Page 3

savigliano

COMUNALI Andrà al ballottaggio contro Marco Buttieri

Cussa, trionfo sfiorato

I quattro candidati sindaci: Portera, Cussa, Buttieri e Branca. Al secondo turno, i due centrali

«Pazzesco, pazzesco, pazzesco!». Sono ormai quasi le due di notte quando Claudio Cussa sta realizzando di aver perso la possibilità di vincere al primo turno per una manciata di voti. Sette, sembra in un primo momento. Quattordici, rifatti due conti. La mattina dopo, di nuovo calcolatrice alla mano, saranno prima 46 e poi 24. Mentre stiamo componendo il giornale, le cifre cambiano continuamente: quelle che vi diamo sono per forza provvisorie, ma i dati sono comunque significativi perché potranno variare di poco (a meno che, clamorosamente, siano assegnati a Cussa quei pochissimi voti che gli mancano per vincere). L’assessore uscente ha totalizzato 5.879 voti, pari al 49,81%. Sarà dunque ballottaggio col candidato del centrodestra Marco Buttieri (3.727 consensi, 31,57%). “Eliminati” Antonello Portera (Movimento 5 Stelle), con 2.023 suffragi (17,14%) e Carlo Branca (Forza Nuova) con 175 (1,48%). Ma potrebbero ancora cambiare, visto che al momento di andare in stampa si stanno ancora facendo dei conteggi! «È un ottimo risultato – com-

menta Cussa dopo averci dormito sopra – me l’avessero detto una settimana fa, ci avrei messo la firma. Invece quando sei lì a pochi voti dalla vittoria, speri di farcela. Pazienza. Intanto ringrazio tutti quelli che mi hanno votato e tutti i candidati, che si sono dati molto da fare, lavorando sodo. Più di così, non potevo chiedere loro». Un pensiero va anche al suo predecessore, Sergio Soave, beffato da tanti voti nulli nella sua scalata alla Regione: «Aspettiamo a dire che non ce l’ha fatta. È arrivato secondo e potrebbe ancora entrare (se uno tra lui e Alberto Valmaggia, arrivato primo in lista, venisse nominato assessore, ndr). Mi dispiace perché ha lavorato molto ed è stato penalizzato da un modo di votare molto difficile, che ha confuso gli elettori». Marco Buttieri si aspettava qualcosa di più. «Più che tutto non mi aspettavo un’ondata di “renzismo” così forte. Anche a Savigliano è andata come nel resto d’Italia, col Pd che – sull’onda del consenso per il premier – ha fatto il pieno di voti. Diciamo che il voto comunale è stato anche “viziato” dalla concomitanza con le elezioni regionali ed eu-

ropee». Il candidato del centrodestra ammette comunque che «Renzi nella sua campagna elettorale non ha sbagliato nulla. Diamo a Cesare quel che è di Cesare. Al secondo turno – aggiunge – finalmente sarà Buttieri contro Cussa e non Buttieri contro Renzi!». Prima mossa verso il ballottaggio, l’imminente annuncio della sua “Giunta” in caso di vittoria. Primo escluso, Antonello Portera: «Alla vigilia, ovviamen-

te speravo in un risultato migliore. Realisticamente, però, abbiamo ottenuto un risultato coerente con la tornata elettorale europea, che a noi non è stata favorevole. Comunque, aver eletto i primi consiglieri comunali ci permette di entrare nelle istituzioni. È così a Savigliano ed in altre città della provincia. Inoltre, aumentiamo di numero anche in Regione. Dunque, tutto sommato il nostro è un risultato da non disprezzare». Tutto sommato soddisfatto anche Carlo Branca di Forza Nuova, fanalino di coda ma ben consapevole, già alla vigilia, di non poter vantare ambizioni di vittoria. «Secondo me è andata benissimo – dice – perché abbiamo quasi raddoppiato i voti rispetto a dieci anni fa. Questo è solo un punto di partenza perché voglio diventare l’incubo di chi governerà e la speranza di chi invece andrà a votare». Quindi Forza Nuova continuerà la sua attività: «Assolutamente sì. Inizieranno alcune attività di solidarietà per gli italiani, ne parleremo durante una riunione provinciale. Sicuramente qualcosa faremo». Guido Martini

Le operazioni di conteggio in un seggio alle “Schiaparelli”

mercoledì 28 maggio 2014

COMUNALI

3

Folco e Ambroggio i più votati

Promossi & trombati, i nomi “eccellenti”

Silvana Folco

Giulio Ambroggio

Chi sono i più amati e chi i meno di queste elezioni comunali? Andiamo a scoprirlo “spulciando” le preferenze (tabella a pag. 7). La novità di questa tornata elettorale era il voto “di genere” (si potevano dare due preferenze, a patto che fossero un uomo e una donna). Dunque, il dato non è più confrontabile con quelli precedenti, quando si poteva scrivere un solo nome. “Miss preferenza” è il vicesindaco uscente Maria Silvana Folco del Pd, che ne ha totalizzate 844; “mister preferenza” è l’ex consigliere provinciale Giulio Ambroggio, sempre del Pd, con 474. Nella stessa lista, sopra quota duecento troviamo l’assessore uscente Osvaldo Tortone (229) e il giovane Paolo Tesio (222). Un altro esordiente, Gian Curti, ha ottenuto 200 voti tondi tondi. Benissimo anche l’assessore uscente Chiara Ravera (Città Futura), che ha toccato quota 221. Sopra i cento voti anche il consigliere uscente Pasquale Portolese (187), l’assessore uscente Marco Paonne (141) e gli esordienti Laura Grande (169), Margherita Ellena di Levaldigi (108) e Sandra Frossasco (100), tutti del Pd. Bene anche il consigliere uscente Massimiliano Gosio (Insieme per Savigliano) a quota 161 e l’assessore uscente Silvio Pittavino (Civica) a 112. Nel centrodestra, “miss

preferenza” è Federica Brizio (Progetto per Savigliano, 184, anche lei già precedentemente in Consiglio), mentre il “mister” è il giovane Beppe Bori (La nuova politica, 128). Ma tutti e due rischiano di star fuori, se vincerà Claudio Cussa. Sopra cento anche l’ex consigliere Maurizio Occelli (121) e l’esordiente Maurizio De Lio (108). Nel Movimento 5 Stelle, grande performance dell’esordiente Silvia Garaventa (118; potrebbe entrare anche Luca Fatta, 82). E veniamo ai trombati. Addio al presidente del Consiglio comunale Antonio Motta (Moderati, 81) e all’ex “macchina da voti” Carmine Bonino (Civica, 59) e dall’ex capogruppo di maggioranza Fulvio D’Alessandro (Civica, 86). Magro bottino anche per l’ex sindaco Aldo Comina (Città futura, 66), oltre a Vilma Cravero e Mario Daniele, entrambi già consiglieri proprio con Comina (43 preferenze la prima, 32 il secondo). “In bilico”, invece, Luca Grindatto di Città Futura (94), che entrerà solo se Chiara Ravera verrà promossa assessore. Entreranno solo in caso di vittoria di Buttieri gli ex consiglieri di centrodestra Claudio Bonetto (92) e Pier Giorgio Rubiolo (93), entrambi candidati con Progetto per Savigliano; stesso discorso per i leghisti Marco Racca (87) e Rinella Carena (79).

28 5 2014  

Giornale locale

28 5 2014  

Giornale locale

Advertisement