Page 1

Mladen Grguri}

Rijeka se sje}a Fiume – ricordi


Impressum?


Mladen Grguri}

Rijeka se sje}a Fiume – ricordi

svibanj 2010.


Mladen Grguri}

Rijeka se sje}a

Svake godine grad Rijeka obilježava 3. svibnja 1945., dan kada je oslobo|ena u Drugome svjetskom ratu. Na taj dan ispred spo­ menika Slobodi na Delti predstavnici grada Rijeke i Udruga anti­ fašisti~kih boraca i antifašista grada Rijeke polažu vijence, održi se prigodan govor – i tako svake godine. To me potaknulo da pri­ redim izložbu o tome kako je naš grad izgledao na taj dan. Na­ kon uspjeha koji je kod gra|ana postigla izložba, odlu~eno je da se tiska i fotomonografija. Nositelji projekta su Muzej grada Ri­ jeke i Udruga anti­fa­šis­ti~kih boraca i antifašista grada Rijeke. Naj­ ve}i dio objavljenih fotografija pripada fundusu Muzeja grada Rijeke. Koristim ovu prigodu da se zahvalim svima koji su mi ustupili gra­|u na korištenje: gospodinu Marku Lexu iz Canberre, kolegi­ ci mr. Dajni Glavo~i} te kolegama mr. Velidu Đeki}u, Saši Dmit­ rovi}u i dr. Mihaelu Sobolevskom. Nakon kapitulacije Italije u rujnu 1943. njema~ka je vojska zauze­ la podru~je koje je do tada kontrolirala talijanska vojska i 1. listo­ pada proglasila ga Operativnom zonom Jadransko primorje. Boje}i se savezni~kog iskrcavanja na podru~ju sjevernog Jadrana, Nijemci su Rijeku pretvorili u utvrdu. Osobito su pažljivo utvr|ivali šire podru~je Rijeke te pojedina gradska podru~ja Sušaka i Rijeke: Sv. Anu, Pe}ine, Trsat, Luku, Belveder itd. Na desnoj obali Rje~ine ve} je prije rata Italija izgradila obrambeni sustav utvrda koji je zbog konfiguracije terena dodatno oja~an prirodnom fortifikaci­ jom, kanjonom Rje~ine, a Nijemci su ga dodatno oja~ali i nado­  Obuhva}a Furlaniju, Trst, Istru, Goricu, Ljubljanu, Kvarner, Sušak, Bakar, Kastav i ^abar.




Mladen Grguri}

Fiume – ricordi

Ogni anno la città di Fiume celebra il 3 maggio 1945, giorno in cui fu liberata nella Seconda Guerra Mondiale. In quel giorno, davanti al monumento alla libertà, sul Delta, i rappresentanti del Comune di Fiume posano corone, pronunciano discorsi – e così ogni anno. Ciò mi ha spronato ad allestire una mostra sulla Fiume di quel gior­ no. Dopo il successo della mostra, si è deciso di pubblicare una fo­ tomonografia. I promotori del progetto sono il Museo civico di Fiu­ me e l’Associazione dei combattenti antifascisti e degli antifascisti della città di Fiume. La maggior parte delle fotografie pubblicate sono di proprietà del Museo civico di Fiume. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che mi hanno ceduto i materiali che ho usato: il signor Mark Lex di Canberra, la collega mr. Daina Glavo~i} ed i colleghi mr. Velid Đeki}, Saša Dmitrovi} e dr. Mihael Sobolevski. Dsopo la capitolazione dell’Italia nel settembre 1943, l’esercito te­ desco occupò la zona fino ad allora controllata da quello italiano ed il 1 ottobre la nominò Zona operativa del litorale adriatico. Temen­ do uno sbarco alleato nell’Adriatico settentrionale, i Tedeschi tra­ sformarono Fiume in una fortezza. Fortificarono con particolare attenzione i dintorni della città e alcuni punti specifici di Fiume e di Sušak: Sant’Anna, Pe}ine, Tersatto, il porto, Belveder. Sulla sponda destra dell’Eneo già precedentemente, prima della guerra, l’Italia  Comprende il Friuli, Trieste, l'Istria, Gorizia, Lubiana, il Quarnero, Sušak, Buccari, Castua e ^abar.




gradili novim fortifikacijskim objektima. Ingridstellung se sma­ trala najja~om obrambenom utvrdom u jugoisto~nom dijelu Europe. Ovaj dio fronte, koji se protezao od morske obale do SneŞnika, branio je 97. njema~ki armijski korpus s devedeset tisu}a vojnika. Upravo se na ovom prostoru u naťoj zemlji odigrala jedna od najve}ih bitaka u Drugome svjetskom ratu.




aveva costruito un sistema difensivo, rafforzato ulteriormente - gra­ zie alla configurazione del terreno – da una fortificazione naturale – il cañon del fiume Eneo. I Tedeschi lo arricchirono con nuove co­ struzioni. L’ Ingridstellung veniva considerata la maggiore fortezza difensiva dell’Europa sudorientale. Quella parte del fronte, che si estendeva dalla costa al Monte Nevoso, era difeso dal 97mo corpo d’armata tedesco comprendente novantamila soldati. Proprio in questa zona si combatté una delle maggiori battaglie della Secon­ da Guerra Mondiale.




Bombardiranje Rijeke Zbog gospodarskih resursa kojima je raspolagala te vojnostra­ teškog zna~enja, Rijeka je bila ~esto metom savezni~kog zrako­ plovstva. Trebalo je onesposobiti sve što je Nijemcima moglo koristiti. Najvažniji gospodarski i industrijski objekti izgra|eni su duž obalnog pojasa grada, što je savezni~kom zrakoplovstvu omogu}avalo da u jednom naletu bombardira više ciljeva. Na istom pravcu naleta savezni~kih bombardera nalazile su se suša~ka i rije~ka luka sa skladištima, plovni objekti u luci, Brodo­ gradilište Lazzarus, Tvornica duhana, Željezni~ki kolodvor, Rafi­ nerija, Tvornica torpeda i Kvarnerska brodogradilišta. U zadnjih godinu i pol, od sije~nja 1944. do svibnja 1945., savezni~ki zra­ koplovi trideset su puta bombardirali Rijeku, ili ukupno pedeset sati. U 1944. godini Rijeka je bombardirana 7. i 21. sije~nja, 24. i 25. velja~e, 26. ožujka, 19. i 21. srpnja, 3. i 4. studenoga (~eti­ ri puta), 5. i 6. studenog (dva puta); u 1945. godini 21. sije~nja, 15. velja~e (dva puta), svaki dan od 16. do 22 velja~e, 1. ožujka te 8., 15. i 19. travnja. U bombardiranju je stradalo 112 civilnih osoba, od toga ~etrdeset žena i šesnaestero djece u dobi do petnaest godina. Srušeno je ili ošte}eno više od 1.700 stambe­ nih objekata i javnih zgrada. Prvi zra~ni napad savezni~ki zrako­ plovi izvršili su 7. sije~nja 1944. na industrijsku zonu u zapad­ nom dijelu grada. Toga dana na Tvornicu torpedo ba~eno je ~etrnaest bombi. Tvornica je 1944. i 1945. bila sedam puta bombardirana; pogo|ena je izravno sa 47 bombi. U no}i, 21. sije~nja, ba~eno je 112 bombi na Rafineriju, plinaru, željezni~ka skladišta, spremište lokomotiva, vojarnu Savoja (bivši Hotel za emigrante), a stradalo je i desetak stambenih objekata izgra|e­nih u neposrednoj blizini zapadne gradske industrijske zone. Rafinerija je pogo|ena sa 38 bombi. Šteta je bila golema, od pogona je ostala samo hrpa željeza i betona. Rafinerija nije više bila sposobna za proizvodnju do kraja rata. U bombardira­  Mihael Sobolevski, Savezni~ko bombardiranje Rijeke zrakoplovima u Drugom svjetskom ratu od sije~nja 1944. do travnja 1945., Zbornik Sveti Vid, V., Rijeka 2000., str. 159.–172.  Podaci preuzeti iz legende na maketi koja prikazuje razrušenu Tvornicu torpedo; ~uva se u Muzeju grada Rijeke

10


Il bombardamento di Fiume Fiume era spesso meta dell’areonautica militare alleata, sia per le sue risorse economiche che per il significato strategico-militare che ricopriva. Bisognava distruggere tutto quello che poteva essere uti­ le ai Tedeschi. Gli impianti economici ed industriale erano stati co­ struiti lungo la fascia costiera della città, il che permetteva agli aerei alleati di bombardare in una volta molto più di una meta. Sulla scia degli aerei si trovavano il porto di Fiume, quello di Sušak con i ripet­ tivi magazzini, i natanti ormeggiati nel porto, il cantiere navale Lazzarus, la Fabbrica tabacchi, la stazione ferroviaria, la raffineria, il silurificio e i cantieri navali quarnerini. Nell’ultimo anno e mezzo, da gennaio 1944 a maggio 1945, gli aerei alleati bombardarono Fiu­ me pere ben trenta volte, per un totale di una cinquantina d’ore. Nel 1944 Fiume fu bombardata il 7 e il 21 gennaio, il 24 e il 25 febbraio, il 26 marzo, il 19 e il 21 luglio, il 3 e il 4 novembre (quat­ tro volte), il 5 e il 6 novembre (due volte) ; nel 1945 il 21 gennaio, il 15 febbraio (due volte), ogni giorno dal 16 al 22 febbraio, il 1 marzo e l’8, il 15 e il 19 aprile. Durante i bombardamenti perirono 112 civili di cui quaranta donne e sedici bambini fino ai quindici anni d’età. Furono distrutte o danneggiate più di 1700 case ed edifici pubblici. Il primo attacco aereo alleato si svolse il 7 gennaio 1944: fu bombardata la zona industriale nella parte occidentale della città. In quel giorno, furono gettate quattordici bombe sul silurificio. Tra il 1944 e il 1945 lo stabilimento fu bombardato sette volte e colpito da 47 bombe. Nella notte del 21 gennaio furono lanciate 112 bombe sulla raffi­ neria, sull’usina del gas, sui magazzini ferroviari, sul deposito delle locomotive, sulla caserma Savoia (Ex Hotel degli emigranti); furono danneggiate una decina di abitazioni costruite nelle vicinanze della zona industriale occidentale della città. La raffineria fu colpita da 38 bombe. Il danno fu enorme: dell’impianto rimase solo un grumo di ferro e di cemento. Fino alla fine della guerra non vi si produsse più 

Mihael Sobolevski, Savezni~ko bombardiranje Rijeke zrakoplovima u Drugom svjetskom ratu od sije~nja 1944. do travnja 1945., Zbornik Sveti Vid, V., Rijeka 2000., pagg. 159-172

 Dati ripresi dalla legenda sul modello che rappresenta il silurificio distrutto; è custodito presso il Museo civico di Fiume

11


nju je poginulo sedamnaest, a ranjeno trideset gra|ana. Žrtava je bilo i me|u nje­ma~kim i talijanskim vojnim postrojbama. Svoje sje}anje na bombardiranje Rafinerije opisao je djelatnik Ivan Sre­ bot u listu RNR: Bio je to grozan prizor. Rezervoari su eksplodirali, veliki je plamen suk­ljao u nebo, zgrade su bile porušene i sve, ali baš sve je bilo crno. Bio sam na poslu kada se to dogodilo i da stvar bude gora, kada sam došao ku}i, zatekao sam napola porušeni stan, a ženu i dijete u sklo­ništu. Novi napad izveden je 24. i 25. velja~e 1944. kada su ponovno bom­bardirana industrijska postrojenja u zapadnom dijelu gra­ da. Osim velike materijalne štete, u ta su dva dana poginule 34 osobe, a ranjeno ih je nekoliko stotina. Velike gubitke imali su i Nijemci ~ija se kolona našla pod mitraljeskom vatrom dok se kretala prema Toretti (Turni}u). Grad je ostao bez struje i plina, a voda se uzimala iz gradskih fontana. U ve~ernjim satima 19. srpnja nebo nad Rijekom preletjelo je nekoliko stotina savezni~kih zrakoplova koji su bombardirali ra­ finerije u Trstu, Budimpešti, Vosendorfu i Moosbierbaumu u Au­ striji, Brašovu i Ploestiju u Rumunjskoj, u Beratu u Albaniji, naf­ tna skladišta u talijanskoj luci Porto Magheri te rumunjskom gradu Giorgiju. U Rijeci su bombardirali industrijsku zonu u za­ padnom dijelu grada, Rafineriju, Tvornicu torpedo, podvožnjak na Mlaki, Borgomarinu (Kantrida), Kalvariju, oporavilište njema~kih vojnika u Via Buonarotti (Laginjina), policijsku vojarnu itd. Rafinerija je pogo|ena sa 72 bombe. O zra~nom napadu 5. studenoga saznajemo iz Dnevnog izviješ}a Glavnostožernog ureda Ministarstva oružanih snaga NDH 9. stu­ denoga 1944.: Doznaje se da je 5. 11. prigodom bombardiranja Rijeke osim naoružane maune potopljen još jedan minonosac, jedna torpiljarka, 1 naoružani jedrenjak i 1 naš pratila~ki brod. Poginulo je oko 100 Nijemaca, 25 gra|ana i 5 naših mornara, a ranjeno je oko 150 Nijemaca i gra|ana te 15 naših mornara.  Velid Đeki}, neobjavljeni rukopis o Rafineriji na Mlaki.  Isto.  Isto.  Zbornik dokumenta i podataka o narodnosolobodila~kom ratu jugoslavenskih naroda, Vojni istorijski institut Jugoslavenske narodne armije, Beograd, sv. V., knj. 35., str. 686.

12


nulla. Durante i bombardamenti morirono diciassette civili e ne rima­ sero feriti trenta. Anche le file militari italiane e tedesche contarono delle vittime. Ivan Srebot, allora dipendente della raffineria, descrisse nel seguente modo quei momenti: Era una scena straziante. I serbatoi erano esplosi, una lingua di fiamma s’innalzava verso il cielo, gli edifici erano distrutti e tutto, ma proprio tutto, era nero. Stavo al lavoro quando successe e non fu tutto: quando giunsi a casa, trovai meta’ appartamento distrutto e mia moglie e mio figlio nel rifugio. Un nuovo attacco fu sferrato il 24 e il 25 febbraio 1944 e furono presi di mira nuovamente gli impianti industriali dell’area ovest. Ol­ tre ai grossi danni materiali, in quei due giorni persero la vita 34 persone e ne furono ferite qualche centinaio. Anche i Tedeschi, che si erano trovato in colonna sotto il fuoco delle mitragliatrici, mar­ ciando verso Torretta, subirono grosse perdite. La città rimase senza corrente elettrica e gas, mentre i cittadini si fornivano d’acqua nelle fontane cittadine. Nelle ore serali del 19 luglio alcune centinaia di aerei alleati che ave­ vano bombardato le raffinerie di Trieste, Budapest, Vosendorf e Moo­ sbierbaum in Austria, Brašova e Ploestia in Romania, Berat in Albania, i depositi di nafta a Porto Marghera e la città rumena di Giorgia pas­ sarono minacciosi sopra il cielo di Fiume. Sferrarono l’attacco sulla zona industriale ad ovest della cittadina, sulla raffineria, il silurificio, il sotto passaggio di Mlaka, Borgomarina (Cantrida), il Calvario, la clini­ ca dei militari tedeschi in Via Buonarroti (oggi Via Laginja), la caserma di polizia, ecc. La raffineria fu colpita da 72 bombe. La relazione giornaliera dell’Ufficio dello Stato maggiore del Mini­ stero delle forze armate dello Stato Indipendente Croato del 9 no­ vembre 1944 ci testimonia in merito all’attacco aereo del 5 novem­ bre: Si rende noto che il 5 novembre, durante il bombardamento di Fiume, oltre ad una maona armata, furono affondati un posamine, una torpediniera, un veliero armato ed una nostra nave di scorta. Sono deceduti circa 100 Tedeschi, 25 civili e 5 nostri marinai, mentre sono rimasti feriti 150 Tedeschi e civili, e 15 nostri marinai.  Velid Đeki}, manoscritto inedito sulla raffineria di Mlaka  Idem  Idem  Zbornik dokumenta i podataka o narodnooslobodila~kom ratu jugoslavenskih naroda, Vojni istorijski institut Jugoslavenske narodne armije, Beograd, vol. V, li­ bro 35, pag. 686

13


14


15


Primorski vjesnik 7. ožujka 1945. u ~lanku Bombardirana Rijeka od strane Saveznika, objavljuje: 15. II. 1945. bombardirali su savezni~ki avioni Rijeku. Bombe su padale oko stanice, porušile željezni~ka postrojenja i most nadvožnjak kod Giardino pubblico. Na Brajdi je porušeno nekoliko ku}a. Bombardirana je Kozala, groblje i kasarna Pastrengo, koja je dosta ošte}ena. U istoj je ulici pogo|ena škola, u kojoj je smještena vojska. Bombardirana je Opatija gdje su uništene 3 vile. 16. II. bombardiranje je bilo koncentrirano na rije~ko brodogradilište. Potopljen je dok, ošte}ene dizalice, uništene kancelarije i magazini. Istog dana je tu~ena Kantrida. 17. II. ponovno je bombardirano brodogradilište i centar grada u blizini kasarne. Bombe su pale na zgradu dogane. U Starom gradu uništeno je par ku}a. Bombe su padale na Piazza tre Re, Piazza delle Erbe, Corso i Via Fosco. Po~injena je velika šteta. Ra~una se da je u ova tri dana bilo 150 mrtvih, a ve}i broj ranjenih. 20. II. ba~ena je na Rijeku velika koli~ina bombi. U Via Roma uništena je garaža sa svim automobilima, razbijena je fašisti~ka kasarna, pogo|ena je ku}a SD. U Via Buonarotti uništena je njema~ka Platzkomanda. U Punto Franco ba~eno je u zrak slagalište torpeda hrvatske mornarice te neki magazini. U rije~kom brodogradilištu ošte­}ena su dva broda. Osim toga uništeno je mnogo privatnih ku}a i pala~a u Via XXX Ottobre, Via Crispi i Via Italiana. Na Corzu je po­go|ena zgrada Banco di Roma. Bombardirana je i Kantrida. Rijeka je iznova napadnuta 22. velja~e kada je bombardirano brodogradilište, a ostale bombe završile su u moru. Prvog ožuj­ ka bombardirani su Citta Vecchia (Stari grad), Riva Nazario Sau­ ro, Via Garibaldi, Hotel Quarnero. Zadnja bombardiranja izvede­ na su polovicom travnja, mitraljirani su i bombardirani Draga i Katarina, kada su postrojbe 4. armije probile drugi obrambeni pojas šire obrane Rijeke i izbile pred Sušak. Saveznicima nije više bilo u interesu da podupiru napredovanje 4. armije. Ova je od­ luka, osim vojnog, imala je i politi~ko zna~enje. Znaju}i kakvu važnost imaju Trst i Julijska krajina za Jugoslaviju, Saveznici su  Bombardamenti aerei Anglo-Americani della guerra 1940 – 1945, Archivio Museo storico di Fiume, Rim

16


Il giornale Primorski vjesnik (Notizie dal Litorale, N.d.T.) del 7 marzo 1945 nell’articolo Fiume bombardata dagli Alleati, pubblicò quanto segue: Il 15 febbraio 1945 gli aerei alleati hanno bombardato Fiume. Le bombe sono cadute tutt’intorno alla stazione, hanno distrutto gli impianti ferroviari ed il ponte del Giardino pubblico. In Braida sono state rase al suolo alcune case. È stata bombardata Cosala, il cimitero e la caserma Pastrengo, che risulta alquanto danneggiata. Nella stessa via è stata colpita la scuola in cui è sistemato l’esercito. Ad Abbazia sono state distrutte tre ville. Il 16 febbraio il bombardamente si è concentrato sul cantiere navale fiumano. Il frangiflutti è affondato, le gru sono state danneggiate, distrutti gli uffici ed i magazzini. Lo stesso giorno anche Cantrida è stata attaccata. Il 17 febbraio sono nuovamente cadute bombe sul cantiere navale e nel centro città, nelle vicinanze della caserma. Le bombe cadevano sull’edificio della dogana. In Cittavecchia sono state danneggiate delle case. Le bombe sono scoppiate in Piazza Tre Re, in Piazza delle Erbe, in Corso ed in Via Fosco. I danni sono ingenti. Nei tre giorni passati i morti sarebbero 150 e molti i feriti. Il 20 febbraio su Fiume sono nuovamente piovute numerose bombe: in Via Roma è stato distrutto il garage con tutti i veicoli, danneggiata la caserma fascista; in Via Buonarroti la Platzkomanda tedesca. Nel Porto Franco è saltato in aria in deposito dei siluri della marina croata ed alcuni magazzini. Due navi sono state danneggiate nel cantiere navale fiumano. Sono state rovinate, inoltre numerose case private e palazzi in Via XXX Ottobre, Via Crispi e Via Italiana. Nel Corso è stato colpito l’edificio del Banco di Roma. Anche Cantrida è stata vittima degli aerei militari. Fiume fu attaccata di nuovo il 22 febbraio quando fu bombardato il cantiere navale, mentre le altre bonmbe finirono in mare. Il primo marzo furono colpiti la Cittavecchia, la Riva Nazario Sauro, Via Ga­ ribaldi, l’Hotel Quarnero. Gli ultimi bombardamenti si manifestaro­ no verso la metà di aprile, quando furono presi di mira da bombe e mitragliatrici Draga e Caterina, e le forze della Quarta Armata si  Bombardamenti aerei Anglo-Americani della guerra 1940-1945, Archivio Museo storico di Fiume, Roma

17


nastojali usporiti napredovanje 4. armije dok njihove po­ strojbe ne preuzmu kontrolu nad tim podru~jem. Uzrok tomu su narušeni me|usavezni~ki odnosi izme|u triju ve­ likih sila. Posebno ih je razljutilo Titovo potpisivanje Ugo­ vora o prijateljstvu, uzajamnoj pomo}i i poslijeratnoj su­ radnji izme|u DFJ i SSSR-a u Moskvi 11. travnja 1945. Posljedice bombardiranja bile su zastrašuju}e. Dijelovi grada pretvoreni su u hrpu željeza i betona. Razorene su tvornice, srušene su i ošte}ene zgrade, ulice su bile nepro­ hodne, zatrpane materijalom srušenih ku}a. U samo ne­ koliko minuta mnoge su obitelji ostale bez i~ega. Od sve imovine koju su posjedovali, ostala im je samo odje}a koju su imali na sebi u trenutku kada je po~elo bombardira­ nje.

18


aprirono il secondo varco nella fascia difensiva di Fiume e giunsero a Sušak. Gli Alleati non erano più interessati ad ap­ poggiare l’avanzata della Quarta Armata. Tale decisione, oltre ad avere un significato militare, era importante da un punto di vista politico. Conoscendo l’importanza di Trieste e della provincia giuliana per la Jugoslavia, gli Alleati tentarono di rallentare l’avanzata della Quarta Armata fino al momento in cui avrebbero preso il controllo su tale area. La causa andava cercata nei rapporti instabili tra le tre grandi potenze alleate ed in particolare nella sottoscrizione, da parte di Tito, del Trat­ tato di amicizia, aiuto reciproco e collaborazione post-bellica tra la Repubblica Federativa Jugoslava e l’URSS, avvenuta a Mosca l’11 aprile 1945.

19


20


21


22


23


Nijemci miniraju Sušak i Rijeku Njema~ka je voska krajem 1944. i po~etkom 1945. na rije~kom podru~ju zapo~ela s intenzivnim pripremama za miniranje infra­ strukturnih i gospodarskih objekata kako bi i time usporila nadi­ ranje 4. armije. Nakon rušenja dimnjaka tvornice Plumbum, Ni­ jemci su u Sušaku i Rijeci podmetnuli eksploziv pod gradski vodovod, pod transformatore Elektre, po pristaništima Delte i luke Baroš. Minirani su svi mostovi koji vode preko Rje~ine u luku te željezni~ki most u luci. Kameni su gat na Brajdici djelomi~no razorili, po Delti i rije~koj luci postavili su bodljikavu žicu. U Tvor­ nici papira minirani su transformatori tvorni~ke centrale.  Nastavlja se miniranje objekata u Sušaku, Primorski vjesnik, Propodjel ONOO za Hrvatsko primorje, 20. velja~e 1945.

24


I Tedeschi minano Sušak e Fiume Alla fine del 1944 ed agli inizi del 1945, l’esercito tedesco diede inizio a intense preparazioni per minare gli impianti infrastrutturali e economici , al fine di rallentare l’avanzata della Quarta Armata nella zona fiumana. Dopo la distruzione del camino della fabbrica Plumbum, i Tedeschi sistemarono dell’esplosivo sotto l’acquedotto fiumano, sotto i trasformatori dell’Elektra, sulle banchine del Deltae di Porto Baross. Tutti i ponti che portavano al porto, attraverso l’Eneo, furono distrutti, come pure quello ferroviario nel porto stesso. Il frangiflutti in pietra in Brajdica fu parzialmente rovinato, mentre il Delta ed il porto di Fiume furono bloccati da fil di ferro. Nella fabbrica di carta furono fatti saltare in aria i trasformatori della centrale. Terminate le battaglie per Sušak con le forze della Quarta Armata, i Tedeschi furono respinti sulla riva destra dell’Eneo. Prima di lasciare Sušak, però minarono e distrussero l’acquedotto, il passaggio in via  Nastavlja se miniranje objekata u Sušaku, Primorski vjesnik, Propodjel ONOO za Hrvatsko primorje, 2 febbraio 1945

25


26


27


Nakon borbi za Sušak sa postrojbama 4. armije, njema~ke snage potisnute su na desnu obalu Rje~ine. No prije napuštanja Sušaka minirale su i razorile vodovod, nadvožnjak u Kumi~i}evoj ulici, sve mostove, željezni~ke i kolne, izme|u Sušaka i Rijeke, obalu na Brajdici, operativnu obalu i lu~ka postrojenja u suša~koj luci. Isti scenarij ponovio se 3. svibnja pri povla~enju njema~kih po­ strojbi iz Rijeke. Objekti za miniranje, prethodno pripremljeni, bili su aktivirani. Neki su se aktivirali i prije zbog bombardiranja savezni~kog zrakoplovstva. Nijemci su duž obale, od Brajdice do Zagreba~kog pristaništa, u razmaku od 30 do 50 metara iskopa­ li rupe duboke oko jedan i pol metar i u njih postavili eksploziv od 500 do 1.000 kg. Od detonacija su uništeni obalni zidovi, ostala su udubljenja u obliku lijevka, a izme|u dvaju udubljenja nadmorski se dio obale iskrivio i nagnuo prema moru. Od siline eksplozije ošte}eni su i temelji koji su se ulegli nekoliko desetaka centimetara. Na oba lukobrana, suša~ki i rije~ki, eksploziv je po­ stavljen u cik-cak liniji tako da je jedno eksplozivno punjenje po­ stavljeno bliže obalnom, a drugo vanjskom dijelu lukobrana. Nastali su otvori kroz koje je prodirala voda, a oba su lukobrana podsje}ala na oto~i}e u nizu. Od ~etrdeset obalnih dizalica, ko­ liko ih je bilo u luci, sve su bile ošte}ene ili ba~ene u more.10 Nijemci su minirali i industrijska postrojenja. Ono što nije poru­ šilo u bombardiranju savezni~ko zrakoplovstvo, porušili su Ni­ jemci miniranjem. Petrolejska luka razorena je sa 23 torpedne glave.11 U Tvornici Silurificio (Torpedo) postavljeno je 11 torped­ nih glava, razoren je lukobran i dijelovi obale ispred tvornice.12 Minirano je i Kvarnersko brodogradilište (danas 3. maj). Zašto su to Nijemci u~inili? Vojni razlozi nisu više postojali. Njema~koj vojsci nije prijetila opasnost s mora. Bitka za Rijeku vodila se na kopnu. Kraj rata se nazirao. Samo tjedan dana na­ kon tih strašnih razaranja u suša~koj i rije~koj luci, Tre}i Reich potpisao je bezuvjetnu kapitulaciju. Jedini logi~an odgovor koji se name}e može se sažeti u dvije rije~i: mržnja i osveta. 10 Dražen Hreši}, Uz izgradnju, miniranje i obnova luke, Rije~ka luka, Muzej grada Rijeke, Rijeka 2001., str. 176. 11 Danilo Klen, INA Rafinerija Rijeka 1882.–1972., INA-Prerada rafinerija Rijeka, Rijeka 1972. 12 Vidi bilješku 3.

28


Kumi~i}, tutti i ponti, quelli ferroviari e quelli stradali, tra Sušak e Fiume, la riva in Brajdica, la riva operativa e gli impianti del porto di Sušak. Lo stessi scenario si ripeté il 3 maggio, durante la ritirata delle forze tedesche da Fiume. Tutti gli edifici precedentemente mi­ nati, furono fatti saltare in aria. Alcuni si attivarono prima, a causa del bombardamento degli aerei alleati. I Tedeschi avevano scavato lungo la costa, da Brajdica all’approdo Zagabria, dei buchi profondi un metro e mezzo circa, a distanza di 30 – 50 metri l’uno dall’altro, e vi avevano sistemato dal 500 a 1000 kg di esplosivo. Le detona­ zioni danneggiarono seriamente le mura circostanti, crearono dei crateri a forma di imbuti; parte della riva si inclinò verso il mare. Anche le fondamenta subirono ingenti danni causa la forza del­ l’esplosione, infossandosi di cca alcune decine di centimetri. Sia sul molo di Sušak che su quello fiumano, l’esplosivo era stato sistema­ to a zig-zag, di modo che una carica stava vicina al mare ed un’altra verso la parte esterna del molo. Si crearono delle fenditure attraver­ so le quali scorreva l’acqua, dando l’impressione che i moli si fosse­ ro trasformati in una serie di isolotti. Tutte le quaranta gru presenti nel porto furono danneggiate o buttate in mare.10 I Tedeschi minarono anche gli impianti industriali. Ciò che era rima­ sto in piedi dopo i bombardamenti alleati, fu raso al suolo dalle mine dei Tedeschi. Il porto del petrolio fu annientato con 23 siluri11, come pure il molo e parte della riva davanti alla raffineria12. Anche il Cantiere quarnerino (oggi 3 Maggio) fu minato. Perché i Tedeschi lo fecero? Non esistevano più motivi militari, l’esercito tedesco non era minacciato dalla parte del mare: la batta­ glia per Fiume si combatteva sulla terraferma. S’intravvedeva l’epi­ logo della guerra. Solo una settimana dopo quelle strazianti esplo­ sioni nel porto di Fiume e di Sušak, il Terzo Reich firmò la capito­lazi­one incondizionata. L’unica risposta logica potrebbe venir riassunta in due parole: odio e vendetta.

10 Dražen Hreši}, Uz izgradnju, miniranje i obnova luke, Rije~ka luka, Muzej grada Rijeke, Rijeka 2001, pag. 176 11 Danilo Klen, INA Rafinerija Rijeka 1882 – 1972, INA – Prerada rafinerija Rijeka, Rijeka 1972 12 Vedi la nota num. 3

29


30


31


32


33


Obnova i izgradnja Nakon oslobo|enja Sušaka 21. travnja 1945., vlast je preuzeo Gradski NOO Sušak, a Gradski NOO Rijeka preuzeo je vlast na­ kon oslobo|enja Rijeke 3. svibnja 1945. godine. Oba su tijela narodne vlasti bila neko vrijeme pod~injena Okružnom NOO-u za Hrvatsko primorje. Pod vojnim i politi~kim pritiskom vlade SAD-a i Velike Britanije, vlada Demokratske Federativne Jugosla­ vije

potpisala je 20. lipnja u Devinu Sporazum o uspostavi

savezni~ke vojne uprave na dijelu Julijske krajine. Teritorij je bio podijeljen u dvije okupacijske zone. Zona A bila je pod ingeren­ cijom angloameri~kih snaga, a zona B povjerena je vojnoj upravi Jugoslavenske armije. Gradski NOO Rijeka i podru~je Istre do Moš}eni~ke Drage bili su pod~injeni Oblasnom NOO-u za Istru. Takvo organizacijsko stanje trajalo je do potpisivanja Mirovnog ugovora s Italijom u Parizu 10. velja~e 1947., kada je Rijeka i formalno postala sastavni dio Federativne Narodne Republike Jugoslavije. Sušak i Rijeka su 1. velja~e 1948. spojeni u jedno administrativno tijelo, jedan grad pod imenom Rijeka. Nova vlast suo~ila se s iznimno teškim i složenim stanjem na terenu. Na isto~noj obali Jadrana Rijeka je od svih gradova doži­ vjela najve}a materijalna razaranja u Drugome svjetskom ratu. Slika zate~enog stanja bila je gotovo katastrofalna. Trebalo je osigurati hranu za stanovništvo i vojsku, nekima smještaj, ospo­ sobiti prometnice i obnoviti gospodarstvo. Gradski NOO Rijeka izabrao je na sjednici 24. rujna 1945. Odbor za obnovu grada Rijeke. Za predsjednika Odbora izabran je ing. Tullio Holzabech, za tajnika Giovani Cucera, ~lanovi Odbora bili su pukovnik Vje­ koslav Holjevac, major Romano Glažar, major Stanko Kausek, Vittorio Matcovich, Teofor Hreljanovi}, Pietro Klausberger, Anto­ nio Prodan, ing. Giovanni Clerici, ing. Domenico Marciano, dr. Giovanni Kauten, kapetan Mario Benzan, ing. Bruno Angheben i Camillo Mangani.13 Radi saniranja nastale štete i normalizacije života u oba grada, prvi mu je zadatak bio utvrditi stanje gospo­ darskih objekata i sredstava, koji su mu stajali na raspolaganju: oprema, alat, sirovine, skladišta, kadrovi i radna snaga. Ustanov­ ljeno je da je privreda Rijeke u ratu potpuno propala. 13 Državni arhiv Rijeka, Gradski NOO Rijeka.

34


La ricostruzione Dopo la liberazione di Sušak avvenuta il 21 aprile 1945, il potere fu preso dal Comitato di liberazione popolare cittadino di Sušak, ed a Fiume, dopo il 3 maggio 1945 da quello fiumano. Entrambi gli or­ gani di potere popolari all’inizio sottostavano al Comitato di libera­ zione popolare distrettuale del Litorale croato. Causa le forti pres­ sioni militari e politiche del governo statunitense e britannico, il 20 giugno il governo della Jugoslavia Democratica e Federativa firmò a Duino l’Accordo sulla costituzione dell’amministrazione militare alleata in una parte della Provincia giuliana. Il territorio era diviso in due zone d’occupazione: la Zona A sotto l’ingerenza delle forze angloamericane e la Zona B affidata all’amministrazione dell’arma­ ta jugoslava. Il CLP cittadino di Fiume e dell’Istria, fino a Draga di Moschiena, sottostavano al CLP distrettuale dell’Istria. Tale organiz­ zazione durò fino alla firma del Trattato di pace con l’Italia, il 10 febbraio 1947, quando Fiume divenne anche formalmente parte integrante della Repubblica Federativa Popolare di Jugoslavia. Il 1 febbraio 1948 Sušak e Fiume furono unite in un’unica unità ammi­ nistrativa, una città unitaria che prese il nome di Rijeka. La nuova amministrazione dovette affrontare una situazione parti­ colarmente difficile e complessa. Tra tutte le città della costa orien­ tale dell’Adriatico, Fiume era quella che durante la guerra aveva subito i danni materiali maggiori. L’immagine era definitivamente catastrofica: bisognava assicurare il cibo per gli abitanti e l’esercito, per molto l’alloggio, rendere agibili le vie di comunicazione, riavvia­ re l’economia. Nella riunione del 24 settembre 1945, il CLP cittadi­ no elesse il Comitato per la ricostruzione della città di Fiume. Fu eletto presidente l’ing. Tullio Holzabech, segretario Giovanni Cuce­ ra, membri il colonnello Vjekoslav Holjevac, il maggiore Romano Glažar, il maggiore Stanko Kausek, Vittorio Matcovich, Teofor Hrelja­ novi}, Pietro Klausberger, Antonio Prodan, l’ing. Giovanni Clerici, l’ing. Domenico Marciano, il dott. Giovanni Kauten, il capitano Ma­ rio Benzan, l’ing. Bruno Angheben e Camillo Mangani.13 Al fine di sanare i danni e di normalizzare la vita in entrambe le città, il primo compito del Comitato era quello di valutare lo stato degli impianti 13 Državni arhiv Rijeka, Gradski NOO Rijeka

35


36


37


38


39


Promet na gradskim cestama bio je potpuno paraliziran. Ulice su bile neprohodne. U zra~nim napadima bilo je ošte}eno 26 ulica, sedamnaest ih je bilo zaprije~eno raznim preprekama, velika je ve}ina bila zakr~ena materijalom srušenih zgrada u bombardira­ nju i miniranjem, 57 ih je trebalo rekonstruirati, a 85 popraviti. Nijemci su porušili sve mostove preko Rje~ine, cestovne i željezni~ke. U Sušaku i Rijeci bilo je ošte}eno 17,9 kilometara željezni~ke pru­ ge, odnosno 35 posto svih stani~nih i lu~kih tra~nica, 149 skretni­ ca, 16 okretaljki, ili 55 posto svih željezni~kih ure|aja.14 U bombardiranju i vojnim operacijama srušen je i velik broj stam­ benih, poslovnih i javnih zgrada. U Sušaku je potpuno srušeno 20 zgrada, a oko 500 ih je bilo lakše ošte}eno, me|u njima i sve jav­ ne zgrade: Gradska vije}nica, pošte Sušak i Trsat, Direkcija šuma u požaru, Okružni sud, Vatrogasno spremište, Okružni ured za osi­ guranje radnika, Prehrambeni ured, Radni~ki dom, Dje~ji vrti}, Pu~ka kuhinja, Dom narodnog zdravlja, Klaonica, Tržnica, ^itaoni­ ca Trsat i Draga. Gradsko kupalište na Delti uništeno je u požaru, a znatno je bio ošte}en i Željezni~ki kolodvor.15 U Rijeci je potpuno srušeno 214 stambenih zgrada sa 811 stanova, a ošte}eno je 1.455 zgrada sa 2.333 stana; uništeno je 88 poslovnih zgrada, 75 ih je ošte}eno, potpuno je stradalo 9 javnih zgrada, a 18 ih je ošte}eno te 8 školskih zgrada i 5 vojarni.16 Od industrijskih postrojenja najviše su stradala ona velika koja su predstavljala okosnicu gospodarskog razvoja grada. Stanje indu­ strije u Rijeci bilo je katastrofalno. Prema procjeni Komisije za utvr|ivanje ratne štete, pogoni Silurificio Whitehead (Tvornica torpedo) i Rafinerija nafte ROMSA ošte}eni su 80 posto. Iz Tvor­ nice torpedo njema~ke su vlasti 1943. demontirale i odvezle oko 800 strojeva. Iste godine rastavljeno je kompletno postrojenje Edeleanu za destilaciju maziva u Rafineriji nafte ROMSA i u 30 vagona odvezeno u sjeverni dio Italije. Uništena su sva lu~ka postrojenja i 90 posto operativne obale u suša~koj i rije~koj luci. 14 Stanko Franeli}, Kratki pregled privrednog razvoja Rijeke 1945–1965., Jadranski zbornik VI., Rijeka – Pula, 1966., str. 101. 15 Lujo Rac, Prvi dani oslobo|enog Sušaka, Novi list, 9. i 11. svibnja 1970. 16 Stanko Franeli}, Kratak pregled privrednog razvoja Rijeke 1945 – 1965., Jadranski zbornik VI., Rijeka – Pula 1966., str. 102.

40


e dei mezzi industriali a disposizione: l’attrezzatura, gli arnesi, le materie prime, i magazzini, i quadri e la forza lavoro. Si constatò che l’economia di Fiume era completamente rovinata. Il traffico sulle strade pubbliche era totalmente paralizzato, le stra­ de bloccate. Negli attacchi aerei ben 26 strade strade erano state danneggiate, 17 bloccate da diversi ostacoli, gran parte di esse chiu­ se con le rovine delle case bombardate e minate, 57 andavano rico­ struite e 85 riparate. I Tedeschi avevano fatto saltare in aria tutti i ponti sull’Eneo, sia quelli stradali che quelli ferroviari. Tra Sušak e Fiume, erano stati danneggiati più di 17,9 km di strada ferrata, cioè il 35% di rotaie, 149 SKRETNICE, 16 OKRETALJKI: il 55% di tutte le attrezzature ferroviarie. 14 Durante i bombardamenti e le operazioni militari furono rase a ter­ ra numerose abitazioni ed edifici pubblici. A Sušak erano state com­ pletamente rase al suolo 20 case, circa 500 erano danneggiate; tra queste tutti gli edifici pubblici: il Municipio, le poste di Sušak e Ter­ satto, la Direzione forestale (distrutta dall’incendio), il Tribunale di­ strettuale, il deposito dei cigili del fuoco, l’Ufficio distrettuale per l’assicurazione degli operai, l’Ufficio alimentari, la Casa dei lavora­ tori, l’asilo infantile, la cucina popolare, la Casa popolare della salu­ te, il macello, i mercati, la sala di lettura di Tersatto e di Draga. Gli stabilimenti balneari del delta erano stati divorati dalle fiamme di un incendio ed anche la stazione ferroviaria era in condizioni disa­ strose.15 A Fiume erano state completamente rase a terra 214 abi­ tazioni con 811 appartamenti, e danneggiate 1455 edifici com­ prendenti 2333 appartamenti; erano stati distrutti 88 pubblici eser­ cizi, 75 danneggiati, 9 edifici pubblici, 18 danneggiati, 8 scuole e 5 caserme.16 Degli stabilimenti industriali, erano maggiormente stati rovinati quelli che rappresentavano il cardine dello sviluppo economico del­ la città. La situazione era catastrofica. Stando alla valutazione della Commissione per l’accertamento dei danni di guerra, i danni degli 14 Stanko Franeli}, Kratki pregled privrednog razvoja Rijeke 1945. – 1965., Jadran­ ski zbornik VI., Rijeka – Pula, 1966., pag. 101 15 Lujo Rac, Prvi dani oslobo|enog Sušaka, Novi list, 9 e 11 maggio 1970 16 Stanko Franeli}, Kratki pregled privrednog razvoja Rijeke 1945. – 1965., Jadran­ ski zbornik VI., Rijeka – Pula, 1966., pag. 102

41


42


43


Unutar rije~ke luke bilo je potopljeno desetak brodova – Ramb III, torpiljerka Fionda, motorni brod Locchi, plivaju}i dok Brodo­ gradilišta Lazarus, bager Adige i nekoliko manjih brodica. Nijem­ ci su u suša~koj i rije~koj luci postavili više desetaka podvodnih mina. Osobito su bile opasne magnetske i akusti~ne mine. Niti jedan brod nije mogao pristati u suša~koj i rije~koj luci.17 Nešto povoljnija situacija bila je u Sušaku. Brodogradilište u Martinš}ici nije imalo ve}ih ošte}enja. Mehani~ka radionica Vul­ kan bila je miniranjem lakše ošte}ena. Strojevi su na vrijeme izvu~eni i spremljeni na sigurno mjesto. Tvornica UKOD nije ra­ dila od po~etka 1944. kada su je zapalili aktivisti NOP-a kako ne bi služila Nijemcima. Tvornica papira bila je sa~uvana, ali je radi­ la samo sa 20 posto kapaciteta zbog nedostatka pogonskoga goriva. Neošte}eni su ostali i svi mlinovi u Sušaku i Bakru. Neki industrijski pogoni koji nisu bili izravno ošte}eni u ratnim opera­ cijama bili su izvan pogona zbog nedostatka goriva, rezervnih dijelova i sirovine. 17 Antun Giron, Ekonomski položaj Rijeke 1945. godine, Dometi, Izdava~ki centar Rijeka, 1980., br. 3–4–5, str. 65.–76.

44


stabilimenti del Silurificio Whitehead e della raffineria di oli minera­ li ROMSA ammontavano all’80%. Nel corso del 1943, i Tedeschi avevano smontato e portato via dal silurificio ben 800 macchine. Lo stesso anno era stato completamente smontato l’impianto Edeleanu per la distillazione dei lubrificanti della raffineria ROMSA e l’ave­ va trasportato su 30 vagoni nel nord Italia. Erano stati distrutti tut­ ti gli impianti del porto e il 90% dei moli sia al porto di Sušak che in quello fiumano. Nell’ambito di quest’ultimo, erano state affondate una decina di navi – la Ramb III, la torpediniera Fionda, la nave a motore Locchi, il bacino galleggiante del cantiere navale Lazarus, il bager Adige ed alcuni natanti più piccoli. I Tedeschi avevano siste­ matio decine e decine di mine subacquee in entrambi i porti. Erano particolarmente pericolose quelle magnetiche e quelle acustiche. Neanche una nave avrebbe potuto approdare nei due porti.17 A Sušak la situazione era un attimo più favorevole. Il cantiere di Martinš}ica non aveva subito molti danni. L’officina meccanica Vulkan era stata minimamente scalfita dalle mine. Le macchine erano state 17 Antun Giron, Ekonomski položaj Rijeke 1945. godine, Dometi, Izdava~ki centar Rijeka, 1980, num. 3-4-5, pagg. 65-76

45

Profile for Rijekamgr

Rijeka-sjećamo se  

Fotomonografiju "Rijeka-sjećamo se" autora Mladena Grgurića, povjesničara i kustosa Muzeja grada Rijeke predstavljaju Grad Rijeka, Muzej gra...

Rijeka-sjećamo se  

Fotomonografiju "Rijeka-sjećamo se" autora Mladena Grgurića, povjesničara i kustosa Muzeja grada Rijeke predstavljaju Grad Rijeka, Muzej gra...

Profile for rijekamgr
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded