Page 1

Poste Italiane SpA - spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 22, DCB Vicenza

Anno LX agosto 2021

il pellicano Periodico di FIDAS Vicenza • Associazione Donatori di Sangue della provincia di Vicenza


sommario Info . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Editoriale Dal territorio al cuore: le diverse sfaccettature della donazione di sangue di Chiara Peron presidente provinciale Fidas Vicenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5

Assemblea Provinciale Il 2020 anno difficile, ma i 20.331 donatori Fidas hanno garantito 29.548 donazioni di Matteo Crestani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6

Giornata mondiale del donatore di sangue Vicenza si tinge di rosso A cura della Redazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

9

Salute e stili di vita Verranno con certezza i giorni più belli da vivere di Angelo D’Onofrio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

11

Commissione Scuole Fidas Vicenza incontra online tremila studenti vicentini per promuovere il dono di Matteo Crestani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

Vita di Gruppo Zona Vicenza Città . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Zona 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Zona 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 Zona 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 Zona 7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Zona 9 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 Zona 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 Zona 11 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

Ricordiamo a tutti i donatori che è possibile recarsi ai centri raccolta sangue soltanto indossando la mascherina chirurgica. La mascherina personalizzata Fidas Vicenza potrà essere utilizzata in sicurezza in tutte le altre circostanze.


info Orario dei centri trasfusionali - raccolta sangue (portare sempre documento di identità e tessera sanitaria nuova) VICENZA tel. 0444 753910 – e-mail: centrosangue@aulss8.veneto.it Donazioni: 8.00-11.30 tutti i giorni feriali e domeniche Prelievi idoneità/controlli: 8.00-12.30 dal lunedì al sabato, 10.00-12.00 domenica (idoneità nuovi donatori) Aperture domenicali (no prima donazione): 29 agosto – 12/19/26 settembre – 10/24 ottobre 14/28 novembre – 5/19 dicembre NOVENTA VICENTINA tel. 0444 755794 – e-mail: raccoltasangue.noventa@aulss8.veneto.it Donazioni: 8.00-10.30 martedì e venerdì feriali (martedì chiuso se aperto la domenica precedente) Prelievi idoneità/controlli: 10.00-12.00 Aperture domenicali:17 ottobre – 14 novembre SANDRIGO tel. 0444 756464 – e-mail: centrosangue@aulss8.veneto.it Donazioni: 8.00-11.30 Aperture: 15/29 settembre – 6/20 ottobre – 3/17 novembre – 1/12/15 dicembre LONIGO tel. 0444 431316 - e-mail: donazionesangue.ovest@aulss8.veneto.it Donazioni: 7.30-10.00 martedì e venerdì feriali Aperture sabato: 25 settembre – 23 ottobre – 27 novembre – 18 dicembre MONTECCHIO MAGGIORE tel. 0444 708310 – e-mail: donazionesangue.ovest@aulss8.veneto.it Donazioni: 7.45-10.00 dal lunedì al venerdì telefonare per prelievo idoneità Aperture sabato: 11 settembre – 9 ottobre – 7/13 novembre – 11 dicembre VALDAGNO tel. 0445 423275-76 – e-mail: donazionesangue.ovest@aulss8.veneto.it Donazioni: 7.30-10.00 dal lunedì al giovedì (chiuso martedì) Aperture sabato: 4/18 settembre – 2/16 ottobre – 6/20 novembre – 4 dicembre SANTORSO tel. 0445 571465 Possibile prenotazione telefonica per Schio e Thiene: 8.00-12.30 – 13.00-15.30 SCHIO tel. 0445 598132 – e-mail: cts@aulss7.veneto.it Donazioni: 8.00-11.00 dal lunedì al venerdì Aperture sabato: 21/28 agosto – 11/18 settembre – 9/16 ottobre – 13/20 novembre 11/18 dicembre THIENE tel. 0445 388467 - 327 5986026 – e-mail: cts@aulss7.veneto.it Donazioni: 8.00-10.30 dal lunedì al venerdì Aperture sabato: 7 agosto – 4 settembre – 2 ottobre – 6 novembre – 4 dicembre ASIAGO tel. 0424 604321 – e-mail: cts.bassano@aulss7.veneto.it Donazioni: 8.00-11.00 Aperture domenicali: 12/26 settembre – 10/24 ottobre – 14 novembre – 12 dicembre BASSANO DEL GRAPPA tel. 0424 888701 – e-mail: cts.bassano@aulss7.veneto.it Donazioni: 7.30-10.30 tutti i giorni feriali Aperture domenicali: 22 agosto – 19 settembre – 17 ottobre – 7/21 novembre – 5/19 dicembre MAROSTICA tel. 0424 888258 - 366 658992 – e-mail: cts.bassano@aulss7.veneto.it Donazioni: 8.00-10.30 tutti i giovedì feriali Chiusure annuali: festivi ed agosto A causa del Coronavirus potrebbero esserci delle variazioni rispetto a quanto indicato. Si prega eventualmente di rivolgersi alla segreteria Fidas Vicenza o al proprio Gruppo di riferimento.

Orario di apertura al pubblico della Segreteria provinciale Via F. Baracca, 204 - 36100 Vicenza Tel. 0444 965636 -

Dal LUNEDÌ al VENERDÌ dalle 9.00 alle 13.00 dalle 14.00 alle 18.00 SABATO dalle 8.30 alle 12.30

Aperture per candidati donatori domenica 19 settembre CENTRO RACCOLTA VICENZA domenica 7 novembre CENTRO RACCOLTA MONTECCHIO MAGG.RE domenica 12 dicembre CENTRO RACCOLTA SANDRIGO

Si informa che è garantita la retribuzione (limitatamente al tempo necessario all’accertamento dell’idoneità e relative procedure) anche a chi si reca al centro trasfusionale/raccolta per iniziare o riprendere a donare; su richiesta, la Segreteria del centro emetterà il certificato da consegnare al datore di lavoro.

Programmazione 2021 invio articoli e foto per Il Pellicano

da trasmettere a: pellicano@fidasvicenza.com 2 novembre 2021

il pellicano Anno LX n. 2 agosto 2021 Redazione: Via Francesco Baracca 204 - Vicenza Tel. 0444 965636 Direttore editoriale: Chiara Peron Direttore responsabile: Matteo Crestani Commissione “Il Pellicano”: Denise Canaglia, Matteo Crestani, Bruno Lazzarini, Simone Maschio, Luca Passuello, Pierfranco Rossi, Maria Beatrice Vezzaro Autorizzazione del Tribunale di Vicenza n. 194 del 09.12.1965 Iscrizione al Roc n. 21052 del 02.05.2011 Progetto grafico ed impaginazione: Luca Baldazzi Copertina: composizione immagini Pixabay Stampa: Tipografia Peretti - Quinto Vicentino (VI) Tiratura: 20.000 copie Chiuso in redazione il 02.08.2021


Editoriale Chiara Peron presidente provinciale Fidas Vicenza

Dal territorio al cuore: le diverse sfaccettature della donazione di sangue

C

ari donatori, soci onorari, amici e simpatizzanti, ben ritrovati a questo nuovo appuntamento con Fidas! Si parte dal territorio, per arrivare al cuore dell’Associazione. Fidas Vicenza, con i suoi ventimila donatori di sangue si è fatta grande proprio grazie all’operosità dei Gruppi sparsi per la provincia, che prendono le sembianze di “sentinelle”, di veri e propri “talent scout”, sempre attenti a ricercare nuovi aspiranti donatori e, allo stesso tempo, a cogliere le necessità di chi ha bisogno. I Gruppi, il cuore di Fidas Vicenza, che senza mai stancarsi si mettono a disposizione anche della cittadinanza, come accaduto in piena pandemia da Covid-19, per dare supporto ai poli vaccinali. I Gruppi fanno attività di promozione al dono del sangue, sono pronti ad intervenire richiamando all’appello i donatori, non appena ve ne sia la necessità, per supportare il Dipartimento interaziendale di Medicina trasfusionale. Donare il sangue significa donare la vita, offrire una seconda possibilità a chi è in difficoltà, senza voltargli le spalle o andare oltre pensando che ci sarà qualcun altro che farà al posto suo. Ricordo con gioia gli occhi lucidi e la voce tremolante di un donatore, Roberto Compagnin, che il 17 luglio 2021 è stato premiato per le sue 236 donazioni. Donare il sangue è un grande atto di generosità. E, quando ci si trova di fronte a donatori che hanno raggiunto traguardi di questa portata, si comprende ancora meglio quanto sia importante credere in ciò che si fa per il prossimo. Fidas Vicenza chiude il primo semestre 2021 con 15.382 donazioni (+586 donazioni rispetto al 2020), un entusiasmante risultato, dato dal grande senso di responsabilità dei donatori, dimostrato in ogni occasione, ed in particolare nel 2020 attraverso continue corse (emergenze) e rallentamenti (lockdown e chiusura attività ospedaliera). Un ottimo risultato che oggi risente, tuttavia, di criticità in alcuni centri trasfusionali, in particolare dell’Alto Vicentino. Nel mio editoriale dell’edizione de “Il Pellicano” di dicembre 2020 scrivevo: «Mai perdersi d’animo, anzi, ad ogni criticità, troviamo la soluzione. Per il benesse-

Anno LX Agosto 2021

re di tutti». E questo proposito, oggi, è ancora più marcato. In questi ultimi mesi siamo vittime di parecchi e gravi disagi, mai accaduti prima d’ora. Non solo la carenza di medici su tutto il Dimt, causa disservizi, ma in alcuni centri trasfusionali lasciano a desiderare anche organizzazione e gestione delle criticità. Da marzo 2021 ci siamo adoperati come Associazione per individuare con l’Ulss interessata delle soluzioni attraverso il dialogo, ma a nulla è servito. Noi donatori siamo persone, non distributori automatici. Abbiamo delle esigenze e dei valori. Siamo un patrimonio umano da salvaguardare. Ecco, questi aspetti credo siano altamente da considerare per dare maggiore rispetto al gesto solidale ed altruistico che i donatori compiono ogni giorno. La riconoscenza verso i donatori vicentini non ha eguali. Per questo, il Consiglio di Presidenza ed Io abbiamo accolto una proposta della Zona di Vicenza Città ed avanzata direttamente al sindaco Francesco Rucco, per poter dedicare uno spazio evocativo ai donatori all’interno del costruendo Parco della Pace. Fidas Vicenza quest’anno festeggia 62 anni. È un’Associazione fatta di PERSONE: di responsabili associativi, di volontari e, prima di tutto, di DONATORI e DONATRICI che hanno intrapreso questo percorso ognuno mosso da una motivazione personale. E quest’area dedicata vuole essere un punto di riferimento per Fidas Vicenza provinciale, per tutti i suoi 79 Gruppi e 9 Zone e per tutti i suoi donatori. Vuole rappresentare “LA VITA”: la vita di tanti pazienti che sono riusciti a vincere la malattia ed oggi ci ringraziano dell’aiuto, un omaggio alle famiglie di quei pazienti che si sono abbandonati al silenzio. Un inno alla vita che vi chiedo, cari donatori, di valorizzare ogni giorno attraverso la vostra donazione. Il periodo estivo è tradizionalmente legato ad un calo di donazioni. Molti vanno in vacanza e chi lavora non sempre può facilmente chiedere il giorno per recarsi a donare. Vi chiedo di compiere uno sforzo straordinario, in quanto gli ospedali non chiudono mai ed i malati hanno sempre bisogno del nostro “DONO”. ●

5


Assemblea Provinciale

L

a pandemia da Coronavirus ha lasciato il segno, ma Fidas Vicenza, con il suo esercito buono di volontari non si è ritirata dalla prima linea nemmeno per un istante. “Sono trascorsi oltre 14 mesi da quando tutto è iniziato. La pandemia ha cambiato la

tare una pesante crisi economica, sociale, relazionale che lascerà in tutti noi dei postumi di cui sentiremo gli effetti a lungo. Anche Fidas Vicenza ha sofferto di questa situazione, ma in silenzio, nel rispetto delle vittime, continuando ad operare per coloro che ne hanno bisogno. Oggi stiamo iniziando a vedere la luce in fondo a questo tunnel, grazie all’avanzare delle vaccinazioni ed alla tanta voglia di riappropriarci della nostra “vecchia normalità”. Ed è con questo ottimismo che vogliamo continuare imperterriti la nostra mission”. Donazioni in equilibrio, nonostante gli “ostacoli”. Il bilancio delle donazioni di sangue del 2020 è stato in sostanziale equilibrio. Grazie a tutti i 20.331 donatori di Fidas Vicenza, di cui 1.221 nuove leve, l’Associazione ha assicurato al sistema sanitario

Il 2020 anno difficile, ma i 20.331 donatori Fidas hanno garantito 29.548 donazioni di Matteo Crestani nostra vita. Il Covid-19 – esordisce la presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron, in occasione dell’assemblea provinciale svoltasi il 21 maggio 2021, in modalità online, dalla sede di Confartigianato Vicenza – ha innescato e sta continuando ad alimen-

La presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron

6

Anno LX Agosto 2021


Assemblea Provinciale ben 29.175 donazioni, contro le 29.548 del 2019 (con un calo, quindi, di sole 373 donazioni), confermando Fidas Vicenza quale prima federata nel Veneto e terza a livello nazionale. “Dietro a questi numeri c’è un grande lavoro. I risultati ottenuti, in questo momento particolare – aggiunge la presidente Peron – sono stati possibili, infatti, grazie a molti sacrifici da parte di tutti, donatori in testa, nonostante la perdurante crisi di organico del personale trasfusionale, il caso di virus autoctono Dengue a Montecchio Maggiore e la conseguente chiusura totale del Centro, la lunga ristrutturazione del centro sangue di Lonigo. Senza considerare che, durante tutto il 2020 abbiamo dovuto affrontare ben cinque emergenze sangue, che ci hanno messo a dura prova”. Oltre cento donatori al mese arrivano dal web. Volontari ed internet si sono confermati nel primo caso, rivelati nel secondo, degli alleati irrinunciabili. “I volontari, anche durante il periodo Covid – sottolinea la pre-

sidente Peron – hanno prestato la loro opera con la chiamata/prenotazione dei donatori, non essendo stata ammessa la loro presenza in tutti i centri trasfusionali. Il miracolo del web, inoltre, si è rilevato prodigioso. La nostra vita diventa sempre più virtuale, sempre più frequentemente gli aspiranti donatori inviano la loro disponibilità al sito fidasvicenza.com. Sta poi ai Gruppi, le sentinelle di Fidas Vicenza nel territorio, una volta in possesso della promessa di donazione, contattare gli aspiranti per accompagnarli nel percorso di donazione”. I Giovani Fidas sempre più organizzati e numerosi. Il Coordinamento Giovani è nato con numeri davvero modesti, ma negli anni, attraverso il rafforzamento della condivisione dei progetti e con il rinnovamento dei direttivi di Gruppi e Zone, i rappresentanti sono decisamente aumentati. “Qualche anno fa, alla prima riunione del Coordinamento Giovani – spiega la sua rappresentante, Alisea Salmaso – attorno al tavolo eravamo in sette. Avevamo idee

Un momento dell’assemblea

Anno LX Agosto 2021

7


Assemblea Provinciale buone, tanta grinta, ma comunque eravamo soltanto il sette… All’ultima riunione, tre mesi fa, ci siamo riunito online, per dare gambe al nuovo gruppo di lavoro, e ben 40 giovani hanno portato il proprio contributo con energia e tanto entusiasmo. Riprendiamo il lavoro, quindi, poiché di tempo da recuperare ce n’è molto e, soprattutto, perché il futuro è carico di speranze e voglia di crescere”. Progetto Scuole. Fidas Vicenza vince la sfida della Dad. La Dad non ha fermato Fidas Vicenza, nonostante le prime comprensibili difficoltà legate da questa rivoluzione nel modo di comunicare e fare scuola. “Superate le prime difficoltà legate ai cambiamenti delle programmazioni scolastiche ed all’uso di strumenti tecnologici non abituali – spiega la referente del Progetto Scuole, Luisa Segato - abbiamo realizzato alcuni progetti ancora in corso, che hanno coinvolto le scuole elementari e medie. Alle attività di sensibilizzazione al dono, tradizionalmente svolte di concerto con le altre Associazioni del dono, si aggiunge il “Concorso a Scuola

di Dono”, che ha visto protagoniste 12 classi delle scuole elementari e 10 delle scuole medie. Ed i lavori eseguiti dai piccoli allievi verranno utilizzati nella propaganda/ social, arrivando a coinvolgere le famiglie dei ragazzi. Il desiderio è che altri giovani entrino a far parte del Progetto Scuole, poiché è fondamentale la promozione di queste iniziative tra coetanei”. Manifestazioni ancora sospese, ma non la voglia di ripartire. Il protrarsi della pandemia non consente ancora a Fidas Vicenza di pianificare eventi, quindi bisognerà dire arrivederci all’anno prossimo a monte delle attività che rappresentano un momento d’incontro tra Associazione e donatori. Quello che ci sentiamo di dire con forza e determinazione, però – conclude la presidente Peron – è che i tempi, per quanto brutti siano, non devono negativamente incidere sulla sensibilizzazione e propaganda al dono del sangue. I malati stanno aspettando noi: il nostro regalo continuo e disinteressato deve giungere ai loro letti di degenza”. ●

Un momento dell’assemblea

8

Anno LX Agosto 2021


Giornata mondiale del donatore di sangue

N

on è un giorno come un altro. Lunedì 14 giugno 2021 è stata celebrata la Giornata mondiale del donatore di sangue. Un giorno importante per tutti i cittadini, prima ancora che per i donatori, che sono gli artefici di una missione di solidarietà che si compie ogni giorno, in silenzio,

crede. Comunicare il dono, continuare a battere con un’informazione precisa e convincente, però, è fondamentale per stimolare i cittadini a diventare donatori, per se stessi e per garantire al prossimo una speranza quando è in una situazione di difficoltà”. La pandemia da Coronavirus ha lasciato segni profondi, non solo nei corpi, ma anche nelle anime. “Il Covid, ci ha permesso di comprendere che nessuno vive al di fuori della comunità in cui si trova – aggiunge la presidente Peron – abbiamo bisogno di condivisione, di reciproco aiuto e sostegno. È una battaglia sociale quella che stiamo combattendo. E per vincerla l’unica arma è la sensibilità e l’attenzione verso il prossimo. Occorre agire e pensare con amore, in modo altruista, perché se non si abbattono le barriere della paura e molti pregiudizi ancora vivi anche rispetto alle trasfusioni, non è possibile guardare all’orizzonte”. I numeri di Fidas Vicenza sono importanti, ma non si può abbassare la guardia. Grazie ai suoi 20.331 donatori, Fidas

Vicenza si tinge di rosso A cura della Redazione ma esprimendo uno slancio d’amore che, invece, dovrebbe riuscire a fare tanto rumore. E per ribadirlo Fidas Vicenza ha disseminato per la città numerose colonnine portagel, per richiamare l’attenzione dei cittadini e lasciare un segno chiaro dell’intenzione di raggiungere un obiettivo comune. “Non cerchiamo clamore, né riconoscenza – spiega la presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron – in quanto l’atto della donazione di sangue è volontario e chi dona non cerca gratificazioni, ma lo fa perché ci

Anno LX Agosto 2021

99


Giornata mondiale del donatore di sangue

Vicenza, ha assicurato al sistema sanitario ben 29.175 donazioni, confermandosi quale prima federata nel Veneto e terza a livello nazionale. “I numeri sono importanti, ma dobbiamo valutare anche l’impegno di ciascun donatore nel fare opera di proselitismo. Donando il sangue di dona una parte di sé – sottolinea la presidente Peron – ma non si perde nulla, anzi si guadagna in salute e qualità della vita, senza contare il bene che si fa al prossimo, che dovrebbe essere, da sola, la prima motivazione a portarci a dire sì alla donazione. Siamo orgogliosi del lavoro che i nostri donatori fanno ogni giorno nel territorio, attraverso i Gruppi Fidas sparsi per la provincia, ma occorre stimolare ancor di più le famiglie ed il mondo dell’istruzione”. Faro acceso su famiglie e mondo della scuola. “L’educazione non si può delegare. Il primo soggetto a lanciare un messaggio di sensibilizzazione al dono del sangue – prosegue la presidente Peron – può e deve essere la famiglia, dove ci sono gli affetti più importanti, dove si affrontano i pro-

10

blemi della vita. Anche alla scuola, cui compete l’aspetto educativo, però, chiediamo un supplemento di attenzione: nei programmi si dovrebbe pensare a percorsi mirati a sensibilizzare i giovani rispetto al mondo del volontariato, al valore del dono per garantire la vita. In gran parte un lavoro che viene svolto, grazie alla nostra presenza con volontari dedicati nelle scuole di diverso ordine e grado, ma che può essere implementato, per il bene di tutti”. Social sì, ma anche sociali… “Dal nostro sito web, www.fidasvicenza.com, arrivano oltre cento promesse di donazione al mese. Un dato importante – conclude la presidente Peron, che ci fa comprendere la pervasività nella nostra vita di questi mezzi, compresi i Social, ma che al tempo stesso non può integralmente soddisfarci. Proprio per questo, a partire dai nostri Gruppi nel territorio stiamo spronando a svolgere un lavoro informativo e divulgativo preciso sulla donazione di sangue, per stimolare i vicentini a diventare dei nostri e dare una seconda opportunità a chi ha bisogno”. ●

Anno LX Agosto 2021


Salute e stili di vita Angelo D’Onofrio, psicologo e psicoterapeuta di formazione ed orientamento psicoanalitico. Già docente di Psicologia dinamica presso il Centro Ricerche Biopsichiche di Padova e coordinatore della sezione veronese “G. Guantieri” della Società Italiana di Medicina Psicosomatica dal 2014 al 2016, ha pubblicato diversi libri ed articoli su varie riviste.

Q

uando c’è l’occasione di presentarsi ad un nuovo pubblico, si avverte un senso di ansia e di perplessità insieme, anche per chi, come il sottoscritto, ha pubblicato diversi libri ed ha collaborato, in qualità di psicoanalista, con diverse riviste scientifiche.

invece, gli elementi condivisi, sì da potersi intendere anche se non si è d’accordo su tutto. So che è difficile essere tutto questo ed altro, perché il pubblico dei lettori è sempre più segmentato, articolato per interessi e richiede interventi sempre più differenziati. Pertanto, vorrei lettori in grado di porsi degli interrogativi, ai quali dare risposte legate alla storia personale e non calate dall’alto. C’è chi ritiene che i problemi di salute personali siano dispetti di un destino cinico, mentre altri sanno che sono solo esiti della loro biografia. Per i secondi vale l’etica della responsabilità, per la quale il soggetto è responsabile per quello che è, che fa e che diventa, sia in confronto a se stesso che nei rapporti con gli altri. Cercare la verità con il paziente è un viaggio fatto insieme. È un viaggio nel quale si cerca la direzione giusta, ma lavorando insieme, trovando insieme le soluzioni. Del resto, “terapia” è soprattutto attenzione nei confronti dell’altro. Il tempo per capire non è mai perso. Quando ci lamentiamo di un disagio, dovremmo sempre chiederci quale posizione noi occupiamo nel disagio di cui ci lamentiamo. Non è infatti la stessa cosa essere adulti e funzionare da adulti mentalmente. Così come quando ci succede di lamentarci di come ci trattano gli altri, dovremmo interrogarci sul modo in cui noi abbiamo

Verranno con certezza i giorni più belli da vivere di Angelo D’Onofrio Chi scrive certamente vuole acquisire credibilità presso i lettori con i quali intende dialogare. Tutto ciò esige l’impegno a risultare chiaro e comprensibile a chi legge. Non dobbiamo mai dimenticare che le parole hanno il grande potere di unificare e/o dividere. In questo spazio proveremo a discutere di salute, senza scordare che corpo e mente vanno insieme: quando si provano significative emozioni, il corpo accompagna lo stato mentale (tachicardia, brividi, pallore…). Si ammala il corpo, perché si ammala l’anima. Il corpo ce lo manifesta a volte con un ammutinamento lieve e silenzioso, altre volte in modo eclatante e rumoroso. Che lettori vorrei? Vorrei che i lettori di questo giornale si ponessero domande sui problemi quotidiani e personali, che volessero esplorare aree ignote, cercando di accantonare le incompatibilità per utilizzare,

Anno LX Agosto 2021

11


Salute e stili di vita

trattato e continuiamo a trattare noi stessi. Allora occorre munirsi di una lanterna per illuminare le parti buie della propria personalità e provare a camminarci dentro. Insomma, bisogna farsi carico della responsabilità del proprio vivere, a meno che non si vogliano attribuire le nostre malattie agli dei, responsabili in tal senso per gli antichi Greci.

Vorrei concludere questa breve presentazione in modo ottimistico con le parole del poeta Hikmet: “Verranno con certezza i giorni più belli da vivere”. Parole che, in questi tempi, fanno bene. Queste sono le riflessioni iniziali per il contatto con un pubblico per ora, almeno per me, senza un volto preciso. Buona lettura e, soprattutto, buone vacanze. ●

Dona il sangue. Salvi una vita. www.fidasvicenza.com

Il responsabile dell’ufficio stampa di Fidas Vicenza, Matteo Crestani, è disponibile per Gruppi e Zone per la redazione di articoli e comunicati stampa. Per qualunque esigenza inviare una mail a: ufficiostampa@fidasvicenza.com

12

Anno LX Agosto 2021


Commissione Scuole

«I

l Covid-19 ha innalzato molte barriere, ma Fidas Vicenza non ha gettato la spugna. La Commissione Scuole, infatti, non manca di far sentire la propria presenza all’interno degli istituti, dalle Elementari alle Medie, in quanto promuovere il dono è un valore che non

«Intraprendere questa attività non è stato facile – spiega Luisa Segato – sia a causa dei ritardi dettati dai cambiamenti delle programmazioni scolastiche, che per l’esigenza di metterci in linea con l’uso di applicativi tecnologici non abituali, dovendo entrare in sintonia con una didattica a distanza, nella quale viene meno il contatto visivo e si fatica a trasmettere le emozioni». Le Associazioni del dono, con Fidas Vicenza in testa, hanno incontrato con la Dad gli studenti vicentini, attraverso la propria capillare rete di Gruppi nel territorio. Ma non è tutto. Nel corso dell’anno scolastico 2020/2021, infatti, attraverso il concorso nazionale “A Scuola di Dono” sono state coinvolte dodici classi delle Scuole elementari e dieci classi delle Scuole medie. Gli studenti hanno realizzato interessante materiale che verrà utilizzato da Fidas Vicenza attraverso le Commissioni Propaganda/Social, arrivando a coinvolgere le famiglie dei ragazzi. I primi tre classificati del concorso “A Scuola di Dono” entreranno a pieno titolo alle selezioni nazionali che stabiliranno i vincitori. «L’incontro con gli studenti ha interessato anche i giovani delle Superiori – sottolinea Luisa Segato – e ci siamo confrontati con numerosi ragazzi, attraverso 32 incontri online, resi possibili grazie al nefrologo Stefano Chiaramonte ed al direttore dell’unità operativa complessa di Medicina trasfusio-

Fidas Vicenza incontra online tremila studenti vicentini per promuovere il dono di Matteo Crestani può mancare in una società civile. Proprio con questo spirito abbiamo pensato a degli incontri online con gli studenti, per tenere accesa la fiammella e continuare a lavorare su un terreno fertile ed in cui dobbiamo esserci con continuità». Con queste parole Luisa Segato, referente della Commissione Scuole di Fidas Vicenza, illustra l’attività svolta nell’anno scolastico 2020/2021, che si avvia a conclusione. L’Attività formativa e di promozione del dono nelle Scuole vicentine è stata condotta da Fidas Vicenza in collaborazione con Admo ed Aido ed ha interessato poco meno di tremila studenti, dalle Elementari alle Medie.

Dove hai conosciuto Fidas Vicenza?

Amico o conoscente 54,7%

Pubblicità stradale 3,1% Altro 3,7% Social 4,1% Preferisco non rispondere 4,3% Scuola 11,4% Sono un donatore 13,0%

Anno LX Agosto 2021

13


Commissione Scuole Andamento promesse per mese 30 28

2021

2020

20

10

0

17

9 5 12

1

2

3

nale di Vicenza, Francesco Fiorin. Un lavoro prezioso, perché da questi momenti escono non poche promesse di donazione». La Commissione Scuole di Fidas Vicenza sta lavorando in stretto raccordo con le Com-

missioni Propaganda e Social, al fine di essere sempre più al passo con i tempi e vicina al linguaggio ed al modo di pensare dei giovani con cui quotidianamente si rapporta. «Negli anni molto è stato fatto – conclude Luisa Segato – ma c’è molto da fare ancora. Siamo pronti ad accogliere giovani che vorranno aiutarci, anche attraverso nuovi metodi di comunicazione, incontrando studenti nelle scuole per ottenere nuove adesioni e far crescere i gruppi, che dovranno aiutarci a mantenere i contatti e fidelizzarli inserendoli nelle attività locali, consentendo uno scambio continuo di esperienze ed innovazione per accrescere il culto del dono». ●

Promesse di donazioni, suddivise per età aspiranti 20 19 15 10

10

8

8 5

5

18

19

20

21

22

2

2

23

24

1 25

2 26

1

1

29

37

0

Promesse “Scuola” ZONA 11 5,1% ZONA 10 3,4% ZONA 09 13,6%

VICENZA CITTÀ 13,6%

ZONA 04 13,6%

ZONA 08 6,8%

ZONA 07 18,6%

14

ZONA 05 16,9% ZONA 06 8,5%

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA Vicenza Città Gruppo San Pio X

Fidas Vicenza incontra il sindaco Francesco Rucco a San Pio X di Matteo Crestani

S

i parte dal territorio, per arrivare al cuore dell’Associazione. Data importante, lo scorso 17 luglio, perché Fidas Vicenza, con i suoi ventimila donatori di sangue nel Vicentino, che si è fatta grande proprio grazie all’operosità dei Gruppi sparsi per la provincia, ha incontrato il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco. “I nostri gruppi sono delle sentinelle nei territori – spiega la presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron – sempre attente a cogliere le necessità di chi ha bisogno e pronte ad intervenire, richiamando all’appello i donatori, non appena ve ne sia la necessità. Il lavoro dei nostri Gruppi, però, non si limita alle emergenze, in quanto svolgono un costante lavoro di presidio e sollecitazione dei donatori attivi, nonché di promo-

zione, per far sì che altre persone decidano di entrare a far parte della nostra grande famiglia”. Qual è il senso della donazione? Donare il sangue significa donare la vita, offrire una seconda possibilità a chi è in difficoltà, senza voltargli le spalle o andare oltre pensando che ci sarà qualcun altro che farà al posto nostro. “La presenza del sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, in questo momento importante, ci riempie di gioia. E ci dà l’occasione per ringraziare un donatore che ha raggiunto quota 236 donazioni, nonché un componente del Gruppo di San Pio X, che ha elaborato una ricerca su un virus batteriofago che vive nell’intestino umano, scoperto solamente nel 2014, nonostante sia presente in circa il 50% della popolazione.

Il tavolo dei relatori. Da sinistra, la presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron; il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco; il presidente di Zona Vicenza Città di Fidas Vicenza, Claudio Ambrosini e il presidente del Gruppo di San Pio X di Fidas Vicenza, Nereo Galvanin

Anno LX Agosto 2021

15


Vita di gruppo

16

ZONA Vicenza Città

Il presidente di Zona Vicenza Città di Fidas Vicenza, Claudio Ambrosini

Il presidente del Gruppo di San Pio X di Fidas Vicenza, Nereo Galvanin

Il parroco di San Pio X, don Marco

L’intraprendenza del Gruppo Fidas di San Pio X. Parte dal territorio, ancora una volta, l’iniziativa di premiare un donatore d’eccellenza. Roberto Compagnin, 236 donazioni di sangue in attivo, infatti, è stato premiato dalle mani del sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, e dalla presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron, che hanno condiviso come: “donare il sangue è un grande atto di generosità. E, quando ci si trova di fronte a donatori come questo, si comprende quanto sia importante credere in ciò che si fa per il prossimo. La città di Vicenza è uno straordinario esempio di generosità, tanto che Fidas Vicenza è la prima Federata in Veneto e la prima nella provincia. Donare il sangue significa dare una possibilità al prossimo, ad un altro concittadino che attende una risposta per poter avere una speranza”. L’appello di Roberto Compagnin. “Sono un donatore convinto ed ogni volta che mi reco a donare provo una grande soddisfazione. Si

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

La presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron

ZONA Vicenza Città

tratta di un atto semplice e vuol dire innanzitutto voler bene a se stessi e prendersi cura della propria salute. Consiglio ai giovani di non esitare, di non aver paura, perché il bene che si fa è grande, così come il benessere che si prova dopo aver donato. È una condizione unica, difficile da descrivere”. I talenti non mancano. Dal Gruppo Fidas di San Pio X, più precisamente dal suo direttivo, è emerso anche un altro talento, un’eccellenza del mondo universitario, Alessandro Rossi, che ha presentato in conferenza stampa la sua tesi di laurea in Biologia evoluzionistica, relativa al crAssphage, un virus batteriofago che vive nell’intestino umano e, nonostante sia presente in circa il 50% della popolazione, è stato scoperto solamente nel 2014. Il riconoscimento ai donatori vicentini. Nel corso della conferenza stampa, la presidente provinciale di Fidas Vicenza, Chiara Peron, ha presentato al sindaco Rucco la richiesta per poter avere uno spazio evocativo dei donatori, all’interno del Parco della Pace. “Un luogo così importante per la città non può non vedere la presenza di un simbolo che testimoni l’importanza del dono – aggiunge la presidente Peron – per manifestare la sensibilità dell’amministrazione

Un momento del partecipato incontro

Anno LX Agosto 2021

17


Vita di gruppo

ZONA Vicenza Città

zioni. Molti vanno in vacanza e chi lavora non sempre può facilmente chiedere il giorno per recarsi a donare. “Chiedo a tutti i donatori di compiere uno sforzo straordinario – conclude la presidente Peron – in quanto gli ospedali non chiudono mai ed i malati hanno sempre bisogno del nostro “lavoro”. Recarsi a donare richiede poco tempo, quindi è una cosa fattibile. In tal senso, però, chiedo anche alle Aziende sanitarie del territorio, di Il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco con il donatore di sangue Roberto farsi parte attiva per risolvere Compagnin, che ha raggiunto le 236 donazioni, ed il piccolo Ettore tempestivamente le difficoltà comunale, la comunanza di valori con l’As- che si verificano da mesi, con significativi sociazione e, al contempo, un appello ai cit- ritardi nell’iter di donazione. Una situazione da risolvere quanto prima, per il rispetto dei tadini a diventare donatori”. L’emergenza in corso. Il periodo estivo è donatori e per efficientare un servizio che tradizionalmente legato ad un calo di dona- non può subire gli attuali rallentamenti”. ●

Il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco con il donatore di sangue Alessandro Rossi, che ha presentato la sua tesi di laurea in Biologia evoluzionistica, relativa al crAssphage, un virus batteriofago che vive nell’intestino umano

18

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA Vicenza Città

La presidente di Fidas Vicenza, Chiara Peron con il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco

Alessandro Rossi, un nome, una garanzia di Sara Baldinato Il 17 luglio 2021 è stato un giorno di festa per il quartiere di San Pio X, che ha ospitato il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, per alcuni importanti momenti, tra cui la premiazione del dr. Alessandro Rossi, consigliere di Gruppo, per la sua attività di ricerca. Alessandro sta svolgendo un dottorato di ricerca in Bioscienze all’Università di Padova, dopo aver brillantemente raggiunto la laurea magistrale. Dopo un approfondimento delle ricerche a Utrecht, in Olanda, uno dei suoi studi

Anno LX Agosto 2021

sui virus che colonizzano l’intestino e producono il biogas è stato pubblicato da un’importante rivista scientifica internazionale, in realtà solo l’ultima di una lunga serie di pubblicazioni. Per questi brillanti risultati, unitamente al suo impegno a servizio di Fidas Vicenza, sabato 17 è stato premiato sia da noi che dal sindaco Rucco. Siamo orgogliosi dei suoi successi accademici ed auguriamo ad Alessandro un futuro degno del suo antico predecessore vicentino, Alessandro Rossi. ●

19


Vita di gruppo

ZONA Vicenza Città

Roberto Compagnin, la semplicità nella straordinarietà di Nereo Galvanin Roberto ha iniziato a donare il sangue nel 1986, per aiutare una collega di lavoro che, purtroppo, la leucemia ha portato via. Con pacatezza quasi disarmante, mi ha racconta che la salute è stata fortunatamente sua compagna per tutta la vita e questo gli ha permesso di rispondere a tutte le chiamate dei volontari Fidas. Così, le 236 donazioni sono arrivate senza fatica, anche grazie alla dedizione ed all’impegno del personale del Centro trasfusionale, a cui è riconoscente.

Mi scalda il cuore sentire i ricordi di quest’uomo di quasi 60 anni, soprattutto gli insegnamenti dei suoi genitori, che non perde occasione di rammentare: “se devi fare qualche cosa per gli altri, agisci, ma non esternare le tue azioni. Se vuoi essere utile al prossimo fallo, senza apparire”. Roberto, per il suo grande esempio di generosità e solidarietà, sarà un modello da imitare per i giovani e per tutti coloro che possono donare sangue. ●

Fidas e Palladio baseball in campo insieme di Sara Baldinato

U

na squadra vincente quella che si è venuta a formare a partire da questa stagione sportiva, unendo le forze di Fidas Vicenza e della A.S.D. Palladio Baseball&Softball Vicenza. Dalle prime battute di questo campionato FIBS 2021, la cui prima partita è slittata ad aprile per la pandemia Covid-19, la squadra Under12 della Società ha sfoggiato la nuova divisa sponsorizzata Fidas, oltre che Acciaierie Valbruna, main sponsor di tutte le squadre. La nascente squadra, composta da ragazzini dagli 8 ai 12 anni, ha continuato anche durante la pandemia ad allenarsi sempre all’aperto, nell’impianto sportivo comunale di Baseball in Via Bellini, zona Pomari a

20

Vicenza, per prepararsi al loro primo campionato. Li supportano egregiamente il coach e vicepresidente Luigi Casarotto, insieme a Danilo Dominquez, allenatore della prima squadra chiamato apposta da Cuba, terra di grandi campioni e amanti del baseball, insieme a Valentina Pozzi, Vittorio Calcinai e Michele Sartori. A sovrintendere l’organizzazione il presidente Vincenzo Rizzo, insieme al Consiglio direttivo. Qual è il modo migliore per crescere nuovi donatori di sangue se non incentivarli ad una vita sana, all’insegna dello sport e della vita all’aria aperta? Fidas Zona Vicenza città ha creduto subito che il messaggio fosse

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA Vicenza Città

quello vincente e, dopo il primo incontro tra i presidenti Ambrosini e Rizzo, la partnership è stata immediatamente fatta. I bambini sono testimonial Fidas sia con l’elegante e ufficiale divisa utilizzata nelle partite di campionato, che con le simpatiche T-shirt sfoggiate durante le amichevoli, in giro per la provincia. Anche nei mesi estivi, con la chiusura delle scuole, la Palladio baseball ha intrattenuto bambini e ragazzi con i Centri estivi dedicati a questo sport e con il supporto della nostra torretta porta gel sempre all’ingresso! Qualche genitore è già dei nostri e i bambi-

ni, con la gioia di giocare insieme e imparare questo sport appassionante e abbastanza inusuale in Italia, non possono che diffondere al meglio il messaggio di quanto sia importante aiutare gli altri con il dono del sangue. Seguiteci sui nostri social Facebook Palladio BS Vicenza Acciaierie Valbruna e Instagram Palladio Baseball Vicenza o consultate il sito https://www.palladiobaseball.it. ●

Anno LX Agosto 2021

21


Vita di gruppo

ZONA 4 Gruppo Altavilla Vicentina

Concorso “A Scuola di Dono” Anno scolastico 2020/2021 Di Michele Chichierchia

V

enerdì 14 maggio si è svolta la premiazione delle classi vincitrici del concorso “A Scuola di Dono” promosso dalla Fidas. Il nostro istituto è stato quello che ha partecipato con il maggior numero di classi dell’intera provincia di Vicenza ed ha visto la premiazione di ben tre classi: due della Primaria A. Frank (1° e 2° posto) ed una della Secondaria G. Marconi (3° posto). La 2a C della Primaria Don Milani di Montecchio Maggiore si è classificata al 3° posto. Complimenti a tutti i ragazzi che si sono impegnati con molta fantasia a creare un mondo più bello, dove, per dare colore alla vita, basta un gesto semplice e cioè donare. Il donare è un valore importante, simbolo di

22

attenzione per il prossimo. La donazione del sangue non ha limiti determinati dallo stato sociale, dal luogo in cui si vive, dalle idee, dal credo religioso o dal colore della pelle. È un gesto che ci unisce e ci rende tutti “fratelli di sangue”. La Fidas, con il concorso scolastico nazionale “A Scuola di Dono”, rivolto agli allievi di Scuola Primaria e della Scuola Secondaria, vuole promuovere la cultura del dono del sangue e degli emocomponenti. Lo scopo del concorso è quello di sensibilizzare alunni, studenti e tutta la popolazione al tema del dono del sangue. Le classi vincitrici sono state premiate con dei buoni per l’acquisto di materiale didattico. Non è stato facile giudicare i lavori pervenu-

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ti, tutti pertinenti e molto belli. Si percepisce la sensibilità dei docenti, degli alunni e delle loro famiglie. Grazie per averci accordato l’opportunità di entrare nelle vostre classi ed aver coinvolto i giovani a prendere atto della realtà ed importanza del dono, in ogni sua forma e dell’attività che svolgiamo in Fidas. Alla premiazione di Altavilla Vicentina e di Montecchio Maggiore, oltre alle maestre (Sonia Beato, Michela Napolitano, Renata Piazzo, Marta Montagna e Laura Faccin) e professoresse (Mirta Caccaro, Elena Urbani, Tiziana D’Agostino e Cristina Dalpasso) delle classi premiate, erano presenti la dirigente di Altavilla Vicentina Cinzia Masella, Luisa Segato e Luca Passuello referenti del Progetto “A Scuola di Dono” di Fidas Vicenza, il sindaco di Altavilla Vicentina Carlo Dalla Pozza, gli assessori Zatton e Centofante, il sindaco di Montecchio Maggiore Gianfranco Trapula, l’assessore Maria Paola Stocchero, la dirigente di Montecchio Maggiore Francesca D’Antuono, Francesco Albera come referente, il presidente di Zona 4 Michele Chichierchia, il

Anno LX Agosto 2021

ZONA 4

presidente del Gruppo di Altavilla Vicentina Francesco Rossi, Daniela Bertuzzo e la presidente Aido del Gruppo di Altavilla Vicentina Roberta Grignolo. La maestra Catia Gobbetti di Montecchio Maggiore, emozionata, ha commentato: “il concorso “A Scuola di Dono” è stato per noi maestre uno strumento per avvicinare i bambini, anche se piccoli, ad una realtà così importante della nostra società. Attraverso questo percorso i bambini hanno imparato che c’è un dono grande e speciale che tutti noi abbiamo, che tutti noi possiamo donare e ricevere, un dono a costo zero, un dono che va bene per tutti, grandi e piccoli, un dono che non si rompe, che non scade, che non si perde, e che, come un gioiello prezioso, sarà per sempre”. Alle scuole partecipanti all’iniziativa, che è stata possibile anche grazie al prezioso contributo delle famiglie nel coinvolgimento dei ragazzi, Fidas Vicenza ha donato delle preziose torrette porta gel, con relativo gel, fondamentali per contribuire al contrasto del Coronavirus. Le scuole desti-

23


Vita di gruppo

natarie di queste torrette sono state: le Primarie A. Frank, L. Da Vinci e Don Milani e la Secondaria G. Marconi. Tutti i lavori realizzati sono visibili nei Social di Fidas Vicenza e verranno utilizzati per la

24

ZONA 4

propaganda del dono del sangue. Un grazie particolare alla Fidas di Altavilla Vicentina, sempre presente e pronta a sensibilizzare i ragazzi ad essere donatori e a dare valore al dono del sangue. ●

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 4 Gruppo Costabissara/Castelnovo

Il 2020, anno difficile, ma i donatori hanno continuato a tendere il braccio

I

l Gruppo Fidas Vicenza di Costabissara/ Castelnovo, fondato nel 1972, oggi conta 225 donatori attivi, con una media di 415 donazioni annue. In un anno così particolare, come il 2020, con una pandemia mondiale ancora oggi in corso, i nostri donatori non si sono dimenticati di compiere un piccolo gesto di generosità nei confronti del prossimo. Proprio nel 2020, tre nostri donatori (Marco Berra, Terenzia Busellato e Paolo Sartori) hanno raggiunto il traguardo delle 100 donazioni.

Il Gruppo di Costabissara e Castelnovo, a 49 anni dalla fondazione, ricorda con entusiasmo e gratitudine Renato Danieli, che ha raggiunto 250 donazioni ed altri 16 donatori che hanno oltrepassato le 100 donazioni, otto di questi risultano ancora donatori attivi ed auguriamo loro tanta buona salute e tante altre donazioni. Complimenti da parte del nostro direttivo a tutti i nostri donatori che periodicamente si recano a donare il sangue salvando molte vite umane e, allo stesso tempo, così facendo monitorano la propria salute con controlli periodici. ●

ZONA 4 Gruppo monteviale

Fotonotizia

Il Gruppo Fidas Vicenza di Monteviale, in occasione della festa associativa, lo scorso 6 giugno 2021

Anno LX Agosto 2021

25


Vita di gruppo

ZONA 4 Gruppo Costabissara/Castelnovo

Paolo Sartori spegne 44 candeline e dona alla città la 100a donazione di Matteo Crestani

R

egali preziosi ce ne sono tanti, ma donare alla città una donazione non ha davvero prezzo. È il gesto compiuto il 3 maggio 2021 al Centro raccolta sangue di Vicenza da Paolo Sartori, che proprio il giorno prima aveva spento 44 candeline. “Di gesti di generosità come questo il nostro Gruppo donatori di sangue non è nuovo – spiega il presidente del Gruppo Fidas Costabissara-Castelnovo, Giovanni Fortunato – tuttavia, ogni volta che un donatore mette a segno un risultato come questo, l’emozione è grande. Vantiamo anche un primato importante, perché nel nostro Gruppo c’è un donatore di sangue che ha superato le 250 donazioni, uno straordinario esempio di costanza e buona volontà”. Paolo Sartori è donatore i sangue dal 2003 e, con regolarità, si è sempre recato al Centro raccolta sangue per compiere la “buona azio-

ne” che fa del bene. “Non ritengo di fare nulla di straordinario – spiega il donatore vicentino – ma penso sia una cosa doverosa e giusta cercare di aiutare il prossimo. Non bisogna aver paura di donare il sangue, in quanto è un atto semplice e non fa male, anzi fa sentire molto bene e consente di tenere monitorata la propria salute”. Il Gruppo Fidas di Costabissara-Castelnovo conta oltre 240 donatori attività, che ogni anno garantiscono ben 350 donazioni di sangue. “I nostri numeri sono positivi – conclude il presidente Fortunato – e nel Gruppo ci sono almeno 15 donatori “centenari”, un dato che testimonia la capacità di stimolare i volontari a recarsi periodicamente al Centro raccolta sangue, perché i malati hanno bisogno tutti i giorni di sangue e non possiamo tirarci indietro dallo svolgere la nostra missione con impegno e perseveranza”. ●

Paolo Sartori mette a segno la 100a donazione. Al suo fianco il presidente del Gruppo Fidas Costa#bissara-Castelnovo, Giovanni Fortuna

26

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 5 Gruppo Monticello Conte Otto

La pandemia non ci ha fermati… anzi di Flavio Corà

N

on sono stati mesi semplici, quelli appena trascorsi, ma l’emergenza Covid-19 non ha fermato le attività del nostro Gruppo. Fin da subito ci siamo adoperati per modificare gli incontri del martedì in presenza, con incontri in videocall e questo ci ha permesso di restare in stretto contatto. Innanzitutto, siamo orgogliosi di essere riusciti, a maggio, ad effettuare l’incontro con le scuole. Da diversi anni, ormai, Fidas, Aido ed Admo, grazie alla sensibilità della prof. ssa Anna Zamperetti, nostra referente con la scuola media Don Bosco di Cavazzale, ci ha permesso di organizzare il consueto incontro formativo, questa volta online. Anche il nostro sindaco Damiano Ceron è stato virtualmente presente, collegandosi dalla sala

consigliare del Comune di Monticello Conte Otto. Più di 120 alunni hanno partecipato con grande interesse. Parlando di scuola, siamo orgogliosi di annoverare nel nostro Gruppo alcuni ragazzi della 5^ ASA del Liceo scientifico “G.B. Quadri” di Vicenza, che appena 18enni sono diventati donatori di sangue. A questi ragazzi i nostri migliori auguri per un futuro ricco di soddisfazioni e donazioni. La voglia di essere tra la gente, però, si è concretizzata con le uscite del gazebo FidasAido. Da diverso tempo queste associazioni condividono le proprie iniziative e, in particolare quest’anno, hanno programmato ogni ultimo sabato del mese, per tutto il 2021, la propria presenza durante il mercato di Cavazzale. La nostra partecipazione è sempre stata appagata dal fatto che entrambe le Associazioni sono riuscite a trovare, ad ogni uscita, nuovi donatori Fidas e nuovi iscritti all’Aido. Fra le iniziative portate a termine quest’anno, segnaliamo la distribuzione nei bar del territorio comunale di 120 kg di bustine di zucchero contrassegnate dai loghi Fidas-Aido, oltre alla destinazione a locali pubblici e farmacie di sette colonnine porta-gel, aderendo ad un’iniziativa provinciale lanciata da Fidas Vicenza. Anche i social che riusciamo a tenere sempre attivi ci danno un grande aiuto. La presenza costante su Facebook ed Instagram, infatti, a I nuovi donatori di Fidas Monticello Conte Otto, gli studenti della 5 ASA del Liceo scientifico “G. B. Quadri” di Vicenza ci ha permesso quotidiana-

Anno LX Agosto 2021

27


Vita di gruppo

ZONA 5

mente di rimanere a contatto con i nostri donatori. Quasi ogni giorno le pagine social vengono aggiornate, per informare i donatori sulle attività del Gruppo o sulle disposizioni ministeriali, per donare in tempo di Covid, e per informare su ciò che accade nella nostra area di competenza dell’Ulss 8 Berica. L’anno, comunque, non è ancora finito e le

timide aperture alla normalità ci hanno permesso di programmare alcune attività che partiranno nell’ultimo trimestre del 2021. Nel frattempo, vi auguriamo di passare una buona estate e la piacevole sensazione di sdraiarsi al sole e godersi un po’ di meritato relax. Sole, mare… e tanta voglia di ricominciare. ●

ZONA 5 Gruppo Quinto Vicentino

Un gesto semplice, silenzioso, concreto A cura della Redazione

G

iovedì 10 giugno e lunedì 14 giugno 2021 Villa Thiene, sede municipale del comune di Quinto Vicentino e patrimonio Unesco, si è illuminata di rosso per festeggiare il compleanno del Gruppo Fidas Vicenza di Quinto Vicentino, arrivato a 42 anni di attività ed iniziative, nonché la Giornata internazionale del Dono del sangue. Grazie ad un accordo tra il direttivo Fidas Quinto Vicentino ed il Comune, da quest’anno, in queste due date, la facciata palladiana si colorerà di rosso, a simboleggiare il sangue donato, l’altruismo delle persone e l’importanza del volontariato nella nostra società. Alle due accensioni hanno partecipato, tra gli altri, Alberto Magaraggia, donatore di sangue, ma anche neo donatore di midollo osseo, portando la sua testimonianza toccante ed orgogliosa di portatore di vita, gli

28

assessori Peruzzo e Rigotto, in rappresentanza della giunta comunale, il Gruppo Aido ed il Gruppo Alpini, sempre pronti a collaborare ed a dare il loro contributo di solidarietà e propensione verso il prossimo. Un gesto semplice, silenzioso, concreto: tre caratteristiche che ben coincidono con il nostro operato e con la sempre grande generosità dei nostri donatori, che senza tanti proclami, semplicemente offrendo chi il sangue, chi il proprio tempo, chi energie ed idee, offrono una speranza di vita, reale ed effettiva, a coloro che possono ambire ad un futuro migliore grazie alle nostre donazioni. Un arrivederci al prossimo giugno 2022 e cogliete l’opportunità, in quelle sere, di fare una passeggiata serate sull’argine per poi ammirare il connubio fra arte, storia e volontariato. ●

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 5

ZONA 6 Gruppo Villaganzerla/Castegnero

Ogni azione, piccola o grande, è importante

A

nche quest’anno il Gruppo è stato impegnato nella propaganda delle classi quinte della Scuola elementare “G. Zanella” di Villaganzerla, condividendo con i ragazzi la filosofia del dono del sangue e del proprio tempo. Questa propaganda, fatta tenendo un metro di distanza, ci ha permesso di riavvicinarci ai ragazzi e di scoprire con orgoglio la pre-

Anno LX Agosto 2021

senza di molti donatori di sangue (e non solo) nelle loro famiglie, rendendo la donazione un tema spesso presente nella loro quotidianità. Ma oltre alle soddisfazioni date dalle domande e dai disegni dei più piccoli, è doveroso esultare per i traguardi importanti raggiunti dai nostri donatori, che anche con il Covid-19 non si sono fermati.

29


Vita di gruppo Per questo vogliamo ringraziare Denis Donello per aver voluto renderci partecipi della sua 100a donazione. Che il suo traguardo e la sua

30

ZONA 6

costanza, siano da esempio a tutti i donatori. E che anche se alcune volte è difficile, continuino la loro generosità verso gli altri. ●

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 6 GRUPPO TORRI DI QUARTESOLO

Una donazione… buona come il pane di Matteo Crestani

D

onare il sangue è un gesto semplice, naturale e spontaneo. Lo sanno tutti, ma sono ancora in molti a non aver fatto questo importante passo, per porgere all’altro, uno sconosciuto che ha bisogno di una donazione per vivere, il braccio. Proprio con questo impulso il Gruppo Fidas di Torri di Quartesolo ha deciso di lanciare una campagna “promozionale” nel territorio, coinvolgendo i rivenditori di pane, ma non solo. Così, nel territorio del comune di Torri di Quartesolo, dopo il Bar Centrale Pane Pizza e Dolci Fantasie, hanno aderito all’iniziativa i panifici Nardi di Torri, Farinea di Marola e gli alimentari Miomercato e Catelan di Marola. A Grumolo delle Abbadesse, invece, hanno sposato l’attività di Fidas il Panificio Vigolo, il Panificio delle Abbadesse, il negozio A&O

Anno LX Agosto 2021

e La Bottega Negrizzolo a Barbano. “Un’iniziativa nuova per il nostro territorio – commenta il presidente del Gruppo Fidas di Torri di Quartesolo, Renato Gardumi – per lanciare un messaggio forte ed inequivocabile di quanto sia importante donare il sangue. Con questo progetto, inoltre, incentiviamo i cittadini a rivolgersi ai negozi di vicinato, presidio fondamentale per rendere vivi i territori, specie nelle periferie, e punto di riferimento importante soprattutto per gli anziani e le persone più deboli”. Recandosi in questi punti vendita, quindi, i cittadini riceveranno i prodotti all’interno degli ecologici sacchetti del pane, che al tempo stesso veicoleranno il messaggio di Fidas Vicenza a non esitare a compiere l’importante passo di diventare donatori di sangue. ●

31


Vita di gruppo

ZONA 6

Passeggiando… nella storia A cura della Redazione

U

n itinerario storico, culturale e naturalistico per la passeggiata che il Gruppo Fidas Vicenza di Torri di Quartesolo ha organizzato domenica 18 luglio 2021. Meta Tonezza del Cimone, tranquillo borgo sulla sommità dell’altopiano dei Fiorentini, ricco di storia e di tradizioni, che conserva molti luoghi legati alla Grande Guerra. Una ventina i partecipanti all’escursione che, partiti da Contra’ Sella, hanno percorso un giro ad anello di circa 14 km. La prima tappa è stata il Cimitero austro-ungarico dei Crosati. Proseguendo in un bel bosco di faggi e pecci, si è arrivati alla muraglia rocciosa del Cimoncello, per ammirare un panorama straordinario: i Sette Comuni, il Monte Cengio, il Summano e la pianura dell’Alto Vicentino.

32

Ripreso il sentiero, dopo mezz’ora circa di cammino, si è giunti al Sacrario del Monte Cimone dove, nel settembre del 1916, una mina austriaca provocò un cratere di circa 50 m di diametro e 22 di profondità, con più di mille morti tra le fila dei soldati italiani. Anche da questo punto di vista il panorama è particolarmente affascinante, arrivando fino al massiccio del Pasubio. Dopo l’immancabile pranzo al sacco, il ritorno è avvenuto lungo la dorsale che domina Val Rio Freddo e il sentiero Fogazzariano con vista dei famosi faggi centenari. Il meteo ha fatto un po’ i capricci, dalle nuvole al sole e dal sole alla pioggia. Nonostante ciò, tutti contenti… anche per il gelato conclusivo. ●

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 7 Gruppo Chiuppano

A Chiuppano il dono corre sulle note della musica di Romilda Dal Prà

F

idas Chiuppano, con Aido, il 25 giugno 2021 ha premiato i donatori che hanno raggiunto il numero di donazioni necessarie per ricevere uno dei riconoscimenti previsti dall’Associazione (il diploma di benemerenza, la medaglia di bronzo, argento o d’oro, il distintivo, la targa o la croce d’oro). Sono due realtà associative forti e coese, come ha affermato la conduttrice della serata, Tiziana De Rossi: “Non si capisce dove finisca Aido ed inizi Fidas, così come non si capisce dove finisca Fidas ed inizi Aido”. La serata si è concentrata sulla cultura del dono ed è stata allietata dalla meravigliosa voce di Monica Bassi, accompagnata al piano da Massimo Santacatterina.

Anno LX Agosto 2021

Ospite della serata il dott. Stefano Chiaramonte, ex dipendente dell’Ulss 8 Berica al Dipartimento di Nefrologia, che si è complimentato nel vedere la sinergia e la collaborazione che contraddistingue le due Associazioni, che diffondono la cultura del dono di sangue, organi, cellule e tessuti. Attualmente il nostro Gruppo conta 149 soci, di cui 126 attivi e nove nuovi donatori. Il Gruppo, nato nel 1965, ad oggi vanta la presenza di tre soci con oltre 100 donazioni: Caterina Crestanello, Denis Rubini e Mario Ettore Tribbia. Molti altri stanno offrendo il loro sangue a chi ne ha bisogno, facendo salire i numeri di donazioni e presto saremo lieti di festeggiare il traguardo a tre cifre. Fidas ed Aido si aiutano nelle varie attività proposte e, insieme, sostengono chi ha biso-

33


Vita di gruppo

ZONA 7

gno. Alcuni componenti del direttivo hanno collaborato con la Scuola materna locale, per offrire il servizio di accoglienza dei bambini, altri hanno garantito il servizio mensa che causa covid senza il supporto dei volontari era impossibile gestire. Il territorio di Chiuppano ospita uno dei tanti centri vaccinali del Vicentino. Fidas ed Aido, in collaborazione con le altre associazioni, organizzano gli ingressi, gestendo gli arrivi, l’igienizzazione delle mani e la misurazione della temperatura. Le nostre magliette, assieme alle colonnine gel di

Fidas Vicenza, spiccano nell’atrio dell’Auditorium comunale. I nostri due Gruppi stanno già organizzando delle altre attività, perché durante la serata di premiazioni abbiamo notato una grande partecipazione e voglia di stare insieme. I nostri incontri sono sempre apprezzati per la capacità di amalgamare i momenti ufficiali con la leggerezza della musica, che rendono la serata piacevole e spensierata. Un ringraziamento a tutte le donatrici e donatori che offrono il loro sangue o plasma a chi ne ha bisogno. ●

ZONA 7 Gruppo Marano Vicentino

Fidas Marano si racconta, tra eventi, non eventi, sensazioni e fiducia di Annerino Franzan

P

erché questo articolo? Per ringraziare? Per protestare? Per autoelogio o autocommiserazione? No, solamente per condividere. È un periodo strano, lo sappiamo; sicuramente non facile e non gradito, lo diciamo… e probabilmente è già stato detto. È diventato più difficile comunicare, condividere, confrontarsi… e dimostrare di essere uniti e di volersi bene. E allora noi di Fidas Marano qualcosa vogliamo condividerlo, scrivendovi. Vogliamo scrivere di sensazioni positive, di comunità positive, di energia positiva. Vogliamo scrivere di alcuni momenti che hanno caratterizzato i nostri ultimi mesi come Gruppo… e

34

delle sensazioni che hanno portato con loro. In questi ultimi mesi, è stato possibile tornare a creare delle occasioni di sensibilizzazione sul territorio, fortunatamente. Nonostante gli ottimi computi delle donazioni nel 2020, non avevamo la certezza che anche quest’anno si potesse ottenere risultati soddisfacenti. La pandemia, per molti aspetti intrinseci e per come è stata gestita a livello politico e mediatico, ha rischiato di aumentare la diffidenza nel prossimo e le divisioni interne alla società (dapprima su base geografica, poi su base politica, vaccinale, ecc…), ma abbiamo scoperto che molte persone (soprattutto giovani, ma non solo)

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 7

Il 17 luglio 2021 il Coro Ciclamino intrattiene i donatori, in convivio al Rifugio Campogrosso

Per quanta strada ancora c’è da fare, amerai il finale

hanno maturato una maggior sensibilità verso le esigenze sanitarie collettive. Con soli tre gazebi, da inizio maggio ad inizio giugno abbiamo raccolto 92 promesse di donazione (un record per la nostra realtà demograficamente contenuta), la maggior parte delle quali hanno già avuto un seguito alla “parola data”. Tanto che stiamo in questo periodo rinforzando la nostra presenza agli eventi pubblici maranesi (dal mercato comunale del venerdì mattina agli eventi del tradizionale Luglio Maranese). Rispetto all’anno scorso, è stato possibile aprire a tutti i soci e simpatizzanti la nostra ormai consueta Camminata di Campogrosso, che l’anno scorso era stato necessario limitare al solo direttivo. Si è svolta sabato 17 luglio 2021, salendo attraverso il sentiero del Ponte Tibetano Avis e scendendo dall’altro versante. Come inframezzo, presso il Rifugio, il Coro Ciclamino di Marano Vicentino ha reso più affascinante l’atmosfera della serata eseguendo dei canti popolari. Ciò a testimonianza della voglia di tutti di tornare anche a collaborare tra associazioni, dopo questo periodo di privazioni.

Anno LX Agosto 2021

Sicuramente il tempo incerto, il fresco che in quota è divenuto quasi freddo, nonché un po’ di timore generale legato al virus, hanno scoraggiato qualcuno a partecipare, ma siamo stati soddisfatti del fatto che, comunque, un centinaio di persone abbiano deciso di spendere con noi il loro sabato sera (anche alcune famiglie, con bambini e ragazzi che speriamo in futuro di veder fare parte dell’Associazione). Del resto, anche faticare assieme rappresenta un importante momento di condivisione e la condivisione è ciò che crea la voglia di far sempre più parte di un gruppo. La sfida contro il Covid-19 non è ancora finita. Sappiamo che non è ancora possibile fare tutto ciò che vorremmo e che per gli eventi più importanti è meglio attendere tempi più fausti e meno incerti, così da poter sperare di riaccogliere nelle nostre iniziative un grande numero di soci. Per questo abbiamo deciso, ad esempio, di rinviare al 2022 i festeggiamenti per il 55° anniversario del Gruppo, nonostante la ricorrenza cadrebbe quest’anno. Nel frattempo, continuiamo ad impegnarci invitando le persone a donare con costanza (finora i risultati del 2021 sono positivi, soprattutto relativamente al primo trimestre) ed anche a dare il buon esempio nella lotta contro il Coronavirus. Speriamo, con queste righe, leggere e a tratti ironiche, di poter strappare un sorriso e trasmettere fede a chi, magari in questo lungo periodo di pandemia, potrebbe aver disperso un po’ di energia. ●

35


Vita di gruppo

ZONA 7

Donatori Fidas alla chiesetta sul Monte Cengio, per guardare al futuro di Matteo Crestani

È

il secondo anno consecutivo che la Festa del donatore, nella storica chiesetta sul Monte Cengio, è costretta a sfumare, a causa dell’emergenza Covid-19, tuttora in corso. Una situazione complessa, che non rende ancora possibile incontrarsi e condividere l’impegno associativo dei donatori di sangue. “La nostra chiesetta del donatore è un punto di riferimento importante – spiega la presidente della Zona 7 di Fidas Vicenza, Fabiana Mabel Veiga – e non possiamo non onorarla ricordando ogni giorno l’impegno dei nostri donatori di sangue. Questo luogo è pregno di valori e significato, così una volta l’anno ci siamo sempre ritrovati per rinnovare l’impegno della donazione. E l’abbiamo fatto con sacrificio, ma al tempo stesso con tanta gioia ed emozione”. L’emergenza Covid-19, purtroppo, ha bloccato questo tipo di eventi, che non possono essere effettuati in completa sicurezza,

36

come le misure previste dalle normative in materia richiedono. Fidas Vicenza, però, non si ferma. Per questo la Zona 7 dell’Associazione, che tradizionalmente si occupa anche della manutenzione della chiesetta, attraverso il Gruppo di Cogollo del Cengio, si è mobilitata per realizzare un momento di riflessione e preghiera.

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo “Ai primi di luglio 2021, una rappresentanza di donatori della Zona 7 – conclude la presidente Mabel Veiga – si è ritrovata in quel luogo storico. Abbiamo riflettuto e pregato per il nostro futuro di donatori, per

ZONA 7

la crescita della nostra Associazione, ricordando chi è “andato avanti” e l’impegno di ciascuno di noi per proseguire con entusiasmo in questa attività fondamentale per la vita”. ●

Vita di gruppo

ZONA 7

Nuovi donatori cercansi di Matteo Crestani

“D

onare il sangue è un atto di generosità, ma al tempo stesso significa avere a cuore il valore della vita ed essere cittadini responsabili nella comunità. Sensibilizzare le persone, quindi, è per noi doveroso, per contribuire a far sì che maturi nelle giovani generazioni una maggiore attenzione al dono”. Con queste parole la presidente della Zona 7 (Alto Vicentino) di Fidas Vicenza, Fabiana Mabel Veiga, commenta l’installazione, avvenuta a maggio 2021, nella zona industriale di Thiene, di un pannello informativo finalizzato, appunto, a richiamare l’attenzione dei cittadini. Un appello chiaro alla cittadinanza, quello che la Zona 7 di Fidas Vicenza rivolge a quanti sono pronti a cogliere questa “richiesta di generosità”. “Donare il sangue non vuol dire solo far del bene agli altri – conclude la presidente Mabel Veiga – ma significa anche tenere sotto controllo il proprio stato di salute, quindi salvaguardare la propria vita, pensando al tempo stesso che un giorno il sangue donato potrebbe servire anche a noi. Cerchiamo sempre nuovi donatori, perché il bisogno di sangue

Anno LX Agosto 2021

non si ferma e per chi ne ha bisogno è fondamentale per poter continuare a vivere”. ●

Il direttivo Fidas Zona 7

37


Vita di gruppo

ZONA 9 Gruppo San Pietro Mussolino

Un sentiero fatto di emozioni e riscoperta dell’ambiente A cura della Redazione

S

i è svolta l’11 luglio 2021, nell’ambito della festa del miele e delle api di San Pietro Mussolino, la tradizionale camminata che ha visto coinvolte le Associazioni locali, tra cui il Gruppo Fidas Vicenza. L’iniziativa fa parte del progetto “Api&Ambiente”, sviluppato dal Comune per la tutela di questo insetto, la salvaguardia dell’ambiente ed una migliore qualità della vita dei cittadini. Il “Sentiero ape regina” è una passeggiata tra contrade, boschi e prati che regalano scorci paesaggistici molto suggestivi immersi nella natura. ●

38

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 10 Gruppo Albettone

Donate alla comunità cinque colonnine portagel di Matteo Crestani

«C

i siamo. E vogliamo lasciare un segno tangibile alla comunità, affinché noti la presenza costante di Fidas Vicenza e la volontà di essere sempre al fianco delle persone». Con queste parole il presidente del Gruppo Fidas di Albettone, Giorgio Fiorin, commenta la consegna di cinque colonnine portagel avvenuta a fine maggio 2021. La prima colonnina è stata consegnata in Comune, alla presenza del sindaco Francesca Rigato e di alcuni assessori. A seguire, il direttivo di Fidas Albettone, guidato dal presidente Fiorin, e composto da Ettore Veronese, Raffaella Fabris e Diego Pizzolato, ha fatto tappa

Anno LX Agosto 2021

alle scuole primaria e secondaria del paese. “L’incontro con gli studenti e gli insegnanti della scuola secondaria – aggiunge il presidente Fiorin – è stato particolarmente emozionante, in quanto ci siamo ritrovati in palestra ed abbiamo presentato l’attività dell’Associazione, in particolare in questo duro periodo di pandemia. I giovani sono stati entusiasti di questo momento e ci hanno donato una pergamena, da loro stessi realizzata, in segno di ringraziamento”. Le restanti due colonnine portagel sono state consegnate alle due chiese del territorio, la chiesa di Albettone e quella della frazione di Lovertino. ●

39


Vita di gruppo

ZONA 10 Gruppo Sossano

Un invito a donare il futuro A cura della Redazione

N

el 2020 anche il nostro Gruppo, a causa del Covid-19, non ha potuto celebrare la tradizionale Festa del donatore e, purtroppo, anche quest’anno sarà così. Però quest’anno contiamo di premiare tutti i donatori benemeriti che hanno raggiunto importanti traguardi di donazioni. Il Covid, però, non ha fermato la nostra voglia di promuovere il Dono del sangue, sia con il continuo contatto con i donatori, tramite social e chiamate telefoniche, nonché con la propaganda come quella effettuata sabato 12 giugno 2021 con la consegna di tre colonnine portagel igienizzante e depliant illustrativi sul dono del sangue. Sono state consegnate alla presenza del sindaco di Sossano Enrico Grandis, anche lui nostro donatore. Le colonnine sono state posizionate: una in Comune, una in Villa Gazzetta, la terza al Palazzetto dello Sport. Speriamo che questo piccolo dono, che abbiamo fatto al nostro Comune, serva a promuovere e realizzare il dono del sangue, come atto di solidarietà umana e civile compiuta in modo volontario, anonimo e gratuito.

Purtroppo, manca un ricambio generazionale, quindi l’invito è rivolto soprattutto ai giovani, fatevi donatori. Dona il futuro. ●

Prenota la tua donazione www.fidasvicenza.com 40

Anno LX Agosto 2021


Vita di gruppo

ZONA 11 Gruppo Lonigo

Boom di donazioni dopo le restrizioni del Covid-19 di Davide Lovato

I

l primo quadrimestre del 2021 si è chiuso per il Gruppo Fidas Vicenza di Lonigo con un notevole balzo positivo del numero delle donazioni rispetto agli scorsi anni. Tale incremento è dovuto, oltre al ritorno ad una sorta di “normalità”, rispetto al periodo di piena pandemia COVID, al lodevole apporto ed alla generosità dei donatori. Vecchi e nuovi donatori, infatti, hanno risposto tutti positivamente alle richieste di donazioni, molti anche autoprenotandosi, sia telefonicamente che attraverso l’app. I dati parlano di un incremento di ben il 30% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e del 12% rispetto al seppur positivo

Anno LX Agosto 2021

2019. A questi incredibili numeri ha contributo l’apertura del nuovo centro trasfusionale al Distretto sanitario Ovest di Lonigo. Ciò ha permesso di ripristinare, sin dai primi giorni di marzo di quest’anno, l’agenda delle donazioni con 29 posti disponibili (nei giorni di martedì, venerdì e sabato mattina) fra sangue intero e plasma ed al tanto atteso ritorno dei nostri encomiabili volontari al Centro trasfusione, forzatamente interrotto a causa delle scorse ordinanze anti Covid. Il nuovo Centro, per il quale si ringraziano tutte le istituzioni e le persone che hanno reso possibile la costruzione, è dotato di ampi e comodi locali, nonché di nuovi macchinari

41


Vita di gruppo

ed arredi, alcuni dei quali (armadietti e sedie) generosamente donati dalla Zona 11. Si coglie l’occasione anche per ringraziare ancora una volta i nostri dottori e le infermiere che con il loro lavoro hanno reso e rendono possibili questi numeri eccezionali. Il Gruppo Fidas Lonigo ricorda come sem-

42

ZONA 11

pre che possono donare tutte le persone dai 18 ai 65 anni che abbiano un peso corporeo di 50 kg e godano di buona salute; è possibile prenotare una donazione (ovvero per i nuovi donatori una visita di idoneità) chiamando lo 0444 431316 o inviando una mail a: lonigo@fidasvicenza.com. È altresì possibile prenotare la donazione in modo semplice e veloce oltre che dal programma J.ads (https://assdona.aulss8.veneto.it/fidas) tramite l’app “Donatori Vicenza” disponibile presso Play Store per android ed App Store per iPhone. ●

Anno LX Agosto 2021


PROCEDURA

PER LA PRENOTAZIONE DELLA DONAZIONE USANDO INTERNET essere entrati nel sito “fidasvicenza.com”, cliccare sul pulsanterosso “PRENOTA SUBITO” che collega • Dopo al programma “J.ads” dei Centri Trasfusionali. nella casella “UTENTE” il proprio CODICE FISCALE in MAIUSCOLO, lasciando libera la casella • Inserire “PASSWORD”, quindi cliccare su “ENTRA”. ora la scritta “La password non è stata impostata: prima di continuare impostare la password”, • Compare cliccare sul pulsante “OK”. come da istruzioni, nel campo “NUOVA PASSWORD” la password desiderata e confermarla nel • Inserire, campo “CONFERMA PASSWORD”. (Ricordarsi la password inserita per le successive prenotazioni!). ora una finestra dove viene chiesto di inserire il cellulare e/o l’e-mail o di confermare i dati se • Compare sono già presenti e corretti. • Cliccare su “AGENDA”, quindi selezionare il “PUNTO PRELIEVO” (es. CENTRO PREL VICENZA). • Selezionare il tipo di donazione ed il periodo in cui si è disponibili (es. 1-SANGUE INTERO LUNEDÌ-SABATO). il giorno desiderato nel calendario e cliccare su “INSERISCI Nuova Prenotazione” in corri• Selezionare spondenza della fascia oraria più comoda; appare una finestra con i dati del donatore, quindi cliccare su “CONFERMA”.

è stata memorizzata, se si desidera spostarla o cancellarla, cliccare l’icona delle • Ladueprenotazione freccette contrapposte o del cestino (ultima casella dopo il nome del donatore). • Per uscire dal programma, cliccare la “X ” rossa posta in alto a destra (logout).

• Effettua l’ACCESSO a “J.ads” con le tue credenziali, che dovrai avere per attivare l’app. Dopo aver fatto l’accesso, clicca sull’icona che trovi in alto a destra e ti sarà inviata una e-mail (alla • mail precedentemente dichiarata) con la procedura per scaricare l’app. • Procedi con l’installazione dell’App in base al modello del tuo telefono. • Finita l’installazione, entra nell’App con il tuo codice fiscale in MAIUSCOLO e la password appena scelta. • Appena effettuato l’accesso, scegli il CENTRO TRASFUSIONALE preferito e aggiorna i tuoi dati di contatto. • Da ora potrai prenotare, spostare e cancellare la tua prenotazione in totale autonomia. Attivando il servizio si dichiara di non ricevere più l’SMS di promemoria della donazione, che verrà invece inviato tramite notifica. Per la procedura completa e le video guide visita www.fidasvicenza.com Suggeriamo di procedere con la procedura di attivazione dell’app da un computer fisso.

Anno LX Agosto 2021

800 979000

QR Code che rimanda 43 alla guida del donatore sul sito


Profile for Fidas Vicenza Donatori di Sangue

Il Pellicano - Agosto 2021  

Il Pellicano - Periodico Associativo di Fidas Vicenza - Associazione Donatori Sangue Numero di Agosto 2021

Il Pellicano - Agosto 2021  

Il Pellicano - Periodico Associativo di Fidas Vicenza - Associazione Donatori Sangue Numero di Agosto 2021

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded