Page 1

Zora SocietĂ Cooperativa Sociale

Carta dei Servizi 1


Zora SocietĂ Cooperativa Sociale Indice Introduzione

pag 3

La Storia

pag 4

La Mission

pag 7

I Principi

pag 8

Accesso ai Servizi

pag 10

La struttura tecnico organizzativa

pag 14

Rapporti con le Istituzioni

pag 15

I servizi offerti

pag 16

Centro Diurno Benzi

pag 17

Centro Diurno Odoardina

pag 19

Centro Residenziale Stradora

pag 21

Appartamento Il Bruco

pag 13

Centro Residenziale Zorella

pag 26

Centro Residenziale La Manta

pag 30

Laboratori Integrati

pag 31

Indicatori di qualitĂ

pag 32

Diritti e Doveri

pag 44

Carta dei Servizi 2


Zora Società Cooperativa Sociale

Introduzione

Perché la Carta dei Servizi? La carta dei servizi rappresenta lo strumento primario di comunicazione tra Cooperativa, Utenti, le loro Famiglie, Committenti e Cittadini, in cui l'organizzazione dichiara le finalità, gli obiettivi e i parametri di qualità che intende garantire per assicurare l'efficienza e l'efficacia dei servizi offerti. Questo documento, per facilitare la consultazione e la comprensione delle informazioni riportate, è suddiviso in tre sezioni: presentazione della Cooperativa (storia, mission, principi con i quali lavora), i servizi offerti dalla Cooperativa e le modalità di accesso ai servizi, i livelli di qualità dei servizi e gli obiettivi per l’anno in corso di validità su cui gli utenti possono esprimere il loro gradimento o reclamo nei confronti della Cooperativa. Carta dei Servizi 3


Zora Società Cooperativa Sociale

1. La Storia

La storia della nostra Cooperativa inizia durante gli anni 80, quando le prime forme di Cooperazione Sociale, basate sul volontariato e sulla solidarietà tra persone, presero vita sul nostro territorio nazionale. Nel 1982 la Comunità Europea finanziò un progetto triennale denominato “Lo Stradello” con l’obiettivo di favorire l’inserimento lavorativo di soggetti portatori di handicap, realizzato presso gli spazi di Villa Valentini a San Ruffino di Scandiano. L’esperienza fu gestita dagli stessi operatori e volontari che per garantire la continuità del percorso intrapreso, insieme ai famigliari ed ai cittadini, nel 1984 fondarono la Cooperativa di Solidarietà Sociale “Lo Stradello”. Nel 1986, anche grazie a una “mobilitata e mobilitante” raccolta fondi sul territorio di Scandiano, “Lo Stradello” acquistò un podere agricolo di 14 ettari e ristrutturò i vecchi casolari contadini presenti sulla collina per permettere l’inserimento di altri giovani disabili e offrire loro l'opportunità di poter acquisire competenze lavorative, di potersi riconoscere come individui in un contesto in cui il lavoro è strumento per l'integrazione sociale, per l'emancipazione e l'affermazione personale. Successivamente alla progressiva e costante crescita della Carta dei Servizi 4


Zora Società Cooperativa Sociale Cooperativa, si delinearono due settori di attività, quello socio-riabilitativo e quello lavorativo protetto: accanto alla gestione delle iniziali attività agricole e di allevamento, la Cooperativa iniziò ad accogliere alcuni utenti in forma diurna presso il nuovo Centro “Benzi” (ricavato da una prima ristrutturazione degli edifici) e presso il Centro Odoardina (convenzionato con il Comune di Reggio Emilia). Parallelamente, alcuni spazi destinati agli allevamenti furono trasformati in quel che oggi è riconosciuto come Magò (il nome della maga che nel lungometraggio “La spada nella roccia” ha il potere di trasformare gli oggetti e le persone a suo piacimento) dove alcuni utenti del Centro Diurno Benzi furono coinvolti in attività di recupero e riutilizzo di oggetti e mobili usati. Per fare fronte alle continue richieste di residenzialità espresse dalle famiglie del territorio, agli inizi degli anni novanta la Cooperativa decise di ristrutturare la seconda area del vecchio podere per ricavarne un Centro Residenziale. Per ottenere i finanziamenti necessari erogati dal Fondo di Solidarietà Intecooperativo, i Soci dello “Stradello” deliberarono di dar vita ad una nuova organizzazione cooperativa di tipo A, mantenendo parallelamente viva l’attività di Cooperativa “madre” di tipo A/B e la proprietà del podere. Così, il 14 febbraio del 1997 nasce “ZORA”, il cui nome fu scelto tra una miriade di proposte grazie all’intervento di un ragazzo del Centro Diurno Benzi per ricordare l’affezionata zia. La gestione dei Centri Diurni Benzi e Odoardina passò a Zora e un anno più tardi fu inaugurato il nuovo Centro Residenziale “Stradora” (che prende il nome dall’unione di Stradello e Zora). Un anno più tardi la Cooperativa inaugura “Il Tintoretto”, un laboratorio di attività creativa ed espressiva legati alla tecniche di pittura su seta e stoffa, all’arte della carta riciclata e le composizioni con i fiori secchi. Con l’intensificarsi dei rapporti con gli Enti Committenti e con i territori dei Distretti di Scandiano e Reggio Emilia si evidenziarono bisogni specifici: in primis Carta dei Servizi 5


Zora Società Cooperativa Sociale l’accoglienza degli adulti disabili pazienti ospitati nel Centro “Il Sentiero”. Non essendoci alcuna struttura idonea sul territorio provinciale, la nostra Cooperativa si rese disponibile a investire risorse e avvio alla costruzione della Struttura di Puianello. Ancora una volta, il nome “Zorella” nacque dal confronto fra tutti i Soci, e volle sottolineare da un lato il significato di crescita ed evoluzione della Cooperativa (piccola Zora) e dall’altro il desiderio di essere parte integrante del territorio che l’avrebbe ospitata (Zora e Puianello). Il Centro residenziale aprì nell’estate del 2000, ma poco dopo iniziarono le prime proteste del “vicinato”: la struttura è progettata all’interno di un contesto residenziale di pregio e i nuovi ospiti furono da subito vissuti con timore, come “scomodi e rumorosi”. Si aprì una lunga serie di azioni di protesta che non favorirono le finalità di integrazione e socializzazione degli ospiti che la Cooperativa avrebbe voluto sostenere. Un anno dopo, il Consiglio di Amministrazione, in virtù di nuove richieste di inserimento pervenute dal Servizio Sociale, autorizzò la progettazione e la costruzione di una terza struttura residenziale: “La Manta” (il nome deriva dalla parola con cui un ospite indicava la coperta del suo letto). La Manta venne inaugurata nel 2004 e accolse nei nuovi spazi alcuni ospiti di Zorella. Due anni dopo, a fronte di ulteriori richieste di inserimento, quest’ultima struttura venne ampliata con una nuova ala, ed il piano superiore venne concesso in affitto all’Ausl di Reggio Emilia per l’accoglienza residenziale di persone provenienti dal compartimento di psichiatria. Nel 2008, in stretta collaborazione con la Cooperativa Lo Stradello, prendono vita i “Laboratori Integrati” come innovativa proposta esperienziale e propedeutica per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Carta dei Servizi 6


