Page 1


ACILIA

Via Francesco Saverio Altamura, 44 00125 Roma tel 06.5250612 tel/fax 06.52351592 cell 366.6650965 lun/ven 8,00-20,00 sabato 8,00-16,00

SCARICA L'APP STUDIO RONCONI Gruppo Studio Ronconi

ASSIRETE, BLUE ASSISTANCE, CASAGIT, CASPIE, EASY WELFARE, FASCHIM, FASI, FASI OPEN,FASDAC, GENERALI, INTESA SAN PAOLO, MEDIC 4 ALL, MBA & WINSALUTE, ONE CARE, P4 ALL ALLIANZ, PREVIMEDICAL, SASN, UNISALUTE


Editoriale di Stefano Quagliozzi

La misura sembra colma. Quando il troppo è davvero troppo. Nelle ultime settimane abbiamo assistito a polemiche crescenti nei confronti della politica dell’accoglienza così come viene interpretata oggi dall’Unione europea e attuata in Italia con l’ausilio non sempre richiesto delle Organizzazioni non governative (ONG), che attraverso navi attrezzate al recupero di dispersi in mare, spesso vanno a prendere i migranti appena imbarcati, quasi sulle coste libiche. Questa situazione, sempre più insostenibile, ha prodotto sbarchi per decine di migliaia di persone in Sicilia, Calabria, Puglia e Campania. Solo il 25 giugno sono giunti sul suolo italico ben 19mila africani, tra cui molti minorenni non accompagnati e donne incinte. La problematica collegata all’eccesso di sbarchi, ha indotto il Presidente della Repubblica Mattarella ad un intervento perentorio dal Canada, dove si trovava per una visita di Stato. Contestualmente il Ministro degli Interni Minniti, ha sollevato la questione con i suoi omologhi dei Paesi UE (che hanno dribblato qualsiasi impegno in tal senso), minacciando di chiudere i porti italiani alle navi straniere. Il tutto è stato rinviato all’incontro di Tallinn, in Estonia, per produrre come al solito un nulla di fatto, lasciando l’Italia sola a gestire un flusso migratorio epocale, senza possibilità di ripartizione del carico umano e dell’ingente impegno economico tra i 26 Paesi membri dell’Unione europea. Questo scenario apre tre prospettive inquietanti. La prima riguarda la probabile punizione che gli elettori daranno nell’urna ai governi che hanno gestito una situazione migratoria divenuta ormai insostenibile, benché l’ospitalità italiana sia ben conosciuta dentro e fuori dai nostri confini. In tal senso la politica di chiusura manifestata dalla Lega Nord da anni, potrebbe trovare consensi addirittura al sud, teatro principale degli sbarchi, con imprenditori, lavoratori e turisti messi in grossa difficoltà da approdi massivi e incontrollati nelle spiagge affollate da bagnanti in vacanza, come accaduto a Tropea o a Giardini Naxos e Taormina. Il secondo aspetto riguarda gli sviluppi della legge sullo “ius soli” che verrebbe schiacciata dai timori di un’estromissione dei singoli cittadini dal proprio Paese, con arrivi da un Continente attiguo, che continuano ad aumentare e con un’Europa che sta a guardare. La terza prospettiva, ancor più preoccupante del rigurgito di populismi e dell’ignavia della UE, è il rischio che la mancata integrazione di centinaia di migliaia di persone porti a rovinosi scontri sociali, con conseguenze sull’ordine pubblico. È chiaro che chi scappa dalla guerra e ha i requisiti per chiedere asilo è giusto che venga tutelato. Ma la percentuale di questi aventi diritto è inferiore al 2% dei migranti e la domanda che tutti si pongono riguarda l’altro 98% che dovrebbe stazionare nei centri accoglienza il tempo strettamente necessario per gli accertamenti. Se non vengono rimpatriati non possono far altro che delinquere per sostentarsi, andando così ad aggravare il rapporto con i cittadini di una Società che malgrado le difficoltà li ospita, creando quei presupposti di astio e chiusura nei confronti degli abitanti di un Paese generoso ma impossibilitato oggettivamente ad accogliere l’Africa intera. In altre parole: accoglienza sì, invasione no.

-Assistenza Plurimarche -Installazione ganci auto chiuso per ferie -Centro gomme dal 12 al 29 -Impianti gpl agosto U.M. 2001 Soc. Artigianale ARL

SOSTITUZIONE PNEUMATICI

ESTIVI - INVERNALI - 4STAGIONI

00125 Roma, via Eschilo 191, Axa Palocco tel 06.50917550 fax 06.50917494 sito: web.tiscali.it/um2001 Email: socum@tiscali.it


    

                 

           

                                               

                  

                  

               

                

         

                                                 

               

            

             

             

              

          

        

            

                

                 

                    

          

           

                          

                           

                               

 


TABLET ROMA

ANNO 5 NO 52 LUGLIO/AGOSTO 2017 SOMMARIO

6 PRIMO PIANO Grande musica nel cortile di Sant’Ivo alla Sapienza

18 UN POSTO TRANQUILLO DOP, Cosa fare

24 TABLET TERRITORIO Retake Casalpalocco, stato avanzamento lavori

TabletRoma è distribuito da Tablet Distribuzione in tutte le principali attività commerciali, sportive e di servizio e parziale porta a porta nei quartieri di Casalpalocco, Axa, Infernetto, Acilia, Dragona, Ostia, e presso i nostri partners. É inoltre distribuito nei quartieri del Torrino, Eur e Spinaceto TabletRoma Reg. Trib. di Roma n° 296/2012 del 19/10/2012 WWW.TABLETROMA.IT editore Tablet Edizioni di Cristina Anichini Via Difilo 41 - 00124 Roma - P.I. 13042831001 C.F. NCHCST66E63H501F anichini@tabletroma.it direttore responsabile Stefano Quagliozzi - quagliozzi@tabletroma.it community manager Cristina Ippoliti - tabletromasocial@yahoo.com progetto grafico tablet ADV Maurizio De Vincentiis impaginazione e grafica Marco Flore stampa Poligraf s.r.l. Via Vaccareccia, 41/b - Pomezia - tel. 06 9106822 pubblicità 340.340.69.70 Rita Chiodoni - pubblicita@tabletroma.it - ritachiodoni@libero.it direzione e redazione redazione@tabletroma.it tablet eventi Massimo Gallus - eventi@tabletroma.it mob. 334.39.22.475 distribuzione

28 LA RICETTA DEL MESE Bagels a lievitazione naturale

Happy Family Service

Hanno collaborato a questo numero Giorgia Conti, , Annamaria De Calisti, Barbara Donzella, Valentina Ecca, Paola Ferrini, Massimo Gallus, Simona Gitto, Alessandra Lino, Federica Lorenzetti, Valentina Mele, Giulia Migani, Davide Sagliocco, Luca Santagà, Lorenzo Sigillò, Emanuela Sirchia

48 IL VIAGGIO DEL MESE Stati Uniti, tappa San Francisco

52 TABLET MUSICA Intervista a Senhit, voce fresca italo eritrea

É consentita la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari solo se autorizzata in forma scritta da Tablet Edizioni di Cristina Anichini. Parte delle immagini presenti su questa rivista sono fonte Internet e sono utilizzate solo a fini informativi. Poichè non è stato possibile risalire ai titolari dei diritti, secondo la legge vigente, la redazione si scusa per la mancata citazione rimanendo a disposizione di qualsivoglia richiesta e precisazione da parte dei titolari stessi. La collaborazione a questo mensile è da ritenersi libera e gratuita salvo diversi accordi.Del contenuto degli articoli, degli annunci economici e pubblicitari sono legalmente responsabili i singoli autori. Gli articoli pervenuti anche se non pubblicati non si restituiscono. La Direzione si riserva il diritto di non pubblicare il materiale pervenuto o di effettuare gli opportuni tagli redazionali. Si ringraziano i partners commerciali per il contributo alla pubblicazione e alla diffusione di questo periodico. Finito di stampare il 6 luglio 2017


P rimopiano

di Barbara Donzella

Serate di Grande Musica al Cortile di Sant’Ivo alla Sapienza a Roma Tornano nel cuore di Roma le Serate di grande musica al Cortile di S. Ivo alla Sapienza. 18 imperdibili appuntamenti dal 13 luglio al 12 agosto.

Abbiamo il piacere di avere sulle nostre pagine il Maestro Francesco Carotenuto, Direttore Artistico e Direttore stabile dell’International Chamber Ensemble sin dalla sua fondazione, al quale chiediamo di raccontarci qualcosa dell’Orchestra: L’International Chamber Ensemble è un progetto nato a Roma nel 1980 da alcuni giovani musicisti italiani e stranieri diplomati al Conservatorio di Santa Cecilia, tra i quali figuro anch’io. È un’Associazione musicale con un organico strumentale straordinariamente elastico e duttile, che si esibisce in diverse formazioni: orchestra da camera, orchestra d’archi, sino ad arrivare all’orchestra sinfonica. Questa idea, sviluppata in 36 anni di attività, ha reso l’Ensemble un’entità musicale capace di spaziare in gran parte dell’immenso repertorio della musica strumentale, offrendo una programmazione variegata. Dal 1987 ad oggi il complesso, con le sue diverse formazioni orchestrali, ha compiuto numerose tournée in tutto il mondo, ha registrato concerti per la RAI, per la Radio Vaticana, per numerose reti radiofoniche e televisive americane, giapponesi ed europee, e ha inciso diversi CD e DVD sia in studio che live, con l’etichetta “La Semicroma”. L’edizione 2017 delle “Serate di Grande Musica al Cortile di S. Ivo”, offre 18 appuntamenti musicali che spaziano da Gershwin a Strauss, da Tchaikovsky a Piazzolla, senza dimenticare Porter, i Beatles, Morricone e tanti altri. Ce ne può parlare nel dettaglio? Il programma estivo cerca di andare incontro al pubblico, offrendo la maggior varietà

tablet

A due passi da Palazzo Madama, da Piazza Navona e dal Pantheon sorge, all’interno del cortile del Palazzo della Sapienza, uno dei più bei capolavori originali ed eccentrici del Barocco romano, Sant’Ivo alla Sapienza. La chiesa, progettata dal Borromini, fu realizzata tra il 1642 e il 1660 all’interno del complesso che ospitò l’antica sede dell’Università La Sapienza, fondata da Papa Bonifacio VIII nel 1303 e trasferita in altro luogo solo nel 1935. Da quel momento il complesso è divenuto sede dell’Archivio di Stato e conserva, tutt’oggi, documenti dal IX secolo al 1870, riguardanti la città di Roma per l’intero arco di vita dello Stato Pontificio. Nel cortile antistante la Chiesa, circondato da un porticato sormontato da un loggiato, si può ammirare la maestosità della grande cupola a spirale che si avvita verso il cielo e termina in una lanterna in ferro battuto che ricorda una conchiglia, su cui poggiano una sfera, la croce e una colomba con un ramoscello d’olivo nel becco. E proprio stando seduti nel mezzo di questo cortile, circondati dall’imponente porticato e con lo sguardo alla facciata della chiesa, che si possono ascoltare le note di Tchaikovsky, Vivaldi, Astor Piazzolla, Beatles, Frank Sinatra o delle colonne sonore più belle del cinema. In alcuni momenti, come ad esempio durante l’esecuzione della colonna sonora di Star Wars, guardando verso l’alto, si ha quasi la sensazione di trovarsi dentro un’astronave che sta ascendendo. Anche quest’estate torna, infatti, dal 13 luglio al 12 agosto, la stagione delle Serate di Grande Musica al

Cortile di S. Ivo dell’Orchestra dell’International Chamber Ensemble, arrivata alla sua XXVI edizione.

6

Il Maestro Carotenuto


Francesco Carotenuto e calati in un contesto davvero unico.

Serate di Grande Musica al Cortile di S. Ivo alla Sapienza Corso Rinascimento n. 40, Roma 13 e 25 Luglio - ore 21 (con repliche 5, 8 e 11 Agosto) Le indimenticabili musiche del grande Cinema Solisti e Orchestra per 24 film di tutti i tempi, da La pantera Rosa a Star Wars

possibile sia di genere che di epoche. Dalla grande tradizione della musica del repertorio orchestrale classico e moderno, al tango, molto amato e richiesto, con l’interessante connubio tra la musica del quartetto strumentale di musicisti italiani e argentini, Cuartetango Ensemble en Buenos Aires e la danza di ballerini argentini di tango, sino alla musica “popolare” e alle colonne sonore del grande cinema. È vero che ha realizzato diverse composizioni appositamente pensate per l’Orchestra d’archi dell’Ensemble, orchestrando con linguaggio sinfonico alcuni grandi successi dei Beatles? Sì, ho cercato di rendere sinfonici dei brani cosiddetti pop, come le canzoni dei Beatles o i tanghi di Piazzolla o tutte le canzoni più famose del repertorio di Frank Sinatra e Gershwin. C’è qualche autore o brano che predilige e si diverte a dirigere? Quelle che preferisco sono sicuramente quelle d’autore, Gershwin, Porter e poi My Way di Sinatra. Tra gli autori di colonne sonore, invece, sicuramente uno dei più prolifici e migliori dal punto di vista musicale è John Williams con le sue Star Wars, Jurassic Park, I predatori dell’arca perduta e poi Ennio Morricone con Mission e altri film, Henry Mancini, autore di brani celeberrimi come Moon River dal film Colazio-ne da Tiffany e il tema della Pantera Rosa e anche Nino Rota. Queste serate si svolgono in una cornice prestigiosa, un gioiello del barocco. Quale sensazione le dà salire sul palco e dirigere avendo di fronte la facciata della Chiesa di Sant’Ivo realizzata dal Borromini? È sempre emozionante e siamo molto orgogliosi di fare questi concerti a Sant’Ivo. Sono 21 anni che ci esibiamo lì, ci teniamo moltissimo e siamo molto rispettosi dell’ambiente. Noi crediamo che non ci sia un posto migliore per concerti all’aperto in Roma, sia acusticamente che architettonicamente. Manca solo il tetto e saremmo in un auditorium. L’alto porticato, poi, fa da cassa armonica, permettendo alle onde sonore di viaggiare all’interno del portico.

