 17.30.40 4,2725 4,495 Cairo Communication 2,5775 +0,68 17.30.29 2,5225 2,5975 Caleffi 1,049 +0,00 16.59.24 1,049 1,049 Caltagirone 2,0625 +0,61 13.24.59 2,05 2,0625 Caltagirone Edit 1,861 +0,05 17.30.42 1,835 1,87 Camfin 0,3235 +4,19 17.30.09 0,308 0,33 Campari 4,1475 -1,83 17.30.59 4,1225 4,25 Cape Live 0,32 +1,59 17.30.45 0,312 0,323 Cape Live Cv 5% 2009-2014 89,63 -0,19 16.38.05 88,50 89,63 Carraro 2,39 +0,11 17.30.42 2,345 2,39 Carrefour

Apertura

AZIONI

0,949 1,178 9,13

Cattolica Ass 20,01 Cdc 1,846 Cell Therapeutics 0,308 Cembre 4,85 Cementir Holding 2,2775 Centrale Latte To 2,415 Ceramiche Ricchetti 0,2985 Chl 0,128 Cia 0,293 Ciccolella 0,733 Cir-Comp Ind Riunite 1,46 Class Editori 0,4725 Cobra 1,23 Cofide Spa 0,6565 Cogeme Set 0,4875 Cogeme Set 2014 Cv 100,95 Conafi Prestito' 0,9035 Cr Bergamasco 22,88 Credem 4,90 Credit Agricole 10,96 Credito Artigiano 1,455 Credito Valtellinese 3,915 Crespi 0,166 Creval 2013 Cv 102,60 Csp Int Ind Calze 0,9585 D'Amico 1,061 Dada 4,2825 Daimler 42,22 Damiani 0,83 Danieli & C 15,23 Danieli & C Risp Nc 8,59 Danone 43,28 Datalogic 4,05 De'Longhi 3,72 Dea Capital 1,215 Deutsche Bank 55,88 Deutsche Telekom 10,29 Diasorin 30,03 Digital Bros 1,35 Dmail Group 4,1425 Dmt 13,70 E.On 23,67 Edison 0,936 Edison R 1,264 Eems 1,561 El.En 11,28 Elica 1,64 Emak 4,235 Enel 3,8975 Enervit Engineering 20,21 Eni 16,40 Erg 10,20 Erg Renew 0,823 Ergycapital 0,525 Esprinet 7,255 Eurotech 2,06 Eutelia Sospens. Exor 15,54 Exor Prv 12,15 Exor Rsp 13,10 Exprivia 0,945 Fastweb 11,36 Fiat 10,31 Fiat Priv 6,21 Fiat Risp 6,575 Fidia 3,5975 Fiera Milano 4,0925 Finarte Casa D'Aste 0,1179 Finmeccanica 8,60 Fintel Energia Group Fnm 0,528 Fondiaria-Sai 8,14 Fondiaria-Sai R 5,04 France Telecom 16,39 Fullsix 1,14 Gabetti 0,36 Gas Plus 5,40 Gdf Suez 26,45 Gefran 2,555 Gemina 0,487 Gemina Risp Port Nc 1,297 Generali Ass 15,80 Geox 4,42 Gewiss 4,16 Gr Edit L'Espresso 1,665 Granitifiandre 2,9025 Greenvision Amb 5,60 Grup Minerali Maffei 4,7975 Gruppo Ceramiche Ricchetti Axa 0,0015 Gruppo Coin 5,98 Hera 1,492 House Building Sospens. I Grandi Viaggi 0,8375 I.M.A 13,54 Igd 1,171 Ikf

50,01 2,80 0,2069 0,3375

0,57 90,93 3,955 10,36 0,0289 1,56 4,8775 15,30 9,825 10,40 7,82

8,71 107,41 5,005 10,30

1,762

1,024 9,495 3,295 4,16 6,97 0,518

5,635 99,91 0,634

5,81

5,475 6,11 0,9515 8,49 2,5975 1,87 4,2475 2,39

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

AZIONI

20,25 1,847 0,3125 4,90 2,315 2,415 0,3015 0,1283 0,3035 0,74 1,475 0,4745 1,261 0,66 0,50 100,95 0,9045 22,91 4,99 11,25 1,47 3,98 0,166 102,78 0,959 1,075 4,32 42,22 0,879 15,33 8,65 44,83 4,0575 3,8075 1,215 56,50 10,53 30,10 1,35 4,1425 13,74 23,83 0,9485 1,265 1,588 11,59 1,675 4,235 3,9275

20,15

Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb

-0,84 -0,11 -1,44 -0,31 -0,33 +1,05 -2,45 +0,63 -2,33 +0,41 -0,68 +1,18 -1,99 +1,00 -2,50 +0,35 -0,33 +0,88 -1,21 +1,29 -0,34 -0,63 +0,42 -0,19 +0,37 -0,84 +2,45 +1,61 -2,24 -0,46 +0,23 -1,64 +0,06 -1,65 +2,10 +0,52 -1,81 +1,80 +1,89 +1,28 +0,66 -0,96 +1,52 +1,53 -0,26 -3,42 -0,18 +0,36 +0,00

17.30.19 17.22.10 17.30.56 16.12.37 17.30.24 17.30.12 17.00.35 17.30.08 16.01.38 17.30.05 17.30.59 17.30.12 17.23.10 17.30.45 17.30.20 14.16.49 14.54.28 16.14.17 17.30.21 17.24.23 17.30.34 17.30.49 12.34.55 17.14.23 17.22.31 17.30.19 16.48.22 17.24.56 17.03.32 17.30.15 17.30.07 16.59.03 17.30.04 17.30.44 17.30.30 17.19.42 17.03.52 17.30.58 9.34.10 17.30.52 17.30.28 17.21.28 17.30.11 14.20.02 17.30.57 17.30.04 17.30.30 14.29.58 17.30.07

20,01 1,81 0,308 4,71 2,255 2,36 0,2925 0,1269 0,2925 0,73 1,455 0,466 1,23 0,65 0,4875 100,90 0,875 22,60 4,90 10,96 1,441 3,91 0,1652 102,50 0,9405 1,056 4,1225 41,60 0,825 15,17 8,495 43,28 3,9575 3,7125 1,184 55,37 10,29 29,33 1,34 3,98 13,55 23,67 0,922 1,264 1,552 11,28 1,632 4,23 3,88

+0,75 +0,31 -0,68 +0,98 -3,85 -1,36 -1,67

17.30.33 17.30.39 17.30.52 17.30.53 17.30.11 17.30.30 17.30.45

20,00 20,26 16,31 16,51 16,33 10,17 10,26 10,23 0,8155 0,8295 0,825 0,523 0,5455 0,5455 7,25 7,46 7,355 2,05 2,095 2,095

+0,45 +1,00 -0,15 +1,40 -0,26 +2,08 +1,64 +2,49 +0,00 -0,06 +0,09 -0,35

17.30.11 17.30.20 16.24.32 17.30.30 17.30.40 17.30.01 17.30.57 17.30.58 11.15.07 14.54.47 17.09.47 17.30.02

15,46 12,01 13,10 0,931 11,33 10,11 6,07 6,42 3,50 4,0925 0,1178 8,55

15,66 15,53 12,19 12,10 13,26 13,10 0,9485 11,60 11,39 10,39 10,14 6,25 6,11 6,60 6,42 3,5975 3,5975 4,1775 4,095 0,1203 8,655 8,655

+1,83 -1,15 -2,98 -0,06 +0,89 +0,42 +6,30 +5,00 -0,10 -2,89 +1,33 -0,25 +2,14 -0,06 +2,09 -0,17 -0,71 +0,95 -89,29 +1,36 -0,53

17.30.27 17.30.48 17.30.52 16.15.44 16.54.18 16.17.42 17.19.49 13.01.54 17.30.34 17.30.25 13.27.17 17.30.41 17.30.01 14.47.15 17.30.05 17.30.18 17.30.00 17.24.32 9.00.21 17.30.12 17.30.54

0,5045 8,065 5,02 16,29 1,106 0,354 5,16 26,45 2,50 0,4845 1,197 15,69 4,32 4,16 1,629 2,9025 5,60 4,725 0,0015 5,855 1,474

0,528 8,345 8,315 5,22 16,43 1,14 0,3685 0,354 5,40 26,50 26,50 2,5575 0,505 0,502 1,30 1,197 16,02 15,85 4,4475 4,3325 4,16 1,705 1,642 2,9975 2,91 5,80 4,7975 0,0015 6,00 5,855 1,505 1,496

-1,12 17.30.40 0,8375 -1,74 17.05.14 13,51 -1,01 17.30.33 1,171

0,865 13,83 1,195

0,3125 4,79 2,2725 0,1271 0,2925 0,74 1,47

22,70 1,47 3,96 102,78

15,30 8,57 3,9575 3,795 1,203 10,48 29,33 13,72 0,9275 1,555 1,632 3,90

1,19

Prezzo ultimo contr. Var %

1,366 0,78 2,1075 7,965 8,60 7,30 2,08 7,75 0,4485 0,719 4,3275 2,5675 2,00 0,053 1,271 2,80 Sospens. 3,235 6,31 3,57 25,85 16,64 1,64 0,8775 0,0834 4,55 2,20 0,28 0,514 1,937 3,415 0,518 11,53 20,16 92,59 2,7825 0,1667 2,5875 Sospens. 6,93 3,175 4,93 7,035 3,3225 2,98 0,0603 0,412 1,115 11,49 1,426 1,59 3,1475 0,477 2,4975 0,1345 7,10 0,462 0,164 0,33 1,089 110,00 5,41 3,12 5,98 7,265

Max

Apertura

1,344 0,78 2,0875 7,81 8,55 7,30 2,03 7,70 0,4365 0,70 4,32 2,55 1,991 0,0517

1,366 0,799 2,13 7,965 8,84 7,30 2,0875 7,90 0,45 0,719 4,4475 2,6275 2,06 0,0532

1,35 0,793 2,0875

+1,68 17.30.01 1,234 +0,72 16.20.28 2,79

1,28 2,80

1,255 2,80

+1,79 -1,39 +0,84 -0,06 -0,81 -0,27 -0,36 +0,07 -0,33 -0,14 -1,65 -1,34 -2,91 +0,57

Ora

17.30.08 17.30.34 17.30.25 12.55.31 17.30.38 15.12.26 17.30.55 17.30.45 17.30.30 11.34.31 17.30.53 17.30.07 17.30.23 17.30.04

Min

0,65 0,798 1,25 0,895 0,735 7,25 13,24 0,1777 0,7645 1,15 0,672 2,07

4,4475 2,6125 2,0575

-0,15 +0,24 +0,28 -0,84 +0,18 +4,13 +1,68 +4,64 +0,00 -1,46 -1,58 +0,00

16.03.24 17.30.14 17.30.51 17.30.04 17.30.03 17.19.48 17.30.29 17.30.50 17.30.34 16.38.39 17.30.57 17.21.45

3,16 3,24 6,27 6,405 3,5375 3,6125 25,80 26,25 16,58 16,79 1,59 1,64 0,863 0,879 0,0781 0,0841 4,495 4,60 2,19 2,2325 0,28 0,288 0,507 0,514

+0,57 +1,04 +3,09 -0,43 -0,39 -1,38 -3,38 +1,71 +1,07

15.29.38 17.30.28 13.44.11 17.30.56 17.30.32 14.45.36 17.30.09 17.30.27 17.30.11

1,906 1,937 1,92 3,34 3,4175 3,365 0,4945 0,518 0,5005 11,48 11,61 11,61 20,12 20,41 20,19 92,59 96,85 2,7825 2,895 2,8675 0,1613 0,1667 2,3575 2,62 2,50

+0,44 +0,55 -0,25 -0,14 -2,13 -0,08 -0,98 +3,78 -2,19 +1,68 -7,10 -2,57 -1,33 +3,14 +0,50 +2,20 -0,28 +2,67 -1,62 +1,85 +2,74 +2,66 +1,41

17.30.11 17.30.28 17.30.32 17.30.50 17.30.19 17.05.58 17.30.25 17.30.01 16.59.45 13.41.44 17.30.13 16.58.49 17.15.33 17.30.52 17.30.10 16.01.01 17.04.22 17.30.40 14.56.59 13.00.23 17.30.38 11.12.06 17.30.51

6,85 3,005 4,9125 6,99 3,3125 2,98 0,0582 0,392 1,11 11,30 1,425 1,59 3,13 0,4605 2,47 0,1315 6,95 0,452 0,16 0,311 1,052 110,00 5,255

6,93 3,175 4,9975 7,125 3,41 2,985 0,0625 0,412 1,14 11,49 1,546 1,68 3,17 0,4945 2,515 0,1345 7,15 0,462 0,1664 0,331 1,09 110,00 5,41

+4,70 17.30.44 +0,00 17.16.30 -0,14 17.17.06

2,98 5,98 7,23

3,12 5,98 7,28

0,416 +11,08 17.30.12 0,3865 Sospens. 1,73 -2,20 17.30.37 1,682 1,861 -0,64 17.30.21 1,854 2,1725 3,725 1,687 1,501 5,62 5,19 0,3845 2,895 10,18

8,73

-0,34 +0,68 +1,02 +3,52 +2,84 +0,97 +0,39 +0,17 -0,49

17.30.14 17.30.13 17.30.53 17.30.38 17.30.11 17.30.33 17.30.58 17.30.51 17.04.53

2,1525 3,62 1,655 1,433 5,46 5,145 0,38 2,82 10,11

-4,83 17.06.27 +2,31 17.30.47

0,65 0,78

-1,65 +1,19 +0,00 +0,69 -0,07 -0,22 +0,59 +2,13 +0,30 -0,72

17.30.00 17.30.54 10.55.19 17.19.49 17.30.10 16.56.28 16.49.01 17.30.34 15.04.25 17.30.21

6,31 3,60 26,25 16,58 0,87 0,08 4,585

6,90 4,965 7,04 3,405 0,0591

1,531 0,4655 2,5025 0,1345

0,311 1,055

7,275

0,42 0,4025 1,77 1,887

1,874

2,185 2,1725 3,815 1,689 1,54 5,67 5,49 5,32 0,389 0,3805 2,895 10,24 0,66 0,798

1,25 1,298 0,881 0,90 0,735 0,735 7,07 7,25 13,14 13,39 13,28 0,1776 0,1779 0,76 0,79 1,114 1,15 1,123 0,672 0,6795 0,6795 2,0225 2,0875


26 Venerdì 6 Agosto 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

5,80 35,00 0,2252 15,50 0,3465 0,0497 0,32 1,485 56,10 0,312 17,80 0,4135 5,655 4,27 8,90 27,92

-1,69 +0,98 +0,18 +0,65 +0,58 -0,20 -0,47 -2,04 +0,18 +0,65 +1,66 +0,00 -0,53 +0,41 -1,11 -1,72

17.30.39 11.31.08 17.30.46 17.30.05 17.30.09 17.30.51 17.30.42 17.30.29 14.32.56 15.44.14 17.30.02 15.49.03 17.30.54 17.30.21 17.30.17 17.30.55

5,80 5,90 5,885 34,80 35,00 0,221 0,226 0,2249 15,40 15,79 15,40 0,342 0,35 0,0491 0,0515 0,0499 0,3195 0,327 0,327 1,475 1,538 56,10 56,10 0,31 0,325 0,32 17,51 17,99 17,51 0,4055 0,4225 5,63 5,76 4,255 4,33 8,825 9,10 9,01 27,90 28,50 28,50

46,04 35,27 1,505 9,64 6,945 0,6385 0,138 1,05 5,10 7,02 95,10 78,19 2,95 3,6075 Sospens. Sospens. 0,0677 45,00 Sospens. 1,99

-0,56 -0,37 +0,53 -0,10 -0,79 -0,23 -1,78 +0,00 -0,97 -3,31 +0,20 +1,96 -6,05 +0,00

16.40.48 16.47.03 17.30.15 14.52.06 17.30.53 17.30.20 17.30.25 17.30.24 12.17.12 17.30.58 13.18.01 17.13.48 17.30.37 17.30.45

46,00 46,34 35,27 35,39 1,487 1,512 1,502 9,465 9,64 6,945 7,045 0,638 0,645 0,645 0,136 0,1412 0,1397 1,05 1,05 5,10 5,15 6,98 7,295 7,24 95,00 95,10 95,00 77,04 78,55 2,95 3,17 3,14 3,5925 3,63 3,6175

+0,45 17.30.26 0,0661 0,0698 0,0679 -1,66 17.09.03 45,00 46,80 -1,12 17.30.16 1,972 2,0275 2,0075

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass

Ora

Min

4,91 62,99 1,52 0,619

+3,37 +0,46 +0,13 +0,00

17.30.24 4,78 15.19.31 61,53 17.30.17 1,513 17.30.05 0,615

6,34 1,26 11,50 1,93 0,36 1,005 0,1999 0,811 17,70 15,03 3,20 3,37 0,61 0,1113 59,01 1,475 40,67 12,26 5,62 8,285 107,30 0,625 2,08 2,3325 21,60 0,57 0,3805 4,24 Sospens. 1,389 4,09 3,66

+0,16 -0,55 +3,05 +1,58 -2,70 -4,29 +0,96 -2,99 +0,40 -5,05 +0,47 +0,67 +0,00 -1,15 +0,00 -0,27 +0,99 -0,81 +2,28 -0,72 +0,17 -1,11 -1,89 -1,06 -4,51 -1,13 -0,65 +3,42

17.30.41 17.30.48 17.30.41 15.48.59 17.30.55 17.30.07 17.30.54 17.30.27 17.08.19 17.30.03 17.30.19 17.30.34 17.30.55 17.30.25 17.30.20 15.38.39 15.52.23 17.30.57 16.52.21 17.30.55 16.52.10 17.30.46 17.30.08 17.30.22 16.58.27 17.30.16 17.30.25 17.30.59

6,26 1,245 11,00 1,93 0,36 0,999 0,195 0,8015 17,70 15,00 3,1725 3,32 0,601 0,1113 58,90 1,475 40,50 12,16 5,32 8,25 107,12 0,6165 2,07 2,3175 21,60 0,569 0,375 4,10

Max

Apertura

4,91 62,99 1,542 0,642 6,355 1,267 11,50 1,93 0,36 1,058 0,2037 0,8435 17,79 15,83 3,2075 3,38 0,6235 0,1132 59,84 1,476 40,94 12,36 5,65 8,445 107,45 0,63 2,1275 2,3575 22,84 0,5835 0,385 4,30

62,30 1,526 0,621 6,33

1,051 0,198 0,8365 15,80 3,19 0,1128 59,46 12,29 8,37 107,44 0,6165 2,1275 0,5795 0,382

+0,00 13.29.30 1,389 1,389 -0,97 17.30.35 4,045 4,18 -0,81 17.30.41 3,6525 3,7225

4,11

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 0,059 -1,83 17.00.47 0,0579 0,0599 Warr Bp 2010 0,016 -4,76 17.09.53 0,0151 0,0163 0,0163 Warr Bpm 09-13 3,16 +3,27 17.30.07 2,91 3,16 Warr Camfin 2009-2011 0,0512 +2,40 17.30.10 0,0497 0,0518 Warr Creval 2014 0,329 +3,62 17.04.51 0,3175 0,329 Warr Ergycapital 11 0,0842 -2,77 15.22.34 0,0831 0,0881 Warr Ergycapital 2016 0,2215 -1,56 16.52.23 0,2201 0,252 0,2231 Warr Gabetti 2009-2013 0,1049 +1,85 15.31.11 0,103 0,1178 0,1049 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 0,0306 +0,33 17.30.00 0,0291 0,0306 Warr Interpump 2009-2012 0,592 -8,07 17.30.05 0,58 0,648 0,585 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 0,0284 +0,35 16.04.39 0,024 0,0284 0,0284 Warr Kme Group 2009-2011 0,0103 -10,43 15.43.43 0,0103 0,0106 0,0106 Warr Kme Group 2011 0,0115 +3,60 16.25.07 0,0111 0,0115 Warr Mediobanca 09-11 0,028 -8,50 17.30.16 0,027 0,0318 0,027 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 0,895 -1,54 17.30.48 0,88 0,918 0,912 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 1,88 +10,59 17.30.03 1,756 1,88 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sospens. Warr Tiscali 2009-2014 0,0026 +0,00 15.44.09 0,0026 0,0027 Warr Ubi 09-11 0,0142 -4,70 17.07.23 0,0142 0,0149 0,0142 Warr Unipol 2013 0,032 -1,54 17.30.44 0,0317 0,0335 0,0329 Warr Unipol Prv 2013 0,027 -3,91 17.30.26 0,027 0,0292 0,029 Yoox 6,34 -0,16 17.30.06 6,315 6,54 6,315 Yorkville Bhn 0,0804 -4,17 17.30.40 0,0804 0,0856 0,0825 Zignago Vetro 4,4175 +1,55 17.30.48 4,3225 4,42 4,3225 Zucchi Spa 0,5325 -1,39 17.15.03 0,5325 0,5395 Zucchi Spa Risp Nc 0,518 -0,77 15.57.46 0,4945 0,54

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia A Bpvi Azionario Italia B Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fideuram Italia Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity Anima Europa

-0,30 -0,21 -0,42 -0,21 -0,21 -0,16 -0,03 -0,13 -0,08 -0,40 -0,09 -0,08 -0,06 -0,04 +0,44 +0,51 -0,18 -0,24 -0,15 -0,17 -0,18 +0,29 -0,19 -0,17 -0,18 +0,00 +0,01 -0,10 -0,19 -0,19 +0,01 +0,47 -0,13 -0,16 -0,15 -0,29 -0,15 -0,07 -0,06 -0,23 +0,00 -0,17 -0,05 -0,10 -0,23 -0,25 +0,00 +0,00

-0,19 -0,02 -0,07 -0,10 -0,05 -0,07 +0,04 +0,00 -0,09 -0,11 -0,02 -0,06 -0,06 +0,16 +0,04 -0,13 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06 -0,36 +0,02 +0,02 +0,83 +0,83 -0,05

14,843 5,635 4,06 20,269 19,926 19,529 6,806 6,846 17,214 5,169 4,699 4,708 5,194 5,286 3,621 3,324 16,548 4,548 11,817 19,391 21,902 18,862 15,098 11,007 11,122 12,45 12,81 10,125 8,589 15,359 8,691 4,506 6,162 6,238 5,509 5,428 12,935 13,439 13,852 16,78 5,00 3,562 10,582 5,778 5,543 4,841 9,016 8,882 4,636 4,115 14,244 12,491 4,441 4,484 25,646 13,343 4,435 5,586 5,191 6,215 6,425 5,669 5,004 5,521 7,055 7,055 4,672 4,648 5,329 16,373 16,168 7,064 4,236 3,99

VARIAZ. QUOT.

Arca Azioni Europa -0,01 Bim Azionario Europa -0,11 Bnl Azioni Europa Crescita -0,01 Bnl Azioni Europa Dividendo -0,04 Bpvi Azionario Europa A -0,08 Bpvi Azionario Europa B -0,08 Carige Azionario Europa A -0,20 Carige Azionario Europa B -0,20 Carismi Dynamic Europe A +0,19 Carismi Dynamic Europe B +0,43 Consultinvest Azione -0,08 Epsilon Qvalue -0,06 Eurizon Az. Europa Multimanager +0,27 Eurizon Az. Pmi Europa -0,04 Eurizon Focus Az. Europa +0,06 Euromobiliare Europe Eq. -0,07 Europa -0,16 Fideuram Master Sel.Equity Europe +0,31 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,00 Fondersel Europa +0,02 Fonditalia Eq. Europe R +0,01 Fonditalia Eq. Europe T +0,01 Gestielle Europa A +0,00 Gestielle Europa B +0,01 Gestnord Azioni Europa +0,12 Imieurope -0,37 Iniziativa Europa -0,18 Interfund Eq. Europe -0,13 Investitori Europa +0,04 Laurin Eurostock +0,00 Mc G.Fdf Europa A +0,38 Mc G.Fdf Europa B +0,39 Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 Nextam P. Az. Europa -0,24 Norvega Az. Europa A -0,02 Norvega Az. Europa B -0,02 Optima Azionario Europa +0,00 Pioneer Azionario Europa A -0,03 Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A -0,07 Prima Geo Europa A -0,08 Prima Geo Europa Pmi A -0,23 Prima Geo Europa Pmi Y -0,23 Prima Geo Europa Y -0,09 Ras Lux Equity Europe +0,02 Sai Europa -0,12 Sofid Sim Blue Chips +1,56 Soprarno Azioni Euro 50 -0,08 Symphonia Europa +0,61 Synergia Az. Europa -0,15 Talento Comp. Europa +0,96 Ubi Pramerica Azioni Europa +0,09 Unibanca Azionario Europa +0,05 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime +0,07 AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente +0,60 AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza -0,49 Fonditalia Euro Financials R +0,07 Fonditalia Euro Financials T +0,05 AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate -0,51 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali -0,28 Ducato Immobiliare A +0,21 Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +0,95 Fonditalia Euro Cyclicals R +0,13 Fonditalia Euro Cyclicals T +0,13 Fonditalia Euro Defensive R +0,18 Fonditalia Euro Defensive T +0,19 Fonditalia Euro T.M.T. R -0,36 Fonditalia Euro Tmt T -0,37 Interfund Int.Sec.New Economy -0,49 Norvega Mobiliare Re A -0,05 Norvega Mobiliare Re B -0,05

9,368 9,766 12,141 2,781 3,85 3,856 5,371 5,629 4,189 3,96 8,712 5,343 5,609 8,247 8,209 13,568 12,948 8,879 88,025 13,176 9,078 9,173 6,92 7,107 8,385 18,181 6,822 5,921 4,998 3,626 6,372 3,606 5,854 15,001 4,894 4,555 4,627 2,915 14,447 6,713 10,832 20,051 20,721 11,205 39,948 10,211 6,427 3,887 5,459 6,117 119,334 5,756 6,094 8,879

14,362

17,914 5,953 6,003 3,869

5,724 8,432 8,662 10,64 11,179 11,313 11,088 11,221 5,555 5,605 33,028 4,221 4,221

VARIAZ. QUOT.

Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fideuram Bilanciato Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te - Titoli Esteri Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Primaclasse Valore Azimut Scudo

VARIAZ. QUOT.

-0,48 2,704 Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione +0,14 2,849 Bpvi Obiettivo Incremento A +0,14 2,917 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 -0,26 5,688 Carige Bilanciato 30 +0,10 5,101 Carismi Dynamic Mix 15 -1,77 8,196 Carismi Dynamic Mix 30 Euromobiliare Moderato +0,43 3,742 Fonditalia Core 1 R +0,23 3,907 Fonditalia Core 1 T +0,23 3,961 Gestielle Global Asset 1 +0,06 33,074 Managers & Co. Comparto 30 +0,02 12,381 Mediolanum Elite 30 L +0,36 10,144 Mediolanum Elite 30 S +0,36 10,255 Mix +0,09 4,433 Norvega Sintesi Audace +0,11 4,491 Prima Forza 3 A +0,45 4,509 Prima Forza 3 B +0,13 3,857 Prima Forza 3 Y +0,13 3,859 Symphonia Adagio +0,13 3,932 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia -0,13 5,189 Synergia Bilanciato 30 +0,66 5,172 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato -0,03 17,594 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,41 4,856 Ubi Pramerica Privilege 2 -0,14 16,26 Visconteo +0,13 31,175 OB. EURO GOVERNATIVI BT +0,72 4,589 Allianz Monetario +0,45 3,995 Alto Monetario +0,12 23,358 Amundi Breve Termine +0,17 6,06 Arca Mm - Monetario -0,23 22,226 Bancoposta Monetario +0,20 5,893 Bg Focus Monetario +0,22 6,021 Bim Obb.Breve Termine -0,04 5,19 Bnl Obbligazioni Euro Bt +0,16 4,273 Bpvi Breve Termine A +0,16 4,329 Bpvi Breve Termine B +0,13 6,149 Carige Monetario Euro A +0,42 35,79 Carige Monetario Euro B +0,25 6,10 Cividale Forum Iulii Prudenza A +0,19 23,756 Cividale Forum Iulii Prudenza B +0,14 27,287 Consultinvest Breve Termine -0,34 12,148 Cr Cento Monetario Plus +0,50 45,927 Cs Monetario Italia B +0,29 10,155 Cs Monetario Italia I +0,28 10,249 Ducato Fix Euro Bt A -0,04 12,328 Ducato Fix Euro Bt Y +0,14 14,719 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine -0,19 30,146 Euromobiliare Prudente +0,11 12,506 Fideuram Liquidita' +0,81 5,087 Fideuram Security +0,18 6,155 Fondersel Reddito +0,20 4,563 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R +0,31 5,199 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T +0,30 9,937 Fonditalia Euro Currency R -0,18 6,082 Fonditalia Euro Currency T -0,10 5,731 Gestielle Bt Cedola +0,19 4,299 Gestielle Bt Cedola B +0,21 4,301 Gestielle Bt Euro A +0,18 4,382 Gestielle Bt Euro B -0,68 3,66 Interfund Euro Currency +0,09 4,427 Intra Obb. Euro Bt +0,04 5,672 Laurin Money -0,15 5,207 Leonardo Monetario +0,12 5,703 Mediolanum Risparmio Corrente +0,00 5,548 Mediolanum Risparmio Dinamico +0,48 5,454 Monetario +0,00 6,846 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine Norvega Obb. Euro Breve Termine A -0,04 9,36 Norvega Obb. Euro Breve Termine B +0,27 5,907 Optima Reddito B.T. +0,15 8,56 Optima Riserva Euro +0,15 16,375 Passadore Monetario +0,37 5,477 Pioneer Monetario Euro A +0,28 4,994 Prima Fix Obbligazionario Bt A +0,34 7,711 Prima Fix Obbligazionario Bt Y

+0,02 -0,04 +0,30 +0,02 +0,17 +0,08 +0,15 +0,23 +0,26 +0,27 -0,12 +0,47 -0,13 -0,16 +0,14 -0,13 +0,14 +0,16 +0,16 -0,02 +0,06 +0,15 +0,07 +0,08 +0,25 +0,38 +0,11

+0,09 +0,06 +0,17 +0,09 +0,03 +0,10 +0,08 +0,12 +0,03 +0,03 +0,08 +0,08 +0,07 +0,07 +0,02 -0,02 +0,01 +0,03 -0,05 -0,05 +0,04 +0,05 +0,02 +0,01 +0,07 +0,14 +0,14 +0,00 +0,01 +0,00 +0,02 +0,04 +0,05 +0,01 +0,07 +0,03 +0,12 -0,05 +0,06 +0,06 +0,09 +0,07 +0,07 +0,10 +0,04 +0,06 +0,02 +0,06 +0,07

5,451 22,471 5,057 5,086 5,23 3,976 3,98 6,591 10,457 10,544 8,83 5,388 5,242 10,061 5,691 5,587 4,95 4,951 5,036 5,936 5,409 5,509 5,884 5,937 5,607 5,59 35,042

15,885 7,06 7,456 14,764 6,197 16,40 6,554 7,534 6,283 6,286 11,687 11,476 5,483 5,542 4,985 5,765 7,778 7,837 6,285 6,327 15,173 8,486 16,838 9,538 14,098 7,971 8,016 7,856 7,893 6,375 6,379 7,507 7,562 6,681 5,657 6,913 6,068 13,841 5,45 12,125 8,974 5,84 5,889 6,675 5,286 7,118 13,214 10,153 10,178

VARIAZ. QUOT.

Soprarno Pronti Termine +0,02 Synergia Obb Euro B.T. +0,06 Teodorico Monetario +0,07 Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,04 Ubi Pramerica Euro B.T. +0,10 Unibanca Monetario +0,07 Valori Responsabili Monetario +0,02 Zenit Monetario I +0,12 Zenit Monetario R +0,12 OB. EURO GOVERNATIVI ML Allianz Reddito Euro L +0,35 Allianz Reddito Euro T +0,35 Anfiteatro Bond Corporate +0,00 Anima Obb. Euro +0,20 Arca Rr +0,33 Azimut Reddito Euro +0,13 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,19 Bim Obb. Euro +0,26 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt +0,38 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine A +0,27 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine B +0,27 Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario +0,11 Carige Obbligazionario Euro A +0,18 Carige Obbligazionario Euro B +0,19 Carige Obbligazionario Euro L.Termine A +0,45 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B +0,45 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 Epsilon Qincome +0,24 Eurizon Focus Obb. Euro +0,20 Euromobiliare Reddito +0,29 Europe Bond +0,16 Fideuram Rendimento +0,22 Fondaco Euro Gov. Beta +0,33 Fondersel Euro +0,31 Fonditalia Euro Bond Long Term R +0,73 Fonditalia Euro Bond Long Term T +0,72 Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,45 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,46 Gestielle Lt Euro A +0,17 Gestielle Lt Euro B +0,17 Gestielle Mt Euro A +0,12 Gestielle Mt Euro B +0,12 Interfund Euro Bond Long Term +0,73 Interfund Euro Bond Medium Term +0,46 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,10 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,26 Intra Obb. Euro +0,40 Italfortune Euro Bonds +0,00 Leonardo Obbligazionario +0,18 Mediolanum Euromoney -0,12 Mediolanum Italmoney -0,08 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,31 Norvega Obb. Euro A +0,29 Norvega Obb. Euro B +0,30 Optima Obbligazionario Euro +0,27 Prima Fix Obbligazionario Mlt A +0,48 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y +0,46 Ras Lux Bond Europe +0,34 Sai Eurobbligazionario +0,16 Synergia Obb Euro M.T. +0,27 Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,24 Unibanca Obbligazionario Euro +0,17 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Amundi Corporate 3 Anni +0,42 Amundi Corporate Giugno 2012 +0,40 Arca Bond Corporate +0,38 Carige Corporate Euro A +0,29 Carige Corporate Euro B +0,30 Corporate Bond +0,16 Ducato Etico Fix Y -0,08 Ducato Etico Fix A -0,06 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate +0,33

5,113 5,072 7,46 6,896 6,749 5,728 5,869 7,549 7,502

33,103 32,419 4,971 7,141 9,06 15,694 6,926 6,982 6,95 6,739 6,745 5,486 10,938 11,092 5,748 5,868 5,527 5,584 7,594 7,676 7,508 14,082 15,589 7,632 9,396 122,096 8,113 7,497 7,562 11,103 11,181 8,239 8,332 15,071 15,227 8,506 8,372 6,991 11,708 6,091 8,42 7,592 6,411 6,561 17,442 6,623 6,709 6,995 5,821 5,84 58,691 12,859 5,249 7,00 5,837 6,252 6,252 101,833 5,049 7,152 6,647 6,736 7,427 5,313 5,26 5,691

VARIAZ. QUOT.

Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine+0,15 7,531 Euromobiliare Euro Corporate Bt +0,09 8,831 Fonditalia Euro Corporate Bond R +0,32 8,528 Fonditalia Euro Corporate Bond T +0,32 8,581 Interfund Euro Corporate Bond +0,34 5,077 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate +0,39 7,721 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,39 4,856 Prima Fix Imprese A +0,33 6,596 Prima Fix Imprese Y +0,33 6,687 Sai Obbligazionario Corporate +0,23 6,669 Synergia Obb Corporate +0,28 5,45 Ubi Pramerica Euro Corporate +0,32 7,904 OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,31 7,331 Fonditalia Bond Euro High Yield R +0,32 14,249 Fonditalia Bond Euro High Yield T +0,32 14,319 Interfund Bond Euro High Yield +0,31 7,809 Prima Fix High Yield A +0,34 8,011 Prima Fix High Yield Y +0,34 8,179 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +0,00 9,161 Azimut Reddito Usa +0,00 6,042 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt -0,05 6,354 Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 Fonditalia Bond Usa R +0,02 8,654 Fonditalia Bond Usa T +0,02 8,727 Gestielle Bond Dollars A +0,15 9,473 Gestielle Bond Dollars B +0,15 9,617 Interfund Bond Usa +0,04 7,532 Nordfondo Obbligazioni Dollari +0,01 14,566 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Allianz Reddito Globale L +0,31 16,463 Allianz Reddito Globale T +0,31 16,138 Alpi Obbligazionario Internazionale +0,22 7,193 Alto Internazionale Obb. +0,28 6,527 Arca Bond - Obbligazioni Estere +0,23 12,937 Aureo Obbligazioni Globale +0,18 8,133 Bim Obb. Globale -0,28 5,988 Bpvi Obblig. Internazionale A -0,21 6,037 Bpvi Obblig. Internazionale B -0,20 6,043 Carige Obbligazionario Internazionale A -0,15 6,102 Carige Obbligazionario Internazionale B -0,14 6,229 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali +0,24 8,729 Fondersel Internazionale -0,08 14,676 Gestielle Obbligazionario Intern. A +0,14 6,583 Gestielle Obbligazionario Intern. B +0,13 6,694 Imibond -0,12 16,48 Mc G.Fdf Global Bond A +0,19 5,371 Mc G.Fdf Global Bond B +0,19 5,313 Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 Norvega Obb. Internazionale A -0,15 5,988 Norvega Obb. Internazionale B -0,15 6,066 Optima Obb. Euro Global +0,19 7,00 Pianeta +0,13 9,986 Prima Fix Obbligazionario Globale A +0,34 9,274 Prima Fix Obbligazionario Globale Y +0,34 9,313 Sai Obb.Internazionale -0,18 8,165 Ubi Pra. Obbligazioni Globali +0,25 5,918 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond -0,02 5,602 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,32 6,924 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan +0,44 6,164 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,54 5,073 Amundi Obbligazionario Euro +0,38 5,547 Anima Convertible +0,18 6,194 Azimut Trend Tassi +0,08 8,939 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,08 5,15 Consultinvest Obbligazionario +0,13 5,20


il Domani Venerdì 6 Agosto 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola +0,11 6,11 Eurizon Obb. Etico +0,35 5,509 Fonditalia Euro Yield Plus R +0,02 9,425 Fonditalia Euro Yield Plus T +0,02 9,494 Fonditalia Inflation Linked R +0,40 13,888 Fonditalia Inflation Linked T +0,40 13,979 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,24 7,213 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,25 7,334 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,40 5,829 Interfund Inflation Linked +0,40 13,817 Mediolanum Risparmio Reddito -0,22 11,115 Nordfondo Obbligazioni Convertibili +0,04 5,375 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,25 16,079 Pioneer Obb. Euro Dis. A +0,33 6,679 Prima Fix Emergenti A +0,35 13,383 Prima Fix Emergenti Y +0,35 13,69 Prima Forza 1 A +0,23 5,122 Prima Forza 1 B +0,22 5,123 Prima Forza 1 Y +0,23 5,161 Prima Forza 2 A +0,32 4,659 Prima Forza 2 B +0,30 4,66 Prima Forza 2 Y +0,30 4,711 Ras Lux Short Term $ +0,01 144,706 Ras Lux Short Term Euro +0,08 65,653 Symphonia Comp.Obb. Area Europa +0,21 9,625 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -0,02 5,21 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi -0,10 4,822 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale +0,34 5,019 Arca Cedola Bond Globale Euro +0,06 5,013 Arca Cedola Corp. Bond +0,21 5,297 Arca Cedola Corp. Bond Ii +0,30 5,052 Arca Cedola Corporate Bond Iii +0,30 5,047 Arca Cedola Gov. Euro Bond +0,20 5,114 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii +0,24 4,973 Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii +0,24 5,03 Aureo Cash Dynamic +0,00 5,202 Bg Focus Obbligazionario +0,07 6,723 Bnl Target Return Liquidita' +0,02 9,98 Cividale Forum Iulii Strategia A +0,14 5,762 Cividale Forum Iulii Strategia B +0,14 5,913 Consultinvest High Yield -0,02 5,697 Consultinvest Monetario +0,09 5,468 Consultinvest Reddito +0,06 7,212 Ducato Fix Rendita A -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 Euromobiliare Tr Flex 2 +0,08 6,641 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale +0,13 10,017 Premium +0,15 6,55 Risparmio +0,10 7,786 Ritorni Reali +0,12 5,933 Symphonia Bond Flessibile +0,13 5,207 Ubi Pra. Active Duration +0,09 5,661 Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,10 10,572 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 5,268 Volterra Tr Obblig. +0,06 5,20 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,26 5,455 Alto Obbligazionario +0,15 8,841 Anima Fondimpiego +0,11 20,064 Arca Obbligazioni Europa +0,33 8,481 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity +0,24 7,902 Bancoposta Mix 1 +0,24 5,937 Bim Corporate Mix +0,27 5,551 Bnl Telethon +0,25 5,961 Bpvi Obiettivo Reddito A +0,21 5,732 Bpvi Obiettivo Reddito B +0,21 5,739 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 +0,08 5,314 Carige Bilanciato 10 +0,29 5,571 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,31 5,541 Cividale Forum Iulii Rendita B +0,30 5,683 Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 Eurizon Diversificato Etico +0,08 7,974 Eurizon Rendita -0,02 5,989 Eurizon Soluzione 10 +0,16 6,883 Fucino Challenger +0,02 4,69 Gestielle Etico Per Ail A +0,19 6,347 Gestielle Etico Per Ail B +0,19 6,405 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica +0,02 5,704 Nextam P. Obbligazionario Misto +0,12 6,036 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,26 6,667 Norvega Sintesi Moderato -0,05 5,57 Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A +0,02 8,326 Sai Multi Fund Linea Prudente +0,00 4,964 Sai Performance +0,17 17,44 Sforzesco +0,14 10,11 Symphonia Patr.Globale Reddito +0,00 7,088 Synergia Bilanciato 15 +0,17 5,333 Total Return Obbligazionario +0,02 4,153 Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,11 6,131 Valori Responsabili Obbligaz. Misto +0,16 6,17 Zenit Obb. I +0,20 8,194 Zenit Obb. R +0,20 8,136 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti +0,37 13,798 Bnl Obbligazioni Emergenti +0,01 23,195 Emerging Markets Bond +0,36 6,364 Eurizon Focus Obb. Emergenti +0,23 11,553 Euromobiliare Emerging Markets Bond +0,23 7,296 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R+0,24 10,774 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T+0,25 10,826 Gestielle Emerging Mkt Bond A +0,24 10,518 Gestielle Emerging Mkt Bond B +0,24 10,723 Interfund Bond Global Emerging Markets +0,29 11,118 Mc G.Fdf High Yield A +0,21 7,238 Mc G.Fdf High Yield B +0,19 5,227 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti +0,10 8,955 Norvega Obb. Paesi Emergenti A -0,17 7,554 Norvega Obb. Paesi Emergenti B -0,17 7,681 Optima Obb. Emergent Market +0,18 7,781 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A +0,22 10,159 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,05 5,564 Allianz Liquidita' A +0,02 5,586 Allianz Liquidita' At +0,00 5,056 Allianz Liquidita' B +0,02 5,713 Amundi Eonia +0,00 102,156 Amundi Liquidita' +0,02 8,951

VARIAZ. QUOT.

Anfiteatro Tesoreria +0,04 5,674 Anima Liquidita' +0,03 6,621 Arca Bt - Breve Termine +0,05 8,735 Arca Bt - Tesoreria +0,05 5,761 Aureo Liquidita' +0,02 5,716 Azimut Garanzia +0,03 12,302 Bnl Cash +0,03 22,157 Bpvi Tesoreria A +0,00 5,644 Bpvi Tesoreria B +0,02 5,648 Carige Liquidita' Euro A +0,00 6,325 Carige Liquidita' Euro B +0,02 6,389 Carismi Liquidita' B -0,02 5,297 Epsilon Cash +0,03 6,288 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,03 7,657 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,03 7,702 Eurizon Liquidita' A +0,03 7,278 Eurizon Liquidita' B +0,03 7,456 Euromobiliare Conservativo +0,02 11,099 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Fideuram Moneta +0,01 14,61 Fondaco Euro Cash +0,01 116,413 Fondo Liquidita' +0,01 7,592 Gestielle Cash Euro A +0,00 7,049 Gestielle Cash Euro B +0,00 7,087 Nextam P. Liquidita' +0,05 5,795 Nordfondo Liquidita' +0,06 6,192 Norvega Monetario A +0,02 5,863 Norvega Monetario B +0,02 5,907 Optima Money +0,05 6,14 Pensplan Invest Cash Fund +0,03 5,934 Pioneer Liquidita' Euro A +0,00 5,066 Prima Fix Monetario A +0,02 8,505 Prima Fix Monetario I +0,02 8,605 Prima Fix Monetario Y +0,02 8,593 Sai Liquidita' +0,08 11,489 Symphonia Comp.Monetario -0,01 7,435 Synergia Monetario +0,04 5,016 Synergia Tesoreria +0,04 5,047 Ubi Pramerica Euro Cash +0,03 7,277 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -0,25 12,557 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ +0,02 16,603 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,17 5,251 8a+ Latemar +0,06 5,144 8a+ Monviso +0,04 5,102 Abis Flessibile +0,00 5,749 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 4,655 Agora Flex -0,03 6,775 Agora Selection +0,00 4,839 Agora Valore Protetto +0,03 6,352 Alarico Re +0,07 4,496 Alkimis Capital Ucits +0,00 4,902 Allianz F100 L -0,25 4,065 Allianz F100 T -0,25 3,99 Allianz F15 L +0,22 5,426 Allianz F15 T +0,21 5,346 Allianz F30 L +0,19 5,239 Allianz F30 T +0,17 5,16 Allianz F70 L +0,00 27,519 Allianz F70 T +0,00 26,957 Amundi Absolute +0,13 5,215 Amundi Azionario Trend +0,02 96,109 Amundi Dynamic Allocation +0,23 5,273 Amundi Equipe 1 +0,11 5,246 Amundi Equipe 2 +0,14 5,183 Amundi Equipe 3 +0,35 5,158 Amundi Equipe 4 +0,36 4,80 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 +0,06 5,226 Amundi Eureka China Double Wine +0,72 5,625 Amundi Eureka China Ripresa 2015 +0,96 5,029 Amundi Eureka Doppia Opportunit¿ 2014 -0,48 5,015 Amundi Eureka Double Call +0,68 5,461 Amundi Eureka Double Win +0,80 5,641 Amundi Eureka Double Win 2013 +1,49 4,92 Amundi Eureka Dragon +1,28 6,257 Amundi Eureka Oriente 2015 +0,71 4,941 Amundi Eureka Ripresa 2014 +1,10 5,254 Amundi Eureka Ripresa 2016 +0,81 5,078 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 +1,05 4,992 Amundi Eureka Settori 2016 +1,40 4,918 Amundi Eureka Usa 2015 +1,12 4,797 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 -0,08 5,033 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 +0,35 4,925 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 +0,60 5,238 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 +0,22 4,917 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014+0,06 5,068 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. +0,14 5,721 Amundi Form. Private Div. Opp. +0,14 4,992 Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 +0,85 4,511 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013+0,84 4,547 Amundi Formula Garantita 2012 +0,20 5,079 Amundi Formula Garantita 2013 +0,26 4,961 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,20 4,945 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014+0,82 4,944 Amundi Piu +0,04 5,607 Amundi Premium Power +0,08 5,088 Amundi Private Alpha +0,04 4,776 Amundi Qreturn -0,24 5,439 Amundi Soluzione Azioni -0,02 4,639 Amundi Strategia 95 +0,04 4,926 Anfiteatro Bond Plus +0,04 7,414 Anfiteatro Conservative Flex +0,00 5,023 Anfiteatro Corporate Absolute Return -0,07 5,615 Anfiteatro Corporate Bt +0,00 5,166 Anfiteatro Total Return +0,00 3,283 Anima Fondattivo +0,07 13,652 Aqqua +0,00 4,868 Arca Capitale Garantito Dic 2013 +0,10 5,208 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,18 5,014 Arca Corporate Breve Termine +0,07 5,535 Arca Rendimento Assoluto T3 +0,37 5,146 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 4,929 Aureo Defensive +0,00 5,073 Aureo Finanza Etica +0,05 6,106 Aureo Flex Euro -0,34 9,724 Aureo Flex Italia -0,14 17,074 Aureo Flex Opportunity -0,02 4,857 Aureo Plus -0,02 5,922 Aureo Primaclasse Flessibile +0,15 5,399 Aureo Rendimento Assoluto +0,07 5,562 Azimut Strategic Trend -0,06 5,119 Azimut Trend -0,07 19,25

VARIAZ. QUOT.