Zora Società Cooperativa Sociale 2. La mission 1) rispondere al bisogno di socializzazione,emancipazione, affermazione individuale ed integrazione sociale delle persone svantaggiate, perché tutti vivano in ben-essere e con dignità il proprio tempo. 2) lavorare in una situazione in continuo divenire, con la partecipazione attiva e plurale degli utenti, delle famiglie, dei lavoratori e degli Enti committenti. 3) in coerenza con il principio di sussidiarietà e con il metodo della co-progettazione, essere una realtà sempre più radicata nel territorio per arricchirne le reti relazionali, le risorse e le opportunità, anche promuovendo nuovi progetti e iniziative e sostenendo e organizzando azioni di volontariato. 4) concorrere a riconoscere e affermare i diritti delle persone svantaggiate e ad abbattere le barriere (materiali e non), che provocano o mantengono situazioni di emarginazione e bisogno. 5) in un’ottica di costante ricerca della qualità, impegnarsi ad offrire ai clienti (utenti, famiglie, contesto sociale) i migliori prodotti e servizi . 6) stimolare e valorizzare il contributo dei soci alla vita della cooperativa, incentivandone il senso di appartenenza, e favorire la crescita professionale e migliori condizioni di occupazione e lavoro per i soci lavoratori. 7) mirare al miglioramento dell’organizzazione, della produttività e alla solidità del patrimonio (efficacia ed efficienza delle azioni). 8) interagire con le altre cooperative per rafforzare la cooperazione sul mercato, diffonderne i valori, svilupparne la presenza e il ruolo sociale e creare nuove opportunità di lavoro. Carta dei Servizi 7


Zora Società Cooperativa Sociale 3. I Principi La Cooperativa Zora si impegna a lavorare applicando i seguenti principi nell’erogazione dei suoi servizi: Cortesia: costruzione e cura di un dialogo continuo e costante con l’utente, la famiglia, i lavoratori, caratterizzato da disponibilità all’ascolto e cortesia nella risposta. Eguaglianza: tutti i cittadini diversamente abili possono essere accolti all’interno dei Centri della Cooperativa senza nessuna discriminazione di sesso, etnia, stato sociale, lingua, religione ed opinioni politiche. È garantita la parità di trattamento, a parità di condizioni del servizio prestato. Inoltre, la cooperativa si impegna a concorrere con le istituzioni e la comunità a riconoscere e affermare i diritti delle persone diversamente abili e ad abbattere le barriere che provocano o mantengono situazioni di emarginazione. Partecipazione: ogni utente, lavoratore, committente, familiare può proporre indicazioni migliorative, valutazioni, suggerimenti sui servizi erogati dalla cooperativa. La cooperativa si impegna a stimolare e valorizzare il contributo dei soci alla vita della cooperativa incentivandone il senso di appartenenza. La cooperativa si impegna a interagire con le altre cooperative anche ricercando sinergie per creare nuove opportunità di lavoro, per rafforzare la cooperazione sul mercato e svilupparne la presenza ed il ruolo sociale. Efficacia: La cooperativa si impegna a lavorare in una situazione in continuo divenire in cui si sentono coinvolti gli utenti, le famiglie, i lavoratori e i tecnici degli enti committenti. Carta dei Servizi 8


Zora Società Cooperativa Sociale Efficienza: la cooperativa opera per mantenere alti i livelli di efficienza dei propri servizi attraverso la partecipazione a corsi di formazione e di aggiornamento del proprio personale e alla ricerca di servizi nuovi sempre più vicini al bisogno della sua utenza o richiesta esterna; attraverso la ricerca del miglioramento continuo possibile della prestazione in stretta collaborazione con gli utenti, i loro familiari e i tecnici dei servizi invianti. La cooperativa ha recepito i dettami contenuti nel D.Lgs 81/08 per quanto riguarda la sicurezza dei lavoratori . Riservatezza: gli operatori tutti della cooperativa si impegnano a non divulgare informazioni riguardanti le persone ospitate nei vari servizi. La Cooperativa si impegna a rendere pubbliche informazioni riguardanti i fruitori delle sue strutture solo in dati aggregati e anonimi per ricerche di settore. Imparzialità: ogni operatore che lavora all’interno dei servizi della Cooperativa svolge le proprie mansioni in sintonia con quanto premesso dall’obbiettivo da raggiungere con ciascun utente senza fare nessuna sorta di preferenza o discriminazione. Trasparenza: La cooperativa si impegna affinché tutto il personale in servizio sia riconoscibile tramite tesserino di riconoscimento. La cooperativa si impegna a rispondere al bisogno di socializzazione, emancipazione e affermazione individuale di persone svantaggiate, perché tutti vivano con dignità il loro tempo (Attenzione alla persona e valorizzazione sue potenzialità).

Carta dei Servizi 9


Zora Società Cooperativa Sociale 4. Accesso ai Servizi: modalità e tempistiche

4.1 Modalità di accesso ai nostri servizi Le richieste di inserimento possono essere inoltrate direttamente al centralino, ai coordinatori oppure al Responsabile Tecnico. Solo quest’ultimo, però, è abilitato a raccogliere e valutare le informazioni preliminari. Ci sono 3 situazioni di accesso come di seguito: 4.2 Inserimento di utenti soggetti alla disciplina dell’accreditamento (dgr. 514/09) Le modalità di inserimento vengono definite nei diversi Contratti di Servizio all’articolo “Ammissione degli Utenti” Il Responsabile Tecnico, eventualmente con il Coordinatore del Centro nel quale l’Utente dovrebbe essere inserito, incontra i tecnici del Servizio Inviante per raccogliere informazioni riguardanti caratteristiche e bisogni dell’Utente oltre che per condividere i contenuti della Scheda di Valutazione Regionale (indispensabile per classificare la disabilità e determinare l’importo della retta prevista): quando l’incontro non è possibile il materiale viene richiesto via fax o via mail dal Responsabile Tecnico ai Servizi Invianti. Carta dei Servizi 10


Zora Società Cooperativa Sociale L’Utente viene incontrato presso il luogo di vita (famiglia o Centro) dal Responsabile Tecnico e/o dal Coordinatore per conoscerlo, farsi conoscere e raccogliere ulteriori informazioni. Successivamente il Responsabile Tecnico comunica allo Staff la richiesta da parte dei Servizi Invianti di una domanda di inserimento presso uno dei diversi Centri della cooperativa. Il PRE elabora l’offerta economica associando le indicazioni della Scheda di Valutazione Regionale per quanto riguarda la valutazione del livello assistenziale ed il costo di riferimento definito nell’articolo “Determinazione delle rette” presente nel Contratto di Servizio di riferimento. Il Responsabile Tecnico elabora, alla luce degli elementi sopraindicati, l’offerta progettuale indicando anche una ipotesi di data per l’inserimento (che verrà poi concordata con i Servizi, secondo i bisogni dell’Utente). I Servizi invianti, in collaborazione con Responsabile Tecnico e Coordinatore del Centro interessato, si impegnano a rendere note ed a informare i familiari delle condizioni economiche che li riguardano e che verranno, poi, formalmente sottoscritte al momento dell’inserimento. 4.3 Inserimento di utenti NON soggetti alla disciplina dell’accreditamento (dgr. 514/09) Entro tre giorni lavorativi si fissa un colloquio con i tecnici del servizio inviante. Durante l’ incontro si raccoglieranno le informazioni per una prima valutazione sulla possibilità di offrire una risposta adeguata ai bisogni dell’ utente. Verrà inoltre descritta ai committenti la metodologia di Zora e verrà mostrata loro la struttura. Da qui, la formalizzazione della domanda tramite la compilazione di un modulo ( griglia per l’osservazione). Successivamente si stabilisce un incontro presso il luogo di vita (famiglia o Centro) per conoscere l’utente, per farsi Carta dei Servizi 11


Zora Società Cooperativa Sociale conoscere e per raccogliere ulteriori informazioni. Le informazioni devono essere sufficienti per consentire una valutazione da parte dello Staff sulle opportunità d’inserimento. Il Responsabile Tecnico presenta il caso in Equipe attraverso la lettura e il commento della griglia. Con la collaborazione degli operatori si individuano le criticità e le eventuali soluzioni, e se possibile, le modalità per la conoscenza diretta dell’ ospite nel contesto del servizio. In seguito, alla visita dell’ospite, vengono elaborate le prime ipotesi in termini di fabbisogno di personale e risorse strumentali sulla base dei bisogni assistenziali e relazionali del futuro ospite. Il coordinatore fissa un incontro formale con i famigliari e con i servizi per la presentazione della documentazione. Infine, i dati vengono consegnati al Presidente il quale definisce la retta minima e quella massima. Entro 7 gg. dalla presentazione del caso in Equipe i dati saranno inoltrati al richiedente. 4.4 Inserimento presso il Centro Diurno Odoardina Il Centro Diurno Odoardina è di proprietà del Comune di RE ed è gestito dalla Soc. Coop. Sociale Zora e viene pertanto chiaramente indicato nel Contratto di Servizio che gli inserimenti vengono gestiti dal Comune di RE. Il Coordinatore del Centro diurno Odoardina viene contattato dall’Educatore dell’UVH (Unità di Valutazione Handicap Adulto) di RE e viene invitato a partecipare alla progettazione dell’inserimento dell’Utente. Quindi per il Centro diurno Odoardina la Procedura sulla progettazione viene fatta secondo il M.04.46 Odoardina. Le richieste di inserimento arrivano al Coordinatore che trascrive i dati sull’apposito spazio del modulo predisposto. Il Coordinatore partecipa all’incontro UVH (organismo AUSL+Comune preposto agli inserimenti) nel quale viene presentato il caso e la frequenza in eventuali altri Centri. Carta dei Servizi 12


Zora Società Cooperativa Sociale Nel caso in cui l’Utente frequenti più Centri diurni il Coordinatore predispone incontri con i referenti di altri Centri per ulteriore raccolta informazioni. I familiari e i referenti del Servizio inviante visitano il Centro. Durante la visita viene consegnata ai familiari la lista dei documenti di ingresso . Responsabile Tecnico con e/o il Coordinatore, presentano il caso in equipe, vengono individuati eventuali punti critici e le soluzioni/ risorse necessarie. Viene elaborato il PLP con l’indicazione delle attività proposte ed il Piano di Lavoro Individuale. Il Coordinatore verifica con i responsabili interessati (RP, RA) i tempi di reperimento delle eventuali risorse necessarie. 4.5 Inserimento di utenti a titolo privato In caso di inserimenti a titolo privato tutte le comunicazioni e la proposta di contratto verranno fatte direttamente al familiare, a cura del PRE, che le sottoscriverà per accettazione.

Carta dei Servizi 13


Zora Società Cooperativa Sociale 5. La Struttura Tecnico-Organizzativa: Gli attuali 100 soci lavoratori hanno professionalità diverse (educatori professionali, educatori generici, oss, laureati) con diversificate competenze ed esperienze ( sia proprie che acquisite e/o approfondite attraverso la formazione in azienda), e concorrono a formare e sostenere il variegato ventaglio di proposte e attività della coop.va. Un apporto importante è dato dai volontari L’aiuto dei volontari consente una dimensione operativa esterna in occasione di fiere, mercatini, esposizioni, e una interna come supporto alla nostra operatività, contribuisce a diffondere gli ideali di solidarietà cui la cooperativa si ispira. I Centri vogliono essere punti di incontro per chiunque sia desideroso di condividere tempo ed esperienze con altre persone per un cammino di crescita umana, di condivisione e di solidarietà concreta. Aggiornamento professionale Gli operatori operano nel rispetto dei principi della deontologia professionale e degli standard tecnici fissati dai competenti organismi nazionali nella organizzazione tecnica del servizio. L’ aggiornamento professionale del personale è un impegno che la Cooperativa assume, garantendo interventi organici e regolari, su pianificazione annuale.

Carta dei Servizi 14


Zora Società Cooperativa Sociale

6. Rapporti con le Istituzioni Gli Enti committenti con cui la Cooperativa Zora co-progetta gli interventi e i servizi tramite convenzioni o rapporto diretto, sono: · i Comuni del Distretto di Reggio Emilia, · i Comuni del Distretto di Scandiano, · i Comuni del Distretto di Correggio, · i Comuni del Distretto di Montecchio, · i Comuni del Distretto di Guastalla, · i Comuni del Distretto di Modena: Formigine, Vignola, Sassuolo, Castelfranco Emilia, Serramazzoni · il Comune di Parma · il comune di Ferrara, · L’Ausl di La Spezia, · L’Ausl di Venezia · L’Ausl di Treviso · La Neuropsichiatria di Parma

Carta dei Servizi 15


Zora Società Cooperativa Sociale I servizi offerti

Gli ambiti di vita, diurni e residenziali, si connotano come “casa” dove ognuno possa esprimere se stesso con le proprie esigenze, nel rispetto “adulto “ dell’altro. In ogni Servizio vengono proposti percorsi di crescita individualizzati e collettivi, entro i quali la relazione, la condivisione dei tempi, degli spazi e delle esigenze personali forniscono continui stimoli affinché tutti possano vivere nella massima autonomia ed indipendenza. Le Strutture non hanno barriere architettoniche, sono fornite di arredi, attrezzature e tecnologie adeguate. Gli ambienti sono puliti, confortevoli, accoglienti, funzionali. Igiene e sicurezza dei locali sono costantemente controllati. Si assicura un equilibrio fra spazi per magazzino, ufficio del coordinatore, spazi di uso individuale e sale per attività di gruppo. L’esistenza di spazi esterni attrezzati è un ulteriore fattore di qualità: parcheggi, giardino, portico, cortile.

Carta dei Servizi 16


Zora Società Cooperativa Sociale 2.1 Rosanna Benzi

Centro Diurno Socio Riabilitativo Via Munari 5 – Scandiano (RE) Tel. 0522 9855154 E-Mail: benzi@coopzora.it

Struttura Il Servizio Socio – riabilitativo diurno Benzi, inaugurato nel 1991, è stato ricavato da una vecchia casa colonica situata ai piedi delle verdeggianti colline di Scandiano su un podere di circa 14 ettari proprio a poca distanza dal Centro del paese. In questo stesso stabile sono presenti anche gli ambienti del Centro residenziale Stradora e del gruppo appartamento femminile Il Bruco. La Struttura non ha barriere architettoniche, è fornita di arredi, attrezzature e tecnologie adeguate. Gli ambienti sono puliti, confortevoli, accoglienti, funzionali. Igiene e sicurezza dei locali sono costantemente controllati. Si assicura un equilibrio fra spazi per magazzino, ufficio del coordinatore, spazi di uso individuale e sale per attività di gruppo. L’esistenza di spazi esterni attrezzati è un ulteriore fattore di qualità: parcheggi, giardino, portico, cortile. Carta dei Servizi 17


Zora Società Cooperativa Sociale Utenza Il Centro può accogliere fino ad un massimo di 20 utenti diversamente abili di età compresa tra i 16 e i 65 anni. Personale Il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella DGR 514/2009. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, Educatori Professionali, e Oss (operatori socio-sanitari). Finalità Il Centro diurno Benzi è “un progetto” teso ad offrire alle persone diversamente abili opportunità di relazionali sociali, attività occupazionali e lavorative, adeguate alle potenzialità e capacità di ciascuno. Attività Laboratorio di carta riciclata, laboratorio del legno, laboratorio di piccolo assemblaggio e recupero materiali di riciclo, laboratorio di salone di bellezza, gite e soggiorni.

Carta dei Servizi 18


Zora Società Cooperativa Sociale

2.2 Odoardina Centro Diurno Socio Riabilitativo Via Salimbene da Parma 143 – Reggio Emilia Tel 0522 531628 Mail: odoardina@coopzora.it

Struttura Odoardina, inaugurata nel 1994, è un servizio socioassistenziale diurno immerso nella tranquillità della campagna di Villa Sesso, frazione di Reggio Emilia, a pochi minuti dalla città. Odoardina è una casa grande e solida che, dopo il restauro fortemente voluto dal Comune di Reggio Emilia, è divenuta ancor più confortevole ed idonea per accogliere persone diversamente abili del territorio. La Struttura non ha barriere architettoniche, è fornita di arredi, attrezzature e tecnologie adeguate. Gli ambienti sono puliti, confortevoli, accoglienti, funzionali. Igiene e sicurezza dei locali sono costantemente controllati. Si assicura un equilibrio fra spazi per magazzino, ufficio del coordinatore, spazi di uso individuale e sale per attività di gruppo. L’ esistenza di spazi esterni attrezzati è un ulteriore fattore di qualità: parcheggi, giardino, portico, cortile. La struttura è aperta tutti i giorni dal Lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 17.00

Carta dei Servizi 19


Zora Società Cooperativa Sociale Utenza Il Centro è dotato di 21 posti, con possibilità di presenze differenziate fino a 30 utenti, per persone diversamente abili di età compresa tra i 16 e i 65 anni residenti sul territorio del Distretto di Reggio Emilia. Personale il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella DGR 514/2009. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, educatori professionali, e oss (operatori sociosanitari). Finalità Al Centro viene proposto un calendario di attività strutturate ove la relazione quotidiana, il “fare” e “l’essere” insieme concorrono a favorire l’espressione della dignità di ognuno, sollecitando l’autonomia personale e la consapevolezza delle abilità in quanto persone adulte capaci di operare scelte e fornire risposte responsabili. Attività Tra le attività svolte settimanalmente vengono proposte: disegno, palestra, carta riciclata, ascolto musica, pulizie degli ambienti, cucina, salone di bellezza, spesa, soggiorni primaverili ed estivi.

Carta dei Servizi 20


Zora Società Cooperativa Sociale 2.3 Stradora Centro Residenziale Socio Riabilitativo Via Munari 5 – Scandiano (RE) Tel. 0522 531628 Mail: stradora@coopzora.it

Struttura Il Centro socio-riabilitativo residenziale Stradora, inaugurato nel 1998, è stato ricavato da una vecchia casa colonica situata ai piedi delle verdeggianti colline di Scandiano a poca distanza dal centro del paese. E’ collocato nella medesima struttura che ospita gli ambienti del Centro diurno Benzi e del Gruppo appartamento femminile Il Bruco. Il Centro Residenziale si distribuisce su 4 piani: • al primo sono collocati gli spazi comunitari: soggiorno, sala da pranzo, cucina e servizi, un porticato adiacente il giardino. • al secondo sono collocati: la guardiola-ambulatorio, cinque camere per le utenti; • al terzo ci sono le camere degli utenti, e l’ ufficio del coordinatore; • al quarto uno spazio ampio (80mq) adibito a laboratorio per attività collettive (computer, palestra, teatro, yoga). La casa è accogliente e vivace. La vivacità, considerando che il Centro occupa la stessa area del Centro diurno Benzi e dell’appartamento Il Bruco è data dall’andirivieni di numerose persone con caratteristiche diverse (utenti, operatori, dirigenti e volontari, familiari). Utenza Il Centro è dotato di 15 posti, per persone diversamente abili di età compresa tra i 16 e i 65 anni.

Carta dei Servizi 21


Zora Società Cooperativa Sociale Personale Il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella DGR 514/2009. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, educatori professionali, e oss (operatori sociosanitari). Finalità Il Centro si caratterizza per il suo impegno a proiettare l’evoluzione dell’ utente verso l’ esterno, favorendone la riabilitazione cognitiva e comportamentale attraverso: · un medio carico di assistenza: l’operatore osserva e sostiene gli utenti i quali, in totale o parziale autonomia, si prendono cura della propria persona. · attività occupazionali protette: gli utenti sono impiegati in attività finalizzate alla riabilitazione cognitiva, comportamentale e sociale. Attività Tra le attività proposte, in un alternarsi di momenti strutturati e momenti di sperimentazione del “tempo libero”, si evidenziano: cura di sé e della propria casa, giardinaggio, biodanza, arti visive, teatro, biblioteca, computer, palestra, piscina, mantenimento delle abilità di letto scrittura, fotografia, soggiorni e gite.

Carta dei Servizi 22


Zora Società Cooperativa Sociale 2.4 Il Bruco Gruppo Appartamento femminile Via Munari 5 – Scandiano (RE) Tel 0522 985154 Mail: stradora@coopzora.it

Struttura Il Bruco è un delizioso appartamento mansardato che si trova all’ ultimo piano della stessa casa colonica che ospita i locali di Stradora e del Benzi, a Scandiano in provincia di Reggio Emilia. Utenza il locale può ospitare un massimo di 5 utenti di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Personale il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella L.564/2000. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, educatori professionali e oss (operatori sociosanitari). Finalità l’appartamento rappresenta la massima espressione d’ indipendenza e di autonomia che gli utenti, conformemente alle loro potenzialità, sono in grado di raggiungere. L’ abitare insieme diventa elemento di terapia, le dimensioni della domesticità e della quotidianità rappresentano lo sfondo e il contenitore di rapporti interpersonali significativi, dove si ripropongono in maniera più funzionale codici e funzioni di comunicazione di gruppo. Carta dei Servizi 23


Zora Società Cooperativa Sociale Il progetto per ciascuna utente è rappresentato dalla possibilità di uscire dall’ ambito protettivo della cooperativa e di tornare in famiglia, oppure di alloggiare in uno dei mini-appartamenti gestiti dagli enti pubblici. Attività Le attività principali sono: partecipazione ad attività occupazionali e/lavorative presso laboratori coop o aziende private; partecipazione ad eventi promossi dal territorio; cinema/teatro/concerti; palestra/piscina; laboratori promossi dal SAP del territorio; soggiorni con la coop e con agenzie esterne; videoteca, ludoteca biblioteca; autonomia nelle piccole faccende domestiche; autonomia nella cura di sé; attività di cucina (compilazione menù, preparazione pasti); frazioni di tempo libero da gestire autonomamente; incentivazione alla ricerca di un hobby personale, biodanza.

Carta dei Servizi 24


Zora Società Cooperativa Sociale 2.5 Zorella Centro Residenziale Socio Riabilitativo Via Cesare pavese, 94 Puianello – Quattro Castella (RE) Tel 0522 1717620 Mail: zorella@coopzora.it

Struttura Il Centro socio-riabilitativo residenziale "Zorella", aperto dal giugno 2000, è una struttura di circa 800 mq sviluppata in un unico piano su un' area di circa 4000 mq. nel quartiere residenziale di fronte al parco pubblico in località Bosco di Puianello del Comune di Quattro Castella. "Zorella" propone percorsi educativi ed assistenziali di tipo individuale e collettivo, rivolti a gruppi di utenti adulti con differenti tipi di disabilità (cognitivo e comportamentale). Si pone come finalità quella di favorire una piena maturazione delle possibilità evolutive presenti nei soggetti che ospita e di garantire agli stessi il mantenimento delle autonomie possedute. La struttura è così composta: · una parte residenziale che può accogliere fino a 16 persone; · un'area diurna predisposta con 3 laboratori, sala da pranzo, zona cucina, sala riunione, ufficio del coordinatore, spogliatoi del personale, area magazzino; · un'area comune di soggiorno e relax · un'area verde esterna piantumata, suddivisa in due parti indipendenti di cui una predisposta per convivialità e relax. Carta dei Servizi 25


Zora Società Cooperativa Sociale Tali caratteristiche strutturali e progettuali consentono al Centro, nonostante le dimensioni, di essere vissuto come una "casa", un luogo di vita dove sono presenti gli aspetti curativi ed affettivi necessari ad ogni individuo, evitando il rischio di diventare istituzione di custodia. Utenza Il Centro ha una capienza ricettiva di 16 posti letto. Personale Il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella DGR 514/2009. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, educatori professionali, e oss (operatori sociosanitari). Finalità L’approccio metodologico si avvale di un'accurata osservazione degli ospiti in situazioni ben strutturate, dove è possibile valutare i loro bisogni e controllare in modo mirato le variabili emergenti. A tal fine la programmazione si basa su stimolazioni equilibrate che consentono di armonizzare e contenere stati di agitazione psicomotoria. Il Centro residenziale Zorella mira alla costruzione di una identità sociale dei presenti attraverso la strutturazione di attività specifiche. La dimensione del "fare" assume in questo caso una valenza di riabilitazione delle competenze individuali, andando a soddisfare bisogni di tipo sociooccupazionali e ad accrescere il livello di soddisfazione e autostima personale. Attività L'articolazione delle nostre proposte è caratterizzata da: gite e soggiorni, organizzazione e partecipazione ad eventi aperti nel quartiere, attività di motricità in acqua, palestra, Carta dei Servizi 26


Zora Società Cooperativa Sociale laboratorio della creta, atelier di creatività, piccole faccende domestiche e laboratorio di cucina, manutenzione delle aree verdi, laboratorio teatrale, videoteca/biblioteca, recupero computer.

2.5.1 Progetto Terra nelle Mani Laboratorio di terracotta Perché la creta : la creta, per le sue caratteristiche di malleabilità, duttilità, densità, e per la semplicità delle tecniche manipolative ad essa applicabili, è un materiale altamente adeguato a permettere un “ atto creativo” anche a soggetti con disabilità fisiche, cognitive, comportamentali. Il processo creativo, e più semplicemente il “fare”, porta l’individuo che lo compie a sentirsi una persona significativa, a sentire che “ può fare perché è”. Questa manifestazione della propria capacità accresce la valutazione di se stessi, producendo così autostima. L’ aspetto socializzante di questo progetto lo si ritrova nel passaggio dallo “ stare insieme” al “ fare insieme” (la partecipazione alla gestione dell’intera filiera produttiva, compresa la vendita, saranno i veri tramiti) Carta dei Servizi 27


Zora Società Cooperativa Sociale Finalità Creazione di luogo che, per contenuti e modalità, contribuisca al processo di conoscenza, socializzazione ed integrazione tra disabili e normalmente abili e che offra la possibilità di sperimentarsi nel “sé che lavora” , accrescere l’autostima, instaurare relazioni significative diverse, attraverso un’ attività manipolativa, creativa, produttiva di oggetti in terracotta. Obiettivi specifici del progetto generale: · offerta di attività manuale-creativa per gli ospiti di Zorella · offerta di attività manuale-creativa per gli utenti della Cooperativa · offerta di attività manuale- creativa rivolta al territorio · servizio per famiglie o enti che necessitino di diversificazione e/o potenziamento degli orari di apertura dei servizi ai disabili · creazione di luogo di contatto, socializzazione e integrazione

Carta dei Servizi 28


Zora Società Cooperativa Sociale 2.6 La Manta Centro Residenziale Riabilitativo via Forlanini 1 Roncadella di Reggio Emilia (RE) Tel 0522 345061 E-Mail: lamanta@coopzora.it

Struttura Il Centro, inaugurato nel 2004, è situato su un’ area di circa 10.000 mq. e va ad arricchire ed articolare ulteriormente la rete di strutture a disposizione degli utenti del Distretto di Reggio Emilia. La Struttura non ha barriere architettoniche, è fornita di arredi, attrezzature e tecnologie adeguate. Gli ambienti sono puliti, confortevoli, accoglienti, funzionali. Igiene e sicurezza dei locali sono costantemente controllati. Si assicura un equilibrio fra spazi per magazzino, ufficio del coordinatore, spazi di uso individuale e sale per attività di gruppo. L’esistenza di spazi esterni attrezzati è un ulteriore fattore di qualità: parcheggi, giardino, portico, cortile. Utenza Il Centro offre ospitalità permanente e/o temporanea e la frequenza può essere differenziata (anche diurna su specifico progetto) a seconda delle esigenze personali e familiari, purché compatibile col buon funzionamento della struttura e la serenità del gruppo di ospiti presenti. La capienza della struttura è di 16 ospiti. Personale Il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella DGR 514/2009. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, educatori professionali, e oss (operatori sociosanitari). Carta dei Servizi 29


Zora Società Cooperativa Sociale Finalità Il Centro si prefigge come obiettivo una riabilitazione più contenitiva, attraverso tempi e programmazioni fortemente personalizzati con attività volte - non al fare - ma alla consapevolezza di sé, al rilassamento e al contenimento delle emozioni. Attività La Manta, per il tipo di programmazione giornaliera, si presenta come una realtà strutturata per accogliere, contenere e stimolare le persone alla relazione. La progettazione ha come obiettivo globale la costruzione di relazioni significative, quali strumento riabilitativo, attraverso: · tempi e programmazioni fortemente individualizzati. · accudimento come attività di progetto. · programmazione di attività non finalizzate al fare ma all’acquisizione della consapevolezza di sé, al rilassamento, alla socializzazione e al contenimento delle emozioni. Durante la giornata vengono organizzate diversi tipi di attività come i laboratori creativi, l’attività di ascolto musica, manipolazione della creta, salone di bellezza, le uscite per commissioni e spesa, attività fisiche come la piscina o di rilassamento e il cinema. Accanto a queste opportunità viene sempre garantita e stimolata la liberta, purché nel rispetto dell’altro, di gestire il proprio tempo realizzando iniziative personali ed uniche.

Carta dei Servizi 30


Zora Società Cooperativa Sociale 2.7 Laboratori Integrati A/B via Munari, 5 Scandiano (RE) Tel 0522 3982601 E-mail: mercatino@coopzora.it

Struttura Nell’aprile del 2008, Zora Società Cooperativa Sociale e “Lo Stradello” Società Cooperativa Sociale realizzano un nuovo progetto denominato “Laboratori integrati”. Il progetto nasce per dare risposta a quelle situazioni di transizione vissute da persone che non hanno ancora sviluppato capacità lavorative spendibili nel mondo del lavoro, ma che hanno autonomie da promuovere, riattivare, mantenere al fine di favorire un processo di integrazione nel contesto di vita, attraverso strumenti e situazioni di lavoro. Persone per le quali assume rilevanza il contesto lavorativo come spazio affettivo e di relazione; contesto lavorativo che dà un significato più ampio all’esistenza e all’identità personale. L’offerta dei laboratori si articola su varie tipologie: Magò, il mercatino dell’uso e del riuso, Merlino lo spazio di promozione dei manufatti prodotti dagli utenti nei vari laboratori dei servizi della coop., Mastro Geppetto per il restauro dei mobili e la costruzione di piccoli oggetti di uso comune, la campionatura ceramica, cioè la predisposizione delle piastrelle sulle tavolozze espositive, l’area assemblaggio, l’area orticoltura per la preparazione di zucca, cipolla, confezionamento aglio; attività di pulizie.

Utenza Attualmente i laboratori ospitano 33 utenti con progetti diversificati in base alle varie competenze possedute, da potenziare o da acquisire. Carta dei Servizi 31


Zora Società Cooperativa Sociale Personale Il rapporto operatore-utente è declinato secondo gli standard contenuti nella L.564/2000. Nell’ Equipe sono presenti le seguenti figure professionali: coordinatore, educatori professionali, oss (operatori sociosanitari) e lavoratori guida. Finalità All’interno dei laboratori si sono individuate 3 offerte di servizio. 1. occupazionale - riabilitativo: mantenere abilità ed equilibri relazionali con possibilità anche di modifica del progetto. Le attività sono organizzate idoneamente ai bisogni individuali dell’utente all’interno di un contesto lavorativo di tipo occupazionale, da intendersi come spazio affettivo e relazionale. La figura di riferimento è quella del lavoratore- guida/operatore. 2. osservazione pre-lavorativa: organizzare per gli utenti mansioni, ruoli e tempi lavorativi da svolgere in gran parte anche in autonomia per poter osservare e valutare le possibilità di interesse e tenuta sia in un contesto protetto sia in attività ed imprese esterne. I tempi di permanenza in questo ambiti devono essere relativamente brevi . La figura di riferimento è quella del lavoratore- guida/operatore. 3. addestramento lavorativo: proporre l’attività lavorativa come strumento prioritario per la formazione- riabilitazione della persona svantaggiata. La figura guida è quella del lavoratore-guida. Attività “Magò Mercatino dell’ usato e … dell’ inconsueto”: in uno spazio espositivo gli utenti del mercatino non solo allestiscono, curano e propongono ai visitatori arredi vecchi/usati, mobili da restaurare e oggettistica varia, ma Carta dei Servizi 32


Zora Società Cooperativa Sociale assistono anche il clienti (es. impacchettano oggetti particolarmente fragili, oppure portano gli articoli fino all’ auto). Inoltre , si occupano del recupero presso privati o aziende di arredi dimessi e/o oggettistica varia. Infine, per favorire la promozione e le relazioni con l’esterno, Magò partecipa anche a fiere, sagre e manifestazioni varie. Area Restauro: all’interno di quest’area, gli utenti si occupano di piccoli lavori di restauro, attraverso opere di carteggiatura e verniciatura, inoltre, costruiscono da legno di recupero piccoli utensili per la casa. Area orticola: è l’area in cui vengono lavorati e preparati alcuni prodotti per la successiva fase di cottura (lavaggio e taglio/pelatura di zucche e cipolle). Confezionamento di aglio, etichettatura di confezioni di Ariosto, inserimento di salumi nella rete. Area del Bazar del Lavoro: Le attività sono molteplici: · assemblaggi di materiali vari · assemblaggi manuali di editoriali e pubblicitari · assemblaggi di mosaici ceramici · confezionamento kit di varia natura ( es. set di viti) · incollatura · piegatura manuale · asportazione sbavature ( es. stampi in gomma) · etichettatura di buste e/o oggetti ( es. bottigliette di aceto balsamico) · campionature ceramiche · composizione a mosaico · imbustamento

Carta dei Servizi 33


Zora Società Cooperativa Sociale Indicatori di qualità 3.1 Impegni per la qualità del servizio

· La cooperativa s’ impegna a rispondere al bisogno di socializzazione, emancipazione e affermazione individuale delle persone svantaggiate, perché tutti vivano con dignità e ben-essere il loro tempo. · La cooperativa s’impegna a stimolare e valorizzare il contributo dei soci alla vita della cooperativa, incentivandone il senso di appartenenza. · La cooperativa s’ impegna a lavorare in una situazione di continuo divenire in cui si sentano coinvolti gli utenti, le famiglie, i lavoratori e gli enti pubblici. · La cooperativa s’impegna ad interagire con altre realtà cooperative, ricercando sinergie per creare nuove opportunità di lavoro, per rafforzare la cooperazione sul mercato, svilupparne la presenza ed il ruolo sociale . · La cooperativa garantisce l’ identificazione di tutto il personale in servizio tramite cartellini di riconoscimento. · La cooperativa s’ impegna a concorre con le istituzioni e la comunità a riconoscere e affermare i diritti delle persone diversamente abili e ad abbattere le barriere che provocano o mantengono situazioni di emarginazione e disagio. · La cooperativa s’ impegna ad aggiornare costantemente il proprio personale sulle normative riguardanti la sicurezza dei lavoratori, il piano di emergenza, sull’ igiene e la prevenzione · La cooperativa s’impegna a garantire un continuo monitoraggio e - all’ occorrenza - ad apportare migliorie al servizio offerto in stretta collaborazione con familiari ed enti pubblici Carta dei Servizi 34


Zora Società Cooperativa Sociale 3.2 Standard di Qualità La cooperativa Zora ha definito gli standard di qualità, al fine di garantire un’ elevata qualità del servizio offerto. Attraverso il presente documento vengono definiti gli standard minimi di qualità. La valutazione della qualità è di primaria importanza per osservare adeguatamente il lavoro svolto e per intervenire sull’ organizzazione e sul miglioramento del servizio. Per ognuno degli aspetti rilevati per la qualità dei servizi vengono definiti i fattori di qualità e la relativa misura di qualità. Il fattore o indicatore di qualità esprime ciò che qualifica la prestazione offerta dal servizio e può essere pertanto preso a riferimento per valutare la qualità del servizio. Attraverso questi strumenti i fruitori possono osservare e valutare in tutta trasparenza il lavoro svolto dagli operatori e da tutto il personale che interviene nell’ organizzazione dei servizi. L ‘attivazione del modello proposto consentirà di pianificare adeguatamente le azioni da svolgere per raggiungere gli obiettivi.

Carta dei Servizi 35


Zora Società Cooperativa Sociale 3.3 Gli Indicatori di sistema 3.3.1 Servizi Socio-Assistenziali - Educativi - Sanitari Indicatore Cura degli effetti personali e della cassa degli Utenti

Tempi di risposta ai reclami

Standard atteso

Modalità di calcolo

Uguale o Percentuale di questionari con maggiore risposta “soddisfacente” all’80% Percentuale delle risposte fornite entro 15 gg (non necessariamente corrispondente alla risoluzione dell’aspetto oggetto del reclamo)

100%

Numero di “volontari stabili” per Uguale o Centro Presenza del Volontariato maggiore di 1 (coloro che prestano più di 10 gg. di servizio volontario per Zora/anno)

Assistenza di base

Attività

Reclami dei famigliari su Minore o inadeguatezza dell’igiene, della uguale a 2 per cura dell’abbigliamento e della ogni Centro persona (Utente) Numero di attività che raggiunge gli obiettivi / totale delle attività in ogni Centro

Maggiore del 50%

Carta dei Servizi 36


Zora Società Cooperativa Sociale 3.3.2 Indicatori Alberghieri e vari (mensa) Indicatore

Modalità di calcolo

Standard atteso

Grado di rispetto dei menù validati

Percentuale di menù non conformi alla programmazione giornaliera

Uguale o minore al 10%

Gradimento dei menù proposti

Percentuale di valutazioni espresse dagli utenti pari a “Buono”

Uguale o maggiore al 80%

3.3.2 Indicatori sul Personale Indicatore

Modalità di calcolo

Standard atteso

Formazione

Ore di formazione annue per operatore

Maggiore o uguale a 15

Fidelizzazione del Personale

Tasso di turn-over (negativo)

Uguale o inferiore al 15%

Tasso di assenza dal Servizio

Sicurezza Tasso di infortuni

Numero di ore di assenza totali / numero di ore teoriche lavorabli (al netto delle ferie e dei permessi contrattualmente dovuti)

Uguale o inferiore al 4%

Numero di infortuni totali

inferiore a 10

Numero di infortuni provocati da utenti sul totale

inferiore a 7

Carta dei Servizi 37


Zora Società Cooperativa Sociale 3.3.3 Indicatori Sviluppo e Ricerca Promozionale Indicatore

Modalità di calcolo

Standard atteso

Visibilità all'esterno

Numero di editoriali "Zora News" pubblicati

Maggiore o uguale a 3

Visibilità Sito Internet

Numero di accessi all'anno

Uguale o maggiore a 3000

3.3.4 Gare Opportunità Indicatore

Modalità di calcolo

Standard atteso

Performance Processo Gare

Percentuale di gare effettivamente presentate su quelle analizzate

Maggiore o uguale al 25%

Sviluppo nuove progettualità

Numero di progetti presentati

Uno all'anno

3.3.5 Progettazione Servizio - Offerta Indicatore Efficacia Progetto Educativo Individualizzato Tempestività risposta alle richieste dei Servizi in riferimento all'Utenza

Modalità di calcolo

Standard atteso

Numero di obiettivi specifici Maggiore o raggiunti sul totale dei progetti uguale al 90% P.E.I. Numero di giorni dal ricevimento della documentazione

Entro 15 giorni

Carta dei Servizi 38


Zora Società Cooperativa Sociale 3.3.6 Pianificazione documentazione Indicatore

Programmazione degli obiettivi periodici

Modalità di calcolo

Standard atteso

Termine di approvazione del piano degli obiettivi periodici

entro 4 mesi dalla data di verifica degli obiettivi relativi al periodo precedente

3.3.7 Monitoraggio Servizio Indicatore

Modalità di calcolo

Standard atteso

Livello di gradimento (famiglie, tutori e committenti)

percentuale delle valutazioni soddisfacenti

maggiore o uguale al 80%

Miglioramento continuo

Numero Piani di Miglioramento annuali avviati a seguito di necessità di azione

Almeno 2 all'anno

3.3.8 Approvvigionamento Indicatore

Modalità di calcolo

Standard atteso

Regolarità formale delle richieste interne di fornitura

Percentuale del numero di richieste con carenze formali rispetto al totale delle richieste verificate

Inferiore o uguale al 10%

(visto, autorizzazione, etc..)

Carta dei Servizi 39


Zora SocietĂ Cooperativa Sociale 3.3.9 Valutazione dei fornitori Indicatore

Rispetto dei criteri di qualifica previsti contrattualmente

ModalitĂ di calcolo

Media dei punteggi di valutazione delle prestazioni secondo i criteri definiti (totale dei punteggi ottenuti dalla valutazione delle prestazioni rese sul totale delle voci valutabili)

Standard atteso uguale o superiore a 2 (mantenimento del requisito minino dell'affidamento del processo all'esterno)

3.3.10 Risorse strumentali Indicatore

ModalitĂ di calcolo

Standard atteso

Aggiornamento inventario beni ammortizzabili

Aggiornamento inventario Nel 100% dei entro 30 giorni casi dall'effettuazione dell'acquisto

Controlli periodici sui mezzi di trasporto

Verifica della compilazione mensile del registro Nel 100% dei cronologico dei controlli casi periodici dei mezzi di trasporto (effettuata dal coordinatore o dal referente)

Carta dei Servizi 40


Zora Società Cooperativa Sociale 3.2 Fattori, indicatori, standard di qualità e obiettivi di miglioramento

I fattori di qualità e gli indicatori sono individuati per ciascuno dei servizi erogati e delle attività realizzate. Di seguito le Schede specifiche per ogni servizio. Sono contenute anche nella Carta dei Servizi Disabili del Comune di Reggio Emilia, di cui i nostri servizi fanno parte.

3.2.1 Centro Residenziale La Manta Fattori di Qualità

Ricettività

Accoglienza

Funzionalità del Servizio Organizzazione di attività aggiuntive

Indicatori della Qualità

Standard Generico

Standard Specifico

Numero di ore di apertura settimanali

168 ore

168 ore

Numero di giorni di apertura

365 giorni

365 giorni

Numero di persone ospitate

15 persone

15 persone

Stanze relax

1

1

Area Cortiliva

2

2

Sale da pranzo

2

2

Spazi comuni

2

2

Numero di tipologie di attività proposta

5 attività

6 attività

Carta dei Servizi 41


Zora Società Cooperativa Sociale 3.2.2 Centro Residenziale Stradora Fattori di Qualità Ricettività

Accoglienza

Funzionalità del Servizio

Organizzazione di attività aggiuntive

Indicatori della Qualità

Standard Generico

Standard Specifico

Numero di ore di apertura settimanali

168 ore

168 ore

Numero di giorni di apertura

365 giorni

365 giorni

Numero di persone ospitate

15 persone

15 persone

Stanze relax

1

1

Area Cortiliva

2

2

Sale da pranzo

2

2

Spazi comuni

2

2

Numero di tipologie di attività proposta

5 attività

6 attività

Indicatori della Qualità

Standard Generico

Standard Specifico

Numero di ore di apertura settimanali

168 ore

168 ore

Numero di giorni di apertura

365 giorni

365 giorni

Numero di persone ospitate

9 persone

11 persone

Stanze relax

3

5

Area Cortiliva

2

2

Sale da pranzo

1

1

Spazi comuni

2

2

Numero di tipologie di attività proposta

5 attività

6 attività

3.2.3 Centro Residenziale Zorella Fattori di Qualità Ricettività

Accoglienza

Funzionalità del Servizio

Organizzazione di attività aggiuntive

Carta dei Servizi 42


Zora Società Cooperativa Sociale 3.2.4 Centro Diurno Odoardina Fattori di Qualità Ricettività

Accoglienza

Funzionalità del Servizio

Organizzazione di attività aggiuntive

Indicatori della Qualità

Standard Generico

Standard Specifico

Numero di ore di apertura settimanali

42 ore

42 ore

Numero di giorni di apertura

250 giorni

250 giorni

Numero di persone ospitate

21 persone

30 persone

Stanze relax

4

8

Area Cortiliva

1

1

Sale da pranzo

2

2

Spazi comuni

3

8

Numero di tipologie di attività proposta

16 attività

16 attività

Standard Generico

Standard Specifico

3.2.5 Centro Diurno Benzi Fattori di Qualità Ricettività

Indicatori della Qualità Numero di ore di apertura settimanali Numero di giorni di apertura

Accoglienza

Numero di persone ospitate Stanze relax

Funzionalità del Servizio

Area Cortiliva Sale da pranzo Spazi comuni

Organizzazione di attività aggiuntive

Numero di tipologie di attività proposta

Carta dei Servizi 43


Zora Società Cooperativa Sociale Diritti e Doveri 4.1 Diritti e doveri

Tutti i soggetti coinvolti nella organizzazione e fruizione dei servizi gestiti dalla cooperativa Zora hanno diritti e doveri, in particolare: La Direzione deve: • gestire adeguatamente il servizio, dotarlo di arredi, di personale e di risorse strumentali secondo le esigenze della comunità da servire; • approvare annualmente un set di obiettivi e controllarne il raggiungimento. Il Personale deve: • garantire il rispetto della privacy riguardo all’ accesso ai documenti e alle informazioni degli utenti • assistere l’utente con professionalità, cortesia, correttezza, disponibilità, imparzialità, riservatezza e senza discriminazione alcuna. L’ Utente deve: • rispettare le regole del Centro (inscritte nel Regolamento • rispettare gli orari, le norme elementari della corretta convivenza civile, il divieto di fumare nei locali interni alla casa • rispettare gli arredi senza arrecarvi danno o mettere a rischio la loro integrità e buona conservazione • essere cortese, corretto, collaborativo con il personale I doveri della Direzione si traducono in diritti del servizio, i doveri degli utenti si traducono in diritti della comunità.

Carta dei Servizi 44


Zora Società Cooperativa Sociale 4.2 Tutela dei diritti degli Utenti

Gli utenti, e tutte le figure che a diverso titolo hanno contatti con la cooperativa, hanno il diritto di reclamare per l’ inosservanza degli impegni assunti dalla Cooperativa nella Carta dei Servizi. Il reclamo può contenere generalità e indirizzo del soggetto che reclama, o può mantenere l’anonimato, può essere presentato verbalmente, per iscritto o spedito per fax o posta elettronica (reclami orali o telefonici dovranno essere confermati per iscritto). Al reclamo sarà data motivata risposta nel più breve tempo possibile e comunque non oltre un termine prefissato. Contemporaneamente saranno avviate le procedure per eliminare le cause accertate degli eventuali disservizi. Modi e forme per la richiesta di eventuali rimborsi. Indicare con esattezza: il responsabile del procedimento, tempi e luoghi e modalità di presentazione della richiesta di rimborso, tempi di risposta.

Carta dei Servizi 45


Zora Società Cooperativa Sociale 4.3 Informazione e partecipazione

Con periodicità prefissata, la Cooperativa effettua indagini presso i familiari dei propri utenti e i propri committenti per acquisirne il giudizio sulla quantità e qualità dei singoli servizi erogati ed in generale sulla qualità del servizio fornito. I Familiari e i Committenti possono presentare suggerimenti per migliorare il Servizio utilizzando un’apposita modulistica, cui si darà risposta in un tempo stabilito. La Cooperativa pubblica annualmente: 1. il proprio bilancio sociale; 2. il proprio piano esecutivo di gestione; 3. i dati sulle performance di servizio previste dalla Carta; 4. i risultati delle indagini effettuate per acquisire il giudizio dei familiari e dei committenti sulle prestazioni erogate; 5. l’eventuale piano degli obiettivi da sviluppare in un tempo definito. 6. Impegno alla revisione: annuale

Carta dei Servizi 46


Zora Società Cooperativa Sociale

Realizzazione dei contenuti a cura di Maria Calvari con la collaborazione del gruppo di Direzione di Zora Società Cooperativa Sociale. Progetto editoriale ed impaginazione a cura di Igor Ghisio. Fotografie realizzate dagli ospiti di Zora Società Cooperativa Sociale partecipano annualmente alle edizioni di “Fotografia Europea” organizzata dal comune di Reggio Emilia Stampato da “L’Olmo” Società Cooperativa Sociale

Carta dei Servizi 47


Zora Società Cooperativa Sociale Febbraio 2013

Società Cooperativa Sociale via Munari, 5 42019 Scandiano (RE) Tel: 0522 982601 – fax: 0522 851078 e.mail: info@coopzora.it web: www.coopzora.it

Carta dei Servizi 48

Carta dei Servizi  

Documento indicante tutte le informazioni rigurdanti la Cooperativa ed alal sua organizzazione

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you