Page 8

5

uno sguardo al di là della siepe

Clientelismo statale? E’ oggetto dell’opinione pubblica e della stampa il dibattito intorno alla questione clientelare. Il piano di sussidi varato dalla gestione Kirchner, che include servizi di base quali trasporti, luce, gas, acqua,oltre a numerosi altri, getta ombre sulla gestione. Perché sono stati mantenuti anche dopo la ripresa economica? E perché venti giorni dopo la recente vittoria elettorale il governo ha annunciato il taglio immediato di tutti i sussidi, senza averlo anticipato nella campagna elettorale? Ad acuire i sospetti di un (ab)uso del potere volto a incrementare la popolarità della presidente si possono menzionare (Nestor e Crisitna Kirchner, manifesto della campagna elettorale) incrementi salariali esponenziali ricevuti da categorie lavorative i cui sindacati sono stati vicini al governo. Oppure le sovvenzioni ricevute da gruppi politici giovanili nati dal kirchenirsmo e dal facile accesso che i loro membri hanno nelle imprese in cui lo stato ha una partecipazione azionaria. La questione clientelare è un problema storico nel paese; è infatti all’origine della formazione dei gruppi sociali dominanti e delle prime repubbliche. Inoltre la popolarità del leader nel sistema presidenzialista è determinante, considerato che egli detta la linea del governo e agendo attraverso decreto non necessita, in buona parte dei casi, dell’appoggio parlamentare. La situazione attuale. Il paese, complice la crisi internazionale, sta prendendo le misure per difendere l’economia. Si avvia dunque a svalutare la propria moneta per incentivare le esportazioni e per disporre di più risorse in moneta locale anche se ciò aumenterà ulteriormente l’inflazione che raggiunge circa il 25% annuo (vero problema economico). Inoltre il processo di integrazione avviato alcuni anni fa nella regione, con lo scopo di creare politiche economiche e sociali comunitarie tra i vari paesi sudamericani (UNASUR), offre un riparo ulteriore dalla crisi grazie all’apertura di nuovi mercati, precedentemente ostacolati da politiche reciproche conflittuali o controllati dalle pressioni di Usa ed Europa. Sebbene la ripresa sia stata consistente in questi anni e il paese sia riuscito a rimettersi in piedi, oggi si trova ad affrontare le sfide più difficili: costruire una società equa che rafforzi la pratica della democrazia, diventare un modello di riferimento per la regione, inserirsi nel contesto politico globale, e in relazione a quest’ultimo punto riottenere la fiducia e la credibilità perduta dieci anni fa. N.B. per chi fosse interessato a conoscere le cause, gli sviluppi e le conseguenze del default avvenuto nel 2001 può guardare il film­documentario di Fernando Solanas “Diario del Saccheggio” reperibile su youtube.

Vox Populi 9°  
Vox Populi 9°  

Salve... ben arrivata o ben arrivato, scegli tu, entra e mettiti comoda/o. Strano? No, questo benvenuto sembra strano ma non lo è perchè sei...

Advertisement