Issuu on Google+

Mensile, numero 3 anno 6 - Poste Italiane SpA - Spedizione in a.p. - DL 353/2003 (conv. In L. 27/02/04 n. 46) art. 1, comma 1, DR CB Torino - 3 euro

La rivista per le famiglie del piemonte

Torino smart • Pannolini • Agripasseggiate • Yogurt

marzo 2011


AUCHAN RIVOLI-TORINO-VENARIA GRANDE OPERAZIONE BABY: TUTTO PER LA MAMMA E IL SUO BAMBINO DAL 14 AL 26 MARZO

8,99

BISCOTTI PLASMON 3x720 g - al kg € 4,16

LATTE DAVID PLASMON classico/biscotto 12x500 ml - al lt € 1,50

39,99

PASSEGGINO RECLINABILE ORAZIO IN 6 COLORI ultraleggero, compatto, ideale per la vacanza

26,99

MATERASSO PER LETTINO CON FODERA BIO LINO

29,99

GIRELLO LUDO rosso/blu

�239,99

�29,99

BREVI CARROZZINA TRIO ALLEGRO NAVICELLA+PASSEGGINO CHIUSURA OMBRELLO ULTRACOMPATTA + OVETTO 0/18 KG

SEGGIOLONE PAPPA POLDINO

colori: azzurro/corallo/verde/ blu profilo bianco/blu profilo rosso

29,99

COPRILETTO + PARACOLPI STAMPATO ranocchia corone + tinta unita 6 colori

colori: rosso/blu

DAL 3 AL 31 MARZO ACQUISTANDO UN LOTTO DA 7 BODY RICEVERAI UNO

�29,99 SEGGIOLINO AUTO RHEA

sconto 20% SU UN ARTICOLO DI PICCOLA PUERICULTURA (ciucci, biberon, tettarelle, bavaglini)

SPENDIBILE

gruppo 0-1 (0-18 Kg) - colori assortiti

SEGGIOLINO STAR gruppo 1/2/3 � 39,99

DAL 13 AL 31 MARZO

119,99

LETTINO IN LEGNO colore: naturale/bianco

Prezzi e prodotti validi dal 14 al 26/03/2011. Fino ad esaurimento scorte e salvo errori e/o omissioni di stampa. Le foto sono solo rappresentative.

RIVOLI (TO) - C.so Susa, 301/307 Aut. del Frejus Monginevro uscita Rosta - Tel. 011/9502811 DA LUNEDÍ A SABATO: 8.30-21.00 DOMENICA 27/03: 9.00-20.00

TORINO C.so Romania, 460 - Tel. 011/2221311 LUNEDÌ: 12.00-22.00 DA MARTEDÌ A SABATO: 8.30-21.30 DOMENICA 20 E 27/03: 9.00-21.00

VENARIA REALE (TO) C.so Garibaldi, 235 di fronte allo Stadio delle Alpi - Tel. 011/4072600 DA LUNEDÌ A SABATO: 8.00-21.00 DOMENICA 6 E 13/03: 9.00-21.00


MARZO 2011 Mensile, numero 3 anno 6 - Poste Italiane SpA - Spedizione in a.p. - DL 353/2003 (conv. In L. 27/02/04 n. 46) art. 1, comma 1, DR CB Torino - 3 euro

LA RIVISTA PER LE FAMIGLIE DEL PIEMONTE

Torino smart • Pannolini • Agripasseggiate • Yogurt

Marzo 2011

sommario 5

La posta

> L’esperto

6

News

8

Sfida

37

Fitness forum Musica per i più piccoli

10

Baby friendly

12

Cucinare insieme

38

Lo psicologo Fai attenzione!

14

City corner

39

Il pediatra Quando l’alito puzza

15

World corner

40

L’avvocato Lei mi ha tradito

41

L’educatrice Capricci e punizioni

42

Il chimico Capsaicina

43

Natura Solo per signore

44

Questioni di soldi Conosci i tuoi debiti

46

Salvadanaio Assicurarsi

48

Arte e design GAM e Km011 a due anni

49

Cinema e home video Eroi a quattro zampe

> Primo piano 16

Urbanistica Una città per bambini

20

Scelte Il pannolino giusto

24

Domenica Pranzetto e passeggiata

28

Il ghiottone a km0 Yogurt

30

Viviamo così La felicità 2.0

34

A confronto Marta e Antonio

> L’agenda 52

Spettacoli

56

Cultura

60

Eventi

> Rubriche

...anche su www.giovanigenitori.it

64

Bimbi

65

English for parents

66

Raffa


Bonus bebè La nuova Giunta Regionale ha dato il via al bonus bebè: 25 buoni da 10 euro per l’acquisto di pannolini, alimenti o prodotti per l’igiene che possono essere spesi nelle farmacie e parafarmacie che aderiscono all’iniziativa. È destinato ai genitori dei bimbi nati nel 2011 e residenti in Piemonte, con reddito Isee inferiore ai 38 mila euro. Si può chiedere nell’ufficio in cui si sceglie il pediatra e il medico di famiglia. Se non sapete come spendere i buoni, GG viene in vostro aiuto con un articolo sui pannolini in cui quattro famiglie si sono messe a confronto: c’è chi usa quelli di marca, chi i lavabili, chi preferisce i biodegradabili e chi proprio non li usa. Siete curiosi? Sarete anche curiosi di sapere se è più bello vivere in una città smart o in una città friendly. Se non conoscete la differenza, Luisa è andata a intervistare Carlo, giovane papà e ricercatore, che ce la spiega. Ma forse preferite vivere in campagna, magari in uno degli splendidi posti che Mario è andato a cercare per voi, perfetti per un pranzo domenicale con, a seguire, una bella passeggiata all’aria aperta. La redazione

Elisabetta

Luciana

Luca

Elena

La rivista per le famiglie del Piemonte Marzo 2011 / Anno 6 - Numero 3 Direttore Alberto Gedda GENERAL MANAGER Giorgio Pulini Ispirazione Luca Bernardelli Art director Catia De Bacco Redazione Elena Brosio, Luisa Tatoni, Mario Bettas Valet Grafica Rossella Moro Amministrazione Paola Paltro Autorizzazione del Tribunale di Torino n.5969 del 22/4/2006 - Iscrizione al Roc n. 14333 ISSN 1828-9738

Catia

Mario

Alberto

Luisa

Hanno collaborato a questo numero Cecilia Accuosto, Giancarlo Corti, Federica Ferraresi, Ugo Finardi, Stefano Frassetto, Franca Fronte, Francesca Galdini, Tatiana Gedda, Nadia Lambiase, Monya Lucisano, Brunella Manzardo, Luciana Martellucci, Ilaria Martina, Sabrina Marzo, Stefania Moriondo, Elisabetta Negrisolo, Marina Notari, Paola Paltro, Alice Quaglino, Luciana Ravetto, Claudia Rinaldi, Giovanna Rinaldi Illustrazioni e fotografie Mauro Calvone, Archivio Fondazione Torino Musei, iStockphoto L’editore è a disposizione per assolvere diritti eventualmente non corrisposti

Illustrazione di copertina Simonox Ringraziamo per la preziosa collaborazione Silvia e Gianni, Marta e Antonio Licenza Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Italy

Paola

Rossella

Giorgio Alice

Abbonamenti Un anno di Giovani Genitori a solo 21,90 euro! L’abbonamento permette di ricevere la rivista a casa tutti i mesi, con articoli, notizie e appuntamenti per tutta la famiglia. L’abbonamento si fa su www.giovanigenitori.it o chiamando lo 011 19708082. IBAN IT56L0760101000000071791446 - Poste Italiane cc postale 71791446 Redazione Via Vanchiglia 18, 10124 Torino Tel. 011 19712037 - redazione@giovanigenitori.it Ufficio pubblicità marketing@giovanigenitori.it Telefono: 011 19703036 - Fax: 011 19791585 Edizioni Espressione Creativa Via Vanchiglia 18 - 10124 Torino - www.espressione.it Stampa Alma Tipografica Via Frabosa, 29/B 12089 Villanova Mondovì (CN) www.giovanigenitori.it www.facebook.com/giovanigenitori


gg La posta Le vostre lettere >

Cara redazione, sono Daniela, una mamma affezionata. Ho un bimbo che il 22 febbraio compirà 2 anni, Edoardo, e un altro arriverà a fine marzo. La prima maternità è stata una esperienza di solitudine e di distacco forzato dal mondo, oltre che di esagerata apprensione da parte dei familiari, che più che indurre un senso di sicurezza, hanno favorito la mia sensazione di inadeguatezza per la “missione mamma”. Per fortuna è passata, tant’è che ora ci riprovo, certamente arricchita. Il mio vissuto mi ha spinto a dare avvio a un punto di incontro rivolto proprio alle mamme. Si tratta di un luogo fisico, dove è possibile trovarsi in maniera del tutto libera e spontanea e dove è possibile condividere un po’ di tempo per parlare, conoscersi, far gioca-

Tam tam Mi chiamo Chiara, ho 20 anni. Amo i bambini e cerco lavoro come baby sitter e/o aiuto compiti pomeridiano. Disposta ad eventuali trasferimenti temporanei. Ho già avuto diverse esperienze e referenze controllabili, sono libera fin da subito e non ho limiti di orari. Chiara 340 3643822 email chiararizzato@ hotmail.it Ciao! Sono Francesca, 31 anni, mamma di Alessio che ha quasi 5 anni. Ho lavorato fino allo scorso anno, nel mio negozio di creatività a Chieri, poi, visto l’andamento dell’economia, a dicembre 2009 ho chiuso i battenti. So fare diverse cosine: decoupage, bomboniere e oggetti in feltro e pannolenci, pittura country, stencil. Inoltre ho frequentato una scuola per estetiste e mi offro per manicure e pedicure a domicilio. Se qualcuno ha bisogno: fantasiecreative@alice.it Vendo passeggino Trio con telaio, gomme grandi gonfiabili, completo di navetta, passeggino e ovetto, ancora in buono stato, colore grigio. Tel. 338 1704346, dopo le 17. Cinzia

re i bimbi, ma soprattutto scoprire che non si è sole, che la propria condizione è condivisa da molte donne e, quindi, trovare un modo per conoscere altre mamme e non chiudersi. Ci troviamo ogni lunedì alle 16 nei locali della Parrocchia di Santa Rosa da Lima, in via Bardonecchia 56 (zona piazza Rivoli). Ovviamente l’accesso è libero e gratuito. Venite!

varia (anche i passeggini). Grazie mille! Flavia Ciao Flavia, ne parleremo prossimamente, intanto chiediamo a tutti i genitori che hanno suggerimenti di scriverli a redazione@giovanigenitori.it (o anche telefonare allo 011 19712037, o anche passare in via Vanchiglia, che ci fa sempre piacere fare due chiacchiere).

Eccoci qui a sponsorizzare. Auguri per il nuovo arrivo!

> Ciao GG, con le mie amiche spesso ci chiediamo dove è possibile portare le cose usate dai bimbi, in modo che vengano utilizzate anche da altri. Non intendo solo negozi dell’usato, ma anche gruppi, associazioni, ospedali, asili che abbiano bisogno o piacere di ricevere gratuitamente giochi, vestiti e attrezzatura

> Errata Corrige Nel numero scorso abbiamo dato una notizia errata: il baby parking di Le Fornaci Mega Shopping non effettua raccolta punti, ma offre animazione specializzata e, tutti i venerdì pomeriggio, laboratori creativi.

I vantaggi di un mercatino dell’usato con la qualità di un normale negozio

Conveniente e Divertente IL MERCATINO DELL’USATO DEDICATO AL TUO PICCINO: vestiti, ma anche passeggini, carrozzine, lettini, seggioloni, seggiolini per auto, giochi… C O M P R I RIS PARM I VE N D I G UAD AG N I

Dal 2 al 7 marzo grande festa dello sbarazzo!!! ABBIGLIAMENTO , SCARPE... TUTTO AL 50%

Torino - Str. Del Lionetto n. 15/B - Tel. 011 773.29.24 www.usatobimbi.it - info@usatobimbi.it Chiuso il martedì

Giovani Genitori 5


gg News

Riapre il museo dell’auto

L’

automobile è movimento. Sarà questo a caratterizzare il nuovo museo di Torino, completamente rinnovato e ampliato, che il 19 marzo apre i battenti in concomitanza con le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. L’allestimento del Museo parte dal secondo piano e prosegue verso terra. Le sezioni Storia, Leggenda e Design dell’automobile raccontano l’evoluzione del concetto di auto dai disegni quattrocenteschi del carro semovente di Leonardo fino ai Guinness dei primati, con vetrine interattive per scoprire il modello più lungo, più largo, più comodo e via dicendo. Uno schermo di 50 metri permette di vivere le emozioni di un Gran Premio da protagonista. Non mancano un bookshop, la caffetteria e una biblioteca. Nelle intenzioni del curatore, l’architetto François Confino, il museo non si rivolge soltanto a un pubblico maschile di appassionati: “Il mio museo vuol essere un luogo per le famiglie, dove anche le donne e i bambini possono trovarsi a proprio agio”.

Dieta ecosostenibile Salvare se stessi e salvare il pianeta, restando seduti a tavola. Un gruppo di scienziati britannici della Aberdeen University, in collaborazione con il Wwf, ha ideato una dieta ecosostenibile, chiamata Livewell Diet, che oltre alla Terra, fa bene alla salute e pure al portafoglio. Bastano 35 euro a settimana a persona per mangiare sano e difendere il mondo dai gas nocivi e dal dispendio energetico. La dieta del buon vivere è semplice: bisogna consumare il 35 per cento di frutta e verdura, il 29 per cento di cereali e l’8 per cento di carne, pesce e uova. In Gran Bretagna ogni individuo consuma una media di 79 chili di carne all’anno, quantità giudicata insostenibile. La misura giusta sarebbe 10 chilogrammi annuali, pari a poco più di 200 grammi alla settimana.

Penna contro tastiera Chi scrive a mano usa il cervello più di chi digita con la tastiera. Lo ha stabilito una ricerca condotta da neurofisiologi francesi e norvegesi che hanno chiesto a due gruppi di volontari di imparare un alfabeto sconosciuto di venti lettere, in un caso esercitandosi a scriverlo a mano, nell’altro utilizzando solo il computer. Dopo sei settimane chi doveva usare carta e penna aveva imparato di più e ricordava meglio l’alfabeto rispetto ai volontari “digitali”. Scrivere a mano attiva più aree sensoriali e motorie. D’altro canto, il computer è un sostegno prezioso nell’attività scolastica e offre risorse molto più ricche dei libri. Meglio la tastiera o la penna? La risposta non è univoca, ma di certo il computer è una risorsa non trascurabile.

6 Giovani Genitori

IN PILLOLE > Lo screening neonatale Grazie a una goccia di sangue prelevata tra il terzo e il quinto giorno dalla nascita, è possibile sapere se si nascondono alcune malattie congenite, tra cui l’ipotiroidismo congenito, la fenilchetonuria e la fibrosi cistica. In Piemonte lo screening neonatale viene effettuato regolarmente su tutti i nuovi nati.

> Record polveri sottili

Nei primi mesi dell’anno le polveri sottili hanno raggiunto record fuorilegge in quasi 50 città; particolarmente grave la situazione in Pianura Padana e a Torino. I dati allarmanti sono contenuti nel dossier di Legambiente “Mal’aria di città 2011”. La gravità della situazione è confermata dai dati dell’Agenzia europea per l’ambiente, che mette ai primi posti della classifica delle città più inquinate Torino, Brescia e Milano, precedute solo da Plovdiv, in Bulgaria.

> Autodiagnosi Due terzi degli utenti italiani del web cercano online informazioni sui farmaci e quasi la metà si spinge fino a fare un’autodiagnosi delle proprie malattie. Il rischio è inventarsi malanni inesistenti o sottovalutare i sintomi di malattie vere. Lo dice una ricerca internazionale della London School of Economics sui servizi sanitari, che ha monitorato le abitudini degli internauti di dodici paesi tra i quali l’Italia.


Main Partners

Partners

Official Travel Organizer


gg Sfida

La sfida del prossimo numero è: “Sopravivere ai litigi familiari” Scriveteci consigli, trucchi e strategie a: redazione@giovanigenitori.it

di Elena Brosio

Nonni troppo indulgenti

N

c on s i g li

oi di GG i nonni li amiamo tanto, tanto da dedicar loro la più bella delle nostre guide. Sappiamo che si occupano dei nostri bambini con amore, fantasia e pazienza e per questo siamo loro infinitamente grati. Eppure non possiamo sempre chiudere gli occhi di fronte a certi eccessi. Confida un nonno felice: “un amore come quello per la mia nipotina non l’ho mai conosciuto in vita mia. I miei figli li amavo sì, ma i nipotini sono la felicità pura, l’amore assoluto”. Ed è uno stato d’animo condiviso da molti. I nonni italiani, poi, si occupano tanto dei loro nipotini, vuoi perché il nido è caro, vuoi perché il part-time chi lo trova, vuoi perché chi si fida di una sbadata baby sitter quindicenne. Così glieli affidiamo volentieri: si occuperanno con entusiasmo dei nostri bimbi a costo zero e benefici per tutti. Ogni tanto però si creano situazioni di conflitto e non si sa bene come uscirne. I genitori lamentano la tendenza dei nonni a viziare i nipoti, una tendenza che è però insita nell’essenza stessa del ruolo e sfortunato quel bimbo che non gode dei

vezzeggiamenti e dolcetti dei nonni. Ci sono però situazioni di vizi eccessivi se non dannosi cui si deve porre rimedio, quali: • La megalomania. Sono i nonni che amano stupire con regali bombastici in ogni occasione. La nonna che si presenta con supercucinetta in legno massello, con tanto di stufa e arredamento impeccabile. Bellissima, ma dove la mettiamo in una stanzetta di 2x2? La porteremo all’asilo, felici tutti, ma la nonna non ci risparmierà un commento acido ogni volta che viene a casa nostra. • Il vizietto quotidiano. Danno procurato principalmente da quei santissimi nonni che si occupano ogni giorno dei bambini. E che però non possono fare a meno di comprare ogni giorno un piccolo regalo, o dare un soldino. A fine mese, i genitori che hanno già dato fondo al conto in banca tentano l’effrazione del pesante porcellino e constatano che il tesoretto di casa è proprio lì. Ma il paperone è un mocciosetto di 5 anni! • I danni. Sono rari, ma ci sono, i nonni che non danno retta alcuna alle nostre raccomandazioni. Così

gianluca Chiudere gli occhi sui piccoli regalini, vizietti bonari e giocosi concessi dai nonni, ma concordare prima e pretendere di essere ascoltati su regali più impegnativi che devono poi essere gestiti in famiglia. Se mamma e papà ritengono che la tv in camera dei ragazzi non debba esserci, inutile regalarla per il compleanno dei nipoti quando in casa ce n’è già una in salone!

8 Giovani Genitori

allestiscono ogni pomeriggio merende luculliane a base di torta sacher da intingere nella cioccolata calda per il nipotino grassottello, a mille calorie e zero vitamine. • Gli iperindulgenti. Tutto quel che il piccolo vuole, è legge. Nonni che per interi pomeriggi diventano il fiero destriero della nipotina amazzone, nonne che portano i bimbi in giro vestiti da Carnevale a maggio (ma lo voleva tanto, eh!). Poi il piccolo torna a casa e pretende il mondo, perché è abituato a ottenerlo. Come fare? Innanzitutto, non esacerbiamo la situazione. Appena ci accorgiamo che esistono delle differenze sostanziali sul modo in cui vogliamo crescere i bambini, parliamone apertamente. Il bene comune è il bambino, trovare un accordo che abbia come obiettivo questo bene è possibile. Non pretendiamo di delegare a loro il ruolo educativo che spetta comunque ai genitori. A noi il compito gravoso di insegnare l’educazione e le regole, i valori. Però, soprattutto se si occupano dei bambini quotidianamente, non possono sorvolare sempre sulle nostre regole di casa, altrimenti per il bambino sarà la confusione totale. Infine, dopo aver messo tutti i paletti, leviamo il nostro nasaccio da lì, lasciamo che costruiscano insieme il loro rapporto prezioso, che ogni tanto vizino i nostri bambini. Ma ogni tanto, appunto.


gg Baby friendly Cosmetica bio ed eco Naturali, ma naturali davvero: i cosmetici di Fitocose sono così bioecologici da essere certificati due volte: prima perché seguono il disciplinare Icea, poi perché passano attraverso il protocollo di autoregolamentazione “Codice Verde”, che garantisce che tutto, ma proprio tutto quello che viene a contatto con la pelle deriva al 98% da ingredienti di origine naturale. I cosmetici inoltre sono “vegani”, cioè non contengono derivati animali. I prodotti sono numerosissimi: articoli per l’igiene, creme emollienti e idratanti, oli detergenti delicati e senza schiuma per bimbi e neonati, solari con protezione baby, creme per le giovani pelle pre-acneiche. Squisite le acque profumate, al Calicanto, al cuoio di Russia, al muschio bianco, regalo perfetto per la festa del papà. Si ordina online. Fitocose Viale Europa, 72 str. D 12 - Cusago (MI) Tel. 02 90390401 www.fitocose.it

Convenienza e sostenibilità Il punto vendita di Pianezza è il primo in Piemonte della catena La Birba, Used Stuff for Kids, diffusa in tutta Italia. “Usato per scelta” è uno dei loro motti: esprime una filosofia cara alle famiglie, quella della sostenibilità ambientale. La catena virtuosa qui comprende anche l’invenduto, che viene devoluto in beneficenza. E si fanno ottimi affari, cosa sempre apprezzabile, soprattutto per le costosissime attrezzature che

qui si trovano a prezzi abbordabili. L’abbigliamento poi, oltre a essere in ottime condizioni, è proprio bello e rigorosamente di marca (Moncler, Armani, Woolrich e molti altri). La Birba Largo II giugno, 1 - Pianezza (TO) Tel: 011 9662066 pianezza@labirba.com - www.labirba.com

Happy learning to you Gli anni migliori per imparare una lingua sono i primi sei e farlo attraverso attività coinvolgenti funziona molto meglio. Sono questi due dei presupposti che animano la scuola Babel Labs, che mette a punto per i propri studenti laboratori creativi e metodi innovativi per un apprendimento efficace e divertente. Ad esempio, il metodo musicale adoperato serve a imparare attraverso la musica e l’espressione corporea: i bambini si portano i cd musicali a casa, rinforzando tra le pareti domestiche quanto appreso durante il corso. Per i più grandicelli, laboratori teatrali, di conversazione e percorsi mirati. Insomma, a ogni età il suo metodo e la sua lingua. Babel Labs propone anche corsi per adulti e tante lingue oltre all’inglese: francese, spagnolo, tedesco, portoghese e italiano per stranieri. Babel Labs Parco Culturale Le Serre c/o Casa Sonora Via Battisti, 11 - Grugliasco (TO) Tel. 011 781347 - www.babellabs.it

10 Giovani Genitori


Conoscete locali che dedicano attenzione alle famiglie? Segnalate i vostri preferiti a: redazione@giovanigenitori.it

gg Baby friendly

Un risto-fioraio verde in città “Qui da noi tu puoi comprare / quanto vedi e sai ammirare/ torte, piante, cappelliere/ ogni cosa puoi avere/ Non è tutto, puoi mangiare/ e giardini immaginare”. Questa è la bella filastrocca che accoglie chi entra da Alma La Verde. Due salette per mangiare, mobili in ferro battuto, fronde che cascano dalle pareti: sembra di stare in un giardino d’inverno, con i cuccioli che discutono sulla forma delle foglie e toccano le pianticelle. Il verde, colore dominante, rilassa tutti, anche i bimbi più vivaci. Forse è per questo che molti papà e mamme di San Salvario (e non solo) vengono qui a mangiare: crema di cavolfiori e mandorle, polpette col pomodoro, mousse di cioccolato, torte fatte in casa, accompagnate da gentilezza, buon rapporto qualità/prezzo e fasciatoio in bagno. Aperto a pranzo (e merenda), chiuso il lunedì. ALMA LA VERDE Via Baretti, 16 E – Torino Tel 320 7017620

Fatine allegre Sono una vera delizia le coroncine di Eli Art Studio. Fatte a mano con raso, rafia, fiorellini di stoffa, foglie di vite e di quercia, sono perfette per la prima comunione, la cresima, il matrimonio, il vestito di carnevale o il saggio di danza di fine anno. Eli prepara qualsiasi accessorio floreale per i capelli, più kit di ali da fata, orecchie da elfo, bacchette

magiche e cappelli da fatina e da folletto. Prezzi accessibili, lavorazione artigianale su misura, vendita al dettaglio ordinando dal sito Internet, al telefono o via mail. Studio d’Arte Creativa Eli Tel. 347 0382116 www.coroncinedifiori.com

Nell’osteria amica dei bambini Sul cocuzzolo di Cordova l’antica osteria ha riaperto i battenti. Installato il forno a legna, ripuliti muri e giardino, riaperto il terrazzone panoramico, l’Osteria è diventata la meta preferita di tante famiglie che apprezzano tranquillità e verde. La gestione è familiare: la mamma sta in cucina, il figlio Andrea alle pizze, Laura e il papà ai tavoli. L’ambiente è rustico, la cucina è semplice e genuina e sono benvenute feste per cerimonie e pizze di fine anno scolastico. Il sabato sera i bambini sono intrattenuti dall’animazione dei Pionieri della Croce Rossa di Gassino. Tutto torna, anche i clienti. Osteria di Cordova Strada Madonnina, 49 - Frazione Cordova Castiglione Torinese (TO) Tel. 011 9601757 osteriadicordova@alice.it

Giovani Genitori 11


gg Cucinare insieme di Paola Paltro

Il risotto allo “zufferano” Nota spezia orientale di colore arancione, lo “zufferano” aiuta a i bimbi a consumare la giusta quantità di vitamine A e C. Pochi sanno, ma molte mamme immaginano, che lo zufferano si “estrae” dalla zucca, ma si può raccontare che deriva da una lavorazione dello zucchero che si fa cuocere e diventa caramellato… Se riuscite a essere convincenti, questo piatto semplice, economico e veloce, diventerà uno dei più gettonati della famiglia! Ingredienti: 1 cipolla piccola o uno scalogno 400 gr di zucca 400 gr di riso (meglio Roma o Carnaroli) 1 lt di brodo vegetale Mezzo bicchiere di vino 1 noce di burro una spolverata di parmigiano

Difficoltà Tempo di preparazione 30 minuti

1.

Pulire la zucca e tagliare grossolanamente la polpa. Cuocerla in una casseruola con un po’ d’acqua. Dopo dieci minuti è morbida: schiacciarla con una forchetta e trasformarla in una crema. Per i bambini schizzinosi meglio frullarla nel mixer.

2.

Fare un leggero soffritto di cipolla, aggiungere il riso e lasciarlo tostare un paio di minuti. Sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco e lasciarlo evaporare, se il gusto piace anche ai bambini.

1

2

3

4

3.

Abbassare la fiamma e mescolare al riso la crema di zufferano. Aggiungere il brodo e lasciar cuocere venti minuti, finché si assorbe e raggiunge la giusta cottura. Se non ci sono problemi di linea, una noce di burro ben mantecata darà il tocco di classe.

4.

Per deliziare anche l’occhio aggiungete un po’ di prezzemolo e una spolveratina di parmigiano, che renderanno il piatto veramente accattivante. Attenzione ai piccoli commensali, perché la storiella raccontata all’inizio deve reggere il gioco e spesso funziona solo se il risotto è tutto arancione.

12 Giovani Genitori


© Disney. Based on the “Winnie the Pooh” works, by A.A. Milne and E.H. Shepard.

PARTECIPA ANCHE TU AL GRANDE CONCORSO

PUOI VINCERE OGNI GIORNO

IL PARTY BOX

PER LA FESTA DI COMPLEANNO DEL TUO BAMBINO!

E AD ESTRAZIONE ALTRI FANTASTICI PREMI PER IL TUO BAMBINO!

Scopri come partecipare su

www.huggiesfacciamofesta.it Concorso “10° Anniversario Huggies – Facciamo Festa!” valido dal 07/02/2011 al 31/05/2011, valore montepremi € 6.836,50 (Iva Esclusa). Concorso “Facciamo Festa!” valido dal 11/02/2011 al 14/06/2011, montepremi complessivo € 24.140,05. Regolamenti completi su www.gruppofma.it

® Registered Trade Mark Kimberly-Clark Worldwide Inc. 2010 KCWW


Curiosando in città e dintorni alla ricerca di cose belle

gg City corner

I

Mini-stiliste

nesauribile fascino delle bambole di carta! Quercetti le ha rivisitate in forma magnetica, con un guardaroba infinito di capi, accessori, borse, cappelli e gioielli. Utilissime da tenere in macchina, salvaguardano la tranquillità dei viaggi lunghi. Da 12 euro a scatola, nei negozi di giocattoli. www.quercetti.it

Lego Bijoux Metti insieme un pezzetto di lego, un filo, due perline e una mamma supercreativa: nascono così i deliziosi gioielli di Autodafè. Li ha ideati Federica e piacciono tanto sia alle mamme che alle bambine. Le immagini nelle finestre sono piccoli collage, quasi miniature, tutti diversi, unici e personalizzabili. Volendo potete utilizzare anche pezzi di lego che avete in casa e che i vostri figli non usano più. In alternativa, li trovate belli pronti da VIAVAI in via Guastalla 10 a Torino, o da NAMASTé in via del Duomo 18 a Pinerolo.

Sul lago con le mucche Una passeggiata sul lago, un laboratorio con le noci, l’incontro con Ugo Coniglio, la visita alla stalla, la mungitura, la preparazione del burro e alla fine la merenda. Questo quel che vi attende domenica 5 marzo alla cascina “La Calcinera” sul lago di Arignano. La gita, aperta a nonni, nipotini e ovviamente ai genitori, costa 7 euro a persona e 3 euro per il secondo fratello. Il terzo entra gratis. Prenotazione indispensabile presso ArnicaTours, cell. 333 7470181. www.arnicatours.it

Autodafé federicamanini@libero.it

Una creazione luminosa Vi piacerebbe illuminare la cameretta con una lampada speciale, realizzata su misura per voi? Ivan Tozzoli crea, costruisce e installa le sue lampade direttamente a casa vostra, davanti ai vostri occhi: un work in progress in cui l’alluminio si piega a riflettere i vostri desideri e gusti. L’alluminio è riciclato e disponibile in ogni colore, i prezzi sorprendentemente amichevoli. Urano Arte&Luce Tel. 340 1767046 - www.uranoarteluce.com

14 Giovani Genitori


Curiosando qua e là per il mondo andiamo alla scoperta del pianeta famiglia

gg World corner L’inno della mamma tigre

Kik Kid

S

e i giovani genitori olandesi non sono famosi per il loro look (jeans + t-shirt e maglione sono la divisa ufficiale dei 30-40enni) i loro bambini sono vestiti in modo delizioso, brioso e cool, come noi ce lo possiamo solo sognare. Sarà che sono numerosissimi i creativi che, diventati genitori, si mettono in proprio e fanno cose belle. Come Ineke Grovenstein: ha iniziato da un berrettino con la stella e da lì non si è più fermata. Stoffe morbide e comode, colori accesi e fantasia caratterizzano i vestitini di Kik Kid, che in più sono molto pratici, comodi e soffici. Come piace a tutti, soprattutto ai bambini. www.kik-kid.nl

Craig il sonaglietto Dopo aver scoperto gli adorabili sonaglietti DingaRing di OBDesigns, non vediamo l’ora che nasca un bebè tra le nostre conoscenze per potergliene regalare uno. Tutti naturali, con anello in legno e struttura in stoffa morbidissima, sono creati da Byron Bay, in Australia, e rappresentano animali, locali e non, stilizzati in modo irresistibile: Keith il koala, Emma la civetta, Craig il coccodrillo e tanti altri. www.obdesigns.net

Battle Hymn of the Tiger Mother è uno dei libri più venduti, e discussi (negli Stati Uniti) di questo anno appena iniziato. L’ha scritto Amy Chua, professoressa di legge a Yale e sostenitrice di un’educazione molto rigida, alla cinese. Niente pomeriggi di svago con gli amichetti, tolleranza zero per ogni voto al di sotto del massimo, lezioni di musica e sport tutti i pomeriggi, in un continuo incitamento a dare il meglio di sé. Il libro ha suscitato tantissime discussioni e polemiche, perché tocca corde molto sensibili, come il senso di inadeguatezza che provano tanti genitori americani, ma anche italiani. Non siamo troppo indulgenti e permessivi nei confronti dei nostri bambini? Li stiamo preparando adeguatamente a vivere in un mondo sempre più globalizzato? Non li stiamo proteggendo troppo dalle delusioni e dalle difficoltà? Ma anche, cosa vogliamo dai nostri figli in generale? Domande e spunti interessanti, che meritano una riflessione, anche se dell’approccio duro di Amy Chua si condivide poco o nulla.

Giovani Genitori 15


gg Urbanistica di Luisa Tatoni

Una cittĂ  per bambini

16 Giovani Genitori


gg Urbanistica

Meglio una città smart o una città friendly? Due modelli a confronto

S

iamo pronti a immaginare città intelligenti? Spazi amichevoli che ci aiutano a realizzare i progetti di vita e di lavoro, città che puntano a uno sviluppo equilibrato, a una migliore qualità della vita, a spazi urbani vivibili e buoni servizi? Il tempo di sognarle è finito: l’idea di “Smart city”, nata negli Stati Uniti e in Canada, si sta diffondendo in Europa ed è arrivata fino a Torino, a Genova e alle altre città del Nord Italia. Ma Torino ce la può fare?

Qualche premessa Tutti noi sperimentiamo ogni giorno quanto le condizioni della città siano drammaticamente presenti nella nostra vita. Chi non conosce lo stress da tangenziale, l’assenza di parcheggi, l’inquinamento, i tram lenti, la scarsità di asili nido, le scuole sporche, gli ospedali troppo pieni? Le infrastrutture sono la parte “hard” della città, esattamente come l’hardware è la parte fisica di un computer. Essendo facilmente misurabili, la loro presenza (o assenza) è evidenziata in maniera coerente negli indici economici più noti, come il Prodotto Interno Lordo. Esiste tuttavia una parte “soft” della città, costituita dal suo capitale sociale, dalla cultura e dall’ambiente. È un capitale di risorse difficilmente misurabili, che esulano dagli standard economici classici. Tuttavia una città in cui l’aria è pulita, c’è poco traffico, le facce sono sorridenti, rende la vita dei cittadini gradevole almeno quanto una città che ha infrastrutture ben realizzate. Questo capitale intangibile è, al

Giovani Genitori 17


gg Urbanistica

momento, poco quantificato e quasi del tutto inutilizzato. Il “capitale umano”, vale a dire noi, la cittadinanza, nel bilancio sociale è considerato una voce passiva, consumatore di ricchezza e non risorsa della città. Eppure potremmo dare molto.

La città friendly A livello teorico, la città smart è la città in cui le infrastrutture sono ben funzionanti e ben progettate. Ma qual è l’impatto di questa idea nelle nostre vite? Ne abbiamo parlato con Carlo Boccazzi, 42 anni, neo padre, che da 15 anni si occupa di studiare il rapporto tra lavoro, consumi e stili di vita, con un occhio a Torino e uno a quel che capita in giro per il mondo. “Smart, soft e hard sono concetti mutuati dall’informatica - racconta Carlo -. In informatica è chiaro che lo smart, come lo smart phone, il cellulare intelligente, è venuto dopo il friendly, cioè dopo l’interfaccia amichevole di Windows o dei Mac. Parlare di città smart va molto di moda, tuttavia è un concetto abbastanza sfuocato che si presta a molti malintesi. Ho l’impressione che in Italia, nel declinare l’idea di smart city, spesso si intenda una città che punta sui grandi eventi e sui grandi investimenti, soprattutto in campo tecnologico, con l’obiettivo di aumentare la propria competitività e attirare capitali e intelligenze. Potessi scegliere dove far crescere mia figlia, preferirei farlo in un luogo dove il concetto di smart è associato a quello di friendly, cioè di amichevole. A ben guardare, sono aspetti totalmen-

18 Giovani Genitori

te indissolubili, che curiosamente però finiscono per contrapporsi”. In che senso? “Soprattutto in passato il termine smart è stato prevalentemente tradotto come ‘elegante’, ‘alla moda’ di ‘successo’. A Torino, per esempio, si è fortemente ancorato a eventi come le Olimpiadi, a Milano se ne parla in riferimento alla prossima Expo ed è stato spesso declinato in marketing del territorio. Ma la competitività di un territorio è solo in parte riconducibile alle infrastrutture, perché passa attraverso la diffusione di buone pratiche sociali, ambientali ed economiche. Molte di queste pratiche pongono un problema di informazione e consapevolezza dei cittadini.”

Sviluppo verso il baby Facciamo un esempio concreto. “Nel nostro paese pochi esercizi pubblici ospitano il fasciatoio per i bebè in bagno - racconta Carlo Boccazzi -. Se escludiamo i luoghi dove non c’è lo spazio per metterlo, il problema di questa assenza non è legato al costo e tanto meno a una avversione verso i bambini... Semplicemente pochi ge-

stori di locali pubblici hanno riflettuto su come la presenza di un fasciatoio possa qualificare la loro offerta commerciale, cosa che invece sanno bene le grandi multinazionali tipo Ikea o McDonald’s. Una buona offerta di locali pubblici a misura di bambino rende la città più vivibile per chi ha figli e contemporaneamente diventa un ottimo fattore per creare sviluppo. Significa, per esempio, attrarre turisti con famiglia da altre città, diventare un punto di riferimento in termini di immagine. In questo percorso, non è necessario investire grandi somme per realizzare la qualità: basta offrire informazione, comunicare, essere di stimolo per il cambiamento. Un ragionamento analogo vale per molte pratiche ambientali legate ai consumi o alla mobilità: le zone pedonali, le Zone 30 in cui le auto non possono superare determinati limiti di velocità, l’assenza di barriere architettoniche: sono tutti fattori che possono creare sviluppo”. Ma tutti questi temi non sono riconducibili all’idea di smart city? “I temi ambientali sono sempre più spesso in relazione con la smart city. Ma il


inglese

gg Urbanistica

italiano L2

spagnolo

Vuoi imparare una lingua nuova? C’è una scuola a Grugliasco diversa da tutte le altre! Corsi di lingue per ogni esigenza, livello ed età concetto friendly investe i rapporti tra i cittadini e tra i cittadini e le istituzioni. La strada del friendly spesso si riduce a un semplice problema di atteggiamento. Una città può dotarsi di un sistema di trasporti pubblici scientificamente accessibile a passeggini e ai disabili, ma se l’autista si ferma a un metro dalla pensilina, non c’è investimento tecnologico o infrastrutturale che tenga: salire sul pullman diventa difficile. Sono quindi le persone che devono sentirsi impegnate in prima persona nel rispetto delle buone pratiche”. E Torino è più friendly o più smart? “Torino periodicamente rischia di dimenticarsi della sua parte friendly. Ora però mi sembra che ci siano segnali positivi, il primo è rappresentato dalla fine della sbornia olimpica, un momento bellissimo che però ha fatto covare l’illusione che la città potesse svilupparsi per giustapposizione di eventi; il secondo è rappresentato dalla diffusione degli scambi culturali dei giovani torinesi con altri paesi. Chi torna da un soggiorno all’estero porta spesso con se nuove abitudini, nuove sensibilità. Personalmente sono convinto che il massiccio ritorno all’uso della bicicletta, prima tra gli studenti, poi tra i giovani in generale, coincida non a caso con la diffusione dell’Erasmus di massa. C’è da tenere presente, infine, in un momento di forte crisi economica, che le pratiche friendly generalmente costano poco, perché passano attraverso l’informazione e la valorizzazione di comportamenti che sono poi i cittadini a mettere in pratica”.

Torino come Cardiff Come fare a convincerci che le buone pratiche non sono solo eticamente giuste, ma anche concretamente utili per noi stessi? “L’investimento in ‘friendliness’ non è solo giusto - continua Carlo -, ma è anche utile. Faccio un esempio. In Gran Bretagna la città di Cardiff non si è rassegnata alla crisi dell’estrazione carbonifera, ha puntato il suo rilancio su un mix di grandi infrastrutture, come il Millenium Stadium (lo stadio di rugby più grande del Regno Unito) e ‘friendliness’, come le pedonalizzazioni, l’efficienza dei trasporti, i servizi per gli anziani, i bambini, le famiglie. Questa transizione ha coinvolto associazioni, gruppi formali e informali ed è stato forte. Si è sviluppata una attenzione collettiva all’ambiente, si sono diffusi numerosissimi esercizi equi e solidali. Oggi Cardiff attira, ogni anno, più di dieci milioni di turisti ed è una delle più importanti piazze commerciali della Gran Bretagna”. Fatte le debite proporzioni (Torino ha circa tre volte la densità abitativa di Cardiff), la nostra città potrebbe fare un rilancio simile, qualificando la propria offerta verso l’accoglienza per le famiglie? Una migliore qualità della vita è un’occasione per aumentare l’attrattiva turistica del territorio, perché una città in cui i bambini stanno bene è una città che piace a tutti.

Giovani Genitori 19

francese

tedesco portoghese

È una realtà dedicata all’insegnamento delle LINGUE STRANIERE, perché conoscere le lingue ti permette di SENTIRTI A CASA IN QUALSIASI PARTE DEL MONDO!

Un altro modo di insegnare le lingue: laboratori creativi e metodi innovativi per imparare tanto e divertirsi un mondo!

Una lingua è per sempre imparare una lingua straniera è un valore per tutta la vita: apre la mente, permette di conoscere nuove culture, nuovi paesi, nuovi amici. E se si impara da piccoli è come avere una materia in meno da studiare a scuola

Cosa aspetti? Prenota la tua lezione di prova allo 011 781347 oppure 347 2394343 TI ASPETTIAMO

Parco Culturale Le Serre c/o Casa Sonora via Battisti 11 Grugliasco


gg Scelte di Isa di Re

Il pannolino giusto Quali sono i pannolini migliori? Ce lo raccontano quattro famiglie

20 Giovani Genitori


gg Scelte

I lavabil Bastano 24 pannolini, dei modelli giusti Cristina, Attilia e Carlo hanno rispettivamente 38 anni, 12 mesi e 42 anni. Cristina è architetto, Carlo alterna ricerca economica e sociale e consulenza, Attilia è nata a marzo 2010. Tutti e tre sono esperti di pannolini lavabili: ne hanno provati più di trenta tipi e alla fine hanno capito che non si tratta solo di prendere o lasciare, ma di scegliere il pannolino lavabile giusto. “È iniziato per caso - raccontano Carlo e Cristina -. Eravamo incuriositi dai pannolini lavabili, ma tutti ce ne parlavano male. La tesi più diffusa era: fanno bene all’ambiente, ma che fatica! Il classico modo di pensare in cui la retorica ambientalista non è supportata dai fatti. Quando siamo andati a chiedere informazioni, abbiamo incontrato persone poco preparate, che provavano a offrirci i pochi modelli in vendita come unica soluzione possibile”. A sbloccare la situazione sono stati due amici conosciuti durante l’Erasmus, tedeschi che vivono nel Galles. “Il loro approccio era completamente diverso. Ci hanno spiegato che non esiste ‘il pannolino lavabile’, perché sono tante le marche e i modelli sul mercato. Ce ne hanno spediti tipi diversi e un libricino ciclostilato ricevuto in un negozietto inglese, che spiegava come funzionano”. Carlo e Cristina si sono innamorati dei pannolini lavabili. “I migliori sono in due pezzi - dice Carlo -, con la mutandina esterna impermeabile e un pannolino interno assorbente. Noi ci siamo

trovati benissimo con i Baby BeeHinds (www.babybeehinds.com.au), nei modelli Bamboo Nappy e Hemp Nappy. Ma sono ottimi anche i Popolini (tedeschi) e i famosi vecchi ciripà, un pochino più laboriosi da indossare”. I materiali assorbenti sono moltissimi e comprendono lana cotta, spugna e panno. “Noi ci siamo attestati sulla spugna, che però ci mette almeno 24 ore ad asciugare ed è pensata per le nazioni in cui si usa l’asciugatrice. Esistono poi moltissimi modelli di pannolini pocket che hanno una tasca in cui inserire il materiale assorbente; i più arditi, californiani, prevedono il riutilizzo di stracci e calze usate. Sono molto buoni i Bumgenius! (www.babipur.co.uk) e gli “all-in-one”, i tuttoin-uno in cui il materiale assorbente è integrato alla mutandina impermeabile e a volte è sintetico, per cui si asciuga in meno di un’ora. A chi vuole provare, consigliamo di comprarne uno e vedere se funziona, variando l’assortimento perché è importante avere modelli superassorbenti per la notte e modelli leggeri da usare in casa. La scorta necessaria, secondo noi, è di 24 pannolini”.

Giovani Genitori 21


gg Scelte

Usa-e-getta, ma ecologici Ilaria ha scelto di coniugare assorbenza e ambientalismo, risparmiando cloro e sbiancanti Ilaria, 30 anni, ha lasciato Milano dove aveva un lavoro da Pr nel mondo della moda per trasferirsi a Torino con la piccola Alice, di 18 mesi, a fianco del suo compagno. “Quando ero incinta, ero sicura e

convinta che avrei utilizzato solo i pannolini lavabili. Poco dopo l’arrivo di Alice, tuttavia, il tempo dedicato ad allattamento, piccole coliche e nanna mi ha costretto a cambiare idea, perché non riuscivo più a seguire anche il lavaggio dei pannolini. Così ho provato i pannolini ecologici. Ho trovato i Moltex in un negozio che vende prodotti biologici: sono biodegradabili e più naturali di molti altri in commercio, non sono sbiancati e non contengono cloro, per cui ho pensato che fosse la soluzione che faceva al caso mio. Non volevo che il sederino della mia bambina fosse a contatto con troppe sostanze chimiche, oltre naturalmente al discorso di sostenibilità ambientale, da

non sottovalutare. Mi sono trovata molto bene subito, sia come vestibilità, sia come tenuta. Alice non ha mai avuto il sederino arrossato. Certo, i pannolini ecologici sono un po’ più cari degli altri e questo è il loro punto debole, però sono sicura di aver risparmiato molto in creme lenitive da arrossamento”. Ilaria usa i pannolini ancora adesso, ma li alterna al metodo dell’educazione al vasino. “Stiamo seguendo il metodo della ‘Elimination Communication’, ma lo facciamo solo quando siamo in casa tranquille: la lascio con dei pantaloni, senza pannolino, per farle acquisire maggiore consapevolezza del suo corpo, senza fretta e con molto rispetto dei suoi tempi”.

I pannolini di marca Preferiti da Silvia, che li regala ancora agli amici neogenitori Silvia ha 34 anni ed è di Torino. Ha conosciuto Simone, che viene da Latina, durante una vacanza in Spagna. Esattamente 9 mesi dopo il matrimonio è nato Tommaso, che ormai ha quasi 5 anni. Dopo altri diciassette mesi è arrivata Benedetta, quasi la fotocopia del fratello. “Con due bimbi, pannolini ne abbiamo fatti andare eccome - racconta Silvia -. Io ho tifato sempre e solo per quelli di marca, mentre mio marito ha cercato di rifilarmi di tutto. Per me i pannolini di marca sono gli unici che tengono veramente. Non so se è una mia fissa o no, ma con gli altri pannolini mi ritrovavo sempre con i body sporchi. Siamo andati alla ricerca delle migliori offerte e spesso abbiamo comprato i convenienti scatoloni multipacco”. Tra i vari modelli in commercio Silvia non ha mai trovato una grande differenza, né ha mai avuto grandi problemi di arrossature. “Solo qualche piccolo episodio - racconta -, superato velocemente con le creme. A volte viene da pensare che i ciripà creerebbero meno problemi alla pelle dei bimbi e tra l’altro si risparmierebbe non poco, ma tra figli e marito, casa, lavoro e compagnia, sarebbe un po’ utopistico pensare di lavare cinque o sei volte al giorno i pannetti e averne a disposizione altrettanti pronti all’uso”. A togliere il pannolino è stata la nonna. “D’estate i bimbi vanno in vacanza da lei a Latina, anche per lunghi periodi. Ci vanno volentieri, perché hanno a disposizione ciò che qui, a Torino, manca comple-

22 Giovani Genitori

tamente: lo spazio e l’aria aperta. Sapendo che vivono in mezzo a tanta serenità, noi riusciamo a sopportare la lontananza. Nel mezzo del giardino, con il caldo estivo, la mia mitica suocera si è presa la briga di togliere i pannolini a tutti e due, quando avevano all’incirca due anni (Tommaso qualcosa in più, Benedetta qualcosa in meno)”. I pannolini girano comunque ancora per casa. “Mio marito ed io siamo molto pratici e spesso agli amici che hanno avuto un bambino ci presentiamo con il nostro prezioso regalo: lo scatolone multipacco. Ovviamente di marca! Magari è un regalo poco romantico, ma sempre apprezzato!”.


gg Scelte

Senza pannolino Barbara: l’educazione precoce al vasino Barbara, imprenditrice torinese, è mamma di Velvet, una bimba di 19 mesi. In casa hanno scelto di seguire una strada inusuale: eliminare o ridurre al minimo l’uso dei pannolini, attraverso un percorso che ha preso piede solo da poco tempo, l’educazione precoce al vasino. “Abbiamo deciso di seguire il metodo della ‘Elimination Communication’ o Potty Training. Si tratta di crescere senza pannolino o, per meglio dire, educare all’uso del vasino fin dai primi mesi di vita. Ho scoperto questo metodo grazie al mio compagno - racconta Barbara - e l’ho trovato subito molto interessante, a parte le prime perplessità. Dopo il parto ero molto stanca per i nuovi ritmi che Velvet ci imponeva e ho cominciato a usare i pannolini ecologici, ma dopo i primi mesi, ho iniziato a tenere Velvet senza pannolino in casa, con delle ghettine di spugna. Notavo che ci dava segnali molto chiari, con il viso e con il corpo. Quando mi accorgevo che stava per fare la cacca la portavo subito in bagno sul wc, mentre per la pipì la portavo in bagno vicino al bidè. Lo facevo più o meno una volta all’ora, creando una certa ritualità. Giorno dopo giorno, osservando mia figlia, ho notato che era sempre più consapevole di quel che accadeva nel suo corpo. Iniziava a comprendere da sola che a ogni stimolo segue un effetto. Dopo qualche settimana ha iniziato a fare pipì e cacca soltanto in bagno. Verso i dieci mesi abbiamo introdotto il vasino, con alcuni giochi e bambola al seguito”. Adesso, all’età in cui più o meno gli altri bambini cominciano a essere svezzati dal pannolino, Velvet chiede di essere portata in bagno, anche quando la famiglia è fuori casa. “Sono molto contenta - continua Barbara - perché è importante che il bambino conosca il proprio corpo. L’utilizzo prolungato dei pannolini ritarda tale consapevolezza. C’è inoltre un notevole risparmio economico, non si inquina l’ambiente e soprattutto abbiamo fatto di Velvet la protagonista attiva del suo percorso. L’educazione precoce al vasino è stata semplice e naturale”.

Giovani Genitori 23

VENITE A SCOPRIRE LE BONTÀ GALUP NEL PUNTO VENDITA AZIENDALE “LE GALUPERIE” APERTO ANCHE LA DOMENICA

a Pinerolo, via Fenestrelle, 32 Tel. 0121 322227 - Fax. 0121 71334

www.galup.it


gg Domenica di Mario Bettas Valet

Pranzetto e passeggiata


gg Domenica

Ristorante Cascina Prato Pascolo Una giornata nel parco, anche in bicicletta Parco della Mandria - Venaria

La primavera è questo: pranzo al ristorante e camminata nel verde

C

on l’arrivo della primavera torna la voglia di trascorrere qualche ora all’aria aperta, magari a pochi chilometri dalla città per non passare la giornata in macchina. Un pranzo rifocillante e gustoso è l’occasione per scoprire angoli poco conosciuti, spesso vicini e per questo esclusi dal novero delle mete domenicali. Località dove si trovano buoni ristoranti e sentieri nel verde, in cui si incontrano antiche costruzioni o oasi naturalistiche inaspettate e misteriose. Si va dalla collina alle valli montane, dal Canavese al Pinerolese, alla ricerca di agriturismi e ristoranti sfiziosi. Alcune mete meritano una particolare attenzione, vuoi per la qualità del pranzo, vuoi per le caratteristiche del paesaggio che invogliano alla passeggiata.

Nelle prime giornate di sole, la cascina Prato Pascolo, nel parco regionale della Mandria, offre numerose opportunità per trascorrere un pomeriggio in una cornice agreste. Risalente ai primi anni del XX secolo, la struttura, eretta per volontà del senatore Luigi Medici del Vascello, fu adibita a ricovero di animali. Oggi ospita un ristorate didattico, dove si preparano piatti tipici piemontesi, con prodotti stagionali, a prezzi convenienti. All’interno della struttura si trovano anche un bar e un noleggio biciclette. Dopo pranzo, il parco regionale della Mandria regala momenti di assoluto relax, in sicurezza e lontano dai rumori della città. Lungo i viali si può camminare, andare in bicicletta e fare vere e proprie escursioni, magari in sella a un cavallo o a bordo di una carrozza. Se prevale l’indole stanziale, i dintorni della cascina sono perfetti come spazio per correre e rotolarsi nei prati. Ristorante didattico Cascina Prato Pascolo Parco Regionale La Mandria Ingresso Ponte Verde - Venaria Reale (TO) Tel. 011 4993324

Agriturismo Cascina Caravino Lungo i vigneti, fino al lago Candia Canavese Se volete trascorrere una giornata in mezzo alla campagna in un ambiente rustico, Cascina Caravino fa per voi. Immersa nel parco provinciale del lago di Candia, a metà strada tra Ivrea e Torino, è il posto ideale per un pranzo domenicale e una passeggiata pomeridiana alla portata di tutta la famiglia. L’agriturismo offre menu rustici preparati con prodotti locali, vini della zona e tanta tranquillità. All’interno della struttura c’è un parco con giardino e un’area giochi per i bambini. Intorno al cascinale c’è spazio per le camminate: si può raggiungere il lago vicino e vedere le ninfee fiorite o passeggiare in mezzo ai vigneti. Per gli amanti dei pedali sono numerosi i percorsi per mountain bike. Agriturismo Cascina Caravino Cascina Caravino, 3 – Candia Canavese (TO) Cell. 347 8346811

Giovani Genitori 25


gg Domenica

Agriturismo Bacomela

Agriturismo La Corte

Passeggiare lungo il torrente e scoprire le rane nello stagno Luserna San Giovanni

I genitori pranzano mentre i bimbi vanno a spasso con l’animatrice Gassino Torinese

L’agriturismo Bacomela sorge tra i boschi della Val Pellice, in un’area naturalistica che si sviluppa intorno al corso del torrente Pellice, affluente del Po, che dal Monte Granero scende verso la pianura pinerolese. A conduzione famigliare, il ristorante offre una variegata gamma di sapori locali e piatti realizzati con ingredienti prodotti da agricoltura biologica, coltivati in loco dai proprietari dell’azienda. Dopo il pranzo è possibile passeggiare nel verde del riposante percorso naturalistico “La Ghiandaia”. Sono quattro gli itinerari possibili. La trattoria sorge nei pressi del “sentiero verde”, un percorso facile e alla portata di tutti, che si snoda dal ponte Albertenga, sul Pellice, alla Fonte Blancio. Lungo il cammino si ammirano gli alberi del bosco, principalmente castagni, tigli e acacie. Con un po’ di fortuna, se i bambini non sono troppo rumorosi, è possibile imbattersi in qualche animale selvatico. Di grande interesse è il percorso a tappe che racconta e illustra, intorno a un piccolo stagno, il ciclo riproduttivo di rane e rospi. L’agriturismo dispone di camere per brevi vacanze. Agriturismo Bacomela Via Fonte Blancio, 33 Luserna San Giovanni (TO) Tel. 0121 932053

26 Giovani Genitori

A mezz’ora da Torino, sulle colline di Gassino, l’agriturismo La Corte offre cucina casalinga e genuina, fatta con frutta e verdura del posto, a partire dagli antipasti, fino ai dolci fatti in casa. La domenica, su prenotazione, è possibile affidare i bambini a una animatrice che li accompagna in una passeggiata nel verde, in mezzo alla natura, con la possibilità di vedere animali da cortile, ma anche cavalli, caprette e tartarughe. La Corte è anche una cascina didattica che organizza settimanalmente visite guidate nei dintorni. C’è un uliveto, con oltre cento piante, un bosco e uno stagno, ma anche mostre, manifestazioni e incontri di ippoterapia per disabili. Inoltre è visitabile l’interessante orto di permacultura, un modo innovativo per far crescere gli ortaggi, attento alla sostenibilità e agli ecosistemi. Agriturismo La Corte Strada Sant’Antonio, 54 – 10090 Fraz. Bussolino Gassino T.se (TO) Tel. 011 9607773 – Cell. 3406279442 www.lacorte-agriturismo.com

Agriturismo Gaio Tutti a piedi fino alla chiesetta Piverone A metà strada tra Piverone e il lago di Viverone, sulle pendici della Serra Morenica, si trova l’agriturismo Cascina Gaio, un bel cascinale gestito da una famiglia che si occupa di agricoltura biologica. Nella tenuta sono presenti più di 200 tipi di piante, alberi da frutto, ma anche arbusti ornamentali. Competenza e amore guidano da sempre le attività dei proprietari. Per cogliere appieno lo spirito del posto, magari dopo aver gustato i piatti preparati con i prodotti della casa, si possono visitare i frutteti e i vigneti. In alternativa si può intraprendere, su un’agevole stradina sterrata di campagna, la passeggiata verso un’antica chiesetta risalente al IX secolo, il Gesiun, piccola e mal conservata, ma che è un esempio di architettura romanica primitiva. All’interno dei muri perimetrali sono visibili i resti di un affresco e due colonnine di granito, che dividono il presbiterio dalla navata. Il luogo di culto, dedicato a San Pietro, è l’ultima testimonianza di Livione, un antico borgo ormai scomparso dalle carte geografiche; un piccolissimo centro abitato che sorgeva sulla via Francigena. Agriturismo Cascina Gaio Strada Aronco, 2 B – Piverone (TO) Cell. 347 2206388 www.agriturismogaio.it


gg Domenica

Ristorante Il sentiero dei Franchi Dopo pranzo, la passeggiata a dorso d’asino Sant’Antonino di Susa Chi parte alla ricerca di tanti antipasti, tanti primi e la selvaggina con la polenta, troverà la sua meta al ristorante Il sentiero dei Franchi, sulla strada che da Sant’Antonino di Susa si inerpica verso il colle Braida, la via che mette in comunicazione la bassa valle di Susa con la val Sangone. Il ristorante è il punto di partenza per numerose camminate. La scelta è ampia: si va dal semplice giro fino al centro del paese, un sentiero pedonale in mezzo al bosco di circa due chilometri, alle camminate più impegnative su mulattiere e sentieri di mezza montagna verso il colle. Se però siete orientati al tranquillo relax post-prandiale, ci sono interessanti scorci e panorami sulla valle, sul recinto degli asini e sull’enorme castagno che campeggia in mezzo al cortile. Per chi desidera ricevere informazioni sul luogo, è possibile chiedere al guardiaparco (ma informatevi prima sulla disponibilità). I bambini impazziranno invece a fare un giro in sella ai docili asinelli. Divertimento assicurato. Ristorante Il sentiero dei Franchi Borgata Cresto, 16 – Sant’Antonino di Susa (TO) Tel. 011 9631747 – Cell. 335 5270268 www.ilsentierodeifranchi.com

Giovani Genitori 27


gg Il ghiottone a Km 0 di Alice Quaglino

Yogurt A

rriva la primavera, arrivano i prati fioriti e le mucche che pascolano. E c’è più voglia di fresco, cremoso e leggero. Il pregio degli yogurt nostrani sta nel territorio, nel sapore e nella distribuzione locale che è amica della natura.

QUANTO - Prezzo: 0,50 euro circa per il vasetto frutta magro da 125 grammi. DOVE - Sede e spaccio “Le Cascine della Centrale” (con area giochi per bimbi): via Filadelfia 220 a Torino. QUANDO - Da lunedi a sabato, dalle 9 alle 19. Chiuso mercoledì pomeriggio.

Centrale del Latte di Torino Dal 1950 “Centrale” significa “latte”: ancor oggi le Tapporosso sono un mito. Automatizzati gli impianti, selezionati gli allevatori e controllato il bestiame, la Centrale è un marchio anche di yogurt. Solo latte fresco e naturalmente ricco di fermenti lattici vivi, disponibile nelle linee intero e magro con lo 0,1% di grassi. FATTORE BIMBO - Yogurt INTERO e MAGRO ai gusti bianco, caffé, cereali, limone e fragola, albicocca, banana, frutti di bosco, mirtillo, tutti con frutta frullata. COME - Ingredienti: yogurt di latte fresco pastorizzato scremato con fermenti lattici vivi (Lactobacillus bulgaricus, Streptococcus thermophilus), preparazione di frutta 20% (fragola 50%, zucchero, succo di sambuco, addensante: pectina, aromi). Senza conservanti.

Azienda Agricola Manzon Con i suoi 130 capi di razza Bruna Alpina e Pezzata Rossa questa azienda pratica ancora la stabulazione, lasciando gli animali liberi di muoversi nei prati. Il loro latte alta qualità risulta quindi più saporito e sano: i fratelli Manzon hanno impianti di produzione e confezionamento all’avanguardia. Con loro il Km 0 arriva al consumatore anche tramite i distributori automatici. FATTORE BIMBO - Oltre allo yogurt naturale ci sono i gusti agrumi, albicocca, ananas, banana, caffè, cereali, ciliegia, cocco, frutti di bosco, fragola, limone, mela verde, mirtillo, nocciola e pesca. COME - Ingredienti: latte intero di alta qualità, proteine del latte, semilavorato di frutta (20%): zucchero, fragola 30%, acqua, gelificante pectina E440, estratto di sambuco, correttore di acidità acido citrico E330 e calcio citrato E333, aromi, conservante potassio sorbato E202 0,13%, fermenti lattici (Lactobacillus bulgaricus e streptococcus thermophilus).

28 Giovani Genitori

La crema bianca più digeribile che ci sia

QUANTO - Prezzo: 1 euro per il vasetto frutta da 150 grammi. DOVE - Caseificio: via Druento 75 a Pianezza (TO), tel. 011 9943808. Nei mercati di Chieri e Torino (piazza Palazzo di Città e piazza Madama Cristina), distributori a Grugliasco, Collegno, Rivoli e Sangano.


gg Il ghiottone a Km 0

Azienda Coletto Nel 2000 la signora Coletto ha trasformato la sua azienda in allevamento e caseificio. Ora è un produttore piemontese di yogurt freschissimo: latte munto all’alba, pastorizzato, fatto fermentare e rivenduto il giorno dopo in negozio. La qualità del prodotto ha convinto anche i GAC di Grugliasco e Bruino, clienti storici. FATTORE BIMBO - A prova di bimbo gli yogurt al naturale, mirtillo, banana, limone, frutti di bosco... 11 gusti da provare; più “adulti” i gusti ai cereali, malto, caffè e nocciola. COME - Ingredienti: latte, fermenti lattici vivi (Streptococcus, Lactobacillus bulgaricus), pesca.

QUANTO - Prezzo: 0,70 euro circa per il vasetto frutta da 150 grammi. DOVE - Caseificio e negozio: via Valmaggiore 2 a Valfenera (AT), tel. 0141 935151. QUANDO - Da martedi a domenica, 8.30 – 12.30 e 14 – 19.

Agrilatteria del Pianalto Latte di alta qualità che proviene dall’allevamento di vacche di razza frisona, nutrite esclusivamente con alimenti di produzione dell’azienda (fieno, mais e orzo). Il laboratorio di trasformazione dello yogurt è nato nel 2004, primo in Italia a pastorizzare direttamente il proprio latte. FATTORE BIMBO - Gusti per tutti: dal naturale ai fruttati banana, fragola, mirtillo, frutti di bosco (i più gettonati), cocco e limone. Più sfiziosi il caffè, il malto, i cerali. COME - Ingredienti: latte intero, fermenti lattici (Streptococcus Thermophilus, Lactobacillus Bulgaricus), purea di frutta 18% (zucchero, fragola, gelatificante pectina, correttore di acidità acido citrico, aromi, conservante potassio sorbato).

Cascina Bianca Una linea della Cooperativa I Tesori della Terra, ottenuta a partire dal latte di mucche allevate solo nel cuneese secondo i metodi del biologico e a “ciclo chiuso”, ovvero con produzione interna di cereali e foraggi e trasformazione del latte. A differenza di Famù, altro loro famoso marchio, questo yogurt è arricchito da fermenti probiotici per riequilibrare la flora batterica. FATTORE BIMBO - Per i puristi ci sono bianco e bianco magro; per gli amanti della frutta a pezzi fragola, albicocca e mirtillo. COME - Ingredienti: latte alta qualità, fermenti lattici (Lactobacillus Bulgaricus, Streptococcus Thermophilus), fermenti probiotici (Lactobacillus Acidophilus, Bifidobacterium Lactis), 20% di preparato di mirtilli (50% mirtilli a pezzi, 50% zucchero di canna, aromi naturali). Senza conservanti.

QUANTO - Prezzo: 0,80 euro per il vasetto frutta da 125 grammi. DOVE - Via Poirino 7 a Villastellone (TO). Tel. 011 9619295, www.cascinafontanacervo.it. Nei migliori negozi di alimentari e da Eataly. QUANDO - Da lunedì a sabato, dalle 15.30 alle 19.30.

QUANTO - Prezzo: 0,60 euro per il vasetto frutta da 150 grammi. DOVE - Azienda e spaccio: via Rivalta 78 a Piossasco (TO), tel. 011 9085151. QUANDO - Da mercoledì a sabato, 9.30-12.30 e 15-19.30.

QUANTO - Prezzo: 0,75 euro per il vasetto frutta da 125 grammi. DOVE - Negozio della Cooperativa: via Cian 16 a Cervasca (CN). Tel. 0171 612605, www.itesoridellaterra.eu. Nei migliori negozi bio. Bio

Cascina Fontanacervo In questa azienda si parte dalla coltivazione dei campi per arrivare all’allevamento di vacche alimentate con prodotti senza Ogm. Poi la mungitura e la trasformazione del latte. Fontanacervo produce il suo yogurt dal 1990 grazie alla selezione di animali jersey che rispetto alle mucche frisone danno un prodotto più compatto e gustoso. Ottimo punto vendita in loco. FATTORE BIMBO - Il Signor Crivello insegna che è meglio lo yogurt naturale, a cui aggiungere frutta fresca o marmellata fatta in casa; altrimenti consiglia lo yogurt da bere, 200 grammi di latte e fermenti supersani. Il più goloso? Lo yogurt ai marroni, disponibile solo nei mesi freddi freddi. COME - Ingredienti: latte alta qualità, purea di frutta (saccarosio, fragola, gelificante: pectina, estratto di sambuco, correttore di acidità acido citrico, aromi naturali), fermenti lattici (Lactobacillus Delbrueckli Bulgaricus, Streptococcus Thermophilus).

Giovani Genitori 29


gg Viviamo così

La felicità 2.0 “G

odi, è più tardi di quanto tu creda”: è una massima cinese riportata nel libro La vita 2.0 scritto da Gianni, che è anche il papà del Viviamo Così di questo mese. Il libro parla di felicità e racconta di un percorso possibile per raggiungerla. Come ciascuno può rendersi padrone del proprio tempo e occuparlo nel migliore dei modi possibili già da oggi, senza aspettare domani. Ci è piaciuto raccontare, in questi tempi di pessimismo nazionale, la storia di una famiglia che ha trovato una sua chiave per sorridere alla vita. “Non siamo certo la famigliola felice del mulino bianco – ci tiene a precisare Silvia –, abbiamo i nostri problemi

30 Giovani Genitori

e le nostre difficoltà come tutte le famiglie. Però cerchiamo di affrontarle in modo positivo, senza farci abbattere. Abbiamo anche noi le nostre cicatrici, ma non ci fermiamo a contarle, anzi, ne andiamo orgogliosi”. “Il libro non pretende di essere un trattato di filosofia morale – prosegue Gianni – racconto il mio percorso e cerco di dare degli spunti augurandomi che possano servire a qualcuno”.

Le regole della felicità “Nella vita capita di disperdere le forze rincorrendo troppe cose, spesso futili, mentre se teniamo ben presente quelle poche che sono davvero importanti possiamo stare molto meglio”, concordano Silvia e Gianni.

Silvia, 42 anni, casalinga felice Gianni, 43 anni, imprenditore, golfista e blogger Roberta, 11 anni, prima media Michela, 4 anni (quasi 5!), scuola materna

C’è chi arriva ai 40 anni e attraversa una terribile crisi esistenziale e chi, come Gianni, ci arriva e dopo la crisi si rende conto di aver capito un pochino di più del mondo e gli viene voglia di raccontarlo. “Sono partito da alcune constatazioni se vogliamo banali, ma non contestabili. Ad esempio: il denaro è sopravvalutato, mentre l’unica risorsa davvero critica che abbiamo è il tempo. Di conseguenza, siamo ricchi solo se abbiamo il tempo per fare le cose che vogliamo veramente e non siamo sempre costretti a saltare di scadenza in scadenza, in una corsa al massacro che non ha mai fine. Una vita migliore è possibile: una vita più semplice, svuotata da preoccupazioni inutili e soprattutto non ricol-


gg Viviamo così

Una vita migliore è possibile, una vita più semplice

ma di lavoro fino all’orlo. Dobbiamo solo darci l’autorizzazione a farlo”. E per raggiungere l’obiettivo riflettiamo sulle 5 leggi di Davico: Legge di Davico numero 1, o della ricchezza: la vera ricchezza è data dal tempo che hai a disposizione, non dai soldi. Legge di Davico numero 2, o del

tempo: la mancanza di tempo non è altro che mancanza di priorità. Legge di Davico numero 3, o del lavoro: NON: sì; non: lavorare duro. Legge di Davico numero 4, o della zucca: in qualunque ambiente professionale, il 90% dei professionisti è zuccone. Legge di Davico numero 5, o dell’indipendenza: mettersi per conto proprio è la strada ineluttabile verso la libertà e la felicità. Gianni ha messo in pratica le sue leggi, ottenendone benefiche ripercussioni sulla sua vita quotidiana. Ad esempio, ha applicato il principio di Pareto secondo il quale il 20% dei nostri sforzi produce l’80% dei risultati. Concretamente, dopo un’attenta analisi del suo giro d’af-

fari, Gianni ha sfrondato tutti quei clienti che portano pochi soldi e tanti crucci, riducendoli a ‘pochi ma buoni’. Un altro principio cui Gianni si è ispirato è quello di Parkinson: ‘il lavoro dura sempre quel tanto che è necessario a colmare il tempo disponibile per compierlo’. Ovvero, se per concludere un progetto abbiamo un giorno, ci impiegheremo un giorno, se disponiamo di una mezza giornata, il progetto sarà pronto in quella mezza giornata. L’applicazione dei principi ha sortito un magico risultato: Gianni negli ultimi due anni ha smesso di lavorare a tempo pieno, ma lavora (grossomodo) la mattina. Il pomeriggio si dedica alle bambine e ha tanto tempo per giocare a golf, la sua passione.

Giovani Genitori 31


gg Viviamo così

Da WM a STHM Di tempo utilizzato nel migliore dei modi parla anche Silvia. Che negli ultimi anni ha compiuto l’evoluzione da Working Mom a Stay at Home Mom. Ne avevamo parlato proprio nel numero scorso, ricordate? Un percorso che le ha dato grande soddisfazione personale: “Fino a qualche tempo fa lavoravo come ceramista, prima a tempo pieno e poi part time, da quando è nata Roberta. Un anno fa l’azienda in cui lavoravo non riusciva più a garantire gli stipendi e, d’accordo con Gianni, ho lasciato il mio lavoro. Potermi dedicare alle bambine e alla casa per bene, senza farlo negli spazi ristretti ritagliati da impegni e lavoro era un sogno. Sono fortunata, lo ammetto, ad averlo potuto realizzare. Seguire la crescita delle bambine giorno dopo giorno è un’esperienza unica. Portarle a scuola, andarle a prendere, condividere con loro i pomeriggi tra compiti e merende. Credo che questa tranquillità mia si ripercuota anche su di loro. La serenità è contagiosa, e ora che ho trovato la dimen-

sione che più mi soddisfa stiamo tutti meglio. Certo, non è sempre facile. Quando lavoravo contribuivo alle entrate della famiglia. Ora l’economia familiare è tutta a carico di Gianni e devo ammettere che qualche volta mi sento un po’ a disagio. Nella quotidianità cerchiamo di adottare la filosofia della cosiddetta ‘decrescita felice’, ovvero di fare a meno di tutte le cose superflue che complicano la vita invece di facilitarla. Utilizzare al meglio le cose che abbiamo anziché aggiungerne sempre di più. Ridurre le spese cercando di fare da sé tutte le cose possibili. Nel nostro caso ho imparato,

Giornata tipo 7 - suona la sveglia (che detiene Roberta) 7.10 - la mamma si alza, prepara la colazione, sveglia Roberta, chiacchierano 7.30 - arriva il papà 7.50 - papà porta a scuola Roberta 8 - mamma sveglia Michela 8.25 - papà saluta Michela (rigoroso bacino sulla punta del naso), la mamma porta Michela alla scuola materna

32 Giovani Genitori

grazie all’aiuto di mia suocera, ad accudire l’orto, in modo tale da coltivare verdura per il nostro fabbisogno”. Il tempo liberato dal lavoro si traduce in abbondanza di tempo di qualità da dedicare alle figlie. Ad esempio, in casa si è instaurata una tradizione molto carina. “Il giorno in cui le bambine compiono gli anni (Roberta a novembre, Michela ad aprile) non si lavora ma facciamo una gita – ci raccontano – di solito al mare; Noli è la meta preferita. Un piccolo rituale, cui non potremmo più rinunciare”.

In casa si parla piemontese 13 - papà va a prendere Michela, i genitori pranzano 13.50 - papà va a prendere Roberta. Pomeriggio: compiti seguiti dalla mamma, poi gli impegni di Roberta (tennis, inglese, catechismo) dettano il ritmo 20 - cena. Dopocena film oppure carte (Uno è il gioco preferito) 22 e rotti (sempre troppo tardi secondo la mamma) - nanna

In casa Davico si parla piemontese, per scelta. Una scelta originale, molto sentita. “A casa mia si parlava in piemontese – racconta Gianni – l’ho sempre sentito come la mia lingua madre. Quando è nata Roberta per una settimana le ho parlato in italiano. Avevo questo fagottino tra le braccia e mi rivolgevo a lei in una lingua non veramente mia, non veramente del cuore. Poi ho capito: la lingua


definisce la mia essenza. Sono passato al piemontese e da lì ho continuato, sempre. Probabilmente sono stato convincente, al punto che mia moglie – che non ha mai parlato piemontese, pur avendolo sentito in casa – da qualche anno è passata anche lei a questa lingua, con le bambine e con me. Parlare piemontese è in sé una sfida e un’avventura. Non è semplice, in un mondo che considera questa lingua – con dieci secoli di tradizione letteraria scritta – un ‘dialetto’. Vale comunque il principio “une langue une personne”: una volta che si decide di usare una lingua con un bambino la si deve utilizzare sempre, quindi anche in pubblico, anche nel leggere, nel cantare e così via”. “Il rapporto delle bambine con il piemontese è un po’ particolare – continua Silvia – nel senso che è la lingua dominante in casa, ma quasi mai la trovano fuori e comunque mai con le amiche e i compagni di gioco. Di conseguenza si rivolgono a noi in italiano: si tratta quindi di bilinguismo imperfetto. Roberta e Michela sono perfettamente in grado di parlare piemontese, ma non sono stimolate a farlo perché non è loro necessario. È comunque un’eredità che si troveranno in futuro, una ricchezza”. Prima di dormire, la lettura del libro è spesso in piemontese. “Le storie della sera io le racconto sempre in piemontese: se il libro è in altra lingua lo traduco sul momento. Per mia moglie è un po’ più complicato, quindi lei legge in piemontese o in italiano a seconda della lingua in cui è scritto il libro. Libri in piemontese per bambini ne abbiamo una trentina circa, ovvero di fatto quasi tutto ciò che si trova in commercio. Tra i nostri preferiti Ël cit prinsi, Trenin, dësmore e buate, Pinòcchio an piemontèis. Il piemontese ha poi una ricca tradizione musicale, che incuriosisce naturalmente le bambine, come Nine nane, Filastròcole, Gieugh ëd la masnà, Canson për ij cit e Mùsiche dla tradission piemontèisa”.

Giovani Genitori 33


gg A confronto Un serrato faccia a faccia tra moglie e marito. Volete provare anche voi? Scrivete a redazione@giovanigenitori.it e mandate una vostra fotografia

Ritratto di famiglia: Marta e Antonio Quante ore lavori e quante ne passi con i figli?

Lui: 10 ore di lavoro e 3 ore con Giacomo Lei: tutto il tempo, ora sono in maternità

Il suo peggior difetto?

Lui: nessuno Lei: nervoso

Il tuo peggior difetto?

Lui: nessuno Lei: distratta

Chi comanda in casa?

Lui: tutti e due Lei: boh! Lui dice che il generale sono io

Chi spende di più?

Lui: lei Lei: lui… io…

Chi cucina e tiene in ordine?

Lui: lei Lei: io

Cosa non deve mancare nel vostro frigo?

Lui: la frutta Lei: frutta, verdura e formaggio

La cena meno sana che hai servito ai tuoi figli?

Lui: lo stiamo ancora svezzando, c’è tempo… Lei: per ora nulla, sto svezzando Giacomo. In genere sono molto attenta a ciò che cucino, però ogni tanto qualche schifezzuola gliela farò, tipo i sofficini e le patatine fritte

Qual è il gioco più divertente che fai con i tuoi figli?

Lui: siamo in fase di scoperta, tutto è un gioco Lei: Giacomo ora gioca con tutto ed è alla scoperta di tutto, ma più di ogni altro gioco gli piace il cucù

Ricordi l’ultima volta che avete litigato?

Lui: piccole cose che passano subito e non vale la pena ricordare Lei: sono un po’ possessiva e non volevo andasse a vedere la partita fuori casa

34 Giovani Genitori


gg A confronto

Marta, 41 anni, operatrice socio sanitaria, e Antonio, 42, geometra, hanno un figlio, Giacomo, di 9 mesi

Libro e film che ti piacciono di più?

Lui: “La chiave a stella” e “Pulp Fiction” Lei: l’ultimo letto: “Un madre lo sa”. Se no… “La stanza dell’orso e dell’ape” e “Nati due volte”. Per i film “Le fate ignoranti” e “Il pianista”

Shopping preferito dove?

Lui: fumetti Lei: in centro! Camper con i saldi!

Il ristorante in cui andate più volentieri?

Lui: pizzeria Lei: pizzeria Da Gennaro in corso Novara o via Passalacqua

Il tuo momento preferito nella giornata?

Lui: quando sono a casa con mia moglie Lei: la sera tutti insieme

Com’è un weekend tipico in casa vostra?

Lui: gita o passeggiata, spesa Lei: adesso che sono in maternità il sabato è dedicato alla spesa, la domenica gita in giro, santuari e fiere

Cosa avete fatto l’ultima volta che siete usciti senza figli?

Lui: nove mesi, mai senza Giacomo Lei: ancora niente uscita!

Quale servizio vorresti nella tua città?

Lui: asili nido a costi accessibili Lei: più mezzi pubblici e più controlli, specie nella zona dove lavoro, che è Porta Palazzo

Come ti immagini fra vent’anni?

Lui: come adesso, un po’ più stanco Lei: mmmmm… sempre in piedi!!!

Cosa faranno i tuoi figli da grandi?

Lui: forse il muratore Lei: spero un lavoro soddisfacente

Qual è la parola che riassume la vostra Lui: bella famiglia? Lei: sorriso Giovani Genitori 35

Azienda Agricola Persegona a Produzioni biologiche di Parmigiano a impatto zero Puoi comprarlo dai GAC del Movimento Consumatori Torino tel. 011.5069546 - www.movimentoconsumatori.to.it

Località Pieve Cusignano, 63 - Fidenza (PR) Tel/fax 0524 62163 - persegonagiuliano@tiscalinet.it


������������������������������������ ������������

���� ������� ����������������������� ���������������������������������������������������

��������� ����������� � ��������� � ��� �������� ��������� ����� ���� ��������� ��� ��������� ��� ������������ ���� ���������������������������������� � ����������������������������������������� ������� ��������� ���� ������������� ����� ��������� ������������� ����������� ��� ���� ����� ���� ���������� ���������� ���� ��� ������� � ��� ����� ��� ������������ ����������������� ��� ���������� ��������� ���� �������������� ���� ������ ���� ����������� ����� ����� ���� ��������� ���������� ����������� ��� ������������������������������������

��������������� �������������� ��������������� ��������������������������������������������������� ������������������������������������������ �������������������������������������������������

��������� � ��������������� ���� ���������� ���� ���� ���������� � ������� ������ ������� ����� �� ����� ������� ����� � �������������������������������������������� ����������� ����������� ��� �������� ��� ��� ������������������������������������� � ����������� ���������� ����� ��������� ��������� ��������� ������ ��������� ���� ������������������������������������������ � ������ ��� ������������ ����� ���������� ��� ��������������

��������������������������� ��������������������������� ���������������

��������������������� ����������������� ����������������

� ����������������������


GG › l’esperto

Fitness Forum Ilaria Martina - www.mammaf.it

Musica per i più piccoli Lo sviluppo della musicalità nei bambini “I bambini in età prescolare sviluppano il proprio vocabolario di ascolto e di parlato molto prima di incominciare a frequentare la scuola ed è nello stesso periodo che dovrebbero sviluppare le basi del vocabolario musicale, di ascolto e cantato. Senza lo sviluppo congiunto infatti, la capacità di imparare a comprendere, a creare, a leggere e a scrivere nella propria lingua sarà sempre limitata, così come saranno limitate la comprensione, la creazione, la lettura e la scrittura della musica”, sostiene Edwin E. Gordon, nella sua Music Learning Theory. Dopo quasi 50 anni di ricerche, Gordon scoprì che il processo di apprendimento musicale nel bambino è simile al processo con cui apprende il linguaggio: i primi tre anni costituiscono un periodo fondamentale. Gordon ha così sviluppato una metodologia, la Music Learning Theory, il cui principale obiettivo è lo sviluppo dell’attitudine musicale di ciascun bambino. Sono tanti i corsi di sviluppo della musicalità per bambini che partono proprio dai primi mesi di vita. La maggior parte di questi segue, appunto, la Music Learning Theory di Gordon. A Torino, ad esempio, il Centro Musicoterapia Benenzon propone corsi di Musica in Culla, adatta fin dai primi mesi di vita. “La Musica in Culla non è solo un corso, ma un vero e proprio percorso che si svolge insieme al proprio bambino e ad altre mamme (ma anche papà e nonni). L’allievo più piccolo che ho avuto aveva 2 settimane, ma quasi sempre le famiglie si iscrivono quando il bimbo ha almeno 4-5 mesi. Ciò non significa che iniziare prima sia controindicato, anzi - spiega Francesca Nicassio, psicologa-psicoterapeuta e musicoterapeuta, che gestisce i corsi presso il

Centro Musicoterapia Benenzon -. Il bimbo arricchisce il suo vocabolario musicale, gestuale, corporeo; nella coppia genitore-bambino aumentano le possibilità di interazione e di gioco; grazie alla possibilità di interagire con altri bambini fin dai primi mesi si stimola la socializzazione”. I bimbi vengono suddivisi in piccoli gruppi per fasce d’età: 0-1 anno, 1-2 anni, 2-3 anni. Il percorso viene strutturato in base all’età dei bambini e all’interazione che si crea fra di loro. “L’utilizzo della voce e del movimento per fare musica e comunicare con la musica è una delle caratteristiche del nostro lavoro. Proponiamo songs (melodie) e chants (canzoni ritmiche) associate a vari tipi di movimento, che può essere ‘libero’, come quando ci si sposta fluendo nella stanza con i bimbi in braccio, o strutturato, come quando proponiamo danze in cerchio”, continua Francesca Nicassio. “I genitori mi chiedono: ‘che musica gli faccio ascoltare?’ È utile far ascoltare al bambino vari generi musicali, dalla classica al jazz, dal rock alla musica popolare. È altrettanto importante condividere la musica con i propri bimbi, cioè ascoltarla con loro, ballare e cantare insieme: un brano musicale non va ‘somministrato’ come una vitamina. Di conseguenza ritengo che se un brano musicale non ci piace, forse è meglio evitare di farlo ascoltare ai nostri bambini”. Lo sviluppo della musicalità nei bambini non vuole creare dei piccoli prodigi, ma dà la possibilità ai bambini di utilizzare la musica come uno straordinario mezzo di comunicazione e di espressione, intervenendo sull’apprendimento quando le possibilità e le attitudini sono maggiori.

La Music Learning Theory di Gordon

Giovani Genitori 37

C O L D E J O U X , U N ’ O A S I D I PA C E A M I S U R A D ’ U O M O Consorzio Turismo

V a l l e

d ’ A o s t a

Saint-Vincent

campo pratica golf s baby park s pesca sportiva s trekking solarium relax s enogastronomia saperto tutto l’anno

Campo pratica per il golf: utilizzo solo per tiri di precisione nel lago (max 120 m)

info Col de Joux: +39 0166 537701 - web: www.insaintvincent.it - facebook: Insaintvincent Eventi - info Turistiche: Ufficio del Turismo di Saint-Vincent +39 0166 512239


Preveniamo i fastidi invernali con i rimedi naturali

Lo psicologo Giovanna Rinaldi - Psicologa e Psicoterapeuta Familiare

(Via Dolci 6, Beinasco. Tel. 3396638544. Autorizz. n.95 del 23-02-09)

Fai attenzione! Lavoriamo in coppia per non tenere i figli sotto una campana di vetro C.so Italia 40 - Gassino T.se Tel. 011 9813114

LUNEDÌ 15.30/19.30 DA MARTEDÌ A SABATO

9/12.30-15.30/19.30

• FITOTERAPIA ED ERBE BE O OFFICINALI • VASTO ASSORTIMENTO DI ALIMENTI BIOLOGICI (TOFU FU + SEITAN FR FRESCHI) • COSMESI VEGETALE • SPEZIE - INCENSI • PASTIGLIE LEONE • THE AROMATIZZATI RUT UTT T • INFUSI DI FRUTTA TI ADATTI DA TII A C CELIACI • ALIMENTI E/O INTOLLERANZE LL LE N E A ALIMENTARI AL L

SU

PRENOTAZIONE PANE BIOLOGICO COTTO A LEGNA DELL ’AGRIFORNERIA DI CHIESANUOVA ( TO )

Gentile dottoressa, mio marito è molto apprensivo con nostro figlio, che ha 5 anni. Pare che il mondo sia una giungla pericolosa dal quale solo lui può difenderlo. Ai giardinetti non deve correre perché poi cade, la strada è tutta un rischio, l’aria fredda lo fa ammalare, il caldo sudare e ci sono microbi dappertutto. Insomma, va bene fare attenzione, ma ho l’impressione che stia tarpando le ali al piccolo. Che è un normale bambino che ama giocare spensierato. Io non voglio che il piccolo cresca inibito, ma mi rendo conto che l’ansia di mio marito è autentica. Come fare per calmarlo? La ringrazio per la risposta, Valeria Cara Valeria, indubbiamente, come in tutti gli ambiti, anche in quello educativo il troppo stroppia. Non si possono tenere i figli sotto una campana di vetro, né lasciarli andare per il mondo in totale libertà: ne consegue che la vera difficoltà stia nell’individuare la giusta via di mezzo. Essere genitori implica una quotidiana lotta tra il senso istintivo di protezione e la necessità di lasciar crescere, di lasciar andare verso la scoperta. Nessun bambino di cinque anni è senza sbucciature o bernoccoli, né immune da raffreddori o malanni. In merito all’ansia sarebbe importante per me sapere se tuo marito vive lo stesso stato d’animo in altri contesti o se il suo vissuto è legato solo all’aspetto genitoriale. Sicuramente un atteggiamento troppo ansioso è un limite alla voglia di scoprire e di sperimentare del piccolo, ma credo che nel vostro caso non sia tanto un freno per il bambino, quanto un motivo di rabbia per te, che non condividi l’atteggiamento educativo di tuo marito. Nelle tappe della crescita dei figli, la coppia genitoriale si modifica e si compensa mediando limiti e risorse di ciascuno. In questo momento l’ansia esprime la fatica del papà ad accettare che il piccolo sia cresciuto abbastanza da potersi muovere nel mondo ed esporsi a tutti i rischi del caso. Non è che magari in questa fase di maggiore autonomia del bambino tu, rassicurata dalle sue conquiste, lo spingi ad andare, e lui, che lo vive ancora piccolo, tira nell’altro senso? Educare è po’ come andare in tandem: lungo il sentiero ci si alterna nella pedalata. Ora sei tu a pedalare più velocemente; prova a rallentare un po’ per ritrovare la sintonia con chi sta diminuendo il passo. Rassicura tuo marito, permettigli di osservare il bambino dalla tua prospettiva. Se questo non dovesse bastare, una consulenza con un terapeuta familiare potrà esservi di aiuto.

38 Giovani Genitori


Hotel San Giuseppe Sa

Il pediatra

F

in

Quando l’alito puzza L’acetone è un disturbo frequente nell’infanzia

ale

v)

Giancarlo Corti L ig ure

(S

Distanza dal mare circa 300 metri Spiagge Spia agge convenzionate

te te men dota a t e r e l e p Com tturato , 42 camllitare, o u r t sate i lett ris za, post ervizi, tv i sicurez 0 0 1 tti i s net tte d di tu , casse tto, inter iorno, n pho no dire le sogg re, o a telef t, wi-fi, s ascenso iscina, n i i n po riunio , , bar, p e sala ristorant rivato p a sal heggio c r pa

Ultimamente, è capitato che alla mia bambina di 4 anni ogni tanto l’alito puzzi. La nostra pediatra mi ha detto sbrigativamente che si tratta di acetone, di farle bere una bevanda contenente zucchero e di star tranquilla. Ma di cosa si tratta? Qual è il modo migliore di affrontarlo secondo lei? Grazie per la risposta, Gabriella Gentile Gabriella, l’acetone o chetosi non è una malattia ma un disordine metabolico provocato dal digiuno, molto frequente nell’età pediatrica. Si manifesta quando il corpo, dopo aver bruciato tutti gli zuccheri a disposizione, inizia a bruciare i grassi. È un disturbo tipico della prima infanzia, colpisce infatti prevalentemente i bambini intorno ai 3-5 anni. Si manifesta con vomito, accompagnato da mal di pancia, e generale senso di malessere. Il sintomo classico è, come da lei evidenziato, l’alito cattivo, che sa di frutta troppo matura. Le crisi acetoniche avvengono quando il bambino si trova in una situazione di digiuno, come nel corso di una malattia febbrile o uno sforzo fisico prolungato. Possono anche esser causate da un’alimentazione errata, troppo ricca di grassi. Per curare l’acetone è sufficiente, come già consigliatole dalla sua pediatra, offrire al piccolo una qualsiasi bevanda zuccherata, come tè o succo di frutta. È consigliabile somministrarla a piccoli sorsi o a cucchiaiate in caso di vomito. Si reintegrano in questo modo gli zuccheri che il corpo ricomincia a utilizzare come combustibile. Come prevenzione, invece, si può provare a modificare l’alimentazione della bimba, riducendo i cibi grassi come fritti, cioccolato, carni grasse e formaggi per qualche tempo, e prediligendo un’alimentazione ricca di carboidrati complessi come pasta e riso.

Giovani Genitori 39

i upp ia gr li s e cev ividua tel ri L’Ho lienti ind c che nale egio ale r a n n i Cuc ternazio ure, ed in t di verd ffet buffe one a bu lazi a co m i r p

spiti oli o te: c c i n p Per i al ristora ata u g e d era: ria a sate in cam letto o p ie per iolon nde schetta o p segg s tto. po, e va cam biberon il bagne rna a d i per he este lettin o, scalda l o na c g sin inter a i s hi gioc Area

Via G.A.Silla - 17024 - Finale Ligure (SV) Tel. +39 019 6816195 info@hotelsangiuseppe.com www.hotelsangiuseppe.com


GG › l’esperto

L’avvocato Francesca Galdini

Lei mi ha tradito Il tradimento può portare alla separazione, meglio se consensuale

Non trascinare i figli nelle aule giudiziarie

Ho 44 anni e sono coniugato, ma non vivo più nella casa coniugale. Sono papà di tre figli, la più piccola ha solo 6 anni. A dicembre ho scoperto che mia moglie in un mese ha fatto 170 chiamate dal telefonino, 37 sms e 18 accessi in segreteria. Tutto diretto verso il numero di un mio “amico”. Premetto che non l’ho mai tradita, che abbiamo una buona intesa, che oltre al lavoro faccio tutto quel che posso per mantenere alto il tenore di vita della famiglia. Nonostante la promessa di interrompere la tresca, dopo dieci giorni ho scoperto che l’ha continuata. Ho fatto le valigie e sono andato via, dopo 18 anni di matrimonio. Mi sono messo a indagare su tutto, ma proprio tutto, e ho scoperto che mia moglie in una settimana ha sperperato la tredicesima, non paga le utenze da settembre, lascia che i figli non vadano a scuola, non li porta ai controlli medici. Alla luce di tutto questo, mi domando se con una separazione giudiziaria ho la possibilità di ottenere l’affidamento dei figli e di ottenere il suo allontanamento dalla casa coniugale. Posso

negarle l’assegno di mantenimento? Confido nella giustizia, almeno a tutela dei minori che più pagheranno le conseguenze di questa squallida storia. Un papà Caro papà, non è difficile comprendere lo sconforto e la rabbia che sta provando. L’uno e l’altra, peraltro, non sono buoni consiglieri. Andiamo per ordine. Concordo sulla necessità di proteggere i figli, troppo giovani per farlo autonomamente: questo compito spetta a lei; lasci passare del tempo e recuperi la razionalità necessaria, non palesi mai i suoi sentimenti davanti a loro né cerchi di screditare la figura materna, tanto meno li trascini nelle aule giudiziarie rendendoli parti di una “guerra” che non hanno voluto ma che dovranno comunque subire. Proprio per questo le sconsiglio di proporre un ricorso giudiziale: certo, potrebbe farlo, chiedendo la separazione con addebito, ma punirebbe sua moglie e non solo. Sarebbe un percorso molto lungo che, da quanto mi è dato capire, al momento vuole intraprendere solo lei. Umana-

40 Giovani Genitori

Forniture per sarte, articoli per ricamo, articoli alta moda, passamanerie, cordoni, pizzi, bottoni, lane, filati e altro Per i lettori itori di Giovani Gen

5% SCONTO 1 rticoli su tutti gli a ola per asilo e scu

Ricamiamo a punto croce il nome del vostro bambino sul corredino per l’asilo Via Della Rocca, 10/c - Torino - Tel. 011 8128940 www.merceriaghio.it - antonella@merceriaghio.it

mente la posso capire, ma non ritengo sia la strada migliore: trovi il modo di parlare con sua moglie e verifichi la disponibilità ad agire congiuntamente. Una separazione consensuale, seppur dolorosa, eviterebbe ogni ulteriore “spargimento di sangue”. Quanto all’affidamento dei minori, la legge stabilisce che sia congiunto: i figli avranno residenza privilegiata presso l’abitazione di uno dei genitori (normalmente con la madre e normalmente nella casa ex domicilio coniugale) ma entrambi ne sarete in egual misura responsabili. Dimostrando che sua moglie è stata carente come madre, potrà chiedere l’affidamento esclusivo, ma devono essersi verificati episodi davvero gravi tali da giustificare l’allontanamento da lei. Consideri che la piccola di 6 anni difficilmente le verrà affidata e non si reputa utile separare tre fratelli. Quanto agli alimenti, non mi ha detto se sua moglie lavora ed è in grado di mantenersi, per cui non azzardo ipotesi. Lei ha il coltello dalla parte del manico, ma ha anche la responsabilità di usare questo potere nel migliore dei modi.


GG › l’esperto

L’educatrice Claudia Rinaldi

Capricci e punizioni Quando i genitori non condividono un metodo educativo Siamo i genitori di due bimbi, Francesco e Olivia, e ci troviamo spesso a confrontarci su temi che riguardano l’educazione dei figli. In particolare, ultimamente non ci troviamo d’accordo sull’argomento “sculacciate”. Io non le tollero, ma lui ogni tanto trova che ci stiano. Non spesso, né per motivi futili, ma quando sono troppo capricciosi o irragionevoli, lo scapaccione vola. Io non lo sopporto proprio. Capisco che i piccoli ogni tanto fanno perdere la pazienza, ma trovo che alzare le mani sia sempre sbagliato. Chi ha ragione? C’è un modo per convincerlo delle mie ragioni? Grazie, Chiara Cara Chiara, la sculacciata rientra nel concetto di punizione adottata nei confronti del bambino come conseguenza di un suo comportamento sbagliato. La valenza della punizione come metodo educativo è stata oggetto di controversie tra pedagogisti, soprattutto nell’ultimo secolo. Diverse ricerche, come quelle condotte da Bruno Bettelheim, Donald Woods Winnicot e Alice Miller, hanno sottolineato la scarsa utilità di un approccio educativo basato sul metodo delle punizioni, in particolare di tipo fisico. La mortificazione immediatamente successiva alla punizione non sempre è seguita dalla comprensione da parte del bambino di ciò che non dovrà più fare e di ciò che ha fatto di sbagliato; anzi spesso si manifestano risposte di tipo aggressivo che rendono la situazione ancor più complessa da gestire. “Il rispetto si guadagna con il rispetto” suggeriva Maria Montessori: un’educazione per essere attiva e fruttuosa necessita di un grosso impegno dell’adulto che diventa non solo promotore

di regole ma soprattutto modello di comportamento. Riuscire a esercitare la propria genitorialità senza ricorrere a punizioni di tipo fisico permette ai bambini di osservare un comportamento adulto stabile e autorevole e questo fa sì che sempre meno si creino momenti di tensione tali da far perdere il controllo. Come educatrice ritengo che i sistemi educativi maggiormente funzionali siano quelli premianti e non punitivi. Valorizzare e premiare i nostri piccoli, dando un senso al loro comportarsi bene, sottolineando azioni e atteggiamenti giusti ci consente di promuovere un agire educativo improntato su ciò che è giusto fare. Automaticamente il “non devo” o il “non è giusto” assume un significato maggiormente tangibile per i bambini perché sanno ciò che devono ed è giusto fare. Vi invito a riflettere insieme sulla vostra azione educativa, esaminando le finalità che vi ponete e gli strumenti utili a raggiungerle. Converrete con me che la sculacciata non raggiunge il fine, cioè impedire che il capriccio si ripeta, semplicemente risolve nell’immediato una situazione. Un sistema premiante che promuove atteggiamenti educati e rispettosi verso i genitori, la capacità di avere calma e pazienza anche quando siamo nervosi, assieme al modello che noi offriamo ai nostri figli raggiunge sicuramente l’obiettivo. Una raccomandazione: premiare non significa “comprare”, ma semplicemente gratificare con parole, con piccoli simboli come smile o stelline da appendere in cameretta a simboleggiare la capacità dei piccoli di agire nel modo giusto.

Un sistema premiante è meglio

Giovani Genitori 41

CHI VENDE GUADAGNA

Vendi tutti gli articoli che il tuo bimbo non utilizza più, purchè in ottimo stato. via Guibert 66 Caselle T.se (TO) Tel. 0119975931 Cel. 3276363010

CHI COMPRA RISPARMIA

“ ARTICOLI PER L’INFANZIA” Il negozio che ti permette di vendere e di comprare

RITIRIAMO IN CONTOVENDITA L’USATO DEL VOSTRO BAMBINO

Acquista tutto ciò che serve al tuo bambino risparmiando la metà rispetto al nuovo e al suo prezzo di listino info@ilbazardeipiccoli.it www.ilbazardeipiccoli.it


GG › l’esperto

Il chimico Ugo Finardi

Capsaicina I segreti della piccantezza

L

Si può misurare quanto è piccante un peperoncino

a capsaicina, o capsicina, è una sostanza chimica (un alcaloide) presente nei frutti dei vegetali del genere Capsicum. E con ciò? Beh, la capsaicina è particolare: altro non è se non il principio attivo del peperoncino, insomma quella sostanza che dà origine al gusto piccante. La scoperta della capsaicina risale ai primi anni del XIX secolo, quando fu estratta con solventi organici dai peperoncini macerati e poi isolata in forma cristallina; un secolo dopo venne riprodotta per via sintetica. La capsaicina deriva dal metabolismo di un acido grasso ed è in realtà un metabolita secondario. Al contrario di quanto si crede, non è presente nei semi, dove si trova solo in superficie, ma nella polpa del frutto. È una molecola molto stabile, che resta inalterata a lungo, anche dopo processi di cottura o di congelamento. Ora, cosa la rende così interessante? Molte cose ovviamente. La prima, manco a dirlo, proprio il fatto che sia piccante. La capsaicina è un irritante delle mucose: quello che fa nella nostra bocca (e non solo) è sostanzialmente stimolare alcuni particolari recettori del sapore, facendo superare la soglia del dolore e provocando la sensazione di bruciore tipica del peperoncino. Questi recettori si attivano normalmente a temperature sopra i quarantacinquanta gradi, per cui la capsaicina sostanzialmente genera una sensazione “virtuale” di scottatura. Esiste addirittura una scala che misura il grado di piccantezza. Si tratta della scala di Scoville, dal nome del suo ideatore, Wilbur Scoville, che aveva elaborato un complicato

test per misurare la “forza” dei diversi tipi di peperoncino. Il test in sé è funzionale, ma ha un difetto: basandosi sulla soglia di dolore, dipende dalla soggettività umana. Tuttavia la gradazione dei diversi cultivar di peperoncino si basa sulla Gradazione Scoville; al peperoncino più piccante esistente al mondo, il Naga Jolokia o Bhut Jolokia, è stato assegnato un Guinness dei primati. Per ovviare alla soggettività del test si usa anche una scala basata sulla quantità precisa di capsaicina per unità di peso, misurata in laboratorio per via cromatografica. Il fatto di essere piccante è solo la caratteristica più evidente della capsaicina. La nostra molecola mostra notevoli proprietà analgesiche, motivo per cui è contenuta in preparati contro i dolori muscolari e reumatici. Pare poi dimostrato che aumenti il metabolismo basale, cioè la quantità di energie che il corpo brucia per mantenersi in vita e per questo motivo il peperoncino è sempre più sotto i riflettori di dietologi e nutrizionisti. Inoltre la capsaicina è un potente vasodilatatore, che aiuta a mantenere sotto controllo la pressione arteriosa e a prevenire i disturbi al sistema cardiovascolare. Un articolo scientifico di alcuni anni fa riportava che la capsaicina sarebbe in grado di indurre l’apoptosi nelle cellule tumorali del cancro alla prostata (una sorta di “autodistruzione” naturale delle cellule), oltre a mostrare un notevole effetto antiproliferativo sulle culture in vitro di cellule tumorali. Queste sono solo alcune delle doti dell’alcaloide. È facile trovare lunghi elenchi di virtù, vere o presunte, ma una cosa è certa: non passa inosservata.

42 Giovani Genitori A S S O C I A Z I O N E

C U LT U R A L E

serata aperta per genitori sul tema:

“IMPARARE AD AFFIDARSI NELL’ESSERE GENITORI” VENERDÌ 25 MARZO 2011 ORE 21

GIARDINO

D’INFANZIA

BIOCENTRICO, LIBERO, PARENTALE PER BAMBINI DAI 2 AI 6 ANNI Spazio accogliente e luminoso Personale esperto e qualificato

Sono aperte le iscrizioni al giardino d’infanzia

via Michele Lessona, 46/6 - Torino - tel. 011 5361290, cell. 339 7654243 lavitaalcentro@libero.it - www.lavitaalcentro.org

• pittura ad acquarello • manipolazione di materiali diversi • realizzazione di piccoli lavori manuali • fiabe, filastrocche, teatrino • giardinaggio nel nostro giardino • passeggiate e giochi nella natura del parco della Pellerina • biodanza • momenti di incontro, festa con le famiglie


GG › l’esperto

Natura

Solo per signore Si può sdoganare un argomento tabù come il piacere sessuale?

T

utto cominciò in Spagna, nel 2005, quando una signora ricciolina, Dina Hornecke, ebbe l’intuizione di abbinare educazione sessuale e prodotti erotici, portandoli direttamente nelle case delle donne. Un progetto di tal fatta era a dir poco ambizioso. Coraggio, spirito di iniziativa e senso dell’umorismo hanno animato le pioniere della nuova sessualità consapevole. Armate di una valigia rossa, con dentro tutto il necessaire per le donne che vivono (testa e corpo) nel ventunesimo secolo, le consulenti hanno cominciato il loro cammino, di casa in casa, di gruppo in gruppo, fino ad arrivare, sei anni dopo, a essere una solida impresa internazionale che opera in Spagna, Portogallo, America Latina e ora anche in Italia.

La Valigia Rossa Stiamo parlando delle ragazze di La Valigia Rossa, consulenti professionali che promuovono accessori per il benessere della coppia. Lo fanno in un modo assolutamente innovativo: riunioni casalinghe tra amiche, un po’ come accade per altri prodotti, dagli elettrodomestici ai contenitori di plastica. Chi sono e cosa fanno ce lo racconta Cristina Luzzi, direttrice de La Valigia Rossa Italia.

Sessualità Ma cosa vi è saltato in mente? “È sotto gli occhi di tutti quanto sia devastata l’immagine femminile - risponde Cristina Luzzi -. È importante che le donne riaffermino la loro presenza. Noi de La Valigia Rossa ci occupiamo di un piccolo pezzo di questo percorso, legato alla consapevolezza del corpo, della sessualità femminile e del benessere di coppia”. Coppia? Non riguarda solo le donne? “Va ben oltre: se da un lato le donne sono poco consapevoli, dall’altro gli uomini non sono stati educati alle percezioni e alle necessità delle loro compagne. Gli uomini devono migliorare, ma noi donne non abbiamo il diritto di accusare e basta, perché siamo anche noi a trasmettere un modello educativo distorto ai nostri figli”. Cosa significa? “Noi mamme italiane ci sentiamo in colpa se non esaudiamo i desideri dei figli, ma non distinguiamo bene tra desideri e necessità. Un bambino

è felice se vede che i genitori sono felici. E i genitori che hanno una buona intesa sessuale hanno sicuramente un buon rapporto di coppia. Il buon sesso scioglie i rancori. Per questo bisogna affrontare l’argomento con sensibilità e ironia. D’altro canto, la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene che il piacere è un diritto”. Un nuovo modo di affrontare l’educazione sessuale dei bambini? “Sì, ma non necessariamente a parole. Più semplicemente sdoganando atteggiamenti che mostrano che l’intimità può essere serena e spontanea, come un abbraccio, un bacio. Val più l’esempio”. Torniamo alle riunioni: cosa succede là dentro? “Le riunioni avvengono a casa di una donna che invita altre amiche a partecipare. Non c’è nulla da preparare e nulla di cui aver timore, perché la volgarità è bandita, non c’è obbligo di comprare e anzi c’è molto spazio per divertirsi e imparare. La consulente ascolta, stimola il dialogo, interviene con professionalità e senza mai giudicare”. Ma insomma: cosa c’è nella valigia? “Si apre la valigia affrontando tre argomenti; il primo è legato alla cosmesi e alla sensualità, con prodotti per stimolare i sensi, come profumi per le lenzuola, oli per massaggi, sali da bagno. Un secondo momento è legato alla salute e affronta temi come il ciclo mestruale, la menopausa, l’igiene, la contraccezione e le difficoltà nei rapporti. Infine c’è un momento dedicato al piacere. Ogni riunione prende la strada che più interessa alle partecipanti: qualche volta prevale lo spirito ludico, qualche volta si parla più di salute”. Non è roba per ragazzine? “Al contrario: andando avanti con gli anni, le coppie affinano la loro sessualità. Le donne adulte, che conoscono il loro corpo, sono le più incuriosite e desiderose di conoscere questo nuovo mondo. Il messaggio che portiamo è: aprite la mente, buttate un semino e aspettate che germogli, ciascuna a suo modo, ciascuna con i suoi tempi”. Per contattare le ragazze de La Valigia Rossa scrivere a info@lavaligiarossa.com. A Torino c’è la consulente Lucia che risponde al 333 8950961 o alla mail lucia_torino@ lavaligiarossa.com. Per maggiori informazioni www.lavaligiarossa.com.

Un bimbo è felice se anche i genitori sono felici

Giovani Genitori 43


GG › l’esperto

Questioni di soldi Nadia Lambiase – Banca Etica

Conosci i tuoi debiti Dei debiti bisogna avere assolutamente coscienza

Il rapporto di indebitamento è un indice di quanto è sano il bilancio

N

ei mesi passati abbiamo capito meglio come funziona il nostro cervello, con una incursione nel campo dell’economia emotiva. Oggi torniamo al Bilancio Familiare, lo strumento principe per capire come monitorare le spese. La famiglia, da un punto di vista economico, funziona come una piccola azienda, con le sue risorse da amministrare, le spese e gli investimenti da sostenere e con un obiettivo preciso: il benessere, (non solo economico) presente e futuro di tutti i suoi membri. Una buona amministrazione comincia da una buona organizzazione, che a sua volta richiede una buona tenuta dei conti, ovvero un monitoraggio attento di entrate e uscite. Per tenere sotto controllo le spese occorre stabilire quali risorse abbiamo. Le risorse si dividono in reddito e patrimonio netto. Il primo è composto dalla somma delle entrate realizzate in un determinato lasso di tempo: stipendi, pensioni, rendite da affitto o interessi. Per patrimonio netto, invece, si intende l’insieme delle attività e investimenti meno l’insieme dei debiti e lo si può definire come la fotografia delle condi-

44 Giovani Genitori

zioni finanziarie della famiglia. Ora, tenendo conto che i soldi sono fatti per girare, avete mai visualizzato come si muovono i vostri? Immaginate un modellino di ferrovia, con diverse fermate. Il punto di partenza, ovviamente, sono le entrate, gran parte delle quali si ferma alla stazione dedicata ai consumi: spesa, casa, scuola, abbigliamento, salute, svago, eccetera. Una parte finisce in tasse. Ciò che non si ferma alla stazione consumo o alla stazione tasse va alla fermata “risparmio”, da cui riparte biforcandosi verso ulteriori fermate. Per prima cosa c’è il risparmio previdenziale, che viene accantonato per garantire una fonte di sicurezza quando si smetterà di lavorare. Può essere obbligatorio (contributi per le pensioni pubbliche) e in parte volontario (fondi pensione). Vi è poi il risparmio assicurativo, che serve a fronteggiare gli imprevisti. Anche questo può esser in parte obbligatorio (contributi per il servizio sanitario nazionale) e in parte volontario (polizza infortuni). Il risparmio accumulato e investito costituisce il patrimonio della famiglia (liquidità, investimenti, beni immobili). Sicuramente un posto di riguardo in questo patri-

monio è rappresentato dalla casa di proprietà. Il patrimonio può essere incrementato grazie a una eredità o a una vincita imprevista. Provate a elencare le voci che descrivono il vostro patrimonio familiare: è un esercizio utile perché spesso si scopre di avere più di quello che si crede. Come si è accennato all’inizio, il patrimonio netto è la differenza tra gli investimenti e i debiti. Dei debiti bisogna avere assolutamente coscienza, visto la facilità con cui oggi è possibile fare acquisti a rate. A tal fine è fondamentale calcolare il “rapporto di indebitamento ideale”, che si ottiene dividendo l’importo necessario ogni mese per onorare i propri debiti, compreso l’affitto o il mutuo, per il reddito mensile netto e moltiplicando il risultato ottenuto per 100. Ecco un esempio: poniamo che la quota da destinare a rimborsi rateali mensili del nucleo sia di 1.200 euro e che lo stipendio mensile netto sia di 2.600 euro. Avremo: 1200: 2600 x 100 = 46,15%. Il risultato è il rapporto di indebitamento. Nel caso appena ipotizzato il rapporto ottenuto non va bene: l’ideale sarebbe arrivare al 30%. Avere più debiti è pericoloso.


GG › l’esperto

Salvadanaio Luciana Ravetto

Assicurarsi Figli e famiglia portano cambiamenti. Primo tra tutti, la responsabilità

Q

Meglio un grammo di prevenzione che un chilo di cura

uando nasce un bambino, la stragrande maggioranza dei genitori pensa a tre cose: cambiare casa, cambiare auto e assicurarsi. Le prime due non sono novità, ma assicurarsi? Per alcuni è una prospettiva inedita. Eppure, con i figli, l’assicurazione è importante. Quali sono le cose da sapere? Lo abbiamo chiesto a Franco Pagliano e Attilia Scaglia, agenti di Reale Mutua e operatori nel settore da più di trent’anni.

La casa Alcuni storcono il naso al pensiero di assicurare la casa, perché tanto c’è l’assicurazione del mutuo. È un ragionamento corretto? “Non tanto - risponde Franco Pagliano -. L’assicurazione della banca copre i muri e lascia fuori il contenuto: mobili, cucina, gioielli, ricordi di famiglia, regali di nozze. Inoltre copre solo l’importo erogato dalla banca, non l’intero valore dell’immobile. Per finire, non ha il pacchetto delle garanzie accessorie (fenomeno elettrico, eventi atmosferici, socio-politici, danni da acqua e ricerca guasti) per cui si ricevono i soldi in caso di solo incendio; non parliamo poi in caso di furto, per dirne una”.

La Responsabilità Civile (nella vita privata) Le giovani famiglie vanno incontro a rischi particolari? “Assicurare il nido è importante, ma è più facile che capitino altri incidenti, magari meno drammatici e legati alla vita di tutti i giorni: una pallonata tirata male, rompere un dente a un amichetto mentre si gioca ai giar-

46 Giovani Genitori

dini. Faccio qualche esempio concreto: mio figlio, a tre anni, ha rovesciato in un bar-cremeria un vassoio pieno di chincaglieria; oppure quest’estate, al mare, il figlio dei miei vicini d’ombrellone ha rotto gli occhiali di un bagnante, ovviamente senza farlo apposta. In questi casi essere assicurati è comodo: si possono pagare i danni senza problemi. La polizza che tutela contro questi rischi si chiama Responsabilità Civile del Capofamiglia ed è fortemente consigliata quando si hanno, nel nucleo familiare, bambini e ragazzi”.

tà propria. In generale io consiglio alle giovani famiglie di partire con un piccolo ombrello assicurativo che copra i bisogni essenziali: casa, responsabilità civile e anche un inizio di piano d’accumulo. La cifra richiesta non è alta: è inferiore al costo di un telefonino di ultima generazione, ma permette di vivere molto più sereni. Col passare degli anni, aumentando la solidità familiare, si può allargare l’ombrello e ampliare le tutele. Vale la regola aurea: è meglio qualche grammo di prevenzione che dei chili di cura”.

Vita e salute

A chi rivolgersi

Quando si parla di assicurarsi vengono in mente sempre cose brutte. Il mutuo, per esempio, spesso è pagato congiuntamente con gli stipendi dei due genitori. Cosa succede se, tocca ferro, uno dei due viene a mancare? “Con l’assicurazione si può garantire il coniuge che rimane, in modo che abbia il capitale necessario a coprire o estinguere il mutuo. Anche i lavoratori autonomi, che sono meno tutelati dei dipendenti, farebbero bene a mettersi al riparo dai rischi di una malattia o di un infortunio che potrebbe pregiudicare il loro reddito”.

Dall’assicuratore si va con un certo timore: di chi ci si può fidare? “In passato chi vendeva polizze era visto, anche giustamente, come quello che scrive in piccolo, non spiega e tira a fregare. Bisogna dire che un tempo si poteva fare l’assicuratore come doppio lavoro, in modo improvvisato e con un alto livello di incompetenza. Oggi è cambiato: l’avvento del Codice delle Assicurazioni, l’introduzione della legge Bersani, l’istituzione del Registro Unico degli Intermediari e gli obblighi formativi permettono finalmente di parlare solo con professionisti del settore. Consiglio di valutare bene il marchio, cioè la compagnia cui ci si rivolge, che deve avere una storia antica, fama e solidità. Dopodiché occorre individuare “l’Assicuratore” ovvero un professionista con cui si riesce a stabilire uno stretto rapporto fiduciario e una buona sintonia relazionale. Come per tutto, a guidare la scelta deve essere il buon senso”.

Il futuro L’assicurazione può essere anche un investimento per il futuro? “Sono sempre più numerosi i nonni che invece di fare regali effimeri cominciano a costituire, per i nipotini, un capitale che potrà servire per l’università, per sposarsi, per avere un fondo con cui comprare la casa o avviare una attivi-


Cerca anche tu

un Uovo Amico! A Pasqua, l’uovo di cioccolato può essere non solo un dolce pensiero per i propri piccoli, ma un segno di solidarietà verso i bambini meno fortunati. CON LE UOVA DELL’ASSOCIAZIONE NEUROBLASTOMA, FARETE SCHIUDERE IL FUTURO PER TANTI BAMBINI Il Neuroblastoma è un tumore dell’infanzia che origina dal sistema nervoso simpatico. È la terza neoplasia per frequenza dopo le leucemie e i tumori cerebrali ed è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. L’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma è nata nel 1993 per iniziativa di alcuni genitori e medici oncologi dell’Istituto Gaslini di Genova per dare speranza di vita a tutti i bambini colpiti da forme tumorali del sistema nervoso centrale e simpatico. Il suo obiettivo è raccogliere fondi per finanziare la ricerca scientifica al fine di sviluppare terapie che rendano queste patologie guaribili. Per reperire le risorse necessarie a sostenere il lavoro dei migliori ricercatori, l’Associazione promuove ogni anno l’iniziativa “Cerco un Uovo Amico”, che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Tutti possono aderire e prenotare le buonissime uova di puro cioccolato, al latte o fondente, del peso di 300 grammi in cambio di un’offerta possibilmente non inferiore a 10 euro cadauna Invitiamo le famiglie interessate a cooperare e unirsi per richieste collettive di una quantità minima di 10 uova, che verranno consegnate direttamente all’indirizzo indicato. Le prenotazioni devono giungere via fax al numero 010 6018961 mediante l’apposito modulo, da richiedere o scaricare dal sito www.neuroblastoma.org, ENTRO E NON OLTRE IL 19 MARZO. Per informazioni, telefonare al numero verde 800 910 056 o visitare www.neuroblastoma.org.

Per facilitare tutti e appoggiare questa iniziativa solidale, i GAC del Movimento Consumatori Torino danno la possibilità di effettuare le prenotazioni collettive anche presso i loro centri.

PER INFORMAZIONI, TELEFONARE AL NUMERO 011.5069546 O VISITARE IL SITO WWW.MOVIMENTOCONSUMATORI.TO.IT Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma ONLUS • Largo Gaslini, 5 - Genova • Tel 010 6018938 • www.neuroblastoma.org


GG › l’esperto

Arte e design Karin Gavassa - Curator - blog: http://paneciliegia.wordpress.com/

GAM e Km011 a due anni Le mostre in città a 90 cm di altezza

La serie degli angeli esprime un’affascinante magia

S

embra una congiura: per il numero di marzo di Giovani Genitori è difficile trovare una mostra che rimanga aperta tutto il mese. Un paio di sorprese però ci sono. Iniziamo dalla prima: la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea (in via Magenta 31 a Torino) proroga la mostra antologica dedicata a Osvaldo Licini fino al 20 marzo, intanto che il museo è in riallestimento. Le opere in mostra rappresentano il percorso dell’artista dagli esordi, a partire dagli anni Dieci fino al 1958, anno della sua morte, lo stesso in cui alla XXIX Biennale di Venezia ottenne il Gran Premio Internazionale per la Pittura. La sala è molto luminosa e l’allestimento leggero, elementi che evidentemente mettono mia figlia a proprio agio. Ci sono i lavori caratterizzati dai contatti di Licini con l’ambiente parigino, quelli dell’avvicinamento all’Astrattismo internazionale e la sua variante fantastica finale, alternativa agli sviluppi dell’arte informale. “Mianda” corre scatenata e io temo un po’ per le reazioni del personale del museo che sbircio e scopro invece essere divertiti. La GAM è del resto all’avanguardia per quel che riguarda la didattica e non si spaventano per una bambina scatenata e incuriosita. Qualche visitatore ne approfitta anche per abbandonare un’aria seriosa e concentrata e sciogliersi in un gioco a nascondino con lei. Difficile farla fermare davanti a un’opera perché il pavimento liscio liscio in legno con le discesine la fa correre come una matta in tutta la sala. Riesco a prenderla al volo e guardiamo insieme le opere legate all’astrattismo che funzionano molto bene per avvicinarsi alla poetica di Licini. Esploriamo elementi semplici e immediati da

48 Giovani Genitori

decifrare come le forme geometriche, i colori, la linea. La serie degli angeli ribelli esprime un’affascinante magia, la vedo attenta a studiarli, passare dal blu al giallo al rosso. I paesaggi del Licini figurativo, così come l’Autoritratto (1913), le ricordano ambienti e situazioni familiari. La visita si conclude al bookshop, dove sceglie un libro fatto di puzzle e mi fa sapere che se lo vuole leggere in tutto relax davanti a un succo di pesca, come da copione. Dato che siamo particolarmente in forma andiamo a vedere un’altra “motttra”, Km011. Arti a Torino. 1995-2011, che ha appena inaugurato (fino al 10 aprile, al Museo Regionale di Scienze Naturali, in via Giolitti 36 a Torino). Chilometrozeroundici esplora le contaminazioni tra arti visive, architettura, cinema e letteratura avvenute a Torino dal 1995 a oggi. L’idea su cui si basa è quella della sostenibilità della filiera corta, una mostra a “chilometro zero” focalizzata sul sistema artistico torinese e regionale. Ci ritroviamo in un viaggio che è un mix di linguaggi e opere che rivediamo volentieri insieme, dall’installazione di Enrico De Paris da cui naturalmente non riusciamo più a portarla via (ed è all’ingresso della mostra…), la pittura di Daniele Galliano, le due sculture di Valerio Berruti quasi grandi (cioè piccole) come lei per cui si guardano negli occhi. Dopo Maura Banfo, Giulia Caira, Bartolomeo Migliore, si ferma divertita davanti a quello che definisce un “puzzle” fatto con le tomaie di scarpe, di Saverio Todaro, (Nymphaea, 2000). Al centro un montaggio inedito di Marco Ponti con colonna sonora dei Subsonica: il mio ritornello preferito “fuori è un giorno fragile”, su cui lei si esercita a saltare.


GG › l’esperto

Cinema e home video Mario Bettas Valet

Eroi a quattro zampe

S

pace Dogs – Eroi a quattro zampe alla conquista dello spazio, primo lungometraggio russo realizzato in 3d, arriva sugli schermi italiani. Per la scrittura del film gli autori si sono ispirati alle numerose missioni spaziali che, negli anni della guerra fredda e della conquista dello spazio, videro coinvolti ignari cagnolini, utilizzati come cavie per valutare gli effetti di un viaggio spaziale sugli organismi viventi. Erano i convulsi anni delle prime spedizioni nello spazio, periodo storico che interessò, senza esclusioni di colpi e di progetti “discutibili”, le due superpotenze mondiali, l’allora Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Mosca, fine anni ’50. Nell’algida città del Cremlino i cani non se la passano troppo bene; negli ultimi tempi molti di loro sono scomparsi nel nulla. Il terrore per i quadrupedi moscoviti è rappresentato da una misteriosa auto nera che si aggira furtiva nella notte per le strade della metropoli e li rapisce. Si incontrano così, accomunate da un medesimo destino, Belka e

Strelka. La prima è una cagnetta che si esibisce nel Circo di Mosca, mentre Strelka, meno fortunata, è una randagia che passa le sue giornate a rovistare nella spazzatura per mettere insieme un pasto completo. Entrambe sequestrate dalla misteriosa autovettura, vengono arruolate in un centro di addestramento per astronauti. Le due cagnoline, preparate e istruite da Kazbek, si ritroveranno così in una navicella spaziale orbitante intorno alla terra. Grazie alla loro forza e alla loro risolutezza, riusciranno a togliersi dai guai. Realizzato inizialmente in 2d e diretto a quattro mani da Inna Evlannikova e Svyatoslav Ushakov, il cartone animato sarà proiettato nelle sale predisposte anche nella versione 3d. Il divertimento è assicurato da una pellicola che racconta, con un taglio brillante e scanzonato, una storia vera. Le cagnoline Belka e Strelka inviate nello spazio a bordo dello Sputnik 5, furono i primi esseri viventi a ritornare sani e salvi da un viaggio compiuto a bordo di una navicella spaziale. Pellicola piacevole, adatta a tutti.

I ragazzi stanno bene I ragazzi stanno bene, lungometraggio scritto e diretto da Lisa Cholodenko, porta sugli schermi le vicende di una coppia omosessuale alle prese con vecchi e nuovi dilemmi, problemi quotidiani, incomprensioni e tensioni. Nic e Jules sono madri di due figli, Joni e Laser, entrambi avuti tramite inseminazione artificiale dallo stesso donatore, Paul. Nella loro famiglia le cose vanno come sempre, ma si complicano quando i due ragazzi decidono di incontrare il loro padre biologico. All’arrivo di Paul gli equilibri familiari si sfaldano, tanto da rimettere in discussione le originarie dinamiche del nucleo ed evidenziare dubbi e incomprensioni mai affrontati in precedenza. Film indipendente interpretato con grande bravura da Annette Bening e Julianne Moore, ha il tono della commedia brillante, però a volte si ha l’impressione di ridere per situazioni già viste nelle sitcom televisive. Cinema per tutti, anche se i più piccoli potrebbero annoiarsi o addormentarsi.

Gnomeo e Giulietta Sbarca nelle sale, dopo alcune vicissitudini produttive, Gnomeo e Giulietta, il nuovo lungometraggio d’animazione prodotto da Elton John e distribuito dalla Walt Disney. Il cantante inglese, insieme alla pop star Lady Gaga, ha firmato anche la colonna sonora. La storia, come è chiaro dal titolo, trae spunto dalla pièce shakespeariana. Al centro della vicenda c’è la lotta tra gnomi blu e gnomi rossi e la storia d’amore tra Gnomeo e Giulietta. Diretto da Kelly Asbury, quello di Shrek 2 e Spirit, Gnomeo e Giulietta è un film per tutti, ma proprio tutti.

Giovani Genitori 49


03 - DL 353/20 izione in a.p. ne SpA - Sped 6 - Poste Italia ero 1 anno Mensile, num

Mensile

, nume

anno ro 11

ste 5 - Po

SpA Italiane

- Sped

izion

353/ . - DL e in a.p

2003

27/0 . In L. (conv

27/02/04 (conv. In L.

mma 1, co ) art. n. 46 2/04

3 euro rino CB To 1, DR

euro Torino - 3 1, DR CB 1, comma n. 46) art.

LA

TE MON L PIE IE DE ONTE MIGL A F DEL PIEM E RL FAMIGLIE A PER LE TA PE LA RIVISTA PER LE FAMIGLIE DEL PIEMONTE LA RIVIST RIVIS 1, DR CB Torino - 3 euro Mensile, numero 2 anno 6 - Poste Italiane SpA - Spedizione in a.p. - DL 353/2003 (conv. In L. 27/02/04 n. 46) art. 1, comma

BRE DICEM10 20

GENNAIO 2011

FEBBRAIO 2011

Abbonati 21,90 euro

rosità Gene pi • Prese Km 0 • i ivi • Pasta etton ri alternat • Pan Sci • Genito galo Letture in libreria • San • Cioccolato commerciali Centri • re Salvario e Ide

e in collaborazione con

40    

ti regaliamo

stampe

fotografiche 10x15*

*Termini e condizioni: 1. L’offerta è valida solo per i nuovi iscritti 2. L’offerta è valida fino al 31/12/2011 3. Spese di spedizione escluse 4. Il codice non è cumulabile e non può essere associato a ulteriori sconti o a altre offerte.

Modalità di pagamento: • con carta di credito sul sito www.giovanigenitori.it • versamento sul c/c postale 71791446 intestato a Espressione Creativa, via Vanchiglia 18 - Torino • bonifico bancario sul c/c 71791446 intestato a Espressione Creativa via Vanchiglia, 18 - Torino - IBAN: IT56L0760101000000071791446 Servizio abbonamenti: tel. 011 19712037 - fax 011 19791585 - abbonamenti@giovanigenitori.it


a cura di Federica Ferraresi

Data

Appuntamento

4 marzo

In mezzo al mare

52

5 marzo

Il carnevale impazza

56

Cioccolato al cinema

60

La notte nera, nera come il cioccolato

60

Carnevale con le Mongolfiere

63

Bruttino

52

Il sogno di Gianduia

55

Il mercatino del cioccolato...

60

Orchidee e cioccolato

61

Carnevale foglizzese

63

Carnevale du Gueini

63

Carnevale di Borgofranco

63

10 marzo

Un venerdì da favola

56

13 marzo

Serenate per il nuovo mondo

52

Il libro della giungla

52

Ouverture des saponettes

53

Pizzica la luna

54

Pinocchio

55

Con mamma e papà al museo Accorsi

56

Carnevale al 45° Nord

63

Carnevale alpino

63

16 marzo

Notte tricolore

58

17 marzo

Il parto fisiologico

56

La bella Italia

59

Cioccolatò

61

Tum! Sarà maschio o femmina?

52

Con i nonni… al museo Accorsi

56

Carbonara - Risorgimento a fumetti

52

Pazza storia al museo!

52

Il tesoro dei pirati

55

Lunargentina

55

Abiti in gioco

56

Erbe in fiera

61

L'albero

52

Il piccolo principe

53

La gabbianella e il gatto

54

Con mamma e papà al museo Accorsi

56

Al Castello di Agliè

58

Antichi mestieri

63

28 marzo

I racconti del nonno

56

30 marzo

100 favole per giocare

56

6 marzo

8 marzo

Tutti gli appuntamenti di marzo

18 marzo

20 marzo

27 marzo

...anche su www.giovanigenitori.it

Spettacoli

Cultura

Pagina

Sagre

Natura

Corsi


GG › l’agenda

Spettacoli

Bruttini e serenate

U

na dolce brezza primaverile che vi scalderà il cuore con tanta allegria: ecco, a occhio e croce, è questo l’effetto che vi farà assistere a uno degli spettacoli in programma alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani! Infatti, a marzo, si parte con l’irresistibile simpatia di “Bruttino”, rappresentazione molto divertente liberamente ispirata a “Il brutto anatroccolo” di Andersen, per proseguire con la poesia in musica di “Serenate per il nuovo mondo”. Nella seconda metà del mese il tema protagonista sarà la storia. In scena, “Carbonara - Risorgimento a fumetti” (spettacolo che narra alcuni tra gli episodi più significati del Risorgimento italiano) e, per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, “Pazza storia al museo!”. La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica, dalle 15 alle 19; l’ingresso costa 7 euro (posto unico), 6 euro il ridotto.

Venerdì 4 e sabato 5 marzo, ore 21 Domenica 6 marzo, ore 16.30 Bruttino Sala Grande. Per tutti

Al cinema Teatro Aurora

Venerdì 11 e sabato 12 marzo, ore 21 Domenica 13 marzo, ore 16.30 Serenate per il nuovo mondo Sala Grande. Per tutti (domenica 13 marzo, ore 16.30 - per “Scrittori a teatro”, lo spettacolo è preceduto dall’incontro con Anna Vivarelli) Venerdì 18 e sabato 19 marzo, ore 21 Domenica 20 marzo, ore 16.30 Carbonara - Risorgimento a fumetti Sala Grande. Da 7 anni in su Venerdì 18 e sabato 19 marzo, ore 21 Domenica 20 marzo, ore 16.30 Pazza storia al museo! Sala Piccola. Da 7 anni in su Casa del Teatro Ragazzi e Giovani Corso Galileo Ferrarsi, 266 - Torino Per informazioni: tel. 011 19740280 www.casateatroragazzi.it

Centro culturale Il Mulino A Rivalta, presso il Centro culturale Il Mulino, nell’ambito del Progetto Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte, vanno in scena due spettacoli dedicati alle famiglie: “In mezzo al mare” e “Tum! (Sarà maschio o femmina?)”.

Venerdì 4 marzo, ore 21 In mezzo al mare Venerdì 18 marzo, ore 21 Tum! (Sarà maschio o femmina?)

52 Giovani Genitori

Centro culturale Il Mulino Via Baleno, 2 – Rivalta (TO) Per informazioni: tel. 011 19740231 www.fondazionetrg.it

A marzo, presso il Cinema Teatro Aurora di Savigliano, sono in programma due spettacoli rivolti a spettatori grandi e piccini, “Il libro della giungla” e “L’Albero”, realizzati nell’ambito del Progetto Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte.

Domenica 13 marzo, ore 16.30 Il libro della giungla Un gruppo di giovani si mette insieme per cercare di realizzare uno spettacolo rivolto ai ragazzi. Il motivo scatenante? Il loro rapporto con i fratellini più piccoli, i quali sono un po’ rompiscatole ma, ovviamente, non si può non voler loro bene! Alla fine trovano anche un argomento che piace a tutti: Il libro della Giungla. Tutto è pronto, non resta che darsi da fare! Domenica 27 marzo, ore 16.30 L’ Albero Lo spettacolo narra le peripezie del giovane servo Carlo che, con l’aiuto del suo Albero Magico, dovrà affrontare diverse avventure per dichiarare il suo amore a una bella Principessa. E, ovviamente, a dare un po’ di pepe alla storia, non mancano un Re e un Principe Nero. Cinema Teatro Aurora Via Ghione, 10 - Savigliano (CN) Per informazioni: tel. 011 19740231 www.fondazionetrg.it


GG › l’agenda

Spettacoli

C’era una volta…

A

l Teatro Monterosa la tristezza svanisce come d’incanto! Anzi, per meglio dire, si dissolve come una bolla di sapone grazie all’incantevole spettacolo “Ouverture des Saponettes”, in programma domenica 13 marzo nell’ambito della rassegna per tutta la famiglia “C’era una volta…”, giunta all’ottava edizione. A seguire, domenica 27 marzo, gli appassionati di De Saint-Exupery potranno ammirare in scena la poetica rappresentazione de “Il piccolo principe”. Ingresso unico a 5 euro. Orario della biglietteria: dal martedì al venerdì, dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, il sabato dalle 17 alle 19 e il lunedì è chiuso (le prenotazioni telefoniche non sono accolte). Nei giorni di spettacolo, la biglietteria apre 45 minuti prima dell’inizio. In sala non sono ammessi i bambini con meno di 12 anni se non con un adulto accompagnatore. E, finito lo spettacolo, merenda offerta per tutti i piccoli spettatori.

Ann.Casamia 210x135:Layout 1

20-12-2010

10:37

Domenica 13 marzo, ore 16 Ouverture des Saponettes - A soap bubbles opera Un concerto per bolle di sapone che può vantare 4 anni consecutivi di repliche Da 3 anni in su Durata spettacolo: 50 minuti Domenica 27 marzo, ore 16 Il piccolo principe Da 6 anni in su Durata spettacolo: 75 minuti circa Teatro Monterosa Via Brandizzo, 65 – Torino Per informazioni: tel. 011 2304153 - www.teatromonterosa.it

Pagina 1

Giovani Genitori 53

Tutelare la propria abitazione significa difendere la serenità dell’intero nucleo familiare. Per questo Reale Mutua ha creato Casamia, la polizza completa e flessibile che protegge tutta la famiglia dagli imprevisti della vita quotidiana.

6 DIFESE PER UNA CASA SERENA

Casamia. LA PROTEZIONE COMPLETA PER LA TUA CASA. Prima della sottoscrizione leggere il fascicolo informativo disponibile in Agenzia o sul sito www.realemutua.it

DANNI AI BENI

DANNI A TERZI

Dall'incendio all'esplosione, dai guasti idraulici agli atti vandalici. Casamia protegge la tua abitazione.

Perché un tubo difettoso o un cane troppo vivace possono esporti a responsabilità onerose.

FURTO

TUTELA GIUDIZIARIA

Non solo contro furti e rapine, ma anche per gli scippi o le truffe all'interno delle mure domestiche.

Problemi con la colf? Una lite col vicino? Casamia ti aiuta a sostenere le spese legali.

INFORTUNI

ASSISTENZA

Oltre agli incidenti domestici, Casamia ti tutela anche per gli infortuni subiti sul lavoro e nel tempo libero.

Un idraulico per il tuo bagno e un fisioterapista per il tuo ginocchio? In caso di emergenza, direttamente a casa tua.

GARANTISCI ALLA TUA FAMIGLIA UNA SICUREZZA CONCRETA, CONTATTA SUBITO UN AGENTE REALE MUTUA. AGENZIA DI TORINO CROCETTA Pagliano e Scaglia srl Via Caboto, 35 - 10129 Torino Tel. 011 503471 - Fax 011 591324


GG › l’agenda

Spettacoli

Le Figure dell’Inverno

A

nche se il 21 marzo è il giorno che segna l’inizio della primavera, continua a tenerci compagnia, con i suoi poetici spettacoli, “Le Figure dell’Inverno”, rassegna di teatro di figura dedicata a bambini da 3 i 12 anni e alle loro famiglie. Questo mese, in scena al Teatro Educatorio della Provvidenza di Torino, ci saranno “Pizzica la luna - L’ultimo volo del Piccolo Principe” e “La gabbianella e il gatto”. Biglietto unico a 5 euro; la prenotazione è consigliata.

Domenica 13 marzo, ore 16 Pizzica la luna – L’ultimo volo del Piccolo Principe Il soprannome di Antoine de Saint-Exupéry da bambino era “Piquela-lune”, che tradotto significa “Pizzica la luna”, perché trascorreva il suo tempo con il naso rivolto verso il cielo a vagare con la fantasia. Ma era anche il nomignolo assegnato dallo scrittore a una certa figura che egli amava disegnare; un “piccoletto” che sarebbe poi diven-

tato il protagonista dell’opera più famosa dello scrittore francese: il Piccolo Principe. Da 6 anni in su.

Domenica 27 marzo, ore 16 La gabbianella e il gatto Dal delicato racconto di Luis Sepulveda, è stato tratto questo spettacolo molto poetico, dedicato agli spettatori più piccini, ma non solo. Con l’accompagnamento delle musiche dal vivo del poeta e narratore Francesco Pulsinelli, si narra la tenera storia del gatto Zorba che tenta di riuscire nell’impresa di far volare la piccola Fortunata. Con attori e pupazzi. Da 3 a 8 anni. Teatro Educatorio della Provvidenza Isola pedonale della Crocetta - Corso Govone, 16 - Torino Per informazioni: tel. 011 5691400 - www.labottegateatrale.it

54 Giovani Genitori

The Bridge g Institute organizza g l’ottava edizione del

per bambini delle scuole elementari e medie

www.thebridgeinstitute.com info@thebridgeinstitute.com

piccoli gruppi insegnanti qualificati e madrelingua

DIVERTIAMOCI IN INGLESE con tante attività:

English & Art English & Adventure e novità 2011 English & Sport

Iscrizioni aperte dal 14 febbraio al 31 maggio PER INFORMAZIONI: dal lunedì al venerdì 9.30 - 12.30 / 15.30 - 20 • sabato 9.30 - 12 Via Rombò, 52 Rivoli (To) tel. 011 9584124 - cell. 393 9114518 - cell. 393 9269838

con il patrocinio della Città di Rivoli


GG › l’agenda

Spettacoli

Giorni di Festa

Al teatro Fassino

A

ll’Alfa Teatro di Torino prosegue anche a marzo “Giorni di Festa”, la divertente rassegna di teatro ragazzi rivolta a un pubblico giovane (che sia giovane dentro oppure fuori, non fa differenza). Anzi, per dirla tutta, gli spettacoli sono rivolti a spettatori da 4 a 94 anni… I biglietti costano 6 euro intero, 4 euro ridotto.

Presso il Teatro Eugenio Fassino di Avigliana, va in scena lo spettacolo per ragazzi “Il Tesoro dei Pirati”, presentato da ArtQuarium.

Domenica 20 marzo, ore 16 Il Tesoro dei Pirati

Domenica 6 marzo, ore 16.30 - Il sogno di Gianduia Teatro Eugenio Fassino Via IV Novembre, 19 – Avigliana (TO)

Domenica 13 marzo, ore 16.30 - Pinocchio Domenica 20 marzo, ore 16.30 - Lunargentina

Per informazioni: Società Cooperativa ArtQuarium tel. 011 9313488/cell. 347 3804540, dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 14

Alfateatro Via Casalborgone, 16/i – Torino Per informazioni: tel. 011 19504896 - www.alfateatro.com

Giovani Genitori 55

CASELLE TORINESE via della Zecca 13

Il primo

RISTORANTE PREISTORICO PER TUTTA LA FAMIGLIA!

BAM BAM RISTOSAURO - PIZZERIA RISTORANTE

NOVITÀ: APERTURA DOMENICA A PRANZO DALLE 12.30 E ORARI POMERIDIANI PER FESTE SU PRENOTAZIONE!

Via della Zecca, 13 - CASELLE T.SE (TO) Tel./Fax 011.9913550 - Cell. 347.9952434 www.bambamristosauro.it


GG › l’agenda

Cultura

Al museo con mamma e papà

I

l Museo Accorsi - Ometto organizza un ciclo di attività rivolte a genitori e bambini da 6 a 11 anni.

Domenica 6, 13 e 27 marzo, dalle 15 alle 16.30 Con mamma e papà… al Museo Accorsi Chissà perché nel Settecento si usavano grosse parrucche? Con questo percorso i più piccoli, accompagnati da una guida simpatica, andranno alla scoperta del museo e delle abitudini di un tempo. L’attività è rivolta ai genitori e ai bambini da 5 a 13 anni. Ogni bambino riceverà un sacchetto con materiale didattico, un gioco da fare a casa e una gustosa merenda. La durata del percorso è di un’ora e mezzo. Costo per i bambini, 8 euro, per i genitori 10 euro (genitori possessori di Abbonamento Musei, 3 euro). Prenotazione indispensabile al numero 331 3912631 (tutti i giorni, dalle 9 alle 18) oppure didattica@arteintorino.com Venerdì 18 marzo, dalle 15 alle 16.30 Con i nonni… al Museo Accorsi Questo è l’appuntamento ideale per i nonni che vogliono trascorrere un pomeriggio insieme ai nipotini (da 5 a 13 anni). A tutti, durante la visita guidata, sarà offerta la merenda, il materiale

didattico e un gioco da fare a casa. Costo: 8 euro bambini e nonni 8 euro (nonni possessori di Abbonamento Musei, 3 euro). La prenotazione è obbligatoria al numero 331 3912631 (tutti i giorni, dalle 9 alle 18) oppure didattica@ arteintorino.com.

Domenica 20 marzo, dalle 10.30 alle 12 Abiti in gioco - Caccia al particolare tra costumi, trucchi e parrucche Nell’ambito della mostra “L’oro e la seta” (visitabile fino a domenica 26 giugno), si potranno ammirare gli splendidi costumi del Teatro Regio, nella cornice dei preziosi arredi del museo. I piccoli visitatori saranno coinvolti in una caccia al particolare. Il costo è di 3 euro per i bambini, per gli adulti 8 euro (gratuito per i possessori dell’Abbonamento Musei); prezzo speciale famiglie (due adulti con un bambino) 15 euro. La prenotazione è obbligatoria ai Servizi Educativi al numero 011 837688 int. 4 oppure didattica@ fondazioneaccorsi.it. Museo Accorsi – Ometto Via Po, 55 – Torino Per informazioni: tel. 011 837688 interno 3 www.fondazioneaccorsi.it

Per una nascita serena e consapevole A Cascina Roccafranca una doula incontra i futuri e i neo-genitori. È un momento prezioso per manifestare i dubbi, le paure, le fragilità ma anche i desideri che nascono in un nuovo nucleo familiare. A cura di Marcella Bono; costo: 40 euro.

Giovedì 17 e 31 marzo, dalle 18.30 alle 20.30 Il parto fisiologico: la legge dello sfintere, le posizioni, metodi di induzione, il dolore Cascina Roccafranca Via Rubino, 45 - Torino. Per informazioni e iscrizioni: cell. 349 5002859 - douletorino@gmail.com

56 Giovani Genitori

IN biblioteca > 100 favole per giocare Ilenia Speranza legge fiabe di primavera per bambini dai 4 anni in su. Mercoledì 30 marzo, ore 17 Biblioteca civica “Dietrich Bonhoeffer” Corso Corsica, 55 - Torino Per informazioni: tel. 011 4435990

> I racconti del nonno Storie per bambini attraverso il tempo, dalle fiabe tradizionali alle pagine dei libri di oggi. Lunedì 7, 14, 21 e 28 marzo, ore 17 Biblioteca civica “Italo Calvino” Lungo Dora Agrigento, 94 - Torino Per informazioni: tel. 011 4420740/41

> Il carnevale impazza Lettura e laboratorio per bambini da 5 anni in su. Sabato 5 marzo, ore 11.15 Biblioteca civica “Primo Levi” Via Leoncavallo, 17 - Torino Per informazioni: tel. 011 4431262

> Un venerdì da favola Letture ad alta voce dedicate ai bambini. Venerdì 4, 11, 18 e 25 marzo, ore 17.30 Biblioteca civica Mirafiori Corso Unione Sovietica, 490 Torino Per informazioni: tel. 011 3470637

> Storie piccine Letture e animazione per i più piccini, realizzate nell’ambito del progetto nazionale “Nati per leggere”. Giovedì 10 marzo, ore 17 Punto prestito “Gabriele D`Annunzio” Via Maccarelli, 18 - Torino Per informazioni: tel. 011 4439350


Premio Brand Awards 2006/2007/2008/2009

***

Premio Ernst & Young L’imprenditore dell’anno 2010 Categoria Food&Beverage

Premio Odisseo 2007 Unione industiali di Torino per la Comunicazione

Superbrand Award 2010 FOR QUA L CE ITALY

Y & VALUE IT

Premio Ernst & Young L’imprenditore dell’anno 2007 Categoria Communication

’S CH OI ALY IT

Premio Capital Sviluppo del Business 2006/2007

Premio Solidas Social Award 2009 Sant’Anna Bio Bottle

Categoria Innovazione di Prodotto Responsabile

Premio MarketingOggi Award 2009 Sant’Anna Bio Bottle Categoria Marketing Mix/Miglior Packaging

2010

***

***

PUBBLICITà COMPARATIVA TRA ALCUNE DELLE MIGLIORI ACQUE MINERALI ITALIANE. Residuo fisso mg/l

Sodio mg/l

Altezza della sorgente

Durezza in gradi francesi

Nitrati mg/l

Indicata per l’alimentazione dei neonati e/o per la preparazione degli alimenti dei neonati

Biodegradabilità*

22,3

1,9

1660

0,6

1,0

Levissima

80,5

1,9

N.D.**

5,9

1,6

No

Vera

160

2

N.D.

N.D.

3,7

No

No

177,8

4,61

536

N.D.

1,29

No

No

San Benedetto

271

6,3

15

N.D.

7,9

No

Lilia

383

N.D.

505

N.D.

6

No

No

Vitasnella

384

3

220

N.D.

3

No

No

Uliveto

752

74,4

12

N.D.

6,9

No

No

San Pellegrino

948

33,6

370

N.D.

2,9

No

No

Ferrarelle

1300

50

111

N.D.

5

No

No

Marca

Sant’Anna Rocchetta

Fonti: dati forniti dal produttore sull’etichetta o desunti da “Acque Minerali Bibite e Succhi 2007/2008” Beverfood Edizioni s.r.l. N.D.: dati non dichiarati. *Biodegradabile in 80 giorni negli appositi siti di compostaggio industriale. Levissima N.D. **Miscela di diverse sorgenti ricomprese tra 1.150 e 1.850 metri s.l.m. - Provvedimento di rinnovo della concessione pubblicato sul B.U.R. Lombardia del 25.5.2005 e Rapporto sullo stato dell’ambiente - Provincia di Sondrio, Anno 2003, ARPA Lombardia, p. 47. ***I tappi della Sant’anna Bio bottle sono in PE e devono essere conferiti nella raccolta differenziata della plastica. Sant’Anna Bio Bottle. Plastica vegetale INGEOTM al posto del petrolio. Dai vegetali arriva la prima bottiglia eco-sostenibile realizzata senza usare una goccia di petrolio. Dopo il consumo, si biodegrada completamente in 80 giorni nei siti di compostaggio industriale*. E a casa tua la conservi esattamente come le bottiglie di plastica tradizionale.

Acqua Sant’Anna.

Pura, leggera, di montagna. www.santanna.it

Può essere utilizzata per la preparazione degli alimenti dei neonati1 L’allattamento al seno è da preferire, nei casi ove ciò non sia possibile, questa acqua minerale è indicata per la preparazione degli alimenti dei neonati. 1

DALLA FONTE COMODAMENTE A CASA TUA

RESIDUO FISSO 22,3 mg/l

Minimamente mineralizzata, eccezionalmente leggera

SODIO 0,0002%

Indicata per le diete povere di sodio

ANCHE NEI MIGLIORI SUPERMERCATI


Cultura

Notte tricolore

P

er celebrare il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia, Palazzo Lascaris, sede del Consiglio regionale, si veste in tricolore e propone un ricco programma di eventi. In occasione dei festeggiamenti vi fa tappa “Italiæ. 150 eventi in piazza per ri-disegnare l’Italia” curato dal Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. Il progetto nazionale è partito da un anno fa e ha coinvolto 150 piazze italiane, nelle quali si è ridisegnata l’Italia in grandi eventi collettivi. Durante la Notte Tricolore del 16 marzo saranno realizzate due “Italiæ” intrecciate nei colori del gonfalone regionale e della bandiera della Regione Piemonte: l’evento è aperto a tutti, bambini, famiglie, giovani e adulti, a partire dalle ore 18. Nella stessa serata è previsto un vivace programma, con sketch teatrali, accompagnamento musicale e visite guidate alle sale del Palazzo. Dal 21 marzo al 20 aprile sarà possibile visitare la mostra delle Italiæ dove ritrovare l’Italia di Palazzo Lascaris e altri esemplari realizzati dai bambini delle diverse città. (di Brunella Manzardo)

Da mercoledì 16 marzo al 30 aprile Palazzo Lascaris, via Alfieri 15 - Torino Per informazioni: Dipartimento Educazione Castello di Rivoli, tel. 011 9565213 e-mail: educa@castellodirivoli.org

Al Castello di Agliè

Su ordinazione prepariamo per voi tutto il necessario per banchetti di feste e cerimonie

Specialità per i più piccoli Nigellini con vera Nutella

Quanto ci piacciono le residenze sabaude viste con gli occhi dei bambini! Il piano nobile, l’appartamento del re, le scenografiche cucine animate dallo scoppiettio dei fuochi, con la ricostruzione dei dolci disegnati dalla regina Cristina di Borbone e i rumori di cuochi e sguatteri. La visita, su misura per le famiglie, è organizzata dalla cooperativa di guide Theatrum Sabaudiae e prevede, per ogni bambino, un sacchetto di materiale didattico con tanto di gioco e merenda. Imperdibile e a prezzi popolari, ma bisogna prenotare in tempo!

Domenica 27 marzo e domenica 3 aprile Castello Ducale di Agliè (To) Per informazioni e prenotazioni: Theatrum Sabaudie, cell. 331 3912631, didattica@arteintorino.it

58 Giovani Genitori


Cultura

La bella Italia

A

lle Scuderie Juvarriane della Reggia di Venaria c’è la mostra “La bella Italia. Arte e identità delle città capitali”. Da giovedì 17 marzo fino a settembre, si potranno ammirare più di 350 capolavori di grandi maestri dell’arte italiana: Giotto, Beato Angelico, Donatello, Botticelli, Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Correggio, Bronzino, Tiziano, Veronese, Rubens, Tiepolo, Canova, Hayez, Parmigianino, Velazquez, Bernini e tanti altri. Ingresso: 12 euro intero, 8 euro ridotto.

DA GIOVEDÌ A DOMENICA SERA

PIZZA E BABY PIZZA

Da giovedì 17 marzo a domenica 11 settembre Scuderie Juvarriane - Reggia di Venaria Piazza della Repubblica - Venaria Reale (TO) Per informazioni e prenotazioni: tel. 011 4992333 www.lavenaria.it - www.italia150.it

DOMENICA A PRANZO Menu degustazione € 25

L’Isola di Pasqua Le vacanze di Pasqua sono lunghissime: chi si è giocato le ferie, sarà contento di sapere che l’associazione Lapolismile apre un centro primaverile per bambini, con il sostegno della Circoscrizione 3 e il patrocinio dell’Assessorato allo Sport. Si sta in mezzo al verde, nel Parco Ruffini, tra le strutture della scuola elementare Dal Piaz, il campo di atletica Nebiolo, il Palazzetto dello Sport, la palestra di Arrampicata, la piscina Vigone e la pista di pattinaggio a rotelle. Le giornate sono scandite da gioco e divertimento, con laboratori a tema enogastronomico, escursioni in luoghi storico-culturali ed esercitazioni di mobilità sostenibile e sicurezza stradale. L’Isola di Pasqua apre dal 21 al 29 aprile (esclusi sabato, domenica e lunedì 25 aprile). La quota di iscrizione è di 90 euro e comprende pranzo e merenda freschi, più 10 euro di tessera associativa e assicurazione. I posti vanno a ruba, affrettarsi!

Per informazioni e iscrizioni: Associazione Lapolismile, via Mombasiglio, 62 - Torino (martedì e giovedì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18). Tel. 011 352855/011 3292121 www.polismile.it

Buffet di antipasti Primo - Secondo con contorno Dolce - Caffè - 1/4 di vino - 1/4 di acqua

Menu bimbi € 13

Antipasto - Primo - Secondo con contorno FRITTO MISTO ALLA PIEMONTESE venerdì 4 INVITO A CENA CON DELITTO venerdì 11 BISTECCA ALLA FIORENTINA venerdì 18 FESTA DI CARNEVALE venerdì 25 VENERDÌ, SABATO SERA E DOMENICA A PRANZO ANIMAZIONE CON

a 10 minuti da Torino

Giovani Genitori 59

Strada degli Scavi, 18 - Castiglione T.se (TO) tel. 011 9607308 - cell. 331 31696687


GG › l’agenda

Eventi

Cioccolato in quota

U

n ricco programma di eventi anima Sauze d’Oulx, nell’ambito di “Cioccolato in quota”, rassegna di due giorni che vede protagonista assoluto il nobile dolce.

Sabato 5 marzo, dalle 11 alle 22 Il Mercatino del cioccolato e delle dolcezze (nel centro del paese) Sabato 5 marzo, dalle 19 alle 24 La Notte Nera, nera come il cioccolato, nera come il blues Si potrà ascoltare musica blues tra le vie del centro e nei locali. Sabato 5 marzo, ore 17.30 Cioccolato al Cinema “La Fabbrica del Cioccolato” di Tim Burton, presso il Cinema Sayonara.

Da sabato 5 a domenica 6 marzo Coccolarsi un po’ Trattamenti al cacao nei centri benessere. Da sabato 5 a domenica 6 marzo Cacao Menu Nei ristoranti di Sauze d’Oulx saranno proposti dei piatti a base di cacao e cioccolato. Domenica 6 marzo, dalle 11 alle 18 Il Mercatino del cioccolato e delle dolcezze (nel centro del paese) Sauze d’Oulx (TO) Per informazioni: tel. 0122 858009 - www.sauzedoulx.net

60 Giovani Genitori

Traslochi personalizzati secondo le effettive esigenze del cliente per: abitazioni, uffici, aziende, enti pubblici, biblioteche, banche.

• Traslochi grandi e piccoli • Deposito mobili in nostri magazzini • Esperti in imballaggi speciali • Noleggio autoscala e/o camion • Montaggio, modifiche cucine e arredi • Preventivi gratuiti a domicilio • Abbinamenti e traslochi per tutta Italia CONDIZIONI PARTICOLARI PER LE GIOVANI FAMIGLIE! TRASLOCHI ANCHE NEI GIORNI FESTIVI Tel. e fax 011 9652721 - cell. 330 542106 cell. 335 291618 - tel. 011 6610633 info@traslochivitello.it - http://www.traslochivitello.it


GG › l’agenda

Eventi

Le orchidee

N

on perdetevi “Orchidee & cioccolato”, appuntamento in programma sabato 5 e domenica 6 marzo a Pinerolo. In occasione di questo evento, i visitatori potranno ammirare un’esposizione di specie rare di orchidee provenienti da tutto il mondo. Inoltre, sarà allestita una mostra di dipinti di orchidee. Non mancherà il momento goloso: pralineria artigianale e soggetti in cioccolato creati con i migliori cru di cacao da cioccolato puro.

Sabato 5 e domenica 6 marzo Pinerolo (TO) Per informazioni: tel. 0121 361271 www.comune.pinerolo.to.it

Erbeinfiera A Perosa Argentina, domenica 20 marzo dalle 9 alle 18, si svolge l’undicesima edizione di “Erbeinfiera e del vino buono”, con esposizione e vendita di fiori, vini, formaggi e oggetti d’artigianato.

Perosa Argentina (TO) Per informazioni: tel. 0121 81218 - www.comune.perosaargentina.to.it

I mille di CioccolaTò Ritorna il goloso appuntamento con CioccolaTò in piazza Vittorio a Torino. La manifestazione dedicata al cioccolato quest’anno festeggia l’Unità di Italia con una edizione un po’ particolare.

Da giovedì 17 marzo a domenica 3 aprile Per informazioni: info@cioccola-to.it - www.cioccola-to.it Giovani Genitori 61


Autoporto Pescarito • corso Lombardia 24 • San Mauro T.se • Tel. 011 2740980 - fax 011 6993751

asilo nido 6-36 mesi • scuola dell’infanzia paritaria 3-6 anni

Le iscrizioni per settembre sono aperte dal 10 gennaio GRADITA

PRENOTAZIONE TELEFONICA

CUCINA FRESCA con attenzione a intolleranze alimentari ORARIO COMPRESO TRA LE 7.30 E LE 18.30 aperto tutto l’anno FESTE A MISURA DI BAMBINI per compleanni e ricorrenze con animazione in sede o domicilio

CORSO DI INGLESE compreso nella retta dai 18 mesi ai 6 anni LABORATORIO DI MUSICA facoltativo da 12 a 36 mesi, compreso da 3 a 6 anni FESTE A TEMA OGNI MESE il sabato sera con cena e animazione

www.bimboporto.it • info@bimboporto.it

Paure, Insonnia, Aggressività, Pianto continuo, Cambio di scuola, Difficoltà di apprendimento… PERCHE’ NON PROVARE CON LA NATUROPATIA?

Visita il nostro sito www.naturopatiaessentia.com c’è molto altro…. Centro di Naturopatia. C.so De Gasperi 32 Torino. Tel. 011/0568573 Per info: dal martedi al venerdi 9-10 o su appuntamento

Vuoi recuperare forma fisica, piacerti allo specchio, star bene con te stesso? PROVA CON UNA CONSULENZA ALIMENTARE

Per perdere peso in modo definitivo SENZA RESTRIZIONI e restare in salute. PERDERE PESO SENZA DIETA SI PUÒ Dott.ssa LUANA RACIOPPO

CONSULENTE DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

www.inlineaconme.it tel. 366 1435000

libreria la gaNG del PeNSieRO Ampio assortimento di libri e giochi educativi per bambini e ragazzi. zzi zi. Libri di pedagogia e psicologia per genitori e insegnanti.

Perchè chi legge ...vola! corso B. Telesio 99 - Torino tel. 0117732338 - fax. 0117505596

lagangdelpensiero@gmail.com - www.lagangdelpensiero.com

62 Giovani Genitori

la CAS deegli NGELI Caldo e confortevole

INTIMO E MAGLIERIA BIOLOGICA IN LANA E SETA PANNOLINI LAVABILI ABBIGLIAMENTO PREMATURI E NEONATI!

Solo il meglio sulla pelle! giocattoli, cosmesi weleda libri, candele angeli, calze assortimento materiale artistico Per ordini superiori a 200 euro la consegna è gratuita!

www.lacasadegliangeli.com Il magazzino e gli uffici sono ad AVIGLIANA (TO) V.le E. Fermi, 12 tel. 0119348608 (ore 9-12) fax:0119368591 e-mail: casa.angeli@libero.it


GG › l’agenda

Eventi

Carnevale al 45° Nord

R

Scopriminiera

itorna l’appuntamento con lo storico Carnevale di Moncalieri, la cui passata edizione può vantare più di quindicimila presenze nelle strade di Sanda Vadò. Anche quest’anno la manifestazione è realizzata con il supporto dell’Entertainment Center 45° Nord, in collaborazione con la città di Moncalieri e la Pro Loco. Domenica 13 marzo, dalle 14.30, ci sarà il clou dei festeggiamenti con la grande sfilata di carri allegorici, che attraverserà l’area di Sanda Vadò. A sfilare, ci saranno undici giganteschi carri a tema (dalla politica alla fantasia, dalla storia alla cultura), provenienti da Moncalieri, Carignano, Santena, Poirino e Casalgrasso. E poi, finita la sfilata, bugie per tutti! Dalle 12 si ballerà e si festeggerà presso il 45° Nord con l’accompagnamento musicale di due bande folkloristiche: la Filarmonica di Moncalieri e la Little Jazz Band di San Benigno Canavese.

Domenica 13 marzo Moncalieri (TO) Per informazioni: www.45nord.com

Antichi mestieri Domenica 27 marzo, a Balangero, è in programma l’esposizione “Alla riscoperta degli antichi mestieri”. Nei cortili del centro storico, si ammirano oggetti antichi e d’artigianato delle famiglie balangeresi. Nel padiglione gastronomico si gustano piatti cucinati secondo le antiche ricette. Per informazioni: cell. 348 9291332 onlus.balangero@libero.it

Appassionati di scavi e archeologia, grandi e piccini, gioite! Mercoledì 2 marzo riaprono ufficialmente al pubblico le miniere Paola e Gianna di Prali, all’interno di Scopriminiera, sito principale dell’Ecomuseo della Val Germanasca. Tre chilometri e mezzo di gallerie e cunicoli (più una ricca rete di escursioni esterne) da percorrere con il trenino dei minatori e il casco in testa, tra esplosioni di dinamite e altri effetti speciali.

Da mercoledì 2 marzo all’autunno Prali (TO) Per informazioni: tel. 0121 806987 www.scopriminiera.it

Carnevale alpino Chi ha paura dell’Orso di segale? Ma nessuno, ovvio! L’Orso compare nel tipico carnevale alpino che si festeggia a Valdieri con grande allegria. Si parte al mattino, con la visita del Museo della Resistenza e del Territorio che accoglie la mostra “Ai piedi delle Montagne”. Una escursione guidata ci porta fino grotte del bandito dove svernava l’orso delle caverne. Durante la giornata si partecipa al laboratorio “L’impronta dell’Orso di segale”, presso il Museo. Alle 15 cominciano i festeggiamenti veri e propri, con tanto di irruzione straordinaria dell’orso di segale inseguito dal domatore.

Domenica 13 marzo Valdieri (CN) Per informazioni: tel. 0171 978068 - info@entracque.org

carnevale > ...con le mongolfiere Sabato 5 marzo, dalle 9 alle 18, nelle vie del centro di Sauze d’Oulx, si festeggia il Carnevale con le mongolfiere e la festa dei bambini. Sabato 5 marzo, dalle 9 alle 18 Sauze d’Oulx (TO) Per informazioni: tel. 0122 858009 www.sauzedoulx.net

> ...du Gueini Martedì grasso si festeggia “‘l Carnavà du Gueini”, dalle 21, per le vie di Salbertrand con un corteo che sfila di casa in casa, da piazza San Rocco a piazza della Stazione. E, dopo la lettura del Testamento, sarà bruciato il Carnevale (ovvero un fantoccio di paglia). Martedì 8 marzo, ore 21 Salbertrand (TO) Per informazioni: tel. 0122 854720 ecomuseo.salbertrand@ruparpiemonte.it

> ...foglizzese A Foglizzo si svolge la 37a edizione della tradizionale festa di Carnevale. Sabato sfilano i carri allegorici e tutti i bambini possono gustare la pizza. Domenica c’è la distribuzione di fagioli e cotechini e il “pranzo grasso”. Sabato 5 e domenica 6 marzo Foglizzo (TO) Per informazioni: tel. 011 9883501 www.comune.foglizzo.to.it

> ...di Borgofranco A Borgofranco d’Ivrea, per celebrare il Carnevale, i tre rioni (Borgo, Cascine e Olmetto) danno vita a una grande sfilata che attraverserà il paese. Da domenica 6 a martedì 8 marzo Borgofranco d’Ivrea (TO) Per informazioni: tel. 0125 755813 www.comune.borgofranco.to.it Giovani Genitori 63


GG › rubriche

Bimbi

Benvenuto al piccolo Luca da zia Vale e Riky

Evviva il grande nonno Alberto!

Al nostro caro papà Alby tanti auguri per la festa del papà! I tuoi cucciolotti Ricky e Ale

Tanti auguri Giacomo da mamma e papà!

Il piccolo Diego manda un bacio a tutto il nido Bidibimbi... Ë arrivata l’ora del pisolino...

Yippie yeah, tanti auguri Nenè!

TANTI CARI AUGURI AL NOSTRO PAPà! Camilla, Lorenzo e mamma Barbara

A Giovani Genitori, vera fonte di ispirazione e di aiuto per chi affronta con entusiasmo ma a volte con qualche difficoltà il “mestiere” più complicato ma più emozionante che esista al mondo


GG › rubriche

English for parents The Bridge Institute - www.thebridgeinstitute.com

Legoland Winsdor Legoland is a unique family theme park completely made of Lego. It’s aimed at children from 3-12 years old (and those of us who are still young at heart) and is a place where the children are the heroes. There are over 55 interactive rides where your child can drive a car, sail the seas or fly a plane in complete safety. There are also live shows, puppet shows and an amazing 4D medieval experience. There are loads of places to eat or you can bring your own picnic. Other Legoland parks: Denmark, Germany, the USA. www.legoland.co.uk

 aimed: dedicato  young at heart: giovani dentro  sail: navigare  puppet shows: spettacoli di burattini  loads of: un mucchio di

The history of the Union Jack

 Crowns: corone  Realms: regni

The Union Jack symbolises the union of the three member nations which make up the United Kingdom and is, in fact, three flags in one. It is made up of the St George’s Cross, the St Andrew’s Cross, and the St Patrick’s Cross (the patron saint of England, Scotland and Ireland). The St George’s Cross (a red cross on a white background) was introduced as the English national flag in 1194 by King Richard I. At that time England, Scotland, Wales and Ire-

Dizionario English/Piemunteis A new lot [ei][nju:][lot] Tipo di pasta ripiena Boot-a-lean [bu:t] [ei] [li:n] Botticella (fig.: Persona rotondetta e di bassa statura) Bus [bas] Basso, piccolo

land were separate countries. On the death of Elizabeth I in 1603, King James VI of Scotland came to the English throne and united the crowns, although the nations remained independent. He declared himself king of Great Britain on 12th April 1606 and unified the two realms under a common flag which contained the red cross on a white background of England and the white cross on a blue background of Scotland: the Union Flag.

Strange but True - It’s impossible to sneeze with your eyes open - Leonardo Da Vinci invented the scissors. - No word in the English language rhymes with month, orange, silver, or purple.

Giovani Genitori 65


numero illimitato di operazioni sul conto corrente carta Bancomat/PagoBancomat/Cirrus/Maestro GRATUITA libretti assegni GRATUITI custodia titoli obbligazionari CRF e Pronti contro Termine GRATUITA adesione CRF OnLine GRATUITA addebito automatico bollette SENZA COMMISSIONI finanziamenti e mutui prima casa personalizzati

... solo 2,50 euro al mese di spese “ tenuta conto” onnicomprensive di tutti questi privilegi

Sede Centrale

Fossano: via Roma, 122

Filiali in Provincia di Cuneo

Fossano - Centallo - Cervere - Cuneo (fraz. Roata Rossi) Salmour - San Chiaffredo - Sant’Albano Stura - Trinità

Filiali in Torino e Provincia

Torino 1: largo Orbassano, 66 - Torino 2: via Filadelfia, 273 Torino 3: corso Traiano, 17/a - Torino 4: via Frejus, 100/a Torino 5: corso Francia, 391/b - Moncalieri: corso Roma, 84 Trofarello: via Torino, 65 - Villastellone: via Cossolo, 31

Per ulteriori informazioni si rinvia agli avvisi sintetici ed ai fogli informativi a disposizione presso la sede e le filiali della C.R. Fossano Spa

� � � � � � �


IL MICROCREDITO DI FRAGILI ORIZZONTI La casa, il lavoro, la famiglia, l’istruzione, la salute sono ambiti della quotidianità che possono facilmente presentare spese impreviste ed improvvise; la disponibilità di un piccolo prestito, anche a fronte di una situazione di incertezza e precarietà lavorativa, può aiutare ad affrontare le preoccupazioni guardando al futuro con maggiore serenità.

Un piccolo prestito ci può aiutare...

La Provincia di Torino con Banca Etica e diversi Comuni della provincia di Torino, mettono a disposizione dei cittadini interessati la possibilità di ottenere un piccolo prestito. Il microcredito è concesso solo ai Comuni della Provincia di Torino che aderiscono al programma “Fragili Orizzonti” e non alla Città di Torino.

Possono beneficiare dell’iniziativa le persone residenti nei Comuni che aderiscono al programma “Fragili Orizzonti”. Condizioni del prestito: • tasso di interesse al 4,5% fisso • spese istruttoria nulle • aprire un conto corrente tecnico a zero spese presso Banca Etica per la durata del tempo di restituzione del prestito, presso cui accreditare le rate mensili • importo massimo richiedibile € 5000 • durata massima del prestito 36 mesi • possibilità di concordare un piano di preammortamento Gli unici costi previsti sono: • i microprestiti con un tempo di restituzione superiore ai 18 mesi prevedono una tassa statale del 0,25% dell’importo erogato • i costi di bonifico ammontano a € 4,50

Per info: Ufficio Progetti Torino di Banca Etica tel. 011 4407613 - http://www.provincia.torino.it/sportello_sociale/site/


giovani genitori marzo 2011