Page 1

Comune di Villa d’Almè Notiziario Comunale

illa d’Almè Informa

Anno 4° | Settembre 2017 | N° 12


Comune di Villa d’Almè Via Locatelli Milesi, 16 24018 Villa d’Almè (Bg) tel: 035 6321111 fax: 035 6321199 www.comune.villadalme.bg.it

Preda Manuel Sindaco con delega a politiche familiari, edilizia privata, viabilità, sovracomunalità, protezione civile manuel.preda@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 17.30-19.30 sab 10.00-12.00

ORARI UFFICI

Perico Mirko Vicesindaco con delega a lavori pubblici, manutenzioni urbane, abbattimento barriere architettoniche, nuova scuola media, sport mirko.perico@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Servizi Affari Generali

da lun a ven 8.30-12.30 mar 14.30-17.30

Anagrafe

da lun a ven 8.30-12.30 mar 14.30-17.30 sab 9.00-12.00

Ricevimento assistente sociale dott.ssa Vanna Frosio

mer, ven 9.00-12.00

Pubblica istruzione Sede Unione dei Comuni di Almè e Villa d'Almè: Almè, Via Marconi

mar, ven 10.00-12.30 gio 10.00-12.30 e 14.30-17.30

Ufficio tributi

mar 10.00-12.30 e 14.30-17.30 gio, ven 10.00-12.30 sab 9.00-12.00 (nei periodi di scadenza)

Ufficio Tecnico

mar 10.00-12.30 e 14.30-17.30 gio, ven 10.00-12.30

Polizia Locale Sportello di apertura al pubblico: Almè, via Marconi tel. 800376715

mar, sab 11.00-12.30 gio 11.00-12.30 e 17.00-18.30

Ufficio del Commercio Sede Unione dei Comuni di Almè e Villa d'Almè: Almè, via Marconi

mar, ven 8.30-12.30 gio 8.30-12.30 e 14.30-17.30

Servizio di igiene urbana (rifiuti)

Zanetti Arturo & C. srl - 800814691 infoecologia@zanettiarturo.it

Ufficio delle concessioni cimiteriali

Falgari Denise

gio 14.30-17.30

Anno 4° - Settembre 2017 - N° 12 In copertina: foto di Marcella Leo, Le luminose anime della notte

Settembre 2017

Villa d’Almè Informa periodico d’informazione del Comune di Villa d’Almè

AMMINISTRAZIONE

Assessore con delega a urbanistica, ambiente, manutenzione del verde ed efficienza energetica denise.falgari@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 17.30-19.00

Sana Valeria Assessore con delega a bilancio e tributi valeria.sana@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Bolognini Claudio Assessore con delega a servizi sociali e culturali, istruzione e politiche giovanili claudio.bolognini@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Capelli Cristina Consigliere vivibilità, stili di vita e ciclovie cristina.capelli@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: su appuntamento

Ceruti Valentina Consigliere cultura, museo e notiziario valentina.ceruti@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: su appuntamento

Registrazione tribunale di Bergamo n°48 del 24.11.97

Direttore responsabile Valentina Ceruti Redazione

Valentina Ceruti, Christian Cielok, Giorgia Donghi, Marta Frigeni, Simone Gamba, Marcella Leo, Luca Maini, Riccardo Mazzocchi, Arianna Pasta, Gloria Pellegrinelli, Stefano Ravasio, Gloria Scotti Via Locatelli Milesi, 16 - Villa d’Almè (Bg) tel: 035 6321111 - fax: 035 6321199 email: villadalme.informa@gmail.com Progetto grafico e impaginazione Stefano Ravasio Stampa Tipolitografia Eletta s.r.l. - Villa d’Almè (Bg)

Gamba Simone Consigliere politiche giovanili simone.gamba@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: mar 18.00-19.30

Capelli Manuel Consigliere Rapporti con quartieri e associazioni, “piccole cose” manuel.capelli@comune.villadalme.bg.it Ricevimento: su appuntamento

A questo numero hanno contribuito: ragazzi dell’Operazione Mato Grosso, Damiano Pelli, Pierluigi Viscardi, Scuola Primaria Mons. P. Sigismondi, Luigi Rota, Romano Capelli, ONLUS Dinamico


VILLA D’ALMÈ COMUNE AMBASCIATORE D’EUROPA Il programma delle iniziative

"L'Europa dei giovani: quali opportunità e quali aspettative" Sabato 28 Ottobre c/o la Sala Consiliare del Comune di Villa d'Almè 9.30 - 10.00

Proiezione filmati Comitato delle Regioni e saluti Istituzionali 10.00 - 11.00

"COME E' L'EUROPA VISTA DAI RAGAZZI" I ragazzi delle classi Seconde della Scuola Secondaria di I grado di Villa d’Almè ne discutono, supportati da • dott.ssa Marta Beatrice Rota, Dirigente Scolastica • prof.ssa Paola Bortolotti, Insegnante Coordinatrice del progetto Educazione alla cittadinanza 11.00 - 12.00

"L'EUROPA DEL PRESENTE" Quale direzione sta intraprendendo il "progetto Europa"? Ne discutono • on. Pia Locatelli, deputata della Repubblica, già Eurodeputata • Manuel Preda, Sindaco Comune di Villa d'Almè • Gianpietro Benigni, membro CDA Sacbo SpA e Associazione Giovani Idee • Roberto Pella, componente Comitato delle Regioni e Vicepresidente Vicario ANCI • Daniele Rocchetti, presidente ACLI Bergamo seguono interventi del pubblico 12.00 - 13.00

"LA SFIDA DEL FUTURO" L'Europa del futuro può essere "trovata" nei valori del passato? Focus sulle conclusioni del dibattito Ne discutono • NoidiVilla, gruppo giovani di Villa d'Almè Modera Michele Marinini Durante il convegno compilazione online di una survey

in preparazione al Convegno del 28 Ottobre

“Il cammino dell’unificazione europea: utopia o realtà?” Venerdì 20 ottobre ore 20.30 c/o Sala Consiliare Villa d’Almè Introduce prof. Giovan Battista Paninforni - Interviene Prof. Fabrizio Brena A sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma dopo la catastrofe dei due conflitti mondiali, è lecito chiedersi se il progetto di un’Europa unita e gli ideali che lo sostengono rappresentino tuttora una meta realizzabile o perlomeno auspicabile. Per poter individuare le strade che si aprono al percorso futuro dell’Unione Europea – un futuro che avrà conseguenze tangibili per tutti noi cittadini – risulta essenziale comprendere da quali premesse ha avuto origine questa aggregazione di Stati, che per le sue caratteristiche rappresenta un fenomeno unico nella storia contemporanea; anche dall’esame dei documenti costitutivi e dai dibattiti che li hanno accompagnati si possono ritrovare le idee e gli obiettivi originari, legati alla speranza di un’Europa finalmente immune dai conflitti e dalle guerre che l’avevano funestata nel corso dei secoli.


Lavori pubblici a cura dell’assessore Mirko Perico

Una nuova mobilità

L

Pista ciclopedonale sul sedime della ferrovia Valle Brembana

o scorso 12 giugno 2017 Regione Lombardia ha ufficializzato il risultato del bando “Promozione del Cicloturismo” al quale il nostro Comune aveva partecipato, in partnership con Provincia (ente capofila), Comunità Montana Valle Brembana e altri 14 Comuni. Il nostro progetto di realizzazione di un percorso ciclabile sul sedime della vecchia ferrovia tra Almè e Zogno è arrivato al primo posto ed è assegnatario del massimo contributo ammissibile, pari a € 415.649,98. Il progetto prevede un costo di 1,2 milioni di Euro che verranno coperti anche da Provincia (per circa € 600.000 ), dai Comuni per circa € 190.000 (Villa d’Almè ha stanziato

I

€ 50.000) e Comunità Montana (circa € 20.000 ). Ad oggi si è in attesa che Provincia di Bergamo approvi il bilancio preventivo 2017 (previsto ad ottobre, in forte ritardo per i noti problemi derivanti dalla riforma e tagli economici alle Province) in cui stanzi i fondi concordati. Successivamente si procederà alle gare d’appalto per l’esecuzione dei lavori che dovrebbero iniziare l’anno prossimo. Nel frattempo continua il lavoro dei volontari di Villa d’Almè, che tengono pulito il sedime e pian piano ripuliscono da rovi e piante, parti del tracciato non ancora liberate.

Tramvia T2 da Bergamo a Villa d’Almè

l 27 luglio, il nostro Sindaco ha firmato un protocollo d’intesa con TEB, Provincia, Parco dei Colli, Comunità Montana Valle Brembana e gli altri Comuni coinvolti per la realizzazione della tramvia da Bergamo a Villa d’Almè. Un progetto di cui si parla da anni ma che ha subito un importante accelerazione vista l’intenzione del Governo di puntare alla “cura del ferro”.

Il nostro Comune ha lavorato per rivedere il progetto del 2009, spostando il capolinea da via Fornaci (al confine con Almè) alla vecchia stazione di Villa d’Almè in loc. Ghiaie (attuale deposito SAB). Per il nostro Comune questo è un importante miglioramento perché la tramvia servirà direttamente il quartiere delle Ghiaie e al contempo si avvicinerà al restante centro abitato. Inoltre è un’occasione per spingere ulteriormente verso la definizione di una mobilità

4

V

dolce (pedonale e ciclabile) interna al nostro paese che colleghi le stazioni al resto dell’abitato. Infine c’è la speranza che la prospettiva di tale infrastruttura sproni i privati interessati dagli Ambiti di Riqualificazione Industriale in zona Ghiaie a sfruttare tale opportunità per un rilancio delle proprie aree, in parte dismesse. Il progetto prevede la realizzazione di una pista ciclabile a fianco dei binari, che garantirebbe la continuità della pista descritta al paragrafo precedente. Siamo ancora ad un livello di progettazione di fattibilità tecnico-economica (preliminare), ma propedeutica a chiedere il finanziamento al Ministero. In caso di riscontro positivo, si procederà successivamente alla stipula di un Accordo di Programma in cui saranno dettagliati compiti e impegni di Enti e privati coinvolti.

illa d’Almè Informa


Manutenzioni a cura dei ragazzi dell’Operazione Mato Grosso

Mato Grosso Piccoli grandi interventi

D

urante questa calda estate, avrete sicuramente visto fra le vie del paese di Villa d’Almè alcuni giovani ragazzi intenti a tinteggiare alcuni ambienti della nostra scuola primaria. Bene! Quelli eravamo noi, i ragazzi dell’Operazione Mato Grosso. Come nelle precedenti estati, anche in questa sono state organizzate in bergamasca cinque settimane di campi di lavoro, durante le quali abbiamo collaborato con vari Comuni della provincia, tra cui Villa d’Almè. I lavori erano di svariato tipo: imbiancature, sgomberi, traslochi, ringhiere da pitturare, parchetti pubblici da sistemare, pulizia strade… Circa settanta ragazzi ogni settimana hanno dato il proprio contributo regalando tempo, energie, entusiasmo per fare qualcosa di buono insieme. Oltre quindi al risultato concreto che abbiamo raggiunto, è stato importante poter vivere qualcosa di intenso e bello insieme a ragazzi della nostra età, provenienti da tutta Italia. Siamo stati ospitati dalle parrocchie di Nese, del Villaggio degli Sposi a Bergamo e di Lurano.

5

V

A questo punto, un ringraziamento è doveroso all’amministrazione di Villa d’Almè che ha devoluto dei fondi, che andranno direttamente a sostegno delle nostre missioni in America Latina, in particolare in Ecuador, Perù, Brasile e Bolivia. Ora, anche se l’estate è finita e la scuola e il lavoro sono ricominciati, noi continuiamo a trovarci due volte a settimana nelle zone di Almè, Valtesse, Zogno per provare a fare qualcosa di buono nel tempo libero con semplicità e amicizia. Inoltre, anche quest’anno, tre ragazzi della bergamasca dedicheranno un intero anno ai poveri: questo concretamente significa che saranno ospitati da una famiglia del Paese e durante il giorno lavoreranno; l’intero guadagno sarà destinato alle nostre missioni. Se hai qualche lavoro da proporci (giardinaggio, legna, imbiancature, ringhiere…) o semplicemente vuoi venire ad aiutarci, non esitare a chiamare! Chiara - 342 011 2257 Samuele - 349 228 9263

illa d’Almè Informa


a cura dell’assessore Mirko Perico

Asfaltature e risanamenti

N

Manutenzioni strade e marciapiedi

el corso dell’estate appena trascorsa sono stati effettuati una serie di interventi manutentivi sulla viabilità comunale. Le aree sono state scelte in funzione delle segnalazioni pervenute dai cittadini e dalle valutazioni effettuate in collaborazione con l’Ufficio Tecnico. Sì è data priorità a quelle zone che presentavano oggettive criticità dovute al deperimento del fondo e che in passato erano state oggetto di numerosi “rappezzi”. Si pensi ai marciapiedi di via Donizetti o Calvi quasi scomparsi (contestualmente si è proceduto anche all’asfaltatura delle strade limitrofe, per massimizzare l’efficacia dell’intervento essendo i mezzi già sul posto) e al marciapiede in zona Poste.

E’ stato asfalto il passaggio pedonale sul torrente Rino in via don Milani, sistemati alcuni brevi tratti in via Ripa e Campana, effettuati alcuni interventi per la regimazione delle acque superficiali. Siamo ben coscienti dell’esistenza di altre zone bisognose di intervento che provvederemo a rilevare a breve per poter predisporre un progetto con quantificazione dei costi entro fine anno. E’ possibile segnalare situazioni ritenute bisognose d’intervento recandosi all’ufficio tecnico in orario d’apertura (vedi Box in prima pagina) o il martedì sera (dalle 18.00 alle 19.30) al ricevimento degli Amministratori oppure scrivendo a manutenzioni@comune.villadalme.bg.it

Raccolta rifiuti per eventi

P

Un impegno che ha dato frutto

er il secondo anno la ditta Zanetti srl ha provveduto alla fornitura di contenitori per la raccolta rifiuti e al loro ritiro durante le feste estive. Oltre agli eventi Festa al Casoncello, Enjoy Arena, Feste delle Parrocchie di Villa e Bruntino, quest’anno il servizio è stato esteso alla notte bianca “Colori in Villa” e alla festa “Happy Gere”. Da quest’anno sono state pesate le frazioni di rifiuto: su una produzione complessiva di 11 tonnellate di rifiuti, circa il 67% è stato differenziato (i

dati sono simili nei singoli eventi, si va da un minimo del 64% ad un massimo del 70%). Un risultato per nulla scontato considerando le difficoltà oggettive di operare la differenziazione durante una festa. Un ringraziamento va quindi ai gestori e addetti delle feste per l’impegno dimostrato, sperando possa essere preso ad esempio dal resto della cittadinanza visto che nel porta a porta il grado di differenziazione è inferiore. Pare strano sia più difficile differenziare a casa rispetto alla frenetica gestione di un evento!

ALIENAZIONI IMMOBILI E’ stata bandita una nuova asta per l’alienazione degli immobili comunali presso il Passaggio Parco del Borgo. Oggetto della vendita sono 1 appartamento e 2 autorimesse per una base d’asta di € 147.832,35. Le offerte, al rialzo, dovranno essere presentate entro il 4/12/2017 ore 9.00. Per informazioni rivolgersi geom. Elio Signorelli, responsabile dell’Ufficio Tecnico: responsabiletecnico@comune.villadalme.bg.it - 035.6321127 Il bando d’alienazione della vecchia scuola media, scaduto lo scorso 8 settembre, è andato deserto. Si ricorda che l’area esterna della vecchia scuola media è stata attrezzata come parcheggio pubblico di attestamento per il centro, regolamentato con disco orario a 4 ore.

6

V

illa d’Almè Informa


Urbanistica a cura dell’assessore Denise Falgari

Piano Attuativo PA12-Tambor

L

XV edizione

a Giunta Comunale con deliberazione n.83 del 10.08.2017 ha adottato la variante n.1 al Piano Attuativo di iniziativa Privata n. 12 denominato PA12-Tambor. Con l’adozione del piano si mette finalmente la parola fine ad una complessa vicenda urbanistica iniziata nel 2008, che ha visto coinvolte ben tre amministrazioni comunali. LA STORIA Nel 2008 la proprietà dei terreni presenta richiesta di Piano Attuativo in Variante all’allora vigente Piano Regolatore (PRG) per la costruzione di edifici residenziali e nuove superfici per le attività agricole già esistenti. La Variante al PRG è approvata, ed il Comune con una convenzione stipulata nel 2009 ottiene come standard la proprietà dell’intera area in cui sorge attualmente la nuova scuola media (Amministrazione Mazzocchi). Da qui negli anni successivi sono intercorse diverse vicende, tra le quali le più significative sono state l’approvazione della variante n.6 al PRG nel 2011 che ha visto apportare sostanziali modifiche al PA12, in particolare lo stralcio dalla perimetrazione dell’area della scuola e la modifica del collegamento stradale alla nuova lottizzazione. Nello specifico l’eliminazione del troppo oneroso nuovo tracciato stradale che avrebbe collegato la lottizzazione da via Gaggio, sostituito con una più breve ed economica strada realizzata a prolungamento della via Monte Bastia. Altro passaggio significativo è stata l’approvazione del nuovo strumento di pianificazione comunale il Piano di Governo del Territorio (PGT) nel 2013, che ha sostituito in toto il vecchio PRG e che, rispetto al PA12, ha interamente recepito la variante 6 al PRG (Amministrazione Pigolotti). Con l’avvio della cantierizzazione della nuova scuola media nel 2014, sia l’interesse pubblico che quello privato di rettificare la vecchia convenzione del 2009 si fa prioritario; così dopo diversi mesi di

7

V

incontri e trattative tra Amministrazione e lottizzanti per la ridefinizione degli standard urbanistici da cedere al pubblico, si arriva ad un definitivo accordo tra pubblico e privato che si ufficializza nell’istanza di variante al PA12 presentata dai privati ad ottobre 2016 (Amministrazione Preda). CONTENUTI DEL PA12 ADOTTATO Previsioni del PA12 introdotto con il PRG: • possibilità di realizzare nel comparto edifici a destinazione residenziale per 8000mc; • realizzazione – già avvenuta – di 450mq di un nuovo edificio per attività ippiche; • obbligo dei lottizzanti è la realizzazione di dotazioni di standard per complessivi 12.515,02mq. A seguito delle trattative intercorse con l’attuale Amministrazione in convenzione sono state concordate la realizzazione di idonee opere di urbanizzazione a supporto del peso insediativo indotto dalle previsioni del piano. Nello specifico i lottizzanti dovranno realizzare per un importo stimato in € 111.986,08: • nuovo tratto di strada in via Monte Bastia con relativo marciapiede, parcheggio, illuminazione pubblica e sistema di scolo acque meteoriche; • opere per allaccio ai servizi pubblici essenziali (elettrodotto, telefonia, acquedotto, fognatura, etc…); • realizzazione di un nuovo tratto di marciapiede in via Gaggio. Una volta eseguite le opere i lottizzanti dovranno cedere gratuitamente al Comune le aree oggetto di urbanizzazioni: • strada con relative pertinenze in via Monte Bastia; • area verde di collegamento tra via Gaggio e via Monte Bastia (per futura realizzazione di una scala pubblica a prosecuzione del nuovo marciapiede che verrà realizzato in via Gaggio); • nuovo parcheggio in via Monte Bastia; • nuovi marciapiedi con relative pertinenze in via Monte Bastia e via Gaggio.

illa d’Almè Informa


Ai trasferimenti sopra indicati vanno aggiunti 11.447,02mq di area già ceduta per la realizzazione della nuova scuola media. I TEMPI Il Piano avrà validità dieci anni, ma secondo gli accordi sottoscritti, i lottizzanti dovranno realizzare le opere pubbliche entro dieci mesi dalla firma della convenzione, si stima pertanto che i lavori potranno vedere la fine entro il 2018.

ATR 2 S. Faustino

A

Lavori in via S. Faustino e sul sentiero di via Volpe

ltro importante passo fatto verso la concretizzazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale (PGT), è stata l’adozione Delibera di Giunta n. 86 del 10-08-2017 dell’Ambito di Trasformazione San Faustino (ATR2), un’area edificabile a destinazione residenziale sita sulla collina di via San Faustino. Come per il PA12-Tambor anche per questa operazione urbanistica è servito diverso tempo per il raggiungimento degli accordi definitivi tra pubblico e privato, poichè è stato necessario coinvolgere in diverse fasi ed in diverso modo molti soggetti nel processo decisionale ed operativo. Grazie al lavoro svolto, si è ora giunti alla conclusione della trattativa. Il PGT per l’ATR2 prevedeva la possibilità di costruire 3.800mc di volume residenziale. Il progetto presentato dall’operatore vede ridurre la richiesta volumetrica

8

V

a 3.686,08mc da realizzarsi in piccole palazzine di due piani fuori terra, edificate in due lotti distinti. Per poter attuare il volume il lottizzante dovrà riconoscere al Comune oltre al contributo di costruzione obbligatorio, anche lo standard urbanistico e la perequazione sociale per un importo complessivo di € 275.245,30 (standard urbanistico = € 137.622,65 + perequazione urbanistica = € 137.622,65). Secondo quanto previsto dal PGT, la somma dovuta per la perequazione urbanistica dovrà essere concretizzata in opere pubbliche, nello specifico nella riqualificazione del sentiero pubblico detto della Volpe, quello che collega via Volpe a via San Faustino. Il sentiero attuale è un percorso irregolare a sezione e pendenza variabile e con fondo in selciato ammalorato. Il progetto presentato

illa d’Almè Informa


prevede la riqualificazione del tracciato mediante il rimodellamento delle pendenze, l’allargamento dell’intero tratto ad 1,50 m, la realizzazione di gradini nei punti più impervi, oltre al rifacimento del fondo ed all’installazione dell’impianto di illuminazione. L’intervento sul sentiero concorre al miglioramento dei collegamenti pedonali in sicurezza tra la zona di via Ripa Alta e Bruntino con il centro del paese, in special modo per agevolare il raggiungimento della nuova scuola media. A vantaggio della sicurezza per garantire uno sbocco protetto a valle, verrà realizzata una nuova scalinata che collega il percorso a via Gaggio. Con la nuova uscita sarà possibile attraversare via Gaggio in corrispondenza del futuro marciapiede costruito dai lottizzanti del PATambor. Oltre al soddisfacimento delle previsioni del PGT in merito al sentiero della Volpe, l’Amministrazione ha concordato con il lottizzante anche la manutenzione straordinaria del fondo stradale in cubetti di porfido di via San Faustino. Allo stato di fatto il pavé risulta in condizioni pessime, ha diver se disco nti nuità, avvallamenti e rappezzi che

riducono notevolmente le condizioni di sicurezza della strada. L’intervento consisterà nella rimozione e nuovo rifacimento della pavimentazione e del sistema fognario per la raccolta delle acque meteoriche, il manto stradale sarà realizzato in asfalto. Altre opere di messa in sicurezza della via San Faustino saranno realizzate all’incrocio tra la pubblica via e la strada privata che salendo in collina porta all’ambito di intervento. Lo standard urbanistico di € 137.622 sarà invece interamente monetizzato alla realizzazione del secondo lotto del volume residenziale.

Parco dei Colli

A

In corso la variante al piano territoriale e di coordinamento

l Parco dei Colli di Bergamo è avviato l’iter per la redazione di una variante generale al Piano Territoriale di Coordinamento (P.T.C.), approvato con L.R. 18 aprile 1991, n. 8. Trascorsi ormai 26 anni dalla stesura del piano vigente, è necessario intervenire con un aggiornamento dello strumento urbanistico, ormai superato dalle diverse normative di settore, e pressoché esauritosi nelle previsioni. L’obiettivo cardine della variante non può prescindere dai principi di tutela dell’ambiente, del

9

V

paesaggio, della biodiversità e delle attività agricole, silvicole e pastorali, considerato che il Parco dei Colli, oltre ad essere classificato parco agricolo forestale risulta inserito in un ambito caratterizzato da un’alta antropizzazione. Risulta pertanto fondamentale garantire la sostenibilità delle interrelazioni tra le componenti naturali ed umane ivi presenti. OBIETTIVI DELLA VARIANTE 1. Aggiornamento, adeguamento e semplificazione normativa, accorpare in un unico

illa d’Almè Informa


strumento il frammentato quadro pianificatorio del Parco. 2. Tutela e valorizzazione dell’ambiente, della biodiversità e del paesaggio: • minimizzare il consumo di suolo e sottosuolo; • individuare, migliorare e implementare la rete ecologica regionale; • valorizzare le fasce di rispetto dei corsi d’acqua ed in generale dei corpi idrici; • promuovere azioni di recupero ambientale di aree degradate/dismesse; • normare i temi energetici, nel rispetto degli aspetti ambientali e paesaggistici. 3. Valorizzazione del patrimonio agricolo e forestale e delle relative attività: • preservare le aree agricole di interesse paesaggistico; • promuovere l’attività agricola e forestale; • dare priorità all’utilizzo del patrimonio edilizio esistente, favorendo il recupero di aree/edifici dismessi; • salvaguardare il paesaggio agricolo tradizionale. 4. Miglioramento della fruizione turistico – ricettiva:

• potenziare, valorizzare la rete dei percorsi

ciclopedonali e dei sentieri per favorire l’accessibilità e la fruibilità del Parco; • favorire lo sviluppo delle strutture ricettive (agriturismi, B&B, ostelli, punti di ristoro, ecc.), privilegiandone l’inserimento in contesti edificati esistenti, recuperati o riconvertiti; • favorire lo sviluppo delle strutture per il tempo libero, inserite in contesti edificati esistenti. DEFINIZIONE DEI CRITERI Si riportano di seguito alcuni criteri su cui si fonda la variante in corso di stesura: • valutare le eventuali istanze provenienti dai Comuni del Parco dei Colli; • valutare eventuali proposte di modifica all’azzonamento, verificando la coerenza con le aree circostanti, senza prescindere dal principio di compensazione ecologica e di riduzione del consumo di suolo; • valutare eventuali trasformazioni d’uso degli edifici agricoli esistenti, qualora non più utilizzati a tale scopo da almeno 20 anni, purché compatibili con la pianificazione. a cura del consigliere Manuel Capelli

PIEDIBUS 2017 A campanella d’inizio scuola appena suonata e “ricordata” la strada per recarsi a scuola, siamo pronti per ripartire con il Piedibus 2017. Il Piedibus è un progetto per incentivare la passeggiata in gruppo dei ragazzi della Scuola Primaria (ma anche dei genitori) verso scuola, attivo ogni sabato mattina da Ottobre a Maggio. Prossimamente sarà distribuito a scuola il modulo di iscrizione e per i genitori che vorranno aderire in qualità di accompagnatori (manuel.capelli@comune.villadalme.bg.it). Be cool, walk to school!

LA TUA PUBBLICITA’ SUL NOTIZIARIO Vuoi pubblicizzare la Tua attività sul Notiziario Comunale? Scrivi, entro il 12/11/2017, a villadalme.informa@gmail.com; il costo dello spazio pubblicitario è di Euro 126,00 (IVA compresa) per cm 5,5x18 ed Euro 38,00 (IVA compresa) per cm 4x6.

10

V

illa d’Almè Informa


a cura del consigliere Cristina Capelli

Il mercato agricolo Alla ricerca dei nostri sapori

D

opo la pausa estiva è ripreso il mercato dei prodotti locali in piazza Santa Barbara. L’iniziativa vede coinvolti alcuni produttori agricoli della Valle Brembana, Valle Imagna, Parco dei Colli e di Villa d’Almè, oltre ad alcuni artigiani e alle nostre associazioni. L’appuntamento è per il primo sabato del mese ed è diventata una bella occasione dove trovare prodotti genuini del nostro territorio e conoscere direttamente i produttori agricoli. L’intento di questa Amministrazione è la promozione della cultura dei sapori dei nostri luoghi e della nostra storia, proprio in un periodo in cui Bergamo vedrà lo svolgimento del G7 dell’agricoltura. La nostra città ospiterà infatti i Ministri dell’agricoltura di Stati Uniti, Canada, Giappone, Gran Bretagna, Germania, Francia ed Italia con il nostro Maurizio Martina. Il nostro vuole essere un piccolo contributo ad un dibattito molto più ampio e globalizzato, poichè scegliere un prodotto locale:

è scegliere un prodotto più genuino perché coltivato nei tempi e modi adeguati, senza rincorrere le regole del mercato , ma rispettando la natura; • è sostenere i piccoli produttori agricoli che ancora vivono del lavoro della terra salvaguardando e curando il nostro territorio; • è riscoprire antiche ricette sane e genuine che, basandosi su prodotti stagionali, ci nutrono e ci sostengono in modo adeguato durante l’inverno e ci rinfrescano e non ci appesantiscono durante la bella stagione. Ora l’occasione è ghiotta per venirci a trovare in piazza Santa Barbara, dove non troverete certamente la ricotta salata siciliana, ma un buon pezzo di Branzi; dove le verdure che troverete saranno perfette per un ottimo minestrone di stagione e tornati a casa potrete riproporre i cibi dei nostri nonni come “ers e codeghì”. Vi aspettiamo il primo sabato del mese! •

COLLABORA CON NOI Se vuoi collaborare al prossimo numero con foto, articoli o lettere inerenti a questioni di prevalente interesse locale, scrivi a: villadalme.informa@gmail.com. Ogni articolo deve indicare la data e la firma dell’autore, deve essere redatto tenendo conto e rispettando le opinioni ed il lavoro altrui, al fine di garantire la serenità del contraddittorio. La Redazione si riserva di pubblicare i contributi in funzione allo spazio disponibile e ai temi trattati nella prossima uscita. La scadenza per l’invio dei contributi è fissata per il 12/11/2017.

11

V

illa d’Almè Informa


Piccole cose a cura di Damiano Pelli, Pierluigi Viscardi e del consigliere Manuel Capelli

Happy Gere

I

Seconda edizione

n data 25/26 Agosto ha avuto luogo la seconda edizione di “Happy Gere” presso il Parco "Cav. I. Locatelli" in zona Ghiaie. La Antincendio Boschivo Protezione Civile ,l’Associazione Alpini i volontari dei Gruppi di Quartiere e il Comune, in collaborazione, hanno organizzato due bellissime giornate di festa. A differenza della prima edizione, la festa ha avuto inizio venerdì con l’apertura della cucina alle ore 19; la partecipazione del gruppo Alpini ha permesso di mettere a disposizione un menù completo con casoncelli, reginette al sugo di lepre, taragna con cinghiale, cotechini, costine, dolci, ecc. La serata è poi proseguita con l’intrattenimento musicale del Dj Adrew, supportato dallo stupendo schiuma party che ha coinvolto adulti e bambini riscuotendo un enorme successo. Il sabato la festa ha avuto inizio alle ore 16 con i laboratori per bambini organizzati dal gruppo giovani NoidiVilla. Successivamente, alle ore 19, è stata aperta la cucina: per concludere la serata, alle ore 21, il concerto del gruppo "Stereotipi". L’evento, oltre che a ravvivare il quartiere, ha avuto come obiettivo la raccolta di fondi per l’acquisto di attrezzature/divise per i lavori di pulizia che i volontari dei Gruppi di Quartiere svolgono con la Protezione Civile. La festa ha avuto un'ottima partecipazione e, al netto delle spese, sono stati raccolti circa € 3000 - contando il contributo comunale di € 1500. Fondamentale è stata la presenza e la disponibilità dei circa 60 volontari coinvolti tra Gruppi di Quartiere, Protezione Civile, gruppo Alpini e qualche volontario della zona che, oltre a darsi da fare, hanno creato un gruppo veramente unito, allegro e motivato che ha portato all’ottimo risultato. Giusto per darvi un’idea i lavori di montaggio sono iniziati giovedì alle 7 del mattino e il parco è stato ripulito da tutte le attrezzature domenica sera per le ore 18. La fatica è stata tanta, ma la vera soddisfazione è stata vedere persone di tutte le età, di gruppi diversi, ognuna con le proprie difficoltà, mettersi a disposizione senza nessuna remora cercando di aiutarsi a vicenda. Credo che questo valga di più di tutto…. Un particolare ringraziamento va a don Raffaele e a don Fabio che hanno prestato parte dell’attrezzatura necessaria , al gruppo Alpini di Almenno San Bartolomeo per i due bellissimi gazebi, ai seguenti sponsor che in vario modo hanno contribuito: Associazione BondeDopo 2 giorni di lavoro, il riposo dei piccoli volontari quo, Caeeb s.r.l., Capelli serramenti, Falgari Adriano e figli s.n.c., Fercolor, Fonti Prealpi, Giga trattamenti, Mangili Mario s.r.l., Marinoni raviolificio, Molino Farina Paolo, Ortofrutta Gotti di Crotti Angiola, Panificio f.lli Rinaldi, Pizzeria Carissimi, Rail bar, Riva Gioielli Unici e Turani Alessandro. Alle famiglie Locatelli e Ravasio che hanno messo a disposizione i loro garage come magazzino, a Valentina, Cristina e Valeria che hanno seguito tutta la parte burocratica per le autorizzazioni. Al nostro sindaco che oltre ad appoggiarci durante l’organizzazione è stato presente come volontario. La critica dello scorso anno era stata “Perché solo un giorno?” Mentre quella di quest’anno è stata “Perché solo due giorni?” Il primo anno era una prova, quest’anno eravamo uniti e preparati, ma ancora poco esperti; ma, visto il successo, il prossimo anno la ripeteremo e chissà...con un giorno in più. Grazie a tutti.

12

V

illa d’Almè Informa


Unione dei Comuni a cura del sindaco Manuel Preda

Unione dei Comuni

L

A che punto siamo?

o scorso 15 giugno la Giunta dell’Unione dei Comuni con la delibera n° 33 “Unione dei Comuni di Almè e Villa d’Almè – Riassetto della gestione associata dei servizi — Proposte e suggerimenti” ha disposto ulteriori proposte e provvedimenti per il riassetto della gestione associata dei servizi. Tale Deliberazione, votata all’unanimità, è frutto del mandato ricevuto, dai Consigli Comunali di Almè e Villa d’Almè e dell’Unione dei Comuni, lo scorso marzo, che avevano demandato alla Giunta la definizione “entro il mese di giugno 2017, di un cronoprogramma nel quale approfondire ulteriormente le analisi gestionali ed organizzative – anche sotto il profilo dell’impatto finanziario”. Le predette delibere avevano incardinato i primi provvedimenti condivisi dalle due maggioranze di riassetto dell’Unione dei Comuni, ri-attribuendo ai Comuni la gestione delle Biblioteche e dell’Assistenza scolastica, inoltre avevano elencato una serie di funzioni attribuite all’Unione da sottoporre ad approfondimenti e valutazioni per proseguire il riassetto fino al raggiungimento di un livello organizzativo sostenibile e funzionale per una messa a regime, a step, entro il 2019. L’obiettivo prefissato con questa riorganizzazione, una volta a regime, è la fine delle posizioni organizzative “miste” (ossia di medesimo responsabile per servizi dell’Unione e dei Comuni); fine delle assegnazioni di personale “miste” (ossia part-time all’Unione e ai Comuni); adeguata redistribuzione dei carichi di lavoro, finalizzata prioritariamente alla migliore erogazione dei servizi ai Cittadini. Alla luce delle valutazioni eseguite in questi mesi e preso atto della nomina di un commissario “ad actum” per l’approvazione dello schema del bilancio preventivo 2017 dell’Unione, nonostante si stesse procedendo all’approvazione dello stesso con tempistiche notevolmente migliori rispetto agli anni precedenti, si è deciso per un’accelerazione sui tempi del riassetto organizzativo propedeutico a consentire una più agevole esecuzione dei sempre più numerosi adempimenti riversati sugli Enti Locali (fra questi le Unioni). Pertanto nella Delibera della Giunta è stato definito il seguente cronoprogramma: • trasferimento ai Comuni delle pratiche edilizie

13

V

• •

delle attività produttive/commerciali tramite sportello SUE Comunale, con decorrenza immediata; trasferimento al Servizio Tecnico dell’Unione dell’Ufficio CED attualmente in capo al Servizio Affari Economici del Personale dell’Unione, dal 1/7/17; trasferimento ai Comuni della funzione Tributi, dal 1/7/2018; unificazione dei servizi Affari Generali e Finanziari dell’Unione con il Servizio Affari economici per il personale, dal 1/7/2018; affiancamento del futuro responsabile unico dei Servizi Affari Generali, Finanziari, Personale agli attuali per coadiuvare gli stessi nella predisposizione dei prossimi Bilanci e al contempo acquisire le necessarie competenze.

A seguito di nuove direttive ed informazioni avute, resta ancora in fase di approfondimento e valutazione l’opportunità della separazione per territorio degli impianti di pubblica illuminazione. Viene invece rimandata ad un atto successivo la riorganizzazione di Polizia Locale, commercio, pubblici esercizi, fiere e mercati, SUAP in attesa di poter reintegrare il personale andato in pensione o trasferito così da associare alle funzioni anche le adeguate risorse umane. Il percorso di riorganizzazione era stato intrapreso di comune accordo dalle due Amministrazioni dopo uno schietto confronto che aveva evidenziato l’impossibilità di addivenire alla Fusione dei due Comuni ed al contempo le oggettive criticità sopravvenute di funzionamento dell’Ente così come strutturato. Come amministratore, posso affermare che la soluzione ottimale rimane sempre la Fusione, ma siamo convinti che con gli adempimenti che stiamo adottando la condizione dei Comuni e dell’Unione migliorerà, restituendo a quest’ultima il valore aggiunto che aveva portato alla sua creazione. Prossimo passo sarà infatti la modifica dello statuto dell’Unione raggiungendo così i requisiti obbligatori per permettere la sua iscrizione al relativo Albo Regionale intercettando di conseguenza ulteriori risorse economiche a vantaggio dei cittadini Villa d’Almè e di Almè.

illa d’Almè Informa


Istruzione a cura della Scuola Primaria Mons. P. Sigismondi

45 anni di intitolazione Scuola Primaria Mons. Pietro Sigismondi

C

on delibera n° 37 del 3 giugno 1972, all’unanimità il Consiglio Comunale di Villa d’Almè autorizzava l’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Morandi Giangiuseppe, alla posa di una lapide in ricordo di “Mons. Pietro Sigismondi” nell’atrio della scuola elementare e ne sanciva in tal modo l’intitolazione.

Il 22 aprile scorso, nell’atrio della scuola elementare, ora scuola primaria, si è tenuta una significativa cerimonia a ricordo della intitolazione al nostro emerito concittadino Mons. Pietro Sigismondi, avvenuta 45 anni fa, a soli 5 anni dalla sua scomparsa. Nei giorni precedenti la cerimonia, i volontari del Gruppo Missionario Parrocchiale, hanno installato nell’atrio d’ingresso della scuola una serie di pannelli con fotografie raffiguranti i momenti più significativi della vita di Monsignor Pietro Sigismondi, per dar modo agli alunni e al personale scolastico di conoscere da vicino questa importante figura di religioso e fine diplomatico. La mostra fotografica è rimasta aperta fino alla fine dell’anno scolastico. Alle ore 11, alla presenza di tutti gli alunni delle classi terze, quarte e quinte, delle loro insegnanti, della Dirigente Scolastica dott.ssa Marta Beatrice Rota, dei rappresentanti del Gruppo Missionario, del Sindaco, del Parroco, dei parenti più stretti dell’Arcivescovo, tra cui il fratello Giacomo con i nipoti, oltre che di nu-

14

V

merosi cittadini, si è dato il via alla commemorazione. Molteplici gli interventi che si sono succeduti: il saluto della Dirigente Scolastica, la presentazione del profilo dell’arcivescovo da parte della signora Cinzia Cometti, le emozionanti parole del fratello Giacomo indirizzate ai bambini e alle bambine della scuola, la lettura della “delibera del Consiglio Comunale” da parte di una delle figlie di Giacomo Sigismondi e l’intervento della signora Rosa De Leidi, nel 1972 insegnante nella medesima scuola, che ha ricordato come la scelta di intitolarla a Mons. Sigismondi venne individuata tra una rosa di tre candidature. Significativa è stata anche la rievocazione fatta da due alunne di quinta, Anna e Giulia, di un testo che gli alunni nel 1972 avevano dedicato all’Arcivescovo. Hanno chiuso gli interventi il sindaco Manuel Preda e il parroco Don Raffaele che hanno sottolineato l’importanza della memoria e della conoscenza della nostra storia locale per meglio amarla ed apprezzarla. Il signor Mostosi Andrea del Gruppo Missionario, ha invitato la Dirigenza Scolastica e l’Amministrazione Comunale ad introdurre la prassi che riporti su ogni atto ufficiale la dicitura completa “Scuola Primaria Mons. P, Sigismondi”. Infatti, trascorsi i primi decenni dalla sua scomparsa, durante i quali la memoria di Mons. P. Sigismondi era viva e ben presente nella collettività, la sua figura risulta oggi quasi sconosciuta alle giovani generazioni. Anche questo è un modo di farne memoria. Al termine della cerimonia, il signor Giacomo Sigismondi ha donato alla Dirigente Marta Beatrice Rota e alla responsabile di plesso, l’insegnante Barbara Gasparini, alcuni volumi della biografia che la Parrocchia di Villa d’Almè ha pubblicato nel ricordo del nostro Arcivescovo.

illa d’Almè Informa


a cura di Marta Frigeni

Decreto vaccini

I

I dettagli della circolare

l primo settembre 2017 il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e il Ministero della Salute hanno diramato una circolare ministeriale congiunta, allo scopo di fornire alcune indicazioni concernenti l’applicazione della legge in materia di prevenzione vaccinale, in modo da agevolare le famiglie nell’adempimento degli obblighi previsti. I nati tra il 2001 e il 2016 dovranno essere in regola con 9 vaccinazioni: quelle comprese nel vaccino esavalente (anti tetano, difterite, poliomelite, epatite B, pertosse e Haemophilus influenzae di tipo B) e nel trivalente (anti morbillo, parotite e rosolia); i nati dal 2017, oltre ad essere in regola con le vaccinazioni sopra citate, dovranno immunizzarsi con l’anti varicella. Per quanto riguarda la documentazione da presentare, con riferimento all’anno scolastico 2017/2018, tale circolare specifica che i genitori/tutori/affidatari di minori da 0 a 16 anni (16 anni e 364 giorni), dovranno fornire alle scuole i seguenti documenti a seconda dei casi: 1. Idonea documentazione a prova dell’effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie previste in base all’età, rilasciata dal competente servizio della ASL; 2. Idonea documentazione a prova l’avvenuta immunizzazione a seguito di malattia naturale: copia della notifica di malattia infettiva effettuata alla ASL dal medico di medicina generale/pediatra di libera scelta del SSN ovvero attestazione rilasciata da quest’ultimo; 3. Idonea documentazione sanitaria a prova dei requisiti previsti per l’omissione o il differimento di tali vaccinazioni: attestazione rilasciata dal medico di medicina generale/ pediatra, coerentemente con quanto stabilito dal MdS e dall’ ISS;

15

V

4. Copia della richiesta formale di vaccinazione alla ASL competente per territorio, relativamente alle vaccinazioni obbligatorie non ancora effettuate, secondo le modalità indicate dalla ASL stessa per la prenotazione. Il termine utile per la presentazione della documentazione agli uffici delle scuole dell’infanzia è scaduto l’11 settembre 2017 e, poiché tale certificazione costituisce un requisito di accesso, i minori non in regola non potranno avere accesso ai servizi educativi. Diversa è invece la situazione per le altre istituzioni del sistema nazionale di istruzione (scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado) e i centri di formazione professionale regionali, per i quali la documentazione va presentata entro il 31 ottobre 2017 e non costituisce requisito di accesso alla scuola. Per agevolare le famiglie, in luogo della documentazione a prova dell’effettuazione delle vaccinazioni, potrà essere temporaneamente presentata un’autocertificazione (dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà), la cui documentazione relativa (copia del libretto vaccinale vidimato dalla ASL) dovrà pervenire agli uffici scolastici entro il 10 marzo 2018. La mancata presentazione sarà in ogni caso segnalata, entro i successivi 10 giorni, alla ASL territorialmente competente che avvierà la procedura prevista per il recupero dell’inadempimento.

illa d’Almè Informa


Cultura a cura di Luigi Rota

I roccoli I

Ricordi di un tempo

l territorio collinare alle spalle del nostro comune è punteggiato da numerosi riferimenti che rimandano a un’attività venatoria – l’aucupio - praticata fino al secolo scorso: i roccoli. Ecco qualche esempio di toponimi trovati nelle carte ottocentesche della nostra zona: roccolo della bacchettina, bosco al roccolino, roccolino di sotto, roccolo Simonini, roccolo Olmi, roccolino sopra Violo, gromo all’uccellandina, roccolo ai prati Parini, roccolo al Canto, campo del roccolo, e si potrebbe continuare. Il roccolo, ròcol, è quell’impianto usato per catturare i volatili non con le armi, ma con richiami vivi detti zimbelli, sàmbei, cioè uccelletti come stornelli e tordi, tenuti legati o ristretti in gabbiette. Ciò richiede la costruzione e la manutenzione di un corridoio-galleria verde, formato di arbusti con rami curvati, caminada o sigaler, e alte reti, collegato a una struttura arborea a forma di semicerchio, al centro del quale c’è un boschetto di piante ricche di bacche, come ciliegi selvatici e sorbi, che servono come richiamo alimentare. Su tutto domina il casello in muratura, casèl, opportunamente mimetizzato con edera e piante rampicanti, dove sta il roccolatore, che utilizza anche una serie di zuffoli da richiamo di legno o di metallo, i sifulì, per imitare il canto dei vari uccelli, onde attirarli. Egli, da un’apposita feritoia, la spiaröla, controlla l’arrivo dei migratori

16

V

e, spaventandoli con uno spauracchio, una specie di ventaglio di vimini intrecciati, lo sboradùr, li fa fuggire verso le reti, le récc, predisposte a maglie strette (per i passeriformi) o maglie larghe (per i tordi) dove si “insaccano”, restando impigliati. Quello qui riprodotto è un disegno inedito - di un eccezionale e imponente roccolo, un vero e proprio impianto di architettura verde, che esisteva in Bruntino ancora nei primi anni dell’Ottocento. Proprietari erano i facoltosi fratelli Antonio e Francesco Baglioni residenti in Bergamo Alta, i quali avevano la casa dominicale nel nostro paese, nel luogo dove oggi si trova l’omonima Casa di riposo. Oggi buona parte dei roccoli è inutilizzata, abbandonata, inselvatichita e non più riconoscibile, perché la legge li vieta per l’uccellagione. Addio alla polenta e osèi, piatto tipico dei nostri territori! Oggi, quei pochissimi attivi si sono trasformati in Stazioni Ornitologiche, le sole autorizzate alla cattura dei volatili, dove essi sono schedati, muniti di un anello identificativo al tarso, e rimessi in libertà. In questo modo, in caso di ripresa, è possibile risalire alle precedenti stazioni di cattura, distribuite in tutta Europa e fra loro collegate, per lo studio delle migrazioni ornitologiche.

illa d’Almè Informa


a cura della Redazione

Prossimi appuntamenti UNIVERSITÀ ANTEAS DI BERGAMO - SEZIONE DI VILLA D’ALMÈ Per il XX Anno Accademico, l’Università per la Terza Età propone un nuovo ciclo di incontri organizzati in due macro temi: “Il mosaico del mondo” e “Tra storia, scienza e cultura locale”. Il primo nucleo offrirà una panoramica fra Asia e Oriente, passando dalla nostra Europa, alla ricerca delle radici condivise; la seconda parte affronterà, invece, un viaggio nella cultura locale attraverso letteratura, arte e scienza. Gli incontri si terranno presso la sala consiliare del Comune di Villa d’Almè tutti i venerdì (settembre-dicembre) dalle ore 15.00 alle ore 17.00. Le iscrizioni, unitamente ad un contributo di € 40,00, si riceveranno durante il primo giorno di corso. PROGETTO “IL GUSTO DEI SENSI” Mangiocando propone un mini-corso di educazione alimentare per bambini dai 6 ai 10 anni. Tramite storie, attività motorie e pratiche con il cibo e non solo si coltiverà il concetto di avventura, il valore dell'autocoscienza, della stima e delle qualità di ogni bambino. Gli incontri si terranno presso la Sala Polivalente i pomeriggi del 4, 11 e 18 novembre dalle 17.00 alle 19.00. Il costo dei 3 incontri è di € 15,00. Ulteriori info presso la Biblioteca. Durante il primo incontro si terrà la lezione "Genitori e figli in cucina". ASPETTANDO S. LUCIA - XII EDIZIONE Pronti per “Aspettando Santa Lucia” in programma per il prossimo 3 Dicembre? Tornano, con tante novità, i tradizionali mercatini di Natale nel centro storico del nostro paese. Per associazioni, commercianti, artigiani e hobbisti c'è tempo fino al 17 Novembre per iscriversi. Per ulteriori informazioni visita il sito del Comune (per le associazioni rivolgersi alla Consulta). READING TEATRALE “L’ALTALENA DELLA VITA” Giovedì 19 ottobre alle ore 20.30 presso il teatro S. Carlo (Oratorio di Villa d’Almè) andrà in scena “L’altalena della vita”, un reading teatrale costruito sulla drammatizzazione di testi prodotti dai pazienti del CPS di Zogno e del RHA di S. Giovanni Bianco. Diretti da Silvia Briozzo, i pazienti-attori saliranno sul palco per presentare al pubblico il frutto di un laboratorio di scrittura di cui sono stati protagonisti. Lo spettacolo sarà introdotto da un breve intervento relativo al progetto Welfare di Comunità e da una presentazione della serata a cura della regista. Sponsor

17

V

illa d’Almè Informa


Politiche giovanili a cura del consigliere Simone Gamba

#giovanestate’17

S

Un’estate per tanti vissuta da tanti

cuola, lavoro, incontri, allenamenti sono ripresi dopo la pausa estiva, ma sono stati diversi i momenti che hanno scaldato l’estate 2017 e che hanno visto impegnate le diverse realtà del nostro territorio. I C.R.E., le uscite, i campeggi hanno interessato anche quest’anno i nostri ragazzi delle parrocchie di Villa e Bruntino, le società sportive e le numerose associazioni hanno concluso le proprie attività organizzando tornei, giochi, feste e diversi momenti di pura aggregazione.

E’ stata un’estate calda e attiva anche per i giovani del gruppo “NoidiVilla”, che anche quest’anno, insieme alla Consulta delle Associazioni, hanno organizzato lo scorso 23 e 24 giugno la “Festa al Casoncello” nella bella cornice del Parco del Borgo. Non è neppure mancato l’ormai tradizionale appuntamento con il “Villa volley Beach”; il torneo, giunto alla sesta edizione, ha coinvolto una dozzina di squadre con il contributo e l’impegno diretto di tre nostri giovani: Festa al Casoncello Nicola, Michele e Davide. A loro, all’Oratorio S. Carlo, all’Avis e all’Almevilla va espresso un sentito ringraziamento per l’organizzazione e la collaborazione. Per i più piccoli il periodo estivo è stato anche il momento di Verde Giò nella fresca e affascinante valle del Giongo! Quest’anno, viste le numerose e sempre più crescenti richieste di partecipazione, l’evento si è svolto in due settimane e ha coinvolto quasi 80 ragazzi accompagnati dagli educatori della cooperativa sociale “Il Cantiere” e da alcuni adolescenti. Come anticipato nello scorso numero, a luglio un buon numero di ragazzi ha vissuto un’esperienza di pulizia e manutenzione del territorio comunale. L’iniziativa, fortemente voluta dall’Assessorato alle Politiche Giovanili e dal progetto adolescenti comunale, ha trovato una preziosa collaborazione nei volontari dei “Gruppi di Quartiere”, nel collega consigliere Manuel Capelli, negli Alpini Sez. Villa d’Almè e nella Protezione Civile-Antincendio boschivi. Pennelli, Laboratori all’Happy Gere forbici e rastrelli hanno dato la possibilità ai ragazzi in prima persona di rendere il nostro paese più bello e vivibile. Esprimo il mio grazie a nome di tutta la nostra Comunità per l’impegno, la volontà e il lavoro svolto da tutti i soggetti impegnati in questo semplice ma straordinario momento educativo, con l’auspicio che esso possa essere riproposto anche il prossimo anno. Un pomeriggio di giochi, colori, cornici e tornei hanno animato a fine agosto i bambini presenti al parco Locatelli in occasione dell’”Happy Gere”. Il gruppo giovani infatti tra sfide al pallone, bandierina saponata e tanti lavoretti ha cercato il coinvolgimento dei più piccoli, già richiamati la sera precedente dal divertente “schiuma party”. È stata proprio un’estate per tanti vissuta da tanti grazie all’impegno Happy Gere di tanti villesi che, in diverse modalità, hanno cercato anche quest’anno di organizzare e animare tantissimi momenti di aggregazione e divertimento. Riteniamoci soddisfatti e grati per il lavoro svolto e il tempo investito per mantenere Villa d’Almè un paese vivo e attivo.

18

V

illa d’Almè Informa


Giovani al lavoro!

D

Un’area di ristoro fra le colline del “Ronco”

all’inizio dell’estate, percorrendo il passaggio a lato della Cascina “del Ronco” è possibile utilizzare una piccola area ristoro grazie al lavoro di alcuni giovani villesi. Dopo anni interminabili tra richieste, autorizzazioni e progettazioni, la realizzazione di questa struttura è finalmente stata possibile. Nei prossimi mesi verranno inoltre installate piante da frutto, bidoni per rifiuti e un piccolo barbecue.

Esprimo con tutto il cuore il mio grazie a nome di tutti i cittadini per l’ottimo lavoro svolto con pazienza (data la lunghissima attesa) e per la tenacia e la determinazione a: Manuel, Dario, Helder, Nicola R., Simone, Nicola G., Emanuele, Mirko e Michele senza dimenticare il sostegno della “Cooperativa Oikos”, nelle persone di Marco e Rosaria, e all’Impresa Falgari nella persona di Pierangelo.

Con l’anno scolastico è ricominciato anche lo “Spazio Compiti” rivolto agli studenti dalla terza elementare alla terza superiore. Il servizio, oltre a risultare un aiuto concreto nello svolgimento dei compiti, si pone come obiettivo lo sviluppo tra i ragazzi di responsabilità, autonomia e collaborazione.

Le iscrizioni si possono effettuare direttamente presso le aule dell’Oratorio di Villa d’Almè, dove viene svolto, rivolgendosi al Sig. Mario Rota. Per informazioni visitare il sito web comunale o contattare simone.gamba@comune.villadalme.bg.it

UNA NUOVA GUIDA PER L’ORATORIO SAN CARLO Nello scorso mese di giugno, il Vescovo di Bergamo ha nominato don Giovanni Crippa come nuovo curato di Sant’Anna in Città e chiamato a servizio della nostra parrocchia di Villa d’Almè il novello sacerdote don Marco Fornoni. L’Amministrazione Comunale ringrazia don Giovanni per l’impegno profuso nella nostra Comunità nei sei anni vissuti in paese e porge un caloroso augurio a don Marco per l’incarico affidatogli, consapevoli dell’importanza educativa e ricreativa che l’Oratorio da sempre riveste.

RAGAZZI ON STAGE! A VILLA ARRIVA LA SCUOLA DI TEATRO Da ottobre partirà un corso di teatro rivolto alla fascia di età 8-18 anni e ad adulti, organizzato dall’associazione culturale “La vecchia Sirena”. L’iniziativa, a cui aderiscono anche i vicini Comuni di Paladina, Almenno San Salvatore e San Bartolemeo, sarà ospitata anche a Villa d’Almè dove verrà proposto il corso per adolescenti (dai 15 ai 18 anni). Nel mese di maggio, sarà presentato alla cittadinanza uno spettacolo preparato dai corsisti durante i prossimi mesi.

19

V

illa d’Almè Informa


a cura di Arianna Pasta


Storie di quartiere COM'ERA UNA VOLTA...VILLA D’ALME’ E LA SUA INDUSTRIA

C

on questo nuovo articolo concludiamo il

delle Ghiaie attirarono alcune grosse attività

nostro percorso nella zona Ghiaie, dove

industriali, fra cui la più importante fu il Linificio

approfondiremo il suo exploit industriale. Rin-

e Canapificio Nazionale, ancor oggi esistente,

grazio di nuovo Romano Capelli per la sua col-

ma con il personale ridotto a causa del trasferi-

laborazione e per i suoi preziosi scritti.

mento di gran parte della sua attività in altri Paesi (Tunisia e Lituania). La sua realizzazione,

Fra il 1500 e il 1600, mentre sulle sponde del

risalente al 1840, creò inizialmente posti di la-

fiume Brembo fiorivano numerose attività

voro per circa 340 operai, fino ad arrivare ad

artigianali, nei territori che circondavano i

oltre 2.000 nel suo periodo più prospero. At-

nuclei abitativi di Villa d’Almè, Bruntino ed Al-

tualmente l’attività più redditizia per il Linificio è

mè, prevalevano invece il

invece

piccolo artigianato, i lavori

dell’acqua del canale che lo

agricoli, gli allevamenti e la

alimenta per produrre ener-

silvicoltura.

gia elettrica.

La zona delle Ghiaie si era

Nel 1876 il linificio divenne

sviluppata perché era possi-

la terza società quotata alla

bile sfruttare le acque del

Borsa di Milano.

fiume

Brembo

lo

sfruttamento

(attraverso

canali) per azionare mulini,

Dal 1906 al 1907 la zona

magli, mole e segherie, non-

Ghiaie si arricchiva anche di

ché potere utilizzare la stes-

un nuovo stabilimento: il ce-

sa acqua per alcune lavora-

mentificio Radici e Pre-

zioni, come quelle di conce-

vitali, che ha iniziato con

ria, tintoria, ecc., senza contare la possibilità di

quattro forni, ma dopo soli tre anni, grazie

sviluppare delle attività estrattive di sabbia, di

all’ottimo materiale che una teleferica trasporta-

ghiaia (appunto) e di pietre da costruzione.

va dalle cave di Strozza, poté aumentare ad

Dal 1800 invece abbiamo lo sviluppo di una

otto i forni da cemento ed a cinque quelli della

crescente industrializzazione che coinvol-

calce. Il cementificio (assorbito dal gruppo Ital-

ge l'intera Europa. Nel 1810 Philippe de Gi-

cementi nel 1911) fu però dismesso alla fine

rard depositò il brevetto del primo filatoio a u-

dell’ultimo conflitto mondiale perché risultava

mido, che diede il via alla filatura del lino e nel

non essere più strategico.

1873, sulla scia dello sviluppo industriale, il 14

Non è un caso che il percorso della Ferrovia

gennaio nacque il Linificio e Canapificio

della Valle Brembana, la cui prima tratta

Nazionale S.p.A., per volontà di Andrea

Bergamo-S. Giovanni Bianco fu inaugurata nel

Ponti. L’abbondanza di acqua e la vasta piana

1906, fu fatto transitare dalle Ghiaie su pressio-


ne dei grandi industriali locali, contrariamente

sti ultimi anni e riadattato ad altre funzioni). In

alla volontà dei comuni interessati e di gran

seguito alle Ghiaie si sono insediate anche altre

parte della popola-

industrie, fra le quali

zione che invece lo

una grande segheria

voleva dove attual-

(sostituita in seguito

mente si trova la ex

da un impianto per il

S. S. 470 che colle-

confezionamento del

ga

calcestruzzo,

Bergamo

alla

con

Valle Brembana. A

una rivendita di ma-

proposito della ferro-

teriali edili) ed una

via (dismessa a metà

tintoria di filati.

degli anni '60 del

Riguardo agli inse-

secolo scorso), biso-

diamenti

artigianali

gna dire che sul territorio delle Ghiaie esiste

ed industriali avvenuti nei secoli passati, esisto-

ancora un ponte in arco, posto sopra il vecchio

no ancora dei toponimi riferiti ad alcuni edifici

torrente Rino e la via Dante che, assieme a

e zone delle Ghiaie, fra i quali i più noti sono:

quelli sul torrente Brembilla e sul Brembo, furo-

la “Confetöria”, una conceria di pelli risalente

no i primi ponti ferroviari italiani costruiti in

al 1600 e, da alcuni documenti del 1804, risul-

calcestruzzo armato; solitamente fino a quell’e-

ta che annualmente vi si confezionavano 50

poca i ponti furono costruiti utilizzando travatu-

pelli di bue, 150 di vitello e 200 di capra e a-

re metalliche (come

gnello, destinate per

quello sull’Adda a

lo più alla fabbrica-

Calusco),

oppure

zione di calzature;

squadrate,

e il “Furegn” (lett.

pietre

nonché mattoni ros-

Forni),

si cotti e legati con

edificio che fa ango-

malta di cemento.

lo fra Via Gotti e

Ai primi del 1900

Via Calvi, dietro il

la

delle

quale, in un ampio

Ghiaie ebbe anche

piazzale la cui en-

un grande impul-

trata carrale è anco-

so edilizio che,

ra utilizzata e visibi-

zona

un

doppio

grazie alla notevole industrializzazione che si

le a fianco del canale, sono ancora riconoscibi-

era insidiata ed il conseguente transito locale

li i ruderi del vecchio cementificio.

della ferrovia adibita al trasporto, sia di merci

Il doppio edificio, ancora oggi abitato, era ri-

che di persone, portò alla costruzione di nume-

servato, per la parte dove c’è l’entrata carrale

rosi edifici, da parte del Linificio e del cementifi-

(via Gotti), ad uffici ed ad alloggi per impiega-

cio, per l’alloggio dei lavoratori (in seguito ven-

ti, mentre nell’altra parte ad alloggi per operai,

duti agli occupanti), di un dopolavoro con cam-

che facevano anche servizio di sorveglianza

pi di bocce, di una mensa (ormai entrambi ab-

(angolo fra Via Gotti e Via Calvi).

bandonati) e di un albergo (ristrutturato in quea cura di Riccardo Mazzocchi e Romano Capelli


Sport a cura del consigliere Simone Gamba

Simone, Lisa e Matteo Un po’ di Villa in Europa e nel mondo stata un’estate entusiasmante per il nostro paese. Un’estate ricca di soddisfazioni e di risultati gloriosi per tre giovani concittadini impegnati a rappresentare non solo la nostra piccola realtà, ma anche la nazionale italiana.

È

La prima passa dal giovanissimo Simone Falgari, ex pallavolista dell’AlmeVilla (ora in forza al Trentino Volley) impegnato a luglio negli europei Under 17 della nazionale italiana di pallavolo allenata dal CT Bruno Morganti. Quella di Simone, ora residente a Valbrembo, è una carriera sempre più promettente con la già rodata partecipazione e la conquista di numerosi tornei regionali e nazionali. Il cammino all’europeo per gli azzurrini è stato entusiasmante viste le vittorie nette passate contro la Russia, la Repubblica Ceca, la Spagna, la Turchia e la vittoria finale contro il Belgio che ha permesso di aggiudicarsi il titolo di Campioni d’Europa. Diverse sfide attendono ancora l’opposto villese a partire dalle fasi di qualificazione per l’europeo under 18… ma già questo descrive una fantastica avventura e carriera.

anno straordinario partendo dalla prima convocazione nella nazionale italiana alla preparazione dei mondiali di corsa in montagna a Sestriere con tutto il gruppo azzurro. La gara “della vita” per Lisa è stata il 6 agosto scorso con la partecipazione al Campionato di corsa in montagna svolto a Premana (LC) dove è riuscita ad ottenere il 13esimo posto assoluto e a conquistare così Simone Falgari l’oro MONDIALE di squadra poco davanti a Stati Uniti e Romania. Un risultato straordinario per la giovane mamma e moglie da sempre sportiva e determinata. Non da ultimo si segnala e ricorda il grande Matteo Giupponi. Ad un anno dalla splendida partecipazione alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, che gli fecero Lisa Buzzoni conquistare uno strepitoso ottavo posto, per il marciatore villese il mese di agosto è stato tempo per i mondiali di marcia. Nonostante una serie di problemi fisici, che ne hanno rallentato la preparazione, per Matteo è da segnalare il quarantottesimo posto raggiunto alla massima competizione svoltasi a Londra.

Tre volti, tre storie, tre imprese diverse. Tutte con indosso la maglia della nazionale italiana e con Altrettanto fantastiche sono la l’emozione di vivere un’esperienza tenacia e l’instancabile forza che mem ora bi le . Un risul tat o Matteo Giupponi trascinano Lisa Buzzoni classe 1987 entusiasmante per il nostro paese, da qualche anno residente a Bruntino. Per un orgoglio per ognuno di noi! Grazie per l’atleta nativa di San Pellegrino è stato un averci emozionato!

24

V

illa d’Almè Informa


Associazioni a cura di Luca Maini

Bergamoscienza 2017

D

Ancora presenti!

opo il brillante percorso di BergamoScienza dei due anni passati, il Museo S. Sini, grazie all’energia e alla passione dei suoi volontari, si è proposto anche per l’edizione 2017, riuscendo ad accreditarsi con successo per il terzo anno consecutivo! I laboratori proposti sono tutti essenzialmente improntati sulle Scienze Naturali, materia prediletta che rispecchia appieno il tipo di collezioni permanenti del nostro piccolo (e prezioso!) centro culturale; un occhio di riguardo spetta quest’anno anche all’Ecologia, disciplina che soprattutto in questi ultimi anni è fondamentale conoscere e approfondire. In quest’edizione sono proposti alle scuole due interessanti progetti: • “Storia di un fossile” - Attraverso i reperti presenti e i vari pannelli dedicati si creerà LU 2/10 10:00-12:00 SA 7/10 e 14/10 15:00-17:00 DO 8/10 8:30-11:00

un percorso che partirà dalla datazione delle rocce e dei fossili, proseguendo con la spiegazione dei processi di fossilizzazione, conservazione, incrostazione, carbonizzazione, distillazione e mineralizzazione (a cura di Esposti Elvio); • “Cibo per tutti? Sai costruire una mangiatoia” - Con semplici attività sarà indicato come costruire semplici e veloci mangiatoie per uccelli da disporre sui terrazzi e nei giardini per aiutare pettirossi, merli e altri piccoli abitanti delle nostre città a superare l'inverno (a cura di Salvi Roberta). Oltre alle proposte più “scolastiche”, per tutti gli appassionati delle scienze (o del nostro Museo), ecco l’elenco delle attività aperte a tutti.

“Conchiglie gioielli di mare e di terra” c/o Museo S. Sini a Villa d’Almè Il progetto vuole mettere in evidenza la conoscenza delle conchiglie mediterranee sia marine che terricole individuando attraverso lo studio diretto le varie specie e il loro habitat (a cura di Cattaneo Danilo) “Il popolo migratore” c/o località Cava Capannelle di Grassobbio I Volontari dell’Associazione CAPANNELLE ONLUS predisporranno una cattura per effettuare il monitoraggio dell’avifauna, l’inanellamento a scopo scientifico e l’analisi degli aspetti biologici degli uccelli.

Prenotarsi per un’attività è semplicissimo: occorre dapprima registrarsi al sito www.bergamoscienza.it e successivamente accedere al programma dell’edizione 2017 per iscriversi ai singoli eventi. Per maggiori informazioni circa le possibilità d’iscrizione consultare anche www.bergamoscienza.it/it/festival/programma-2017. L'esperienza di BergamoScienza termina con la nostra annuale “Giornata del Museo” che si terrà domenica 15/10. Vi attendono mostre naturalistiche, visite guidate e laboratori sulle esposizioni permanenti di conchiglie, farfalle e fossili; non mancheranno inoltre giochi per bambini, bolle di sapone, un magico intrattenimento musicale e una gustosissima merenda. Vi aspettiamo!

25

V

illa d’Almè Informa


a cura della ONLUS Dinamico

Nasce Dinamico

Q

Il gioco e lo sport nello sviluppo della persona disabile

sala consiliare del comune di Villa d’Almè e il cui estratto del programma è il seguente: • dal significato di GIOCO per l’infanzia e come il gioco diventa sport dal punto di vista dello sviluppo psicologico - dott.ssa Nora Magni; • il GIOCO per la disabilità…perché diventa un binomio importante nel quadro dell’analisi funzionale - dott. Claudio Gazzaniga; • il GIOCO elemento inclusivo - dott. Giuseppe Vadalà; • facciamo finta che adesso giochiamo - Aretha Capelli. Interverranno inoltre dalla neuropsichiatria la dott.ssa Tiziana Milardi, l’assistente sociale Vanna Frosio e il campione paraolimpico Giordano Tomasoni.

giocare insieme senza esclusioni. La maggioranza dei bambini e dei ragazzi con disabilità riceve attenzioni di carattere fisioterapico per lo più riabilitativo, ma quando possono giocare con altri? Nel corso dello sviluppo e soprattutto durante la scolarizzazione, l’attività di gruppo farà scoprire al bambino la cooperazione, nella misura in cui il risultato di un’azione non dipende solo da sé stesso, ma dallo sforzo collettivo. L’individuo, per essere incluso nel gruppo delle attività, cerca di farsi accettare e riconoscere dai suoi simili. Per questo deve tenere conto dell’effetto prodotto dal suo comportamento sugli altri e modulare gli atteggiamenti su ciò che percepisce essere la norma di funzionamento del gruppo. Si potrebbe stendere un trattato sulla dimensione di sviluppo nel gioco, ma è ora di iniziare! Per tale ragione La ONLUS DinAmico sta monitorando il territorio al fine di trovare gruppi simili che si occupino dei gioco-sport per ragazzi con disabilità per creare ponti e reti di comunicazione e scambio delle esperienze.

La volontà di partire da un convegno nasce dal fatto che la dimensione culturale è l’unica via possibile da percorrere se si vuole lasciare spazio all’inclusione, prima mentale e poi nei fatti. Si potrebbe pensare che ci siano già sufficienti possibilità di aggregazione motoria; in realtà, ci si chiede come sia possibile includere in discipline con atteggiamenti motori attesi persone che hanno blocchi motori forzati dalla nascita o per i quali il battito delle ciglia, piuttosto che il soffio dalle labbra, risulta essere il solo possibile atto motorio volontario. Non è facile realizzare l’inclusione. La costruzione spazio-temporale per la condivisione di giochi psicomotori con approccio allo sport, all’aiuto per la ricerca e alla scoperta personale delle possibilità motorie residue, si ricava dal

DinAmico è una ONLUS che muove i primi passi verso un’esperienza di attività di giocosport per il tempo libero dei ragazzi. Sebbene l’idea di gioco rimanda nell’adulto l’immagine di tempo perso, di inutilità, di spazio marginale è bene ricordare agli adulti che nel gioco si costruiscono le basi motorie e cognitive delle discipline sportive. Tutto comincia come un gioco, ovvero con quella leggerezza, quella allegria che spinge al fare senza sentirne la fatica fisica, poi… tutto cambia. Per i bambini e i ragazzi è necessario trovare adulti attenti al benessere, inteso come possibilità di sviluppare nuove attività e di praticarle in modo intenzionale. Il movimento ha il vantaggio di essere una base utilizzabile in tutti i casi e a tutte le età.

uando inizia il GIOCO e dove arriva? Quando è definito SPORT all’interno di una cornice inclusiva? A queste domande cercherà di dare una risposta il convegno del 30/09/2017, presentato dalla onlus DinAmico, dal titolo “Il GIOCO e lo

SPORT come elementi per lo sviluppo della persona con disabilità” che si terrà presso la

26

V

illa d’Almè Informa


a cura di Gloria Pellegrinelli

Passione due ruote I

Molto più di un semplice motoclub...

l 7 maggio scorso, in via Mazzini, ha aperto la sede villese del Motoclub Prealpi Orobiche, un motoclub che tra tesserati e simpatizzanti vanta la bellezza di 320 iscritti. Il motoclub, prima collocato a Petosino e affiliato all’ FMI di Milano, però, esisteva già da alcuni anni. Era infatti il 2010 quando, durante una serata al bar, tra una chiacchiera e l’altra, sette amici concepirono l’idea di fondare un motoclub. Devo precisare: un motoclub di Vespe, Morini e Gilera, un motoclub la cui protagonista fosse la moto d’epoca; “perché tale - come il presidente Ferruccio Falgari ci racconta - “era e rimane la nostra passione”. Passione. Un concetto fondamentale su cui il motoclub ha preso forma e grazie al quale ora ci spieghiamo come, in soli sette anni, esso abbia raggiunto il grado di efficienza attuale e quel bagaglio di servizi e iniziative che offre e che ora vi andremo a illustrare. Possedere una moto d’epoca conferisce un certo fascino, ma comporta anche cure maggiori. Infatti, specialmente se molto vecchie, le moto d’epoca rischiano di non essere più abilitate alla circolazione, perché radiate o demolite. Ebbene, tra i servizi principali che il motoclub offre c’è indubbiamente il recupero della moto d’epoca, sia attraverso un restauro, che per mezzo delle procedure burocratico-legali necessarie e certificate, volte alla ri-motorizzazione della moto. L’obiettivo è valorizzare, e l’utente viene seguito in questo percorso in tutto e per tutto, dal ricambio–pezzi, all’assicurazione, alle targhe per l’immatricolazione. Una volta riabilitata la vostra vecchia “compagna di viaggi”, sarà il momento di ricominciare a portarla a spasso. Un’ iniziativa che va ritenuta interessante, visto il successo riscosso (va avanti da ormai 11 anni) è il cosiddetto Motoraduno di Zogno. Si tratta di un Tour della ValBrembana, lungo un percorso di 25.9 km, che, partendo da Zogno, passa anche per in paesi di ValBrembilla, Sedrina e Stabello. Il tempo stimato per portare a termine la competizione è di sole 1 h e 25 min, cosa che la rende, più che una gara (tra l’altro con ben tre premiazioni diverse), un’occasione per rilassarsi e assaporare il territorio. Il tutto può essere considerato un evento piacevole, a maggior ragione se si considera che esso è intervallato da ben tre momenti di ristoro: colazione, aperitivo e pranzo! Dopo aver allettato i più golosi, Prealpi Orobiche si preoccupa di offrire un momento di gloria anche ai più vanitosi. Così accade nelle giornate del Trofeo Lombardia Eleganza su Due Ruote, tenutosi l’ultima volta lo scorso 3 settembre e frutto di una partecipazione con altri motoclub della Lombardia (Milano, Varese, Como, Sondrio). Per partecipare bisogna procurarsi una moto tra le seguenti categorie: sottocanna, epoca, storiche, classiche, fuoristrada, sidecar o mezzi militari; quindi, abbigliarsi in linea al periodo storico a cui la moto risale e sfilare davanti ad una giuria tecnica. In questo caso saper guidare non serve, soprattutto se siete signore/signorine desiderose di candidarsi per il premio Miss Eleganza su Due Ruote! Oltre ad essere uno spettacolo per gli occhi, questo evento che si protrae da tre anni, mira a valorizzare il patrimonio storico, culturale e turistico, dei motocicli ma anche dell’ambiente che lo circonda. Dopo la seconda volta consecutiva in cui la fortunata cittadina ospitante è stata la bella San Pellegrino Terme, il prossimo 8 Dicembre la sfilata si terrà invece ad Arcore, sotto il nome di “Gilera Day”. Man mano che si entra nella cerchia degli “affezionati”, è inoltre possibile godere di una vacanza su due ruote. Il Motoclub Prealpi, ultimamente, ha giustappunto iniziato ad occuparsi anche di mototurismo e, attraverso l’ottenimento di gemellaggi con i motoclub di città come Cagliari, Viareggio, Luino, Crema, Ponteranica, Trezzo d’Adda e Cornate d’Adda, ha potuto organizzare dei bellissimi tour. Ne ricordiamo uno a Versiglia, uno nelle zone terremotate del centro Italia, un altro in Sardegna (arricchito dalla visita a siti archeologici) e infine una “tripletta turistica”, durante la quale si è percorso un tragitto che comprendeva il transito per gli stati della Svizzera, dell’Austria e della Germania. I progetti per il futuro, come ci spiega uno dei consiglieri del motoclub, Silvio Rota, sono molti. Il motoclub, infatti, ha dichiarato di volersi mettere più in campo per quanto riguarda l’enduro datato (con motocicli degli anni ’80), che sta riprendendo piede solo negli ultimi tempi. Inoltre, si punta ad organizzare, per il 2018, mototour anche in nuove zone, così da renderli delle esperienze sempre nuove e interessanti. Il motoclub vi aspetta prossimamente alle storiche bancarelle di S. Lucia a Villa d’Almè, dove sarà possibile ammirare alcune moto esposte e i 20 bellissimi pannelli fotografici che solitamente si trovano affissi all’interno della sede. Se poi proprio non riuscite ad aspettare, sappiate che ogni martedì sera dalle 20.30 il motoclub si riunisce in sede per progettare gli eventi ed è felice di accogliere chiunque voglia aderirvi. Quindi? Che fate ancora qua?! Sbrigatevi! Quella vecchia moto del nonno che avete in pollaio, non si guiderà da sola! Un saluto agli amministratori di Motoclub Prealpi Orobiche. Un ringraziamento speciale a Ferruccio Falgari e a Silvio Rota, per aver collaborato alla relizzazione di questo articolo, quindi un saluto anche ad Oscar Locatelli (vicepresidente), Luca Falgari, Gianluigi Mazzola e Corrado Ferraroli (consiglieri). Per info: Ferruccio (328 8142875) o Silvio (328 2915759).

27

V

illa d’Almè Informa


Le vignette della buona educazione Ecco la nuova rubrica "Le vignette della buona educazione" che ci ricordano tanti piccoli gesti per una miglior convivenza civile.

,

Comune di Villa d’Almè Notiziario

Comunale

Profile for Villa d'Almè Informa

Villa d'almè informa n°12 (sett 2017 )  

Villa d'almè informa n°12 (sett 2017 )  

Advertisement