Page 18

Guida autonoma

INNOVATIVO CENTRO DI RICERCA IN GERMANIA PER LA COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA

Onde elettromagnetiche e rischio interferenze di Antonio Ricotta (Direzione Sistemi Informativi e Innovazione ACI)

N

essuno di noi ci fa caso o se ne rende conto, ma quando entriamo nell’abitacolo di un veicolo viviamo un’esperienza non molto diversa da quella di entrare in un gigantesco forno a microonde. Lo sviluppo della tecnologia e la massiccia diffusione delle trasmissioni wireless comportano infatti l’inevitabile necessità di dover convivere con i campi elettromagnetici. Nei centri abitati, anche chi fa un uso minimo delle tecnologie vi è comunque costantemente immerso. Ma ancora di più lo sono gli automobilisti di veicoli prodotti negli ultimi anni. L’inquinamento da onde elettromagnetiche non riguarda solo le più evolute

18

Veicoli elettrici e sempre più connessi richiedono attualmente maggiori ricerche sugli effetti dei campi elettromagnetici come dimostra l’iniziativa Mercedes-Benz. auto connesse. Basti pensare come ogni veicolo a trazione elettrica genera un forte campo che avvolge praticamente l’intera vettura, nonché – beninteso - i suoi occupanti. Nelle attuali auto elettriche e ibride circolano correnti per centinaia di Ampere che generano campi magnetici non trascurabili, e che tra l’altro vengono schermati sempre meno dai nuovi materiali leggeri usati per la produzione dei veicoli. Le auto sempre più connesse sono poi dotate di dispositivi

settembre-ottobre 2019

di trasmissione e ricezione sempre più numerosi ed evoluti: dall’antenna per le trasmissioni radio, alla comunicazione mediante mobile, oltre a dispositivi per la navigazione, WLAN, Bluetooth e al sistema di chiusura centralizzata RF. Il nuovo standard di comunicazione mobile 5G rende infine necessari nuovi requisiti aggiuntivi. Un’antenna non è infatti più adeguata per la velocità di trasmissione che sarà possibile con il nuovo standard. Ecco

perché per rendere possibile una più elevata velocità di trasmissione dei dati vengono solitamente utilizzate contemporaneamente due o quattro antenne. Una situazione che rischia di diventare allarmante in vista di un futuro sempre più vicino, in cui i veicoli a guida autonoma o parzialmente autonoma avranno un livello di connessione di dati con sistemi esterni inevitabilmente molto più elevata di quanto non sia oggi. I rischi di un’eccessiva esposizione ai campi magnetici sono infatti di due tipi. Innanzitutto per la salute, tanto per persone con situazione medica normale quanto (e a maggior ragione) per persone in

Profile for aci-it

Onda Verde n. 25  

La rivista ACI per la mobilità sostenibile. Numero 24: settembre - ottobre 2019

Onda Verde n. 25  

La rivista ACI per la mobilità sostenibile. Numero 24: settembre - ottobre 2019

Profile for aci-it