Page 1

Comune di Villa d’Almè Notiziario Comunale

illa d’Almè Informa

Anno 5° | Marzo 2018 | N° 14


Comune di Villa d’Almè Via Locatelli Milesi, 16 24018 Villa d’Almè (Bg) tel: 035 6321111 fax: 035 6321199 www.comune.villadalme.bg.it

ORARI UFFICI Servizi Affari Generali

da lun a ven 8.30-12.30 mar 14.30-17.30

Anagrafe

da lun a ven 8.30-12.30 mar 14.30-17.30 sab 9.00-12.00

Ricevimento assistente sociale dott.ssa Vanna Frosio

mer, ven 9.00-12.00

Pubblica istruzione

da lun a ven 8.30-12.30

Ufficio tributi

mar 10.00-12.30 e 14.30-17.30 gio, ven 10.00-12.30 sab 9.00-12.00 (nei periodi di scadenza)

Ufficio Tecnico (concessioni cimitero Bruntino)

mar, gio, ven 10.00-12.30 mar 14.30-17.30

Polizia Locale Sportello di apertura al pubblico: Almè, via Marconi tel. 800376715

mar, sab 11.00-12.30 gio 11.00-12.30 e 17.00-18.30

Ufficio tecnico dell’Unione c/o Almè (commercio, SUAP, concessioni cimitero dell’Unione, rifiuti, illuminazione pubblica)

mar, gio, ven 10.00-12.00 gio 14.30-17.30

Servizio di igiene urbana (rifiuti)

Zanetti Arturo & C. srl - 800814691 infoecologia@zanettiarturo.it

Anno 5° - Marzo 2018 - N° 14 In copertina: foto di Marcella Leo, Piccoli incontri in Sala Consiliare

Febbraio 2018

Villa d’Almè Informa periodico d’informazione del Comune di Villa d’Almè

AMMINISTRAZIONE Preda Manuel Sindaco con delega a politiche familiari, edilizia privata, viabilità, sovracomunalità, protezione civile manuel.preda@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 17.30-19.30 sab 10.00-12.00

Perico Mirko Vicesindaco con delega a lavori pubblici, manutenzioni urbane, abbattimento barriere architettoniche, nuova scuola media, sport mirko.perico@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Falgari Denise Assessore con delega a urbanistica, ambiente, manutenzione del verde ed efficienza energetica denise.falgari@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 17.30-19.00

Sana Valeria Assessore con delega a bilancio e tributi valeria.sana@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Bolognini Claudio Assessore con delega a servizi sociali e culturali, istruzione e politiche giovanili claudio.bolognini@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Capelli Cristina Consigliere vivibilità, stili di vita e ciclovie cristina.capelli@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: su appuntamento

Ceruti Valentina Consigliere cultura, museo e notiziario valentina.ceruti@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: su appuntamento

Registrazione tribunale di Bergamo n°48 del 24.11.97

Direttore responsabile Valentina Ceruti Redazione

Valentina Ceruti, Christian Cielok, Giorgia Donghi, Marta Frigeni, Simone Gamba, Marcella Leo, Luca Maini, Riccardo Mazzocchi, Arianna Pasta, Gloria Pellegrinelli, Stefano Ravasio, Gloria Scotti Via Locatelli Milesi, 16 - Villa d’Almè (Bg) tel: 035 6321111 - fax: 035 6321199 email: villadalme.informa@gmail.com Progetto grafico e impaginazione Stefano Ravasio Stampa Tipolitografia Eletta s.r.l. - Villa d’Almè (Bg)

Gamba Simone Consigliere politiche giovanili simone.gamba@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Capelli Manuel Consigliere Rapporti con quartieri e associazioni, “piccole cose” manuel.capelli@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: su appuntamento


Editoriale a cura del consigliere Cristina Capelli

C

ari Villesi, ormai la nostra Scuola Secondaria di I grado è entrata nel suo pieno utilizzo e auspichiamo che, a diverso titolo, abbiate potuto visitarla e apprezzare tutte le attività che i nostri ragazzi hanno l’opportunità di svolgere in uno spazio così ampio, attrezzato ed innovativo. Tuttavia alla nostra scuola manca ancora qualcosa: l’intitolazione, ovvero la dedicazione ad una personalità significativa che possa essere di ispirazione per i nostri ragazzi. Per questa importante scelta, l’Amministrazione comunale ha intenzione di coinvolgere la popolazione, lasciando il protagonismo ai nostri ragazzi che vivono la scuola quotidianamente. Al fine di elaborare criteri uniformi per la condivisione della scelta, è stato istituito un tavolo di lavoro composto da personalità di cultura del nostro paese: Angelo Capelli, Giorgia Donghi, Matteo Morandi, Mirko Roncelli, Luigi Rota e Marta Beatrice Rota (dirigente scolastica). Il gruppo avrà il compito di selezionare, tra le candidature che perverranno in biblioteca e a scuola, una rosa di nomi da sottoporre al voto degli studenti. Pertanto ogni cittadino, utilizzando la scheda che troverete nel Notiziario, potrà proporre un nominativo al tavolo di lavoro. I criteri che il tavolo di lavoro prenderà in esame sono di seguito riportati: la personalità a cui sarà intitolata la scuola... • dovrà essere di ispirazione per le giovani generazioni; • potrà aver svolto un ruolo fondamentale nell’educazione dei bambini e dei ragazzi; • potrà essere esempio di impegno civile; • potrà avere un legame con il territorio; • non dovrà esprimere o ricordare alcuna appartenenza politica; • non dovrà essere oggetto di altra intitolazione in Villa d’Almè (vie, piazze, scuole, etc.). Il nominativo scelto dai nostri ragazzi sarà poi sottoposto all’iter formale previsto per legge. Auspichiamo che le candidature proposte da voi, cari Villesi, siano numerose. Vi terremo aggiornati! Cristina Capelli coordinatrice tavolo intitolazione

Impaginazione e grafica: Stefano Ravasio Fotografia in copertina: Marcella Leo A questo numero hanno contribuito: Andrea Mostosi, Zanetti Arturo & C. s.r.l., Giuseppina Pigolotti - coordinatrice “Welfare di Comunità”, Alessia Gamba, assistente sociale Vanna Frosio, Luigi Rota

COLLABORA CON NOI Se vuoi collaborare al prossimo numero con foto, articoli o lettere inerenti a questioni di prevalente interesse locale, scrivi a: villadalme.informa@gmail.com. Ogni articolo deve indicare la data e la firma dell’autore, deve essere redatto tenendo conto e rispettando le opinioni ed il lavoro altrui, al fine di garantire la serenità del contraddittorio. La Redazione si riserva di pubblicare i contributi in funzione allo spazio disponibile e ai temi trattati nella prossima uscita. La scadenza per l’invio dei contributi è fissata per il 07/05/2018.

LA TUA PUBBLICITA’ SUL NOTIZIARIO Vuoi pubblicizzare la Tua attività sul Notiziario Comunale? Scrivi, entro il 07/05/2018, a villadalme.informa@gmail.com; il costo dello spazio pubblicitario è di Euro 126,00 (IVA compresa) per cm 5,5x18 ed Euro 38,00 (IVA compresa) per cm 4x6.

3

V

illa d’Almè Informa


Lavori pubblici a cura dell’assessore Mirko Perico

Tempo di interventi

L

Via Gnere, asfaltature e Biblioteca

’Amministrazione Comunale di Villa d’Almè ha approvato lo scorso dicembre 3 progetti per interventi sul patrimonio pubblico per un importo complessivo di € 228.500. Il primo ad essere concretizzato, iniziato i primi giorni di marzo, è il rifacimento dalla strada sterrata delle Gnere in prossimità dei guadi sul torrente Rino (loc. Porteghèt) che negli ultimi anni ha subito un considerevole deterioramento. Grazie all’accordo con un privato, la strada sarà spostata a monte del torrente evitandone il guado e prevedendo 2 manufatti scatolari per il superamento di 2 rami secondari affluenti. Sarà previsto il fondo in calcestruzzo per garantirne una maggiore durabilità rispetto all’attuale sterrato ed esteso il risanamento al tratto che sale verso la via Foresto II. Il progetto prevede una spesa di circa € 32.500, per € 20.000 coperti con finanziamento dal Parco dei Colli. La gara d’appalto è stata vinta dall’Impresa f.lli Grigis snc di Zogno con un ribasso del 23,32%. In primavera inizieranno i lavori di asfaltatura di circa 4700 m2 di strade comunali, nelle vie F.lli Calvi, Foresto II, Foresto I, Cà dell’Orto, Ripa per un valore di € 81.000; via Fornaci/ Cà del Fabbro in compartecipazione con Almè. Con questi interventi si andranno a sanare alcune situazioni oggettivamente critiche, ben consapevoli che ci sono altre località bisognose di intervento, soprattutto dopo la recente nevicata che ha ulteriormente peggiorato il fondo

stradale, che saranno considerate durante il 2018. La gara d’appalto è stata vinta dall’Impresa Sangalli spa di Mapello con un ribasso del 43,42%. Il lavoro più consistente, per circa € 115.000, interesserà la Biblioteca comunale che vedrà il rifacimento dell’impianto elettrico, dell’isolamento termico del soffitto e la messa a norma rispetto alla conformità antincendio. Gli interventi preventivati in sede di redazione del bilancio consistevano nella realizzazione di rivestimenti e serramenti REI (resistente agli incendi) delle pareti interne e degli elementi strutturali. Successivamente si è valutata l’opportunità di sfruttare questi lavori per apportare migliorie all’isolamento termico dell’ambiente e all’impianto elettrico. Dovendo intervenire infatti sul soffitto per l’applicazione del rivestimento REI, si è scelto di provvedere contestualmente all’applicazione di un isolamento termico di 16 cm, al rifacimento del controsoffitto con materiale fonoassorbente e al rifacimento dell’impianto di illuminazione mediante l’utilizzo di lampade a LED. Verrà inoltre rifatto l’impianto elettrico e l’impianto di trasmissione dati. Esternamente alla Biblitoteca ma sempre nell’edificio municipale, verrà messa a norma rispetto alla resistenza agli incendi anche la tromba delle scale con rivestimento REI e installazione di porte tagliafuoco. La gara d’appalto è stata vinta dall’Impresa Scarpellini Antonio & C. srl di Zanica con un ribasso del 19,89%.

Pista ciclopedanale

I

Iniziano i lavori della pista della Valle Brembana

l percorso che abbiamo intrapreso 3 anni fa per la riqualificazione del sedime della ex ferrovia della Valle Brembana sta per concretizzarsi.

4

V

Lo scorso febbraio la Provincia di Bergamo ha affidato l’esecuzione dei lavori all’Impresa Fratelli Rota Nodari Spa di Almenno San Bartolomeo ed in questi giorni sono in corso i sopral-

illa d’Almè Informa


luoghi sul sedime. L’inizio dei lavori è previsto per aprile. Contestualmente si sta lavorando per eseguire preventivamente la posa di alcuni sottoservizi previsti in altri progetti a cura di 2iRetegas e Uniacque. In particolare gas e fognatura in località Fonderia e fognatura in località Campana. L’operazione non sarà semplice perché i lavori della ciclabile dovranno terminare entro dicembre 2018 per non perdere il finanziamento di Regione Lombardia.

Recupero stazioni

Ricordo del passato e opportunità per il futuro

N

ei mesi scorsi è iniziata anche un’interlocuzione con l’ufficio di Milano del Demanio dello Stato per definire le modalità migliori per la riqualificazione delle due stazioni della ferrovia sul territorio di Villa d’Almè: stazione di Clanezzo in loc. Casino Basso (put che bala) e stazione di Villa d’Almè in via f.lli Calvi. Si è convenuto, con la Provincia di Bergamo, di proporre una progettazione unica di riqualificazione delle stazioni che insistono sulla ciclabile, per poi lasciarne l’attuazione ad ogni Comune. Vi terremo aggiornati!

Variante Villa-Dalmine

L

Firmato l’accordo Anas - Provincia per la progettazione

unedì 22 gennaio Provincia ed Anas hanno firmato un accordo per lo sblocco della progettazione definitiva della Paladina – Villa d’Almè (ultimo lotto della cosiddetta Tangenziale sud). La Convenzione prevede che Anas anticipi 2 milioni e 950 mila euro alla Provincia per la predisposizione della progettazione definitiva alla società Pro.iter, vincitrice nel 2009 del bando di concorso relativo. Una volta pronto il progetto sarà compito della nuova società per la gestione delle reti viarie regionali, composta da Re-

5

V

illa d’Almè Informa


gione Lombardia e da Anas, proseguire l’iter per la realizzazione dell’opera. La nostra Amministrazione continua a garantire l’impegno ed il sollecito istituzionale perché l’iter continui spedito; inizia ora un ulteriore importante impegno di verifica della

progettazione, affinché vengano considerate le istanze del nostro territorio (sia in fase di cantierizzazione che di esercizio dell’opera) e affinché il progetto sia adeguato ai tempi, considerando che il preliminare ormai è vecchio di molti anni.

Monitoraggio dell’aria

A

Sarà presente una stazione mobile di ARPA Lombardia

seguito della nostra richiesta dello scorso 28 febbraio 2017, il Comune di Villa d'Almè è stato inserito nel programma delle campagne di misura di ARPA Lombardia da effettuarsi nel 2018. La stazione mobile sosterà dal 2 aprile per trenta giorni e successivamente nel mese di ottobre in piazza IV Novembre nell'area posta tra il Monumento ai Caduti e la vecchia scuola media. Per chi volesse seguire in tempo reale

la qualità dell’aria del nostro Comune segnalo che sul sito del Comune (in basso a destra nella sezione “link utili”) è attivo un link “Qualità dell’aria” al sito di ARPA Lombardia che attraverso un modello stima il grado di inquinamento dell’aria nel nostro paese. Sempre in tale sezione è attivo il link “Qualità dell’Acqua” al sito di Uniacque che contiene i risultati delle analisi dell’acqua che esce dai nostri rubinetti.

Collettore fognario Il progetto definitivo del collettore Ubiale Clanezzo - Villa d’Almè

U

niacque ha presentato lo scorso febbraio all’ufficio d’Ambito della Provincia di Bergamo il progetto definitivo del collettore fognario da Ubiale ad Almenno San Salvatore (innestandosi sull’esistente che recapita al depuratore di Valbrembo). E’ iniziata ora la procedura di approvazione dei vari Enti che terminerà con una Conferenza dei Servizi. Successivamente è prevista la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori verso fine 2018-2019. Il nostro Comune è interessato nelle località Campana e Casella.

Sono in corso le valutazioni dell’ufficio tecnico comunale rispetto al progetto proposto ed alle richieste formulate in precedenza al gestore della fognatura. Sono inoltre in arrivo le lettere di avviso della procedura di approvazione del progetto ai privati proprietari di terreni attraversati del collettore fognario. Inoltre, contestualmente alla realizzazione della nuova ciclovia della Valle Brembana, Uniacque sta valutando l’opportunità di posare un collettore fognario sul sedime della ex ferrovia per servire la località Fonderia. Notizie flash

VENDITA VECCHIA SCUOLA MEDIA E’ stato pubblicato un nuovo bando di alienazione dell’edificio della vecchia scuola media. Le condizioni sono identiche al precedente, con un prezzo a base d’asta di € 1.547.000. Il termine per la presentazione delle offerte è il 16/04/2018 ore 9.30. Le informazioni complete e aggiornate sono reperibili presso l’ufficio tecnico di Villa d’Almè: geom. Elio Signorelli responsabiletecnico@comune.villadalme.bg.it – 035/6321127.

6

V

illa d’Almè Informa


Unione dei Comuni a cura della Redazione

Unione dei Comuni Aggiornamenti •

In data 30 novembre, la nostra Unione dei comuni – già costituita dal 2002 – è diventata “Unione dei Comuni lombarda di Almè e Villa d’Almè”. La modifica della denominazione, che non ha portato alcuna modifica nella titolarità dei rapporti giudici in essere, è dovuta alla volontà di iscrizione della stessa nel registro regionale delle unioni dei comuni lombarde, essendo condizione necessaria per l'accesso ai contributi previsti dalla Legge Regionale 27 giugno 2008, n. 19. Lo scorso 28 dicembre, il Presidente dell’Unione dei Comuni per il 2017 Preda ha formulato un quesito al Ministero dell’Economia e delle Finanze affinché il dipartimento statale formalizzi, una volta per tutte, le istruzioni per definire la questione del rimborso dell’IVA versata sulla TIA. La volontà dell’amministrazione, infatti, è quella di garantire un rimborso a tutti qualora sia possibile. Nel notiziario di Giugno 2017 (articolo di Renato Fuselli - pag. 11), come ricorderete, si dava atto delle 91 richieste di restituzione presentate dai cittadini dell’Unione di Almè e di Villa protocollate in data 15 luglio 2015 e si evidenziava come l’Unione non avesse ancora rimborsato l'importo perché nessuna istruzione governativa risultava essere stata diramata in materia. Nonostante i solleciti inviati, attualmente, l’Unione è ancora in attesa di precisazioni sulla questione. a cura di Andrea Mostosi

LA GRANDE STORIA IN UN PICCOLO FRANCOBOLLO I francobolli che normalmente utilizziamo per spedire le nostre lettere o cartoline di saluto, sono piccoli frammenti si storia, cultura, arte, curiosità ed attualità. Questa rubrica vuol far conoscere questa ricchezza e forse la voglia di collezionarli.

LA NOSTRA COSTITUZIONE COMPIE 70 ANNI Il 27 dicembre 2017 l’emissione di un francobollo per il 70° anniversario della promulgazione della Costituzione della Repubblica Italiana. È un foglietto autoadesivo l’omaggio postale per il settantesimo anniversario trascorso dalla promulgazione della Costituzione. Così da raccontare una storia andando oltre le simbologie, talvolta non facilmente comprensibili. L’autrice della scena, Maria Carmela Perrini, ha rappresentato il momento della firma da parte del capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola, affiancato a sinistra dal presidente del Consiglio Alcide De Gasperi e a destra dal presidente dell’Assemblea costituente Umberto Terracini. L’episodio avvenne a Roma, presso palazzo Giustiniani; era il 27 dicembre 1947. Il bordo del blocco propone la prima e l’ultima pagina del testo; sono stati aggiunti lo stemma della Repubblica e l’emblema delle celebrazioni.

7

V

illa d’Almè Informa


a cura di Luca Maini

Nuova caserma a Villa La vecchia struttura sarà abbattuta e ricostruita

D

opo quasi sessant’anni di servizio, la nostra caserma dei carabinieri non riesce più a nascondere la sua vetustà e dopo decenni di ipotesi di ampliamenti e ristrutturazioni, il Consorzio dei Comuni (comprendente Villa d’Almè, Almè, Paladina, Ponteranica, Sorisole e Valbrembo) sembra aver trovato una soluzione: la caserma verrà demolita e sullo stesso terreno ne verrà costruita una nuova, mentre una sistemazione provvisoria per i militari verrà ricavata nel centro civico di Petosino. Il progetto è ora diventato concreto: il Comune di Villa d’Almè, ente capofila del Consorzio, ha affidato l’incarico per la redazione dello studio di fattibilità tecnicoeconomica per la realizzazione della nuova caserma allo studio di progettazione Ets di Villa d’Almè, che ha già iniziato ad effettuare i primi rilievi e dovrà consegnare il progetto entro cinque mesi. Pur non essendoci evidenti criticità sulla stabilità statica della struttura, lo

studio antisismico già effettuato, sulla base dei nuovi criteri nazionali elaborati in seguito al terremoto dell’Aquila del 2009, non ha lasciato spazio a interpretazioni. «In termini di costi-benefici – afferma il sindaco Manuel Preda – è preferibile demolire l’edificio esistente per ricostruirne uno nuovo secondo gli standard strutturali e funzionali odierni. Per questo motivo sindaci e carabinieri hanno condiviso di non investire ulteriori risorse nella caserma esistente concentrando tutti gli sforzi in un nuovo stabile da edificarsi sulla stessa area, già di proprietà del Consorzio, con l’eventualità di estendersi parzialmente nel parco vicino. La presenza dei carabinieri sul territorio è un presidio strategico, punto di riferimento per la sicurezza dei nostri concittadini, tant’è che dai nove militari previsti in fase di costruzione della caserma, oggi sono quasi il doppio». Notizie flash

VILLA D’ALME’ COMUNE AMBIASCIATORE D’EUROPA Continua il percorso "europeo" che ha visto protagonisti i ragazzi delle Classi Seconde della Scuola Secondaria di I grado di Villa d'Almè lo scorso 28 ottobre al convegno "L'Europa dei giovani: quali opportunità e quali aspettative". Il prossimo 24 maggio effettueranno una visita guidata alla Rappresentanza italiana della Commissione europea a Milano in Corso Magenta come conclusione del progetto interdisciplinare sull'educazione civica a tema Europa.

8

V

illa d’Almè Informa


Manutenzione a cura dell’assessore Mirko Perico e Zanetti Arturo & C. s.r.l.

I risultati della differenziata Prossimo obiettivo: riduzione dei rifiuti

N

el corso dell'anno 2017 i rifiuti prodotti a Villa d’Almè ammontano a circa 2.789 tonnellate, pari a circa 417 kg ad abitante ovvero 1,14 kg ad abitante al giorno. La raccolta differenziata si attesta al 71,0%, con il contributo del porta a porta pari al 62,8% e della stazione ecologica pari all’83,8%. Il dato beneficia, come lo scorso anno, delle operazioni di recupero dei rifiuti ingombranti (pari al 18%) e da spazzamento strade (pari al 90%) messi in atto in centri specializzati. Analizzando i dati emerge un lieve miglioramento della differenziazione ma soprattutto una riduzione dei rifiuti pari a circa 170 tonnellate (circa il 6%). La quota parte di indifferenziato raccolta nel porta a porta passa da 671,6 t a 634,6 t con una riduzione del 5,5%. Consistente è la riduzione di rifiuti ingombranti (-20%) e verde (-22%) conferiti in stazione ecologica: nei prossimi anni potremo verificare se il dato si consoliderà, forse anche grazie alla diversa tipologia di accesso alla stazione ecologica (ora con CRS/CNS). Ricordiamo l’importanza di attuare comportamenti volti al primo obiettivo della RIDUZIO-

9

V

NE DEI RIFIUTI, sia differenziati che indifferenziati: non sentiamoci completamente soddisfatti (ma un po’ bravi sì) se esponiamo tanta plastica, carta, vetro ecc… puntiamo ora ad acquistare oggetti riutilizzabili e/o ricaricabili, evitare l’acquisto di prodotti usa e getta, acquistare beni con poco o nullo imballaggio (e riciclabile), evitare l’acquisto di monoporzioni, acquistare prodotti alla spina (riutilizzando il contenitore, ad esempio per i detersivi), utilizzare il composter per l’umido (si ha sconto sulla TARI), verificare che un oggetto rotto non possa essere facilmente riparato… Anche il riciclo dei rifiuti ha un costo per l’ambiente derivante dall’energia e dalla materia utilizzata per il loro trattamento. Se possibile vi invitiamo a utilizzare il servizio porta a porta che viene in ogni caso pagato. Il riempimento dei cassoni alla stazione ecologica comporta invece un costo aggiuntivo per il loro trasporto che viene pagato a misura. Il 10 marzo è stata effettuata una verifica a campione del contenuto del sacco indifferenziato. Nel prossimo notiziario vi mostreremo i risultati e speriamo di potervi fornire indicazioni utili per migliorare sempre più la differenziazione dei rifiuti.

illa d’Almè Informa


Urbanistica a cura dell’assessore Denise Falgari

La “questione Agip”

I

Aggiornamenti sui lavori

n merito ai lavori di bonifica del distributori di carburanti Agip per ricordare ed aggiornare su quanto in corso, di seguito si riporta l’estratto di un articolo pubblicato a dicembre 2014 sul Notiziario Comunale. Da diverso tempo in paese circolano voci in merito alla questione della bonifica dell’”area Agip” in via Sigismondi e, come spesso succede in casi simili, purtroppo, le informazioni errate si diffondono in modo libero e/o strumentalizzato, con la chiara intenzione da parte di qualcuno di ingenerare nella sensibilità della cittadinanza confusione e paura. Con il presente articolo si intende illustrare puntualmente i ruoli, le responsabilità, ed i fatti accaduti negli anni e fare il punto sullo stato di fatto e sulle azioni in programma per il futuro. Innanzitutto, è fondamentale un rimando alla

normativa nazionale in materia di bonifica di siti contaminati, introdotta con il D.M. 471/99 e successivamente modificata con l’attuale D.lgs. 152/06, dedicato alle “Norme in materia ambientale” che, alla Parte Quarta, Titolo V “Bonifica di siti contaminati”, disciplina gli interventi di bonifica e di ripristino ambientale dei siti contaminati. In tale normativa, infatti, vengono precisamente definite le procedure, i criteri e le modalità per lo svolgimento delle operazioni necessarie per l'eliminazione delle sorgenti di inquinamento e per la riduzione delle concentrazioni degli stessi inquinanti, in armonia con i principi e le norme comunitarie, facendo particolare riferimento al principio del "CHI INQUINA PAGA". (…) Entrando nello specifico della stazione AGIP, viene riportato di seguito quanto avvenuto: Nel Dicembre 2005, durante le attività di scavo per l’interramento di n. 2 serbatoi, veniva riscontrata, da parte della società ENI S.p.A.

10

V

proprietaria dell’Area, una contaminazione dei terreni oggetto di tale scavo. La Società stessa ne dava immediata comunicazione (…). La campagna di indagini ambientali effettuate, sia nell’area di pertinenza del Punto Vendita, che in quelle adiacenti al sito (Via Fogazzaro), rivelava le presenza di una contaminazione da prodotti petroliferi per autotrazione, nel sottosuolo e nelle acque di infiltrazione, chiaramente da ricondurre all’attività svolta dal Punto Vendita. Per scelta di ENI S.p.A., il medesimo Punto Vendita rimaneva attivo e funzionante, mentre venivano messi in atto tutti gli interventi al fine di limitare la contaminazione evitandone la propagazione. Il Comune di Villa d’Almè, dall’altro lato, procedeva immediatamente, conferendo

incarico ad un Consulente accertare e porre in essere adempimenti a carico dello locale. Si susseguivano, dunque,

tecnico per gli eventuali stesso Ente

numerosissimi incontri e scambi di relazioni, analisi e progetti per arrivare all’approvazione dei vari interventi di bonifica e collaudo. Anche a causa della decisione di tenere in esercizio l’attività di vendita carburanti, la caratterizzazione e la bonifica venivano effettuate per step, passaggi tutti sottoposti a conferenze di approvazione, allungando chiaramente le tempistiche di bonifica, ma garantendone, così, un capillare controllo. Tutte le procedure elencate impongo passaggi obbligati: ogni decisione viene prima relazionata, discussa e autorizzata nelle Conferenze di Servizio e, i risultati analitici, sono effettuati sia dal proprietario dell’area, sia in contraddittorio con i tecnici ARPA incaricati dalla Provincia. Da ciò ne discende che gli obiettivi di bonifica sono certificati dalla Provincia solo ed esclusivamente al loro

illa d’Almè Informa


completo raggiungimento, il quale comprende non solo il risanamento dell’area, ma anche l’investigazione delle aree limitrofe, al fine di certificarne il “NON INQUINAMENTO”. Ad oggi sono stati eseguiti diversi sondaggi, poi successivamente attrezzati a piezometri; sono state intercettate acque di infiltrazione di modesta entità, non assimilabili ad un vero e proprio acquifero, le quali sono state pompate in superficie, debitamente depurate e smaltite. Sulla base delle indicazioni bibliografiche disponibili, l’acquifero principale si attesterebbe ad una profondità di circa 30 metri dal p.c., quindi ben lontano dalle aree contaminate. Inoltre, per la bonifica della zona interna allo stesso Punto Vendita si è optato per la rimozione del terreno contaminato, avviandolo presso impianti di smaltimento debitamente autorizzati, mentre i vecchi serbatoi estratti sono stati demoliti e correttamente smaltiti. Successivamente si è provveduto alla posa di nuovi serbatoi e di tutte le tracce per il collegamento degli stessi agli erogatori esistenti; il fondo e le pareti degli scavi, dopo aver ricevuto il collaudo, sono state ricoperte da teli impermeabili e ritombate con materiale inerte proveniente da cave autorizzate. Contestualmente a questo intervento, si è provveduto all’adeguamento delle rete fognaria della stessa area di vendita (…). Invece, per la bonifica dell’area esterna al punto vendita, si è adoperata la tecnica di estrazione dei vapori “soil vapour extraction” installata e successivamente avviata in data 21 Dicembre 2011; detta pratica ha permesso il raggiungimento degli obiettivi di bonifica e la superficie ha ottenuto il collaudo nel Luglio 2014… Sempre sul Notiziario Comunale di giugno 2016 viene pubblicato un altro articolo con il quale si comunicava la conclusione della bonifica dell’ultimo lotto contaminato e l’informazione che gli uffici comunali e l’Amministrazione stanno lavorando con Eni

