Issuu on Google+


Indice

15 PREMESSA 19 19 19 22 28 28 32 35  39 39 39 41 43

INTRODUZIONE 'H¿QL]LRQLHIRUPHGHOO¶DQLPD]LRQHJLDSSRQHVH Evoluzione della terminologia Pubblici, formati e tecniche

Il processo di produzione dell’animazione commerciale Soggetto, sceneggiatura, ekonte La fase di animazione: tradizione e innovazione Post-produzione: sonorizzazione, vocalizzazione, montaggio Costi, risorse, industria e mercato

Generi e sottogeneri dell’animazione commerciale &ODVVL¿FD]LRQHGHPRJUD¿FD &ODVVL¿FD]LRQHWHPDWLFD

L’animazione non commerciale Piano dell’opera

45 I 45  49 51 54  II  59 60 62 64  III   68    

Le origini 1917-1929 I.1 Genesi, e dibattito sulla genesi, dell’animazione giapponese I.1.1

I.2 I.3

Il frammento Matsumoto

Ôten Shimôkawa, Seitarô Kitayama e Jun’ichi Kôuchi Gli animatori degli anni Venti I.3.1

L’avvento del sonoro

L’animazione in tempo di guerra 1930-1945 II.1 Gli anni Trenta II.1.1 II.1.2 II.1.3

Venti di guerra sull’animazione L’animazione di propaganda Il divino Momotarô contro gli americani

II.2 La competizione con le produzioni cinesi e l’animazione non di propaganda del periodo bellico Il dopoguerra e la nascita dell’animazione industriale 1946-1963 ,,, *OLDQQLGHOODULFRVWUX]LRQH 

III.1.1 Gli studi d’animazione attivi nell’immediato dopoguerra

III.2 Il cinema d’animazione della Tôei Dôga  HO¶DYYHQWRGHOO¶DQLPD]LRQHWHOHYLVLYD 

,,, ,SULPL¿OPEUHYLGHOOD7{HL


   80  84 85 IV 85  86 88 93 V 93 96  99 99 102

III.2.2 III.2.3 III.2.4 ,,, III.2.6

Hakujaden Gli altri lungometraggi Tôei del primo periodo L’esordio dell’animazione televisiva ,OSULPRFRQWULEXWRGL2VDPX7H]XNDTetsuwan Atom Le altre serie televisive animate del 1963

Il movimento indipendente e il Sôgetsu Animation Festival ,9 1REXU{�IXMLL¿OPGHOODPDWXULWj IV.2 Yokoyama, Kuri, Manabe, Yanagihara IV.3 Sviluppi dell’animazione d’autore negli anni Sessanta La rivoluzione televisiva 1964-1970 V.1 Il tramonto del cinema ad animazione totale V.2 La proliferazione degli studi d’animazione  HODGLYHUVL¿FD]LRQHGHLJHQHUL V.3 Strategie e modelli: i casi di Tôei Dôga e Mushi Production V.3.1 V.3.2

Il caso TĂ´ei DĂ´ga Il caso Mushi Production

105 VI/1 Dai super robot all’anime boom 1971-1983 9, 1HOVHJQRGHOODIDQWDVFLHQ]D 106  super robot e variazioni sul tema 9, /ÂśLPPDJLQDULRIDQWDVFLHQWLÂżFRGL*{1DJDL 106  9, 1RQVRORURERWJLJDQWLVXSHUHURLHDVWURQDYL 109  VI/1.1.3 L’astro nascente di Yoshiyuki Tomino 113 9, 1XRYLJHQHULLOSekai meisaku gekijĂ´ 115  9, /DYDULHWjGHOODSURGX]LRQHGL7{HL 118  TĂ´kyĂ´ Movie e Tatsunoko VI/1.4 La Tezuka Production e gli special TV 121 VI/1.5 /DSDUDERODGHOOD6DQULR)LOPHOÂśHVRUGLRGHOOD1HK 123 9, 2OWUHLVXSHUURERWLOUHDOLVPRHODVSDFHRSHUD 124  9, 7{N\{0RYLH6KLQVKDODIHQLFH 130  VI/1.8 Gli anni dell’anime boom 131 VI/1.8.1 Anime boom sĂŹ, ma con alti e bassi 131 VI/1.8.2 Un anime boom nato dai manga 135 VI/1.8.3 Anime, idol e musica: un boom di e per otaku  VI/1.8.4 Un’esplosione di anime e di generi 139 9, ,OERRPQHLFLQHPDHGHLÂżOPTV 141 


145 VI/2 L’anime boom in Occidente. Il primo periodo di successo dell’animazione commerciale giapponese in Europa e in America 1978-1984 di Marco Pellitteri 145  9, 'LFRVDSDUOLDPRTXDQGRSDUOLDPRGLDQLPHERRP  VI/2.2 Prima dell’anime boom 151 VI/2.3 Il primo anime boom in Europa e la sua appendice negli Stati Uniti VI/2.3.1 In Europa 151 9, 1HJOL6WDWL8QLWL 153  155 VII L’etĂ  dell’oro dell’animazione indipendente Gli anni Settanta e Ottanta VII.1 I grandi maestri del periodo 155 VII.1.1 KihachirĂ´ Kawamoto 155 9,, 7DGDQDUL2NDPRWR 156  9,, 5HQ]{.LQRVKLWDHODQDVFLWDGHLIHVWLYDOHGHOOHVFXROH   9,, $XWRULHGHVSHULHQ]HVLJQLÂżFDWLYLGHOSHULRGR 158  9,, ,O7RN\R,PDJH)RUXPH1REXKLUR$LKDUD 158  VII.3.2 Il Tezuka sperimentale 159 9,, ,WDUGL.XULH)XUXNDZD 159  VII.3.4 Altri autori 160  VIII L’animazione commerciale tra vecchi e nuovi formati La crisi della serie televisiva, l’esplosione dell’home-video e il rilancio del cinema 1984-1994 VIII.1 1984 168 /ÂśHSRSHDGL0L\D]DNLHGHOODVXD1DXVLFDl 169  1DVFLWDGHOOR6WXGLR*KLEOLHGHOOD*DLQD[   Parole d’ordine: fantascienza, magia, OAV  VIII.2 1985  Una situazione interlocutoria  )LOPVHULHOAVDOOÂśLQVHJQDGHOODYDULHWjGLIRUPDWL   )UDOHUDJLRQLGHOERRPGHJOLOAV: HURWLVPRHSRUQRJUDÂżD   Decrescita delle serie televisive 180 VIII.3 1986 181 La TĂ´ei all’insegna dei supereroi 181 5RPDQWLFLVPRHPRGHOOLQL 183  Al cinema 185 1HOOÂśKRPHYLGHR 186  9,,,    Tanti OAV, nonostante tutto  )LOPDOFLQHPDIUDVSHULPHQWD]LRQHHVXFFHVVL 188  /HVHULHWHOHYLVLYHD]LRQHFRPLFLWjHDPRULDGROHVFHQ]LDOL 190 


191 191 192 193 195 196 199 199 200 200 203 205    211 212 213 215  219 219 221 222 225 226 226  230 233 235 235 236 239 241

VIII.5 1988

 

Sèguiti al cinema di serie televisive Le due anime del Ghibli Il fenomeno Akira 5LDVVHVWDPHQWLSURGXWWLYL )DQWDVFLHQ]DHIDQWDVWLFRSHUOœKRPHYLGHR

VIII.6 1989  



Il boomerang dell’economia giapponese /DPRUWHGL2VDPX7H]XND ,OFDQWRGHOFLJQRGHOODVXSHUSUROL¿FLWjVHULDOH Il picco storico degli OAV Al cinema: successi e fantascienza Ghibli in crescita: il gioiellino Kiki’s Delivery Service

9,,,  L’ascesa di Hideaki Anno Al cinema e nell’home-video

VIII.8 1991 

Al cinema, fra capolavori e non 6HULHWHOHYLVLYHLQFUHVFLWDQXPHULFDHFDORTXDOLWDWLYR Gli OAVGHOGRSRERRPTXDOLWjFRVWDQWHTXDQWLWjLQFDOR

VIII.9 1992 Dal ristagno al rilancio Il fenomeno Sailor Moon Le altre serie rilevanti in televisione e nell’home-video Porco RossoHJOLDOWUL¿OPFLQHPDWRJUD¿FL

VIII.10 1993



La fuga degli sponsor All’insegna delle serie Tôei e delle collaborazioni fra produttori I successi OAV: fantascienza, fantastoria, fantamedicina 2VKLL.DZDMLUL7DNL]DZDJOLDVWULGHOOœDQQRDOFLQHPD

VIII.11 1994  

245 IX 246 246  249 251 243 

La diminuzione degli episodi delle serie televisive $QLPHHPXOWLPHGLDOLWjSURJUDPPDWD OAV: revival e inseguimento dei successi televisivi /ÂśDSSXQWDPHQWRFRQLO*KLEOLHJOLDOWULVXFFHVVLFLQHPDWRJUDÂżFL

La rinascita dell’animazione seriale e il successo internazionale 1995-1999 IX.1 1995 Il Giappone trema, ma non crolla La serie di culto del 1995: Neon Genesis Evangelion Adolescenti, parodie e anime in notturna L’apoteosi degli OAVGLTXDOLWj )LOPGLULOLHYRVRVSLULGHOFXRUH6KRDKHSRVWF\EHUSXQN


258 258 259 261 262 265 266 266

IX.2 1996 Il modello Evangelion come volano di un nuovo boom 5LQDVFLWDGHOOÂśDQLPD]LRQHWHOHYLVLYDPDVHULDOLWjSLEUHYH *OLXOWLPLH[SORLWGHOODOXQJDVHULDOLWjWHOHYLVLYD La rigogliosa produzione di OAV ,ÂżOPGLULOLHYRQHOOHVDOHJLDSSRQHVL

  



 268          281 284 285 288  291 292 295  298

,;  N.A.SODQXRYDDQLPD]LRQHVHULDOH HGHOODQRWWH  vampire e guerrieri La nuova cornucopia della platea televisiva Due fenomeni multimediali: PokĂŠmon e Utena Le altre serie televisive degne di nota dell’anno OAV: erotismo, fan service e videogiochi Al cinema: classici rispolverati e successi a colpo sicuro ,OWHVWDPHQWRÂżORVRÂżFRGL+D\DR0L\D]DNLPrincess Mononoke Kimba contro Simba e il samurai vagabondo

IX.4 1998 )UDOXWWLFHOHEUD]LRQLHULÀHVVLRQLFULWLFKH L’incremento dell’uso del digitale e il fenomeno Cowboy Bebop Giochi di carte, robot fuori tempo massimo e fantascienza introspettiva Le altre serie televisive di rilievo Gli OAV: nuove idee e innovazioni tecniche $OFLQHPDJOLDVWULGL.RQ2VKLL�WRPRH$PDQR

IX.5 1999 Maghette, pirati e ancora fantascienza 6HULDOLWjSHUDGROHVFHQWLHJLRYDQLDGXOWL Il ritorno dei classici: corsari spaziali, samurai raminghi e orfani vagabondi Al cinema, personaggi di cassetta e capolavori

299 321 323 323 323 325 326   328 331 333 334 335 336 338

X 

L’animazione indipendente a cavallo fra i due secoli ; /DJHQHUD]LRQH6{JHWVXWUDJOLDQQL1RYDQWDH'XHPLOD



; X.1.2 ; ;

 

