Issuu on Google+


A SOLI 10 EURO

AL MESE CHIAMATE, INTERNET, MESSAGGI, COVER E PELLICOLA IN OMAGGIO

Nokia Lumia 520

Viale Europa, 88 - Castellammare di Stabia (NA)


Tel. 081.872.2200 - Fax 081.198.18183


SOMMARIO

NOVEMBRE 2013 COVER

ATTUALITA’

(06)

(10)

Steve Jobs

ZOOM

Mario Balotelli

Brigitte Esposito

(14)

editoriale_05 cover_06 attualità_10 attualità_13 zoom_14 cinema_18

(32)

UN VOLTO PER SEI Sonia Queen

(36)

UN VOLTO PER SEI Ilenia Stabile Aiello

(43)

rumors_21 territorium_22 stabiae_25 hi-tech_26 gusto_29 Un volto per SEI_31/39 libri_41 la soffitta_43 oroscopo_46

LA SOFFITTA Monica Sarnelli

Si ringraziamo per la cortese disponibilità: VANITY MODA

SAVARESE GIOIELLI

LOOK MAKER Calabrese Carmine

HOTEL MIRAMARE

Via L. Denza, 5 Castellammare di Stabia (NA)

Via Regina Margherita, 92 Castellammare di Stabia (NA) info: 081/8714601

SEI periodico | 04

Via G. Cosenza, 23 Castellammare di Stabia (NA) info: 081/8716314 Corso Garibaldi, 1 Castellammare di Stabia (NA) info: 081/8710791

CHEZ MOI

Via Diego Colamarino, 50 Torre del Greco (NA) info: 3664490936


EDITORIALE

A CURA DI CARMINE CASCONE

La felicità ...questa sconosciuta. Chiedetevi se siete felici e cesserete di esserlo!

Felicità deriva da “felicitas” e significa abbondanza, ricchezza e prosperità. La felicità occupa un posto di rilievo nelle dottrine morali dell’antichità classiche anche se tale condizione varia al variare della visione del mondo. Un nome astratto femminile e, proprio l’interazione con la femminilità, ci indica che dietro le difficoltà di visione di questo sentimento si cela l’intricata complessità della sua natura femminile. Spesso nella ricerca di equilibrio emotivo si rincorre anche la felicità, avventurandosi in confini inesplorati, talvolta anche proibiti e impossibili. Pur di raggiungere la felicità viviamo la nostra stessa esistenza ad un ritmo superiore rispetto alle nostre capacità. E poi ci chiediamo: “Oggi chi è veramente felice? O meglio cosa ci rende felici?”. Se ponessimo questa domanda a persone di diversa cultura ed estrazione sociale, scopriremmo risposte estremamente

MENSILE A DIFFUSIONE GRATUITA • ANNO 3 • N. 30 • NOVEMBRE 2013

diverse fra loro, perché essere felici è in piena relazione al soddisfacimento personale, passionale di qualcosa che appartiene all’individuo. Chiedendo alle persone che hanno vissuto l’ultimo conflitto mondiale, ho avuto la chiave di lettura di cosa significa essere veramente felici. Infatti durante la loro giovinezza, racconta chi ha vissuto la Seconda Guerra Mondiale, visto l’estrema limitatezza dei mezzi economici, quasi tutti i giovani avevano dei bisogni comuni, questo ha fatto scaturire in me il pensiero che la felicità tanto è più grande se essa è condivisa da molte persone soprattutto se nasce da un’unità di valori. Chi è felice DIFFICILMENTE ha una vera comprensione della miseria, specialmente oggi ove tutto è auto referenziato e al centro dell’universo c’è l’IO più che il NOI, e forse tristemente si capisce come che la felicità diventa una gradevole sensazione scaturita dalla contemplazione della sofferenza altrui.

Carmine Cascone

®SEI PERIODICO È UN MARCHIO DEPOSITATO

AUT. TRIBUNALE DI TORRE ANNUNZIATA NUM. REG. 952/2011 - NUM. REG. STAMPA 11 DEL 03/11/2011 - CHIUSO IN TIPOGRAFIA IL 29 OTTOBRE 2013 - STAMPATO DA FENICE PRINT

DIRETTORE RESPONSABILE Carmine Cascone

PROGETTO GRAFICO Giancarlo Corbo | Tripoli Esposito

CAPOREDATTORE Pina Longobardi

DIRETTORE COMMERCIALE Lello Capriglione

EDITO DA Sei Agenzia s.a.s. Vico Rivo 25 C/mare di Stabia (Na)

HANNO COLLABORATO Alessandro Viola | Emauele De Lucia Mina Giuliano | Nico Clemente Ornella Grato

PHOTOGRAPHERS Nico Clemente HAIR STYLIST AND MAKE UP Carmine Calabrese

www.seiagenzia.it Qualsiasi collaborazione grafica o redazionale s'intendono opere intellettuali cedute dagli autori a titolo gratuito e che con gli stessi non vi é alcun rapporto di lavoro subordinato e continuativo.

© Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su seiperiodico non possono essere riprodotti senza autorizzazione.

SEI periodico | 05


COVER

a cura di Pina Longobardi

Think different

Debbo ammetterlo io ero tra quelle persone che pensava che dopo la morte di Steve Jobs Apple non avrebbe mantenuto a lungo. Un’azienda troppo in simbiosi al talento del suo fondatore, alle sue intuizioni, al suo carisma di venditore globale come avrebbe sopravvissuto alla sua scomparsa? Ma il genio Steve aveva pensato anche a questo. Eccovi l’intervista immaginata all’uomo dalla personalità più carismatica, seducente e contraddittoria che la storia dell’informatica moderna ha avuto la fortuna di conoscere e apprezzare.

SEI periodico | 06


• Mister Jobs, che cos’è la comunicazione per lei? Per prima cosa chiamami Steve. Ti dirò la comunicazione è quello che dici, come lo dici e quello che il tuo pubblico vede. Per comunicare devi utilizzare un linguaggio semplice, non devi dilungarti troppo e usare immagini che stimolino la visione del tuo messaggio. .

• Dal nulla ad Apple un’azienda con oltre 600 miliardi di valore in Borsa, come si può? Eravamo giovani, intraprendenti, forse un pò incoscienti, ognuno metteva in gioco quello che sapeva fare e soprattutto avevamo una passione smisurata per l’informatica. Il lavoro ha occupato una parte importante della mia esistenza terrena, a cui ho dedicato tutto me stesso. Ho lavorato anche diciotto ore al giorno per 7 giorni su 7 mi hanno definito un visionario, un genio, un tiranno, maniaco dei dettagli. Posso dirti che non ho mai inseguito il denaro per il denaro, Apple per me è stata una straordinaria avventura che ha lasciato un segno nel mondo. I grandi leader guidano le persone verso un mondo migliore, I Tunes, I Phone, il touch screen, la grafica multimediale, oggi non esisterebbero se Apple non fosse esistita. Abbiamo realizzato grandi cose e ne sono tuttora felice.

SEI periodico | 07


• Chi è l’utente Mac?

prestazioni.

Per acquistare un Mac devi essere un pò diverso dalla massa perché è un esperienza per gli spiriti creativi di questo mondo. Una sera mi trovavo a Las Vegas in un night club ed ho chiesto ad un DJ perché per far musica utilizzava un MAC e lui mi ha risposto “Non va in crash e il mio spettacolo è al sicuro”. Un grafico ti dirà che lo ha scelto per le elevate capacità di calcolo, la risoluzione grafica imparagonabile a qualsiasi altro sistema operativo, per la velocità di operatività e l’inattaccabilità dai virus. Un MAC non si acquista perché ha un cool ma per le alte

• Se dovessi convincermi ad acquistare un MAC cosa mi diresti?

SEI periodico | 08

Non ci provo nemmeno, decidi tu. Puoi acquistare un pc e vivere di aggiornamenti continui o scegliere un Mac e aggiornare il tuo modo di vivere il computer.

• Cosa pensa della crisi economica? Per prima cosa imprenditori e governi debbono guardare più lontano, le grandi innovazioni nascono da sguardi diversi sul mondo, e quindi dalle persone e dalle economie che fanno

girare le idee e conseguenzialmente il mercato, voi in Europa siete ancorati ad una politica di austerità che frena gli investimenti e si basa molto solo sui tagli alla spesa pubblica. Non ho mai creduto che le imprese di successo sono quelle che rispondono ai bisogni dei consumatori. Quando ho creato l’I-phone, l’I-erano strumenti non indispensabili ma erano grandi idee e che hanno cambiato il modo di vivere della gente comune. Io ho inventato dei simboli ed ho creato dei sogni, dei messaggi, degli stili di vita. I veri imprenditori fanno questo! Terzo: gli anni più belli e più brillanti sono davanti a


voi, non alle vostre spalle. Nonostante la malattia io ho sempre guardato al futuro. Perciò vi dico, aggregate attorno all’ottimismo i vostri progetti, perseguire il denaro non serve, se avete grandi idee i soldi arrivano con esse.

• Cosa consigli al tuo successore?

• Un’ultima cosa Steve, prima di chiudere?

Io dico di fare solo cose giuste e non pensare “Cosa farebbe Steve?” . Apple sta vivendo un benessere incredibile anche dopo di me e Tim Cook dimostra di aver talento nel

{

Sai molto spesso prima della fine di una presentazione ero io a dire “One more thing, ancora una cosa. Brava !”. Per concludere ti dico a te e al

{

Puoi acquistare un Pc e vivere di aggiornamenti continui o scegliere un Mac e aggiornare il tuo modo di vivere il computer.

SEI periodico | 09

mettere a frutto il talento tecnologico e culturale dell’azienda. Gli occhi del mondo sono puntati su Apple, sulle idee ed innovazioni dei prossimi anni e ti assicuro che il potenziale inespresso dell’azienda continuerà a lasciare il segno nel mondo.

tuo staff ma anche e a tutti quelli che leggeranno quest’intervista “Il tempo a

vostra disposizione non è infinito, perciò non sprecatelo. Abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. Siate famelici, siate folli e quant’anche la vostra vita fosse solo un granello di sabbia nel mondo, lasciate che quel granello segni il destino di altre persone, vivete la vostra vita per avere una vita da raccontare”.


ATTUALITÀ

A CURA DI EMANUELE DE LUCIA

BALOTELLI E L'ITALIA NEL PALLONE L'ATTACCANTE DEL MILAN E DELLA NAZIONALE IN CAMPANIA PER UNA PARTITA DELLA LEGALITÀ. BUFERA SU UN TWEET PRIMA DELLA PARTITA: "IO UN SIMBOLO CONTRO LA CAMORRA? QUESTO LO DITE VOI" Nell'Italia che assiste impotente alle condanne per tifo violento, alle curve chiuse e ai tifosi sottoposti a rigidi controlli, il protagonista di questo calcio malato sta diventando Mario Balotelli. Il giocatore rossonero è sotto i riflettori da tempo. Il fuoriclasse del Milan è sulle pagine dei quotidiani nazionali un giorno sì e un giorno no. E non sempre per fatti strettamente legati al mondo del calcio. Si è fatto conoscere per la sua intemperanza di campione duro e puro. Da un lato cross e goal da brivido, dall'altro lato un comportamento scorretto dentro e fuori il campo da gioco. Nell'ultima partita contro il Napoli, un atto di sfida nei confronti del direttore di gara gli è costato tre turni di squalifica. Supermario, come lo chiamano affettuosamente i suoi fan, ha dovuto sopportare i cori razzisti sin dal suo ingresso nella massima Serie e nell'Inter di Mourinho. Il giovane attaccante, figlio di immigrati ghanesi, si è dovuto confrontare con la discriminazione per il colore della pelle proveniente da un certo tifo deviato. Il nervosismo si è fatto sentire negli anni in cui indossava la casacca neroazzurra e non sono mancate le contestazioni con i tifosi. L'attuale ministro all'Integrazione Cécile Kyenge ha voluto offrire un'occasione di riscatto a Balotelli. Lo aveva scelto come testimonial per uno SEI periodico | 10


spot contro il razzismo negli stadi, ma il giocatore non si è presentato a un incontro informale con il ministro in un hotel di Torino. La giustificazione di quell'assenza, poi circolata tra i media, ha amplificato la sua caduta di stile: "Mi spiace, non mi sono svegliato e avevo anche il telefono staccato". Una rivincita gli è stata offerta su un piatto d'argento in un contesto diverso, nella lotta contro la criminalità organizzata. La Nazionale italiana è stata invitata lo scorso mese di ottobre a Quarto, comune in provincia di Napoli, nel campo di calcio di un club che nel 2011 era finito sotto i riflettori dell'Antimafia. Tra i beni sequestrati al clan Polverino, c'era anche il club sportivo. Il riscatto sociale è avvenuto grazie all'affidamento della squadra a un'associazione antiracket, Sos Impresa. L'invito della Nazionale a calpestare quel campo di calcio è stato un chiaro segnale, come gli slogan che hanno accompagnato la giornata: "Con la legalità si vince sempre" e "La Camorra non vale niente". Ma Balotelli è nuovamente caduto nell'errore, non ha colto l'opportunità e su Twitter ha scritto: "Io, un simbolo contro la camorra? Questo lo dite voi. Io vengo perché il calcio è bello e tutti devono giocarlo dove vogliono". Non poteva scegliere contesto più adatto per finire nuovamente sotto assedio. Lo scorso mese di maggio quotidiani, televisioni e social network lanciavano la notizia di una passeggiata by night di Balotelli nel quartiere napoletano Scampia, avvenuta qualche anno prima. Perfetto assist per un pentito della Camorra, che finì per screditare il calciatore sostenendo che Balotelli si sarebbe messo a spacciare droga per scherzo. La bufala venne a galla, ma l'immagine dell'attaccante andava sempre più guastandosi. L'ultimo tweet, quel rifiuto di riconoscersi come simbolo anticamorra ha lasciato l'amaro in bocca a molti suoi fan e ha lasciato il sospetto che quel messaggio reso pubblico fosse in realtà destinato a qualcuno. Non si può di certo azzardare che fosse un modo per stabilire un feeling con la criminalità organizzata, ma sicuramente è stata un'occasione sprecata per Balotelli per rifarsi una verginità morale. D'altronde, si è beccato anche l'affondo della giornalista anticamorra e senatrice del Pd, Rosaria Capacchione, che lo ha dipinto così: "Balotelli è un imbecille. E nel migliore dei casi è un bambino capriccioso, viziato e pieno di soldi, che vive in un ambiente in cui è difficile distinguere il bene dal male". L'augurio è che Balotelli col tempo cresca, e non solo nella classifica marcatori. SEI periodico | 11


ATTUALITĂ€

a cura di Emanuele De Lucia

SEI periodico | 12


ATTUALITÀ

A CURA DI MINA GIULIANO

UNA MELA AVVELENATA FIGLIA DI UNA TERRA CONTAMINATA

DA TERRA DEI CACHI A TERRA DEI FUOCHI L’Elio nazionale, con bonaria ironia e sarcastico sgomento, intonava, nel ’96, un beffardo motivetto, destinato a rappresentare l’inno caratterizzante di quell’ "Italia si, Italia no", alle prese con un cumulo di problemi e con "tanta voglia di ricominciare… abusiva!". Orbene, gli anni passano rapidi e rapidamente ci si accorge che, dopo quasi un ventennio, la "chanson de gest" de "La Terra dei cachi" non solo non ha perso la sua precipua tendenza attualizzante ma tende ad arricchirsi di nuovi e infecondi contenuti! Semplicemente fiabesche le promesse di una strenua lotta ad un male radicato e paurosamente apocalittico il drammatico riscontro con il presente: la Campania è patria della cosiddetta "Terra dei Fuochi" nata, come "Gomorra", dalla penna di una denuncia decisa ma, forse, non abbastanza efficace perché tenue richiamo dalle retrovie. C’è da chiedersi, infatti, se resterà, come spesso accade, solo un’eco ripetuta all'infinito, prima di essere celermente relegata ai margini e bruscamente dimenticata, non appena i riflettori mediatici si abbasseranno o punteranno l’attenzione su altro. L’oblio in cui si rischia di ricadere è frutto di un esasperato rifiuto, protrattosi nel corso degli anni: non si è disposti né a conoscere, né a comprendere, fino in fondo, un territorio troppo "complicato", le SEI periodico | 13

cui radici si nutrono della paura, della minaccia, facendo di quella zona solo una terra condannata all'infertilità. La Campania, agli occhi della criminalità organizzata, è stata da sempre destinata a diventare una discarica a cielo aperto, di scorie tossiche e nucleari. Il verde è stato violentemente strappato e quel che resta brucia e si consuma tra fumi neri, roghi e regresso! Gli sversamenti clandestini minano il cuore di quella terra, una volta "felix", oggi madre in grado di generare solo di "primizie" deformi e deformate e mele avvelenate, degne della migliore favola horror, raccontata nel corso dell’ultima notte di Halloween, appena consumatasi! Lo stop al biocidio arriva da più fronti: belli gli studenti in piazza a manifestare la loro sincera adesione alla lotta alla criminalità, che inaridisce terre ed anime; un pò meno "belli" i blasonati "pezzi da 90" della politica locale (fino ad un mese fa "latitanti"!) che fanno pronostici centenari sulla ipotetica ripresa, mentre i rifiuti sepolti, tossici e industriali, giacciono, in bella mostra e non! Fioccheranno i consueti avvisi di garanzia ma, ormai, i soliti noti hanno intascato somme da capogiro, vendendo l’anima al diavolo e i poveri innocenti hanno patito atroci sofferenze, restituendo l’anima a Cristo!


ZOOM

a cura di Pina Longobardi

| BACKSTAGE SEIAGENZIA | BRIGITTE ESPOSITO | LOCATION HOTEL STABIA | Š PH. NICO CLEMENTE | LOOK MAKER: HAIR TECNIC DI GARGIULO MATTEO

B E

RIGITTE

ESPOSITO La vita va affrontata Briosamente, siate seri ma non prendetevi molto sul serio.

Identikit

SEI periodico | 14

Nome e Cognome: Brigitte Esposito Data di nascita: 9 settembre Segno zodiacale: vergine Professione: docente in lingue, giornalista e conduttrice Non sanno di me: che sono nata a Castellammare di Stabia


E T N E M E C I L SEMP RYOSA B

trice, a t n e s e ice, pr e Esposito, r t t u d ta, con nica Brigitt per le sue ttere s i l a n Gior er radiofo cia di vip l cara timo a d a c k z spea mpre a ca na ragaz in un at sto da se ryose”, è u conquista fono e que ste b olgente che a di micro . i v r e t “in coinv iti a portat o successo e o s o estr ue le cap eto del su r chiunq è il seg

SEI periodico | 15


Oggi giornalista e conduttrice affermata, ci racconti i tuoi inizi? Mi è sempre piaciuto presentare, sin da bambina alle recite scolastiche preferivo il ruolo di conduttrice. A distanza poi di anni mi sono laureata in Lingua e Letteratura Straniere con il grandissimo maestro Valerio Caprara, lui mi ha insegnato cosa vuol dire fare spettacolo e nella mia tesi intitolata ”Comunicazione di massa storia del cinema e della televisione” ho riportato tutto quello che da lui ho appreso e che oggi trasferisco nelle mie interviste. Cosa significa fare informazione in un territorio come Angri? È stimolante e nel contempo difficile soprattutto agli inizi quando da “principiante” dovevo confrontarmi con colleghi molto più esperti di me. SEI periodico | 16

Debbo ringraziare i colleghi che mi hanno sempre aiutata insegnandomi “i trucchi del mestiere”. Negli anni ho spaziato dallo sport alla cultura tra tantissime interviste e conduzioni. Debbo ringraziare la mia città che organizza tantissimi eventi e i telespettatori che mi seguono.

Pensa che da ragazzina a soli 17 anni partecipai al programma di Red Ronnie “Help” dove scombussolai “briosamente” la trasmissione e lui mi predisse che ci saremmo rivisti. Anni dopo da giornalista ho avuto il piacere d’intervistarlo, un grande artista con un’immensa conoscenza della musica.

Ci racconti la tua esperienza radiofonica per Radio Kolbe ancora una volta nelle vesti d’intervistatrice.

L’intervista tua più bella ?

Il mondo della radio è affascinante e mi sta appassionando molto, Ogni martedi e giovedi dalle 19,00 alle 21,00 conduco K-ON THE ROAD un programma ricco di contenuti e dal linguaggio semplice per arrivare a tutti i radioascoltatori. Radio Kolbe è una grande famiglia in cui, attraverso le interviste, posso esprimere la mia passione per la musica.

Tra i tantissimi personaggi sicuramente mi è rimasta la verve e la simpatia di Biagio Izzo oltre la sua innata comicità Definita “giornalista dei vip”, qual è l’intervista che tieni ancora nel cassetto? Indubbiamente quella con Papa Francesco, per la sua umiltà e per la sua capacità di arrivare al cuore della gente. Immagino un’intervista briosa perché lui lo è di sicuro e lo ha dimostrato in questi sei mesi di papato.


Ogni tuo personaggio deve rispondere alla tua domanda “Sei bryoso?”, che significa essere briosi ? Nasce da un gioco di parole tra il mio cognome e lo stile delle mie interviste. I miei intervistati debbono divertirsi ed avere la capacità di “stare al gioco” rispondendo alle mie domande. Nelle interviste “bryose” puoi vedermi salire su un palco ed intervistare improvvisamente il cantante o il comico che sta per esibirsi o interrompere una piéce teatrale. Tra l’altro spesso la reazione è positiva, senza alcun tipo di barriera, perché io mi avvicino come amica e non come giornalista e soprattutto è artistica senza gossip, come percepisce questo il vip si diverte con me a rispondere e a “energizzare” l’intervista di cui senza saperlo prima è diventato protagonista. E voi di Sei Periodico siete bryosi?” Qual è il sogno che tieni ancora rinchiuso nel cassetto ? Credo di aver realizzato i miei sogni più belli finora, sono una sognatrice nata per cui ne ho una lista lunga così ma la mia anima bambina dice che se te li racconto non si avverano. Le tre doti del giornalista attuale ? Innanzitutto umiltà ma credo che questo valga per qualsiasi professione, solo che il giornalista ha una responsabilità quando si pone nei confronti degli altri e non deve sentirsi arrivato assolutamente. Poi la corretta informazione e infine la conoscenza approfondita dell’argomento, servizio o reportage che sta curando. Siamo donne oltre le gambe c’è di più…cioè ? Innanzitutto serve l’intelligenza, la preparazione, l’umiltà l’aspetto fisico è secondario in questo mestiere dove l’affidabilità è data dalla corretta informazione. Giornalista ma anche donna e che donna! Le tre armi di Bry quando seduce ? Non ci sono armi nella seduzione, io sono una persona molto semplice e punto sulla mia autenticità. Un saluto bryoso ai nostri lettori ? Innanzitutto per Sei come Sei, mi raccomando seguite sempre Sei Periodico con bryo!

SEI periodico | 17


CINEMA

>7 NOVEMBRE PRISONERS

cinemapreview >14 NOVEMBRE

>7 NOVEMBRE QUESTIONE DI TEMPO

Diretto da Denis Villeneuve con Hugh Jackman, Jake Gyllenhaal, Viola Davis, Maria Bello, Terrence Howard, Melissa Leo, Paul Dano. TRAMA: Los Angeles, 1999. Un padre di famiglia di Boston si trasforma in vigilante quando la figlia di sei anni e una sua amica vengono rapite. Ad affiancare l'uomo, credente convinto che si sente tradito da Dio e dalla legge, vi è un giovane agente di polizia che indaga sul caso. Quando trova il criminale colpevole del rapimento, il padre lo cattura e comincia a torturarlo nel disperato tentativo di scoprire se le due bambine sono ancora vive.

SEI periodico | 18

Diretto da Richard Curtis con Domhnall Gleeson, Bill Nighy, Rachel McAdams, Tom Hollander, Margot Robbie, Lindsay Duncan. TRAMA: Tim ha 21 anni, ed è un ragazzo piuttosto impacciato, quando apprende da suo padre che tutti gli uomini della sua famiglia hanno un dono particolare. Se si chiudono in un luogo in cui nessuno può vederli e stringono con forza i pugni possono rivivere il loro passato potendolo modificare per poi tornare al presente. Tim decide di utilizzare subito questo “potere” per cercare di trovare una compagna. Obiettivo Mary, conosciuta in un ristorante al buio...

STAI LONTANA DA ME

Diretto da Alessio Maria Federici con Enrico Brignano, Anna Galiena, Ambra Angiolini, Fabio Troiano, Giampaolo Morelli, Giorgia Cardaci. TRAMA: Jacopo, il miglior consulente matrimoniale su piazza: dategli una coppia ormai alla deriva e lui in men che non si dica ne farà un esempio di vita coniugale! Purtroppo l'unico caso che non riesce a risolvere è proprio il suo, non riesce a ternersi stretta una donna per più di due settimane poiché tutte coloro che lo frequentano iniziano a subire strani incidenti. Jacopo porta sfortuna alle donne con cui esce e la situazione si perpetuerà finché il giovane non troverà la sua anima gemella.

>14 NOVEMBRE L'ULTIMA RUOTA DEL CARRO

Diretto da Giovanni Veronesi con Elio Germano, Alessandra Mastronardi, Ricky Memphis, Sergio Rubini, Virginia Raffaele. TRAMA: Le vicende tragicomiche di Ernesto, un semplice autista di camion che per 40 anni ha girato tutta l'Italia a caricare e scaricare mobili, mille traslochi, duemila case, sono un viaggio nella storia italiana: dall'Italia della tv in bianco e nero anni '60, a quella dalle tinte cupe anni '70, dal rampantismo degli anni '80, degli anni '90 di Berlusconi. Attraverso il suo sguardo semplice e nella sua posizione "accanto al finestrino", Ernesto vede scorrere il tempo ...


>18 NOVEMBRE

ENZO AVITABILE MUSIC LIFE Un film di genere documentario musicale della durata di 80 min. diretto da Jonathan Demme e interpretato da Enzo Avitabile.

TRAMA: Documentario dedicato alla musica di Enzo Avitabile, compositore e sassofonista napoletano che, dopo aver collaborato con artisti del calibro di James Brown e Tina Turner, ha fatto ritorno alle proprie radici partenopee dedicandosi a progetti fusion che mescolano jazz, percussioni e dialetto napoletano.

>20 NOVEMBRE

THOR: THE DARK WORLD Diretto da Alan Taylor con Chris Hemsworth, Natalie Portman, Tom Hiddleston, Stellan Skarsgård, Idris Elba, Anthony Hopkins.

TRAMA: Thor torna a combattere per riportare l'ordine tra i pianeti... ma un'antica dinastia dominata dallo spietato Malekith minaccia di far ripiombare l'universo nell'oscurità. Di fronte a un nemico al quale né Odino né Asgard riescono a opporsi, Thor intraprende il viaggio più pericoloso della sua vita...

>21 NOVEMBRE IL PASSATO

Diretto da Asghar Farhadi e interpretato da Bérénice Bejo, Tahar Rahim, Ali Mosaffa, Pauline Burlet, Elyes Aguis, Jeanne Jestin, Sabrina Ouazani, Babak Karimi, Valeria Cavalli. TRAMA: In seguito a una separazione durata quattro anni, Ahmad ritorna da Tehran a Parigi per finalizzare la procedura di divorzio con la moglie francese Marie. Durante questa breve visita, scopre quanto sia complicato e difficoltoso il rapporto tra Marie e la figlia Lucie. Per questo motivo Ahmad decide di rivelare un segreto del loro passato.

SEI periodico | 19


SEI periodico | 20


RUMORS

rumors Tom Hanks: "Non sono un eroe.

Adèle Exarchopoulos: topless su GQ.

I lettori di Esquire.com l’hanno scelta come “the Woman of the Year”. È lei la modella sulla cresta dell'onda, mora, 22 anni, di origini inglesi ma naturalizzata statunitense e protagoniste del video musicale di Robin Thicke “Blurred Lines”. Il titolo di Woman of the Year è

Tom Hanks “si smonta” e rigetta l'immagine di eroe sullo schermo e divo nella vita. Con due Oscar alle spalle e una carriera da far invidia alla

La 19enne Adèle protagonista del film “La vita di Adele” si spoglia per GQ USA. E' arrivato nei cinema italiani il film vincitore della Palma d'Oro al 66° Festival di Cannes diretto dal regista Abdellatif Kechiche “La vita di Adele”, storia d'amore fra due ragazze tratta da un riadattamento del fumetto “Il blu è un colore caldo” di Julie Maroh. Le due protagoni ste Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos, che a

andato alla Emily, la quale negli ultimi giorni di votazione è riuscita a superare con il 64,6% dei voti la giovane e bella attrice Jennifer Lawrence. Dopo il video di Robin Thicke, negli Stati Uniti è diventata onnipresente sulle pagine di riviste, siti web e nei talk show e, certamente, le vecchie foto presenti sul web hanno alimentato il sostegno degli internauti.

SEI periodico | 21

Fine del matrimonio tra i bellissimi Bloom e Kerr: “Ci sosterremo come genitori”. Erano considerati una delle coppie più belle dello shwobiz mondiale ma, a quanto pare, tra l'attore Orlando Bloom e la top model Miranda Kerr non erano tutte rose e fiori. La coppia era unita da sei anni, considerando anche il periodo del

fidanzamento (avevano iniziato a frequentarsi nel 2007) e pare che la crisi andasse avanti già da qualche tempo, tanto che i due avrebbero oggi formalizzato quello che nei fatti era accaduto da qualche mese.f

stragrande maggioranza degli attori, Tom Hanks è uno degli interpreti più famosi e amati del globo. Guai, però, a definirlo “star”, perché nonostante i suoi grandi successi professionali, ama definirsi una persona “normale”. “Ho imparato presto a non essere la versione peggiore di me stesso dice l'attore - Li vedo, i grandi divi. Non voglio essere uno di loro”. Il 57enne Hanks è nelle sale italiane dal 31 ottobre con “Captain Phillips – Attacco in mare aperto”

ph. giovanni somma

La Ratajkowski: Orlando Bloom da Blurred Lines a e la top model donna dell'anno. Miranda Kerr si separano.

Cannes sono state associate al premio insieme alla pellicola. Le scene d'amore tra le due ragazze sono ben contestualizzate nella trama e non vengono percepite come qualcosa di provocatorio.


TERRITORIUM

a cura di Emanuele De Lucia

NUOVE PROSPETTIVE PER CASTELLAMMARE

NELLA LEGGE DI STABILITÀ, 7 MILIARDI SARANNO DESTINATI ALLA COSTRUZIONE DI NUOVE NAVI PER LA MARINA MILITARE. FINCANTIERI AVVIA IL PROGETTO CHE POTREBBE SBARCARE NEL GOLFO DI NAPOLI Una luce in fondo al tunnel sembra accendersi. Dal linguaggio burocratese della legge di stabilità varata dal "governo Letta", spunta una voce di ben 7 miliardi di euro da destinare alla costru- zione di nuovi pattugliatori per la Marina Militare e una nuova nave di lusso. I lavori saranno affidati alla Fincantieri e ci sono SEI periodico | 22

buone speranze che saranno assegnati alle maestranze stabiesi. Una boccata d'ossigeno per una città che negli ultimi anni ha dovuto affrontare gravi problemi occupazionali. Da un lato c'è la crisi degli stabilimenti termali chiusi da tempo, dove l'annuncio di un finanziamento di 644 mila euro dalla Regione

Campania deve ancora far vedere i suoi frutti. Dall'altro lato c'è un'industria metalmeccanica, l'Avis, che ha chiuso i battenti nel 2009 e ha lasciato in mezzo a una strada 40 dipendenti. Con l'approvazione della legge di stabilità, i 7 miliardi sarebbero destinati a una commessa affidata a Fincantieri per la costruzione


TERRITORIUM di 12 pattugliatori, navi che sarebbero utilizzate dalla Marina Militare per missioni di pace a carattere umanitario. Dopo il rifinanziamento della Tav e degli F35, il governo Letta mette in campo altre risorse per aggiornare l'apparato militare italiano. Nel dettaglio, è previsto un contributo ventennale di 6,8 miliardi a carico del Ministero dello Sviluppo Economico per il rinnovo della flotta navale della Marina militare. In un'audizione in Commissione Difesa si è spinto l'acceleratore per trovare questi fondi e spenderli per costruire navi moderne da utilizzare nella protezione civile e per affrontare le problematiche migratorie e le tragedie umanitarie che continuano a ripetersi nelle acque di Lampedusa. Saranno costruiti quindi 12 nuovi pattugliatori d'altura "dual-use", navi che oltre ai normali compiti in forza al Comando delle Forze di pattugliamento sono dotate di spiccate capacità per il contrasto dell' inquinamento marino. Castellammare di Stabia ricaverebbe grossi vantaggi da queste ricche prospettive. La costruzione di navi per la Marina militare affidate alla Fincantieri metterebbe in moto un circuito virtuoso di lavoro. Per ora i cantieri stabiesi sono alle prese con la costruzione di una nave sperimentale a gas, lavori che dureranno ancora un anno, dopodiché occorrerà trovare altri sbocchi. I 12 pattugliatori potrebbero essere proprio l'occasione giusta per dare nuovo lavoro agli operai stabiesi e far rientrare in fabbrica alcune ditte dell'indotto. Un'altra commessa in arrivo per Fincantieri deriva dall'accordo per la costruzione di una nave extralusso. L'azienda pubblica insieme al Gruppo Carnival ha annunciato: "Siamo lieti di confermare il programma per la costruzione di una nuova nave che avrà un design in linea con quello della Seabourn Odissey, Seabourn Sojurn e Seabourn Quest, navi pluripremiate che hanno elevato il livello di riferimento nel mercato delle crociere ultralusso". Anche questa commissione potrebbe dar fiato alle ditte che lavorano nei cantieri stabiesi. Un introito sicuro e un ritorno d'immagine per l'intera città di Castellammare di Stabia.

SEI periodico | 23


SEI periodico | 24


STABIAE a cura di Pina Longobardi

Castiellammare… Chiammatela nu Canto e na Serena Ca inda a’ notte e chisti Chiare ‘e luna, se nammuraje e stu mare e rummanette ccà

EI MILLENNI DI TABIA E’ mentre che assistiamo agli shooting fotografici di “Un Volto per Sei” di questo mese, realizzati nella struttura storica dell’Hotel Miramare recentemente ristrutturata, che nasce in noi il grosso desiderio di andare a ripescare i vecchi ricordi della nostra città. Parlare della cultura, della storia e delle tradizioni stabiesi non è cosa facile per due ragioni ovvie, la prima è che bisogna essere studiosi accaniti della materia per non riportare madornali errori anacronistici e bufale storiche che possano far perdere spessore all’argomento, rendendolo poco attendibile. La seconda è che, una rubrica sulla storia cittadina, rischia di essere fruibile solo ad una parte dei lettori. Ecco perché ci siamo rivolti a Libero Ricercatore, portale web a cura di Maurizio Cuomo, nato nel 2002, punto di riferimento per scovare notizie sulla stabianità e gli stabiesi. Dal mese prossimo quindi, in collaborazione stretta col dott. Giuseppe Plaitano, vi proietteremo in un viaggio nel tempo in cui proveremo a raccontarvi fatti, curiosità e aneddoti di questi sessanta secoli di stabianità. SEI periodico | 25

La rubrica avrà un carattere narratorio leggero, lasciando libera la porta per l’approfondimento storico culturale attraverso il portale www.liberoricercatore.it Sapevate che tra i miti e leggende su Castellammare una narra che fu Ercole nel 1239 a.c., di ritorno dalla Spagna, dopo aver superato la 10ª delle 12 fatiche prescritte da Euristeo, che salì sulla cima del Faito, la staccò con le sue forti braccia e fondò Stabia? E l’attaccamento al patrono San Catello si può spiegare nella storia di questo uomo, simbolo eterno per la città che con la sua vita ha incarnato la libertà e l’appartenenza alla sua gente nel bene e nel male? Sbarcheremo insieme a Plinio il Vecchio nel 79 d.c. e vedremo l’eruzione del Vesuvio che seppellì anche Stabia e nel tempo arriveremo al 9 gennaio 1950 quando attraverso gli oculati scavi ad opera del concittadino Libero D’Orsi, la città antica riemerse nello splendore delle sue ville. La storia di Castellammare è lastricata di racconti affascinanti che ci faranno forse meglio comprendere le peculiarità del suo popolo così

attaccato alla sua terra, tanto da sentirne subito la nostalgia non appena ne esce fuori e nel contempo così abituato a trascurarne le ricchezze naturali, vivendo il territorio in maniera distratta e talvolta un po’ apatica. Nonostante questo scopriremo, attraverso gli illustri personaggi che l’hanno abitata, che gli stabiesi, nella buona o nella cattiva sorte, sono un grande popolo che si è sempre dato tanto per la propria città, risollevandosi sempre dalle sventure nel tempo vissute. Un simbolo può essere proprio l’Hotel Miramare che ottimisticamente si ripropone al rilancio del turismo di qualità. L’Hotel si erge sul lungomare e sul nostro piccolo mondo di stabianità e, dal 1950, anno in cui fu costruito, ha attraversato anch’egli la sofferta storia di un territorio che sicuramente non ne vuole sapere di arrendersi e di abbattersi. Quindi appuntamento al mese prossimo e all’inizio del nostro viaggio nel tempo con una rubrica tutta dedicata agli stabiesi da trattenere, conservare e raccontare ai nipoti.


HI-TECH

iPad Air

Fa molto più di prima E non lo fa... pesare “Molti pensavano che l’iPad non avrebbe avuto alcun impatto sul mercato. E oggi chi si ricorda dei netbook?” è iniziato così il discorso introduttivo di Tim Cook relativo proprio alla tavoletta prodotta dall’azienda di Cupertino, per poi continuare con i numeri: 170 milioni di iPad venduti, un dato assolutamente favoloso! “So far, so fast”. Tim Cook e Apple rispondono così alla guerra dei tablet innescata da Samsung, Nokia e Microsoft. Cupertino cala l’asso con iPad Air, tavoletta di quinta generazione, più sottile, più potente e più leggera. Un dispositivo tutto nuovo e assolutamente rivoluzionario. Ma non solo. "L’iPad ha rivoluzionato il settore dei dispositivi mobili, e il nuovo iPad Air rappresenta un ulteriore passo avanti. È così sottile, leggero e potente che basta uno sguardo per comprenderne l’enorme potenziale" ha dichia-

rato Philip Schiller, Senior Vice President di Worldwide Marketing per Apple. Sul nuovo iPad, ha voluto dire qualcosa anche Tim Cook: "Se si guardano le statistiche sull'uso dei tablet, si scopre che l'81% dei consumatori usa l'iPad, il resto è diviso dai concorrenti. Siamo i primi in fatto di soddisfazione dei clienti. Nessuno fa bene come noi. Ma non si tratta di quantità. È la qualità che fa la differenza". Con un peso di soli 453 grammi e un design di precisione, l’iPad Air è il 20% più sottile e il 28% più leggero dell’iPad di quarta generazione. Il processore A7a 64 bit (già

Videocamera FaceTime HD

Fotocamera Più bande iSight da 5mpx 4G LTE

SEI periodico | 26

Doppio microfono

Doppia antenna per la tecnologia MIMO

(già presente su iPhone 5s) del nuovo iPad va ad alimentare uno schermo Retina da 9,7 pollici e dotati di una videocamera FaceTime HD di prossima generazione con sensori BSI (backside illumination) ottimizzati con pixel più grandi per prestazioni superiori in condizioni di scarsa illuminazione. Per quanto riguarda, invece, le performance, il nuovo iPad ha un chip grafico sette volte più veloce rispetto a quello del primo iPad. Importanti miglioramenti anche per la velocità di connessione WiFi del nuovo


iPad Air, adesso più veloce rispetto a quella del predecessore. Per quanto riguarda le classiche suite di casa, iLife (con le app iPhoto, iMovie e GarageBand) e iWork (con le app Pages, Numbers e Keynote) sono incluse di serie su tutti i nuovi dispositivi e sono disponibili come aggiornamenti gratuiti per gli altri. Tutte le app sono state aggiornate a 64 bit, offrono l’integrazione con iCloud e sono state migliorate con alcuni strumenti molto interessanti. Pages, ad esempio, permette non solo la condivisione di un documento, ma la collaborazione in diretta: sul mio schermo vedo le modifiche a man mano che vengono realizzate dal collega a cui ho inviato il progetto. Migliorata la fotocamera sul retro, che da 1,2 Megapixel passa a 5 Megapixel e fa filmati mentre rivolta verso l'utente c'è una videocamera FaceTime a 1080p. Niente id touch, il riconoscimento digitale per gli iPad, come invece avevano annunciato in molti. L'autonomia resta di 10 ore, grazie all'efficienza dell'A7 e nonostante la riduzione delle dimensioni.

I modelli iPad Air Wi-Fi saranno disponibili in argento o grigio siderale a partire da venerdì 1 novembre, a partire da 479, cifra che sale per i modelli superiori. iPad mini con display Retina sarà disponibile entro la fine di novembre in argento o grigio siderale. Si parte da 389 euro, con la possibilità di aggiungere cover in simil pelle o in plastica.

SEI periodico | 27


GUSTO

a cura di Pina Longobardi

CIAMBELLA FETTA LATTE

E' da poco rientrato novembre, l'inverno è alle porte e il pomeriggio può essere il momento ideale per infornare un dolce per i nostri bambini. Questo mese per voi una ricettina facile, facile che entusiasmerà i palati di grandi e piccini vista la presenza della cioccolata e della panna di questa ciambella ripiena.

Ingredienti:

• 200 gr farina • 200 gr zucchero • 3 uova • 100 ml di olio• 125 ml di latte • 3 cucchiai cacao amaro • 1 bustina lievito per dolci Per farcire:

• 1 bicchiere di nutella • 200 ml di panna • zucchero a velo (facoltativo)

Preparazione

Mescolate lo zucchero con le uova e montate fino a che diventino un composto schiumoso poi aggiungete, poco alla volta, gli altri ingredienti e mischiare bene. Prendete la vostra teglia per ciambella, imburratela e infarinale sul fondo e i bordi, in modo che a fine cottura la ciambella non si attacchi al fondo. Posizionate il vostro forno a 180° per circa mezz'ora, a cottura ultimata forate la ciambella con uno spaghetto e assicuratevi di estrarlo asciutto. Sfornate e fate raffreddare intanto montate la panna. Prendete la ciambella ormai raffreddata tagliatela in due, scavate un poco di mollica nell'interno per far posto alla farcitura. Spalmate dapprima la nutella e poi mettete la panna. Sovrapponete delicatamente l'altro strato della ciambella e spolverate di zucchero a velo. Questo dolce, accompagnato da una tazza di latte, può essere un'ottima prima colazione per i vostri bambini o per un afternoon party. SEI periodico | 29


UN VOLTO PER SEI

L'IDENTITÀ OLTRE L'IMMAGINE

UN

VOLTO PER SEI

E mentre continuano le selezioni delle ragazze di un Volto per Sei, finalmente una giovane stabiese si è lasciata fotografare per l’occasione, ne aspettiamo altre anche dai comuni di Gragnano, Santa Maria la Carità, Vico Equense, Sorrento, ecc. Partecipare alle selezioni è facile basta scriverci ed inviarci il vostro curriculum e almeno due foto ad alta risoluzione: un primo piano e una a figura intera a: info@seiagenzia.it . Il termine ultimo per inviare il materiale è il 31 dicembre 2013. Le foto e il curriculum saranno esaminati dal nostro staff di Redazione che deciderà per i prossimi numeri la ragazza da presentare su SEI PERIODICO, ella dovrà rispondere ad una breve intervista e sottoporsi ad un servizio fotografico Il Concorso è ASSOLUTAMENTE GRATUITO ed in nessuna fase vi sarà chiesto di pagare tasse d’iscrizione, commissioni o rimborsi di qualsiasi genere. Inoltre, essendo a carattere dilettantistico, esso non prevede per la partecipante compensi o titoli o premi in denaro. Le selezioni sono aperte a tutte le ragazze italiane o straniere residenti in Italia. L'età minima di chi vuole partecipare è di 17 anni età massima è di 26 anni da compiersi entro il 31 Dicembre 2013. Tutti i curriculum saranno comunque inseriti in un database per eventuali shooting fotografici e per future collaborazioni con la SEI AGENZIA sas. Allora che aspettate? Tirate fuori la vostra identità e scriveteci in tante se poi volete contattare la nostra redazione telefonicamente, vi invitiamo a chiamarci ai numeri 3347192279 – 3347256236 lo staff di Sei Periodico risponderà alle vostre domande e vi fornirà tutte le delucidazioni in merito alle selezioni. Vi aspettiamo in tante!

SEI periodico | 31


UN VOLTO PER SEI

a cura di Pina Longobardi

UN

VOLTO PER SEI

event sei agenzia | © ph. nico clemente | Location Hotel Miramare bijoux Chez Moi | look maker Carmine Calabrese | Abiti Vanity Moda

SONIA Non lasciatevi ingannare da questa splendida creatura dalla carnagione scura come la notte, non si direbbe ma è una napoletana, che è nata e vive int’‘o Paese do’ Sole. Nico Clemente l’ha fotografata per “Un Volto per Sei” per regalare ai lettori un tocco esotico raffinato ed elegante. Ci racconti le tue origini? Papà senegalese, nonna della Mauritiana e nonno francese, io e le mie sorelle italiane mi piace definirmi “originaria del mondo”. Come ti sei accostata al mondo della moda? Tutto è nato da una proposta fatta da un amico di famiglia che mi chiese di fare da comparsa in un video musicale. Nonostante il mio scetticismo iniziale, perché mi vedevo molto lontana da questo mondo, un po' per timidezza e un SEI periodico | 32

pò per paura però accettai. Da li è iniziato il mio percorso, attraverso il quale sto crescendo e mi sto affermando e che mi sta forgiando anche molto caratterialmente perché per fare questo mestiere devi essere autonomamente responsabile. Io spero di crescere sempre più non solo nella moda ma magari iniziare anche con il cinema. Quanto conta l’immagine per te? Sarei ipocrita a dire che non è importante

sicuramente non è la cosa che conta di più in assoluto perché ad avere una bella immagine e poi essere vuota senza cultura, valori, principi e un briciolo di intelligenza, si perde tutto. L’errore che una modella non deve mai fare? Ingrassare ?!?! Scherzo, una modella non dovrebbe mai perdere quella professionalità che le appartiene, non lasciarsi andare troppo col cibo e non fare cose che non la valorizzano pur di apparire.


UN

VOLTO PER SEI

SEI periodico | 33


Identikit Nome e Cognome: Sonia Queen Data di nascita: 30/06/93 Segno zodiacale: cancro CittĂ  natale: Napoli Lingue conosciute: italiano, francese e senegalese Piatto preferito: calamarata Pregio : generosa Difetto: troppo orgogliosa

SEI periodico | 34


Nietzsche sosteneva “La felicità non è fare tutto ciò che si vuole, ma volere tutto ciò che si fa.” Cosa fai per la tua felicità? Raggiungo la felicità quando vedo mia madre fiera di me o se realizzo qualche piccolo desiderio. Ci sono poi i momenti unici che nascono dalle piccole cose, sensazioni che spaziano in me ma come te le descrivo? Tipo la gioia che mi da vedere il sorriso di mio nipote. Moda ma anche studio un corso di specializzazione in informatica industriale, credi che la tecnologia abbia migliorato o peggiorato l’economia mondiale? A mio avviso il progresso tecnologico ha portato al punto di rottura il sistema sociale su cui ci siamo sempre basati, cioé lavorare, produrre , assumere e guadagnare. Al contempo il progresso tecnologico ha creato nuovi beni, servizi e soprattutto nuovi bisogni e ha migliorato la vita dell'uomo per certi aspetti e peggiorato per altri. Descrivici chi è Sonia, la sua identità. Sono ragazza difficile da capire, rompiscatole, pazza ma allo stesso tempo seria e determinata . Difficilmente riesco ad esternare le emozioni , anche se ad impatto non sembra sono una ragazza sensibile, una che piange di nascosto. Immaginiamo che hai il trolley pronto dove stai andando? New york , Manatthan. Città che voglio visitare e forse un giorno chissà spero di viverci. Da qui a dieci anni ci racconti i tuoi progetti di vita? Mi immagino sposata e madre di un paio di frugoletti e avvocato. Un consiglio beauty per le nostre lettrici Consiglio un trucco leggero sul viso , sugli occhi una linea fine e tanto mascara per dare volume , ed in fine rossetto rosso, lo trovo fine e adatto ad ogni occasione e, nella giusta tonalità ad ogni carnagione. SEI periodico | 35


UN VOLTO PER SEI

a cura di Pina Longobardi

UN

VOLTO PER SEI event sei agenzia | © ph. nico clemente | Location Hotel Miramare Gioielli Savarese Gioielli | look maker Carmine Calabrese | Abiti Vanity Moda

Ilenia

Stabile Aiello

Si chiama Ilenia, la ragazza stabiese che ha posato per noi questo mese. Tipica ragazza del sud, con il sole sempre in tasca e il sorriso illuminante. La bellissima location è quella dello storico Hotel Miramare della nostra città che, grazie allo sforzo imprenditoriale dei titolari, ritrova nuova vita, tra interni sobri ed eleganti e soluzioni architettoniche che ben incastrano la struttura al paesaggio marino. Momenti magici misti a tanta giocosa sensualità negli scatti di Nico Clemente. È la tua prima volta davanti all’obiettivo? No ma ogni volta è un esperienza diversa, sono una persona sensibile e temo sempre di non rilassarmi abbastanza. Ti è piaciuto posare per Sei Periodico? Assolutamente si, mi sono sentita a mio agio, è stato divertente e non ho sentito nessuna pressione il tempo è volato insieme a voi.

SEI periodico | 36

Ma tu quanto osi difronte all’obiettivo? Poco, forse perché sono troppo timida.

personalità e poi a prendermi cura del mio aspetto. La bellezza è un vestito ma l’intelligenza è il corpo da cui nasce la tua vera identità.

Quanto facilita la vita essere belle?

Bellezza e amore trovano connubio nella vita o sono prescindibili?

Se ti riferisci alla bellezza fisica credo che conti poco e che dura anche meno, in fondo la bellezza che cos’è ? Un elemento così soggettivo che da sola difficilmente ti porta avanti nella vita. I miei genitori mi hanno insegnato a lavorare prima sul carattere e sulla

Se vogliamo prendere in esame l’amore tra esseri umani sono certa che sono prescindibili. Poi ci sono forme di bellezza imprescindibili come la mente di un artista e il risultato sulla tela, la bellezza di un’idea o vedere l’aurora boreale.


UN

VOLTO PER SEI

SEI periodico | 37


Ilenia cosa vuoi fare da grande? Il mio sogno è lavorare con i bambini ma anche avere la possibilità d entrare nel mondo della moda/ spettacolo, dovrei trovare un modo per far coincidere le due cose. Quanto vivi la tua città e cosa vorresti vedere di diverso? Io amo la mia città e quando sono dovuta stare lontana ne ho sofferto perché il mio cuore lo avevo lasciato qui tra il traffico caotico di Castellammare, i vicoli e i palazzi, il sole che risplende sul bel lungomare, i miei amici e la mia famiglia. Vorrei che ci fosse piu spazio x i giovani perché veniamo spesso lasciati soli eppure se ci dessero gli giusti strumenti abbiamo tanto talento da esprimere. Se avessi l’opportunità di viaggiare nel tempo ma solo nella tua città quale periodo vorresti vivere e quale personaggio dell’epoca vorresti conoscere. Mi piacerebbe vedere Castellammare nel periodo borbonico, assistere al ritrovamento delle ville romane e vedere i lavori d’inizio del cantiere navale, la Reggia di Quisisana agli antichi splendori e arrivare fino agli inizi del ‘900 per vedere le Terme e conoscere l’illustre Viviani. Il posto più bello nella tua città dove stai bene? Il lungomare, mi da un senso di pace vedere il sole che tramonta nel mare. Quali emozioni ti ha dato posare per un giornale della tua città? Sono soddisfatta magari ci fossero più possibilità per noi ragazze del posto. In questa città nessuno ormai da tempo organizza più concorsi e fuori chissà perché ci facciamo sempre "scavalcare". Un grazie vi è dovuto per la possibilità che state dando a tutte le ragazze soprattutto perché fate uscire la parte più concreta di noi. Un saluto alla Redazione e alla tua città? Ringrazio tutto lo staff, è stato meraviglioso, mi avete fatto sentire modella per un giorno, incoraggiandomi a osare anche quando all’inizio ero un po’ insicura, mi avete regalato una giornata speciale che porterò sempre con me. Un saluto alla mia città che spero possa essere nel futuro prossimo più propositiva nei confronti dei giovani stabiesi.

SEI periodico | 38


Identikit

SEI periodico | 39

Nome e Cognome: Ilenia Stabile Aiello Data di nascita: 5/9/1992 Segno zodiacale: vergine CittĂ  natale: Castellammare di Stabia Ultimo acquisto: un vestito. Pregio: la solaritĂ  Difetto: essere orgogliosa In valigia: profumo preferito


SEI periodico | 40


LIBRI

a cura di Ornella Grato

Scivolare via come il vento Fabio Massa

Dettagli Titolo: Scivolare via come il vento Autore: Fabio Massa

Claudio, un ragazzo napoletano allegro e solare, pieno Editore: di vita e con tante aspirazioni per il futuro, si trova un Grauseditore giorno una pistola puntata contro da alcuni giovani delinquenti che vogliono il suo motorino. Da allora Claudio non è più lo stesso, capisce che la vita potrebbe sfuggirgli di mano da un momento all'altro e, dopo un primo periodo di comprensibile rabbia e frustrazione, mette da parte quella brutta esperienza e comincia seriamente a pensare al proprio futuro. Grazie all'appoggio incondizionato della sua famiglia e dei suoi amici di sempre, il mitico quadrilatero, il giovane progetta e realizza il suo sogno più grande: andare in America. Lì tutto sembra davvero un sogno, trova un lavoro stimolante come speaker in una radio di New York, si ambienta con successo, fà nuove amicizie e vive un'intensa storia d'amore. Ma il richiamo della sua terra d'origine lo spinge indietro o forse si sta svegliando da un lungo sonno... Il tema del viaggio fisico, che sottende ovviamente un ben più complesso viaggio interiore, è qui affrontato con la leggerezza tipica dell'età giovanile, con l'atteggiamento disinvolto, ma pur sempre serio, di chi è alla costante ricerca di sé stesso, senza dimenticare peraltro le proprie origini, il substrato sul quale costruire il proprio percorso di vita. Claudio è un figlio del nostro tempo che con attenzione scandaglia sé stesso e cerca nelle esperienze quotidiane ogni piccolo suggerimento per alimentare giorno dopo giorno la sua stessa crescita. E non si lascia abbattere da quelle avversità che pure dobbiamo prevedere di incontrare sul nostro cammino per arrivare ad una consapevolezza e ad un livello di autonomia tale da poterci definire soggetti liberi e pensanti. L'autore del testo in questione è un giovane stabiese che, ovviamente, molto ha in comune con il protagonista: sua è la forte predisposizione alla ricerca, al viaggio come esperienza imprescindibile di vita, sua è la determinazione e la voglia di superare le barriere fisiche e mentali della non-conoscenza, suo è il desiderio di non perdere mai il contatto con la realtà, sebbene sia consapevole che è dai sogni che nasce tutto. Un piccolo romanzo che racconta un momento di vita come tanti, una svolta che potrebbe segnare l'inizio di qualcosa o la fine di un'illusione, un libro che, nonostante un impianto generale un tantino scontato e una scrittura troppo acerba, lascia il lettore rapito e pieno di curiosità. Ci si chiede fino alla fine se Claudio/Fabio stia vivendo un sogno o la realtà, se riuscirà a trovare un senso al suo percorso, se il suo viaggio porterà dei frutti o semplicemente è stata una dolce evasione. SEI periodico | 41


ph. nico clemente

LA SOFFITTA

a cura di Nico Clemente

Monica

Mi muovo su è giù per la soffitta, mettendo ogni cosa al suo posto con maniacale e geometrica perfezione: qui la rivista, qui la candela, il cuscino ed il microfono che oggi avrà l'onore di percepire le onde sonore di una voce calda, piena, graffiante! Ecco, sembra tutto a posto per il compito affidatomi dalla caporedattrice Pina la quale ha saputo procurarmi un'artista di tutto rispetto questo mese, Monica Sarnelli. Come al solito sono in ritardo, infilo la giacca e rubo le chiavi alla ciotola dell'ingresso per dirigermi alle porte di Napoli, dove la cantante partenopea mi aspetta per essere condotta nella verde soffitta. Un viaggio di ritorno da Napoli silenzioso, solo poche parole scambiate, credo più per colpa mia, per quell'ingenua timidezza che provoca avere nella propria SEI periodico | 42

auto, affianco, un'artista di spessore, una cantante che più volte hai ascoltato alla radio, visto in tv, che ha accompagnato le serate passate con gli amici. Eccoci arrivati, faccio strada lungo le tante scale che portano alla soffitta, ci accomodiamo sul divano e finalmente posso guardarla in viso e quella timidezza va subito via forse perché mi sento più protetto tra

le mura della soffitta. Subito si apre un dialogo e in un attimo Monica si presenta per quella che è, semplice, come una persona che conosci da tanto, come quelle che incontri per strada e con cui puoi parlare davvero di tutto, anche di quanto è salito il prezzo delle mele. Percepisco subito che è una persona speciale, una persona che è vissuta nella Napoli dei quartieri, per strada,


ph. nico clemente

SEI periodico | 43


ph. nico clemente

Per vedere tutto il servizio fotografico di Monica Sarnelli sul tuo cellulare, utilizza il Qr Code qui di fianco

tra la gente più comune, ma che in realtà proprio quell'essere comune rende speciale. E proprio questo suo modo di essere voglio raccontarvi, invece che riportare la sua vita artistica, quella la conosciamo tutti, sappiamo bene cosa ha fatto, conosciamo la sua voce piena di rabbia, una voce che la stessa Monica ha prestato al rock, al blues, a quella musica che, come quella napoletana, racconta la sofferenza e la voglia di rivelare. E lei proprio in questo è diversa, forse per le sue esperienze, nel suo modo di cantare non c'è il lamentarsi, il piangere nell'intonare le canzoni, nel suo modo di cantare c'è invece grinta, forza vitale, come nella mimica che assume quando la voce graffiante intona gli acuti delle sue canzoni. È un interprete che ha cantato di tutto, dalle canzoni di Nino D'Angelo, la più famosa “Chesta Sera”, alle canzoni di James Senese e Pino Daniele, a quelle di Domenico Modugno e Renato Carosone. Poi scopro un'assonanza con il mio modo di concepire la notte, SEI periodico | 45

mi racconta di quanto la rappresenti il pezzo “Notte Lenta” di Franco De Prete, di quanto lei si rifugi nella notte e riservi a quel silenzio le cose più vere del proprio vivere, del proprio essere. Conserva a quel buio la sua vita più riservata, la sua musica, ed in quello slow-motion che è la notte, ascolta la sua anima per capire la strada da percorre nei giorni avvenire. Tra una chiacchiera ed un'altra, scopro anche che abbiamo un amico che è vicino ad entrambi, il musicista Alfredo Di Martino. Monica si sta esibendo con Alfredo in un progetto tutto acustico, una voce, un pianoforte ed un violoncello suonato da Erasmo Petringa, e con questi ultimi la cantante si è esibita a Roma nell'evento dedicato alla Cultura e alla Fratellanza dei Popoli, perché scelta come rappresentante della tradizione musicale partenopea. Adesso basta chiacchiere, il microfono freme come le mie orecchie, voglio sentirla, voglio

l'onore di riempire la soffitta di quella voce, ed è così. Le note di “Chesta Sera” si liberano e osservo lei cantare, guardo il suo corpo cantare, i gesti che accompagnano le note e le note che muovono ogni suo muscolo, vive la musica appieno, vive per la musica e la musica è la sua linfa vitale. Dopo l'ultima nota arriva un silenzio ieratico, ora nessuna parola ha più senso, mi ritorna quell'ingenua timidezza che per fortuna Monica rompe con il suo essere verace. Ormai il tempo a disposizione è finito, a malincuore mi congedo da Monica che oggi, con il suo modo di fare, ha portato il sole anche dentro la soffitta; mi lascia una piacevole sensazione, una positività che darà sorriso alle mie labbra per parecchio tempo. Un ultima cosa...Monica, scusa per il pessimo caffè!


OROSCOPO

fonte: www.oroscopo.it

LO ZODIACO NOVEMBRE Ariete

(21 Marzo - 20 Aprile)

Qualche imprevisto familiare, fai attenzione a non intavolare discussioni infinite con chi ti circonda. Venere in Capricorno annuncia un periodo tormentato per il tuo povero cuoricino! Approfitta delle prime giornate di novembre, quando il pianeta sarà favorevole in Sagittario, per cercare di affrontare le questioni più spinose.

Toro

(21 Aprile - 20 Maggio)

Nonostante le difficoltà proposte da Mercurio in opposizione ancora per tutto questo mese, avrai notevoli appoggi astrali per reagire e vivere un periodo di netta ripresa. Marte, il focoso pianeta che amministra l’eros, ti regalerà grinta e sensualità per tutto il mese.

Gemelli

(21 Maggio - 21 Giugno)

Bilancia

(24 Settembre - 23 Ottobre)

L’ombra dell’insoddisfazione si farà strada nel tuo cuore. C’è qualcosa, o qualcuno, che vorresti cambiare, una situazione che ti piacerebbe trasformare come se tu avessi la bacchetta magica! Se non riguarda direttamente l’amore, potrebbe essere una questione riflessa, legata, ad esempio, a famiglia o lavoro.

Scorpione

(24 Ottobre - 22 Novembre)

Novembre è il tuo mese perché gli astri saranno eccezionalmente benevoli con il tuo segno! Comunicativo, affascinante, insolitamente aperto nei confronti della vita e dei suoi imprevisti: questo mese sarai ben equipaggiato per goderti al meglio l’amore e i suoi dolci incantesimi!

Sagittario

(23 Novembre - 21 Dicembre)

Il transito che rischia di caratterizzare l’intero mese sarà quello di Marte in Vergine. Questo passaggio potrebbe imprimere un tono nervoso alle tue vicende affettive o familiari, renderti irrequieto e piuttosto impulsivo.

Novembre potrebbe essere un mese nervoso, a causa dell’aspetto teso di Marte in Vergine. Qualcosa o qualcuno ti farà irritare. In ogni caso, tenderai ad essere piuttosto suscettibile: in effetti, basterà poco per farti saltare la mosca al naso.

Cancro

Capricorno

Ti aspetta un mese grintoso, in cui avrai voglia di fare e di disfare, tuttavia, gli affetti non sono favoritissimi e vivrai qualche tensione. Marte favorevole ti renderà sensuale e determinato, ma Venere, in opposizione potrebbe renderti capriccioso, geloso e insofferente.

Ottimo mese! Mercurio in Scorpione per tutto novembre protegge la tua vita sociale e familiare, ti aiuta ad allargare i tuoi orizzonti, a capire come risolvere eventuali problemi, a mettere pace in una situazione controversa.

Leone

(21 Gennaio - 21 Febbraio)

(22 Giugno - 22 Luglio)

(23 Luglio - 23 Agosto)

Mercurio in Scorpione per tutto novembre non lascia presagire giornate serene. Preparati ad affrontare tensioni familiari ed equivoci con gli amici. L’amore sarà arricchito da qualche battibecco: bisticci che rivelano attrazione, ma anche tensioni ed esasperazioni.

Vergine

(24 Agosto - 23 Settembre)

Novembre potrebbe essere un mese speciale per te: una novità piacevole ti sta aspettando. Vita sociale e familiare procedono bene. Hai transiti eccellenti per la vita affettiva, che ti incoraggiano sia nella sfera emotiva che in quella erotica. SEI periodico | 46

(22 Dicembre - 20 Gennaio)

Acquario

Mercurio in Scorpione per tutto novembre annuncia equivoci e incomprensioni in famiglia o tra gli amici. Preparati a fare scorta di pazienza, e a cercare di essere diretto, per quanto possibile.

Pesci

(22 Febbraio - 20 Marzo)

Mese contraddittorio, da una parte Mercurio ti renderà pronto e rapido nelle reazioni, comunicativo e socievole, dall‘altra ci saranno tensioni e nervosismo, simboleggiati da Marte in Vergine, e la voglia di risolvere quello che non funziona con astuzia e intelligenza. In amore il mese inizia in maniera un po’ nervosa, a causa del doppio aspetto teso di Marte e Venere.


SEI periodico | 47



30 Sei periodico Novembre 2013