Azimut Trend America -0,65 Azimut Trend Europa +0,28 Azimut Trend Italia -0,13 Azimut Trend Pacifico +0,52 Bancoposta Centopiu' +0,02 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,04 Bancoposta Extra +0,02 Bancoposta Step +0,00 Bancoposta Trend +0,14 Bg Focus Azionario -0,13 Bim Flessibile -0,37 Bnl Target Return Conservativo +0,04 Bnl Target Return Dinamico +0,03 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia +0,26 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa +0,16 Bnpp Equipe Attacco -0,09 Bnpp Equipe Centrocampo -0,04 Bnpp Equipe Difesa +0,04 Bpvi Obiettivo Rendimento A +0,11 Bpvi Obiettivo Rendimento B +0,11 Carige Flessibile +0,12 Carige Flessibile B +0,13 Carige Flessibile Piu' A +0,13 Carige Flessibile Piu' B +0,13 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 Carismi Pratico B +0,00 Consultinvest Alto Dividendo -0,12 Consultinvest Mercati Emerg. -0,47 Consultinvest Multi Flex +0,12 Consultinvest Plus +0,11 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global +0,26 Epsilon Qreturn -0,26 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 +0,20 Eurizon Focus Garantito 03/13 +0,12 Eurizon Focus Garantito 06/12 +0,14 Eurizon Focus Garantito 09/12 +0,12 Eurizon Focus Garantito 12/12 +0,12 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,04 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,10 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,04 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,10 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 +0,10 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,13 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,23 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,15 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,07 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni +0,15 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni +0,08 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A +0,08 Eurizon Team 1 G +0,08 Eurizon Team 2 A +0,19 Eurizon Team 2 G +0,19 Eurizon Team 3 A +0,25 Eurizon Team 3 G +0,23 Eurizon Team 4 A +0,28 Eurizon Team 4 G +0,30 Eurizon Team 5 A +0,26 Eurizon Team 5 G +0,28 Euromobiliare Real Assets +0,07 Euromobiliare Strategic +0,03 Euromobiliare Strategic Flex +0,23 Euromobiliare Tr Flex 3 +0,09 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 Federico Re +0,06 Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,18 Flessibile +0,07 Fondaco Global Opportunities -0,38 Fondersel Duemila +0,09 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R +0,00 Fonditalia Flex. Emerging Mkts T +0,00 Fonditalia Flexible Dynamic R -0,13 Fonditalia Flexible Dynamic T -0,13 Fonditalia Flexible Income R +0,08 Fonditalia Flexible Income T +0,09 Fonditalia Flexible Multimanager R +0,26 Fonditalia Flexible Multimanager T +0,25 Fonditalia Flexible Opportunity R +0,13 Fonditalia Flexible Opportunity T +0,13 Fonditalia New Flexible Growth R +0,02 Fonditalia New Flexible Growth R -0,02 Fonditalia New Flexible Growth T +0,02 Fonditalia New Flexible Growth T -0,02 Formula 1 Alpha Plus 20 -0,06 Formula 1 Conservative +0,00 Formula 1 High Risk -0,13 Formula 1 Low Risk +0,00 Formula 1 Risk -0,06 Gestielle Brasile -0,42 Gestielle Global Asset Plus +0,00 Gestielle Harmonia Dinamico +0,19 Gestielle Harmonia Moderato +0,09 Gestielle Harmonia Vivace +0,22 Gestielle Total Return +0,07 Gestielle Total Return Obiettivo Piu' +0,20 Gestielle Tr Obiettivo Cedola +0,18 Gestnord Asset Allocation +0,00 Igm Flessibile A +0,05 Igm Flessibile B +0,05 Interfund System 100 +0,06 Interfund System 40 +0,05 Interfund System Evolution +0,11 Interfund System Flex +0,19 Intra Assoluto -0,22 Intra Flessibile -0,03 Investitori Flessibile +0,18 Kairos Partners Fund -0,26 Kairos Partners Income +0,00 Kairos Partners Small Cap -0,10 Leonardo Trend -0,10 Macro F.0. -0,08 Mc G.Fdf Flx Low A +0,17 Mc G.Fdf Flx Low B +0,19

8,813 12,083 14,999 6,335 5,292 5,263 5,283 4,991 4,987 22,245 3,795 5,06 12,471 5,411 5,098 4,561 4,835 5,426 5,297 5,31 5,214 5,234 4,502 4,567 4,819 4,897 6,075 6,122 3,252 5,095 4,844 5,226 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,99 6,171 5,077 5,181 5,145 5,126 5,141 5,292 5,176 5,253 5,137 4,971 5,229 5,273 5,338 5,462 5,476 5,237 4,862 8,073 5,994 5,994 5,693 5,687 4,772 4,794 4,004 4,027 3,855 3,879 4,197 3,206 13,423 4,586 6,877 5,212 9,109 2,804 97,716 93,081 2,493 2,519 6,089 6,11 8,488 8,532 9,384 9,452 7,781 7,831 8,659 8,66 8,739 8,742 6,38 6,421 6,733 6,634 6,48 5,031 5,304 5,353 5,308 5,392 13,901 5,019 4,916 4,726 4,032 4,076 9,514 11,177 10,128 10,27 5,923 6,161 6,232 5,652 6,691 9,207 6,037 3,976 5,262 5,253

VARIAZ. QUOT.

Mc G.Fdf Flx.High A -0,05 4,407 Mc G.Fdf Flx.High B -0,05 3,74 Mc G.Fdf Flx.Med. A +0,14 5,729 Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,13 3,789 Mediolanum Flessibile Globale -0,10 14,105 Mediolanum Flessibile Italia -0,19 16,191 Mediolanum Flessibile Strategico +0,08 6,332 Nextam P. Flessibile -0,13 4,741 Nordest Sicav +1,76 4,05 Norvega Flessibile A +0,16 7,363 Norvega Flessibile B +0,18 7,399 Norvega Mb Absolut -0,07 3,014 Norvega Mb Strategic -0,07 2,97 Norvega Rendimento A -0,11 5,309 Norvega Rendimento B -0,09 5,331 Ob. Rendimento +0,10 5,846 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,16 4,48 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,16 3,706 Paritalia Orchestra C +0,00 72,253 Pioneer Target Controllo A +0,17 5,382 Pioneer Target Equilibrio A +0,04 5,355 Pioneer Target Sviluppo A -0,04 22,397 Prima Strategia A-Rt 100 A +0,00 5,116 Prima Strategia A-Rt 100 Y +0,00 5,134 Prima Strategia A-Rt 200 A +0,00 4,88 Prima Strategia A-Rt 200 Y +0,00 4,899 Prima Strategia A-Rt 50 A +0,17 16,34 Prima Strategia A-Rt 50 Y +0,17 16,381 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A -0,13 2,23 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y -0,09 2,252 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A-0,10 13,958 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y-0,09 13,962 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A -0,11 4,636 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y -0,11 4,69 Profilo Best Funds +0,03 5,876 Profilo Elite Flessibile +0,12 5,625 Sofia Flex +0,14 0,712 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,16 5,129 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,12 5,157 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,13 5,181 Soprarno Global Macro A -0,29 4,874 Soprarno Global Macro B -0,28 4,929 Soprarno Inflazione +1,5% A +0,06 5,445 Soprarno Inflazione +1,5% B +0,04 5,475 Soprarno Relative Value A -0,13 5,307 Soprarno Relative Value B -0,13 5,366 Symphonia Asia Flessibile -0,36 6,009 Symphonia Comp.Fortissimo -0,38 2,655 Symphonia Italia Flessibile -0,04 4,902 Synergia Total Return +0,00 5,224 Total Return -0,09 2,112 Ubi Pra. Active Beta +0,02 4,724 Ubi Pra. Alpha Equity +0,00 5,122 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,10 5,112 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,10 5,132 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,06 4,979 Unibanca Plus +0,08 5,244 Volterra Dinamico +0,23 5,341 Volterra Tr Glob. +0,07 5,342 Zenit Absolute Return I +0,04 5,703 Zenit Absolute Return R +0,04 5,614 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 -0,18 4,406 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico +1,37 11,212 Antonveneta Vita Armonico 2007 +1,18 9,662 Antonveneta Vita Attivo +1,74 11,995 Antonveneta Vita Attivo 2007 +1,52 9,237 Antonveneta Vita Azionario +2,73 14,16 Antonveneta Vita Azionario Globale +1,63 8,301 Antonveneta Vita Azionario Specializzato +1,79 9,55 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +1,67 11,356 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +1,21 10,943 Antonveneta Vita Dinamico +2,05 13,359 Antonveneta Vita Equilibrato +0,66 14,622 Antonveneta Vita Euromoneta +0,01 11,42 Antonveneta Vita Monetario +0,01 11,829 Antonveneta Vita Obbligazionario +0,36 11,826 Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,33 13,339 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +0,85 12,452 Antonveneta Vita Protetto +0,30 12,508 Antonveneta Vita Protetto 2007 +0,14 10,566 Antonveneta Vita Sicuro +0,29 12,84 Antonveneta Vita Trend +1,90 11,892 Antonveneta Vita Trend Dinamico +2,04 8,455 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,65 10,055 Antonveneta Vita Trend Plus +1,90 7,351 Antonveneta Vita Trend Protetto +0,37 10,492 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced +1,24 10,742 Aurora New Bond -0,21 10,513 Aurora New Share +2,35 11,36 Aurora Unietic +0,00 10,536 Aurora Unit Balanced +0,34 10,575 Aurora Unit Bond -0,02 9,096 Aurora Unit Share +0,71 9,398 Aurora Winvest Bilanciata +0,17 11,507 Aurora Winvest Dinamica -0,10 10,16 Aurora Winvest Prudente +0,42 12,496 AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 9,638 Axa Mps Carattere Forte +0,18 8,999 Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 15,86 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 6,603 Axa Mps Fin. Az. Top Ten +0,53 10,953 Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 10,754 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 10,755 Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 11,785 Axa Mps Fin. Dinamico +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico A +0,48 11,538 Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +0,93 22,06 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,03 11,257 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 +0,03 10,812 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,03 11,881 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,00 10,003 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 -0,01 9,956

VARIAZ. QUOT.

Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,00 9,565 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Secure A +0,19 13,028 Axa Mps Fin. Usa Equity A +0,16 5,482 BCC VITA Bcc Vita Equity America +3,36 4,68 Bcc Vita Equity Asia +1,24 5,133 Bcc Vita Equity Europa +3,79 4,629 Bcc Vita World Global Bond +0,17 5,419 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +0,17 5,99 Bpm Az 50 -0,17 5,73 Bpm Az 80 +0,00 5,32 Bpm Az Flex -0,67 4,43 Bpm Financial Audace -0,26 3,90 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,36 5,52 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 5,57 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18 5,51 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,18 5,51 Bpm Financial Equilibrato -0,43 4,62 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,00 5,58 Bpm Financial Geographic Areas -0,61 3,24 Bpm Financial Global Bond +0,32 6,35 Bpm Financial Industrial Sector -0,60 3,31 Bpm Financial Prudente +0,00 5,26 Bpm Financial Riserva Euro +0,15 6,52 Bpm Financial Vita Azionario -0,43 4,62 Bpm Financial Vita Bilanciato -0,35 5,62 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,14 7,15 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 +0,57 10,88 Bnl Vita Capital Unit 60 +0,97 8,684 Bnl Vita Capital Unit 90 +1,51 6,636 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B -0,79 137,092 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 Cardif Bilanciato B -0,02 191,948 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B +0,57 220,095 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A -0,06 184,421 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,16 Carige Gestilink Arancione Dinamica +2,31 3,769 Carige Gestilink Blu Moderata +1,34 5,298 Carige Gestilink Verde Prudente +0,24 6,719 Carige Protezione Attiva -0,09 104,36 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario +1,96 4,222 Cattolica Bilanciato +1,34 4,47 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert -1,70 3,298 Cattolica Bpbari Freeway Jungle +1,01 0,301 Cattolica Cividale Percorso Azionario +3,12 11,619 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario+0,64 11,421 Cattolica Ferrara Investire Azionario +2,92 3,382 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario -0,13 5,485 Cattolica Fondo Protetto +0,23 5,198 Cattolica Formula Life Azionaria -0,26 4,523 Cattolica Formula Life Bilanciata -0,24 4,956 Cattolica Fuoriclasse Balanced -0,28 4,604 Cattolica Fuoriclasse Bond -0,14 5,609 Cattolica Fuoriclasse Equity -0,45 3,098 Cattolica Fuoriclasse High Tech -0,97 1,327 Cattolica Nuove Rotte +0,34 5,567 Cattolica Obbligazionario +0,43 4,952 Cattolica Progetto Attivo Bond +0,39 4,658 Cattolica Progetto Attivo Equity +1,95 3,862 Cattolica Progetto Attivo Mix +1,29 4,467 Cattolica Soluzione Dinamica -0,15 5,327 Cattolica Soluzione Prudente -0,06 6,549 Cattolica Soluzione Vivace -0,16 3,694 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra +0,30 72,152 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 Centrovita Anni 40 -0,01 149,699 Centrovita Anni 50 -0,01 167,602 Centrovita Anni 60 -0,06 123,721 Centrovita Anni 70 -0,79 123,52 Centrovita Anni 80 -1,71 96,58 Centrovita Azionario -2,40 107,924 Centrovita Azionario Blue -2,43 57,279 Centrovita Azionario Green -2,43 57,486 Centrovita Azionario Plus -2,46 131,556 Centrovita Bilanciato -0,59 151,36 Centrovita Bilanciato Plus -0,61 178,46 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 Centrovita Obbligazionario +0,25 194,824 Centrovita Obbligazionario Blue +0,23 127,796 Centrovita Obbligazionario Plus +0,26 216,917 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic +2,63 2,031 Unit Moderate +0,08 4,882 GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio +0,79 6,009 Genertellife Aptus 1 -0,02 4,844 Genertellife Aptus 2 -0,14 4,373 Genertellife Aptus 3 -0,19 3,626 Genertellife Bg 2005-2015 +0,55 10,417 Genertellife Bg 2005-2020 +1,04 9,749 Genertellife Bg 2005-2025 +1,87 8,79 Genertellife Bg 2005-2030 +2,12 8,287 Genertellife Bg Azionario 1 +0,23 2,215 Genertellife Bg Azionario 2 +0,12 2,539 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,13 3,919 Genertellife Bg Bilanciato 2 +0,10 5,096 Genertellife Bg Dinamico +1,59 8,161 Genertellife Espansione -0,33 2,755 Genertellife Espansione2000 -0,18 2,769 Genertellife Sviluppo -0,19 4,137 Genertellife Sviluppo2000 -0,05 3,729 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,14 5,898

VARIAZ. QUOT.

Genertellife Tirreno Unit Protezione +0,09 5,841 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -0,17 5,135 Genertellife Valore +0,00 6,087 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,12 4,146 Ina Fondo Valute Estere -0,95 1,152 Ina Nuovo Fondo Ina +0,08 7,935 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,11 5,333 Intesa Vita Azionario America Growth +4,09 8,851 Intesa Vita Azionario America Value +4,30 9,756 Intesa Vita Azionario Cina +2,36 22,563 Intesa Vita Azionario Europa Growth +4,84 10,672 Intesa Vita Azionario Europa Value +4,84 11,148 Intesa Vita Crescita +0,02 6,099 Intesa Vita Dinamica -0,17 4,754 Intesa Vita Eurounit Azionario +0,54 3,157 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,16 5,051 Intesa Vita Eurounit Equilibrato +0,05 5,585 Intesa Vita Eurounit Prudente -0,02 6,417 Intesa Vita Gpa Accordo +0,19 690,16 Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,19 662,66 Intesa Vita Gpa Acuto -0,51 412,77 Intesa Vita Gpa Acuto 2 -0,52 346,59 Intesa Vita Gpa Armonia -0,23 525,22 Intesa Vita Gpa Armonia 2 -0,23 461,77 Intesa Vita Gpa Motivo +0,08 639,44 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,08 600,36 Intesa Vita Monetario Dollaro -0,55 9,506 Intesa Vita Monetario Euro +0,00 10,836 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,03 11,432 Intesavita Gpa Private Bond +0,10 736,68 Intesavita Gpa Private Global Guar. -0,33 596,73 Intesavita Gpa Private Global High -1,80 345,60 Intesavita Gpa Private Global Low -0,16 681,57 Intesavita Gpa Private Global Medium -0,60 556,16 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo +0,03 3,477 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis +0,03 3,983 Mediolanum Azionario Fedelt¿ +0,00 1,786 Mediolanum Azionario Lntraprendenza +0,06 3,229 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis+0,05 3,964 Mediolanum Azionario Protezione +0,05 5,843 Mediolanum Balanced +0,19 4,721 Mediolanum Balanced Bis +0,19 4,789 Mediolanum Country +0,03 3,372 Mediolanum Country Bis +0,03 3,936 Mediolanum Dynamic +0,19 4,143 Mediolanum Dynamic Bis +0,22 4,543 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,06 6,738 Mediolanum Eurobond Opportunita' +0,34 6,984 Mediolanum Eurobond Sviluppo +0,21 6,767 Mediolanum Euroequity Opportunita' +0,02 4,216 Mediolanum Euroequity Protezione +0,05 6,463 Mediolanum Euroequity Sviluppo +0,02 4,476 Mediolanum Moderate +0,19 5,156 Mediolanum Moderate Bis +0,21 5,174 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,05 5,518 Mediolanum Obb. Crescita Bis +0,35 5,502 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis +0,06 5,195 Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,20 5,513 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,35 6,852 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,06 6,646 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,20 6,664 Mediolanum Opportunity +0,05 3,77 Mediolanum Opportunity Bis +0,05 4,124 Mediolanum Prudent +0,06 6,196 Mediolanum Prudent Bis +0,07 5,493 Mediolanum Sector +0,03 3,33 Mediolanum Sector Bis +0,05 4,143 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +0,00 3,066 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,11 4,41 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,03 6,165 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,19 5,653 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,68 3,013 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,67 5,416 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,70 12,861 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,45 12,797 Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,29 11,871 Risparmio Formula Link In Prima +0,03 11,632 Risparmio Formula Link In Seconda -0,59 9,849 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 8,075 Risparmio Gestivita Azionario -0,55 8,856 Risparmio Gestivita Bilanciato -0,48 10,747 Risparmio Gestivita Obbligazionario -0,23 12,634 Risparmio Patavium Ul Dinamico +0,00 7,57 Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 8,88 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A +2,00 8,209 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale +1,82 7,883 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo +0,02 9,183 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -0,46 9,546 Sara Vita Profilo Guardian -0,21 9,73 Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno +0,01 119,53 Unipol Uninvest Azioni Piu' +0,76 108,984 Unipol Uninvest Crescita +1,12 13,687 Unipol Uninvest Equilibrio +1,07 12,966 Unipol Uninvest Flessibile +1,23 7,055 Unipol Uninvest Grande7 +0,80 108,754 Unipol Uninvest Grandevita +0,71 104,987 Unipol Uninvest Mach 7 +0,46 111,271 Unipol Uninvest Otto&Mezzo +0,47 103,803 Unipol Uninvest Performance Europa +3,47 7,544 Unipol Uninvest Risparmio +0,17 13,604 Unipol Uninvest Valore +1,97 12,722 ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo -0,15 5,445 Zlap Crescita -0,20 6,483 Zlap Equilibrio -0,22 7,642 Zlap Evoluzione -0,12 4,825 Zlap Protezione -0,14 7,931 Zlap Prudenza -0,21 5,767 Zlap Sicurezza -0,02 5,509 Zlap Sviluppo -0,14 3,69


28

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

CRONACHE

«Contrari ai cambi di casacca in zona Cesarini» di Marika Giacoppo CATANZARO - Dichiarazione a tutto campo dei consiglieri comunali, Antonio Corsi e Sergio Costanzo sulla situazione politica al Comune anche in relazione alle imminenti scelte di carattere elettorale. «Le voci che si rincorrono in questi giorni sull’atteggiamento ondivago di alcuni esponenti dell’attuale maggioranza al Comune disorientano gli elettori ed aumentano la sfiducia dei cittadini verso la politica. Non ho nulla in contrario all’ingresso di nuove energie nel PdL e nella coalizione che sosterrà l’elezione dell’on. Traversa a sindaDichiarazione co di Catanzaro, se queste a tutto campo anche hanno in parte dei consiglie- condiviso la fallimentare esperi comunali, rienzadelcentrosinistra. Per sinCorsi e tetizzare il nostro pensiero al riCostanzo guardo, usiamo la terminologia, a noi molto cara, del calcio: non ai cambi di casacca in zona Cesarini, vale a dire all’ultimo istante utile. Se alcuni colleghi consiglieri, insoddisfatti della giunta Olivo, ritengono di dovere prendere le distanze dall’attuale amministrazione e avviare con noi un percorso nuovo, debbono farlo subito, con una scelta chiara e inequivocabile. L’esempio giusto è quello dell’assessore Granato che si è dimesso dalla sua carica per sostenere liberamente la candidatura del presidente Scopelliti, rinunciando quindi alla sua comoda poltrona.Non avrebbe senso per il PdL imbarcare in una battaglia di

La “Festa dell’estate 2010” dell’Aspi per le vie di Acconia di Massimo Giorla

rinnovamento persone che intendono utilizzare il loro ruolo in maniera ambigua. La gente non ci capirebbe e soprattutto non ci capirebbero quei candidati che nel 2006 sono rimasti fuori dal Consiglio comunale pur avendo ottenuto oltre 400 preferenze, penalizzati dal premio di maggioranza che ha invece consentito ad alcuni di diventare consiglieri con meno di 100 voti. All’on. Traversa, anche nel suo ruolo di coordinatore provinciale del PdL, chiediamo un formale impegno perché nelle liste del centrodestra non trovino spazio candidatura "usa e getta" dell’ultimo istante, delle quali per la verità non avremo bisogno. All’on. Traversa chiediamo anche che in autunno si convochi una riunione ufficiale di tutti i partiti, le

«Vogliamo esprimere il nostro apprezzamento per la nomina del consigliere Baldo Esposito a direttore generale del centro oncologico»

liste ed i movimenti che in città apertamente fanno parte del nostro progetto. Sarà quella l’occasione per chiarire il ruolo di alcuni consiglieri che vorrebbero posizionarsi a metà del guado fino alla prossima primavera. Con l’occasione vogliamo esprimere il nostro apprezzamento per la nomina del consigliere Baldo Esposito a direttore generale del centro oncologico, nomina che conferma l’attenzione del presidente Scopelliti verso la città di Catanzaro. Debbiamo però sottolineare negativamente l’atteggiamento dell’ex direttore generale della "Campanella", Angela Di Tommaso, che pretenderebbe di continuare in un incarico che le è stato conferito non in base ad un concorso pubblico, bensì per nomina politica dell’ex presidente Loiero. La dottoressa Di Tommaso, catapultata in Calabria dalla Puglia per gentile concessione dell’ex governatore Loiero, avrebbe dovuto avere la sensibilità di dimettersi da quell’incarico. Non discutiamo il curriculum della dottoressa Di Tommaso. Il dott. Esposito farà sicuramente bene nel suo nuovo incarico».

LAMEZIA TERME - Nei giorni scorsi, si è svolta ad Acconia, in piazza S. Giovanni Battista, la Festa d’Estate 2010 organizzata dal Comitato zonale dell’Associazione Aspi di cui fanno parte alcuni degli Oratori del circondario di Lamezia Terme (Oratorio S. Raffele, del Rosario, Lamezia Golfo, S. Giovanni Battista Acconia etc). I denominatori comuni di questo incontro sono stati: Sport, Solidarietà ed Ambiente. A dare il benvenuto nella Comunità di Acconia c’erano i responsabili dell’Oratorio San Giovanni Battista, il Parroco Don Carlo Cittadino (Presidente), Rossella Oscuro (vice Presidente), Francesca Sergi (segretaria), Franca Sorrenti, Notaro Vincenzo, Franco Michienzi, Colelli Vittoria e tutte le altre animatrici. Alla manifestazione hanno partecipato circa trecento persone tra ragazzi, animatori e famiglie. Erano presenti anche il Sindaco, il vice Sindaco alcuni assessori e consiglieri comunali, tra i quali Giuseppe Frijia sensibile alle tematiche giovanili. Per Luigi Saladino, tra le attività sportive svolte «è da sottolineare la corsa campestre con la partecipazione del campione juniores Nazionale Antonio Guzzi di Acconia che ha premiato il vincitore». La serata si è conclusa con momenti di preghiera, canti animati e degustazione di prodotti tipici locali offerti dai genitori dei partecipanti. Saladino speci-

fica anche come "l’Aspi è un’associazione nazionale, civile ed ecclesiale di educatori, suggerita e benedetta da Paolo VI, pienamente inserita nelle Comunità Parrocchiali per dare sostegno - anche civile - alla Pastorale giovanile e familiare attraverso l’organizzazione e il coordinamento di Oratori e Circoli. In tutto il territorio La serata Nazionale sono circa tresi è concentomila gli clusa con associati. Più che mai oggi momenti sottolinea - si avverte la nedi preghiecessita di frequentare gli ra e canti Oratori, punto di riferimenti, luogo sereno, giocoso e festoso che contribuisce alla formazione umana e cristiana di ogni singola persona».


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 29

CRONACHE

Gualtieri sollecita ancora pulizia nel quartiere Lido di Rosa Grande CATANZARO - «Rispondo serenamente - sostiene Massimo Gualtieri del Movimento Civico Catanzaro Marina -, all’Ing. Aldo Mauro, Dirigente del Settore Ambiente del Comune di Catanzaro, di cui ho sempre apprezzato il lavoro svolto e l’impegno, al quale sono sfuggiti, relativamente alla prima richiesta effettuata da residi Giovino «Ho sempre denti tra i quali il sottoscritto, prot. n° apprezzato 66630 del il lavoro 2/7/2010, i severi giudizi dati nei svolto confronti di colodall’ingegnere ro, che sono stati definiti "soggetti" Aldo Mauro» i quali non meritano l’appellativo di cittadini. Non ho remore quindi a confermare, che gli incivili, che lasciano i sacchetti fuori dai contenitori e/o con-

feriscono rifiuti di ogni genere nei pressi degli stessi (ingombranti, materiali di risulta e quant’altro) o "violentano" da anni la meravigliosa Pineta di Giovino e/o per recarsi al mare, "parcheggiano" la propriaautovettura,sulnuovolungomare di Giovino, esistono nella nostra città. E da anni li combatto, con i mezzi legali. Non ho nemme-

Ens, un progetto per i disabili di Mario Magno CATANZARO - Alle ore 10,00 martedì 3 agosto 2010, si è svolto oggi a Catanzaro il secondo incontro tra i rappresentanti del Consiglio regionale dell’Ente Nazionale Sordi (Ens) della Calabria, l’Assessore alla Pubblica Istruzione Regionale Calabria, Prof. Mario Caligiuri, e i Responsabili del Centro Territoriale di Supporto Handicap (CTSH) Calabria per le cinque province calabresi. Erano inoltre il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Calabria (USR) Dott. Francesco Mercurio e il Responsa-

bile dell’Ufficio Scolastico Regionale Calabria - Supporto Handicap Dott.ssa M. C. Siclari. Alla luce dell’incontro precedente e vista la volontà espressa dall’Assessore Caligiuri di sostenere e promuovere iniziative concretamente utili per l’integrazione scolastica dell’alunno disabile e in particolare dell’alunno sordo, l’ENS di Calabria e il CTSH di Cosenza hanno presentato una proposta di progetto, formulata sulla base del progetto "pilota" attualmente in corso di realizzazione nella provincia di Cosenza.

no alcuna remora, nel dire che costoro dovrebbero frequentare dei corsi di educazione civica, con esame finale. Detto ciò, Le preciso che lo spirito di collaborazione da Lei richiamato ed invocato, dovrebbe interessare, anche l’Assessorato all’Ambiente, nella sua interezza. E a tal proposito, quale genitore e quale membro del Comitato Scuole VI° Circolo (organismo che collabora, con buoni risultati, per le scuole di Marina, con l’Assessorato all’Istruzione e con gli altri uffici del comune, dal mese di Settembre 2009), chiedo nuovamente al neo Assessore all’Ambiente, a Lei e a qualche funzionario del Settore Ambiente, con il quale ho avuto, dei confronti "accesi", dove è finita la pulizia ed il decespugliamento dei Plessi Porto e Murano, già sollecitati con urgenza, con fax del 22/5/2010 (tre mesi fa), dalla Dirigente Scolastica del VI° Circolo, al fine di prevenire la presenza di ratti che facilmente penetrano al piano terra degli edifici scolastici, dove sono collocate le sezioni della scuola dell’infanzia. A tale nota rimasta senza esito, face-

«Non ho remore a confermare che gli incivili, che lasciano i sacchetti fuori dai contenitori e conferiscono rifiuti di ogni genere, esistono da noi»

va seguito, una ulteriore nota del sottoscritto, datata 2/7/2010, protocollo n° 66636 diretta, oltre che al Sindaco, all’Assessore Ambiente e al Dirigente di Settore, nella quale veniva altresì specificato, che per l’invasione dei ratti (ma tranquillamente possono entrare anche delle serpi o altri animali), già lo scorso anno, il Plesso Porto, aveva dovuto iniziare le lezioni, una settimana dopo la data prevista dal calendario ufficiale, nonché il fatto che a causa di ciò si erano dovuti spendere ulteriori soldi dei contribuenti, per effettuare la derattizzazione e la disinfestazione delle aule. Nella stessa, precisavo, inoltre che il plesso, viste le condizioni pietose e vergognose, in cui versano il piazzale e l’area circostante, totalmente ricolmi di erba secca, è a forte rischio incendi.

«Da anni combatto gli incivili con tutti i mezzi legali»


30

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

CRONACHE l’O.P.C.M. n.3862/2010 con la quale è stato nominato Commissario delegato per il superamento della fase emergenziale, il Presidente della Regione Calabria. Poiché i tempi e gli adempimenti necessari all’otte«Gli eventi metereologici nimento delle risorse economiche, previsti nella eccezionali che si suddettaOrdinanza,sono tali da non coincidere con sono verificati nella la necessità di mettere in scorsa stagione inversicurezza e preservare un bene di notevole valore nale in Calabria, hanno storico e culturale e con le esigenze di culto dei nu- aggravato le condizioni» merosi fedeli e devoti del Santo di Bisignano e con la necessità di stabilità di residenza da parte dei Frati francescani, si chiede un intervento urgente attraverso un finanziamento straordinario, per il recupero ed il restauro del complesso monastico e la messa in sicurezza del versante dissestato».

Il presidente della Provincia chiede il restauro del versante

Oliverio: recuperare il complesso di Sant’Umile di Vittorio Alessi COSENZA - Il presidente Mario Oliverio ha inviato ieri una missiva ufficiale indirizzata al Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, al Presidente della Regione Calabria, Commissario Delegato ex OO.P.C.M. n.3734/2009 e 3741/2009, alla Soprintendenza per i Beni A.A.A.S. della Calabria nella quale chiede " un intervento urgente attraverso un finanziamento straordinario, per il recupero ed il restauro del complesso monastico" di Sant’Umile da Bisignano e la relativa " messa in sicurezza del versantedissestato".Proprio nella giornata di ieri Il presidente Oliverio lo stesso Oliverio aveva aveva manifestato piena incontrato Comitato Cittadino spontaneo disponibilità ad indipro-Santo Umile di Bisividuare una serie di atti gnano per discutere delle problematiche legate tendenti a sollecitare all’ordinanza di chiusura del Santuario in seguito gli enti preposti agli eventi metereologici dello scorso inverno che avevano causato un dissesto franoso. Il Presidente Oliverio, aveva manifestato piena disponibilità ad individuare una serie di atti tendenti a sollecitare gli Enti preposti a prendere nella dovuta considerazione la delicata problematica. Di oggi, come detto, la lettera che si riporta di seguito: «Gli eventi metereologici eccezionali ed avversi che

si sono verificati nella scorsa stagione invernale in tutta la Calabria, hanno ulteriormente aggravato le già precarie condizioni geomorfologiche del territorio con conseguenti danni rilevanti a strutture ed infrastrutture, pubbliche e private. Un dissesto franoso ha interessato anche il complesso monastico di Sant’ Umile da Bisignano, dell’Ordine dei Frati Minori, risalente al XIII secolo, che riveste un importante e rilevante interesse storico, artistico, architettonico e religioso per la Calabria ed in particolare per la Valle del Crati. Lo stesso complesso, a causa dei danni subiti in conseguenza del fenomeno franoso, sia nelle parti architettoniche che nella struttura portante, è stato dichiarato inagibile con Ordinanza sindacale n. 12 del 15 febbraio 2010. Per le gravi situazioni determinatesi in tutta la Calabria, è stato dichiarato lo Stato di emergenza e successivamente emanata

Stand Cri nel piazzale antistante la sede del comitato di Acri in occasione della Notte Bianca in programma l’8 COSENZA - In occasione della notte bianca che si svolgerà ad Acri domenica 8 agosto i Volontari della Croce Rossa Italiana allestiranno degli stand nel piazzale antistante la sede del Comitato CRI di Acri, in via Don Francesco Maria Greco, ove si potrà acquistare oggetti preparati con maestria e perizia dai volontari o donati da artigiani e commercianti locali. In particolare quest’anno l’ attenzione non è rivolta solamente agli adulti, che

visiteranno il mercatino, ma anche ai più giovani che potranno iscriversi e partecipare ad una serie di giochi organizzati appositamente per loro. Durante la manifestazione, oltre a presentare le attività della Croce Rossa Italiana, si darà spazio ai prodotti artigianali e locali per valorizzare la cultura e le tradizioni acresi. Per informazioni è possibile contattare la sede del comitato locale.

Prosegue fino al 25 agosto il Peperoncino jazz festival COSENZA - In programma fino al 25 agosto 2010 nelle più belle località della provincia di Cosenza, il Peperoncino Jazz Festival, evento che coniuga grande musica, gastronomia e cultura sotto il segno di uno dei simboli della regione (il peperoncino), si conferma ancora una volta come uno dei più importanti appuntamenti culturali e turistici dell’estate calabrese, nonché uno dei festival musicali più caratteristici d’Italia. Dopo il successo delle ultime edizioni, anche quest’anno l’evento, organizzato dall’Associazione Culturale Pìcanto con il contributo della Regione Calabria - Fondi Europei Por Calabria Fesr 2007/2013 Asse V Linea di intervento 5.2.3.1. - della Provincia di Cosenza, degli enti Parco Nazionale del Pollino e Parco Nazionale della Sila, di numerose amministrazioni comu-

nali e con il patrocinio di Cciaa e Confindustria di Cosenza, Agis e Anec Calabria, verrà riproposto nella formula organizzativa della rassegna itinerante e avrà il sottotitolo "Terre Sonanti". In un mese e mezzo di programmazione, ben 26 saranno le località dell’alta Calabria , infatti, verranno coinvolti importanti centri cittadini (Castrovillari, Corigliano, Rossano e Rende), numerosi centri turistici del territorio provinciale, tra località costiere (Praia a Mare, San Nicola Arcella, Scalea, Santa Maria del Cedro, Diamante, Belvedere, Sangineto, Cetraro, Acquappesa, Fuscaldo e Amantea sul Tirreno e Villapiana e Sibari sullo Jonio) e paesi dell’entroterra, nonché il territorio dei due parchi nazionali della provincia di Cosenza: quello del Pollino e quello della rinomata Sila.


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 31

CRONACHE Convegno voluto dal gruppo del Pd alla Regione, alla presenza del senatore Musi

Federalismo fiscale e manovra l’impegno di Bevacqua e del Pd COSENZA - Insieme contro i tagli selvaggi e sconsiderati che già compromettono il futuro dei nostri comuni. Tagli iniqui ed ingiustificati dall’impatto sociale devastante, specie per le categorie di cittadini più deboli e per tutte quelle micro-realtà che sono nostre e che, di fatto, costituiscono la base dell’identità calabrese; Comuni costretti a rinunciare alla progettazione ed all’attuazione di nuove infrastrutture specifiche e polivalenti nonchè all’ammodernamento di quelle esistenti, edifici scolastici ed impianti sportivi compresi, amministratori impegnati a fare e rifare i conti solo per mantenere un minimo di manutenzione nei propri territori di riferimento, disagio per gli Enti locali e Associazioni cui viene fattivamente impedito di fare "cultura" a tutti i livelli: è questo il futuro fin troppo prossimo a cui il Federalismo fiscale e la Manovra Finanziaria condannano la Calabria e il Pd non ci sta. Questi i temi e le caldissime considerazioni emerse nel momento di convegno voluto dal gruppo consiliare del Pd alla Regione, nel Salone di Rappresentanza del Comune di Cosenza, alla presenza del senatore, Adriano Musi, commissario regionale del partito, del capogruppo alla regione, Sandro Principe, del vice-presidente nazionale dell’Anci, Salvatore Perugini, dell’on. Cesare Marini nel quale è intervenuto con indignazione e forza Mimmo Bevacqua, Vice-presidente della Provincia di Cosenza. «Ci si costringe a pianificare con lucidità la fattiva rinuncia al miglioramento sociale e culturale per i territori e i cittadini di cui ci siamo impegnato ad aver cura, e questo è inaccettabile» - dichiara Bevacqua spiegando come la Provincia di Cosenza, per seguire le linee guida della Finanziaria voluta dal Governo, sarà obbligata al taglio di 15 milioni di euro e alla

Cristiano De Andrè torna in concerto il 13 agosto all’anfiteatro di Altomonte

necessità così di rinunciare a qualsiasi investimento futuro in qualsiasi campo nonchè ad una riduzione dei servizi erogati oggi al cittadino e continua, appoggiato dal senatore Musi - «E’ arrivato il momento di chiedere al Pd un impegno concreto per il mezzogiorno, sono necessarie responsabilità e scelte coraggiose e un partito che si dimostri compatto nel respingere decisioni scellerate per il nostro territorio con il rischio che storia e cultura possano esserne cancellate. Urge una ricostruzione seria e concreta del Pd fatta da calabresi e con calabresi».

Una posizione forte, dunque, quella di Mimmo Bevacqua che già qualche mese fa fu promotore di un dibattito sulla ricostruzione del Pd definendolo un "cantiere aperto" alle novità e al contributo di tutti.

«Ci si costringe a pianificare con lucidità la fattiva rinuncia al miglioramento di territori di cui ci siamo impegnato ad aver cura, e questo è inaccettabile»

Bevacqua/2: «È arrivato il momento di chiedere al Pd un impegno concreto per il Mezzogiorno, sono necessarie responsabilità e scelte coraggiose»

COSRNZA - Dopo un acclamatissimo inverno nei teatri e nei palasport, Cristiano De André torna in concerto in Calabria per un’altra estate di "De André canta De André": il 13 agosto sarà all’Anfiteatro di Altomonte (biglietti euro 17.50 presso Inprimafila a Cosenza, tel. 0984795699). Inizio concerti ore 21.30.Nata come tournée estiva nel giugno del 2009 nel decimo anniversario dalla scomparsa di Fabrizio De André, ottenuto il riconoscimento di "Miglior tour dell’anno" al Mei 2009, "De André canta De André" ha ricominciato a riempire le platee e i

Aurelia Belfatto

cuori di emozioni con un nuovo calendario di concerti: una nuova maratona di live con tappe in tutta Italia, tra cui la Villa Reale di Monza, il Castello di Udine, il Belvedere San Leucio di Caserta e la Cavea dell’Auditorium di Roma.Rispetto al progetto iniziale, il tour 2010 è dunque arricchito da alcune novità, in un ricordo senza tempo di un padre e di un poeta che ha lasciato la sua impronta indelebile sulla storia della canzone italiana: insieme a Megu Megun, ‘A Çimma, Ho visto Nina volare, Don Raffaè, Cose che dimentico, Se ti tagliassero a pezzetti, Smisurata preghiera, Verranno a chiederti del nostro amore, Andrea, La Cattiva strada, Un Giudice, Creuza de ma, Amico fragile, Marinella, Quello che non ho, Fiume Sand

"Il mare in città" con tariffe agevolate per la piscina di Vera Briatico COSENZA - Il mare in città. Dopo le vacanze cosentine ecco un’altra iniziativa dell’assessorato al Turismo del comune di Cosenza che, prevede tariffe agevolate per tutto il mese di agosto a quanti vorranno fare una bella nuotata nella piscina olimpionica di Campagnano. Il progetto in corso - dichiara l’assessore Marco Ambrogio - ha una duplice finalità. Garantire ai cittadini che per ristrettezze economiche o per lavoro non possono andare in vacanza, e offrire ai tanti turisti un’accoglienza diversa. Marco Ambrogio ha inoltre ringraziato l’agenzia Adt group per la celerità e disponibilità nel fornire la cartellonistica dell’evento. Come consorzio abbiamo subito accolto la proposta del Comune, abbiamo fatto tutto nel volgere di pochi giorni. Così si è espresso Carmine Manna, presidente del Cogeis, per il quale l’obiettivo principale è rivolgersi alle fasce deboli. Il pacchetto offerto dalla piscina di Campagnano è diviso in fasce: rossa per i giovani, verde per gli adulti. La riduzione sarà del 20% su tutti i servizi, per gli over 65 lo sconto sarà del 30, per le famiglie del 50. L’apertura della piscina (sabati e domeniche comprese, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 13,30 alle 16,30) sarà per tutto il mese di agosto tranne nei giorni 14,15,16. Il presidente Manna ha inoltre annunciato che per l’autunno sarà pronta la vasca terapeutica e riabilitativa per la rieducazione motoria.

Creek, Il Pescatore, Zirichiltaggia,... per le date 2010 sono in scaletta anche Anime salve, La collina, Bocca di rosa e struggente La Canzone dell’amore perduto. Una piccola parte del vasto repertorio di Fabrizio che è ormai diventata repertorio di Cristiano.


32

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

CRONACHE Il politico ha spiegato i «punti di contatto ad una linea politica di equidistanza»

L’assessore comunale Demetrio Porcino passa fra le file dell’Udc REGGIO CALABRIA - Calabria politica: specchio fedele dell’attuale situazione nazionale. E’ il momento del Pdl. Implosione a Roma, idem nella nostra terra. Una fotografia nitida, che Pasquale Maria Tripodi, capogruppo dell’Udc in Consiglio Regionale, commenta con grande obiettività, soprattutto quando afferma di «riconoscersi in pieno nel giudizio negativo espresso in un editoriale di Famiglia Cristiana sulle conseguenze nefaste del leaderismo e sui gravi rischi che corre l’Italia. Il bipolarismo - secondo Tripodi - non serve al Paese e lo dimostrano i processi politici aperti a livello locale e nazionale». Il messaggio, sul versante calabrese, è abbastanza chiaro, in un momento in cui il partito di maggioranza relativa è impegnato sul fronte della crisi al Comune di Reggio Calabria, che lo stesso Tripodi, ha liquidato con una battuta: «E’ una questione interna al Pdl». Messaggi chiari, partiti da una conferenza stampa convocata per annunciare il passaggio all’Udc di Demetrio Porcino,attualeassessoreall’Urbanistica del Comune di Reggio Calabria. Eletto in consiglio comunale nel 2007 in una lista del Pri, Porcino ha spiegato che il suo nuovo corso politico è «iniziato già prima delle ultime elezioni regionali», ed ha sottolineato i «punti di contatto e di condivisione ad una linea politica comune di equidistanza». E sull’ipotesi del commissario al Comune di Reggio Calabria, l’ex repubblicano ha rivolto l’invito affinché «prevalga il senso di responsabilità per proseguire un’esperienza amministrativa importante». La circostanza è servita anche ad affrontare l’attuale momento politico italiano. Il segretario provinciale reggino Paolo Mallamaci, da parte sua, ha sottolineato come l’intuizione di Casini del 2008, oggi, allo luce dell’implosione nel PdL, è risultata azzeccata. Per

Sagra del pescespada a Bagnara Calabra: una tradizione che si ripete dal 1965

Mallamaci, l’incontro di martedì a Roma tra i rappresentanti dei gruppi parlamentari "Futuro e liberà", "Alleanza per l’Italia" e Udc deve considerarsi uno spartiacque nello scenario politico nazionale. E la stessa "area di responsabilità" rappresenta una sorta di casa dei moderati. All’incontro con i giornalisti hanno preso parte anche il Presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, l’assessore regionale Michele Trematerrà, il presidente della IV commissione consiliare Alfonso Dattolo ed altri dirigenti locali dell’Udc. Soddisfazione per la nuova

All’incontro hanno preso parte anche il presidente del Consiglio regionale, l’assessore regionale Trematerrà, il presidente della IV commissione consiliare

adesione all’Udc è stata espressa anche da Talarico: «Quando decidemmo con Casini e Cesa la scelta autonomista di non schierarci con nessuno dei due poli, molti osservatori politici ne hanno criticato il percorso. A distanza di non molto tempo, però, i fatti cominciano a darci ragione. Stiamo lavorando per costruire un vero partito ed una vera classe dirigente capace di confrontarsi e di essere rappresentativa del territorio, poiché siamo convinti che essa non si forma nei talk show televisivi, ma forgiandola, giorno dopo giorno, nel rapporto con la gente. In questi mesi - ha concluso il Presidente del Consiglio -che ci separano dal prossimo novembre, data in cui avvieremo concretamente il nuovo modello di partito, apriremo un approfondito dibattito politico con senso di responsabilità ed efficace sinergia per costruire una Calabria diversa».

Antonio Latella

REGGIO CALABRIA - Anche quest’anno, come dal 1965 si è ripetuta, a Bagnara Calabra, la Sagra del Pescespada, rinomata manifestazione che richiama un vasto pubblico proveniente da tutta la Calabria e la Sicilia. Ideata dall’opera animatrice del I Presidente della Pro Loco, il colonnello Antonino Iracà, e dal dinamico Luigi Oriana, è portata avanti, negli anni, dai vari Presidenti susseguitesi: Domenico Barilà, Salvatore Frosina, Vincenzo Maiorana e Carmelo Dominici. La Sagra nasce come festa sociale

per i soli soci dell’associazione. Essa si svolgeva tra la sede della Pro Loco in Piazza Marconi e l’antistante Lido De Forte, l’attuale Piazza ex-Lido. E’ a partire dall’anno 1969 che la manifestazione incomincia ad assumere la funzione pubblica di sagra. Il pesce, lavorato e cucinato da gentili signore del luogo nelle cucine della Scuola Elementare, veniva poi trasportato in contenitori termici alla sede della Pro Loco, dove veniva offerto al pubblico. Nel 1971 la manifestazione assume la denominazione di "Sagra del Pescespada". L’aumento annuale dei partecipanti e il particolare successo mediatico della manifestazione richiedono la ricerca di nuovi strumenti e mezzi, necessari per rispondere positivamenteall’interessemanifestatodagli

“Trasmigrazioni confronto d’identità” il progetto Pro loco di Vera Briatico REGGIO CALABRIA - "Provincia di Reggio Calabria : trasmigrazioni confronto di identità" : questo il titolo del progetto realizzato dall’Unione Pro Loco d’Italia per l’anno 2009 - 2010. I volontari attualmente impegnati in questo lavoro stanno sottoponendo all’attenzione degl’immigrati stranieri, presenti nel comune tirrenico, un questionario intervista contenente delle domande relative alla loro provenienza, alla composizione del loro nucleo familiare, al credo religioso, al lavoro che svolgono attualmente in Italia e che svolgevano in patria, e sul rapporto che sono riusciti ad instaurare durante la loro permanenza a Bagnara con le istituzioni e con i cittadini del posto. I questionari da qui a qualche mese saranno poi sottoposti ad una fase di studio approfondita e da li verrà fuori una proposta programmatica per un migliore e corretto inserimento degli immigrati stranieri all’interno della comunità. E’ stata realizzata, inoltre, una ricerca circa la storia del fenomeno dell’immigrazione, in tutte le sue molteplici fasi, all’interno della quale è stata ricostruita, sulla base dei documenti disponibili, la storia dell’immigrazione straniera a Bagnara. Sul sito della Pro Loco da qualche giorno è stato creato un portale per gli immigrati, al suo interno è già disponibile "La guida al territorio", un Vademecum realizzato dal Servizio Integrato per l’ Interculturalità di Reggio Calabria sui servizi all’immigrazione : «La guida al Territorio vuole - si legge nel portale della Pro Loco bagnarese - essere uno strumento utile e di facile consultazione per tutti gli stranieri che si trovano a Reggio».

amanti delle più genuine tradizioni marinare. Rappresentanze politiche territoriali, associati e volontari s’impegnano energicamente così nella realizzazione di quella che diventerà, in pochi anni, il fiore all’occhiello dell’estate bagnarese.


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 33

CRONACHE

Nell’operazione della Gdf arrestati anche cinque imprenditori

Truffa all’Ue, mega sequestro per oltre 700 milioni di euro PALMI - Ci sono anche due alberghi tra i beni sequestrati dalla Guardia di finanza, per un valore di 700 milioni di euro, nell’ambito dell’operazione, denominata Aristeo, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi. Le due strutture, facenti parte del patrimonio delle 14 aziende coinvolte nell’inchiesta, sono il Feudo degli Ulivi, a Borgia (Catanzaro), e l’Hotel Carlton, a Pescara. Cinque gli imprenditori arrestati, tutti ai domiciliari. Si tratta dei fratelli Vincenzo ed Antonio Oliveri, di 56 e 45 anni, il primo residente a Gioia Tauro ed il secondo a Giulianova (Teramo); Vincenzo Borgia (59), di Villa San Giovanni (Reggio Calabria); Salvatore Erminio Surdo (62), di Gioia Tauro, e Giuseppe Surdo (29), anch’egli residente a Giulianova. ComplessiTra le strutture facenti vamente, sono 19 le persone indagate e sette le parte del patrimonio società coinvolte nell’inchiesta. E’ stata anche delle 14 aziende accertata l’emissione di coinvolte nell’inchiesta fatture false per operazioni inesistenti, ai fini il Feudo degli Ulivi della liquidazione di finanziamenti attraverso e l’Hotel Carlton la legge 488, per un totale di 35 milioni di euro. Il Procuratore della Repubblica di Palmi, Giuseppe Creazzo, incontrando i giornalisti, insieme al comandante del Nucleo di polizia tributaria di Catanzaro, Fabio Canziani, ha parlato di "operazione estremamente importante, frutto di un lavoro investigativo meticoloso che la Guardia di finanza ha condotto per oltre due anni. La sua complessità è dimostrata dai numeri e dalla vastità del patrimo-

I reati contestati agli uomini finiti in manette: associazione per delinquere finalizzata alla truffa per il conseguimento indebito di ingenti contributi pubblici

nio sequestrato, che potrebbe aumentare col prosieguo delle indagini". Nel patrimonio aziendale sequestrato sono compresi circa 400 appezzamenti di terreni, per un’estensione complessiva di 3.000 ettari. Sequestrati anche 65 appartamenti e 15 automobili. Inquirenti e investigatori hanno anche riferito che alcuni degli imprenditori arrestati, pur essendo stati denunciati in passato per la percezione indebita di contributi comunitari, erano riusciti a ottenere altre erogazioni. Dall’indagine è emerso, inoltre, che le persone coinvolte nell’inchiesta avevano costituito, grazie ai contributi percepiti, un vero e proprio "impero economico", con la gestione di molteplici attività in varie settori economici. L’inchiesta ha portato anche al sequestro di 500 conti correnti bancari che sarebbero stati utilizzati per effettuare passaggi di capitale tra le varie società.

Smascherata una banda di cittadini romeni colpevoli di furti di danaro nelle macchinette dei biglietti ferroviari REGGIO CALABRIA - L’intensificazione dei servizi di repressione dei reati in ambito ferroviario, disposta dal Servizio Polizia Ferroviaria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, ha favorito una brillante operazione di Polizia Giudiziaria portata a termine dal Compartimento Polizia Ferroviaria per la Calabria diretto dal Primo Dirigente Dott. Federico Strano, in collaborazione con altre articolazioni territoriali della Spe-

cialità. Le indagini hanno consentito di smascherare una banda di cittadini romeni che, tra i mesi di ottobre e dicembre 2009 hanno commesso una lunga serie di furti di danaro contenuto nelle macchinette automatiche emettitrici di biglietti ferroviari, previa effrazione delle stesse.

La vera storia dei Bronzi di Riace in una relazione REGGIO CALABRIA - A settembre si conoscerà la vera storia dei Bronzi di Riace. L’istituto superiore per laconversazione e il restauro di Roma ha effettuato le analisichimiche e gammagrafiche e gli studi colorimetrici sui due guerrieri. La relazione completa verrà presentata al pubblico a settembre. Questi interventi, nati da esigenze di natura conservativa, rappresentano una straordinaria occasione per conoscere più da vicino la storia dei due capolavori, nel tentativo di sciogliere alcuni nodi sui quali esperti di archeologia e arte antica dibattono ormai da tempo: da dove provengono queste due statue? Qual è la loro origine? Quale destino le ha unite nella stiva della nave con la quale salparono prima di essere travolte da un naufragio? Sono state quasi

80 mila le persone che, dal primo gennaio al 31 luglio, hanno avuto modo di ammirare in diretta il restauro dei Bronzi di Riace che si trovano ora a Palazzo Campanella, sede del Consiglio Regionale della Calabria. Resta attivo anche nel mese di agosto, dunque, il laboratorio diretto da Pasquale Dapoto, archeologo della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria e affidato alla responsabilità di Roberto Ciabattoni e Paola Donati dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma, rispettando così il calendario dei lavori stabilito per riportare entro marzo 2011 le due statue all’interno del restaurato Museo della Magna Grecia. «Proprio in queste ore - è scritto in una nota - è incorso un nuovo sopralluogo per la mappatura di definizione delle zone dei Bronzi».

r. c.


34

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

CRONACHE

Critiche alla conferenza del presidente della Provincia, Zurlo

Schifino e Scigliano: ridotti i servizi senza alzare la voce di Marika Grande CROTONE - Lo scorso sabato 31 luglio il presidente della Provincia di Crotone Avv. Stanislao Zurlo, insieme alla Giunta, ha tenuto una conferenza stampa sull’attività amministrativa svolta nel primo anno di gestione. «Una conferenza - sostengono Ubaldo Schifino e Antonio Scigliano - come si evince dalle scarne cronache dei giornali, deludente e definita di "basso profilo". Emerge l’immagine di un Ente piegato sull’ordinaria amministrazione, che si appresta ad affrontare la stagione dell’"austerità", riducendo i servizi ai cittadini senza alzare «Emerge l’immagine di la voce - come hanno inun ente piegato sull’or- vece fatto numerosi amlocali e dinaria amministrazione, ministratori governatori regionali anche di centrodestra - conche si appresta ad aftro la politica economica frontare la stagione iniqua e antimeridionalistica del governo dell’austerità» Berlusconi-Bossi, che scarica proprio sulle istituzioni locali l’onere, il prezzo più alto della crisi. Il "refrein" del Presidente Zurlo è sempre lo stesso, al pari del Presidente Scopelliti, che afferma con la demagogia di sempre, che tutte le responsabilità del dichiarato dissesto finanziario dell’Ente, vanno attribuite alla Giunta provinciale precedente di Centrosinistra.

Nell’elenco delle cose fatte, ci sono gli interventi urgenti sulle strade devastate dalle calamità alluvionali di questo inverno, qualche spesa per fiere e spettacoli, la costituzione di parte civile dell’Ente nei procedimenti giudiziari inerenti i reati di mafia e dimenticando, ovviamente, di citare il gruppo provinciale del Partito democratico, che attraverso una propria mozione, approvata all’unanimità dal Consiglio provinciale, ne aveva promosso la deliberazione. Tutta la discussione, per il Presidente della Giunta, è rinviata al momento della discussione del bilancio consuntivo del 2009, che con notevole ritardo, dovrà essere esaminato nel prossimo mese di settembre. Sulle grandi questioni aperte, che investono il nostro territorio al massimo qualche citazione. Nessuna iniziativa, infatti viene prevista affinché il

Governo nazionale decreta il riconoscimento del territorio provinciale come area di crisi, vista la situazione drammatica economica e sociale di cui è investito: chiusura e grave difficoltà finanziarie delle poche realtà produttive «Nell’elenco delle cose presenti con indici elevatissimi di cassaintegrati fatte, ci sono gli ined inoccupati, soffocamento delle attività arti- terventi urgenti sulle gianali e commerciali, strade devastate dalle problematicità di tenuta del settore agroalimenta- calamità alluvionali re e del terziario, solo per di questo inverno» citare alcuni esempi. La stessa attività di bonifica delle aree industriali e dei 24 siti urbani procede a rilento - e senza il coinvolgimento delle imprese locali e dei lavoratori delle fabbriche dismesse, nonché dei tanti giovani inoccupati - con un progetto di risanamento sperimentale e di dubbia efficacia».

Il presidente della Provincia, Stanislao Zurlo

Lucà: «Solidarietà ad Antonella Stasi. Ormai fare politica è diventata una missione impossibile» CROTONE - «Apprendo con molto sconcerto, a pochi giorni dall’intimidazione subita da Franco Talarico, che anche Antonella Stasi è stata oggetto di minacce. Ormai fare politica, imprenditoria, ma attività sociale in genere in Calabria è diventata una missione impossibile», afferma Salvatore Lucà, capogruppo CdD Consiglio Provinciale Kr. Non si può accettare che persone impegnate come la Stasi devono essere impedite a portare

avanti la loro attività. Un invito ed un incoraggiamento ad Antonella a continuare nel suo impegno pubblico con la speranza che gli organi preposti agiscano con più incisività per mettere fine, una volta per tutte, a questa escalation di minacce ed intimidazioni verso uomini impegnati in politica, nelle istituzioni, nell’imprenditoria e nell’informazione».

«Irrisolti i problemi dei commercianti ortofrutticoli» ISOLA CAPO RIZZUTO - «A seguito di un incontro richiesto dai commercianti ortofrutticoli del territorio comunale - si legge in una nota del gruppo consiliare "Camminiamo Insieme" nelle persone di Antonio Riillo e Raffaele Martino - ai consiglieri comunali del gruppo "Camminiamo Insieme", e tenutosi successivamente per raccogliere le lamentele degli stessi, si precisa quanto segue: nonostante ripetuti incontri con l’amministrazione comunale circa il problema del commercio ortofrutticolo abusivo e nonostante le puntuali rassicurazioni che l’amministrazione comunale ha promesso agli interlocutori nulla è stato realizzato.Per i commercianti, e non solo, rimane "incomprensibile" l’immobilismo dell’amministrazione comunale di fronte al gravissimo problema dell’abusivismo ambulante.

Questo fenomeno negativo per l’immagine, il decoro e la salute pubblica sta danneggiano, oltre ogni logica immaginazione, soprattutto i commercianti onesti che "sottomessi" pagano ogni sorta di tassa.Anche questo, a nostro avviso, ma sicuramente dell’intera cittadinanza è un modo per promuovere il concetto di legalità così tanto decantato negli ultimi periodi dalla nostra amministrazione comunale.A tale proposito, vorremmo ricordare ai nostri amministratori che non è questo il modo in cui si coltiva il terreno nel quale debbono nutrirsi, crescere e rafforzare le radici della legalità e della giustizia».

Rosanna Celi


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 35

CRONACHE Il governatore della Calabria si rivolge al presidente della Provincia vibonese

Scopelliti: De Nisi dica come sono stati spesi i fondi per l’alluvione VIBO VALENTIA - Il presidente della Regione Scopelliti - informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta -risponde alle accuse del Presidente della Provincia di Vibo Valentia De Nisi, secondo cui mancano ancora 710 mila euro per le imprese agricole colpite dall’alluvione del tre luglio 2006. «Le imprese agricole del vibonese - afferma Scopelliti -hanno avuto a disposizione le risorse per il risarcimento dei danni dell’alluvione sin dal luglio del 2008 ma il Presidente della Provincia ha utilizzato, evidentemente, questi fondi per altre esigenze». Con Decreto del Dirigente Generale dell’Assessorato dell’Agricoltura n. 8545 del 2 luglio 2008, gli è stata trasferita la somma di euro 1.600.000 per l’erogazione degli aiuti economici "nelle aree danneggiate dalle piogge alluvionali del due e tre luglio 2006" ma, nonostante i solleciti, non ha ancora inteso chiarire a chi e per quali priorità ha deviato i fondi destinati alle imprese colpite dagli eventi alluvionali, non dando risposta ad una richiesta di chiarimenti inviatagli nel mese di maggio, che seguiva una precedente nota del novembre 2008. Nella lettera inviata a firma del Commissario Scopelliti, è stata sollecitata, prima di qualunque presa d’atto, la rendicontazione della somma già erogata con il Decreto del luglio 2008 ma dal Presidente De Nisi non è arrivata nessuna comunicazione in merito. Tale comportamento omissivo dimostra l’assenza di rispetto non solo per il Commissario delegato ma, soprattutto, la volontà di prendere in giro le imprese già pesantemente danneggiate dagli eventi alluvionali, rinviando ad altri le sue proprie specifiche responsabilità e le proprie inadempienze. «I cittadini e le imprese del vibonese -

Il Consiglio dei ministri scioglie il Consiglio comunale di Nicotera

dice ancoraScopelliti - sanno benissimo che, sin dal mio insediamento, tra i primi atti compiuti vi è stato il ristoro dei danni ai cittadini e l’accelerazione dei contributi alle imprese dei settori produttivi. Mi è stato impossibile fare lo stesso per il settore agricolo proprio per l’assenza di collaborazione da parte del Presidente della Provincia, che, pur essendo Soggetto Attuatore per le attività istruttorie, di controllo e di liquidazione dei danni subiti dalle imprese agricole, non intende dimostrare per quali diversi fini, rispetto al disastro alluvionale ha utilizzato le somme rilevanti già a sua disposizione da oltre due anni». L’impegno del Presidente Scopelliti, comunque, non si ridurrà, pur in presenza di tali gravissime inadempienze.

VIBO VALENTIA - Su proposta del ministro dell’interno, il Consiglio dei ministri ha deciso lo scioglimento del Consiglio comunale di Nicotera (Vibo Valentia), "nel quale sono state accertate forme di condizionamento da parte della criminalità organizzata". Il Consiglio ha anche deliberato l’annullamento straordinario della norma recentemente introdotta nello statuto comunale di Caulonia (Reggio Calabria) che estende l’elettorato attivo e passivo ai cittadini apolidi ed a quelli stranieri legalmente soggiornanti in Italia e resi-

Il nove luglio scorso, il Consiglio dei Ministri ha prorogato di un altro anno il commissariamento per gli eventi alluvionali di Vibo Valentia. L’agricoltura sarà uno dei primi settori su cui verrà concentrata l’attenzione del Commissario, ma con regole ed interlocutori nuovi, evitando di coinvolgere soggetti inefficienti ed in malafede che aggravano le condizioni di un territorio, come vibonese, che ha urgente bisogno di sostegno e supporto.

Carmine Marcello

denti nel comune. La commissione di accesso agli atti si era insediata nel Comune di Nicotera il 21 ottobre del 2009 per verificare presunti condizionamenti da parte della criminalità organizzata. L’accesso era stato disposto dal Prefetto di Vibo Valentia che aveva dato incarico di compiere verifiche su appalti, assunzioni, abusivismo e incarichi esterni. Il sindaco, Salvatore Reggio, eletto con una lista civica, si era detto sereno. Già nel 2005 il Comune di Nicotera era stato già commissariato.

Marina Salvo

Sanità, “Estate sicura” con i coupon guida di Rossana Russo VIBO VALENTIA - Allo scopo di assicurare una "Estate sicura" sotto il profilo sanitario l’Azienda di ViboValentia, su disposizione del Commissario Straordinario,Alessandra Sarlo, d’intesa con il neo Direttore dell’Ufficio Comunicazione, Francesca Cupo, ha pensato di far pervenire alle reception delle strutture turistiche operanti sul territorio un apposito ’coupon guida’ all’eventuale assistenza da consegnare ai vacanzieri al momento del loro arrivo nella struttura di soggiorno. Nell’illustrazione che verrà consegnata ai turisti viene riportato il ’Piano di emergenza estate 2010’, i compiti del Suem 118, il servizio di emergenza urgenza, l’ubicazione degli ospedali e delle strutture sanitarie operanti sul territorio, il servizio dialisi vacanza, le postazioni di continuità assistenziale (guardia medica), festiva, prefestiva e notturna. Anche questa è, tra le altre, una iniziativa, volta ad assicurare tranquillità a chi si appresta a trascorrere un perido vacanziero fuori casa e dunque ospite della nostra provincia. «L’idea - ha detto Sarlo - nasce dalla necessità di garantire al turista la massima informazione per affrontare con meno disagi e difficoltà una eventuale emergenza sanitaria sui posti di vacanza. Nell’intento di assicurare efficacia all’iniziativa abbiamo chiesto collaborazione alle istituzioni interessate, come Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri, Polstrada, e ai titolari delle strutture turistiche che insistono su tutto il territorio della provincia di Vibo Valentia».


36

il Domani

Venerdì 06 Agosto 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

L’insostenibile leggerezza del ponte In anteprima il primo capitolo del volume che si interroga sulla necessità della grande infrastruttura «Quello del libro è un percorso intricato, costellato da molti dubbi a cui si cercherà di dare risposta» Domenico Marino

o stretto di Messina è sempre stato un luogo del mito. Questo tratto di mare ha sempre avuto qualcosa di particolare da raccontare alle generazioni che si sono susseguite sulle sue sponde. E la saga del Ponte ha anch’essa radici antiche. A quanto ne sappiamo, il primo tentativo di costruzione di un attraversamento stabile dello Stretto risale al 251 a.C. Plinio il Vecchio, nella sua Naturalis Historia, ci racconta del tentativo fatto dal console romano, Lucio Cecilio Metello, di far attraversare lo Stretto su un ponte di barche e botti – secondo una consolidata tradizione romana – ai 140 elefanti sottratti al generale cartaginese Asdrubale dopo la battaglia di Palermo. I Romani erano maestri nella costruzione di ponti di barche: probabilmente l’opera fu realizzata e permise il passaggio dei pachidermi, ma fu anche spazzata via dalla prima tempesta di scirocco che colpì lo Stretto. Passano alcuni secoli e anche Carlo Magno, passando per la Stretto, immagina di costruire un ponte. Si trattava solo di un’idea, perché i Franchi non avevano la tecnologia per realizzare un’opera così ardita. Passa ancora qualche secolo e sono i Normanni, con Ruggero ii, a ipotizzare la costruzione di un sistema di attraversamento dello Stretto; ma anche in questo caso non se ne fa nulla. Arriviamo così al 1866, anno in cui il ministro dei Lavori Pubblici, Stefano Jacini, incarica il costruttore Alfredo Cottrau di verificare la fattibilità della costruzione del Ponte. Da questo momento in poi, diversi progettisti si cimentano nel tentativo di ipotizzare collegamenti stabili fra le due rive dello Stretto, ma bisogna aspettare il 1950 per avere un progetto sulla cui fattibilità si può aprire il dibattito. In quell’anno, infatti, l’ingegnere statunitense David B. Steinman progetta un ponte in accaio a tre campate che collega le due sponde dello Stretto. Nella seconda metà del Novecento, cresce in Italia l’attenzione per l’idea del Ponte. Nel 1969, l’anas indice un concorso internazionale di idee per la realizzazione del Ponte. Nel 1971, la legge 1158 definisce

L

la realizzazione dell’opera «di interesse nazionale», e nel 1982 nasce la Società Stretto di Messina Spa. In questi anni si discute ancora sul tipo di attraversamento stabile da realizzare, se attraverso un ponte sospeso o un tunnel sottomarino, fino a giungere all’approvazione, nel 1992, di un progetto di ponte sospeso a campata unica. Nel 1999 il cipe nomina gli Advisor per la verifica di fattibilità del progetto. Nel 2001 questi consegnano i risultati delle loro analisi, in cui – pur nel quadro di una sostanziale approvazione dell’opera – vengono messe in rilievo alcune criticità del

progetto che, come vedremo in seguito, non sono affatto banali e costituiscono problemi ancor oggi irrisolti. La legge Obiettivo (Legge 443 del 21dicembre 2001) segna l’inizio della progettazione del Ponte; nel 2003 viene approvato il progetto di massima e nel 2005, a seguito di gara, l’incarico viene assegnato a un raggruppamento di imprese il cui capofila è Impregilo. Nel 2006 il governo Prodi accantona il progetto e tenta di sciogliere la Società Stretto di Messina Spa, che si salva grazie all’intervento dell’allora ministro dei Lavori Pubblici, Antonio Di Pietro. Dopo la caduta


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA del governo Prodi, nel 2008 il governo Berlusconi fa ripartire la progettazione. Nel novembre 2009 viene nominato un commissario straordinario per la realizzazione del Ponte nella persona del dott. Pietro Ciucci, amministratore delegato di anas e di Stretto di Messina Spa. Questa, nei suoi episodi salienti, la saga del Ponte dalle origini ai nostri giorni. Una storia infinita e ancora incompiuta. Molto graffiante, nella saga del Ponte, è la satira apparsa sul n. 1401 di «Topolino» del 3 ottobre 1982. Il titolo, Zio Peperone e il Ponte di Messina, è indubbiamente divertente. Nel fumetto Zio Paperone, per accrescere il proprio patrimonio, decide la costruzione della grande opera. In alcuni casi la fantasia precorre la realtà: pochi anni dopo, un altro miliardario avrebbe promosso la costruzione del Ponte. A Zio Paperone, però, le cose non vanno troppo bene: il Ponte viene portato via dai palloncini che qualcuno gli aveva attaccato. Forse l’immagine del Ponte che vola via è quella che meglio esprime lo spirito del titolo di questo libro, L’insostenibile leggerezza del Ponte.

L’autore

Professore e scrittore A destra: Domenico Marino A sinistra: la copertina del libro edito da Rubbettino In basso e nella pagina precedente: alcuni renedring del progetto

Raccontare con il rigore attento del ricercatore e lo sguardo diverito del filosofo scettico la storia del Ponte sullo Stretto. È questo l’obiettivo de L’insostenibile leggerezza del Ponte, il libro scritto da Domenico Marino in libreria per i Tipi della Rubettino (120 pagine, 10 euro). Domenico Marino, nato a Melito di Porto Salvo nel 1965, è professore associato di Politica economica all’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Autore di numerosi articoli e saggi apparsi su riviste nazionali e internazionali su temi di politica economica, economia regionale e dinamica economica. È stato consulente del Comitato per l’emersione del lavoro non regolare della Presidenza del consiglio dei ministri. Quello descritto nel volume è: «un percorso intricato, costellato da molti dubbi e molte domande a cui si cercherà di dare risposta e che porterà a dimostrare che il Ponte non è una priorità per l’Italia; che molto probabilmente non è utile allo sviluppo di Calabria e Sicilia, anzi è potenzialmente dannoso. Il Ponte è un annuncio perenne, che ha generato e continua a generare un considerevole impegno di spesa pubblica (improduttiva); che crea aspettative (lecite e illecite), visioni e sogni di sviluppo, ma che bisognerebbe attentamente evitare di realizzare perché il sogno diventerebbe realtà e il risveglio in questa realtà sarebbe un incubo senza fine».


Venerdì 06 Agosto 2010

il Domani 39

APPUNTAMENTI “Concerto per Lilli” VI edizione Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari AMARONI Fiera dei Mestieri 2010 Organizzata da Comune di Amaroni e Camera di Commercio di Catanzaro Centro Storico 7 e 8 Agosto Stand gastronomici con specialità tipichecalabresi7agosto:Performance di Jenco- Cantastorie popolare- 8 agosto: Concerto itinerante " Radici Calabre" BELVEDERE MARITTIMO "Bellum Videre Alternative Fest" Si svolgerà nei giorni 12, 14 e 16 agosto nella piazza G. Amellino di BelvedereMarittimo,lasecondaedizione del primo festival della costa tirrenica,organizzatodai giovanidel luogo, con il patrocinio del Comune di Belvedere. BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro),eMarcaCatanzaroacura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa. Roccelletta di Borgia - Armoni e Arte Festival - " Baccani " oggi (ore 22) per "Baccanti", corpus di uno spettacolo di danza innovativo e raffinato: il dramma di Euripide nella cui apposita riduzione "come un poema sinfonico e visivo. riviviamo il percorso di Agave, in una dimensione spirituale e religiosa che abbraccia canto, parola e musica."Bigliettidisponibilipressole prevendite abituali. Altre info www.armoniedarte.com CORTALE Festival Jazz & Vento 9 Agosto .-Aperitivo in jazz;-Cortale Summer Jazz Quintet guest F.Bearzatti (produzione originale);-Fabrizio Bosso in "Round about Miles" con F.Bearzatti, Martux Dj, Eivind Aarset, Aldo Vigorito (esclusiva estiva mondiale):-Jam session in piazza. 10 Agosto .-Aperitivo in Jazz nei ruderi dell’antica abbazia di Sant’Anna;-Magicaboola Brass Band itinerante per il borgo;-Jazz&Vento lab Orchestra (produzione originale);-Enrico Rava New Quintet feat Gianluca Petrella con G.Guidi, P.Leveratto, F. Sferra; -Jam session sotto le stelle. Verrano inoltre organizzati dei seminari tenuti dai maestri del Cesm (Centroetneo di studi musicali) nell’antico palazzo del pittore ottocentesco Andrea Cefaly. CROPANI “Premio Mar Jonio 2010” dieci anni di riconoscimenti prestigiosi Venerdì 13 Agosto 2010, a Cropani Superiore, alle ore 21, si terra’ la cerimonia di assegnazione del "Premio Mar Jonio 2010" giunto alla decima edizione. DECOLLATURA Manifestazione estiva "Ricomincio da tre" La Gdg Eventi in collaborazione con la Provincia di Catanzaro e il patrocinio del Comune di Decollatura, il 7 agosto , organizza la manifestazione dal nome da un noto film di Massimo Troisi (Ricomincio da tre). Live: Kele di grankio (rock band di Lamezia Terme), Manola Moslehi (Amici di Maria De Filippi), Mario Nunziante (Amici di Maria De Filippi). Inoltre, nell’ambito della serata verrà consegnato un premio in memoria di "Bruno Arcuri" il giovane sindaco di Carlopoli scomparso circa un anno fa.

Rizzuti,e R. Scalise. Passerà dal Teatro dei Ruderi di Cirella, il 18 agosto 2010 , la magia della musica di Pino Daniele e del suo "Electric Jam tour 2010" , organizzato dalla Fondazione Lilli. Il cantautore partenopeo arriverà in Calabria per incrociare il suo lungo e prolifico percorso artistico con le nobili finalità della "Fondazione Lilli Funaro" , intitolata a una ragazza di Cosenza, che amava profondamente le canzoni di Daniele, salita in Cielo a 29 anni, nel 2004. La sesta edizione del "Concerto per Lilli" , che rientra nei cartelloni artistici del "Peperoncino jazz festival" e di "Teatri Calabresi Associati", si pone l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca oncologica, per dare una speranza a chi ne ha davvero bisogno. Attraverso le edizioniprecedenti,icuiprotagonisti sono stati Edoardo Bennato, Francesco De Gregori, Samuele Bersani, Alex Britti e Gino Paoli, la Fondazione Lilli Funaro è riuscita a finanziare diversi progetti di ricerca sul cancro anche attraverso l’assegnazione di numerose borse di studio per giovani ricercatori calabresi, per un totale di 70.000€. Sul palco, Pino Daniele sarà accompagnato da alcuni dei suoi partner storici, protagonisti dei suoi primi, eccellenti dischi ("Nero DIAMANTE Concerto per Lilli Passerà dal Teatro dei Ruderi di Cirella, il 18 agosto 2010, la magia della musica di Pino Daniele, concerto organizzato dalla Fondazione Lilli. GASPERINA Esposizione Nicola Raspa Fino al 15 agosto , nei locali di Via Mazzini 9/A, con il patrocinio del Comune,ilpittoreNicolaRaspaespone nuove opere. LOCRI Oggi - Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 Dal 6 al 12 Equinozio di Architettura Corte del Palazzo di Città Inaugurazione DESIGN X TERRITORI BID- BORSA IDEA DEL DESIGN Corte Palazzo di Città 7 agosto - Teatro Nazionale dei BurattinidiMauroApicella-Spettacolo "Evviva i Burattini vanno in Piazza"pressoPiazzaDeiMartiri-ore21.30. Mostra del Maestro Antonio Maria Garufi "Quando L’Arte Diventa Spettacolo" P.zza Nassiriya dalle 17.00 alle 22.00 Torneo Internazionale Tennis Femminile Città di Locri V^ Edizione - Circolo Garden Club - incontri di qualificazioneMostra Personale di Pittura SEGNI DI PAESAGGIO INFORMALE di Primerano Salvatore Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 18.00 alle ore 21.00MostraPitturaeSculturaFondazione Nosside Mostra Pittura e Scultura Fondazione Nosside opere del Maestro Antonio Trifoglio - Primo Piano Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 09.00 alle 10.30 e dalle ore 19.30 alle ore 22.00 8 agosto - Torneo Internazionale Tennis Femminile Città di Locri V^ Edizione - Circolo Garden Club - incontri di qualificazione- Mostra del Maestro Antonio Maria Garufi "QUANDO L’ARTE DIVENTA SPETTACOLO" P.zza Nassiriya dal-

a metà", "Vai mò" e "Bella ‘mbriana" su tutti): Agostino Marangolo e Rino Zurzolo, con la "new entry" Gianluca Podio. Le parole di questo cantastorie arrabbiato,natoneiQuartieriSpagnoli e cresciuto in una Napoli, quella degli anni Settanta, assediata dalla disoccupazione e dalla camorra, hanno fortemente segnato i suoi lavori d’esordio. Dal lontano 1977, anno di pubblicazione dell’opera prima "Terra mia", che già conteneva perle come "Napule è" e "Suonno d’ajere", dicle 17.00 alle 22.00 Festa Patronale SS Immacolata - ore 22.00 Fanfara deiBersaglieri-ore00.30Spettacolo "LE FONTANE DANZANTI" lungomare Piazza Nosside Mostra Personale di Pittura SEGNI DI PAESAGGIO INFORMALE di Primerano Salvatore Palazzo Nieddu del Rio dalle ore 18.00 alle ore 21.00 MAIDA Due Mari Summer Festival Programma Due Mari Summer Festival, presso il centro commerciale "Due Mari": 7 e 28 agosto , ore 21.00, "Balliamo insieme?", estate danzante con V&V dance school. Il 14 agosto , ore 19.00, "Stessa spiaggia...stesso mare". Giorno 8 agosto , ore 19.00, "Bruce Ketta", direttamente da Zelig. Dal 16 al 26 agosto , "Pepp’Art", esposizioni, degustazioni e laboratori, a base di peperoncino. MOSOROFA Ottava edizione del Percorso Gastronomico Enogastronomia,arte,teatroemusica caratterizzeranno, sabato 7 agosto , VIIIª edizione del Percorso Gastronomico organizzato dall’accademia del fungo porcino d’Aspromonte in collaborazione con il Circolo Culturale Vivarium. PAOLA Beach Volley Around the World Dal 5 all’8 agosto, si terrà il Beach Volley Around the World. Il programma prevede: oggi , cerimonia d’apertura con esibizione di beach volley e spettacolo di cabaret; oggi , 2x2 maschile e femminile, in serata inizio 3x3 misto notturno; sabato 7 agosto , 3x3 free (di pomeriggio); domenica 8 agosto , semifinali e finali dei vari tornei. Tutte le serate saranno allietate da gruppi musicali e cabarettisti di Zelig.Per info: 348/6260734 - 348/3576938. REGGIO CALABRIA Conferenza stampa con Ignazio Messina

hiarazionidiamoretormentatoperla sua città, il sentiero di questo originale musicista è sempre andato di pari passo con una ricerca sonora che trova pochi eguali nel panorama nazionale. L’uso della lingua napoletana e il blues hanno fatto da collante a un’esplorazione continua, che è andata a scandagliare tutti gli altri generi: il folk di "Terra mia", il rock blues e la fusion di "Che Dio ti benedica", le suggestioni africane di "Non calpestare i fiori nel deserto" e "Medina", il pop di classe di "Dimmi cosa succede sulla terra", fino ad arrivare ai recenti "ritorni di fiamma" col blues delle radici, nell’album "Electric Jam", uscito a marzo dell’anno scorso.Molte,neglianni,lecollaborazioni illustri: Gato Barbieri, Eric Clapton, Joe Barbieri, Alphonso Johnson, Wynton Marsalis, Chick Corea, Jeremy Meek, George Benson e Pat Metheny. Sempre identificabile, sempre riconoscibile con una cifra sonora ben distinta, Pino Daniele è amato da generazioni e arriva sul palco di Cirella, a dimostrare che con una chitarra e una voce le cose da dire possono ancora essere tante. Uno spettacolo imperdibile, in cui i sentimenti incontreranno una buona causa. Infoline : 335-8431360 329-2343547 Oggi alle ore 9.30 presso l’aula Giuditta Levato è indetta una conferenza stampa dell’Italia dei Valori per la presentazione delle interrogazioni parlamentari, sollecitati dal capogruppo in consiglio regionale, Giuseppe Giordano, dell’On. Messina, deputato e commissario regionale dell’Italia dei valori in Calabria, al Ministro per lo sviluppo economico e al Ministro per le infrastrutture e trasporti sul porto di Gioia Tauro. The Lemmings in concerto Lunedi 9 agosto alle 22,00 sul palco del Csoa "A. Cartella" si esibirà la band romana dei Lemmings, in attesa dell’uscita, a settembre, del nuovo singolo/video "Non Suono Indie", già disponibile in download gratuito su Kataweb. ROCCELLA JONICA Straniamenti 2010: 106 Metamorfosi Al via, dal 3 al 7 agosto 2010, la IV edizione della rassegna diretta da Gabriella Maiolo e Adelaide Di Nunzio con l’organizzazione di Fabio Macagnino e la produzione dell’associazione culturale "Straniamenti". E il patrocinio della Provincia di Reggio Calabria (Assessorato alla Formazione professionale-Sport-Politiche sociali) e dei Comuni di Roccella Jonica e Gioiosa Jonica ROSSANO Rossano la Bizantina....d’estate 2010 Ogni sabato e domenica fino al 28 agosto,ore19.00/24.00,pressol’AnfiteatroVialeMediterraneo-mercatinoartigianato a cura ass. Creare Insieme con Fantasia. Fino al 8 agosto , ore 20.00/22.00Castello S.Angelo, Collettiva di Pittura Fino al 10 agosto , ore 20.00/22.00, Castello S. Angelo Mostra di Pittura Collettiva "I colori della Pace" a cura Scuola D’Arte di Milena Crupi. Fino al 8 agosto , ore 20.00/22.00Castello S. Angelo, Collettiva di Pittura:espongono I. Sapia, R.

SAN VITO SULLO IONIO "Riscoprendo il borgo tra...arte, gastronomia, artigianato pregiato, antichi mestieri" 13 e 14 Agosto, dalle ore 21 in poi e giorno 14 concluderanno il tutto I MARASA’ in Concerto. SERRASTRETTA Serrastretta nel Tempo Un suggestivo e affascinante viaggio nella Serrastretta di fine Ottocento, tra le caratteristiche viuzze, gli strettissimi vicoli e gli incantevoli scorci del suo centro storico. La dodicesima edizione, che prenderà il via il 10 e 11 Agosto , ha in serbo alcune interessanti novità mai viste negli anni precedenti. SOVERATO In scena l’opera lirica "Tosca" Andra’ in scenasabato 7 agosto, alle ore 22.00, presso il nuovo anfiteatrocomunalediSoveratol’operalirica di Giacomo Puccini "Tosca" diretta da maestro Giovanni Froio con l’Opera di Stato di Dniepropetrovsk-Ucraina Calabresi nel Mondo L’Associazione Internazionale Calabresi nel Mondo ha organizzato per martedì 10 agosto 2010 alle ore 19:00 presso il Teatro Comunale di Soverato (CZ) sito in via C. Amirante il Meeting dei Calabresi nel Mondo. E’ prevista la partecipazione di rappresentanti delle Comunità Calabresi in Italia e nel Mondo SOVERIA SIMERI Festa della birra - 8 agosto L’unica, l’originale, la più grande, bella e divertente della Calabria . All’internodelriccoprogrammadella serata uno spazio di rilievo sarà occupatodall’esibizionedeiModena City Ramblers, band storica del "combat folk" italiano che approderà in Calabria dopo il successo dell’undicesimo album "Onda libera". STALETTI’ "NottediNote...Live"alBlancaCruz Beach Village Programma: sabato 7 agosto , ore 23.30, Ezio Sangiuliano (piano), Erica (voce); sabato 14 agosto , ore 23.30, Soul Mind Band, soul dance 70/80; sabato 21 agosto , ore 23.30, Liano Concolino, voce e tastiere; sabato 28 agosto , ore 23.30, New Talent. TAVERNA "Estemporanea di pittura della Sila piccola". Domenica 8 agosto, dalle 9:30 fino alle 17:30 si terrà la V edizione dell’evento. Alle 10:30 l’Assessore all’ecologia del Comune di Botricello, Salvatore Procopio, terrà il seminario di protezione ambientale "L’uomo e il suo rifiuto". TROPEA Presentazione del libro AVVELENATI oggi alle ore 19.30 - Café de Paris (Piazza Ercole)di Giuseppe Baldessarro e Manuela Iatì -Città del Sole Edizioni Neanche i cani sporcano la cuccia in cui dormono, ma i mafiosi lo fanno (dalla prefazione di Antonio Nicaso). Tropea Film Festival L’appuntamento cinematografico, ormai ampiamente consolidato, vedrà la presenza di Giuseppe Tornatore proprio il 17 agosto alle ore 21,25, giorno d’apertura.



il domani