Page 1

HOSPITALITY BUSINESS

MAGAZINE La rivista del management dell' industria turistica

16 Aprile-Maggio 2013

MARKETING TURISTICO

BIMESTRALE - Poste italiane Spa-Spedizione in Abbonamento Postale -70%- LO/VA

Flash deal negli alberghi italiani: una rivoluzione culturale?

VENETO NEWS: PRIMAVERA A VICENZA

La provincia dei colli in primo piano con Gitando e Vicenzaè

SPECIALE SALONE DEL MOBILE

Design e comunicazione creano gli spazi di domani

Il magazine ufficiale di

PROTAGONISTI DELL’OSPITALITÀ

Hotel Parchi del Garda: di tutto ... per tutti!


Sommario

SOMMARIO

HOSPITALITY BUSINESS MAGAZINE LA RIVISTA DEL MANAGEMENT dell’industria TURISTICA Anno V - Numero 16 Aprile - Maggio 2013

Pag. 06

speciale

Salone del mobile 2013: il design e la comunicazione

creano gli spazi di domani

Pag. 10

Veneto news

Pag. 14

news da Fondazione Fiera Milano

Pag. 16

0608

Vicenzaè: DMO per il nuovo turismo, contro la crisi Nel centro di Rho nasce un nuovo parco cittadino realizzato da F ondazione F iera M ilano

news da Federcongressi&eventi

Mario Buscema è il nuovo presidente di Federcongressi & Eventi

Pag. 20

news da Touring Club Italiano

Pag. 24

turismo enogastronomico

Primavera 2013: TCI a Milano con "Chi ama l'arte merita … dieci !"

10 28

OVSE: un mercato dei vini a due velocità per Europa e resto del mondo

Pag. 28 Pag. 32

protagonisti dell'ospitalità

Hotel Parchi del Garda: di tutto ... per tutti!

turismo e ambiente

Ridurre i propri consumi energetici con il monitoraggio

28 42

e la misura

Pag. 36

turismo e ambiente

Il ruolo

dell' energy manager a circa

sua introduzione in I talia

Pag. 38

20 anni dalla

turismo e ambiente

Promuovere insieme l'altra faccia della Puglia col turismo ecosostenibile

Pag. 40

turismo e formazione

Rich Now: il corso che ha già cambiato la vita a oltre 14.000 persone 3


SOMMARIO

Pag. 44

turismo e formazione

Corso di formazione Web Marketing Hotel: l'upgrade

SOMMARIO

50 28

intelligente

Pag. 48

Pag. 50

Pag. 54

Pag. 94 Pag. 98

News dalle aziende

Pag. 100

News dalle aziende

turismo e formazione

WHR Destination 2013: "la condivisione non è una scelta, è una strategia"

marketing turistico

Pag. 104

Il flash deal negli alberghi italiani: una rivoluzione culturale?

marketing turistico

News dalle aziende

5stelle*: finalmente il low cost arriva anche in reception

Pag. 106

Kuoni Italia in Iran e in Indonesia: nuove proposte per

Metal Lux: da 40 anni l'illuminotecnica del futuro ResinaDesign: un mondo poliedrico per le finiture d'interni

News dalle aziende

Masi Mobili: il contract rilancia il mercato dell'hospitality

News dalle aziende

SDL Centrostudi: tutelare l'imprenditore dalle anomalie contabili

il viaggiatore di oggi

Pag. 108

News dalle aziende News dalle aziende

Pag. 58

fiere ed eventi

Pag. 62

Fiere ed eventi

Pag. 110

Fiere ed eventi

Pag. 114

Pag. 70

Fiere ed eventi

Pag. 116

News dalle aziende

Pag. 74

Fiere ed eventi

Pag. 120

News dalle aziende

Pag. 78

News dalle aziende

Pag. 122

News dalle aziende

Pag. 126

News dalle aziende

Pag. 66

Pag. 82

Pag. 86

Hotel 2013, a Ottobre la 37° edizione Verso HOST 2013: l'HO.RE.CA. si fa leggero Tutto Esaurito a Rimini per la prima edizione di RHEX Rimini Wellness: lo spettacolo dello stare in forma Gitando: Fiera di Vicenza per il piacere condiviso del turismo Pillole di "controllo di gestione alberghiera": quei costi che non sapevate di avere…

4

58 42

News dalle aziende

Antoitalia cresce ancora con Baia dei Faraglioni Beach Resort

News dalle aziende

Pag. 130

HOSPITALITY BUSINESS

Evols presenta "Evols Academy"

News dalle aziende

Tassi di consegna delle mail: i tre fattori decisivi Wi-Fi Hotel: viaggiare e connettersi in libertà Rein Sauber: il full service d'eccellenza

Serenissima Informatica: nuvole cariche di vantaggi Il fax via Internet di Axiatel.com per inviare e ricevere fax

News dalle aziende

Reale outsourcing: gestione sicura del personale e delle risorse

Pag. 132

News dalle aziende

Pag. 133

pillole dal mondo

News dalle aziende

GecoHotels: crescono i consensi per il network dell' affiliazione alberghiera

PrimeRent: we start where others stop

quando e dove vuoi

Voglia di primavera con Fas Italia: filosofia di gusto e benessere

Pag. 90

54 08

Hotel Solutions fa crescere sempre di più i ltuo business

In copertina: Immagine ripresa dalla collezione Diva by Metal Lux www.metalluxlight.com ............................................................... Bimestrale di informazione, attualità, commenti nel settore del turismo Anno V n.16 Aprile - Maggio 2013 EDITORE HBConsortium Srl ............................................................... UFFICIO CENTRALE E REDAZIONE Via San Gregorio, 44 - 20124 Milano Tel.e Fax 02.87385727 ............................................................... UFFICIO AMMINISTRAZIONE Via Borgo Padova, 79 - 35013 - Cittadella (PD) Tel. 346/3453355 ............................................................... DIRETTORE GENERALE Stefano Regine stefano.regine@HBConsortium.com ............................................................... DIRETTORE RESPONSABILE Paolo Caron paolo.caron@HBConsortium.com ............................................................... CAPOREDATTORE Stefano Aicardi redazione@HBConsortium.com ............................................................... PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE Ufficio Grafico HBConsortium info@HBConsortium.com ............................................................... SEGRETERIA DI REDAZIONE segreteria@HBConsortium.com ............................................................... UFFICIO AMMINISTRAZIONE Alessandra Campagnaro amministrazione@HBConsortium.com ............................................................... Comitato di redazione Stefano Aicardi, Patrizia Binaschi, Alessandro Bisceglia, Matteo Brigatti, Fiammetta Capecchi, Paolo Caron, Vittoria Chiappero, Giampietro Comolli, Stefano Regine, Nives Tisi, Andrea Verduci ............................................................... TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI ............................................................... RESPONSABILE PUBBLICITÀ info@HBConsortium.com 335.1754074 ............................................................... Registrazione Tribunale di Padova n. 2173 del 08/04/2009 ............................................................... Registrazione ROC n° 18232 del 08/04/2009 ............................................................... DISTRIBUZIONE Poste italiane SpaSpedizione in Abbonamento Postale -70%- LO/VA

Primavera 2013: le aziende informano

5


speciale

speciale

I Saloni si sono ormai affermati come un momento di grande importanza non solo commerciale, ma anche culturale e sociale per la città di Milano, capace di attrarre presenze da tutto il mondo non solo negli spazi di Rho Fiera. A dimostrare ciò anche i numeri dei Saloni 2013: 324.093 visitatori totali, di cui 285.698 operatori del settore, provenienti da 160 paesi; 2025 espositori, con in più i 700 designer e gli studenti delle 17 scuole internazionali di design presenti nel Salone Satellite; il tutto distribuito su una superficie espositiva di 204.850 metri quadrati.

Salone del Mobile 2013: IL DESIGN E LA COMUNICAZIONE CREANO GLI SPAZI DI DOMANI

Ma i Saloni sono stati anche e soprattutto incontro, cultura e circolazione di nuove idee, unite alla memoria e alla tradizione dell’artigianato, del design e dell’arte milanese e nazionale. Con questa logica i Saloni annuali hanno presentato ad esempio apposite sezioni dedicate al design classico, ai prodotti che hanno fatto la storia del disegno industriale come disciplina, mentre in parallelo un accordo tra Cosmit e Assessorato alla Cultura

del Comune di Milano ha offerto a tutti i visitatori l’ingresso gratuito nei musei civici, come parte del vasto programma di eventi e incontri del Fuorisalone dedicati all’intrattenimento e alla creatività e particolarmente ben recepiti dai giovani. Proprio i giovani sono stati al centro del Salone Satellite, che ha riassunto con efficacia l’idea di fondo dei Saloni 2013: guardare al patrimonio di conoscenze tecniche del passato e rileggerlo in forme inedite in tutte le merceologie, dalle camere ai mobili, dall’oggettistica al tessile, senza dimenticare le varie destinazioni degli apparecchi di illuminazione (industriali, domestiche, sanitarie o per l’industria dello spettacolo) e la grande varietà di produzioni per l’ufficio (dagli arredamenti alla pavimentazione, dai sistemi di sicurezza ai prodotti per la comunicazione tra diverse stanze). Tutti questi prodotti, infatti, non sono solo oggetti immaginati, ma anche il risultato di confronti e selezioni tra materie prime diverse e tecnologie alternative

In queste pagine: Classic-photos by Alessandro Russotti

presenze da 160 paesi e 2500 espositori per i cinque appuntamenti a Rho Fiera

Fonte info e immagini: Ufficio stampa I Saloni

6

HOSPITALITY BUSINESS

S

ono state “impresa”, “incontro”, “memoria” e “progetto” le parole chiave della 52° edizione dei Saloni, la grande fiera organizzata da Cosmit che ogni anno conferma la forza del design business milanese e nazionale. Dal 9 al 14 aprile a Rho Fiera sono stati riproposti come da tradizione il Salone Internazio-

nale del Mobile (giunto alla 52° edizione nazionale e alla 35° edizione internazionale), il 27° Salone Internazionale del Complemento d’Arredo e il SaloneSatellite dedicato ai giovani designers. Il programma 2013 è stato completato dagli appuntamenti biennali: la 27° edizione di Euroluce - Salone Internazionale dell’Illuminazione, e SaloneUfficio, la 16° Biennale Internazionale degli Ambienti di Lavoro. 7


speciale

In queste pagine, in senso orario da sx: Entrance/Outdoor, photo by Alessandro Russotti; Sorrento, photo by Andrea Mariani; Euroluce, photo by Annalisa Cimmino

speciale

di produzione: per questo l’artigianato continua ad essere anche nell’era del digitale una base irrinunciabile, e il Salone Satellite ha voluto adottare il tema “Design e artigianato: insieme per l’industria” e tradurlo nella presenza di quattro “Botteghe”, ciascuna dedicata a singoli metodi e materiali di produzione (rispettivamente legno e tornio, fusione e lavorazione del metallo, soffio del vetro e stampe digitali in 3D), con dimostrazioni tecniche aperte al pubblico. Il Salone Satellite 2013 ha poi riproposto il suo accordo con ADI (Associazione per il Disegno Industriale) per un supporto speciale in Italia ai giovani che intendono iscriversi al Registro Progetti; un’attenzione al mondo dei giovani dimostrata anche dal ritorno come espositori di molti designer affermati che hanno avuto modo di esprimersi ed emergere negli anni scorsi proprio grazie al Salone Satellite. Centrale il tema del confronto e della comunicazione anche all’interno di Sa-

8

HOSPITALITY BUSINESS

loneUfficio, che ha raccolto 106 espositori su 11.750 metri quadrati ed ha avuto come evento centrale l’incontro con l’architetto francese Jean Nouvel, vincitore del Pritzker Prize nel 2008, che ha presentato un allestimento intitolato “Progetto: ufficio da abitare”, nel quale viene radicalmente rovesciata l’immagine tradizionale dell’ufficio, associandola invece a idee di convivialità, piacere, gioco, apertura. Di rilievo anche il seminario “Spazio ufficio: l’organizzazione, i costi di gestione e la produttività”, organizzato da IFMA Italia, il principale organo di categoria del facility management: durante il seminario si è discusso l’avanzamento del progetto di Benchmarking delle Facility aziendali sviluppato da IFMA e teso a proporre un nuovo metodo di valutazione degli immobili e dei servizi in dotazione all’azienda attraverso il confronto comparativo tra le diverse aziende dello stesso settore. Euroluce 2013 ha invece raccolto 479 espositori in uno spazio di 38.000 metri quadrati, con un’edizione particolar-

mente rivolta alla presentazione delle ultime novità nelle tecnologie LED, sempre più diffuse sia negli spazi ricettivi che nelle abitazioni private, e interpretate da designer internazionali in una logica coerente con il filo logico dei Saloni 2013: forme minimali, sempre meno ingombranti, ma anche cariche di suggestioni emotive (secondo un trend che associa in modo volutamente poetico le diverse fonti luce, artificiale e naturale: il LED e l’elettricità, ma anche il sole, le candele e le lucciole) e capaci di rileggere con gli occhi del nuovo secolo il lavoro di storici designer come Marco Zanuso e Gino Sarfatti. Claudio Luti, presidente di Cosmit, commenta così il successo e le prospettive dei Saloni, che torneranno anche il prossimo anno dall’ 8 al 13 aprile: “Il Salone del Mobile si conferma il più importante strumento di promozione dell’eccellenza creativa dove impresa e progetto trovano il loro naturale punto di incontro e di presentazione privilegiata del nostro saper fare. È un’atmosfera molto positiva

quella che si è registrata in questi giorni, che testimonia come anche in momenti di difficoltà, innovazione, design e comunicazione sono le leve su cui investire. Le aziende, con grandi sforzi e investimenti per presentarsi al meglio all’appuntamento milanese, hanno attirato l’attenzione dei player internazionali. I numeri confermano che il momento fieristico è una piattaforma che premia gli espositori, che qui hanno concretizzato reali occasioni di business con operatori di altissima qualità”.

9


VENETO NEWS

VENETO NEWS

Stiamo parlando del Consorzio “Vicenza è", organismo che opera in qualità di DMO "Destination Management Organisation", associando enti pubblici, organismi privati e gli operatori turistici. Al suo interno il Consorzio ha sviluppato rami d’azienda finalizzati alla valorizzazione territoriale nei settori turismo industriale, cultura, sport ed enogastronomia. Per ciascuno di questi ambiti sono sviluppati progetti specifici e integrati, quali ad esempio:

Vicenzaè:

DMO per il nuovo turismo, contro la crisi Dalla provincia di Vicenza un modello innovativo di marketing integrato

Vladimiro Riva Amministratore Delegato Consorzio Vicenzaè

10

HOSPITALITY BUSINESS

I

l Vicentino è la terza provincia italiana in termini di export dopo Milano e Torino: una provincia che con le sue circa 80.000 imprese iscritte al registro camerale, una percentuale di 1 ogni 8 abitanti, era in passato quasi esclusivamente vocata al turismo d’affari, e che oggi combatte con l’innovazione la crisi economica e il calo delle presenze legate al business.

secondo l’evoluzione dei territori e le novità del marketing.

Per non essere espulsi dal mercato oggi è necessario infatti rafforzare il sistema in un’ottica di economia, efficienza ed efficacia; a livello di turismo occorre inoltre una filiera capace di integrare e aggiornare le diverse tipologie di offerta (ambientale, naturalistica, industriale)

A queste domande, che fanno incrociare esigenze di crescita nazionale e locale, risponde in territorio veneto l’operato della Camera di Commercio di Vicenza, che fin dal 1991 ha ritenuto indispensabile costituire una cabina di regia per il sistema dei servizi turistici provinciali.

Nello stesso modo, al turista/cliente e al tour operator non interessa chi svolga il servizio, sia esso l’assessorato comunale, provinciale, regionale o la comunità montana o la Pro Loco: interessa invece che il servizio sia presente e possibilmente professionale, efficiente, continuativo e di qualità.

∙ una forte azione di censimento, formazione e promozione a favore del turismo industriale, a fronte di un patrimonio attivo, ma anche storico, legato all’immenso settore manifatturiero industriale ed artigiano locale; ∙ Dopo l’operazione "lista del patrimonio mondiale" dell’UNESCO, avviata nel 1994 con l’inserimento di Vicenza, e nel 1996 con l’ampliamento alle ville di Palladio del Veneto, il Consorzio Vicenzaè sta ora lavorando al riconoscimento della Basilica Palladiana e del Ponte degli Alpini di Bassano quali monumenti nazionali, sulla scorta dell’esperienza del progetto "Monuments Nationaux" che in Francia è un potente fattore di attrazione turistica; ∙ Un’attenzione specifica al mercato turistico cinese, sempre più importante anche per le nostre destinazioni,

principalmente per il turismo culturaleartistico e lo shopping legato ai brand italiani di fama mondiale; ∙ Promozione dei prodotti enogastronomici De.Co. (denominazione comunale), da realizzare attraverso la stesura (in collaborazione con Regione veneto) di una legge regionale sul tema; ∙ Attenzione alla cultura e allo sport con l’istituzione di apposite Film e Sport Commission. In chiave di marketing territoriale, l’azione del Consorzio ha preso il via da un apposito Piano che ha voluto unire linee guida, azioni e strumenti tradizionali e le possibilità comunicative e promozionali del digitale: ∙ partecipazione a fiere di pubblico e di operatori in Italia e all'estero; ∙ partecipazione con gli operatori privati soci a workshop in Italia e all'estero; ∙ organizzazione di educational tour e familiarisation trip per giornalisti e per tour operator; ∙ promozione di Vicenza e provin-

In queste pagine, in senso orario da sx: Basilica Palladiana (VI); Villa La Rotonda (VI); veduta di Bassano del Grappa (VI) (Immagini fornite da Consorzio Vicenzaè)

11


VENETO NEWS

cia come destinazione congressuale; ∙ promozione ed organizzazione di manifestazioni di animazione turistica; ∙ servizi di prenotazioni alberghiera e della ristorazione per i propri soci anche in occasioni di congressi e meeting; ∙ organizzazione di incontri biz to biz in Italia e all'estero tra gli operatori della domanda e dell'offerta; ∙ accoglienza di delegazioni estere ospiti degli Enti soci; ∙ sviluppo di campagne promozionali a favore della destinazione turistica vicentina; ∙ dal 2002, gestione degli Uffici IAT Informazione e Accoglienza Turistica per conto dell’Amministrazione Provinciale. Il Consorzio punta come detto anche a un marketing innovativo attraverso la gestione del portale www.vicenzae.org e di ben 14 Siti tematici, 6 Profili facebook e 24 fan page territoriali oltre a diverse produzioni video di eventi e stroytelling caricati nel canale Youtube ufficiale. Non meno importante poi l’azione più direttamente legislativa ed economica del Consorzio, che ha dato un contributo decisivo alla riconversione turistica lavorando alla crescita del numero delle guide turistiche professionali (anche non occupate a tempo pieno) che dalle 4 presenti vent’anni fa sono passate oggi a 116: un passo avanti verso una maggiore regolamentazione del settore, che favorisce anche l’aumento della domanda. Il Consorzio Vicenzaè, inoltre, a fronte di una competizione estrema e del rischio costante di frammentazione delle competenze e quindi della disgregazione del sistema, deve affrontare anche la contrazione delle disponibilità economiche regionali che hanno competenze delegate, come recita l’articolo V, in materia. La stessa Regione Veneto, prima regione

12

HOSPITALITY BUSINESS

turistica italiana, ha ridotto a un terzo gli stanziamenti per la gestione della rete dell’accoglienza e dell’informazione turistica e quasi azzerato le risorse per i consorzi turistici che si occupano di promo-commercializzazione. Diventa fondamentale quindi puntare su idee low cost e possibilmente non dispersive e frammentate per realizzare azioni di marketing che consentano agli operatori di rimanere nel mercato turistico e provare a fronteggiare i competitor. Il coordinamento della filiera e soprattutto la razionalizzazione dei vari progetti turistici svolto dal Consorzio, in conclusione, hanno contribuito a collocare Vicenza e la sua provincia nel mercato del turismo cosiddetto “classico” o leisure, e quindi a contrastare in modo efficace non solo la decrescita del turismo d’affari, ma anche l’aggravarsi della nota tendenza italiana alla frammentazione delle competenze. Quest’ultima, oltre a disperdere energie e risorse economiche, comporta anche una difficoltà di relazione con il mercato internazionale, ma soprattutto con l’utente finale. Non è più possibile vivere con la rendita di posizione o di percezione convincendoci che i turisti arrivano a prescindere dalla qualità dei servizi, dall’accessibilità o dall’animazione. La globalizzazione ha aperto gli orizzonti e i confini, i competitor sono agguerriti e il turismo viene percepito come l’unica risorsa per le economie dei territori, in quanto non delocalizzabile, sia per quanto riguarda gli aspetti naturalistici, sia in chiave di paesaggi, beni artistici e culturali. Tra le molteplici difficoltà, è sempre più importante non fermarsi mai, per non essere espulsi dal mercato: il consorzio Vicenzaè offre una strada innovativa che unisce esigenze locali con la necessità di rilancio del turismo a livello nazionale.

13


news da fondazione fiera milano

news da fondazione fiera milano

è stata affidata al paesaggista tedesco Andreas Kipar.

NEL CENTRO DI RHO NASCE UN NUOVO PARCO CITTADINO REALIZZATO DA FONDAZIONE FIERA MILANO Prosegue la concretizzazione dei progetti previsti dall’Accordo di Programma Fiera, anche in vista di Expo 2015

Fonte info: Fondazione Fiera Milano In questa pagina: rendering del futuro parco (fonte: Landsrl. com)

14

HOSPITALITY BUSINESS

1

1 ettari complessivi di verde in aree adiacenti al nuovo quartiere espositivo di Fieramilano-Rho, 40.000 mq dei quali già completati nelle aree limitrofe agli alberghi Fiera e lungo la Strada statale del Sempione; 2200 alberature messe a dimora nei parcheggi che circondano il quartiere, e un nuovo parco cittadino da 50 mila metri quadrati che sorgerà nel cuore di Rho e sarà aperto al pubblico alla fine del 2014.

Il parco nasce a livello logistico dalla necessità di coinvolgere le aree di Fiera in prossimità della stazione ferroviaria Alta Capacità/passante, già destinate a parcheggio per il Quartiere espositivo. Gli avvenuti mutamenti urbanistici e progettuali che in questi ultimi anni hanno interessato l’area circostante Fieramilano (conseguenti soprattutto all’assegnazione dell’Expo 2015) uniti alla scarsa fruibilità di un parco posizionato in una zona periferica e già congestionata, hanno portato alla decisione, assunta di comune intesa con l’amministrazione cittadina e condivisa da tutte le istituzioni coinvolte nell’Accordo di Programma, di completare la riqualificazione ambientale scegliendo una zona più centrale e pregiata e direttamente connessa anche a livello di servizi e mezzi di trasporto con l’abitato locale. “La realizzazione del parco da parte di Fondazione Fiera Milano attraver-

so la sua controllata Quartiere Fiera srl”, spiega il Vice Presidente Vicario della Fondazione Vittorio Bellotti”, costituisce un’ulteriore dimostrazione dell’attenzione che contraddistingue il nostro approccio alle esigenze della collettività. Il parco andrà a dare nuova vita ad un terreno che, come avvenuto in tutte le nostre realizzazioni, diventerà così aperto e fruibile per l’intera comunità. Viene così ulteriormente perseguito l’obiettivo di operare per il bene comune in base a quel principio di sussidiarietà che caratterizza l’operato di Fondazione, da sempre impegnata a rendere compatibile la propria attività di sviluppo del sistema fieristico alle esigenze del territorio e delle comunità di riferimento”. Per ulteriori informazioni Fondazione Fiera Milano Ufficio relazioni esterne e comunicazione Roberto De Giorgis – roberto.degiorgis@fondazionefiera.it – 3357243146 www.fondazionefieramilano.it

Sono questi i numeri principali della riqualificazione ambientale legata all’Accordo di Programma Fiera, grazie al quale la creazione del nuovo quartiere sarà per l’ appunto accompagnata e compensata dall’apertura di pubblico di un’importante dotazione di aree verdi ad uso pubblico, opere il cui valore complessivo ammonta ad oltre 6,6 milioni di euro. Al centro del progetto c’è il nuovo parco cittadino di Rho, la cui progettazione del parco è curata da Quartiere Fiera Srl, controllata di FFM, ed 15


NEWS DA FEDERCONGRESSI&EVENTI

NEWS DA FEDERCONGRESSI&EVENTI

MARIO BUSCEMA È IL NUOVO PRESIDENTE DI FEDERCONGRESSI&EVENTI Con lui eletta tutta la nuova governance dell’associazione: cambiano completamente il Comitato esecutivo e i Collegi dei revisori e dei probiviri. «Desidero contribuire a fare qualcosa per il mio Paese», ha dichiarato Buscema all’atto dell’insediamento, a Roma, durante la sesta Convention nazionale dell’associazione A cura di Ufficio Stampa Federcongressi &eventi

16

HOSPITALITY BUSINESS

È Mario Buscema il nuovo Presidente di Federcongressi&eventi. È stato eletto dai soci, i quali – riuniti a Roma presso il Crowne Plaza St. Peter’s per la Convention annuale il 14-15 marzo – hanno ratificato a larghissima maggioranza la sua candidatura alla successione a Paolo Zona. Buscema era candidato unico alla Presidenza. Il suo era tra i nomi emersi al termine di un lungo lavoro di sondaggio e scrematura condotto dalla Commissione di Designazione tra gli ultimi mesi del 2012 e la fine di gennaio di quest’anno. Dopo un costruttivo dia-

Di quest’ultima società divenne area manager per poi passare in Pfizer Italia, con identica qualifica, nel 1989. In Pfizer restò sino al 2003, divenendo dirigente e maturando un’approfondita esperienza nella pianificazione, realizzazione e monitoraggio di numerose iniziative promozionali. Dal 2003 è socio e dal 2005 Vice-Presidente di Planning Congressi S.r.l., dove si occupa prevalentemente di sviluppo commerciale e relazioni esterne. Dal 2009, infine, ha ricoperto la carica di Responsabile Federcongressi&eventi per l’Educazione Continua in medicina (ECM) e gli eventi medico-scientifici. Con questa funzione ha intrattenuto rapporti istituzionali con il Ministero della Salute, con Farmindustria e Assobiomedica. I nuovi Consiglieri esecutivi Contestualmente al nuovo Presidente Mario Buscema, l’Assemblea dei Soci ha eletto anche otto componenti del Comitato Esecutivo, i Revisori dei conti e i membri del Collegio dei Probiviri, tutti con identico mandato biennale (20132015). Ai sensi del nuovo Statuto, modificato dall’Assemblea straordinaria convocata a Milano lo scorso 5 dicembre, quattro componenti del Comitato Esecutivo

sono eletti ciascuno dagli appartenenti alla propria categoria associativa. I quattro eletti, tutti candidati unici, sono i seguenti: - Categoria Destinazioni e sedi congressuali: Carlotta Ferrari (Firenze); - Categoria Organizzazione congressi ed eventi: Mauro Zaniboni (Milano); - Categoria Motivazione e incentivazione: Emilio Milano (Roma); - Categoria Servizi e consulenze: Alan Pini (Milano). I restanti quattro componenti del Comitato Esecutivo sono stati invece scelti da tutti i soci tra una rosa di otto candidati. Sono risultati eletti: Adolfo Parodi (Genova), già Presidente dell’associazione; Marisa Sartori (Padova); Paolo Novi (Roma); Marcella Gaspardone (Torino). Componente di diritto dell’Esecutivo è infine Paolo Zona, in qualità di Past President. I componenti del Collegio dei Revisori e del Collegio dei Probiviri Presidente del Collegio dei Revisori dei conti è stata eletta Daniela Senlis Manferrari. Al medesimo collegio è sta-

logo condotto in piena armonia con gli altri potenziali candidati, solo la sua scheda di candidatura era pervenuta in segreteria, segno di una positiva unità d’intenti e di compattezza strategica tra i soci. Il mandato di Mario Buscema è biennale e scadrà in occasione della Convention nazionale del 2015. Nato a Roma nel 1954, bolognese d’adozione in quanto residente nel capoluogo emiliano dal 1960, il nuovo Presidente di Federcongressi&eventi è stato informatore scientifico del farmaco per ISF Farmaceutici e Searle Italia. 17


NEWS DA FEDERCONGRESSI&EVENTI

ta eletta anche Eleonella Righetti Cinquetti, Infine, ecco la composizione del nuovo Collegio dei Probiviri: Stefania Agostini, Emma Aru e Riccardo Esposto. Le prime dichiarazioni di Mario Buscema «Alla radice della mia disponibilità ad accettare la candidatura alla presidenza c’è stata, nei mesi scorsi, una riflessione su me stesso. Ho pensato che, in un contesto socio-economico come questo, dove io, come tutti, non faccio che lamentarmi di quello che accade, fosse particolarmente preziosa l’opportunità di dare un piccolo contributo a migliorare le cose. In questi ultimi giorni ho tenuto incontri con colleghi in varie regioni, incontri che sono stati molto utili perché mi hanno consentito di entrare in una serie di dinamiche associative. Ma devo dire che per moltissime delle esigenze emerse sono state avviate, iniziate o addirittura già portate a termine opportune soluzioni dall’esecutivo guidato da Paolo Zona. Dunque potrò limitarmi a rafforzare, se possibile, quanto fatto sino a qui e, col supporto della squadra, trovare nuovi spazi di crescita». «All’ordine del giorno porrò i servizi ai soci delegati regionali, i rapporti istitu-

zionali, i rapporti con le altre associazioni internazionali, il progetto Provider ECM (che ho guidato sino a ieri), la membership, il Learning center, il Progetto Mentore. Darei la priorità al rafforzamento delle rappresentanze regionali e allo stimolo al networking tra gli associati. Importante, inoltre, sarà proseguire l’opera di rapporti istituzionali, attualmente difficile a causa della caotica situazione politica in cui versa l’Italia. Cercherò inoltre di capire come rendere più efficiente la comunicazione interna, dato che non tutte le cose che facciamo sono note agli associati. In questo una bella mano me la darà il nuovo Statuto, grazie al quale ogni categoria associativa avrà il suo rappresentante in Esecutivo. Infine, desidero studiare un’efficace rete di delegati regionali, sempre ai sensi del nuovo Statuto, cercando di supportarli e di assisterli in ogni modo». «Inizio la mia presidenza con spirito volontaristico: vorrei che il mandato mio e dei colleghi dell’Esecutivo fosse caratterizzato, nei limiti del possibile, da un clima sereno. Oso parafrasare John Fitzgerald Kennedy e concludo invitando tutti, me incluso, a non chiederci solo che cosa può fare l’associazione per noi, ma anche che cosa possiamo fare noi per l’associazione».

PREMIATI I VINCITORI DEL CONCORSO IT.COM Nel corso della convention, Federcongressi&eventi e il Comitato italiano di ICCA (International Conference & Congress Association) hanno premiato i vincitori del concorso It.Com 2, destinato alla scoperta dei giovani talenti nell’ambito dell’innovazione. Due i lavori premiati ex-aequo, a opera di studentesse dell’Università LUMSA di Roma: Veni, vidi, Italy, di Cinzia Muceli e Katia Titi, e Riva del Garda: non vendiamo uno spazio ma un’esperienza, di Veronica Ghizzoni e Laura Scalingella. Il Comitato Italiano di ICCA ha offerto alle vincitrici quattro tablet brandizzati. Federcongressi&eventi ha offerto l’ingresso gratuito alla Convention e la possibilità di attivare uno stage di due mesi presso un’azienda socia. Alle vincitrici è stata altresì data la possibilità di mettersi in mostra di fronte ai principali player della meeting industry italiana attraverso la pubblicazione di saggi e dei cv sui siti www.federcongressi.it e www.iccaitaliancommittee.com.

18

HOSPITALITY BUSINESS


NEWS DA TOURING CLUB ITALIANO

NEWS DA TOURING CLUB ITALIANO

Primavera 2013: TCI a Milano

con “Chi ama l’arte merita…dieci!” Continua anche lo sviluppo dei progetti “Aperti per voi” e “Club di Territorio”

Fonte info: Touring Club Italiano

20

HOSPITALITY BUSINESS

C

’è la Lombardia al centro dei progetti culturali, storici e ambientali del Touring Club Italiano per la prima metà del 2013. Tra febbraio e aprile di quest’anno Milano, Brescia, Pavia e Como hanno infatti visto l’avvio di una serie di progetti interconnessi e di ampio respiro che si propongono di stimolare la partecipazione diretta delle cittadinanze

locali alla promozione del territorio, da una prospettiva di incontro e operatività sovracomunale. Iniziamo proprio dal capoluogo lombardo: ha preso il via sabato 13 aprile “Chi ama l’arte merita…dieci!”, ciclo di incontri promosso dal Touring Club in collaborazione con Comune di Milano per festeggiare il decimo anniversario dell’apertura al pubblico di Casa Museo Boschi Di Stefano, uno dei più straordinari spazi espositivi del capoluogo lombardo.

Sita al secondo piano di Via Giorgio Jan 15, in una palazzina progettata negli anni Trenta da Piero Portaluppi, la CasaMuseo raccoglie oltre 200 opere dell’arte italiana del XX secolo, con opere, tra gli altri, di Severini, Boccioni, Carrà, Morandi, De Pisis, De Chirico, Fontana e Manzoni.

so chiusi al pubblico (o aperti solo con forti limitazioni di orario) in tutta Italia. I Volontari Touring per il Patrimonio Culturale, in collaborazione con il Corpo dei Civici Custodi Museali, permettono a turisti e cittadini di scoprire la CasaMuseo dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18.

L’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo del Corno, definisce il ciclo di incontri “un’occasione speciale per accendere i riflettori su una collezione straordinaria, che dialoga con quelle del Museo del Novecento e della GAM, in un continuo rimando di significato e di senso”. Aggiunge Fabrizio Galeotti, Direttore Generale del TCI: “Festeggiare dieci anni dall’apertura di Casa Museo Boschi Di Stefano è per il Touring motivo di grande orgoglio sia per la storia di questo luogo, donato alla città di Milano da Antonio Boschi e Marieda Di Stefano, sia per l’impegno dei nostri volontari nell’aprire la Casa-Museo. Entrambi sono esempi di forte radicamento territoriale e del desiderio crescente dei cittadini di valorizzare in prima persona il patrimonio storico-artistico della città.”

“Aperti per voi” è un’iniziativa nata nel 2005 per volontà del Touring Club Italiano, che vede la collaborazione con le Direzioni Regionali per i Beni Culturali e Paesaggistici con l’idea di rendere fruibili siti artistici, culturali e religiosi, spesso chiusi al pubblico (o aperti solo con forti limitazioni di orario); il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha voluto concedere ad “Aperti per Voi” il suo Alto Patronato anche per il raggiungimento del prestigioso traguardo di un milione di visitatori nei siti “adottati” nel Paese dal Touring e dagli oltre milleduecento Volontari che garantiscono grazie al loro impegno l’accoglienza dei visitatori oltre al presidio del luogo stesso.

La Casa Museo Boschi Di Stefano è uno degli undici luoghi che a Milano aderiscono ad “Aperti per Voi”, l’iniziativa del Touring Club Italiano che rende fruibili in mondo sistematico e continuativo siti artistici, culturali e religiosi, spes-

All’iniziativa aderiscono altre 16 città italiane (Bologna, Bolzano, Brescia, Crema (CR), Cremona, Genova, Lodi, Mantova, Modena, Napoli, Padova, Parma, Pavia, Rimini, Roma e Torino). Le tappe più recenti del progetto hanno toccato Brescia e Pavia: nella città della Leonessa, grazie alla convenzione con Fonda-

Nelle immagini: Il Presidente di TCI, Franco Iseppi, con il Direttore Generale Fabrizio Galeotti; la sede del Touring Club Italiano (fonte: TCI)

21


News da Touring Club Italiano

zione CAB ed Ente Cattedrale di Brescia, è stata riaperta al pubblico la splendida Chiesa di Santa Maria della Carità, l’edificio più importante dell'architettura barocca bresciana, mentre a Pavia, da inizio Aprile, è possibile grazie ai Volontari visitare le sale del Museo per la Storia dell’Università e il Museo di Storia Naturale della città, ed è in preparazione l’apertura al pubblico di nuovi spazi come la Basilica di San Michele Maggiore, capolavoro del romanico lombardo costruita nel XI secolo e dedicata a San Michele Arcangelo.

Nella foto: interno della Casa Museo Boschi Di Stefano, Milano

Altro segno tangibile della presenza del Touring a livello locale è il Club di Territorio, un progetto che ha coinvolto finora 21 città italiane e prevede la partecipazione concreta e operativa dei cittadini nella promozione e valorizzazione delle realtà locali, coordinate da volontari esperti e dal Console del Touring. I Club di Territorio più recenti sono quello di Taranto e Como. Nella città pugliese il Club opera in stretta relazione con la sezione locale dell’Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi Mielomi (AIL) al fine di porre la base di un approccio positivo per affrontare in maniera concreta i tanti temi su cui entrambe le Associazioni si impegnano; a Como invece l’attività del Club è orien-

tata a creare una visione territoriale unitaria, anche grazie a rapporti diretti con le valli locali (in particolare l’area dell’Intelvese) e con le amministrazione comunali di Torno e Menaggio, i due borghi in provincia di Como che hanno ricevuto dal Touring Club Italiano la Bandiera arancione, il marchio di qualità turistico-ambientale rivolto alle piccole località dell'entroterra italiano che si distinguono per un patrimonio storico-culturale e ambientale di pregio e un’accoglienza di qualità. Franco Iseppi, presidente di TCI, sintetizza così l’esperienza di TCI e di “Aperti per Voi”: “I Volontari ricoprono oggi un ruolo fondamentale nella società. Il crescente impegno dei Soci a favore di Aperti per voi è un indicatore del forte radicamento al territorio, del senso di appartenenza e di responsabilità nei confronti non solo della propria città, ma anche del proprio Paese. Come Touring siamo convinti che in Italia ci sia una sensibilità crescente e diffusa verso le tematiche legate alla valorizzazione della cultura e del territorio ed un forte desiderio di impegnarsi affinché il nostro patrimonio storico-artistico possa essere reso fruibile non solo da un maggior numero di persone oggi, ma anche e soprattutto dalle generazioni future.”

Analisi Anomalie Finanziarie/Bancarie Consulenza Aziendale Globale Per salvaguardare le aziende da: • strapotere bancario

• malgestioni aziendali

• vessazioni fiscali

• crisi economiche

Supportiamo e tuteliamo i clienti da: • anomalie bancarie:

ANATOCISMO e USURA su CONTI CORRENTI

• irregolarità fiscali:

ATTI IMPOSITIVI (CARTELLE ESATTORIALI)

• anomalie finanziarie:

DERIVATI e SWAP, MUTUI e LEASING

• problematiche di gestione aziendale:

RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE e SALVATAGGIO

IL METODO Ogni nostro prodotto viene trattato con

IL METODO SDL che prevede una preanalisi o check-up

GRATUITO che evidenzia i problemi e ne indica la soluzione

Solo quando il cliente ha visto e capito potrà scegliere se investire nella nostra Consulenza.

SDL Centrostudi S.r.l.: Sede Operativa - via Padana Superiore 82/b - 25080 Mazzano BS - tel. 030 7878800 - info@sdlcentrostudi.it

- www.sdlcentrostudi.it 22

HOSPITALITY BUSINESS


TURISMO ENOGASTRONOMICO

TURISMO ENOGASTRONOMICO

mo cresce dunque a livello mondiale (2,7 miliardi di bottiglie, +1,2% rispetto al 2011, che diventano 3,6 miliardi se si includono i vini frizzanti confezionati, per un giro d’affari mondiale di 3,57 mld di euro), ma arranca in Europa (69% della produzione mondiale contro il 49,5% del consumo totale); questa tendenza è ai massimi livelli in Italia.

OVSE: UN MERCATO DEI VINI A DUE VELOCITÀ PER EUROPA E RESTO DEL MONDO Spumanti sempre più Export Oriented. L’Italia è il primo esportatore al mondo, ma cala il consumo interno

Fonte info: UnPOxExPO ®©

O

VSE ha messo a disposizione i dati relativi al 2012 per il mercato dei vini e degli spumanti. I risultati non si discostano particolarmente da quelli del 2011, se non per una crescente uniformazione delle tendenze in Europa e una diversificazione delle modalità di consumo nel vecchio continente rispetto al resto del mondo. La crisi economica si fa particolarmente sentire in Europa e si traduce in di-

24

HOSPITALITY BUSINESS

Nel nostro paese il 2012 ha visto infatti la produzione di 465 milioni di bottiglie di vini spumanti (28 milioni a metodo tradizionale e 437 milioni a metodo italiano), per un fatturato all’origine di 1,3 mld di euro; il consumo è stato di 151,1 milioni di bottiglie, di cui 144,8 milioni di produzione nazionale, con un calo del 6,64% rispetto al 2010, l’anno in cui dopo 15 anni di continua crescita dei consumi interni ha avuto inizio il loro riflusso. Ad esempio Trento e Prosecco Doc ricorrono a sconti promozionali fino al 40% per affrontare la concorrenza interna degli spumanti generici, e lo Champagne registra un milione di tappi in meno rispetto all’anno passato, ma in parallelo l’export segna un vero e proprio boom (+20%), soprattutto in Francia,

dove è sempre più apprezzato il Prosecco Doc. La categoria degli spumanti, inoltre, contribuisce sempre di più alla bilancia dei pagamenti dello Stato (945 miliardi di euro, +15%). Altre cause di difficoltà evidenziate da OVSE sono le seguenti: il rinvio degli acquisti e la mancanza di riposizionamento delle etichette, in aggiunta ad acquisti legati a festività e consumo domestico; divari di prezzo troppo limitati sugli scaffali della GDO sia tra etichette diverse che tra vini simili della stessa azienda o denominazione, soprattutto nei periodi di massimo acquisto; inoltre, sconti troppo alti e frequenti che fanno percepire al consumatore il prezzo promozione come prezzo di riferimento fisso per il prodotto, sfavorendo quindi le possibilità concrete di acquisto nelle fasi in cui invece le bottiglie non sono scontate. In Italia crescono simultaneamente l’acquisto diretto presso il produttore e quello nella GDO, fatto che testimonia un’attenzione meno costante verso il prodotto specifico. Oltre il 61% della spesa è avvenuto appunto nella GDO e nei discount, e un acquirente su cin-

Nella foto: il Fondatore e Presidente di OVSE, Giampietro Comolli, con il critico gastronomico Edoardo Raspelli (fonte immagine: archivio UnPoPerExpo ®©)

scontinuità, minore disponibilità di denaro legata alla rinuncia ai beni non voluttuari, ma anche in ricarichi nelle strutture HO.RE.CA. e ritorno a un consumo occasionale e non legato alla fedeltà verso marche e e prodotti specifici; al contrario, nel resto del mondo, gli acquisti guardano alla provenienza e alla qualità del prodotto, alle sue denominazioni e alla sua riconoscibilità. Anche per questo appare sempre maggiore il divario tra la forza dell’export, con capofila l’Italia e il dominio assoluto del suo marchio di qualità e del suo metodo di produzione (99% delle produzioni nel mondo). Il consu25


TURISMO ENOGASTRONOMICO

que ha cambiato etichetta rispetto al 2011; per quanto riguarda l’Horeca, si è registrato un calo dell’ 9,5% nei consumi (-12% negli ordini, con una previsione ancora in discesa per il 2013 secondo gli esercenti). Molto variabili invece i dati riguardanti bar diurni e bar notturni, con un consumo sempre più legato non solo al fattore prezzo, ma anche alla comodità/accessibilità del ritrovo e dalle opportunità di consumo serale; cala anche la presenza in sagre, fiere tematiche ed enoteche, a causa di un consumo che come detto si fa via via più occasionale e della difficoltà di mantenere un rapporto diretto tra produttori e consumatori italiani. In conclusione, OVSE sostiene il bisogno (per il mercato italiano) di più attenzione e personalizzazione dei rapporti commerciali, di una filiera corta, di minori ricarichi e maggiore differenzazione fra DOP e spumanti. All’estero cresce la consapevolezza del binomio qualità-origine del vino italiano, e grandi case distributrici mondiali siglano contratti per milioni di bottiglie, chiedono esclusive; sul mercato interno il tipo di consumatore e i luoghi di consumo sono invece sempre più diversi, rendendo neces-

sario un approccio di offerta diverso con presenze e modalità alternate e integrate in funzione delle città e dei locali. Ad un consumatore elitario che intende differenziarsi, risponde un consumatore che guarda al prezzo, ma entrambi spesso frequentano luoghi simili. All’estero continua invece il trend di interesse verso vini freschi, moderni, meno alcolici, abbinabili con ogni cucina, ideali per ogni momento e occasione: il vino dunque va riportato anche in Italia alla sua dimensione di festa, convivialità, cultura, una logica che se sfruttata potrebbe rendere gli spumanti un biglietto da visita fondamentale per il successo di Expo. Per informazioni: Giampietro Comolli Economista Distretti Produttivi Wine&Food - Fondatore e Presidente OVSE – CEVES ®© www.ovse.org http://www.aikal.eu/it/progetti.html

riuscire a risparmiare il 30% su bollette e costi di gestione della struttura, migliorare le prestazioni del personale, garantire all’Ospite comfort e soddisfazione...

Comando Luce Camera

comandi per accendere e spegnere luci, tapparelle altre utenze di camera

Servizio Taxi

richiesta taxi direttamente alla reception

Colazione in Camera

Servizio Sveglia

prenotazione colazione in camera

impostazioni sveglia automatica

Prenotazione Ristorante Messaggistica Reception

prenotazione di un tavolo o di un menu anche direttamente dalla camera

ricevi messaggi personali relativamente al soggiorno, le escursioni, i gruppi

Impostazione Clima

accendi, spegni, alza, abbassa e preimposta la temperatura di camera , anche a distanza

Chiamata Cameriera

richiedi l’intervento del personale dell’Hotel oppure imposta il «non disturbare»

...davvero !

Contatti: giampietro.comolli@gmail.com comolli@ovse.org

Il sistema di automazione alberghiera STS Hotel controlla gli accessi dei miei Ospiti e del personale di servizio in camere e zone comuni, regola automaticamente la climatizzazione garantendomi un risparmio energetico di oltre il 30% in bolletta, si integra perfettamente con il mio software gestionale e gli altri sistemi tecnologici della mia struttura. Inoltre posso controllare allarmi e segnalazioni, statistiche riguardo l’efficienza del mio personale che a sua volta, oggi anche tramite palmare, ottiene tutte le informazioni necessarie per svolgere al meglio la propria mansione. Al mio Ospite, oltre ad attenzione e disponibilità, garantisco il massimo confort e la massima soddisfazione. Oggi arriva a controllare le funzioni della propria camera anche con il suo smartphone. 26

HOSPITALITY BUSINESS

www.stshotel.it

I.S.I. Srl, Via Cassoli 7, 29122 Piacenza

Tel. +39.0523.591992 info@stshotel.it


PROTAGONISTI DELL’OSPITALITÀ

PROTAGONISTI DELL’OSPITALITÀ

HOTEL PARCHI DEL GARDA: DI TUTTO … PER TUTTI!

Valeggio sul Mincio, il Museo Nicolis (situato a Villafranca di Verona), nonché Lazise del Garda con il popolare parco acquatico Canevaworld Resort e le sue attrazioni collegate, da AquaParadise a Movieland Park e tante altre. Ma l’hotel stesso è una struttura di valore riconosciuto a livello europeo e internazionale, non solo per la sua posizione strategica tra gli assi autostradali Brennero-Modena e Milano-Venezia (a soli 4 km dalla stazione ferroviaria di Peschiera del Garda e a 15 km dall’aeroporto internazionale di Verona Catullo) ma anche per una concezione dell’hospitality di assoluta modernità, flessibile e multiforme in ogni aspetto della sua offerta. Punto di forza dell’hotel è la dotazione MICE: l’Hotel Parchi del Garda è dotato di 233 camere (di cui 15 suite e 4 camere tematiche), di un Congress Centre di oltre 2000 mq per eventi fino a 1000 persone, di 8 sale meeting (con luce naturale e dotate di attrezzatura audio-video personalizzabile nell’alle-

stimento, e affiancate da ampi e luminosi foyer antistanti le sale e utilizzabili dagli sponsor, nonché da tre diversi desk per accoglienza e assistenza partecipanti agli eventi), di servizi ristorativi di ottimo livello (3 sale per una capacità massima di 600 posti). Anche la strumentazione tecnica è di ultima generazione: le sale sono predisposte per connessione wi-fi, videoproiezione con sistema watchout, registrazione audio-video dell’evento, rimandi in diverse sale con collegamenti a circuito chiuso, traduzioni simultanee e consecutive, videochiamate e conference call.

Famiglia, business e congressi trovano lo spazio ideale nel 4 stelle situato a soli 500 metri da Gardaland

I

l territorio del Garda è tra le zone leader in termini di completezza dell’offerta turistica italiana: un vero e proprio network rispetto a cui l’ospitalità e il soggiorno non sono un semplice corollario ma un aggregatore di esperienze sempre nuove. Per questo l’Hotel 4 stelle Parchi del Garda, situato nel delizioso borgo di Pacengo (frazione di Lazise, VR), rappresenta un’opportunità imperdibile e uno strumento fondamentale per godere appieno dell’offerta locale, capace di includere divertimento, cultura, natura, riposo, sport e buona cucina.

28

HOSPITALITY BUSINESS

Situato al centro dei principali parchi tematici del Lago di Garda e a soli 500 metri di distanza da Gardaland, il primo parco divertimenti d’Italia, l’Hotel Parchi del Garda riunisce, nella sua ospitalità a quattro stelle, tutto ciò che serve per vivere il tempo libero e il lavoro. Grandi e piccini, famiglie e uomini d’affari, gruppi turistici, tutti potranno trovare quello che cercano: una vacanza indimenticabile, un soggiorno professionale personalizzato. Basta citare la vicinanza agli storici parchi di divertimento e naturali del Garda veronese: oltre a Gardaland, sono facilmente raggiungibili anche il Parco Natura Viva di Pastrengo, il Parco Giardino Sigurtà di 29


PROTAGONISTI DELL’OSPITALITÀ

aders e chioschi per hamburger. L’altro punto di forza dell’Hotel Parchi del Garda è l’ offerta per famiglia: la qualità e l’inventiva delle proposte sono senza limiti, dalla possibilità di soggiornare in camere quadruple e quintuple all’opportunità di vivere incredibili esperienze nelle camere in 4D, ispirate ai parchi e alle attrazioni della zona: ecco quindi la grotta di Aki e le camere Galeone dei Corsari, Sigurtà e Natura Viva, che permettono di vivere intense emozioni grazie agli effetti speciali ed Animatronics realizzati da professionisti. Di alto livello anche l’animazione per piccini e adulti: ai primi sono offerti menù personalizzati e momenti di divertimento con Aki, la mascotte dell’hotel, che guida i bambini in miniclub, giochi a premi, cacce al tesoro e altre attività creative, mentre gli adulti possono rilassarsi nella piscina esterna biodesign, circondata da spazi verdi, attrezzata con ombrelloni, sdraio e teli mare. L’Hotel Parchi del Garda è dunque il non plus ultra dell’esperienza turistica sul Garda: ogni possibilità di divertimento è a portata di mano e con la garanzia della massima qualità, ma anche il mondo del business e della congressistica ha a disposizione uno spazio unico nel suo genere che cala le attività e gli eventi in scenari incomparabili rendendo ogni esperienza davvero indimenticabile.

Gala per 600 ospiti

Expo e fiere

Giardino interno corte per aperitivi e cene

Sala Benacus 850 posti studiobrand.it

Info: www.hotelparchidelgarda.it

All’interno di queste strutture opera uno staff professionale e customer oriented in grado di rispondere ad ogni esigenza e di realizzare il desiderio di ogni Event Planner, ovvero il top di servizi e spazi in un’unica location. Nel corso degli anni l’hotel è stato la location di importanti appuntamenti legati a mondi tra loro molto diversi, dalla ricerca medica all’arte alla consulenza e al marketing: ricordiamo ad esempio FeDerSerD, il Congresso tematico che nel giugno 2012 ha raccolto più di 200 tra medici, psicologi, infermieri, educatori professionali, assistenti sanitari e sociali, oppure i training per la forza vendita organizzati da Toyota e BMW, grazie alla possibilità di posizionare all’interno del Congress Centre diverse auto; o ancora, i “Week end dell’arte” durante il quale la Galleria Spagnoli ha riprodotto all’interno della sala un’ asta d’arte, e l’originale evento di Foot Locker, che ha ricreato nella “sala Benacus” il “terzo tempo” delle partite di rugby: un vero e proprio campo da football americano, con tanto di cheerle-

A due passi dal lago di Garda al centro del tuo evento

Intrattenimento

Realizza il tuo desiderio. Tutto in un’unica location.

Hotel Parchi del Garda. 233 camere

30

Hotel Parchi del Garda Lazise, Verona • Italy Tel. +39 045 6499640 congress@hpdg.it www.hotelparchidelgarda.it HOSPITALITY BUSINESS


turismo e ambiente

turismo e ambiente

Ridurre i propri consumi energetici con il monitoraggio e la misura Eugenio Tropeano Tecnico esperto in gestione dell’energia - BU Efficienza Energetica di ReFeel SpA (EGE certificato UNI 11339) www.refeel.eu

32

HOSPITALITY BUSINESS

I

n un albergo il consumo energetico è generalmente suddiviso in una quota del 50% legato ai consumi elettrici ed in un altro 50% legato ai consumi termici (riscaldamento e cucina). Tenendo conto dei costi medi dei vettori energetici in Italia questi consumi si traducono in termini economici in una suddivisione della bolletta energetica pari a circa l’80% derivante dal vettore energia elettrica ed in un 20% derivante dal vettore combustibile (gas o gasolio).

Premesso quanto sopra, il secondo punto è individuare le zone di consumo elettrico su cui è possibile individuare i risparmi più consistenti. E’ importante evidenziare che generalmente l’analisi fatta in un albergo si ferma al primo punto (ripartizione dei consumi tra elettrici e termici), in quanto una analisi più approfondita richiede competenze specifiche e/o l’installazione di sistemi di misura dei consumi dedicati sulle varie utenze. Anche in questo caso vale ovviamente il principio esposto sopra: su ogni area sono ovviamente possibili risparmi energetici, ma è importante focalizzarsi sulle aree più energivore sulle quali i risparmi in termini assoluti (e quindi economici) sono più immediati. In questo senso in un albergo tipico (100-200, stanze con alcune sale meeting, cucina e ristorante interni, riscaldamento e raffreddamento delle camere con fan coil) le voci maggiormente importanti sono certamente il condizionamento estivo, i piani delle camere (illuminazione, corridoi, frigo bar), la cucina e l’illuminazione delle parti comuni. Chiaramente ogni albergo ha le sue peculiarità che spostano in maniera con-

sistente la ripartizione indicata (presenza di SPA o piscina; numerosità di sale meeting; vetustà delle apparecchiature esistenti; presenza di cappotti termici; grado di manutenzione dell’edificio e dei macchinari; attenzione dello staff al risparmio energetico e procedure per la riduzione dei consumi). Nell’approccio all’efficientamento energetico di un hotel ReFeel ritiene dunque che il punto di partenza debba essere l’esatta conoscenza delle proprie aree di consumo, così da individuare esattamente il proprio punto di partenza e le aree effettivamente più interessanti. Ciò viene conseguito tramite l’installazione di sistemi di monitoraggio dei consumi elettrici che permettono al cliente di avere sempre sotto controllo le utenze monitorate così da individuare malfunzionamenti piuttosto che comportamenti errati che generano sprechi energetici. Si deve infatti tenere presente che il consumo di un albergo varia ora per ora e stagione per stagione: in questo senso tutti gli sforzi che vengono fatti per la diminuzione di certi sprechi possono essere vanificati da aumenti in altre aree incontrollate o ritenute non importanti. Solamente tramite un approccio a fasi e multidisciplinare è possibile essere

Si evidenzia da quanto riportato che per incidere in maniera significativa sulla bolletta energetica è certamente significativo focalizzarsi sui consumi elettrici. Questo non significa evidentemente che non possano essere individuati interventi anche molto interessanti per la riduzione dei propri consumi termici (sostituzione della caldaia, recuperi termici, installazione di pannelli solari termici o di impianti di cogenerazione) ma piuttosto che in una fase iniziale sia conveniente puntare i propri sforzi sulla riduzione dei consumi elettrici.

33


turismo e ambiente

certi di ridurre in maniera consistente, consapevole ma soprattutto duratura i propri consumi. L’approccio di ReFeel si compone generalmente delle seguenti fasi: 1) Iniziare con il monitoraggio e la misura, in quanto non è possibile cambiare quello che non si conosce e non si può conoscere quello che non si mira. La misura ed il monitoraggio sono il primo passo essenziale per accrescere la consapevolezza e cambiare abitudini e comportamenti non corretti; 2) Agire per ridurre i propri consumi a costo zero tramite azioni di analisi

34

HOSPITALITY BUSINESS

dei dati e consulenza energetica specifica; 3) Ridurre il consumo energetico tramite interventi su aree specifiche per ridurre i consumi o per ridurre i prelievi di energia con autoproduzione. E’ altresì importante sottolineare che già i due punti precedentemente indicati comportano delle riduzioni dei propri consumi valutabili tra il 10 e il 30% dei propri consumi, dovuti ad una maggiore consapevolezza dello staff e della clientela, ad una maggiore attenzione alla corretta manutenzione e gestione degli impianti, al settaggio ottimale del comfort termico nella struttura.


turismo e ambiente

turismo e ambiente

Il ruolo dell’energy manager a circa 20 anni dalla sua introduzione in Italia Eugenio Tropeano Tecnico esperto in gestione dell’energia - BU Efficienza Energetica di ReFeel SpA (EGE certificato UNI 11339) www.refeel.eu

36

HOSPITALITY BUSINESS

I

l responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia (Energy Manager) è una figura introdotta in Italia dalla Legge 10/91 per i soggetti (enti pubblici e privati) caratterizzati da consumi importanti-espressi in tonnellate equivalenti di petrolio (tep): • 10.000 tep per le imprese del settore industriale; • 1.000 tep per i soggetti del terziario e delle Pubbliche Amministrazioni. Sin dall’inizio tale figura è sempre stata considerata esclusivamente come un obbligo e come un'incombenza in più da gestire piuttosto che come una opportunità da cogliere; in molte realtà l’energy manager nominato risultava essere il “contabile” che gestiva la fatturazione energetica e che veniva investito dell’ulteriore carico di lavoro. In realtà le cose non sono poi cambiate tanto nel tempo; oggi i risultati di importanti ricerche evidenziano un clima di immaturità generalizzata. È migliorata senza dubbio la competenza dell’e-

nergy manager, figura che nell’80% dei casi è ricoperta da un ingegnere, ma allo stesso tempo non ricopre un ruolo dirigenziale. Lo stato dell’arte, dunque, vede l’energy manager come una figura di supporto del board nelle scelte decisionali sul tema energetico. Tra gli strumenti di gestione in azienda, il “piano energetico” comincia ad avere un peso sempre maggiore, considerato che la spesa energetica tende ad avere un incidenza crescente nel tempo; si tratta di un documento composto dalle seguenti 4 fasi: • analisi e controllo; • diagnosi; • pianificazione interventi; • realizzazioni. Il documento parte con una analisi dello stato attuale andando a raccogliere i dati di consumo dei vettori energetici utilizzati (energia elettrica, gas metano, olio combustibile); in aziende più evolute questa attività viene svolta in continuo con l’ausilio di dispositivi di lettura dei consumi energetici (meters) posizionati sulle utenze energivore. L’analisi

dei dati raccolti, piuttosto che il monitoraggio in continuo del dato rilevato dai meters, mettono in evidenza l’andamento dei consumi, la segmentazione del consumo, creando le condizioni per stilare un primo elenco costituito dalle utenze più energivore. In base a questo elenco vengono programmate analisi più spinte cercando, in funzione della tecnologia specifica, di capire se l’utenza sta consumando correttamente l’energia elettrica in alimentazione piuttosto che il gas metano. Molto spesso grazie all’analisi del dato è possibile anticipare “fermi impianto” piuttosto che disservizi nel terziario causati dalla rottura di una macchina; infatti il confronto del dato con i benchmark, piuttosto che con la curva di consumo della macchina stessa consente all’energy manager di rilevare anomalie che potrebbero portare alla rottura la macchina. In funzione dell’elenco stilato, vengono programmati gli interventi sia per il risparmio energetico (e quindi puntando sulla razionalizzazione dei consumi, sul settaggio corretto delle macchine), che sull’efficienza energetica (quindi alla sostituzione della tecnologia esistente). La sostituzione della tecnologia esistente prevede generalmente un passaggio preliminare di fattibilità. Viene individuata la tecnologia e con la quotazione dei fornitori della tecnologia viene impostato un business plan; in funzione del pay back dell’intervento potrà essere stilato un secondo elenco in base al quale in ordine di pay back vengono presi in considerazione o meno degli interventi in accordo con la

policy dell’azienda. La fase di realizzazione vede l’energy manager coinvolto alla stessa stregua di un project manager; coordinare l’attività core dell’azienda con gli eventuali fermi tecnici dell’impianto per la sostituzione di una macchina. In questa fase l’energy manager avrà il compito di verificare eventuali forme di incentivazione disponibili, locali e nazionali, come ad esempio l’attivazione del meccanismo dei titoli di efficienza energetica (meglio noti come certificati bianchi). Ad oggi il meccanismo dei certificati bianchi comincia ad essere abbastanza conosciuto dalle grosse realtà industriali, molto meno nel terziario e nelle PMI; il passaggio di gestione dall’Autorità per l’Energia elettrica e il gas al Gestore dei servizi energetici (GSE) si propone come una spinta al meccanismo sia in termini di snellimento della burocrazia che nella promozione della incentivazione. La figura dell’energy manager assolve anche a questo compito di conoscenza a 360° delle varie forme di incentivazione; si va verso un maggiore riconoscimento del ruolo degli esperti in gestione dell’energia, decorsi ormai i due anni dall’emanazione del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico di cui all’art. 16, comma 1, del dlgs 115/2008, nel quale ai soggetti che assumono la funzione di responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia di cui alla lettera d) e lettera e) comma 1) lettera c) è richiesta la certificazione di cui alla norma UNI CEI 11339. E, mi raccomando, l’ultimo spenga la luce!

37


turismo e ambiente

turismo e ambiente

Promuovere insieme l'altra faccia della Puglia col turismo ecosostenibile EcoWorldHotel e gli albergatori di Taranto per il corso di approfondimento dedicato alle Strategie di Green Marketing

a cura di: ufficio Stampa Eco World Hotel

38

HOSPITALITY BUSINESS

L

a rivoluzione green di Taranto ha preso finalmente il via, e proprio nella Giornata Mondiale della Terra. Si è tenuto il 22 aprile 2013 presso il Gabbiano Hotel di Taranto, il corso di certificazione di eco-sostenibilità per le strutture ricettivo-turistiche di Taranto e provincia, nel corso del quale è stato assegnato anche il primo attestato con la prima eco fogliolina (equivalente alle stelle che indica l’eccellenza ambientale) al primo B&B che su Taranto porta il marchio Eco World Hotel (il primo gruppo alberghiero italiano che riunisce in un unico marchio gli hotel e i B&B eco-sensibili e accomunati da una filosofia ‘green’ che mira alla salvaguardia dell’ambiente e alla promozione di un concetto di turismo sostenibile).

L’iniziativa organizzata da Taranto Turismo, in collaborazione con Federalberghi e Camera di Commercio e con il patrocinio di ACI Taranto, è stata suddivisa in tre momenti: 1. Certificazione EWH: come gestire una struttura eco-certificata EWH, l’iter e la modalità di affiliazione, documentazione da reperire, percorso delle eco-foglie (da 1 a 5); 2. Bio Breakfast Day: nozioni su come organizzare una colazione bio di successo grazie alle tre regole d’oro da conoscere EWH; 3. Green marketing day: nozioni su come puntare su una corretta comunicazione green (on-line ed off-line) senza rischiare di cadere nel greenwashing. Gli addetti ai lavori hanno seguito con molto interesse gli esperti del settore, che hanno illustrato come adeguare le

strutture esistenti ai cambiamenti verso il bio e il green, tendenze che stanno prendendo anche in Puglia sempre più piede. Si è mostrato concretamente come una struttura alberghiera può diventare Eco-friendly, gli accorgimenti da adottare e i vantaggi che se ne possono trarre, raccontati attraverso case history. Tra gli argomenti affrontati anche tematiche legate alla scelta dei fornitori affidabili, delle energie rinnovabili e dei contratti più vantaggiosi. Inoltre sono stati forniti alcuni suggerimenti per trasformare il proprio bar e il proprio ristorante in BiologicBar e biologic ristorante, per migliorare il proprio sito web ed aumentare la visibilità. Il mondo turistico tarantino sta dunque cambiando grazie a questa realtà ogni giorno più forte: essa sta tracciando un vero e proprio nuovo percorso che parte dalla spinta di alcuni imprenditori locali e si espande a macchia d’olio per rilanciare il territorio. Oggi la green economy è considerata la chiave per uscire dalla crisi e rilanciare settori strategici: come non pensare che anche per il turismo a Taranto, vera vocazione del territorio, non sia un’opportunità da sfruttare? “Il problema della tutela dell’ambiente, oramai di urgenza planetaria cerca una soluzione concreta e innovativa", afferma Irene Lamanna, presidente ATT: "con questa nuova filosofia che abbiamo sposato da qualche tempo e che con oggi mette il primo tassello vero nella nostra città, ci impegniamo concretamente come operatori del turismo per l’ambiente e per il sostegno al nostro territorio che necessità di rilancio in positivo”. “Le strutture del nostro Gruppo hanno la reale possibilità di adottare misure per il risparmio delle risorse", afferma Alessandro Bisceglia, presidente EcoWorldHotel, "incoraggiando, tra l'altro, l’impiego di tecnologie a basso impatto ambientale e per l’utilizzo di energie provenienti da fonti rinnovabili. Non ci identifichiamo solo in strutture in

mezzo alla natura, già propense a questa filosofia, ma sensibilizziamo anche quelle inserite in contesti più “difficili”, come può essere Taranto. E la risposta in questo caso è davvero ottima”. Trenta le strutture turistiche che hanno dunque ricevuto l’attestato per trasformarsi in ecosostenibili, in un panorama, quello pugliese, che già fornisce all’intero indotto biologico (enogastronomico) nazionale il 10% della produzione. Non si tratta dunque di sviluppare nicchie di mercato, ma di riqualificare l’intero comparto secondo logiche ecologiche e sostenibili. Ora il settore dell’ospitalità ha la possibilità di adottare strategie intelligenti di sostenibilità integrata, che consentono di ottenere vantaggi etici ed economici: le scelte green permettono non solo di essere a impatto zero sull’ambiente e di soddisfare la domanda di turismo sostenibile in crescita in Italia e in Europa, ma anche di razionalizzare i processi e ridurre i consumi. Nella grande varietà di alberghi, b&b, agriturismi, appartamenti, villaggi, residenze… scegliere di cambiare rotta ed entrare a far parte di un circuito di turismo responsabile vuol dire diversificare l’offerta e, quindi, entrare in un mercato diverso che raccoglie circa l’89% di adesioni a livello nazionale e che tende a crescere sempre di più. Dagli approfondimenti degli operatori del settore risulta, infatti, emerge che quella del turismo sostenibile è una realtà molto attiva e soprattutto con ampi margini di crescita. Un’indagine di Ipr Marketing ha mostrato che 4 italiani su 10 (39%) sarebbero disposti a pagare dal 10 al 20% in più per una vacanza, se avessero garanzie di rispetto per l’ambiente. Sono soprattutto i più giovani (il 64% al di sotto dei 34 anni) che scelgono soggiorni turistici rispettosi dell’ambiente. Alla luce di tutto questo possiamo dunque ripeterci: la rivoluzione green è ormai cominciata e Taranto ne è la pioniera! 39


turismo e formazione

turismo e formazione

Rich Now: il corso che ha già cambiato la vita a oltre 14.000 persone Intervista

ad Alfio Bardolla, primo financial coach italiano, autore best-seller e imprenditore milionario

D

ottor Bardolla, si può imparare a diventare ricchi?

Il mio è un mestiere particolare, perché mi occupo di insegnare alle persone come gestire il denaro seguendo chi ha già ottenuto risultati. Nonostante quello che pensa la maggior parte delle persone, diventare ricchi è un esercizio come tanti altri. Mettiamola in questi termini: se voglio imparare a sciare, il modo migliore è prendere un maestro di sci e fare tanta pratica. Per i soldi è esattamente la stessa cosa. Esistono molte convinzioni limitanti riguardo al denaro. La mag-

40

HOSPITALITY BUSINESS

gior parte degli italiani pensa ad esempio che i soldi si possono fare solo se hai già soldi, se vieni da una famiglia ricca, oppure se fai cose poco pulite. In realtà, l’80% dei milionari è di prima generazione, significa che hanno creato la propria ricchezza in prima persona, senza eredità o matrimoni di interesse. Semplicemente, diventare ricchi è possibile se si segue l’esempio di chi ha già avuto quel tipo di esperienza. Lo dimostrano centinaia di miei corsisti e molti dei partecipanti a Rich Now, il corso che si terrà a Verona il 25 e 26 Maggio.

Vorrei innanzitutto sfatare un mito: le più grandi fortune sono state create proprio in tempo di crisi. Perché è durante la crisi che si aprono opportunità, nuovi mercati e crollano modelli ormai obsoleti. Per ogni mercato che crolla, ce n’è uno nuovo che si crea o si sviluppa. E questo vale sia per l’impresa che per il privato. Il problema è solo legato a una questione di competenze, cioè essere capace di vedere e cogliere le opportunità che si presentano. Rich Now, ovvero Diventare Ricchi Oggi non è una promessa. E’ una certezza, nel senso che oggi proprio durante questa intervista, ci sono decine di persone in Italia e milioni di persone nel mondo, che stanno diventando ricche. La ricchezza è solo una forma mentale. Cos’è la ricchezza? Abbiamo avuto la fortuna di nascere nella parte giusta del globo, mentre miliardi di persone nel resto del mondo vivono con meno di un dollaro al giorno. Eppure la maggior parte degli italiani, si sente povera. Spesso il denaro (o la sua mancanza) distorce la percezione della realtà delle persone. A volte mi capita di parlare con persone che hanno una famiglia favolosa, in perfetta salute, molti amici, ma sono

vittime della paura di non arrivare a fine mese, di essere poveri, di non essere adeguati all’economia in cui viviamo attualmente. Il lavoro che faccio ogni giorno con le persone sul denaro non ha a che fare con il denaro stesso, bensì con la libertà. Aiutare le persone a diventare ricche vuol dire aiutarle a essere libere ed è necessario invertire la relazione con il denaro: non sei tu a lavorare per il denaro, è il tuo denaro che deve lavorare per te. La ricchezza non viene rappresentata da “quanti soldi ho sul conto corrente”, ma da “quanto tempo libero posso avere per fare quello che voglio veramente, senza dover cambiare il mio stile di vita”. Ho coniato una definizione personale di ricchezza: “Libertà Finanziaria”, ovvero sono ricco se ho creato Entrate Automatiche che mi permettono di fi-

Rich Now suona quasi come una promessa. E’ possibile anche in tempo di crisi? 41


turismo e formazione

nanziare il costo della mia vita. In fondo la ricchezza è Libertà Finanziaria: di veder crescere i tuoi figli, di non avere capi, di non sentire la sveglia la mattina, di seguire appassionatamente i tuoi sogni. In fondo, si tratta di libertà di scelta, e questa libertà ha un prezzo: il denaro. Quindi diventare ricchi è qualcosa che si può imparare? La ricchezza è come qualsiasi altra attività. Si può imparare sulla propria pelle, seguendo il modello del “learnby-doing”, o si può imparare da chi ha già avuto risultati. Ma di sicuro, se non sei nato ricco, puoi imparare come diventarlo. Prova a pensarla in questi termini: per qualsiasi cosa tu voglia fare nella vita, c’è una scuola che ti insegna come fare. Vuoi diventare un bravo calciatore? Fai il corso. Vuoi imparare a suonare il pianoforte? Trova un maestro. Perché non dovrebbe essere lo stesso per il denaro? Seguire i consigli di chi è competente in una certa specialità è consuetudine in tutti i campi, eppure non viene applicata nel campo più importante: la gestione del denaro. Preferiamo ascoltare i consigli dei parenti

42

HOSPITALITY BUSINESS

e ci ritroviamo a vivere una vita diversa da quella che avevamo in mente. L’unica persona che può darti consigli sui soldi, è un ricco. Nella società in cui viviamo, qualsiasi cosa facciamo è in relazione con il denaro. Purtroppo nessuna università ti insegnerà i principi che stanno alla base della ricchezza. Persino la mia laurea in Economia Bancaria, Finanziaria e Assicurativa non mi ha dato alcuna nozione che mi permettesse di diventare libero finanziariamente. La Libertà Finanziaria invece permette di riappropriarti del tuo tempo e di farne finalmente quello che desideri. Non si tratta di lasciare tutto e andare a vivere alle Hawaii. Si tratta di costruire un sistema di guadagno che ti permetta di ricavare il tempo per i tuoi desideri. Questo approccio al denaro e alla vita cambia totalmente la prospettiva di ognuno: invece che lavorare fino a 65 anni per prendere la pensione e goderti i frutti del tuo lavoro, comincia da subito a costruire la Libertà Finanziaria. Come farlo? Lo puoi scoprire partecipando al corso Rich Now, che ha già cambiato la vita a oltre 14.000 persone. Trovi le date e le informazioni sul sito www.alfiobardolla.com.

43


turismo e formazione

turismo e formazione

ca online. Attraverso un metodo fortemente pratico, basato su case studies, i partecipanti al corso acquisiranno gli strumenti per: • Migliorare aspetto e gestione del sito web di una struttura turistica; • Posizionare la struttura e il suo sito web in modo più efficace e rapido sui motori di ricerca; • Ottimizzare le performance delle campagne pubblicitarie su Google AdWords e Facebook Advertising;

CORSO DI FORMAZIONE WEB MARKETING HOTEL: L’UPGRADE INTELLIGENTE Il 9 e 10 maggio a Verona l’evento web-oriented per l’incontro

I

tra marketing e gestione delle strutture

l futuro della ricettività passa certamente dal web marketing, che esalterà le caratteristiche naturali del mercato turistico e renderà più complesso muoversi al suo interno. Il comparto, per sua natura fortemente competitivo e oggi sempre più disintermediato, vedrà cioè la necessità per tutti gli operatori di agire in modo sempre più rapido e strategico rispetto ai concorrenti: per questo è necessario che i gestori di strutture ricettive siano in grado di pianificare a breve e a lungo termine sofisticate strategie di promozione e comunicazione in rete. Questa necessità è particolarmente forte in Italia, dove nonostante la crescente accessibilità degli strumenti digitali man-

44

HOSPITALITY BUSINESS

ca ancora una vera e propria cultura del marketing digitale.

• Applicare strategie efficaci di disintermediazione dalle OTA per aumentare le revenue della struttura turistica; • Coinvolgere i potenziali clienti e dialogare attivamente con essi attraverso i Social Network; • Migliorare promozione e visibilità della struttura anche sui dispositivi mobile come smartphone e tablet; • Innescare il "passaparola" e gestire la reputazione online della struttura ricettiva, incluse le risposte alle

eventuali recensioni negative; • Gestire la presenza in Google Hotel Finder e nei Social Network geolocalizzati. Nelle due giornate si prenderanno in esame momenti distinti dello sviluppo di una campagna di web marketing. Nella prima giornata si esaminerà dapprima a livello più generale il passaggio dal marketing tradizionale al marketing 2.0, con un panorama su tecniche di acquisti online, booking engine, SEO (con le sue applicazioni tecniche e le migliori strategie per posizionarsi con successo sui motori di ricerca nel 2013), creazione di campagne pubblicitarie con Google AdWords, aste real-time, campagne click-to-call e inserzioni su Facebook (incluso lo strumento Facebook Insights). Nella seconda giornata saranno invece affrontati temi più avanzati, nello specifico le tecniche di disintermediazione (campagne PPC branded, organizzazione di eventi, DEM), il Social Media Marketing avanzato (Social PR, Community Management, Social Advertising, utilizzo di Google Plus, Facebook e social

Con questa visione torna anche nel 2013 il Corso di Formazione ‘Web Marketing Hotel’, creato grazie alla collaborazione tra Digital Marketing Turistico, SeoVision e Pensiero Visibile. Il corso è in programma per il 9 e 10 maggio 2013 a Verona. In due giornate di formazione full time (orario 9.30-18.00), le figure professionali a cui il corso è rivolto (gestori, proprietari, responsabili marketing di hotel, b&b e strutture ricettive) potranno acquisire le conoscenze professionali fondamentali per lavorare con successo nel settore della promozione turisti45


turismo e formazione

network grafici come Instagram e Pinterest), il Mobile Marketing applicato alla ricettività (marketing geolocalizzato, uso di Foursquare e Yelp, uso di app e siti responsive), la gestione della reputazione online (in particolare la gestione del rapporto con TripAdvisor) e il monitoraggio della presenza online per la programmazione di nuove campagne. Il corso terminerà con la consegna di un attestato di presenza, ma potrà rivelarsi utile per i partecipanti anche dopo la sua conclusione: ai partecipanti è

infatti offerta una consulenza specifica per la singola struttura, consulenza che sarà fornita dai due docenti e da utilizzare entro 30 giorni dal termine del corso. Inoltre sul sito http://corsowebmarketinghotel.it saranno messi a disposizione video tutorial basati sui contenuti del corso, fruibili e acquistabili online. Il corso è aperto a massimo 25 partecipanti ed è consigliato a chi possiede già dimestichezza con la rete e l’utilizzo del computer, anche ad un livello base.

I docenti del corso Armando Travaglini Esperto nella promozione delle strutture turistiche italiane ed internazionali sul web. Laureato a pieni voti presso l'Università degli Studi di Trento con una tesi sul Word-of-Mouth Marketing applicato al settore turistico, Armando Travaglini è stato consulente in Accenture ed ha realizzato e collaborato con varie start-up Internet, ricevendo premi e riconoscimenti da Telecom Italia e Trentino Sviluppo. Il suo progetto Digital Marketing Turistico è un punto di riferimento nel settore. Collabora attivamente con Hospitality School, SicaniAsc, WHR Destination ed altre importanti realtà italiane ed internazionali. Davide Cobelli Titolare di SEOVISION, agenzia web specializzata nell'attività di promozione sui motori di ricerca e fondatore di ePubblica Srl. Laureato in Net-Economy, è stato consulente in Accenture nel settore luxury e telecomunicazioni e da anni opera come consulente nel settore del Web Marketing Turistico gestendo attività strategiche di aumento della visibilità sui motori di ricerca (SEO), campagne pubblicitarie con Google AdWords e attività di Web Analytics. Gestisce il progetto Marketing Efficace in cui scrive di web marketing a 360° con un occhio particolare per le tematiche SEO. Modalità di iscrizione Per ulteriori informazioni e per scaricare il modulo di iscrizione: http://corsowebmarketinghotel.it info@corsowebmarketinghotel.it tel. +39 045 5116534

46

HOSPITALITY BUSINESS


marketing turistico

marketing turistico

WHR DESTINATION 2013

“La condivisione non è una scelta, è una strategia” Successo per il format itinerante all’insegna del social sharing

Helena Geraci SicaniaSc e WHR Corporate

48

HOSPITALITY BUSINESS

N

el 2013 il progetto WHR Web Hotel Revenue, l’ imperdibile appuntamento annuale di alta formazione sul Revenue e Web Hotel Management, cambia volto, trasformandosi in un format itinerante per le regioni d’ Italia: nasce così il WHR Destination. Protagonista indiscusso di questo nuovo format è infatti la Destinazione - 11 appuntamenti di alta formazione sul Revenue e Web Hotel Management, distribuiti quest’ anno su tutto il territorio italiano, che riuniscono i più grandi esperti nazionali e internazionali del settore turistico-alberghiero. Occasioni di formazione, incontro e condivisione intorno ai temi di Revenue Management, Social Media Marketing, Brand & Reputation Management, Destination Marketing, Online Distribution, Mobile & World App e molto altro ancora. Ogni appuntamento sviluppa dei contenuti differenti, legati al contesto territoriale in cui si svolge l’ evento, rivol-

gendosi come sempre a Hotel Manager, Revenue Manager, Direttori Marketing, Booking Manager, Web Marketing Manager, Sales & Account Manager, Community Manager, Destination Marketers. I primi due appuntamenti, rispettivamente a Venezia e Siena, si sono appena conclusi, riscuotendo un enorme successo e una forte partecipazione degli operatori del settore. La tappa veneta si è svolta infatti il 21 Marzo a Mestre, presso l’ hotel NH Laguna Palace: grande coinvolgimento e boom di partecipanti per questo evento di apertura, che ha visto la partecipazione di aziende quali Expedia, Isnart (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche), Sicaniasc, Serenissima Informatica, Nozio, Velox Servizi e Dosdevideo. Ad aprire la giornata di formazione è stato Josep Ejarque, Presidente di Four Tourism, il quale ha affrontato il tema della Reputazione e visibilità online delle destinazioni. A seguire un Panel di discussione dal titolo “Veneto: “Pro-

spettive di Revenue”, moderato da un vero esperto del territorio, il consulente alberghiero Cristiano Favaro, e mirato a individuare le problematiche della destinazione, permettendo un interessante confronto tra diversi operatori del settore. L’ incontro è proseguito per l’intera giornata affrontando tematiche rilevanti nell’ambito del Revenue Management e Web Marketing turistico, con un focus sui temi della gestione della visibilità e reputazione online, in particolare sui social networks. Per la sua seconda tappa il WHR è volato invece in Toscana. L’ evento si è infatti tenuto il 10 aprile in una location unica: L’Aula Magna Rettorato dell’ Università degli Studi di Siena, alle spalle di Piazza del Campo. La giornata ha visto il coinvolgimento di numerosi professionisti e aziende del settore turistico del calibro di Travelclick, Expedia, Sicaniasc, Hotel Systems, Inwya, Isnart, Gestione Albergo, Hootsuite e DosDeVideo. Ancora una volta Josep Ejarque, di FourTourism, ha aperto la giornata di formazione affrontando il tema della Reputation e visibilità online della Destinazione Toscana, oggi elementi essenziali in un mercato in cui circa l’ 85% dei turisti prima di effettuare le proprie prenotazioni cerca informazioni online e dove i commenti e le opinioni degli utenti risultano estremamente importanti nella scelta d’ acquisto per due viaggiatori su tre. A seguire un interessante panel sul tema delle strategie online, moderato da Laura Valerio, Director Market Management Italy Cities - Expedia, un coinvolgente momento di confronto tra le aziende partecipanti e la platea del WHR, seguito da tutti gli eventi forma-

tivi dei relatori coinvolti. Le prime due tappe del WHR 2013 sono inoltre state un’occasione per presentare il software Destination, ideato da Enzo Aita, Fondatore di WHR Corporate, uno strumento che si propone di offrire un valido supporto nell’ utilizzo di strategie di Revenue Management, non solo alle singole strutture alberghiere ma all’ intera destinazione, attraverso la condivisione in forma anonima dei dati statistici: www.whrdestination.com Un ruolo rilevante è stato inoltre quello svolto nel corso di queste giornate dai live reporter del WHR: Armando Travaglini CEO e Founder Digital Marketing Turistico, Simone Puorto, Hotel Internet Specialist - e Luisa Rellini, Hospitality Travel and Tourism Club, che nel corso di entrambi gli appuntamenti hanno riportato in presa diretta opinioni, impressioni e curiosità sui maggiori social networks. La terza tappa ha fatto della Sardegna la sua protagonista ufficiale: l’ appuntamento del 23 aprile a Olbia, presso il Mercure Olbia Hermaea, è stato un altro incontro di alta formazione all’ insegna della condivisione e dell’ innovazione. La platea sarda è stata partecipe e proattiva durante tutto il corso della giornata, invitandoci a ritornare presto e continuare questo ciclo di “cambiamento”…come si può dire di no ad una regione così! Il prossimo appuntamento sulla tabella di marcia è Sorrento, il WHR sarà ospite in Costiera Amalfitana presso l’ Hotel Conca Park l’ 8 Maggio a partire dalle 8.30. "Un' occasione da non perdere".

WHR Destination è sinonimo di crescita, opportunità, confronto, sviluppo, conoscenza, formazione, condivisione, e innovazione, non per il singolo hotel… ma per l’ intera destinazione…We love Italy.

49


MARKETING TURISTICO

MARKETING TURISTICO

IL FLASH DEAL NEGLI ALBERGHI ITALIANI: UNA RIVOLUZIONE CULTURALE? Un’indagine di Gabriele Piccoli e Antonio Usai dell’Università di Sassari mostra le opportunità di crescita che vengono dall’incontro tra ecommerce e ospitalità alberghiera.

STEFANO AICARDI redazione@

hbconsortium.com

50

HOSPITALITY BUSINESS

I

l modello del “flash dealing” rappresenta una formula di marketing e di commercio di nuova generazione legato all’idea di offrire contenuti e offerte esclusive riservate agli utilizzatori dei social network. A differenza del concetto più ampio di e-commerce, cioè, le offerte hanno una durata piuttosto breve (ad esempio da 24 a 36 ore nella formula chiamata “deal of the day”) e sono rivolte a un pubblico mirato che a sua volta ha accettato di ricevere queste informazioni sottoscrivendo una newsletter e seguendo le pagine social di aziende e marchi. Perché questo meccanismo funzioni,

tuttavia, è necessaria anche la presenza dei cosiddetti “intermediari”, cioè le persone fisiche, le aziende o i siti web come Groupon, Expedia e Booking, che hanno precisamente la funzione di far conoscere al pubblico i “flash deal” e convincerli a utilizzare questi sistemi di compravendita. Nel nostro paese, tuttavia, l’ecommerce turistico è frenato da pesanti limiti strutturali e culturali che si traducono nel c.d. “digital divide” (la difficoltà di diffusione delle tecnologie e della cultura digitale, anche in campo commerciale e finanziario, legata alla mancanza della copertura ADSL in ampie fasce del territorio nazionale); se si applica

il modello del “flash deal” al comparto turistico, poi, si aggiunge un secondo problema, rappresentato dagli squilibri e dalle diseguaglianze che caratterizzano l’offerta turistica sul territorio nazionale. Su questi presupposti si muove un’indagine di Gabriele Piccoli e Antonio Usai dell’Università di Sassari, che nell’autunno 2012 hanno esaminato il rapporto tra operatori ricettivi italiani e web marketing nello studio intitolato “Italy Flash Deals. Group Buying e Social Commerce: desperation, strategy or opportunity?”. Lo studio, realizzato nell’ambito delle attività sperimentali dello spin off dell’Università di Sassari Tourism Plus srl, vede la partnership del BTO-Buy Tourism Online e la collaborazione del Center for Hospitality Research della Cornell University. Tenendo conto dei dati ISTAT sulla composizione del sistema ricettivo, l’Italia mostra come ancora nel 2011 vi sia una prevalenza sul territorio di strutture medio-piccole (a tre-quattro stelle o nella forma del b&b e dell’agriturismo). Secondo Istat, nel 2011, erano presenti in Italia 153729 strutture ricettive, dato che peraltro vede in netta minoranza gli esercizi alberghieri (33911) rispetto alle forme complementari di ospitalità (119818, divise tra campeggi, b&b, agriturismi, ostelli, case in affitto e altre formule). Seguendo la proporzione definita di queste statistiche, lo studio è stato condotto a campione, selezionando 38 hotel facenti parte di catene alberghiere e 130 strutture indipendenti; con le interviste si è voluto verificare quali siano i margini per la penetrazione di una tecnica commerciale e di un business model di non immediata implementazione come quello dei flash deals. Secondo Istat, infatti, nel 2011 erano ben 71971 gli alloggi in affitto, 15289 gli hotel a tre stelle e 23868 i b&b, contro i 5224 a quattro stelle, i 383 cinque stelle

(anche luxury) e i soli 463 ostelli per la gioventù. L’analisi rispecchia piuttosto fedelmente questi dati e propone poi soluzioni per superare questo sostanziale “stallo” che limita in parte l’apertura degli operatori a formule di business di ultima generazione. Il 70% degli intervistati dichiara di non avere ancora sperimentato i “flash deal”; anche a livello di catene alberghiere e di hotel a cinque stelle, inoltre, emerge a sorpresa una diffidenza nei confronti di questo modello, dichiarata dal 50% degli intervistati. Strutture più piccole e grandi catene sembrano trovare un fronte comune nella critica ai flash deals soprattutto nel fatto che queste offerte, proprio per la loro varietà e rapidità, rischiano di ridurre la “fedeltà” della clientela, specie nel caso delle grandi catene, che operano spesso su target rigidamente predefiniti. Gli hotel e gli agriturismi più piccoli, a loro volta, argomentano che la programmazione di offerte via web rappresenta un impegno eccessivo rispetto all’urgenza quotidiana e concreta della gestione delle strutture. Paradossalmente, cioè, un aumento delle presenze troppo rapido e improvviso

51


MARKETING TURISTICO

potrebbe rivelarsi difficile da gestire se non con un piano di sviluppo a lungo termine: gli hotel di livello più alto invece sembrano condizionati da politiche di business planning prestabilite con largo anticipo e difficilmente modificabili nella loro forma e sostanza. Per superare questo ostacolo psicologico e culturale, Piccoli e Usai suggeriscono una strategia di crescita che nel caso dei piccoli hotel è rappresentato da politiche di marketing territoriale e di rete, capaci di produrre un’offerta diffusa che regga e sfrutti l’impatto numerico del turismo “mordi e fuggi” favorito dalle offerte flash. Nel caso delle catene alberghiere si propone una sperimentazione del modello su piccole unità e un monitoraggio (anche col supporto di analisti specializzati) del comportamento e delle aspettative di fasce di pubblico intermedio che non frequentano abitualmente hotel di lusso, ma possono essere interessati a questa esperienza per ragioni anche psicologiche.

Diventa prima di tutto necessario sfruttare la forma di intermediazione rappresentata dall’esperienza e dal passaparola, dal rapporto diretto con un intermediario che può essere anche la persona che ha già avuto modo di sperimentare il flash deal stesso; dall’altro lato, il flash deal, pur riducendo effettivamente la fidelizzazione di un utente verso un prodotto, una marca o una catena alberghiera, ne stimola l’interesse alla spesa, proprio perché le offerte devono essere inventive e interessanti non solo a livello di sconti, ma anche di contenuto concreto della proposta, nuove dimensioni di esperienza, capacità di far provare al potenziale utente/ turista il desiderio di qualcosa di inedito, di non ancora provato, che del resto è il senso stesso dell’esperienza turistica. Il PDF dell’inchiesta è visionabile all’indirizzo web www.tplus.it nella sezione “Ricerche e pubblicazioni 2012”

TOURISM PLUS: RICERCA E SINERGIE DIGITALI Tourism Plus (www.tplus.it) è uno Spin Off sostenuto dall'Università degli studi di Sassari ed attivo dal 2009, specializzato nel trasferimento sul mercato dei risultati della ricerca sull'innovazione nel settore turistico, con particolare attenzione per le tecniche di sales management e electronic distribution, gli strumenti di account management e web marketing. Negli ultimi tre anni, le attività di ricerca e le sperimentazioni condotte sul mercato in collaborazione con partner alberghieri hanno consentito di: - Ideare il concept per una piattaforma gestionale per la sperimentazione di sistemi di account management per le piccole e medie imprese alberghiere, con la possibilità di centralizzare il servizio di booking angels, account management e web marketing e offrirlo in remoto ai clienti partner (con impiego e formazione dei laureati del corso di laurea in Economia e management del turismo del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali dell'Università degli Studi di Sassari); - realizzare ricerche avanzate sui temi dell'electronic distribution, del web marketing, delle sinergie tra web 2.0 e social network e analizzare l'evoluzione dei sistemi informativi per il turismo; - organizzare corsi di perfezionamento in sales management, electronic distribution e utilizzo dei sistemi CHESS per laureati e manager alberghieri.

52

HOSPITALITY BUSINESS


marketing turistico

marketing turistico

Per la primavera 2013 l’offerta dell’azienda si arricchisce di due brand tematici legati alle diverse tipologie di viaggiatore: Discovery, per i turisti più curiosi e intraprendenti, ed Emozioni, i viaggi per clienti più esigenti e desiderosi di particolari attenzioni. Per quest’ultimo brand l’oggetto della nuova offerta è l’Indonesia, con gli stupendi scenari di Moyo Island: 16 giorni di pura emozione, con trattamento di pensione completa, voli in business class Singapore Airlines (quota individuale di partecipazione a partire da € 29.617) e un’esclusiva crociera per immergersi in biodiversità lontane e mondi dimenticati, inclusa la possibilità di ammirare i famosi draghi di Komodo.

Kuoni Italia in Iran e in Indonesia: nuove proposte

per il viaggiatore di oggi

Luoghi e civiltà antiche da guardare con occhi diversi Elisa dal Bosco Head of Communication & PR AlessandroRosso Group

54

HOSPITALITY BUSINESS

S

cegliere un viaggio Discovery significa privilegiare, per le proprie esperienze di viaggio, luoghi inconsueti capaci di stimolare curiosità e voglia di conoscenza. Per questo Kuoni Italia e Best Tours possono contare oggi su più di 150 esperti consulenti di viaggio, ciascuno dotato di forte competenza sulle destinazioni proposte, e su 15 cataloghi di programmazione, vere e proprie monografie suddivise tra i brand Kuoni (9 cataloghi) e 6 a marchio Best Tours.

Una visione confermata dalle parole di Marco Cisini, CEO di Kuoni e Best Tours: “Vogliamo costruire un Tour Operator italiano che metta al centro della strategia le Agenzie di Viaggio, con il preciso intento di dar vita ad un'alleanza volta alla conquista dei viaggiatore, capace di dare valore alla competenza dei suoi attori e alla qualità del nostro servizio. Ogni anno Kuoni e Best Tours muovono 30.000 persone, con un fatturato consolidato di più di 70 milioni di euro: la qualità sarà il nostro amplificatore e per crescere non rinunceremo a possibili ed ulteriori acquisizioni".

Kuoni, forte della sua esperienza decennale sulla destinazione, offre poi altri due imperdibili itinerari sotto il nome Gran Tour dell’Iran: 12 giorni/11 notti, con soggiorno in hotel a 4/5 stelle, per percorrere la storia dei popoli della Mesopotamia nella Zigurrat di Ahwaz, visitare le maestose rovine della potente Persepoli, ed estasiarsi davanti allo scintillio delle moschee di Isfahan risalenti al 18° secolo (Quota per persona a partire da Euro 2.072 garantite con soli 2 partecipanti, nelle date proposte sul catalogo Discovery 2013 a pagina 24/25).L’ Iran, l’antica Persia, si presenta al viaggiatore curioso come una meta imperdibile, un paese solcato dalla storia di imperi che si sono susseguiti fin dalle origini della civiltà umana e si sono combattuti lasciando tracce indelebili del loro passaggio. Un caleidoscopio di storia, tradizioni e cultura che si manifesta anche nei celebri bazaar, i più intricati del Medio Oriente. Per chi vuole sperimentare la gentilezza del popolo iraniano e le bellezze di Persepoli e di Isfahan, è disponibile infine il tour Le Rose di Persia: 8 giorni/7 notti alla ricerca dell'eredità artistica dei persiani, in attesa di scoprire

le altre attrattive del paese con viaggi di approfondimento successivi (quote per persona a partire da Euro 1.473 e èartenze garantite con soli 2 partecipanti nelle date proposte sul catalogo Discovery (a pagina 23). I protagonisti: Kuoni Italia Spa e Alessandro Rosso Group KUONI ITALIA Spa è presente sul mercato italiano dal 1951, data di apertura della sua prima filiale a Roma, nel 1998 acquisisce il 55% della Gastaldi Tours dando vita alla joint-venture Kuoni Gastaldi Tours. L’operazione è stata perfezionata nel 2001 con l’acquisizione del 100% delle quote azionarie. Da Febbraio 2008 la società opera in Italia con la denominazione sociale di Kuoni Italia SpA ed è licenziataria del marchio Gastaldi Tours. Nel 2010 acquisisce il Tour Operator Best Tours arricchendo la sua offerta di prodotti a medio raggio di prestigio. Il Gruppo ha saputo conservare e mettere a frutto l'originaria, assoluta dedizione alla qualità del viaggio: l'offerta Kuoni

In queste pagine, da sx: il deserto dell'Iran e la città di Isfahan

55


marketing turistico

rappresenta il punto di riferimento sia per la clientela più esigente, che predilige la qualità e la flessibilità del viaggio costruito “su misura”, sia per quanti cercano proposte già definite con la garanzia di un rapporto qualità/prezzo corretto e trasparente. www.kuoni.it

Nelle immagini: isola di Komodo, Indonesia-il Dragone e panorama notturno

Alessandro Rosso Group: un gruppo di professionisti con trent’anni di esperienza nel settore dell’incentivazione, oggi è leader di mercato e offre prodotti e servizi diversificati: dai viaggi incentive ai team building, dalle convention ai progetti di comunicazione, dagli eventi ai congressi medico-scientifici. Alessandro Rosso Group ha trasformato i suoi prodotti e servizi in soluzioni pensate per soddisfare le esigenze delle aziende e si propone oggi come partner, of-

frendo qualificati e specifici strumenti professionali, economici, strategici e organizzativi. Know-how, diversificazione, innovazione, competitività di un grande Gruppo con stile e passione, senza mai dimenticare che ogni cliente è “unico”, fanno di Alessandro Rosso Group il Marketing Global Partner ideale. Le sedi: Milano, Torino, Firenze, Roma, Parigi, Vienna, Shanghai, Pechino www.arossogroup.com

Easy Solution

Per informazioni: Elisa dal Bosco Head of Communication & PR AlessandroRosso Group m. +39.3496187963 elisa.dalbosco@arossogroup.com edalbosco@arossomarketing.it www.arossogroup.com twitter.com/ARossoGroup facebook.com/ARossoGroup

I L P R O G E T T O T O TA L E PER LA PERSONALIZZAZIONE D E I T U O I S PA Z I

MASI CONTRACT Via Toscana, 18 - 56035 Perignano (PI) Italy T. +39 0587 616162 F. +39 0587 617484 www.masicontract.it - masi@masicontract.it 56

HOSPITALITY BUSINESS

C O N T R A C T Easy Solution


FIERE ED EVENTI

FIERE ED EVENTI

HOTEL 2013, A OTTOBRE LA 37° EDIZIONE Corrono i preparativi per l’edizione 2013 di Hotel. A Bolzano, quattro giorni di iniziative ed eventi dedicati al mondo dell’ospitalità Fonte info e immagini: Ufficio Stampa Hotel/Fruitecom

58

HOSPITALITY BUSINESS

D

al 21 al 24 ottobre 2013 torna Hotel, la fiera internazionale dedicata al settore dell’ospitalità organizzata da Fiera Bolzano con il patrocinio di Federalberghi e la collaborazione dell’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti dell’Alto Adige (HGV). Suddivisa in sei aree tematiche (cucina e tavola, interni e decorazioni, costruire e rinnovare, wellness, management e comunicazione, gastronomia) Hotel 2013 è il palcoscenico nel cuore dell’Alto Adige per le ultime novità e per un settore in continuo movimento.

tino Alto Adige conta il 13,6% di strutture alberghiere e turistiche in Italia. Tra le province, prima per numero di imprese è Bolzano con il 9,5% del totale nazionale e quinta è Trento con il 4,1%. In questa regione il settore è in continua crescita, con la nascita di nuove imprese (10,7% del totale nazionale). “Questo è anche quello che si è percepito all’ultima edizione di Hotel, in cui abbiamo registrato un aumento del numero di operatori, così come della soddisfazione delle aziende espositrici. E’ un messaggio molto gradito che arriva da questo settore, soprattutto in un momento piuttosto particolare come questo”, afferma Reinhold Marsoner, Direttore di Fiera Bolzano. Anche il programma di eventi informativi e formativi sarà sempre più ricco, con una serie di convegni, workshop, mostre e giornate a tema, tra cui l’incontro dedicato alle nuove opportunità di marketing che il web 2.0 offre a questo settore. Dai risultati della ricerca Censis-Coldiretti «Vivere insieme, vivere meglio. Utili, affettive e conviviali: gli italiani e le relazioni nelle comunità» dello scorso settembre, si evince che

cibo e web sono il nuovo binomio per fare comunità. 1,8 milioni di italiani, di cui 415mila con regolarità quotidiana, partecipano a community online dedicate al food. Al boom di attenzione per questo tema espresso dal successo di trasmissioni televisive, libri e magazine, si aggiunge la potenza aggregatrice del cibo che si dispiega sul web. Per il 50% degli italiani coinvolti nei social network, dalle relazioni create nei network online si generano iniziative nel territorio in cui vivono. Altre attività che nascono dal legame tra food, web e media: 14,8 milioni di italiani (di cui 5,7 milioni regolarmente) fanno ricerche in Internet per confrontare prezzi e qualità dei prodotti alimentari; 25,2 milioni di italiani (9,7 milioni regolarmente) recuperano ricette su libri, web, televisione. Si tratta soprattutto di donne (16,5 milioni), ma sono tantissimi anche gli uomini (8,7 milioni). Emerge così una nuova funzione sociale del cibo, che rappresenta un perno attorno a cui si sviluppano nuove relazioni, sia reali (nei territori) che virtuali (nelle piattaforme telematiche e mediatiche).

Grande attenzione si presterà a come le strutture alberghiere di oggi siano divenute il luogo nel quale la cucina d’autore può interpretare la tradizione locale a tavola o esprimersi attraverso i grandi chef. L’Alto Adige, infatti, è un territorio piccolo, ricco di contrasti, il punto d’incontro di tradizioni alpine e mediterranee, disseminato di castelli, residence, chiese, antichi conventi, ristoranti, malghe, rifugi e agriturismi, un crocevia di culture diverse che per ragioni storiche hanno imparato una grande “cultura”, quella dell’ospitalità. Da un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati del registro imprese relativi al settore turistico alberghiero, emerge inoltre che il Tren59


FIERE ED EVENTI

Nel 2012 Hotel ha registrato la presenza di 581 aziende espositrici e 18.700 visitatori e una diffusa soddisfazione da parte degli espositori. Christian Meyr, Area Manager di Miele Italia, ha affermato in occasione della scorsa edizione: “La mia è un’impressione molto positiva per il risultato acquisito, le mie aspettative della vigilia sono state completamente superate perché nonostante il clima negativo che si respirava abbiamo registrato molto interesse da parte degli operatori. Abbiamo stabilito in Alto Adige nel 1961 la nostra sede in Italia e nonostante il grande numero di clienti già acquisiti, continuiamo ad allacciare sempre nuovi contatti.”

Così invece Paolo Bacchini, General Manager di DnaBio: “La fiera è andata bene perché qui abbiamo trovato il nostro target. Abbiamo presentato un prodotto del tutto nuovo ed esclusivo e come settore “bio” siamo quasi gli unici in questa manifestazione. Il prodotto è stato accolto bene e abbiamo avuto clienti che hanno già fatto degli ordini. Per noi Bolzano è un nuovo mercato da esplorare”. Markus Nupieri, Titolare di Mountain Wood Living, afferma: “per i miei prodotti questa è la fiera giusta. Abbiamo avuto buonissimi contatti anche dall’Austria e dalle Marche che hanno già fatto ordini in fiera. Per via del turismo c’è ancora movimento in alcuni settori e considerato i tempi possiamo dire di essere soddisfatti. Qui ad Hotel si fanno contatti e si conosce gente nuova.” Molto felice per la notevole affluenza all’edizione 2012 anche Il Presidente dell'Associazione Albergatori HGV Walter Meister: “Considero questo risultato molto buono come un segno evidente che gli albergatori altoatesini non si lasciano scoraggiare in tempi di crisi e preferiscono invece guardare avanti, come ci hanno confermato anche molti espositori.” In occasione della scorsa edizione sono stati anche assegnati vari premi per la fedeltà a numerose aziende espositrici: hanno festeggiato 10 anni di partecipazione Geschenksladele d. Abler Günther, Giori G.I.L.S.A. Srl Distillati Trentini, Phoenix Hotelsoftware PCS Srl, Physiotherm Srl, Pianta Design; 20 anni Leeb Balconi Iitalia Srl, Minus Srl, Prima Srl; 30 anni Wörndle Interservice Srl. L’appuntamento per la trentasettesima edizione di Hotel è dunque dal 21 al 24 ottobre a Bolzano.

60

HOSPITALITY BUSINESS

61


FIERE ED EVENTI

FIERE ED EVENTI

VERSO HOST 2013:

L’HO.RE.CA. SI FA LEGGERO Le parole chiave della nuova edizione: filiera, format, offerta flessibile

Fonte info e immagini: Ufficio Stampa Fiera Milano

62

HOSPITALITY BUSINESS

H

ost è il Salone leader a livello mondiale negli ambiti professionali HO.RE.CA. e Retail, grazie prima di tutto alla convinzione che lo anima, secondo cui la creatività è un linguaggio universale. Per questo la nuova edizione del Salone, in programma da venerdi 18 a martedi 22 ottobre 2013 negli spazi di Rho Fiera Milano (su una superficie espositiva di 100 mila metri quadri netti), sarà un appuntamento da leggere in chiave ormai pienamente e definitivamente globale, e raccoglierà 1500 hosted buyer e 1600 aziende espositrici da 45 paesi e 5 continenti. Ampio spazio sarà riservato a mercati

frontiere di Host, che nel suo programma di esposizioni e incontri traccerà le forme di una filiera produttiva e commerciale sempre più dinamica, leggera: lo stesso percorso espositivo vedrà una maggiore continuità tra le tre macroaree merceologiche (Ristorazione Professionale, con al centro Pane, Pasta e Pizza; Bar e Macchine Caffè, con le categorie Caffè, Tè e Gelato-Pasticceria; Arredo e Tavola, con la presenza di focus professionali dedicati ad architetti e studi di progettazione). Centrale poi la partnership con FCSIFoodservice Consultants Society International, associazione internazionale di consulenza strategica e problem solving sui servizi HO.RE.CA. Da questa sinergia prenderanno vita seminari specialistici su temi come new business, uso dei social media nell’ HO.RE. CA., food cost ed elementi di ecosostenibilità in eventi e catering, lungo scenari così descritti da Marco Serioli, Direttore Exhibitions di Fiera Milano: “Il

foodservice consultant riveste un ruolo sempre più centrale nel mondo dell’ospitalità professionale. Grazie al rapporto di partnership che instaura con il cliente, il consultant traduce in proposte concrete di nuovi format i macro scenari, dall’architettura ai grandi eventi, dalle novità dell’agroalimentare fino ai social media, la sostenibilità e la green economy. Una mission perfettamente in linea con ciò che Host fa da sempre: per questo l’accordo con FCSI è più di una semplice collaborazione, è una vera e propria sinergia in un’ottica di innovazione a 360 gradi”. Host 2013 vedrà inoltre una collaborazione con Poli.design, Consorzio del

dotati di particolare freschezza economica e commerciale come Turchia, Germania e Paesi Bassi, ma anche i paesi BRIC, in particolare Cina e India; per questi ultimi è prevista anche un’estensione dell’evento principale, grazie al ritorno di Food Hospitality World, l’evento internazionale dell’ospitalità organizzato in partnership con il salone agroalimentare TuttoFood e in programma a Bangalore, in India, dal 12 al 14 giugno 2013 e a Guangzhou, in Cina, dal 12 al 14 settembre 2013. Importante ricordare che l’edizione 2013 di Host preparerà la strada alla fondamentale edizione del 2015, che sarà strettamente connessa a EXPO e al suo tema principale: il futuro dell’alimentazione come strumento di crescita e incontro a livello globale. Su questo tracciato si inserisce lo spirito senza

63


FIERE ED EVENTI SOMMARIO

Politecnico di Milano, per l’organizzazione del concorso internazionale HOSThinking, award che premierà i nuovi concept design legati alle trasformazioni degli spazi ricettivi e commerciali: saranno assegnati riconoscimenti ai progetti capaci di

rispecchiare al meglio le tendenze del nostro tempo attraverso formule di vendita leggere, flessibili e immediate. Un senso della qualità e dell’esperienza che mette sempre più al centro di Host il cliente e che si integra alla perfezione con i principi dell’ecosostenibilità: anche per questo i migliori prodotti esposti in fiera riceveranno l’etichetta di qualità “SMART Label” come riconoscimento del loro impegno per un marketing etico e green. Per informazioni aggiornate su Host: www.host.fieramilano.it, @Host2013 #Host2013. Per informazioni: ∙ Ufficio Stampa Fiera Milano, Rosy Mazzanti – Simone Zavettieri, tel. 02 4997.7457 e-mail simone.zavettieri@fieramilano.it ∙ Flaviana Facchini Relazioni Pubbliche, tel. 339 6401271 e-mail flavianafacchini@gmail.com

64

HOSPITALITY BUSINESS


FIERE ED EVENTI

FIERE ED EVENTI

Tutto esaurito a Rimini per la prima edizione di RHEX 53.115 visitatori e 7000 business meeting per l’evento che raccoglie l’eredità di Sia Guest e Sapore

Fonte info e immagini: Press Office RHEX/ Rimini Fiera

D

al 24 al 26 febbraio ha raccolto grandi consensi negli spazi di RiminiFiera la prima edizione di RHEX, il nuovo salone dell’HoReCa che raccoglie l’eredità prestigiosa dei saloni tematici degli scorsi anni, Sia Guest e Sapore. Su questa eredità si è espresso anche Lorenzo Cagnoni, Presidente di Rimini Fiera, che ha commentato: “RHEX è nata dalla grande esperienza di due nostre manifestazioni storiche, manife-

66

HOSPITALITY BUSINESS

stazioni che godevano di oltre 100 edizioni in attivo e che si sono sintetizzate qui al meglio per offrire al mercato una soluzione in sinergia con l’evoluzione dei mercati internazionali di riferimento. Oggi la richiesta è infatti quella di una maggiore concentrazione di eventi, una razionalizzazione di tempi e di risorse e di appuntamenti operativi. La prima edizione di RHEX ha mantenuto fede a tale promessa e aperto la via a nuove e strategiche potenzialità per idee e tematiche future, già a partire dal prossimo anno”. La strategia del primo anno di RHEX si è tradotta in una particolare attenzio-

ne al tema del rinnovamento delle figure professionali e dei loro strumenti tecnologici, prendendo come spunto di partenza la necessità di snellire le lentezze burocratiche che riducono il potenziale di dinamismo e competività dell’HoReCa nazionale. Non a caso si è scelto di aprire la prima edizione di RHEX 2013 con un dibattito dal titolo eloquente organizzato da Federalberghi Emilia Romagna: il convegno “L’insostenibile pesantezza della burocrazia”, a cui ha presenziato anche Alessandro Nucara, DG di Federalberghi Nazionale, ha lanciato proposte concrete di semplificazione legislativa e gestionale, a partire da un tavolo di coordinamento continuo per i vari enti che hanno il compito di gestire a livello nazionale questioni come la sicurezza alimentare o la Pubblica Sicurezza. Il focus sulla professionalità è proseguito poi con showcase concorsi e workshop di aggiornamento, punteggiati da presentazioni di nuove figure professionali come il “personal wine shop-

per” e il “Food & Beverage Manager”. Quest’ultima figura è stata presentata in un meeting dall’Associazione che è nata nel 2012 e che si occupa di formare nuove figure dotate di unire la gestione del personale di cucina e sala con la responsabilità diretta del management gestionale e degli acquisti. Questo tema è stato approfondito anche da Enzo Vizzari, Direttore Editoriale delle Guide dei ristoranti, alberghi e dei vini dell’Espresso, durante il convegno “Dal ristorante d’albergo al ristorante in albergo. Come un servizio può diventare una risorsa”. Ha dichiarato infatti Vizzari: “Esiste una differenza tra ristorazione d’albergo, concetto riconducibile 67


FIERE ED EVENTI

all’idea di servizio, di una ristorazione garantita al minimo indispensabile e ristorazione in albergo che è sinonimo di qualità, eccellenza, ambizione e comporta investimenti e gestione autonoma”. Dalla prospettiva dei prodotti professionali, tra gli eventi che hanno registrato il maggior interesse spicca RHEX INNOVATION AWARD 2013, il concorso che ha premiato i migliori prodotti per hotel, bar e ristorazione seguendo in particolare criteri legati alla sostenibilità e alla semplicità di approccio creativo. I prodotti hanno ricevuto anche un premio dal pubblico dei visitatori e sono stati raccolti in mostra nella Area della Hall espositiva e su un Innovation Book visibile sul sito www.rhex.it. Un terzo aspetto di rilievo ha riguardato le nuove strategie di marketing, dove

68

HOSPITALITY BUSINESS

non sono mancate nuove proposte originali. Ad esempio è stato presentato il progetto del Consorzio Ursa Major Group, una sorta di “lista dei vini 2.0” per il cliente del ristorante: in una prima fase infatti il cliente può visionare anche un QR code che raccoglie online le informazioni sui vini messi a disposizione dal Consorzio (circa 200), quindi può scegliere anche di acquistarlo con consegna a domicilio. entro 48 ore. Daniele Tirelli, presidente di POPAI Italia (Associazione internazionale per lo sviluppo del Retail Marketing), ha a sua volta proposto il modello adottato da Sicil Conad a Villaseta (AG), dove si è sperimentata una fusione tra ristorante e supermercato, con la possibilità di acquistare vari prodotti e di consumarli sul posto.

anche il suo Consiglio Nazionale, e arrivare a importanti appuntamenti specialistici, concorsi, workshop e dibattiti sui principali prodotti nazionali: pizza, birra, caffè, olio d’oliva e prodotti ittici. L’ olio e il pesce rappresentato anche un importante nesso con le questioni dell’ecosostenibilità e della salute, che in occasione di RHEX sono state oggetto di numerosi momenti creativi, mostre e installazioni tecnologiche dalle quali è emerso con chiarezza come l’hotel del futuro sarà sempre meno un semplice hotel e sempre più simile a una casa, in un continuum sempre più forte tra i momenti dedicati all’alimentazione (con la richiesta destinata a diventare standard di prodotti provenienti da filiere certificate e dalla lotta biologica) e il resto della giornata.

RHEX ha dato poi grande spazio al cuore stesso dell’ HoReCa: il prodotto alimentare, in tutte le sue declinazioni, a partire dalle sessioni di show cooking con i maggiori chef italiani come Davide Oldani e Massimo Bottura, per proseguire poi con la tradizionale presenza della Federazione Italiana Cuochi, che in occasione di RHEX ha tenuto

Queste le parole di Patrizia Cecchi, direttore Business Unit di Rimini Fiera, a suggello di RHEX 2013: “Dal mondo imprenditoriale del fuori casa e dell’intrattenimento abbiamo ricevuto un’ottima risposta in termini di qualità dei partecipanti, attenzione da parte dei visitatori e contatti oltre le aspettative, attivati soprattutto dal business estero.

Abbiamo potuto verificare che RHEX è come fosse l’hardware del sistema su cui poggia il comparto turistico, un settore in cui l’Italia gioca ancora un ruolo da protagonista e con ampi margini di ripresa”. Un successo certificato da 53.115 visitatori professionali, 357 giornalisti accreditati e oltre 7.000 business meeting già proiettati verso RHEX 2014. Per informazioni e video riassuntivi: www.rhex.it; http://youtu.be/6ho_P9_ a4UI PRESS CONTACT • RIMINI FIERA SPA - servizi di comunicazione e media relation responsabile: Elisabetta Vitali; coordinatore ufficio stampa: Marco Forcellini; addetti stampa: Nicoletta Evangelisti Mancini, Alessandro Caprio.

69


FIERE ED EVENTI

FIERE ED EVENTI

Rimini Wellness:

LO SPETTACOLO DELLO STARE IN FORMA Dal 9 al 12 maggio l’ottava edizione della Fiera Internazionale del benessere

Fonti info e immagini: Ufficio stampa Rimini Fiera/ Barabino&Partner

70

HOSPITALITY BUSINESS

Q

uattro giorni di benessere, energia e creatività. Può essere così riassunto lo spirito di Rim i n i We l l n e s s , la Fiera Internazionale di settore che torna per la sua ottava edizione dal 9 al 12 maggio negli spazi di RiminiFiera. L’approfondimento a 360 gradi del concetto di benessere riprende il suo cammino da quanto affermato da Patrizia Cecchi, direttore di Business Unit, in chiusura dell’edizione 2012: “Se quest´anno più di 228.000 visitatori, dei quali tantissimi stranieri con una massiccia partecipazione da Russia ed Est Europeo, l´hanno incoronato come l´evento de-

dicato al wellness più vitale al mondo, le ragioni sono da ricercare nella particolarità dell´offerta che mette a disposizione, capace di coniugare l´offerta al pubblico con appuntamenti altamente professionali per gli operatori. Per il 2013 RiminiWellness si candida a capitale mondiale degli affari nel settore del benessere e dell´attività fisica. A tradurre in realtà questo obiettivo saranno oltre 1.500 ore di lezione tenute su 42 palchi e in 14 padiglioni da 500 presenter, ma anche un programma estremamente diversificato e attento appunto a tutte le declinazioni dello stare bene: la wellness infatti è energia ma anche recupero della salute dopo infortuni e problemi motori, così come la parola “relax” si declina quest’anno in una scoperta degli approcci olistici e

di forme esotiche di benessere ancora poco note in Italia. Proprio la scoperta di nuove declinazioni dell’attività fisica e del benessere sarà il tema centrale dell’edizione 2013: ad esempio il Pilates vedrà non solo il tradizionale appuntamento con Pilates Junction ma anche la prima presentazione in Italia di tre nuove tecniche provenienti dall’estero: il Piloxing, un training che unisce forza ed eleganza nell’incontro tra pilates, boxe e danza sportiva; il Bokwa, programma cardioenergizzante che vede i partecipanti disegnare con i piedi lettere e numeri mentre si muovono liberamente a ritmo di musica, senza coreografie predefinite; Zumba Sentao, metodo intensivo basato sull’uso di una sedia e di coreografie per rafforzare l’equilibrio cardiovascolare. Da affascinanti realtà esotiche arrivano anche pratiche rilassanti ed energizzanti inedite per l’Italia come il massaggio decontratturante Maori®, il massaggio hawaiano Lomi Lomi, la danza polinesiana Hori Tahiti e la danza Hula Hawaiana, affiancate dalle aree Biovillaggio e Bio Stage/Oasi del benessere, dove si ritroveranno gli operatori delle discipline olistiche e dei prodotti naturali e sarà possibile assistere a varie performance e lezioni di disci-

pline BioNaturali (danza polinesiana, rolfing, danza del ventre, feldenkrais, yoga acrobatico, tai ji quan, yoga della risata...). Infine, nella Relax Zone, le migliori Scuole di Shiatsu, Ayurveda, Riflessologia, Tui Na e Reiki offriranno oltre 1.200 massaggi gratuiti. Punto di congiunzione tra attività fisica e tema della salute sarà poi la presentazione del Rolfing®, il metodo creato dalla dr.ssa Ida Rolf che permette di migliorare la postura in breve tempo e restituisce scioltezza ed elasticità e dona una sensazione di leggerezza. Questa tecnica efficace ottimizza l´allineamento della struttura umana in relazione alla forza di gravità e raffina la percezione del corpo nello spazio circostante. Si attua in un ciclo di 10 sedute, che consistono in una manipolazione del tessuto connettivo - più lenta e profonda di un massaggio - e nella rieducazione a un movimento fluido e corretto. Il tema del recupero della salute avrà poi come appuntamento clou la quinta edizione di Riabilitec, l’unico spazio

71


FIERE ED EVENTI SOMMARIO

espositivo in Italia dedicato alle tecnologie e alla formazione di professionisti della riabilitazione e per il recupero motorio; nella sezione WPRO del salone non mancheranno incontri e dimostrazione tecniche con la presenza di tecnici del movimento, medici, fisioterapisti e massaggiatori. EdiAcademy, partner ufficiale di RiminiWellness per la sezione, proporrà nelle giornate di venerdì 10 e sabato 11 maggio, due importanti congressi. Il primo è dedicato a ´Podologia dello sport, dalla medicina al wellness´, il secondo è incentrato su ´Core stability training´, un sistema di allenamento dei muscoli addominali, il ´core´ appunto, mediante l´applicazione pratica di esercizi al tappeto, con e senza attrezzi, al fine di rafforzare l´apparato muscolare e ripristinare un miglior allineamento posturale. A seguire, sia sabato sia domenica, workshop dedicati alle due tematiche con rilascio di crediti ECM.

Per informazioni: press@riminifiera.it

72

HOSPITALITY BUSINESS

ingresso: operatori e grande pubblico; biglietto: 35 euro (ridotto 25 euro, elettronico on line 24 euro se acquistato dal 2 aprile all’8 maggio) valido tutti i 4 giorni della manifestazione, ingresso gratuito per gli over 65, i minori di 12 anni e i portatori di handicap e accompagnatori; giornaliero intero 25 euro. orari: dalle 9.30 alle 19.00 per tutti, tutti i giorni di manifestazione. Direttore Business Unit: Patrizia Cecchi; project manager: Andrea Ramberti. info espositori: riminiwellness@riminifiera.it; web: www.riminiwellness. com PRESS CONTACT Rimini Fiera SpA, servizi di comunicazione responsabile: Elisabetta Vitali; coordinatore ufficio stampa: Marco Forcellini; addetti stampa Italia - Estero: Nicoletta Evangelisti Mancini, Alessandro Caprio. press@riminifiera.it BARABINO&PARTNER - media consultant stampa nazionale ed estera - tel. 010 272.50.48 Barbara Demicheli b.demicheli@barabino.it – cell.347.4162986, Andrea Scaliti a.scaliti@barabino.it – 349.5341293, Manuela Signorelli m.signorelli@barabino.it - cell. 349 125 38 33 NUOVA COMUNICAZIONE ASSOCIATI - media consultant stampa regionale Cesare Trevisani ctrevisani@nuovacomunicazione.com

Ambient Light Sensor

Personal video recorder

Media Relations: Pragmatika S.r.l. | www.pragmatika.it

Di rilievo, infine, la presentazione del metodo riabilitativo Neurac, presentato da Chinesport, azienda leader nel comparto fisioterapico e nella strumentazione riabilitativa: Neurac si basa sull’uso di funi, fasce e corde, rigide od elastiche per eseguire esercizi di sospensione in grado di migliorare l´interazione muscolare e favorire il recupero della funzione muscolo-scheletrica compromessa. Energia e interiorità, salute e forza della mente: queste dunque le parole chiave di RiminiWellness, che anche quest’anno offre ai partecipanti un quadro senza pari del potenziale offerto a ciascuno dall’incontro di corpo, mente e tecnologia.

COLPO D'OCCHIO SU RIMINIWELLNESS 2013 Organizzazione: Rimini Fiera Spa; con il patrocinio di: Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini, Comune di Rimini.


FIERE ED EVENTI

FIERE ED EVENTI

GITANDO: FIERA di VICENZA PER IL PIACERE CONDIVISO DEL TURISMO Chiusa l’edizione 2013 dei saloni dedicati a turismo en plein air e accessibile: grandi numeri e tante iniziative in partenza

fonte info e immagini: Meneghini & Associati/Press office Fiera Vicenza SpA

74

HOSPITALITY BUSINESS

U

n percorso all’insegna della libertà e del diritto al divertimento condiviso, capace anche di far circolare nuova linfa nella società e nel mercato. Questa la direzione seguita anche nel 2013 da Fiera di Vicenza e da Network Village4All nel dare vita a GITANDO, GITANDO.ALL e GITANDO.SPORT, i saloni del tempo libero, delle vacanze all’aria aperta e del turismo accessibile che quest’anno si sono svolti per la prima volta in contemporanea con

BENè, il classico appuntamento dedicato ogni anno alla tradizione del benessere e alle sue espressioni nella società di oggi e di domani. GITANDO, GITANDO.ALL e GITANDO. SPORT si sono chiusi il 24 marzo con un totale di 262 espositori, 100 buyer internazionali, 200 seller italiani (raccolti all’interno di BIFA-Buy Italy For All, il workshop delle destinazioni accessibili curato da Regione Veneto ed ENIT), e 30.000 presenze complessive (+20% rispetto allo scorso anno). Un impegno profondo e incessante che anche quest’anno ha permesso a

GITANDO.ALL di ottenere la Medaglia di Rappresentanza della Presidenza della Repubblica (concessa dal Capo dello Stato per iniziative particolarmente meritevoli); inoltre Roberto Ditri, Presidente di Fiera Vicenza, ha ricevuto il riconoscimento di Ambasciatore di V4A® e dell'Ospitalità Accessibile per il rilancio dell’immagine dell’Italia. Il legame tra ospitalità, accessibilità e innovazione si è declinato da diversi punti di vista: da quello più strettamente turistico, con ampi spazi di discussione sul rapporto tra miglioramento dell’accessibilità ricettiva e sostegno politico al marketing territoriale, a percorsi creativi basati soprattutto sulle nuove frontiere dell’architettura, fino all’enorme potenziale di positività e sviluppo sociale rappresentato dallo sport. Trait d’union dei saloni è stato soprattutto la terza edizione del MITA, il Meeting Internazionale sul Turismo Accessibile organizzato da Fiera di Vicenza e Regione del

Veneto in collaborazione con Commissione Europea-DG Impresa ed Enat-European Network Accessible Tourism. Durante il Meeting è stato tra l’altro presentato ufficialmente il “Libro Bianco del Turismo”, che definisce le linee di intervento con le quali il turismo accessibile sarà implementato nei prossimi anni sotto la direzione del Comitato per la promozione del turismo accessibile della Presidenza del Consiglio. Centrale in questo senso la “Carta del Turismo accessibile”, sottoscritta dalle istituzioni nazionali e regionali presenti. Si è poi passati a prendere in esame le opportunità di crescita economica che potrebbero derivare da un’efficace comunicazione e organizzazione ricettiva, rivolta specificatamente a turisti con disabilità. A questo intento rispondono anche la campagna ministeriale di comunicazione “Italia Ospitalità per tutti”, rivolta alla promozione delle opportunità che il territorio 75


Digital Marketing

FIERE ED EVENTI SOMMARIO

italiano offre anche ai turisti stranieri con disabilità, e l’impegno finanziario preannunciato dai rappresentanti della Regione Veneto. Attraverso la messa a disposizione di fondi europei sono infatti in programma il recupero e la conversione al turismo accessibile di strutture regionali da tempo abbandonate come le terme di Recoaro, in aggiunta a progetti di formazione e aggiornamento degli operatori turistici regionali sui temi dell’accessibilità. La direzione giusta, dunque, è quella di

una creatività condivisa, che allo scambio di idee affianca il gusto dello sviluppo comune e condiviso di percorsi inclusivi. Anche per questo il tema centrale dei saloni è stato il rapporto tra architettura e tecnologia di progettazione digitale, smart cities ed eliminazione delle barriere architettoniche. Dibattiti ma anche simulazioni, esperimenti tecnologici e messa in mostra di progetti di design antibarriere hanno caratterizzato infatti la quarta edizione di ‘Libero Accesso’ (evento curato da Confartigianato Vicenza), della mostra itinerante ‘Cities for All’ e la novità 2013, il primo ‘Festival della progettazione sociale’. Un salone capace di guardare anche ai giovani, come ha dimostrato infine il successo di GITANDO.SPORT: organizzato in collaborazione con il CONI di Vicenza, GITANDO.SPORT ha raccolto un grande panorama di novità tecniche e di eventi centrati sull’aggregazione nei campi sportivi attrezzati e nelle palestre, e ha avuto a sua volta come appuntamento clou la presentazione del nuovo gruppo di lavoro del Comitato Paralimpico Veneto, con la partecipazione di quattro atleti che hanno partecipato alle Paralimpiadi di Londra (Alessandro Zanardi, Alvise De Vidi, Valeria Zorzetto e Oscar De Pellegrin). I saloni torneranno nel 2014 forti di un successo ormai consolidato e di una funzione sociale riconosciuta anche a livello internazionale, e per l’edizione del prossimo anno il Presidente Roberto Ditri ha annunciato l’adozione di GITANDO.ALL come unico nome dell’evento.

76

HOSPITALITY BUSINESS

Email, Mobile e Social, tutto in una Piattaforma. Inizia subito con il piano gratuito Freemium+

HB

C01

HB

C0

2

Contatti: Tel. 02 45 07 07 90 www.graphicmail.co.it info@graphicmail.co.it


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

- cercare infine di sviluppare le vendite, attraverso azioni commerciali e di marketing mirate, puntando sui segmenti di clientela ritenuti più attrattivi. Oltre a queste componenti di natura prettamente “monetaria” è necessario considerare un secondo gruppo di elementi, di natura “non monetaria”, più difficilmente inquadrabili (e quantificabili), il cui impatto però, in condizioni di elevata inefficienza, potrebbe essere molto rilevante: stiamo parlando dei “costi opportunità”. I costi opportunità rappresentano quell’insieme di “costi non monetari” che corrispondono a mancati ricavi di vendita della struttura ricettiva: non sono voci “iscritte a bilancio”, non sono rinvenibili in alcun documento contabile/fiscale (es.: fattura di acquisto) ma sono comunque poste che, per la loro specificità, finiscono con il gravare sul risultato reddituale della struttura, e pertanto meritano di essere rilevati, quantificati e valutati in termini di impatto sulla redditività complessiva.

PILLOLE DI

“CONTROLLO DI GESTIONE ALBERGHIERA”

MAURIZIO NARDI My-Costpar ©

78

HOSPITALITY BUSINESS

I

QUEI COSTI CHE NON SAPEVATE DI AVERE …

l manager alberghiero, al fine di poter massimizzare i margini di redditività “reale”, deve quotidianamente operare seguendo (e perseguendo) una serie di semplici principi economico-aziendali: - cercare di saturare la capacità produttiva, puntando a “spalmare” i costi fissi (strutturali) sul maggior numero possibile di camere vendute; - cercare di vendere a tariffe che consentano “al minimo” la copertura integrale

dei costi variabili (marginali) sostenuti per la vendita; - cercare di sviluppare al meglio le attività di Business a maggior margine di contribuzione individuale, privilegiandole su quelle a minor tasso di redditività; - cercare di rendere il più possibile “efficienti” le strutture di supporto interne all’albergo non direttamente funzionali alla produzione di reddito (es.: le strutture amministrative, le strutture commerciali, i front-office di supporto alla clientela);

Entriamo nel dettaglio del mondo alberghiero e cerchiamo di identificare gli eventi che possono generare “costi opportunità”: - no show: clienti che prenotano un determinato soggiorno e che non si presentano, senza preventivo annullamento; - rifiuti per tariffa: clienti che, all’atto di una richiesta di prenotazione, ricevono una proposta tariffaria ritenuta eccessiva, che si traduce in un rifiuto; - rifiuti per occupazione: clienti che, all’atto di una richiesta di prenotazione, si vedono respingere la stessa dalla struttura per indisponibilità del servizio richiesto; - partenze anticipate: clienti che anticipano per ragioni personali la partenza rispetto alla data target di check-out fissata all’atto della prenotazione; - riduzioni tariffarie per “claims”: clienti che, per effetto di una serie di ragioni (servizio non in linea con la richiesta o con le aspettative, qualità inferiore alle attese, dotazioni accessorie richieste non previste

etc …), effettuano una lamentale “ufficiale” nei confronti della direzione e, pur volendo giungere a fine soggiorno e saldare quanto dovuto, richiedono uno sconto non trattato all’atto della prenotazione; - spoilage: si verifica quando una parte della capacità produttiva richiesta ad una tariffa discount rimane invenduta (in quanto si è cercato di venderla, ad ogni costo, ad una tariffa più alta); - spillage: si verifica quando si rifiuta una richiesta di prenotazione a tariffa elevata poiché la capacità produttiva è già stata saturata con prenotazioni raccolte a tariffe discount (più basse); - riprotezioni: si verificano quando è necessario inviare un cliente, con regolare prenotazione, presso altra struttura parilivello (con cui abbiamo accordi di reciprocità), in quanto, avendo operato in overbooking, al cliente è stata venduta una camera in “assenza di disponibilità”. Tutte queste situazioni, di normale (purtroppo) accadimento in ambito alberghiero, vengono normalmente tracciate e monitorate con particolare accuratezza nel cuore dei processi di Revenue Management: sono infatti elementi che contribuiscono (assieme a molte altre informazioni storiche) a delineare le politiche tariffarie che saranno applicate ai segmenti di clientela aggrediti. Ma in termini economico-aziendali come sfruttare queste informazioni ? Come valorizzarle ? Come analizzarne l’andamento ? In prima battuta sarà necessario dare ad ogni singolo evento di queste tipologie una valorizzazione economica, banalmente attribuendo come valore la complessiva perdita di fatturato che il singolo evento risulta aver generato. Facciamo un banale esempio: il sig. Mario Rossi prenota una camera per il giorno 25 dicembre alla tariffa HB di 100 euro, pagamento anticipato “senza restituzione” a garanzia all’atto della prenotazione del 30%. Il sig. Mario Rossi il 25 di-

79


NEWS DALLE AZIENDE

cembre non si presenta (no show): l’albergo perderà le 100 euro relative alla prenotazione al netto delle 30 già incassate a garanzia. Il valore di costo opportunità attribuibile a tale item sarà dunque pari a 70 euro (100 euro – 30 euro = 70 euro). A questo punto, con cadenza mensile, sarà possibile aggregare i valori attribuiti ai singoli eventi e produrre una semplice tabella riassuntiva come quella sopra riportata (a titolo di esempio). Sarà cioè possibile, su base mensile, identificare il volume complessivo di costi sostenuti e del fatturato conseguito oltre ai costi opportunità verificatisi: questi ultimi potranno essere rapportati ai costi complessivi (Incidenza su base costi = (Costo Opp.tà / Costo Totale) * 100) o ai ricavi complessivi (Incidenza su base fatturato = (Costo Opp. tà / Fatturato Totale) * 100). [P.S.: gli indici di Efficienza sono pari a 100 % – il valore di Incidenza] generando gli Indicatori di Incidenza/Efficienza riportati in esempio. Non è importante il “valore assoluto” (volume) dei costi opportunità rilevati ma l’incidenza degli stessi sui Costi Totali e/o sul Fat-

80

HOSPITALITY BUSINESS

turato Totale: quello che ci aspettiamo è che l’indice di Incidenza decresca (ovvero l’indice di Efficienza cresca e si avvicini alla soglia ottimale del 100%) perché ciò identifica una riduzione del peso delle inefficienza dovute ai fenomeni di “mancata opportunità di fatturato” (l’esempio sopra riportato esprime proprio questo risultato). Ove invece, nel tempo, l’incidenza dovesse crescere (dunque l’efficienza decrescere ed allontanarsi dalla soglia ottimale del 100%) allora il peso delle inefficienze risulterebbe crescente, dunque sarebbe necessario intervenire prontamente con azioni di marketing, organizzative o di controllo finalizzate a contenere queste situazioni (ad esempio migliorando i processi di costruzione delle classi tariffarie mediante una più attenta politica di Revenue Management, gestendo in maniera più razionale e meno sfrontata le oramai consuete prassi di over-booking / over-selling, interfacciando infine la clientela più attentamente, proattivamente e con maggiore cura mediante azioni ben studiate e periodicamente ripetute di Customer Satisfaction).


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

condo maggiore incasso di sempre nella storia del cinema indiano, con 400 milioni di spettatori in tutto il mondo. Insomma, un’ottima pubblicità per la Puglia, il Gargano e per l’hotel in un paese, l’India, che ha una classe medio-alta con elevato potere di spesa che conta per circa il 10% della popolazione (parliamo quindi di oltre 80 milioni di potenziali “clienti”).

Antoitalia cresce ancora con Baia dei Faraglioni Beach Resort Il gruppo immobiliare si aggiudica la gestione dell’esclusivo hotel 5 stelle lusso sul Gargano A cura di Direzione marketing e comunicazione Antoitalia

D

opo San Pietro all’Orto 6 Luxury Suites a Milano e Golden Palace Hotel a Torino, un altro simbolo dell’hospitality italiana entra a far parte del gruppo immobiliare Antoitalia: l’hotel 5 stelle lusso Baia dei Faraglioni Beach Resort di Mattinata (Foggia), in Puglia (www.baiadeifaraglioni.it). Il Baia dei Faraglioni sorge a picco sul mare del Gargano in una delle più belle baie d'Italia, la baia delle Zagare, nel cuore del Parco Biogenetico di Monte Barone. Davanti alla spiaggia di ciottoli, raggiungibile direttamente dall’albergo grazie all'ascensore ricavato nelle bianche pareti rocciose o percorrendo una panoramica scalinata, si ergono gli imponenti Faraglioni, icona del mare della Puglia. L’hotel dispone di

82

HOSPITALITY BUSINESS

91 camere, di cui 22 suite, due ristoranti, tre bar, sala convegni, centro benessere, piscina e spiaggia privata. L'eleganza della struttura e degli interni, la location privilegiata e il livello dei servizi offerti lo rendono uno dei più prestigiosi hotel della Puglia.

Piergiorgio Mangialardi, senior partner in Antoitalia e presidente del Golden Palace di Torino, e Fabio Vigitello, direttore del Golden Palace, dopo aver contribuito al rilancio del 5 stelle lusso torinese, riaperto a giugno 2012, si apprestano quindi a portare lo stesso concetto di ospitalità e professionalità italiana nell’esclusivo resort pugliese. “L’operazione sull’hotel Baia dei Faraglioni”, spiega Mangialardi, “si inserisce nell’ambito di una strategia che il gruppo immobiliare Antoitalia sta perseguendo da alcuni anni con la propria divisione Hospitality. Una strategia che punta alle eccellenze del turismo italiano attraverso una presenza diretta nella gestione e, ove possibile, come accaduto per Golden Palace, anche nella proprietà”.

gionalizzando il più possibile la struttura con offerte e promozioni specifiche. Rivolgendosi soprattutto a coppie e single che intendono rigenerarsi dalle fatiche quotidiane in pieno relax, tra spiaggia, spa e piscina, o a coppie che vogliono regalarsi un week-end romantico nella natura del parco del Gargano”. L’hotel ha inaugurato la nuova gestione a fine marzo 2013 con un’apertura straordinaria per Pasqua. L’apertura ufficiale è prevista per fine aprile, con “special package” per il ponte 25 aprile-1 maggio e “Spring package” settimanali a tema validi sino a inizio giugno. Chiediamo a Fabio Tonello, presidente di Antoitalia, di spiegarci l’evoluzione di Antoitalia da boutique di intermediazione immobiliare per grandi immobili al gruppo diversificato di oggi. “Antoitalia è nata a inizio degli anni Duemila come società di consulenza e intermediazione immobiliare specializzata nella compravendita di immobili cielo-terra e portafogli immobiliari”, spiega Tonello, “mettendo assieme l’esperienza ventennale in questo ambito

Prosegue Mangialardi: “Per Baia dei Faraglioni l’obiettivo è l’ampliamento della clientela, introducendo il concetto di “lusso accessibile”, e l’ampliamento del periodo di apertura oltre l’estate, desta-

La zona a ridosso di Baia dei Faraglioni negli ultimi anni ha fatto parlare di sé per essere stata scelta come set da alcune produzioni cinematografiche indiane, tanto da meritarsi il soprannome di “Baia di Bollywood”, dal nickname con cui si indica il cinema indiano (Bombay + Hollywood), seconda industria cinematografica del mondo dopo quella americana. Dopo che un film indiano nel 2008 ha scelto la baia come location, altri ne hanno seguito l’esempio. E sul promontorio e nell’hotel Baia dei Faraglioni è stato girato nel 2010 il kolossal “Housefull”, pellicola uscita in 750 sale dell’India che ha realizzato il se83


NEWS DALLE AZIENDE

mia e degli altri soci fondatori. L’obiettivo però era quello di diventare un full service provider per il mondo immobiliare, in grado di fornire servizi di alto livello in tutti gli ambiti del real estate, a clienti aziendali e istituzionali e ad una clientela privata sofisticata. Nonostante la crisi del mercato immobiliare abbiamo continuato a perseguire una crescita “orizzontale”, sfruttando la nostra leadership nel segmento “trophy asset”, creando nuove società e alleanze strategiche con altri operatori. Oggi quindi possiamo parlare di “gruppo” Antoitalia, un gruppo in grado di soddisfare le esigenze più specialistiche e diversificate in campo immobiliare, ottimizzando in questo modo il valore per il Cliente. Le nostre business unit offrono servizi di agency, advisory, valutazione, property management, engineering & construction, interior design, anche in segmenti di “nicchia” come l’high-street retail, vale a dire la ricerca di location per flagship store, e l’hospitality.

Nel settore hospitality siamo entrati creando con Piergiorgio Mangialardi una società di consulenza e intermediazione dedicata all’immobiliare turistico-alberghiero. Piergiorgio veniva da un’esperienza ultradecennale nel settore alberghiero, sia come consulente e formatore che come direttore di hotel, e in questo modo abbiamo messo a fattor comune le rispettive competenze. Siamo stati i primi a proporre a Milano la soluzione dei luxury serviced apartments “firmati” da un nome famoso, con San Pietro all’Orto 6, nel quadrilatero della moda milanese, per il quale siamo esclusivisti per la vendita. Crediamo nel turismo come risorsa fondamentale per il nostro paese, risorsa che ha molte potenzialità ancora da sviluppare. Abbiamo deciso di puntare sul turismo scegliendo di avere un coinvolgimento diretto nel settore hospitality, sia come “gestori” di hotel e luxury serviced apartments, sia come investitori, come nel caso del Golden Palace di Torino. Sempre mantenendo come punto di riferimento l’eccellenza, che per noi è il fil-rouge che collega tutte le nostre attività”.

Contatti: Antoitalia via Fatebenefratelli 19 | 20121 Milano T 02 2901 3497 | info@antoitalia.it

84

HOSPITALITY BUSINESS

85


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

ta un’oasi in cui ricaricare le energie, ossigenare la mente e il corpo, quindi “senza perdere le buoni abitudini” anche fuori casa, soprattutto quelle alimentari. La stanza in cui soggiorniamo o lavoriamo ci dà dunque il “benvenuto”, ma ha bisogno essa stessa di rifarsi periodicamente “il trucco”: ciò che può fare la differenza è ancora il valore della qualità, che passa da branding & innovation, intesi come sviluppo dell’offerta e del servizio di Hospitality, con proposte commerciali di prodotti per esigenze specifiche, soprattutto nutrizionali. Qualità e specificità risentono molto meno della concorrenza e della crisi, grazie ad effort mirati in area Ricerca e Sviluppo.

VOGLIA DI PRIMAVERA CON FAS ITALIA: FILOSOFIA DI GUSTO E BENESSERE Le nuove offerte di Fas Italia fra branding e innovation nell’industria dell’ospitalità

Patrizia Capuano Fas Italia srl www.minibarhotel.it 86

HOSPITALITY BUSINESS

È

iniziata la bella stagione, che porta con sé voglia di rinnovamento; cambiano i ritmi, anche del nostro organismo “in vacanza”, premiando stili di vita e alimentari più leggeri e dinamici. Naturalmente le imprese dell’Hospitality Industry non stanno a guardare, consapevoli che “l’utenza” è sempre più esigente quando sceglie una location, business o leisure che sia, e si dirige verso soluzioni capaci di sod-

disfare insieme diversi requirements e passioni.

Hospitality Industry e Smart Food, curiosando fra minibar e buffet in camera Con la crescita della cultura del cibo e del mangiar sano, c’è la voglia di trovare un nuovo stile, scoprire nuovi sapori senza rinunciare al gusto e fare il pieno di energia, benessere, beauty & fitness, alimentazione naturale. Il “peccato di gola” è da sempre uno degli assoluti protagonisti dei momenti di relax al rientro in hotel, dopo una promenade alla scoperta di un territorio,

nuove morfologie, architettura e cultura di mete affascinanti del turismo del nostro Bel Paese. Anche il minibar può essere “gourmand”. FAS ITALIA, forte dell’esperienza e delle quote di mercato nel suo segmento, risponde proprio a queste richieste e propone una moderna, assortita boutique dello snack da Minibar. Il nome FAS-ITALIA, azienda nota in particolare per gli esclusivi brevetti FRIGOBAR e MINIBAR, è sinonimo di qualità e ricerca nel segmento delle Forniture alberghiere: un legame imprescindibile da due generazioni che colgono opportunità e innovazione, selezionando con cura e tradizione d’impresa fra i vorticosi meccanismi di un mercato globale, diversificando oggi l’offerta dell’azienda attraverso la fornitura di articoli per la linea Food & Beverage per Minibar. Viziàti di leggerezza Prendendo un po’ le distanze da un concetto di alimentazione moderna per forza ricca di prodotti raffinati, zuccheri, grassi saturi e povera di fibre, FAS ITALIA privilegia con il suo catalogo i prodotti naturali, ad alta digeribilità e basso colesterolo, come dessert, snack e bevande arricchiti con vitamine e proprietà benefiche e

Gli stessi sociologi affermano che la nostra vita si svolge in tre ambienti: casa, ambiente di lavoro e luoghi in cui occupiamo il nostro tempo libero. Secondo recenti studi di architettura e sociologia, anche l’ufficio può diventare uno spazio di “benessere produttivo”, area di lavoro stimolante in cui operare con più trasporto, energia e realizzazione personale; quello del “tempo libero” è a sua volta ciò che per noi rappresen87


NEWS DALLE AZIENDE

nutrizionali, in una sorprendente varietà di gusti, anche 100% vegetali; linee monoporzioni wellness & fitness, pre & after dinner, ma soprattutto Bio!

Un incontro sotto il segno della qualità e della professionalità. Una squadra al vostro servizio

Oggi FAS ITALIA individua ed esalta i punti di contatto e di equilibrio fra snack, dessert golosi e requisiti nutrizionali per un’alimentazione sana e naturale: filosofia di gusto e benessere, senza trascurare esigenze dietetiche, come l’intolleranza al glutine o la severa limitazione all’assunzione di zuccheri o sostanze di origine animale. Ma il successo di un buon prodotto sta certamente anche nella sua presentazione: per questo sul nuovo sito www. prodottiperminibar.it troverete marchi noti, autentici leader nella produzione e commercializzazione di prodotti alimentari e di packaging design.

L’offerta di FAS Italia rappresenta quindi una nuova tendenza, una sorta di Food-Life Balance, ma anche un’occasione in più per prenderci cura di noi stessi; suggerisce un’interazione armonica per rendere il soggiorno dei vostri ospiti e la vostra offerta di servizi (di ospitalità) un’esperienza di successo e di soddisfazione, per il bene dell’utenza e della vostra impresa, grazie a contenuti innovativi e attuali per il mondo della ristorazione extra-domestica e dell’ Hotellerie .

È TEMPO DI INFUSOMANIA! Accanto ai bollitori dalle linee moderne FAS ITALIA propone una linea esclusiva di infusi e bevande naturali che è un invito a percorsi nuovi, fra sapori, profumi e colori naturali. I ricercati prodotti dedicati a Centri Benessere & Wellness sono protagonisti di momenti diversi di consumo, pre & after dinner: la collezione Hotellerie “Meridiani” nasce dalla infusione di raffinate sostanze vegetali, fiori e piccole porzioni di frutta disidratata; la scelta è tra miscele classiche ai frutti di bosco e miscele più originali a base di frutta esotica, come gemme in un prezioso bouquet che rendono ancora più piacevole l’esperienza di un soggiorno, di un trattamento benessere o di un momento di relax dopo una giornata trascorsa in campo da golf.

www.fas-italia.it

V O N

À T I

Il primo BIO per FRIGOBAR

Oltre all’evidente innovazione, il vantaggio dell’offerta di FAS ITALIA è quello di poter completare in un unico passaggio tutte le tappe del rafforzamento della corporate identity attraverso il lancio di una nuova linea, affidandosi ad un unico team di professionisti che assicurerà la coerenza stilistica necessaria al progetto, curando l’inserimento dei prodotti e la formazione del personale dall’inizio alla fine. La nuova linea Food & Beverage di FAS ITALIA consente di rinnovare la propria immagine, attraverso un restyling della visual identity che renderà più attraente l’azienda alberghiera agli occhi dei clienti, fornendo gli strumenti per puntare su Sviluppo e Crescita. In questo caso, la consulenza del provider sarà utile per focalizzare gli obiettivi del cambiamento e realizzarli in tempi brevi, coniugando l’ottimizzazione dei processi interni con il miglioramento del servizio. NON RESTERETE A BOCCA ASCIUTTA!

Espositori per una

prima colazione

PRATICA e VELOCE

Soluzioni personalizzate, su misura, per il buffet della prima colazione

INFINITE COMBINAZIONI

Vai incontro alle esigenze dei tuoi clienti, diversifica la tua offerta per minibar con prodotti BIOLOGICI e per CELIACI

Anche per la sala colazione! www.prodottiperminibar.it

www.catering-buffet.it

FAS ITALIA S.R.L. Via Fabroni, 54R - Firenze - Tel. 055 470536 - Fax 055 474345 - P. IVA e C.F. 06061000482 www.forniture-alberghiere.biz - info@fas-italia.it 88

HOSPITALITY BUSINESS


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

nell’ambito dei network e delle catene alberghiere, dove gli standard e i criteri di appartenenza vengono fissati a priori dal solo “produttore” in totale scollegamento con la qualità effettivamente percepita dagli ospiti, con GECOHOTELS è l’opinione del consumatore finale a decidere quali saranno le strutture che possono entrare a far parte del network e se possono restarci nel tempo.

GECOHOTELS:

crescono i consensi per il network dell’affiliazione alberghiera Il portfolio degli affiliati sale a quota 28: 6 nuove acquisizioni nei primi mesi del 2013

È

ta un totale di 28 strutture. “Si tratta di un risultato importante che premia il carattere rivoluzionario del nostro progetto”, ha dichiarato Marco Fabbroni, Amministratore Unico GECO srl: “le strutture hanno capito la nostra filosofia e la sposano appieno, apprezzando la concretezza e la trasparenza di GECOHOTELS ed entrando a far di parte di un network che si basa sul mercato e sul giudizio del consumatore finale”.

Con i nuovi affiliati GECOHOTELS con-

GECOHOTELS ha rivoluzionato il concetto di affiliazione spostando il baricentro di osservazione dall’angolo visuale del produttore a quello del consumatore. Una vera e propria rivoluzione copernicana. A differenza, infatti, di quanto avviene normalmente

partito con la marcia giusta il nuovo anno di GECOHOTELS, il network che ha stravolto completamente il vecchio concetto di affiliazione alberghiera, ponendo l’ospite al centro di essa. Nel 2013, infatti, sono già 6 le nuove strutture affiliate che vanno ad unirsi al gruppo: Hotel del Campo a Matera, Grand Hotel Excelsior di Chianciano Terme, Relais Borgo Petrognano a Barberino Val d’Elsa e Villa Brignole a Monteaperti, Art Hotel Boston a Torino e Podere Le Meraviglie a Poggibonsi.

90

HOSPITALITY BUSINESS

Spiega ancora Marco Fabbroni: “Non ha importanza che si tratti di un albergo di “alta” categoria o di un agriturismo, di un residence o di una dimora storica o di un semplice B&B. Quello che conta realmente per l’Ospite è l’arricchimento umano e culturale e la soddisfazione dei propri veri bisogni che ottiene soggiornando in quella struttura. Oggi il viaggiatore può esprimere la sua opinione e farla conoscere a tutti coloro che stanno pensando di soggiornare in quel luogo attraverso strumenti trasparenti e potentissimi come i social network del turismo e, così facendo, può contribuire in modo determinante al successo di quell’azienda. In definitiva chi possiede le caratteristiche per aderire a questo network e decide

di farlo, certifica agli occhi del mercato una visione dell’ospitalità che non potrà non portarlo al successo”. Con la sua attività di selezione delle strutture meritevoli e con un’intensa attività commerciale e di comunicazione sia verso il mercato finale, sia verso gli Operatori di settore (TO, Agenzie, Aziende, ecc), GECOHOTELS – Chosen by Travellers mette ulteriormente in risalto le ragioni di eccellenza degli albergatori che, meritoriamente, fanno della capacità di accoglienza l’arma vincente del loro successo. Come funziona GECOHOTELS Gli hotel vengono selezionati da GECO sulla base della loro Web Reputation. ReviewPro, azienda partner di GECO, infatti, raggruppa e sintetizza, in un ranking estremamente fruibile dal mercato, milioni di commenti che si trovano su oltre 100 sistemi di recensione online in tutto il mondo, in oltre 35 lingue, tra le agenzie di viaggio online più importanti (OTA), pagine web e piattaforme online. L’azienda fornisce analisi, customer intelligence, bench-

91


NEWS DALLE AZIENDE

marking competitivo e le informazioni necessarie per gestire il monitoraggio della reputazione online sui principali comparti del servizio alberghiero. Proprio in base al “punteggio di web reputation” stabilito da ReviewPro, e quindi secondo un criterio scientifico e oggettivo determinato dal giudizio dei consumatori finali, GECO può valutare la soddisfazione dei clienti e scegliere le strutture meritevoli di far parte del Network. Così facendo GECO si propone di dare una risposta efficace e convincente a tutti gli albergatori che conoscono gli svantaggi di restare isolati e vorrebbero entrare a far parte di un gruppo apprezzato dai clienti e dagli operatori ma che, allo stesso tempo, non vedono il vantaggio di aderire a marche, catene e affiliazioni incentrate su sistemi di valutazione basati sugli standard di prodotto e servizio e con richieste economiche molto elevate e che, soprattutto, tendono a ridurre gli spazi di autonomia dell’imprenditore, riducendolo a mero esecutore dei manuali di procedure della catena.

Una volta entrata nel network la struttura può usufruire dei servizi di consulenza offerti da GECO quali la rappresentanza in sede ETOA (European Tour Operator Association), partecipazione a oltre 40 tra fiere e Workshop nazionali e internazionali, servizio di centro prenotazioni con numero verde (800-HOTELS – 800 468357), segreteria commerciale per l’assistenza nella contrattazione con gli operatori e online booking engine a transazione sicura con pagamento diretto in albergo. La mission di GECO consiste nell’affiancare le strutture ricettive nella loro promozione commerciale per raggiungere importanti obbiettivi di sviluppo di fatturato che da sole difficilmente potrebbero ottenere. Il vantaggio per le strutture che si affidano a GECO è triplice: un significativo risparmio sui costi di promozione fruendo di alte professionalità, il beneficio di poter permettere al proprio personale di dedicarsi esclusivamente alla cura del cliente, e soprattutto la forza di un network molto apprezzato dagli operatori del settore.

Condividi il progetto geCohotels? Vuoi inserire il tuo hotel? Chiedici come sales@gecohotels.com +39 055 26 78 001

92

HOSPITALITY BUSINESS


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

check-in, giorni di permanenza e tasso di occupazione, per esempio. Inutile meravigliarsi del fatto che un hotel che applica i classici listini di alta e bassa stagione non riesca più ad allungare l’alta stagione! Un nuovo approccio ai problemi dell’hotel In genere li chiamiamo problemi, ma possono rivelarsi delle opportunità. Affiancare alla tradizionale vendita offline quella diretta, tramite il booking sul sito o su Facebook, e quella intermediata dalle OTA - sul cui numero è meglio non farsi prendere la mano - ha complicato non poco la vita, soprattutto a coloro che non sono nativi digitali.

5stelle*: finalmente il low cost arriva anche in reception

Il rischio dietro l’angolo è quello di infrangere, involontariamente s’intende, la temuta parity rate, o incorrere nell’overbooking - anche se quest’ultimo è tutto sommato un bel problema. Gli hotel, quelli italiani in particolar modo, che possiedono spesso strut-

ture organizzative semplici e risorse limitate, sono costretti a saltellare da un portale all’altro modificando disponibilità e prezzi senza tuttavia perdere di vista il planner. Che fatica! In questo contesto nasce 5stelle*, la cui innovazione sta nelle ragioni del suo sviluppo. 5stelle* aiuta l’albergatore a vendere meglio e di più, ovviamente online! I software tradizionali debuttano sul mercato negli anni Ottanta con lo scopo di automatizzare la reception; nel corso degli anni si sono adeguati alle nuove esigenze, ma sempre tenendo ferme le loro radici funzionali. 5stelle* nasce nel 2008, nel pieno del boom di Venere, Booking.com & company e del conseguente tentativo di disintermediare; è quindi normale che il primo obiettivo che ci siamo posti sia stato quello di creare uno strumento di gestione della complessità della vendita.

Oggi esistono soluzioni software altamente professionali alla portata di tutti. The Hospitality Partner ha puntato sul mondo del turismo con l’obiettivo di far crescere la cultura dei suoi hotel clienti e renderli il più possibile autonomi.

L

e nuove esigenze dei tuoi clienti: tecnologia e flessibilità

Internet ha cambiato tutto! Lo dicono gli albergatori, che si sono trovati ad affrontare una vera e propria rivoluzione sulla pelle: hanno scoperto di avere concorrenti che prima non conoscevano, anche lontanissimi; hanno dovuto fare i conti con le recensioni online e con la loro influenza sui ricavi dell’hotel; infine, hanno scoperto di dipendere dalle OTA, senza le quali la vendita online, e quindi i fatturati, sarebbe un disastro!

94

HOSPITALITY BUSINESS

Le regole del gioco sono cambiate perché sono mutate le esigenze dei clienti. Tecnologia e flessibilità sono le parole d’ordine. La tecnologia consente di ricercare, valutare e acquistare in rete la vacanza. L’hotel non può ignorare i cambiamenti che la tecnologia ha introdotto nella vita di tutti i giorni: sito, booking engine e OTA rappresentano oggi un must. La flessibilità, quella che più destabilizza gli albergatori tradizionalisti, riguarda l’applicazione di politiche di prezzo variabili, che tengano conto della concorrenza allargata, ma anche di una serie di parametri tecnici: data di 95


FIERE ED EVENTI

Alcuni esempi? - L’hotel utilizza per tutta la vendita online un unico strumento. Tableau, booking engine e portali vengono gestiti dalla stessa interfaccia. - Le prenotazioni online vengono inserite sul planner e i dati del cliente caricati in anagrafica. - Al variare della disponibilità, 5stelle* aggiorna il numero delle camere in vendita online. - L’hotel può creare direttamente nel gestionale i suoi pacchetti e renderli subito disponibili sul suo sito. - 5stelle* gestisce in autonomia prezzi dinamici su OTA e sito: basta dirglielo! Ovviamente, 5stelle*, il cui pay-off italiano recita “gestionale completo per hotel”, possiede tutto quello che serve per la gestione della reception. Lo testimonia il fatto che oggi sia utilizzato da 300 strutture alberghiere, dalle piccole strutture di charme fino alle 115 camere di uno dei più noti hotel di Rimini. In mongolfiera, come nella reception del tuo hotel 5stelle* nasce nell’era di Internet e non poteva che essere Web. Sviluppato in linguaggio Java, il programma è utilizzabile con il semplice collegamento a Internet da casa o, come recita una nostra recente campagna, anche “in mongolfiera”. Questo aspetto è particolarmente apprezzato dagli albergatori; la vendita online non chiude mai e poter gestire il tableau dell’hotel - o degli hotel, nel caso di multi-gestioni - ovunque ci si trovi, semplifica davvero la vita, soprattutto in un periodo nel quale non

96

HOSPITALITY BUSINESS

ci si può permettere di abbassare la guardia. 5stelle* da Internet ha ereditato anche altri punti di forza. I dati, ad esempio, sono sempre al sicuro sui nostri server - sono salvati più volte al giorno; se vi cade il portatile, ne acquistate un altro e in 2 minuti riprendete a lavorare da dove avevate interrotto. Un altro aspetto importante riguarda l’assistenza. Se il nuovo receptionist ha bisogno di aiuto, un nostro hospitality specialist si collegherà direttamente al tableau, proprio come se fosse in reception. Tutta un’altra storia! 5stelle*, high performance ad un prezzo low cost Nessun costo di licenza né limitazione sul numero di utenti che lo utilizzano balzelli tipici dei software tradizionali. L’hotel paga solo un canone annuale onnicomprensivo di hosting, assistenza e manutenzione. Le nuove release con le migliorie, le nuove funzioni o gli aggiornamenti di legge, come ad esempio la recente city tax, sono compresi nel prezzo. Fino alla fine di maggio è attiva la promo All Inclusive: un hotel di 60 camere, ad esempio, può acquistare il gestionale completo comprensivo di vendita sul sito e connessione a 3 portali OTA a sua scelta con soli 1.500 euro/anno. La promo comprende anche configurazione e formazione online. In media, l’hotel è attivo in una settimana, ma è possibile abbreviare ulteriormente i tempi. Il confronto con i software tradizionali va oltre il semplice costo del pacchetto. Ad esempio, 5stelle* non richiede particolari investimenti hardware: l’hotel non ha più bisogno di acquistare un server per la reception. 5stelle* è semplice anche nel prezzo.

97


NEWS DALLE AZIENDE SOMMARIO

METAL LUX: DA 40 ANNI L’ILLUMINOTECNICA DEL FUTURO

A

Torreselle di Piombino Dese (PD), nel cuore del Distretto veneto dell'illuminazione e in un ambiente naturale di alto pregio caratterizzato dalla presenza di importanti corsi d'acqua e da colture ortofrutticole DOP, è operativa Metal Lux, azienda che con orgoglio è giunta al traguardo dei 40 anni di storia e ha maturato in questi anni l’operatività e la presenza necessarie per proporre soluzioni di illuminazione caratterizzate da

98

HOSPITALITY BUSINESS

prezzi competitivi, tempi di lavorazione ridotti e costante capacità di aggiornamento tecnologico, qualità particolarmente importante nel settore dell’illuminotecnica. Le modificate condizioni di mercato hanno inoltre spinto Metal Lux a dar vita ad un nuovo indirizzo produttivo orientato alla realizzazione di articoli su misura destinata al settore dell'ospitalità e all'abitativo di alto livello. Nuovi articoli su richiesta del committente vengono progettati e realizzati impiegando i più avanzati sistemi di progettazione e

attrezzature per la lavorazione del metallo di ultima generazione. Metal Lux nel 2012 si è dotata di un impianto fotovoltaico di 366 KW che garantisce la quasi totale autonomia del fabbisogno energetico.L'impianto fotovoltaico posizionato sul tetto della propria struttura produttiva è composto da 1600 pannelli fotovoltaici e garantisce la mancata emissione di 220 tonnellate annue di CO2. Da sempre presente nei maggiori mercati internazionali grazie ad una forte rete commerciale ed espositore fin dagli anni '70 nelle più qualificate fiere del settore, Metal Lux ha saputo dunque innovare e rinnovarsi costantemente, dando vita a prodotti di alta qualità e design con l'apporto di una nutrita schiera di maestranze altamente specializzate nelle diverse operazioni di artigianato.

Per informazioni: http://www.metalluxlight.com email: info@metalluxlight.com Metal Lux Via Piave 35 35017 Torreselle di Piombino Dese (PD) ITALIA Tel: +39 049 5746067 Fax: +39 049 5746206

99


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

di arredamento. Offre infinite possibilità di colori, decorazioni e finiture che possono soddisfare le necessità del cliente e rendere il pavimento o il rivestimento unico. ∙ Rinnovo economico e veloce: Una superficie in resina può essere sempre rinnovata e a costi contenuti poiché può essere riportata allo stato originale o modificata nella finitura con un semplice passaggio. In questo senso il pavimento in resina è ideale per spazi dedicati ai servizi di hospitality.

Resina Design ®: un mondo poliedrico per le finiture d’interni Esploriamo le possibilità tecniche e creative della resina, il materiale perfetto per ristrutturazioni e complementi d’interno a cura di: Resina Design

R

esina Design® è la sintesi fra tecnologia ed eleganza nel mondo delle finiture e dei complementi d’interno. L’esperienza maturata in quindici anni d’attività e la continua volontà di sperimentazione collocano RD S.r.l. e il marchio Resina Design® ai massimi livelli di qualità e prestazione nel settore delle superfici continue. Ma che cos’è esattamente la resina e quali sono i vantaggi dell’utilizzo di questo materiale, anche nelle strutture alberghiere? La resina è un materiale di rivestimento comunemente usato in edilizia sia in

100

HOSPITALITY BUSINESS

ambito civile che industriale. In realtà si deve parlare più esattamente di resine, poiché esiste una varietà di composti chimici, che vanno sotto questo nome, dotati di caratteristiche diverse che li rendono potenzialmente adatti a rispondere a un’infinità di esigenze specifiche in diversi settori applicativi. Le resine sintetiche sono utilizzate nei più diversi campi di applicazione, dall’aeronautica all’elettronica, all’edilizia, all’industria automobilistica, alla produzione di gioielli e oggetti d’arredo; i vantaggi portati dall’utilizzo di questo materiale sono numerosi:

∙ Rifacimenti a costi contenuti: I pavimenti in resina possono essere realizzati sopra a pavimentazioni esistenti consentendo un notevole risparmio di tempi e costi di cantiere. Offrono la possibilità di interventi che possono essere rapidi e circoscritti ad aree specifiche su indicazione della committenza, senza risultare invasivi per le aree non interessate dai lavori.

lavorazione che a intervento ultimato. Inoltre un pavimento o rivestimento in resina si presenta come una superficie impermeabile senza fughe né fessure. Permette una maggiore rapidità nella pulizia e un' igiene superiore rispetto ad altre superfici classiche, non richiedendo inoltre l'utilizzo di prodotti particolari. ∙ Libero sfogo alla fantasia: la resina, pigmentabile e modificabile con l'interposizione di cariche di varia origine, può soddisfare qualsiasi tipo di richiesta. Dobbiamo immaginarci le superfici come delle grandi tele sulle quali creare atmosfere in grado di accogliere le esigenze del cliente. Complementi d’arredo in resina per dare libero spazio alla fantasia! Tavoli,

∙ Rispetto dell’ambiente e massima igiene: l’ utilizzo di resine all’acqua o solvent free mantiene l’ambiente privo di agenti nocivi sia durante la

∙ Estetica ed eleganza: Un rivestimento in resina è altamente personalizzabile secondo i propri gusti e il tipo 101


NEWS DALLE AZIENDE

tavolini, pannelli decorativi, vasellame, posateria, lampade etc. si trasformano in un gioco di colori e forme a seconda dell'estro di chi le realizza. L'unicità di ogni pezzo rende prezioso ogni oggetto realizzato in resina. Anche nelle strutture per l’hospitality la resina permette di risolvere con eleganza, originalità e convenienza diversi problemi tecnici legati alle finiture, alle strutture, alla pavimentazione e all’arredamento. In ambito civile, ad esempio, una pavimentazione in resina è vincente non solo dal punto di vista dell'effetto estetico ma anche per il fatto che, soprattutto in fase di ristrutturazione, non è necessario alcun intervento di demolizione. Essendo la resina un “rivestimento” è poi possibile creare una nuova pavimentazione intervenendo su quella già esistente con spessori minimi da non dover ri-

chiedere nemmeno la levigatura della parte inferiore delle porte. Si riducono in questo modo i tempi e i costi del cantiere senza creare alcun disagio al cliente. Esistono poi cicli per esterni che sono particolarmente indicati per camminamenti, bordi piscina, terrazze, garage, vialetti, ecc.. Queste pavimentazioni hanno la peculiarità di essere traspiranti, anti-sdrucciolo, resistenti alle intemperie e carrabili. Ovviamente è indispensabile valutare bene lo stato un cui si presenta la pavimentazione da rivestire per poter scegliere il ciclo più appropriato da applicare. Accontentare le richieste dei clienti più esigenti, creare complementi a misura e personalizzati diventa una sfida coinvolgente ed entusiasmante che, sotto il marchio Resina Design®, RD S.r.l. accoglie in pieno, offrendo soluzioni funzionali e procedure accurate in ogni tappa, dall’analisi delle condizioni ambientali e architettoniche di partenza alla preparazione dei sottofondi, fino alla manutenzione e al continuo miglioramento e abbellimento di ogni struttura alberghiera.

NULLA SI DISTRUGGE, TUTTO EVOLVE E SI RINNOVA www.resina-design.it 102

HOSPITALITY BUSINESS

103


NEWS DALLE AZIENDE SOMMARIO

MASI MOBILI:

IL CONTRACT RILANCIA IL MERCATO DELL’HOSPITALITY

I

l settore Contract, inteso come produzione di forniture per hotel, ristoranti, residenze e in generale spazi collettivi, genera opportunità nel mercato dell’arredamento e si sta dimostrando la strategia migliore con cui compensare il calo di vendite del 2011 e rilanciare l’attività e il business di molte aziende italiane. Sono proprio le società meglio organizzate e più sistematiche nella lavorazione quelle che sono riuscite a mettere a punto processi produttivi adatti a rispondere alle esigenze di rapidità e grandi dimensioni

104

HOSPITALITY BUSINESS

tipiche di questo particolare ambito del mercato. Tra le realtà toscane che stanno facendo del Contract un meccanismo importante per la propria attività c’è la Masi Mobili, sita a Perignano, in provincia di Pisa. Con il marchio Masi Contract l’azienda si è specializzata nella produzione di mobili per hotel, residence e arredamenti per case di riposo, ostelli e centri accoglienza per comunità. La qualità e la completezza dell’offerta aziendale seguono un percorso che ha come punto di partenza il gusto del cliente, come afferma Lando Masi, diri-

gente dell’azienda: “il settore Contract è senza dubbio quello trainante e il modello più richiesto di arredo è la camera realizzata con forti spessori in finitura Wengè e laccatura chiara in contrasto. L’attenzione e la cura al design e, soprattutto, alle forme, alla scelta e all’uso di nuovi materiali e alla proposta di colori e finiture sempre nuovi e accattivanti ci permette di creare elementi d’arredo unici e di grande qualità”. A contribuire all’ottima riuscita della produzione della Masi Mobili pensano poi i costanti investimenti in nuove tecnologie e un iter procedurale efficace e veloce. Nelle parole di Lando Masi: “tutto comincia con l’approfondimento insieme al cliente del progetto da realizzare, con relativa valutazione dei luoghi di arredo e della posizione geografica dei locali. Si passa poi allo sviluppo dell’ordine e delle schede di produzione per le macchine a controllo numerico e alle lavorazioni svolte dai nostri operai specializzati. In-

fine si procede con l’imballaggio automatizzato, la spedizione e il montaggio presso il cliente”. Proprio nella fase finale del montaggio nascono spesso esigenze dell’ultimo minuto che solo personale qualificato può soddisfare: anche a questo punto della produzione, come in ogni fase creativa, Masi Contract presta attenzione alle richieste dell’albergatore dimostrando la sua visione moderna e professionale dell’hospitality.

105


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

procede a formalizzare la Perizia Econometrica che certifica il diritto al risarcimento. Nel caso in cui gli imprenditori siano già stati messi a rientro dal proprio istituto (con piani di rientro forzati o pianificati), l’utilizzo della Perizia SDL permette il blocco temporale di tali procedure, concedendo all’imprenditore, oltre alla possibilità di rientro di capitali indebitamente sottrattigli, tempo utile per salvaguardare il proprio patrimonio.

SDL Centrostudi: tutelare l’imprenditore dalle anomalie contabili Assistenza e sistemi tecnici ideali per il rilevamento e il recupero di pagamenti non dovuti

S

DL Centrostudi, con sede a Mazzano (Brescia), nasce per offrire supporto e tutela all’imprenditore, che spesso (sia per difetti legislativi che per mancanza di informazione tecnica e mediatica) non viene messo a conoscenza del funzionamento del sistema bancario, e che altrettanto spesso, purtroppo, si trova a dover pagare interessi o competenze che nel 90% dei casi non sono dovuti. L’intento non è uno scontro con le banche, spesso fondamentali per la sussistenza dell’attività, ma la fornitura all’imprenditore di documenti ufficiali che quantificando/attestando il reale danno subìto si pongono come gli unici strumenti a disposizione per ri-

106

HOSPITALITY BUSINESS

entrare del maltolto o per ristrutturare il debito a condizioni più vantaggiose e oneste. Il rischio di usura e anatocismo sui conti correnti bancari viene accertato da SDL attraverso una preanalisi personalizzata e gratuita del C/C (operata sugli estratti conto a scalare trimestrali con un software la cui affidabilità è stata certificata dall’Università degli Studi di Bologna) che viene poi trasformata in una Perizia Asseverata. L’attività di analisi delle anomalie contabili si sviluppa su conti correnti, derivati, SWAP, mutui, leasing e atti impositivi della pubblica amministrazione finanziaria (cartelle esattoriali); solo dopo aver conosciuto, grazie alla preanalisi, gli importi recuperabili, e aver evidenziato la corretta strategia, SDL

Sin dall’inizio della sua attività SDL Centrostudi ha puntato alla creazione di un prodotto professionale innovativo, semplice e altamente commerciabile. La sfida è quella di rendere semplici e fruibili le consulenze più complesse e professionalmente evolute. Una vera e propria “mission” che è stata affidata a una squadra compatta e qualificata, composta da consulenti, ingegneri gestionali, avvocati e commercialisti. Un pool di esperti che si è messo al servizio dei clienti soprattutto in merito a problematiche che toccano da vicino tantissimi imprenditori, come la poca trasparenza del sistema bancario, i deficit e le problematiche di gestione aziendale e gli errori esattoriali (irregolarità fiscali).

La connotazione professionale di SDL Centrostudi si evidenzia anche dalla costante e approfondita attività specifica per Professionisti, Enti e Associazioni, con eventi e contratti dedicati, stipule di Convenzioni con varie Associazioni, Enti e Professionisti, organizzazione di Seminari Accreditati per professionisti. Diverse associazioni di categoria, per la tutela dei loro associati, hanno siglato con SDL Centrostudi una convenzione specifica che consente ai clienti di ottenere agevolazioni economiche e ulteriori opportunità strategiche: tra esse Unione Artigiani di Milano, Confcommercio Verona, Confindustria Mantova, Confindustria Gorizia. Convenzioni dedicate sono state stipulate anche con Ordini e Associazioni Professionali, e con i singoli professionisti, per l’utilizzo sinergico delle competenze, dei servizi e dei prodotti di SDL Centrostudi: in particolare sono state strette convenzioni con FCI (Fondazione Commercialisti Italiani) e ANC (Associazione Nazionale Commercialisti). Per informazioni: www.sdlcentrostudi.it; grandiaccordi@sdlcentrostudi.it

In questo periodo di profonda crisi finanziaria, SDL Centrostudi riesce ad essere un partner ideale per salvaguardare gli interessi aziendali, ottimizzando l’operatività tramite il metodo SDL. Questo processo ha dato origine ai marchi registrati di SDL: tra essi “Free Check Up & Strategy®”, sistema di analisi gratuita della situazione che evidenzia in modo professionale e innovativo i problemi esistenti e ne indica la soluzione strategica, e BanKontroller®, lo strumento che monitora costantemente i conti correnti e le loro anomalie.

107


NEWS DALLE AZIENDE

PRIMERENT: We start where others stop Il punto di riferimento in Europa per il noleggio a breve e medio termine di auto di alta gamma.

scopri con il QR Code la flotta PRIMERENT

108

P

RIMERENT è un’azienda specializzata nel noleggio a breve e medio termine di auto esclusive. L’azienda ha la sua sede centrale a Roma, ma opera in tutta Europa anche attraverso le sue sedi operative di Milano e Montecarlo.

• Consegna in tutta Europa • Assistenza 24 ore su 24 • Consulente dedicato Questi sono invece i marchi e le tipologie di vettura proposti da PRIMERENT: • SPORT CAR: FERRARI, ASTON MARTIN, LAMBORGHINI, BENTLEY, PORSCHE, ROLLS ROYCE, AUDI.

Personale altamente qualificato e specializzato, alti standard qualitativi, cura dei dettagli, e soprattutto l’attenzione verso ogni singolo cliente, sono per PRIMERENT elementi imprescindibili e garanzia di un servizio impeccabile e di qualità.

• BERLINE: MERCEDES, MASERATI, PORSCHE, BMW, AUDI.

PRIMERENT offre infatti ai propri clienti:

• MINIVAN: MERCEDES, CHRYSLER

• Personalizzazione dei servizi di noleggio in base alle specifiche necessità dei clienti • Parco auto periodicamente rinnovato • Auto dotate di ogni confort e full optional

I servizi di PRIMERENT sono dunque in grado di rispondere alle esigenze sempre più dinamiche dei clienti e al loro crescente bisogno di benessere, gratificazione e comodità, per uno stile di vita all’insegna dell’eleganza e della qualità.

HOSPITALITY BUSINESS

• CABRIO: PORSCHE, BMW, AUDI • SUV: PORSCHE, BMW, AUDI, MERCEDES, RANGE ROVER, CHRYSLER, LEXUS


NEWS DALLE AZIENDE SOMMARIO

NEWS DALLE AZIENDE

Evols presenta "Evols Academy" Nasce l'Accademia di Alta Formazione per i professionisti del turismo

I

n un contesto caratterizzato da un mercato turistico in continua evoluzione, la formazione rappresenta un vantaggio competitivo a cui si può difficilmente rinunciare. L’ offerta formativa specialistica per il turismo nel contesto nazionale, tuttavia, si caratterizza per una molteplicità di corsi che spesso non sono in grado di rappresentare un importante e concreto valore aggiunto per i partecipanti. Evols, società con pluridecennale esperienza nella realizzazione di soluzioni informatiche per il turismo, ha creato

110

HOSPITALITY BUSINESS

“Evols Academy”, l’accademia di alta formazione dedicata al turismo, nata con l’obiettivo di sviluppare un’attività formativa costantemente in linea con le esigenze del mercato e delle imprese del settore. Docenti provenienti dalle più prestigiose Università (Bocconi, Ca’ Foscari, ecc.) professionisti e manager di aziende di successo nel panorama internazionale sono accomunati, all’interno di Evols Academy, da un nuovo modo di intendere e fare formazione, finalizzato a creare concrete opportunità di crescita professionale per i partecipanti.

Evols Academy accompagna i propri studenti tanto nel percorso di ingresso nel mondo del lavoro quanto nello sviluppo della propria carriera. Il collegamento con il mondo del lavoro avviene sia in aula, attraverso i numerosi testimonial aziendali che portano come valore aggiunto la propria esperienza operativa, sia tramite l’ampia disponibilità di stage in importanti e prestigiose realtà, pubbliche e private, a livello nazionale e internazionale. Il portafoglio clienti di Evols, costituito da 1.200 aziende operanti nel mercato turistico nazionale ed internazionale, rappresenta infatti un importante canale ed opportunità di inserimento lavorativo o di progressione di carriera per gli studenti di Evols Academy. I corsi di Evols Academy forniscono differenti certificazioni di apprendimento, dall’attestato di diploma di Master, agli stage, alle specializzazioni tramite webinar.

I prossimi corsi in aula organizzati da Evols Academy sono i Master in Event Manager e Destination Manager, a cui si affiancano i corsi online (webinar dal vivo e on demand) Web Tourism Marketing e Revenue Management. Master in Event Manager Il mercato degli eventi è uno dei settori più interessanti e dinamici della nostra economia. Il Master in Event Manager rappresenta una novità nell’ambito della formazione specialistica di settore e intende trasmettere a tutti i partecipanti gli strumenti necessari per essere in grado di progettare, attirare, organizzare e gestire eventi di varia tipologia (congressuali, culturali, formativi, sportivi, aziendali, fieristici, musicali, etc.). L’obiettivo del corso è quello di formare una figura professionale in grado di lavorare come Event Manager all’interno di una delle aziende della filiera turistico-congressuale (Convention Bureau, 111


SOMMARIO NEWS DALLE AZIENDE

Hotels, Centri Congressi, Professional Congress Organizer, Imprese di catering, ecc.) oppure di avviare una propria attività imprenditoriale nel settore degli eventi. Oltre il titolo di specializzazione e di conseguimento del Master, alla fine del corso saranno rilasciati: l’attestato di stage, la certificazione di “Operatore Nuconga CRM” per la gestione degli eventi, la certificazione “Microsoft Office per il settore turistico”, la certificazione “Web Architect” per la costruzione e gestione di siti online e l’attestato di preparazione per la certificazione della conoscenza della lingua Inglese dell’Università di Cambridge FCE. Webinar Ai corsi in aula Evols affianca l’offerta di corsi online (webinar) che consentono di assistere dal vivo alle lezioni ed interagire con il docente, seguendo comodamente il corso dal proprio PC o Tablet. La formula del Webinar è particolarmente indicata, oltre che per gli studenti o neolaureati che vogliano arricchire il proprio

bagaglio di competenze, anche per quei professionisti già attivi nel mondo del lavoro che intendano continuare ad investire su se stessi per raggiungere sempre nuovi obiettivi di crescita professionale conciliando formazione e lavoro. I webinar hanno una durata complessiva di 15 ore distribuite in 9 giornate e vengono effettuati nelle ore serali per essere comodamente fruiti anche da chi lavora. Successivamente alla prima erogazione dal vivo, i corsi vengono messi a disposizione dei partecipanti per un successivo riascolto o possono essere acquistati on demand e fruiti in piena autonomia. I Webinar organizzati da Evols Academy affrontano temi di estrema attualità, quali il Web Tourism Marketing e il Revenue Management. Il Webinar in Revenue Management (prossima data: 13 Maggio 2013) fornisce le conoscenze necessarie ad affrontare una delle tematiche più attuali nel mercato dell’hotellerie e una delle competenze più richieste dagli hotel, offrendo gli input necessari per riuscire a gestire in modo integrato tecniche di pricing e strategie promozionali e commerciali attraverso l’utilizzo di modelli economici innovativi. Il webinar in Web Tourism Marketing (prossima data: 10 Giugno 2013) è invece una full immersion su web strategy, social media marketing, online distribution e brand reputation nel turismo. L’obiettivo del webinar è quello di trasferire le conoscenze e le tecniche richieste per saper definire, gestire e verificare la presenza in internet dell’impresa turistica e della destinazione al fine di realizzare una strategia vincente di comunicazione online. Per informazioni: www.evols.it - www. evolsacademy.it - segreteria@evolsacademy.it. – Tel. 06.96037799.

112

HOSPITALITY BUSINESS


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

posta (Gmail, Outlook, etc.). Il numero di reclami di spam ha un impatto diretto sulla reputazione dell’indirizzo IP. Per non influire negativamente sui tassi di consegna, il tasso di reclami dovrebbe attestarsi intorno allo 0,1%. La regola fondamentale per il mittente, ovviamente, è non inviare altre email a indirizzi che abbiano segnalato questo stesso mittente come spam; uno dei molti vantaggi della piattaforma GraphicMail è la gestione automatica di questi contatti, grazie al recupero di informazioni su questi indirizzi da tutti gli ISP che forniscono i cosiddetti “feedback loops”.

raggiungeranno la Posta in Arrivo. Ma come viene calcolato il punteggio del mittente? Return Path, l’organizzazione che gestisce il calcolo di questi indicatori, mantiene segreti gli esatti algoritmi utilizzati per il Sender Score (il punteggio mittente). Ciò nonostante, sono tre i fattori che possono influire sul punteggio.

2- Indirizzi errati/non validi (soft e hard bounced) Ci sono diversi tipi di errori, conosciuti come soft e hard bounced. Una casella di posta piena o temporaneamente non disponibile è un “soft bounce”. Quest’errore è temporaneo, quindi è possibile inviare la mail più volte fino alla ricezione da parte del destinatario (quest’operazione viene gestita ed effettuata in automatico dalla piattaforma GraphicMail). Dall’altro lato, se l’indirizzo email è scritto in maniera errata o è inesistente, viene considerato un “hard bounce” e potrebbe indicare che il mittente non mantiene le proprie mailing list pulite ed aggiornate. In alcuni casi estremi, potrebbe perfino indicare che il mittente genera indirizzi email casuali! Come risultato, inviare ad indirizzi email non esistenti può impattare sulla reputazione del mittente.

1- Reclami Contrassegnare una mail come spam significa che il destinatario effettua un reclamo diretto. Il destinatario può cioé contrassegnare ogni email come spam con un semplice click, grazie alla funzione “Segnala come Spam” presente nella maggior parte dei client di

3- Spam Trap Chiamato anche “Honeypot”, questo genere di indirizzi email è creato appositamente come trappola per gli spammer. Può essere creato da zero o convertendo vecchi indirizzi email. Gli amministratori di queste trappole sono certi al 100% che non è stata

Tassi di consegna delle mail: i tre fattori decisivi GraphicMail aiuta a fare chiarezza sui modi per evitare che i tuoi invii vengano considerati come spam

Nicolò Capone Country Manager GraphicMail

114

HOSPITALITY BUSINESS

L

a consegna delle mail è regolamentata dai Provider di servizi internet (ISP), che decidono se collocare i messaggi nella cartella di Spam o nella Posta in Arrivo. Il criterio principale per questa selezione è la reputazione dell’IP del mittente: ogni email inviata passa infatti attraverso un indirizzo IP ed ogni indirizzo ha una reputazione compresa tra 0 e 100. Questo punteggio varia nel tempo in base alla qualità delle email inviate. È dunque di fondamentale importanza mantenere il proprio punteggio al di sopra di 90: più in basso si scende, meno email

data alcuna autorizzazione a nessuna mail in arrivo, quindi ogni email recapitata allo spamtrap non rispetta i principi di base dell’email marketing dell'opt-in. Molte volte le liste di contatti acquistate o noleggiate possono contenere gli indirizzi spam tram, ed è per questo che GraphicMail consiglia di recuperare questo genere di liste con estrema attenzione o solo da venditori di comprovata affidabilità che hanno l'autorizzazione al trattamento dei dati. Inviare ad un indirizzo spam tram influisce direttamente sulla tua reputazione e può far includere il tuo indirizzo IP nelle blacklist, compromettendo i tassi di consegna. La pulizia delle liste è dunque una necessità primaria nella gestione di invii multipli di posta elettronica, ed è regolamentata da precise procedure rispetto alle quali è bene prendere familiarità; il sistema GraphicMail opera nel rispetto di esse e garantisce al cliente il massimo grado di consegna delle email grazie ai suoi avanzati sistemi di gestione delle liste e della reputazione del mittente. Buon email marketing da GraphicMail!

115


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE SOMMARIO

la location presso la quale soggiorneranno, alla stregua di quella del telefono in camera e dell’aria condizionata, e come la qualità del servizio offerto incida sempre più spesso sul giudizio complessivo sul soggiorno. Non c’è più alcuna struttura ricettiva che possa dirsi esentata dal fenomeno: dai grandi hotel business con centinaia di camere ai piccoli bed & breakfast, passando per i campeggi, gli agriturismo e le strutture alberghiere indipendenti. Il Wi-Fi è diventato essenziale dovunque. Nemmeno il cavo di rete in tutte le camere basta più: l’avvento di tablet, smartphone e notebook sempre più compatti ha reso pressoché obsolete le connessioni cablate, quasi completamente soppiantate dal Wi-Fi, più pratico, diffuso e versatile. C’è poi un’altra questione che divide il mondo dell’ospitalità: offrire il servi-

zio gratis o a pagamento? Fosse per gli ospiti, la connessione dovrebbe essere sempre illimitata e gratuita. I proprietari e i gestori spesso non la pensano allo stesso modo e scelgono di tariffare il servizio per poter garantire una qualità più elevata, far fronte ai costi di manutenzione degli impianti, evitare gli abusi e – perché no – disporre di una ulteriore fonte di ricavi. Ci sono anche alcune strutture che non hanno scelta: avendo sottoscritto un accordo con un fornitore esterno (i cosiddetti “provider”), non sono “padrone” del servizio offerto all’interno delle proprie mura, e devono sottostare alle tariffe scelte dal provider stesso, che spesso risultano “fuori mercato”, al punto di suscitare le lamentele dei clienti, che al giorno d’oggi sono in grado di intaccare facilmente la reputazione di qualsiasi struttura (soprattutto quella online, quando sono esternate sotto forma di

WI-FI HOTEL:

VIAGGIARE E CONNETTERSI IN LIBERTà

C

onnessi sia a casa che fuori: gli utenti “always on” quando viaggiano pretendono di trovare connessioni veloci, affidabili ed economiche. Che si tratti di italiani o stranieri, di una connessione per business o per svago, non fa differenza. Bastano pochi numeri per rendersene conto: solo in Italia sono 16 milioni gli individui che accedono abitualmente a Internet in mobilità tramite notebook, smartphone e tablet. Anche all’estero i numeri sono analoghi. 116

HOSPITALITY BUSINESS

Secondo un sondaggio condotto nel 2012 da Hotels.com, la connessione WiFi occupa la posizione più importante tra i servizi che gli ospiti si aspettano di trovare in hotel. Anche secondo il famoso portale di recensioni alberghiere Tripadvisor.com il Wi-Fi è di gran lunga il servizio più richiesto dai viaggiatori: un campione composto da più di mille “frequent traveller” e da oltre 600 gestori di hotel ha infatti dichiarato che il Wi-Fi è il re dei servizi, quello che tutti desiderano trovare. È chiaro quindi come ormai gli ospiti diano per scontata la presenza del Wi-Fi nel117


SOMMARIO NEWS DALLE AZIENDE

recensioni negative sui portali). Wi-Fi Hotel è tra le realtà italiane più attive e specializzate nel campo dei sistemi di accesso a Internet per strutture ricettive, con all’attivo oltre 1500 installazioni nel nostro paese e all’estero. “Secondo noi, che viviamo quotidianamente questo mercato”, commenta Luca Fronzoni, direttore commerciale di Nexis (la società alle spalle del brand Wi-Fi Hotel), “il wireless nelle strutture ricettive nel 2013 deve necessariamente funzionare bene e, se possibile, costare poco o addirittura essere gratuito per i clienti. Ma quel che è più importante è che ogni struttura deve essere libera di gestire il servizio in autonomia, in sicurezza e praticando le condizioni che preferisce”. Oggi le esigenze del cliente non si fermano quindi alla mera disponibilità del servizio nella struttura. Servono anche copertura capillare, velocità della connessione e praticità di utilizzo del servizio. Un dettaglio fondamentale consiste nelle modalità di accesso al servizio, che anche grazie all’alleggerimento della burocrazia italiana nel settore devono essere semplici e consentire ai clienti di navigare su Internet con tutti i propri dispositivi (spesso sono più di uno per ospite) come a casa o in ufficio: via quindi le credenziali da richiedere in reception o le card prepagate, a favore di meccanismi di autenticazione più snelli e autonomi come l’SMS o il login tramite Facebook o Twitter. Wi-Fi Hotel è una piattaforma integrata hardware/software di gestione dell’accesso a Internet per strutture ricettive di qualsiasi tipo. Può essere attivata sia dove serva attivare anche la copertura Wi-Fi che in contesti dove la rete di diffusione del segnale è già presente.

118

HOSPITALITY BUSINESS

Wi-Fi Hotel, una volta attivo, è gestibile in completa autonomia da parte della struttura, che può scegliere e configurare tramite il pannello software di gestione ogni aspetto della fornitura del servizio, dalla durata delle connessioni alle modalità di accesso, all’eventuale costo del servizio. Il sistema è progettato per offrire il servizio in qualsiasi modalità: da quelle che prevedono l’interfacciamento con il PMS della struttura alle citate nuove forme di autenticazione tramite Facebook, passando per altri metodi più “classici” come l’autenticazione via SMS o con carta di credito. In tutti i casi la semplicità d’uso per gli utenti e la praticità di gestione per la struttura rappresentano il denominatore comune. Anche sul fronte del supporto Wi-Fi Hotel offre profili di servizio adatti a qualsiasi tipo di struttura, dal monitoraggio proattivo degli impianti volto a individuare guasti prima che gli utenti sperimentino disservizi fino alla disponibilità di un servizio helpdesk attivo 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno. Chi viaggia sceglie con cura l’hotel in cui soggiornare: con servizi come quelli offerti da Nexis, il viaggiatore si assicura sempre più facilmente un soggiorno di qualità, e l’albergatore può rispondere in modo facile e vantaggioso alla sfida rappresentata dal fornire questa efficienza. Per qualsiasi approfondimento: www. wifihotel.it


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

ReinSauber:

Il Full Service d’eccellenza L’azienda veronese, operante su tutto il territorio italiano, è in grado di occuparsi interamente della vita ai piani del Vostro Hotel tramite la formula brevettata ReadyRoom®: un Full Service ad un costo certo che unisce grande professionalità all’innovazione tecnologica.

Q ma volta.

uando un ospite entra nella propria camera è più che mai attento ed esigente rispetto alla pulizia di un ambiente che incontra per la pri-

La missione di ReinSauber, espressa anche nella scelta del nome aziendale, è offrirgli “puro pulito” anche nelle zone solitamente ritenute più difficili. La biancheria di eccellente qualità, la linea di cortesia personalizzata e una vasta scelta di prodotti frigobar renderanno il soggiorno del cliente piacevole e rassicurante. ReinSauber si propone sul mercato attraverso la formula ReadyRoom®, un

120

HOSPITALITY BUSINESS

Full Service personalizzabile che consiste nel riordino e nella pulizia della camera, nel servizio di noleggio e lavaggio della biancheria, nella fornitura di articoli di cortesia, nel rifornimento del minibar e nella segnalazione dei guasti al manutentore interno alla struttura, il tutto ad un costo certo, quantificato in un unico prezzo a camera o a presenza. ReinSauber non prevede vincoli di occupazione minima e il costo certo aiuta l’albergo, sollevandolo dalla gestione pratica del personale, dei magazzini e dei costi occulti. Tali attività vengono svolte tramite l’ausilio di un sistema informatico, modalità lavorativa che distingue ReinSauber dai propri competitors, e che ha portato ad una vera rivoluzione nell’approccio al settore. Gli albergatori hanno accesso al portale ReadyRo-

om® attraverso il quale possono aggiornarsi in tempo reale sul procedere del lavoro dello staff ReinSauber, sui guasti rilevati, e su diversi tipi di utili statistiche. Alle cameriere ai piani, coordinate da una referente ReinSauber in hotel, viene fornito in dotazione un tablet su cui registrano le operazioni compiute in camera. L’utilizzo della tecnologia costituisce un aiuto fondamentale all’ottima riuscita di un servizio che possa soddisfare contemporaneamente l’ospite e l’albergatore: disporre della notifica automatica dei guasti, poter verificare lo stato di avanzamento dei lavori e usufruire di molte altre informazioni interessanti su ogni cliente porta a poter creare una vera e propria “scheda dell’ospite” che consente di prevenire i suoi desideri e bisogni. Grazie al monitoraggio informatico qualsiasi problema viene risolto velocemente garantendo così un servizio efficiente in grado di rassicurare anche i clienti più esigenti. Il personale ReinSauber viene scelto accuratamente attraverso colloqui e prove pratiche, e costantemente formato dal Training Department: una riproduzione di una camera d’albergo permette di formare lo staff in merito alle diverse tecniche di pulizie nel rispetto di un protocollo di lavoro funzionale, mentre l’aula corsi, dotata di moderni sistemi audiovisivi, vede riunioni periodiche volte a trasmettere la conoscenza dei prodotti chimici in utilizzo e in particolare di quelli della linea ReadyRoom®. ReinSauber desidera che i propri collaboratori siano spinti a svolgere un lavoro efficiente ed eccellente, eliminando inutili sprechi di tempo e di energie. ReinSauber nasce a Sommacampagna,

a Verona, e conta due sedi operative a Milano e a Roma, ciascuna dotata di un proprio Tranig Department. L’azienda opera su tutto il territorio italiano, e si rivolge principalmente alla fascia dei tre, quattro e cinque stelle: in merito alla categoria dei tre stelle richiede una dimensione minima di 40/50 camere, potendo così offrire un ottimo rapporto qualità-prezzo. Attualmente ReinSauber è presente in alcune delle principali catene alberghiere nazionali e internazionali presenti in Italia e in numerosi hotel indipendenti, contando un portafoglio di 50 alberghi e uno staff di collaboratori che ammonta a circa 400 unità. L’azienda può vantarsi di curare la gestione delle camere e dei relativi servizi di alcuni degli alberghi italiani di maggior pregio e di strutture meta di grandi numeri per soggiorni di vacanze, di lavoro e di tipo congressuale. Scegliere un partner come ReinSauber significa sposare la modernità nel rispetto della tradizione, poter raggiungere con professionalità ottimi risultati in termini di pulizia e di accoglienza, abbandonando gli oneri di una gestione interna della vita ai piani, coadiuvati da uno staff preparato ed efficiente. ReinSauber Via del Commercio, 4 – 37066 Sommacampagna (VR) Tel. +39 0458961697 – 0458979814 Fax +39 0458961795 Filiale di Roma Via dei Serpenti, 137 – 00184 Roma Tel. E fax +39 0648913838 Filiale di Milano Via Segantini, 75 – 20143 Milano Tel. E fax +39 028395974

121


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE SOMMARIO

SERENISSIMA INFORMATICA: NUVOLE CARICHE DI VANTAGGI Verso l’addio ai server? Definizioni e fatti per il futuro dell’hosting

I

l Cloud Computing ha ormai conquistato la scena dell’ospitalità ed è sempre più al centro di fiere, conferenze e studi di approfondimento. Gli stessi fornitori di soluzioni IT annunciano di continuo la disponibilità di molti dei loro prodotti in ambienti Cloud, e alcune catene alberghiere hanno dichiarato la propria soddisfazione per la formula, passando da soluzioni di offerta on premise a sistemi di hosting virtuale. Ma che cosa si intende con il termine nuvola informatica? Le definizioni di Cloud Computing sono numerose e discusse: prenderemo quindi in prestito da Wikipedia l’accezione di CC come "un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un

122

HOSPITALITY BUSINESS

servizio offerto da un provider al cliente, di memorizzare, archiviare e elaborare dati (tramite CPU o software) grazie all'utilizzo di risorse hardware e software distribuite e virtualizzate in Rete". Secondo il National Institute of Standards and Technology (NIST) degli Stati Uniti d'America, il Cloud Computing è composto da cinque caratteristiche essenziali (servizi su richiesta, autonomia di utilizzo, ampio accesso alla rete, condivisione delle risorse,flessibilità), quattro modelli di distribuzione (private cloud, community cloud, public cloud, hybrid cloud) e tre modelli di servizio: software as a service (SaaS), platform as a service (PaaS), infrastructure as a service (IaaS). Qualsiasi azienda, e quindi anche le catene alberghiere e gli hotel indipenden-

ti, deve fare investimenti solo su asset che portino valore al business, e ciò vale anche per la tecnologia, fonte di vantaggi competitivi ma soggetta a rapida obsolescenza. Quando si confrontano le alternative on-premise con quelle in cloud, il vantaggio che viene tipicamente associato alla migrazione al cloud è la razionalizzazione dei costi per l'IT, ma i benefici reali sono molto maggiori: una miglior capacità di previsione delle spese per l'IT e di riduzione dei rischi aziendali; la semplificazione della struttura hardware interna; maggiore flessibilità nell'utilizzo delle risorse, manutenzione e monitoraggio costanti, ridotto impatto ambientale. Fondamentale poi è la possibilità di affidarvi alle competenze tecniche e all'esperienza di partner specializzati e organizzati che consente di concentrarsi maggiormente sulla qualità del servizio agli ospiti anziché al mantenimento della tecnologia on-premise. Una volta identificate le esigenze del cliente, è di grande aiuto definire il percorso verso il cloud, con le tappe del suo sviluppo: 1) Conoscere le soluzioni disponibili Centralizzare il sistema informativo in Hosting evita costose replicazioni di macchine e sistemi, assicura la protezione dei dati e la fornitura continua del servizio. Così non è più necessario acquistare e gestire server, sistemi di backup e antivirus per ogni hotel. Per questo tutti i prodotti della suite Serenissima Hotel Management System, come il PMS protel, sono disponibili in hosting, quindi software e database vengono centralizzati nella nostra Server Farm. Inoltre le soluzioni gestionali in Hosting possono essere integrate con servizi di Cloud Computing, come Microsoft Office e Microsoft Exchange per la gestione della posta elettronica da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.

2) Informarsi sui casi di successo Sono numerosissimi gli hotel indipendenti, come ad esempio l’Hotel Nazionale di Roma e l’Hotel Milano Scala, che hanno scelto le soluzioni di Serenissima Informatica in hosting per la maggiore sicurezza dei dati e per le economie di scala ottenibili grazie alla semplificazione della struttura tecnologica in hotel. Soluzioni scelte anche da gruppi alberghieri sia a livello nazionale che internazionale. Nella Server Farm dell’azienda sono ospitati infatti centinaia di utenti da tutto il mondo che si sono già affidati ai servizi di Hosting e Cloud Computing di Serenissima Informatica. Ad esempio tutti i dati dei resort Planhotel, degli hotel del gruppo Planetaria e i Town House di Milano sono centralizzati nel Data Center di Serenissima Informatica, localizzato a Padova e in grado di consentire in tempo reale e da ogni luogo a dirigenti e manager l’accesso diretto a tutti i loro dati statistici. Inoltre è stata implementata un'apposita Server Farm per Rocco Forte Hotels, a cui si collegano da tutta Europa gli hotel del gruppo per utilizzare il PMS, il Back Office, lo Spa Management, il Restaurant Booking e altri software in una singola piattaforma centralizzata. 3) Privacy e sicurezza dei dati L’hotel è un’organizzazione complessa che per gestire il proprio business ha a disposizione molte applicazione diverse che generano un’enorme mole di dati. Con una soluzione in Hosting come quella di Serenissima Informatica, ovvero con la collocazione di software e database presso un Data Center noto e visitabile, proprietari e manager possono ottenere una risposta al timore di non sapere chi sia responsabile dei loro dati e dove questi si trovino. 4) Scegliere il partner giusto Serenissima Informatica è stata la prima

123


SOMMARIO NEWS DALLE AZIENDE

azienda in Italia ad offrire un PMS internazionale come Protel e un intero Hotel Management System in hosting. Forte di decenni di esperienza nel settore delle piattaforme tecnologiche complesse, della sicurezza dei dati e delle telecomunicazioni, l’azienda offre tutti i servizi necessari per avviare e mantenere il sistema informativo aziendale, garantendo massimi standard di qualità. Scegliere le soluzioni della suite Serenissima Hotel Management System in Hosting e i nostri servizi di Cloud Computing significa quindi avere sistemi gestionali internazionali al top di gamma e un team di

specialisti e tecnici certificati al vostro servizio. Associazioni, grandi aziende, fornitori di prodotti e servizi, consulenti del settore si stanno preparando per questa evoluzione; la domanda da porsi è questa: la nuvola è arrivata, quanto mi costa continuare a stare per terra? CONTATTI e-mail: info@serinf.it Tel: +39 049 829 1111

il PMS per il Revenue Management

www.serinf.it | info@serinf.it | Tel: +39 049 829 1111 124

HOSPITALITY BUSINESS


NEWS DALLE AZIENDE

NEWS DALLE AZIENDE

IL FAX VIA INTERNET DI AXIATEL.COM PER INVIARE E RICEVERE FAX QUANDO E DOVE VUOI

I

l fax è stato per anni uno strumento imprescindibile per tutte le aziende ed i liberi professionisti italiani. Con l’avvento di Internet il fax è stato parzialmente abbandonato in favore dei sistemi di posta elettronica; tuttavia, forse per la sua efficacia ed il forte valore legale attribuitogli in paragone con le e-mail, avremo bisogno di utilizzare questo canale ancora per molti anni. Non senza ragione è stato utilizato il termine “canale” e non “strumento”. In effetti, i sistemi di invio fax hanno subito una forte evoluzione e dematerializzazione, tanto che è ormai possibile fare a meno del vecchio telefax e dei macchinari fax ingombranti, scomodi e costosi. È nato così il servizio di fax via internet, che permette di inviare e ricevere fax tramite la propria casella di posta elettronica e

126

HOSPITALITY BUSINESS

a partire da qualsiasi dispositivo connesso ad internet. Il FOIP I nuovi sistemi di invio di Fax Online si basano sulla tecnologia Fax Over IP, la quale permette di trasmettere e ricevere direttamente sulla rete IP col protocollo T38. La sua funzione è quella di accettare documenti dagli utenti, convertirli in fax e trasmetterli, trasformando i dati da digitali ad analogici e viceversa. L’operatore telefonico Axiatel ha sviluppato ai massimi livelli la tecnologia del FOIP e ne ha fatto la base del suo servizio di Fax Online, il quale viene proposto sia ad aziende che a liberi professionisti ed utenti privati.

basti dire che il Fax server IP risponde alla chiamata come un normale dispositivo fax, riceve il documento, lo converte in un file (PDF o TIFF), e lo allega infine all’e-mail che invia al destinatario prestabilito. Quest’ultimo riceverà l’e-mail nel suo normale client di posta, con il fax in allegato. Potrà poi stampare, inoltrare, reinviare il fax ricevuto a suo piacimento (come fax o come semplice e-mail), e anche eliminarlo dal computer. Quando invece si invia un documento fax utilizzando questa tecnologia, il destinatario che possiede un tradizionale apparecchio fax riceverà un normale fax cartaceo, proprio perché questo sistema è bidirezionale. Grazie ai Fax server IP di Axiatel, inoltre, il servizio è automatizzato e completamente gestito via Internet. In tal modo, non si rende più necessario l’acquisto di alcuno strumento supplementare, ed è possibile condividere il servizio fax con tutta l’azienda senza alcuna limitazione di licenze. Il Fax Online di Axiatel Il servizio di Fax Online di Axiatel permette di inviare e ricevere facilmente e rapidamente i fax via Internet, tramite un’interfaccia personale online o la casella di posta elettronica, in molteplici formati. Il fax via mail di Axiatel è un servizio di fiducia, rapido ed economico.

Il sistema di Axiatel è in grado di sopportare anche carichi di traffico molto pesanti e consente di: - Inviare fax via internet a destinazioni multiple in pochi click; - Ricevere conferma dell’invio nella propria posta elettronica; - Registrare i propri contatti all’interno della Rubrica personale ed archiviare i documenti ricevuti gratuitamente per un anno all’interno dell’Area Cliente dedicata; • Inviare fax via internet direttamente dalla propria casella e-mail; • Personalizzare i parametri di invio e ricezione dei propri documenti, registrando anche più mittenti; • Personalizzare l’aspetto dei propri fax (la copertina, la lunghezza, lo status etc.). I documenti in uscita possono essere di qualsiasi formato: il sistema di Axiatel può convertire ogni documento in un formato adatto alla trasmissione su linea analogica. Per poter inviare fax via internet di con il servizio di Axiatel basta creare un account sul sito di Axiatel.com. Si riceve fin da subito un numero di fax personale e dedicato, con prefisso geografico. A seconda delle proprie esigenze, è possibile scegliere fra diversi tipi di abbonamento al fax virtuale, a partire da 5,90 euro al mese. Inoltre, è possibile testare il servizio in modo completamente gratuito per 30 giorni, senza

Volendo riassumere il funzionamento,

127


FIERE ED EVENTI

nessun impegno d’acquisto, semplicemente visitando il sito Axiatel.com e aderendo all’offerta. Al momento dell'iscrizione, infatti, Axiatel propone di approfittare immediatamente di 30 giorni di prova gratuita per l'invio e la ricezione di fax via internet. Durante il periodo di prova gratuita si possono inviare fax gratuitamente senza alcuna spesa e ricevere fax illimitati e gratuiti. La ricezione illimitata è inoltre compresa negli abbonamenti di default. Il periodo di prova gratuita è quindi offerti senza alcun impegno! La disdetta del conto può infine essere fatta in qualsiasi momento durante e dopo il periodo di prova. I vantaggi del fax online La dematerializzazione del fax a favore della sua versione digitale conferisce i seguenti vantaggi: -risparmio sul prezzo dell'apparecchio e sulla carta stampata; -nessun acquisto di programmi di fun-

128

HOSPITALITY BUSINESS

zionamento; -mobilità del fax; -nessun abbonamento telefonico; -nessuna installazione di linea fax o di materiale; -ottenimento di un numero di fax dedicato. Informazioni sulla società: Axiatel.com è un’azienda di servizi in grado di offrire tecnologie avanzate nel mondo delle telecomunicazioni. In particolare, Axiatel.com è in grado di provvedere alla fornitura di servizi legati all’invio di fax tramite internet, centralini telefonici virtuali e conference call. Contatti: Tel. 800 805 810 http://www.axiatel.com/it/it/index. php bizdev@axiatel.com

129


NEWS DALLE AZIENDE

HOTELSOLUTIONS

PILLOLE DAL MONDO

PRIMAVERA 2013: LE AZIENDE INFORMANO

fa crescere sempre di più il tuo business HotelSolutions è la guida che permette all’Hotel di orientarsi attraverso il web in un mercato turistico e alberghiero sempre più all’avanguardia e concorrenziale.

nella foto: PAOLO CATONI fondatore e CEO di HotelSolutions

H

otel Solutions è la società leader nello Strategic Revenue Management applicato alla distribuzione internet. Operativa dal 2005 in tutta Italia, con sede a Milano, HotelSolutions mette a disposizione degli Hotel clienti competenze specifiche e tecnologiche che migliorano la loro competitività, così da far principalmente aumentare il fatturato, lavorando su due leve: il prezzo e la visibilità sul web. HotelSolutions adotta le più moderne tecniche di Yield Management e Dynamic Pricing per indicare ogni giorno all’hotel cliente le tariffe di vendita più convenienti. In particolare il Dynamic Pricing prevede la gestione delle camere d’albergo disponibili, con l’obiettivo della massimizzazione e dell' ottimizzazione del volume di affari e l'applicazione di prezzi variabili sulla base dello studio della domanda da parte dei potenziali consumatori, più alti quando la domanda è elevata e prezzi scontati quando essa è più bassa. HotelSolutions traduce in concreto questa logica attraverso due servizi principali: External Partner e Internal Resource. Il servizio Internal Resource è la consulenza che segue l’Hotel cliente giorno per giorno ed è basato sull’analisi quotidiana dell’andamento della domanda, l’analisi dei competitors, e l’aggiornamento dei portali di prenotazione online sia in termini di contenuti che in termini di pricing. HotelSolutions si impegna a rispet-

132

HOSPITALITY BUSINESS

tare i prezzi minimi e massimi per camera a notte indicati dall’Hotel; ogni modifica nei prezzi minimi e/o massimi dovrà essere concordata tra le Parti, oppure indicata dalla struttura. Internal Resource aiuta ad analizzare il ranking e le recensioni lasciate come feedback dai clienti, e a gestire i propri contenuti sul web, affinché ogni pagina internet ad esso dedicata, comunichi sempre nel modo più efficace. Il Servizio External Partner di HotelSolutions è invece la consulenza esterna che elabora per gli hotel clienti un piano strategico di riorganizzazione del dipartimento Revenue Management e Booking e di pianificazione annuale della strategia tariffaria. La struttura potrà avvalersi della consulenza ogni volta che reputerà necessario farlo. Grazie ad HotelSolutions, che si avvale della collaborazione di giovani talenti specializzati, personalmente reclutati e formati dal CEO Paolo Catoni, l’albergo trova dunque un partner solido in grado di dargli forza e vitalità. La qualità dei servizi HotelSolutions è dimostrata dalle prestigiose strutture che l’hanno scelta, distribuite su tutto il territorio nazionale: tra esse Hotel Cavour (Milano), Hotel Adriano (Roma), Crowne Plaza Padova (Padova), Grand Hotel Billia (Saint Vincent), Hotel Plaza (Mestre), Hotel Santa Caterina (Amalfi). Rifermento commerciale: PAOLO CATONI – CEO paolo.catoni@hotelsolutions.it 02 36555708

ECCO LE NOVITÀ DI CREMS PER LE TEENAGER GLAMOUR Novità in casa Crems, la società nata nel 1992 che è nel cuore di moltissime teenager grazie alla fortunata linea di prodotti Top Model, il brand all’insegna del glamour: dagli esclusivi album creativi, inimitabili nella favolosa veste grafica, con stampe e dime in grado di riprodurre effetti molto realistici, alle classiche serie di penne, diari, astucci, zaini, occhiali e portagioie. La nota casa sorrentina, distributrice del fenomeno Diddl, lancia oggi una serie di nuovi articoli rivolti alle giovani e cool top model di sani principi, strizzando l’occhio agli adulti e coinvolgendo anche i genitori più severi. Tra le novità Crems spiccano profumatissimi bagnoschiuma ed elegantissimi beauty case in tre pezzi per conservare e tenere in ordine creme e trucchi. I nuovissimi prodotti del brand di Crems Distribuzione sono quindi adatti a tutte le giovanissime girls che amano splendere.

Duchessa by Matty Gioielli: il gioiello da fiaba Grande esperienza ed eccellente manualità produttiva, applicate ai migliori materiali sul mercato, rendono da vent’anni Matty Gioielli marchio di riferimento nella creazione di gioielli di qualità per tutte le occasioni. Ecco perché oggi le 7 collezioni Matty (made in Tuscany) offrono gioielli che rendono prezioso il vostro presente, con un occhio particolare al gentil sesso: il catalogo Matty offre infatti stupende collezioni ispirate a principesse e donne appartenenti all’universo fiabesco, e si completa oggi con la nuova collezione di orecchini, collane e bracciali Duchessa, ispirata alla raffinata gatta bianca di città Duchessa del celebre classico Disney “Gli Aristogatti”. I gioielli della collezione richiamano i colori, le forme e l’eleganza di Duchessa, che rendono gli stessi unici nel loro genere; i fiori e il colore verde, riportati spesso nelle incisioni sono stati scelti come simbolo della natura e della libertà, elementi tipici della protagonista della collezione. Matty Gioielli assicura inoltre la massima comodità grazie alla scelta di bronzo e ottone, magistralmente galvanizzati e alle proprietà antiallergiche e antirritanti. Come la favola diventa leggenda così i bellissimi gioielli Matty renderanno eterno ogni vostro momento. Info: www.mattygioielli.it

WRIST LOVE: il flair della creatività italiana guarda al mondo Wrist Love è la linea di bijoux con cui Centrotrè Srl sposa la filosofia di Vispe, Onlus quotidianamente impegnata da 30 anni nell'assistenza alle popolazioni più povere del pianeta. Dalla collaborazione con Vispe-Volontari italiani solidarietà paesi emergenti nascono infatti un progetto umanitario a distanza, il cui ricavato verrà in parte devoluto all’ente di volontariato, e l’idea stessa di Wrist Love, bijou dotato di un incredibile fascino e stile prezioso, sa arrivare come pochi dritto al cuore delle persone grazie al suo unusual style.. Love è unisex, utilizza la pietra naturale e la applica nella foggia di un velluto di seta doppio che si ricongiunge, agli estremi, nella fessura di una lastra d’argento sulla quale sono incisi il logo e un cuore, pronti a raccontare l’identità del bijou. Wrist Love inoltre sceglie le sue pietre di pregio nel mondo e le rende un punto luce da polso, da un lato alleggerito dalla seta, dall’altro ammorbidito dal velluto; disponibile in 28 colori, si adegua a qualsiasi scelta cromatica dell’outfit e parla tutte le lingue del mondo: un inedito mix di bellezza e speranza, come il sorriso di un bambino. Info: www.centotre.it

133


PILLOLE DAL MONDO

PILLOLE DAL MONDO

SPARKLY: LO SGUARDO FASHION AL FUTURO Con la nuova collezione di occhiali Sparkly gli occhi si vestono di intramontabile fascino. La collezione è disponibile in 200 modelli e colori; gli occhiali Sparkly sono creati incastonando nella montatura Swarovsky originali che incorniciano e risaltano lo sguardo di chi la indossa. La cura artigianale e la scelta dei materiali rendono dunque tutti gli accessori Sparkly indispensabili per la donna che non vuole rinunciare al glamour.

LadyVenezia by Myluna: la bellezza delle donne di ogni età LadyVenezia, del marchio Myluna, è un’azienda italiana specializzata in prodotti di cosmetica professionale, make up e creme mani. I prodotti LadyVenezia sono disponibili in un’ampia gamma che garantisce un ottimo rapporto qualità-prezzo, frutto di un mix tra creatività, produttività e qualità dei cosmetici. LadyVenezia propone innanzitutto la linea mani, ricca di colori e novità, con smalti adatti a tutte le esigenze; per una stretta di mano professionale l’ideale è invece lo Smalto Professional, mentre lo Smalto Fashion Nails in 12 colori è dedicato al tempo libero e lo Smalto Travel 24, disponibile in 22 colori, è ideale da portare sempre con te. Per una serata speciale LadyVenezia propone po lo Smalto Magnetico, e per avere le tue mani sempre al “top”, il trattamento perfetto è fornito dallo Smalto Curativo. La massima attenzione al dettaglio e la costante cura del cliente hanno reso LadyVenezia un marchio di riferimento e di fiducia per tutte le clienti. I prodotti cosmetici a marchio Lady Venezia sono tutti testati e certificati da laboratori italiani.

The Christmas Rose by Erbaflor: il ritorno della purezza e del candore Erbaflor è un marchio nato negli anni ‘50 per identificare le ricette dell’erborista guaritore Iginio Peruzzo. Da allora più di 500 prodotti hanno vestito questo marchio, creandogli una solida fama nell’Erboristeria italiana. Oggi, grazie alla rete, i prodotti Erbaflor sono pronti per confrontarsi con il mercato globale: ecco quindi la linea corpo completa all’Elléboro The Christmas rose, che porta il nome comune inglese del fiore, in un’etimologia legata al Natale, alla regina dei fiori e all’antica leggenda secondo cui questo fiore nacque dalle lacrime di una giovane pastorella che non aveva doni da offrire a Gesù bambino. Una piramide olfattiva coerente per delicatezza, dove le note fresche sono addolcite dal fico, e in cui il muschio bianco si stempera in un fondo di muschio quercino. L’acqua di profumo viene presentata in versione spray da 50 ml, in erboristeria o in vendita on-line su www.erbaflor.com, insieme a una linea corpo dalle formule ipoallergeniche, improntate all’assenza di coloranti e parabeni. Il rinnovamento che esprime un fiore bianco, delicato, ma tanto forte da sbocciare d’inverno su prati coperti di neve, è un’altra immagine da associare alla donna ragazza di oggi, per il coraggio e lo slancio con cui affronta la vita. Info: www.erbaflor.com ISI presenta STS: l’hotel automation efficiente e conveniente ISI, con il proprio catalogo di oltre duecento prodotti a marchio STS, offre la più vasta gamma di soluzioni per la domotica alberghiera. Negli anni ISI ha fornito centinaia di alberghi indipendenti e strutture appartenenti a catene quali Best Western, Baglioni Hotels, Holiday Inn, Kempinski Hotels, Sheraton e Accor Hotels. I Sistemi STS Hotel ad intelligenza distribuita sono progettati con caratteristiche di robustezza e affidabilità importanti per garantire la continua funzionalità della struttura ricettiva e gestire accessi, presenze, climatizzazione ed utenze, sono gestiti da un sofisticato software di supervisione e dotati di una centrale di gestione proprietaria e di centraline e moduli periferici dotati di microprocessori riprogrammabili; STS Hotel si integra con gestionali PMS, sistemi di climatizzazione idronici e gas e terzi sistemi automatizzando e semplificando la gestione dell’Hotel. ISI propone inoltre per la domotica pannelli touch screen come il rivoluzionario HPOD, che integra termostato digitale, infotainment per gli ospiti e comunicazioni per il personale di servizio. Info: www.stshotel.it

GECO hOTELS: GESTIONE E CONSULENZE ALBERGHIERE Pretty Bijoux presenta Cristalnet: il gioiello come lo vuoi tu Pretty Bijoux è una giovane e dinamica azienda italiana che traduce le intuizioni di designer selezionati grazie alle sapienti mani di esperti artigiani, per proporre accessori rigorosamente ‘Limited Edition’, spesso addirittura realizzati in un unico esemplare. Da questo spirito nasce oggi Cristalnet, un bijou interamente realizzato in Italia, innovativo e versatile, l’accessorio giusto per ogni occasione, età e umore: trasformabile in collana o bracciale, può impreziosire un pullover o rendere originale un classico tubino, ma offre anche un effetto glam allegro e divertente, grazie alla possibilità di abbinare due colori scelti nell’ampia gamma di nuances disponibili. Cristalnet possiede tutte le caratteristiche che le donne ricercano in un bijou: luminosità e colore, sofisticatezza e semplicità, glamour e modernità. 134

HOSPITALITY BUSINESS

Geco S.r.l. nasce dall’unione tra le competenze marketing, commerciali ed operative della VIVAHOTEL Srl (azienda di gestione diretta di strutture ricettive) e quelle di altre aziende e professionisti specializzati nei vari rami dell’industria dell’ospitalità. La sua mission consiste nell’affiancare le strutture ricettive nella loro promozione commerciale, affinché raggiungano importanti obiettivi di sviluppo di fatturato che da sole difficilmente potrebbero ottenere. Il vantaggio per le strutture che si affidano a Geco è triplice: la fruizione di alte professionalità che permettono un significativo risparmio sui costi di promozione; il beneficio di poter permettere al proprio personale di dedicarsi esclusivamente alla cura del cliente; la forza di un network molto apprezzato dagli operatori del settore. www.gecoconsulenzealberghiere.com - informazioni@gecoconsulenzealberghiere.com

135


Con Sky, il suo hotel avrà ancora più stelle. Tutto l’intrattenimento del grande cinema, musica, documentari, notizie e le emozioni del grande sport, con tutta la Serie A, tutta la UEFA Champions League e per la prima volta la UEFA Europa League in HD.

Chiami subito

800 23 28 28 www.hotel.sky.it

Hospitality Business Magazine  

“Hospitality Business Magazine” - la rivista del management dell'industria turistica. Magazine edito da HBConsortium e destinato ai manager...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you