Page 1

ANNO XV - N. 3 MARZO 2007 - MENSILE DI TURISMO E CULTURA - Via Nazionale, 204 - 00184 Roma, Tel. 06/4871721 - Fax 06/4871618 - Aut. Trib. Roma 469/92 - 31/7/92 - Tariffa R.O.C.-Poste Italiane S.p.A.- Sped. in Abb.Postale - D.L. 353/2003 (conv. In.L.27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1, DCB Roma - prezzo a copia e 3,25 - filiale di Roma0

www. travellinginterline.it

EDITORIALE

Turismo: che aria tira?

M

esi poco esaltanti si stanno succedendo con una meticolosità preoccupante per gli operatori del settore. Agenti di viaggio e tour operator ormai vivono alla giornata e sembra quasi più facile ‘azzeccare’ un terno al lotto piuttosto che riuscire a capire qualcosa sull’andamento del mercato turistico. Da qualche anno persino i periodi cosiddetti ‘buoni’ per antonomasia (Natale, Capodanno, Pasqua e Ponti primaverili) fanno registrare una certa ‘fiacca’ nelle prenotazioni. Sta sempre più cambiando il panorama turistico, e in peggio. Mesi non particolarmente brillanti si susseguono uno dietro l’altro, e l’incertezza sul futuro sia economico che politico del nostro paese induce gli operatori del settore a non essere troppo ottimisti sulla tanto sospirata ripresa. Se calano anche i consumi dei generi alimentari – così ci viene detto dai media, anche se chi va al

la IIª edizione Italia, un “mercato Al diviaGlobe 2008 strategico” per tutti… P

...tranne che per gli italiani Siamo diventati terra di conquista, senza che i nostri vettori abbiano saputo fare altrettanto sugli altrui mercati.

D

i esempi ne potremmo fare a iosa; prendiamone qualcuno a caso fra i più recenti: “l’Italia è un mercato strategico per la Swiss”. Non nutriamo alcun dubbio sulla veridicità di una tale affermazione la quale però ci lusinga se venisse limitata a pochi casi, mentre ci fa sorgere qualche pensiero cattivo quando a ripeterla sono

non uno, ma decine di vettori. “L’Italia è un mercato assolutamente prioritario e strategico per il Gruppo (particolarmente Venezia, Sicilia, Sardegna e Napoli) e rappresenta il 36% dell’intero business. Nel 2006 la compagnia ha trasportato 1.6 mi-

SPECIALI

a pag. 14

da pag. 17 a pag. 19

CINA a pag. 4

AZ-MXP

Viaggi e Offerte Interline

Liliana Comandè

Continua a pag. 1

POLINESIA e AUSTRALIA pag. 8

resentata a Roma, presso la sede dell’Enit, la seconda edizione del Globe 2008, la fiera internazionale del turismo che dal 13 al 15 marzo riunirà nella capitale i grandi attori del turismo mondiale per promuovere il Mediterraneo e il Sud Europa, un bacino che secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo attira il 33 percento del movimento turistico estero, con 262 milioni di arrivi. Il Globe, che nella prima edizione ha raccolto nella nuova Fiera di Roma 29 mila presenze, calamiterà sulla Città

Due aspetti che andavano tenuti separati

Claudio Mancini e Paolo Audino

Antonio Bordoni

Continua a pag. 12

Continua a pag. 12

Siamo al

GLOBE08 pad.1 • Stand 199 • corsia 5


Segue da pag. 1 supermercato a fare la spesa forse non se ne rende neppure conto, vista la fila che si fa alle casse… – a questo punto è facile immaginare che la fruizione di un viaggio da parte dei nostri connazionali non rientri affatto nelle loro priorità. Non vorrei sembrare sempre troppo pessimista o negativa, e forse dire che è tutto fermo sarebbe una bugia, ma non mi sento neppure di affermare che l’emergenza è finita e che tutto stia tornando alla tanto auspicata normalità. E’ inutile nascondere la testa sotto la sabbia e far finta di niente. Bisogna dire come stanno realmente le cose, e la verità è che la crisi è ben lontana dall’essere finita e, purtroppo, non si riesce minimamente a prevedere come andranno le cose da qui alla fine dell’anno.

I Ma che razza di gente c’è in giro… La gente si muove di meno, questo è un dato di fatto, e quando decide di partire cerca sempre l’offerta dell’ultimo minuto. Quindici/venti anni fa sarebbe stato assolutamente impensabile credere che qualcuno potesse decidere di prenotare e partire nello stesso giorno e che, addirittura, si recasse nell’agenzia di viaggio direttamente con la valigia in mano! Cosa inimmaginabile allora, ma triste realtà di oggi! Non più clienti last minute, ma sempre più clienti last second… E chi avrebbe mai potuto pensare che un cliente, anziché avvertire direttamente l’agenzia della cancellazione della sua prenotazione, lo avrebbe fatto attraverso una raccomandata di un legale di una delle tante associazioni dei consumatori? La cosa assurda è che nella raccomandata, oltre alla notizia della cancellazione della partenza, l’agenzia viene invitata a restituire al cliente l’acconto versato trattenendo però il 10% di penale, come da contratto del T.O., sottoscritto dal cliente nell’agenzia - cosiddetta di ‘fiducia’! Scusate lo sfogo, ma forse nell’aria che respiriamo, oltre allo smog, ai gas nocivi e, come a Roma, anche un bel po’ di cocaina, ‘circolerà’ sicuramente anche un ‘virus’ che fa diventare stupide e cattive le persone! Io credo che ormai si è arrivati ad un punto tale di disumanizzazione dei rapporti fra le persone e di scarsa fiducia nel prossimo, che forse è questa la vera motivazione del successo delle prenotazioni on-line. Da una parte c’è l’uomo e dall’altra una macchina (il PC), del quale ci si fida ciecamente perché non contraddice, non

EDITORIALE

Turismo: che aria tira?

I Invertire i ruoli

Liliana Comandè rimane antipatico e permette di ‘sbagliare’ da soli. Ma gli italiani sembra che siano diventati ‘grandi esperti’ di viaggi e navigano in Internet che è una bellezza! Basta un computer e si trasformano tutti in bravi agenti di viaggio. D’altronde, la presunzione non è una delle tante ‘qualità’ degli italiani? Peccato che qualche volta però abbiano dei problemi e allora, perdonatemi ma forse con gli anni sono diventata un po’ cattiva, provo un certo piacere nel dire a chi non è stato soddisfatto del viaggio/itinerario che si è organizzato “ti sta proprio bene”! A ognuno il proprio mestiere e, come si dice a proposito, date Cesare quel che è di Cesare.

I Il precariato sconosciuto delle medie e piccole imprese… Sfido qualsiasi piccolo imprenditore a non sentirsi un precario, soprattutto da quel disgraziatissimo settembre 2001. Il termine, in realtà, viene sempre accostato ai dipendenti che non hanno un contratto a tempo indeterminato, ma credo che la parola ben si addica a chi non ha alcuna certezza di arrivare alla fine del mese o di rimanere a ‘galla’ senza rimetterci anche i soldi investiti nell’impresa. Soldi che, chiaramente, un dipendente – seppur precario - non perderà mai perché non li ha impegnati per rischiarli in una attività privata. Parecchi agenti di viaggio, telefonandomi in ufficio, mi hanno confidato amaramente di sentirsi da anni in questo stato di precarietà lavorativa che li sta portando alla decisione di abbandonare l’attività. A volte mi viene in mente la lettera di una lettrice di Travelling Interline che alcuni anni fa, contestando un mio edi-

Marco Benincasa, nuovo Vice Presidente Travelport per il Sud Europa opo l’accorpamento di Galileo e Worldspan sotto il marchio TravelD port, è in atto una revisione della struttura organizzativa. In questo processo Marco Benincasa è stato nominato Vice Presidente per il Sud Europa. Già responsabile Galileo per la stessa area, assume la stessa carica anche per il GDS Worldspan, per il quale dirigerà le attività per Italia, Grecia, Malta ed Israele. Benincasa ha cominciato a lavorare in Galileo nel 2003, come Amministratore Delegato di Galileo Italia, dopo brillanti esperienze nell’ambito del turismo italiano. Aveva già ricoperto incarichi di elevata responsabilità, in particolare come

2

toriale nel quale enumeravo i rischi che si corrono aprendo una propria agenzia o qualsiasi altra attività commerciale, terminava il suo scritto con la frase: “a me i problemi con il commercialista e a voi un milione di lire al mese”. Era tanto palpabile il suo acredine nei confronti di tutti gli imprenditori - forse li immaginava tutti come Tronchetti Provera o Benetton o Berlusconi, tanto per citarne alcuni noti e ricchi – da avermi fatto capire quanta ignoranza ci può essere da parte di chi cataloga le persone solo attraverso un semplice termine, o per una ideologia che mette i lavoratori da una parte – le persone buone – e i datori di lavoro dall’altra – le persone cattive.

Country General Manager di British Airways per l‘Italia e Malta e più tardi come Direttore Generale di Air One. “Sono molto felice di guidare il team Travelport GDS in Italia, Grecia, Malta ed Israele” - ha dichiarato Marco Benincasa - “I cambiamenti che abbiamo apportato alla nostra struttura organizzativa ci consentono di essere più vicini ai nostri clienti e di offrire loro un servizio migliore”. Il nuovo responsabile ci tiene a precisare che l’integrazione operata fra le due importanti aziende del settore dei servi-

SOMMARIO ITALIA, UN MERCATO STRATEGICOPAG.

PAG.

1,12

AL VIA LA II EDIZIONE DI GLOBE08

1,12

TRAVELPORT

2

SPECIALE CINA

4

ENTE TURISMO CINESE

5

CHINASIA, AGVACANZE, CHINA SOUTHERN AIRLINES

6

SPECIALE POLINESIA, AUSTRALIA

8

a

10

per un giorno…

CLUB PARADISO

Vedete, basterebbe passare per un giorno ‘dall’altra parte della scrivania” per notare che al piccolo imprenditore non cade la penna alle 13 e un minuto, perché inizia la pausa pranzo, e neppure sta a casa se ha il mal di pancia o un po’ di febbre (se non è altissima). Il piccolo imprenditore precario non ha orario – nel senso che può stare anche 12-13 ore al giorno nel luogo di lavoro - e si impensierisce se il lavoro non c’è perché, comunque, deve trovare i soldi per coprire i costi di gestione e del personale. Il piccolo imprenditore precario – soprattutto in tempi di magra – non dorme di certo sonni tranquilli, né tanto meno si permette di fare una vita da nababbo o da sfaticato, (per lo meno non ne conosco nessuno così). Se non si lavora non si mangia, questo è un dato di fatto, e non sono infrequenti i casi di piccoli imprenditori che sono tornati a lavorare – anche come precari dipendenti – per conto terzi. Meglio ‘staccare la spina’ e tornare a casa piuttosto che pensare - anche quando si sta in famiglia - ai problemi del lavoro. Credo che sia abbastanza chiaro quanto il termine precario debba essere allargato anche ad altre categorie che non dispongono di un reddito certo, al contrario di chi, per sua fortuna, sa quanto prende ogni mese, quanto di 13a e di 14a, quanti giorni di ferie, quante ore di permessi retribuiti, quanti giorni festivi – tipo Natale, Capodanno, Epifania, ponti vari, ecc…non lavorati ma retribuiti, o giorni/mesi anche di malattia pagati ugualmente. Allora, possiamo definire precario anche un piccolo imprenditore? E ricordate qualche politico che anche in campagna elettorale si sia mai preoccupato dei suoi problemi? A me non risulta, o forse non ricordo o forse…è perché è sempre e comunque una categoria di invisibili?

REIMATOURS, ETS

11

MALAYSIA AIRLINES, TUNISIA

13

ALITALIA, EUROFLY, BRASILE

14

EXPEDIA, S. DOMINGO, QATAR AIRWAYS

16

COSTA CROCIERE, IATA, ALITALIA

16

VIAGGI INTERLINE

17-19

Liliana Comandè

zi telematici per il turismo sotto il marchio Travelport GDS non avrà come risultato che uno dei due sistemi subirà conseguenze negative di ridimensionamento, né che i clienti dell’una e dell’altra saranno costrette a cambiare GDS, ma “al contrario, significa che potremo proporre ai nostri clienti il meglio dei due mondi, seguitando a vendere sia Galileo che Worldspan, secondo le esigenze dei clienti”. L’elevata qualità delle prestazioni così come il perseguimento di nuovi e vantaggiosi obiettivi sono garantiti dalla nuova struttura e dai suoi uomini scelti a guidare le sue zone strategiche. O. S.

www.travellinginterline.it redazione@travellinginterline.it

Editore e Direttore Responsabile

Liliana Comandè l.comande@travellinginterline.it

hanno collaborato: Antonio Bordoni, Cecilia Emiliozzi, Eva Forte, Pino Magnani, Antonella Pino d’Astore, Oriana Schembari, Angelo Sessa Corrispondenti regionali: Lombardia: Eleonora Boggio, Giuseppe Curti, Roberta Folatti, Alberto Lentini, L. Francesca Rebonato Campania: Katiuscia Laneri Emilia Romagna: Biancamaria Rossi, Paolo Ferrari Liguria: Virgilio Zanolla Puglia: Domenico Matarrese Toscana: Valerio S. Provvedi Triveneto: Davide Pavanello Responsabile Relazioni Esterne Marco Comandè m.comande@travellinginterline.it

Editrice Interline International Club Via Nazionale, 204 - 00184 Roma Tel. 06/4871721 - Fax 06/4871618 E-mail: redazione@travellinginterline.it Progetto grafico e impaginazione Format Roma s.r.l. Stampa SEA - Roma Spedizione in abb. postale Gruppo 45% - Roma Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

T R A V E L L I N G • I N T E R -


SPECIALE

Cina Di Oriana Schembari

“P

La Cina delle immensità e dei contrasti

er conoscere la Cina ci vorrebbero cento vite” aveva detto Confucio. Questo detto è più che mai attuale e forse oggi più che un tempo, se si considerano i profondi cambiamenti culturali ed economici che stanno attraversando questo grande paese negli ultimi anni e che lo rendono sempre più difficile da comprendere e seguire. La Cina si impone oggi all’attenzione mondiale per la sua eccezionale crescita economica, per il suo assetto politico e istituzionale e, non ultimo in questo momento, perché nella prossima estate ospiterà l’evento sportivo più importante, le Olimpiadi. Agli occhi di un moderno visitatore si propone, forse più di ogni altro paese oggi, come una miscela straordinaria di antico e moderno, in cui permangono le tradizioni di un passato lungo 5000 anni e gli effetti di un progresso economico e tecnologico, dalle problematiche ripercussioni sociali e dai ritmi vorticosi. Chi sceglie di viaggiare in Cina deve aspettarsi di assistere a una serie di contraddizioni intrinseche, lasciandosi però sorprendere dalla meraviglia che essa inevitabilmente suscita. Come fece Marco Polo, il mercante italiano che raccontò per primo al mondo la grandiosità del paese della seta e del gelso, conferendogli quell’alone di mistero e avventura del quale si è nutrita nei secoli, grazie alla sua mitica distanza, la sua incomparabile bellezza, l’estrema raffinatezza della sua cultura. Passato e presente convivono, sviluppo e tradizione si cedono vicendevolmente il passo in questa immensità, dove si alternano le montagne più alte, i fiumi più lunghi, le città più vaste. La Grande Muraglia, costruita a partire dal III secolo a. C. per difendere il territorio cinese dalle incursioni dei Mongoli, si staglia ancora per i suoi 6.000 km, estremo simbolo di un paese la cui estensione è stato ed è ancora fattore

4

no governato nei secoli il paese: il Tempio del Cielo, situato nella parte sud della città e circondato da un magnifico parco, e Piazza Tien An Men, la piazza più grande del mondo dove sorge il Mausoleo di Mao Tse Tung. Il nucleo centrale della città un tempo era racchiuso entro una cinta muraria e ha mantenuto la sua antica simmetria, basata su un asse che va da nord a sud passando per la Qianmen (Porta Frontale). Qui si estende la città imperiale, la cosiddetta “Città proibita”. La zona del palazzo imperiale, delle dinastie Ming e Qing, occupa una superficie di 720.000 metri quadrati e racchiude 800 edifici, divisi in 8.886 stanze. Le sue costruzioni sono tutte in legno e si sono conservate nei secoli magnificamente. Nel 1987 la Città proibita è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Pechino si presenta nella sua parte centrale come una metropoli ordinata e pulita, ma se il turista curioso volesse avventurarsi nei quartieri più interni, si troverebbe spaesato in un dedalo di viuzze. A 30 chilometri a nord di Pechino sicuramente sono da visitare le tredici Tombe della Dinastia Ming. Shanghai dista dalla capitale 15 ore di treno. È la seconda città del Paese, il suo vero cuore economico; un tempo conosciuta come la “Parigi cinese” o “la perla dell’Oriente”, è sempre stata una città molto occidentale che nei secoli fu ricca e sfarzosa, e per questo “vergogna” per il regime comunista. La città è divisa in due parti dal fiume Huangpu; la maggior parte dei luoghi interessanti si trova a Puxi. Il suo profilo cambia continuamente per la continua risistemazione urbanistica di cui è oggetto. Per poter ammirare l’eccezionale Esercito di Terracotta bisogna, invece, giungere a Xi’an, nel cuore del paese. A 35 km dalla città, ai piedi del Monte Lishan, si trovano le 10.000 statue, raffiguranti carri, soldati e arcieri disposti in formazione di battaglia, fatte costruire dall’imperatore Qin Shi Huang a guardia della sua tomba. Risalenti a circa 2.000 anni fa, sono giunte pressoché intatte fino ai giorni nostri; furono scoperte nel 1974. Xi’an ha un glorioso passato, essendo

Un passato lungo 5000 anni e lo sviluppo di una moderna potenza mondiale di potenza, ma anche di pericolo. Il suo vasto territorio è occupato per due terzi da montagne o deserto e solo per un decimo viene coltivato. Oltre la grande Muraglia si estende il Deserto del Gobi, al confine con la Mongolia. Le altezze maggiori si registrano a nord, nel Grande Khingan che separa la Manciuria dalla Mongolia, nel Xinjiang con la catena del Tian Shan, e nel Tibet, nei monti dell’Himalaya e del Kunlun. Il territorio cinese si estende da nord a sud per quasi 4000 km e da est a ovest per oltre 5000. La metà orientale della Cina è tra le regioni più ricche di acque del mondo. Tre grandi fiumi, il Fiume Azzurro (Changjiang), il Fiume Giallo (Huanghe) e il Xijiang, riforniscono d’acqua vaste zone di terreno agricolo. Il visitatore che vuole intraprendere il suo viaggio in Cina deve, a meno che non si proponga di seguire il detto di Confucio, scegliere con cura le mete del suo itinerario, selezionando le tappe. Sicuramente la stagione migliore per intraprendere un viaggio in Cina è l’autunno, quando il clima è mite. In primavera è più facile andare incontro alle piogge. L’estate è afosa e umida, soprattutto a luglio e nella prima metà in agosto, in particolare nella Cina meridionale. L’inverno nel Nord è decisamente freddo. Le mete privilegiate sono innanzitutto le due maggiori città del paese, Pechino e Shanghai. Due città moderne, sedi delle istituzioni e delle attività commerciali, dove tra i più moderni grattacieli, corre la popolazione in bicicletta. Nella capitale Pechino si possono ammirare le straordinarie bellezze architettoniche risalenti alle varie dinastie imperiali che han-

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


stata un importante crocevia dei percorsi commerciali che andavano dalla Cina orientale all’Asia centrale e oggi ha, grazie ai suoi “guerrieri”, una fortissima attrattiva turistica. Altri luoghi interessanti da vedere sono le mura antiche e il quartiere musulmano. Le altre due grandi città della Cina sono, senza dubbio, Hong-Kong e Macao, distretti a statuto speciale. La storia di HongKong è ben nota, solo da alcuni anni è tornata sotto l’amministrazione cinese, dopo essere stata un protettorato britannico. Guardandola dal Victoria Peak, si ammira una città vulcanica, in continuo fermento. Le isole vicine sono però più calme e tranquille, e qui si potrà trovare un paesaggio e uno stile di vita diverso. Malgrado il suo aspetto estremamente occidentale, ad Hong-Kong le radici cinesi sono sopravvissute in profondità. Macao ha un fascino tutto suo, imperdibile. È sempre stata un crocevia di culture da quando iniziarono ad arrivare i primi galeoni portoghesi nel XVI secolo; a sintetizzare bene la sua storia è il simbolo della città, la spettacolare facciata di una cattedrale (St. Paul) costruita su un progetto italiano dai giapponesi, frequentata dai portoghesi e quasi distrutta da un uragano cinese. Per ammirare la città dall’alto bisogna salire al vicino Monte Fort o Guia Fortress, dove si trova una rustica cappella del XVII secolo e il faro più vecchio della costa cinese. Il più antico luogo di culto ancora in funzione è il tempio di Kun Iam, costruito 400 anni fa e dedicato alla regina dei cieli e dea della misericordia. A Macao troverete anche una vivace vita notturna, i casinò, e una struttura viaria tradizionale, con vie acciottolate e piazze colme di ombra; da non perdere ancora un simbolo della sua storia, la sorprendente commistione tra la cucina portoghese e quella cinese. A proposito, in Cina la cucina può essere divisa in 4 categorie regionali: quella mandarina e shandong (basata su pane e taglierini a vapore), quella cantonese e chaozhou (con verdure e carni saltate), quella di Shanghai (patria della «cucina rossa» e delle costolette di maiale wuxi) e quella dello Sichuan (con piatti speziati e piccanti). Nanchino è caratterizzata da un clima particolarmente caldo, ma questo capoluogo di provincia si distingue soprattutto per la sua particolare bellezza. Il rinnovamento edilizio che sta modificando il volto della Cina qui è meno evidente e la città conserva la sua struttura originaria con ampi viali ombreggiati. Il suo

SPECIALE CINA periodo di massimo splendore risale all’era dei Ming e di esso sono rimasti numerosi resti, come la cinta muraria che si estende per 33 km. Il Taishan, la più venerata delle cinque montagne sacre ai taoisti, è una delle principali mete turistiche del paese. I suoi 6000 scalini sono accompagnati dalla visione di ponti, alberi, torri, statue, pietre con inscrizioni, grotte, padiglioni e templi, tali da giustificare la fatica di una simile salita, che si può fare comunque sia a piedi che con la funivia. Non lontano dal monte sorge la città di Qufu, luogo di nascita di Confucio (551-479 a.C.). Qui è presente il vasto tempio di Confucio con una serie di porte imponenti, macchie di cipressi e pini contorti, stele e tavolette di tartaruga con incisioni. Uno dei padiglioni risale al 1190, mentre la leggenda racconta che uno dei ginepri sia stato piantato dallo stesso Confucio. Il nucleo del complesso è costituito dalla Sala Dacheng, rivestita di piastrelle gialle. Le “Residenze di Confucio” risalgono al XVI secolo e sono le più sontuose abitazioni aristocratiche della Cina, segno del grande potere dei discendenti di Confucio, i Kong A nord delle residenze si estende la foresta confuciana, un enorme parco con il cimitero meglio conservato della Cina. Seguendo la “via dello spirito”, segnata da antichi cipressi, si varca l’Arco dell’Eterna Sorgente per raggiungere la Tomba del Grande Saggio. Turpan è il luogo più caldo della Cina: in estate la colonnina di mercurio raggiunge i 50°C. si trova in una depressione collocata 154 m sotto il livello del mare, la seconda del mondo dopo quella del Mar Morto. Qui è ancora fiorente la cultura uighur e si può godere in tutta tranquillità la vita semplice e tradizionale della città. La vita costa poco, si mangia bene, la gente è cordiale, il bazar è molto bello e ci sono alcuni luoghi interessanti. Da Turpan è possibile giungere alle rovine di Gaochang, che un tempo costituiva un’ importante tappa sulla Via della Seta; i monti sono “rossi”, perché il sole di mezzogiorno li avvolge in una luce infuocata; infine, per

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

chi vuole curare i propri reumatismi, si può giungere alla Clinica per la terapia della sabbia, per farsi seppellire fino al collo nella sabbia. La Karakoram Highway è la strada che congiunge Cina e Pakistan; valica il passo di Khunjerab, a 4800 metri di altezza e per secoli venne percorsa dalle carovane che viaggiavano lungo la Via della Seta. Khunjerab significa “valle di sangue” per i continui eccidi dei banditi che saccheggiavano i mercanti. Il paesaggio naturale qui è fantastico, costituito da pascoli d’alta quota dove cammelli e yak brucano l’erba accuditi dai Tajik. Le incredibili grotte di Longgong, nella provincia di Guizhou, formano una rete di cunicoli che attraversano una serie di montagne. Si possono raggiungere noleggiando un’imbarcazione nella città di Anshun, distante circa 32 km. Le grotte sono situate presso Longtan. Da visitare assolutamente è la Grotta del Drago, la cui caratteristica è di essere piena d’acqua, mentre le altre caverne molto belle nelle vicinanze sono quelle di Daji Dong, Chuan Dong e Liniang Dong. Come dicevamo all’inizio, occorre scegliere con cura il proprio itinerario, magari scegliendo la via che da Pechino passa per Xi’an per giungere in Tibet, oppure partendo da Shangai, sostare a Macao e arrivare alle Grotte di Longgong. Di certo, c’è che qualsiasi tappa sceglierete non resterete delusi. La Cina conserva in ogni suo angolo un fascino che ogni visitatore non potrà fare a meno di subire. E, quindi, buon viaggio a tutti! Oriana Schembari

A Roma l’Ente del Turismo Cinese È nella capitale che aprirà il nuovo ufficio dell’Ente del Turismo Cinese il cui Direttore sarà Mr. Xiong Shanhua e il suo segretario Mr. Zhong Jin. La foto, ripresa alla Bit, mostra oltre a Xiong Shanhua e a Zhong Jin, la responsabile dell’Ente turistico cinese a Parigi, Mrs. Yang Wenzhen e Alberto M. Giuliano, general manager di AGVacanze

5


SPECIALE CINA Il secondo Capodanno di Chinasia Con l’arrivo del Capodanno cinese, l’operatore raccoglie i frutti di un 2007 di grandi soddisfazioni e intanto presenta il nuovo catalogo “CINA” 2008-2009

M

male simbolo del primo segno dello entre si festeggia l’arrivo del Zodiaco e per questo augurio di dinanuovo anno del calendario cimismo e fortuna, arriverà anche il nuonese, Chinasia chiude con otvo catalogo “CINA” firmato Chinasia: timi risultati il bile migliori agenzie di viaggio italiane lancio 2007 e si riceveranno l’edizione 2008-2009 del prepara ad affronmonografico realizzato ogni anno daltare un anno iml’operatore in collaborazione con l’Asportante per il tusociazione Italia/Cina, rismo in Cina sotche raccoglie le migliori to il fortunato “seproposte di viaggio delgno del Topo”. la ricchissima program“Salutiamo un 2007 mazione Chinasia valide ricco di soddisfazioni, fino a marzo ’09, con tour che ci ha visto crescetra i 9 e i 21 giorni tra le re ancora con una testimonianze di imperi chiusura di bilancio al millenari e la modernità +10% rispetto allo scorso delle più grandi metroanno – commenta GianGiancarlo Monaco poli orientali. Fino a metà carlo Monaco, Amminimarzo, inoltre, è ancora stratore unico Chinasia possibile approfittare delle promozio– Abbiamo davanti un anno particolare per ni speciali lanciate in questi mesi dalla Cina: la destinazione è sotto i riflettori l’operatore: gli Speciali Gruppi, validel palcoscenico culturale mondiale come di sulle partenze invernali dei nostri Paese ospitante le prossime Olimpiadi, tour più amati e collaudati in proevento che ha contribuito a farla indicare grammazione, dal classico “Marco Pocome una tra le dieci mete da visitare nel lo” (9 gg tra Pechino,Xi’an e Shanghai) 2008, quindi lavoreremo per affrontare al a tour più articolati come “Prisma di meglio la crescita di interesse verso i viagGiada” e “Universo di colori” , e gli gi in Cina ma anche i problemi di organizSpeciali Agenti 2007-2008, con sogzazione e disponibilità ricettiva che penagiorni a Pechino e possibilità di estenlizzeranno la stagione turistica estiva in sioni a partire da 390 euro. cui si svolgeranno i Giochi olimpici”. U.S. Con l’arrivo dell’Anno del Topo, ani-

Con AGVacanze Cina in libertà alle prossime Olimpiadi

A

GVacanze, tour operator sulla Ciconvenienti, soprattutto per i giovani. Per na da tantissimi anni, illustra le questi ultimi è prevista una serie di pacchetti sue offerte in vista delle Olimpiasenza obblighi di numero, di pensione comdi 2008 che si svolgeranno a Pechino nel pleta o alberghi di lusso, con la possibilità prossimo agosto. I Giochi saranno l’occadi prenotare anche solo i biglietti aerei e gli sione per fare conoscere questo meraviglioso ingressi negli stadi. Paese, intorno al quale si sta concentranI biglietti per le cerimonie di inauguraziodo un fortissimo interesse di carattere econe e di chiusura dei Giochi risultano esaunomico, politico e naturalriti, mentre per le normali mente turistico, ad una fetgare è ancora possibile preta di pubblico molto più notare. È previsto, inoltre, ampia che in passato. per coloro che vorranno sogOvviamente, dal punto di giornare nella sola Pechino vista turistico, la manifestaper tutto il periodo olimpico, zione ha una grandissima acquistare le singole escurattrattiva e porterà un flussioni. I consueti tour per tutso turistico mai visto nel ta la Cina dureranno 13 notPaese. AGVacanze si è ben ti, ma per chi non è interesAlberto M. Giuliano preparato, comprendendo sato ai giochi olimpici è stata che le tradizionali offerte non pensata una formula che presarebbero state suffivede il soggiorno nella capitale socienti ad affrontare le lo per due notti, anziché le abituarichieste e approntanli quattro, per non eccedere negli do quindi una proaumenti dovuti appunto alla pregrammazione diversa, senza dei Giochi. I tre giorni sache andasse incontro a ranno comunque sufficienti per vichi vuole organizzarsi sitare tutti i monumenti imporuna vacanza più libera tanti e caratteristici della città, e indipendente e a costi Città proibita, Grande Muraglia, contenuti. Tempio del Cielo. I programmi I dettagli dei programprevedono, inoltre, visite alle città mi turistici sono stati storiche, tour della Mongolia, Tibet, Yunnan, Crociera sul fiume definiti con Air China e Azzurro, nella classica formula all inclusiil Comitato Olimpico e ve e con alberghi di lusso, a 4 e 5 stelle. comprendono una serie di opportunità diverse per poter assistere in piena libertà ai Oriana Schembari Giochi. Si è pensato a formule flessibili e

Con China Southern Airlines la Cina è vicina Interplanet è il GSA in Italia della compagnia

C

hina Southern Airlines, la più grande compagnia aerea cinese che serve più di 80 destinazioni in tutto il mondo, ha scelto Interplanet GSA come proprio agente generale per il mercato italiano. L’accordo, valido a livello europeo, è stato raggiunto ad Amsterdam tra il vettore e APG, il più grande network mondiale di GSA, di cui Interplanet è socio fondatore. La compagnia cinese ha anche perfezionato un’intesa con Interplanet GSA per entrare a fare parte dello ‘IATA BSP Consolidator System’ (IBCS), in modo da permettere la commercializzazione dei propri voli sul mercato italiano attraverso i principali CRS. Come parte dell’accordo, Interplanet GSA si è poi impegnata a fornire pieno supporto al vettore nelle attività di sales & marketing, mettendo a disposizione la propria rete vendita, e i propri servizi di booking ed helpdesk. Dall’Europa, China Southern opera da Amsterdam voli giornalieri per Beijing e Guangzhou (Canton), oltre a due collegamenti settimanali non-stop per Chengdu, in partnership con KLM. Inoltre, China Southern opera in collaborazione con Air France tre voli settimanali non-stop da Parigi Charles de Gaulle per Guangzhou. Dai propri hub, inol-

6

tre, China Southern assicura ottime coincidenze con tutte le principali destinazioni business e leisure cinesi e dell’Estremo Oriente. Tutti i voli europei di China Southern sono operati con Boeing 777-200 di ultima generazione, configurati in tre classi di servizio: Economy, Premium Economy e Premium Business Class. “Siamo molto lieti di essere diventati rappresentanti per il mercato italiano di una compagnia importante come China Southern ”, ha detto Vittorio Myr, Marketing Director di Interplanet. “Con la crescita della Cina come destinazione turistica e con i Giochi Olimpici di Pechino del prossimo anno, crediamo che China Southern diventerà un vettore ancora più importante anche in Europa”. China Southern Airlines dispone della più ampia e moderna flotta tra i vettori della Repubblica Popolare Cinese, con oltre 300 aeromobili in grado di operare più di 600 rotte nazionali e internazionali, servendo 142 destinazioni in tutta la Cina. Nel corso del 2005, China Southern ha trasportato 44.12 milioni di passeggeri e oggi è saldamente posizionata tra le prima dieci compagnie al mondo per numero di passeggeri. Eleonora Boggio

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


SPECIALE

Polinesia e Australia Di Oriana Schembari

M

are, isole e benessere. Nessun altro posto risponde a questo trinomio più che gli arcipelaghi del Pacifico. Con il loro ineguagliabile patrimonio naturalistico, hanno rappresentato nell’immaginario occidentale le terre dell’avventura, della bellezza e dell’accoglienza. Anche se la storia ha riservato loro un trattamento non certo tenero, a causa della colonizzazione europea, esse conservano un fascino meraviglioso, appena scalfito da un turismo che è diventato importante fonte di sostentamento. Uno sguardo alla Polinesia e poi all’Australia, permetterà di capire un angolo di mondo tanto lontano e diverso e che rappresenta per gli europei, oggi come allora, la meta ideale del viaggio che tutti abbiamo sognato. La Polinesia è una macroarea che comprende diversi arcipelaghi sparsi nell’Oceano Pacifico, a ridosso dell’Equatore tra la Nuova Zelanda e l’America Centrale: quelle che oggi vengono definite Polinesia francese, Hawaii, Tonga, Samoa Occidentali e Sporadi Equatoriali. Sono cinque i gruppi di isole che costituiscono la Polinesia francese. Abitate secondo alcuni da popolazioni provenienti dall’America Centrale, nel 1521 furono scoperte dalle prime spedizioni spagnole, ma solo nel 1595 si ebbero i primi contatti con gli abitanti, che conobbero insieme all’uomo bianco, anche le armi da fuoco e la sifilide. Nel XVIII secolo s’intensificarono le spedizioni scientifiche degli Inglesi; nel 1767 Samuel Wallis trovò

8

Tra le isole della Polinesia e l’Australia Tahiti, cominciando la colonizzazione degli Europei. Gli indigeni persero via via la potestà sulle terre che nel 1880 vennero date in dono dal loro re alla Francia, mentre dinastia regnante e larga parte della popolazione di Tahiti si erano nel frattempo convertite al cristianesimo. Ne è nata una società multiculturale, nella quale si sono poi integrati diversi popoli orientali, portati dagli Europei come braccianti nelle piantagioni. Nelle isole della Società, l’aeroporto internazionale Tahiti-Faa della capitale Papeete e il suo porto rappresentano le porte della Polinesia nel mondo. L’arcipelago è diviso in due gruppi, le Isole del Vento, con Tahiti e Moorea, più densamente popolate, e le Isole Sotto Vento, con Bora Bora, Raiatea, Tupuai. Prevalentemente montagnose e di origine vulcanica, sono caratterizzate da una vegetazione lussureggiante che lambisce sabbiose spiagge bianche. L’isola di Tahiti, la più grande della Polinesia francese, incantò i viaggiatori francesi per le sue meravigliose cascate di acqua purissima e l’estrema fertilità di quelle terre. A Tahiti il pittore Gauguin visse molti anni, affascinato dai colori di quei luoghi e, non ultimo, dall’estrema bellezza delle vahinè tahitiane che ritrae in molte delle sue opere. Scrive: “Nessun uomo, neanche il più felice, può resistere al loro sguardo”. Al pittore francese l’isola dedica un museo che raccoglie nu-

merose sue opere originali. La spiaggia di Papara vede riunirsi gli amanti del surf di tutto il mondo. Invece, per le immersioni e la fotografia subacquea, l’isola ideale è Moorea, con le spiagge di sabbia bianca, i meravigliosi fondali e la ricchezza della fauna sottomarina, abitata un tempo, si racconta, da una gigantesca lucertola gialla che con la sua coda creò le baie di Cook e di Opunohu. Da non perdere un giro in piroga nella cristallina purezza della laguna di Bora Bora. La sacralità regna a Raiatea, culla della civiltà polinesiana. Ogni luogo lì è dominato dal mito e il monte Temehani è l’Olimpo polinesiano che veglia su questo angolo di mondo per preservarlo da ogni pericolo esterno. Sotto il Tropico del Capricorno, decentrate rispetto a Tahiti, le isole Australi sono quelle che hanno mantenuto uno stile di vita più autenticamente polinesiano. Dal clima più fresco, l’arcipelago è un insieme di colori per le splendide abitazioni color pastello, costruite in pietra corallina. Permane un diffuso sentimento religioso tra la gente e nell’isola di Rurutu a gennaio gli antichi riti terminano con una tradizionale gara di sollevamento pesi, cui partecipano uomini e donne. Tra giugno ed ottobre le balene sono solite ritrovarsi in queste acque. Nell’arcipelago delle Gamblier le tracce della colonizzazione europea sono più evidenti. Furono i Gesuiti a di-

struggere i resti della cultura politeista preesistente con la costruzione, al posto dei tradizionali luoghi di culto, di imponenti edifici religiosi. La sua morfologia ha caratteristiche eccezionali, perché il 95% delle isole sono atolli, una percentuale unica nella Polinesia francese. Per questo l’arcipelago è noto per essere la culla delle perle polinesiane. La perla nera è invece caratteristica dell’arcipelago delle Tuamotu, famose anche per essere il paradiso del diving. Rangiroa, che significa “cielo infinito” per la continuità del colore azzurro del cielo che si rispecchia nelle numerose lagune, è l’atollo più grande della Polinesia francese, con 240 motu (isolotti) separati da più di 100 piccoli canali. Squali grigi, mante, pesci napoleone, cernie sono solo alcune delle creature che popolano queste acque. “Henua enana” “terra degli uomini” così venivano chiamati dai nativi l’arcipelago delle Marchesi, ma oggi l’esiguo numero della popolazione che le abita è concentrata in poche delle 12 isole da cui è composto l’arcipelago. Qui nasce l’antica arte del tatuaggio. Continuando il nostro viaggio arriviamo a Tonga, forse l’unica terra del Pacifico a non essere stata colonizzata. Gli abitanti erano guerrieri valorosi e seppero salvarsi dalla conquista degli Europei che a più riprese giunsero sulle loro coste, anche se accolsero pacificamente la fede cristiana. Le terre di Tonga sono costituite da 171 isole e atolli, di cui solo 40 abitate, e si dividono in 4 gruppi: Tongatapo, He’apai, Vava’u e Niuas. Queste isole conservano ancora un patrimonio naturale unico: foreste pluviali, laghi vulcanici e bocche eruttive, insieme ad una fauna particolare; qui abita-

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


SPECIALE POLINESIA E AUSTRALIA no due specie di iguane molto rare, le volpi volanti, pipistrelli considerati sacri e protetti nelle sette aree tutelate. Il 4 luglio si festeggia il compleanno del principe regnante che coincide con il tradizionale Heilala festival, festa del fiore nazionale. Nella capitale Nuku’alofa, Dimora dell’amore, si fondono gli elementi caratteristici della tradizione autoctona, i Palazzi e le Tombe reali, e le antiche e magnifiche chiese cristiane, testimonianza della cultura occidentale. Il Tongatapo orientale conserva la più grande concentrazione di siti archeologici del Pacifico, resti delle tombe delle antiche dinastie. Le Hawaii non avrebbero bisogno di presentazione, ma nel giro della Polinesia non può essere ignorato l’ arcipelago che costituisce oggi il 50° stato degli Stati Uniti di America. 150 isole e atolli, a uguale distanza dalla California e da Tahiti, rappresentano il vero punto d’incontro tra Est ed Ovest e ospitano una cultura oltremodo varia per la presenza di diverse etnie; Cinesi, Giapponesi, Malesi, Vietnamiti ed altri si sono mescolati alle popolazioni originarie e agli europei arrivati con James Cook nel 1778. L’isola principale, Oahu, è detta “l’Isola degli incontri”. Tutti i luoghi più famosi ed evocativi delle Hawaii si trovano qui: la capitale Honolulu, Waikiki, Pearl Harbor, Sunset Beach. I primi due centri formano un tessuto urbano continuo, simile a quello delle grandi città americane. Ma la natura incontaminata è poco lontana. La cultura hawaiana rivive nelle scuole di Hula, la danza tipica, nella lingua, che si parla però solo nei momenti della tradizione, e nella toponomastica. La seconda isola dell’arcipelago è Maui, racchiusa in una valle tra due vulcani spenti, an-

ch’essa affollatissima e piena di vita. Per chi desidera un po’ di pace, basta recarsi nella costa orientale o in montagna, dove è minore la presenza turistica. Qui svetta il più grande vulcano inattivo del mondo, Haleakala. La natura più rigogliosa è alla portata di tutti nell’isola di Kauai, dove si trova il monte Waialeale, il luogo più umido della terra. L’isola che dà il nome a tutto l’Arcipelago, Hawaii, misura il doppio di tutte le altre messe insieme. Ha un patrimonio naturalistico unico, con deserti, foreste pluviali, vulcani ancora attivi e vette imbiancate di neve. L’Hawaii Volcanoes National Park comprende due vulcani attivi, una caldera ancora fumante, coni di cenere, colonne di pomice e fiumi di lava. Le Sporadi Equatoriali sono dette anche Isole della Linea perché situate sull’Equatore ed è qui che cambia la data. 11 isole che appartengono alla Repubblica di Kiribati, ad eccezione di due

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

atolli, Palmyra e Jarvis. Sono 9.000 abitanti per lo più concentrati sull’atollo Kiritimati, il più grande del mondo. Si tratta di un angolo sperduto, collegato solo con l’aeroporto di Honolulu. Solo 4 villaggi, per sentirsi veramente nell’antica Polinesia, lontani dal frastuono del mondo occidentale e anche fuori dai circuiti del turismo di massa. ‘Upolu e Sava’i sono le due isole maggiori che costituiscono quelle che un tempo erano chiamate Samoa Occidentali, per il resto un’insieme di isolotti e atolli non abitati. Gli abitanti di Samoa si considerano gli unici veri polinesiani, perché ritengono di essere la vera popolazione autoctona di quelle terre, il loro mito della creazione è molto simile a quello biblico. Missionari, quindi, pirati, balenieri, sbarcarono spesso, rendendo queste isole molto

frequentate già intorno alla fine del XVIII secolo. La cessione di questa parte delle Samoa alla Germania e il coinvolgimento nelle due guerre mondiali non hanno intaccato lo spirito cordiale e ottimista di queste popolazioni. Le isole non sembrano aver subito molto l’influenza occidentale. L’unica vera città dello Stato è la capitale Apia che, nonostante qualche traccia di modernità, mostra tutto il suo fascino. A Vailima, poco lontano dalla capitale, si trova la casa, trasformata in museo, dove Louis Robert Stevenson visse. Alla sua morte gli abitanti del luogo lavorarono per 24 ore consecutive per tracciare un sentiero fino alla collina per collocare lì la tomba del loro “tusitala”, narratore di favole. Lì, da dove si sovrasta l’isola, la barriera corallina e l’orizzonte infinito, venne sepolto con le parole della sua elegia “Requiem”: “Rientrato il marinaio, rientrato dal mare/ e rientrato dal monte il cacciatore”. Non solo Stevenson, ma naturalmente Melville, Montalban e, non ultimo, Hugo Pratt che fa nascere proprio qui il suo Corto Maltese, hanno scelto i mari del Sud per ambientare le loro storie, qualcuno ha deciso anche di vivere e di morirci. Nel nostro viaggio nel Pacifico, non possiamo evitare di fare una rapida sosta nella sua isola più grande, l’Australia. La sua enorme vastità richiede un lungo periodo di soggiorno, e molti soldi a disposizione. L’Australia preContinua a pag. 10

9


SPECIALE POLINESIA E AUSTRALIA Segue da pag. 9 senta una morfologia molto variegata e, anche se nell’immaginario collettivo è identificata con il mare, le immense spiagge e il surf, il suo territorio è occupato in gran parte da deserti e montagne. Potrete quindi, con diverse ore di aereo, passare dalla sabbia delle spiagge a quella del deserto o alla neve dei rilievi. Il periodo migliore per viaggiare è la primavera e l’autunno, l’estate molto calda si svolge nei mesi tra dicembre e febbraio. La repubblica federale ha scelto come capitale la giovane città Canberra che è tale solo formalmente, perché i centri più importanti, cosmopoliti e moderni sono Sydney, Melbourne, Perth, Adelaide e Brisbane. Sydney è la città principale, distesa attorno al golfo di Port Jackson, è il cuore economico e pulsante del Paese e, in occasione delle Olimpiadi del 2000, si è lanciata in un’opera profonda di riassetto urbano. Una delle caratteristiche geografiche più interessanti del Paese è, senza dubbio, la Barriera Corallina, la più grande struttura formata da organismi viventi al mondo. Si estende ad est lungo tutta la costa del Queensland; nella parte a nord è più continua e vicina alla terra ferma, anche a soli 50 km, mentre a sud si frammenta; intorno ad essa vi sono centinaia di isole, in alcune delle quali è possibile soggiornare. L’altra icona australiana nel mondo è Ululu, la grande montagna sacra agli aborigeni, che è diventata un punto di attrazione per turisti, ma anche per gli

australiani di origine europea. Si tratta di un monolito roccioso lungo 3,6 km che si innalza maestoso per 348 m in mezzo a un’area pianeggiante ricoperta di arbusti, particolarmente suggestiva al tramonto e all’alba, quando muta colore con la luce assumendo una serie di tonalità di rossi sempre più intensi. La scalata è difficile, ma i percorsi ai piedi della rocca permettono di vedere nelle grotte vari esempi di arte rupestre e i siti sacri degli aborigeni. Nella vicina Kata Tjuta (Olgas), 32 km a ovest di Uluru, vi sono monoliti altrettanto impressionanti e il monte Olga è in realtà molto più alto dell’Uluru. La circostante valle dei Venti è un circuito di 6 km che vale la pena di visitare. L’Australia, simboleggiata dalle sue grandi e moderne città, è un paese ricco, moderno e multiculturale. Le sue varie anime convivono e accanto alle differenze più accentuate con le popolazioni locali, gli aborigeni, ci sono anche quelle derivate dalla colonizzazione di origine britannica, a cui si è aggiunta nel dopoguerra l’emigrazione italiana, greca, jugoslava, libanese e turca e in ultimo anche orientale. Non dimentichiamo che il paese, nella sua parte occidentale, si trova molto vicino all’Indonesia e a Singapore. Le numerose attività artistiche e sportive rendono questo paese particolarmente vivace e giovane e richiamano nelle più importanti città appassionati da tutto il paese in vari periodi dell’anno.

Con Club Paradiso. Il massimo rispetto per il…Paradiso

C

onoscere gli ultimi paradisi del mondo, proteggerli, rispettarli, possibilmente contribuire a consegnarli intatti alle generazioni future: questa è la filosofia del T.O romano specializzato in destinazioni da sogno. Ecco perché la scelta di chiamarsi “Club”: è la volontà di raccogliere intorno a sé non semplici clienti, ma persone che, come fossero degli amici, condividano l’amore per la natura che sta alla base di un viaggio di questo tipo. Accanto a ciò, tanta passione e tanta professionalità, testimoniata dallo staff fisso a Moorea e Bora Bora che rende i soggiorni piacevoli e tranquilli, offrendo un supporto costante. La Polinesia è il fiore all’occhiello di Club Paradiso, posto “paradisiaco” forse per antonomasia. Possibilità di soluzioni individuali e di gruppo, che comprendono quasi tutti i luoghi più belli dell’arcipelago: Bora Bora, Moorea, Tahiti, Huahine, Raiatea, Rangiroa, Manihi, Tikehau, Fakarava. Su quest’ultima in particolare si concentra l’offerta in questo momento, con partenze dall’Italia ogni domenica per una proposta di 12 giorni e 7 notti. La partenza è con volo di linea per Los Angeles, con pernottamento. Il lunedì è previsto il trasferimento Los Angeles- Tahiti e il martedì Tahiti- Fakarava via Bora Bora o Rangiroa. Dal mercoledì il soggiorno a Fakarava con snorkelling, escursioni in barca, visita alla fabbrica delle perle. Il martedì successivo si ritorna con il volo Tahiti- Los Angeles ed il mercoledì Los Angeles- Italia. I prezzi? L’oscillazione, prendendo come punto di riferimento una doppia, è notevole, e risente della stagionalità: si può andare da un minimo di circa 2.600 euro ad un massimo di 4.700 in altissima stagione. Altre soluzioni di viaggio proposte da Club Paradiso sono combinazioni ormai sperimentate, al punto da poter stilare una classifica di gradimento e di vendita: al primo posto il “Minicombo” (1 notte a Tahiti, 5 notti a Moorea, 4 notti a Bora Bora, a partire da 2.785 euro a persona);

al secondo posto il “Combo Paradiso” (1 notte a Tahiti, 3 notti a Moorea, 3 notti a Bora Bora, 3 notti a Fakarava, a partire da 3.165 euro a persona); al terzo posto il “Wonder Combo” (1 notte a Tahiti, 5 notti a Bora Bora, 4 notti a Rangiroa, a partire da 3.195 euro a persona). Ma al di là dei pacchetti offerti, Club Paradiso dà anche la possibilità di orientare le vacanze su un’esigenza specifica con i cosiddetti “speciali”: benessere, relax, sub o famiglia. Da tenere d’occhio le periodiche offerte speciali, dove gli sconti sui costi possono arrivare al 50%. La stessa connotazione di viaggio curato ed assistito, con particolare attenzione per le bellezze della natura, la troviamo sull’Australia. Con un catalogo dedicato, Club Paradiso non tralascia luoghi suggestivi e meno conosciuti, come Alice Springs, il Canyon, la Gold Coast con la barriera corallina. Anche in questo caso tour individuali o di gruppo, che comprendono sempre voli internazionali ed interni, pernottamenti, escursioni, transfer ed il prezioso ausilio di una guida locale che parla italiano. Per avere un’idea il pacchetto “Australia Adventure”, individuale, costa circa 3.900 euro e comprende 3 notti a Sydney, 2 notti a Ayers Rock, 3 notti a Cairns, 2 notti a Darwin, 1 notte a Kakadu. Il tour di gruppo “Australia essenziale”, di 13 giorni e 10 notti, costa invece circa 3.300 euro. C’è anche la possibilità di un viaggio più lungo in cui potersi calare pienamente nella realtà di questo continente: “Australia completa”, 20 giorni e 17 notti, è al prezzo di circa 5.800 euro. Cecilia Emiliozzi

RICORDATI di rinnovare l’abbonamento per il 2008 c/c postale n°89133003 10

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


SPECIALE POLINESIA E AUSTRALIA

La Polinesia Francese di ETS

I

l magnifico Arcipelago del Pacifico si stacca dal catalogo Lungo Raggio ETS per acquisire una propria individualità in una splendida monografia. La bellezza della destinazione è valorizzata dall’importante rivisitazione della grafica dei cataloghi più ricchi di immagini e notizie. Assecondando le richieste della clientela il T.O. ha dato spazio ad una serie di proposte di viaggio basate su combinati Usa + Polinesia. Sono previsti infatti tre pacchetti, il Saver, il Comfort e il Gold, che si differenziano per numero di notti e di località visitate. Inoltre un pacchetto che comprende una magnifica crociera a bordo dell’esclusivo catamarano Haumana Cruises nell’arcipelago delle Tuamotu. La scelta delle crociere continua con le navi della Princess, La Pacific Princess e la Tahitian Princess con itinerari che comprendono oltre alla Polinesia rispettivamente le Isole Cook e Marchesi. Molto esclusiva è anche la crociera a bordo della Radisson Paul Gauguin in rotta tra la Polinesia e le Marchesi. Molto ampia è l’offerta di alberghi, da 3 a 5 stelle, proposti sulle tante Isole che compongono gli arcipelaghi della Società a sud e delle Tuamotu a nord, tutte combinabili con l’utilizzo del Polinesia Air Pass. L’esperienza trentennale di ETS permette ai suoi esperti operatori di consigliare ai viaggiatori le strutture a loro più adatte e all’interno di queste, le varie tipologie di sistemazioni: gli Overwater Bungalow con pavimento in vetro per alcuni, i Beach Bungalow situati sulle spiagge di sabbia bianca finissima o i Garden Bungalow con giardino privato e jacuzzi. Particolare attenzione sono riservate alle coppie in Luna di Miele alle quali viene ap-

plicato uno sconto di euro 100, nonché una riduzione alla sposa per il soggiorno alberghiero che varia dal 20% al 30%. In questi primi mesi dell’anno, infatti, Il T.O. è concentrato nel testing del nuovo booking on line rispondente alle esigenze del mercato. Dopo 3 anni di esperienza fatta col precedente sistema, da fine marzo tutto il prodotto ETS, compreso la Polinesia francese, sarà disponibile con conferma immediata attraverso un sito web dedicato. Le agenzie di viaggi autorizzate potranno prenotare o anche solo consultare le disponibilità e prezzi, accedere direttamente dal

sistema alle tariffe aeree preferenziali, consultare tutte le proprie pratiche, verificare il fatturato stampando la relativa documentazione contabile; inoltre, la possibilità di stampare in tempo reale tutta la documentazione di viaggio. Il sistema saprà imporsi grazie alla semplicità del proprio utilizzo e alla varietà del prodotto offerto. Non solo alberghi e volato, ma anche escursioni, trasferimenti, tour guidati e noleggio auto. È un progetto importante, molto innovativo, una vera rivoluzione, ed ETS adeguerà ad esso tutta la propria organizzazione interna. Un nuovo modo di lavorare negli uffici di Sorrento e Roma che saranno concepiti come un unico grande booking e ufficio programmazione aperti 11 ore al giorno,

Reima Tours: al via la Polinesia Le isole più belle come estensione dagli Stati Uniti

N

asce nel 1989 questo T.O che fa dell’assistenza la sua caratteristica principale e invita i propri clienti a scegliere tranquillamente un viaggio “à la carte”. Specializzato sin dalle origini nel Canada, nel corso del tempo ha visto crescere sempre di più la richiesta Usa, tanto da inserirli nella propria offerta e vederli diventare, almeno come numeri, una destinazione di punta. Nonostante l’offerta Canada e Usa, insieme all’incoming Italia, siano prodotti che lo connotano e lo abbiano fatto crescere, Reima Tours ha avviato dall’anno scorso un nuovo progetto sulla Polinesia. Nato in sordina e non pubblicato, il lavoro sulle isole dei sogni ha dato però grosse soddisfazioni, al punto di guadagnarsi un proprio spazio nel catalogo di prossima uscita, valido da aprile 2008 a marzo 2009. L’imposta-

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

zione è quella dell’estensione mare, cioè più che di meta autonoma di destinazione combinata con stati Uniti e Canada. Vincenzo Del Giorno, Responsabile Commerciale, è infatti convinto della vocazione originaria di questo T.O:- “La Polinesia è un luogo fantastico”- ha detto - “tuttavia ci sembra funzionare meglio, anche per quanto riguarda i viaggi di nozze, come abbinamento a Usa o Canada. Visti i costi comunque alti e la durata del viaggio, ci pare possa rappresentare più un prodotto collaterale che autonomo. Come dire: spingersi così lontano e spendere così tanto andando solo al mare…magari meglio arrivarci dopo qualche giorno a New York o a Toronto”-.

all’interno dei quali ognuno avrà competenze specifiche cercando di valorizzare le peculiarità e le idee dei singoli. ETS ha avviato la prima fase di una operazione più ampia che vedrà in autunno il debutto di “My Web” un’interfaccia personalizzata che verrà implementata nel sito delle agenzie di viaggio. Queste ultime non dovranno più preoccuparsi dei contenuti del proprio sito poiché aggiornato in tempo reale! Disporranno così di una fornitissima vetrina virtuale con un’offerta di viaggi sempre aggiornata.

Prodotto “collaterale” ma certamente non secondario, vista la cura nella scelta delle isole e delle strutture ricettive. Bora Bora, Rangiroa, Moorea, Tahiti, ovvero tutto il più bel mare polinesiano in residenze a 4/5 stelle. Anche privilegiare un target medio alto è frutto di una politica ben precisa: offrire in posti piuttosto “lontani” il massimo della tranquillità e del comfort. Indispensabile in questo senso la formula della mezza pensione-: “Conoscere con buona approssimazione il proprio preventivo di spesa”- ha concluso Del Giorno –“evita la brutta sorpresa di veder lievitare i costi della vacanza per i pasti, non sempre a buon mercato”-. La novità della Polinesia prevede comunque voli di linea, partenze da tutte le città italiane, l’appoggio di un operatore locale per i servizi a terra e una durata del soggiorno variabile a partire da 7/8 giorni. Cecilia Emiliozzi

11


Italia, un “mercato strategico” per tutti… tranne che per gli italiani Segue da pag. 1 lioni di passeggeri tra l’Italia e la Germania con un incremento del 30% rispetto all’anno precedente…” In questo caso si tratta del vettore tedesco Tuifly. Ancora, “Delta, Italia mercato strategico, la Milano-Atlanta rotta molto redditizia”. Avverte invece Giovanna Picciano marketing manager di easyJet: “l’Italia ha giocato un ruolo strategico…prevediamo un incremento dei passeggeri in partenza da/per l’Italia nella stagione 2006/2007 del 74% rispetto alla stagione precedente”. Leggendo comunicati del genere, veniamo a conoscenza di come tutti siano felici e contenti del mercato italiano, del traffico che da esso va e viene, del revenue che si può trarre. Lo abbiamo detto, tutto ciò dovrebbe riempirci di orgoglio ma…come non pensare, come non ricollegarci alle vicissitudini di Alitalia? E soprattutto, come non riflettere sul particolare che evidentemente noi non abbiamo saputo trarre vantaggio da questo valore che ci apparteneva e che era nostro preciso compito sfruttare e trarne vantaggio? Una prima riflessione in merito coinvolge gli aspetti delle relazioni aeronautiche, della liberalizzazione del mercato europeo, dei notevoli paradossi con cui si sono dovuti confrontare alcuni suoi attori partecipanti, Italia in prima linea. Firenze, Rimini, Venezia, Roma, Costa Smeralda, Sicilia, Nord Italia industriale…l’Italia è una vera mecca per un operatore aeronautico potendo unire al traffico leisure ricco di mete di villeg-

giatura e di turismo, il traffico d’affari. Ora è noto che una delle principali innovazioni introdotte dalla deregulation è la possibilità per i vettori comunitari di aprire rotte intra-UE senza particolari formalità e senza limiti nelle frequenze e capacità, in una parola tutto il contrario di quando, con i bilaterali, i collegamenti venivano svolti in modo paritetico fra le due compagnie di bandiera interessate. Questa imponente rivoluzione cui ha fatto seguito il proliferare del numero dei vettori e dei servizi, secondo il nostro parere, ha favorito alcuni Paesi danneggiandone altri, e il motivo è presto spiegato. Si considerino ad esempio due nazioni quali Belgio e Italia. I vettori italiani possono volare, per ovvi motivi, solo su Bruxelles; i vettori belgi possono invece attivarsi su decine di destinazioni italiane, il che significa che mentre un vettore italiano dal mercato belga trae un vantaggio, diciamo “10”, un vettore belga potrebbe trarre dal mercato italiano un vantaggio “100”. L’esempio fatto per il Belgio lo si può agevolmente estendere anche ad altre nazioni comunitarie le quali hanno la caratteristica di avere pochi scali appetibili. Ora, di fronte ad una tale disparità di offerta, l’unico modo per rispondere alla sfida sarebbe stato quello di rendere aggressivo e commercialmente temibile il nostro principale vettore aereo il quale avrebbe dovuto sfruttare al massimo il traffico originante dagli scali italiani, arginando in tal modo la colonizzazione del mercato nostrano. E qui entriamo nella seconda considerazione,

TRAFFICO COMMERCIALE INTERNAZIONALE SU SCALI ITALIANI Ripartizione fra vettori italiani e stranieri TTL PAX

Vettori stranieri

Vettori italiani

ANNO 2006

70.664.671

49.645.874 (70%)

21.018.797 (30%)

ANNO 2003

42.436.427

27.965.605 (65.9%)

14.470.822 (34,1%)

ANNO 1998

32.578.846

19.560.972 (60%)

13.017.874 (40%)

ovvero il progressivo decadere di valenza di Alitalia nell’ambito dell’aviazione civile; noi un vettore grande lo avevamo, dopotutto si trattava solo di mantenerlo, non di crearlo.

I In dieci anni i vettori italiani hanno perso 10 punti percentuali di traffico internazionale Si può discutere all’infinito sulle ragioni della caduta in disgrazia di Alitalia, dalle interferenze politiche alle troppe agitazioni sindacali, ognuno è libero di pensare ciò che più gli aggrada, ma di certo tutti possiamo concordare sul fatto che all’Alitalia non è mai mancata la “materia prima” ossia il traffico da cui trarre revenue. E questo è forse l’aspetto più amaro dell’intera vicenda. Alitalia è scomparsa dall’Olimpo dei maggiori vettori aerei internazionali pur avendo a disposizione tutto ciò che occorreva ad una aerolinea per diventare una grande, ed è dal connubio di questi due aspetti, ricchezza del mercato italiano e progressiva scomparsa di un grande vettore che l’Italia è divenuta – non a caso - un mercato strategico per gli altri. Queste nostre osservazioni trovano puntuale conferma da alcune semplici comparazioni di cifre. Se ana-

Al via la IIª edizione di Globe 2008 a Roma Segue da pag. 1 eterna l’attenzione delle più importanti imprese del turismo, tra queste un migliaio di tour operator nazionali e internazionali, interessati all’acquisto del prodotto Mediterraneo. Si tratta di buyer provenienti da 64 Paesi: il 60 percento dall’Europa, l’altro 40 percento provenienti da tutti gli altri continenti. Gli espositori invece arriveranno da 36 Paesi. I mercati che caratterizzano anche questa edizione sono l’India e il Brasile, Paesi che incarnano le due tendenze del turismo verso l’Italia. Da un lato, il mercato indiano attento alla cultura, all’enogastronomia, alla moda; dall’altra, il turismo cosiddetto di ritorno, di chi dal Sud America viene nel Paese degli avi. “Globe, vetrina del prodotto turistico mediterraneo, rientra a pieno titolo nelle linee strategiche di Fiera di Roma – afferma Roberto Bosi, presidente della fiera di Roma - uno spazio che vuole affermarsi come polo espositivo di riferimento per tutti gli

12

operatori economici del bacino mediterraneo e del Sud Europa. In questa ottica noi riteniamo il turismo uno dei settori di punta per lo sviluppo dell’attività fieristica nella Capitale”. “È da eventi come Globe che ci si aspetta una forte crescita del turismo in tutta la Regione”, sottolinea Claudio Mancini, assessore regionale al turismo del Lazio. “Per il Lazio è una grande occasione per promuovere la ricchissima offerta turistica del suo territorio a partire da Roma, meta per eccellenza del turismo culturale, religioso, archeologico ed enogastronomico”. “È l’occasione per cogliere nuove opportunità legate alla domanda internazionale ribadisce Federica Alatri, presidente dell’Agenzia regionale per la promozione turistica di Roma e del Lazio. La città di Roma rappresenta senza dubbio l’attrattore principale, ma non dobbiamo perdere l’occasione, anche grazie al Globe, per promuovere il Lazio nel suo insieme, con le sua enorme offerta complessiva”. “Un momento prezioso – aggiunge Lorenzo Tagliavanti, vice presidente del-

Il tavolo dei relatori la Camera di commercio di Roma – per favorire l’incontro tra operatori del mercato turistico mondiale e confermare la centralità del turismo quale asset strategico per lo sviluppo della Capitale. Negli ultimi anni le istituzioni di Roma si sono impegnate molto per il rilancio dell’immagine e dell’appeal della città a livello internazionale, che si è tradotto in un esponenziale incremento degli arrivi turistici, come confermano i 20 milioni di presenze alberghiere nel 2007”. Tra le rassegne organizzate all’interno della fiera, ricordiamo che per il secondo anno il Globe ospiterà al suo interno Art Cities Exchange, la Borsa delle città d’arte organizzato dall’Enit: un

lizziamo quanti passeggeri internazionali sono stati movimentati sugli scali italiani, suddividendoli fra lavorati da compagnie italiane e da compagnie straniere, troveremo che nel 2006 – anno più recente a disposizione in base ai dati Enac - i vettori esteri hanno assorbito il 70 per cento del movimento passeggeri internazionali, mentre ai vettori italiani è toccato solo il rimanente trenta. Tre anni prima, nel 2003, lo stesso rapporto era del 66-34, se retrodatiamo all’anno 1998 troveremo che i vettori italiani coprivano il 40 per cento del traffico internazionale, ciò significa che in dieci anni si sono persi 10 punti percentuali (vedi tabella). Se prendete il numero di Marzo, anno 2004, di questa rivista troverete in copertina un nostro articolo che così si intitolava: “Mercato Italia: gallina dalle uova d’oro per le compagnie straniere”. Noi - alla casereccia - avevamo parlato di galline, qualcuno più eruditamente preferisce parlare di “mercato strategico”, al di là dei termini usati il risultato però non cambia: siamo diventati terra di conquista, senza che un nostro vettore, uno fra i tanti, abbia saputo fare altrettanto sugli altrui mercati. Antonio Bordoni

appuntamento importante al quale prenderanno parte circa 300 tour operator e agenti di viaggio esteri. “Un workshop – commenta Eugenio Magnani, direttore generale dell’Enit – che sostiene l’evoluzione della nostra economia turistica che deve far perno sulla nostra grande ricchezza: le città d’arte. Da questo ramo turistico derivano 42 miliardi di euro di cui 10 dovuti al turismo estero. Parliamo di un importante volano economico che si distribuisce in tutte le regioni”. Inoltre il Touring Club presenterà per la prima volta al Globe l’annuario del turismo con una tavola rotonda dedicata alle statistiche nel settore. Invece in altri spazi nel centro di Roma saranno realizzati gli eventi Job@Globe per la formazione e il lavoro e Investment@Globe dedicato agli investimenti nel turismo. “Il Globe è un evento innovativo e strategico per tutto il Mediterraneo” è la conclusione di Paolo Audino, amministratore delegato di Expoglobe. Angelo Sessa

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


Intervista ad Andrea Vannucci, sales manager per l’Italia della Compagnia

Malaysian Airlines, bilancio 2007 - novità e prospettive 2008

M

alaysian Airlines chiude il 2007 con numeri da record. Anche se nel momento in cui scriviamo i dati ufficiali non sono stati ancora diffusi, le prime stime parlano di un utile da primato nella storia della compagnia. “I numeri che presto verranno diffusi – conferma Andrea Vannucci, sales manager per l’Italia – dicono che nel 2007 la Malaysia Airlines “worldwide” ha ottenuto il miglior risultato di sempre in termini di profitto. Il dato tanto più esaltante se si considera che arriva a soli due anni dalla crisi del 2005 che ha portato ad un cambio di management e strategie. Già nel 2006 era ripresa la salita ma l’ultimo anno è stato a dir poco eccezionale!”. A cosa si deve questo successo?

“I cambi al vertice hanno segnato una svolta, ma anche la ripresa del mercato per quanto riguarda le destinazione chiave della compagnia sono stati determinanti. Dopo le difficoltà che hanno colpito il sud-est asiatico (tsunami, aviaria, sono alcuni esempi) Paesi come Indonesia e Tailandia hanno ripreso ad attrarre turisti, facendo da traino anche per la Malesia che ha beneficiato di una crescita consistente di visitatori. Un grande contributo è arrivato anche dall’Ente del turismo malese che, con le sue iniziative, a cominciare dal programma Visit Malaysia, ha fatto una grande promozione”. In che misura il mercato italiano ha contribuito all’exploit della compagnia? “Il mercato italiano è sempre andato bene

Tunisia chiama Italia L’offerta turistica tunisina orientata particolarmente al mercato italiano

S

econdo l’Osservatorio ASTOI, la Tunisia ha raggiunto la 5° posizione nella classifica Top Ten delle migliori destinazioni dell’estate 2007. Un ottimo risultato che riguarda anche il nostro Paese, che rappresenta per lo stato magrebino il terzo mercato turistico, dopo Francia e Germania. I turisti italiani, nel 2007, in Tunisia sono stati 445.000. Una scelta che non si è concretizzata solo d’estate, ma anche da settembre in poi, soprattutto nel settore dell’incentive. È il Nord a rappresentare maggiormente l’Italia nel turismo tunisino, seguito poi dal Centro e dal Sud. Al primo posto tra le destinazioni più visitate c’è Djerba, poi Sousse e Hammamet. Il turismo tunisino è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, grazie a una vasta diversificazione dell’offerta ed a un programma promozionale articolato e penetrante che ha ottenuto i risultati positivi che si osservano oggi. Da un parte, proposte di vario genere, come il golf, la talassoterapia, il turismo culturale e i pacchetti nel deserto, novità fino a non molto tempo fa, sono entrate a far parte integrante dell’offerta complessiva della Tunisia, insieme al tradizionale e sempre molto richiesto turismo balneare. Dall’altra una campagna pubblicitaria di grande portata, tramite la stampa, la cartellonistica e, soprattutto, l’approccio ai vari tour operator, allettati proprio dai prodotti ad alto valore aggiunto, come pacchetti benessere, di golf, circuiti culturali ed archeologici. Nel 2007, dieci nuovi operatori hanno programmato la Tunisia. Si è riusciti ad

intercettare, in questo modo, fette di mercato più ampie e diversificate, rivolgendosi alle famiglie, alla terza età, ai viaggi incentive, facendo leva su un punto di forza importante: cioè il buon clima che si gode tutto l’anno che consente di approntare efficacemente i processi di destagionalizzazione. La vicinanza con l’Italia e la buona capacità di collegamenti consentono di effettuare periodi brevi di soggiorno, come i week-end. In questo quadro crescono, pertanto, gli investimenti di qualità, sia da parte del governo, che dei privati tunisini e stranieri. Anche gli Italiani decidono di investire nella realizzazione di centri d’animazione, di formazione e di strutture turistiche, soprattutto alberghiere. Il paese, dal canto suo, ha sentito l’esigenza di elevare i propri standard minimi di qualità, adottando un nuovo sistema di classificazione degli hotel. Sono aumentate le strutture che richiedono la certificazione Iso 9002. Inoltre, il Ministero del Turismo ha previsto il suo sostegno per la riqualificazione delle vecchie strutture alberghiere e sono 14 le nuove stazioni turistiche in progetto. Da ricordare, in particolare, Century’s City: un progetto di 14 miliardi di dollari che si svilupperà su di un’area di 830 ettari, sul versante sud del lago di Tunisi. 130.000 persone saranno al lavoro per costruire un complesso residenziale con grattacieli di oltre sessanta piani, centri commerciali, spazi sportivi e culturali, 14 hotel di altro livello e centri di animazione, una marina e un porticciolo turistico. Questa città nella città accoglierà tra i 300 e i 500.000. abitanti. In tale ottica, l’Ente Nazionale Tunisino per il Turismo, al fine di consolidare l’immagine del paese sul mercato italiano e di accrescere il numero dei tour operator che la programmano, ha esteso le iniziative destinate ai professionisti del settore anche per il 2008.

Andrea Vannucci anche quando c’erano difficoltà a livello globale, confermandosi in costante scesa. Nel 2007 il fatturato è cresciuto del 22,4% rispetto al 2006, con un più 18,1% in termini di passeggeri, per un totale di 46.800 persone trasportate. Per questo la compagnia ha scelto proprio Roma come hub per l’Europa del sud e per il bacino del Mediterraneo”. Quali sono le destinazioni chiave per la compagnia sul mercato italiano? “Ovviamente la Malesia è la destinazione principale. Sette passeggeri su dieci si fermano nel Paese, con numeri sempre in crescita (+19,1% di passeggeri nel 2007 rispetto all’anno precedente). Per il resto i nostri clienti vanno in altre località del sudest asiatico (Tailandia, Cambogia, Vietnam, Indonesia) e in Australia”. Qual è il vostro target di riferimento? “Noi come vettore e la Malesia come destinazione, ci rivolgiamo ad un target medio alto, alle persone che hanno il piacere di visitare un Paese affascinante, rispettandolo e rispettando la sua gente. La Ma-

lesia può offrire una vacanza in uno Stato ordinato e sicuro, islamico ma multietnico: un esempio da esportare di convivenza tra religioni diverse”. E per il futuro? “Nei prossimi mesi sono previste tre novità. La prima è l’attivazione della quinta frequenza settimanale la domenica a partire dal 29 giugno fino a settembre. Questo volo diventerà definitivo non appena alla Malaysia Airlines verranno consegnati i 6 Airbus 380 già prenotati. Dal 1 aprile, poi, diffonderemo il nuovo tariffario che sarà visibile su tutti i CRS, mentre a metà aprile sarà in rete un sito tutto in italiano di Malaysia Airlines, con una parte dedicata esclusivamente agli agenti di viaggio”. In attesa del quinto volo ricordiamo che la compagnia opera attualmente da Roma a Kuala Lumpur con voli diretti quattro volte a settimana: Martedì, Venerdì, Sabato e Domenica. Gli aeromobili correntemente impiegati per l’operativo sono i nuovissimi Boeing 777200, completamente rinnovati per assicurare il massimo comfort ai passeggeri nelle due classi di servizio (Business ed Economica). Gli orari dello schedule “invernale” prevedono la partenza da Roma per Kuala Lumpur alle 12:20 e arrivo alle 06:50 locali della mattina dopo a Kuala Lumpur (11,30 ore di volo + 7 ore di fuso orario). I voli da KL ci sono il Lunedì, Giovedì, Venerdì e Sabato, con partenza alle 23,30 e arrivo a Roma alle 5,20 del giorno successivo. Angelo Sessa

Oriana Schembari

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

13


Ecoturismo e cultura. Il Brasile ci aspetta

AZ-MXP: due aspetti che andavano tenuti separati

A

litalia-Malpensa. Forzatamente, con eccessiva enfasi e servendosi di un martellamento mediatico i due problemi sono stati accomunati; non si parlava dell’uno se contemporaneamente non veniva dibattuto anche l’altro; non vi era quotidiano, notiziario radiotelevisivo che nel comunicare le novità in casa Alitalia non annunciasse allo stesso tempo reazioni e commenti di Malpensa: un errore madornale e imperdonabile, causato più che dalla realtà dei fatti, da quello che potremmo invece definire “un contagio”. Il caso rappresenta un eccellente esempio di come si possa gonfiare un argomento della cui consistenza e validità è assai lecito dubitare. Nessuno nega che il ritiro o il ridimensionamento di un vettore aereo da uno scalo possa costituire un serio problema per l’aeroporto interessato, ma il fatto che qualcuno da una scelta aziendale “ci rimetta” non vuol dire affatto che quella scelta è sbagliata, così come non legittima affatto la reazione di chi minaccia levate di scudi, scioperi e agitazioni. Tutti sappiamo dopo quante traversie, rinvii e indecisionismi si è infine giunti alla decisione di mettere in vendita Alitalia. Della necessità di privatizzare il nostro vettore se ne parlava fin dagli anni ottanta, in pratica un quarto di secolo orsono. Quando finalmente ci si è decisi al grande passo, in maniera, lo ripetiamo, forzata e forzosa, si sono voluti sovrapporre i problemi di uno scalo alla legittima scelta decisionale dell’azienda di puntare verso un determinato partner e, non poteva essere altrimenti, di ridisegnare la geografia delle rotte.

I Un tormentone nazionale I problemi di un aeroporto, di Malpensa come di qualsiasi altro, non possono e non devono interferire con le decisioni operative di un vettore. Ci scusiamo per la crudezza dei termini usati, ma crediamo davvero che se non si dicono le cose come stanno, non si esce più da questo tormentone nazionale. Il Paese Italia e la sua principale aerolinea, tenuto conto della scarsità delle destinazioni intercontinentali oggi offerte, non possono lavorare su due hub: uno basta e avanza. Differente è la situazione in Germania dove Monaco è la risposta alla saturazione di Francoforte che nel 2007 ha registrato 54.167.817 passeggeri in transito; Fiumicino e Malpensa insieme hanno movimentato lo scorso anno

56.829.000; Alitalia serve meno di venti destinazioni a lungo raggio, la Lufthansa un centinaio: se i numeri hanno un significato, bisogna essere coerenti con le affermazioni che si fanno. Certo si può discutere del perché Roma invece di Milano, del perché Fiumicino e non Malpensa, ma questo lo deve decidere Alitalia, non uno dei due aeroporti che si contendono i voli dell’aerolinea. Jean-Cyril Spinetta al sorgere delle prime levate di scudi l’ha detto senza mezzi termini: “sono gli aeroporti a servire le esigenze delle aerolinee, qui sembra si voglia il contrario”. Bisogna dare a ciascuno dei partecipanti il ruolo istituzionale che loro compete. Non possono essere gli aeroporti che decidono dove una aerolinea deve porre la sua base. E’ possibilissimo che l’aerolinea nella sua autonoma scelta commetta un errore, potrebbe senz’altro accadere, ma il dovere dell’aeroporto “scartato” è quello di far presente i punti forti del suo prodotto, eventualmente insistere, ma non certo di costruirci un teorema di portata nazionale.

I Un’ impresa non può pretendere che un cliente scelga i suoi prodotti anziché quelli della concorrenza… Lo abbiamo detto e ripetuto in più occasioni: gli aeroporti oggigiorno sono imprese industriali a tutti gli effetti. Ebbene quando mai una impresa “pretende” che i clienti scelgano il suo prodotto, anziché quello di un concorrente? Eppure leggetevi i titoli dei giornali, riandate alle innumerevoli dichiarazioni esternate dai fautori del nord: la vicenda su Malpensa è stata presentata proprio in questi termini. Un produttore di servizi (Malpensa) esige, reclama a gran voce che un cliente (l’aerolinea) lo scelga. Ebbene, richiamati i rispettivi ruoli di scali e aerolinee, crediamo balzi in evidenza quanto tutto ciò sia illogico e surreale, senza dimenticare fra l’altro che la critica situazione di cassa di Alitalia richiedeva tempi decisionali celeri e ogni ritardo riproponeva il rischio del fallimento. Alla decisione dei vertici Alitalia avrebbe dovuto corrispondere una presa d’atto e la ricerca di vie alternative. Dopotutto agli aeroporti di Zurigo, Ginevra e Bruxelles è accaduto molto di peggio che non il ridimensionamento di voli del vettore di bandiera. Antonio Bordoni

E

siste un Brasile diverso da quello che siamo soliti immaginare; oltre il mare e il sole, il Carnevale e la samba, c’è un patrimonio storico, artistico, ambientale di grande valore che il turista, specie quello italiano, deve ancora imparare a scoprire. Alla Borsa Internazionale del Turismo l’Embratur, Ente brasiliano per il turismo, ha deciso di puntare l’attenzione sugli itinerari alternativi che possono sollecitare nuovi flussi di visitatori alla ricerca di un Brasile incontaminato, dove sopravvivono le antiche tradizioni e le tracce dell’epoca coloniale. In particolare, si è potuto ammirare l’affascinante percorso nella regione di Minas Gerais che con le sue bellissime città storiche rappresenta un patrimonio unico per conoscere la storia culturale del Brasile del XVII e XVIII secolo. È l’arte sacra la principale forma artistica in cui i brasiliani si sono espressi in quel periodo, e ad essa si sono ispirati gli artisti locali più importanti Aleijadinho e Ataíde, che hanno disseminato le città della regione di numerose opere di pregio dell’arte barocca che oggi possono essere qui ammirate. L’antica capitale della provincia è Ouro Preto, cresciuta grazie alle attività nate intorno allo sfruttamento delle miniere d’oro. La città è dotata delle infrastrutture per accogliere i visitatori e conserva intatto il suo fascino antico. Caratteristica, questa, che accompagna anche le altre città vicine; come Mariana, un tempo centro del potere ecclesiastico e nota soprattutto per le sue chiese in stile barocco; Congonhas do Campo che conserva un vero e proprio gioiello artistico, le 78 sculture di Aleijadinho a grandezza naturale, che rappresentano i 12 profeti disposti sul sagrato della chiesa e scolpiti in pietra saponaria, e altri personaggi della Via Crucis; le bellezze del barocco possono essere visitate anche a Tiradentes, che porta il nome del martire del movimento politico che lottò per l’indipendenza del Brasile dal dominio del Portogallo, ed è nota soprattutto per il bellissimo artigianato locale e la gustosa gastronomia. L’attuale capitale è Belo Horizonte. Incastonata nella “Serra do Curral”, la città è riuscita ad armonizzare bellezza e sviluppo, tanto che l’ONU le ha conferito il titolo di metropoli con la miglior qualità di vita in America Latina. Il costante clima temperato rende il soggiorno particolarmente gradevole, soprattutto perché offre indimenticabili itinerari ecoturistici nei parchi che si trovano nei dintorni della città. Il “Parque das Mangabeiras”, ad esempio, è caratterizzato da numerosi corsi d’acqua e fontane naturali e dalla Foresta Atlantica Nativa; al suo interno si possono trovare un anfiteatro all’aperto e infrastrutture per gli

Eurofly acquisisce i diritti di linea per Seychelles I Eurofly è stata designata dall’ENAC per operare colle-

gamenti di linea tra l’Italia e Seychelles. L’acquisizione dei diritti di linea per Seychelles è un importante completamento dell’offerta di linea sul lungo raggio con particolare riferimento alle più rinomate destinazioni di vacanza. Eurofly, che entro breve renderà noto l’operativo Italia-Seychelles, potrà operare 4 voli settimanali in partenza da qualsiasi aeroporto italiano. I collegamenti avverranno con Air-

bus A330-200, configurati con 26 posti di business class e 256 di economy class completi di tutti i comfort. Meridiana ed Eurofly hanno una flotta composta da 35 aeromobili fra questi 8 A320, 5 A330, 4 Airbus A319 e 18 MD82. Nel 2006 le due Compagnie hanno trasportato complessivamente 6 milioni di passeggeri.

sport. Una delle zone più affascinanti della capitale è la “Pampulha”, dove si concentrano il lago omonimo, e soprattutto la Chiesa di San Francesco d’Assisi e il Museo d’Arte di Pampulha. Nella Piazza della Libertà si affacciano poi i più importanti edifici, risalenti agli inizi del novecento, che ospitano le istituzioni locali. Un’altra zona da non perdere per le sue incomparabili bellezze paesaggistiche e ambientali è il Parco Nazionale dei Lençóis Maranhenses, una zona arida di 1.550 chilometri quadrati situata nel nordest dello Stato del Maranhão che si estende per circa 70 chilometri sul litorale dell’Oceano Atlantico. Per chi ama l’ecoturismo un percorso da non perdere: le dune mobili di sabbia di quarzo si spostano fino a 20 metri di distanza, spinte dal vento che soffia dal mare, formando un mosaico affascinante insieme alle lagune verdi che nascono grazie alle piogge dei pri-

mi mesi dell’anno. Si può attraversare l’area in alcune zone a piedi o a dorso di mulo oppure con grossi veicoli. I centri abitati sono solo due e accolgono al massimo un centinaio di persone che vivono in case di terra, protette da alberi bassi che impediscono che la sabbia le ricopra. Visto dall’alto il Parco assomiglia ad un lenzuolo da letto, per la sua immensità ondulata, da qui trae il suo nome, Lençóis Maranhenses Un’altra tappa da non perdere nei percorsi alternativi del Brasile è Salvador, capitale fino al 1763. Tutto il suo complesso architettonico coloniale è stato dichiarato dall’ONU Patrimonio Storico dell’Umanità. La sua storia è legata indissolubilmente a quella dell’intero paese. È qui che approdavano le navi provenienti dall’Africa ed è qui che le diverse etnie, neri, bianchi e indigeni, si sono mescolate. Una commistione di razze e culture che ha il suo riflesso nelle diverse religioni professate e negli usi e costumi che si sono sovrapposti. La cultura popolare e religiosa ha, quindi, una grandissima importanza e si manifesta nelle principali ricorrenze religiose che si trasformano in impressionanti feste popolari. Come dimenticare, poi, la caratteristica cucina baiana in cui confluiscono le diverse tradizioni degli africani, dei portoghesi e dei popoli indigeni. Tutto ciò fa sì che il turista possa scoprire la città nelle sue mille sfaccettature, che vanno dalla tipica vacanza di mare alla scoperta delle antiche architetture, per lasciarsi poi affascinate dalla cultura popolare, con i suoi mercatini d’artigianato, le sue feste, la sua cucina. Gli Italiani subiscono il fascino del Brasile e, anche se la loro preferenza va al segmento mare, possono essere attirati anche da queste ulteriori bellezze. Oriana Schembari

14

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


Per Expedia Inc. crescono fatturato e collaborazioni Strategico l’accordo con le ADV

E

xpedia Inc. é leader indiscussa del mercato italiano dei viaggi on-line, per fatturato, numero di utenti e transazioni. La società ha infatti raggiunto una quota di mercato pari al 35% in soli cinque anni di attività, grazie anche alla strategia aziendale che privilegia il continuo reinvestimento degli utili per il miglioramento del servizio. Il sito italiano di Expedia Inc. ha un’interfaccia intuitiva, che permette ai navigatori di effettuare le proprie scelte in modo semplice e veloce. Con Expedia Inc. è possibile prenotare voli aerei per tutte le destinazioni mondiali, è possibile riservare camere di hotel, al massimo otto, presso le più prestigiose catene alberghiere del mondo. La società di ecommerce offre il noleggio di un’auto in migliaia di città e l’acquisto di crociere, pacchetti, traghetti. A chiusura

del quarto trimestre 2007, Expedia Inc. ha registrato un fatturato di 665,3 milioni di dollari, con una crescita del 25% rispetto allo stesso quadrimestre del 2006 e un utile netto di 259,9 milioni di dollari, il 21% in più se rapportato allo stesso dato del 2006. E’ invece di 4.596,3 milioni di dollari il valore delle transazioni, con un aumento del 25% sullo stesso periodo nel 2006. Il valore delle transazioni raggiunte da Expedia Inc. nel 2007 è di 19.983,3 milioni di dollari, il 16% in più del risultato raggiunto nel 2006. In relazione ai risultati finanziari 2007, Travelling Interline ha in-

Santo Domingo: la scelta degli Italiani nei Caraibi

O

sservare le balene nei loro rituali di corteggiamento e accoppiamento vale bene un viaggio nella Repubblica Dominicana. Da gennaio a marzo questi giganti del mare si riuniscono in branchi proprio al largo delle coste della penisola di Samaná; qui al termine del loro viaggio dal golfo del Maine confluiscono per riprodursi. Le loro spettacolari danze, i tuffi pittoreschi, i salti e i canti servono a conquistare la futura compagna che deve scegliere tra diversi esemplari di maschi. Lo spettacolo è assicurato e sono molti i turisti che vogliono assistere a questi indimenticabili momenti. Questa è solo una delle splendide attrattive che l’isola offre, come ben sanno i turisti italiani che nello scorso anno si sono posizionati al primo posto tra i visitatori europei della Repubblica Dominicana, insieme ai canadesi per il continente americano. Un interesse che è cresciuto costantemente in questi ultimi anni, anche se a livello turistico il resto dei Caraibi sembra attraversare un periodo di stasi. L’autunno, tradizionalmente non il periodo ideale perché stagione delle piogge, è stato comunque positivo per l’isola, tanto che i dati dicono che Santo Domingo attira il 60% dei visitatori dell’intera aerea. Un ottimo risultato per un paese che fa del turismo la sua principale fonte di sostentamento e che ha investito moltissimo in infrastrutture e servizi, sia a livello pubblico che privato, per potenziale al meglio la propria capacità di accoglienza. Come illustra Neyda Garcia, Direttrice dell’Ente del Turismo della Repub-

blica Dominicana in Italia: “Le direttive del Ministero del Turismo sono molto chiare e puntano, da un lato, a stabilire le linee guida della strategia di promozione che noi, come Ente abbiamo in carico, mentre dall’altro si impegnano attivamente nel miglioramento delle infrastrutture e nel controllo della qualità dell’offerta turistica. Tutto ciò permette di innalzare e ampliare le opportunità in direzioni sempre più taylor made, rivolgendosi a target mirati quali il turismo del wellness e del termalismo, il turismo del golf e quello della navigazione da diporto”. In questo senso è di questi giorni l’annuncio della prossima creazione di un nuovo progetto immobiliare a Punta Cana; la realtà andalusa Sotogrande costruirà proprio qui un complesso residenziale e turistico, per il 50% di proprietà di Cap Cana, per il 25% della catena alberghiera NH e per il rimanente 25% di Caja Duero (Caja de Ahorros, di Salamanca), che prevede un investimento di 160 milioni di dollari. L’area complessiva sarà di 124.000 metri quadrati e comprenderà un hotel, 32 edifici con 56 appartamenti e 352 raffinati rustici di varie metrature. Il progetto prevede vari modelli che vanno da appartamenti di 90 metri quadrati a pent house di 3 abitazioni di 350 metri quadrati. Gli appartamenti saranno arredati con Jacuzzi, cucine modulari e terrazze. Tra i servizi comuni a disposizione, cinque piscine, parcheggi per i residenti e zone speciali per la sosta di golf cart, e poi ancora, 500 metri di spiaggia privata e, nei pressi, il campo da golf Las Iguanas. O.S.

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

tervistato Adriano Meloni, Amministratore Delegato Expedia Inc. “Siamo molto soddisfatti dei risultati di fatturato di Expedia Inc. per il quarto trimestre 2007 e per l’intero anno 2007. A livello globale abbiamo registrato un’importante crescita per un operatore delle dimensioni di Expedia, sfiorando un giro d’affari di 20 miliardi di dollari. Il confronto con il quarto trimestre dello scorso anno indica una percentuale di crescita notevolmente maggiore, che va a rispecchiare anche un’espansione del gruppo a livello geografico in sei nuovi paesi. L’Europa traina la crescita del gruppo con un + 47% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, mentre l’Italia a sua volta è il traino dell’Europa con un +70% rispetto all’anno passato”. Cosa ha determinato principalmente la crescita del fatturato,secondo i dati dell’ultimo quadrimestre 2007? ”Miglioramento del prodotto, incremento della spesa marketing, incremento dei clienti fedeli. Fattore chiave del successo di Expedia Inc. è avere scelto un sistema che consente l’abbinamento di componenti di viaggio “fai da te” che meglio soddisfano le esigenze della nuova generazione di turisti, con il migliore rapporto qualità/prezzo. La possibilità di creare soluzioni personalizzate e flessibili è molto apprezzata dai clienti Expedia. Inoltre, poiché generalmente la disponibilità massima di una carta di credito è limitata, Expedia Inc. mette a disposizione dei propri utenti la funzionalità” split payments” che consente di pagare l’ammontare del viaggio prenotato con diverse carte di credito”.

Cosa è cambiato con l’inizio della collaborazione con le agenzie di viaggio? “Il programma di affiliazione per la agenzie di viaggio continua a crescere in modo esponenziale. Il programma ADV cresce infatti più veloce del sito stesso. Per il futuro si prevede quindi un incremento del numero di ADV, tanto che dalle 2500 unità del ‘07 si punta ad arrivare a 3500 agenzie entro la fine del 2008. Cresce anche il transato medio per agenzie, che è cresciuto in un anno del 50%. Altro dato significativo, il numero di agenzie presenti nel database, che sono iscritte ma non prenotano, è diminuito dal 40% al 30”. Quali iniziative, prodotti, proposte si prevedono per il futuro? “Aumenterà il numero degli hotel: per il 2008 la previsione è di introdurre 12.000 nuove strutture in tutto il mondo, 7000 di queste solo in Europa ( rappresentano il + 85% di hotel rispetto al 2007; ci saranno novità sul prodotto Car: sarà avviata la partnership con “Budget” per l’Italia. Infine nel campo attrazioni, novità particolari sono la vendita dei biglietti per il gran premio di Moto GP e per la Formula 1”. Antonella Pino d’Astore

Qatar Airways cresce e lancia nuove sfide al futuro

B

ilancio più che positivo quello dell’anno appena trascorso. Buono anche il feed back della rotta Doha-Kuala Lumpur- Bali, introdotta da poco, ma che sta già rappresentando una valida alternativa al percorso tradizionale via Bangkok. Ed è in questo panorama di crescita e sviluppo che Qatar Airways annuncia nuovi ambiziosi progetti per il futuro, incentrati sull’ampliamento della flotta e delle frequenze, la probabile acquisizione di un nuovo scalo (si parla di Venezia), e la grande scommessa del carburante “ecologico”. Per quanto riguarda la flotta, un maxi ordine di 92 nuovi aerei Boeing parla di una massiccia operazione finanziaria destinata a rendere il Qatar paese “ponte” per eccellenza fra Europa ed Asia. Si tratta di 60 Boeing 787-8 Dreamliner (30 acquistati e 30 opzionati) in consegna fra il 2010 e il 2014, e di 32 Boeing 777, in consegna progressivamente da novembre 2007 alla prima metà del 2010. I 777 entreranno in servizio declinati in 3 versioni, ciascuna delle quali coprirà esigenze diverse: cargo, medio e lungo raggio. In virtù dell’accordo stipulato con General Electric verranno installati su tutti gli aerei i motori di ultima generazione GEnx e GE90. Novità in particolare per il mercato italiano, che mostra sempre più interesse commerciale nei confronti del Qatar: la rotta Milano-Mal-

pensa/ Doha diventa giornaliera da marzo 2008. Ma la sfida forse di maggior portata è quella che la Compagnia lancia al futuro più lontano, con un progetto che potrebbe cambiare l’intero mondo del trasporto aereo. I suoi aerei potrebbero essere i primi a volare usando come propellente i gas naturali, con un notevole risparmio in termini di denaro e di emissioni nocive per l’ambiente. Qatar fa parte infatti di un gruppo di aziende che cerca di realizzare, su grande scala, la trasformazione di gas naturali in combustibili liquidi (“gas to liquids”, o GTL) allo scopo di sostituire l’attuale cherosene, sottoprodotto ottenuto dalla distillazione del petrolio. Il GTL, combustibile non inquinante ed economico, non è una realtà immediata ma l’accordo stipulato con partners internazionali del calibro di Qatar Petroleum, Shell, Airbus, Rolls Royce, Qatar Science& Technology Park e Woqod (Qatar Fuel Company) lascia ben sperare. Come lascia ben sperare l’investimento plurimiliardario fatto da Qatar Petroleum e Shell per costruire il complesso industriale che produrrà il nuovo combustibile, cosa che candiderebbe il Qatar, terzo paese dopo la Russia e l’Algeria per la presenza di gas, a diventare la capitale mondiale del GTL. Cecilia Emiliozzi

15


Costa Crociere. Incontriamoci a Bordo Bilancio 2007 e novità 2008 sulla formazione degli ADV

C

osta Crociere nel 2007 ha investito ingenti risorse per l’attività di formazione, nella quale la Compagnia crede da sempre, concentrando il suo impegno nella cura e nell’intensificazione delle sessioni “Crocierafacile” in aula. Solo nello scorso anno infatti, i Promoter Costa Crociere hanno realizzato un totale di 280 incontri “Crocierafacile” coinvolgendo circa 3.500 Agenti di Viaggio. L’attività formativa non può prescindere dal toccare con mano le navi Costa, solo in parte descrivibili a parole, quindi gli Agenti di Viaggi sono stati coinvolti in decine di appuntamenti a bordo, dando vita ad occasioni molto apprezzate, denominate “Incontriamoci a Bordo”. La seria e proficua partecipazione delle Agenzie di Viaggio coinvolte è stata anche premiata con l’estrazione di una crociera di 7 giorni per due persone a bordo dell’Ammiraglia Costa Serena. La crociera è stata vinta da Franca Ferrari dell’Agenzia Vespucci Viaggi di Parma che ha dichiarato: “Trovo le attività formative di Costa Crociere molto mirate, puntuali e interessanti. Ritengo davvero importante partecipare a questi incontri in quanto il nostro è un mondo in continua evoluzione e l’aggiornamento è necessario, se non essenziale, per essere sempre preparati ed esaurienti nei confronti della clientela che - scontato dirlo - è il nostro patrimonio, e che è sempre più esigente e attenta ai dettagli. Gli incontri di Costa Crociere sono sempre organizzati e gestiti in modo professionale da persone che uniscono competenza e cortesia”. Anche il 2008 vedrà Costa Crociere protagonista nella formazione degli Agenti di Viaggio con una serie di interessanti novità e con un potenzia-

mento degli investimenti. Seguendo il percorso intrapreso, Costa Crociere sta dotandosi di innovativi strumenti, servendosi in particolare dei nuovi approcci del Web 2.0. Costa Crociere è la compagnia italiana leader delle vacanze in crociera in Italia e in Europa. Da 60 anni porta in tutti i mari del mondo il meglio dell’ospitalità, della gastronomia e dell’intrattenimento italiani, per una vacanza da sogno all’insegna del relax e del divertimento. Nel 2007 oltre 1,1 milione di Ospiti hanno scelto una crociera Costa, vero e proprio record storico in Europa. Le 12 navi della sua flotta, tutte battenti ban-

diera italiana, ognuna con caratteristiche uniche e uno stile inconfondibile, offrono la possibilità di visitare ogni anno ben 250 destinazioni diverse nel Mediterraneo, Nord Europa, Mar Baltico, Caraibi, Sud America, Emirati Arabi, Lontano Oriente e Oceano Indiano. Altre 5 navi sono attualmente in ordine ed entreranno in servizio entro il 2012. Costa Crociere è certificata dal RINA con il BEST4, sistema articolato di certificazioni volontarie in ma-

teria di responsabilità sociale (SA 8000, del 2001), ambiente (UNI EN ISO 14001, del 2004), sicurezza (OHSAS 18001, del 1999) e qualità (UNI EN ISO 9001, del 2000). Tutte le navi della flotta Costa hanno ricevuto la notazione “Green Star” del RINA che attesta il rispetto dei più alti standard in materia di protezione ambientale. Costa Crociere sostiene il WWF per la tutela delle ecoregioni marine del Mar Mediterraneo, delle grandi Antille e del Brasile.

Le Compagnie aeree contestano l’aumento dei costi aeroportuali nel decreto “Milleproroghe”

N

el grande pentolone del decreto “Milleproroghe, c’è anche questo: l’aumento dei diritti aeroportuali. Le compagnie aeree italiane e straniere operanti in Italia contestano con fermezza la modifica al decreto “Milleproroghe” che aumenta i “diritti” aeroportuali. Una misura contraddittoria, visto che il governo con questa iniziativa vanifica, almeno parzialmente, le attività messe in campo anche da un suo organo, il CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), tendenti a trovare un equilibrio tra il prezzo da applicare ai viaggiatori e gli utili delle compagnie aeree e dei gestori degli scali aeroportuali. Il decreto (all’articolo 21bis) propone di legare l’aumento dei “diritti” al tasso programmato di inflazione, ma la realtà è che gli aeroporti, grazie alla rapida crescita dei viaggi aerei negli ultimi sette anni, hanno visto triplicare il fatturato e il raggiungimento di elevati utili. La disposizione renderebbe vano il lavoro di CIPE e ENAC di determinare le tariffe aeroportuali con contratti di programma, sulla base di criteri oggettivi. “Quando tutti sono chiamati a combattere l’aumento dei prezzi, il decreto vorrebbe regalare i soldi dei consumatori-viaggiatori a società di gestione aeroportuale che già registrano elevati utili, in crescita da anni, grazie all’aumento del traffico aereo. Un aumento tariffario arbitrario, scollegato dai reali costi e dalle reali necessità, non trova nessuna giustificazione e rischia di nuocere alla crescita di un settore vitale per l’economia,

finendo per contribuire all’aumento dell’inflazione e a disincentivare l’efficienza degli stessi gestori aeroportuali”- afferma Roberto Antonucci, Presidente (ad interim) di IBAR, l’associazione che unisce le 76 principali compagnie aeree di linea, italiane e straniere, presenti in Italia. In questi ultimi anni le compagnie aeree sono riuscite ad abbassare la tariffa media pagata dai consumatori, nonostante l’aumento del costo del carburante. Mediamente i passeggeri pagavano 9,7 centesimi di euro per volare un km nel 2000, cifra scesa a 8,65 centesimi nel 2006 (dati AEA). Secondo IBAR, le tariffe per i servizi aeroportuali offerti in regime di monopolio devono consentire ad un operatore efficiente di coprire i suoi costi e realizzare un utile sufficiente per poter reperire i capitali che servono per investimenti necessari allo sviluppo del sistema. Il governo, (tramite il CIPE), l’ENAC, le compagnie aeree, le società aeroportuali e le associazioni dei consumatori stanno lavorando insieme da tempo per perfezionare un sistema oggettivo e prevedibile per raggiungere questo scopo. “Buttare nel cestino un lavoro serio e avanzato per tornare all’arbitrio è davvero inopportuno” aggiunge il Presidente di IBAR. Il decreto è già stato approvato dalla Camera dei Deputati e attende l’esame del Senato. “Ci affidiamo al buon senso dei Senatori della Repubblica” conclude Antonucci. Angelo Sessa

Dal 30 marzo entra in vigore il nuovo network Alitalia

A

litalia ha annunciato il suo progetto di riorganizzazione interna che partirà il 30 marzo con il nuovo orario estivo. In attesa di sapere quali saranno le sue sorti, dopo le offerte da parte degli altri vettori internazionali per un accorpamento che potrebbe rappresentare la sua unica via di salvezza, la compagnia di bandiera italiana comincia a far ordine al suo interno. Al centro di accese polemiche la decisione di spostare l’hub di riferimento nella capitale Roma Fiumicino, centro naturale delle direttrici nord-sud del paese, non essendo economicamente sostenibile la permanenza anche dell’altro principale hub, Milano Malpensa. Il traffico da quest’ultimo aeroporto è infatti, principalmente di connessione, cioè è diventato punto di smistamento delle tratte internazionali, mentre quello diretto da e per Milano rappresenta soltanto il 38%. Ribadita, quindi, questa decisione, insieme ad una serie di ulteriori misure per rendere economicamente sostenibile l’attività della compagnia in crisi. Saranno interrotte le rotte economicamente non remunerative: il numero di destinazioni risulterà così ridimensionato, a fronte di un potenziamento del numero di colle-

16

gamenti complessivi in partenza da Roma, che passano da 1.406 a 1.601 alla settimana. Per l’estate 2008 sono stati sospesi i collegamenti che coinvolgono: gli aeroporti di Rimini, Olbia, Bolzano e Perugia in Italia; di Zagabria, Sarajevo, Skopje; Minsk, Lione, Copenaghen e Stoccolma per le rotte europee; Dakar, Shanghai, Mumbai e Delhi per i voli intercontinentali. Nella stagione estiva, invece, cresceranno le destinazioni servite da Volareweb, la low cost del Gruppo Alitalia, che raggiungerà da Milano Malpensa 23 mete tra cui: Malaga, Valencia, Malta, Parigi-Orly, Atene, Ibiza, Rodi, Creta, Porto, Breslavia, Varsavia, Lodz, Cracovia, Timisoara, Alghero, Olbia, Pescara, Brindisi, Cagliari e Lamezia Terme. L’obiettivo di ottimizzazione del network passa anche attraverso il miglioramento della connessione dalle varie città italiane a Roma. In questo nuovo assetto sarà ridotto anche il tempo di permanenza dei voli internazionali che fanno scalo nella capitale, sia in entrata che in uscita. Aumenteranno le frequenze dei voli nazionali e internazionali a Milano Linate e Cagliari sarà nuovamente collegata direttamente con quest’ultima e con Roma. Men-

tre VolareWeb sarà maggiormente utilizzata nei collegamenti nord-sud e verso e da Malpensa. Per quanto riguarda il mercato estero Alitalia si focalizzerà principalmente verso Stati Uniti, Canada, Giappone, Sud America e bacino del Mediterraneo, ponendo al cento del traffico di quest’ultimo proprio l’hub di Roma. Viene, inoltre, riaperta la storica tratta Roma-Los Angeles. Una delle principali novità di questo progetto è che Malpensa diventerà il polo di riferimento per il Cargo. Il rilancio della compagnia passa naturalmente anche attraverso un riposizionamento del brand. Le strategie promozionali diventano, infatti, fondamentali in questo momento e l’obiettivo principale sarà legare maggiormente l’immagine del vettore a quella dell’Italia intera. Saranno messi in atto dei particolari accordi commerciali sia con i mercati esteri che con le singole regioni, oltre che iniziative pubblicitarie volte a promuovere il marchio sia a livello nazionale che internazionale. Importante, in questo senso, anche il miglioramento della card Millemiglia, con nuovi vantaggi per i suoi aderenti che viaggiano di più e con l’inserimento nel circuito anche della low-cost Volare Web.

Sarà, infine, potenziata la rete di prenotazione e vendita tramite il web. Recentemente è stato migliorato il sito dedicato agli agenti di viaggio, al fine di renderlo più comodo e funzionale. Parallelamente è stato ridefinito anche il programma di fidelizzazione Volareclub, dedicato al personale front-line delle agenzie di viaggio. Alitalia corre velocemente ai ripari, quindi, anche se le continue oscillazioni in merito al suo riassetto finanziario rendono problematico questo percorso della nostra compagnia di bandiera O.S.

c/c postale n°89133003

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


NB. Nelle quote dei viaggi pubblicati non sono state inserite le quote di apertura pratiche, assicurazione, adeguamento carburante ed eventuale supplemento accompagnatore da richiedere alla segreteria del CLUB

LEGENDA ABBREVIAZIONI A.I. All Inclusive - B/B- pernottamento e prima colazione - HTL hotel ABF american breakfast - H/B mezza pensione F/B pensione completa - SGL camera singola - DBL camera doppia TPL camera tripla - A/R andata e ritorno - APT aeroporto Over 50 apensionati di comp. aerea

A causa dell’elevato numero di offerte di viaggio non è possibile inserle tutte nella rivista. Vi preghiamo di consultare il nostro sito www.interlinegroup.it aggiornato quotidianamente con viaggi in Italia, all’estero, crociere, tour, vacanze benessere, ecc…

A causa delle numerosissime proposte di viaggio e delle offerte last minute che ogni giorno arrivano nella ns sede, vi invitiamo a consultare quotidianamente il ns sito

www.interlinegroup.it

SEYCHELLES

DAL 06 GENNAIO AL 31 MARZO 2008 Viaggio base di 6nts/8gg CON PARTENZA E RIENTRO DI MERCOLEDI’ + trasf. apt/hotel/apt. N.B. Part. di lunedi e rientro di mercoledì o viceversa supplemento € 70 fino all’ 8/2/08 e dal 9 al 31/3/08 € 160 - Per part. e rientri sabato supplemento € 120 fino all’8/2/08 e dal 9 al 31/3/08 € 210

LADIGUE

MAHÈ

PRASLIN

Hotel-Periodo

Quota a pax Quota a pax Quota a pax in DBL in SGL in TPL

BERJAYA PRASLIN BEACH BB 1.007 HB 1.240 ACAJOU - PRASLIN HB 1.339 BEACH VILLA GUEST HOUSE HB 1.023

Notte in DBL

Notte in SGL

Notte Quota CHD in TPL in 3° letto

Notte CHD

1.252 1.494

1.068 1.270

42 81

75 123

51 86

725 835

12 29

1.692

1.258

98

158

85

772

40

1.155

996

46

66

40

666

22

61 95

515 625

12 29

41 63

589 644

25 33

BERJAYA BEAU VALLON BAY BEACH RESORT & CASINO BB 1.055 1.350 1.020 66 116 HB 1.248 1.558 1.226 99 150 DANIELLA’S BUNGALOW GUEST HOUSE BB 892 1.070 834 51 73 HB 1.030 1.204 968 73 103 LAZARE PICAULT GUEST HOUSE BB 1.007 1.155 59 84 BERNIQUE GUEST HOUSE BB 1.153

1.303

1.105

55

TOURNESOL GUEST HOUSE BB 996 HB 1.110

1.125 1.235

29 48

50 69

PENSION MICHEL GUEST HOUSE HB 860 1.050

850

65

CHATEAU ST CLOUD GUEST HOUSE BB 1.275 1.502

76

114

81

47

693

20

96

61

690

39

POSSIBILITÀ DI ESTENDERE IL SOGGIORNO IN TUTTE LE ISOLE IN BASE ALL’OPERATIVO DEI VOLI.

COMBINAZIONI DI 2 ISOLE

Valido fino al 30/3/08.Prenotazioni solo sui voli CI68/CI67. Blackout periodi di embargo stabiliti dalla compagnia (anche senza preavviso) Riservato agli agenti di viaggio, T.O., dip. comp. aeree, Soc. aerop.,Polizia Aerop., Enav, Enac, Dogana aerop., Cargo Agents solo aerop. rent a car + 1 accompagnatore solo VOLO A/R da ROMA per BANGKOK € 274 - TAIPEI - KAOHSIUNG - HONG KONG € 384 - SEOUL € 406 - KUALA LUMPUR - SINGAPORE -MANILA - SAIGON - HANOI € 406 - JAKARTA € DEMPASAR € 450 - SYDNEY BRISBANE € 472 SUPPLEMENTO DYNASTY CLASS: Solo andata € 275 - Andata e ritorno € 550 Tax e fuel surcharge da quant. Spesa apertura pratica € 50

Solo volo A/R fino al 31/3/08 per ADV e T.O., dip. comp. Aeree, Spedi. Intern. (dip. 1) , Soc. aerop., Enac, Enav, Rent a car, vigili del fuoco aerop. (dip. 2). AFRICA: -Addis Abeba (Ethiopia) e Hargeisa (Somalia): (B) per dip. 1 € 419, per dip. 2 € 587; Accra (Ghana), Bamako (Mali), Brazeville, Kinshasa (Congo), Dakar (Costa D’Avorio), Duala (Cameroon), Laos (Nigeria), Lome (Togo), Abidijan (Costa D’Avorio), Luanda (Angola): (B) per dip. 1 € 444, dip. 2 € 622. Dar Es Salam (Tanzania), Djibuti, Entebbe (Uganda), Harare (Zimbabwe), Kartoum (Sudan), Kilimanjaro (Tanzania), Juba (Sudan), Sanaa(Yemen)dip. 1 € 394, dip. 2 € 552. Johannesburg (Sud Africa), Nairobi (Kenya) dip. 1 € 344, dip.2 € 482. Kigali (Ruanda), Kinshasa (Congo), Lilongwe (Malawi), Lusaka (Zambia), Ndjamena (Chad), Libreville (Gabon), Bujumbura (Burundi)dip. 1 € 419, dip.2 € 587. ASIA Bombay (India), Delhi (India):dip. 1 € 444, dip. 2 € 622. Bangkok (Thailandia), Pechino (Cina), Guangzhou (Cina), Hong Kong (Cina)dip. 1 € 544, dip. 2 € 762. NB 1 accomp. paga la quota del dip. 2

PART. E RIT. MERCOLEDÌ

In DBL In SGL In TPL 3 NTS AL BEAU VALLON BAY/ Mahè + 3 NTS AL PRASLIN BEACH/ Praslin BB 1.181 1.440 1.110 HB 1.375 1.664 1.345

3 nts AL BEAU VALLON BAY /Mahè + 3 nts HOTEL ACAJOU /Praslin HB 1.425 1.758 1.398

Quota CHD 725 895 870

COMBINAZIONI DI 3 ISOLE PART. E RIT. MERCOLEDÌ

2 NTS AL BEAU VALLON BAY/ Mahè + 2 NTS AL PRASLIN BEACH/ Praslin + 2 NTS CHATEAU ST CLOUDE/ La Digue BB 1.276 1.639 2 NTS AL BEAU VALLON BAY/ Mahè + 2 NTS hotel ACAJOU/ Praslin + 2 NTS PENSION MICHEL/ La Digue HB 1.415 1.840 1.365

-

865

2 NTS ST LAZARE GUEST HOUSE/ Mahè + 2 NTS BEACH VILLA GUEST HOUSE/ Praslin + 2 NTS CHATEAU ST CLOUDE/La Digue BB 1.255 1.425 Spese apertura pratica € 60, tasse aeroportuali e fuel surcharge da quantificare - Supplemento volo partenza e rientro MERCOLEDI’ dal 9/2/08 al 31/3/08 € 110

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

CINA Cod. 125 a marzo. Volo + trasf., min. 10pax. Pechino-Xian-Shangai: per ADV € 1.115, altri Dip. € 1.194. Pechino - Xi’an – Guilin – Shanghai: per ADV € 1.330, altri Dip. € 1.423. Pechino Xi’an – Guilin – Hangzhou – Suzhou – Shangai: per ADV € 1.970, altri Dip. € 2.108.Cina Classica + Hong Kong 18gg in Htl 4*fino a dicembre 08 da € 2.970 Cod. 321 SOLO PER ADV e T.O. fino al 31/3/08 Volo + trasf. + 5gg/3nts a Pechino in ABF. Quota a pax Dip. htl 1° cat € 420; Htl cat. lusso € 510. Possib. di estensione a: Xi’an x 2ntS € 230; a Shanghai x 2ts € 190. Tour indiv. e di gruppo su richiesta.

PRAGA Riservato ai dip. compagnie aeree, ADV, sped. Inte., Enav, Enac, Sita ed Enti aerop. Valido fino al 16/3/08 (ultimo rientro) Part. Roma, Milano, Venezia e Bologna con volo di linea (non è richiesto il Sun-

17


day Rule), sogg. c/o Htl in BB, assic. medico non stop. Quota dip.: Htl Ibis Smichov 2a cat. 2nts € 131; 3nts € 161, per 4nts € 191; Htl Movenpick 1a cat. 2nts € 139; 3nts € 173; 4nts € 207; Htl Ibis City 2a cat. Sup. 2nts € 142; 3nts € 177, 4nts € 212, Htl Tosca 2a cat. 2nts € 144; 3nts € 181, 4nts € 217; Htl Diplomat 1a cat. 2nts € 150, 3nts € 189; 4nts € 228; Htl Ibis Karl Inn 2a cat. 2nts € 150; 3nts € 189, 4nts € 228; Htl Corinthia Towers lusso 2nts € 157; 3nts € 200; 4nts € 243 1 Aggr. Suppl. di € 35 (anche il coniuge e i figli o un altro dip. sono aggr. tasse aer., taxi sicurezza e spese ap.pratica da quant.

Argentina Cod. 108 fino al 30/3/08 Buenos Aires + Cascate di Iguazu Volo + trasf., 8gg/5nts + htl 3 e 4* in BB + visita alle cascate. Quota dip. in DBL da € 1.304. Argentina e Cile Voli + trasf. + 3nts Htl 4* a Santiago in BB + 4nts Htl 4* a Bue in BB + visite delle città + esc. a Viña del Mar + cena show di tango a Bue. Quota dip. in DBL da € 1.710 Cod. 255 fino al 30/4/08 Tour Patagonia 14gg/11nts in BB in htl cat. Budget. Buenos Aires– Puerto Madryn – Ushuaia – El Calafate – Buenos Aires – Iguazù – Buenos Aires – Italia. Quota a pax Dip. in DBL da € 1.947 Cod. 255 fino al 30/8/08 Volo a/r + trasf., in B&B + visite + escursioni + ingressi con guide multilingua.Italia–Buenos Aires–Puerto Madryn–Ushuaia–El Calafate–Buenos Aires–Iguazù–Buenos Aires – Italia. Quota a pax dip. in DBL. Cat. budget € 2.392; turistica € 2.537; superior € 2.874

Australia Cod. 010 Tour ind. Volo + trasf., Htl ed esc. con guida in italiano. Quota Dip. In DBL. Sydney-Ayers Rock 5nts da € 2.213. Sydney-Cairns 5nts da € 1.975. Sydney-Darwin-Kakadu 6nts da € 2.205. Sydney-Ayers Rock-Cairns 9nts da € 2.845. Sydney-Ayers Rock-Cairns-Darwin-Kakadu 12nts da € 3.519. Cod. 178 fino al 31/3/08 Tour ind. Australia in Style 17gg/14nts: Perth-Melbourne-Sydney-Ayer Rock-Palm Cove-Cairns da € 2.831 Romantic Australia 15gg/11nts: Sydney-Kangaroo Island-Adelaide-Ayers Rock-Port Douglas-Cairns da € 3.496

Bali Cod. 370 Volo da Mxp e Rm + trasf.,10gg/7nts in BB c/o Htl White Rose o htl Parigata o htl Inna Kuta o htl Putri Bali. Quota a pax Dip. € 845. Possib. di estensione a: Ubud 3nts Htl Tjamphuan € 190 O A Gili Trawangan 3nts c/o Vila Ombak € 320 Cod. 140 Volo + trasf + 2nts Hong Kong + 11nts Bali in BB. Quota Dip. € 1.415. Progr. Con 10nts a Bali in HB + 3nts a Lombok in HB da € 1.251.

Brasile Cod. 368 Volo da Mxp il giov. + trasf., 7nts/9gg c/o D Beach Resort 4* in FBB. Quota A= std by 4gg. B= conf. immed. Quota a dip.(minimo 2 pax): fino al 27/3 A € 695, B € 1.112 ; dal 3 al 24/4 A € 625, B € 999. Offerta per ADV in std by a 14gg €600. Cod. 157 fino al 31/3/08 Volo + trasf., 10gg/8nts + visite + escursioni + guida. Rio de Janeiro Foz do Iguazu - Salvador de Bahia. Quota a pax dip. € 2.235 Cod. 179 Tour Volo da Rm e Mxp + trasf. + tour 3gg/11nts. Quota dip. in DBL € 2.798

Capo Verde Cod. 102 fino al 29/3 Volo da Mxp. Bgy, il ven Vrn, Rm, Blq il mercoledì + trasf., 7nts/8gg c/o Crioula Club Hotel & Resort 5* in AI. Quota dip. in DBL: 19-23/3 €599; 26-29/3/08 € 399

Caraibi Anguilla - Antigua - Aruba - Bahamas - Barbados - Bonaire - Curacao - Cayman - Tortola - Virgin Gorda - St Croix - St. Thomas - Trinidad & Tobago - Turk & Caicos - St. Barth - St. Lucia e combinazioni di + isole c/o la sede dell’ IIC e sul sito internet. BAHAMAS Cod. 143 dal 24/7 al 4/9/08 Volo da Mxp + trasf., 7nts c/o club Viva Fortuna 3* in AI. Quota a pax Dip. da € 690 CUBA Cod. 143 volo da Blq, Mxp e Rm + trasf., 7nts in AI. Quota dip. in DBL. Varadero Barcelo Solymar 5* da € 920; Cuatro Palmas 4* da € 690; Brisas del Caribe 4* da € 830 Holguin Playa Costa Verde 4* da € 750 Havana Htl Cubanacan Comodoro 4* in BB per 2nts + resto libero da € 970. Diversi Tour di Cuba volo da Mxp + trasf. + tour in FB da € 1260 Cod. 175 std by 5gg solo per ADV e TO, comp. Apt + sped. Interna. IATA. Volo + trasf., 7nts c/o Swan Club Amigo Varadero 4* in AI € 590, accomp. € 690 Cod. 249 fino al 4/9/08 Volo + trasf., 7nts in AI. Quota Dip in DBL. Varadero Eden Gold Playa Alameda 5* da € 889; Coralia Club Playa de Oro da € 868; std by 5gg fino a maggio solo per ADV € 300. Cayo Largo Eden Village Cayo Largo da € 697;Sol Cayo Largo o Barcelo Cayo Largo 4* da € 1.042;std by 5gg fino a mag. solo ADV € 250 JAMAICA cod. 154 Fino al 27/4 volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Fun Holiday Beach Resort 3* in AI. Quota a pax Dip. da € 980 Cod. 110 Solo per ADV. Dal 30/3 al 14/4 volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Exploracafè Meriil’s 3* in AI. Quota: std by 3gg € 599, conf. immediata € 890 Htl Shield’s in BB da € 640 MESSICO Cod 176 volo + trasf., 7nts c/o Barcelo Maya Beach 5* in AI: marzo € 1.085; 26/330/4 € 1.211 Cod. 249 fino a maggio std by 5gg dalla part. solo per ADV Volo + trasf., 7nts c/o Sandos Caracol 5* in AI. Quota € 300 Cod. 110 fino al 13/4 solo per ADV e TO. Volo + trasf., 7nts c/o Exploracafè Real Playa 3* in AI. Quota: std by 3gg € 660,conf. immediata e pr altri Dip. da € 899. € Cod. 137 Volo + trasf., 7nts in AI. Quota dip. in DBL: Htl Carmen Inn 3* in BB da € 910;Sandos Caracol Beach & Resort 5* da € 1.045;Gran Bahia Principe Akumal 5* e Barcelo Maya Beach 5* da € 1.175; Cod. 143 Volo Mxp, Blq e Rm + trasf.,7nts c/o Viva Windham Maya 4* in AI da € 790. Tour 3nts Yucatan + 4nts mare da € 1.090. Tour Chapas e Yucatan da € 1.850 Cod. 175 std by 5gg solo per ADV e TO, comp. Apt + sped. Interna. IATA.Volo + trasf., 7nts in AI c/o Catatonia Yucatan Beach Swan Club Dip. € 590, accomp. € 690 Cod. 154 fino al 26/4 Volo + trasf., 7nts c/o Grand Sirenis 5* in AI. Quota Dip da € 1.190 Cod. 469 Volo + trasf., 7nts c/o Gran Porto Real 5* in AI.Quota da € 891 SANTO DOMINGO Cod. 143 da Rm, Mxp e Blq + trasf., 7nts in AI. Quota dip. in DBL. Viva Dominicus Beach 4* da € 690, in residence da € 710; Htl Oasis Canoa 4* da € 970; Grand Paradise Bavaro 4* € 970 Cod. 249 Volo + trasf., 7nts in AI. Quota Dip. in DBL.Club Viva Dominus Beach da € 748; Barcelo Bavaro Golf & Casino da € 806, std by 5gg fino a maggio solo per ADV € 300 Cod. 219 STD BY 5gg dalla part.Volo + trasf., 7nts c/o Gran Bahia Principe Bavaro con I Grandi Viaggi. Sconto del 40% per il Dip.

Colombia-Cartagena Cod 368. Stand-By 4GG Min. 2Pax Volo a/r da Mxp + trasf., 9gg/7nts. Quota dip. a pax in DBL: Hilton Cartagena BB € 769. Sofitel Santa Clara BB € 895.

l’Interline International Club è solo in Via Nazionale, 204 - 00184 Roma Tel 06/4871721 Fax 06/4871618 E-mail: booking@interlinegroup.it interline@adv.it 18

Decameron Cartagena AI €719. Quota ADV in stdby a 14gg €600. Possibilità di conf. immediata.

Crociere Sconti particolari ai ns soci sulle crociere MSC e Costa Crociere. Chiedere alla ns segreteria o consultare il nostro sito Cod. 227 Offerte Speciali per i Dipendenti con pert. da gen. a set. 08 Scontate del 20% (sulla sola parte nave da applicare alla tariffa Prenota Subito o alla tariffa disponibile) + ns sconto. C. Magica 30/3/08 TUNISIA – BALEARI; C. Victoria 4/4/08 PORTOGALLO; C. Classica 1/6/08 GRECIA; Costa Marina 24/9/08 MALTA-TUNISIA. Cod. 161 MSC Orchestra il 14/3 da Genova. 3gg/2nts:Genova- Montecarlo- Genova: Cab Roulette € 90: Esterna con Balcone Garantita € 170. MSC Rhapsody il 15/3 da Genova: Genova, Barcellona, Tangeri, Alicante, Ajaccio, Genova. Quota: cabina interna € 420; cabina esterna € 520. Part. il 29/3: Genova, Livorno, Salerno, Catania, Malta, Tunisi, Olbia, Genova. Cabina interna € 439, esterna € 539 MSC Musica 23 e 30/3 a VCE, 24 e 31/3 a Bari: Venezia, Bari, Katakolon, Santorini, Mykonos, Pireo, Corfù, Dubrovnik, Venezia, (Bari). Cab. Interna €420, esterna € 520, esterna con balcone € 620 MSC Sinfonia il 19/3 da Venezia e sbarco a Genova: Venezia-Bari-CorfùPireo-Izmir-Rodi-La Valletta-Tunisi-Napoli-Genova. Cab. Interna € 620, esterna € 720, esterna con balcone € 890 MSC Opera il 4/5 da Copenhagen. Volo non compreso: Copenhagen-Visby-Stoccolma-Helsinki, S.Pietroburgo-Kiel-Copenhagen. Cab. Interna € 590, esterna € 690 Suite con balcone € 790

Dubai Cod. 219 fino al 29/4/08 Volo + trasf., 7nts c/o

IGV Al Hamra Fort Dubai in FB. Quota Dip da € 971. Offerte + combinati Dubai + Mauritius o + Maldive su richiesta Cod. 140 Dubai + Yemen volo + trasf., 8gg/7nts in FB + visite ed escursioni + guida in italiano. Quota a pax € 1.641

Egitto Classico Cod. 186 Volo da Mxp e Rm + trasf., 4nts crociera su M/N 5* + 3nts Cairo + Abu Simbel. Quota a pax Dip. da € 850 Cod. 175 L’OASI DEGLI DEI M/n Royal Princess 5* extra lusso Swan Club 4nts crociera in FB + 3nts Cairo Htl 5*lusso in HB + Abu Simbel da € 1.110. IL SOLE DEI FARAONI M/n Royal Princess 5* Swan Club 4nts crociera in FB + 3nts Cairo Htl 5* lusso + 7nts SSH Laguna Vista Swan Club 5* in Al + Abu Simbel in aereo inclusa da € 1.591. RICCHEZZE DEL NILO 7nts Crociera sul Nilo (escursione incluse) + estensione di una settimana a Sharm Laguna Vista da € 860 Cod. 176 dal 5/5 al 14/7/08 Volo da Mxp e Rm + trasf., 4nts crociera su M/N 5* + 3nts Cairo in Htl 5* in FB (con acqua ai pasti) + 6nts mare a Sharm El Sheikh c/o Maxi Village Sinai Garden 4* in AI. Quota a pax € 1.277

El Alamein Cod. 186 fino al 28/10/08 Volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Alba Club El Alamein 5* in FBB. Quota Dip. in DBL da € 299. Tour delle Oasi di Siwa da € 850. Combinazione 2nts tour + 5nts mare c/o Alba Club El Alamein. Quota dip. in DBL. Da € 560 Europa Tutte le capitali Europee sul sito www.interlinegroup.it con quote a partire da € 85 per volo + 2 nts in BB .

Grecia Cod. 409 Tour Grecia classica in Fb + Atene in HB per 7nts/8gg con volo da Mxp . Quota a pax dip. da € 850. Offerte per le varie isole sul sito internet e c/o la ns sede

Invitiamo i nostri lettori a consultare il nostro sito

www.interlinegroup.it aggiornato quotidianamente con le ultime offerte di viaggi

Honduras-Roatan Cod. 175 STD BY 5gg solo per ADV e TO, comp. Apt + sped. Interna. IATA. Volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Henry Morgan Swan Club 4* in AI soft. Quota dip. € 690, accomp. € 790 Cod.110 fino al 30/3. volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Esplora Cafè Fantasy Island 4* in AI. ADV (std by 3gg) € 690, altri Dip. € 1.120 Cod 143 Volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Htl Las Sirenas 4* in AI da € 880. Tour Volo a/r + voli interni in hotels 4*(programma dettaglio c/o la sede dell’IIC).Itinerario: Italia - Roatan/La Ceiba-Pico Bonito-Cayo Cochinos-Laguna del Cacao–Copan-San Pedro Sula/Roatan. Quota Dip. da € 1.850

Isole Canarie & Baleari Cod. 120 fino al 28/4/08 Volo + trasf., 7nts. Quota Dip. FURTEVENTURA: aparthotel Lobosol Paradise 4* in AI € 427; Aparthotel Club Elba Castillo Antigua & Suite 3*sup. in FBB € 427; Htl Elba Sara 4*sup. in HB € 545 TENERIFE: aparthotel Playa Olid in solo bed € 492; Htl Fiesta Oasis Paraiso 3* € 536; Htl Vulcano 4* in HB € 659 Cod. 249 Dal 2/5 al 24/10 volo + trasf., 7nts in AI. Quota a pax: Eden village Cala Mandia Sur/Palma de Majorca da € 445; Eden Village Cala’n Blanes/Minorca da € 496 Furteventura, Formentera, Ibiza, Palma, Tenerife, Maiorca, Minorca, Gran Canaria, Lanzatore c/o la ns sede e sul sito internet

Italia Cod. 300 VALTUR Std by 5gg SCONTO DEL 40% per il Dip. per villaggi estate in Sardegna, Sicilia, Calabria, Puglia. Cod. 219 I GRANDI VIAGGI: Sardegna (santa clara e Santa Giusta);, Sicilia (Baia Samuele e Marispica), Calabria (Le Castella) in Std by 5 gg SCONTO DEL 40% per il Dip.; in conf. immediata fino al 20% Su tutte le regioni d’Italia SCONTI FINO AL 50% sui protti di: Quadrifoglio Vacanze, Eden viaggi, Aviomar, Orovacanze, Settenari, Viloratour, Polycastrum Viaggi e Top Sardina.

Kenya Cod. 219 Volo + trasf., 9gg/7nts c/o IGV Blue Bay in FB. Quota Dip. in DBL da € 981. Std by 7gg SCONTO del 40% da catalogo per il Dip. Cod 186 fino al 30/4/08 Volo + trasf., 7nts/9gg. Quota Dip.: Tamani Jua 3* in HBB da € 650; Stephanie Sea House 3*sup. in AI soft da € 7100 Cod. 154 Volo + trasf. 9gg/7nts in AI soft c/o RelClub Angel’s Bay 3* sup.Quota Dip. in DBL da € 695 Cod. 249 fino al 30/10/08 Volo + trasf., 7nts in AI c/o Lily Palm Aquarius 4* e Jacaranda 4*. Quota a pax dip. da € 756 Cod. 143 fino al 18/12 Volo + trasf., 7nts c/o Marine Holiday House in FB. Quota a pax dip. da € 690. Combinato 1nte safari + mare da € 1.150€

Madagascar Cod. 186 fino al 30/10/08 Volo da Mil. e Rm + trasf., 7nts/9gg a Nosy Be. Quota dip.: Htl Coral Noir Jardin 3* in FB da €880; Htl Corali Noir 3* in AI da € 970

Maldive Cod. 219 al 28/4/08 in std by 5gg. Volo + trasf., 7nts c/o IGV Palm Beach in FB. Quota a pax Dip. in DBL da € 1.620 Cod. 176 fino al 30/4 Volo + trasf., 7nts/9gg c/o chaaya Reef Ellaidoo 4* in FB. Quota a pax dip. da € 1.433 Cod. 143 fino al 30/4/08 Volo da Mxp + trasf., 7nts c/o Kuramathi Village 3*sup. in FB. Quota Dip. da € 1.440 Cod. 509 fino al 30/4 volo da Mxp e Rm + trasf., 7nts c/o Laguna Resort 4* in FB. Quota a apx € 1.239 Cod. 175 Volo + trasf., 7nts. Quota dip. in DBL. Giravaru Island Swan Club/Male in FB + barca veloce € 1.109 Cod. 154 Volo + trasf., 7nts in FB. Quota Dip. in DBL. Holiday Island 4*sup. da € 1.099; Royal Island 5* in cam. Garden da € 1.720. Cod. 249 fino a mag. Solo per ADV in std buy 5gg. Volo trasf., 7nts c/o Ranveli Village 4* in FB. Quota € 600; in conf. Immediata da €1.285 Moltissime altre strutture sul sito internet www.interlinegroup.it

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L


Malesia Cod. 104 aogosto Part. a date fisse + trasf., 12nts/15gg in ABF. Quota a pax Dip.Kuala Lumpur + Taman Negara + Kota kinabalu € 1.823. Kuala Lumpur + Taman Negara + Redang €1.745. Kuala Lumpur + Taman Negara + Mataking € 1.745 Cod. 140 Volo da Rm e Mxp + trasf.+ sogg. In BB. Quota a pax: 2nts Kuala Lumpur + 5nts Langawi o 5nts Kota Kinabalu € 999 .Tour: Kuala Lumpur – Cameron – Highlands – Penang – Langawi da € 1.323 Cod. 104 volo + trasf.,per 5nts Langawi + 3nts Tour Sabah + 5nts Kotakinabalu in ABF. Quota a pax Dip. € 1.565

Marocco Cod. 255 Tour delle Città Imperiali per 7nts/8gg con trasf. FB e guida in ital. in htl 4* da € 655, htl 5* da € 850. Cod 300 Agadir fino al 25/4/08. Volo + trasf. apthtl-apt + sogg. 7 nts/ 8 gg in FBB c/o il Villaggio Classic Valtur. Quota dip. a pax in DBL: 21/3/08 € 616, dal 28/3 al 25/4/08 € 567. Cod. 274 fino all’1/9. Volo + trasf. + tour come da programma scelto. Quota a pax dip. Tor 14gg/13nts: Italia-Marrakech –Zagora-Oumjeran-Tanout Hemida-Meharche-Bouricha-Ifri De Alabou-Oued Elarar-Merzouga-Ouarzazate-Marrakech da € 1.375. Programma dettagliato, altri tour, week-end Fesh, Marrakesh e fly & drive sul sito www.interlinegroup.it

Mar Rosso EL QUSEIR Cod. 186 Volo + trasf., 8gg/7nts. Quota Dip. in DBL. Htl Movenpick 5* in FBB da € 480; Htl Helioland 4* in AI da € 390. HURGHADA Cod. 186 Volo + trasf., 8gg/7nts. Quota Dip. in DBL. Melia Pharaoh 5* in HB da € 350; Htl Desert Rose 5* in AI da € 485 Cod 175 STD by 3gg dalla part. Volo + trasf., 7nts c/o Lillyland Swan Club 4* in AI. Quota dip. in DBL € 299 MARSA ALAM Cod. 175 STD by 3gg dalla part. Volo + trasf., 8gg/7nts in AI. Quota dip. in DBL c/o Htl Amaraya Swan Enjoy 4* in AI € 349. Cod. 409 Volo + trasf., 7nts in AI. Quota Dip. Mariclub Village Blue Lagoon 4* da € 390; Mariclub Village Dream Lagoon 5* da € 390 Cod. 186 Volo + trasf., 8gg/7nts c/o Alba Club Shams Alam 4* in AI. Quota Dip. in DBL da € 345 Cod. 249 Volo + trasf., 7nts c/o Eden Village Abo Nawas o Eden Village Habiba Beach in AI. Quota a pax da € 645; std by 5gg solo per ADV € 200

Sharm El Sheikh Cod 176 Volo + trasf., 7nts in AI. Quota Dip. in DBL. Maxi Village Sinai Garden in conf. immed. da € 390 Cod. 409 Volo + trasf., 7nts in AI. Quota dip. in DBL. Mariclub Golden Sharm 4* da € 560; Mariclub Aloha 4* da € 630 Cod. 186 Volo + trasf., 8gg/7nts. Quota Dip. in DBL. Htl Horizon 4* in HB da € 420; Htl Club Sol Sharm 4* in FBB da € 560; Htl Albaclub Sol Cyrene 4* in AI da € 595; Htl Melia Sinai 5* in FB da € 690 Cod. 175 STD y 3gg dalla part., volo + trasf., 7nts in AI. Quota Dip.: Noria Swan Club 4* €349; Laguna Vista Swan Club 5* dip. € 399 Cod. 249 Volo + trasf., 7nts in AI. Eden Village Amphoras da € 521; Eden Village Tamra Beach da € 618; std by 5gg solo per ADV € 200 Cod. 295 Volo + trasf., 7nts/8gg in AI. Quota a pax Dip. in DBL: Tropicana Grand Oasis Resort 5* o Tropicana Grand Azure Resort 5* da € 605; La Vita Resort & Spa 5* da € 645 Cod. 300 fino al 27/4/08 Volo + trasf., 7nts in FBB c/o Villaggio Valtur Siani Grand Resort. Quota dip. Grand Village da € 624, village da € 520 Numerose altre offerte c/o il sito www.interlinegroup.it o IIC.

Siria Cod. 102 fino a dic. 08 Volo da Rm e Mxp + trasf., 7nts/8gg in HB + 1cena tipica con spettacolo con tratt. come da programma. Itinerario: Roma-Damasco-Palmira-Crack des ChevaliersHama-Aleppo-S.Simeone-Ebla-Apamea-Castello del Saladino-Damasco-ItaliaQuota a pax Dip.: € 788 (6-7pax), € 815 (4-5pax), € 985 (23pax)

Mauritius

PER GLI AGENTI DI VIAGGIO

Cod. 249 volo + trasf., 7nts c/o Eden Villages Carolina in formula club da € 1.067 Cod. 154 volo + trasf., 7nts. Quota a pax: Le Grand Bleu 3* in HB da € 770; Relclub Calodyne Sur Mer 4* in AI da € 970; Cod. 186 Volo da Rm e Mil + trasf., 7nts/9gg. Quota Dip. Htl Le Choisy 3* in HB da € 765; Htl Le Sourcuf 3* in HB da € 850; Alba Club Emeraude 3* in AI da € 935, Htl Le Meridien 4* sup. in HB da € 1.280 Cod. 509 fino al 30/4 Volo + trasf., 7nts c/o blue Laggon 3*sup. in FB. Quota a pax Dip. € 940 Cod. 219 Volo + trasf., 7nts c/o I Grandi Viaggi The Sands in FB. Quota a pax con SCONTO fino al 20% per il Dip. Numerose altre offerte nel sito www.interlinegroup.it

Panama Cod. 368 fino al 28/3/08 Std by 5gg dalla part. Volo da Mxp + trasf., 7nts/9gg. Quota a pax dip. in DBL. 2nts Radisson Decapolis 5* in BB + 5nts Decameron Costa Blanca 4* in AI €770. 7nts Decameron Costa Blanca 4* in AI € 745. Solo per ADV € 600. Possibilità di conf. Immediata – quote sul ns sito internet

Polinesia Numerose offerte con varie combinazioni di isole, Stati Uniti + Polinesia, Giri del Mondo, Viaggi c/o la sede dell’IIC

Portogallo

Cod. 255 Portogallo in Fly & Drive da € 395 Tour del Portogallo in HB in htl 3* e 4* + visite e ingressi da € 875 Week-end Lisbona e Oporto 3gg/2nts in BB: htl 3* da € 194, htl 4* da € 212. Madeira e Algarve 8gg/7nts in BB: htl 3* da€322, htl 4* da € 408, htl 5* da € 565. Azzorre-Tour 3 isole per 7nts + visite ed esc. in htl 3 e 4* in BB da € 993

Seychelles Cod. 219 fino al 30/10/08 Volo + trasf., 8gg/6nts c/o Club Vacanze Cote D’Or e Chauve Souris Relais in FB con sconti finoo al 20%

Spagna Numerose altre offerte anche Fly & Drive c/o ns sito www.interlinegroup.it

nel nostro sito

www.interlinegroup.it sono pubblicate numerose offerte riservate solo alla loro categoria. 1.140, 7nts da € 1.298. Estens. mare Sri Lanka da € 450 Cod. 156 Volo + trasf., 6nts tour in FB con guida in ital.+ 5nts Maldive c/o Kuramathi Village in FB. Quota Dip. in DBL da € 1.758.

Stati Uniti Cod. 179 Viaggi di nozze fino al 30/6/08 Volo + trasf., 14gg/11nts. Itinerario: NYC–San Francisco–Hawai–Los Angeles. Quota Lei € 2.295, quota lui € 2.879 Cod. 219 Vari Tour di 7, 9, 12, 13, 15 nts con part. a date fisse con quote a partire da € 918. Cod. 509 ad aprile. Volo da Rm e Mxp + 5nts in Htl 3* in solo bed. Quota a pax € 414 Cod. 190 fino al 20/4 volo da Rm e Mxp + trasf. per 3nts New York in solo bed + 4nts a Santo Domingo in AI .Quota a pax Dip. €1.445€

Thailandia Cod. 368 fino al 24/4/08 da Mxp + trasf., 7nts. Quota Dip. (min. 2 pax): Htl 5* in HBB fino al 20/3 € 845, dal 27/3 al 24/4 € 795. Htl Movenpick Resort in HB dal 3/1 al 20/3/08 € 1.085, dal 27/3 al 24/4 € 985. Htl Banthai Beach Resort € 745. Baan Sukhotahi & Spa € 795. Solo ADV e T.O. in formula roulette € 600 Cod. 140 Volo + tour da Rm, Mil + trasf. in FB + visite. Quota Dip. Bankok – Chiang Rai – Chiang Mai – Phuket da€ 1.928. Bangkok – Chiang Mai – Chiang Rai – Sukhothai – Ayutthaya – Krabi da € 2.024. Solo Krabi fino al 15/4 9gg/6nts: Htl 1° cat. In HB € 998; cat. Lux in BB € 1.089 Cod. 143 fino al 30/4/08 volo da Mil + trasf., 7nts. Quota Dip.: Htl Hyton Leelavadee 4* in € 1.050; Htl 4* in HB € 1.090. Cod. 156 fino mar. 08 Volo + 2nts Singapore + 7nts Phuket in BB. Quota Dip. da € 1.071. Cod. 154 fino ad apr. Volo da Mxp + trasf., 7mnts Phuket c/o Relclub Andaman Resort 4* in HB. Quota a pax € 990

Tunisia

Sri Lanka Cod. 102 Tour Sri Lanka. Volo da Fco e Mxp + trasf. + tour 5 o 7nts. Quota Dip. in DBL. 5nts da €

Cod 409 fino al 30/4/08.Volo + trasf., 7nts c/o Mariclub e Maristyle. Djerba: Maristyle Club Menix 3* sup. in AI; Maristyle Penelope Beach 4* in

FBB; Maristyle Castille 4* in AI. Monastir Mariclub village Serail Skanes 4* in FBB. Port El Kantaoui Maristyle Seabel Alhambra 4* in FBB. Hammamet Maristyle Mediterranee Thalasso Golf 3* sup. In FBB. Quota Dip. da€ 299 Cod. 300 Valtur El Kebir e Valtur Tabarka in std by 5gg o conf. immedita c/o la ns sede.

Venezuela Cod. 186 Volo da Mxp + trasf., 7nts. Quota dip. in DBL. Playa El Agua 3* in AI /Porlamar 3* in BB da € 860. Cod. 257 Gran tour Venezuela: Italia-CaracasPuerto Ordaz-Chivaton-Gran Sabana-Santa Elena-Canaima-Ciudad Bolivar-Puerto Ordaz-Los Roques-Caracas-Italia. Volo + trasf. + visite + guida. Quota a pax Dip da € 2.074

Viaggi combinati & Giri del mondo Cod. 179 Volo + trasf. + sogg. come da progr. (dettagli c/o IIC) Hawai e Polinesia 17gg/13nts € 3.321. Tokyo – Nuova Caledonia-Sydney 12nts/16gg € 3.349. New York-Australia-TahitiMoorea 18nts/22gg € 4.005 in formula economica, € 4.949 in formula superior. Bangkok-Australia-Fiji-Polinesia-Los Angeles 17nts/21gg € 4.680. Cile-Isola di Pasqua-Polinesia-Australia 19gg/15nts € 4.482. Audtralia-Fiji 11nts/14gg € 3.105 New York- Borar Bora –Los Angeles 11nts/14gg € 3.141

Zanzibar Cod. 219 Volo + trasf., 9gg/7nts c/o Dongwe Club IGV in AI. Quota Dip. in std by 5gg dalla part. SCONTO del 40% e in conf. Immedita fino al 20% Cod. 249 Volo da Rm e Mxp + trasf., 7ntas c/o Eden village Makunduchi Beach e Eden village Amman Kendwa in AI. Quota a pax: solo ADV in std by a 5gg € 500, altri Dip. in conf. immed. da € 880 Cod. 176 fino al 25/3/08 Volo da Mxp e Rm + trasf., 9gg/7nts c/o La Villa Beach Resort in AI. Quote Dip. in DBL da € 952, in stand by a 5gg € 640. Cod. 137 fino al 30/3/08 Volo da Mxp,Vrn , Rm + trasf., 9gg/7nts in FB. Quota dip. In DBL Htl Coral Reef Resort 3*sup. o Waikiki Zanzibar Resort in FB da € 935 Altre offerte nel ns sito www.interlinegroup.it

CAMPAGNA ABBONAMENTI 2008 Per ricevere la rivista di cultura e turismo Travelling Interline è necessario presentare una lettera di appartenenza dell’azienda presso la quale si lavora, nella quale andrà specificata la mansione svolta. La lettera dovrà essere firmata da un responsabile dell’azienda. La quota annuale rimarrà di € 39 anche per il 2008 (valida fino al 31/12/2008) e dà diritto ad essere iscritti al nostro club e a partecipare alle attività sociali. Facsimile scheda di iscrizione da spedire assieme alla lettera di appartenenza e alla quota annuale a Interline International Club, Via Nazionale, 204 - 00184 Roma. Preferibilmente, compilate un bollettino di

c/c postale n° 89133003 intestato a Interline International Club ricordandovi di inviarci tutti i vostri dati. Gli enti: ADV, compagnie aeree, ecc. possono richiedere la fattura. Cognome.......................................... Nome.............................................. Nato a ............................................ il ..................Codice Fiscale................................................... Domicilio Privato................................................ C.A.P................................................... Città..............................................Tel ................................................... società di appartenenza e indirizzo................................................................................................................... Tel .........................................................Fax..............................................E-mail ............................................. Firma .............................................................. GARANZIA DI RISERVATEZZA Interline International Club garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dai soci. Le informazioni custodite nel nostro archivio elettronico verranno utilizzate al solo scopo di inviare comunicazioni di servizio. In conformità alla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

T R A V E L L I N G • I N T E R L I N E • I N T E R N A T I O N A L

19


Travelling Interline - Marzo 2008  

EDITORIALE Siamo al AZ-MXP CINA POLINESIA e AUSTRALIA Due aspetti che andavano tenuti separati pad.1 • Stand 199 • corsia 5 www. travellingi...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you