Issuu on Google+

Le nostre fiabe interculturali 

Haina e il figlio dell’Orco



Personaggi:



 



Elisa e i tre pesci magici



Personaggi:

Haina (personaggio della fiaba marocchina)



Il contadino e i suoi figli (personaggi della fiaba albanese)

L’Orco e il figlio dell’Orco (personaggi della fiaba marchigiana)



I tre pesci (personaggi della fiaba araba)



Il Diavolo (personaggio della fiaba marocchina)



Il pescatore (personaggio della fiaba araba)



La gallina dalle uova d’oro (personaggio della fiaba tunisina



L’Orco (personaggio della fiaba marchigiana)



La madre e la figlia (personaggi della fiaba marchigiana)


Le nostre fiabe interculturali 

Haina e il figlio dell’Orco (1° fiaba)



Haina e il figlio dell’Orco (2° fiaba)



Elisa e i tre pesci magici


Haina e il figlio dell’Orco (1° (1° fiaba) Un giorno il figlio dell’Orco decise di fare una passeggiata nel bosco. Ad un certo punto vide una ragazza alta, bella, agile e snella: Haina. Questa in un primo momento non si accorse di lui e continuò ad arricchire il suo mazzolino di fiori; quando lo notò si nascose impaurita dietro un cespuglio. Poi, curiosa di scoprire chi fosse, uscì piano piano dal suo nascondiglio. Davanti ai suoi occhi c’era un ragazzo un po’ bruttino, ma che, secondo lei, era la bellezza in persona. Fu un vero e proprio colpo di fulmine: si innamorarono subito!

Pag. 1


Haina e il figlio dell’Orco Sebbene il figlio fosse contentissimo, l’Orco non approvò la sua scelta e la ostacolò in tutti i modi. Infine rapì Haina e la portò come prigioniera a casa del Diavolo. Il figlio disperato supplicò il padre di dirgli dove si trovasse la sua amata e poiché questi non cedeva, una sera lo fece ubriacare e, nella sua ebrezza, il padre svelò il nascondiglio. Allora il figlio, disperato, si recò a casa del Diavolo e dopo lunghe suppliche ebbe da lui la promessa che gli avrebbe riconsegnato Haina se gli avesse portato la gallina dalle uova d’oro. L’impresa era molto ardua.

Pag. 2


Haina e il figlio dell’Orco Il figlio dell’Orco attraversò vasti territori, scalò montagne e oltrepassò numerosi fiumi tra mille peripezie. Finalmente un giorno incontrò una ragazza che piangeva disperatamente perché la madre era in fin di vita e non aveva da darle la medicina che uno stregone le aveva prescritto. Il ragazzo, nel suo zainetto, aveva una porzione magica preparata da suo padre e la diede subito alla ragazza. La madre appena l’ebbe sorseggiata, riacquistò tutte le sue forze e come ricompensa, regalò al ragazzo la gallina dalle uova d’oro perché proprio lei ne la proprietaria.

Pag. 3


Haina e il figlio dell’Orco Il figlio dell’orco ritornò dal Diavolo, gli diede la gallina richiesta e ripartì con la sua amata Haina. Si sposarono e vissero felici e contenti.

Pag. 4


Haina e il figlio dell’Orco (2° (2° fiaba) Quando Haina si sveglio e vide la gallina morta, iniziò a piangere moltissimo. Subito, come per magia, apparve il figlio dell’Orco con una bacchetta magica. Haina, stupefatta, gli chiese chi fosse. Il figlio dell’Orco si presentò e le disse: “Cara ragazza, se mi dai un bacio, ti farò riavere la tua gallina.” Haina lo baciò e il figlio dell’orco trasformò la gallina in una ragazzina. Haina fece subito amicizia con lei e uscirono insieme.

C’era una volta una ragazza di nome Haina. Un giorno, mentre passeggiava nel bosco, incontrò una gallina con una zampa spezzata, la portò a casa e la curò. Dopo una settimana Haina scoprì che la gallina faceva le uova d’oro. Una notte venne il diavolo che, invidioso della felicità della ragazza, uccise la gallina.

Pag. 1


Haina e il figlio dell’Orco (2° (2° fiaba) Nel bosco incontrarono il diavolo che disse loro di salire sulla montagna nera perché avrebbero trovato un tesoro. Le ragazze si fidarono del diavolo e partirono, ma presto scoprirono che era una trappola. Infatti, il diavolo che le aveva seguite le rapì. Le portò in una piccola capanna e ordinò loro di prendere la spazzola e pettinarlo. Le due ragazze furono così gentili che il diavolo si commosse. Intanto arrivò il figlio dell’Orco che le portò via. Il figlio dell’Orco e Haina si sposarono, il diavolo fece da testimone e l’amica da damigella.

Pag. 2


Elisa e i tre pesci magici C’era una volta un vecchio contadino che viveva con la moglie e i suoi figli vicino a uno stagno dove c’erano tre pesci magici. I figli non avevano voglia di lavorare, la figlia, di nome Elisa, stava sempre chiusa in camera sua a studiare, la moglie cucinava mentre lui si dedicava al lavoro nei campi. Un giorno la madre andò in campagna a raccogliere le verdure. Vicino allo stagno incontrò un pescatore che le disse: “Là, nel campo ci sono delle verdure fresche; va a prepararmi una bella insalata! Se non me la porti entro questo pomeriggio, chiamerò l’Orco che mangerà tua figlia.”. La madre corse subito via: doveva far presto!

Pag. 1


Elisa e i tre pesci magici Intanto la figlia, che aveva sentito tutto, andò dai pesci magici e si fece fare una sua copia, poi si nascose in un baule. Il sole tramontò e la madre non era ancora ritornata. Il pescatore chiamò l’Orco che entrò in casa e mangiò la copia di Elisa e morì in un secondo, perché era avvelenata. Quando la madre tornò a casa, trovò l’Orco morto e sua figlia viva. Si abbracciarono e moglie, marito, figli e pesci magici vissero felici e contenti.

Pag. 2


Le nostre fiabe interculturali