Issuu on Google+

N. 31

•Editoriale

Come chiuderà il Gruppo CPL nel 2010? Diamo un po’ i numeri (reali)

Le pagine dedicate a soci e dipendenti

Ne val proprio la pena Alcune considerazioni al termine del “tour” di presentazione del Bilancio sociale a cura di Alessandro Baraldi (abaraldi@cpl.it), Resp. Ufficio Soci e RSI

• di Maurizio Rinaldi (mrinaldi@cpl.it),

Direttore Amministrazione, Finanza, Controllo e Sistemi Informativi

Come ogni anno è stato presentato - prima al Consiglio di Amministrazione e poi all’Assemblea dei Soci il bilancio consuntivo al 30 giugno e il bilancio preconsuntivo al 31 dicembre. I dati significativi sono quelli di previsione a fine anno e quelli relativi al bilancio consolidato del Gruppo CPL CONCORDIA. Queste previsioni mettono in evidenza un ulteriore aumento del fatturato rispetto al 2009 di circa 50 milioni di euro (+15,71%) che ha comportato anche un aumento degli occupati e, perciò, anche delle assunzioni, soprattutto di persone giovani. Si evidenzia anche un calo della marginalità complessiva, sia rispetto all’esercizio 2009 che agli esercizi precedenti. Dobbiamo tenere conto che l’anno 2009 è stato eccezionale per quanto riguarda la marginalità e perciò il raffronto va fatto con la media degli ultimi 5 anni. Inoltre, nel 2009 è stata chiusa l’operazione di “spin off” di alcune concessioni gas che ha portato liquidità alla cooperativa, ma ha fatto diminuire il margine operativo lordo. Per questo il raffronto con gli anni precedenti va fatto con il risultato corrente il quale rispetto a una media di circa il 4% rilevata nei 4 anni precedenti - a fine 2010 sarà del 3,12%, risultando quindi in lieve calo. Occorre anche rilevare che questi dati erano già stati previsti nel budget 2010 approvato in Consiglio di Amministrazione, budget nel quale il risultato corrente era previsto al 2,82% mentre a fine anno arriverà al 3,12%, soprattutto per effetto del miglioramento della gestione finanziaria. Al 31 dicembre di quest’anno il risultato netto si attesterà intorno ai 15 milioni di euro, anche per effetto di alcuni proventi straordinari, che però sono attinenti all’attività caratteristica della cooperativa. Altro dato importante del bilancio relativo all’esercizio 2010 è l’aumento dell’indebitamento oneroso, che si attesterà intorno ai 100 milioni di euro. Gli oneri finanziari saranno contenuti, visti i bassi tassi di interesse, ma peggioreranno alcuni indici di bilancio. Il rapporto tra i debiti finanziari netti e il patrimonio netto (che non dovrebbe superare l’1) passerà da una media di circa lo 0,70, registrata nei 4 anni precedenti, a 0,94. Il rapporto tra i debiti finanziari netti e il margine operativo lordo, il cui valore ottimale dovrebbe essere inferiore o uguale a 3, negli ultimi 4 anni è stato di circa 2,50: a fine 2010 si attesterà intorno al 3,50. E’ chiaro che il peggioramento di questi indici, dovuto al calo della marginalità e all’aumento dell’indebitamento, non pregiudica la crescita ulteriore della Cooperativa e gli investimenti necessari allo sviluppo della nostra attività caratteristica ma ci deve impegnare a mantenere il giusto equilibrio tra queste voci di bilancio.

Incontrarsi, raccontare cosa sta accadendo, confrontarsi, regalarsi un po’ di tempo per stare insieme. E’ fondamentale per un gruppo di persone – piccolo o grande che sia – che “vivono insieme”. Se poi queste persone sono soci e dipendenti di una cooperativa che è diffusa su tutto il territorio nazionale - e che si sta diramando, attraverso società del Gruppo, in diversi Paesi all’estero - allora si tratta di qualcosa di necessario per “fare insieme”. Credo che il tour di presentazione del Bilancio sociale si sia confermato quest’anno come un importante passo in tale direzione. Certo, certo: esistono cose strategicamente più importanti. Certo, certo: siamo sempre tutti di corsa. A fine giornata lavorativa, poi, gli impegni sono tanti: la famiglia o gli amici invitano alla ritirata, e la stanchezza pure. Ma se posso giudicare dalle reazioni positive che ho raccolto, allora devo dirvi che val la pena di fare uno sforzo. Ci sono piccoli ma importanti segnali che possono essere letti come

• Ogni presentazione nelle sedi ha avuto come prologo l’incontro del Vicepresidente Guarnieri e del Resp. Ufficio Soci Baraldi con i neo soci, ai quali sono stati consegnati, a mo’ d’investitura ufficiale, lo Statuto di CPL, il volume “Per chi verrà dopo di me”, il docufilm “Il Lavoro e la Giostra” e la spilla aurea di CPL

• I soci e dipendenti dell’Area Nord Est, che si estende da Padova e dal Basso Veneto fino al Trentino e al Friuli Venezia Giulia, ascoltano la presentazione del Bilancio Sociale un incoraggiamento a continuare a gettare “semi di cooperazione”. Lo abbiamo detto nel corso delle serate di presentazione e lo ribadiamo qui; perché una cooperativa possa esistere e continuare a fiorire occorrono due ingredienti fondamentali: la capacità di stare sul mercato e lo scambio tra i soci. Se non coesistono questi due fattori non possiamo parlare di cooperativa. Con la presentazione del Bilancio sociale proviamo a coltivare soprattutto l’elemento dello scambio che (è perfettamente naturale che accada) rischia continuamente di essere messo da parte. Devo dire che in questo giro dell’Italia, di tutte le Aree e anche di qualcosa di più, stiamo vedendo crescere negli anni una cooperativa. E non unicamente nei numeri (di lavoratori, di soci, di monte lavori) che crescono di anno in anno. Certo, anche per quelli; ma anche perché vediamo le persone cambiare, crescere. E forse le vediamo crederci un po’ di più. Ci tengo qui a ringraziare tutti i colleghi che – magari con qualche sforzo – hanno partecipato a questi incontri e hanno in varie forme collaborato alla buona riuscita dell’iniziativa. In questa stessa pagina riportiamo alcune brevi e genuine testimonianze di giovani colleghe e colleghi che esprimono bene quanto possa essere un buon investimento, talvolta, fermarsi

in CPL più del dovuto per dar spazio al confronto, compiendo l’essenziale passo personale di considerare il proprio lavoro parte importante della propria vita. A chi, per i più diversi e spesso validi motivi, non è stato presente lo dico fin da ora: ci saranno altre occasioni, alle quali siete invitati – per quanto vi è possibile - a non mancare.

Vieni al tour con me 10 buoni motivi per partecipare al tour Per sapere perché lavoro e corro tutti i giorni, e per chi Per vedere in faccia il vicepresidente e dirgli che non tifo Inter Per vedere il faccia il futuro direttore generale Perché è importante fare un brindisi ai successi guadagnati con fatica Perché è come un’assemblea ‘a lume di candela’ Perché il Bilancio sociale racconta cose che non potevo immaginare Perché così ci ricordiamo tutti che siamo una cooperativa Perchè una citazione di Barberini fa sempre bene al cuore Perché ogni tanto la montagna è giusto che vada a Maometto… Perché sapere dove si va, e perché, è molto meglio di non saperlo A.B.


II

L’opinione di alcuni soci dopo il Bilancio sociale In questi sette mesi ho imparato molto, e soprattutto nella serata dedicata al Bilancio sociale ho avuto la possibilità non soltanto di conoscere il gruppo CPL CONCORDIA ma anche sapere come, dove, e in che modo la cooperativa investe. Sono molto soddisfatto dei risultati ottenuti, sia del ricavato che delle assunzioni aumentate in un periodo di recessione e lenta ripresa. Concludo precisando che non riesco a descrivere la felicità che ho provato quando ho sentito che la Cooperativa in cui lavoro ha investito circa 5 milioni di euro per migliorare il sistema energetico in India, nel mio paese natale. Sono davvero soddisfatto! (Kumar Ashesh, Settore ICT, Mirandola)

di cooperazione, volto al fine di realizzare quell’unione che crea la Forza Lavoro. (Donatella di Iorio, Area A6, Napoli) Una bella impressione: mi è parsa una riunione di famiglia come ormai sono abituato in CPL. Relativamente alla proposta di aumento di capitale sociale, si leggeva negli occhi di chi era lì davanti a me determinazione, competenza, onestà; tutti elementi che, a parer mio, meritano grande fiducia. Tutti elementi che avevo scorto già da quando lavoravo a Concordia (ormai 5 anni or sono), che mi stimolano e mi portano a prendere la decisione di continuare ad investire, direi, “a cuor leggero” in CPL anziché in una qualunque altra azienda che non sia la “mia” azienda: quella che mi appartiene, quella in cui credo, perché è quotidianamente sotto miei occhi la grande dedizione dei miei colleghi. (Daniele Santoro, Area A2, Roma)

• Una bella foto di gruppo dei Soci di Fano al termine della presentazione del Bilancio, lo scorso 22 ottobre (Foto Marchionni) impegnando per dare continuità all’azienda. Credo che il modo migliore sia proprio la presentazione del Bilancio sociale, impostata sulla semplicità e la chiarezza. Una richiesta da socia: fatene di più! (Alice Diacci, Settore Odorizzanti e Services, Concordia)

Ho preso una macchina fotografica e ho scattato una foto, perché un momento così è difficile da raccontare. Di questi tempi, poi... Non mi riferisco solo ai numeri, ai progetti, ai risultati del Bilancio, che parlano da soli e che

• Baraldi e Guarnieri, il duo inossidabile del Tour 2010 del Bilancio, autori di uno sforzo divulgativo e relazionale notevole: 11 presentazioni in 30 giorni La presentazione del Bilancio Sociale 2010 ha rappresentato un momento di aggregazione e informazione fondamentale per la crescita della conoscenza di noi tutti dipendenti. Ci è stata esposta magistralmente la descrizione di un corpo che vive, che cresce... e che è ben funzionante dopo più di 110 anni. E’ bello sentirsi parte di un unico gruppo accomunato da uno spirito

Sono stata contenta di aver partecipato alla presentazione del Bilancio Sociale perché, per com’è stata impostata la riunione, mi sono proprio sentita far parte di questa grande Cooperativa. Ho capito come si formano quei “grandi numeri” che vengono presentati all’assemblea ordinaria; inoltre ho capito dove e come sta operando CPL. Ognuno di noi segue una parte della produzione aziendale e fa molta fatica a conoscere come la CPL si sta

• Il parterre dei relatori a Mirandola (MO): in ogni incontro consiglieri e membri della Direzione hanno presentato la proposta di aumento del capitale sociale, un modo per sostenere lo sviluppo dell’azienda e investire nel proprio lavoro

• A Melegnano bis di eventi: presentazione del Bilancio Sociale e inaugurazione della nuova sede

(nella foto la nuova sala assemblee dell’area Nord Ovest)

La presentazione del Bilancio fatta presso le varie sedi è un fatto positivo, di aggregazione tra i colleghi, di confronto e discussione sulle problematiche legate soprattutto al territorio. Altro aspetto rilevante è la partecipazione attiva a tali incontri. Sono tutti elementi che incoraggiano a offrire il proprio apporto alla “nostra azienda”: un socio motivato, anche se in piccolissima parte, sente “suo” tutto ciò che realizza. (Vito Moramarco, Area A4, Bari)

nella nostra Cooperativa sono sotto gli occhi di tutti. Mi riferisco all’atmosfera, alla voglia di condividere pensieri e opinioni con una semplicità e un interesse così sinceri da rendermi ancor più orgogliosa di essere socia, dipendente... una “piccola parte” di questa grande Cooperativa. (Lucia Marchionni, Area A5, Fano)

A cura di Alessandro Baraldi


III

BrindiAMO: un sostegno a favore dei malati oncologici Con l’iniziativa “brindiAMO” offriamo a tutti i nostri soci 2 bottiglie di diversa tipologia di vino novello (in totale si tratta di un acquisto di circa 1.200 bottiglie) in concomitanza con la festa di S.Martino (11 novembre). Abbiamo iniziato circa 8 anni fa, offrendo la possibilità ai volontari AMO (Associazione Malati Oncologici) di posizionarsi con un banchetto vendita a fianco dell’Ufficio Paghe durante la distribuzione della busta paga a novembre. Da lì è partita una collaborazione più stretta, con l’acquisto diretto da parte di CPL e il conseguente omaggio ai soci: siamo certi che la cosa è gradita dai soci e, ancor più, sappiamo di fare cosa utile a favore della locale AMO dei 9 Comuni Modenesi dell’Area Nord. Si tratta di una Onlus, costituita nel 2002 a Mirandola (MO), che offre continuità assistenziale rivolta al malato oncologico e alla famiglia in un’ottica di integrazione tra Ospedale e Territorio. Caratteristica peculiare della realtà oncologica di Mirandola è la forte connotazione palliativa, ossia l’attenzione al dolore inteso nelle sue componenti fisica, emotiva, sociale e spirituale,

a cura di Luca Costa (lcosta@cpl.it) Società di diritto indiano “CPL Energy India Private Limited”

affiancata ai presidi tecnico/farmacologici nel rispetto della dignità della persona. Per questa modalità di lavoro AMO ha ricevuto il Premio Nazionale Tiziano Terzani per l’Umanizzazione della Medicina (Seconda Edizione 2008).

L’Ufficio soci

Per il 6° anno consecutivo si conferma anche nel 2010 l’iniziativa dei “Buoni Coccinella”. Nell’Area di Concordia l’iniziativa consiste nella distribuzione a ciascun socio di buoni acquisto - per un valore complessivo di 200 Euro - da spendere presso tutti gli esercizi commerciali di Concordia e San Possidonio che aderiscono. Una piccola ma importante proposta che CPL fa al suo territorio d’origine per distribuire la ricchezza, promuovere e incoraggiare le piccole imprese commerciali locali. Ma l’iniziativa ha in realtà carattere e diffusione nazionale; se a Concordia il socio riceve il “Buono Coccinella”, nel resto dell’Italia riceve un blocchetto di buoni “Accor” per lo stesso ammontare da utilizzare per gli acquisti presso i punti convenzionati. Nel suo insieme CPL CONCORDIA offre ai soci un potenziale di 115.800 Euro, alleggerendo così i budget familiari e contribuendo anche in questa forma al potere d’acquisto del singolo socio.

I nuovi soci ammessi da giugno a ottobre 2010

Nel CdA del 10 settembre 2010: Luppi Mauro (Area Concordia Emilia) Tamassia Massimo (Area Concordia Emilia) Cavicchioli Federica (Settore Impianti Tecnologici) Sghedoni Luca (Settore Cogenerazione) Rigato Alberto (Area Padova Nord Est) Di Iorio Donatella (Area Campania Calabria Sicilia) Capasso Alessandro (Area Campania Calabria Sicilia) Mazza Antonio (Area Campania Calabria Sicilia) Sorrentino Luigi (Area Campania Calabria Sicilia) Santoro Michele (Area Roma Lazio) Fisichella Giuseppe (Area Roma Lazio) Perego Daniele (Area Milano Nord Ovest) Farella Antonio (Area Milano Nord Ovest)

NOVEMBRE 2010

E’ stata decisa la costituzione di una Joint Venture in forma giuridica di società a responsabilità limitata di diritto indiano, denominata “CPL Energy India Private Limited” partecipata in misura paritaria dalla società controllata CPL Distribuzione S.r.l. e dalla società • Foto di gruppo dei nuovi soci della joint venture italoindiana GEMS, con sede a indiana nella sede societaria di Nuova Delhi Nuova Delhi. L’oggetto sociale prevede la commercializzazione dei prodotti e dei servizi forniti dalla Cooperativa, con particolare riferimento alla costruzione e gestione di impianti di distribuzione di gas naturale.

Buoni per i soci: UN PICCOLO AIUTO AI BUDGET FAMILIARI

Nel CdA del 18 giugno 2010: Zaccheo Silvia (Area Roma Lazio) Corradini Stefano (Settore Odorizzanti & Services) Cavalieri Alessandro (Settore Odorizzanti & Services) Malagoli Marika (Servizi – Centralino)

Brevi dal CdA

Nel CdA del 22 ottobre 2010: Testolin Massimiliano (Area Concordia Emilia) Dantese Edmondo (Area Campania Calabria Sicilia) Merolla Paolo (Area Campania Calabria Sicilia) Nicetto Cristian (Area Padova Nord Est) Barutta Matteo (Area Padova Nord Est) Bertoli Marco (Settore ICT)

Costituzione di due società a responsabilità limitata (Noci Solar 1 e Noci Solar 2) finalizzate alla realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici nel territorio della Regione Puglia Nell’ambito degli investimenti previsti nel settore (nella foto, l’impianto realizzato a Porcari da IES Solare, delle fonti rinnovabili, e in collegata CPL) particolare nel settore della costruzione e gestione degli impianti fotovoltaici, è stata decisa la costituzione di due nuove società a responsabilità limitata, mediante le quali realizzare due impianti fotovoltaici nel territorio della Regione Puglia. Tali società, ciascuna con capitale sociale di 10.000 Euro, interamente sottoscritto dalla Cooperativa, sono denominate, rispettivamente, “Noci Solar 1 S.r.l.” e “Noci Solar 2 S.r.l.”.

• Prosegue lo sviluppo fotovoltaico del Gruppo CPL

Acquisizione di una società di diritto romeno Il Consiglio ha deciso di acquistare, attraverso la controllata di diritto rumeno “CPL Concordia Filiala Cluj Romania”, una società proprietaria delle concessioni e delle reti di distribuzione del • Anche nell’assemblea semestrale di ottobre il Pregas esistenti nei Comuni di sidente Casari ha evidenziato l’impegno di CPL per la Simleu e Crasna, due cittadi- crescita all’estero ne nel distretto di Salaj, che contano rispettivamente 16.000 e 6.500 abitanti, che distano circa 40 km dalla città di Cehu Silvaniei.

Costituzione della società di progetto “Fontenergia 9 S.r.l.” Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato la costituzione di una società di progetto, denominata “Fontenergia 9 S.r.l.”, avente ad oggetto sociale la progettazione, realizzazione e gestione dell’impianto di • I lavori della rete gas nel Bacino sassarese di Ittiri ad distribuzione del gas natuopera di CPL-Fontenergia rale e di ogni altra attività presupposta, connessa, conseguente, collegata o funzionale, nell’ambito del territorio del Bacino della Regione Sardegna n. 9 (comune capofila Ozieri).


IV

Dopo Sant’Omero e Fano, nuovo look per le sedi di Melegnano e Padova

L’attenzione per la funzionalità e l’efficienza dei luoghi di lavoro procede di pari passo con la crescita occupazionale della cooperativa e la sua attenzione all’ambiente di Mirco Zucchini (mzucchini@cpl.it), Settore Edile A Melegnano sono partiti il 24 agosto 2009 lavori di ristrutturazione (per un importo di 750.000 Euro) della locale sede CPL. Un immobile, quello che ospita la sede dell’Area Nord Ovest situato in una posizione invidiabile (a pochi passi dall’uscita del casello di Melegnano) - al quale si è voluto dare il giusto valore e la necessaria importanza, integrandolo con i fabbricati limitrofi. I lavori di ristrutturazione sono consistiti nella sopraelevazione di ben due piani: uno destinato ad uffici e l’altro nel quale sono stati ricavati una foresteria e una spaziosa sala convegni dalla quale si può accedere anche a uno splendido terrazzo che ne esalta la funzione. Sono stati inoltre ristrutturati gli spogliatoi per i dipendenti ed è stato completamente smantellato e rifatto l’impianto di riscaldamento e raffrescamento al servizio della palazzina uffici. Gli interventi hanno interessato, anche se a diversi livelli, l’intero complesso immobiliare: anche l’atrio e l’area cortiliva esterna sono

state riprogettate per un’organica distribuzione degli spazi di manovra e di parcheggio. La ristrutturazione dell’immobile, alla quale da tempo si stava pensando, ha consentito di intervenire in modo massiccio non solo aumentando le postazioni di lavoro per i dipendenti, ma anche consentendo la redistribuzione degli uffici stessi in un’ottica più funzionale e di rispetto e salvaguardia dei diritti dei lavoratori in materia di igiene e sicurezza. Parlavamo non a caso di un “nuovo vestito” per l’immobile di Melegnano: sull’immobile infatti sono stati effettuati un isolamento a “cappotto verticale” e una copertura a “cappello tondeggiante” realizzata in legno e rivestita in alluminio di color verde anticato (quest’ultima visibile già dal casello autostradale, unitamente all’insegna con il logo CPL).

Nuovi interventi sul patrimonio immobiliare di CPL Nell’immediato futuro sono previsti diversi nuovi interventi sul patrimonio immobiliare di CPL: - la realizzazione di un nuovo fabbricato per il deposito e lo stoccaggio di 30 tonnellate di odorizzante presso la sede di Melegnano, per garantire una più efficace copertura del territorio. Il nuovo fabbricato sorgerà in adiacenza al magazzino di Via della Repubblica; - la realizzazione di un impianto fotovoltaico integrato da 50 kW da posizionarsi sulla copertura dell’immobile adibito a ricovero mezzi presso la sede di Concordia sulla Secchia, previa bonifica dell’attuale copertura; - la realizzazione di un impianto fotovoltaico integrato di 40 kW da posizionarsi sulla copertura dell’immobile adibito a ricovero mezzi presso la sede di Melegnano, previa bonifica dell’attuale copertura; - la realizzazione di un impianto fotovoltaico integrato di 40 kW da posizionarsi sulla copertura dell’immobile adibito a magazzino presso la sede di Padova, previa bonifica dell’attuale copertura; - la realizzazione di due sportelli Bancomat, uno presso il Concordia Hotel di San Possidonio e l’altro presso la sede di Concordia sulla Secchia.

Una ristrutturazione importante, che ha richiesto il sacrificio di tutti i colleghi che dovevano continuare a svolgere il proprio lavoro e che subivano le “interferenze” connesse con la produzione del cantiere edile cercando di non lamentarsi. Come già accennato, l’area esterna è stata completamente riprogettata. Sono stati posizionati cordoli ed autobloccanti per delimitare i posti macchina, è stata costruita una bilancia per la pesa degli automezzi (con relativo ufficio) e sono state asfaltate le parti rimanenti. Tutta la recinzione fronte strada è stata raschiata, pulita e riverniciata. E’ stato sostituito il cancello d’ingresso pedonale in acciaio inox con applicato il logo CPL, studia-

Alcuni numeri per comprendere l’impegno della cooperativa nella nuova sede di Melegnano Superficie Totale di Proprietà: 12.080 mq Superficie Palazzina Uffici Esistenti: 1.063 mq Superficie Capannoni: 2.352 mq Ampliamento Palazzina Uffici: 361 mq Ampliamento Sottotetto Sala Convegni: 200 mq Ampliamento Sottotetto Appartamento uso Foresteria: 68 mq Ampliamento Sottotetto Terrazzi: 93 mq Superficie Coperta Uffici: 359 mq Superficie Coperta Capannoni: 2.352 mq Totale di superficie coperta: 2.711 mq Superficie a Verde: 4.687 mq Superficie Posto macchina + Spazi di manovra: 4.681 mq

to un impianto d’irrigazione autonomo e sono state messe a dimora piante a bassa manutenzione e di gradevole aspetto. I materiali utilizzati (acciaio inox, cristallo temperato, isolanti di nuova generazione, ecc.) rendono la ristrutturazione pregevole e di buon gusto, e gli ospiti possono apprezzare lo sforzo di un’azienda che investe nel rispetto dell’ambiente e delle risorse energetiche senza rinunciare al comfort e all’estetica. La ristrutturazione non ha tralasciato neppure gli interni. Al piano terra (per gli addetti ai lavori “rialzato”) è stata sostituita la porta d’ingresso automatica nel rispetto della normativa vigente ed è stata allestita una nuova reception di gradevole fattura inserita fra la scala e il nuovo controsoffitto dove sono allocate luci rettangolari ad incasso. L’ascensore esistente, da sempre fuori uso, è stato sostituito con uno nuovo, elettrico a 5 fermate con porte in acciaio inox; è stata valorizzata la scala elicoidale esistente a mezzo di una ringhiera in acciaio inox. I due nuovi piani sono stati collegati tra loro e con il piano terra mediante l’inserimento delle due nuove rampe, con gradini in cristallo, allo scopo di alleggerire e dare

maggior luce alla tromba delle scale. Il primo piano è stato completamente ristrutturato, è stata predisposta una nuova pavimentazione ed è stata effettuata una redistribuzione più funzionale degli uffici destinati ai capi commessa e tecnici di produzione. Al secondo piano sono stati creati uffici destinati ai commerciali, alla Direzione e ai colleghi di passaggio, oltre a una funzionale sala riunioni. Si è cercato il giusto connubio tra qualità, prezzo ed estetica nella scelta dei pavimenti, controsoffitti, pareti attrezzate ed altri arredi, illuminazione ed impianti tecnologici, per ottenere un risultato che fosse gradevole e nello stesso tempo funzionale. Prezioso è stato il contributo sia del responsabile d’Area Arturo Caracciolo che dell’ing. Alessandro Mancin. All’ultimo piano, mansardato ma di ampio respiro, è stata creata una sala conferenze che può ospitare fino a 50 persone, con un pavimento di una tonalità chiara che si contrappone ad una parete di colore grigio e a una copertura in legno curvo color rovere chiaro. Sempre a questo livello è stato ricavato uno spazio per un appartamento ad uso foresteria. Per l’inaugurazione della sede si è scelto un momento di rilievo della vita della cooperativa: la presentazione del Bilancio Sociale ai soci e dipendenti dell’Area Nord Ovest, lo scorso 5 novembre. La prossima tappa, come accennato nel titolo, sarà l’inaugurazione della nuova sede di Padova: ma di questo parleremo nella prossima puntata.


Il Punto 31