Vi invitiamo a non perdere questi appuntamenti di grande musica diretti dal Maestro

18 e 28 Luglio - ore 21 (con repliche 3 e 9 Agosto) ValzerTango Serata di elegante leggiadria e ardente passione con l’Orchestra tra Il bel Danubio blu e Libertango musiche di J.Strauss, F. Lehar, Tchaikovsky, Rodriguez, Piazzolla 21 e 29 Luglio - ore 21 (con repliche 4 e 10 Agosto) Gershwin Night Omaggio dell’Orchestra al grande compositore con Summertime, un Americano a Parigi, Rhapsody in Blue... 1 Agosto - ore 21 (unica data) Noche de Tango Musica e danza dall’Argentina per una imperdibile serata con i strumentisti e danzatori del Cuartetango Ensemble en Buenos Aires musiche di Piazzolla, Scarpino-Cardarella, Plaza, Francini-Exposito, Rodriguez 2 e 12 Agosto - ore 21 Da My Way a Yesterday Frank Sinatra e The Beatles : 30 leggendarie canzoni in una sorprendente e coinvolgente veste sinfonica 3 e 9 Agosto - ore 21 ValzerTango Serata di elegante leggiadria e ardente passione con l’Orchestra tra Il bel Danubio blu e Libertango musiche di J.Strauss, F. Lehar, Tchaikovsky, Rodriguez, Piazzolla 4 e 10 Agosto - ore 21 Gershwin Night Omaggio dell’Orchestra al grande compositore con Summertime, un Americano a Parigi, Rhapsody in Blue... 5, 8 e 11 Agosto - ore 21 Le indimenticabili musiche del grande Cinema Solisti e Orchestra per 24 film di tutti i tempi, da La pantera Rosa a Star Wars INFO: www.icensemble.it

tablet

Ringraziando il Maestro per il tempo concesso, gli auguriamo buon lavoro. Grazie a Tablet e ai suoi lettori.

15 e 26 Luglio - ore 21 (con repliche 2 e 12 Agosto) Da My Way a Yesterday Frank Sinatra e The Beatles : 30 leggendarie canzoni in una sorprendente e coinvolgente veste sinfonica

7


+E venti Roma di Valentina Ecca

Luglio suona

tablet

L’estate romana ha iniziato a fare capolino verso l’inizio di maggio ma la stagione concertistica romana più intensa inizia ufficialmente a luglio. Iniziano i concerti all’aperto e nelle grandi location, la città si illumina con una luce nuova e con una temperatura che rende impossibile non uscire di casa e godersi l’atmosfera. Si parte, dunque, con una dei più bei palchi all’aperto della Capitale: la Cavea dell’Auditorium Parco della Musica. Sarà infatti qui che si esibirà una delle promesse del pop internazionale: LP. L’artista americana di origini italiane sarà sul palco dell’Auditorium il 3 luglio. Anche quest’anno “Rock in Roma” presenta una scaletta di tutto rispetto con artisti internazionali e italiani, il 9 luglio sarà la volta della regina del soul Lauryn Hill. Una delle voci e delle personalità più influenti degli anni ’90, dopo varie vicissitudini, che l’hanno portata anche in carcere, la mitica Lauryn torna con la sua musica, la sua chitarra e la sua voce unica all’Ippodromo delle Capannelle. Dopo la data sold out al forum di Assago arrivano nella Capitale The XX.

8

La band inglese sarà all’ Ippodromo delle Capannelle il 10 luglio con il tour che sta registrando il tutto esaurito ovunque. Il loro è uno show minimalista che punta tutto sulla carica interpretativa dei due cantanti, sulla perfezione maniacale di Jamie Smith, produttore e terzo membro della band. Un gioco fra effetti visual e sonorità elettroniche, quello degli XX è un concerto da non perdere. Torniamo fra gli eventi di “Luglio suona bene” all’Auditorium e troviamo uno dei singer-songwriter più importanti degli ultimi vent’anni: Ryan Adams. L’artista sarà l’11 luglio alla Cavea dell’Auditorium per presentare il suo ultimo disco “Prisoners”. Si prosegue con The Pretenders sempre all’Auditorium il 14 luglio. Dopo trentasette anni dall’album di debutto la band capitanata da Chrissie Hynde torna in scena con un nuovo disco dal titolo “Alone”. Dopo tanti nomi internazionali finalmente uno italiano, Stefano Gabbani. Inutile raccontare chi è l’autore di “Occidentali’s karma” già vincitore di Sanremo 2017 e acclamato portabandiera dell’Italia all’Eurovision. Il cantautore livornese sarà a Roma il 15 luglio all’Auditorium PdM. La concorrenza al povero Gabbani è però spietata poiché il 15 e 16 luglio si celebra uno degli eventi musicali più importanti dell’anno. Arrivano infatti gli U2 allo Stadio Olimpico. Per uno dei concerti più attesi dell’anno, la band irlandese celebra i trent’anni dall’uscita dello storico album “The Joshua Tree”. Apertura d’eccezione per questi due eventi; saranno infatti i Noel Gallagher’s High Flying Birds a scaldare il pubblico prima dell’arrivo di Bono e soci. L’atmosfera e il clima si scalderanno sempre di più con in Red Hot Chili Peppers, la band californiana sarà all’Ippodromo delle Capannelle il 20 luglio nell’ambito di “Rock in Roma”. Sempre all’Ippodromo il 21 luglio toccherà ai Kasabian, la band inglese porterà il suo sound a cavallo fra rock ed elettronica. Il mese si chiude sempre con sonorità importanti e potenti, quelle degli Afterhours. La band capitanata da Manuel Agnelli sarà all’Ippodromo delle Capannelle il 27 luglio. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le sere in questo luglio romano.








SAMARCANDA, LIBRERIA DI QUARTIERE

, , 

Libri scolastici usati d’occasione!

Fra le tante e diverse attività ospitate dalla libreria Samarcanda, per questo mese richiamiamo la vostra attenzione sui testi scolastici: sono infatti già uscite le liste per il nuovo anno 2017/2018 e presso la nostra libreria è possibile ricevere l’elenco dei libri adottati dalla propria scuola. Senza aspettare l’inizio di settembre, evitando quindi le noiosissime code, per chi conosce già la sezione del proprio figlio, potete ordinare i nuovi testi scolastici. Inoltre presso la nostra libreria esiste una buona possibilità di risparmio per le famiglie e di tutela dell’ambiente; potete trovare infatti i libri usati nelle migliori condizioni ed acquistarli con uno sconto pari al 50 % del prezzo di copertina! Potrete comodamente valutare l’usato visionandolo, senza incorrere in sgradevoli sorprese. Ricordiamo che tutto quello che è riuso, contribuisce a non sprecare le risorse e a non inquinare il nostro bel pianeta. Vi invitiamo anche a portare i vostri libri scolastici usati per una valutazione. Per qualsiasi ulteriore informazione non esitate a contattarci! Vi ricordiamo inoltre che presso la libreria è possibile utilizzare le cedole per le elementari e i buoni libro. Siamo aperti per tutto il mese di luglio e agosto, vi aspettiamo!

$5@=6F9F=5D9F;F5B8=9D=77=B= UÊ ",/",Ê

, TIVI

UÊ  - Ê* ,Ê   \ÊÊ -Ê Ê1 t

UÊ //1, Ê T

UÊ " /,Ê // ,,

UÊ" TT"Ê

, TIVI

UÊ -/ Ê "* 

UÊ/ -/Ê- "-/  ÊÊÊ 1"6Ê Ê1-/

UÊ-P<Ê Ê -" <<<"



POTRAI TROVARCI PRESSO

Centro Commerciale Colombia Via G. Bassani, 11 00124 Infernetto (Roma) Tel. 0650931318 libreria-samarcanda.com


TLaablet Run rubrica per i runners

di Lorenzo Sigillò

fotografie di Fotoincorsa.com

Un’estate tutta da correre

tablet

Due mesi di grande running quelli che aspettano i nostri appassionati. Chi dice che d’estate fa caldo e non si corre, dovrà trovare argomentazioni più originali per fermarci. Per questo noi di Tablet Run, abbiamo scelto le gare più divertenti di questo luglio e agosto, dalle classiche alle novità, dall’alba alla notte! Sabato primo luglio siamo già allo start della 5a Corsalsiccia di Pontinia (LT), 9 km organizzati dalla Podistica Pontinia in collaborazione con Lombardi Sport ed il Circolo Culturale Nemesis Onlus, mentre se volete un’idea alternativa, vi proponiamo una corsa a tappe, niente meno che a Lampedusa (AG). Quattro giorni di corsa, sempre alle 18: domenica 2 i primi 7 km con tuffo a mare finale! Lunedì si riposa, poi martedì 4 va in scena il passaggio più lungo di 10 km. Dopo il nuovo riposo di mercoledì, ecco il gran finale con 8 km il giovedì 6 e gli ultimi 7 km venerdì 7. Alle 21 di venerdì ci sarà l’attesa premiazione di questa prima edizione del Giro Podistico dell’Isola di Lamepdusa (Memorial Tommasino Lombardo). Sabato 8 luglio alle 19:30 spazio invece ad un bel giro archeologico a Palestrina (Roma) con una gara su 4 giri per 9 km complessivi organizzati dall’Asd Palestrina Running e Pro Loco Palestrina: è la corsa Palestrina Archeologica naturalmente! Altrimenti bisogna fare il pieno di benzina ed imboccare la E45. A Rimini infatti si corre la 34a edizione de la maratonina Rimini-Verucchio con partenza dall’Arco di Augusto della cittadina romagnola ed arrivo nella Piazza Malatesta di Verucchio (RN). 21 km impegnativi quelli di questa bellissima classica, perché dopo il primo terzo di corsa relativamente pianeggiante, si va verso i colli riminesi con percorso decisamente in salita con 300 metri circa di dislivello. Se invece delle classiche, preferite le novità, ecco che dall’Eur di Roma, da via delle Tre Fontane, si correrà la Roma Gay Run, giovane competizione degli Italian Gaymes giunti alla 4a edizione dal 6 all’ 8 luglio. Sabato 8 alle 18, partirà la gara podistica di 5 km. Domenica 16 luglio alziamo l’asticella delle difficoltà delle nostre proposte con il 43 km della Ultramaratona del Terminillo (RI) . Si parte alle 9 ma se pensate che i chilometri siano troppi, sono previste anche una gara di ‘mezza’ da 21 km e una non competitiva da 6 Km. Nel cuore di Roma, domenica 23 alle 9, arrivano i 7 km de La Corsa de Noantri. Lo storico quartiere di Trastevere ospita infatti questa gara che sta diventando appuntamento irrinunciabile per romani e non. Ci vuole tanta ‘tigna’ , come si dice da queste parti, per percorrere le salite del quartiere che portano verso il Gianicolo, che già dal mattino avranno asfalto e temperature infuocate! E se le sfide di luglio ancora non vi sono bastate, arriva un trial di 13 km addirittura all’alba! Infatti, partenza alle 6 domenica 30 luglio per l’Alba Trail di Guidonia (Roma) in località La Botte (Guidonia).

12

Appena il tempo di tirare il fiato ed agosto presenta subito, sabato 5 alle 19, gli 8 chilometri della 23esima edizione della Notturna di Borgo Hermada a Terracina (LT). Si festeggia invece San Lorenzo, alle 20.30 del 10 agosto ovviamente, in quel di Montefiascone (VT), sempre con 8 km: Una Corsa per La Vita. Mercoledì 16 vanno smaltite invece le tossine post ferragosto ed alle 17.30 l’occasione sarà propizia con gli 11,200 km della 46a La Canicola di Sora (FR) (11° Memorial Sergio Alonzi). Sabato 19, di spirito goliardico ma pur sempre impegnativo, 7 km, torna invece la manifestazione A Tutta Birra con partenza alle ore 17:00 a Le Ferriere (LT): allegro percorso nelle campagne pontine ed ovviamente all’arrivo birra, gastronomia, musica e balli in piazza! Domenica 25 agosto si torna alle corse cosiddette “Top” con la quarta edizione della Roma by Night Run. Alle 22 ci sarà la mezza maratona di 21,907 km mentre sono previste anche due percorsi da 7 km, la Stracittadina competitiva e la Fit Run non competitiva, quest’ultima aperta inoltre anche al Nordic Walking e Fit Walking. L’appuntamento è al villaggio al Ponte della Musica al quartiere Flaminio di Roma. Che dirvi, il 26 alle 18 ci sarebbe anche un fantastico trail di 11,4 km a Sabaudia (LT), valido per il Circeo National Park Trail Race. È davvero un bel tracciato pianeggiante con partenza alle 18 dal Centro Visitatori del Parco Nazionale del Circeo… insomma se volete chiudere agosto con un colpo gobbo, questa è l’occasione! Stay Tablet, Stay Estate Run!


Medicina R

O

M

A

iscrizione albo ordine nazionale biologi n. 061170

! I D AL

S

NOLEGGIO APPARECCHI ELETTROMEDICALI E AUSILI PER DISABILI

SA

LD

I!

S

L A

! I D


Roberto Federici, medico chirurgo Continuando con i “nostri incontri di proctologia”, oggi mi soffermo su di una patologia la cui caratteristica è l’avverbio “molto”: molto comune, molto frequente, molto dolorosa, molto poco considerata:

“La Ragade anale”

L

a Ragade anale è una affezione frequente che provoca una sintomatologia dolorosa del tutto sproporzionata all’estensione della lesione. É costituita da una ferita, o meglio, da una ulcerazione, in quanto la sua cicatrizzazione avviene con grande difficoltà; dimostra eguale frequenza nei due sessi ed ha, come caratteristica, la costanza della sua posizione: si trova sempre sulla parete posteriore dell’ano lungo la linea mediana. La causa della formazione di una ragade non è ancora ben chiara, molte sono le teorie espresse, ma, difatti, il traumatismo dovuto al passaggio di feci ben formate e dure o, al contrario, una violenta scarica diarroica, sono certamente in grado di lesionare la mucosa anale così da dar passaggio a dei germi che, annidandosi al di sotto della mucosa, provocano un’infezione. Sintomo principale di una ragade è il dolore, accusato dal paziente durante l’evacuazione ma, in particolar modo, dopo l’evacuazione; il dolore è gravativo e può durare da pochi minuti a molte ore!

La perdita di sangue è, al contrario, un sintomo incostante e comunque è sempre di lieve entità. La diagnosi prevede inevitabilmente una visita specialistica, svolta con particolare delicatezza ed attenzione, il dolore è importante e molti pazienti sono decisamente timorosi nei confronti di un esame. La visita deve essere effettuata il più precocemente possibile, non solo per escludere altre patologie ma anche per consentire al proctologo di mettere in atto terapie mediche che al giorno d’oggi raggiungono risultati ottimali specie se applicate si ragadi di recente acquisizione.

Dott. Roberto Federici Specialista in Chirurgia generale Proctologia

(emorroidi, ragadi anali, fistole)

CHIRURGIA AMBULATORIALE DELLE ERNIE INGUINO-CRURALI Centro Salus Casalpalocco, Piazza Filippo il Macedone 23 (Centro comm.le Le Terrazze) - Tel. 06.50.91.53.05 e-mail rf@robertofederici.it Ostia, Viale Del Lido, 5 - Tel 06/5600223 - 06/5600648 Acilia, Via Gino Bonichi 111 - Tel. 06/52350770 - 52352569


Dott. Antonino Marchese

Dott. Antonino Marchese


VIA LA PANCETTA!!!

3 - BEVI BEVI BEVI Almeno un litro e mezzo di acqua al giorno lontano dai pasti: ti aiuterà ad eliminare le tossine e a drenare i liquidi in eccesso.

Il tuo problema è il grasso addominale? Avere la pancia piatta è il desiderio di ogni donna soprattutto in estate quando un addome gonfio diventa un vero e proprio problema. Se in inverno riusciamo a nascondere qualche rotondità sotto il maglione, in estate questo diventa più difficile con gli abiti leggeri o peggio ancora se dobbiamo andare al mare e quindi mettere il costume... Una delle domande più frequenti che ricevo in questo periodo durante le diagnosi è proprio come eliminare il grasso dalla pancia.

4 - DORMI A SUFFICIENZA Non dormire abbastanza può alterare la produzione di ormoni, influenzando i livelli di cortisolo che causano maggiore sensibilità all’insulina, responsabile principale del grasso addominale. Dormire almeno 7 ore a notte ti aiuterà invece a sentirti meglio!

Il grasso addominale in realtà è quello più pericoloso, oltre che per un fattore estetico infatti, il grasso accumulato in queste zone può causare serie patologie. Questo è quanto è emerso dalle ultime ricerche sul grasso addominale e viscerale.Per bruciare velocemente il grasso non basta fare tantissimi addominali e diete restrittive: il nostro corpo inizia ad aumentare di peso quando i livelli di cortisolo aumentano ed uno dei fattori che determina questo aumento è proprio lo stress, motivo per cui è bene non fare diete affamanti o attività fisiche troppo intense se non si è già allenati.

5 - RESPIRA IN MODO CORRETTO Questo è un modo molto semplice che puoi utilizzare anche facendo altre cose. Quando si è molto tesi si tende a controllare il respiro e si alternano brevi respiri a respiri molto rapidi. Diventa consapevole del tuo respiro, rilassando la pancia e rallentando la respirazio-ne. eliminando l’aria in eccesso si elimina il gonfiore e di conseguenza la pancia apparirà più piatta in poche settimane. Questo funziona meglio se rallenti l’espirazione piuttosto che l’inspirazione, con ogni espirazione puoi dire a te stesso di rallentare e ritrovare il tuo equilibrio.

COME POSSIAMO BRUCIARE VELOCEMENTE IL GRASSO DELLA PANCIA?

Come vedi per perdere il grasso addominale ed eliminare la pancetta, bisogna agire su più fronti, dal riposo all’attività fisica, passando per una buona alimentazione. Se vuoi integrare questi consigli con dei trattamenti che ti garantiscano risultati sin dalla prima seduta in una sinergia efficace e a lungo termine, non perdere ciò che ho preparato per te nel mese di luglio.

1 - MANGIA SANO ED EVITA GLI ZUCCHERI Evitare per prima cosa le diete fai da te che ci fanno “credere” di eliminare il grasso ma che invece hanno un effetto boomerang e appena smesse si recuperano i kg persi più gli interessi. Mangia invece sano evitando il cibo “vuoto” ovvero tutti quei cibi spazzatura che ci forniscono tante calorie e zero nutrienti come bibite gassate, torte e biscotti confezionati. 2 - MUOVITI La Sedentarietà non modella la tua vita! Fare almeno 30 minuti di camminata spedita al giorno e dedica alcuni minuti ad alcuni esercizi di ginnastica e tonificazione. Un ottimo esercizio per tutta la zona superiore È il plank, dove si tiene una posizione di pushup, appoggiando gli avambracci a terra, fai almeno 4 sequenze per 30 secondi tutti i giorni e vedrai subito migliorare le tue circonferenze.

Metodo “BODY SHRINK” , prenota il tuo appuntamento dal 6 al 31 luglio : faremo un check-up up approfondito e ti metterò a conoscenza dei bisogni del tuo corpo, Inoltre potrai provare uno speciale trattamento di un’ora che ti permetterà di rilassarti e di farti apprezzare il nostro modo lavorare. Gli appuntamenti fissati durante questo periodo avranno un costo di €47 anziché €110, prenota subito! Ti aspetto, ciao


U n posto tranquillo Dott.ssa Giulia Migani Psicologa / Psicoterapeuta Analista transazionale socio-cognitiva Mediatore Feuerstein PAS Basic e Standard I livello EMAIL: giuliamigani@yahoo.it Cellulare: 338 3839479

DOP: cosa fare?

tablet

Lo scorso mese è stato descritto il Disturbo Oppositivo Provocatorio (DOP); questo mese si parlerà di come gestire un bambino che presenta tali difficoltà comportamentali e un atteggiamento oppositivo e sfidante che tutti i giorni mette a dura prova sia genitori che insegnanti. Sicuramente le “linee guida” di come comportarsi con un bambino con DOP andrebbero specificate per la famiglia e la scuola ma, per motivi di spazio, si vedranno quelle regole, o meglio suggerimenti, che possono essere generalizzati ai due diversi ambiti. Facciamo una breve premessa: senza voler dare colpe a nessuno, esiste una chiara correlazione tra stile educativo inadeguato e insorgenza di problemi comportamentali nei bambini. Educare un figlio è un processo molto delicato, che richiede sensibilità e fermezza, e l’incertezza e la paura di sbagliare sono insite nello stesso atto educativo. Gli errori educativi possono diventare causa di problematiche psicopatologiche. Come fare per evitarli? Non esistono metodi infallibili: buona norma è seguire il saggio principio del “giusto mezzo”, perché evitando gli eccessi (lassismo ed iperprotezione), si può favorire il naturale sviluppo del bambino. L’incoerenza e le indecisioni genitoriali, infatti, possono incidere negativamente sugli equilibri infantili: i genitori che, a causa di una divergenza di vedute, non riescono ad accordarsi sulla scelta dei principi da trasmettere ai figli oppure quelli che, a causa magari d’inesperienza o insicurezza, continuano ad “applicare” diversi metodi educativi generando confusione e incoerenza. Quindi, in sintesi, uno stile educativo lassista o incoerente o rifiutante o disinteressato o iperprotettivo o troppo improntato sulla punizione, può favorire l’insorgenza delle condotte aggressive infantili. Per questo motivo, in ambito clinico, non si può lavorare con un bambino con DOP (o ADHD), senza lavorare contemporaneamente con la coppia genitoriale. E fin qui… niente di nuovo, mi sa che lo sapevamo tutti… ma, quando “il problema” si presenta, che fare? Gestire i comportamenti di un bambino con DOP non è facile e causa rabbia, frustrazione, senso di impotenza e tanta stanchezza.

18

La prima cosa da considerare è proprio questa, la nostra reazione emotiva, come noi ci sentiamo di fronte a questa situazione. Perché spesso la nostra reazione può esasperare il comportamento stesso, invece di estinguerlo. Reagire con rabbia alla rabbia non può che far esplodere maggiormente la “bomba”. Essere dunque consapevoli di come reagiamo è il primo passo per rompere il circolo vizioso della provocazione/opposizione. La seconda cosa, altrettanto importante, è capire che il bambino che ha più bisogno di amore lo chiederà spesso nei modi meno amorevoli (Kutscher). Ricordate le “carezze”? Meglio una carezza negativa (le botte, i rimproveri dei genitori) piuttosto che nessuna carezza. Per cui, uno delle cose più semplici da fare è dare al vostro bambino tante “carezze positive sull’essere e sul fare”, piuttosto che negative. A volte i bambini si comportano male per attirare l’attenzione del genitore; dare al bambino attenzione positiva ogni giorno fa sì che egli non si senta “obbligato” a mettere in atto un comportamento provocatorio e sfidante per poter sentirsi “visto”. Dall’attenzione positiva al premiare i comportamenti positivi il passaggio è naturale: è una regola che tutti conoscono ma che può diventare difficile realizzare perché i bambini con DOP mettono in atto tanti comportamenti negativi. E allora come si fa a premiarli? Qualche comportamento positivo possiamo trovarlo, anche cose semplici. Magari chiediamo al bambino di aiutarci in un lavoretto di casa, facile per lui, per cui possa ricevere una lode. Porti il sale a tavola? Grazie, sei stato velocissimo, bravo! Su questa scia, è utile anche rinforzare il comportamento positivo premiandolo. Utilizzare per esempio (come per i bambini con ADHD) un bel cartellone dove realizzare un sistema di rinforzo a punti può essere incentivante. È importante fare attenzione a questa piccola regola: i comportamenti da rinforzare devono essere chiari e proposti in positivo, esprimere permessi e non divieti, cioè chiarire ciò che il bambino può fare, piuttosto che ciò che non può fare. Inoltre, dare istruzioni chiare ed efficaci, stabilendo il contatto visivo e assicurandoci che il bambino abbia compreso. Spesso i


bambini sono così distratti da televisore o apparati vari che magari nemmeno ci sentono. Quando dobbiamo dare istruzioni importanti e meglio assicurarci che non siano presi da altri stimoli e guardarli negli occhi. Uno dei modi più efficaci per evitare un comportamento provocatorio è quello di dare al bambino la possibilità di scegliere tra più alternative. Esempio chiedergli: “Vuoi mettere la maglietta gialla o la felpa blu?”. Se hanno l’alternativa, la possibilità di scegliere, essi hanno anche la sensazione di avere un controllo rispetto alla situazione e di non essere costretti. Le alternative che si pongono devono essere ovviamente realistiche e adeguate al contesto. Ancora: evitare le lotte di potere ma negoziare, negoziare, negoziare sempre! Piuttosto che passare indiscriminatamente alla punizione senza spiegazione, spiegare la conseguenza, cioè cosa accadrà se il comportamento negativo persiste, quindi usare la regola del “se… allora…”. E, se persiste , allora applicare la conseguenza ma senza rabbia, anzi con dispiacere. Perché se comunichiamo con rabbia, il messaggio che arriva è “Sei sbagliato e mi hai deluso” (carezza negativa sull’essere) ; se invece comunichiamo con dispiacere, il messaggio che arriva è “Ci tengo a te e sto dalla tua parte, mi dispiace punirti, ma se devo farlo è per il tuo bene” (carezza negativa sul fare ma positiva sull’essere) Rispetto all’uso della punizione, che a volte è inevitabile se si vuole mantenere coerenza educativa, fare attenzione ad alcune regole: la conseguenza che punisce il comportamento negativo, deve essere mostrate al bambino immediatamente, entro 5-10 secondi, perché se si ritarda la conseguenza il rischio è che il bambino non comprenda a quale comportamento si riferisce e soprattutto non comprenda che se si comporta bene c’è una conseguenza e se si comporta male c’è un’altra conseguenza. La punizione (ma anche la lode) deve essere specifica, cioè riferirsi in modo specifico al comportamento in questione e non deve essere vaga, generica, riferita al comportamento generale del bambino o al suo essere personale. Cioè dire: “la conseguenza negativa, non andiamo al cinema, è perché hai dato un pugno al compagno” e non “siccome sei cattivo non andiamo al cinema”. La punizione deve essere coerente, se un comportamento viene punito a casa deve essere punito anche in altre situazioni sociali: se puniamo il bambino perché a tavola butta il pane per terra, dobbiamo punirlo anche se lo fa a pranzo a casa di amici o al ristorante. Il messaggio da trasmettere al bambino, quindi, è che “se ti comporti male c’è una conseguenza a quel comportamento, ma soprattutto, se ti comporti bene ce n è un’altra”. E, infine, le regole

non possono cambiare da un giorno all’altro: un comportamento che è inaccettabile un giorno non potrà essere arbitrariamente tollerato o rinforzato un altro giorno. Se il bambino viene punito per aver detto cretino ad un compagno, non può essere giustificato il giorno perché magari il compagno lo ha infastidito. Tutto ciò genera nel bambino confusione e rinforza la violazione della regola, che perde di credibilità (come il genitore). Per evitare uno stile educativo fortemente punitivo la cosa migliore è la negoziazione: sicuramente i nostri bambini, anche i più ribelli, hanno dei desideri. Ecco, usarli per arrivare ad un accordo ed ottenere il comportamento che vogliamo. Hai voglia di andare a giocare in giardino? Certo che puoi, ma prima si mette a posto la stanza, o si fanno i compiti, o si aiuta mamma, e poi si va a giocare con gli amichetti. Infine, niente di tutto ciò si può applicare senza un grande lavoro di comprensione empatica: dare sempre prima un riconoscimento empatico; di fronte al comportamento oppositivo, comunicare prima comprensione e poi sottolineare ciò che non va. Per esempio: “so che sei arrabbiato, ma non puoi picchiare il compagno, puoi dirlo a me che cosa succede” oppure “so che vorresti continuare a giocare, ma è proprio ora di cenare adesso”. Ciò trasmette al bambino il senso di accettazione e lo fa entrare in uno stato emotivo in cui è disponibile ad accettare la richiesta. Il bambino sente che lo capisci e che sei dalla sua parte e che la richiesta non è una critica lui (carezza negativa sull’essere), ma una necessità della situazione. Comunicando con lui in questo modi, egli sente che va bene per quello che prova anche se prova emozioni spiacevoli come la rabbia. Questa comprensione empatica è fondamentale ed è alla base per una crescita sana del bambino e di una buona autostima. Perché, anche se sembra forte, duro e magari “bullo”, il bambino con DOP ha una bassa autostima, ha introiettato l’immagine negativa di sé di bambino-problema. Il ragionamento inconsapevole che egli fa a se stesso è: “Tutti mi dicono che sono cattivo, quindi tanto vale esserlo così almeno mi vedono… Nessuno mi può soffrire, tanto vale attaccare per primo…”. È proprio questo che si deve aver presente nel tentare di aiutarlo a migliorare l’immagine di sé e la sua autostima. Se ciò non accade, egli consoliderà l’immagine di Sé negativa, pur di “sentire” di essere qualcuno o qualcosa. Il nostro compito sarà aiutarlo ad uscire da questo tunnel, dandogli la possibilità e gli strumenti per pensare a se stesso in un modo alternativo rispetto a come è abituato a fare, come qualcuno che è capace e può fare tante cose buone.

DOTTOR GIANFRANCO PANARELLO MUSCOLINO MEDICO CHIRURGO

OCULISTA 335.52.14.614

Studio: Via Raffaele De Cosa, 61, palaz. A3 - Ostia - Tel. 06.563.398.60 Studio: Galleria n°24 Le Terrazze Casal Palocco Tel. 06.50.91.52.79 - 06.50.91.21.02 Studio: Via Gino Bonichi, 111 - Acilia - Tel. 06.52.35.07.70 Studio: Via Torgegno, 65F - AssoMedical - Infernetto - Tel. 06.92093203


la comodità dei servizi a casa tua!

Happy Family Service agenzia di servizi per la famiglia

A PARTIRE DA € 3,90

FAI LA SPESA E TE LA PORTIAMO A CASA! IN CODA PER TE

non sprecare più tempo in coda... c’è qualcuno che può farla per te! a partire da 5€

FARMACI A DOMICILIO

RITIRIAMO LA RICETTA, ACQUISTIAMO E CONSEGNAMO I FARMACI A CASA TUA Servizi a domicilio • Spesa scegli tu il supermercato) • Pranzo / Cena • Lavanderia • Pagamento Utenze • Stiratura • Farmacia

Servizi alla casa • Servizi di pulizie • Idraulico • Giardiniere • Piccoli trasporti • Muratore lavori edili a costo orario • Elettricista

Polizze assicurative • RC Auto/Moto • RC Capofamiglia • RC Professionale • Mutua Sanitaria • Anomalie bancarie

Servizi alla persona • Baby sitter • Compagnia anziani • Organizzazione eventi

327 0730765 VIALE DI CASTEL PORZIANO 359 E ticonsegno@gmail.com Happy Family Service


Tablet territorio di Cristina Anichini

Forse non tutti sanno che....

Il Gruppo Retake - Casalpalocco non si ferma mai, come non si fermano mai tutti i Gruppi Retake di Roma. Sempre molto attivi sul territorio, continuano a crescere coinvolgendo la cittadinanza a tutti i livelli, dai piccoli agli adulti. Ne abbiamo già parlato sulle nostre e li abbiamo presentati. Ogni tanto però è sempre bene ricordare che esistono e ricor-dare che dargli una mano non costa molto.

tablet

Donare il nostro tempo, il nostro impegno e se proprio non possiamo, allora sono ben accette delle donazioni in denaro per poter finanziare l’acquisto di materiale per la pulizia e per la verniciatura, presso il Ferramenta Fabrizi de Le Terrazze.

24

Il Gruppo Retake Casalpalocco ci invia un comunicato da trasmettere ai nostri lettori:

Abbiamo lavorato con impegno e senza interruzioni per più di un anno...intrapreso nuove strade per arrivare ad avere il quartiere sempre più pulito, ed oggi possiamo dire che i risultati si toccano con mano. Tutte le cabine Acea/Gas/Telecom sono state bonificate, tutta la pubblicità abusiva rimossa ed inviate lettere di richiamo a chi ha dato loro mandato, sono scesi in strada decine e decine di ragazzi delle scuole che hanno pulito con noi le loro scuole... Si è consolidato lo speak-up giornaliero anche con una presenza mensile al Mercatino delle Terrazze con un nostro stand che ha suscitato molto interesse nei residenti. Grazie al fioraio Vincenzo delle Terrazze abbiamo piantumato dozzine di piantine al posto di migliaia di cicche e rifiuti vari. In poche parole quest’anno la primavera a Casalpalocco è arrivata davvero! Abbiamo sempre bisogno di nuove braccia e nuove risorse per continuare! Raccogliamo il loro appello e pubblichiamo di seguito immagini che raccontano più delle parole.


BORGHESE e SPIRITOSO? NATO A SAN FRANCISCO DA PADRE NAPOLETANO E MADRE BARBARA BOUCHET, DALLA GAVETTA COME LAVAPIATTI SULLE NAVI DA CROCIERA A ‘’4 RISTORANTI’’, TALENT CULINARIO MOLTO DIVERTENTE IN CUI FA SFIDARE I RISTORATORI: ‘’NON HAI IDEA DELLE ZUFFE CHE SI CONSUMANO DENTRO AL FURGONE. UNA VOLTA UNO CHEF È SCAPPATO DALL’IMBARAZZO E ABBIAMO DOVUTO FERMARE IL PROGRAMMA PER CORRERGLI DIETRO’’ Da ragazzo intraprende studi gastronomici e da sommelier, fa gavetta sulle navi da crociera, in principio come lavapiatti. In seguito perfeziona la sua arte culinaria, lavorando nelle maggiori capitali del mondo, San Francisco, Londra, New York , Milano. Alessandro non ha un suo ristorante ma è considerato un vero chef mediatico, sicuramente uno dei primi chef Tv. A Milano ha fondato la società AB Normal le cui principali attività sono catering, food consulting, entertainment e licensing e controlla direttamente una buona parte del licensing di diritto di immagine di Alessandro Borghese su tutti i canali media, più pubblicità ed editoria.

Le frasi famose di Alessandro Borghese:

tablet

• Al mio tre... scateniamo l’inferno! • Ci dev’essere un’idea, una costruzione dietro ogni menu. Dal primo e fino al dolce. Le materie prime devono essere freschissime, le portate devono invogliare al piatto successivo. E poi se posso dare una mano • con una chicca, beh lo faccio. [...] Il piatto è un atto d’amore. Il cuoco deve essere curioso e deve mostrare amore verso la propria tradizione regionale. • La cucina è un posto straordinario, non un posto come un altro della casa. Perfetta per le invenzioni, il posto giusto dove usare l’ingegno per le proprie ricette. • Quel che è cotto è cotto, quel che è fatto è fatto, e quel che è impiattato è impiattato!

26

Alessandro Borghese è un cuoco noto al pubblico televisivo. Si è fatto conoscere grazie a diversi format andati in onda su Discovery Real Time e La7, come “Cortesie per gli ospiti”, “L’Ost”, “Cuoco Gentiluomo”, “Chef per un giorno”, “Chef a domicilio”. Lo vediamo anche nel format “Fuori menù”, un game show in cui due aspiranti chef si contendono la vittoria grazie al giudizio dei commensali stessi. “Fuori Menù” si ispira al modello del famoso “Hell’s Kitchen” di Gordon Ramsey. Nel 2010 ha presentato su LA7d il programma “Cuochi e fiamme”, gara culinaria tra due concorrenti, dove ritrova come giudici i colleghi di “Chef per un giorno” Fiammetta Fadda e Leonardo Romanelli. Dal 18 aprile 2011 va in onda su Real Time col programma “Cucina con Ale”. Nel 2012 partecipa ad un episodio della sitcom televisiva Camera Café. Nel settembre 2012 debutta su Sky Italia con il programma quotidiano “Ale contro tutti” poi in onda su Cielo. Dal 13 marzo 2014 con Lidia Bastianich e Bruno Barbieri è giudice di Junior MasterChef Italia, ruolo che mantiene anche nelle edizioni successivi. Giunto alla terza stagione, nel 2016, il format “4 Ristoranti” trasmesso su SkyUno continua a riscuotere un grande successo. In ogni puntata, 4 ristoratori gareggiano per conquistarsi la vittoria come miglior ristorante in una determinata zona e per tipologia di cucina. Alessandro Borghese ha un ottimo rapporto con il web e con il suo pubblico su internet. Nel suo sito sono presenti tanti video ricette e informazioni utili in cucina. Da non perdere i suoi “live” in cui in diretta presenta la preparazione di alcuni suoi piatti e idee per cucinare. Il sito è un’occasione per conoscere meglio i suoi impegni e il suo lavoro, nonchè la personalità solare e sempre sorridente. Alessandro cattura il pubblico con la sua semplicità e simpatica disponibilità anche su facebook e twitter.


d a l

19

2

1

Novità!

LUGLIO 0

7

Passione, professionalità, entusiasmo, dettagli. Ti invitiamo a scoprire Eatò, la nuova idea di Bistrò, il cuore pulsante del food concept.

CAFFÈ

/

BURGERIA

/

CENA

CUCINA & BISTRÒ / GRIGLIERIA APERITIVO

/

COCKTAIL

BAR

Fruit Burger

taste it!

Eatò

Via delle Gondole 175 / OSTIA, RM / +39 06.5610314 / info@eato.it

www.eato.it


+Benessere a cura della redazione

Salvaguarda la tua salute grazie a una equilibrata e sana alimentazione

tablet

Un’alimentazione varia ed equilibrata è alla base di una vita in salute. Un’alimentazione inadeguata, infatti, oltre a incidere sul benessere psicofisico, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per l’insorgenza di numerose malattie croniche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, circa 1/3 delle malattie cardiovascolari e dei tumori potrebbero essere evitati grazie a una equilibrata e sana alimentazione. Di cosa abbiamo bisogno L’organismo umano ha bisogno di tutti i tipi di nutrienti per funzionare correttamente. Alcuni sono essenziali a sopperire il bisogno di energia, altri ad alimentare il continuo ricambio di cellule e altri elementi del corpo, altri a rendere possibili i processi fisiologici, altri ancora hanno funzioni protettive. Per questa ragione l’alimentazione deve essere quanto più possibile varia ed equilibrata. Cereali Grano, mais, avena, orzo, farro e gli alimenti da loro derivati (pane, pasta, riso) apportano all’organismo carboidrati, che rappresentano la fonte energetica principale dell’organismo, meglio se consumati integrali. Contengono inoltre vitamine del complesso B e minerali, oltre a piccole quantità di proteine. Frutta e ortaggi Sono una fonte importantissima di fibre, un elemento essenziale nel processo digestivo. Frutta e ortaggi sono inoltre ricchi di vitamine e minerali, essenziali nel corretto funzionamento dei meccanismi fisiologici. Contengono, infine, antiossidanti che svolgono un’azione protettiva. Carne, pesce, uova e legumi Questi alimenti hanno la funzione principale di fornire proteine, una classe di molecole biologiche che svolge una pluralità di funzioni. Partecipano alla “costruzione” delle diverse componenti del corpo, favoriscono le reazio-ni chimiche che avvengono nell’organismo, trasportano le sostanze nel sangue, sono componenti della risposta immunitaria: forniscono energia “di riserva”, aiutano l’assorbimento di alcune vitamine e di alcuni antiossidanti, sono elementi importanti nella costruzione di alcune molecole biologiche. Un insufficiente apporto di proteine può compromettere queste funzioni (per esempio si può perdere massa muscolare), ma un eccesso è altrettanto inappropriato: le proteine di troppo vengono infatti trasformate in depositi di grasso e le scorie di questa trasformazione diventano sostanze, che possono danneggiare fegato e reni.

32

Le carni, in particolare quelle rosse, contengono grassi saturi e colesterolo. Pertanto vanno consumate con moderazione. Vanno consumati con maggior frequenza il pesce, che ha un effetto protettivo verso le malattie cardiovascolari (contiene i grassi omega-3) e i legumi, che rappresentano la fonte più ricca di proteine vegetali e sono inoltre ricchi di fibre. Latte e derivati Sono alimenti ricchi di calcio, un minerale essenziale nella costruzione delle ossa. È preferibile il consumo di latte scremato e di latticini a basso contenuto di grassi. Acqua Circa il 70% dell’organismo umano è composto di acqua e la sua presenza, in quantità adeguate, è essenziale per il mantenimento della vita. L’acqua è, infatti, indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici e delle reazioni biochimiche che avvengono nel corpo, svolge un ruolo essenziale nella digestione, nell’assorbimento, nel trasporto e nell’impiego dei nutrienti. È il mezzo principale attraverso cui vengono eliminate le sostanze di scarto dei processi biologici. Per questo, un giusto equilibrio del “bilancio idrico” è fondamentale per conservare un buono stato di salute nel breve, nel medio e nel lungo termine.

Questo articolo è stato tratto dal sito del Ministero della Salute, e per le sue caratteristiche esaudienti e concise abbiamo ritenuto utile pubblicarlo sulle nostre pagine come importante fonte di informazione per il nostro benessere. La redazione


T ablet incontra di Paola Ferrini

A Centro Giano

un posto in paradiso per le arti nobili

tablet

Cultura, teatro, musica, canto e tanto altro. Sono solo alcune discipline integrate di recente nelle attività parrocchiali per volere di Don Enzo, il parroco di Santa Maria del Ponte e San Giuseppe, la chiesa di Centro Giano che coinvolge un bacino d’utenza di 3500 persone residenti e quindi di credenti e non credenti, di giovani e anziani, di donne e bambini, di italiani e stranieri. La comunità è stata fondata negli anni settanta da Monsignor Luigi Di Liegro, (solo Don Luigi per i parrocchiani di Centro Giano) e da egli stesso seguita personalmente anche dopo la nomina a Direttore della Caritas Diocesana di Roma e oltre, fino agli ultimi giorni di vita di questo straordinario sacerdote che tanto del bene ha saputo fare a chi aveva bisogno di aiuto, di una dimora, di un piatto caldo per sfamarsi, di una mano per risollevare la testa e magari ricominciare a marciare sulla forza delle proprie gambe. Negli anni ’80 fu lui a promuovere e realizzare in tutta Roma ostelli e mense per i poveri, luoghi d’accoglienza per i senza tetto e per i più disagiati. Dopo la sua scomparsa, la comunità parrocchiale di Centro Giano ha avuto un lungo periodo di declino e l’attività istituzionale si limitava alle funzioni religiose dei giorni festivi e poco più, senza veri tentativi d’aggregazione dei fedeli e dei cittadini generalmente non frequentanti gli ambienti ecclesiali, fin quando è giunto come parroco Don Enzo il quale, una volta studiata la situazione, la fruibilità degli spazi prospicienti la chiesa, la disponibilità di alcuni parrocchiani a collaborare su nuovi progetti per il coinvolgimento delle persone del quartiere sotto un profilo di carattere culturale anziché attraverso un approccio esclusivamente pastorale, ha voluto puntare sulla rinascita di una comunità a tutto tondo e, a fianco delle attività di preghiera, ha voluto creare uno spazio culturale, affidandone la progettualità e la direzione artistica a Ermanno De Cristofaro, impresario e talent scout che da quarant’anni organizza attività e spettacoli per l’Italia, coinvolgendo artisti di primaria rilevanza. Il risultato, in poche settimane, è stata una rivitalizzazione degli spazi della curia, con frequentazioni di centinaia e centinaia di cattolici ma anche di altrettante persone che non avevano tra le loro priorità una vita parrocchiale. 34 Ermanno De Cristofaro Direttore Artistico

È così nata una scuola di teatro per giovani che annovera al proprio interno anche una classe di adulti, tutti coordinati e messi in scena già il prossimo 14 luglio, dall’attore e regista Paolo Mannozzi. Ci sarà per l’anno a venire anche una scuola di Don Enzo canto e di pianoforte, per chi vorrà imparare a tirar fuori il proprio estro in campo artistico musicale. Le iscrizioni saranno aperte a partire da settembre ma dalle preadesioni il tutto esaurito sembra una notizia più che scontata. La bellezza di scoprire realtà dinamiche da far conoscere agli altri abitanti del X Municipio, consente alla parrocchia di S. Maria del Ponte e San Giuseppe ma anche a TabletRoma di fornire ai propri lettori uno spaccato della società territoriale, magari non ancora conosciuta a fondo, con la speranza che le buone pratiche nate da iniziative spontanee, possano trovare analoghe soluzioni altrove nel territorio del Municipio, sulla scorta delle esperienze e dell’esempio già sperimentato con successo da altri, come in questo caso. La curiosità ci ha spinto ad incontrare il protagonista di questa svolta culturale per un paio di domande. D. Don Enzo, cosa l’ha indtta a coltivare un sogno così difficile da realizzare? R. Lo studio del tessuto sociale con i cambiamenti degli ultimi tempi: famiglie nuove ancora senza figli, single, stranieri speranzosi di un’accoglienza degna di questo nome. Siamo partiti da lì. Sono un prete, il mio compito è quello di costruire ponti attraverso la fede, l’amicizia e la cultura. I risultati poi non hanno tardato a venire, visto che abbiamo lo stesso afflusso di altre grandi parrocchie ma con un bacino d’utenza molto inferiore. D. Ha trovato particolari difficoltà a realizzare questa svolta? R. I buoni risultati dell’iniziativa “giugno sotto le stelle”, le sinergie con il Comitato di Quartiere e con la locale Polisportiva nonché la preparazione della festa patronale del 14, 15 e 16 luglio, lasciano spazio ad un ottimismo crescente, anche tra i miei collaboratori per lo sviluppo di queste iniziative, collaboratori che in taluni casi vengono anche da “esperienze” e “credo” diversi da quelli canonici della chiesa cattolica. Una comunità senza spazi e senza idee è una comunità con grandi deficit. Il primo punto da sviluppare è necessariamente uno spazio psicologico, poi con la volontà si fanno cose fantastiche e spesso inimmaginabili e quindi la risposta direi che c’è e la si è vista in tutto il suo splendore.


+ Design

di Alessandra Lino

creativaseriale@gmail.com www.creativaseriale.com

Arredi take away Wherever Home Alla mostra “Design Nomade” tenutasi a Milano la scorsa primavera, sono stati presentati una serie di oggetti, diversi tra loro ma accomunati dall’idea di un design agile, pensato per rispondere ai nuovi bisogni del vivere contemporaneo. Qui ho scovato “Itaca” il progetto di arredo nomade della designer Elena Bompani. Ho deciso di raccontarvelo non solo perché credo che sia un’idea innovativa e al passo con il nostro tempo, ma anche perché mi ha conquistato la sua estetica pulita e minimale e perché l’ho trovato un prodotto vivace e stimolante per la struttura semplice e armonica. Un arredo mobile pensato per la nuova generazione di globe – trotter urbani, sempre in movimento, che grazie a questa idea geniale, potranno sentirsi a casa propria ovunque vadano. Si presenta come un kit ultraleggero e pratico, [foto1] che nasconde in due sacche da viaggio una serie di arredi trasformabili in legno e in tessuto, che permettono di ricreare, in un attimo, uno spazio privato dove rilassarsi, riposare, leggere e lavorare, il tutto…. come se fossimo a casa nostra! 1 Questo progetto nasce dall’esperienza personale della giovanissima Elena Bompani, designer italiana dall’animo nomade, che in soli 25 anni ha intrapreso ben 13 traslochi. Per lei ogni trasloco è stato un piccolo trauma e al contempo una grande emozione. Questo l’ha portata più volte a chiedersi come potesse essere per le altre persone e cosa considerassero casa, soprattutto in un periodo storico, che sempre più spesso ci porta a percorrere distanze sempre maggiori per studio, per lavoro o per piacere. Così partendo dalla consapevolezza che siamo sempre più cittadini del mondo ma con la necessità di portare

con sé, in qualche modo, le proprie radici e la propria storia, Elena Bompani ha sviluppato “ Itaca” … il posto in cui si torna! Questi semplici elementi modulari sono stati pensati per poter essere assemblati tra loro, attraverso diverse combinazioni, e ricreare uno spazio privato. Ideati per chi vive in affitto o per chi cambia spesso casa, possono essere facilmente personalizzati adattandosi allo spazio e alle diverse esigenze individuali, trasformandosi in appendiabiti, in ripiani, in divano-letto, sgabello e scrivania. [foto 2 -3 -4 ] Così la Designer, indagando sui nuovi tipi di nomadismo e sul nuovo modo di vivere e di abitare, si è lasciata ispirare per quanto riguarda i colori e i materiali dagli oggetti che anticamente venivano trasportati dai pastori nomadi durante la transumanza. Ecco perché i materiali con cui è stato realizzato “Itaca” sono il faggio, il cuoio, il cotone e il lino. Elementi che vengono poi riutilizzati al momento di richiudere la struttura trasformandola in una valigia o in una sacca da trasportare comodamente in spalla …. Un modo per sentirsi più velocemente a casa! Mi è piaciuto questo progetto di design pensato per rispondere a una precisa domanda, come anche l’idea che dopo aver preparato le mie valigie, mettendoci dentro i miei vestiti preferiti e i miei oggetti personali, io possa, grazie ad “Itaca “, preparare la mia sacca mettendoci dentro la mia casa! [foto5] Tuttavia sembra che il “nomadismo” sarà un tema importante per il futuro e, se questa è la prima volta che ne sentite parlare nell’ambito del design, vi assicuro che presto ne vedrete delle belle!

4

2

tablet 36 3

5


Roma sotto attacco dei piromani:​ non bruciate il vostro patrimonio!

Brucia la Città cantava Irene Grandi in una sua canzone, ma da giorni bruciano anche le automobili! Un termine che va di moda in questi giorni è “piromane” con il quale molti Mass media indicano il responsabile dei numerosi roghi che in questo periodo stanno colpendo vaste zone del nostro bel paese e in particolar modo il nostro quartiere . La piromania è una malattia psicologica che comporta un’ossessione per tutto quel che riguarda il fuoco. Affermando che i responsabili dei roghi sono piromani, si potrebbe innescare un messaggio subliminale dal quale rimanere preoccupati, infatti visto l’aumento esponenziale degli incendi, si potrebbe ipotizzare che anche tale malattia è in preoccupante aumento quasi fosse un’epidemia e soprattutto attenuare le colpe di chi effettua questo obbrobrio, in quanto non essendo una persona sana di mente non sarebbe responsabile delle proprie azioni. In realtà le cose sono ben diverse, chi appicca il fuoco è volontariamente un delinquente sano di mente, le cui azioni sono causate da un preciso obiettivo oppure in minoranza da persone che proprio della natura e degli animali se ne fregano altamente, esempio il caso verificatosi in Campania dove una persona per bruciare sterpaglie ha provocato un grosso incendio ad una casa e la morte di un operaio che ha tentato di spegnerlo. Il X° municipio è il più colpito dai piromani che stanno bruciando le auto e non solo, notizie di qualche giorno di incendi anche alle attività commerciali, e se questa malvagia moda si spostasse verso le nostre abitazioni?

tablet 38

Per cercare i presunti piromani alcune pattuglie dei Carabinieri sono state dirottate nel quartiere. I militari del nucleo radiomobile hanno inseguito un’auto sospetta a bordo della quale viaggiavano due cittadini albanesi che alla vista dei militari ha iniziato la fuga. La loro corsa è finita quando la macchina ha tamponato un’altra pattuglia di carabinieri. Per i due occupanti è scattato l’arresto con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. Ma i danni causati da queste persone da chi vengono risarciti? Purtroppo se non siamo coperti da una buona assicurazione siamo costretti a dare fondo ai nostri risparmi. Con una giusta consulenza è possibile trovare delle soluzioni che ci salvaguardino da queste ipotesi che potrebbero minare l’economia famigliare e/o aziendale. Prendete appuntamento con un nostro consulente per poter valutare la vostra situazione sia famigliare che aziendale, dedicate del tempo per salvaguardare il vostro patrimonio. - RC AUTO - POLIZZE VITA E CASA - POLIZZE INFORTUNI E MALATTIA - FONDO PENSIONE - RC PROFESSIONALI - POLIZZE UFFICIO E ATTIVITÀ COMMERCIALI

Viale di Castel Porziano 359 d/e - 00124 Roma Tel. 06.50.61.13.90 - info@mmagroup.it - www.mmagroup.it


Mestieri

a cura della Città dei Mestieri

La formazione, scelta di vita

Per imparare un mestiere non ci sono limiti di età. Le scuole Ettore Rolli, Nicola Zabaglia, Arti ornamentali e Scienza e tecnica di Roma Capitale lo dimostrano Ceramica, mosaico, tessitura, pittura, oreficeria, lavorazione pellame, restauro mobili, fotografia. Una scelta tra 150 corsi per adulti e tutto con Roma Capitale. Le scuole Ettore Rolli, Nicola Zabaglia, arti ornamentali e scienza e tecnica formano infatti le scuole di arte e mestieri di Roma Capitale, da qualche anno un punto di riferimento per quanti vogliano riprendere un percorso di studi ad esempio abbandonato per esigenze familiari. O ancora, per quanti hanno intenzione di mettersi in gioco e, per quanti hanno perso un lavoro e scelgono uno dei corsi, perché no, per fare impresa. Fino al 14 luglio e, dal 4 settembre, fino ad esaurimento posti, è possibile effettuare le preiscrizioni. Il mese di giugno è stato invece dedicato agli open day nel corso dei quali sono stati illustrati i singoli corsi e tra questi la ceramica, lavorazione del vetro, scultura e gli altri già citati. Le domande possono essere presentate ad un solo corso e solo dopo aver verificato che il calendario delle lezioni non si sovrapponga, è possibile iscriversi ad una seconda specialità.

LE SCUOLE

tablet

Ettore Rolli. L’Istituto propone corsi di grafica, di informatica, di reportage fotografico e un corso dedicato alla progettazione e realizzazione di vetrate artistiche. Nicola Zabaglia. È la scuola artistico-artigianale per eccellenza. Offre corsi di pittura, mosaico, affresco, ceramica, modellazione, illustrazione e grafica, e corsi dedicati alla manutenzione e conservazione dei materiali e tecniche di conservazione dei mosaici. Arti Ornamentali. Propone corsi di oreficeria con le diverse specializzazioni, di restauro dei materiali, del mobile e della ceramica, di pittura, di modellazione e, sempre nel settore strettamente artigianale, di macramè, cesteria, arazzo, tessitura, moda, arredamento d’interni ed incisione. Scienza e Tecnica. Prevede un’ampia offerta che comprende corsi di fotografia, corsi di erboristeria, corsi di arte e arredo dei giardini, erbari e paesaggi minimi. Nella scuola si organizzano anche corsi di informatica, web master e web design. Il percorso rivolto al campo della moda si caratterizza per una particolare attenzione all’utilizzo di materiali riciclati. Svolgimento dei corsi: dal lunedì al venerdì tra le 15 e le 21

40

Possono iscriversi tutti coloro che abbiano superato l’età della scuola dell’obbligo. Per gli stranieri è richiesto il permesso di soggiorno in corso di validità. Come ci si iscrive: fino al 15 luglio e dal 4 settembre fino ad esaurimento posti; è possibile inviare le richieste di preiscrizione. È prevista una quota contributiva in base all’Isee familiare. In questo caso la dichiarazione va presentata entro novembre 2017. Il saldo dovrà essere versato entro il 31 gennaio 2018. Iscrizioni: La scheda per la preiscrizione si può trovare e scaricare sul sito di Roma Capitale e inviare a iscrizioni.artemestieri@comune.roma.it Per informazioni: Scuola Ettore Rolli Via Macedonia, 120 tel. 0678850000 – La segreteria della scuola è aperta dal 1 settembre al 30 giugno, dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19. Per info: formazione.scuolerti@comune.roma.it. Scuola scienza e tecnica Viale Glorioso, 5 tel. 065810018. Per info: formazione.scuolearti@comune.roma.it o contattare la sede dipartimentale: 06/671070112-6122- 6163-9953. Scuola arti ornamentali Via San Giacomo, 11 – 06 36001843. Per info inviare una mail a formazione.scuolearti@comune.roma.it o telefonicamente la sede dipartimentale: 06/6710/70112- 6122- 6163- 9953. Scuola Nicola Zabaglia Piazza San Paolo in Regola, 43 tel. 06 6865976. La segreteria della scuola è aperta dal 1 settembre al 30 giugno, martedì, mercoledì e giovedì, dalle 16 alle 19. Dal 1 luglio al 31 agosto la segreteria resta chiusa. Per info: formazione.scuolearti@comune.roma.it Per ulteriori informazioni: dipartimento Turismo-Formazione e Lavoro Direzione Formazione e Lavoro 06/6710/70112-6122- 6163. ù Mail: formazione.scuolearti@comune.roma.it Città dei Mestieri e delle professioni di Roma e del Lazio Via del Sommergibile 11- Ostia Lido - Tel. 06.5672763 – 06.671073150 municipio10@cittadeimestieri.lazio.it - wWw.cittadeimestieri.lazio.it città dei mestieri e delle professioni Municipio X


06.52.16.92.32

- 06.52.31.92.31

CENTER SERVICE C O N V E N Z I O N I C O N L E M A G G I O R I C O M PA G N I E D I L E A S I N G

autorizzato

specializzato

OFFICINA MECCANICA - ELETTRAUTO PRE REVISIONE E REVISIONE ASSISTENZA E VENDITA ATV QUAD RICARICA ARIA CONDIZIONATA ELETTRONICA - ASSETTI SPORTIVI PREPARAZIONE FUORISTRADA SERVIZIO PNEUMATICI tel. 06.52169530 whatsapp 392.4140954 info@gamboni-motorsport.com gamboni motorsport

plurimarche

CARROZZERIA - SOCCORSO AUTO GRATUITO/CONVENZIONATO:ANIA TUTTE LE ASSICURAZIONI AUTO SOSTITUTIVA LAVAGGIO TAPPEZZERIE RESTAURO AUTO Dâ&#x20AC;&#x2122;EPOCA RICARICA ARIA CONDIZIONATA tel 06.52169725 cellulare 393.9090732 carfelix@tiscali.it www.carrozzeriaostiense.com

www.gamboni-motorsport.com

Viale Enrico Ortolani 192 Zona Industriale Acilia - Roma


Tablet Bike

di Luca Santagà fb avventure in bici

Un miraggio nel parco Adesso possiamo dirlo: fa proprio caldo. Una primavera non certo prodiga di piogge ci ha traghettato in un inizio di estate particolarmente torrido. Quindi smettiamo di fare escursioni in mountain bike? Certo che no, le facciamo lo stesso ma ci organizziamo in maniera diversa, tenendo presente appunto, che al nostro fisico sarà richiesto uno sforzo maggiore. Come ACCOMPAGNATORE NAZIONALE MTB di solito vi consiglio tutto ciò che c’è da sapere quando si affronta un’ escursione, i lettori più affezionati di TabletRoma oramai mi conoscono, ma quando il caldo è così intenso credo che sia doveroso attenersi oltre che ai consigli, soprattutto al buonsenso. Vorrei però aggiungere un paio di suggerimenti che ritengo importanti: prima di tutto è cosa saggia anticipare di qualche ora l’ inizio delle escursioni. Ci si muove molto presto la mattina e questo consente di iniziare a pedalare con il fresco, per abituarci in maniera graduale alla temperatura che cresce con il passare delle ore. Soste frequenti e fisico sempre idratato sono accortezze fondamentali per evitare di stancarci troppo. Proprio a proposito dell’ idratazione, credo che nei mesi estivi, lo zaino idrico sia la soluzione ideale per avere una riserva d’ acqua adeguata, eventualmente coadiuvata da integratori a base di magnesio e potassio, soprattutto se non siamo sicuri di trovare fonti durante il percorso. Premesso questo, a me piace molto proporre alle persone che pedaleranno con me, degli itinerari che prevedano una o più soste nei pressi di corsi d’ acqua, laghi o sorgenti. Raggiungere un luogo bellissimo e selvaggio in

tablet 42

bicicletta e fare un bagno, magari sotto le fresche acque di una cascata, è un’ esperienza straordinaria ed appagante, soprattutto perchè ci permette, durante i mesi più torridi, di stemperare il calore accumulato e di rigenerare le nostre energie. A questo proposito vorrei raccontarvi l’ ultima escursione, in ordine di tempo, che ho trovato particolarmente piacevole e divertente. L’ appuntamento è di buon’ ora lungo la pista ciclabile di Roma, esattamente al Ponte delle Tavole, qualche chilometro prima della diga di Castel Giubileo. Da qui si procede in direzione Prima Porta e, percorrendo vie secondarie e prive di traffico si entra finalmente nel Parco di Veio. La prima cosa che colpisce è che ad una manciata di chilomerti dal Raccordo Anulare ci si possa immergere, seguendo la via Francigena in un mondo dove la natura è padrona assoluta. Paesaggi suggestivi alternati a ponti di legno, vallate verdissime e sentieri facili da percorrere ci accompagnano fino al borgo di Isola Farnese ed al famoso mulino; qui c’è una cascatella dove è praticamente d’ obbligo scattare qualche foto. Proseguiamo nel bosco in salita, fino a che il sentiero non sbuca su un pianoro, immettendosi su una strada sterrata che costeggia un campo di grano di cui non si vede la fine. Una vera gioia per gli occhi.


Tuttavia il caldo comincia ad essere intenso, il termometro del GPS segna 35 gradi e abbiamo voglia di fare una sosta, magari all’ ombra. Mi sono ricordato che in una precedente escursione in questo parco avvenuta nei mesi invernali, che lungo il sentiero, è possibile scavalcare la

staccionata e scendere lungo la riva di un torrente che d’ inverno sembrava proprio gelido,

ma ora... sotto il solleone ci appare come un vero e proprio miraggio. Siamo dei pressi del leggendario Ponte Sodo, una galleria lunga circa 70 metri scavata nel tufo attraverso la quale scorre appunto il torrente Valchetta. Appoggiate le bici ad un albero ci godiamo finalmente un po’ di refrigerio camminando a piedi nudi, nelle fresche acque del torrente e andiamo a curiosare all’ interno della galleria. Quest’ ultima è stata scavata dagli Etruschi nel quinto secolo A.C. per favorire il deflusso dell’ acqua piovana; certo è che rimane uno degli scorci più suggestivi in cui io mi sia mai imbattuto in tanti anni di escursioni. Il pediluvio rinfrescante non è che il valore aggiunto a questa “scoperta”. Avete ragione. Forse l’ espressione miraggio è eccessiva. Quello che volevo esprimere è la mia meraviglia di fronte a cose così belle e soprattutto inaspettate. Se c’è una cosa che ho imparato con il tempo e l’ esperienza è che quella della mountain bike è un’ attività che riesce ancora a stupirmi. Spesso accade quando meno me lo aspetto, e non c’è escursione che non lasci in me una profonda traccia emozionale. Come non c’è racconto o fotografia che possa rendere appieno l’ idea di quello che si può vedere e provare durante una di queste escursioni; è necessario viverle in prima persona, senza fretta e con la giusta compagnia. Forse è uno dei pochi modi che ci sono rimasti per sentirsi in armonia con la natura e con il proprio fisico, scoprendo che i limiti che a volte ci poniamo, sono dati solo da pigrizia e paure. Appena ce ne liberiamo, nulla ci può fermare.


di Armando Vitali Presidente dell’Associazione dei Commercianti e delle altre Imprese del Litorale Romano - X Municipio

PRIMO BILANCIO Caro lettore, sono passati circa due mesi e mezzo dal nostro insediamento nell’ organo dirigenziale di quella che rimane la più importante associazione di categoria del Municipio, ed è per questo che l’impegno assunto di ribadire il ruolo dell’ associazione come principale punto di aggregazione e di rappresentanza sociale del territorio, necessita di un percorso lungo ed ambizioso. Ma i primi risultati sono iniziati ad arrivare, come sono arrivate le prime ruvide problematiche da affrontare con le giuste soluzioni. Il commissariamento in cui ci troviamo da ormai due anni certamente rallenta ogni tipo di iniziativa e risoluzione, ma ormai ci accingiamo a vivere una nuova epoca, in cui la classe politica tornerà a governarci, augurandoci meglio di chi lo ha fatto negli ultimi anni. Abbiamo già dato il via ad una lunga serie di corsi di formazione organizzati da Confcommercio Roma, direttamente sul nostro territorio, con lo scopo di alzare l’asticella professionale della nostra categoria, con ottimi risultati in termini di partecipazione, confermandoci che la strada intrapresa è quella giusta. Presto, già nel mese di luglio, verranno organizzati nuovi corsi, con una duplice location, una ad Ostia, l’altra nell’ entroterra, a significare e confermare che la nostra attenzione è fermamente rivolta a tutti i quartieri del Municipio. Corsi Facebook e sul fare impresa online ( ormai tutti siamo coinvolti, non ne possiamo fare a meno), sul credito, sul mondo dell’immobiliare, sulle nuove normative inerenti il commercio. Una serie di importanti convenzioni esclusive per l’associato pronte ad essere lanciate, dai prodotti bancari a quelli turistici, fino ad un lunghissimo elenco di piccole imprese aderenti allo scopo di sviluppare un sistema/rete, stimolante di interscambio tra gli imprenditori locali. Abbiamo concluso un eccezionale accordo in esclusiva inerente gli spettacoli che si svolgeranno per tutta l’estate nella suggestiva ed unica cornice del teatro romano di Ostia Antica, intercettando migliaia di turisti e cittadini romani che verranno ad acquistare presso le nostre imprese. Al momento non mi è consentito scrivere oltre perché il prodotto ottenuto per i nostri associati verrà pubblicizzato poco dopo l’uscita del presente articolo. Stiamo impostando una collaborazione importantissima con l’Agenzia delle Entrate allo scopo di creare uno Sportello dedicato ai nostri associati ed alle molteplici e gravose problematiche che investono le piccole e medie imprese, certi che in questo modo molte questioni possano essere chiarite e risolte anzitempo. Siamo anche in una fase storicamente delicata, perché si sono formati due comitati promotori per l’ Autonomia di tutta od una parte del nostro Municipio da Roma: uno auspica la creazione di un comune autonomo che annoveri e mantenga gli attuali confini territoriali del X Municipio, l’altro sta promuovendo il distacco dei soli territori di Ostia, Ostia Antica e di una parte dell’ Infernetto. Il comune denominatore, e mi scuso per il gioco di parole ma è voluto, è solo uno, ovvero la volontà di rendersi autonomi da

una Roma Capitale troppo distratta nei nostri confronti. E questo è il terzo tentativo. Voi cosa ne pensate? Mi farebbe molto piacere ricevere vostre opinioni e commenti in merito. Sapevamo però che oltre alle iniziative avremmo dovuto affrontare alcuni problemi, e qui alcune note dolenti. Abbiamo battagliato sin dall’inizio, ad esempio, per impedire la chiusura scellerata del Lungomare di Ostia per tutta l’estate, in nome di una confusa e scarsa programmazione estiva, che avrebbe chiuso nuovamente una arteria principale della città rendendola triste, vuota e per certi versi anche pericolosa. Battaglia vinta. Non siamo contro la pedonalizzazione, siamo contro una pedonalizzazione scriteriata, mentre siamo favorevoli ad una pedonalizzazione figlia di una programmazione seria di eventi, un alcuni punti, che sia di pregio e di beneficio per la città. La nota più dolente, ahimè, riguarda il centro commerciale Le Terrazze di Casal Palocco, i cui commercianti sono stati vittima di una profonda ed immeritata ingiustizia. Grazie al grande lavoro svolto da Confcommercio Roma e dal nostro ex Presidente Luca Capobianco, era stato presentato un bellissimo progetto alla Regione Lazio per l’adesione alle Reti d’Impresa, una sorta di progetto atto a promuovere lo sviluppo turistico del Centro unitamente agli Scavi di Ostia Antica, che avrebbe consentito l’erogazione peraltro della somma di 100.000 euro destinato a tale promozione. Ebbene, il progetto è stato dichiarato purtroppo inammissibile perché per ben due volte, anche dietro sollecito, il Municipio non ha inoltrato alla Regione la documentazione completa opportunamente inviata da Confcommercio Roma. Quindi, per un vizio di forma, il progetto non è stato nemmeno valutato, con un danno per tutte le parti attrici. Ma visto che non ci arrendiamo, il progetto è pronto per essere ripresentato nel 2018, augurandoci ovviamente che il bando venga nuovamente pubblicato. Concludendo, il numero di associati sta vertiginosamente aumentando, quel senso di unione e di rappresentanza, quella voglia di sentirsi parte di qualcosa più grande del singolo, sta riemergendo in molti di noi, e la struttura, composta vi ricordo da quasi 30 persone di altissimo livello, forse come mai prima d’ora , sta lavorando alacremente. Consiglieri, consulenti e referenti territoriali impegnati, mossi solo dalla grande passione per il nostro territorio, hanno iniziato un lavoro complesso e radicato in ogni parte del nostro territorio. Siamo a disposizione per chiarimenti e supporto, pronti ad accogliere una nuova classe politica che dovrà per forza di cose interagire con noi, e noi daremo ascolto alla voce di chi compone il tessuto sociale di un Municipio che merita di riscattarsi. Alla prossima.

X MUNICIPIO Piazzale della Posta 2 - 00121 OSTIA LIDO - ROMA Tel. 06/5623356 – Fax 06/233238149, cell. 393/8800627 E-mail ostia@confcommercioroma.it www.confcommercioroma.it


S cadenzario Fiscale Anna Maria De Calisti commercialista

Lo Studio De Calisti A.M. saluta tutti i Lettori che si inoltrano nello scadenzario fiscale di Luglio e Agosto 2017. La prima scadenza è il pagamento dei contributi per i datori di lavoro domestico. Il pagamento che va dal 1° luglio al 10 luglio, secondo la nuova circolare Inps, potrà essere versato esclusivamente secondo le seguenti modalità: a) rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche” (tabaccherie); b) online sul sito internet “www.inps.it”, nella sezione Servizi on line – Elenco di tutti i servizi - Pagamento contributi lavoratori domestici; c) telefonando al Contact Center 803.164, 1-10 tramite utilizzo di carta di credito; d) utilizzando il bollettino MAV. Lo Studio rammenta, che per l’anno 2017, l’INPS ha suddiviso i contributi per i datori di lavoro domestico in due tabelle scindendo il tipo di contratto applicato da tempo indeterminato a quello a tempo determinato con l’aggiunta del contributo addizionale. Si rende noto ai Lettori che con il giorno 01 luglio 2017 la fusione da Equitalia ad Agenzia diventa operativa. Inoltre entro la stessa scadenza diventano operative 1 le norme che estendono lo split payment previste dal DL 50/2017. 4 Con la scadenza del 4 luglio 2017 diventa operativo il nuovo Decreto Legislativo in tema di Antireciclaggio. Lo Studio aggiorna i Lettori che il termine ultimo per l’invio del 730/2017 è il 07 luglio 2017. E’ comunque possibile inviare il 730/2017 entro il 24 luglio 2017 7 nel caso di utilizzo del precompilato prelevato on line attraverso un pin personale, oppure tramite CAF o Intermediario abilitato secondo diposizioni in vigore. Lo Studio rende noto che avendo dipendenti o collaboratori occasionali, la scadenza del 16 luglio prevede: IRPEF, Ritenuta d’acconto, contributi INPS. 16 Inoltre, entro il 16 luglio coloro che sono titolari di Partita Iva e si trovano sotto un regime IVA mensile dovranno effettuare il versamento. Chi non ha potuto pagare omettendo imposte e ritenute (non versate o versate in misura insufficiente entro il 16 giugno 2017), con l’opportuno calcolo può ravvedersi entro il 16 luglio. 25 Con la scadenza del 25 luglio coloro che ne sono soggetti, devono presentare gli elenchi riepilogativi Intrastat. Lo Studio rammenta che con la scadenza del 31 luglio salvo proroga vi è la presentazione telematica del Mod. 770 per i sostituti d’imposta che hanno corrisposto somme e valori per i quali hanno trattenuto la ritenuta alla fonte, i contributi previdenziali e assistenziali ed i premi assicurativi dovuti all’Inail. 31 Si prosegue poi con la scadenza del giorno 31 luglio per i versamenti che derivano dalla Dichiarazione dei redditi 2017 per l’anno d’imposta 2016, pertanto coloro che sono in possesso di partita IVA e le persone fisiche, dovranno effettuare il versamento relativo ad Irpef, Irap, Ires, adeguamento studi di settore ed eventuale acconto della cedolare secca sugli affitti col pagamento della maggiorazione dello 0,4%. Inoltre, entro il 21 agosto coloro che sono titolari di Partita Iva e si trovano sotto un regime IVA mensile, dovranno effettuare il versamento salvo proroga. 21A Il 21 agosto è in scadenza l’Iva del 2° trimestre 2017, dei contributi Inps (artigiani e commercianti) e della 3 Rata Inail. 31A Si prosegue poi con la scadenza del giorno 31 agosto per i versamenti rateizzati che derivano dalla Dichiarazione dei redditi 2017 per l’anno d’imposta 2016 per persone fisiche, società di persone e soggetti IRES. Si rinnova ai lettori che lo Studio essendo anche CAF CGN è in grado di fornire ulteriori servizi tra cui: • 730 per coloro che sono dipendenti, collaboratori, pensionati. • Gestione Badanti e Colf. • Successioni. Lo Studio ringrazia per l’attenzione dei lettori e rimane a disposizione, sia per ogni ulteriore chiarimento ed augura a tutti buone ferie.

Studio De Calisti Anna Maria - Via Leonardo Mellano 72 - 00125 Roma - 06/52352585 cell. 3333087137 - email: amdec@libero.it

L’ avvocato risponde a cura dell’avvocato Federica Lorenzetti lorenzettiavv@gmail.com

L’assegno divorzile e l’epocale sentenza della Corte di Cassazione di maggio 2017

tablet

Salve a tutti e ben ritrovati. Nell’articolo di questo mese, voglio parlarvi dell’importante sentenza emessa dalla Corte di Cassazione in merito all’assegno divorzile e all’epocale svolta nei principi che regolano il suo riconoscimento. Difatti, a maggio 2017, la Suprema Corte ha di fatto eliminato il principio della “continuazione del tenore di vita goduto durante il matrimonio ” quale parametro necessario ai fini del riconoscimento del diritto all’assegno divorzile. Ad oggi, pertanto, il Giudice del divorzio, in relazione alla statuizione sull’assegno di mantenimento, dovrà informarsi al “principio di autoresponsabilità” economica di ciascuno degli ex coniugi, riferendosi soltanto alla loro indipendenza o autosufficienza economica, anche valutando eventuali patrimoni immo46 biliari e mobiliari ovvero la semplice capacità lavorativa (in dipendenza

ad esempio dell’età o dello stato di salute…). Deve pertanto considerarsi quale unico elemento di valutazione la componente assistenziale, laddove vi sia l’ assenza di adeguati mezzi economici del coniuge più debole, ovviamente, necessariamente riferendosi alla impossibilità oggettiva di procurarseli. Cassazione elenca in maniera specifica gli indici dai quali desumere l’autosufficienza: 1) il possesso di redditi di qualsiasi specie 2) il possesso di cespiti patrimoniali mobiliari e immobiliari 3) la capacità e possibilità effettive di lavoro personale 4) la disponibilità di una casa di abitazione. In una eventuale causa giudiziale per vedersi riconosciuto il diritto all’assegno divorzile, l’onere della prova della mancanza degli adeguati mezzi o dei motivi oggettivi per poterseli procurare, graverà sulla parte richiedente l’assegno.


C6 .@=2AA6.:< =2? 4B@A.?2 69 ;<@A?<

429.A< .?A646.;.92

di Graziano Natale

GA Services Snc di Graziano Natale Via Egna, 28 (Infernetto) | 00124 Roma | Tel. 06 99783309 | info@gaservices.it | www.gaservices.it facebook: gaservices2016 | instagram: gaservices2016


I l Viaggio del mese fotografie e testo di Valentina Mele

Tappa a San Francisco

tablet

Il viaggio indimenticabile, quello che rimarrà nella storia della vita e che ogni tanto porterà ad esclamare “Ti ricordi quel giorno...?” e giù a ridere e a ricordare, ribadendo alla fine “Decisamente il viaggio più bello”. Con una coppia di amici io e il mio ragazzo decidiamo di fare un viaggetto negli Stati Uniti... “Mamma, dammi 100 lire che in America voglio andar...” In realtà il viaggio ci è costato un po’ di più di 100 lire, ma ne è valsa la pena. Il nostro viaggio non comprende una sola città per un po’ di giorni, ma un tour itinerante lungo la costa californiana, con dei piccoli saltelli interni. La nostra prima tappa è San Francisco, atterriamo qui in serata, dopo moltissime, lunghissime ed estenuanti ore di volo. Ritiriamo i bagagli, che ci aspettavano (altro che Fiumicino), e prendiamo la nostra macchina. Da questo momento in poi inizia il nostro viaggio on the road. Il nostro albergo si trova nella zona della finanza, molto pulito e moderno, sbrighiamo il check in e ci sistemiamo nelle stanze. Primo suggerimento: ricordate sempre di portare con voi una carta di credito da poter utilizzare. Gli alberghi ve la chiederanno e vi preautorizzeranno un centinaio di dollari al momento del check in, che si sbloccheranno una settimana dopo. Arrivati in serata, ci siamo ritrovati intorno alle 23 a vagare per il nostro quartiere in cerca di qualcosa da mangiare. Cancellate l’idea che in America sono tutti aperti a qualsiasi ora: è un falso clamoroso. Considerate che gli americani cenano, generalmente, intorno alle 18 o poco più, di conseguenza alle 23 i ristoranti sono chiusi da un bel pezzo. Girovagando, e sotto consiglio del receptionist in albergo troviamo Denny’s, tipico fast food americano. Da questo momento in poi sarà il nostro punto fermo per tutto il viaggio, ogni volta che spostandoci lo vedremo ripeteremo sempre “Danny’s!”. é praticamente ovunque e si trova più spesso di un Mcdonald’s. Detto questo, non si mangia un granché: hamburger bruciacchiati e pane non proprio freschissimo, infatti non ci abbiamo più mangiato, però ritrovarlo in tutte le città era divertente. Punti interessanti da vedere a San Francisco. -La mattina dopo ci siamo diretti sicuri e spavaldi al molo per prendere il

48

traghetto per Alcatraz. Era tutto pieno fino alla settimana successiva. Secondo suggerimento: Prenotate il tour ad Alcatraz direttamente sul sito da casa. Demoralizzati ci siamo diretti al Fisherman’s wharf. Un molo turistico molto carino. Ci sono negozi di ogni genere, d a l l ’a b b i g l i a m e n t o delle squadre sportive ai gioielli del posto. Si trovano un po’ ovunque dei piccoli chioschi che vendono conchiglie in cui all’interno ci sono perle. Una vendita tipica da queste parti. Molti negozi di abbigliamento di ogni genere, di souvenir molto carini e molti bar in cui mangiare ogni cosa. Noi abbiamo pranzato al famoso Bubba Gump Shrimp. Ricordate il film Forrest Gump? In cui il protagonista in guerra decide con un suo amico di aprire un ristorante in cui si facciano solo gamberi? Ecco, questo è il ristorante ispirato a quel film. All’interno oltre a trovare una vasta scelta di cibo con gamberi, molto buono, troverete molte foto del film, oggetti di scena e un piccolo


negozietto di gadget del colossal americano. “Ammazza gli americani”. Mentre passeggiavamo abbiamo sentito un odore molto forte e non proprio buonissimo, cercando di capire da dove venisse siamo arrivati in una parte del molo, guidati dalla molta gente, in cui vi erano moltissime foche che dormivano o si tuffavano in acqua indisturbate. Calati totalmente nel ruolo di turisti siamo andati a prendere un cable car. Il mezzo di trasporto di San Francisco, che si vede spesso nei film,sul quale si può viaggiare aggrappati ai lati. Considerando che San Francisco è praticamente composta da un ordinata sequenza di salite e discese, il nostro viaggio sul cable car è stata come una corsa sulle montagne russe in discesa, aggrappati sulla balaustra esterna, sfrecciavamo nel centro della città. Arrivati al capolinea abbiamo deciso di risalire a piedi passando per China Town. Ovviamente se con il cable car siamo scesi, tornare indietro equivaleva a salire. Mai faticato così tanto a fare una passeggiata, alcuni punti di San Francisco sono così ripidi da farti supporre che potresti tranquillamente scalare il Monte Bianco, tanto ormai sei allenata e senza attrezzi. China town è molto caratteristica ma decisamente sporca e non molto profumata. Dopo diversi minuti che camminavamo in mezzo ad una moltitudine assurda di cinesi ci chiedevamo se eravamo ancora in America. Siamo passati per Lombard street, la strada caratteristica di tutte curve. Il giorno dopo abbiamo visitato il punto più famoso della città il Golden Gate Bridge.

Questo immenso ponte rosso (se vi chiedete perché è rosso e non oro/ golden ve lo spiego subito) sovrasta il Golden Gate, ossia lo stretto che unisce la Baia di San Francisco con l’Oceano Pacifico. In realtà il Golden Gate è quello che si trova sotto, non il ponte. Il ponte è immenso e sembra sospeso sull’oceano, c’era un po’ di nebbia quindi sembrava non finire mai. Dall’altro lato del ponte si trova Sausalito: una cittadina marittima tipicamente turistica molto più simile alle nostre città di mare, al panorama a cui noi siamo abituati. Naturalmente da bravi turisti un’occhiata al Transamerica, il grattacielo simbolo di San Francisco non poteva sfuggire. La nostra breve tappa a San Francisco è finita qui e ci tengo a lasciare un paio di consigli: Non cercate di cenare troppo tardi (sono tutti chiusi). Non prendete mai un piatto di pasta, lo pagherete tanto e ne sarete terribilmente delusi. Non girate la notte tardi e non vi avventurate in zone particolari: San Francisco è rinomata come la città con un’alta criminalità. Portatevi, anche in piena estate, una felpa o un giacchetto e una sciarpetta, a San Francisco fa sempre freddo.

tablet 49


S istema Binario di Simona Gitto

Con Neuralink

Elon Musk ci regala un’altra “visione”: l’unione uomo-macchina

tablet

Non ci sono più dubbi sul fatto che Elon Musk sia un vero visionario. A meno che costruire veicoli elettrici, automobili che si guidano da sole, tunnel autostradali super-tecnologici e razzi riutilizzabili, non siano altro che idee comuni o semplici passatempi. E noi sappiamo che non è così. E quando pensiamo che l’imprenditore sud-africano abbia dato fondo a tutta la sua ingegnosità, ecco che ci stupisce di nuovo. Stavolta il progetto si chiama Neuralink, e l’intenzione è quella di sviluppare una tecnologia in grado di integrare cervello umano e computer. Neuralink in realtà nasce nel 2016 (ma viene presentata a marzo di quest’anno), prima di tutto in ambito medico: l’implementazione del cervello umano tramite connessioni tecnologiche può essere utile a risolvere problemi cognitivi derivati da traumi, come ictus, o lesioni congenite. Musk spera che nel giro di quattro anni, questa sua società sarà in grado di risolvere i problemi più gravi in questo senso, e regalare una nuova vita a chi presenta gravi difficoltà cognitive o cerebrali. Ma come, esattamente? Stiamo parlando di hardware, in sintesi, impiantabili, biocompatibili e senza fili. Hardware invisibili ma che diventerebbero indispensabili. Il progetto è nato con queste premesse, ma ormai conosciamo Elon Musk e sappiamo che ogni sua idea nasconde sempre altro. Spesso il visionario imprenditore si è fermato a pensare a quanto l’intelligenza artificiale stia crescendo e sviluppandosi, e quanto (secondo la sua opinione) rischia di soppiantare o rendere obsoleta l’intelligenza umana. Una vera preoccupazione, questa, che lo avrebbe spinto ad imbarcarsi in una missione. Infatti, Neuralink potrebbe produrre, un giorno, un hardware utilizzabile da chiunque, in grado di potenziare le nostre facoltà cerebrali e cognitive e diventare parte integrante di noi esseri umani. E la sua visione ottimista ci dice di aspettare solo 8-10 anni. Le premesse dietro un progetto di questo tipo sono, soprattutto, frutto di un bilancio sulla realtà di oggi. Musk ha più volte spiegato che oggi siamo molto limitati nella nostra interazione con le macchine, dal momento che esiste ancora una separazione fisica: tastiere, schermi, sensori, non sono altro che interfacce “esterne”. Questo limite si risolve creando un’interfaccia cervello- computer, bypas-

50

sando la corporeità nostra e dei dispositivi, e arrivando ad una vera e propria connettività neurale. Questo permetterebbe agli uomini di controllare computer, macchine e dispositivi, utilizzando solo il pensiero. E non solo questo. Da questa interazione nascerebbe una nuova connettività: l’uomo connesso alla macchina potrà comunicare sia alla macchina stessa che con qualsiasi altro uomo a sua volta connesso a una macchina, sempre utilizzando solo il pensiero, in una sorta di “telepatia consensuale”. Le premesse sono tante e le aspettative di Musk sono molto alte. Come abbiamo detto, è convinto di poter riuscire a realizzare un sistema simile in pochissimi anni. Ma, nonostante i molti curiosi e affascinati dal progetto, non mancano gli scettici, soprattutto neuro- scienziati, per nulla convinti sia delle tempistiche che del concept di fondo. Non che una tecnologia simile sia del tutto sconosciuta in ambito scientifico. Le interfacce uomo-macchina esistono da decenni. Ci sono sistemi abbastanza semplici che permettono al cervello di controllare arti prostetici o alcuni sensi, come vista o udito, per chi li ha compromessi. Ma interfacce più complesse, come quelle che Neuralink si prefigge di realizzare, consentirebbero al cervello di essere direttamente connesso a un’intelligenza artificiale o addirittura alla mente di un’altra persona in una data rete di comunicazione, senza nessuna separazione fisica. Allo stato odierno delle cose, questa appare ancora come fantascienza. Non è chiaro né come e né se un sistema di connessione simile possa essere realizzato. Ma anche se la strada è lunga e gli ostacoli considerevoli, la cosa certa è che se Elon Musk ha in mente qualcosa non si fermerà facilmente.


M usica

di Valentina Ecca

Senhit, aria fresca nel panorama musicale italiano Senhit è una cantate italo eritrea con un curriculum impressionante: tre album di cui uno con la direzione artistica di Gaetano Curreri, una collaborazione teatrale con Massimo Ranieri, l’adesione allo storico concerto del 2009 “Amiche per l’Abruzzo” e la partecipazione all’Eurovision Song Contest 2011 come rappresentante per la Repubblica di San Marino. Insomma tanta roba. Noi l’abbiamo intervistata per farci raccontare qualcosa sulla sua ultima fatica discografica “Hey Buddy”, EP uscito il 30 giugno di quest’anno. 1. Senhit, so che la tua passione per la musica nasce dopo aver partecipato al Karaoke di Fiorello, come andò quell’esperienza e come, da un gioco è diventata una professione? «Ho sempre avuto la passione per la musica. Ho partecipato al Karaoke a 14 anni. Quella fu proprio una folgorazione, mio padre era un po’ contrario voleva che continuassi a studiare e in realtà così ho fatto per un po’. La tv qualche anno fa proponeva dei bei contenuti musicali per cui partecipare ad un programma come Karaoke fu un’esperienza molto forte e formativa. Da lì ho capito che cantare era quello che volevo fare». 2. Hai avuto possibilità di collaborare con grandi nomi della musica italiana come Massimo Ranieri e gli Stadio. Cosa sei riuscita a carpire da loro e cosa ti hanno lasciato? «Finita la scuola ho capito che la mia vocazione era la musica per cui ho fatto delle audizioni locali e Massimo è stato il primo a volermi. Ero curiosa di sperimentarmi in una forma d’arte, il teatro, che comprendeva canto, ballo e recitazione e lui è stato un grande maestro che mi ha arricchito a livello personale e lavorativo. Dopo l’esperienza con Massimo Ranieri si sono aperte un sacco di opportunità anche all’estero dove ho lavorato per un po’ sempre nell’ambito del teatro, poi sono tornata in Italia».

tablet

3. Raccontaci un po’ come è nato il tuo ultimo progetto “Hey Buddy”. «Il titolo nasce per omaggiare il mio fedele amico a quattro zampe Buddy. Lui per me è stata una rivelazione, mai avrei pensato di affezionarmi così ad un cane. Purtroppo è stato protagonista di una brutta storia di abbandono e di rifiuto perché considerato brutto. Io, invece, mi sono fatta incastrare da mia sorella. Ma di Buddy non potrei mai fare a meno e allora gli ho dedicato anche il titolo di questo EP. “Hey Buddy” è anche il modo in cui gli americani si salutano e questa cosa mi piaceva molto! Il progetto nasce grazie al fatto che Brian Higgins (già produttore dei Pet Shop Boys e Kylie Minogue) mi aveva sentito e voleva lavorare con me. Ovviamente ne sono stata onorata e così l’ho raggiunto al sud di Londra dove ha il suo studio chiamato Xenomania, una casa dove si respira musica dalla mattina alla sera. Lì sono nati alcuni dei brani di “Hey Buddy” che sono,

52


fra l’altro, stati lanciati anche sul mercato inglese grazie al remix di alcuni importanti dj». 4. In “Living for the weekend” si percepiscono delle forti influenze dance anni ’90, come è nato questo brano? «Con Brian abbiamo voluto omaggiare il suono potente della dance anni ’90, per me è stata una scoperta perché arrivavo dalla melodia italiana e da un sound completamente diverso. Anche tecnicamente non ero abituata a cantare su quel tipo di beat e invece mi si è rivelato un universo di suoni nuovi e che mi appassionavano». 5. Il video di “Living for the weekend” fra l’altro è molto bello, con queste pupi siciliani che vanno in giro per una città trafficata e modernissima, come è nato il concept del video? «Per il video volevamo fare un richiamo alle origini siciliane di Marracash che ha collaborato al pezzo ecco perché i pupi siculi». 6. Con “Higer” l’energia rimane la stessa ma passiamo a sonorità più pop. Cambiamo completamente genere. «Sì, volevo creare un album eclettico come eclettica sono io, non ho un genere. Il comun denominatore è la mia energia. “Higer” nasce con una produzione completamente diversa, quella di Corrado Rustici. L’idea era quella di suonare cose diverse e di non incastrarmi in un genere, perché io non ne ho uno. Nell’EP che uscirà il 30 ci sono solo alcune cose di tutte quelle che abbiamo creato nel periodo di produzione, le altre magari usciranno più in là; vedremo». 7. Come sta andando il tour estivo e dove ti vedremo nelle prossime tappe? Sta andando bene, sto partecipando al tour “Giochi del Calcio di Strada” organizzato dalla pagina Facebook “Calciatori brutti”. Hanno messo su un gran

In bocca al lupo a Senhit e un abbraccio al suo fantastico Buddy! Le fotografie di Senhit sono state gentilmente concesse dall’Agenzia Parole&Dintorni

tablet

bell’evento dove si può giocare a diverse discipline tipo il calcio tennis o la tedesca. Durante l’evento poi c’è la parte musicale dove ci siamo io e la mia band, un gruppo di grandi professionisti coi quali lavoro davvero molto bene, che intratteniamo e suoniamo. La risposta della gente è positiva, sanno i pezzi e li ballano. Il tour andrà avanti fino a fine luglio in varie parti d’Italia. A settembre, poi, tornerò a lavorare su nuovi brani e creare qualcosa di diverso, non mi fermo mai!».

53


“ECCELLENZA ED INDIPENDENZA” Con la globalizzazione ed il sempre più massiccio sviluppo delle multinazionali sembrava che le piccole aziende dovessero sparire per sempre, schiacciate da una concorrenza con maggiori risorse economiche e soprattutto maggiori strumenti produttivi. In realtà i più lungimiranti avevano previsto un effetto boomerang dove la piccola impresa sarebbe riuscita a rialzarsi e diventare di nuovo il fulcro della nostra economia. In quella che è potuta sembrare un’impresa hanno giocato un ruolo fondamentale diversi aspetti che i più valorosi piccoli imprenditori hanno saputo sfruttare e gestire nella nuova concezione del mercato moderno. La piccola impresa ha il vantaggio dell’unità di direzione, di una maggiore attenzione in ogni fase del processo di lavorazione, di una cura maggiore dei particolari. Le piccole imprese si muovono più rapidamente. I grandi hanno più soldi, ma i piccoli di solito hanno maggiore creatività. Così anche noi della Extimm Immobiliare abbiamo scelto di offrire un servizio orientato non verso i grandi numeri o alla “acquisizione in serie e fine a se stessa”di proposte immobiliari, ma verso l’unico materiale che conti davvero, “il materiale umano”. Si lavora con le persone, non con gli immobili. Offrire servizi eccellenti al cliente, investire nella più moderna tecnologia, saper ascoltare le esigenze altrui e scegliere le più vincenti strategie personalizzate per ogni singolo obiettivo di vendita o locazione è la mission della nostra Azienda. Siamo consapevoli che il vero segreto del successo è nell’indipendenza e che per restare indipendenti dobbiamo essere i migliori ed avere il culto dell’eccellenza. Provare per credere... Enrico Maria Biagioli

Axa, Via Aristofane, duplex inferiore di 80 mq con giardino. Rifinitissimo e ristrutturato. € 230.000. APE G

Infernetto, Via Cles, appartamenti di nuova costruzione in duplex superiore o inferiore, rifinitissimi, diverse tipologie. Consegna Dic. 2017. APE In attesa di certificazione.

Infernetto, Via Giordano, ufficio ristrutturato 40 mq interni con posto auto coperto all’interno del garage condominiale. Ottima posizione commerciale. € 99.000. APE G

Casal Palocco, centro commerciale “Le Terrazze”, Appartamento di 120mq interni e 40 mq di terrazzo, ottima esposizione. € 420.000. APE G

Nuova Palocco, splendida villa unifamiliare di 600 mq interni e 1500 esterni. Rifinita con materiali di pregio e dotata di impianto di domotica di ultima generazione. Trattative Riservate. APE A

Infernetto, Via Olivieri, villa di 170 mq interni con giardino fronte/retro, ottimo stato, rifinita, due camere fuori terra. € 309.000. APE E

VIA SENOFANE ,123 – 00125 Roma – Tel: 06 89.34.46.09 Mob. + 39 339.24.25.656 Mail: extimmimmobiliare@gmail.com Facebook & Instagram: Extimm Immobiliare


Lo Studio offre servizi di consulenza del lavoro


Luglio :agosto 2017  

TabletRoma è un free press romano a distribuzione gratuita. Informazione, Cultura e Società

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you