X.2

7DGDQDUL2NDPRWR KikachirĂ´ Kawamoto <{ML.XUL5HQ]{.LQRVKLWD7DNX)XUXNDZD 1REXKLUR$LKDUD.HLLFKL7DQDDPL

La nuova animazione indipendente: prima generazione X.2.1 Masaaki Mori, Keita Kurosaka ; .{ML<DPDPXUD X.2.3 Gli altri autori di rilievo



X.3

Seconda generazione e oltre X.3.1 X.3.2 X.3.3 X.3.4

I nuovi eredi dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione a passo uno Kunio KatĂ´ Gli altri nomi eccellenti della nuova covata di artisti Verso una terza generazione di autori indipendenti


340

X.4

340  341 342 343  XI 348 348 349 351 353 355 356 359 360 363 365    



Contatti fra animazione, videoarte e arte contemporanea nel nuovo secolo ; X.4.2 X.4.3 X.4.4

7DNDVKL0XUDNDPLHLO6XSHUĂ&#x20AC;DW Tabaimo Takashi Ishida Gli altri nuovi autori di talento

Lâ&#x20AC;&#x2122;animazione commerciale del nuovo secolo 2000-2008 XI.1 2000



Serie di successo per bambini Le serie longeve esistono ancora: il caso Inuyasha Serie e OAVSHUDGXOWLKRUURUVWRULDGHPHQ]LDOLWj $OFLQHPDQRYLWjWHPDWLFKHHWHFQLFKH

XI.2 2001      

     

/ÂśDQLPD]LRQHDLWHPSLGHOODFULVLIDUHÂżQWDGLQLHQWH ,OWDQJLELOHGHFOLQRTXDOLWDWLYRGHJOLOAV /DFRUSRVDSURGX]LRQHFLQHPDWRJUDÂżFD ,FDSRODYRULFLQHPDWRJUDÂżFLGHOOÂśDQQRMetropolis ,FDSRODYRULFLQHPDWRJUDÂżFLGHOOÂśDQQRLa cittĂ  incantata $OWULÂżOPLPSRUWDQWL

XI.3 2002 

382  383 384  389  391 394   409 410 





5RERWJLJDQWLGLQXRYDJHQHUD]LRQHF\ERUJJLQRLGLHPDJLD Le produzioni per internet e per lâ&#x20AC;&#x2122;home-video: lâ&#x20AC;&#x2122;astro di Makoto Shinkai )LOPDOFLQHPDIDQWDVFLHQ]DHYLVLRQLJKLEOLFKH

XI.4 2003  

/HVHULHWHOHYLVLYHGLVSLFFROXSLDOFKLPLVWLQLQMDHVWHDPSXQN )DQWDVFLHQ]DWHOHYLVLYDGLTXDOLWj OAV: Animatrix&DYDOLHULGHOOR=RGLDFR.HQLOJXHUULHUR e Mazinga Al cinema: i pochi gioielli dellâ&#x20AC;&#x2122;anno

XI.5 2004



444 415

Lâ&#x20AC;&#x2122;anno dei record: le serie in televisione Quel che resta dellâ&#x20AC;&#x2122;OAV: vecchie glorie ancora sulla breccia /HSURGX]LRQLFLQHPDWRJUDÂżFKHGDOGLVHJQRDQLPDWR al cel-shading Il ritorno di Ă&#x201D;tomo: Steamboy Mind Game, il talento di Makoto Shinkai e la nuova fatica di Miyazaki

418 418 

XI.6 2005

420  423  424 

  



/HQXRYHPRGLÂżFKHDOVLVWHPDHFRQRPLFR e organizzativo dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione 6HULHWHOHYLVLYHTXDQWLWjYVTXDOLWj 5LVFRSULUHLURERWWRQLEureka Seven )DQWDVFLHQ]DIDQWDV\KRUURUH0HGLRHYROHDOWUHVHULHGLULOLHYR


 428 431  431  433 435 441 442 444   452 453 456 456 456 463

 

  

466 469    480 480  484  489 491 

Gli OAV: il ritorno della Tatsunoko e della commedia romantica Al cinema: lâ&#x20AC;&#x2122;eterno ritorno di Gundam

;,  )UDFULVLGHOVLVWHPDHVSHULPHQWD]LRQHGÂśDXWRUH Sussulti direct-to-video e avanzata del web streaming Il record degli anime in televisione Unâ&#x20AC;&#x2122;animazione televisiva non solo dâ&#x20AC;&#x2122;evasione: il tema dellâ&#x20AC;&#x2122;isolamento sociale Le serie di WOWOW $QFRUDVSLULWLQHOJXVFLRTXDGHUQLPRUWDOL e mecha di nuova generazione $OFLQHPDDIIROODPHQWRGLJUDQGLÂżOP Il capolavoro visionario di Satoshi Kon: Paprika /DSULPDYROWDGLXQJDLMLQTekkonkinkreet

;,  /DĂ&#x20AC;HVVLRQHGHOODSURGX]LRQH Samurai meticci, personaggi letterari e mecha poetici 1RQVRORIDQWDVFLHQ]DOHLQHVDXULELOLULVRUVHGHOIDQWDVWLFR e della commedia Gli eterni classici dello spazio: Gundam e Macross Il nuovo corso degli OAV dâ&#x20AC;&#x2122;autore: pochi e buoni Al cinema: una festa di genii dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione Il ritorno di Evangelion Mito e nazionalismo nipponici di inizio XXI secolo

XI.9 2008 ,QWHOHYLVLRQHGLVFUHWDYDULHWjQRQRVWDQWHODJUDQGHFULVL Cyborg del passato, disagio giovanile e parodie Gli OAV:SRFKLVFDWWLGLFUHDWLYLWj Ancora Miyazaki: il richiamo dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione ,QXRYLÂżOPGL2VKLLHGHOOD0XVKL

495 XII Il presente dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione commerciale giapponese 2009-2011 XII.1 2009 495 Tempi cupi 495 Le grandi serie TV di Madhouse e Production I.G, 496 500  502 505 506 512 512 513

nonostante tutto 5LVSROYHUDUH*HQMLHSDUODUHGLWHUUHPRWL Certi classici non muoiono mai Gli OAV: i manga delle CLAMP e di Yukinobu Hoshino alla ribalta Cinema: il perentorio predominio artistico di Madhouse e Production I.G

XII.2 2010 Cenni di ripresa macroeconomica e contraddizioni del sistema dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione Cala ancora la produzione televisiva


519 521 523 523  525 530 531  536

Gli OAV: nuove tendenze e linguaggi introspettivi La morte di Satoshi Kon e la reazione del cinema giapponese

XII.3 2011 6HODUHDOWjVXSHUDODIDQWDVLD Le serie televisive La produzione home-video ,¿OPGLULOLHYRGHOO¶DQQR Uno sguardo al futuro

539 CONCLUSIONI 543 GRAFICI E SCHEMI  RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 565 INDICE DEI NOMI, DELLE OPERE E DELLE AZIENDE


IX. La rinascita dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione seriale e il successo internazionale 1995-1999

/DVHFRQGDPHWjGHJOLDQQL1RYDQWDFDUDWWHUL]]DWDDQFRUDGDXQÂśLQstabile leadership politica, non vide miglioramenti della congiuntura economica giapponese.1'DXQODWRLOWDVVRGÂśLQĂ&#x20AC;D]LRQHVFHVHÂżQRD GLYHQWDUHQHJDWLYRVHJQDQGROÂśLQL]LRGLXQDGHOHWHULDIDVHGLGHĂ&#x20AC;D]LRne, ma dallâ&#x20AC;&#x2122;altro il conseguente drastico calo del costo del denaro non IXVXIÂżFLHQWHDIDYRULUHOÂśDXVSLFDWDULSUHVDGHOODGRPDQGDFKHFRQWLnuò a restare bassa a causa dellâ&#x20AC;&#x2122;aumento della disoccupazione, attestata intorno al 5%, e della progressiva precarizzazione del mercato GHOODYRUR1HOODWLPLGDULSUHVDGHO PIL registrata nel 1995-â&#x20AC;&#x2122;96, FRPXQTXH LQIHULRUH DOOÂś IX VWURQFDWD GDOOD JUDYH FULVL ÂżQDQ]LDULD asiatica, tra le cui cause vi fu il progressivo ritiro dai mercati dellâ&#x20AC;&#x2122;area proprio dei capitali giapponesi. La sofferenza bancaria, determinata GDOOHGLIÂżFROWjGLUHFXSHURGHLFUHGLWLHODUJLWLWURSSRIDFLOPHQWHDLPprese e privati negli anni passati, portò altresĂŹ al fallimento nel 1999 di FLQTXHJURVVLRSHUDWRULGHOVHWWRUHFRQJUDYLULSHUFXVVLRQLVXOOÂśLQWHUR VLVWHPDFUHGLWL]LR3HUODSULPDYROWDGRSRROWUHTXDUDQWÂśDQQLLQÂżQH tra il 1996 e il 1998 il reddito pro capite lordo dei giapponesi diminuĂŹ. ,OFRQWLQXRLQGHEROLPHQWRGHOODEDVHHFRQRPLFDHSROLWLFDGLTXHVWL anni cominciò a intaccare la tenuta socioculturale del Giappone, miQDWD DQFKH GDO SURJUHVVLYR DIÂżHYROLPHQWR GHL OHJDPL IDPLOLDUL H GHL principĂŽ morali tradizionali, messi in crisi dal commercialismo, dal consumismo e dallâ&#x20AC;&#x2122;individualismo affermatisi nel decennio precedente.27XWWRFLzLQJHQHUzQHOODVRFLHWjQLSSRQLFDXQGLIIXVRHSHUGXUDQWH stato di ansia, insicurezza e disorientamento che a livello individuale â&#x20AC;&#x201C; soprattutto giovanile â&#x20AC;&#x201C; avrebbe prodotto nel tempo e continua a produrre tuttora, oltre che un aumento dei casi di suicidio,3IRUPHSLR PHQRHVWUHPHGLULÂżXWRGHOWUDGL]LRQDOHPRGHOORVRFLDOHIRQGDWRVXOOD radicale separazione tra lâ&#x20AC;&#x2122;apparenza sociale (omote HOÂśHVVHQ]DLQWHULRre (ura 4VXOOÂśRUGLQHVXOODFRHVLRQHHVXOVHQVRGHOODFROOHWWLYLWjHGHOOD UHVSRQVDELOLWjTXDOLTXHOOHGHJOLhikikomoriGHL1EET e dei freeter.5 1&IU5&DOYHWop. cit., pp. 433 sgg. 2 Cfr. K.G. Henshall, op. cit., pp. 263 sgg. &IU5&DOYHWop. cit.S5&DUROLÂą)*DWWLop. cit.S,QSDUWLFRODUHWUDLOHLOVL UHJLVWUzXQDXPHQWRGLTXDVLLOGHOQXPHURGHLVXLFLGLVLSDVVzGDLFDVLGHODL GHO'DDOORUDLVXLFLGLQRQVRQRPDLSLVFHVLDOGLVRWWRGHOODVRJOLDDQQXDGHLFDVL 4 Sui concetti di omote e ura cfr. Takeo Doi, Omote to ura7RN\R6KRKDQ,GThe Anatomy of Self: the Individual versus Society, Tokyo, KĂ´dansha International, 1986. &IU&DUOD5LFFLHikikomori: adolescenti in volontaria reclusione0LODQR)UDQFR$QJHOL SSVJJ.*+HQVKDOOop. cit.S,OWHUPLQHKLNLNRPRULVLJQLÂżFDOHWWHUDOPHQWHÂľLVRODUVLÂś ÂľFKLXGHUVLœ¾ULWLUDUVLÂśHGqVWDWRFRQLDWRDOOÂśLQL]LRGHJOLDQQL2WWDQWDGDOORSVLFKLDWUD7DPDNL6DLW{


IX.1 1995 Il Giappone trema, ma non crolla 1HOFRPSOHVVRFRQWHVWRGHOODVHFRQGDPHWjGHJOLDQQL1RYDQWDLO YLGHYHULÂżFDUVLLQSDUWLFRODUHGXHJUDYLHYHQWLFKHFRQFRUVHUR DPLQDUHXOWHULRUPHQWHODVLFXUH]]DHODÂżGXFLDGHLJLDSSRQHVL,O JHQQDLRODFLWWjGL.REHIXFROSLWDGDXQGHYDVWDQWHWHUUHPRWRFKH FDXVzROWUHVHLPLODYLWWLPHHFKHPLVHDQXGRODFDWWLYDTXDOLWjGLFHUta edilizia, frutto di speculazioni e corruzione, ma anche lâ&#x20AC;&#x2122;impreparazione del paese di fronte a una pur prevedibile emergenza, data la IRUWHVLVPLFLWjGHO*LDSSRQH,OPDU]RSRLLQWUHOLQHHGHOODPHtropolitana di Tokyo alcuni fanatici appartenenti alla setta religiosa Aum ShinrikyĂ´ Âľ6XSUHPD 9HULWj GL $XPÂś  GLIIXVHUR GHO JDV sarin, un micidiale gas nervino, uccidendo dodici persone e intossicandone FLUFDFLQTXHPLODGLFXLXQFHQWLQDLRLQPRGRLUUHSDUDELOH6RSUDWWXWWRTXHVWÂśXOWLPRIDWWRGLFURQDFDÂąXQDWWHQWDWRWHUURULVWLFRLQXQSDHVHFRQXQEDVVLVVLPRWDVVRGLFULPLQDOLWjÂąVFRVVHQHOOHIRQGDPHQWD ODVRFLHWjQLSSRQLFDFRVWUHWWDDLQWHUURJDUVLLQSDUWLFRODUHVXOORVWDWR delle nuove generazioni, dato che tutti i circa 12.000 adepti della setta avevano meno di trentâ&#x20AC;&#x2122;anni, ma anche sullâ&#x20AC;&#x2122;immaginario veicolato da manga e anime, spesso strumentalizzato in chiave escatologica e apocalittica dai capi per attirare e soggiogare i giovani fedeli.6 In effetti, può dirsi vero che il grande successo dei fumetti e dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione, in Giappone, sia in buona parte da imputare allâ&#x20AC;&#x2122;impellente bisogno di evasione suscitato nella gente da una struttura sociale capace, sin dai primi anni di scuola, di unâ&#x20AC;&#x2122;incredibile pressione sui suoi membri, di portata sconosciuta altrove nel mondo induper indicare un numero sempre crescente di giovani giapponesi, soprattutto maschi, che, per una IRUPDGLDSDWLDVFRODVWLFDLQJHQHUHGRYXWDDXQDSDUWLFRODUHGLIÂżFROWjLQFRQWUDWD EUXWWLYRWLERFFLDWXUDEXOOLVPRVFDUVDLQWHJUD]LRQHFRQLFRPSDJQLHFFHVVLYDVHYHULWjGHOFRUSRLQVHJQDQWHHFF  VLDVVHQWDQRGDOOHOH]LRQLHÂżQLVFRQRSHULQWHUURPSHUHYRORQWDULDPHQWHTXDOVLDVLFRPXQLFD]LRQH con il mondo sociale, ritirandosi nella propria stanza per mesi o addirittura anni, sviluppando cosĂŹ IRELHGLYDULRWLSR$WWXDOPHQWHOHVWDWLVWLFKHXIÂżFLDOLULIHULVFRQRGLROWUHXQPLOLRQHGLFDVLVLPLOLLQ Giappone, ma secondo stime non governative la cifra va incrementata di almeno il 50%, consideraWRFKHPROWHIDPLJOLHWHQGRQRDQDVFRQGHUHTXHVWRFRPSRUWDPHQWRGHLSURSULFDUL&RQOÂśDFURQLPR 1EET (Not in Employement, Education or Training  YHQJRQR LQYHFH LQGLFDWL JLRYDQL GL DPER L VHVVLFKHULÂżXWDQRLOVLVWHPDVRFLDOHDWWUDYHUVRLOŠIDUHQLHQWHÂŞQRQVWXGLDQRQRQODYRUDQRPD al contrario degli hikikomori, amano la comunicazione multimediale, trascorrendo spesso lâ&#x20AC;&#x2122;intera giornata fuori casa in compagnia di gruppi di altri giovani che condividono il medesimo stile di vita, facendosi mantenere dalla famiglia. I freeter â&#x20AC;&#x201C; sincrasi dellâ&#x20AC;&#x2122;inglese free, â&#x20AC;&#x2DC;liberoâ&#x20AC;&#x2122;, e del tedesco ArbeiterÂľODYRUDWRUHœ¹VRQRLQÂżQHJLRYDQLFKHULÂżXWDQRLOSRVWRGLODYRURÂżVVRDOOÂśLQWHUQRGLXQVLVWHPD gerarchizzato come lâ&#x20AC;&#x2122;azienda o lo stato, preferendo mantenersi alla meglio con lavori saltuari partWLPHDQFKHLIUHHWHUDWWXDOPHQWHVWLPDWLLQ*LDSSRQHLQFLUFDGXHPLOLRQLDPDQRODFRPXQLFD]LRQH PXOWLPHGLDOHHVLIDQQRDLXWDUHGDOODIDPLJOLDFRPHL1EET. /D$XP6KLQULN\{SRVVHGHYDDGGLULWWXUDXQVXRSLFFRORVWXGLRGLDQLPD]LRQHWUDPLWHLOTXDOHUHDOL]zava brevi anime per i bambini della setta in cui venivano raccontate le gesta miracolose del Maestro, ShĂ´kĂ´ Asahara DOLDV&KL]XR0DWVXPRWR 1HLPHVLVXFFHVVLYLDOOÂśDWWHQWDWROÂśRSLQLRQHSXEEOLFDQLSponica non mancò di interrogarsi sul possibile ruolo negativo giocato dai manga e dagli anime nella FXOWXUDHQHOODVRFLHWjFRPHDPSLDPHQWHGRFXPHQWDWRGD5LFKDUG$*DUGQHULQŠ$XP6KLQULN\{ DQGD3DQLF$ERXW0DQJDDQG$QLPHÂŞLQ0DUN:0DF:LOOLDPV DFXUDGL  Japanese Visual Culture: Explorations in the World of Manga and Anime, Armonk (NY), M.E. Sharpe, 2008, pp. 200 sgg.

246


VWULDOL]]DWR /D IXJD GL PDVVD GDOOD UHDOWj IDYRULWD VHPSUH SL QHO WHPSRGDOODĂ&#x20AC;RULGDLQGXVWULDGHOOÂśHQWHUWDLQPHQWSHUDOWURVHPEUDYD DYHUUHVRVRSUDWWXWWROHJLRYDQLJHQHUD]LRQLGHJOLDQQL1RYDQWDLQcapaci di salde e concrete relazioni sociali e affettive, contribuendo a minarne lâ&#x20AC;&#x2122;autostima. Ma neanche a farlo apposta il 1995, malgrado ODFULVLHFRQRPLFDHXQDFHUWDGLIÂżGHQ]DGHOOÂśRSLQLRQHSXEEOLFDVL rivelò per lâ&#x20AC;&#x2122;animazione commerciale un anno dâ&#x20AC;&#x2122;oro, con unâ&#x20AC;&#x2122;impennata delle produzioni televisive â&#x20AC;&#x201C; 38 nuove serie e tre special TV â&#x20AC;&#x201C; e la creazione di opere, non solo per la televisione, di capitale imporWDQ]DSHULOIXWXURGHOODVWRULDGLTXHVWRPHGLXP La serie di culto del 1995: 1HRQ*HQHVLV(YDQJHOLRQ 7UDOHVHULHWHOHYLVLYHFHUWDPHQWHODSLLQWHUHVVDQWHHLQQRYDWLYD fu la pseudorobotica Shinseiki Evangelion (â&#x20AC;&#x2DC;Il Vangelo del nuovo seFRORÂśNeon Genesis Evangelion VFULWWDHGLUHWWDGD+LGHDNL$QQR, realizzata dalla Gainax e coprodotta con TV Tokyo H1AS. Questo anime geniale e drammatico si rivelò di importanza cruciale perchĂŠ, da un lato, mostrò una seria presa di coscienza a proposito delle attuali problematiche relazionali ed esistenziali dei giovani giapponesi ULVSHWWRDOOHTXDOL$QQRVLHUDJLjPRVWUDWRVHQVLELOHLQSDVVDWR H dallâ&#x20AC;&#x2122;altro perchĂŠ di fatto nei suoi 26 episodi mise compiutamente a punto i canoni di una vera e propria rifondazione dellâ&#x20AC;&#x2122;anime non soltanto televisivo.8 6RWWRLOSULPRSURÂżORYLHQHLQULOLHYRODFRPSOHVVDWUDPDFKHVRWWRXQDWUDFFLDGLSLLPPHGLDWDOHWWXUDÂąRULJLQDOHHLQWULFDWDPLVFHODGLIDQWDVFLHQ]DHVFDWRORJLDHPLVWLFLVPRGHOOD4DEEDOjK ebraica ÂąSUHVHQWDXQIRUWHULFKLDPRDOODQHFHVVLWjSHUJOLLQGLYLGXLÂąHSHUL giovani in particolare â&#x20AC;&#x201C; di aprirsi ed entrare in contatto con gli altri, VFRQÂżJJHQGRODSDXUDGHOIDOOLPHQWRHGHOODVRIIHUHQ]DJXDUGDQGR FRQSLÂżGXFLDDOODYLWD8QPHVVDJJLRGLVSHUDQ]DHULJHQHUD]LRQH in un Giappone sconvolto dalla crisi economica e dalla rottura del patto generazionale posto alla base della ricostruzione postbellica.9 5LJXDUGR DO VHFRQGR DVSHWWR LQYHFH LQ TXHVWÂśRSHUD q SRVVLELOH ULVFRQWUDUHLQIRUPDHVHPSODUHWXWWHTXHOOHLQQRYD]LRQLFKHDYUHEbero consentito la rinascita tecnica e artistica dellâ&#x20AC;&#x2122;anime televisivo, RVVLDXQDPDJJLRUHDXWRULDOLWjODJLjVSHULPHQWDWDFRQFHQWUD]LRQH GHOOHULVRUVHLQXQPLQRUQXPHURGLHSLVRGL RDOPDVVLPR  XQÂśLPSRVWD]LRQHUHJLVWLFDDQFRUDSLYLFLQDDOODFLQHPDWRJUDÂżDGDO YHUROÂśDIIUDQFDPHQWRGDFHUWLVWLOHPLJUDÂżFLWUDGL]LRQDOLRUPDLORJR&IU)3UDQGRQLop. cit.S6XOOÂśDUJRPHQWRFIUDQFKH7RVKLR2NDGDOtaku wa sude ni shindeiru (â&#x20AC;&#x2DC;Gli otaku VRQRJLjPRUWLÂś 7RN\R6KLQFK{VKD 8 Cfr. Y. Yamaguchi, op. cit.SSVJJ+LURNL$]XPDŠ$QLPpRU6RPHWKLQJ/LNHLW1HRQ*HQHVLV EvangelionÂť, InterCommunicationQDXWXQQR1WWLFFRUMSSXELFBPDJLFLQWHUFLW\ higashi_E.html. &IU)DELR%DUWROLŠNeon Genesis Evangelion e la Kabbalah: dal Tempo di Dolore al Tempo BenedettoÂť, Manga Academica, n. 4, 2011, Caserta, Editrice La Torre, pp. 23-49.




ULOÂśDWWHQ]LRQHTXDVLPDQLDFDOHDLGHWWDJOLWHFQLFLXQGUDVWLFRULGLmensionamento del rapporto di dipendenza dai soggetti dei manga HLQÂżQHXQDPDJJLRUHOLEHUWjGDLYLQFROLGHOPHUFKDQGLVLQJLQWHVR come fonte dâ&#x20AC;&#x2122;ispirazione obbligata.10 Da principio la serie, messa in onda la mattina presto o a tarda notte, venne sostanzialmente ignorata, ottenendo solo un breve traÂżOHWWRGLSUHVHQWD]LRQHVXOODULYLVWDAnimageHÂżQDQFKHOD%DQGDL VL PRVWUz ULOXWWDQWH D FRPPHUFLDOL]]DUH L PRGHOOLQL GHL ÂżQ WURSSR LQVROLWL H LQTXLHWDQWL PHFKD GLVHJQDWL GDOOR VWHVVR +LGHDNL $QQR, con la collaborazione di Ikuto Yamashita. Tuttavia, nel giro di apSHQD XQ DQQR OÂśLQHGLWD TXDOLWj WHFQLFD H DUWLVWLFD GHOOÂśDQLPH GHFLsamente superiore alla media e resa possibile da un budget di oltre 6 milioni di yen per episodio e da uno staff di notevole spessore,11 XQLWDPHQWHDOOÂśHVWUHPDULFFKH]]DGLVSXQWLHRULJLQDOLWjGHOVRJJHWWR e al notevole approfondimento psicologico dei personaggi, disegnati da Yoshiyuki Sadamoto, portarono a una vera e propria esplosione del fenomeno Evangelion, alimentato nel tempo da un astuto e redditizio sfruttamento commerciale del franchise.

Ęť

I misteri di Evangelion Una particolaritĂ  della vicenda di Shinseiki Evangelion riguardò anche la gestioRIHIP½REPI +PMYPXMQMHYIITMWSHMXIPIZMWMZM MRJEXXM WTME^^EVSRSKVERTEVXIHIP pubblico poichĂŠ abbandonarono quasi del tutto la traccia principale della trama, lasciando peraltro diversi interrogativi senza risposta, per concentrarsi invece sul percorso del protagonista, il quattordicenne Shinji Ikari, facendo il punto sulla sua IWTIVMIR^EHMZMXEIWYPPIWYIHMJ½GSPXkHMVIPE^MSRIGSRMPTEHVIIGSRKPMEPXVMMR KIRIVEPI2SRIVEGIVXSYR½REPIMRGSIVIRXIZMWXMKPMMRRYQIVIZSPMVMJIVMQIRXME questo tema disseminati nel corso della serie, ma stando alle cronache si trattò in effetti di una scelta quasi obbligata per la produzione, che aveva ormai esaurito MPFYHKIXEHMWTSWM^MSRI 0ETVIWWMSRIHIPJERHSQTIVYR½REPIGLIWZIPEWWIKPM esiti della trama principale, tuttavia, si fece talmente forte che nel 1997 la Gainax e Hideaki AnnoQMWIVSQERSEFIRHYIPYRKSQIXVEKKMGMRIQEXSKVE½GM7hinseiki Evangelion gekijĂ´ban: shi to shinsei Âł-P½PQHIP:ERKIPSHIPRYSZSWIGSPS QSVXI e resurrezioneâ&#x20AC;&#x2122;; Neon Genesis Evangelion: Death & Rebirth) e Shinseiki Evangelion gekijĂ´ban: The End of Evangelion AIR/Magokoro wo, kimi ni Âł-P½PQHIP:ERKIPSHIP nuovo secolo: AIR/Per te, tutto il mio essereâ&#x20AC;&#x2122;; Neon Genesis Evangelion: The end of Evangelion  GLI½WWEVSRSP´ETSGEPMXXMGEGSRGPYWMSRIHIPPEWXSVMEPEWGMEXEMRWSspeso nella serie televisiva, raccogliendo ovviamente lauti incassi al botteghino. 2IP TSM MHYI½PQ GLIMRTEVXIWMWSZVETTSRIZERS ZIRRIVSGSRGEXIREXM eliminando la parte in comune e ripubblicati con il nome Revival of Evangelion: ,QTXHVWRVHQVRSDUODGLŠQXRYDDQLPD]LRQHVHULDOHÂŞ6WHIDQR*DULJOLRLQ$QGUHD)RQWDQDÂą'DYLde Tarò, Anime. Storia dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione giapponese 1984-2007, Piombino (LI)(GLWULFHLO)RJOLR SSVJJ7UDOHLQQRYD]LRQLLQWURGRWWHQRQYDQQRWUDVFXUDWHTXHOOHHVWHWLFKHHLFRQRJUDÂżFKHDFRPLQFLDUHGDOULYROX]LRQDULRPHFKDGHVLJQFKHVHGDXQODWRDYYLFLQDPDJJLRUPHQWHOH XQLWj(YDDOODÂżJXUDXPDQDGDOOÂśDOWURSURSRQHXQDFRPSOHWDDVWUD]LRQHGHOOHIRUPHGHLQHPLFL JOLDQJHOLFRQXQDVFHOWDFKHDYUjXQLPSDWWRHQRUPHVXOGHVLJQ delle serie del genere successive. 11 Alle ottime animazioni lavorarono, oltre alla Gainax, anche Tatsunoko, Production I.G e Studio Ghibli.

248


Death(true)2/AIR/Magokoro wo, kimi ni (Neon Genesis Evangelion: The Feature Film). Negli anni seguenti la serie TV è, quindi, stata oggetto di una riedizione in versione directorâ&#x20AC;&#x2122;s cut, con alcune scene rimontate o rifatte da capo e originariamente inserite nel TVMQS½PQQIRXVIRIPrMRM^MEXE la realizzazione di una nuova tetraloKME GMRIQEXSKVE½GE Evangelion shin Fushigi yĂťgiÂ&#x152;=Y;EXEWI7LSKEOYOER8V gekijĂ´ban: Joâ&#x20AC;&#x201C;Haâ&#x20AC;&#x201C;KyĂť (â&#x20AC;&#x2DC;La nuova ver- 8SO]S7XYHMS4MIVVSX WMSRI GMRIQEXSKVE½GE HM )ZERKIPMSR TVIPYHMSMRXIVQI^^S½REPI´ Rebuild of Evangelion), che riscrive in buona parte la storia della serie utilizzando le migliori tecniche di animazione disponibili. La successione apparentemente caotica delle ZEVMIIHM^MSRMHIPPEWIVMIXIPIZMWMZEIHIM½PQRSRWMWE½RSEGLITYRXSTVIQIditata oppure frutto di una sincera esigenza dâ&#x20AC;&#x2122;autore, ha di fatto costituito unâ&#x20AC;&#x2122;ef½GEGMWWMQE WXVEXIKME GSQQIVGMEPI QSPXMTPMGERHS RSXIZSPQIRXI PI ZIRHMXI RIP mercato home-video di quello che sostanzialmente è sempre lo stesso anime.

Adolescenti, parodie e anime in notturna /ÂśDWWHQ]LRQHDOOHJLRYDQLJHQHUD]LRQLHDOOHORURGLIÂżFROWjHVLVWHQziali caratterizzò anche altre produzioni televisive del 1995, tra cui spicca in particolare Romeo no aoi sora Âľ,O FLHOR EOX GL 5RPHRÂś 6SLFFKLGLFLHORWUDEDIÂżGLIXPR XQDVHULHGHOFLFOR6HNDLPHLVDNX JHNLM{12GHOOD1LSSRQ$QLPDWLRQ, tratto dal romanzo Die schwarzen BrĂźder (I fratelli neri VFULWWRQHOGDJOLVYL]]HUL.XUW+HOG e Lisa Tetzner, sulla piaga dello sfruttamento del lavoro minorile nella MiODQRGLÂżQHXIX secolo. ProseguĂŹ, inoltre, la saga di Sailor Moon con la TXDUWDVHULHBishĂ´jo senshi Sailor Moon Super S (â&#x20AC;&#x2DC;La bella guerriera 6DLORU0RRQ6XSHU6ÂśSailor Moon e il mistero dei sogni GHOODTXDle non mancarono cloni, come Ai tenshi densetsu Wedding Peach Âľ/D OHJJHQGD GHOOÂśDQJHOR GHOOÂśDPRUH :HGGLQJ 3HDFKÂś Wedding Peach GHOOD.SS, in cui le guerriere di turno vestivano abiti da sposa. 0HQRLPSHJQDWLYHPDFRPXQTXHEHQDFFROWHGDOSXEEOLFRIXURno altresĂŹ due serie di genere fantastico, Fushigi yĂťgi (â&#x20AC;&#x2DC;Il gioco miVWHULRVRÂś HSlayers (Un incantesimo dischiuso tra i petali del tempo /DSULPDWUDWWDGDOOÂśRPRQLPRPDQJDGHOODJLRYDQHDXWULFH<Â&#x20AC; Watase Q IXSURGRWWDGDOOR6WXGLR3LHUURWHGLUHWWDGD+DMLme Kamegaki Q HGHEEHWUHVHJXLWLLQIRUPDWROAV, mentre la seconda diede il via a una vera e propria saga, basata su una serie di light novel ispirata al mondo dei giochi di ruolo fantasy scritta da +DMLPH.DQ]DND Q $PHWjVWUDGDWUDODSDURGLDGHOJHQHUHH 12 Cfr. supra, Paragrafo V.2.

249


il genere stesso, Slayers riscosse un notevole successo, tanto che a oggi la saga conta altre TXDWWURVHULHWHOHYLVLYH tutte dirette come la prima da Takashi Watanabe, due OAV e cinTXHÂżOPSHULOFLQHPD Tra le altre produzioni il 20 aprile TV Tokyo %WMRMWXVEBit the CupidÂ&#x152;7YWYQY1EXWYWLMXE'SQTER] iniziò a trasmettere Bit %HIWXVEShin kidĂ´ senki Gundam WingÂ&#x152;7SXWY%KIRG] the Cupid (Cupido pizSunrise. zica cuori  XQD VHULH comica per bambini di HSLVRGLGLPLQXWLFRQSURWDJRQLVWLJOLGqLGHOOÂś2OLPSR3LXWWRsto ordinario e nemmeno tanto originale â&#x20AC;&#x201C; ricorda molto da vicino Ochamegami monogatari Korokoro Pollon prodotta dalla Kokusai Eigasha QHOORQWDQRÂąTXHVWRDQLPHLGHDWRSURGRWWRHGLVHgnato, con il suo peculiare tratto da cartoonist, dal mangaka Susumu Matsushita Q QRQUHJLVWUzQHPPHQRLQGLFLGLDVFROWRSDUWLFRODUPHQWHHOHYDWLFLzQRQRVWDQWHHVVRVHJQzXQDWDSSDVHQ]DGXEELR LPSRUWDQWH QHOOD VWRULD GHOOÂśDQLPD]LRQH JLDSSRQHVH LQ TXDQWR fu in assoluto il primo anime seriale realizzato esclusivamente con immagini generate al computer (CGI RSHUDGHJOLVWXGL*URXS7AC, B )DFWRU\ e Satelight.13 Proseguivano, inoltre, i tentativi della Bandai-Sunrise di lanciare nuove serie televisive che rialimentassero il business legato al franchise di GundamDPELHQWDQGROHLQXQLYHUVLDOWHUQDWLYLDTXHOlo della saga storica dellâ&#x20AC;&#x2122;Universal Century concepita da Yoshiyuki Tomino. Questâ&#x20AC;&#x2122;anno, dopo lâ&#x20AC;&#x2122;originale ma vano esperimento di G Gundam QHOODVWDJLRQHSUHFHGHQWHIXGXQTXHODYROWDGLShin kidĂ´ senki Gundam Wing (â&#x20AC;&#x2DC;Le nuove cronache della macchina manovraELOH*XQGDP:LQJÂśGundam Wing VHULHVFULWWDGDOORVWDIIFUHDtivo della Sunrise e diretta da Masashi Ikeda, che introdusse lâ&#x20AC;&#x2122;elemento sentai nella metaserie con risultati, però, piuttosto deludenti. A parte un paio di brevi OAVUHDOL]]DWLWUDLOHLOLJUDQGL investimenti e il massiccio merchandising non riuscirono a sortire gli effetti sperati, e il tentativo di lanciare una nuova saga si esaurĂŹ FRQLHSLVRGLGLTXHVWDSULPDHXQLFDVHULHTV. ,OYLGHLQÂżQHOÂśLQL]LRGHOODSURJUDPPD]LRQHWHOHYLVLYDQRWturna degli anime, con produzioni ad hoc concepite per un pubblico maturo e, pertanto, scevre dalle molte limitazioni di contenuto im)RQGDWRD6DSSRURQHOORVWXGLR6DWHOLJKWqVWDWRFRPHLOSLDQWLFR*URXS7AC, uno dei pionieri nellâ&#x20AC;&#x2122;uso delle tecniche di animazione digitale applicate allâ&#x20AC;&#x2122;animazione seriale.

250


poste dalla fascia diurna. La prima serie nata per essere trasmessa dopo mezzanotte fu Ike! Inachu takkyĂťbu Âľ)RU]D,OFLUFRORGLSLQJ SRQJGHOODVFXRODPHGLDGL,QDÂś XQDQLPHHURWLFRGHPHQ]LDOHLQ HSLVRGLGL0LQRUX)XUXWDPLSURGRWWRGDOOD.LWW\)LOPV. Lâ&#x20AC;&#x2122;apoteosi degli OAV di qualitĂ  Il successo di una serie come Shinseiki Evangelion dimostrò TXDQWRLOSXEEOLFRWHOHYLVLYRIRVVHLQUHDOWjULFHWWLYRDQFKHULVSHWWR DXQWLSRGLDQLPD]LRQHGDLFRQWHQXWLSLSUHJQDQWLHPHQRDFFRQdiscendente nei confronti della miope ragione commerciale degli VSRQVRUTXHOWLSRGLDQLPD]LRQHfrom-fan-to-fan che, in effetti, neJOLXOWLPLGLHFLDQQLDYHYDWURYDWRVSD]LRTXDVLHVFOXVLYDPHQWHQHOOD forma degli OAV, considerati una sorta di riserva per appassionati, in cui si poteva sperimentare e innovare come in TVQRQHUDSLVWDWR possibile fare. Ciò segnò di conseguenza il declino dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione direct-to-video dâ&#x20AC;&#x2122;autore, che in pochi anni avrebbe gradualmente perso la sua stessa raison dâ&#x20AC;&#x2122;ĂŞtreSHUHVVHUH UL DVVRUELWDLQTXHOOD WHOHYLVLYDRUDULQQRYDWDHEHQSLYDULDHVWLPRODQWH1HOWXWWR TXHVWRHUDFRPXQTXHDQFRUDGLOjGDYHQLUHHDQFKHTXHVWÂśDQQRQRQ mancarono nuovi interessanti titoli OAV. Tra di essi si distinse, innanzitutto, il mediometraggio Seirei tsukai Âľ,O PHVVDJJHUR GHJOL VSLULWLÂś  VFULWWR GDOOÂśDXWRUH GHO PDQJD RULJLQDOH7DNHVKL2ND]DNL Q HGLUHWWRGD.DWVXKLWR$NL\DPD per la AIC. Caratterizzato dagli ottimi disegni di Hidenori Matsubara e dallâ&#x20AC;&#x2122;eccellente animazione di Hiroyuki Kitazume, lâ&#x20AC;&#x2122;anime racconta di una guerra tra esseri spirituali, i cosiddetti ÂŤelementaliÂť, il cui FRPSLWRqTXHOORGLWHQHUHLQHTXLOLEULROHIRU]HGHOODQDWXUDPHQWUH WXWWD OÂśXPDQLWj q PDQWHQXWD LQ XQ VRQQR SURIRQGR LQ DWWHVD GHOOD FRQFOXVLRQHGHOFRQĂ&#x20AC;LWWR7UDOHPLQLVHULHGLUHFWWRYLGHRXQEXRQ successo fu Shinpi no sekai El Hazard (â&#x20AC;&#x2DC;Il misterioso mondo di El +D]DUGÂś  OAV fantastico in sette episodi pubblicati tra il 26 maggio 1995 e il 25 gennaio 1996, prodotto dalla Pioneer LDC e ancora dalla AIC, per la regia di Hiroki Hayashi, coautore dellâ&#x20AC;&#x2122;anime insieme a 5\RH7VXNLPXUD.14 Altra miniserie OAV decisamente interessante, la cui pubblicazione iniziò a ottobre con il primo di 6 episodi, fu Sasurai no o benkyĂ´ Âľ,PSDUDUHYDJDERQGDQGRÂśGolden Boy SURGRWWDGD6KÂ&#x20AC;HLVKD, KSS e Studio APPP, diretta da Hiroyuki Kitakubo e disegnata e animata da Toshihiro KawamotoDXQOLYHOORTXDVLFLQHPDWRJUDÂżFR%DVDWR sullâ&#x20AC;&#x2122;omonimo manga di Tatsuya Egawa, si tratta, in effetti, del primo DQLPHGHGLFDWRDOIHQRPHQRGHLIUHHWHUDPHWjVWUDGDWUDODSDURGLD 9LVWRLOVXFFHVVRGLTXHVWDSULPDPLQLVHULHOAV, AIC e Pioneer LDC ne produssero subito una versione alternativa televisiva in 26 episodi, e successivamente unâ&#x20AC;&#x2122;altra miniserie OAVQHOHXQDVHULH televisiva breve nel 1998.

251


e la celebrazione, raccontando con toni leggeri e una buona dose di erotismo la VWRULDGL.LQWDU{2HXQJLRYDQHVWXGHQWH universitario che ha deciso di abbandonare gli studi per girare il Giappone in bicicletta e ÂŤimparare la vitaÂť facendo lavori saltuari. Attraverso le esperienze GHO SURWDJRQLVWD OÂśDQLPH Âą FRPH JLj LO geniale manga â&#x20AC;&#x201C; riesce a fornire unâ&#x20AC;&#x2122;acuta critica sociale e di costume del paese neJOLDQQL1RYDQWDULVXOWDQGRXQRGHLSL riusciti OAV del decennio. $OODÂżQHGHOOÂśDQQRIXURQRSXEEOLFDWLDOtri tre titoli OAV molto apprezzati: il primo Golden BoyÂ&#x152;8EXWY]E)KE[E episodio della miniserie Gunsmith Cats, ShĂťeisha/KSS. intitolato The Neutral Zone, la prima parte di Shin kaitei gunkan (â&#x20AC;&#x2DC;La nuova FRUD]]DWD VRWWRPDULQDÂś Super Atragon  H OÂśHSLVRGLR XQLFR Kodomo no omocha Âľ,O JLRFDWWROR GHL EDPELQLÂś  ,O SULPR WLWROR WUDWWR dal seinen manga omonimo di Kenâ&#x20AC;&#x2122;ichi Sonoda Q DOOÂśHSRFD ancora in corso di pubblicazione, fu prodotto dallo stesso editore del manga, la KĂ´dansha, mentre le ottime animazioni furono opera delOD2ULHQWDO/LJKWDQG0DJLF 2LM). Si tratta di una serie in tre episodi, disegnata anche dallo stesso mangaka e diretta da Takeshi Mori, che racconta di una coppia di giovani e spericolate cacciatrici di taglie costrette a collaborare a unâ&#x20AC;&#x2122;indagine poliziesca ad alto rischio su XQWUDIÂżFRGÂśDUPLD&KLFDJR3DUWLFRODUPHQWHVRÂżVWLFDWDHGHIÂżFDFH WUD OÂśDOWUR OD VHTXHQ]D GL DSHUWXUD FRQ L WLWROL GL WHVWD DQLPDWD VX PXVLFDRULJLQDOHGHOFHOHEUHEDWWHULVWDMD]]3HWHU(UVNLQH Q  Shin kaitei gunkan q LQYHFH XQ YHUR H SURSULR ÂżOP LQ GXH SDUti, uscite a distanza di otto mesi lâ&#x20AC;&#x2122;una dallâ&#x20AC;&#x2122;altra, tra il 21 dicembre 1995 e il 1° agosto 1996, e frutto di un notevole sforzo produttivo da parte della TĂ´hĂ´ insieme con la Kadokawa e la Bandai Visual. Anche se destinata direttamente al mercato home-video, si trattò in HIIHWWLGLXQDSURGX]LRQHGLOLYHOORFLQHPDWRJUDÂżFRFKHLPSHJQzXQ QXWULWRVWDIIFRQQRPLGLSULPRSLDQRWUDLTXDOLVSLFFDTXHOORGHO veterano Yoshikazu Yasuhiko, ormai celebrato mangaka, che tornò IXJDFHPHQWHDOOÂśDQLPD]LRQHSHUFUHDUHLOFKDUDFWHUGHVLJQGHOÂżOP Il soggetto venne tratto da un vero e proprio prototipo della fantascienza giapponese, KaitĂ´ bĂ´ken kidan: kaitei gunkan, un profetico romanzo su una prodigiosa corazzata sottomarina impiegata dal *LDSSRQH LQ XQD QRQ WDQWR LPPDJLQDULD JXHUUD FRQWUR OD 5XVVLD VFULWWRGD6KXQU{2VKLNDZDQHO*LjVIUXWWDWRSHUODUHDOL]]D]LRQHGHOFHOHEUHÂżOPGLIDQWDVFLHQ]DKaitei gunkan (Atragon GLUHWWRGDOPDHVWURGHLNDLMXHLJD,VKLU{+RQGD nel 1963, il romanzo fu TXLQGLULSUHVRGD1REXDNL.LVKLPD per scrivere la sceneggiatura di 252


TXHVWR VRQWXRVR OAV della durata di 100 minuti complessivi, diretto da Kazuyoshi Katayama Q H0LWVXR)XNXGD (n.  ,QÂżQHLOGLFHPEUHIXSXEEOLFDto il video di 30 minuti Kodomo no omocha, tratto dal primo tankobĂ´n del popolare manga RPRQLPRGL0LKR2EDQD (n.   UHDOL]]DWR GDOOR VWXGLR -&6WDII e prodotto dalla stessa ShĂťeisha, lâ&#x20AC;&#x2122;editore del manga. Il genere slice-of-life del fumetto, sviluppato da una prospettiva preadolescenziale, riscosse consensi anche presso gli appassionati di animazione, favorendo cosĂŹ la realizzazione di una versione televisiva seriale lâ&#x20AC;&#x2122;anno successivo.

Shin kaitei gunkan, Š 1995 Shin Kaitei +YROER4VSHYGXMSR'SQQMXXII

Film di rilievo: sospiri del cuore, Shoah e post-cyberpunk Il 1995 segnò una stagione feconda anche per il cinema dâ&#x20AC;&#x2122;anima]LRQHFRQGLYHUVHSHOOLFROHGLSULPRSLDQRDOFXQHGHOOHTXDOLGHVWLnate a incidere anche profondamente sul corso della storia dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione giapponese. Tralasciando i soliti mediometraggi di stagione tratti da anime seriali televisivi di successo, come Dragon Ball Z, Slam Dunk e Sailor Moon Super SFKHVHSSXUHGLEXRQDTXDOLWj QXOODGLULOHYDQWHDJJLXQJHYDQRDOSDQRUDPDLOSULPRÂżOPGHOOÂśDQQR di una certa importanza fu Lupin sansei: kutabare! Nostradamus (â&#x20AC;&#x2DC;Lupin IIIYDÂśDOOÂśLQIHUQR1RVWUDGDPXVÂśLupin III â&#x20AC;&#x201C; Le profezie di Nostradamus TXDUWDSHOOLFRODGHGLFDWDDOODGURJHQWLOXRPRFUHDWR da Monkey Punch, prodotta dalla TMS e uscita nelle sale il 22 apriOH  D TXDVL GLHFL DQQL GDOOÂśXOWLPD RSHUD FLQHPDWRJUDÂżFD GHOOD VHULH ,O ULODQFLR FLQHPDWRJUDÂżFR GHOOD VDJD GL /XSLQ III IX DIÂżGDWR in buona parte alla Telecom Animation dalla sua controllante TMS, in coproduzione con la rete televisiva NTV, riunendo uno staff di rilievo, tra cui Shunya ItĂ´ XQ UHJLVWD GL FLQHPD GDO YLYR DIÂżDQFDWR dal veterano Takeshi Shirato, lo sceneggiatore Hiroshi Kashiwabara H OÂśDQLPDWRUH .HQML +DFKL]DNL. Il risultato fu davvero mirabile dal punto di vista dei disegni e delle animazioni, anche se la trama, a causa di unâ&#x20AC;&#x2122;estrema cautela commerciale, si rivelò piuttosto mediocre nel tentativo di soddisfare troppi palati. Mantenendo il ritmo di un lungometraggio allâ&#x20AC;&#x2122;anno, nel 1995 lo Studio Ghibli fece uscire Mimi wo sumaseba (â&#x20AC;&#x2DC;Se ascolti attenWDPHQWHÂś I sospiri del mio cuore  SULPR ÂżOP SHU LO FLQHPD GHOOR VWXGLRQRQGLUHWWRGDXQRGHLGXHIRQGDWRULHDIÂżGDWRDOWDOHQWXRso animatore Yoshifumi KondĂ´, alla sua prima regia, mentre Ha\DR0L\D]DNLVLOLPLWzDGLULJHUHOHVROHVHTXHQ]HGLDPELHQWD]LRQH IDQWDVWLFDÂąFDUDWWHUL]]DWHGDOOHVWXSHIDFHQWLVFHQRJUDÂżHVXUUHDOLGL 253


1DRKLVD,Q{H Q ÂąROWUHFKHDUHDlizzare lâ&#x20AC;&#x2122;ekonte e a scrivere la sceneggiatura, tratta dallâ&#x20AC;&#x2122;omonimo fumetto della mangaka Aoi Hiiragi Q /DVWRULD KD SHU SURWDJRQLVWL 6HLML H 6KL]XNX GXH studenti delle medie che inseguono ciascuno il proprio sogno: il primo vuole andare in Italia per diventare un maestro liutaio, mentre la seconda, grazie allâ&#x20AC;&#x2122;incontro con il nonno del giovane, scopre la scrittura e si cimenta nella stesura di XQUDFFRQWRIDQWDVWLFR,OÂżOPqXQLQYLWR ULYROWR DL JLRYDQL DIÂżQFKp DVFROWLQR FRQ attenzione sĂŠ stessi per seguire le proprie Mimi wo sumasebaÂ&#x152;%SM DVSLUD]LRQLHODSURSULDYRFD]LRQHHTXD,MMVEKM7L IMWLE2MFEVMOM+NH. si a sottolineare il ÂżO URXJH della trama lâ&#x20AC;&#x2122;intera produzione vide allâ&#x20AC;&#x2122;opera molte giovani leve dello studio, che nello stesso anno, peraltro, inauguUzDQFKHXQDSURSULDVHYHULVVLPDVFXRODGLDQLPD]LRQHDOODTXDOH furono ammessi soltanto sedici studenti.151HOORVWHVVRSHULRGR+Dyao Miyazaki, su richiesta del duo rock giapponese Chage & Aska, scrisse e diresse un sorprendente cortometraggio dâ&#x20AC;&#x2122;animazione di sette minuti da utilizzare come videoclip per un loro brano musicale, intitolato On Your Mark, che venne poi abbinato alla proiezione in sala di Mimi wo sumaseba a partire da luglio. 8QSDLRGLPHVLGRSRLOÂżOP*KLEOLLODJRVWRDOFLQHPDXVFuAnne no nikki Âľ,OGLDULRGL$QQHÂś SHOOLFRODGLUHWWDGD$NLQRUL1DJDRND e dedicata alla memoria della tragica storia della giovane ebrea tedeVFD $QQD )UDQN   QHO FLQTXDQWHVLPR DQQLYHUVDULR GHOOD sua morte, avvenuta nel campo di concentramento tedesco di Bergen-Belsen nel 1945. La produzione vide coinvolte la TBS e lo studio Madhouse, che realizzò le animazioni, nellâ&#x20AC;&#x2122;ambito di un progetto di ampio respiro che si avvalse anche della prestigiosa collaborazione GHOFRPSRVLWRUHLQJOHVH0LFKDHO1\PDQ Q DXWRUHGHOODVSOHQGLGDFRORQQDVRQRUDRULJLQDOH1HVFDWXUuXQOXQJRPHWUDJJLRGL minuti estremamente curato, realistico e abbastanza fedele al contenuto del famoso diario, di gran lunga migliore dellâ&#x20AC;&#x2122;omonimo special TVGL(LML2NDEHUHDOL]]DWRGDOOD1LSSRQ$QLPDWLRQQHOLQRFFDVLRQHGHOFLQTXDQWHQDULRGHOODQDVFLWDGHOODVIRUWXQDWDJLRYDQH.16

15 A loro volta, i giovani animatori e il regista debuttante resero omaggio agli ÂŤanzianiÂť dello studio ciWDQGRQHOÂżOPLQGLYHUVLPRGLPDVHPSUHFRQGLVFUH]LRQHSHUVRQDJJLHRSHUHGL0L\D]DNLH7DNDKDWD 3DUDGRVVDOPHQWHVLDLOÂżOPGHOFKHORVSHFLDOTVQRQVRQRVWDWLHVSRUWDWLLQ2FFLGHQWHHFFH]LRQ IDWWDSHUXQÂśHGL]LRQHIUDQFHVHGHOODYHUVLRQHFLQHPDWRJUDÂżFDGHOSXEEOLFDWDGLUHWWDPHQWHLQ DVD nel 2000. Le journal dâ&#x20AC;&#x2122;Anne Frank, tuttavia, consiste in un rimontaggio della versione nippoQLFDSLEUHYHGLFLUFDPLQXWLHSULYRGHOODFRORQQDVRQRUDGL0LFKDHO1\PDQ, sostituita con musiche originali di Carine Gutlerner.

254


/DÂżQHGHOOÂśDQQRYLGHTXLQGLGHEXWWDUH nei cinema giapponesi altre due pellicole di grande rilievo. La prima fu KĂ´kaku kidĂ´tai (â&#x20AC;&#x2DC;Polizia anti-sommossa corazzaWD GÂśDVVDOWRÂś Ghost in the Shell  SURLHWtata in prima visione il 18 novembre in *LDSSRQHHOÂśGLFHPEUHQHO5HJQR8QLWR ,O ÂżOP IX LO ULVXOWDWR GL XQD FRSURGXzione tra KĂ´dansha, Bandai Visual e lâ&#x20AC;&#x2122;inglese Manga Entertainment, consociata del gruppo Island-PolyGram, che investĂŹ nel lungometraggio un terzo dei 600 milioni di yen del budget complessivo, e il FXL DPPLQLVWUDWRUH GHOHJDWR $QG\ )UDLQ si impegnò direttamente come produtto- Anne no nikki, Š 1995 Bungei re. Lâ&#x20AC;&#x2122;azienda britannica era stata fondata 7LYRNY,EOYL|H|-QEKMGE8BS. nel 1991 per cavalcare lâ&#x20AC;&#x2122;onda dellâ&#x20AC;&#x2122;enorme VXFFHVVR FRPPHUFLDOH RWWHQXWR GDO ÂżOP Akira di Katsuhiro Ă&#x201D;tomo, e con lo scopo ulteriore di sfruttare il rinnovato interesse occidentale per lâ&#x20AC;&#x2122;animazione giapponese, tanto da HVVHUVLJLjVSLQWDÂżQRDGDFTXLVWDUHDQFKHLGLULWWLPRQGLDOLGHLGXH lungometraggi della saga di Patlabor per distribuirli in Europa e negli Stati Uniti. Il soggetto di KĂ´kaku kidĂ´tai venne tratto dallâ&#x20AC;&#x2122;omonimo manga di Masamune Shirow, anche se ampiamente rielaborato dallo sceneggiatore Kazunori ItĂ´HGDOUHJLVWD0DPRUX2VKLL, che ne IHFHXQQXRYRFDSLWRORGHOODVXDSHUVRQDOHLQGDJLQHVXOOÂśDPELJXLWj GHOFRQÂżQHWUDÂżQ]LRQHHUHDOWjFKHTXLWURYDYDLOVXRULĂ&#x20AC;HVVRQHOOD FRQWUDSSRVL]LRQHWUDDUWLÂżFLDOHHQDWXUDOHWUDF\ERUJHXPDQRWUD anima e corpo. A un soggetto decisamente affascinante, costellato di citazioni colte, corrispose una spettacolare realizzazione tecnica e artistica delle animazioni, opera della Production I.G, del sakkan ToVKLKLNR1LVKLNXER Q GHOFKDUDFWHUGHVLJQHU +LUR\XNL2NLXUD e dei mecha designer 6K{ML.DZDPRUL e Atsushi Takeuchi Q  La trama di Ghost in the Shell 2IPP´ERRSPIFEVVMIVIIMGSR½RMXVEPIRE^MSRMWSRSHMJEXXSEFSPMXMHEPPI GSRRIWWMSRMHMYREVIXIKPSFEPIEGYMXYXXMTSWWSRSGSPPIKEVWM½WMGEQIRXIKVE^MI ai progressi della cibernetica e della biomeccanica, esponendo però gli esseri YQERMEPVMWGLMSHMZMSPE^MSRIHIPPETVSTVMEQIRXIHETEVXIHIKPMLEGOIVTIVM½RM piĂš disparati. Quando uno di questi, soprannominato Puppetmaster, inizia a violare il cervello di alcuni politici entra in azione la Sezione 9, un nucleo investigatiZSHIP1MRMWXIVSHIKPMMRXIVRMKMETTSRIWIJSVQEXSHEEKIRXMZEVMEQIRXIQSHM½cati, le cui punte di diamante sono il maggiore Motoko Kusanagi, una cyborg con 'DOOD%LEELDDBlade RunnerGL5LGOH\6FRWWGDOTXDOHKokaku kidĂ´tai trae molteplici spunti, sia di forma che di sostanza.

255

Ęš


KĂ´kaku kidĂ´taiÂ&#x152;1EWEQYRI7LMVS[/|HERWLE &ERHEM:MWYEP1ERKE)RXIVXEMRQIRX

cervello umano, e BatĂ´, un essere umano potenziato con parti biomeccaniche. Lâ&#x20AC;&#x2122;indagine porterĂ  i protagonisti a porsi inevitabilmente la domanda su cosa distingua, in una societĂ  dellâ&#x20AC;&#x2122;informazione cosĂŹ avanzata e complessa, la vita e lâ&#x20AC;&#x2122;iHIRXMXkMRHMZMHYEPI½RSEPGSPTSHM WGIRE½REPIMRGYMMP4YTTIXQEWXIV si rivelerĂ  unâ&#x20AC;&#x2122;entitĂ  autocosciente incorporea originata dalla rete.

Uno dei principali punti di IRU]D GHO ÂżOP IX LO ODYRUR GL VSHULPHQWD]LRQH H LQWHJUD]LRQH GHOOH WHFQLFKHGLJLWDOLGLDQLPD]LRQHFRQGRWWHGDOORVWDIIÂżQRDOOD FRPpiuta messa a punto della digitally generated animation (DGA RVsia di un ambiente in cui comporre animazione tradizionale, immagini generate al computer e motion capture, che avrebbe in seguito cambiato irreversibilmente il modo di fare animazione dei vari studi.18 Alla riuscita dellâ&#x20AC;&#x2122;anime, inoltre, contribuĂŹ non poco anche ODVXJJHVWLYDFRORQQDVRQRUDFRPSRVWDGD.HQML.DZDLJLjDVVLGXR FROODERUDWRUHGL2VKLLDOOÂśHSRFDGHOJUXSSR+HDGJHDU.19 Malgrado il OLYHOORGHOODSURGX]LRQHHLOSUHPLRFRPHPLJOLRUÂżOPDOODSULPDHGLzione dellâ&#x20AC;&#x2122;AnimĂŞshon KĂ´be, KĂ´kaku kidĂ´tai non ottenne in GiapSRQHODVWHVVDSRSRODULWjGLAkiraRGHLÂżOPGHOOR6WXGLR*KLEOL,20 e anche negli Stati Uniti, dove fu presentato il 29 marzo 1996, non ULVFRVVHLQL]LDOPHQWHJOLLQFDVVLVSHUDWLWXWWDYLDLQSRFKLPHVLGLvenne il primo e unico anime ad avere mai raggiunto il primo posto QHOOHFODVVLÂżFKHGLYHQGLWDKRPHYLGHRGLBillboard, contribuendo LQPRGRGHWHUPLQDQWHSHUTXHOFKHULJXDUGDOÂś2FFLGHQWHQRQVROR alla conferma dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione giapponese in contesti come Italia, )UDQFLD6SDJQDPDDQFKHDOODGHÂżQLWLYDHVSORVLRQHGHOIHQRPHQR anime negli Stati Uniti, dove in particolare divenne un vero e proSULRÂżOPGLFXOWR21  (PEOHPDWLFD VRWWR TXHVWR SURÂżOR q OD VWXSHIDFHQWH VHTXHQ]D GHL WLWROL GL WHVWD FKH GHVFULYH OD FRVWUX]LRQHGLXQFRUSRELRPHFFDQLFRQHOODTXDOHVLLQWHJUDQRSHUIHWWDPHQWHDQLPD]LRQHWUDGL]LRnale e animazione tridimensionale generata al computer. 1HOOÂśHGL]LRQHRFFLGHQWDOHGHOÂżOPGHOOD0DQJD(QWHUWDLQPHQWODPDJQLÂżFDPXVLFDGHLWLWROLGLFRGD FKHFRVWLWXLYDODVLQWHVLÂżQDOHGHLGXHSULQFLSDOLWHPLFRQGXWWRULGHOODFRORQQDVRQRUDRULJLQDOHGL .HQML.DZDL, fu improvvidamente sostituita con un brano strumentale dei Passengers, nome dietro DOTXDOHVLFHODYDQR%ULDQ(QR e il gruppo irlandese U2, intitolato One Minute Warning e prodotto dalla stessa Island-PolyGram.  &RPH VSHVVR q DFFDGXWR QHOOD VWRULD GHOOÂśDQLPD]LRQH JLDSSRQHVH q FRPXQTXH VWDWR LO WHPSR D GHFUHWDUHLQSDWULDLOVXFFHVVRGHÂżQLWLYRGHOOÂśRSHUDWDQWRFKHFRPHVLYHGUjDGLVWDQ]DGLVHWWHDQQL i tempi sarebbero divenuti maturi per la realizzazione di una prima serie televisiva, a cui sarebbero VHJXLWLXQQXRYRÂżOPFLQHPDWRJUDÂżFRXQDVHFRQGDVHULH TVHLQÂżQHXQWHU]ROXQJRPHWUDJJLRSHU la TV, su cui v. infra. &IU6-1DSLHUop. cit.SSVJJ1HOOÂśDSULOHOD'UHDP:RUNV del regista Steven Spielberg KDDFTXLVLWRLGLULWWLGHOPDQJDSHUWUDUQHXQOXQJRPHWUDJJLRGDOYLYR

256


/ÂśDQWLYLJLOLD GL 1DWDOH QHOOH VDOH JLDSSRQHVL XVFu LQÂżQH Memories (id.  DPEL]LRVR OXQgometraggio in tre episodi di altissimo livello TXDOLWDWLYR FKH VHJQz LO ULWRUQR DOOD UHJLD GL Katsuhiro Ă&#x201D;tomo, otto anni dopo Akira. Pensato inizialmente nel 1992 come un OAVGDDIÂżGDre alla regia dello stesso Ă&#x201D;tomo, autore dei tre brevi manga posti alla base del progetto, dopo /|NM1SVMQSXSŠ degli una prima interruzione venne poi portato avan- aventi diritto. WL FRPH ÂżOP RPQLEXV GDOOD .{GDQVKD e dalla Bandai Visual, con Ă&#x201D;tomo in veste di supervisore generale e regista effettivo soltanto del terzo segmento. Il primo episodio, Kanojo no omoide â&#x20AC;&#x201C; Magnetic Rose Âľ,ULFRUGLGLOHLÂą0DJQHWLF5RVHÂśLa rosa magnetica IXUHDOL]]DWRGDOOR6WXGLRÂ&#x192;&VRWWRODUHJLDGL.{ML0RrimotoJLjFROODERUDWRUHGLĂ?WRPRLQAkira e RĂ´jin ZODVFHQHJJLDtura, sviluppata da Satoshi Kon sulla base del manga omonimo di Ă&#x201D;tomo, racconta di due astronauti richiamati da un segnale di soccorso, che si ritrovano intrappolati in un incredibile mausoleo orbitante, creato a forma di rosa con rottami alla deriva da una misteriosa forza magnetica e in cui ha vissuto una famosa cantante dâ&#x20AC;&#x2122;opera, prigionieri in una dimensione onirica originata dai suoi fatali ricordi. Genii al lavoro: Studio 4°C Lo Studio 4°C era stato fondato da KĂ´ji Morimoto, Eiko Tanaka e Yoshiharu SatĂ´ nel 1986, e prima di entrare nel giro dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione mainstream realizzava soprattutto animazioni pubblicitarie e piccole produzioni indipendenti. Il salto di qualitĂ , grazie al rapporto esistente tra Ă&#x201D;tomo e Morimoto, arrivò proprio con il coinvolgimento nel progetto Memories, che diede grande visibilitĂ  allâ&#x20AC;&#x2122;azienda. (EEPPSVEPSWXYHMSLEWIQTVIEJ½ERGEXSETVSHY^MSRMHIWXMREXIEPGMVGYMXSGSQmerciale anche opere di pura sperimentazione tecnica ed espressiva, come sottolineato dal suo stesso nome: esso si riferisce, infatti, alla temperatura dellâ&#x20AC;&#x2122;acqua alla sua massima densitĂ , per illustrare appunto il manifesto creativo dellâ&#x20AC;&#x2122;azienda, impegnata a ideare e produrre opere dense di sostanza e di qualitĂ .

Il secondo capitolo, SaishĂť heiki â&#x20AC;&#x201C; Stink Bomb (â&#x20AC;&#x2DC;Lâ&#x20AC;&#x2122;arma puzzolenWHÂą6WLQN%RPEÂśLa bomba puzzolente UHDOL]]DWRGDOOD0DGKRXse sulla base del character design originale di Katsuhiro Ă&#x201D;tomo, fu LQYHFH GLUHWWR GD 7HQVDL 2NDPXUD Q   PHQWUH OD GLUH]LRQH GHOOÂśDQLPD]LRQHIXDIÂżGDWDD+LURWVXJX.DZDVDNL Q VRWWROD VXSHUYLVLRQHGL<RVKLDNL.DZDMLUL. Il soggetto, adattato dallo stesso Ă?WRPRqGLUHJLVWURRSSRVWRDTXHOORGHOODSULPDSDUWHLQFHQWUDWR sulla tragicomica avventura di uno svampito ricercatore farmaceuWLFRLOTXDOHLQJHULVFHSHUVEDJOLRXQDSLOORODFKHORWUDVIRUPDDVXD LQVDSXWD LQ XQD WHUULELOH DUPD ELRORJLFD ,O WHU]R HSLVRGLR LQÂżQH intitolato TaihĂ´ no machi â&#x20AC;&#x201C; Cannon Fodder Âľ/DFLWWjGHLFDQQRQL Âą &DQQRQ )RGGHUÂś Carne da cannone  q SUDWLFDPHQWH XQ DVVROR 

Ęš


di Katsuhiro Ă&#x201D;tomo TXL UHJLVWD VFHneggiatore e character designer, supportato ancora dallo Studio 4°C e dal sakkan Hidekazu Ă&#x201D;ara Q   'Lsegnato in uno stile ispirato alla scuola HXURSHDGHOOÂś(VWTXHVWRFRUWRPHWUDJgio, girato in un unico stupefacente SLDQR VHTXHQ]D GL  PLQXWL LQ DGA, descrive lâ&#x20AC;&#x2122;alienante giornata di una famiglia modesta e conformista che vive LQXQDFLWWjIRUWH]]DFRVWHOODWDGLFDQnoni di tutte le fogge, sotto un regime militare totalitario perennemente in guerra contro un nemico invisibile, e LPSHJQDWD FRPH WXWWL TXDQWL JOL DOWUL MemoriesÂ&#x152;1YWLVSSQ cittadini nelle sistematiche operazio1IQSVMIW4VSNIGX QL GL FDQQRQHJJLDPHQWR TXRWLGLDQR di bersagli lontani e imperscrutabili. Anime di grande pregio, insignito anche del prestigioso premio Ă?IXMLQHOORVWHVVRMemories è stato per lungo tempo lâ&#x20AC;&#x2122;ultimo ÂżOP RPQLEXV GHOOÂśDQLPD]LRQH JLDSSRQHVH IRUPDWR HYLGHQWHPHQWH poco amato dal grande pubblico, che riservava immancabilmente cocenti delusioni al botteghino. IX.2 1996 Il modello Evangelion come volano di un nuovo boom 1HOVHPEUzTXDVLFKHODFULVLHFRQRPLFDVWHVVHDOOHQWDQGROD VXDPRUVDFRQLOULHQWURGDOODGHĂ&#x20AC;D]LRQHHXQDWLPLGDULSUHVDGHOPIL. In effetti, se lâ&#x20AC;&#x2122;animazione fosse stata un indicatore macroeconomico, LQTXHOOÂśDQQRVLVDUHEEHSRWXWRDQFKHGLUHFKHLO*LDSSRQHIRVVHLQ QHWWDULSUHVDWDOHIXODYLWDOLWjPRVWUDWDGDOVHWWRUH8QVHJQRWDQJLELOHGLTXHVWRTXDGURIDYRUHYROHIXDGHVHPSLROÂśLVWLWX]LRQHGHOJLj citato AnimĂŞshon KĂ´beXQFRQFRUVRDQQXDOHGHGLFDWRVSHFLÂżFDPHQte alle opere, agli autori e alle aziende dâ&#x20AC;&#x2122;animazione, che a partire dal VLWLHQHRJQLDXWXQQRQHOODFLWWjGL.REH/DSULPDHGL]LRQHGHO festival consacrò Hideaki Anno e il suo Shinseiki Evangelion, la serie televisiva della Gainax partita nellâ&#x20AC;&#x2122;ottobre dellâ&#x20AC;&#x2122;anno precedente e FRQFOXVDVLLOPDU]RLOFXLFODPRURVRVXFFHVVRFRPPHUFLDOHHVSORVHFRPHGHWWRSURSULRLQTXHVWDVWDJLRQH,OERRPFRPLQFLzGDOOH riviste specializzate del settore, come Newtype della Kadokawa, che dedicarono pagine e pagine allâ&#x20AC;&#x2122;anime, e con la proliferazione di deciQHGLYROXPLPRQRJUDÂżFLVXOODVHULHFKHLQL]LDURQRDFRPSDULUHVXJOL scaffali delle librerie, per poi propagarsi al merchandising di giocat258


toli e modellini, con la Bandai che, dopo lâ&#x20AC;&#x2122;iniziale titubanza, si lanciò a gran ritmo nella produzione. Insomma, Shinseiki Evangelion ebbe un impatto sullâ&#x20AC;&#x2122;economia nazionale calcolato in miliardi di yen, contribuendo inoltre in modo determinante alla diffusione del Digital Versatile Disc (DVD LOQXRYRVXSSRUWRRWWLFRGLJLWDOHFKHVRVWLWXuLO mai decollato Laser Disc.22 E difatti la nuova politica commerciale LQDXJXUDWDGDOOD*DLQD[ÂąSUHVWRVHJXLWDVXTXHVWDVWUDGDGDWXWWLL SURGXWWRULÂąYHGHYDQHOSDVVDJJLRWHOHYLVLYRQRQSLLOSXQWRGLDUULvo degli anime seriali, ma solo una sorta di vetrina, il trampolino di lancio per la vendita dellâ&#x20AC;&#x2122;edizione home-video, da collezionare con una serie di gadget e pubblicazioni che andavano ad arricchire e perSHWXDUHLOULWRGHOODYLVLRQHHFKHSDUDGRVVDOPHQWHÂżQuSHUVYLQFRlare il successo dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione televisiva dai dati dellâ&#x20AC;&#x2122;audience per DJJDQFLDUORSLXWWRVWRDTXHOOLGLYHQGLWD23 ,O SDVVDJJLR WHOHYLVLYR HUD GLYHQWDWR LQ GHÂżQLWLYD DQFRU SL FKH nel passato una sorta di spot SXEEOLFLWDULRQHFHVVDULRSLFKHDOWUR a stimolare il feticismo del pubblico televisivo, ora ansioso soprattutto di possedere lâ&#x20AC;&#x2122;animazione vista in TVFRPHRJJHWWRUHDOHÂżVLFR VHQ]DSLOLPLWDUVLDIUXLUQHLQPRGRLPPDWHULDOH24 CosĂŹ facendo le entrate dei grossi studi cominciarono a lievitare notevolmente, regiVWUDQGRIDWWXUDWLEHQSLDOWLGLTXHOOLJDUDQWLWLGDOODVRODYHQGLWDGHL GLULWWLWHOHYLVLYLHFLzVLWUDGXVVHLQSLDOWLEXGJHW da investire nelOHQXRYHVHULHFRQXQLQQDO]DPHQWRFRPSOHVVLYRGHOODTXDOLWjFKH FRPHJLjRVVHUYDWRSUDWLFDPHQWHDQQXOOzODGLVWDQ]DGDJOL OAV. La QXRYDDQLPD]LRQHVHULDOHGXQTXHVLSUHVHQWDYDTXDOLWDWLYDPHQWH FRPH OD SURGX]LRQH GLUHFWWRYLGHR PD FRQ LQ SL LO YDQWDJJLR GL HVVHUHSLYLVLELOHSHUODPDVVDGHOSXEEOLFRJUD]LHDOODWHOHYLVLRQH Rinascita dellâ&#x20AC;&#x2122;animazione televisiva, ma serialitĂ  piĂš breve Il rinnovamento portato dallâ&#x20AC;&#x2122;opera della Gainax determinò dunTXHXQDYHUDHSURSULDULQDVFLWDGHOOÂśDQLPD]LRQHVHULDOHHFRVuDQFKH il 1996 vide la realizzazione di un buon numero di nuove produzioQLWHOHYLVLYHLQWXWWRODPDJJLRUSDUWHGHOOHTXDOLQRQVXSHUDYD SHUzLHSLVRGL7UDTXHVWHULHQWUDURQRSHUHVHPSLRSlayers Next, VHFRQGDVWDJLRQHGHOODVDJDLQL]LDWDOÂśDQQRSULPDHOHIDQWDVFLHQWLÂżche 7HQNÂ&#x20AC;QR(VFDĂ&#x20AC;RZQH Âľ(VFDĂ&#x20AC;RZQH GHOFLHORÂś,FLHOLGL(VFDĂ&#x20AC;RZne HKidĂ´ senkan Nadesico Âľ/DFRUD]]DWDPRELOH1DGHVLFRÂśMobile Battleship Nadesico  22 Cfr. S. Murakami, op. cit.S3HUUHQGHUVLFRQWRGHOOHGLPHQVLRQLGHOIHQRPHQRVLFRQVLGHri che le uscite home-video di Shinseiki Evangelion superavano costantemente le 50.000 copie YHQGXWHFRQSXQWHFKHVÂżRUDYDQROHRVVLDLOGRSSLRRLOWULSORGHJOLDQLPH SLYHQGXWLGL VHPSUHÂżQRDGDOORUD 23 La stessa serie Shinseiki Evangelion non superò mai il 5-6% di share e il suo successo fu tutto nelle enormi vendite di VHS e DVD. 'DTXLOÂśDWWHQ]LRQHVHPSUHPDJJLRUHDOpackaging delle confezioni e ai contenuti speciali da inseULUHQHOOHHGL]LRQLKRPHYLGHRRUDEHQSLHVSDQGLELOLJUD]LHDOODPDJJLRUHFDSDFLWjGDWLGHLDVD.

259


7HQNÂ&#x20AC;QR(VFDĂ&#x20AC;RZQHLGHDWDHVXSHUYLVLRQDWDGD6K{ML.DZDPRUL, fu prodotta e realizzata dalla Sunrise e ripropose il genere mecha/ IDQWDV\ ULQQRYDQGROR D SDUWLUH GDOOÂśRULJLQDOH H UDIÂżQDWR GHVLJQ L SHUVRQDJJLDIÂżGDWLD1REXWHUX<Â&#x20AC;NL e il mecha a Kimitoshi Yamane Q   H SUHVWDQGR PDJJLRUH DWWHQ]LRQH DOOD SVLFRORJLD H DL rapporti tra i personaggi, secondo le indicazioni del regista Kazuki Akane Q /ÂśLGHDGLSDUWHQ]DHUDSLRPHQRFRPXQHDGDOWUH VHULH SUHFHGHQWL GHO JHQHUH XQ HVVHUH XPDQR Âą LQ TXHVWR FDVR OD liceale Hitomi Kanzaki â&#x20AC;&#x201C; viene catapultato in un mondo esistente LQXQÂśDOWUDGLPHQVLRQHÂąLQTXHVWRFDVRLOSLDQHWD*DHD GDOTXDOHOD 7HUUDHOD/XQDVRQRSXUWXWWDYLDEHQYLVLELOLÂąHTXLFRPSLHLOVXR SHUFRUVRGLIRUPD]LRQH2OWUHDOIDVFLQRSDUWLFRODUHGHOODVWRULDEHQ FRVWUXLWDHDOODTXDOLWjGHOOÂśDQLPD]LRQHPDJLVWUDOPHQWHGLUHWWDGD Hiroshi Ă&#x201D;saka  ODVHULHÂąFKHSRWpFRQWDUHVXXQEXGJHW di ben 30 milioni di yen a episodio â&#x20AC;&#x201C; si distinse anche per il massiccio uso della CGI, ben integrata con lâ&#x20AC;&#x2122;animazione tradizionale grazie allâ&#x20AC;&#x2122;elevato know-how RUPDLDFTXLVLWRQHOFDPSRGDOOD6XQULVH Il secondo anime seriale di una certa rilevanza fu, come detto, KidĂ´ senkan Nadesico, prodotto e realizzato sulla base di un soggetto oriJLQDOHGL+LUR\XNL.DZDVDNL Q e Satoru Akahori dalla Xebec, e diretto da Tatsuo SatĂ´ Q 6LWUDWWDYDGLXQDFRPPHGLDGL fantascienza SLXWWRVWR RULJLQDOH FRQ DQLPD]LRQL GL EXRQD TXDOLWj caratterizzata dallâ&#x20AC;&#x2122;inedita presenza di un anime nellâ&#x20AC;&#x2122;anime, un super robot stile anni Settanta intitolato Gekiganger III, ossessivamente seguito dal protagonista Akito Tenkawa, aspirante cuoco, pilota per caso e otaku, mentre si trova a bordo della nave per fronteggiare gli alieni di turno che minacciano la Terra. La serie, seguendo la lezione di Hideaki Anno, mescolava disinvoltamente diversi generi con tono vagamente parodistico, e ottenne un buon successo, tanto che due DQQLSLWDUGLQHIXUHDOL]]DWRXQVHJXLWRSHULOJUDQGHVFKHUPR 3HUTXDQWRULJXDUGDOHVHULHOXQJKHLQL]LDWHQHOVLFXUDPHQWHTXHOODGLPDJJLRUHVXFFHVVRIXMeitantei Conan (â&#x20AC;&#x2DC;Lâ&#x20AC;&#x2122;investigatoUH&RQDQÂśDetective Conan SURGRWWDGDOOD7RN\R0RYLH6KLQVKD sulla base del manga omonimo di GĂ´shĂ´ Aoyama Q HDRJJL DQFRUDLQFRUVRGRSRROWUHHSLVRGL'LUHWWDGD.HQML.RGDPD e Yasuichiro Yamamoto Q TXHVWDVHULHÂżXPHULSRUWzDOVXFcesso il genere poliziesco (meitantei DROWUHDQQLGDTXHOORRWWHnuto da Meitantei Holmes, sfruttando lâ&#x20AC;&#x2122;idea geniale di Aoyama, che aveva creato un personaggio in grado di incontrare i gusti sia dei bambini che dei teenager. Il protagonista, infatti, ha lâ&#x20AC;&#x2122;aspetto di un UDJD]]LQR GHOOH HOHPHQWDUL PD LQ UHDOWj q LO GLFLDVVHWWHQQH 6KLQÂśLFKL .XG{ DELOH H JLj IDPRVR LQYHVWLJDWRUH SULYDWR LQ HUED ULGRWWR cosĂŹ da una sostanza somministratagli da una misteriosa organizzazione criminale nel tentativo di ucciderlo. Costretto dalle circoVWDQ]HDFDPELDUHLGHQWLWjDVVXPHQGRLOQRPHGL&RQDQ(GRJDZD (Conan come Arthur Conan Doyle, Edogawa come il celebre scrit260



Storia dell'animazione giapponese