Issuu on Google+

why? when?

what? who?

where?

VENEZIA

GUIDA DI

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

FREE!

scarica le altre guide su www.weagoo.com


A

stampa la guida su fogli A4, orientamento orizzontale, stampa dimensioni effettive

B

piega ogni foglio a metà lasciando la stampa all’esterno

C

sovrapponi i fogli piegati, mantenendo l’ordine indicato dal numero di pagina e rilegali tutti insieme con una pinzatrice o una spirale

Chi siamo Weagoo è un’azienda specializzata nella raccolta ed elaborazione di informazioni turistiche brevi ed essenziali a carattere storico, artistico, culturale, naturalistico ed architettonico. WeaGoo, nella sua attività di ricerca e recensione dei siti, con gli attuali 24.000 punti d’interesse, 110 province, 1.400 comuni e tutte le città d’arte italiane, sta costantemente e progressivamente realizzando una mappatura capillare del territorio che comprende anche località minori, ma non per questo prive di storia e di testimonianze importanti. Il nostro obbiettivo è creare il più grande database d’informazioni turistiche localizzate e descritte in modalità “short information” concepite per fornire un’informazione essenziale ma utile al turista prima e durante la visita della città. WeAGoo è differente della maggior parte dei siti disponibili su internet. Nel nostro portale si cercano e si trovano informazioni. Tutte le nostre descrizioni dei punti di interesse non sono opinioni che pur utili, a volte divertenti, possono fornire informazioni soggettive, le nostre sono oggettive, storiche, prese da fonti ufficiali, seguono uno standard di realizzazione preciso in cui la georeferenzazzione è sicuramente una

parte fondamentale ed imprescindibile. L’attività primaria di WeAGoo consiste nel riversare queste informazioni nel proprio portale weagoo.com fornendo funzionalità di ricerca dei punti di interesse e risultati immediati. Dal portale si possono creare, generare, riordinare e stampare propri itinerari turistici con luoghi, mappe, immagini, note e informazioni utili delle città. Gli utenti che si registreranno gratuitamente potranno inoltre usufruire di maggiori funzionalità come il salvataggio dei propri itinerari in un proprio profilo utente, la creazione di programmi di viaggio multi-città e alcune componenti social. Tutte le informazioni e funzioni di questo portale sono offerte gratuitamente al visitatore, il portale si finanzia attraverso le attività di produzione di guide personalizzate, contributi, sponsorizzazioni e inserzionisti. Visita la sezione “Diventa Sponsor” per maggiori informazioni . WeAGoo è un marchio registrato a livello mondiale e controlla ed utilizza un portafoglio di sub-brands ognuno ideato ed impiegato nella propria specificità

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

Come stampare la guida


vista livello paese

vista livello regione

vista livello nazione

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

3


In epoca romana con il nome “Venezia” si identificava quella zona situata nell’Italia nordorientale, ciò cambiò in seguito alla discesa del popolo Longobardo in Italia (568), da questo periodo infatti con “Venezia” si cominciò a designare quella parte caratterizzata dai modesti centri cittadini formatisi nelle isole della laguna, esistente tra l’Adige ed il Piave. L’economia di questi luoghi era essenzialmente basata sul commercio con i paesi dell’Europa del Nord (Germania e Belgio) e con quelli del vicino oriente. Capitale della Repubblica di Venezia per più di 1000 anni, la città nel corso della sua storia ha assunto diversi appellativi: la “Serenissima”, la “Dominante” e la “Regina dell’Adriatico”. Queste denominazioni erano opposte agli epiteti “la Superba” o “la Dominante dei Mari” riferiti invece alla rivale città di Genova: il capoluogo ligure rappresentava infatti il principale concorrente e avversario di Venezia. La storia narra che Venezia fu fondata il 25 aprile 421 d.C., nel giorno di San Marco, patrono della città. Originariamente il più importante villaggio in laguna era Torcello (attuale isola della laguna veneta settentrionale), qui si rifugiarono dalle invasioni barbariche molte persone. Venezia è stata edificata poco a poco su alcune isole della laguna, isole successivamente unite tra di loro tramite ponti. I Dogi (capi del governo) di Venezia diedero gestione e prosperità 4

alla Serenissima: il primo storicamente noto è doge Orso Ipato (nel 726). Il palazzo dei Dogi, l’attuale palazzo Ducale, venne edificato a partire dall’anno 814 in quella che oggi è Piazza San Marco. Al 834 risale invece l’inizio dei lavori della Basilica di San Marco. Parlando della storia di Venezia, non si può non ricordare il viaggio del mercante locale Marco Polo da Venezia alla Cina. Questa è una delle più affascinanti storie vere del Medio Evo. Le sue impresa, così come l’incontro con Gengis Khan oltre a tante altre avventure sono raccontate nel libro “Il Milione”. Fu proprio Marco Polo a inaugurare la rinomata rotta dei commerci conosciuta con il nome di “Via della Seta”. Nel 1348 la popolazione locale venne dimezzata dalla peste, ma nonostante questo riuscì a diventare leader delle 4 potenze del Mediterraneo: primeggiò su Amalfi, Genova e Pisa. Numerose furono le conquiste nei mari sia a livello di territori che per quanto riguarda le rotte e i commerci. Venezia conquistò il litorale della Dalmazia e dell’Istria, è proprio da quest’ultimo che provenivano i famosi marmi utilizzati per la costruzione degli edifici. Nel 1489 Venezia conquistò l’isola di Cipro. Un’altra devastante peste colpì l’Italia e Venezia nel 1630, questo periodo coincide con l’inizio della decadenza. La città fu infatti sconfitta da Napoleone nel 1797 e divenne parte dell’Impero Asburgico. Nel 1866 entrò a far parte del Regno d’Italia.

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

CITTÀ LALACITTÀ

L’INCANTEVOLE VENEZIA


Soprattutto con i decreti degli anni venti del secolo XX la città vide accrescere notevolmente il proprio territorio. Ovunque, intensi e penetranti, sono i segni della storia. Venezia è universalmente considerata una della più belle città del mondo, tale titolo è dovuto al suo imponente e rinomato patrimonio artistico, oltre che alle sue peculiarità urbanistiche. La città è annoverata, assieme alla sua laguna, tra i patrimoni dell’umanità tutelati dall’UNESCO. Tutte queste caratteristiche e particolarità hanno fatto si che Venezia sia, subito dopo Roma, la città italiana con il più alto flusso turistico: qui si recano infatti ogni anno milioni di turisti, in gran parte proveniente dall’estero. La città, capoluogo del Veneto, si estende in gran parte sulla laguna circostante ma anche sulla terraferma. E’ costituita da 118 isolette collegate tra loro da ben 354 ponti e divise da 177 tra rii e canali. Costituisce un vero e proprio paradiso terrestre per gli affezionati all’arte moderna, ma anche gli amanti dell’arte contemporanea non rimarranno certo delusi. La città dedica infatti a questo tipo di arte, ogni due anni, una delle mostre più antiche, importanti e prestigiose a livello mondiale: la Biennale di Venezia. Tale nome è da sempre utilizzato come sinonimo dell’Esposizione internazionale d’arte di Venezia. Per quanto riguarda poi l’arte europea ed americana della prima metà del XX secolo, in città troviamo il museo più importante d’Italia dedicato all’argomento: stiamo parlando della Peggy Guggenheim Collection, situata in quella che fu la casa del collezionista; l’esposizione è ricca di capolavori di artisti come Picasso, Dalì, Magritte, Pollock e Fontana. Questa città è perfetta anche per gli amanti della musica classica e dell’Opera. Per la musica classica la cornice ideale è l’appena ricostruito “teatro La Fenice”, il principale teatro lirico cittadino, distrutto completamente da un incendio nel 1996. Sempre per quanto riguarda l’ambito musicale va sottolineato come nel capoluogo si tenga la “Biennale di Musica”: manifestazione a livello internazionale di musica contemporanea. La città italiana “degli innamorati” è Verona per antonomasia, ma anche Venezia in questo contesto è in grado di riscuotere grande successo. La motivazione è presto spiegata. Qui, non esistendo le auto-

mobili, è possibile fare passeggiate lunghe e molto romantiche avvolti solamente dal suono dell’acqua che lambisce le rive. La grande e vera arte veneziana, quella cioè dei vari Tiziano, Tintoretto, Veronese e Tiepolo “prosegue” anche al di fuori di chiese e musei. L’arte a Venezia è dappertutto, la ritroviamo infatti nei colori cangianti delle acque e dei palazzi, nei camini sopra i tetti, nei trafori di portici e logge e negli scorci di figure oltre un ponte o una calle (tipica strada veneziana). Venezia si gira a piedi, in vaporetto o in gondola, quest’ultimo è uno dei tanti simboli della città. Prima di concludere, bisogna assolutamente citare quello che è l’evento cittadino più straordinario in assoluto: il Carnevale. La festa dura una decina di giorni e attira centinaia di migliaia di visitatori proveniente da tutti i paesi.

5

LA CITTÀ

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


GONDOLA Fare un giro sull’imbarcazione più famosa, la Gondola, per i Canali di Venezia è sicuramente un’esperienza affascinante e molto romantica anche se non molto economica.

rata interamente a piedi, ed è forse questo il modo migliore per conoscerla a fondo, scoprirne gli angoli più nascosti. Passeggiando tra ponti, calli e campi, vivreti ogni aspetto di questa magica città.

TAXI BOAT Per il turista desideroso di visitare Venezia in totale autonomia la soluzione migliore è sicuramente il taxi boat. Numerose società private di trasporti offrono imbarcazioni di diversa tipologia e dimensione in grado di effettuare giri turistici di durata e tragitto differenti.

DALL’AEROPORTO L’Aeroporto Marco Polo di Venezia è raggiungibile dal centro storico in diversi modi: Taxi stradali: in 15 minuti si arriva a Piazzale Roma. Da Piazzale Roma si può proseguire in città direttamente a piedi oppure spostandosi con i vaporetti ACTV. Taxi acquei: rappresentano il modo forse più veloce di raggiungere il centro di Venezia (30 minuti circa), ma indubbiamente anche il più costoso. Bus navetta ATVO: collega l’Aeroporto Marco Polo direttamente a Piazzale Roma in 20 minuti (€ 9 andata e ritorno). Esiste, inoltre, un servizio dedicato con navetta flybus dall’Aeroporto Marco Polo alla stazione FFSS di Mestre. Bus ACTV: l’Aeroporto è collegato a Piazzale Roma anche dall’autobus di linea dell’ACTV numero 5, in 30 minuti. L’Aeroporto è, inoltre, collegato alla stazione ferroviaria FFSS di Mestre dall’autobus di linea numero 15.

VAPORETTI Utilizzati nelle linee interne urbane per percorrere il Canal Grande. BATTELLI FORANEI Utilizzati nei collegamenti minori e maggiori con le isole. MOTOSCAFI Utilizzati nelle linee urbane di circumnavigazione per la loro maggior velocità. Grazie alla loro minore altezza, è consentito il passaggio anche sotto i ponti bassi. PEOPLE MOVER Il sistema di trasporto pubblico ettometrico di tipo people mover collega l’Isola del Tronchetto a Piazzale Roma, passando per la cosiddetta zona Marittima. Il people mover ha velocizzato notevolmente il tempo di percorrenza tra il Tronchetto e Piazzale Roma (a piedi si impiegano circa 20 minuti, 3 minuti con il People Mover), anche in virtù della frequenza delle corse (ogni 7 minuti dalle 7 alle 23). BUS La città è dotata delle normali reti di trasporto pubblico urbano (autobus e tram), che servono la terraferma e le isole del Lido e di Pellestrina. Numerose sono le linee che operano anche durante le ore notturne. GIRARE A PIEDI Venezia per le sue dimensioni può essere gi6

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

TRASPORTI

COME MUOVERSI A VENEZIA


7

TRASPORTI

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


SITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ Per informazioni generali visitate il sito: www.comune.venezia.it oppure il sito ufficiale del turismo: www.turismovenezia.it Per informazioni sul carnevale: www.carnevale.venezia.it UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE Azienda di promozione turistica (APT) Via Sestiere Castello, 5050 Tel. +39 041/5298711 info@turismovenezia.it NUMERI UTILI Carabinieri 112 Polizia di Stato 113 Vigili del Fuoco 115 Emergenza sanitaria 118 Viaggiare informati (CCISS) 1518 CITY PASS Il servizio “Imob.Venezia” è il sistema di bigliettazione elettronica offerto dall’azienda dei trasporti veneziani ACTV. Attraverso questo servizio non ci sarà più bisogno del biglietto cartaceo, sostituito da un documento di viaggio elettronico intelligente. La tessera personale permette, se richiesto, inoltre l’utilizzo del servizio di bike sharing, e la gestione di titoli di viaggio integrati ferro/gomma dell’area centrale veneta. Per informazioni sulla guida all’uso e sui costi visitare il sito www.actv.it/imob. CLIMA Il clima di Venezia, simile a quello della Pianura Padana, è mitigato per la vicinanza al mare nelle temperature minime invernali (3 °C in media) e nelle massime estive (24 °C in media). Le piogge sono abbondanti in primavera e in autunno, anche se frequenti sono i temporali estivi. In inverno invece le nevicate non sono rare (ma normalmente la neve tende a sciogliersi rapidamente), tuttavia la notte gela spesso, cosa che coinvolge anche le acque lagunari delle zone più interne. L’elevata umidità può provocare nebbie nei mesi freddi ed afa in quelli caldi.

8

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

INFO UTILI

INFORMAZIONI UTILI


AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

DA VISITARE

TiP (tourist informations in pills) chiese.............................................pag 10 palazzi............................................pag 14 musei..............................................pag 18 strutture..........................................pag 22 piazze/vie.......................................pag 26

chiese...................................................pag 1 palazzi..................................................pag 5 musei....................................................pag 9 monumenti e strutture..........................pag 13 teatri.....................................................pag 21 varie......................................................pag 23

9


Basilica di San Marco

2

Basilica dei Santi Giovanni e Paolo

3

Basilica di Santa Maria della Salute

4

Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari

Piazza San Marco, 302/a - Venezia Da sempre la basilica è il luogo piu’ ammirato di Venezia e ne rappresenta degnamente la grandezza. Nel tempo si è arricchita di ogni sorta di tesoro che spesso veniva portato a Venezia dai mercanti provenienti dal lontano oriente. La sua architettura è insieme bizantina, romana e veneziana. Venne edificata sui resti delle prime due chiese, nel luogo dove la leggenda riferisce che un angelo indicò a San Marco, in navigazione verso Roma, il luogo della sua sepoltura.

Campo Giovanni e Paolo Santissimi - Venezia Consacrata nella prima metà del XV sec., la chiesa conserva nella facciata una serie di arcate gotiche mentre il portale, più tardo, rivela influenze di stile rinascimentale. Accoglie numerose e importanti opere d’arte tra le quali un Polittico di G. Bellini e una tela di L. Lotto. Interessanti i monumenti funebri di dogi e personaggi illustri che fanno di San Giovanni e Paolo il Pantheon della storia di Venezia.

Fondamenta della Dogana alla Salute, 2-9 - Venezia Chiesa seicentesca dedicata alla Vergine, capolavoro dell’architettura barocca veneziana, fu costruita dopo la liberazione di Venezia da un’epidemia di peste e iniziata da B. Longhena che però non la vide compiuta. Bellissimo l’insieme di statue che ne decorano la facciata mentre l’interno, a pianta ottagonale, custodisce importanti dipinti: San Marco e santi, opera giovanile di Tiziano, autore anche delle tre mirabili tele nel soffitto e le Nozze di Cana di Tintoretto.

Campo dei Frari, 3002 - Venezia Un tempo chiamata Ca’ Grande, eretta tra il 1236 e il 1338 ad opera dei Frati Francescani Minori Conventuali, fu ricostruita nel XIV secolo in forme grandiose e in stile gotico-francescano. L’imponente campanile trecentesco è uno dei più alti di Venezia. All’interno preziosi dipinti, tra i quali uno dei capolavori del Tiziano, la Pala dell’Assunta, il Trittico della Vergine e Santi di Giovanni Bellini e la statua lignea di San Giovanni Battista, di Donatello. 10

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

CHIESE 1


CHIESE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

5

Basilica di San Giorgio Maggiore

6

Monastero di San Giorgio Maggiore

7

Chiesa e Cimitero di San Michele

8

Chiesa di San Giacomo di Rialto

Campo Nani O Barbaro, 1 - Venezia La chiesa, dalla nobile facciata di linee classiche, del Palladio, fu portata a termine nel 1611, solo dopo la sua morte. Nel 1800, nella sala del conclave della Basilica di San Giorgio Maggiore, il Cardinale Barnaba Chiaramonte venne eletto papa col nome di Pio VII. L’interno, a croce latina con tre navate, conserva opere di grandi maestri quali Jacopo Tintoretto, Jacopo Palma il Giovane, Sebastiano Ricci, Carpaccio.

Campo Nani O Barbaro, 1 - Venezia L’importante monastero benedettino, dal 1951 sede della Fondazione «Giorgio Cini», sorge sul’isoletta omonima con un complesso insieme di ambienti, realizzato dietro progetto di Andrea Palladio e articolato attorno alla ralativa chiesa e ai due chiostri. Mirabile il lavoro di Baldassarre Longhena cui si deve lo scalone d’onoore, la bnuova facciata ed il noviziato. Qui il doge Memmo fu costretto ad andare a morire, dopo essersi fatto monaco in seguito ad una rivolta di piazza.

Fondamenta Serenella, 3-6 - Venezia L’isola è nota in quanto, dal 1807, ospita il cimitero monumentale di Venezia e la grande quantità di personaggi illustri ivi sepolti ne fa uno dei luoghi turistici più frequentati della città. Tra essi Ezra Pound, Igor Stravinskij, Emilio Vedova ma anche Helenio Herrera. La chiesa realizzata su progetto dell’architetto Mauro Codussi a partire dal 1469 è considerata la prima chiesa rinascimentale di Venezia.

Sestiere San Polo, 122 - Venezia La tradizione la considera la chiesa più antica di Venezia, costruita nel 421 da un carpentiere, tale Candioto o Eutinopo, che si sarebbe votato al santo per domare un grave incendio. Pare però che risalga al 1152. Interessante l’esterno con il campanile a vela, il grande orologio e il porticato gotico, uno degli ultimi esempi del genere rimasti in città. La sua storia è legata al mercato: un’iscrizione sull’abside esterno invita i commercianti all’onestà.

11


Chiesa del Redentore

10

Chiesa di Santa Maria del Giglio

11

Duomo di Murano

12

Chiesa di Santa Maria Formosa

Sestiere Giudecca, 195 - Venezia È un importante edificio religioso progettato dal Palladio nel 1577 sull’isola della Giudecca. All’interno troviamo opere di Tintoretto, Paolo Veronese, Palma il Giovane, Francesco Bassano, Alvise Vivarini, Pietro della Vecchia. È tradizionalmente il fulcro della grande Festa del Redentore, celebrata la terza domenica di luglio a memoria del pericolo scampato di una pestilenza che colpì la città nel 1575.

Campo Santa Maria Zobenigo, 2515-2520 - Venezia Prende il nome dalla famiglia Jubanico che l’avrebbe fondata nel IX secolo intitolandola alla Maria del Giglio. Straordinaria la facciata barocca del Sardi. All’interno, opere di Tintoretto e una Sacra Famiglia di Rubens, unica opera fiamminga a Venezia. Fu ricostruita nel ‘600 come monumento alla famiglia Barbaro. Ruskin, intellettuale inglese, l’ha per questo definita una manifestazione di insolente ateismo non essendo dedicata esclusivamente a Dio.

Calle San Donato, 10-12 - Venezia Fondata probabilmente nel VII secolo, la chiesa, a pianta basilicale, è divisa in tre navate, separate a loro volta da cinque colonne di marmo greco, con capitelli di stile veneto-bizantino. All’interno è conservato un maestoso mosaico raffigurante una Madonna orante. Degno di nota è il campanile quadrato, suddiviso in tre ordini e concluso da una cella campanaria con trifore e archetti pensili.

Campo Santa Maria Formosa - Venezia Fu innalzata nel 639 da San Magno di Oderzo a cui era apparsa la Vergine che gli indicò tale luogo per l’edificazione della chiesa a lei dedicata. Venne rinnovata nel 864, e dopo un incendio nel 1106. Trovandosi in stato di decadenza venne ricostruita nel 1492 da Mauro Codussi. All’interno della chiesa opere di grande rilievo di Palma il Vecchio, Bartolomeo Vivarini e di Giambattista Tiepolo.

12

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

CHIESE 9


CHIESE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

13


Palazzo Ducale

2

Ca’ Rezzonico

3

Ca’ d’Oro

4

Scuola Grande di San Rocco

Riva degli Schiavoni, 4209 - Venezia Aperto al pubblico come museo, è a tutti gli effetti parte del sistema dei Musei Civici Veneziani oltre che sede della “Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici di Venezia e Laguna”. I primi insediamenti stabili nella laguna veneta risalgono con ogni probabilità alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, il palazzo ducale nasce prima come agglomerato di più edifici, passando per un castello fino all’attuale aspetto familiare a opera del doge Bartolomeo Gradenigo nel 1340.

Fondamenta Rezzonico, 3136 - Venezia Attuale sede del Museo del Settecento Veneziano venne costruita nel 1649 su progetto dell’archiettetto veneziano Baldassarre Longhena per la famiglia Bon. Rimase incompiuta fino a che Giambattista Rezzonico, mercante e banchiere acquistò nel 1751 il palazzo e ne affidò il completamento a Giorgio Massari, famoso ed eclettico architetto. Nel tempo fu spogliato dell’arredo, suddiviso tra gli eredi e poi venduto nel 1935 dopo lunga e complessa trattativa al Comune di Venezia.

Calle Ca’ d’Oro, 3934 - Venezia La Ca’ d’Oro, eretta nella prima meta’ del ‘400 da Marino Contarini, e’ un simbolo di Venezia con la tipica architettura tardo gotica delle logge aperte sul Canal Grande. Il barone Giorgio Franchetti, che l’aveva acquistata e restaurata alla fine dell’’800, dono’ allo Stato nel 1915 il Palazzo e le sue raccolte d’arte. Tra le opere: dipinti di Giovanni Bellini, Carpaccio, il “San Sebastiano” del Mantegna e ancora tele di Tiziano, Giorgione, Tintoretto.

Campo San Rocco - Venezia La Scuola Grande di San Rocco, una confraternita formata da cittadini benestanti veneziani, venne fondata nel 1478 e divenne particolarmente prospera verso il 1515. Nel 1564 venne chiesto a Tintoretto di decorare la Scuola. Tutte le opere sono sue o dei suoi allievi. Di particolare pregio la Sala dell’Albergo. Il meraviglioso ciclo di tele realizzato nelle tre Sale tra il 1564 e il 1588 per la sua unitarietà rappresentano per Venezia quello che per Roma è la Cappella Sistina. 14

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

PALAZZI 1


5

Ca’ Foscari

6

Fontego dei Tedeschi

7

Palazzo Contarini del Bovolo

8

Palazzo Giustinian

Calle Foscari, 3257-3259 - Venezia È un palazzo gotico del 1453 di Bartolomeo Bon, oggi sede dell’università Ca’ Foscari Venezia. Sorge al posto di un altro palazzo, detto “Casa delle Due Torri” che doveva essere la residenza di Gianfrancesco Gonzaga, signore di Mantova e vicecapitano dell’esercito della Serenissima. Fu invece utilizzato per ospitare personaggi illustri ospiti della Serenissima. I recenti restauri hanno messo in luce un pavimento affrescato del XV secolo e soffitti con dorature del XVI secolo.

Calle Fontego dei Tedeschi, 5343 - Venezia È di antica fondazione (XIII secolo) e legato alle esigenze commerciali della Repubblica di Venezia: era punto d’approdo delle merci trasportate da mercanti tedeschi, che qui le immagazzinavano. Fu ricostruito dopo un incendio nel 1508 con affreschi in facciata, oggi persi, di Giorgione e Tiziano Vecellio. Gli interni conservavano opere di inestimabile valore, dei pittori Paolo Veronese, Tiziano Vecellio e Jacopo Tintoretto, di cui oggi si è perduta quasi ogni traccia.

Corte Contarini, 4304-4306 - Venezia In stile gotico, della fine del ‘400, è famoso per la torre rotonda con scala a chiocciola (detta appunto bòvolo in dialetto veneziano) che termina in un belvedere a cupola con ampia visuale sulla città. Fu usato da Wilhelm Tempel come osservatorio astronomico e da qui scoprì nel 1859 una cometa e la Nebulosa di Merope. Oggi è proprietà delle Istituzioni di Ricovero e di Educazione.

Calle Giustinian, 3232 - Venezia È formato da due edifici gemelli che furono costruiti nella seconda metà del XV secolo: il palazzo di destra, che ospita ambienti dell’Università “Ca’ Foscari”, è conosciuto come Ca’ Giustinian dei Vescovi, dal nome del ramo di quella famiglia che vi abitava; l’altro (privato) come Ca’ Giustinian dalle Zogie. Dietro alla facciata sono separati da una stretta calle che tramite un sotoportego arriva al portale di centro. vi abitarono il pittore Natale Schiavoni e Wagner. 15

PALAZZI

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Palazzo Grassi - Stucky

10

Palazzo Grimani di San Luca

11

Palazzo Barbarigo

12

Ca’ Dario

Campo San Samuele - Venezia Il progetto è dell’architetto Giorgio Massari. È l’ultimo palazzo che Venezia ha costruito prima del crollo della Repubblica, fu finito nel 1772. Lo scalone d’onore fu decorato con affreschi di Michelangelo Morlaiter e Francesco Zanchi. È stato ristrutturato nel 2005 da Tadao Ando. Ospita la Fondazione e Collezione François Pinault che è una delle cinque collezioni d’arte moderna e contemporanea più grandi del mondo con opere di Rothko, Manzoni, Hirst, Warhol e altri.

Calle Grimani - Venezia Imponente palazzo rinascimentale di Venezia edificato a metà del ‘500. Le grandi finestre sono legate alla leggenda secondo la quale un Grimani, volendo sposare una Tiepolo, si sentì rispondere dal padre di questa che non avrebbe mai dato la mano della figlia a un disperato senza casa sul canale. Al che il Grimani promise che avrebbe costruito una casa con le finestre più grandi del portone di Ca’ Tiepolo, e così avvenne.

Campo San Vio, 730 - Venezia L’edificio fu costruito nel XVI secolo, in pieno Rinascimento ed ha una facciata tra le più caratteristiche del Canal Grande che si distingue per la copertura a mosaico in vetro di Murano, applicata nel 1886 per volontà degli allora proprietari, possessori di una vetreria. A partire dal XX secolo è diventato quartier generale della Pauly & C. - Compagnia Venezia Murano, azienda vetraria.

Calle San Cristoforo, 699/b - Venezia L’edificio fu costruito nel 1479 da Pietro Lombardo per conto del proprietario Giovanni Dario, segretario del Senato della Repubblica di Venezia. Si distingue per i marmi policromi che ne decorano la facciata in stile rinascimentale. Su di esso pende una maledizione per la quale i proprietari rischiano di finire sul lastrico o di morire di morte violenta. Uno degli ultimi proprietari fu Raoul Gardini.

16

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

PALAZZI 9


17

PALAZZI

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Biblioteca Nazionale Marciana

Piazzetta San Marco - Venezia Deve la sua origine al mecenatismo del cardinale Bessarione, che donò nel 1468 la sua raccolta: 750 codici, 250 manoscritti e alcune opere a stampa. La Marciana incrementò poi le sue raccolte grazie al trasferimento in essa di parte delle biblioteche di alcuni monasteri, nonchè per effetto dell’obbligo imposto agli stampatori di depositarvi un esemplare di ogni libro pubblicato, come previsto da una legge veneta del 1603. Conta oggi un milione di volumi. Aperto da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 19.00; il sabato dalle 8.00 alle 13.30.

2

Collezione Peggy Guggenheim

Sotoportego Centanni, 713 - Venezia Sicuramente il museo più importante in Italia per l’arte europea ed americana della prima metà del XX secolo. Ha sede a Venezia presso Palazzo Venier dei Leoni, sul Canal Grande, in quella che fu l’abitazione di Peggy Guggenheim. Aperto nel 1951 dalla nipote di Solomon R Guggenheim, ricco industriale americano e collezionista d’arte, il museo ospita opere di Picasso, Dalì, Magritte, Pollock, Fontana, ed altri. Peggy Guggenheim è sepolta in un’urna posta nel giardino privato. Aperto tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10.00 alle 18.00. Ingresso 12 €.

3

Museo di Storia Naturale

Sestiere Santa Croce, 1730 - Venezia Il Fontego dei Turchi, del XIII secolo, è uno dei palazzi più caratteristici tra quelli affacciati sul Canal Grande, ben riconoscibile per la sua elegante facciata decorata. Vi ha sede il museo con le tre grandi sezioni che affrontano la Storia Naturale da tre diversi punti di vista, la paleontologia, l’evoluzione del collezionismo naturalistico e forma e funzione negli esseri viventi.

1 giugno-31 ottobre: da martedì a domenica 10.00-18.00. 1 novembre-31 maggio: da martedì a venerdì: 9.00-17.00; sabato e domenica 10.00-18.00. Ingresso 8 €.

4

Museo Storico Navale e Arsenale

Sestiere Castello, 3376 - Venezia Di proprietà della Marina Militare è situato presso l’Arsenale. Il museo raccoglie testimonianze storiche riguardanti la navigazione ed in particolare la storia marinara italiana e la marineria veneziana. Il museo è nato ufficialmente nel 1923. L’edificio principale raccoglie cimeli artistici e storici legati alla storia della marina italiana distribuiti in 42 sale espositive su un totale di cinque piani. Aperto da lunedì a venerdì dalle 8.45 alle 13.30, il sabato fino alle 13.00. Ingresso 1,55 €.

18

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

MUSEI 1


MUSEI

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

5

Museo Correr

Piazza San Marco, 52 - Venezia Prende nome da Teodoro Correr, nobile di antica famiglia veneziana che lasciò alla Municipalità di Venezia le sue ricche collezioni, raccolte in vita con passione in un periodo in cui la Città sembrava incapace nel non disperdere il suo enorme patrimonio storico e artistico. A questo primo consistente nucleo di opere, nel tempo si sono aggiunti altri doni ed acquisti che costituiscono oggi il complesso e diversificato patrimonio dei Musei Civici Veneziani d’Arte e di Storia. 1 aprile-31 ottobre: 10.00-19.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 16 €.

6

Museo del Settecento Veneziano

Fondamenta Rezzonico, 3136 - Venezia Ha sede in Cà Rezzonico. Al primo piano è possibile ammirare, dipinti, sculture e arredi settecenteschi, oltre ai preziosi affreschi decorativi dei soffitti. Al piano superiore che si apre con il portego dei dipinti dominato da due tele del Canaletto, da non perdere sono la sala dedicata all’opera del Longhi e gli affreschi staccati dalla Villa Zianigo eseguiti da Giandomenico Tiepolo. Al terzo, tre ambienti della farmacia “Ai do San Marchi” e la Pinacoteca Egidio Martini. 1 aprile-31 ottobre: 10.00-18.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 8 €.

7

Museo del Vetro

Fondamenta Marco Giustinian, 1-15 - Venezia L’edificio è l’antico Palazzo dei Vescovi di Torcello sull’isola di Murano. Le collezioni esposte al primo piano del Museo sono ordinate cronologicamente: oltre alla sezione archeologica (piano ammezzato), che comprende notevoli reperti romani tra il I e il III secolo dopo Cristo, vi si trova la più vasta rassegna storica del vetro muranese con importanti pezzi prodotti tra il Quattrocento e il Novecento, tra cui capolavori di rinomanza mondiale. 1 aprile-31 ottobre: 10.00-18.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 8 €.

8

Casa di Carlo Goldoni

Sestiere San Polo, 2794 - Venezia Fu eretta nel XV secolo e conserva tutte le caratteristiche dell’architettura gotica a Venezia di quel periodo. La famiglia Goldoni rimase in questa casa, in cui Carlo nacque il 25 febbraio 1707. fino al 1719. Ospita un piccolo museo goldoniano e di cimeli teatrali veneziani ma concentra la propria attività soprattutto sul centro studi teatrali e sul costante incremento della sua biblioteca e dell’archivio. 1 aprile-31 ottobre: 10.00-17.00; 1 novembre-31 marzo:10.00-16.00. Ingresso 5 €.

19


Galleria Internazionale d’Arte Moderna

Calle Pesaro, 2074 - Venezia Fu progettata nel ‘600 dall’architetto Longhena per volontà della ricchissima e nobile famiglia Pesaro, ma completata solo nel 1710. E’ considerato uno dei più bei palazzi veneziani con la facciata barocca, impreziosita da bassorilievi e statue, che lo rendono unico. Divenuto proprietà della duchessa Felicita Bevilaqua La Masa, essa destinò il palazzo a divenire galleria d’arte moderna dal 1902. Ospita opere di Klimt, Chagall, Kandinsky, Klee, Morandi, De Chirico ed altri. 1 aprile-31 ottobre: 10.00-18.00; 1 novembre-31 marzo: 10.00-17.00. Ingresso 8 €.

10

Punta della Dogana

Fondamenta della Dogana alla Salute, 2-9 - Venezia Punta della Dogana è un nuovo centro d’arte contemporanea di Venezia. L’edificio di Punta della Dogana è caratterizzato da una struttura semplice e razionale: il volume crea un triangolo, diretto riferimento alla forma della punta dell’isola di Dorsoduro, mentre gli interni sono ripartiti in lunghi rettangoli, con una serie di pareti parallele. Il progetto è dell’architetto giapponese Tadao Ando. Aperto tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10.00 alle 19.00. Ingresso 15 €.

11

Museo Fondazione Querini Stampalia

Calle Querini, 4779 - Venezia Il museo Querini Stampalia è una dimora storica, situato al secondo piano di un palazzo del Cinquecento, già abitato dal patriarca di Venezia, impreziosito da stucchi e affreschi. Nelle sue stanze raffinate, decorate con tenui colori e impreziosite da dipinti, arredi, lampadari di Murano, arazzi, stoffe e porcellane, ospita cento dipinti con oggetto la Venezia del 700, opere di Pietro Longhi e Gabriel Bella. Da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00. Ingresso 10 €, ridotto 8 €.

12

Gallerie dell’Accademia

Campo de la Carità, 1049-1050 - Venezia Il complesso monumentale delle Gallerie dell’Accademia occupa la prestigiosa sede della Scuola Grande di Santa Maria della Carità. Ne fanno parte anche l’omonima chiesa di Santa Maria e il monastero dei Canonici Lateranensi, realizzato dal Palladio. Il museo ospita una ricca collezione di dipinti veneziani e veneti, dal Trecento bizantino e gotico agli artisti del Rinascimento, Bellini, Carpaccio, Giorgione, Veronese, Tintoretto e Tiziano per arrivare al Tiepolo e Canaletto. Lunedì: 8.15-14.00; da martedì a domenica: 8.15-19.15. Ingresso 6,50 €.

20

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

MUSEI 9


MUSEI

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

21


Campanile di San Marco

2

Torre dell’Orologio

3

Ponte di Rialto

4

Ponte dell’Accademia

Piazza San Marco - Venezia Si trova di fronte alla Basilica. Ha un’altezza che sfiora i 100 metri con in cima una statua dorata dell’Arcangelo Gabriele con delle grandi ali che, spinte dal vento, la fanno ruotare. Quando l’angelo è rivolto verso la basilica per i veneziani è segno che ci sarà l’acqua alta. Nel 1902 il campanile crollò e la sera dello stesso giorno il Consiglio Comunale deliberò che il Campanile si ricostruisse. Nel 1903 già cominciavano i lavori e nel 1912 l’Angelo tornava al suo posto.

Piazza San Marco, 302/a - Venezia La Torre dell’Orologio è parte di un edificio più ampio. Costruito tra il 1496 e il 1499 dall’architetto Mauro Codussi l’arco sottostante collega la piazza S.Marco con le Mercerie. Il quadrante dell’orologio in oro e smalto blu segna ora, giorno, fasi lunari e i segni dello zodiaco. L’Orologio è dotato di un carillon di statue raffiguranti la natività e attivato solo nel giorno dell’Epifania. In cima sono posizionati i Mori di Venezia che suonano 5 minuti prima e dopo l’ora esatta.

Ponte di Rialto, 5329 - Venezia Il ponte di Rialto che conosciamo è piuttosto recente: venne costruito nel 1588 in sostituzione di uno in legno. Il primo ponte fu fatto su barche nel 1175, sostituito da uno fisso nel 1265; questo venne distrutto nel 1310 e ricostruito. Il più famoso ponte di Venezia, rimase fino al 1854 l’unico ad attraversare il Canal Grande. E’ diviso in tre rampe da due file di negozi unite al centro da altrettante arcate. Le fondamenta poggiano su tavoloni di larice e 12.000 pali.

Ponte de l’Academia - Venezia E’ uno dei quattro ponti che collegano le due sponde del Canal Grande. Originariamente in ferro, fu aperto il nel 1854. In seguito al deperimento di quest’opera, fu indetto un concorso per l’edificazione di un nuovo ponte in pietra che non fu mai realizzato. Nel frattempo si ricostruì in legno su progetto dell’ingegnere Eugenio Miozzi (1889-1979) ; successivi interventi hanno aggiunto all’opera originaria elementi metallici in acciaio. Il ponte ha una lunghezza di 48 mt. 22

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

STRUTTURE 1


5

Ponte degli Scalzi

6

Ponte dei Sospiri

7

Arsenale di Venezia

8

Teatro la Fenice

Ponte Scalzi - Venezia Il Ponte degli Scalzi, che i veneziani chiamano anche ponte della stazione, fu costruito nel 1934 su progetto dell’ingegnere Eugenio Miozzi. E’ costituito da una singola arcata interamente in pietra d’Istria. Il ponte attuale ha sostituito un vecchio ponte in ferro costruito dagli austriaci nel 1858. Il Ponte degli Scalzi, assieme al Ponte di Rialto, al Ponte dell’Accademia e al nuovo ponte di Calatrava, è uno dei quattro ponti che oggi attraversano il Canal Grande a Venezia.

Riva degli Schiavoni, 4209 - Venezia Serviva da collegamento tra le prigioni vecchie del Palazzo Ducale e quelle nuove. Soprannominato così poichè si immaginava che i prigionieri che di qui transitavano andando alle prigioni, guardando fuori sospirassero, sapendo che non avrebbero mai più rivisto la luce del sole. Al centro della facciata in pietra d’Istria è posto lo stemma del doge Marino Grimani, sotto il cui dogato il ponte venne costruito con un rilievo raffigurante la “giustizia”.

Ponte de l’Arsenal - Venezia L’Arsenale di Venezia costituisce una parte molto estesa della città insulare e fu il cuore dell’industria navale veneziana a partire dal XII secolo. Rappresenta l’esempio più importante di grande complesso produttivo dell’economia preindustriale. La superficie si estendeva su un’area di 46 ettari e vi lavoravano fino a 2000 persone al giorno. È attualmente utilizzato solo in piccola parte, come una delle sedi espositive della Biennale di Venezia.

Campo San Fantin, 1918-1984 - Venezia La Fenice è il principale teatro lirico di Venezia. Distrutto completamente da un incendio nel 1996, è stato riedificato, nello stile del precedente, in circa otto anni; il nuovo teatro è stato inaugurato nel 2003 con un concerto diretto da Riccardo Muti. Già sede di un’ importante stagione operistica e del Festival internazionale di musica contemporanea, il teatro “La Fenice” era stato inaugurato nel 1792 con l’opera di Giovanni Paisiello, I giochi di Agrigento. 23

STRUTTURE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Ponte di Calatrava o della Costituzione

10

Ponte dei Pugni

11

Ponte delle Tette

12

Ponte della Paglia

Ponte della Costituzione - Venezia Il quarto ponte sul Canal Grande è stato inaugurato nel 2008. Ha forma arcuata con struttura in acciaio, i pavimenti in vetro della Saint Gobain, pietra d’Istria e trachite. All’interno dei corrimano sono installate lampadine a led che dissipano il raggio di luce nei parapetti in vetro. Il ponte è lungo 94 mt. e ha una ampiezza centrale di 81 metri. La larghezza varia da 5.58 metri fino a 9.38 metri nella parte centrale. L’altezza varia da 3.20 a 9.28 mt. al centro.

Ponte dei Pugni - Venezia Presenta sui quattro vertici della pavimentazione quattro impronte di piedi in pietra d’istria e prende il nome da un’antica tradizione di Venezia: la Guerra dei pugni, che era praticata anche su altri ponti di Venezia. I Castellani e i Nicolotti, due fazioni avverse, si scontravano a “pugni” sulla parte superiore del ponte con l’intento di gettare gli avversari nel rio sottostante. Gli scontri vennero proibiti nel 1705 dopo che dai pugni si passò ai coltelli.

Calle de l’Agnella - Venezia Per evitare che il numero degli omosessuali a Venezia potesse aumentare fino a diventare un pericolo per la sopravvivenza della città, il Senato deliberò che proprio in questo ponte fosse concesso alle meretrici di mettere in mostra le proprie virtù per attirare un pubblico di uomini sempre più numeroso e mantenere così ben saldi gli usi ed i costumi propri di una cultura eterosessule.

Riva degli Schiavoni - Venezia Il ponte è molto spesso affollato dai turisti non solo perché permette un’ottima visuale sul Ponte dei Sospiri e su tutto il Bacino di San Marco, ma anche perché, nelle sere d’estate, offre i più bei tramonti veneziani col sole che cala dietro la Basilica della Salute. Il nome “della Paglia” deriva dalla barche cariche di paglia che lì ormeggiavano, come dimostrato da alcune leggi e ordinanze della Repubblica che proibivano tale abitudine.

24

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

STRUTTURE 9


25

STRUTTURE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Piazza San Marco

2

Canal Grande

3

Ghetto Ebraico

4

Campo Sant’Angelo

Piazza San Marco - Venezia Piazza San Marco è definita la più bella piazza del mondo. Ha carattere rinascimentale e si può tranquillamente annoverare tra i luoghi più visitati e più belli del mondo. E’ situata di fronte alla Basilica di San Marco. Sugli altri lati ci sono: la Torre dell’Orologio, le Procuratie Vecchie e la neoclassica Ala Nuovissima. All’estremità di queste si leva l’alto campanile di San Marco, anticamente faro di naviganti. Il campanile segna l’imbocco della piazzetta San Marco.

Canal Grande - Venezia Divide in due la città ed è la maggiore via d’acqua di Venezia. Esso si snoda in vistose anse per quattro chilometri, disegnando una grande esse, con una larghezza che va dai 30 ai 70 m e una profondità di 5,20 m. Lungo le sue sponde si allineano circa 200 splendidi palazzi, costruiti su antiche palafitte dall’aristocrazia veneziana. E’ divenuta la più elegante via del mondo. E’ attraversato da tre ponti: il Ponte degli Scalzi, il Ponte di Rialto e quello dell’Accademia.

Ghetto di Sestiere Cannaregio, 2892 - Venezia Il ghetto di Venezia era la zona di Venezia dove gli ebrei veneziani erano obbligati a risiedere durante il periodo della Repubblica veneta. Dal suo nome deriva la parola ghetto. Nel corso del ‘500 vennero edificate varie sinagoghe, una per ogni gruppo di omogenea provenienza. Così sorsero la Schola Grande Tedesca, la Schola Canton, la Schola Levantina, la Schola Spagnola e la Schola Italiana. Gli edifici costituiscono tuttora un complesso architettonico di grande interesse.

Campo Sant’Angelo - Venezia Deve il suo nome alla chiesa omonima che vi sorgeva ed è uno spiazzo di grandi dimensioni con pianta a Z, posto in un punto di collegamento importante, nel cuore della città. Gli edifici di maggiore rilevanza storico architettonica che si affacciano sul campo sono Palazzo Trevisan Pisani, Palazzo Gritti Morosini, Palazzo Duodo e il complesso del monastero di Santo Stefano. Sono presenti anche due pozzi del XV secolo, posti entrambi tra Palazzo Gritti e Palazzo Duodo. 26

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

PIAZZE / VIE 1


5

Campo San Barnaba

6

Campo dei Frari

7

Campo Manin

8

Campo San Maurizio

Campo San Barnaba - Venezia Dominato dalla Chiesa di San Barnaba, è stato usato molto spesso come set cinematografico. Tra i film più famosi che contengono scene girate qui ci sono “Tempo d’estate”, con Katharine Hepburn e Rossano Brazzi (nella scena in cui la protagonista cade in acqua nel canale), e “Indiana Jones e l’ultima crociata”, con Harrison Ford (nella scena in cui il protagonista esplora i sotterranei della chiesa, nella realtà inesistenti).

Campo dei Frari - Venezia Il campo si dispone a L ed è uno dei campi più importanti e frequentati della città lagunare per la presenza del complesso della Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, uno dei maggiori edifici religiosi di Venezia, contenente opere fondamentali del Rinascimento, come due pale del Tiziano. Nel campo si affccia anche il monastero dei francescani, attuale Archivio di Stato di Venezia. E’ presente un pozzo, posto sul lato più vicino al campanile.

Campo Manin - Venezia Al centro del campo si trova il monumento a Daniele Manin (1875) di Luigi Borro. Il lato di fondo opposto al rio è chiuso da Palazzo Nervi-Scattolin, sede della Cassa di Risparmio di Venezia, che secondo alcuni costituisce una rottura stilistica in contrasto con i rimanenti palazzi, al cui progetto contribuì Pier Luigi Nervi per il 150º anniversario della banca avvenuto nel 1972.

Campo San Maurizio - Venezia Ha una certa importanza sia quanto a dimensioni, sia per gli edifici che vi sorgono. Su di esso si affacciano la Chiesa di San Maurizio, Palazzo Bellavite, Palazzo Molin e Palazzo Zaguri. Dal 1970 è sede di un mercato dell’antiquariato che si tiene per quattro fine settimana all’anno.

27

PIAZZE / VIE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Campo San Polo

10

Campo San Rocco

11

Campo della Salute

12

Campo Santo Stefano

Campo San Polo - Venezia Campo San Polo è il campo più grande di Venezia. Inizialmente venne destinato alle coltivazioni e a pascoli. Nel 1493 venne interamente pavimentato e venne sistemato il pozzo al centro del campo per venire poi utilizzato come luogo di mercati, fiere e grandi riunioni. Nel 1548 vi venne assassinato Lorenzino de’ Medici, pugnalato da due assassini al servizio di Cosimo de’ Medici. Vi si affacciano Palazzo Soranzo e Palazzo Corner Mocenigo.

Campo San Rocco - Venezia Gioiello dell’architettura veneziana. Il nome del campo è dato dalla chiesa e dalla Scuola Grande di San Rocco che vi sorgono, dando, con le loro moli bianchissime, l’aspetto dominante del campo. I portali della chiesa e della scuola sono uniti ogni anno il 16 agosto da un tendone sorretto da una struttura lignea. Il tendone è frutto di un antico voto del Senato e della Signoria per la liberazione della città dalla peste.

Fondamenta della Dogana alla Salute, 2-9 - Venezia Vi si affacciano la Basilica di Santa Maria della Salute, il Seminario Patriarcale ed il prospetto posteriore della Dogana da mar. È senza dubbio uno dei campi più visibili dal Canal Grande e soggetto di innumerevoli pitture del Canaletto. Vi si svolge ogni anno il 21 novembre la Festa della Madonna della Salute, nella quale vengono unite da un ponte di barche molto suggestivo le sponde opposte del Canal Grande.

Campo Santo Stefano - Venezia Uno dei campi più vasti di Venezia sul quale si affacciano la Chiesa di Santo Stefano, la Chiesa di San Vidal, Palazzo Morosini, Palazzo Loredan e Palazzo Pisani. Al centro la statua dedicata al letterato Niccolò Tommaseo. Durante il periodo primaverile i bambini di Venezia usano questo spazio come parco giochi.

28

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

PIAZZE / VIE 9


29

PIAZZE / VIE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Queste guide, il portale weagoo. com e la promozione della città sono servizi offerti gratuitamente 4migliaia di turisti. Weagoo si a3 sostiene attraverso finanziamenti privati e piccoli contributi economici di sponsorizzazione.

migliore, WeAGoo si riserva di selezionare la presenza nelle proprie Guide, di attività nelle seguenti categorie :

Con l’intento di fornire all’ utilizzatore della guida un servizio

ristorazione: ristoranti, trattorie, pizzerie, bar, gelaterie ecc.

pernottamento: hotel, bed and breakfast, camping ecc.

servizi: farmacie, officine, negozi in genere, assicurazioni ecc. Se hai una attività commerciale in questa città e ritieni che i tuoi servizi possono essere utili al turista ed in linea alla qualità offerta dalla guida, scrivici a: inguide@ weagoo.com, potresti essere uno dei pochi e selezionati sponsor.

THE CITY SPONSOR Weagoo, con l’iniziativa TheCitySponsor, vi offrirà la presenza esclusiva o privilegiata nelle schede informative turistiche nel nostro portale per la città prescelta e sulle Guide prodotte durante la stampa dei punti di interesse della stessa , una vetrofania che identifica l’appartenenza esclusiva al network e il mantenimento per un anno sui ns. server. 30

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VUOI ESSERCI?


AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

CONSIGLI DI VIAGGIO

chiese...................................................pag 1 palazzi..................................................pag 5 musei....................................................pag 9 monumenti e strutture..........................pag 13 teatri.....................................................pag 21 varie......................................................pag 23

31


La rinomata isola di Murano, che si presenta oggi totalmente urbanizzata, è costituita da sette isole minori, due delle quali hanno addirittura origine artificiale. Gli isolotti, separati da canali, sono collegati tra di loro da numerosi ponti. Questa località, con i suoi quasi 5.000 abitanti, risulta essere uno dei centri più popolosi della Laguna. Secondo la tradizione, il suo nome “Ammurianum” deriva da un quartiere dell’antico borgo romano di Altino (l’attuale comune di Quarto d’Altino) o da una delle porte della città madre. La storia narra che gli abitanti di Altino furono costretti ad abbandonare la propria città nel 453 a causa delle pressioni degli Unni e che si rifugiarono su queste isole. Murano è ormai famosa in tutto il mondo grazie al plurisecolare artigianato della lavorazione del vetro. I cittadini impararono a trattare e lavorare il vetro, arrivato in città verso l’anno Mille, grazie all’influenza e ai rapporti commerciali che il comune aveva con l’Oriente: è soprattutto per questo motivo che la conoscenza nell’arte della lavorazione del vetro riuscì ad essere portata a livelli altissimi. Vediamo ora il modo in cui nacque la grande fama di Murano. La svolta per l’isola avvenne intorno all’anno 1100. Venezia infatti, a causa dell’inquinamento e del pericolo di incendi, fu costretta a spostare le fornaci dedicate alla produzione del vetro, nella vicina Murano. Ancora oggi in questo luogo le famiglie si tramandano di generazione in generazione, i segreti e le ricette che nessuno mai in tutto il mondo è riuscito ad eguagliare. Il vetro è caratterizzato da una miscela di sabbia silicea, ossidi e carbonati; ne esistono di tantissimi tipi, ognuno diverso dall’altro a seconda della funzione che deve andare a svolgere. Lavorare e creare il vetro

© Aqwis

32

è qualcosa di decisamente molto complicato, bisogna avere caratteristiche molto particolari e Murano, con i suoi mille anni di esperienza e tradizione vetraria, ha portato queste caratteristiche ai massimi livelli. Il vetro del luogo è infatti di una qualità eccellente, stabile e brillante nei colori: tutte fattezze che l’hanno reso assolutamente eccezionale e probabilmente il migliore del pianeta. Numerosi sono i turisti che visitano l’isola, ed in particolare la zona di Piazzale de La Colonna, alla ricerca di negozi caratteristici e fabbriche di artisti vetrai. Per tutti coloro che volessero comprare un oggetto tipico in vetro soffiato, consigliamo di recarsi personalmente alle fornaci, qui infatti è possibile assistere al lavoro degli artigiani e comprare direttamente alla fonte. Imperdibile è poi il Museo del vetro allestito all’interno del gotico Palazzo Giustinian, antica residenza dei vescovi di Torcello (isola della laguna Veneta settentrionale). Le esposizioni sono costituite dalla presenza di preziosi esemplari di coppe, lampadari, sculture e vasi di diverse epoche, tutti realizzati da artigiani del posto. Qui troviamo poi la più vasta rassegna storica del vetro locale con importanti pezzi prodotti tra il Quattrocento e il Novecento, tra cui capolavori di rinomanza mondiale.

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

FUORI PORTA

GITA A MURANO


COSE DA NON PERDERE... MERCATO DI RIALTO

Dal lunedì al sabato dalle 7.30 alle 13.30. Rialto

Il mercato Rialto è il vero centro vitale della città; si può suddividere in due parti: il mercato della frutta e verdura ed il mercato del pesce. Quello che rendeva il Mercato di Rialto veramente speciale era l’Erbaria. Ancora oggi comunque il Mercato di Rialto è sempre affollato la mattina da centinaia di veneziani e turisti che vi trovano degli ottimi prodotti, spesso provenienti dall’estuario (Vignole e Sant’Erasmo), ad un prezzo contenuto per una città come Venezia. CARNEVALE Di origini antichissime, tanto che il termine “carnevale” fu utilizzato per la prima volta già nel 1094, in un documento del Doge Vitale Falier, il Carnevale di Venezia è un evento unico al mondo, secondo solo a quello di Rio de Janeiro. Famoso per la ricchezza dei costumi e delle maschere, lo sfarzo dei festeggiamenti e i numerosi eventi organizzati (mostre d’arte, sfilate di moda, spettacoli teatrali…), il Carnevale veneziano attrae ogni anno migliaia di turisti provenienti da tutta Italia ed Europa. Ricca di storia, suggestione e tradizione, la manifestazione fu rilanciata un paio di decenni fa, diventando un grande e spettacolare evento turistico. Momento clou dei festeggiamenti è il tradizionale Volo dell’Angelo, durante il quale ogni anno un artista diverso, legato ad una cor-

da, discende dal campanile di San Marco fino a Palazzo Ducale. REGATA STORICA La Regata Storica è un’importante manifestazione veneziana che si svolge la prima domenica di settembre. Numerosi sono i cittadini e i turisti che ogni anno accorrono in città per assistete al tradizionale corteo storico, una sfilata di imbarcazioni tipiche cinquecentesche, capitanate dal pittoresco Bucintoro, la barca di rappresentanza della Serenissima. Questa colorita sfilata è una rievocazione dell’accoglienza riservata, nel 1489, a Caterina Cornaro, sposa del re di Cipro, che rinunciò al trono a favore di Venezia. Ma il momento più atteso dagli spettatori è sicuramente la competizione che vede scontrarsi i campioni del remo.

33

DA NON PERDERE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


La Biennale di Venezia è una istituzione culturale, tra le più prestigiose al mondo che da oltre un secolo ha come obiettivo la promozione delle nuove tendenze artistiche. Si colloca ai vertici mondiali per la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, per l’Esposizione Internazionale d’Arte e la Mostra Internazionale di Architettura, per i Festival di Musica e Teatro e per il più recente Festival di Danza Oggi, ha sede a Ca’ Giustinian in piazza San Marco, 1364/A ma le attività espositive si svolgono nelle strutture sparse per la città GIARDINI DELLA BIENNALE I Giardini della Biennale sono in realtà dei giardini pubblici ubicati nel sestiere di Castello e sono sede della Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia. Attualmente si contano 29 padiglioni per le partecipazioni di paesi stranieri oltre al Padiglione Centrale che ospita la mostra principale dell’evento. BIBLIOTECA DELLA BIENNALE Nell’agosto 2010 è stata inaugurata la biblioteca della Biennale che occupa una area di 1.400 mq all’interno del padiglione Centrale. Nella biblioteca si trova una sala di lettura di oltre 305mq e disposti su due livelli , 800 metri lineari di scaffalature che ospitano i 130mila vo-

34

lumi del fondo librario ASAC.

La Biblioteca è aperta a visitatori dal martedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 17.00.

PADIGLIONE CENTRALE Costruito nel 1894 su volere della municipalità veneziana, nel 1895 ospiterà la prima Biennale. L’edificio realizzato su progetto di Enrico Trevisanato in collaborazione per la facciata in stile liberty con De Maria e Bartolomeo Bezzi. Per 10 anni, la Biennale è concentrata in questo unico Palazzo e gli artisti di ogni nazione espongono assieme senza alcuna divisione. Solo nel 1907, sarà il padiglione del Belgio a dare il via alla costruzione dei successivi padiglioni nazionali. Oggi, la struttura di 3.500 mq, di cui 2.800 mq dedicati agli eventi espositivi, è stata trasformata in uno spazio aperto tutto l’anno in grado di accogliere le numerose attività pro-

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

BIENNALE

BIENNALE DI VENEZIA


grammate. PADIGLIONI NAZIONALI Dal 1907, dopo la costruzione del primo padiglione nazionale da parte del Belgio in aggiunta a quello Centrale, sorsero via via nel tempo altri 28 padiglioni, ognuno capace di ospitare e promuovere le proprie tendenze artistiche. E’ così che nel 1909 fu costruito il padiglione Gran Bretagna, nel 1930 quello degli Stati Uniti d’America, nel 1962 quello dei Paesi Nordici ed infine 1995 quello della Corea. Tutti i padiglioni sono stati progettati da grandi artisti, che ne fanno del padiglione stesso una importante firma dell’architettura del ‘900. PALAZZO DEL CINEMA Sede principale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica venne inaugurato il 10 agosto 1937 per la quinta edizione della Mostra. Qui sono passati i più grandi nomi della cinematografia mondiale e ancora oggi ritenuta una delle più importante kermesse mondiali da attori e registi. All’interno del Palazzo si trova la storica Sala Grande, con una capienza di 1.100 posti. ARSENALE l’Arsenale di Venezia costituisce una parte molto estesa della città insulare e fu il cuore dell’industria navale veneziana a partire dal XII secolo. Rappresenta l’esempio più importante di grande complesso produttivo dell’economia preindustriale. La superficie si estendeva su un’area di 46 ettari e vi lavoravano fino a 2.000 persone al giorno. È attualmente utilizzato solo in piccola parte, come una delle sedi espositive della Biennale di Venezia. All’interno dell’area dell’Arsenale, Il Giardino delle Vergini, una ampia e importante area verde di 14.000 m² che dal 2001 è sottoposto ad una importante progetto di bonifica e recupero.

35

BIENNALE

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA


Venezia è una città che nel corso della sua storia ha avuto diversi contatti sia con molte regioni italiane che con paesi stranieri: tutto ciò ha senza dubbio influito anche per quello che riguarda l’ambito gastronomico. La tradizione culinaria locale è semplice ma allo stesso tempo ricca di ingredienti e soprattutto di spezie. Le ricette più rinomate della cucina veneziana (il baccalà mantecato, pasta e fagioli, risi e bisi, le patate alla veneziana) sono basate su ingredienti internazionali e proveniente da tutto quali per esempio: la patata, il pomodoro, le spezie dall’Asia, il baccalà proveniente dal Baltico, il mais, i fagioli, il tacchino dall’America, i peperoni e il riso dall’Europa orientale. Tutto questo serve per confermato quanto accennato in precedenza. Le pietanze che vengono servite hanno infatti alle spalle tradizioni di popoli di-

versi con culture ed abitudini eterogenee. Va detto, per concludere la breve panoramica sulla cucina veneziana, che la storia della gastronomia locale è anche strettamente intrecciata con fatti storico-politici e religiosi. Esempio di quanto detto è il merluzzo essiccato, che costituisce una particolarità in una città come questa in cui la pesca ha sempre garantito pesce fresco ai propri cittadini. A giustificare la scelta di tale ricetta arriva però in soccorso la storia: Venezia ha infatti dovuto subire lunghi periodi di astinenza dall’uso della carne, ciò gli era stato imposto dal Concilio di Trento come segno penitenziale per i credenti. La cucina di Venezia offre, dunque, una varietà di scelta per gusti diversi. La bevanda tipica locale è lo spritz: aperitivo alcolico a base di vino e acqua.

Fegatino di vitello alla veneziana

Ingredienti: 600 gr di fegato di vitello; 700 gr di cipolle bianche; 2 cucchiai di olio d’oliva; 1 noce di burro; sale e pepe q.b. Preparazione: Tagliate mezzo chilo di fegato di vitello a fettine sottili e non troppo lunghe. Fate imbiondire lentamente in olio e burro, tenendole coperte, due grosse cipolle tagliate finemente. Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire. Aggiungete il fegato e rimettete sul fuoco. Dopo due o tre minuti, rimescolate e lasciate cuocere un altro paio di minuti. Salate il tutto e accompagnate il fegato con fette di polenta abbrustolita.

36

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

CUCINA

CUCINA


CUCINA

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA Risi e bisi

Ingredienti: 1 kg. di piselli freschi con il baccello; 1 grosso ciuffo di prezzemolo; 2 cipolline fresche; 50 gr di pancetta in una sola fetta; 60 gr di burro; 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva; 1.2 lt di brodo leggero; 200 gr di riso; 3 cucchiai di parmigiano grattugiato; sale e pepe q.b. Preparazione: Preparate un brodo leggero di dado. Sgranate i piselli e immergete i baccelli lavati nel brodo freddo; fateli bollire per circa 60 minuti su fuoco moderato. A fine cottura filtrate il brodo e passate i baccelli al setaccio; raccogliete la purea ottenuta e rimettetela nel brodo filtrato. Tritate la pancetta; lavate e tritate il prezzemolo; pelate e tritate la cipolla. Sciogliete in una casseruola metà del burro con l’olio; fate rosolare la cipolla, la pancetta e il prezzemolo. Aggiungete i piselli e insaporiteli per qualche minuto con l’aggiunta di qualche mestolo di brodo. A questo punto versate tutto il brodo, regolate di sale ed eventualmente di pepe e portatelo ad ebollizione; unite il riso. Mescolate spesso con un cucchiaio di legno e cuocetelo al dente. Nel caso che la minestra si asciugasse troppo, aggiungete dell’acqua bollente. La consistenza finale deve essere quella di una minestra densa. A fuoco spento, mantecate con il resto del burro e col parmigiano.

DOVE MANGIARE A VENEZIA? Venezia non è una città economina. Se vuoi mangiare bene spendendo poco, una soluzione conveniente sono i Bacari, le tipiche taverne che devono il nome ad un vino pugliese popolare in città alla fine del diciottesimo secolo. Posti senza fronzoli dove è possibile mangiare gli autentici cicheti veneziani. Sono

dei piccoli luoghi di ritrovo sparsi tra i vari calli e canali che possono offrire una ristorazione di gusto con prezzi abbordabili. Attenzione ai caffè e alle bottigliette d’acqua in Piazza San Marco, possono essere davvero cari.

37


GONDOLA La gondola, simbolo di Venezia da più di un millennio, fungeva anticamente da collegamento tra vari punti della città, che all’epoca aveva molti più canali e meno ponti. Elegante, silenziosa, un tempo dotata di cabina “Felze”, oggi scoperta ma ancora dipinta di nero come da antico decreto della Repubblica Serenissima (1633), si allunga per 11 metri ed è leggermente asimmetrica e a fondo piatto, per permettere al gondoliere di manovrarla usando un solo remo, navigando anche su fondali molto bassi. Il remo appoggia ad un supporto dalla forma caratteristica denominato fórcola che è sfilato dopo l’uso. Il dolfin (ferro di prua), invece, bilancia l’imbarcazione e rappresenta i sei sestieri di Venezia compresa la Giudecca, e il cappello del Doge. Il ferro di poppa è detto rìsso (riccio). L’assemblaggio dei 280 pezzi di legno di varie essenze che la compongono può richiedere anche un anno. BRICIOLE E PALINE Sono pali fabbricati con un legno quasi indistruttibile, l’Acacia “Robina” conficcati nel fondo della laguna, a volte singoli (palina) a volte uniti a gruppi di tre o più (bricola) e servono per segnalare il limite tra un canale navigabile e la secca. Dalla loro istituzione nel 1439 ad oggi nulla è cambiato, eccetto l’applicazione di un catarifrangente e talvolta di una luce per la navigazione notturna. Alcuni tipi di paline si trovano anche all’interno dei canali cittadini, decorati un tempo con i simboli delle varie casate, ed hanno la funzione di ormeggio. CALLE Via tipica di Venezia. In tutta la città esiste solo una “strada”: Strada Nova; poi vi sono due “vie”: Via Garibaldi e Via XXII Marzo. Tutte le altre si chiamano “calli”. CICHETI Stuzzichini vari che si mangiano in osteria per accompagnare qualche ombra di vino. Ci possono essere fagioli lessati, polpettine, pezzetti di formaggio, carciofi impanati e fritti, cipolle lessate, fette di salumi con sottaceti, cozze al gratin, sarde fritte eccetera. 38

OMBRA Bicchiere di vino bevuto all’osteria. Il termine viene forse dalle bancarelle che vendevano vini in Piazza San Marco e che si spostavano continuamente durante il giorno per restare sempre all’ombra del Campanile di San Marco. ALTANE Sono delle specie di terrazze in legno poste sopra i tetti, molto caratteristiche. L’idea, presa quasi sicuramente dal mondo Orientale era quella, in una Venezia stretta nelle sue calli spesso buie e umide, di creare degli spazi per prendere il sole o stendere i panni. Anticamente le giovani veneziane usavano schiarirsi i capelli nelle loro altane con l’azione dei raggi solari, usando un cappello con un buco al centro da cui fuoriusciva la chioma. BACCALA’ Merluzzo seccato; una ricetta tipicamente veneziana è quella del baccalà mantecato: il merluzzo secco viene tenuto a mollo nell’acqua per qualche tempo e poi bollito nel latte, quindi dopo l’eventuale aggiunta di qualche altro ingrediente lo si mescola lungamente fino a ricavarne una saporitissima purea. FONDAMENTA Strada che è fiancheggiata solo da una parte dalle pareti degli edifici, mentre l’altro lato corre lungo un canale o altro spazio acqueo. LANCIA La lancia è il tipico taxi acqueo veneziano. Tradizionalmente in legno verniciato, oggi viene frequentemente sostituita da scafi in plastica o vetroresina con sagome anche molto diverse dal modello originale.

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

GLOSSARIO

GLOSSARIO VENETO


SCRIVI QUI I TUOI APPUNTI DI VIAGGIO

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

VENEZIA

39


www.weagoo.com copyright © 2012 weagoo Weagoo non fornisce alcuna garanzia sulla qualità e l’accuratezza delle informazioni così come al carattere esclusivo delle stesse. Parte del materiale presente in questa guida è soggetto a licenze “Commons”, immagini, suoni e altro materiale sono di proprietà dei rispettivi proprietari, le mappe sono di Google Maps - ©2012 Google Inc. e Tele Atlas North America, Inc. Altri marchi, nomi e prodotti menzionati e non, sono dei rispettivi proprietari. WeAGoo adotta una procedura di segnalazione, gestione delle obiezione o reclami concernente il materiale e il contenuto di questa guida, ovvero ritieni che il materiale e il contenuto pubblicato lede il tuo diritto d’autore, contattataci senza indugio attraverso l’apposita procedura di segnalazione presente all’indirizzo : http://www.weagoo.com/it/contact. Le informazioni possono variare anche senza preavviso e sono puramente indicative.

AREA RILEGATURA: GRAFFETTA QUI I FOGLI A4 STAMPATI, SEGUENDO LE ISTRUZIONI A PAG 2, OTTERRAI UNA COMODA GUIDA DA PORTARE CON TE!

per approfondire scansiona il QRcode


Guida Turistica di Venezia