Issuu on Google+


aprile 2010 Editoriale 6 News 10 Green Way Carte “green”, che confusione!

26

Focus carte 20 Focus nobilitazione 22

5

6

28/36

6

38/41

Packaging Beauty... in a box! Da guardare e toccare

Printing 24 Stampati glam e brillanti? Il trucco è nel make-up 46 La tipografia moderna? Si chiama Loretoprint 58 Essere eco-friendly, ognuno a modo suo

5

Editoria Editoria e stampati inebriati di comunicazione

Packaging 28 Dalla musica al beauty, al pack ci pensa Pozzoli 56 Beauty... in a box! Da guardare e toccare

Editoria Editoria e stampati inebriati di comunicazione

38

5

6

L’angolo di Susanna Il vino in gessato

43/45

L’angolo di Susanna Il vino in gessato

43

Shoppers Lo shopper si ritocca il look per farsi bello

41

5

Quattro continenti, un’azienda e un impegno

6

Shoppers Lo shopper si ritocca il look per farsi bello

Carta & media

48/53

54

Eventi Il gran gala newyorkese di Gruppo Cordenons

60

Naming Natura e cura di sé nel naming per la cosmesi

C

aprile 2010

64

4

5

6

Eventi Il gran gala newyorkese di Gruppo Cordenons

60


BIANCO ASSOLUTO La prima carta patinata assolutamente bianca.

curiosi? pi첫 informazioni sul bianco assoluto alla pagina: www.heaven42.com


editoriale

*di isabella schiavi

isabella.schiavi@sunnycom.it

Essere... L’attenzione all’immagine è uno dei cardini della società moderna. Non prendetemi per superficiale, ma per realista. Possa piacere o no, è sotto gli occhi di tutti l’enfasi che viene data all’estetica e la cura, spesso smodata, che donne e uomini dedicano a farsi belli. Niente da ridire sulla doverosa e legittima dedizione per la propria persona ma, come sempre, non bisogna eccedere presi da un’ansia da prestazione che talvolta trasforma un concetto in sè così alto e nobile come la bellezza, che investe anche l’arte e la cultura, in un vero scempio. E scommetto che gli esempi non vi mancano in tal senso. Se chi è bello per natura, ovvero vanta aspetto e lineamenti armoniosi, può soprassedere sugli artifici per migliorare la propria figura (ma non ne sarei tanto sicura), noi povere creature “umane” dobbiamo ricorrere a qualche espediente per trasformarci in persone esteticamente più gradevoli. Misura, consapevolezza dei propri mezzi e un pizzico di spregiudicatezza e creatività sono, a mio avviso, gli ingredienti da dosare per conferire un tocco di charme ed eleganza a quell’importante contenitore di anima e vita che è il nostro corpo. Lo stesso discorso vale naturalmente per la nostra cara comunicazione stampata, dove astucci seducenti e shopping bag accattivanti nascondono segreti di bellezza, e dove una spruzzata di profumo trasforma un foglio di carta in un insolito prodotto cosmetico. La regola è quindi sperimentare e osare con tecniche di stampa e materiali, senza esagerare però, al fine di raggiungere un’estetica appagante, unica e distintiva, ma non urlata. E se dietro l’immagine e la forma intrigante si nasconde un prodotto al di sotto delle aspettative, non disperate. Potete almeno conservare la scatola, il sacchetto o un prezioso stampato. Se succede con le persone, invece, purtroppo c’è ben poca cosa da fare: sbarazzatevene in toto!

...o diventare? C

aprile 2010

6


Artwork: MoltiMedia.it

Le vostre idee nel loro habitat naturale.

Non c’è niente di più prezioso di una bella idea. Per questo deve trovare il contenitore giusto. Un packaging che ne esalti la personalità, realizzato con la stessa creatività, attraverso una cura e un’attenzione artigianali, ma prodotto con la capacità industriale e la rapidità di risposta di un’azienda innovativa, conosciuta in tutto il mondo. In altre parole, un packaging Pozzoli. Il posto migliore dove far splendere le vostre idee.

Pozzoli S.p.A. Via G. Di Vittorio 11 20065 Inzago (Milano), Italy Tel. +39 02 954341 Fax +39 02 95434240 E-mail: mail@pozzolispa.com

Pozzoli Deutschland GmbH

Pozzoli Ltd 36 Gowan Avenue London SW6 6RF - UK Tel/fax +44 020 7384 3283 E-mail: mail@pozzolispa.com

Zeilweg 44 D-60439 Frankfurt am Main Tel. +49 069 58604032 Fax +49 069 58604033 E-mail: pozzoligmbh@t-online.de

www.pozzolispa.com

Pozzoli France 253, Rue Saint Honoré - 75001 Paris Tel. +33 01 44 55 01 29 Fax +33 01 44 55 01 22 Email: sales@pozzolifrance.com www.pozzolifrance.com


Strategie

Polyedra allarga il raggio d’azione

La società del gruppo PaperlinX è oggi attiva sul territorio italiano con 4 business unit: Print, Office, Caledonia e Branopac. Quest’ultima in particolare si è arricchita della linea Packaging Puntozero, che comprende prodotti per l’imballaggio. L’attività di ampliamento strategico prosegue di pari passo con investimenti legati a prodotti come la linea Revive di carte riciclate ed Hello Fat Matt, le nuove carte patinate spessorate. A completare l’offerta, per consentire assortimento e velocità di evasione degli ordini, è stato creato un centro taglio a Parma. Infine, un nuovo network logistico, studiato per rendere l’organizzazione più agile, capillare e competitiva, ha portato Polyedra a creare diversi magazzini in aree fino ad oggi scoperte. www.polyedra.com

Il ruvido che mancava è firmato Arctic Paper

La cartiera ha introdotto nuove carte nella linea Munken. La gamma, infatti, si amplia grazie all’inserimento di tre nuove qualità con una superficie particolarmente ruvida. I prodotti si chiamano Munken Polar Rough, Lynx Rough e Pure Rough ad indicare le tre qualità e tonalità: bianco brillante, bianco naturale e crema. La novità risiede nel fatto che, se prima per creare una carta con questo livello di ruvidità era necessaria pasta legno, ora Arctic Paper è riuscita a introdurre una carta di questo genere senza pasta legno e in grado di offrire sensazioni tattili uniche, semplice da stampare e da rifinire. www.arcticpaper.com

Carta&Media

Ecco a voi, la crème del packaging!

Fedrigoni, da sempre, ama reinventarsi il mondo della carta e così è stato anche durante la recente edizione di Cosmoprof. In questa occasione, la cartiera ha realizzato La crème des papiers, una confezione sfiziosa contenente una selezione di carte speciali adatte al packaging. Tra queste, erano presenti la gamma Freelife, con le sue carte che vanno dalla classica patinata lucida o satin alle raffinate naturali, colorate e marcate; immancabile l’eleganza di Splendorlux e la perlescenza di Sirio Pearl. Chiude il cerchio il ricco assortimento di texture di Constellation e le raffinate Marcate, dalle morbide finiture superficiali. L’occasione si è rivelata perfetta per presentare l’ultima nata in casa Fedrigoni: Ispira, dal tocco vellutato. www.fedrigoni.com

C

aprile 2010

8


Carta&Media

Arjowiggins Creative Papers a caccia di storie e nuovi talenti

La cartiera ha lanciato il concorso “Your Curious Story” per incoraggiare i creativi a svelare il loro talento attraverso un’opera realizzata con le carte della Curious Collection. Chi vorrà partecipare al contest potrà iscriversi sul sito dedicato presentando illustrazioni, opere digitali in 2D, 3D, e vere e proprie sculture di carta. Aperto a professionisti e studenti, il concorso invita a creare una propria Curious Story in cui la carta ha il ruolo di eroe, come avviene nella campagna ideata da Grégoire Alexandre dove una moderna “Alice” viaggia attraverso universi paralleli alla scoperta di meraviglie colorate fatte di carta 100% Curious. Ogni partecipante potrà presentare al massimo 3 opere che dovranno, poi, essere realizzate con la carta che Arjowiggins invierà a seguito della richiesta di una campionatura della serie Curious Collection. Le opere presentate verranno giudicate dagli utenti con una votazione pubblica. Seguirà una premiazione nazionale ad ottobre e, a novembre, i vincitori delle singole nazioni concorreranno alla seconda premiazione che avverrà a livello internazionale e che decreterà due vincitori mondiali. www.yourcuriousstory.om

Black Box: Dom Perignon ti segue ovunque

In occasione del Salone del Mobile di Milano, in un temporary shop dedicato, è stata presentata Balck Box, una confezione firmata dal designer Marc Newson che contiene l’edizione Dom Perignon Vintage 2000 del famoso champagne. Si tratta di un porta bottiglia, ma anche di una preziosa custodia resistente all’acqua e agli urti e dotata di una capsula refrigerante che mantiene la bottiglia alla temperatura ideale, anche in caso di temperature esterne elevate. La case è realizzata in policarbonato nero, materiale robusto e termoresistente. La bottiglia rimane completamente isolata grazie a un doppio stampo e nello stesso tempo protetta dagli urti. Il design moderno e anticonformista rende Black Box un oggetto imperdibile per gli appassionati di Dom Pérignon. www.domperignon.com

9

aprile 2010

C


Etichette

La barra della creatività

A prima vista sembrerebbe non esistere nulla di meno creativo di un codice a barre. Eppure Henkel ha raccolto questa sfida e, insieme alla scuola Politecnica di Design, ha allestito, durante il FuoriSalone di Milano, una vera art gallery dei barcode di Dixan Piatti! Henkel ha realizzato una bottiglia con un’etichetta nuova, primo esempio della bar-code revolution! Questa occasione è stata il punto di partenza di un concorso aperto a tutti al quale si può partecipare accedendo al sito dedicato. Incredibile la fantasia degli artisti esposti nell’art gallery: pennelli, ciuffi d’erba, fiamme e molto altro hanno reso la banalità di un codice a barre un’autentica forma d’arte. www.dixeanrevolution.it www.henkel.it

Ritrama al Vinitaly 2010 vince l’etichetta d’oro

É l’etichetta del Valdobbiadene Prosecco Docg superiore Rive di Col San Martino la vincitrice del primo premio nella categoria confezioni di vini spumanti prodotti con fermentazione in autoclave e in bottiglia. L’etichetta, frutto della collaborazione tra Ritrama, specializzata nella progettazione, produzione e distribuzione di materiale autoadesivo, e l’etichettificio Semav, è stata stampata su carta bianca opaca Matt WS, con stampa offset del fondo nero, oro serigrafico e vernice spessorata per il rilievo. ww.ritrama.com www.semavetichette.it

Il pack in pochi pezzi? Chiedetelo a Roland Quale cornice migliore del Cosmopack per dare una dimostrazione concreta delle applicazioni alle quali si può adattare un plotter Roland? Così la filiale italiana della nota azienda giapponese ha preso parte all’evento che celebra il pack della cosmesi mostrando live alcune potenzialità della serie VersaUV LEC-330, come la prototipazione del pack o la compatibilità di stampa con materiali sia cartacei sia plastici, la stampa del bianco o di una verniciatura trasparente. Infine, la funzione di fustellatura, per creare grafiche adesive della forma desiderata, anche in un pezzo unico. Sullo stand i tecnici hanno stampato confezioni originali a dimostrazione che non ci sono formati che tengano: quando la competenza e la tecnologia si incontrano ogni cosa è possibile. www.rolanddg.it

C

aprile 2010

10


Molti campioni del mondo sono venuti dalla Svizzera. Vi presentiamo il prossimo.

Etichette

Il mercato delle etichette autoadesive cresce a dismisura Secondo uno studio Finat, associazione mondiale che raggruppa i produttori di etichette autoadesive e gli operatori collegati a questo mercato, il comparto commerciale conferma la crescita iniziata nel 2005. Inoltre, il mercato delle etichette autoadesive si è ampliato estendendo anche alle bottiglie d’acqua l’uso di questo sistema di etichettatura. L’avvento del sistema di applicazione rapida delle etichette ha consentito al settore di svilupparsi velocemente e con risultati soddisfacenti, come ha riconosciuto anche Spear, azienda esperta nella fornitura di sistemi per l’etichettatura autoadesiva che ha vinto il Label Awards di Finat con l’etichetta Crabbie’s Green Ginger wine. www.finat.com

Olio extravergine di oliva: qualità al 100%

Tanto se ne è parlato che alla fine ci si è riusciti. Il riferimento è l’etichetta parlante che racconta la storia di un prodotto, nel caso specifico, l’olio extravergine di alta qualità. L’etichettatura adottata da Unaprol (Consorzio Olivicolo Italiano) dota queste bottiglie di una label adesiva che veicola a consumatori, distributori e ristoratori informazioni complete sull’olio. Il sistema è basato sul codice QR Code e permette, se inquadrato dalla fotocamera di un telefono cellulare (dotato del programma specifico) di risalire alla tracciabilità del prodotto specifico. In più, per il consumatore finale, è indice di un prodotto sottoposto a controlli particolari e quindi sinonimo di qualità. www.unaprol.it

G3 La nuova generazione di plotter da taglio. Convi nvincere i clie clienti ti con la qualità q alità e la creativà c eativà. Zund vi vi conquisterà con i migliori plotter da taglio al mondo. Stupitevi della loro efficienza, modularità e produttività. Zund G3, l`ultimo campione dal produttore leader mondiale dei plotter. www.zund.com Prenota la tua visita presso lo Zund Technology Center per una dimostrazione personalizzata.

per la grafica Zund Italia S.n.c. Via Defendente, 9 I-26900 Lodi T 0371 421 309 F 0371 421 776 info@zund.it www.zund.it

per la cartotecnica Logics Srl Via I Maggio 228 I-24045 Fara d`Adda BG T 0363 398 927 F 0363 399 765 info@logics.it www.logics.it


Eventi

Un RegalOne tutto ecologico

Un gioco di parole che racchiude un progetto green originale. Un’idea nata dall’attenzione per il mondo della natura e dei materiali a impatto zero e dall’accordo con Legambiente Turismo. Parliamo di RegalOne, un cofanetto regalo ecologico che propone 20 attività gustose e divertenti e 100 soggiorni enogastronomici. La proposta porta la firma di J09, azienda che realizza e distribuisce il pack ed è specializzata nella fornitura di servizi di marketing e comunicazione. Come funziona il regalo? Basta acquistare il cofanetto, sfogliare la guida contenuta nel pack, scegliere l’attività che si desidera provare e poi... viverla! www.regalone.it www.j09.it

Corvasce: il design sostenibile si incontra in libreria

L’azienda di Bari si dedica, da sempre, alla realizzazione di soluzioni originali ed efficaci per esporre i prodotti dei propri clienti. Corvasce, per questo motivo, è stata il partner tecnico di Librerie Coop al FuoriSalone, curando un allestimento in collaborazione con RetailDesign e Paolo Lucchetta che è stato il punto di contatto tra il mondo dei libri e quello del design. Quelli proposti sono stati i prodotti in cartone della linea ECOmobile, che hanno reinterpretato gli spazi per il tempo libero e la cultura. Una linea di soluzioni a basso costo, reversibili e riciclabili, caratterizzate da leggerezza e duttilità, oltre che da un prezzo accessibile e alla portata di tutti. www.corvasce.it

Stacca, attacca e conserva. Così le etichette non si perdono più

Stappare una bottiglia e conservarne il ricordo? E’ possibile grazie a Winememory, un sistema che consente di archiviare e catalogare le etichette per tenerne memoria grazie alla possibilità di plastificare le stesse e inserirle in un album ad anelli. Il segreto è una pellicola adesiva che protegge quell’etichetta particolare, originale o pregiata in modo da creare delle schede informative dettagliate di ogni vino senza dover cercare lo spazio per bottiglie vuote e ingombranti. Le pellicole sono vendibili in confezioni da 12 o da 6 e sono utilizzabili in modo semplice. Basta pulire bene la bottiglia, applicare l’adesivo sull’etichetta e farlo aderire premendo sulla superficie con il tappo per poi tirare lentamente il supporto fino a staccarlo del tutto. A questo punto il tutto è pronto per essere riposizionato sul supporto, che verrà inserito nel raccoglitore ad anelli. www.winememory.com

13

aprile 2010

C


Eventi

I cartoni diventano... animati

Ranocchie, teste di cavalli, scimmie e pellicani. Uno zoo? Non esattamente. Sono le figure che hanno preso vita durante il Salone del Mobile di Milano nell’allestimento dello store di Mauro Grifoni. Artefice di queste macro sculture in cartone è stato A4Adesign, studio di architettura e design milanese che utilizza materiali inusuali per allestire i punti vendita. In questo caso il cartone ondulato, debitamente lavorato e sagomato, ha animato l’elegante punto vendita situato nel cuore della metropoli creando una sorta di foresta incantata. E lo shopping si fa magico! www.a4adesign.it

Award

Popai premia l’originalità di BI&BI Advertising

L’agenzia di comunicazione napoletana si è aggiudicata un doppio premio ai recenti Popai Awards 2010 a Parigi. Il primo argento è andato ai megadispenser Pantene ed Herbal Essences, realizzati per la Procter&Gamble nella categoria “non durevole”. Le confezioni, in PST termoformato personalizzate con etichette adesive fronte/retro, sono state ideate come supporto al lancio di nuove referenze per shampoo e balsamo. Vince l’argento anche il display per la vetrina di Ottica Avanzi, nella categoria “shopfitting arredo”. www.biebiadvertising.com

Editoria

Il video che si sfoglia come una rivista

V.I.P. è la sfida che Panorama ha lanciato al mondo della comunicazione. Il settimanale uscito a fine marzo, ha pubblicato un inserto che conteneva un mini-schermo LCD da 3,5 pollici dello spessore di 3 mm ad alta definizione di immagini e audio, dove erano visualizzabili video su cinque canali diversi per una durata di 45 minuti. Partner tecnologico del V.I.P è la società Americhip, specializzata nella produzione di prodotti audio e video supportati da microchip e nella stampa dimensionale per l’editoria, direct mail, shopper marketing. Partner media è stata Citroen, che ha permesso il caricamento dei suoi video sul nuovo supporto. www.citroen.it

C

aprile 2010

14


La divisione contract di Poltrona Frau si rifà il look grazie ad Artefice

Artefice Group ha stilizzato il nuovo logo della contract division di Poltrona Frau, specializzata nell’affiancare progettisti di tutto il mondo nello sviluppo di arredi esclusivi per teatri, auditorium, musei, aeroporti, alberghi, negozi e spazi pubblici. Il progetto del nuovo logo si affianca all’ideazione e produzione del cofanetto Super Premium contenente due book, Interior e Seating, che illustrano l’offerta della divisione. Il logo realizzato da Artefice Group è costruito intorno a due finestre quadrate (gialla per la sezione Seating e rossa per Interior), che dischiudono l’universo dei progetti realizzati in tutto in mondo da Poltrona Frau e Cassina. Il quadrato è la forma della visione Contract e ritorna nel cofanetto bianco che racchiude i due book, anch’essi quadrati. Interior apre la finestra sulla lunga, consolidata tradizione di Cassina nel Contract, mentre Seating racconta l’esperienza di Poltrona Frau nell’arredo di alcuni degli ambienti più prestigiosi del mondo. www.arteficegroup.it

Pop

“Addio ai sacchetti di plastica”

È l’iniziativa lanciata dai supermercati Unes, azienda sempre attenta al tema del green. 55 supermercati venderanno solo borse usa-riusa in Tnt (Tessuto-non-tessuto), acquistabili a soli 50 centesimi, e sacchetti biodegradabili in MaterBi - materiale contenente fibra di mais adatto alla raccolta dell’umido, sviluppato e commercializzato da Novamont. È costituito da amido di mais, di patate o di grano allo stato naturale.Trattato e mischiato con una piccola parte di polimeri sintetici, derivati essenzialmente dal petrolio, ma con procedimenti che ne rendono le molecole biodegradabili. www.unes.it www.novamont.com

Graphics Handbook: a ciascuno il suo

Un progetto in mente e non si sa quale materiale usare per realizzarlo? Le risposte cercate sono lo spunto del libro realizzato da Iggesund, azienda specializzata nella produzione di superfici della famiglia Invercote, cartone multistrato di cellulosa sbiancata (SBB), realizzato con pasta chimica ottenuta con il metodo della cellulosa al solfato. Invercote è usato per la produzione di cartoline, cataloghi, nonchè per imballaggi di cosmetici, profumi, cioccolato, prodotti farmaceutici e sigarette. www.iggesund.com

15

aprile 2010

C


Esempio di QR Code Pillole di Vinitaly 2010...

Direttamente dalla Sardegna una lezione di immagine coordinata Le cantine di Orgosolo hanno sfruttato le risorse della loro terra trasmettendole al pubblico della fiera. Hanno, infatti, presentato un’etichetta multipagina ricca di informazioni sul vino prodotto e sulle modalità di coltivazione. Fin qui, niente di nuovo. Ciò che contraddistingue l’etichetta, però, è un elegante laccetto di seta gialla, fatto con il prezioso filato prodotto dall’azienda agricola. Quando si dice il valore del marketing mix... www.cantinediorgosolo.it

Dimensione: cm 2 x 2 Leggibile da q uadells La nuova frontiera della comunicazione vino? iaSislegge sul display del cellulare tramite QR Code, l’evoluzione i smart-pho ne anVino chParlante del progetto giovane e sche enAutoctono, zadeifvitigni unitaliani, realtà specializzata nella valorizzazione zione macro ha presentato a Vinitaly 2010. Il codice, stampato sull’etichetta e codificato tramite i lettori ottici presenti Dall’etichetta allo smartphone: bere informati è un gioco da ragazzi

sui cellulari di ultima generazione, dà al consumatore la possibilità di accedere a contenuti web approfonditi dedicati a ciò che sta benvendo o acquistando. www.autoctono.it

Caldirola mette in mostra le bellezze del vino

Il Vinitaly non è solo occasione di incontro con i produttori e occasione di degustazione di ottime annate. Per l’azienda agricola Caldirola è stato anche uno dei luoghi privilegiati per esporre alcuni dei 25 scatti che compongono la mostra itinerante “Uomini in Oasi”, parte integrante del progetto Abruzzo Terra di Natura. Sui grandi pannelli disseminati sullo stand si sono potute ammirare immagini della vita contadina, rubate dagli studenti dell’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario di Pescara e riprodotte in grande formato in bianco e nero. La prossima tappa della mostra sarà la Festa dell’Oasi, in programma domenica 23 maggio 2010 presso la Riserva Naturale Oasi WWF Calanchi di Atri. www.caldirola.it

Dimensione: cm 1,5 x 1,5 Leggibile dag li smart-phon e dotati di funzio n e macro (iPhone; ultim i NOKIA; Blac kBerry Curve etc.)

16 Link assoc iato: C

aprile 2010


Carte “green”, che confusione! * a cura di Marco Rossi - Studio Green Solution www.greensolution.it - info@greensolution.it

Riciclate o ecologiche? Dilemma da chiarire...

Barcamenarsi nel mondo del “green” è tutt’altro che semplice. Di conseguenza rispondere alla domanda sopra è complicato e rende necessarie varie precisazioni. Prima di tutto il fatto che i parametri ambientali utili a definire una carta come “green” cambiano negli anni; in secondo luogo vi è una grande confusione tra le etichette ambientali e le definizioni applicate a questi tipi di carte. Dieci anni fa, per esempio, una carta veniva considerata ecologica se veniva prodotta senza cloro (TCF – Totally Chlorine Free o ECF Elementary Chlorine Free), ma ai giorni nostri questo discorso non vale più, perché nessuna cartiera, quantomeno in Europa, utilizza ancora cloro nei propri processi produttivi. L’industria della carta ha attuato una fase di rivisitazione e riconversione dei processi produttivi, raggiungendo importanti risultati ambientali. Il fabbisogno d’acqua, per esempio, si è ridotto in media del 40%, mentre quello energetico del 20%. Nello stesso tempo il 90% dell’acqua utilizzata viene riciclata nuovamente. Fatte queste precisazioni, andiamo al punto. Le carte “green”, per come le intendiamo oggi, possono essere divise in due grandi aree: le carte ecologiche e le carte riciclate, anche se spesso - come vedremo - queste aree si possono incontrare, sovrapporre e confondere un po’.

Carte ecologiche

Sono quelle in possesso di una certificazione ambientale. Le certificazioni più riconosciute e diffuse sono: FSC, PEFC, Ecolabel, Blaue Engel e Nordic Swan. > Certificazione FSC o PEFC. Questo riconoscimento viene dato a carte che garantiscono che la cellulosa di cui sono composte proviene da foreste gestite in maniera responsabile. Le carte certificate FSC e PEFC possono essere prodotte sia con fibre vergini, sia con un mix di fibre vergini e riciclate o solo con fibre riciclate. > Certificazione Ecolabel. Questo è il marchio ecologico europeo che prende in considerazione tutti gli aspetti del ciclo vitale della carta. Dall’approvvigionamento della materia prima alla lavorazione e produzione (consumo di acqua ed energia, riduzione delle emissioni inquinanti in aria e in acqua, eccetera), fino alla facilità di riciclabilità (facilità di rimuovere l’inchiostro) a fine vita. Le carte Ecolabel possono essere prodotte con cellulosa vergine proveniente da origini controllate (es. FSC o PEFC) oppure con fibre di cellulosa riciclata o, infine, con un mix di vergine e riciclato. > Certificazione Blaue Engel. È il marchio nato in Germania del tutto simile, come concezione, all’Ecolabel,

C

aprile 2010

fatta eccezione per la materia prima. La certificazione Blaue Engel non consente l’utilizzo di cellulosa vergine, ma solo fibre provenienti al 100% da materiale riciclato, di cui almeno il 65% post consumer. > Certificazione Nordic Swan. Arriviamo al nord con l’etichetta dei paesi scandinavi. Certificazione conferita ai prodotti che soddisfano determinati criteri per ridurre l’impatto ambientale lungo il ciclo di vita del prodotto.

Carte riciclate

La carta, in linea di massima, è tutta riciclabile. Le carte riciclate che conosciamo, invece, sono quelle prodotte con fibre di carta riciclata. L’evoluzione tecnologica, oggi, permette la produzione di carte riciclate con un punto di bianco talmente elevato che anche l’occhio più esperto ha difficoltà a riconoscerle dalle carte realizzate con fibre vergini. Le carte riciclate abbattano sia i consumi d’acqua che quelli dell’energia e le emissioni di CO2. Possono essere anche certificate Ecolabel o Blaue Engel o FSC; in quest’ultimo caso la certificazione è la garanzia che come minimo l’85% delle fibre di cellulosa riciclate utilizzate per produrle provengono dal circuito della raccolta differenziata (post consumer) e non da scarti, sfridi di lavorazione o resi di stampa (pre consumer).

Quanto pesa la carta sulla produzione di uno stampato?

Per realizzare uno stampato a basso impatto ambientale è fondamentale porre la massima attenzione nella scelta della carta. In media questa rappresenta, infatti, in uno stampato, il 70/80% dell’intera impronta di carbonio (carbon footprint) emessa per produrlo. La carta, unita all’eco-progettazione (che è lo studio del formato ideale dello stampato da realizzare, che ottimizza la resa sul foglio di stampa e riduce nel contempo lo sfrido e gli sprechi) sono i due capisaldi da cui partire per realizzare uno stampato “green”.

Un consiglio…

Avete visto in quale dedalo di certificazioni e definizioni bisogna districarsi? Comunque, ricordatevi che, quando si vuole realizzare un prodotto a basso impatto ambientale è buona regola approvvigionarsi presso una cartiera in possesso di una certificazione di processo ISO 14.001 o EMAS, con una carta certificata Ecolabel o Blaue Engel o Nordic Swan, e in possesso di una certificazione di catena di custodia FSC o PEFC.

18


GreenPrinting

Direttore Generale di A.G.Bellavite www.bellavite.it

Tracciamo un breve profilo di A.G.Bellavite... Da oltre cento anni ci occupiamo di stampa e oggi, pur conservando i valori della tradizione familiare, abbiamo consolidato la presenza nel nostro mercato crescendo all’insegna dell’innovazione. Il ciclo di lavorazione completo, prestampa, stampa a foglio e a bobina, stampa digitale e confezione, le tecnologie produttive a marchio Heidelberg, il controllo delle fasi produttive e la certificazione di qualità, rendono l’azienda in grado di soddisfare ogni esigenza. A.G.Bellavite opera anche nell’editoria, dove le sue collane e i suoi volumi costituiscono un ampio catalogo. Cosa rappresenta il progetto “GreenPrinting”? Il progetto GreenPrinting, avviato nel 2008, è una vera e propria politica aziendale tesa a ridurre l’inquinamento e a mitigare l’impatto ambientale del processo produttivo. È importante sottolineare come tale politica sia concreta ed efficiente: affianchiamo la tradizionale fornitura di energia elettrica con energia rinnovabile. Le lastre che utilizziamo sono preparate senza sviluppo e senza trattamento dopo l’incisione laser, gli inchiostri sono a base di oli vegetali così come molti additivi, le carte su cui stampiamo sono certificate FSC. Abbiamo ridefinito gli impianti di prestampa, stampa e legatoria avendo cura di ridurre il fabbisogno energetico e gli scarti di produzione. Infine, privilegiamo imballi e pallet ecologici e abbiamo migliorato la logistica adoperando mezzi ecologici per ridurre l’impatto ambientale anche nella fase di distribuzione. “GreenPrinting” è una moda o un nuovo modo di fare impresa? Da sempre siamo attenti alle problematiche ecologiche, ma siamo anche coscienti del ruolo strategico che un’adeguata sensibilità ambientale può rivestire in un processo di valorizzazione aziendale. Per queste ragioni abbiamo scelto di impegnarci in azioni volte al miglioramento continuo dei risultati nel campo della protezione del territorio, concentrando gli sforzi sulla prevenzione dell’inquinamento, il governo e la mitigazione dell’impatto ambientale del nostro processo produttivo. La filosofia

A. G. B E L L A V I T E

Stampa ed Editoria in M issaglia

GreenPrinting non è una moda: siamo stati motivati dalla nostra attenzione nei confronti dell’ambiente. Ci siamo fatti guidare dalla sensibilità rivolta alle tematiche inerenti il territorio e questo ci ha sempre premiato.

Green story

Due parole con... Paolo Bellavite

Questo vostro impegno ambientale incide sul costo del prodotto finito? No perché, pur avendo sostenuto notevoli costi in fase di sperimentazione ed essendoci concentrati sugli investimenti, siamo in grado di proporre un prodotto ecosostenibile al medesimo costo di una stampa tradizionale, colmando il tradizionale gap che impedisce alla filosofia green di espandersi. Il mercato ha premiato questa filosofia? Direi proprio di sì, anche se il momento attuale non è particolarmente felice. La sostenibilità è per noi un valore importante per il futuro del pianeta. Da un punto di vista strettamente commerciale rappresenta un valore aggiunto che deve essere capitalizzato con la migliore comunicazione possibile. Quali sono i vostri clienti “Green”? Sono disposti a spendere di più per un prodotto a basso impatto ambientale? Devo dire che sono parecchi. Enti pubblici e privati in primis, ma anche multinazionali e aziende che operano nella grande distribuzione che, aderendo al progetto GreenPrinting hanno un’opportunità concreta per comunicare la propria attenzione nei confronti dell’ambiente. Diamo loro la possibilità di inserire il logo e la dicitura relativa alla realizzazione del progetto sullo stampato stesso: sono già molti i clienti che considerano GreenPrinting come un valore aggiunto. L’interesse verso questi temi è in crescita ma i clienti non sono disposti a spendere di più. Nella spesa, quindi, è il nodo cruciale da sciogliere nella gestione della questione sostenibilità.

Studio Green Solution è un giovane e dinamico studio di consulenza che offre i propri servizi ad aziende di stampa circa lo sviluppo di progetti di business a basso impatto ambientale. Il know how maturato da una pluridecennale esperienza nel settore delle arti grafiche, ha permesso a Studio Green Solution di diventare in breve tempo un punto di riferimento in Italia per progetti di consulenza a carattere ambientale.

19

aprile 2010

C


focus carte So...Silk, elogio della bellezza

COPERTINA

So...Silk Vanity Pearl 350 g/m² by Gruppo Cordenons

Alcune modelle nascono per finire in copertina. Le proporzioni del viso, lo sguardo magnetico, le labbra sensuali. Si possono spendere a riguardo fiumi di parole, ma la sostanza non cambia. La cover girl è innegabilmente bella. Anche senza trucco. E merita a buon diritto di presidiare la cover di quel mese. Per noi la top model è la carta. E se So...Silk di Gruppo Cordenons finisce in copertina è perchè non esiste altro posto dove dovrebbe essere. Provare per credere. Mai nome fu più evocativo

Definire cosa sia la bellezza è quasi impossibile: è un insieme di qualità proprie di oggetti o persone, che colpiscono soggettivamente, rimandandoci a sensazioni piacevoli e appaganti. Vi invitiamo, allora, a fare questo test. Cedete alle sensazioni che comunica al tatto la carta della nostra copertina. Concentratevi sulla sua superficie cremosa. Lasciate che vi catturi. È morbida e liscia, come la seta. Non sembra nemmeno carta. Eppure lo è e il suo nome è So...Silk, l’ultima nata di Gruppo Cordenons.

Morbida seta sulla pelle...

Per questo numero dedicato alla comunicazione del mondo beauty, abbiamo scelto di sedurvi senza trucchi perchè una carta come So...Silk di Gruppo Cordenons, a voi proposta nella nouance grigia Vanity Pearl da 350 g/m², non ne ha bisogno. So...Silk fa parte della gamma

Boutique, la nuova linea di carte che Gruppo Cordenons ha creato ispirandosi ai tessuti pregiati più alla moda. Un obiettivo senza dubbio raggiunto, dato che So... Silk confonde il tatto del creativo più esigente con la sua superficie effetto seta, ottenuta utilizzando nell’impasto proprio le fibre di questo nobile tessuto. Essere una carta speciale non impedisce certo a So...Silk di contribuire alla salvaguardia dell’ambiente: è in-

fatti realizzata con cellulosa ECF (Elementary Chlorine Free) oltre a essere certificata FSC, come del resto l’intera gamma Boutique.

A proposito di colore

La gamma cromatica di So...Silk è composta da otto nuance scelte, non a caso, tra quelle indicate dalle ultime tendenze delle moda. Fashion Purple, ad esempio, è il viola celebrato dalle passerelle del prêt-à-porter, così come Be-

Ma quanto pesa un foglio di seta?

Affascinati dalla superficie effetto seta e desiderosi di utilizzarla per dar voce alle vostre idee? Sappiate che So... Silk è disponibile in tre grammature: 130 (mono patinato), 250 e 350 g/m². Sono disponibili anche le buste da 250 g/m² con chiusura autoadesiva nel formato 16x23 cm. So...Jeans e So...Wool, invece, sono entrambe disponibili in 120, 250 e 350 g/m². Le buste autoadesive misurano rispettivamente 17x17 cm e 16x23 cm.

C

aprile 2010

20


a cura di Sara Fevola

sara.fevola@sunnycom.it

auty Pink, il fucsia che non fa mai passare inosservati. Glamour Green, Fair Blue, Vanity Pearl e Shocking Green completano, insieme ai classici Black Style e White Silk, la palette a disposizione. Soddisfa gli appetiti più esigenti una lieve cangianza del colore, visibile a seconda del punto di vista da cui si osserva la carta.

Creatività senza limiti

Con una tale mole di opportunità, essere creativi con questa carta non può essere un problema. Via libera allora alla fantasia e alle idee per quello che rigarda il mercato del packaging di lusso e dell’editoria di pregio. La superficie di So...Silk è ideale anche per dare corpo a copertine, biglietti d’auguri, calendari, inviti, rivestimenti particolari, shopping bag, brochure e inserti.

So...Silk è una carta che dà il meglio di sé con la stampa offset e UV, in presenza di inchiostri ossidativi. La sua superficie si presta a numerose nobilitazioni: rilievo a secco, termografia, hot foil, verniciature serigrafiche e UV. Pronti a impreziosire il vostro stampato?

Boutique spalanca le porte alla comunicazione di alta gamma

Oltre a So...Silk, la gamma Boutique annovera altre due referenze. So...Wool è la carta tessuto realizzata con fibre di lana e cotone, dalla texture distintiva e con un effetto tattile particolare. Dalla lana

merinos alla shetland, dal tartan al loden, la lana di pregio è pronta ad avvolgere ogni progetto di comunicazione abbiate in mente. So...Jeans, invece, simula alla perfezione uno dei tessuti più intramontabili di sempre. L’effetto denim è stato ottenuto con una particoalre marcatura a feltro su entrambi i lati, oltre che tramite l’utilizzo di uno specifico trattamento in superficie off-line. Insomma, la cura di ogni dettaglio messa da Gruppo Cordenons nella formulazione di questa nuova offerta di supporti, è ancora una volta coerente con l’attenzione spesa dalla cartiera a trovare soluzioni di qualità tutte Made in Italy.

tel 02 46.71.01 fax 02 48.18.507 www.gruppocordenons.com

21

aprile 2010

C

contacts

Stampa e inchiostri: i consigli della cartiera


focus nobilitazione Se la nobilitazione seduce...

la nostra copertina

Dietro a un buon trucco è sempre necessaria una buona base Per far risaltare gli elementi grafici presenti sulla cover gli specialisti di Nuova Stampa hanno steso sotto la testata, il viso della modella e i testi in basso, una doppia mano di bianco sopra la quale è stata successivamente stampata la quadricromia.

I particolari che fanno la differenza Sulla bocca, se osservate bene, vedrete una speciale tinta oro UV selettivo che dà brillantezza al rossetto. Lo stesso tipo di nobilitazione, ma argento, è stata utilizzata per ottenere l’effetto glitter sulle sopracciglia.

Il tocco finale, per distinguersi tra tutte Per conferire uno speciale effetto tattile alla cover, Nuova Stampa ha steso una vernice drip off opaca su tutto il viso, ad eccezione dei glitter sulle sopracciglia. Come si dice, il tocco del maestro...

Nuova Stampa, tra i leader nella stampa tipografica e litografica, nasce nel 1982 a opera di Giuseppe Cabrini e del figlio Marco. L’azienda, con un parco macchine all’avanguardia, è in grado di seguire il cliente a ciclo completo: dal preventivo alla stampa, dal finishing alla consegna. Espositori, brochure, cataloghi e prodotti editoriali sono alcune delle applicazioni che Nuova Stampa realizza per grandi brand del settore. www.nuovastampa.it

C

aprile 2010

22


FIDELITY CARD 2010 Collegati al sito www.italiapublishers.com/marabucard Con Fidelity Marabu entri in un Mondo di vantaggi esclusivi: potrai partecipare a promozioni, sarai informato sulle news, avrai la possibilità di partecipare gratuitamente ai nostri seminari tecnici e tanto altro ancora.

FIDELITY CARD 2010

Competence in colour.

Maraflex FX

La card che riceverete è stata stampata con l’inchiostro serigrafico Maraflex FX. Con il sistema Metallic Mixing System è possibile ottenere effetti metallici di alta qualità e oltre 40 formulazioni pronte-uso. Il tutto ottenibile miscelando le 3 basi argento con i colori base.

Competence in colour. Marabu Italia Via Molise 7 | 20085 Locate TTriulzi | Milano | marabu-italia.it


printing

a cura della redazione

redazione@comunicandoweb.com

Essere eco-friendly, ognuno a modo suo Modular System è il concetto elaborato da Kiian per garantire a clienti e brand un processo produttivo che coniuga qualità, personalizzazione e rispetto ambientale Cercare il giusto equilibrio tra profitto e sostenibilità non è facile, ma necessario. Implementare processi efficienti impiegando prodotti eco-compatibili, garantendo elevati standard qualitativi e al tempo stesso un facile smaltimento dei rifiuti è infatti diventato un must. Spesso, però, fare i conti con il proprio mercato di riferimento, con le proprie tecnologie di stampa e con normative oscure che dietro strani acronimi nascondono importanti nozioni e specifiche, si trasforma in un’impresa ardua.

C

aprile 2010

Cogliendo tale difficoltà, il noto produttore di inchiostri Kiian ha messo a punto “Modular Sytem”, una soluzione che intende fugare ogni dubbio in merito a direttive e certificazioni e offrire agli stampatori, ma non solo, modelli concreti e personalizzabili di processi 100% green che tengano conto della produzione stampata nella sua globalità, dalla prestampa allo smaltimento. Così, passare dall’astratto concetto “eco-friendly” alla sua concreta applicazione, si trasforma in realtà alla portata di tutti.

24


Le normative: queste sconosciute

Obiettivo di Kiian è divulgare la conoscenza di una materia tanto complessa come la normativa vigente nell’ambito della produzione industriale e stampata per sensibilizzare utenti e print buyer ad effettuare scelte consapevoli. Il modello adottato dal produttore comasco consente di rispettare il R.E.A.C.H., la direttiva europea che riguarda l’utilizzo di sostanze chimiche con l’obiettivo di bandire quelle ritenute dannose, e il RoHS, la normativa europea che prescrive l’eliminazione di alcune sostanze nocive nella produzione

di apparecchiature elettriche ed elettroniche valida anche per gli inchiostri. La policy Kiian risponde anche al sistema di controllo e certificazione relativo al mondo tessile, dalle materie prime ai prodotti finiti (Oeko-Tex), ed è conforme alla UNI EN 71, che garantisce la sicurezza dei giocattoli per i bambini fino a 14 anni. In particolare, la normativa Oeko-Tex determina i limiti di sostanze nocive o potenzialmente tali e si articola in differenti classi in base alla destinazione d’uso: più un prodotto è a contatto con la pelle, più restrittivi sono i suoi requisiti.

Oggi parlare di rispetto ambientale è scontato e di moda, ma Kiian ha incentrato da sempre su questo concetto la propria filosofia e produzione. Perseguiamo una chimica sostenibile perché crediamo che il rispetto dell’ecosistema sia parte della nostra responsabilità e abbiamo sviluppato un modello eco friendly che interessa l’intera fliliera produttiva, senza scendere a compromessi con la qualità. Monica Cingolani Image & Communication Manager Kiian

Che si tratti di tessile o grafica, Kiian ha la soluzione che fa per voi

Ogni contesto produttivo ha le sue peculiarità, ogni progetto è unico: per questo Kiian ha elaborato un sistema R&D modulare. Ciò significa che il produttore di inchiostri si occupa di selezionare i prodotti migliori in conformità alle normative che regolano il mercato di riferimento, sia questo quello tessile o grafico. Per il primo, dove Oeko-Tex detta legge, Kiian si impegna ad adoperare prodotti chimici che assicurano basso impatto ambientale e rispetto della normativa dalla prestampa alla fase di lavaggio. Nella comunicazione visiva, invece, il punto di riferimento è il RoHS, che vieta di impiegare piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, PBB e PBDE nella fabbricazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche. E anche gli inchiostri adoperati per la decorazione di elettrodomestici, ad esempio, sono soggetti al RoHS. Kiian sviluppa quindi formulazioni esenti da metalli pesanti e che contengono miscele di solventi in grado di generare inchiostri privi di etichettatura di rischio. Insomma, qualsiasi sia l’applicazione da realizzare, che si tratti di stampa digitale o serigrafica, il produttore comasco si impegna a realizzare progetti e processi su misura.

Kiian è leader nel mercato degli inchiostri serigrafici, digitali e speciali. L’azienda si distingue per la continua innovazione in sintonia con i mercati di riferimento, proponendo soluzioni integrate per ogni esigenza di stampa che contribuiscono in modo determinante al successo mondiale attraverso le sedi in Italia, Spagna, Francia, Olanda, Cina, così come negli USA attraverso una partnership consolidata.

Kiian via A. De Gasperi, 1 22070 Luisago (CO) Tel.: +39 031 9090111 Fax: +39 031 920505 www.kiian.it info@kiian.it

25

aprile 2010

C


La stampa libri di pixart.it è qui. Scegli la magia della facilità d’uso e della qualità di pixart.it, da oggi anche per i libri ed i cataloghi cartonati. 3000 libri (15x21cm)

4579,73 € *

*Offerta valida fino ad esaurimento scorte, riservata all’opzione di consegna 7/9 giorni lavorativi dall’ordine. Prezzi iva esclusa.

96 pagine + copertina stampa a colori su carta patinata opaca 130 gr. Copertina a colori cartonata con dorso quadro, plastificata lucida.

4000 manuali (16,5x24cm)

5224,56 € *

192 pagine + copertina stampa in bianco e nero su carta usomano 100 gr. Copertina a colori in carta patinata 300 gr, plastificata opaca.

2500 cataloghi (21x29,7cm)

3649,24 € *

64 pagine + copertina stampa a colori su carta patinata opaca 100 gr. Copertina con alette a colori in carta patinata 300 gr, plastificata opaca.

Preventivi istantanei ed ordini con upload immediato su: www.pixart.it


... anche se ci sarà senz’altro qualcuno che continuerà a stampare libri come prima.


packaging

* di cecilia cantadore

cecilia.cantadore@sunnycom.it

Beauty... in a box! Da guardare e toccare Profumi e cosmetici si vestono a festa per sedurre il consumatore. E il pack diventa sinonimo di stile Il mercato del packaging cosmetico, si sa, è estremamente ricco: lusso, eleganza e ricercatezza sono ingredienti imprescindibili perché noti brand del comparto beauty desiderano che le loro creazioni indossino un vestito all’altezza del contenuto. La confezione, lo sappiamo bene, gioca un ruolo da protagonista nel delicato meccanismo che regola il successo o fallimento di un prodotto; tra gli scaffali delle profumerie, o sui banchi della grande distribuzione, il pack destinato al mercato cosmetico sperimenta forme, materiali e colori,

C

aprile 2010

facendo incursioni nel design e puntando su eleganza e creatività. Se il mix è vincente, il prodotto si trasforma in una vera e propria icona di glamour e stile, che incarna l’esclusività di ciò che contiene. E, se le aspettative nei confronti di affermati nomi della moda e della cosmetica sono molto elevate, in quanto hanno abituato noi consumatori ad una comunicazione di alto profilo, non è affatto detto che marchi meno noti non offrano piacevoli sorprese. Perchè, se essere belli non è cosa da tutti, cercare di diventarlo è per tutti possibile.

28


I protagonisti della creazione e della nobilitazione del pack? Gli stampatori naturalmente, che con competenze e tecnologie dedicate trasformano i contenitori in prodotti preziosi Cavalieri & Amoretti, artefice di una bellezza “a tutto tondo”

intervista

Cavalieri & Amoretti è una delle aziende più conosciute a livello internazionale per la produzione di scatole tonde e cofanetti di lusso e annovera tra i clienti grandi nomi del settore beauty. Qualche esempio delle sue creazioni? Perles de Lalique è il nome di un prestigioso profumo, racchiuso in una scatola tonda rivestita con carta e stampata a caldo in puntini, con stampa a rilievo sul coperchio a scatola finita. Il pack è stato realizzato in due versioni, con carta Fedrigoni Sirio Extra White per la scatola bianca, e Sirio Black Black per la versione nera. Il pack Flower by Kenzo è invece una scatola cilindrica con tappo, realizzata in cartone con tubo spiralato e rivestita con carta Inuit Arjowiggins da 130 g, stampata in quadricromia più due colori Pantone. www.cavalierieamoretti.com

Due parole con… Gianluca Cavalieri Presidente, Cavalieri & Amoretti

Quale peso riveste nel vostro business la produzione di pack per la cosmesi? Il core business della Cavalieri e Amoretti è il pack di lusso e il settore della cosmesi occupa quasi l’80% della produzione. Quali caratteristiche contraddistinguono le confezioni dedicate al settore beauty? Quali sono le esigenze dei vostri clienti? La confezione deve essere in grado di valorizzare il prodotto stesso, definirne la qualità e, allo stesso tempo, suscitare l’interesse del consumatore. Le richieste che ci arrivano dai clienti sono molteplici: dalla ricerca dei materiali più inconsueti alla richiesta di forme e applicazioni innovative. Puntiamo quindi sullo studio di soluzioni sempre nuove e inedite, curate in ogni dettaglio, capaci di rendere prezioso ciò che è contenuto al loro interno. Materiali e nobilitazioni: quali sono i più utilizzati? Proponiamo diversi supporti, dalle carte più semplici arricchite da molteplici tecniche di stampa alle carte goffrate, per arrivare ai tessuti. Carta e cartone, nella nostra produzione, sono chiaramente gli elementi principali, dei quali non possiamo fare a meno. Possiamo dire che il cartone racchiude l’anima del pack, e la carta gli conferisce bellezza ed eleganza; il connubio di questi due materiali rende la confezione unica nel suo genere.

29

aprile 2010

C


packaging

Un gioco di colori e contrasti che conferisce eleganza Industrialbox ha realizzato per Ferragamo Parfums questo prezioso cofanetto “F by Ferragamo pour Homme Black”. Si tratta di cartone da 1050 g rivestito esternamente con carta monopatinata da 150 g, ed internamente con carta usomano da 80 g. Prodotto in 3000 esemplari, si compone di un fondo e un coperchio delle dimensioni di 264x193x52mm. Le tecniche di stampa e nobilitazioni lo rendono un prodotto di alto livello: la stampa a tre colori è accompagnata infatti da foil star argento e vernice primer. L’unicità di questo cofanetto risiede nell’accattivante contrasto dei loghi argento, ottenuti con la stampa a freddo sul nero opaco del coperchio del cofanetto. I colori argento e rosso sull’astuccio sottolineano la sofisticata eleganza. www.industrialbox.bo.it

La bellezza prende forma con Cartotecnica Olimpia

Nata a Torino sul finire degli anni ‘60, oggi Cartotecnica Olimpia è un’azienda moderna, qualificata e competitiva. Con uno stabilimento di 14.000 m², tra uffici e unità produttive, ha il suo core business nel packaging, dagli astucci in cartoncino teso ed accoppiato agli espositori da banco e da terra. Per il settore del beauty, l’azienda mette a disposizione tecnologie all’avanguardia e una vasta scelta di materiali, come cartoncini lisci, goffrati e accoppiati. Stampe con inchiostri ibridi-UV, verniciature lucide e opache in linea, stampa su supporti metallizzati plastici, fustellatura in rilievo sono tra i plus dell’azienda. www.cartotecnica-olimpia.it

Per rifarvi il look, cominciate da una superficie lucida e preziosa Sono inchiostri ibridi a 5 colori quelli che sono stati utilizzari per stampare questa scatola per Naturelle, linea di prodotti per la colorazione dei capelli firmata Farmaca International. La vernice UV lucida risalta sul cartoncino bianco da 350 g/m², fustellato e incollato da Cartotecnica Olimpia.

Tris di colori per La Compagnia delle Indie Stampate con inchiostri ibridi a 4 colori, queste scatole destinate a contenere le nuove fragranze di Compagnia delle Indie sono state nobilitate da vernice UV drip off, ossia aggiungendo alla stampa offset a colori una verniciatura acrilica lucida a fondo pieno e, nello stesso passaggio, la verniciatura opaca satinata. Realizzate in cartoncino Mead Westvaco da 350 g/m² di tre dimensioni diverse, sono state poi fustellate ed incollate dallo stampatore piemontese.

C

aprile 2010

30


PACKAGING PER COMUNICARE

Scatolificio Pasubio srl - via Venezia, 144 - SCHIO (VI)

www.pasubio.it C

packaging

Un astuccio non è solo una forma di cartone. Soprattutto quando dentro c’è qualcosa di importante, è un modo per proteggere ed esprimere al meglio tutto il valore del contenuto. Se cercate la giusta soluzione tecnica ed estetica, affidatevi alla nostra esperienza.


packaging

Look squadrato ed essenziale, veicolo di sobria eleganza

Bulgari ha messo a punto una serie di cofanetti, declinati in colori diversi, dei quali vi mostriamo tre esempi. In tutti i casi il risultato si è ottenuto combinando la stampa su supporti metallizzati all’utilizzo di vernici UV e colori speciali. A ciò si aggiungono rilievi e nobilitazioni, che impreziosiscono il diadema centrale e le bande che attraversano il pack. Ideati dallo studio grafico interno di Bulgari, queste preziose scatole sono state realizzati e stampate da Cartografica Pusterla, che da tempo annovera tra i propri clienti la prestigiosa maison romana. L’azienda è parte di Pusterla 1880, società che riunisce sotto un unico marchio anche le francesi Cazelles, Coffret Création e la rumena Dacica Teca, realtà in grado di fornire scatole, astucci, cofanetti e prodotti cartotecnici di qualsiasi tipologia e di alta qualità. www.pusterla1880.com

Un diadema risplende sul fondo argentato Il supporto scelto per la realizzazione del pack è un cartoncino argentato da 180 g. Stampato in offset a sei colori (quadricromia + due colori speciali) in due passaggi, è nobilitato da rilievo e stampa a caldo. Inoltre sono state utilizzate vernici e film particolari, anche con effetto glitter, e specifici per l’impressione a caldo.

Forme e colori comunicano con eleganza L’oro e l’argento sono stati scelti come colori di fondo; oltre a catturare lo sguardo e a infondere eleganza al pack, diversificano i prodotti femminili da quelli maschili. Mantengono il nero e il blu chiaro come fondo solo gli astucci di Jasmin Noir e BlV ii. ll packaging, raffinato ed essenziale, riprende la forma squadrata dei classici profumi Bulgari.

Il benessere? Una condizione che comincia... da una scatola! Formule naturali e armonia tra fisicità e psicofisica del corpo sono le caratteristiche che voleva trasmettere la linea cosmetica Shani, che perfeziona l’aspetto estetico e alimenta lo stato di benessere. Gli astucci che Croma ha realizzato hanno saputo tradurre questo messaggio: i pack puntano ad essere essenziali e puliti, ma allo stesso tempo giocano sulla preziosità delle nobilitazioni, come la lamina argento e un grafismo di vernice UV serigrafica. Il tutto è stato stampato a due colori su cartoncino Incada silk da 300 g/m² plastificato opaco, così da rendere la superficie piacevole al tatto. Il sacchetto in bi-floccato personalizzato, stampato con lamina argento e con nastro di raso argento, oltre ai piccoli cataloghi stampati a quattro colori e plastificati come gli astucci, accompagnano questo packaging curato nei minimi dettagli. www.croma.it

C

aprile 2010

32


Un nuovo premio al design nel packaging per la bellezza Nell’ambito dell’edizione 2010 di Cosmoprof, salone internazionale della profumeria e della cosmesi, è stato istituito il primo Design Beauty Award con lo scopo di premiare le qualità progettuali dei packaging presentati in fiera. Sono stati selezionati prodotti appartenenti a cinque categorie per valorizzare il design, la creatività, la gestualità e le politiche di comunicazione più innovative, e in fase di selezione finale un peso maggiore è stato dato dalla giuria internazionale a quelle realizzazioni che hanno perseguito anche obiettivi di ecosostenibilità. Il premio è stato istituito dalla rivista AD, Architectural Digest, e da So.Ge.Cos, ente organizzatrice della fiera. Tra i vincitori, troviamo anche questo originale flacone Diesel Only the Brave, geniale realizzazione a forma di pugno che, motiva la giuria, “esprime il carattere del prodotto, in piena sintonia con l’immagine del marchio”. www.cosmoprof.com

Elizabeth Arden, partecipe della crescente sensibilità nei confronti dell’ambiente, ha scelto uno dei suoi prodotti più noti, la crema Eight Hour, come pioniere di una strategia verde a lungo termine. Il pack di Eight Hour Cream, già vincitore di 22 prestigiosi beauty award internazionali, si reinventa in chiave green con una nuova confezione realizzata con materiali riciclabili al 100%. L’intera filiera produttiva è stata coinvolta nella realizzazione di pack ecosostenibili, per agevolare i processi di riciclo e ridurre i materiali di scarto. Il tubo, il tappo di chiusura e l’imballaggio esterno sono completamente riciclabili. La confezione esterna in cartone continuerà ad essere prodotta con cartone di pura cellulosa SBS ma il profilo argentato, che prima era impresso a caldo in color argento non riciclabile, è ora stampato normalmente. Il tappo, prima composto da una combinazione di polipropilene e metallo, diventa un pezzo unico, interamente in PP. Il tubo non è cambiato, si tratta ancora di una miscela 70/30 di HDPE (polietilene ad alta densità) e LDPE (polietilene a bassa densità). www.elizabetharden.it

33

aprile 2010

C

packaging

Il cavallo di battaglia di Elizabeth Arden si tinge di verde


packaging

Scelgono i colori, pensano alle forme, traducono in oggetti concreti i desideri dei produttori di creme e profumi. Sono le agenzie e i creativi, che affiancano gli stampatori nel processo di produzione del packaging. Vediamo qualche progetto che non passa inosservato

3D’esign Communication fa sbocciare i prodotti Iasme

Lo staff dell’agenzia 3D’esign ha trovato le forme e i colori per parlare di bellezza e salute naturale con il brand Iasme, che si è proposto al mercato con una nuova linea di prodotti per la cura della pelle. 3D’esign si è assunta il compito di presentare al pubblico i nuovi prodotti creando un’immagine in grado di veicolare il messaggio di benessere naturale, chiave della proposta dall’azienda. Ha così progettato una linea completa di packaging, realizzati in cartone, la cui strategia creativa si basa sull’utilizzo di specifiche cromie differenti tra loro, per distinguere le linee di prodotti conferendogli una precisa identità. Gli astucci, stampati da Grafiche Porpora, sono in cartoncino mono patinato bianco, con una vernice di protezione acrilica a base acqua, e sono stati stampati con colori vegetali, senza alcool. www.3design.net

La creatività entra in farmacia

Il mondo farmaceutico sta vivendo un momento di crescita e innovazione, ampliando la gamma dei prodotti e strizzando l’occhio alla bellezza: lo dimostra il fatto che sempre più pack e materiali per il punto vendita innovativi varcano la sua soglia. Un esempio è fornito da Expansion, agenzia di comunicazione integrata con sede a Milano e San Marino che cura l’immagine dell’azienda produttrice di creme e cosmetici Novitas Forma; dallo studio del logo al packaging design di tutte le linee di prodotto. Per il lancio di MyDren, prodtto drenante in cinque gusti diversi (mela, pesca, ananas, ace, frutti di bosco), Expansion ha realizzato flaconi e scatole in cartone, l’espositore da terra, il cartello da banco e il sampling. Un progetto che è valso all’agenzia tre riconoscimenti durante l’ultima edizione di Mediastars: per il packaging design, per lo structural design e per la direzione creativa. www.expansion.sm

C

aprile 2010

34


Materiali speciali stimolano il tatto, foil dorati e rilievi impreziosiscono le applicazioni. Il ruolo giocato da supporti e nobilitazioni nel mondo del beauty è fondamentale, in quanto veicolo primario di eleganza e fascino. Diamo uno sguardo a questi speciali abiti... Morbida seta avvolge Viktor & Rolf

Uno stile inconfondibile caratterizza il packaging di FlowerBomb, prima creazione profumata degli stilisti Viktor & Rolf. Il profumo è contenuto in un vero e proprio scrigno rosa pallido, che Manifattura del Seveso ha rivestito di preziosa Setalux bianca. Questa tela serica in viscosa al 100%, lucida ed elegante, se accoppiata al cartoncino costituisce un ottimo materiale per il packaging e la legatoria. Il fondo rosa del pack è stato stampato in offset, così come il “finto” nastro, impreziosito del logo stampato a caldo in color argento. www.manifatturadelseveso.it

Dettagli che fanno la differenza

Oro e stampa a caldo, preziose microincisioni, termografia e calcografia, rilievi semplici o multi-livello sono gli strumenti che Gasperini mette al servizio dei grandi brand per conferire ai loro pack un tocco di raffinatezza e creatività in più. Con le tecniche di stampa a caldo sono utilizzati speciali cliché per microincisione, che proteggono il marchio: ogni layout viene infatti studiato e realizzato appositamente per il singolo cliente, garantendo un risultato di grande impatto visivo e tattile. www.gasperini.it

curiosità

35

aprile 2010

C

packaging

I numeri della cosmesi Trend in crescita (+0,3%, 9100 milioni di euro) per il mercato cosmetico in Italia, nonostante le flessioni nei canali professionali: questi i dati secondo Unipro, l’Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche. Significativa la crescita delle vendite nella grande distribuzione (+2,6%) che, con un valore di 4.100 milioni di euro, conferma di saper assecondare i gusti dei consumatori. Seguono i canali profumeria (25% del mercato) e farmacia (i cosmetici venduti nel canale rappresentano il 15,7% del totale, quota in costante crescita). www.unipro.org


packaging

Effetto tattile assicurato con Fontanagrafica

Fontanagrafica è sinonimo di materiali di rivestimento di alta qualità, dal look moderno o tradizionale, in grado di garantire effetti lucidi, termoreattivi e iridescenti, così come superfici opache. Questi supporti riproducono effetti tessuto, pelle, metallici, offrendo una ricca varietà di superfici e sensazioni tattili. La gamma Pellaq, ad esempio, è caratterizzata da una speciale goffratura che simula un effetto pelle molto realistico. Python e Vipera sono le ultime due versioni della gamma, disponibili rispettivamente in 4 colori (bronzo, oro, grigio e silver) e 8 cromie differenti, dal rosso al blu elettrico, fino ai colori metallizzati. www.fontanagrafica.it

Oro, argento e foglie metalliche: gli ingredienti del lusso

Dai clichè curati nei minimi dettagli, dalle foglie metalliche colorate e dai foil color oro e argento scaturiscono pack attraenti ed eleganti, curati nei dettagli e capaci di sedurre lo sguardo del consumatore. Stiamo parlando dei materiali per la nobilitazione con stampa a caldo prodotti da Kurz e commercializzati in Italia da Luxoro, che conferiscono a cosmetici e profumi un aspetto lussuoso ed esclusivo. www.luxoro.it

DL Soft Touch, la differenza che si tocca

Derprosa, azienda spagnola produttrice di film di polipropilene biorientato, ha conquistato le superfici dei pack di alta gamma e della cosmesi con il suo DL Soft Touch. Si tratta di una pellicola opaca e morbida al tatto, adatta alla laminazione di prodotti di qualità, capace di conferire un effetto che le dita dei consumatori non dimeticheranno tanto facilmente. Disponibile in due versioni, Thermo e Wet, DL Soft Touch è caratterizzato da un conveniente rapporto qualità-prezzo. Una scatola piacevole da toccare, soprattutto se contiene al suo interno un prodotto prezioso, fa la differenza! www.derprosa.es

C

aprile 2010

36


Foglio dopo foglio, una carta speciale

UPM

UPM

UPM

in tante qualita‘ diverse

EU Eco-Label – EU-Flower

UPM Office vuol dire una vasta gamma di carte per l‘ufficio di alto livello qualitativo garantito dal marchio UPM. Carte per tutte le stampanti e allo stesso tempo carte con caratteristiche peculiari, per avere sempre la carta giusta anche per gli impieghi più difficili.

Per ulteriori informazioni visitate il sito: www.eco-label.com

UPM

L‘intera gamma di prodotti UPM Office è certificata EU-Flower, che attesta un basso impatto ambientale di tutto il ciclo produttivo, dalla selezione delle materie prime alla fabbricazione.

UPM

UPM

disponibile solo in gr 80

La maggior parte delle carte UPM Office, oltre ad essere premiate con l‘etichetta ambientale EU Eco-label, sono certificate PEFC o FSC.

UPM Office è un prodotto UPM, uno dei produttori più importanti a livello mondiale. www.upm-kymmene.com

Distribuito in tutta Italia da

Tel. 049.8700980 Fax 049.8700981


editoria

* di dario zocco ramazzo dario.zocco@sunnycom.it

Editoria e stampati inebriati di comunicazione Essere unici, speciali, esclusivi? Provate con prodotti che emanano piacevoli, invitanti, fragranze Un’essenza, un profumo, un’emozione. Persino i ricordi, spesso, si legano a un particolare odore. Ecco, perché, anche nel mondo della comunicazione la possibilità di arricchire i prodotti con quel tocco in più che è un aroma rappresenta un obiettivo che molte aziende stanno perseguendo. Parliamo di prodotti stampati, ma non solo. Parliamo di grandi brand in grado di investire cifre importanti per una campagna istituzionale o un’iniziativa di sampling, ma parliamo anche di comunicazione destinata a un mercato non solo elitario. La regola diventa: catturare l’attenzione dei clienti in modo provocante e trovare nella profumazione l’elemento vincente. In questo modo le applicazioni si differenziano da qualsiasi

C

aprile 2010

altro stampato, stimolando l’olfatto e la memoria della persona che ne percepisce la fragranza. Negli ultimi anni abbiamo assistito, ad esempio, alla presentazione di prodotti realizzati con inchiostri profumati come carte e cartoncini speciali in grado di rilasciare nell’ambiente essenze classiche (fiori, aromi, ecc.), dando vita ad un risultato unico nel suo genere. Cura, ricercatezza e creativivtà spaziano dal bigliettino da visita alla card promozionale, passando per il packaging. Nascono così stampati che, oltre a nobilitazioni ed elementi appariscenti alla vista e al tatto, sanno invogliare all’acquisto anche attraverso l’olfatto. Volete degli esempi? Ecco qualcosa di speciale tutto per voi!

38


Dalla card promozionale al segnalibro, la profumazione dello stampato assume valori differenti: pubblicitario nel caso della card o personale e soggettivo se si tratta di un segnalibro, come ci mostrano l’italiana Edicolors e il produttore francese ProdPrint

I segnalibri profumati stimolano la lettura

intervista

Edicolors è un’agenzia di comunicazione attiva da oltre quindici anni in Italia e, allo stesso tempo, è una casa editrice con circa 450 librerie sue clienti distribuite sul territorio. Grazie a uno studio grafico specializzato, l’azienda genovese progetta e realizza applicazioni profumate per accompagnare la lettura, come i segnalibri. Questi sono trattati con oli essenziali naturali che, a contatto con le pagine del libro, donano una piacevole fragranza che dura per diversi mesi. Edicolors fornisce i suoi segnalibri con un espositore cartonato in grado di contenerne fino a cento, raccolti in dieci profumazioni diverse. Le profumazioni spaziano dal gelsomino al cioccolato, dalla menta al frutto della passione. A voi la scelta! www.edicolors.com

Due parole con… Bernard Gateau Chairman, ProdPrint

A chi si rivolge ProdPrint? ProdPrint mette a disposizione delle aziende e degli operatori del settore una équipe di esperti di tecniche e tecnologie per la produzione di stampati speciali. Forniamo soluzioni all’avanguardia per spaziare dalla stampa con effetti metallici alla produzione di card e pack profumati.

Come vengono prodotte le profumazioni e quante sono? Il processo di creazione delle profumazioni avviene attraverso l’estrazione di oli essenziali e principi attivi da elementi di origine naturale. I nostri clienti possono scegliere tra più di 500 essenze diverse suddivise in essenze floreali, fragranze riposanti o toniche, frutta e verdura, oppure profumi alimentari (hamburger, pizza e simili). Non mancano essenze in grado di richiamare alla mente sensazioni particolari come oggetti vintage, bagnischiuma e creme solari. Se poi queste non dovessero bastare, possiamo realizzare essenze anche su richiesta del cliente. www.prodprint.fr

Come nasce e si sviluppa il progetto Memory Paper Scent? La nostra azienda è in grado di offrire decine di soluzioni differenti per la nobilitazione degli stampati. Di recente abbiamo iniziato a diversificare la nostra attività anche nel mercato delle soluzioni di stampa multisensoriale proponendo Memory Paper Scent per la profumazione di stampati su carta o cartone. Il progetto nasce con lo scopo di presentare a print buyer e agenzie creative nuove opportunità di comunicazione, favorendo la diversificazione dei loro strumenti di marketing e strategie di fidelizzazione del cliente. In questo contesto la particolarità dei nostri porodotti sta nel processo di fabbricazione, che è unico e brevettato. Quali sono le caratteristiche principali di questo sistema? Memory Paper Scent profuma gli stampati al termine del processo di produzione e si caratterizza per la modalità di applicazione della fragranza. Memory Paper Scent permette una restituzione massima della fragranza compresa tra il 90% e il 95% e basta sfiorare il supporto per consentire il rilascio istantaneo del profumo nell’aria. Che tipo di applicazioni è possibile profumare? Prodotti commerciali come brochure, volantini, card e bigliettini da visita, ma anche applicazioni particolari e ricercate come pack, etichette e segnalibri.

39

aprile 2010

C


intervista

editoria

Il leader del mercato nella fornitura di essenze profumate, Druckfarben, ci offre il suo punto di vista sullo sviluppo e i possibili impieghi dei profumi sugli stampati Due parole con… Duccio Ruggero Ruggeri

consentiranno di liberare l’aroma solo in corrispondenza dell’area desiderata nel momento in cui il lettore le osserva e le tocca. Considerato che possiamo produrre grandi quantitativi di profumazioni, siamo in grado di soddisfare elevate tirature. Ovviamente, maggiore è la tiratura, minori sono i costi di produzione.

Titolare, Druckfarben

Quali prodotti, invece, resistono ancora al fascino del profumo? Ritengo che il mercato delle shopping bag verrà presto radicalmente trasformato dalla messa al bando di sacchetti in plastica poco ecologici. Questo favorirà notevolmente lo sviluppo di shopping bag in carta e cartoncino. Una trasformazione che consentirà alle griffe del lusso - cosmesi compresa -, alle catene di franchising e non solo, di sorprendere piacevolmente i propri clienti inebriandoli di essenze incredibili.

Dopo libri e packaging, quali altri prodotti trarranno benefici dai profumi Druckfarben? Le applicazioni promozionali, così come il settore del packaging, hanno raggiunto un livello di maturazione eccezionale e, non a caso, sono anche i settori che hanno goduto maggiormente delle possibilità offerte dalle essenze profumate. Nell’ultimo anno, invece, abbiamo assistito a una crescita costante di applicazioni transpromo e direct mailing e in un prossimo futuro anche questa serie di prodotti verrà impreziosita con profumazioni particolari. Inoltre, sono in fase di studio magazine profumati di nuova concezione. Che interazione c’è tra stampa profumata e mailing? Le nostre essenze in microcapsule si prestano sia alla produzione di carte speciali per la stampa, sia alla creazione di buste che possono essere impiegate per il direct mailing. Inoltre, la profumazione può essere applicata in sovrastampa al dato variabile o in serigrafia. Il profumo viene rilasciato per sfregamento della busta o del contenuto, una volta che viene estratto. Le riviste in che modo subiranno il fascino del profumo? Advertising e profumazioni selettive sulle aree delle pagine o sulle pagine intere

Il segreto del profumo eterno è “micro” Druckfarben ha realizzato un sistema brevettato che consente la creazione di microcapusle di dimensione infinitesimale (invisibili a occhio nudo), in grado di contenere essenze e principi attivi. Ogni microcapsula è dotata di una membrana in resina molto sottile che, una volta rotta per sfregamento, rilascia l’essenza contenuta. Se lasciate intatte, le micrcapsule si conservano a lungo negli anni. Le microcapsule possono essere impiegate sia per la produzione di carte profumate, addizionandole all’impasto della carta, sia per la formulazione di inchiostri profumati. www.druckfarben.it

curiosità

C

aprile 2010

40


Dal DVD profumato per presentare con originalità una nuova linea di prodotti, al profumatore per ambienti a 5 colori, l’essenza dà carattere alla comunicazione

Come profumare CD e informazioni digitali?

L’azienda tedesca Diskmaster propone un nuovo modo di comunicare e fornire informazioni multisensoriali attraverso i suoi particolari CD e DVD profumati. Questi supporti multimediali consentono di offrire ai clienti - rigorosamente in formato digitale - spot televisivi, campagne pubblicitarie, presentazioni in PowerPoint e molto altro. Per suscitare maggiore interesse verso i contenuti e invogliare a scoprire il contenuto del CD-ROM cosa c’è di meglio di una buona essenza profumata? Diskmaster realizza la stampa e la verniciatura profumata di CD-ROM con il vostro layout, in stampa offset o serigrafica. La preziosa essenza profumata viene impressa solo alla fine della superfice sulla superficie del CD tramite una lacca protettiva. Il player tedesco può confezionare fino a 500 pezzi consegnandoli in sole 24 ore. www.diskmaster.de

Case History

dal progetto alla stamp a

Da oltre 25 anni, Pixel offre soluzioni di stampa avanzate soddisfacendo oltre 1000 aziende in Italia. Il portfolio dell’azienda di Novate Milanese comprende agenzie di comunicazione ed enti pubblici, così come aziende di piccole e grandi dimensioni alle quali offre applicazioni di stampa offset, digitale e di grande formato su misura. Tra le idee più particolari che Pixel può offrire, troviamo sistemi di stampa profumata promozionali come card, buste e fascicoli. Ciascun prodotto può essere personalizzato con fragranze differenti, spaziando da quelle floreali agli aromi da cucina e ai profumi per l’ambiente più trendy del momento come il patchouly e il sandalo. www.pixelsrl.eu

Cliente: MRM Ascensori Prodotto: Nuova immagi ne coordinata

Cliente: MRM Ascensori Prodotto: STILE Cartellina con schede e Brochure presentazione

Cliente: MRM Ascensori Prodotto: Cartellino FUORI SERVIZIO Etichetta Numero Verde

Cliente: MRM Ascensori Prodotto: Libro “LA SICUREZZA” Rivista “Pianeta Ascenso ri”

pixelsrl.eu

Profumazione just-in-time e certificata, firmata Studio VG M

Soluzioni promozionali profumate per auto, piccoli ambienti e non solo, personalizzabili sia nella profumazione che nel design con stampe sino a cinque colori in bianca e volta. Questa l’offerta di Studio VG M, azienda attiva nel printing e nella comunicazione che da oltre sedici anni seleziona i migliori operatori del mercato per garantire servizi di elevata qualità in tempi brevi. Scegliendo Studio VG M non solo risparmierete tempo e denaro nella ricerca di un fornitore di questi prodotti, ma avrete accesso a un vastissimo assortimento di stampati profumati di alta qualità ricavati da piante, fiori e frutt e garantiti dalla certificazione IFRA (International Fragrance Association). I prodotti offerti comprendono cartoncini colorati e profumati, caratterizzati da un impasto di cotone e cellulosa per il rilascio graduale del profumo e la stampa sviluppata con colori speciali resistenti agli oli essenziali. Ciascun prodotto può essere personalizzato sia nella forma, sia nel confezionamento, con un gancio plastico per il posizionamento o con un sigillo ermetico in bustine di cellophane per mantenere la fragranza intatta nel tempo fino all’apertura del blister. www.studiovgm.com

41

aprile 2010

C

editoria

La fragranza della stampa promozionale

PRODOTTI


STAMPA DIGITALE TESSILE da oggi tutto in un clic

www.totextile.it

. COMUNICAZIONE VISIVA . FASHION E INDUSTRIA TESSILE NON PERDERE L’OPPORTUNITÀ DI ESSERCI Per informazioni t. 02 48516207 | e-mail: advertising@sunnycom.it

partner of


l’angolo di Susanna

* di susanna bonati

susanna.bonati@sunnycom.it

Il vino in gessato Dopo venti vendemmie, la cantina si fa un ritocchino... Ma la tradizione e la qualità restano quelle di sempre Ben ritrovati a tutti, cari Comunicando-fellows! Come state? Che fate? Che avete combinato da che non ci sentiamo? Spero tutto proceda per il meglio davvero. Qui decisamente molto bene; invecchiata di qualche anno ma sempre con il cuore e le emozioni di una ragazzina; e chi m’ammazza-ammé? Scrivo, insegno comunicazione applicata alla moda, consulenzio e un po’, alla fine, me la godo anche! (in partenza a proposito per l’Asia da cui ci sentiremo per aggiornamenti dall’Oriente che pulsa). Quindi eccomi, occasionalmente, felice di esserci e onorata di parlarvi, ancora, come foste qui di fronte a me; uno a uno. Cosa mi porta a voi questa volta? Un’occasione speciale, fatta di profumi, forme, terra e tanta, tanta passione. A forma di vino; e del suo mondo che lo comunica, Ça va sans dir... Il nostro caro Michele, cui ora mi sovviene dobbiamo ancora una cena, si è rivoluzionato e ha contribuito a che le cose si rivoluzionassero. Ha gettato, insieme alla famiglia con la quale condivide passione e lavoro o lavoro con passione, il ponte verso il futuro. Ma come Michele chi? Bozza, naturalmente, direttore marketing delle tenute “la Montina”, cantina pregiatissima delle bollicine franciacortine, immersa nel cuore del vino che profuma, puciata nella tradizione di chi il vino lo sa fare,

cullata nel verde che fa spuntare con pazienza i giusti frutti. Passate le 20 vendemmie dall’anno di fondazione della cantina, “i Bozza” si sono ridisegnati (nell’immagine aziendale, nella sagoma e nella struttura delle bottiglie), aggiungendo la cifra stilistica dell’eleganza a un gusto olfattivo del loro vino da sempre ineccepibile. Avete voglia di sbirciare con me le novità in cantina? Personalmente ho anche fatto qualche degustazione; la prossima volta organizziamo una gita cumulativa alla tenuta per godere anche delle proprietà organolettiche... per il momento, facciamoci bastare quelle visive.

43

La Montina, solo vino?

L'eccezionalità di queste tenute, sta anche nel privilegio di ospitare, al loro interno, il museo di arte contemporanea in Franciacorta remo bianco, che si snoda tra le cantine e i vari ambienti della dimora settecentesca villa Baiana. Unico nel suo genere; da vedere. www.lamontina.it www.remobianco.com www.villabaiana.it

aprile 2010

C


l’angolo di Susanna

Sinuose, eleganti e con uno stile unico Le bottiglie è come fossero diventate sculture, quasi evocazioni femminili con curve sinuose e colli allungati. Eleganti, certo, austere, in qualche modo, con quel cammeo fuso nel vetro raffigurante due leoni che reggono una tiara, unione della cultura bresciana del territorio rappresentatao dal leone dell'antica brixia fidelis, con l'orgoglio leonino de La Montina radicata nella seicentesca tenuta di campagna appartenuta a Benedetto Montini. La sensazione che mi evocano è quella di uno spazio per lo più lasciato respirare (come il vino) senza intromissione e sovraffollamento di oggetti inutili, chiuso solamente da una fascia-quasi-corona a mo' di firma. Il linguaggio muto delle cromie differenti a seconda delle tipologie dei franciacorta è sempre ordinatamente seducente, forte di quell'impulso di tinte così nettamente differenti da agevolare la riconoscibilità mentre la firma si compie. Trovo anche nell'utilizzo di carte differenti un'ottima comunicazione muta fatta di dettagli; una sorta di percorso sensoriale che il vino stesso ci impone di fare.

C

aprile 2010

44


l’angolo di Susanna

“I segni del disegno di Paolo Menon”

A Paolo Menon, membro del museo della permanente di Milano, nonché artista, scrittore e celebre firma della revisione grafica del mensile max e del suo logo tutt'ora in uso dopo 25 anni, è stata affidata la ristilizzazione dell'immagine de La Montina. Forte della tensione vibrante dell'arte e per l'arte, e della sua esperienza maturata nel campo enologico, Paolo, si è comportato da artista, e ha costruito un ponte: quello tra la tradizione della cantina e il suo futuro. Quello tra l'ovvio e l'inatteso (di cui emblema ne è l'etichetta che vive di un carattere bastone moderno, inframmezzato da un'iniziale così classica, così cucita tra le due parti che costituiscono il nome proprio de La Montina). Paolo! I complimenti te li ho fatti di persona in sede di presentazione ma qui li ufficializzo. Ti ringrazio nuovamente di avere accolto qualche mio pensiero sul tuo libro “Per vino e per Segno” che custodisco gelosamente nella mia libreria e... che dire? Quando facciamo qualcosa insieme di nuovo? A seguire, cari tutti, i segni del disegno (concettuale e progressivo) di Paolo. www.paolomenon.com

Evoluzione permanente Se ci leggiamo su queste pagine, vuole certo dire che siamo accomunati dalla professione della comunicazione in qualcuna delle sue varie fasi e variegate pieghe. Non dico certo nulla di nuovo, quindi, sottolineando quanto delicato sia sempre il passaggio in quello stretto tunnel temporale che porta dal vecchio al nuovo; dall'abitudine al desiderio di crearsene una diversa. Eppure, ogni volta, l'ansia da prestazione è alta; la paura del riscontro con il pubblico pulsa nelle vene. Da una e dall'altra parte della barricata. Il gusto è

soggettivo, certo, e le inclinazioni personali che fanno propendere ognuno per quell'insieme di forme-tinte-materiali sono davvero troppe per avere l'ambizione di soddisfarle tutte, allo stesso livello percettivo, con le stesse leve emotive sollevate. Però (eccomi al però) non c'è cosa peggiore del rimanere identici a se stessi per l'eternità, senza passaggi evolutivi che traghettino noi e il nostro mondo verso luoghi non necessariamente noti. No? Uomini o prodotti che si siano. Agli amici Bozza un "bravi" di cuore e a tutti noi che ci troviamo su queste pagine, l'appuntamento è con i prossimi aggiornamenti in diretta dall'"Angolo di di Susanna".

Susanna Bonati… story teller? Sì. Creativa? Sempre per vocazione. Vulcanica? In ogni istante, progetto e pensiero. Ha dato vita a Comunicando e lo ha diretto per lungo tempo trasmettendo la sua passione irrefrenabile per tutto ciò che è comunicazione. Scritta e non. Ha pubblicato il suo libro, A mia madre (nonostante tutto), e torna a raccontare ai lettori di Comunicando il pensiero, il cuore e l’anima che muovono la mente verso un progetto o un’idea. Scontato? Tutt’altro... // www.susannabonati.it

45

aprile 2010

C


printing

* a cura della redazione

redazione@comunicandoweb.com

Stampati glam e brillanti? Il trucco è nel make-up Merck svela la formula alla base di inks e vernici speciali Sono più di cinquant’anni che Merck è presente nella nostra vita, colorandola giorno dopo giorno con i pigmenti che produce e distribuisce in tutto il mondo. Polveri speciali che, mescolate a inchiostri e vernici, conferiscono a qualsiasi applicazione - dal packaging primario e secondario ai prodotti editoriali, dagli espositori alle carrozzerie delle vetture, fino ai prodotti di make-up - una superficie a effetto metallico, cangiante, brillante o satinato. Sono infinite le combinazioni di effetti ottenibili su qualsiasi supporto stampabile: rigido e flessibile, cartaceo, plastico o tessile. Ma non è tutto.

Nel settore del make-up, l’utilizzo l’utilizzo dei pigmenti occupa un posto rilevante non solo nel packaging ma anche nel prodotto cosmetico stesso. E’ per questo motivo che Merck ha introdotto i pigmenti a marchio Timiron, Colorona, Xirona, Ronastar, dedicati ai produttori di cosmetici e caratterizzati da una specifica formulazione atossica e sottoposti a un severo controllo qualità. Come un buon make-up dà a ogni donna la possibilità di essere speciale, allo stesso modo i pigmenti possono essere sfruttati nel packaging e nella stampa per conferire effetti preziosi e ricercati.

La tonalità più trendy? La trovi nel color forecast Come si crea la tonalità di moda per una determinata stagione? Si analizzano tendenze passate e presenti, si prendono in esame studi sociologici e psicologici sul consumatore e sulla società... Per permettere ai propri clienti di orientarsi nella scelta dei colori di tendenza, gli esperti di Merck elaborano, in collaborazione con note agenzie, il Color Forecast. Redatto in ogni stagione, il Color Forecast contiene spunti innovativi provenienti dal mondo della moda, del design e del make-up.

C

aprile 2010

46


Oltre 50 anni di pigmenti a effetto per nobilitazioni seducenti

Iriodin, primogenito degli effetti Merck, è il pigmento che più di altri ne ha segnato la storia. I suoi effetti cangianti continuano ad impreziosire numerosi prodotti. Ma da cosa è composto un pigmento? Iriodin, nello specifico, è costituito da frammenti di mica, uno dei minerali più antichi al mondo, rivestiti da diversi ossidi che contribuiscono a creare colori ed effetti. Riflessione della luce e iridescenza, queste sono le caratteristiche che conferiscono il particolare effetto perlato a tutte le superfici stampate con inchiostri e vernici che contengono questo pigmento. Fanno parte della famiglia degli Iriodin anche i pigmenti interferenziali che, a seconda di particolari condizioni di luce, conferiscono ulteriori riflessi di colore alla superficie stampata. Al brand Iriodin si sono successivamente affiancate altre serie di pigmenti, con caratteristiche e performance cromatiche ancor più accattivanti, come i Colorstream, dal riflesso multicolore, i Miraval, dall’effetto estremamente brillante, ed i Prisma, caratterizzati da un’estrema purezza di riflesso.

Un fornitore migliore? È un partner!

I pigmenti a effetto sono uno strumento di nobilitazione primario perchè, una volta stampati, enfatizzano il colore con giochi ottici strabilianti, dando all’applicazione un valore aggiunto indiscutibile che spesso elide l’utilizzo di successivi passaggi di abbellimento della superficie. La soddisfazione delle esigenze dei clienti è centrale per Merck, tanto che per guidarli nella scelta dell’effetto migliore ha creato il Color Compendium, un cromario che raccoglie numerosi esempi di stampa declinati per colore ed effetto. Scegliendo tonalità, percentuali di saturazione e tipologia di pigmento, print buyer, stampatori e produttori di inchiostri possono formarsi un’idea immediata del risultato finale ottenibile in stampa.

L’utilizzo di un pigmento Merck nella formulazione di un inchiostro o di una vernice dà allo stampatore la certezza di nobilitare il suo stampato. Vogliamo che i nostri clienti trovino il colore e l’effetto che più risponde alle loro esigenze, stimolandoli con idee innovative. Sono continui gli investimenti che mettiamo in campo per proporre nuovi prodotti e migliorare la qualità di quelli esistenti. Merck è da sempre sinonimo di innovazione e qualità. Renato Pignarca Account Manager Printing & Security Merck Italia

Merck è tra i leader mondiali nel mercato chimico-farmaceutico. La divisione Chemicals opera in due settori: visual communication (cristalli liquidi) e Performance & Life Science Chemicals, che offre prodotti per i mercati eccipienti & API, food, bioscience, cosmetici attivi e pigmenti cosmetici, pigmenti per stampa, plastiche e vernici, nuove tecnologie.

Merck spa Via Stephenson, 94 20157 Milano Tel.: +39 02 3320351 Fax: +39 02 332035206 www.merck.it infochimica@merck.it

47

aprile 2010

C


shoppers

* di sara fevola

sara.fevola@sunnycom.it

Lo shopper si ritocca il look per farsi bello Le scelte di stile, forme e nobilitazioni fatte dal comparto beauty per parlare di sé attraverso le shopping bag Non c’è niente di più ammiccante, intimo e femminile delle shopping bag di profumi e cosmetici. Quando li vediamo passare, ondeggiando a passo spedito agganciati al braccio delle donne, sappiamo già che custodiscono uno dei segreti di bellezza di quella persona, un trucco per essere speciale. Ma perchè suscitano in noi così tanta attrazione? Ne invidiamo il contenuto o la foggia? Qual è il loro segreto per essere così ambiti oggetti da invidiare? Può forse dipendere solo da un brand esclusivo stampato sulla superficie? Sì, ma non solo. La forma, forse. Piccole e discrete, automaticamente fanno pensare a

C

aprile 2010

un cofanetto prezioso. Un peso rilevante nella conquista dello charme lo rivestono il progetto grafico, il colore del sacchetto e l’uso non eccessivo delle nobilitazioni (la preferita continua a essere la stampa a caldo). E poi, ancora, il gioco degli accostamenti tra materiali come carte spesse, opache e patinate magari abbinate a maniglie inusuali (per un sacchetto), fatte di cordini morbidi di cotone ma anche di plastica rigida, proprio come le pochette. Perchè, in fondo, a questo aspirano le shopping bag della bellezza. A essere elevate al rango di borsa e compagna inseparabile con la quale andare a braccetto.

48


Sacchetti da riutilizzare o vere e proprie bag. Sebbene lo shopper nel settore beauty sia percepito sempre più come accessorio di moda, resta, a detta dalle grosse catene di profumerie e delle aziende cosmetiche, lo strumento di comunicazione ideale

la profumeria

La shopping bag La Gardenia porta a spasso il Fleur fleur della femminilità Non poteva che essere Fleur, il personaggio nato dal tratto acquerellato dell’americana Bella Pilar, la testimonial di un brand come La Gardenia Profumerie, due identità con il nome di un fiore. Da Febbraio 2010, la designer crea, in esclusiva per La Gardenia, una Fleur diversa ogni mese, caratterizzandola con un colore e con dettagli curati nell’aspetto e nell’abbigliamento. In occasione di eventi particolari, Fleur viene ulteriormente personalizzata e scende dal consueto sacchetto per trovare posto sulla superficie di vere e proprie bag. Ma non solo, perchè va a presidiare anche tutto il punto vendita: dalle vetrofanie ai totem, fino ai cartelli vetrina. La comunicazione è semplice e diretta: la bambolina parla alle clienti per aforismi e dando loro del tu, schiettamente. La scelta di un tratto grafico al posto di una testimonial in carne e ossa è stata preferita per creare con le donne un fil rouge basato sull’intimità e non sulla competizione. www.gardenia.it

Due parole con… Cristiano Catania

Marketing Manager, La Gardenia Profumerie

Chi siete e qual è la vostra storia? La Gardenia è un’azienda che oggi conta 150 punti vendita proprietari sparsi in tutta Italia nei capoluoghi di provincia. Sviluppatasi gradualmente fino all’anno 2006-2007, ha raddoppiato poi la propria presenza a seguito di ristrutturazioni societarie. I prodotti in vendita nei nostri negozi sono di fascia medioalta e comprendono i marchi più selettivi e importanti tra quelli del make-up, della cosmesi e dei profumi.

Com’è organizzata la vostra comunicazione sul punto vendita? Uno dei nostri obiettivi del 2009 è stata l’identificazione di un progetto di brand uniqueness, vale a dire di fidelizzazione della clientela. Abbiamo quindi puntato sulla costruzione di un linguaggio che ci differenziasse. Da qui è nata la collaborazione con l’illustratrice americana Bella Pilar e Fleur, che per noi rappresenta molto più di un disegno perchè incarna il nostro modo e quello delle nostre clienti di percepire la bellezza. Fleur è la donna Gardenia: intelligente, moderna, attenta ai trend per piacere a sé stessa in quello che vuole e come

49

vuole. E, come tale, accoglie le clienti dalla vetrina al punto vendita e le accompagna a casa sui nostri sacchetti. E lo shopper, con che ruolo si inserisce in questo contesto? Strategico, perchè arriva direttamente a casa delle clienti. Non per nulla sui sacchetti è stampato il nostro payoff “destination moi”, oltre a Fleur, l’amica che consiglia ogni donna su come valorizzarsi ed essere speciale. Quanti sacchetti fate produrre all’anno? Ne realizzate delle edizioni speciali? Poco più di 4 milioni di pezzi, per quello che riguarda gli shopper che distribuiamo comunemente durante tutto l’anno. Questi sono realizzati in carta (dall’anno prossimo useremo solo carte certificate FSC) con una maniglia ritorta. In occasione di momenti importanti, come Natale, San Valentino o l’estate, i nostri sacchetti diventano delle vere e proprie bag da passeggio. Via la carta, al suo posto la plastica e anche le maniglie cambiano, evolvendosi verso la tracolla.

aprile 2010

C

shoppers

Come sono distribuiti e localizzati i vostri punti vendita? Il 60% del retail è localizzato nel centro delle grandi città, mentre il 40% nei centri commerciali. Questa scelta deriva dalla storia del brand, sviluppatosi inizialmente nel cuore urbano. Abbiamo cercato di bilanciare questa posizione inserendoci nei centri commerciali, non solo per il grande afflusso di passaggi ma anche perchè la loro architettura offre ai punti vendita piante regolari (indispensabili per i nostri layout) e a facilities non indifferenti come il parcheggio.


shoppers

La shopping bag per Sephora rappresenta un importante veicolo di comunicazione itinerante del brand, tanto che nella sua versione istituzionale è vestita con i colori e i grafismi presenti sulle insegne dei nostri punti vendita. È un fattore importante perché crea un fil rouge tra il brand, il negozio e le nostre clienti. In occasione di feste particolari (Natale, Festa della Mamma ecc.), inoltre, creiamo una versione de luxe del nostro shopper, trasformandolo in una vera bag colorata e alla moda da conservare e riutilizzare. Cambia il materiale, dove il lucido plexi sostituisce la carta, e varia la personalizzazione, che rispecchia lo stile, la grafica e i colori del materiale di comunicazione esposto nel punto vendita. La shopping bag deve rispecchiare la nostra visione della donna: audace, giovane, di successo a 360°. Laura Schiatti Direttore Marketing Profumerie Sephora

NPD aiuta a monitorare il mercato, misurando la bellezza

Da più di 35 anni NPD Group monitora gli andamenti di mercato di numerosi ambiti, sviluppando dei panel consumer e dei panel retail da cui estrapolare i dati di settore. In Italia, per quanto riguarda soprattutto il beauty, i dati sono stati raccolti tramite panel retail (coinvolgendo quindi i soli punti vendita) e facendo riferimento alla profumeria selettiva. Questo significa che sono stati presi in considerazione solo quei retail che propongono marche e brand selettivi, venduti solo nel canale profumeria. NPD ha presentato, in occasione dell’ultimo Cosmoprof, una sintesi dell’andamento di settore registrato nel 2009. I risultati evidenziano una contrazione del mercato che ha chiuso il 2009 con segno negativo, pari a -3,5%, facendo registrare un aumento dei prezzi dei prodotti mediamente del +3,4%. Nel canale sono state evidenziate le sofferenze di tutti i comparti. Lo skincare ne ha risentito per il 5,9%, il makeup per l’1,9% e le fragranze per il 2,3%. In un mercato così in difficoltà, quale appare quello del beauty, sorprende - al contrario - il continuo lancio di prodotti, che non ha conosciuto arresti per quello che riguarda l’universo delle donne, mentre il calo è stato evidente per quelli maschili e nello skincare. www.npd.com

C

aprile 2010

the beauty book

REBUILD: BE AUTY’S NEW CALL TO ACTIO N RETHINK: CO NNECTING INSI GHTS, INNOVA TION, AND VALU E january 2010 www.npd.com

50


by I L MA E T I C H E T T E S . R . L .

La linea è sottile, ma NOI facciamo la DIFFERENZA.

ILMA ETICHETTE s.r.l. www.ilmaetichette.it - www.detaluxe.com DETALUXE TM è di unica ed esclusiva produzione di ILMA ETICHETTE SRL, in quanto è un prodotto coperto da brevetto PATENT PAINTING TO2009A000484


shoppers

l’azienda

Tre versioni, un comune denominatore: la semplicità Sobrietà, linee minimal e dettagli curati, come le maniglie in corda di cotone neutra, dorata e argentata, scelte per creare un contrasto con la superficie, ma in perfetto accordo con la nobilitazione del logo. Lo shopper di Akys rispecchia il concetto di bellezza dell’azienda.

Due parole con… Giuseppe Dalla Serra

Amministratore Delegato, Akys

Qual è la storia della sua azienda e come è organizzata la vostra presenza sul mercato? DBS Italiana, titolare del marchio Akys, è una società presente da 16 anni nel mercato della fitocosmesi, con prodotti a base di estratti naturali e piante. L’acronimo che ci contraddistingue sul mercato nasce come sintesi dei nomi del presidente dell’azienda Baston José Daniel e il mio. Sintesi che peraltro descrive appieno una visione e obiettivi tra noi condivisi. Le nostre linee comprendono trattamenti viso e corpo, prodotti multifunzione, una linea di trattamento solare e di benessere per il corpo. I nostro prodotto sono distribuiti nei maggiori centri benessere, solarium e centri estetici, per un totale di 150 punti vendita in Italia e in 13 paesi nel mondo. Quanto conta lo shopper nella politica di veicolazione capillare del vostro brand? Attribuiamo alle shopping bag un’importanza fondamentale nella comunicazione del marchio e della visione aziendale. Quando una cliente acquista un prodotto Akys, lo shopper in cui è inserito il packaging diventa in quel momento l’azienda stessa. E come tale deve rispecchiare i nostri valori e la nostra filosofia. Ecco perchè lo curiamo nei minimi dettagli, investendo in qualità, design e materiali. Ci fa un esempio del concept che sta dietro lo studio di uno shopper Akys? L’equilibrio. È un sacchetto in carta bianca o colorata,

C

aprile 2010

52

dalle linee sobrie e con un cordino in cotone annodato come maniglia. Abbiamo scelto di personalizzarne la superficie con la stampa a caldo del logo Akys e dei paesi d’esportazione. Questi segni grafici sono riportati in dimensioni contenute. Mai urlati in modo sguaiato sul sacchetto, perché non ce ne è bisogno. Questa scelta forse un po’ minimal risponde, però, al gradimento che abbiamo riscontrato presso i nostri punti vendita. Le nostre clienti, infatti, tendono a riutilizzare lo shopper ed è più facile che questo avvenga se il sacchetto veste tinte neutre e non aggressive. Con il nostro grafico interno abbiamo, quindi, studiato la soluzione migliore, senza però perdere in chiarezza ed efficacia nella comunicazione del nostro marchio. Un vero investimento di idee e risorse quindi! Certamente, come accade per ogni progetto di comunicazione che punta al successo. La produzione di sacchetti si aggira intorno ai 50.000 pezzi all’anno per un investimento economico complessivo di circa 30.000 Euro. Avete una linea unica o durante l’anno lanciate delle edizioni speciali, in occasione di ricorrenze, ad esempio? Capita, come in occasione del lancio di una nuova linea di prodotti, che si faccia uno shopper ad essa dedicato. Sta accadendo in questo periodo per una nuova gamma di maquillage. Ma non posso dire di più. Nella progettazione dello shopper Akys, cosa vi fa dire: “questo modello, quest’idea, non ci rappresenta”? II successo di un sacchetto dipende molto dal suo riutilizzo. Questo avviene se il suo progetto gli lascia la possibilità di diventare qualcos’altro. Ecco perchè i nostri shopper sono comunicatori efficaci ma discreti allo stesso tempo. I colori scelti, morbidi e tenui, la comunicazione elegante ed equilibrata, danno alle nostre bag la possibilità di vivere una seconda vita perchè la cliente è libera di interpretale come vuole e farle diventare compagne inseparabili dei momenti di relax e shopping.


La bellezza? Sulle shopping bag si esprime con creatività attraverso forme e materiali, seguendo quelle tendenze alla moda che trasformano i sacchetti in vere e proprie borse

La bellezza secondo Nivea? Ce la racconta Keenpac Come può essere lo shopper di uno dei colossi mondiali nel comparto Personal Care & Beauty? Naturalmente, al passo con i tempi e con le utlime tendenze. Le shopping bag di Nivea, infatti, sono state realizzate da Keenpac in PP woven, un particolare tessuto non tessuto costituito da polipropilene. Senza dubbio una scelta al passo con i trend che prediligono un packaging durevole e riutilizzabile, ecologico ma senza perdere in efficacia nella veicolazione dell’immagine dell’azienda. www.keenpac.it

L’identikit...

Form Plast contribuisce a creare i segreti di bellezza di ogni donna L’Oreal non ci delude mai e continua a prendersi cura di noi persino nella scelta delle proprie shopping bag. Il modello realizzato dal noto produttore modenese Form Plast in 40.000 pezzi è stampato su carta patinata da 170 g/m2 e successivamente plastificato lucido. Lo shopper è manuale (significa che il confezionamento del sacchetto avviene a mano e non in macchina). Il comodo formato, 18x20x8+4 e le maniglie in cordino di cotone nero spesso 0,5 cm e lunghe 50, permettono alla cliente di portare a spasso i propri acquisti comodamente a tracolla. www.formplastgroup.it

53

aprile 2010

C

shoppers

keenpac

Il gruppo Keenpac è tra i protagonisti a livello mondiale nella proposizione di soluzioni di packaging, dalla produzione alla logistica, fino allo stoccaggio e alla distribuzione su scala mondiale. A seguito dell’acquisizione da parte del Gruppo Bunzl nel 2006, oggi la casa madre ha sede nel Regno Unito e opera nel mercato globale attraverso le sedi operative autonome di Firenze, Parigi, Neuchâtel, New York, Victoria (Australia). L’ingresso nel Gruppo Bunzl ha permesso a Keenpac di centralizzare gli acquisti delle materie prime e, attraverso gli stabilimenti produttivi di proprietà in Asia, consente di offrire un packaging di alta qualità certificata a prezzi estremamente competitivi, nel pieno rispetto del rigido protocollo interno di responsabilità etico-sociale. La produzione comprende shopping bags in carta di produzione manuale, shopping bags in plastica, carta velina, scatole, carta da regalo, astucci per gioielli, nastri, adesivi, sacchetti in flanella, copri abiti, grucce, shoppers promozionali e molti altri articoli. www.keenpac.it


Quattro continenti, un’azienda e un impegno ambientale da trasmettere America Latina, Europa, Russia, Asia e Nord Africa. Non è un partita di Cluedo, ma l’ubicazione degli stabilimenti di International Paper. Un vera macchia d’olio in giro per il mondo che consente alla cartiera di produrre alti volumi. E fin qui di eccezionale (forse) non c’è poi tanto. La strategia di produzione, invece, è degna di nota per la continua e severa politica ambientale che consente ad International Paper di adattarsi alle esigenze dei vari paesi nei quali ha impiantato le sue strutture e dei quali utilizza le risorse, alias foreste e alberi. La cartiera, infatti, sa bene come lo sfruttamento intensivo indebolisca l’ecosistema, e non sta certo ferma a guardare.

Piantare, tagliare e produrre nel rispetto della sostenibilità Obiettivi green da condividere Un supporto multimediale agile, chiaro e multilingua è lo strumento che International Paper ha realizzato per far conoscere la sua politica green agli addetti ai lavori. Parliamo di un DVD che si fa bandiera di una policy aziendale imperniata su soddisfazione del cliente e sostenibilità e che illustra i progetti portati avanti dalla cartiera per conseguire tali obiettivi. Operare in un contesto sano e sicuro è il primo passo, così come formare e sensibilizzare il personale circa l’importanza e il rispetto dell’ecosistema, per finire con il conseguimento di certificazioni ambientali e di processo che avvalorino l’impegno di International Paper. Brasile: sradicare per ripiantare e arricchire Per non fare troppa filosofia, meglio portare esempi pratici delle modalità di intervento della cartiera allo scopo di integrare la sua attività produttiva con il sostegno delle foreste e della natura. La sede brasiliana di International Paper a Luis Antonio in Brazil (certificata PEFC), per esempio, utilizza piantagioni di eucalipto cresciute su terreni sterili o non più coltivabili. Inoltre, ogni dieci anni l’azienda aggiunge altri 2.500 ettari di nuove foreste, piantando 50.000 alberi di oltre 100 specie indigene,

carta & media

C

aprile 2010

ovvero il 20% del totale delle foreste di International Paper. Le aree rimboschite non subiranno mai sradicamenti, perché non si tratta di piantagioni a scopo commerciale. Anzi, lo scopo è quello di fornire nuovi habitat a un variegato insieme di flora e fauna, per creare delle riserve di biodiversità. Utilizzando uno schema di gestione a mosaico, le foreste di alberi indigeni e le piantagioni di eucalipto crescono, infatti, in armonia. In Francia, Saillat scalda e illumina L’impianto di Saillat, ubicato nella zona francese di Limousin, è un altro esempio di come produrre carta rispettando l’ambiente. Lo stabilimento produce autonomamente l’85% dell’energia che utilizza tramite biomassa, derivata dalla lavorazione di cellulosa. Questo materiale è utilizzato come combustibile per produrre calore ed elettricità. I prodotti dello stabilimento di Saillat vengono distribuiti in tutta la Francia. Le materie prime dell’impianto, poi (rami e tronchi utilizzati per mobilio, pavimentazioni in parquet e materiale edile), provengono dalle foreste presenti in un raggio di 150 km, riducendo l’emissione di carbonio dovuto al trasporto.

54

International Paper Italia spa Viale Milanofiori 20090 Assago (Mi Tel: +39 02 89200373 Fax: +39 02 89200002 www.internationalpaper.com/Italy


WWW.CONCRETACOM.IT

www.burgodistribuzione.com

Vista, rivista, riciclata. Burgo Distribuzione presenta Green Paper, il nuovo segmento di carte ecologiche. Una ampia gamma di carte che garantisce il corretto utilizzo delle materie prime, ottenendo cosĂŹ prodotti ecocompatibili, riciclati e certificati. Burgo Distribuzione. Meno spreco piĂš eco.

Sempre al vostro fianco.


packaging

* a cura della redazione

redazione@comunicandoweb.com

Dalla musica al beauty, al pack ci pensa Pozzoli Creatività, innovazione e controllo dell’intero processo produttivo sono le caratteristiche vincenti dell’azienda La capacità di elaborare soluzioni inedite, l’adozione di strumenti avanzati, le risorse tecnologiche e umane di alto livello consentono a Pozzoli di offrire al mercato un servizio affidabile, tempestivo e di valore. La qualità dei suoi pack è rinomata trasversalmente in più settori: dalla moda all’auto, dalla cosmesi all’home entertainment, sono tanti ed eterogenei gli interlocutori con cui Pozzoli si confronta. Ma la prima vocazione, che fin dal 1968 ha reso l’azienda conosciuta e apprezzata nel mondo, è il packaging per i dischi. Partita dalle buste per il vinile, oggi Pozzoli progetta e sviluppa confezioni complesse, premiate per originalità e design. Altro core business di Pozzoli sono i pack creativi per contenere ogni tipo di gadget, nobilitati e rifiniti con soluzioni di finitura

C

aprile 2010

diversificate, soprattutto per i settori dell’home video e l’industria multimediale, oltre che per prodotti editoriali di ogni tipo. La possibilità di stampare su PVC, APET, lenticolari 3D e multimmagine, pelle, velluto e cartone accoppiato a film olografici e metallizzati, e la stampa a caldo per produrre effetti come il rilievo, permettono di raggiungere risultati di alto livello. L’obiettivo di Pozzoli? Trovare la soluzione migliore dal punto di vista funzionale ed estetico, senza dimenticare però le dinamiche produttive e distributive, e con un occhio di riguardo all’ambiente, dimostrato dalle certificazioni FSC, PEFC, IG Mark - Industry Green (per il settore musicale), e dall’indice di Carboon Footprint che certifica le emissioni di CO2 di una linea di prodotti ecologici.

56


La divisione R&D di Pozzoli studia e sviluppa in tempi ridotti prodotti cartotecnici originali e innovativi, partendo dell’idea del cliente e rispondendo ad esigenze diversificate. Il reparto produttivo altamente tecnologico fa il resto... I risultati? Ecco alcuni esempi! Non esistono idee impossibili da realizzare Pozzoli progetta il pack nei minimi dettagli, alla ricerca del miglior rapporto tra estetica e funzionalità. Nel reparto prestampa l’artwork viene verificato ed elaborato per preparare le matrici di stampa offset e i telai serigrafici; il flusso è elettronico e si avvale di computer to plate per l’incisione diretta delle lastre, e il reparto stampa è costituito esclusivamente da macchine full-optional di ultima generazione, stampanti a 5 o 6 colori con verniciatura UV o acrilica in linea. Grazie a tutto ciò Pozzoli trasforma le idee in realtà, e instaurando un vero rapporto di partnership con i clienti. La divisione Ricerca e Sviluppo dell’azienda applica la propria creatività a tutti i materiali e alle lavorazioni speciali, utilizzando un avanzato sistema per la progettazione e l’allestimento di prototipi (mock-up) e macchinari dedicati ai test di produzione e collaudo.

Materiali ricercati prendono forma Questo prezioso cofanetto cernierato, prodotto in 3500 pezzi in formato 250x150x105 mm, presenta una chiusura a calamita ed un cassetto chiudibile grazie ad un nastrino di stoffa. Ai 5 colori della stampa si aggiunge il cold foil, il rilievo e una plastificazione lucida su carta monopatinata, ed una lastra a superficie specchiante è stata inserita e incollata sulla plancia interna del coperchio. Profumo di... pack di lusso Questo pack realizzato per Ferré è stampato in nero ad un colore pantone all’interno, mentre all’esterno è impreziosito da stampa a tre colori pantone + plastificazione lucida + fustellatura con rilievo su cartoncino accoppiato a film metallizzato.

Nata nel 1968 a Inzago, nell’hinterland di Milano, come azienda litografica, da subito Pozzoli si è specializzata nella stampa di supporti grafici e packaging brevettati per la discografia. Con tre filiali commerciali in Francia, Inghilterra e Germania, oggi la sua produzione viene esportata in tutta Europa, negli Stati Uniti e in altri paesi dell’area asiatica.

Le nobilitazioni fanno la differenza! Questo packaging cartonato dalla speciale forma di piramide si chiude grazie a quattro calamite. Le doppie plance esterne, stampate a 4+0 colori, sono arricchite da plastificazione opaca e vernice texturizzata ad effetto sabbia, mentre sulla carta patinata è stata utilizzata una vernice UV serigrafica. Al packaging, prodotto in edizione limitata di 1000 pezzi, è stata aggiunta la numerazione progressiva, stampata a caldo su cartone da 330 g.

Pozzoli Via G. Di Vittorio 11 20065 Inzago (Mi) Tel: +39 02 954341 Fax: +39 02 95434240 www.pozzolispa.com

57

aprile 2010

C


printing

a cura della redazione

redazione@comunicandoweb.com

La tipografia moderna? Si chiama Loretoprint Dalla stampa in pochi pezzi al web-to-print. A tu per tu con chi ha fatto dell’innovazione un paradigma di crescita Innovare sempre, seguendo le esigenze del mercato e senza paura di cambiare. Questa è, in sintesi, la filosofia imprenditoriale di Vito Ferrone, stampatore milanese che, audacemente e in pochi anni, ha trasformato la sua Timbroloreto - Copy Line in Loretoprint, uno dei più avanzati centri di stampa digitale del capoluogo lombardo, punto di incontro per progetti di comunicazione, creatività e stampa di qualità just in time. Quali soluzioni si trovano da Loretoprint? Accanto a prodotti tradizionali come fotocopie, timbri e targhe, il service milanese è un punto di riferimento per la stampa di

C

aprile 2010

poster e locandine, per la ristampa di prodotti editoriali oppure per la realizzazione di immagini coordinate, inviti, materiale per eventi, ma anche mailing personalizzati tramite l’utilizzo del dato variabile e prodotti di direct marketing. Indiscutibili i risultati, ottenuti combinando l’utilizzo dei migliori supporti con tecnologie all’avanguardia. Ma la capacità di innovare va declinata in risposta alle esigenze del mercato per essere una strategia di successo. Ecco perchè è nata Printdiscount.it, il nuovo progetto di web-to-print che ha spalancato anche online le porte della tipografia digitale di qualità.

58


Dal poster al calendario, in 48 ore con un click!

Risolvere all’ultimo minuto e in pochissimo tempo qualsiasi esigenza di stampa? Per chi desidera un risultato di qualità, dal piccolo al grande formato, c’è Printdiscount.it, il nuovo partner cui rivolgersi per applicazioni stampate di piccolo e grande formato. Dai manifesti 70x100 fino a calendari da tavolo, dalle etichette personalizzate ai roll-up per l’inaugurazione del temporary store, ma anche quadri, locandine, volantini, biglietti da visita. Cosa c’è dietro a tutto questo? Una vera e propria sala macchine, cuore pulsante del servizio. Tecnologie innovative nella stampa digitale, come i tre sistemi gemelli Canon ImagePress C7000VP, per la realizzazione di ogni strumento di marketing: presentazioni, inviti, booklet o piccole riviste. Oppure, per soddisfare le esigenze di chi cerca la qualità della stampa tradizionale abbinata alla velocità del digitale, Printdiscount si appoggia alle prestazioni offerte da Presstek 52DI. Le richieste di prodotti large format sono invece soddisfatte dai plotter HP Designjet 9000 e da Océ GT250 roll-to-roll oltre che da un sistema flatbed UV in piano, per stampare pannelli rigidi.

Loretoprint vi aiuta nella scelta della carta che fa al caso vostro

Quando si stampa sulla carta giusta, la differenza si vede. E per uno stampatore digitale che vuole garantire un prodotto impeccabile, è impossibile prescindere dal supporto di stampa. Loretoprint ha creato per questo lo schedario Impronte Digitali, un vero e proprio consulente cartaceo messo a disposizione di clienti e creativi per cercare e scegliere il supporto giusto per il tipo di progetto da stampare. Le carte creative sono raccolte e organizzate per applicazioni realizzabili e descritte per grammatura, cartiera e descrizione della superficie.

Investire in strumenti, idee e competenze specifiche per la stampa digitale, ha permesso a Loretoprint di diventare un player di riferimento affidabile in questo settore per realizzare numerosi prodotti solitamente affidati ad uno stampatore tradizionale. Tecnologie innovative, una tra tutte l’offset digitale, e un’ampia gamma di carte e supporti speciali, mettono i nostri interlocutori nell’agio di poter progettare e scegliere sapendo che il risultato sarà comunque di qualità. Vito Ferrone Titolare Loretoprint

Loretoprint Via Andrea Costa, 7 20131 Milano Tel.: +39 02 2870026 Fax: +39 02 2847693 www.loretoprint.it www.printdiscount.it

Loretoprint nasce nel 1966 col nome di Timbroloreto. Nel corso degli annisi è evoluta e oggi in Loretoprint tecnologia analogica e digitale coesistono in un’unica rete che pilota i più evoluti sistemi di stampa per garantire massima qualità e velocità di esecuzione su tutti i supporti e in tutti i formati.

59

aprile 2010

C


Gruppo Cordenons dedica un gran gala (newyorkese) alla padrona indiscussa del suo business È una sera di marzo nella Grande Mela. Lustrini, eleganza, grandi nomi e charme sono il condimento di un evento unico nel suo genere. La location? Il Four Seasons Hotel di New York, appunto. Non la solita serata da cinema hollywoodiano, ma un appuntamento con la creatività e la versatilità che solo la carta sa dimostrare di avere e che il Gruppo Cordenons ha accolto come sfida per dimostrare che questo supporto incredibile, la carta, può stupire continuamente, alla faccia di chi pensa di rimpiazzarla solo con un computer. O di chi, peggio ancora, ritiene che la si possa usare solo in ambiti limitati...

Una borsa, un abito, un’idea. Sua altezza la carta va in passerella Moondream, Boutique e Monnalisa: la carta è servita E anche per queste nuove carte di Cordenons è giunto il momento di scoprire l’America. La cartiera ha presentato le ultime tre novità al pubblico statunitense: Moondream, Boutique e Monnalisa. La prima regala effetti come ombre cinesi grazie alle sue trasparenze, che possono trasformare la carta in strumento di luce. Boutique, invece, nelle sue tre versioni So...Silk, So... Jeans e So...Wool è in grado di tramutare la carta in un vero e proprio tessuto (dalla seta al denim, fino alla lana) grazie alle fibre di seta, cotone e lana racchiuse in ciascuna di loro. Ultima, ma solo in ordine di comparizione, Monnalisa, la nuova carta con altissimo grado di bianco e una superficie matt dalla lisciatura naturale. Shopping Box: brevettato per acquisti alla moda Ma le novità non finiscono qui. Nella stessa cornice, infatti, è stata presentata la Shopping Box, un’innovativa alternativa che accompagna i consumatori nello shopping quotidiano e sostituisce le tradizionali shopping bag. La particolarità? Si tratta di un singolo foglio steso, fustellato e cordonato che si monta in un istante e diventa

eventi

C

aprile 2010

una vera e propria borsa. Ovviamente il tutto è disponibile in diversi modelli e in varianti di colore alla moda. La Shopping Box nasce da un’idea di Yoni Design ed è realizzata da Fiorini International che ha scelto di utilizzare, per questo prodotto rigorosamente brevettato, carte Cordenons. Da indossare come un abito d’eccezione Ultima nota d’eccezione è stata una sfilata di abiti originali (nei colori e nelle forme), vero e proprio sfoggio di una creatività illimitata. Colorati, alla moda, e, soprattutto, unici. Questi, infatti, sono stati realizzati dagli studenti della Fashion Institute of Technology di New York e sono tutti rigorosamente realizzati in carta; Cordenons, ovviamente. Siete ancora convinti che la carta serva solo per scrivere e stampare? Gruppo Cordenons Spa Via N. Machiavelli 38 20145 Milano Tel: +39 02 467101 Fax: +39 02 4818507 www.gruppocordenons.com

60


Campagna Abbonamenti 2010

ABBONATI ALLE NOSTRE RIVISTE on-line su abbonamenti.sunnycom.it Compila e invia il modulo via posta o fax a SunnyCom Publishing srl, via Stromboli, 18 | 20144 Milano fax 02.43.40.05.09 Il Servizio Abbonati è a tua disposizione al numero di telefono 02.48.51.62.07 o via email: abbonamenti@sunnycom.it

Abbonamento annuale 10 numeri euro 50,00* Abbonamento biennale 20 numeri euro 95,00*

Abbonamento annuale 7 numeri euro 35,00* Abbonamento biennale 14 numeri euro 65,00*

Abbonamento annuale 4 numeri euro 20,00* Abbonamento biennale 8 numeri euro 35,00*

I miei dati Azienda ................................................................................ Settore ........................................................................................ Nominativo ................................................................................................................................................................................ Indirizzo ..................................................................................................................................................................................... CAP ......................... Città .......................................................... Prov. .............. Tel. ............................................................ Fax .......................................... E-mail ................................................................ Sito ............................................................ Scelgo di pagare con assegno non trasferibile allegato alla presente intestato a SunnyCom Publishing srl versamento in C.C.P. n° 31.99.32.07 intestato a SunnyCom Publishing srl *Prezzi validi per le sole spedizioni in Italia. Per l’estero il prezzo dell’abbonamento raddoppia. Informativa ai sensi dell’art. 13, d. lgs 196/2003. I dati sono trattati, con modalità anche informatiche, per l’invio della rivista e per svolgere le attività a ciò connesse. Titolare del trattamento è: Sunnycom Publishing srl - Via Stromboli 18 - 20144 Milano (MI). Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 è possibile esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, aggiornare o cancellare i dati, nonché richiedere elenco completo ed aggiornato dei responsabili, rivolgendosi al titolare al succitato indirizzo. Con la compilazione della presente scheda, lei acconsente alla raccolta dei dati forniti e alla loro comunicazione ai nostri partner commerciali, al fine di poter ricevere informazioni e offerte commerciali. In caso di dissenso barri la casella qui a fianco.


Pack & display innovativi prendono forma on-line grazie al network di AUNet firmato B+B International Le aziende specializzate in design e produzione di espositori e applicazioni cartotecniche per il punto vendita possono contare, oggi, su un nuovo alleato per il loro business: AUNet. Stiamo parlando un nuovo, pratico e funzionale web system, firmato dal noto vendor B+B International, che consente di condividere, progettare e vendere packaging ed espositori di tutti i tipi. Una soluzione che sta già trasformando e rilanciando il business di molte cartotecniche e che vi invitiamo a scoprire in compagnia di Luciano Bortolini, AD del gruppo B+B International che ha curato lo start-up del sistema.

AUNet ridefinisce le possibilità di interazione tra designer, stampatori e clienti finali Una nuova opportunità dal web per le aziende produttrici di espositori e pack Si chiama AUNet ed è la nuova piattaforma di lavoro online pensata per far incontrare e interagire designer e aziende del settore cartotecnico e display graphic, con buyer di tutto il mondo. Una soluzione innovativa nata dall’esperienza maturata a contatto con le aziende leader di mercato da parte del vendor italiano B+B International, fornitore e consulente specializzato in soluzioni hardware e software firmate EskoArtwork, come ArtiosCAD e Kongsberg. Entra a far parte di una grande community AUNet è un’architettura relazionale, ancor prima che informatica, pensata per creare sinergie in tempo reale tra la community di progettisti di tutto il mondo. Attraverso AUNet diventa semplice – ma soprattutto possibile – per qualsiasi progettista, così come per trasformatori del settore, aziende di stampa offset e digitale, trovare, vedere, scambiare o acquistare in tutta sicurezza, progetti professionali certificati secondo gli standard di settore.

A cosa serve AUNet?

La nuova piattaforma web AUNet di B+B International è stata progettata per rispondere a diverse esigenze dei designer che impiegano quotidianamente il software ArtiosCAD di EskoArtwork consentendo di socializzare tra loro e con i loro clienti. Ciascun operatore avrà a disposizione uno spazio web sicuro dove condividere, mettere a disposizione di colleghi e potenziali clienti, disegni e digital mock-up, layout espositivi, rendering in 2D e 3D e molto altro. La nuova web platform

pubbliredazionale

C

aprile 2010

consente la creazione di una vasta community di professionisti di settore, capaci di fornire informazioni e consigli in tempo reale a possibili problemi progettuali. Da questa interazione tra professionisti, gli operatori che impiegano il software ArtiosCAD potranno ridurre possibili errori e aumentare la loro produttività. AUNet, infine, favorisce gli ambienti di lavoro dinamici e integrati con social network aumentando di conseguenza le opportunità di business delle aziende.

62


Display business “globale” La piattaforma web AUNet trova le sue origini in Italia ma è un progetto senza bandiere e, quindi, globale. Le interazioni che nascono e si sviluppano in questo web-network non hanno limiti di spazio e tempo. Il loro sviluppo è nelle mani degli operatori stessi, che scelgono di diventarne parte attiva. A contribuire alla sua diffusione su scala internazionale sono anche i social network professionali, come Facebook, LinkedIn e Twitter, oggi sempre più decisivi per accelerare il processo di socializzazione e crescita delle attività professionali di qualsiasi azienda.

intervista

Professionisti e progetti a portata di mouse Tra i benefici immediati offerti da AUNet troviamo la possibilità di interagire in tempo reale (previa autorizzazione) con i designer della community di AUNet. Un vantaggio non da poco per cartotecniche e stampatori specializzati in display graphic, in cerca di consulenza tecnica per realizzare i loro progetti in totale libertà, convenienza e sicurezza, senza richiedere l’intervento di costosi intermediari.

Due parole con… Luciano Bortolini

Amministratore Delegato, B+B International

Come nasce AUNet? La nostra nuova piattaforma nasce per ottimizzare il tempo speso da designer, che utilizzano quotidianamente ArtiosCAD attraverso i social network, per scambiarsi idee e raggiungere clienti e prospect. AUNet risponde concretamente a queste esigenze e mette in relazione una vasta community di designer con migliaia di aziende che necessitano di consulenza specializzata on demand. In che modo si accede ad AUNet? Tutti possono accedere alla piattaforma web AUNet pubblica, mentre per accedere ai progetti presenti è necessaria una licenza valida di ArtiosCAD. Per le aziende che dispongono di ArtiosCad è disponibile un plug-in gratuito che abilita l’utilizzo di uno spazio di lavoro web illimitato e protetto. Network e progetti creati attraverso AUNet sono tutelati? Le relazioni sviluppate da ciascun utente tramite AUNet sono di tipo peer to peer. Ogni utilizzatore può crearsi delle aree riservate, diventando amministratore del sistema relazionale

63

che istituisce, decidendo chi può parteciparvi. B+B International garantisce la sicurezza e la qualità degli scambi all’interno del network. Che serie di progetti è possibile condividere? Ogni sviluppatore, designer e progettista può condividere o mettere in vendita i propri disegni, accettando le condizioni di AUNet, e scegliere se far certificare il progetto secondo gli standard ArtiosCad. I progettisti potranno interagire con l’agenzia creativa e i print buyer? Sui progetti pubblicati in AUNet possono intervenire tutti gli utenti registrati sia in modalità pubblica e senza restrizioni, sia in modalità riservata. Anche nell’ambito di specifiche filiere di progettazione, tutti possono interagire liberamente, in funzione dei privilegi assegnati a ciascun utente dall’amministratore del network. Inoltre, AUNet si integra con i principali social network, tra cui LinkedIn e Facebook.

B+B International Vicolo Boccacavalla 3/F 31044 Montebelluna (TV) Tel: +39 0423 289090 Fax: +39 0423 301607 www.bbinternational.eu

aprile 2010

C


rubrica

Natura e cura di sé nel naming per la cosmesi

naming * di beatrice ferrari

info@beatriceferrari.com

Il naming dedicato alla cosmesi si è orientato questo mese verso due marchi legati al mondo del naturale e del biologico. Si tratta di 2 nomi e 2 rappresentazioni visuali molto diversi tra loro: il primo è un neologismo costruito a partire dal lessico anglossassone, il secondo è un riferimento al antico mondo celtico. Qualcosa però li accomuna: da qualche mese convivono, perché il primo certifica il secondo...

L’ultimo nato...

il brand del mese

NaTrue è il nuovo marchio nato dall’esigenza di distinguere i cosmetici naturali e biologici da quelli che si presentano come tali ma non lo sono: un nome quindi più che adeguato, che descrive la mission del progetto, poiché significa letteralmente Natura Vera. È composto dalla fusione delle due parole inglesi “nature” e “true”. Si tratta quindi di un neologismo particolare, originale e curioso, anagramma della parola nature. Pronunciato all’italiana /na-tru-e/ risulta essere un trisillabo dal suono poco armonico ed invitante; letto all’inglese, invece, /neitru/ diventa orecchiabile, tende ad addolcirsi. La melodia è dominata comunque da suoni piuttosto duri per via del nesso /tr/. Il disegno che emerge dal marchio rappresenta un viso di donna dai capelli lunghi, rivolto verso destra; è molto

semplice e stilizzato attraverso l’accostamento di tre colori (beige, bianco e grigio) racchiusi in un cerchio. La parte sinistra evoca una foglia, stabilendo un legame immediato con la natura, e il cerchio simboleggia completezza e ha valenze di protezione e rassicurazione. Il colore grigio caldo, elegante e neutro, conferisce qualità e autorevolezza al marchio; il rosa-arancio ha una tonalità particolare che ricorda il colore roseo di un bell’incarnato; è delicato, femminile, indicato per prodotti di cosmesi naturale biologica. La cromia discreta facilita l’utilizzo del marchio sui prodotti che certifica: ha riconoscibilità ma allo stesso tempo non toglie visibilità al brand di prodotto. Il carattere tipografico appartiene alla famiglia Meta, una font classica di ultima generazione; è un bold, lineare, dal sapore fresco, che trasmette serietà e fiducia. Nell’insieme il marchio comunica semplicità e purezza, ma la combinazione di lettere minuscolo/maiuscolo aggiunge dinamismo e un pizzico di fantasia.

Tipografia La font utilizzata per il lettering è tipica del mondo antroposofico steineriano. Il carattere è un Liant bold, maiuscolo, caratterizzato da forme irregolari dal sapore Liberty che danno una forte personalità al marchio. Il lettering comunica artigianalità, naturalezza, ma evoca anche alfabeti lontani come il runico, trasmettendo valori di storia e di sapienza antica. Questa scelta differenza molto Weleda da altre case farmaceutiche o di cosmesi naturale, che usano solitamente caratteri più seri e autorevoli. Fonetica & Morfologia In italiano la pronuncia /veleda/ è semplice, dal ritmo tranquillo e scorrevole. La seconda /e/ è leggermente più lunga della prima, e fa perno tra una prima parte del nome molto dolce /vel/ e una seconda più decisa. L’insieme è equilibrato e adatto ad identificare un brand nel settore della cosmesi naturale. Weleda sembra essere un nome inventato, ed è invece un nome di persona, di origine celtica, anticamente scritto “velleda”, che significava veggente, profetessa.

Semantica Il nome Weleda deriva da uno storico personaggio della tribù germanica dei Brutteri, una sacerdotessa dotata nell’arte della guerra che godeva di grande popolarità. Sia la storia che l’etimologia del nome servono benissimo questa marca di cosmesi naturali la cui missione è quella di proteggere e difendere la salute delle persone e del pianeta.

Cromia Il colore usato è un blu cobalto, intenso, luminoso e calmo. Il blu è un colore classico, rassicurante; immagine del mare e del cielo, ne condivide la simbologia: libertà, femminilità, immensità, profondità e naturalità.

Iconografia Il marchio è costituito da un simbolo creato da Rudolf Steiner nel 1921, composto da tre elementi stilizzati: il bastone di Esculapio attorno al quale è attorcigliato un serpente, simbolo da millenni della professione medica, e due forme sinuose che lo avvolgono e si incontrano dando origine ad un segno a spirale, sistema dinamico dalla simbologia dualistica. L’immagine rappresenta lo scambio continuo tra uomo, natura e spirito. Il logo sintetizza così i valori di Weleda, che propone cosmetici omeopatici e biologici, ma si impegna anche nella divulgazione dell’antroposofia, la scienza dello spirito. * Beatrice Ferrari è la voce più significativa del brand naming in Italia. Laureata in semiotica, comincia la sua pratica a Parigi per sbarcare nel 1989 a Milano e fondare la società Nomen Italia, prima realtà italiana completamente dedicata alla creazione di nomi commerciali della quale è socio e amministratore per 16 anni. Dal 2005 opera come professionista indipendente: offre collaborazioni di tipo strategico (brand architecture, global positioning) e creativo (brand naming e renaming). Nel 2008 lancia il brand Synesia®, che identifica un nuovo modo di fare consulenza nel campo del branding. www.beatriceferrari.com - www.synesia.com

C

aprile 2010

62


Comunicando... emozioni

disponibilità immediata a Milano nelle librerie FELTRINELLI e HOEPLI

A mia madre

>

(nonostante tutto) Quella che vi offro oggi, cari amici tutti, è una spremuta di emozioni a forma di libro; la comunicazione di sentimenti fatta di pagine e pensieri. Posso versarvene un bicchiere? Eccomi, ancora una volta, incapace di non-comunicare con le mie parole sciolte, una dietro l’altra come in un fiume in piena, una raccolta di coccole e di ire dedicate a colei che mi ha resa quel che sono, nel difetto e nell’eccesso; mia madre. A mia madre - dunque; nonostante tutto.

www.susannabonati.it - www.ilfiloonline.it


Inserzionisti

Applicazioni, idee, prodotti e tendenze per la comunicazione Registrazione Tribunale di Milano n° 407 del 28-05-99 Anno XI - n° 3 aprile 2010 Direttore Responsabile: Alessandro Gioè Consulente: Lorenzo Villa Coordinamento editoriale: Isabella Schiavi Redazione: Cecilia Cantadore, Sara Fevola, Daniela Schicchi, Dario Zocco Ramazzo Hanno collaborato per questo numero: Susanna Bonati, Beatrice Ferrari, Fabio Pavanini Immagine di Copertina: Foto: Antonio Prisco (www.antonioprisco.it) Make up artist: Silvia Molonato (www.pikamakeup.com) Modella: Viktoria Niederkofler Impaginazione: Gabriele Lo Surdo Pubblicità: Paolo Fiorelli, Antonio Prisco ((advertising@sunnycom.it advertising@sunnycom.it) advertising@sunnycom.it) Carta copertina: So…Silk Vanity Pearl 350 g/m² by Gruppo Cordenons Stampa Copertina: Nuova Stampa srl - Assago (MI) - www.nuovastampasrl.org Interno: Faenza Industrie Grafiche - Faenza (RA) - Tel. +39.0546.637300

www.comunicandoweb.com

Tiratura: 10.000 copie Abbonamenti e diffusione Mensile 7 numeri all’anno. L’abbonamento decorre dal primo numero raggiungibile. Una copia: euro 5,00 - Arretrati euro 10,00 Abbonamento 7 numeri: Italia euro 35,00; Estero euro 70,00 Ufficio abbonamenti: tel. +39-02.48.51.62.07 e-mail: abbonamenti@sunnycom.it I pagamenti possono essere effettuati: - on-line con carta di credito su http://abbonamenti.sunnycom.it - c/c postale n. 31993207 - assegno non trasferibile intestato a SunnyCom Publishing Srl Milano. POSTE ITALIANE Spa: spedizione in A.P. D.L. 353/2003 (conv. in l. 27/02/2004 N° 46) art. 1 comma 1, DCB Bologna SunnyCom Publishing Srl Direzione, Redazione e Amministrazione: Via Stromboli, 18 - 20144 Milano tel. +39 02 48516207 fax +39 02 43400509 Amministratore unico: Alessandro Gioè Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione (R.O.C.) n° 14289 Associato a:

ELENCO

http://www.comunicandoweb.com

B+B International . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

17

Burgo Distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . pag.

55

Grafical . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

67

Gruppo Cordenons . . . . . . . . . . . . . . . pag.

68

ILMA Etichette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

51

Kiian . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

3

Luxoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

11

Marabu . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

23

Nuova Stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

2

pixart.it . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

26-27

Pozzoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

7

Scatolificio Pasubio. . . . . . . . . . . . . . . . pag.

31

Scheufelen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

5

SunnyCom Publishing . . . . . . . . . . . . . pag.

42,61

UPM-Kymmene . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

37

Zünd . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

12

Tutti i diritti sono riservati. Notizie ed articoli possono essere riprodotti solo con l’autorizzazione dell’Editore e in ogni caso citando la fonte. Manoscritti, disegni, foto e altri materiali inviati in redazione, anche se non pubblicati, non verranno, in nessun caso, restituiti. In particolare l’invio di articoli implica, da parte dell’autore, l’accettazione (in caso di pubblicazione) di un compenso puramente simbolico stabilito dall’Editore, salvo accordi preventivi sottoscritti e comunicati a mezzo R.R. Gli articoli firmati impegnano esclusivamente gli autori. Dati, caratteristiche e marchi sono generalmente indicati dalle Case Fornitrici (rispettivi proprietari); non sono comunque tassativi e possono essere soggetti a rettifiche in qualunque momento. Informativa ai sensi dell’art. 13, d. lgs 196/2003. I dati sono trattati, con modalità anche informatiche, per l’invio della rivista e per svolgere le attività a ciò connesse. Titolare del trattamento è: Sunnycom Publishing srl - Via Stromboli 18 - 20144 Milano (MI). Le categorie di soggetti incaricati del trattamento dei dati per le finalità suddette sono gli addetti alla registrazione, modifica, elaborazione dati e loro stampa, al confezionamento e spedizione delle riviste, al call center, alla gestione amministrativa e contabile. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 è possibile esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, aggiornare o cancellare i dati, nonché richiedere elenco completo ed aggiornato dei responsabili, rivolgendosi al titolare al succitato indirizzo. Spedizione in Abbonamento a titolo oneroso: il ricevimento di questa rivista avviene a titolo oneroso secondo il tipo di abbonamento sottoscritto o tacitamente accettato. Chiunque desiderasse sospendere tale abbonamento ne avrà piena facoltà, senza alcun costo e basterà darne comunicazione scritta all’Ufficio Abbonamenti.



Comunicando n. 3/2010