Issuu on Google+

Bilancio 2010

Federazione Cooperative Raiffeisen

Federazione Cooperative Raiffeisen

Bilancio 2010


Federazione Cooperative Raiffeisen SocietĂ  cooperativa

39100 Bolzano, Via Raiffeisen 2 www.raiffeisenverband.it, federazione@raiffeisen.it Tel. +39 0471 945 111, Fax +39 0471 970 228


Indice

Organi della Federazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

4

Direzione federale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

5

La Spilla d’onore Raiffeisen. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

6

A. Relazione sulla gestione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

8

1. Prefazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag.

8

2. La Federazione Cooperative Raiffeisen durante l’esercizio 2010.. . pag. 11

Presentazione.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 11 L’organigramma della Federazione Cooperative Raiffeisen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 14 Consiglio di Amministrazione e Comitato Esecutivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 15 Collaboratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 15 Attività di stampa e di pubbliche relazioni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 17 Rappresentanza di interessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 18 Partecipazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 20 Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A. .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 21 Credit Solution S.p.A. .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 21 Società del gruppo Assimoco (assicurazioni).. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 22 Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. (RVD) .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 23 Raising Unified Network S.p.A. (R.U.N.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 23

3. Il mandato statutario a favore dei soci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24

Diritto del lavoro e sindacale.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 24 Consulenza fiscale .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 27 Consulenza legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 31 Servizi per il Sistema bancario Raiffeisen .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 33 Tecnologia dell’informazione ed elaborazione dati (RIS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 38 Consulenza aziendale per cooperative di produzione e di servizi . . . . . . . . . . . pag. 41 Area Servizi aziendali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 42 4. Il mandato legislativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 44 (vigilanza sulle cooperative)

2

5. Prospettive per l’anno corrente 2011.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 48


B. La compagine sociale durante l’esercizio 2010.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 49

Struttura dell’Organizzazione Raiffeisen dell’Alto Adige .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 49

Le cooperative Raiffeisen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 52

Le Casse Raiffeisen.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 54

Le cooperative ortofrutticole. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 61

Le cooperative vinicole .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 64

Le cooperative lattiero-casearie .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 67

Le cooperative di allevamento di bestiame. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 70

Le cooperative di consumo e le cooperative agricole di approvvigionamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 71

Le cooperative energetiche.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 73

Cooperative di gestione dell’acqua (acqua potabile e per l’irrigazione).. . . . . . . pag. 77

Le cooperative edilizie .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 77

Le cooperative di gestione di asili per l’infanzia e di centri culturali .. . . . . . . . . . . pag. 79

Le cooperative sociali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 79

Le altre cooperative .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 81

Le federazioni e i consorzi associati .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 83

Gli enti senza obbligo di revisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 83

C. Il rendiconto annuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 85

1. Bilancio al 31/12/2010 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 86

2. Nota integrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 89

3. Relazione del Collegio Sindacale .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 106

4. Dati del bilancio consolidato .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 111

5. Bilanci delle società controllate .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 111

3


Organi della Federazione (Triennio 2009–2012)

Consiglio di Amministrazione Dr. Heiner Nicolussi-Leck, Falzes

Presidente

Herbert von Leon, Merano

1° Vicepresidente

Dr. Erich Ohrwalder, Silandro

2° Vicepresidente

Alois Karl Alber, Castelbello/Ciardes Karl Dietl, Silandro Georg Egger, Avelengo Michael Karl Mayrhofer, Lagundo Rag. Alfons Pezzei, Corvara Andreas Sapelza, Monguelfo Alois Schenk, Postal Erich Überbacher, Naz/Sciaves Franz Varesco, Montagna Gottfried Vigl, Naturno Dr. Robert Zampieri, Bronzolo Anton Zublasing, Appiano

Comitato Esecutivo Dr. Heiner Nicolussi-Leck Herbert von Leon Dr. Erich Ohrwalder Erich Überbacher Dr. Robert Zampieri

Collegio Sindacale

4

Dr. Michael Grüner, Senales

Presidente

Dr. Christian Leitgeb, Bolzano

Sindaco effettivo

Dr. Georg Mayr, Bolzano

Sindaco effettivo

Dr. Hannes Profanter, Funes

Sindaco supplente

Rag. Josef Weger, Laives

Sindaco supplente

Nell’immagine il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale davanti al palazzo Raiffeisen a Bolzano.


Direzione federale

Direzione Generale Dr. Paul Gasser

Direttore Generale

Direzione di Revisione Dr. Robert Nicolussi

Direttore di Revisione

Area Banche Andreas Mair am Tinkhof

Area Cooperative di Produzione e di Servizi Dr. Paul Gasser

Area Legale Dr. Michael Obrist

Area Fiscale Rag. Herbert Oberkalmsteiner

Area Lavoro e sindacale Rag. Christian Tanner

Area Sistema Informativo Raiffeisen (RIS) Rag. Alberta Egger

Area Servizi aziendali Dr. Daniel Mahlknecht La dirigenza della Federazione Raiffeisen è composta dai due Direttori e dai responsabili delle varie Aree.

5


La Spilla d’onore Raiffeisen

La Spilla d’onore Raiffeisen viene conferita dal Consiglio di Amministrazione della Federazione Cooperative Raiffeisen (di proseguo ”Federazione”) ai sensi dell’art. 2, lett. a), punto 16 dello statuto. A questo competono “[...] l’istituzione ed il conferimento di onorificenze a persone particolarmente meritevoli nell’ambito della costituzione e della gestione di cooperative o della promozione o dello sviluppo della cooperazione.”

Ci congratuliamo con gli onorati Per i loro meriti nel campo della cooperazione, nel 2010 hanno ottenuto la Spilla d’onore

d’oro Matthias Josef Gamper, Lagundo 1977 – 1999 Presidente del Collegio Sindacale della Cooperativa Frutticoltori di Plaus 1990 – 2006 Presidente della Cooperativa BOGAL 1991 – 1994 Consigliere della Federazione Raiffeisen 1994 – 2006 Vicepresidente della Federazione nonché Vicepresidente dell’Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi e rappresentante della frutticoltura altoatesina in vari organi nazionali e internazionali

d’argento Albert Matzneller, Aldino Dal 1970 Consigliere della Cassa Raiffeisen di Nova Ponente-Aldino 1971 – 2010 Vicepresidente 1981 – 1992 Presidente del Collegio Sindacale della Mila 1992 – 1998 Sindaco della Mila 1985 – 1991 Consigliere della Federazione Raiffeisen 1985 – 1997 Consigliere della Cassa Centrale Raiffeisen S.p.A.

6


d’argento

Josef Mayr, Lasa 1968 – 1970 Consigliere della Cassa Raiffeisen di Lasa dal 1970 Presidente

Josef Parth, Tirolo 1983 – 1989 Consigliere della Cassa Raiffeisen di Tirolo 1989 – 1998 Vicepresidente 1998 – 2010 Presidente

Marianne Amplatz, Ora 1971 – 1976 Membro dell’Associazione Lebenshilfe 1977 – 1984 Vicepresidente della Cooperativa sociale Lebenshilfe 1985 – 2008 Presidente

di bronzo

Dr. Heinrich Messner, Sesto 1982 – 1988 Sindaco della Cassa Raiffeisen Alta Pusteria 1988 – 2009 Presidente

Artur Spechtenhauser, Naturno 1986 – 1989 Consigliere della Cassa Raiffeisen di Naturno 1989 – 1998 Presidente del Collegio Sindacale 1998 – 2010 Sindaco

7


A. Relazione sulla gestione 1. Prefazione Dr. Heiner Nicolussi-Leck Presidente

Egregi rappresentanti delle cooperative associate, se il 2008 era dominato dallo scoppio della crisi immobiliare negli Stati Uniti e il 2009 da una crescita negativa globale dello 0,6 percento, l’anno passato e anche quello in corso rimarranno nelle nostre menti per la minaccia di bancarotte statali. In questo stato di tensione la politica si è trovata costretta a compiere interventi di salvataggio, tesi anche a garantire stabilità all’euro. Dopo la Grecia, anche l’Irlanda e il Portogallo hanno richiesto il sostegno dei paesi dell’area euro e del Fondo Monetario Internazionale (FMI). Grazie alla politica monetaria espansiva delle banche centrali e alla ritornata fiducia delle imprese e dei consumatori, in tutto il mondo l’economia ha registrato una ripresa, peraltro con risultati piuttosto differenziati. Si sono visti dei tassi di crescita storici, ad esempio in Polonia, con un salto del 3,8% e in Germania con il 3,6%, mentre il prodotto interno lordo (PIL) dell’Italia, ad esempio, è aumentato solo dell’1,3% rispetto all’anno precedente. La crescita a livello mondiale è stimata al 5%. In Alto Adige l’economia è cresciuta dell’1 per cento. Va tenuto presente, però, che l’anno precedente questa non aveva subito un crollo come era successo, invece, altrove. Nella nostra provincia il ristagno economico aveva interessato soprattutto il comparto manifatturiero in senso stretto e l’edilizia. Il settore turistico, invece, nel 2010 ha registrato un incremento del 2,6% negli arrivi e dell’1,8% nei pernottamenti. Sono stati pertanto ancora superati i risultati

8

record dell’anno precedente e, per la prima volta nella storia del turismo altoatesino, si sono contati 5,7 milioni di ospiti e 28,6 milioni di pernottamenti. Questo contesto prevalentemente positivo ha coinvolto anche le cooperative Raiffeisen e i loro quasi 120.000 soci individuali. Le Casse Raiffeisen, gestite in forma cooperativa, assieme alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A. detengono il 40% della quota di mercato dell’Alto Adige. Durante l’esercizio considerato esse hanno avuto modo di espandere la propria attività in misura soddisfacente. Sempre assieme alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A., hanno registrato un aumento del 2% della raccolta diretta e dell’8% degli impieghi. La raccolta diretta da clientela si sono attestati a 8,9 miliardi di euro, i prestiti hanno raggiunto un volume di 8,7 miliardi di euro. Questi dati confermano che, ai fini dell’erogazione del credito all’economia locale, le Casse Raiffeisen rivestono un ruolo strategico e, proprio in periodi di ristrettezza finanziaria, sono indispensabili per garantire la continuità dei cicli locali. Le Casse Raiffeisen hanno inoltre riacquisito la propria redditività, dopo che nell’anno precedente avevano subito un calo del risultato economico. Assieme alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A. hanno raggiunto un utile di quasi 60 milioni di euro, segnando un incremento del 38% rispetto all’esercizio precedente. Le cooperative agricole nel 2010 hanno conseguito risultati divergenti ma, nel


complesso, soddisfacenti. I frutticoltori altoatesini hanno messo a segno un’annata 2009/2010 da record in termini di quantità raccolta. Le cooperative ortofrutticole hanno immagazzinato e commercializzato oltre 1 milione di tonnellate di frutta e di ortaggi; la sola frutta da tavola conferita è ammontata a 952.000 tonnellate. La sovrapproduzione in Europa ha però causato difficoltà nella vendita delle mele. Il prezzo medio di conferimento si è pertanto attestato attorno ai 30 centesimi di euro al chilogrammo per la produzione complessiva e poco sotto i 30 centesimi di euro al chilogrammo per la frutta da tavola, con una riduzione del prezzo del 12,7% rispetto all’esercizio precedente. Le cooperative vinicole hanno venduto nel corso dell’esercizio in esame 254.000 ettolitri di vino. L’incidenza delle varietà da vino bianco è aumentata ulteriormente a scapito delle uve da vino rosso, raggiungendo il 54%; la tendenza continua ad essere in aumento. Anche l’incidenza sul totale delle bottiglie da 0,75 litri è aumentata di 5,5 punti percentuali, portandosi al 52,6%, il che ha permesso di accrescere il valore aggiunto. La strategia di innalzamento della qualità, perseguita oramai da vari anni e tendente alla produzione di vini di punta, si è rivelata vincente anche l’ultimo anno. Nei concorsi internazionali le cooperative vinicole hanno nuovamente conseguito risultati di tutto rispetto. Nel 2010 sono state lavorate e commercializzate dalle strutture cooperative 380.000 tonnellate di latte, con un incremento del 3,6% rispetto all’esercizio

precedente. È degno di nota il fatto che sia il latte da allevamento biologico, sia quello di capra, abbiano registrato un aumento della produzione, passata rispettivamente a poco meno di 6.000 tonnellate e a quasi 600 tonnellate. Per il latte conferito è stato possibile erogare ai soci un prezzo medio di 44 centesimi di euro al chilogrammo, con un calo solo dello 0,6% rispetto all’anno precedente. Nel confronto internazionale si tratta di un risultato assolutamente straordinario. Dopo la catastrofe nel complesso nucleare di Fukushima la politica energetica mondiale deve affrontare nuove sfide. L’era fossile e nucleare sta volgendo al termine. Le fonti energetiche rinnovabili stanno diventando sempre più importanti e l’Alto Adige non si farà trovare impreparato. Già da parecchio tempo la nostra provincia sta puntando sulle energie alternative. In questo settore la Federazione dell’Energia Raiffeisen, con una compagine sociale di 154 soci, è impegnata in primissima linea. Alla Federazione dell’Energia Raiffeisen aderiscono 62 cooperative energetiche: 28 aziende di produzione di energia elettrica, 25 impianti di teleriscaldamento e nove produttori di biogas. Queste hanno prodotto, nel corso dell’anno, 255,2 GWh di energia elettrica e 335,3 GWh di energia termica. Crescente importanza stanno assumendo le cooperative di consumo, il cui scopo consiste nel rifornire i propri soci di viveri sani a prezzi equi e nel garantire nel lungo termine l’approvvigionamento vicinale. In merito a questa tematica la Federazione nel corso dell’anno considerato ha effettuato uno studio sfociato nel 2011 nella

9


costituzione di una cooperativa di consumo operante su scala provinciale. Nei periodi di recessione economica le cooperative edilizie rappresentano una valida alternativa quando si tratta di realizzare la propria casa di abitazione. Per molte famiglie, infatti, esse costituiscono l’unica possibilità di riuscire ad avere una casa di proprietà, visto che permettono di ridurre in misura sostanziale i costi rispetto al mercato libero e visto che garantiscono assoluta trasparenza. Nel corso dell’esercizio in esame, oltre 30 cooperative edilizie hanno usufruito dell’assistenza delle Federazione. Della vasta offerta di servizi proposti dalla Federazione si avvalgono anche cooperative di altro tipo, quali quelle sociali, quelle di gestione di asili per l’infanzia e di centri culturali, oltre ad altre cooperative che apportano un contributo fondamentale per lo sviluppo della società. La Federazione con le sue Aree e con più di 260 collaboratori e collaboratrici è riuscita anche nell’esercizio in rassegna nel suo compito statutario di promuovere e sostenere le prestazioni, la stabilità e la continuità dei propri soci. L’unione permette di combinare tra loro i vantaggi derivanti dal radicamento nel territorio e dalla connessa vicinanza ai clienti nonché dalla responsabilità sociale, da una parte, con l’efficienza delle prestazioni e la fattiva rappresentanza di interessi, dall’altra. Tra i compiti della Federazione rientrano anche la promozione e la diffusione dell’idea cooperativa. In questo senso abbiamo deciso di avviare una collaborazione con l’Università

10

di Innsbruck e con l’Accademia Europea di Bolzano allo scopo di affrontare in modo scientifico il fenomeno del cooperativismo nel nostro territorio. In novembre, la Federazione ha organizzato presso l’Accademia Europea un simposio scientifico sul futuro del movimento cooperativo, al quale sono intervenuti illustri relatori italiani e stranieri. La manifestazione ha concluso le celebrazioni per il 50° anniversario della Federazione, al quale è stato dato in questo modo il dovuto risalto. La Federazione può nel complesso archiviare un anno molto positivo. A questo punto gradirei ringraziare per la costruttiva collaborazione tutte le istituzioni private e pubbliche e le autorità con cui la Federazione intrattiene rapporti, in primo luogo le autorità della provincia e della regione, l’autorità di Vigilanza bancaria e le federazioni dei territori limitrofi nonché quelle nazionali. La mia gratitudine è rivolta anche alle cooperative associate e a tutti coloro che intrattengono rapporti commerciali o istituzionali con la Federazione. Ringrazio il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale per il lavoro svolto e per la fiducia dimostrata. Mi preme inoltre ringraziare il Direttore Generale, il Direttore di Revisione e gli altri dirigenti nonché tutti i collaboratori per il loro impegno quotidiano, augurando loro buon lavoro anche per l’anno in corso. Dr. Heiner Nicolussi-Leck Presidente della Federazione


2. La Federazione Cooperative Raiffeisen durante l’esercizio 2010 Prefazione Dr. Paul Gasser Direttore Generale

“Sono passati ormai i cari vecchi tempi, quando in caso di bisogno ci si aiutava tra vicini di casa, semplicemente sulla parola, senza dover ricorrere a titoli di credito. La fiducia ha lasciato il posto alla diffidenza; non ci si aiuta più quasi nemmeno tra fratelli; quando ci sono i soldi di mezzo, non c’è amicizia che tenga”. Queste parole ci paiono assolutamente attuali, ma risalgono a molto tempo fa. Sono le frasi con cui Friedrich Wilhelm Raiffeisen introduce il primo capitolo della propria opera su “Le associazioni casse di prestito“ del 1866. Nel 2010 la Federazione ha curato la nona edizione del manuale di Friedrich Wilhelm Raiffeisen su “Le associazioni casse di prestito come mezzo per liberare dal bisogno la popolazione rurale“ in versione facsimile della prima edizione del 1866. Attraverso questa iniziativa la Federazione ha voluto, in occasione del suo 50° anniversario, contribuire a diffondere ulteriormente l’idea tutt’oggi attuale del riformatore sociale germanico e avvicinare il lettore interessato al lascito ideale di questo grande personaggio. L’opera evidenzia che le idee di Friedrich Wilhelm Raiffeisen sono oggi più che mai moderne. Anche il futuro ne darà conferma. Il cooperativismo in Alto Adige è vivo e porta in sé la forza dell’innovazione. Il modello di business cooperativo costituisce una forma affermata di attività economica e in un’epoca, in cui si va rafforzando la coscienza per la responsabilità sociale, è più che attuale.

Nel mondo cooperativo, più che in qualsiasi altro ambito, il futuro del singolo individuo è strettamente legato al futuro della collettività. Le cooperative, soggetti autonomi con responsabilità propria, nonché le loro aggregazioni di categoria sono unite nella Federazione che assume la responsabilità di indirizzo strategico dell’intero movimento. La Federazione permette di trasformare le più svariate esigenze in un concreto interesse comune. La responsabilità della Federazione nei confronti delle proprie associate va quindi ben oltre la semplice prestazione di servizi per le stesse. Affinché la Federazione possa essere in grado, in veste di fornitrice di servizi e di rappresentante di interessi, di esprimere efficacemente le esigenze di tutte le cooperative aderenti, è importante accrescere in quest’ultime il senso di appartenenza alla stessa. Un obiettivo di fondo della nostra politica consiste nel creare un punto di riferimento culturale comune a tutti i soggetti federati e nel coinvolgere attivamente tutti gli attori interessati. Un passo in tale direzione è stato compiuto nel corso dell’esercizio in esame con la costituzione del Comitato di coordinamento delle cooperative agricole. La nuova piattaforma, ispirata al Comitato di coordinamento del Sistema bancario Raiffeisen, ha rafforzato la presenza delle cooperative agricole all’interno della Federazione. In futuro intendiamo di intraprendere iniziative analoghe anche per le cooperative di

11


consumo, per quelle di approvvigionamento e per le cooperative sociali. La nostra provincia, l’Alto Adige, si distingue per il paesaggio culturale curato e per i paesi pieni di vita, in cui una vasta fascia di popolazione trova lo spazio per vivere, per lavorare e per rilassarsi. Le nostre cooperative forniscono un contributo di vitale importanza alla conservazione e allo sviluppo del territorio rurale. Esse garantiscono, infatti, a poco meno di 7.000 collaboratori un attraente ambiente di lavoro, liquidano corrispettivi per 539 milioni di euro nel solo settore agricolo e erogano crediti a soci e clienti per quasi 9 miliardi di euro. Con un valore aggiunto di 500 milioni di euro esse contribuiscono, infatti, in misura decisiva al benessere dell’Alto Adige, garantendo soprattutto all’agricoltura, caratterizzata dalle strutture di piccole dimensioni, la sostenibilità economica. Il radicamento locale, la simbiosi vissuta tra i valori cooperativi e la mentalità imprenditoriale, l’assunzione di responsabilità sociale e l’impegno per le esigenze della società costituiscono la base del successo duraturo. Anche durante lo scorso anno l’attività della Federazione era tesa in primo luogo a garantire il successo delle cooperative Raiffeisen e ad aumentarne l’efficienza. Sebbene i requisiti posti ai servizi prestati facciano registrare un continuo crescendo in termini sia di varietà che di complessità, è stato fatto tutto il possibile per garantire, in tutti i settori della cooperazione, un’efficace e affidabile, quanto mirata, attività di promozione e di sostegno a favore delle realtà associate.

12

Ciò vale per la consulenza tecnica competente in tutte le questioni economicoaziendali, giuridiche, fiscali, di diritto del lavoro e organizzative, per l’erogazione di prestazioni IT affidabili e di facile esecuzione come anche, in particolare, per l’attività di revisione obiettiva e indipendente, ivi inclusa la revisione legale dei conti. Particolare richiamo merita il riuscito processo strategico, condotto su vasta scala, che nell’esercizio in rassegna ha riguardato il settore informatico. Esso si è svolto in collaborazione con il Comitato IT e coinvolgendo il Comitato di coordinamento del Sistema bancario Raiffeisen, tenendo conto anche dei risultati scaturiti dalle assemblee di zona dei direttori delle Casse Raiffeisen. In seguito ad approfondita analisi dell’idoneità al futuro dell’attuale struttura IT, si è provveduto a definire gli obiettivi strategici fino al 2013, fissandone per iscritto il raggiungimento in un ampio elenco di provvedimenti. Tra i progetti straordinari affrontati nel corso dell’anno considerato si citano l’allacciamento della Cassa Raiffeisen di Lana al sistema informatico della Federazione e la fusione tra le Casse Raiffeisen di Laives e di Bronzolo-Ora, da cui è scaturita la la Cassa Raiffeisen Bassa Atesina. La collaborazione nell’ambito della rete imprenditoriale è basata sulla fiducia reciproca. Al fine di guadagnarsi la fiducia non si può prescindere da un’efficace attività di comunicazione. Di questo aspetto si è tenuto conto in modo particolare proprio con riferimento alla necessità della contabilizzazione trasparente e ripercorribile dei servizi


prestati. In vari convegni a porte chiuse la dirigenza ha sviluppato ulteriormente le linee guida strategiche elaborate nel 2009: a tale scopo ha ristrutturato il sistema di controllo di gestione e le modalità di contabilizzazione dei servizi, raccogliendole in un compendio. Sulla base dello stesso ha definito un catalogo dei servizi e dei relativi prezzi. Sempre con l’obiettivo di incrementare l’efficienza, nel corso dell’anno esaminato sono stati apportati degli adeguamenti all’organigramma ed è stata prevista l’istituzione della funzione di Vicedirezione e di alcune nuove Aree. L’attuazione risoluta

di queste innovazioni di ampia portata in un clima di buona intesa non è una cosa ovvia. Ringrazio il Presidente della Federazione e il Consiglio di Amministrazione nonché il Collegio Sindacale per la fiducia dimostrata. Ringrazio in particolar modo i membri della Dirigenza e tutti i collaboratori, oltre che il Consiglio aziendale, per la collaborazione attiva, il senso di responsabilità e l’impegno. Dr. Paul Gasser Direttore Generale

La Federazione ha curato la riedizione dell’opera di riferimento di Friedrich Wilhelm Raiffeisen “Le associazioni casse di prestito“ del 1866. Nell’ambito del simposio scientifico tenutosi presso l’Accademia Europa il Direttore Generale Paul Gasser e il Presidente Heiner Nicolussi-Leck hanno consegnato il volume al Segretario Generale dell’Unione Internazionale Raiffeisen Paul Armbruster.

13


L’organigramma della Federazione Cooperative Raiffeisen

Collegio di conciliazione

Assemblea generale

Comitato di coordinamento del Sistema bancario Raiffeisen

Consiglio di Amministrazione

Collegio Sindacale

Comitato Esecutivo

Direzione Generale

Direzione di Revisione

Controllo qualitĂ  Federazione

Risorse umane Federazione

Privacy Federazione

Stampa e pubbliche relazioni

Vicedirezione

Assistenza/Segreteria di Direzione Generale

Area Banche

Area Cooperative di Produzione e di Servizi

Area Legale

Area Fiscale

Situazione: maggio 2011

14

Area Servizio lavoro e sindacale

Area Sistema Informativo Raiffeisen

Area Servizi aziendali


Consiglio di Amministrazione e Comitato Esecutivo Il Consiglio di Amministrazione è responsabile dell’orientamento strategico della Federazione e ad esso in base allo statuto spettano le decisioni in merito a tutte le questioni di ordinaria e straordinaria amministrazione. Al fine di garantire l’efficacia della gestione, il Consiglio di Amministrazione ha delegato al Comitato Esecutivo le mansioni di carattere operativo. Il Consiglio di Amministrazione è composto da quindici membri, eletti con mandato triennale dall’Assemblea generale nel 2009. Questi rappresentano equamente i vari comprensori e i diversi settori economici. Nell’esercizio trascorso il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Esecutivo,

quest’ultimo formato da 5 componenti, hanno tenuto in totale 20 riunioni. In tali occasioni sono state adottate tutte le delibere importanti dal punto di vista strategico, quali ad esempio l’approvazione del progetto di bilancio e del budget finanziario o la decisione di nuovi investimenti. Si è contribuito in tal modo alla stabilità e al buon andamento dell’operatività. Particolare evidenza meritano le consultazioni riguardanti il Fondo di Garanzia Istituzionale delle Casse Raiffeisen e i lavori di ristrutturazione e di ampliamento del Palazzo Raiffeisen, le decisioni in merito alla Strategia RIS 2013 e alla rielaborazione del catalogo dei servizi e dei relativi prezzi.

Collaboratori La Federazione è un’impresa che, fornendo specifici prodotti e servizi, contribuisce al successo economico di ciascun socio. A tale scopo è imprescindibile un’attività continua di formazione e di specializzazione, attività alla quale nel corso dell’esercizio in esame sono state destinate notevoli risorse finanziarie. I responsabili della Federazione attribuiscono grande valore alla motivazione dei collaboratori e alla loro identificazione con l’azienda, oltre che alla competenza specialistica, all’impegno personale e all’affidabilità nell’esecuzione del lavoro.

Nell’anno di riferimento, il numero medio di collaboratori, convertendo in rapporti a tempo pieno i contratti stagionali e quelli part-time, è aumentato da 236,9 a 250,6 unità. Alla fine dell’anno risultavano occupate 267 persone. 24 collaboratori avevano un contratto a tempo parziale. Con 14 posti stagionali e 6 posti per stagisti la Federazione ha dato anche nell’anno in esame la possibilità ad alcuni studenti di allacciare i primi contatti con il mondo del lavoro.

15


Variazioni dell’organico Settore attività

N. medio dipendenti 2010

N. medio dipendenti 2009

Differenza

in %

6,16

6,13

0,03

0,49

Direzione di Revisione

27,72

25,83

1,89

7,32

Area Banche

43,69

42,82

0,87

2,03

3,80

2,55

1,25

49,02

Direzione Generale

Area Cooperative di Produzione e di Servizi Area legale

5,40

6,07

- 0,67

- 11,04

Area fiscale

16,36

15,67

0,69

4,40

Area Servizio lavoro e sindacale

13,65

12,69

0,96

7,57

110,92

105,67

5,25

4,97

Area Sistema Informativo Raiffeisen Area Servizi aziendali Totale

A fine anno la Federazione occupava 267 persone.

16

22,93

19,45

3,48

17,89

250,63

236,89

13,75

5,80


Attività di stampa e di pubbliche relazioni Tra le attività chiave svolte dall’Ufficio Stampa e pubbliche relazioni si ricordano l’organizzazione preliminare e la realizzazione delle manifestazioni per il 50° anniversario della Federazione, attività che hanno richiesto ai dipendenti un notevole impegno personale. La Federazione ha, ad esempio, per la prima volta invitato editori e caporedattori ad una conferenza stampa, in occasione della quale Franz Kössler, rinomato giornalista dell’azienda radiotelevisiva austriaca ORF, ha tenuto una conferenza sul ruolo dei mass media nella società globalizzata. Le celebrazioni hanno raggiunto il proprio culmine con la cerimonia del 10 giugno al termine dell’Assemblea generale dei soci presso il Kurhaus di Merano, nel cui contesto è stata ripercorsa, attraverso una presentazione multimediale, la storia della Federazione. Nel proprio discorso solenne il Vescovo diocesano Karl Golser ha riferito in merito alle “considerazioni etiche sociali sul lavoro cooperativo” alla luce della dottrina sociale della Chiesa cattolica. Sempre per richiamare le radici storiche è stato organizzato il viaggio culturale dal motto “Sulle orme di Friedrich Wilhelm Raiffeisen”, il quale ha visto la partecipazione di 60 persone tra amministratori, sindaci e dirigenti delle cooperative associate. In occasione della ricorrenza c’ è stata una riedizione dell’opera di Friedrich Wilhelm Raiffeisen “Le associazioni casse di prestito” del 1866, presentata nell’ambito di un simposio scientifico tenutosi presso l’Accademia Europa di Bolzano. Nel quadro

del convegno intitolato “Le cooperative verso il futuro”, esperti di fama internazionale e rappresentanti di cooperative e di federazioni centrali si sono confrontati sul ruolo e sull’importanza delle imprese cooperative. L’Ufficio Stampa e pubbliche relazioni ha altresì collaborato allo svolgimento di progetti commissionati dal Comitato di coordinamento per l’agricoltura. Per il corrente anno è prevista un’analisi dell’immagine e della resonanza mediatica con riferimento alle cooperative agricole e ai relativi consorzi. Tale indagine costituirà la base per un’attività di comunicazione congiunta tra tutti i protagonisti del settore agricolo negli anni a venire. Nel corso dell’anno sono state presentate attraverso i mass media numerose cooperative aderenti alla Federazione; al ruolo e all’importanza del movimento cooperativo Raiffeisen è stato dedicato ampio spazio in appositi opuscoli, in articoli e nei mezzi stampa interni della Federazione. Per la prima volta la Federazione ha presentato i principali dati relativi al potere economico dell’Organizzazione Raiffeisen nell’ambito di una pubblicazione realizzata secondo i canoni tipici del bilancio sociale. Il quindicinale “Raiffeisen Mitteilungen” ha continuato a rappresentare un punto chiave dell’attività di pubbliche relazioni. La pubblicazione di quattro pagine esce come inserto della rivista “Südtiroler Landwirt” e viene inviata come edizione straordinaria a diverse organizzazioni e istituzioni nazionali ed estere. La sua stampa è prevista 25

17


volte l’anno in una tiratura di circa 18.000 esemplari. Sei volte l’anno esce, invece, la rivista “Raiffeisen Magazine” per i clienti e i soci delle Casse Raiffeisen dell’Alto Adige: con quasi 43.000 esemplari per edizione quest’ultima è una delle pubblicazioni periodiche più diffuse in provincia. L’Ufficio Stampa e pubbliche relazioni ha poi partecipato regolarmente alle riunioni di redazione della trasmissione radiofonica sull’agricoltura “Landwirtschaft aktuell”, realizzata dell’emittente RAI in lingua tedesca “Sender Bozen”. Ha, infine, curato interventi radiofonici in cui sono stati tematizzati gli sviluppi e gli eventi recenti che hanno interessato le cooperative Raiffeisen. Un ulteriore punto fermo nell’attività di pubbliche relazioni e di stampa è rappresentato

dall’assistenza prestata alle cooperative in occasione di eventi, convegni, riunioni, premiazioni e riconoscimenti di vario genere. L’Ufficio Stampa e pubbliche relazioni ha fornito, inoltre, un prezioso aiuto nella redazione di discorsi e scritti celebrativi nonché nella redazione di opuscoli. Anche in occasione del conferimento della Spilla d’onore della Federazione a personalità del cooperativismo o nel contesto di altri riconoscimenti a funzionari, soci o collaboratori, l’Ufficio Stampa e pubbliche relazioni ha fornito il proprio contributo. Esso ha, inoltre, messo a disposizione delle cooperative associate le proprie conoscenze specialistiche anche nell’ambito di workshop organizzati dal Reparto Formazione.

Rappresentanza di interessi La Federazione intrattiene rapporti con tutte le autorità e con tutti gli uffici pubblici di rilievo, direttamente o indirettamente rilevanti per il sistema cooperativo. È legata a enti cooperativi a livello nazionale e internazionale nonché a istituzioni pubbliche attive in ambito economico, sociale e scientifico. Inoltre, la Federazione è rappresentata in molti organismi ed enti in ambito provinciale e nazionale, tra cui la Camera di commercio, l’Istituto di ricerca economica, la Commissione regionale dell’associazione bancaria italiana ABI o le confederazioni nazionali Confcooperative e Federcasse, oltre che in diverse commissioni e in vari

18

gruppi di lavoro. In questo modo è in grado di rappresentare direttamente gli interessi delle cooperative associate. La Federazione fa infine parte dell’Unione internazionale Raiffeisen (IRU), dell’Istituto di ricerca cooperativa presso l’Università di Münster in Germania e dell’Istituto internazionale di ricerca cooperativistica nell’arco alpino (IGA). Un punto fermo della nostra attività consiste nella collaborazione con le federazioni dei territori limitrofi al nostro, ossia quelle di Monaco di Baviera, di Innsbruck e di Trento. Abbiamo, infatti, radici economiche, culturali e sociali comuni e possiamo fare affidamento su una solida


base di rapporti istituzionali e di amicizia. Durante la prima “conferenza di rete” Raiffeisen, i consiglieri della Federazione dell’Alto Adige e quelli dell’omologa Federazione del Tirolo hanno avuto modo di approfondire i

contatti, scambiare informazioni e cercare, attraverso appositi gruppi di lavoro, possibili campi d’azione comuni. Tra le altre cose, è stato deciso di intensificare la rappresentanza di interessi a livello europeo.

A Bolzano la Federazione Raiffeisen dell’Alto Adige e quella del Tirolo austriaco hanno organizzato una conferenza comune con l’obiettivo di intensificare i rapporti in essere e di favorire lo svolgimento di progetti transfrontalieri. L’ex commissario europeo austriaco Franz Fischler ha tenuto una relazione sul futuro dell’agricoltura in Europa dopo il 2013.

19


Partecipazioni

Partecipazioni istituzionali

20

Partecipazioni strategiche ed economiche

Confederazione Cooperative Italiane C.C.I. (Roma)

Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A. (Bolzano)

Società finanziaria assicurativa Finassimoco S.p.A. (Segrate–MI)

Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo - Casse Rurali ed Artigiane FEDERCASSE (Roma)

Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A. (ex legge 59/92, Bolzano)

Società di assicurazioni Assimoco S.p.A. (Segrate–MI)

Istituto internazionale di ricerca cooperativistica dell’arco alpino IGA (Innsbruck - Austria)

Tipografia e società di distribuzione interregionale delle banche di credito cooperativo CISCRA S.p.A. (Rovigo)

Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. RVD (Bolzano)

Unione internazionale Raiffeisen IRU (Bonn - Germania)

Società di partecipazioni delle banche di credito cooperativo italiane ICCREA Holding S.p.A. (Roma)

R.U.N. S.p.A. (Bolzano)

FfG Forschungsges. für Genossenschaftswesen Münster e.V. (Società di ricerca cooperativistica presso l’Università di Münster - Germania)

Società di sviluppo e formazione SEF CONSULTING S.p.A. (Roma)

PensPlan Centrum S.p.A. (Bolzano)

Accademia Europea EURAC (Bolzano)

Credit Solution S.p.A. (Bolzano)


Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A. In qualità di organo di revisione legalmente riconosciuto, la Federazione ha istituito questo fondo ai sensi della legge n. 59/1992 e della legge regionale n. 5/2008, detenendovi una partecipazione al 99,5%; la legge prevede una quota minima di partecipazione pari all’80%. La gestione del fondo è affidata alla Federazione. In base a quanto previsto dalla legge, il fondo viene alimentato con il 3% degli utili delle cooperative associate e, in caso di liquidazione di una società cooperativa, il patrimonio che residua dopo il pagamento di tutti i debiti e il rimborso delle quote ai soci deve essere devoluto al fondo stesso. I mezzi finanziari complessivamente versati nel corso del 2010 ammontano a 2.060.374 euro. Di questi, il 62,2% va

imputato alle Casse Raiffeisen, mentre il 37,8% è di competenza delle cooperative di produzione e di servizi. Nel corso dell’anno, nel rispetto delle disposizioni legislative e statutarie in materia, sono stati concessi 129 contributi a favore delle cooperative, per un totale di 3.580.516 euro; i contributi effettivamente corrisposti nel 2010 sono stati pari a 1.212.358 euro. Non è stato concesso alcun prestito e sinora il fondo non ha acquisito alcuna partecipazione. A fine anno il patrimonio del fondo ammontava a 7.860.833 euro. Di questi, 3.106.467 euro risultavano già impegnati per contributi. La società ha chiuso l’esercizio con una perdita pari a 82.348 euro.

Credit Solution S.p.A. Nell’esercizio 2010 Credit Solution S.p.A. ha acquistato dalle Casse Raiffeisen 7 posizioni creditizie del valore nominale di 1.987.662 euro. 7 Casse Raiffeisen le hanno inoltre conferito un mandato avente ad oggetto

la consulenza e l’assistenza in relazione alle posizioni deteriorate. Nell’ambito di tale incarico vengono attualmente gestite 6 posizioni in sofferenza. L’esercizio si è concluso con un utile di 38.945 euro.

21


Società del gruppo Assimoco (assicurazioni) L’assemblea degli azionisti del gruppo assicurativo del Movimento Cooperativo Assimoco nel Palazzo Raiffeisen a Bolzano

Assieme alla Confederazione Cooperative Italiane (c.c.I.) di Roma e all’istituto tedesco di assicurazione cooperativa R+V Versicherung AG con sede a Wiesbaden, la Federazione è fortemente impegnata nel gruppo assicurativo Assimoco e partecipa attivamente alla gestione delle società operative. In tutta l’Italia il 2010 è stato un anno difficile per il mercato delle assicurazioni: soprattutto il ramo RCA ha lamentato grosse perdite che, in molti casi, hanno portato in terreno negativo i bilanci delle compagnie. Questo avverso contesto di mercato non ha risparmiato nemmeno le società del gruppo Assimoco, il cui ramo danni è inoltre stato sottoposto ad una radicale riorganizzazione per ovviare a delle problematiche insorte in seno al management. Oltre alle novità riguardanti la composizione del management e alla riorganizzazione dei processi operativi e di controllo, si è provveduto ad un aumento straordinario delle riserve per i

22

rami RCA e RC. Questi eventi hanno inciso negativamente sui risultati di esercizio ed hanno indotto, nel ramo danni, ad attuare una riduzione di capitale ai sensi dell’art. 2446 c.c. con conseguente aumento del capitale. In ottobre dello scorso anno nell’assemblea straordinaria di Finassimoco S.p.A. è stato deliberato un aumento del capitale sociale di 38 milioni di euro, mentre per Assimoco S.p.A., sempre nell’ambito di un’assemblea straordinaria appositamente indetta, è stato deciso di ridurre il capitale sociale di 92,7 milioni di euro e di aumentarlo successivamente di 57 milioni di euro, con un sovrapprezzo di 14,7 milioni di euro. La Federazione ha aderito ai provvedimenti descritti. Il ramo vita di Assimoco ha conseguito risultati soddisfacenti anche nell’esercizio preso in esame, con una raccolta premi di 494 milioni di euro e un utile di esercizio di 1 milione di euro.


In settembre del 2010 Raiffeisen Servizi Assicurativi ha celebrato il proprio 20° anniversario presso il centro manifestazioni KiMM di Merano.

Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. (RVD) Nel 2010 è ricorso il ventesimo anniversario della costituzione di Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. Dopo due decenni dedicati allo sviluppo del modello distributivo bancario, questo può dirsi oggi pienamente affermato e l’attività assicurativa fa ormai parte integrante dell’attività del Sistema bancario Raiffeisen. Grazie alla buona collaborazione con le Casse Raiffeisen è stato possibile integrare l’attività assicurativa nell’operatività bancaria, sfruttando nuovi flussi finanziari. La consulenza qualificata e attenta in materia di assicurazioni arricchisce il servizio prestato ai clienti delle Casse Raiffeisen. Questa società, al cui capitale la Federa-

zione partecipa al 99,95%, nel 2010 ha potuto rafforzare ulteriormente la propria posizione di mercato nel settore assicurativo e guadagnare altre quote di mercato in tutti i rami. I premi riscossi hanno raggiunto nel 2010 130 milioni di euro. I sinistri gestiti erano complessivamente 15.378, a fronte dei quali sono stati liquidati 21,4 milioni di euro per risarcimento danni. Quanto a provvigioni, l’attività assicurativa ha fruttato alle Casse Raiffeisen un totale di 6,87 milioni di euro. La società ha registrato un utile al netto delle imposte pari a 487.423 euro.

Raising Unified Network S.p.A. (R.U.N.) La Federazione detiene il 50% del capitale di questa impresa, divenuta oramai un pilastro fermo nel settore informatico altoatesino. Attraverso questa partecipazione strategica la Federazione e i suoi soci hanno modo di sfruttare sinergie che permettono di

contenere i costi per i servizi informatici. Nel corso dell’esercizio preso in considerazione, la società ha realizzato un giro d’affari di 9,8 milioni di euro e un utile al netto delle imposte pari a 695.000 euro.

23


3. Il mandato statutario a favore dei soci

Gli ambiti a cui si riferiscono i compiti della Federazione si suddividono in due grandi aree: la sorveglianza cooperativa quale incombenza legislativa da una parte, e la rappresentanza nonché la prestazione di servizi quale mandato statutario a favore dei soci dall’altra. L’attività federale risulta pertanto orientata sia secondo precise norme di legge che secondo le direttive contenute nel mandato statutario a favore dei soci. Con riferimento a quest’ultimo, la Federazione fornisce prestazioni di ogni genere, consistenti fondamentalmente nella consulenza, nell’assistenza e nella produzione di servizi.

Diritto del lavoro e sindacale L’Area Diritto del lavoro e sindacale fornisce consulenza alle cooperative associate in tutte le questioni attinenti il diritto del lavoro e l’amministrazione del personale, occupandosi delle seguenti attività: consulenza in materia di diritto del lavoro, elaborazione di salari e stipendi, calcolo dei contributi sociali ed effettuazione delle rispettive segnalazioni, predisposizione di ogni genere di dichiarazioni annuali, ricerca e selezione del personale, immatricolazioni e cancellazioni di collaboratori, rappresentanza di interessi e svolgimento delle trattative contrattuali. Sono aumentate le attività operative e di consulenza nel campo d’azione dei patronati, ad esempio per quanto riguarda le consulenze in materia di previdenza e assistenza sociale. Hanno incontrato crescente favore anche i servizi dedicati agli aspetti organizzativi attinenti alla gestione del personale, alla disciplina degli ammortizzatori sociali ordinari e straordinari, all’impiego ottimale delle risorse umane e all’adeguamento di vari processi. In ambito amministrativo l’attività non si è limitata all’elaborazione di salari e stipendi, ma ha riguardato anche l’immatricolazione

24

e la cancellazione di dipendenti presso l’Ufficio servizio lavoro, l’elaborazione di contratti di assunzione standardizzati e specifici, di mansionari e di profili professionali nonché conteggi di vario genere. È stato nuovamente istituito il servizio per il calcolo complesso delle indennità di fine rapporto.

Rag. Christian Tanner Responsabile di Area

A livello nazionale, provinciale e aziendale l’Area ha partecipato alle contrattazioni sindacali in veste di rappresentante o di consulente. I collaboratori dell’Area si sono occupati delle più svariate incombenze in diversi organismi e gruppi di lavoro e hanno assunto mandati di vario tipo nei seguenti organi: nella Delegazione di trattativa nazionale di Federcasse, nel Gruppo di lavoro nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro, nella Commissione di vigilanza del Raiffeisen Fondo Pensione Aperto (ROP), nel Fondo per l’assistenza sanitaria per il movimento monetario Raiffeisen, assumendone la presidenze, nell’Associazione Italiana Direttori del Personale AIDIP, nel


Comitato interbancario per apprendisti bancari, nel Comitato paritetico per le cooperative sociali, nell’Osservatorio locale per le cooperative, nella Commissione per l’occupazione di cittadini extracomunitari nonché in Gruppi di lavoro e squadre di progetto di vario genere. L’Area ha prestato poi assistenza specialistica alle delegazioni di contrattazione del settore delle Casse Raiffeisen nonché di quello delle cooperative ortofrutticole, vinicole, lattiero-casearie ed energetiche.

ai profili professionali o quello dell’istituzione di un fondo sanitario provinciale.

I collaboratori hanno dovuto investire molto tempo nell’adeguamento alle innovazioni tecniche e normative, resesi necessarie in seguito alla modifica di disposizioni di legge. Queste hanno riguardato l’igiene e la sicurezza nonché la tutela della salute sul lavoro. Grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia e di specifici programmi informatici (“Web-Lohn”, “Online Zeit”, sistema di archiviazione digitale dei documenti D3) è stato possibile soddisfare gli impegni imposti entro i termini previsti. L’Area ha prestato assistenza anche ai 267 dipendenti della Federazione.

Raiffeisen Fondo Pensione Aperto Al 31.12.2010 erano iscritti al Raiffeisen Fondo Pensione Aperto (ROP) 2.173 collaboratori del Sistema bancario Raiffeisen. Tale Fondo gestisce la previdenza complementare per i dipendenti del Sistema bancario Raiffeisen. Già nel 2008 quasi tutti i dipendenti avevano trasferito il capitale da loro maturato nel Fondo Pensione Nazionale al Raiffeisen Fondo Pensione Aperto. Anche le nuove iscrizioni hanno riguardato quasi esclusivamente questo fondo.

Oltre a curare i colloqui di valutazione del personale, l’Area ha tenuto incontri con il Comitato aziendale e ha svolto colloqui di assunzione. L’Area offre ai collaboratori della Federazione il servizio di compilazione della dichiarazione dei redditi Mod. 730. Il suo intervento è sempre più spesso richiesto anche dai reparti tecnici della Federazione nonché dalla Direzione della stessa, ad esempio quando si tratta di affrontare progetti intersettoriali come quello relativo

Contabilità del personale Nel 2010 l’Area ha elaborato mediamente 8.376 retribuzioni al mese, applicando ben 35 diversi contratti collettivi. Nell’arco dell’intero anno sono state così approntate 96.940 buste paga, ivi comprese anche quelle predisposte per conto di Banche di credito cooperativo situate al di fuori dell’Alto Adige.

Controversie sul lavoro e conciliazione delle stesse Le cooperative associate apprezzano la consulenza in loco, poiché essa permette di risolvere già al momento del loro insorgere le eventuali situazioni conflittuali. Ciononostante, nel 2010 il numero di controversie è aumentato del 50% rispetto all’anno precedente, passando ad un totale di 127 casi. L’importo complessivo delle controversie era pari a 5,2 milioni di euro. Alla fine dell’anno erano sei le contese ancora pendenti.

25


Servizi speciali Tra i compiti specifici dell’Area si citano la direzione del Fondo per l’assistenza sanitaria, al quale aderiscono oltre 2.400 collaboratori del Sistema bancario Raiffeisen, l’assistenza agli oltre 2.000 iscritti al Fondo Sanitario “Cesare Pozzo” delle cooperative ortofrutticole ed energetiche nonché delle federazioni di allevatori e delle aziende commerciali e, infine, l’assistenza alle quasi 2.000 persone iscritte a Laborfonds.

Grazie al Fondo per l’assistenza sanitaria del Sistema bancario Raiffeisen è stato possibile realizzare delle economie sulle prestazioni sociali. L’Area si è impegnata anche nell’ambito della formazione degli apprendisti bancari. Ai relativi corsi di formazione hanno preso parte 142 allievi, 58 dei quali appartenenti al Sistema bancario Raiffeisen.

Prestazioni dell’Area Servizio lavoro e sindacale nell’esercizio 2010 Cooperative associate che applicano il programma di calcolo salariale Numero di fogli retribuzione elaborati nell’anno Numero di fogli retribuzione elaborati mensilmente Numero di immatricolazioni e cancellazioni di dipendenti nonché di denunce di variazione presso l’Ufficio servizio lavoro Gestione soci iscritti a Laborfonds Gestione soci iscritti al Fondo Sanitario “Cesare Pozzo” Gestione soci iscritti al Fondo per l’assistenza sanitaria del Sistema bancario Raiffeisen di cui pensionati Contratti collettivi applicati Controversie sul lavoro Note di rettifica INPS elaborate (il 99% delle quali per importi non dovuti) Assistenza nelle contestazioni (il 98% delle quali ingiustificate) Importi reclamati in controversie in milioni di euro Contratti di lavoro individualizzati Colloqui di assunzione Accordi siglati Attività di informazione alle cooperative associate Attività didattiche Incontri o partecipazioni a eventi da parte dei consulenti dell‘Area

26

258 100.520 8.376 1.109 1.926 2.014 2.355 105 35 127 118 46 5,2 420 83 Accordi aziendali 21 Accordi sindacali a livello provinciale 2 Accordi a livello nazionale per le banche di credito cooperativo 2 Circolari 49 Lettere circolari 40 Relazioni tecniche e iniziative formative 19 Per aspiranti operatori/trici bancari/e 14 1.223


Consulenza fiscale

Herbert Oberkalmsteiner Responsabile di Area

L’Area fiscale informa, consiglia e rappresenta le cooperative associate e i loro clienti nelle questioni di natura tributaria, oltre a prestare vari servizi attinenti agli obblighi fiscali. Le direttive comunitarie entrate in vigore il 1° gennaio 2010 hanno fatto sì che l’anno trascorso si svolgesse all’insegna della riforma della disciplina dell’imposta sul valore aggiunto sui servizi transfrontalieri. L’Italia ha emanato le norme di recepimento con un mese di ritardo, dando così luogo a profonde incertezze e a problemi di sintonizzazione con le aziende aventi sede negli altri paesi dell’Unione Europea. A questo proposito è stato pubblicato un nuovo modello per le dichiarazioni Intrastat in cui, oltre alle forniture e agli acquisti intracomunitari di merci, vanno ora indicate anche le prestazioni di servizi. Di conseguenza, la dichiarazione deve ora essere presentata da un numero molto maggiore di cooperative che in passato. Sono state inoltre previste delle restrizioni alla possibilità di compensare i crediti IVA con altri debiti tributari, adducendo illeciti nell’applicazione della relativa normativa. Le limitazioni consistono nella previsione che, prima di procedere alla compensazione, la dichiarazione IVA riportante un importo superiore ai 15.000 euro deve essere verificata e vistata dal revisore contabile o da un commercialista. Questo nuovo obbligo ha comportato oneri burocratici aggiuntivi e un aumento dei costi a carico delle aziende federate. Alla consueta molteplicità di norme di cui

l’Area fiscale deve comunque tenere conto nell’ambito della propria attività, durante l’esercizio considerato si sono aggiunte delle novità normative che hanno esplicato i propri effetti anche in altri ambiti del fisco. Al fine di combattere l’evasione fiscale, ad esempio, sono stati introdotti nuovi obblighi di segnalazione in forma elettronica degli acquisti e delle cessioni riguardanti paesi che, come la Svizzera, sono considerati paradisi fiscali. L’introduzione, a partire dal mese di aprile del 2010, della cosiddetta Comunicazione unica al Registro delle imprese per tutte le segnalazioni di natura fiscale e previdenziale, contrariamente alle attese non ha costituito una semplificazione, visto che gli uffici preposti hanno mantenuto invariate le proprie procedure e i propri moduli. Ripercussioni particolarmente negative per le Casse Raiffeisen sono derivate dalla decisione adottata alla fine del 2010 dalla Giunta Provinciale, con cui l’aliquota IRAP è stata portata dal 3,40% al 4,82%. Questa novità ha determinato un aumento del carico fiscale nell’ordine di vari milioni di euro. Uno dei compiti di fondo dell’Area fiscale era dato dalla comunicazione alle aziende federate delle novità normative e delle relative interpretazioni: a tale scopo sono state distribuite 56 circolari e 51 lettere circolari e sono state fornite varie consulenze individuali alle federate. Nell’ambito di varie conferenze sono state trattate le

27


Il Palazzo Raiffeisen ha ospitato vari convegni informativi vertenti su specifiche tematiche tributarie, organizzati dagli esperti fiscali dell’Area della Federazione.

principali innovazioni e sono stati altresì forniti suggerimenti pratici tesi a garantire il rispetto delle prescrizioni fiscali. Tra le principali incombenze dei consulenti rientrano il supporto e la consulenza in relazione alla parte fiscale del bilancio di esercizio delle aziende federate. Tali attività possono essere svolte solo sulla scorta di notevoli conoscenze specialistiche e, in considerazione della rilevanza degli effetti fiscali, richiedono la massima accuratezza. Dichiarazioni dei redditi Per quasi tutte le aziende federate è stata compilata la dichiarazione dei redditi. I conteggi delle imposte e la predisposizione delle dichiarazioni sono attività complesse che richiedono molto tempo, visto che in molti casi devono essere considerate anche

28

le imposte differite e quelle anticipate. Il carico fiscale complessivo per IRES, IRAP e ICI dovute dalle cooperative associate è diminuito rispetto al 2009, scendendo a 26 milioni di euro. Per un gran numero di cooperative sono stati predisposti gli studi di settore. La dichiarazione IRAP nel 2010 andava per la prima volta redatta mediante un nuovo modello. Su incarico delle cooperative sono state predisposte e inviate in formato digitale 381 dichiarazioni dei sostituti d’imposta (mod. 770), 337 dichiarazioni IVA, 307 comunicazioni IVA annuali e 574 dichiarazioni d’intento IVA. Sono state altresì predisposte le dichiarazioni ICI per tutte le cooperative proprietarie di immobili (192), per le quali l’Area provvede


alla stesura della dichiarazione dei redditi mediante modello Unico. Il numero degli invii telematici e delle dichiarazioni dei redditi nell’anno in esame è stato pari a 12.011 unità. A queste si sono aggiunte 75 dichiarazioni di acquisti e cessioni nei paradisi fiscali, 461 comunicazioni periodiche Intrastat e 17 istanze di rimborso IVA da paesi UE. Provvedimenti amministrativi e ricorsi tributari I preavvisi telematici, il più delle volte ingiustificati, si sono ridotti da 125 unità nell’esercizio precedente a 95 nel 2010. Verifiche fiscali A causa del loro fatturato elevato due aziende federate sono soggette a verifica fiscale annuale. Questa è prevista dalla nuova normativa in materia. Nel 2010, oltre a due controlli globali, sono stati effettuati in prevalenza controlli parziali riguardanti gli scambi intracomunitari. Servizio contabile Nel 2010 sono state assistite 164 tra cooperative, società ausiliarie, aziende consorziali e associazioni. Per otto cooperative è stato redatto il bilancio di liquidazione. Si tratta, in tutti e otto i casi, di cooperative edilizie. Le cooperative assistite si occupano di energia, di teleriscaldamento, di acqua potabile, di biogas, di servizi sociali, di lavoro, di edilizia, di gestione di centri culturali e di asili per l’infanzia, di turismo, di promozione delle attività sportive, di lavorazione del latte, di commercializzazione e di sviluppo.

Usufruiscono dei servizi dell’Area anche varie cooperative ausiliarie. Il totale attivo delle aziende in questione era pari a 196 milioni di euro. Quattro aziende cooperative e consorziali si sono avvalse, inoltre, di una costante attività di supporto presso le proprie sedi. Depositi di atti presso il registro delle imprese L’Area offre un servizio completo in relazione a tutte le comunicazioni da trasmettere al registro delle imprese esclusivamente in forma telematica con firma digitale. Si tratta del deposito dei documenti di bilancio, della comunicazione delle cariche elettive e di altre variazioni soggette a denuncia. Nel 2010 sono state trasmesse 641 comunicazioni: 258 avvisi di rinnovo cariche, 334 depositi di bilancio, 6 comunicazioni di fusione e 43 denunce varie. Supporto all’assistenza fiscale L’Area ha fornito a 90 cooperative associate tutte le informazioni tecniche fiscali necessarie. Grazie a tale servizio, 1.493 dipendenti delle cooperative in questione hanno potuto riscuotere già in luglio i propri crediti di imposta per un totale di 1,4 milioni di euro. Il debito di imposta, ammontante a poco meno di 125.000 euro, è stato saldato direttamente dal datore di lavoro. “Raiffeisen Magazine” e portale internet Per la rivista “Raiffeisen Magazine” è stata predisposta l’agenda delle scadenze fiscali

29


mensili. Sono stati inoltre redatti 18 articoli specialistici. L’Area Fiscale cura due pagine della rivista “Raiffeisen Magazine” e pubblica le scadenze fiscali sul sito internet dell’Organizzazione. Formazione professionale Gli esperti dell’Area fiscale hanno contribuito attivamente a 9 iniziative formative organizzate dalla Federazione, dalle Casse

Raiffeisen e da altre aziende federate. A causa della continua evoluzione della normativa è stato necessario predisporre ogni volta ex novo gli atti dei convegni. Al fine di mantenere aggiornate le conoscenze specialistiche in materia, i collaboratori dell’Area hanno assistito a vari convegni e seminari, sia in Italia settentrionale che a Roma.

Prestazioni dell’Area Fiscale nell’esercizio 2010 Tipo Numero di aziende assistite Totale attivo delle aziende Fatturato delle aziende Dichiarazioni dei redditi (modello Unico) Dichiarazioni IRAP Dichiarazioni dei sostituti d’imposta (modello 770) Dichiarazioni annuali IVA Comunicazioni annuali dati IVA Dichiarazioni di intento IVA Dichiarazioni ICI Registrazioni contratti di locazione Preavvisi telematici F24 a/m ENTRATEL (compensazioni) Atti depositati presso il Registro delle imprese (tra cui depositi bilanci, comunicazioni cariche elettive) Comunicazioni telematiche ed altro Servizi contabili: • Imprese assistite • Totale attivo delle imprese in milioni di Euro • Modelli F24 predisposti

30

Numero 375 13,5 miliardi di € 2,4 miliardi di € 350 351 381 337 307 574 192 25 95 967 641 12.011 164 196 milioni di € 580


Consulenza legale

Dr. Michael Obrist Responsabile di Area

La mission di fondo dell’Area legale anche nel 2010 è consistita nel fornire informazioni, consulenza e supporto alle cooperative associate nelle più svariate questioni di natura legale. Oltre ai settori del diritto da sempre al centro dell’interesse delle aziende fruitrici, quali il diritto societario e cooperativo, il diritto contrattuale, il diritto delle obbligazioni, il diritto delle successioni, il diritto bancario,il diritto fallimentare e le disposizioni sulla prevenzione del riciclaggio di denaro, assumono crescente importanza il diritto ambientale e quello alimentare. Nei campi tradizionali del diritto l’intensità delle consulenze è aumentata. Questo fatto va ricondotto alla crescente incertezza del diritto, alla spiccata propensione alla regolamentazione dimostrata dal legislatore nazionale e internazionale nonché alla difficile situazione economica generale. L’intervento dell’Area legale è sempre più spesso richiesto anche dalle altre Aree di consulenza della Federazione nonché dalla Direzione della stessa. Nel corso del 2010 gli addetti all’Area legale hanno predisposto 108 circolari e hanno risposto a 5.700 quesiti posti mediante e-mail, oltre cha ad altrettante domande telefoniche. In veste di relatori essi hanno inoltre dedicato 89 giornate di lavoro alle manifestazioni formative. In aggiunta alle attività citate, l’Area ha informato le cooperative associate in merito a 60 procedure concorsuali, 428 procedimenti di esecuzione forzata su immobili e 56 istanze con 1.086 provvedimenti indi-

viduali presentate dal pubblico ministero presso il Tribunale di Bolzano. L’Area ha poi provveduto alla registrazione di 97 contratti e all’ammortamento di 119 tra libretti a risparmio, certificati di deposito e titoli obbligazionari. Antiriciclaggio Un argomento tuttora non consolidatosi è quello della prevenzione del riciclaggio di denaro. A tale riguardo, gli esperti dell’Area Legale hanno curato corsi di formazione per i dipendenti delle Casse Raiffeisen. Il 2010 è stato poi contrassegnato anche dall’analisi e dal recepimento di alcune novità normative. Sono state, ad esempio, rielaborate le disposizioni riguardanti la tenuta del registro elettronico in cui vanno censiti, oltre a determinate operazioni, tutti i rapporti commerciali in essere con la banca. La novità più rilevante consiste nella riduzione da 12.500 euro a 5.000 euro della soglia per i pagamenti in contanti, per l’emissione di assegni trasferibili e per i depositi sui libretti a risparmio al portatore. Payment Service Directive (PSD) In applicazione delle disposizioni comunitarie, all’inizio del 2010 il legislatore italiano ha ridisciplinato l’esecuzione dei servizi di pagamento da parte delle banche. In tale circostanza l’Area Legale ha dovuto rivedere i modelli di convenzione di conto corrente e i facsimile di contratto per gli altri servizi di pagamento, tra cui il sistema Bancomat; essa ha anche predisposto

31


la documentazione per l’informativa alla clientela e le comunicazioni ai clienti delle banche. Per questa incombenza l’Area legale si è avvalsa della collaborazione della Federazione Italiana delle Banche di Credito Cooperativo Federcasse. Modifica del Testo Unico Bancario All’inizio dell’autunno il legislatore nazionale ha recepito le previsioni comunitarie in materia di credito al consumo. In tale contesto è stato riscritto il capo del Testo Unico Bancario che regola il rapporto tra la banca e il cliente, in particolare per quanto riguarda i contratti e la trasparenza (d.lgs. 141/2010). Mentre le disposizioni sul credito al consumo acquisiranno efficacia solo con l’emanazione delle relative disposizioni di attuazione, le altre modifiche, che in parte si presentano alquanto incisive, sono già in vigore. L’Area legale ha studiato le novità e ne ha dato comunicazione alle Casse Raiffeisen, adeguando anche i modelli contrattuali. Revisione legale In ottemperanza alla normativa comunitaria, con d.lgs. 39/2010 il legislatore italiano ha ridisciplinato anche l’attività di revisione legale dei conti annuali e dei conti con-

32

solidati. Visto che le novità in questione interessano anche il sistema cooperativo, l’Area legale ha studiato a fondo le nuove disposizioni, fornendo le dovute informazioni alle cooperative associate. In considerazione del fatto che la materia era già stata regolamentata a livello regionale, è stato necessario trovare il collegamento tra le rispettive norme giuridiche. Progetti speciali L’Area legale ha fornito informazioni in merito al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri), ai provvedimenti sui sistemi di videosorveglianza, emanati dal Garante per la protezione dei dati personali, alle disposizioni sulla tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti pubblici e all’obbligo di indicazione degli estremi catastali nei contratti di locazione e di compravendita. Una sfida particolare era rappresentata dal progetto “VOG 2010” realizzato per il Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige e per le cooperative appartenenti allo stesso. Nell’ambito di tale progetto l’Area legale ha prestato assistenza ai fini della stesura di un nuovo regolamento che pone su una base del tutto nuova lo svolgimento delle operazioni tra il Consorzio e le cooperative aderenti.


Servizi per il Sistema bancario Raiffeisen

Andreas Mair am Tinkhof Responsabile di Area

L’Area banche della Federazione si occupa della consulenza e dell’assistenza al Sistema bancario Raiffeisen per quanto riguarda le questioni tecniche bancarie. Nel corso dell’esercizio 2010 sono stati affrontati molteplici progetti e le Casse Raiffeisen hanno potuto usufruire di un’ampia gamma di servizi. Il Comitato di coordinamento dell’Organizzazione monetaria Raiffeisen, il quale funge da organo statutario della Federazione e si occupa del coordinamento degli interessi e delle esigenze delle Casse Raiffeisen appartenenti al sistema, nel corso dell’esercizio in rassegna si è riunito otto volte e ha svolto una giornata di clausura. In tale ambito sono state discusse tematiche tecniche e sono state date le opportune raccomandazioni al riguardo. Il Comitato d’esperti in ambito bancario, di nuova istituzione, ha prestato assistenza nella risoluzione di problematiche specifiche bancarie. Nel corso di sette convegni a livello provinciale i direttori delle Casse Raiffeisen altoatesine sono stati informati su argomenti di attualità. Ciò ha contribuito, tra l’altro, a promuovere il dialogo costruttivo all’interno del Sistema bancario Raiffeisen.

Esso ha curato i rapporti con federazioni e istituzioni a livello regionale e nazionale al fine di garantire un prezioso scambio di informazioni e di esperienze. Tra le altre cose, il reparto ha dovuto occuparsi della Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID), della Direttiva sui requisiti di capitale “Basilea II”, delle problematiche relative alla compliance, dei principi contabili internazionali IAS/IFRS, delle disposizioni sulla trasparenza, della normativa sull’usura, del coordinamento delle polizze di gruppo del Sistema bancario Raiffeisen, delle dichiarazioni connesse ai versamenti dell’imposta di bollo, delle segnalazioni all’Autorità di vigilanza bancaria e all’Organo di vigilanza sul mercato finanziario Consob nonché dello studio dei documenti di consultazione. Il Reparto ha svolto la funzione di interfaccia verso il Fondo di Garanzia dei Depositanti, verso il Fondo di Garanzia Istituzionale delle Casse Raiffeisen e verso l’Associazione Bancaria Italiana ABI. I collaboratori hanno anche svolto la funzione di relatori in occasione di convegni di formazione e hanno, inoltre, supportato le Casse Raiffeisen in varie incombenze di carattere amministrativo.

Consulenza in materia di vigilanza Il Reparto consulenza normativa di vigilanza ha seguito attentamente gli sviluppi in materia di disposizioni di vigilanza, fornendo interpretazioni alle nuove norme ovvero alle modifiche apportate a quelle in vigore e supportando le Casse Raiffeisen nell’applicazione concreta delle stesse.

Gestione di fondi e consulenza per finanziamenti agevolati Il Reparto crediti speciali gestisce in nome e per conto della Provincia Autonoma di Bolzano una quota significativa dei mutui concessi per l’edilizia abitativa. Alla data di chiusura di bilancio, la Federazione gestiva oltre 80,2 milioni di euro.

33


Un ulteriore punto chiave era rappresentato dalla gestione del fondo di rotazione per il sostegno dell’economia e dell’agricoltura. Il volume amministrato dei relativi crediti superava, alla data di bilancio, 322,1 milioni di euro, di cui 190,2 milioni erano fondi messi a disposizione dalla Provincia Autonoma di Bolzano. I collaboratori del reparto si sono tenuti in stretto contatto con i vari uffici dell’Amministrazione Provinciale ed hanno fornito consulenza alle Casse Raiffeisen altoatesine. È stata altresì rinnovata la convenzione in essere con la Provincia per l’edilizia abitativa agevolata. Internal Audit L’attività di revisione interna viene svolta, in conformità con quanto previsto dalla Banca d’Italia, per 45 Casse Raiffeisen e per una società di leasing appartenente all’Organizzazione. A tale attività, nell’esercizio in rassegna sono state dedicate 980 giornate di revisione, quindi 120 giornate in più rispetto all’esercizio precedente. La durata media delle revisioni era pari a 21,5 giornate per ogni Cassa Raiffeisen. Oltre all’attività di revisione vera e propria, la Federazione ha curato anche la manutenzione della banca dati “IKS 2”, la quale viene utilizzata da gran parte delle Casse Raiffeisen come strumento ausiliario per l’esecuzione e la formalizzazione dei controlli di linea. Consulenza aziendale Il Reparto Consulenza aziendale banche ha il compito di prestare consulenza e supporto alle Casse Raiffeisen e alle altre aziende appartenenti al sistema, al fine di garantire loro il successo duraturo.

34

Nel campo del controllo di gestione, nel 2010 il reparto ha sviluppato con successo il pacchetto “Budget annuale & previsione del risultato”. Ampio favore hanno incontrato i workshop sul ritorno degli investimenti (ROI), organizzati appositamente per le Casse Raiffeisen e per la Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A. e giunti ormai alla tredicesima edizione. Nell’anno in rassegna vi hanno partecipato 46 Casse Raiffeisen. Particolare impegno è stato dedicato anche al supporto alle Casse Raiffeisen in materia di risk controlling e di sviluppo strategico, oltre che all’organizzazione di operazioni di fusione. Alle Casse Raiffeisen e alle altre cooperative associate è stato messo a disposizione un software che permette di eseguire sondaggi mirati di vario genere in forma anonima, a basso costo e in tempi brevi. Per il Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige è stata predisposta l’analisi dei costi e delle prestazioni; è stato, inoltre, portato a termine uno studio sulla cooperazione tra le cooperative di allevamento di bestiame. Nell’anno in rassegna il reparto ha messo a disposizione delle cooperative importanti indici aziendali, benchmark e materiale statistico. In questo contesto va richiamata la statistica annuale elettronica nel portale online, la quale consente di scaricare in modo rapido e semplice i dati per i vari utilizzi richiesti. In collaborazione con il Reparto formazione i collaboratori hanno tenuto oltre 20 seminari specialistici e workshop. La qualità dei servizi prestati può essere misurata in giornate di consulenza: nel corso dell’anno ne sono state prestate ben 500.


In occasione di una manifestazione per clienti dedicata al tema della previdenza e della tutela assicurativa si sono confrontati sui vari aspetti della sicurezza e sull’opportunità di prendere tempestive precauzioni l’esperto di psicologia economica Erich Kirchler, l’imprenditore Michael Seeber, il Direttore Generale della Federazione Cooperative Raiffeisen Paul Gasser, la moderatrice Verena Gruber, il Direttore di Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. Arno Perathoner e l’ex sciatore professionista salisburghese Matthias Lanzinger.

Marketing per le Casse Raiffeisen L’attività di marketing svolta nell’anno esaminato ha compreso molteplici iniziative e progetti tendenti a supportare le Casse Raiffeisen nella propria attività commerciale. Particolare attenzione è stata rivolta alla consulenza a 360 gradi orientata alle esigenze concrete della clientela. A questo scopo si sono organizzati degli interventi formativi e sono state svolte attività mirate; si è anche avuto cura di mettere a disposizione gli strumenti adeguati. Per quanto riguarda la tutela patrimoniale dei clienti, sia con riguardo alla professione, sia con riferimento al tempo libero, nel corso dell’anno sono proseguite le attività in materia di previdenza e di assicurazioni. Nell’ambito della manifestazione dal titolo “La piacevole sensazione di sicurezza” l’ex sciatore Matthias Lanzinger ha raccontato della sua vita dopo il grave incidente con gli sci. In tale contesto egli ha sottolineato l’importanza dell’assicurazione, grazie alla quale ha potuto ridisegnare la propria vita.

Nuovi impulsi sono stati impressi al progetto “risparmiare.energia”, al quale sono state dedicate apposite manifestazioni informative e formative imperniate sulle tematiche del recupero energetico e della produzione di energie rinnovabili, con l’obiettivo di corrispondere al crescente fabbisogno di consulenza in capo alla clientela e di perfezionare le conoscenze dei collaboratori in tale materia. Con la Federazione dell’Energia Raiffeisen è stato stipulato un accordo di cooperazione, grazie al quale i clienti Raiffeisen interessati possono usufruire di una consulenza indipendente e non eccessivamente onorosa da parte di esperti del settore per chiarire quesiti riguardanti le fonti energetiche rinnovabili. Nel segmento di mercato riguardante i bambini e i ragazzi, anche nell’anno in rassegna sono proseguite con successo le iniziative “Sumsi” e “GoCard”. Il programma “Bank The Future”, invece, è stato sottoposto a un aggiornamento dei contenuti e a un rifacimento della presentazione grafica.

35


La BOclassic è una delle più celebri manifestazioni sportive che si svolgono in Alto Adige. Per quanto riguarda l’atletica, è la gara regina in provincia. Durante il pomeriggio dell’ultimo giorno dell’anno, corridori dilettanti e giovanili hanno avuto modo di misurarsi con gli atleti di spicco.

Con l’obiettivo dichiarato di sensibilizzare allievi, insegnanti e autorità del mondo scolastico sulle idee cooperative e di porsi come interlocutore competente in materia, assieme all’istituto di categoria nazionale Confcooperative è stato avviato il progetto “Scuola e cooperativa”. Nell’ambito di tale iniziativa è stato girato il cortometraggio per giovani ”Was kostet die Welt?“, realizzato con protagonisti dilettanti altoatesini: le reazioni registrate tra i ragazzi e tra il pubblico in generale sono state alquanto positive. Il 40° Concorso Internazionale per la Gioventù era incentrato sul tema “Fatti un’idea del clima!” per illustrare ai bambini e agli adolescenti l’importanza delle tematiche riguardanti il clima, il suo cambiamento e la sua tutela. Al concorso di pittura e di creatività hanno partecipato oltre 10.000 scolari delle scuole elementari e medie. Il Raiffeisen InvestmentClub ha celebrato il proprio 10° anniversario. Il programma proposto ai 5.000 soci è stato, come al solito, molto vario. L’apice delle manifestazioni è stato l’ormai tradizionale convegno degli investitori, in occasione del quale una presentazione audiovisiva ha ripercorso i 10 anni di riuscita attività del circolo. Al convegno sono intervenuti anche il famoso giornalista e scrittore Prof. Scholl-Latour e altri relatori illustri. Può dirsi riuscito anche il portale internet www.raiffeisen.it, come pure il sito delle Casse Raiffeisen che è stato ridisegnato. Il moderno lay-out e il nuovo menu, strutturato secondo categorie tematiche, facilitano la navigazione all’interno del sito. I valori cooperativi tipici del mondo Raiffeisen, ossia la vicinanza, la fiducia e la

36

sicurezza, hanno fatto da tema di fondo di una campagna di informazione e di sensibilizzazione promossa su scala provinciale. Grazie alla pubblicità svolta in comune e al corporate design unitario, l’immagine del marchio Raiffeisen è stata ulteriormente consolidata. Fondo assistenziale Raiffeisen Con i mezzi provenienti dal Fondo assistenziale Raiffeisen è stato possibile anche nell’anno trascorso aiutare in modo veloce e senza lungaggini burocratiche famiglie bisognose, vittime di catastrofi e istituzioni benefiche. Nell’ambito della tradizionale azione natalizia dal motto “Donare il futuro”, nel 2010 è stato erogato un contributo a favore della cooperativa Südtiroler Kinderdorf. Anche i Premi Raiffeisen per gli agricoltori montani, oramai diventati una tradizione, ivi compreso il Premio per i giovani agricoltori di montagna, sono stati finanziati con l’ausilio del Fondo assistenziale Raiffeisen. Incontri di formazione L’attività di formazione e di aggiornamento in seno all’azienda rappresenta un fattore chiave per il successo: essa permette, infatti, di affrontare le sfide personali e quelle poste dal contesto economico e sociale, garantendo vantaggi competitivi duraturi. Da anni questa consapevolezza è alla base della scelta dei contenuti del programma formativo. Anche durante l’esercizio trascorso il Reparto Formazione ha proposto agli Amministratori e ai Sindaci nonché ai collaboratori una vasta scelta di tematiche. Particolare rilievo è stato dato agli interventi di qualificazione riguardanti le specifiche


funzioni e mansioni dei singoli. Ai fini della strutturazione del piano formativo si è parimenti tenuto conto delle tendenze in atto e dei nuovi sviluppi del mercato. Per quanto riguarda la selezione dei relatori, in campo normativo e in quello tecnico bancario è proseguita la collaudata collaborazione con esperti interni al Sistema bancario Raiffeisen, mentre per gli argomenti riguardanti lo sviluppo della personalità e la gestione del personale il Reparto Formazione si è avvalso di istruttori e coach provenienti dai paesi limitrofi. Per la trattazione di tematiche specialistiche sono, inoltre, stati invitati docenti universitari e accademici sia italiani che stranieri. Il successo del programma di formazione può essere evidenziato sulla scorta degli incontri organizzati e dell’intensa partecipazione agli stessi. In campo tecnico bancario sono stati realizzati 97 corsi, in quello normativo 78, nel campo dello sviluppo della

personalità e della gestione del personale 35; 48 seminari hanno riguardato argomenti generici. Il Reparto è un ente di formazione accreditato FSE: in tale veste nel 2010 esso ha organizzato 23 corsi incentrati sulla sicurezza sul lavoro e sul pronto soccorso, ai quali hanno partecipato 321 persone appartenenti alle cooperative associate. 86 tra dipendenti con funzioni direttive e consulenti hanno aderito al progetto di intensificazione delle vendite, frequentando sei workshop con rispettive esercitazioni. È poi stata allestita una serie di seminari per la formazione di consulenti. Nel complesso, nel corso dell’anno in esame sono stati organizzati, svolti e affiancati 258 incontri, per un totale di 328 giornate e 4.308 partecipanti.

Seminari proposti dal 2005 al 2010 con numero di partecipanti e giornate formative Proposte formative

Giornate formative

Partecipanti

2010 2009 2008 2007 2006 2005 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2010 2009 2008 2007 2006 2005 Perfezionamento in campo normativo

78

87

83

59

40

41

64

Perfezionamento in campo bancario

97

87

73

74

59

98

160 135 113 111,5 118 158 1.515 1.407 1.159 1.452 1.039 1.716

Perfezionamento nel campo dello sviluppo della personalità e della gestione del personale

35

28

28

27

28

31

61

41,5

50

53,5

61

57

413 333 350 278 358 247

Proposte di qualificazione generica

48

79

40

28

32

49

43

69

37,5

34

30

68

701 1.482 623 366 503 604

Totale

258 281 224 188 159 219 328 321,5 266 250,5 235 331 4.308 4.926 4.144 3.328 2.797 3.298

76

65,5 51,5

26

48 1.679 1.704 2.012 1.232 897 731

37


Tecnologia informatica ed elaborazione dati La tecnologia informatica e l’elaborazione dati costituiscono una colonna portante dell’intera Organizzazione Raiffeisen. A loro la rete imprenditoriale cooperativa deve la sua indipendenza e il suo vantaggio competitivo strategico. L’Area Sistema Informativo Raiffeisen (RIS) nel 2010 ha supportato in modo ottimale le cooperative associate in tutte le questioni attinenti alla tecnologia informatica, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi aziendali. I servizi spaziano dalla predisposizione dell’infrastruttura all’assistenza alle postazioni di lavoro e comprendono anche il supporto agli utenti. A tale scopo l’Area si avvale anche della collaborazione delle aziende partner Raising Unified Network S.p.A. (R.U.N.) e Raiffeisen OnLine Società cooperativa (ROL). L’Area Sistema Informativo Raiffeisen ha sviluppato ulteriormente i propri servizi, innovandoli e adeguandoli alla dinamica in atto nel settore. Una sfida di particolare rilievo era rappresentata dall’adeguamento della tecnologia informatica al continuo susseguirsi di nuove norme. Proprio per quanto riguarda l’applicazione delle norme di legge, l’Area attribuisce grande importanza alla gestione centralizzata e allo sfruttamento della tecnologia informatica, visto che essa consente alle Casse Raiffeisen di realizzare notevoli economie in termini di tempo e di risorse. Un’attività chiave durante l’esercizio in rassegna era data dal processo strategico nel settore informatico, il quale si è svolto in collaborazione con il Comitato

38

IT e coinvolgendo il Comitato di coordinamento del Sistema bancario Raiffeisen. In tale processo si è tenuto conto anche dei risultati scaturiti dalle assemblee di zona dei direttori delle Casse Raiffeisen. In seguito ad approfondita analisi dell’idoneità futura dell’attuale struttura IT, si è provveduto a definire gli obiettivi strategici fino al 2013, fissandone per iscrito il raggiungimento in un ampio elenco di provvedimenti. Supporto utenti e sfide particolari I collaboratori addetti al supporto alle aziende utenti sono specializzati nel fornire consulenza e nel risolvere problemi con specifico riferimento a vari applicativi bancari. Essi mettono a disposizione le proprie conoscenze anche in forma di circolari e di manuali. Nel corso dell’anno è stato sviluppato il nuovo programma per la gestione degli incassi, che ha notevolmente facilitato sia l’amministrazione e l’utilizzo dei dati che il controllo delle condizioni. All’inizio di giugno è stato attuato con successo l’aggregazione dei dati per la fusione tra la Cassa Raiffeisen di Laives e quella di Bronzolo-Ora, da cui è scaturita la Cassa Raiffeisen Bassa Atesina. Anche la Cassa Raiffeisen di Lana utilizza ora tutti i servizi RIS. Il giorno in cui è stato effettuato il caricamento dei dati, sono stati trasferiti nelle banche dati RIS 18 milioni di dataset raccolti in 250 tabelle. Con grande applicazione e con l’aiuto anche di collaboratori di altre Casse Raiffeisen, il Supporto utenti ha contribuito a facilitare il passaggio al nuovo sistema.

Rag. Alberta Egger Responsabile di Area


Servizio completo nell’interesse del Sistema bancario Raiffeisen La prestazione dei servizi informatici a favore del Sistema bancario Raiffeisen è proseguita nei modi collaudati e sono state, inoltre, poste le basi per gli ulteriori sviluppi. Con Raiffeisen Online Banking è possibile eseguire nuovi tipi di pagamenti con i consueti standard di sicurezza. La ricarica delle schede per la telefonia cellulare può essere effettuata mediante SMS. In tempi caratterizzati da incertezza economica, assumono fondamentale importanza i sistemi per il governo delle variabili di gestione come, ad esempio, il sistema di gestione del rischio. Le procedure di calcolo del rating sono state adeguate all’attuale contesto economico. Nel lungo termine l’Area RIS intende realizzare il progetto “registrazione on-line” per adeguarsi alla tendenza verso le registrazioni in tempo reale a vantaggio delle banche e dei loro clienti. Cooperative di produzione e di servizi Nel campo delle cooperative agricole di produzione la scelta del software Microsoft Dynamics AX costituisce una decisione futuristica di rilevanza strategica. Su tale base sarà sviluppata una soluzione completa per la gestione dei soci e dei dati catastali nonché di quelli relativi al raccolto. Nell’ambito del progetto VOG 2010 si è provveduto a porre su una nuova piattaforma la commercializzazione centralizzata per le cooperative aderenti al Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige. Gli accessi all’applicativo, la sua gestione e il monitoraggio dello stesso non avvengono ora più in modo decen-

trato presso la sede del Consorzio VOG a Terlano, bensì direttamente nel Palazzo Raiffeisen a Bolzano. In questo modo è stato possibile ridurre il rischio di guasti e migliorare ulteriormente il monitoraggio. Anche i servizi per le cooperative vinicole sono stati ampliati. Dall’inizio del 2011 le cantine inviano in via telematica il documento di accompagnamento per le accise (DAA) previsto per le bevande alcoliche. Infrastruttura Con riferimento ai mainframe l’Area RIS segue costantemente i cicli di innovazione e limita i costi del software mediante lo spostamento verso processori più economici o verso altre piattaforme, composte da un totale di 340 server. Questi vengono monitorati con uno speciale software in oltre 1.600 punti rilevanti mediante sensori che evidenziano gli scostamenti dagli obiettivi. In questo modo viene garantito un funzionamento senza interruzioni che comprende anche le misure di disaster recovery. Sono state, ad esempio, virtualizzate le postazioni di lavoro del Consorzio VOG e i server del datacenter RIS, mentre per l’Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta VI.P e per la cooperativa frutticoltori Mivor sono stati realizzati nuovi ambienti di produzione che si proteggono a vicenda contro le interruzioni. Protezione dei dati e sicurezza informatica Anche i requisiti in termini di tracciabilità dei processi sotto forma di registrazio-

39


ne elettronica (logging) sono sempre più severi. L’infrastruttura a tale scopo viene costantemente ampliata al fine di rispondere ai vincoli imposti dalla compliance, anche ai criteri di sicurezza e di qualità. Il servizio di segnatura è stato adeguato agli standard europei e si è provveduto a sviluppare anche il portale e la gestione utenti. Gli attacchi concreti ai sistemi di online banking dei concorrenti nazionali e locali hanno fornito la dimostrazione ex post di quanto fosse saggia e lungimirante la decisione del Sistema bancario Raiffeisen di puntare sul sistema a onetime-password. Business e finanze Lo staff Business e finanze cura i contatti con i clienti fissi, con quelli nuovi e con i non soci. Durante lo scorso anno sono state coordinate complessivamente 412 giornate di formazione presso l’Area RIS. L’Area ha predisposto varie offerte, organizzato riunio-

ni e convegni, fatturato servizi e collaborato alla stesura del budget nonché del catalogo dei prodotti e dei relativi prezzi. Comitato IT Le incombenze sono sempre più complesse e, allo stesso tempo, nel campo dell’informatica cresce il bisogno di soluzioni più semplici. I collaboratori dell’Area RIS possono ricorrere alle loro competenze tecniche e alla loro esperienza per prevedere gli sviluppi futuri e reagire tempestivamente. Il presupposto è uno scambio di opinioni e di informazioni con gli organi preposti, come quello rappresentato dal Comitato IT. Questo organismo formula i requisiti dell’Organizzaione monetaria Raiffeisen e conferisce al RIS l’incarico di implementare quanto necessario. In numerose sedute comuni si è cercato di orientare i servizi erogati dal RIS in base ad una strategia equilibrata che trovi la collocazione giusta tra continuità e innovazione.

Servizi prestati dall’Area Sistema Informativo Raiffeisen nel 2010 Descrizione Infopoint Sportelli Bancomat Terminali POS Domande di supporto utenti ogni mese Transazioni ogni ora ca. Ordini in esecuzione (job) ogni giorno Transazioni CICS ogni giorno Transazioni POS ogni mese Transazioni Bancomat ogni mese Circolari a cooperative associate

40

Numero 158 275 7.035 6.200 180.000 16.500 2.290.000 456.955 470.866 142


Il “Comitato di coordinamento delle società cooperative e delle federazioni agricole” è stato costituito nell’autunno del 2009 con lo scopo di intensificare lo scambio di informazioni e di promuovere assieme l’approfondimento di priorità tematiche.

Consulenza aziendale per cooperative di produzione e di servizi La costante attività di sviluppo svolta durante il 2010, assieme all’incremento dell’organico, ha consentito al Reparto, ancora relativamente giovane, di ampliare la propria gamma di servizi e di compiere la sua mission di fondo, consistente nella consulenza aziendale. Tra le attività principali si citano la predisposizione di preventivi di costo e di piani industriali e finanziari nonché la partecipazione a specifici progetti. Particolare priorità è stata data allo sviluppo di competenze specialistiche in materia di finanziamenti pubblici. Per varie cooperative sono state esaminate le possibilità di ottenere sovvenzioni, provvedendo anche alla stesura delle necessarie domande di contributo. Nel 2010 è stato sviluppato uno strumento di check-up destinato specificamente alle cooperative di produzione e di servizi. Un sofisticato sistema basato su domande e indici permette di determinare i punti di forza e di debolezza delle varie cooperative e di identificare i campi d’azione sui quali intervenire. Questa procedura di analisi aziendale viene offerta alle cooperative a titolo gratuito. Un altro compito importante svolto nell’anno in rassegna ha riguardato l’elaborazione statistica dettagliata dei dati economici relativi alle cooperative frutticole e vitivinicole. Tali dati sono stati riepilogati in un opuscolo. L’Area ha, inoltre, amministrato le quote latte su incarico delle cooperative lattiero-casearie. L’attività di consulenza e di assistenza alle cooperative sociali è stata ampliata. Nel 2010 è stato per la prima volta organizzato un workshop comune per

i responsabili e i collaboratori delle cooperative sociali aderenti alla Federazione: in tale contesto sono stati approfonditi soprattutto vari aspetti attinenti al diritto del lavoro. Lo sportello per la creazione di imprese cooperative ha proseguito con impegno la propria attività di consulenza anche nel 2010. Agli interessati e ai promotori di nuove cooperative è stata offerta consulenza in materia aziendale, fiscale e giuridica. È stato redatto un manuale sul modello cooperativo e sono state predisposte delle schede informative specifiche per le principali tipologie di cooperativa. Nel 2010 si sono avvalsi del servizio di consulenza 35 interessati. La maggior parte delle richieste riguardava le cooperative sociali, energetiche e di approvvigionamento vicinale. Nel 2010 ha iniziato la propria attività il Comitato di coordinamento delle cooperative e delle federazioni agricole, al quale appartengono l’Unione Agricoltori e Coltivatori diretti Sudtirolesi, il Consorzio delle Cantine Produttori Altoatesine, il Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige (VOG), la Federazione Latterie Alto Adige, il Consorzio Altoatesino per la commercializzazione del bestiame, l’Associazione dei produttori ortofrutticoli della Val Venosta (VI.P), il consorzio di lavorazione della frutta VOG Products e la Federazione. Una delle funzioni chiave del Comitato è stata quella di promuovere l’effettuazione di un’analisi dell’impatto mediatico e dell’immagine, sulla cui base organizzare la futura comunicazione collettiva delle cooperative e delle federazioni agricole dell’Alto Adige. Altre tematiche

41


prioritarie erano quella della politica agraria comunitaria dopo il 2013, la responsabilità delle cooperative e degli agricoltori per i

prodotti agricoli nonché l’istituzione, presso la Federazione, di uno sportello di consulenza in materia di alimentari.

Area Servizi aziendali L’Area Servizi aziendali ingloba diverse strutture di staff e vari ambiti di competenza, adibiti prevalentemente ad attività interne alla Federazione. Oltre alla direzione, al supporto nonché al coordinamento delle varie funzioni svolgenti compiti di amministrazione e di organizzazione della Federazione, l’Area eroga anche prestazioni a favore delle cooperative socie e di altre imprese. Amministrazione e organizzazione Il Reparto è competente per la gestione finanziaria e contabile della Federazione, il controllo di gestione e l’organizzazione, consentendo così, tra l’altro, la regolare registrazione contabile di tutte le operazioni di gestione. Ogni anno vengono elaborate 4.700 fatture in entrata per un volume complessivo di 19 milioni di euro, mentre vengono emesse 12.000 fatture per un giro d’affari pari a 42 milioni di euro. Tutte le partite contabili vengono raccolte e verificate dal punto di vista fiscale. La funzione di controllo di gestione supporta il management della Federazione mediante un sistema trasparente, completo di reporting periodico. A tale scopo nel 2010 il sistema

42

di controllo di gestione è stato completamente rivisto e migliorato. L’introduzione del catalogo delle prestazioni e dei relativi prezzi è solo uno dei tasselli che hanno permesso di garantire la contabilizzazione ripercorribile dei servizi prestati. Il Servizio organizzazione supporta la Direzione Generale nella formazione di un’efficiente struttura operativa e gestionale interna della Federazione Raiffeisen e si occupa del costante aggiornamento del manuale organizzativo messo a disposizione ai propri collaboratori. Logistica e servizi interni L’Unità Organizzativa Logistica e servizi interni approvvigiona di merci le cooperative socie. Oltre all’esecuzione logistica degli ordini di riparazione di attrezzature POS per conto delle Casse Raiffeisen e di Banche di Credito Cooperativo, l’Unità organizzativa cura anche il deposito, la spedizione e il recapito di materiali di consumo all’interno della Federazione. Nel 2010 sono stati riorganizzati alcuni servizi, tra cui anche quello di corriere.

Dr. Daniel Mahlknecht Responsabile di Area


Le Casse Raiffeisen ricevono ogni giorno, a mezzo servizio di corriere, informazioni, consistenti principalmente negli elaborati dell’Area Sistema Informativo Raiffeisen. Tra gli altri campi di attività si citano, oltre alla gestione dei viaggi di servizio e all’assistenza del parco veicoli, il disbrigo di commissioni per conto delle cooperative socie e della Federazione stessa. Servizio centralizzato per gli acquisti e le vendite Il Reparto Acquisti e vendite si occupa dell’approvvigionamento centralizzato per la Federazione e per le cooperative associate. Ciò consente di ottenere dai fornitori condizioni di acquisto migliori, a tutto vantaggio delle cooperative associate. Gli articoli trattati riguardano principalmente i prodotti hardware e software, i registri obbligatori, gli stampati e gli articoli pubblicitari. A causa delle crescenti esigenze per quanto riguarda l’efficienza energetica, la scelta dei materiali, la riciclabilità o la riduzione dei rifiuti, stanno assumendo sempre maggiore rilievo, nell’ambito del servizio centralizzato

per gli acquisti e le vendite, i prodotti ecocompatibili. Il Reparto offre supporto anche nell’effettuazione degli ordini interni e nelle connesse verifiche di qualità. Servizio tecnico Alle prestazioni del Servizio tecnico fanno ricorso prevalentemente le Casse Raiffeisen. Queste hanno impartito nel 2010 circa 200 commesse, soprattutto per la stesura di relazioni di stima. In singoli casi il Servizio tecnico ha prestato anche consulenze tecniche in materia edilizia, oltre a effettuare analisi dei costi di costruzione o calcoli della cubatura nonché a tenere corsi di formazione, per esempio sul tema della valutazione immobiliare. Nel 2010, il Servizio tecnico ha svolto lavori di progettazione e di coordinamento per la ristrutturazione, l’arredamento e l’equipaggiamento tecnico degli uffici della Federazione. Il Servizio tecnico è competente anche per la gestione dell’immobile e l’impiantistica.

Servizi dell’Area Servizi aziendali Descrizione Numero di fatture ricevute e emesse Volume degli acquisti in milioni di euro Volume fatturato in milioni di euro Quattro tragitti con consegna giornaliera a 48 cooperative, chilometri percorsi Numero di bolle di accompagnamento per vendita e riparazione Numero di circolari stampate e distribuite Numero di lettere inviate in milioni Volume di merci fatturate in milioni di euro Numero di ordini online Numero di perizie di stima e pareri rilasciati

Totale 16.700 19 42 280.000 9.400 201 1,0 2,3 2.700 200

43


4. Il mandato legislativo (vigilanza sulle cooperative) Dr. Robert Nicolussi Direttore di Revisione

La Federazione è stata riconosciuta come associazione di revisione con decreto del Presidente della Giunta Regionale del 31/12/1954. In questa veste essa esercita la funzione di vigilanza sulle cooperative socie. Le basi legali In base all’articolo 45 della Costituzione lo Stato riconosce la funzione sociale delle cooperative e prevede al riguardo dei controlli adeguati. Alla luce di quanto detto, si deve fare riferimento anche alla legge regionale del 9 luglio 2008, n. 5, la quale nella regione Trentino-Alto Adige regolamenta la vigilanza sulle cooperative e cioè la revisione biennale delle cooperative e il controllo contabile. La legge è entrata in vigore l’1 gennaio 2009 con l’emanazione delle relative disposizioni di attuazione. In base alla stessa, tutte le cooperative iscritte nell’elenco provinciale ogni due anni devono essere sottoposte a revisione ordinaria. Le cooperative aderenti a un’associazione di revisione riconosciuta devono essere revisionate dalla stessa. Il controllo contabile di legge è prescritto per tutte quelle cooperative che hanno predisposto i propri statuti secondo la normativa che regola le società per azioni e che superano due dei seguenti limiti: totale dell’attivo dello stato patrimoniale pari a 1 milione di euro, volume d’affari pari a 2 milioni di euro e numero di dipendenti medio durante l’esercizio pari a 10 (art. 40, comma 1, L.R. n. 5/2008). Per le cooperative di grandi dimensioni, ovvero per quelle che hanno un volume d’affari superiore a 60 milioni di euro, oppure riserve

44

non divisibili superiori a 4 milioni di euro, oppure più di 2 milioni di euro di prestiti sociali o di finanziamenti di soci, se queste non partecipano al mercato dei capitali, la revisione legale dei conti deve essere effettuata dall’ente di revisione al quale la cooperativa è associata. La qualifica professionale dei revisori La Federazione si è sempre impegnata a promuovere in modo particolare la qualifica professionale dei propri revisori. Attraverso una severa procedura di selezione e una mirata attività di formazione e di aggiornamento essa garantisce che i revisori dispongano non solo delle conoscenze tecniche necessarie, ma anche dell’adeguata competenza sociale. 25 revisori della Federazione sono iscritti nell’apposito elenco dei revisori di cooperative tenuto dal Ministero per lo sviluppo economico. Sette revisori sono, inoltre, iscritti nel Registro nazionale dei revisori contabili di cui al d.lgs. n. 88 del 27/1/1992 e sono, pertanto, autorizzati a sottoscrivere le relazioni di certificazione di bilancio. Altri nove revisori hanno già terminato il tirocinio triennale ed hanno così acquisito i presupposti per l’ammissione all’esame di stato. Indipendenza dell’attività di revisione L’indipendenza dell’attività di revisione e del controllo contabile di legge prevista dalla legge regionale (art. 9, comma 1, lett. f) è stata regolamentata attraverso una corrispondente integrazione dello statuto. L’articolo 32 bis dello statuto stabilisce che nell’esercizio della propria attività di controllo


il Direttore di Revisione e i revisori non sono soggetti a direttive né del Direttore Generale, né del Consiglio di Amministrazione o del Collegio Sindacale. Questa disposizione corrisponde esattamente all’istruzione riportata nel “considerando 11” della direttiva CE 2006/43 del 17 maggio 2006. Il d.lgs. n. 39 del 27 gennaio 2010 ha introdotto in Italia, con due anni di ritardo, le disposizioni sulla revisione legale dei conti di cui alla citata direttiva. Per l’attuazione operativa della stessa sono tuttavia ancora necessarie alcune norme di attuazione. Il decreto non ha, peraltro, tenuto conto del “considerando 11” della direttiva, il quale recita: “Qualora ad una cooperativa … sia richiesto o consentito, in base alla normativa nazionale, di essere socio di un ente senza scopo di lucro che effettua revisioni, un terzo obiettivo, ragionevole e informato non giungerebbe alla conclusione che il rapporto di partecipazione compromette l’indipendenza dei revisori legali, a condizione che, quando l’ente di revisione effettua la revisione legale di uno dei suoi soci, venga applicato il principio d’indipendenza ai revisori che effettuano la revisione e alle persone che potrebbero essere in grado di influenzare la revisione legale dei conti”. Questa circostanza sussiste nella Direzione di Revisione della Federazione. Per questo motivo, anche in assenza di specifico riferimento nel decreto legislativo, deve essere in ogni caso applicata la legge regionale, la quale sul punto in questione corrisponde esattamente alla direttiva comunitaria. Anche secondo il parere di autorevoli esperti di diritto valgono in questo caso le norme

dettate dalla legge regionale, dato che la Regione dispone di competenza legislativa primaria in materia di vigilanza sulle cooperative. Inoltre, va tenuto conto del fatto che la direttiva CE è già stata recepita da diversi anni in Austria e in Germania, dove le federazioni di revisione sono state tutte autorizzate a svolgere, per mezzo dei propri revisori, le operazioni di revisione legale dei conti presso le cooperative aderenti alle stesse. Revisioni ordinarie e straordinarie Nella Direzione di Revisione alla fine dell’anno risultavano impiegati 29 collaboratori. Di questi, 12 revisori si occupano prevalentemente di revisioni presso le Casse Raiffeisen, 13 provvedono alle revisioni nelle cooperative di produzione e di servizi, mentre gli altri sono adibiti a mansioni interne. Quanto alle revisioni biennali, tenuto conto del riporto di 16 revisioni dall’esercizio precedente, erano previste 156 revisioni. Alla fine dell’anno tutte le revisioni in programma risultavano svolte. L’obiettivo prestabilito in termini di numero è stato pertanto raggiunto al 100%. La durata media delle revisioni nell’ultimo esercizio è aumentata da 7,38 a 9,22 giornate. Ciò va imputato principalmente alle dimensioni non omogenee delle cooperative revisionate. È stato possibile certificare alle cooperative, viste le risultanze delle relazioni sulla revisione ordinaria, la sostanziale regolarità della gestione e dell’amministrazione. In singoli casi sono, peraltro, stati evidenziati dei punti deboli o delle carenze, a cui, tuttavia, si è potuto in

45


La Direzione di Revisione costituisce una colonna portante della Federazione, essendo essa tenuta, in forza dello statuto e della legge, a svolgere l’attività di revisione presso le cooperative associate.

buona parte ovviare con l’ausilio del revisore stesso. Per indebitamento eccessivo e per inoperosità è stato necessario, in due casi, effettuare la prevista segnalazione all’Autorità di vigilanza. In tali casi l’Autorità di vigilanza deve adottare i provvedimenti del caso che, di regola, sfociano nello scioglimento d’ufficio della cooperativa. L’obiettivo della revisione consiste nel riconoscere eventuali criticità riguardanti la gestione e nel fornire alla Direzione e al Consiglio di Amministrazione il supporto necessario per risolverle. Ciò ha permesso di preservare la stabilità e l’efficienza delle cooperative associate. Revisione legale dei conti Nell’esercizio in rassegna si è proceduto alla revisione legale dei conti presso 48 Casse

46

Raiffeisen e 76 cooperative di produzione e di servizi. La legge regionale n. 5/2008 ha introdotto all’articolo 40 le dimensioni minime delle cooperative, al di sotto delle quali la revisione legale dei conti non è più obbligatoria. Ciò ha comportato per molte cooperative uno sgravio sostanziale anche in termini di risparmio sui costi. Gli standard qualitativi dell’attività di revisione sono oggetto di costante adeguamento ai mutati requisiti. Anche nell’anno in corso i revisori potranno usufruire della formazione in materia di metodi di revisione (principi internazionali di revisione “ISA”), in modo da rispondere ai requisiti di cui alla direttiva UE sulle revisioni nonché alle norme stabilite nel decreto nazionale.


Revisioni svolte nel 2010 Settori cooperativi Revisioni svolte

Giornate fatturate

Durata media delle revisioni in giorni 2010

Durata media delle revisioni in giorni 2009

23 13 9 7 91 7 6 156

611,00 160,00 110,50 131,50 351,00 33,00 41,50 1.438,50

26,57 12,31 12,28 18,79 3,86 4,71 6,92 9,22

20,13 11,16 13,00 6,19 4,05

Casse Raiffeisen Coop. frutticoltori e produttori sementi Cooperative vinicole Cooperative lattiero-casearie Altre cooperative Cooperative sociali Associazioni e consorzi Totale

7,88 7,38

Principali dati risultanti dai bilanci certificati Cooperative di produzione e di servizi Totale aggregato delle attivi Riserve aggregate Fatturato netto aggregato delle attivi

1.490 milioni di euro 616 milioni di euro 1.815 milioni di euro

Casse Raiffeisen Totale aggregato Oneri aggregati Eccedenza contabile aggregata Proventi aggregati

9.586 milioni di euro 321 milioni di euro 40 milioni di euro 361 milioni di euro

47


5. Prospettive per l’anno corrente 2011

In base ad una statistica stilata dalla Camera di commercio, l’economia altoatesina sta andando incontro ad un futuro positivo. Lo dimostrano gli indicatori del clima di fiducia dei vari settori economici. La causa di questo prudente ottimismo va ricercata nei maggiori ricavi attesi nei principali comparti. Ciononostante bisogna ritenere che la crisi economica e finanziaria del 2009 non sia ancora del tutto superata. I problemi riguardano l’indebitamento smisurato di vari paesi europei, il rincaro delle materie prime, le tensioni sul mercato valutario e, per quanto riguarda l’Italia, il rischio di una stretta di liquidità. Proprio quest’ultima potrebbe ripercuotersi negativamente sull’andamento dell’economia durante l’anno in corso. In uno scenario del genere, peraltro, le cooperative Raiffeisen si sono dimostrate esenti da crisi. Non è escluso che quest’anno, per via del previsto aumento del tasso di riferimento, le Casse Raiffeisen riescano addirittura a migliorare la propria redditività. In un contesto di incessante insicurezza è tanto più importante che la Federazione strutturi in modo efficiente la propria attività. Il processo di ammodernamento dell’organizzazione interna sarà, pertanto, portato avanti con avvedutezza e si avrà cura di continuare ad erogare i servizi con la consueta affidabilità e con la qualità oramai nota. Particolare priorità è data al nuovo sistema di rilevazione delle attività e al programma di registrazione del tempo impiegato, alla ridefinizione dei profili professionali e ai

48

colloqui di valutazione. Tutti questi provvedimenti sono tesi anche al miglioramento della produttività e dell’efficienza. La Federazione intensificherà, poi, il suo operato nel campo della rappresentanza di interessi e sosterrà con ancora maggiore fervore gli interessi delle cooperative associate, specialmente per quanto riguarda le cooperative sociali e quelle di consumo. La Federazione curerà, inoltre, i contatti con le scuole dell’Alto Adige al fine di promuovere la conoscenza del sistema cooperativo. Assieme all’Unione regionale delle cooperative Confcooperative e all’Intendenza scolastica tedesca essa ha elaborato un piano ad ampio raggio per l’insegnamento nelle scuole. Questo comprende anche la predisposizione di materiale didattico per gli insegnanti nonché la cura di moduli di insegnamento e l’organizzazione di visite alle aziende. Secondo le consuete modalità, la Federazione continuerà ad adoperarsi per istituire e mantenere buoni rapporti con tutte le autorità locali, regionali e nazionali nonché con le strutture cooperative a livello sia nazionale che estero. Tutto ciò premesso, si rileva che dopo la chiusura dell’esercizio non si sono verificati fatti di rilievo o straordinari, né sono stati adottati provvedimenti da richiamare a norma dell’articolo 2428 c.c.


B. La compagine sociale durante l’esercizio 2010 Struttura dell’organizzazione Raiffeisen dell’Alto Adige 340 cooperative con 120.000 soci individuali e 26 enti senza obbligo di revisione sotto un unico tetto

Federazione Cooperative Raiffeisen Cooperative/enti di 2. grado Sett. bancario/creditizio

1 Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A.

Settore ortofrutticolo

3 • Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige (VOG) • Associazione dei produttori ortofrutticoli della Val Venosta (VI.P) • VOG PRODUCTS Laives

Settore lattiero-caseario

2 • Federazione Latterie Alto Adige • MILKON Alto Adige

Settore vinicolo

2 • Consorzio delle Cantine Produttori Altoatesine • Consorzio viticoltori Alto Adige

Altri settori

7 • BIOG Consorzio Servizi • FROM Società Agricola Cooperativa • Coop. Per l’acquisto di prodotti per l’agricoltura (LEG) • Consorzio servizi per le cooperative ortofrutticole • Federazione dell’Energia Raiffeisen • Consorzio dei Comuni di Bolzano • Consorzio Altoatesino per la commercializzazione del bestiame (KOVIEH)

Cooperative/enti di livello primario 48 Casse Raiffeisen Totale aggregato delle attività 10,27 miliardi di euro

28 Coop. frutticoltori e produttori sementi Ricavi complessivi (media triennale) 676 milioni di euro

15

15

Latterie sociali*

Cantine sociali

Ricavi complessivi (media triennale)

Ricavi complessivi (media triennale)

378 milioni di euro

117 milioni di euro

220 Altre cooperative

26 Enti senza obbligo di revisione

* compresa MILKON Alto Adige coop. di 2. grado

49


Il movimento cooperativo rappresenta in Alto Adige un importante fattore economico. Al 31 dicembre 2010 risultavano iscritte nel registro delle cooperative della Provincia Autonoma di Bolzano 933 cooperative. Nel corso del 2010 sono state costituite 35 cooperative e ne sono state sciolte 46. Il numero complessivo delle cooperative della nostra provincia si è pertanto ridotto di undici unità; l’anno precedente era stato registrato un aumento di pari numero. Si può, pertanto, affermare che il numero di cooperative rimane relativamente costante rispetto alle altre forme societarie. In proporzione al numero di abitanti e in confronto con altre zone, il numero delle cooperative in Alto Adige è comunque particolarmente alto e i campi di attività delle stesse sono molto vari. Con le sue 340 cooperative e i

suoi 26 enti senza obbligo di revisione, la Federazione rappresenta l’associazione di revisione di maggiori dimensioni, raccogliendo il 37% di tutte le cooperative. Il numero delle realtà federate è leggermente sceso dalle 372 unità del 2009 alle 366 dell’anno in esame. Sei sono le cooperative che si sono aggiunte: si tratta di cinque cooperative edilizie e di una cooperativa sociale. Le nove cooperative liquidiate appartenevano al settore dell’edilizia, mentre altre tre unità sono state cancellate in seguito ad altrettante fusioni avvenute nel settore delle Casse Raiffeisen, delle cooperative vinicole e delle cooperative ortofrutticole. La tendenza, in corso da alcuni anni, di creare strutture di dimensioni maggiori è proseguita anche durante il 2010.

I soci della Federazione suddivisi per 13 gruppi omogenei (situazione al 31/12/2010) Soci 1 Casse Raiffeisen 2 Cooperative frutticoltori e produttori sementi 3 Cooperative vinicole

28 15

4 Cooperative lattiero-casearie

15

Adesioni

Soci individuali al Numero al Quote del cap. % % 31/12/2010 31/12/2009 soc. 31/12/2010 1 49 120.000 31,01 53.850 45,04

Uscite 1 1

29 16

62.000 16,02 33.500 8,66

7.342 3.624

6,14 3,03

15

19.500

5.859

4,90

5,04

5 Cooperative di consumo e di approvvigionamento

12

12

6.000

1,55

9.210

7,70

6 Cooperative di gestione dell’acqua

15

15

7.500

1,94

4.795

4,01

7 Cooperative energetiche

62

8 Cooperative edilizie

30

9 Cooperative di gestione di asili per l’infanzia e di centri culturali

18

10 Cooperative sociali

13

11 Altre cooperative

71

5

9

62

31.000

8,01

34

15.000

3,88

650

0,54

18

9.000

2,33

1.403

1,17

6.500

1,68

1.428

1,19

11

1[1] 1[1]

72

39.500 10,21

12.925 10,81

18.074 15,12

12 Associazioni e consorzi

13

13

20.500

5,30

403

0,34

13 Enti senza obbligo di revisione

26

26

17.000

4,39

---

---

Totale [cambio categoria]

50

Numero al 31/12/2010 48

366

6

12

372

387.000 100,00

119.563 100,00


Cooperative aderite nel 2010 Cooperativa edilizia Ager Crucis Cooperativa edilizia In do Woade Cooperativa edilizia Reinthal Cooperativa edilizia AURUM Cooperativa edilizia SUNNSEIT Promos Società cooperativa ONLUS Cooperative uscite • per fusione Società agricola cooperativa frutticoltori Bolzano-Nalles, Bolzano Cantina Vini Merano Soc.agr.coop. Cassa Raiffeisen di Bronzolo-Ora Società cooperativa

• per liquidazione o trasformazione in altra forma giuridica Cooperativa Edilizia Heide Soc.coop.a r.l. Cooperativa edilizia San Michele 2006 Cooperativa edilizia St. Pauls 2000 Wohnbaugenossenschaft Flauge Wohnbaugenossenschaft Coa Wohnbaugenossenschaft Pfeffersberg Wohnbaugenossenschaft Alping Cooperativa edilizia Deodora Cooperativa edilizia Frangart

51


Le cooperative Raiffeisen

Sono cooperative Raiffeisen dell’Alto Adige quelle che appartengono alla Federazione e che, pertanto, possono utilizzare, dietro autorizzazione del Consiglio di Amministrazione della Federazione, il marchio protetto.

Il simbolo a forma di cuspide con le due teste di cavallo stilizzate rappresenta il logo delle cooperative Raiffeisen dell’Alto Adige. Sotto questa forma è stato depositato dalla Federazione Raiffeisen ed è protetto a livello internazionale.

Nell’ambito delle cooperative Raiffeisen, il Sistema bancario Raiffeisen svolge un ruolo centrale. Nel 2010 esso comprendeva 48 Casse Raiffeisen con i loro 195 sportelli, oltre alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige. Il Sistema bancario Raiffeisen è leader di mercato in Alto Adige, sia per quanto riguarda l’attività di raccolta, sia per ciò che concerne le operazioni di credito. Seguono, in ordine di importanza, le cooperative agricole del settore frutticolo, di quello lattiero e di quello vinicolo. Negli ultimi anni è poi aumentata l’importanza delle cooperative energetiche, sia in termini di numero, sia per quanto riguarda la loro incidenza in campo economico e politico sociale. Inoltre, le cooperative Raiffeisen sono riuscite a penetrare in modo rilevante in altri settori della vita economica, sociale e culturale. Soci individuali nei diversi comparti Il numero dei soci individuali è salito a 119.563, con un aumento di 2.945 unità rispetto all’esercizio precedente. Va, peraltro, tenuto presente che alcuni nominativi com-

52

paiono anche due o più volte. L’incremento maggiore nel numero dei soci riguarda le Casse Raiffeisen con 2.107 soci individuali in più, seguite dalle cooperative energetiche (496) e da quelle di consumo e di approvvigionamento (314). Di tutti i comparti, le cooperative edilizie sono quelle che presentano la più consistente riduzione nel numero di soci. Questi sono diminuiti di 94 unità. Seguono, a grande distanza, le cooperative ortofrutticole che hanno registrato una riduzione complessiva di 44 soci.


Andamento del numero di soci nelle cooperative associate durante gli ultimi sei anni +/- numero +/- % +/- numero +/- % 2009/10 2009/10 2005/10 2005/10

2004

2005

2006

2007

2008

2009

53.850

51.743

50.851

49.866

48.516

47.564

2.107

4,07

6.286

13,22

Cooperative frutticoltori e produttori sementi

7.342

7.386

7.502

7.522

7.775

7.820

- 44

- 0,60

- 478

- 6,11

Cooperative vinicole

3.624

3.650

3.680

3.719

3.738

3.729

- 26

- 0,71

- 105

- 2,82

Cooperative lattiero-casearie

5.859

5.890

5.966

6.172

6.384

6.471

- 31

- 0,53

- 612

- 9,46

Cooperative di consumo e di approvvigionamento

9.210

8.896

8.478

8.128

7.613

6.829

314

3,53

2.381

34,87

Cooperative di gestione dell’acqua

4.795

4.734

4.696

4.627

4.578

4.477

61

1,29

318

7,10

12.925

12.429

12.217

10.902

10.046

8.435

496

3,99

4.490

53,23

650

744

852

744

616

547

- 94

- 12,63

103

18,83

Cooperative di gestione di asili per l’infanzia e di centri culturali

1.403

1.383

1.343

1.361

1.356

1.374

20

1,45

29

2,11

Cooperative sociali

1.428

1.347

1.283

938

905

883

81

6,01

545

61,72

18.074

18.050

18.033

17.952

18.352

18.270

24

0,13

- 196

- 1,07

403

366

368

215

146

160

37

10,11

243

151,88

119.563 116.618 115.269 112.146 110.025 106.559

2.945

2,53

13.004

12,20

Casse Raiffeisen

Cooperative energetiche Cooperative edilizie

Altre cooperative Associazioni e consorzi Totale

53


Le Casse Raiffeisen

Nel corso del 2010 l’economia della maggior parte dei paesi sviluppati si è leggermente ripresa. Ciò nondimeno, la Banca Centrale Europea (BCE) non ha ritoccato il tasso di riferimento, lasciandolo invariato al livello storicamente basso dell’1% per tutto l’anno. Solo durante l’anno in corso c’è stato un aumento all’1,25%. Per questo motivo, le pressioni sui margini di interesse rilevate nel 2009 si sono protratte anche nell’esercizio in esame, con ripercussioni negative sulla redditività delle banche. Anche il volume dei crediti in sofferenza si è ulteriormente espanso. Malgrado le delineate condizioni generali, nell’esercizio trascorso le Casse Raiffeisen altoatesine hanno avuto modo di migliorare i risultati di bilancio grazie alla riduzione delle rettifiche su crediti verso clientela. L’utile complessivo delle 48 Casse Raiffeisen è passato dai 29,5 milioni di euro dell’esercizio scorso a 44,6 milioni di euro nel 2010, registrando un aumento del 51,11%. Rapportato alla media delle attività in bilancio, l’utile è pari allo 0,44%. Il totale di stato patrimoniale delle 48 Casse Raiffeisen è aumentato del 2,9%, passando da 10,04 miliardi di euro a 10,27 miliardi di euro, mentre il rapporto tra il capitale proprio e il totale delle attività di tutte le Casse Raiffeisen altoatesine non è variato, confermandosi al 15%. I depositi diretti da clientela presso le 48 Casse Raiffeisen e la Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige sono aumentati nel 2010 del 2,03%, raggiungendo alla data di chiusura del bilancio un valore pari a 8,86 miliardi di euro. La raccolta indiretta da clientela ha segnato un aumento a due cifre, esattamente del

54

17,39%. Gli impieghi verso clientela ammontavano al 31 dicembre 2010 a 8,73 miliardi di euro, segnando un aumento dell’8% rispetto all’anno precedente. Per la prima volta dopo tre anni, l’incremento dei prestiti verso la clientela ha quindi nuovamente superato la crescita dei depositi diretti dei clienti, determinando una tensione nella gestione della liquidità. Nel corso del 2010 è stata perfezionala la fusione tra le Casse Raiffeisen di Laives e di Bronzolo-Ora da cui è scaturita la Cassa Raiffeisen Bassa Atesina. Le 48 Casse Raiffeisen sono presenti con 192 sportelli in 107 dei 116 comuni dell’Alto Adige. Al sistema Raiffeisen fa capo poco più della metà di tutti gli sportelli bancari presenti in provincia. Vengono, inoltre, gestiti due sportelli bancari in provincia di Trento, precisamente a Vigo e a Pera in Val di Fassa, nonché uno ad Arabba in provincia di Belluno. La rete di sportelli delle Casse Raiffeisen altoatesine non ha subito variazioni durante l’esercizio in rassegna, per cui il numero complessivo degli stessi è rimasto fermo a quota 195. Il Sistema bancario Raiffeisen dell’Alto Adige si è fortemente impegnata anche nel 2010 nel campo delle iniziative culturali, sportive e di pubblica utilità, destinando 10,14 milioni di euro a tale scopo. Trattandosi di istituti di credito cooperativi, le Casse Raiffeisen rispondono in primo luogo ai propri soci, il cui numero continua ad aumentare a ritmi notevoli. Al 31/12/2010 si contavano 53.850 soci. Nelle 48 Casse Raiffeisen dell’Alto Adige risultavano occupate alla data di chiusura del bilancio di esercizio 1.746 dipendenti.


Andamento degli impieghi verso la clientela nel Sistema bancario Raiffeisen dell’Alto Adige tra il 2006 e il 2010 (in milioni di euro ovvero in %)

Andamento della raccolta diretta da clientela nel Sistema bancario Raiffeisen dell’Alto Adige tra il 2006 e il 2010 (in milioni di euro ovvero in %) 12,00

10.000 9.000

9.000 8.733

8.000 7.000 6.000

7.242

7.837

7.484

10,00

8.087 7,99 8,00

6,00

4.000

8.000 7.000

7.590

8.686

8.862

7.146

10,00

8,00

5.000

6,00

6,21

4.000

4,73

3.000

8.317 9,58

6.000

6,95

5.000

4,00

3,33

3,19

2.000

2,00

1.000 0

12,00

10.000

4,43

3,80

4,00

3.000 2.000

2,03

2,00

1.000 2006

2007

Volume

2008

2009

Andamento %

2010

0,00

0

2006 Volume

2007

2008

2009

2010

0,00

Andamento %

Dopo due anni di lavori, la Cassa Raiffeisen di Prato allo Stelvio ha inaugurato con una giornata delle porte aperte la sua nuova sede.

55


La Cassa Raiffeisen della Valle Isarco si è trasferita nella nuova sede in Via Bastioni Maggiori nel cuore della città di Bressanone. La costruzione è stata realizzata secondo i canoni CasaClima A.

Villabassa ha celebrato in un tendone il centenario della fondazione della banca, a suo tempo denominata “Associazione cassa di risparmio e di prestito”.

56


Andamento del rapporto impieghi/depositi nel Sistema bancario Raiffeisen tra il 2006 e il 2010 (in %) 120

106,99

100

100,44

101,07 96,01

98,59 94,23

92,47

80

105,10

101,34

90,73

98,54

93,11 88,42

87,42 83,91

2006

2007

2008

2009

2010

Rapporto impieghi/depositi I = crediti diretti verso clientela / debiti diretti disponibili verso clientela Rapporto impieghi/depositi II = crediti diretti verso clientela / debiti diretti disp. v. clientela e patrim. netto disp. Rapporto impieghi/depositi III = crediti diretti verso clientela / debiti diretti verso clientela

Interventi del Sistema bancario Raiffeisen per settori

Sport 3.099.511 euro 30,57 %

Ecologia 91.456 euro 0,90 %

Cultura 2.459.479 euro 24,26 %

AttivitĂ  sociali 1.752.307 euro 17,28 %

Economia ecc. 2.736.796 euro 26,99 %

57


Casse Raiffeisen associate 1. Cassa Raiffeisen Val Badia, Corvara 2. Cassa Raiffeisen di Lagundo 3. Cassa Raiffeisen di Andriano 4. Cassa Rurale di Bolzano 5. Cassa Raiffeisen di Brunico 6. Cassa Raiffeisen di Nova Ponente-Aldino 7. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco, Bressanone 8. Cassa Raiffeisen Campo di Trens 9. Cassa Raiffeisen Alta Pusteria, S. Candido 10. Cassa Raiffeisen Castelrotto 11. Cassa Raiffeisen di Lasa 12. Cassa Raiffeisen Lana 13. Cassa Raiffeisen Laces 14. Cassa Raiffeisen di Marlengo 15. Cassa Raiffeisen Merano 16. Cassa Raiffeisen di Meltina 17. Cassa Raiffeisen di Nalles 18. Cassa Raiffeisen di Naturno 19. Cassa Raiffeisen Villabassa 20. Cassa Raiffeisen Alta Venosta, S. Valentino alla Muta/Curon 21. Cassa Raiffeisen di Parcines 22. Cassa Raiffeisen della Val Passiria, S. Leonardo in Passiria 23. Cassa Raiffeisen Prato allo Stelvio 24. Cassa Rurale Renon, Collalbo/ Renon 25. Cassa Rurale di Salorno 26. Cassa Raiffeisen Val Sarentino, Sarentino 27. Cassa Raiffeisen di Scena 28. Cassa Raiffeisen Silandro 29. Cassa Raiffeisen SchlernRosengarten, Cornedo all’Isarco

58

30. Cassa Raiffeisen di Senales 31. Cassa Raiffeisen di San Martino in Passiria 32. Cassa Raiffeisen Tures-Aurina, Campo Tures 33. Cassa Raiffeisen di Tubre 34. Cassa Raiffeisen di Terlano 35. Cassa Raiffeisen Tirolo 36. Cassa Raiffeisen di Tesimo 37. Cassa Raiffeisen di Dobbiaco 38. Cassa Raiffeisen di Ciardes, Castelbello-Ciardes 39. Cassa Raiffeisen Oltradige, Appiano 40. Cassa Raiffeisen Ultimo-San Pancrazio-Lauregno, S. Valburga/ Ultimo 41. Cassa Raiffeisen Bassa Vall’Isarco, Laion 42. Cassa Raiffeisen Bassa Atesina, Laives 43. Cassa Raiffeisen di Funes 44. Cassa Raiffeisen di Vandoies 45. Cassa Raiffeisen di MonguelfoCasies-Tesido, Monguelfo 46. Cassa Raiffeisen Nova Levante 47. Cassa Raiffeisen Wipptal, Vipiteno 48. Cassa Raiffeisen di Selva di Val Gardena Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A.


Indici e dati statistici relativi alle 48 Casse Raiffeisen ovvero il Sistema bancario Raiffeisen

Descrizione

2010

N. delle Casse Raiffeisen 48 N. soci 53.850 N. dipendenti 1.746 N. sportelli 195 Comuni provvisti di sportelli Raiffeisen 107 *) crediti verso clientela 8.733,05 m.ni di € ** *) crediti verso clientela / raccolta disponibile da clientela 101,07 % *) crediti verso clientela / raccolta disponibile da clientela e patrim. netto disp. 88,42 % *) crediti verso clientela / raccolta da clientela 98,54 % *) raccolta disponibile da clientela 8.640,87 m.ni di € ** *) raccolta vincolata verso clientela 221,25 m.ni di € *) raccolta da clientela 8.862,12 m.ni di € ** *) Mezzi amministrati 11.070,68 m.ni di € ** - di cui titoli di terzi 1.188,95 m.ni di € - di cui fondi di investimento 509,97 m.ni di € - di cui gestioni patrimoniali 138,91 m.ni di € Totale dell’attivo 10.271,39 m.ni di € Immobilizzazioni (al netto degli ammortamenti) 235,32 m.ni di € Patrimonio netto e eccedenza contabile 1.540,23 m.ni di € TCR - Total capital ratio *** 17,25 % Ricavi complessivi 386,86 m.ni di € - di cui interessi attivi e proventi assimilati 296,49 m.ni di € Oneri complessivi 342,25 m.ni di € - di cui interessi passivi e oneri assimilati 78,26 m.ni di € Remunerazione media dei crediti verso clientela 3,42 % Remunerazione media della raccolta da clientela 0,93 % Differenza tra tasso attivo e tasso passivo 2,49 % Oneri operativi 192,84 m.ni di € - di cui ammortamenti 14,85 m.ni di € - di cui oneri per il personale 118,81 m.ni di € Oneri per il personale per dipendente 68,05 mila € CIR - Cost income ratio **** 70,44 % - CIR oneri operativi 211,29 m.ni di € - CIR ricavi operativi 299,95 m.ni di €

2009

Variazione rispetto all’eserc. preced.

49 51.743 1.754 195 107

- 2,0 % 4,1 % - 0,5 % 0,0 % 0,0 %

8.087,25 m.ni di € ** 96,01 % 83,91 % 93,11 % 8.423,38 m.ni di € ** 262,53 Mio. € 8.685,91 m.ni di € ** 10.567,37 m.ni di € ** 979,46 m.ni di € 422,80 m.ni di € 130,16 m.ni di € 10.040,98 m.ni di € 223,79 m.ni di € 1.512,40 m.ni di € 17,40 %

7,99 % 5,06 % p.ti 4,51 % p.ti 5,43 % p.ti 2,58 % - 15,72 % 2,03 % 4,76 % 21,39 % 20,62 % 6,72 % 2,29 % 5,15 % 1,84 % - 0,15 % p.ti

442,58 m.ni di € 346,32 m.ni di € 413,06 m.ni di € 136,58 m.ni di € 4,10 % 1,68 % 2,42 % 194,06 m.ni di € 14,49 m.ni di € 115,62 m.ni di € 65,92 mila € 70,85 % 209,83 m.ni di € 296,15 m.ni di €

- 12,59 % - 14,39 % - 17,14 % - 42,70 % - 0,68 % p.ti - 0,75 % p.ti 0,07 % p.ti - 0,63 % 2,47 % 2,76 % 3,23 % - 0,41 % p.ti 0,70 % 1,28 %

*) ** ***

compresi i valori relativi alla Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A. al netto degli effetti della rilevazione dei crediti cartolarizzati nell’attivo e nel passivo richiesta dagli IAS/IFRS al 31.12. Rapporto tra patrimonio di vigilanza (numeratore) e attività di rischio ponderata (denominatore) - requisito di vigilanza: 8 % (7 % in caso di obbligo di redazione del bilancio consolidato - es. gruppi bancari) **** Rapporto tra oneri operativi definiti (numeratore) e ricavi operativi definiti (denominazione) Tutti i valori sopra riportati sono desumibili dal bilancio e sono stati rilevati ai sensi degli standard contabili internationali IAS/IFRS (i valori di raffronto sono relativi al 2009 sono tratti dai bilanci 2010 - rispetto all’esercizio precedente sono leggermente variati solo il total capital ratio e gli importi degli oneri per il personale).

59


Bilancio aggregato delle 48 Casse Raiffeisen dell’Alto Adige al 31/12/2010 2010 (migliaia di €)

Variazione (migliaia di €)

Variazione percentuale

Attivo Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute sino alla scadenza Crediti verso banche Crediti verso clientela Derivati di copertura Partecipazioni Attività materiali Attività immateriali Attività fiscali Attività non correnti e gruppi di attività in via di dismissione Altre attività Totale dell‘attivo

61.028 16.041 44.985 1.281.507 36.738 822.461 7.666.921 0 2.239 235.096 224 38.112 604 65.432 10.271.389

60.651 32.999 44.752 1.453.862 36.788 896.298 7.189.342 12 2.131 223.604 188 40.417 1.627 58.309 10.040.978

378 - 16.958 233 - 172.354 - 50 - 73.837 477.578 - 12 108 11.492 37 - 2.305 - 1.023 7.123 230.411

0,62 - 51,39 0,52 - 11,85 - 0,14 - 8,24 6,64 - 100,00 5,08 5,14 19,49 - 5,70 - 62,89 12,22 2,29

Passivo Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Passività fiscali Altre passività Trattamento di fine rapporto del personale Fondi per rischi e oneri Riserve da valutazione Azioni rimborsabili Riserve Sovraprezzi di emissione Capitale Utile d‘esercizio Totale del passivo e del patrimonio netto

374.963 5.107.171 2.846.041 416 151.199 622 13.773 192.451 29.579 14.944 20.849 2.837 1.463.558 1.480 6.904 44.603 10.271.389

217.763 4.862.241 2.914.476 549 284.457 405 16.675 186.495 30.529 14.989 37.077 2.828 1.438.526 1.342 3.108 29.517 10.040.978

157.199 244.930 - 68.435 - 133 - 133.258 216 - 2.901 5.955 - 950 - 45 - 16.228 9 25.032 138 3.796 15.086 230.411

72,19 5,04 - 2,35 - 24,17 - 46,85 53,33 - 17,40 3,19 - 3,11 - 0,30 - 43,77 0,32 1,74 10,31 122,13 51,11 2,29

296.488 - 78.259 218.229 62.302 - 6.079 56.223 3.718 302 43 4.420 - 252 282.683 - 35.423 247.260 - 196.438 78 - 14.748 - 104 18.368 - 192.844 - 312 1.779 55.883 - 11.280 44.603 0 44.603

346.317 - 136.583 209.734 56.301 - 6.178 50.123 14.179 634 - 56 5.105 1.025 280.744 - 53.343 227.402 - 195.332 - 1.851 - 14.370 - 123 17.612 - 194.065 - 102 1.542 34.777 - 5.282 29.495 22 29.517

- 49.830 58.324 8.495 6.001 99 6.100 - 10.461 - 332 99 - 685 - 1.277 1.939 17.920 19.859 - 1.105 1.928 - 378 20 756 1.221 - 211 237 21.106 - 5.998 15.108 - 22 15.086

- 14,39 - 42,70 4,05 10,66 - 1,60 12,17 - 73,78 - 52,44 - 176,05 - 13,42 - 124,55 0,69 - 33,59 8,73 0,57 - 104,19 2,63 - 15,89 4,29 - 0,63 207,03 15,36 60,69 113,55 51,22 - 100,00 51,11

Conto economico Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati Margine di interesse Commissioni attive Commissioni passive Commissioni nette Dividendi e proventi simili Risultato netto dell’attività di negoziazione Risultato netto dell’attività di copertura Utili (perdite) da cessione o riacquisto di attività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value Margine di intermediazione Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di operazioni finanziarie Risultato netto della gestione finanziaria Spese amministrative Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri Rettifiche/riprese di valore nette su attività materiali Rettifiche/riprese di valore nette su attività immateriali Altri oneri/proventi di gestione Costi operativi Utili (Perdite) delle partecipazioni Utili (Perdite) da cessione di investimenti Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito dell‘esercizio dell’operatività corrente Utile (Perdita) della operatività corrente al netto delle imposte Utile (Perdita) al netto delle imposte gruppi di attività in via di dismissione Eccedenza contabile

60

2009 (migliaia di €)


Le cooperative ortofrutticole

Nell’esercizio 2009/2010 le cooperative ortofrutticole altoatesine hanno commercializzato il raccolto del 2009. Sono approdate nei magazzini delle cooperative 1.078.991 tonnellate di frutta e di ortaggi. Per quanto riguarda la frutta a granella, l’aumento è stato quasi dell’11% rispetto al raccolto del 2008. Le cooperative ortofrutticole hanno così per la prima volta superato la soglia del milione di tonnellate. Le cooperative in questione hanno immagazzinato, lavorato e commercializzato il 92,8% dell’intera produzione di frutta a granella dell’Alto Adige. Con il raccolto del 2009 l’Alto Adige ha contribuito per il 10,5% alla produzione complessiva di mele nell’Unione Europea. Nell’anno precedente fu raggiunta una quota del 9,2%. Con una

superficie coltivata di 18.500 ettari, l’Alto Adige può considerarsi l’area di coltivazione di mele più estesa d’Europa. La quota di frutta coltivata biologicamente era pari al 3,2%. La sovrapproduzione di frutta a granella nell’Unione europea ha tuttavia reso difficile la commercializzazione delle mele. Ne è conseguito che i prezzi di vendita sono notevolmente diminuiti. Nell’esercizio 2009/2010 ai soci e fornitori sono stati corrisposti quasi 318,9 milioni di euro a fronte della frutta conferita, importo equivalente al 3,5% in meno rispetto all’anno precedente. Il prezzo medio di conferimento era pari a 30 centesimi di euro/kg, 33 centesimi di euro/kg nel caso della frutta da tavola. Se ne deduce un calo dei prezzi di conferimento pari al 13% circa rispetto all’anno precedente. I prezzi di conferimento per la frutta a coltivazione biologica hanno superato dell’1% scarso i livelli dell’anno precedente. Il maggior crollo dei prezzi, precisamente del 34%, ha riguardato la frutta industriale. La superficie di coltivazione di frutta in Alto Adige si è estesa lievemente, contemporaneamente il numero dei soci di cooperative si è leggermente ridotto.

I soci della Cooperativa frutticoltori Neufrucht hanno festeggiato i 50 anni della costituzione. In presenza degli ospiti d’onore sono stati decorati vari soci fondatori.

61


La cooperative ortofrutticole di Bolzano-Nalles e di Terlano hanno dato vita ad un’unica realtà. La nuova cooperativa ha sede e stabilimento nella zona produttiva di Settequerce.

Cooperative associate 1. ALPE - Società agricola cooperativa alpina con produzione e lavorazione propria, Lasa 2. BIO SUEDTIROL, Terlano 3. Cooperativa produttori agricoltori Alta Val di Non e Val d’Ultimo, Proves 4. EOFRUT - Prima società agricola cooperativa frutticoltori Termeno, Termeno 5. ESO, Bronzolo 6. FRUBONA coop., Terlano 7. FRUCHTHOF ÜBERETSCH, Frangarto/Appiano 8. GEOS - Società agricola cooperativa frutticoltori Silandro 9. MEG - Società agricola cooperativa produttori Val Martello 10. Società agricola cooperativa frutticoltori Lagundo 11. Società agricola cooperativa frutticoltori CAFA Merano 12. Cooperativa frutticoltori COFRUM, Marlengo 13. Società cooperativa EGMA, Caldaro 14. Cooperativa frutticoltori GRUFRUT, Pineta di Laives/Laives 15. Società agricola cooperativa frutticoltori JUVAL CastelbelloCiardes-Stava, Castelbello-Ciardes 16. Cooperativa frutticoltori Kaiser Alexander, Laives 17. Cooperativa frutticoltori Kurmark-Unifrut, Magré 18. Cooperativa frutticoltori Lana 19. Cooperativa Lanafruit - Pomus Lanafrucht Ogol, Lana

62

20. Società agricola cooperativa MELIX BRIXEN, Varna 21. Cooperativa MIVO-ORTLER, Laces 22. Cooperativa frutticoltori NEUFRUCHT, Egna 23. Cooperativa frutticoltori SACRA, Appiano 24. Cooperativa frutticoltori Dodiciville, Bolzano 25. OSIRIS - Società agricola cooperativa per l’agricoltura biodinamica, Postal 26. OVEG - Società agricola cooperativa produttori agricoli Alta Val Venosta, Oris/Lasa 27. Texel cooperativa agricola, Naturno Cooperative sementicole 28. Cooperativa produttori sementi della Val Pusteria, Brunico Federazioni/consorzi VOG - Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige, Terlano VI.P, Laces VOG PRODUCTS, Laives

* Il prospetto a fianco non contempla la Cooperativa produttori sementi della Val Pusteria, la Cooperativa Bio Suedtirol, la MEG - Società agricola cooperativa produttori Val Martello, la Cooperativa produttori agricoltori Alta Val di Non e Val d’Ultimo e la OSIRIS - Società agricola cooperativa per l’agricoltura biodinamica. Queste cooperative si occupano prevalentemente della commercializzazione di bacche, di ortaggi da campo, di patate e di frutta coltivata con metodi biodinamici. Nel corso dell’esercizio 2009/10 hanno realizzato complessivamente un fatturato netto di 29,2 milioni di euro, di cui 15,3 milioni sono stati corrisposti ai soci.


Indici e dati statistici relativi alle cooperative ortofrutticole*

Descrizione

Esercizio 2009/10

Variazione rispetto all’eserc. preced.

1) Conferimento e liquidazione Conferimenti di frutta a granella da parte dei soci 1.075.191,5 t 10,8 Conferimenti di altra frutta e verdura da parte dei soci 3.799,1 t - 9,3 Acquisto di frutta a granella e di altra frutta da terzi 43.111,8 t - 20,5 Incidenza sulla produzione totale altoatesina di frutta a granella 92,8 % 1,2 p.ti Conferimento medio di frutta a granella per socio 157,5 t 12,1 Produzione media di frutta a granella per ha 65,1 t 9,6 Liquidazioni complessive ai soci esclusa IVA 318,9 m.ni di € - 3,5 Liquidazione media per socio 46,7 mila € - 2,3 Liquidazione media per kg di frutta a granella 0,2946 € - 13,0 2) Dati relativi allo stato patrimoniale Totale di stato patrimoniale di tutte le coop. ortofrutticole 714,4 m.ni di € 6,3 Immobilizzazioni al netto dei fondi di ammortamento 483,3 m.ni di € 6,9 Crediti verso clienti 106,0 m.ni di € 14,6 Liquidità e immobilizzazioni finanziarie (senza partecipazioni) 23,3 m.ni di € - 39,2 Scorte 30,8 m.ni di € - 8,3 Patrimonio netto 322,8 m.ni di €. 3,2 Eccedenza contabile 2,1 m.ni di € - 77,4 Finanziamenti bancari e vari 152,9 m.ni di € 35,5 Debiti verso soci e fornitori 201,9 m.ni di € - 2,9 Informazioni aggiuntive Aumento delle immobilizzazioni materiali (reinvestimenti) 86,3 m.ni di € - 1,8 Rapporto crediti verso clienti / fatturato 18,3 % 2,2 p.ti Rapporto patrimonio netto / immobilizzazioni 0,67 - 3,4 3) Dati relativi al conto economico Ricavi complessivi 613,7 m.ni di € - 0,8 Ricavi lordi da vendita di frutta 556,2 m.ni di € 0,6 Contributi pubblici 16,0 m.ni di € 32,4 Costi complessivi 241,3 m.ni di € 5,8 Ammortamenti delle immobilizzazioni 31,9 m.ni di € 1,3 Oneri per il personale 60,2 m.ni di € 9,7 Informazioni aggiuntive Ricavo medio per kg di frutta a granella conferita 0,5077 € - 9,4 Oneri complessivi medi per kg 0,2378 € - 1,3 Incidenza dei costi complessivi sui ricavi complessivi 39,3 % 2,4 p.ti Ammortamenti delle immobilizzazioni per kg di frutta conferita 0,0315 € - 5,4 Oneri per il personale per dipendente 32,9 mila € 13,0 4) Dati vari N. cooperative associate 24 0,0 N. cooperative con lavorazione propria federate 23 0,0 N. soci delle cooperative associate alla chiusura del bilancio 6.828 - 1,2 N. medio dei soci per cooperativa 285 - 1,2 Superficie a frutteto complessiva dei soci 16.662,0 ha 0,9 Superficie a frutteto media per socio 2,44 ha 2,1 Capacità di stoccaggio 856.790 t 6,7 N. dipendenti 1.830 - 2,9 Vendita di frutta in territorio nazionale (quantità) 64,1 % 2,9 p.ti Incidenza della frutta venduta in confezioni speciali 59,6 % 1,5 p.ti

Esercizio 2008/09

Variazione rispetto all’eserc. preced.

970.190,3 t 4.190,7 t 54.244,5 t 91,6 % 140,4 t 59,4 t 330,4 m.ni di € 47,8 mila € 0,3386 €

8,2 - 11,6 - 14,0 0,1 p.ti 9,7 7,8 - 24,5 - 23,4 - 30,1

671,9 m.ni di € 452,2 m.ni di € 92,5 m.ni di € 38,4 m.ni di € 33,5 m.ni di € 312,8 m.ni di € 9,2 m.ni di € 112,9 m.ni di € 207,8 m.ni di € 87,9 m.ni di € 16,1 % 0,69

- 1,9 9,5 - 27,1 - 51,1 25,7 8,8 221,8 10,7 - 22,0 41,1 - 5,4 p.ti - 0,7

618,5 m.ni di € 552,8 m.ni di € 12,1 m.ni di € 228,0 m.ni di € 31,5 m.ni di € 54,8 m.ni di € 0,5606 € 0,2410 € 36,9 % 0,0333 € 29,1 mila €

- 13,0 - 17,7 15,4 7,1 5,8 2,9 - 17,3 1,4 6,9 p.ti 0,0 27,9

24 23 6.909 288 16.507,0 ha 2,39 ha 803.020 t 1.884 61,2 % 58,1 %

- 11,1 - 14,8 - 1,4 10,9 0,4 1,8 - 0,8 - 19,5 0,4 p.ti 5,5 p.ti

* vedasi pag. 62 63


Le cooperative vinicole

Dal raccolto del 2009 sono state conferite alle cooperative vinicole 32.813 tonnellate di uva, il 4% in più rispetto all’anno precedente. Durante l’esercizio 2009/2010 l’incidenza delle varietà da vino bianco è aumentata ulteriormente a scapito delle uve da vino rosso, raggiungendo la quota del 54%, con la tendenza in continuo aumento. Le cooperative vinicole dell’Alto Adige, tutte aderenti alla Federazione, hanno lavorato 220.652 ettolitri di vino, pari al 64% della produzione del territorio. Se si considera il vino prodotto dalle cooperative vinicole associate alla Federazione Raiffeisen, ma che non trasformano direttamente l’uva, la quota delle cooperative si eleva al 71,9%. Nell’esercizio 2009/2010 le cooperative vinicole hanno venduto 254.167 ettolitri di vino, il 4,4% in meno rispetto all’anno precedente. Il fatturato ha raggiunto 113,2 milioni di euro, con un aumento del 2,1%, grazie al maggior prezzo di vendita che è

64

salito del 6,8%, portandosi a 4,45 euro al litro. Anche l’incidenza delle bottiglie da 0,75 l sul totale è aumentata di 5,5 punti percentuali, portandosi al 52,6%, il che ha permesso di accrescere il valore aggiunto. L’incidenza delle esportazioni si è lievemente ridotta: nell’esercizio 2009/2010 era pari al 18,3%. L’81,7% del vino è stato venduto in Italia; di questo, il 6,9% è stato commercializzato nei propri punti vendita al dettaglio. Nell’esercizio 2009/2010 ai soci e fornitori sono stati corrisposti, a fronte dei conferimenti di uva, 53,6 milioni di euro. Il prezzo medio di conferimento riconosciuto ai viticoltori è aumentato del 2,1% e si è portato, quindi, a 1.688 euro per tonnellata. Grazie ai maggiori volumi conferiti e ai prezzi di conferimento più elevati, la resa per ettaro è aumentata di 1.030 euro, attestandosi a 16.963 euro, con un aumento rispetto all’anno precedente del 6,5%. Le varietà Gewürztraminer, Sauvignon, Lagrein e Pinot nero hanno registrato la resa per ettaro maggiore, superando i 20.000 euro, mentre la varietà principale, e cioè la Schiava, con 11.094 euro per ettaro è quella che ha reso di meno. La superficie destinata a tale vitigno si è ridotta al 21,3% del totale, mentre l’incidenza in termini di quantità era pari al 23,9%. In controtendenza rispetto agli anni passati, il vitigno è riuscito per la prima volta a mettere a segno un lieve miglioramento quanto a ricavi e, di riflesso, anche in termini di prezzo di conferimento.


La Cantina Vini Merano e la Cantina Produttori Burggräfler di Marlengo si sono fuse in una nuova cooperativa. Nell’immagine i due Presidenti Richard Dosser e Kaspar Platzer.

Cooperative associate 1. Cantina Valle Isarco, Chiusa 2. Prima & Nuova Cantina, Caldaro 3. Cantina Produttori Bolzano 4. Viticultori Caldaro 5. Cantina Produttori Cortaccia 6. Cantina Produttori Merano Burggräfler 7. Cantina Nalles-Magré/Niclara, Nalles 8. Cantina Produttori Colterenzio, Cornaiano/Appiano 9. Cantina Produttori S.Michele Appiano 10. Cantina Produttori S.Paolo, S.Paolo/ Appiano

11. Cantina Produttori Terlano 12. Cantina Produttori Termeno 13. Cantina Sociale Cornaiano, Cornaiano/Appiano senza produzione propria 1. Cantina Salorno 2. Soc.coop. viticoltori Bressanone/ Novacella e dintorni, Varna Consorzi Consorzio delle Cantine Produttori Altoatesine, Bolzano Consorzio viticoltori Alto Adige, Appiano

Dopo due anni di lavori, a metà giugno la Cantina Produttori Termeno ha inaugurato la nuova sede aziendale. Centinaia di soci e residenti erano presenti alla cerimonia.

65


Indici e dati statistici relativi alle cooperative vinicole Descrizione

Esercizio 2009/10

Variazione rispetto all’eserc. preced.

Esercizio 2008/09

Variazione rispetto all’eserc. preced.

1) Conferimento e liquidazione Produzione totale e conferimenti 32.812,59 t 3,9 31.585,05 t - 11,1 Conferimenti di uva da parte dei soci 31.761,76 t 4,0 30.540,10 t - 11,3 Acquisto di uva da terzi 1.050,8 t 0,6 1.044,95 t - 5,3 Acquisto di altre merci 8,8 m.ni di € - 29,0 12,3 m.ni di € 5,8 Incidenza sulla produzione totale altoatesina di uva 71,9 % - 0,4 p.ti 72,3 % 2,7 p.ti Conferimento medio per socio 8,75 t 4,5 8,38 t - 10,1 Produzione media di uva per ettaro 10,09 t 4,6 9,64 t - 10,1 Quantità di vino prodotta 220.652 hl 2,2 215.932 hl - 10,7 Resa media (uva - vino) 75,4 % 0,2 p.ti 75,2 % 0,4 p.ti Liquidazioni complessive ai soci esclusa IVA 53,6 m.ni di € 6,0 50,6 m.ni di € - 8,6 Liquidazione media per socio 14,8 mila € 6,5 13,9 mila € - 7,3 Liquidazione media per kg di uva 1,69 € 2,1 1,66 € 3,0 2) Dati relativi allo stato patrimoniale Totale di stato patrimoniale di tutte le coop. vinicole 130,7 m.ni di € 7,6 121,5 m.ni di € 5,6 Immobilizzazioni al netto dei fondi di ammortamento 52,8 m.ni di € 25,5 42,1 m.ni di € 9,1 Crediti verso clienti 33,2 m.ni di € - 10,1 36,9 m.ni di € - 0,4 Liquidità e immobilizzazioni finanziarie (senza partecipazioni) 6,4 m.ni di € - 24,6 8,4 m.ni di € 19,3 Scorte 33,3 m.ni di € 2,4 32,5 m.ni di € 8,3 Patrimonio netto 58,4 m.ni di € 3,5 56,4 m.ni di € 2,3 Eccedenza contabile 1,8 m.ni di € 35,5 1,3 m.ni di € - 51,6 Finanziamenti bancari e vari 22,1 m.ni di € 28,0 17,3 m.ni di € 29,8 Debiti verso soci e fornitori 39,8 m.ni di € 5,1 37,9 m.ni di € 1,8 Informazioni aggiuntive Aumento delle immobilizzazioni materiali 16,3 m.ni di € 87,4 8,7 m.ni di € - 8,5 Rapporto crediti verso clienti / fatturato 28,9 % - 4,4 p.ti 33,3 % 0,6 p.ti Rapporto patrimonio netto / immobilizzazioni 110,6 % - 23,5 p.ti 134,1 % - 8,9 p.ti Scorte di vino 160.821 hl 2,4 157.038 hl - 3,3 Valutazione delle scorte di vino al litro 1,83 € 4,2 1,76 € 9,9 3) Dati relativi al conto economico Ricavi complessivi 116,9 m.ni di € 0,3 116,5 m.ni di € 2,7 Ricavi lordi da vendita di vino 113,2 m.ni di € 2,1 110,8 m.ni di € - 2,1 Contributi pubblici 0,5 m.ni di € - 29,3 0,7 m.ni di € 25,7 Costi complessivi 56,7 m.ni di € 2,6 55,3 m.ni di € 1,3 Ammortamenti delle immobilizzazioni 4,8 m.ni di € - 2,0 4,9 m.ni di € 3,8 Oneri per il personale 15,4 m.ni di € 4,8 14,7 m.ni di € 2,2 Informazioni aggiuntive Ricavo medio per litro di vino 4,45 € 6,8 4,17 € 0,4 Costi complessivi medi per litro / voce di spesa* 2,14 € 5,3 2,03 € 7,8 Incidenza dei costi complessivi sui ricavi complessivi 48,5 % 1,1 p.ti 47,4 % - 0,6 p.ti Ammortamenti delle immobilizzazioni per kg di uva conferita 0,17 € - 4,9 0,17 € 17,5 Oneri per il personale per dipendente 45,12 mila € - 2,7 46,38 mila € 5,8 4) Dati vari N. cooperative associate 16 0,0 16 - 5,9 N. cooperative con vinificazione propria federate 14 0,0 14 - 6,7 N. soci delle cooperative associate alla chiusura del bilancio 3.624 - 0,6 3.646 - 1,3 N. medio dei soci per cooperativa 227 - 0,4 228 5,1 Superficie a vigneto complessiva dei soci 3.131 ha - 0,5 3.148 ha - 1,5 Superficie a vigneto media per socio 0,86 ha 0,0 0,86 ha 0,0 Capacità di stoccaggio 569.577 hl - 1,3 576.831 hl 0,2 N. dipendenti 342 7,5 318 - 3,3 Quantità vinicola venduta 254.167 hl - 4,4 265.794 hl - 2,6 Vendite in territorio nazionale 207.702 hl - 3,9 216.075 hl - 0,7 Vino venduto in bottiglie da 0,75 l 52,6 % 5,5 p.ti 47,1 % - 0,1 p.ti Vino venduto in altre forme di confezionamento 30,3 % - 1,1 p.ti 31,4 % - 0,8 p.ti * voce di spesa = media delle quantità di vino prodotte e commercializzate in hl

66


Le cooperative lattiero-casearie

Nel 2010 in Alto Adige sono state prodotte 380.361 tonnellate di latte, lavorate e commercializzate integralmente in strutture cooperative. Rispetto all’anno precedente ciò ha rappresentato un incremento del 3,6%. I dati citati comprendono anche 5.656 tonnellate di latte biologico e 586 tonnellate di latte di capra, con un incremento vicino al 12%. Delle quindici cooperative lattiero-casearie, dieci hanno trasformato in proprio il latte, mentre cinque si sono avvalse di altre strutture per la lavorazione e la commercializzazione. Quasi il 60% (221.151 tonnellate) del latte conferito in Alto Adige è stato destinato al consorzio Milkon. Tutte le cooperative lattiero-casearie sono socie della Federazione. Il numero di soci individuali delle coope-

rative in questione è diminuito di 23 unità, il che è in linea con la tendenza generale. La quantità mediamente conferita da ciascun socio nel 2010 è aumentata di 2,4 tonnellate e ha raggiunto un ammontare di 64,8 tonnellate. La quantità di latte trasformato in latticini è aumentata quasi del 4%, portandosi a 323.766 tonnellate. La vendita all’ingrosso ha riguardato 100.703 tonnellate di latte; il dato esprime un aumento del 5,9% rispetto all’anno precedente. Il latte conferito dai soci è stato oggetto di trasformazione per il 76%, livello analogo a quello dell’esercizio precedente. I prezzi di mercato nel 2010 sono lievemente scesi, posizionandosi ad un ricavo medio di 0,84 euro per ogni chilogrammo di latte conferito. I ricavi complessivamente realizzati

67


Sul tetto dello stabilimento del Centro Latte Brunico (Senni) è stato realizzato un impianto fotovoltaico che produce sufficiente energia solare pulita per coprire il fabbisogno di 90 famiglie.

attraverso la vendita di latte e latticini sono aumentati del 3,6% e si sono attestati a 357,5 milioni di euro. Questo aumento va tuttavia imputato alle maggiori quantità. Per ogni chilogrammo di latte conferito è stato possibile pagare ai soci un prezzo medio di 0,438 euro (IVA esclusa), con un calo dello 0,6% rispetto all’anno precedente. La somma totale corrisposta ai soci ammontava a 166,5 milioni di euro, aumentando cosi di 2,9 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Se rapportato al numero inferiore di soci, risulta un corrispettivo medio di 28.400 euro per ogni socio, equivalente a un incremento del 3,3% rispetto all’esercizio precedente. Il numero delle vacche lattiere tenute dai soci era di 64.400 unità, inferiore dell’1,1% rispetto all’anno precedente. Per ogni mucca sono stati corrisposti in media 2.579 euro.

Cooperative associate Cooperativa Latteria Vipiteno Jochalmkäserei Latzfons, Lazfons/ Chiusa Caseificio Sesto Centro Latte Bressanone, Varna Latteria sociale Merano Milkon Alto Adige, Bolzano Caseificio montano della Val Passiria Bio, San Martino in Passiria Latteria Burgusio, Burgusio/Malles Latteria Tre Cime - Mondo Latte, Dobbiaco Latteria Lagundo senza produzione propria MILA , Bolzano Centro Latte Brunico Latteria cooperativa di Tirolo Latteria sociale di Prato allo Stelvio Südtiroler Bergziegenmilch, Bolzano Consorzio Federazione Latterie Alto Adige, Bolzano

68


Indici e dati statistici relativi alle cooperative lattiero-casearie Descrizione

Esercizio 2010

Variazione rispetto all’eserc. preced.

Esercizio 2009

Variazione rispetto all’eserc. preced.

1) Conferimento e liquidazione Conferimenti di latte da parte dei soci 380.361 t 3,6 367.290 t 1,6 di cui latte caprino 586 t 12,2 522 t 5,8 Acquisto di latte da terzi 44.109 t 11,9 39.425 t - 11,5 Incidenza coop. socie sulla produzione totale altoatesina di latte 97,9 % - 0,5 p.ti 98,4 % 0,7 p.ti Conferimento medio di latte per socio 64,8 t 4,0 62,4 t 2,9 Produzione media di latte per vacca lattifera 5.904 kg 4,7 5.638 kg 2,2 Quantità di latte trasformata 323.766 t 3,9 311.652 t - 0,2 Quantità di latte venduta all’ingrosso 100.703 t 5,9 95.064 t 1,3 Incidenza sul totale del latte conferito: vendita all’ingrosso 23,7 % 0,3 p.ti 23,4 % 0,3 p.ti latte fresco 5,2 % - 0,1 p.ti 5,3 % - 0,4 p.ti latta a lunga conservazione 6,0 % - 0,1 p.ti 6,2 % 1,0 p.ti yogurt 25,4 % 0,2 p.ti 25,3 % 0,4 p.ti altri prodotti 39,6 % - 0,3 p.ti 39,9 % - 1,1 p.ti Liquidazioni complessive ai soci esclusa IVA 166,5 m.ni di € 2,9 161,8 m.ni di € 1,1 Liquidazione media per socio 28,4 mila € 3,3 27,5 mila € 2,4 Liquidazione media per kg di latte 0,438 € - 0,6 0,441 € - 0,5 Liquidazione media per vacca lattifera 2.579 € 4,0 2.479 € 1,7 2) Dati relativi allo stato patrimoniale Totale di stato patrimoniale di tutte le coop. lattiero-casearie 246,6 m.ni di € 6,0 232,6 m.ni di € 0,7 Immobilizzazioni al netto dei fondi di ammortamento 97,6 m.ni di € - 2,4 100,1 m.ni di € - 2,5 Crediti verso clienti 81,8 m.ni di € 4,4 78,4 m.ni di € 2,1 Liquidità e immobilizzazioni finanziarie (senza partecipazioni) 15,7 m.ni di € 84,3 8,5 m.ni di € - 16,8 Scorte 19,5 m.ni di € 9,7 17,8 m.ni di € - 2,2 Patrimonio netto (senza utile) 100,1 m.ni di € 2,2 98,0 m.ni di € 1,2 Eccedenza contabile (senza versamento al fondo mutualistico) 1,8 m.ni di € - 28,5 2,5 m.ni di € 109,0 Finanziamenti bancari e vari 104,7 m.ni di € 0,8 103,9 m.ni di € 3,9 Debiti verso soci e fornitori 115,9 m.ni di € 128,1 50,8 m.ni di € - 52,0 Informazioni aggiuntive Aumento delle immobilizzazioni materiali (reinvestimenti) 17,3 m.ni di € - 36,9 27,5 m.ni di € 39,1 Rapporto crediti verso clienti / fatturato 22,9 % 0,2 p.ti 22,7 % 1,1 p.ti Rapporto patrimonio netto / immobilizzazioni 102,6 % 4,6 p.ti 98,0 % 3,6 p.ti 3) Dati relativi al conto economico Ricavi complessivi 387,5 m.ni di € 5,7 366,5 m.ni di € - 3,4 Ricavi lordi da vendita di latte e latticini 357,5 m.ni di € 3,6 345,2 m.ni di € - 2,7 Contributi pubblici 0,3 m.ni di € 38,2 0,2 m.ni di € 4,2 Costi complessivi 211,8 m.ni di € 5,0 201,6 m.ni di € - 4,8 Ammortamenti delle immobilizzazioni 12,7 m.ni di € - 3,6 13,2 m.ni di € - 2,2 Oneri per il personale 34,9 m.ni di € 4,8 33,3 m.ni di € 3,3 Informazioni aggiuntive Ricavo medio per kg di latte conferito 0,842 € - 0,8 0,849 € - 2,8 Oneri complessivi medi per kg 0,499 € 0,7 0,496 € - 5,0 Incidenza dei costi complessivi sui ricavi complessivi 54,7 % - 0,3 p.ti 55,0 % - 0,8 p.ti Ammortamenti delle immobilizzazioni per kg di latte conferito 0,030 € - 7,6 0,032 € - 2,3 Oneri per il personale per dipendente 40,7 mila € 1,5 40,1 mila € 3,7 4) Dati vari N. cooperative associate 15 0,0 15 0,0 N. cooperative con lavorazione propria federate 10 0,0 10 0,0 N. soci delle cooperative associate alla chiusura del bilancio 5.859 - 0,5 5.889 - 1,3 N. medio dei soci per cooperativa con lavorazione 587 - 0,4 589 - 1,3 N. complessivo vacche lattifere dei soci 64.427 - 1,1 65.141 - 0,6 N. medio vacche lattifere per socio 11,0 - 0,7 11,1 0,7 N. medio dipendenti 857 3,2 830 - 0,4

69


Le cooperative di allevamento di bestiame

Nel corso del 2010 sono transitati per il centro d’asta di Bolzano quasi 41.500 capi di bestiame. Gli acquirenti apprezzano il buono stato di salute degli animali, che consente loro di accedere a molti mercati.

La zootecnia altoatesina è caratterizzata da una notevole varietà che, oltre ai bovini, comprende equini, suini, ovini, caprini e animali minori. In questo comparto le Federazioni di allevamento di bestiame che hanno sede nella Casa della Zootecnia a Bolzano, svolgono compiti di grande importanza, tra cui la selezione, la tenuta del libro genealogico, il controllo della produzione e il supporto in occasione di mostre e aste di bestiame ovvero nella commercializzazione in genere. Si tratta della Federazione Provinciale Allevatori Bovini di Razza Bruna, della Società Allevatori Bovini di Razza Pezzata Rossa, della Federazione Provinciale degli Allevatori Cavalli Haflinger dell’Alto Adige, della Federazione Sudtirolese Allevatori Razze Bovine, della Federazione Zootecnica Alto Adige, del Consorzio Altoatesino per la commercializzazione del bestiame (Kovieh) e dell’Unione delle Federazioni

70

Altoatesine degli Allevatori. Su incarico di tutte le Federazioni di allevamento di bestiame la Federazione Cooperative Raiffeisen sta effettuando uno studio per verificare le possibilità di collaborare più intensamente.

Consorzi 1. Federazione Provinciale Allevatori Bovini di Razza Bruna, Bolzano 2. Società Allevatori Bovini di Razza Pezzata Rossa, Bolzano 3. Federazione Provinciale degli Allevatori Cavalli Haflinger dell’Alto Adige, Bolzano 4. Federazione Sudtirolese Allevatori Razze Bovine, Bolzano 5. Federazione Zootecnica Alto Adige, Bolzano


Indici e dati statistici relativi alle cooperative di allevamento di bovini Descrizione

Anno 2010 Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

Anno 2009 Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

N. cooperative associate 3 3 N. allevatori (soci di cat. A) 7.244 1,0 7.170 0,2 N. commercianti (soci di cat. B) 2.098 - 3,1 2.165 - 6,9 N. dipendenti 46,0 - 9,8 51,0 4,1 Totale di stato patrimoniale 11,89 m.ni di € - 1,8 12,10 m.ni di € - 0,1 Immobilizzazioni (materiali) 5,68 m.ni di € 4,3 5,45 m.ni di € 24,0 Patrimonio netto 8,51 m.ni di € - 3,3 8,80 m.ni di € - 0,1 Oneri per il personale 1,77 m.ni di € 1,6 1,74 m.ni di € 1,7 Oneri per il personale per dipendente 38,4 mila € 12,7 34,1 mila € - 2,3 N. animali registrati nel libro genealogico Nuove marcature Prime inseminazioni Aste di bestiame N. capi venduti Fatturato aste di bestiame Quota di ammortamento Utile

59.066 13.632 108.714 34 7.745 8,14 m.ni di € 219,7 mila € -158,8 mila €

0,5 - 1,2 2,4 0,0 7,0 - 3,9 9,1 - 305,1

58.768 13.802 106.177 34 7.237 8,47 m.ni di € 201,4 mila € 77,5 mila €

- 0,3 1,7 27,2 0,0 5,6 - 5,9 0,8 - 71,5

Le cooperative di consumo e le cooperative agricole di approvvigionamento Cooperative di consumo

Cooperative di approvvigionamento

1. Famiglia cooperativa di Castelrotto 2. Cooperativa di consumo Lasa 3. Cooperativa di consumo Termeno 4. Cooperativa di consumo Cortaccia 5. Famiglia cooperativa di Salorno 6. Cooperativa di consumo Fiè1

1. Cooperativa di approvvigionamento Cortaccia 2. Società agricola cooperativa di approvvigionamento Laives-Bronzolo, Laives 3. Cooperativa agricola di approvvigionamento Salorno 4. Cooperativa per l’acquisto di prodotti per l’agricoltura d’Oltradige, Appiano

Cooperative di consumo atipiche 7. Genossenschaft für KVW Aktionen Pustertal – GEKA, Brunico* 8. Cooperativa provinciale mensa e consumo Bolzano

1

il nome ufficiale è „Landwirtschaftliche Bezugsgenossenschaft Völs“. * Cooperativa senza mutualità prevalente

71


Indici e dati statistici relativi alle cooperative di consumo Descrizione

N. cooperative N. soci N. medio dipendenti Totale aggregato stato patrimoniale Immobilizzazioni al valore d‘acquisto Immobilizzazioni al netto dei f. di amm.to Scorte finali di merci Incidenza scorte finali su fatturato Patrimonio netto Grado di ammortamento Fatturato Fatturato per dipendente Oneri per il personale Oneri totali Oneri per il personale per singolo dipendente Indice di rotazione Margine lordo di contribuzione Ristorni a soci

2010

6 4.109 11,4 7.125,5 mila € 6.900,9 mila € 4.050,7 mila € 1.706,6 mila € 11,1 % 2.334,1 mila € 41,3 % 15.441,4 mila € 248,7 mila € 2.344,2 mila € 3.584,8 mila € 34,3 mila € 7,4 28,1 % 46,0 mila €

Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

0,0 1,7 - 2,6 0,6 4,9 3,4 5,3 0,2 p.ti - 1,8 0,8 p.ti 3,9 4,7 2,8 5,7 5,2 - 0,9 0,0 p.ti - 29,6

2009

6 4.041 11,7 7.082,5 mila € 6.580,7 mila € 3.918,3 mila € 1.620,5 mila € 10,9 % 2.377,6 mila € 40,5 % 14.868,8 mila € 237,6 mila € 2.279,5 mila € 3.391,6 mila € 32,6 mila € 7,5 28,1 % 65,4 mila €

Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

0,0 9,8 15,3 45,9 39,2 82,9 10,6 0,1 p.ti 0,5 -14,2 p.ti 9,5 -16,4 21,7 16,7 5,6 0,2 1,7 p.ti -1,3

I dati relativi alle cooperative di consumo atipiche non sono riportati in questa tabella. Vedasi pag. 71.

Indici e dati statistici relativi alle coop. di approvvigionamento Descrizione

N. cooperative N. soci N. medio dipendenti Totale aggregato stato patrimoniale Immobilizzazioni al valore d‘acquisto Immobilizzazioni al netto dei f. di amm.to Scorte finali di merci Incidenza scorte finali su fatturato Patrimonio netto Grado di ammortamento Fatturato Fatturato per dipendente Oneri per il personale Oneri totali Oneri per il personale per singolo dipendente Indice di rotazione Margine lordo di contribuzione Fatturato per socio

72

2010

4 1.110 1,9 5.006,3 mila € 2.509,7 mila € 2.063,1 mila € 2.457,0 mila € 41,9 % 1.443,8 mila € 17,8 % 5.970,5 mila € 748,8 mila € 300,0 mila € 732,2 mila € 40,5 mila € 2,0 19,1 % 5,4 mila €

Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

0,0 4,5 18,8 - 7,2 1,8 - 1,4 0,4 0,6 p.ti 18,9 2,7 p.ti - 2,6 - 17,6 2,2 7,9 - 13,0 - 5,2 - 1,1 p.ti - 5,8

2009

4 1.062 1,6 5.396,6 mila € 2.466,2 mila € 2.093,1 mila € 2.448,4 mila € 41,3 % 1.213,8 mila € 15,1 % 6.132,3 mila € 909,1 mila € 293,6 mila € 678,8 mila € 46,6 mila € 2,1 20,2 % 5,7 mila €

Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

0,0 4,6 9,6 44,1 4,3 3,5 8,9 - 2,7 p.ti 29,5 0,7 p.ti 17,7 6,3 15,5 9,2 5,4 0,4 2,6 p.ti 12,5


Le cooperative energetiche

Alla fine del 2010 facevano capo alla Federazione Raiffeisen 62 cooperative energetiche suddivise tra aziende elettriche, centrali di teleriscaldamento e cooperative produttrici di biogas. Complessivamente esse contavano 12.925 soci individuali e occupavano 106 dipendenti. Durante l’anno in rassegna le aziende elettriche e le centrali di teleriscaldamento hanno rifornito 19.200 utenti finali di energia elettrica (62%) e termica (38%). Delle 28 aziende elettriche cooperative, 25 hanno prodotto energia elettrica, mentre due non svolgono attività di produzione e si limitano alla distribuzione di energia. Una cooperativa ha iniziato la propria attività con le prove di funzionamento soltanto alla fine del 2010. Al 31 dicembre 2010 le aziende elettriche cooperative avevano 7.181 soci e rifornivano di energia elettrica 11.900 consumatori finali. L’energia elettrica prodotta dalle stesse ha raggiunto i 226,0 GWh, segnando un aumento del 5,6% rispetto al 2009. Dell’energia prodotta, il 46% circa è stato ceduto a consumatori finali, di cui, come anche negli anni precedenti, solo il 79% rappresentati da soci e il 21% da non soci. Complessivamente, agli utenti finali è stata erogata energia elettrica per un controvalore di 9,9 milioni di euro. Il prezzo medio di vendita era di poco inferiore a 9,44 centesimi di euro per kWh. 25 cooperative con 5.240 soci e 7.300 clienti appartengono alla categoria delle centrali di teleriscaldamento. Sei di esse hanno prodotto, oltre all’energia termica, anche energia elettrica, la quale è stata in

parte utilizzata in proprio, ma soprattutto destinata alla vendita. Le cooperative di teleriscaldamento hanno prodotto nel 2010 321,7 GWh di energia termica. La perdita di calore media è leggermente scesa rispetto al 2009, portandosi dal 24,3% al 23,2%. Mediamente agli utenti sono stati addebitati 9,5 centesimi di euro per kWh di energia termica. Le centrali di teleriscaldamento hanno, inoltre, prodotto anche 29,2 GWh di energia elettrica; 21,7 GWh (74,3%) sono stati ceduti all’Acquirente Unico. Il gruppo più piccolo di cooperative energetiche aderenti alla Federazione è costituito dalle nove cooperative produttrici di biogas. Due di esse, alla data di chiusura del bilancio non avevano ancora iniziato l’attività. Delle sette cooperative produttrici di biogas attive, quattro producono in proprio energia elettrica e termica, impiegando il liquame conferito. Tre cooperative produttrici di biogas realizzano i propri ricavi, vendendo il biogas prodotto a cooperative elettriche o a cooperative di teleriscaldamento. Al 31 dicembre 2010 le cooperative produttrici di biogas avevano 504 soci. Le quattro cooperative che producono in proprio hanno ricavato nel 2010 13,6 GWh di energia termica, di cui un terzo circa è stato destinato ai consumi interni. Le vendite hanno riguardato 1,7 GWh, mentre 7,9 GWh non sono stati sfruttati, dato che due delle cooperative produttrici non sono riuscite a trovare acquirenti per il calore. Sempre nel corso del 2010 le cooperative di produzione di biogas hanno inoltre prodotto 11,5 GWh

73


di energia elettrica; 10,7 GWh sono stati ceduti all’Acquirente Unico. Riassumendo, si può rilevare che le cooperative energetiche socie della Federazione nel 2010 hanno prodotto 266,7 GWh di energia elettrica e 335,3 GWh di energia termica. Oramai non sono però più solo le cooperative energetiche a produrre energia elettrica. Sempre più cooperative ortofrutticole e ora anche cooperative lattiero-casearie contribuiscono alla produzione, puntando sugli impianti fotovoltaici. I tetti di 15 stabilimenti appartenenti a cooperative ortofrutticole nel 2010 erano coperti da pannelli solari per una superficie complessiva di 86.850 m²; l’aumento rispetto all’anno precedente era pari a 23.695 m², ovvero al 37,5%. La produzione totale è salita a 11,6 GWh, segnando un incremento del 61,5% rispetto all’anno prima.

Cooperative associate 1. Agrarenergie Terenten, Terento 2. Cooperativa agraria Gudon, Gudon/ Chiusa 3. Centrale elettrica Ahrntal, Luttago/ Valle Aurina 4. Aldeiner landwirtschaftliche Erzeugergenossenschaft, Aldino 5. bioenergie Termocentrale Renon, Collalbo/Renon 6. BIOENERGIE, San Lorenzo di Sebato

74

7. Bioenergie cooperativa St. Valentin, San Valentino alla Muta/ Curon Venosta 8. Bio-Energie-GenossenschaftSchlinig, Malles 9. Biogas Genossenschaft Prad, Prato allo Stelvio 10. BIOKRAFT Rasen-Antholz, Rasun-Anterselva 11. Società cooperativa elettrica Rio Lagundo, Lagundo 12. Cooperativa centrale elettrica Fleres, Brennero 13. Azienda elettrica Versciaco-Prato alla Drava, Versciaco/Prato alla Drava 14. Azienda elettrica Funes 15. Società cooperativa Cantuccio, Campo Tures 16. Azienda elettrica Kalmtal, San Martino in Passiria* 17. Società cooperativa azienda elettrica Stelvio 18. Azienda elettrica La Valle 19. Società cooperativa elettrica Gomion, San Leonardo in Passiria 20. Società cooperativa elettrica Valgiovo, Racines 21. Consorzio elettrico Pennes, Sarentino 22. Cooperativa elettrica S. Elena-San Pancrazio-Ultimo, San Pancrazio 23. Centrale elettrica Valtina, San Leonardo in Passiria 24. Azienda elettrica Casies 25. Società cooperativa azienda elettrica Monguelfo 26. Società cooperativa Energie Vintl, Vandoies


Il Comune di Falzes ha realizzato una nuova centrale di teleriscalamento che approvvigiona di energia termica gli edifici pubblici e poco meno di 200 famiglie.

27. Energia e teleriscaldamento Obereggen, Nova Ponente 28. Società cooperativa energetica Albes, Bressanone* 29. Energiegenossenschaft Klerant, Bressanone 30. Società cooperativa energetica Laces 31. Società cooperativa di energia Mules, Campo di Trens 32. Azienda energetica Oberland – Rojenbach, Resia/Curon 33. Società cooperativa energia Rasun Anterselva* 34. Società cooperativa energetica San Martino-Valdurna, Sarentino 35. Cooperativa di energia Solda 36. Fonti energetiche Valles, Rio di Pusteria 37. Azienda Energetica Falzes 38. Azienda energetica Prato 39. EUM – Società cooperativa per l’energia e l’ambiente Moso 40. E-Werk Lüsen, Luson 41. Teleriscaldamento termo-elettrico Dobbiaco – San Candido, Dobbiaco 42. Teleriscaldamento Colle Isarco, Brennero 43. Termocentrale Verano 44. Teleriscaldamento Monguelfo Villabassa, Monguelfo 45. Teleriscaldamento Tiso, Funes 46. Cooperativa promozionale Ultimo 47. Società cooperativa Bioenergia Resia 48. Cooperativa BIOWATT – Taufers, Campo Tures* 49. Società cooperativa centrale termica Velturno

50. Società Cooperativa Teleriscaldamento Sarentino, Sarentino* 51. Azienda elettrica Corvara consortile, Moso in Passiria 52. Laaser – Eyrser – Energiegenossenschaft, Lasa 53. Cooperativa agricola Sluderno* 54. Pfelderer Genossenschaft, Moso in Passiria 55. Schluderns-Glurns Energie, Sluderno 56. SEA Sorvisc-Energia-Ambient Società Cooperativa, San Martino in Badia 57. Termo Antermeia, San Martino in Badia 58. Consorzio elettrico Val Venosta, Silandro 59. Wärme- und Energiegenossenschaft Ahrntal, San Giovanni/Valle Aurina 60. Società cooperativa Teleriscaldamento Sciaves, Naz-Sciaves 61. Società cooperativa Termocentrale, Rasun-Anterselva 62. Cooperativa per l’utilizzo di fonti energetiche, Nova Levante Consorzio Federazione dell’Energia Raiffeisen, Bolzano * Cooperativa senza mutualità prevalente

75


Indici e dati statistici relativi alle cooperative elettriche Descrizione

2010

Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

2009

Variazione rispetto all’eserc. preced.+/- %

N. cooperative 28 - 28 N. soci 7.181 3,5 6.936 3,6 N. utenti 11.880 3,4 11.490 4,7 Potenza media contrattuale per utente 8,9 kW 0,3 8,8 kW 4,0 N. dipendenti 60,0 6,0 56,6 9,7 Potenza nominale massima 52.649 kW 0,3 52.493 kW - 0,6 Potenza in base a concessione 30.506 kW 1,9 29.951 kW - 0,2 Potenza media 25.781 kW 5,6 24.424 kW 0,1 Potenza media sulla potenza nominale massima 49,0 2,4 46,5 0,3 Elettricità prodotta 226,0 GWh 5,6 214,1 GWh 0,1 Vendita energia a soci 83,3 GWh 4,7 79,6 GWh 2,3 Vendita energia a non soci 21,6 GWh 11,2 19,4 GWh - 3,6 Totale energia venduta a utenti finali 104,9 GWh 6,0 99,0 GWh 1,1 Incidenza en.vend. a soci su en. compl. vend. a ut.fin. 79,4 - 1,0 80,4 1,0 Incidenza en.vend. a ut. fin. su produzione totale 46,4 0,2 46,2 0,4 Ricavi da vendita a utenti finali 9,90 m.ni di € 12,5 8,80 m.ni di € - 9,9 Prezzo medio di vendita a utenti finali 0,094 €/kWh 6,1 0,089 €/kWh - 10,9 Potenza contrattuale complessiva 105.405 kW 3,8 101.594 kW 8,9

Indici e dati statistici relativi alle cooperative di teleriscaldamento Descrizione

2010

Variazione rispetto all’eserc. preced. +/- %

2009

Variazione rispetto all’eserc. preced.+/- %

N. cooperative 25 0 25 - 3,8 N. soci 5.240 4,8 4.998 3,9 N. utenti 7.300 6,1 6.882 16,4 N. dipendenti 31,0 8,8 28,5 - 5,0 Lunghezza condotte acqua calda 329,7 km 3,8 317,5 km 3,6 Potenza nominale massima 156,53 MW 6,1 147,51 MW 3,2 Sfruttamento calore 750 kWh/m 10,9 676 kWh/m 11,7 Produzione energia termica Calore prodotto 321,7 GWh 13,5 283,5 GWh 16,2 Vendita calore a utenti finali 247,2 GWh 15,1 214,7 GWh 15,7 Perdita media di calore (compresi consumi propri) 23,2 - 4,6 24,3 0,3 Ricavi da vendita di calore a utenti finali 23,4 m.ni di € 17,4 20,0 m.ni di € 16,3 Prezzo di vendita a utenti finali 0,095 €/kWh 1,9 0,093 €/kWh Produzione energia elettrica Elettricità prodotta 29,2 GWh 35,2 21,6 GWh 44,9 Elettricità venduta 21,7 GWh 34,9 16,1 GWh 53,3 Incidenza delle vendite di elettricità in % sulla produzione 74,3 - 0,2 74,5 4,0

76


Cooperative di gestione dell’acqua (acqua potabile e per l’irrigazione)

Cooperative associate 1. Beregnungsgenossenschaft Latzfons/Feldthurns, Velturno* 2. Cooperativa irrigua Schabs, NazSciaves 3. Consorzio elettrico e di acqua potabile Stefansdorf, San Lorenzo di Sebato* 4. Società cooperativa per utenti d’acqua potabile Eores, Bressanone 5. Cooperativa acquedotto CornaianoColterenzio, Cornaiano/Appiano 6. Acquedotto cooperativa Castelrotto 7. Trinkwassergenossenschaft Lajen, Laion* 8. Cooperativa per l’acqua potabile Missiano-Riva di sotto, Missiano/ Appiano

9. Acquedotto società cooperativa NEPTUNIA Siusi, Siusi/Castelrotto 10. Consorzio per l’acqua potabile Prissiano, Tesimo 11. Cooperativa per l’acqua potabile di San Costantino di Fie’ 12. Cooperativa acqua potabile San Michele - Appiano 13. Trinkwassergenossenschaft St. Pauls/Berg, San Paolo/Appiano 14. Cooperativa per l’acqua potabile Terlano 15. Acquedotto cooperativa di Fie’ allo Sciliar * Cooperativa senza mutualità prevalente

Le cooperative edilizie Cooperative associate 1. Siedlungswerk St. Albuin, Bressanone 2. Cooperativa edilizia Ager Crucis, Bolzano 3. Wohnbaugenossenschaft Althing, Bolzano 4. Cooperativa edilizia Anger, Bolzano

5. Cooperativa edilizia Aurum, Bolzano 6. Cooperativa edilizia Braiwies, Bolzano 7. Cooperativa edilizia Die Eiche, Bolzano 8. Wohnbaugenossenschaft Flatschwald, Brunico 9. Cooperativa edilizia Fortuna 2006, Bolzano

77


10. Cooperativa edilizia Frangart 2007, Bolzano 11. Wohnbaugenossenschaft Freinademetz, Bolzano 12. Cooperativa edilizia Vicolo Giardino 2508, Bolzano 13. Cooperativa Edilizia Girlan 2008, Bolzano 14. Cooperativa edilizia In do Woade, Bolzano 15. Wohnbaugenossenschaft Karneid, Bolzano 16. Cooperativa Edilizia Laives, Bolzano 17. Cooperativa Edilizia Micheal 2004, Bolzano 18. Cooperativa Edilizia Obervรถls, Bolzano 19. Cooperativa Edilizia Pauls 2006, Bolzano 20. Cooperativa edilizia Prader, Merano 21. Cooperativa edilizia Reinthal, Bolzano 22. Wohnbaugenossenschaft Rose am Anger, Bolzano 23. Cooperativa edilizia Casa Rossa, Bolzano 24. Wohnbaugenossenschaft Sigmundskron, Bolzano 25. Wohnbaugenossenschaft Sonnenpark, Bolzano 26. Wohnbaugenossenschaft St. Georgen 2006, Bolzano 27. Cooperativa edilizia Sunnseit, Bolzano 28. Cooperativa edilizia Villandro 29. Wohnbaugenossenschaft Wegmacher-Tschon, Bolzano

78

30. Wohnbaugenossenschaft Wolke07, Bolzano


Le cooperative di gestione di asili per l’infanzia e di centri culturali

Cooperative associate 1. Dorfgemeinschaft Karneid, Cornedo all’Isarco 2. Gemeinschaft Maria Heim/Neustift, Bolzano 3. Cooperativa Centro di formazione Castel Coldrano, Coldrano/Laces 4. Genossenschaft Deutscher Kindergarten u. Kulturheim Leifers*, Laives 5. Genossenschaft Haus Unterland und Kindergarten, Egna* 6. Genossenschaft Oswald von Wolkenstein, Siusi/Castelrotto* 7. Cooperativa San Quirino, Bolzano* 8. Cooperativa Waltherhaus, Bolzano 9. Heinrich v. Stuck, Brunico* 10. Asilo infantile e casa culturale di Prissiano, Tesimo

11. Asilo infantile Johann Gamper, Andriano* 12. Scuola materna Settequerce, Settequerce/Terlano* 13. Kindergartengenossenschaft St. Gertraud, Bolzano* 14. Asilo infantile Vilpiano 15. Kulturhausgenossenschaft Branzoll, Bronzolo* 16. Kulturhausgenossenschaft Mals, Malles* 17. Cooperativa casa di cultura Burgusio, Burgusio/Malles* 18. Kuratorium Schloss Prösels, Fiè* * Cooperativa senza mutualità prevalente

Le cooperative sociali Le cooperative sociali perseguono lo scopo di promuovere, nell’interesse della comunità, lo sviluppo degli individui o l’integrazione sociale di persone socialmente deboli. Si distinguono due tipi di cooperative sociali: quelle del tipo A offrono prestazioni sociali, sanitarie e educative; quelle del tipo B esercitano varie attività orientate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate e il cui ambito di efficacia si estende a tutti i settori economici. La quota di persone svantaggiate deve corrispondere almeno al 30%

dei collaboratori della cooperativa. Alla fine del 2010 erano 13 le cooperative sociali aderenti alla Federazione Raiffeisen. Pur essendo tutte di tipo A, esse si differenziano nettamente tra di loro per quel che riguarda il campo di attività. Il totale delle attività delle 12 cooperative sociali alla data di riferimento del bilancio 2009 ammontava a 15,1 milioni di euro. Il capitale proprio ammontava a 7,8 milioni di euro e non era negativo in nessuna entità. Nell’esercizio 2010 queste cooperative

79


La Cooperativa sociale “San Vincenzo” è una comunità fondata sull’amore praticato verso il prossimo. Le Conferenze di San Vincenzo si occupano in vario modo di persone in stato di bisogno.

hanno realizzato un fatturato complessivo di 14,4 milioni di euro, con un incremento del 10,4% rispetto all’esercizio precedente. Per il personale sono state sostenute spese per 11,7 milioni di euro. Lo sportello “StartUp”, dedicato a chi intende costituire nuove società cooperative, ha registrato un interesse crescente per quanto riguarda la creazione di cooperative sociali.

Cooperative associate 1. Casa di riposo Eden – Cooperativa sociale, Merano 2. Cooperativa sociale EOS, Brunico 3. HANDICAR – Service per persone con handicap cooperativa sociale, Bolzano 4. Mit Bäuerinnen lernen – wachsen – leben – Cooperativa sociale, Bolzano

80

5. Cooperativa sociale Villa Carolina Pro Senectute, Merano 6. Società Cooperativa Sociale Zentrum Tau, Caldaro 7. Cooperativa Sociale Die Kinderfreunde Südtirol, Brunico 8. Cooperativa Sociale Lebenshilfe, Egna 9. Promos Società cooperativa ONLUS, Bolzano 10. Cooperativa Sociale Casa Bimbo Tagesmütter, Bolzano 11. Cooperativa sociale San Vincenzo, Bolzano 12. Sozialwerk KVW – Cooperativa sociale, Bolzano 13. Bottega del Mondo Twigga – società cooperativa sociale per un commercio equo e solidale, Brunico


Le altre cooperative

Cooperative associate 1. Agrarcenter Gsies, Pichl/Casies 2. Cooperativa agraria San Giorgio, Brunico 3. AMATIA, Malles 4. Vivai GRIBA, Terlano 5. Belvita Alpenwellness, Bolzano 6. Bergwiesenheu, Bolzano 7. BIO KISTL-SÜDTIROL, Lagundo 8. C Plus Arbeitergenossenschaft, Bolzano 9. Dorflift Deutschnofen, Nova Ponente 10. ERBE – cooperativa di gestione e produzione, Merano 11. Gaidnerbach-Erhaltungsgenossenschaft, Andriano 12. Cooperativa artigiana di garanzia della Provincia di Bolzano, Bolzano 13. Stalla sociale Tranrüs, Corvara* 14. Cooperativa Alpenrose, San Martino in Badia 15. Genossenschaft ARGE Rodeneck, Rodengo 16. Cooperativa dei vigili del fuoco dell’Alto Adige, Vilpiano* 17. Società cooperativa degli artigiani atesini, Bolzano 18. Società cooperativa per lo sviluppo regionale e la formazione Sarentino 19. Società Cooperativa per lo sviluppo regionale e la formazione UltentalDeutschnonsberg-Martell, Lauregno 20. Società cooperativa per lo sviluppo regionale e la formazione Wipptal, Vipiteno* 21. Genossenschaft für Sport und Freizeitgestaltung, Laives

22. Genossenschaft für Weiterbildung und Regionalentwicklung, Prato allo Stelvio* 23. Genossenschaft Südtiroler Sägewerker, Bolzano 24. Genossenschaft Tiefgarage Weber Tyrol, Appiano 25. Società cooperativa Tschauferhof, Meltina* 26. Società cooperativa per la realizzazione della zona produttiva di Appiano, Appiano 27. HOGAST Italien, Einkaufsgenossenschaft für das Hotel- und Gastgewerbe, Bolzano 28. HOLKA, Moso in Passiria 29. Jugendhaus Dr. Josef Noldin AFRA, Salorno* 30. Kellerei Algund, Merano* 31. Consorzio vivaisti frutticoltori altoatesini, Ora 32. Curatorio Castello di Castelbello, Castelbello-Ciardes* 33. LANA MARKETING, Lana* 34. Landwirtschaftliche Genossenschaft Tarsch, Laces* 35. Cooperativa distrettuale di Brunico 36. LTS, Bolzano* 37. Consorzio sudtirolese macchine vinicole, Naturno 38. Raiffeisen OnLine, Bolzano* 39. Cooperativa per lo sviluppo regionale Martello 3 B, Martello* 40. Cooperativa per i prodotti naturali, Sarentino 41. Società cooperativa per la formazione SBB, Bolzano 42. SBZ – Centro Sudtirolese di Formazione, Bolzano*

81


43. Schlernhof, Castelrotto 44. Alpe di Siusi Marketing, Fie’ allo Sciliar 45. Sportring Bozen, Wanga/Renon 46. SÜDCAB, Brunico 47. Società cooperativa Unione Agricoltori e Coltivatori diretti sudtirolesi, Bolzano 48. Federazione Provinciale Allevatori Bovini di Razza Bruna, Bolzano 49. Società Allevatori Bovini di Razza Pezzata Rossa, Bolzano 50. Federazione Provinciale degli Allevatori di Cavalli di Razza Haflinger dell’Alto Adige, Bolzano 51. Albergatori Pubblici Esercenti Service, Bolzano* 52. Südtiroler Kinderdorf società cooperativa Onlus, Bressanone* 53. Federazione Sudtirolese Allevatori Razze Bovine, Bolzano 54. Tangram, Merano* 55. Società cooperativa Taxista di Merano 56. Cooperativa di servizio Taxi Bolzano 57. Tischlerei Passeier, San Martino in Passiria* 58. Consorzio turistico Crontour, Brunico 59. Associazione turistica Val Casies-Monguelfo-Tesido, Valle di Casies 60. Associazione turistica Val d’Ultimo/ Proves, Santa Valpurga/Val d’Ultimo 61. Associazione affittacamere – appartamenti turistici Alto Adige, Bolzano 62. Federazione Zootecnica Alto Adige, Bolzano

82

63. Verdinner Freizeit&SportGenossenschaft, Chiusa 64. Associazione provinciale delle organizzazioni zootecniche altoatesine, Bolzano 65. VIBERG – Cooperativa di gestione e produzione della Val Venosta 66. Società cooperativa per la commercializzazione del bestiame Val Passiria, San Martino in Passiria 67. Società agricola cooperativa per la commercializzazione del bestiame Val Sarentino, Sarentino* 68. Viehverwertung Schlerngebiet società agricola cooperativa, Castelrotto* 69. Vinschger Bauernladen, Castelbello-Ciardes 70. Volkshochschule Urania Meran 71. Cooperativa Economica Chiusa * Cooperativa senza mutualità prevalente


Le federazioni e i consorzi associati

Cooperative associate 1. Consorzio servizi per le cooperative ortofrutticole del Burgraviato, Merano 2. FROM Società Agricola Cooperativa, Terlano 3. Consorzio per acquisti collettivi, Plaus 4. Consorzio servizi per le cooperative ortofrutticole, Bolzano 5. Federazione dell’Energia Raiffeisen, Bolzano 6. Federazione Latterie Alto Adige, Bolzano

7. Consorzio dei Comuni Società Cooperativa, Bolzano 8. Consorzio Altoatesino per la commercializzazione del bestiame KOVIEH, Bolzano 9. Consorzio viticoltori Alto Adige, Appiano 10. Consorzio delle Cantine Produttori Altoatesine, Bolzano 11. VI.P, Laces 12. VOG - Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole dell’Alto Adige, Terlano 13. VOG PRODUCTS, Laives

Gli enti senza obbligo di revisione Enti federati 1. AlpenBank AG, Innsbruck 2. Gruppo di lavoro per la frutticoltura integrata dell’Alto Adige, Terlano 3. Arche im KVW, Bolzano 4. Bergrettungsdienst im Alpenverein Südtirol, Vilpiano 5. Consorzio di miglioramento fondiario Naz e dintorni, Naz-Sciaves 6. ERKABE Srl, Brunico 7. Gastro-Pool Italien, Bolzano 8. Consorzio di miglioramento fondiario Paludi di Terlano, Terlano 9. Consorzio di tutela del formaggio Stelvio, Bolzano

10. Consorzio vini Alto Adige, Bolzano 11. Unione provinciale dei Corpi dei vigili del fuoco volontari dell’Alto Adige, Vilpiano 12. Associazione provinciale dell’artigianato Alto Adige, Bolzano 13. Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Grigio Alpina, Bolzano 14. Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A., Bolzano 15. RK Leasing Srl, Bolzano 16. Consorzio innovazione varietale Alto Adige, Terlano 17. Consorzio Mela Alto Adige, Bolzano 18. Centro di Consulenza per la fruttiviticoltura, Lana

83


19. Consorzio Biomassa Alto Adige, Dobbiaco 20. Controllo Qualità Alto Adige, Terlano 21. Istituto Sudtirolese dei Gruppi Etnici, Bolzano 22. Trinkwasserinteressentschaft Perdonig-Gaid, Appiano 23. Associazione delle Case di Riposo dell’Alto Adige, Bolzano 24. Verband der Volkshochschulen Südtirols, Bolzano 25. Federazione Cuore Alto Adige, Tesimo 26. Associazione di mutuo soccorso del Sistema bancario Raiffeisen, Bolzano


C. Il rendiconto annuale

Si premette che nella riunione del 26 aprile 2011 il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di sottoporre il seguente progetto di bilancio all’approvazione dell’Assemblea generale. Lo stesso è stato in seguito trasmesso, assieme alla nota integrativa, al Collegio Sindacale per la verifica di sua competenza, effettuata nella riunione del 3 maggio 2011. Ai sensi dell’art. 2429 c.c. il presente progetto di bilancio è rimasto depositato presso la sede della Federazione insieme con la nota integrativa nonché con i bilanci integrali delle società controllate e con il bilancio consolidato, affinché i soci ne potessero prendere visione.

effettuate in base al costo di acquisto o di produzione. Le deroghe sono espressamente indicate nella nota integrativa. Ove prescritto dalle disposizioni di legge, i principi da applicare sono stati concordati con il Collegio Sindacale. Nella nota integrativa vengono fornite tutte le informazioni aggiuntive ritenute necessarie ai fini della rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale, economica e finanziaria della società cooperativa. I criteri di valutazione sono rimasti invariati, per cui risulta garantita la comparabilità con il bilancio dell’esercizio precedente.

Il bilancio 2010 è stato redatto nel rispetto dei principi di redazione previsti dal c.c. (artt. 2423 e segg.). Il contenuto della nota integrativa, la quale ai sensi dell’art. 2423 c.c. forma parte integrante del bilancio, è conforme agli artt. 2427 e 2427-bis c.c. Gli importi espressi in euro corrispondono ai valori risultanti dalla contabilità, opportunamente arrotondati. Il bilancio è stato redatto esclusivamente in base alle norme civilistiche, facendo prevalere la sostanza sulla forma. Esso è stato predisposto seguendo i medesimi criteri applicati per l’esercizio precedente, nel rispetto del principio della chiarezza e tenendo conto del presupposto della continuità della gestione aziendale, oltre che dei principi della valutazione separata, della costanza dei criteri valutativi, della prudenza e della competenza economica, senza considerare interessi specifici. In linea generale le valutazioni sono state

85


1. Bilancio al 31/12/2010 ATTIVO A)

B)

b

I

II

III

3a 4 7 1 2 4 1a 1b 2b 3

C)

D)

31/12/2010 euro Crediti Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI (A) Immobilizzazioni Immobilizzazioni immateriali Programmi informatici Immobilizzazioni in corso e acconti Costi di manutenzione capitalizzati Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Terreni e fabbricati Impianti e macchinario Arredi ed altre immobilizzazioni Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie Partecipazioni in imprese controllate Partecipazioni in altre imprese Finanziamenti a imprese collegate con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Titoli Immobilizzazioni finanziarie IMMOBILIZZAZIONI (B)

Attivo circolante Rimanenze 1 Rimanenze materie di consumo 4 Rimanenze merci 5 Acconti a fornitori Rimanenze II Crediti 1 Crediti verso clienti con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno 2 Crediti verso imprese controllate con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno 4-bis Crediti tributari con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno 4-ter Imposte anticipate con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno 5 Altri crediti con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Crediti IV Disponibilità liquide 1 Depositi bancari 3 Danaro e valori in cassa Disponibilità liquide ATTIVO CIRCOLANTE (C) I

RATEI E RISCONTI ATTIVI TOTALE ATTIVO

Conti d‘ordine Altri impegni

86

31/12/2009 euro

Variazione

949 949

2.449 2.449

- 1.500 - 1.500

1.164.521 306.353 179.105 1.649.979

1.268.895 0 0 1.268.895

- 104.374 306.353 179.105 381.084

6.130.334 3.050.041 842.148 10.022.523

5.923.658 3.323.982 716.725 9.964.365

206.676 - 273.941 125.423 58.158

1.652.000 35.957.155 3.000.000 3.000.000 0 8.000.000 48.609.155 60.281.657

1.652.000 26.467.651 0 0 0 5.000.000 33.119.651 44.352.911

0 9.489.504 3.000.000 3.000.000 0 3.000.000 15.489.504 15.928.746

87.263 590.125 304.123 981.511

96.984 714.744 135.165 946.893

- 9.721 - 124.619 168.958 34.618

6.288.947 150.701 6.138.246 118.110 0 118.110 1.293.590 50.082 1.243.508 529.901 440.030 89.871 1.685.018 20.675 1.664.343 9.915.566

6.180.802 192.629 5.988.173 116.372 0 116.372 1.051.168 50.479 1.000.689 436.665 - 3.377 440.042 1.629.850 23.793 1.606.057 9.414.857

108.145 - 41.928 150.073 1.738 0 1.738 242.422 - 397 242.819 93.236 443.407 - 350.171 55.168 - 3.118 58.286 500.709

11.750.958 6.149 11.757.107 22.654.184

4.217.091 7.068 4.224.159 14.585.909

7.533.867 - 919 7.532.948 8.068.275

760.014

451.381

308.633

83.696.804

59.392.650

24.304.154

241.951


31/12/2010 euro

PASSIVO A)

Patrimonio netto Capitale Riserva di rivalutazione Riserva legale Riserva statutaria Utile dell‘esercizio PATRIMONIO NETTO (A)

I III IV VI IX

B)

3

C) D)

I

4 7 10 12 13 14

E)

31/12/2009 euro

Variazione

387.000 1.072.933 9.945.168 35.903.095 261.319 47.569.515

398.000 1.072.933 8.956.346 33.694.726 3.296.074 47.418.079

- 11.000 0 988.822 2.208.369 - 3.034.755 151.436

Accantonamenti per rischi e oneri Altri accantonamenti ACCANTONAMENTI PER RISCHI E ONERI (B)

1.850.000 1.850.000

542.500 542.500

1.307.500 1.307.500

Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO (C)

3.693.976 3.693.976

3.907.930 3.907.930

- 213.954 - 213.954

15.000.000 5.000.000 10.000.000 2.755.181 37.442 2.717.739 2.520 0 2.520 2.009.266 0 2.009.266 1.382.957 0 1.382.957 9.360.668 11.238 9.349.430 30.510.592

0 0 0 2.815.019 37.514 2.777.505 0 0 0 879.427 0 879.427 1.231.155 0 1.231.155 2.567.939 11.080 2.556.859 7.493.540

15.000.000 5.000.000 10.000.000 - 59.838 - 72 - 59.766 2.520 0 2.520 1.129.839 0 1.129.839 151.802 0 151.802 6.792.729 158 6.792.571 23.017.052

72.721

30.601

42.120

83.696.804

59.392.650

24.304.154

Debiti Debiti verso banche con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Debiti verso fornitori con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Debiti verso imprese controllate con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Debiti tributari con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno Altri debiti con scadenza oltre l'anno con scadenza entro l'anno DEBITI (D) RATEI E RISCONTI PASSIVI TOTALE PASSIVO

Conti d‘ordine Altri impegni

241.951

87


CONTO ECONOMICO A)

1a 1b 1c 2 4 5a 5b 5c

Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni Ricavi delle vendite e delle prestazioni a imprese controllate Quote associative Variazioni delle rimanenze di merci Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni Altri ricavi e proventi Altri ricavi e proventi da imprese controllate Contributi Valore della produzione (A)

6 7a 8 9 9a 9b 9c 9e 10a 10b 10d 11 12 14a 14l

Costi della produzione Acquisti di merci e di materie di consumo Costi per servizi Costi per godimento di beni di terzi Costi per il personale: Stipendi Oneri sociali Trattamento di fine rapporto Altri costi per il personale Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali Ammortamento delle immobilizzazioni materiali Svalutazioni dei crediti compresi nell‘attivo circolante Variazioni delle rimanenze di materie di consumo Accantonamenti per rischi Oneri amministrativi e di gestione IVA non deducibile Costi della produzione (B)

B)

DIFFERENZA TRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE (A - B) C)

D)

E)

Risultato della gestione finanziaria 15 Proventi da partecipazioni 16 Proventi finanziari 17 Oneri finanziari Risultato della gestione finanziaria (C) Rettifiche di valore su immobilizzazioni finanziarie 19a Svalutazione partecipazioni Rettifiche di valore su immobilizzazioni finanziarie (D) Proventi e oneri straordinari 20 Proventi straordinari Plusvalenze da partecipazioni 21 Oneri straordinari Perdite da partecipazioni Imposte sul reddito di esercizi precedenti Proventi e oneri straordinari (E) RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (A - B + C + D + E) 22 Imposte sul reddito dell‘esercizio 23 UTILE (PERDITA) DELL’ESERCIZIO (A - B +/- C +/- D +/- E - 22)

88

31/12/2010 euro

31/12/2009 euro

Variazione

37.353.266 182.237 3.712.464 - 125.265 35.733 357.893 1.297 2.870.808 44.388.433

37.662.439 201.767 3.717.798 - 107.568 0 224.625 0 3.123.179 44.822.240

- 309.173 - 19.530 - 5.334 - 17.697 35.733 133.268 1.297 - 252.371 - 433.807

2.414.562 12.541.209 451.883

2.487.412 13.196.815 782.219

- 72.850 - 655.606 - 330.336

15.088.216 3.621.872 117.386 2.015.434 1.358.338 1.497.833 4.707 9.075 1.307.500 1.029.329 1.993.462 43.450.806

13.932.767 3.397.576 90.291 1.466.260 1.345.117 1.408.358 72.763 - 24.753 0 754.233 2.175.791 41.084.849

1.155.449 224.296 27.095 549.174 13.221 89.475 - 68.056 33.828 1.307.500 275.096 - 182.329 2.365.957

937.627

3.737.391

- 2.799.764

265.866 217.812 - 64.363 419.315

196.431 248.407 - 67.803 377.035

69.435 - 30.595 3.440 42.280

0 0

- 968.507 - 968.507

968.507 968.507

76.205 1.400 - 85.640 0 0 - 8.035

43.599 1.486.364 - 58.043 - 195.000 - 217 1.276.703

32.606 - 1.484.964 - 27.597 195.000 217 - 1.284.738

1.348.907 - 1.087.588 261.319

4.422.622 - 1.126.548 3.296.074

- 3.073.715 38.960 - 3.034.755


2. Nota integrativa

1. Informazioni ai sensi dell’art. 2427 c.c. 1.1 Criteri di valutazione a) Immobilizzazioni Le immobilizzazioni immateriali riguardano i programmi informatici acquistati. Sono esposte al costo di acquisto (comprensivo degli oneri accessori imputabili) e ammortizzate al 33,33% in base alla loro vita utile, ad eccezione di un software del valore di 64.370,00 euro, ammortizzato al 20% in base alla sua vita utile. Il contributo ottenuto a fronte dell’investimento in questione è stato portato in detrazione dal costo di acquisto. I costi iscritti alla voce B.I.4 per 306.352,59 euro si riferiscono ad attività immateriali in corso. Alla voce B.I.7 sono iscritti, per il loro valore residuo di 179.104,64 euro, gli oneri pluriennali capitalizzati per 214.908,38 euro riguardanti opere di adattamento di immobili ammortizzate al 16,66%. Gli immobili riguardano il palazzo Raiffeisen, iscritto nell’attivo al costo d’acquisto maggiorato della rivalutazione prevista dalla legge e decurtato delle quote di ammortamento annuali. Anche tutte le immobilizzazioni materiali non costituite da immobili sono esposte in bilancio al costo d’acquisto decurtato dell’ammortamento annuale. Le spese di manutenzione e di riparazione che hanno comportato un incremento del valore sono state imputate alle rispettive immobilizzazioni materiali. Le quote di ammortamento e le svalutazioni sono state portate direttamente in riduzione dell’importo delle immobilizzazioni materiali. Gli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali sono stati determinati sulla base della durata economico-tecnica dei cespiti, tenendo conto delle limitazioni all’utilizzo di natura fisica, giuridica o similare, per cui si applicano i seguenti tassi di ammortamento: Immobili Arredi / mobili per ufficio Macchinari, apparecchiature ed equipaggiamenti vari (ivi compresi gli apparecchi refrigeratori e gli impianti di climatizzazione) Macchine per ufficio elettromeccaniche ed elettroniche (ivi compresi gli impianti EDP e i sistemi telefonici elettronici) Impianti di sicurezza Automezzi Mezzi di trasporto interno

3,00 % 12,00 % 15,00 % 20,00 % 30,00 % 25,00 % 20,00 %

Le immobilizzazioni non sono state assoggettate a svalutazioni fuori programma.

89


I titoli sono stati iscritti nell’attivo al costo di acquisto, ivi compreso lo scarto d’emissione maturato. Tutte le partecipazioni riguardano società non quotate in borsa. Le stesse sono tutte esposte in bilancio al prezzo originario d’acquisto, al netto delle svalutazioni operate nel 2009 per quanto riguarda le partecipazioni alle società di assicurazioni FinAssimoco S.p.A. e Assimoco S.p.A. b) Attivo circolante Le rimanenze di materie di consumo e di merci sono state valutate al prezzo medio d’acquisto. I crediti sono esposti al loro valore di presumibile realizzo. Non sono stati calcolati interessi di mora sui crediti verso la clientela. Voce Crediti verso clienti Fondo rischi su crediti verso clienti Accantonamento per perdite su crediti verso clienti Totale

31/12/2010

31/12/2009

6.503.798

6.389.208

114.590

- 92.034

- 19.271

- 72.763

- 4.707

- 72.763

68.056

6.407.057

6.297.174

109.883

Le imposte differite attive di cui alla voce C.II.4.-ter per complessivi 529.900,89 euro saranno oggetto di approfondimento al punto 1.14 della presente nota integrativa. I depositi bancari di cui alla voce C.IV.1 per 11.750.958,41 euro comprendono anche 7.752.696,90 euro relativi al servizio di gestione del fondo di rotazione per l’edilizia abitativa, inseriti anche tra le passività alla voce D.14. c) Patrimonio netto Il capitale sociale si è ridotto di 11.000,00 euro, passando da 398.000,00 euro a 387.000,00 euro. Nel corso dell’esercizio considerato 6 soci si sono aggiunti alla compagine sociale. Ciascuno di essi ha sottoscritto una quota di 500,00 euro. 16 soci sono usciti dalla Federazione. A 13 cooperative è stata restituita una quota di 500,00 euro ciascuna, mentre tre cooperative hanno ricevuto cinque quote ciascuna per un importo pari a 2.500,00 euro ciascuna. La composizione e le variazioni del patrimonio netto sono desumibili dal seguente prospetto che tiene conto anche del risultato dell’esercizio:

90

Variazioni


Variazioni durante l’esercizio Voce

31/12/2010

I Capitale sociale III Riserve di rivalutazione b) legge n. 72/83 c) legge n. 413/91 IV Riserva legale V Riserva statutaria VIII Utile/perdita dell’esercizio Totale

Utile 2010

387.000

Rimborso quote - 14.000

Sottoscri- Fondo mu- Destinazione 31/12/2009 zioni tualistico utile 3.000

398.000

155.430 917.503

155.430 917.503

9.945.168

988.822

35.903.095

8.956.346

2.208.369 33.694.726

261.319

261.319

47.569.515

261.319

- 98.882 - 3.197.191 -14.000

3.000

- 98.882

3.296.074

0 47.418.079

Rivalutazione delle immobilizzazioni materiali: in ottemperanza agli obblighi di cui all’art. 10 della legge n. 72/83 si precisa che nel corso degli esercizi precedenti sono state effettuate, ai sensi delle leggi n. 72/83 e n. 413/91, le seguenti rivalutazioni delle immobilizzazioni materiali ancora in essere: Cespiti

Rivalutazione legge n. 72/83

Rivalutazione legge n. 413/91

Rivalutazione complessiva

Immobili

143.633

917.503

1.061.136

11.797

0

11.797

155.430

917.503

1.072.933

Impianti e macchinari Totale

d) Debiti I debiti sono rilevati al valore nominale. Non sussistono crediti, debiti o conti correnti bancari in valuta. I debiti verso istituti di credito ammontano a 15.000.000,00 euro e riguardano finanziamenti a breve termine. I debiti verso fornitori ammontano a 2.757.700,69 euro, di cui 283.587,12 euro riguardano fatture ancora da ricevere e 18.231,16 euro sono relativi a accrediti da ricevere. I debiti tributari sono pari a 2.009.265,59 euro e riguardano ritenute per 13.947,33 euro, IVA per 176.675,32 euro, IRPEF e imposte sostitutive per 637.818,94 euro e accantonamenti al fondo imposte per 1.180.824,00 euro. I debiti riguardanti la previdenza sociale ammontano a 1.382.956,53 euro (INPS: 747.927,00 euro, INAIL: 3.157,06 euro, fondi pensione integrativa: 9.191,65 euro, Raiffeisen Fondo Pensione Aperto: 622.680,82 euro). Gli altri debiti ammontano a 9.360.668,42 euro, di cui 7.742.656,40 euro sono relativi al servizio di gestione del fondo di rotazione per l’edilizia abitativa, inseriti anche tra i depositi bancari alla voce C.IV.1.

91


Il fondo trattamento di fine rapporto ricomprende gli accantonamenti a favore del personale effettuati fino alla data di chiusura del bilancio, determinati sulla base delle disposizioni di legge e contrattuali. Le variazioni del fondo trattamento di fine rapporto sono esposte in dettaglio al punto 1.4. I ratei e risconti attivi e passivi sono stati determinati nel rispetto del principio della competenza temporale e riguardano costi e ricavi relativi a due o piĂš esercizi.

1.2 Movimenti delle immobilizzazioni Nel corso dell’esercizio le immobilizzazioni immateriali e materiali hanno subito le seguenti variazioni: Immobilizzazioni immateriali Programmi informatici Valore di bilancio Immobilizzazioni in corso Valore di bilancio

Situazione al 31/12/2010

Ammortamento 2010

Decrementi 2010

Incrementi 2010

Situazione al 31/12/2009

1.164.521

- 1.322.534

0

1.218.160

1.268.895

306.353

0

306.353

Altre immobilizzazioni immateriali Valore di bilancio Totale Immobilizzazioni materiali Terreni e fabbricati Costo di acquisto Fondo di ammortamento Valore di bilancio Impianti e macchinari Costo di acquisto Fondo di ammortamento Valore di bilancio

179.105

- 35.804

214.909

0

1.649.979

- 1.358.338

0

1.739.422

1.268.895

Situazione al 31/12/2010

Ammortamento 2010

Decrementi 2010

Incrementi 2010

Situazione al 31/12/2009

450.276 0

10.886.759 - 4.963.101

11.337.035 - 5.206.701

- 243.600

6.130.334 12.304.252 - 9.254.211

5.923.658

- 1.098.142

1.017.027 0

3.050.041

Arredi ed altre immobilizzazioni Costo di acquisto Fondo di ammortamento

2.562.194 - 1.720.046

Valore di bilancio Totale

842.148 10.022.523

11.904.899 - 8.580.917 3.323.982

- 156.090 - 1.497.832

Non sono state effettuate nĂŠ rivalutazioni, nĂŠ svalutazioni.

92

- 617.674 424.848

- 81.731 81.731 - 192.826

281.513 0

2.362.412 - 1.645.687

1.748.816

716.725 9.964.365


1.3 Composizione delle seguenti voci relative alle immobilizzazioni immateriali 1.3.1 Costi di impianto e di ampliamento. Non sussistono. 1.3.2 Costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità. Non sussistono.

1.3-bis Misura e motivazioni delle riduzioni di valore applicate alle immobilizzazioni immateriali e materiali Le immobilizzazioni immateriali acquistate (applicativi EDP, software) soddisferanno nei tre anni seguenti sia le esigenze dell’amministrazione, sia quelle legate alla prestazione di servizi a favore delle cooperative confederate e di terzi. Alla voce relativa alle immobilizzazioni immateriali in corso è iscritto l’importo di 306.352,59 euro. Dato che durante l’esercizio concluso non è stato possibile utilizzare l’immobilizzazione in questione, non erano dovute rettifiche di valore. I terreni, iscritti nell’attivo assieme agli edifici, sono riportati separatamente e non sono assoggettati ad ammortamento, essendo il loro valore destinato a permanere stabile nel tempo. La voce relativa agli impianti e macchinari riguarda impianti per l’elaborazione elettronica dei dati, macchine d’ufficio, impianti di sicurezza, apparecchiature elettriche ed impianti esterni, reti LAN, impianti multimediali, sistemi telefonici, impianti di climatizzazione e di riscaldamento ed altro. La voce relativa agli arredi ed altre immobilizzazioni riguarda mobili d’ufficio, arredi ed equipaggiamenti, autoveicoli, motoveicoli nonché mezzi di trasporto interno. Nel corso dell’esercizio non sono intervenute nelle attività immateriali e materiali riduzioni di valore durevoli, per cui non è stato necessario procedere ad ammortamento o a svalutazioni straordinarie. Tutti gli ammortamenti sono stati effettuati sulla base di piani di ammortamento sistematici che tengono conto della vita economica residua dei vari cespiti.

1.4 Di seguito si riportano le variazioni intervenute nella consistenza di altre voci di bilancio Le singole voci sono esposte secondo gli stessi principi sia nel bilancio al 31 dicembre 2010, sia in quello di ragguaglio al 31 dicembre 2009. 1.4.1 Finanziamenti a imprese collegate Il finanziamento a imprese collegate è imputato alle immobilizzazioni finanziarie e è iscritto in bilancio al valore sotto esposto che ne rappresenta il valore nominale. Descrizione Finanziamento Assimoco 2010/2015 subordinato Finanziamento Assimoco 2010/illim. subordinato Totale

Situazione al 31/12/2010

Situazione al 31/12/2009

Variazioni

2.500.000

0

2.500.000

500.000

0

500.000

3.000.000

0

3.000.000

93


1.4.2 Titoli I titoli sono ascritti alle immobilizzazioni finanziarie e sono esposti in bilancio ai valori sottoelencati, i quali rappresentano allo stesso tempo i rispettivi valori nominali. Descrizione

Situazione al 31/12/2010

Situazione al 31/12/2009

Variazioni

OBBL. C.CENTR.RAIFF. 2007/2012 TV% subordinata

5.000.000

5.000.000

0

OBBL. C.R. OLTRADIGE 2010/2020 TV% subordinata

3.000.000

0

3.000.000

Totale

8.000.000

5.000.000

3.000.000

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

1.4.3 Crediti e debiti I crediti verso altri sono composti come segue: Descrizione Cauzioni prestate Crediti dubbi verso gestione fondo Altri crediti (contributi pubblici) Altri crediti (altro) Totale

6.144

9.333

- 3.189

14.531

14.460

71

1.542.850

1.587.116

- 44.266

121.493

18.941

102.552

1.685.018

1.629.850

55.168

Gli altri debiti sono composti come segue: 31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Fondo edilizia abitativa

Descrizione

7.742.656

1.274.502

6.468.154

Debiti inerenti ai costi per il personale

1.254.923

1.176.625

78.298

363.089

116.812

246.277

9.360.668

2.567.939

6.792.729

Situazione al 31/12/2010

Situazione al 31/12/2009

Variazioni

387.000

398.000

- 11.000

1.072.933

1.072.933

0

Altri debiti e conti transitori Totale

1.4.4 Patrimonio netto Il patrimonio netto ha subito le seguenti variazioni: Patrimonio netto Quote di partecipazione Riserva di rivalutazione Riserva legale Riserva statutaria Utile/perdita dell’esercizio Patrimonio netto

94

9.945.168

8.956.346

988.822

35.903.095

33.694.726

2.208.369

261.319

3.296.074

- 3.034.755

47.569.515

47.418.079

151.436


1.4.5 Accantonamenti per rischi Gli altri fondi per rischi, pari a 1.850.000 euro, comprendono un accantonamento di 50.000 euro per la tutela di interessi delle Casse Raiffeisen in giudizio nonché un accantonamento per future oscillazioni di valore o operazioni finanziarie con partecipazioni. 1.4.6 Fondo per imposte B 2) non sussiste 1.4.7 Fondo per imposte differite B 2) non sussiste 1.4.8 Fondo TFR Descrizione Fondo TFR al 01.01 Erogazioni – Anticipi e liquidazioni definitive Accantonamento quota Imposta sostitutiva Fondo TFR al 31/12

2010 3.907.930 - 317.847 116.195 - 12.302 3.693.976

2009 4.519.411 - 383.011 - 218.362 - 10.108 3.907.930

Variazioni - 611.481 65.164 334.557 - 2.194 - 213.954

1.5 Partecipazioni Partecipazioni in imprese controllate Denominazione della società

Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A. Totale

Sede della società

Capitale Patrimonio Di cui utile/perQuota di sociale della netto della dita dell’ultimo partecipazisocietà in € società in € esercizio in € one in % Bolzano 1.550.000 4.296.575 487.423 99,95 Bolzano 103.290 510.273 - 82.348 99,50

Valore di bilancio 2010 in € 1.549.225 102.775 1.652.000

Partecipazioni in imprese non controllate Denominazione della società

Sede della società

Capitale Patrimonio Di cui utile/perQuota di sociale della netto della dita dell’ultimo partecipazisocietà in € società in € esercizio in € one in % 125.000.000 196.999.369 12.914.724 0,1504

Cassa Centrale Raiffeisen Bolzano dell’Alto Adige S.p.A. Bolzano FINASSIMOCO S.p.A. Segrate (MI) 120.700.000 83.226.665 - 22.285.820 25,5182 ASSIMOCO S.p.A. Segrate (MI) 73.500.000 58.829.612 - 67.819.903 1,6015 ICCREA Holding S.p.A. 1) Roma 712.420.071 794.754.779 17.066.188 0,0072 CISCRA S.p.A. Villanova del Ghebbo (RO) 6.374.500 11.303.803 926.703 0,0163 ECRA Soc.coop.a r.l. Roma 104.000 1.722.151 181.652 1,0000 SEF Consulting S.p.A. 1) Roma 2.303.795 1.569.610 - 520.064 0,2000 Raising Unified Network S.p.A. Bolzano 1.000.000 4.492.582 694.817 50,0000 Credit Solution S.p.A. Bolzano 1.000.000 880.044 38.945 10,0000 PensPlan Centrum S.p.A. Bolzano 258.204.548 245.647.294 9.233.156 0,0363 Conai Totale 1) Valori di bilancio 2009, non essendo ancora disponibili i dati relativi all’esercizio 2010.

Valore di bilancio 2010 in € 187.993 31.642.560 3.256.374 51.646 104.173 1.033 6.651 500.000 100.000 106.640 85 35.957.155

95


In occasione dell’aumento di capitale della Cassa Centrale Raiffeisen, nel 2009 la Federazione aveva sottoscritto complessivamente 1.444.542 azioni del valore nominale di 1,00 euro; di queste, 1.360.549 azioni erano state temporaneamente sottoscritte per conto di varie Casse Raiffeisen. Nel 2010 tali azioni, del valore di 1.361.949 euro, sono state cedute alle Casse Raiffeisen alle stesse condizioni. La Federazione detiene complessivamente 1.177.074 azioni della Assimoco S.p.A. Queste sono iscritte in bilancio al costo per complessivi 3.256.373,79 euro.Nel 2010 la Assimoco S.p.A. è stata interessata da una riduzione di capitale per 92.745.550 euro con conseguente aumento da 57.245.550 azioni a 73.500.000 azioni. La Federazione ha esercitato appieno il diritto di opzione ad essa spettante in base al c.c. ed ha sottoscritto 916.765 azioni al valore nominale di 1,00 euro con sovrapprezzo di 0,25774 euro per azione. Sebbene in base al valore di bilancio al 31.12.2010 il valore netto della quota di partecipazione alla Assimoco sia inferiore, alla luce di un’apposita due diligence il valore di mercato della società è nettamente maggiore del suo attuale valore di libro. Con riferimento al 31/12/2010, la compagnia di assicurazioni R+V Versicherung AG ha stimato tale valore in 4,29616 euro per azione. La due diligence di R+V Versicherung si basa inoltre sul piano aziendale verificato dalla KPMG, il quale è stato approvato con espressa delibera del Consiglio di Amministrazione della Assimoco S.p.A. I presupposti di cui sopra hanno convinto gli Amministratori e i Sindaci che le minusvalenze registrate nel 2010 non determinano una riduzione durevole del valore e che pertanto la partecipazione può rimanere iscritta al costo, anche tenuto conto che al 31.12.2010 nel passivo è previsto un accantonamento di 1.800.000 euro per future oscillazioni di valore. Infine si rende noto che la Federazione detiene una partecipazione nella compagnia di assicurazioni FinAssimoco S.p.A., la quale nel corso dell’esercizio in esame è stata aumentata di 9.696.915 azioni al valore nominale di 1 euro; l’aumento di capitale si è svolto nell’ambito di una procedura di sottoscrizione. Di conseguenza, il valore di libro al 31.12.2010 ammontava a 31.642.559,96 euro. Sulla scorta della stima del valore corrente di mercato anche tale partecipazione, con riferimento al 31/12/2010, può dirsi equamente valutata.

96


1.6 Crediti e debiti di durata residua superiore a cinque anni e debiti assistiti da garanzia reale Sussistono crediti con scadenza superiore a cinque anni per 9.681,98 euro e debiti con scadenza superiore a cinque anni per 7.162,97 euro.

1.6-bis Effetti significativi delle variazioni nei cambi valutari verificatesi successivamente alla chiusura dell’esercizio Non si registrano effetti dovuti a tale tipo di circostanze.

1.6-ter Crediti e debiti relativi ad operazioni che prevedono l’obbligo per l’acquirente di retrocessione a termine Alla data di bilancio la società cooperativa non ha crediti o debiti soggetti ad evidenziazione ai sensi delle disposizioni di legge.

1.7 Ratei e risconti attivi e passivi, altri fondi ed altre riserve 1.7.1 I ratei e risconti riguardano le seguenti voci: Ratei e risconti attivi (risconti attivi): 31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Interessi su titoli maturati, ma non ancora scaduti

Ratei e risconti attivi

109.366

12.686

96.680

Canoni pagati in anticipo per il noleggio e per la manutenzione di apparecchiature per l’elaborazione elettronica dei dati, per programmi, ecc.

650.648

438.695

211.953

Totale

760.014

451.381

308.633

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Ratei e risconti passivi (ratei passivi): Ratei e risconti passivi Interessi su finanziamenti a breve

45.481

45.481

Assicurazioni ecc.

27.240

30.601

- 3.361

Totale

72.721

30.601

42.120

97


1.7-bis Informazioni riguardanti il patrimonio netto Voce Descrizione

I III

IV V VIII

Capitale sociale Riserve di rivalutazione b) Legge 72/83 b) Legge 413/91 Riserva legale Riserva statutaria Utile dell’esercizio Totale

Origine

Possibilità di utilizzo

Disponibilità

Utilizzo negli ultimi tre esercizi €

Scopo

387.000

1)

D

G

0

(-)

155.430 917.503 9.945.168 35.903.095 261.319 47.569.515

2) 2) 3) 3)

ND ND ND ND ND

A,G A,G A,G A,G B,C,G

0 0 0 0 0

(-) (-) (-) (-) (-)

Legenda: 1) = versamento da parte delle associate, 2) = disp. di legge, 3) = da devoluzione dell’utile, A = non distribuibile tra le associate, B = resto non distribuibile tra le associate, C = 3% al fondo mutualistico, G = a copertura di perdite, D = disponibile, ND = non disponibile

1.8 Oneri finanziari capitalizzati Nell’arco dell’esercizio scorso non si è proceduto alla capitalizzazione di interessi.

1.9 Conti d’ordine Descrizione Fideiussioni a favore dell’erario Fideiussioni a favore di terzi (cauzione locazione, ecc.) Beni presso terzi

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

102.572

52.787

49.785

30.010

20.310

9.700

780

4.502

- 3.722

Contratti di leasing

108.589

408.651

- 300.062

Totale

241.951

486.250

- 244.299

I conti d’ordine comprendono le seguenti voci: a) Fideiussioni: a favore dell’erario (giochi a premi) per l’importo di 102.572,00 euro nonché a favore di terzi (cauzione locazione e gara Provincia di Bolzano) per l’importo di 30.010,00 euro. b) Beni presso terzi: sono depositati presso terzi macchinari di elaborazione dati (apparecchi POS, stampanti e modelli) per un valore di 780,00 euro. La valutazione si riferisce ai costi di allestimento medi. c) Sono stati acquistati mediante contratto di locazione finanziaria dalla ditta Econocom i seguenti impianti: sistema DD510: il contratto è stato stipulato il 17 novembre 2008 e prevede una durata di 2,5 anni con 30 rate mensili per l’importo complessivo di 52.800,00

98


euro e un valore di riscatto pari a 8.800,00 euro. Sistema DD565 Baseunit NFS CIFS: il contratto è stato stipulato il 10 giugno 2008 e prevede una durata di 3 anni con 36 rate mensili per l’importo complessivo di 147.118,00 euro e un valore di riscatto pari a 24.520,00 euro. USP VM Brocade 7500: il contratto è stato stipulato il 10 giugno 2008 e prevede una durata di 3 anni con 36 rate mensili per l’importo complessivo di 373.048,00 euro e un valore di riscatto pari a 62.175,00 euro. Proroga garanzia USP VM Brocade 7500: il contratto è stato stipulato il 9 aprile 2010 e prevede una durata di 18 mesi con 18 rate mensili per l’importo complessivo di 30.554,00 euro e un valore di riscatto pari a 13.095,00 euro. Ulteriori informazioni riguardanti gli impianti in locazione finanziaria possono essere tratte dal capitolo 1.22.

1.10 Fatturato netto I ricavi da prestazione di servizi e da vendita di merci nonché da quote associative sono suddivisi come segue: Descrizione Vendita di merci Servizi EDP Servizi pubblicitari per conto di terzi Altri servizi Quote associative Totale

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

2.177.341

2.302.128

- 124.787

23.415.100

23.344.322

70.778

1.649.066

1.692.201

- 43.135

10.293.996

10.525.555

- 231.559

3.712.464

3.717.798

- 5.334

41.247.967

41.582.004

- 334.037

1.11 Proventi da partecipazioni I dividendi pari a 265.866,00 euro derivano dalle partecipazioni in ICCREA S.p.A., CISCRA S.p.A., Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige S.p.A. e R.U.N. S.p.A.

1.12 Oneri finanziari Gli oneri finanziari iscritti in bilancio alla voce C 17 sono suddivisi come segue: Descrizione Interessi per finanziamenti a breve

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

62.870

67.415

- 4.545

Interessi a banche

853

385

468

Altri oneri finanziari

640

3

637

64.363

67.803

- 3.440

Totale

99


1.13 Proventi e oneri straordinari I proventi straordinari sono composti come segue: Descrizione

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Altre plusvalenze (utili su cambi, ecc.)

2.461

1.780

681

Rimborsi da assicurazioni

3.341

0

3.341

Altri ricavi straordinari

70.403

41.819

28.584

Totale

76.205

43.599

32.606

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Gli oneri straordinari sono composti come segue: Descrizione Altre minusvalenze

1.752

955

797

Perdite straordinarie (rottamazione apparecchiature, arretrati, ecc.)

60.101

36.274

23.827

Altri oneri straordinari

23.787

20.814

2.973

Totale

85.640

58.043

27.597

1.14 Informazioni relative alle imposte anticipate e differite Nel bilancio 2010 risultano iscritti i seguenti crediti per imposte anticipate: Differenze temporali

100

Imponibile €

Esercizio 2010 Imposte Imposte anticipate anticipate € (IRAP) € (IRES)

Imposte anticipate su premio di risultato

706.225 - 614.442

Imposte anticipate su ammortamenti superiori alle aliquote desumibili dal DM 31/12/1988

185.020

5.514 - 2,98%

Imposte anticipate su fondo per rischi ed oneri

542.500

- 3.639 - 2,98%

Imposte anticipate su fondo per rischi ed oneri

50.000

1.490 - 2,98%

Conto

Imponibile €

194.212 - 27,5% - 168.972 - 27,5%

G&V Pos. 22

614.442

50.881 - 27,5%

G&V Pos. 22

323.820

G&V Pos. 22 13.750 - 27,5%

G&V Pos. 22

Esercizio 2009 Imposte Imposte anticipate anticipate € (IRAP) € (IRES)

11.010 - 3,44%

Conto

168.972 - 27,50%

G&V Pos. 22

89.051 - 27,50%

G&V Pos. 22


1.15 Dipendenti Nel 2010 la Federazione ha dato lavoro in media a 250,63 dipendenti, suddivisi tra le varie Aree come segue: Settore

2010

Direzione Generale

2009

Variazioni

6,16

6,13

0,03

Direzione di Revisione

27,72

25,83

1,89

Area Banche

43,69

42,82

0,87

Area Cooperative di Produzione e di Servizi

3,80

2,55

1,25

Area Legale

5,40

6,07

-0,67

Area Fiscale

16,36

15,67

0,69

Area Servizio lavoro e sindacale

13,65

12,69

0,96

110,92

105,67

5,25

22,93

19,45

3,48

250,63

236,89

13,75

Area Sistema Informativo Raiffeisen (RIS) Area Servizi aziendali Totale

1.16 Compensi agli amministratori e ai sindaci (B 14) I compensi erogati nel 2010 agli amministratori e ai membri del Comitato di coordinamento erano pari a 190.459 euro, ai sindaci sono stati pagati 51.183 euro.

1.16-bis Compensi ai revisori dei conti (B 7) Al revisore dei conti è stato corrisposto un compenso di 18.051 euro. Il revisore dei conti non ha prestato servizi diversi da quelli relativi alla revisione dei conti e non ha percepito pertanto altri compensi.

1.17 Informazioni relative alle nuove azioni sottoscritte durante l’esercizio Nell’arco dell’esercizio trascorso la società cooperativa non ha emesso azioni.

1.18 Informazioni sulle azioni di godimento, obbligazioni convertibili e titoli simili Nell’arco dell’esercizio trascorso la società cooperativa non ha emesso azioni di godimento, obbligazioni convertibili o titoli similari.

1.19 Informazioni relative agli strumenti finanziari La società cooperativa non ha emesso altri strumenti finanziari a soci, terzi o dipendenti.

101


1.19-bis Informazioni relative ai finanziamenti effettuati dai soci Non si registrano finanziamenti effettuati dai soci.

1.20 e 1.21 Informazioni relative ai patrimoni destinati a uno specifico affare e ai finanziamenti con vincolo di destinazione Non sussistono patrimoni e finanziamenti del genere.

1.22 Informazioni relative ai beni detenuti in leasing Oltre alle indicazioni riportate al punto 1.9, lett. c) in merito ai contratti di leasing operativo, si forniscono le seguenti informazioni: il debito residuo per le rate a scadere ammonta a 108.589 euro.

1.22-bis Rapporti con parti correlate Nel corso dell’esercizio sono state effettuate operazioni con imprese collegate. Come previsto si forniscono di seguito informazioni in merito all’importo e alla natura delle principali operazioni effettuate.

Operazioni attive: Impresa

Importo Descrizione

Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A.

95.006 Compenso per la gestione del fondo mutualistico e della società

Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A.

34.500 Contributo fondo mutualistico

Raising Unified Network S.p.A.

25.779 Servizi diversi (locazione, calcolo stipendi, gestione personale, servizi IT, ecc.)

Finassimoco S.p.A. Assimoco S.p.A.

1.182.555 Outsourcing servizi IT (Mainframe) 346.192 Outsourcing servizi IT (Server)

Operazioni passive: Impresa Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l.

102

Importo Descrizione 166.152 Assicurazioni varie

Raising Unified Network S.p.A.

1.532.964 Outsourcing servizi IT (Help desk, asset management & service, fleet management, ecc.)

Assimoco S.p.A.

2.500.000 Finanziamento 2010/2015 (subordinato)

Assimoco S.p.A.

500.000 Finanziamento 2010/illim. (subordinato)


1.22-ter Informazioni riguardanti accordi non desumibili dal bilancio Nel corso dell’esercizio non sono stati conclusi accordi non desumibili dal bilancio e rilevanti in virtù dei loro effetti patrimoniali, finanziari o economici nonché dei rischi e vantaggi derivanti ai fini della valutazione della situazione patrimoniale, finanziaria e economica della società.

2. Ulteriori informazioni 2.1 Precisazioni ai sensi dell’art. 2423 c.c. I valori di ragguaglio relativi all’esercizio precedente, riportati nel bilancio al 31 dicembre 2010, si discostano in parte nella loro classificazione rispetto al bilancio depositato al 31 dicembre 2009. In particolare, nel bilancio al 31 dicembre 2009 i compensi agli amministratori e ai sindaci sono esposti nel conto economico alla voce B.7a (Costi per servizi). Nel 2010 tali costi sono iscritti alla voce B.14a (Oneri amministrativi e di gestione). I crediti e i debiti iscritti rispettivamente nell’attivo e nel passivo sono riportati distintamente a seconda che la loro durata residua sia inferiore o pari a un anno ovvero superiore a un anno.

2.2 Precisazioni ai sensi dell’art. 2423-ter c.c. Gli altri ricavi di cui alla voce A.5 sono suddivisi come segue: Descrizione

31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Plusvalenza su dismissione impianto

51.894

8.553

43.341

Fitti attivi

83.400

71.856

11.544

Rimborsi danni Altri rimborsi spese Imposta di bollo

3.606

1.380

2.226

25.819

27.177

- 1.358

6.292

5.531

761

188.179

110.128

78.051

Contributi pubblici (e altri)

2.870.808

3.123.179

- 252.371

Totale

3.229.998

3.347.804

- 117.806

Altri ricavi (cauzioni, solleciti, provvigioni, bonus, ecc.)

103


Gli oneri amministrativi e di gestione di cui alla voce B.14 sono suddivisi come segue: 31/12/2010

31/12/2009

Variazioni

Contributi obbligatori (Federcasse, Confederazione Cooperative, ecc.)

Descrizione

443.807

440.804

3.003

Compensi a amministratori e sindaci

241.642

212.886

28.756

Spese di rappresentanza

79.920

92.540

- 12.620

Pubblicità

35.862

23.966

11.896

9.700

10.160

- 460

Altre imposte e tasse

35.431

45.187

- 9.756

Altri costi amministrativi

64.676

41.993

22.683

1.643

3.669

- 2.026

Beneficenza

Altri costi di gestione Altri oneri (manifestazioni, progetti, ecc.) Altri costi Totale

10.910

78.121

- 67.211

105.738

17.793

87.945

1.029.329

967.119

62.210

2.3 Precisazioni ai sensi dell’art. 2426 c.c. Il grande calcolatore (Mainframe IBM Z10 BC Y03 con rispettivo processore) attivato nel 2009 viene ammortizzato in tre anni in considerazione della sua breve vita tecnica.

2.4 Informazioni relative agli artt. 2512, 2513, 2545 c.c. (dichiarazione sull’attività svolta prevalentemente in favore dei soci) Con riferimento all’esercizio 2010 il Consiglio di Amministrazione, sia ai sensi dell’art. 2 della legge n. 59 del 30 gennaio 1992, sia ai sensi dell’art. 2545 c.c., dichiara che la Federazione ha svolto la propria attività in conformità all’oggetto della cooperativa, come risulta regolato dall’art. 2 dello statuto, e che ha inoltre conseguito lo scopo della stessa, stabilito nel medesimo articolo, attraverso il sostegno delle associate. Il Consiglio di Amministrazione dichiara che la Federazione, ai sensi dell’art. 2513 c.c., ha svolto le operazioni prevalentemente con soci, fatturando agli stessi il 90,17% del giro d’affari. In particolare, nel corso dell’esercizio sono state svolte le seguenti operazioni con soci e con soggetti terzi: Ricavi dalle vendite dei beni e dalle prestazioni di servizi (A1) verso i soci Ricavi dalle vendite dei beni e dalle prestazioni di servizi (A1) verso i non soci Ricavi (A1) verso soci e non soci

104

37.194.971 4.052.996 41.247.967


La Federazione è iscritta al Registro delle cooperative della Provincia di Bolzano nella prima sezione nella categoria delle altre cooperative al numero A145398. Il Consiglio di Amministrazione dichiara infine che, in virtù delle vigenti disposizioni di legge e statutarie, le riserve legali e facoltative nonché le altre riserve iscritte in bilancio non possono essere distribuite ai soci sotto alcuna forma né durante l’esistenza della società, né in occasione dello scioglimento della cooperativa. A tale proposito si precisa che le riserve legali e facoltative comprendono anche le riserve formate ai sensi dell’art. 12 della legge n. 904 del 16 dicembre 1977.

2.5 Altre informazioni Si fa presente che pende innanzi alla Corte di Cassazione un contenzioso tributario per un valore in causa pari a 3,7 milioni di euro. Considerate le due sentenze favorevoli alla Federazione espresse dalla Commissione tributaria provinciale e da quella regionale, nonché in base al parere del difensore della Federazione, non è necessario alcun accantonamento. Oltre a ciò si rileva che la Federazione applica la fatturazione esente da IVA ai soci in possesso dei relativi requisiti. In seguito alla pubblicazione di una nuova circolare avente ad oggetto la regolamentazione a venire del suddetto modo di agire, l‘applicabilità dello stesso è diventata dubbia e in conseguenza è stata sospesa sino al ricevimento del già commissionato parere legale. In base all‘attuale stato di monitoraggio delle varie disposizioni normative non sussiste alcun rischio che renderebbe necessaria una limitazione dello stesso. Il Consiglio di Amministrazione propone di devolvere alla riserva legale il 30% dell’utile di esercizio, per un importo di 78.395,90 euro, il 3%, pari a 7.839,59 euro, al fondo mutualistico ai sensi dell’art. 11 della legge n. 59/92 e alla riserva statutaria l’importo rimanente, pari a 175.084,17 euro.

Bolzano, 26 aprile 2011

Il Consiglio di Amministrazione

105


3. Relazione del Collegio Sindacale

Egregi Signori rappresentanti delle cooperative associate, il bilancio 2010 che viene sottoposto alla Vostra approvazione e che si compone dello stato patrimoniale, del conto economico e della nota integrativa nonché della relazione sulla gestione è stato redatto in conformità alle disposizioni di legge ed è stato trasmesso al Collegio Sindacale ai sensi dell’art. 2429 c.c. La rappresentazione della situazione patrimoniale e finanziaria nonché del risultato economico è effettuata sulla base dei criteri di valutazione e secondo i principi di redazione del bilancio di esercizio previsti dalla normativa in vigore e corrisponde alle risultanze di un’ordinata contabilità. I dati di bilancio relativi al 2010 possono essere riassunti nei seguenti termini: Lo stato patrimoniale di cui al bilancio al 31 dicembre 2010 risulta composto come segue: Attivo

83.696.804

Passivo

36.127.289

Patrimonio netto

47.308.196

Utile dell’esercizio Totale

261.319 83.696.804

83.696.804

Il conto economico evidenzia i seguenti dati: Valore della produzione

44.388.433

Costi della produzione

- 43.450.806

Differenza tra valore e costi della produzione

937.627

Proventi e oneri finanziari

419.315

Rettifiche di valore di attività finanziarie Risultato delle partite straordinarie Imposte sul reddito dell’esercizio Utile dell’esercizio

0 - 8.035 - 1.087.588 261.319

I contenuti e la forma della relazione sulla gestione redatta dal Consiglio di Amministrazione sono conformi alle disposizioni di legge e atti a fornire un quadro sufficientemente chiaro dell’andamento della gestione e della sua prevedibile evoluzione. La nota integrativa riporta le delucidazioni necessarie sulle singole voci dell’attivo e del passivo nonché sui criteri di valutazione applicati. Tutte le relazioni si rifanno alle disposizioni degli articoli 2423-bis, 2424, 2425 e 2427 del c.c. nonché all’atto costitutivo della società cooperativa. Non essendo più demandato al Collegio Sindacale il controllo analitico di merito sul contenuto del bilancio, lo stesso ha vigilato sulla conformità alla legge per quel che riguarda la sua formazione e la struttura e a tale riguardo non ha osservazioni particolari da riferire.

106


Il Collegio Sindacale si è occupato in modo approfondito anche dell’esposizione nei confronti delle società del gruppo Assimoco. La Assimoco S.p.A. è stata interessata nel 2010 da una riduzione di capitale con conseguente aumento di capitale. La Federazione ha esercitato appieno il diritto di opzione ad essa spettante in base al c.c. ed ha sottoscritto 916.765 azioni al valore nominale di 1,00 euro con sovrapprezzo di 0,25774 euro per azione, in modo da mantenere invariata la percentuale di partecipazione alla Assimoco S.p.A. Attualmente la Federazione detiene complessivamente 1.177.074 azioni della Assimoco S.p.A. Queste sono iscritte in bilancio al costo di 3.256.373,79 euro. Si precisa che gli organi della Federazione si sono occupati già più volte della partecipazione nella Assimoco S.p.A. e che, nonostante le perdite subite con la Assimoco S.p.A. e le perdite ancora previste in base al piano industriale fino al 2011 compreso, essi sono giunti alla conclusione che il valore della partecipazione non dovrebbe subire riduzioni durature. Secondo gli Amministratori non è necessaria alcuna rettifica. Tale parere espresso con riferimento all’iscrizione in bilancio si basa anche sui principi contabili nazionali emanati dall’Organismo Italiano di Contabilità (OIC - n. 20), dai quali si desume che, fintanto che non sussistono perdite durevoli di valore, non è necessario procedere ad una svalutazione. I piani industriali evidenzierebbero chiaramente che già a partire dal 2012 la Assimoco S.p.A. tornerà in attivo e che, pertanto, non c’è da attendersi una perdita durevole di valore. Il Collegio Sindacale, a conoscenza dell’analisi dei piani industriali predisposta dalla società di consulenza KPMG, condivide tale giudizio. La Federazione detiene complessivamente 30.800.465 azioni della FinAssimoco S.p.A., iscritte in bilancio al costo di 31.642.559,96 euro. Il Collegio Sindacale prende atto che non vengono effettuate rettifiche di valore, potendo la valutazione della partecipazione essere giudicata equa, dato che la FinAssimoco S.p.A. non è operativa e detiene soltanto la partecipazione nella Assimoco S.p.A., per cui valgono le stesse considerazioni già fatte con riferimento alla stessa. La Assimoco S.p.A., a sua volta, detiene una partecipazione in Assimoco Vita S.p.A., la quale ha chiuso l’esercizio 2010 con un risultato positivo. Il Collegio Sindacale informa che la Federazione è soggetta al controllo legale dei conti e alla revisione contabile e che entrambe le attività vengono svolte da strutture esterne. Al termine delle operazioni di verifica i soggetti incaricati hanno comunicato al Collegio Sindacale che rilasceranno una relazione sul bilancio senza riserve. Nel corso dell’esercizio il Collegio Sindacale ha curato un regolare scambio di informazioni con il soggetto incaricato del controllo contabile ovvero con la società di revisione ai sensi dell’art. 2409-septies c.c. e del d.lgs. n. 58/98, al fine di ottenere notizie sulle risultanze delle verifiche e di scambiare valutazioni. Al riguardo non sono emerse circostanze che debbano essere evidenziate nella presente relazione. Il Collegio Sindacale durante il trascorso esercizio 2010 ha svolto compiti di sorveglianza e di controllo ai sensi dell’incarico legislativo e statutario, vigilando in particolar modo sul

107


rispetto delle disposizioni di legge, sulla conformità della gestione all’atto costitutivo e sul rispetto dei principi di corretta amministrazione, sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo nonché sulle direttive impartite alle società controllate. A tal fine ha partecipato alle riunioni del Consiglio di Amministrazione e si è incontrato con i responsabili delle varie funzioni aziendali. In particolare, durante l’esercizio trascorso il Collegio Sindacale ha partecipato all’Assemblea generale (1), a tutte le riunioni del Consiglio di Amministrazione (10) e del Comitato Esecutivo (10) ed ha inoltre tenuto proprie riunioni (5), vigilando affinché le delibere venissero adottate nel rispetto del principio di prudenza ed evitando potenziali conflitti di interesse. Non sono state poste in essere operazioni contrarie alle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione, del Comitato Esecutivo e dell’Assemblea generale. Il Collegio Sindacale ha inoltre ottenuto dagli organi amministrativi e di direzione le informazioni prescritte sull’andamento della gestione, sulla sua prevedibile evoluzione nonché sulle operazioni di maggiore rilievo, per le loro dimensioni o caratteristiche, effettuate dalla società cooperativa e dalle imprese da essa controllate. Al riguardo si assicura che tali operazioni sono conformi alla legge e all’atto costitutivo e non evidenziano segni di manifesta imprudenza e che le stesse non sono in contrasto con le delibere assunte dall’Assemblea generale, né sono tali da compromettere in misura determinante l’integrità del patrimonio sociale. Particolare attenzione è rivolta dal Collegio Sindacale al rispetto e all’attuazione del documento di orientamento strategico 2013, riguardante lo sviluppo della Federazione dell’Alto Adige. Nel limite delle proprie competenze il Collegio Sindacale ha inoltre vagliato sull’osservanza dei principi di corretta amministrazione e in particolare sull’adeguatezza e sull’affidabilità delle strutture e dei processi nonché del sistema amministrativo e contabile, oltre che sull’affidabilità degli stessi per quanto riguarda la rappresentazione corretta dei fatti di gestione. In tale contesto sono state ottenute, dai responsabili e dagli organi di controllo esterni, informazioni in base alle quali gli stessi, nell’ambito delle proprie competenze, confermano che non sono stati rilevati fatti o rischi, né gravi insufficienze, di cui è richiesta la segnalazione. Si può altresì confermare che non sono state poste in essere azioni atte a pregiudicare i diritti accordati alle federate dalla legge e dall’atto costitutivo. Ai sensi dell’art. 2528, comma 5 c.c. si conferma che la politica associativa attuata dal Consiglio di Amministrazione nel corso del 2010 era volta ad accogliere tutte le domande di adesione, purché risultassero soddisfatti i presupposti previsti dall’atto costitutivo e dalla legge. Ai sensi dell’art. 2 della legge n. 59/1992 il Collegio Sindacale si dichiara infine concorde con le esposizioni del Consiglio di Amministrazione in merito ai criteri seguiti nella gestione sociale per il conseguimento dello scopo mutualistico di cui all’art. 2545 c.c.

108


Si conferma inoltre che durante l’esercizio considerato la società cooperativa ha svolto la propria attività prevalentemente in favore dei soci secondo i criteri di cui all’art. 2513 c.c., sostenendo le cooperative associate mediante consulenze e servizi e contribuendo in tal modo direttamente al sostegno economico e sociale delle stesse. Il Collegio Sindacale dichiara inoltre che non sono pervenute denunce ex art. 2408 c.c. da parte delle federate. Secondo il parere del Collegio Sindacale il presente bilancio è redatto nel rispetto del principio di rappresentazione veritiera e di chiarezza e rappresenta in maniera corretta e veritiera la situazione patrimoniale e finanziaria nonché il risultato economico della società cooperativa. Il Collegio Sindacale dà pertanto il proprio consenso all’approvazione del bilancio dell’esercizio 2010 e della connessa relazione sulla gestione nonché della proposta di destinazione del risultato economico dell’esercizio. Concludendo, il Collegio Sindacale desidera cogliere l’occasione per ringraziare le cooperative associate per la collaborazione mirata e costruttiva fornita alla Federazione. Un ringraziamento particolare va al Presidente, ai Vicepresidenti, al Comitato Esecutivo e al Consiglio di Amministrazione della Federazione, i quali durante l’esercizio trascorso hanno lavorato con grande impegno e con circospezione a favore del cooperativismo. Un particolare ringraziamento è volto anche al Direttore Generale, al Direttore della Revisione, ai capi ripartizione ed a tutti i collaboratori, i quali nel corso dell’anno si sono nuovamente impegnati fattivamente a favore dell’organizzazione Raiffeisen della nostra provincia. Bolzano, 3 maggio 2011

Il Collegio Sindacale

109


4. Dati del bilancio consolidato

I dati presentati dal bilancio consolidato, il quale ingloba le società controllate Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. e Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A., possono essere sinteticamente riepilogati come segue: Attivo consolidato

95,88 milioni di euro

Valore della produzione consolidato

48,15 milioni di euro

Utile consolidato

- 0,91 milioni di euro

5. Bilanci delle società controllate La Federazione controlla il capitale delle due società di seguito richiamate, i cui bilanci sono riportati in basso.

1. Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. Sede in Bolzano, via Raiffeisen n. 2, codice fiscale 01406850212, iscritta nel Registro delle imprese presso la Camera di commercio di Bolzano al numero 16306, capitale sociale 1.550.000,00 euro interamente versato. Partecipazione della Federazione Soc.coop.: 99,95%

2. Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A Sede in Bolzano, via Raiffeisen n. 2, codice fiscale 00545140212, iscritta nel Registro delle imprese presso la Camera di commercio di Bolzano al numero BZ 008-9574, capitale sociale 103.290,00 euro interamente versato. Partecipazione della Federazione Soc.coop.: 99,50%

111


Raiffeisen Servizi Assicurativi S.r.l. Bilancio al 31/12/2010 ATTIVO B)

I

II

III

C)

II

III

IV

4

2 3 4 1 3

31/12/2010 euro Immobilizzazioni Immobilizzazioni immateriali Concessioni, licenze, marchi e diritti simili Totale Immobilizzazioni materiali Impianti e macchinari Attrezzature industriali e commerciali Altre immobilizzazioni Totale Immobilizzazioni finanziarie Partecipazioni Altri titoli dell’attivo immobilizzato Totale Totale immobilizzazioni (B)

1.229 1.229

439 439

11.755

13.309

101.500 113.255

123.756 137.065

2.602.242 0 2.602.242 2.716.726

1.809.345 0 1.809.345 1.946.849

178.732 0 273.510 502 452.744

367.622 0 276.860 441 644.923

Titoli e partecipazioni Altri titoli Totale

2.000.000 2.000.000

1.600.000 1.600.000

DisponibilitĂ  liquide Depositi bancari e postali Danaro e valori in cassa Totale Totale attivo circolante (C)

274.648 678 275.326 2.728.070

654.284 1.295 655.579 2.900.502

Ratei e risconti TOTALE ATTIVO

1.605 5.446.401

1.005 4.848.356

Attivo circolante Crediti 1 Crediti verso clienti 4 Crediti verso imprese controllanti (durata residua oltre un anno) 4bis Crediti tributari 5 Crediti verso altri Totale 5

1 3

D)

PASSIVO A)

I IV VII IX

B)

1

3

C) D)

112

31/12/2010 euro Patrimonio netto Capitale Riserva legale Altre riserve Riserve facoltative Utile (perdita) dell‘esercizio Totale patrimonio netto (A)

31/12/2009 euro

1.550.000 131.975

1.550.000 121.470

2.127.177 487.423 4.296.575

1.927.583 210.100 3.809.153

344.544

333.310

249.366

187.801 0 350.498 80.211 87.383 705.893 4.848.356

Accantonamenti Altri fondi Totale accantonamenti (B) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato

6 10 11 12 13

31/12/2009 euro

Debiti Debiti verso fornitori Debiti verso imprese controllanti Debiti tributari Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale Altri debiti Totale debiti (D) TOTALE PASSIVO

392.225 87.490 76.201 805.282 5.446.401


CONTO ECONOMICO A)

B)

C)

D)

E)

1 5

Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni Altri ricavi e proventi Valore della produzione (A)

Costi della produzione Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci 7 Costi per servizi 8 Costi per godimento di beni di terzi 9 Costi per il personale 9a Salari e stipendi 9b Oneri sociali 9c Trattamento di fine rapporto 9d Trattamento di quiescenza e simili 9e Altri costi 10 Ammortamenti e svalutazioni 10a Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali 10b Ammortamento delle immobilizzazioni materiali 14 Oneri diversi di gestione Totale costi della produzione (B) Risultato operativo (A - B) 6

Proventi e oneri finanziari 16 Altri proventi finanziari 16b da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni 16c da titoli iscritti nell‘attivo circolante che non costituiscono partecipazioni 16d Altri proventi 17 Interessi e altri oneri finanziari Risultato della gestione finanziaria (C) Rettifiche di valore di attività finanziarie 18 Rivalutazioni 18b di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni 19 Svalutazioni 19b di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono partecipazioni Rettifiche di valore di attività finanziarie (D) Proventi e oneri straordinari 20 Proventi 21 Oneri Risultato della gestione straordinaria (E) RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (A - B + C - D + E) 22 Imposte sul reddito dell‘esercizio 26 UTILE (PERDITA) DELL’ESERCIZIO

31/12/2010 euro

31/12/2009 euro

3.646.849 357.712 4.004.561

3.244.641 398.754 3.643.395

42.820 553.316 253.812

48.724 505.599 266.212

1.617.129 445.887 181.129

1.523.242 419.531 169.122

31.333

30.071

1.054 43.671 47.611 3.217.762 786.799

1.841 36.939 9.665 3.010.946 632.449

20.986

31.086

1.826 - 16 22.796

26.020 - 1.076 56.030

0 0 0 0

0 - 224.049 0 - 224.049

1.065 - 10.001 -8.936

8.419 - 520 7.899

800.659 - 313.236

472.329 - 262.229

487.423

210.100

113


Raiffeisen Mutualitätsfonds S.p.A. Bilancio al 31/12/2010 ATTIVO B)

Immobilizzazioni Immobilizzazioni immateriali 4) Avviamento, diritti di util. delle opere dell’ingegno e sim. II Immobilizzazioni materiali 3) Impianti e macchinario III Immobilizzazioni finanziarie: 1 d) Partecipazioni ad altre imprese b) Altre Totale immobilizzazioni

31/12/2010 euro

31/12/2009 euro

466

931

I

C)

D)

Attivo circolante II Crediti a) con scadenza oltre l’anno 2) Altri crediti b) con scadenza entro l’anno 2) Altri crediti IV Danaro e valori in cassa Totale attivo circolante Ratei e risconti attivi TOTALE ATTIVO

Conti d’ordine Altri impegni

PASSIVO A)

B)

D)

Patrimonio netto I Capitale IV Riserva legale VII Altre riserve b) Riserve fondo mutualistico art. 12/4 legge 59/92 IX Utile (perdita) dell’esercizio Totale patrimonio netto Accantonamenti 3a) Impegni fondo mutualistico art. 11 legge 59/92 3b) Accantonamenti per crediti dubbi Totale accantonamenti Debiti: b) con scadenza entro l’anno 3) Altri debiti 7) Debiti verso fornitori 11) Debiti verso imprese controllanti con scadenza entro l’anno 12) Debiti tributari 13) Debiti verso enti previdenziali Totale debiti TOTALE PASSIVO

Conti d’ordine Altri impegni

114

463 774 5.000.000 5.001.240

774 5.000.000 5.002.168

36.463

75.210

64.000

24.000

3.389.716 3.490.179

2.603.857 2.703.067

21.475 8.512.894

26.986 7.732.221

3.106.467

1.289.149

31/12/2010 euro

31/12/2009 euro

103.290 38.275

103.290 36.750

451.056 -82.348 510.273

422.096 30.483 592.619

7.860.833 0 7.860.833

7.012.847 0 7.012.847

3.342 105.340

1.205 106.448

30.375 2.731 141.788 8.512.894

17.227 1.875 126.755 7.732.221

3.106.467

1.289.149


CONTO ECONOMICO B)

Costi della produzione Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci Costi per servizi Costi per godimento di beni di terzi Ammortamenti e svalutazioni a) Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali 14) Oneri diversi di gestione Totale costi della produzione (B) Risultato operativo (A - B) 6) 7) 8) 10)

C)

E)

Proventi e oneri finanziari 16) Altri proventi finanziari a) Proventi da partecipazioni b) Proventi da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni d) Altri proventi finanziari 17) Interessi e altri oneri finanziari Totale proventi e oneri finanziari (C) Proventi e oneri straordinari 20) Proventi straordinari b) Altri proventi 21) Oneri straordinari b) Altri oneri Totale delle poste straordinarie (E) RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (B +/ -C +/- E) 22) Imposte sul reddito dell‘esercizio 23) UTILE (PERDITA) DELL'ESERCIZIO

31/12/2010 euro

31/12/2009 euro

14 144.279 5.775

32 132.862 5.696

466 463 1.791 152.788 - 152.788

466 556 1.556 141.168 - 141.168

0 61.184 9.257 0 70.441

0 113.246 58.402 0 171.648

0

3

-1 -1 - 82.348 0 - 82.348

0 3 30.483 0 30.483

115


50 anni di Federazione Cooperative Raiffeisen

1

3

4

2

116

5


6

7

8

9

10

117


50 anni di Federazione Cooperative Raiffeisen

11

12

15

118

16

13

14

17

18


19 Didascalia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Ricevimento stampa per editori e caporedattori con il giornalista dell’azienda radiotelevisiva austriaca ORF Franz Kössler (secondo da sinistra) come relatore. In passato avevano trascorso molti anni al servizio della Federazione: ex dipendenti invitati a una cena a Caldaro. Le tavole illustrative poste all’ingresso del palazzo Raiffeisen hanno ripercorso i momenti culminanti dei dieci lustri di storia della Federazione.

12 13 14 15

Gita aziendale in Pianura Padana e a Mantova assieme ai dipendenti della Federazione. I fontanili, sorgenti sotterranee che irrigano le risaie nei pressi di Verona. L’ex Direttore Generale della Federazione Paul von Guggenberg, gli ex Presidenti Barone Carl Eyrl e Erich Kobler e l’ex Direttore Generale Konrad Palla. Gruppo di discussione con rappresentanti di spicco delle federazioni delle cooperative operanti in territori limitrofi al nostro assieme alla moderatrice Renate Gamper. Discorso solenne di S. Eccellenza Karl Golser durante la cerimonia per il 50° anniversario. Assemblea dei soci della Federazione nel Pavillon des Fleurs. Le celebrazioni hanno raggiunto il proprio culmine con la cerimonia presso il Kurhaus di Merano.

16 17 18 19

Gli occhiali e altri oggetti personali di F. W. Raiffeisen nel museo dedicato al celebre personaggio a Hamm an der Sieg. Heiner Nicolussi-Leck ha firmato il libro degli ospiti nella casa natale di F. W. Raiffeisen, oggi adibita a museo. Visita alla cantina e pranzo nel castello Johannisberg presso Geisenheim sulle sponde del Reno. Il Direttore Generale Paul Gasser assieme al Presidente della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali italiane Federcasse Alessandro Azzi, al Presidente della Confederazione Cooperative Italiane Confcooperative Luigi Marino e al Presidente della Federazione Heiner NicolussiLeck. Paul Armbruster, Segretario Generale dell’Unione Internazionale Raiffeisen (IRU), è intervenuto come oratore al simposio scientifico presso l’Accademia Europea di Bolzano. Theresia Theurl, Direttrice dell’Istituto di ricerca cooperativa presso l’Università di Münster ha curato la conduzione scientifica del simposio. Stephan Götzl, Presidente della Federazione delle cooperative della Baviera ha partecipato al dibattito. “Le cooperative verso il futuro”, questo il titolo del simposio scientifico tenutosi presso l’Accademia Europea di Bolzano, al quale sono intervenuti illustri relatori italiani e stranieri.

Dirigenti e amministratori delle cooperative Raiffeisen hanno percorso le orme di Friedrich Wilhelm Raiffeisen nella regione del Westerwald in Germania. Una tappa del viaggio culturale ha portato i partecipanti al monumento dedicato a Raiffeisen nella città di Neuwied presso Coblenza.

119


Editore: Federazione Cooperative Raiffeisen Società cooperativa Bolzano, giugno 2010 Grafica e stampa: Saphir, Varna – info@saphir.bz.it Traduzione: Marco Pellegrini Fotografia copertina: Hermann M. Gasser Fotografie: Othmar Seehauser (pagg. 3, 4, 5, 8, 11, 24, 27, 31, 41, 42, 44, 46), Raiffeisen Servizi Assicurativi (pag. 23), Coop. ortofrutticola Terlano (pag. 62), SMG (pag. 64), Blickle (pag. 67), archivio


Bilancio 2010

Federazione Cooperative Raiffeisen

Federazione Cooperative Raiffeisen

Bilancio 2010


Bilancio 2010