Page 1

ROCCAI

CAMPUS TREVANO / CANOBBIO

DESIGNJAM 2015 – CAMPUS TREVANO / CANOBBIO

Dec 14 -18, 2015


what a pleasure to see young designers combining skills with passion and flair, working hard in a team as well as a group and delivering with fun and delight in time

thank you to all participants and Davide Fornari for this great experience martin foessleitner designjam at SUPSI in December 2015


EXPLORE

discover define

MAKE

CHECK

develop deliver

detect distill

British Design Council and IIID

imagine a jam session in music. you come together, bringing your instruments, your skills, your open mind. someone sets up a theme, and you start to Jam around it. you don’t overanalyse it, you don’t discuss it to death, you jam. you bounce your ideas off other people, and play around with what comes back. together, you build something which none of you could have built alone. and at the same time, you are learning new ideas, discovering more about how you work and whom you best work with, sharpening your skills, and having a great time. and who knows, maybe there are one or two ideas there which might make it to the next album. or maybe you jammed so well, you decide to form a band… a Design Jam works in just the same way. but it’s not music you are jamming - it’s design. And it’s not just talking - you are here to turn your ideas into a concrete design, prototype and plan of action which you might want to make real. To prototype and plan it in a way that someone could go out and make it real, „creating platforms of social interactions“ knowing what resources they would need, what they should do, and who they should talk to? that’s the challenge of the jam. And finally we will recheck and test our designs in real life.


The diamond diagram is based on research at the British Design Council and further developed by the requirements of information design by IIID as a simple graphical way of describing the design process. Divided into three distinct phases, Explore, Create and Check, it maps the divergent and convergent stages of the design process, showing the different modes of thinking that designers use. EXPLORE: Discover and Define It begins with an initial idea or inspiration, often sourced from a discovery phase in which user needs are identified. These include market research, user research and managing information. Followed by the definition stage, in which interpretation and alignment of these needs to business objectives is achieved. Key activities during the Define stage are project development, management and sign-off. CREATE: Develop and Deliver The third stage marks a period of development where design-led solutions are developed, iterated and tested within the company. Key activities and objectives during the Develop stage are multi-disciplinary working, visual management and development methods. The fourth stage represents the delivery activities, where the resulting product or service is finalised and launched in the relevant market. CHECK: Diagnose and Distill The key activities and objectives during this stage are user experience testing and reflection about to extract the learnings and restart the process again. Following the definition of information design: is the defining, planning, and shaping of the contents of a message and the environments in which it is presented, with the intention to satisfy the information needs of the intended recipients


Greta Molteni, Claudia Tambella, Leyla Tawfikl, Patrizia Muffatti


Luca Belfiore, Roberta Nozza, Jamila Schwerzmann


Michele Gandolfi Sajikeerththana Nageswarakurukkal Silvia Sabogal Jean Bertelli


Silvia Sabogal, Jean Bertelli Michele Gandolfi Sajikeerththana Nageswarakurukkal: ROCCAI

Greta Molteni, Patrizia Muffatti,Claudia Tambella, Leyla Tawfikl: The best way to see is closing your eyes

Jamila Schwerzmann, Luca Belfiore, Roberta Nozza: ROC CAI Cocktail


ROCCAI


Jean

Michele

“Carico team” Saji Silvia


Silvia Sabogal was born on the fifteenth of December, 1994 in Lima, Peru. She moved to Equador at the age of eight, where she graduated at Leonardo Da Vinci high school. In 2012 she moved again to Switzerland, Lugano, where in 2014 she started a Bachelor in visual communication at Supsi. Silvia Sabogal è nata il quindici dicembre del 1994 a Lima, Peru. Si è trasferita in Equador all’età di otto anni, dove ha conseguito la maturità al liceo Leonardo Da Vinci. Nel 2012 si è nuovamente trasferita a Lugano, Svizzera, dove nel 2014 ha iniziato il Bachelor in Comunicazione visiva alla Supsi.

Michele Gandolfi was born on the seventh of October, 1992 in Lugano, Switzerland. He graduated with a professional dipolma at Scuola di commercio in Lugano in 2012, and then worked for a year in the human resourches departement at USI, Università della Svizzera Italiana. He began his bachelor in visual communicaition in 2014 at Supsi. Michele Gandolfi è nato il sette ottobre del 1992 a Lugano, Svizzera. Dopo aver conseguito la maturità professionale presso il Centro commerciale di Lugano nel 2012, ha lavorato presso l’ufficio delle risorse umane dell’USI Università della Svizzera italiana. Ha iniziato il Bachelor in Comunicazione visiva alla Supsi nel 2014.


Jean Bertelli was born on the thenth of December, 1992 in Zurich, Switzerland. He initially started studying commerce, but opted afterwards for a more artistic education, by graduating as a graphic designer at CSIA, in Lugano. From 2014 he studies Visual communication at Supsi. Jean Bertelli è nato il dieci febbraio del 1992 a Zurigo, Svizzera. Dopo aver intrappresto gli studi in commercio, ha deciso di dedicarsi alla grafica, conseguendo il diploma come grafico presso il CSIA di Lugano. Dal 2014 studia Comunicazione visiva presso la Supsi.

Sajikeerththana Nageswarakurukkal was born on the sixtheenth of April, 1993 in Mendrisio, Switzerland. She graduated with a professional dipolma as a photographer at CSIA, Lugano. She sometimes works as a photographer for weddings and parties. In 2014 she began the Bachelor in Visual communication at Supsi. Sajikeerththana Nageswarakurukkal è nata il sedici aprile del 1993 a Mendrisio, Svizzera. Ha conseguito il diploma professionale di fotografa presso il CSIA di Lugano. Lavora saltuariamente a progetti di fotografia per matrimoni e feste. Nel 2014 ha iniziato il Bachelor in Comunicazione visiva alla Supsi.


Development and Realisation

Sviluppo e Realizzazione

Monday 2015

Lunedì 14 Dic 2015

14th

December

Professor Martin Foessleitner (in charge of the workshop) introduced himself to the class, and then we were divided into groups. Since no one suggested an idea for the theme of the project, we decided to choose the first word that we saw in a book. The word in question was “Roccai”. Therefore Roccai was our starting point. The same morning, our group (Silvia, Jean, Michele and Saji), began to ask people what the word Roccai remembered them or what they thought it meant. We also started to take some pictures and recording sounds that we found had a bond with the theme. Our search area included Supsi and it’s surroundings (stadium, Cinestar and Coop). Around 3 pm we gathered in our atelier to make a presentation of the documentation we made during the day. Our presentation included pictures, sounds, video and keywords. Some keywords that came up during the research were: brown, nature, mountains,

Il professor Martin Foessleitner (responsabile del workshop) si è presentato alla classe, ed in seguito siamo stati divisi in gruppi. Dal momento che nessuno ha suggerito un’idea per il tema del progetto, abbiamo deciso di scegliere la prima parola trovata all’interno di un libro. La parola in questione era “Roccai”. Pertanto Roccai è stato il nostro punto di partenza. La stessa mattina, il nostro gruppo (Silvia, Jean, Michele e Saji), ha iniziato a chiedere alla gente che incontrava lungo la strada ciò che la parola Roccai li ricordava o che cosa hanno pensato che stesse a significare. Il percorso scelto comprendeva la Supsi e la zona circostante (stadio, Cinestar e Coop). Abbiamo iniziato anche a fare qualche foto e a registrare dei suoni che secondo noi avevano un legame con il tema. Intorno alle 15:00 ci siamo riuniti nel nostro atelier per fare una presentazione della documentazione che abbiamo ricercato nell’arco della giornata. La nostra presentazione comprendeva immagini, suoni, video e


circle, traingle, rock, ruota (wheels), sasso (stone), etc. At the end of the day, analyzing the documentation we had, our conclusion was that Roccai has to do with nature, wilderness and is represented by two shapes: the circle and the triangle. All groups had to choose a name, we went for “Carico” an anagram of the word Roccai. Tuesday 15th December 2015 On Tuesday morning all groups met at the atelier for a briefing. Martin showed us some methods to compare and suddivide informations (f.e. by birthdays, by place of birth, etc.), by placing us in different places within the classroom. After this exercise we were told the goal of the project. We had to improve and change a situation for a specific target, by using the elements and sources we found during the research concerning Roccai the day before. As a group we started to think and imagine what kind of situations we could improve in the life of a given target in Lugano. At the end we came up whit various ideas, the first of which were to difficult to handle considering the large scale we imagined it.

parole chiave. Alcune parole chiave emerse durante la ricerca sono: marrone, natura, montagne, cerchio, triangolo, roccia, ruote, sasso, ecc. A fine giornata, analizzando la documentazione in nostro possesso, siamo giunti alla conclusione che Roccai ha a che fare con la natura, ed è rappresentato da due forme distinte: il cerchio ed il triangolo. Tutti i gruppi hanno dovuto scegliere un nome, noi abbiamo optato per “Carico” un anagramma della parola Roccai. Martedì 15 Dicembre 2015 Martedì mattina tutti i gruppi si sono riuniti nell’atelier per un briefing. Martin ci ha mostrato alcuni metodi per confrontare e suddividere dei dati (ad es. date di nascita, luoghi di nascita, ecc), disponendoci in diverse postazioni all’interno della classe. Dopo questo esercizio ci è stato spiegato l’obiettivo del progetto. Esso consisteva nel migliorare e cambiare positivamente una situazione per un target specifico, utilizzando gli elementi e le fonti che abbiamo trovato durante la ricerca riguardante Roccai il giorno precedente.


Therefore we had to lower our goals to a more considerable project. Finally we choose to make a video of some of the green spaces in Lugano (parks, gardens, woods, etc.), and create a map and a public transportation ticket tied to the video, always keeping in mind the visual aspect of Roccai (shapes). Wednesday 16th December 2015 This day was dedicated at the elaboration of the artifacts we wanted to create for our project: the video, map and ticket in our case. For the video we decided to use a Go Pro camera, to give it a sense of personal experience. We also wanted to tell a story, not only film those places in a more distant way. For the other two documents it was important to keep the same style in order to benefit coherence. Our idea was that the target sees the video, and then buys a ticket (in a hotel, train station, shop) which permits them to travel around the city with the public transportation and visit the places shown in it. When buying a ticket the person will also receive the map that helps them orientate themselves. The map layout is very minimal and simplified, favoring an easier reading.

Abbiamo iniziato a pensare ed immaginare che tipo di situazioni potevamo migliorare nella vita di un determinato gruppo di persone a Lugano. Infine siamo giunti a varie idee e conclusioni, le prime delle quali sarebbero state troppo difficili da gestire considerando la complessità con la quale abbiamo immaginato il progetto. Abbiamo abbassato i nostri obiettivi per un progetto concretamente realizzabile. A fine giornata la nostra scelta è caduta sul fare un video di alcuni degli spazi verdi presenti a Lugano (parchi, giardini, boschi, ecc), e creare una mappa ed un biglietto di trasporti pubblici legati al video, tenendo sempre presente l’aspetto visivo di Roccai (cerchio e triangolo). Mercoledì 16 Dicembre 2015 Questa giornata è stata dedicata all’elaborazione dei manufatti che volevamo creare per il nostro progetto: il video, la mappa ed il biglietto, nel nostro caso. Per il video, abbiamo deciso di usare una videocamera Go Pro, per darvi un senso di esperienza personale. Abbiamo anche voluto raccontare una storia, non filmare unicamente quei luoghi in maniera più distaccata. Per gli altri due documenti era importante mantenere lo stesso stile per beneficiarne la coerenza.


Since our project can be tested, we wanted to show it to possibile buyers like hotels, shops, offices and train/public transportation stations. The feedback we will receive will help us improve the artifacts and most importantly we can understand if the whole idea can have a commercial future. Our target group includes all those people (tourists or not) who love being in touch with nature, but for various reasons can not move too far from the center, or would like to visit the city without having to give up the possibility to be in green spaces.

La nostra idea consiste nel far si che il target scelto veda il video, ed in seguito compri un biglietto (in un albergo, la stazione ferroviaria, negozio), che permetterebbe loro di viaggiare per la città con i mezzi pubblici e visitare i luoghi ripresi in esso. Al momento dell’acquisto di un biglietto la persona riceverà anche la mappa che li aiuterà ad orientarsi. Il layout della mappa è molto minimale e semplificato, favorendo una più facile ed immediata lettura. Dato che il nostro progetto può essere testato, abbiamo deciso di presentare la nostra idea a possibili acquirenti come alberghi, negozi, uffici e la stazione ferroviaria. Il feedback che riceveremo ci aiuterà a migliorare i manufatti e saremo inoltre in grado di capire se l’idea può effettivamente avere un futuro commerciale. Il nostro target comprende tutte quelle persone (turisti e non) che amano stare a contatto con la natura, ma che per vari motivi non possono spostarsi troppo dal centro, oppure vorrebbero visitare la città senza dover rinunciare al verde.


Development and Realisation Sviluppo e Realizzazione


Inspiration


Texture


Why the fox?

Perchè la volpe?


We wanted to associate our product to a founding element of Ticino’s nature: the fox. The fox encourages us to think outside of the box and use our intelligence in different, creative ways. The fox also brings us a message to try to approach our circumstances differently that we normally would. Be aware of some of our habits, and try a different angle of action. Furthermore, the fox is a sign to be mindful of our surroundings. Phenomenally effective shapeshifters and incredibly adaptable, the fox beckons us to not make too many waves but rather, adapt to our surroundings, blend into it, and use our surroundings (and circumstances) to our advantage. We also see the same visual components as Roccai in the fox’s structure: circle and triangle.

Abbiamo voluto associare il nostro prodotto ad un elemento fondante della natura ticinese: la volpe. La volpe ci incoraggia a pensare fuori dagli schemi e usare la nostra intelligenza in modi creativi. La volpe ci invita anche a cercare di approcciarci alle nostre circostanze in maniera diversa dal solito, essere a conoscenza delle nostre abitudini, e provare un diverso angolo di azione. Inoltre, la volpe è segno di essere consapevoli di ciò che ci circonda, la natura nel nostro caso. Mutaforma fenomenale ed incredibilmente adattabile, la volpe ci invita ad adattarci al nostro ambiente, legandoci ad esso, ed usarlo a nostro vantaggio. Ritroviamo nella sua figura gli elementi figurativi di Roccai: cerchio e triangolo.


Test To fully understand if our project was effectively functional, we decided to show the map, video and ticket, whilst explaining the idea, to some of our possible future buyers. The places where we choose to present our product could have a real interest in Roccai, like train stations, bus companies, hotels and tourism offices. The feedback we received was actually pretty positive, in the sense that they could see it realised and used by the tourist and Lugano’s inhabitants as well. Some suggestions instead, how to improve some elements, were e.g. to add streets name on the map, or integrate the ticket in other existing card services of the region. In conclusion we can say that our idea for Roccai could be workable, in a larger scale and with more time invested in it (places on the map and other details), obviously.

Per comprendere pienamente se il nostro progetto sarebbe effettivamente funzionale, abbiamo deciso di mostrare la mappa, il video ed i biglietti, spiegando la nostra idea, ad alcuni possibili futuri acquirenti. I posti in cui abbiamo scelto di presentare il nostro prodotto potrebbero avere un interesse reale a Roccai, come ad esempio stazioni ferroviarie, società di autobus, alberghi e uffici turistici. Il feedback che abbiamo ricevuto e stato relativamente positivo, nel senso che potevano (i soggetti interpellati) vederlo realizzato ed utilizzato sia dagli abitanti di Lugano come dai turisti. Alcuni suggerimenti di come migliorare alcuni elementi sono stati, ad esempio, aggiungere il nome delle strade sulla mappa, o di integrare il biglietto in altri servizi di carte esistenti nella regione. In conclusione possiamo dire che la nostra idea per Roccai potrebbe venire realizzata, in un contesto più grande e con più tempo investito nella ricerca sia dei luoghi trattati come nella cura dei dettagli, ovviamente.


Lugano Turismo

Hotel Dante


Hotel Federale

K-Kiosk


Hotelplan

Stazione FFS


Map / front

ve th r th e s h e n ap a tu es, r e.

Mappa / fronte


TR

P A M EL ANo AV Lug

I A CC RO

W

L C UG E N AN T ER O

IT E H to njo e of y th U S h nvi fer e th ave ron w be , Y O ve at se me itho aut U a ge pre lec nt ut ifu p rea ta se te yo mi l sp C a ollu s. tion nt d th u lo ssin ots A yo ssur tio This , w natu e b ve g t Lu N u e n, l a r e in h g n g a r im oca ter e re st p na e g ano If an el pr tio flo la la tu re h c yo o a d a n w te c r en as m lm u a el xing ve t s h s a d e es e. W de he e n le in n en d re lr y wal qu lp r d w me tow e fr ow tal ow se pe k, al ed oo nt n th om yo an n, arc o e ity uc d s l a at six u c d p me hin n p le joy of e a ed ike ci wa wil di an hy dita g f . ed lif ir ty y l t ff e si t o il fe from ake ere asi cal e a r a by e a n l s n p . b o nd th you t lo y ch tren d r lac e e th fre r m cati oos gth ga e to ne ind on e , in s, tic

F di oll sc o


FO O T BY

Map / back

Osped

MASSAGNO

LUGAN Station FFS

4 C N

A IO

BB

O

Mappa / retro

Cattedrale S. Lorenzo


3

Parco Trevano

RN CO

PORZA

RE

A O

Percorso vita

D

University SUPSI

Stadio Cornaredo

Cassar

ate

dale civico

PREGASSONA

University USI

NO Pensilina

A

Parco Ciani

PR

EG A

SS

O N

Foce

7

Lungolago


Folded map

Mappa piegata


Ticket / front ROCCAI TRAVEL CARD

LugANo

5 4 3 2 1

This ticket is valid for five days including Saturday and Sunday from 8 AM to 8 PM. It can only be used on the TPL busses.

1 Adult Price 30 fr

Biglietto / fornte


Ticket / back

ROCCAI 5 4 3 2 1

TRAVEL CARD

LugANo

Biglietto / retro


Video

Shapes


Names of places


Conclusion

Conclusione

We had a really intense and busy week, but after all it was very interesting and satisfying. It was nice to see the final completed project.

Abbiamo trovato questa settimana di workshop molto intensa e impegnativa, ma nonostante ciò e stato interessante e soddisfacente. È stato piacevole vedere il lavoro finale, completo.

This workshop has helped us to build a project in a short time period and we had the chance to work in a group and bring our own experience. We thank Martin Foessleitner for the opportunity he gave us.

Contact

Questo workshop ci ha aiutato a fare un progetto in poco tempo e abbiamo avuto la possibilità di lavorare in gruppo e mettere insieme le nostre capacità. Ringraziamo Martin Foessleitner per l’opportunità dataci.

Contatto

Silvia Sabogal: Via alle Brughette 25, 6918 Figino - chivilin94@live.com Michele Gandolfi: Via Orbisana 66, 6932 Breganzona - gandolfi.michele09@gmail.com Jean Bertelli: Via Cantonale 43e, 6930 Bedano - jeanbertelli92@gmail.com Sajikeerththana Nageswarakurukkal: Piazzale Ronca’a 1, 6850 Mendrisio - sajikirtena. nageswara@gmail.com


DECEMBER 14 –18 2015

DESIGN JAM CAMPUS TREVANO / CANOBBIO


Workshop Design Jam / December 14 -18 2015 SUPSI / Bachelor of Visual Communication in collaboration with Martin Foessleitner. “ The best way to see is closing your eyes � project created by Greta Molteni / Patrizia Muffatti / Claudia Tambella / Leyla Tawfik


INTRODUCTION

1

DISCOVER

5

DEFINE

9

CONCEPT

13

PROTOTYPE

17

TEST

25

CONCLUSION

32


Frenesia, stress, sono tutte cose che fanno parte della nostra giornata. E se lo fosse anche prendersi un momento per sé stessi? Questo è il concetto del nostro progetto. Chiudere gli occhi e farsi sopraffare dalle sensazioni, e da tutto ciò che di bello riusciamo a immaginare. Oggigiorno le persone non hanno più tempo da dedicare a loro stessi. Chiudere gli occhi è un incentivo a liberarsi dalle incombenze del momento e concedersi un momento di benessere. È un gesto semplice, ma se inserito in un altro contesto, inusuale, pubblico, potrebbe essere interpretato come gesto di maleducazione o disattenzione; cosa che invece non succede in altre culture come quella giapponese. Quello che ci proponiamo è rendere accettabile in qualsiasi momento, chiudere gli occhi e apprezzare i piccoli momenti della vita.

Frenzy, stress, are all things that are part of our day. And if we take some time for ourselves? This is our topic. Close your eyes and be overwhelmed by the sensations, and by every beautiful thing that you can imagine. Nowadays people don’t have enough time for themselves. Close your eyes, is a way to free your mind from duties of the moment and take a moment of wellness. It’s a simple action, but if we put it in unusual or public contexts, could be interpreted as a sign of rudeness or carelessness. That doesn’t happen in others cultures as the Japanese one. Our aim is to make acceptable, in any time, the action of closing your eyes and appreciate the small moments of your life and relax.

1


2


LA SCELTA DEL TOPIC Scegliete tre numeri: 2, 7, 8 pagina 2, linea 7, parola numero 8. Il risultato è Roccai (cognome di Elisa), questo è il concetto da elaborare. Una parola che in sé non sembra voler dire nulla ma che raccoglie delle connotazioni innate. ESPLORAZIONE Il primo step è costituito dalla ricerca, dall’esplorazione. Andare in giro e chiedere alla gente cosa è per loro ROCCAI; nulla in questa fase è superfluo.

THE CHOOSE OF THE TOPIC Choose three numbers: 2, 7, 8 Page 2, line 7, word number 8. The result is Roccai (surname of Elisa); this is the topic to elaborate. A word without a clear meaning, but it bring with it, lots of different connotations. EXPLORATION The first step it’s made by the research, by the exploration. Go out and ask to the people what Roccai mean for them. Nothing in this part is needless.

3


4


LUOGO Il primo step è costituito dalla ricerca, dall’esplorazione. Andare in giro e chiedere alla gente cosa è per loro Roccai; nulla in questa fase è superfluo.

LOCATION The first step it’s made by the research, by the exploration. Go out and ask to the people what Roccai mean for them. Nothing in this part is needless.

Dove condurre le indagini? Il supermarket COOP ci è sembrato la scelta più ottimale per il vasto target che raccoglieva. Prese fotocamera e taccuino ci siamo avviate. L’esperienza in generale non è stata delle migliori; molti degli intervistati infatti o non avevano tempo e voglia di rispondere ai nostri quesiti, o addirittura reagivano con intimidazione al nostro approccio. Si può dire che il sondaggio sebbene non richiedesse un grosso dispendio di tempo non ha suscitato negli intervistati un tale interesse da indurli a dedicarci qualche minuto del loro tempo. Comunque, sebbene la maggioranza sia stata schiva nei nostri confronti, è giusto dire che ci sono state poche ma significative eccezioni.

The supermarket COOP has a wide target and we decided to realized our investigation there. The experience in general wasn’t so good. Many interviewed didn’t had enough time to answer or they felt scared about us. Although the survey didn’t require much time, it hasn’t generated interest. However, it is fair to say that there have been few significant exceptions.

5


6


Una signora, in particolare, alla domanda: ”Cos’è per te Roccai”, ha deciso di ritagliarsi un momento di pura meditazione. Ci ha chiesto se poteva chiudere gli occhi e mentre si immergeva in sé stessa ha condiviso le sue sensazioni e il suo pensiero a proposito di cosa potesse essere Roccai. Il comportamento di questa signora ci ha colpito in molti modi diversi; si è fidata di noi chiudendo gli occhi di fronte a delle perfette sconosciute, ha instaurato una relazione con noi interagendo e fermandosi.

One lady in particolar, when we asked her, “ What is for you Roccai “, she immediately asked us: “ Can I close my eyes? “. She shared her feelings and her thoughts. The behavior of this lady impressed us in many different ways; she gaves us trust and she create a relationship with us.

7


8


100 %

75 %

50 %

25 %

0%

9


10


RACCOLTA Dopo questa esplorazione iniziale abbiamo trascritto tutte le parole trovate su un foglio creando cosÏ un grande Brainstorming. Mettendoci a confronto con gli altri gruppi ci siamo accorte che molti punti erano comuni: l’idea di roccia, qualcosa di spigoloso, duro, isolato tutto questo scenario di freddezza che costituiva la maggioranza si contrappone ad elementi piÚ miti come un profumo.

COLLECTION We transcribed all the words founded creating a big brainstorming. After a comparison with the results of the other group we realized that we have many points in common: the idea of rock, something hard and isolated, but also the idea of perfume.

11


12


Una volta raccolto il materiale, l’obiettivo era quello di migliorare un aspetto nella vita di un piccolo gruppo di persone, all’interno della realtà di Lugano: partire da una necessità del singolo e ampliarla. Cosa cambiare, quale problema risolvere? Le proposte che si sono susseguite sono state molte, ma quella che poi ci ha spinto nella condizione di sviluppare la nostra idea è stata quella di regalare un qualcosa che allietasse la giornata delle persone. Tante volte per iniziare bene la giornata non serve altro che una buona parola al momento giusto. Partendo dalla nostra esperienza con le persone, ci siamo accorte che queste non solo non hanno tempo da dedicare agli altri, ma che non ne hanno neanche da dedicare a loro stesse. Quindi, perché non regalare un’esperienza, durante la quale le persone potranno chiudere gli occhi e dedicarsi un momento di benessere solo per loro stesse?

The goal was to improve an aspect of the life of a small group of people in Lugano. Starting from an individual necessity and make it bigger. What to change, what problem to resolve? We found many different ideas but the one that we develop was gift an experience of wellness to the people. Start from our experience with other people, we realized that they don’t have time for the others, but also, that they don’t have time for themselves. So, why not give an experience where people will be able to close their eyes and take a moment of relax only for themselves?

13


THE MOST STRESSED OF EUROPE 37% of swiss people are stressed out, compared with 22% of the European average

100 %

75 %

50 %

25 %

0%

14


The survey was conducted by Kelly Services in the spring of 2005 and involved a total of 19,000 people. Swiss respondents were 1,372

100 %

75 %

50 %

25 %

0%

15


16


LOGO Il logo è interamente tipografico e sfrutta la teoria secondo la quale se si sottrae la parte superiore delle lettere dalle parole, esse risulteranno comunque leggibili. Togliendo una pezzo del carattere, portiamo lo spettatore a dare un’interpretazione personale del logo. Lo slogan è “The best way to see is closing your eyes”. LINEE GUIDA I colori guida del nostro progetto sono il grigio e il bianco. Il bianco viene solitamente utilizzato nella tipografia come spazio di riflessione. Nel nostro caso vuole rappresentare lo spazio e la libertà che lasciamo all’immaginazione dell’utente. Il grigio è stato scelto perché nella nostra società è il colore che associamo solitamente ai pensieri, inoltre essendo neutro, non influenza l’interpretazione del messaggio.

LOGO The logo is entirely typographic, and exploit the theory that, if we cut off the top of a letter would still be readable. Cutting of the letters, the user is free to give is own interpretation of the logo. The slogan is “The best way to see is closing your eyes”. TGUIDE LINE The colors of our project are grey and white. The white is usually used in typography as a space for reflection. Our aim was to represent the freedom that we gave to the imagination of the user. The grey was chosen because, normally in the collective, we associate it with thought. Also because it’s a neutral color, it doesn’t affect the message.

17


When the logo is used in smaller dimension, it change in this four possibible solutions.

18


STRUMENTI Come strumenti di comunicazione abbiamo realizzato: flyer, poster, adesivi e un gadget. Il filo conduttore tra tutti gli artefatti è il logo, che nei flyer e nei poster è sovrapposto ad una fotografia. Il gadget che abbiamo ideato è una fascia che le persone potranno indossare nel momento in cui decidono di abbandonarsi a un momento di quiete. Inoltre, la fascia che rimanda a quella utilizzata dalle persone non vedenti, non vuole solo essere un segno di riconoscimento, ma indurre anche le persone attorno a “vigilare” e rispettare chi la indossa.

TOOLS Our corporate includes: flyer, poster, stickers and finally a gadget. The logo is the link between each piece. The gadget is an elastic white band, similar to the one worn by blind people. It is a sign of identification and an invitation to the other people to protect people who wear it.

19


20


21


THE BEST WAY TO SEE IS CLOSING YOUR EYES – For more info www.closeyoureyes.ch

22


THE BEST WAY TO SEE IS CLOSING YOUR EYES – For more info www.closeyoureyes.ch

23


24


Nella cultura occidentale, chiudere gli occhi in momenti di interazione è indice di disattenzione o maleducazione. Abbiamo cercato di identificare alcune situazioni in cui questo gesto non è socialmente accettato; tra queste ritroviamo una galleria d’arte. Proprio quest’ultima ci è sembrata particolarmente interessante; migliorare la visione, per esempio di un’opera d’arte, escludendo il senso della vista era di per sé una forte contraddizione. Per testare il nostro progetto, il museo LAC (Lugano Arte e Cultura) ci è sembrata la scelta migliore, in particolare per la vastità del target.

In the occidental cultures, closing the eyes during moments of interaction, sometimes it could be interpreted as a sign of carelessness. We tried to identify some unusual situation where this action it ‘s not socially accepted. One of them is the art gallery. The idea was to improve the experience in front of an art piece. For testing our project, we went to museum LAC (Lugano Art and Culture), because it has an extended target.

25


LAC Lugano Arte e Cultura

MASI Museo d’arte della Svizzera Italiana

Spazio 1929 Lugano

26


27


28


RISULTATI È stato interessante constatare che i feedback ricevuti erano molto diversi tra loro. Alcuni degli intervistati hanno affermato che per quanto, chiudere gli occhi non bastava a liberare loro la mente; altri che per rifuggire dallo stress ognuno sviluppa un po’ il suo metodo che quindi non è necessariamente chiudere gli occhi. Il resto degli intervistati ha affermato che l’esperienza ha effettivamente avuto successo, chiudendo gli occhi e assaporando il momento sono stati in grado di interrompere la routine.

RESULTS The initial intent was to go to the LAC museum and testing there our project. Unfortunately we didn’t get the necessary permits. So we went to “Spazio 1929”, were we did the test. The visitors worn the band, and tried the experience of closing the eyes and relax; then they left us a feedback. It was interesting that all the feedback were different. For some of them, closing the eyes wasn’t enough for completely free the mind, while for others, it has been useful for escape from their routine, and in few cases remember some moments of fun.

29


30


31


Se dovessimo descrivere questo workshop in due parole queste sarebbero sicuramente: inteso e soddisfacente. Il processo che ci ha portato al compimento del nostro progetto non è stato privo di imprevisti ma anche questi ultimi sono stati utili allo sviluppo del nostro concetto. È stato un approccio molto diverso da quello a cui siamo state abituate finora, le tempistiche ci hanno spinto a dare il massimo in ogni momento e ad uscire dalla nostra realtà scolastica, portandoci a raffrontarci con i gli utenti. Il confronto con le persone è stata la sfida più grande ma è stato fondamentale per lo sviluppo e il miglioramento del nostro progetto.

32

We can describe this workshop in two words, we will probably choose: intense and satisfactory. The process that has lead to the conclusion of our project has not been without problems. It was a different way of working, with less time than usual and a real approach to users. Dealing with users was definitely the hardest part, but also the one that most help us to develop our plan.


patti.muffatti@gmail.com claudiatambella@icloud.com gretamolteni@hotmail.it leyla.towfik@gmail.com


DAY ONE

The subject 8th word of the 4th line on the second page of the book: Roccai, a surname that really has no meaning. The interview To find a meaning for Roccai we went on an interview trip in the city centre of Lugano. We asked a total of 14 subjects to tell us their story of Roccai. Especially we asked what they were thinking of when hearing the word Roccai; what kind of situation they felt to be in, what kind of feeling it gave to them, then how they would imagine it in an object or a person, finally we asked how they would spell it.

Il tema L’ottava parola della quarta riga sulla seconda pagina di un libro: Roccai, un cognome che non ha nessun tipo di significato nÊ alcuna attinenza con un qualsiasi oggetto della realtà . Le interviste Per trovare un significato alla parola Roccai abbiamo deciso di intervistare alcuni passanti nel centro di Lugano, raccogliendo un totale di quattordici differenti storie su Roccai. In particolare abbiamo chiesto ai nostri interlocutori di pensare a cosa questa parola gli ricordasse o gli trasmettesse, in quale situazione si immaginassero o di fronte a quale genere persona si sentissero di trovarsi. Infine abbiamo chiesto loro come avrebbero scritto questo nome in base a quello che si erano trovati ad immaginare.

3


DAY ONE

The old man We started taking the bus. We talked to an old man who imagined Roccai as a green mountain in Italy.

4

L’anziano Abbiamo iniziato prendendo il pullman in direzione centro di Lugano. Qui abbiamo avuto l’opportunità di parlare con il nostro primo interlocutore: un signore anziano che si è immaginato Roccai come un montagna verde in Italia.


DAY ONE

The architect Then we had a good conversation with a man who could have been in his thirties, he told us how Roccai sounded like an old Russian architecture style; he used words like visibility, order, imposingness and absence of light.

L’architetto Abbiamo avuto un’interessante conversazione con un uomo sulla trentina che si è subito immaginato nella situazione e ha condiviso con noi la sua associazione di questa parola ad uno stile architettonico russo, descrivendolo con aggettivi quali solido, ordinato, imponente e poco luminoso.

5


DAY ONE

The chesnuts man When we arrived in the town centre we first talked to a man who was selling chestnuts, he told os the story of an old, cold and abandoned mountain house in winter.

6

Il venditore di castagne Arrivati nel cuore di Lugano ci siamo immediatamente fermati a parlare con signore alle prese con la vendita di caldarroste la cui suggestione era quella di una vecchia casa diroccata e abbandonata tra le montagne durante la stagione invernale.


DAY ONE

The guys As we continued walking we met a young couple sitting on a bench. The guy said Roccai sounded like an Italian verb in past tense that meant something like breaking rocks, he imagined someone doing this somewhere in cold and far Siberia «Roccai, I Rock». The girl, on the other hand, said that it reminded her of a high quality cosmetic brand that produced gold packagings with red lipstick in it «Roccay».

I ragazzi Dopodiché abbiamo chiesto ad un coppia di ragazzi seduti su una panchina: il ragazzo sosteneva che Roccai suonava come una forma passata di un verbo italiano il quale significato doveva essere senza dubbio “spaccare le rocce” e diceva di associarlo alla Siberia, lui lo avrebbe scritto come “Roccai” in italiano e lo avrebbe coniugato in inglese con “Rock I”. La ragazza però non era d’accordo e controbatteva dicendo che per lei era il nome di una linea cosmetica di gran lusso e che non poteva che scriversi come “Roccay”: già si immaginava il suo rossetto rosso finemente confezionato in un packaging oro.

7


DAY ONE

The restaurateur We continued our trip and we interviewed two waitresses on a break. One of them told the story of an old Syrian city that was destroyed in the war; it has always been a sullen, dark, grey place, even before the war. The people there were submissive and violent, she also mentioned lapidation «Rokkai». The second waitress said that Roccai reminded her of an Italian wine brand; young and fruitful «Roccai».

8

I ristoratori Continuando con il nostro tour alla scoperta della parola “Roccai” abbiamo intervistato tre dipendenti di un bar, seduti all’aperto durante la loro pausa del mattino; la ragazza più giovane diceva che Roccai le ricordava il nome di una città siriana distrutta dalla guerra, grigia e cupa prima e dopo i bombardamenti, il cui popolo, sottomesso, aveva la brutale abitudine di lapidare le sue donne, qualora fossero ritenute nel peccato. Lei avrebbe cercato il nome di questa città utilizzando le lettere “Rokkai”. La donna che le sedeva di fronte aveva, invece, un’idea completamente opposta: ci vedeva una marca di un vino italiano giovane e fruttato.


DAY ONE

The candy girl We entered a candy shop and talked to a girl who, again, thought of Roccai ad a cosmetics brand, that is well seen.

La ragazza delle caramelle Il successivo incontro lo abbiamo avuto all’interno di un negozio di Caramelle. La ragazza addetta alle vendite si è trovata d’accordo sull’idea di un brand di cosmetica apprezzato dalla clientela.

9


DAY ONE

The blonde girl Our seventh attempt to find answers failed because an old lady that was waiting for the bus was not really happy to talk to us. But then, still in the same spot, we met an awesome blonde girl had a whole concept for Roccai. She had the vision of a Lounge/Bar for people in their thirties that can casually meet after having taken their work suit off. This place is in the town center, it plays contemporary music as background, has warm light, opens after lunch and serves awesome non-alcoholic cocktails that are not sweet and with few calories. She would go there alone or with friends «Rock-Ai».

10

La ragazza bionda Una ragazza bionda sulla trentina si è immaginata in lounge bar popolato da coetanei che dopo l’orario di lavoro, liberatisi da camicia e cravatta, si ritrovano in centro città per rilassarsi in un locale dall’atmosfera rilassata. Le luci qua sono calde e soffuse, la musica è contemporanea ma fa solo da sottofondo alle conversazioni, i cocktail sono leggeri, non troppo dolci e a bassa contenuto calorico. Lei dice che le piacerebbe andare da sola o magari con gli amici nel suo “Rock-Ai”.


DAY ONE

The teenagers On the bus on our way back to campus we had a little conversation with some young puberty girls that only could say that Roccai reminded them of a medieval castle that doesn’t exist in a non existing land far away.

Le adolescenti Durante il viaggio di ritorno abbiamo avuto modo di conversare solo con due ragazze sulla quindicina le quali non hanno saputo dirci molto a proposito della loro associazione della parola ad un castello medievale di un chissĂ quale lontano e fantastico luogo.

11


DAY ONE

The classmate Once arrived we talked to a classmate that said words like peak, rock, extrovert person, hard and determinate, serrate, sharp «Roccai». A school assistant instead imagined Roccai ad a mysterious person, enigmatic, someone from the past that has an eye for the future, someone intellectual. He keeps moving between places and is hard to meet.

12

La compagna Arrivati in università la nostra ricerca è proseguita intervistando una nostra compagna che ha saputo fornirci delle sensazioni specifiche legate a “Roccai”: quali l’idea di appuntito, di roccia, di forte, estroverso e solido.


DAY ONE

The school assistant A school assistant instead imagined Roccai ad a mysterious person, enigmatic, someone from the past that has an eye for the future, someone intellectual. He keeps moving between places and is hard to meet.

L’assistente Un’assistente ci ha invece suggestionato con la sua descrizione di un uomo misterioso, enigmatico, intellettuale, che viene dal passato ma che ha una forte coscienza del presente, un uomo però sfuggente e difficile da incontrare.

13


DAY ONE

The three engineers We took a quick round in the school cafeteria and spoke to three engineers. The first one told a story of a 40 years old samurai with a sharp sword and a little mustache «Rokkai». The next one mentioned a verb in the past tense that meant climbing rocks in a dangerous way «Roccai». And the last one imagined sharp, hard, form in a brown/grey color.

14

I tre ingegneri Spostandoci in caffetteria abbiamo intervistato un gruppo di tre ingegneri, il primo ci ha parlato di un samurai “Rokkai” sulla quarantina con i baffi e una spada finemente incisa. Quello al suo fianco ha menzionato anch’esso una forma passata di un verbo italiano che però in questo caso avrebbe dovuto significare “Arrampicarsi sulle rocce”. L’ultimo dei tre, invece, ha descritto una forma dura e spigolosa in un colore ibrido tra il grigio e il marrone.


DAY ONE

The second assistant We found another assistant that saw something serious, determinate, and exciting.

La seconda assistente Un’altra assistente ha visto in “Roccai” qualcosa di serio, determinato e entusiasmante..

15


DAY ONE

The friend Finally we talked to a guy, a friend of one of us, who had the vision of an old artist, a sculptor, who worked rocks and died crazy and suicidal.

16

L’amico Infine l’ultimo intervistato è stato un ragazzo, un conoscente, il quale ha associato alla parola l’immagine di un vecchio artista, uno scultore per la precisione, che utilizza la pietra, impazzito e morto suicida.


DAY ONE

Conclusions If Roccai was a person: he/she would not be young, but very intellectual, mysterious, very acculturated and enigmatic. If Roccai was a place/feeling: it would be made of stone, closed but that still has relations with the surroundings, isolate and desolate, winter and cold.

Coclusioni Se avessimo dovuto descrive un soggetto “Roccai” sarebbe stato certamente non giovane, molto riflessivo e intellettuale, misterioso ed enigmatico. Se invece avessimo dovuto descriverlo come un luogo fisico o metafisico sarebbe stato di pietra, chiuso ma in relazione con l’esterno, isolato e desolato, freddo e associato all’inverno.

17


DAY TWO

The concept We spent our time analyzing the most interesting answers, trying to read what desire the people put in them, so that we could find solution. “Change what for whom in which situation”. The architecture guy on the bus made us understand a need to create order and eliminate disorder, to create something stable and organized. The girls who imagined a cosmetic brand have a desire to appear in the eyes of new people in a way that is in itself violent and strong, but subtle and small on the outside. An other declination of violence is as something that helps you to let your feeling out, to confide (breaking rocks). The girl with the blonde hair that described a bar for example transmitted the desire to have a place a situation to socialize with other people or even meet new people; to feel at ease. We thought of solutions like putting two armchairs and two full glasses in the city centre to invite people to socialize, or to create a room in which you can destroy

18

Il concetto Abbiamo passato diverso tempo ad analizzare le diverse risposte raccolte durante la prima giornata, selezionando le più interessanti e cercando di comprendere quali fossero i desideri e i bisogni delle persone intervistate per trovare una soluzione quanto più conforme alle loro esigenze. “Cambiare cosa per chi in quale situazione” Abbiamo tradotto il racconto de “L’architetto” incontrato sul bus durante il viaggio di andata con un suo personale desiderio di creare ordine e di eliminare il disordine attraverso qualcosa di stabile e ordinato. Per quanto riguarda la ragazza che aveva visto in “Roccai” una linea di cosmetici, abbiamo intravisto nella sua visione una volontà di apparire in maniera forte agli occhi di nuove persone e di lasciarsi andare. La ragazza bionda che ci ha descritto il bar ci ha suggerito invece il bisogno di avere un posto e di creare situazioni che aiutino la socializzazione o l’incontro con persone nuove, soprattutto nel centro di una città come quella di


DAY TWO

things to confide. But when realizing which was the coolest story and its coolest element we had the idea of creating our own, special cocktail. Why special? Since the idea for the cocktail came from the girl with the socializing problem, we decided to use it as its solution: creating a cocktail that invites people to socialize. How it works: the complete Roccai cocktail is composed by four ingredients, so there are two pairs of liquids that you can drink alone, but you should mix all four to have the complete experience. Because of this, people who order a Roccai are invited to find somebody to mix their drink with, and therefore share it. So basically the cocktail creates a situation in which people start to socialize. In a few words you practically have to imagine: two bottles with two different mixes (Roc and cai) that together create Roccai. We decided that to make it even more special and authentic Roccai should be composed by local products. Finding four ingredients that could match together and also in pairs wasn’t easy, but we

Lugano dove le occasioni di questo tipo sono rare. Perché speciale? L’idea del cocktail arrivava proprio dall’intervista con la ragazza bionda alla fermata del bus, che abbiamo infine scelto come soggetto e come “idea di soggetto” per il quale progettare una soluzione che aiutasse e permettesse la socializzazione. Come funziona: un “Roccai” completo è costituito da un totale di quattro ingredienti i quali però sono scomposti inizialmente in due cocktail bevibili indipendentemente e separatamente, ma è solo miscelando le due bevande che si può godere dell’esperienza completa. Perciò, chiunque ordini un Roccai, per poterlo gustare appieno, è invitato a trovare qualcuno con cui condividere e miscelare il proprio drink, cosicché si creino i presupposti e le condizioni per la socializzazione. Il procedimento, nello specifico, è il seguente: due bottigliette con due differenti drink (Roc e Cai) che insieme formano un “Roccai”. Abbiamo pensato che per renderlo ancora più speciale e rappresentativo della città di Lugano

19


DAY TWO

thought about what color the cocktail should become, the answer “red” led us to the solution. We imagined a combination of wine and orange juice, and as an adding couple we chose rum and gazzosa (a Ticino product similar to sprite); these ingredients were just perfect because two of them are actually very typical of Ticino (wine and gazzosa).

20

dovesse contenere ingredienti locali. Poste queste condizioni, non è stato semplice inizialmente pensare a due cocktail che fossero buoni sia da soli che nella versione combinata, ma alla fine l’ispirazione ci è arrivata dopo aver scelto il colore che avrebbe dovuto avere il drink una volta miscelato, ovvero il rosso. A questo punto abbiamo immaginato una combinazione di vino rosso e arancia e una di rum e gazzosa (un prodotto tipicamente ticinese simile alla Sprite). La combinazione ci è sembrata, almeno sulla carta, perfetta perché avevamo la possibilità di utilizzare due prodotti locali quali il vino rosso (Merlot) e la gazzosa.


DAY TWO

The research To have an idea of what target we are going to refer to and what kind of habits they have we started a survey called “nights out”. We asked people how often they go out, when they go out and how old they are. This survey helped us understand with what kind of clients we are trying to work, and mostly try to understand them analyzing the situation.

La ricerca Per avere un’idea più precisa su quale fosse il nostro target di riferimento e su quali fossero le abitudini che lo caratterizzassero, abbiamo avviato un sondaggio con l’aiuto dei social networks. Abbiamo chiesto alle persone di specificare la loro età, di indicarci quante volte a settimana uscissero “a bere qualcosa” e di elencarci in quali giorni lo facessero più frequentemente. Questo ci ha permesso di avere un’idea più chiara della situazione e di poter immaginare sull’arco di una settimana quali potessero diventare i giorni migliori per una serata “Roccai”.

21


COCKTAILS PER WEEK:

+25

FAVOURITE DRINKING DAYS:


DAY TWO

23

COCKTAILS P

Il test Conclusasi la giornata in università ci siamo subito recati nel supermercato più vicino per acquistare i prodotti necessari a svolgere le prove per trovare la combinazione e le dosi perfette. E’ stata certamente una delle fasi più divertenti del progetto, non tanto per i cocktail bevuti in compagnia alla ricerca dell’equilibrio tra gli ingredienti, quanto per il fatto che nessuno di noi aveva una vera e propria esperienza nel campo. Volevamo che il nostro “Roccai” fosse un cocktail rosso, non troppo dolce e non eccessivamente alcolico, piuttosto leggero. Alla fine eravamo veramente soddisfatti del risultato e abbiamo avuto l’opportunità di ricevere anche alcuni feedback sul momento chiedendo ad alcuni amici presenti di assaggiarlo.

+25

The taste test After school we went directly to the supermarket and bought ourselves these ingredients to test the cocktail. This part of the project was one of the most fun ones, because we really experimented a field that none of us has never worked in that much. We wanted Roccai to be red, not sweet and a soft drink, so we spent our time finding the right balance. At the end we were really satisfied with the result; two of our friends even tried the finished drink and gave a nice feedback.


DAY THREE

The corporate Still based on the feedbacks from the interviews we started projecting the corporate identity. Since Roccai is meant to be shared, division and union were some of our leading keywords for the whole project, in addition to that we wanted to give it something like a retro and classy look. We started with some variants, but only when we inserted the keywords physically in the logo we arrived to our identity. We din’t use many elements but those we chose helped us to be always coherent and balanced, and always in an authentic relationship with the product. We projected the logo, the labels of the bottles, the instruction poster, the ingredient poster, the sticker gadgets and even some t-shirts. We started thinking about how to set up our presentation too: creating something like a pop up bar.

24

La corporate Rimanendo sempre fedeli alle osservazioni raccolte durante le interviste del primo giorno e ai valori che il nostro stesso cocktail e progetto aveva ormai assorbito abbiamo iniziato a progettare la brand identity e di conseguenza la corporate. Roccai è sinonimo di unione, divisione e condivisione e queste sicuramente sono state le parole chiave che hanno guidato la nostra sperimentazione al momento dell’identificazione del visual; abbiamo svolto numerose varianti del logo ma è solo quando siamo riusciti a trasporre il concetto stesso di unione/divisione, con l’uso espressivo della tipografia, all’interno del logo che abbiamo iniziato ad avere una visione più chiara di come sarebbe stato poi il risultato finale del nostro lavoro. Abbiamo inoltre cercato di dare all’immagine che stavamo creando un tono retrò e un aspetto che fosse il più possibile “di classe”. Dopo il logo, abbiamo realizzato le etichette per le bottiglie, il poster con le istruzioni e con la composizione del cocktail, gli stickers da utilizzare come gadget e le magliette. Inoltre abbiamo anche progettato anche la modalità di presentazione di “Roccai” ovvero una sorta di pop up bar.


Ingredients: rum - gazzosa ticinese limone

DAY THREE

Logo

Labels

25


DAY THREE

The feedback of the idea The same evening we went again to the city centre of Lugano with the idea to present our project to some bars that we believed suitable. We went to Vanini in piazza Dante; a very nice, thirty years old waitress was found of our concept and told us that she could imagine to enjoy a situation like the ones Roccai is meant to create, and that she could imagine the cocktail to be successful. Later we talked with a friend of ours that works at Seven Lounge Bar, she told us that she never imagined that there could be a solution for not-socializing in a cocktail, so she was excited to try it. We appreciated these feedbacks a lot, the motivated us to improve the whole Roccai experience.

26

I feedback La sera stessa siamo andati in giro per il centro di Lugano con l’idea di presentare il nostro progetto a diversi lounge bar locali che condividessero il nostro target di riferimento. Il primo locale a cui abbiamo chiesto un riscontro è stato il Vanini di Piazza Dante nel quale abbiamo potuto conversare con una disponibilissima barista sulla trentina, la quale si è dimostrata entusiasta della nostra idea e si è immaginata una serata Roccai come un evento che avrebbe potuto riscuotere un buon successo. Più tardi, nel corso della serata abbiamo anche avuto modo di parlare con una nostra conoscente che ha lavorato per un periodo presso il Seven Lounge Bar, forse il locale più esclusivo della città di Lugano. Ci ha riferito che la nostra idea l’aveva colpita molto: non aveva mai pensato di poter fare di un cocktail un pretesto per la socializzazione e ci ha detto infine di essere molto curiosa di provarlo. In generale abbiamo davvero apprezzato questa esperienza poiché ha alimentato e incrementato l’entusiasmo e la fiducia che già avevamo per il progetto. Ci ha reso impazienti di testare un “Roccai” in una situazione reale.


27

ROC CAI

LEMON GAZZOSA

RED WINE

ROC CAI

DARK RUM

ORANGE JUICE

Instructions and ingredients

ROC CAI


DAY FOUR

The preparation Day four was the most practical day, printing, cutting, sticking, testing, printing, cutting, sticking, testing and again and again, start over, correct the mistakes and again printing, cutting, sticking, testing. We prepared everything ourselves for the big test.

28

La preparazione Il quarto giorno è stato interamente dedicato alla fase pratica: stampare, ritagliare, provare, modificare, sistemare, tutto questo per un numero non quantificabile di volte. Tutto doveva essere pronto per il primo grande test.


DAY FOUR

29


DAY FOUR

The test We had the great fortune that our school organized a little Christmas party at the campus, so we had the perfect scenario to introduce Roccai. We improvised a bar and decorated it with the coherent style of the corporate. We presented 30 prototypes and in fifteen minutes they were far gone. Everyone was immediately enchanted by the presence of our bar and curious to know what it was about. The word of the project spread fast and so many people gathered that it was easy for them and for us to find them a partner to share Roccai with. This test was such a great accomplishment: we got awesome feedbacks for the taste of the cocktail, and for the idea itself. We also really enjoyed bringing people together and watching them getting to know each other over our drink. We collected motivation to present this project to our classmates and teachers and everyone interested!

30

Il test Abbiamo avuto l’incredibile fortuna che la nostra università organizzasse proprio allo scoccare del nostro quarto giorno di lavoro, un aperitivo di Natale per tutti gli alunni, i collaboratori e i docenti e non potevamo non sfruttare questa occasione per presentare il nostro “Roccai”. Abbiamo allestito un pop up bar, preparato un’esiguo numero di prototipi, necessari a testare il drink e l’esperienza su un campione di trenta soggetti. Iniziato l’aperitivo, il nostro pop up bar è stato subito circondato dal primo gruppo di curiosi e in meno di 15 minuti eravamo letteralmente sovrastati dalle richieste. Aiutati dal poster con le istruzioni, abbiamo spiegato ad ogni persona che ha voluto testare la nostra esperienza il procedimento e abbiamo chiesto loro di scegliere uno sconosciuto con cui provare questa condivisione. Siamo rimasti davvero soddisfatti nel vedere come le persone interagivano tra loro e si scambiavano le loro opinioni a partire dall’idea stessa del cocktail. Tutti i feedback raccolti sono stati positivi, sia quelli riguardanti l’esperienza sia quelli riguardanti la composizione del cocktail.


DAY FOUR

31


DAY FOUR

32


DAY FOUR

33


DAY FOUR

34


DAY FOUR

35


DAY FOUR

36


DAY FOUR

37


DAY FOUR

38


DAY FOUR

39


DAY FIVE

The presentation Finally, and sadly, the last day arrived. After we spent the night working on this book and on some products preparation, like cleaning the little bottles and label them, we arrived on Friday morning with much enthusiasm. We prepared exactly the same things ad the day before with the test, only this time we added the stickers and we invested a lot in creating the right ambient; we wanted to create the full experience, a real bar in which you walk in to share a Roccai, so we even created our t-shirts. We moved the furniture in our atelier so that, we could present our work in the best way possible. Then the presentation circle started. We followed the projects of our classmates and saw what they have been doing for the whole week. It was very interesting to see how everyone developed something different and itself new. When our presentation started, we stopped everyone at the door of our atelier to say a few words on how we came to this idea and how we developed it, then we decided to let the project speak for itself and opened the doors to the Roccai experience. We 40

La presentazione Alla fine, un po’ anche tristemente, l’ultimo giorno è arrivato. Dopo aver passato la notte a lavorare su questo libro e a portarci avanti con la preparazione di tutti gli elementi per il giorno successivo, come ad esempio lavare le bottiglie ed etichettarle, siamo arrivati a venerdì mattina ancora più entusiasti e motivati a rendere la presentazione finale un vero successo. Abbiamo svolto tutti i preparativi esattamente come li avevamo testati il giorno prima, con alcuni ulteriori accorgimenti per migliorare l’ambiente circostante e l’atmosfera: volevamo creare un vero bar dove la gente potesse provare, in un modo che fosse il più realistico possibile, questa esperienza della condivisione di un Roccai; abbiamo perciò studiato anche le luci e il sottofondo musicale, abbiamo creato degli stickers da regalare ai “clienti” e abbiamo preparato le magliette con il logo. Il lounge Roccai lo abbiamo creato all’interno del nostro atelier con il medesimo arredamento di ispirazione “Industrial” utilizzato il giorno precedente. Nel primo pomeriggio sono iniziate le presentazioni di tutti i workshop svolti parallelamente nel corso della settimana


DAY FIVE

showed a quick introduction on how the sharing part works and then we let the fun begin. We were so proud, everyone was as enthusiastic as we have been for the whole week about this project. They saw the effort we put in it and appreciated it. It was a total success, everyone was happy because of the great product we created, what could we want more. We shared a Roccai to and went on to celebrate.

dai nostri compagni, a noi è stato affidato il compito di concludere il giro di presentazioni. Arrivati al nostro turno, abbiamo aspettato che le persone si raccogliessero vicino all’entrata, abbiamo detto loro i principi base del nostro progetto senza però svelare il risultato finale, volevamo infatti che il nostro “Roccai” parlasse da solo, senza che noi dovessimo necessariamente spiegare nel dettaglio tutte le fasi della sua creazione; abbiamo solo deciso, per necessità pratiche, che una volta che avessimo accolto le persone nel nostro spazio, avremmo svolto una piccola dimostrazione di come condividere un Roccai, così da agevolare e velocizzare il servizio. Eravamo veramente orgogliosi del nostro progetto e leggevamo un forte entusiasmo anche negli occhi delle persone che stavano assistendo e partecipando all’esperienza. Alla fine possiamo dire che è stato un successo totale, tutti sono rimasti colpiti dal progetto e abbiamo ricevuto numerosi complimenti. Concluso il servizio, abbiamo condiviso anche noi un Roccai e siamo andati a festeggiare insieme a tutti i partecipanti ai workshop.

41


DAY FIVE

42


DAY FIVE

43


DAY FIVE

44


DAY FIVE

45


DAY FIVE

A few last words We really want to thank Martin and our Design Jam team. It was a hard, intense, struggling but awesome and satisfying week for everyone, and we enjoyed every second of it. Martin was such a great supervisor, his motivation, his creativity and his skills inspired us to aim a great goal, a greater project. He was always positive and it was great to see the enthusiasm in his eyes, he is a person who cares and we felt it. He taught us how from nothing we can create something important and impressive! It is for sure that we will remember this workshop for the rest of our lives and careers, thank you!

46

Qualche parola per concludere Ringraziamo di cuore Martin e tutti partecipanti al workshop “Design Jam”. E’ stata certamente un’esperienza dura, intensa, stancante ma davvero grandiosa, entusiasmante e soddisfacente, siamo riusciti ad apprezzare ogni secondo passato a lavorare su questo progetto. Martin è stato una grandissima guida in questo percorso, la sua motivazione e la sua creatività e la sua abilità nel trasmettere ci hanno portato ad un risultato davvero sorprendente! Si è sempre dimostrato disponibile ed entusiasta. Siamo sicuri che l’esperienza di questo workshop ci rimarrà per sempre impressa nonché di grande aiuto per i progetti che svolgeremo in futuro. Grazie di cuore!


DAY FIVE

47


CONTACTS davide.fornari@supsi.ch foessleitner@hi-pe.at

PUBLISHED 2015 by www.hi-pe.at Š


ROCCAI

CAMPUS TREVANO / CANOBBIO

DESIGNJAM 2015 – CAMPUS TREVANO / CANOBBIO

Dec 14 -18, 2015

design jam Supsi Lugano  

projects of the workshop organized by Davide Fornari at SUPSI in Lugano

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you