TU NEWS n. 271

Page 1

N. 271 - Venerdì 22 Luglio 2022

PASSIONE PER L'INFORMAZIONE

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590 globalpress.amministrazione@gmail.com Stampa: Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta Tiratura media 6.000 copie

www.tunews24.it

SPETTACOLO ECONOMIA

€ 0,70

GRATUITO - Edizione lancio

Segnali di ripartenza per le imprese: secondo i dati della Camera di Commercio la Ciociaria dà una spallata alla crisi

SCATTA IL TOTO CANDIDATI PAGINA 3

IL PRESIDENTE MATTARELLA SCIOGLIE LE CAMERE DOPO LE DIMISSIONI DI DRAGHI: ALLE URNE IL 25 SETTEMBRE PRIME INDISCREZIONI PER LA CORSA A CAMERA E SENATO. SPUNTANO I NOMI DI OTTAVIANI E DE ANGELIS FROSINONE E PROVINCIA

Settore vitivinicolo Basso Lazio, siglato un patto per lo sviluppo PAGINA 3

FROSINONE E PROVINCIA

Un'estate tutta da vivere: ricco calendario targato Bpc PAGINA 5

FERENTINO

IN FRATELLI D'ITALIA QUASI SCONTATA LA RICONFERMA DI MASSIMO RUSPANDINI NEI CINQUE STELLE IN LIZZA FONTANA E SEGNERI. MARIO ABBRUZZESE CI PROVA ALATRI

PAGINA 7

VEROLI

PAGINA 9

Al centro diurno 'Malancona' una festa per la chiusura estiva PAGINA 7

BOVILLE ERNICA

PAGINA 10

La comunità alatrense ricorda Un'incredibile storia d'amore Ilaria Cretaro diventa... 'nomade': i sacrifici di Falcone e Borsellino lunga dalla Colombia all'Italia la storica band produrrà i suoi dischi


2

VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

frosinone e provincia

ELEZIONI - DRAGHI A CASA INSIEME E TUTTI I PARLAMENTARI CIOCIARI. ECCO CHI, DI COLPO, POTRÀ ESSERE IN LIZZA A SETTEMBRE

Candidati all'improvviso Dario FACCI

I

l tutti a casa e subito al voto a settembre non mi ha meravigliato. Le grandi alleanze non sono amiche delle elezioni, le forze politiche hanno la tendenza ad evitare di farsi logorare all’infinito. Detto ciò la situazione particolarmente delicata aveva fatto credere a molti che, questa volta, le cose sarebbero andate diversamente e che i partiti sarebbero stati convinti dall’interesse superiore del popolo, certamente più importante del proprio. Le cose, com’è evidente, sono andate diversamente. Scendendo sul terreno che più ci interessa, cioè quello della provincia di Frosinone, va sottolineato che insieme a Draghi va a casa la più nutrita compagine di parlamentari che questo territorio abbia vantato: oltre al sottosegretario pentastellato Ilaria Fontana, salutano i banchi di Montecitorio anche i due deputati Frusone e Segneri, la deputata leghista Francesca Gerardi e anche l’altro eletto a Frosinone Francesco Zicchieri, il senatore di Fratelli d’Italia, Massimo Ruspandini e quello della Lega Gianfranco Rufa. Se vogliamo, aggiungiamo anche il ciociaro del Pd, non eletto nei nostri collegi, Claudio Mancini. Va inoltre sottolineato che questa volta i posti disponibili per i parlamentari sono assai di meno a causa della drastica riduzione del loro numero voluta da una delle più rumorose riforme prodotte da questa tribolata legislatura. Vero è che, nonostante

■ ■ ■ NICOLA OTTAVIANI

ciò, alcuni (pochissimi) tra gli uscenti, hanno la possibilità di una conferma, pur non semplicissima e anche altri nomi, con estrema probabilità, proveranno a cimentarsi nelle elezioni parlamentari. Da tempo le Voci dal Palazzo narrano dell’ambizione del leader del Partito Democratico in provincia di Frosinone, Francesco De Angelis, di centrare l’unico obiettivo che manca al suo ricchissimo Cursus Honorum: il Parlamento. Recentemente ha accennato alla necessità che il Lazio meridionale (cioè le province di Frosinone e Latina) esprima una rappresentanza. Ovviamente non ha fatto riferimento a sé stesso ma in molti lo hanno pensato. Insomma le pettegole di Palazzo sussurrano che Frenc ci vorrebbe provare anche se la partita della candidatura è tutt’altro che semplice. Comunque sia Frenc già ieri, alla notizia dello scioglimento delle

■ ■ ■ FRANCESCO DE ANGELIS

Camere, ha diramato una nota con la quale accusa il centrodestra di aver messo in difficoltà gli italiani per mero interesse di bottega. E’ già in campo insomma. Un altro nome che circola con insistenza tra gli spifferi di Palazzo è quello più ovvio dell’ex sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani. Lo Zar, più volte interrogato sull’argomento ha sempre risposto rigettando al mittente qualsiasi ipotesi. Tuttavia non ce la sentiamo di escluderlo dal novero dei possibili candidati per la Lega, visto il prestigio che ha accumulato nel suo partito dove è tenuto in altissima considerazione dai massimi vertici. Il senatore Massimo Ruspandini punta alla conferma tra i rappresentanti di Fratelli d’Italia. Le complesse dinamiche che portano alle candidature in collegi eleggibili recano sempre un’alta componente imponderabile. Tuttavia una bocciatura

■ ■ ■ MASSIMO RUSPANDINI

per lui non sembra prevista, risulterebbe punitiva e non se ne vede la ragione nonostante la riduzione drastica dei seggi. Per quanto riguarda gli altri è veramente difficile pensare a una candidatura in posizione eleggibile, considerato che nelle scorse elezioni la Lega e soprattutto il Movimento5Stelle ottennero una messe di consensi oggi non più replicabile e le Voci dei Palazzo, ovviamente, tacciono al riguardo. Ciò non toglie che tutto è sempre possibile. Abbiamo citato, tra i ciociari, anche l’onorevole del Pd Claudio Mancini, per lui la candidatura è data invece per scontata. Infine non c’è alcun dubbio che lo scioglimento delle Camere e il ricorso al voto anticipato con campagna elettorale in piena estate abbia repentinamente attivato dinamiche non prevedibili come pure abbia gettato alle ortiche progetti in itinere. Nella nostra pro-

■ ■ ■ MARIO ABBRUZZESE

vincia sono diversi coloro che si vedono infrangere quei progetti e che, in qualche caso, si vedranno travasati di botto in altri, oppure saranno drammaticamente destinati a desistere. Un discorso questo che investe tutti i livelli elettorali, naturalmente con priorità alle Regionali della prossima Primavera. Il voto in due date differenti tra Parlamento e Regione è un altro elemento che lascerà molti riflettere. Un altro elemento che andrà analizzato a fondo è l’incognita centristi. Ovviamente Renzi non si presenterà mai al voto con il suo solo partito Italia Viva ad altissimo rischio di estromissione da sottosoglia. Così massima attenzione ad Azione di Calenda e agli altri partiti da tempo in movimento per creare una nutrita coalizione centrista. Quei movimenti si sono ovviamente accelerati sia tra i partiti a tendenza centrodestra sia tra quelli più vicini alle posizioni

progressiste. Nel centrodestra viene in mente di pensare: cosa farà Mario Abbruzzese, coordinatore regionale del partito di Toti, che si è espresso contro la scelta del centrodestra di defenestrare Draghi? In primo luogo Abbruzzese, oggi in Regione con il consigliere regionale leghista Ciacciarelli, prima di prendere una qualsiasi decisione, dovrà risolvere un’evidente contraddizione di posizioni. Un bel problemino! Nel centrosinistra guarda alle nuove dinamiche centriste con grande (obbligato) interesse il Partito Democratico che ha visto naufragare drammaticamente il progetto Campo Largo con i grillini (cosa che, dichiaratamente, non mi aveva mai convinto) e ora alla disperata ricerca di altre possibilità di sintonia in Parlamento. Anche in questo campo, nella nostra provincia, ci potrebbero essere novità e colpi di scena.


VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

frosinone e provincia

3

RASSICURANTI I DATI MOVIMPRESE RELATIVI AL II TRIMESTRE 2022 ELABORATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI FROSINONE-LATINA

Imprese, segnali di ripresa

Saldo positivo con 605 realtà in più tra i due territori: la Ciociaria traina la ripartenza

L

e fibrillazioni economiche degli ultimi mesi, a leggerle con la lente della demografia imprenditoriale, mostrano fattori di trascinamento pandemici che in termini aggregati si esplicitano in un inevitabile effetto sospensivo dell’intraprendenza imprenditoriale ed in una ripresa delle cessazioni; il fattore compensativo dell’edilizia sostenuta degli incentivi torna ad emergere, sebbene dimostri di contenere le incertezze normative e di mercato. Gli esiti algebrici riferiti alla seconda porzione d’anno restituiscono su scala nazionale oltre 32mila unità aggiuntive, in ridimensionamento rispetto alla decisa accelerazione dello scorso anno (-30% sul II trimestre

2021); il che conferma i segnali emersi in apertura d’anno di un clima di maggiori incertezze che si è andato consolidando. La composizione del saldo è l’esito di un rallentamento delle iscrizioni (-7% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno), che si mantengono il 10% inferiori ai valori pre-covid,

mentre prosegue l’avanzamento delle cessazioni che, seppur in crescita rispetto al 2021 (6mila unità in più), si mantengono su valori contenuti in serie storica (-20% rispetto al secondo trimestre 2019), grazie alle linee di credito attivate con le garanzie pubbliche e alle moratorie sui prestiti. Tuttavia,

occorre evidenziare che le attese di rialzo dei tassi di interesse connesse allo scenario inflattivo determinato dagli aumenti dei costi di gas, energia, materie prime e semilavorati rischiano di minare la capacità delle imprese di far fronte al costo del debito. Peraltro, tali misure attualmente sono in decalage e in attesa del via libera della Commissione europea per l’ulteriore proroga prevista nel decreto Aiuti. Rispetto all’apertura d’anno, il Lazio si conferma ai vertici della graduatoria regionale, dietro alla sola Sardegna (+0,69% il tasso di crescita, a fronte del +0,54% nazionale), in quanto non interviene con altrettanta incisività del secondo trimestre dello scorso anno la stagionalità che tende ad al-

terare la geografia territoriale, favorendo i territori dove la componente turistico-ricettiva ha un peso significativo. I numeri di Frosinone e Latina Il bilancio nei territori di Frosinone e Latina è positivo per 605 imprese (a fronte delle 807 aggiuntive del secondo trimestre dello scorso anno) e si colloca al di sopra dei valori riferiti all’analogo periodo pre-covid (+537 unità il saldo riferito al secondo trimestre 2019). Di fatto a determinare tale differenziale è il frusinate, che mostra un saldo trimestrale migliore rispetto ai valori pre-pandemici effetto di cessazioni più contenute; mentre il turn-over in terra pontina tende a normalizzarsi, assestandosi sul bilancio targato 2019.

Rispetto al secondo quarto dello scorso anno, torna ad essere determinante il contributo delle costruzioni a tutti i livelli territoriali, sebbene le dinamiche risultino in rallentamento rispetto alla corsa dello scorso anno, con l’unica eccezione di Latina. Il segmento turistico ricettivo pur beneficiando di una situazione pandemica nettamente migliore quanto all’allentamento delle misure restrittive rispetto allo scorso anno, mostra esiti territoriali alterni, per un bilancio in termini relativi più convincente nel frusinate (+0,81% la variazione dello stock, a fronte del +0,53% targato II trimestre 2021), mentre negli altri territori risulta in rallentamento.

sogno di dare una nostra identità, un'immagine che sia riconoscibile e appetibile. Per farlo, come evidenziato dal presidente, occorrerà fare squadra, lavorare in sinergia. Le nostre produzioni hanno una lunga storia ma bisogna cominciare a raccontarla insieme". Un concetto condiviso anche da Enrico Rossi e Massimo Viscogliosi: "L'obiettivo che dobbiamo perseguire è quello di trasformare i vini del basso Lazio in prodotti di tendenza, creando, proprio come diceva il presidente Acampora, un brand identificativo delle produzioni del Basso Lazio che nulla hanno da invidiare a quelle di altri territori. Bisognerà coinvolgere i ristoratori, soprattutto quelli romani affinché propongano le nostre etichette come vanto per l'intera regione. Crediamo anche che bisognerà coinvolgere tutti gli ope-

ratori del settore, anche per valorizzare la nostra partecipazione a manifestazioni e fiere di settore". Di fiere di settore ha parlato anche Antonio Borgia, avanzando la proposta di: "Una fiera internazionale organizzata proprio nei nostri territori ricchi non solo di produzioni di qualità ma di prodotti d'eccellenza e di bellezze indiscusse. Si potrebbero coinvolgere tutti i produttori delle province di Frosinone e Latina - ha affermato - ma anche altri soggetti che potranno dare il loro supporto. Penso ad un evento che non sia solo del settore vitivinicolo ma rappresentativo dell'intera area vasta che qui oggi abbiamo menzionato, in un'ottica di enoturismo. Così si potrebbero aiutare anche i produttori più piccoli ad emergere". Il tavolo permanente è stato costituito, il patto per il rilancio del settore vitivinicolo del Basso Lazio c'è. Ora a consorzi, associazioni e produttori non resta che lavorare insieme, con il pieno supporto di Camera di Commercio e Azienda Speciale, per rendere concrete, entro il prossimo ottobre, le proposte avanzate.

ACAMPORA: COSTITUITO UN TAVOLO PERMANENTE

"P

er la prima volta, abbiamo radunato attorno ad un tavolo operativo permanente tutti i consorzi, le associazioni ed i principali protagonisti del settore vitivinicolo delle province di Frosinone e Latina. Un incontro che vuole essere l'occasione per attivare le giuste sinergie volte a rilanciare le eccellenze dei nostri territori, nell'ottica di promuovere un'area vasta e non le singole realtà locali. Solo così sarà possibile avere maggiore appeal non solo sui mercati nazionali ma anche su quelli esteri". - Così il presidente della Camera di Commercio di Frosinone e Latina, Giovanni Acampora, ha aperto il tavolo di confronto congiunto tenutosi nella mattinata nella sede pontina dell'ente camerale. Presenti, in rappresentanza di consorzi e associazioni, il Presidente dell'Associazione “Strada del vino, dell'olio e dei sapori della provincia di Latina”, Marco Carpineti; il presidente della "Strada del vino Cesanese", Antonio Borgia; il presidente del Consorzio del Cabernet Atina Doc, Enrico Rossi e, per lo stesso Consorzio, Massimo Vi-

Settore vitivinicolo del Basso Lazio, un patto per il rilancio del comparto

scogliosi. "La Camera di Commercio metterà in campo le risorse necessarie per essere al vostro fianco, - ha proseguito Acampora noi ci siamo, a patto che si operi in sinergia, con progettualità comuni per il rilancio e la promozione delle produzioni d'eccellenza che il basso Lazio può vantare. Come rappresentanti delle principali realtà del settore dei territori avete il pieno supporto dell'Ente, ora sta a voi esporre le vostre

istanze, proporre idee vincenti e concrete. Penso ad un''Enoteca' con le migliori etichette locali in un territorio baricentrico o, ancora, ad un brand che identifichi le nostre produzioni ma anche ad incontri B2B con i principali importatori. Questa operazione di rilancio avrà la 'paternità' della Camera di Commercio, attraverso l'Azienda Speciale Informare che metterà in campo le risorse per la promozione, la formazione e l'internaziona-

lizzazione". Parole accolte con grande entusiasmo dai partecipanti al tavolo dei lavori. A ringraziare il presidente Acampora, Marco Carpineti che ha affermato: “Per la prima volta la Camera di Commercio si occupa concretamente di un settore così importante quale quello vitivinicolo che mi onoro di rappresentare insieme ai colleghi presenti qui oggi. Un settore che dovrà diventare trainante per lo sviluppo del turismo locale. C'è bi-


PAGINA 4

22 LUGLIO 2022


VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

frosinone e provincia

5

MUSICA, MODA, SPETTACOLO E LETTERATURA PER UN'ESTATE TUTTA DA VIVERE

U

n calendario ricchissimo, tanti eventi e soprattutto la voglia di ripartire, di ricominciare a vivere eventi in presenza, scommettendo sull’arte, la cultura, il divertimento. E’ l’estate di eventi promossi e sostenuti da Banca Popolare del Cassinate: musica, letteratura, giornalismo, libri, cultura, spettacolo, arti di strada, tradizioni,enogastronomia e tanto altro, in un cartellone che tocca ogni angolo del nostro territorio. Ad aprire il calendario degli eventi targati BPC nell’estate 2022 “Il Bosco delle Favole”, il più grande parco del centro Italia legato al mondo delle fiabe amate da grandi e piccini. Un evento giunto alla sua quinta edizione e che, ancora una volta, si tiene nello scenario incantevole e magico delle Terme Varroniane di Cassino. Dal 2 luglio al 28 agosto, il parco è aperto dal mercoledi alla domenica, con live show tutti i sabati e tutte le domeniche. Un grande evento pensato per le famiglie e i bambini e che ogni anno accoglie migliaia di visitatori provenienti da tutta Italia Il 9 e il 10 luglio Pastorizia in Festival, storica manifestazione che si tiene a Picinisco. Percorsi gastronomici, eventi musicali, mostra-mercato nazionale delle eccellenze casearie legate al pascolo, laboratori didattici sul Pecorino di Picinisco DOP, escursioni nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e tante altre iniziative, con l’obiettivo di valorizzare e far conoscere un territorio ricco di storia, cultura, tradizione. Il 13 luglio e il 12 agosto a Pontecorvo la XVII edizione di Musica sul Monte Leuci – Musica al Museo. Il primo appuntamento, quest’anno, è stato dedicato al ricordo del Maestro Davide delle Cese, compositore nativo di Pontecorvo e del quale lo scorso anno ricorreva il 165° Anniversario della nascita che la pandemia non ha permesso di celebrare. Artisti prestigiosi e grande musica in questa manifestazione, che continua ad essere un punto di riferimento per il nostro territorio e un appuntamento imperdibile. Dal 14 al 17 luglio, a Gaeta, la XIV edizione del Festival Jazz di Gaeta: quattro giornate uniche, da vivere immersi tra le tante location diffuse nello splendido borgo della Riviera di Ulisse. Un festival riconosciuto a livello nazionale come una delle rassegne più impor-

Investire in cultura: il ricco calendario di eventi targati BPC ■■■

IL DIRETTORE ROBERTO CARAMANICA E IL PRESIDENTE VINCENZO FORMISANO, SOTTO LA SEDE CENTRALE DELLA BPC

tanti dedicate alle nuove forme e alle nuove visioni della musica jazz. La moda è protagonista delle tre tappe del Gran Galà della moda: San Vittore del Lazio, il 10 luglio, Fondi, il 17 luglio e Cassino il 24 luglio. Ancora musica e grande spettacolo dal 21 al 24 luglio con Atina Jazz, storico Festival nato nel 1986 da un’idea dell’avvocato Fortuna. Anche quest’anno il Festival è affidato alla Direzione Artistica di Leonardo Manzari. Nell’edizione 2022, si continuerà a dare spazio al jazz italiano, ma si apriranno le porte anche alle sonorità più recenti, in termini temporali, del Jazz internazionale. Quattro serate, ciascuna delle quali sarà animata da almeno due concerti e, come sempre, con una grande attenzione

anche alla valorizzazione della cultura enogastronomica locale. Tutti i concerti si terranno ad Atina in Piazza Marconi, riportando la grande musica nel cuore della Val di Comino. La Bpc, come da tradizione, sarà presente anche a Sposa sotto le stelle, il 22 luglio, storica manifestazione che si tiene ad Aquino, sulla scalinata della Chiesa della Madonna Della Libera. L’arte di strada e lo spettacolo sono protagonisti di due grandi appuntamenti in programma a fine luglio: dal 27 al 31 luglio, a Veroli, dopo lo stop forzato imposto dalla pandemia, i Fasti Verolani, che trasformano il centro storico di Veroli in un grande teatro all’aperto, all’insegna delle forti emozioni, dello stupore, dell’allegria e del divertimento. Una manifestazione che

registra migliaia di presenze e ogni anno uno straordinario successo. 29-30 e 31 luglio sono invece le serate dedicate a Via di Banda, la festa delle bande e degli artisti di strada tra le più autentiche e coinvolgenti d’Italia, che porta come in un incanto decine e decine di musici nel centro storico di San Donato Val di Comino. Con Via di Banda la tradizione bandistica diventa socializzazione, creatività e anche una forma di trasmissione del sapere tra le generazioni. Il mese di agosto si apre invece con Castellinaria, la “festa pop” che, dal al 7 agosto, mette insieme teatro, danza, musica, incontri, performance, e attenzione alla cultura enogastronomica. Una manifestazione giovane e innovativa, con un programma ricchissimo

e che si tiene ad Alvito. Grande Festa a Ferragosto a Casalvieri, con il ritorno del Casalvieri Summer Festival, con artisti di calibro nazionale e internazionale, mentre il 27 agosto la BPC sarà presente a Isola del Liri per la gara podistica Cascatalonga. Dal 19 al 21 agosto ad Arpino torna la tradizione del Gonfalone, giunta alla sua cinquantunesima edizione, nel quale si sfideranno i 6 quartieri e le contrade cittadine. Dal 20 al 28 agosto, in Val di Comino, torna anche il Festival delle Storie: Sora, Campoli, San Donato, Gallinato, Casalvieri, Atina, Villa Latina, Alvito, Picinisco. Tanti paesi per un unico grande itinerario, nel quale i libri, le storie, il piacere del narrare sono i protagonisti. Libri protagonisti anche

nella ormai storica manifestazione Libri sulla cresta dell’onda: quattro apuntamenti in quattro diverse location con autori prestigiosissimi. Il 29 luglio a Gaeta Carlo Lucarelli, il 4 agosto a Minturno Roverto Savianom il 26 agosto a Formia Susanna Tamaro e Folco Terzani e il 4 settembre a Fondi Gemma Calabresi Milite. Infine, lo storico appuntamento del Festival Internazionale Severino Gazzelloni, una realtà culturale musicale riconosciuta a livello nazionale e internazionale che il comune di Roccasecca organizza ogni anno dal 1994. Un omaggio a Severino Gazzelloni, flautista di fama mondiale nato proprio a Roccasecca, e che rappresenta uno degli appuntamenti musicali più attesi e importanti del nostro territorio. Tanti appuntamenti dal 24 luglio fino al concerto conclusivo il 21 novembre per ricordare il “flauto d’oro”. “Arte e cultura, musica e spettacolo: la nostra banca – dice il Presidente Vincenzo Formisano - crede che la cultura sia fonte di ricchezza e di benessere per un territorio e che si debba avere il coraggio di investire in questo settore. Lo abbiamo sempre fatto e continuiamo a farlo con la convinzione che la cultura sia la base della nostra identità, sia fonte di benessere sociale, sia strumento di crescita economica. La vivacità del nostro territorio, la grande voglia che c’è di ripartire sono segnali di speranza che vogliamo sostenere e accompagnare. Siamo orgogliosi di eventi con programmi così ricchi e variegati e siamo certi che sapranno attrarre turisti e visitatori e renderanno tutti noi fieri di essere cittadini di questo territorio”.


PAGINA 6

22 LUGLIO 2022


VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

7

alatri-ferentino

ALATRI - L'AMMINISTRAZIONE HA CONFERITO LA CITTADINANZA ONORARIA A DUE EROI DELLA STORIA ITALIANA

Il valore del ricordo

Nelle scorse settimane momenti musicali e culturali in memoria dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

I

l 19 luglio 1992 veniva ucciso dalla mafia il giudice Paolo Borsellino. Con lui perdevano la vita 4 uomini e una donna della scorta. Sono passati trent'anni, ma l'eco di quanto accaduto e il valore del ricordo di Borsellino sono ancora fortissimi. Tanto forti che in centinaia di comuni d'Italia si sono organizzate delle iniziative per ricordare il giudice Borsellino. Nelle settimane scorse anche Alatri ha voluto organizzare un momento di ricordo, conferendo la cittadinanza onoraria a Giovanni falcone e Paolo Borsellino. Due eroi italiani ai quali è stato dedicato anche uno

■■■

NELLE FOTO ALCUNI DEI MOMENTI DEGLI EVENTI DELLE SCORSE SETTIMANE PER RICORDARE BORSELLINO E FALCONE

spettacolo. Presso il chiostro di San Francesco, con la partecipazione dell’Associazione culturale Blue Orchestra Sinfonica e dell’Orchestra Sinfonia Nuova, sotto la direzione del maestro Manlio Polletta, con lo spettacolo “Brucia la Terra” e con la presentazione del libro “Io Emanuela” della scrittrice Annalisa Strada. E anche con un

dialogo con l’Avv. Fabio Padovani sulla vita e la storia di Emanuela Lo, agente di scorta uccisa nel tragico evento di Via d’Amelio. Ha spiegato il Sindaco Maurizio Cianfrocca: «Ricordare Paolo Borsellino e il suo impegno per la giustizia è un dovere di tutti. Importante per rafforzare la coscienza collettiva della società civile. Bisogna, a tutti i costi, tramandare la grande eredità di Borsellino soprattutto alle giovani generazioni. Negli ultimi anni della sua vita, Borsellino ebbe una particolare attenzione proprio per i giovani. A loro, in più occasioni, rivolse le sue riflessioni, rintracciando nell'educazione alla cultura e alla pace un potente antidoto contro ogni mafia: “Quando i giovani le negheranno il consenso, la mafia finirà»

FERENTINO - LABORATORI, MUSICA ED EMOZIONANTI RICORDI IN UNA SERATA INDIMENTICABILE A VILLA GASBARRA. POMPEO: UNA REALTÀ CHE CI RENDE ORGOGLIOSI

Al centro diurno ‘Luca Malancona’ festa speciale per la chiusura estiva

"Q

uella del centro diurno ‘Luca Malancona’ è una realtà fatta di persone straordinarie, che mi ricaricano di energie positive e rendono tutti noi orgogliosi di quanto siamo riusciti a fare per questi ragazzi. Vedere la gioia sui loro volti e su quelli delle loro famiglie, assistere alle attività in cui i validissimi operatori li coinvolgono e condividere momenti di festa, come quello di ieri, credo sia il riconoscimento più bello per chi guida una comunità”. Sono parole di emozione quelle del sindaco di Ferentino, Antonio Pompeo, che ieri sera ha assistito alla festa di chiusura estiva del centro diurno ‘Luca Malancona’ nella splendida cornice di Villa Gasbarra. Prima le due esibizioni curate e dirette da Davide Reppi – un progetto di laboratorio artistico basato sulla realizzazione di strumenti

musicali costruiti interamente dai ragazzi – e da Laura Rea, con un progetto di riscoperta degli spazi esterni e degli elementi naturali. Interpreti i tredici ospiti del centro che hanno coinvolto i tanti presenti con le loro performance. A seguire un buffet e la proiezione di un video sulle attività effettuate dal centro, grazie alla professionalità e alla cura degli operatori. A chiudere la festa un coinvolgente momento musicale, animato dalla band

‘Panè Orchestra’, che ha fatto divertire e ballare ospiti e famiglie. “Sono davvero grato a

questi ragazzi – ha concluso il sindaco Antonio Pompeo – per la loro incredibile voglia di condi-

videre, per l’entusiasmo che mettono in qualsiasi cosa siano impegnati a fare e per la lezione di umanità ed empatia che ogni volta riescono a impartire. Per questo sono ancora più soddisfatto di aver riservato loro una sede bella, accogliente e ricca di verde come Villa Gasbarra. Ora è tempo di riposo e di svago: a tutti loro e alle loro straordinarie famiglie auguro una buona estate!”. “Come ogni anno – sono le parole del direttore di

Divisione sociale della Cooperativa Osa, Marcello Carbonaro – amiamo sperimentare e grazie alla professionalità dei nostri consulenti riusciamo a produrre sempre qualcosa di innovativo. I nostri ragazzi si mettono volentieri in discussione e quello che per noi può essere semplice, per loro è sempre un grande traguardo oltre che un successo. Vederli sorridere e divertirsi ci convince ad andare avanti e a fare sempre meglio”.


PAGINA 8

22 LUGLIO 2022


VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

veroli

9

INTERVISTA A DUE SORELLE, ERICA E TATIANA, CHE IL 16 LUGLIO DEL 2005 VENNERO ADOTTATE DA UNA FAMIGLIA VEROLANA INSIEME AL FRATELLO SEBASTIAN

Dalla Colombia all'Italia con amore I ragazzi hanno espresso ai genitori Anna Pilato e Francesco D’Amico il desiderio di tornare un giorno a visitare i luoghi dove sono nati

Egidio CERELLI

E

ra il 16 luglio 2005 quando conobbero per la prima volta i nuovi genitori, Anna e Francesco. Noi abbiamo sentito le due sorelle, Leidy Tatiana ed Erica Janeth D’Amico raccontare la loro storia ricca di amore. Loro vivevano con altri otto tra fratelli e sorelle in Colombia. Erano bambini. Di anni ne son passati 17 ed hanno festeggiato tutti insieme il ricordo di quel 16 luglio quando Anna Pilato e Francesco D’Amico piansero per abbracciare quelli che sarebbero diventate le loro creature Erica che ricordi nasconde la tua mente ormai adulta dopo 17 anni? «Il ricordo bellissimo di quel giorno. Ed oggi mi trovo in un nuovo mondo, ma sono felice di ciò che sto vivendo». Che cosa dici ai tuoi genitori? “Mamma, papà siete diventati genitori di 3 bambini in un solo giorno, sicuramente eravate spaventati ma questo non ha impedito a voi di essere dei meravigliosi genitori. Siete stati e siete dei genitori che ci rendono ogni giorno fieri di essere vostri figli. Ammetto che i primi periodi è stato un po' difficile per noi per me,che essendo la più grande avevo già le mie radici». Un po’ di difficoltà le hai incontrate? «È stato difficile ambientarsi in un posto nuovo dove non conoscevi nessuno,dove tutti ti guardavano e ti parlavano,ma tu rimanevi impassibile perché dicevi tra te

stessa..’ che razza di lingua sta parlando questo” e poi "e se anche io fossi in grado, un giorno di impararla? È stato difficile,molto difficile fidarmi,perché quando stavo in Colombia contavo sempre e solo su di me». Quanto importanti e determinanti i nuovi genitori? Lo fa rivolgendosi con un atto di amore ai loro nuovi papà e mamma «Ma voi mamma e papà,col passare del tempo avete cancellato ogni dubbio e tolto quello scudo che avevo. Mi avete ridato la voglia di ritornare a sorridere. Sono stati i 17 anni migliori e più belli di sempre. Non smetterò mai di ringraziarvi per questa vita meravigliosa che ci avete permesso di vivere». Ora Erika che lasciò la Colombia all’età di 11 anni ha due figli, Fabiola e Tomas e vive con Patrik Ed ecco la sorella Tatiana che racconta gli anni sinora vissuti con la nuova famiglia. «E’ un pezzo della mia storia, la nostra storia, o per lo meno quello che mi viene in mente, grazie a mia sorella, che essendo più grande di

me si ricorda tutto». Ripercorriamola un po’ insieme. «Colombia 2003/2004. Eravamo 11 fratelli, io ero la quinta di loro, la media tra mia sorella Erica e mio fratello Sebastian. Abitavamo, con nostra madre biologica Aracely, in una piccola casa nel paese di Yarumal, ancora oggi uno dei paesi più poveri della Colombia. Non avendo molto da mangiare, con Erica e Seba andavamo a chiedere l’elemosina, e se eravamo fortunati quel giorno riportavamo a casa anche un pezzo di “pamela “ (una sorta di pane dolce), e se invece non riuscivamo a riportare niente allora erano botte». Un ricordo particolare «Sì’, quello di una notte. Mentre ero sul mio piccolo letto, sentii mia sorella Erica aprire la porta di casa. Le chiesi subito dove stesse andando, e lei mi rispose che sarebbe tornata… ma pur avendo solo 5 anni, capii subito che non sarebbe mai tornata. Mi alzai di corsa e le dissi che volevo andare con lei, ma inizialmente obiet-

tò dicendomi di ritornare a dormire, ma subito dopo si svegliò anche mio fratello Sebastian, ancora più piccolo di me. A quel punto Erica ci pensò su, poi mise a me e a Seba un giacchino e uscimmo tutti e tre insieme». Che cosa successe? «Il giorno dopo ci trovarono per strada gli assistenti sociali, che facendoci salire in macchina, ci riportarono a casa, da nostra madre». Vostra madre però… «La situazione andò diversamente da quello che ci aspettavamo: nostra madre Aracely disse loro di portarci via, di darci una vita migliore. Fu in quel momento che ci rimisero in auto, nonostante le grida e i pianti nostri e di nostra madre, che in cuor suo sapeva che non ci avrebbe mai più rivisto». Cominciò così una vita, si fa per dire, diversa «Fin da subito separarono Sebastian da noi ed io rimasi sempre con Erica. Provarono a metterci in diverse famiglie, ma ogni volta facevamo in modo che ci togliessero da quei posti, perché li sentivamo stretti, e perché sentivamo sempre di

più la mancanza di mamma e di Sebastian. Un giorno ci vennero a riprendere gli assistenti sociali, e quando salimmo in macchina c’era anche nostro fratello Seba, che inizialmente non ci aveva riconosciuto, essendo piccolo e passati tanti mesi, ma fu subito festa quando si rese conto che eravamo le sue sorelline. Quel giorno entrammo alla “Casa del ñiño”, un istituto/orfanotrofio a Medellín, dove c’erano 100naia di altri bambini come noi». Arrivò dopo qualche anno la bella notizia «Passò un anno e mezzo, ci eravamo quasi ambientati bene, quando ci diedero la notizia che due persone volevano adottarci, tutti e tre insieme. Era il 16 luglio 2005 quando li vedemmo per la prima volta, i nostri genitori adottivi Anna e Francesco, due persone che hanno rimesso su i nostri piccoli cuori, riempiendoli sin da subito di amore e sicurezza». Oggi sono passati ben 17 anni da quel bellissimo giorno «Ed ogni anno lo festeggiamo come se fosse sempre il primo incontro. Ad oggi non possiamo far altro che ringraziare mamma Aracely per la sua dura scelta, perché se non fosse stato per lei, ora non saremmo qui. Ma il grazie più grande va a mamma Anna e papà Francesco, ‘perché non vi siete spaventati all’idea di diventare genitori di 3 bambini in un solo giorno, ma vi siete affidati al Signore in tutto e per tutto, rimboccandovi le maniche nonostante sapevate che sa-

rebbe stata dura. Ma eccoci qui, ormai adulti, grati e fieri di quello che avevate fatto e fate per noi. È proprio vero che siete due genitori meravigliosi’. Questo è il nostro giorno, il giorno della “Famiglia”, perché proprio quel 16 luglio siete diventati la nostra Famiglia “ Avete più sentito i vostri genitori colombiani? «Mamma la sentiamo speso»- rispondono subito Erika e Tatiana Erika fa la mamma a tempo pieno, Tatiana è nel servizio civile da poco però terminato e Sebastian è presso l’ufficio tecnico a Veroli. Nostalgia della vostra terra? «Faccio un passo indietro – racconta Erica- Una volta a scuola ad una amica che mi aveva detto ‘fossi in te odierei la tua mamma’, io risposi ‘ non mi interessa cosa faresti tu io non la odio ma la amo perché mi ha dato la vita, mi ha messo al mondo mi, ha dato due bellissimi nomi ed io la ringrazio per il dono della vita e per l’amore che mi ha dato per tutto ciò che è riuscita ad insegnarle. Nostalgia? «Sì, a volte siamo in preda alla nostalgia, vorremmo ritornare in Colombia, rivedere i posti dove vivevamo, i nostri familiari. Ne ho parlato con mamma Anna che ha detto a tutti noi di aspettare, di crescere un altro po’. Forse in futuro anche per una vacanza e chissà che un giorno ci riuscirremo» E qui dove ora vivete? «Qui siamo in una vera famiglia. Grazie alla nostra Annarella ed al nostro Checchino».


10

VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

boville ernica

DOPO L'INCONTRO DELL’ALTRO IERI AVUTO CON BEPPE CARLETTI E MASSIMO VECCHI INSIEME AL SUO PROMOTER

La cantante Ilaria diventa… 'vagabonda' I Nomadi produrranno le sue canzoni

L

a cantante Ilaria ha chiuso il contratto con i Nomadi che con Beppe Carletti saranno i suoi produttori, editori e casa discografica. Un successo guadagnato sul campo dalla bravissima artista che in un mese ha toccato il cielo con un dito. Ha aperto la serata del Premio Veroli con il folk singer cantante e musicista Carlo Andreoli, duettando anche con Gianmarco Carroccia presente Mogol per una decina di minuti al Polivalente riproponendo Battisti-Mina di 50 anni fa in RAI e poi quel suo concerto show che ha richiamato tantissimi spettatori, facendo il pieno sui social. Uno spettacolo mai visto in Regione così come in tanti hanno scritto di lei,in modo particolare la dichiarazione dello scenografo Gaetano Castelli che con i suoi

collaboratori aveva consigliato una scenografia mai vista insieme alla coreografia di Iolanda Rocchi. Il momento più bello e riteniamo per la nostra Ilaria emozionante è stato il lungo abbraccio del maestro Mogol che non accorgendosi di avere il microfono acceso le ha ripetuto tante volte..”Brava”. L’amicizia che ci lega da anni con i No-

madi, Beppe Carletti e Massimo Vecchi ha poi sortito un incontro in Ciociaria con lei, Ilaria con cui qualche giorno fa ha siglato l’accordo di produzione Nomadi. Già pronte per lei un paio di canzoni così come qualcuna sfornata dal duo Carroccia-Mogol. Presto il suo viaggio a Novellara-Modena presso gli studi di registrazione per

il prossimo inedito. «L'incontro con Beppe Carletti mi ha cambiato la vita anni fa e raggiungere un traguardo così importante oggi non può che farmi essere grata alla vita- il commento a freddo di Ilaria- Tornare a Reggio Emilia poi per un nuovo singolo e per altri grandi lavori al fianco di Beppe ed oggi anche con Massimo Vecchi è un'e-

mozione che non si può descrivere. Non vedo l'ora che inizi questa bellissima avventura. Un grazie speciale a loro che credono in me quotidia-

namente. Lasciami dire grazie anche a te amico mio, perché qui l'unico vero incontro che mi ha cambiato la vita è stato il nostro».


300 300 300 300

SP300

SPORT

300

300 300 300 300 300 300

300 300 300 300 300 300 300 300 300

300

300 300 300

300

N. 300 - Venerdì 22 Luglio 2022

DENTRO LA PASSIONE

SPORT

TESTATA GIORNALISTICA SETTIMANALE della provincia di FROSINONE iscritta al Roc al N. 23884 Direttore Responsabile: Marco Ceccarelli Redazione: Tel. 393 6239680 - tunews.redazione@gmail.com Editore: Globalpress S.r.l. - P. Iva 02714820590

3 0 0 3 0 0 3 0 0 3 0 0globalpress.amministrazione@gmail.com

Centro Offset Meridionale s.r.l. - Caserta 3 0 0 3 0 0 3 0 0 3 0 0 3 0Stampa: 0

300 300 300 300 300 300 300 300

300 30 300 300 300 300 300 300 300

SPORT

Tiratura media 6.000 copie

€ 0,70

www.tunews24.it

GRATUITO - Edizione lancio

SALA STAMPA

TURATI E CIERVO IN CORO: «A FROSINONE PER VINCERE» PAGINA 2

DOMENICHE D'AGOSTO IL FROSINONE FARÀ IL SUO ESORDIO DOMENICA 14 AGOSTO AL "BRAGLIA" DI MODENA SFIDE DOMENICALI ANCHE CONTRO IL BRESCIA ALLO "STIRPE" E AL "VIGORITO" DI BENEVENTO MERCATO Continua la caccia ad un terzino e ad un nuovo centrocampista In attacco spunta l'idea Mulattieri

BASKET Virtus Cassino, via Vettese: ecco coach Roberto Russo Il vice sarà Gianluca De Rosa

PAGINA 3

PAGINA 6


2

VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

sala stampa

I DUE CALCIATORI ARRIVATI DAL SASSUOLO SI SONO PRESENTATI A STAMPA E TIFOSI: «FROSINONE GRANDE OPPORTUNITÀ»

«IL NOSTRO OBIETTIVO È VINCERE»

Antonio VISCA

S

tefano Turati - «Sicuramente Frosinone rappresenta un trampolino di lancio molto importante per me. Credo che sia la piazza perfetta, un bellissimo ambiente, dove trovo delle persone che stimo molto come il mister Stefano Morrone. Mi hanno parlato sempre benissimo di Frosinone». L’estremo difensore poi si sofferma sugli obiettivi da raggiungere: «Per un atleta l’obiettivo è sempre quello di vincere. Io parto, mi alleno per vincere. Il mio obiettivo è vincere il campionato, da primo, secondo o ai playoff. Poi gli altri se saranno più bravi di noi, gli stringeremo la mano e faremo i complimenti. Ma l’obiettivo personale e quello di tutti i miei compagni è quello di vincere». Le sue

I

l Frosinone, dopo aver presentato la settimana scorsa l’attaccante Luca Moro, ha 'fatto conoscere' a stampa e tifosi anche gli altri due arrivi dal Sassuolo: Riccardo Ciervo

qualità, il ricordo di quando ha fermato Cristiano Ronaldo e la vita fuori dal campo: «A me piace tanto giocare dal basso, sono stato con mister De Zerbi che mi ha formato molto su questa tipologia di calcio. Credo che comunque bisognerà trovare un equilibrio, come in tutte le cose. È necessario capire quando partire con la giocata dal basso o calciare lungo. Però debbo dire che mi piace come concetto. Il mio esordio contro la Juve? Ne stavo parlando proprio l’altro giorno con un mio caro amico al telefono, me ne sono reso conto solo adesso. Prima non avevo del tutto realizzato. Dici-

amo che è stata una cosa difficile da spiegare, un evento complicato anche solo da sognare. A me piace molto la musica, sono un grande appassionato di musica rock ma ascolto di tutto. Ho visto tanti

e Stefano Turati. Entrambi si sono detti orgogliosi di indossare la maglia giallazzurra e di essere molto motivati per la nuova avventura.

concerti nella mia vita. Sono un ragazzo al quale non piace tanto stare fuori di casa, qualche volta lo faccio con i miei amici di Milano, andiamo a bere qualcosa e fare due chiacchiere. Però nella

maggior parte della mia giornata penso sempre al mio lavoro e quando ‘stacco’ mi piace sempre ascoltare della musica». Riccardo Ciervo – «Frosinone sarà sicuramente una bella esperienza, che

mi farà crescere tanto. Penso che sia una grande opportunità per me. Mi sto trovando molto bene, il mister mi spinge a fare di più ogni giorno che passa e io cerco sempre di dare il mio meglio. È stato un grande campione, ha molto da insegnare a tutti tante cose». Le sue qualità e la vita fuori dal campo: «Le mie caratteristiche principali sono la corsa, il dribbling ed anche un buon tiro. Devo migliorare sicuramente sotto altri aspetti, ad esempio nella fase difensiva. Non ho un punto di riferimento ben preciso ma mi piace molto Mbappè. Zerbin? Personalmente proverò a fare meglio, speriamo anche molto di più. Ascolto tanta musica, mi piace giocare alla playstation con i miei amici come anche uscire ma in piena tranquillità».


VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

mercato

3

DOPO L'ACQUISTO DI CASO E LA CESSIONE DI NOVAKOVICH, ANGELOZZI È AL LAVORO PER CONSEGNARE A GROSSO ALTRI CALCIATORI

MOVIMENTI IN ATTACCO Antonio VISCA

I

l Frosinone continua la preparazione in vista dell’inizio del campionato fissato al 14 agosto, quando i giallazzurri affronteranno in trasferta il Modena dell’ex Matteo Ciofani. Mercoledì c’è stato un test in famiglia contro la Primavera, terminato 6-0 per gli uomini di Grosso. In rete Selvini e Parzyszek nel primo tempo, mentre nel secondo sono andati a segno Bracaglia, Lulic e Moro, quest’ultimo autore di una doppietta. Sabato il test al Benito Stirpe con il Bari. Il direttore Guido Angelozzi, intanto,è sempre impegnato sul fronte calciomercato. Andiamo ad analizzare la situazione reparto per reparto. Porta – Stefano Turati è già da tempo un nuovo portiere del Frosinone. I movimenti tra i pali però potrebbero non essere finiti. Dopo le uscite di De Lucia e Minelli, infatti, i canarini potrebbero cedere in prestito anche Vettorel. Sul portiere è forte l’interesse del Monopoli, compagine di Serie C. La società sta valutando se sia il caso di mandare il classe 2000 a giocare un altro campionato da protagonista o tenerlo per fare il secondo a Turati.

La sensazione è che la dirigenza sia propensa a girarlo di nuovo in prestito. Il Frosinone, in quel caso,

tornerebbe sul mercato. Notizie degli ultimi giorni vedono i canarini interessati a Samir Ujkani,

ex portiere tra le altre di Torino ed Empoli ed attualmente rimasto svincolato. Movimento, però, che sarà effettuato solo se partirà Vettorel. Difesa - Il Frosinone è ancora a caccia di un terzino destro e i nomi che circolano sono sempre gli stessi: Vignali e Sabelli. Non si sono registrati sviluppi in questi ultimi giorni, anche se il calciatore del Como sembrerebbe essere attenzionato anche da altre due squadre cadette: Brescia e Parma. Vignali, inoltre, potrebbe addirittura alla fine rimanere allo Spezia. Alla fine, nel ruolo di terzino, il Frosinone potrebbe optare anche per altre opzioni.

Centrocampo – Nella zonna nevralgica del campo non si registrano movimenti. I canarini avrebbero bisogno di un regista vista la partenza di Ricci, ma non è escluso che Angelozzi possa optare per un’altra mezzala, reputando Boloca e Haoudi più che sufficienti nel ruolo davanti alla difesa. Kujabi è sempre in attesa della cittadinanza italiana. Attacco – Dopo tre stagioni vissute all’ombra del Campanile, Novakovich ha lasciato la Ciociaria. L’americano è diventato da qualche giorno un calciatore del Venezia per una cifra poco superiore al milione di euro. Stessa cifra che il Frosinone

ha sborsato al Genoa per assicurarsi le prestazioni dell’esterno offensivo Giuseppe Caso. Il classe ’98 ha firmato con il club giallazzurro un contratto fino al 2025. Spunta un nome nuovo in attacco per il Frosinone: Samuele Mulattieri. Il giovane di proprietà dell’Inter, l’anno scorso in B al Crotone, sembra molto vicino ai giallazzurri. Operazione che si chiuderebbe in prestito. In Calabria è stato autore di 6 gol in 28 presenze. Il classe 2002 Stampete, autore di 16 gol nelle 22 presenze con la maglia della Primavera di Gorgone, è andato in prestito in Serie C, alla Turris.


PAGINA 4

22 LUGLIO 2022


VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

calendario serie b

5

A REGGIO CALABRIA IL FROSINONE HA CONOSCIUTO I SUOI PRIMI AVVERSARI: PARTENZA OSTICA PER I GIALLAZZURRI

SI PARTE DA MODENA

P

er il Frosinone il 12° campionato di serie B partirà da Modena il 13 agosto e chiuderà la stagione 2022-’23 a Terni il 19 maggio 2023. Saranno 2 i turni infrasettimanali, giovedì 8 dicembre e martedì 28 febbraio. Le soste per gli impegni nazionali saranno sabato-domenica 24 e 25 settembre, sabato e domenica 19-20 novembre e sabato e domenica 25-26 marzo. Quella che partirà prima di Ferragosto sarà una vera e propria A2, forse appena un paio di gradini al di sotto del famoso primo campionato di serie B del Frosinone, nella stagione 2006-’07. A Reggio Calabria, nello splendido scenario dell’Arena ‘Ciccio Franco’ per il club giallazzurro presente il direttore Marketing & Comunicazione-Rapporti Istituzionali, Salvatore Gualtieri: “Ringrazio il patron della Reggina, Saladini, per l’ospital-

IL PROGRAMMA DI AGOSTO

U

fficializzato, inoltre, il programma delle prime tre giornate. Sarà Parma-Bari ad aprire il campionato cadetto nell'open day del "Tardini" in programma venerdì 12 agosto alle ore 20:45. Il Frosinone, invece, sarà impegnato sempre di domenica alle 20:45 nelle sfide con Modena (fuori), Brescia (casa) e Benevento (fuori).

ità. E lo dico da calabrese. Il Frosinone nell’ultimo campionato c’ha provato fino alla fine. Per quanto ci riguarda andremo avanti con la nostra politica, crescita dei giovani e sostenibilità economica. Soprattutto la sostenibilità, lo sottolineo: è vero che le Società di calcio sono del-

le imprese ma sono anche particolari ed hanno a che fare con la passione dei tifosi e la storia dei territori che rappresentano. E questi sono temi che vanno maneggiati con cura. Sono sicuro che sarà un gran bel campionato con piazze importantissime, peraltro uno dei tornei più belli e

avvincenti d’Europa che ci lascia col fiato sospeso fino all’ultimo secondo dell’ultima giornata”. Torniamo al calendario. Dopo la trasferta in Emilia c’è l’esordio col il Brescia in casa, quindi viaggio a Benevento a chiudere il trittico del mese di agosto. A settembre il Como al

‘Benito Stirpe’, Cittadella al ‘Tombolato’ e il 17 settembre Frosinone-Palermo di sicuro interesse. Dal 1 al 29 ottobre in rapida successione Parma-Frosinone, la Spal in casa, il Venezia in Laguna, il Bari al ‘Benito Stirpe’ e il Cosenza al San Vito Marulla. Tre gare a novembre: si comincia con

Frosinone-Perugia il 5, si prosegue ad Ascoli il 12 e un’altra sfida che manca dalla serie A, con il Cagliari in casa il 27 novembre. Il mese di dicembre vedrà il Frosinone viaggiare due volte di seguito, a Bolzano il 4 dicembre e l’infrasettimanale a Reggio Calabria l’8 dicembre. Tre giorni dopo quel Frosinone-Pisa che ormai è una classica del finale di girone, poi l’affascinante Genoa-Frosinone il 17 dicembre e il boxing-day con Frosinone-Ternana il 26 dicembre. Nel girone di ritorno si ricomincia il 14 gennaio 2023 dopo la pausa per le festività e si gioca ininterrottamente fino al 18 marzo quando i canarini ospiteranno il Cosenza. Quindi la sosta per la nazionale e la ripresa fino al 19 maggio, in mezzo le due gare casalinghe consecutive il 22 aprile con il Sudtirol e il 1 maggio con la Reggina. frosinonecalcio.com


6

VENERDÌ 22 LUGLIO 2022

basket

SERIE B - UFFICIALIZZATO IL NUOVO COACH ROBERTO RUSSO. IL VICE ALLENATORE SARÀ GIANLUCA DE ROSA

VIRTUS, RIVOLUZIONE NELLO STAFF

R

oberto Russo sarà il nuovo allenatore della prima squadra della BPC Virtus Cassino per i prossimi due anni. La presentazione del tecnico alla stampa, ai “media” e tifosi è avvenuta nei giorni scorsi. Roberto Russo inizia in giovanissima età la carriera da allenatore: a 16 anni allena nella sua città natale, Livorno, e dopo una sola stagione di “tirocinio” vince ben due campionati regional. Il passaggio al Don Bosco Livorno è cosa fatta nella stagione 198990, e lì rimane dieci anni, ricoprendo molti ruoli.Nel 1997 arriva il passaggio al Firenze Basket, in C1. Con il team toscano, vince due campionati, ottenendo la promozione dalla C1 in B2 e quindi dalla B2 alla B1, per poi partecipare ai playoff di categoria. Nel 2001/2002 è la volta dell’esperienza come vice-allenatore alla Mabo Livorno, prima di tornare a sedersi sulla panchina fiorentina, raggiungendo la salvezza nel

campionato di B1. Nel capoluogo toscano rimane altri tre anni, ottenendo due qualificazioni ai playoff ed una semifinale per la LegaDue. Nell’estate 2007 si lega al progetto della Fulgor Omegna, per passare nella stagione 2008 allo Jesolo Sandonà che conduce alla salvezza.Nel 2009 l’esperienza a Molfetta, e successivamente a Recanati, per poi passare nella stagione 2011/12 a Lucca, dove ottiene la promozione in DNA

da capo allenatore della prima squadra. Trascorre altri due anni nella città lucchese, per poi firmare nella stagione 2015/16 alla Valentina’s Bottegone Pistoia. Nel 2017/18 ritorna per due stagioni a Livorno, per poi arrivare “in corsa” nel 2019 a Cecina dove raggiunge l’obiettivo salvezza. Nel 2022 interrompe anzitempo il suo rapporto con la formazione rossoblù, per sposare un altro progetto, sempre rossoblù, a Cassi-

no. Spiega Russo: <Appena ricevuta la chiamata da parte del presidente, il Dott. Manzari, e del direttore sportivo, suo figlio Alberto, ho avuto da subito sensazioni positive. Mi hanno trasmesso energia e voglia di riscatto dopo una stagione sfortunata, ed erano proprio le stesse cose che anch’ io ricercavo. Qui a Cassino stati stati raggiunti livelli altissimi, a dimostrazione dell’ottimo lavoro svolto in passato dal club, e spero di poter contribuire per riportare la società dove merita. Mi aspetto un campionato di altissimo livello, con molte società volenterose di raggiungere l ’ obiettivo della prossima serie B1 , che sarà il nuovo format che la Federazione ha previsto per l ’ annata sportiva 2023-2024, e noi ci dovremo far trovare pronti>. La Virtus Cassino ha inoltre ufficializzato il nuovo assistant coach Gianluca De Rosa, che sarà anche responsabile del settore giovanile rossoblù.

SERIE C - SPAZIO AI GIOVANI

SCUBA, ECCO IL TITOLO PER VOLARE IN C GOLD

L

a Scuola Basket Frosinone prenderà parte al prossimo campionato di Serie C Gold. La società del capoluogo ciociaro, dopo diverse stagioni positive in C Silver, ha deciso di compiere uno step ulteriore e sarà al via del massimo torneo regionale. Una scelta ponderata da parte del sodalizio del presidente Antonio Efficace, che ha deciso di alzare l’asticella per dare ulteriore slancio al movimento cestistico frusinate, portando la società del capoluogo a competere sul palcoscenico più importante del Lazio. L’operazione è stata conclusa tramite il passaggio del titolo sportivo appartenente alla Virtus Cassino: «Ringrazio il club rossoblù per la consueta disponibilità – dichiara il presidente Efficace - una ulteriore dimostrazione degli ottimi rapporti che intercorrono fra le nostre realtà. Si è presentata questa occasione e abbiamo deciso di coglierla al volo, valutando anche quella che sarà l’organizzazione dei campionati con la riforma che entrerà in vigore nel 2023. Disputando il campionato di C Gold daremo ulteriore slancio al basket di Frosinone, portando la città in un torneo importante e che si preannuncia estremamente competitivo. Sarà l’occasione per dare una nuova spinta alla nostra attività e permettere ai giovani di cimentarsi con un torneo molto impegnativo, potendo crescere ancora di più. Il settore giovanile, infatti, resterà sempre il focus della nostra attività e i prodotti del vivaio avranno largo spazio nel roster della C Gold».


12

VENERDÌ 11 GIUGNO 2021


L'INFORMAZIONE CIOCIARA A 360°

TU NEWS è il giornale free press della provincia di Frosinone in distribuzione settimanale ogni venerdì e sabato Collegato al cartaceo c'è il quotidiano online TuNews24.it Ogni settimana sfoglia il giornale online su: www.tunews24.it/sfogliabile-tu-news e seguilo sui social: Facebook.com/TuNews24 - Facebook.com/TuSport24 Instagram.com/TuNews24 - Instagram.com/TuSport24 Youtube.com/TuNews24 e sul canale Telegram: t.me/TuNews24

TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE