__MAIN_TEXT__

Page 1

MAGAZINE

.it Maria Guerriero

www.spaziodemomagazine.it


AREA TECNICA

AREA LEGALE

AREA SVILUPPO

AREA COMMERCIALE


TITOLARE Stefano Piavani REDAZIONALE: info@spaziodemomagazine.it GRAFICA: www.abcdesign99.eu PUBBLICITA’ promo@spaziodemomagazine.it COPERTINA graphic: abcdesign99 srls


INDICE

06 - Mara Guerriero:

attrice

16 - Charm & Heels:

academy

21 - I love beauty:

by Lorella Maselli

25 - Special Event:

Party Lady Press Office

27 - Hair Stylist:

Gaetano Spadino

29 - Fashion and Luxury:

by G.G. William Faillace

34 - Creativity Test 38 - Mondo Miss:

by Tiziano Tescaro

46 - Save the Puppy:

by Maura Anastasia

51 - Verso la Luce:

by Silvia Sorrentino

58 - Nutripeople:

by ong project

55 - Abcdesign99:

Communication Oportunity


LOGO VEGETALE STABILIZZATO À T I V O N Ÿ Non necessita di luce Ÿ Non richiede acqua

Il concetto della pianta stabilizzata esiste da oltre 30 anni e consiste nel prendere una vera e propria pianta o fiore e sostituire la sua linfa con una sostanza ecologica e stabilizzante, frutto di una ricerca accurata che permette di conservare la pianta per anni senza necessità di manutenzione, mantenendo il suo aspetto originale e la sua elasticità.

Lichene delle renne Chiamato “lichene delle renne” questo muschio cresce nelle foreste del Nord Europa. È raccolto a mano nel rispetto della pianta e del suo ambiente.

Numerosi vantaggi per i vostri clienti Le piante stabilizzate non necessitano di una manutenzione particolare: senza acqua, luce, fertilizzanti e terra. Ÿ Le piante stabilizzate non perdono le foglie, non è necessario potarle o curarle. Ÿ Le piante stabilizzate non temono né le variazioni di temperatura, né le correnti di aria e non rilasciano tossine.

Ÿ

8 COLORI DI LICHENE DISPONIBILI

VERDE CEDRO

VERDE PINO

VERDE SCURO

Muschio del legno Il muschio del legno è una specie presente nella foresta, cresce in numerosi micro-habitat. La pianta forma un tappeto denso e intrecciato.

2 TIPOLOGIE DI FINITURA

NERO

VEGETAZIONE COMPLETA

PORPORA

LAMPONE

ROSSO

ALBICOCCA

VEGETAZIONE SELETTIVA

ABBINARE I COLORI NELLO STESSO LOGO È POSSIBILE !!!

PVC BIANCO

PVC NERO

per ordini e preventivi info@abcdesign99.eu


MARIA GUERRIERO attrice - modella


Maria Guerriero Bellissima oltre che essere una brava Attrice partenopea, con una carriera sempre più in crescita, ovviamente l'abbiamo già vista più volte sul grande schermo, ma nel salutare il passato 2018 abbiamo avuto il piacere di vederla protagonista alla biennale di Venezia, al Festival del Cinema, affiancata da Alex

Belli, Katherina Kelly Lang e Massimiliano Buzzanca nell’importante progetto sul femminicidio “ciao Nina” per la regia di Adelmo Togliani, film che le ha dato molte soddisfazioni vincendo premi e girando molti Festival. Fedeli al detto “squadra che vince non si cambia”, così Maria Guerriero con Katherina Kelly Lang, Alex

Belli ed Adelmo Togliani, nuovamente insieme girano un lungometraggio prossimo ad uscire nelle sale cinematografiche Italiane dal titolo “Dagli


occhi dell'amore”, alla scuderia si affianca anche l'attore Andrea Montovoli. La trama del film è una storia d'amore, ma non la classica storia che siete abituati a vedere, il film si

insinua nel profondo delle sensazioni dell'innamorato, ponendoci delle domande “si è sempre lucidi nella vita anche quando il cuore pulsa d'amore?” Un film che ha creato già molta attesa e vedremo nelle sale cinematografiche l'8 marzo 2019


un detto diceva ... acqua passata non macina più

... per il presente e per il futuro della tua attività affidati a chi ti può aiutare con competenza e professionalità contattaci: ABCDESIGN99 - DIVISIONE WEB AGENCY

info@abcdesign99.eu


un detto diceva ... acqua passata non macina più pensa ad avere sugli smartphone un’applicazione che permette ai clienti di contattarti subito ... pensa ad avere sugli smartphone un’applicazione che permette di chiederti di contattare il cliente che non ti ha trovato ... pensa ad un’applicazione che permette di fissare un appuntamento con data e ora anche quando non sei reperibile ...

MA SOPRATTUTTO DI CREARTI UN DATABASE CON TUTTI QUESTI CONTATTI CHE PRIMA ERANO ANONIMI E DI POTERLI RICONTATTARE CON LE TUE INIZIATIVE E/O OFFERTE

... per il presente e per il futuro della tua attività affidati a chi ti può aiutare con competenza e professionalità contattaci: ABCDESIGN99 - DIVISIONE WEB AGENCY

info@abcdesign99.eu


corsi full immersion per

ph. Gabriele Ardemagni

inuencer e star system

per iscrizioni e informazioni:

www.charmheelsacademy.it


sede dei corsi in

via Montenapoleone Milano (Italia)

ph. Gabriele Ardemagni

partecipanti per corso: max 6

charm_heels_academy charm & heels academy

per iscrizioni e informazioni:

www.charmheelsacademy.it


ASSISTENZA TECNICA CALDAIE CLIMATIZZAZIONE STUFE A PELLET


I

BEAUTY

edited by Lorella Maselli

la nota Press Office dei volti noti dello showbusiness, Lorella Maselli, esperta di moda e di bellezza si confronta con i medici più in auge in questo momento sulle tematiche più disparate... Seguitela !!!

Dott. Roberto Melone Sono da poco terminate le feste e mi ritrovo a combattere quotidianamente con la bilancia e con gli abiti che “fanno difetto”. Devo correre ai ripari e per questo contatto il mio Guru di Bellezza ed Estetica, il Dottor Roberto Melone, punto di riferimento di moltissimi Volti noti. Sono disperata Dottore, Babbo Natale mi ha regalato una taglia in più. Solo Lei può aiutarmi. Lorella cara, innanzi tutto Le consiglio una dieta detox che agirà fin da subito e per le piccole adiposità localizzate propongo invece l’acido deossicolico.


Che parola difficile! Di cosa tratta? L’acido deossicolico è una molecola brucia grassi di ultima generazione, davvero efficace, viene iniettata nel grasso sottocutaneo attraverso delle iniezioni con aghi o speciali micro cannule e la cellula adiposa viene sciolta e distrutta. - È n trattamento doloroso? Assolutamente no, crea un leggero indolenzimento ed un lieve gonfiore. In quanto tempo potrò vedere i risultati ottenuti? Bastano poche sedute di iniezioni localizzate da ripetersi ogni 3/4

settimane, ovviamente effettuate da un medico competente, per fare scomparire definitivamente la molecola adiposa. Mi sta dicendo Dottore che il cuscinetto non si riformerà piu’? Sì, se trattato correttamente. Quali sono i costi del “magico” trattamento? Non sono proibitivi ma accessibili a tutti. Per visite e domande: roberto.melone@gmail.com


Dottor Marco Citro Mi confronto con il Dottor Marco Citro, Direttore Sanitario di Odontociemme e punto di riferimento di tantissimi personaggi famosi che ricorrono a lui per creare i loro sfavillanti sorrisi. Il tema trattato oggi è “l’estetica del sorriso”, argomento del quale voglio conoscere ogni minimo particolare. Buona lettura ... Quanto è importante un bel sorriso? Un bel sorriso trasmette salute e benessere ai nostri interlocutori ed aumenta considerevolmente la nostra autostima; nelle espressioni umane non verbali, l’utilizzo del sorriso nella comunicazione è fondamentale, di conseguenza un sorriso scadente comporta dei disagi oggettivi più o meno difficili da gestire. Quale è il compito dell’odontoiatra per garantire un “bel sorriso” al Suo paziente? L’odontoiatra che pone attenzione all’ estetica dei denti e quindi del sorriso, deve studiare i corretti volumi dei denti nel contesto delle labbra e del viso del paziente, armonizzarli con il colore dei denti più indicato su quella persona nel completo rispetto dei tessuti molli, il tutto poi, deve essere in sintonia con le funzioni fondamentali della masticazione e dell’ articolazione temporomandibolare. Tra le terapie di ringiovanimento e bellezza dei sorrisi, spesso si ricorre alle faccette dentali in ceramica. In cosa consiste l’applicazione di faccette? È un trattamento invasivo? Grazie ai progressi tecnologici della scienza odontoiatrica, oggi l’invasività si è notevolmente ridotta. E’ possibile in poche sedute, migliorare considerevolmente il proprio sorriso, ad esempio, grazie all’ applicazione di faccette in ceramica. Si può riconfigurare un sorriso di denti scuri o mal allineati a seguito di una

corretta preparazione dei denti a ricevere le corrispettive faccette, di volumi corretti e di colore piacevole . Si può esaltare un sorriso, quindi migliorare il terzo inferiore di un viso, semplicemente applicando le faccette che ridisegnano i volumi e i colori più indicati per il paziente. Cosa sono le faccette? Di cosa sono composte? Le faccette sono un sottile strato di ceramica dentale (paragonabili a delle sottilissime unghie) incollato sui denti, generalmente solo nella zona vestibolare (davanti al dente). Le faccette sono in ceramica e sono frutto di un preciso protocollo protesico che, se ben eseguito, si integrano perfettamente con i tessuti gengivali, e nei casi in cui non ci siano i corretti rapporti dentali nella articolazione del paziente, le faccette se, ben studiate, contribuiscono ad ottenere la corretta masticazione che beneficia considerevolmente sul’intero apparato neuromuscolare, mandibolare e facciale. Ci tengo a precisare questo, per comunicare ai lettori che le faccette, non


NO

+39 392 5972624

Y

Why Not Group

T

Lorella Maselli

WH

sono solo una terapia estetica ma talvolta sono necessarie per risolvere i problemi funzionali della masticazione. Come vengono costruite? Le faccette in ceramica possono essere eseguite con varie tecniche. Il medico dentista prepara i denti del paziente e tramite delle impronte il ceramista dentale le crea. Successivamente il dentista le incolla sui denti del paziente con cementi compositi specifici. Chi deve ricorrere all’utilizzo di faccette? Le indicazioni possono essere denti scheggiati o eccessivamente consumati denti disallineati, denti discromici, con macchie sgradevoli, denti con diastemi non accettati dal paziente oppure denti con volumi e o colori non congrui per ultimo ma non per importanza, vengono eseguite in casi dove la funzione di lateralità e protrusiva dei denti non è fisiologicamente corretta.

GR

UP


PARTY LADY PRE S

S OFFICE

Milano, 16 Gennaio 2019-01-17 Party a sorpresa per “Lady Press Office”, l’ufficio stampa più in auge del momento. Gli amici più cari hanno voluto festeggiare il suo compleanno in maniera intima e divertente, organizzando una festa a sorpresa per Lorella che è solita organizzare per gli altri. La scelta del ristorante è ricaduta su “Sorelle Capitone”, tipico e famosissimo ristorante napoletano. Tanti gli amici che hanno voluto festeggiare la Press Office, sonore le risate ed abbondante il buon cibo. Tra gli ospiti.” Aristide Malnati, Francesca Cipriani, Ivan Damiano Rota, Max Pieriboni, Dottor Marco Citro, Daniel Missori, Marco Fossati, Lucia Bramieri, Alessandra Moschillo”.

“Un compleanno molto diverso dagli altri festeggiati finora”, dichiara la stilosa Press Office, “sono felice di raccogliere così tanto affetto, sono arrivata al punto di commuovermi più volte durante la serata. Una festa da ricordare”. Affettuosa e bella più che mai, l’amica Francesca Cipriani:” Lorella per me è un amica ed un punto di riferimento, le voglio tanto bene”. Nelle foto: Lucia Bramieri,Daniel Missori, Alessandra Moschillo, Lorella Maselli, Francesca Cipriani, Max Pieriboni e la moglie Paola. Photo omaggio di Gabriele Ardemagni.


Un 2019 all’insegna delle novità , quelle belle che ti cambiano la vita, per l’Hair stylist Gaetano Spadino, il parrucchiere delle Dive, sua musa da sempre , la bellissima modella Nina Moric. Nuovo e stilosissimo Concept Store per lui, nel centro storico di Procida, la sua amatissima isola, dalla quale pare non voglia allontanarsi mai troppo. Allievo del bravo Tony Pellegrino, l’hair Stylist, ha sviluppato una identità del tutto personale, un estro ed un innovazione che non vogliono essere troppo lontani dalla tradizione, un riuscitissimo binomio di classico e contemporaneo al quale chi si affida a lui ambisce. Altra bella novità in vista per Gaetano, la sua partecipazione al Festival di Sanremo; la scelta della direzione è ricaduta su di lui per la cura del look di diversi cantanti in gara. “La mia parentesi lavorativa a Sanremo, mi riempie di orgoglio, dichiara l’hair stylist, sarò pero’ contento poi, di ritornare nella mia amata Procida”.

HAIR STYLIST

Gaetano Spadino


FASHION & LUXURY DI GIAN GIACOMO WILLIAM FAILLACE Gian G i giorna acomo Will iam Fa lis ill stamp ta, respons a di v abile ace, ar uf Italia c he all'e ie aziende, cio si s mond o dell tero, opera a in n a mod del lus a, dell ti nel so. 'arte e

La moda nel XVI e XVII Secolo Durante il XVI secolo le vicissitudini della vita politica italiana, contesa tra Francia e Spagna, e la caduta della penisola sotto l'influenza spagnola, finirono per influenzare la moda che si può suddividere in due momenti, con fogge completamente diverse. Nella prima metà l'influsso dell'epoca rinascimentale propose ancora il trionfo del corpo con abiti sempre più larghi. Non fu più di moda il tipo gotico longilineo, ma la donna rotonda come le Veneri proposte e dipinte da Tiziano. Venezia fu la città italiana dove il costume femminile si espresse con maggior libertà introducendo scollature profonde ed elementi tratti dall'abbigliamento orientale, come i primi orecchini. Alcune particolarità

del vestiario femminile colpirono i contemporanei, come ad esempio, l'uso di portare sotto la gonna, braghe rigonfie lunghe fino al ginocchio le prime tinte per capelli. In Francia tra le donne appartenenti alla nobiltà si diffuse l'uso del french hood, copricapo di forma rotonda tipico dell'epoca che veniva indossato sopra una cuffietta di lino o seta, in seguito introdotto anche in Inghilterra probabilmente da Anna Bolena sostituendo il gable hood o English hood, che si distingueva dal french per la sua forma triangolare che vennero reintrodotti quando salì al trono Jane Seymour per poi scomparire alla sua morte. Si continuarono a usare più abiti sovrapposti, spesso con maniche tagliate da cui uscivano gli sbuffi della camicia; la pelliccia fu più evidente nei grandi colli a scialle dei soprabiti. La più pregiata era la lince, detta "lupo cerviero". Dalla seconda metà del Cinquecento mentre nel resto d'Europa si erano già formati gli Stati nazionali, l'Italia fu divisa in principati, alcuni retti direttamente da dinastie straniere. Da questo momento in poi iniziò un processo di maggior


irrigidimento dei costumi, forse a causa dell'influenza della moda Spagnola, e dell'intervento morale della Controriforma. Gli abiti tornarono a chiudersi sul busto, scomparvero le scollature che alla fine del secolo furono sostituite da un abito a collo alto e dalla gorgiera, un rigido collo di pizzo inamidato. Fecero anche la loro comparsa i primi busti, in metallo, con la punta che si spingeva verso il ventre. Le gonne si disposero in una rigida campana grazie all'introduzione delle prime sottogonne imbottite. Anche gli uomini cambiarono stile, chiudendo come le donne il collo del busto, ma continuando a mostrare le gambe, a cui si sovrapponevano nella parte superiore bragoni rigonfi e tagliati verticalmente, di forma ovoidale. Le gambe muscolose furono una vera e propria esibizione di vanità. Altri cronisti, scandalizzati, riferiscono che alcuni uomini con le gambe smilze si imbottivano i polpacci. Il colore nero, di derivazione spagnola, era preferito agli altri. La rigidezza degli abiti, che trasformava la figura in forme geometriche e impediva movimenti sciolti, dava al corpo una forma ieratica che sottolineava la superiorità morale dell'aristocrazia rispetto alla volgarità della plebe. Si andava delineando con molta forza il vestito delle classi alte, che trovò un parallelo anche nell'arte, dove il popolo era dipinto in forma grottesca e caricaturale. Occupata prima dalla Francia, poi dalla Spagna, l'Italia iniziò un periodo di decadenza che si rifletté anche sulla moda. Infatti le nazioni vincenti imposero forme e colori, e il baricentro dell'eleganza si spostò soprattutto a nord. Da questo periodo fino a quasi i giorni nostri la Francia fu il paese da cui tutta l'Europa, e in particolare la nobiltà, copiò gli abiti. Il centro di maggiore irradiazione diventò la corte del re. Si apriva il periodo denominato Barocco e caratterizzato da un'esuberanza di forme e da un accostamento, spesso eccentrico, di

materiali. La Spagna ebbe minor influenza, se non per l'uso, copiato soprattutto in Italia, del colore nero. Questo periodo fu detto Barocco, con cui definiamo solitamente il XVII secolo. Caratteri principali dell'arte barocca furono


rimanesse stupito e meravigliato; si voleva stimolarne l'immaginazione, con un forte senso di teatralità. Anche il vestito fu caricato fino all'inverosimile, perdendo del tutto il senso di essenzialità che era stato caratteristico del primo Rinascimento.

la sovrabbondanza di decorazioni, di marmi, di stucchi; si voleva che di fronte a un quadro o ad un edificio lo spettatore

Nei primi anni del secolo la moda femminile fu caratterizzata dai rigidi busti a punta, dalla gonna a campana, dal collo a gorgiera. Gioielli erano sparsi su tutto l'abito. Successivamente, per influenza francese, le vesti tornarono ad aprirsi sul davanti, arricciandosi lateralmente con scollature a barchetta sottolineate da grandi collari di pizzo. Verso la fine del secolo la donna indossò una veste aperta davanti e sovrapposta a una gonna, che aveva lo strascico arricciato nella parte posteriore. Si introdusse la moda delle cuffie, dette alla Fontange. Spopolarono anche i falsi nei in seta che avevano un significato galante a seconda della posizione in cui venivano incollati. Anche il costume maschile, rigido all'inizio, diventò più sciolto. La guerra dei Trent'anni tra Francia, Spagna e Inghilterra modificò il comportamento maschile, che doveva sembrare maestoso con le spalle tirate indietro, con la mano perennemente appoggiata sul fianco, le gambe ben piantate, il viso col mento rialzato descrivendo un maschio atto alle armi, che incuteva timore. Caratteristico il costume quasi militaresco, con l'uso perenne degli stivali in cuoio, lo spadone e baffi alla moschettiera, mentre la scia dei bravi che seguivano il signore non faceva che instillare timore e rispetto. Gian Giacomo William Faillace


CREATIVITY TEST migliora la tua visione giocando ... CREATIVITY TEST è apparentemente un gioco, un passatempo che cela una vera e propria palestra per la mente. Frequenti studi sulla comunicazione neuro linguistica hanno indicato questi tipo di «allenamento» come ottimale per una visione a 360° dei problemi e conseguentemente delle risoluzioni. L’analisi sotto ogni aspetto di qualsiasi quesito porta ad una più rapida soluzione, ad un atteggiamento più ottimistico delle proprie capacità ed a una sensazione di benessere che si ripercuote positivamente sulla salute del corpo e sulla gestione dello stress.

Abbiamo provato a risvegliare la nostra creatività con l’immagine che vi avevo sottoposto la volta precedente? Ve lo riproponiamo qui sotto. Nelle pagine successive vi porto alcuni esempi di come allenare la vostra creatività svelandovi le immagini che potreste aver visualizzato. Sono 4 soluzioni, ognuna emersa ruotando di 90° dalla posizione precedente. Queste sono solo alcune delle immagini che possono essere viste, ma non le uniche, provate a scoprirne altre ed inviatele alla nostra redazione ... le migliori verranno pubblicate! se qualcuno volesse informazioni per un «allenamento personalizzato! ci contatti Per informazioni scrivete a : info@spaziodemomagazine.it

reativity est creiamo insieme il logo «creativity test». Aggiungi, modifica i segni in modo da evidenziarne i tratti che possano rivelare quello che tu riesci a vedere, invialo a info@spaziodemomagazine.it


sorgente 1

sorgente 2


sorgente 1

qui possiamo vedere una testa di gallo

e qui con una rotazione di 180° possiamo vedere un buffo pupazzo

Non è importante chi o cosa vediamo, è importante riuscire a vedere una qualsiasi forma .... più ne vediamo e più la nostra creatività sarà attiva !!!!

sorgente 2


ovunque con qualsiasi supporto digitale

www.spaziodemomagazine.it


MONDO MISS notizie e info dal mondo dei concorsi di Miss

MISS EARTH 2019 GIADA DE RUGNA ELETTA MADRE NATURA DI MISS EARTH ITALY

Nella annuale selezione del Natale in Galleria Parco Città si e svolta la selezione di Miss Earth Italy dove ha trionfato la Bellunese Giada De Rugna con il titolo di Madre Natura. Giada sarà special guest il 26 gennaio 2019 all'Evento del Benessere della Madre Terra, per lei si aprono le porte verso la finalissima nazionale del 30

giugno ad Assago di Milano nell'ambito di Milano Latin Festival. Giada è stata fasciata e incoronata da due madrine eccellenti, Giorgia Toaldo e Gloria Carraro, detentrici Giorgia del terzo posto nazionale e Gloria il titolo Under18 conseguiti nella finale Nazionale di luglio 2018


Erano 18 le miss in gara distinguendosi nelle due sďŹ late, la prima in costume intero del tricolore italiano, la seconda in abito elegante lungo da sera. La giuria presieduta da esperti come il

modello Traore e le organizzatrici di eventi Marta Marcon e Michela Boo ha scelto la semplicità di Giada incoronandola Reginetta.


Volti nuovi, debuttanti nel concorso internazionale come la numero 11 Aurora una rivelazione per la telegenia e fotogenia doti molto apprezzate dalla organizzazione del concorso. Con il numero 13 Sandy ha dimostrato il

suo charme ed eleganza nel portamento. Con il numero 07 Erika ha un punteggio alto e vede la ďŹ nale Nazionale 2019 a Milano. Genny con il numero 02 ha dato dimostrazione di grazia nei movimenti in swimsuit tricolore.


Con il numero 03 Valeria è da poco nel cast di Miss Earth Italy ma il suo punteggio sta salendo molto in fretta tanto da diventare una 2papabile” per la finalissima. Con il numero 07 Giada da Rugna ottiene la sua prima corona nel concorso, un debutto che l'avvicina alla finale nazionale. Con il numero 04 Nicole una

miss ricca di fascino al suo debutto nel concorso Miss Earth Italy il suo percorso sarà sicuramente ricco di soddisfazioni vista la sua passione. Con il numero 14 Martina già veterana nel concorso e finalista nazionale 2018 si è distinta subito per il portamento e la posa sarà di certo tra le protagoniste 2019.


Con il numero 01 Margherita e con il numero 05 Sara due debuttanti nel concorso che hanno cercato di distinguersi ottenendo punti importanti. Giada Anastasia era la diciottesima Miss in gara per lei un debutto molto importante

nel concorso capenso subito la mission e il metodo nelle due sďŹ late. Con il numero 16 Eleonora si è distinta sia nel portamento swimsuit che nel long dress ottenento un punteggio che la vede giĂ tra le protagoniste.


Sharon con il numero 06 e Claudia con il numero 09 sono altre due debuttanti nel concorso, impareranno le tecniche internazionali di sfilata molto presto cosi potremo vederle tra le protagoniste. Con il numero 08 Irene si è distinta da subito

affrontando con sicurezza la passerella sia in costume che elegante. Alessia con il numero 10 si è inserita facilmente nel team tra le sue doti “Poise and Form”


Con il numero 12 Marianna al suo debutto molto apprezzata per la sua telegenia e beauty and face ma anche per la sua silhouette. Con il numero 15 Claudia altra miss debuttante non è certo passata inosservata ottenendo un punteggio molto importante.

VOCE AL DIRETTORE NAZIONALE TIZIANO TESCARO Nella finale Nazionale del 30 giugno 2019 ad Assago di Milano verrà incoronata la finalista maggiorenne con il titolo di Miss Earth Italy 2019 e andrà a rappresentare l'Italia nella finale mondiale a manila con altre 90 regine dei 5 Continenti. Verrà incoronata una seconda regina UNDER18 che rappresenterà tutte le miss teenager del Cast. Ci saranno poi fasce e corone assegnate in rappresentanza degli elementi della Terra. Ad ogni selezione/casting aldilà del verdetto della giuria, registriamo un punteggio di ogni miss, questo consentirà di scegliere le finaliste nazionali sulla reale valutazione complessiva.


DIGITAL magazine VS PRINT magazine


SAVE THE PUPPY DI MAURA ANASTASIA

Maura e Hairon

con piacere vi presento la nuova coppia che vi accompagneranno nel tenero mondo animale da amare, coccolare e da salvare

seguiteci numerosi


Edoardo Raspelli ci racconta dei suoi animali. “Non ne volevo più sapere: prima il passerotto, poi quel meraviglioso cane lupo: avevo sofferto troppo, anche se per motivi diversi. Poi, il caso, una preghiera dei miei due bambini, la loro insistenza, quel goccio di vino di troppo (almeno per uno quasi astemio come me) e la mia vita si è trasformata. Ora gli animali, i nostri amici a quattro zampe, li ho in casa e, sempre di più, anche sul lavoro”. Chi ci racconta così è Edoardo Raspelli che ogni domenica mattina vediamo da più di vent’anni su Canale 5, a Melaverde, magari in mezzo a capre e vacche, oppure con un capretto tra le braccia o mentre allatta con il biberon un agnellino … Grande amore per i nostri amici che ci danno lana, latte e formaggi, tanto rispetto e addirittura lirismo nel raccontare le belle stalle italiane, ma una volta Edoardo Raspelli non era così. “Mio padre mi aveva portato a casa un passerotto: lo aveva trovato un giorno d’estate nella stufa a legna del suo ufficio di funzionario all’Ospedale Maggiore Ca’Granda di Milano. Ero un bimbo: seguivo in televisione L’Amico degli Animali, Angelo Lombardi, e sapevo come nutrirlo, con un pastoncino che preparavo io stesso e mettendoglielo nel becco con uno stuzzicadenti. Un giorno, all’improvviso, lo trovai morto nella sua gabbietta. Qualche anno dopo, un altro shock. Una zia materna aveva trasformato la sua villa sul lago di Garda, a Gargnano, in un piccolo albergo delizioso ed io ci andavo da ragazzetto appena potevo, in vacanza. Avevano un bellissimo cane lupo, si chiamava Pat; me lo ricordo ancora, dopo 60 anni. Un giorno correvo in giardino e Pat mi corse dietro: voleva giocare, ma io non lo sapevo e mi


spaventai tantissimo. Qualche giorno dopo, poi, Pat assalì un cliente e mio zio, che aveva il porto d’armi, fu costretto ad abbatterlo. Da allora promisi che non mi sarei più affezionato ad un animale”. Mai dire mai. Molti anni dopo, nel 1990, Edoardo Raspelli e la moglie Clara festeggiavano con i loro figli, allora bambini, Simona e Matteo, l’anniversario di nozze in un celebre ristorante di allora, il Sambuco di Porto Garibaldi. Il patron, Achille Maccanti, disse ai bimbi: ”Sapete, bambini, mi sono nati sei meravigliosi gattini di razza, sono


Certosini. Ne volete uno?! ”. E fu così che in casa Raspelli, svezzata e vaccinata, arrivò Lisca,” quello che resta dei pesci quando mangiano i Raspelli”. Era il meraviglioso giocattolo di tutti: la infilavano nella scatola di cartone dello champagne e la facevano rotolare con delicatezza. Dopo dieci anni Lisca morì di malattia; allora arrivò Spicchio, un siamese che oggi a 17 anni, e Gandalf (che venne ucciso da una moto e, secondo Clara Raspelli, a bella posta perché era nero !!!). Percival è morto due anni fa ed oggi a far compagnia a Spicchio c’è una gattina di 11 anni, Semola: lui è magrissimo, coccolone, curioso e goloso; lei è cicciotta e fifona, scappa al

primo rumore strano, magari quello di una bottiglia di plastica schiacciata per riciclarla, ma che appena sente il rumore del caffè che esce dalla macchinetta corre in cucina perché sa che nella pausa i suoi padroni hanno l’abitudine di coccolarla appena si mette con la pancia in aria.


VERSO LA LUCE DI SILVIA SORRENTINO Buongiorno amici, questo nuovo anno è ormai giunto, con la speranza nel cuore che questo sia l'anno del risveglio della coscienza generale del mondo.. Sarebbe il più bel dono che "Babbo Natale" farebbe a tutti noi... Oggi vi voglio presentare uno degli uomini che secondo mio avviso ha chiaramente inteso la grande verità della vita. l Lui si chiama Piergiorgio Caria.. È la storia che segue è semplicemente la sua incredibile vita che tutt'oggi dedica totalmente alla scoperta e divulgazione della verità.. Dio, Gesù, extraterrestri, grandi e miserabili complotti contro il genere umano ... l’anticristo... Buona lettura, e aprite i vostri cuori e le vostre menti...


Pier Giorgio Caria Originario della Sardegna, un'Isola dove il mistero è di casa, con le sue settemila piramidi tronco coniche: i Nuraghe, vestigia di una remota civiltà che ancora non ha svelato il suo arcano. E il mistero lo attrae sin da giovanissima età assieme alla scienza. Dopo aver avuto esperienza diretta di avvistamenti di Oggetti Volanti non identificati (UFO), negli anni '80 conosce il contattista italiano Eugenio Siragusa da cui riceve numerose informazioni sulla presenza nel nostro pianeta di visitatori provenienti da altri mondi. Da tale incontro scaturisce un profondo interesse verso il tema, che lo porta a conoscere ed a dare il via ad una stretta collaborazione con altri appassionati e ricercatori. Compie numerosi viaggi di ricerca e studio, in varie nazioni alla ricerca di prove e testimonianze che avallassero ulteriormente la presenza sulla terra di civiltà extraterrestri. Messico, Argentina, Perù, Turchia, Spagna, Svizzera, Inghilterra, Germania, Lituania, Russia, Stati Uniti e, ovviamente, l'Italia, sono alcune delle tappe più importanti di questa ricerca. L'incontro con Scienziati, Militari, Piloti, Cosmonauti, Contattisti, Ricercatori e semplici testimoni sono la base probante, assieme ad un numero considerevolissimo di foto e filmati, raccolti in questi viaggi, che confermano l'attività di una aviazione non terrestre operante pacificamente nei nostri cieli. Prove e testimonianze ottenute grazie anche al credito di personalità di rilievo con cui Caria intrattiene proficui rapporti di collaborazione. In questo ambito si inserisce l'importante amicizia e collaborazione che Caria vive con lo Stimmatizzato e contattista italiano Giorgio Bongiovanni. Dalla vicinanza e dalla ricerca su questa straordinaria

esperienza, Caria trae nuovi e inaspettati spunti che arricchiscono anche la sua diretta conoscenza del mistico e del trascendente, oltre che del cosmico. Assieme ad altri ricercatori analizza e studia anche analiticamente l'esperienza di Bongiovanni traendone prove incontrovertibili della sua autenticità oggettiva. Tra i maggiori specialisti e studiosi incontrati citiamo lo scrittore Erich Von Daniken, il professor James Harder, il professor John Mack, l'antropologo e scrittore tedesco Michael Hesemann, il ricercatore J. J. Benitez, il ricercatore e giornalista televisivo Jaime Maussan, il Dott. Roberto Pinotti, l'ex agente segreto NATO Robert O. Dean, l'ex Pilota USAF Guy Kirkwood (Mel Noel), l'ex Serg. Magg. Wendelle Stevens, l'analista Jim Dilettoso, l'ing. inglese Colin Andrews massimo esperto sui cerchi nel grano, i ricercatori brasiliani Rafael Cury e A. J. Gevaerd, Jesse Marcel junior III, il ricercatore e giornalista televisivo ecuadoriano Jaime Rodriguez, ecc. ecc. Dopo il settore della ricerca Caria inizia ad interessarsi anche a quello della divulgazione. L'amicizia e la collaborazione con varie emittenti televisive nazionali e internazionali gli forniscono la base specialistica per poter porre in essere i primi progetti di livello professionale. Agli inizi degli anni '90 è autore dei testi e della regia di una serie di oltre dieci documentari sull'argomento della presenza extraterrestre. Tra i temi trattati vi è anche quello dei cerchi nel grano, fenomeno che si inserisce in pieno nell'ambito delle fenomenologia ufologica. In particolare proprio il documentario dedicato ai Cerchi nel Grano, vince nel 1999 un importante doppio premio, critica e pubblico, all' "international film festival", dedicato ai documentari sulle prove della presenza aliena che si svolge annualmente in Nevada, negli USA. Il lavoro viene acquisito in Italia dall'emittente "La Sette" e va in onda nel programma "Stargate", condotto allora da Roberto


Giacobbo. Non è il solo, sempre "La Sette" manda in onda un altro documentario, di cui Caria cura la regia in studio e il montaggio, ed è co-autore dei testi e della sceneggiatura. Il lavoro è dedicato alle teorie dell'italiano Elio Diomedi sulle possibili tecniche usate per costruire la Piramide di Cheope. La trasmissione "Voyager", su RAI2, manda infine in onda una serie di documentari dedicati al fenomeno delle misteriose "Sfere di Luce", al fenomeno ufologico in Messico e Sud America, alle simbologie Maya nei cerchi nel grano e al caso di contatto massivo conosciuto come “Caso Amicizia” e al contatto dell'italiano Antonio Urzi. Tutti lavori di cui Caria è autore della ricerca, dei testi, sceneggiatore e regista. Nel 2005 cura il testo e la sceneggiatura di due

documentari sui misteriosi resti archeologici che si trovano in Perù e che lasciano presupporre l'esistenza di una antichissima ed evoluta civiltà, di cui abbiamo perso memoria. Il primo dei due lavori, realizzati dalla casa di produzione "Sydonia Production", vince il primo premio, sezione documentari, al festival internazionale "Ionio film festival" del settembre 2005. Entrambe i documentari vengono mandati in onda sempre dalla trasmissione Voyager. ODEON TV e il canale FOCUS, acquisiscono e trasmettono alcuni di questi documentari. Questi lavori vengono tradotti in varie lingue e diffusi anche all'estero in formato Home Video e messi in onda in televisioni di varie nazioni tra le quali: TVI – Belgio, PLANETE TV – Francia, TV CATALUNYA


– Spagna, I-Cable - Hong Kong - CANAL INFINITO – argentina, AL MAJD - Arabia Saudita, HISTORY CHANNEL latino America ecc ... L'attività del ricercatore si arricchisce di numerose partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e televisive su emittenti private locali, nazionali ed internazionali, sempre sul tema degli oggetti volanti non identificati, cerchi nel grano ecc. "Stargate" su La Sette, "Voyager" su RAI 2, "Cominciamo Bene" su RAI 3, "Piazza Italia" su RAI1e RAI2, UNO Mattina Storie Vere, su RAI1, sono le trasmissioni italiane più importanti dove Caria ha presentato e commentato filmati e testimonianze della fenomenologia ET e fenomeni connessi. Numerosi gli articoli realizzati e pubblicati, soprattutto sul mensile "UFO La Visita Extraterrestre". Numerosissime anche le conferenze a cui ha partecipato e partecipa, sia in Italia che all'estero, sul tema UFO, Extraterrestri, cerchi nel grano e argomenti correlati. In particolare, nel novembre del 2007 presenta il tema dei Cerchi nel grano in una conferenza all'Università Fernando Pessoa di Oporto, in Portogallo. Nel febbraio del 2009 presenta negli Stati Uniti, in Nevada, due investigazioni, il caso Urzi e il caso Amicizia. Nell'ambito dell'International Film Festival, che si svolge all'interno del congresso americano, partecipa con i documentari relativi e bissa il successo del 1999 vincendo tre primi premi in diverse categorie, con due documentari: “Le profezie Maya e i cerchi nel grano” e “Il caso Urzi, un mistero nei cieli d'Italia”. Nel 2011 partecipa di nuovo alla rassegna americana e per la sesta volta vince il primo premio. L'opera si intitola: “Il mistero delle sfere volanti”. A marzo dello stesso anno, sempre con “Le profezie Maya e i cerchi nel grano”, vince il 1° premio per il miglior documentario all'Imperia Film Festival, su circa 600 concorrenti. Nel 2012 ha collaborato alla serie televisiva, per il sociale, “Construir Amor”,realizzata

dalla italiana “Sydonia Production”, per conto della televisione argentina. Nel 2012, 2013 e 2014 ha collaborato ad alcuni servizi su UFO e Cerchi nel grano, mandati in onda dalla rubrica “Extremamente”, all'interno del rotocalco televisivo “Studio Aperto”, in onda sull'emittente televisiva “Italia1”. Il documentarista si è cimentato anche in altre tematiche come, ad esempio, la legalità con due documentari, di cui ha realizzato regia e montaggio, dal titolo : “Il potere e la Mafia”, dedicato alle vicende dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e “Paolo Borsellino, l'ostacolo tra lo stato e la mafia”, entrambi proiettati a Palermo durante le commemorazioni dei due eroi, e un terzo dal titolo “Pablo Medina, morte di un giusto”, lavoro del 2015, di cui ha curato la regia. Negli ultimi anni ha diradato la partecipazione al mondo della documentaristica per dedicarsi soprattutto alla ricerca e alla divulgazione, quest'ultima sia direttamente negli incontri pubblici e sia attraverso articoli, radio e televisioni. WebBiografia


Silvia Sorrentino


NUTRIPEOPLE w w w. n u t r i p e o p l e p r o j e c t . o r g

website: www.nutripeopleproject.org facebook: nutripeopleproject


www.abcdesign99.eu


dalla progettazione alla stampa, qualitĂ /prezzo sopra la media

webdesign, social media e comunicazione digitale

vasta scelta di oggettistica, da tutti i produttori nel mondo

anterioritĂ e registrazione nazionale e internazionale

www.abcdesign99.eu


organizzazione eventi fashion, lattine promozionali

insegne per interni ed esterni, vetrofanie, graď€ ca per location

comunicazione express locale, alta visibilitĂ e prezzo basso

operazione a premi chiavi in mano per commercianti

www.abcdesign99.eu


creazione e gestione di pubblicazioni commerciali digitali

consulenza e organizzazione di sponsorship service

servizio di Public Relation per aziende, associazioni, enti

lattine di energy drink e aranciata totalmente pubblicizzabili

www.abcdesign99.eu


®


®

promuovi il tuo evento o attività con una idea ... energetica !!!

infoline:+39(347)5525520 info@abcdesign99.eu CERCHIAMO DISTRIBUTORI PER ZONE LIBERE

Profile for Stefano Piavani

Spazio Demo Magazine  

prestigiosa pubblicazione commerciale "made in Italy" dove personaggi, idee e progetti spazio spazio ed interesse, una piacevole pubblicazio...

Spazio Demo Magazine  

prestigiosa pubblicazione commerciale "made in Italy" dove personaggi, idee e progetti spazio spazio ed interesse, una piacevole pubblicazio...

Advertisement