11

V

S.p.a. alla definizione dei termini della convenzione urbanistica necessaria all’avvio della procedura di ricostruzione del punto vendita. Contemporaneamente, nello stesso mese di aprile 2016, una nota di Arpa proponeva ai soggetti coinvolti una campagna di monitoraggio della falda acquifera del sito bonificato a conferma della del buon esito dei lavori. La suddetta richiesta, precisa Arpa, non avrebbe pregiudicato l’avvio delle procedure di certificazione del sito di competenza della Provincia. La campagna di monitoraggio, così come richiesta, è stata eseguita nelle seguenti date: 19-10-2016, 1511-2016, 19-12-2016, 15-01-2017, 13-042017, 04-12-2017. A febbraio 2018 Arpa comunicava che i valori rilevati dal monitoraggio in tutte le campagne effettuate, rispettano i parametri previsti per le acque sotterranee. A seguito di questa comunicazione la Provincia ha iniziato la redazione del certificato di avvenuta bonifica del sito, che dovrebbe essere notificato nel giro di poche settimane. Parallelamente al lavoro di rigenerazione ambientale, come già scritto nel 2016, il Comune di Villa d’Almè ha proceduto alla definizione ed alla deliberazione della convenzione urbanistica con Eni S.p.a. per la ricostruzione e riapertura del punto vendita. Per poter procedere però con la firma della convenzione dal notaio e con le procedure edilizie, è necessario avere il certificato di avvenuta bonifica dalla Provincia. A questo punto, ci auguriamo che questa lunga vicenda arrivi alla giusta conclusione nel giro di poco tempo.

illa d’Almè Informa


Le nuove piante

C

Interventi sul verde pubblico

ome anticipato nel Notiziario di dicembre, negli scorsi mesi sono stati completati gli interventi di messa a dimora di nuovi alberi ad alto fusto. Grazie alle nuove piantumazioni alcune delle zone che fino a poco tempo fa erano anonime ed apparentemente abbandonate, ora sono più belle ed hanno acquisito valore ed identità. Aspettiamo con ansia la primavera per vedere la crescita delle foglie. • Via Roma lato farmacia – n° 4 Prunus • Via Roma lato cimitero - n°1 Tiglio in sostituzione di quello abbattuto • Via Mazzi – n° 2 Carpini • Palestra scuola elementare - n° 4 Carpini e n.1 Acero • Giardino scuola elementare - n° 1 Liquidambar • Aiuole parcheggio chiesa - n° 2 Lagestroemia e diversi arbusti a riempimento delle aiuole • Parcheggio via Brughiera - n° 7 Aceri Via Mazzi • Giardino di ingresso al Comune via Locatelli Milesi – n° 2 Aceri

Parchi giochi

I

Manutenzioni straordinarie

n vista del ritorno della bella stagione per migliorare la fruibilità e le condizioni di sicurezza dei nostri parchi, negli scorsi mesi sono state eseguite nuove installazioni ed interventi di manutenzione straordinaria di alcuni giochi. In particolare, nel Parco Papa Giovanni sono stati realizzati tappetini anti trauma intorno al castello per i bimbi piccoli 0-5 anni, oltre che sotto la teleferica. Ai fini normativi, il tappetino sotto questi due giochi non è necessario, ma considerando l’elevato numero di bambini che usufruiscono di questi giochi, abbiamo ritenuto opportuno installarlo anche per garantire la giocabilità in condizioni di terreno bagnato. Parco Papa Giovanni XXIII Al Parco Maresciallo Di Bernardo, erano diversi anni che non venivano eseguiti lavori: dopo la rimozione dell’altalena ormai ammalorata, si è intervenuti con l’installazione di una nuova e con la sistemazione del castello esistente.

12

V

illa d’Almè Informa


Gal Parco dei Colli e Canto Alto

N

Al via nei primi mesi del 2018: 5,8 milioni per i comuni del Parco

el 2015 Regione Lombardia, grazie a dei fondi provenienti dall’Unione Europea, pubblica il bando per il sostegno dello sviluppo rurale, aprendo per la prima volta la possibilità di accedere ai finanziamenti anche ai territori collinari (prima riservato solo ai territori montani). Il Parco dei Colli, volendo mettere in condizione il proprio territorio ed i residenti di poter accedere alle iniziative che verranno promosse, decide di partecipare presentando un progetto per la costituzione di una società G.A.L. (Gruppo Azione Locale), in qualità di Capofila di un partenariato tra Enti. Dopo la presentazione del progetto e la chiusura del bando, diverse e complesse vicissitudini hanno portato dapprima all’esclusione del G.A.L. del Parco dai finanziamenti e, successivamente grazie ad un ricorso vinto al Tar Lombardia, all’ammissione in graduatoria con l’assegnazione di un contributo pari a € 5,8 milioni. Le risorse andranno a beneficio di 7 Comuni consorziati: i Comuni di Almé, Paladina, Ponteranica, Ranica, Sorisole, Torre Boldone, Villa d’Almé (il Comune di Bergamo non ha potuto partecipare perché capoluogo, Mozzo e Valbrembo perché definiti Comuni di pianura). Il progetto vinto prevede 20 azioni finanziabili nelle quali rientrano la formazione professionale rivolta alle aziende, incentivi per il recupero e la

valorizzazione del patrimonio rurale, incentivi alle attività agrituristiche, promozione di start up di giovani imprese agricole, interventi di prevenzione di danni alle foreste, promozione di prodotti di qualità, conservazione della biodiversità anche mediante interventi sulle risorse idriche, incentivi per lo sviluppo di infrastrutture e di servizi turistici locali (percorsi forestali e di tipo escursionistico). I contributi saranno distribuiti sul territorio da qui al 2020 attraverso dei bandi pubblici che selezioneranno le varie proposte, presentabili sia da operatori privati che pubblici. I contributi disponibili non saranno erogati direttamente dal G.A.L. ai beneficiari, bensì da Regione Lombardia che veicolerà a sua volta i fondi europei. Il metodo di lavoro che il G.A.L. intende adottare sarà innovativo e coinvolgente, con l’obiettivo di costituire una rete composta dagli operatori privati e pubblici del territorio. Sarà un vero e proprio percorso partecipativo, di animazione e sviluppo, puntando sulla creatività e le energie giovani. Per tutte le info il G.A.L. è operativo presso la sede del Parco dei Colli di Bergamo, in via Valmarina 25 a Bergamo. Per ulteriori approfondimenti al sito http://www.gal-collibergamocantoalto.it sono presenti documenti consultabili ed aggiornamenti vari.

Notizie flash ORTI DI VIA GAGGIO: APERTURA NUOVO BANDO PER ASSEGNAZIONE LOTTI L’esperienza degli orti urbani in via Gaggio è ormai giunta alla terza stagione. In questi anni di sperimentazione si è avuta la conferma che l’interesse attorno al tema è molto sentito: sin da subito tutti i lotti messi a disposizione dall’Amministrazione Comunale sono stati richiesti ed occupati. Con il passare dei mesi però, l’impegno e la costanza necessari per poter seguire e curare l’orto hanno fisiologicamente portato qualcuno a rinunciare, ma fortunatamente l’abbandono di qualcuno ha permesso ad altri di avvicinarsi e provare a sua volta l’esperienza dell’orticoltore. Seguendo il turnover fisiologico, anche quest’anno, in vista della stagione estiva, il Comune intende aprire un nuovo bando per l’assegnazione di 3 lotti lasciati liberi lo scorso autunno. Per chi fosse interessato a partecipare alla selezione, o chi avesse necessità di informazioni potrà contattare l’ufficio tecnico del Comune, oppure monitorare il sito internet dove tra il mese di marzo ed aprile verrà pubblicato il nuovo bando pubblico.

13

V

illa d’Almè Informa


Bilancio e tributi a cura della Redazione

Bilancio di previsione I

Triennio 2018-2020

n data 30 gennaio 2018, con 8 voti favorevoli e 1 contrario, il Consiglio Comunale ha approvato il bilancio annuale di previsione 2018-2020, strumento fondamentale dell’attività amministrativa. Quest’anno, per la prima volta dopo tempo, si è giunti ad approvare il bilancio in largo anticipo rispetto agli anni precedenti. Non tutti sanno, infatti, che negli scorsi anni, sono state introdotte numerose modifiche alla contabilità degli enti locali che hanno modificato, in maniera sostanziale, il regime dei bilanci e hanno generato alcuni ritardi negli adempimenti. La recente “messa a regime”, da parte degli uffici, della nuova contabilità, ha permesso, dunque, una approvazione più celere: la Giunta, con deliberazione n. 145, già il 12 dicembre 2017, aveva approvato lo schema di bilancio da sottoporre al Consiglio. Di seguito, brevemente, una sintesi dei punti rilevanti di entrate e uscite. Entrate • Le aliquote IMU previste per il 2018 sono invariate rispetto a quelle adottate per il 2017. • Prosegue, poi, l’accertamento del recupero di IMU e TASI. • Le tariffe TARI 2018 continueranno a beneficiare degli effetti positivi (ribasso) derivanti dalla riduzione dei costi derivanti dal nuovo appalto dei servizi di igiene urbana contrattualizzato in corso d’anno 2016. • Tra le vendite di servizi le voci di rilevo sono: - servizio spazzamento strade effettuato per conto dell’Unione previsione € 115.000,00 - servizio gestione locali diversi per l’attività sportiva previsione € 20.000,00. Spese • I trasferimenti annuali: all’Unione dei Comuni per la gestione del personale dipendente € 1.067.800,00; all’Unione per gestione ordinaria € 88.500,00 per ciascun anno del triennio; all’Azienda speciale per i servizi sociali e per l’assistenza ai disabili inseriti nelle scuole € 232.000,00 per il 2018, 2019 e 2020; all’Ente Parco dei Colli del contributo in c/gestione, € 28.500,00 per ciascun anno. • Spese per nuovi investimenti sono pari a € 427.810,00 per il 2018: in tale previsione sono previsti, tra gli altri, la Regimazione acque meteoriche Ghiaie e le urbanizzazioni per le lottizzazioni. Per comodità alleghiamo il prospetto riassuntivo del 2018 (quelli relativi agli anni 2019 e 2020 sono reperibili sull’Albo pretorio consultabile sul sito del Comune).

Quadro generale riassuntivo 2018 Entrate Entrate tributarie

Spese € 2.389.800,00

Spese correnti

€ 2.816.090,00

Entrate da contributi e trasferimenti correnti dello Stato della Regione e di altri enti pubblici

€ 102.500,00

Spese in conto

€ 427.810,00

Entrate extratributarie

€ 615.900,00

Spese per incremento attività finanziarie

€ 397.810,00

Spese per rimborso di prestiti

Entrate da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti Entrate da riduzione attività finanziarie

€ 262.110,00

Chiusura anticipazioni da tesoriere

Entrate derivanti da accensioni di prestiti

Spese per servizi per conto di terzi

€ 390.000,00

Anticipazione da tesoriere Entrate da servizi per conto di terzi

€ 390.000,00

Totale Avanzo di amministrazione Fondo pluriennale vincolato

€ 3.896.010,00

Totale Disavanzo di amministrazione

€ 3.896.010,00

Totale complessivo entrate

€ 3.896.010,00

Totale complessivo spese

€ 3.896.010,00

14

V

illa d’Almè Informa


News a cura di Giorgia Donghi (I) e Redazione

Notizie in breve... “SCEGLI OGGI” - DONAZIONE DEGLI ORGANI Lo sapevi? Da oggi puoi fare una scelta importante, proprio nel tuo Comune. Una scelta in merito alla tua volontà riguardo la donazione degli organi. Lo scopo dell’iniziativa è quello di dare ai cittadini la possibilità di esprimere la propria volontà, in un momento di serenità emotiva, in merito alla eventuale donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto dopo la morte. Scegliere è positivo, qualunque sia la decisione presa. Il Comune di Villa d’Almè ha aderito alla convenzione con l’ASL di Bergamo, riguardo la campagna "Scegli Oggi": i cittadini possono recarsi ad esprimere la propria volontà, relativa alla donazione degli organi. Da oggi lo puoi fare presso gli uffici comunali, allo sportello dei Servizi Demografici del Comune di Villa d'Almè (in occasione del rinnovo della carta d’identità) e presso i Distretti Socio Sanitari, che da sempre offrono questo servizio. Una volta che hai scelto, puoi compilare l’apposito modulo, che trovi in Comune: è necessario per formalizzare il proprio consenso o dissenso riguardo la donazione. Adesso tocca a te, scegli oggi! SCONTO IMPIANTO SPORTIVO “SEVEN CLUB” Ai residenti del Comune di Villa d’Almè l'impianto sportivo Seven Club di Via Olimpia ad Almè applica lo sconto del 10% per tutti gli abbonamenti di frequenza proposti a listino (escluso ingresso singolo, iscrizione annuale e servizi accessori) previa presentazione di un documento attestante la residenza nel Comune di Villa d’Almè. L'impianto è dotato di una sala Fitness, una sala corsi e una piscina dedicata a corsi collettivi in acqua. TORNEO DI BURRACO “Gli amici del Burraco” Villa d’Almè organizzano un torneo di burraco per il prossimo 6 aprile 2018 presso l’oratorio di Bruntino (ex scuole elementari). La quota di € 15,00 per partecipante (è gradita la prenotazione entro giovedì 5 aprile) comprende un ricco buffet dolce e salato, con pasta al sugo di lepre. Il ricavato sarà interamente devoluto all’Associazione “Filo diretto”. Alle ore 20.00 si aprirà l’accreditamento e l’iscrizione delle coppie, mentre per le ore 20.30 è fissato l’inizio del torneo. Premi e omaggi per tutti i partecipanti. Per info e iscrizioni: Gianna 349 4087671 e Marzia 339 8330264. CORSO “CONOSCERE IL VINO” La Cooperativa sociale Oikos organizza un corso teorico-pratico per conoscere il mondo dei vini. I quattro incontri in programma per il 2, 9, 15 e 23 maggio 2018 dalle ore 20.30 alle ore 22.30 presso la sede della Cooperativa, prevedono un percorso che si snoderà fra la tecnica degustativa e i processi di vinificazione. Le iscrizioni (quota € 30,00) si ricevono presso la Cooperativa Oikos in via Ronco Basso, 12 oppure presso la Biblioteca comunale. IN RICORDO DI FOLCO QUILICI Lo scorso 24 febbraio, è venuto a mancare Folco Quilici, uno dei più importanti ambientalisti e documentaristi italiani. Aveva 87 anni ed era originario di Ferrara. Scrittore, naturalista e divulgatore, era stato riconosciuto tra le cento firme più influenti del mondo secondo la rivista Forbes del 2006 - grazie ai suoi film e ai suoi libri dedicati all'ambiente e alle culture. Folco è stato legato a Villa d'Almè: durante la guerra fu sfollato, insieme alla famiglia, a Bruntino dove soggiornò con la famiglia alla villa "Quercinella" fin dopo la Liberazione.

15

V

illa d’Almè Informa


Servizi sociali a cura di Giuseppina Pigolotti, coordinatrice “Welfare di Comunità”

La rete si infittisce I progetti di sostegno alle fragilità

N

el macro progetto “Welfare di Comunità” sono stati attivati dei micro progetti che, oltre che rispondere a vere e proprie esigenze, stanno consolidando e allargando sempre più la rete di supporto alle persone fragili e vulnerabili. ABITARE IL GAGGIO Da circa un anno un’educatrice supportata da due volontari, visita settimanalmente i condomini delle case comunali di via Gaggio per sostenere e aiutare i più fragili nelle loro problematiche personali e condominiali. Dopo i primi approcci, queste figure hanno instaurato un rapporto di fiducia con i condomini e sono diventate il riferimento che ha permesso di affrontare, in collaborazione con il servizio sociale comunale, problematiche emergenti, impedendo che degenerassero in situazioni gravi. Durante l’anno sono stati organizzati momenti conviviali e di festa con l’obiettivo di incentivare una socializzazione tra condomini che migliori il loro benessere e li faccia sentire accolti e inseriti nella comunità. E’ importante evidenziare il ruolo di Amministratori di sostegno nominati per alcuni condomini, che svolgono il loro ruolo a titolo gratuito. L'Amministratore di sostegno è una persona nominata con decreto del Giudice Tutelare che ha il compito di assistere, sostenere e rappresentare chi, per effetto di una menomazione fisica o psichica, si trovi nell'impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere in tutto o in parte al compimento delle funzioni della vita quotidiana. ANZIANI E DISABILI Continuano i pomeriggi mensili di intrattenimento presso la Cascina del Ronco che coinvolgono sia i residenti della struttura che alcuni anziani del quartiere. I residenti della Cascina stanno sperimentando, con grande soddisfazione e gratificazione, attività che li portano ad interagire con le realtà del territorio: aperitivi di quartiere con buffet preparati anche da loro, rapporto con il gruppo Creattive del giovedì (ospiti della Cascina), partecipazione attiva alla Festa del Casoncello promossa dalla Consulta delle Associazioni, uscite sul territorio, ecc. Tuttavia si evidenzia la fatica a far decollare la Banca del Tempo, un progetto di grande valenza educativa per tutti, che si vorrebbe promuovere. C’è un blocco culturale nel pensare secondo una visione di reciprocità tra disabili e non disabili. Lo sforzo di vincere i pregiudizi, di dar fiducia a persone fragili e il timore di “sfruttarli”

16

V

bloccano l’iniziativa, mentre invece significherebbe riconoscere loro delle capacità e opportunità per una migliore integrazione nella comunità. LE CREATTIVE I due gruppi delle Creattive (il gruppo del martedì pomeriggio dalle 15 alle 17 presso la sala polivalente del Parco del Borgo e il gruppo del giovedì mattino dalle 9.00 alle 11.00 presso la Cascina del Ronco), sono in lieve e costante aumento e sono sempre aperti a tutte coloro che volessero aggregarsi anche solo per passare in compagnia e completo relax un paio d’ore alla settimana. Le presenze attualmente si aggirano attorno alle 25 persone complessivamente e gli obiettivi rimangono fissi: scambio di abilità e creatività e inclusione di persone bisognose di socializzare. Nell’anno scorso la partecipazione a mercatini ha fruttato alcune somme che sono state destinate dalla S. Vincenzo e dall’Assistente sociale a sostenere casi bisognosi. Le Creattive del giovedì, accogliendo una proposta della bibliotecaria di Villa d’Almè, si stanno sperimentando nella produzione di libri tattili, di stoffa, destinati all’avvio alla lettura di bambini con disabilità e preparando gadget per la Festa della Donna. DALL’IO AL NOI L’Amministrazione Comunale ha istituito la figura di “referente di quartiere”, volontari coordinati dal consigliere Manuel Capelli, che svolgono il ruolo di “sentinelle” del territorio segnalando con tempestività all’Amministrazione la necessità di piccoli interventi manutentivi e concorrendo alla loro realizzazione: pulizia dei sentieri, degli argini fluviali e dei torrenti, tinteggiatura di palizzate e panchine, ecc. Essi, circa una quarantina, hanno manifestato la necessità di capire meglio il loro ruolo sociale, valorizzando la loro appartenenza alla rete del nostro paese, che negli anni si è molto rafforzata. Dall’Io al Noi è un progetto che coinvolge i comuni dell’Ambito Valle Imagna-Villa d’Almè, finanziato dalla Fondazione delle Comunità Bergamasche, che si inserisce perfettamente nel percorso di Welfare di Comunità in atto. La piccola somma destinata a Villa d’Almè verrà indirizzata a sostenere la formazione dei referenti di quartiere, l’acquisto di materiale per iniziative specifiche e il convegno aperto alla cittadinanza che verrà organizzato a fine aprile.

illa d’Almè Informa


a cura di Gloria Scotti

Housing sociale alle Ghiaie

L

Una casa per giovani donne in difficoltà

o scorso febbraio, presso la “Ca’ di rane” ex abitazione del Linificio, sono stati inaugurati tre nuovi appartamenti destinati a ragazze e donne che durante il loro percorso di vita necessiteranno di aiuto e di sostegno. Il progetto di questo nuovo alloggio è partito circa due anni fa grazie alla donazione di 46 eredi, sorelle, nipoti e pronipoti di don Faustino Rota, deceduto nel 2010, e di Agnese e Rita. La famiglia Rota di comune accordo ha deciso di donare l’abitazione all’Associazione Agathà guidata da don Marco Perucchini e nata dall’incontro della passione educativa di due istituzioni della Chiesa di Bergamo del XX secolo: il Patronato San Vincenzo e le Suore Sacramentine di Bergamo. L’Associazione si pone l’obiettivo di creare legami solidi tra gli ospiti della casa e il territorio in cui essa è inserita, sia dal lato formativo che lavorativo; l’auspicio è quello di realizzare, tramite la rete sociale, uno scambio tra il quartiere e la casa attraverso la realizzazione di percorsi di autonomia. La finalità del progetto è di accompagnare le persone che vivranno questi luoghi, per un periodo massimo di un anno e mezzo, verso un percorso di maggiore autonomia. La realizzazione del progetto è stata possibile grazie al contributo della “Fondazione Cariplo” che ha creduto nell’idea e ad un gruppo di volontari e sostenitori che con il loro aiuto hanno avviato il progetto di ristrutturazione.

Notizie flash LEGGE “DOPO DI NOI” Sul sito del Comune è possibile trovare il bando per la presentazione di domande per l’assegnazione di contributi finalizzati alla realizzazione di interventi a favore di persone con disabilità grave prive del sostegno famigliare. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 30 marzo 2018.

15 GIORNI AD ISCHIA Dall’8 al 22 ottobre 2018 si propone un soggiorno ad Ischia in hotel 4 stelle. La quota di € 526,00 (con un supplemento di € 240,00 per la camera singola) comprende viaggio a/r in pullman, pranzi durante il viaggio, passaggi marittimi, hotel in pensione completa (pasti e bevande inclusi), assicurazione medica e bagaglio. Le iscrizioni si raccolgono dal 3 luglio presso la sede del Filo Diretto (piano interrato del Comune) dalle ore 10.00 alle ore 11.00.

17

V

illa d’Almè Informa


a cura di Alessia Gamba

Testimonianza sociale

P

L’esperienza della Leva Civica Regionale

roponiamo la testimonianza di Alessia Gamba, 21 anni, una giovane villese che l’anno scorso ha intrapreso l’esperienza della Leva Civica.

La mia esperienza di Leva Civica Regionale ha preso inizio nel dicembre 2016 e si è conclusa il 30 novembre 2017. Il progetto nel quale ho operato era denominato ‘Il sociale ad Almè’ e coinvolgeva il nostro comune e quello di Almè, cooperanti con Associazione Mosaico con lo scopo di ricercare una figura giovanile disposta ad operare negli ambiti più critici dell’ambiente sociale. Le principali attività che ho svolto in linea con il mio progetto riguardavano il sostegno nell’esecuzione dei compiti a domicilio e presso il servizio di spazio compiti sugli utenti più difficoltosi, generalmente con scarso rendimento scolastico ed assistenza all’anziano nello svolgimento delle più semplici mansioni quotidiane come, ad esempio, l’uscire a fare la spesa e comprare medicinali; fondamentalmente, le principali attività che ho svolto a

carico di anziani avevano come principale finalità quella di tenere loro compagnia e di saper creare insieme un buon rapporto di stabilità e fiducia. Nel periodo estivo, ho avuto l’occasione di frequentare i due Cre-Grest organizzati dall’oratorio, uno con i bambini frequentanti la prima elementare e l’altro, all’interno della scuola materna, dove ho avuto a che fare invece con bambini dai tre ai cinque anni d’età. Ho anche svolto, seppur per un breve periodo, un servizio di trasporto e assistenza disabili a bordo del ‘Filo Diretto’ del paese. Questi dodici mesi di Leva Civica, mi hanno permesso di ampliare notevolmente le mie conoscenze didattiche e lavorative e di conoscere a fondo il mio paese, cogliendo in esso anche le situazioni più difficoltose che spesso tendono a nascondersi. Sono felice di aver avuto l’occasione di provare questa esperienza, spero che molti ragazzi come me abbiano il coraggio e la volontà di buttarsi in questo settore, sempre pieno di sorprese, di difficoltà ma anche di grandi soddisfazioni. Alessia

Messaggi e disegni dai bambini per Alessia

18

V

illa d’Almè Informa


a cura dell’assistente sociale Vanna Frosio

REI - reddito di inclusione

L

Il decreto attuativo

o scorso 13 luglio è stato reso pubblico l’annuale rapporto povertà dell’Istat con i dati del 2016. Non ha portato buone notizie giacché la povertà, sia assoluta che relativa, risulta in aumento rispetto ai valori già alti fatti registrare lo scorso 2017. L’ampiezza del fenomeno è tale che l’urgenza di introdurre uno strumento universale di sostegno al reddito, da tempo richiesto e sollecitato da più parti contro la povertà, risultava sempre più impellente. In questo senso il decreto attuativo sul reddito di inclusione, rappresenta un’assoluta novità nel panorama delle politiche di contrasto alla povertà in quanto introduce per la prima volta su scala nazionale uno strumento strutturale ed organico di sostegno minimo al reddito connesso con percorso di reinserimento sociolavorativo, che costituisce un livello essenziale delle prestazioni. Il REI, quindi, è la nuova misura unica di contrasto alla povertà che dal primo gennaio 2018 ha sostituito il SIA (Sostegno all’inclusione attiva) e ha assorbito l’assegno di disoccupazione ADSI; inizialmente la platea dei beneficiari è ristretta ai nuclei in povertà con figli minori o disabili, con donna in strato di gravidanza, o con disoccupati che abbiano compiuto 55 anni (novità rispetto alla SIA). Chi vorrà richiedere il REI si dovrà recare presso gli uffici del Comune di residenza.

Il REI si compone di due parti: un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una Carta di pagamento elettronica (Carta REI); un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà. Il REI nel 2018 sarà erogato ai nuclei familiari in possesso dei seguenti requisiti: requisiti familiari con la presenza di una delle seguenti condizioni: un componente di minore età; una persona con disabilità e almeno un suo genitore o tutore; una

19

V

donna in stato di gravidanza; un componente che abbia compiuto 55 anni e sia in stato di disoccupazione; requisiti economici: il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di: un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6 mila euro; un valore ISRE ai fini REI (l’indicatore reddituale dell’ISEE diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3 mila euro; un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20 mila euro; un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti, etc.) non superiore a 10 mila euro (ridotto a 8 mila euro per due persone e a 6 mila euro per la persona sola). Per accedere al REI è, inoltre, necessario che ciascun componente il nucleo:non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria; non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità); non possieda imbarcazioni da diporto. Il soddisfacimento dei requisiti non dà necessariamente diritto al beneficio economico, la cui effettiva erogazione dipende anche dall’eventuale fruizione di altri trattamenti assistenziali (esclusi comunque quelli non sottoposti ad una valutazione della condizione economica, come ad esempio l’indennità di accompagnamento) e dalla condizione reddituale rappresentata dall’indicatore della situazione reddituale (ISR), al netto dei trattamenti assistenziali in esso considerati. Per approfondimenti: www.inps.it.

illa d’Almè Informa

www.lavoro.gov.it;


Politiche giovanili a cura del consigliere Simone Gamba

Spazio torretta

G

Apertura serale della sala comunale per lo studio

ià da diversi anni la sala Torretta (la sala riunioni che si trova sopra la biblioteca comunale) è aperta a tutti gli studenti maggiorenni per lo studio quotidiano. Su richiesta di numerosi ragazzi che ne richiedevano l’utilizzo anche in fascia serale, l’Amministrazione ha deciso di rendere possibile la proposta grazie all’aiuto di un gruppo di giovani volontari. Dallo scorso mese di gennaio all’ultima settimana di febbraio, infatti, tutti i mercoledì sera dalle 20.30 alle 23.30 è stato possibile utilizzare la sala, in aggiunta alle aperture mattutine (dal lunedì al sabato: 9.30-12.30) e pomeridiane (dal martedì al venerdì: 14.0018.00). L’ampliamento di questo servizio è stato l’occasione per aggiungere ulteriori tavoli, installare una rete Wi-Fi, inserire una bacheca (dove poter appendere proposte e ini-

ziative per giovani) e dare un logo e un nuovo nome alla sala: “Spazio Torretta”. Il bilancio di questa iniziativa è stato molto positivo: in alcune serate i ragazzi presenti sono stati più di venti. L’apertura serale riprenderà a fine maggio (in occasione della sessione estiva degli esami universitari) e molto probabilmente, oltre al mercoledì, l’accesso sarà esteso ad un altro giorno settimanale. Rivolgo un sentito ringraziamento a Michele, Steven, Davide e Nicola per aver contribuito a realizzare tutto questo. Mi ha fatto molto piacere passare e vedere il nostro Comune “abitato” da ragazzi: è di fondamentale importanza, anche in queste piccole attenzioni, renderlo usufruibile e accogliente ai più giovani.

Verso il voto

L

La preparazione alle elezioni

’appuntamento elettorale del 4 marzo scorso, è stato preceduto nel nostro paese da alcune iniziative che hanno aiutato a comprendere le dinamiche della nuova legge elettorale e le relative modalità di voto. Molto successo ha riscontrato la serata “Verso il voto” promossa in sala Consiliare dall’Assessorato alle Politiche Giovanili, dal gruppo giovani NoidiVilla e dal circolo Acli don Milani. La serata, tenuta dal professor Silvio Troilo, ha dato la possibilità di capire le diverse caratteristiche del “Rosatellum-bis”, del suo funzionamento, del voto in Lombardia e della composizione del governo regionale. Il gruppo giovani ha inoltre redatto un volantino con dieci domande e risposte riguardanti questo importante momento politico sul quale spesso si aprono dubbi e perplessità. Il documento, ancora disponibile online sul sito www.noidivilla.it , è sta-

20

V

illa d’Almè Informa


to distribuito al termine della serata informativa e messo a disposizione della cittadinanza in diversi luoghi del paese e non. Si ringraziano tutti i soggetti promotori dell’iniziativa e chi, ben comprendendo l’importanza di informare sull’appuntamento elettorale, ha cercato di pubblicizzare l’iniziativa, senza paure, chiusure o perplessità. Queste iniziative sono state inserite nel percorso

“Cittadinanza e Costituzione”: durante il 2018 infatti, l’Amministrazione promuoverà diversi momenti di educazione civica e di sollecitazione alla cittadinanza attiva in occasione dell’importante anniversario italiano dell’entrata in vigore della Costituzione. Maggiori informazioni in merito saranno visibili sul sito web comunale e sui prossimi numeri del notiziario.

In ascolto dei giovani villesi

N

Diverse iniziative per conoscere i nostri ragazzi

ella progettazione delle prossime iniziative rivolte ai giovani, si è pensato di valorizzare l’ascolto come modalità di conoscenza e di coinvolgimento. Per gli adolescenti, all’interno del progetto guidato dalla Cooperativa Aeper verrà proposto un questionario totalmente anonimo ai ragazzi nati negli anni 2001 e 2002, per capire quali sono i loro interessi, passatempi, emozioni e il modo in cui vivono il nostro paese. Questo aiuterà a ideare nuove proposte mirate che nascano dai loro bisogni e dalle loro richieste.

Diverso invece sarà l’ascolto dei giovani. Il gruppo NoidiVilla collaborerà al progetto Youngs, l’attività promossa dall’Ufficio pastorale età evolutiva della nostra diocesi e dall’Università di Bergamo: un camper, che attualmente sta percorrendo diversi luoghi frequentati dai giovani bergamaschi per ascoltarli e intercettare i loro vissuti. Una tappa sarà a Villa d’Almè nel periodo estivo: i giovani incontrati saranno invitati a salire e mettersi in gioco con simpatiche attività attraverso le quali potranno raccontarsi.

Notizie flash IN CANTIERE DIVERSE PROPOSTE PER I NOSTRI ADOLESCENTI Diverse le attività per il progetto adolescenti comunale. A richiesta proseguono gli appuntamenti con i giochi da tavolo; l’iniziativa, seguita dalla Cooperativa Aeper, ha avuto inizio martedì 13 marzo e proseguirà il 10 aprile, l’8 maggio e il 5 giugno. Per i pre adolescenti l’incontro è presso la Scuola secondaria di I° dalle 13.30 alle 15.30, mentre per gli adolescenti è presso la biblioteca comunale dalle 16.00 alle 18.00. Nelle prossime settimane verrà elaborato, per il secondo anno consecutivo, l’appuntamento con le attività di pulizia e manutenzione del territorio comunale. Grazie al sostegno dei volontari di Quartiere e degli Alpini di Villa d’Almè, i ragazzi saranno coinvolti nello svolgimento di diverse cure per il nostro paese. L’iniziativa sarà proposta per il prossimo mese di luglio. Maggiori informazioni in seguito.

21

V

illa d’Almè Informa


Cultura a cura di Riccardo Mazzocchi

Musica e memoria Iniziativa dedicata ai ragazzi tra canzoni e ricordo della Shoah

G

iovedì 25 gennaio si è svolta in Comune un'iniziativa rivolta ai ragazzi delle classi terze delle nostre scuole secondarie di primo grado per celebrare la Giornata della Memoria; nel gennaio del 1945, infatti, le truppe sovietiche liberarono il Vernichtungslager (letteralmente, “campo di annientamento”, perché questo volevano i nazisti: l'annientamento dell'altro) di Auschwitz e da allora i giorni tra il 25 e il 27 gennaio sono un'occasione universale di riflessione e ricordo delle vittime, ebree e non, della follia nazifascista. L'evento è stato introdotto in sala consiliare dal consigliere Simone Gamba che, ricordando le parole di Sergio Mattarella e di un testimone della Shoah quale Primo Levi, ha voluto sottolineare come la memoria di quegli oscuri eventi, compito di ogni generazione, abbia portato alla costruzione dei valori di una nuova Europa. Eppure davanti alla ferita dell'Olocausto (parola abusata in questo contesto, secondo chi scrive, dato che il significato di “sacrificio gradito a Dio” nulla ha a che vedere con i drammi del secolo scorso) c'è ancora chi propugna parole velenose e idee che sanno di razzismo e pregiudizi. Ai nostri ragazzi e a tutti noi spetta dunque l'arduo compito di vigilare

22

V

su questo nostro presente con un occhio alle lezioni del passato. Il momento di riflessione offerto ai ragazzi è cominciato in sala consiliare dove è stata allestita una mostra di manifesti propagandistici antitedeschi del trio sovietico Kurkynsky (M. V. Kupryanov, P. N. Kryov, N. Sokolov) risalenti all'epoca del Secondo conflitto mondiale. La mostra, curata da Natalya Chesnova e Nicola Portonato, è stata occasione di riflessione sul ruolo della propaganda nella guerra e sull'importanza di uno spirito critico di fronte alle notizie (specie nel mondo odierno). La mattinata è poi proseguita in “Spazio Torretta”, dove Chesnova e Portonato, armati di fisarmonica, chitarra e voce, hanno cantato brani popolari degli ebrei dell'Europa orientale e dei rom, onde dare un assaggio della vita quotidiana e ben integrata di questi popoli negli anni prima della guerra: non solo canzoni tradizionali in yiddish e russo, ma anche brani moderni come “Nuit et brouillard” del cantautore francese Jean Farrat scampato alla deportazione, hanno accompagnato i ragazzi nella riflessione storica guidata dai due artisti. Ogni brano musicale era preceduto da un breve commento introduttivo (e dalla dovuta traduzione), e ad esso seguiva poi una digressione storica o la lettura di dati storico-statistici o di testimonianze di giovani vissuti in quei tragici anni. È stata senza dubbio una mattinata impegnativa per i ragazzi e i loro docenti, non solo per la complessità degli argomenti trattati, ma anche per la consapevolezza del gravoso compito che spetta a coloro che si fanno carico di ricordare i crimini commessi in anni che paiono lontani. D'altronde, come ha scritto Primo Levi, “[Auschwitz] è nell'aria. La peste si è spenta, ma l'infezione serpeggia: sarebbe sciocco negarlo”.

illa d’Almè Informa


a cura di Marta Frigeni

In occasione della festa della donna, l’Assessorato alla cultura ha proposto uno spettacolo di narrazione e musica dedicato alla figura di Frida Kahlo, eccentrica pittrice messicana della prima metà del Novecento, simbolo della rivoluzione messicana e fiera anticipatrice del movimento femminista. Questo momento è stato preceduto dall’intervento della nostra consigliera Valentina Ceruti, che ha sottolineato gli ostacoli che ancora oggi la donna incontra, in ambito lavorativo e non, nel tentativo di ottenere una completa parità di genere, purtroppo ancora lontana. Lo spettacolo, prodotto dall’Associazione Colpo d’Elfo, ha presentato “Il diario perduto di Frida Kahlo”, una lettura scenica in musica magistralmente interpretata dalla voce di Reyna Maria Gòmez e dagli strumenti musicali di Max Marchesi. L’attrice ha letto alcuni brani tratti dall’opera di Alexandra Sheiman, che narra la vita della pittrice messicana, ispirandosi al suo “diario perduto”, un taccuino dalla copertina nera sul quale Frida annotava ogni anno le ricette per le offerte del giorno dei Morti, come concordato nel suo patto con la “Signora Velata”, allegoria della Morte, nel giorno del terribile incidente a cui sopravvisse miracolosamente. La narrazione ha evidenziato alcuni particolari della sua travagliata esistenza, dai problemi di salute precedenti e successivi all’incidente, al suo talento artistico, alla sua eccentrica vita amorosa, segnata dal matrimonio in giovane età con il pittore Diego Rivera, con il quale ebbe un fortissimo legame, nonostante le reciproche infedeltà. L’attrice è riuscita a catturare l’attenzione del numeroso pubblico, affascinato dalla sua commovente interpretazione delle vicende vissute da Frida Kahlo, grazie anche all’atmosfera creata dall’accompagnamento musicale in sottofondo. Dopo lo spettacolo, il gruppo donne di Villa d’Almè ha organizzato una merenda a buffet, conclusasi con la consegna alle donne presenti di un piccolo omaggio floreale.

23

V

illa d’Almè Informa


Cultura a cura di Luigi Rota

Eugenio Quarti e il liberty Il villese “principe degli ebanisti”

C

’è un artista villese le cui opere si possono ammirare nel Museo delle Arti del Castello Sforzesco di Milano, nel Museo d’Orsay di Parigi, nel Wolfsonian Museum di Miami Beach. Ma anche in dimore storiche di Milano, Venezia, Bordighera, Baveno e, vicino a noi, in S. Pellegrino Terme. Questo artista si chiama Eugenio Quarti. Per molti di noi questo nome dice poco, purtroppo nessuno è profeta in patria! Scopo di questi appunti è di ricordare il maestro e la sua opera. È un debito che noi villesi abbiamo nei suoi riguardi, con la speranza che uno dei nostri baldi studenti lo recuperi per una tesi.

Eugenio Sesto Quarti nasce a Villa d’Almè il ventuno gennaio 1867 da Giov. Battista e Angela Codazzi, entrambi villesi, domiciliati al numero quarantaquattro di Contrada Maggiore, l’attuale via Mazzini. Eugenio è il sesto (da qui il secondo nome) di dieci figli, ed è battezzato il giorno dopo dal parroco Domenico Solza. Formatosi nella bottega artigiana del padre falegname – non semplice marengù – ma soprattutto abile stipettaio, intravede nel figlio capacità e passione. Al compimento dei quattordici anni lo manda a Parigi, per perfezionarsi nell’arte d’intagliare le essenze esotiche. Rientrato, al termine del servizio militare, Eugenio continua per un breve periodo l’apprendistato nella bottega di Carlo Bugatti, ebanista di Milano notissimo per lo stile orientalista delle sue produzioni.

24

V

Nel 1888 si mette in proprio e apre un laboratorio in quella città, specializzandosi nella produzione di mobili liberty, stile che si sta imponendo in quegli anni. Alla base di ogni sua creazione c’è un accurato disegno esecutivo al quale fa seguito un’esecuzione inappuntabile. Sotto le sue mani il legno (ebano, mogano, palissandro) si trasforma in preziosi pezzi unici: vetrinette, armadi, tavoli, sedie, il tutto decorato con intarsi in argento, ottone, madreperla. Il passaparola lo fa conoscere ai critici d’arte, e uno di questi, Vittore Grubicy, che è anche pittore, lo introduce nel mondo dell’aristocrazia e della ricca borghesia lombarda, che richiede mobili di prestigio, solidi, di ottima fattura, realizzati in funzione del luogo in cui andranno collocati. La favorevole accoglienza ricevuta, lo incoraggia, in seguito, all’ampliamento della produzione, arredando interi ambienti privati e pubblici, come il palazzo del conte Castiglioni e il Bar Camparino di Milano; l’Hungaria Hotel al Lido di Venezia; la villa Carosio di Baveno; il Grand Hotel e il Casinò di S. Pellegrino; e questo solo per citarne alcuni di quelli visibili ancor oggi. Partecipa alle esposizioni di Anversa (1894, medaglia d’argento); di Torino (1898, e nel 1902 è premiato fuori concorso), in cui espone una sala da pranzo e due salotti; di Parigi (1900), con diploma d’onore e vincitore del Gran Prix; di Milano (1906), dove ottiene il Premio Reale, il Gran Prix e la Gran Medaglia

illa d’Almè Informa


d’oro della Camera di Commercio, con l’esposizione di una sala da pranzo in palissandro con intarsi in pasta di vetro e ottone. Accolto come socio onorario nell’Accademia milanese di belle arti, è professore nella scuola artistica industriale. È definito “il principe degli ebanisti” e il titolo non è inappropriato. Preferito dagli architetti più in vista, gli odierni “archistar” - uno su tutti Giuseppe Sommaruga - collabora anche con un altro indiscusso artista del ferro battuto, Alessandro Mazzucotelli, lodigiano di origine valdimagnina. La sua bottega artigianale si trasforma in una vera e propria impresa industriale, con maestranze

specializzate per eseguire le lavorazioni più complesse. Nel 1907 è nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito del Lavoro. Alla sua scomparsa, nel 1929, l’azienda conta duecento addetti. Il figlio Mario (1901–1974) la ristruttura per adeguarla alle nuove esigenze dell’arredamento moderno, continuando la collaborazione con i più noti progettisti del tempo (i “designers” di oggi). Partecipa anche alle Triennali di Monza e di Milano, che gli fruttano importanti commesse. Cesserà ogni attività nel 1968. La città di Milano ha intitolato una via a Eugenio Quarti. A quando un ricordo nel suo paese natale?

a cura dell’assessore Claudio Bolognini UN PREZIOSO REGALO All’Amministrazione comunale è stata donata dalla sig.ra Itala Santorsola di Bari una sala da pranzo d'epoca eseguita da Eugenio Quarti, composta da un grande buffet, con specchiera, una grande vetrina con cristalli molati, un tavolo munito di assi di prolunga e sei sedie. Gli arredi erano stati ereditati dalla famiglia Angela Zippitelli - de Grecis e sono riportati nella tavola 30 dell'"Enciclopedia delle Moderne Arti Decorative - Il Mobile Italiano Contemporaneo" diretta da Guido Marangoni. Attualmente i mobili sono depositati presso l’archivio della nuova Scuola Secondaria di I grado in attesa di una consona collocazione per essere visitati da tutti. La sig.ra Santorsola ha inoltre donato un pianoforte, attualmente in dotazione nell’aula di Musica presso la nostra Scuola Secondaria e che, grazie alla pazienza e competenza di don Vittorio Dossi, è stato riaccordato e reso completamente funzionante. Da queste pagine vogliamo, ancora una volta, ringraziare la sig.ra Itala Santorsola per questi “regali” fatti all’Amministrazione e alla cittadinanza di Villa d’Almè.

25

V

illa d’Almè Informa


Sport a cura di Gloria Pellegrinelli

Dalla Croazia a Villa d’Almè Le sorelle Musa campionesse di ciclismo

D

a un’ammiraglia croata scendono due sorelle, un padre e una madre. Con loro portano una cartella di pelle consumata dal tempo. È gonfia di portalistini riempiti da ritagli di giornale, evidenziati in giallo, verde ed altri colori, come le vittorie che vi sto per raccontare. Infatti questo mese vi parlerò delle sorelle Musa, neo campionesse nazionali di ciclismo in Croazia e residenti nel nostro paesino.

all’ultimo fiato contro un ragazzo. Per la prima volta alza le braccia al cielo: è anche il giorno del suo compleanno. Mentre a Zaghen, Gloria, dopo aver bucato, riesce a ripartire e a superare l’intero gruppo maschile (partito prima) e a soffiargli la vittoria. Il cambio di gomma di papà Remso ha funzionato, ma ora che egli si dovrà assentare per problemi di salute le cose cambiano. Segue un periodo in cui Gloria ed Alessandra risentono della mancanza del suo ruolo-guida. La loro storia parte ancor prima che nascano, con Ma nel 2017 arriva per loro un riscatto che porta Remso Musa. Campione di ciclismo in ex Jugoslacon sé degli interessi... La famiglia Musa di nuovo via, dopo aver partecipato alla Liberazione a Roma al completo si avvia verso Hering (Danimarca). Qui e alla Settimana bergamasca decide di lasciare il le ragazze si trovano a dormire in una stalla o in paese istriano d’origine per statenda al bordo di una strada per bilirsi a Villa d’Almè. È infatti qui poi svegliarsi al profumo del cafche nel ‘70 risiedono molti dirifè di mamma Lidia che le fa pegenti con cui Remso ha un bel dalare verso il conseguimento rapporto, nonché il suo allenatodel titolo di campionesse naziore, Germini. Anni dopo, è semnali croate. Alessandra sulla pipre qui che Remso ottiene i suoi sta, Gloria nel ciclocross. Le due trofei più belli, rispettivamente sono infatti molto diverse: Alesnel ‘96 e nel ‘97, e intitolati Alessandra da velocista e discesista sandra e Gloria, che d’ora in poi predilige la gara su pista e l’insecercherà di indirizzare alla proguimento, Gloria da scalatrice pria passione: la bici. Così menpreferisce il ciclocross. tre porta avanti la squadra esorCiò ha fatto sì che Ciavattini, il diente G1-G6 (6-12 anni) creatasi loro attuale allenatore sportivo, nel frattempo grazie al supporto le abbia introdotte entrambe da sinistra: Gloria e Alessandra Musa del direttore sportivo Maffioletti nella sua squadra, contravvee al sostegno del grande Carlo Gamba nendo all’usanza di selezionare solo una tra due (ceramiche), Remso riesce a portare Gloria ed Asorelle e sfruttando così la loro complementarietà. lessandra dalle piste a Gimkana da lui arrangiate La squadra di Ciavattini è di Ancora, vede le due nelle “Ghiaie”, alle prime vittorie su strada, consesorelle impegnate per 4 ore al giorno negli allenaguite nonostante le bici usate non siano le stesse menti e nel periodo primavera-estate per quanto delle altre bambine bensì il prodotto di un lavoro riguarda le competizioni. Gloria però vorrebbe trodi assemblamento tra telai e altri pezzi trovati in vare una squadra di ciclocross che la impegni andiscarica. É con queste bici sgangherate che ha che di inverno. Inoltre le due sperano di trovare inizio un percorso all’insegna dell’umiltà e dello sponsor e pane “per le loro gambe”, infatti mirano spirito d’adattamento. Infatti, da qui a poco le soa far diventare la loro passione una professione. relle si dovran far le gambe prendendo parte a squadre maschili (le uniche esistenti) come BremLa famiglia Musa rivolge un ringraziamento spebillese e Muggio. Per cui iniziano a vincere sui maciale a tutti i villesi, da Bruntino alle Ghiaie e ricorschi a cui rivelano la loro stoffa: a Montechiari, Ada Carlo Gamba. lessandra vince una gara su pista dopo un duello

26

V

illa d’Almè Informa


Le vignette della buona educazione a cura di Ciciuk


a cura di Arianna Pasta

Profile for Villa d'Almè Informa

Villa d'almè informa n°14 (mar 18)  

Villa d'almè informa n°14 (mar 18)  

Advertisement