Issuu on Google+

Poste Italiane SpA – Spedizione in a.p. – D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, CNS BOLZANO · Anno LXII · 2/2014

unione magazine #2/14 Rivista dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige www.unione-bz.it

Creare

più valore

e vantaggi

A favore di cosa si è impegnata l’Unione

per gli associati all’Unione


MODULO

MODULO

MODULO

1/1 pagina ultima, 2a pagina 210 x 297 mm al vivo

1/1 pagina interna 210 x 297 mm al vivo

1/2 pagina verticale 86,25 x 252 mm

A

C

B

800 € 1.600 €

1.350 €

MODULO

MODULO

MODULO

1/2 pagina orizzontale 177 x 135 mm

1/3 pagina orizzontale 177 x 85,5 mm

1/4 pagina orizzontale 177 x 63 mm

D

E

F

800 €

550 €

MODULO

MODULO

1/4 pagina verticale 86,25 x 126 mm

piè di pagina orizzontale 177 x 27 mm

200 x 70 Px

260 €

300 €/mese

G

H

360 €

360 €

www.unione-bz.it Banner pubblicitario

Pubblicità di successo con il 30% di sconto! ione è dell’Un bz.it/ e in z a ioneIl mag w w.un e w : e n li in on magaz

Volete indirizzare il Vostro annuncio pubblicitario in maniera mirata alle aziende del settore commercio, servizi e gastronomia? Sia come inserzione pubblicitaria che articolo redazionale oppure come banner pubblicitario: daremo ai Vostri messaggi il posto che meritano all’interno di una rivista e di un sito moderni e ricchi di informazioni. Quale associato all’Unione vi sarà garantita una riduzione del 30% su tutti i prezzi sovrastanti. Informatevi anche sulle altre possibilità di risparmio: www.unione-bz.it/ pubblicita. Contatto: T 0471 310 308, pr@unione-bz.it

unione commercio turismo servizi Alto Adige


editoriale

Molta forza e successo per il nuovo presidente L’Unione si congratula con Arno Kompatscher per la nomina a nuovo presidente della Giunta provinciale. L’associazione gli augura molta forza e altrettanto successo nell’esercizio di una così importante funzione. La nuova Giunta provinciale si trova di fronte a grandi sfide: risorse pubbliche ridotte, incertezza nei rapporti con Roma, una gravosa crisi economica, la perdita di posti di lavoro. La politica dovrebbe quindi mettere in atto i relativi provvedimenti e operare un fondamentale alleggerimento per le aziende, in maniera tale da rilanciare l’economia. In presenza delle giuste condizioni, le aziende sono pronte a creare i nuovi posti di lavoro necessari. Noi, come associazione di rappresentanza del variegato mondo dell’economia produttiva, possiamo e vogliamo dare anche il nostro contributo, affrontando i problemi e le tematiche che ci vengono sottoposti dalle esperienze raccolte a livello nazionale e internazionale e sfruttando la predisposizione alla pratica che viene dal contatto con migliaia di associati. Al presidente della Giunta provinciale e ai componenti del suo esecutivo spetta ora la scelta di approfittare di tale offerta di collaborazione che, per l’Unione costituisce la reale possibilità di facilitare la realizzazione delle decisioni prese dalla Giunta grazie al concreto coinvolgimento delle associazioni economiche e delle parti sociali. Al nuovo presidente della Giunta provinciale l’Unione chiede che il commercio goda di una speciale e urgente attenzione. Con i suoi oltre 7.300 punti vendita e i circa 16.500 occupati, tale settore non solo ha sofferto la crisi in maniera particolarmente grave, ma non dispone ancora di un ordinamento giuridico chiaro e sicuro: in nessun altro ambito, infatti, le competenze provinciali sono state scavalcate in maniera tanto decisa (Decreto Monti). In nessun altro settore, inoltre, la Corte Costituzionale ha annullato – o fortemente influenzato con il rischio di ulteriori annullamenti – ordinamenti fondamentali per la provincia di Bolzano. Questa nuova legislatura – conclude l’Unione – ha il compito di ripristinare la sicurezza, di lottare per riottenere le competenze perdute e per creare le premesse giuridiche e amministrative per poter tornare ad assicurare anche sul lungo termine l’interesse pubblico verso il commercio di vicinato e l’equilibrio nelle strutture di distribuzione.

Walter Amort, presidente Unione

copertina Gli highlights dell’Unione 2013

4

attualità Inizia la formazione di Maestro del commercio

9

trend Gli europei più ricchi vivono in Lussemburgo

12

mandamenti Il mio buono va forte in Alta Pusteria

14

categorie È uscito il calendario dei mercati 2014

20

formazione La nuova brochure della formazione

24

le aziende informano L’invito della giardineria Schöpf

25

consulenza aziendale L’incentivazione al femminile

28

consulenza fiscale La Finanziaria 2014

30

Redazione, amministrazione e pubblicità: 39100 Bolzano, via di Mezzo ai Piani 5, T 0471 310 308/ 309, F 0471 310 396, pr@unione-bz.it, www.unione-bz.it Responsabile ai fini della legge sulla stampa E Direttore responsabile: Dott. Mauro Stoffella (capoarea comunicazione) Redazione: Dott. Sergio Colombi, Dott. Martina Reinstadler Segreteria: Manuela Seebacher Concetto grafico: Gruppe Gut, www.gruppegut.it Copertina: Stefano Hochkofler Grafica: Stefano Hochkofler Fotografie: Atelier Haller, Google, Helmuth Rier, Shutterstock, SXC, Wolfgang Prast Tipografia: Athesia Stampe srl – via del Vigneto 7 – 39100 Bolzano Spedito il 30 gennaio 2014 La redazione si riserva il diritto di non pubblicare annunci pubblicitari. L’opinione espressa da articolisti esterni alla redazione dell’unione magazine può discordare da quella della redazione. Editore: Unione commercio turismo servizi Alto Adige Cooperativa – Bolzano, spedizione in a.p. – 45% - art. 2, comma 20/b, legge 662/96, Filiale di Bolzano, registrazione Tribunale Bolzano n° 50/51 – Rep. 27256. Associato all’USPI Unione Stampa Periodica Italiana

unionemagazine #2/14


copertina

4

Maggiore attenzione alla sicurezza sul lavoro, per esempio tramite un accordo con l’INAIL grazie al quale le aziende associate possono godere di sconti dedicati.

Creare più valore e vantaggi per gli associati all’Unione

ttaglio Divieto di commercio al de are cre r nelle zone produttive pe ssibile le premesse affinché sia po ten ripristinare le compe ze o dopo provinciali in questo ambit cora il an il decreto Monti (manca ritiro del ricorso alla Corte ge Costituzionale e la nuova leg provinciale).

A favore di cosa si è impegnata l’Unione Il 2013 è stato un anno movimentato. L’Unione si è impegnata a favore delle aziende su molti fronti diversi. Anche nel 2014 sarà creato nuovo valore e garantiti nuovi vantaggi per gli associati. Qui alcuni esempi degli ambiti nei quali l’impegno dell’Unione ha dato frutto.

zioni Sgravi e facilita ende per le piccole azi terventi a familiari, con in a tramite Bolzano e Rom . Confcommercio

unionemagazine #2/14

Regolamentazi one degli orari di apertura e delle chiusure domenicali dei negozi elaboran do, insieme ai Diret tivi comunali, un piano delle aper ture domenical i e festive a chiaro vantaggio degli interessi delle az iende familiari, dei rispettivi co llaboratori e de i consumatori.

Investire nell’at trattività e vitalità di paesi, centri storici e quartieri, per esempio con il progetto “Centri commerciali naturali”.

Misure a favore dei giovani, ad esempio con la campagna informativa ne lle scuole medie dell’Alto Adige, con l’innovativa pagina internet myjobmylife.it e con il concorso “Talento comm erciale Alto Adige”.

Apertura di nuovi percorsi formativi e nuove prospettive professionali per i nostri giovani, per esempio l’introduzione della maturità professionale dal 2014.


Ampiamento dell’offerta di servizi dell’Ente bilaterale (EbK), per esempio con la restituzione dello stipendio per la frequenza di corsi di formazione dei collaboratori durante le ore di lavoro.

Accesso al capitale per le aziende altoatesine di piccole e medie dimensioni, per esempio tramite la nuova cooperativa di garanzia Garfidi.

Connessione all a rete internet a band a larga per aziende e fa miglie grazie all’adozio ne della fibra ottica.

Spinta all’internazionalizzazione delle aziende associate con un punto informativo dedicato alle imprese e agli agenti di commercio che vogliano operare anche all’estero.

Facilitazione della partecipazione ai bandi pubblici con l’allestimento di un punto informativo dedicato a sostenere le aziende nel processo di assegnazione elettronico.

Consolidare il potere d’acquisto e la creazione r di valore sul territorio, pe esempio con il progetto “Il mio buono” spendibile nelle aziende dell’Unione.

Sconti sulla forn itura di energia e gas per le aziende associa te grazie a un accordo co n Sel.

5

omo, Più economia a misura d’u , ali loc circuiti economici iende commercio di vicinato, az di po , familiari, centri vitali sti tà della lavoro sul territorio, quali ne, zio vita e serena collabora getto per esempio tramite il pro . gi” og “Il domani comincia

segue a pagina 6

Small is beautiful Cosa fa il presidente degli Stati Uniti Barack Obama in un piccolo negozio tradizionale di Washington? Ha trascorso la festività del “Small Business Saturday” recandosi insieme alla famiglia a fare acquisti in un piccolo negozio. Lo “Small Business Saturday” è stato introdotto negli USA alcuni anni fa e, ogni fine novembre, viene celebrato come una vera e propria festività, con l’obbiettivo di ricordare il ruolo dei negozi locali soprattutto rispetto alle grandi e anonime catene internazionali e alle enormi concentrazioni commerciali. Consulenza personalizzata, prodotti e servizi locali, fiducia, qualità, regionalità, trasporti brevi, responsabilità sociale e vicinanza al cliente sono valori che, nell’ambito del commercio al dettaglio, stanno guadagnando un’importanza sempre maggiore. Ora lo hanno scoperto anche

gli Stati Uniti, nei quali è stato ideato il “Small Business Saturday”, un’iniziativa tesa a sostenere le piccole aziende commerciali a conduzione familiare presenti nei centri abitati. Un cambio di mentalità avvertibile non più solo nelle nostre vicinanze e nel nostro ambiente. Le persone sono tornate a cercare i fondamentali valori generati dal commercio e dalle molte piccole aziende familiari. Un processo che in Alto Adige, ha già solide basi, visto che il 93 per cento di tutte le aziende sono piccole e familiari, ovvero hanno meno di dieci collaboratori. Molte di esse sono attive nel settore del commercio e dei servizi.

Mauro Stoffella, capoarea comunicazione unionemagazine #2/14


copertina

Fiducia, soddisfazione, lealtà: 132 aziende son o state premiate per la lunga associa zione all’Unione.

6 Sostegno nel reperimento di fonti di finanziamento europee per progetti innovativi, nell’introduzione sul mercato di nuovi prodotti e servizi e nella ricerca di partner grazie al nuovo Europa Point nell’Unione.

e di Ampliare la seri r gli associati, convenzioni pe n il servizio per esempio co Photos. Google Business w w w.unio

ne -bz.it/ convenzi oni Tutte le co nvenzion ia portata d i mano.

Incentivare nuo ve strade per la vendita tramite le nuove forme di comunicazion ee l’e-commerce, p er esempio grazie al nuovo pacchetto di consulenze e l’o fferta di corsi d i formazione rivo lti soprattutto alle piccole azie nde familiari.

Collocare corrett amente i prestatori di se rvizi nell’economia, per esempio con la “Giornata dei servizi” ricca di prestigio si relatori.

e Più attenzione visibilità per il mercio settore del com all’ingrosso. unionemagazine #2/14

Assistenza a 25 sionali, categorie profes etti, gestione di prog iziative consulenze e in varie.

Organizzazione di iniziative a livello mandamentale e di marketing urbano, ad esempio le serate lunghe dello shopping, le iniziative natalizie e le giornate in bici, …

Nuova convenzione per gli associati all’Unione Google Business Photos. Grazie alla funzione Street View, negli ultimi anni Google ha fotografato la maggior parte del nostro pianeta. Il servizio Google Business Photos funziona con la stessa tecnologia e può contribuire a rafforzare la presenza online della vostra azienda. Per mezzo di numerose funzioni interattive i clienti possono compiere una visita virtuale dell’azienda, conoscendola in primissima persona. Google Business Photos garantisce infatti un’incredibile esperienza interattiva a 360 gradi. Il tour virtuale può quindi essere integrato in modo semplice ed economico nel sito internet dell’azienda. Gli associati all’Unione possono avvalersi di una convenzione con il fotografo certificato Google Marco Bonatta. Sulla realizzazione degli scatti necessari sarà possibile ottenere uno sconto del 15 per cento. Scopri Google Business Photos a pag. 10.


attualità

Aperture domenicali e festive – Piano facoltativo 2014 La regolamentazione pubblica delle aperture domenicali e festive è stata cancellata nella primavera del 2013. L’anno scorso, quindi, l’Unione ha preso l’iniziativa, proponendo che – se desiderato – i singoli Direttivi comunali redigessero un piano delle aperture domenicali e festive in piena autonomia e responsabilità. L’Unione torna a offrire la stessa possibilità anche nel 2014, compresa la stampa e l’invio dei relativi cartelli “Aperture domenicali e festive 2014” (nella foto) ai singoli commercianti al dettaglio di ciascun gruppo comunale. Tutti i fiduciari comunali sono già stati informati lo scorso dicembre. Il principio generale rimane quello della chiusura; il piano stabilisce unicamente le domeniche e i festivi nei quali – quale eccezione – la maggioranza dei commercianti vuole tenere aperto. Rimane naturalmente diritto di ciascun imprenditore la possibilità di decidere autonomamente quante e quali domeniche e festivi tenere aperto. Parallelamentehdsaunione ciò proseguono gli sforzi dell’Unione di ripristinare la competenza provinciale in materia di orari NACH BeSCHLuSS DeS OrtSAuSSCHuSSeS GeMeiNDe di apertura mezzo di una modifica della eiNtrAGuNG DeSper DAtuMS Der SONNtAGSuND FeiertAGSöFFNuNGeN iN DeN uNteNSteHeNDeN KALeNDer legge nazionale. SCHiCKeN: BALDMöGLiCHSt AN DeN hds •

Social Media Crystal

Nuovo presidente della Giunta provinciale e nuovo assessore per il commercio e i servizi

Un altoatesino premiato per il miglior progetto Social Media. Nell’ambito della cerimonia di chiusura del progetto SMART recentemente tenutasi a Merano, sono stati assegnati i Social Media Crystal. Tra i premiati anche gli altoatesini Georg e Martin Rabanser della Rabanser Tuning di Barbiano. I fratelli sono riusciti, grazie a una campagna Facebook fortemente basata sull’immagine, a creare contatti, fiducia e simpatia. Il progetto ha convinto la giuria soprattutto per la grande realizzabilità. Al secondo posto, a pari merito con lo studio di consulenza aziendale Trigger Research di Innsbruck, si è invece piazzata la Società per lo sviluppo regionale e la formazione, autrice di una campagna social media dedicata al Festival del formaggio di Campo Tures. Da sin. Martin Pircher (Società per lo sviluppo regionale e la formazione), Georg e Martin Rabanser (Rabanser Tuning), Andreas Hermann e Tobias Bayer (Trigger Research, Innsbruck).

Arno Kompatscher (nella foto) è, da alcune settimane, il nuovo presidente della Giunta provinciale altoatesina, succedendo così a Luis Durnwalder. Tra le sue competenze sono comprese anche quelle legate al settore economico e, pertanto, anche il commercio e i servizi. Tali settori sono stati presi in carico da Kompatscher dal precedente assessore Thomas Widmann. Quali sono le intenzioni e i piani del nuovo assessore provinciale? Cosa cambierà? Come si pone di fronte a temi quali il commercio di vicinato, le aziende familiari, le liberalizzazioni nel commercio o la burocrazia e la pressione fiscale? Quali rapporti terrà con le associazioni? Le risposte a queste e altre domande saranno contenute in uno dei prossimi numeri di unionemagazine. Proprio a questi temi sarà infatti dedicata una lunga intervista con il nuovo presidente della Giunta provinciale.

_____________________________

• •

pr@hds-bz.it, Fax 0471 310 396

_______________________________________________ Unterschrift Ortsobmann/Ortsobfrau

FAC SiMiLe SCHiLD

Als Grundsatz gilt für uns die Sonntagsruhe. Di norma rispettiamo il riposo domenicale.

Sonn- und Feiertagsöffnungen 2014 Aperture domenicali e festivi 2014 Gemeinde/Comune: _________________ Januar Gennaio

Februar Febbraio

März Marzo

April Aprile

Mai Maggio

Juni Giugno

Juli Luglio

August Agosto

September Settembre

Oktober Ottobre

November Novembre

Dezember Dicembre

.it/ ne -bz ni w.unio Su w w per tura i pia a id ir or a 1 3. del 2 0

unionemagazine #2/14

7


attualità

In visita alle scuole medie dell’Alto Adige

Isabella Auer è lo Junior Sales Champion 2013

L’Unione presenta professioni entusiasmanti e ricche di futuri.

8

Nell’ambito della propria attività a favore dei giovani, l’Unione ha organizzato visite nelle seconde e terze classi delle scuole medie di tutta la provincia, quest’anno, per la prima volta, anche in quelle di lingua italiana. Gli studenti vengono informati in merito alle possibilità di formazione e di carriera in settori quali gli alimentari, il commercio al dettaglio, l’amministrazione, la tecnica, i media e la sanità. Quanto sia variegato il mondo del commercio e dei servizi è spiegato direttamente dagli imprenditori e dagli apprendisti. Durante gli incontri la responsabile del progetto Petra Blasbichler presenta anche le informazioni contenute sul sito myjobmylife.it. Al termine della visita gli studenti ricevono una chiavetta USB ciascuno. Conoscere il mondo del lavoro Dal 10 al 21 febbraio l’Unione organizza le giornate dietro le quinte nelle aziende di tutta la provincia. I giovani possono conoscere in prima persona la varietà del lavoro quotidiano. Ulteriori informazioni e tutti gli appuntamenti su www.unione-bz.it/dietrolequinte.

Una pusterese trionfa a Salisburgo. Isabella Auer di Campo Tures è la vincitrice dell’undicesima edizione del concorso “Junior Sales Champion International” tenutosi a Salisburgo lo scorso dicembre. Isabella Auer si è formata come venditrice presso il centro di formazione professionale di Brunico e lavora attualmente presso il Despar Hopfgartner a Luttago. Oltre a giovani venditori di tutte le province austriache, al concorso erano presenti anche ragazzi provenienti da Baviera, Alto Adige e Svizzera. Oltre 400 le persone tra il pubblico.

pblasbichler@unione-bz.it

Gli studenti della terza media di Selva Gardena

bz.it/ nionewww.u azione re form brochu nuova ntare la e n Onli dive posso “Come ditore”. n e v

L’ottico Christof Rubner ha visitato insime a Petra Blasbichler la scuola media di S. Giovanni in valle Aurina

unionemagazine #2/14


attualità

K ell’Eb critti d 0 Agli is borsato l’8 im a r t o à r u r q e v o della t n e c per ione. d’iscriz

I maestri sono più competenti Operatori competenti nel commercio.

Dodici tra imprenditori e dipendenti del settore commerciale hanno recentemente conseguito il titolo di Maestro del commercio e orgogliosamente ricevuto il relativo diploma nell’ambito di una cerimonia

organizzata per l’occasione. I candidati al titolo hanno frequentato un corso biennale complementare continuando ad esercitare la loro professione. Il titolo di Maestro del commercio è la più alta qualifica professionale nel settore. Il corso viene organizzato

molto interessante, ho imparato molte cose nuove e ho conosciuto gente interessante. Durante il corso il gruppo si è trasformato in un vero team e lo scambio tra di noi è stato molto proficuo.

Il successo ha quattro lettere Elena Tamers (nella foto) è imprenditrice e recentemente è stata eletta fiduciaria comunale di Marebbe. Ha frequentato con profitto il corso di Maestro del commercio. Quali esperienze ha fatto nel corso di formazione? Mi sono iscritta al corso per Maestro del commercio perché volevo aggiornarmi. È stata un’esperienza unica,

In quale ambito ha tratto i maggiori vantaggi? Poiché lavoro da molti anni nel settore disponevo di certe conoscenze. Ma ci sono delle cose che non si imparano nella pratica quotidiana. In futuro sarà sempre più importante essere istruiti in statistica, gestione del personale o diritto commerciale. Il corso è stato per me una grande sfida perché sono riservata di carattere. Ho imparato ad essere più sicura di me stessa e ho migliorato le mie conoscenze linguistiche. Ha qualche proposta di miglioramento? È fantastico che questa volta il corso venga organizzato a Brunico e a Bressanone. Poiché ritengo che per gestire un’impresa sia fondamentale la competenza linguistica

dall’Ufficio per l’apprendistato e la formazione di maestro in collaborazione con l’Unione. L’iter formativo per diventare maestro Il corso di formazione di orientamento pratico favorisce una qualifica professionale di ampio respiro ed è destinato a chi già opera nel commercio e desidera crescere professionalmente. Ha una durata di 550 ore e trasmette conoscenze in materia di vendita e corrispondenza, comunicazione e presentazione, gestione del personale, acquisti e logistica nonché di economia. Il nuovo corso è già iniziato. Gli interessati possono rivolgersi a Marion Blaas, T 0471 416 988, marion.blaas@provincia.bz.it.

9

propongo di introdurre l’obbligo di conseguire il patentino di bi- e trilinguismo. Credo inoltre che l’addestramento alla vendita dovrebbe essere offerto in lingua inglese. Sarebbe anche interessante coinvolgere dei relatori stranieri. Ripeterebbe il corso di Maestro del commercio? Certo, con grande piacere. Nonostante i momenti difficili e la fatica di conciliare tutti gli impegni devo dire che sono stata sostenuta dalla famiglia, dagli amici e dai colleghi. Anche i commercianti di Marebbe mi hanno ripetutamente incoraggiato. Quali sono i suoi consigli per i nuovi corsisti? Il mio motto durante il corso era “Il successo ha quattro lettere”: fare. Non si possono fare progressi senza aggiornarsi. Ai nuovi corsisti auguro di diventare un gruppo compatto come il nostro.

unionemagazine #2/14


attualità

Internet E I nuovi media

10

Street View entra in negozio

La consegna a Brunico: da sin. il membro del Consiglio di amministrazione dell’EbK Raimund Schifferegger, Melanie Hofer, Claudia Gluderer, Magdalena Plaikner, Julia Knapp e il presidente mandamentale dell’Unione Philipp Moser

Con Google per una visita virtuale nelle aziende. Una perfetta visione a 360 gradi di

negozi, uffici e aziende: questo è quanto permette di realizzare il servizio Google Business Photos, l’evoluzione di Google Street View che conduce il navigatore alla scoperta dell’interno delle attività economiche, dagli hotel ai locali, dagli esercizi commerciali ai prestatori di servizi. Con Google Business Photos, infatti, l’utente si trasforma in un potenziale ospite che, seduto davanti al PC, con il telefonino o anche tramite il navigatore dell’automobile, è in grado di visitare l’interno delle attività e interagire i prodotti prima di visitare fisicamente il negozio o il locale nello stesso identico modo e con lo stesso programma che usa per trovare una via su Google Maps. In un mercato sempre più competitivo, il tour virtuale di Google può quindi diventare un importante strumento di comunicazione, non solo perché permette di mostrare la propria azienda a un pubblico mai così vasto, ma anche perché aumenta in maniera esponenziale la possibilità di essere trovati in internet tramite motori di ricerca.

L’EbK consegna gli assegni da 500 euro Premiati i migliori giovani del settore commercio e amministrazione. Ogni anno i migliori apprendisti e studenti del settore com-

mercio e amministrazione di tutto l’Alto Adige possono puntare a un premio speciale. L’Ente bilaterale per il commercio e i servizi (EbK), infatti, riconosce un assegno di 500 euro a tutti coloro che abbiano terminato gli studi con un voto finale di 9,5 o superiore. Grande gioia a Brunico e Bolzano I migliori apprendisti del mandamento val Pusteria sono stati recentemente premiati presso il Centro di formazione professionale di Brunico. Gli assegni sono andati ai diplomati del gruppo “Venditori”: il “Talento commerciale 2013” Magdalena Plaikner di Falzes (voto 10), Julia Knapp di Molini di Tures (voto 10), Melanie Hofer di S. Giovanni in valle Aurina (voto 9,5), Claudia Gluderer di Colle Casies (voto 9,5) e Franziska Walder di S. Candido/Versciago (voto 9,5). Il premio dell’EbK per i voti migliori è andato anche ai seguenti giovani: gli studenti della scuola professionale di Bolzano “Einaudi” Mihaela Canatui (voto 9,5) e Shakir Bubeqi di Bolzano (voto 9,5) e all’apprendista venditore Matthias Eichbichler di Bressanone (voto 9,5).

L’Ente bilaterale EbK è previsto dal contratto collettivo nazionale per il settore terziario ed è amministrato congiuntamente dall’Unione e dai sindacati del settore commercio. Ai propri associati offre una serie di servizi orientati sia al datore di lavoro che ai dipendenti. Ulteriori informazioni su www.ebk.bz.it.

unionemagazine #2/14


Calendario

L’att delle uale calen man dario s i t r o i fe s t a z i o n v i a su -www - - - - - .unio ne event -bz.it/ i.

Orario di ricevimento

12.02.

L’Unione in provincia

• Assemblea comunale dell’Unione Brunico Brunico, Aula del Centro di formazione professionale, ore 20.00

Ortisei ogni lunedì dalle 14.30 alle 17 presso il Municipio.

19.02.

Lana ogni giovedì dalle 11 alle 13, presso il Municipio, via Madonna del Suffragio 5.

• Assemblea comunale dell’Unione Chiusa Chiusa, Caffè Nussbaumer, ore 19.30

San Leonardo in Passiria ogni 2° e 4° mercoledì del mese dalle 8 alle 10 presso la Comunità comprensoriale Burgraviato, via Passiria 3.

17.03.

Chiusa ogni giovedì dalle 8.30 alle 12.30 presso il caffè Nussbaumer, Città Bassa 4, H 331 5714 456.

• Assemblea mandamentale dell’Unione val Pusteria, Brunico 18.03.

Rio Pusteria ogni martedì dalle 8 alle 9.30 presso l’albergo “Zur Linde”.

• Assemblea mandamentale dell’Unione Merano/Burgraviato

Malles ogni lunedì dalle 8 alle 10 presso il Municipio, via Stazione 19.

20.03.

Prato allo Stelvio ogni lunedì dalle 10.30 alle 12.30 presso la Cassa Rurale.

• Assemblea mandamentale dell’Unione val d’Isarco Bressanone, Forum Bressanone, ore 20.00 26.03. • Assemblea mandamentale dell’Unione Bolzano e circondario 27.03. • Assemblea mandamentale dell’Unione val Venosta

Solda il 12 febbraio nonché il 12 marzo dalle 10 alle 12 presso la Cassa Rurale.

11

Consulenza sulle pensioni Merano ogni mercoledì dalle 8 alle 12 presso l’Unione. Vipiteno il 6 e 20 febbraio nonché il 6 e 20 marzo dalle 8.30 alle 9.30 presso l’Unione. Bressanone ogni giovedì dalle 14.30 alle 16.30 presso l’Unione. Brunico il 6 e 20 febbraio nonché il 6 e 20 marzo dalle 11 alle 12.30 presso l’Unione. Silandro il 12 e 26 febbraio nonché il 12 e 26 marzo dalle 14 alle 16 presso l’Unione. • Infopoint PensPlan nell’Unione (su appuntamento) Consulenza gratuita in tutta la provincia in materia di previdenza per dipendenti e autonomi. Fissate il vostro appuntamento presso l’ufficio dell’Unione più vicino a voi oppure chiamate il numero 0471 978 032. Consulenza legale (su appuntamento) Bolzano di lunedì dalle 11.00 alle 12.30, di mercoledì dalle 15.00 alle 16.30 presso l’Unione (T 0471 310 458).

L’Unione premia la fedeltà dei collaboratori

Merano il 1° e 3° lunedì del mese dalle 14.30 alle 15.30 presso l’Unione (T 0473 272 511). Bressanone di martedì dalle 14.00 alle 15.00 presso l’Unione (T 0472 271 411). Vipiteno Unione (T 0472 766 070). Silandro di giovedì alle 14.00 presso l’Unione (T 0473 730 397).

Ogni anno, in occasione della tradizionale cena di Natale, l’Unione premia i suoi collaboratori più fedeli. La serata si è tenuta a metà dicembre presso la Cantina vinicola di Termeno. A nome dell’intera associazione, il presidente Walter Amort, il vicepresidente Dado Duzzi e il direttore Dieter Steger hanno ringraziato e premiato per la lunga collaborazione: Peter Kirchlechner (Merano) ed Erich Zingerle (Brunico) per 30 anni di attività, Erika Schieder (Bolzano) e Karl Untertrifaller (Bolzano) per 25 anni, Sigrid Innerebner (Bolzano), Michael Riegler (Bolzano), Christian Schölzhorn (Vipiteno) e Sibylle Tumler (Silandro) per 20 anni di attività, Michael Eschgfäller (Merano), Ulrike Micheli (Bolzano) e Valentin Waldboth (Bressanone) per 15 anni di attività, Bettina Bini (Bolzano) e Barbara Moser (Silandro) per 10 anni di attività. Nella foto i premiati.

Sicurezza sul lavoro, rifiuti e igiene degli alimentari (su appuntamento) Le consulenze si tengono in tutte le sedi mandamentali dell’Unione. Per fissare l’appuntamento individuale in base alle vostre esigenze chiamate la sede più vicina a voi. Consulenza in questioni condominiali (su appuntamento) Bolzano ogni 3° martedì del mese presso l’Unione (T 0471 310 505/508).

unionemagazine #2/14


trend

C’è chi vince e c’è chi perde

12 Effettuando un’analisi volta a verificare in quale misura la crisi economica mondiale abbia determinato, dal 2008 in poi, una reale perdita di potere d’acquisto in Europa, la RegioData Research è giunta alla conclusione che solo nei Paesi più colpiti dalla crisi il potere d’acquisto dei consumatori si è realmente ridotto nel periodo 2008-2012, mentre invece in complessivamente 22 Paesi europei esso risulta migliorato. Persino al culmine della crisi, cioè nel 2008-2012, il potere di acquisto medio reale (espresso in euro) è infatti cresciuto in 22 Paesi. La crescita più forte si è segnata qui in Svizzera, col 45 per cento (fattore determinante è stata qui peraltro la variazione del tasso di cambio eurofranco svizzero), quella più debole in Bel-

unionemagazine #2/14

gio, con l’1,1 per cento. Incrementi reali si sono anche segnati, pur se in misura diversa, in alcuni paesi dell’Europa orientale come la Polonia, la Russia, l’Ucraina, la Repubblica Ceca e la Slovacchia, ma anche in Germania (2,3 per cento) e in Austria (2 per cento), come pure in taluni grandi Paesi dell’Europa occidentale, come la Francia e la Gran Bretagna. Sono invece i Paesi più colpiti dalla crisi a segnare mediamente una contrazione del potere di acquisto reale, che risulta infatti ridotto di oltre il 16 per cento in particolare in Islanda, Serbia, Grecia e Ungheria. Meno drammatica la situazione in Paesi del Mezzogiorno europeo come la Spagna, il Portogallo, Cipro e l’Italia, ma anche in Irlanda, Croazia, Romania e negli Stati baltici. Un lieve calo si segna anche nel Lussemburgo, in Danimarca e in Olanda. Gli europei più “ricchi” risultano comunque vivere nel Lussemburgo, dove il potere di acquisto annuo pro capite si è attestato nel 2012 sui 31.100 euro. I più “poveri” sono invece gli europei della Moldavia, dove il potere di acquisto medio si è collocato nel medesimo anno su soli 1.020 euro. Appare qui ulteriormente inasprito con la crisi non solo il divario est-ovest: anche le differenze tra il nord e il sud dell’Europa continuano, infatti, a mantenersi considerevoli.

Commercio online: il peso crescente dei “navigatori anziani” La terza età sembra ormai lanciata alla scoperta dello shopping online: queste le conclusioni di una recente valutazione della Klarna, noto intermediario di pagamenti online. Per l’e-commerce gli ultra 65enni rappresentano ormai un grosso potenziale di vendita, e gli esperti affermano che le aziende farebbero bene a prestare particolare attenzione a questa fascia di età. La valutazione della Klarna ha infatti evidenziato come i navigatori internet oltre i 65 anni rappresentino il gruppo di clienti in più rapida crescita per il commercio online.


mandamenti

Tanto entusiasmo alla consegna dei premi

13 Renon

Rafforzare il commercio di vicinato in paese Un degno finale per il terzo Fortunino del Renon Si è tenuta a fine gennaio, presso l’Arena Ritten di Collalbo, all’insegna di stile, spirito sportivo e molta emozione, la manifestazione finale e la consegna dei premi del terzo Fortunino del Renon. I 55 fortunati vincitori hanno potuto gioire per altrettanti entusiasmanti premi, il principale dei quali è stato una Fiat 500. “All’iniziativa – spiega il promotore del progetto nonché fiduciario comunale dell’Unione a Renon Gerhard Prantner – hanno partecipato 41 azien-

de, che hanno consegnato un totale di 16.800 tagliandi. Sono numeri che mostrano chiaramente il grado di adesione e sostegno della popolazione locale che, compiendo i propri acquisti sul Renon, attribuisce un grande valore al commercio sul territorio.” Tra gli ospiti d’onore dell’evento anche il sindaco di Renon Paul Lintner, Klaus Pichler e Wolfgang Holzner dell’Azienda di soggiorno di Renon, il direttore dell’Unione Dieter Steger e l’ex parlamentare Siegfried Brugger.

www.unione-bz.it •

servizi e consulenza L’Unione - Il vostro competente partner per i servizi. Confrontate prestazioni e prezzi - Lasciatevi sottoporre un’offerta non vincolante!

unionemagazine #2/14


mandamenti

im Wert von del valore di

€ 20,-

Mein

Gutschein Il mio

buono

im Wert von del valore di

€ 50,-

14

Mein

Gutschein Il mio

buono

Alta Pusteria

Il mio buono, ottima partenza per la nuova idea regalo fiscalmente agevolata Quasi 40 aziende aderiscono al progetto pilota. Con il suo grande numero

di negozi specializzati, l’area dell’Alta Pusteria offre un’offerta merceologica ampia come poche. L’Unione sostiene ora tale varietà commerciale con il progetto pilota “Il mio buono”. “L’obbiettivo dell’iniziativa – sottolineano il direttore dell’Unione Dieter Steger e il presidente mandamentale Philipp Moser (nella foto da sin.) – è quello di consolidare il potere d’acquisto e la creazione di valore in quest’area, rafforzare le aziende locali e di incentivare i circuiti economici sul territorio”.

I buoni d’acquisto “Il mio buono” del valore di 20, 50 e 58 euro possono essere acquistati presso l’Unione con notevoli vantaggi fiscali e distribuiti quindi ai propri collaboratori in occasione di particolari ricorrenze. “In questo modo – spiegano Steger e Moser – sarà possibile generare una particolare gratificazione. “Il mio buono” può essere utilizzato nelle quasi 40 aziende aderenti tra le associate all’Unione dei dieci comuni dell’Alta Pusteria. Ulteriori informazioni sul progetto, i termini di partecipazione e tutti i negozi su www.unione-bz.it/buono.

Dettagli e contatti

La convenienza fiscale per chi acquisti il buono consiste nel fatto che i regali ai collaboratori fino al valore annuo massimo di 258,23 euro non sono assoggettati né alla normale tassazione né agli oneri sociali. Il contatto a Brunico è il caposede mandamentale dell’Unione Peter Zelger (T 0474 537 722, pzelger@unione-bz.it), quello di Bolzano è la collaboratrice dell’area amministrazione Alessandra Princiotta (T 0471 310 553, aprinciotta@unione-bz.it).

Marebbe

L’Unione ringrazia per 30 anni di associazione Ogni anno gli associati storici dell’Unione vengono premiati con uno speciale diploma. Nell’ambito della recente assemblea comunale di S. Viglio di Marebbe la ditta Christophorus Sas di R. Tamers & Co. è stata premiata con il diploma che certifica i 30 anni di ininterrotta associazione. Nella foto, da sin. Christof e Robert Tamers con il caposede mandamentale Peter Zelger.

unionemagazine #2/14


La posizione comune e le richieste delle parti sociali sono state presentate lo scorso dicembre nell’ambito di una conferenza stampa. Nella foto i rappresentanti dei sindacati e delle associazioni economiche presso il parco della stazione di Bolzano con il cartellone “Alberi invece di cemento”

Bolzano

Futuro dell’area stazione autocorriere Le parti sociali prendono una posizione comune. L’areale della stazione delle autocorriere è uno dei più importanti e sensibili dell’intera città di Bolzano. Le parti sociali sostengono gli sforzi mirati alla sua riqualificazione. I responsabili delle decisioni pubbliche sono doppiamente responsabili, sia come pianificatori dell’urbanistica che come proprietari di una grande parte delle superfici in questione. Le parti sociali auspicano che le procedure e il contenuto delle decisioni relative rispecchino in maniera coe-

Bolzano e circondario

Rafforzare il commercio di vicinato

Progetto comune di Unione e Südtirol 1. Da dove ha origine la parola “burocrazia”? Quanti negozi di commercio al dettaglio ci sono? In quali negozi ci si trova se si fanno acquisti presso un “pâtissier”? Il gioco a premi ha riguardato tutti i settori e ha affrontato importanti temi relativi a commercio, servizi ed economia in generale. In palio, durante le “Settimane dell’amicizia” di novembre, sono stati messi buoni acquisto per un valore complessivo di 15.000 euro spendibili presso le aziende associate all’Unione del comune di ciascun vincitore. In tutto sono stati 58 i buoni acquisto assegnati. Tutti i vincitori sono elencati su www.unione-bz.it/ marketing-urbano. Nella foto il programmatore capo di Südtirol 1 Heiner Feuer, due fortunati vincitori, i gemelli Tobias e Philipp Hofer della val Sarentino e Werner Frick in rappresentanza dell’Unione.

15

rente e sul lungo termine gli interessi pubblici della popolazione della città e della provincia. A questo proposito è necessario che i seguenti punti trovino attenta applicazione:  rasparenza in occasione dei diversi processi decisionali. T Reale coinvolgimento di cittadini e associazioni. • Attenta valutazione costi-benefici per la collettività e in particolare per la città di Bolzano. • Effettiva possibilità di partecipazione di diverse idee e progetti. • Valutazione degli effetti sulle entrate fiscali di città e provincia, comparando le varie proposte edilizie. • Precedenza a modelli che rendano possibile un’ampia distribuzione della proprietà immobiliare e della responsabilità. •C  oinvolgimento progettuale del rinnovo dell’areale ferroviario. • Mantenimento del parco stazione e relativa valorizzazione – garanzia d’accesso per il pubblico. • Rafforzamento della tutela per il patrimonio arboreo. • Indici urbanistici qualitativi e densità urbanistica sostenibile. • Qualità dei posti di lavoro. • Valutazione della ricaduta occupazionale generata dall’enorme aumento di superfici commerciali tenuto conto dell’effetto diretto e indiretto sui negozi attualmente esistenti nella città e nei dintorni. • Nella realizzazione di nuove superfici commerciali garantire il delicato equilibrio distributivo e privilegiare i settori merceologici attualmente sotto rappresentati. • Concretizzazione di soluzioni innovative per la mobilità che diano la precedenza al traffico pedonale. • Realizzazione di sale polifunzionali pubbliche che possano ospitare anche congressi. •P  rogetto di ampio respiro e con risorse adeguate per i centri commerciali naturali e per il piccolo e medio commercio della città. • •

unionemagazine #2/14


mandamenti 1

1

4

16

Una squadra forte I neoeletti fiduciari e Direttivi comunali dell’Unione È in corso, in queste settimane, in tutti i comuni dell’Alto Adige, il rinnovo dei vertici locali dell’Unione, che vengono rieletti ogni quattro anni. Qui di seguito il secondo blocco della nuova squadra nei singoli mandamenti. La lista attuale su www.unione-bz.it.

5

2

6

3

7

Bolzano e circondario Aldino Fiduciaria comunale: Helene Matzneller Thaler Bronzolo Fiduciario comunale: Walter Turini 1 Trodena Fiduciario comunale: Hans Gallmetzer

Val d’Isarco Barbiano Fiduciaria comunale: Karin Rabanser 1 ; Direttivo comunale: Manfred Holzer Campo di Trens Fiduciario comunale: Josef Ploner 3 ; Direttivo comunale: Anton Luhn, Philipp Sparber Fortezza Fiduciaria comunale: Hermine Auer 2 ; Direttivo comunale: Urs Seeber Funes Fiduciario comunale: Kurt Niederstätter 6 ; Direttivo comunale: Lydia Sparber Naz-Sciaves Fiduciario comunale: Egon Mair 4 ; Direttivo comunale: Verena Seppi Ponte Gardena Fiduciario comunale: Johann Georg Rabanser 7 Varna Fiduciaria comunale: Miriam Unterleitner 5 ; Direttivo comunale: Ingrid Eisenstecken Parschalk, Alexandra Schenk

Merano/Burgraviato Avelengo Fiduciario comunale: Josef Egger 2 Cermes Fiduciario comunale: Josef Trogmann 4 Moso in Passiria Fiduciario comunale: Björn Trompedeller 3 Postal Fiduciario comunale: Philip Platino 1

1

1

1

unionemagazine #2/14

2

2

2

3

3

3

4

Val Pusteria Badia Fiduciario comunale: Norbert Frenademez 1 ; Direttivo comunale: Andy Frenademez, Andreas Töchterle Corvara Fiduciario comunale: Andreas Kostner 2 Gais Fiduciario comunale: Eduard Kronbichler 3

Val Venosta Curon Venosta Fiduciario comunale: Günther Folie 2 ; Direttivo comunale: Günther Angerer, Maria Daniel, Andreas Eller, Simone Folie Glorenza Fiduciaria comunale: Elke Weissenegger 1 ; Direttivo comunale: Elmar Prieth Martello Fiduciaria comunale: Gerlinde Götsch 3 ; Direttivo comunale: Klaus Fuchs, Viktor Fleischmann


mandamenti

Val Venosta

Raccolti quasi 4.000 euro

Val d’Isarco

Nuovi vertici SWR Nell’ambito della recente seduta mandamentale del Südtiroler Wirtschaftsring, Fritz Karl Messner è stato eletto alla presidenza. Messner succede in tal modo a Werner Kusstatscher, in carica dal 2011. In base al principio di rotazione previsto dallo statuto, la presidenza viene assegnata alle varie associazioni aderenti su base biennale. Il nuovo presidente mandamentale Fritz Karl Messner è diplomato in economia aziendale, ricopre la carica di sindaco di Vipiteno ed è rappresentante del commercio al dettaglio in seno alla Giunta esecutiva dell’Unione. Le sue priorità saranno il marketing urbano, la promozione della strada ciclabile Brennero-Bressanone-Bolzano, la valorizzazione dei comprensori sciistici, il miglioramento del collegamento ferroviario Bolzano-Innsbruck e gli sgravi fiscali per le aziende.

17

La luce del Natale 2013 per le famiglie in difficoltà. Il 23 di-

cembre scorso, il presidente mandamentale dell’Unione Dietmar Spechtenhauser ha orgogliosamente consegnato un assegno al rappresentante della comunità San Vincenzo in val Venosta Herbert Habicher. La somma di quasi 4.000 euro è l’intero ricavato di un’azione benefica condotta nel mandamento dai commercianti e prestatori di servizi durante l’Avvento 2013. “Il denaro raccolto – spiega Habicher – andrà a favore di quattro famiglie venostane che si trovano in una situazione difficile. La comunità San Vincenzo può aiutarle rapidamente e senza burocrazia. Il nostro obbiettivo è che il denaro vada dove serve di più”. Da sin. Dietmar Spechtenhauser, Herbert Habicher e il caposede mandamentale dell’Unione Walter Holzeisen.

Da sin. il presidente di SWR Hansi Pichler con Werner Kusstatscher e Fritz Karl Messner

Vantaggi riservati ai soci dell’Unione Numerosi risparmi vi attendono. Tutte le attuali convenzioni su www.unione-bz.it/convenzioni. Maggiori informazioni: T 0471 310 311, convenzioni@unione-bz.it.

unionemagazine #2/14


categorie www.unione-bz.it/agenti

Agenti e rappresentanti di commercio

Agenti e rappresentanti di commercio

18

Deducibilità degli accantonamenti L’indennità suppletiva di clientela rimane deducibile. Gli accantonamenti per inden-

nità suppletiva di clientela sono ricompresi tra le attività per la cessazione dei rapporti di agenzia e sono quindi deducibili in base al principio di competenza economica. L’Agenzia delle entrate, per mezzo di una recente circolare, ha fornito importanti chiarimenti in merito alla gestione delle controversie sull’indeducibilità, per competenza, degli accantonamenti ai fondi per indennità suppletiva di clientela spettante, ai sensi dell’art. 1751 del Codice Civile, agli agenti di commercio in occasione della cessazione del rapporto di lavoro. L’indennità di fine rapporto spettante agli agenti di commercio è infatti disciplinata dal suddetto articolo del C.C. senza più rinviare alla distinzione prevista dalla contrattazione collettiva tra le indennità di risoluzione del rapporto, suppletiva di clientela e meritocratica. Attualmente, pertanto, ai sensi dell’art. 105 del Tuir, tutti gli accantonamenti per indennità per la cessazione di rapporti di agenzia sono deducibili. In merito alla deducibilità del reddito d’impresa della casa mandante degli accantonamenti per indennità di cessazione del rapporto di agenzia, secondo il vigente art. 1751 C.C., l’Agenzia delle entrate ne aveva sostenuto la deducibilità del reddito di impresa con la risoluzione n. 59/2004. Successivamente, quindi, in considerazione dell’indirizzo interpretativo espresso all’epoca dalla Cassazione, nella circolare

unionemagazine #2/14

n. 42/2007 aveva affermato la non deducibilità per competenza, dal reddito d’impresa della casa mandante, degli accantonamenti effettuati per indennità suppletiva di clientela. L’Agenzia delle entrate ha ora chiarito che le indicazioni fornite con la sopraccitata circolare 42/2007 restano valide esclusivamente per le controversie riguardanti accantonamenti effettuati in periodi di imposta anteriori alla data di entrata in vigore della modifica dell’art. 1751 C.C. (1° gennaio 1993), in riferimento ai quali è ancora sostenibile la linea interpretativa secondo cui l’indennità suppletiva di clientela, essendo incerto l’obbligo del preponente alla sua corresponsione, costituisce un costo meramente eventuale sia nell’anno che nel quantum e, come tale, l’indennità suppletiva di clientela è deducibile solo nell’esercizio in cui viene eventualmente corrisposta e non per competenza. Al contrario, per le vertenze relative a fattispecie disciplinate dall’attuale formulazione dell’art. 1751 del Codice Civile, considerato il consolidato indirizzo della Corte di Cassazione, l’amministrazione finanziaria condivide la tesi favorevole alla deducibilità per competenza dell’accantonamento per indennità di cessazione del rapporto di agenzia in tutte le sue componenti.

lsala@unione-bz.it

Infortuni e malattia Enasarco, la nuova polizza assicurativa 2013/2014. Al fine di tutelare gli iscritti nel caso di infortunio o malattia, la Fondazione Enasarco ha stipulato una polizza, con decorrenza dal 1° novembre 2013 al 31 ottobre 2014, con la compagnia Unisalute. Per conoscere tutti i dettagli della polizza nonché accedere alla relativa modulistica, su www. unione-bz.it/agenti nell’apposita area riservata, è possibile consultare le informazioni utili per l’utilizzo e che potrà dare risposta alle domande più frequenti quali: le persone per le quali vale la copertura, la procedura da seguire in caso di sinistro, la compilazione del modulo, le prestazioni del piano sanitario (malattia, infortunio, parto) e i riepiloghi inviati da Unisalute nel corso dell’anno. Si ricorda che la comunicazione del sinistro dovrà pervenire alla compagnia assicuratrice entro 90 giorni dalla data dell’evento, pena la prescrizione. È bene ricordare, infine, che coloro i quali avessero subito un sinistro entro il 31 ottobre 2013 devono far riferimento alla precedente polizza.

lsala@unione-bz.it

Destinatario e numero verde

I moduli di denuncia del sinistro dovranno essere indirizzati a UniSalute S.p.A. – Agenti Enasarco – c/o CMP BO Via Zanardi 30 - 40131 Bologna (BO). Il numero verde 800 009 610 di Unisalute (attivo dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 19.30) risponderà invece a tutte le segnalazioni e richieste relative agli indennizzi già inviati in compagnia.


categorie

Da sin. il presidente della Camera di commercio di Bolzano Michl Ebner, Mirko Gandolfi, il Console commerciale d’Austria in Italia Michael Berger, il consigliere FNAARC Bolzano e Adolfo Ziller, la segretaria di categoria Lorena Sala ed il consigliere FNAARC Bolzano Vito de Filippi

19

Agenti e rappresentanti di commercio

Borsino agenti 2013 Grande intesa tra agenti locali e ditte austriache Si è svolta lo scorso novembre presso la Camera di commercio di Bolzano l’edizione 2013 del “Borsino agenti”, la piattaforma di interscambio tra agenti e rappresentanti altoatesini e ditte mandanti austriache resa possibile dalla collaborazione tra la Fnaarc Bol-

Il Direttivo si presenta NOme: Adolfo Ziller

zano e la sede bolzanina della Camera economica austriaca WKO. “Anche quest’anno – commenta con soddisfazione il presidente di Fnaarc Bolzano Mirko Gandolfi - è stato possibile registrare un grande notevole numero di partecipanti, sia tra le aziende di oltre Brennero che tra gli agenti e rappresentanti altoatesini. Interessante – aggiunge Gandolfi – si è rivelata anche la partecipazione di aziende austriache provenienti da diversi settori: dall’edilizia all’alimentare passando per lo sport e il tempo libero”. Grazie alla collaborazione con la WKO, Fnaarc Bolzano prosegue quindi con successo sulla strada del coinvolgimento del maggior numero possibile di aziende con l’obbiettivo di ampliare al massimo la gamma dei settori di attività e di offrire quindi agli agenti partecipanti una vasta possibilità di scelta”. Soddisfatto si è detto anche Michael Berger, console commerciale austriaco in Italia, che ha ribadito il forte interesse delle aziende austriache verso i partner locali al fine di approdare sul mercato italiano, primo riferimento per le aziende austriache interessate a espandere la propria attività all’estero.

Iscritto a FNAARC dal 2009, membro del Direttivo di FNAARC Bolzano dal 2010. Settore di attività: Coordinamento attività di export per abbigliamento sportivo e tempo libero. Essere iscritto alla FNAARC per me significa: Sapere di poter contare su un supporto professionale al fine di essere aggiornato su tutti gli aspetti contrattuali, legali e fiscali legati alla categoria professionale.

lsala@unione-bz.it

Ass gene emblea sabat rale FNA A o, 1 5 f RC ore 0 ebbraio all 9 e .0 0 , Centr ale de sede ll’Unio a Bolz ne a n o.

unionemagazine #2/14


categorie www.unione-bz.it/commerciantiedili www.unione-bz.it/ambulanti

Commercianti di materiali edili

kalender2014

markt

mercati2014 Mi/Me Mi/Me Sa/Sa

24. 12. 24. 12. 27. 12.

La sostenibilità in edilizia

tina Badia-La Villa

Mel 14 Mölten /

rn / M Abtei-Ste 14 Corvara

nder hdsmarktkale io mer cati ar nd le ca ne io un 20 14

otto terselva-Rasun di S

o-Stegona

i Sopra nterselva-Rasun d ristina

ark tkalender ww w.hds-bz.it/m mercati bz.it/calendarioww w.unione-

mpo Tures

20

ies di Sotto

J/A jährlich/annuale

ttimanale

tägig/bise 14 vierzehn

M monatlich/mensile

Ambulanti

Piccolo, chiaro e pratico Pubblicato il calendario dei mercati 2014. Quando si tiene il mercato a Laces o a San Candido? E quando il mercato settimanale di Bronzolo o Terlano? A queste e molte altre domande risponde il nuovo Calendario dei mercati 2014, pubblicato dall’Unione. La brochure bilingue, in formato tascabile, riporta tutti i mercati settimanali, quindicinali, mensili e annuali dell’Alto Adige. “Il calendario – spiega il presidente degli ambulanti nell’Unione Andreas Jobstreibizer – offre uno sguardo generale sui nostri mercati, ricchi di tradizione e varietà. Si tratta di manifestazioni particolarmente amate sia dai residenti che dagli ospiti”. L’anno passato, in 76 Comuni dell’Alto Adige, si sono tenuti 205 mercati per un totale di 2.665 giornate di mercato. Oltre metà delle famiglie altoatesine si recano più o meno regolarmente al mercato per compiere i propri acquisti. Il commercio

su aree pubbliche integra e completa il commercio stazionario, attira nuovi clienti nei centri urbani e innalza l’offerta turistica. Si tratta di un settore economico che rappresenta un importante componente del commercio di vicinato a livello locale. Questo è quanto ha rilevato un recente studio dell’Istituto di ricerca economica IRE della Camera di commercio di Bolzano. Lo studio è disponibile online alla voce Documenti utili.

cwalzl@unione-bz.it

Compro, vendo, affitto Volete comprare, vendere o affittare un’attività? Tutte le offerte relative ai mercati su www.unione-bz.it/compro-vendo.

www .un calen ione-bz.it da / Qui po rio-merca ti tete c il cale o nsu nd La bro ario dei me ltare rcati 2 ch 014. ordina ure può an ch ta o rit irata a e essere ll’Unio T 047 ne: 1 310 514. unionemagazine #2/14

La categoria partecipa a Klimahouse 2014. Architetti, ingegneri, imprese edili e aziende installatrici avranno anche quest’anno la possibilità di informarsi sui prodotti più innovativi per l’edilizia. Dal 23 al 26 gennaio a Bolzano avrà infatti luogo la fiera Klimahouse 2014. Quali partner della rassegna professionale per l’efficienza energetica e la sostenibilità nell’edilizia saranno rappresentati anche i commercianti di materiali edili nell’Unione, con numerose aziende associate chiamate a presentare i propri innovativi e ricercati materiali da costruzione e sistemi di risanamento. “La fiera – spiega Christian Geier, presidente dei commercianti di materiali edili nell’Unione – è diventata negli anni un appuntamento fisso. Il numero di visitatori cresce costantemente e la manifestazione aumenta di importanza”. Decisive, per l’edilizia sostenibile, sono le conoscenze e la consulenza professionale riguardo all’impiego dei materiali. “Per questo motivo – precisa il presidente Geier – abbiamo organizzato, in collaborazione con la Scuola professionale di Silandro, il percorso di formazione dedicato alle costruzioni”. Ulteriori informazioni sull’assemblea annuale dei commercianti edili il 24 gennaio alla Klimahouse 2014 nel prossimo numero.


categorie www.unione-bz.it/informatici www.unione-bz.it/agenzieviaggi

Agenzie viaggi

Martin Pichler rimane presidente Creare sinergie e più chiarezza: da sin. Philipp Moser, Reinhold Erlacher, Mario Viganò e Christoph Rainer

IT e prestatori di servizi internet

Una nuova categoria nell’Unione Hosting, web design, programmazione web, web marketing, e-commerce e ottimizzazione per motori di ricerca. Fornire una chiara descrizio-

ne di tutti i servizi internet sarà il primo obbiettivo del neocostituito gruppo nell’Unione che riunisce le aziende altoatesine dei settori IT, servizi internet e pubblicità. La nuova categoria è stata presentata in dicembre in occasione di una conferenza stampa. Le dichiarazioni raccolte in quell’occasione sono disponibili su www.unione-bz.it/ascolta. I retroscena della creazione “Le soluzioni informatiche nei diversi settori – spiega il promotore e membro del Direttivo IT Philipp Moser – stanno vivendo un momento di grande crescita ed evoluzione anche in Alto Adige. Di qui la necessità di aumentare la competenza in entrambi i settori, creare visibilità verso i clienti e aumentare la notorietà delle molte e varie aziende presenti sul mercato.” In Alto Adige sono attualmente circa 220 le aziende attive in questo settore che danno lavoro a circa 1.200 professionisti e generano un fatturato annuo vicino ai 115 milioni di euro. “I servizi connessi a internet – afferma Mario Viganò, presidente di Target, l’associazione dei pubblicitari nell’Unione – sono nati come mix tra i settori comunicazione e IT. Esistono ad esempio pubblicitari che offrono grafica per i siti internet, mentre ci sono invece prestatori di servizi IT che offrono la programmazione della pagina internet. Ma sono anche già presenti aziende che offrono entrambi i servizi in combinazione.” “Troppo spesso – spiega il presidente del gruppo IT Reinhold Erlacher – la descrizione delle componenti necessarie alla creazione di una pagina internet è riportata troppo frettolosamente, oppure i costi previsti sono poco comprensibili. Il nuovo gruppo dovrebbe fare chiarezza proprio in questi ambiti.”

Garanti di un servizio professionale. “54 agenzie garantiscono servizi professionali in tutto l’Alto Adige”, assicura Martin Pichler di Bolzano, presidente delle agenzie viaggi nell’Unione. Nell’ambito della recente assemblea generale della categoria, Pichler è stato confermato all’unanimità alla carica di presidente anche per i prossimi quattro anni. Elezioni anche per il Direttivo che, oltre al presidente, sarà composto da Marius Gebhard di Bressanone, Birgit Lanzendörfer di Merano, Hans Peter Taferner di Brunico e Verena Wenter di Bolzano.

21

Obbiettivi e compiti Tra i principali obbiettivi dell’associazione, un posto fondamentale è assegnato alla ricerca di un costante incremento della qualità del servizio prestato dalle agenzie viaggi associate, compito che va affiancato alla lotta alla proliferazione degli agenti di viaggio illegali. “I nostri clienti – spiega Pichler – si aspettano consulenze individuali e informazioni precise e competenti. Attraverso un adeguato processo di aggiornamento professionale, i titolari delle agenzie viaggi e i relativi collaboratori, riusciranno a raggiungere questo obbiettivo.” L’esperto di internet Arnold Malfertheiner, ha quindi informato i presenti in merito alle nuove strade nate nel settore dei nuovi media. Già oggi, infatti, molti scelgono di informarsi in merito a un prossimo viaggio tramite internet. Ciò rappresenta una nuova sfida ma anche nuove opportunità.

hneuhauser@unione-bz.it

Il nuovo Direttivo: da sin. Hans Peter Taferner, Birgit Lanzendörfer, Martin Pichler, Verena Wenter e Marius Gebhard

unionemagazine #2/14


categorie www.unione-bz.it/biologico www.unione-bz.it/panificatori www.unione-bz.it/pasticceri

Pasticceri e panificatori

Sostenere i giovani artigiani

Negozi specializzati bio

La cosmetica naturale 22 in forte crescita Qualità biologica anche nel settore della cosmetica. Già da anni il settore della cosmetica naturale fa registrare un aumento costante sia dal punto di vista del fatturato che dell’attenzione del pubblico. A livello mondiale il ricavato del mercato relativo alla cosmetica biologica e naturale ha raggiunto circa 9,2 miliardi di dollari, e la tendenza è in crescita. Per quanto riguarda l’Europa, la cosmetica biologica è al suo massimo in Germania e in Austria, dove raggiunge una quota pari a circa il 10 per cento dell’intero mercato della cosmetica. Il mercato della cosmetica naturale in Germania genera un fatturato di 860 milioni di euro e rappresenta pertanto il vero e proprio motore nell’ambito della cosmetica (Rapporto COSSMA 2013). La richiesta di cosmetica naturale è in forte ascesa anche in provincia di Bolzano. Di qui la decisione dei negozi specializzati bio

Dieci pasticceri e due panificatori hanno recentemente meritato il titolo di Maestro dopo essersi preparati per anni all’esame finale. Il diploma è stato consegnato ai nuovi e orgogliosi professionisti nell’ambito di una festosa cerimonia. Quella di Maestro è la qualifica più elevata per l’attività di pasticcere e panificatore. Online tutti i nomi dei nuovi Maestri.

nell’Unione di puntare con ancora maggior decisione sui prodotti biologici nel settore della bellezza. Alla ricerca di nuove nicchie “Il futuro del nostro mestiere – afferma Armin Theiner, presidente dei negozi specializzati bio nell’Unione – è connesso alla creazione e alla conquista di nicchie di mercato. Ecco perché, per avere successo nel campo dei prodotti biologici, è sempre più importante conoscere e soddisfare le richieste del pubblico.” A Bressanone Theiner ha aperto il primo salone biocosmetico dell’Alto Adige. L’Alto Adige conta 18 negozi specializzati bio presenti da poco anche in internet gra-

Un team competente: da sin. la cosmetica Sylvia Weger il presidente e titolare di Pro Natura Bio Shop a Bressanone Armin Theiner e la co-titolare Heike Theiner unionemagazine #2/14

zie alla piattaforma sentres.com. I negozi specializzati bio si sono posti l’obbiettivo di offrire esclusivamente prodotti provenienti da lavorazioni biologiche locali e controllate. Gli eventuali prodotti in assortimento non disponibili in versione biologica, sono accuratamente segnalati. Tutti i negozi sono regolarmente verificati e controllati da parte di enti di certificazione biologica riconosciuti dallo Stato. “Per noi – conclude Theiner – la trasparenza nei confronti dei consumatori ha la massima importanza.” Un’intervista ad Armin Theiner è disponibile su www.unione-bz.it/ascolta.


categorie www.unione-bz.it/panificatori www.unione-bz.it/bevande

Panificatori

Grossisti di bevande

Un grande impegno per un nobile fine

Thomas Prünster confermato presidente

Soddisfatti delle iniziative natalizie. Donare aiuto ai bisognosi è stato il pensiero che, anche quest’anno, ha orientato le iniziative dei panificatori altoatesini. In totale sono stati raccolti oltre 15.000 euro. In tutti i panifici aderenti sono state vendute le ormai note “Cartoline natalizie dei panificatori”, accompagnate dalla nuova iniziativa in collaborazione con la ditta Rieper “Ciascun pane d’Avvento aiuta”. Il ricavato dalle cartoline è andato interamente a favore di “Alto Adige aiuta”, mentre il ricavato dalla vendita del pane d’Avvento è andato a favore delle mense per i bisognosi attive in Alto Adige.

A Marlengo l’Assemblea generale della categoria. Si è recentemente tenuta presso la Cantina di Merano Burggräfler l’annuale Assemblea generale dell’Associazione dei grossisti di bevande nell’Unione. Nell’occasione è stato anche eletto il nuovo Direttivo, del quale fanno parte il presidente Thomas Prünster (nella foto) di S. Leonardo in Passiria, il vicepresidente Peter Egarter di Sesto Pusteria, Thomas Fink di Renon, Christian Sartore di Ortisei e Peter Paul Schweitzer di Laces. Al termine dell’Assemblea i commercianti di bevande sono stati condotti a scoprire i nuovi ambienti della Cantina Merano Burggräfler e hanno effettuato una degustazione dei migliori vini prodotti nella zona.

Un sostegno eccezionale L’azione dei panificatori è stata accolta con favore e sostenuta dal vescovo Ivo Muser, al quale è stata presentata dagli stessi panificatori nel corso di una colazione. Il presidente provinciale della categoria Benjamin Profanter, il suo vice Sandro Pellegrini, il maestro panificatore Jürgen Pfitscher, il presidente di Alto Adige aiuta Heiner Feuer, il responsabile vendite della Rieper Wolfgang Aumer e Stefan Kuhn (nella foto da sin.) hanno donato al vescovo sia le cartoline che il pane d’Avvento. “Le iniziative benefiche provinciali – ha ribadito il vescovo Muser – portano sollievo a tante persone bisognose, un impegno che vorrei ringraziare di cuore.”

skuhn@unione-bz.it

23

Gli obbiettivi

L’Associazione dei grossisti di bevande dell’Alto Adige è un consorzio istituito nel 2003 da 14 commercianti indipendenti operanti in ambito provinciale con l’obbiettivo di incentivare la cooperazione a favore della propria clientela e della propria attività imprenditoriale. La finalità dell’ente è di rafforzare la posizione dei singoli associati per mezzo di sinergie basate sulla collaborazione. Oltre a ciò l’associazione rappresenta gli specifici interessi della categoria e incentiva la distribuzione e il consumo di prodotti locali.

unionemagazine #2/14


formazione www.unione-bz.it/opuscolo-corsi hdswe iterbildung

kurse -Grund eit, Online sicherh Arbeits es Ver gabeonisch merce elektr e-Com por tal, ...

- früh jahr-

NeU

union eformazione

eDITore: UNION e COMMeRCIO TURISMO SeRVIZ IN CoLLaBoraZ IoNe CoN: eNTe I ALTO ADIGe COOPe BILATeRALe DeL TeRZIARIO (ebK) RATIVA

- primavera

heraUsGeBer : HANDeLS- UND IN ZUsammeNar DIeNSTLeISTU NGSVe BeIT mIT: BILATe RALe KÖRPeRSCHARBAND SÜDTIROL GeNOSSeNSC HAFT FT FÜR DeN TeRTIÄ RSeKTOR (ebK)

-estate 14

mmer 14

frühjahr-so

hds weiterbildung

24

PrImavera-esTa Te 14

somm er 14 /

La brochure dei corsi dell’Unione è arrivata!

unione formazione

O NUOV

sul rezza ine sicu Corsi onl , por tale cia, lavoro la Provin tico del rce telema me e-com ...

Disponibile gratuitamente online oppure in forma cartacea.

Sicurezza sul lavoro: questo è il tema protagonista anche del prossimo semestre grazie a un intenso programma di corsi specifici. Dato che i corsi frequentati in passato mantengono la loro validità, è importante seguire in tempo i relativi corsi di aggiornamento. La nuova brochure della formazione fornisce inoltre utili informazioni e uno sguardo d’insieme su consulenza, aggiornamento e finanziamenti. Sono infine elencati tutti i principali dati per il contatto con gli esperti dell’Unione e alcune manifestazioni organizzate da altri enti partner. Novità nell’offerta - Sicurezza sul lavoro, i tanto richiesti corsi base online di 4 ore per i dipendenti. - Workshop interattivi di approfondimento in materia di bandi online (portale internet per i bandi provinciali). - Manifestazioni pratiche su temi quali gli online shop e l’e-commerce.

Non fatevi sfuggire la nostra vastissima offerta formativa! Visitateci su www.unione-bz.it/corsi; le iscrizioni alle nostre iniziative e manifestazioni possono avvenire anche online. Vi aspettiamo! Il team della formazione dell’Unione a Bolzano: Patrizia Anhof e Verena Kasal (T 0741 310 324/323, formazione@unione-bz.it).

Sfruttate i vostri vantaggi di soci EbK

Potrete godere di sconti su tutti i corsi di formazione contenuti nella brochure dell’Unione, e per voi i workshop dedicati all’e-commerce sono addirittura gratis. Potrete inoltre richiedere il rimborso del costo del personale impegnato in un corso dell’Unione. Ulteriori informazioni su www.ebk.bz.it.

unionemagazine #2/14

Rinnovo CQC … ... per prolungare la validità della vostra carta di qualificazione del conducente. Il diritto europeo prevede l’obbligo di un’attesta-

zione professionale di guida CQC. La validità della patente professionale è di cinque anni. Per ottenerne il prolungamento, la norma prevede la frequenza di un corso di formazione di 35 ore. La scadenza del corso di aggiornamento è il 9 settembre 2015 per il trasporto di persone e il 9 settembre 2016 per il trasporto di merci. Indipendentemente dal momento in cui si frequenta il corso di aggiornamento, la qualifica professionale sarà prolungata fino al 9 settembre 2020 (trasporto di persone) e al 9 settembre 2021 (trasporto merci). I prossimi appuntamenti con i corsi dell’Unione per i conducenti indipendenti oppure dipendenti con patente CQC sono - a Bolzano dal 5 febbraio al 7 marzo 2014 (in italiano), mercoledì e venerdì dalle 18.30 alle 22.00, - a Bressanone dal 7 marzo al 5 aprile 2014 (in tedesco), venerdì dalle 19.00 alle 22.00, sabato dalle 8.00 alle 12.00, - a Merano dal 9 maggio al 7 giugno 2014 (in tedesco), venerdì dalle 19.00 alle 22.00, sabato dalle 8.00 alle 12.00. Le iscrizioni possono essere effettuate su www.unione-bz.it/corsi, le condizioni di partecipazione sono riportate online tra i Documenti utili. Per ulteriori informazioni: Carla Vedovelli (T 0471 310 322, cvedovelli@unione-bz.it).


betriebe informieren

PR – La Banca di Trento e Bolzano informa

Nuovo: l’accettazione dei pagamenti tramite carte di credito Sono state introdotte una serie di importanti novità per chi svolge attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi: dal 1° gennaio 2014, infatti (in base al D.L. n. 179 del 18.10.2012 “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”), è obbligatorio accettare i pagamenti effet-

tuati anche tramite carta di credito. Un obbligo che riguarda anche i liberi professionisti.

sto per gli associati all’Unione un’interessante offerta che prevede l’installazione di un Pos alle seguenti condizioni: - c anone mensile Pos fisso su linea analogica: gratuito fino al 31 dicembre 2014 (anziché 9,90 euro); per ogni transazione effettuata sino al 31 dicembre 2014 commissione di: • 0,35 per cento con minimo a operazione di 0,25 euro e minimo mensile azzerato su circuito Pagobancomat, • 1,20 per cento sui circuiti Mastercard Visa, Maestro, • 0,80 per cento sul circuito Moneta. Per le altre voci di tariffazione si farà riferimento alle condizioni in vigore, indicate nei fogli informativi esposti in filiale.

25

I gestori delle filiali BTB dell’Alto Adige sono a disposizione degli associati all’Unione per illustrare nel dettaglio l’offerta.

Per permettere alle imprese e ai liberi professionisti di adempiere a quest’obbligo, la Banca di Trento e Bolzano, ha previ-

La giardineria Schöpf si presenta rinnovata Silandro cresce ancora. Niente è tanto forte quanto l’idea giusta al momento giusto: questo è il motto che compariva sull’invito presentato da Hans Peter Schöpf e famiglia per l’inaugurazione dell’omonima giardineria di Silandro. Molti ospiti provenienti dal mondo artistico, culturale, politico ed economico hanno presenziato all’evento tenutosi a metà novembre in occasione del

Giorno delle giardinerie aperte ammirando la nuova serra e i vivai artistici. Sin dalla fondazione avvenuta nel 1983, la giardineria ha vissuto un continuo processo di ampliamento, e si presenta oggi moderna e innovativa. “La giardineria Schöpf cresce nel futuro,” ha affermato il sindaco Dieter Pinggera. Nel nuovo vivaio artistico le bellezze floreali convivono con le opere d’arte. L’Unione augura tutto il successo possibile anche per il futuro.

La famiglia Schöpf: da sin. Benedikta, Hans Peter e la figlia Elisabeth

unionemagazine #2/14


consulenza legale www.unione-bz.it/legge

26

Autotrasporto di merci Azione diretta del subvettore per il pagamento del corrispettivo. Alla luce dell’ar-

ticolo 7 ter della normativa in materia di servizi di autotrasporto (d.lgs. n. 286/2005), il vettore finale che ha eseguito un servizio di trasporto su incarico di altro vettore può agire direttamente nei confronti di tutti i soggetti che hanno ordinato il trasporto per ottenere il pagamento del corrispettivo. Vettore e subvettore, chi paga il trasporto? La predetta norma trova quindi applicazione nei casi in cui il vettore che si è obbligato a eseguire il trasporto con un contratto stipulato direttamente con il mittente o con un vettore precedente, incarica un altro vettore di eseguire il trasporto anziché eseguirlo direttamente. In questi casi, per garantire il pagamento del corrispettivo al vettore finale, i soggetti che hanno ordinato il trasporto, vengono considerati obbligati in solido nei limiti della prestazione ricevuta e della quota di corrispettivo pattuita, con azione di rivalsa nei confronti della loro controparte contrattuale.

unionemagazine #2/14

Pertanto il subvettore che non riceva il pagamento del corrispettivo pattuito, potrà agire non solo nei confronti del soggetto che gli ha ordinato di eseguire il trasporto, ma altresì nei confronti di tutti coloro che, in precedenza, hanno ordinato tale trasporto. Come si può tutelare il committente? Il committente di un servizio di autotrasporto che vuole evitare di vedersi richiedere da un subvettore sconosciuto il pagamento del corrispettivo, deve pertanto adottare alcune cautele. A tal fine, potrebbe per esempio risultare utile inserire nel contratto scritto e nella scheda di trasporto una clausola, con la quale il vettore si deve impegnare a eseguire il trasporto con mezzi propri e che preveda il divieto di cessione del contratto di trasporto a terzi, salvo che il primo vettore si assuma la responsabilità della cessione. Inoltre, il committente potrebbe richiedere al vettore con il quale stipula il contratto di trasporto, specifiche garanzie fideiussorie a fronte dell’eventuale mancato pagamento da parte di quest’ultimo della prestazione eseguita dal subvettore. Nel caso di un trasporto eseguito da un unico subvettore, appare anche opportuno, prima di effettuare il pagamento della

prestazione a favore del proprio vettore contrattuale, di richiedergli di fornire la prova del avvenuto pagamento da parte sua di quanto dovuto nei confronti del subvettore. Sempre meglio mantenere il controllo del trasporto. In ogni caso è consigliabile per il committente, di subordinare l’affidamento del trasporto a terzi alla propria preventiva e specifica approvazione, per avere sempre il controllo sui soggetti che eseguiranno il servizio richiesto, in modo da poter evitare subvettori di poca serietà e affidabilità. Si ricorda infine che le parti non hanno facoltà di prevedere una deroga alla disciplina in oggetto, essendo ai sensi del citato articolo 7 ter, esclusa qualsiasi diversa pattuizione.

Avv. Sabine Mayr, consulenza legale, T 0471 310 559, smayr@unione-bz.it


e-commerce nuova consulenza dell’Unione www.unione-bz.it/consulenza

L’Unione può fornire tutto l’aiuto necessario all’elaborazione di una nuova strategia commerciale che armonizzi commercio tradizionale e online. In ciascun mandamento potrete rivolgervi agli esperti dell’Unione per avere risposte in merito a questioni amministrative, fiscali e legali. L’associazione ha inoltre siglato un accordo con professionisti esterni. Per gli associati la prima consulenza è gratuita. Ulteriori informazioni presso i consulenti aziendali dell’Unione.

unione commercio turismo servizi Alto Adige


consulenza aziendale www.unione-bz.it/contributi

Servizi di consulenza e misure di formazione La spesa minima ammessa è di 1.000 euro, la spesa massima - 15.000 euro per libere professioniste, lavoratrici autonome e imprese individuali, - 25.000 euro per le società e - 40.000 euro per le imprese con un minimo di cinque dipendenti. Per l’acquisizione di servizi di consulenza è concesso un contributo a fondo perduto fino al 60 per cento della spesa ammessa. Per le iniziative di formazione e aggiornamento, organizzate da istituti di formazione, viene concesso un contributo a fondo perduto fino all’80 per cento. Per la formazione organizzata internamente alle imprese viene concesso un contributo a fondo perduto fino al 60 per cento della spesa ammessa.

28

Incentivazione dell’imprenditoria femminile A partire dal 2 gennaio 2014 si possono presentare le domande per l’erogazione di contributi provinciali all’imprenditoria femminile. Beneficiari Possono accedere ai contributi i soggetti che operano nei settori economici del turismo, dell’artigianato, dell’industria, del commercio o dei servizi se soddisfano i seguenti requisiti: - imprese individuali incluse le imprese familiari la cui titolare deve essere donna, - società di persone i cui soci devono essere per il 60 per cento donne, nelle società in accomandita semplice la maggioranza femminile del 60 per cento è riferita solamente ai soci accomandatari, - società di capitale e società cooperative in cui almeno i 2/3 del capitale devono essere detenuti da donne e almeno 2/3 degli organi di amministrazione devono essere composte da donne, - libere professioniste e lavoratrici autonome.

Le imprese devono essere già iscritte al Registro delle imprese della Camera di com-

unionemagazine #2/14

Domande entro il 30 settembre 2014 Le domande di contributo vanno presentate entro il 30 settembre 2014 all’Ufficio provinciale sviluppo della cooperazione, via Raffeisen 5, 39100 Bolzano.

Obblighi/vincoli Il requisito della maggioranza femminile nella compagine sociale deve permanere per almeno quattro anni dalla concessione del contributo. È previsto il vincolo di non Investimenti aziendali La spesa minima ammissibile è di 3.500 alienazione, cessione, affitto o cambiameneuro, la spesa massima di 150.000 euro. Pos- to d’uso dei beni oggetto di agevolazione sono ottenere un contributo a fondo perdu- per una durata di to soltanto le imprese che hanno avviato - 5 anni nel caso di brevetti, l’attività non più di 24 mesi prima della data - 3 anni nel caso di hardware, software e di presentazione della domanda di contri- beni mobili. buto. L’unica eccezione è per imprenditrici operative da più di 24 mesi che richiedono Ulteriori informazioni: un contributo per iniziative e progetti inno- Liane Cittadini, consulenza aziendale, vativi (innovazione di prodotto o di proces- T 0471 310 561, lcittadini@unione-bz.it. si produttivi). In caso di costituzione di nuove imprese o avvio di nuove attività autonome vengono erogati contributi per l’acquisto di nuovi impianti, macchinari, attrezzature, arredamenti, l’acquisto di brevetti e licenze, hardware e software, l’acquisto del primo automezzo (solo per agenti e rappresentanti di commercio e venditrici ambulanti) e la creazione di website. Per gli investimenti aziendali possono essere erogati contributi a fondo perduto che variano dal 25 al 40 per cento della spesa ammessa.

mercio di Bolzano e avere la sede legale o l’unità produttiva cui si riferisce l’iniziativa nella provincia di Bolzano.


info lavoro www.unione-bz.it/personale

INAIL,

finanziamenti alle imprese In previsione dell’emanazione del bando INAIL inerente i finanziamenti alle imprese sulla sicurezza sul lavoro, il Consiglio di indirizzo e vigilanza (CIV) dell’INAIL ha approvato la relativa delibera che impegna gli organi di gestione dell’istituto ai seguenti compiti: a) adottare un punteggio migliorativo per i progetti condivisi con le parti sociali e/o nell’ambito degli organismi paritetici di cui all’art. 2, comma 1, lettera e) del decreto legislativo n. 81/2008, b) prevedere, in caso di controversie con le imprese, la possibilità di ricercare strumenti per la composizione amichevole delle controversie stesse, c) monitorare i progetti incentivati per verificarne il buon esito, rilevarne le criticità e individuarne le possibili soluzioni, d) attivare, entro la fine dell’anno, le procedure per attivare i bandi a sostegno delle piccole e micro imprese, per evitare che i relativi fondi (30 milioni di euro) rimangano inutilizzati. Si tratta di incentivi per progetti di comparto, di filiera, di distretto che presentino caratteristiche di replicabilità e progetti che intervengono su rischi comuni a una pluralità di imprese, e) attivare ogni iniziativa utile per favorire l’accesso al credito bancario alle imprese impegnate nella realizzazione di progetti di prevenzione in materia di sicurezza e salute sul lavoro, f) confermare le iniziative in sede comunitaria mediante il Ministero del lavoro e del Ministero dell’economia e delle finanze finalizzate ad escludere dal regime degli aiuti di Stato (cosiddetto “de minimis”) i finanziamenti dei progetti delle imprese in materia di salute e sicurezza sul lavoro, g) r ichiedere ai Ministeri del lavoro, dell’economia e delle finanze, di attivare le procedure di notifica preventiva dei bandi per i finanziamenti in materia di sicurezza e salute

29

nei luoghi di lavoro alla Commissione europea, affinché la Commissione stessa si esprima sulla non applicabilità dei limiti degli aiuti di stato a tali finanziamenti, h) prevedere un punteggio aggiuntivo per i progetti di maggiore qualità.

Alberto Petrera, capoarea servizi sindacali, T 0471 310 501, apetrera@unione-bz.it

INFO B Indice Istat dei prezzi al consumo necessario per l’aggiornamento del canone di locazione della legge 392/78. - La variazione nazionale novembre e dicembre 2012 – 2013 è pari a più 0,6% (75% = 0,45). - La variazione a Bolzano novembre 2012 – 2013 è pari a più 1,2% (75% = 0,9) e dicembre 2012 – 2013 è pari a più 1,3% (75% = 0,975).

B L’indice di rivalutazione del trattamento di fine rapporto maturato in novembre è 1,586268 e in dicembre 1,922535.

unionemagazine #2/14


consulenza fiscale www.unione-bz.it/fiscale

cento nel 2016. Per la base di calcolo degli acconti Ires/Irpef 2014 e 2015 rileveranno però le aliquote del periodo precedente (3 per cento per il 2014, 4 per cento per il 2015). Bonus fiscale per interventi di riqualificazione energetica

30

Legge di stabilità 2014 Le principali novità a colpo d’occhio

È stata disposta un’ulteriore proroga fino al 31 dicembre 2014 della detrazione Ires/Irpef al 65 per cento per lavori di riqualificazione energetica. L’agevolazione scenderà poi al 50 per cento nel 2015. Bonus fiscale per interventi di recupero edilizio

È prorogata al 31 dicembre 2014 la detrazione Irpef del 50 per cento per gli interventi di ristrutturazione edilizia con il tetto massimo di spesa di 96.000 euro per unità. L’agevolazione verrà poi ridotta al 40 per cento per le spese sostenute nel 2015 e spetterà nella misura prevista a regime dal 2016 (36 per cento su un tetto massimo di 48.000 euro). Viene anche confermata per tutto il 2014 la detrazione Irpef per l’acquisto di mobili/elettrodomestici ad alta efficienza energetica in misura del 50 per cento con un tetto di spesa di 10.000 euro. Rivalutazione beni d’impresa

La Finanziaria 2014 (legge 27.12.2013, n. 147), ovvero la cosid- È stata riproposta la possibilità di rivalutare i beni d’impresa risultandetta “Legge di stabilità 2014”, in vigore dal 1° gennaio 2014, contiene ti dal bilancio al 31.12.2012 ad eccezione degli immobili al cui scambio numerose novità che riguardano tutte le categorie di contribuenti. Di è diretta l’attività dell’impresa. seguito una panoramica delle tematiche considerate di maggiore in- La rivalutazione in oggetto: teresse: - è applicabile dai soggetti rientranti nel reddito d’impresa, anche se in contabilità semplificata, - va effettuata nel bilancio 2013, Imprese agricole - è obbligatoria per tutti i beni appartenenti alla medesima categoria È stata ripristinata: omogenea, - la possibilità per le società di persone e di capitali che svolgono esclusivamente attività agricola di optare per la determinazione del reddi- - pare non ammissibile ai soli fini civilistici. to con le modalità fondiarie (cioè su base catastale) anziché in base Il maggior valore attribuito ai beni in sede di rivalutazione si considera riconosciuto ai fini dell’ammortamento dal terzo esercizio successial bilancio, - la possibilità per le società di persone e società a responsabilità limi- vo a quello di rivalutazione (e quindi generalmente dal 2016). tata che esercitano esclusivamente le attività di manipolazione, con- Ai fini della plusvalenza in caso di cessione, assegnazione ai soci o servazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione altra destinazione a finalità estranee all’impresa, la rivalutazione didi prodotti agricoli ceduti dai soci di optare per la determinazione venterà invece efficace con il 1° gennaio 2017. del reddito applicando ai ricavi il coefficiente di redditività del 25 per La rivalutazione verrà perfezionata mediante il versamento di un’imposta sostitutiva entro il termine previsto per il saldo delle imposte cento. sui redditi e in misura del: - 16 per cento per i beni ammortizzabili oppure del Locazioni abitative La legge di stabilità dispone, che dal 2014 la riscossione di canoni di - 12 per cento per i beni non ammortizzabili. locazione di immobili abitativi deve avvenire obbligatoriamente con Per l’affrancamento (anche parziale) del saldo attivo di rivalutazione mezzi di pagamento diversi dal contante. In deroga al limite di 1.000 è invece prevista un’imposta sostitutiva del 10 per cento. euro per i pagamenti in contante, questo obbligo vale a prescindere dall’importo del canone di locazione. La disposizione in oggetto non Rivalutazione terreni e partecipazioni vale per le locazioni aventi ad oggetto alloggi di edilizia residenziale È stata reintrodotta la possibilità di rivalutare il costo d’acquisto di: pubblica o immobili strumentali. - terreni edificabili e agricoli posseduti a titolo di proprietà o usufrutto, - partecipazioni in società non quotate, possedute a titolo di proprietà e usufrutto. Aiuto per la crescita economica (Ace) La percentuale di deduzione del 3 per cento sul nuovo capitale pro- Possono usufruire della rivalutazione agevolata le persone fisiche, prio salirà al 4 per cento nel 2014, al 4,5 per cento nel 2015 e al 4,75 per che possiedono i suddetti terreni e/o partecipazioni non in regime

unionemagazine #2/14


d’impresa e alla data del 1° gennaio 2014, nonché le società semplici, le associazioni professionali e gli enti non commerciali. Entro il 30 giugno 2014 dovrà: - essere redatta una perizia di stima asseverata, - essere effettuato il versamento dell’imposta sostitutiva in misura del | 2 per cento sul valore delle partecipazioni non qualificate o | 4 per cento sul valore delle partecipazioni qualificate e dei terreni.

ULTIME NOTIZIE DALL’EUROPA POINT NELL’UNIONE

PMI, la difficoltà di accedere al credito

Leasing

Per i contratti di leasing stipulati dal 1° gennaio 2014 è cambiato il periodo minimo di deducibilità dei canoni che è ora pari: - alla metà del periodo d’ammortamento risultante dai rispettivi coefficienti ministeriali per i beni mobili, - a 12 anni per i beni immobili. Le nuove disposizioni riguardo al leasing immobiliare hanno efficacia anche per i liberi professionisti, se questi utilizzano l’immobile oggetto del leasing esclusivamente per l’attività professionale. Niente cambia invece per i contratti di leasing aventi ad oggetto autoveicoli a deducibilità limitata ex art. 164, TUIR (e non assegnati ai dipendenti), in quanto rimangono deducibili con le stesse tempistiche del processo di ammortamento. Sempre dal 1° gennaio 2014 il riscatto di veicoli in leasing non sarà più soggetto all’imposta provinciale di trascrizione (Ipt). Compensazioni di crediti e debiti d’imposta

Dal 2014 il visto di conformità di un professionista abilitato diventa ora anche obbligatorio per la compensazione di crediti e debiti fiscali di importo superiore a 15.000 euro annui in materia di imposte sui redditi e Irap. Novità per i rimborsi dai modelli 730

In caso di rimborsi per importi superiori a 4.000 euro, sarà l’Agenzia delle entrate a restituire le somme spettanti e non più il sostituto d’imposta. L’Agenzia delle entrate avrà sei mesi di tempo (dal termine di spedizione del mod. 730) per effettuare i controlli preventivi e per poi procedere ai rimborsi.

Moritz Schorn, consulenza fiscale e aziendale, T 0471 310 407, mschorn@unione-bz.it

In Europa un’azienda su tre non riesce a ottenere finanziamenti. L’accesso al credito continua ad essere motivo di preoccupazione per le piccole e medie imprese attive nell’Unione europea. È quanto emerge dall’indagine “Access to Finance” pubblicata dalla Commissione europea e dalla Banca centrale europea. Nel 2013, circa una su tre delle PMI oggetto dell’indagine non ha potuto ottenere l’importo completo dei crediti su cui aveva contato e il 15 per cento dichiara che l’accesso al credito rappresenta un grosso ostacolo.

Particolarmente colpite aziende piccole e giovani. A subire una decurtazione del credito richiesto o un rifiuto netto, sono soprattutto le microimprese con meno di 10 dipendenti. Nel 2013, infatti, circa una su tre delle PMI esaminate non è riuscita ad ottenere l’intero finanziamento richiesto. È stato respinto il 13 per cento delle richieste di credito, mentre nel 16 per cento dei casi l’importo concesso è stato inferiore. Il 7 per cento delle PMI non ha presentato domanda nel timore di vedersela respingere. Rimane alta la dipendenza dalle banche. L’85 per cento dei prestiti concessi negli ultimi due anni sono stati erogati dalle banche. Oltre la metà delle PMI europee oggetto dell’indagine aveva fatto uso recentemente di uno o più prodotti bancari come prestiti, fidi o scoperto di conto. La situazione nei Paesi UE e le possibili soluzioni. L’accesso al credito è stato indicato come l’ostacolo più grande dal 32 per cento delle imprese in Grecia, dal 20 per cento in Irlanda, Italia e Paesi Bassi, contro valori del 7 per cento in Austria e dell’8 in Germania o 9 in Polonia. La quota di richieste respinte ha registrato punte massime in Grecia e Paesi Bassi (31 per cento). Gli ostacoli maggiori sono risultati l’impossibilità di soddisfare le pretese delle banche in materia di garanzia e tassi di interesse. In risposta a questa situazione, la Commissione europea sta introducendo un nuovo programma per la competitività delle imprese (COSME) che si occuperà di semplificare l’accesso delle PMI al credito. Esso dovrebbe fornire uno strumento di garanzia per i crediti alle PMI fino a 150.000 euro e, in alcuni casi, anche oltre. Ulteriori informazioni: Carla Vedovelli, responsabile Europa Point, T 0471 310 322, cvedovelli@unione-bz.it, www.unione-bz.it/europa-point.

unionemagazine #2/14


Südtirol • Alto Adige


unione magazine 2/14: "Creare più valore e vantaggi per gli associati all’Unione"