Page 1


Bilancio di mandato

I N D I C E 03

Cos’è un bilancio di mandato

06

Organi istituzionali

08

La popolazione

12

Le entrate del Comune

16

Opere pubbliche

22

Cultura e biblioteca

26

Sociale

40

Raccolta rifiuti

44

Sicurezza

04

Cenni Storici

07

Il saluto del sindaco

10

Cos’è il bilancio economico

14

Le spese del Comune

20

Lavori in corso

24

Eventi culturali

36

Istruzione

42

Autodromo del Veneto

46

Piano di assetto del territorio


Bilancio di mandato

C E N N I

S T O R I C I

L'elemento geomorfologico più significativo

sviluppo del paese, ad iniziare dalle prime testi-

del territorio comunale, che si estende su una

monianze di presenza umana che ci riportano

superficie di 27 Km (9.000 campi veronesi), è

ad un orizzonte cronologico compreso fra la

costituito dal fiume Tione che lo attraversa in

media Età del bronzo ed il bronzo finale. Nelle

senso nord-ovest sud-est, raccogliendo nel suo

stesse località degli insediamenti preistorici

procedere altri corsi minori quali la Demorta,

non mancano evidenti tracce di continuità con

2

la Gambisa e il Gamandone.

il periodo romano, per altro riscontrabili in

Al Tione sono strettamente legati l'origine e lo

numerosi altri luoghi. La presenza romana è evidenziata semplicemente da frammenti di tegole o da altri materiali di poco conto, ma in alcuni casi essa è risultata dal rinvenimento di epigrafi, una delle quali, trovata dall'Orti Manara nel 1830, è dedicata a Tiberio Claudio Agustano, un personaggio insigne per appartenenza gentilizia e cariche ricoperte, vissuto nel I° secolo dopo Cristo. La presenza di fornaci a Trevenzuolo, legata probabilmente alla disponibilità della materia prima, cioè di terreno argilloso, è testimoniata anche in età medievale e fa parte di ricordi recenti. Dal 1927 fino all'ultimo dopoguerra ha infatti qui funzionato la fornace “Gaburro”, offrendo possibilità di impiego ad un buon numero di lavoratori.


C O S

È

U N

S O C I A L E

B I L A N C I O D I

M A N D A T O

?

Oggi più che mai le amministrazioni pubbliche

gata. Il Bilancio Sociale di Mandato di Trevenzuolo

sono chiamate a dar conto del loro operato ai citta-

è l’espressione tangibile della volontà dell’ammini-

dini. Questo è anche il risultato della volontà del-

strazione comunale di creare un legame esplicito,

l’ente pubblico di sviluppare forme innovative di

trasparente e sempre più consolidato con i propri

comunicazione delle proprie scelte; si diffonde

cittadini. Il Bilancio Sociale non è soltanto un docu-

sempre più la necessità di dare visibilità alla funzio-

mento di rendicontazione delle attività realizzate,

ne sociale dell’azione amministrativa. Il bilancio

ma un importante strumento di coinvolgimento dei

economico, per sua stessa natura, presenta alcuni

cittadini nella gestione della quotidianità dell’ente.

limiti nel mostrare le dimensioni non economico-

L’amministrazione comunale ha cercato, fin dall’ini-

finanziarie dell’ente, come il valore, l’utilità e l’im-

zio del proprio mandato, un rapporto diretto e

patto sociale dell’operato amministrativo; non è in

aperto con il cittadino e ora vuole, con questo

grado di comunicare le scelte di programmazione,

Bilancio Sociale, rafforzare il dialogo e la partecipa-

le modalità di attuazione e gli impatti delle proprie

zione. Il Bilancio Sociale ha, quindi, molteplici fina-

politiche di intervento. L’utilizzo di strumenti di

lità: comunicare, rafforzare le relazione tra l’ente e il

comunicazione più trasparenti e leggibili è stata

mondo esterno, migliorare il funzionamento del-

quindi una scelta non solo conseguente, ma obbli-

l’organizzazione comunale.

22


L'epoca medievale vide Trevenzuolo compreso

ne. Sorte non diversa toccò alla bastia di

nelle estese proprietà che da vari imperatori

Fagnano, atterrata nel 1442 assieme a quella di

furono assegnate e confermate, lungo l'intero

Vigasio “per far cosa grata al marchese di

corso del Tione, al potente monastero verone-

Mantova”.

se di San Zeno. Non così avvenne invece per

Il luogo su cui sorgeva il castello di

Fagnano, che entrò a far parte dei beni dei

Trevenzuolo era ben riconoscibile fino a qual-

Canonici della Cattedrale di Verona. Quanto a

che decennio fa, quando uno spianamento ne

Roncolevà, va detto che esso non esisteva

disperse le vestigia. L'epoca veneta coincise

come centro abitato fino a quando, fra XII° e

con il passaggio di buona parte della proprietà

XIII° secolo, non furono bonificate le terre

terriera degli enti religiosi nelle mani di intra-

paludose e boschive sulle quali s'insediarono i

prendenti borghesi o di famiglie affermatesi

primi abitanti. Il toponimo stesso, allusivo ai

sotto gli Scaligeri, che diedero vita, sulle pro-

lavori di disboscamento, rivela quest'origine

duttive terre della Bassa, ad aziende ispirate a

medievale.

più moderni sistemi di conduzione. Su di esse

Trevenzuolo sviluppò le sue prime forme asso-

eressero quelle che fra il Sei e il Settecento

ciative attorno al castello che presidiava il pas-

erano chiamate “case da patron” e che noi

saggio sul Tione e che fu teatro di violenti

denominiamo, con termine ottocentesco, ville.

scontri fra Mantovani e Veronesi.

All'inizio del XV secolo c'è il definitivo tra-

Con l'avvento di Venezia, il castello assunse un

monto degli Scaligeri, il breve dominio

ruolo di secondaria importanza e, totalmente

Visconteo e dei Da Carrara e l’affermarsi della

trascurato, cadde in rovina diventando fonte di

Signoria di Venezia. Da allora le sorti del paese

approvvigionamento di materiali da costruzio-

furono parallele a quelle della città di Verona. 5


Bilancio di mandato

L A

G I U N T A

C O M U N A L E

Fabio Meneghello (sindaco) Gianfranco Minozzi (vicesindaco) Commercio, Industria, Artigianato, Istruzione

Adele Gorian (assessore) Associazioni, Famiglie, Assistenza e SanitĂ Sociale, Anziani, Cultura

Luciano Persi (assessore) Lavori Pubblici, Sport, Tempo Libero

Nicola Signorini (assessore) Urbanistica, Edilizia Privata, Ecologia e Ambiente

I L

C O N S I G L I O

C O M U N A L E

Fabio Meneghello Insieme per Trevenzuolo

Liberto Canoso Tre Stelle

Simone Brunetti Insieme per Trevenzuolo

Silvano Guerra Tre Stelle

Adele Gorian Insieme per Trevenzuolo

Matteo Tardiani Tre Stelle

Gianfranco Minozzi Insieme per Trevenzuolo Sara Perina Insieme per Trevenzuolo

Daniele Sarti Lega Nord - Liga Veneta

Luciano Persi Insieme per Trevenzuolo Pietro Rudella Insieme per Trevenzuolo Stefano Seghetti Insieme per Trevenzuolo Nicola Signorini Insieme per Trevenzuolo 6


I L

S A L U T O

F A B I O

D E L

S I N D A C O

M E N E G H E L L O

Cari cittadini, l'amministrazione allo scadere dei cinque anni istituzionali del proprio mandato si presenta a Voi con questa pubblicazione il cui contenuto è il Bilancio sociale di fine mandato. Mediante questo strumento intendiamo proporre alla Vostra attenzione un quadro che analizza questi ultimi anni di attività articola-

ta nei vari settori di competenza. Vi sottoponiamo cifre e grafici che danno la concreta sensazione di ciò che l'amministrazione vi ha chiesto in termini di contributo economico tramite le imposte e di come queste risorse sono state usate fornendo servizi ed opere pubbliche per rispondere alle esigenze della collettività, direttamente o tramite l'Unione Tartaro-Tione di cui fa parte il nostro Comune. Il contenuto dell'opuscolo dunque è una disamina tecnica e non politica di quello che è stato realizzato in funzione delle possibilità offerte dal nostro territorio, dalle attività produttive, dai cittadini, dagli amministratori e dai dipendenti del Comune a qualsiasi livello. Il nostro auspicio è che questo Bilancio possa essere per Voi uno strumento di facile comprensione e che possa facilitarVi nel dare un giudizio oggettivo e sereno sull'operato dell'amministrazione uscente. FABIO MENEGHELLO Sindaco di Trevenzuolo 7


L A

P O P O L A Z I O N E

La popolazione di Trevenzuolo cresce. La vita

popolazione

NATI

MORTI

TOTALE

media dei cittadini si allunga ed il suo territorio

2005

31

22

2.603

comunale si rivela luogo ideale per fissare la pro-

2006

30

27

2.627

2007

23

18

2.662

nuovi cittadini e stranieri hanno fatto aumentare il

2008

26

24

2.682

numero di residenti. In base ai dati diffusi dall’uf-

2009

37

22

2.736

pria residenza. Il Comune cresce e cambia, inseguendo il mondo e la sua multietnicità: nuovi nati,

ficio anagrafe, risulta infatti un incremento lento ma costante nel numero di abitanti. Dal 2005 ad oggi si è così passati da 2.603 a 2.736. Il numero di persone oltre i 65 anni è in continua crescita e nel

2.750

2008 ha superato le 430 unità. Ma in crescita è

2.700

anche la fascia d’età che va dagli 0 ai 14 anni, segnale positivo, indice di un ringiovanimento

2650

abitanti 2.600

della popolazione. L’aumento degli abitanti è dovuto, come nel resto della Penisola, soprattutto all’arrivo di extracomu-

2.550

nitari, che negli anni si sono integrati trovando

2.500 2005

2006

2007

2008

lavoro e accoglienza. Questo clima ha permesso

2009

agli stranieri di costruire o portare qui la propria

MATRIMONI MATRIMONI MATRIMONI MATRIMONI MATRIMONI

2005

2006

2007

2008

2009

21

21

14

11

17

famiglia. Il loro numero è infatti aumentato nell’ultimo quinquennio ed ora più di 340 stranieri abitano nel territorio trevenzuolese. Il numero delle donne straniere è aumentato negli anni, indi-

8


ce di una immigrazione non di passaggio ma di sta-

età

bilizzazione. La percentuale di cittadini stranieri ha

0-6 ANNI 7-14 ANNI 15-29 ANNI 30-65 ANNI OLTRE 65 ANNI

2005

189

176

499

1.311

409

Un dato in linea con la maggior parte dei comuni

2006

197

172

492

1.326

416

del veronese.

2007

199

186

485

1.344

413

In calo, come nel resto d’Italia, i matrimoni in

2008

201

198

469

1.375

419

2009

196

206

470

1.378

432

raggiunto quasi il 13% della popolazione totale.

favore di un incremento delle convivenze. I primi sono infatti passati da 21 del 2005 a 17 del 2009.

140

TASSO MORTALITÀ

TASSO NATALITÀ

120

0.89 0.84 1.02 0.69 0.89

0.81 1.19 1.14 0.86 0.96

100

2005 2006 2007 2008 2009 stranieri 2005 2006 2007 2008 2009

MASCHI

FEMMINE

TOTALE

99 120 130 160 178

97 112 123 140 167

196 232 253 300 345

immigrati

80

emigrati

60 40 20 0

% SUL TOT. 7.58% 8.99% 9.63% 11.26% 12.86% 9

2005 2006 2007 2008 2009

2005 2006 2007 2008 2009

IMMIGRATI

EMIGRATI

129 97 119 148 120

79 87 98 118 102


Bilancio di mandato

C O S

È

I L

B I L A N C I O

E C O N O M I C O

Il bilancio è lo strumento con cui il Comune

buente di valutare consapevolmente il risultato

espone i dati relativi alle entrate che ha a

della gestione. Il bilancio non è soltanto un

disposizione e alle uscite che sostiene nel

insieme di numeri o uno strumento riservato

corso della gestione amministrativa. Non è,

agli esperti, esso influisce sul vivere quotidia-

quindi, uno sterile prospetto contabile ma uno

no dei cittadini, dà l'impronta alla comunità e

strumento prezioso sia per l'ente che per il cit-

stabilisce le priorità nei settori diversi: dagli

tadino. Da un lato, infatti, consente al Comune

aiuti sociali, al turismo, all’istruzione, alle

di illustrare in maniera trasparente le proprie

opere pubbliche, alle opportunità economiche

entrate ed uscite, dall'altro permette al contri-

e culturali locali.

A

C O S A

S E R V E

I L

All’inizio di ogni anno, il Comune individua quali saranno le spese da sostenere e quali le entrate che avrà a disposizione. In questo modo l’ente può programmare gli interventi (opere pubbliche, manutenzioni, eventi, manifestazioni, ecc) sapendo da quali fondi potrà attingere (tasse, tributi, trasferimenti da altri enti, ecc) per far fronte alle spese. Il bilancio serve, quindi, a far “quadrare i conti”, a facilitare una gestione attenta alle esigenze della comunità e alle risorse a disposizione. Il bilancio è uno strumento che permette all’ente di indirizzare la propria attività verso il “pareggio” delle entrate e delle uscite. 10

B I L A N C I O


La piazza di Roncolevà

Via Nazario Sauro a Fagnano

C O M

È

R E D A T T O

I L

B I L A N C I O

Il bilancio riporta i dati relativi al periodo che va

provazione del bilancio consuntivo dell’anno pre-

dal primo di gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

cedente. E’ questa una fase di verifica circa il rag-

E' redatto nel rispetto dei principi di veridicità

giungimento degli obiettivi posti in agenda nel

seguendo criteri contabili precisi e rigorosi. Le

bilancio di previsione. Ma un’ulteriore verifica

spese sono iscritte integralmente senza alcuna ridu-

avviene anche entro il 30 settembre, con l’approva-

zione di entrate correlate.

zione degli equilibri di bilancio. Con questo passag-

Non si tratta però di un documento analizzato una

gio si fa una ricognizione sulle spese affrontate e su

volta all’anno, bensì è uno strumento dinamico che

quelle che ancora restano da fare.

tiene conto delle reali condizioni di gestione ammi-

Inoltre, nel corso dell’anno è possibile incrementa-

nistrativa. In particolare, entro il 31 dicembre di

re le risorse riservate a determinati settori per far

ogni anno viene approvato il bilancio di previsione

fronte a spese che non potevano essere previste nel

per i 12 mesi successivi. In quel documento figura-

bilancio di previsione. Tali variazioni di bilancio

no tutte le spese che l’ente intende affrontare e le

sono possibili solamente entro il 30 novembre, ter-

relative risorse a copertura delle uscite.

mine ultimo per l’approvazione dell’assestamento

Altro passaggio, da attuare entro il 30 aprile, è l’ap-

di bilancio. 11


Bilancio di mandato

L E

E N T R A T E

D E L

C O M U N E

La sezione riassunta nella tabella a fianco rappresenta tutte

getto alla tariffa chi occupa uno o più spazi adibiti a qual-

le entrate del Comune, che sono divise in sei capitoli.

siasi uso e giacenti sul territorio comunale dove il servizio

DEntrate tributarie, ovvero i tributi direttamente gesti-

di smaltimento rifiuti è reso in maniera continuativa. Il

ti dal Comune tra cui:

presupposto impositivo è la potenziale attitudine a pro-

- Imposta comunale sugli immobili (Ici): è soggetto all’Ici il pro-

durre rifiuti da parte dei soggetti detentori degli spazi. Il

prietario di fabbricati, terreni agricoli, aree fabbricabili;

parametro di riferimento è, per le utenze domestiche, la

colui che, pur non essendo proprietario di un immobile, è

superficie dei locali di abitazione e il numero dei compo-

titolare di un diritto di usufrutto o abitazione; chi condu-

nenti del nucleo famigliare; mentre, per le utenze non

ce un immobile in leasing; chi è concessionario di un bene

domestiche, è la superficie dei locali rapportato al coeffi-

demaniale. L'imposta è calcolata sulla base del valore cata-

cente di produzione dei rifiuti previsto per ogni tipologia

stale dell'immobile rivalutato. Va ricordato che dal 2008 è

di attività.

stata abolita l’imposta relativamente a tutti gli immobili

Imposta sulle affissioni e sulla pubblicità (Icp): sono soggetti pas-

adibiti ad abitazione principale e relative pertinenze come

sivi dell’imposta coloro che dispongono, a qualsiasi titolo,

i garage. L’esenzione è stata estesa con regolamento

del mezzo attraverso il quale il messaggio pubblicitario

comunale anche alle abitazioni e relative pertinenze con-

viene diffuso. E’ solidalmente obbligato al pagamento del-

cesse in comodato ad uso gratuito al parente in linea retta

l’imposta chi produce o vende la merce o fornisce i servi-

fino al 1° grado. L’ufficio tributi invia ogni anno ai contri-

zi oggetto della pubblicità.

buenti proprietari di fabbricati regolarmente accatastati,

DEntrate provenienti da contributi e trasferimenti

l’importo Ici da versare. Restano soggetti invece all’impo-

correnti da parte dello Stato o altri enti, ovvero le

sta gli immobili diversi dall’abitazione principale e,

risorse provenienti dallo Stato, dalla Regione, dalla

comunque, gli immobili classificati nelle categorie A1, A8

Provincia a fronte di progetti o spese specifiche sostenu-

e A9, vale a dire castelli, ville e abitazioni signorili.

te dall’ente comunale.

- Addizionale comunale Irpef: non è stata applicata

DEntrate extratributarie, che raccolgono i proventi

- Tariffa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tia): è sog-

derivanti dalla fruizione dei servizi pubblici, nonchè dalla

12


ESERCIZIO

ESERCIZIO

ESERCIZIO

ESERCIZIO

ESERCIZIO

2005

2006

2007

2008

2009

(IN EURO)

(IN EURO)

(IN EURO)

(IN EURO)

(IN EURO)

TRIBUTARIE

848.658

903.617

926.037

952.962

952.462

TRASFERIMENTI

219.655

215.955

215.955

472.770

493.180

EXTRATRIBUTARIE

298.963

292.396

317.746

260.932

313.093

1.254.032

954.032

802.032

672.032

672.032

PRESTITI

840.000

740.000

810.000

920.000

1.570.000

SERVIZI CONTO TERZI

390.154

392.154

392.154

392.154

392.154

60.000

60.000

100.000

-

-

E N T R AT E

ALIENAZIONI, TRASFERIMENTI DI CAPITALE E RISCOSSIONE CREDITI

AVANZO DI AMMINISTRAZIONE TOTALE

DATI COMUNALI UFFICIALI

3.911.462 3.558.154 3.563.924 3.670.850 4.392.921

riscossione delle sanzioni amministrative per la violazione

1.600.000

di regolamenti comunali.

1.400.000

DEntrate derivanti dall’alienzione di immobili o

1.200.000

dalla riscossione di crediti, ovverosia i proventi ricavati dalla vendita di beni mobili od immobili di proprietà

2005 2006 2007 2008 2009

1.000.000

comunale.

800.000

DEntrate derivanti dall’accensione di prestiti, ovvero

600.000

i proventi derivanti dalle attività di finanziamento erogate

400.000

dall’ente. DEntrate per servizi per conto di terzi, ovvero i pro-

200.000

venti percepiti dall’ente a fronte di un incarico svolto su

0

incarico di terzi. 13

tributarie trasferimenti extra alienazioni prestiti tributarie trasferimenti riscossioni

servizio conto terzi


Bilancio di mandato

L E

S P E S E

D E L

C O M U N E

La sezione riassunta nella tabella riportata a lato

zione di investimenti.

rappresenta tutte le spese del Comune.

DSpese per rimborso dei prestiti, ovvero gli

DSpese correnti, ovvero i costi che il Comune

oneri sostenuti dal Comune a fronte della restitu-

sostiene per garantire il proprio funzionamento e

zione di importi percepiti in prestito da soggetti

per far fronte ai bisogni quotidiani della sua strut-

esterni.

tura operativa. Esse comprendono le spese di per-

DSpese per servizi per conto di terzi, ovvero

sonale, quelle per l’acquisto di beni, materie prime

gli oneri sostenuti da parte dell’ente per far fron-

e di servizi, per la riscossione delle imposte e

te alle attività o servizi prestate in favore o nel-

tasse, per gli interessi passivi maturati nei con-

l’interesse di soggetti terzi e che, nel contempo,

fronti di soggetti terzi.

costituiscono un debito e un credito per l'ente.

DSpese in conto capitale, sono le spese di “investimento”, quelle che, ad esempio, servono per realizzare opere pubbliche; costi che i Comuni sostengono nell’esercizio per l’acquisto, la costruzione e la manutenzione straordinaria di beni appartenenti al patrimonio. Trattandosi di una

2005-2009

voce essenziale, l’attendibilità delle stesse è eleva-

CINQUE

tissima e fotografa quanto gli enti sono riusciti ad

DI

attivare, in termini finanziari, nel corso dell’esercizio. Tra queste rientrano le spese per l’acquisto di beni mobili o immobili, i conferimenti di capitali in soggetti terzi ed i trasferimenti di capitale ovvero le risorse che dal bilancio dell’ente vengono fatte transitare ad altri soggetti per la realizza14

ANNI

ESERCIZIO

ECONOMICO A

CONFRONTO


ESERCIZIO

ESERCIZIO

ESERCIZIO

ESERCIZIO

ESERCIZIO

2005

2006

2007

2008

2009

(IN EURO)

(IN EURO)

(IN EURO)

(IN EURO)

(IN EURO)

CORRENTI

1.311.476

1.534.768

1.630.738

1.591.259

1.645.235

CONTO

1.834.032

1.260.032

1.162.032

1.332.032

1.982.032

375.800

371.200

379.000

355.405

373.500

390.154

392.154

392.154

392.154

392.154

3.911.462

3.558.154

3.563.924

3.670.850

4.392.921

S P E S E

CAPITALE RIMBORSO PRESTITI SERVIZI PER CONTO TERZI TOTALE

2.000.000 1.800.000 1.600.000 1.400.000 1.200.000 1.000.000 800.000 600.000 400.00 200.00 0

2005 2006 2007 2008 2009

correnti

conto capitale

rimborso prestiti 15

servizi per conto trerzi

DATI COMUNALI UFFICIALI


ilancio di mandato

O P E R E

P U B B L I C H E

Negli ultimi 5 anni i lavori pubblici si sono suc-

favorire i cosiddetti utenti deboli: pedoni e cicli-

ceduti con grande intensità. Le 6 pagine seguen-

sti che molto spesso sono anziani e bambini.

ti riassumo tutti gli interventi, da quelli più signi-

Oltre alle asfaltature, molte strade sono state

ficativi dal punto di vista strutturale ed economi-

riqualificate in modo importante, sono state

co fino alle piccole ma comunque non meno

create e migliorate le piste ciclopedonali; inoltre,

importanti manutenzioni.

dove è stato possibile, sono state abbattute le

L’amministrazione comunale di Trevenzuolo ha

barriere architettoniche per rendere il territorio

dato centralità a quegli interventi volti a miglio-

accessibile anche alle persone disabili.

rare la sicurezza stradale, per contenere il più

La sistemazione delle piazze, dell’Arena Verde,

possibile la probabilità di incidente, cercando di

delle scuole, dell’asilo, del cimitero e degli impianti sportivi comunali completano il panorama sui lavori a favore di tutti gli strati della popolazione, con un occhio di riguardo per le strutture e gli spazi volti all’aggregazione sociale, alle famiglie e ai giovani. Corte Torsi E’ stato realizzato un intervento d’urgenza per mettere in sicurezza il solaio ligneo decorato di Corte Torsi e restaurare la copertura dell’edificio già purtroppo parzialmente caduta. I lavori, effettuati nel 2005 hanno evitato ulteriori danni alla struttura e sono costati 83.900 €. Il fabbricato storico è rimasto di proprietà del

La chiesa di Fagnano


Comune a seguito degli interventi di edilizia residenziale pubblica in Fagnano. Cimitero di Trevenzuolo Sono stati costruiti nuovi loculi e cappelle pri-

Il soffitto storico di Corte Torsi

Il cimitero di Trevenzuolo

vate presso il cimitero di Trevenzuolo. Il primo stralcio di lavori, effettuati nel 2005, è costato

zale. Il costo totale dell’intervento è stato di

192.500 €

205.000 €.

Esterno della chiesa di Fagnano

Scuole medie di Fagnano

I lavori di riqualificazione degli spazi antistanti

I lavori alle scuole medie di Fagnano, nel 2006,

e laterali alla chiesa parrocchiale di Fagnano,

hanno interessato i servizi igienici sia al piano

realizzati nel 2005, hanno previsto la formazio-

terra sia al piano primo con il rifacimento di

ne di un nuovo sagrato con parcheggi e aiuole

tutti i bagni. E’ stata realizzata una nuova rampa

verdi, passaggi pedonali, accessi per diversa-

per disabili e una scala di sicurezza sul retro

mente abili, la realizzazione di una piazza pub-

all’esterno dell’edificio. L’insieme delle opere,

blica e nuovi marciapiedi. Il costo totale dell’in-

costato 104.460 €, ha permesso di adeguare

tervento è stato di 130.000 €.

l’edificio alle ultime norme igienico-sanitarie e

Le scuole medie di Fagnano

di sicurezza rendendolo sempre più vivibile per Pista ciclabile e riqualificazione urbana

studenti, insegnanti e personale.

del centro di Trevenzuolo Il centro urbano di Trevenzuolo è stato interes-

Scuola dell’infazia di Roncolevà

sato, nel 2006, dalla costruzione di un collega-

L’aumento dei bambini sul territorio comunale

mento ciclopedonale che permette spostamenti

ha imposto, nel 2006, l’apertura di una nuova

in sicurezza nella tratta via Venezia – via Aldo

sezione

Moro – via Papa Giovanni – Palestra

L’istituzione della quarta sezione ha richiesto

Comunale. Inoltre sono stati allestiti nuovi par-

l'acquisto di nuovi arredi scolastici per un

cheggi per la palestra e l’illuminazione del piaz-

importo di 12.077 €. 17

presso

la

scuola

dell’infazia.

Scuola dell’infanzia Roncolevà


Bilancio di mandato

Asfaltatura strade

finanziati interventi per altri 32.000 €.

Per aumentare la sicurezza e migliorare la viabilità del territorio, nel 2007, l’amministrazione comunale ha proceduto alla bitumatura di numerose strade comunali per un costo totale di 80.000 €. Gli interventi principali hanno interessato: viale Rossignoli, via Battisti, via Sauro, via Campagnola, strada Rivano, via Dossi, piazza Bolognese. Inoltre, per integrare i lavori con lavorazioni non previste inizialmente, sono stati

Arena Verde I lavori all’Arena Verde di Trevenzuolo, realizzati nel 2007, hanno avuto un importo complessivo di 43.575 € e hanno previsto: - la realizzazione di una pavimentazione in calcestruzzo 180 m2; - la fornitura e la posa della struttura in legno lamellare da 70 m2 a copertura del parco-teatro; - la realizzazione della rete elettrica e dei quadri prese per gli spettacoli; - l’illuminazione dell’area parco e dei siti a servizio degli spettacoli; - la realizzazione dell’impianto d’irrigazione automatico in zona palcoscenico; - la fornitura quadro prese per un importo di 1.067 € .

Il Baby Parking di Fagnano L’Arena Verde

Palestra comunale E’ stata realizzata, nel 2008, una sala pluriuso per preriscaldamento atletico all’interno della palestra comunale al servizio delle attività sportive nonché delle attività di motoria e prepara-


zione atletica sia per i giovani che per le persone adulte e anziane. Il costo totale dell’intervento è stato di 90.000 €. Baby Parking a Fagnano I locali della scuola materna di Fagnano in via Sauro sono stati trasformati, nel 2008, in una struttura idonea a fornire il servizio di Baby Parking. La stessa ha una superficie di circa 150m2 più una ampia terrazza esterna ed ingresso coperto, oltre alla possibilità di utilizzare un’area a parco posta all’esterno. Il costo totale dell’intervento è stato di 62.000 €. Sistemazione urbana a Trevenzuolo Per migliorare la sicurezza e il decoro del centro del paese sono stati effettuati, nel 2008, la sistemazione urbana di alcuni tratti viari del Comune di Trevenzuolo e in particolare di via Roma e via Venezia. Sono stati realizzati per entrambe le vie i marciapiedi e il sistema di drenaggio delle acque meteoriche provenienti dalla strada e dalla banchina per una spesa totale di 300.000 €. Asfaltatura strade bianche Nel corso del 2009 sono state asfaltate per la prima volta alcune strade bianche comunali

Gli spogliatoi della palestra comunale

Asfaltature strada Val di Zucco

per migliorare la viabilità e la vivibilità. Gli interventi hanno avuto un costo totale di 250.000 € e hanno interessato vecchi stradelli carrai, da sempre esistenti, e precisamente strada Val di Zucco, strada Cà degli Orsi e strada Oppi. Piazza Vittorio Veneto a Trevenzuolo Nel 2009 piazza vittorio Veneto è stata completamente riasfaltata e sono stati fatti lavori per la regolamentazione della sosta e della viabilità per un costo totale di 15.000 €.

La palestra comunale

Palestra comunale Altri lavori di manutenzione straordinaria, nel 2009, per la palestra comunale di via Rossignoli a Trevenzuolo. Gli interventi hanno interessato: la copertura, la palestra, gli spogliatoi, i servizi, la pavimentazione esterna di collegamento tra gli spogliatoi seminterrati e il campo di calcio. Il costo totale dell’intervento è stato di 83.638 €. 19

Piazza Vittorio Veneto


Bilancio di mandato

L A V O R I

I N

C O R S O

Nel 2009 sono stati aperti numerosi cantieri in cui

funzione della riduzione di velocità degli automez-

i lavori sono attualmente in corso di svolgimento.

zi e per soddisfare le funzioni primarie della frazio-

L’attenzione dell’amminsitrazione comunale in

ne.

questo ultimo anno si è rivolta ancora al migliora-

Il costo dell’intervento è di 193.880 €

mento della viabilità e alla sicurezza delle strade oltre che al recupero di spazi pubblici come la sala

Corte Torsi a Fagnano

polivalente di Fagnano, la sala Tre Cime di

L’intervento prevede il restauro delle facciate

Roncolevà e la sala polifunzionale all’interno della

esterne, il completamento della copertura, la rea-

palestra comunale di Trevenzuolo.

lizzazione degli impianti tecnologici. Questi lavori saranno completati con altri interventi interni alla

Via Battisti a Roncolevà

struttura che permetteranno la fruizione, da parte

I lavori prevedono il rifacimento dei marciapiedi e

dell’amministrazione pubblica e della popolazione,

la riqualificazione di via Battisti di Roncolevà;

delle sale di Corte Torsi. L’intervento conclusivo

lavori necessari per garantire maggiore sicurezza in

riguarderà il recupero del salone centrale con gli

La sala Tre Cime a Roncolevà

affreschi e il soffitto a cassettoni decorato presumibilmente intorno al XIV secolo. Il costo dell’intervento è di 644.000 € Rotatoria S.p. 25 - S.p. 50/b Per aumentare la sicurezza dell'incrocio tra le due strade provinciali (S.p. 25 e S.p. 50/b) si stanno completando i lavori rigurdanti le isole spartitraffico e la rotatoria sulla bretella di collegamento. Il costo dell’intervento è di 50.000 €.


Variante Fagnano Il completamento dell’area E.R.P. prevede la realizzazione di una nuova viabilità di accesso alla stessa nonché la realizzazione di un collegamento diretto tra via Sauro ed il ponte sul fiume Tione. Questo collegamento elimina la stretta e pericolosa curva a gomito di via Decima. La strada dismessa verrà sistemata a passaggio pedonale collegando la Casa del Mille con Corte Previdi. In questo modo verrà formato e completato il “borgo storico”. Il costo dell’intervento è di 160.867 €. Ciclabile Roncolevà - Trevenzuolo Particolare importanza a livello strutturale e viabilistico riveste il tratto di pista ciclabile che si propone di collegare la frazione di Roncolevà al capoluogo correndo in fregio alla S.p. 25 “Mantovana”

Marciapiedi via Battisti

Rotatoria S.P. 25 - S.P. 507b

migliorare la fruizione da parte di cittadini e associazioni. Il costo dell’intervento è di 15.000 €. Via Alighieri a Trevenzuolo Considerato lo stato di degrado della banchina stradale in via Alighieri a Trevenzuolo e della pavimentazione dell’area adibita a parcheggio, si provvederà al ripristino dell’area con il riposizionamento in quota dei chiusini stradali, risagomatura e rifacimento del manto bituminoso dello stesso. Il costo dell’intervento è di 33.954 €.

Ciclabile Trevenzuolo - Roncolevà

con punto d’innesto di particolare rilevanza individuato nel cimitero comunale. Anche questo intervento prevede di migliorare la viabilità per ciclisti e pedoni. Il costo dell’intervento è di 335.963 €. Sala Tre Cime e sala polifunzionale E’ stato previsto un intervento di bonifica acustica sia per la sala tre cime di Roncolevà che per la sala polifunzionale della palestra comunale per Variante Fagnano

Corte Torsi


Bilancio di mandato

C U L T U R A

E

B I B L I O T E C A

La Biblioteca comunale “Ugo Sesini”si sta radicando

sori. Si stimano in circa 2-3 al giorno gli accessi per

sempre più e sta diventando un servizio irrinunciabi-

l’utilizzo di internet messo a disposizione in bibliote-

le per la vita della comunità, oltre che punto di riferi-

ca dall’amministrazione.

mento, luogo di incontro e scambio. Queste conside-

La dotazione documentaria è cresciuta considerevol-

razioni sono supportate innanzitutto dall’esame dei

mente: gli acquisti sono in gran parte effettuati in

dati statistici, che denotano negli anni una crescita

modo coordinato con le richieste specifiche dei sin-

costante.

goli cittadini. Si sta creando, come è normale in tutte

Passi importanti sono stati fatti per quanto riguarda i

le biblioteche, un nucleo consistente di lettori “forti”

prestiti: negli ultimi anni i cittadini usufruiscono della

e “affezionati” che tendono a tornare a scadenza

biblioteca anche per utilizzare internet e consultare

regolare e a usufruire di tutti i servizi. Sul sito internet

siti per effettuare ricerche scolastiche. Molti sono gli

comunale è disponibile l’elenco dei libri a disposizo-

studenti universitari che si recano in biblioteca per

ne. Tutto ciò è possibile grazie al prezioso lavoro di

accedere al sito dell’università per l’iscrizione ad esami

volontariato svolto in modo ineccepibile da Giorgio

o per conoscere date di appello e ricevimenti profes-

Biolo, membro del gruppo di lavoro della biblioteca.

La biblioteca comunale Ugo Sesini

Corsi e attività La biblioteca comunale “Ugo Sesini” ha organizzato in collaborazione con l’amminstrazione comunale e altre realtà del territorio numerose attività ed eventi per bambini adulti e anziani. Le adesioni, dal 2003 sono in continua crescita per tutti i corsi. La cifra di iscrizione è contenuta per consentire al maggior numero di persone possibili la partecipazione. E’ inoltre previsto uno sconto del 30% per il 2° famigliare


P R E S T I T I

T E S T I

A

D I S P O S I Z I O N E

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

2005

2006

2007

2008

2009

2005

2006

2007

2008

2009

669

668

720

709

956

8.251

8.336

8.532

8.702

9.167

1000 900 800 700 600 500 400 300 200 100 0

9.000 8.800 8.600 prestiti

8.400

numero testi

8.200 8.000 7.800 7.600

2005 2006 2007 2008 2009

S TA N Z I A M E N T I

P E R

A C Q U I S T O

2005 2006 2007 2008 2009

L I B R I O R A R I

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

2005

2006

2007

2008

2009

1.200 €

276 €

1.000 €

1.015 € 666 €

B I B L I O T E C A

Lunedì - mercoledì - venerdì dalle 16.00 alle 18.00 C O N T A T T I

Viale Rossignoli 28 - telefono 045/6683098

iscritto. Per lo svolgimento dei corsi l’amminsitrazio-

culturali tenute da Natale Ferrarini con diverse tema-

ne mette a disposizone le sale sostenendo tutte le

tiche: “Le donne protagoniste della storia” e “La sto-

spese di riscaldamento, elettricità e organizzazione.

ria attraverso le immagini”. Per finire ricordiamo l’or-

Come corsi formativi sono stati proposti: pianofor-

ganizzazione dei concerti di Natale che, da metà

te; inglese a livelli differenziati; ginnastica per adulti;

dicembre all’Epifania, si svolgono all’interno delle

macramè; yoga; informatica; chitarra; ceramica.

chiese parrocchiali di Trevenzuolo, Fagnano e

Inoltre sono state organizzate delle serie di serate

Roncolevà. 23


lancio di mandato

E V E N T I

C U L T U R A L I

L'assessorato alla cultura si occupa dell'organizza-

grazie al lavoro di molte associazioni locali che

zione e della realizzazione di tutte le attività e mani-

hanno fortemente contribuito alla riuscita di tutte

festazioni culturali che si svolgono nel territorio.

le edizioni della festa, peraltro sempre molto

Nel 2005 e nel 2006 si sono svolte la 3a e la 4a edi-

apprezzata dal pubblico e dagli espositori.

zione della Festa del Pane, con il Patrocinio della

Nell'estate 2007 è stato inaugurato il teatro all'aper-

Provincia di Verona e della Regione Veneto e con

to “Arena Verde” in viale Rossignoli. Da allora

la collaborazione dell'associazione Panificatori di

l'Arena Verde è diventato il centro della vita cultu-

Verona. La manifestazione è stata resa possibile

rale di Trevenzuolo, dove, da maggio a settembre,

Il pubblico durante un evento estivo all’Arena Verde

si svolgono concerti di tutti i tipi con esibizioni di gruppi rock, cori alpini, gruppi pop e di orchestre sinfoniche. Inoltre, sul palcoscenico vanno in scena commedie e rappresentazioni teatrali per adulti e bambini. L'assessorato alla cultura svolge anche l'importante ruolo di coordinamento delle attività delle diverse associazioni operanti sul territorio. La consulta delle associazioni, istituita dal Comune, consente infatti di monitorare la presenza di gruppi ed associazioni esistenti e di predisporre un calendario

L’Arena Verde

annuale delle manifestazioni. Durante il quinquennio 2005–2009 l'amministrazione ha investito risorse economiche ed umane per la pubblicazione di volumi relativi a Trevenzuolo. Tra essi, nel 2006, è stato pubblicato, grazie al finanziamento comu-


C O S T I

D E G L I

E V E N T I

A L L

A R E N A

V E R D E

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

2005

2006

2007

2008

2009

-

-

10.500 €

20.000 €

20.000 €

20.000 16.000 12.000

costi degli eventi all’Arena Verde

8.000 4.000 0

2007

2008

2009

nale di 5.116 euro, il volume “S. Maria di

di una targa in memoria dell'illustre cittadino Ugo

Fagnano”.

Sesini. Nel 2009, a Ercolano, il sindaco è stato

Nello stesso anno una delegazione di cittadini ed

invitato

a

partecipare

al

XV°

concorso

amministratori si è recata a Mauthausen - Ebensee

Internazionale di canto lirico, consegnando al vin-

per l'apposizione, nel campo di sterminio nazista,

citore il premio dedicato al professor Ugo Sesini. 25


Bilancio di mandato

S O C I A L E

Negli ultimi 5 anni l'amministrazione comunale ha

TartaroTione” con sede a Nogarole Rocca, per la

svolto una lunga serie di interventi per favorire

gestione di vari servizi tra cui quelli sociali.

l'integrazione sociale e sostenere i cittadini in mag-

L’obiettivo previsto è la realizzazione di un siste-

giore difficoltà, anche in virtù dei compiti che le

ma integrato di interventi e servizi sociali che deve

recenti leggi dello Stato e della Regione Veneto

essere progettato e realizzato a livello locale.

hanno affidato agli enti locali. Questo ambito di

Si è cercato pertanto di creare un servizio sociale

intervento diventa sempre più importante e impe-

che, partendo dalle necessità del territorio, fosse in

gnativo in questa difficile fase economica, che

grado di rispondere in modo adeguato e diversifi-

vede allargarsi la fascia di persone e famiglie a

cato alle diverse esigenze dello stesso e dei suoi

rischio disoccupazione e povertà. Per far fronte

cittadini. Il servizio socio-educativo dell’Unione

alle spese sociali sempre più gravose e per offrire

può essere diviso in tre aree: area servizi sociali,

ai cittadini professionalità sempre più specifiche e

area educativa, area amministrativa.

preparate, che spesso non è possibile trovare nei singoli Comuni, è nata “L’Unione Veronese

Servizio di assistenza sociale professionale Per servizio sociale si intende quel servizio diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della personalità, promuovendone lo stato di benessere psichico, fisico, sociale ed economico, rimuovendo le cause che si oppongono alla sua realizzazione e favorendo la piena partecipazione alla vita della comunità. Nel Comune di Trevenzuolo l’assistente sociale è presente, come orario di ricevimento al pubblico, il lunedì mattina dalle ore 10,30 alle ore 12,30. Altri giorni è disponibile su appuntamento


S E R V I Z I O

ANNO

A S S I S T E N Z A

2005

ANNO

770 ore di servizio contributi: 13.155 € 5 utenti S E R V I Z I O

ANNO

2005

6 utenti

D I

D O M I C I L I A R E

2006

ANNO

S A D

2007

ANNO

2008

ANNO

2009

772 ore di servizio 924 ore di servizio 1.031 ore di servizio 1.093 ore di servizio contributi: 13.062 € contributi: 15.677 € contributi: 18.429 € contributi: 21.302 € 8 utenti 7 utenti 11 utenti 11 utenti T E L E S O C C O R S O

ANNO

2006

ANNO

5 utenti

6 utenti

telefonico.

2007

ANNO

2008

7 utenti

tuito da un miniapparecchio collegato al telefono della persona richiedente o di un vicino o familia-

Servizio di Assistenza Domiciliare

re che è in grado di trasmettere al centro di con-

Ha lo scopo di favorire il mantenimento della

trollo un segnale riconoscibile. Tale segnale indi-

persona nel proprio nucleo familiare o comunque

ca uno stato di allarme, che, tradotto in una

nel normale contesto sociale. Ciò mediante un

richiesta d’aiuto, allerta le persone di riferimento

complesso di servizi sociali coordinati ed integra-

dell’utente che ne usufruisce.

ti sul territorio con i servizi sanitari di base, promuovendo un lavoro di rete con l’obiettivo di

Erogazione di contributi

creare attorno alla persona un adeguato tessuto

economici continuativi

relazionale. Pertanto il servizio viene progettato

Per contributo economico si intende un’erogazio-

dall’assistente sociale in base alle esigenze della

ne di denaro e beni materiali oppure un’esenzio-

famiglia. Il servizio viene svolto in convenzione

ne dal pagamento di determinati servizi.

con la “Pia Opera Ciccarelli” e si avvale di opera-

Lo strumento che regola l’accesso all’intervento

tori professionali.

economico è il minimo vitale, definito dall’Inps.

Servizio di telecontrollo-telesoccorso

mica sono stati attivati dei contributi particolari

Il telesoccorso-telecontrollo è un servizio costi-

per sostenere le famiglie colpite. I contributi ero-

Nell’anno 2009, in seguito alla grave crisi econo-

27

ANNO

2009

7 utenti


Bilancio di mandato

gati al 31 dicembre 2009 sono pari a € 4.830.

determinati requisiti oggettivi e reddituali, che hanno contratto mutui con istituti di credito con-

Soggiorni climatici

venzionati con il Comune.

Il servizio consiste nell’organizzare delle vacanze

Nell'arco dei cinque anni considerati, ben diciotto

per le persone anziane in discrete condizioni di

nuclei famigliari residenti nel territorio comunale

salute, consentendo alle stesse di usufruire di

hanno beneficiato di questo contributo a sostegno

periodi di soggiorno climatici.

della famiglia.

Contributo per acquisto, costruzione,

Integrazione della retta di ricovero

recupero della prima casa

per anziani e minori

Approvato dal consiglio nel 1999, questo bando

Tale inserimento avviene a favore di coloro che, in

sancisce contributi per le famiglie in possesso di

ragione della elevata fragilità personale o di limitazione dell’autonomia, non siano assistibili a domicilio. La valutazione di ogni singolo caso avviene in sede U.O.D. (Unità Operativa distrettuale). Gruppo di solidarietà sociale Associazione sorta nel territorio e attivamente presente, ha stipulato con l'amministrazione comunale una convenzione, valida per il triennio 2005-2007, per lo svolgimento di attività socioassistenziali. Tale convenzione stabiliva un contributo di 2.500 euro annui. La convenzione è stata prolungata per altri tre anni, scadrà nel dicembre


C O N T R I B U T I

ANNO

E C O N O M I C I

2005

ANNO

7 utenti contributi: 2.164 €

2005

R E T T A

ANNO

1 utenti contributi: 3.739 € A C Q U I S T O

ANNO

E

ANNO

R I C O V E R O

2006

ANNO

S O L I D A R I E T À

2005

contributi: 7.500 €*

ANNO

ANNO

2007

P R I M A

2007

2008

10 utenti contributi: 9.187 €

A N Z I A N I

contributi: 8.247 €

ANNO

E

2009

6 utenti contributi: 5.810 €

M I N O R I

2008

1 utenti contributi: 533 €

ANNO

2009

1 utenti contributi: 2.363 €

C A S A

ANNO

2008

contributi: 7.937 €

ANNO

2007

contributi: 2.500 €

ANNO

2008

contributi: 4.900 €

* comprensivi dell’acquisto di un autovettura 2010 e con essa il Comune si è impegnato in un

ANNO

ANNO

2009

contributi: 8.453 €

S O C I A L E

2006

contributi: 2.500 €

ANNO

-

2006

contributi: 7.214 €

2007

14 utenti contributi: 10.697 €

-

ANNO

contributi: 6.197 € D I

P E R

ANNO

R I S T R U T T U R A Z I O N E

2005

G R U P P O

2006

11 utenti contributi: 6.598 €

I N T E G R A Z I O N E

ANNO

C O N T I N U A T I V I

ture ospedaliere. Il Comune ha anche contribuito

ulteriore sforzo economico elargendo all'associa-

nel 2005 all’acquisto di un’autovettura per un

zione un contributo annuo di 4.000 euro. Lo stes-

importo di euro 5.000.

so, per gli anni 2008 e 2009, è stato più elevato per

Il Gruppo di solidarietà sociale di Trevenzuolo

sopperire alle maggiori spese sostenute dal grup-

svolge anche un'attività di aggregazione e socializ-

po nello svolgimento dell'attività principale di tra-

zazione per gli anziani, occupandosi dell'organiz-

sporto gratuito di anziani e malati presso le strut-

zazione, insieme al Comune, della Festa della 29

ANNO

2009

contributi: 4.900 €


Bilancio di mandato

Rimpatriata e di iniziative finanziate dall'ammini-

cittadino.

strazione, quali la musicoterapia per gli anziani.

Da alcuni anni, l'ufficio lavora con il Comune per l'attuazione dei programmi relativi alle politiche gio-

Informagiovani e politiche giovanili

vanili. Per questo organizza concerti per i ragazzi

Il servizio Informagiovani, aperto dal 2001 tutti i

presso l'Arena Verde nel periodo estivo e collabora

mercoledì e giovedì (15.30 – 18.30) presso la biblio-

con il servizio educativo dell'Unione Veronese

teca comunale, è un valido punto di riferimento per

Tartaro-Tione, ad esempio, predisponendo delle

i giovani e per le persone in cerca di lavoro. Oltre al

stazioni dotate di etilometro all'uscita degli eventi,

supporto nella stesura del curriculum vitae e l'inse-

per sensibilizzare il giovane pubblico contro l'abuso

rimento in banche dati dello stesso per l'offerta del

di alcolici. Inoltre, il Punto Informagiovani ed il

lavoro, il servizio distribuisce informazioni sui viag-

Comune, insieme ad altri enti, hanno aderito a

gi studio all'estero e varie altre informazioni utili al

diversi bandi della Regione Veneto in ambito di politiche giovanili, ottenendo contributi economici

Un momento di attività del Cer (Centro estivo per ragazzi)

necessari per realizzare le diverse iniziative proposte. Nel 2009, l'Amministrazione comunale ha finanziato un progetto della parrocchia intitolato “Missione Giovani” e ha fornito un supporto economico per la realizzazione di una serie di incontri per i giovani presso i Circoli Noi di Trevenzuolo intitolati “La felicità possibile”. Cer (centro estivo per ragazzi) Nel 2004, nei mesi di giugno e luglio, l'amministrazione ha attivato il Centro estivo per ragazzi Cer,


C E N T R O

ANNO

E S T I V O

2005

ANNO

contributi: 10.500 € C E N T R O

ANNO

utenti: 2 P E R C O R S I

ANNO

2005

utenti: 1

R A G A Z Z I

2006

contributi: 15.000 €

D I U R N O

2005

P E R

P E R

ANNO

ANNO

C E R

2007

contributi: 17.200 €

ANNO

2008

ANNO

2009

contributi: 25.000 € contributi: 27.500 €

M I N O R I

2006

ANNO

E D U C A T I V I

2007

utenti: 6

utenti: 6

ANNO

-

ANNO

2008

utenti: 2

ANNO

2009

utenti: 2

I N D I V I D U A L I Z Z A T I

2006

ANNO

2007

utenti: 2

utenti: 2

ANNO

2008

utenti: 1

molto frequentato dai bambini della scuola dell'in-

tivi per favorire le conseguenti scelte non obbliga-

fanzia, primaria e secondaria di primo grado.

te pluridirezionali, ed è rivolto a tutta la popolazio-

Infatti, ad ogni edizione sono state oltre 100 le

ne con intervento primario nei confronti dell’età

iscrizioni. Nato come momento di aggregazione al

evolutiva e giovanile.

termine dell'anno scolastico, rappresenta anche un

Il servizio educativo formula ed attua progetti edu-

valido sostegno per le famiglie con entrambi i geni-

cativi caratterizzati da intenzionalità e continuità,

tori lavoratori. Il Cer si svolge sia di mattina che di

volti a promuovere e contribuire al pieno sviluppo

pomeriggio.

delle potenzialità di crescita personale e di inserimento e partecipazione sociale, agendo, per il per-

Servizio educativo

seguimento di tali obiettivi, sulla relazione interper-

Il servizio educativo si propone di promuovere

sonale, sulle dinamiche di gruppo, sul sistema fami-

l’espressione delle facoltà e potenzialità dell’indivi-

liare, sul contesto ambientale e sull’organizzazione

duo, concorre a sviluppare competenza, fiducia e

dei servizi in campo educativo.

sicurezza, riconosce e valorizza esempi di vita posi-

Attualmente il servizio è composto da un educato31

ANNO

2009

utenti: 1


Bilancio di mandato

re, che si muove nel territorio a seconda delle necessità.

Centro diurno Questo servizio intende offrire ai bambini stimoli educativi significativi e la possibilità di relazioni positive con figure extrascolastiche ed extra-familiari che possono promuovere la costruzione della loro personalità, in un contesto sia individuale che di gruppo. A tale scopo, gli operatori elaborano un progetto individualizzato per ciascun minore, che consenta al

bambino di non isolarsi dalla comunità di appartenenza e gli permetta di partecipare ai momenti aggregativi promossi dalla stessa. Percorsi educativi individualizzati Il servizio “percorsi educativi individualizzati” ha lo scopo di supportare minori, che manifestano un disagio relazionale e comportamentale, e per i quali si rende necessario un appoggio educativo domiciliare. Le finalità che si intendono perseguire attraverso tale servizio sono: - offrire un appoggio educativo e, se necessario, anche scolastico, sostenendo il minore nel suo naturale processo di crescita; - offrire momenti per relazionare in modo positivo con figure extra – scolastiche, che permettono al minore di diventare un soggetto attivo; - promuovere l’autonomia personale del minore; - offrire modelli alternativi sull’uso del tempo libero all’interno del quotidiano ambiente di vita del soggetto preso in carico dal Servizio Socio – Educativo.


A F F I T T O

ANNO

2005

ANNO

16 domande contributi: 12.061 € C O N T R I B U T I

ANNO

2005

2 domande contributi: 3.855 € C O N T R I B U T O

ANNO

2005

utenti: 5

2006

ANNO

12 domande contributi: 9.183 € D I

2007

7 domande contributi: 4.890 €

ANNO

2008

dati non disponibili

ANNO

2009

dati non disponibili

S O L L I E V O

ANNO

2006

ANNO

3 domande contributi: 3.469 € A S S E G N O

ANNO

D I

1 domande contributi: 1.353 €

ANNO

2008

2 domande contributi: 2.445 €

ANNO

2009

dati non disponibili

M A T E R N I T À

2006

ANNO

2007

utenti: 4

utenti: 2

Sociale e Famiglia Nell'ambito dell’attività svolta dall'Assessorato alla famiglia e al sociale si ricordano gli importanti progetti di solidarietà internazionale a cui l'amministrazione ha partecipato. Nel 2006 e nel 2008, rispettivamente a sostegno della Diocesi di Khartoum e dell'Università Comboni in Sudan (Africa), al fine di aiutare le donne sudanesi in gravidanza e per dare un sostegno agli studenti universitari, il Comune ha elargito due contributi di euro 5.000 ciascuno, mediante i quali è stato possibile aiutare queste persone bisognose.

2007

ANNO

2008

utenti: 4

Inoltre, nel 2005 il Comune ha sostenuto le popolazioni colpite in Asia dal maremoto con un contributo di 2.500 euro. Progetto Spazio Famiglia Il progetto intende sviluppare una precisa volontà di intervenire nell’ambito della “genitorialità”, considerando come aree d’intervento quella dell’incontro e del supporto, come occasione di confronto pedagogico. A partire dal 2007 è stato aperto uno “spazio famiglia”, che si definisce concettualmente come “un tempo ed uno spazio” offerto ai 33

ANNO

2009

utenti: 8


Bilancio di mandato

C O N T R I B U T O

ANNO

N U C L E O

2005

ANNO

utenti: 6

2005

utenti: 37 E S E N Z I O N E

ANNO

2005

utenti: 39 D O M A N D E

ANNO

2005

domande: 7 U T E N T I

ANNO

I N

2005

utenti: 35

2006

ANNO

2007

ANNO

utenti: 5

utenti: 5

A T T E S T A Z I O N E

ANNO

F A M I G L I A R E

2008

utenti: 7

ANNO

2009

utenti: 9

I S E E

ANNO

2006

ANNO

2007

ANNO

utenti: 52

utenti: 42

2008

utenti: 60

ANNO

2009

utenti: 51

T I C K E T

ANNO

2006

ANNO

ANNO

ANNO

2008

utenti: 70

ANNO

2009

utenti: 88

A T E R

2006

domande: 9 C A R I C O

2007

utenti: 61

utenti: 62 A L L O G G I

ANNO

A L

2007

ANNO

domande: 12

S E R V I Z I O

2006

utenti: 48

ANNO

ANNO

2008

domande: 11

ANNO

2009

domande: 11

S O C I A L E

2007

ANNO

utenti: 65

2008

utenti: 81 34

ANNO

2009

utenti: 90


genitori per stare con il proprio bambino, lontani dagli impegni che nella normale vita quotidiana frammentano e disturbano la relazione. Si vuole proporre una situazione ricca di interazioni sociali e condotta da operatori e tecnici, che predispongono esperienze formative per il piccolo e stimolano e facilitano il confronto e lo scambio tra gli adulti. Progetto di Psico-Pedagogia scolastica Allo scopo di rispondere ad alcune delle esigenze proposte dalla scuola, è stato attivato, a partire dall’anno scolastico 2005/2006, e a tutt’oggi attivo, un progetto di consulenza psicopedagogia, con le seguenti finalità: - migliorare la collaborazione tra scuola e famiglia al fine di operare con unità d’intenti; - favorire l’iniziativa dell’alunno per il proprio sviluppo ponendolo in condizione di conquistare la propria identità rispetto al contesto sociale tramite un processo formativo; - rispondere ad una esigenza manifestata da docenti e genitori. Tale progetto vede presente una psicopedagogista all’interno delle scuole primarie e secondarie di I° grado.

Le case Ater in via Decima a Fagnano

Area Amministrativa Nell’ambito dell’Area Amministrativa molteplici sono i contributi attivati dalla Regione e dallo Stato che vedono coinvolti i servizi sociali nella raccolta delle domande, verifica dei requisiti, definizione della pratica ed erogazione del contributo stesso. Edilizia a canone agevolato L’Ater, Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale, ha costruito una palazzina con 10 alloggi e relative pertinenze in via Decima a Fagnano. Questa importante opera di edilizia popolare ha dato la possibilità a 10 famiglie di Trevenzuolo, con diversi tipi di difficoltà, di trovare casa pagando un affitto agevolato. 35


Bilancio di mandato

I S T R U Z I O N E

Le scelte dell’amministrazione comunale in materia d'istruzione sono state dettate dalla necessità di andare incontro alle nascenti esigenze di una realtà scolastica in continuo cambiamento. Il lavoro si è basato sull’offerta di progetti educativi innovativi seguendo le proposte didattiche che arrivavano direttamente dalla scuola, dalla biblioteca, dall’assessorato all’istruzione e dalle realtà culturali e sportive del territorio. Insieme alla direzione scolastica e al corpo insegnanti, il Comune ha lavorato per trovare le strategie necessarie per il buon funzionamento delle scuole stesse in modo da favorire

Il Baby Parking a Fagnano

un sereno e proficuo approccio degli scolari con lo studio. La normativa regionale dispone che le funzioni amministrative attribuite ai Comuni comprendano tutti gli interventi atti a garantire il diritto allo studio, i quali si possono raggruppare in due grandi categorie: interventi funzionali a garantire il miglioramento della qualità del servizio (sostegno alla didattica e progetti speciali, uscite); interventi funzionali a garantire l’accesso al servizio scolastico (mensa, trasporto, applicazione delle fasce Isee per il pagamento del servizio). L’ente comunque non è solo un erogatore di servizi ma ha un ruolo attivo nel sostegno delle progettualità delle istituzioni scolastiche. Anche dal punto di vista degli interventi strutturali, l’amministrazione comunale ha investito risorse ed energie per dare a ragazzi, insegnati e personale edifici scolastici che rendano la vita didattica il più agevole e in sicurezza possibile. Concretamente il Comune ha elargito contributi necessari per: Dl'acquisto di testi per le biblioteche scolasti-


che; Dl'implementazione di dotazioni informatiche in apposite aule (nel 2009 sono state stati acquistati 3 computer, una stampante, un videoproiettore, 2 lavagne multimediali, per la spesa di 11.000 euro per le scuole medie di Fagnano); Dil sostegno all'insegnamento dell'inglese e I S C R I T T I

A L L E

Lavagna interattiva alla scuola secondaria di Fagnano

S C U O L E

A . SCOLAST. A . SCOLAST. A . SCOLAST. A . SCOLAST. A . SCOLAST. A . SCOLAST. 2004/2005 2005/2006 2006/2007 2007/2008 2008/2009 2009/2010 SCUOLA INFANZIA RONCOLEVÀ

77

79

82

70

81

65

SCUOLA PRIMARIA TREVENZUOLO

108

107

103

117

126

142

48

48

56

57

52

54

SCUOLA SECONDARIA FAGNANO

del tedesco con l’ausilio di docenti madrelingua; Dl'organizzazione di corsi di lettura animata presso la scuola dell'infanzia e la scuola primaria;

Dil finanziamento annuale del “Progetto Orientamento” per le classi terze delle scuole medie; Dla fornitura di un computer e della linea adsl per l’accesso ad internet veloce. 37


Bilancio di mandato

S O S T E G N O

ANNO

2005

31 utenti contributi: 4.510 €

ANNO

2006

26 domande contributi: 3.221 €

E C O N O M I C O

ANNO

2007

F A M I G L I E

ANNO

24 domande contributi: 3.477 €

ANNO

2005

31 utenti contributi: 5.002 €

ANNO

2006

32 domande contributi: 6.142 €

ANNO

2008

14 domande contributi: 3.176 €

C O N T R I B U T I

2007

ANNO

24 domande contributi: 3.679 €

P E R

2008

21 domande contributi: 3.942 €

Come si evince dai dati riportati l’impegno economico del Comune è stato sostanzioso e ha registrato un incremento nel corso degli anni: si è passati da un investimento nel Piano diritto allo studio di quasi 90mila euro del 2004/2005 a oltre 131mila del 2009/2010. Nel 2008 è stato approvato il regolamento per l'assegnazione di borse di studio al merito per 38

M E N O

A B B I E N T I

ANNO

2009

38 domande contributi: 4.553 € L I B R I

D I

ANNO

T E S T O

2009

21 domande contributi: 2.838 €

gli studenti residenti nel Comune e frequentanti le scuole dell'obbligo del territorio e le scuole secondarie di secondo grado. Nell’anno scolastico 2008-09 sono state assegnate: D5 borse di studio del valore di 100 euro ciascuna a studenti meritevoli della classe quinta della scuola primaria di Trevenzuolo;


B I L A N C I O

S C O L A S T I C O

TOTALE ENTRATE TOTALE USCITE QUOTA A CARICO DELL’AMMINISTRAZIONE

A . SCOLAST. 2004/2005

A . SCOLAST. 2005/2006

A . SCOLAST. 2006/2007

A . SCOLAST. 2007/2008

A . SCOLAST. 2008/2009

50.072

49.280

58.909

51.461

49.282

139.938

134.891

145.354

160.851

180.919

89.866

85.610

86.445

109.389

131.637

D5 borse di studio per studenti della classe terza della scuola secondaria di Fagnano, dal valore di 300 euro cadauna;

D4 borse di studio per studenti di classi quinte della scuola secondaria di secondo grado dell'ammontare di 700 €. 39


Bilancio di mandato

R A C C O L T A

R I F I U T I

La raccolta differenziata nei Comuni del Veneto nell’anno 2008, nel 79% dei casi, ha superato il 50%. Il Comune di Trevenzuolo, inserito dalla Lega Ambiente nei “Comuni Ricicloni”, nell’anno 2008, ha realizzato una raccolta differenziata pari al 64,33%. La produzione di rifiuti nel Comune è aumentata nell’ultimo quinquennio in maniera molto modesta e contestualmente si è incrementata anche la raccolta differenziata. Si tratta di un aumento altrettanto modesto ma comunque significativo considerando l’alta percentuale di cui stiamo parlando. Nel Comune infatti il servizio porta a

porta è ormai attivo da parecchi anni e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il merito di ciò va attribuito a chi gestisce il servizio ma anche a tutti i cittadini che, nel corso degli anni, hanno sempre più sviluppato la raccolta porta a porta favorendo la differenziazione dei rifiuti. Nonostante l’impegno profuso dal Comune nella vigilanza e nella pulizia dei fossati, si deve peraltro lamentare la piaga dei rifiuti abbandonati da “incivili” lungo le rive dei fossati, fatto questo da combattere anche con il fattivo contributo e apporto dei cittadini.


R I F I U T I

A

T R E V E N Z U O L O

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

ANNO

2005

2006

2007

2008

2009

2.620

2.627

2.630

2.679

*

400

406

397

408

*

1.047.814

1.065.822

62,72 %

62,73 %

ABITANTI

RIFIIUTI URBANI KG/AB. ALL’ANNO

KG TOTALE RIFIUTI

% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

1.044.275 1.092.544 62,89 %

*

64,33 %

*

*dati in fase di elaborazione

70%

kg per abitante all’anno

450

60%

% di raccolta dif.

40% 50% 30% 20% 10% 0%

2005

2006

2007

2008

2009

41

400 350 300 250 200 150 100 50 0

2005

2006

2007

2008

2009


Bilancio di mandato

A U T O D R O M O

D E L

V E N E T O

Il progetto Autodromo e filiera Agroalimentare

Anno 2006

di Trevenzuolo è solo una piccola parte di un

Nascita della Società Motor City Holding s.r.l.,

disegno di sviluppo d’area molto più ampio che

socio privato della società Autodromo del

caratterizzerà il futuro del Comune di

Veneto.

Trevenzuolo e dei suoi abitanti.

Nel mese di settembre la giunta regionale del

L’idea è nata nel 1992 per affrontare il fenome-

Veneto approva la variante alle norme tecniche

no dello spopolamento della zona dovuto all’ab-

attuative.

bandono del lavoro nei campi e alla mancanza di

Anno 2007

fabbriche in cui impiegare la manodopera. Da

Acquisto dei terreni da parte della società

qui l’idea di offrire un’alternativa ai giovani cre-

Autodromo del Veneto.

ando una struttura che offrisse lavoro, ma che

Progetto di massima del comparto Autodromo

non fosse la solita zona industriale, perchè già in

per la Valutazione di impatto ambientale (V.I.A.)

quegli anni era iniziato il fenomeno, ora accen-

Presentazione del piano particolareggiato.

tuato, della delocalizzazione delle fabbriche.

Anno 2008

Nell’ultimo quinquennio l’iter per avvicinarsi

Accordo di programma tra i Comuni di

all’inizio dei lavori ha fatto passi da gigante. Ecco

Trevenzuolo e Vigasio per la gestione dei ricavi e

il riassunto dell’avanzamento anno per anno.

delle spese dell’area Autodromo.

Anno 2005

Nel mese di agosto la giunta provinciale approva

Concertazione tra i Comuni interessati dall'inter-

la V.I.A. del progetto Autodromo.

vento e l'amministrazione provinciale per la rea-

Anno 2009

lizzazione del progetto Autodromo.

Predisposizione del Piano attuativo da parte del

Approvazione della variante urbanistica inerente

socio privato e presentazione del cronoprogram-

la zona commerciale all'interno dell'area auto-

ma dei lavori.

dromo.

Il 29 dicembre la giunta regionale prende atto 42


ci della Regione Veneto. Anno 2010 SarĂ presentato il progetto attuativo per la

A2 2

Vigasio

Au tost rad a

dell’approvazione della V.I.A. da parte degli uffi-

4

3

5

costruzione delle strade di collegamento e degli edifici nell’area autodromo.

6

2

1 Autodromo 2 Raccordo autostradale 3 Parco tematico 4 Reception 5 Zona commerciale 6 Parcheggi 7 Zona ricreativa e Zona ristorativa 8 Area residenziale 9 Polo tecnologico 10 Allenamento motocross 11 Centrale di cogenerazione

1 7

11 8

10 9

43

Trevenzuolo


Bilancio di mandato

S I C U R E Z Z A

La sicurezza del cittadino è sicuramente uno dei

L’intervento degli uomini della polizia locale si è

temi maggiormente sentiti dalla comunità.

concentrato in particolare sulla sicurezza strada-

Mantenerla, incrementarla ed investire su di essa

le, ma anche sulle attività di accertamento e sui

è una priorità per l’amministrazione comunale.

servizi ai cittadini. E oggi le strade sono più

Nel corso dell’ultimo quinquennio, il Comune

sicure grazie anche a interventi che hanno segui-

si è concentrato per ottenere risultati concreti

to precise direttrici. Da un lato, il Comune ha

lavorando in forma associata con i Comuni di

cercato di ostacolare comportamenti pericolosi,

Erbè e Nogarole Rocca per fornire un servizio

dall’altro ha investito sempre maggiori risorse in

di polizia locale che coprisse la più ampia fascia

attività di sensibilizzazione e prevenzione. Tutto

oraria e tutti i punti del territorio, cercando

ciò cercando di non vessare i cittadini, soprat-

comunque di contenere i costi.

tutto in questo momento di crisi economica.

S I C U R E Z Z A

S T R A D A L E

VERBALI PER INFRAZIONI STRADALI IMPORTO SANZIONI ACCERTATE (IN EURO) RICORSI PRESENTATI PUNTI DECURTATI DALLE PATENTI RITIRI PATENTI E CARTA DI CIRCOLAZIONE

2005

2006

2007

2008

2009

214

224

298

122

81

40.718

48.786

56.620

20.694

10.371

8

11

8

5

1

309

301

726

267

159

7

9

5

1

2

44


V I D E O S O R V E G L I A N Z A

La microcriminalità è silenziosa e invisibile. L’amministrazione comunale ha inteso contrastarla coprendo i punti critici del territorio con un sistema integrato di videosorveglianza. I progetti sono due. Il primo interamente finanziato dal Comune prevede il posizionamento di cinque telecamere fisse a copertura del capoluogo e del cimitero. Tale sistema, già operativo, permette la consultazione istantanea con una semplice chiamata da cellulare, consentendo lo scaricamento delle immagini riferite ad alcuni giorni di registrazione. Il secondo progetto, denominato Azione Responsabile, è stato presentato in Regione dall’Unione Tartaro Tione ed è stato premiato per la sua flessibilità e innovazione dall’Assessorato alla sicurezza, presieduto da Massimo Giorgetti, con un contributo di 176.000 euro, pari al 70% della spesa al netto dell’Iva. Sarà operativo per l’inizio dell’estate. Tale progetto si estende su quattro Comuni e comprende l’installazione di 25 telecamere: 6 di esse saranno installate su Trevenzuolo,

Fagnano e Roncolevà. Le telecamere previste sono del tipo “dome” con funzionalità estremamente avanzate, quali software di inseguimento degli oggetti in movimento nel campo visivo di 360 gradi, zoom ottico, riprese diurne e notturne. Le funzionalità possono essere automatiche con l’invio di messaggi d’allarme via cellulare agli agenti ovvero pilotate a distanza dalla centrale di polizia. Sarà coperto da una telecamera anche l’incrocio nei pressi della scuola.

45


Bilancio di mandato

P I A N O

D I

A S S E T T O

D E L

T E R R I T O R I O

Il Pat, Piano di assetto del territorio, è lo strumento che

legge ed alla individuazione delle linee di sviluppo per i

definisce le linee guida fondamentali e di dettaglio dello

futuri insediamenti ai fini abitativi previsto con un aumen-

sviluppo urbanistico del territorio di ogni Comune e sosti-

to della popolazione di circa il 25%. E’ significativo ricor-

tuisce il vecchio Piano regolatore. Il Pat non è il frutto di

dare come in questa fase ci sia un approfondimento degli

una decisione autonoma dell'amministrazione comunale

studi di carattere agronomico, geologico, strutturale e delle

ma è il risultato del confronto tra le varie forze sociali.

ricadute nel territorio. Tra queste figurano le cosiddette

Attualmente è in corso a Trevenzuolo l’iter per la sua reda-

“impronte ecologiche” come indicatori in grado di stimo-

zione. Di seguito lo stato di attuazione dello stesso. Con

lare la quantità totale di servizi ecologici che una popola-

provvedimento regionale n. 136 del 12/11/2008 è stato

zione utilizza per vivere. Tale indicatore si traduce nella

espresso dalla Commissione Regionale Vas il parere posi-

necessità di terreno necessario a produrre i servizi e nello

tivo di compatibilità ambientale. Successivamente, con

stesso tempo ad assorbire le conseguenze degli stessi per

deliberazione della giunta del n. 9 del 09/02/2009, è stato

ogni abitante insediato e insediabile. Si evidenzia quindi

approvato il Documento preliminare e la bozza di

come nella fase attuale di redazione del Pat non si proce-

Accordo di copianificazione con la Regione Veneto e la

da ad una scelta delle aree edificabili, ma ad una verifica

Provincia di Verona. In data 21/05/2009 si sono svolti gli

dello stato attuale e dei possibili futuri insediamenti previ-

incontri di concertazione con la popolazione sul

sti per legge, con le loro possibili ricadute sul territorio sia

Documento preliminare e la Relazione Ambientale.

in termini positivi che negativi. Ciò permetterà di modu-

Nella fase attuale, dopo gli incontri con i cittadini, si sta già

lare il futuro sviluppo sulla base dei risultati teorici nel

procedendo ad una verifica del territorio, dei vincoli di

rispetto della qualità della vita.

N U O V O

S E R V I Z I O

C A T A S T A L E

L’ufficio tributi comunale offre un nuovo servizio catastale. Tutti i lunedì mattina dalle ore 9.00 alle ore 12.30 i cittadini potranno richiedere gratuitamente il rilascio di visure catastali ed estremi di mappa. L’ufficio è in collegamento on line con l’Agenzia del Territorio per rilasciare documenti in tempo reale. 46


bilancio sociale di fine mandato - comune di Trevenzuolo VR  

bilancio sociale di fine mandato del comune di Trevenzuolo VR

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you