Page 1

2019 -APR ILE

RZO | MA MER O2

ANNO X XI | N U

INTERVISTE Bolognini, Ferrari, Prola | gli Esperti Impianti sportivi e futuro Maria Carmela Colaiacovo | Turismo e Sport AD di Park Hotel ai Cappuccini - Gubbio Alessia Cerutti | Neonatale e Pediatria

FITNESS e POOL FOCUS

POSTE ITALIANE SPA – SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - EURO 2,00 - 45% ART. 2 COMMA 20/B LEGGE 662/96 – DCI PADOVA


- ANALISI E REMARKETING DEL PORTAFOGLIO ASSICURATIVO PER IL MIGLIORAMENTO DELLE GARANZIE E L’OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI - RCT/O DEL GESTORE E/O DEL COSTRUTTORE DI IMPIANTI SPORTIVI E ACQUATICI - POLIZZA PER LA GESTIONE DEI CANTIERI (C.A.R.; E.A.R.; POSTUME) - FIDEJUSSIONI STUDIATE AD HOC PER OGNI ESIGENZA - RC (D&O) A TUTELA DEL PATRIMONIO PERSONALE DEGLI AMMINISTRATORI E DEI SOCI - POLIZZE WEATHER A TUTELA DEL FATTURATO LEGATO A CONDIZIONI CLIMATICHE AVVERSE - UNICO CONSULENTE DEDICATO

DAVIDE MARTINELLO Sales Account | Anthea S.p.A. 349 241 8615 | martinello@antheabroker.it


In ogni ogni iniziativa iniziativa pensa bene ““In iniziativa pensa pensa bene bene

“““

a dove dove vuoi vuoi arrivare a vuoi arrivare arrivare

(Publilio Siro 100 a.C.) (Publilio (PublilioSiro Siro100 100a.C.) a.C.)

SCANSIONAMI SCANSIONAMI SCANSIONAMI

e scopri chi chi ci ha ha già scelto scelto e scopri chi ci ci ha già già scelto

qui la tua richiedi richiedi qui qui la la tua tua

GRATUITA DEMO DEMO GRATUITA GRATUITA

0522 15 15 20 027 027 Tel: Tel: 0522 0522 15 20 20 027 Mail: info@sportrick.com info@sportrick.com Mail: info@sportrick.com

SPORTRICK TECH TECH SRL SRL SPORTRICK SPORTRICK TECH SRL EMILIA Rodano, 17 17 -- REGGIO REGGIO EMILIA Via Rodano, Via Rodano, 17 - REGGIO EMILIA SPORTRICK TECH TECH LTD LTD SPORTRICK SPORTRICK TECH LTD 8,Victoria Ave LONDON (UK) 8,Victoria Ave -- LONDON (UK) 8,Victoria Ave - LONDON (UK)

HA 2 - 2019 1

GESTIONALECLOUD CLOUDPER PERCENTRI CENTRI SPORTIVI SUCCESSO GESTIONALE SPORTIVI DIDI SUCCESSO GESTIONALE CLOUD PER CENTRI SPORTIVI DI SUCCESSO


Sommario

ANNO XXI | NUMERO 2 | MARZO-APRILE 2019 Foto di copertina GClub di Vimercate - Giancarlo Favaro - Dmedia

EDITORIALE

NEWS

Cambiare 4

di Marco Tornatore

19

28

I 5 migliori centri di profitto per i 30 Wellness club multiservizio

high hearth! Motivatori genuini, artisti della gratitudine

di Mario Cacciapaglia

di Edoardo Cognonato

38 Il valore aggiunto del co-marketing espe-

VAS

di Luca Cassin

Sveglia tutti! 74

di Annarita Misciglia

VAS per la prevenzione 76 di Fabrizio Cantarini

La musica nella filosofia VAS 78 di Deborah Benetti

POOL Intervista a Bolognini, Ferrari, Prola 42 Impiantistica sportiva: la parola ai veri esperti di Ciro Lo Giudice

La sicurezza degli impianti di piscina 54 e la dichiarazione di conformità di Rossana Prola

ANIF News

34 La nuova frontiera high tech + high touch:

Soluzione Fitness 40

La t-traction revolution, per 70 ottimizzare spazi e attività in vasca

ACQUANETWORK News

di Gianfranco Mazzia

di Gerardo Ruberto

di Andrea Gilardoni

FNI News

22 La legge dei grandi numeri

Salute, medicina ed esercizio fisico 32 le nuove sfide per i centri Wellness

Sistemi di monitoraggio: 66 La svolta del fitness acquatico

SPLASH & WELLNESS News

MANAGEMENT

La Redazione

di Caterina Borgato

AIS News

18

di Andrea Pambianchi

Intervista ad Alessia Cerutti 62 Le patologie cardiache del neonato

8 16

Editoriale - Il Fitness dopo 21 primavere 26

di Max Icardi

EAA News

10

FITNESS Functional per una vita attiva e in salute

6

rienziale nei centri acquatici

di Luca Marchini

46 L’Esperto Risponde di Beatrice Masserini

48 La l.398/91 Soltanto per attività Commerciali istituzionali?

di Alberto Succi

50 Forfettari 2019: una possibilità in più anche per il nostro settore?

di Beatrice Masserini

52

Come cambia lo sport secondo il nuovo disegno di legge

di Roberto Bresci

58 Intervista a Colaiacovo - Park Hotel ai

Cappuccini: Piscina, fitness e spa per dare valore a bellezza e benessere

La Redazione

EXTRAS 80 CSI News 82 86 88

Piscine pubbliche, cosa ci riserva il futuro? 56 La Redazione HA Construction

www.euroaquatic.it

HA Innovation Fiere & eventi internazionali Calendario corsi EAA


2 GRIGLIA PERPENDICOLARE GR.

PER CANALETTE


Siamo alle soglie di una nuova alba, ma sta a noi alimentare il sogno di elevare lo Sport a sano stile di vita, facendo del nostro sistema un modello cui ispirarsi

Editoriale CAMBIARE

L’IDEA DI SISTEMA SPORT COME MODELLO IDENTITARIO DI UNA NAZIONE

tela che ancora non pratica lo sport e il movimento, per la nostra incapacità di intercettare reali bisogni della collettività di oggi e del prossimo decennio. Politici e amministratori locali deludono, creando scontento, rassegnazione e una voragine fra società civile e classe dirigente. Al settore sportivo il compito di colmare questo gap sociale e d’identità collettiva, determinando ogni club, società, impresa esperienze e soluzioni di valore, che collimino con quanto la popolazione sta cercando per migliorare i propri stili di vita e la fiducia ormai evaporata. Abbiamo una missione sociale alla quale HA&W aspira a dare un sostanziale contributo a fianco di chi crede nel nostro settore, per elevarlo a modello di riferimento di un Paese cui ognuno possa ispirarsi; anche chi oggi sta deludendo noi cittadini, per riconsegnare l’Italia alle posizioni ariose e apicali che le competono. Buona lettura con la preghiera di suggerirci come potremmo migliorare nel caso non risultassimo soddisfacenti

Marco Tornatore

Ebbene sì, HA&W con questa nuova veste grafica e di format ha completato il processo di cambiamento annunciato per essere una guida aggiornata e pensata per chi opera nel mondo dello sport, delle piscine e del fitness in particolare, collegati al comparto turistico e all’attualità con la quale il nostro settore deve misurarsi. In una fase in cui prevalgono incertezze normative ed economico-congiunturali, non mancano riferimenti che danno conforto all’impegno di chi ogni giorno contribuisce allo sviluppo del sistema sport e, di riflesso, Paese. Sì, perché anche se lo sport non è area di consenso elettorale, il nostro settore ha un peso occupazionale e sociale rilevantissimo che è destinato ad incidere progressivamente di più, toccando aree deficitarie come quella della salute e di motivazione al movimento, nonchè educativa e basata su valori che solo lo sport nella sua integrità riesce ad esprimere. Perché questi possano essere degli assiomi poco sindacabili è necessaria una classe manageriale e professionale che faccia un salto di qualità, disancorandosi dalle antiche posizioni conservative, per muoversi, con equilibrio sostenuto da determinazione, verso una fase di ringiovanimento e ammodernamento. Che non significa rottamare, ma valorizzare quanto di buono in passato si è costruito, per proiettarci con slancio verso nuovi traguardi di sistema e di impresa/società. Nell’epoca dei social, del web, di relazioni virtuali, preservando i valori più autentici del rapporto e prestando attenzione massima al quadro normativo-fiscale da un lato e progettuale-strategico dall’altro, è vitale girare pagina e dare risposte nuove e fidelizzanti ad una potenziale clien-

Nell’epoca dei social, del web, di relazioni virtuali, preservando i valori più autentici del rapporto è vitale girare pagina e dare risposte nuove

HA 2 - 2019 4


EAA NEWS

EAA News VIE-EAA: LA RICONFERMA DELLA NUOVA ACQUATICITÀ ATTRAVERSO VAS - Aquamore - Villafranca VR

Nell’ammodernata, bella ed accogliente Aquamore di Villafranca, buona la partecipazione a VIE 2019, eccellente la serie di spunti emersi dal suo aggiornato format e altrettanto rilevanti i giudizi espressi dagli istruttori provenienti da tutta Italia e dall’estero. Una riconferma che la nuova strada avviata da EAA schiude orizzonti professionali e formativi, fino a toccare gli sviluppi perseguibili in ogni piscina con ricadute su incassi e nuova clientela coinvolgibile. Hanno dato luce a questo appuntamento celebrati trainer, ma anche figure inedite che dopo i successi nel fitness si mettono in gioco pure nell’acqua: l’americana Jill Cooper, con adattamenti destinati a migliorare in futuro, ha dato un saggio della sua professionalità estesa a management. Ma le stelle dell’universo acquatico hanno convinto per le idee nuove e ben calibrate per ogni attività in acqua che rientri nei Vertical Aquatic Styles VAS. Ora il dream team di EAA si proietta ai prossimi appuntamenti nazionali e internazionali, fra i quali spiccano a fine maggio Rimini Wellness e la kermesse più popolare e seguita in Europa, Aquafitness Days, a fine agosto.

Foto di rito dopo l’eccellente classe coordinata dal top trainer Fabrizio Cantarini a VIE 2019

CALENDARIO INTENSISSIMO DI EAA IN ITALIA E NEL MONDO Rimini Wellness, nella piscina di EAA, dal 30 maggio al 2 giugno si preannuncia ricca di novità e top trainer che le presenteranno. Se i protagonisti saranno i presenter internazionali di EAA e Acquapole, daranno alto valore alla vasca anche i migliori interpreti di Aqua Zumba e altre organizzazioni. In Francia dopo il successo della manifestazione di EAA France - eaa-france.fr - a Lione a febbraio (sugli scudi Benetti e Gilardoni), si attende Aqua Fit Fun Festival di Agde del 6 aprile mentre sono tanti i corsi in Francia cui seguirà il 4 ottobre un’ altra convention a Vitam Neydens ; successo impensabile in Portogallo con la sinergia Estevao-EAA, l’intervento di Luca Salvatori e oltre 400 partecipanti fra manager e trainers. Presto di replicherà in Spagna. EAA Germany continua nella collaborazione con Monja Lu-

din e BadBetriebs di Offenburg: dopo Fasent Aquafitness TAG (3 marzo con Gilardoni e Estevao), verranno organizzate una convention estiva e quella nazionale a fine ottobre. Prosegue il successo di EAA in Sud America: ad aprile in Brasile la seconda fase dei percorsi formativi di EAA Brazil, con l’intervento di Gilardoni e altri appuntamenti fra Perù e Colombia. In Italia, continua l’evoluzione dei format di aggiornamento e formativi, sempre più studiati per singoli centri sportivi e catene di club/piscine. EAA per ogni centro acquatico nel mondo è certezza di modelli di servizio e business nuovi e vincenti.

EAA International- uno dei riuscitissimi appuntamenti in Colombia, con la guida tecnica di Claudia Contreras

Nelly Ballester e Deborah Benetti - la coppia che ha successo come EAA France

Tutte le informazioni su www.euroaquatic.it

HA 2 - 2019 6


EAA NEWS

EAA News AQUAFITNESS DAYS 2019: TUTTE LE NOVITÀ DELLA STAGIONE 2019-20 IN TRE GIORNI (Hidron - Campi Bisenzio FI - 30 agosto/1 settembre)

Fra le prime anticipazioni dell’edizione 2019 della convention più famosa d’Europa, le riconferme di una giornata più dedicata alla formazione e all’aggiornamento trasversali, con un convegno su sviluppi manageriali e strategico-organizzativi in ambito acquaticità neonatale cui contribuirà l’australiana Julie Ann James ed altri esperti, work shop su tecnologia e relazione da sviluppare in piscina, servendosi di Hi Tech System (HTS: monitoraggi e app), senza perdere di vista il rapporto con il cliente su parti più metodologiche. Per masterclass e approfondimenti tematici, nonché novità di tendenza, sono annunciati diversi stranieri, provenienti da USA, Spagna, Portogallo, Estonia, Polonia, Sud America, Giappone anche se come sempre i veri riferi-

menti per stile e capacità saranno i fuoriclasse italiani della vincente e poco eguagliabile scuderia EAA. La sede sarà l’irrinunciabile Hidron che godrà di cambiamenti in ragione del definitivo passaggio di consegne della struttura ad Andrea Massagli e al suo Team. Per programma e iscrizioni a tariffe agevolate se perfezionate entro il 30 giugno: www.euroaquatic.it o presso piscina e stand di EAA a RiminiWellness di fine maggio. Info: eaa@euroaquatic.it

AIS News

Protagonista nell’edizione 2018 ad Hidron , Gabriele Tufano, sarà fra i Trainer di Acquafitness Days 2019

Una delle classi di Aquafitness Days 2018 a Hidron

AIS NEWS INIZIATIVE DI ALTO LIVELLO DI AIS: CALENDARIO E OPPORTUNITÀ PER I SOCI

Senza soste il lavoro di aggiornamento e crescita promosso da AIS per i propri associati e per chi ha piacere di seguire iniziative tanto interessanti. Dopo il convegno del 3 marzo a Varese, questi i prossimi appuntamenti AIS 2019 previsti nel corso di alcuni workshop. INFOPROGETTO: Milano 21 maggio, Como 13 giugno, Mantova 9 luglio e Parma 26 novembre. Nel corso di questi convegni viene dato risalto ad opere e realizzazioni di livello frutto del lavoro dei soci AIS. marketing@ais-it.org. Action Group/INFOPROGETTO, per dare più forza alla part nership con AIS, ha formulato la proposta di dare spazi espositivo-promozionali a condizioni vantaggiose per gli associati AIS: un’ottima motivazione in più per associarsi.

Ezio Ferarri, presidente di AIS

Per informazioni o per conoscere AIS marketing@ais-it.org e www.ais-it.org HA 2 - 2019 8


Splash & Wellness SPLASH & WELLNESS NEWS

SICILIA CONFERENCE Siracusa (21-23 giugno) SUN CLUB

Cresciuto costantemente negli anni, alla sua VI edizione, il grande appuntamento organizzato da Venticinque Viviana e il suo team presso l’accogliente e bellissimo impianto sportivo Sun Club di Siracusa, è un riferimento del fitness acquatico su scala internazionale. Il numero di partecipanti è la migliore attestazione degli apprezzamenti per una formula di aggiornamento, masterclass e conoscenza del territorio (anche turistica) veramente riuscita. Si conferma la collaborazione con Aqquatix/EAA a significare che se Sun Club e Viviana Venticinque sono una garanzia organizzativa, le partnership devono dare valore ulteriore alla manifestazione sicula, ambitissima da molti

dei migliori presenters e trainers stranieri e nazionali: fra i protagonisti sono annunciati, con ben due corsi di formazione nella giornata di Sabato 22, Cristina Tandurella (EAA), Anna Rita Misciglia (EAA), Joana Nunes (Portogallo), Nino Aborrage (Brasile), Maria Luz Gutièrrez (Spagna). Un programma veramente ricco e unico a tariffe accessibili e più vantaggiose per gruppi. Per iscrizioni, programma e informazioni: www. siciliaconference.com Pagina FB : @Sicilia Conference 2018 Email : info@sunclubsport.it

Protagonisti e partecipanti dell’edizione 2018 di Sicilia Conference

L’ALLENAMENTO METABOLICO NEL CALCIO DALLA CORSA CONTINUA AGLI SGG Milano 16 Marzo 2019

Il Convegno Scienza&Sport, organizzato in collaborazione con Il Nuovo Calcio, è giunto alla sua quarta edizione: il tema scelto per questa edizione, uno dei più dibattuti degli ultimi tempi e legato all’evoluzione dell’allenamento metabolico nel calcio, ha riscontrato un grande successo di partecipazione. Sono intervenuti, insieme a Ferretto Ferretti, direttore di Scienza e Sport e riferimento ineguagliabile nella preparazione atletica, altri grandi professionisti che hanno lavorato in diversi club della massima serie, esperti di allenamento fisico e Massimo Oddo, allenatore Uefa Pro ed ex giocatore. Durante i lavori sono stati premiati i vincitori dell’edizione 2018 del Premio Icaro, un riconoscimento destinato a neolaureati in Scienze Motorie e Fisioterapia fortemente voluto da Enrico Arcelli e giunto alla sua nona edizione. Inoltre è stato presentato  il libro di Italo Sannicandro e Giacomo Cofano intitolato “Small-Sided Games 2”. Il convegno, gratuito per tutti coloro che avevano  acquistato un libro o l’abbonamento annuale a Scienza&Sport, era valido come seminario del programma didattico del “Master in Teoria e Metodologia della Preparazione At-

letica nel Calcio” organizzato dall’Università Cattolica di Milano. Una ragione in più per seguire con attenzione il numero di aprile di Scienza & Sport dove sarà pubblicato un ampio speciale sul convegno. Per informazioni www.scienzaesport.it

HA 2 - 2019 10


SPLASH & WELLNESS NEWS

1.100 CLUB PER F45, IL FUNCTIONAL FRANCHISING MADE IN AUSTRALIA F45 Training, unisce 3 stili di allenamento fitness e combina differenti esercizi a intervalli ad alta intensità (HIIT), allenamento a circuito e allenamento funzionale. La fusione di questi tre concetti formativi ha portato allo sviluppo di 31 diverse esperienze di allenamento di 45 minuti. Questa combinazione di allenamento a intervalli, cardiovascolari e di forza si è dimostrata il metodo di allenamento più efficace per bruciare grassi e costruire massa muscolare magra. Le classi sono condotte da due trainer contemporaneamente e le differenti tipologie di allenamento fanno sì che gli utenti abbiano un alto grado di fidelizzazione ed interesse a frequentare i corsi e le challenge che vengono periodicamente lanciate. La 8 Weeks Challenge è quella più di successo ed integra l’allenamento con un piano alimentare. F45 realizza anche tantissimi eventi all’aperto dove sfidare i propri utenti in percorsi funzionali ed allenamenti ad alto impatto. L’idea di F45 nasce in Australia nel 2012, ad oggi conta 1.100 club affiliati in 38 Paesi.

Functional dall’Australia

www.f45training.com

RIMINIWELLNESS 2019, LA KERMESSE MONDIALE DEL WELLNESS: DIVERTIMENTO, FORMAZIONE, SPORT 30 maggio - 2 giugno 2019

RIMINIWELLNESS, il più grande appuntamento al mondo dedicato a fitness, benessere, business, sport, cultura fisica e sana alimentazione, ha registrato numeri da capogiro alla sua ultima edizione: visitatori da tutto il mondo (80 i paesi coinvolti) più di 400 aziende, 173.000 mq. di spazio espositivo (interno ed esterno), e oltre 20 km di costa adriatica in movimento. E poi 46 palchi, 350 mq. di vasche, fra cui quella ufficiale di EAA, oltre 500 presenter nazionali ed internazionali, 1960 sessioni di allenamento, oltre 100 eventi notturni tra feste, aperitivi ed eventi in spiaggia. RIMINIWELLNESS, con l’integrazione vincente delle due declinazioni B2C (WFUN) e B2B (WPRO) e le tre anime di Riabilitec, Foodwell Expo e Riministeel, si conferma leader indiscussa anticipando le nuove tendenze e catalizzando le innovazioni da tutto il mondo. Prezzo Ridotto per Gruppi: € 24 per persona anziché € 47 (biglietto valido 4 giorni) per gruppi di almeno 15 persone. Una gratuità ogni 20

persone (19 paganti + 1 omaggio); per i gruppi ingresso dovranno obbligatorio: OVEST. Prezzo ridotto per Visitatori Individuali: biglietto scontatissimo a € 23 per persona anziché € 46 (biglietto valido 4 giorni) accedendo al link http://en.riminiwellness.com/ticket, e inserendo codice sconto R1GER. Possibilità di acquisto fino a 2 biglietti. Abbonamento online: Dal 1° marzo fino al 29 maggio 2019, il prezzo dell’abbonamento online è di € 34. www.riminiwellness.it

Rimini Welleness 2018 - Fitness

HA 2 - 2019 11

Rimini Welleness 2018


SPLASH & WELLNESS NEWS

NASCE LA FONDAZIONE CRISTIANO TOSI: UN IMPEGNO NEL SOCIALE, CHE MUOVE DAI VALORI DELLO SPORT Personalità di spicco alla presentazione della “Fondazione Cristiano Tosi” tenutasi il 18 febbraio a Milano nella sede di Banco BPM: a dare lustro a tale cerimonia, oltre al promotore dell’iniziativa, l’avvocato Federico Tosi, hanno contribuito il Sottosegretario Giancarlo Giorgetti, l’AD di Banco BPM Giuseppe Castagna, il Prefetto di Milano Renato Saccone, l’Assessore al Turismo Sport e Qualità di Milano Roberta Guaineri, gli studenti del Liceo Marco Pantani di Busto Arsizio (VA) e le fondazioni di AC Milan, Rugby Milano, Igor Volley Novara, Vero Volley Monza. In memoria del fratello, Federico Tosi ha varato il progetto della Fondazione “Cristiano Tosi” che intende operare su tutto il territorio nazionale, appoggiandosi all’organizzazione dell’affermata impresa di famiglia, Sport Management, guidata da Sergio Tosi, padre di Federico e Cristiano. Obiettivo primo della Fondazione è il sociale, in antitesi a finalità di lucro e con il pieno coinvolgimento anche di Sport Management stessa. Aperta alla collaborazione con Enti, Società, Istituzioni Pubbliche e Private, la Fondazione Cristiano Tosi punterà su promozione e sostegno di sport paraolimpico, di assistenza a disabili motori e cognitivi (Progetto NEP), di inclusione a tutto tondo senza perdere di vista percorsi di crescita ed educativi per i bimbi, nonché progettualità eco-sostenibile

al servizio delle imprese; queste ultime verranno sensibilizzate con le forze produttive del Paese alla dimensione etica dei rapporti umani, a vantaggio della nostra crescita sociale e civile. Info: Ufficio Stampa Sport Management Roberto Nardella roberto.nardella@sportmanagement.it

Intervento di Federico Tosi sul palco con Giorgetti e Castagna (PH Simone Squarzanti - S.M.)

84 GLI STAKEHOLDER PER LA PRESENTAZIONE DELLA COSTITUENDA FONDAZIONE W.I.S.H. Il quartier generale del Wellness in Italia Nel corso di una splendida serata, il 13 febbraio è stata presentata la costituenda Fondazione WISH. Oltre 80 gli Stakeholder presenti per conoscere ed approfondire il progetto WISH sostenuto da ASI Nazionale, FitnessNetworkItalia, IHRSA ed il programma Global Action Plan on Physical Activity #GAPPA della World Health Organization (WHO). La serata è stata valorizzata dal Direttore Generale di ASI, Diego Maulu che ha ricordato i principi base del nuovo disegno legge 999 di riforma sportiva presentato dal presidente di ASI stesso, Senatore Claudio Barbaro, enfatizzando poi i crescenti dialogo e sinergie di ASI con Titolari di Club Fitness, Sportivi e Natatori.

