__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


From our clay quarries, the BIGGEST ones of the world

we select only the best

THE BEST RAW MATERIAL FOR FLEXIBILITY AND PURITY. With over 3,000,000 tons extracted every year and

Ukrainian clays are characterized by a high level of

1,000,000 always in stock, United Minerals Italy and

plasticity and bending strength in dry and fired tiles,

United Minerals Spain guarantee a constant supply

low water absorption and light colors after firing.

of clay to all ceramics producers in Europe.

www.umitaly.com


ADVERTISING

Kerasys – Light and Heat Curing Repair Solutions Cost reduction with increases in quality!

Kerasys® LC

Light Curing Repair System for ceramics and porcelain

Publisher / Editore: Administration and Editorial Office Amministrazione e Redazione TILE EDIZIONI S.r.l. Via Fossa Buracchione, 84 41126 Baggiovara (MO) - Italy Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 info@tiledizioni.it Iscritto al registro delle imprese di Modena C.F./P.IVA IT02778050365 Capitale Sociale: € 51.400,00 R.E.A. 329775. Iscrizione ROC n. 9673 Periodico bimestrale registrato presso il Tribunale di Reggio Emilia al n. 803 in data 26/07/91 • Editor / Direttore responsabile: Paola Giacomini p.giacomini@tiledizioni.it • Editorial Board / Comitato Editoriale: Luca Baraldi, Milena Bernardi, Cristian Cassani, Gian Paolo Crasta, Paolo Gambuli, Omar Gubertini, Francesco Incerti, Paola Rolleri

Kerasys HC ®

Heat Curing Repair Systems for unglazed parts and intensive glaze colors

• Advertising / Pubblicità: TILE EDIZIONI Tel. +39 059 512103 Fax +39 059 512157 • Paola Giacomini mobile +39 335 1864257 p.giacomini@tiledizioni.it • Silvia Lepore mobile +39 392 5720288 s.lepore@tiledizioni.it • Elisa Verzelloni mobile +39 338 5361966 e.verzelloni@tiledizioni.it • Translation / Traduzioni: John Freeman

• Subscriptions / Abbonamenti: www.tiledizioni.it/subscription • Each copy / una copia € 4 • Annual subscription (5 issues) Abbonamento annuale (5 numeri) Italy: € 50; International: €70; Special tariffs for group subscriptions are available on request. Tariffe speciali per abbonamenti collettivi sono disponibili su richiesta. Spedizione in a.p. art. 1 comma 1 DL 353/2003 DCB MODENA L’IVA sugli abbonamenti, nonché sulla vendita dei fascicoli separati, è assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74 primo comma lettera C del DPR 26.10.72 N. 633 e successive modificazioni e integrazioni. • Graphic Layout / Progetto Grafico Sara Falsetti - s.falsetti@tiledizioni.it • Printer / Stampa Faenza Printing Industries SpA Via Vittime Civili di Guerra 35 48018 Faenza (RA) • Photolits / Typesetting Fotolito/Fotocomposizione Vaccari Zincografica S.r.l. Via Salgari, 61 41123 Modena Entire contents copyright Tile Edizioni. All rights reserved. Opinions expressed by writers are not necessarly those held by the publisher who is not held responsible. Editorial material, manuscripts, photographs, transparencies and artwork will not be returned. Tutti i diritti di riproduzione e traduzione degli articoli pubblicati sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale senza l’autorizzazione dell’Editore. Manoscritti, disegni, fotografie e altro materiale inviato in redazione, anche se non pubblicati, non verranno restituiti. La Direzione non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli autori dei testi redazionali e pubblicitari.

Date of going to press / chiuso in redazione il: 22/05/2020 TILE EDIZIONI S.r.l., in conformità al “Testo unico sulla privacy”, garantisce la riservatezza dei dati usati per gli abbonamenti e per gli scopi tipici della stampa specializzata e la possibilità di modificarli o cancellarli (art. 7 del D.L. 196/2003) a mezzo richiesta scritta.

Promoted by

www.kulzer-technik.com/info

fast·easy·cost-effective For more information: www.kerasys.de technik.wehrheim@kulzer-dental.com

Tile Edizioni also publishes:


Year 30, N° 136 April/June 2020 Bimonthly review

contents

Anno 30, n° 136 Aprile/Giugno 2020 Periodico bimestrale Cover picture by: Giancarlo Pradelli

7

Editorial

Ceramic industry conducts its first remote acceptance tests Anche in ceramica i primi collaudi a distanza

Paola Giacomini

Phase 2, now it’s back to work! Fase 2, si riparte!

Paola Giacomini

30

Mohawk: flexibility in unprecedented times Mohawk: flessibilità in una situazione senza precedenti

Paola Giacomini

38

Risers and fallers in the US market Chi sale e chi scende sul mercato USA

Lamosa, first signs of a slowdown Lamosa, primi segnali di rallentamento

Chinese tile exports in free fall L’export cinese di piastrelle in caduta libera

Construction: investments in Italy set to fall by 15% in 2020 Costruzioni: in Italia investimenti in calo del 15% nel 2020

Cersaie stays, Tecnargilla is postponed Cersaie resta, Tecnargilla slitta

8 World News 24 Economics

40

44 50

54 Events

Focus on 58

Milena Bernardi Luca Baraldi, Lynn Lin

Glazing & Decoration

Inks with a high solid content. More colour, greater sustainability Inchiostri ad alto contenuto di solido. Più colore, più sostenibilità

From product to process: a new concept in decoration Dal prodotto al processo: un nuovo concept di decorazione

High-performance grits and micro-grits Graniglie e micrograniglie ad alte prestazioni

The environmental benefits of hybrid technology La tecnologia ibrida che fa bene all’ambiente

Aesthetics and functionality for new ceramic surfaces Estetica e funzionalità per le nuove superfici ceramiche

Digital glazing for the printing of textures Smaltatura digitale per la stampa di strutture

Solar Reflectance Index of ceramic tiles Indice di Riflessione Solare delle piastrelle ceramiche

Products Prodotti

64 66 70 74 76 80 84

Focus on 98

Inco Davide Medici Marco Romagnoli Fernando Tomás Vidres Norbert von Aufschnaiter Aida Sánchez

finishing & surface treatment

VOC-free surfaces combining aesthetics and safety Superfici VOC free, più belle e più sicure

A new slab finishing plant for Polialc Nuovo impianto di finitura lastre per Polialc

Silver-treated bactericidal tiles La piastrella battericida grazie all’Argento

Dry super-polishing porcelain tile treatments Trattamenti di super-lucidatura a secco del porcellanato

Satellite heads for improved productivity in the end-of-line stage Maggiore produttività nel fine linea con il satellite

Products Prodotti

100 104 106 110 114

119 Advertisers’ List

NoCoat Fabio Vecchi Claudio Casolari Claudio Avanzi Piergiorgio Trevisan

CWR 136/2020

5


Designed to perform

The future of ceramic decoration passes through Creadigit Infinity, the new digital printer with a computing power never seen before. Thanks to CoreXpress, the latest-generation platform, key information, useful for image reproduction on the

ceramic surface, is exchanged and processed in real time with sophisticated processors and a dense network of sensors.

More flexibility and more variation with over 12 print modules and the management of different heads on each individual machine with a

resolution of up to 600 dpi. Towards the maximum level of performance.

www systemceramics com


editorial Paola Giacomini, Editor - p.giacomini@tiledizioni.it

Ceramic industry conducts its first remote acceptance tests Anche in ceramica i primi collaudi a distanza Throughout history, major crises have always accelerated the pace of change, and the sudden, unprecedented global emergency of 2020 is no exception. On 19 May at the inauguration of the annual Microsoft Build 2020 developer conference CEO Satya Nadella greeted thousands of participants logged on from all over the world saying that “We’ve seen two years’ worth of digital transformation in two months”. Just as digital technology has been critical during the emergency response and the recovery phase, Nadella believes it will also play a vital role in re-imagining the world in the post-Covid era. In the ceramic industry too, the digital revolution has progressed by leaps and bounds in recent months. Just six months ago, the experts attending the Acimac conference on the “Digital Future of Ceramics” urged the world of manufacturing to take a decisive step forward towards the digitalisation of factories and to develop digital tools that would facilitate purchasing of products by the market and end consumers. “There’s no way back from digital,” confirmed the few ceramic entrepreneurs who had seen the benefits of the first smart manufacturing experiments first-hand. What six months ago might have appeared little more than wishful thinking, now seems obvious. But above all, while the previously introduction of digitalisation in factories had been seen as bringing advantages almost exclusively in terms of increased corporate and production management efficiency, today the digital revolution has become an urgent necessity in order to keep closer to suppliers and the market. This is well understood by plant manufacturers, who for years have been focusing their research efforts on Industry 4.0 technologies that would allow them to operate remotely and instantly solve problems in their customers’ plants thousands of kilometres away. The new frontier of virtual support was successfully opened up this spring with the first cases of installation, start-up and remote testing of highly automated plants and complete lines. The first positive examples of remote Site Acceptance Tests, in which local technicians were guided through the procedure step-by-step, included the one conducted by Sacmi at the Belite plant in China and the start-up of a BMR finishing line in the United States. The future awaits. 5

www.CeramicWorldWeb.it

Si sa, nella storia le grandi crisi hanno sempre provocato un’accelerazione dei cambiamenti e l’improvvisa quanto inedita e planetaria emergenza del 2020 non fa eccezione. Lo scorso 19 maggio all’inaugurazione della convention annuale Microsoft Build 2020 – quest’anno virtuale – l’amministratore delegato Satya Nadella ha salutato le migliaia di partecipanti connessi da ogni parte del mondo ricordando come “abbiamo assistito a due anni di trasformazioni digitali concentrate in due mesi”. Secondo Nadella, così come le tecnologie digitali hanno avuto un ruolo determinante nella fase di emergenza sanitaria e in quella della ripartenza, inevitabilmente lo avranno anche per re-immaginare il mondo nel dopo-Covid. Anche nell’industria ceramica la digital transformation ha subito negli ultimi mesi una decisa spinta in avanti. Solo sei mesi fa, i tanti esperti intervenuti al convegno Acimac sul “Futuro Digitale della Ceramica” sollecitavano il mondo della manifattura ad imprimere un convinto passo in avanti verso la digitalizzazione delle fabbriche, ma anche a sviluppare strumenti digitali per favorire il processo d’acquisto e la fruizione dei loro prodotti da parte del mercato e dei consumatori finali. “Dal digitale non si torna più indietro”, aveva-

no confermato in quell’occasione i pochi imprenditori della ceramica che avevano già toccato con mano i benefici delle prime esperienze di smart manufacturing. Quello che sei mesi fa suonava poco più che come un auspicio, oggi pare un’ovvietà. Ma soprattutto, se finora l’ingresso della digitalizzazione in fabbrica era stato visto come un vantaggio quasi esclusivamente in termini di efficientamento della gestione aziendale e produttiva, oggi la trasformazione digitale diventa un’improcrastinabile necessità anche per accorciare le distanze coi propri fornitori e col mercato. Lo hanno ben compreso i costruttori di impianti la cui ricerca è da anni orientata verso tecnologie 4.0 che consentono di operare da remoto negli stabilimenti dei propri clienti a migliaia di chilometri di distanza, risolvendo problemi in tempo reale. La nuova frontiera dell’assistenza virtuale, superata con successo questa primavera, è stato il varo dei primi casi di installazione, avviamento e collaudo a distanza di impianti e linee complete ad elevata automazione. Tra i primi esempi di Site Acceptance Test da remoto, riusciti perfettamente guidando passo-passo i tecnici locali, quello condotto da Sacmi in Cina presso Belite e l’avviamento di una linea di finitura BMR in USA. La strada è tracciata. 5

Follow us also on Social Networks. Daily updates! Search “Ceramic World Web” and “Tile Edizioni” CWR 136/2020

7


world news System Electronics launches a new production hub

The new production site of System Electronics, the business unit specialising in industrial electronics with operations spanning sectors from automotive, aerospace and aviation through to infomobility, ceramics and intralogistics, was recently built in the System Ceramics industrial area in Fiorano Modenese. Over the years, System Electronics has established itself as a highly reputed supplier of innovative solutions to the world of automation. It is particularly well known for its Copilot industrial PCs, stepper motor drives and powerful processors, including the new CoreXpress which exploits fast and immediately available memory to significantly boost performance. Thanks to the new facility, the division is now able to increase production with a range of cutting-edge machinery, including an SMT line with convection oven and 3D optical inspection; an SMT line with vapour phase oven and 3D optical inspection; two selective wave soldering lines; an X-Ray Tri line for tomographic X-ray control; a laser marker line for marking printed circuit boards with QR codes for product tracking; a conformal coating line for the applica-

8

CWR 136/2020

tion of protective coatings to circuit boards; circuit board washing machines; a machine for separating circuit boards produced in multiple panels; an X-ray machine for counting components. The facility is also equipped with an EMC laboratory with anechoic chamber for radiofrequency tests, making it one of the few research centres with equipment of this kind for performing electromagnetic compatibility tests. The architecture of the new building is consistent with the entire complex where the System Ceramics headquarters is located. With its linear volumes, well-balanced proportionsa and clearly recognisable envelope, it conveys values of innovation, transparency and cutting-edge technology. The façades have a repetitive, abstract modular design consisting of an alternation of white porcelain tiles and large blue windows that allow natural light to enter the work areas. Last but not least, the operational areas are interconnected by carefully landscaped and well-lit outdoor spaces.

Un nuovo hub produttivo per System Electronics A Fiorano Modenese, nell’area industriale di System Ceramics, è stata da poco realizzata la nuova sede produttiva di System

Electronics, la business unit specializzata nell’elettronica industriale che opera in diversi settori, dall’automotive all’aerospazio, dall’avio all’infomobility e dal ceramico all’intralogistica. System Electronics si è affermata negli anni per la sua capacità di fornire soluzioni innovative al mondo dell’automazione, in particolar modo per i PC industriali Copilot, per gli azionamenti dei motori stepper e per i potenti processori, tra cui il nuovo CoreXpress, in grado di avvalersi di memoria veloce e disponibile nell’immediato, portando ad un incremento significativo delle prestazioni. Ora, grazie alla nuova struttura, la divisione può contare anche su un potenziamento della produzione, che oggi vanta un parco macchine all’avanguardia tra cui: una linea SMT con forno a convezione e ispezione ottica 3D; una linea SMT con forno a vapore e ispezione ottica 3D; due linee di saldatura con onda selettiva; una linea X-Ray Tri per il controllo a raggi X tomografico; una linea laser marker per la marcatura di circuiti stampati con QR code per la tracciatura del prodotto; una linea di conformal coating per applicare vernici protettive alle schede; macchine per il lavaggio delle schede; una

macchina per la separazione delle schede prodotte in pannelli multipli; una macchina a raggi X per contare i componenti. Lo stabilimento è dotato anche di un laboratorio EMC con camera anecoica per le prove a radiofrequenza, attrezzatura che solo alcuni centri di ricerca hanno al loro interno per condurre test sulla compatibilità elettromagnetica. Dal punto di vista architettonico il nuovo edificio riprende le linee dell’intero comparto in cui è inserito il quartier generale di System Ceramics. Esso trasmette i valori d’innovazione, trasparenza e avanguardia tecnologica grazie alla scelta di volumi lineari, alla proporzione e all’involucro, che si offre come elemento immediato di riconoscibilità. Le facciate ripetono infatti un disegno astratto, che prevede una scansione modulare dove lastre in grès porcellanato di colore bianco individuano le porzioni opache, mentre grandi vetrate dalla tonalità blu, favoriscono l’ingresso della luce naturale negli ambienti di lavoro. Le attività sono infine messe in relazione tra loro e valorizzate dal disegno degli spazi esterni, arricchiti da un accurato studio del landscape e dell’illuminazione.


world news Change in top management at LB There has been a change of leadership at the Fiorano Modenese-based LB Group, owner of companies LB Officine Meccaniche, Sitec and Sermat. On 5 May, Gianni Dini was appointed the new CEO of the group, a leader in the design and construction of plants for the treatment of raw materials and powders in the ceramic, premixed products, granulation and mining sectors. The management handover from Emilio Benedetti to Gianni Dini is part of the process undertaken by the group in recent years as it speeds up the transition from a family business to a managerial organization, and will not involve any changes in the shareholding structure. The Ligabue family will continue to be actively involved, with Edoardo Ligabue retaining a managerial position on the group’s Board of Directors. Gianni Dini, a manager with specialist managerial skills and a rigorous approach to management control, has held managerial roles at large Italian manufacturing groups with branches in Italy and abroad, where he has focused on profit recovery and corporate reorganisation projects. “In a particularly challenging pe-

Sibelco goes shopping in Ukraine Sibelco has announced that it has formally completed the acquisition of Ukrainian clay producers Euromineral LLC and Kurdyumovsky Plant PrJSC, located in the Donbass region. The Belgian multinational had reached an agreement to buy these activities at the end of 2019. The companies will be managed by Sibelco’s Tiles, Engobes and Engineered Stone business line. The acquisition will enable the group to strengthen its long-term sustainability profile by increasing

10

CWR 136/2020

riod when we are frequently having to consider new variables dictated by events not directly connected to our business, the industrial processes relating to financial management become essential for companies of any size,” says Dini. “The 2020-2022 three-year business plan will see substantial investments in new mechanical and digital technologies, while at the same time developing human resources through a strong commitment to training and allowing customers to make totally flexible use of all available physical and digital channels.” Roberto Pighi, Chairman of the Group and representative of the investors who own the majority of the shares, also reaffirms his confidence in LB’s growth path: “The other shareholders and I strongly believe in LB and are fully committed to supporting the company on its growth path. Covid-19 wasn’t in our plans, but as entrepreneurs we know that unexpected events are part of the game and we’re not afraid of them.”

Cambio al vertice di LB Passaggio di testimone alla guida del Gruppo LB di Fiorano Modenese (a cui fanno capo LB Officine Meccaniche, Sitec e Sermat). Dallo scorso 5 maggio, l’Ing Gianni Dini

Ukrainian mining capacity and clay reserves, an important raw material for porcelain tile production worldwide. Pictured, from left: Olivier Lambrechts, Oleg Trytiachenko (shareholder) and Igor Tkach.

Sibelco fa shopping in Ucraina Sibelco ha annunciato di aver completato formalmente l’acquisizione di due aziende produttrici di argilla nella regione del Donbass, in Ucraina. Si tratta di Euromineral LLC e Kurdyumovsky Plant PrJSC, con le quali la multinazionale belga

è il nuovo amministratore delegato del gruppo, leader nella progettazione e realizzazione degli impianti per il trattamento di materie prime e polveri nel settore ceramico, dei premiscelati, della granulazione e del mining. L’avvicendamento manageriale tra Emilio Benedetti e Gianni Dini si inscrive nel percorso intrapreso negli ultimi anni, accelerando la transizione da azienda famigliare ad organizzazione manageriale e non prevede variazioni nella compagine azionaria: resta forte il coinvolgimento della famiglia Ligabue, con Edoardo Ligabue che manterrà un ruolo manageriale e nel CdA del gruppo. Gianni Dini, manager con specifiche competenze gestionali e un approccio rigoroso al controllo di gestione, ha ricoperto ruoli direzionali per grandi gruppi industriali del Made in Italy nel settore manifatturiero con sedi in Italia e all’estero, dedicandosi a progetti di recupero di redditività e riorganizzazione aziendale. “In un periodo particolarmente complesso”, dichiara Dini, “in cui si prendono spesso in esame nuove variabili dettate dagli accadimenti anche non direttamente collegati al business, i processi industriali correlati alla gestione fi-

nanziaria diventano fondamentali per le aziende di qualsiasi dimensione. Il piano industriale triennale 2020-2022 saprà cavalcare le nuove tecnologie meccaniche così come quelle digitali grazie a una significativa componente di investimenti, senza però rinunciare al fattore umano, ma anzi valorizzandolo con un forte impegno nella formazione e consentendo al cliente un utilizzo totalmente flessibile di tutti i canali fisici e digitali disponibili”. Ribadisce la propria fiducia nel percorso di crescita di LB anche Roberto Pighi, Presidente del gruppo, nonché rappresentante degli investitori proprietari della maggioranza, che dichiara: “Io e gli altri soci crediamo fortemente in LB e confermiamo la nostra piena disponibilità a sostenere la società nel suo percorso di crescita. Il Covid-19 non era nei programmi, ma da imprenditori sappiamo bene che gli imprevisti fanno parte dell’avventura e non ne siamo spaventati”.

aveva sottoscritto un accordo a fine 2019. L’attività delle due aziende sarà gestita dalla divisione “Tiles, Engobes & Engineered Stone” di Sibelco. L’acquisizione consente al Gruppo di rafforzare il proprio profilo di sostenibilità a lungo termine, aumentando la capacità estrattiva e le riserve di argilla ucraine, fondamentali nella produzione di piastrelle in gres porcellanato. Nella foto, da sinistra: Olivier Lam-

brechts, Oleg Trytiachenko (azionista) e Igor Tkach.


Your next project

We have designed and built the largest slab finishing plant in the world • Over 20 operating machines • Over 200 metres of fittings • Over 2000 kW installed

Great operating flexibility in a compact layout • Processed formats: min 200x600 mm, max 1800x3600 mm • Thicknesses: from 4 to 22 mm

www.ancoragroup.com


world news Infolog joins Var Group (Sesa Group) Infolog, a Modena-based software house specialising in the design and development of solutions for warehouse logistics management, announced on 15 May an agreement for the acquisition of a 51% stake by Var Group, a wholly-owned subsidiary of the Sesa Group (a strategic partner in the Software and System Integration sector with a consolidated turnover of over 1.5 billion euros). Founded in the 1990s, Infolog employs over 40 people and serves more than 200 customers across a range of manufacturing sectors, including ceramics, where Intellimag WMS software is already a benchmark product. The acquisition of a stake in Infolog will allow Var Group to complete its software offering in the Enterprise and SME market, while Infolog will further consolidate the development of its on-premise and Cloud solutions for Intra-Logistics and value-added management. “We expect to see a sharp accel-

Inter Ser stays close to its employees, customers and suppliers

Ever since the start of the current health crisis, Inter Ser has taken a number of actions designed first and foremost to protect its employees. In particular, it has guaranteed full employment without making use of the “social shock absorbers” provided by the Italian government and has taken out a

12

CWR 136/2020

eration of growth in both revenue generation and human capital, with a consequent increase in our market presence in Italy and abroad,” commented Infolog CEO Giorgio Tesorieri. “The operation is part of a long-term plan aimed at developing further skills in the field of digitalisation and automation of logistics processes for the benefit of the Group’s customers and the most important Italian manufacturing districts.” “Innovative technologies and specific knowledge of business processes are needed to support businesses facing the challenges of the New Normal Economy and the reopening of Italian manufacturing districts,” said Var Group’s CEO Francesca Moriani. “Infolog’s skills will be enhanced within our organisation as part of a development plan focused on industrial continuity and growth of human capital,” she continued. “In the current scenario we will continue to use the lever of external growth based on our ability to identify companies with integrable industrial projects, thereby

furthering our long-term sustainable growth path to the benefit of all stakeholders,” added Alessandro Fabbroni, CEO of Sesa.

Covid-19 insurance policy for the benefit of any employees who test positive to the virus, while paying the relevant costs. Thanks to its financial solidity, the company led by the brothers Gian Luca and Paolo Zanoni (pictured) has also demonstrated its sense of responsibility and reliability towards its suppliers, undertaking to honour payments with the same punctuality that it has prided itself on throughout its 25-year history.

“Even at such a difficult time, we are firmly convinced that it is vital not to interrupt the virtuous chain that sustains the economy of every community, business and nation,” says CEO Gian Luca Zanoni. “We have always been a global company but we feel like one big family, proud to maintain strong and valuable relationships with everyone, including our suppliers, customers and employees.” The sharp fall in demand in almost all the foreign

Infolog entra in Var Group (Gruppo Sesa) Infolog, softwarehouse modenese specializzata nella progettazione e sviluppo di soluzioni per la gestione della logistica di magazzino, ha annunciato il 15 maggio l’accordo di acquisizione al 51% da parte di Var Group, società interamente controllata da Gruppo Sesa, attivo nel settore Software e System Integration con un fatturato consolidato di oltre 1,5 miliardi di Euro. Fondata negli anni 90, Infolog conta oltre 40 addetti e serve oltre 200 clienti operanti in diversi settori manifatturieri, tra cui il ceramico, per il quale il software Intellimag WMS è già un prodotto di riferimento. L’ingresso in Infolog consentirà a Var Group di completare l’offerta software sul mercato Enterprise e SME, mentre Infolog potrà ulteriormente consolidare lo svilup-

po delle proprie soluzioni on-premise e Cloud per l’Intra-Logistica e gestionali a valore aggiunto. “Prevediamo una forte accelerazione della crescita sia nella generazione di ricavi, che a livello di capitale umano, con conseguente aumento della nostra presenza sul mercato in Italia e all’estero” ha commentato Giorgio Tesorieri (AD di Infolog). “L’operazione ha l’obiettivo di sviluppare, sulla base di un piano di lungo termine, ulteriori competenze nel campo della digitalizzazione ed automazione dei processi logistici a beneficio della clientela del Gruppo e dei più importanti distretti produttivi del Made in Italy”. “Per sostenere le sfide delle imprese nella New Normal Economy e la ripartenza dei distretti del Made in Italy sono necessarie tecnologie innovative e conoscenza specifica dei processi di business” - ha affermato l’AD di Var Group, Francesca Moriani, confermando che “le competenze di Infolog saranno valorizzate all’interno della nostra organizzazione nell’ambito di un piano di sviluppo che punti sulla continuità industriale e la crescita del capitale umano”. “Nell’attuale scenario - ha aggiunto Alessandro Fabbroni, AD di Sesa - continueremo a ricorrere alla leva della crescita esterna, in funzione della capacità di identificare aziende con progetti industriali integrabili, alimentando il nostro percorso di crescita sostenibile di lungo termine, a beneficio di tutti gli stakeholder”.

markets where Inter Ser sells its spare parts, machinery and accessories has done nothing to dampen Gian Luca Zanoni’s optimism, although he is well aware that it will take several months to really get going again. “The decline in orders was bigger in May than in April, although the strong growth we experienced in the first quarter of the year has enabled us to get through these months without difficulty,” he says.


world news Moreover, confirming its strong focus on human capital, Inter Ser decided to take advantage of the reduced workload during this period to develop the skills of its entire staff through an intensive onemonth online training programme.

Inter Ser

vicina a dipendenti,

clienti e fornitori

Fin dall’inizio della crisi sanitaria, Inter Ser ha messo in campo una serie di azioni volte a tutelare in primo luogo i propri dipendenti, garantendo la piena occupazione senza ricorrere agli ammortizzatori sociali previsti dal Governo Italiano e attivando una polizza di copertura assicurativa Covid-19 a favore di tutti i collaboratori che risultassero contagiati dal virus, facendosi carico del

Gruppo Sanitari Italia invests in new automation from Sacmi

Gruppo Sanitari Italia (GSI), a leading manufacturer of high-quality ceramic sanitaryware based in the Civita Castellana area, has taken a further step towards the complete automation of glazing lines. For this purpose, it has once again chosen Sacmi as the supplier of a new automatic WC siphon glazing unit to integrate with and expand the capacity of the existing line. Specifically configured to meet the customer’s requirements, this solution features an innovative in-siphon glaze application system that reduces piece rotation, thereby considerably simplifying piece handling and logistics. The glazing station is served by two robots, one to handle the pieces and the other to apply the glaze inside the siphons. The investment is part of the plan to expand its production facilities at the plant in Gallese Scalo (Viterbo) where the company has also installed its sixth Sacmi AVM. The new casting module will be used for the production of WCs and joins the other

relativo costo. Grazie alla sua solidità finanziaria, l’azienda guidata dai fratelli Gian Luca e Paolo Zanoni (in foto) ha confermato il proprio senso di responsabilità e affidabilità anche nei confronti dei fornitori, verso i quali si è impegnata ad onorare i pagamenti con la stessa puntualità che l’ha contraddistinta in 25 anni di storia. “Anche in un momento così difficile, siamo fermamente convinti che la catena virtuosa che sostiene l’economia di ogni comunità, impresa e nazione non possa essere interrotta”, ha affermato il CEO Gian Luca Zanoni. “Siamo da sempre un’azienda ‘worldwide’, ma ci sentiamo come una grande famiglia, orgogliosa di mantenere relazioni forti e di valore con tutti, fornitori, clienti e collaboratori”. Il forte rallentamento

della domanda su quasi tutti i mercati esteri cui si rivolge l’offerta di ricambi, macchine e accessori di Inter Ser non mina l’ottimismo di Gian Luca Zanoni, pur nella consapevolezza che occorreranno diversi mesi per una reale ripartenza. “Nel mese di maggio - afferma l’imprenditore - il calo degli ordini è stato superiore a quello di aprile, tuttavia la forte crescita che avevamo re-

gistrato nel primo trimestre ci consente di superare questi mesi con serenità”. Fra l’altro, confermando la grande attenzione verso il capitale umano della propria azienda, Inter Ser ha deciso di sfruttare la minore attività di questo periodo per aumentare le competenze di tutto lo staff, coinvolto in un intenso programma di formazione online della durata di un mese.

Sacmi pressure casting solutions installed in recent years, including the 5 AVM units already in operation, the AVI, ADM and ADS modules for the production of WCs, washbasins, console washbasins and shower trays, and a SACMI-Riedhammer shuttle kiln equipped with Reko technology. The advantages of the new AVM include maximum flexibility of use and improved mould stock management, as well as the possibility of configuring the cells at different levels of automation, including handling, direct lifting and car loading after the finishing operations. All supplied solutions stand out for their high degree of automation and interconnection between the various machines in keeping with Industry 4.0 principles, confirming Sacmi’s role as GSI’s main technological partner in this ambitious long-term investment plan.

con sede nel distretto di Civita Castellana, ha compiuto un ulteriore passo avanti verso la completa automazione delle linee di smaltatura. Per farlo ha scelto di nuovo Sacmi da cui ha acquistato una nuova soluzione per la smaltatura automatica dei sifoni dei vasi, ad integrazione ed ampliamento della linea esistente. Personalizzato in modo specifico sulle esigenze del cliente, il sistema è dotato di un innovativo sistema di applicazione dello smalto all’interno dei sifoni, in grado di ridurre il ribaltamento del pezzo, semplificando notevolmente le operazioni di handling e logistica. Due i robot asserviti alla cella, uno per la manipolazione dei pezzi, l’altro per la smaltatura interna dei sifoni. L’investimento si configura nel piano di incremento di dotazioni tecnologiche per lo stabilimento di Gallese Scalo (Viterbo) dove l’azienda ha peraltro installato anche la sesta AVM Sacmi. La nuova cel-

la di colaggio è dedicata alla produzione di vasi e si aggiunge alle altre soluzioni a marchio Sacmi per il colaggio in pressione installate in questi anni: oltre alle 5 AVM già in esercizio, le celle AVI, ADM, ADS, per la produzione di vasi, lavabi, consolle e piatti doccia; nello stabilimento GSI è in funzione anche un forno intermittente SACMI-Riedhammer dotato di tecnologia Reko. Tra i plus della nuova AVM, massima flessibilità di utilizzo e migliore gestione del parco stampi, oltre alla possibilità di configurare le celle a differenti livelli di automazione, dalla manipolazione al sollevamento diretto, sino al carico su carro dopo le operazioni di finitura. L’automazione spinta e l’interconnessione tra le diverse macchine, in ottica 4.0, sono il filo conduttore delle recenti forniture che confermano Sacmi principale partner tecnologico di GSI in questo ambizioso piano pluriennale di investimento.

Gruppo Sanitari Italia investe in nuova automazione Sacmi Gruppo Sanitari Italia (GSI), primario produttore di ceramica sanitaria

CWR 136/2020

13


world news Socer adopts the new EFI Cretaprint 5th generation ceramic printer

Tunisian ceramics manufacturer Société de Ceramique de Chebedda (Socer) has added an EFI™ Cretaprint® 5th generation ceramic printer to further expand the production capacity of its tile plant based in Chebedda Naassen industrial zone. This will be the fourth EFI ceramic printing machine that Socer has installed, expanding the complete EFI ecosystem of ceramic products that the company has adopted in the last years: EFI Cretaprint machines, EFI Cretacolor ceramic inks and the EFI Fiery® proServer, allowing users to achieve accurate colour matching while saving ink costs. “We have been a loyal EFI Cretaprint customer for 14 years with our

CWW-WEBINARS are launched

With trade fairs, events, meetings, conventions and direct visits to customers and suppliers temporarily suspended, in recent months digital technologies have offered a lifeline to companies looking for new ways to keep in touch with their partners. With this in mind, CeramicWorldWeb is expanding its range of digital communication and marketing tools with the launch of the new CWW-Webinars, a solution that allows ceramic industry suppliers to present their latest technological innovations via a video link. Ceramic industry professionals and engineers around the world will be able to keep up to date

14

CWR 136/2020

first purchase being Cretaprint rotary printers. A few years back, we adopted our first EFI Cretaprint digital ceramic printer and, now, we have decided to invest in EFI’s most advanced printer for ceramic and tile decoration. Going digital enables us to meet customer demand as we can produce more work and do it faster. We thank the whole EFI Cretaprint team for the quality of technical material provided in installation and training, their good collaboration, and service team which has been continually available to quickly respond to our needs,” said Fares Ben Ayed, CEO of Socer. The flexibility and technological robustness of the EFI Ceramic ecosystem puts tile producers like Socer on a path to a future in fully digital ceramic decoration. With an end-to-end solution, Socer is able to undertake more projects as well as improve its products and processes. According to EFI, this successful 5th generation technology installation at Socer reflects the increased sales and demand the company is witnessing in North

Africa, a region which is becoming an important and growing market for ceramic products.

Nel suo moderno stabilimento di Chebedda Naassan, il produttore ceramico tunisino Socer (Société de Ceramique de Chebedda) ha recentemente installato una stampante digitale EFI Cretaprint di 5a generazione che andrà ad espandere ulteriormente la sua capacità produttiva. Si tratta della quarta stampante EFI adottata in pochi anni da Socer, che già peraltro utilizza l’intero ecosistema dei prodotti digitali EFI Cretaprint: oltre alle stampanti, anche gli inchiostri originali EFI Cretacolor e il sistema di gestione del colore Fiery® proServer che assicura la massima qualità e uniformità dei colori, oltre a un netto risparmio sui costi dell’inchiostro. “Il nostro rapporto di collaborazione con EFI Cretaprint risale ormai a 14 anni fa quanto abbiamo acquistato delle stampanti rotative

Cretaprint”, racconta Fares Ben Ayed, CEO di Socer. “Qualche anno fa siamo passati al digitale con la nostra prima stampante inkjet e ora, per questo nuovo investimento, abbiamo scelto la tecnologia EFI più avanzata”. Le stampanti Efi Cretaprint di 5a generazione rappresentano infatti un grande passo avanti in termini di prestazioni: la nuova piattaforma “intelligente” per la stampa inkjet digitale è semplice e intuitiva, e integra soluzioni avanzate Industry 4.0. “Il passaggio al digitale - prosegue Ayed - ci permette di soddisfare la domanda della clientela in modo più rapido grazie alla maggiore produttività. Inoltre, la partnership con EFI ci consente di poter contare su un servizio di formazione e assistenza tecnica qualificato, presente e puntuale”. Per EFI Cretaprint la recente installazione in Socer riflette e conferma la rapida evoluzione del mercato nordafricano in termini di crescita della domanda di tecnologia avanzata capace di rispondere all’esigenza di maggiore produttività e qualità del prodotto.

with new developments thanks to these short online courses, which can also be requested on specific topics of interest. CeramicWorldWeb will provide a dedicated platform for hosting the webinars along with technical and organisational support and its network of more than 20,000 ceramic industry contacts all over the world. Recordings of the webinars will subsequently be uploaded to the online portal where they will remain available to watch until the end of the year.

porto fondamentale per mantenere vivo il dialogo coi propri partner. In questo ambito, CeramicWorldWeb potenzia i propri strumenti di comunicazione e marketing digitale lanciando i nuovi CWW-Webinar che consentiranno alle imprese fornitrici dell’industria ceramica di illustrare in video le loro ultime novità tecnologiche. Gli operatori e i tecnici delle aziende ceramiche, in qualunque parte del mondo, potranno così rimanere aggiornati con brevi corsi onli-

ne, che potranno anche essere richiesti su specifiche tematiche di interesse. CeramicWorldWeb metterà a disposizione un’apposita piattaforma per la realizzazione dei webinar, oltre alla consulenza tecnica e organizzativa e alla propria rete di oltre 20.000 operatori della filiera ceramica sparsi in ogni parte del mondo. La registrazione dei webinar sarà poi caricata anche sul portale online dove resterà disponibile fino alla fine dell’anno.

Nascono i CWW-WEBINAR Interrotti temporaneamente fiere, eventi, meeting, convegni e visite dirette a clienti e fornitori, in questi mesi le tecnologie digitali stanno fornendo alle aziende un sup-

Socer investe nella nuova Efi Cretaprint di 5a generazione


world news SITI B&T Group approves 2019 draft financial statements

In line with the negative trend that affected the entire Italian ceramic machinery industry in 2019 (preliminary figures point to an estimated 15.4% decline), the Formigine-based Siti B&T Group reported a 15.1% drop in consolidated sales revenues from 206 million euros to 175.1 million euros in the last financial year. The share of turnover generated in export markets rose from 88% to 90%. “In 2019 our Group had to contend with an overall market contraction,” commented CEO Fabio Tarozzi. “Nonetheless, our margins were in line with those of the previous year and cash generation was positive at 5.3 million euros, despite significant outlays for acquisitions of minorities. As for 2020, I believe that our sound capital and financial structure together with the recent refinancing of long-term debt allows us to be confident about overcoming the current difficulties.” The draft financial statements at 31/12/2019 approved by the Board of Directors of the group (listed on the AIM Italia market)

Modula opens new branch in Singapore Modula (Salvaterra di Casalgrande, Reggio Emilia), a manufacturer of the eponymous highbay automatic warehouses, is expanding in Asia by opening the subsidiary Modula South East in Singapore. Along with the sales, administrative and financial staff, the new headquarters has a specialised technical team that will provide support with customers’ installations. In particular, Modula South East will work alongside Modula China Automation Equipment, the Suzhou-based Chinese subsidiary, in covering the Asian market and consolidating the network of dealers and

16

CWR 136/2020

reveal a consolidated EBITDA before non-recurring items of 19 million euros (compared to 19.2 million euros in 2018), a reported EBITDA of 18.7 million euros (18 million euros in 2018) and a consolidated operating result (EBIT) of 8.5 million euros (12.5 million euros in 2018). In 2019 Siti B&T Group made investments totalling 11.9 million euros, including 5.2 million euros for the acquisition of minority interests in Ancora and Projecta Engineering. Investments in Research & Development of new technologies and products exceeded 7 million euros (4% of turnover) and served to stimulate market demand with innovative technical solutions, but also to prepare for entry into new sectors to increase sales opportunities. Siti B&T Group currently owns about 200 industrial patents and has an R&D staff of over 60 employees.

SITI B&T Group approva il progetto di bilancio 2019 In linea con la congiuntura negativa che ha caratterizzato l’andamento dell’intero settore italiano delle macchine per ceramica nel 2019 (i

partners already operating in Singapore, Vietnam, Philippines, Malaysia, Indonesia, Thailand, Bangladesh, Pakistan and South Korea. The Suzhou plant was built in accordance with the same Industry 4.0 principles that characterise the Italian plant in Salvaterra and is expected to produce more than 1,000 high-bay automatic warehouses per year.

Modula apre la nuova filiale a Singapore Modula (Salvaterra di Casalgrande, Reggio Emilia), produttore degli omonimi magazzini automatici verticali, si espande in Asia con l’apertura, a Singapore, della filiale Modula South East. Oltre allo staff

preconsuntivi stimano la flessione al 15,4%), il Gruppo Siti B&T di Formigine ha chiuso l’ultimo esercizio registrando un calo del 15,1% dei ricavi di vendita consolidati, scesi da 206 a 175,1 milioni di euro. In crescita la quota di fatturato generata sui mercati esteri, salita dall’88 al 90%. “Il 2019 è stato un esercizio nel quale il nostro Gruppo ha dovuto fare fronte alla contrazione generalizzata del mercato – ha commentato l’AD Fabio Tarozzi -, tuttavia la marginalità è stata in linea con quella dell’anno precedente e la generazione di cassa positiva per 5,3 milioni, nonostante importanti uscite per le acquisizioni delle minorities. Per il 2020 ritengo che la solida struttura patrimoniale e finanziaria nonché il recente rifinanziamento del debito a lungo termine ci consentono di essere fiduciosi nel superamento del momento contingente.” Il progetto di bilancio al 31/12/2019 approvato dal CdA del gruppo (quotato sul mercato AIM Italia) mostra un EBITDA consolidato ante partite non ricorrenti pari a 19 milioni di euro (19,2 milioni nel 2018.), l’EBITDA reported a 18,7 milioni di euro (18 milioni nel 2018) e un risultato operativo (Ebit) consolidato di 8,5 milioni di euro (12,5 milioni nel 2018).

commerciale, amministrativo e finanziario, la nuova sede conta su un team tecnico specializzato, che fornirà supporto e assistenza sulle installazioni dei clienti. In particolare, Modula South East affiancherà Modula China Automation Equipment, la filiale cinese di Suzhou, nella copertura del mercato asiatico, consolidando la rete di dealers e partners già attivi a Singapore, Vietnam, Filippine, Malesia, Indonesia, Tailandia, Bangladesh, Pakistan e Corea. Lo stabilimento di Suzhou, costruito seguendo gli stessi principi di Industria 4.0 che caratterizzano l’impianto italiano di Salvaterra, prevede di produrre oltre 1000 magazzini automatici verticali all’anno.

Nel 2019 Siti B&T Group ha effettuato investimenti complessivi per 11,9 milioni euro, di cui 5,2 milioni per l’acquisizione delle minorities di Ancora e Projecta Engineering. Gli investimenti in Ricerca & Sviluppo di nuove tecnologie e nuovi prodotti hanno superato i 7 milioni di euro (il 4% del fatturato), necessari per stimolare la domanda del mercato con soluzioni tecniche innovative, ma anche per prepararsi all’ingresso in nuovi settori per incrementare le opportunità di vendita. Attualmente, Siti B&T Group possiede circa 200 brevetti industriali e può contare su uno staff R&D composto da oltre 60 addetti.


world news North American EPD for ceramic tiles has been certified for the next

5 years

Tile Council of North America (TCNA) has announced that the 2020 North American industry-wide Environmental Product Declaration (EPD) for ceramic tile has been certified by Underwriter’s Laboratories (UL) and published to UL’s publicly accessible database. This EPD, valid for the next five years, updates the previous North American EPD for ceramic tile, which expired at the end of 2019. Effective immediately, products covered by the EPD can be used to satisfy architectural and green building specification criteria, including those established by LEED v4.1. Over 85% of North American ceramic tiles are covered by the EPD and specifically those from American Wonder Porcelain, Arto Brick, Crossville, Dal-Tile Corporation, Del Conca USA, Florida Tile, Interceramic USA, Ironrock, Porcelanite-Lamosa, Portobello America, Quarry Tile Co., StonePeak Ceramics, and Vitromex USA. The ceramic tile’s environmental impacts reported by the EPD are significantly lower than those reported by EPDs for flooring comprised of plastic based material (such as LVT luxury vinyl tiles and

Almeida launches Gaudi Porcelanato Grupo Almeida, one of Brazil’s leading ceramic producers, has invested about R $100 million (over US $18 million) in the launch of the new Gaudi Porcelanato brand, which was unveiled last March at the Expo Revestir 2020 trade fair in São Paulo. As Heitor Almeida confirmed, the total investment was divided up between R&D activities, new product design and expansion of the plant. Gaudi Porcelanato has 5 tile collections (Citta, Bosco, Palazzo, Pietre and Cris-

18

CWR 136/2020

rigid core board planks). In particular, a direct comparison reveals that 75-year global warming potential and fossil fuel resource depletion of LVT are two and three times higher, respectively, than ceramic tile’s, while rigid core board’s values are three and five times higher. “Global warming potential and fossil fuel depletion throughout the full life cycle of a product are key metrics in characterizing carbon footprint. Not only does the North American industry-wide EPD for ceramic tile evidence a generally low carbon footprint, it also shows ceramic tile to have the lowest overall impacts in photochemical oxidant creation (smog), ozone depletion, acidification, and eutrophication potential when compared to publicly available EPDs for competitive flooring materials”, said Bill Griese, TCNA’s Director of Standards Development and Sustainability Initiatives.

TCNA rinnova

la certificazione EPD per le piastrelle ceramiche

Le piastrelle ceramiche prodotte in Nord America potranno contare per altri 5 anni sulla Dichiarazione Ambientale di Prodotto EPD, certificata da Underwriter’s Laboratories che ha aggiornato il pre-

talli) produced in over 170 versions in 61x61 cm, 81x81 cm and 61x120 cm sizes. A historical Brazilian group founded in 1923, Almeida has three modern production units located in the ceramic district of Santa Gertrudes, where 2 million square metres of ceramic tiles are produced each month.

Almeida lancia Gaudi Porcelanato Il Gruppo Almeida, primario produttore ceramico brasiliano, ha investito circa 100 milioni di Real (ol-

cedente EPD scaduto a dicembre 2019. Ad annunciarlo, il Tile Council of North America (TCNA), l’associazione di categoria dei produttori di piastrelle di USA e Messico. Il nuovo EPD ha efficacia immediata e consente ai prodotti da esso coperti di essere impiegati in tutti i progetti di architettura e green building, potendo soddisfare tutti i requisiti di sostenibilità, inclusi quelli stabiliti da LEED v4.1. Oltre l’85% delle piastrelle ceramiche prodotte in USA e Messico sono coperte dall’EPD, di cui si sono dotate aziende quali American Wonder Porcelain, Arto Brick, Crossville, Dal-Tile Corporation, Del Conca USA, Florida Tile, Interceramic USA, Ironrock, Porcelanite-Lamosa, Portobello America, Quarry Tile Co., StonePeak Ceramics e Vitromex USA. Tra gli elementi che emergono dal nuovo EPD vi è la conferma che la piastrella ceramica è un materiale decisamente più sostenibile di tanti altri. In particolare, vanta un impatto ambientale significativamente inferiore rispetto a quello riportato dagli EPD relativi ai materiali vinilici da pavimentazione (LVT e “rigid core board”). Ad esempio, l’LVT ha un potenziale di riscaldamento globale a 75 anni doppio rispetto a quello della ceramica e incide sull’esaurimento delle risorse fossili tre volte di più di una piastrella. Valori ancora più elevati

per i vinilici in “rigid core board”, rispettivamente tre e cinque volte superiori rispetto alle piastrelle ceramiche. “Il potenziale di riscaldamento globale e l’esaurimento dei combustibili fossili durante l’intero ciclo di vita di un prodotto sono metriche chiave per caratterizzarne l’impronta di carbonio. L’EPD per le piastrelle ceramiche prodotte in Nord America, non solo ne attesta un’impronta di carbonio generalmente bassa, ma mostra anche il loro minimo impatto complessivo in termini di creazione di ossidanti fotochimici (smog), esaurimento dell’ozono, acidificazione e potenziale di eutrofizzazione rispetto agli EPD di materiali da pavimentazione alternativi”, ha commentato Bill Griese, Direttore della divisione Standards Development and Sustainability Initiatives di TCNA.

tre 18 milioni di dollari) per il lancio del nuovo brand Gaudi Porcelanato, presentato in anteprima al mercato lo scorso marzo in occasione della fiera Expo Revestir 2020 a San Paolo. Come confermato da Heitor Almeida, l’investimento complessivo è stato distribuito tra attività di R&D, progettazione dei nuovi prodotti e ampliamento strutturale dello stabilimento. Gaudi Porcelanato conta 5 collezioni di piastrelle (Citta, Bosco, Palazzo, Pietre e Cristalli) prodotte in oltre 170 varianti nei formati 61x61, 81x81, 61x120 cm. Gruppo storico attivo in Brasile dal

1923, Almeida dispone di tre moderne unità produttive situate nel distretto ceramico di Santa Gertrudes, dove si producono 2 milioni di metri quadrati al mese di piastrelle ceramiche.


world news Smaltochimica starts the production of sanitising gels

Smaltochimica, a well-known Italian chemical company based in Spezzano, has converted some of its lines to start the production of sanitising gels to help fight the Covid-19 pandemic. Faced with the chronic shortage of these alcohol-based products, which are now more essential than ever for effective sanitisation in hospitals, homes and workplaces, the company run by Chiara and Federico Piccinini has decided to make its chemical knowledge and expertise available to the community in keeping with its strong sense of civic and social responsibility. The first batches of sanitising gels will be delivered to the Red Cross

I-Tech launches Intellytile BS Intellytile BS is the newly launched artificial vision system from I-Tech for quality control and graphic inspection of large unfired ceramic tiles up to a maximum size of 160x320 cm. This Intellytile upgrade has the capability to detect mechanical defects (holes, cracks, chipping) and printing and graphic defects (stains, drops or decorative defects) on larger surfaces than ever before, without the need for continuous setup and with significantly improved production efficiency. The new model uses artificial neural networks to identify templates and defects and is therefore an excellent solution for monitoring a wide range of finished product characteristics relating to geometry, shape, colour and graphics, even in the case of very high production rates. Installed on the line immediately after the inkjet printer, it is equipped with a very high resolution (4K) linear camera capable of rapidly scanning the tile surface illuminated by dedicated LEDs

20

CWR 136/2020

and to the local health authorities in Bergamo, the city most affected by the pandemic in Italy, and Sassuolo, to which the company had already donated 2,300 masks from its own stocks. The company will also start selling part of the production directly to private companies. As Smaltochimica holds CPI (no. 40354 MO) and ISO 14001:2015 certifications and has the necessary skills and equipment for processing flammable products, it will be able to produce alcohol-based sanitisers continuous© compliance© with reguly and in lations as requested by government authorities.

Smaltochimica avvia la produzione di gel igienizzanti

Smaltochimica, nota azienda chi-

and reporting any errors found. The scan can be displayed on any screen, even remotely, while a second larger monitor can be added to the system for improved supervision. I-Tech technology allows Intellytile BS to rapidly learn new production settings without having to be reprogrammed each time. The software is capable of dynamically learning the type of graphic design used, identifying the number of possible faces and adapting its algorithms to automatically detect any defects, thereby guaranteeing considerable time savings for operators.

I-Tech lancia Intellytile BS Intellytile BS è il nuovo sistema di visione artificiale appena lanciato da I-Tech per il controllo qualità e il riconoscimento grafico delle grandi lastre ceramiche crude fino ad una dimensione massima di 160x320 cm. L’upgrade di Intellytile consente infatti di rilevare difetti meccanici (buchi, crepe, sbeccature), di stampa e grafici (macchie, gocce o difet-

mica di Spezzano, ha riconvertito parte delle proprie linee per realizzare, già dal mese di maggio, gel igienizzanti a base alcolica utili a fronteggiare la pandemia Covid-19. A fronte della cronica mancanza di questi prodotti a base alcolica, ora quanto mai indispensabili per una corretta igienizzazione di ospedali, abitazioni e luoghi di lavoro, L’azienda guidata da Chiara e Federico Piccinini ha deciso di mettere a disposizione del territorio e della comunità il proprio know how chimico, in una prospettiva non prettamente economica, ma di responsabilità civile e sociale. I primi lotti di produzione di gel igienizzanti saranno donati alla Croce Rossa e alle AUSL di Bergamo e Sassuolo, a cui l’azienda aveva già regalato 2.300 mascherine prelevate dalle proprie scorte. I lotti successivi saranno commercia-

lizzati e rivolti prevalentemente alle imprese. Dotata delle certificazioni CPI (nr. 40354 MO) non in deroga e ISO14001:2015, Smaltochimica dispone delle competenze e delle attrezzature indispensabili alla lavorazione di prodotti infiammabili e potrà produrre igienizzanti a base alcolica in modo continuativo e conforme alle normative, come sollecitato dalle autorità governative.

ti decorativi) su superfici ancora più elevate, senza necessità di un setup continuo ed implementando notevolmente l’efficienza produttiva. Il nuovo modello assegna l’identificazione dei template e dei difetti a reti neurali artificiali ed è quindi un’ottima soluzione per un controllo del prodotto finale rispetto ad un ampio insieme di caratteristiche legate alla geometria, forma, colore, grafica, anche per cadenze di produzione molto elevate. Installato in linea subito dopo la stampante inkjet, è dotato di telecamera lineare con una risoluzione ad altissima precisione (4K) che permette una rapida scansione della superficie della lastra opportunamente illuminata da specifici led, segnalando-

ne gli eventuali errori. La scansione può essere visualizzata su qualsiasi schermo, anche da remoto o anche affiancando al sistema un secondo monitor di dimensioni elevate per permetterne una migliore supervisione. La tecnologia I-Tech consente ad Intellytile BS di apprendere rapidamente le nuove impostazioni di produzione senza la necessità di essere riprogrammato di volta in volta. Il software è infatti in grado di “apprendere” in modo dinamico il tipo di grafica utilizzata, identificando il numero di facce possibili e adattando i suoi algoritmi per rilevare automaticamente gli eventuali difetti, garantendo un notevole risparmio di tempo per gli operatori.


INTE GRA TION HIGH PERFORMANCE THANKS TO PERFECT INTEGRABILITY IN THE LINE. Intermac offers a complete range of products for the storage and handling of sheets of natural, quartz and ceramic materials, offering real solutions for manufacturing needs.

INTERMAC.COM


world news Durst begins mask production

Durst, a manufacturer of advanced digital printing and production technologies, is now producing “community masks” in its demo centre at its headquarters in Brixen, adopting textile printing and processing systems normally used for customer demonstrations. The masks will initially be produced for employees of the group and its sister company Alupress, after which Durst will make its production capacity available to other companies. The know-how for the production of the community masks will be made available through the group’s branches on an opensource basis to interested print service providers worldwide. While Durst explicitly points out that they are not classified as personal protective equipment in accordance with EU Regulation 2016/425 or as medical devices pursuant to Directive 93/42/ EEC, its community masks have a membrane with a high filtration efficiency and very good air permeability. Moreover, with their 3-layer structure, the polyester fleece textile materials are comfortable to wear and washable, and the filter membrane can be disinfected with alcohol and re-

FCRI steps up the pace of R&D Back in full operation in February after implementing all the necessary safety measures for workers, the Foshan-based company FCRI has resumed production of its GF 98 ceramic rollers for firing large slabs of low and high thickness, a product that is in strong demand in the Chinese ceramic market where FCRI is the leading brand. The company is also stepping up the pace of its R&D activity on the new GF99 rollers, likewise designed for kilns used for firing large surfaces, and on the

22

CWR 136/2020

used. Durst has many years of experience with filter systems, which perform an essential printer cleaning function by filtering out microparticles in the ink supply systems and preventing print heads from clogging. The filter membrane selected by Durst Development for the community masks was subjected to a detailed effectiveness test in the Durst laboratories and is now undergoing certification by an independent institute. Christoph Gamper, CEO and co-owner of Durst Group explains that mask production takes place digitally and fully automatically thanks to the Durst software ecosystem. Through the proprietary e-commerce platform, the masks can be customised using a specially programmed editor, after which the workflow software sends the file directly to the printing machine. The printed material is then sent to the cutting system for finishing.

Durst attiva la produzione di mascherine

Durst tra i leader nella produzione di tecnologie e soluzioni di stampa digitale, ha attivato la produzione di “mascherine per la comunità” all’interno del Centro Demo allestito presso la sede centrale di

QF99 series which stand out for their low water absorption and high bending and wear resistance. The Foshan laboratories are also working on a very high pressure isostatic press that will further improve the density and rigidity of the ceramic rollers. To maintain contact with international customers during the period of restricted travel, FCRI has implemented an online consulting and technical support service.

FCRI accelera su R&S Rientrata in piena operatività già in febbraio predisponendo tutte le

Bressanone, utilizzando i sistemi di stampa e lavorazione dei tessuti destinati normalmente ai test con i clienti. Le mascherine saranno inizialmente destinate ai dipendenti del Gruppo e della consociata Alupress. Successivamente, Durst intende mettere la propria capacità produttiva a disposizione anche di aziende terze. Allo stesso modo, il know-how relativo alla fabbricazione delle “mascherine per la comunità” sarà condiviso in open source attraverso le filiali locali con i fornitori di servizi di stampa di tutto il mondo che ne faranno richiesta. Pur non trattandosi di dispositivi di protezione ai sensi della VO (E) 2016/425 o dispositivi medici ai sensi della direttiva 93/42 / CEE, come sottolineato dalla stessa azienda, le mascherine prodotte da Durst sono dotate di una membrana caratterizzata da un’elevata efficienza di filtraggio e da un’ottima permeabilità all’aria. Inoltre, la struttura a 3 strati in pile di poliestere le rende comode da indossare e facilmente lavabili. La membrana filtrante estraibile può essere disinfettata con alcol e riutilizzata. Durst vanta una pluriennale esperienza nello sviluppo di sistemi di filtraggio che svolgono un’indispen-

sabile “funzione di pulizia” nelle stampanti. Tali sistemi vengono utilizzati per bloccare le microparticelle nei sistemi di alimentazione dell’inchiostro, prevenendo l’intasamento delle testine. Sulla base di questo know-how, la membrana filtrante scelta da Durst Development per la messa a punto delle proprie mascherine è stata sottoposta a rigorosi test di efficacia nei laboratori interni e ora in fase di certificazione presso un istituto indipendente. Come spiega Christoph Gamper, CEO e comproprietario di Durst Group, la produzione delle mascherine è interamente digitalizzata e automatizzata, grazie all’ecosistema di software Durst. Attraverso la piattaforma e-commerce proprietaria, con un editor appositamente programmato, le mascherine possono essere personalizzate e, una volta definito il progetto, il software di workflow invia direttamente il file alla stampante e successivamente al sistema di taglio per la finitura.

misure di sicurezza per i lavoratori, la FCRI di Foshan ha ripreso la produzione dei suoi rulli ceramici GF 98 per la cottura di grandi lastre a basso e alto spessore, particolarmente richiesti sul mercato ceramico cinese dove FCRI è il brand di riferimento. L’azienda sta anche accelerando l’attività di R&S sui nuovi rulli GF99, anch’essi progettati per i forni dedicati alle grandi superfici, e sulla serie QF99, caratterizzati da basso assorbimento d’acqua ed elevata resistenza alla flessione e all’usura. Nei laboratori di Foshan si sta anche studiando una pressa

isostatica ad altissima pressione che permetterà di migliorare ulteriormente la densità e la rigidità dei rulli ceramici prodotti. Per mantenere il contatto con la clientela internazionale nel periodo di interruzione di viaggi e trasferte, FCRI ha implementato il servizio di consulenza e assistenza tecnica online.


Phase 2, now it’s back to work! Fase 2, si riparte! Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

Following lockdowns of various durations the world over, the ceramic industry is gradually getting back to work in a patchwork fashion. Just as the pandemic has affected the various regions of the planet at different times and to varying degrees of severity, so too the restarting of production activities is taking place with different timescales and mechanisms. While China was able to reopen most of its factories in early April and the Spanish ceramic district of Castellón shuttered production for a mere two weeks (until 10 April), the Italian ceramic industry had to wait until 27 April to reopen, a full 5 weeks of lost production and two weeks entirely without shipments. As of May, manufacturing activities are still at a standstill in a number of major ceramic producer countries, including India, Indonesia, Philippines, Vietnam, Argentina, Iran, Mexico as well as the majority of those in Brazil. Russia has also seen a long shutdown, while other countries such as the United States, Turkey, Poland, the UAE and Saudi Arabia have never stopped production entirely but simply scaled back output in step with the decline in orders. The suppliers of technologies, raw materials and glazes, ceramic producers and the downstream distribution system have already paid a high price in the first months of the year in all the world’s main ceramic manufacturing districts. Between March and April, the Italian tile industry is estimated to have lost several hundred million euros out of a total annual turnover of 5.4 billion euros. After getting off to a good start to 2020, by the end of April some companies were already reporting declines in turnover of around 20% but hoping to be able to return rapidly to normal sales levels and limit revenue losses by the end of the year. “The pandemic has developed in different ways and with different timescales from one country to another,” explains Giovanni Savorani, Chairman of Confindustria Ceramica. “China, the Gulf states and Italy - the first Giovanni Savorani

24

CWR 136/2020

Dopo lockdown più o meno lunghi praticamente in ogni parte del globo, l’industria ceramica riparte, gradualmente e ancora a macchia di leopardo. La pandemia che ha colpito le varie aree del mondo in maniera diversa e asincrona, fa sì che anche il ritorno alle attività produttive stia avvenendo con tempi e modalità diverse. Così, se la Cina ha potuto riavviare la maggior parte delle fabbriche all’inizio di aprile, nel distretto spagnolo di Castellon i forni sono stati spenti solo due settimane (fino al 10 aprile), mentre in Italia si è dovuto attendere fino al 27 aprile dopo ben 5 settimane di blocco della produzione e due di interruzione delle spedizioni. Tra i più importanti Paesi produttori di ceramica, in maggio risultano ancora ferme le attività in India, Indonesia, Filippine, Vietnam, Argentina, Iran, Messico e buona parte di quelle in Brasile. Lungo il lockdown anche in Russia, mentre in altri Paesi - ad esempio Stati Uniti, Turchia, Polonia, Emirati Arabia o Arabia Saudita - l’attività produttiva non

si è interrotta completamente, sebbene sia stata ridotta per allinearsi al calo degli ordini. Per fornitori di tecnologie, materie prime e smalti, produttori di ceramica, fino alla distribuzione a valle, il costo pagato già in questi primi mesi è stato pesante in tutti i principali distretti mondiali. Tra marzo e aprile, l’industria italiana delle piastrelle stima di aver perso alcune centinaia di milioni di euro, su un giro d’affari annuale di 5,4 miliardi. Nonostante il 2020 fosse partito bene, a fine aprile alcune imprese dichiaravano già un calo di fatturato intorno al 20%, auspicando di poter recuperare a breve normali livelli di vendita per limitare la contrazione dei ricavi a fine anno. “La pandemia si è sviluppata in modo e con tempi diversi da Paese a Paese”, spiega Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria Ceramica. “Cina, Paesi del Golfo e Italia - i primi ad affrontare il Covid-19 - hanno registrato pesanti flessioni nei livelli di attività, mentre Paesi come Germania e Stati Uniti hanno continuato, nel primo trimestre, a registrare una crescita nel consumo interno. Il secondo trimestre ci consegnerà una situazione ancora diversa sui va-


economics

countries to be affected by Covid-19 - took a big hit to their business activities, while countries such as Germany and the United States continued to record growth in domestic consumption in the first quarter. The situation can be expected to play out differently across the various markets in the second quarter, so it’s simply not possible to make forecasts.” Savorani believes that “the greatest difficulty encountered during the current period is the fact that it is impossible for sales teams to visit customers on-site. As a result, commercial activities are being replaced by digital interactions, which is the best that can be done in the current situation, but we are very much hoping that people will be able to travel again in Italy and abroad as soon as possible.” The sector’s recovery will not only be determined by companies’ ability to react, but will also be dependent on the resumption of the construction industry in Europe and a new attitude on the part of consumers towards more sustainable and hygienic materials. “Only a major European plan for building renovation and architecture will be able to unlock the market, particularly the Italian market which has been stagnating for too many years, while at the same time improving the overall quality of housing,” says Savorani. “In this respect, ceram-

ri mercati, per la quale non è possibile fare previsioni”. Per Savorani, “la difficoltà maggiore in questo periodo è l’impossibilità, da parte della forza vendita, di far visita ai clienti presso le loro sedi: oggi le iniziative commerciali sono sostituite da relazioni digitali, il massimo che si possa fare in questo periodo, ma speriamo vivamente che quanto prima venga ripristinata la circolazione delle persone in Italia e all’estero”. Sulla ripresa del comparto potrà giocare, oltre alla capacità di reazione delle imprese, anche il rilancio dell’edilizia in Europa e un nuovo approccio dei consumatori verso materiali più sostenibili e igienici.

“Solo un grande piano europeo sulla riqualificazione degli spazi edilizi dell’abitare e dell’architettura sarà in grado di sbloccare il mercato, a partire da quello italiano in crisi da troppi anni, innalzando al contempo la qualità abitativa generale” - afferma Savorani. “In questo, la ceramica ha straordinarie potenzialità da mettere sul tavolo, nel senso che la salubrità e l’igienicità del prodotto - che non hanno pari tra i materiali da rivestimento - può spingere verso un rafforzamento della qualità indoor sia in ambito residenziale che anche nelle altre destinazioni d’uso. Dobbiamo continuare a comunicare al meglio queste positive peculiarità, come abbiamo iniziato a fare già lo scorso an-

CWR 136/2020

25


ic has extraordinary potential. It offers levels of healthiness and hygiene that are simply unmatched by any other surface covering material, bringing improvements in indoor quality in both residential and other sectors. We must continue our efforts to communicate these positive characteristics, as we began doing last year with the information campaign entitled ‘The values of ceramics’.” One of the biggest concerns of many Italian entrepreneurs is that the long production stoppage has given their foreign competitors an advantage. This applies in particular to the Spanish producers, who have experienced fewer limitations and have been able to respond more rapidly to demand from customers in the markets that remained open. But although Spain continued to ship products, in reality it too had to contend with the fall in demand both in the domestic market (where retail outlets larger than 400 square metres were not allowed to reopen to the public until mid-May) and abroad. According to the Spanish tile manufacturers’ association Ascer, in April the industry suffered a 160 million euro loss of revenue, a decline of 45% compared to April 2019. The fall in orders was even greater at 50%. For a sector that in 2019 recorded a turnover of 3,740 million euros, the impact, albeit significant, may be less severe than that experienced by the Italian tile industry. Some large Spanish groups posted much better results in

26

CWR 136/2020

no con la campagna di informazione ‘I valori della ceramica’ “. Una forte preoccupazione di molti imprenditori italiani è legata al fatto che il loro fermo produttivo così prolungato abbia favorito i concorrenti stranieri - spagnoli innanzitutto che hanno subito meno limitazioni riuscendo a rispondere più tempestivamente alla domanda della clientela nei mercati rimasti aperti. In realtà, anche la Spagna, pur non interrompendo mai le proprie spedizioni, ha fatto i conti con la contrazione della domanda sia sul mercato interno (le rivendite su superfici oltre i 400 mq hanno potuto riaprire al pubblico solo verso metà maggio) che all’estero. Secondo Ascer, l’associazione nazionale dei produttori spagnoli di piastrelle, nel mese di

aprile si sono persi 160 milioni di euro di ricavi, con un calo del 45% su aprile 2019. Più alta, al 50%, la flessione degli ordini. Per un settore che nel 2019 ha fatturato 3.740 milioni di Euro, il contraccolpo, pur forte, potrebbe risultare più contenuto rispetto a quello subito dall’industria italiana. Per alcuni grandi gruppi spagnoli, i risultati di aprile sono stati migliori delle ben più negative previsioni fatte all’inizio della crisi. Tra questi Grupo Pamesa. Secondo il direttore generale José Manuel Llaneza, pur a fronte di un calo degli ordini del 40% e delle maggiori difficoltà sul mercato interno, il gruppo ha continuato a spedire materiale soprattutto in Germania, Stati Uniti e Golfo Persico e confida che già in maggio le vendite possano risalire all’80-90% di quelle di un mese “normale”. Soddisfatta anche Porcelanosa


economics April than the forecasts made at the beginning of the crisis. One example is Grupo Pamesa. According to CEO José Manuel Llaneza, despite a 40% decline in orders and greater difficulties in the domestic market, the group continued to ship products - mainly to Germany, the United States and the Persian Gulf - and is confident that by May sales may return to 8090% of those of a “normal” month. Porcelanosa also reported satisfactory results and continued to receive good volumes of orders from countries less affected by the epidemic, including markets such as Germany, Denmark, the Netherlands and Canada which have already returned to almost normal levels, unlike sales in Italy, Spain, the United Kingdom and to a lesser extent France which are still well down. By contrast, the US producers are expecting to see sales remain at low levels for a few more months. “We came into the year with a strong economy, low unemployment and interest rates, but once Covid-19 cases started surging in the middle of March everything changed very fast,” said Gianni Mattioli, president of Tile Council of North America. “There were already signs of weakness for flooring material in general, including ceramic tile, with imports down 15% in Q1, with domestic production faring better than that, but Gianni Mattioli still negative,” he said. “With all the policies to contain the spread of Covid-19 since the end of Q1, it’s easy to expect a much more significant drop in sales especially during Q2 and Q3. All of this although most states declared construction activity as an essential business, which allowed manufacturers to continue production, albeit at a slower pace in general. Allowing construction to continue has been crucial for new home and commercial activity, softening the impact on sales. Remodelling has been hit the worst. We are facing two very difficult quarters for our industry (like most industries), while it’s possible (Covid-19 allowing) that Q4 will show some sign of recovery.”

❱ The impact on the plant manufacturers In such an unprecedented situation, however, there remains a degree of uncertainty as to when ceramic industries in different countries around the world will be able to recover and the entire supply chain will be able to get up and running again. “The market will recover in stages, and as plant and equipment suppliers we are well aware that we will have to wait patiently for our international customers’ investment projects to start up again,” says Paolo Sassi, Chairman of the Italian Ceramic Machinery Manufacturers’ Asso- Paolo Sassi ciation Acimac. “Following a downward trend for our sector in 2019, this new crisis rules out the possibility of a short-term recovery,” continues Sassi, “but we can still count on several competitive factors that will help us overcome even such a challenging situation. First of all, our longstanding global presence allows us to quickly grasp

che ha continuato a ricevere buoni volumi di ordini dai Paesi meno colpiti dall’epidemia, con mercati come Germania, Danimarca, Olanda e Canada che sono già tornati quasi ai livelli abituali, mentre in forte calo restano ancora le vendite in Italia, Spagna, Regno Unito e, in misura minore, in Francia. Chi si aspetta invece un peggioramento delle vendite ancora per qualche mese sono i produttori statunitensi. “Siamo entrati nel 2020 con un’economia forte, disoccupazione ai minimi e bassi tassi di interesse, ma con l’esplosione dell’emergenza sanitaria a metà marzo le cose sono cambiate molto rapidamente” - dice Gianni Mattioli, presidente di Tile Council of North America, che spiega: “C’erano già segni di debolezza per i materiali da pavimentazione, incluse le piastrelle, con le importazioni calate del 15% nel primo trimestre e la produzione nazionale in contrazione, anche se non a quei livelli. Con tutte le misure di contenimento del contagio introdotte a fine marzo, è quindi facile aspettarsi una ben più significativa contrazione delle vendite nel secondo e nel terzo trimestre dell’anno. Questo nonostante l’edilizia sia stata inserita tra le attività essenziali nella maggior parte degli Stati USA, consentendo

alle aziende ceramiche di continuare a produrre, sebbene riducendo i volumi. Mantenere attive le costruzioni è stato vitale per l’attività legata alla nuova edilizia residenziale e commerciale, che ha attutito l’impatto negativo sulle nostre vendite, mentre più colpito è stato tutto il segmento delle ristrutturazioni. I prossimi due trimestri saranno quindi molto duri per la nostra industria, mentre è possibile (Covid-19 permettendo) che il quarto trimestre dell’anno mostri segni di ripresa”. ❱ L’impatto sui costruttori di impianti In una situazione così inedita resta comunque l’incertezza sui tempi di reale recupero delle industrie ceramiche nei vari Paesi del mondo che potrà rimettere in moto anche tutta la catena delle forniture. “Il mercato si riattiverà per gradi e noi fornitori di impianti e attrezzature sappiamo che dovremo avere più pazienza prima che ripartano i progetti di investimento dei nostri clienti internazionali”, afferma Paolo Sassi, Presidente di Acimac, l’associazione dei costruttori italiani di macchine per ceramica. “Dopo un 2019 già in contrazione per il nostro comparto, questa nuova crisi esclude la possibilità di un’inversione di tendenza nel breve periodo - prosegue Sassi -, ma possiamo comunque contare su diversi fattori di competitività che ci aiuteranno a gestire e superare anche una situazione così complessa. Innanzitutto, la nostra storica presenza globale ci consente oggi di cogliere rapidamente le opportunità laddove si creano man mano che si riavviano le produzioni ceramiche nei vari mercati. Gli sforzi fatti in questi anni per internazionalizzare le nostre imprese aprendo magazzini ricambi e filiali commerciali e di assistenza tecnica nei mer-

CWR 136/2020

27


economics cati più importanti assume in questo momento una valenza ancora più strategica, date le maggiori difficoltà alla mobilità del nostro personale italiano. I montaggi effettuati in questi mesi sono stati tutti condotti da personale locale. Anzi, ritengo che proprio questa emergenza tenderà a indurre le nostre aziende - non solo i gruppi più grandi già fortemente internazionalizzati, ma anche le aziende medie - a rafforzare ulteriormente i propri presidi all’estero per garantire la vicinanza alla clientela potenziando servizi e after sale. C’è poi un altro elemento che si è rivelato assolutamente fondamentale per accorciare le distanze anche con i clienti più lontani, ed è l’automazione spinta, in chiave 4.0, su cui abbiamo investito tanto negli ultimi anni di ricerca e innovazione tecnologica ❱ The fears of the glaze and colour producers dei nostri impianti. La diThe other ceramic industry supplier sector imgitalizzaziopacted by the sharp fall in demand is the glaze ne delle faband colour industry. In Spain, the national briche stava trade association Anffecc reported that sales già facendo in April fell by 40% compared to the same il suo ingresmonth in 2019, including a 49% drop in the doso anche nel mestic market and a 37% decline in exports. settore ce“The output of the Spanish glaze and colour ramico, ma, producers already stands at around 60-70% come semof their total capacity,” said Joaquín Font de pre accade, Mora (Chairman of Anffecc), “but the decline questa criin turnover in May could prove even more se- Joaquín Font de Mora si è stata un vere if demand fails to pick up rapidly in both acceleratothe Spanish and foreign markets, where counre del cambiamento e lo sarà tries such as Italy, India, Algeria and Morocco are still facing sempre più in futuro. In questi major problems.” mesi non solo abbiamo forThe contraction in revenues reported in April by the Italian nito costante teleassistenza glaze and colour producers is more or less of the same order ai tecnici sulle linee di produof magnitude, confirms Claudio Casolari, Chairman of Federzione in quachimica-Ceramicolor. “On 18 May, we expandlunque parte ed the association’s board of directors and indel mondo, vited our Spanish colleagues to discuss the ma abbiamo situation in our sectors,” he tells us. “In comsuperato anplex situations such as this, we believe that diche la nuova alogue is essential for tackling and resolving frontiera delshared problems. le installaOne thing we are particularly concerned about zioni da reis the risk that our customers’ difficulties are moto e degli unjustifiably passed on to suppliers, who are avviamenti certainly not the strongest link in the supply virtuali, colchain.” 5 Claudio Casolari opportunities wherever they arise as ceramic production resumes in the various markets. The efforts we have made in recent years to internationalise our companies by opening parts warehouses and sales and technical support branches in key markets are now more important than ever given the greater mobility difficulties faced by our Italian personnel. Installations carried out in recent months were all done by local staff. If anything, I believe that this emergency will encourage our companies - not just the largest and already highly internationalised groups but also medium-sized companies to further strengthen their overseas presence in order to ensure proximity to customers through enhanced services and after-sales support. “Industry 4.0 automation is another factor that has proved crucial for keeping in touch with even the most distant customers, and an area in which we have invested enormously in recent years in terms of research and technological innovation of our plants. Factory digitalisation was already gaining a foothold in the ceramics sector, but - as always happens - the crisis has accelerated the pace of change and will continue to do so in the future. In recent months we have not only provided constant tele-support to technicians on production lines all over the world, we have also crossed the new frontier of remote installations and virtual start-ups, remote plant testing and complete automated lines, all of which have been completely successful.”

28

CWR 136/2020

laudi a distanza di impianti e linee complete automatizzate, tutti perfettamente riusciti”. ❱ I timori dei colorifici L’altro settore della fornitura all’industria ceramica colpito dal brusco calo di domanda è quello dei colorifici. In Spagna, Anffecc, l’associazione nazionale di categoria, ha comunicato che le vendite nel mese di aprile sono calate del 40% rispetto allo stesso mese del 2019, segnando un -49% sul mercato interno e un -37% per l’export. “La produzione dei colorifici spagnoli è già intorno al 60-70% della capacità complessiva”, ha dichiarato Joaquín Font de Mora (Presidente Anffecc), “ma la flessione del fatturato in maggio potrebbe essere ancora più marcata se non si riattiva rapidamente la domanda sia sul mercato spagnolo che su quelli esteri, dove Paesi come Italia, India, Algeria e Marocco presentano ancora grandi criticità”. Più o meno dello stesso ordine di grandezza è la flessione dei ricavi registrata in aprile anche dai colorifici italiani, come conferma Claudio Casolari, Presidente di Federchimica-Ceramicolor. “Il 18 maggio - ci dice abbiamo allargato il consiglio direttivo dell’associazione invitando i nostri colleghi spagnoli per confrontarci e condividere la situazione dei nostri comparti. In situazioni complesse come questa riteniamo che il dialogo sia fondamentale per affrontare e superare problematiche comuni. Una di queste, fonte di grande preoccupazione, è il rischio che le difficoltà dei nostri clienti vengano trasferite ingiustificatamente ai fornitori, che non rappresentano certo gli anelli forti della catena produttiva della filiera”. ✕


s

Mohawk: flexibility in unprecedented times Mohawk: flessibilità in una situazione senza precedenti Paola Giacomini - p.giacomini@tiledizioni.it

With net sales dropping 6.4% to $2.3 billion (-3.5% on a constant currency and days basis) and net earnings down from $122 million to $111 million, the Q1 2020 results of Calhoun, Georgia-based floor coverings business Mohawk Industries, announced on 4 May by Chairman and CEO Jeffrey S. Lorberbaum, clearly reveal the impact of the COVID-19 panJeff Lorberbaum demic. “The world changed during the first quarter, and we are now managing through an unprecedented situation,” said Lorberbaum. “Until the COVID-19 outbreak, our results for the quarter were in line with our plan, as we benefited from the initiatives we implemented in 2019. As we progressed through the period, government actions to reduce 4% 12%

25%

2019 Sales by Geography

59%

United States Europe Russia Other

25%

36%

2019 Sales by Segment

39%

Flooring North America Global Ceramic Flooring Rest of World

CWR 136/2020 30 ESSENTIAL NEW MARKETS

Ricavi da vendite a 2,3 miliardi di dollari, in calo del 6,4% (o -3,5% a cambi costanti) e utile netto sceso da 122 a 111 milioni di dollari. Gli effetti della pandemia da COVID-19 si sono fatti sentire sui risultati del primo trimestre 2020 di Mohawk Industries, presentati il 4 maggio da Jeffrey S. Lorberbaum, Presidente e CEO della multinazionale di Calhoun (Georgia). “Il mondo è cambiato in questo primo trimestre e ora stiamo gestendo una situazione senza precedenti”, ha esordito Lorberbaum. “Fino allo scoppio dell’epidemia di COVID-19, i risultati erano in linea con il nostro programma, favoriti dalle iniziative implementate nel 2019. Tuttavia, nel corso del periodo, le azioni dei governi per ridurre la diffusione del virus hanno avuto un impatto su tutti i nostri mercati, con la chiusura di alcune attività produttive e del commercio al dettaglio. In tutti i nostri mercati la domanda è diminuita drasticamente, con gli effetti più negativi nel segmento della ristrutturazione residenziale. Risultati migliori si sono avuti

per i prodotti rivolti al segmento DIY, dato che alcune persone hanno approfittato dell’isolamento a casa per svolgere qualche lavoro di manutenzione”. Il leader mondiale del flooring con una forte presenza in tutte le tipologie di superfici, produzioni in 18 Paesi e vendite (10 miliardi di dollari nel 2019) in oltre 170 - ha fatto leva sulla capacità di adattarsi anche alle condizioni più fluide, “una lezione imparata negli anni, dall’11 settembre all’ultima recessione”, sottolinea Lorberbaum. Per affrontare la nuova crisi globale, la multinazionale statunitense ha creato team di lavoro su tre livelli - corporate, di segmento e per singola azienda chiamati a gestire le attività regolando via via le strategie al mutare della situazione. L’operatività è garantita grazie all’ampio ricorso allo smart working per tutelare la sicurezza dei dipendenti. La produzione è stata ridotta significativamente non appena si è registrato il calo della domanda, e tuttora i programmi di produzione vengono rivisti ogni settimana per allinearsi all’evoluzione del mercato. Le spedizioni dei materiali a magazzino sono proseguite anche nei Paesi in cui le autorità hanno imposto il fermo delle attività produttive. Grande attenzione poi ai costi: per il personale inattivo, utilizzando gli ammortizzatori socia-


economics

Canada

Ceramic Carpet Rugs Distribution

S

Canada

Ceramic Carpet Rugs Distribution

Europe

Europe

Ceramic Ceramic LVT / Sheet Vinyl LVT / Sheet Vinyl Laminate Laminate Carpet Tile Carpet Tile

U.S.

Russia

Ceramic Laminate Sheet Vinyl

Russia

Ceramic Laminate Sheet Vinyl

U.S.

Ceramic Ceramic Carpet and Rugs Carpet and Rugs LVT / Sheet Vinyl LVT / Sheet Vinyl Laminate Laminate Countertops Countertops

Malaysia Wood

Mexico Ceramic

Malaysia Wood

Mexico

Ceramic

Brazil

Ceramic Laminate (JV)

Brazil

Ceramic Laminate (JV)

India

Wood/ Laminate (JV) Distribution

India

Wood/ Laminate (JV) Distribution

Australia

Australia

Carpet Carpet Hard Surface Dist.Hard Surface Dist.

New Zealand New Zealand

64472 Cover C1.indd 2

OUR BRANDS

OUR BRANDS

Carpet Carpet Hard Surface Dist.Hard Surface Dist.

Commercial Commercial

64472 Cover C1.indd 2

the spread of the virus impacted all our markets, with some shutting down retail and manufacturing operations. Across all of our markets, demand has dropped dramatically, with residential remodeling being impacted the most up to this point and DIY products performing best, as some people started projects while staying home.”

As the world’s leading flooring company with a strong presence in all product categories, manufacturing in 18 countries and sales ($10 billion in 2019) in more than 170 nations, Mohawk has leveraged its flexibility to adapt to the fluid conditions. “We are applying the lessons we learned from 9/11 and

li e le risorse messe in campo dai governi laddove disponibili, oppure assorbendo i costi del lavoro dove è stato richiesto; per tutte le altre spese e gli investimenti, riducendo quelle non essenziali alla gestione dell’attività. Piccola (ma insufficiente) nota positiva, i minori costi di materie prime ed energia.

❱ La divisione Global Ceramic Nel primo trimestre dell’anno la divisione Global Ceramic (Daltile, American Olean, Eliane, Marazzi, Emilgroup, Ragno, Kerama Marazzi, Kai) ha subito un calo di vendite analogo a quello complessivo del gruppo, -6% (o -2% a cambi costanti) rispetto al primo trimestre 2019. Il margine operativo è sceso al

CWR 136/2020

31


economics the last recession to guide us through these times,” explained Lorberbaum. In response to the new global crisis, the multinational has established corporate, segment and business teams to manage its actions as conditions change. Its operations are guaranteed by increasing home working and other employee safety measures. As demand dropped, it significantly reduced production and continues to make weekly adjustments to adapt to the changing environment. And even where mandatory shutdowns were initiated, the group has continued to ship product from inventory. It is lowering its costs by implementing layoffs and furloughs, using government assistance where available and absorbing labour costs where mandated to do so. Other expenses and investments are being limited to what is essential to run the business. It has benefited to some extent from lower raw material and energy costs, although other headwinds are considerably greater. ❱ The Global Ceramic Segment In the first quarter of 2020, the Global Ceramic Segment (Daltile, American Olean, Eliane, Marazzi, Emilgroup, Ragno, Kerama Marazzi and Kai) saw a similar year-on-year decline in sales to that of the group as a whole (6% as reported and 2% on a constant currency and days basis). The segment’s operating margin was 6% as reported, declining year over year primarily due to lower volume, unfavourable price and mix and unplanned shutdown costs due to COVID-19. Each of the regions where Mohawk Industries’ ceramic production activities operate was affected by the virus at different points in the period, with Italy at the forefront. “In each region, we are lowering our production with demand, reducing our cost structure and adapting to different government programs in each country,” said Lorberbaum. “Our U.S. ceramic business has a higher percentage of new residential and commercial sales, so demand has declined more slowly as those projects are still being completed. Through February, U.S. ceramic imports were 18% lower than the prior year, and average import pricing rose 5%. Our click ceramic production (Revo-Tile from Daltile, Editor) continues to ramp up as we begin introducing new collections into different channels. We are increasing our higher value quartz countertops as our productivity and cost continue to improve. In Mexico, our first quarter sales were slightly better than last year, with our mix declining due to increased competition, higher inflation and investments to expand commercial distribution. Though the Mexican government shut down manufacturing in April, we continued to ship from inventory. In Brazil, our results were good, even though the virus negatively impacted the end of the period. Our European ceramic business was on plan unMarazzi @Cersaie 2019 til the outbreak stopped produc-

32

CWR 136/2020

6%, principalmente a causa della contrazione di volumi e prezzi, e dei costi di arresto produttivo non pianificati dovuti al COVID-19. Sebbene in momenti diversi, tutti i Paesi in cui sono presenti le produzioni ceramiche di Mohawk Industries sono stati colpiti dalla crisi sanitaria, a partire dall’Italia. “In ogni regione, stiamo allineando la produzione ai nuovi livelli di domanda, riducendo la struttura dei costi e adattandoci ai diversi programmi fissati dai singoli Governi”, ha affermato Lorberbaum. “Negli Stati Uniti la domanda è diminuita più lentamente poiché la quota maggiore delle nostre vendite di ceramica riguarda i segmenti della nuova edilizia residenziale e commerciale, quindi rivolta a progetti ancora in fase di completamento. Fra l’altro, fino a febbraio, le importazioni di ceramica negli Stati Uniti erano diminuite del 18% rispetto all’anno precedente e con prezzi medi cresciuti del 5%. Qui sta continuando a crescere la nostra produzione di piastrelle con posa a click (ndr. Revo-Tile di Daltile), così come quella dei top in quarzo di alta gamma. In Messico, le vendite del primo trimestre sono state leggermente migliori rispetto all’anno

precedente, sebbene sui risultati abbiano inciso l’aumento della concorrenza e dell’inflazione e gli investimenti per estendere la distribuzione. Nel mese di aprile il governo messicano ha fermato l’attività produttiva ma sono proseguite le spedizioni dei prodotti a magazzino. In Brasile i nostri risultati sono stati buoni, sebbene la diffusione dell’epidemia abbia impattato negativamente sulla fine del trimestre. In Europa l’attività è proseguita in linea con le previsioni fino a quando lo scoppio dell’epidemia ha imposto il fermo produttivo pur mantenendo operative le spedizioni. In Russia i volumi di vendita sono cresciuti oltre le previsioni poiché la clientela ha preferito incrementare i propri magazzini anticipando l’aumento dell’inflazione. Gran parte del Paese è ancora in lockdown, con molti negozi e cantieri chiusi”. ❱ L’andamento delle altre divisioni Scenario analogo anche per le altre due divisioni di Mohawk Industries - Flooring North America e Flooring “Rest of the World” - attive nella produzione di materiali non ceramici (tappeti, moquette, vinilici e LVT, laminato, legno). Nel primo trimestre dell’anno, i ricavi del segmento Flooring North America sono diminuiti dell’8%, penalizzati anche dal fatto che la quota maggiore di vendite (soprattutto nel comparto tappeti) si rivolge al mercato del rinnovo e un gran numero di rivenditori ha dovuto chiudere i punti vendita. Migliori risultati, invece, nel segmento dei progetti di edilizia pubblica e privata che hanno proseguito l’attività. In controtendenza l’andamento dei materiali vinilici, in primo luogo l’LVT, la cui produzione giornaliera è aumentata, così come il numero di collezioni premium. In calo del 5% le vendite del trimestre di Flooring “Rest of the


The Best “Squaring” Performance


economics

Inauguration of Eliane plant III on 12 February 2020 ~ L’inaugurazione della Unit III di Eliane il 12/2/2020

tion, and shipments to customers have continued. In our Russian business, our volume was stronger than expected due to customers increasing their inventory levels, anticipating higher inflation. Much of Russia is now locked down, with many stores and construction sites closed.” ❱ The situation in other segments The scenario is similar in Mohawk Industries’ other two segments - Flooring North America and Flooring Rest of the World - which produce non-ceramic materials (rugs, carpets, sheet vinyl and LVT, laminate and wood). During the first quarter of the year, the Flooring North America Segment’s sales decreased 8% as reported, partly due to the fact that the segment has a higher percentage of sales from remodelling (especially in the carpet sector) and a large number of retailers are not operating. Carpet sales performed best in the builder, multi-family, education and government sectors as projects underway have continued. LVT and sheet vinyl performed the best in the segment. LVT operations have improved with higher daily output and an increase in number of premium collections. For the quarter, the Flooring Rest of the World Segment’s sales decreased 5% as reported (operations in Brazil, Europe, Russia, Malaysia, India, Australia and New Zealand). Even outside the US market, LVT outperformed and took market share from other product categories. The sheet vinyl business also grew due to exports outside the region and higher sales in Russia, where the new plant is operating well. In general, market conditions deteriorated towards the end of the quarter as the health crisis worsened in many countries and lockdown measures were introduced. ❱ Difficult to make forecasts “As we enter May, the coronavirus is dramatically disrupt-

34

CWR 136/2020

World” (unità produttive in Brasile, Europa, Russia, Malesia, India, Australia e Nuova Zelanda). Anche al di fuori del mercato statunitense, l’LVT ha sovraperformato, riuscendo ad erodere quote di mercato ad altre categorie di prodotto. Bene anche gli altri materiali vinilici, grazie alle maggiori esportazioni e all’aumento delle vendite in Russia dove è operativo il nuovo stabilimento. In generale, le condizioni di mercato sono andate deteriorandosi sul finire del trimestre, con il peggioramento della crisi sanitaria in molti Paesi e le conseguenti misure di lockdown. ❱ Previsioni difficili “Stiamo entrando nel mese di maggio e il coronavirus sta sconvolgendo drammaticamente le economie di tutto il mondo” - ha dichiarato Lorberbaum, ricordando come alcuni Paesi stiano cominciando ad allentare le misure restrittive, mentre altri le stiano rafforzando. “In questo momento, tutti i nostri stabilimenti in tutto il mondo sono in funzione tranne quelli in Messico e un piccolo impianto in Pennsylvania”,

prosegue il Presidente. “La nostra massima attenzione è rivolta alla conservazione della liquidità e a regolare la produzione alleggerendo i magazzini. Non è possibile prevedere ora quali saranno le decisioni dei governi in merito alla riapertura del commercio, né quale sarà poi la risposta dei consumatori. Alcune imprese edili hanno rinviato i loro progetti sia nella ristrutturazione che nella nuova costruzione in attesa di effettivi segnali di ripresa. Alla fine di aprile, con la maggioranza della popolazione mondiale ancora chiusa in casa, le nostre vendite si erano contratte di circa il 35% rispetto all’anno precedente e non possiamo prevedere il ritmo della ripresa”. Se quindi una perdita nel secondo trimestre è da mettere in conto, Lorberbaum ricorda come il Gruppo “possa contare su un bilancio forte e su una liquidità di 1,3 miliardi di dollari per affrontare questa crisi e rafforzare la nostra posizione quando lo scenario economico migliorerà. Col tempo, le economie torneranno alla normalità e restiamo ottimisti sul futuro a lungo termine della nostra attività”.


Cretaprint

Choose Hybrid

Hybrid Ceramic Ecosystem

HYBRID PRINTERS AND DIGITAL APPLICATIONS

WATER FRIENDLY INKS AND GLAZES

FIERY COLOR MANAGEMENT

Tel: + 34 964 340 264 · cretaprintsales@efi.com

CUSTOMER CARE SERVICE PROGRAMS


economics ing the economies around the world,” said Lorberbaum, noting that some countries are beginning to ease restrictions while others are extending them. “Presently, all our plants around the world are in operation except those in Mexico and a small plant in Pennsylvania,” he continued. “We are focused on conserving cash, adjusting production, reducing inventory and preserving our operational capabilities. The rate at which governments will open commerce and the subsequent consumer response cannot be determined. Some businesses have postponed investments in both remodeling and new construction until a recovery becomes more apparent. At the end of April, with most people sheltering in place across the world, our sales rate is about 35% below the prior year, and we cannot predict the pace at which it will recover.” So although the group is anticipating an operating loss in the second quarter, Lorberbaum notes that its “balance sheet is strong with substantial liquidity of $1.3 billion to manage through this crisis. Our business model remains solid with strong local teams in each market taking the necessary actions to manage the downturn. The economies will return to normal over time, and we are optimistic about the long-term future of our business.” ❱ 2019 results In 2019, Mohawk Industries posted net sales of $9,970.7 million (0.1% down on the $9,983.6 million of 2018). The decrease was primarily attributable to the unfavourable net impact from foreign exchange rates offset by a higher sales volume. Margins were tighter: gross profit fell from 28.4% to 26.8% of net sales ($2,676.0 million, -5.7%), operating income dropped to $827.2 million (compared to $1,095.3 million in 2018) and net earnings totalled $744 million. During the year, the group invested approximately $545.5 million in capital projects. The Global Ceramic Segment posted overall growth. Net sales increased by 2.2% to $3,631.1 million, 36% of the group total, compared to the 39% of the Flooring North America Segment ($3,843.7 million, -4%) and the 25% of the Flooring Rest of the World Segment ($2,495.8 million, +3.9%). While the U.S. ceramic business remained under pressure from LVT (to which it responded by rolling out new products such as the new click tile), in Mexico the group continued to gain market share by expanding its porcelain products and larger sizes. Despite the lacklustre market scenario, business also grew both in Europe and in Russia, where the group is starting up additional porcelain production to make super large sizes, while the new plant to produce coordinated premium sanitaryware was inaugurated in Orel on 27 January 2020. Sales likewise increased in Brazil, where work on Eliane’s new Unit III in Cocal do Sul was completed. Inaugurated on 12 February this year, coinciding with the company’s 60th anniversary, the new Industry 4.0 factory is equipped with cutting-edge technology and automation and will produce porcelain tiles in sizes up to 120x120 cm. In 2019 Eliane invested R$130 million, equivalent to about US $22.5 million. 5

“Pro Nordic” by Kerama Marazzi

36

CWR 136/2020

❱ Come si era chiuso il 2019 Moawhak Industries aveva chiuso l’esercizio 2019 con vendite pari a 9.970,7 milioni di dollari, (-0,1% rispetto ai 9.983,6 milioni di dollari del 2018), risultato su cui hanno pesato per lo più i tassi di cambio sfavorevoli compensati dai maggiori volumi di vendita. Più contratti i margini: l’utile lordo è sceso dal 28,4% al 26,8% del fatturato netto (2.676,0 milioni di dollari, -5,7%), il risultato operativo si è fermato a 827,2 milioni di dollari (contro i 1.095,3 milioni di dollari del 2018) e l’utile netto a 744 milioni di dollari. Nel corso dell’anno il gruppo ha realizzato investimenti in beni capitali per circa 545,5 milioni di dollari. In crescita la divisione Global Ceramic. Le vendite hanno raggiunto i 3.631,1 milioni di dollari (+2,2%), ossia il 36% del fatturato totale del gruppo, contro il 39% della divisione Flooring North America (3.843,7 milioni di dollari, -4%) e il 25% di Flooring “Rest of the World” (2.495,8 milioni di dollari, +3,9%). Se

The new Russian sanitaryware plant

negli Stati Uniti si è sofferta la crescente pressione dell’LVT, a cui si è risposto anche con il lancio di nuovi prodotti (tra cui la piastrella con posa a click), in Messico il gruppo ha continuato a guadagnare quote di mercato grazie ad una più ampia offerta di gres porcellanato e grandi formati. Pur in uno scenario di mercato non dinamico, l’attività è cresciuta anche in Europa, così come in Russia dove è recente l’avviamento della seconda linea per grandi lastre e del nuovo stabilimento per la produzione di sanitari coordinati, inaugurato il 27 gennaio 2020 a Orel. In aumento le vendite anche in Brasile, dove si sono completati i lavori del nuovo stabilimento III di Eliane a Cocal do Sul. Inaugurato il 12 febbraio di quest’anno - che coincide con il 60° anniversario dell’azienda -, la nuova fabbrica 4.0 è dotata di tecnologie e automazioni all’avanguardia e produrrà piastrelle in gres porcellanato con formati fino a 120x120 cm. Nel 2019 Eliane ha investito130 milioni di real, pari a circa 22,5 milioni di dollari. ✕


SACMI: experience and complete solutions for your product

Innovation

Product Development

Sorting Modelling

Firing

n

Casting and handling

tio va no In

g in So

rt

g rin Fi

Glazing

O Te ff-l ch ine no lo g

la

zi

ng

y

d G

ld

C ha ast nd ing lin a g n

Re

si

n

m

ou

g

lin el od M

P d e ro d ve uc lo t pm en

t

Off-line Technology

s

Resin moulds

T H E C O M P L E T E S A C M I S O L U T I O N F O R Y O U R S M A R T S A N I TA R Y W A R E FA C T O R Y

SACMI manufacturing technology: the advanced sanitaryware production solution, from single machines to complete lines. www.sacmi.com

ENDLESS INNOVATION SINCE 1919


Risers and fallers in the US market Chi sale e chi scende sul mercato USA

As announced in our magazine as early as last autumn, the figures for ceramic tile imports into the United States in the first quarter of this year confirm China’s comprehensive exit from the market (-98% in both volume and value compared to the first quarter of 2019) following the introduction of countervailing and anti-dumping duties. Overall, tile imports into the USA in the first quarter of 2020 fell sharply to 39 million sqm, about 7 million sqm less than the 46 million sqm of the first quarter of 2019 (-14.9%). But who were the losers in terms of market share (apart from China which lost no less than 11 million sqm!) and who were the winners? Mexico continued to struggle, experiencing a 1.8 million square metre drop (-19.6%) in exports to the USA by volume but a smaller decline in terms of value (-6.9%). Peru also saw a contraction (-39% in volume and -37.5% in value). All other exporters to the US market saw increases in sales, particularly Spain and Italy. Spain’s exports remained virtually unchanged in terms of volumes but increased in value by 5%, whereas Italy posted a good +4.8% in terms of exported volumes and +2.7% in value.

Come ampiamente annunciato già dallo scorso autunno sulle nostre pagine, i dati relativi alle importazioni di piastrelle ceramiche negli Stati Uniti nel primo trimestre di quest’anno confermano la definitiva uscita dal mercato della Cina (-98% sia in volume che in valore rispetto al primo trimestre 2019), come conseguenza dell’introduzione dei dazi compensativi e antidumping. Complessivamente, le importazioni in USA nei primi tre mesi del 2020 hanno subito una brusca flessione fermandosi sui 39 milioni mq, circa 7 milioni mq in meno rispetto ai 46 milioni del primo trimestre 2019 (-14,9%).

Ma chi li ha persi - oltre alla Cina che ne ha lasciati sul piatto ben 11! - e chi ne ha guadagnato? In sofferenza continua ad essere il Messico che ha ridotto l’export negli USA di 1,8 milioni mq (-19,6%) attutendo però la caduta in valore (-6,9%). Col segno meno anche il Perù (-39% in volume e -37,5% in valore). Tutti gli altri player nel mercato americano hanno invece segnato incrementi di vendite, a partire da Spagna e Italia: la prima ha mantenuto praticamente invariate le quantità ma ha segnato un +5% in valore; l’Italia ha invece messo a segno un buon +4,8% nei volumi esportati,

TAB 1 - USA: TILE IMPORTS IN THE FIRST QUARTER OF 2020 IN VOLUME USA: importazioni di piastrelle nel primo trimestre 2020 in volume Country of origin

Jan-March 2019 (sq.m)

Jan-March 2020 (sq.m)

% Var. 2020/2019

Mexico

9,477,297

7,620,293

-19.6%

Spain

7,311,453

7,376,562

0.9%

Italy

6,850,664

7,178,196

4.8%

Turkey

2,860,179

5,314,226

85.8%

Brazil

3,831,435

4,586,621

19.7%

India

646,919

3,346,080

417.2%

Peru

1,537,499

936,386

-39.1%

25,114

393,814

1468.1%

Vietnam

6,464

326,160

4945.8%

Colombia

303,176

324,247

7.0%

Malaysia

Portugal

232,086

237,939

2.5%

China

11,443,231

227,574

-98.0%

ALL COUNTRIES

46,137,618

39,257,574

-14.9%

Source TCNA

38

CWR 136/2020


economics

As can be seen from the tables, however, US importers have looked to other countries to make up for the loss of the longstanding Chinese suppliers. Imports from Turkey almost doubled to 5.3 million sqm and imports from Brazil grew by 20%, while several newcomers also established themselves. India in particular quadrupled its sales and Vietnam and Malaysia entered the rankings for the first time, mainly in the low-price market segment. 5

con un +2,7% in dollari. Come si può osservare dalle tabelle, sono però altri i Paesi su cui si è puntata l’attenzione degli importatori statunitensi nel loro processo di sostituzione dei tradizionali fornitori cinesi: quasi raddoppiate a 5,3 milioni mq le importazioni dalla

Turchia, +20% quelle dal Brasile, a cui si aggiungono i newcomer, con l’India che ha quadruplicato le vendite e Vietnam e Malesia che entrano per la prima volta in classifica per coprire anche la quota di materiali a minor costo. ✕

TAB 2 - USA: TILE IMPORTS IN THE FIRST QUARTER OF 2020 IN VALUE USA: importazioni di piastrelle nel primo trimestre 2020 in valore Country of origin

Jan-March 2019 (US$)

Jan-March 2020 (US$)

% Var. 2020/2019

Italy

148,242,585

152,198,727

2.7%

Spain

91,686,110

96,381,813

5.1%

Mexico

61,857,143

57,562,515

-6.9%

Turkey

23,541,637

42,716,106

81.4%

Brazil

24,696,133

31,746,427

28.5%

India

5,400,931

24,661,867

356.6%

Peru

8,241,417

5,150,907

-37.5%

Japan

4,045,859

5,010,250

23.8%

Malaysia

174,813

3,749,523

2044.9%

Portugal

3,518,565

3,352,225

-4.7%

Vietnam

71,739

3,230,973

4403.8%

China

118,266,782

2,675,919

-97.7%

ALL COUNTRIES

511,211,212

448,225,602

-12.3%

Source TCNA - Imports value include CIF (freight and insurance) and duty

CWR 136/2020

39


Lamosa, first signs of a slowdown Lamosa, primi segnali di rallentamento Milena Bernardi - m.bernardi@tiledizioni.it

Dopo aver After posting growth in revenues and marchiuso il 2019 gins in 2019, the Mexican group Lamosa recon ricavi e ported the first minus signs in its Q1 2020 remargini in cresults as the negative impact of the Covid-19 Federico Toussaint Elosúa scita, il gruppandemic began to kick in. po messicaLamosa is not only the largest ceramic group no Lamosa rein Mexico, it is also the third largest ceramgistra il primo ic tile producer in the world with an output segno meno of 190 million sqm per year (600,000 sqm per nei risultati del day) spread over 15 plants (9 in Mexico, 2 in primo trimeArgentina, 1 in Peru and 1 in Colombia), in stre 2020, sui quali hanno iniaddition to 14 plants producing tile installation adhesives. ziato a evidenziarsi i primi effetti negativi della pandemia di Since March, the measures adopted to combat the coroCovid-19. navirus outbreak in Mexico, Peru, Argentina, Chile, ColomLamosa non solo è il più granbia and Guatemala have impacted production activities, de gruppo ceramico messicaforcing non-essential activities to close and pushing down no, ma è anche il terzo magsales. giore produttore mondiale di Overall, in the first quarter of this year, the Mexican mulpiastrelle ceramiche, con una tinational’s revenues fell by 1% compared to the first produzione pari a 190 milioquarter of 2019 to 4.4 billion pesos (approximately 169.6 ni di mq l’anno (600mila mq al million euros). This was despite the 1% increase in domestic giorno), realizzata in 15 stabisales, which only partially offset the 6% decline in exports to limenti (9 in Messico, 2 in Ar1.2 billion pesos (about 46.9 million euros). gentina, 1 in Perù, 1 in ColomThe ceramic tile sector, which makes up 74% of total revbia), a cui si aggiungono 14 enues, was the worst hit with sales down 4% to 3.27 billion impianti che producono adesipesos (approximately 125.7 million euros). vi per la posa. By contrast, the adhesives segment reported 9% revenue growth to 1.14 billion pesos (approximately 43.8 million euDal mese di marzo, le misure ros). adottate per contenere il conIn the year ended 31/12/2019, the group led by President tagio di coronavirus in MessiFederico Toussaint Elosúa had already recorded a poor co, Perù, Argentina, Cile, Coexport performance (down 7% on 2018, including export lombia e Guatemala hanno insales by the subsidiaries in South America). ciso sia sulle attività produttive This was offset by stronger domestic sales despite the slow(chiuse quelle non essenziali) down of Mexico’s economy and construction sector, resultche sui minori livelli di vendita. ing in overall 1% year-on-year growth in consolidated Complessivamente, nel primo turnover in 2019 (17.9 billion pesos or around 848.6 miltrimestre di quest’anno i ricalion euros). Sales of ceramic tiles accounted for 76% of this vi della multinazionale mesfigure (62% domestic sales and 38% exports).

40

CWR 136/2020

sicana si sono ridotti dell’1% sul primo trimestre 2019 a 4,4 miliardi di pesos (circa 169,6 milioni di Euro). Questo, nonostante il progresso dell’1% delle vendite domestiche, che ha solo in parte compensato la flessione del 6% dell’export, sceso a 1,2 miliardi di pesos (circa 46,9 milioni di Euro). Il settore delle piastrelle ceramiche, che pesa per il 74% dei ricavi totali, è stato quello più penalizzato, con vendite scese del 4% a 3,27 miliardi di pesos (circa 125,7 milioni di Euro). Al contrario, il comparto degli adesivi ha segnato un +9% nei ricavi (1,14 miliardi di pesos, pari a circa 43,8 milioni di Euro). Già nell’esercizio chiuso al 31/12/2019, il gruppo guidato dal presidente Federico Toussaint Elosúa aveva registrato un andamento negativo delle esportazioni (-7% sul 2018, incluse le vendite estere delle filiali in Sud America), riequilibrato dalle migliori performance sul mercato interno, messe a segno malgrado il rallentamento dell’economia messicana e del settore edilizio. Il fatturato consolidato 2019 era quindi cresciuto dell’1% sul 2018, a 17,9 miliardi di pesos (circa 848,6 milioni di Euro). Di questi, il 76% era stato generato con la vendita di piastrelle ceramiche, realizzate per il 62% sul mercato in-


economics

Profit margins have been feeling the pressure in 2020 following the strong performance in 2019. In the year ended 31/12/2019, EBITDA grew by 6% (3.5 billion pesos, approximately 165.7 million euros), operating income by +3% (2.8 billion pesos, or 133 million euros) and net profit by +5.3% (1.4 billion pesos, or 67.6 million euros). The record fall of the peso against the dollar (-25%) that occurred towards the end of the first quarter of this year had a severe impact on the results for the period. EBITDA plunged by 19% to 745 million pesos, while operating profit slumped from 728 million pesos to 570 million pesos (-22%), a decline of 158 million pesos including a 147 million

terno e per il 38% con esportazioni. In sofferenza nel 2020 le marginalità, che al contrario avevano segnato buoni progressi nel 2019. Al 31/12/2019, l’Ebitda era cresciuto del 6% (3,5 miliardi di pesos, circa 165,7 milioni di Euro), l’utile operativo del +3% (2,8 miliardi di pesos, circa 133 milioni di Euro) e l’utile netto del +5,3% (1,4 mi-

liardi di pesos, circa 67,6 milioni di Euro). Sul primo trimestre di quest’anno ha invece pesato in maniera decisa la straordinaria svalutazione del Peso sul Dollaro (-25%) avvenuta sul finire del periodo: l’Ebitda è calato del 19% a 745 milioni di pesos, mentre l’utile operativo è sceso da 728 a 570 milioni di pesos (-22%), una flessione di 158 milioni di pesos di cui ben

CWR 136/2020

41


economics peso loss attributable solely to the exchange rate.

147 determinati dal cambio.

During the presentation of the quarterly figures, Grupo Lamosa’s top management confirmed that, while the true scale of the crisis remains unclear, the negative effects will be more evident in the second quarter of the year despite the measures adopted to minimise their impact. The group has not ruled out new investments, although it will have to proceed with caution. It announced a $110 million investment plan last March, as well as its intention to evaluate the construction of a new adhesives plant in Mexico. On 30 January, Lamosa signed an agreement through the company Porcelanite Lamosa to acquire 100% of the share capital of Eurocerámica, a company based in Medellin, Colombia specialising in the production of ceramic tiles and sanitaryware with more than 30 years’ experience. The value of the transaction, subject to adjustments, was set at $39 million and the closing of the transaction was conditional upon completion of the restructuring of Eurocerámica and approval from the Colombian competition authorities. This would be the Lamosa Group’s second acquisition in Colombia following the 2016 purchase of Cerámica San Lorenzo (San Lorenzo and Cordillera brands) for $230 million, which with eight plants and distribution centres located in Argentina, Chile, Colombia and Peru had enabled the Mexican group to increase its production capacity in the ceramic tile sector by 40% and become a multinational company. 5

In occasione della presentazione dei dati trimestrali, i vertici di Grupo Lamosa hanno confermato che, nonostante il grande livello di incertezza sulla reale portata che potrà avere l’impatto della crisi, gli effetti negativi saranno più evidenti nel secondo trimestre dell’anno, sebbene siano già state intraprese misure e azioni utili a minimizzarli il più possibile. Non sono stati esclusi, tuttavia, nuovi investimenti, che dovranno procedere comunque con la dovuta cautela. Lo scorso marzo era stato annunciato un piano di investimenti da 110 milioni di dollari ed era stata anticipata l’intenzione di valutare la costruzione di un nuovo impianto per la produzione di adesivi in Messico.Va poi ricordato che il 30 gennaio Lamosa, attraverso la società Porcelanite Lamosa, aveva si-

glato un accordo per acquisire il 100% di Eurocerámica, azienda di Medellin (Colombia) specializzata nella produzione di piastrelle e ceramica sanitaria, con oltre 30 anni di attività. Il valore della transazione, passibile di adeguamenti, era stato fissato in 39 milioni di dollari e il closing dell’operazione restava soggetto alla conclusione della riorganizzazione di Eurocerámica, oltre che all’approvazione delle autorità colombiane competenti in materia di concorrenza. Per il Gruppo Lamosa si tratterrebbe del secondo shopping in Colombia, dove nel 2016 aveva acquisito, per 230 milioni di dollari, Ceramica San Lorenzo (marchi San Lorenzo e Cordillera) che, portando in dote otto impianti e centri di distribuzione dislocati in Argentina, Cile, Colombia e Perù, aveva permesso al gruppo messicano di aumentare del 40% la capacità produttiva nel settore dei rivestimenti ceramici e di trasformarsi in una multinazionale. ✕

LAMOSA, A HISTORY DATING BACK 130 YEARS

LAMOSA, 130 ANNI DI STORIA

Lamosa has a long history dating back to 1890 when it was founded in Monterrey as a clay brick manufacturer. In 1929 it was acquired by the Elosúa and Valdes families, who changed its name to Ladrillera Monterrey. Just four years later, it became the first company in Mexico to start up a ceramic business, then in 1995 it was transformed into the present day Lamosa Group. This marked the beginning of a period of rapid expansion, with the acquisition of Porcelanite Holding from the Carso Group in 2007 followed by Cerámica San Lorenzo in 2016. In 2015, the group sold its sanitaryware division to the Colombian group Organización Corona to focus exclusively on ceramic tiles and adhesives.

Lamosa vanta una lunga storia iniziata nel 1890 a Monterrey come produttore di mattoni in laterizio. Nel 1929, a seguito dell’acquisizione da parte delle famiglie Elosúa e Valdes, divenne Ladrillera Monterrey. Soltanto quattro anni dopo, prima azienda in Messico, abbracciava il business ceramico, trasformandosi poi nel 1995 nell’attuale Gruppo Lamosa. Da lì l’escalation, con l’acquisizione nel 2007 di Porcelanite Holding dal Gruppo Carso e, appunto, di Ceramica San Lorenzo nel 2016. Nel frattempo, nel 2015, il gruppo aveva ceduto la sua divisione sanitari al gruppo colombiano Organización Corona per concentrarsi esclusivamente sul settore delle piastrelle in ceramica e degli adesivi.

42

CWR 136/2020


EXPERIENCE AND INNOVATION

EXCELLENT EXCELLENTSIEVING SIEVINGAND ANDHIGHT HIGH INTENSITY DEFERRIZATION Improve the quality of your body slip

WHI FILTER High-intensity magnetic filter

VBM 2000 Vibrating sieve for body slip

VIBROTECH S.R.L. CERTECH GROUP Sede Legale: Via Racchetta, 2 int. 20 - C.P. 41049 Sassuolo (MO) Italy Sede Operativa: Via Don Pasquino Borghi, 4 - C.P. 42013 S. ANTONINO DI CASALGRANDE (RE) Italy Tel. +39 0536 823776 - Fax +39 0536 812009 - www.vibrotech.biz - info@vibrotech.biz

®


Chinese tile exports in free fall L’export cinese di piastrelle in caduta libera Luca Baraldi (Acimac - Italy - studi@acimac.it) Lynn Lin (CTW, China)

Confermando il trend negativo ininterrotto ormai dal 2014, anche il 2019 è stato un anno nero per l’export cinese di piastrelle ceramiche. I volumi esportati sono scesi dagli 854 milioni mq del 2018 ai 770,5 milioni del 2019, con una contrazione del 9,8%, in deciso peggioramento rispetto al -5,9% registrato l’anno prima. A ridursi, le vendite su tutti i continenti. In forte calo l’export in Asia, sceso a 477,6 milioni mq (39 milioni mq in meno dal 2018, -7,6%). Le Filippine si sono confermate primo mercato di esportazione dell’industria ceramica cinese, sebbene in calo a 77,5 milioni mq (-4,3%); più marcate le contrazioni in Corea del Sud (-12,6%) e Indonesia (-29,3), mentre sono cresciute quelle in Cambogia (+40%) e Tailandia (+3%). Più contenute le perdite in volume in America Latina (75,5

Continuing the uninterrupted negative trend that had been underway since 2014, 2019 marked another grim year for China’s ceramic tile exports. Export volumes fell by 9.8% from 854 million sqm in 2018 to 770.5 million sqm in 2019, a sharp deterioration compared to the previous year’s decline of 5.9%. The fall in exports concerned all continents. Sales in Asia fell sharply to 477.6 million sqm (39 million sqm less than in 2018, -7.6%). The Philippines remained the largest export market for Chinese ceramic tiles despite a 4.3% drop to 77.5 million sqm. Exports suffered sharper falls in South Korea (-12.6%) and Indonesia (-29.3%), while sales grew in Cambodia (+40%) and Thailand (+3%). The losses in volume terms were smaller in Latin America (75.5 million sqm, 3 million sqm less than in 2018) and in Oceania (31.8 million sqm, down 4 million sqm), as well as in the European Union, where imports from China are now 10 million sqm (-14.6%) and in the rest of Europe (10.3 million sqm, -3.8%). The downward curve of Chinese exports to Africa appears to have stabilised in 2019, levelling out at 120 million sqm in the last two years compared to the peak of 250 million sqm in 2014. By contrast, North America saw the biggest decline (-43.9%), with exports dropping from 80.5 to 45.2 million sqm. This is hardly a surprise following the introduction of countervailing duties (in September) and anti-dumping duties (in November) on tiles imported into the USA from China. Sales of Chi-

milioni mq, 3 in meno sul 2018) e in Oceania (31,8 milioni mq, 4 in meno), così come in Unione Europea, dove ormai l’import dalla Cina non supera i 10 milioni mq (-14,6%) e nel resto dell’Europa (10,3 milioni mq, -3,8%). Col 2019 pare invece si sia stabilizzata la curva discendente dell’export cinese in Africa che, toccato il picco dei 250 milioni mq nel 2014, si è fermato nell’ultimo biennio a 120 milioni mq. Discorso a parte in Nord America, terreno del crollo più marcato (-43,9%), con esportazioni scese da 80,5 a 45,2 milioni mq. Un esito abbastanza scontato e prevedibile, conseguente all’introduzione in USA dei dazi compensativi (a settembre) e antidumping (a novembre) sulle piastrelle importate dalla Cina: negli Stati Uniti, infatti, le vendite di materiale cinese si sono dimezzate, scendendo dai 64 milioni mq del 2018 ai 32 milioni

TAB 1 - CHINESE CERAMIC TILE EXPORTS BY AREA Export cinese di piastrelle per area (sq.m million / milioni mq) CAGR 19/10

% on 2019 exports

-7.6%

0.2%

62.0%

-0.1%

-0.8%

15.6%

45.2

-43.9%

-3.0%

5.9%

75.5

-3.9%

-1.1%

9.8%

11.7

10.0

-14.6%

-19.0%

1.3%

10.7

10.3

-3.8%

-4.5%

1.3%

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

Var% 19/18

Asia

469.0

554.0

584.8

569.5

572.6

590.6

583.1

543.7

516.6

477.6

Africa

129.2

160.0

193.1

236.8

250.3

230.3

197.9

151.7

120.2

120.1

NAFTA

59.2

67.3

73.3

82.7

82.1

88.6

78.2

80.1

80.5

Latin America

83.2

108.0

118.1

129.3

103.8

89.9

80.0

72.0

78.6

European Union

66.3

46.2

32.0

26.5

23.7

20.0

15.9

14.4

Other Europe

15.6

19.8

19.2

24.8

22.1

11.2

10.2

12.4

Oceania

21.2

22.5

23.3

25.6

28.9

32.4

34.7

33.7

35.7

31.8

-10.9%

4.6%

4.1%

TOTAL

843.7

977.9

1,043.7

1,095.2

1,083.5

1,062.9

1,000.2

908.0

854.0

770.5

-9.8%

-1.0%

100.0%

Source/Fonte: ACIMAC survey dept.

44

CWR 136/2020


economics

nese tiles in the United States fell by half, dropping from 64 million sqm in 2018 to 32 million sqm at the end of 2019, a slump that was entirely concentrated in the last 4 months of the year. China’s effective elimination from the US market appears to have occurred in the first quarter of 2020, accelerated by the outbreak of the Coronavirus epidemic. Between January and March 2020, US imports from China fell by no less than 97.9% in value! (See article on page 38).

❱ What kind of recovery is China expected to see in 2020? China was the first country to have been affected by the coronavirus emergency and was also the first to emerge from it. The eyes of the world are focused on the world’s second largest economy to assess the speed of its recovery and to try to get an idea of how and when economic activity in the rest of the world may return to normal. According to a number of economists, it is domestic consumption rather than exports that will drive China’s short-term recovery.

❱ To survive or to close: the difficult 2020 of Chinese ceramic companies Lynn Lin, a columnist with the weekly Foshan-based magazine Ceramic Town Weekly, believes that the global economic crisis triggered by the pandemic will continue to have a long-lasting impact on the Chinese ceramic industry following the resumption of production activities in April. In a recent online article (CTW 380, 17/4/2020), she quotes Yao Ruohan, a ceramic industry expert and founder of Alex & Masen Thinktank who argues that the pandemic has only delayed market demand while accelerating the process of transformation and evolution of the industry. A number of such projects have been announced. In March, Goldme Ceramics launched a 100 million RMB (around 13 million euro) renovation project on its green intelligent production line of large slabs, propelling research and development of antibacterial tiles. On 29 March, Sun Enterprise Group began construction of its fifth plant, designed for a production capacity of over 35,000 sqm/day of medium-sized tiles, for an investment of 150 million RMB (almost 20 million euros), likewise focused

mq di fine 2019, un crollo evidenziatosi tutto appunto negli ultimi 4 mesi dell’anno. Il progressivo azzeramento della Cina come player sul mercato statunitense si è compiuto nel corso del primo trimestre 2020, accelerato dall’esplosione dell’epidemia Coronavirus: tra gennaio e marzo 2020, l’import USA dalla Cina, in valore, ha registrato una contrazione del 97,9%! (Vedi articolo pag. 38). ❱ Cina, quale ripresa nel 2020? Cina, primo Paese investito dall’emergenza sanitaria e primo a uscirne. Gli occhi del mondo sono puntati sulla seconda economia mondiale per monitorarne la velocità della ripresa e provare a stimare come e con che tempi potrebbe avvenire la normalizzazione delle attività economiche nel resto del mondo. Secondo diversi economisti, saranno i consumi interni, più che l’export, a spingere sulla ripresa a breve termine in Cina. ❱ Sopravvivere o chiudere: il difficile 2020 delle aziende ceramiche cinesi La crisi economica globale prodotta dalla pandemia continuerà ad impattare per molto tempo anche sull’industria ceramica cinese, dove l’atti-

vità produttiva è ripresa già da aprile. Ne è convinta Lynn Lin, editorialista di Ceramic Town Weekly, settimanale edito a Foshan. In un suo recente articolo online (CTW 380, 17/4/2020) si cita Yao Ruohan, esperto del settore e fondatore dell’Alex & Masen Thinktank, secondo il quale il periodo di emergenza ha solo rimandato la domanda del mercato, pur tuttavia imponendo un’accelerazione al processo di trasformazione ed evoluzione dell’industria. Diversi i progetti annunciati che vanno in questa direzione. In marzo Goldme Ceramics ha lanciato un programma da 100 milioni RMB (circa 13 milioni di Euro) per l’ammodernamento della linea grandi lastre, un impianto smart e a basso impatto ambientale, spingendo la R&S sulle superfici antibatteriche. Il 29 marzo Sun Enterprise Group ha inaugurato i lavori per il suo quinto stabilimento, progettato per una capacità produttiva di oltre 35.000 mq/giorno di piastrelle di medio formato, un investimento da 150 milioni RMB (quasi 20 milioni di Euro) anch’esso orientato alla sostenibilità e ai criteri dello smart manufacturing. Il 13 aprile Monalisa ha annunciato un nuovo progetto per la realizzazione di 11 linee produttive nella contea di Teng (Provincia di Guangxi), con una capacità produttiva di 88,2 milioni mq. Lo stesso giorno, nel di-

CWR 136/2020

45


economics stretto di Nanhai a Foshan, la Guangdong ICOT Ceramics ha inaugurato il suo nuovo impianto per la produzione di piastrelle per rivestimenti esterni.

on sustainability and smart manufacturing criteria. On April 13, Monalisa announced a plan to build 11 ceramic production lines in Teng County, Guangxi Province, with a production capacity of 88.22 million sqm. The same day, Guangdong ICOT Ceramics inaugurated a new external wall tile production line in Nanhai District, Foshan City.

❱ La stretta sulla sostenibilità ambientale

❱ Stricter environmental regulations Although the Chinese government has provided a package of preferential policies to ease the difficulties faced by enterprises under the epidemic, in the last two years the Chinese ceramic industry has been undergoing a process of transformation driven by tighter regulation and control in the real estate market but above all by stricter environmental standards. It is estimated that the government’s policy of switching lines from coal to gas to reduce the now dramatic levels of air pollution will increase production costs for ceramic companies by 20-30% or more, while prices of other materials are already rising. Added to this is the price war among mid- and low-end products. In this context, the outbreak of the pandemic further aggravated problems that were already present and, as is always the case in such situations, some enterprises will succeed in turning the crisis into an opportunity whereas others will not. CTW reports that a total of 13 ceramic and sanitaryware enterprises in Qingyuan City went bankrupt between 7 and 10 April and that 6 ceramic enterprises in Foshan City and Jiangxi Province declared bankruptcy in the preceding days.

Nonostante il sostegno del governo per alleggerire le difficoltà delle imprese di fronte agli effetti della pandemia, va detto che già da due anni l’industria ceramica cinese aveva iniziato un processo di trasformazione determinato dalle più stringenti normative in materia di controllo e regolamentazione del mercato immobiliare, ma soprattutto nel campo della tutela ambientale. Si stima che solo la riconversione delle linee dal carbone al gas, imposta dal governo per ridurre l’ormai drammatico livello di inquinamento dell’aria, determinerà per le aziende ceramiche un aumento dei

costi di produzione di almeno il 20-30%, mentre stanno già aumentando i prezzi anche di altri materiali. A questo si aggiunge la guerra dei prezzi tra concorrenti operanti nella fascia medio-bassa del mercato. In questo quadro, l’esplosione della pandemia ha acuito ed enfatizzato problematiche già in atto, e, come sempre accade in queste situazioni, vi saranno imprenditori capaci di trasformare la crisi in opportunità ed altri no. CTW riporta come nella città di Qingyuan, tra il 7 e il 10 aprile, siano fallite 13 aziende produttrici di piastrelle o sanitari e nei giorni precedenti a dichiarare bancarotta erano state 6 aziende ceramiche di Foshan e della Provincia dello Jiangxi. ❱ Chi riapre e chi no Praticamente in tutti i distretti ceramici cinesi solo le aziende che avevano già completato il passaggio dal carbone al gas

TAB 2 - TOP 20 EXPORT DESTINATIONS OF CHINESE CERAMIC TILES I primi 20 mercati export delle piastrelle cinesi 2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

Var% 19/18

CAGR 19/10

% on 2019 exports

Philippines

27.7

27.9

34.2

41.1

47.2

52.9

67.3

73.1

80.9

77.5

-4.3%

12.1%

10.1%

South Korea

47.4

52.2

54.1

54.6

68.3

54.4

65.9

67.1

64.1

56.0

-12.6%

1.9%

7.3%

Indonesia

12.4

20.2

35.0

35.0

44.5

44.1

57.0

62.5

72.8

51.4

-29.3%

17.1%

6.7%

Cambodia

9.3

8.5

12.0

13.4

17.4

23.4

27.4

31.8

31.5

44.2

40.3%

18.9%

5.7%

Thailand

29.0

36.6

40.6

55.7

38.2

44.5

40.2

40.5

40.6

41.9

3.1%

4.2%

5.4%

USA

34.7

40.1

41.2

48.2

46.8

50.8

56.4

61.1

64.3

32.1

-50.1%

-0.9%

4.2%

Australia

18.6

19.7

19.6

22.3

25.2

28.3

30.3

29.6

31.1

27.6

-11.3%

4.5%

3.6%

Malaysia

26.7

20.0

21.6

28.3

26.7

24.8

24.1

22.6

25.5

26.4

3.6%

-0.1%

3.4%

Vietnam

19.5

24.6

23.8

20.1

24.5

29.8

26.0

28.3

23.4

26.2

11.9%

3.3%

3.4%

South Africa

18.5

21.9

25.7

28.3

24.9

25.2

24.4

25.3

23.7

23.6

-0.8%

2.7%

3.1%

Peru

7.7

7.9

10.7

12.3

14.4

16.8

16.4

15.6

20.4

21.2

4.1%

12.0%

2.8%

Myanmar

3.8

5.4

7.3

8.7

10.1

12.4

14.5

13.5

15.4

21.0

36.7%

20.8%

2.7%

Israel

9.3

10.4

10.9

13.6

13.2

18.3

21.3

19.9

18.7

18.4

-1.5%

7.8%

2.4%

Chile

9.2

10.2

14.6

14.8

14.2

18.0

18.4

17.0

18.9

16.7

-11.6%

6.9%

2.2%

Côte d'Ivoire

4.5

4.1

5.6

8.2

9.3

13.4

12.9

12.9

13.3

14.2

7.1%

13.5%

1.8%

UAE

35.3

34.1

36.1

35.9

33.9

34.5

29.5

25.6

17.0

13.5

-20.5%

-10.1%

1.8%

Japan

8.4

10.8

13.0

14.0

12.6

12.0

12.4

12.4

12.4

11.9

-3.8%

3.9%

1.5%

Hong Kong China

16.3

20.4

17.5

12.3

12.5

11.7

9.1

8.7

7.8

11.2

43.5%

-4.1%

1.5%

Colombia

9.9

13.8

15.5

18.9

17.9

15.0

15.7

11.9

13.4

11.0

-18.3%

1.2%

1.4%

North Korea

4.5

5.8

7.6

8.8

10.2

10.5

12.0

12.9

9.3

11.0

18.3%

10.3%

1.4%

Source/Fonte: ACIMAC survey dept.

46

CWR 136/2020


economics ❱ Some companies are reopening and some are not In practically all Chinese ceramic districts, only companies that had already completed the transition from coal to gas were able to restart production after the lockdown. In Zhaoqing (Guangdong Province), only 96 production lines out of the total of 264 had completed the transition by November 2019. These included groups that had already embraced care for the environment as part of their mission, such as New Pearl (which introduced environment protection policies 10 years ago), Marshal Ceramics and Inol Ceramics. In the Qingyuan district (also Guangdong Province), 150 out of 169 production lines have made the switch from coal to gas, including those of Marco Polo and Monalisa. According to preliminary statistics, 5 ceramic enterprises in this district have applied for liquidation and many more have suspended production under the pressure of rising costs and the impact of the outbreak. Things outlook is more encouraging in Zibo and Linyi (Shandong Province), where most companies were able to resume production by the end of March. The situation is also positive in the Fujian province, where output and turnover have remained stable. Here, more than 30 production lines (including Mingsheng Ceramics, Haoshan Ceramics, Guoxing Ceramics, Juntao Ceramics and Haohua Ceramics) continued production during the Chinese Spring Festival at the end of January and were therefore able to continue shipping goods from stock during the subsequent lockdown. Despite the present difficulties, China’s ceramic industry is expected to benefit this year from the launch of new infrastructure investment programmes launched by a number of provinces. However, Yao Ruohan believes that the profound changes taking place in the ceramic industry will require entrepreneurs to make strategic decisions and, in this information age, develop new business models that take into account both the new macroeconomic scenarios and new digital technologies.

❱ New sales channels It is interesting to observe that, at least for more organised companies, the digital revolution has offered new communication and sales channels that have compensated for the absence in recent months of traditional channels based on personal contact. Livestream sales have rapidly become the favourite sales channel for many brands, bringing excellent results. Lynn Lin mentions a few examples, including Guanzhu Ceramics which in one week in February received orders worth more than 10 million RMB (1.3 million euros) through 18 livestream sales; ITTO Ceramics which sold 830,000 sqm of tiles in just 2 livestream sales; Dongpeng Ceramics which displayed an impressive ability to engage with the public when in March it launched a 13day livestream selling campaign and received orders for 36,000 sqm of tiles in the first 2 hours with 1.5 million people watching. Arrow Sanitary Ware was similarly successful, receiving more than 5,900 orders during its live sales with 150,000 netizens watching, while SSWW Sanitaryware secured over 20,000 orders in one livestream session. These results were all achieved with the involvement of very few staff. In an enormous market like China, it is hard to imagine that this channel, born of necessity, will be abandoned once the emergency is over. 5

48

CWR 136/2020

hanno potuto riaccendere i forni dopo il lockdown. A Zhaoqing (nel Guangdong) solo 96 linee su 264 erano già in regola nel novembre 2019. Tra queste, i gruppi che avevano già fatto della tutela ambientale una delle loro mission, come New Pearl (partito ormai 10 anni fa in questa direzione), Marshal Ceramics e Inol Ceramics. Nel distretto di Qingyuan (sempre nel Guangdong), gli impianti in regola sono già 150 su 169, tra cui quelli di Marco Polo e Monalisa. In questo distretto, secondo dati statistici preliminari, già 5 aziende sono in procinto di chiudere i battenti definitivamente e molte hanno sospeso la produzione non riuscendo a reggere gli incrementi dei costi e gli effetti della pandemia. La situazione pare migliore a Zibo e a Linyi, nella Provincia dello Shandong, dove a fine marzo la maggior parte delle imprese aveva potuto riavviare le produzioni. Positiva la situazione anche nella provincia del Fujian, dove produzioni e fatturati non hanno subito contrazioni: qui, oltre 30 impianti produttivi (tra cui Mingsheng Ceramics, Haoshan Ceramics, Guoxing Ceramics, Juntao Ceramics, Haohua Ceramics) avevano continuato a produrre durante le festività del Capodanno Cinese a fine gennaio e hanno quindi potuto proseguire le spedizioni della merce a magazzino anche durante il successivo lockdown. Pur in contesto difficile, l’industria ceramica cinese dovrebbe beneficiare quest’anno dal varo di nuovi programmi di investimento in infrastrutture lanciati da numerose province del Paese. Ciò nonostante, secondo Yao Ruohan i profondi sconvolgimenti in atto nel settore ceramico richiederanno agli impren-

ditori la capacità di decisioni strategiche e lo sviluppo di nuovi modelli di business che tengano in considerazione sia i nuovi scenari macroeconomici sia il fatto che viviamo nell’era dell’informazione e delle nuove tecnologie digitali. ❱ Nuovi canali di vendita Al riguardo, è interessante osservare come la rivoluzione digitale abbia offerto, almeno alle aziende più strutturate, nuovi canali di comunicazione e vendita che hanno compensato in questi mesi l’assenza di quelli tradizionali basati sul contatto personale. E così, lo strumento delle vendite in livestream è divenuto in pochissimo tempo il canale privilegiato di vendita di parecchi brand, e anche con ottimi risultati. Lynn Lin segnala alcuni esempi, tra cui Guanzhu Ceramics che, in una settimana, in febbraio, ha raccolto ordini per oltre 10 milioni di RMB (1,3 milioni di euro) attraverso 18 dirette livestream; o ITTO Ceramics che ha venduto 830mila mq di piastrelle in soli 2 appuntamenti online; poderosa la capacità di coinvolgimento del pubblico di Dongpeng Ceramics che in marzo ha lanciato una campagna di vendite livestream di 13 giorni totalizzando ordini per 36.000 mq già nelle prime 2 ore di diretta, con un milione e mezzo di persone collegate. È andata bene anche ad Arrow Sanitary (oltre 5900 ordini in una diretta seguita da 150.000 netizen) e a SSWW Sanitaryware che ha ricevuto oltre 20.000 ordini in una serata. Tutto questo con pochissimi addetti. Difficile pensare che in un mercato enorme come quello cinese, questo canale, nato sull’onda della necessità, venga abbandonato una volta superata l’emergenza. ✕


Reduction

Sustainability at your fingertips

+100

SPRAY DRYERS APPLICATIONS

+40%

CO2 AVERAGE EMISSIONS REDUCTION IN CHP APPLICATIONS

Contact us. for more information and to locate the office nearest you: visit solarturbines.com; Call +41 91 851 1511 (Europe) or +1 619 544 5352 (US) email infocorp@solarturbines.com

+100

GAS TURBINES IN CERAMIC

>30%

COST SAVINGS ON UTILITIES BILL


Construction: investments in Italy set to fall by 15% in 2020 Costruzioni: in Italia investimenti in calo del 15% nel 2020

What impact will the economic crisis caused by the coronavirus pandemic have on the construction sector in Italy? The Rome-based economic research institute Cresme is predicting severe consequences for 2020, including a decline in investments in construction and civil engineering of up to 15%, or as much as 23% if a second wave of infections occurs. This will be followed by a recovery in 2021, with gains estimated at between +10% and +11%. The institute’s new forecasts were published on 29 April and take account of various aspects: the roadmap for the resumption of activities set out by the Italian government, the possible consequences for demand from households, businesses and the public administration, and the potential development curves for the epidemic, which in the worst-case scenario of a second wave of infections might force the sector’s operations to be halted once again. Cresme outlined two alternative scenarios. The first, the “baseline scenario”, envisages the following supply-side effects: almost total suspension of construction sites for two months (March and April) for new construction work that is not in the public interest and for building renovations, except for urgent repairs (consider that 35% of work is carried out between March and May); partial suspension of civil engineering works for new construction and extraordinary maintenance (excluding strategic infrastructures, healthcare buildings, etc.); and a cautious resumption of activities between June and October. As for the demand side, it is assumed that new construction decisions for 2020 were made some time ago and that the potential impact of any cancellations/postponements will therefore be absorbed by the suspension and slowdown of construction site activities. For renovation work, howev-

Che impatto avrà la crisi economica indotta dall’emergenza sanitaria sul settore delle costruzioni in Italia? Secondo il Cresme, per il 2020 sarà piuttosto pesante, con un crollo degli investimenti in edilizia e genio civile che potrebbe attestarsi al -15% (e qualora si verificasse una seconda ondata epidemica potrebbe arrivare al -23%). La ripresa è attesa invece dal 2021, con recuperi tra il +10% e il +11%. È questo il risultato delle nuove stime rilasciate il 29 aprile dall’istituto di ricerca di Roma, elaborate tenendo in considerazione vari aspetti: le mo-

TAB 2 - INVESTMENTS IN CONSTRUCTION IN ITALY IN 2020 (% variation at constant values) Investimenti in costruzioni in Italia 2020 (variazione % a valori costanti) Baseline scenario

Worst-case scenario

-9.7%

-20.5%

residential

-15.6%

-28.8%

private non-residential

-15.9%

-29.1%

+1.6%

-8.2%

+0.6%

-4.7%

-17.2%

-24.1%

residential

-21.7%

-28.3%

private non-residential

-21.2%

-29.1%

+1.6%

-8.2%

+0.6%

-4.7%

-14.7%

-22.9%

Scenario base

New construction Nuove costruzioni residenziali

non residenziali private

public non-residential

non residenziali pubbliche

TAB 1 - INVESTMENTS IN CONSTRUCTION IN ITALY IN 2020 AND 2021 (% variation at constant values) Investimenti in costruzioni in Italia 2020 e 2021 (variazione % a valori costanti)

Investments in private building Investimenti in edilizia privata

Investments in public works

Investimenti in opere pubbliche

TOTAL INVESTMENTS TOTALE INVESTIMENTI

2020 (baseline scenario)

2021

-19.9%

+12.3%

+0.9%

+4.5% / +10%

-14.7%

+10% / +11.6%

Source / Fonte: CRESME LAB Remote ThinkTank, 29 Aprile 2020

50

CWR 136/2020

dalità di ripartenza indicate dal Governo italiano, le possibili conseguenze sulla domanda finale di famiglie, imprese e Pubblica Amministrazione, i possibili sviluppi della traiettoria epidemica che, nel peggiore dei casi, potrebbe imporre un nuovo stop all’attività del settore. Due gli scenari alternativi presentati quindi dal Cresme. Il primo, lo “scenario base”, prevede, dal lato dell’offerta: la quasi totale sospensione dei cantieri per 2 mesi (marzo e aprile) per le nuove costruzioni non di pubblica utilità e per gli interventi di riqualificazione edilizia, salvo riparazioni improro-

civil engineering genio civile

Renovation residenziali

non residenziali private

public non-residential

non residenziali pubbliche

civil engineering genio civile

TOTAL INVESTMENTS TOTALE INVESTIMENTI

Scenario peggiorativo

Source / Fonte: CRESME LAB Remote ThinkTank, 29 Aprile 2020


economics

gabili (si consideri che nei mesi fra marzo e maggio viene effettuato il 35% degli interventi); la parziale sospensione dei cantieri per le opere del genio civile di nuova costruzione e di manutenzione straordinaria (ad esclusione di infrastrutture strategiche, edilizia sanitaria, ecc.); e una ripartenza delle attività improntata alla cautela da giugno a ottobre. Inoltre, dal lato della domanda, si assume che, per le nuove costruzioni, le decisioni di produzione nel 2020 siano state prese da tempo e che l’eventuale impatto di annullamenti/differimenti sia quindi assorbito dalla sospensione e dal rallentamento delle attività cantieristiche. Per quanto riguarda gli interventi di riqualificazione, si considera però anche che l’indebolimento economico e la minore fiducia di famiglie e imprese sullo sce-

er, it is important to bear in mind that the weak economy and the lower confidence of households and businesses are further negative factors alongside the construction site closures. Cresme also looks at a “worst-case scenario” in which there is a need for a second – but hopefully less strict – lockdown (it may be diversified geographically depending on the prevalence of infections, it may have a shorter duration compared to the first lockdown, and it may envisage simpler procedures for a return to business). For 2020, the impact on construction will be split equally between the residential and private non-residential sectors, with renovation work bearing the brunt of the downturn, at least in the baseline scenario. Investments in new construction may fall by about -16% (-29% in the worst-case scenario), while for non-routine maintenance the expected decline is -22% (-29% in the case of a second lockdown) in both residential and non-residential sectors. Private construction may recover in 2021, albeit without regaining the levels of activity lost this year. Forecasts point to +12.3% growth compared to a -20% overall decline in 2020 in the baseline scenario (considering both new construction and renovation).

nario economico si aggiunga ai blocchi dei cantieri. Vi è poi uno “scenario peggiorativo” che prevede la possibilità di un secondo lock-down, seppur con caratteristiche attenuate rispetto al primo: potrebbe infatti essere diversificato territorialmente sulla base della risalita dei contagi, potrebbe avere una minore durata temporale rispetto al primo blocco, e con una seconda ripresa delle attività più agevole. Per il 2020, l’impatto sull’attività edilizia coinvolgerebbe in egual misura sia il comparto residenziale sia quello non residenziale privato, con maggiore intensità, almeno nello scenario base, per l’attività di riqualificazione del patrimonio esistente. Gli investimenti in nuova edilizia potrebbero infatti ridursi di cir-

TAB 3 - INVESTMENTS IN PUBLIC WORKS IN ITALY Investimenti in opere pubbliche in Italia 2020 forecasts

Var.% (at constant prices) Var.% (a prezzi costanti)

2021 forecasts

2018

2019

Nov. 2019

April 2020 Scenario 1

April 2020 Scenario 2

Nov. 2019

April 2020 Scenario 1

April 2020 Scenario 2

2.3

6.5

4.5

0.9

-5.7

3.5

4.5

10.0

Source / Fonte: CRESME LAB Remote ThinkTank, 29 Aprile 2020

CWR 136/2020

51


economics ❱ Public works The figure for public works merits further analysis. Following the slowdown of 2017, investment spending in construction and civil engineering had resumed growth with +2.3% in 2018 and +6.5% in 2019. In November 2019, Cresme’s forecasts for 2020 pointed to +4.5% growth driven by the start-up of extraordinary maintenance and new construction work aimed at reducing the country’s infrastructure deficit. Unfortunately, these forecasts are bound to change given the impact of the pandemic on the sector, and the outcome will largely depend on when the crisis is resolved. In the baseline scenario, investments in the public works sector in 2020 are expected to grow by just 0.9% (-5.7% in the worstcase scenario) as a combined result of growth in the first two months of the year (January-February) followed by a slowdown between March and June and a sharp upturn in the second half of the year. This second-half recovery will be driven by the return to full-scale operation of construction sites that were already underway before the lockdown and by the start-up of new construction work financed with resources allocated by the 2020 Budget Law (DEF 2020 of 24 April 2020), in which the growth rates of gross fixed investments in public administration are expected to be 2.7% in 2020 and 11.2% in 2021. 5

ca il -16% (-29% nello scenario peggiorativo), mentre per la manutenzione straordinaria il crollo atteso è del -22% (-29% nel caso di un secondo lock-down), sia in ambito abitativo che non residenziale. Nel 2021, l’edilizia privata potrebbe riprendersi, seppur ad un ritmo tale da non recuperare i livelli di attività persi quest’anno: le attese, infatti, indicano una crescita del +12,3%, a fronte di un calo complessivo nel 2020 (considerando sia nuova costruzione sia riqualificazione) che nello scenario base arriva al -20%. ❱ Le opere pubbliche Il dato relativo alle opere pubbliche merita un approfondimento. Dopo la frenata del 2017, la spesa per investimenti in edilizia e genio civile aveva ripreso a crescere segnando un +2,3% nel 2018 e un +6,5% nel 2019. Nel novembre 2019, le previsioni del Cresme per il 2020 indicavano una crescita del +4,5%, con l’avvio della realizzazione degli interventi di manutenzione straordinaria e

ADVERTISING

We think one cut ahead. Waterjet cutting system by StM. stm.at

di nuova costruzione, finalizzati a ridurre il gap infrastrutturale del Paese. Tale risultato, sfortunatamente, è destinato a cambiare considerando gli effetti sul settore della crisi sanitaria, e molto dipenderà dai tempi della sua risoluzione. Nello scenario base, in questo momento, gli investimenti nel settore delle opere pubbliche nel 2020 dovrebbero crescere appena dello 0,9% (-5,7% nello scenario peggiorativo), risultato che deriva da un primo bimestre (gennaio-febbraio) effettivamente in crescita, seguito dal rallentamento tra marzo e giugno e da un secondo semestre in forte accelerazione; questa sarà spinta dalla ripartenza a pieno ritmo dei cantieri già in corso prima del lock-down e dall’avvio dei nuovi cantieri finanziati con le risorse per il rilancio degli investimenti stanziate con la Legge di Bilancio per il 2020 (DEF 2020 del 24 aprile 2020), nel quale sono previsti tassi di crescita degli investimenti fissi lordi della Pubblica Amministrazione del 2,7% nel 2020 e dell’11,2% nel 2021. ✕


Cersaie stays, Tecnargilla is postponed Cersaie resta, Tecnargilla slitta

The last ceramic trade fair this year to be well attended was Cevisama in Spain in early February. Shortly after that, the coronavirus tsunami originating in Wuhan swept domino-like through Asia and Europe, then across the Atlantic to the American continent. In reality, three other industry events went ahead in early March despite the pandemic – Indian Ceramics Asia in Ahmedabad, Unicera in Istanbul and Revestir in Sao Paulo – although at the first two there was no sign of the usual crowds, while the Brazilian fair saw a decline in international participation. And that was it. The list of events that have been cancelled or postponed (or postponed and then cancelled, or even postponed to a later date still to be announced) has grown longer with each passing day, from Mosbuild to the Milan Furniture Fair to Coverings, which in April was reorganised as a digital event called Coverings Connected. Although this first digital edition of the American show was perhaps hindered by the limited time available for organisation, it nonetheless saw the participation of more than 900 companies and 3,000 professionals in webinars and networking sessions. The smaller regional fairs remain an unknown quantity, as in the case of Cerafair in Iran, which will probably be postponed. The same applies to the various Chinese fairs, from Cerambath in Foshan (the April show was transformed into Cerambath Online) to the machinery shows Uniceramics Ex-

54

CWR 136/2020

L’ultimo appuntamento fieristico di quest’anno a cui abbiamo potuto partecipare “in massa” (termine ormai desueto, ahinoi), è stato - “ceramicamente parlando” -, Cevisama, in Spagna, a inizio febbraio. Poi lo tsunami originato a Wuhan avrebbe investito come un domino l’Asia, l’Europa e, attraversato l’Atlantico, il continente americano. Altri tre eventi di settore, in realtà, non si erano ancora arresi a inizio marzo - Indian Ceramics Asia (ad Ahmedabad), Unicera (a Istanbul) e Revestir (a San Paolo) – ma nei primi due, delle consuete “masse” non c’era già più ombra, mentre la fiera brasiliana ha dovuto fare i conti con parecchie defezioni internazionali. Poi più nulla, con la lista di eventi cancellati o rinviati (o

rinviati e poi cancellati, o ancora rinviati a data da destinarsi) che si allungava giorno dopo giorno: da Mosbuild al Salone del Mobile fino a Coverings, che ha comunque proposto in aprile la sua versione digitale Coverings Connected, una prima che ha forse scontato tempi organizzativi troppo limitati, ma che ha comunque coinvolto oltre 900 aziende e 3.000 professionisti tra webinar e networking. Ancora un’incognita le fiere regionali minori (come Cerafair in Iran, che con ogni probabilità sarà rimandata), così come le varie fiere cinesi, dal Cerambath di Foshan (riconvertitosi per l’edizione di aprile in Cerambath Online) alle fiere di macchinari: Uniceramics Expo, per ora rinviata al 20 luglio, e Ceramics China che non ha ancora fissato la


events

po, currently rescheduled to 20 July, and Ceramics China, which has not yet announced the new dates. Amid hopes and fears, the world is keeping a watchful eye on Cersaie, the most important international event in the ceramic sector which normally attracts upward of 110,000 visitors a year from every corner of the planet. It is currently impossible to predict whether or not the show – provisionally delayed by 42 days and now due to be held from 9 to 13 November instead of the end of September – will be the much-anticipated event that reboots the industry. What is certain is that the organisers are hard at work to refresh the exhibition format and to adopt the measures necessary to ensure the exhibition centre is completely safe for visitors and exhibitors. Plans include using the new Hall 37 as the starting point for a reorganisation of the various product categories, moving the bathroom furnishings sector to the centre of the fairground, and housing the Contract Hall devoted to new product categories in Hall 18. In keeping with the spirit of the times, the Bologna show has been titled “The healthiness of ceramics for rethink-

sua nuova data. Tra speranze e timori, gli occhi di tutti erano (e sono tuttora) puntati sul Cersaie, il più catalizzante evento mondiale del settore ceramico, coi suoi oltre 110mila visitatori l’anno provenienti da tutto il mondo. Impossibile predire oggi se il prossimo - spostato precauzionalmente di 42 giorni (si svolgerà dal 9 al 13 novembre invece che a fine settembre) - rappresenterà o meno “la fiera della ripartenza”. Quello che è certo, è che gli organizzatori sono al lavoro per rinnovare il format espositivo (che potrà prevedere anche una parte virtuale) e per

garantire una frequentazione in sicurezza del quartiere fieristico. Nei progetti, ci sarà l’utilizzo del nuovo Padiglione 37 che consentirà di riorganizzare le diverse merceologie espositive, spostando il comparto dell’arredobagno al centro del quartiere e dedicando il Padiglione 18 al Contract Hall dedicato a nuove merceologie. Coerente col periodo che stiamo vivendo, anche il titolo della kermesse bolognese - ‘La salubrità della ceramica per ripensare l’Abitare e l’Architettura’ - da cui discenderà anche l’offerta convegnistica. “Vogliamo dare vita al primo evento di setto-

CWR 136/2020

55


events ing home design and architecture”, and this will also be the theme of the conference programme. “We want it to be the first international event in the sector that draws lessons from the emergency and rethinks the world of architecture and home design in a way that brings together health and beauty. At the same time Italy will need to make a concerted effort to convey the image of safety needed to kick-start our industry,” said Confindustria Ceramica Chairman Giovanni Savorani. In the meantime, several digital initiatives have already been launched on Cersaie’s YouTube and social media channels to accompany visitors in the lead-up to the autumn event. These include webinars with architects, the publication of 10 conferences from the “Building Dwelling Thinking” programme, the presentation of architecture projects carried out by exhibitors, and the Here and Now project organised together with Casabella consisting of six conversations with prestigious contemporary architects: Toyo Ito, Renzo Piano, Norman Foster, Frank Gehry, Smiljan Radic and Eduardo Souto de Moura. While Cersaie has opted for new dates in November 2020, one show that has preferred to avoid risks and instead postpone directly to 2021 is Tecnargilla, the world’s largest exhibition of machinery and supplies for the ceramic industry which has traditionally been held in even-numbered years in Rimini on the same dates as Cersaie. The decision to postpone was taken by Acimac and IEG (Italian Exhibition Group) “after a great deal of thought and with a strong sense of responsibility”, explained Paolo Sassi, Chairman of Acimac. “In this challenging year, we don’t believe that the conditions are in place to guarantee exhibitors the expected level of international visitor attendance in terms of either numbers or quality.” Indeed, international appeal is key to the success of Tecnargilla, “the only world-leading Italian trade fair in the industrial machinery sector that is capable of attracting not just leading Italian and international ceramic technology producers but above all the sector’s entire international clientele”, continued Sassi. Tecnargilla remains the benchmark exhibition for companies from all over the world and has a more than 50% share of foreign visitors from over 100 countries, especially from outside Europe. Given the current travel restrictions (although they are likely to be eased over the coming months), the decision to postpone the event until 2021 was seen as the most sensible option by almost all stakeholders. So Tecnargilla will be back in the autumn of 2021. With an extra year ahead of them and in the hope that market conditions worldwide will return to normal, the organisers of Tecnargilla will use the coming months to find and introduce innovative features capable of reaffirming the importance of Italian technologies around the world and reflecting the excellence of Italian capital goods, which are fundamental for the production of all types of surfaces. “Our staff are already hard at work to develop further innovations that will allow us to enhance the international prestige of Tecnargilla and offer new business opportunities for exhibitors and visitors,” confirms Acimac director Paolo Gambuli. ✕

56

CWR 136/2020

re a livello internazionale per ripensare, imparando dall’emergenza, il mondo dell’Architettura e dell’Abitare, coniugando salubrità e bellezza. Questo nel quadro di un necessario sforzo complessivo del nostro Paese, per comunicare al più presto l’immagine di un’Italia Sicura, necessaria per far ripartire il nostro Made in Italy”, ha dichiarato il Presidente di Confindustria Ceramica Giovanni Savorani. Nel frattempo, sono già state avviate diverse iniziative digitali sui canali YouTube e social di Cersaie per accompagnare il pubblico verso l’evento autunnale: dai webinar con architetti, alla pubblicazione di 10 conferenze di “Costruire Abitare Pensare”, alla presentazione di progetti di architettura realizzati dagli espositori, fino al progetto ‘Here and Now’ (realizzato con Casabella) che presenta sei conversazioni con maestri dell’architettura contemporanea, ossia Toyo Ito, Renzo Piano, Norman Foster, Frank Gehry, Smiljan Radic ed Eduardo Souto de Moura. Se quindi Cersaie scommette su novembre 2020, chi ha preferito optare direttamente per un rinvio al 2021 è Tecnargilla, la grande fiera mondiale delle macchine e delle forniture all’industria ceramica che storicamente ha luogo a Rimini, in concomitanza con Cersaie, negli anni pari. La decisione è stata presa da Acimac e IEG (Italian Exhibition Group) “con estrema ponderazione e senso di responsabilità”, ha affermato Paolo Sassi, Presidente di Acimac: “Crediamo che in questo anno complicato non sussistano le condizioni per assicurare alle aziende espositrici lo stesso livello quantitativo e qualitativo di visitatori internazionali”. Perché è proprio sull’internazionalità che poggia il successo di Tecnargilla, “unica fiera leader mondiale nel comparto dei macchinari industriali capace di attirare non solamente l’eccellenza

nell’offerta tecnologica per l’industria delle superfici, ma soprattutto la partecipazione massiccia della clientela mondiale”, sottolinea Sassi. Tecnargilla resta infatti il punto di riferimento fieristico per le aziende di tutto il mondo, con una percentuale di visitatori stranieri superiore al 50%, provenienti da oltre 100 Paesi, extra-europei in particolare. Con l’attuale difficoltà negli spostamenti internazionali, seppur prevista in miglioramento per i prossimi mesi, la scelta di una sua riprogrammazione al 2021 è stata giudicata favorevolmente dalla quasi totalità degli operatori. “Come nostra consuetudine abbiamo ascoltato con grande interesse l’opinione di Acimac e degli espositori – aggiunge Lorenzo Cagnoni, Presidente di IEG – e, valutando non ci fossero le condizioni per insistere su uno svolgimento nel 2020, abbiamo concertato lo spostamento al 2021, gettando immediatamente i presupposti […] per un’edizione che ancora una volta rispecchierà la forza di un mercato di assoluto prestigio per il Paese”. Tecnargilla tornerà dunque nell’autunno 2021. Con un anno in più davanti, e l’auspicata “ri-normalizzazione” delle condizioni di mercato a livello mondiale, gli organizzatori di Tecnargilla sfrutteranno i prossimi mesi per individuare ed apportare elementi di innovazione alla manifestazione riminese, capaci di riaffermare la centralità delle tecnologie “made in Italy” nel mondo ed esprimere l’eccellenza nel panorama dei beni strumentali italiani, fondamentali per la produzione di ogni tipo di superficie. “I nostri uffici stanno già lavorando per mettere a punto ulteriori novità che ci consentiranno di rafforzare il prestigio internazionale di Tecnargilla e fornire a espositori e visitatori nuove possibilità di business”, conferma il direttore di Acimac Paolo Gambuli. ✕


FALL 2021 Rimini Exhibition Centre – Italy

tecnargilla.it ORGANIZED BY

IN COLLABORATION WITH

WITH THE SUPPORT OF

Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation


Inks with a high solid content. More colour, greater sustainability Inchiostri ad alto contenuto di solido. Più colore, più sostenibilità Inco R&D dept. (Pavullo, Italy)

Inco Industria Colori nasce Inco Industria Colori was founded in Italy more than thirty oltre trent’anni fa in Italia coyears ago as a producer of inorganic pigments for the ceme produttore di pigmenramic sector. ti inorganici per il settore ceOver the years, the company has grown, evolved and digramico. Inco è cresciuta, è italised its production processes in step with the developcambiata e si è digitalizzata ment of the ceramic industry, introducing new ranges of inks assieme all’industria ceramialongside its pigment lines. ca affiancando alle sue linee Now more than ever, the company di pigmenti, nuove is exploiting its chemical and ceramgamme di inchiostri. ic expertise and the skills it has acIl know-how di parquired over the years to develop intenza, sia chimico novative products and solutions that COLOUR INNOVATION INDUSTRY che ceramico, e le provide unique added value for its competenze acquisicustomers. te durante gli anni sono ora One of these is Inco’s new series of HSC - High Solid Conpiù che mai orientate a svitent inks, which deliver major colorimetric benefits along luppare prodotti e soluzioni with significantly reduced atmospheric emissions of maloinnovative per fornire ai prodorous organic compounds. pri clienti un valore aggiunto Combining excellent definition with high levels of perforunico e prezioso. mance, these inks mark the culmination of a long process Nasce in questa direzione of development that began in 2013 and has brought steady la nuova serie di inchiostri improvements in terms of both colour yield and environHSC - High Solid Content mental emissions. di Inco, in italiano Alto SoFor several years, leading ceramic companies in Italy and lido, che assicura importanti worldwide have been using Inco High Solid Content inks vantaggi colorimetrici e nowith great success. tevoli riduzioni delle emisThe new HSC ink series is an improvement on previous HSC sioni di sostanze organiche lines as it maintains the same outstanding levels of perforin atmosfera e degli odori. mance while offering advantages in terms of industrial proOttima definizione, alte preduction.

stazioni, frutto di un lungo lavoro, iniziato nel 2013, che ha visto il costante miglioramento sia delle rese colorimetriche che delle emissioni ambientali. Già da alcuni anni infatti, rinomate aziende ceramiche, sia in Italia che nel mondo, utilizzano con grande successo gli inchiostri Alto Solido Inco. Ora, la nuova serie di inchiostri HSC, una evoluzione delle serie HSC nate precedentemente, conferma industrialmente le ottime prestazioni e ne migliora i benefici.

Ma cosa significa HSC - High Solid Content? Inchiostri ad alto contenuto di solido, cioè con una elevata percentuale di materia inorganica al proprio interno. (Fig. 1). Ma esattamente quanto? Sappiamo che un classico inchiostro ceramico inkjet si contraddistingue per avere una percentuale di materia inorganica che FIG. 1 - CONTENT OF INORGANIC MATTER varia da 25 a 45% al Contenuto di materia inorganica suo interno ed il restante 55-75% è costituito CLASSICI INCHIOSTRI CERAMICI INKJET INCHIOSTRI HIGH SOLID CONTENT INCO CLASSIC CERAMIC INKJET INKS INCO HIGH SOLID CONTENT INKS da solvente organico. Il solvente organico è indispensabile perché 60% solvente organico 48% solvente organico funge da veicolo e perorganic solvent organic solvent mette l’applicazione 40% materia inorganica 52% materia inorganica di pigmenti inorganiinorganic matter inorganic matter ci, oppure materie, sulNUOVI PIGMENTI • NEW PIGMENTS la superficie di una piaNUOVI SOLVENTI • NEW SOLVENTS strella Fig.1 in maniera digitale attraverso l’utiliz-

58

CWR 136/2020


Focus on Glazing & Decoration

zo di stampanti inkjet single tuita, attualmente compresa But what is meant by HSC - High Solid Content? pass. tra 50 e 58%, oltre che per la High solid content inks are inks that contain a high perNella fase di cottura del peztipologia dei pigmenti e dei centage of inorganic matter (Fig. 1). zo ceramico però verrà brusolventi utilizzati, entrambi But how much do they contain exactly? ciato non produrrà alcun di nuova generazione. A conventional ceramic inkjet ink has a percentage of inorvalore finale estetico e porSi tratta di pigmenti ad eleganic matter of between 25% and 45% while the remainterà invece ad avere sostanvata resa cromatica e di soling 55-75% consists of organic solvent. ze organiche volatili ai camiventi che, in fase di cottura ai The organic solvent is indispensable because it acts as a meni, nocive, oltre che odori. forni ceramici, emettono una dium and allows inorganic pigments or materials to be apLa nuova serie di inchioquantità ridotta di sostanplied to the surface of a tile using single pass digital inkjet stri HSC Inco si differenzia ze organiche volatili (SOV) e printers. However, the solvent itself has no aesthetic value dai classici inchiostri ceraodori estremamente conteand burns off during the firing process, producing harmful mici, innanzitutto per l’elenuti. and malodorous volatile organic compounds (VOCs) which vata percentuale di mateGli inchiostri High Solid Conare emitted from the flue. ria inorganica di cui è costitent Inco si contraddistinguoThe new series of Inco HSC inks differ from conventional ceramic inks primarily in terms of the high perFIG. 2/4 - COMPARISON BETWEEN CLASSIC CERAMIC INKJET INKS AND HSC INKS centage of inorganConfronto fra classici inchiostri ceramici inkjet e inchiostri HSC ic matter they contain (currently between CLASSICI INCHIOSTRI CERAMICI INKJET CLASSIC CERAMIC INKJET INKS 50% and 58%), as well as the fact that they use new-generation APPLICAZIONE: 20 g/m2 di inchiostro APPLICATION: 20g/m2 of ink 60% solvente organico pigments and solorganic solvent 8 g/m2 di materia inorganica vents. 8 g/m2 of inorganic matter The pigments have 40% materia inorganica inorganic matter 12 g/m2 di solvente organico high colour inten12 g/m2 of organic solvent sity while the solvents emit very limitINCHIOSTRI HIGH SOLID CONTENT INCO ed quantities of VOCs INCO HIGH SOLID CONTENT INKS during firing, resulting in extremely low levels APPLICAZIONE: 8 g/m2 di materia inorganica of odorous emissions. APPLICATION: 8g/m2 of inorganic matter 48% solvente organico organic solvent

Inco High Solid Content inks stand out for their excellent performance. Firstly, they are formulated to ensure a high suspending capacity towards inorganic matter as well as excellent lubrication of the printheads, thereby guaranteeing

52% materia inorganica

15,4 g/m2 di inchiostri 15,4 g/m2 of inks

inorganic matter

7,4 g/m2 di solvente organico 7,4 g/m2 of organic solvent

medesimo risultato estetico same aesthetic result

-23%

RIDUZIONE CONSUMI

CONSUMPTION REDUCTION

-38,3%

RIDUZIONE SOLVENTE ORGANICO ORGANIC SOLVENT REDUCTION

IMPORTANTE RIDUZIONE SOV IMPORTANT S.O.V. REDUCTION

Fig.4

CWR 136/2020

59

Fi


exceptional print quality (comparable with conventional ceramic inks). They are also industrially tested on all printers and printheads on the market and do not require the use of special cleaning devices or protocols, making them a ready-to-use solution. Finally, due to their high content of inorganic matter (as well as the type of inorganic matter used), they allow for greater aesthetic potential, lower consumption and a significant reduction in VOC emissions from ceramic flues.

no per le ottime prestazioni. Innanzitutto, sono formulati per garantire una ottima sospensivazione della materia inorganica, oltre che una ottima lubrificazione delle testine di stampa, per assicurare una qualità di stampa eccezionale al pari dei classici inchiostri ceramici. Inoltre, sono validati industrialmente su tutte le stampanti e testine di stampa in commercio, non necessitano di particolari accorgimenti o protocolli di pulizia per essere utilizzati, e per questo sono una soluzione ready-to-use. Infine, in virtù del loro elevato contenuto di materia inorganica, oltre che della tipologia di materia inorganica utilizzata, permettono all’utilizzatore maggiori possibilità estetiche, minori consumi e una riduzione importante delle sostanze organiche volatili all’uscita dei camini ceramici.

plice calcolo matematico di quanto sia la materia inorganica effettivamente applicata sulla superficie del pezzo ceramico durante un’applicazione digitale. Materia inorganica che, per intenderci, va a decorare la piastrella ceramica e che quindi conferirà il valore estetico.

 Simuliamo un’applicazione di 20 g/mq. di un classico inchiostro ceramico To understand the reasons for these significant improvedigitale (Fig.2). ments, we first need to calculate the quantity of inorganic Quanta materia inorganica matter actually applied to the surface of the ceramic tile dure quanto solvente organico ing digital application. verranno applicati? This inorganic matter serves to decorate the ceramic tile and Ipotizzando che un clasgive it aesthetic value. sico inchiostro ceramico contenga un 40% di mate Let’s simulate a 20 g/sq.m application of a conventionria inorganica al suo interno al digital ceramic ink (Fig. 2). (percentuale in realtà com How much inorganic matter and how much organic solpresa tra 25 e 45%), facenvent will be applied? do quindi un semplice cal Assuming that a conventional ceramic ink contains 40% colo matematico, andiamo inorganic matter (the percentage is actually between 25% ad applicare: 8 g/mq. di and 45%), a simple mathematical calculation shows that materia inorganica, cioè the application quantity is 8 g/sq.m of inorganic matter, quella che conferirà il “cowhich is what gives the ceramic tile its “colour” or “mate❱ Materia inorganica e lore” o la “materia” al pezrial effect”, and 12 g/sq.m of organic solvent responsisolvente organico: quantità zo ceramico, e 12 g/mq. ble for VOC emissions in flue gases and consequently ena confronto di solvente organico, revironmental pollution and unpleasant odours. sponsabile della generazio Let’s now imagine that we use Inco HSC inks and apply Per capire le ragioni di questi ne di sostanze organiche the same quantity of inorganic material to the ceramic importanti miglioramenti è nevolatili ai camini ceramici, tile (8 g/sq.m) in order to obtain the same aesthetic recessario in primis fare un semquindi di inquinamento ambientale e cattivi odori. FIG. 5/6 - GREATER AESTHETIC POTENTIAL  Immaginiamo ora Maggiori possibilità estetiche di utilizzare gli inchiostri HSC Inco INCHIOSTRI HIGH SOLID CONTENT INCO applicando lo stesINCO HIGH SOLID CONTENT INKS so quantitativo di materia inorgani2 APPLICAZIONE: 12 g/m di solvente organico ca al pezzo ceramiAPPLICATION: 12 g/m2 of organic solvent 48% solvente organico organic solvent co, ossia 8 g/mq., in 25 g/m2 di inchiostro HSC 25 g/m2 of HSC ink modo da ottenere il 52% materia inorganica inorganic matter medesimo risultato 2 13 g/m di materia inorganica estetico (Fig.3). 13 g/m2 of inorganic matter Fig.5 Consideriamo un inchiostro Alto Solido contenente un 52% di materia inorganica (percentuale in reSOV INVARIATI MATERIALE INORGANICO altà compresa tra 50 S.O.V. UNCHANGED INORGANIC MATTER e 58%). Quanto inchiostro e quanto solvente verranno applicati? ❱ Inorganic matter and organic solvent: comparing quantities

+62,5%

60

CWR 136/2020

Fig.6


Focus on

Glazing & Decoration sult (Fig. 3). Let’s consider a High Solid Content ink containing 52% inorganic matter (actually between 50% and 58%). How much ink and how much solvent will be applied? Applying 8 g/sq.m of inorganic matter we will have a consumption of 15.4 g/sq.m of HSC ink and 7.4 g/sq.m of organic solvent, respectively 23% and 38.3% less than with a conventional ceramic ink (Fig. 4). This means that for the same quantity of inorganic material applied to the ceramic tile, we consume a smaller quantity of ceramic ink, which brings very significant environmental benefits in terms of reduced VOC levels in flue gases. Just like water-based inks, High Solid Content inks are recommended in the guidelines issued by the Italian environmental control authorities due to their low content of organic solvent. ❱ Greater aesthetic potential Compared to applications with conventional ceramic inks, Inco High Solid Content inks are able to add value to products while maintaining the same characteristics. This is achieved without increasing the applied quantity of organic solvent and therefore without increasing VOC emissions to the atmosphere.  Now imagine we use HSC Inco inks and apply the same quantity of organic solvent to the ceramic tile so as to maintain the same level of organic emissions in flue gases (Fig. 5). In other words, we apply 12 g/sq.m of organic solvent. How much inorganic material will be applied? A mathematical calculation shows that we apply 25 g/ sq.m of HSC ink containing a total of 13 g/sq.m of inorganic material, 62.5% more than would be applied with a conventional ceramic ink. In other words, for the same quantity of VOCs we apply more inorganic material, resulting in greater aesthetic potential.

Applicando 8 g/mq. di materia inorganica si avrà un consumo di 15,4 g/mq. di inchiostro HSC e di 7,4 g/ mq. di solvente organico, con una riduzione rispettivamente del 23% e del 38,3% rispetto un classico inchiostro ceramico (Fig.4). Applicando quindi il medesimo quantitativo di materia inorganica al pezzo ceramico otteniamo una riduzione matematica del consumo di inchiostri ceramici, quindi un beneficio ambientale molto importante per la riduzione dei SOV ai camini. Gli inchiostri Alto Solido, come gli inchiostri base acqua, in ragione del loro ridotto contenuto di solvente organico, sono infatti indicati nelle linee guida delle autorità di controllo ambientale italiane, che ne incentivano l’utilizzo. ❱ Maggiori possibilità estetiche L’utilizzo di inchiostri Alto Solido Inco permette, per le medesime caratteristiche, di ag-

giungere valore alle produzioni rispetto all’applicazione fatta con un classico inchiostro ceramico. Questo, senza aumentare il solvente organico applicato e quindi senza andare ad umentare i SOV in atmosfera.  Immaginiamo di utilizzare gli inchiostri HSC Inco e di applicare il medesimo quantitativo di solvente organico al pezzo ceramico, in modo da mantenere invariate le emissioni di sostanze organiche ai camini ceramici (Fig.5). Applichiamo quindi 12 g/ mq. di solvente organico. Quanto materiale inorganico verrà applicato? Calcolando matematicamente, andiamo ad applicare: 25 g/mq. di inchiostro HSC per un totale complessivo di ben 13 g/ mq. di materiale inorganico, ossia il 62,5% in più di quanto se ne applicherebbe con un classico inchiostro ceramico. In altre parole, SOV invariati, più materiale inorganico: maggiori possibilità estetiche.

❱ Better definition Along with their excellent quality, performance and aesthetic potential, Inco HSC High Solid Content inks also ensure better definition. The new type of organic solvents not only reduce VOC emissions in flue gases but also have lower levels of water repellency and a greater affinity with the tile surface, resulting in extremely high printing quality. Fig.7

CWR 136/2020

61


Focus on

Glazing & Decoration ❱ Experimentation To check that the new series of HSC inks would actually deliver all the benefits shown by the mathematical calculations, Inco’s R&D laboratories conducted extensive experimentation, first in the lab and then at an industrial level. The mathematical calculations performed here as examples compare a conventional ink with a 40% solid content with an HSC ink with a 52% solid content. In reality, the difference in terms of content of inorganic matter is in many cases much greater than this (e.g. 35% compared to 58%), so the benefits are proportionately larger. The advantages of both the new pigments and the new solvents were also verified. Extensive industrial tests confirmed all the improvements and showed that the calculated reductions were actually exceeded. These results have been endorsed by certified inspection bodies.For all these reasons, leading ceramic companies in Italy and around the world have already chosen the new series of Inco High Solid Content inks and appreciate the aesthetic potential offered by the wide range of colours and digital materials available in both neutral and intense tones. More colour. Greater definition. More material effects. Lower emissions. Fewer odours. 5

❱ Maggiore definizione Gli inchiostri HSC - High Solid Content di Inco permettono quindi di avere ottima qualità, ottime performance, più possibilità estetiche, ma anche più definizione. La nuova tipologia di solventi organici utilizzati, oltre a ridurre le emissioni di SOV ai camini, permette infatti di avere meno idrorepellenza e più affinità con la superficie della piastrella, per una qualità di stampa estremamente elevata. ❱ Le sperimentazioni Per verificare tutti i benefici promessi dalla nuova serie di inchiostri HSC, al di là dei calcoli matematici, i laboratori R&S di Inco hanno portato avanti importanti sperimentazioni, prima su scala di laboratorio e poi industriali. I calcoli matematici spiegati fin qui, e presi da esempio, considerano infatti un confronto tra un classico inchiostro al 40% di secco e un inchiostro HSC al 52% di

secco; nella realtà la differenza nel contenuto di materia inorganica è, in molti casi, decisamente maggiore (es. 35% versus 58%) con benefici proporzionalmente maggiori. Inoltre, si sono verificati i vantaggi apportati sia dai nuovi pigmenti che dai nuovi solventi utilizzati. Sono stati così confermati, con importanti sperimentazioni industriali, tutti i miglioramenti e molto più delle riduzioni promesse. Risultati attestati da enti di controllo certificati. Per tutti questi motivi, importanti aziende ceramiche, sia in Italia che nel mondo, hanno già scelto la nuova serie di inchiostri High Solid Content Inco, completa di tutte le tipologie di colori e materie digitali, con toni neutri ed intensi, per un nuovo mondo di possibilità estetiche. Più colore. Più definizione. Più effetti materici. Meno emissioni. Meno odori. 5

ADVERTISING

THE RC1536 SERIES OF PRINTHEADS

ROBUST AND PRODUCTIVE WITH WATER-BASED INK FOR EXTRAORDINARY OPPORTUNITIES TO CREATE PIN SHARP 3D RELIEFS AS WELL AS TO PRINT ON UNEVEN SURFACES LIKE ROOF TILES AND TABLE WARE. For further flexible solutions and possibilities visit www.seiko-instruments.de. THE CULTURE OF PRECISION.


TRUE DIGITAL BE ONE STEP AHEAD WITH DURST.

GAMMA DG SERIES – Preview

GAMMA XD SERIES

> First Single Pass True Digital Glaze Printer > Durst proprietary Rockjet™ print head technology > Waterbased glazes >45 microns up to 1 kg/m 2 > Printing widths up to 200 cm

> Best rated ceramic decoration printers for print quality, reliability and lowest maintenance > Printing widths up to 200 cm

COLORGATE CMS

SOFTWARE & WORKFLOW

> True Color Management Solution designed for ceramic conditions > Patented ›Fingerprint‹ color control taking into account any variation over time > Strong reduction of test runs with minimized glazing line down times when repeating products over time > Chart reading on structured and flat surfaces in less then 3 min. > Works with all Durst and Non-Durst printers

Market leading printer software specially designed for the ceramic workflow

durst-group.com /en/segment/ceramics


From product to process: a new concept in decoration Dal prodotto al processo: un nuovo concept di decorazione Davide Medici, Sacmi Intesa (Salvaterra/Imola, Italy)

Con la sua ultima innovazione With its latest innovation in the field of glazing and decoranel campo della smaltatura e tion of ceramic surfaces, Sacmi responds to a dual market decorazione di superfici ceraneed that can be summed up in two words: product and promiche, Sacmi risponde a una cess. duplice esigenza del mercato, Driven by the need to differentiate their offerings from those che si può sintetizof competitors, manufacturers are increasingly fozare con due parocusing on aesthetic research with the aim of crele chiave: prodotto ating products with the highest possible levels of e processo. sophistication. A process of continuous innovation of this kind can no longer rely solely on inks E N D L E S S I N N O V A T I O N S I N C E 1 9 1 9 La necessità di differenziare la probut needs to extend the concept of ceramic decpria offerta daloration to include glazes, powders and material la concorrenza fa sì che il protexture effects. dotto sia sempre più oggetto di At the same time the production process itself also needs to una ricerca estetica che punti evolve, rethinking the digital device not just as an element ai livelli di massima raffinatezthat complements the traditional pressing and mechaniza; un percorso di innovazione cal powder compaction phases but actually integrates with continua che non può più fare them, thereby contributing to totally smart order and proricorso ai soli inchiostri, ma che duction management. ha bisogno di ampliare il conWith the aim of covering everything from product to process cetto di decorazione ceramica and developing ceramic production and decoration lines of anche agli smalti, alle polveri e unrivalled versatility, Sacmi’s research team has launched a agli effetti materici di struttura. new application of the new DDG Digital Decoration & GlazVi è poi il processo produttivo, ing series for the production of digitally textured, glazed che può e deve evolversi anand decorated products. ch’esso, ripensando il dispositivo digitale come elemento ❱ Operation della linea che non si limita più ad affiancare le tradizionali fasi The main innovation is the possibility of using the new DDG di pressatura e compattazione technology not just for the selective application of grits, meccanica delle polveri, bensì glues and other dry and wet effects but also for creating texle integra, contribuendo ad una tural surface effects.

64

CWR 136/2020

gestione totalmente smart degli ordini e della produzione. Dal prodotto al processo, quindi, nella direzione della migliore versatilità delle linee di produzione e decorazione ceramica. È questa la scommessa della ricerca Sacmi che ha portato al lancio di un’applicazione inedita della nuova serie DDG Digital Decoration & Glazing per la realizzazione di prodotti strutturati, smaltati e decorati digitalmente. ❱ Il funzionamento La novità sostanziale consiste nella possibilità di sfruttare la nuova tecnologia DDG non solo per l’applicazione selettiva di graniglie, colle ed altri effetti a secco e a umido, ma anche per realizzare veri e propri effetti di struttura sulla superficie. Nel nuovo layout della linea, la macchina viene duplicata: un modulo DDG è installato a monte, l’altro a valle della decoratrice digitale inkjet. In pratica, nelle prime fasi la macchina può depositare grani-


Focus on Glazing & Decoration

In the new line layout the machine is duplicated, with one DDG module installed upstream and the other downstream of the digital inkjet decorating machine. In practice, in the initial stages the machine can deposit grits and glues to create wood, natural stone and other effects and if necessary can combine them with full-tile glaze application. Following compaction and digital decoration thanks to integration with the SACMI DHD inkjet modules, the slab can be passed through a second DDG module for application of further surface texturing and glazing effects (e.g. the classic transparent top coat). The result is a 3D surface decoration process free from mechanical constraints, giving manufacturers the utmost versatility in handling complex production mixes with high aesthetic value. In this innovative configuration, DDG and SACMI Deep Digital Line integrate and further extend the digital decoration and glazing concept to three-dimensional slab decoration, allowing for more efficient management of small batches, just-in-time production and frequent changes of size and texture. Thanks to integration with the other digital devices present on the line (DHD ink printers and additional pre-forming powder filling devices such as the DGD for traditional PH presses and the DDD for Continua+ lines), Sacmi delivers a complete decoration ecosystem that meets all slab/tile decoration needs with the maximum versatility on a single platform. 5

glie e colle - realizzando strutture tipo legno, pietra naturale, ecc - ed eventualmente può essere abbinata con l’applicazione di uno smalto a campo pieno. Una volta compattata e decorata digitalmente – grazie all’integrazione con i moduli inkjet Sacmi DHD – la lastra può essere poi “ripassata” attraverso il secondo modulo DDG, per l’applicazione di ulteriori effetti materici e finiture superficiali di smalto, come il classico top coat trasparente. Il risultato è un processo di decorazione superficiale e 3D totalmente svincolato dalle rigidità meccani-

che del processo, che consente quindi la migliore versatilità nella gestione di mix produttivi complessi e dall’alta valenza estetica. In particolare, in tale innovativa configurazione, DDG e Sacmi Deep Digital Line integrano ed estendono ulteriormente il concetto di decorazione e smaltatura digitale alla decorazione tridimensionale del supporto, nella direzione di una gestione più efficiente di lotti ristretti, produzioni just in time, frequenti cambi di formato e di struttura. Grazie all’integrazione con gli altri dispositivi digitali presenti sulla linea - stampanti per inchiostri DHD, ma anche dispositivi di caricamento polveri in fase di pre-formatura (come DGD per presse tradizionali PH e DDD per linee Continua+) -, Sacmi propone un ecosistema completo che consente di gestire in modo versatile, su un’unica piattaforma, ogni tipo di esigenza nell’ambito della decorazione della piastrella e della lastra. 5

CWR 136/2020

65


High-performance grits and micro-grits Graniglie e micrograniglie ad alte prestazioni Marco Romagnoli, Colorobbia (Sovigliana Vinci, Italy)

With their wide range of potential uses and applications, grits and micro-grits are now among the most interesting and adaptable products for the ceramic industry. Gruppo Colorobbia currently produces an extensive range of high-quality frits and grits at its production sites in Italy and abroad. Ceramic manufacturers who use these materials are able to produce highly distinctive products with superior levels of performance compared to other materials on the market. The new range of Colorobbia grits offers multiple solutions for different market requirements. The catalogue of grits comprises a wide variety of particle sizes, which can be selected according to the application technology and the desired end result. These grits and their combinations can be used to create different kinds of surfaces, including full polish mirror finishes, stone, concrete and sugar effects, metallic decorations, surfaces with coloured dots, high-transit floors and anti-slip tiles, all of which are currently in strong demand for use in both interiors and exteriors. ❱ Dry digital applications Along with traditional wet and dry applications, dry digital processes are becoming increasingly popular in the ceramic industry due to their ability to enhance surfaces, create micro-reliefs, combine different material effects and improve the cost effectiveness of the decoration process. For this pur-

66

CWR 136/2020

Grazie alle numerose possibilità applicative e di utilizzo che prevedono, le graniglie e le micro-graniglie rappresentano oggi una delle famiglie di prodotto più versatili ed interessanti per l’industria ceramica. Attualmente, il Gruppo Colorobbia produce un’ampia gamma di fritte e graniglie in tutte le sue sedi produttive sia in Italia che all’estero. La loro qualità, frutto del know-how che caratterizza ciascun processo produttivo di Colorobbia, consente ai produttori di ceramica che le impiegano di differenziare i propri prodotti e di ottenere prestazioni uniche rispetto ad altri materiali presenti sul mercato. La nuova gamma di graniglie Colorobbia offre molteplici soluzioni per rispondere ad ogni esigenza del mercato. A catalogo sono disponibili diverse granulometrie, selezionabili in

funzione della tecnologia applicativa utilizzata e del risultato desiderato. Da sole o in miscela tra loro, queste graniglie possono essere utilizzate per sviluppare diversi tipi di prodotto, tra cui finiture a specchio (full polish), pietre, cementi, sugar effect, decorati metallizzati, superfici con puntinanti colorati, superfici ad alto transito e superfici anti-slip, molto richieste, oramai, sia per interni che per esterni. ❱ Le applicazioni digitali a secco Oltre alle tecnologie applicative tradizionali (a secco e a umido), nell’industria ceramica stanno prendendo sempre più piede le applicazioni digitali a secco, che consentono di arricchire le superfici, creare micro-rilievi, abbinare vari materiali simultaneamente, nonché otti-


Focus on Glazing & Decoration

pose, Colorobbia collaborates with the main equipment and technology producers and plays an active role in testing and implementing new solutions at an industrial level. The current level of digitalisation of the production line allows for dry application of grits in various phases following the pressing process, both before and after the digital decorating machines. It also allows different applications to be fully synchronised, thereby increasing the number of graphic decorations that can be achieved, with or without press reliefs. Moreover, dry applications reduce the need for water and reduce the energy cost of the drying and firing processes. To ensure good fixing and definition of grits on the tile surface, Colorobbia has developed a family of solvent-based and water-based digital glues. These are able to fix a quantity of solid of up to 800-1000 g/m2 (considering the most challenging full-polish surfaces) without altering the tile’s finish in any way. ❱ New products for new applications Colorobbia grits are designed to be fully compatible with the entire range of base products (glazes, top coats, printing bases, coloured digital inks, digital effects, etc.) and create unique, high-performance surfaces. One of the fastest growing applications of these materials is in the production of large and very large surfaces, especially for the decoration of wall tiles and porcelain slabs (the latter are increasingly popular for use as furnishing elements such as worktops, countertops, tables, wall and door coverings, ventilated facades, etc.). For these new applications, Colorobbia has developed and introduced a series of matt and glossy grits with high thermal expansion coefficients. Whether they are used individually or in combination, these grits and micro-grits are able to achieve a high level of gloss and transparency and a wide colour range while complying with chemical and stain resistance regulations.

mizzare il processo decorativo dal punto di vista economico. In questo senso, Colorobbia collabora con i principali impiantisti e produttori di tecnologie e partecipa attivamente a test e processi di implementazione di queste soluzioni a livello industriale. L’attuale livello di digitalizzazione delle linee produtti-

ve consente l’applicazione a secco di graniglie nelle fasi successive alla pressatura, prima e/o dopo le macchine digitali, e la totale sincronizzazione delle diverse applicazioni, potenziando così le opzioni grafiche dei disegni, con o senza rilievi da pressatura. Inoltre, le applicazioni a secco riducono il fabbisogno di acqua e riducono il costo energetico nelle fasi di asciugatura e pressatura. Per garantire un buon fissaggio e una buona definizione delle graniglie sulla superficie della piastrella, Colorobbia ha sviluppato una famiglia di colle digitali a base solvente e base acqua. Queste consentono di fissare una quantità di solido fino a 800-1000 gr/m2 nelle finiture full-polish più esigenti, senza alterare in alcun modo la finitura superficiale della piastrella. ❱ Nuovi prodotti per nuovi impieghi Le graniglie Colorobbia sono progettate per essere compatibili con l’intera gamma di prodotti di base (smalti, protezioni, serigrafie, inchiostri digitali di colore e di effetto, ecc.) e consentono di ottenere superfici uniche e dalle prestazioni molto elevate. Tra i loro impieghi in più forte crescita, va citato quello relativo alla produzione di superfici di grande e grandissimo formato, soprattutto nell’ambito

CWR 136/2020

67


Focus on

Glazing & Decoration All Colorobbia grits are designed to be perfectly compatible with all the various post-coating treatments available on the market, whether they use wax or similar products to eliminate porosity or instead adopt nanoparticles. ❱ A global presence and attention to the environment Through its companies located in the world’s main ceramic clusters, Gruppo Colorobbia helps ceramic producers develop projects by offering complete technical and sales assistance, including support with graphic designs, R&D and innovation, while offering technological expertise throughout the entire industrial development of high value-added products. As part of its longstanding focus on the environment and the health and safety of its employees and customers, Colorobbia is continuing its efforts to reduce emissions, waste and residues, to minimise the use of hazardous substances, and to adapt constantly to changes and amendments to the hazard classifications of substances. 5

della decorazione di rivestimenti e di lastre in gres porcellanato, queste ultime utilizzate sempre più anche come elementi di arredo (piani di lavoro, banconi, tavoli, rivestimenti per pareti e porte, facciate ventilate, ecc.). Per rispondere a tali nuove applicazioni, Colorobbia ha sviluppato e inserito a catalogo una serie di graniglie per finiture brillanti e matt ad alto coefficiente di dilatazione. Queste graniglie e micro-graniglie, da sole o combinate tra loro, permettono di ottenere un elevato indice di brillantezza e trasparenza, e un ampio spettro cromatico, sempre nel rispetto della normativa vigente in materia di test di resistenza all’attacco chimico e alle macchie. Tutte le graniglie Colorobbia sono state concepite per essere compatibili con i diversi trattamenti di protezione superficiale “post-coating” esistenti sul mercato, sia quelli che utilizzano cere o simili per eliminare le porosità, sia quelli che prevedono invece l’utilizzo di nanoparticelle.

❱ Presenza globale e attenzione all’ambiente Il Gruppo Colorobbia, grazie alla presenza delle proprie aziende nei principali cluster ceramici del mondo, affianca le aziende ceramiche nello sviluppo di progetti offrendo un servizio completo ed integrato di assistenza tecnica-commerciale, grafica, di ricerca e sviluppo e di innovazione, garantendo anche il trasferimento di know-how tecnologico durante tutto il processo di industrializzazione di proodotti ad alto valore aggiunto. Fedele al proprio impegno verso il rispetto dell’ambiente e l’attenzione alla salute e alla sicurezza di dipendenti e clienti, Colorobbia continua la propria politica di miglioramento costante, incentrata sulla riduzione di emissioni, scarti e residui, sulla minimizzazione dell’utilizzo di sostanze pericolose, e su un elevato dinamismo nell’adattarsi costantemente alle modifiche e revisioni delle classificazioni di pericolosità delle sostanze. 5


The environmental benefits of hybrid technology La tecnologia ibrida che fa bene all’ambiente Fernando Tomás, Efi Cretaprint, (Almazora, Spain)

Growing awareness of the environmental emergency that is facing the planet is prompting the world of research and industry to develop technologies capable of mitigating the impact of production activities. The concept of sustainability means finding ways of exploiting environmental resources without depleting them so that future generations will also be able to meet their needs. So clearly the first measure of a technology’s sustainability is its ability to save resources. However, this analysis must take account of a product’s entire life cycle, which means evaluating not just the impact of a technology in the specific context of the processes for which it is used, but also how it affects the complete product manufacturing and consumption cycle. In ceramic tile production processes, decoration is one of the stages where environmental impact can be improved in order to ensure greater sustainability of the overall process. EFI Cretaprint’s Hybrid technology makes an important contribution by reducing the use of resources and the production of emissions and waste. ❱ The decoration process with water-based inks EFI Cretaprint’s Hybrid ecosystem allows for a fully water-based digital decoration process, an approach that has direct technical and environmental benefits. First, digital glazing with EFI Cretaprint Shield applies the

70

CWR 136/2020

La diffusa presa di coscienza dell’emergenza ambientale che sta affliggendo il pianeta spinge il mondo della ricerca, anche industriale, verso lo sviluppo di tecnologie che possano mitigare l’impatto delle attività produttive. Il concetto di sostenibilità poggia infatti sull’equilibrio tra le risorse ambientali consumate oggi e la necessità di non pregiudicarne la disponibilità per le generazioni future. È quindi evidente che la prima misura della sostenibilità di una tecnologia ha a che fare con la sua capacità di risparmiare risorse. Va però anche considerato l’intero ciclo di vita del prodotto. Ciò comporta la valutazione non solo dell’impatto di una tecnologia rispetto ai processi per i quali è utilizzata, ma an-

che di come essa influisce sul ciclo completo di fabbricazione e consumo del prodotto. Nei processi produttivi di superfici ceramiche, anche la fase della decorazione può migliorare il proprio impatto ambientale diretto e contribuire ad una maggiore sostenibilità. In questo ambito, un contributo fattivo viene dalla tecnologia Hybrid di EFI Cretaprint che incide positivamente sulla riduzione sia delle risorse utilizzate che delle emissioni e dei rifiuti generati. ❱ Il processo di decorazione con inchiostri a base acqua L’ecosistema Hybrid di EFI Cretaprint consente di eseguire un processo di decorazione digitale completamente a base acqua, apportando benefici tecnici ed ambientali diretti. In primo luogo, la smaltatu-


Focus on Glazing & Decoration

right quantity of glaze in a controlled manner (Table 1). In addition, for the decoration phase with Cretaprint Hybrid printers, EFI Cretacolor water-based inks have a formulation that minimises the amount of solvent used in the composition (Table 2). Further environmental benefits of digital glazing technologies include: • the smaller volume of applied material reduces the impact of shipping and packaging costs by a factor of 10; • the smaller amount of water that evaporates (compared to the conventional process) reduces energy consumption; • less water in the glaze composition means reduced vapour emissions into the atmosphere; • the reduced need for cleaning means less consumption of water and solvents. The technical advantages include: • the production of large sizes requires uniform glaze application; • digital glazing, coupled with decoration with water-based inks, reduces water repellency and consequently the non-quality costs that may occur after polishing. The use of digital glazing technologies also facilitates the transition towards more advanced smart factories in line with Industry 4.0 criteria, thereby allowing operators to concentrate on more valuable tasks. Moreover, the use of digital decoration and glazing technology with water-based inks reduces direct application costs

TAB. 1 - GLAZE CONSUMPTION IN THE TRADITIONAL AND DIGITAL GLAZING PROCESSES Consumo di smalto nei processi di smaltatura tradizionale e digitale Analogical glazing methods

Base glaze

Smalto base

Glaze coating Top glaze

Digital glazing

Smaltatura tradizionale analogica

Smaltatura Digitale

600-700 gr/m2

65-80 gr/2

ra digitale con EFI Cretaprint Shield applica la giusta quantità di smalto in maniera controllata (tab. 1). Inoltre, per la fase di decorazione con stampanti Cretaprint Hybrid, gli inchiostri a base acqua EFI Cretacolor hanno una formulazione capace di ridurre al minimo la quantità di solvente utilizzato nella composizione (tab. 2). Tra gli ulteriori vantaggi ambientali derivanti dalle tecnologie di smaltatura digitale, vale la pena ricordare anche che: • il minore volume di materiale applicato riduce di 10 volte l’impatto dei relativi costi di spedizione e dei loro imballaggi; • la minore quantità d’acqua che evapora (rispetto al processo analogico) riduce il consumo di energia; • meno acqua nella composizione dello smalto riduce le emissioni di vapore in atmosfera;

Mentre, tra i benefici tecnici, occorre considerare che: • la produzione di grandi formati richiede un’applicazione omogenea di smalto; • la smaltatura digitale, combinata con la decorazione con inchiostri a base acqua, riduce i fenomeni di idrorepellenza e, di conseguenza, i costi della non-qualità che possono verificarsi dopo la fase di levigatura. Inoltre, l’adozione di tecnologie di smaltatura digitale facilita l’evoluzione degli stabilimenti verso più avanzate “smart factory”, in linea con i criteri di Industria 4.0, nei quali, peraltro, gli operatori possono dedicarsi a compiti di maggior valore. A tutto questo si aggiunge anche l’ulteriore beneficio eco-

TAB. 2 - FORMULATION OF EFI CRETACOLOR INKS Formulazione degli inchiostri EFI Cretacolor % Carbon in the ink (weight) Carbon Emissions Emissioni

Solventbased

% di carbonio nell’inchiostro (peso)

Base solvente

Carbon emission (comparison)

Water-based

Emissioni (confronto)

450-550 gr/2

• la minore necessità di pulizia significa minor consumo d’acqua e di solventi.

40-70 r/2 % of water in the solvents % di acqua nei solventi

Base acqua

Water-based inks Inchiostri base acqua

C

M

Y

K(*)

47%

43%

43%

51%

10%

12%

13%

15%

71%

59%

59%

53%

*Equivalent chromatic coordinates / Coordinate cromatiche equivalenti

CWR 136/2020

71


fasi del processo di fabbricazione, la qualità di stampa migliora grazie ad una maggiore definizione dell’immagine, e, come accennato, si elimina il fenomeno di idrorepellenza. Il risultato è un prodotto ceramico a maggior valore aggiunto. ❱ La tecnologia Hybrid premiata con l’Alfa de Oro

on materials such as large slabs or surfaces with rustic matt finishes. It also opens up new product development opportunities such as selective glaze application or the through-vein effect. ❱ Environmental and technical advantages of Cretaprint Hybrid printers Decoration with water-based inks on Cretaprint Hybrid printers also brings clear benefits. In terms of environmental impact, it allows for an average 73% reduction in carbon emissions and lower consumption of chemical solvents for cleaning operations. In addition, the smaller quantity of organic components in the ink formulation results in the elimination of over 90% of volatile organic compound (VOC) emissions into the atmosphere. Production advantages include a shorter ink drying time, greater integration with the other stages of the manufacturing process, improved print quality through greater image definition, and, as mentioned above, the elimination of water repellency. The result is a ceramic product with greater added value. ❱ Alfa de Oro award-winning hybrid technology The ceramic industry obviously needs solutions that work in industrial production environments. With its hybrid technology, EFI Cretaprint aims to help tile manufacturers adopt water-based technology in a simple, on-demand way, i.e. according to their specific needs. To date, the launch of water-based inks onto the market has raised questions and doubts about printer reliability and print quality. To resolve these issues, the development of EFI Cretaprint Hybrid has focused on introducing new features and improved key elements: new printheads capable of working with water-based inks with full recirculation and excellent solids content; a controlled fluid-range ink system; modified electronics to prevent ink latency; and a new cleaning system. • Hybrid printheads The new printheads, developed in collaboration with EFI’s

72

CWR 136/2020

nomico, dato che la tecnologia di decorazione e smaltatura digitale con impiego di inchiostri a base acqua consente di ridurre i costi diretti di applicazione su materiali quali le grandi lastre o le superfici con finiture rustiche opache. Inoltre, parliamo di una tecnologia che apre anche nuove possibilità nello sviluppo dei prodotti, ad esempio attraverso l’applicazione selettiva di smalti o creando l’effetto vena passante. ❱ Vantaggi ambientali e tecnici delle stampanti Cretaprint Hybrid Anche la decorazione con inchiostri a base acqua su stampanti Cretaprint Hybrid presenta indubbi benefici. Da un punto di vista dell’impatto ambientale, consente ad esempio una riduzione media delle emissioni di carbonio del 73% e un minor consumo di solventi chimici per le operazioni di pulizia. Inoltre, la minore quantità di componenti organici nella formulazione dell’inchiostro porta ad eliminare oltre il 90% delle emissioni in atmosfera di Composti Organici Volatili (VOC). Sul fronte produttivo, si riduce il tempo di essiccazione dell’inchiostro, vi è una maggiore integrazione con le altre

L’industria ceramica ha bisogno di qualcosa che funzioni, senza dubbio, in ambienti di produzione industriale. Con la sua tecnologia ibrida, EFI Cretaprint punta a supportare i produttori di piastrelle nel percorso di adozione della tecnologia a base acqua in modo semplice e on demand, ossia sulla base delle specifiche esigenze. Finora, l’ingresso sul mercato degli inchiostri a base acqua ha posto quesiti e dubbi sull’affidabilità della stampante e sulla qualità di stampa. Per superare tali ostacoli, lo sviluppo di EFI Cretaprint Hybrid ha comportato la creazione di nuove funzionalità e il miglioramento di elementi chiave: nuove testine di stampa in grado di operare con inchiostri a base acqua con ricircolo completo e ottimo contenuto di solidi; un sistema di inchiostro con gamma di fluidi controllata; elettronica modificata per prevenire la latenza dell’inchiostro e un nuovo sistema di pulizia. • Testine di stampa ibride Le nuove testine di stampa, sviluppate in collaborazione con i partner strategici di EFI, coniugano la robustezza e la qualità di stampa delle testine attuali con la loro possibilità di operare sia con i tradizionali inchiostri a base di esteri sia con quelli a base acqua. La compatibilità chimica e i problemi di tenuta sono stati risolti cambiando i componenti della testina e il suo


Focus on

Glazing & Decoration

strategic partners, combine the robustness and print quality of current printheads with the ability to operate with both conventional ester-based and innovative water-based inks. Chemical compatibility and sealing problems have been solved by changing the printhead components and the printhead manufacturing process. Controlled vibration electronics One major problem that occurs with water-based inks is water evaporation on the nozzle plate upon contact with air. The EFI Cretaprint Hybrid solution uses a gentle, constant vibration to prevent liquid stagnation. Cleaning system The new and completely redesigned EFI Cretaprint automatic printer cleaning system cleans and at the same time rehydrates any sedimentation that may have formed on the nozzle plate due to evaporation. Ink delivery system with temperature and flow control The EFI Cretaprint Hybrid printer ink delivery system uses in direct ink heating to preserve ink viscosity and density, regardless of whether solvent or water-based inks are used. In the specific case of water-based inks, high temperatures can cause rheological changes in the ink due to water loss. 5

processo di fabbricazione. • Elettronica a vibrazione controllata Un problema chiave riguardante gli inchiostri a base acqua è l’evaporazione dell’acqua che si verifica sulla piastra dell’ugello a contatto con l’aria. La soluzione EFI Cretaprint Hybrid è una vibrazione leggera e costante che impedisce il ristagno dei liquidi. • Sistema di pulizia Completamente riprogettato, il nuovo sistema di pulizia automatica delle stampanti EFI Cretaprint pulisce e allo stesso tempo reidrata ogni possibile sedimentazione sulla piastra dell’u-

gello causata dell’evaporazione. • Sistema di erogazione dell’inchiostro con controllo della temperatura e del flusso Il sistema di erogazione dell’inchiostro per stampanti EFI Cretaprint Hybrid utilizza un riscaldamento indiretto dell’inchiostro per preservare la sua viscosità e densità, indipendentemente che si usino inchiostri a base solvente o a base acqua. Nel caso specifico degli inchiostri a base acqua, le alte temperature possono causare variazioni reologiche dell’inchiostro dovute alla perdita d’acqua. 5

AZULIBER BECOMES FIRST COMPANY TO ADOPT EFI CRETAPRINT HYBRID PRINTER

È DI AZULIBER LA PRIMA STAMPANTE EFI CRETAPRINT HYBRID

The first EFI Cretaprint Hybrid digital printer capable of working with both water-based and conventional solvent-based inks is in operation in the factory of the Spanish tile producer Azuliber. The machine was installed in the plant in L’Alcora over a year ago as a beta test, after which it was validated and is now fully operational. The excellent results achieved with the new printer were confirmed by Azuliber’s sales manager Fernando Palomo: “When EFI proposed this new technology for ceramic decoration, we wanted to try it out first. I can now report that we’ve manufactured our existing products with new water-based inks without any issue and obtained a perfect finished product.” During production, the printer has proved to be an efficient solution for printing tiles of all types and sizes and delivers technical and environmental benefits while also being cost effective. As for sustainability, the use of the new eco-friendly digital printing technology allows for significant savings of glaze, water and energy and reduced emissions and is part of Azuliber’s long-standing commitment to reducing the environmental impact of its production processes. The company has an electrical energy cogeneration system which generates 25,600 kJ/h by recovering hot air from the spray dryer turbines. It has also developed a complete solid waste and water recycling system and made the service available to more than 30 ceramic companies in the area, recovering a total of around 187 million kg/ year of ceramic sludge and suspensions. Founded in 1972, Azuliber has always excelled in technological innovation and this year won its third Alfa de Oro award for the development of a ceramic-polymer composite with advanced sound absorption characteristics in collaboration with Neos Additives and BestTile.

È in funzione nello stabilimento del produttore spagnolo Azuliber la prima stampante digitale EFI Cretaprint Hybrid funzionante sia con inchiostri a base acqua che con i tradizionali a base solvente. La macchina era stata installata nell’impianto di L’Alcora oltre un anno fa come beta tester, poi validata ed ora in piena operatività. A confermarne la validità è lo stesso direttore commerciale di Azuliber, Fernando Palomo: “Quando EFI ci ha proposto questa nuova tecnologia abbiamo prima voluto testarla, e ora posso dire che abbiamo prodotto modelli esistenti con i nuovi inchiostri a base acqua senza alcun problema e ottenendo un prodotto finale perfetto”. In produzione, la stampante ha dimostrato di essere una soluzione efficiente per tutti i tipi di piastrelle e di qualunque formato, non solo garantendo vantaggi tecnici e ambientali, ma rivelando la sua efficacia anche in termini di costi. Sul fronte della sostenibilità, l’adozione della nuova tecnologia di stampa digitale, decisamente eco-friendly per il forte risparmio di smalto, acqua ed energia e la riduzione delle emissioni, si inserisce nella politica di Azuliber già molto attenta all’impatto ambientale delle sue produzioni. L’azienda è in prima linea sull’impiego della cogenerazione di energia elettrica (ne produce 25.600 kb/h) con il recupero di aria calda dalle turbine degli atomizzatori; ha inoltre sviluppato un sistema di riciclo completo di residui solidi e acque, fornendo anche un servizio ad oltre 30 aziende ceramiche del comprensorio da cui recupera circa 187 milioni di chili/anno di fanghi e sospensioni ceramiche. Nata nel 1972, Azuliber si è sempre contraddistinta anche per l’innovazione tecnologica, tanto che quest’anno ha ottenuto il suo terzo premio Alfa de Oro per lo sviluppo (insieme a Neos Aditives e BestTile) di un composito ceramico-polimerico con funzionalità avanzate di assorbimento di suoni.

CWR 136/2020

73


Aesthetics and functionality for new ceramic surfaces Estetica e funzionalità per le nuove superfici ceramiche Vidres (Vila-Real, Spain)

New building and architectural projects are subject to increasingly stringent health and safety regulations, making it necessary to develop ceramic tiles with technical and aesthetic characteristics that cater for a more demanding market. With this in mind, Vidres has developed a complete range of glazes that comply with current regulations, ranging from anti-slip finishes to antibacterial glazes and special products for polished finishes. In particular, Vidres offers a wide range of glazes with nonslip properties that adapt perfectly to any glazing technology. One of these is the Kratos range of glazes with a surface microstructure that ensures exceptional anti-slip qualities coupled with appealing textures. Laboratory and inclined ramp tests with human operators have given very satisfactory results with slip-resistance values of R10-R12 for both dry and wet surfaces. Moreover, the high-quality aesthetic finishes frequently allow the same tile collection to be used both outdoors and indoors, another obvious advantage for the tile manufacturers. Another solution developed in the Vidres laboratories is Tecnoker, a spherical granule that can be added to any glaze to ensure excellent non-slip performance in a standard finish without altering the colour of the ceramic tile. Tile producers can also opt for Duragrip, a series of micro-grits which after gentle surface roughing on a polishing machine (in the case of glossy finishes) or brushing ma-

74

CWR 136/2020

Le normative cui sono soggetti i nuovi progetti edilizi e architettonici sono sempre più stringenti in termini di sicurezza e igiene. Per questo, negli ultimi tempi, anche per le piastrelle ceramiche è aumentata la necessità di sviluppare nuove caratteristiche tecniche ed estetiche che rispondano a una domanda di mercato più esigente. In questa direzione si è mossa la ricerca di Vidres, che ha portato allo sviluppo di una gamma completa di smalti che, rispettando le varie normative in vigore, vanno dalle finiture antiscivolo fino agli smalti antibatterici, passando per quelli speciali per finiture levigate. Vidres dispone di una vasta offerta di smalti con proprietà antiscivolo, perfettamente adattabili a qualsiasi tecnologia di

smaltatura. Tra questi, la gamma Kratos, smalti con una microstruttura superficiale che conferisce eccezionali qualità antisdrucciolo unite a texture apprezzabili. I test, effettuati sia in laboratorio che con prove realizzate su veri piani inclinati transitati da persone, hanno dato risultati assolutamente soddisfacenti, con valori R10-R12, sia su superfici asciutte che sul bagnato. Il tutto accompagnato da finiture estetiche di pregio che, in molti casi, hanno consentito l’impiego della stessa collezione di piastrelle sia in esterno che in interno, con un indubbio ulteriore vantaggio per i produttori. Un’altra tecnica sviluppata nei laboratori Vidres è Tecnoker, un granulo sferico che, aggiunto a qualsiasi smalto, fornisce elevate prestazioni antiscivolo sen-


Focus on Glazing & Decoration

chine (matt finishes) deliver anti-slip properties (R11 and Rd57) and a surface effect that is both pleasantly tactile and surprisingly resistant to scratching and abrasion (Mohs 9 and PEI IV). To cater for the current decorative trend of large polished ceramic surfaces, Vidres has developed a new generation of glazes that ensure a high level of brightness and transparency together with a significant reduction in the number and size of pores. At the same time, the Comfy range base glaze with high opacity and whiteness can be used to produce pure Superwhites with totally neutral colorimetric coordinates, a solution that is particularly suited to the production of white marble effect surfaces popular in interior design applications. Following widespread information campaigns, consumers are now becoming increasingly aware of the superior hygiene characteristics of glazed ceramic tiles. Along with the well-known advantages of ease of cleaning and disinfection offered by glazed tiles, the latest technological frontier is the use of nanoparticles to provide antibacterial properties. Called Bioglaze, the Vidres solution has a high capacity to inhibit the proliferation of bacteria on ceramic surfaces, as certified by independent laboratories. Through its unflagging research efforts, Vidres aims to supply the ceramic industry with highly innovative solutions that combine the need for increasingly sophisticated aesthetics with high technical performance. It is an ongoing challenge that will enable ceramic tiles to maintain their unique position in the field of floor and wall coverings. 5

za alterare il tono del pezzo ceramico con finitura standard. Vi è poi la possibilità di utilizzare Duragrip, ossia micrograniglie che, dopo una leggera sgrossatura sulla levigatrice (per le finiture lucide) o sulla spazzolatrice (per le finiture opache), forniscono proprietà antiscivolo (R11 e Rd57), combinate ad un effetto superficiale piacevole al tatto e ad una sorprendente resistenza a graffi e abrasioni (Mohs 9 e PEI IV). Tra le più attuali tendenze decorative spiccano le grandi superfici ceramiche levigate, tipologie per le quali Vidres ha sviluppato una nuova generazione di smalti capaci di conferire un elevato livello di luminosità e trasparenza e, allo stesso tempo, una significativa diminuzione del numero e delle dimensioni dei pori. A questo si aggiunge il vantaggio di disporre di uno smalto base ad alta opacità e bianchezza (gamma Comfy) che permette di ottenere bianchi molto puri (Superwhite) con coordinate colorimetriche totalmente neutre, particolarmente adatte alla produzione di marmi bianchi oggi ampiamente utilizzati

nell’interior design. Anche grazie alle campagne di informazione, tra i consumatori cresce la consapevolezza della maggiore igienicità delle piastrelle ceramiche smaltate. Oltre ai ben noti vantaggi in termini di facilità di pulizia e disinfezione, l’innovazione tecnologica più recente ha saputo aggiungere anche nuove proprietà antibatteriche degli smalti tramite impiego di nanoparticelle. In questo campo, la soluzione Vidres si chiama Bioglaze, uno smalto caratterizzato dall’elevata capacità di inibire la proliferazione di batteri sulle superfici ceramiche, come debitamente certificato da laboratori indipendenti. L’attività di ricerca di Vidres ha come obiettivo quello di fornire all’industria ceramica soluzioni altamente innovative che coniughino l’esigenza di un’estetica sempre più raffinata con prestazioni tecniche funzionali avanzate. Una sfida continua che permetterà alla ceramica di mantenere la sua posizione privilegiata nel panorama dei pavimenti e rivestimenti. 5

CWR 136/2020

75


Focus on Glazing & Decoration

Digital glazing for the printing of textures Smaltatura digitale per la stampa di strutture Norbert von Aufschnaiter, Durst Phototechnik S.p.A. (Bressanone, Italy)

Although the tile decoration process is now fully digitalised, digital technology for glazing and above all for printing textured surfaces has until now been notably absent. This technology is the dream of all ceramic companies as it would enable them to manage the entire production process with greater flexibility, optimise batches and offer unlimited potential for developing innovative products and designs quickly and cheaply, including solutions for large slabs. A fully digitalised production line requires systems in which only digital files (rather than mechanical parts) need to be replaced during product changeover. After years of hard work, Durst has now achieved this revolutionary goal with a digital glazing process called Durst True Digital Tile Manufacturing 4.0 which features: 1. Flexible press with a smooth mould, complete with digital size and thickness changeover controls using technology readily available on the market and widely in use; 2. Glazing and digital printing of textures using Durst Gamma DG printers equipped with Durst RockJET™ printheads, a solution that is currently undergoing field testing in the facilities of two well-known Italian manufacturers; 3. Durst Gamma XD digital printers for synchronised decoration in line with Gamma DG and for creating natural-looking designs with total gradient effects; 4. Durst ColorGATE CMS ceramic colour management system, which reduces times for trial runs, setup and machine stoppages while ensuring efficient production of small batches with excellent long-term repeatability;

Se il processo di decorazione delle piastrelle è già completamente digitalizzato, ciò che ancora manca è una tecnologia digitale per la smaltatura e soprattutto per la stampa delle strutture. È il sogno di tutte le aziende ceramiche, perché permetterebbe di gestire con maggiore flessibilità l’intero processo produttivo, ottimizzando i lotti e offrendo infinite possibilità di sviluppo di prodotti e design innovativi, anche per lastre di grandi dimensioni, in tempi rapidi e a costi contenuti. Una linea di produzione completamente digitalizzata richiede sistemi in cui solo i file digitali e nessuna parte meccanica debbano essere sostituiti durante il cambio prodotto. Una rivoluzione su cui Durst sta lavorando da tempo e che è ormai giunta a compimento. Il processo di smalteria digitale messo a punto è stato ribattezzato Durst True Digital Tile Manufacturing 4.0 e comprende: 1. Pressa flessibile con stampo liscio, dotata di comandi digitali per il cambio di formato e spessore con tecnologia già disponibile sul mercato e abitualmente in uso; 2. Smaltatura e stampa digitale di strutture con Durst Gamma DG con testine

76

CWR 136/2020

Durst RockJET™, attualmente in fase di field test presso due noti produttori italiani; 3. Stampanti digitali Durst Gamma XD per la decorazione sincronizzata in linea con Gamma DG e la realizzazione di design dall’effetto naturale con stonalizzazione totale; 4. Sistema di color management ceramico Durst ColorGATE CMS che riduce i tempi di staffetta, settaggio e fermo macchina garantendo la produzione efficiente di lotti ridotti con elevata ripetibilità a lungo termine; 5. Vera finitura digitale materica con Durst Gamma DG che permette l’applicazione di materie in umido per effetti unici ed evidenti. ❱ La smaltatura digitale La tecnologia Durst True Digital Glazing, che impiega smalti con proprietà ceramiche assimilabili a quelli tradizionali, è considerata una innovazione ancora più significativa rispetto alla decorazione digitale. Cuore di questo innovativo processo produttivo è Gamma DG, la prima stampante single pass ad alte prestazioni per la smaltatura digitale di piastrelle ceramiche che utilizza smalti a base acqua con particelle di grandi dimensioni (> 45 micron) e ad alta viscosità. Questo sistema offre risoluzione e qualità dei dettagli ineguagliabili e assicura massima affida-


neogrits.com


Focus on

Glazing & Decoration 5. True digital material finishing with Durst Gamma DG, which allows wet material to be applied for unique and visually striking effects. ❱ Digital glazing Durst True Digital Glazing technology, which uses products with similar properties to traditional ceramic glazes, is considered an even more significant innovation than digital decoration. At the heart of this innovative process is Gamma DG, the first high-performance single pass printer for digital glazing of ceramic tiles using water-based glazes with large particle sizes (> 45 microns) and high viscosity. The system achieves unparalleled resolution and quality of detail while guaranteeing maximum reliability and flexibility. The design is modular and configurable with 1 or 2 bars and different printing widths. Gamma DG is equipped with the Durst RockJET™ proprietary printhead technology, which for the first time ever is able to perform high-resolution digital glaze application with the laydown of significant quantities and with a high degree of precision. This is the most delicate part of the process because of the significant value that is added to the product during this stage. Durst technology allows for the creation of an unlimited number of unique and innovative designs with stunning visual and tactile effects. The extremely faithful reproduction of the graphic designs on the tile surface texture makes for a very natural result, setting the tiles apart from those decorated solely with digital printers on repetitive textures. Along with excellent high-definition printing quality, Durst RockJET™ offers a high degree of versatility thanks to the possibility of decorating the tile with two different glazes at the same time. This technology also allows for on-demand production of small batches, contributing to warehouse optimisation. Durst is currently conducting Gamma DG field tests at two important Italian ceramic companies, and the first industrially-made products will soon be presented to the market as a tangible demonstration of the advantages of the technology. Digital printing of textures using Durst Gamma DG also brings significant advantages during the industrial development of new products as multiple texture variations can be tested on a single tile or slab rapidly and without additional cost. 5

bilità ed eccellente flessibilità. Il design è modulare e configurabile con 1 o 2 barre e con diverse larghezze di stampa. Gamma DG è dotata della tecnologia proprietaria delle testine di stampa Durst RockJET™, che, per la prima volta, consente di gestire l’applicazione digitale dello smalto ad alta risoluzione, con quantità rilevanti e in maniera mirata. Si tratta della parte più delicata del processo perché il valore aggiunto conferito al prodotto in questa fase è di estrema importanza. La tecnologia Durst, in particolare, permette la creazione di un’infinita quantità di design unici e innovativi dagli effetti visivi e tattili di grande impatto. L’estrema fedeltà nella riproduzione delle grafiche sulla struttura delle piastrelle offre un risultato molto naturale, che le differenzia sensibilmente da quelle decorate con stampanti digitali su strutture ripetitive. All’eccellente qualità di stampa

ad alta definizione garantita da Durst RockJET™ si aggiunge la grande versatilità data dalla possibilità di decorare contemporaneamente la piastrella con due smalti diversi. Inoltre, questa tecnologia consente la realizzazione di produzioni on-demand di piccoli lotti contribuendo così all’ottimizzazione dei magazzini. Attualmente Durst sta effettuando field test di Gamma DG presso due importanti aziende ceramiche italiane e a breve verranno presentate al mercato le prime produzioni industriali che potranno testimoniare concretamente i vantaggi della tecnologia. La stampa delle strutture in digitale con Durst Gamma DG apporta vantaggi importanti anche nella fase di sviluppo e industrializzazione di nuovi prodotti in quanto si possono testare più variazioni di strutture su un’unica piastrella o lastra rapidamente e senza ulteriori costi. 5

DURST TRUE DIGITAL TILE MANUFACTURING 4.0

True Ceramics CMS

Industry 4.0

Durst RockJet™

Digital Glaze / Structure (up to 1kg)

78

CWR 136/2020

Durst RockJet™

Digital Decoration

Digital Finishing (up to 1kg)


Solar Reflectance Index of ceramic tiles Indice di Riflessione Solare delle piastrelle ceramiche Aida Sánchez, Fritta (Castellon, Spain)

The absorption of solar radiation by roofs, walls and pavements in urban areas creates the so-called heat island effect, a phenomenon that manifests itself as a 4-6°C increase in the temperature of the city compared to the surrounding area. To mitigate this effect, many building materials are designed to minimise the absorption of solar radiation. Known as “cool materials”, they have a high solar reflectance and high thermal emissivity while maintaining the desired aesthetic characteristics. The more highly reflective a surface is, the less solar radiation it absorbs. So if we evaluate the reflectances of white and black surfaces across the solar spectrum, we can observe that the reflectance of the black surface is very low in both the UV and visible regions of the spectrum but increases progressively at longer wavelengths. On the other hand, an analysis of the white surface shows that high reflectance values are main-

FIG. 1 – HEAT ISLAND EFFECT - Effetto isola di calore

L’assorbimento delle radiazioni solari da parte di tetti, pareti e pavimenti nelle aree urbane produce il cosiddetto effetto isola di calore, che si manifesta in un aumento di 4-6 °C nella temperatura delle città rispetto a quelle della zona circostante. Per mitigare questo effetto, molti materiali da costruzione sono progettati per ridurre al minimo l’assorbimento della radiazione solare. Sono i cosiddetti materiali freddi, che hanno un’alta riflettanza solare e un’elevata emissività termica, mantenendo le specifiche estetiche desiderate. Più una superficie è riflettente e meno assorbe, quindi, se valutiamo la riflettanza di una superficie bianca e di una nera lungo lo spettro solare si osserva che, per la

superficie nera, la riflettanza è molto bassa sia nella zona UV che nell’area visibile e può essere progressivamente aumentata quando superiamo le lunghezze d’onda corrispondenti a quelle aree. D’altra parte, l’analisi della superficie bianca mostra che vengono mantenuti alti valori di riflettanza a basse lunghezze d’onda (fig. 2). Ne consegue che le ceramiche applicate all’aperto saranno sempre meno riscaldate (riflettendo più luce), se di colore bianco ... ma è possibile intervenire sul bianco per ottimizzare i risultati? Il presente lavoro di ricerca (presentato lo scorso febbraio al congresso Qualicer 2020 a Castellón) nasce per rispondere ad una domanda di smalti bianchi da pavimento con

FIG. 2 – DIFFERENT REFLECTANCES OF BLACK AND WHITE SURFACES Diversa riflettanza di superfici bianche e nere

80

CWR 136/2020


Focus on Glazing & Decoration

tained at short wavelengths (fig. 2). This means that white coloured ceramic tiles used outdoors will be less susceptible to heating as they reflect more light. But can anything be done to further improve the performance of white tiles? This research project, presented last February at the Qualicer 2020 congress in Castellón, was undertaken in response to demand for white floor tile glazes with high reflectance. The investigation involved determining the Solar Reflectance Index SRI, a parameter that combines both reflectance and emissivity (or emittance) of surfaces. For this purpose, the authors studied the influence on com-

elevata riflettanza. La misurazione è stata eseguita determinando l’Indice di Riflessione Solare SRI, che è un calcolo che associa sia la riflettanza che l’emissività (o emittanza) delle superfici. Per questo, è stata studiata l’influenza della composizione e della microstruttura di diverse tecniche di applicazione del Silicato di Zirconio

sugli smalti tradizionali, confrontando i risultati con quelli di un materiale specificamente progettato per presentare un elevato valore di riflettanza, con il contenuto ottimale di opacizzante. Il calcolo è fatto partendo dalla determinazione della temperatura di equilibrio raggiunta dalla superficie in esame e le temperature di equilibrio

FIG. 3 – RESEARCH ON WHITE GLAZES WITH HIGH REFLECTANCE Ricerca su smalti bianchi a elevata riflettanza

Glaze / Smalto White

Bianco

Application / Applicazione Standard thickness Spessore standard

Addition of opacifier to glaze Addizione di opacizzante nello smalto

Airless spraying of micronised glaze Spruzzatura smalto micronizzato

Crystalline Cristallina

Standard thickness Spessore standard

Addition of opacifier to glaze Addizione di opacizzante nello smalto

Airless spraying of micronised glaze Spruzzatura smalto micronizzato

NEW FRIT

NUOVA FRITTA

Standard thickness Spessore standard

Addition of opacifier to glaze Addizione di opacizzante nello smalto

Airless spraying of micronised glaze Spruzzatura smalto micronizzato

Opacizzante g/m2

Opacifier

T (°C) hc= 5 W/ m2·K

SRI-Solar Reflectance Index

54

56

89

148

49

101

99

50

100

0

63

77

59

58

87

45

55

91

88

49

102

177

49

101

111

52

97

CWR 136/2020

81


Focus on

Glazing & Decoration position and microstructure of different techniques used for applying zirconium silicate to traditional glazes and compared the results with those of a material specially designed to have a high reflectance value with an optimal content of opacifier. The first step in the calculation involved determining the equilibrium temperature reached by the surface under study and the known equilibrium temperatures of the two reference surfaces with known values of thermal emissivity and reflectance (standard white and standard black) (fig. 3). ❱ Results The table shows the results of the study. As we can see, the glazes prepared with white frit and those prepared with crystalline frit both display better SRI values when the airless micronised glaze spraying technique is used to add the opacifier than the other methods studied. The new frit displays very high SRI values for a lower opacifier content, but the results deteriorate when opacifier is introduced in an attempt to increase the Solar Reflectance Index; this because the material is structurally optimized. Comparing the surface temperature obtained with glaze produced with crystalline frit without added opacifier and that obtained using the newly designed material reveals a difference of 14°C (the former 63°C and the latter 49°C), demonstrating that the new material is much less susceptible to surface heating. 5

note delle due superfici di riferimento (superficie bianca e superficie nera standard) con emissività termica e riflettanza note (fig. 3). ❱ Risultati In tabella si riportano i risultati ottenuti nello studio. Come si può osservare, sia gli smalti preparati con la fritta bianca che quelli preparati con fritta cristallina presentano migliori valori SRI quando, per aggiungere l’opacizzante, si utilizza la tecnica di spruzzatura airless dello smalto micronizzato rispetto agli altri metodi studiati. La nuova fritta sviluppata presenta valori SRI molto elevati quando il contenuto di opaciz-

zante è più basso, e il risultato peggiora quando si cerca di aumentare l’Indice di Riflessione Solare attraverso le tecniche di introduzione dell’opacizzante, questo perché il materiale è strutturalmente ottimizzato. A livello di temperatura superficiale, se si compara il valore SRI ottenuto con lo smalto prodotto con fritta cristallina senza aggiunta di opacizzante e quello ottenuto col nuovo materiale progettato, si evidenzia una differenza di temperatura di 14 °C (63 °C il primo contro 49 °C il secondo), confermando un riscaldamento superficiale molto più basso con il nuovo materiale. 5

ADVERTISING

SPARES & SERVICE All kinds of spare parts and equipments for ceramic industries

FIORANO - ITALY

www.spares-service.it


System Ceramics With Creadigit Infinity, System Ceramics has developed a new digital printer that represents the future of digital decoration for the ceramic sector. Creadigit Infinity has unprecedented computing power provided by the new CoreXpress platform, the processing unit (one for each colour bar) that oversees all operations necessary to reproduce the image on the ceramic surface. A latest-generation processor with rapid and immediately available memory, it brings a further significant increase in performance. The information is collected by various items of equipment, which use a dedicated network of sensors to supply the data rapidly to the part of the machine that performs processing. The R&D department has focused in particular on managing the flow of this information to the printheads to permit high-speed real-time exchange of data even in the event of significant manipulation of the image during printing (such as management of tone uniformity, printhead connections, colourways, rotation, deformation or addition of specific variable components for each tile). It is a well-known fact that high computational power is key to enabling digital technology to operate effectively and exhaustively. The future of ceramic decoration is collaborative digitalisation and Infinity is the solution.

84

CWR 136/2020

Today every machine has to complete a digital process in which each ink has an influence on the end result. For this purpose, Creadigit Infinity can be fitted with 12 or more print modules and each bar can have different heads installed (SG1024 400 dpi, RC1536 360 dpi, SG600 600 dpi, SG777 777 dpi). System Ceramics is now focusing its efforts on this new collaborative digital printing concept, which has an even more flexible and adaptable process based on a modular printing infrastructure located on the same line. ■■■ System Ceramics ha creato con Creadigit Infinity un nuovo sistema di decorazione digitale che apre le porte ad una nuova era per l’industria ceramica. Creadigit Infinity è dotata di una potenza di calcolo mai vista prima grazie alla nuova piattaforma CoreXpress: l’unità di elaborazione,

una per ogni barra colore, che sovraintende a tutte le operazioni da eseguire per riprodurre l’immagine sulla superficie ceramica. Siamo di fronte ad un processore di ultima generazione che può avvalersi di memoria veloce e disponibile nell’immediato, portando ad un incremento ulteriore e significativo delle prestazioni. La raccolta delle informazioni è affidata a diverse apparecchiature che, attraverso un’opportuna rete di sensori, riescono a fornire i dati velocemente alla parte di macchina che svolge l’elaborazione. Il dipartimento R&S si è focalizzato in particolar modo sulla gestione del flusso di queste informazioni verso le testine, affinché esse potessero scambiare dati in tempo reale e ad alta velocità anche in presenza di una manipolazione importante dell’immagine in fase di stampa, come ad esempio, la gestione dell’uniformità del tono, la “giunzione” delle testine, la “variantatura”, la rotazione, la deformazione, l’ag-

giunta di componenti variabili specifiche per ciascuna piastrella. Come noto, la grande capacità computazionale sono gli elementi base che permettono al digitale di attuarsi in modo efficace ed esaustivo. Il futuro della decorazione ceramica guarda ad una digitalizzazione collaborativa e Infinity è la risposta. Ogni macchina oggi deve portare a termine un processo digitale, in cui ogni singolo inchiostro va ad influire sul risultato finale, per questo Creadigit Infinity può essere dotata di 12 o più moduli di stampa installati al suo interno e ogni barra può montare testine differenti (SG1024 400 dpi, RC1536 360 dpi, SG600 600 dpi, SG777 777 dpi). L’attenzione di System Ceramics è rivolta proprio a questa nuova idea di stampa digitale collaborativa, in cui il processo possa essere ancora più flessibile e variabile e che si caratterizzi per un’infrastruttura di stampa pensata per essere modulare e dislocata sulla stessa linea.


Latest technologies on Glazing & Decoration

Colorstore Software Colorstore Software, a company that supplies software solutions and technical consultancy for colour management, has long been committed to introducing new technologies and new tools to meet the needs of the digital printing sector, especially ceramic printing. For this reason, it recently introduced new functions and new tools for higher quality results as part of its well-established ColorSuite 7i colour management software. Repro Unit: This tool resolves the main problem facing all ceramic companies, namely the ability to reproduce a single graphic design on all printers and production lines in a simple way with the same colour result. By printing a reference colour chart (JID) and performing an extremely simple automated procedure, it is possible to reproduce a specific design on the various lines and in different sizes with the same result without carrying out intermediate proofs. The Repro Unit module also features a diagnostic tool that reveals any colour differences between the various printers and determines the probability of being able to reproduce a given graphic project. Ink Saving: This new function has been developed to optimise the amount of ink used during production, to ensure better printability and colour consistency

throughout production, and to reduce any defects caused by excessive inking. This new method is able to reduce ink quantities by as much as 35%, depending on the graphic design, while bringing significant technical, economic and environmental benefits. RGB-CMYK ICC profiles: A new module for creating RGB and CMYK ICC colour profiles with a completely redesigned interface and proprietary Colour Engine. Improved colour profile management, the possibility of generating customised colour charts (including maximum inking) and the correction of measurement files make it even easier to create colour profiles with the highest levels of quality. A new channel separation mode combined with the Ink Saving module helps to reduce the quantity of ink used. ■■■ Uno dei principali obiettivi di Colorstore Software, azienda impegnata nella fornitura di soluzioni software e consulenze tecniche per la gestione del colore, è sempre stato quello di introdurre nuove tecnologie e nuovi strumenti per venire incontro alle esigenze del settore della stampa digitale, in modo particolare per quella su ceramica. Per questo motivo, all’interno dell’ormai consolidato software di gestione colore ColorSuite 7i, sono state recentemen-

te introdotte nuove funzioni e nuovi strumenti per risultati qualitativi sempre più elevati. Repro Unit: Questo strumento rappresenta senza dubbio la soluzione al problema principale di tutte le aziende ceramiche, ovvero la possibilità di poter riprodurre in maniera semplice, un unico progetto grafico su tutte le stampanti e le linee di produzione ottenendo lo stesso risultato cromatico. Grazie alla stampa di una color chart di riferimento (JID) e ad una procedura estremamente semplice ed automatizzata, è possibile riprodurre senza prove intermedie un determinato progetto sulle varie linee e nei diversi formati con lo stesso risultato. Il modulo Repro Unit include anche una parte di diagnostica che evidenzia eventuali differenze cromatiche tra le varie stampanti, con anche le probabilità di riproduzione di un determinato progetto grafico. Ink Saving: Questa nuova funzione è stata sviluppata per ottimizzare la quantità di inchiostro usata in produzione, per permettere una migliore stampabilità, un migliore mantenimento del tono colore su tutta la produzione e ridurre eventuali difetti dovuti proprio ad un’ecces-

siva inchiostrazione. Grazie a questa nuova metodologia, si ha una riduzione della quantità di inchiostro che può arrivare anche ad oltre il 35%, a seconda del progetto grafico, con dei sensibili benefici tecnici, economici e ambientali. Profili ICC RGB-CMYK: Un nuovo modulo per la creazione di profili colore ICC di tipo RGB e CMYK con un’interfaccia ed un Color Engine proprietario, completamente rivisti. Una migliore gestione dei profili colore, la possibilità di generare delle color chart personalizzate anche dal punto di vista dell’inchiostrazione massima, la correzione dei file di misura, rendono la creazione di profili colore ancora più semplice con un livello di qualità sempre ai massimi livelli. Una nuova modalità di separazione dei canali contribuisce, unitamente al modulo di Ink Saving, alla riduzione della quantità di inchiostro utilizzata.

CWR 136/2020

85


KNF KNF is presenting its new generation of low pulsation diaphragm pumps. For years KNF has been supplying standard products and customised solutions for the various applications associated with inkjet printing, including recirculation of water, solvent and pigment-based UV inks, reservoir replenishment, degassing and negative pressure in print heads. Building on its wealth of experience, KNF recently launched three new pumps, the FP 150, FP 400 and FK 1100, which combine the traditional advantages of diaphragm technology (self-priming, dry-running and durability) with the low pulsation associated with gear pumps. This new generation of pumps is specially designed to meet the challenges posed by UV inks, a product category that is currently seeing strong growth across a wide range of applications in the industrial inkjet printing (IJP) sector. The new multi-diaphragm pumps (5 in the case of the FP 150 and FP 400 and 3 for the FK 1100) apply a low shear force to UV inks, thus avoiding the risk of premature curing (i.e. activation of the UV initiators) inside the pump. The flow rates from 1.5 to 12 l/ min. (depending on the model) satisfy the higher recirculation volumes required by modern printers with up to 36 printheads per colour bar. These new and larger printers are used in sectors including packaging, laminates, textiles, wallpaper, ceramics, glass, metals and wood. To ensure compatibility with different types of ink, the new pumps are available in a range of different material versions: • an EPDM version for less aggressive UV and water-based inks; • a PTFE-coated diaphragm model intended primarily for solvent-based inks;

86

CWR 136/2020

• a version with FFKM diaphragm and valves for oil/solvent-based inks and for the abrasive pigments used in ceramic and glass printing. Low pulsation is a key characteristic of the new generation of pumps with measured values below 150 mbar (at the FP pump outlet) at nominal flow rate, or even lower depending on the system configuration and pumping speed. In this respect, both of the new models are a valid alternative to the gear pumps used in IJP. Linear flow control is another feature much appreciated by printer manufacturers. Linearity between 10% and 100% of the nominal flow rate is a major benefit. The pumps are stable against pressure (up to 1 bar) and against changes in the viscosity of the most commonly used inks in industrial IJP. This makes them ideal for the application of glazes, hot inks, etc. ■■■ KNF presenta la nuova generazione di pompe a membrana a basse pulsazioni. Da anni KNF fornisce sia prodotti standard che soluzioni personalizzate per le svariate applicazioni associate alla stampa a getto d’inchiostro, quali ricircolo di inchiostri a base acqua, UV a solvente e a pigmento; pompaggio inchiostro da serbatoio testine; degassaggio degli inchiostri; depressione anti-goccia in testine. Forte di una vasta competenza, KNF lancia tre nuovi prodotti: la FP 150, FP 400 e la FK 1100 che uniscono i vantaggi tradizionali della tecnologia a membrana (autoadescante, possibilità di funzionamento a secco e lunga durata) alle basse pul-

sazioni associate alle pompe ad ingranaggi. Questa nuova generazione di pompa è stata appositamente progettata per soddisfare le sfide poste dagli inchiostri UV che stanno attualmente registrando una crescita sostanziale in una vasta gamma di applicazioni nel settore della stampa a getto d’inchiostro industriale (IJP). Le nuove pompe plurimembrana (5 nel caso della FP 150 e FP 400 e 3 per la FK 1100) applicano una bassa forza di taglio sugli inchiostri UV, evitandone così l’indurimento prematuro, cioè l’attivazione della polimerizzazione UV all’interno della pompa. Le portate da 1,5 a 12 l/min (a seconda del modello) soddisfanno i maggiori volumi di ricircolo richiesti dalle moderne stampanti che utilizzano fino a 36 testine di stampa per barra colore. Queste nuove stampanti più grandi si trovano ad esempio nel settore imballaggi, laminati, tessuti, carta da parati, ceramica, vetro, metalli e legno. Per garantire la compatibilità con diversi tipi di inchiostro, le nuove pompe dispongono di una varietà di materiali diversi: • versione EPDM per inchiostri meno aggressivi tipo UV e a base

acqua: • un modello a membrana con rivestimento in PTFE, principalmente per inchiostri a base di solvente; • Una versione con membrana e valvole in FFKM per inchiostri a base olio o solvente e per inchiostri contenenti pigmenti abrasivi per la ceramica e per il vetro. Le basse pulsazioni sono una caratteristica fondamentale della nuova generazione di pompe, poiché le pressioni registrate sono inferiori a 150 mbar (all’uscita delle pompe FP) alla portata nominale, e ancora più basse a seconda della configurazione del sistema e della velocità di pompaggio. A questo proposito, tutti e due i nuovi modelli sono una valida alternativa alle pompe ad ingranaggi utilizzate nell’IJP. La regolazione lineare del flusso è un’altra caratteristica apprezzata dai produttori di stampanti. La linearità di portata tra il 10% e il 100% della portata nominale è un plus significativo. Le pompe sono stabili contro pressione (fino a 1 bar) e contro i cambiamenti di viscosità degli inchiostri più comunemente utilizzati nell’IJP industriale. Sono quindi una buona soluzione per l’applicazione di smalti, e inchiostri caldi ecc.


Latest technologies on

Glazing & Decoration

Smaltochimica al years. An important role in the development of Digicol Next was played by two production campaigns that allowed an effective comparison to be made between a water-based product and a digital glue with a traditional formulation. In very high laydown conditions (99 g/m2, size 60x120 cm), these comparative tests revealed a highly significant reduction in all measured emission parameters, all of which were in any case well within the legal limits as shown in the graph. Digicol Next has been used in industrial production on a permanent basis since March. ■■■ Dopo il consolidamento della rivoluzione digitale, ormai giunta a compimento, il settore ceramico ha sperimentato un ulteriore cambiamento tecnologico con la prepotente imposizione sul mercato dei grandi formati che ha accelerato la corsa alla digitalizzazione dell’intero processo produttivo. La costante innovazione ha consentito ai produttori di beneficiare di testine digitali sempre più per-

formanti, in grado di gestire scarichi elevati. Ciò ha permesso, grazie a una ricerca estetica raffinata e complessa e ad una variegata gamma di prodotti (inchiostri colorati, materici, colle e smalti digitali), di dar vita a superfici materiche e personalizzate. Per contro, la presenza sempre più consistente di effetti digitali produce l’immissione nei forni di un carico organico molto elevato che influisce in modo importante sul computo delle emissioni al camino. La necessità di governare questo aspetto richiede una ricerca costante da parte di tutte le figure coinvolte nella filiera produttiva. Smaltochimica, già leader nella produzione di colle digitali e da sempre sensibile alle tematiche ambientali, ha deciso di impegnarsi nello sviluppo di prodotti a base acqua, che, pur garantendo ottime prestazioni applicative e funzionali, consentano l’abbattimento, anche a deposizioni elevate, delle emissioni provocate dalla combustione delle sostanze organiche, tenendo in particolare considerazione l’aspetto odorigeno. Nasce così DIGICOL NEXT, la

prima colla digitale a base acqua commercializzata nel comprensorio ceramico italiano. Lo sviluppo di questo prodotto è stato possibile grazie alla sinergica collaborazione tra Smaltochimica, un importante produttore di piastrelle ceramiche, un costruttore di macchine digitali, consulenti esperti nel campo delle emissioni e l’Università di Modena e Reggio Emilia con la quale è attiva ormai da tempo un’efficace cooperazione. Passaggio fondamentale nello sviluppo di Digicol Next è stata la programmazione di due campagne produttive che hanno permesso un efficace confronto tra il prodotto a base acqua e una colla digitale con formulazione tradizionale. In questa occasione è stato possibile evidenziare, in condizioni di altissimo scarico (99 g/m2, formato 60x120cm), un abbattimento estremamente significativo di tutti i parametri emissivi rilevati, comunque ampiamente nei limiti di legge, come riportato dal grafico. Digicol Next è stabilmente impiegata in produzione industriale dal mese di marzo.

PERCENTAGE DECREASE OF DIGOCOL NEXT EMISSION PARAMETERS Decremento percentuale dei parametri di emissione di DIGICOL NEXT Solvent-based glue

-94% organic acids

-94% di acidi organici

-95% VOC

-80% di aldeidi

-80% aldehydes

-87% TOC

-87% di TOC

-90% di odorigeni

-95%di SOV

DIGICOL NEXT

Colla base solvente

-90% odour emissions

Following the digital revolution, the ceramic industry has seen a further step forward in terms of technology with the rapid development and enormous market success of large size surfaces, prompting a race towards digitalisation of the entire production process. The ongoing cycle of innovation means that manufacturers can now benefit from increasingly high-performance digital printheads capable of handling large laydown quantities. The combination of sophisticated and highly complex aesthetic research and the wide range of available products (coloured inks, material inks, glues and digital glazes) allows for the creation of textured and customised surfaces. At the same time, however, the increased use of digital effects means that very high organic loads are introduced into the kilns, which in turn has a significant impact on flue gas emissions. In order to manage this aspect effectively, all players involved in the production chain must carry out constant research. Smaltochimica, a leader in digital glue production renowned for its attention to environmental issues, has decided to develop water-based products which guarantee excellent application and functional performance while reducing the emission of combusted organic substances and consequently odours, even in the case of high laydown quantities. One of these products is DIGICOL NEXT, the first water-based digital glue available in the Italian ceramic district. This glue was developed as a partnership between Smaltochimica, a leading ceramic tile manufacturer, a manufacturer of digital machines, expert consultants in the field of emissions and the University of Modena and Reggio Emilia, with which the company has been cooperating effectively for sever-

% reduction of emission parameters gathered with a direct comparative analysis, at the ceramic chimney, between DIGICOL NEXT and a traditional water-based digital glue. Valori di riduzione in % dei parametri di emissione raccolti con una analisi comparative diretta, al camino ceramico, tra DIGICOL NEXT e una colla digitale a base solvente.

CWR 136/2020

87


Inter Ser / I-Tech I-NKFILLER is an innovative automatic ink filling system for ceramic digital printers designed and built entirely by I-Tech and sold by Inter Ser in numerous non-European countries. The ongoing process of digitalisation of ceramic decoration has brought many obvious advantages but at the same time a number of new problems. I-NKFILLER offers a solution to the most significant and costly ink management issues, including: • Potential product sedimentation inside the containers, resulting in the need for regular agitation and filtration of the product before it is used in the machine; • Operational issues such as potential human error when refilling the printer (such as transferring ink to a tank containing a different colour) or small objects falling inside and potentially causing damage to filters and pumps;

88

CWR 136/2020

• Wastage of a significant quantity of product which remains inside the container even after it is emptied; • Precise supply management to avoid excessively high stock levels; • Disposal of the containers in which the various ceramic inks are supplied. I-NKFILLER, a system for solving all these problems, consists of several parts. SMARTY: smart storage tanks available in 3 storage volumes (500 l, 700 l and 1300 l), each equipped with an ink recirculation/handling and filtration system; each tank can automatically feed several printers. Control panel available in two different configurations: one centralised with a large touchscreen graphic interface used for managing plants with more than 4 printers; the other with panels located on each Smarty, used for managing systems with up to 4 printers.

Simple and user-friendly system supervision software. Ink refill skid to be positioned in proximity to each of the digital machines), ideal for companies that use multiple digital machines fed with ink from the same supplier.

ity and interconnection with factory MES/SCADA/ERP systems. By analysing this information it is possible to program precise ink reordering in accordance with real production needs, resulting in more cost-effective control over stock volumes.

In the innovative I-NKFILLER solution, the supplier delivers the ink in 200 litre drums or 500/1000 litre tanks. The contents are transferred to the Smarty tanks where they are agitated periodically to avoid sedimentation problems and subsequently filtered before being transferred to the dedicated container on the digital printer (upon receiving a refill call). The I-NKFILLER system is managed by a supervision software capable of instantaneously handling key information, including product registry, stored product inventory, batch traceability, consumption of individual inks by each printer and for each production batch, interfaceabil-

■■■ I-NKFILLER è l’innovativo sistema automatico di riempimento inchiostri per stampanti digitali ceramiche interamente progettato e realizzato da I-Tech e commercializzato da Inter Ser in molti paesi extra-europei. La continua digitalizzazione dei processi di decorazione ceramica ha introdotto numerosi ed indiscutibili vantaggi, ma allo stesso tempo nuovi problemi. I-NKFILLER è la soluzione ai problemi più significativi e costosi per la gestione degli inchiostri, ossia: • Potenziale sedimentazione del prodotto all’interno del suo contenitore, che richiede una raccomandata e periodica agi-


Latest technologies on

Glazing & Decoration

tazione dei contenitori, oltre ad un’inevitabile filtrazione del prodotto prima dell’utilizzo in macchina; • Gestione operativa, con il potenziale errore umano che può avvenire nel rabbocco di un prodotto sulla macchina da stampa (travasando erroneamente in un serbatoio contenente un differente colore) o con la caduta di piccoli oggetti all’interno del deposito che possono danneggiare filtri e pompe; • Spreco di una quantità significativa di prodotto che rimane comunque nel “contenitore” anche dopo il suo “svuotamento”; • Gestione dell’approvvigionamento preciso per evitare elevate scorte a magazzino;

• Smaltimento dei “contenitori” nei quali sono forniti i vari inchiostri ceramici. I-NKFILLER, sistema che risolve tutti questi problemi, si compone di varie parti. SMARTY: sono vasche di stoccaggio intelligenti, disponibili in 3 volumi di stoccaggio 500, 700 e 1300 litri, ognuna dotata di sistema di ricircolo/movimentazione e filtrazione inchiostro; ogni vasca può gestire l’alimentazione automatica di diverse stampanti. Quadro di comando disponibile in due differenti configurazioni: una centralizzata, dotata di un ampio terminale interfaccia grafica touch screen, impiegata per gestire impianti con più di 4 stampanti; una seconda, con più quadri delocalizza-

ti su ogni Smarty, impiegata per gestire impianti con un massimo di 4 stampanti. Software di supervisione di sistema semplice e intuitivo. Skid di refill inchiostri (da posizionarsi in prossimità di ognuna delle macchine digitali) è ideale per le aziende che impiegano più macchine digitali alimentate da inchiostri dello stesso fornitore. L’innovativa soluzione I-NKFILLER prevede che il fornitore consegni gli inchiostri in fusti da 200 litri e/o cisterne da 500/1000 litri, il cui contenuto viene trasferito all’interno della vasca Smarty. Qui, viene mantenuto periodicamente in movimento, evitando problemi di sedimentazione e successivamente filtrato prima

di essere trasferito (su apposita chiamata di rabbocco) all’apposito contenitore in dotazione alla stampante digitale. Il sistema I-NKFILLER è gestito da un software di supervisione che permette la gestione in tempo reale di importanti informazioni: anagrafica prodotti, inventario prodotti in stoccaggio, tracciabilità dei lotti, consumi di singolo inchiostro per singola stampante o lotto produttivo, interfacciabilità ed interconnessione ai sistemi MES/SCADA/ERP di fabbrica. Analizzando queste informazioni è possibile programmare il riordino preciso e puntuale degli inchiostri in linea con le necessità reali per la produzione, con miglior controllo economico dei volumi a stock.

Cai Emporio Delle Valvole The accessory technologies for tile digital decoration lines have had to adapt to new needs in recent years. As part of its constant research efforts into high-performance components, CAI Emporio delle Valvole has developed a series of valves suitable for handling and batching of ceramic inks and solvents of all kinds equipped with special corrosion- and abrasion-resistant gaskets that avoid contaminating the product. This has enabled CAI to forge new partnerships with the leading Italian plant design and installation companies.

formance, ha pertanto sviluppato valvole idonee alla gestione e al dosaggio di inchiostri ceramici e solventi di ogni tipo,

grazie a guarnizioni speciali che non inquinano il prodotto e non temono aggressioni dovute a corrosione e abrasione. Questo ha per-

messo a CAI di instaurare nuove collaborazioni con le più importanti aziende italiane di progettazione e installazione di impianti.

■■■ Negli ultimi anni le tecnologie accessorie alle linee di decorazione digitale di piastrelle hanno dovuto adeguare i propri componenti a nuove esigenze. CAI Emporio delle Valvole, da sempre attenta alla ricerca di componenti High Per-

CWR 136/2020

89


Seiko Seiko’s Printek Division, the department responsible for developing industrial inkjet printheads, is working hard to bring to market a truly dependable printhead for use with water-based inks. Seiko’s engineers initially believed that the printhead architecture was compatible with water-based inks, but soon realised that water is corrosive and is liable to damage critical parts of the printhead, making it necessary to adapt it to this new eco-friendly process. But that was not the only problem. Seiko’s engineers realised that corrosion was not occurring during compatibility testing but during a pulse durability test performed while testing the product. In this kind of test the piezo is continuously moved within the printhead to simulate the printhead’s life cycle. These tests needed to be performed after every iteration and kept the engineers very busy until they finally identified the parts that remain stable longer than the expected lifetime of the printhead and therefore do not limit its functionality. Although products capable of printing water-based inks are already available on the market, Seiko wanted to go further than this and bring the reliability and robustness of its RC1536 printhead series to water-based ink applications. In the ceramic tile industry, which is subject to increasingly stringent environmental standards, Seiko RC1536 printheads can re-

place oil-based versions, allowing printing machine manufacturers to adapt easily to changes and respond rapidly to the needs of the market. Along with applications in the ceramic industry where it successfully passed the beta tests, the printhead is now being tested in other industries, including corrugated board, 3D printing and even textiles. Across all sectors there is a high demand for reliable printheads capable of handling high drop volumes and a wide range of operations. Seiko’s next goal is to continue to work closely with ink manufacturers to identify the limitations and potential for developing a complete solution for different market segments. ■■■ La divisione Printek di Seiko - responsabile dello sviluppo e produzione delle testine di stampa industriali a getto d’inchiostro - sta lavorando alacremente per portare sul mercato una testina veramente affidabile per essere impiegata con inchiostri a base acqua. Inizialmente si diceva che l’architettura fosse compatibile, ma presto gli ingegneri Seiko hanno capito che l’acqua, col suo comportamento corrosivo, può effettivamente danneggiare alcune parti critiche della testina di stampa; è quindi necessario un aggiornamento per renderla compatibile per questa nuova sfida eco-friendly. Il problema però non si limitava so-

lo a questo aspetto. Gli ingegneri Seiko si sono resi conto che questa corrosione non si verifica durante i test di compatibilità, bensì durante un test di durabilità degli impulsi che si esegue nel corso dei test sul prodotto. In tale test si sposta continuamente il piezo nella testina di stampa per simulare il ciclo di vita della testina stessa. Questi test, che dovevano essere effettivamente eseguiti dopo ogni iterazione, hanno impegnato molto gli ingegneri, che alla fine hanno individuato le parti che non limitavano la funzionalità della testina; queste sono anzi rimaste stabili per un tempo superiore alla durata prevista della testina di stampa. Sul mercato esistono prodotti in grado di stampare inchiostri a base acqua. L’obiettivo di Seiko va oltre, puntando ad offrire l’affidabilità e la robustezza della sua serie di testine RC1536 anche per impieghi con inchiostri a base acqua. Nell’industria delle piastrelle ceramiche, norme ambientali sempre più stringenti stanno condizionan-

do la produzione. Le testine Seiko RC1536 possono andare a sostituire, una a una, le versioni a base olio. Ciò consente ai produttori di macchine da stampa di adattare facilmente il cambiamento e rispondere alle richieste del mercato in tempi rapidi. Oltre che per gli impieghi nell’industria ceramica – dove ha superato i Beta Test con successo – la testina è ora in fase di test in altri settori, tra cui il cartone ondulato, la stampa 3D e persino il tessile. In tutti i comparti, si registra un’elevata domanda di testine da stampa affidabili, in grado di gestire alti volumi della goccia e un’ampia gamma di operazioni. Prossimo obiettivo di Seiko è proseguire nella stretta collaborazione con i produttori di inchiostri per scoprire dove sono i limiti e le possibilità di sviluppo di una soluzione completa per i diversi segmenti di mercato.

This complete system is capable of generating a high-speed airflow for cleaning, drying and cooling. The Green Blow Air Line is a versatile solution ideal for several

fields of application. In the ceramic industry it is required both in the glazing department prior to digital printing and on wet grinding lines for drying

GMM GMM Trasmissioni Meccaniche has for years been the authorised distributor of FM, an Emilia-based manufacturer of accessories for industrial pro-

90

CWR 136/2020

duction lines. Thanks to this partnership, GMM is able to offer a full range of FM products, including the Green Blow Air Line unveiled by FM at Tecnargilla 2018.


Latest technologies on

Glazing & Decoration

tiles after machining, as well as at the kiln entrance and exit and at the press exit. In the glazing department, where printing quality is improved by cooling the tile in advance, the Green Blow blower series is used in place of more complex and energy-intensive machines while ensuring the same results. And to optimise the number and layout of the blowers, FM has developed a simulator capable of creating a virtual line and calculating the final tile temperature. On grinding lines, where tiles have to be dried at the exit, the 2.2 kW inverter-controlled Green Blow system replaces the standard 22 kW industrial blowers while delivering superior performance and considerable energy savings. The Air Line system is also used at the kiln entrance and exit and on the roller conveyors at the press exit, where it performs a blow cleaning function. The system consists of various integrated products: • Green Blow, a high-performance centrifugal blower with low levels of consumption and noise; • Air blades and diffusers, which allow the blower’s airflow to be distributed with various profiles thanks to intelligent air management; • Supports and brackets, for supporting blowers and diffusers and mounting them securely on frames and walls. By coupling one of the Green Blow blowers with the most suitable air blade and other accessories, it is possible to create complete, customised solutions for the many applications requiring a high-speed airflow. The Green Blow Air Line is also a cost-effective and eco-friendly system that significantly reduces purchase, maintenance and energy costs. Green Blow ensures a considerable reduction in energy consumption compared to an analogous

compressed air system thanks to the use of small-size electric motors (from 0.37 to 2.20 kW) and the high efficiency of the assembled system (blowers, air blades and accessories). In terms of energy saving, the use of the Green Blow Air Line brings an average reduction in electricity consumption (and consequently CO2 production) of between 80% and 98%. Moreover, all products in the Air Line are designed with special attention to sound emissions and none of the Green Blow blowers exceed noise levels of 85 dBA. Thanks to the multiple assembly versions, GMM in cooperation with FM can supply custom solutions and ad hoc applications based on the specifications of each plant. The Green Blow line has already been successfully installed in numerous Italian ceramic factories, where their high levels of efficiency have been confirmed. ■■■ Gmm Trasmissioni Meccaniche è da anni distributore autorizzato di FM, azienda emiliana costruttrice di accessori per le linee produttive industriali. Grazie a questa partnership, Gmm è in grado di offrire l’ampia gamma di prodotti FM, tra cui la Linea Aria Green Blow, presentato da FM a Tecnargilla 2018: un sistema completo, in grado di generare un flusso d’aria ad elevata velocità per la pulizia, asciugatura e raffreddamento del materiale. Linea Aria Green Blow è una soluzione versatile, volta a più settori applicativi. In ceramica è necessario nei reparti di smalteria nella fase di pre stampa digitale, nelle rettifiche ad umido per l’asciugatura delle piastrelle dopo la lavorazione, oltre che in ingresso e uscita dai forni e all’uscita dalle presse. In smalteria, dove la qualità della stampa è migliore quanto più la piastrella è precedentemente raffreddata, la batteria di ventilatori Green

Blow trova posto, sostituendo macchine più complesse ed energivore, pur garantendo i medesimi risultati. Inoltre, per ottimizzare il numero e il layout dei ventilatori, FM ha sviluppato un simulatore in grado di creare una linea virtuale e calcolare la temperatura finale delle piastrelle. Nelle rettifiche, dove è necessaria l’asciugatura della piastrella all’uscita dell’applicazione, il sistema Green Blow da 2,2 KW sotto inverter, sostituisce i tradizionali ventilatori industriali da 22 KW, assicurando risultati più performanti oltre che un notevole risparmio energetico. Sta poi prendendo piede anche l’applicazione del sistema Linea Aria per la pulizia tramite soffi ad ingresso/uscita forni e sulle rulliere all’uscita delle presse. Il sistema è composto di diversi prodotti integrati tra loro: • Green Blow, ventilatore centrifugo ad alte prestazioni, in grado di abbinare performance elevate a consumi e rumore ridotti; • Lame d’aria e diffusori, che consentono di distribuire il flusso del ventilatore su vari tipi di sezione tramite una gestione intelligente dell’aria; • Supporti e staffe, che consentono il sostegno di ventilatori e diffusori assicurandoli saldamente a telai e pareti. Abbinando uno dei ventilatori Green Blow alla lama d’aria più adatta all’applicazione e agli altri accessori, è possibile ottenere una soluzio-

ne customizzata e completa, adatta alle svariate applicazioni che richiedono l’impiego di un flusso d’aria ad elevata velocità. La linea Aria Green Blow è inoltre un sistema economico e amico dell’ambiente, poiché consente una forte riduzione dei costi di acquisto, di manutenzione e delle spese energetiche. Rispetto ad un sistema analogo alimentato però ad aria compressa, Green Blow riduce notevolmente il consumo di energia grazie all’impiego di motori elettrici di taglia ridotta (da 0,37 a 2,20 kW) e grazie anche all’elevato rendimento del sistema così assemblato (ventilatori, lame d’aria e accessori). In termini di risparmio energetico, l’utilizzo della Linea Aria Green Blow comporta una riduzione dei consumi elettrici, e quindi della CO2 prodotta, compresa in media tra l’80% e il 98% circa. Inoltre, tutti gli articoli della Linea Aria sono stati studiati ponendo particolare attenzione anche alle emissioni sonore. Infatti, tutti i ventilatori Green Blow non superano gli 85 dBA. Grazie alle molteplici varianti di assemblaggio, Gmm, in collaborazione con FM, può fornire soluzioni custom e applicazioni ad hoc, studiando le specifiche di ogni impianto. La linea di ventilatori Green Blow è già stata installata con successo in numerosi stabilimenti del distretto ceramico italiano, che hanno potuto constatare l’efficienza del prodotto.

CWR 136/2020

91


Smac Smac offers a wide range of machines and equipment for glazing ceramic slabs. One of these is the Versatile system, where mobile airless glaze application systems allow for the transversal movement of the upper spray guns as the tiles are passing along the glazing line. This guarantees perfectly uniform coverage with engobes, glazes and crystalline over the entire surface of slabs up to a maximum size of 2000 mm. The movement is performed by a linear axis driven by a brushless motor electronically controlled by a PLC, a linear guide and an independent support frame that allow for speeds up to 130 strokes/min. Application is performed by dedicated spray-guns fed by a high-pressure pump. During glazing with a single-motor movable airless system, tiles may display small defects such as “M” or “W” type shadows in the event of very large sizes or highspeed production. To solve this problem, Smac also offers the Versatile system in the Versatile/ Plus version with independent movement of each upper sprayer. Versatile/Plus is available for systems of 4, 6 and 8 spray-guns fed by a high-pressure airless pump. The systems are equipped with a control panel with a large touchscreen HMI for production recipe setting and a stainless steel spraying booth with standard or deep bottom collecting tank complete with side doors, overspray nets and belt supports. Other equipment, characteristics, sizes and features are the same as Versatile. For the application of highly abrasive products (glazes, engobes and crystalline), Smac recommends the use of the 3D automatic airless pump available in two versions with maximum pressure of 20 or 30 bar, maxi-

92

CWR 136/2020

mum flow rate of 15 or 30 l/min and power of 0.75 or 1.10 kW respectively. The machine is powered by an electric motor coupled with a diaphragm pump, where the diaphragms are moved by a system consisting of three pistons positioned at 120° to each other. This solution, together with a pulse damper and 6 glaze exits, optimises product spraying to achieve constant operation without the need for operator intervention. The control system is able to keep the glaze pressure constant at the value set by the operator and is equipped with a flow control photocell. In the absence of tiles on the line, it automatically reduces the operating pressure to a Standby value, then promptly restores the Setpoint value when the next tile arrives. The glaze delivery pressure is kept constant thanks to the pressure sensor with feedback. The machine is equipped with an electrical panel with PLC and 4.7” touch-screen. For the final application of powders and grits, Smac is presenting the model DSR which stands out for its ease of use, innovative feeding system and reduced overall dimensions. With a width of just 650 mm, DSR is easy to install without the need to make mechanical alterations to existing glazing lines. It allows for full-field applications ranging from just a few grams of material up to high-quantity coverages suitable for subsequent lapping operations, while maintaining constant and uniform coverage on tiles and slabs with widths of up to 2000 mm. The machine is managed entirely automatical-

ly by means of an electrical panel with a PLC and programming keyboard. DSR can be equipped with a separate model CF feeding container to increase production runtime. In case of production with digital glue printing, the system can be completed with the model CGA suction device equipped with an automatic sieving and pneumatic recirculation device. Last but not least, Smac presents Reverso, a machine for application of engobes on the back of the tile to avoid contamination caused by direct contact between tiles and ceramic rollers inside the kiln. Incorrect or non-uniform application may cause serious damage, including rapid deterioration of the ceramic rollers, deformation of tile flatness and undesirable accumulation of tiles inside the kiln. Standard machines with movable smooth sleeves are not suitable for large size ceramic slabs because the weight of the slabs may prevent the sleeves from rotating and result in non-uniform application. Thanks to the laser-engraved silicone roller applica-

tion system, Reverso ensures perfect and uniform engobe application to the rear face of the tiles with the possibility of controlled weights. It also avoids product wastage, does not contaminate the tile edges and allows logos and other designs to be printed. ■■■ Smac dispone di un’ampia gamma di macchine e attrezzature per la smaltatura di lastre ceramiche. Tra queste, il sistema Versatile, ove i sistemi airless mobili per l’applicazione dello smalto consentono il movimento trasversale delle pistole spruzzatrici superiori durante il passaggio delle piastrelle sulla linea di smaltatura; questo garantisce una copertura perfetta e uniforme con ingobbi, smalti e cristalline su tutta la superficie della lastra, fino ad una dimensione massima di 2000 mm. Il movimento è realizzato tramite asse lineare controllato da motore brushless gestito elettronicamente da PLC, guida lineare e telaio di supporto indipendente che permettono velocità fino a 130 battute/min. L’applicazione è effettuata con appositi aerografi


Latest technologies on

Glazing & Decoration

alimentati tramite pompa ad alta pressione. Durante la smaltatura con sistema airless mobile a movimento singolo, in caso di dimensioni molto grandi o produzione ad alta velocità, le piastrelle possono presentare alcuni piccoli difetti come ombre tipo “M” o “W”. Per risolvere questo problema, Smac propone il sistema Versatile anche nella versione Versatile/Plus, che si caratterizza per il movimento indipendente di ciascuna spruzzatrice superiore. Versatile/Plus è disponibile per sistemi a 4, 6 e 8 aerografi con alimentazione tramite pompa airless ad alta pressione. I sistemi sono dotati di pannello di controllo con ampio touch-screen HMI per l’impostazione delle ricette di produzione e cabina di spruzzatura in acciaio inossidabile con serbatoio di raccolta inferiore standard o profondo, completo di porte laterali, reti di nebulizzazione e supporti per cinghie. Le altre dotazioni, caratteristiche, formati e prestazioni ricalcano quelle di Versatile. Per l’applicazione di prodotti ad alta abrasione (smalti, ingobbi e cristalline), Smac consi-

glia l’impiego della pompa airless automatica 3D disponibile in due versioni (con pressione massima rispettivamente di 20 o 30 bar, portata massima di 15 o 30 lt/min e potenza di 0,75 o 1,10 kW). La macchina è azionata da motore elettrico accoppiato ad una pompa del tipo a membrane, azionate meccanicamente da un sistema a 3 pistoni a 120° tra loro; questa soluzione, unita ad uno smorzatore di pulsazioni e 6 uscite per smalto, permette di ottimizzare la nebulizzazione del prodotto, ottenendo una lavorazione full-time senza interventi del personale. Il sistema di controllo è in grado di raggiungere e mantenere costante il valore di pressione dello smalto impostato dall’operatore ed è completo di fotocellula di controllo flusso. In caso di mancanza di pezzi sulla linea, ridurrà automaticamente la pressione di esercizio ad un valore di “Standby”, per poi ripristinare prontamente il valore di Setpoint all’arrivo del pezzo successivo. L’erogazione dello smalto a pressione è costante grazie al sensore di pressione con retroazione.

La macchina è dotata di quadro elettrico con PLC e touch-screen 4,7”. Per l’applicazione finale di polveri e graniglie Smac presenta invece il modello DSR, caratterizzato da semplicità d’uso, sistema di alimentazione innovativo e ingombri ridotti. Grazie alla larghezza di soli 650 mm, la macchina DSR può essere installata facilmente e senza alcuna modifica meccanica su qualsiasi linea di smaltatura esistente. Consente un’applicazione a campo pieno con pochi grammi di materiale fino a coperture con elevate quantità, adatte al successivo trattamento di lappatura, mantenendo una stesura costante e uniforme su piastrelle e lastre con larghezze fino a 2000 mm. La gestione è completamente automatica, attraverso un quadro elettrico con PLC e tastiera di programmazione. DSR può essere dotata di un contenitore di alimentazione separato (modello CF) per aumentare l’autonomia di produzione. In caso di produzione con stampe digitali a colla, il sistema può essere completato con il dispositivo di

aspirazione modello CGA, dotato di un dispositivo di ricircolo automatico pneumatico e setacciatura del materiale aspirato. Infine, c’è Reverso, la macchina per applicazione di ingobbi sul retro della piastrella che evita la contaminazione causata dal contatto diretto tra piastrelle e rulli ceramici all’interno del forno. Un’applicazione non corretta e non uniforme può causare gravi danni, come il rapido deterioramento dei rulli ceramici, la deformazione della planarità delle piastrelle o accumuli indesiderati di pezzi all’interno del forno. Le macchine standard con manicotti lisci mobili non sono adatte per le lastre ceramiche perché il loro peso può impedire la corretta rotazione delle maniche causando un’applicazione disomogenea. Al contrario, Reverso, grazie al sistema di applicazione con cilindro in silicone inciso al laser, consente un’applicazione perfetta e regolare sulla superficie inferiore dei pezzi, con possibilità di pesi controllati. Inoltre, evita lo spreco di prodotti, non contamina i bordi delle piastrelle e consente di stampare loghi o altri disegni.

CWR 136/2020

93


Sicer Sicer, leader in the production of grits for high-end products, further expands and improves the already exclusive series of calibrated grits for mirror polished and dry application. Objective: “Perfection, no compromises”. It is GRA DRYLUX, a range of Extra Compact Transparent Grits which, through lapping / polishing, allow to obtain ultra-bright surfaces but with technical characteristics of the surface, which until today have not been reached. The renewed GRA DRY-LUX series, combined with the low emission digital glue, LOW EMISSION SCD1990.LE, guarantees, on black backgrounds: • Total transparency, • Management of the accurate agreement of expansion coefficient between glass and body, • Total absence of porosity, • Excellent management of digital color development, • Considerable depth of glass, • High surface hardness (scratchproof). Even before the usual chemical treatment, surfaces made with GRA GRAN LUX products are totally resistant to chemical

agents; therefore, they can also be used as surfaces for kitchen worktops. The combination proposed by Sicer, GRA DRY-LUX grits and SCD1990.LE digital glue, has been studied by the Technology Sicer Lab in order to achieve unique finished product levels, in terms of technical characteristics and perfection of the glass. The Dry-Lux project is proposed and developed on each customer by highly qualified Sicer technologists, after prior analysis and verification of the industrial production conditions of the user. Sicer Technology Lab exclusively presents the innovative range versions of the DRYLUX calibrated grits on large format slabs and on different thicknesses in its new Gallery. ■■■ Sicer, leader nella produzione di graniglie per prodotti di alta gamma, amplia e migliora ulteriormente la già esclusiva serie di graniglie calibrate per levigatura a specchio e applicazione a secco. Obiettivo “Perfection, no compromises”. È GRA DRY-LUX, una gamma di Graniglie Traspa-

renti Extra Compatte che, tramite lappatura/levigatura, consentono di ottenere superfici ultra brillanti ma con caratteristiche tecniche di superficie, fino ad oggi inarrivabili. La rinnovata serie GRA DRY-LUX, abbinata alla colla digitale a bassa emissione, LOW EMISSION SCD1990.LE, garantisce, su fondi neri: • Completa trasparenza, • Gestione del preciso accordo del coefficiente di dilatazione tra vetro e impasto, • Totale assenza di porosità, • Ottima gestione dello sviluppo colori digitali • Notevole profondità del vetro • Elevata durezza superficiale (scratchproof). Le superfici realizzate con prodotti GRA GRAN LUX risultano totalmente resistenti agli agenti chimici, già prima del consueto trattamento chimico; sono quindi utilizzabili anche come superfici per piani lavoro-cucina. Il binomio proposto da Sicer - graniglie GRA DRY-LUX e colla digitale SCD1990.LE - è stato studiato dal Technology Si-

cer Lab per poter raggiungere livelli di prodotto finito unici, sia in termini di caratteristiche tecniche che di perfezione del Vetro. Il progetto levigato Dry-Lux è proposto e messo a punto su ogni cliente da tecnologi Sicer altamente qualificati, previa loro preventiva analisi e verifica delle condizioni industriali di produzione dell’utilizzatore. Nella sua rinnovata Gallery, Sicer Technology Lab presenta le nuovissime versioni delle graniglie calibrate DRY-LUX su lastra in grande formato e su diversi spessori.

GRA DRY LUX

The unique dry application grits

The unique dry application grits

Certech - Vibrotech The Ink Refill Technology system developed by Vibrotech solves problems relating to manual ink refilling in digital printers but also brings clear environmental benefits and improvements to the digital decoration process. Rather than small 5 or 10 litre cans, the inks are supplied in 1,000 litre (or larger) drums and transferred to the dedicated dispensers that form the heart of the Ink Refill Technology system. Supplied in series, they are equipped with an In-

94

CWR 136/2020

dustry 4.0 control panel complete with level indicators that monitor consumption and automatically place an order with the ink producer when a fresh supply is needed. Inside these special storage tanks (with inclined bases to avoid sedimentation), a pneumatic pump automatically mixes the ink (with user-programmable times) to keep it continuously recirculating, filtered and ready to use. Ink Refill Technology can be supplied in either manual or automatic versions. In the manual

version, the operator draws ink from the dispenser manually using a single 5-litre bottle and fills

up the digital printer in the traditional manner. In the automatic version, the storage tank is


Latest technologies on

Glazing & Decoration

connected directly to the printer for automatic ink filling. The key feature of the automatic Ink Refill Technology system is the ink distribution circuit running from the dispensers to the digital machines. The system is designed to ensure that the inks flow continuously throughout the entire circuit, including the hoses connecting the storage tanks to the digital machines and the corresponding valve units. In practice, the complete absence of stagnant areas in the ink circuit avoids all risk of sedimentation. This programmed recirculation is performed on average twice a day and has proved extremely useful during production stoppages, especially for extended periods of time. When the quantity of ink in the inkjet tanks falls below a preset level, the level indicators send a signal to the system which in turn controls the automatic opening of the distribution valve unit and the consequent supply of a given quantity of pre-filtered ink. As well as reducing the operator’s workload, automatic refilling eliminates potential colour loading errors in the machine while at the same time preventing impurities from entering the printers. The automatic Ink Refill Technology system has a centralised control panel, complete with a touchscreen connected to the

factory’s management system, which controls all system operations, provides real-time information on ink levels and consumptions for each individual machine, and automatically makes the call for a new ink order. The data are also available via a dedicated mobile phone app. The plant can be connected to any kind of digital printer and operates with any liquid digital material (solvent- or water-based inks, effects, glazes and digital glues). It takes just 10 days to install and is fully modular (the modules are connected via an Ethernet/IP protocol), thereby simplifying subsequent expansions in terms of number of colours and/or printers. ■■■ Col sistema Ink Refill Technology, Vibrotech ha risolto i problemi legati al rabbocco manuale degli inchiostri nelle stampanti digitali, apportando indubbi vantaggi sia da un punto di vista ambientale che di miglioramento del processo di decorazione. Invece che in piccole tanichette da 5 o 10 litri, gli inchiostri vengono infatti forniti in cisterne da 1000 litri (o più) e svuotati in appositi dispenser che rappresentano il cuore di Ink Refill Technology. Forniti in batterie, sono dotati di un quadro di gestione 4.0 con indicatori di livello che controllano il consumo, facendo scattare

automaticamente l’ordine al colorificio per una nuova fornitura. All’interno di queste speciali vasche di stoccaggio (con fondo inclinato per evitare la sedimentazione), una pompa pneumatica effettua la miscelazione automatica dell’inchiostro (con tempi programmabili dall’utente), mantenendolo in continuo ricircolo, filtrato e pronto all’uso. Ink Refill Technology può essere fornito sia in versione manuale che automatica. Nel primo caso, l’operatore spillerà manualmente l’inchiostro dal dispenser, utilizzando un’unica tanichetta da 5 litri, e rabboccherà la stampante digitale in maniera tradizionale. Nel secondo caso, la vasca di stoccaggio è direttamente collegata alla stampante per effettuare il rifornimento automatico dell’inchiostro. L’impianto automatico Ink Refill Technology si distingue per l’anello di distribuzione degli inchiostri dai dispenser alle macchine digitali. Il sistema, infatti, è stato progettato e sviluppato per garantire il movimento continuo degli inchiostri anche all’interno delle tubazioni che collegano le vasche di stoccaggio alle macchine digitali e ai relativi gruppi valvole: in pratica, l’inchiostro percorre un giro ad anello, appunto, che, privo di punti morti, evita i rischi di sedimentazione. Tale ricircolo (programmato mediamente due volte al giorno) è utilissimo durante i fermi di

produzione, soprattutto se prolungati. Quando l’inchiostro nei serbatori delle stampanti inkjet scende sotto una soglia prestabilita, gli indicatori di livello inviano il segnale al sistema, il quale comanda l’apertura automatica del gruppo valvole di distribuzione e l’erogazione di una quantità determinata di inchiostro, preventivamente filtrato. Oltre a ridurre il carico di lavoro dell’operatore, il rifornimento automatico elimina i possibili errori di carico colore in macchina e l’ingresso di impurità nelle stampanti. Ink Refill Technology dispone di un quadro di comando centralizzato, con touch screen collegato al gestionale dello stabilimento, che controlla e gestisce ogni singola operazione dell’impianto, fornendo informazioni in tempo reale sul livello e sui consumi di inchiostro per ogni singola macchina, con funzione di chiamata automatica per un nuovo ordine di materiale. I dati sono disponibili anche su cellulare attraverso apposita App. L’impianto può essere collegato a qualunque tipo di stampante digitale e opera con qualunque materia digitale liquida (inchiostri a base solvente o acqua, effetti, smalti e colle digitali). Installabile in appena 10 giorni, è modulare, grazie al collegamento dei moduli con Ethernet IP, semplificando così gli eventuali successivi ampliamenti per numero di colori e/o stampanti.

CWR 136/2020

95


Latest technologies on

Glazing & Decoration

Smalticeram The Xgo system is an innovative concept comprising ready-to-use water-dispersible micronised mixtures that can be applied using airless cabins and traditional ceramic tile glazing systems. Thanks to its unprecedented speed of preparation, the Xgo system allows products to be used immediately and offers plenty of scope for customisation. For example, the surface of a product can be changed in real time thanks to the unlimited range of available materials coupled with the system’s flexibility of preparation and use. The Xgo system plays a vital role in producing authentic collections with high technical and aesthetic quality and in meeting the standards of the ceramic industry 4.0. Xgo guarantees full compatibility with the well-known SJ Smaltink series, allowing for unprecedented ADVERTISING

colour rendering. The use of SJ effect inks in conjunction with the Xgo system creates unique, exquisite material looks that meet the needs of an increasingly specialised and discerning market. The Xgo system testifies to Smalticeram’s focus on innovation and its commitment to developing new solutions with powerful aesthetic impact. The surfaces range from rustic solutions with a high coefficient of friction for outdoor use through to softer and more elegant solutions for interior furnishings and bright, glossy lapped surfaces. ■■■ Il sistema Xgo è un concetto innovativo che si compone di miscele micronizzate pronte all’uso, da disperdere in acqua, applicabili con cabine Airless e con i più tradizionali sistemi di smaltatura del-

le piastrelle ceramiche. Grazie ad una velocità di preparazione senza precedenti, il sistema Xgo permette l’utilizzo immediato del prodotto, fornendo molte possibilità di personalizzazione. Per esempio, è possibile cambiare la superficie del prodotto in tempo reale, grazie ad un’infinita gamma di materie disponibili e soprattutto grazie alla flessibilità di preparazione ed utilizzo. ll sistema Xgo è l’elemento indispensabile per ottenere collezioni autentiche, dall’elevata qualità tecnico-estetica e nel rispetto degli standard normativi propri dell’industria ceramica 4.0. Xgo è studiata per garantire massima compatibilità con la nota serie SJ Smaltink, per una resa cromatica senza precedenti. Gli effetti di SJ, in combinazione con il sistema Xgo, sviluppano aspetti materici unici e pregiati, per soddisfare le esigenze di un mercato sempre più specializza-

to e raffinato. Il sistema Xgo testimonia ancora una volta la propensione innovativa di Smalticeram e il suo impegno nella ricerca di nuove soluzioni di grande impatto estetico. Le superfici spaziano da soluzioni rustiche ad alto coefficiente d’attrito per superfici da esterni, a soluzioni più morbide ed eleganti dedicate agli arredi interni, fino ai più brillanti e luminosi lappati.


VOC-free surfaces combining aesthetics and safety Superfici VOC free, più belle e più sicure NoCoat (Valsamoggia - Italy)

NoCoat, a Surfaces Group company that produces cutting-edge solutions for ceramic and stone surface treatment, has long boasted Class A+ VOC-free certification for its Metpick and Metclean series products. Volatile Organic Compounds (VOCs) contribute to the formation of ozone in the lower atmosphere. If present in large quantities, tropospheric ozone not only harms the environment but also affects humans, causing nose and throat irritations and respiratory problems. The presence of VOCs liable to pose a risk to human health is determined by tests that measure emissions from a material in a closed environment. These tests have shown that toxic substances such as formaldehyde and benzene are entirely absent from on NoCoat products, which have been certified Class A+ by an independent agency in accordance with UNI EN ISO 16000-9: 2006, confirming their complete safety for the health of consumers and the environment. In recent years, NoCoat has conducted in-depth research and experimentation and has developed solutions that work in synergy with lapping and honing tools to achieve high standards, including a significant increase in productivity in terms of first quality choice products. This is because NoCoat products no longer serve just as surface protection but are increasingly becoming complete all-round treatments that combine an effective technical and anti-dirt function (saturation of porosity, impermeability, toughness and slip resistance) with a superior aesthetic finish and reduced risk of streaks or micro-scratches. The combination of treatment and tools is the distinctive feature of NoCoat products. Combining effectiveness and efficiency, they are able to achieve increasingly high levels of first choice products on tile production lines while at the same time protecting and enhancing the various finishes (gloss, supergloss and matt) and allowing custom solutions to be developed according to the type of system and surface and the desired finishes. While the surfaces are polished and durable, they are also smooth, uniform and consequently more visually appealing.These treatments are particularly important in the case of today’s most popular trend of dark and matt finishes. Moreover, today’s boom in extra-large ceramic slabs has expanded the field of application of ceramic surfaces to include not just floors but also exterior walls and worktops. In particular, the fact that they are used as kitchen countertops makes

98

CWR 136/2020

NoCoat, società di Surfaces Group che produce le più innovative soluzioni per il trattamento superficiale ceramico e lapideo, ha ottenuto da tempo la certificazione VOC free Classe A+ dei prodotti delle serie Metpick e Metclean. I Composti Organici Volatili (VOC) contribuiscono alla formazione di ozono nella bassa atmosfera. Se presente in quantità, l’ozono troposferico crea danni non solo all’ambiente, ma anche alle persone, causando irritazioni a naso e gola e problemi respiratori. La presenza dei composti volatili viene quantificata attraverso test; questi misurano il livello di immissione di VOC pericolosi per la salute umana che possono essere rilasciati da un materiale in un ambiente chiuso. I test condotti sui prodotti NoCoat hanno dimostrato la completa assenza di sostanze tossiche, quali ad esempio formaldeide e benzene, consentendone la certificazione in Classe A+ (rilasciata da un ente terzo ed effettuata secondo le norme UNI EN ISO 16000-9: 2006) che ne attesta la totale sicurezza per la salute dei consumatori e per l’ambiente. In questi anni NoCoat ha approfondito la ricerca e la sperimentazione arrivando a formulare soluzioni che, operando in sinergia con gli

utensili per la lappatura e la levigatura, garantiscono standard elevati. Il risultato decisamente premiante è stato il significativo innalzamento della produttività che si esprime in una crescita verticale della prima scelta. Questo perché i prodotti NoCoat non si configurano più solo come trattamenti di protezione, bensì sempre di più come trattamenti completi che combinano sia l’efficacia tecnica della funzione antisporco (saturazione delle porosità, impermeabilità, resistenza, antiscivolo) che la finitura estetica, esaltandola ulteriormente e riducendo eventuali alonature o micrograffi. La sinergia trattamento-utensile è l’elemento distintivo che caratterizza i prodotti NoCoat. Coniugando efficacia ed efficienza,


Focus on

finishing & surface treatment

it imperative to guarantee the total safety of these surfaces. For this reason, NoCoat has already begun the process of obtaining FCM (food contact materials) certification to ensure greater safety for consumers. “We decided to undertake a process of certification to validate these important properties and communicate them to the market as effectively as possible,” said Giuseppe Soli, CEO of NoCoat. “It’s a long and costly process that has been keeping us busy for quite some time, but we know it will be an increasingly important step for differentiating our products and ensuring the maximum protection for humans and the environment.” The certification will also attest to the non-reactivity between the surface and foods in all daily interactions. “If we place food on a surface, whether this food is neutral like bread or highly reactive like lemon, we want to be able to guarantee that it will remain in perfect condition and will not be affected in any way by contact with surfaces treated with NoCoat protective products,” explains Soli. 5

essi permettono di ottenere livelli crescenti di 1a scelta sulle linee di produzione delle piastrelle, ma anche di proteggere e valorizzare le varie finiture (lucido, supergloss e matt), con la possibilità di sviluppare soluzioni ad hoc per tipologia di impianto, superficie e finiture desiderate. Le superfici sono sì levigate e resistenti, ma anche lisce, uniformi, in una parola, più belle. L’importanza di questi trattamenti emerge in maniera più evidente con le finiture di maggiore tendenza oggi, ossia sempre più superfici scure e matt. Inoltre, l’attuale maggiore diffusione di lastre ceramiche di formato XXL ha ormai sdoganato del tutto la ceramica, divenuta elemento fondamentale di arredo non solo per pavimenti ma anche per pareti e piani cottura. Proprio il suo impiego nei piani cucina renderà sempre più forte la necessità di garantire la totale sicurezza di tali superfici. Per questo NoCoat ha già avviato i processi per l’ottenimento della certificazione MOCA che testa i materia-

li a contatto con gli alimenti per garantire al consumatore una maggior tutela. “Non ci basta saperlo”, dice Giuseppe Soli, Ceo di NoCoat. “Abbiamo scelto di avviare un processo di certificazione per ratificare questo importante traguardo e comunicarlo al mercato nel modo più efficace. Si tratta di un processo lungo e costoso che ci sta impegnando da qualche tempo, ma lo stiamo intraprendendo consapevoli che rappresenterà uno step fondamentale, sempre più necessario, per differenziare i nostri prodotti, assicurando la massima protezione per le persone e per l’ambiente”. Ad essere certificata sarà anche l’inalterabilità della superficie e degli alimenti in tutte le interazioni quotidiane. “Se appoggiamo su un piano un alimento, dal più neutro come il pane fino ai più reattivi come il limone – spiega Soli -, vogliamo poter certificare che questi prodotti rimangono completamente integri e non subiscono alterazioni al contatto con superfici protette e trattate con i prodotti NoCoat”. 5

CWR 136/2020

99


Focus on

finishing & surface treatment

A new slab finishing plant for Polialc Nuovo impianto di finitura lastre per Polialc Fabio Vecchi, Ancora (Sassuolo, Italy)

Polialc, a Castellón, Spain-based company specialising in ceramic surface finishing and treatment and other services for the ceramic industry, has once again chosen Italian technology from Ancora for its new production facility. After collaborating with the SITI B&T Group member company for its production line dedicated to traditional tile sizes, Polialc has placed another order with Ancora for its new slab processing and treatment department. Ancora’s technicians, in close collaboration with their colleagues at Polialc, designed a system for large sizes that would meet the evolving needs of the dynamic Spanish ceramic tile market and cater for a wide range of different sizes and thicknesses. The plant is designed to work with sizes ranging from 1000x1000 mm through to 1800x3600 mm and thicknesses from 5 mm to 30 mm and performs surface lapping (semi-polishing) of glazed surfaces and polishing of full-body, double-loaded or through-vein unglazed surfaces.

The unloading machine SITI B&T ~ Macchina di scarico SITI B&T

100

CWR 136/2020

Polialc, azienda di Castellón, Spagna, specializzata nelle lavorazioni di finitura e trattamento di superfici ceramiche e altri servizi integrati per l’industria ceramica, si è affidata nuovamente alle tecnologie Ancora per il suo nuovo stabilimento produttivo. Dopo aver già collaborato con l’azienda del Gruppo SITI B&T per la linea produttiva destinata ai formati tradizionali, Polialc ha riconfermato la propria fiducia all’azienda italiana anche per la nuova area dedica-

ta alla lavorazione e trattamento delle lastre. I tecnici di Ancora, in stretta collaborazione con i colleghi di Polialc, hanno quindi studiato un impianto dedicato ai grandi formati che fosse in linea con le richieste del dinamico mercato ceramico spagnolo, caratterizzato da una grande varietà di formati e di spessori. L’impianto nasce per lavorare formati da un minimo di 1000x1000 mm fino a 1800x3600 mm, con spessori da 5 mm fino a 30 mm, con le funzioni di lappatura superficiale (quindi su smalti) e levigatura di prodotti tecnici a tutta massa, a doppio caricamento o a vena passante.


❱ Flexibility and efficiency A unique feature of this plant is its ability to produce both semi-finished and finished slabs by performing a grinding stage with an independent loading and unloading line. This means that Polialc can perform pre-grinding and polishing operations on one large slab while at the same time performing grinding on another slab on a parallel and completely independent line. With this degree of flexibility, Polialc can respond rapidly to any request from the Spanish ceramic market. ❱ Pre-grinding In the first stage, the plant pre-grinds the edges of the slabs to prepare them for lapping. The purpose of this preliminary operation is to improve the efficiency and productivity of the lapping stage by defining the slab geometry with high precision and creating bevels on the sides and corners, thereby protecting the metal tools and avoiding the risk of scratching due to grit residues during lapping. ❱ Surface roughing In the case of unglazed full-body porcelain, the system supplied by Ancora to Polialc also performs surface roughing, which involves using rigid tools to enhance the double loading, vein or grain effects. This machine consists of a single base with a swinging beam capable of machining the entire width of the slab (between 1000 mm and 1800 mm). ❱ Lapping The lapping stage involves the use of two double beam lap-

The lapping plant ~ Linea di lappatura Ancora

102

CWR 136/2020

❱ Flessibilità ed efficienza Caratteristica unica di questo impianto è la possibilità di poter produrre sia una lastra semilavorata sia una lastra finita, grazie a una fase di rettifica dotata di una linea indipendente di carico e scarico. Polialc è quindi in grado di lavorare una grande lastra semplicemente per le fasi di pre-rettifica e levigatura e contemporaneamente, in una linea parallela e completamente autonoma, rettificarne un’altra. Una flessibilità che permette a Polialc di rispondere in modo efficace a qualsiasi richiesta del mercato ceramico spagnolo. ❱ Fase di pre-rettifica La fase iniziale dell’impianto prevede una macchina di pre-rettifica delle lastre, che anticipa la lappatura. Lo scopo di questo primo processo è quello di agevolare e aumentare la produttività della lappatura attraverso la definizione precisa della geometria della piastrella e creare dei bi-

selli nei bordi e negli angoli della lastra che preservino gli utensili metallici ed evitino eventuali graffi dei residui della granella nella fase di lappatura. ❱ Sgrossatura superficiale Nel caso in cui il prodotto ceramico sia grès porcellanato tecnico a tutta massa da levigare, l’impianto Ancora fornito a Polialc prevede anche una fase di sgrossatura superficiale. Attraverso utensili rigidi, la piastrella viene spianata con lo scopo di andare ad enfatizzare gli effetti di doppi caricamenti, vene o grani. Questa macchina è composta da un unico basamento con ponte brandeggiante che permette la lavorazione su una larghezza minima di 1000 mm fino a 1800 mm, potendo quindi sgrossare la lastra per la sua intera larghezza. ❱ Fase di lappatura La fase di lappatura prevede due lappatrici a doppio ponte. Progettate per lavorare prodotti ceramici che vanno da 5 a 30 mm di spessore, si tratta di due macchine ad alta tecnologia dotate di tutte le soluzioni che permettono di lavorare su planarità molto differenti, sia in termini di peso che di spessore. Il motore brushless e i brandeggi per le lavorazioni sui bordi della lastra aiutano l’operatore a decidere - in funzione della tipologia di lastra - con che modalità e per quanto tempo lappare i bordi della lastra, che in questa fase risultano i punti più critici. Tra le funzionalità delle lappatrici Ancora vi è anche la possibilità di scegliere la tipologia di utensile da utilizzare sulla base della composizione della lastra: se si tratta di un prodotto levigato, vi è la possibilità di utilizzare utensili magnesitici, nel caso in cui i prodotti siano lappati a campo pieno si possono utilizzare utensili resinati.


Focus on

finishing & surface treatment ping machines. Designed to handle ceramic tiles or slabs in thicknesses ranging from 5 to 30 mm, these two hi-tech machines feature all the solutions necessary to work on very different surfaces in terms of flatness, weight and thickness. The brushless motor and the oscillating beams for the edges of the slab help the operator choose the method and length of time for performing the critical edge lapping operation according to the type of slab. One of the key features of Ancora lapping machines is the option of choosing the type of tool according to the slab composition. Magnesium tools can be chosen for polished slabs or resin-coated tools for full-field lapped surfaces.

Hi-Coat treatment machine ~ Linea di trattamento Hi-Coat

❱ Pickling Pickling is a cleaning operation performed subsequent to lapping in the case of glazed surfaces and involves altering the glaze morphology. Also known as acid etching, this step is an integral part of the ceramic treatment process and is essential for making the lapped surface resistant to acid attack. Because of its porosity, the surface retains processing impurities if pickling is not performed. The process serves to neutralise these pores and remove any lapping residues. ❱ Porosity protection The Ancora technology used in this step of the end-of-line process is called Hi-Coat. It is a highly versatile machine equipped with multiple independent heads which use soft tools to apply pore-filling products onto the surface of the slab, after which the pores are sealed with a protective acid-resistant treatment. The result is a uniform, durable surface with a high degree of resistance to the most common and stubborn stains. ❱ Grinding and checks The grinding stage also uses sophisticated hi-tech machines to process large size slabs. The operator can control all operations via a remote-control system, which allows him to perform rapid and efficient size changes and to check grinding wheel wear and the general condition of the machine. Calibre and colour control are the final steps in the process before SITI B&T loading/unloading machines place the finished slabs in special boxes or racks for storage. 5

❱ Fase di decapaggio La fase di decapaggio consiste nella pulitura in uscita dalla fase di lappatura, necessaria per i prodotti a base smalto, andando a lavorare sulla morfologia dello smalto stesso. Questo passaggio, che può essere definito anche “acidatura”, è parte integrante del processo di trattamento ceramico e risulta fondamentale per prevenire l’attacco acido sulla superficie lappata. Questa, infatti, risulta avere una superficie porosa che, se non decapata, trattiene le impurità della lavorazione. L’acidatura rende neutre queste porosità andando a ripulirle dei residui della fase di lappatura. ❱ Protezione delle porosità Hi-Coat è la tecnologia Ancora protagonista di questa fase del processo di fine linea. Molto versatile, Hi-Coat è caratterizzata da multiteste indipendenti che applicano dei prodotti sulla lastra attraverso degli utensili morbidi, andando a riempire solamente le po-

rosità della piastrella, chiudendole con prodotti protettivi antiacido. Il risultato sarà quindi un prodotto uniforme nelle sue caratteristiche e con una protezione contro le macchie più comuni e tenaci, garantendo quindi un’elevata durata nel tempo. ❱ Rettifica e controlli Anche la fase di rettifica è caratterizzata dall’impiego di un impianto adeguato alle lastre di grandi dimensioni, composto da macchine altamente tecnologiche e sofisticate. Il completo controllo delle operazioni è affidato all’operatore tramite il controllo in remoto, che permette un cambio rapido ed efficiente dei formati, la verifica dell’avanzamento dell’usura delle mole e dello stato generale della macchina. Il controllo del calibro e della tonalità delle grandi lastre completano il processo, prima dello stoccaggio del prodotto finito da parte delle macchine di carico/scarico di SITI B&T in appositi cassoni o cavalletti. 5

CWR 136/2020

103


Silver-treated bactericidal tiles La piastrella battericida grazie all’Argento Claudio Casolari, Metco (Monteveglio, Italy)

Following years of research and industrial application, Metco is launching its Nobacter05 surface treatment onto the global market. This solution uses a combined chemical and physical action to halt the proliferation of colonies of microorganisms, raising the hygiene level of a ceramic surface from bacteriostatic to bactericidal. The active chemical and physical treatment delivers results that are certified as excellent by top Italian universities. Moreover, its effectiveness is never depleted which means it is a permanent solution. The bactericidal properties of silver derive from its ability to bind with proteins in the bacterium’s cell membrane, reducing the membrane’s permeability to oxygen and preventing the cell from breathing. Nobacter05 is a colourless compound which is sprayed onto the tile before final firing. By interacting with the glassy mass, it penetrates inside the ceramic material and creates permanent active bactericidal centres. Nobacter05 is a silver-enriched metal complex that performs its bactericidal function most effectively when placed in contact with the bacterium, which is why it is important for the active centres to be on the surface. An excessively “vitreous” glaze mass might completely encase the Silver, preventing it from coming into contact with the bacterium and making the protective coating ineffective. This is why it is essential to carry out surface lapping or polishing after applying the treatment. The product’s bactericidal capacity derives from the contact between the metal and environmental humidity, which irreversibly “burns” and destroys the bacterial cell. In order to maintain their effectiveness over time, surfaces must be cleaned regularly with normal cleaning products as the accumulation of inactive molecules, while invisible to the naked eye, will gradually create a biofilm barrier that reduces the effectiveness of the treatment. ❱ Tests and results Rather than explain how we worked with customers to create this powerful product for preventing the spread of bacteria, we believe it is more useful and interesting to focus on

104

CWR 136/2020

Dopo anni di ricerca e di applicazione industriale, Metco presenta al mercato mondiale Nobacter05. Un presidio igienico che, per effetto chimico-fisico integrato, è in grado di arrestare il proliferare di colonie di microorganismi, elevando il grado del manufatto ceramico da batteriostatico a battericida. Il presidio chimico fisico attivo garantisce un risultato decretato eccellente dalle migliori università italiane e praticamente senza possibilità di esaurimento della sua efficacia, una soluzione permanente, quindi. Le proprietà battericide dell’Argento sono dovute alla sua capacità di legarsi con le proteine che costituiscono la membrana cellulare del battere, riducendone la permeabilità all’ossigeno e impedendogli di respirare. Nobacter05 è un composto incolore che viene spruzzato sulla piastrella prima della cottura finale. Grazie all’interazione con la matrice vetrosa, sviluppa centri attivi battericidi permanenti penetrando nella materia ceramica. Nobacter05 è un comples-

so metallico arricchito di Argento che esprime al massimo le sue performance battericide quando posto a contatto con il battere, per questo è importante che i centri attivi siano sulla superficie. Una matrice eccessivamente “vetrosa” potrebbe inglobare completamente l’Argento impedendo il contatto con il battere e vanificando il presidio; è quindi fondamentale provvedere alla lappatura o levigatura della stessa. La capacità battericida del prodotto si deve all’incontro del metallo con l’umidità ambientale che provoca una “ustione mortale” irreversibile sulla cellula del battere che si deposita senza più energia vitale. Affinché la sua efficacia continui inalterata nel tempo, le superfici vanno mantenute deterse regolarmente con normali prodotti di pulizia: l’accumularsi di molecole non attive, invisibili ad occhio nudo, provocherebbe infatti una progressiva barriera (o biofilm), in grado di “minare” l’efficacia del presidio. ❱ Test e conferme Tralasciando la descrizione di come, insieme ai clienti, realizziamo questo prodotto così potente, atto a prevenire la diffusione batterica, riteniamo più utile e interessante sottolineare l’esito dei test condotti da due delle più blasonate Università italiane che dimostrano l’eliminazione dei comunissimi batte-


Focus on

finishing & surface treatment

the results of tests conducted by two of the most prestigious Italian universities, which have shown that it eliminates the common bacteria Staphylococcus aureus and Escherichia coli (common causes of non-fatal but sometimes very serious diseases, especially in the elderly and children). A first test was conducted at the University of Pavia (Department of Molecular Medicine, A. Castellani Biochemistry Unit) by Prof. Livia Visai PhD, which certified a drastic reduction in the vitality of the above-mentioned bacteria after just 3 hours and almost 99% inactivation after 24 hours. A second test was carried out at the University of Bologna (Department of Pharmacy and Biotechnology directed by Prof. Alberto Danielli) and compared a surface treated with Nobacter05 with an untreated surface. In short, the tests showed that 99.9% of the bacterial culture applied to the sample was effectively inactive after just 3 hours, a result that confirms the bactericidal properties of the technical porcelain tile treated with Nobacter05. Certificates for the two tests are available from Metco, which will be pleased to provide any further information required. ❱ A product already used industrially Two major ceramic groups, one in Italy and the other outside Europe, have used Nobacter05 in the last five years as part of an exclusive sector agreement. Through this certified technical offering, both manufacturers succeeded in creating a highly specialised market in both the residential and functional building sectors. Finally, it is worth pointing out that aesthetic qualities of the tile’s surface pattern or design are in no way affected by the use of Nobacter05, as it is a colourless product that does not alter the colour or material properties of the ceramic surface. 5

ri Staphylococcus Aureus ed Escherichia Coli (cause comuni di patologie non mortali ma a volte molto gravi soprattutto su anziani e bambini). Una prima prova è stata condotta all’Università degli Studi di Pavia (Dipartimento di Medicina Molecolare unità di Biochimica A. Castellani) dalla PH.D. Prof. Livia Visai: in questo caso è stata certificata una drastica riduzione della vitalità dei batteri sopracitati già dopo le prime 3 ore, riduzione che sale quasi al 99% dopo 24 ore. Un secondo test è stato effettuato dall’Università degli Studi di Bologna (Dipartimento di Farmacia e Biotecnologie diretto dal Prof. Alberto Danielli), comparando una superficie trattata con Nobacter05 ed una non trattata. In sintesi, i test condotti hanno mostrato che il 99,9% della coltura batterica applicata al campione fosse di fatto priva di attività già dopo 3 ore, un risultato che conferisce pertanto proprietà battericida alla piastrella di gres porcella-

nato tecnico trattata con Nobacter05. I certificati delle due prove sono disponibili presso Metco, che è disponibile a fornire ogni dettaglio utile ad approfondire l’argomento. ❱ Un prodotto già industrializzato Negli ultimi cinque anni, due importanti gruppi ceramici uno italiano, l’altro extraeuropeo – hanno utilizzato Nobacter05 usufruendo di una esclusiva settoriale. Attraverso questa offerta tecnica certificata, entrambi i produttori sono riusciti a creare di fatto un mercato molto specialistico non solo in ambito residenziale ma anche nel building funzionale. Vale la pena infine sottolineare che l’eleganza del pattern o del disegno del manufatto non viene minimamente inficiata dall’impiego di Nobacter05, trattandosi di un prodotto incolore che non altera la fruibilità cromatica e materica della superficie ceramica. 5

CWR 136/2020

105


Dry super-polishing porcelain tile treatments Trattamenti di super-lucidatura a secco del porcellanato Claudio Avanzi, BMR (Scandiano, Italy)

Ceramic tile production technology is developing constantly in step with changes in the finished products themselves. Tile sizes and post-production processes have evolved, while the enormous popularity of large size slabs has made it necessary to adapt many of the technologies used. The ceramic surface finishing process is one of the areas most affected by these new developments. Due to the versatility and variety of available tools, lapping can be performed on any kind of surface including glazed, full-body and double-loaded porcelain. When working with glazed surfaces, the lapping process uses polishing tool grits directly, whereas with unglazed porcelain it includes honing tool grits. ❱ SuperShine technology The truly innovative part of the process is the stage subsequent to lapping, namely the super-polishing treatment. Drawing from its experience and expertise in the ceramic finishing and end-of-line stages, BMR has developed SuperShine technology, a treatment performed by a very similar machine to the one used for lapping but heavier and equipped with dry technology. SuperShine can be defined as the first true dry super-polishing machine. This is a very important innovation for the ceramic tile industry and one that BMR has pioneered through continuous investments in R&D and a longstanding commitment to technological innovation. SuperShine is a hi-tech machine that carries out a thermomechanical process capable of increasing the gloss level following lapping by 20 points or more.

Il comparto ceramico delle tecnologie e della produzione di piastrelle è in continua evoluzione: sono cambiati i formati e le lavorazioni che ne fanno seguito, e lo sviluppo delle grandi lastre ha conosciuto un alto livello di gradimento, con conseguente adattamento di molte tecnologie applicate. Il processo dedicato alla finitura delle superfici ceramiche è uno dei principali settori coinvolti in questa nuova dinamica: che si tratti di gres porcellanato smaltato, di gres monolitico a tutta massa o a doppio caricamento, ogni tipologia di superficie accoglie una lavorazione di lappatura, grazie alla versatilità e molteplicità di utensili a disposizione. Per le superfici smaltate, infatti, si procederà direttamente con granologie di utensili di lucidatura; per il porcellanato tecnico, invece, la lappatura include già le granologie di utensili di levigatura. ❱ La te cnologia SuperShine L’aspetto innovativo coinvolge lo step successivo alla lappatura, ovvero il trattamento su-

per-lucidante. Sfruttando la sua esperienza e il know how nel campo della finitura e del fine linea ceramico, BMR ha messo a punto la tecnologia SuperShine, una macchina dedicata al trattamento, molto assimilabile alla lappatrice, ma più pesante e dotata di tecnologia a secco “dry”. SuperShine può essere definita a tutti gli effetti la prima super-lucidatrice a secco. Per l’industria produttrice di piastrelle ceramiche si tratta di un’evoluzione molto importante che BMR ha potuto promuovere in modo esclusivo e pionieristico, grazie ai continui investimenti in R&S che la pongono da sempre all’avanguardia in tema di innovazione tecnologica. SuperShine è una macchina ad alta tecnologia che effettua una lavorazione termo-meccanica in grado di incrementare il grado di Gloss proveniente dalla lappatura di 20 punti e oltre. SuperShine si basa sull’utilizzo di 7 teste satellitari (diametro 580 mm) con 6 utensili (diametro 160 mm), azionate da motori da 15 kW, che consentono alla macchina di aumentare notevolmente la sua produttività, rag-

TAB. 1 - THE STAGES OF THE SUPERSHINE PROCESS Le fasi del processo SuperShine Heads 1-7 ~ Teste 1-7

Application of the fluid using a satellite head, with brushing and friction temperature on the tile of 70°C - Applicazione del fluido con testa a satelliti, con spazzolatura e temperatura di attrito sulla piastrella 70°C

Heads 8-9 ~ Teste 8-9

Free space for separation of polishing phase from washing

Heads 10-12 ~ Teste 10-12

106

CWR 136/2020

Spazio libero per separazione fase di lucidatura dal lavaggio

Washing to remove residues of dried fluid and electrostatic process dust

Lavaggio per asportazione residui di fluido essiccato e polveri elettrostatiche di processo


Focus on

finishing & surface treatment

SuperShine uses 7 satellite heads of diameter 580 mm, each equipped with 6 tools of diameter 160 mm. The heads are driven by 15 kW motors which bring a significant increase in productivity and allow for belt speeds of 10 m/minute or more (Figure 1). The heads apply a micro-abrasive product and natural silica in a fluid suspension in a quantity programmed and dosed from the machine’s control panel, using their force and weight to press the product onto the surface. During the super-polishing phase, the fluid and micro-abrasive are brushed under pressure over the surface of the tile or slab. The pressure ensures a high degree of penetration inside the pores and microgrooves, while their crests are worn down by the brushing process. The surfaces are subsequently washed by a further 3 heads positioned at the exit, which perform a super-polishing action deep inside the microgrooves and guarantee consistent finished product quality. Figure 2 presents the results of laboratory tests showing the differences between the situation before and after the super-polishing treatment.

FIG. 1 - SUPERSHINE LAYOUT Schema di SuperShine

Teste STESURA e LUCIDATURA

1

2

3

4

5

6

7

Libere

8

Teste LAVAGGIO

giungendo e superando velocità di tappeto di 10 m/minuto (figura 1). Ciascuna testa applica una quantità di prodotto micro-abrasivo e di silice naturale in sospensione fluida, programmata e dosata dal pannello di comando della macchina e pressata dalla forza e dal peso delle teste stesse. Durante la fase di super-lucidatura, il fluido e il micro-abrasivo da esso veicolato vengono spazzolati in pressione sulla superficie della piastrella o della lastra: la pressione permette una elevata penetrazione nella porosità e nei microsolchi che, a loro volta, vengono otturati e ridotti dalla spazzolatura, che ne riduce le creste. Altre 3 teste in uscita sono poi dedicate al lavaggio delle superfici: la loro azione di super-lucidatura in profondità dei microsolchi garantisce continuità nella qualità del prodotto finito. In figura 2 i risultati di esami di laboratorio che evidenziano le

differenze pre e post trattamento super-lucidante. ❱ Gloss e rugosità del materiale La super-lucidatura di SuperShine rende dunque la superficie ceramica più resistente alla sporcabilità da calpestio e alla macchiabilità, grazie anche al processo di levigatura che rende omogenea la superficie. Vi è, infatti, uno stretto rapporto tra i Gloss raggiunti e la rugosità del materiale (Ra), rappresentato dal valore medio tra picchi e valli dei microsolchi (espresso in µ = millesimi di mm). Sebbene la rugosità sia difficilmente percepibile al tatto, tuttavia il suo valore è importante ai fini dei trattamenti e quindi della qualità del prodotto finito. Generalmente, infatti, un prodotto lappato arriva alla fase di super-lucidatura con 55/60 Gloss a Ra 0,060 mm ed esce dal trattamento a 95/100 Gloss con una rugosità media Ra 0,020 mm.

9 10 11 12

FIG. 2 - COMPARISON BETWEEN BEFORE AND AFTER THE SUPER-POLISHING TREATMENT Confronto pre e post trattamento super-lucidante

CWR 136/2020

107


FIG. 3 - SURFACE SOILING AND STAINING Macchiabilità e sporcabilità delle superfici

❱ Gloss level and roughness of the material The super-polishing operation performed by SuperShine makes the ceramic surface more resistant to soiling and staining, while the honing process creates a uniform surface. here is a close relationship between the gloss levels attained and the roughness of the material (Ra), represented by the average value between peaks and troughs of the microgrooves (expressed in µ = thousandths of a mm). Although the roughness is difficult to feel when touched, its value is important for the purposes of the treatments and consequently for the quality of the finished product. Generally, a lapped product arrives at the super-polishing stage with a gloss level of 55-60 Gloss and average roughness of Ra 0.060 mm and leaves the treatment with 95-100 Gloss and Ra 0.020 mm. With this final roughness value the tile has a good level of resistance to soiling and staining. If the final value of Ra re-

Questo valore finale definisce una buona resistenza alla sporcabilità e alla macchiabilità della piastrella. Se il valore finale rimane invece Ra 0,060 mm, significa che il prodotto trattato aveva una rugosità troppo elevata che potrebbe inficiare l’efficacia del trattamento. È evidente,

dunque, che la superficie lappata presenta profonde porosità e microsolchi che possono compromettere la pulibilità della superficie. L’azione meccanica della super-lucidatura apporta quindi un netto miglioramento poiché, riducendo le creste dei solchi, permette di essere più incisivi nell’occlusione del po-

FIG. 4 - THE TWO PHASES OF THE LAPPING PROCESS WITH SUPER-POLISHING Le due fasi del processo di lappatura con super-lucidatura

step

1 step

2

PHASE 1: LAPPING - Leviga This is a mechanical process in which the Leviga machine allows the operator and toolmaker to modify the functions: ✓ belt speed ✓ head rotation speed ✓ speed of rotation of the satellites on the satellite heads ✓ working pressure control. The machine performs mechanical machining without limiting on process variables.

PHASE 2: DRY SUPER-POLISHING - SuperShine This is a mechanical process that may also include application of protective treatment fluids and allows the line and tool operator to modify functions: ✓ belt speed, depending on the fluid dosage and viscosity ✓ head rotation speed, depending on the drying time of the fluid ✓ speed of rotation of the fluid and polishing product application satellites ✓ working pressure control ✓ control of fluid dosage on each head ✓ process temperature control on each polishing head. The machine performs mechanical machining without limiting the process variables.

FASE 1: LAPPATURA - Leviga È una lavorazione meccanica in cui la macchina Leviga consente all’operatore e utensilista di modulare e intervenire sulle funzioni: ✓ velocità di tappeto ✓ velocità rotazione delle teste ✓ velocità di rotazione dei satelliti delle teste satellitari ✓ controllo della pressione di lavoro. La macchina esegue una lavorazione meccanica e non pone limiti alle variabili di processo.

FASE 2: SUPER-LUCIDATURA A SECCO - SuperShine È una lavorazione meccanica che può comprendere anche l’applicazione di fluidi per trattamento protettivo e che consente all’operatore e utensilista di modulare e intervenire sulle funzioni: ✓ velocità di tappeto, in funzione del dosaggio del fluido e sua viscosità ✓ velocità rotazione delle teste, in funzione del tempo di essiccazione del fluido ✓ velocità di rotazione dei satelliti di applicazione prodotto fluido e lucidanti ✓ controllo della pressione di lavoro ✓ controllo di dosaggio del fluido su ogni testa ✓ controllo della temperatura di processo su ogni testa lucidante. La macchina esegue una lavorazione meccanica e non pone limiti alle variabili di processo.

108

CWR 136/2020


Focus on

finishing & surface treatment

FIG. 5 - OPERATOR AT WORK ON LEVIGA AND SUPERSHINE Operatore al lavoro su Leviga e Supershine

mains at 0.060 mm, this means that the treated product had an excessively high degree of roughness which may reduce the effectiveness of the treatment. So clearly the lapped surface has deep pores and microgrooves that may impair the cleanability of the surface. The mechanical action of super-polishing brings a clear improvement because it reduces the height of the ridges and thereby facilitates the pore filling process, contributing to the tile’s high value of dirt resistance. ❱ Wet lapping and dry super-polishing Considering the technical and technological characteristics of this process, BMR envisages the technological process of lapping as a combination of the wet lapping and dry super-polishing operations performed by combining LevigaPlus and SuperShine. This is a big advantage for users because the surface treatment process can be performed by a single, complete and highly flexible machine equipped with functions, accessories and mechatronic elements that enable it to comply with standards while adapting the working cycles according to requirements. This way, the polishing process can easily be adapted to any type of ceramic surface directly by the operator. BMR technologies are open and dedicated to all super-polishing tools and protective products on the market, guaranteeing the best results with optimal use of resources. 5

www.CeramicWorldWeb.it

ro, definendo quindi l’alto valore di resistenza allo sporco della piastrella. ❱ Lappatura a umido e super-lucidatura a secco Proprio per l’insieme delle caratteristiche tecniche e tecnologiche di tale processo, BMR tende a considerare il processo tecnologico di lappatura come l’insieme delle fasi di lappatura a umido e di super-lucidatura a secco, ottenibili con l’unione di LevigaPlus e SuperShine. Si tratta di un grande vantaggio per gli utilizzatori, poiché possono ricondurre il processo di lavorazione a un’unica

macchina molto completa e flessibile, grazie alla disponibilità di funzioni, accessori ed elementi di meccatronica che consentono di seguire gli standard, così come di evolvere i cicli di lavoro. In questo modo, il processo di lucidatura potrebbe essere adattato a ogni tipologia di superficie ceramica direttamente dall’operatore e con grande semplicità. Le tecnologie BMR sono già aperte e dedicate a quanto disponibile sul mercato in fatto di utensili e prodotti protettivi super-lucidanti, garantendo i migliori risultati con la massima ottimizzazione delle risorse. 5


Satellite heads for improved productivity in the end-of-line stage Maggiore produttività nel fine linea con il satellite Piergiorgio Trevisan, Premier (Villaverla, Italy)

The lapping and polishing process is essential for producing ceramic tiles with a smooth, polished surface. To optimise this process, it is important to maximise productivity while cutting costs. But how can this be done? The Premier Satellite offers an effective and reliable alternative to Fickert heads for any lapping or polishing line and for use with all kinds of materials and surface effects. In general, satellite systems can be used on any kind of polishing machine and can perform a series of end-of-line operations such as roughing, lapping, polishing and satin finishing. The distinctive feature of this particular system is its ability to generate a greater quantity of kinetic energy than any other system in use, resulting in higher quality and productivity in end-of-line processing. The efficiency of the system is practically doubled: the diamond resin tool rotates at a speed of about 1,500 rpm and generates a very large quantity of kinetic energy, equivalent to the amount produced by two Fickert heads. ❱ The advantages of the Premier Satellite compared to the Fickert head A growing number of lines have now been converted for use with the Premier Satellite. Many Italian ceramic companies are replacing Fickert heads with satellites due to their ability to cut costs and maximise productivity. As mentioned above, the Premier Satellite is able to perform a series of processes such as lapping and polishing. This system employs a dual rotary motion, one for the head and the other for the tool, which together with the translational movement of the tiles greatly improves the uniformity and speed of removal. Greater head efficiency brings huge benefits: a smaller number of heads devoted to roughing, a better finish and the use of finer gritted tools. Ceramic tile manufacturers increasingly need to use hard grits that are difficult to work with using conventional Fickert heads. Right from the start of R&D work on the new Satellite, Premier was fully aware that the high speed reached by the satellite (the 1,500 revolutions per minute performed by the tool

110

CWR 136/2020

Il processo di lappatura e levigatura delle ceramiche è fondamentale per conferire ad ogni piastrella una superficie liscia e lucida. Per ottimizzare questo processo, è fondamentale aumentare al massimo la produttività e, allo stesso tempo, ridurre i costi. Come fare? In ogni linea di lappatura o levigatura, su ogni tipo di materiale o ricerca di nuovi effetti di superficie, il Satellite Premier rappresenta una validissima (e sicura) alternativa al Fickert. Ma facciamo un passo indietro: il sistema satellitare può essere applicato su tutte le macchine levigatrici e permette una serie di operazioni di fine linea come sgrossatura, lappatura, levigatura e satinatura. Ciò che caratterizza questo sistema è la sua capacità di generare un’energia cinetica superiore a qualsiasi altro sistema in uso: in questo modo il beneficio si traduce in una maggiore qualità e produttività nelle lavorazioni di fine linea. Possiamo dire, dunque, che l’efficienza è praticamente raddoppiata: l’utensile in resina diamantata ruota ad una velocità di circa 1.500 giri al minuto sviluppando una energia cinetica molto elevata, che equivale a due teste Fickert.

❱ I vantaggi del Satellite rispetto al Fickert Ad oggi sempre più linee si sono convertite all’uso del Satellite Premier. Il Fickert sta lasciando inesorabilmente il posto ai satelliti in molte aziende ceramiche italiane, grazie alla possibilità di questi ultimi di abbattere i costi e massimizzare la resa. Come si diceva, il Satellite Premier permette di effettuare una serie di lavorazioni come lappatura e lucidatura. Questo sistema prevede due moti rotatori di testa e utensile che, insieme al movimento traslatorio delle piastrelle, migliora notevolmente l’uniformità e la velocità di asportazione. Avere teste più efficienti consente di ottenere un beneficio enorme: ridurre il numero di quelle dedicate alla sgrossatura, permettendo una finitura migliore, utilizzando utensili a grana più fine. Le nuove esigenze dei produttori di piastrelle ceramiche sono sempre più orientate verso graniglie dure, difficili da lavorare con il fickert tradizionale. Fin dall’inizio dell’attività di ricerca e sviluppo del nuovo Satellite, Premier era pienamente cosciente del fatto che l’alta velocità sviluppata dal satellite (i 1.500 giri che l’utensile compie sul proprio asse di rotazione) è ciò che fa davvero la differenza nel processo.


Focus on

finishing & surface treatment

around its axis of rotation) is what really makes the difference in the process. This rotational speed is transformed into kinetic energy capable of triplicating the cutting power compared to a conventional Fickert head, allowing the diamond bond to operate in optimal conditions. The following are three of the other main benefits of the satellite. Firstly, the smaller contact area compared to the Fickert head allows the tools to penetrate into every depression and achieve a better finish. This allows the tool to be positioned in such a way that the edges and high and low points are polished perfectly. The Premier tool can reach all points on the surface and work uniformly due to the very small point of contact (about 2.5 cm) compared to the Fickert head, which instead has a minimum contact width of 10 cm. Secondly, the diamond satellite is scalable and can be made up of several Velcro layers or a single block. The versatility and modularity of the tool allows the configuration to be changed according to the desired degree of flatness. Finally, tools with finer grit can be used while maintaining the same removal volume. Eliminating coarse-grit tools from the end of the line stage results in scratch-free tiles with a higher gloss level. The Satellite permanently solves the dilemma of edge processing: whether to avoid processing them at all or to risk removing too much glaze and allowing the body to appear. The Premier Satellite is available with a 4-hole or Terzago type connector, with grits ranging from 50 to 12,000, and in two diameters: 130 mm or 150 mm. ❱ The parallel row Satellite System for tile lapping One of Premier’s proposals for increasing lapping line productivity is the parallel row Satellite System developed by its Premier Lab. In practice, whereas in the conventional system tiles proceed along the belt in a single row, Premier proposes using its special Satellite head to process tiles moving along several parallel rows at the same time. This option would be impossible on polishing and lapping lines that use Fickert heads. A Fickert head sweeps to the right and left with a variable tan-

Questi giri si trasformano in energia cinetica in grado di triplicare il potere di taglio rispetto al “classico” Fickert, permettendo al diamante di fare il proprio lavoro nelle condizioni ottimali. Tra gli altri benefici apportati dall’uso del satellite, ne sintetizziamo di seguito tre. Innanzitutto, l’area di contatto più piccola rispetto al Fickert permette agli utensili di penetrare in ogni avvallamento, per una migliore finitura. Sarà quindi possibile posizionare l’utensile in modo da lucidare perfettamente i bordi, i punti alti e quelli bassi. L’utensile Premier può arrivare dappertutto sulla superficie lavorando in modo uniforme; ciò perché il punto di contatto è minimo (circa 2.5 cm) rispetto al Fickert che invece ha una tangenza minima di 10 cm. In secondo luogo, il satellite diamantato è modulabile, componibile con diversi strati di velcro oppure in blocco unico. La versatilità e la componibilità dell’utensile consentono di cambiare assetto a seconda del grado di planarità desiderato. Infine, a parità di volume asportato, è possibile utilizzare utensili con grana più fine; eliminando dal fine linea quelli a grana grossa si ottengono piastrelle senza graffi e con un grado di lucentezza superiore.

Con il Satellite, si risolve definitivamente il dilemma relativo alla lavorazione dei bordi: non lavorarli oppure rischiare di asportare troppo smalto facendo apparire il supporto. Il Satellite Premier è disponibile con attacco a “4 fori” oppure “Terzago”, la grana va da 50 a 12.000 e si trova in due diametri: 130 o 150 mm. ❱ Il Sistema Satellitare a file parallele per la lappatura di piastrelle Tra le proposte di Premier per incrementare la produttività delle linee di lappatura vi è il Sistema Satellitare a file parallele sviluppato dal suo Premier Lab. In pratica, mentre tradizionalmente le piastrelle procedono sul nastro su una sola corsia, Premier, con la sua particolare testa Satellite, propone di lavorare contemporaneamente le piastrelle che scorrono su più file parallele. Una opzione che sarebbe invece impossibile su linee di levigatura e lappatura che fanno uso di teste Fickert. Il Fickert, infatti, spatola a destra e a sinistra con una linea di tangenza variabile rispetto alle piastrelle, che gli consente di non appiattirsi e conservare un profilo raggiato come un utensile tangenziale. In questo suo movimento può facilmente agganciare il lato della piastrella, alzandola e danneggiando il set

CWR 136/2020

111


Focus on

finishing & surface treatment

intero di utensili, la testa, le piastrelle e anche il nastro trasportatore. Inoltre, quando il bordo della piastrella è leggermente curvato verso il basso, l’accostamento in parallelo di due piastrelle con la stessa geometria crea un avvallamento, che non può essere lavorato dagli utensili Fickert, in quanto hanno una linea di tangenza di minimo 100 mm.

The parallel row Satellite System ~ Il sistema satellitare a file parallele

gent line with respect to the tiles, which prevents it from flattening and allows it to retain a radiused profile like a tangential tool. During this movement it can easily catch the side of the tile, lifting it up and damaging the entire set of tools, head, tiles and even the conveyor belt. Moreover, if the tile edge is curved slightly downwards, having two tiles with the same geometry placed side by side creates a depression that cannot be machined using Fickert tools as they have a minimum tangent line of 100 mm. The Premier Lab investigated application of the Premier Satellite on tiles arranged in parallel rows, and the results show that this setup is in fact possible. There are two reasons for this: • first, the Premier Satellite does not perform a sweeping movement: it rotates around its own axis and moves from one tile to another by rotating around an inclined axis, thereby pushing the tile against the conveyor belt; this means there is no risk of the tiles being lifted even if they are kept separate; • secondly, the tangency line is 25 mm, divided over two rows of teeth, so the tool is able to penetrate into all the depressions, including those between tiles placed side by side. If we add to this the technical characteristics and advantages of the satellite system described above (speed of rotation, kinetic energy generated, dual rotary motions of the head and tool), it is clear that the system is able to improve the quality of the finished product, boost the productivity of the lapping process and significantly reduce costs per square metre. 5

112

CWR 136/2020

All’interno del Premier Lab è stata quindi studiata l’applicazione del Satellite Premier su piastrelle disposte su file parallele, e i risultati dello studio provano che tale lavorazione è realmente possibile. Due le considerazioni che lo confermano: • in primo luogo, il Satellite Premier non spatola, ruota su se stesso e passa da una piastrella all’altra ruotando su un asse inclinato, spingendo la piastrella contro il nastro trasportatore; non vi è quindi pericolo di sollevamento anche tenendo le piastrelle separate; • in secondo luogo, la linea di tangenza è di 25 mm, divisa su due file di denti, perciò l’utensile riesce a penetrare in tutti gli avvallamenti, inclusi quelli fra piastrelle accostate. Se a questo si aggiungono le caratteristiche tecniche e i vantaggi propri del sistema satellitare già descritti (velocità di rotazione, energia cinetica sviluppata, due moti rotatori di testa e utensile), si evince la capacità del sistema di migliorare la qualità del prodotto finito, moltiplicare la produttività del processo di lappatura e ridurre notevolmente i costi al metro quadrato. 5


Diatex Diatex is a producer of diamond tools for the ceramic industry with more than 20 years’ experience and an ongoing commitment to finding new solutions that will help customers improve the quality of their production processes. Thanks to continuous feedback from customers and collaboration with machinery manufacturers, Diatex tools are amongst the most competitive in the market and some of its technical solutions are still unrivalled in this sector. The company has been working for many years to further improve the performance of its dry squaring tools. While it initially focused on developing a tool that would be able to operate effectively without water, the aim now is to achieve previously unattainable levels of speed and productivity. One example is a project recently carried out in Spain where an Ancora “Speed Dry” dry squaring line with 12 spindles for glazed porcelain stoneware (size 1200x250 mm, thickness 12 mm) with total

114

CWR 136/2020

removal of 10-12 mm reached a speed of 45 linear metres per minute. Another example is an installation in Turkey, where a similar Ancora “Speed Dry” dry squaring line with 12 spindles for glazed porcelain stoneware (size 600x600 mm, thickness 12 mm) with total removal of 28 mm reached a speed of 23 linear metres per minute. All of this is possible due to the new PS27R grinding wheels, each of which can remove 2-3 mm without causing stress to the mechanical or electrical parts of the machine. Industry professionals are well aware of the advantages of working with these parameters, which are unattainable even for a traditional machine with water cooling, and of the benefits they bring in terms of company productivity and the consequently lower production costs. The most significant aspect is that these benefits are achieved with a lower proportion of diamond costs than the old water-cooled machines. And for ceramic companies that need to re-

cover dust (i.e. tools without copper, cobalt and nickel), Diatex offers the Eco-Friendly line, confirming its ability to offer 100% Italian-made hi-tech tools. ■■■ Attiva da oltre 20 anni nella produzione di utensili diamantati per l’industria ceramica, Diatex da sempre si dedica alla ricerca di nuove soluzioni per migliorare la qualità del lavoro dei propri clienti. Il costante contatto con il mercato e la collaborazione con i costruttori di macchinari ha reso gli utensili Diatex tra i più competitivi del mercato e alcune soluzioni tecniche restano, ancora oggi, un unicum ineguagliato in questo comparto. Da anni l’azienda lavora per migliorare le performance degli utensili destinati alla squadratura a secco. Se all’inizio il focus si limitava allo sviluppo e alla fattibilità di un utensile che lavorasse senz’acqua, ora l’obiettivo è rincorrere nuovi record di velocità e produttività. Un esempio è un progetto realizzato recentemente in Spagna: una linea di

squadratura a secco Ancora “Speed Dry” a 12 mandrini, dedicata a gres porcellanato smaltato (formato 1200x250 mm, spessore 12 mm), con rimozione di 10-12 mm totali, ha raggiunto una velocità di 45 metri lineari al minuto. Un altro esempio arriva dalla Turchia, dove un’analoga linea di squadratura a secco Ancora “Speed Dry” a 12 mandrini, dedicata a gres porcellanato smaltato (formato 600x600 mm. spessore 12 mm), con rimozione di 28 mm totali, ha raggiunto una velocità 23 metri lineari al minuto. Tutto questo è possibile grazie alle nuove mole PS27R in grado di rimuovere 2-3 mm per mola senza stressare la parte meccanica ed elettrica della macchina. Gli addetti del settore sanno bene cosa significa poter lavorare con questi parametri (irraggiungibili perfino per una macchina tradizionale con raffreddamento ad acqua) e quanto ne guadagna la produttività dell’azienda con un conseguente calo dei costi di produzione. La novità più significativa è che tali vantaggi si riescono a conseguire con un’incidenza di costo del diamante inferiore alle vecchie macchine con raffreddamento ad acqua. Inoltre, per le aziende ceramiche che necessitano di recuperare le polveri (quindi disporre di utensili senza rame, cobalto e nickel), Diatex mette a disposizione la linea Eco-Friendly, a conferma della capacità di proporre utensili hi-tech, 100% made in Italy.


Latest technologies on

finishing & surface treatment

Ferrari & Cigarini The new MTR 500 Robustus machine for multiple linear diamond disc cutting of porcelain, quartz, marble, granite and stone from Ferrari & Cigarini is proving a big success. Along with automatic cutting depth management, the machine also stands out for a series of construction characteristics: the option of having 1 or 2 cutting heads on the same frame; side opening for cutting large sizes; a powerful motor for working with multiple discs on extra-thick materials; dual hyperstatic lateral motor shaft support to allow a large number of cutting discs to be mounted, thereby guaranteeing stability, antivibration and excellent cutting quality; disc sleeve for speed and ease of size changes. The machine can also perform special cuts (mosaics, rhombuses, lozenges, triangles) with the aid of special trays. Water recycling is performed autonomously and/or via a connection to the general recycling system. To automate the process of cutting and profiling ceramic, marble, stone and agglomerate tiles, Ferrari & Cigarini has introduced the new Greenline automatic line consisting of 3 elements: MTR 500 Robustus, DSA deviator and MPM/8 profiling machine. Greenline is the optimal solution for achieving high-quality

production and high productivity while reducing tool costs, energy and water consumption. ■■■ Sta riscuotendo molto successo la nuova MTR 500 Robustus di Ferrari & Cigarini, la macchina per il taglio rettilineo multidisco di gres porcellanto, quarzo, marmo, graniti e pietra. Oltre alla gestione automatica della profondità di taglio, la macchina si distingue per una serie di caratteristiche costruttive, quali: la possibilità di avere 1 o 2 teste di taglio sullo stesso telaio; l’apertura laterale per il taglio dei grandi formati; i motori di grande potenza per lavorare con molti dischi su materiali di grosso spessore; il doppio supporto iperstatico degli alberi motore per consentire il montaggio di un elevato numero di dischi da taglio, garantendo stabilità, antivibrazione e ottima qualità del taglio; i canotti portadischi

per facilitare e velocizzare il cambio formato. La macchina offre la possibilità di realizzare tagli speciali (mosaici, rombi, losanghe, triangoli) con l’utilizzo di appositi vassoi. Il riciclo delle acque è autonomo e/o tramite la connessione all’impianto generale di ricircolo. Per automatizzare il taglio e la profilatura di ceramica, mar-

mo, pietra e agglomerati Ferrari&Cigarini presenta la nuovissima linea automatica Greenline composta da 3 elementi: MTR 500 Robustus, il deviatore DSA e la profilatrice MPM/8. Greenline si presenta come soluzione ottimale che coniuga produzioni di qualità, alta produttività e riduzione dei costi degli utensili e dei consumi energetici e idrici.

CWR 136/2020

115


Ippolito & Perrone In the field of solutions for the functionalisation of surfaces used in building and architecture, I&P stands out for its full spectrum of application systems for preventive protection and maintenance. This complete range of specific treatments (anti-stain, nonslip and self-cleaning surfaces) is suitable for use on the most diverse types of materials or substrates, from ceramic tile and large porcelain panels and slabs through to marble and natural stone, PVC, wood, fabric, plastics, glass and resin. I&P has formulated a line in which the products bond to the surface and create a new and different surface layer – apart from the aesthetics which remain totally unchanged. The titanium dioxide-based I&P-Tech range consists of VOCfree treatments developed according to criteria of environmental sustainability. PRO-tech is a water-repellent stain-resistant protective coating suitable for ceramic surfaces, porcelain (natural or polished), terracotta, wood, marble and agglomerate. It is not an impregnating or film-forming product. Instead, it penetrates by capillarity and crosslinks with the substrate, leaving the surface soft to the touch without altering its characteristics. Its formulation ensures good water and oil repellency for materials that are not particularly easy to treat due to their nanoporosity, guaranteeing complete and lasting protection from any kind of dirt or staining agent, including oil, wine, coffee and fruit juice. LIGHT-tech is a functionalising treatment that makes surfaces self-cleaning, antibacterial and antimicrobial, transforming environmental pollutants into oxygen. It prevents the accumulation of dirt and biofilm, improves air quality and eliminates foul odours, breaking down or-

116

CWR 136/2020

ganic pollution at the surface level and eliminating the adhesive base these pollutants can bond to. Through the photocatalysis process, polluting and toxic substances are transformed into harmless sodium nitrate, sodium carbonates and lime, the concentrations of which can be measured in ppb (parts per billion). Just a few minutes of light irradiation is sufficient to reduce toxic pollutants produced by cars, factories, domestic heating and other sources by 75%. The photocatalysts do not lose their properties over time as they act solely as process activators without bonding to the pollutants, which means they remain available for new photocatalysis cycles. SAFE-tech is a water-based treatment that gives floors nonslip properties, increasing friction of wet surfaces by 800%. It alters the material itself at a structural level, forming millions of nanopores that are imperceptible to the naked eye and from which water is expelled under the pressure of soles of shoes or feet, creating a suction cup effect. If used at the correct time, it does not affect the colour of the material and guarantees a long-lasting solution. ■■■ Nel campo delle soluzioni per la funzionalizzazione delle superfici impiegate in edilizia e architettura, I&P si distingue per veri e propri sistemi applicativi per la prote-

zione preventiva e di mantenimento. Una gamma completa di trattamenti specifici (antimacchia, antiscivolo o per superfici autopulenti), efficaci sulle più diverse tipologie di materiali o substrati: dalla ceramica tradizionale alle grandi lastre in gres porcellanato, ma anche marmi e pietre naturali, PVC, legni, tessuti, materiali plastici, vetri, resina, ecc. I&P ha scelto di formulare una linea in cui i prodotti si legano alla superficie creandone una nuova e diversa, tranne che dal punto di vista estetico, assolutamente inalterato. La gamma I&P–Tech, a base di biossido di titanio, è composta da trattamenti sviluppati secondo i criteri della sostenibilità ambientale, essendo tutti privi di VOC. PRO-tech è un protettivo antimacchia idrorepellente indicato per superfici ceramiche, gres porcellanato (naturale o levigato), cotto, legno, marmo e agglomerati. Non è un prodotto impregnante o pellicolante: penetra per capillarità e reticola con il substrato da proteggere, lasciando la superficie morbida al tatto senza alterarne le caratteristiche. La sua formulazione garantisce buona idro-oleo repellenza a quei materiali non particolarmente facili da trattare a causa della loro nano-porosità, garantendo una protezione totale e duratura da qualsiasi tipo di macchia, sporco, olio, vino, caffè e succhi di frutta. LIGHT-tech è un trattamento fun-

zionalizzante che rende le superfici autopulenti, antibatteriche e anti-microbiche, trasformando gli inquinanti ambientali in ossigeno. Agisce contro l’accumulo di sporcizia e bio-film, migliora la qualità dell’aria, elimina cattivi odori, rompendo l’inquinamento organico a livello superficiale ed eliminando la base adesiva su cui questo può aderire. Attraverso il processo di fotocatalisi, le sostanze inquinanti e tossiche vengono trasformate in nitrato di sodio, carbonati di sodio e calcare, innocui e misurabili in ppb (parti per miliardo). Un irraggiamento di luce di alcuni minuti è sufficiente per ridurre del 75% gli inquinanti tossici prodotti da automobili, fabbriche, riscaldamento domestico e altre fonti. I fotocatalizzatori non perdono le loro proprietà con il passare del tempo poiché agiscono solo da attivatori del processo, non si legano agli inquinanti, restando a disposizione per nuovi cicli di fotocatalisi. SAFE-tech, a base acqua, è un trattamento che rende le pavimentazioni antiscivolo e antisdrucciolo, aumentando l’attrito dell’800% sul bagnato. Modificando a livello strutturale il materiale stesso, vengono creati milioni di nano-pori impercettibili all’occhio umano, da cui l’acqua viene espulsa grazie alla pressione della suola della scarpa o della pianta del piede creando un effetto ventosa. Se utilizzato con le tempistiche corrette, non altera la tonalità del materiale, garantendo un risultato definitivo.


Latest technologies on

finishing & surface treatment

Premier Industry 4.0 is now a well-established concept in the ceramic industry and is applied to machinery along the entire production line. This includes the finishing stage, where cutting, squaring, lapping and surface treatment machines built by leading companies in the sector are all interconnected to create a fully-fledged digital line. The individual machines all have exceptional technological capabilities, and unlike in the past when production issues were resolved by the expertise of the operator, today it is done digitally via the human-machine interconnection. This interconnected system ensures exceptionally rapid production cycles and a consequent increase in competitiveness. On both the super-polisher (the most sophisticated surface treatment machine) and the lapping machine that precedes it on the finishing line, all aspects are monitored and all machine data can be saved and analysed. However, the wrong choice of tool frequently creates problems independently of the machine. It has been calculated that on average 5-6% of lappato production has to be reprocessed because marks form on the now glossy glaze during the treatment phase. These defects are caused by variations in porosity in the glaze that are formed in the kiln and are revealed by the lapping process. However, this is not an unresolvable issue: it only occurs due to the wrong choice of tool, such as pressed felt tools that too often become saturated and fail to function correctly. To resolve the problem and eliminate surface marks, Premier proposes the SUPERLUX satellite head, a latest-generation tool suit-

able for use with the latest technology. It is made from a special mixture of inert materials which do not adhere to the tile and eliminate any type of mark or streak left by the protective chemical product. This new tool does not remove the active ingredient deposited during chemical treatment but cuts costs by eliminating the need for reprocessing. The most surprising aspect of all however is the quality of the gloss effect, which no longer has the synthetic look typical of chemical treatments that is often considered the price of having a tile that is not susceptible to staining. The rediscovered importance of the tool in automated processes is crucial for producing higher quality products and for simplifying the operator’s work. ■■■

le, ogni aspetto è sotto controllo e ogni dato può essere salvato e analizzato. Tuttavia, la scelta sbagliata dell’utensile può creare problemi (come di fatto spesso accade) che prescindono dalla macchina stessa. È stato calcolato che, in media, il 5-6% della produzione di lappato deve essere ripassata perché, durante la fase di trattamento, si formano degli aloni sullo smalto ormai lucido. Questi dipendono da variazioni di porosità nello smalto che si formano nel forno e che vengono messe in evidenza dalla lappatura. Non si tratta però di un problema irrisolvibile, al contrario, si manifesta solo perché si è scelto l’utensile non idoneo, come ad esempio gli utensili di feltro pressato che troppo spesso si saturano e non lavorano correttamente. Per ovviare al problema ed eliminare gli aloni, Premier propone il satellite

“SUPERLUX”, un utensile di ultima generazione adatto alla tecnologia attuale. Si tratta di un satellite realizzato con uno speciale impasto di materiali inerti, che non aderiscono alla piastrella e che eliminano ogni tipo di alone lasciato dal prodotto chimico di protezione. Questo nuovissimo utensile non asporta il principio attivo depositato durante il trattamento chimico e non alza i costi, al contrario, li riduce, eliminando il ripasso. Ma quello che più sorprende è la qualità del lucido, che perde quell’aspetto sintetico caratteristico dei trattamenti chimici, a cui spesso ci si rassegna in cambio di una piastrella che non si macchia. La ritrovata importanza dell’utensile nei processi automatizzati è strategica per la produzione di prodotti di qualità superiore e per la semplificazione delle attività dell’operatore.

Nell’industria ceramica il concetto di Industria 4.0 è ormai di casa, impostosi nell’impiantistica di tutta la linea produttiva, inclusa quelle dedicata alle lavorazioni di finitura del prodotto, dove le macchine di taglio, squadratura, lappatura e trattamento superficiale – fabbricate dalle aziende più rappresentative del settore - sono tutte connesse tra loro all’interno di una vera e propria “linea digitale”. Le singole macchine hanno dotazioni tecnologiche sorprendenti, ogni problema in lavorazione - se prima trovava soluzione solo nella mano esperta dell’operatore -, viene risolto oggi digitalmente grazie all’interconnessione macchina e uomo. A beneficiare di questo sistema di connessione sono i cicli di produzione che ne escono particolarmente velocizzati, andando a incrementare la competitività aziendale. Come nella macchina lappatrice che la precede, anche nella super-lucidatrice, la più sofisticata macchina per il trattamento superficia-

CWR 136/2020

117


Intermac - Gruppo Biesse Materials that combine versatility, aesthetics and functionality are increasingly undergoing experimentation with the aim of achieving outstanding results in the fields of furnishings, interior design and outdoor spaces. Hi-tech surfaces are ever more widely used in the world of architecture and design to create unique ambiences and projects for residential, contract and public spaces. So-called sintered materials are the result of specific processes aimed at creating technological surfaces with unique characteristics such as high resistance to impact, scratches and stains and highly distinctive aesthetic qualities. Nature and natural elements are taken as the starting point to create effects that in some cases are truly unique. Ceramic is an innovative material produced artificially using dedicated technologies. Intermac provides the ceramic industry with machining processes that are optimised for these materials. Building on its 30 years of experience in the cutting, processing and transformation of marble, granite, quartz and stone materials in general, Intermac has taken the latest technology developed in the glass sector and successfully applied it to the world of porcelain stoneware and latest generation sintered materials. Intermac has developed dedicated, high-performance solutions for cutting and finishing the edges and/ or surfaces of porcelain slabs using cutting benches or double-sided grinding lines with very high levels of productiv-

118

CWR 136/2020

ity and a guaranteed return on the investment. With the GENIUS RS-A cutting bench, Intermac pushes back the horizons of low thickness ceramic material cutting with a new technology capable of cutting thicknesses of up to 12 mm with ease. Dry cutting technology optimises the material and significantly reduces waste. The Genius cutting bench can handle even the lightest materials with unprecedented ease thanks to the stability and precision guaranteed by Intermac technologies. Genius RS-A can ensure a perfect cut while guaranteeing a much higher productivity than traditional technologies and maintaining cutting precision over time. The GENIUS RS-A cutting line offers the following advantages: • ergonomics and compactness thanks to very small dimensions, including height;

• unprecedented long-term reliability and high cutting precision; • complete operating flexibility; • dry cutting without producing dust; • easy to use thanks to the intuitive software. Intermac’s entire Genius cutting line can integrate perfectly with the complete range of Movetro solutions for the storage and handling of slabs made of natural materials, quartz and ceramics, fulfilling the needs of manufacturing environments and guaranteeing quality and safety. ■■■ Arredamento, interior design e ambienti esterni sono sempre più catturati dalle sperimentazioni sui materiali, che coniugano versatilità, estetica e funzionalità per risultati di grande impatto. Si moltiplicano, infatti, le superfici tecnologicamente avanzate che il mondo dell’architettura e del de-

sign sfruttano per creare ambienti e progetti unici per casa, contract e spazi pubblici. Vengono chiamati materiali sinterizzati: sono il risultato di lavorazioni specifiche per realizzare superfici tecnologiche contraddistinte da caratteristiche uniche, come un’alta resistenza a urto, graffi e macchie, e motivi estetici immediatamente riconoscibili. Si parte dalla natura e dai suoi elementi, per dar vita a creazioni talvolta irripetibili. I materiali ceramici sono materiali innovativi, creati artificialmente con tecnologie specifiche ed innovative. Intermac mette a disposizione dell’industria ceramica processi di lavorazione in grado di ottimizzare la lavorazione di questi materiali. Infatti, grazie ai 30 anni di esperienza nel taglio, lavorazione e trasformazione di marmo, granito, quarzi e dei materiali litici in genere, Intermac ha saputo declinare la propria esperienza e know-how, sfruttando la tecnologia di ultima generazione


Latest technologies on

finishing & surface treatment

sviluppata nel settore vetro, anche nel mondo del gres porcellanato e dei materiali sinterizzati di ultima generazione. La recente produzione di lastre in gres porcellanato ha permesso ad Intermac di offrire soluzioni dedicate e altamente performanti per il taglio e la finitura del bordo e/o della superfice di lastre da rivestimento, utilizzando banchi da taglio o linee di molatura bilaterale ad altissima produttività e garantendo un sicuro ritorno dell’investimento. Con il banco da taglio

GENIUS RS-A, Intermac espande gli orizzonti del taglio di materiali ceramici di basso spessore con una nuova tecnologia che permette di tagliare facilmente fino a 12 mm di spessore. La tecnologia del taglio a secco permette un’elevata ottimizzazione del materiale con notevole riduzione degli scarti. Il banco da taglio Genius permette la lavorazione anche dei materiali più leggeri con una facilità che non ha precedenti, grazie a stabilità e precisione garantita dalle tecnologie made in Intermac.

Genius RS-A è in grado di ottimizzare al meglio la lastra in lavorazione, di garantire una produttività molto superiore rispetto alle tradizionali tecnologie, di mantenere nel tempo precisione di taglio. I vantaggi della linea di taglio GENIUS RS-A possono essere sintetizzati in: • ergonomia e compattezza grazie a ingombri molto ridotti, anche in altezza; • affidabilità nel tempo senza precedenti ed elevata precisione di taglio;

• assoluta flessibilità di lavorazione; • realizzazione del taglio a secco senza produrre polveri; • semplice nell’utilizzo grazie al software intuitivo. L’intera linea di taglio Genius di Intermac è perfettamente integrabile con la completa gamma di soluzioni Movetro per lo stoccaggio e la movimentazione delle lastre di materiale naturale, quarzo e ceramica, trasformando in realtà le esigenze dell’ambiente produttivo e garantendo qualità e sicurezza.

advertisers list Ancora 11

Fcri 96

Seiko 62

Bmr 33

Fritta 47

Sigmadiamant 97

Cai

Gmm 29

83

Ceramco 23

CeramicWorldWeb.it

68-109

Certech 43-53

Inter Ser

Intermac

Solar Turbines

49

Spares & Service

82

Stm

52

15-17-19

21

Kulzer 2 Surfaces Group

Colorobbia 77

Metco 4

Diatex 101

Off. Smac

Durst 63

Poppi Clementino

III cop

EFI Cretaprint

35

Premier

3 - 113

Esmalglass-Itaca Group

79

Sacmi

120

System Ceramics

II cop - 6

69

IV COP - 37

Tecnargilla 57

Torrecid

9

United Minerals Italy

1

CWR 136/2020

119


more brands one group


Energy Recovery Systems and Filtration

THINKING ABOUT ECOLOGICAL SOLUTIONS

All over the world Thermal Energy Recovery System “Intelligente” Sleeve and Box Filters for Dust and Fumes Heat Exchangers Control and Supervision Instruments Water Purification Systems Washing Towers and Scrubbers

www.poppi.it


momic

SACMI.COM

Endless reasons to choose excellence

MORE PRODUCTI V E

MORE CONNECTED

MORE SUSTAINABLE

Up to 21,460 m /day and the lowest operating costs. Perfect synchronization of limitless dry and wet digital decorations.

Natively connected to HERE, the 4.0-enhancing Digital Manufacturing platform.

Lowest energy consumption on the market, up to 80% less than alternative solutions.

2

ENDLESS INNOVATION SINCE 1919

Profile for Tile Edizioni

Ceramic World Review 136/2020  

In this issue: FOCUS ON: Glazing & Decorataion FOCUS ON: Finishing & Surface treatment Phase 2, now it's back to work!

Ceramic World Review 136/2020  

In this issue: FOCUS ON: Glazing & Decorataion FOCUS ON: Finishing & Surface treatment Phase 2, now it's back to work!

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded