Issuu on Google+

Guida al Torrita Blues Festival 2012

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 Torrita Blues 2012: XXIV edizione

21 – 22 - 23 - giugno Torrita di Siena (piazza Matteotti) Torrita Blues è un'importante rassegna musicale che si svolge da ventiquattro anni a Torrita di Siena in una splendida cornice medievale nel cuore della ridente Toscana. Tra le prestigiose colline senesi a pochi passi da Pienza, Montepulciano e Montalcino c’è un piccolo castello medievale, Torrita di Siena, dove ogni anno nell’ultimo fine settimana di giugno si svolge uno dei più importanti festival blues italiani: Torrita Blues Festival. Nato nel 1989, è giunto alla 24° edizione è diventato un appuntamento imperdibile per migliaia di fans ogni anno vengono a Torrita di Siena. Tra centinaia di artisti che hanno partecipato al Torrita Blues ne ricordiamo alcuni dei più significativi: Peter Green, Taj Mahal, John Mayall, Robben Ford, Roy Rogers, Bettye Lavette, Popa Chubby, Canned Heat, Rick Estrin, Alvin Youngblood Hart, Eric Sardinas, Jimy Dawkins, Sam Myers, Luther Allison, Charlie Musselwhite, James Cotton, Magic Slim, Shemekia Copeland, Tom Principato, Michael, Coleman, Carey Bell. Quella di quest’anno oltre ad essere una fra le edizioni dove trionfa ancora una volta la qualità e il livello degli artisti presenti sia internazionali che italiani, sarà ricordata sicuramente come quella con il maggior numero di band presenti, ben 26, in tre giorni di festival (21 22 e 23 giugno) Il programma del festival: Giovedi 21 giugno: Il Torrita Blues 2012 inizia ufficialmente Giovedi 21 giugno con la cena Blues in piazza inizio ore 20:30 (riproposta dopo il grande successo dello scorso anno) e la serata dedicata al Blues Made in Italy, dove si esibiranno 4 dei 6 vincitori di Effetto Blues 2012, il Blues contest svoltosi fra aprile e maggio al Timory Pub di Bettolle su 18 band in gara. Shark G. Naffis (Stock Fish Combo) – Matteo Sansonetto & Blues Revue – Backdoor Blues Band - Soul Stirring Sound. (Ingresso gratuito) Venerdi 22 giugno: La vedette del Torrita Blues 2012 è senza dubbio JOE LOUIS WALKER, che torna in Italia dopo alcuni anni di assenza. Un grandissimo nome che non avrebbe bisogno di presentazioni; vincitore di numerosissimi grammy award oltre che produttore discografico, (vedi Living Proof di Buddy Guy, vincitore di un Grammy come miglior disco blues 2011) JLW ha suonato e condiviso il palco con tutti i più grandi del Blues fin dagli anni 60. Da Lightin’ Hopkins a Jimi Hendrix a Freddy King da Eric Clapton a Buddy Guy. Joe Louis Walker sarà a Torrita Blues venerdì 22 giugno con featuring Todd Sharpville, considerato come uno dei nuovi eroi del blues moderno. Sempre il 22 avremo un altro talento del british blues degli anni 60/70, DAVE PEABODY chitarrista inglese che vanta collaborazioni con Charlie Musselwhite, Bob Hall pianista dei Fleetwood Mac e Peter Green. Dave sarà accompagnato da Colin Earl (pianista di Mungo Jerry) con featuring Fabrizio Poggi armonicista blues, uno che in Italia è considerato un’autentica perla del blues sia per stile che cultura. La serata di Venerdì sarà aperta da Lorena Joy & ZIOBROS una delle 6 band vincitrici di Effetto Blues. Sempre venerdì, ma con inizio alle ore 16.30 e fino alle 20.00 ai giardini pubblici, nell’ambito dei mercatini blues si terrà la 2 edizione di Blues in the Garden, sessione pomeridiana del Torrita Blues con le altre band non vincenti di Effetto Blues. Ingresso gratuito Sabato 23 giugno La giornata di sabato 23 inizia nel pomeriggio dalle 16.30 con i mercatini blues e “Blues in the Garden” con altre band di Effetto Blues fino alle 20:00. Giardini Pubblici (ingresso gratuito) La serata di Sabato verrà aperta da Danny Bronzini, un’altra delle 6 band vincitrici di Effetto Blues. A seguire, per la prima volta in Italia ed esclusiva del Torrita Blues, una leggenda del Blues vivente, MAC ARNOLD, lo storico bassista di Muddy Waters, John Lee Hooker, Otis Span, James Brown, e molti altri bluesman del secolo scorso; sarà accompagnato dalla band canadese Plate Full O’ Blues con featuring un altro grande armonicista blues Paul Reddick. MAC ARNOLD. Saranno infine THE CYBORGS che avranno l’onore di chiudere la 24 edizione del Torrita Blues. Una two man band (chitarra e tastiera/batteria) che sta spopolando in tutti i club e i principali festival blues e non italiani, richiestissimi in Europa, hanno aperto i concerti di Jeff Beck e Johnny Winter, propone un Blues delle origini rivisto in chiave Techno funk futuristica in grado di coinvolgere il pubblico fin dalle prime note, oltre all’impatto scenico (si esibiscono con le maschere da saldatori). Molte sono le iniziative portate avanti dall’associazione in questi anni: il gemellaggio con New Orleans in occasione del Torrita Blues 2006, l’adesione alla “Blues Foundation” di Memphis (USA) della quale ne fanno parte le più importanti Associazione Blues nel mondo, Effetto Blues, rassegna dedicata alle blues band italiane. Torrita Blues partecipa aderisce inoltre all'iniziativa Playing For Change un progetto mondiale che ha come obiettivo quello di portare un messaggio di pace attraverso il linguaggio universale della musica e fornire supporto ai giovani in situazioni di disagio sociale. Non ultimo il mitico viaggio dal 28 aprile al 9 maggio di una delegazione del Torrita Blues in America in rappresentanza del blues italiano alla 32° edizione dei Blues Music Awards tenutasi a Memphis il 5 maggio alla presenza dei maggiori esponenti mondiali del blues stringendo contatti molto importanti per il futuro. Da ricordare inoltre il sito web www.torritablues.it che con il suo prezioso archivio storico mette a disposizione migliaia di foto e molti filmati degli artisti che hanno suonato negli anni passati, vanta oltre 1.500.000 di contatti ogni anno. Il sito web insieme al gruppo“Torrita Blues” su Facebook, il canale video su Youtube e la presenza su Twitter sono senza dubbio le finestre più importanti dell’Associazione Culturale Torrita Blues come punto di connessione per tutta la comunità web.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 Info generali Torrita Blues Festival 2012 (24° edizione) Piazza Matteotti – SI – Torrita di Siena (SI)

Giovedì 21 giugno: dalle 20:00 alle 21:30 CENA BLUES in PIAZZA (con possibilità di prenotazione) dalle 20:30 Blues Made in Italy con i vincitori delle Band di Effetto Blues: Shark G. Naffis (Stock Fish Combo) Matteo Sansonetto & Blues Revue – Backdoor Blues Band – Soul Stirring Sound ) (Ingresso gratuito) Venerdì 22 giugno: 16:30 / 20:00 Blues in The Garden - Giardini Pubblici + Mercatini Blues (Ingresso gratuito) Fire & Water – 223 Blues Band - Ship of Fools – Littlegiop Blues Band – Blues F.A.R.M. Palco centrale – Piazza Matteotti (Ingresso 15 €) 21:30 Lorena Joy & ZIOBROS 22:20 Dave Peabody & Colin Earl (feat. Fabrizio Poggi) 23:30 Joe Louis Walker (feat. Todd Sharpville) Sabato 23 giugno: 16:30 / 20:00 Blues in The Garden - Giardini Pubblici + Mercatini Blues (Ingresso gratuito) Hilary Thavis & Gaia Groove – Relic Blues Band – 44 Blues – Downtown Blues Band Palco centrale – Piazza Matteotti (Ingresso 15 €) 21:30 Danny Bronzini Trio 22:20 Mac Arnold & Plate Full o’Blues (feat. Paul Reddick) 23:30 The Cyborgs Prezzi e abbonamenti: Giovedi 21 Venerdì 22 Sabato 23 Abbonamento 2 sere: Cena Blues (21 giugno) PASS 3 giorni:

ingresso gratuito (per i concerti) - (Cena Blues in piazza: 12 € ) 15,00 € 15,00 € 25,00 € 12,00 € (si consiglia la prenotazione dei posti) 35,00 € (comprende “Cena Blues” + Abbonamento a 2 gg di festival)

È possibile prenotare In anticipo i biglietti e gli abbonamenti sia nella sezione dedicata del sito web www.torritablues.it che tramite la Proloco di Torrita di Siena (www.prolocotorritadisiena.it anche per fax 0577 686571). I biglietti potranno essere ritirati direttamente alle casse o all’Info Blues Point nei giorni del festival. Il palco è dotato di copertura pertanto i concerti si svolgeranno anche in caso di pioggia. Posti: sono disponibili posti a sedere non numerati sia sulle sedie disposte nella piazza che sulla tribuna centrale Durante i giorni del Torrita Blues all’interno dell’area di svolgimento del festival è in funzione un piccolo stand gastronomico gestito dall’Associazione (bar, panini, salsicce) per tutta la durata dei concerti dove è possibile mangiare.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 CONTATTI

Associazione Culturale Torrita Blues Via O. Maestri, 32 53049 Torrita di Siena Si Tel. 0577 687572 – 349 0801381 P.iva. 01032500520 sito web: www.torritablues.it - www.torritablues.com email: info@torritablues.it – torritablues@gmail.com

Gruppo: Torrita Blues Festival Fan Page: www.facebook.com/torritablues Fan Page: www.facebook.com/effettoblues

Youtube Channel: http://www.youtube.com/user/yagotv http//www.youtube.com/torritablues

Web Tv: http://www.livestream.com/yagotv

Twitter: http://twitter.com/torritablues

INFO TURISTICHE e ACCOGLIENZA per il festival Ufficio Turistico / Proloco Torrita di Siena Via O. Maestri, 18 www.prolocotorritadisiena.it info@prolocotorritadisiena.it Tel e fax 0577 686571

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 Giovedì 21 giugno

CENA BLUES IN PIAZZA (€ 12.00)

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 dalle ore 21:00 Concerti blues BLUES MADE IN ITALY con i VINCITORI DI EFFETTO BLUES 2012

(ingresso gratuito) Dalle ore 20:30

SHARK G. NAFFIS (Stock Fish Combo) MATTEO SANSONETTO & BLUES REVUE BACKDOOR BLUES BAND SOUL STIRRING SOUND

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 SHARK G. NAFFIS (Stock Fish Combo) (vincitori Effetto Blues 2012)

Giovedì 21 giugno 2012

Palco centrale

The Stockfish COMBO è un progetto che si è definito nel corso del 2011 dall’esigenza dei due fondatori, Marco “Shark Guitar” Naffis e Carlo “Drums” Catalano, di esprimere il proprio modo di sentire la vita attraverso la musica blues, di rimettere quindi L’uomo, al centro della Musica. il progetto ha ,per sua natura, la caratteristica di adattarsi alle varie occasioni nelle quali si esibiscono,dal duo chitarra e batteria o chitarra e contrabbasso al trio chitarra batteria ed armonica fino alle grandi bands che si formano durante le jam session in locali , feste ed ovunque si respiri blues, come un volta accadeva nel Mississippi la musica, l’esperienza umana sono alla base della performance, viene quindi meno l’esigenza di una formazione fissa ed invariabile, per questo Stockfish COMBO viene definito una “Jam Band” : una band che suona sempre e comunque, con o senza uno qualsiasi degli elementi,con o senza corrente elettrica(visto che tutti gli strumenti son acustici),ed in situazioni di qualsiasi genere : dalla strada al grande palco.

Lo stile musicale : pur rifacendosi alla tradizione del Country-Blues, Stockfish COMBO non smette mai di stupire l’ascoltatore grazie alle rielaborazioni tecnico esecutive che danno un tocco di originalità allo stile tradizionale del Delta,Il repertorio comprende brani dei grandi autori che hanno scritto la storia del blues (Blind Willie Johnson, Big Joe Williams,Big Bill Broonzy, ecc….) ,American Folksongs (Woody Guthrie, Pete Seeger ecc…), un pizzico di Rock & Roll (Chuck Berry, Elvis Presley…), e brani originali . La Band Rev. “Shark G.” Naffis : Chitarra resofonica, Chitarra Acustica, Voce, Armonica Francesco Donati : Contrabbasso Carlo “Drums” Catalano : Batteria

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 MATTEO SANSONETTO BLUES REVUE (vincitori Effetto Blues 2012)

Giovedì 21 giugno 2012 Palco centrale

Matteo Sansonetto è uno dei più attivi bluesman della scena italiana. Musicista dallo stile tipicamente Chicago, è dotato di una notevole voce soulful e di un chitarrismo grintoso ed essenziale, che danno alla sua musica il tipico sapore del West Side. Durante la sua carriera ha suonato con bluesman italiani del calibro di Enrico Crivellaro e Paolo Bonfanti, e con il sassofonista di Los Angeles James Thompson. Ha accompagnato in tour in italia bluesman come Carl Wyatt, Archie Lee Hooker, ( nipote del compianto John Lee Hooker ), e Pistol Pete. Nel corso dei suoi viaggi a Chicago ha avuto modo di esibirsi in alcuni più prestigiosi club della Windy City, dividendo il palco con living legend locali come Linsey Hoochie Man Alexander e lo stesso Pistol Pete. Da sempre appassionato della musica Afroamericana, dal 1998 Matteo inizia a esibirsi in varie blues band, cercando di partecipare a tutte le jam session possibili. Questo lo porta già a suonare con grandi Bluesman, come il leggendario musicista del Mississippi Kenny Brown, storico chitarrista di R. L. Burnside : tutte esperienza da cui trae inspirazione per forgiare i suoi live show. Nel 2003 forma il primo nucleo della sua band, che poi diventerà definitivamente Matteo Sansonetto Blues Revue, con cui intraprende una frenetica attività live, che lo vede esibirsi nei live club più storici del veneto e d'Italia, La notevole presenza scenica, e la capacità di coinvolgere ogni tipo di pubblico, fa della band uno dei Live Act più attivi del Nord Est. A Dicembre 2006 la band è al Blueshouse di Milano, come Opening Act di Paolo Bonfanti. Il gruppo ha così modo di dividere il palco con uno dei più grandi bluesman italiani, inaugurando un rapporto che durerà nel tempo Nel 2008 registra il suo primo cd, Live at the Jam Blues point . Il disco, nato come autoproduzione, viene poi messo sotto contratto dalla New Lm Records di Luigi Mazzesi, etichetta ravennate specializzata. L'album ottiene subito un grande riscontro di pubblico e di critica, e viene recensito su varie riviste specializzate tra cui Jam, dove Fabio Treves definisce la band una rivelazione Qualche mese dopo Matteo è ospite dello stesso Treves nel suo programma Life in Blues negli studi milanesi di Lifegate Radio, dove si esibisce live in duo con Marco Napoletano all'armonica, storico membro della band. Dopo seguono numerose apparizioni live in numerosi programmi radio in tutta Italia, come: Top Radio e Viviradio ( Treviso ) dove suona dal vivo con Enrico Crivellaro, Blues station di radio Città del Capo a Bologna, ospite di Mauro Alberghini, e non ultima l'intervista live a Note Di Blues a radio Golfo degli Angeli di Cagliari, condotta da Massimo Salvau. Una grande visibilità mediatica, che trova riscontro anche sulla stampa quotidiana e presso le agenzie, con pubblicazioni su Gazzettino, Libero, Nuova Venezia, Tribuna di treviso, Corriere delle Alpi, Corriere del Veneto, AdriKronos, e su importanti testate web quali Rockol, Rockit, Extramusic Magazine, Audiocoop, Nonsolocinema, exibar, a testimoniare un'attività live intensa e con grandissimo seguito. A Giugno del 2009 Matteo vola per la prima volta a Chicago, dove ha modo di esibirsi in due dei palchi più importanti della Windy City, il B.l.u.e.s. e il Kingstone Mines; ad Agosto, assieme ad Enrico Crivellaro, si esibisce come guest-star allo Jesolo Music Festival. Crivellaro è una delle figure più rispettate della scena blues internazionale, già Swing award guitarist nel 2002: questa frequentazione permette a Matteo di affinare la sua conoscenza del blues, migliorando notevolmente il suo live act Nel 2010 si esibisce per un breve tour con James Thompson, grande performer è già sassofonista con Zucchero, Paolo Conte e Billy Cobham. A Giugno riparte per Chicago, dove all'Harlem Avenue Lounge, noto locale del West side, suona con il grande chitarrista Pistol Pete: l'intesa che nasce, li porta a suonare assieme nel primo tour italiano di Pistol Pete. Nello stesso anno nasce il sodalizio artistico con il chitarrista abruzzese Gianfranco Mazzarella, che suona stabilmente nella Blues Revue e segue Matteo nelle Jam Session all'estero; è inoltre co-autore dei pezzi originali della band Il 2011 vede la band confermarsi come uno dei live act più richiesti: A Marzo partono per un breve tour italiano con due artisti di caratura internazionale come Carl Wyatt, maestro della slide guitar, e Archie Lee Hooker, nipote del grande John Lee Hooker; a Giugno il primo tour francese, che passa per alcune delle migliori Concert Hall del nord della Francia, consolidando la fama della band anche oltralpe; nello stesso mese, il gruppo è fra i protagonisti del Vascon Festival ( Tv) come opening act del pianista Raphael Gualazzi, vincitore di Sanremo Giovani e reduce da un secondo posto agli European’s Awards. Oltre alla sua storica band ( Marco Napoletano all'armonica, B. Woofer al basso e Mauro Valentini alla batteria ), Matteo è stato accompagnato da alcuni dei migliori musicisti della scena blues europea, come: Pietro Taucher ( Sherrye Williams ) all'organo, Carmine Bloisi (Rudy Rotta Band ) alla batteria, e Max Lazzarin al piano. Recente l’inserimento nella band di Max Conti alla batteria e Massimo Jr Pitta , talentuoso e rinomato bassista già al fianco di grandi artisti come Lynwood Slim, Andy J Forrest e tanti altri.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 SOUL STIRRING SOUND - Vignola (MO) (vincitori Effetto Blues 2012)

Giovedì 21 giugno 2012 Palco centrale

I Soul Stirring Sound nascono nell’estate 2009, quando Fulvia Gasparini (voce) prende il coraggio a due mani e decide di mettere in piedi una band rhythm’n blues & soul con tanto di sezione fiati e cori.

Con l'impareggiabile aiuto di Vittorio Fazioli (basso) inizia così il reclutamento degli altri musicisti, tra i quali, fin da subito, Daniele Cabras (chitarra) e Igino Caselgrandi (batteria). L’impresa però è ardua, dati i continui cambi nell’organico che si susseguono fino al gennaio 2010, quando con l’entrata di Enrico Bernardi all’hammond si viene a costituire la formazione attuale, che comprende alla sezione voci Elena Bacci e MariaElena Rossi e alla sezione fiati Enrico Pozzi-trombone, Daniele Rossi-sax tenore, Roberto Vignoli-sax contralto, Daniele Pallotti-tromba. Dopo un anno abbondante di live alle spalle, la partecipazione all’edizione 2011 del Porretta Soul Festival dona nuova energia alla band, che a partire dall’autunno 2011 inizia ad arrangiare brani originali scritti da Fulvia durante l’estate ed i mesi seguenti. Non viene perso troppo tempo, e nel Gennaio 2012 il gruppo è già in sala di registrazione per incidere il proprio progetto originale, dal titolo “Throwin’out the blues”, dato il carattere amaro di buona parte dei brani. L’eclettismo distingue senza dubbio i pezzi proposti, in cui confluiscono gli stimoli musicali di riferimento dei componenti della band, chi più vicino ad una cultura blues, chi soul, rock, chi ancora classica o jazz. Dal brano di apertura “Leave me soon”, al funkeggiante “Do you think I’m a nurse?” passiamo in fretta alle sonorità più calde di “How could I?” e poi dallo psichedelico “No more mine” fino ai due blues “Baby, forget” e “You kept my everything”; in coda, due delle cover che la band continua, comunque, a proporre durante i live. L’album, difficilmente inscrivibile in un genere ben definito, nasce niente più che dall’entusiasmo della partecipazione comune intorno ad alcuni canovacci originari, smontati, scomposti e rimontati, nella continua ricerca di un sound personale con cui dare voce alla propria esigenza espressiva. La Band Fulvia Gasparini: voce Marika Pontegavelli: cori Elena Bacci: cori Daniele Rossi: sax tenore Roberto Vignoli: sax contralto Daniele Pallotti: tromba Enrico Pozzi: trombone Enrico Bernardi: tastiera Alessandro Selmi: chitarra Vittorio Fazioli: basso Igino Castelgrandi: batteria

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 BACKDOOR BLUES BAND – Vienna (Austria) (vincitori Effetto Blues 2012)

Giovedì 21 giugno 2012 Palco centrale

I grandi maestri del Country e Chicago Blues e lo stile di un gruppo insieme da trent'anni, in una formazione rimasta nel tempo per due terzi identica, si fondono insieme in un inconfondibile ed allo stesso tempo autentico collage musicale. La Backdoor Blues Band suona composizioni proprie, così come interpretazioni di pezzi blues, la cui origine risale agli anni trenta del secolo scorso. La Backdoor Blues Band si è esibita con successo nei più famosi club blues austriaci, ed anche in molteplici festival internazionali di Jazz & BluesLa formazione composta da inguaribili musicisti non professionisti (dal band leader ex campione nazionale di nuoto ed ora oculista di grido, all'informatico, dal bancario, alla professionista di musica e così via) è nata a Wiener Neustdt, cittadina a 50 km a sud di Vienna Componenti della Band Peter Samek (Voce, Armonica e slide guitar) Alfred Silldorff (voce e basso elettrico) Christina Haberl (Batteria) Simone Beer (fisarmonica) Hans Wuketich (chitarra elettrica)

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 LORENA JOY “GIOA” & ZIO BROS – Milano (vincitori Effetto Blues 2012)

Venerdì 22 giugno 2012 Palco centrale

Accadeva, poco meno di due anni fa, durante una Jam in un noto locale Milanese, così come si conviene tra musicisti innamorati del Blues, un fortuito incontro alchemico. Roberto Berlini (batteria) e Enzo Cafagna (basso), forti di una lunga e comprovata esperienza musicale maturata a fianco di personalità carismatiche del Blues Italiano, del quale ne segnano in parte la storia, trovano, con la voce e la forte carica interpretativa di Lorena Gioia, la formula per far partire il nuovo progetto JOY & ZIO BROS. JOY (Lorena Gioia) che aveva già collaborato con alcune band del territorio Lombardo, partecipando a numerose rassegne e festival tra cui Rassegna Ranuccio in Blues, Trezzo Blues Festival, Niguarda Blues propone altri elementi a completare la formazione:Vittore Andreotti, tastierista e compositore in formazioni illustri del panorama Blues Milanese e Alberto Bregoli chitarrista dalle sonorità autentiche e calde espresse, in numerosi locali, rassegne e festival dedicati al Blues. L’omaggio di “JOY & ZIOBROS” è alle più ruvide ed affascinanti voci e figure iconiche del mondo Blues al femminile tra le quali quelle di: Big Mama Thornton, Koko Taylor, Etta James, Nina Simone senza dimenticarsi di autori e musicisti leggendari come Willie Dixon, Ray Charles e Eric Clapton.Partendo dai classici, che restano sempre lo zoccolo duro, la band si orienta verso arrangiamenti e rielaborazioni in cui vengono a mescolarsi atmosfere e sonorità soul, funk, e rhythm & blues con un risultato di pura energia, cuore e divertimento. Moltissime le esibizioni degli ZII, così sono chiamati da amici e sostenitori, in locali, rassegne e festival del nord Italia tra cui: Blues Made in Italy (Cerea -VR), Notti di note (Arena di Verbania), Un Blues per Genova (palazzetto Castelletto Ticino – NO- a cura Ameno Blues), Rassegna Kaleydos Blues, Scimmie (MI), La casa di Alex (MI), Giro di vite (Sirtori - LC), Woodstock (Grandate - CO). Adesso stanno lavorando per uscire con una loro produzione …. Poi si vedrà. LA BAND: Lorena “Joy” Gioia – Voce Roberto “Toad” Berlini – Batteria Enzo Cafagna – Basso Alberto Bregoli – Chitarra Vittore “Billy” Andreotti – Piano e Tastiere Marcus Tondo: Armonica

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

DAVE PEABODY & Colin Earl (feat. Fabrizio Poggi)

Venerdì 22 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues) Per quasi quarant’anni il bluesman britannico Dave Peabody si è esibito in qualità di cantante, chitarrista e occasionale armonicista in una varietà di stili acustici ed elettrici. Ha viaggiato in Gran Bretagna, Europa, Scandinavia e Stati Uniti suonando tanto nei club quanto nei festival. Dave è altamente stimato come solista country blues e per tre volte votato come Artista di Blues Acustico dell’Anno dalla rivista British Blues Connection and Blues in Britain nel 1995, nel 2001 e ancora nel 2002. Dave ha cominciato a suonare nei club nella metà dei Sessanta, col primo boom del British blues. Forma la jug band Honest John Three che vince un national contest di jug band nel settembre del 1966. La sua prima incisione è col suo gruppo Tight Like That, da lì in poi apparirà su più di quaranta dischi, di cui dieci a proprio nome. Registra anche due album col pianista inglese Bob Hall e suona la chitarra nei dischi dei bluesmen statunitensi Big Joe Duskin, Big Boy Henry, Charlie Musselwhite e Neal Pattman. Recentemente Dave sono ha inciso Two Trains Running, in coppia col virtuoso armonicista neozelandese Brendan Power per l’etichetta blues britannica Indigo (una traccia compare anche nel box di 4 CD della Indigo Hoochie Coochie Men – A History of UK Blues 1955-2001). L’ultimo lavoro è Side by Slide, il nuovo album di duetti con quattro chitarristi slide: Mary Flower, Steve James, Michael Messer e Gypsy Dave Smith (Appaloosa Records 156-2, aprile 2004). Pur vivendo a Londra per la maggior parte della sua vita, Dave ha saputo intrecciare rapporti duraturi con artisti blues americani suonando molte volte negli States, sui palchi del San Francisco Blues Festival, Philadelphia Folk Festival, Blind Willie McTell Memorial festival di Thomson, Georgia e per sei anni consecutivi al Low Country Blues Bash di Charleston, Sud Carolina… ma anche in club come il Folk City di New York, Somebody Else’s Troubles di Chicago e Freight and Salvage di San Francisco. Nel corso degli anni ha effettuato parecchie torunée col chitarrista David ‘Honeyboy’ Edwards, il pianista Big Joe Duskin, il cantante Big Boy Henry e gli armonicisti Charlie Musselwhite, Chicago Bob nelson e Neal Pattman. Per non parlare delle numerose partecipazioni e jam con tantissimi artisti del blues, tra cui Sonny Terry, Memphis Slim, Eugene Powell, Guitar Gabriel, John Jackson, Big Lucky Carter, Sonny Rhodes e Louisiana Red. Attualmente Dave alterna concerti in solo, duo e gruppo. Il chitarrista slide australiano Gypsy Dave Smith e l’armonicista Rob Mason sono due dei musicisti che sono con lui di volta in volta nel duo. Dave è anche leader e suona la chitarra elettrica nella formazione a cinque King Earl Boogie Band, il cui CD Feeling Good è stato registrato dal vivo al festival di Skagen in Danimarca. Dal blues acustico solista al rhythm’n’blues rockeggiante, Dave Peabody – British blues man – suona di tutto!!!

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 DAVE PEABODY-chitarra,voce Discografia (solo 33 gg): POLLY FLOSSKIN – SAILIN’ ON THE OCEAN (Disques Vogue) 1971 PEABODY HOTEL (Village Thing) 1973 KEEP IT CLEAN (Saydisc/Matchbox) 1974 COME AND GET IT (Matchbox) 1976 DAVE PEABODY & C - BLUES in BRUXELL (CL Records) 1977 BOB HALL & DAVE PEABODY – DOWN THE ROAD APIECE (Appaloosa) 1981 DAVE PEABODY & BOB GREENWOOD – THE CAT’S WHISKERS (Waterfront) 1979 BIB HALL & DAVE PEABODY – ROLL & SLIDE (Appaloosa) 1984 AMRICANA (Waterfront) 1985 DREAM OF MISSISSIPPI (Appaloosa) 1991 HANDS ACROSS THE SEA (Appaloosa) 1994 DOWN IN CAROLINA (Appaloosa) 1996 DAVE PEABODY & BRENDAN POWER – TWO TRAINS RUNNING (Indigo) 2000 SLYDE BY SLYDE (Appaloosa) 2005 BOB HALL & DAVE PEABODY – MEETINGS WITH REMARKABLE (BLUES) MEN 2011

Colin Earl Colin Earl è stato ispirato a suonare il pianoforte da Jerry Lee Lewis. Membro fondatore di Mungo Jerry ha suonato con il gruppo dal '68 al '72 e dal '76 al '80 e ha inciso i primi tre album, 'Mungo Jerry' (1970), 'testato elettronicamente' (1971) e 'Voi Non Have To Be In The Army '(1972) così come il single n°1' In The Summertime 'e' Baby Salta '..Colin registra alla fine del '72 primo album con la band di King Earl Boogie. Seguono album come Skeleton Crew. Paul King ha lasciato la band nel '96 e subentra Dave Peabody registrando insieme due CD live di Good 'Feelin' 'registrato in Danimarca nel 1998 e' Loaded & Live 'registrato in Cornovaglia, Regno Unito nel 2005.

Dave Peabody & Colin Earl

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

Fabrizio Poggi (featuring of Dave Peabody & Colin Earl) Venerdì 22 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues)

Fabrizio Poggi, cantante e armonicista, viaggiatore, scrittore e giornalista, premio Oscar Hohner Harmonicas, 15 album incisi, di cui cinque registrati negli Stati Uniti, ha suonato e inciso con tanti grandi del blues, del rock e della canzone d’autore tra cui Garth Hudson di The Band e Bob Dylan, The Blind Boys of Alabama, Marcia Ball, Jerry Jeff Walker, Zachary Richard, Flaco Jimenez, Charlie Musselwhite, Augie Meyers, Steve Cropper, The Blues Brothers Band, Richard Thompson, Eric Bibb, Guy Davis, Billy Joe Shaver, Ponty Bone e Otis Taylor. …Le performance di Poggi vanno sempre oltre la musica e diventano un ‘esperienza di vita, possibilmente da raccontare, se si crede nella condivisione. Un amico che di musica blues non sa assolutamente niente, il giorno dopo mi diceva: “… vedere quell’uomo seduto davanti al suo pubblico, mentre parlava e raccontava la sua musica…”. Non tutti sono in possesso della giusta sensibilità e non tutti possono essere “presi” dal mondo dei suoni, ma sentire che dietro alla parole e alla musica esistono delle storie, nuove e antiche, vere o leggende… beh, è forse questo il passpartout che può aprire ogni cuore.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

JOE LOUIS WALKER (feat. Todd Sharpville)

Venerdì 22 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues) Il Fillmore di San Francisco, conosciuto in tutto il mondo come il luogo d’origine del rock psichedelico, è anche la casa dell’elettrico blues moderno ed è il luogo dove uno dei più grandi pionieri del genere, Joe Louis Walker, è nato e cresciuto. Vincitore di numerosi awards, con una profonda voce soul e talentuoso scrittore, dal 1986 ha portato un’innovazione musicale sulle scene, anche se la sua carriera risale a metà anni ’60.Ancora sedicenne si esibisce con altri musicisti in uno dei locali più rinomati di San Francisco,The Matrix, dove divide lo stage e apre i concerti per tutti, da Lightnin’ Hopkins (che è uno dei primi che lo porta sul palco) a Jimi Hendrix e Thelonious Monk. Questi concerti esprimono perfettamente la facilità con cui Walker combina blues, rock, gospel, jazz e country come se non fosse mai esistito un confine tra tutti questi stili.The New York Times dice di lui ”Walker è un cantante con una “Cadillac” di voce. Sprigiona un sentimentale, profondo blues. I suoi assoli di chitarra sono rapidi, vigorosi e incisivi, arricchiti da lamentosi blues.” In accordo con Living Blues è “uno dei mestri della musica moderna dei giorni nostri”. Rolling Stone lo definisce semplicemente “spaventoso”. Niente è più evidente come nel suo album del debutto per Alligator Records, Hellfire, che, prodotto da Tom Hambridge (produttore anche degli ultimi due lavori vincitori di Grammy di Buddy Guy, Skin Deep e Living Proof, così come di Susan Tedeschi, George Thorogood e altri), è ricco di energetico rock e intenso blues.Lui stesso, che ha scritto ben 7 delle undici tracce, dice che l’album è il più roccheggiante e allo stesso tempo profondamente soul della sua carriera.La sua rovente chitarra e le sue naturali vocalità tinte di sfumature gospel si mescolano tra loro, dai toni psichedelici della traccia che dà il nome all’album (un tormentato e personale racconto della lotta del bene contro il male) al lento e implorante “What’s It Worth” al roccheggiante “Ride All Night”, “Hellfire è definito il lavoro di un uomo posseduto”. Il pezzo originale “Soldier For Jesus” (le cui armoniose vocalità sono di The Jordanaires, che appare anche in “Don’t Cry”) si integra perfettamente con le altre tracce, creando un senso tematico degno della tradizione di Al Green, Marvin Gaye e Prince, che combinano con successo i desideri carnali e le devozioni religiose. Nato a San Francisco il giorno di Natale del 1949, nonostante non sia cresciuto al Sud, la sua esposizione al blues è pura e reale anche grazie ai genitori che, originari del Sud, portano con sé il loro amore per questa musica che passano anche al figlio.Inizia a suonare la chitarra ancora ragazzino e a sedici anni, sotto la protezione del famosoFillmore Slim, si esibisce regolarmente nei club locali come supporto per altri artisti. San Francisco diventa velocemente un punto di incontro per il blues, jazz e il rock psichedelico e Walter è proprio al centro di tutto questo. Oltre al The Matrix si esibisce regolarmente alFillmore West di Bill Graham. Non solo accompagna e collabora con famosi nomi, ma anche con le sue personali conoscenze che lo hanno accompagnato e aiutato a fare progressi durante l’adolescenza. Fred McDowell, Ike Turner, Albert King, Freddy King, Robert Jr. Lockwood, Lightnin’ Hopkins e molti altri hanno insegnato, nutrito e castigato il giovane; ricordiamo due eventi, uno con Hopkins che, mentre sta cantando sul palco, gli ordina di scendere a suonare le sue amare note, e l’altra con l’icona blues Willie Dixon che gli dice “Qual è il tuo stile? Tu hai

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 bisogno di un tuo sound”. Walter accoglie il consiglio e sviluppa il suo profondo, melodico e sempre inprevedibile sound. Nel 1968 incontra Michael Bloomfield che diventa una presenza importante nella sua carriera. Oltre a diventare un suo grande amico con il quale condivide anche l’appartamento fino alla morte di Michael nel 1981, introduce Walter ai grandi nomi del rock, incluso Sly Stone, Carlos Santana, Steve Miller, Bob Weir (dei Grateful Dead), Jorma Kaukonen (dei Jefferson Airplane) e anche la grande leggenda del jazz Wayne Shorter. Lo aiuta a spingersi verso la musica rock, diventando anche la sua più grande influenza. Walter è consapevole di tutto questo infatti, parlando di Bloomfield, dice: “Qualche volta posso sentire la sua presenza mentre suono”. Dal 1975 al 1985 non si esibisce in altro che nella musica gospel, cantando e suonando per iThe Spiritual Corinthians e si laurea in “Inglese” e “Musica” al San Francisco State University. Durante la sua esibizione con la corale al New Orleans Jazz & Heritage Festival del 1985, Walter, ispirato dal R&B, blues e rock che aleggiano intorno a lui, decide di non porre più limiti a sé stesso ritornando così a suonare blues.Grazie alla demo inviata alla Hightone Records firma il contratto con la stessa con la quale realizza, nel 1986, il suo primo album Cold is the Night.Fermamente legato alla tradizione del blues, gospel, R&B e rock, l’album cattura l’attenzione dei fans di tutta l’America. Billboard lo definisce “il blues contemporaneo trovato” The San Francisco Chronicle dice di lui “sapientemente aggiorna il suo sound senza tempo”. Da questo momento Walter realizza altri 23 album e 2 DVD nonché dei tour mondiali, vince ben quattro Blues Music Awards, incluso il premio Album of the Year per Between A rock and a hard Place (Stony Plain Records) del 2010, viene nominato ben 43 volte e collabora come ospite di alcuni dei più grandi nomi del blues mondiali incluso l’apparizione nel lavoro di B.B. King e James Cotton vincitore di un Grammy. Album dopo album, il suo pubblico cresce sempre di più così come i suoi tour e i suoi concerti; si esibisce ai maggiori festival Europei incluso Northsea Jazz Festival, Glastonbury, Notodden e Montreux così come a festival in Giappone, Australia, Tailandia, Irlanda, Turchia e Brasile e appare sulle televisioni nazionali esibendosi al Late Night With Conan O’Brien, The Don Imus Show e Later With Jools Holland in Inghilterra. La critica e i fans lo celebrano da anni; Blues Revue lo definisce “uno dei blues contemporanei”, dinamico e innovativo musicista che realizza costantemente dell’eccitante musica. Nessun problema riguardo a cosa canta, Il suo approccio è carico di soul, profondo e magico. Living Blues dice “La sua trama è indelebilmente impressa con il suo marchio mescolato da emozioni e da un’impeccabile precisione, anche nella sua più completa esuberanza, Il suo sound è pieno di idee, non solo di note.” Bluesman di immenso talento, Walter si esibisce costantemente in tutto il globo, con la sua infuocata chitarra e sputando fiamme con la sua voce, Hellfire segna un nuovo capitolo nella leggendaria carriera di Joe Louis Walker.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

TODD SHARPVILLE (Feat. of Joe Louis Walker)

Venerdì 22 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues) Senza dubbio, Todd Sharpville è uno dei chitarristi blues più caldi della scena blues attuale nel mondo vantando una reputazione per essere un fiorente ed incredibile ricercato cantautore e paroliere: un vero e proprio "Randy Newman del blues"! Inoltre, i suoi spettacoli sono famosi per essere molto intensi, emotivamente e pieno di spirito. Nato a Londra in una famiglia di origini miste (metàd el Sud America e metà britannico) Musicalmente, è stato ispirato da artisti blues come T. Bone Walker, Magic Sam, Hubert Sumlin, Freddie King, Peter Green & Lightnin 'Hopkins. I suoi non-eroi del blues incluso artisti diversi come Buddy Holly, Eddie Cochran, Bob Dylan, Tom Waits, Lennon / McCartney, Willy Nelson & Woody Guthrie. Sharpville avuto la fortuna di essere stato mentore dal all'età di 16 anni dal leggendario bluesman californiano Joe Louis Walker, dopo aver fatto amicizia con lui, mentre Walker era in tour. Questo rapporto fortemente influenzato outlook musicale del bluesman giovane e la comprensione del linguaggio nel suo complesso. Todd dice "fino ad oggi, sento ancora un po 'di Joe in ogni assolo. Mi ha insegnato la lezione più importante per la mia carriera : come essere me stesso. Joe mi ha istruito insieme a un paio di altri ragazzi, Egli si riferiva sempre a noi come i suoi cuccioli. Sono onorato di essere un cucciolo di JLW. Todd ha cominciato a suonare sullo sfondo della scena londinese blues. Èstato ispirato da una serie di chitarristi che hanno condiviso le fasi jam session con lui in luoghi come la "Taverna Station", Camden di "Dublin Castle" e l'ormai leggendario "Marquee Club" (dove ha suonato la sua prima volta come solista). Cita i chitarristi londinesi Johnny Whitehill (di Paul Lamb & The Kingsnakes), all'inizio del sidekick "Mad Dog" Roger Cohen e Snowy White come influenze formative della sua adolescenza. La carriera discografica di Sharpville inizia nel 1994, quando firmò per la britannica Blues Etichetta Red Lightnin '. L'etichetta faceva capo a Peter Shertser, storicamente conosciuta per una scuderia che comprendeva John Lee Hooker, Muddy Waters, Peter Green & Buddy Guy, ma si trovò affascinato dallo stile di Sharpville. L'album Todd "Touch Of Your Love" del suo debutto (Red Lightnin `RLCD0095 Records) èstato registrato su un registratore multipista originale a valvole del 1950 al Bryn studios Derwyn nel Galles del Nord e pubblicato in quello stesso anno. E' caratterizzato da una apparizione come ospite da lungo tempo preferito britannica armonica e amico Paul Lamb. Nel 1994 Todd ha vinto "Best Album" in Blues Awards britannici del British Blues Connection poco prima di vincere "Best Guitarist" nel 1995 (battendo altri candidati, Eric Clapton e Gary Moore). Todd di conseguenza ha trascorso 2-3 anni on the road per promuovere il suo debutto, che copre gran parte d'Europa insieme con le parti degli Stati Uniti.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 DANNY BRONZINI TRIO – Pisa (vincitori Effetto Blues 2012)

Venerdì 22 giugno 2012 Palco centrale

Danny Bronzini nasce il 23/06/1995 a Pontedera. Sin da piccolo sviluppa una forte passione per la chitarra e la musica, spinto anche dal padre,anch'esso chitarrista e grande appassionato di blues. Riceve in regalo la sua prima chitarra all'età di 5 anni. Da lì, Danny comincia a suonare per divertimento, e da subito ascolta dischi di artisti come Jimi Hendrix, B.B. King, John Mayall, Freddy King e Stevie Ray Vaughan, artista al quale si ispira maggiormente. Dopo un breve periodo di abbandono dello strumento, Danny riprende, stavolta sul serio, lo strumento in mano e all'età di 11 anni forma la sua prima band,"The Final Lap", con ragazzi della sua stessa età o poco più grandi, con i quali ottiene molti consensi. All'inizio, Danny suona e canta "ad orecchio", riproducendo i brani di Stevie Ray Vaughan, Albert King...che, inutile a dirlo, sono, insieme a Hendrix, i suoi tre grandi "maestri". Più tardi,incomincia a prendere lezioni da Andrea Samoni, chitarrista degli "Zeppelin Graffiti", nota cover band dei Led Zeppelin, e due anni dopo,a 13 anni, decide di iscriversi alla "Scuola di Musica Superiore LIZARD" di Fiesole (FI), e sceglie il corso di apprendimento Blues-Rock, guidato dal maestro Marco Acconci, con il quale studia tutt'oggi. Danny studia anche con il grandissimo bluesman pistoiese Nick Becattini. A settembre 2008, nasce la "Danny Bronzini Blues Band", che vede il giovane chitarrista nel ruolo di leader. Danny,nonostante la giovanissima età, può vantare un buon numero di esperienze live, e ha avuto l'onore di aprire concerti di artisti come Texas Slim e Modena City Ramblers. Danny studia costantemente per cercare di migliorarsi e andare avanti nello studio di questo splendido strumento. La band: Danny Bronzini: chitarra voce Mario Ginesi: Batteria Luca Chiellini: Hammond

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

MAC ARNOLD & Plate Full o’ Blues (feat. Paul Reddick)

Sabato 23 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues)

Dopo aver fatto parte, alla fine degli anni '60, della band del leggendario Muddy Waters prima e di John Lee Hooker poi in veste di bassista, attraversa gli anni '70 abbracciando la chitarra e orientandosi stilisticamente verso il R&B e il soul accompagnando così personaggi come Tyron Davis. Riscoperto discograficamente oggi, dopo anni di oblio, ha inciso nell'ultimo lustro tre pregevoli cd tornando al blues più sanguigno anche se venato da sonorità più contemporanee. Nel suo quarto tour europeo, sarà accompagnato dalla sua band americana che, in queste ultime date, ospiterà l'armonicista canadese Paul Reddick. Mac Arnold è in nomination alla 33* edizione dei Blues Award 2012 come miglior artista blues tradizionale dell’anno Formazione Mac Arnorld - basso / oli-can guitar / voce Paul Reddick - armonica / voce Austin Brashier - chitarra / voca Max Hightower - tastiere / chitarra / voce Dan Keilon – basso Mike Whitt - batteria

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

Paul Reddick (feat. of Mac Arnold)

Sabato 23 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues) Musicista canadese che ha iniziato a suonare l’armonica all’età di 12 anni, Paul Reddick formò la sua prima band “ The Sideman” nel 1990 diventando il principale armonicista della scena musicale blues canadese. Con The Sideman, Reddick incise alcuni album andando in tour per dieci anni. La critica ha accolto con entusiasmo l’album Rattlebag, uscito nel 2001, e da quell’anno la carriera di Reddick crebbe notevolmente ottenendo molti riconoscimenti. Nel 2002 la band vince tre Maple Blues Awards trascorrendo i successivi due anni a portare in giro il proprio sound ad un pubblico sempre più numeroso negli Stati Uniti. Dopo alcuni anni di silenzio, Paul Reddick è tornato alla ribalta nel 2008 in occasione dei Juno Award ottenendo la nomination per la categoria Blues dell’anno.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

THE CYBORGS

Sabato 23 giugno 2012 (Palco centrale del Torrita Blues) The Cyborgs: il blues venuto dal futuro The Cyborgs è un Two man Band Nessun volto, nessun nome, solo tanta musica ed ironia. Sono The Cyborgs, power duo più unico che raro nel panorama musicale italiano. Nessuno li ha mai visti, nessuno conosce i loro volti e i loro nomi. Si fanno chiamare semplicemente "0" e "1", come i simboli del sistema binario. "0" suona la chitarra ed è la voce del duo, che grazie ad un microfono inserito nella maschera, sembra provenire direttamente da una navicella spaziale. "1" fa tutto il resto: bassi, tastiere e batteria. In un'epoca in cui tutto è basato sull’apparenza ecco che due sconosciuti mascherati scelgono di mantenere l'anonimato, indossando una maschera da saldatore e mettendo in primo piano solo la musica che basta a smuovere le coscienze. Musica da loro stessi definita "electrofunkblues": il passato ripreso in chiave futurista. Il blues delle origini, la musica nera che tra gli anni 30’ e 60’ ha rivoluzionato il panorama artistico mondiale, riproposto in chiave moderna ed attuale, senza dimenticare che da allora ad oggi ha dovuto attraversare molte vicissitudini. Tutto ciò con l'aiuto di vecchi arnesi, bidoni e tutto ciò che può avvicinarli al suono originario del genere. Due alieni venuti dallo spazio con un'unica missione: ritornare alla semplicità eliminando il superfluo. A partire dalla propria immagine. ... Stanno viaggiando ovunque comunicando i loro ideali attraverso il Blues, cercando di smuovere le coscienze, predicando un ritorno al passato e alla semplicità.Cantano spesso del futuro, profetizzando e descrivendo i cambiamenti della razza umana nel corso del tempo. Disordine, caos, inquinamento e ribellione dell’uomo e della natura.“ Ci stiamo autodistruggendo, e questo è sotto gli occhi di tutti, anche se nessuno ne parla.“ Già noti per le loro originali performance live in quasi tutti i locali di Roma e nei principali festival blues italiani ed europei, i The Cyborgs hanno pubblicato il primo disco omonimo con l'etichetta INRI, folgorata dalla loro primitiva e sporca musica blues. L'estate 2011 li ha portati in tante altre città italiane, da Vigevano come supporter di Jeff Beck fino all'Italia Wave di Lecce, dove hanno attirato subito la curiosità di XL e Rai Music. A Settembre il primo video di "Dancy" è uscito in anteprima su Wired.it, e inserito poi in rotazione su RockTv, Deejay Tv, Virgin Tv e tutto il circuito Rai. Con il supporto delle date italiane di Eric Sardinas è cominciato il Save Your Face Tour, che ha permesso ai The Cyborgs di conquistare un pubblico adulto, attento, e appassionato e attirare sempre più interesse da parte della stampa, come Il Venerdì, Vanity Fair, Tg1 e i principali quotidiani e blog fino ad essere selezionati dalla Fondazione Arezzo Wave per partecipare ad Eurosonic 2012. A febbraio 2012 hanno aperto a Rimini il concerto di Johnny Winter e recentemente hanno vinto il KeepOn Festival in Rome come best tour. Sui The Cyborgs e sul loro rock blues si possono dire molte cose, tranne che non sanno quello che fanno. La loro unione fra una musica travolgente, fresca e originale e un look completamente fuori da ogni schema, rende Cyborg 0 e Cyborg 1 due esseri impossibili da inquadrare in qualcosa di conosciuto, e anche se il loro ingresso sul palco è salutato da chi non li conosce già da un attonito silenzio, bastano poche note perché il pubblico segua e apprezzi la band, discesa dal palco e duetti strumentali compresi. Si fanno chiamare "0" e "1" come i simboli del codice binario, che rappresentano l’inizio e la fine dell’uomo. Dal codice binario ha inizio l’era tecnologica, e con lo sviluppo tecnologico l’uomo, in futuro, si autodistruggerà. SAVE YOUR FACE ! se non balli non c’è futuro… Due uomini, una Band, il Blues… n° 0 chitarra elettrica e voce n°1 tutto il resto (sinth, piano, batteria, percussioni)

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 “ Blues in the Garden ” 22 – 23 Giugno 2012 Giardini Pubblici – Torrita Paese (Nell’ambito dei mercatini blues) con la collaborazione di Associazione giovanile “OFFICINE CREATIVE”

Venerdi 22 giugno Dalle ore 16:30 alle ore 20:30 (ingresso libero) (al momento confermati)

-

Fire & Water 223 Blues Band Ship of Fools Littlegiop Blues Band Blues F.A.R.M.

Sabato 23 giugno Dalle ore 16:30 alle ore 20:30 (ingresso libero) (al momento confermati)

-

Hilary Thavis & Gaia Groove Relic Blues Band 44 blues Downtown Blues Band

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012

Breve storia del Torrita Blues Nato nel 1989, è giunto alla 24° edizione è diventato un appuntamento imperdibile per migliaia di fans ogni anno vengono a Torrita di Siena. Tra centinaia di artisti che hanno partecipato al Torrita Blues ne ricordiamo alcuni dei più significativi: Peter Green, Taj Mahal, John Mayall, Robben Ford, Roy Rogers, Bettye Lavette, Popa Chubby, Canned Heat, Eric Sardinas, Rick Estrin, Jimy Dawkins, Sam Myers, Luther Allison, Charlie Musselwhite, James Cotton, Magic Slim, Shemekia Copeland, Tom Principato, Michael, Coleman, Carey Bell. Molte sono le iniziative portate avanti dall’associazione in questi anni: il gemellaggio con New Orleans in occasione del Torrita Blues 2006, l’adesione alla “Blues Foundation” di Memphis (USA) della quale ne fanno parte le più importanti Associazione Blues nel mondo, Effetto Blues, rassegna dedicata alle blues band italiane. Torrita Blues partecipa aderisce inoltre all'iniziativa Playing For Change un progetto mondiale che ha come obiettivo quello di portare un messaggio di pace attraverso il linguaggio universale della musica e fornire supporto ai giovani in situazioni di disagio sociale. Non ultimo il mitico viaggio dal 28 aprile al 9 maggio di una delegazione del Torrita Blues in America in rappresentanza del blues italiano alla 32° edizione dei Blues Music Awards tenutasi a Memphis il 5 maggio alla presenza dei maggiori esponenti mondiali del blues stringendo contatti molto importanti per il futuro. L’Associazione Culturale Torrita Blues è nata a Torrita di Siena nel 1989 dalla volontà di Luca Romani che coinvolgendo un gruppo di amici uniti dalla passione per la musica blues si sono ritrovati nell’estate del 1989 a realizzare il primo Festival grazie anche al contributo di Fabio Treves. Il successo della prima edizione ha convinto gli organizzatori a proseguire sulla strada del blues anche neglianni successivi, i più grandi nomi del panorama blues mondiale sono passati sul palco del Torrita Blues: John Mayall, Peter Green, Roy Rogers, Robben Ford, Charlie Musselwhite, Luther Allison, James Cotton, Taj Mahal, John Mooney, Canned Heat, Magic Slim, Billy Branch, Shemekia Copeland, Jimi Dawkins solo per citarne alcuni fra centinaia di artisti in 24 anni di attività. Nel corso degli anni l’Associazione culturale Torrita Blues si è particolarmente distinta per una serie di iniziative legate al blues e al territorio. L’ultima in ordine di tempo è il gemellaggio con la città di New Orleans che ha caratterizzato l’edizione 2006 del Torrita Blues. Il gemellaggio, che ha coinvolto anche altri comuni della Valdichiana, è stata anche l’occasione per dimostrare solidarietà alla città americana colpita dall’uragano Katrina nell’agosto del 2005. Grandi artisti della Louisiana, la ricreazione del clima del French Quarter di New Orleans con una serata dedicata ai prodotti tipici cucinati da due cuochi provenienti direttamente da New Orleans. Oltre a questa vogliamo ricordare l’affiliazione del Torrita Blues alla Blues Foundation avvenuta nel 2005 grazie alla quale siamo di diritto membri ufficiali della giuria per i Blues Music Awards , gli oscar del blues che si svolgono ogni anno a Memphis( TN) nel mese di Maggio. Nello stesso anno è stato realizzato Effetto Blues, il primo concorso per blues band italiane che quest’anno, giunto alla terza edizione, ha coinvolto più di 60 band. Notevole importanza sta assumendo la presenza su internet del nostro sito www.torritablues.it che dal 1996 (anno della realizzazione) ad oggi conta più di 10 milioni di visitatori, con una media di 100.000 visite al mese con punte di oltre 250.000 nei giorni del festival. Il sito è sempre ai primi posti sui motori di ricerca(con la parola “Blues”). In più occasione i media sono venuti in visita, da Rai 3 con uno speciale sul festival 2005 o Radio Capital con la trasmissione “Area Protetta” di Sergio Mancinelli, a Radio 3 con la trasmissione “Aladino”. L’impegno dell’associazione ha visto anche il coinvolgimento della scuola, sono state realizzate mostre fotografiche, di poster, di copertine di dischi. In più di un occasione durante il festival sono stati registrati dischi live che portano il nome di Torrita Blues. Abbiamo realizzato due libri, nel 1998 in occasione dei primi 10 anni di festival e nel 2009 in occasione del ventennale della manifestazione. Anche il mondo dell’editoria musicale ci fornisce ampie pagine di riconoscimento, come Guida alla Musica in Italia o altri speciali sulla rivista “Il Buscadero”, “Il Blues Magazine”, l’internazionale “Blues Revue”, senza considerare la sempre più frequente stampa sul web. Dal 2008 sul sito www.torritablues.it è stato lanciato TBlues Channel la web TV del Torrita Blues dove è possibile rivivere molti momenti in video delle passate edizioni del Festival. Una delle ultime iniziative è stata la proiezione del film documentario Play For Change un progetto musicale che ha coinvolto artisti di ogni parte del mondo che hanno suonato e cantato su brani musicali senza essersi mai incontrati, il tutto per promuovere la musica come simbolo di cambiamento e di pace. Lo scopo dell’Associazione Culturale Torrita Blues è e rimane quello di far conoscere e diffondere la musica blues.

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 I componenti dell’Associazione Culturale Torrita Blues: Luca Romani (Presidente e Direttore Artistico); Riccardo Roghi (Vice Presidente); Alfredo Capitani (Segretario) Federico Romani (Tesoriere) Alessandro Giannini (Responsabile Comunicazione online); Roberto Davitti; Carlo Bazzoni

www.torritablues.it (area informativa)

www.torritablues.com (area multimediale)

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 Tutti gli artisti del Torrita Blues dal 1989 ad oggi Big Fat Mama 1989 Fabio Treves Blues Band 1989 Stefano Zabeo & Tv Mama 1989 Guido Toffoletti & BlueSociety 1989 James Thompson & the Soul Crousades 1990 Joe Hughes Texas Blues Band 1990 Model T-Boogie 1990 Cooper Terry & The Nite Life 1990 First Experience 1991 Rudy Blues Band 1991 Jay Owens 1991 Bad Band 1991 Tolo Marton 1991 Zydeco Slippers 1991 Freddy & The Screamers & Mary Ann Brandon 1992 Miss Ann Goodly & Zydeco Brothers 1992 Roberto Ciotti 1992 Frank Frost & Richard Ray Farrel Band 1992 Herbie Goins & The Soultimers 1993 Andy J. Forrest and All American Band 1993 Muppets Blues Band 1993 Stonehenge 1993 James Cotton Band 1993 Benjamin Theoval 1994 Morblus Band 1994 Aida Cooper & the Nite Life 1994 Chicago Band 1994 Dirty Hands 1994 Jimmy Dawkins 1994 Jelly Roll 1995/96 Corinne Malone 1995 Zora Young & Rudy Blues Band 1995 Blue Gang 1995 Angelo Leadbelly Rossi 1995 Billy Branch & The Son of Blues 1995 Gruppo Polifonico Foianese 1996 Robin Brown & The Triumphant Delegation 1996 Cynthia Bland & The Blue Frame 1996 Sandra Hall & Chicago Bob Nelson 1996 Luther Allison 1996 Parish Church Choir Torrita 1997 Tammy McCann & The Wonderbrass 1997 Tony Washington Singers 1997 Blue Messengers 1997 Kent Duchaine 1997 Michael Coleman & The Backbreakers 1997 Hotel LaSalle 1998 Louisiana Red 1998 Big Jack Johnson 1998 The Fly 1998 John Mayall & The Bluesbreakers 1998 Fabio Treves 1998 Paolo Bonfanti 1998 Tolo Marton 1998 Stefano Zabeo 1998 Blues Benzo Band 1999 Robben Ford 1999 Nick Becattini & The Serious Fun 1999 Guy Davis 1999 Lurrie Bell & Vampin’ Blues Band 1999 Blues Dog 2000 Rico Blues Combo 2000 Canned Heat 2000 Black Cat Bone Blues Band 2000 Hell’s Cobra Blues Band (Peppe O’Blues) 2000 Charlie Musselwhite 2000 Fa Re Soul 2000 Family Style 2000 Shemekia Copeland 2000 Chicago Blue Revue 2001 Rio Grande 2001 Ana Popovich 2001 Scott Finch 2001 Torrita Blues Band (apertura Effetto Blues 2005)

Guitar Crusher 2001 Dr Feelgood 2001 Lou & the Blues 2002 Phil Guy and Dario Lombardo Blues Gang (with Andrea Scagliarini) 2002 Popa Chubby 2002 Mama’s Pit 2002 Mike Onesko Blues Band 2002 Vic Vergeat 2002 Louisiana Mojo Queen 2003 Morblus Band 2003 Eddy Martin 2003 Nine Below Zero 2003 Cortez 2003 Mr Blues 2003 Roy Roberts 2003 Magic Slim & Teardrops 2003 Big Time Sarah 2003 Lil’Ed & The Blues Imperials 2004 Kenny Neal 2004 Billy Branch 2004 Anson Funderburgh 2004 Sam Myers 2004 Mighty Sam McClain 2004 Blue Devils 2005 Sturm Guitars & Ballantine Band 2005 Blue Drivers 2005 Still Nameless 2005 Lowdown Fellows 2005 Almost Blues Band 2005 Blues Hurricanes 2005 Bettye Lavette 2005 Otis Grand 2005 Jimmy Thomas 2005 Sonny Rhodes 2005 Bonus Track 2005 Taj Mahal 2005 Lil Brian & Zydeco Travelers 2005 Adrenalina Junkies (Effetto Blues 2005) Alex O’Relly (Effetto Blues 2005) Almost Blues Band (Effetto Blues 2005) Axis (Effetto Blues 2005) Baffo Band (Effetto Blues 2005) Baton Rouge Delta Blues Band (Effetto Blues 2005) Black Jack (Effetto Blues 2005) Blues Drivers (Effetto Blues 2005) Blue Times (Effetto Blues 2005) Blues B. Band (Effetto Blues 2005) Blues Hurricanes (Effetto Blues 2005) Bluezz (Effetto Blues 2005) Bolzano City Blues (Effetto Blues 2005) Bonus Track (Effetto Blues 2005) Cinque Quarti Blues Band (Effetto Blues 2005) Deville Blues Band (Effetto Blues 2005) Emiblues (Effetto Blues 2005) Freddy Matoro Blues Band (Effetto Blues 2005) Funky Rag (Effetto Blues 2005) Jumpin Eye (Effetto Blues 2005) Lowdown Fellows (Effetto Blues 2005) Malafruschi (Effetto Blues 2005) Mojo Blues Band (Effetto Blues 2005) Mr Gregor & The Terrible Friends (Effetto Blues 2005) Old Blue Station (Effetto Blues 2005) Red Wagons (Effetto Blues 2005) Roby Zonca (Effetto Blues 2005) Shark G. Naffis (Effetto Blues 2005) Soul Vaccination (Effetto Blues 2005) Steve Santoni & Le Forzature (Effetto Blues 2005) Still Nameless (Effetto Blues 2005) Sturm Guitar and Ballantine Band (Effetto Blues 2005) The Emblers (Effetto Blues 2005) The Genius Crazy Band (Effetto Blues 2005) Turn Around Blues (Effetto Blues 2005) Mac Arnold & Plate Full o’ Blues (2012)

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 Van Kery (Effetto Blues 2005) Vedogyppino (Effetto Blues 2005) Walkin Soul (Effetto Blues 2005) Torrita Blues Band (band di apertura alle serate) (Effetto Blues 2005) The Stomper Brass Band (2006) Max Prandi Cha Tu Kings (2006) Max De Bernardi & The Blues Machine (2006) Melody Makers (2006) Washboard Chaz (2006) Mick Abrahms Blues Band (2006) Sugar Blue (2006) New Stomper Brass Band (2006) John Mooney & Bluesiana (2006) Lil’l Malcolm & The House Zydeco Rockers (2006) Tolo Marton (2007) The Ford Blues Band (2007) Dirk Hamilton &t the Bluesmen (2007) Roy Rogers & Delta Rhythm’n Kings (2007) Keith B. Brown (2008) The British Blues Quintet (2008) Treves Blues Band (2008) Sherman Robertson & the Blues Move (2008) Lynn Drury Band (2009) E.C. Scott (2009) R.J. Mischo (2009) Texas Slim (2009) Gabriel Delta & The Hurricanes (2009) Blue Stuff / Dr Sunflower (2009) Tom Principato & Powerhouse (2009) Eugene Hideaway Bridges (2010) Eric Sardinas & Big Motors (2010) 19 th Street Red (2010) Peter Green & Friends (2010) The Fabulous Boogie Boys (2010) Tecarblue (2011) Martin's Gumbo Blues Band (2011) Bluesindrome (2011) Slow Drags (2011) Big B. & the Funky Tingles (2011) Blue Cat Blues (2011) Amanda e la Banda (2011) The Twister & Alice Violato (2011) Vox & Trouble (2011 Effetto Blues) The Blues Collective (2011 Effetto Blues) The Duck Bros (2011 Effetto Blues) Fabio Marza Band (2011 Effetto Blues) Sonny Babe (2011 Effetto Blues) Arno Blues Band (2011 Effetto Blues) Alex di Reto (2011 Effetto Blues) The Sound Truck (2011 Effetto Blues) Cjmbaljna blues band (2011 Effetto Blues) Giongarage (2011 Effetto Blues) Tecarblue Blues Band (2011 Effetto Blues) Martin's Gumbo Blues Band (2011 Effetto Blues) Bluesindrome (2011 Effetto Blues) Slow Drags (2011 Effetto Blues) Big B. & the Funky Tingles (2011 Effetto Blues) Blue Cat Blues (2011 Effetto Blues) Amanda e la Banda (2011 Effetto Blues) The Pilgrims Gospel (2011) Zac Harmon (2011) Alvin Youngblood Hart’s Muscle Theory (2011) Rick Estrin & the Nightcats (2011) Shark G. Naffis (Stock Fish Combo) (2012) Matteo Sansonetto & Blues Revue (2012) Backdoor Blues Band (2012) Soul Stirring Sound (2012) Lorena Joy & Ziobros (2012) Dave Peadbody (2012) Colin Allen (2012) Fabrizio Poggi (2012) Joe Louis Walker (2012) Todd Sharpville (2012) Danny Bronzini Trio (2012

Paul Reddick (2012) The Cyborgs (2012) 44 Blues (Effetto Blues 2012) Betta Blues Society (Effetto Blues 2012) Bluecacao & Vissia Trovato (Effetto Blues 2012) Blues Farm (Effetto Blues 2012) Daniele Franchi Trio (Effetto Blues 2012) Danny Bronzini Trio (Effetto Blues 2012) Littlegiop Blues Band (Effetto Blues 2012) Lorena Joy & ZioBros (Effetto Blues 2012) Lukas Insam Trio (Effetto Blues 2012) Matteo Sansonetto & Blues Revue (Effetto Blues 2012) Meg Bluez Band (Effetto Blues 2012) Shark G. Naffis - Stock Fish Combo (Effetto Blues 2012) Ship of Fools (Effetto Blues 2012) Soul Stirring Sound (Effetto Blues 2012) The Dreams - Allmann Brot. Trib. (Effetto Blues 2012) The Slowhand Blues Band (Effetto Blues 2012) 223 Blues Band ((Effetto Blues 2012) Fire & Water (Effetto Blues 2012) Hilary Thavis & Gaia Groove (Effetto Blues 2012) Relic Blues Band (Effetto Blues 2012) Paolo Ganz 1990 Cotton Club (Chianciano) Carey Bell & Cooper Terry 1991 Teatro degli Oscuri (Torrita) David Honeyboy Edwards 1991 Teatro degli Oscuri (Torrita) R.L. Burnside & J. Morris Blues Duo 1992 Teatro degli Oscuri (Torrita) Key Foster Jackson & Roberto Boccasavia 1999 Teatro degli Oscuri (Torrita) Lou & the Blue's 2001 Ristorante La Cripta (Torrita) Conferenza Stampa Torrita Blues 2001 Blue Devils 2003 Teatro degli Oscuri (Torrita) Conferenza Stampa Torrita Blues 2003 The Emblers (Outlet Village) Anteprima Torrita Blues 2007 Blue Times (Outlet Village) Anteprima Torrita Blues 2007 Lynn Drury & Roberto Luti 2009 Teatro degli Oscuri (Torrita) In occasione della presentazione del film Playing For Change Tecarblue – Mercatini Blues (2010)

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues Festival 2012 Torrita Blues Festival 2012 (XXIV° edizione)

Giovedì 21 giugno

Cena Blues (€ 12,00) Piazza Matteotti dalle 20:30 alle 21:30 Blues Made in Italy – Vincitori Effetto Blues 2012

(ingresso gratuito)

Palco Centrale (Piazza Matteotti) dalle 20:30

Shark G. Naffis (Stock Fish Combo) Matteo Sansonetto & Blues Revue Backdoor Blues Band Soul Stirring Sound

-

Venerdì 22 giugno Blues in the Garden (Ingresso gratuito)

Giardini Pubblici (all’interno dei Mercatini Blues) dalle 17:00 alle 20:30 (con le altre band di Effetto Blues)

(al momento confermati)

-

Fire & Water 223 Blues Band Ship of Fools Littlegiop Blues Band Blues F.A.R.M.

Torrita Blues 2012 (Palco Centrale – Piazza Matteotti) ore 21:30 ingresso € 15.00 -

LORENA JOY & ZIOBROS

DAVE PEABODY & COLIN ALLEN (feat. Fabrizio Poggi) - JOE LOUIS WALKER (feat. Todd Sharpville and Sari Posner) -

Sabato 23 giugno Blues in the Garden (Ingresso gratuito)

Giardini Pubblici (all’interno dei Mercatini Blues) dalle 17:00 alle 20:30 (con le altre band di Effetto Blues)

(al momento confermati)

-

Torrita Blues 2012 -

Hilary Thavis & Gaia Groove Relic Blues Band 44 blues Downtown Blues Band

(Palco Centrale – Piazza Matteotti) ore 21:30 ingresso € 15.00

Danny Bronzini Trio

- MAC ARNOLD & Plate Full o’ Blues (feat. Paul Reddick) - THE CYBORGS

www.torritablues.it – info@torritablues.it


Guida al Torrita Blues 2012 versione italiano