Issuu on Google+


CLIENTI

SODDISFATTI


4 | editoriale

SOMMARIO

7 | news in evidenza Gondola Wine pack creativo by Lucaprint 9 | speciale carta Le carte Doc per le wine label 12 | approfondimento carta cover Curious Metallics Cryogen White by Arjowiggins Creative Papers 13 | approfondimento nobilitazione Grafical e Oropress

1 Wine Fashion

14 | packaging - wine

14

Packaging

18 | comunicando presenta Restyling in stile street art con i foil Luxoro

WINE:

Wine Fashion

20 | grande intervista Raffaele Boscaini 25 | design - colors Black&White or Color? Il wine design creativo nel mondo 29 | packaging - wine label Wine Label Story 32 | Eventi

3

Comunicando? ...laureando!!! 35 | Marketing # ILoveMyJob. I 10 comandamenti del brand builder 38 | news Novità, applicazioni & tendenze dal mondo di packaging, design e visualizing 44 | rubrica - marketing dei sensi I materiali comunicano al tatto 46 | rubrica - naming Apprezzare la bontà del brand naming

#2 20 M

AR

|A

14 P R

packa

gi

Wine ng L’evo Fashion pack luzione d : per il el vino specia

le

Le ca rt per le e DOC wine labe

l

le gran di in

Raf terviste Bosfcaele aini

he emozione c n a è a m a d n on è solo beva n i s a M o d n o Il vino sec

di M asi

COVE cope R’S CR Arjowirtina by EDITS ggins Crea tive Pa pers

carta Curio us M etallics Cryo gen W hite 24 0

g/m²

stam Grafi pa e no bilitaz cal ione by

foil by Orop ress

2


e

e l a

t i d

i r o

i at

.it

om yc n n

n bo su

na ati@ n a on

us na.b s i n

d sa su

O P M A C l u s i r Diretto

nciare la mia ione per annu az ic un m co aziendale mezzo di dell’immagine , ne io Quale migliore az ic un tina, se non ttore della com nomina a dire Tenute La Mon le r pe pa am in carica e con la st o a rimanere e dei rapporti nd ua in nt co lla del mondo iiiiiiiiiiii! Pur testata più be lla de re il nostro? Siiiiii tto re di l pezzo come fa, ho proprio attivamente su chissimi giorni po ), do an ic belle realtà in le Comun una delle più da (l’ineguagliabi a ur tit es nv ..) perché di ricevere l’i da fare anche. se co avuto l’onore (le o nt è ta che hanno la L’entusiasmo ollicine” italiane franciacorta. “b le , no vi il , cende tutto prodotto ni francesi, ac gi cu i lavorare per un de e gn creatività, ire allo champa di strategie, di , ni an i gl loro da-ben-d ne ruito di lucine cost quell’impianto

ttatore e p s e r e s s e a r icazione otere anco n p u a m li o ig c v a a r ll e e d m i Che dagli spalt o t ia g e il iv r p e agevolato e me (ri)scender i, di gusti. È co stud a faccia con il di materiali, di stando faccia di produzioni, ire ag e po m incere con o sul ca pacità di conv ca in qualche mod la i ra av i nei suoi cutore che, se porterà con lu ti , to proprio interlo ot od pr o rsonali. ità di attimi pe onto e un ottim tim in a su lla un buon racc ne anze, ettatore i, nelle sue st cora essere sp an momenti privat re te po , da e meraviglia icazione vista Insomma sì, ch ti della comun al sp agli i gl re ui da o rib ivilegiat po e cont m ca el qu agevolato e pr su trarci La Montina subito dopo en i delle Tenute ic am un giornale, e li G . te degli risultato vincen bi, un luogo e ci i de , no schemi per un vi regna loro un tempo e con ciacorta dove an da fr o di sc i et no gn co vi li ati tra i ento di nto, lì incaston arrivato il mom te en m spazi da inca te en id ante. Ora è ev erita il bello, di cconto che m una quiete eleg ra un re ia iz in Avete dubbi forze e o la differenza. nd unire le nostre ce fa a st e piccola una storia ch già fatto la mia a bi procedere in ab n no a, do sarà appena arrivat ltro Comunican l’a a tr e ov sul fatto che, (d vinitaly nsuetudine, sa? Venite al e è da anni co m co rivoluzione ro e, ch o st ad aprile), versi booth vi mento principe go ar o distribuita in di su è vino riosi di sapori. ione legata al italia, siate cu la comunicaz ra st no lla de mi a trovare: ccellenza le forze, venite ra co assaggiate l’e an te re av e voglia e ne D15. E, se ne avet acorta | booth ci an fr ea ar ia hall lombard Prosit!

4

@


www.sappi.com speciality.paper@sappi.com

We create the paper, you model the packaging

VISIT US AT HALL 9 STAND D 19, 8-14 MAY, DĂœSSELDORF


elenco

INSERZIO NISTI

comunicando.sunnycom.it

Arctic Pa per Arjowiggin s Creative Papers Formeide e Fotolia GP&S Grafical Idice Internatio nal Paper Iprint Neverland OroPress Photo Sty list Pixartprin ting Reed Exib ithions Sappi Scatolific io Pasubio SunnyCo m Publish ing

Registrazione Tribunale di Milano n° 407 del 28-05-99 Anno XV - n° #02 marzo | aprile 2014 Direttore responsabile e creativo: Susanna Bonati > susanna.bonati@sunnycom.it Responsabile marketing e comunicazione: Edoardo Decio > edoardo.decio@sunnycom.it Redazione: Alexia Rizzi > alexia.rizzi@sunnycom.it Dario Zocco Ramazzo > dario.zocco@sunnycom.it Giannina Airaghi > giannina.airaghi@sunnycom.it Impaginazione e copertina: grafica@sunnycom.it Pubblicità: Deborah Ferrari > advertising@sunnycom.it Ufficio traffico: Manuela Spatola > advertising@sunnycom.it Hanno collaborato per questo numero: Alessandra Colucci, Béatrice Ferrari, Alessandro Miani, Fabio Pavanini Stampa copertina: Grafical - Marano di Valpolicella (VR) t +39 045 7704444 Stampa interno: Reggiani - Gavirate (VA) t +39 0332 755300 Tiratura: 7.000 copie Abbonamenti e diffusione: Mensile 6 numeri all’anno. L’abbonamento decorre dal primo numero raggiungibile. Una copia: € 5,00 - Arretrati € 10,00 Abbonamento 6 numeri: Italia € 30,00 - Estero € 60,00 Ufficio abbonamenti: - Tel +39 02 4851 6207 - email: abbonamenti@sunnycom.it I pagamenti possono essere effettuati: - on-line con carta di credito su http://abbonamenti.sunnycom.it - c/c postale n. 31993207 sunnycom publishing srl - Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) n° 14289 del 15/07/2005 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. Posta Target Magazine (SMA autorizzazione LO/CONV/037/2010) CMP di Milano-Roserio - Contiene I.P. - In caso di mancato recapito inviare al CMP di Milano-Roserio per la restituzione al mitt. previo pagamento dei resi sunnycom publishing srl: direzione, redazione e amministrazione: via stromboli, 18 - 20144 milano Tel +39 02 48516207 - Fax +39 02 43400509

pag. 31 IV cover pag.43 pag. 8 pag. 24 II cover pag. 28 pag. 17 pag. 41 pag. 11 III cover pag. 47 pag. 1 pag. 34 pag. 5 pag. 3 pag.48

Tutti i diritt dell’Editor i sono riservati. No redazione e e in ogni caso cittizie e articoli po di articoli , anche se non pu ando la fonte. Mssono essere ripro bblicati, no do an puramenteimplica, da parte de n verrann oscritti, disegni, tti solo con l’aut mezzo R. simbolico stabil ll’autore, l’accetta o, in nessun caso foto e altri mater orizzazione chi sono R. Gli articoli firmatito dall’Editore, sa zione (in caso di pu, restituiti. In parti iali inviati in tassativi egeneralmente indicai impegnano esclulvo accordi preven bblicazione) di uncolare l’invio dell’art. 13possono essere ti dalle Case Fornsivamente gli autotivi sottoscritti e co compenso della rivist , d. lgs 196/2003soggetti a rettifich itrici (rispettivi pr ri. Dati, caratteris municati a blishing sr a e per svolgere le . I dati sono trattae in qualunque moprietari); non sonotiche e marmento de l - Via Stromboli 18 attività a ciò conn ti, con modalità omento. Informat comunque dati e loroi dati per le finalità - 20144 Milano esse. Titolare del anche informatich iva ai sensi ministrativastampa, al confez suddette sono gli (MI). Le categorie trattamento è: Sue, per l’invio di sogget ionamento addetti all fra cui cons e contabile. Ai se ti incaricannycom Pua ti del tratta nsi dell’art.e spedizione delle registrazione, mod ultare, mod ed aggiorn rivist ifica 7, d. lgs 19 ificare 6/2003 è e, al call center, all , elaborazione bonamen ato dei responsa , aggiornare o canc po a ge to ss bil tipo di ab a titolo oneroso: i, rivolgendosi al ellare i dati, nonc ibile esercitare i stione amtale abbo bonamento sottoscil ricevimento di qutitolare al succita hé richiedere elencrelativi diritti namento to indirizzo o comple ritto o tacit esta rivist scritta all’U ne to fficio Abbo avrà piena faco amente accettatoa avviene a titolo . Spedizione in Ab ltà, senza oneroso se . Chiunqu namenti. alcun costo e de cond e basterà siderasse sospen o il dere darne co municazio ne

FUMETTANDO

design by fabio pavanini | vanalon@tiscali.it

6


notizie in evidenza

GondolaWine pack creativo by Lucaprint a cura della redazione

Il settore Wine and Spirits coinvolge sicuramente un sistema di comunicazione tra i più evoluti e raffinati, in cui il packaging occupa un ruolo fondamentale per quanto riguarda l’immagine e i valori che si vogliono trasmettere. Il packaging realizzato da Lucaprint per la linea GondolaWine di Orizzonti srl supera il concetto di classica shopper per bottiglie e avvolge il prodotto come un abito; realizzata con oro a caldo e plastificazione questa “gondola” è frutto di una progettazione ideata dal reparto di ricerca e sviluppo interno dell’azienda vicentina, che si propone alla clientela non solo come fornitrice di prodotti cartotecnici, ma anche di servizi. Creatività e personalizzazione del prodotto sottolineano il forte spirito di innovazione del Gruppo che sviluppa e confeziona veri e propri “abiti su misura” per il cliente. Ogni vino custodito in questa esclusiva confezione, acquistato o regalato, farà assaporare oltreconfine la seducente atmosfera di Venezia.

La seducente atmosfera di Venezia è stata la fonte di ispirazione per la creazione di GondolaWine, packaging esclusivo prodotto da Lucaprint per Orizzonti srl. Il pack destinato al mercato dell’export riconduce immediatamente alle terre di origine del vino veneto che contiene. Finiture in oro a caldo, plastificazione lucida esterna e stampa in doppio colore: rosso all’interno e nero in esterno sono i dettagli di questa confezione.

LUCAPRINT S.P.A. Via A. De Gasperi, 26 Pianezze San Lorenzo (VI) Tel. +39 0424 478428 info@lucaprintgroup.it www.lucaprintgroup.it

7


a cura della redazione

Le carte Doc per le wine label “Grande è la fortuna di colui che possiede una buona bottiglia, un buon libro, un buon amico”. Molière

Vino à-la-carte o se vogliamo dirla all’italiana, ecco la carta dei vini... perdonate il gioco di parole, ma scrivere questo numero di Comunicando è inebriante ed è emozionante scoprire le magie che la carta può fare nei pochi centimetri quadrati di un’etichetta. Quali sono i trend? Carte naturali ma anche speciali nei colori e nelle finiture, piacevoli al tatto e ammalianti per la vista, fatte per durare e a prova di secchiello del ghiaccio... meglio se raccolte in visual book che parlano il linguaggio del vino e delle atmosfere gourmet. C’è il mondo delle carte adesive sempre più performanti anche in situazioni di fustelle estreme e di piccoli dettagli; ci sono pellicole che offrono l’appeal dell’etichetta in carta e la resistenza di film sintetici e poi, esageriamo? Andiamo oltre la carta con le sleeve a effetto touch e torniamo alla carta con la versione transfer per decorazioni dirette sulla bottiglia... Wow! Ci gira la testa e ancora non abbiamo stappato nessuna bottiglia!!! Il vino non è solo vino e concede assoluta libertà di linguaggio. Il sentore più curioso avvertito dal sommelier Campione del mondo nel 2010, è la cipria, in una degustazione di vecchie annate di Barolo di Serralunga. www.vinitaly.com

“Ho salvato la mia vita con la mia etichetta di vini. Il vino mi dà i soldi necessari per produrre il mio film da solo.” Francis Ford Coppola.

Prestazioni XTRA

L’ultimo nato in casa Upm Raflatac in quando a materiali adesivi per etichette è RP 30XTRA: consente la produzione di etichette di dimensioni ridotte e forme più complesse e offre inoltre maggiore flessibilità di posizionamento delle stesse su spalle e colli di bottiglia. www.upmraflatac.com

Ampia gamma di label paper

Stora Enso offre un’ampia varietà di carte speciali per etichette che spaziano dalle tine bianche all’avorio, dalle super patinate alle matt, dalle carte lisce a quelle goffrate. Tutte adatte per sistemi di stampa a elevate tirature e per applicazioni dal food al beverage. www.storaenso.com

9

Etichette creative

La gamma Creative Labels di Arjowiggins Creative Papers, coniuga creatività e competenza tecnica, per etichette di alta qualità dal tocco distintivo. Proposta in un’ampia varietà di texture, effetti e colori, la serie offre carte classiche e altre più contemporanee e originali, per il mercato dei vini, dello champagne e degli alcolici. La gamma è certificata FSC e riciclabile al 100%. www.arjowigginscreativepapers.com


Sommelier&Gourmet Arconvert ha lanciato il nuovo catalogo Pocket Sommelier & Gourmet della gamma Manter. Semplice, chiaro, maneggevole, piacevole e comodo da portare con sé ovunque, contiene una collezione completa, rinnovata, ampliata e aggiornata rispetto all’originale Sommelier & Gourmet. Si presenta come una ruota di colori che consente di scegliere con facilità il frontale più adatto.Il nuovo catalogo che racchiude carte speciali Fedrigoni, presenta oltre 160 prodotti autoadesivi, molti dei quali sono novità assolute. www.arconvert.it

Alcuni esempi di etichette per il vino stampate sulla gamma di label papers prodotta dal Gruppo Cordenons.

Il nuovo catalogo Artconvert Sommelier&Gourmet e alcune etichette stampate su carta Arconvert.

Label papers by Cordenons Alcune delle più famose carte prodotte da Gruppo Cordenons, ideali per packaging di lusso, edizioni di prestigio, shopper e molto altro, sono anche adatte alla realizzazione di etichette per il mondo del Wine&Spirits. Rigorosamente Wet Strength, queste carte sono prodotte su richiesta e con grammature intorno ai 90 g/m2. Nello specifico parliamo di Pordenone, la carta vergata disponibile anche a stock nelle due varianti di colore bianco e avorio, Astroprint e le sue varie goffrature; le marcate Dalì e Modigliani; le riciclate Flora e Notturno, fino ad arrivare alle metallizzate Astrosilver e Stardream, entrambe caratterizzate da varie goffrature oltre che da vari colori declinati in varie tonalità dal bianco all’argento per quanto riguarda Stardream. www.gruppocordenons.com

Wine & Fashion: le affinità elettive tra vino e moda, punte di diamante del “made in Italy” nel mondo.

Labels to Celebrate

“Labels to Celebrate” è una selezione di etichette autoadesive di Adestor per applicazioni di alta qualità su bottiglie di vino, champagne, liquori, acqua e su prodotti alimentari. Diverse carte goffrate e telate, carte patinate e metallizzate, e vari adesivi permanenti compongono la gamma resistente all’umidità. www.adestor.com

Sleeve a effetto touch

L’azienda francese EOS, ha creato la prima etichetta termoretraibile a rilievo: si chiama Skin evolution e avvolge completamente bottiglie e flaconi, creando un effetto visivo e tattile incredibile e offrendo infinite possibilità creative, anche per il packaging di lusso. www.eos-innovation.com

10

Adesivo high performance

PMP710N hot melt, di MACTac è un polietilene con adesivo ad alte prestazioni, ideale per l’etichettatura di prodotti alimentari sottoposti a processo di pastorizzazione, grazie alla grande conformabilità e all’elevato tack su supporti a bassa tensione superficiale. www.mactac.it


Le carte Bindakote e Aralda di Favini sono soluzioni di qualità ideali per etichette.

Le carte Favini ideali per etichette

Bindakote e Aralda di Favini sono soluzioni di qualità ideali per etichette: rispondono all’asciugatura dell’inchiostro con un tempo rapidissimo, resistono all’umidità e hanno proprietà antispappolo. Bindakote è la gamma di carte e cartoncini mono e bipatinate cast coated, con superfici lucide, eccellenti proprietà di rigidità e volume e resa cromatica superiore. Disponibile da 80 fino a 480 g/m2 e in un vasto assortimento di colori, risponde ai più alti standard di qualità e le grammature più leggere sono ideali per etichette. Aralda è l’elegante gamma di carte e cartoncini dalla tonalità avoriate. La superficie è delicatamente lisciata, piacevole al tatto grazie all’effetto matt naturale. Per le applicazioni speciali, quali etichette Aralda è disponibile vergata Label WS Laid con caratteristiche anti spappolo e resistente all’umidità. www.favini.com/it

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

Carte, adesivi e sleeve... nel mondo delle wine label

Transfer papers

Si chiama Trucal ed è la gamma leader di carte transfer porposte da Tullis Russel per la stampa su ceramica e vetro. Queste carte sono utilizzate da molti dei più prestigiosi brand del settore wine&beverage per la realizzazione di decorazioni di qualità sulle bottiglie. www.tullisrussell.com

A prova di ghiaccio

Aqua Proof Orion di Avery Dennison è un film perlescente stampabile a rilievo che combina le prestazioni un’etichetta di alta qualità in carta tradizionale, con quelle di un’etichetta in film. Offre la massima resistenza anche per lunghi periodi di immersione in acqua ghiacciata, http://label.averydennison.it

K


approfondimento carta cover

contatti

CURIOUS MET CRYOGE ALLICS N WHITE da 240 g/ 2 m

marzo/a

prile 201

4

La carta pro della Cu tagonista della cover di q rious Co lle u che pote te appre ction di Arjowig esto numero fa p arte zzare ne gins Cre nel colore lla ati neutro, im Cryogen White n variante Curiou ve Papers s e che riflett preziosito – con i 240 g/m 2. Un c Metallics e ono il colo delicatez olore cald z Una sup erficie pia re in modo non in a – di piccole m o, vas ich ce un effetto speciale vole anche al tatt ivo, ma arricchen e te a ogni tip o, in grad o di prog o di dona . CURIOUS e re tt o . Curious COLLECTION, LA Collecti PIÙ AMA o sempre, la gamm n di Arjowiggins TA DAI CREATIVI a Creative audacia di carte p e P carte cre per la sua non c referita dai design apers è, da ative. Co er per la o n v e n zion n e innov s ativo pe il suo approccio alità nel mondo ua delle rmette d estremam comunic i a e Curious M zione e il mark reinventare il pa nte fresco c e e kaging, ti ta n lli g in u cs è per sodd isfare le e disponibile, anch n modo tutto nu la ovo. e, nella v sigenze d più conte ers i n gamma è ute, ma sempre stampa digitale le ione digital ga d in grado certificata FSC p i grandissimo imp te a tirature er dimos di pensa atto. Tutt re concre tr tamente are che la creativ a la alla tutela it PERFETT dell’ambie à è A nte. Dal punto PER OGNI TIPO D e per la di vista tecnico I STAMPA E NOB se è IL caldo. P rigrafica, ma anc perfetta per la s ITAZIONE uò essere tampa o he per il ffset con risult rilievo e nobilitata ati la , alcune p eccellenti. Grazie cordonata, piega stampa a art ta di innov i della stampa e alla laminazione e laminata ativa effi del proge selettiva ruvidezza cacia, in tto, può su . o per la me Embossing e deb grado di coniug ffrire risultati are lucid ra o ità di donare viglia di effetti un ssing, invece, so rprendera e a ogni pro ici che i c nno carta firm lic g e h tto che é sara ata Arjow iggins Cre abbinerà queste nno in grado lavorazion ative Pap i alla ers. ECOSOS TENIBILIT Non si pu À PRIMA D ò cartario fr tralasciare l’atte I TUTTO nzione c ancese c ostante ontinua a Oltre alla ch ri Collection certificazione FSC servare al mondo e il Gruppo della natu v p a e n r ta tutta pro riclati, ne l rispetto dotti che sono pa la gamma, Cu ra. rio de rz al centro della sua ll’ecosostenibil ialmente o totalm us ità che il ente politica d G i busines s, da sem ruppo mette pre.

tel +39 0 2 info.awc 72417233 reativepa pe www.arjo wigginsc rsitaly@arjowigg reativepa in pers.com s.com

12


approfondimento nobilitazione resi

Paren si gra virgolete tte e noffa, dei conte mi Oropres nitori: foil cod. 562 s oro matt a caldoS10, stampato da Grafi cal

restituzione al mitt.

previo pagam ento dei

Tel. +39 02 6154151 info@oropress.it www.oropress.it

Milano-Ros erio per la

#2 2

al CMP di

MA

R|

di Milano-Ros erio - Conti ene I.P. -

In caso di

mancato recapito inviare

014A P R

packaging

Wine Fa L’evoluzioshion: pack pe ne del r il vino speciale

Le carte DOC per le w ine labe l le grandi

Testata numero, subhead, e mese uscit di Sunnycao, strilli, logo m e r iquadro a pied foil Oroepdi pagina: r ess viola meta 087C47ll,izzato, cod. stampato caldo da Grafical a

interviste

Raffaele Boscain i

di Masi

XV - Euro Comunican do - n° 2/201 4 - Anno

contatti

5,00 - sunny com publis hing srl -

Iscrizione al Registro degli

Operatori di Comunicaz ione (ROC ) n° 1428 9 del 15/07 /2005 - Poste

Italiane s.p.a. -

Sped. Posta Target Maga zine

(SMA autor izzazione LO/CONV/ 037/2010) CMP

Tel. +39 045 7704444 grafical@grafical.it www.grafical.it

COVER’ S copertina CREDITS Arjowigg by ins Creativ e Papers

carta Curious Metallics Cryogen White 24 0 g/m²

cover ma

stampa Grafical e nobilitazione by

rzo|april

foil by Oropress

e 2014

Nobile ne lavoraziolla ricerca croma nostra co ni e pregiata netica, elegante ne e alle at ver di marzo/aprilla scelta del sogg lle sanno re mosfere che vin le è un inno alle e etto, la da Grafi galare. È stampatai come l’Amarone mozioni foil di Orocal che ha sapien in quadricromia di Masi, combina press e li ha as temente lavorato e nobilitata s il bassori i preziosi lievo alla ociati a urnilie lamina t vesovgogaettsoeccchoe, e rasrp nic aria etu ntrea. UV

Grappolo da Grafi d’uva: realizz e stamp cal in bassoril ato Oropres ato a caldo co ievo n foil s traspa cod. 500 rente lucido C99 13


PA C K A G I NG

wine

wine

FASHION QUANTE E QUALI SONO LE FORME DEL PACKAGING DESTINATO AL VINO E QUALI SONO I MATERIALI PIÙ UTILIZZATI PER REALIZZARLO? IN QUESTE PAGINE TENDENZE E CONTAMINAZIONI DAL MONDO DELLA MODA NEL PACK DESIGN PER IL SETTORE WINE&SPIRITS. 2

1 14

Il packaging del vino è in continua evoluzione nello stile e nelle forme a cura di ALEXIA RIZZI Da sempre è la moda ad anticipare le tendenze in fatto di colori, linee, materiali e stili, influenzando a cascata tutti i settori a essa attigui: dal design all’arredamento, dall’automotive al food. Il packaging non è esente da queste contaminazioni, soprattutto quello di alta gamma che con il fashion ha molti aspetti in comune... lo shape di una bottiglia non richiama forse alle linee sinuose di un manichino da mettere in vetrina? Ecco dunque il vino in passerella: rosso, bianco

4

3


PA CKA G I N G

wine

Le contaminazioni tra moda, arte, design e il packaging per il settore wine and spirits sono moltissime, sia dal punto di vista dello stile sia delle forme e dei materiali impiegati per realizzarlo. o rosé, fermo o con le bollicine, divertiamoci a vestirlo e a capire le dinamiche di un mondo, quello del packaging del vino, anch’esso popolato di stilisti e artigianalità, materiali e materie, accessori e dettagli, autenticità e glamour... FORME E CONTENITORI Coffret extralusso, bauli e vetrine sono i contenitori classici del wine&spirits di alta gamma: gamma la sfida dei produttori sta nell’abilità nel progettare i design più esclusivi per renderli il più possibile scenografici quando aperti, funzionali nella gestualità di apertura e chiusura ed eleganti nelle forme.. Legni pregiati naturali o verniciati, vetro e plexiglas, sono i materiali che si prestano per esemplari a tirature limitate, mentre il cartoncino rivestito, resta il principe incontrastato del packaging per il vino. Accanto alle forme squadrate proposte in varianti asimmetriche, per i vini di pregio e i liquori, la tendenza vede confermarsi l’affermazione della linea tonda con la scenografica apertura a sipario.

5

6

RIVESTIMENTI DI PREGIO E MULTIMATERICITÀ Scatole e scrigni scelgono rivestimenti quali carte pregiate con le più diverse lavorazioni e tinte, tessuti come seta, cotone e poliestere, materiali a effetto pelle, floccati, unendo effetti visivi come nobilitazioni, vernici o riproduzioni olografiche alla piacevolezze per il tatto. La multimatericità è una tendenza che nel lusso vede impreziosire pack in cartone con coperture o basi in legno, plexiglas o materiali plastici, oppure inserire imbottiture che ammorbidiscano le linee. HEAVY METAL O SOFT TOUCH? Torniamo con i piedi per terra: non è tutto lusso quello che luccica! Il classico contenitore in metallo sia esso una scatola o meglio la forma tubolare ha ripreso piede, ma si può osare di più: la tecnologia produttiva ha fatto progressi e oggi è più facile modellare la forma e impreziosire questo materiale. Perché no? Magari incastonandogli piccoli vivacissimi

7 8

15

nella pagina accanto e in questa pagina in basso: 1. Rivestimenti per bottiglie dal design originale. 2. Couvet dalle linee classiche realizzato in cartoncino rivestito. 3. Cofanetto in cartone con interni floccati e sagoma per l’inserimento della bottiglia. 4. Espositore per singola bottiglia di Champagne. 5. Supporti olografici per pack destinati al settore wine&spirits. 6. Sacca in tessuto per vini e liquori personalizzata, prodotta da Etichettificio Pugliese. 7. “Balloon Venus for Dom Pérignon” è un’opera d’arte realizzata dall’artista e designer Jeff Koons ma in realtà è anche una confezione al cui interno viene conservata la bottiglia. 8. Effetto olografico che accentua la sensazione di tridimensionalità nel pack per il vino. pagina: sempre al centro della doppia pagina attenta alle tematiche ambientali, quest’anno Veuve Clicquot ha lanciato Naturally Clicquot, un astuccio isotermico eco-friendly.


PA CKA G I N G

wine

UN ABITO IN COTONE SU MISURA www.manifatturadelseveso.it www.scatolificiogiorgi.it

METAL GLAMOUR www.euroboxpackaging.com

Cofanetto per il vino rivestito in tela Cialinen, certificata FSC in puro cotone 100% prodotta da Manifattura del Seveso. Il pack è realizzato da Scatolificio Cartotecnica Giorgi.

Sono tantissime le forme e le finiture dei packaging metallici proposti da Eurobox, azienda all’avanguardia nello sviluppo di tecnologie per la lavorazione e l nobilitazione di questo materiale.

CURIOUS METALLICS AD HOC www.arjowigginscreativepapers.com Berlucchi, per realizzare il packaging del suo spumante e rivestirlo dell’eleganza che merita, ha scelto Curious Metallics, una delle carte della gamma Curious Collection di Arjowiggins Creative Papers, appositamente realizzata in una variante cromatica studiata ad hoc per la cantina italiana.

EFFETTO ASIMMETRICO www.leoluxepackaging.com Sempre originalissimi nel design, i prodotti proposti da Leo Luxe uniscono design funzionali e riproducibili su larga scala con l’eleganza e la cura dei dettagli: come il cofanetto della serie Eclipes.

PORTABOTTIGLIE ON-DEMAND www.pixartprinting.it

COUVET GRIFFATI

Tante le proposte firmate Pixartprinting per il mondo del vino: tra queste i portabottiglie in cartone Onda E da 1,4 mm, disponibili in versione singola e doppia. Facili da montare grazie alla chiusura a incastro, sono personalizzabili con immagini stampabili sul lato esterno e con plastificazione lucida.

www.gboxsrl.it Realizzati per Prada questi elegantissimo couvet progettati per contenere bottiglie, sono stato tra i prodotti di punta del nuovo concept stand di G.Box a LuxePack 2013.

16


Tessuti in lycra con varie rifiniture, dai glitter alle borchie, per i pack elasticizzati per bottiglie, una soluzione davvero fashion!

Swarowski. La controtendenza ai materiali rigidi è l’effetto attillato di quelle fantastiche “tutine” che avvolgono la bottiglia. Sono l’evoluzione stylish dei “cappottini” realizzati in materiali termici effetto trapunta, rifiniti con zip, bottoncini e, manici rigorosamente brandizzati e pensati per avere la doppia funzione del conservare la temperatura e del consentire un facile ed elegante trasporto della bottiglia. Ebbene il modello “seconda pelle” è meno funzionale, ma decisamente accattivante perché realizzato in materiali elasticizzati con i quali si può “giocare” all’infinito: grafiche di ogni colore, effetto glitter, borchie, pelliccia ecologica... sono solo alcune delle varianti con cui “vestire” il vino in modo non convenzionale e decisamente glamour. Veri e propri capi di abbigliamento che la bottiglia può letteralmente “indossare”. CONCEPT PACKAGING Ma non è tutto: i grandi brand si misurano in esercizi di stile che cercano di stupire per la loro

originalità. Veuve Clicquot propone a ogni stagione un concept diverso divertendosi a vestire le bottiglie ad esempio con pack che sembrano abiti di ballerine o ad addobbarli con secchielli del ghiaccio che prendono ispirazione dai grandi nomi del design o ancora a proporre forme avveniristiche ricavate da materiali 100% green. Dom Pérignon ha invece commissionao il pack del proprio Champagne adirittura a un artista che ha prodotto Balloon Venus, una vera e propria opera d’arte, diventata protagonista di una mostra itinerarante. E che dire delle confezioni extralusso di dei packaging for gift di Moet Chandon che brillano d’oro e di materiali pregiati? Oppure Cocoon un contenitore nero di forma ovale che si schiude per mostrare bottiglie in edizione limitata del vino frizzante Colier? Ognuno di questi packaging – e forse chiamarli semplicemente packaging può sembrare riduttivo – racconta una storia e propone uno stile di vita che seduce il consumatore in cerca di prodotti esclusivi anche nel modo di presentarsi.

The true power of design High smoothness and whiteness for sharper contrast, vivid colours and excellent printability www.internationalpaper.com/italy


RESTYLING IN STILE STREET ART CON I FOIL

LUXORO L’etichetta 5Pointz

“veste” il metodo classico dello spumante Pietro Chiarlo con colori e linguaggi innovativi.

L’etichetta 5Pointz realizzata da Luxoro per “vestire” in modo nuovo il metodo classico del vino Pietro Chiarlo.

incontra

Per Vinitaly 2014, Luxoro ha scelto di percorrere con Michele Chiarlo, l’azienda vinicola che produce lo spumante Pietro Chiarlo, una strada innovativa, rivoluzionaria, inesplorata: quella dei colori accesi, dei contrasti voluti e delle sinestesie inaspettate. Nella nuova etichetta 5Pointz firmata Luxoro, distributore esclusivo per l’Italia del Gruppo Kurz, infatti, la classicità si libera dei suoi schemi e incontra lo stile della Street Art per esprimere la capacità di cogliere le nuove tendenze, ma anche di anticiparle, crearle e definirle. 5Pointz è un’etichetta originale, rivoluzionaria, quasi provocatoria, che rompe gli schemi di un settore tradizionalmente rigoroso come quello degli spumanti prodotti con il metodo classico. Il progetto creativo è stato affidato all’agenzia di comunicazione Domino Communication, in collaborazione con La Commerciale di Alba, azienda esperta nella stampa a caldo, e Tipografia Valdostana, specializzata nella realizzazione di packaging ed etichette nobilitate con stampa a freddo, che si è occupata del packaging esterno (il tubo che contiene la bottiglia). Il punto di partenza per sviluppare la nuova etichetta è stato il desiderio di rinnovare l’immagine di questo spumante, un grande classico della cantina Chiarlo, tanto da portare il nome dello stesso fondatore: Pietro Chiarlo. Il visual si compone di colori accesi e tratti inaspettati, che si rincorrono a formare un insieme armonico per una sinestesia imprevista, che colpisce e stupisce tutti i sensi: la vista, con i suoi colori accesi e gli accostamenti forti; il tatto, con i microrilievi e l’effetto sabbiatura ottenuti con i cliché Hinderer + Mühlich; l’udito, con il suono inconfondibile e affusolato delle bollicine, l’olfatto, con il profumo ricco e avvolgente, caratterizzato da piacevoli sensazioni minerali e naturalmente il gusto, con il suo sapore ampio, di grande struttura e di elegante piacevolezza.

Competenza e Passione sono i valori che caratterizzano da sempre l’opera di Luxoro nel mercato italiano della decorazione e nobilitazione attraverso le tecnologie di stampa a caldo. Le partnership esclusive con LEONHARD KURZ Stiftung & Co. KG (leader nella produzione di film per stampa a caldo) e Hinderer + Mühlich KG (cliché e attrezzature per stampa a caldo), rendono Luxoro il fornitore ideale per qualsiasi esigenza nel campo della stampa e finitura di materiali vari.Oggi le foglie e i cliché forniti da Luxoro sono utilizzati nella decorazione di packaging e stampati in genere, dei materiali dell’industria elettronica e degli elettrodomestici, dei settori automotive, del mobile e della moda. I prodotti con olografia di sicurezza coniugano efficacemente decorazione e protezione per i marchi commerciali. Grazie a rigorose politiche aziendali, Luxoro è oggi un’azienda a impatto zero.

18

)

Luxoro Via delle Rose 3 27020 Parona (PV) Tel.0384.254011 Fax 0384.254023-47 info@luxoro.it www.luxoro.it


5Pointz conferma la vocazione di Luxoro per l’innovazione e per i mondi inesplorati? Spingersi oltre i territori conosciuti è da sempre nel Dna di Luxoro: per questo Alberto Chiarlo ha collaborato con noi per trovare l’ispirazione per “vestire” in modo nuovo il suo metodo classico. Il suo obiettivo era renderlo più attraente per quel pubblico americano che appartiene alla cultura underground. Il linguaggio visivo che abbiamo scelto è quello dei colori decisi che richiamano alla street art, elaborati e nobilitati per dare un effetto di eleganza non convenzionale. Con questa etichetta abbiamo fatto dialogare due mondi: quello sacro della tradizione del vino, di cui abbiamo giocato a sovvertire le regole, e quello “pop” più contemporaneo. Dunque il foil è elegante, raffinato ma anche “cool”? Per presentare un prodotto con una veste nuova occorrono tecniche di comunicazione che si adattino a ogni tipo di ispirazione grafica e non siano unicamente legate a stilemi classici. Il foil, anche se tradizionalmente è associato a un concetto di nobilitazione più “classica”, risponde a questi requisiti perché consente a ogni designer di creare il proprio stile mettendo

(

(

incontra

Jana

Kokrhanek

Amministratore Delegato Luxoro

a disposizione colori particolari. L’etichetta 5Pointz utilizza il foil 102022, Peau de Lune, una tinta che è inclusa tra i trend dei colori del 2015, e che abbiamo usato per decorare il campanile Cerequio, emblema della nota cantina Michele Chiarlo. Questo simbolo è riportato al centro dell’etichetta che ripoduce la forma di un occhio, quasi a volerne disegnare la pupilla. In un mondo sempre più virtuale, la stampa aiuta a toccare, vedere, annusare cose nuove ma soprattutto vere? L’evoluzione tecnologica coinvolge tutti noi: non possiamo fare a meno di avere una vita digitale e negare il progresso non serve a mantenere vive realtà e tecniche di comunicazione che vengono dalla tradizione. Penso che anche la comunicazione virtuale nell’evolversi tenda a coinvolgere sempre più tutti i sensi e a spingere perché di ciò che mostra si faccia un’esperienza “reale”. Vedo un’integrazione tra i due mondi, un’interazione che tende alla complementarietà e al reciproco stimolarsi, più che alla predominanza dell’uno sull’altro. Negli ultimi anni anche la stampa ha fatto enormi progressi e i risultati che vediamo e tocchiamo sono sempre più emozionanti e intriganti.

Nell’etichetta 5Pointz, ideata da Luxoro, il logo, il nome della cantina (Michele Chiarlo) e quella del prodotto (Pietro Chiarlo) sono realizzate con foil LUXOR® GTS PREMIUM White 102022 stampato a caldo e lavorato con embossing; la fascia viola è stampata a caldo con foil LUXOR® MP Violet 341 e valorizzata con un effetto sabbiatura; la parte arancione è stampata a caldo con LUXOR® MTS 404 e successiva microincisione.

19


le grandi interviste | Masi

RAFFAELE BOSCAINI Direttore Marketing Masi

«Ho ereditato il grande patrimonio di valori di Masi: quello in cui mi identifico maggiormente è la curiosità di indagare la storia, cercare la spiegazione scientifica agli usi e alle tradizioni che si sono tramandati nel tempo.» di Alexia Rizzi 20


a o biografiain etra si è diplomato press i, dopo gli studi di geom . In

Raffaele Bosc in Gran Bretagna irit Educational Trust” Sp d an ine “W to titu l’Is presso l’importatore orative all’estero, tra cui ins, catena seguito a esperienze lav Cellars e presso la Oddb gi il ruolo di og inglese Berkmann’s Wine re op ric bevande alcoliche, tore generale britannica di rivendita di ina ord Co è Masi e da anni di g tin rke Ma e tor ret Di or nel mondo, in si. È brand ambassad a. Dal 2003, del Gruppo Tecnico Ma e Sud America ed Europ ndra, è rd No l de ti rca me i ne particolare nge di Lo ll’International Wine Challe Confindustria di è membro della giuria de di ri ito nd pre uppo Giovani Im Gr l de ere igli ns Co to ndustria Veneto sta tato Presidente di Confi ustria Verona. Verona, nel 2011 è diven nd nfi 2013 è Consigliere di Co Agroalimentare e dal

21

mission

izzando uve durre vini di pregio, util rnamento La mission di Masi è pro gio ag nte sta Venezie, con co nella ricerca e metodi autoctoni delle ato gn pe im si, Tecnico Ma tecnologico. Il Gruppo ibu ntr to di , ha dato un prezioso co e nella sperimentazione ibuendo a ntr ltura delle Venezie, co innovazione alla vitivinico a nuova un do an ppassimento e cre riscrivere la storia dell’A derno stile mo un e n ori n il Campofi categoria di vini veneti co inoltre pioniere so internazionale. È stato ma meno di Amarone di succes se zio zo di uve veronesi pre duzioni, i nel recupero e nell’utiliz si, attraverso le sue pro Ma . leta se l’O s mi pri in note, muove la civiltà ndazione culturale, pro suoi uomini e la sua Fo o nel mondo intero. veneta e la civiltà del vin


le grandi interviste | Masi

In quali valori, trasmessi dalla sua famiglia e legati alla sua azienda, si identifica maggiormente? I valori che nei secoli si sono tramandati nella mia famiglia sono molti. Alcuni di essi, per quanto importantissimi, possono sembrare più scontati come l’amore per la terra e per la natura, il rispetto per le persone e per le tradizioni e la passione per i luoghi. Posso dire di avere ereditato il grande patrimonio di valori di Masi, ma quello in cui mi identifico maggiormente è la curiosità di indagare la storia, di andare a fondo per comprendere e dare una spiegazione scientifica agli usi e alle tradizioni che si sono tramandati nel tempo. Devo dire che ogni volta che cerco una risposta nella scienza alle techiche e agli insegnamenti dei nonni, vengono confermati come assolutamente attendibili. Questo mi ha trasmesso l’entusiasmo per dare vita al Gruppo Tecnico Masi, che si occupa di

controllo qualità, ricerca e sperimentazione. Credo che oggi attribuire un metodo e il giusto livello di industrializzazione a un’attività come quella di Masi che nasce dall’artigianalità, sia il modo migliore per esportarne l’eccellenza in tutto il mondo. Abbiamo in copertina un Amarone Costasera Riserva Masi, ci parla di questo vino? La scelta di questo vino non è casuale: il nostro Amarone Costasera Riserva racchiude in sé e sintetizza perfettamente tutti i valori di cui abbiamo parlato. È prodotto, come gli altri Amaroni, con tre uve diverse, tutte autoctone, che crescono nelle nostre terre. In più se ne aggiunge una quarta la Oseleta, un’uva preziosa che, in piccola parte, conferisce a questo vino una grande personalità e un tratto distintivo unico. La bottiglia di Amarone Costasera Riserva ritratta in copertina è una limited edition top di gamma,

un prodotto di lusso destinato alla ristorazione. Quali strategie di comunicazione legate ad Amarone hanno fatto di questo vino di prestigio un vero e proprio brand? Amarone nasce da un procedimento particolare, tutto diverso rispetto a quello che si usa per produrre gli altri vini. Per questo non può essere pubblicizzato senza prima essere “raccontato”: l’assonanza del suo nome con la parola “amore” ne rivela l’identità di un vino, che prima di essere assaggiato deve essere amato. Mio padre, proprio in virtù della sua attività di ambasciatore nel mondo del nostro vino, è stato battezzato dai colleghi e dai produttori, “Mr Amarone”. Il messaggio legato ad Amarone, che trasmettiamo a livello globale, è la sua unicità data dal fatto che nasce da vitigni autoctoni della Valpoliccella. Utilizziamo dai mezzi tradizionali ai sistemi di comunicazione digitali più evoluti per dire

La raffinatezza e la ricercatezza delle etichette di Amarone, ricalcano l’unicità delle origini, dei sapori e dei valori che questo vino racchiude. L’opera pittorica “Natura e Cultura”, dell’artista svedese, Ernst Billgren riprodotta sulle etichette della selezione di bottiglie del Costasera Amarone annata 1998.


“Amarone non può essere pubblicizzato senza prima essere “raccontato”: l’assonanza del suo nome con la parola “amore” ne rivela l’identità di un vino, che prima di essere assaggiato deve essere amato.” che, secondo Masi, il vino è per il 40% bevanda e per il 60% emozione, sentimento, atmosfera che si crea intorno questo meraviglioso prodotto. Masi è la testimonianza che vino è cultura, arte, eccellenza, promozione del territorio, valori che esprimete attraverso il vostro impegno in diverse attività, ce le descrive? Proprio perché intorno al vino si creano diverse sinergie che coinvolgono luoghi, persone ed emozioni, Masi, attraverso la sua Fondazione culturale, promuove la cultura veneta e la civiltà del vino nel mondo intero. Ad esempio quando accogliamo i nostri partner commerciali internazionali non ci limitiamo a far loro gustare i nostri vini, ma li portiamo a Venezia ad assaporare i luoghi e l’atmosfera delle terre in cui essi nascono. Crediamo che un viaggio esperienziale aiuti a trasferire meglio l’emozione del vino. Il progetto Costasera Contemporary Art, inoltre, prevede che ogni due anni Masi selezioni un artista di fama internazionale per realizzare un’opera ispirata

al vino: nel 2013 abbiamo riprodotto il dipinto di Ernst Billgren, un artista svedese, su un’etichetta di Amarone Costasera e abbiamo prodotto un’edizione limitata di 3000 bottiglie, che sono state commercializzate in Svezia – questo paese è uno tra i primi estimatori dei nostri vini. Il ricavato è confluito in una borsa di studio che consente ogni anno a uno studente svedese meritevole di accedere a uno stage a Venezia, alla scoperta dell’arte della produzione artigianale del vetro. Questo conferma che il vino può creare infinite occasioni di relazione e di scambio. Un progetto in particolare che desidera realizzare per la sua azienda nel prossimo futuro? Vorrei promuovere una serie di attività che abbiano come comune denominatore trasmettere l’esperienza del vino al consumatore finale, far provare l’emozione dei nostri prodotti attraverso visite alle nostre cantine, con iniziative che leghino il vino al food o, ancora, grazie alla creazione di luoghi di consumo esperienziali.

23


Brossura

R i v o l u z i o n a i l m o d o d i v e d ere Impagina liberamente foto, grafica e testi in qualsiasi punto del foglio, con Gloo hai piena libertà creativa, mantenendo la migliore leggibilità e risultato estetico. Nessun compromesso con la creatività!

Gloo è la nuova rilegatura ideale per:

Spirale

LIBRI AGENDE GUIDE BROCHURE LOOKBOOK PLANNING VISUAL BLOCCHI CARTOLINE LISTINI QUADERNI ALBUM

Gloo

La Gamma Gloo

G l o o HO ®

N at ur al

C ol or

G li tt er

R ichie di la v i s i ta del no s t ro c on s u len te

CON TACT 0 425 475306 i n fo @ le ga tor iag p s . i t

w w w. l e g a t o r i a g p s . i t

Te xt ur e

H ol og ra m

STAMPA,LEGATORIA &CARTOTECNICA GP & S Srl v ia G . Savon arola , 9G 4510 0 BOR SE A di ROVIGO [ RO ] Ita ly


design } colors

BLAK&WHITE OR COLOR? IL WINE DESIGN CREATIVO NEL MONDO a cura della redazione

in questa pagina: una serie di esempi provenienti da diverse parti del mondo, di utilizzo del bianco e nero e dell’essenzialità tipografica nella progettazione di etichette per il vino.

25


design } colors a 137 rve per la prim PIACE GIALLO e Clicquot appa A QUALCUNO uv Ve lla la ia se G te n es Etichetta quando la Maiso La leggendaria 1870. Nacque o e tra vini con er nn gu l’a al in st o di rn to di volta in necessità la tò en es tta bianca, pr he si ic e (quelli con et propria offerta ro he cc zu di ll’Impero Russo, ntenuto rticolar modo ne un maggiore co pa in e o. Nella rd No l esi de ico e american preferiti nei pa mercato britann l mai ne or , iti ot er ef qu ic pr , hi n Veuve Cl so ai M e vini più secc la , tta he za di enfatiz re la nuova etic icquot, decise creazione della Cl e eta) am ad M di essori ncora e la com diretta dai succ li tradizionali (l’a bo . m si lo i al gi ne il do o: an usat propria storia us un altro aveva colore che ness un o nd lie eg sc e

GIRO DEL MONDO DEL VINO DAL PUNTO DI VISTA DEL COLORE Studi archeologici fanno risalire le origini del vino addirittura al neolitico, attribuendo a questa bevanda un’età approssimativa di settemila anni. I reperti che ne testimoniano la nascita, come incisioni rupestri e giare, collocano geograficamente la produzione dell’antenato del vino – all’epoca molto differente da quello attuale – in aree che spaziano dall’Iran all’antico Egitto, dalla Turchia dalla Siria alla Gallia, individuando con epicentro di questo fenomeno l’antica Roma e come comune denominatore della sua diffusione l’Impero Romano e, in seguito, il legame del vino con il rito cristiano. Se l’Italia, in virtù della storia e della tradizione, vanta un primato assoluto nella produzione vitivinicola, oggi il resto del mondo non sta certo a guardare: soprattutto negli ultimi anni, paesi di tutto il mondo hanno proposto la loro “interpretazione” della viticoltura, della vinificazione ma anche di quell’aspetto che interessa Comunicando più da vicino: il “design” del packaging e alla comunicazione legata al vino. Il primo particolare che abbiamo notato, durante il nostro giro del mondo del vino dal punto di vista della grafica delle etichette e del design di bottiglie, è che i paesi emergenti nella produzione enologica, possono permettersi una creatività più libera dalla tradizione. Sia che giochino con il colore, con grafiche naif o astratte, sia che scelgano un minimalismo tipografico, non sono legate come le case vinicole italiane a secoli di storia a cui si sentono in dovere di rendere omaggio.

L’USO DEL COLORE O DELL’ESSENZIALITÀ TIPOGRAFICA BIANCO E NERO NEL DESIGN DELLE ETICHETTE DEL VINO È COORDINATO CON DETTAGLI CHE ARRICCHISCONO L’IMMAGINE E LA PERCEZIONE DEL PRODOTTO

26

LIBERA CREATIVITÀ SENZA VINCOLI E SPAZIO AL COLORE Le nostre case vinicole sono indissolubilmente legate alla loro storia, a volte secolare. Stemmi araldici, icone, forme delle etichette, design delle bottiglie: l’immagine del vino italiano deve fare i conti con una tradizione importante. Anche quando si opera un restyling occorre tenere conto di segni e simboli, che mantengano un accenno a un passato in cui sono contenuti la forza e i valori del prodotto e del suo territorio. I vini che provengono da paesi nuovi a questo business possono esprimersi in modo più libero, lasciando spazio a una creatività che dal nostro punto di vista infrange i canoni classici della comunicazione per questo tipo di prodotto. Dalla nostra ricerca sono emerse due tendenze importanti: quella che dà libero sfogo a un uso anche estremo del colore, al disegno, a un figurativismo naif, ad allegorie che richiamano a variopinti elementi di natura, mentre d’altra parte troviamo il rigore a volte geometrico altre volte tipo/calligrafico di un bianco e nero fatto di segni minimal o di fustelle che comunicano con la forma. I paesi dell’est Europa e del sud America sono quelli che maggiormente trasferiscono la loro attitudine all’uso del colore anche nel wine design. Ma anche gli anglosassoni o i nord americani quando l’essenza del vino stesso lo richiede: un italiano che si rispetti non concepirebbe mai un vino alla frutta, ma fuori dai nostri confini troviamo allegre bottiglie con etichette che riportano rosse ciliege patinate, nature morte con composizioni floreali


COLORS

design } colors

f, tinte Tratti nai eriali at vivaci, m rie, o pop, alleg rutti f animali e . l’uso i.. variopint nel e del color n ig wine des è o nel mond dalla to influenza paese el cultura d nenza. e di appart miste a frutti, oppure colibrì e farfalle di colori diversi in base all’essenza di cui il contenuto è aromatizzato. Restando al tema del colore, anche il fumetto dai toni “cartoon” è in uso per descrivere scene di vendemmia o personaggi bucolici di vita agreste da apporre in formato etichetta sulle bottiglie. Anche la bottiglia pop è di moda laddove il vino ruba idee e stili al settore spirits che vuol essere sempre più glamour: nelle forme più estreme è il vetro stesso a prendere tinte shock affidando a una no label look il compito di riportare le informazioni richieste dall’etichetta. L’uso del bianco e nero non è una novità nella tradizione del vino: un’etichetta black con vernici tono su tono o impreziosita da un elegante oro a caldo è sempre apprezzata. Ma dalla Grecia alla Spagna, in particolare, con influenze anche in Francia la controtendenza è un uso dell’optical, di astrattismi geometrici che giocano con il bianco e nero, di tipografie dai segni rigorosi o calligrafie gotiche e cancelleresche. Figure di animali o volti stilizzati giocano rigorosamente con il contrasto bianco/nero e pieno/vuoto ricorrendo anche a fustelle funzionali al messaggio e a effetti tattili. Grafiche così ricercate non possono che andare di pari passo con un’attenzione ai dettagli che amplifichi, la forza comunicativa della bottiglia di vino: wrapping con veline coordinate, ceralacche, sigilli, tappi decorati e personalizzati, shopper e packaging originali, addirittura brick di lusso... il mondo del vino non smetterà mai di stupirci!

in questa pagina: L’uso del colore attribuito a immagini naif, disegni o grafiche che riproducono animali o elementi di natura, nel design delle etichette del vino di diversi paesi del mondo.

27


NEW

Pack&Gift m the buzz !akes A ce

Ce document est ĂŠditĂŠ par

ntral are to new tec a dedicated hn demonstra ologies tions

All packaging solutions, gifts and merchandising for your event-based and promotional offers.

Your free access badge on www.packandgift.com


PA C K A G I NG

wine label

wine label

STORY

LA CULTURA E IL COSTUME LEGATI AL VINO HANNO ALLE SPALLE MILLENNI DI STORIA. QUANDO SONO NATE LE PRIME ETICHETTE STAMPATE E COME SI È EVOLUTA LA FILIERA DELLA PRODUZIONE DELLA COMUNICAZIONE DEL VINO ATTRAVERSO L’INDUSTRIA DEL LABELLING?

29

L’evoluzione delle etichette tra carta, stampa e nobilitazioni. a cura della REDAZIONE Se la prima etichetta del vino della storia è attribuita al monaco francesce Pierre Pérignon, che la disegnò a mano per poter catalogare la bottiglia, sono trascorsi oltre 400 anni dalla nascita delle prime etichette stampate di cui si ha testimonianza. All’epoca erano prodotte con carta fatta a mano utilizzando immagini o caratteri tipografici in rilievo e un torchio in legno. È Mike Fairley, presidente di Finat, ad aiutarci a ricostruire l’affascinante evoluzione delle etichette stampate, partendo


PA CKA G I N G

wine label

RAFFINATA... NO LABEL LOOK

FINITURE DOC

www.fegroup.it

grafical.it

Il vino può essere vestito anche con semplicità, se poi l’impronta che si vuol dare è quella del sapore ricco e intenso del vino che rappresenta, l’immagine ideale deve assolutamente essere unica.Questa etichetta è una no-label look, stampata a 5 colori (quadricromia + bianco coprente) su materiale plastico trasparente. Sottile e fine, sicuramente è un’etichetta che lascia il segno.

Raffinatissima e al contempo originale sia nella scelta del soggetto, sia nella selezione della carta, che interagisce perfettamente con il progetto, e delle lavorazioni, l’etichetta del Prosecco Doc Folàr, è prodotta da Grafical.

SLEEVE AND LABEL

LA VIE EN ROSE

www.notarianni.it

www.perlagewines.com

Uno sleeve in resistente film di poliestere stampato in flessografia a 2 colori termo retratto a decorazione totale della bottiglia più l’etichetta in carta metallizzata satin gold con stampa a 3 colori serigrafici lucidi, oro a caldo in lamina lucida, rilievo a secco e inchiostro braille a rilievo, sono gli elementi che creano DUO CHIC di Notarianni.

PerlApp Rosè di Perlage è uno spumante rosato con un packaging “pop” : la sleeve colorata che ricopre interamente la bottiglia, è completamente removibile attraverso un’apposita linguetta che consente di semplificare la raccolta differenziata separando i diversi materiali che compongono il packaging.

ETICHETTE PERSONALIZZATE

L’ETICHETTA DELL’ANNO

www.pixartiprinting.it

www.bigagnoliwines.com

Pixartprinting offre etichette, anche per il vino, in svariati formati, con un’ampia scelta di materiali e con la possibilità di personalizzarle in maniera totalmente customizzata. Inoltre si ordinano facilmente online con pochi click.

Il premio ‘Etichetta dell’anno’, edizione 2014 di Vinitaly, è stato assegnato al “Bardolino doc Classico” dell’Azienda agricola Bigagnoli, che ha vinto anche il ‘Premio speciale packaging’ per la categoria vini.

30


PA CKA G I N G

wine label

Sono trascorsi oltre 400 anni dalla nascita delle prime etichette stampate di cui si ha testimonianza e oggi la produzione delle wine label ha a disposione un’incredibile varietà di materiali, tecniche di stampa e possibilità di nobilitazione e finitura.

in queste pagine: alcuni esempi di etichette di vini che spaziano da design, materiali e lavorazioni più tradizionali ad altre più innovative nelle forme, nelle finiture e nell’uso dei colori e delle nobilitazioni. Alcune delle etichette che vedete n queste pagine si sono aggiudicate i primi premi del Concorso Internazionale di Packaging Vinitaly nelle dierse categorie.

da quella che definisce “preistoria” del labelling. Solo, dopo 200 anni, agli inizi del XIX secolo, la rivoluzione industriale portò importanti cambiamenti: le prime macchine da stampa rotative, il processo offset e le macchine per la produzione continua di carta. L’Ottocento vide inoltre la nascita delle carte patinate, della stampa a colori e di una serie di nuove tecnologie come la produzione industriale di volumi elevati di bottiglie di vetro, l’uso di linee di riempimento per bottiglie e tecniche di stampa industriali, che determinarono gli albori di quella che oggi chiamiamo l’industria del labelling. L’ETICHETTA AUTOADESIVA Gli inizi del XX secolo hanno visto l’introduzione delle prime macchine da stampa a banda stretta per nastri gommati e autoadesivi, in particolare quelli inventati da Stan Avery che erano dotati di liner, un supporto di sostegno che permetteva loro di essere fustellati in macchina, consentendo la produzione di etichette a bobina. La tecnologia autoadesiva emerge in Europa alla fine del XX secolo e oggi costituisce circa il 40% delle etichette complessivamente utilizzate. Il settore wine and spirits non fa eccezione, anche se tradizonalmente si attribuisce al vino un’intramontabile predilezione

31

per le carte naturali e per le carte pregiate i molteplici vantaggi dell’autoadesivo sono sempre più apprezzati per i risultati di alta qualità soprattutto per le bottiglie che devono essere inserite nel secchiello del ghiaccio. Anche la sleeve, legata fino a oggi ai prodotti di largo consumo, è enttrata a pieno diritto anche nel vino anche con soluzioni che la vedono duettare con l’etchetta tradizionale nobilitata. NOBILITAZIONI DI PREGIO La tecnica di stampa oggi più utilizzata è la offset per i risultati qualitativi che offre, ma le soluzioni per la produzione di etichette sono sempre più complesse e orientate a integrare diversi processi. E le nobilitazioni? La stampa a caldo con foil sempre più sofisticati in oro, argento e rame è sempre ai primi posti, seguita da embossing, debossing e goffrature, per simulare le finiture naturali della carta, e poi le vernici serigrafiche lucide, opache e spessorate, ma anche quelle protettive che oltre a tatto e vista soddisfino i requisiti di un prodotto fatto per durare. Ma quale sarà l’evoluzione futura delle wine label? C’è chi dice che la diffusione della stampa digitale diretta sulle bottiglie possa minare il futuro dell’etichetta... una paperless bottle? No, non ci sembra possibile, almeno per il momento!


eventi

Comunicando? ...laureando!!! Comunicando sui banchi di scuola c’è stata tante volte, sia perché è letta dagli studenti delle discipline di comunicazione di tutta Italia a tutti i livelli, sia perché è consultata dai professionisti che frequentano corsi di specializzazione, come ad esempio quelli dedicati al brand naming di Béatrice Ferrari. Ma anche perché sia il nostro direttore sia chi fa parte della redazione ha avuto esperienze di insegnamento che hanno avuto come oggetto di analisi proprio la nostra amata Comunicando. Una sola cosa mancava alle nostre esperienze accademiche: essere protagonisti del project work di un master. Eccoci qui, dunque, infiocchet-

32

tati a dovere per celebrare anche questo traguardo: grazie a un audace trio di studentesse che ha fatto diventare la nostra testata cartacea, web e la relativa pagina facebook, oggetto di studio e successivamente di un piano di branding discusso come tesi finale per il conseguimento del Master in Brand Management allo IED di Roma. Beatrice De Rossi, Elisabetta Gargiulo e Alessandra Palumbo ci hanno studiati, osservati, passati sotto la lente di ingrandimento dell’indagine da un punto di vista che ci piace tanto – quello del branding – e hanno realizzato un lavoro molto interessante. Complice la nostra collaboratrice Alessandra Co-


nt

Brand

e m e g n Ma

R E T S MA

to per t è na nsabili o n e m o anage , resp voli rand M ri d’azienda e consape l B in n D la e io o IE d z it a ter i, t ne il Mas rofessionist alla comunic veicolazio rcorso a e p n e p o Il e g u r forma i al marketin che una b business. asmettere r n t t io t r u e a o di ti e add lo prim esso ossan umen del ruo a per il succ rnire gli str tali figure p lisi della fo a h hé brand azione vuole sari e affinc corretta an ificazione a n s n m ia e r u g, lla p di fo niche nec mente a arketin ato, a le tec ire sensibil rio di merc ategia di m si per u a tr s contrib dello scen gni tipo di s e dei proce curare e o c h a i n c c d a n é mar gestione govern l brand, no erative” di e e a ll n a a p e ne e erson nicazio più “o comu e brand e p n le figure , valutando e o t n c ra corpo mediazione prendendo zione. l’inter ettori, com andone l’a v is quest coadiu lucci, firma autorevole del brand marketing, consulente e docente di brand management, strategic planning e digital media, e coordinatrice dell’indirizzo in “Marketing Account e Brand Management” allo IED di Roma. Alessandra ha guidato il lavoro delle studentesse che hanno strutturato un piano di branding finalizzato al rilancio del nostro magazine, con un progetto che favorisce l’ampliamento del mercato di riferimento della rivista e una maggiore visibilità del brand online. Un progetto, attento e

approfondito nei contenuti e coerente nella forma: il testo è stato impaginato come se fosse una mini rivista Comunicando (nel formato delle nostre Comunicando Guides), con tanto di testata, visual, impaginazione ed elementi grafici “presi in prestito” alla nostra pubblicazione. Completava il tutto un case in cartoncino, anch’esso brandizzato: poteva un progetto così non avere un packaging? Complimenti ragazze! Meritate il bacio accademico di Comunicando!

Un piano di BRANDING per Comunicando

Venerdì 21 febbraio, presso l’Aula Magna dell’Istituto Europeo di Design di via Casilina, si è tenuta l’edizione 2014 dell’evento “Brand @ Work” in cui gli studenti del Master IED in Brand Management hanno presentato i project work di fine corso: piani di branding che nascono dall’applicazione delle metodologie apprese durante il corso sui casi di studio proposti dalle aziende-partner. Il nostro direttore e Art Director, nonché ideatrice di Comunicando, Susanna Bonati che assistito alla discussione dei piani di branding in cui gli studenti applicano il metodo appreso durante il corso ai casi di studio proposti dalle aziende-partner. Naturalmente Susanna ha fatto da madrina al progetto dedicato a Comunicando presentato da a Beatrice De Rossi, Elisabetta Gargiulo e Alessandra Palumbo. “Comunicando, con nostro grande orgoglio, è da sempre un punto di riferimento per i professionisti del mondo della comunicazione: la promozione del brand è l’argomento che sin dalle sue origini ha fatto da filo conduttore alle nostre analisi, ricerche e approfondimenti. Ma non dobbiamo dimenticarci che Comunicando è essa stessa un brand e per ribadirlo facciamo in modo che tutto quanto di cui scriviamo venga sperimentato e messo in pratica prima di tutto sulla nostra pelle. Questo è il nostro elemento distintivo che ci rende unici e che il piano di branding presentato dalle studentesse ha messo brillantemente in evidenza, suggerendo anche possibili sviluppi interessanti e corenti con il concpet del nostro magazine” ha affermato Susanna Bonati.

33


Nutri la Tua CreativitĂ  Feed Your Creativity

26A MOSTRA CONVEGNO INTERNAZIONALE DI COMUNICAZIONE VISIVA

26TH INTERNATIONAL TRADE FAIR AND CONFERENCE ON VISUAL COMMUNICATION

Stampa digitale Insegnistica, Cartellonistica Serigrafia, Tampografia Promozione tessile, Ricamo Incisione Fresatura, Laser P.O.P. punto vendita Servizi per eventi Digital signage Labelling Packaging

Digital printing Sign, Sign making Screen printing, Pad printing Textile promotion, Embroidery Engraving Milling, Laser P.O.P point of purchase Event services Digital signage Labelling Packaging


marketing

B O J Y M E V I O T L I N # E M A

D N A M O R E D I 10 C L I U B D N A DEL BR

ALESSANDRA COLUCCI

Consulente in Brand Care dal 2005, specializzata in brand management, digital media e produzione audiovisiva, crea strategie per aziende e professionisti al fine di costruire marche carismatiche, ben visibili al proprio target e dalla positiva reputation. Autrice di vari saggi, insegna dal 2004: attualmente è coordinatrice e docente del triennale e del Master in Brand Management di IED Roma, e insegna al Master in Marketing Territoriale di IED Firenze. Semina idee sul suo blog e su vari social network. ale@brandcareonline.com

35

Il mondo del branding, del marketing e della comunicazione è molto complesso, contrariamente a quello che spesso sembra esprimere il pensiero condiviso. Nonostante si possa affermare che tutti necessariamente abbiano competenze e capacità di base in tali ambiti, in parte afferenti alle predisposizioni genetiche dell’essere umano, in parte collezionate istintivamente attraverso l’esperienza, ritengo altrettanto certamente di poter affermare che la preparazione professionale rispetto alla gestione del brand [sia esso corporate o personal], del suo posizionamento strategico e della costruzione della

relativa awareness – composta da notorietà e riconoscibilità – sia tutt’altra cosa. Quest’ultima convinzione sembra essere – come dicevo – attualmente poco diffusa nel nostro Paese, così ho pensato di sviluppare un piccolo decalogo che possa servire sia da monito sia da supporto a chiunque – i miei studenti del Master IED in Brand Mangement in primis – pensi di crearsi una professione connessa con lo sviluppo della marca. 1. Non avrai altro ruolo all’infuori del tuo: non sei un tuttologo! Molte sono le figure professionali afferenti ai settori del branding, marketing e comunicazione, in alcuni


marketing eting

1

1. Armando Testa, due creatività ideate da professionisti del team della storica agenzia dedicate ai lavori creativi. 2. L’artista e designer Bruno Munari noto per il suo approccio sperimentale alla creatività. 3. Il mestiere di grafico, volume scritto dal celebre designer Albe Steiner.

casi le competenze e le capacità necessarie a svolgerle possono essere assimilabili, ma la maggior parte dei profili necessitano di una formazione e un’esperienza specificamente acquisita. È dunque preferibile evitare di assecondare la “tentazione” di proporsi come esperti di “qualsiasi cosa”. 2. Non cercare di spiegare a tua madre che mestiere fai: è inutile! Per comprendere tale “comandamento” si consiglia la lettura di “Non dite a mia madre che faccio il pubblicitario, lei mi crede pianista in un bordello” di Jacques Séguéla, tanto per capire che non si è i soli a doversi accontentare di una affettuosa semplificazione,

In o che cr gni attività c ea si fo r nde co eativa, colu che ra n la pr i p p opria m resent circond a a t il eria, mondo a. Sia c c grano o il pitt he il contadin he lo ore dip ogni t o coltiv inga ipo i il e il suo di lavoro cr un quadro, in eativ ogge cosa: l’uomo tto diventano o l’artefice si u proce unisce con il n���unica sso d m ond i crea zione. o nel Erich F Citazio romm ne trat t a dalla ra e aforis c c mi sull olta di ac citazio ni Annam reatività a cu ra di aria Te sta.

36

comunque ugualmente foriera del materno/paterno – d’altra parte praticamente incondizionato – supporto. 3. Acquisisci competenze e dimostra la tua professionalità. 4. Sii Curioso e ricorda che ”Creatività non vuol dire improvvisazione senza metodo” (Bruno Munari). 5. Tieni a mente che gli strumenti del mestiere sono tanti e hanno tutti le proprie specificità. Il secondo trittico di “regole d’oro” per un brand builder – indipendentemente dal profilo professionale che specificamente incarna – riguardano essenzialmente l’importanza di mettere a punto e seguire un metodo di lavoro strutturato, basato su un approccio analitico, continuamente sottoposto a verifiche, controlli


marketing

1

3

2

e aggiornamenti, poiché espressione di elementi in costante evoluzione, quali comunicazione e assetto valoriale. 6. Ama il tuo target come te stesso, dato che “Il brand è un insieme di percezioni nella mente dei consumatori” (Colin Bates). A tale punto ho già dedicato un intero articolo pubblicato su Comunicando n° 4 del 2013, potete recuperarlo se si tratta di un aspetto per voi interessante. 7. Il brand è storytelling, ma MAI raccontare fandonie. Praticamente la differenza tra tattica e strategia: fondamentale non disattendere MAI le promesse di brand. 8. Il cliente NON ha sempre ragione. L’utilità di rivolgersi a un professionista della marca affinché si occupi di un brand

1. KesselsKramer, la nota agenzia olandese attiva anche come editrice di libri di grande impatto e originalità ha dedicato un titolo alla pubblicità per persone che non amano la pubblicità. 2. #coglioneNO, una simpatica campagna video online che rivendica i diritti dei mestieri creativi, notoriamente sottopagati e sottovalutati. 3. Un manifesto che analogamente richiede una remunerazione per il lavoro intellettuale.

sta nel fatto che questo può fungere da guida e permettere di evitare errori grossolani che potrebbero derivare da un approccio “istintivo” alla comunicazione e al marketing. Dunque il committente va ascoltato, ne vanno capite le necessità e gli obiettivi, poi nella definizione delle strategie e delle pratiche da mettere a punto DEVE essere contraddetto qualora faccia richieste che risultino in contrapposizione con le proprie esigenze o con la corretta impostazione degli strumenti. 9. Porta pazienza e sii tenace: i mestieri creativi sono spesso fraintesi Per capire al meglio a cosa si riferisca tale “comandamento” la cosa più semplice è guardare almeno uno dei tre video della campagna #coglioneNO lanciata qualche tempo fa. In ogni caso i

37

dati Unioncamere rispetto al mercato delle industrie creative e culturali – che comprendono la maggior parte degli enti e delle aziende in cui lavorano i professionisti della marca – sono incoraggianti: nel 2012 in Italia tale settore ha prodotto 7,5 mld di euro [5,4% del PIL]; ha generato il 9,3% delle esportazioni; ha occupato 1,4 mil di persone [5,7% del totale], in controtendenza rispetto alla situazione generale di profonda crisi. 10. “Distinguersi o estinguersi” (Tom Peters)… vale anche per te! Ovvero, occorre evitare di tralasciare la cura delle proprie strategie di comunicazione e marketing poiché, in quanto brand builder, la marca individuale sarà con molta probabilità il primo test di verifica a cui si verrà sottoposti.


S W E N

DESIGN by Veuve Clicquot

ZIONE a cura della REDA

Veuve Clicquot sarà protagonista della Milano Design Week portando un po’ della sua storia secolare nel cuore di Milano, quartiere Brera. L’8 aprile, in via Pontaccio 19, sarà allestito l’Ufficio Postale di Madame Clicquot dove si potrà rivivere la tradizione della corrispondenza rivista in chiave contemporanea, con un’estrosa collezione di prodotti Veuve Clicquot, CLICQUOT MAIL COLLECTION, e un pezzo unico di design, SECRETARY BY FERRUCCIO LAVIANI, un moderno scrittoio di Madame Clicquot. www.veuve-clicquot.com

1

Profumo di vino sulle stampe?

Tra le vernici serigrafiche UV profumate e pronte all’uso per sovrastampa, commercializzate da Druckfraben, ce n’è anche una dedicata al vino. L’azienda attraverso la microincapsulazione ha reso l’essenza di moscato dolce stampabile per progetti grafici di grande impatto anche olfattivo. www.druckfarben.it

o t t e n a f Co

nollo ppa Blloe è l’ennesimo a r G r e p Ste del luxea Of Vintage Sei Distillerie Bonoallo

p e La Grap IO DI STILE dell ovo gioiello dell u ESERCIZ di Padova. Il n na Grappa che u o rt è e o b ll m o U cetto di n on u va il con ne Of B collezio schemi ed ele E ESCLUSIVA: ter n li N a g c IO e e Z p d E F m n ro CON ene u ti la n n o o c c e , i. h oc lusso rovsk cofanett nti Swa elegante ito da sei brilla s imprezio ollo.it n o .b w w w

J&B Tattoo bottle

Prodotte in 25 esemplari le bottiglie commemorative del whisky londinese J&B, sono realizzate ricoprendo il vetro con una pellicola in latex poi tatuata proprio come si fa sulla pelle umana. Ognuna è decorata con una grafica diversa, per una vera limited edition. www.jbscotch.com

38

a c n a B

del Vino

e entesch ne ottoc lle porte ti n a c lle Ne llenzo, a Banca zia di Po dell’Agen nghe, ha sede la vetrina delle La na suggestiva u in cui del Vino unica al mondo dei lia a ta ic l’I g cere enolo onio ile conos è possib ini: con un patrim iglie tt v i o d b n gra 00 mila di oltre 1 0 delle migliori 0 3 a ti en ali. Un apparten itivinicole nazion e tra n v aziende lla comunicazio iglie. e tt n o b io g e viag chette pack, eti .bancadelvino.it www

3


Fe Shop e-commerce con il valore aggiunto dello showroom vero

PERCHÉ Sentiamo parlare ogni giorno di WEB-TO-PRINT, ma non tutti i siti E-COMMERCE dove si vendono progetti di comunicazione sono uguali. Volete un esempio? Visitate www.feshop.it e scoprirete che ha una marcia in più! Oltre a essere vivace, coloratissimo, creativo e assolutamente intuitivo da utilizzare, a Bolzano FE SHOP ha una sua ubicazione fisica precisa con uno showroom presente in via Galvani: un punto vendita ampio e ricco di idee creative.Insomma le due realtà REALE E VIRTUALE, si completano per servire al meglio il cliente in cerca di prodotti dalla massima ricercatezza e creatività! www.feshop.it

SLANCIA LE TUE IDEE VERSO L’ALTO

“Profumo di cavatappi”... in mostra

Il cavatappi nasce nel 1600, ma inizialmente non è utilizzato solo per bottiglie di vino. Profumi, essenze e medicinali erano venduti al dettaglio in piccoli contenitori con il tappo in sughero, per la loro apertura era quindi necessario l’utilizzo di piccoli cavatappi. Il Museo dei Cavatappi svela per la prima volta esemplari di questa tipologia. www.museodeicavatappi.it

Bicchiere da

degustazione

Riedel, che vanta una storia di 300 anni e che ha rivoluzionato il mondo dei bicchieri da degustazione di vini e superalcolici, annuncia il debutto del BICCHIERE COCA-COLA + RIEDEL. Creato in collaborazione con Coca-Cola in seguito a un workshop sensoriale con un gruppo di degustatori, questo prodotto innovativo rappresenta il primo bicchiere funzionale non concepito per vini, birre o superalcolici. www.riedel.com

La gamma ARCTIC VOLUME dona luce ai dettagli delle tue immagini. Lo spessore, l’elegante superficie opaca ed una tattilità naturale danno vita alle tue idee creando intense atmosfere. Grazie alle tre distinte nuance delle carte della gamma Arctic Volume: Arctic Volume HighWhite, Arctic Volume White e Arctic Volume Ivory, è possibile combinare ciascuna immagine alla carta più adatta, creando così l’effetto desiderato. Dai più volume alle tue idee… visita il sito www.arcticpaper.com

The standard products in the Arctic Volume Range are available as FSC TM certified and Arctic Volume White standard products are also available as PEFC certified.

ARCTIC PAPER ITALIA SRL INFO -IT@ARCTICPAPER.COM

www.arcticpaper.com


NEWS

GrandPrix a un brand del vino

La 19a edizione del Brand Identity GrandPrix si è conclusa con un oro per William Raineri - Direttore Creativo dell’agenzia di comunicazione Raineri Design.Premiato il progetto curato per il gruppo Agricole Gussalli Beretta, importante realtà del mondo del vino. Un lavoro che si è affermato, tra centinaia di progetti, al primo posto della Categoria Corporate e Brand Identity dopo la fase di selezione operata dalla prestigiosa Giuria del Brand Identity GrandPrix. www.raineridesign.com

Limited Edition

Una collana di romanzi di Agatha Christie è stata rivestita con la tela prodotta dalla Manifattura del Seveso. Un intenso color nero, ottenuto grazie alla speciale natura di Cialux® tessuto, costituito da pura cellulosa 100%, veste questa preziosa collana, impreziosita da stampe serigrafiche che mettono in risalto un progetto grafico innovativo sia per l’immagine sia per le soluzioni tecniche adottate. www.manifatturadelseveso.it

Latte Tigullio celebra il 60° anniversario dalla sua fondazione a Rapallo, commercializzando per tutto il 2014 il latte fresco Alta Qualità in un nuovo pack, in edizione limitata: la storica bottiglia di vetro che riprende la tradizione della distribuzione del latte come avveniva a partire dagli anni ‘50. La bottiglia è stata prodotta da O-I (Owens-Illinois). www.lattetigullio.it

Personalizza

la tua bottiglia

Su etichettevino.net, si trovano tante etichette personalizzabili per le bottiglie di vino, spumante, champagne... ma anche per le bibite. Per facilitare e velocizzare la ricerca le etichette sono suddivise per categoria, ma ogni etichetta di ogni categoria è personalizzabile per qualsiasi evento con testi ad hoc e immagini. www.etichettevino.net

Etchetta dal gusto di vino

Perché su un formaggio dovrebbe esserci un’etichetta che ritrae un grappolo d’uva? Non è un errore di comunicazione ma un plus che l’Affogato di Sabbionara, eccellenza del Gruppo Formaggi del Trentino così chiamato perché immerso nel vino Enantio Terra dei Forti. È nuova tecnica di foratura fa penetrare il vino Enantio Terra dei Forti tingendo, a tratti,il formaggio di viola, per dare un nuovo gusto al palato e un’estetica ancora più ricca... e il suo visual non poteva essere da meno!!! www.formaggideltrentino.it

Il giallo si veste di nero

W2P

o t n e g r a ’ d

proposto Formato icchisce lo o c ic P rr Il ia otti printing s da Pixart con nuovi prod on te c n ti e a p rm o m ulteri ni mma, sta di alta ga eciali e nobilitazio re p T s . i te n n io e z ig lavora lico es b la b u n p o c n per u ziosite ste impre : le cartoline, o p ro p le ento ne in arg (10x15 e laminazio nibili in formato mbinata o p c is d ne o ita e i la soluzio 10x21), 2 biglietti da vis voli. ghe A4 + Flyer/Pie Cartella g.it p rt a rintin www.pix

40


The first bottle

Lo socrso 28 febbraio nello stabilimento Heineken Italia di Comun Nuovo (Bg) è nata la prima bottiglia di Birra Moretti Radler, l’unica Radler con limoni 100% italiani. La famiglia Birra Moretti si rinnova con un prodotto dal gusto rotondo e da un forte potere rinfrescante www.birramoretti.it

Wine

visualizing

Direttamente da EuroShop 2014, un originale esempio di espositore per bottiglie di vino, dalla forma evocativa. Questo dispaly era in mostra nell’area Popai in fiera ed era uno dei progetti vincitori della scorsa edizione dell’International Popai Award. www.popai.it

Favini for Digital

Favini lancia il nuovo catalogo della gamma Digital, rinnovato e arricchito con nuove varietà di grammature e finiture. L’offerta Digital per HP Indigo e per stampa xerografica a toner secco, raccoglie carte ideali per numerose applicazioni: brochure, cataloghi, inviti, partecipazioni, biglietti augurali e da visita, carta intestata, direct mailing e packaging. La proposta include la versione Digital di alcune tra le più note carte di Favini: Biancoflash, Bindakote e Astralux, Majestic, Shiro,Prisma e Twill. www.favini.com


NEWS

Cooler

per bottiglie by Slide

Bollicine per Fashionist

Bridisi in piscina? Non è facile gestire le bottiglie sull’acqua... Slide propone Margarita, un bottle-cooler galleggiante che risolve tuttti i problemi: rinfresca il vino in quanto fa da secchiello per il ghiaccio, come una perfetta scialuppa di salvataggio trasporta la bottiglia indenne anche al centro della vasca e la matiene nella giusta posizione perché il liquido non si rovesci. Un brindisi alla salute di Valerio Sommella il designer che l’ha inventato. www.slidedesign.it

Elegante e decisamente “cool” il contenitore termico dedicato a Moet Chandon Rosé è realizzato in tessuto imbottito con inserti dorati. La funzione è di un portabottiglie fashion che come una borsetta glamour consente un facile trasporto mantenendo fresco il conentuto, pronto per essere sorseggiato. wwww.moet.com

Contest TEN S2 the winner is lI Contest Fotolia TEN Collection, in un mese ha raccolto migliaia di creazioni mostrando capacità, creatività e bravura di designer di tutto il mondo. Il giudizio finale ha tenuto conto dell’opinione dei fan TEN e della giuria di esperti e ha decretato vincitore l’argentino Ezequiel Pini.Primo classificato del Contest TEN S2! Ezequiel ha vinto nella categoria “Game on”. it.tenbyfotolia.com

“Vino in Cifre”

edizione 2014

È uscita l’edizione 2014 di “Vino in Cifre”, l’annuario statistico edito dal Corriere Vinicolo in collaborazione con Ismea. Sessantaquattro pagine di tabelle e grafici con tutti i più significativi dati del settore a livello mondiale, europeo e un’approfondita appendice sul nostro Paese. La pubblicazione “Vino in Cifre” è distribuito sia in versione cartacea sia online. www.corrierevinicolo.com

La Pasqua rosa di Balocco

Balocco, sponsor ufficiale della Maglia Rosa del Giro d’Italia, presenta l’uovo di Pasqua di cioccolato finissimo al latte, l’unico ispirato alla gara ciclistica più seguita d’Italia. Il packaging è tutto ispirato al colore e alle grafiche ufficiali del GIro e all’interno le sorprese da Maglia Rosa accompagnano il concorso “Vinci e Pedala”. www.balocco.it

y l a t i n i V o

per Exp

ne il Padiglio Per fare lio italiano e dell’o del vino può che partire s rizio non i all’Expo Lo ha detto Mau to ta . » S i ly d a it o in ri da V egreta s o ole tt c o ri s g , Martina delle Politiche a lega e d ro n te o is c tali, al min ndo il ri e fores alimenta 2015, annuncia Vino o per l’Exp tto dello “Spazio italy, roge p o fiere-Vin v o u n a Verona l Padiglione rm fi a ”, de e Olio a fianco Expo 2015. allestito Italia all’ italy.com www.vin

42


Your beauty everywhere

Che sia per un compleanno o per un anniversario, con La Gardenia è possibile acquistare una confezione regalo e farla recapitare direttamente a casa in una qualsiasi città italiana. È possibile inoltre personalizzarla con un biglietto di auguri che sarà stampato e inserito all’interno della pacchetto. www.lagardenia.com

Dal pomodoro al packaging

Barilla lancia “guardatustesso.it”, una piattaforma digitale che integra servizi Google (Maps e Street View) e video di National Geographic Channel, e consente di entrare virtualmente in prima persona nella filiera di produzione dei sughi Barilla: dalla raccolta delle materie prime nei campi, passando per la produzione fino al prodotto finito, pronto da gustare. guardatustesso.it

Il vino best seller

Il vino più amato dagli italiani? Il Freschello. Ad annunciarlo i vertici dell’azienda veneta Cielo e Terra - Gruppo Cantine Colli Berici, sulla base dei recenti dati divulgati da IRI e riferiti all’andamento delle vendite di vino nella Grande Distribuzione Italiana nel 2013. Una leadership che si riconferma per l’ottavo anno consecutivo con 8,5 milioni di bottiglie di cui 4,5 per la referenza Freschello Bianco e più di 4,1 milioni per Freschello Rosso. Cifre che permettono a Cielo e Terra di mantenere la leadership nelle vendite per il formato 0.75 l. www.cieloeterravini.com


marketing dei sensi

I L A I R E T A . . M . O I N A C I N U COM TO T A T L A

ALESSANDRO MIANI Alessandro Miani è la voce più autorevole del Marketing Sensoriale in Italia. Laureato in Medicina e Chirurgia, Ricercatore Universitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano e autore di numerosissime pubblicazioni, tra cui “Il Marketing dei Sensi” e “Marketing Sensoriale”, ha all’attivo anche docenze universitarie allo IED e al CdL in Scienze della Comunicazione dell’Università Vita-Salute San Raffaele.

44

Il tatto è costituito dall’insieme di sensazioni che i prodotti e i packaging a essi correlati determinano al contatto fisico. La gestione orientata alla customer satisfaction globale deve prevedere sensazioni tattili target del prodotto. Non andranno valutate solamente la morbidezza di un oggetto, il peso o la scivolosità, per fare qualche esempio, ma sarà altrettanto importante considerare le caratteristiche fisiche degli individui che determinano differenze di valutazione tattile. Per esempio la mano di un adolescente percepisce sensazioni completamente differenti rispetto a quella di un anziano. La prestazione tattile si presenta attraverso elementi come il grip

degli utensili elettrici, le caratteristiche dei tessuti interni di un’automobile, nei capi d’abbigliamento e negli oggetti che si utilizzano nella vita quotidiana. Dal punto di vista del packaging, il tatto può essere stimolato dalla scelta di carte materiche con goffrature, rilievi e texture o formulate per offrire effetti soft o simulando materiali come il tessuto, la pelle, il legno,o ancora, stampate a rilievo. Al tatto, valutando peso, solidità, rugosità, tenuta, ci affidiamo per determinare, congiuntamente a elementi visivi, la solidità, la qualità o la resistenza di un determinato oggetto. Caratteristiche come la scivolosità, i materiali, le asperità e protuberanze, spazi e distanze tra componenti di un


Al tatto, valutando peso, solidità, rugosità, tenuta, ci affidiamo per determinare, congiuntamente a elementi visivi, la solidità, la qualità o la resistenza di un determinato oggetto. Inoltre materiali caldi e soffici producono sensazioni di avvolgenza che spostano la funzione del prodotto dal marketing tattile al marketing emotivo.

1

2

3

6

5

4

1. Il metallo nel pack evoca una sensazione di freddo e di rigore. 2. Il legno è un materiale caldo e rassicurante. 3. Un packaging morbido e avvolgente è come una coccola. 4. L’agenda 2014 prodotta con i materiali di Manifattura del Seveso regala la piacevolezza al tatto di una copertina in seta. 5. La nobilitazione ottenuta grazie al foil distribuiti da Luxoro rende la stampa espressiva anche dal punto di vista tattile. 6. Liscio e sensuale il plaxiglas è sinonimo di design anche al tocco, soprattutto quando è firmato esemplare unico.

45

prodotto, devono essere accuratamente progettati al fine di raggiungere la sensazione tattile target che il prodotto ideale deve fornire. In termini di marketing tattile, uno dei fattori importanti da considerare è la conduttività del materiale toccato. Infatti la sensazione di caldofreddo proviene non solo dalla temperatura reale dell’oggetto, ma anche dalla sua capacità di disperdere il calore. Questo ci porta a considerare la necessità di agire, ove possibile, sulla conduttività dei materiali, per sviluppare le sensazioni ottimali di calore tattile dei prodotti. In questo senso, il marketing deve confrontarsi attivamente con le scienze dei materiali per definire quali percorsi evolutivi sviluppare e come produrre

innovazioni significative non solo di prodotto ma anche del relativo packaging dal punto di vista tattile. La relazione tra proprietà fisiche ed emotive del prodotto ha una valenza di marketing. La capacità di infondere calore è importante in ambienti freddi o per abbigliamenti destinati ai climi estremi, non solo in termini fisici, ma anche in termini psicologici. Materiali caldi e soffici producono sensazioni di avvolgenza che spostano la funzione del prodotto dal marketing tattile al marketing emotivo. Per questo, ad esempio, una sciarpa morbida e avvolgente può assumere una valenza psicologica di protezione che riporta il consumatore a una condizione di sicurezza emotiva.


APPREZZARE LA BONTÀ DEL BRAND NAMING LA FUNZIONE DEL NOME NEL BRANDING

Così come un buon vino necessita di esperienza e metodo, il brand name efficace nasce da un processo che richiede tempo e attenzione. Ma come si valuta la bontà del nome del brand? Esistono strumenti o criteri per misurarne l’efficacia? Si è soliti aver pochi mezzi a disposizione per scegliere il nome nel modo giusto, oltre al mi piace/ non mi piace, e questo è spesso selezionato o scartato senza valide motivazioni. Succede che, un nome faticosamente individuato dopo fior di riflessioni e confronti, venga prontamente rifiutato dal responsabile perché ‘non dice niente’ o ‘non piace’... Oppure, dopo ulteriori faticosi travagli, il consulente in proprietà intellettuale dichiara che il nome non può essere utilizzato perché risulta già proprietà di un terzo, fatto che potrebbe costringere all’abbandono del nome... e a ricominciare da capo. Individuare un nuovo nome, significa farsi una domanda: a cosa serve il nome del brand? Qual è la sua funzione a lungo termine? Il classico errore è pensare che il nome serva a far capire di cosa si tratta. Soffermandosi sui nomi dei grandi brand presenti sul mercato, si

BÉATRICE FERRARI

Béatrice Ferrari è la voce più significativa del brand naming in Italia. Laureata in semiotica, comincia la sua pratica a Parigi per sbarcare nel 1989 a Milano e fondare la prima realtà italiana completamente dedicata alla creazione di nomi commerciali della quale è socio e amministratore per 15 anni. Dal 2005 opera come professionista indipendente: offre collaborazioni di tipo strategico e creativo. Nel 2008 lancia il brand Synesia, che identifica un nuovo modo di fare consulenza nel campo del branding, e nel 2009 le giornate di formazione esclusive ‘Brand Naming Day’. info@beatriceferrari.com www.beatriceferrari.com | www.synesia.com

IL BR AND D EL

MESE

Quadrisillabo facile da pronunciare, dal ritmo saltellante per via della doppia [s] tranquilla e fluida, si sposa con una [c] dura forte e determinate. A livello vocalico la tripla [a] dona apertura e grandiosità. Il nome Sassicaia indica un podere in una zona pietrosa; deriva dalla parola sassaia, dal latino saxum, sasso. Il vino Sassicaia nasce a Bolgheri,Toscana, nella Tenuta di San Guido: si dice che l’alto contenuto sassoso del terreno porti ogni anno alla superficie nuove pietre che cullano il prezioso nettare.

46

osserva però che pochi di questi contengono una spiegazione esplicita della loro proposta commerciale. Da Apple a Skype, da Amazon a Guru, da Bacio a Oreo, è evidente che spiegare con il nome non è rilevante. In realtà, le funzioni del nome del brand sono altre. Il nome IDENTIFICA: è il passaporto per la comunicazione perché si ha bisogno di esso per comunicare. DIFFERENZIA dalla concorrenza: un nome diverso consente una migliore riconoscibilità. PERSONALIZZA l’offerta, che diventa ‘un essere vivente’ a tutti gli effetti. FACILITA la comunicazione stimolando lo storytelling. PROTEGGE dalla contraffazione perché il nome registrato impedisce a chiunque di usarne uno identico nella stessa categoria. MOLTIPLICA il valore del brand perché è la sua sintesi perenne e sempre attualizzata. Infine, CAPITALIZZA l’investimento: viene inserito all’attivo del bilancio dell’azienda con un valore a volte pari al 70% del valore complessivo del brand. Solo capendo le funzioni del nome si può procedere a un brand naming con i giusti strumenti per scegliere con criterio.


SCATTO DI LUSSO

photo stylist FOTOGRAFIA PROFESSIONALE studio fotografico - archivio fotografico foto artistiche fotografia d’interni - foto di architettura, nautica, sport & moda www.photostylist.it


offerta speciale di abbonamento

campagna abbonamenti sunnycom publishing

in collaborazione con Ti offre in

OMAGGIO, sottoscrivendo un abbonamento

annuale a Comunicando, un abbonamento a del valore di 99,90 € + IVA con cui si può visionare tutto il contenuto del Lezionario Online per 30 gg, 24 ore non-stop. La soluzione ideale per imparare ad usare gli strumenti che usi per lavorare.

gennaio | febbraio

2014

http://www.teacher-in-a-box.it/lezionario-online

Abbonamento annuale 6 numeri euro 30,00*

#1

GE

201| F E B 4

shopper

What Women

Want

speciale cart

Compila e invia il modulo via posta a sunnycom publishing srl, via stromboli 18, 20144 milano o via fax al n. 02.43400509 oppure collegati al sito sunnycom alla pagina abbonamenti: abbonamenti.sunnycom.it. Il servizio abbonati è a tua disposizione al numero di telefono 02.48516207 o via email: abbonamenti@sunnycom.it

Creatività in ufficio

LINE

La linea Luxury di Pasubio è sinonimo di sofisticata stile. Una produzione eleganza e ricercatezza esclusiva e prestigiosa, di lavorazione artigianale in serie limitata, e alla cura manuale che affida alla dei dettagli la propria personalità.

Fiera Milano 26.27.28 City Pad.1 Ma - Sta rzo 201 nd C83 4 C85

Abbonamento annuale 6 numeri euro 30,00*

Abbonamento biennale 16 numeri euro 55,00*

a

le grandi inte rvis

Silvia Grasste

iD

amiani di Damiani Gioielli

Abbonamento promo 1 numero euro 00,00* ((non è un errore!)

I miei dati Azienda ...................................................................................................... Settore ............................................................................................... Nominativo ............................................................................................................................................................................................................. Indirizzo .................................................................................................................................................................................................................. CAP ................................. Città ......................................................................................................................................... Prov. ........................... Tel. ............................................................................................................. Fax ..................................................................................................... e-mail ......................................................................................................... Sito ..................................................................................................... Scelgo di pagare con: assegno assegn o non trasferibile allegato alla presente intestato a: sunnycom publishing srl versamento in C.C.P. n° 31.99.32.07 intestato a: sunnycom publishing srl *Prezzi validi solo per le spedizioni in Italia. Per l’estero l’abbonamento raddoppia. Informativa ai sensi dell’art. 13 d. lgs. 196/2003: i dati sono trattati, con modalità anche informatiche, per l’invio della rivista e per svolgere le attività a ciò connesse. Titolare del trattamento è sunnycom publishing srl, via stromboli, 18 - milano (mi). Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 è possibile esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, aggiornare o cancellare i dati, nonché chiedere elenco completo e aggiornato dei responsabili, rivolgendosi al titolare al succitato indirizzo. Con la compilazione della presente scheda, lei acconsente alla raccolta dei dati forniti e alla loro comunicazione ai nostri partner commerciali, al fine di poter ricevere informazioni e offerte commerciali. In caso di dissenso barri la casella qui a fianco.

abbonamenti.sunnycom.it

N



Com 2014 02