Il vero protagonista è stato l’ideatore, Andrea Pambianchi, presidente di Fitness Network Italia, instancabile e capace di coniugare una nuova visione del wellness e l’educazione e sensibilizzazione al movimento, con focus su WHO: in fase di lancio campagne di sensibilizzazione ed inclusione per i Fitness e Wellness Club di tutta Italia, come ha anche ben inquadrato Luca La Mesa. Prossimi Step: avvio di Struttura e Governance di WISH (marzo); costituzione e accreditamenti (aprile); secondo Ricevimento WISH: 31 Maggio a Rimini; inoltre: strutturazione campagne. #ACTIVE_NOW #ALLENIAMOCI_CON_IMPEGNO #DISCONNECT #E’_ORA_DI_MUOVERSI www.fondazionewish.it

Serata di presentazione della Fodazione WISH

HA 2 - 2019 12


SPLASH & WELLNESS NEWS

Zumba Strong 30

STRONG 30: L’ULTIMA GRANDE NOVITÀ DI ZUMBA La novità più originale, efficace e coinvolgente di Zumba è STRONG 30 ™ : un allenamento rivoluzionario di 30 minuti ad alta intensità guidato dalla musica per motivarti a superare i tuoi obiettivi di fitness. Smetti di contare le ripetizioni. Inizia l’allenamento al ritmo ideale. STRONG 30 ™ combina movimenti di peso corporeo, condizionamento muscolare, movimenti cardio, pliometrici ed esplosivi come ginocchia alte, burpees e jumping jack tutti sincronizzati con musica originale ed esclusiva di Zumba. Se hai 30 minuti, ottimizza il tuo tempo per vivere questa esperienza di allenamento ad alta intensità.

Zumba Strong 30 Class

STRONGbyZumba.com o Zumba.com

FORUM CLUB-PISCINE 2019, UN’EDIZIONE RIUSCITISSIMA Gli organizzatori di Editrice Il Campo archiviano con soddisfazione la 20a edizione di ForumClub e l’11a di ForumPiscine, che hanno registrato apprezzamenti sia per la parte congressuale che fieristica. Ottimi i riscontri dai numeri: 150 espositori, molti in arrivo dall’estero (20%), 70 i momenti formativi con speaker di livello internazionale e più di 7.500 operatori. Fra le novità più gradite le due mostre una dedicata ai progetti in gara per l’Italian Pool Award, l’altra Surfaces, che ha dato risalto alle soluzioni per rivestire le pareti interne ed esterne di piscine e Spa. Ad aggiudicarsi gli Italian Pool Award per il 2019 sono GM Piscine per la categoria Residenziale Outdoor; Indalo Piscine per Residenziale Indoor; Mirani per Commerciale Outdoor; Studio TECO+ per Commerciale Indoor

e Tschigg Garden per la Biopiscina. Il Premio Speciale Facebook – per il quale sono state espressi 9.500 “mi piace” (+20% rispetto al 2018) - va a SYS Piscine - Piscine System 2000. Su iniziativa de Il Nuovo Club, la rivista che da 30 anni diffonde cultura per fitness e wellness, sono stati assegnati i Club Award 2019 al Club Interamnia di Teramo, al Body Studio di Palermo e a McFIT Italia, rispettivamente nelle categorie Innovazione, Club dell’anno e Speciale. Appuntamento al 18-20 febbraio 2020, sempre a Bologna. www.forumclub.it - www.forumpiscine.it

Partecipanti, come sempre numerosi e coilvolti nelle sessioni di Forum

Consegna degli Awords 2019

HA 2 - 2019 14


SPLASH & WELLNESS NEWS

ROSOLINO TESTIMONIAL DI SILIGROUP A FORUM PISCINE: UNA DOCCIA ANTILEGIONELLA Forum Piscine ha raggiunto il suo picco mediatico grazie alla presentazione organizzata da Siligroup per il lancio in esclusiva mondiale di un nuovissimo pannello doccia che coniuga design, alta tecnologia e sicurezza per la salute: infatti, l’azienda guidata da Giuseppe Dell’Aversana, affiancato dal figlio, Francesco, ha presentato proprio a Bologna Water Control Safe antilegionella. Una novità per la quale è sceso in campo Massimiliano Rosolino, da sempre impegnato per cause importanti come quella della sicurezza in acqua (di cui è testimonial per la FIN) ed ora al fianco del team Silgroup per celebrare questa novità che preserva la salute di ogni cliente di piscine, centri sportivi e turistici, e strutture alberghiere. Al fianco di Rosolino, Siligroup ha messo in gioco l’icona televisiva Antonio Lubrano e ha coinvolto esperti universitari e del settore chimico per illustrare al meglio i più di questa esclusiva doccia antilegionella, brevettata e made in Italy. Nel corso dell’iniziativa, ben coordinata dal direttore Marketing Giovanni Di Monaco, sono stati premiati tutti i componenti del team Siligroup, a riconferma dell’alto valore che l’azienda campana esprime, condividendolo con ogni persona che ne è parte.

Massimiliano Rosolino premiato da Giuseppe dell’Aversana, titolare di Siligroup, a Forum Piscine

POLO DELLA SALUTE: LA FORMAZIONE DEL WELLNESS MEDICAL COACH La promozione dell’attività fisica come farmaco naturale, ma più in generale del benEssere, è l’obiettivo del progetto Polo della Salute. Le attività proposte dal Polo della Salute, attraverso il lavoro in team di professionisti della salute e del movimento, porta le persone ad avere migliori risultati nei giusti tempi. Il medical wellness è un approccio atto a fornire un’esperienza di accoglienza, di accompagnamento ed ha l’obiettivo di generare entusiasmo, consapevolezza e responsabilità per il mantenimento della “forma fisica” ritrovata. Il 95% degli italiani non frequenta i centri wellness e la frequenza media è poco più di 3 mesi su 12. Il corso di alta Formazione Wellness Medical Coach è organizzato da Università Internazionale delle Nazioni Unite per la Pace sede di Roma, in collaborazione con POLO DELLA SALUTE METHOD è finalizzato a formare una nuova figura professionale: Wellness Medical Coach fornire nuove competenze, conoscenze e abilità manageriali per gestire ed organizzare le aziende wellness e di promozione della salute nei prossimi anni. Un’opportunità per i professionisti della salute e del wellness che desiderano operare all’interno del settore wellness-benessere e salute; la sede è l’Università UNIPACE in Roma, Via Nomentana n. 54. Presentazione corso 23 marzo 2019.

Gerardo Ruberto, fra i promotori del progetto, è personalità di spicco nel settore Wellness - qui a W2S a Montecatini

Per informazioni www.polodellasalutemethod.it o info@smilingcoachsystem.it

HA 2 - 2019 15


SPLASH & WELLNESS NEWS

FOCUS SULLA PISCINA NEL MASTER PCGdIS DEL POLITECNICO DI MILANO Nel Master di II Livello in “Progettazione Costruzione Gestione delle Infrastrutture Sportive” istituito dal Politecnico di Milano in collaborazione con i più importanti stakeholder del sistema sportivo italiano (FIGC, CONI Servizi SpA, ICS, Lega Serie A) e il cui obbiettivo è quello di formare professionisti di elevato livello in grado di operare con successo nell’ambito della loro ideazione, programmazione, progettazione, costruzione e gestione, è stato inserito un seminario tematico dal titolo “La piscina di domani, oggi. Progettazione Costruzione Gestione di infrastrutture complesse tra nuove tecnologie e modelli gestionali virtuosi”, modulo fortemente voluto dal Direttore del Master prof. Emilio Faroldi. Una giornata supervisionata dal coordinatore scientifico, l’architetto Davide Allegri, con interventi di alcuni specialisti del “mondo-acqua” e focus su diverse tematiche – da quelle progettuali, a quelle tecnologico-energetiche, a che gestionali ed economico-finanziarie – secondo un approccio inter e multi-disciplinare oggi ineludibile per affrontare le sfide delle complessità contemporanee. Sono intervenuti: l’architetto Mauro Lunghi, l’ingegner Marco Pascoli, l’avvocato Lorenzo Bolognini, gli imprenditori Pier Spinelli, Ferruccio Alessandria, Rossana Prola e Marco Tornatore, l’architetto Ivano Epis e gli esperti in ambito energia e energy management Raffaele Tardi, Raffaele Piccolo e Lisa Macor. Per sapere di più di questo percorso altamente qualificante www.master.infrastrutturesportive.it

Una parte dei relatori alla giornata del Master con focus sulla piscina

FNI News FNI NEWS

FNI E WORLD HEALTH ORGANIZATION PER PROMUOVERE UNA VITA MOTORIAMENTE ATTIVA

Il secondo incontro presso la World Health Organization per l’implementazione del GAPPA svoltosi il 25 e 26 febbraio a Ginevra ha visto fra i protagonisti, Andrea Pambianchi, presidente di FNI, in rappresentanza dell’Italia. Un incontro che ha permesso di proseguire nel progetto di sensibilizzazione mondiale sull’educazione al movimento, che ritroviamo anche nella mission della costituenda Fondazione WISH. Oltre 23 i rappresentanti del settore Fitness, Wellness e Sport, tra associazioni globali, network, scuole di formazione, fondazioni; su tutte UNESCO, World Federation of Sporting Goods Industry (WFSGI), IHRSA, Fitness Network Italia, American Council on Exercise (ACE Fitness), IOC, Icreps, UNICEF. Diversi i Paesi autorevolmente rappresentati: per menzionarne alcuni, oltre all’Italia, di cui Pambianchi era l’Ambassador, Brasile, Nuova Zelanda, Libano, USA, Emirati Arabi, Australia, Cina, Arabia Saudita.

HA 2 - 2019 16

I Delegati dei diversi Paesi e degli Enti che sono parte attiva del Board, fra cui FNI per l’Italia


HA 2 - 2019 17


ACQUANETWORK NEWS

Acquanetwork HAPPY AQUATICS MEETING - DUE GIORNI DI INCONTRI E SESSIONI PER IL RINNOVO DI HA&W

Prima iniziativa in sinergia fra Acquanetwork e Professione AcquaNET: un successo

A fine febbraio oltre 120 persone complessivamente si sono ritrovate presso l’ospitale Galzignano Terme Spa & Golf Resort di JHS al primo Happy Aquatics Meeting, frutto dell’inedita collaborazione Monterey-AcquanetworkProfessione AcquaNET-EAA, con l’appoggio di FNI e la partnership di JSH: un programma condiviso e concordato fra le due associazioni di categoria del settore piscina e costruzione di impianti. Prima giornata più dedicata ai rispettivi soci, mentre la seconda, il 28 febbraio, si sono susseguite sessioni e confronto animati da illustri esperti del comparto: si è parlato di norme ed aspetti lavoristici grazie agli interventi di personalità del livello di Roberto Bresci e Alberto Succi; Sonia Mercolino di Wellink ha fatto il punto su soluzioni per operare sul web promuovendo meglio l’acquaticità verticale, vera frontiera per intercettare nuovi clienti, mentre, su social, digital marketing e comunicazione online l’intervento di Giacomo Sintini (Randstad) è stato una novità molto

apprezzata; Edoardo Cognonato ha completato da par suo la presentazione del nuovo Happy Aquatics & WellnessConstruction per poi chiudere la seconda giornata con una sua eccellente performance, sponsorizzata da Aqquatix, su “Hi Tech-Hi Touch”, ovvero l’importanza della tecnologia e del monitoraggio in acqua, purchè prevalga la relazione agevolata da istruttori e manager preparati. Sul fronte più progettuale e impiantistico, confronto fra associati di Professione AcquaNET - il numero crescente di soci configura tale realtà come la più credibile e di richiamo per i costruttori di piscine – con le prime anticipazioni del congresso Piscina 2019, che sostituirà il partecipatissimo Convegno d’Autunno e si terrà al Palacongressi di Rimini il 3-4 dicembre.

Alberto Succi, insieme a Roberto Bresci, ha suscitato grande interesse nella sessione su lavoro e norme-fisco

ASSEMBLEA ANWK: STEP EVOLUTIVI DELL’ASSOCIAZIONE DI CATEGORIE DI SPORT-PISCINA Il 27 febbraio, a riconferma della vitalità di Associazione Acquanetwork, nuovo incontro fra Soci, con tante innovative idee discusse e in parte approvate: viene confermato l’attuale vertice e direttivo, affiancato da nuove figure che agiranno da propositori; fra queste, Simone Ciolli (Spa Consulting) e Gianantonio Felisetti (Idroconsult). Positiva la registrazione di nuovi associati, mentre sulle iniziative volte a dare benefici a soci e settore, i punti chiave su cui ci

Assemblea dei soci Acquanetwork - in primo piano sulla destra la presidente Manuela Lovo

si è concentrati hanno portato a concludere di sviluppare tematiche interessanti per club e gestori, favorire momenti B2B, coniugare incontri fra associati e visite a realtà extra settore, rafforzare le sinergie con ANIF (Convegno a Rimini Wellness) e preparare il nuovo Summit 2020 collocato a calendario a marzo del prossimo anno. www.acquanetwork.it

Fabrizio Rampazzo ha dato il via ad una campagna su ecosostenibilità dell’acqua collegata ad ANWK, al nuovo Happy Aquatics e al relativo blog

HA 2 - 2019 18


ACQUANETWORK NEWS

PROSSIMI APPUNTAMENTI E AZIONI DI ANWK Il Consiglio Direttivo, con approvazione dell’assemblea, ha fissato una serie di date per le iniziative e i prossimi impegni a beneficio dei soci e nell’interesse del comparto sportivo/piscina a tutto tondo (agonistico, gestionale, imprenditoriale): queste le date e gli appuntamenti di rilievo, quasi tutti molto concentrati su Rimini: 30-31 maggio RiminiWellness incontro fra soci con seminario open in sinergia con ANIF, EAA e Happy Aquatics&Wellness 31 maggio Rimini: partecipazione con propri delegati al secondo meeting della WISH Foundation 3 luglio, Toscana (da confermare): Summer Acquanetwork Meeting aperto anche ai non soci

9-11 ottobre Area espositiva e convegni a SUN-SIA Guest di Rimini 3-4 dicembre - Rimini Palacongressi - PISCINA 2019 Expo e Congress. In collaborazione con l’ente organizzatore, Professione Acqua: ANWK il 3 dicembre organizzerà sessioni rivolte a club, gestori e società sportive; nel corso della due giorni si terrà anche ANWK Meeting di Fine Anno per i soci.

L’edizione 2020 di ANWK Summit sarà a marzo

ANIF NEWS

ANIF News a cura di Eliana Fortuna - Ufficio Stampa ANIF

FRONTIERE DEL WELLNESS: IL MEDICAL FITNESS

La promozione di sani stili di vita è la missione dei centri sportivi a beneficio della collettività: sensibilizzare all’attività fisica deve tradursi nelle policy istituzionali dei singoli Paesi. ANIF è in prima linea per la diffusione del wellness: oltre al dialogo con le istituzioni italiane, è attiva pure a livello europeo con EuropeActive. Tanti i progetti promossi con l’associazione europea per la diffusione del wellness a chi non è mai stato attivo: tra questi Let’s BeActive, 70 centri sportivi e centinaia di sedentari coordinati da ANIF per allenarsi gratuitamente sotto la supervisione di tecnici formati e dedicati. Nel 2019 il progetto sarà replicato, raddoppiando sforzi e durata. Parallelamente ANIF si adopera per la difesa e tutela degli associati, nel rispetto della sua vocazione etica e di coerenza nel sostenere le società e associazioni sportive, finanche monitorando le sue positive ricadute sociali. L’ingresso in EuropeActive ha permesso ad ANIF di rafforzare ulteriormente la sua voce di fronte alle istituzioni nazionali e internazionali mentre, a livello territoriale, può contare sulle delegazioni ANIF Sicilia e ANIF Lombardia per i progetti di diffusione della salute tramite l’attività fisica.

ANIF e EuropeActive al Fibo - uniti per sensibilizzare la popolazione all’esercizio fisico seguendo le linee guida di Let’s Be Active

HA 2 - 2019 19


ANIF NEWS

ANIF SICILIA: FORMAZIONE, IMPIANTI E SALUTE ANIF Sicilia, con il coordinamento di Germano Bondì, sta focalizzando la sua azione in ambito legislativo e di sensibilizzazione sociale. Una proposta di legge è arrivata in Regione grazie alla sua spinta e al lavoro di intelaiatura istituzionale necessario per “attivare un circuito regionale di palestre e di strutture sportive, certificate ed istituzionalmente riconosciute, con azioni formative, condivisione di valori etici ed un sistema di valutazione della qualità degli interventi”. Sono le palestre dove arriverà sia il patologico, con una prescrizione medica dell’esercizio fisico, sia il sedentario, allo scopo di prevenire quelle patologie legate all’inattività. Lo scopo è rendere l’AFA, l’attività fisica adattata, un percorso certificato e riconosciuto. Per valorizzare al meglio formazione e idoneità degli impianti, ANIF Sicilia sta lavorando con l’Assessorato Regionale alla Formazione (obiettivo: la figura dell’Operatore Sportivo); al contempo ha inaugurato un tavolo tecnico con l’assessore alle attività produttive per le problematiche di gestione impianti.

Germano Bondì con il Senatore Davide Faraone. ANIF Sicilia al CONI

ANIF LOMBARDIA: INVECCHIAMENTO ATTIVO ANIF Lombardia, guidata da Massimo Cicognani, ha già inaugurato, grazie a diversi accordi con le ATS di Monza Brianza, Brescia e Bergamo, un modello di gestione delle malattie croniche non trasmissibili. In pratica, i centri sportivi ANIF sono stati inseriti in un accordo che, dal 2108, ha inaugurato un percorso di cura per i patologici che integra in modo esemplare l’attività fisica nei centri

sport e fitness. Scopo del progetto, voluto dal sistema socio-sanitario della Regione Lombardia, è promuovere un invecchiamento attivo in piena salute. Come? Prevenendo le cronicità che hanno costi particolarmente elevati per la Sanità con un programma di diagnosi precoce delle condizioni di rischio, nella popolazione tra i 45 e i 60 anni di età.

Consegna del premio dal presidente ANIF, Duregon, a Interamnia alle persone di Giorgia D’Autorio e Leonardo Valentini

Massimo Cicognani. Presentazione Accordo ATS Brianza

PROSSIMI APPUNTAMENTI ANIF NEL FITNESS: FIBO E RIMINIWELLNESS Dal 4 al 7 aprile 2019 a Colonia, come ogni anno si terrà il FIBO. Nell’ottica di valorizzare sempre più la formazione dello staff, vero fiore all’occhiello di un club, anche quest’anno ANIF regala ai suoi affiliati 2 giorni di ingresso gratuito al FIBO. Per le modalità, contattare la segreteria ANIF ai numeri in calce alla pagina. Dal 30 maggio al 2 giugno, Rimini Wellness, la fiera dove il fitness dà spettacolo, sarà il naturale teatro di presentazione e lancio del Registro europeo dei professionisti dell’esercizio fisico coordinato in Italia da ANIF, scelta da EuropeActive per la sua vasta rappresentanza, indipendenza di azione e alto profilo come per la sua difesa e promozione del settore, di esperienza più che ventennale. www.anifeurowellness.it / Tel. 0661522722 HA 2 - 2019 20

ANIF - a Forum Bologna 2019 da sinistra Succi, Marchetti e Duregon; saranno i probabili protagonisti anche al convegno di Rimini Wellness


ANIF NEWS

LA FORMAZIONE COMPETITIVA DEL TRAINER CON ANIF Che cos’è EREPS e quali sono le differenze con lo SNaQ, soprattutto in termini di vantaggi per il club? Nel prossimo numero di maggio un’intervista esclusiva dove ANIF metterà a confronto Michele Marchetti, direttore CSI nazionale e Enrico Guerra, direttore Ricerca e sviluppo ELAV in merito a queste due interessanti e strategiche leve del business di un centro sportivo. a cura di Eliana Fortuna | marketing@anifeurowellness.it Tra i top 20 trend del fitness del 2019 secondo l’American College of Sports Medicine c’è la certificazione per i tecnici sportivi, che deve essere sempre più adeguata alle sfide del futuro, una tendenza che fa da contraltare ad un mondo caleidoscopico che ritrae una domanda di fitness e wellness ad ampio spettro. ANIF, in questa direzione sta sviluppando due partnership importanti: con il CSI e con ELAV. Quella con il CSI è una cooperazione strategica che, oltre al pacchetto di servizi a 360°per i soci ANIF permette ai club di adeguare la formazione degli istruttori al sistema SNaQ, adottato dal CONI. Con ELAV il percorso formativo, d’altro canto, si snoda verso una sempre maggiore specializzazione dove il trainer è un allenatore di salute e benessere perché l’esercizio fisico deve essere sempre più strumento di diffusione di salute. Mission di ANIF è che lo sport e il fitness siano davvero per tutti: tutti però significa target diversi ed esigenze sempre più specifiche. EREPS, Registro europeo dei professionisti dell’esercizio fisico è un sistema europeo di riconoscimento dei trainer con elevatissimi standard: ANIF come main partner Italia di EuropeActive si occuperà di coordinare la sviluppo in

Michele Marchetti, direttore generale di CSI

Italia di EREPS grazie alla partnership con ELAV, CSI, Wellness Institute e ISSA. Il tema è stato anticipato anche durante il convegno ANIF dello scorso 15 febbraio al Forum Club, di cui alcuni passaggi sono riportati su www.anifeurowellness.it

Tra i top trend del fitness del 2019 c’è la certificazione per i tecnici sportivi, che deve essere sempre più adeguata alle sfide del futuro

Giampaolo Duregon, presidente ANIF

Splash & Wellness SPLASH & WELLNESS NEWS

AQUA FILM FESTIVAL - ACQUA E ECOSOSTENIBILITÀ NELL’ARTE E NEL CINEMA - Roma 11-13 aprile

Sposando il tema comune della ecosostenibilità e dell’acqua, attraverso l’arte e il Cinema, Aqua Film Festival organizza una tre giorni che tocca anche le sensibilità di operatori sportivi che con l’acqua riescono ad educare allo sport anche solo in termini di servizi accessori. La 4a edizione di questo appuntamento (Roma 11 -12-13 aprile) è un’occasione per considerare l’acqua come risorsa vitale, di cui lo sport, come tutti i comparti, non può certo fare a

meno: un modo per costruire qualcosa insieme all’attività di ognuno, valorizzandola e aiutandoci a dare un messaggio di consapevolezza per il nostro ambiente. www.aquafilmfestival.org

HA 2 - 2019 21


Manage ment 6’

L’OPINIONE

MANAGEMENT

LA LEGGE DEI GRANDI NUMERI

Le distorsioni sistemiche: la corsa al tesseramento per mere finalità contabili premianti per avere sussidi, ma in contrasto netto con i valori etici dello sport, tanto da screditare il settore e impoverire i servizi a cura di Gianfranco Mazzia | direzione@anifeurowellness.it

alta. Si trattava dei contributi CONI, contributi nella cui ripartizione il peso del tesseramento era molto importante. Per “la Legge dei Grandi Numeri” relativi all’associazionismo sportivo (legge non scritta, ma strettamente osservata da parte delle ASD/SSD” per puri motivi sopravvivenza) era nata quindi una guerra sempre più aspra e senza esclusione di colpi incentrata ovviamente al contenimento dei prezzi delle tessere a scapito inevitabilmente dei servizi offerti ai propri iscritti (assicurazione, formazione, manifestazioni ecc.) Il movimento sportivo in questo vero e proprio campo di battaglia oggi non riesce più ad orientarsi con serenità e capacità di giudizio dove purtroppo riescono talora a prevalere nella scelta Enti che, a fronte di prezzi delle tessere estremamente ridotti, non offrono alcuna garanzia sul piano della qualità dei servizi.

HA 2 - 2019 22

Nell’avanzare, dall’ormai lontano 2010, l’Interpello alla Agenzia delle Entrate da cui è uscita la famosa Risoluzione N. 38/E del 17 maggio 2010, Giampaolo Duregon, Presidente di AnifEurowellness, non si poteva certo immaginare imprimesse una spinta al processo di sviluppo associativo del sistema CONI di tale portata da produrre ancor oggi, dopo quasi un decennio dalla emanazione della Risoluzione, i suoi incredibili effetti. Attraverso l’Interpello, Duregon chiedeva in particolare se i corrispettivi specifici pagati dai partecipanti e/o praticanti della società sportiva dilettantistica potevano essere ricompresi nel regime agevolativo di cui all’art, 148 Comma 3, del TUIR riguardo la decommercializzazione (esenzione IVA ) delle attività rese in diretta attuazione degli scopi istituzionali della società. Il chiarimento da parte dell’Agenzia delle Entrate avrebbe finalmente sgombrato il campo da dubbi e perplessità riguardo la corretta applicazione di una normativa ancora purtroppo oggetto di interpretazioni spesso soggettive, se non fantasiose da parte degli Organi di Controllo. L’Agenzia attraverso la citata Risoluzione 38/E chiariva finalmente e senza ombra di dubbio che la disposizione agevolativa in argomento si applica anche nei confronti dei “frequentatori/praticanti” delle Società Sportive Dilettantistiche “a condizione che i destinatari delle attività risultino tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali del CONI (Federazioni Sportive Nazionali, Enti di Promozione Sportiva)”. Con questo atto l’Agenzia, da un lato faceva tirare un sospiro di sollievo alle decine di migliaia Società Sportive Dilettantistiche che vivevano sotto l’incubo degli effetti devastanti sul piano fiscale di errata interpretazione della norma da parte degli Organi di Controllo, dall’altro, dava il via alla grande corsa al tesseramento Coni dei “frequentatori/praticanti” delle SSD, con sommo gaudio delle FSN, ma soprattutto degli EPS che improvvisamente, nel breve giro di un anno, hanno visto crescere esponenzialmente in numero dei propri tesserati. Si era aperto infatti un grande bacino di utenti da raggiungere attivando strumenti che si sono rivelati via via sempre più efficaci anche se in taluni casi non sempre eticamente condivisibili. La concorrenza infatti giocava su questo terreno un ruolo determinante. D’altra parte la posta in palio era molto

Contributi CONI nella cui ripartizione il peso del tesseramento era molto importante


Detto questo si ritiene che per uscire da questa incresciosa situazione, occorre che il CONI scenda istituzionalmente in campo per indicare le linee lungo le quali le Società possano muoversi con un certo margine di sicurezza; linee che consentano al sistema sportivo nazionale di recuperare quei principi etici e morali ai quali questo si è fin qui ispirato dalla sua nascita e che oggi, a causa degli effetti perversi della “Legge dei Grandi Numeri”, sta perdendo. 120 anni di gloriosa storia non possono essere cancellati da un traffico di tessere di bassa lega reperite a qualunque costo, in taluni casi in circostanze eticamente non accettabili (sagre paesane, convention politiche, feste, cene ecc) che con lo sport non hanno nulla a che fare. Pertanto, se è vero come è vero che il movimento sportivo nel suo complesso non può vivere e crescere senza un fondamentale sussidio CONI, è anche vero che la distribuzione delle risorse messe a disposizione annualmente dallo Stato non può essere correlata solamente al peso del tesseramento dei praticanti attività sportiva, raggiunto peraltro con mezzi che spesso con la meritocrazia hanno nulla a che fare.

“ “

“ “

Lets be active- lo sport ha fini educativi e di alto valore sociale, non è mercimonio di tessere

120 anni di gloriosa storia non possono essere cancellati da un traffico di tessere di bassa lega

Wellnext - sezione agonistica è sempre una parte distintiva delle società sportive, con tesseramenti certi e in linea con valori etici

Occorre che il CONI scenda istituzionalmente in campo per indicare le linee lungo le quali le Società possano muoversi con un certo margine di sicurezza

HA 2 - 2019 23


PUBBLIREDAZIONALE

REGEN

REGEN & LONGEVITY ZONE REGEN e LONGEVITY ZONE nascono dall’esperienza del fondatore, Metello Savino, nuotatore professionista olimpionico e successivamente atleta master di livello mondiale, con l’obiettivo di introdurre un nuovo approccio al benessere psicofisico delle persone. Il concept del progetto non considera l’età come un limite nella performance sportiva e utilizza le tecniche di allenamento, la ricerca e la tecnologia, per compensare la mancanza di tempo, le esigenze della vita quotidiana di un adulto e l’invecchiamento biologico, sempre all’insegna della “non privazione”, per creare e lanciare un progetto basato sullo sviluppo di contenuti di indoor training, outdoor training e di age-management. L’attività psico-fisica è sviluppata in REGEN, con un primo centro pilota ubicato a Pavia. L’age-management è l’insieme di diagnostica e terapie offerte da LONGEVITY ZONE, per rispondere in maniera efficace e duratura alle esigenze di anti invecchiamento richieste dal mercato. In LONGEVITY ZONE il benessere è una condizione di normalità, rispetto all’eccezionalità ormai accettata dalla società di oggi. Parte fondamentale nella ricerca e nella formulazione dei protocolli è un team medico-scientifico con cattedra di Longevity e Precision Medicine alla EFHRE International University. Medicina Ortomolecolare, Rigenerativa, Medicina di Precisione, Genomica sono gli ambiti primari dai quali LONGEVITY ZONE attinge i propri contenuti. L’innovazione proposta da REGEN e LONGEVITY ZONE si basa sul mantenere un alto livello di longevità psicofisica: non è un processo di rallentamento dell’invecchiamento, ma di mantenimento dell’efficacia e dell’efficienza dell’attività psicofisica, con ampio spazio di analisi dell’individuo e proposte di programmi personalizzati, mai standardizzati. Nel centro REGEN si respira aria pura grazie alla Pure Air Zone, una tecnologia di eccellenza per la depurazione e purificazione dell’aria. L’allenamento diventa ancora più performante ed efficace! La visione moderna e innovativa di Metello Savino ha portato, grazie ad una costante analisi del mercato del benessere e della salute, all’individuazione dei supporti necessari per una gestione ottimale di spazi e impianti, con particolare attenzione all’ambiente e alla sostenibilità.

Metello Savino

www.regenzone.it www.ai-longevityzone.com info@regenzone.it


14ma EDIZIONE

Organizzato da

Con il patrocinio di

Comune di Rimini

In contemporanea con

Follow us


FITNESS WELLNESS

Sala cardiofitness in uno dei club più prestigiosi a Pechino

Editoriale IL FITNESS DOPO 21 PRIMAVERE!

Era il lontano 1998 quando ho iniziato a “muovere” personalmente i primi passi nell’azienda di famiglia, i Dabliu Fitness Club di Roma che in soli due anni (il primo club fu aperto nel 1996) contava già 5 “palestre” a Roma. Ed oggi, nel 2019, sto superando indenne la 21esima Primavera! In questi 20 anni il mercato del fitness, come del resto tutti i mercati, è profondamente mutato di pari passo con il progresso scientifico, sociale e tecnologico. Avendo la “fortuna” di essere nato nel 1979 rientro in quella generazione di nicchia chiamata “Xennials” (1977-1985) che rappresenta l’anello di congiunzione tra il disincantato mondo della generazione X e il gaio ottimismo dei Millenials. Di certo non si può dire che ci manchi lo spirito di adattamento! Ed è proprio la necessità/opportunità di ADATTAMENTO il filo conduttore ed ispirazione che lega gli articoli dedicati al Wellness. Mai come nelle ultime due stagioni infatti gli Operatori di Fitness e Sport Club stanno cercando di adattarsi velocemente alle innumerevoli novità del mercato, ai repentini

Andrea Pambianchi - andrea@fni.fitness.com

gli Operatori di Fitness e Sport Club stanno cercando di adattarsi velocemente alle innumerevoli novità del mercato, ai repentini cambiamenti delle modalità di acquisto e alle mutate esigenze degli utenti

HA 2 - 2019 26

Reception di fitness club

cambiamenti delle modalità di acquisto e alle mutate esigenze degli utenti. Grazie alla collaborazione tra Happy Aquatics & Wellness, Fitness Network Italia e IHRSA International la rubrica Wellness del magazine si arricchisce con una selezione dei contenuti di www.fitnessnetworkitalia.com con l’obiettivo di creare un vero e proprio osservatorio globale per intercettare i nuovi Trend e cercare di capire se saranno destinati ad un successo duraturo o solo passeggero.


Event by

euroaquatic.it

Supplied by

Campi Bisenzio, Firenze

30 Agosto

1 Settembre 2019

30 agosto - Primo corso di formazione

HTS / HI TECH SYSTEM teoria e pratica, con applicazione del metodo Aqua CardioFitness

30-31 agosto - Special edition Corso di formazione

AQUAFITNESS BASIC

30 agosto - Laboratorio pratico

Le migliori scuole internazionali a confronto ACQUATICITÀ PRENATALE E NEONATALE NEL FUTURO

Tutte le anticipazioni di Aquafitness Days su

facebook.com/EAAInternational


7’

FITNESS

Fitness FUNCTIONAL PER UNA VITA ATTIVA E IN SALUTE Più che un metodo è uno stile di pratica sportiva che aiuta a prevenire patologie e a migliorare la qualità della vita, con ricadute positive per coach e titolari di club a cura di Max Icardi | max@functionaltraining.be QUAL È IL FUTURO DELL’INDUSTRIA DEL FITNESS? Dopo decenni di crescita smisurata, l’industria del fitness ha conosciuto negli ultimi anni una trasformazione radicale. Le “palestre” classiche, quelle di quartiere e gestite da un proprietario (spesso un appassionato...) hanno dovuto cedere il passo ai colossi multinazionali del low-cost, alle RyanAir del fitness. Con un modello di business tanto semplice quanto efficiente queste corazzate del fitness hanno messo in fuori gioco la stragrande maggioranza degli imprenditori: inutile competere sul prezzo, o si innova o si deve chiudere. Una tendenza generale in tutti i settori dei servizi è la comparsa della “fascia media”: o si punta sul low cost o si investe su offrire ai clienti servizi personalizzati ed esperienze indimenticabili. Assistiamo così alla nascita e proliferazione di studi di personal training, centri di yoga e Pilates, boutique fitness clubs...che si contrappongono con successo al fitness di massa dei low cost.

Nel caso specifico dei centri di personal training, è importante che questi non “scimmiottino” una palestra in piccolo. Da pioniere del Functional Training (il mio primo centro fu aperto nel 2003 in una modesta superficie di 40mq) non posso che rallegrarmi della popolarità che questa disciplina sta conoscendo negli ultimi anni. Finalmente ci si rende conto che la forma segue la funzione. A cosa serve avere dei bicipiti “scolpiti” se non si riesce a sollevare un bambino senza bloccarsi la schiena? Questa è la premessa alla base dell’evoluzione del concetto di fitness funzionale - un approccio che può trasformare l’industria del fitness puntando sul miglioramento dello stile di vita piuttosto che sul solo fattore estetico. Ovviamente come tutte le “mode” sta ai professionisti a garantire la qualità ed efficacia dei programmi, ma questo è argomento più “tecnico”. Ora vorrei concentrarmi sui benefici di un piccolo studio di Functional Training in un centro termale, in un wellness o in una piscina.

Allenarsi in modo funzionale significa allenarsi per vivere meglio

Strong training non è per tutti

HA 2 - 2019 28


Per massimizzare i benefici dell’allenamento, i coaches devono avere una buona comprensione di ciò che influisce sulla qualità del movimento

FITNESS PER LA VITA REALE Allenarsi in modo funzionale significa allenarsi per vivere meglio. Preparare il corpo in modo che possa svolgere le attività quotidiane - camminare, piegarsi, sollevare, salire le scale - senza dolore, lesioni o disagio. Essere più performanti nello sport praticato riducendo il rischio di infortuni. L’allenamento funzionale comprensivo di equilibrio, postura e coordinazione è fondamentale per tutte le età. Per ottenere i benefici “reali” dell’allenamento, gli utenti dovrebbero utilizzare il proprio corpo in modo integrato. Questo si oppone all’idea alla base dell’allenamento di forza basato sui macchinari, che è stato sviluppato per permettere ai bodybuilder di isolare singoli gruppi muscolari. I muscoli si rafforzano utilizzando macchine e pesi liberi, che è una componente essenziale di qualsiasi programma di fitness, ma in tali programmi manca la sinergia fondamentale del corpo. Al contrario, l’allenamento funzionale, il Pilates e lo yoga...ma anche la maggior parte degli sport stimolano il corpo a lavorare in modo integrato, utilizzando i muscoli in modo sequenziale. CONSIDERAZIONI PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Nel mettere insieme ogni allenamento, i coaches possono scegliere tra migliaia di esercizi, tra cui più di 25 modi per eseguire un semplice affondo. Variare gli esercizi aiuta a mitigare la noia e stimolare il fisico in maniera adeguata. Può essere più difficile da imparare ed eseguire di un classico allenamento su un macchinario, ma sarà più divertente e benefico per il cliente. Per massimizzare i benefici dell’allenamento, i coaches devono avere una buona comprensione di ciò che influisce sulla qualità del movimento. I fattori che giocano il ruolo maggiore nelle prestazioni sono la potenza (forza e velocità), l’agilità (flessibilità, mobilità, stabilità), il condizionamento cardiovascolare e respiratorio, le abilità sportive (coordinazione ed efficienza neuromuscolare) e il potenziale genetico. ALLENARSI PER RESTARE GIOVANI Il fabbisogno energetico giornaliero diminuisce di circa il 10% per decennio dopo il terzo decennio di vita. Una delle ragioni è la perdita di massa muscolare metabolicamente attiva e un parallelo aumento dei depositi di grasso metabolicamente inerte. La forza muscolare raggiunge i picchi intorno ai 25 anni di età, si stabilizza fino ai 35 o 40 anni, per poi mostrare

Attrezzatura per functional e cross training - Escape Fitness

un declino accelerato, con una perdita del 25% della forza entro i 65 anni. La massa muscolare diminuisce, apparentemente con una diminuzione selettiva della sezione trasversale, se non del numero di fibre di tipo II. Altre possibili cause di perdita funzionale includono un deterioramento del reclutamento delle fibre, un tempo di rilassamento prolungato e una velocità ridotta. I cambiamenti dovuti all’invecchiamento sono maggiori nelle gambe. La perdita di forza ostacola progressivamente la vita quotidiana. La forza muscolare può essere notevolmente migliorata con appena otto settimane di resistenza/allenamento funzionale. I muscoli più forti migliorano ulteriormente la funzione stabilizzando le articolazioni, riducendo i rischi di cadute e migliorando l’equilibrio e la coordinazione. C’è una progressiva diminuzione del contenuto di calcio e un deterioramento delle ossa con l’invecchiamento. I cambiamenti sono più marcati nelle donne che negli uomini, in parte a causa dei cambiamenti ormonali e di un minore apporto di calcio e proteine. Un regolare esercizio fisico portante può fermare e talvolta persino invertire la perdita di minerali ossei. Gli esercizi funzionali riproducono lo stress osseo associato alle attività della vita quotidiana. L’allenamento fisico non può ripristinare i tessuti che sono già stati distrutti, ma può proteggere da una serie di malattie croniche. In alcuni casi, l’età biologica si riduce fino a 20 anni. DA DOVE COMINCIARE? Allestire uno spazio per il Functional Training in un centro wellness è un’operazione molto semplice. Una superficie di 30-40mq è più che sufficiente per offrire dei servizi di personal training o in piccoli gruppi (2-4 persone). L’investimento finanziario per il materiale è minimo rispetto a quello che si dovrebbe sborsare per dei macchinari “classici” da fitness. Il mio consiglio? Dare lo spazio “in gestione” ad un personal trainer qualificato ed esperto in Functional Training in cambio un affitto mensile. Questa è una formula che è già stata sperimentata in molti Paesi e che è paragonabile a molti esempi simili di “shop in shop” già esistenti in altri settori (per esempio parrucchieri all’interno di centri commerciali). Non solo questa soluzione permetterà di offrire un servizio aggiuntivo alla clientela del wellness - che altrimenti lo cercherebbe altrove - , ma anche di attirare nuovi clienti grazie ai canali di promozione del Personal Trainer.

HA 2 - 2019 29


5’

FITNESS

Fitness

I 5 MIGLIORI CENTRI DI PROFITTO PER I WELLNESS CLUB MULTISERVIZIO Da un’indagine di Ihrsa vengono evidenziate le aree più profittevoli per centri sportivi polifunzionali e fitness club, con evidenze che suggeriscono di orientarsi su servizi che contribuiscano alla crescita dei ricavi La redazione | redazione@euroaquatic.it Il Report annuale “Profili di Successo” di IHRSA analizza le prestazioni dei principali club di salute e fitness, inclusi indicatori di prestazioni chiave, analisi dei centri di profitto e dati di bilancio. Come mostra il report, mentre le quote associative rappresentano la linfa vitale dei Fitness Club Basic, i Premium Club generano anche una parte significativa delle entrate provenienti dai servizi accessori. I club multiservizi di punta generano una media del 33,6% delle entrate totali da servizi accessori, mentre i club di solo fitness ottengono una media del 21,8% delle entrate totali da fonti ausiliarie. Come ci si potrebbe aspettare, i club multiservizi generano anche maggiori entrate per ogni singolo membro a $ 764,60 contro $ 599,20 per membro nei club di solo fitness. Ecco i primi cinque Servizi Accessori di successo:

servizi accessori. I club multiservizi tendono a dimensioni maggiori e possono ospitare offerte di cibo e bevande con un ristorante o un bar e / o un bar che serve frullati, succhi e bevande per il recupero. 3. SPA In classifica al terzo posto tra i centri di profitto, le spa rappresentano il 3,9% delle entrate totali dei club multiservizi di alto livello. Ancora una volta, come strutture più grandi, i club multiservizi hanno lo spazio per ospitare i servizi termali, inclusi massaggi e trattamenti per mani e viso. Insieme al cibo e alle bevande, la prevalenza delle offerte termali nei club evidenzia una crescente attenzione al benessere di club e consumatori.

5. PROGRAMMAZIONE PER BAMBINI E GIOVANI La programmazione per bambini e giovani rappresenta l’1,7% delle entrate totali dei principali club polifunzionali. Attraverso offerte come la formazione personale per i giovani, l’istruzione specifica per lo sport e i programmi estivi, solo per citarne alcuni, la voce servizi specifici per i bambini e i giovani è al quinto posto tra i migliori centri di profitto nei principali club polifunzionali.

L’area ristoro-bar è molto apprezzata dalla clientela di club e centri sportivi - Hidron

4. CIBO E BEVANDE I club multiservizi che hanno partecipato all’IDS hanno riportato una media del 3,1% del reddito totale derivante da alimenti e bevande, che si posiziona al quarto posto tra i

Mentre le quote associative rappresentano la linfa vitale dei Fitness Club Basic, i Premium Club generano anche una parte significativa delle entrate provenienti dai servizi accessori

HA 2 - 2019 30


Anche le attrazioni di tendenza per i bambini incidono sui ricavi - Spray Parks - Fonte Waterplay Solutions USA

2. TENNIS/PADEL Comprensibilmente, la racchetta è il secondo centro di profitto nei migliori club sportivi. Gli operatori di club sportivi IDS hanno riportato una media del 4,4% delle entrate totali provenienti da Tennis/Padel e similari. 1. PERSONAL TRAINING Coerentemente con i dati storici, il PT (servizio di Personal Training) è il centro di profitto numero uno nei club multiservizi. Quasi il 10% delle entrate totali deriva da PT. Secondo il rapporto di allenamento fitness IHRSA, circa il 31% dei membri che utilizza un personal trainer appartiene a una struttura multiservizi. I membri che si dedicano al PT di solito rimangono più a lungo dei membri che non usano un personal trainer.

Fonte Technogym

I membri che si dedicano al PT di solito rimangono più a lungo dei membri che non usano un personal trainer

Spa e benessere, binomio ricercatissimo - bluesense.it

HA 2 - 2019 31


5’

FITNESS

Fitness

SALUTE, MEDICINA ED ESERCIZIO FISICO LE NUOVE SFIDE PER I CENTRI WELLNESS Gli operatori del settore wellness dovranno lavorare molto nei prossimi 10 anni per attrarre nuove fasce di consumatori rispetto a quanto fatto sino ad oggi

Questa affermazione potrebbe risultare tanto ovvia quanto difficile da tradurre nella pratica operativa, tuttavia se questi operatori vorranno realmente conquistare una fascia di mercato incontaminata dovranno essere consapevoli che non saranno più sufficienti i soliti argomenti che per anni l’hanno fatta da padrone sui vari canali pubblicitari: foto con fisici scultorei, prezzi al ribasso a go-go e attività concorrenziali a dir poco fastidiose o scorrette. Oggi è importante generare una nuova cultura organizzativa e comunicativa, orientata verso la salute. Le persone sono molto più attente alla propria salute rispetto a quanto gli imprenditori possano pensare. Gli utenti dei centri sportivi si sono evoluti rispetto all’argomento benessere e sono ormai poche le persone che amano la classica palestra o piscina. A dimostrazione di ciò, basti sapere che in Italia i frequentatori di centri sportivi non superano l’8,2% della popolazione nazionale, un dato che rimane stabile (ahimè) da circa 10 anni. Risulta evidente quindi che le aspettative e le esigenze delle persone non vengono soddisfatte dall’attuale modello operativo dei centri: bisogna spostare l’attenzione

a cura di Gerardo Ruberto | info@smilingcoachsystem.it

La ricerca della salute legata all’energia fisica determina nelle persone l’urgenza di fare qualcosa nell’immediato

sull’importante ruolo che gioca la pratica sportiva. Oggi le persone, anche, grazie all’evoluzione tecnologica e digitale, desiderano ricevere notizie “vere”, amano la cultura e soprattutto desiderano sentirsi in salute più che essere “fisicati”. I consumatori del terzo millennio - di tutte le fasce d’età – ricercano energia come fattore primario per migliorare lo stato di salute/benessere e per adottare uno stile di vita sano. L’energia è importante tanto quanto la riduzione di peso o il restare in forma. Comunicare quindi concetti riguardanti la prevenzione e la salute genera nelle persone energia e desiderio di acquisto, molto di più rispetto all’elenco di servizi e/o prezzi. Conoscere ed individuare il

L’impegno sulla salute veicolata dall’esercizio fisico comporta idee originali e costanza - a destra Gerardo Ruberto

HA 2 - 2019 32


Studiare la comunicazione e la pubblicità che parla di salute e non di prezzi

fattore “energia” è estremamente utile agli imprenditori e operatori del settore per attivare innovazione nella comunicazione e nella modalità di offrire i servizi ai clienti rispetto al passato. La ricerca della salute legata all’energia fisica determina nelle persone l’urgenza di fare qualcosa nell’immediato. Gli operatori devono puntare l’attenzione proprio sulla “cultura della salute” e mettere in moto un desiderio di iscrizione al club come una scelta salutare e consapevole… ben lontana da una vendita commerciale (il paradigma dovrà essere da vendere a far acquistare). Sicuramente oggi e nel futuro i clienti attiveranno tutti i sensori per ricercare il giusto equilibrio tra abitudini, attività fisica, alimentazione, divertimento e salute. I “percorsi salute e benessere “ che i centri sportivi dovranno mettere in campo per attrarre e mantenere i consumatori con il fine di far scoprire loro il “farmaco naturale” (esercizio fisico) dovranno tenere in considerazione canali di divulgazione della salute. Sono necessarie strategie e metodi per erogare servizi fatti su misura, servizi capaci di appagare le vere esigenze dei clienti (salute, benessere, energia), personale e professionisti capaci di coinvolgere le persone rendendole edotte, dedicare tempo alle persone, avere equipe di professionisti che collaborano tra loro e che si prendano cura delle persone; studiare la comunicazione e la pubblicità che parla di salute e non di prezzi.

Health e fitness binomio al centro della fiera ISPO a Monaco ad inizio febbraio

Seminari e formazione per divulgare la cultura dell’esercizio fisico come medicina

L’ESERCIZIO FISICO È VERAMENTE UNA MEDICINA? L’esercizio fisico è una medicina naturale un fattore importante di prevenzione e terapia! il metodo utilizzato dal Polo della Salute - www.polodellasalutemethod.it aiuta a raggiungere persone che ignorano il significato e il valore che l’esercizio fisico può rappresentare nella vita quotidiana.

Le persone desiderano sentirsi in salute più che essere “fisicati” e ricercano “energia”

HA 2 - 2019 33


Manage ment 8’

MANAGEMENT

LA NUOVA FRONTIERA HIGH TECH + HIGH TOUCH: HIGH HEARTH! MOTIVATORI GENUINI, ARTISTI DELLA GRATITUDINE Il coach da mera figura tecnica a guida irrinunciabile, garbata e sensibile di ogni singolo cliente che, da allievo, è “Persona prima che Corpo” il cui allenamento entusiasma la propria giornata, con la tecnologia resa calda e funzionale all’emozione dall’istruttore a cura di Edoardo Cognonato | edo3484409651@gmail.com

Se sai generare nei tuoi allievi il sentimento della gratitudine sei veramente capace di motivare le persone dal profondo. Quando un essere umano percepisce questo sentimento si sente ispirato, proteso all’azione, perché avverte un’energia speciale che si espande dal di dentro. E’ la voglia di unirsi agli altri, in particolare a chi ti ha fatto il regalo di farti sentire “generativo”: capace di produrre, percepire e vivere sensazione piacevoli, anche in contesti non consueti.  Ti viene voglia di dirgli grazie non solo a parole ma soprattutto con l’atteggiamento, lo sguardo, la presenza. Senti che con quella persona ti fa bene restarci. La cerchi di nuovo e ti viene voglia di dirle “Grazie”. “Grazie perché mi hai accolto da subito e di nuovo, facendomi sempre sentire a casa. Grazie perché mi hai sorriso con generosità e calore umano. Grazie perché ti sei interessato di me, con piccole premure, domande, accortezze, facendomi sentire al centro della tua attenzione. Grazie perché mi hai coinvolto, incuriosendomi, incoraggiandomi, incitandomi, soprattutto riconoscendo quando ne avevo bisogno. Per esempio quando mi sentivo un po’ solo/a, inibito/a o intimorito/a. Affaticato/a senza la giusta carica. Mi hai letto nel pensiero quando mi veniva voglia di mollare, anticipandomi; hai letto nei miei occhi il dubbio se ero capace o motivato/a contento/a e ti sei inventato come aiutarmi. Sorridendomi, chiamandomi per nome, coinvolgendomi.

Grazie perchè mi hai fatto superare i dubbi, i timori, le paure ed i disagi (inadeguatezza, goffaggine, inferiorità, vergogna, fatica, disorientamento, noia…tentazione di stare a casa la prossima volta) saltandoli a piè pari con la tua allegria, gli stimoli, i rinforzi positivi, l’appuntamento alla prossima seduta con qualcosa di stimolante, ed il semplice “farmi sentire importante per te”. Il trainer è un grande riferimento per una classe, ma ancor più per il singolo allievo

Stimolarmi alla giusta intensità con quel nuovo device tecnologico, mostrandomi e commentando l’importanza della mia frequenza cardiaca

HA 2 - 2019 34


Grazie per avermi tenuto al centro dei tuoi sguardi; l’ho avvertito

Hai persino tirato fuori un “coniglietto dal tuo cilindro”, per esempio, con quel trucco di stimolarmi alla giusta intensità con quel nuovo device tecnologico, mostrandomi e commentando l’importanza della mia frequenza cardiaca appropriata insieme a tutti gli altri. Grazie per avermi tenuto al centro dei tuoi sguardi; l’ho avvertito anche dietro le spiegazioni, i consigli, le correzioni. Grazie per aver creato proprio con me, anche in mezzo a tanti nel gruppo, quella connessione emotiva che mi ha fatto sentire “ci tiene veramente a me”.  Grazie perché mi sono sentito “Persona” prima che corpo. Grazie perché hai usato diversi espedienti (a volte mi sembravano degli “escamotage”) per catturare la mia attenzione con stimoli positivi. Per esempio facendomi notare perché facevo bene certi movimenti anche se solo abbozzati, oppure chiamandomi per nome ad alta voce dimostrandomi non solo che ti ricordavi di me ma che stavi veramente facendo il TIFO perché io mi sentissi parte del gruppo.  Grazie per aver utilizzato la tecnologia rendendola CALDA: facendola diventare strumento di gratificazione. Per esempio quando mi facevi notare che la frequenza cardiaca al centro della lezione era in “zona bersaglio” per stimolare il mio metabolismo e bruciare più calorie non solo durante la lezione, ma soprattutto nelle 48 ore successive! Piccole pillole educazionale che mi aiutano a mantenermi motivato/a.

La tecnologia conta, la relazione però è determinate e l’istruttore una guida imprescindibile

HA 2 - 2019 35


Tu sai trasformare un cardiofrequenzimetro, un device tecnico di rilevazione e monitoraggio in qualcosa di speciale che aggiunge ancora più pathos al tuo modo di insegnare e dare la carica.

Grazie anche per avermi fatto visualizzare piccoli obiettivi progressivi di intensità durante la lezione, rendendola più stimolante e meno noiosa. Grazie per aver monitorato i miei gesti corretti ed avermi fatto notare come farli ancora meglio con piccoli accorgimenti, invece che con correzioni negative, che mi avrebbero fatto sentire un po’ imbranato/a nel gruppo. Grazie per la tua sensibilità: per metterci il cuore in questi piccoli dettagli, rendendo un’ora di lezione un mix di grinta gentile. E’ proprio questa tua GRINTA GENTILE che mi affascina quando ti prendi cura di me e di tutti noi a lezione. E’ come usi la tecnologia rendendola piacevole: per incoraggiare, non solo per misurare, spiegare o valutare.  Tu sai trasformare un cardio-frequenzimetro, un device tecnico di rilevazione e monitoraggio in qualcosa di speciale che aggiunge ancora più pathos alla tuo modo di insegnare e dare la carica. Con te distrarsi è impossibile. Sento sempre i tuoi occhi che cercano i miei. E’ come se la lezione fosse tutta per me anche se siamo in tanti, e riesci a farmi sentire che sei così con ognuno di noi. E’ magia pura il modo in cui ci fai sentire tutti uniti accarezzandoci con lo sguardo, i gesti, le espressioni del viso e gli slogan che ti inventi, la carica di come ti muovi e allo stesso tempo la delicatezza con cui ti inventi attimi di silenzio ed intimità, come se fossi in trance con tutti noi. Le tue non sono lezioni, sono “immersioni”.  E quando alla fine ci aiuti a renderci conto di quanto bene abbiamo lavorato con il corpo e con la mente, con il cuore fisiologico e quello emotivo insieme, commentando i parametri del display che illustra l’efficacia dell’allenamento per ciascuno di noi, allora mi viene quasi voglia di abbracciarti per come sai essere sincero e semplice, affettuoso e scientifico insieme in quello che fai. Per come lo fai. Con il cuore collegato al cervello. Con la tecnologia al servizio della relazione.  “High tech + High Touch: High Hearth!”

La tecnologia al servizio del consumatore per coniugare salute e movimento - foto nokia wearable

HA 2 - 2019 36


PUBBLIREDAZIONALE

AQUATIC SPA: IL BENESSERE CHE VIENE DALL’ACQUA Con un mercato di consumatori SPA sempre più esigenti ed informati e con richieste continue di benessere che arrivano da strutture “wellness in acqua” (come piscine e impianti natatori, parchi acquatici e tematici, strutture sportive polivalenti, strutture turistico-ricettive, resorts, villaggi e stabilimenti balneari e termali), è opportuno e necessario oggi attualizzare, realizzare e investire in tipologie di SPA altamente innovative e legate completamente al mondo acqua e a tutte le sue possibili e illimitate potenzialità. SC Spa Consulting è un’azienda di consulenza, formazione e distribuzione di prodotti e servizi, con oltre venticinque anni di esperienza nel settore beauty & wellness e specializzata in wellness strategy management, che si occupa di Project Management e sviluppo dello SPA Business. Grazie ad una squadra di professionisti qualificati e ad un know how collaudato di esperienze, si dedica alla creazione e al coordinamento di tutti gli interventi necessari alla progettazione, realizzazione, fornitura, apertura, sviluppo e riorganizzazione di qualsiasi tipologia di SPA, sia nuova che già in attività, come Urban, Hotel, Fitness, Thermal, Medical e di tutti i servizi relativi: formazione e organizzazione del personale operativo, strategie mirate di marketing e comunicazione, specifiche metodologie tecniche e di management, studio e fornitura di contenuti tecnici come attrezzature, accessori, cosmesi specifica e private label, etc. L’iter consulenziale per lo sviluppo di tutte queste procedure avviene attraverso tre step fondamentali: Analisi strategica (obiettivi e mission), Concept specifico (benessere e acqua) e Piano operativo (start up, training & follow up). Con queste basi è nata Aquatic SPA: il nuovo modello di benessere integrato, multidisciplinare e multilevel, che sviluppa sui propri clienti risultati tangibili e misurabili, nonché strategie precise e mirate di cross selling multilevel, grazie ad una specifica metodologia globale che nasce dalla scelta combinata di discipline e metodiche “benessere in acqua” unite a contenuti ed accessori tecnici specifici; il tutto attraverso formazione e aggiornamento allo staff di professionisti wellness (medici, estetiste, personal trainer, etc..) per creare sinergia, collaborazione e dinamiche personalizzate sui propri clienti al fine di soddisfarne le aspettative sempre nuove e renderli fidelizzati. • Sei un’azienda nel settore benessere che vuole entrare nello SPA business? • Devi progettare e aprire una nuova struttura benessere o riorganizzarne una già in attività? • Devi formare e organizzare il tuo personale operativo in modo dinamico, strutturato e produttivo? • Devi creare od ottimizzare un tuo preciso metodo di lavoro professionale? La soluzione è Aquatic SPA, “Il Benessere che viene dall’Acqua…”: Il format di riferimento fondamentale per la progettazione, creazione ed evoluzione sicura di qualsiasi struttura benessere nel mondo acqua.

Consulenza | Formazione | Distribuzione

& partners:

Per saperne di più: SC SPA CONSULTING contacts@sc-spaconsulting.it - T. 335 6117416 - www.sc-spaconsulting.it HA 2 - 2019 37


Manage ment 5’

MANAGEMENT

IL VALORE AGGIUNTO DEL CO-MARKETING ESPERIENZIALE NEI CENTRI ACQUATICI Per le nuove sfide del mercato della piscina e del fitness, un percorso che alimenti sinergie proficue senza esposizioni finanziarie di rilievo è sicuramente una soluzione da considerare a cura di Luca Marchini | lucamarchini@wellink.it

di accordi di investimento congiunto riguardante una o più variabili di marketing (fonte: Wikipedia). Una follia se pensiamo a qualche anno fa, quando ogni struttura faceva tutto gelosamente da sé, senza condividere alcun tipo di strategia all’esterno. In questi ultimi anni molti centri acquatici si sono accorti che chiudere le porte ad ogni tipo di collaborazione porta sia ad un aumento dei costi interni, sia ad un allungamento dei tempi d’implementazione. Quali gli ostacoli maggiori per la realizzazione di nuovi impianti o per riqualificazioni razionali e proiettate al prossimo decennio. Si pensi per esempio ad un centro che, desidera intrattenere il genitore che porta il figlio al corso di nuoto con un’attività esperienziale ed educazionale sulla sana ali-

Sala fitness GClub Vimercate MB

HA 2 - 2019 38

Perché un’azienda di un qualsiasi settore possa ritenersi sana, deve produrre utili: un dato oggettivo e perseguibile solo se l’imprenditore ha le capacità di creare, mantenere e gestire nel tempo una struttura efficace ed efficiente. In particolare, se pensiamo al settore acqua, un centro deve essere strutturato in modo tale che tutte le forze coinvolte convoglino nel consentire la vendita del numero più alto possibile di servizi (ingressi, abbonamenti, etc). Per quanto banale, possiamo assumere i migliori tecnici, coinvolgere nuovi soci di capitale, ingaggiare le più valide società di consulenza, ma, se l’intera azienda non è strutturata e orientata a vendere per generare utili, il destino è segnato in partenza. Attenzione però, anche l’estremo opposto non funziona più: non è sufficiente attendere che nuovi potenziali clienti varchino la soglia del centro perché non vedono l’ora di acquistare uno dei nostri splendidi servizi. Ormai, anche nel settore acquatico, intercettare sul mercato nuova utenza e portarla in struttura è fondamentale. Così come risulta importante prendersi cura dei propri attuali clienti, riducendo il più possibile la loro “fuga”. Le tecnologie, il web e la creatività dei singoli consentono oggi di scegliere tra diversi strumenti per perseguire tali obiettivi. Tra questi vi sono le attività di co-marketing: collaborazioni tra attori di qualsivoglia natura sotto forma

In una situazione di questo tipo non dovrebbe essere interesse né del centro acquatico né del brand ospite chiedere del denaro alla controparte


Un centro deve essere strutturato in modo tale che tutte le forze coinvolte convoglino nel consentire la vendita del numero più alto possibile di servizi

mentazione. Perché questo si realizzi è necessario: Elaborare creatività e contenuti Ricercare, formare e retribuire una risorsa Acquistare gadget e materiale di comunicazione da omaggiare a chi interagisce È immediato comprendere che ognuna delle voci elencate necessiti tempo e denaro. Due risorse che, normalmente, non sono mai abbondanti nel nostro settore. L’alternativa è quella di ricercare partner specializzati in questo genere di attività e con un brand riconosciuto nel settore food. Si pensi per esempio di affidare questo momento ad un’a-

zienda che vende frutta secca in grande distribuzione: oltre ad avere un know how importante sul tema, ha tutto l’interesse ad educare il consumatore e omaggiare una piccola quantità di prodotto. In una situazione di questo tipo non dovrebbe essere interesse né del centro acquatico né del brand ospite chiedere del denaro alla controparte. Si tratta dunque di una partnership, con una durata limitata o continuativa nel tempo, in cui ognuno condivide la propria specializzazione in modo da ottenere reciprocamente il risultato desiderato in tempi brevi e con un ridotto investimento di tempo e denaro.


5’

Fitness FITNESS

SOLUZIONE FITNESS

Non esistono ricette che risolvono problemi se chi è al timone del proprio club non agisce con consapevolezze ben sintetizzate da una serie di punti chiari e decisivi, come accade in qualsiasi impresa. a cura di Mario Cacciapaglia | mariocacciapaglia@gmail.com

L’attività fisica è una cosa seria e la buona notizia è che le istituzioni (Organizzazione Mondiale della Sanità, Comunità Europea e Governo Italiano) sembra lo abbiano capito. Non voglio ricordare qui i dati dei danni causati dall’inattività fisica, piuttosto vorrei sottolineare l’opportunità per noi operatori di far diventare il nostro lavoro una concreta soluzione. Premesso che: 1 - L’attività fisica non è solo sport olimpico (e anche questo sembra che i nostri governanti lo stiano capendo). 2 - L’attività fisica regolare deve essere proposta in modo salutare e divertente, e non in modo noioso ed usurante. 3 - L’attività fisica deve essere per il cittadino una sana scelta consapevole e non forzata dalla promozione/svendita del momento o dalla improvvisa paura per la diagnosi di un grave problema di salute.

Se il fitness parte con questi presupposti e li rispetta davvero, sono certo possa diventare una vera soluzione. Ma come dobbiamo operare per raggiungere questo nobile obiettivo? Cerco di dare qui qualche spunto condividendo gli argomenti che ho potuto seguire a fine gennaio in due interessantissimi appuntamenti di approfondimento tra operatori a cui ho partecipato. Il primo a Milano organizzato da Wellness Vincente, dove i vari ospiti che si sono susseguiti hanno dato prova di sapere in modo chiaro come agire bene nel nostro settore: la ricetta è semplice ma non scontata, lavorare da professionisti studiando in continuazione il mercato, la tecnologia, i numeri della propria azienda e sviluppando all’esterno un chiaro messaggio che sia differente e non banale (l’intero evento è stato integralmente registrato ed è disponibile on line www.wellnessvincente.it/palestrapienalive2019).

Nuovi trend del fitness e collegamento alla parte piscina - un mix di offerta vincente - Virgin Active

Lavorare da professionisti studiando in continuazione il mercato, la tecnologia, i numeri della propria azienda HA HA 22 -- 2019 2019

40 40


Ci dobbiamo davvero impegnare e fare in modo che il nostro centro fitness diventi un’azienda costruita per durare nel tempo, che dia risultati e che porti sempre più persone a muoversi e a stare bene

Il secondo incontro si è tenuto in Austria nella bellissima location del Sportresort Hohe Salve organizzato dal colosso internazionale Precor, aperto a una selezionata schiera di operatori europei. Tra i tanti contenuti spiccano quelli del super esperto Herman Rutgers di Europe Active il quale ha anche lui focalizzato l’attenzione sull’importanza del posizionamento del club attraverso chiari e distintivi design e ambiente (se il target è la famiglia ad esempio, il club deve essere pensato e ambientato di conseguenza).

Se dunque vogliamo diventare la soluzione ci dobbiamo davvero impegnare e fare in modo che il nostro centro fitness diventi un’azienda costruita per durare nel tempo, che dia risultati e che porti sempre più persone a muoversi e a stare bene. Palestra di Sport Resort Hohe Salve in Austria

Herman Rutgers - Europe Active

HA 2 - 2019 41

Tutti gli altri consigli sono riassumibili nell’ossessiva attenzione del gestore sui frequentatori, al loro ascolto, alla personalizzazione della comunicazione e al dare loro contenuti utili e di valore. Lo staff deve essere al centro di tutto e per fare questo la formazione, la motivazione e la continua selezione devono far parte di un metodo di lavoro costante e in regolare aggiornamento.

L’importanza del posizionamento del club attraverso chiari e distintivi design e ambiente


10’

INTERVISTA

Pool Intervista POOL

IMPIANTISTICA SPORTIVA: LA PAROLA AI VERI ESPERTI

Le posizioni e le opinioni di un professionista di riferimento del settore e dei presidenti che rappresentano le realtà più credibili in ambito realizzazione, progettazione, manutenzione e sviluppo dell’impiantistica sportiva nazionale a cura di Ciro Lo Giudice | redazione@euroaquatic.it

Abbiamo posto alcune domande ad uno dei legali più affermati nel comparto dell’impiantistica sportiva pubblica e a due presidenti di associazioni che sono un vero riferimento nella costruzione, manutenzione e progettazione di piscine e complessi sportivi e polifunzionali, per capire lo stato di salute del nostro settore e le prospettive. Dalle opinioni dell’avvocato Lorenzo Bolognini, di Rossana Prola (Professione AcquaNET) e di Ezio Ferrari (Associazione Impianti Sportivi) emerge un quadro che spinge a qualche riflessione, confidando che a riflettere sia anche chi condiziona una branca vitale per il Paese. Possiamo uscirne bene, ma con prudenza e a fronte di cambiamenti e decisioni non più procrastinabili da parte di enti locali, istituzioni e attori coinvolti. Il mondo dell’impiantistica sportiva secondo il vostro osservatorio: che futuro intravedete? Bolognini: A fronte di una domanda che sicuramente c’è e forse va aumentando, chi ha la responsabilità di curare l’offerta, e mi riferisco sia ai proprietari di impianti sportivi pubblici sia agli operatori gestori e costruttori, deve concentrarsi sull’aumentare il livello in termini di professionalità e qualità. A queste condizioni, favorite sicuramente da iniziative come quelle di Acquanetwork, il futuro si può vedere in modo positivo. Prola: Il futuro che si intravede leggendo ciò che accade in tutte le zone d’Italia non si presenta facile. Diciamo però che non siamo ancora ad una vera emergenza, poichè molti gestori si occupano di uno o due impianti solamente e ancora non sentono fortemente la crisi. Sicuramente, a nostro avviso, sarebbe necessario un radicale cambio di rotta.

Ferrari: Nei prossimi anni prevedo che la costruzione e soprattutto la riqualificazione di impianti sportivi esistenti sarà determinante.

Non sono ammessi errori per i quali oggi è difficile trovare soluzioni a posteriori e, quindi, bisogna lavorare in squadra Lorenzo Bolognini

Quali gli ostacoli maggiori per la realizzazione di nuovi impianti o per riqualificazioni razionali e proiettate al prossimo decennio Bolognini: L’epoca in cui era tutto facile è finita da tempo e nessuno deve sottovalutare la complessità, sotto tutti i profili, delle operazioni su impianti sportivi. Superficialità e assenza di professionalità potrebbero essere i maggiori ostacoli. Prola: La disponibilità economica è il principale ostacolo, almeno fino a che non cambierà il punto di vista del proprietario pubblico. Oltre a questo, sicuramente sarebbe necessario un cambio di visione radicale su cosa è l’attività sportiva oggi e come dovrebbe essere gestita e, di conseguenza, progettata. Ferrari: La maggior parte degli impianti sportivi sono di proprietà della pubblica amministrazione e gli ostacoli maggiori sono rappresentati da burocrazia e incompetenza.

L’avvocato Lorenzo Bolognini in una delle fasi del Summit 2018 amministrativista e assessore al bilancio di Bogliasco GE

HA 2 - 2019 42


Come Associazione di Categoria o guida del Tavolo Tecnico di UNASS (Bolognini), che obiettivi state condividendo con i vostri associati e quali sono le priorità? Bolognini: Abbiamo le antenne dritte in un momento in cui nuovamente si parla di correttivi al Codice dei Contratti Pubblici, cercando di fare anche noi la nostra parte perché sia migliorato il quadro normativo, possibilmente meglio calibrato sulle specificità del settore.

Ezio Ferrari, presidente di AIS

Prola: La priorità principale, quella a cui stamo da sempre dedicando le nostre energie, è quella di far crescere il settore, sotto tutti i punti di vista: tecnico, imprenditoriale, culturale e anche, diciamolo pure, morale. Ferrari: L’associazione ha lo scopo di promuovere la tutela degli interessi collettivi del settore degli impianti sportivi.

Bolognini: Il confronto è molto intenso. Non sono ammessi errori per i quali oggi è difficile trovare soluzioni a posteriori e, quindi, bisogna lavorare in squadra, garantendo tutte le competenze, senza lasciare nulla al caso. Prola: Chi ha bisogno di certezze non può certo venirle a chiedere a noi. In un mondo liquido come quello in cui stiamo vivendo le certezze non esistono, e noi raccontiamo sempre le cose come sono, non come vorremmo che fossero. Cerchiamo di inquadrare i problemi in modo concreto e preciso, per dare la possibilità a chi li affronta di fare le scelte meno sbagliate. Le scelte giuste ormai sono solo un ricordo. Ferrari: AIS, associazione senza scopo di lucro, affianca le Pubbliche Amministrazioni, le Fondazioni, gli Enti, le Onlus, le Parrocchie e i privati in tutte le procedure necessarie alla realizzazione o riqualificazione degli impianti sportivi con le seguenti attività: Studio di fattibilità, attivazione delle pratiche per ottenere l’accesso al credito, intervento di una società E.S.Co. (tramite Federesco nostra partner) per l’efficientamento energetico, selezione delle aziende del settore più qualificate per interventi specifici. Tre elementi imprescindibili che devono connotare l’impianto sportivo moderno. Bolognini: Non posso dire di avere competenza su questo argomento. Prola: Flessibilità della organizzazione delle attività, intesa come facilità della fruizione da parte degli utenti. Benessere ambientale (aria, acqua, spazio). Forte caratterizzazione. Ferrari: L’impianto moderno deve essere sostenibile sia a livello energetico che economico. Quindi ridurre i consumi energetici e portare il centro sportivo a reddito con l’inserimento di nuove attività spor-

In che misura dialogate con i committenti o con chi oggi ha bisogno di certezze nella riqualificazione o realizzazione di impianti?

Rossana Prola interviene al TG2 come esperta in merito a fatti luttuosi verificatisi nelle piscine l’estate scorsa

Sarebbe necessario un radicale cambio di rotta Rossana Prola

tive. Terzo elemento importante il totale abbattimento delle barriere architettoniche con la possibilità da parte di tutti di utilizzare impianti e attrezzature sportive. Le principali insidie progettuali, strutturali e manutentive da evitare o prevenire con riferimento anche a bandi pubblici. Bolognini: Per fortuna il nuovo Codice dei contratti consente un dialogo preventivo tra PA e operatori del settore in modo che, poi, non si pubblichino bandi impossibili o semplicemente sbagliati. Prola: Un discorso in poche righe su questo argomento è impossibile. Posso cercare una sintesi dicendo: è una piscina. Molto spesso progettisti e costruttori tendono a sottovalutare questo aspetto e si gettano nel business senza avere le capacità e le conoscenze adeguate. Ferrari: Un progetto di un centro sportivo richiede una conoscenza approfondita nel campo dell’edilizia e l’impiego di materiali di qualità che garantiscano l’integrità nel corso degli anni.

HA 2 - 2019 43


Ezio Ferrari

Perché avete aderito, a diverso titolo, al progetto aggregativo di UNASS e con quali finalità a beneficio dei vostri associati e/o del comparto sportivo in generale? Bolognini: Come dicevo, in questo momento, la crescita della professionalità del settore è essenziale e UNASS può senza dubbio contribuire a questo obiettivo. Prola: A mio parere un progetto di unificazione è sempre positivo, ma solo a patto che le finalità siano comuni. Sul fatto che lo siano quelle degli attuali componenti di UNASS nutro qualche dubbio, che solo il tempo saprà sciogliere. Ferrari: Come dicevo, in questo momento, la crescita della professionalità del settore è essenziale e UNASS può senza dubbio contribuire a questo obiettivo. Sotto il profilo normativo cosa ritenete urgente e perchè? Bolognini: Credo che bisognerebbe pensare a specifiche norme in materia di PPP che si adattino meglio alle peculiarità del settore. Avere la stessa norma per costruire il Ponte sullo Stretto di Messina e un impianto sportivo di quartiere, forse, è inadeguato. Prola: Va riscritto completamente l’Accordo Stato Regioni, oppure, ancora meglio, va sostituito da una legge valida a livello nazionale, adeguata allo stato attuale delle cose. Inoltre, andrebbero adeguate molte norme tecniche, ormai del tutto superate, come la “nostra” UNI 10637. Per quanto riguarda le società sportive, invece, c’è prima di tutto un grande bisogno di chiarezza. Ferrari: Moltissimi impianti sportivi non sono a norma e, sempre più, in molti comuni, vengono chiusi con ordinanza del sindaco. Le strutture devono essere attrezzate in modo corretto ed essere in condizioni di sicurezza ed igiene per tutti gli utenti. In occasione di sopralluoghi -ne facciamo diversi nel corso di ogni mese - si rilevano situazioni “penose”, anche in palestre scolastiche. Centogrigio - Un complesso sportivo che merita di essere considerato come modello di riferimento

Esempi di realizzazioni o progetti che ritenete modelli cui ispirarsi e situazioni negative delle quali diffidare. Bolognini: Qualunque progetto intelligente, misurato sull’idea di riqualificare ciò che già esiste anziché di costruire dove non ce n’è bisogno, che ottimizzi ogni risorsa evitando sprechi e che attui soluzioni valide per il futuro, anche non immediato, è un buon progetto da prendere ad esempio. Prola: Non credo sia corretto da parte mia citare realizzazioni, sia in senso positivo che negativo. Vorrei dire però che il modello italiano delle piccole imprese di eccellenza non andrebbe demonizzato e superato attraverso l’acquisizione da parte delle grandi multinazionali, ma andrebbe salvaguardato, valorizzato ed esportato nel mondo. Ecco, il modello a cui mi ispiro è l’Italia, il nostro grande, meraviglioso Paese. Ferrari: La maggior parte di impianti sono obsoleti, inadeguati dal punto di vista della sicurezza e della funzionalità ma abbiamo anche molte eccellenze; impianti riqualificati  e gestiti da privati.  Impianti sportivi polifunzionali, con attività sportive e servizi adeguati. Vorrei segnalare l’ultima riqualificazione che ho potuto seguire dall’inizio dell’intervento: “Centogrigio Sport Center” di Alessandria, una vera eccellenza. Poi in tutta Italia abbiamo le famose “cattedrali nel deserto”, costruite senza uno studio di fattibilità. Spesso abbondano impianti legati ad una sola disciplina mentre mancano per altre.

Gli ostacoli maggiori sono rappresentati da burocrazia e incompetenza

Va riscritto completamente l’Accordo Stato Regioni Rossana Prola

Come il mondo delle costruzioni deve oggi rapportarsi con chi ha la proprietà degli impianti o con chi li gestisce? Bolognini: Il costruttore deve pensare da partner e non da fornitore e deve accettare di assumere i propri rischi legati alla qualità della costruzione e al contenimento del budget, nell’ottica degli interessi del gruppo. Il giusto equilibrio tra questi interessi è il segreto del successo. Prola: Ognuno dovrebbe fare la sua parte. E’ assurdo chiedere a chi costruisce di prestare garanzie per chi gestisce, o a chi gestisce di costruire, o di realizzare manutenzioni straordinarie. Ognuno dovrebbe fare il suo e farlo al meglio. Il compito di coordinamento e di soluzione dei problemi spetta allo Stato, che invece, ad, oggi, continua a non voler vedere, sentire, e continua a non parlare. Ferrari: Tramite PPP (Partenariato Pubblico Privato), lo strumento più idoneo.

ASSOCIAZIONE IMPIANTI SPORTIVI

HA 2 - 2019 44


Da qui al 2030 come va ripensato il patrimonio strutturale sportivo nazionale e quali i criteri base per nuove realizzazioni ed assegnazioni a beneficio della collettività? Bolognini: Senza pensare necessariamente “in grande” ma pensando in modo intelligente ed equilibrato.

Ferrari: Confermo quanto precisato prima: in sintesi, priorità a sostenibilità energetica ed economica, con impianti inclusivi ed accessibili a tutti, nessuno escluso. La vostra agenda 2019 e gli appuntamenti clou: vostre iniziative, impegni pubblici o meno, programmi associativi, nuove idee e soluzioni al servizio del comparto sport, fitness, piscina fino ad arrivare al turismo. Bolognini: Nel mio piccolo, continuerò ad essere a disposizione per ogni iniziativa utile per la causa comune. Prola: Il 2019 sarà ancora, per noi, un anno di “strutturazione”. Gli associati sono cresciuti, ci avviciniamo ai numeri delle principali associazioni europee, e dobbiamo rendere operative le strutture periferiche. Abbiamo assunto un coordinatore, Nello Puci, che sicuramente darà un grande apporto. E poi continueremo la nostra opera di diffusione di conoscenza e di costruzione di nuove collaborazioni, sia nazionali che internazionali.

Il complesso comunale di Carpi - operazione riuscitissima grazie ad un soggetto gestore credibile, Coopernuoto

Ferrari: Con il nostro partner tecnico Infoprogetto abbiamo definito i seguenti convegni: Varese 5 marzo, Milano 21 maggio, Como 13 giugno, Mantova 9 luglio, Parma 26 novembre. Organizzeremo, inoltre, convegni con FIGC regionali, con comuni ( tema: il PPP), e saremo partner, con UNASS, del master rivolto ai gestori di impianti sportivi organizzato da Promoss SSD e 5IVE Sport consulting.

Prola: Ci sono moltissimi interventi di ristrutturazione da fare e c’è da decidere dove reperire le risorse. Se non riusciamo a superare questo scoglio, vedo difficile la realizzazione di nuovi impianti, se non da parte di privati che però, in questi ultimi anni, pare abbiano compreso che investire in impianti sportivi non è poi così redditizio, o comunque non sempre.

Il modello a cui mi ispiro è l’Italia, il nostro grande, meraviglioso Paese Rossana Prola

Un esempio di struttura sportivo-acquatica moderna

HA 2 - 2019 45


Manage ment 5’

MANAGEMENT

L’ESPERTO RISPONDE

Domande e risposte a cura di uno dei più accreditati riferimenti fiscali e normativi nel comparto sportivo

a cura di Beatrice Masserini | beatrice.masserini@studiocassinis.com

L’ALLENATRICE FORFETTARIA PUÒ RILASCIARE SOLO LA RICEVUTA “Sono un’istruttrice sportiva, con partita Iva in regime fiscale forfettario. Moltissimi clienti non vogliono fornire i propri dati e, quindi, non vogliono la fattura, sebbene non sia gravata da alcuna maggiorazione economica. E’ possibile sostituire fattura con ricevuta fiscale?” I contribuenti persone fisiche esercenti arti e professioni in regime forfettario sono esonerati, a norma dell’art. 1, comma 59, della Legge 190/2014, da tutti gli obblighi in materia di Iva previsti dal DPR 633/1972, fermo restando l’obbligo di certificare i corrispettivi in questo caso con il rilascio di ricevuta fiscale in duplice copia, utilizzando stampati con numerazione progressiva, predisposti da tipografie autorizzate, ex DM 30 marzo 1992. LA ASD ESONERATA PUÒ FARE E-FATTURE VOLONTARIAMENTE

“Una ASD può, anche se esonerata, decidere di applicare le norme sulla fatturazione elettronica? Questo nel caso abbia o meno superato i 65mila euro di proventi commerciali nell’anno precedente?”

Considerato che le varie forme di esenzione o esclusione sono soggette a controprova da parte del soggetto esonerato o escluso, si ritiene non ci siano ostacoli all’utilizzo volontario della fattura elettronica.

sto che le nostre card non saranno nominative (verranno consegnate a mano a titolo gratuito senza richiedere alcuna iscrizione né i dati), non promettono alcuna vincita ed alcun montepremi, possono essere considerate un semplice mezzo di comunicazione per divulgare le offerte e le opportunità proposte dai nostri sponsor, che con la ASD hanno regolare contratta? Prima di procedere con la stampa e la distribuzione delle card, quali le pratiche burocratiche o vincoli da rispettare?” Poiché dal possesso della fidelity card della ASD non deriva alcun beneficio, né aspettativa di beneficio, è possibile dire che questa card ha un mero contenuto pubblicitario a favore degli sponsor e della ASD medesima. Essendo card anonime, la distribuzione sarebbe assimilabile a quella dei volantini pubblicitari nei confronti degli spettatori delle partite della ASD. Come tale è un’attività essenzialmente libera ed eventuali ordinanze comunali di limitazione o di assoggettamento ad autorizzazione sarebbero illegittime. Si inserisce in questo solco interpretativo la sentenza del TAR Lombardia 1133/2012. Sarà comunque opportuno verificare se in ambito comunale è prevista la corresponsione di una tassa per la distribuzione delle card.

LIBERA LA DISTRIBUZIONE DELLE FIDELITY CARD SPORTIVE “Curo il marketing di una ASD e ho pensato ci creare una nostra fidelity card. L’idea principale è quella di creare un facsimile di quanto già proposto da società di serie A. Vi-

Non ci sono ostacoli all’utilizzo volontario della fattura elettronica

Fidelity Card Lyoness-Cashback-Inter

HA 2 - 2019 46


Swimming coach o istruttori e il problema del regime forfettario

HANNO DIRITTO DI VOTARE ANCHE I SOCI MINORENNI “A seguito di un controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate su una ASD non riconosciuta che svolge esclusivamente attività istituzionale, mi è stato contestato che i soci minorenni non hanno esercitato il diritto di voto. Noi abbiamo sempre operato così anche perché così è scritto nello statuto della ASD, redatto dal Notaio. Il nostro comportamento è corretto? Con l’ordinanza 23228/2017, la Cassazione ha ribadito che nelle assemblee degli associati di ASD, anche ai soci minorenni deve essere consentita l’espressione del diritto di voto, diritto che verrà esercitato da chi ne ha la responsabilità genitoriale, ex art. 320 del Codice Civile.

Nelle assemblee degli associati di ASD, anche ai soci minorenni deve essere consentita l’espressione del diritto di voto

Reception come cuore del fitness club e centro sportivo - foto Prime di Bologna

Un’attività essenzialmente libera ed eventuali ordinanze comunali di limitazione o di assoggettamento ad autorizzazione sarebbero illegittime HA 2 - 2019 47


Manage ment 5’

MANAGEMENT NORME & FISCO

LA L.398/91 SOLTANTO PER ATTIVITÀ COMMERCIALI ISTITUZIONALI? Osservazioni critiche all’orientamento dell’Agenzia delle Entrate in ragione degli scopi istituzionali delle società sportive e considerando il peso giuridico di norme primarie e secondarie a cura di Alberto Succi | avvalbertosucci@gmail.com

Nella Circolare 18/E del 1/8/18 l’Agenzia delle Entrate ha affermato che in forza dell’articolo 9, c. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica 30/12/1999, n. 544, le associazioni e le società sportive dilettantistiche senza fini di lucro che optano per il regime agevolato di cui alla legge n. 398 del 1991 applicano il regime agevolato “per tutti i proventi conseguiti nell’esercizio delle attività commerciali, connesse agli scopi istituzionali”. Il DPR 544/99 contiene il “Regolamento recante norme per la semplificazione degli adempimenti dei contribuenti in materia di imposta sugli intrattenimenti”. Nella gerarchia delle fonti del diritto, le norme regolamentari oggetto di Decreti, hanno carattere secondario e non possono contenere norme contrarie o difformi alle disposizioni contenute in una Legge.

d’imposta precedente hanno conseguito dall’esercizio di attività commerciali proventi per un importo non superiore a 400.000,00”, e dell’art. 9 c. 1 del DPR 544/1999 (norma secondaria), che recita “Alle associazioni sportive dilettantistiche di cui all’articolo 25, comma 1, della legge 13 maggio 1999, n. 133, alle associazioni senza scopo di lucro ed alle associazioni pro-loco, che optano per l’applicazione delle disposizioni di cui alla legge 16 dicembre 1991, n. 398, si applicano, per tutti i proventi conseguiti nell’esercizio di attività commerciali, connesse agli scopi istituzionali, le disposizioni di cui all’articolo 74, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni.”. Appare evidente che l’elemento della connessione agli scopi istituzionali non è contenuto nella Legge 398/91, ma

La L. 398/1991, pure richiamata nella Circolare, è una norma primaria che non può essere modificata da un Regolamento. Sulla scorta di quanto sopra esaminiamo i contenuti dell’art. 1 della L.398/1991 (norma primaria), che dispone “1. Le associazioni (anche le società ndr) sportive e relative sezioni non aventi scopo di lucro, affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli enti nazionali di promozione sportiva riconosciuti ai sensi delle leggi vigenti, che svolgono attività sportive dilettantistiche e che nel periodo

L. 398/1991 è una norma primaria che non può essere modificata da un Regolamento

HA 2 - 2019 48

Fra le attività commerciali sono diverse quelle gestite dalla reception, centro di smistamento dei servizi


Reception e area ristoro sono ambiti in cui la parte commerciale del centro sportivo trova il maggior sviluppo

dal Decreto che non può modificare il contenuto delle Legge, con la conseguenza che tale elemento non può essere richiesto per la fruizione delle agevolazioni che possono dunque essere applicate in relazione ai proventi commerciali anche non connessi con l’attività istituzionale, purché, ovviamente, non siano prevalenti rispetto all’attività sportiva dilettantistica istituzionale. Quindi, alla luce dei principi generali dell’ordinamento giuridico sopra indicati, le conclusioni, rassegnate dall’Agenzia delle Entrate nella risposta 6.2. della Circolare 18/E, non appaiono condivisibili. Ad esempio per l’attività di sauna o idromassaggio la circostanza ostativa all’applicazione della L. 398/99 rappresentata dal fatto che tali attività “non si pongono direttamente come naturale completamento dell’attività sportiva…” appare priva di fondamento normativo.

Le conclusioni, rassegnate dall’Agenzia delle Entrate nella risposta 6.2. della Circolare 18/E, non appaiono condivisibili

Attività commerciali rientrano anche servizi di sauna e spa


Manage ment 5’

MANAGEMENT NORME & FISCO

FORFETTARI 2019: UNA POSSIBILITÀ IN PIÙ ANCHE PER IL NOSTRO SETTORE? Le indicazioni per evitare di commettere errori o di non interpretare al meglio le novità normative che aggiornano il regime forfettario a cura di Beatrice Masserini | beatrice.masserini@studiocassinis.com

A seguito delle modifiche determinate dalla Legge di Bilancio 2019, riportiamo le principali novità del regime forfettario. Per prima cosa, è prevista un’unica soglia di ricavi per l’accesso al regime; potranno così usufruirne coloro che nell’anno precedente hanno conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno,  non superiori a 65.000 Euro.  In base alla disposizione vigente fino al 31.12.2018, invece, le soglie di ricavi che occorre rispettare per poter accedere al regime variano in base al codice attività esercitato dal soggetto aderente (c.d. codice Ateco). Inoltre, vengono eliminate le altre condizioni per l’accesso al regime previste dalla previgente normativa quali: Aver sostenuto spese per lavoro dipendente; Costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, di beni mobili strumentali al 31.12 non superiore a 20 mila Euro. Rispetto alla vecchia disciplina del regime forfettario, resta fermo il fatto che  non possono accedere allo stesso gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a: Società di persone Associazioni Imprese familiari di cui all’articolo 5 del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi (22 dicembre 1986, n. 917).  Viene, tuttavia, introdotto un nuovo limite modificando l’iniziale idea di escludere dal regime i possessori di partecipazioni in Srl tout court, è stato ora introdotto a riguardo il concetto di Controllo diretto o indiretto. Sostanzialmente, il possesso di una quota pari al 10% del capitale sociale di una Srl potrebbe non essere considerato un ostacolo per l’adesione al regime forfettario valido dal 2019. Il nuovo dettato normativo collega tale limite ad un ulteriore requisito in quanto è necessario, per usufruire del regime forfettario, che la S.r.l. in cui si detiene la parteci-

HA 2 - 2019 50


Agenzia delle Entrate

La cui attività sia stata esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso (2018) rapporti di lavoro, Erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, Ovvero svolgano l’attività nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro.

Eliminate le altre condizioni per l’accesso al regime

Restano invariati i coefficienti di redditività, da applicare all’ammontare dei ricavi e compensi conseguiti, al fine di determinare il reddito imponibile. Dal reddito imponibile così determinato andranno poi dedotti i contributi previdenziali versati, e si applicherà l’imposta sostitutiva del 15% (anch’essa invariata).

pazione non eserciti attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni. Altra importante modifica introdotta con finalità antielusive, rispetto all’originario regime forfettario, limita le persone fisiche:

Il possesso di una quota pari al 10% del capitale sociale di una Srl potrebbe non essere considerato un ostacolo per l’adesione al regime forfettario valido dal 2019

HA 2 - 2019 51

Studi della Gazzetta dello Sport a Roma


Manage ment 6’

MANAGEMENT NORME & FISCO

COME CAMBIA LO SPORT SECONDO IL NUOVO DISEGNO DI LEGGE

È un cantiere aperto che però procede speditamente, dando chiari segnali di cambiamento circa il quadro normativo che regolerà lo sport, dilettantistico o meno; una prima disamina di un testo destinato a diversi aggiustamenti e modifiche prima del varo della norma definitiva a cura di Roberto Bresci | roberto@bresciroberto.191.it

Mantenendo fede agli impegni presi ad inizio legislatura ed a quanto annunciato in sede di stesura della legge di stabilità per il 2019, nel mese di gennaio è stato depositato al Senato della Repubblica il disegno di legge n. 999 di “Delega al Governo per la razionalizzazione della normativa sullo sport”: si tratta del così detto “DDL Barbaro” – dal nome del primo firmatario del provvedimento.

La volontà di procedere ad un profondo cambiamento dell’attuale modello sportivo italiano

Pallanuoto - Fase di gioco fra BancoBPM Sport Management e Brescia in serie A1

Certamente anche se parlarne in questo momento può apparire del tutto prematuro, in quanto i decreti legislativi di attuazione (ed i successivi pareri delle Commissioni parlamentari) dovranno contenere la sostanza della riforma, una prima analisi dell’articolato si rende necessaria sin da ora. Dalla lettura della relazione di accompagnamento al disegno di legge emerge innanzitutto la volontà di procedere ad un profondo cambiamento dell’attuale modello sportivo italiano, basato principalmente sulla componente competitiva, partendo dalla presa di coscienza della necessità di una attenzione sempre maggiore verso la pratica dello sport come stile di vita, come aspetto sociale finalizzato al benessere della persona e della società. Sport e movimento quindi come strumento di prevenzione in grado di rispondere alla domanda di un miglioramento della qualità della vita. L’attività sportiva in definitiva come risposta alla richiesta individuale e collettiva di benessere, di inclusione e coesione sociale, nonché di educazione. Altro tema sul quale viene posta l’attenzione per una riforma del modello sportivo è quello del sistema di finan-

HA 2 - 2019 52


L’agonismo resta un ambito in cui educare allo sport e ai valori correlati - alcune atlete della nazionale canadese di nuoto

ziamento pubblico che, in quanto tale, necessita di una revisione sia per quanto riguarda i criteri adottati (che devono essere ispirati ad un sistema di premialità capace di sostenere quanti rappresentano un reale valore aggiunto nel territorio per l’attività che svolgono), sia attraverso modelli di rendicontazione nell’utilizzo delle risorse. Ciò premesso, vediamo in estrema sintesi il contenuto dei principali articoli che compongono il disegno di legge. All’articolo 3 si introduce una delega per l’individuazione dei ruoli, delle competenze e della natura giuridica delle Federazioni Sportive Nazionali, delle Discipline Sportive Associate e degli Enti di Promozione Sportiva. L’articolo 5 stabilisce una distinzione della attività sportiva in: professionistica, semi-professionistica e dilettantistica. Per i soggetti che operano nel solo ambito dilettantistico viene prevista una procedura facilitata per il riconoscimento della personalità giuridica, al fine di limitare la responsabilità dei dirigenti, prevedendo al contempo l’obbligo per gli stessi di copertura assicurativa per la responsabilità civile. L’articolo 7 disciplina la fiscalità dello sport dilettantistico prevedendo incentivi e agevolazioni tributarie agli enti sportivi in funzione della rilevanza sociale dell’attività che essi svolgono, nonché per favorire l’adeguata manutenzione del patrimonio impiantistico. In particolare si interviene sull’esenzione IVA ai sensi dell’art. 10 del DPR 633/72, sul regime forfettario previsto dalla legge 398/91 e sull’applicazione della detrazione prevista dall’art. 15 del DPR 917/86 anche ai soggetti di età pari o superiore ai sessant’anni.

All’articolo 8 si definiscono alcuni principi e criteri direttivi, sia in ambito fiscale che previdenziale, con riguardo ai compensi corrisposti nell’esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica ai sensi dell’art. 67, comma 1, lettera m) del DPR 917/86. In ultimo, all’articolo 9 si prevede la revisione della disciplina relativa all’organizzazione delle competizioni sportive destinate alle scuole, attraverso la creazione di una Federazione degli Sport scolastici che si dovrà occupare di ideare e creare eventi sportivi studenteschi e di gestire le risorse economiche ad essa destinate. Come si vede di carne al fuoco ce ne è molta – forse anche troppa -. In questa fase ogni giudizio sarebbe affrettato. Non ci resta quindi che attendere quali saranno i prossimi passi del Governo.

Roberto Bresci, a sinistra, con Danilo Russu e Roberto Cognonato Tutti presidenti FIN regionali (Summit 2018)

L’attività sportiva come risposta alla richiesta individuale e collettiva di benessere, di inclusione e coesione sociale, nonché di educazione

HA 2 - 2019 53


5’

Pool POOL

LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI PISCINA E LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ La dichiarazione di conformità degli impianti, corredata dagli allegati obbligatori, è una assunzione di responsabilità da parte del costruttore, che solleva il committente da eventuali errori di progettazione a cura di Rossana Prola | prola@professioneacqua.it

La norma, in tema di installazioni elettriche ed idrauliche, ci ha abituato dal 1990, anno in cui è entrata in vigore la legge n.46, a richiedere agli installatori la certificazione di conformità per gli impianti elettrici, idraulici e termici. La stessa procedura va seguita anche nel caso in cui l’intervento venga eseguito sull’impianto di trattamento acqua di una piscina, inteso come insieme di tubazioni, pompa/e, filtro/i e quant’altro sia necessario alla realizzazione dell’impianto di trattamento acqua. Tale obbligo è in vigore dal 2008, anno nel quale il D.M. 37/08 ha integrato la legge 46/90, modificandone in parte anche il campo di applicazione.

Le bellissime piscine estive di hotel, resort e condomini, spesso in difetto su procedure - Kiwi Hotel Realizzazione Culligan

Cosa richiede la progettazione degli impianti di trattamento acqua per piscina?

Le norme tecniche e la buona regola dell’arte Le norme tecniche di riferimento, da riportare sulla conformità, sono: Piscine ad uso privato (meno di cinque unità abitative)

HA 2 - 2019 54

L’art 5, comma 3 recita: “I progetti degli impianti sono elaborati secondo la regola dell’arte. I progetti elaborati in conformità alla vigente normativa e alle indicazioni delle guide e alle norme dell’UNI, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell’Unione europea (...), si considerano redatti secondo la regola dell’arte. 4. I progetti contengono almeno gli schemi dell’impianto e i disegni planimetrici nonché una relazione tecnica sulla consistenza e sulla tipologia dell’installazione, della trasformazione o dell’ampliamento dell’impianto stesso, con particolare riguardo alla tipologia e alle caratteristiche dei materiali e componenti da utilizzare e alle misure di prevenzione e di sicurezza da adottare”. Attenzione: la qualificazione delle aziende, per la varie tipologie di lavorazioni, deve essere espressamente riportata sulla visura camerale.

La conformità degli impianti alle norme è obbligatoria e costringe il costruttore ad una maggiore attenzione


L’impianto di trattamento acqua di una piscina va certificato, in base a quanto previsto dal D.M. 37/08 Norma UNI EN 16713-1; UNI EN 16713-2; UNI EN 16713-1 tutte 2016 Piscine ad uso pubblico (più di cinque unità abitative, turistico-ricettive, pubbliche) Norma UNI 10637/2016; UNI EN 13451-1; UNI EN 13451-2; UNI EN 13451-3; UNI EN 15288-1 “La conformità degli impianti alle norme è obbligatoria e costringe il costruttore ad una maggiore attenzione”. L’impianto di trattamento acqua di una piscina va certificato, in base a quanto previsto dal D.M. 37/08, sia quando lo si realizza sia quando si apportano modifiche o ristrutturazioni. Gli allegati obbligatori da consegnare insieme alla certificazione sono: Gli schemi dell’impianto I disegni planimetrici Una relazione tecnica sulla consistenza e sulla tipologia dell’installazione, della trasformazione o dell’ampliamento dell’impianto stesso, con particolare riguardo alla tipologia e alle caratteristiche dei materiali e componenti da utilizzare e alle misure di prevenzione e di sicurezza da adottare.

Il rilascio della certificazione di conformità è necessaria al fine di ottenere l’agibilità. Inoltre, all’articolo 15, comma 7, è introdotta la specifica sanzione civile della nullità del contratto stipulato con un’impresa non abilitata ai sensi del precedente articolo 3, trattandosi di una nullità per violazione di legge (articolo 1418 del Codice Civile).

Il rilascio della certificazione di conformità è necessaria al fine di ottenere l’agibilità.

HA 2 - 2019 55


6’

DOSSIER

Pool Dossier POOL

PISCINE PUBBLICHE, COSA CI RISERVA IL FUTURO?

Un comparto segnato da un numero crescente di inciampi, da una congiuntura sfavorevole e dall’incapacità di cambiare e di aggregare per essere una categoria coesa, con le complicazioni sistemiche e la politica che incidono negativamente: un quadro con più ombre che luci a cura di Redazione di HA Construction | info@professioneacqua.it

Le cause sono anche riconducibili alla crisi economica con un calo dei frequentatori e un aumento dei costi di gestione. Sovente sono diventati ingenti i costi necessari alla ristrutturazione di impianti, ormai datati, ai quali gli Enti Pubblici proprietari non sono in grado di fare fronte per mancanza di fondi dedicati. Di certo, pochi hanno saputo agire proattivamente alla situazione che si stava delineando in modo chiaro, evolvendo la propria organizzazione e modificando l’offerta per adattarla a nuovi contesti. Piscina comunale di Via dello Sport e Terramaini a Cagliari Un esempio di cattiva gestione diretta da parte di un comune

La politica sembra concepire leggeri ma continui “aggiustamenti”, guidata da un disegno preciso: netta distinzione tra lo Sport inteso come attività agonistica, legato all’associazionismo senza scopo di lucro, e l’attività sportiva gestita, nella stragrande maggioranza dei casi, con uno scopo di lucro mascherato. A questa seconda categoria di soggetti si stanno lentamente togliendo le agevolazioni, sia dirette che indirette: è il caso, ad esempio, del Codice degli Appalti che ha complicato non poco la vita di gestori/ imprenditori intenzionati ad investire nell’attività sportiva. MA QUALE SARÀ IL FUTURO CHE CI ASPETTA? Difficile dirlo, ma temo che i cambiamenti siano irreversibili e radicali, probabilmente senza scossoni e terremoti, un poco alla volta, ma inevitabili. Un gestore accorto dovrebbe saper interpretare ciò, comprendendo che in un mondo nuovo non si può continuare ad utilizzare regole vecchie. Piscine pubbliche, trattate alla stregua di vere aziende, hanno necessità di trovare risorse economiche che ad oggi sono impensabili. Chi le potrà immettere nel settore? Il settore pubblico, certamente, conseguente ad una precisa scelta politica, ed il privato che sia però in grado di prestare sufficienti garanzie ai finanziatori, ricavando un utile appropriato.

Basta leggere le notizie pubblicate nel web per comprendere quanto si stia facendo sempre più difficile la situazione delle piscine pubbliche in Italia. Ovunque si trovano impianti che chiudono, che non aprono dopo l’inaugurazione, gare d’appalto deserte, fallimenti di project financing... Il tutto nell’assordante silenzio della politica e dei gestori stessi, intesi come “categoria”, ancora, pare, non consapevoli di quanto stia avvenendo.

Un gestore accorto dovrebbe comprendere che in un mondo nuovo non si può continuare ad utilizzare regole vecchie

HA 2 - 2019 56


Molte società sportive cesseranno di esistere visto che i piccoli gestori non si aggregano, non si informano, non combattono per difendere la propria posizione

La piscina comunale di Cologno al Serio, il simbolo dei fallimenti dell’ultimo decennio, 8 milioni buttati al vento

Con la recente modifica al Codice degli Appalti, che ha aumentato a 150.000 euro l’importo massimo di lavori appaltabili “a trattativa diretta”, le associazioni sportive potranno gestire più facilmente appalti di piccole dimensioni per investimenti e/o ristrutturazioni. Progetti relativi ad impianti più grandi, con annesse piscine, saranno sempre più complessi per le società sportive “vere”, al contempo agevolando società di capitali, con patrimoni e riserve adeguate agli investimenti. Gli enti pubblici, in difficoltà nel trovare soggetti gestori, torneranno ad occuparsi direttamente degli impianti,

Il comune di Alessandria tenta di vendere la piscina lungo al Tanaro a 133.000 euro, ma gli esperti prendono le distanze

appaltando all’esterno solo alcuni servizi secondari. Giusto o sbagliato che sia, questo probabilmente sarà il futuro. Siamo pronti? A mio parere, assolutamente no. Per questa ragione, secondo me, molte società sportive cesseranno di esistere alla fine delle gestioni in corso. Futuro inevitabile visto che i piccoli gestori non si aggregano, non si informano, non combattono per difendere la propria posizione. Triste conclusione di un’epoca, segnata da madornali errori e, soprattutto, dalla incapacità di crescere.

HA 2 - 2019 57


Manage ment 7’

MANAGEMENT & TOURISM

PARK HOTEL AI CAPPUCCINI: PISCINA, FITNESS E SPA PER DARE VALORE A BELLEZZA E BENESSERE

Sintesi di ospitalità, comfort e amenità uniche, nel cuore dell’Umbria un esempio di imprenditorialità evoluta che coniuga soggiorno di livello con un’offerta sportiva e benessere di alta qualità e calata in un contesto con pochi eguali a cura della Redazione - redazione@euroaquatic.it Nel numero precedente di HA&W, per la sua bellezza, abbiamo dedicato la copertina alla vasca che impreziosisce il complesso alberghiero, cui dedichiamo le pagine che seguono. Disporre infatti di una palestra e ancor più di una piscina indoor non è opzione frequente degli hotel nazionali. Ma il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio (PG) è andato ben oltre qualsiasi idea di area sport-benessere, affiancando ad una struttura alberghiera di alto valore una piscina bellissima e originale per design, forme e gradevolezze ambientali, nonchè una palestra attrezzatissima e una spa che è espressione di stile, gusto e benefici poco eguagliabili. Un disegno frutto di una strategia e di una proiezione imprenditoriale che ci illustra Maria Carmela Colaiacovo, AD e general manager. Una vera eccellenza nazionale che indica la strada maestra per fare di turismo, ospitalità, sport e benessere le soluzioni di valore che rafforzano l’appeal attrattivo del nostro Paese: un grande esempio per chi opera in campo sportivo e in campo turistico-alberghiero.

Maria Carmela Colaiacovo AD e general manager

Perché una scelta tanto qualitativa e distintiva nella realizzazione di un’area benessere rara per bellezza e originalità? Nel pensare alla nuova zona acque era forte il nostro desiderio di creare qualcosa di unico, che potesse diventare un ulteriore attrattore per l’hotel, configurandosi come un marchio distintivo. Quanto incide questa offerta di alta qualità sui gusti del vostro ospite e le ragioni più frequenti di apprezzamento? Tutta la spa è molto amata dai nostri clienti, ma il connubio tra design e arte della zona piscina è l’aspetto più apprezzato.

Il connubio tra design e arte della zona piscina è l’aspetto più apprezzato

SPA termarium e docce emozionali Park Hotel ai Cappuccini


L’architettura e le forme sono elementi distintivi di un gioiello che premia l’ospite dell’hotel e il cliente stanziale

Come è nata l’idea, chi ha contribuito alla progettazione e alla realizzazione, le principali difficoltà affrontate? Molto ha contato il rapporto con Simone Micheli, uno degli architetti che contribuì alla progettazione dell’hotel aperto nel 1990. È a lui che, vent’anni dopo, abbiamo chiesto di rielaborare il progetto iniziale, che prevedeva una piscina sportiva. Da qui siamo partiti per realizzare il parco acque, comprensivo di piscina indoor e sala idromassaggi. L’entità degli investimenti con indicazione dei ritorni attesi nel medio periodo. L’aspettativa legata agli investimenti ha trovato riscontro anche dal punto di vista economico-finanziario ed è, quindi, diventato un prezioso “volano” per il fatturato dell’hotel.

Come, con la vostra splendida piscina ed attrezzatissima palestra integrate dalla spa, interagite con la popolazione locale e in quale modo non penalizzate l’ospite dell’hotel che condivide spazi con la clientela stanziale? Il nostro club continua ad essere frequentato da clienti del territorio, anche se in misura più ridotta rispetto al passato. Cerchiamo di concentrare le loro attività negli orari serali, in modo che ci siano maggiori spazi a disposizione in esclusiva per loro e per i clienti dell’hotel.

Il fatto di non essere sul mare o in montagna penalizza una realtà alberghiera di cotanto livello, o Gubbio, la splendida Umbria e il vostro hotel sono un mix vincente che attira turisti e clientela? Gubbio e la sua bellezza costituiscono certamente una grande risorsa per l’attrattività della destinazione. Occorre però essere all’altezza di una simile risorsa, sostenerla e valorizzarla, anche perché la bellezza di un luogo non basta più per invogliare qualcuno a visitarlo. Oggi possiamo contare su una occupazione media del 50% su base annua. Ovviamente si tratta di un trend diverso da quello della città, ma comunque soddisfacente per l’Italia più nascosta. Quanto conta oggi una ben misurata offerta sportiva e benessere nella vostra strategia e che effetti ha sul vostro ospite continuativo e occasionale? Negli ultimi otto anni circa, il nostro hotel si è sempre più rivolto al cliente individuale ed alle offerte per piccoli seminari. La fidelizzazione è divenuta uno dei nostri punti di forza. La creazione di percorsi “detox”, con la collaborazione esclusiva di Marc Mességué, ha contribuito in forte misura al raggiungimento di questo obbiettivo.

HA 2 - 2019 59

Una dimensione di autentico benessere offerta dalla accogliente ed elegante SPA - Park Hotel ai Cappuccini


Il nostro club continua ad essere frequentato da clienti del territorio

Quanto incide la domanda straniera, che clientela è più attenta all’offerta sportiva-benessere e cosa ritenete sarà vincente nei prossimi anni per incrementare il numero di soggiorni in hotel o le iscrizioni nella vostra area sportiva? La clientela straniera interessata al nostro centro si divide tra percorsi “detox” di Marc Mességué e i servizi legati alla bicicletta. Il territorio eugubino rappresenta una porta naturale e culturale per le escursioni ciclistiche sia verso l’Appennino sia verso le città d’arte. In questi ultimi anni il cicloturismo, soprattutto straniero, è molto cresciuto. Che programma avete per il 2019 e negli anni a venire coniugando comfort alberghiero con proposte di sport e benessere? Verrà ampliata l’offerta legata ai percorsi benessere, soprattutto cercando sempre più di integrarli con la bellezza del nostro orto aromatico e del nostro uliveto.

In generale che sfide attendono il comparto hospitality- turismo e come fare dell’offerta sportiva-wellness un asset vincente di società come la vostra? Dobbiamo, sempre più, far vivere al cliente un’esperienza che si fissi nella sua memoria e che rimanga tra i suoi ricordi più cari.

Circuito isotonico completo nella palestra dell’hotel

In che misura i costi di gestione dell’area sportiva incidono e come sono arginabili per massimizzare il profitto? Non nascondo che i costi di gestione del centro sono molto alti, soprattutto per la scelta di avere personale altamente qualificato e preparato per il tipo di soggiorno che offriamo. Ritengo che la qualità del servizio sia, nel medio-lungo periodo, la carta vincente.

Far vivere al cliente un’esperienza che si fissi nella sua memoria e che rimanga tra i suoi ricordi più cari

Park Hotel ai Cappuccini - L’esterno

HA 2 - 2019 60


SUPERFICIE

Totale: mq 1800

Area coperta: mq 1800

VASCHE (indicare dimensioni, tipologia di vasca e profondità)

INDOOR: Piscina Acque Emozionali, vasca di circa 25 x 10 metri (profondità media 1,30 m.) con area con corsie natatorie, vasca baby, area con nuoto controcorrente ed area idromassaggio. La piscina è in posizione panoramica con una vetrata apribile durante la stagione estiva sulla terrazza solarium attrezzata e servita da un bar. OUTDOOR: terrazza solarium attrezzata

AREA FITNESS

SALA FITNESS: 180 mq con 26 postazioni SALA CARDIO: all’interno della sala Fitness con 7 postazioni SALA/E CORPO LIBERO: 70 mq (lezioni di ginnastica a corpo libero, step, aerobica, yoga, ginnastica facciale e psicomotoria)

AREA WELLNESS

TERMARIUM dimensioni e connotazione: VASCA/CHE BENESSERE: Sala idromassaggi (34°) con grande vasca a forma di arca ed acqua addizionata di magnesio e potassio, vasca idro circolare e vasca thalasso ESTETICA: trattamenti viso e corpo, massaggi, programmi detox e dimagranti Marc Mességué, 7 cabine per massaggi e trattamenti, swedana, ossigenoterapia, aerosolterapia. Prodotti Cosmetici: Aveda, Mei, Lakshmi ZONA SAUNA: soft sauna e sauna finlandese ALTRO: docce emozionali, fiotto, bagno mediterraneo, bagno turco, area relax, angolo tisane; cabina raxul.

AREA RISTORO E/O BAR

RISTORANTE: 4 sale ristorante da 60 a 500 posti, cucina regionale umbra, cucina dietetica Marc Mességué, cucina per celiaci e vegetariani

ALTRE AREE

BAR: American bar e bar della piscina (40 mq aperto durante la stagione estiva sulla terrazza solarium)

Servizi aggiunti e dimensioni:

Bar, Ristorante, Fitness, Sauna, Bagno turco, Bagno Mediterraneo, Docce Emozionali (wasser paradise) 7 cabine trattamenti/massaggi, Raxul, Centro remise en form Marc Mességué, Sale convegni (12 sale)

Fornitori principali per la realizzazione dell’impianto e per attrezzature e servizi

Starpool Parco Acque (piscina e palestra) architetto Simone Micheli

Tariffe base per servizi a maggior impatto sulla clientela: Ingresso Spa, Sala Idromassaggi, Piscina e Palestra Euro 40,00 (mezza giornata, kit spa incluso)

Spa e benessere interpretati al meglio con ambienti unici La vasca idromassaggio è un vero invito ad immergersi


7’

INTERVISTA

Vas VAS & WELLNESS

LE PATOLOGIE CARDIACHE DEL NEONATO Le autorevoli indicazioni di un’affermata pediatra, ex nuotatrice, che illustra i possibili deficit cardiaci dei piccoli, i tempi per una diagnosi certa e il percorso che seguirà alla nascita, considerando anche l’esperienza acquatica a cura di Caterina Borgato | borgatoc@gmail.com

Quali sono le patologie di cui vi occupate? Nel nostro reparto accogliamo pazienti con cardiopatie congenite, acquisite e aritmiche dal periodo neonatale fino all’età giovane-adulta. Nello specifico ci occupiamo di tutto il percorso dalla diagnosi prenatale, dal trattamento medico e chirurgico, fino al trapianto cardiaco e/o all’utilizzo di cuori artificiali per tutte le anomalie cardiache, quando necessario.

Cardiologia pediatrica

Quindi riuscite a fare diagnosi addirittura a bambini prima della nascita? Si, esatto. La diagnosi prenatale, attraverso l’ecocardiografia cardiaca fetale, ha permesso negli ultimi anni diagnosi sempre più precoci ed accurate consentendo quindi ai genitori e al piccolo nascituro di essere “presi in carico” presso il nostro centro fin dal momento della comunicazione della diagnosi, con l’organizzazione di un percorso prenatale guidato fino al parto e poi oltre. Tutto ciò permette di migliorare anche le cure al neonato e di conseguenza di ottenere un miglior outcome al trattamento. Da quale età gestazionale si può fare una diagnosi? Il cuoricino si può studiare per bene dopo il primo trimestre di gravidanza. Poi come procedete? Innanzitutto cerchiamo di fare questo percorso insieme ai genitori. Per loro inizia in maniera molto brusca ed inaspettata, si tratta di un vero e proprio shock, i genitori vivono infatti tale momento con estrema ansia e comprensibilmente non riescono a contenere la loro preoccupazione. L’idea del figlio per ogni coppia è sempre quella del “figlio ideale” che prima di tutto deve “stare bene”. Il nostro ruolo quindi, in questa fase, non è soltanto di formulare la diagnosi, ma anche e soprattutto, di accogliere e accompagnare la coppia per favorire la loro comprensione, e ancor più difficile, la loro accettazione. Ritengo che questo sia il ruolo più complicato e difficile per noi medici. Una delle più semplici e sincere rassicurazioni, nella stragrande maggioranza dei casi, è di sottolineare che finché il bim-

Secondo appuntamento dei tre previsti, prendendo in esame una breve intervista a tre pediatri, ognuno dei quali specializzato in settori differenti. Capiremo qual’è il loro pensiero sull’acquaticità neonatale in relazione all’utilità che può derivarne per le patologie dei loro pazienti. In questa sede le considerazioni del della Dott.ssa Alessia Cerutti con focus sulle patologie cardiache.

Fare questo percorso insieme ai genitori

HA 2 - 2019 62


bo è nella pancia della mamma, sta bene. Quando poi il bimbo nasce cosa succede? Ovviamente sarà dopo la nascita il momento più difficile da affrontare; il percorso potrà essere di vari tipi: chirurgico, ospedaliero, farmacologico etc. Noi medici dobbiamo essere in grado di comunicare con questi genitori per far capire loro quale strada andremo, insieme, ad intraprendere, come potremo aiutarli etc. Essenziale diventa a questo punto poter essere affiancati anche da altre figure, per restare noi nel nostro ruolo di Medico Curante mentre gli altri entreranno in gioco a sostegno di queste famiglie sia da un punto di vista pratico/organizzativo sia psicologico. Un supporto importantissimo a questo proposito viene dato loro dalla nostra Associazione di genitori creata a sostegno dei genitori stessi: UN CUORE UN MONDO PADOVA onlus. Grazie a tale associazione prima vengono affiancati i genitori e successivamente il bambino in tutto il loro cammino. Nella nostra esperienza, un supporto pratico e psicologico di tale portata è fondamentale nella loro capacità di accettazione e aderenza alla terapia.

Stimolandoli ad inserire i piccoli pazienti nelle attività ludico-addestrative assieme ai coetanei

Avete riscontrato un aumento in questi anni per le patologie cardiache in età pediatrica? Da un punto di vista statistico legato ai grandi numeri, direi di no. Però le cardiopatie congenite sono in assoluto le patologie più frequenti. Tra queste esistono difetti cardiaci “minori” che sono quelli che possono guarire anche da soli, e ci sono invece forme più complesse che necessitano di terapia medica e cardiochirurgia e per questo tali nostri bambini rimangono cardiopatici per tutta la vita Secondo lei potrebbe essere utile consigliare per questi bambini un’attivita’ come l’acquaticita’ neonatale a seconda della patologia? Per quel che riguarda l’attività sportiva in generale, e l’acquaticità in particolare, laddove possibile, e per fortuna questo accade spesso, siamo i primi a spronare le famiglia alla “normalità”, stimolandoli ad inserire i piccoli pazienti nelle attività ludico-addestrative assieme ai coetanei,

HA 2 - 2019 63


sottolineando sempre l’aspetto benefico non solo fisico, ma anche e soprattutto psicologico, per ottenere confidenza con il proprio corpo e una maggior autostima. Un genitore come potrebbe avvicinarsi a tali attività? A questo scopo sono diversi anni che promuoviamo un’attività chiamata “Un Cuore in Forma” ,dove grazie al supporto di specialisti del settore, organizziamo attività di esercizio di gruppo anche in piscina; estendere l’esperienza pure alla triade genitore-neonato sarebbe per noi una sfida importante che amplificherebbe quell’indispensabile confidenza e consapevolezza che aiuta le nostre famiglie ad affrontare la vita con ottimismo ed irrinunciabile speranza.

Un supporto importantissimo viene dato loro dalla nostra Associazione di genitori: UN CUORE UN MONDO PADOVA onlus.

Bimbi e aquaticità per un’esperienza educativa dei piccoli e dei genitiori

ALESSIA CERUTTI: Pediatra cardiologa presso il reparto di Cardiologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera di Padova.

Promuoviamo un’attività chiamata “Un Cuore in Forma”, dove, grazie al supporto di specialisti del settore, organizziamo attività di esercizio di gruppo anche in piscina HA 2 - 2019 64


MOLTO PIÙ DI UN CONVEGNO MOLTO PIÙ DI UNA FIERA

RIMINI 3-4

Palacongressi

dicembre 2019 IL SALOTTO TECNICO DELLA PISCINA

Costruttori, progettisti, manutentori e gestori di piscine si incontrano in una delle più grandi e moderne sedi congressuali d’Europa per confrontarsi su temi tecnici, economici, normativi, di marketing e comunicazione, o solamente per incontrarsi. Organizzazione Professione Acqua srl info@professioneacqua.it | tel. 0376.854931

L’iscrizione deve essere effettuata attraverso il sito

www.professioneacqua.it


7’

Vas VAS

SISTEMI DI MONITORAGGIO: LA SVOLTA DEL FITNESS ACQUATICO Come è avvenuto in palestra, in vasca ora è possibile seguire ogni cliente facendolo sentire protagonista grazie a monitoraggi, personalizzazioni, nuove modalità di comunicazione e rapporto sempre più solido istruttore(club)-allievo a cura di Andrea Gilardoni | andre.gilardoni@gmail.com

Per tanti anni la cultura dell’attività fisica in acqua intesa come fitness e allenamento in generale è stata in sordina rispetto alle novità e all’evoluzione tecnologica del fitness terrestre. Non nascondo un mio stato di perenne frustrazione nel rispetto delle mie origini acquatiche. I sistemi di monitoraggio (credibili) rappresentano finalmente la vera svolta tecnologica che permette a tutte le attività di allenamento acquatiche di raggiungere e superare in qualità e potenzialità di mercato le sorelle maggiori in ambito terrestre. In generale il mercato del fitness oggi richiede un servizio complesso strutturato su due ambiti ben precisi e tra loro sinergici. Chi vuole acquistare, di fronte ad un palinsesto attività definito, ha un ruolo di natura PASSIVA. Il consumatore acquista un pacchetto predisposto che deve essere di alto livello. Il palinsesto deve avere attività strutturate con una gamma ampia e profonda in modo da soddisfare le necessità sempre più soggettive e mirate. Per esempio oggi non è sufficiente proporre un certo numero di sedute di Yoga la settimana. E’ fondamentale dichiarare a quale famiglia appartengono e a quali attività specifiche o format si riferiscono. Le attività caratterizzate da genericità e approssimazione in termini di contenuti e obiettivi hanno vita breve.

Il cliente pianifica il ciclo di lavoro, lo periodizza, definisce in modo chiaro i propri obiettivi, valuta l’intensità delle attività svolte, controlla e monitora i risultati raggiunti

Quanto descritto non è sufficiente per accontentare e fidelizzare il cliente. Grazie a internet, alla tecnologia, al sistema di informazioni on line, al numero di applicazioni disponibili, il socio vuole esprimersi con un ruolo ATTIVO e consapevole in merito a quello che sta provando. L’allievo vuole conoscere, esprimersi, ha la necessità di scegliere e monitorare l’efficacia e l’efficienza di quanto sta facendo anche se si tratta di performance allenanti di un corso di gruppo. Questo nuovo panorama svecchia gli antiquati metodi di allenamento e apre nuove frontiere. Da anni gli operatori leader del settore del fitness hanno investito risorse economiche e finanziarie alla ricerca dei format e della tecnologia più adeguati per soddisfare i queste necessità. Il cliente pianifica il ciclo di lavoro, lo periodizza, definisce in modo chiaro i propri obiettivi, valuta l’intensità delle attività svolte, controlla e monitora i risultati raggiunti. A fine ciclo effettua l’analisi degli scostamenti tra quanto programmato e realizzato e valuta se proseguire con le attività e i trainer a cui ha dato fiducia o se modificare i propri consulenti. Ho utilizzato volontariamente il termine consulente perché oggi i Group Trainer o Personal Trainer hanno un vero e proprio ruolo di professionisti che supportano, consigliano e guidano i propri clienti. Grazie al sistema di monitoraggi anche il mondo delle attività acquatiche è in grado di dare un vero e proprio apporto di consulenza ai propri operatori e clienti affezionati. Non bastano appellativi più o meno originali e di moda per aumentare i proseliti dell’allenamento in acqua. Il cliente è stufo di essere preso in giro da tanta superficialità, vuole dei risultati oggettivi e monitorabili. Le nuove tecnologie esprimono una serie di importanti punti di forza che fanno del sistema un investimento irrinunciabile.

HA 2 - 2019 66


Il socio vuole esprimersi con un ruolo ATTIVO e consapevole in merito a quello che sta provando

Il Group Trainer - un trascinatore capace di entusiasmare, qualità che distingue Andrea Gilardoni

Le caratteristiche che devono essere il punto di eccellenza di chi adotta un sistema di monitoraggio ed APP (come il nuovo HTS) sono: Monitoraggio dell’attività fisica in acqua Controllo dell’allenamento dell’allievo Valutazione oggettiva degli effetti dell’allenamento acquatico Personalizzazione dell’attività a livello individuale anche se fatta in gruppo con altri allievi Polifunzionale utilizzabile per monitorare l’allenamento globale dell’allievo Fidelizzazione dell’allievo al trainer e alla struttura Crescita culturale dell’istruttore e dell’allievo Fidelizzazione inteso come condivisione degli obiettivi tra trainer e cliente Facile utilizzo, lettura e comprensione da parte di tutti, dalla casalinga al professionista Definizione della programmazione Valorizzazione e monitoraggio dei risultati raggiunti

Nuovi device, display HTS e HTS APP

HA 2 - 2019 67

In sintesi con un unico investimento è possibile: Dare ai trainer un nuovo modo di organizzazione della propria professionalità; Istituire un canale di comunicazione innovativo che permette la personalizzazione delle attività, il monitoraggio, la valutazione. Motivare le risorse con preparazione meno aggiornata a guardare avanti e modificare la propria visione dell’allenamento e del mercato; Dare un impulso all’attività di personal training anche in ambiente acquatico; Dare ai clienti uno strumento che realizza la necessità di avere un ruolo ATTIVO nel rapporto con il centro fitness e con gli operatori; Dimostrare oggettivamente l’efficacia e l’efficienza dell’allenamento in acqua.

Le attività caratterizzate da genericità e approssimazione in termini di contenuti e obiettivi hanno vita breve


Distributore WIBIT per l’Italia info@aqquatixfun.com www.aqquatix.com +39 049 7381150


5’

Vas VAS

LA T-TRACTION REVOLUTION, PER OTTIMIZZARE SPAZI E ATTIVITÀ IN VASCA Per chi è alla ricerca di soluzioni coinvolgenti e innovative, TTR è una sicura certezza coinvolgente e di sostanza nel panorama acquatico, sintesi di trasversalità di offerta a cura di Luca Cassin | acquapole@gmail.com Ma in cosa consiste la vera rivoluzione? - Con solo 2 pertiche Acquapole e pochi accessori è possibile arrivare fino a 7-8 stazioni di lavoro; - Il gestore a fronte di una spesa contenuta può raddoppiare la resa delle proprie lezioni fitness; - L’utilizzo di uno spazio esiguo richiesto dal TTR permette un’organizzazione efficiente delle attività in vasca; Infinite soluzioni di combinazione.

Con l’introduzione della TTR, il metodo Acquapole si rinnova e innova ulteriormente l’uso dell’ormai famosa pertica acquatica, sottolineando così quella che sembra essere una vocazione a proporre costantemente interessanti novità. Nate nel 2011 con le tradizionali prese (a bandiera, brachiale, ecc.), infatti, le attività targate Acquapole vengono presto arricchite con il sacco acquatico, il boxing bag e, successivamente, con gli elastic pole. Nel corso del tempo i trainer certificati hanno quindi avuto modo di sperimentare diversi tipi di lezione nei loro impianti, avendo così l’opportunità di arricchire ancor più il proprio bagaglio formativo. Oggi istruttrici e istruttori certificati Acquapole e felici interpreti del relativo metodo hanno a loro disposizione una nuova formazione ed un nuovo strumento “rivoluzionario”, come tra l’altro anche il nome suggerisce: la T-traction Revolution. Questo semplice accessorio permette, oltre alla variazione di esercizi da proporre all’utente, un nuovo modo di approcciare l’allenamento in acqua, tutto in una sola soluzione, pronto all’uso. L’inserimento della TTR permette di combinare una vera e propria postazione di lavoro acquatica, utilizzabile sia da più utenti contemporaneamente sia da sedute di lavoro singole.

Le possibilità di allestimento sono infinite, creando l’opportunità di lavorare anche su protocolli sportivi con squadre di atleti

Acquapole con o senza TTR è sintesi di esercizio fisico completo, energia e divertimento

HA 2 - 2019 70


Acquapole è una garanzia di successo per gli standard formativi che esprime grazie ai suoi top Trainer

La pertica orizzontale, la quale va a comporre la struttura della TTR, tramite i 2 ganci si può collegare ad altre due pertiche verticali ed è possibile modularla su tre altezze: alta, centrale, bassa. Quest’ultime permettono l’allenamento attraverso nuove posizioni, come ad esempio quella seduta o in plank, e alla possibilità di utilizzare la barra sia in posizione frontale sia sagittale. Come è quindi possibile dedurre, le possibilità di allestimento sono infinite, creando l’opportunità di lavorare anche su protocolli sportivi con squadre di atleti. Modulando gli accessori a scelta e in base all’obiettivo della lezione, l’istruttore viene messo in condizione di variare sempre la propria tipologia di lezione. La rivoluzione varata da Acquapole è la vera opportunità innovativa 2019 in una logica di servizio aggiornato pensato per ogni cliente di qualsiasi piscina, appagando al contempo gli addetti ai lavori e il gestore, che potrà investire con profitto valorizzando in modo persuasivo palinsesto e valore del club. Esercizio con TTR

Una nuova formazione ed un nuovo strumento “rivoluzionario”, come tra l’altro anche il nome suggerisce: la T-traction Revolution.

HA 2 - 2019 71


C

ACQUA E DISABILITÀ

ADVANCED

BOLOGNA

12 MAGGIO 2019

BASIC

COOPERNUOTO - Carpi (MO)

31 MARZO 2019

AQUAMORE

Villafranca (VR)

9-10 FEBBRAIO 2019

FIERA DI BOLOGNA

Bologna (BO)

13-15 FEBBRAIO 2019

AQUARDENS

Pescantina (VR)

4 MAGGIO 2019

FIERA DI RIMINI

Rimini (RN)

30 MAGGIO - 2 GIUGNO 2019

SUN CLUB

Siracusa (SR)

21-23 GIUGNO 2019

EVENTI e FIERE E E E E E

V.I.E. - VAS INDOOR EXPERIENCE FORUM PISCINE - CLUB HOLISTIC DAY + MANAGEMENT RIMINIWELLNESS SICILIA CONFERENCE

EUROAQUATIC.IT

AQUAFITNESS

AQUA HEALTH & WELLNESS

AQUA EDUCATIONAL

ON DEMAND

EVENTI

Attenzione: le date e le sedi segnalate nel presente file potrebbero variare per motivi organizzativi. Suggeriamo di verificare sempre sul sito euroaquatic.it o scrivendo a eaa@euroaquatic.it - Calendario aggiornato il 17/12/2018

DA ISTRUTTORE AD AQUATIC SPECIALIST Associata a

Partner

Media Partner

Associata a

Affiliata a

EAA sostiene

210x285_EAA CALENDARIO_gen2019-giu2019.indd 1

18/12/18 11:31

IL PROFESSIONISTA DELLA NUOVA ACQUATICITÀ AQUAFITNESS

AQUA HEALTH & WELLNESS

• AQUAFITNESS INSTRUCTOR BASIC / ADVANCED

• VAS - HEALTH Dimagrimento, Cardio, Rehab

• AGUAMOVIDA® INSTRUCTOR

• ACQUAMI BASIC / ADVANCED

• AQUAFITNESS MASTER: Deep Water Aqua Bike Aqua Treadmill Aqua Step & Jump Aqua Circuit Big e Small Eq. AquaXfit Aquafitness Mat Aquafighting Affiliata a

AQUA EDUCATIONAL • ACQUATICITÀ NEONATALE 0-3 ANNI BASIC / ADVANCED • ACQUA E DISABILITÀ BASIC / ADVANCED

• ATTIVITÀ IN ACQUA PER GESTANTI BASIC / ADVANCED • WORKSHOP The Vertical Aquatic Styles: new business Associata a

ON DEMAND • PERSONALIZZAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI E DI AGGIORNAMENTO PER IL TUO STAFF • OPEN DAYS DEL TUO CLUB CON I NOSTRI MIGLIORI TRAINERS ED ESPERTI

EVENTI • AXE DAYS • VIE • HOLISTIC DAYS • RIMINIWELLNESS • AQUAFITNESS DAYS • ROAD SHOW

• PALESTRA ACQUATICA Training by EAA/Wellink

Media Partner

EAA sostiene


PUBBLIREDAZIONALE

Pangenius è il nuovo player nel settore delle energie rinnovabili che riscrive le regole del gioco attraverso un portafoglio di prodotti innovativi per piscine, palestre, SPA e ogni altro ambiente che richieda l’impiego di grandi quantità di acqua e aria. Il cuore della tecnologia Pangenius è Genius Thermae, un sistema di gestione intelligente dell’energia basato su un approccio prestazionale che, attraverso una rete di sonde, rileva le condizioni ambientali e regola la velocità dei motori delle pompe dei filtri dell’acqua e delle unità di trattamento aria in base alle necessità. Ciò consente una maggiore efficacia del processo di filtrazione, e conseguentemente un’acqua più limpida e salubre, e un’aria sempre fresca e respirabile, riducendo al contempo al minimo gli sprechi, con una riduzione dei consumi elettrici del comparto filtri/UTA fino al 75%. Pangenius consente il monitoraggio da remoto in tempo reale per tenere sempre sotto controllo le condizioni dell’impianto, utilizza esclusivamente componentistica certificata e si adatta a qualsiasi tipo di impianto (filtri a sabbia, a cartuccia, a diatomee). Pangenius offre un prodotto personalizzato in base alle esigenze del cliente: l’installazione è preceduta da un accurato sopralluogo e dalla predisposizione di un preventivo indicante il risparmio minimo garantito.

Per maggiori informazioni: info@pangenius.it - 3454564867 - www.pangenius.it


4’

Vas VAS

SVEGLIA TUTTI!

Un appello ragionato a prendere coscienza del ruolo che ogni professionista può ricoprire in un processo di sensibilizzazione e motivazione di ogni persona ad essere motoriamente attiva a cura di Annarita Misciglia | annamisc68@gmail.com

inesorabilmente costringeranno a muoversi di più per non rimanere solo schiavi delle medicine. Facciamo qualcosa in più! Con le nostre azioni non dobbiamo avere la presunzione di cambiare il mondo ma, goccia su goccia, per rimanere in tema di acqua, abbiamo il dovere di smuovere coscienze e corpi, prendendo per mano le persone instradandole verso sani e corretti stili di vita guidati dall’attività fisica. Abbiamo tutti la netta percezione che “spostare” i sedentari non sia facile ma ci fermiamo, spesso, solo alle proposte di acquisto commercialmente sempre più accattivanti che poi, inesorabilmente, non hanno più significato se non operiamo giorno dopo giorno in modo coerente a quanto proposto all’inizio. Ci sentiamo grandi sul piano vasca, tecnicamente impeccabili, ma saltiamo “l’appuntamento” della relazione con il cliente. Abbiamo a disposizione

Recentissime statistiche sulle persone “attive” in tutto il mondo dicono chiaramente che, negli ultimi due decenni, non è aumentata la quota di coloro, adulti, che fanno attività fisica regolare. Nonostante ormai non si parli di altro che del movimento come farmaco per la salute, siamo sempre lì. Nonostante la tecnologia che attraverso le centinaia di app dedicate avrebbe dovuto smuovere le “acque”, siamo ancora fermi. Il risultato è che continuano ad aumentare le malattie legate proprio allo scorretto stile di vita, connubio devastante tra mancanza di movimento, appunto, e cattiva alimentazione. Allora diamoci una mossa, non diamo per scontato che il processo che convince le persone a fare attività fisica sia facile. Non possiamo nemmeno attendere che il numero degli attivi aumenterà perché costretti dalle patologie che

Incoraggiare al raggiungimento di obiettivi percorribili, singoli e senza fare confronti, è la carta vincente

Cardiologia pediatrica

Istruttore e allievi - se c’è feeling la piscina è per sempre

HA HA 22 -- 2019 2019 74 74


Ci sentiamo grandi sul piano vasca, tecnicamente impeccabili, ma saltiamo l’appuntamento della relazione con il cliente

Summer Convention Argentina - non c’è limite di età per esperienze acquatiche uniche, ma molto dipende dalla capacità dell’istruttore

Abbiamo il dovere di smuovere coscienze e corpi, prendendo per mano le persone instradandole verso sani e corretti stili di vita guidati dall’attività fisica

attrezzi sempre più performanti ed accattivanti ma non li sappiamo e non li facciamo usare. Stiamo andando verso un sistema di proposte vieppiù legate agli small group anche in acqua. Abbiamo l’obbligo di cogliere questa opportunità, di avere poche persone per seduta che possiamo accogliere, monitorare, controllare, consigliare. Possiamo spiegare bene cosa si fa, quali vantaggi hanno gli attrezzi che si usano, quali vantaggi si ottengono a fare attività con continuità. Guidare le persone è un’attività uno ad uno, il progetto individuale paga sempre, appaga il cliente. Incoraggiare al raggiungimento di obiettivi percorribili, singoli e senza fare confronti, è la carta vincente per iniziare/proseguire un percorso virtuoso collegato all’attività fisica, pronti ad intervenire tempestivamente nei momenti in cui la motivazione dei clienti a fare attività fisica può calare. Se poi sappiamo gestire gli aspetti di socializzazione abbiamo chiuso il cerchio. Questo è il nostro compito da professionisti. Sveglia!

Il fitness team, da cui dipende il successo del club - servono veri Professionisti

HA 2 - 2019 75


5’

Vas VAS

VAS PER LA PREVENZIONE La posizione verticale in acqua permette di esplorare esperienze non solo motoriamente efficaci e alla portata di tutti, ma anche di prevenire e correggere deficit prima che diventino patologie: un modo molto persuasivo per avvicinare all’acqua gli inattivi

a cura di Fabrizio Cantarini | fabrizioc77@hotmail.com

Le piscine saranno spazi per le generazioni meno giovani interessate a muoversi divertendosi, prevenendo o curando patologie

aspetti critici che l’elemento acqua ci permette di correggere facilmente. In particolare stimolare il bilanciamento delle catene cinetiche antero-posteriori permette di lavorare in maniera molto efficace sui principali atteggiamenti pre-patologici della colonna, sia del tratto lombare che dorso-cervicale. Ad esempio, camminare a braccia libere sul tread mill è possibile solo attivando in maniera equivalente la muscolatura posteriore ed anteriore. Molti considerano questa andatura impossibile vista la difficoltà di alcuni di sviluppare tale equilibrio. Possiamo spostare il focus dei nostri esercizi in qualsiasi contesto, dalla lezione di aquafitness a corpo libero, alla lezione con grandi attrezzi, dal lavoro a circuito alla palestra in acqua. Un altro elemento molto utile è il fissaggio del core, inteso come elemento che mantiene allineati il baricentro ed il centro di galleggiamento del corpo assicurando in questo modo l’allineamento cranio-sacrale. Si possono pensare esercizi che stimolano queste capacità in qualsiasi tipo di seduta dal fitness al personal training. Nel circuito che troviamo di seguito ho alternato momenti allenanti monitorati con gli attuali strumenti a disposizione sui grandi attrezzi, a momenti di recupero in cui si sviluppano esperienze motorie finalizzate alla prevenzione. Per concludere vorrei ancora esortare alla sperimentazione di nuovi modelli di lavoro, ispirati a concetti di semplicità e qualità ed orientati all’acquisizione di nuovi clienti che provengano da quel 90% di inattivi.

Un obiettivo che Vertical Aqua Styles si prefigge è quello di fornire risposte alle esigenze di quel 90% circa della popolazione che oggi non frequenta gli impianti piscina. Non li frequenta pur avendo una sempre più urgente necessità di movimento. Siamo in un contesto sociale in cui la natalità si abbassa e l’aspettativa di vita si sta allungando. La popolazione sta invecchiando e la necessità di conservare una buona qualità della vita è sempre diffusa. Il questo senso il VAS propone alcune semplici metodiche, poggiate su basi scientifiche, che possano contribuire in termine di prevenzione e correzione di problematiche muscolo-scheletriche prima che diventino patologie. Anche il mondo del cosiddetto “fitness” può e deve dare un contributo in questa direzione sia per ragioni etiche che puramente commerciali. Riferendoci a lombalgie, limitazioni o dolorosità articolari, come anche o spalle, possiamo individuare alcuni

Anche il mondo del cosiddetto “fitness” può e deve dare un contributo in questa direzione sia per ragioni etiche che puramente commerciali

HA 2 - 2019 76


Il Personal Trainer può seguire al meglio l’allievo per avviare un percorso personalizzato e di carattere preventivo

OBIETTIVO CARDIOVASCOLARE (70%F. Cardiaca) PEDALATA DA POSIZONE SEDUTA

STAZIONE B

ALLINEAMENTO CRANIO SACRALE CAMMINATA SU JUMP ALTERNANDO OCCHI APERTI E CHIUSI

STAZIONE C

OBIETTIVO CARDIOVASCOLARE (70% F. Cardiaca) SKIP CON ADD-ABDUZIONI DELLE BRACCIA SUL PIANO ORIZZONTALE

STAZIONE D

BILANCIAMENTO ANTERO-POSTERIORE CAMMINATA LIBERA SU TREADMILL MANTENENDO LA POSIZIONE

STAZIONE E

OBIETTIVO CARDIOVASCOLARE (70% F. Cardiaca) TUCK IN GALLEGGIAMENTO SU NOODLES

STAZIONE F

BILANCIAMENTO CATENE CROCIATE CAMMINATA CON ABD-ADDUZIONE DEL BRACCIO OPPOSTO SUL PIANO ORIZZONTALE, MARCANDO L’ADDUZIONE DEL BRACCIO E L’ESTENSIONE DELLE GAMBA OPPOSTA.

STAZIONE A

Il bilanciamento delle catene cinetiche antero-posteriori permette di lavorare in maniera molto efficace sui principali atteggiamenti pre-patologici della colonna Circuito e attività in acqua monitorando i parametri sono il futuro del servizio in piscina e aiutano a personalizzare e prevenire patologie


5’

Vas VAS

LA MUSICA NELLA FILOSOFIA VAS L’importanza di un alleato che può emozionare e guidare piacevolmente il movimento di ogni allievo, con apprezzamenti per l’istruttore e per la piscina, purchè divulgato con criterio e preservando qualità del servizio a cura di Deborah Benetti | debbiesmile75@gmail.com

Tra i vari elementi che contribuiscono a rendere una lezione “vincente”, la scelta musicale ha un’enorme importanza. Muoversi a tempo di musica permette a tanti di esprimersi, di lasciarsi andare, di divertirsi. Per fare in modo però di non avere nella musica un ostacolo, perché sbagliata, piuttosto che un assist alla buona riuscita della lezione, è assolutamente indispensabile conoscerla, saper distinguere una sequenza musicale, da una frase musicale da un master beat. Oltre a ciò, come sappiamo, la corretta velocità o bpm può fare la differenza. Bisogna fare attenzione in primis all’obiettivo della lezione e alle persone con le quali ci si trova a fare attività: più i bpm salgono, più la musica viene percepita veloce e l’allievo viene trasportato ad eseguire i movimenti con

Nel momento in cui l’istruttore assume piena padronanza nell’utilizzo della musica sarà sicuramente in grado di gestire la lezione anche a bpm variabili, facendo eseguire sia movimenti “lenti” su musica veloce sia movimenti “veloci” su musica lenta; tutto dipende, in particolare, dal tipo di esercizio che viene proposto in acqua e dalla lunghezza della “leva” utilizzata. Utilizzare musiche con bpm troppo elevati può essere rischioso in particolare con clienti neofiti. La musica, se utilizzata consapevolmente, risulta quindi essere un ottimo alleato dell’istruttore sotto diversi aspetti: Contribuisce a creare un’atmosfera di allegria/divertimento/energia/relax Facilita lo svolgimento dell’allenamento in quanto è un ottimo elemento di distrazione dalla “fatica” Facilita il mantenimento della frequenza di movimento richiesta dall’istruttore e, di conseguenza, migliora la qualità dell’allenamento Facilita la percezione della varietà delle lezioni proposte  

Il binomio musica e attrezzature è decisivo purchè il trainer sappia interpretarli al meglio

una cadenza più veloce rischiando l’errore o il movimento scorretto.

Utilizzare musiche con bpm troppo elevati può essere rischioso in particolare con clienti neofiti

HA 2 - 2019 78


L’obiettivo della lezione, in termini fisiologici, sarà uno degli elementi che determinerà la scelta musicale dell’istruttore e i bpm che andrà ad usare: Per attività ad intensità costante utilizzare delle compilation a bmp costanti e senza pause Quando abbiamo alternanza tra alta e bassa intensità si costruirà la sequenza musicale in base a questa differenza La diversa velocità della musica contribuisce ad evidenziare l’alternanza di intensità Sospendere la musica può altresì aiutare nelle fasi di recupero, proprio per non condizionare il movimento delle persone in acqua    Nello spettro infinito dei generi musicali ogni istruttore potrà scegliere la musica che possa diventare stimolante per lui e per gli allievi.   Un consiglio all’istruttore: usa la musica come tuo alleato e scegli la musica che più ti piace e ti coinvolge Un consiglio per il cliente: lasciati trascinare dalla musica e cerca di percepire il tuo corpo in acqua Un consiglio al titolare degli impianti: la musica è fondamentale; fai in modo che si possa sentire al meglio, senza chiaramente tralasciare la pacifica convivenza con le varie attività

Vas, musica e un hi-tech intelligente in piscina Un processo innovativo non piu’ posticipabile

L’obiettivo della lezione, in termini fisiologici, sarà uno degli elementi che determinerà la scelta musicale dell’istruttore e i bpm che andrà ad usare

Muoversi a tempo di musica permette a tanti di esprimersi, di lasciarsi andare, di divertirsi

HA 2 - 2019 79


CSI NEWS

CSI News DAL CSI BENESSERE A TEMPO PIENO BeneFit, il fitness dei valori, raggiunge tutta Italia

Benessere a tempo pieno. È quanto promosso in Puglia dal CSI Bari attraverso le attività della Asd FTW (Full Time Wellness) di Bitetto nell’ambito del progetto “BeneFit - il fitness di valori”. “Sono la passione per lo sport, la voglia di vivere al meglio il proprio tempo libero, la dedizione alla cura del proprio corpo, nonché il piacere di stare insieme, i principali obiettivi che la nostra società - afferma il vicepresidente FTW Tommaso Florio - intende far raggiungere a tutti coloro i quali varcano la soglia della nostra palestra”. Quindici gli istruttori al servizio di oltre 700 tesserati. Da oltre vent’anni l’Asd Full Time Wellness è attiva nel mondo del fitness e dello sport promuovendo corsi di spinning, pilates, cross training, total body, gag, difesa personale. Un’offerta che negli ultimi anni ha saputo coinvolgere anche i teenager, dalla ginnastica per bambini fino alle arti marziali, su tutte karate e ju-jitsu. Come nello stile del Centro Sportivo Italiano che promuove uno sport per tutti e

per tutte le età, immancabile l’attenzione anche alla terza età con la ginnastica dolce e corsi di risveglio muscolare e posturale. Un’attività che non vuole rimanere chiusa nei confini della palestra ma che si apre a cielo aperto anche a tutta la cittadinanza. Così accade nel “FTW Day” il tradizionale appuntamento, patrocinato dal Comune, che ogni anno in piazza Aldo Moro del centro di Bitetto, a pochi chilometri da Bari, mette in vetrina le proprie attività: gag, spinning, piloxing, metabolic workout, power yoga, pilates, karate, kick boxing, pattinaggio.

Outdoor fitness-circuit di CSI

HA 2 - 2019 80


Quanto fa 5xMille? Fa sperare migliaia di bambini Ogni 1500 firme possiamo finanziare l’attività di un ricercatore per un anno nel più grande Istituto di Ricerca Pediatrica europeo e moltiplicare le possibilità di nuove scoperte per la diagnosi e cura di bambini e ragazzi con tumori o malattie rare

DEVOLVI IL TUO 5xMILLE CODICE FISCALE: 920 818 802 85 Firma la casella “Sostegno del volontariato”

www.cittadellasperanza.org


HA INNOVATION

Innovation ACQUAPOLE: UN UNICO ATTREZZO TANTI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO

Acquapole rivoluziona il mercato dell’acquafitness da ormai oltre 8 anni grazie ai suoi accessori sempre diversi e innovativi. Ad aggiungersi, ai già noti e amati accessori boxing bag, t traction e elastic band, c’è la nuova TTR REVOLUTION che permette l’assemblaggio del KIT FUSION, una postazione multifunzionale con cui creare circuiti sempre nuovi e a costo contenuto per le strutture. Tutto questo rende ancora di più l’attività versatile: in quanto Acquapole ha pensato a un programma specifico

per ogni tipo di utenza. Prossimi appuntamenti con ACQUAPOLE saranno: la IAFC DI DAYTONA BY AEA e Rimini Wellness (vasca EAA). Se invece volete prendere parte a un corso di formazione consultare il calendario sul sito: www.acquapole.com info: info@acquapole.com / acquapole@gmail.com

Acquapole TTtraction

AQUABABIES GLOBAL - SERVIZI DI CONSULENZA PER BABY SWIM E MOLTO DI PIÙ Aquababies Global sta divulgando il suo modello di franchising e il suo metodo di lavoro in tutto il mondo sotto la guida dell’autorevolissima Julie Ann James, australiana, nuotatrice degli anni 80, ora dedicata all’educazione acquatica dei bambini. Con la sua società Baby Swim Consultant sostiene piscine e club nei processi di sviluppo e miglioramento delle attività con bambini, neonati e in età prescolare: programmi personalizzati che permettono a ogni centro acquatico di contare su un vero modello di business associato alle attività, per offrire i migliori servizi nel territorio di riferimento, con ricadute rilevanti su fidelizzazione e profitto. Dopo i successi in Oriente e le ulteriori affermazioni in Turchia e a Creta, anche in Portogallo ha avuto un grande se-

guito, nel corso di un seminario organizzato con Francisco Estevao. Sarà anche una delle personalità di riferimento ad Aquafitness Days 2019 (Hidron – FI) dove interverrà ad un workshop per inquadrare le attività neonatale e per i bimbi in età prescolare in chiave organizzativa, attenendosi a modelli di business collaudatissimi, frutto della ricerca di Aquababies e replicabili anche in Italia. www.babyswimconsultant.com

HA 2 - 2019 82

Portugal Aquababies


HA INNOVATION HTS - APP E MONITORAGGI PER IL TRAINING IN VASCA, DA VAS AL NUOTO Lo slittamento del varo di Aqquatix Hi Tech System HTS è stato determinato dalla revisione del design, dalla decisione di presentare subito le soluzioni di training e monitoraggio non solo per VAS e Aquafitness, ma anche per il nuoto, con Labby Swim, app pronta per l’ingresso nel mercato mondiale di HTS. Tre anni di ricerca, con upgrade apportati ancora prima delle vendite di HTS, permetteranno ad ogni piscina di disporre di uno strumento che non ha eguali al mondo per offrire modelli di servizio unici, con effetti immediati su fidelizzazione e utili. Da fine aprile, pronti a monitorare il training con display dal design e lettura moderne e feedback in tempo reale (tecnologia e.paper, leggibile anche con il riflesso del sole), con device di ultima generazione water resistant ma ideali anche in palestra, app e cover del display personalizzabili per il club e software interfacciabile con il gestionale.

La rivoluzione dell’attività e dei servizi in piscina sta per iniziare e riguarda ogni professionista, istruttore, manager ma soprattutto la clientela, con l’obiettivo di entusiasmarla e motivarla. Per poter contare su questa novità esclusiva, protetta da una serie di brevetti frutto della ricerca di MetaWellness, basta fare richiesta a info@aqquatix.com Presentazione a Rimini Wellness presso la vasca EAA e allo stand Aqquatix (Pad D3 nr 030-0519. www.aqquatix.com

I nuovi device e display di HTS by Aqquatix ai cui design collabora L10

FLOKY - LA CALZA ANTISCIVOLO PER PISCINA E PALESTRA, BELLA, TECH E CONFORTEVOLE Gamma completa e ricca di varianti, soluzioni molto tech e materiali tessili unici al mondo, Floky è la calza indispensabile per le attività in piscina e per la palestra. Per attività verticali in acqua, sono tre le misure della gamma Floky-Waterdrain e tre sono quelle per i bambini, con calzari studiati per prevenire micosi e scivolamenti pericolosi a bordo vasca. Le nuove soluzioni per la miglior aderenza e il comfort del piede, il design rinnovato e i tessuti altamente tecnici rinforzati da cordura nei punti nevralgici sono gli elementi distintivi di questa nuovissima calza che per piscine e palestre viene distribuita da Aqquatix su licenza della stessa casa madre Floky. Per il fitness, con riferimento a pilates (Kinetica) e ad altre attività più dinamiche (Gymasium) la gamma Floky risponde ad ogni esigenza. Prezzi invitanti ed espositore studiato per le vendite dirette in piscina e palestra. Possibilità di personalizzazione: info@aqquatix.com

Floky, la calza acquatica per antonomasia, ha fatto il suo esordio a VIE 2019 lo scorso febbraio

HA 2 - 2019 83


HA INNOVATION NESSUN LIMITE ALLA MOBILITÀ E ALL’ACCESSO IN PISCINA CON DIGI PROJECT A partire dal 2005, l’azienda DiGi Project di Pegognaga (MN) ha fatto strada nel mondo dell’accessibilità negli ambienti acquatici diventando un riferimento unico per qualità e design. L’azienda mantovana oggigiorno opera in oltre 40 Paesi del mondo fornendo ausili che agevolano l’accessibilità agli ambienti acquatici delle persone disabili o con difficoltà motorie. Fra le attrezzature che distinguono l’azienda nel mondo vi è BluOne: il primo sollevatore mobile in grado di trasportare e sollevare contemporaneamente l’utente. Oltre al modello BluOne, DiGi Project ha sviluppato altri 3 sollevatori mobili (PandaPool, BluPool, EcoPool) per soddisfare le differenti esigenze specifiche degli utenti. DiGi Project propone inoltre una gamma di sollevatori fissi che garantiscono l’accessibilità in ogni tipo di piscina. L’azienda, a partire da quest’anno, ha deciso di ampliare il proprio portfolio prodotti offrendo BluBeach: un lettino per spiaggia che permette di avanzare sulla sabbia e di galleggiare sull’acqua alle persone aventi mobilità ridotta. Per maggiori informazioni su come rendere accessibile la vostra piscina o stabilimento balneare, vi invitiamo a visitare il nostro sito: www.digiproject.biz.

Blubeach

EAA E AQQUATIX PER COSTRUIRE IL SUCCESSO DELLA PISCINA PROIETTATA AL 2020 Sta per iniziare la stagione dei grandi eventi EAA Aqquatix con Rimini Wellness (fine maggio) e Aquafitness Days (fine agosto presso Hidron FI), inframezzate da Sicilia Convention a Siracusa (21-23 giugno) di Sun Club. Occasioni per scoprire le ultime novità, le interpretazioni corrette di ogni attività sotto la guida dei migliori trainer internazionali e con le attrezzature più evolute e qualitative, per riproporle al meglio nelle piscine nazionali e d’oltreconfine. La novità più attesa è sicuramente Hi Tech system – HTS, applicata o meno ai grandi attrezzi, con una esaustiva presentazione per istruttori e manager a Rimini Wellness e in occasione di incontri organizzati in alcune delle maggiori città italiane. HTS è una vera rivoluzione nell’utilizzo dei grandi attrezzi e BPM Aquabike in particolare, per l’introduzione dell’Aquatic Cardio Fitness e un nuovo modo di considerare le attività a circuito o di traning e cross training acquatici. In tal senso verrà potenziato il servizio di formazione personalizzata “on demand” per singola piscina/club, con interventi degli esperti EAA più credibili e affermati; obiettivo è dare sostegno a piani di sviluppo e aggiornamento di palinsesti, servizi e attività in piscina, funzionali alla crescita di ricavi, fidelizzazione e avvicinamento di nuova clientela. EAA-Aqquatix al fianco di chi punta al rinnovamento e a rafforzare la propria leadership: novità, corsi, servizi di EAA (iscrizioni online)

EAA - master e corsi Step & Jump uniscono qualità formativa e qualità di attrezzature

La regina mondiale delle aquabike, BPM Aquabike di Aqquatix, un primato che con HTS sarà reso ancora più netto

Info: www.euroaquatic.it Info Aqquatix: www.aqquatix.com

HA 2 - 2019 84


PUBBLIREDAZIONALE

WIBIT SPORTS: MAKE MORE WITH WIBIT! E DAI VALORE ALL’ESTATE 2019 Estate 2019 di Wibit: una ricca stagione in termini di novità. Know-how, expertise e continuo studio di prodotto fanno dell’azienda tedesca il leader indiscusso di un mercato, quello dei parcogiochi gonfiabili in acqua, che nei prossimi 3 anni triplicherà il volume d’affari. Novità assoluta è Wibit KIDS, linea studiata per i bimbi dai 4 ai 12 anni installabile in piscina e acque libere, con profondità massima di 1,30mt. Ad arricchire la gamma Wibit, l’esclusivo Sistema SUS, con rampe integrate ai moduli di connessione che facilitano la risalita sul parco dopo le inevitabili e divertenti scivolate in acqua. Tra i nuovi giochi a forte impatto la ROCK con tre scivoli integrati e 5 piattaforme per tuffarsi da varie altezze, il TWIST, il PEAK ed il LEDGE. Rivisitate nei contenuti, con l’inserimento di nuovi moduli, le soluzioni standard Sports Park S, M, L e XL i cui percorsi sono così più vari ed accatti-

vanti. Oltre ai maxi percorsi, lo START-UP e lo SPORTLOOP offrono opzioni più economiche integrabili, data la modularità, nel corso delle stagioni successive. Aqquatix, distributore esclusivo per il mercato italiano, oltre ad una completa assistenza pre e post vendita, offre la possibilità del noleggio di AQUATRACK per centri con piscine sia indoor che outdoor. Per percorsi più articolati e completi destinati a mare e laghi, questo è il periodo ideale per confermare l’acquisto chiavi in mano con installazione inclusa, avvalendosi della consulenza del team Wibit/Aqquatix circa permessi, documentazione e costruzione del business plan. Tutte le novità e le referenze Wibit su www.wibitsports.com Per info e preventivi: info@aqquatixfun.com / info@aqquatix.com

La nuovissima Rock, sulla destra, con ben 3 scivoli a diverse altezze

Twist, fra le novità 2019

Kids Course con Wibit Kids circuit

HA 2 - 2019 85


C

VAS - HEALTH (DIMAGRAMENTO, CARDIO, REHAB)

ROMA

9-10 MARZO 2019

ADVANCED

MILANO

6-7 APRILE 2019

BASIC

FORUM SPORT CENTER - Roma (RM)

2-3 FEBBRAIO 2019

ADVANCED

BOLOGNA

12 MAGGIO 2019

BASIC

COOPERNUOTO - Carpi (MO)

31 MARZO 2019

AQUAMORE

Villafranca (VR)

9-10 FEBBRAIO 2019

AQUA EDUCATIONAL / Corsi C C

ACQUATICITÀ NEONATALE 0-3 ANNI ACQUA E DISABILITÀ

EVENTI e FIERE E E E E E

V.I.E. - VAS INDOOR EXPERIENCE FORUM PISCINE - CLUB HOLISTIC DAY + MANAGEMENT RIMINIWELLNESS SICILIA CONFERENCE

CALENDARIO EVENTI & FIERE INTERNAZIONALI

AQUAFITNESS

FIERA DI BOLOGNA

Bologna (BO)

13-15 FEBBRAIO 2019

AQUARDENS

Pescantina (VR)

4 MAGGIO 2019

FIERA DI RIMINI

Rimini (RN)

30 MAGGIO - 2 GIUGNO 2019

SUN CLUB

MARZO /Siracusa NOVEMBRE 2019 (SR)

AQUA HEALTH & WELLNESS

21-23 GIUGNO 2019

AQUA EDUCATIONAL

ON DEMAND

EVENTI

Attenzione: le date e le sedi segnalate nel presente file potrebbero variare per motivi organizzativi. Suggeriamo di verificare sempre sul sito euroaquatic.it o scrivendo a eaa@euroaquatic.it - Calendario aggiornato il 17/12/2018 Associata a

Partner

Media Partner

IHRSA 2019 hub.ihrsa.org/ihrsa-2019 210x285_EAA CALENDARIO_gen2019-giu2019.indd 1

BODY FITNESS PARIS www.salonbodyfitness.com

Associata a

Affiliata a

SAN DIEGO - CALIFORNIA USA

dal 13/03/2019 al 16/03/2019 18/12/18 11:31

PORTE DE VERSAILLES - PARIGI FRANCIA

dal 15/03/2019 al 17/03/2019

AQUA SALON – WELLNESS & SPA MOSCA - RUSSIA

dal 21/03/2019 al 24/03/2019

FIBO - GLOBAL FITNESS

COLONIA - GERMANIA

dal 04/04/2019 al 07/04/2019

www.aeawave.com/IAFC.aspx

DAYTONA BEACH - FLORIDA USA

dal 07/05/2019 al 10/05/2019

ASIA POOL & SPA EXPO

CHINA IMPORT & EXPORT FAIR GUANGZHOU - PRC

dal 09/05/2019 al 11/05/2019

FIERA DI RIMINI ITALIA

dal 30/05/2019 al 02/06/2019

SUN CLUB - SIRACUSA (SR) ITALIA

dal 21/06/2019 al 23/06/2019

HIDRON - FIRENZE ITALIA

dal 30/08/2019 al 01/09/2019

www.sunexpo.it

FIERA DI RIMINI ITALIA

dal 09/10/2019 al 11/10/2019

PISCINA & WELLNESS BARCELONA

RECINTO GRAN VIA - BARCELLONA SPAGNA

dal 15/10/2019 al 18/10/2019

INTERNATIONAL TRADE FAIR COLONIA - GERMANIA

dal 05/10/2019 al 08/10/2019

www.aquasalon-expo.ru

www.fibo.com

IAFC CONFERENCE

www.poolspabathchina.com

RIMINIWELLNESS www.riminiwellness.com

SICILIA CONFERENCE www.sunclubsport.it/siciliaconference-it

AQUAFITNESS DAYS www.euroaquatic.it

SUN - BEACH OUTDOOR STYLE

www.piscinawellness.com

AQUANALE www.aquanale.com

Affiliata a

EAA sostiene

Associata a

Media Partner

HA 2 - 2019 86

EAA sostiene


HAPPY AQUATICS & WELLNESS / HAPPY AQUATICS CONSTRUCTION CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICITÀ

MONTEREY SRL

info@montereyadv.co marketing@montereyadv.com

INSERZIONISTI II ANTHEA 3 DEPA 7 POLIMPIANTI 13 IDROCONSULT 23 REGENT 27 AQUAFITNESS DAYS 65 PISCINA 2019 69 WIBIT SPORTS 73 PANGENIUS 85 WIBIT SPORTS IV AQQUATIX HTS

1 SPORTRICK 5 PANGENIUS 9 AQQUATIX VAS 17 DIGI PROJECT 25 RIMINI WELLNESS 37 SPA CONSULTING 68 ACQUANETWORK 72 EAA 81 CITTÀ DELLA SPERANZA III MONTEREY

COME RICEVERE HAPPY AQUATICS & WELLNESS - HA&W: Per ricevere la rivista al proprio indirizzo, basta associarsi a EAA, al costo di 30€/anno (info; eaa@euroaquatic.it). Come soci EAA si ha diritto a ricevere 4 numeri/anno, ovvero le edizioni di Happy Aquatics & Wellness; per le uscite degli speciali Happy Aquatics - Construction (due numeri/anno), chi fosse interessato deve farne specifica richiesta a redazione@euroaquatic.it . Possibilità di abbonarsi con Formula EAA Club ricevendo nr 05 copie ad uscita per tutti i 6 numeri, inclusi gli speciali Construction: € 100/anno. NOTE ESPLICATIVE DELLA NUOVA IMPOSTAZIONE DI HA&W: Le quattro uscite di HA&W prevedono servizi e interviste su management, attività in piscina e nuove tendenze, integrate da approfondimenti per area Fitness e nuovi trend, a cura di Fitness Network Italia, e, per la sezione Pool, curata da Professione Acqua, sulla piscina in chiave più tecnologica e/o manutentiva. Le due uscite HA-CONSTRUCTION dedicano 50 pagine circa alla piscina, sotto il coordinamento di Professione Acqua con focus su progettazione, tecnologia, manutenzione e realizzazione di piscine e spa.

Foto di copertina: GClub di Vimercate - Giancarlo Favaro - Dmedia

IN COPERTINA Il binomio fitness-piscina è oggi inscindibile e risponde perfettamente ai bisogni di “attivi” alla ricerca di un’offerta ampia e flessibile; ma anche degli “inattivi” che da un ventaglio allargato di proposte trovano motivazioni ad attivarsi. La bellezza sintetizzata da area fitness ben attrezzata e vasca curata in ogni dettaglio di GCLUB è la miglior espressione di gusto, eleganza e funzionalità dei club/centri sportivi nazionali. Happy Aquatics & Wellness punta ad interpretare l’Italianità convincente di domanda e offerta del comparto sportivo.

COMITATO DI REDAZIONE: Stefano Candidoni, Alessandro Favero, Linda Marabello, Luca Salvatori, Fabrizio Rampazzo - completano il Comitato di Redazione per l’edizione Construction di Happy Aquatics: Rossana Prola, Giuliana Bassini, Paolo Ferrario HANNO COLLABORATO: Caterina Borgato, Alessia Cerutti, Rossana Prola, Andrea Pambianchi, Gerardo Ruberto, Ezio Ferrari, Lorenzo Bolognini, Edoardo Cognonato, Alberto Succi, Roberto Bresci, Beatrice Masserini, Luca Marchini, Mario Cacciapaglia, Andrea Gilardoni, Luca Cassin, Annarita Misciglia, Fabrizio Cantarini, Deborah Benetti, Max Icardi, Maria Carmela Colaiacovo, Eliana Fortuna, Ciro Lo Giudice. PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE: Cool Mind STAMPA: Centrooffset Master (S.R.L.) - Rubano (PD) CHIUSO IN TIPOGRAFIA: 23/03/2019 ANNO XXI - NUMERO 02 | MARZO-APRILE 2019

è disponibile onlineHAall’indirizzo 2 - 2019 87 www.issuu.com


AQUA EDUCATIONAL / Corsi C C

ACQUATICITÀ NEONATALE 0-3 ANNI ACQUA E DISABILITÀ

EUROAQUATIC.IT

ADVANCED

MILANO

BASIC

FORUM SPORT CENTER - Roma (RM)

2-3 FEBBRAIO 2019

ADVANCED

BOLOGNA

12 MAGGIO 2019

BASIC

COOPERNUOTO - Carpi (MO)

31 MARZO 2019

AQUAMORE

Villafranca (VR)

9-10 FEBBRAIO 2019

6-7 APRILE 2019

EVENTI e FIERE E E E E E

V.I.E. - VAS INDOOR EXPERIENCE FORUM PISCINE - CLUB HOLISTIC DAY + MANAGEMENT RIMINIWELLNESS SICILIA CONFERENCE

CALENDARIO CORSI, MASTER ED EVENTI

AQUAFITNESS

FIERA DI BOLOGNA

Bologna (BO)

13-15 FEBBRAIO 2019

AQUARDENS

Pescantina (VR)

4 MAGGIO 2019

FIERA DI RIMINI

Rimini (RN)

30 MAGGIO - 2 GIUGNO 2019

SUN CLUB

MARZOSiracusa / GIUGNO 2019 (SR)

AQUA HEALTH & WELLNESS

21-23 GIUGNO 2019

AQUA EDUCATIONAL

ON DEMAND

EVENTI

Attenzione: le date e le sedi segnalate nel presente file potrebbero variare per motivi organizzativi. Suggeriamo di verificare sempre sul sito euroaquatic.it o scrivendo a eaa@euroaquatic.it - Calendario aggiornato il 17/12/2018 Associata a

AQUAFITNESS

Partner

Media Partner

Associata a

Affiliata a

EAA sostiene

Campania / NAPOLI

19/05/2019

Lombardia / MILANO

22/06/2019

Master AQUA TREADMILL - Basic

Lombardia / MILANO

18/12/18 11:31 14/04/2019

Master AQUA TREADMILL - Advanced

Liguria / GENOVA / PISCINE SCIORBA

09/06/2019

Corso AGUAMOVIDA Fitness® - Basic 210x285_EAA CALENDARIO_gen2019-giu2019.indd 1

Puglia / Putignano (BA) / NADIR STARBENE

30-31/03/2019

Veneto / VICENZA / PISCINE DI VICENZA

06-07/04/2019

Corso AQUAFITNESS - Advanced

Lombardia / MILANO

25-26/05/2019

Master AQUAFITNESS MAT

Lazio / Casal Monastero (RM) / EASY FIT

12/05/2019

Master AQUAXFIT

Emilia Romagna / BOLOGNA

12/05/2019

Master AQUABIKE - Advanced

Veneto / VERONA

19/05/2019

Master AQUA CIRCUIT - SMALL Equipment

Veneto / VERONA / PISCINE BELVEDERE

13/04/2019

Master AQUA CIRCUIT - BIG Equipment

Veneto / VERONA / PISCINE BELVEDERE

14/04/2019

Lazio / ROMA / FORUM SPORT CENTER

03/03/2019

Sardegna / Assemini (CA) / ACQUASPORT

30/03/2019

Corso AQUAFITNESS - Basic

Master LA MUSICA NELL’AQUAFITNESS

AQUA HEALTH & WELLNESS Corso ATTIVITÀ IN ACQUA PER GESTANTI - Basic

Toscana / Campi Bisenzio (FI) / HIDRON

23-24/03/2019

Corso ATTIVITÀ IN ACQUA PER GESTANTI - Advanced

Lomb ardia / Bresso (MI) / GESTISPORT

16/06/2019

Corso VAS HEALTH

Lazio / ROMA

13-14/03/2019

Lombardia / Bresso (MI) / GESTISPORT

06-07/04/2019

AQUA EDUCATIONAL Corso ACQUATICITÀ NEONATALE 0-3 ANNI - Advanced Corso ACQUA E DISABILITÀ - Basic Corso ACQUA E DISABILITÀ - Advanced

Emilia Romagna / Carpi (MO) / COOPERNUOTO

31/03/2019

Emilia Romagna / BOLOGNA / VILLAGGIO DEL FANCIULLO

12/05/2019

EVENTI E FIERE Fiera RIMINIWELLNESS

Emilia Romagna / RIMINI / FIERA DI RIMINI

Evento SICILIA CONFERENCE

Sicilia / SIRACUSA / SUN CLUB

Evento AQUAFITNESS DAYS

Toscana / Campi Bisenzio (FI) / HIDRON

30/05/2019 - 02/06/2019 21-23/06/2019 30/08/2019 - 01/09/2019

Attenzione: date e sedi del calendario potrebbero variare per motivi organizzativi. Suggeriamo di verificare sempre sul sito euroaquatic.it o scrivendo a eaa@euroaquatic.it - Calendario aggiornato il: 11 marzo 2019

Affiliata a

Associata a

Media Partner

EAA sostiene


INNOVATIVE

UNIVERSAL

Digitalizzazione in acqua e monitoraggio dell’attività

Qualsiasi attività: terra, acqua e nuoto

Il DEVICE da polso per monitorare la frequenza cardiaca e qualsiasi attività, acqua e terra

Il DISPLAY sull’attrezzo o a bordo vasca

BUSINESS

Profilazione dell’utente e interazione con il gestionale

info@aqquatix.com - aqquatix.com

L’APP per scaricare e consultare tutti i dati, su smartphone e gestionale

Profile for Happy Aquatics & Wellness

Happy Aquatics & Wellness n. 2 anno 2019 - ITA  

Advertisement