Page 1

SocietĂ di Studi Fiumani

Francesco Drenig

ISBN 978-953-6587-68-1

cijena u Hrvatskoj 50 kn


Katalog/Catalogo

Izložba /Mostra

Francesco Drenig – fotografije

Drenig, talijansko-hrvatski kulturni dodiri 1900.–1950.

Francesco Drenig – fotografie

Drenig, contatti culturali italo-croati 1900–1950

Izdava~i/Editori Muzej grada Rijeke/Museo della città di Fiume Dru{tvo za istra`ivanje povijesti Rijeke, Rim/Società di Studi Fiumani, Rim Za izdava~e/Per gli editori Ervin Dubrovi} Amleto Ballarini

Autor/Autore Ervin Dubrovi} Dizajn/Designer Vesna Rožman Prijevod na talijanski/Traduzione italiana Iva Gašparac Lenac

Urednik/Redattore Ervin Dubrovi}

Lektura i korektura hrvatskog teksta/Revisione e correzioni del testo croato Gordana Ožbolt

Autor/Autore Ervin Dubrovi}

Tehni~ki postav/Supporto tecnico Safet Ba{trakaj Željko Žuža

Dizajn/Designer Vesna Rožman Suradnici u Archivio Museo-storico di Fiume, Rim/Collaboratori presso l'Archivio Museo storico di Fiume, Roma Marino Micich Emiliano Loria Suradnici u Državnom arhivu u Rijeci/Collaboratori presso l'Archivio di Stato Fiume Ivan Perani} Mladen Urem Boris Zakošek Suradnici u pripremi/Collaboratori nella fase di preparazione Ema Ani~i} Jasna Milinkovi} Višnja Višnji}-Karkovi} Prijevod na talijanski/Traduzione italiana Iva Gašparac Lenac Lektura i korektura hrvatskog teksta/Revisione e correzioni del testo croato Gordana Ožbolt Tisak/Stampa Zambelli, Rijeka, listopad 2013./ottobre 2013. Naklada/Tiratura 500 primjeraka/copie Izložbu su sufinancirali/Hanno co-finanziato la mostra Grad Rijeka/Città di Fiume Società di Studi Fiumani Rim Talijanska unija – Unione Italiana, Rijeka – Fiume Zajednica Talijana Rijeke/Comunità degli Italiani Fiume

Fotografija na naslovnici/Fotografia in copertina Francesco Drenig, Fiume, 1934.–1940. Società di Studi Fiumani, Rim/Roma

Zahvaljujemo na suradnji Generalnom konzulatu Italije. Ringraziamo per la collaborazione il Consolato Generale d'Italia a Fiume.

CIP zapis dostupan u ra~unalnom katalogu Sveu~ilišne knjižnice Rijeka pod brojem 130226062 ISBN 978-953-6587-68-1

Dokumentaristica izložbe/Documentarista della mostra Marija Lazanja-Duševi} Odnosi s javnoš}u/Rapporti con il pubblico Jelena Dunato

Vlasnici izložbenih predmeta/Proprietari delle opere esposte

Dru{tvo za istra`ivanje povijesti Rijeke, Rim/Società di Studi Fiumani Rim

Muzej grada Rijeke/Museo della città di Fiume

Muzej moderne i suvremene umjetnosti Rijeka/Museo dell'arte moderna e contemporanea Fiume

Sveu~ilišna knjižnica Rijeka/Biblioteca universitaria di Fiume

Gradska knji`nica Viktor Car Emin, Opatija/Biblioteca civica Viktor Car Emin, Abbazia


Società di Studi Fiumani

Francesco Drenig Fotografije/Fotografie

Rijeka/Fiume, 10. 10. – 22. 11. 2013.


2


Mostovi me|u kulturama I ponti tra le culture

Nakon više od petnaestak godina suradnje i želje da pokrenemo zajedni~ki projekt kojim bismo zbližili Rijeku i Fiume, Muzej grada Rijeke i Società di Studi Fiumani kona~no zajedni~ki prire|uju izložbu o Francescu Drenigu. U okviru projekta, uz izložbu i katalog o njegovu fotografskom radu, pripremamo i monografiju o Drenigu i talijansko-hrvatskim kulturnim dodirima u Rijeci od 1900. do 1950. godine. Drenig je prava zajedni~ka tema i prava prigoda za susret i iskreno, trezveno i odmjereno progovaranje o burnoj povijesti prve polovice dvadesetoga stolje}a, koja je u Rijeci ostavila dublji pe~at nego u mnogim drugim gradovima. Iako slovensko-hrvatskog podrijetla, Drenig je snažnoga talijanskog uvjerenja, no ujedno pun optimizma i volje da zbližava obje kulture. O njemu je jedan sugra|anin i prijatelj slikovito rekao da nije bio most nego otok, jer je u svome nastojanju premoš}ivanja granica bio prili~no osamljen. Upravo nam je stoga još važniji. Unato~ neveliku opusu, Drenig postaje simbol i središnja li~nost kulturnih odnosa izme|u Hrvata i Talijana u Rijeci u prvoj polovici dvadesetoga stolje}a. Uzajamna suradnja na ovom projektu prava je prigoda za višestruko razvijanje i u~vrš}ivanje me|unacionalnih odnosa. Zadovoljstvo mi je izraziti najiskreniju zahvalnost dr. Amletu Ballariniju, predsjedniku Società di Studi Fiumani iz Rima, na dugogodišnjoj podršci koju uvijek pruža našim istraživanjima rije~ke povijesti. Jednako tako, zahvaljujem dr. Marinu Micichu, direktoru Archivio-Museo Storico di Fiume u Rimu, na doista velikoj pomo}i koju mi je pružio u istraživanju gra|e za ovu izložbu i za "Drenigovu knjigu". Iskreno zahvaljujem na suradnji i razumijevanju generalnom konzulu Italije u Hrvatskoj gospodinu Renatu Cianfaraniju koji je prvi pokrenuo Dane talijanske kulture u Rijeci i oja~ao suradnju s našim muzejom, kao i Talijanskoj uniji te Zajednici Talijana Rijeke na podršci koju nam pružaju i ovom prigodom.

Dopo oltre quindici anni di collaborazione e con il desiderio di avviare un progetto congiunto di avvicinamento tra Rijeka e Fiume, il Museo della città di Fiume e la Società di Studi Fiumani sono riuscite finalmente a portare a termine l’allestimento di una mostra in comune dedicata al fiumano Francesco Drenig. Nell'ambito del progetto, assieme alla mostra e al catalogo, stiamo preparando anche una monografia su Drenig e i rapporti italo-croati a Fiume dal 1900 al 1950. Drenig è un tema veramente d’interesse comune e costituisce una preziosa opportunità d'incontro; un sincero, sobrio e moderato spunto per parlare della storia tumultuosa della prima metà del XX secolo, che ha marcato profondamente la città di Fiume, forse più di qualsiasi altra città di questo nostro litorale. Nonostante sia stato di origini croate e slovene, Drenig si sente fortemente italiano, ma allo stesso tempo è pieno di ottimismo e di voglia di ravvicinare le due culture. Un suo concittadino e amico si è espresso in modo pittoresco dicendo che Drenig non è stato un ponte, bensì un'isola, poiché si è trovato in quel tempo spesso solo nei suoi sforzi tesi al superamento dei confini tradizionali. Proprio per questo consideriamo l’attività di Drenig ancora più importante. Nonostante la sua opera sia stata di modeste dimensioni, Drenig assurge a simbolo e, andando a ritroso nel tempo, diventa un personaggio centrale nei rapporti culturali tra croati e italiani di Fiume nella prima metà del XX secolo. La collaborazione congiunta tra le nostre due istituzioni culturali rappresenta una ulteriore opportunità per avviare lo sviluppo e il consolidamento dei rapporti tra le nostre nazioni. Sono, pertanto, molto lieto di poter esprimere la mia più sincera gratitudine al dott. Amleto Ballarini, presidente della Società di Studi Fiumani di Roma, per il sostegno pluriennale da lui fornito alle nostre ricerche sulla storia di Fiume. Vorrei inoltre ringraziare il dott. Marino Micich, direttore dell'Archivio-Museo Storico di Fiume di Roma per la sua fondamentale assistenza nel reperimento del materiale di questa esposizione e per il "libro su Drenig". Ringrazio, altresì, di cuore il Console Generale d'Italia a Fiume, Renato Cianfarani, per la collaborazione e il sostegno dato a questa iniziativa, come pure per aver promosso I Giorni della cultura italiana a Fiume, rafforzando così la cooperazione con il nostro museo. Infine, i miei ringraziamenti vanno all'Unione italiana e alla Comunità italiana di Fiume per l'adesione a questa iniziativa.

Ervin Dubrovi}

s

ravnatelj Muzeja grada Rijeke

Il direttore del Museo della città di Fiume

Ladislao de Gauss, Francesco Drenig, 1928., ulje na platnu/olio su tela, Società di Studi Fiumani, Rim/Roma.

3


4


Ervin Dubrovi}

Drenig – fotograf Drenig – fotografo

Neprofesionalno bavljenje fotografijom u Rijeci po~inje gotovo istovremeno s dolaskom prvih fotografa obrtnika, no u prvo se vrijeme jedno ne razlikuje mnogo od drugoga. Velik je korak u~injen kada je uo~i Nove godine 1897. u Klubu prirodnih znanosti (Club di Scienze naturali) okup­ ljena grupa ljubitelja fotografije, koja je po~etkom sije~nja ve} priredila prvu izložbu "klupske" fotografije. Fotografi-amateri – srednjoškolski profesori i pripadnici visokoga društva – više su usmjereni k tehni~kim, prirodnja~kim i fizikalnim nego umjetni~kim aspektima fotografije. Ovaj je povijesni podsjetnik nužan stoga što je povijest Drenigova bavljenja fotografijom izravno povezana s poetikom prethodnoga naraštaja. Impresionisti~ka poetika zacrtana na prijelomu stolje}a ostala je, s bitnim osvježenjima, djelatna sve do po~etka tridesetih godina. Odraz u vodi i valovi na uzbibanoj pu~ini osnovni su motiv uglednog fizi~ara Petera Salchera, profesora Marine-Akademie u Rijeci, koji o tome objavljuje i priru~nik – Slika u vodenom zrcalu (Die Wasser Spiegelbilder, Halle a. S, 1903.).1 Po~etkom tridesetih Francesco Drenig prijateljuje s prof. Arturom de Meichsnerom, strastvenim fotografom i izvrsnim poznavateljem fotografske tehnike, koji godinama eksperimentira s razli~itim postupcima otiskivanja (bromoulja, resinotipije), no u stvarala~kom je smislu prili~no konvencionalan. Nekadašnji u~itelj u rije~kim gradskim školama, a sada profesor u strukovnoj Industrijskoj školi, povezuje prvu generaciju s kraja devetnaestoga stolje}a s onom koja stasa tridesetih godina dvadesetoga stolje}a. U Salcherovoj je knjižici 1903. objavljena i Meichsnerova brodica na pu~ini; sli~ne, samo ponešto izraženije, fotografije brodica snima još i po~etkom tridesetih i otiskuje ih u "bromoulju".2 Ipak, i Meichsner je tridesetih godina donekle modernizirao pristup, no svojim je impresionizmom o~ito utjecao na Dreniga, tajnika u Štedionici (Casa di Risparmio), kojoj je on sam bio – predsjednik.

s

Iako su ve} krajem 1920-ih Venucci i mladi rije~ki slikari dosegnuli moderan izraz i koristili se kubisti~kom, ekspresionisti~kom i futuristi~kom poetikom, na~inom koji je Drenig, njihov zagovornik, hvalio u rije~kim novinama (Vecchie e nuove tendenze nell opera degli artisti fiumani, La Vedetta d’Italia, 1. lipnja 1930.), njegovi su prvi snimci iz 1933. još posve "starinski", no tako još uvijek rade i drugi rije~ki fotografi. Bitno je, me|utim, da je zanimanje za vizualne umjetnosti, prije svega slikarstvo, pridonijelo izoštravanju njegove percepcije i osje}aja za kompoziciju.

A Fiume, l’attività fotografica amatoriale inizia quasi al contempo con l’arrivo dei primi fotografi artigiani, ma in un primo momento le due cose sono indistinte. Un grande passo in avanti viene compiuto innanzi all’Anno Nuovo del 1897, quando al Club di scienze naturali si raduna un gruppo di amanti della fotografia, che già nel gennaio prossimo allestisce la prima mostra fotografica "del club". I fotografi-dilettanti – professori delle superiori e appartenenti all’alta società – sono più propensi agli aspetti tecnici, naturalistici e fisici, piuttosto che a quelli artistici della fotografia. Il riferimento storico appena dato è necessario poiché la storia sull’attività fotografica di Drenig è strettamente collegata alla poetica della generazione precedente. La poetica impressionista che viene raffigurata a cavallo del secolo, con significanti sprazzi d’ingegno, è persistita fino all’inizio degli anni Trenta. Il riflesso nell’acqua e l’agitarsi delle onde in alto mare sono il motivo ricorrente del rispettabile fisico Peter Salcher, professore alla MarineAkademie di Fiume, che ne pubblica un manuale – L’immagine nello specchio d’acqua (Die Wasser Spiegelbilder, Halle a. S, 1903).1 All’inizio degli anni Trenta, Francesco Drenig stringe un’amicizia con il prof. Arturo de Meichsner, appassionato fotografo e intenditore della tecnica fotografica, che sperimenta da anni con i vari procedimenti di stampa (il bromolio, la resinotipia), ma in senso artistico è piuttosto convenzionale. Dapprima insegnante presso le scuole cittadine di Fiume, e poi professore presso l’Istituto tecnico industriale, funge da collegamento tra la prima generazione della fine del XIX secolo con la generazione che si afferma negli anni Trenta del XX secolo. Nel 1903 Meichsner pubblica la sua barca nell’alto mare nel compendio di Salcher; continua a riprendere fotografie simili, di barche, ma con un carattere più pronunciato, all’inizio degli anni Trenta e le stampa con il bromolio.2 Anche Meichsner negli anni Trenta modernizza un po' il proprio approccio alla fotografia, ma il suo impressionismo influisce fortemente su Drenig, segretario presso la Cassa di Risparmio, di cui Meichsner ne è il presidente. Anche se già con la fine degli anni Venti, Venucci e i giovani pittori fiumani si esprimono in modo moderno, mediante l’utilizzo della poetica cubista, espressionista e futurista, una tendenza che Drenig largamente sostiene ed apprezza nella stampa fiumana (Vecchie e nuove tendenze nell’opera degli artisti fiumani, La Vedetta d’Italia, 1 giugno 1930), le sue prime riprese del 1933 sono ancora "all’antica", in un’ottica diffusa tra i fotografi fiumani. Va sottolineato però che l’interesse di Drenig per le arti visive, e in primo luogo la pittura, ha contribuito a focalizzare la sua percezione e il senso per la composizione.

1

Ervin Dubrovi}, ^udotvorno umije}e, u: Arte miracolosa, stolje}e fotografije u Rijeci, Izdava~ki centar Rijeka, Rijeka, 1995., str. 35.–40.

1

Ervin Dubrovi}, ^udotvorno umije}e, in: Arte miracolosa, stolje}e fotografije u Rijeci, Izdava~ki centar Rijeka, Fiume, 1995, pagg. 35–40.

2

Ervin Dubrovi}, Povijest rije~kih fotografa, u: Arte miracolosa, stolje}e fotografije u Rijeci, Izdava~ki centar Rijeka, Rijeka, 1995., str. 95.

2

Ervin Dubrovi}, Povijest rije~kih fotografa, in: Arte miracolosa, stolje}e fotografije u Rijeci, Izdava~ki centar Rijeka, Fiume, 1995, pag. 95.

Na gradilištu/In cantiere, 1934.–1940.

5


Prva ve~ernja svjetla/Prime luci serali, 1933. Prve su mu objavljene fotografije Jutarnja magla i Prva ve~ernja svjetla.3 Unato~ krupnome planu i modernoj kompoziciji, i sami naslovi prizora pokazuju da je ugo|aj njegovih fotografija još uvijek impresionisti~ki. No ta je godina prijelomna, i ve} sljede}e, 1934. Drenig se koristi bitno druga~ijim postupkom i okre}e novim temama. U njegovim novim fotografijama iskrsava i posve nov pristup, "novi naturalizam". Kona~no je sazrelo posve suprotno uvjerenje u odnosu na zastarjeli slikarski pristup. Nove se umjetni~ke vrijednosti ne nastoje posti}i oponašanjem slikarstva nego prije svega traženjem izvornih fotografskih mogu}nosti. Me|u novim je fotografima i podosta obrazovanih profesionalnih umjetnika, arhitekata i intelektualaca. No i slikari me|u njima traže izvorni fotografski izraz svoga doba. Me|u njima ponajprije Ladislao de Gauss, Anita Antoniazzo, Amedeo Pata, Romeo Bertotti... Drenig se tridesetih godina posve posve}uje fotografiji. Tada je ve} donekle posustao i njegov prevodila~ki i uredni~ki angažman u ~asopisima, a pomalo se iscrpio i angažman oko mladih rije~kih slikara. Tek 1937. postaje ~lan uredništva i tajnik nove revije za književnost i kulturu Termini, no dotad ve} vjerojatno uspijeva dosegnuti svoj fotografski zenit. To, doduše, možemo tek naga|ati jer o tome nemamo pobližih saznanja. Ni na jednoj od osamnaest sa~uvanih fotografija, izložbenih pove}anja, nema nikakve oznake, nikakva naziva ili godine koji bi nam pružili bilo kakav podatak – pole|ine fotografija posve su prazne. No donedavna smo poznavali svega nekoliko Drenigovih fotografija objavljenih u revijama i katalozima. Uz one dvije rane, impresionisti~ke, bile su poznate i Konopci, Ponton i Mrtva priroda, objavljene u katalozima Desetogodišnjice (1934.) i Me|ugradske izložbe (1940.). Iako smo i na osnovi toga škrtog izbora mogli vidjeti njegovo fotografsko ishodište i razvoj, ciklus od osamnaest izabranih izložbenih pove}anja, 3

6

Abbazia e la Riviera del Carnaro, 9 (7.1933), br. 7.

Le prime fotografie che pubblica sono Foschia al mattino e Prime luci serali.3 Nonostante i primi piani e la modernità della composizione, gli stessi temi e i titoli delle opere denotano un’atmosfera ancora impressionistica. Ma questo è un anno decisivo, perché già l’anno seguente, nel 1934, Drenig utilizza un procedimento diverso ed elabora temi nuovi. Dalle sue fotografie spicca anche un approccio nuovo, il "nuovo naturalismo". Finalmente matura una concezione completamente opposta riguardo un approccio all’antica. Non cerca di raggiungere i nuovi valori artistici mediante l’imitazione della pittura, bensì mediante la ricerca di possibilità fotografiche originali. Tra i nuovi fotografi si annoverano alcuni artisti di professione, architetti e intellettuali. Tra di essi, anche i pittori sono alla ricerca di un’espressione fotografica originale che caratterizzi la loro epoca, con i rappresentanti Ladislao de Gauss, Anita Antoniazzo, Amedeo Pata, Romeo Bertotti ed altri. Durante gli anni Trenta Drenig si dedica completamente alla fotografia. All’epoca, la sua attività di traduttore e redattore di riviste si è fermata, e si è affievolito l’impegno nei confronti dei giovani pittori fiumani. Nel 1937 diventa membro della redazione di una nuova rivista di letteratura e di cultura Termini, ma fino a tal punto riesce a raggiungere il proprio zenit fotografico. In effetti, questo si può solo dedurre non essendoci dati comprovanti tale tesi. Nessuna delle diciotto fotografie pervenuteci, stampe ingrandite per le mostre, non riporta alcuna nota, alcun titolo, né un anno che ci potrebbe fornire un benché minimo dato – il dorso delle fotografie è completamente vuoto. Fino a qualche anno fa erano conosciute solo alcune fotografie di Drenig, pubblicate nelle riviste e nei cataloghi. Assieme alle prime due opere si conoscevano Corde, Pontone e Natura morta, pubblicate nei cataloghi del Decennale (1934) e della Mostra intercomunale (1940). 3

Abbazia e la Riviera del Carnaro, 9 (7.1933), n. 7.


što ih je krajem 1990-ih na vidjelo iznio njegov sin Neri Drenig koji je o~evu ostavštinu prenio u Rim, osvjetljava Drenigov rad i ~ini ga jasnijim. Nakon prvih impresionisti~kih radova, me|u fotografijama sa~uvanim u Società di Studi Fiumani u Rimu, tri su skupine, tri osnovne teme. Najprije se zainteresirao za naturalisti~ke detalje – iz luke, s broda, iz rafinerije i s gradilišta, potom ga privla~e slike svjetla i sjene (Prozori, Svjetla i sjene, Stube) te ku}ni i intimni ugo|aji i pojedinosti (Djevojka, Portreti, Mrtva priroda, Jaja, Boca i ~aša). Svakoj od tema Drenig pristupa na poseban na~in; u prvoj je naglasak na kompoziciji kadra i posebnom o~ištu, na ukazivanju na konstrukcije i strukture materijala, u drugoj na ritmu odnosa izme|u svjetla i sjene, a u tre}oj na sve izravnijem i sve bliskijem pristupu predmetu. Tehnološki napredni objektivi tridesetih godina uvode u središte interesa krupni plan i snimanje detalja. I Drenig se uo~i rata iskušava u mrtvim prirodama, u problemu dubinske oštrine (Mrtva priroda – postavljen stol s jajima na tanjuru), no i dalje ga zanima postizanje efekta koji pružaju strukture što ih nastoji posebno naglasiti (Boca i ~aša). Stje~e se dojam da je Drenig svjesno i namjerno sa~uvao tek odabrane radove koje je smatrao klju~nima i za koje je držao da ga predstavljaju u najboljem svjetlu, poput uzoraka koji pokazuju sav raspon njegovih tema. Ve}ina je radova nesumnjivo nastala izme|u 1934. i 1940., izme|u izložbe Desetogodišnjice i Me|ugradske izložbe. Uspore|ujemo li ga s drugim ambicioznim fotografima u Rijeci, o~ito je da senzibilitetom i vizualnom kulturom spada u grupu "u~enih" (slikari,

Pur trattandosi di una raccolta esigua, si può comunque capire il suo punto di partenza e gli sviluppi. Il ciclo di diciotto stampe ingrandite, rese note dal figlio Neri Drenig verso la fine degli anni 1990, che ha portato l’eredità del padre a Roma, fa luce sul lavoro di Drenig e ce lo avvicina. Oltre ai lavori impressionistici, le sue altre fotografie si possono suddividere in tre gruppi aventi tre temi principali, e queste sono custodite presso la Società di Studi Fiumani di Roma. All’inizio si è interessato dei dettagli naturalistici – del porto, della nave, della raffineria e del cantiere, e poi viene attratto dai giochi di luci e ombre (Scene, Luci e ombre, Scale) ed infine da atmosfere intime di interni e dei dettagli (Ragazza, Ritratti, Natura morta, Uova, Bottiglia e bicchiere). Ciascun tema viene approcciato in modo diverso; il primo tema accentua la composizione del piano e il particolare punto di vista, risalta la costruzione e la struttura del materiale, il secondo mette in evidenza il ritmo del rapporto luci-ombre, mentre il terzo è un approccio sempre più diretto e più ravvicinato con l’oggetto. Con gli obiettivi tecnologicamente avanzati degli anni Trenta si riesce a mettere in risalto il primo piano e a riprendere il dettaglio. Prima della Seconda guerra mondiale anche Drening si cimenta nelle nature morte e sperimenta con la messa a fuoco della profondità (Natura morta – una tavola imbandita con le uova su un piatto), ma rimane pur sempre interessato a raggiungere l’effetto fornito dalle strutture che intende accentuare di proposito (Bottiglia e bicchiere). Si ha l’impressione che Drenig abbia coscientemente e appositamente conservato solo alcune opere scelte che considera fondamentali e che reputa lo presentino nella luce migliore, come ad esempio il numero ridotto di modelli che però delineano un’intera gamma dei temi. Le opere sono

arhitekti, u~itelji crtanja...) koji se bitno izdvajaju od "amatera" koji vole prirodu te od ljubitelja fotografske tehnike, kao što je o~ito da najmla|i naraštaj (Anita Antoniazzo, Giovanni Balbi) koji iskrsava sredinom tridesetih ve} nadmašuje domete Dreningovih vršnjaka i razvija novu vizualnost – koristi dvostruku ekspoziciju, pristupa laboratorijskim istraživanjima (fotogrami) i teži uneravnoteživanju slike u mjeri u kojoj se Drenig i njegovi drugovi još nisu usu|ivali. Drenigu se može pripisati još jedna važna uloga. On prvi u Rijeci piše o fotografiji s odre|enom sustavnoš}u i metodi~noš}u te je na putu da postane fotografski kriti~ar. No tada još nije bilo ni dovoljno fotografskih zbivanja ni medija koji bi imali dovoljno zanimanja i razumijevanja, a ni publike svjesne da je fotografija djelatnost koja zahtijeva i svoju kriti~ku prosudbu. Napisao je tek pokoji napis u La Vedetta d’ Italia i Abbazia e la Riviera del Carnaro, u kojima oduševljeno podupire fotografska nastojanja i izražava zadovoljstvo napretkom doma}ih fotografa, no i ti su napisi potvrda Drenigove pragmati~nosti i strasti, dobrohotnosti i entuzijazma. I u slu~aju fotografije, Drenig se opet uspijeva nametnuti. Uo~ljivo je da u razumijevanju fotografije i on napreduje zajedno s mnogim mladim intelektualcima fotografima okupljenima oko OND-a – Opera Nazionale Dopolavoro, sekcije nacionalne organizacije zadužene za amaterizam. Nakon prvoga nastupa na tre}oj fotografskoj izložbi Dopolavora 1933., presudno je ve} sljede}e izlaganje na Izložbi desetogodišnjice pripajanja Rijeke Italiji 1934. Zaokruženje je njegova rada Me|ugradska izložba Su-

Jutarnja magla/Foschia al mattino, 1933.

7


nate tra il 1934 e il 1940, tra la mostra per il Decennale e la Mostra intercomunale. Se lo paragoniamo ad altri fotografi ambiziosi di Fiume, è chiaro che per la sua sensibilità e la cultura visiva rientra nel gruppo degli "studiosi" (pittori, architetti, insegnanti di disegno, ...), a differenza dei "dilettanti" che prediligono la natura, o ancora dagli amanti della tecnica fotografica, rappresentata dalla generazione più giovane (Anita Antoniazzo, Giovanni Balbi) che compare nella metà degli anni Trenta e che già supera i raggiungimenti dei coetanei di Drenig poiché sviluppa una nuova visualità – facendo uso della doppia esposizione, effettuando ricerche in laboratorio (fotogrammi) e con tendenze allo sbilanciamento della foto in misura mai sperimentata da Drenig o dai suoi colleghi. A Drenig va attribuito un altro ruolo importante. È il primo a Fiume a scrivere sulla fotografia in modo sistematico e metodico, che gli apre la via per diventare un critico fotografico. Ma all’epoca non ci sono sufficienti eventi fotografici, né i media con le necessarie competenze e conoscenze, né un pubblico consapevole del fatto che la fotografia è un’attività che esige un pensiero critico. Pubblica solo qualche breve nota ne La Vedetta d’Italia e Abbazia e ne la Riviera del Carnaro, dove loda animatamente le produzioni fotografiche ed esprime soddisfazione per i progressi compiuti dai fotografi locali, a prova del suo pragmatismo e della sua passione, della benevolenza e dell’entusiasmo.

Konopci/Corde, 1934.

šaka i Rijeke, što ju prire|uje tek osnovani Fotoklub Sušak 1940. godine. Donekle miran ~inovni~ki život, koji ipak nije posve lagodan jer radi i kao revizor u više rije~kih tvrtki, omogu}uje Drenigu sudjelovanje u rije~kom intelektualnom životu.

Una vita da impiegato alquanto tranquilla, interrotta dagli impegni da revisore che esercita presso numerose ditte fiumane, gli permette di partecipare alla vita intellettuale di Fiume.

Njegovo uporno i dosljedno ustrajanje na podvajanju radnog i intelektualnog uo~ljivo je i u njegovu upornu korištenju pseudonima. Knjigovo|a, ragioniere, Francesco Drenig posve je odvojen od Bruna Nerija, prevoditelja, urednika i likovnog kriti~ara. Dijelom je to uvjetovano i prijekim pogledima nadre|enih koji mu brane i povremeno pisanje u La Vedetta d’Italia i druge sitne poslove i sitne radosti.4

I suoi continui e coerenti sforzi per scindere l’attività lavorativa da quella intellettuale si palesano anche attraverso un incessante uso dello pseudonimo. Il ragioniere Francesco Drenig è un’entità separata rispetto a Bruno Neri, traduttore, redattore e critico d’arte. Ciò è in parte dovuto anche agli sguardi biechi che gli rivolgono i suoi superiori e dal loro divieto di scrivere anche solo occasionalmente per La Vedetta d’Italia o di avere altri piccoli impegni o piccole soddisfazioni.4

Sve što je napisao, ~ak i osobna pisma književnicima i intelektualcima, prijevode i tekstove o umjetnosti i fotografiji uporno potpisuje imenom Bruno Neri. No fotografiju želi posve odvojiti od drugih angažmana i potpisuje ju pravim imenom i prezimenom, upisanim u mati~ne knjige – Francesco Drenig. Mogao bi to biti i iskaz samosvijesti i ponosa ili bar zadovoljstva vlastitim radovima.

4

Osobna dokumentacija Francesca Dreniga u fondu Cassa di Risparmio, Dr`avni arhiv u Rijeci.

Tutto quello che scrive, ad inclusione delle lettere personali agli scrittori, agli intellettuali, le traduzioni e i testi sull’arte e la fotografia firma con il nome di Bruno Neri. Distingue però la fotografia dagli altri impegni, che firma con il proprio nome e cognome come è registrato nell’anagrafe – Francesco Drenig. Si potrebbe trattare di un’espressione di fiducia nelle proprie forze, di fierezza o perlomeno di soddisfazione con le proprie opere. 4

Documentazione personale di Drenig presso la Cassa di Risparmio, Archivio di Stato di Fiume.

Most/Ponte, 1934.–1940.

s

8

Anche nel caso della fotografia, Drenig riesce ad imporsi. Si vede che sviluppa la comprensione della fotografia, come del resto succede nel caso di numerosi giovani fotografi intellettuali che si incaricata all’OND – Opera Nazionale Dopolavoro, sezione di organizzazione nazionale incaricata di attività amatoriali. Dopo la sua prima partecipazione alla terza mostra fotografica del Dopolavoro tenutasi nel 1933, è decisiva già la sua seguente partecipazione, nel 1934, alla Mostra in occasione del decimo anniversario di annessione italiana di Fiume. A chiudere il cerchio sta la Mostra intercomunale di Sušak e di Fiume, allestita nel 1940 dall’appena costituito Fotoklub Sušak.


9


Ponton/Pontone, 1934.

Ba~ve i grede/Botti e travi, 1934.–1940.

Dizalica/Gru, 1934.–1940.

10


11


Stubište/Scale, 1934.–1940.

Prozori/Finestre, 1934.–1940.

12

s

Svjetla i sjene/Luci e ombre, 1934.–1940.


13


U luci/Nel porto, 1934.–1940.

14


Pramci/Prue, 1934.–1940.

15


Tra~nice/Rotaie, 1934.–1940.

16


Rezervoari/Serbatoi, 1934.–1940.

17


Portreti /Ritratti, 1934.–1940.

Djevojka/Ragazza, 1934.–1940.

18


19


Jaja/Uova, 1940.

Mrtva priroda/Natura morta, 1940.

Jaja, 1940?

Boca i ~aĹĄa/Bottiglia e bicchiere, 1940.

20


21


Francesco Drenig (Rijeka, 14. svibnja 1892. – Fabriano kod Ancone, 26. velja~e 1950.)

Podrijetlo, obitelj, životni put

Le origini, la famiglia, la vita

Iako se seoce Drenik nalazi u središnjim krajevima Slovenije, otac mu, ko~ijaš Franc Matijin Drenik (nakon Prvoga svjetskog rata postaje Francesco Drenig – kao i njegov sin), dolazi u Rijeku krajem 1880-ih iz Cirknice u op}ini Škofijica, nadomak austrijske granice.

Nonostante il villaggio di Drenik si trovi nelle zone centrali della Slovenia, suo padre, il cocchiere Franc Matijin Drenik (al termine della Prima guerra mondiale diventa Francesco Drenig – come il figlio), verso la fine degli anni 1880 da Cirknica, nel comune di Škofijica, vicino al confine austriaco, si reca a Fiume.

Majka Veronika ^op (Veronica Ciop) iz Trš}a je, no ro|ena u obližnjem Gerovu, u Gorskom kotaru. Ubrzo nakon dolaska u Rijeku udaje se 1890. za Francesca Drenika s kojim dobiva jedinog sina. Francesco, sin, nakon završene osnovne škole, od 1906. do 1909. polazi ma|arsku Trgova~ku akademiju (Accademia Superiore del Commercio) u Rijeci i stje~e diplomu za knjigovodstvo i trgovinu (Diploma di licenza della Sez. Ragioneria e Commercio). Nakon Prvoga svjetskog rata škola je preimenovana najprije u tehni~ko-komercijalnu, potom u tehni~ku – Istituto tecnico "Leonardo da Vinci – no i dalje se na njoj stje~u ekonomska zvanja (u istoj je zgradi i danas Ekonomska škola). Nakon završene škole Francesco od 1909. do 1913., od osnutka do ugasnu}a, radi u Dalmatinskome trgova~kom društvu – Società Dalmata di Commercio, a potom, od 1913. do svibnja 1915. u Gradskom tehni~kom uredu (Civico ufficio Tecnico, Magistrato civico). Zbog pripadnosti udruženju Giovine Fiume i rije~kom iredentisti~kome krugu u ime kojega je u listopadu 1913., zajedno s Luigijem Cussarom i Giorgiom Gerngrossom, sudjelovao i u bombaškoj akciji na Guvernerovu pala~u, u svibnju 1915. uhi}en je i odveden u internaciju, zajedno s još 28 rije~kih intelektualaca, u selo Kiskunhalas u unutrašnjosti Ma|arske, u kojem ostaje do prosinca. Potom ga prebacuju na sjeverni front – u Galiciju.1 U austrougarskoj vojsci ostaje do 29. listopada 1918., potom se vra}a u Rijeku i odmah uklju~uje u Talijansko nacionalno vije}e (Consiglio Nazionale Italiano), no nije osobito aktivan.

22

(Fiume, 14 maggio 1892 – Fabriano, in provincia di Ancona, 26 febbraio 1950)

La madre Veronika ^op (Veronica Ciop) è di Trš}e, ma nasce nella vicina Gerovo, nel Gorski kotar. Poco dopo l’arrivo a Fiume, nel 1890, si sposa con Francesco Drenik, da cui ha un figlio. Il figlio Francesco, dopo la scuola elementare, dal 1906 al 1909, frequenta l’ungherese Accademia Superiore del Commercio a Fiume e ne consegue il Diploma di licenza della Sez. Ragioneria e Commercio. Terminata la Prima guerra mondiale il nome del suddetto istituto viene cambiato dapprima in tecnico-commerciale e poi in tecnico – Istituto tecnico "Leonardo da Vinci" – però vi si conseguono le stesse qualifiche ragionieristiche (tutt’oggi il suddetto edificio ospita la Scuola superiore di ragioneria). Conseguita la licenza media, dal 1909 al 1913 Francesco lavora presso la Società Dalmata di Commercio, cioè dalla sua fondazione all’estinzione, per poi passare nel 1913 al Civico Ufficio Tecnico, Magistrato civico, fino al maggio 1915. Appartenente all’associazione Giovine Fiume e alla cerchia fiumana degli irredentisti, nell’ottobre del 1913, assieme a Luigi Cussar e Giorgio Gerngross, partecipa ad un attacco di bomba al Palazzo del Governo e per il quale, nel maggio 1915, assieme agli altri 28 intellettuali fiumani viene arrestato e messo in internamento nel villaggio di Kiskunhalas, nell’entroterra ungherese, dove vi rimane fino a dicembre. Da lì viene trasferito al fronte settentrionale – in Galizia.1 Nell’esercito austroungarico rimane fino al 29 ottobre 1918, dopodiché rientra a Fiume ed entra immediatamente nel Consiglio Nazionale Italiano, ma non vi è particolarmente attivo.

Ubrzo nakon povratka, 30. travnja 1919., ženi se Violettom (u mati~noj knjizi ro|enih piše – Ljubica) Marijom Radovich (Rijeka, 3. kolovoza 1893. – Rim, 15. srpnja 1958.) s kojom ima dvoje djece.2

Poco dopo il ritorno, il 30 aprile 1919, sposa Violetta (iscritta all’anagrafe con il nome di Ljubica) Maria Radovich (Fiume 3 agosto 1893 – Roma 15 maggio 1958) con la quale ha due figli.2

Nakon D’Annunzijeva dolaska uklju~uje se u njegove redove, no ne više u vojni~koj ulozi nego u ulozi propagandista. Za uspomenu dobiva i Comandanteov fotografski portret s posvetom te medagliu di Ronchi.

All’arrivo di d’Annunzio, Francesco milita nelle sue file come propagandista, senza però assumere un ruolo militare. Per ricordo riceve il ritratto fotografico del Comandante con la dedica e la medaglia di Ronchi.

Poslije razvoja~enja i danuncijade nakratko je zaposlen u novinama La Vedetta d'Italia, kojima i poslije ostaje suradnik, a od 16. listopada 1920. je "obnašatelj dužnosti školskog tajnika" (facente funzione di segretario scolastico) na Kraljevskoj tehni~koj školi Leonardo da Vinci.3

Dopo la smilitarizzazione e l’impresa dannunziana per un breve periodo lavora nel quotidiano La Vedetta d’Italia, con il quale collabora anche in futuro, mentre dal 16 ottobre 1920 viene impiegato come facente funzione di segretario scolastico presso L’Istituto tecnico reale Leonardo da Vinci.3

1

Fondovi Istituto Tecnico i Cassa di Risparmio, Dr`avni arhiv u Rijeci. Atilio Prodam, I Argonauti del Carnaro, Milano 1938., str. 343. i 353.

1

I fondi Istituto Tecnico e Cassa di Risparmio, Archivio di Stato di Fiume. Atilio Prodam, I Argonauti del Carnaro, Milano 1938., pagg. 343 e 353.

2

Lodoletta Olga Drenig (udana Urbisaglia, Sušak, 30. ožujka 1920. – Fabriano/Ancona, 25. prosinca 1991.) i Neri Fantasio Drenig (Rijeka, 28. ožujka 1927. – Rim, 12. prosinca 2000.)

2

Lodoletta Olga Drenig (in Urbisaglia, Sušak 30 marzo 1920 – Fabriano/Ancona 25 dicembre 1991) e Neri Fantasio Drenig (Fiume 28 marzo 1927 – Roma 12 dicembre 2000).

3

Istituto tecnico Leonardo da Vinci Fiume, Stato Personale, Generalità, Dr`avni arhiv u Rijeci.

3

Istituto tecnico Leonardo da Vinci Fiume, Stato Personale, Generalità, Archivio di Stato di Fiume.


Nakon višegodišnjeg rada u školi, 16. kolovoza 1926. prelazi u Gradsku štedionicu, Cassa di Risparmio, i tu ostaje do 31. ožujka 1947. godine. Me|u javnim dužnostima koje obnaša do po~etka tridesetih (do 4. travnja 1932.) navodi: Sindaco S. A. Immobiliare – Sindaco suppl. S.A. Quarnero – Banca Riviera – Sindaco supplente "La Vedetta d'Italia". U istom je strojopisno prire|enom upitniku – formularu (sa~uvanom u fasciklu s Drenigovim osobnim dokumentima u Štedionici, Dr`avni arhiv u Rijeci), rukom upisanim odgovorima, rubrika Appartenenza al Partito o alla Milizia V.S.N. ostala – prazna crta! Nakon mladena~kog iredentisti~koga poleta i danuncijade klonio se izravna politi~kog rada i bilo kakva angažmana te vrste. U pismu Pieru Gobettiju, znamenitom antifašistu, novinaru i izdava~u iz Torina, napisanom 3. rujna 1925., isti~e da se divi njegovu otvorenu antifašizmu te da je i sam republikanac.4 Po~etkom rata zapale su ga i neke nove dužnosti – zbog mobilizacije svoga prethodnika, R. Ufficio del lavoro portuale di Fiume imenuje ga 15. srpnja 1941. revizorom u rije~kome lu~kom poduze}u (revisore della locale Compagnia portuale "C. Ciano").

Pjesnik, prevoditelj, pokreta~ rije~kih ~asopisa, likovni kriti~ar i fotograf Siegfrido Pfau, Drenig, 1935., crtež olovkom/disegno con matita

Prevodila~ku i umjetni~ku aktivnost Drenig razvija po~etkom dvadesetih

Società di Studi Fiumani, Rim/Roma

godina. Napisao je svega tri vlastite pjesme, od kojih prve dvije nastaju u ozra~ju tanko}utne sutonske poezije (crepuscolari), a u tre}oj, nastaloj pod dojmom Janka Poli}a Kamova i Miroslava Krleže, koje prevodi upravo u to vrijeme, izražava žestinu i bijes, na~inom bliskim avangardnoj poeziji prvih me|uratnih godina. No Drenig, koji se u svome pjesni~kom i prevodila~kom radu potpisuje pseudonimom Bruno Neri, a naj~eš}e samo inicijalima b. n., ostat }e najpoznatiji kao pokreta~ rije~kih ~asopisa La Fiumanella (1921., glavni urednik Federico Hollaender) i Delta (1923.–1925., urednici Arturo Marpicati, Bruno Neri, Antonio Widmar). Nakon prijašnjega poja~ana nacionalizma, ovi ~asopisi odišu rije~kim autonomizmom i kozmopolitizmom, voljom za književnom komunikacijom sa susjednim narodima, za predstavljanjem književnosti susjeda Italiji i talijanske književnosti susjedima. Upravo je prva polovica dvadesetih vrijeme njegova najve}ega ~asopisnog i prevodila~kog angažmana. Osobito se zanima za "mladu jugoslavensku liriku" te mu je želja prirediti i objaviti antologiju i to u vlastitu izboru i prijevodu. Unato~ pokušajima kod izdava~a Sansonija (o tome je u kontaktu s Guidom Manacordom) i Gobettija (kojemu nudi i poseban Krležin svezak s dva dramska teksta – Cristofor Colombo i Hrvatska rapsodija), ta mu se želja nije ispunila. 4

Istituto Piero Gobetti, Torino.

Dopo anni di lavoro trascorsi a scuola, il 16 agosto 1926 trova impiego presso la Cassa di Risparmio, dove vi rimane fino al 31 marzo 1947. Tra le funzioni pubbliche che ricopre fino all’inizio degli anni Trenta (fino al 4 aprile 1932) indica le seguenti: Sindaco S.A. Immobiliare – Sindaco suppl. S. A. Quarnero – Banca Riviera – Sindaco supplente "La Vedetta d’Italia". Nello stesso questionario scritto a macchina dattilografica – nel modulo (conservato nella Cassa di Risparmio in un fascicolo contenente i documenti personali di Drenig, Archivio di Stato di Fiume), sono riportate le risposte di Drenig scritte a mano, e in esso, vicino al campo Appartenenza al Partito o alla Milizia V.S.N. vi è rimasta – una riga vuota! Dopo l’entusiasmo irredentista dell’età giovanile e l’impresa dannunziana, evita qualsiasi attività politica pubblica o ingaggio di questo tipo. In una lettera del 3 settembre 1925 indirizzata a Piero Gobetti, un antifascista riconosciuto, giornalista ed editore di Torino, dichiara di ammirarlo per la sua attività antifascista pubblica e di essere lui stesso un repubblicano.4 Con l’inizio della Seconda guerra mondiale gli vengono affidati nuovi incarichi – a causa della mobilitazione del suo predecessore, al R. Ufficio del lavoro portuale di Fiume, in data 15 luglio 1941, viene nominato revisore dell’impresa portuale fiumana (revisore della locale Compagnia portuale "C. Ciano"). 4

Istituto Piero Gobetti, Torino.

23


Poeta, traduttore, fondatore di riviste fiumane, critico delle arti figurative e fotografo All’inizio degli anni Venti, Drenig comincia a sviluppare l’interesse per l’attività di traduziono e quella artistica. Scrive solo tre poesie, di cui le prime due nascono nell’atmosfera di una delicata poesia crepuscolare (i crepuscolari), mentre la terza, composta su influsso di Janko Poli} Kamov e di Miroslav Krleža, i quali stava traducendo in quel periodo, esprime veemenza e rabbia, nella maniera caratteristica della poesia d’avanguardia dei primi anni interbellici. Ma Drenig, che firma le sue opere poetiche e di traduzione con lo pseudonimo di Bruno Neri, e nella maggior parte dei casi con le sole iniziali b. n., verrà ricordato principalmente come fondatore delle riviste fiumane La Fiumanella (1921, capo redattore Federico Hollaender) e Delta (1923–1925, redattori Arturo Marpicati, Bruno Neri, Antonio Widmar). Dopo un’iniziale tendenza al nazionalismo ferreo, successivamente, le suddette riviste fanno trapelare l’autonomismo e il cosmopolitismo fiumano, la voglia di instaurare una comunicazione letteraria con le nazioni confinanti, di presentare all’Italia la letteratura delle nazioni vicine e la letteratura italiana ai suoi vicini. La prima metà degli anni Venti è il periodo in cui si vede maggiormente coinvolto nel campo delle riviste e delle traduzioni. Ha un particolare interesse per la "giovane lirica iugoslava", tema sul quale desidera curare e pubblicare un’antologia e per la quale avrebbe scelto il materiale ed effettuato le traduzioni. Nonostante gli sforzi compiuti presso gli editori Sansoni (è in contatto con Guido Manacorda) e Gobetti (al quale offre anche uno speciale volume di Krleža contenente due testi drammatici – Cristoforo Colombo e Rapsodia croata), tale suo desiderio non viene realizzato.

Anita Antoniazzo, Drenig u Fabrianu/Drenig a Fabriano, 1950. Muzej Grada Rijeke Uz živu suradnju u rije~kim ~asopisima, istovremeno sura|uje, uglavnom prijevodima i kratkim bilješkama o autorima prevedenih pjesama, u drugim talijanskim kulturnim ~asopisima i revijama – Poesia ed Arte (Ferrara), Giornale di Poesia (Varese), Concilio (Foligno) i Critica Politica (Rim).5

Drenig – Neri traduce in prevalenza i poeti croati, serbi e sloveni. Dal 1921 vengono pubblicate le sue traduzioni di Janko Poli} Kamov, Fran Mažurani}, Miroslav Krleža, Gustav Krklec, Ivo Vojnovi}, Aleksa Šanti}, Jovan Du~i}, Ivan Cankar e molti altri. Effettua traduzioni dal russo e dal ceco – le poesie di Dmitrij Sergejevi~ Merežkovski e Petar Bezru~.

Krajem dvadesetih zbližio se s grupom mladih rije~kih umjetnika, tek pristiglih s umjetni~kih akademija. Me|u njima na prvom je mjestu i najavangardniji Romolo Venucci koji se spontano name}e kao predvodnik te skupine koju ~ine Ladislao de Gauss, Miranda Raicich i Maria Arnold. Uskoro im se pridružuju i nešto mla|i umjetnici poput Lucija Susmela i Anite Antoniazzo koja o tim godinama najja~ega umjetni~kog intenziteta po~etkom tridesetih, i mnogo godina poslije živo svjedo~i, isti~u}i važ-

Verso la fine degli anni Venti si avvicina a un gruppo di artisti fiumani, arrivati da poco da varie accademie d’arte. Tra questi spicca Romolo Venucci, il più all’avanguardia, che si pone spontaneamente a capo del gruppo composto da Ladislao de Gauss, Miranda Raicich e Maria Arnold. Ben presto gli si accostano artisti più giovani, come Lucio Susmel e Anita Antoniazzo, la quale, anche molti anni dopo, racconterà di quegli anni di maggiore intensità artistica, i primi anni Trenta, e dell’importanza che ha avuto la libreria Hromatka sul Corso (Korzo) come luogo di raduno dei giovani, nonché del ruolo di Francesco Drenig, figura centrale nella promozione e nella critica delle arti figurate, che li ha incoraggiati e raccomandati, scrittore di recensioni sulle mostre d’arte nel giornale fiumano La Vedetta d’Italia (Vecchie e nuove tendenze nell’opera di artisti fiumani, 1 giugno 1930).

5

5

Drenig – Neri naj~eš}e prevodi hrvatske, srpske i slovenske pjesnike. U njegovu su prijevodu od 1921. objavljeni Janko Poli} Kamov, Fran Mažurani}, Miroslav Krleža, Gustav Krklec, Ivo Vojnovi}, Aleksa Šanti}, Jovan Du~i}, Ivan Cankar i mnogi drugi. Prevodi i s ruskoga i ~eškoga – pjesme Dmitrija Sergejevi~a Merežkovskoga i Petra Bezru~a.

24

Collabora vivamente alle riviste fiumane in primo luogo con traduzioni e brevi note riguardo ai poeti tradotti, e nel contempo collabora con altri periodici e riviste italiane di cultura – Poesia ed Arte (Ferrara), Giornale di Poesia (Varese), Concilio (Foligno) e Critica Politica (Roma).5

Stato Personale, Istituto Tecnico "Leonardo da Vinci", 1920–1926., Dr`avni arhiv u Rijeci.

Stato Personale, Istituto Tecnico "Leonardo da Vinci", 1920–1926, Archivio di Stato di Fiume.


nost okupljanja mladih u knjižari Hromatka na Korzu, posebno Francesca Dreniga, središnje figure i promicatelja u ulozi likovnog kriti~ara, koji ih je bodrio i zagovarao te u rije~kim novinama La Vedetta d’Italia pisao prikaze o umjetni~kim izložbama (Vecchie e nuove tendenze nell’ opera di artisti fiumani, 1. lipnja 1930.). Kad je ve} splasnuo najve}i naboj, Drenig je otkrio novu strast – prijatelj prof. Arturo de Meichsner zainteresirao ga je za fotografiju te 1933. prvi put izlaže na Tre}oj fotografskoj izložbi u organizaciji Opera Nazionale Dopolavoro. I poslije sudjeluje u gradskim fotografskim zbivanjima te izlaže na izložbama u povodu desetogodišnjice pripajanja Rijeke Italiji 1934., kao i na Me|ugradskoj izložbi Sušak – Rijeka u Sušaku 1940. godine. Posljednjih predratnih godina uklju~uje se u rad nove revije za književnost i umjetnost – Termini, osnovane krajem 1936. godine. Kad je 1938. smijenjena prva redakcija ~asopisa, pozivaju ga da se priklju~i novom uredništvu te postaje tajnik, a uz redovito prevo|enje s hrvatskoga i drugih južnoslavenskih jezika, ima zada}u pisati prikaze o Jugoslaviji te ilustrirati reviju slikama i kipovima suvremenih umjetnika, najviše talijanskih. No pojedine sveske posve}ene susjednim narodima oprema fotografijama slika i skulptura umjetnika "gostuju}eg naroda". U hrvatsko-talijanskom

Al placarsi del periodo di maggiore intensità, Drenig trova una nuova passione – l’amico, il prof. Arturo de Meichsner lo introduce alla fotografia e nel 1933, alla Terza mostra fotografica, organizzata dall’Opera Nazionale Dopolavoro, Drenig allestisce la sua prima esposizione. Continua ad essere coinvolto negli eventi urbani riguardanti la fotografia: nel 1934 espone i propri lavori alle mostre in occasione del decimo anniversario dall’annessione italiana di Fiume, nel 1937 partecipa alla Mostra nazionale di fotografia ad Abbazia e nel 1940 alla Mostra intercomunale Sušak – Rijeka tenutasi a Sušak. Negli ultimi anni di pace prima dello scoppio della Guerra, Drenig si dedica ad una nuova rivista d’arte e di letteratura – Termini, fondata alla fine del 1936 e aperta agli influssi culturali dell’Est Europeo. Quando nel 1938 viene sostituita la prima redazione della rivista, Drenig viene invitato a entrare nella nuova redazione, con l’incarico di segretario, pur sempre continuando con l’attività di traduzione dal croato e dalle altre lingue slave meridionali; inoltre è incaricato a stendere recensioni sulla Iugoslavia e a dotare la rivista di illustrazioni sulle opere di pittura e di scultura degli artisti contemporanei, in primo luogo italiani. Però, alcuni volumi dedicati ai popoli circostanti correda di fotografie di pitture e di sculture degli artisti "del popolo ospite". Il volume italo-croato, pubblicato nel 1937 riporta anche una sua recensione sull’arte croata di nuova data.

svesku objavljenom 1937. piše i prikaz novije hrvatske umjetnosti.

Gli ultimi anni e – la partenza Posljednje godine i – odlazak Tijekom rata i prvih poratnih godina radi cijelo vrijeme u Štedionici, no krajem velja~e 1947. traži prekid radnog odnosa budu}i da on i njegova obitelj žele zadržati talijansko državljanstvo i oti}i u Italiju. Uprava mu u njegovim nakanama pruža punu podršku i daje najbolje karakteristike: "U Štedionici je godinama bio zaposlen kao vice-segretario i na kraju aiutante indipendente s pla}om od 4.500 dinara (u vrijednosti od 15 000 lira)... ^itavo dugo razdoblje u kojem je radio u ovoj Štedionici, vode}i gotovo sve tajni~ke i kadrovske poslove, pokazao je živ osje}aj odgovornosti i privrženosti poslu koji je uvijek spremno obavljao, inteligentno, brižljivo i pomno, zasluživši time najve}e uvažavanje svojih nadre|enih i kolega."6 Iako ratne godine Drenig proživljava u Rijeci ne bave}i se javnom djelatnoš}u i ne uklju~uju}i u politi~ka i ratna previranja, nove mu se prilike nisu svidjele pa se, poput brojnih sunarodnjaka, odlu~uje za odlazak. Rodni grad napušta u prolje}e 1947. i odlazi u Fabriano kraj Ancone gdje tako|er radi u Štedionici i dru`i se s drugim rije~kim iseljenicima, no nije mu preostalo jo{ puno godina `ivota.7

Durante la Seconda guerra mondiale e i primi anni del dopoguerra lavora presso la Cassa di Risparmio, ma alla fine del febbraio 1947 interrompe il rapporto di lavoro poiché lui e la sua famiglia decidono di mantenere la cittadinanza italiana e di essere rimpatriati in Italia. L’amministrazione dell’istituto di credito lo appoggia nel suo intento e gli fornisce le migliori raccomandazioni: "Ha ricoperto l’incarico di vice-segretario per anni e l’ultima fuzione è stata quella di aiutante indipendente con lo stipendio di 4.500 dinari (nel valore di 15.000 lire). (...) Durante il suo impiego presso la Cassa di Risparmio, ha gestito quasi la totalità degli affari relativi alla segreteria e ai quadri dimostrando uno spiccato senso di responsabilità e di dedizione per il lavoro, che ha sempre prontamente compiuto con intelligenza, premura e accuratezza, meritandosi pertanto il massimo rispetto dei suoi superiori e dei colleghi."6 Nonostante Drenig passi gli anni di guerra a Fiume senza svolgere alcuna attività pubblica, né essere coinvolto in prima persona in agitazioni politiche e belliche, le nuove circostanze sopravvenute col passaggio della città dall’Italia alla Repubblica Popolare Federativa di Iugoslavia non lo soddisfano e quindi, come numerosi suoi connazionali, decide di partire. Lascia la città natia nella primavera del 1947 per recarsi a Fabriano, in provincia di Ancona, dove riprende le dipendenze della Cassa di Risparmio e stringe rapporti con altri esuli fiumani, ma non gli resta ancora molto da vivere.7

6

Certificato, Fiume, 31 marzo 1947., Dr`avni arhiv u Rijeci.

6

Certificato, Fiume 31 marzo 1947, Archivio di Stato di Fiume.

7

E. B. /Enrico Burich/, E morto Francesco Drenig, La Difesa Adriatica, 11. 3. 1950.

7

E. B./Enrico Burich/, È morto Francesco Drenig, La Difesa Adriatica, 11.03.1950.

25


26


Izložbe na kojima sudjeluje Drenig Mostre alle quali partecipa Drenig

Katalog/Catalogo

Terza mostra fotografica del Doplavoro provinciale, Fiume, 24. 5. 1933.

Objavljene fotografije/Fotografie pubblicate

Mostra fotografica del Decennale, OND, Fiume 29. 6. – 31. 7. 1934. I. me|ugradska izložba umjetni~ke fotografije Sušak-Fiume/I mostra intercomunale della fotografia artistica Sušak-Fiume, Fotoklub Sušak, Sušak 24. 3. – 7. 4. 1940.

Jutarnja magla/Foschia al mattino, 1933., reprodukcija/ riproduzione Abbazia e la Riviera del Carnaro, 9 (7.1933) br./n.7. Prva ve~ernja svjetla/Prime luci serali, 1933., reprodukcija/ riproduzione Abbazia e la Riviera del Carnaro, 9 (7.1933) br./n.7.

Bibliografija/Bibliografia (izbor tekstova/testi scelti)

Konopci/Corde, 1934., reprodukcija Mostra del Decennale /katalog/catalogo, Rijeka 1934.

Op}i tekstovi o Drenigu/Testi generali su Drenig

Mrtva priroda/Natura morta, 1940.

E. B. /Enrico Burich/, È morto Francesco Drenig, La Difesa Adriatica, 11. 3. 1950.

I. me|ugradska izložba umjetni~ke fotografije Sušak – Fiume/I mostra intercomunale di fotografia artistica Sušak – Fiume /katalog/catalogo, Fotoklub Sušak, Sušak 24. 3. – 7. 4. 1940.

Anita Antoniazzo Bocchina, Arte e artisti figurativi a Fiume dal 1900 al 1945, u/in: Fiume, god./anno 2., br./n. 2, 1982., str./pagg. 17.–46. Anita Antoniazzo, Fiumani da ricordare, Cesco Drenig, La Voce di Fiume, 25. 7. 1988. Ervin Dubrovi}, O talijansko-hrvatskim kulturnim dodirima u rije~kim me|uratnim ~asopisima (1921–1943), u/in: Fluminensia, V(1993.), br./n. 1–2, str./pagg. 17.–46. Ervin Dubrovi}, Drenig, Kamov i Hrvati, Dometi, 1993., br./n. 5–6, str./pagg. 35.–42. Ervin Dubrovi}, Rapporti italo-croati nei periodici fiumani (1921–1943), u/in: La Battana, XXXIII (1–3, 1996.), br./n. 119, str./pagg. 97.–110. Ervin Dubrovi}, Drenig, Kamov e Croati, u: Fiume, Rivista di studi fiumani, Nuova serie, god. XVI (1997.), br./n. 33, str./pagg. 72.–79. Ervin Dubrovi}, Francesco Drenig Kamovljev rije~ki prevoditelj, Suša~ka revija, V(1997.), br./n. 20, str./pagg. 19.–23. Manuel Boschiero, La rivista Delta e la slavistica italiana, u/ in: e'Samizdat 2008(VI)1, str./pagg. 267.–279.

Izvorna crno-bijela pove}anja Stampe ingrandite in bianco e nero bromosrebrni fotografski papir/bromuro d'argento vl./propr./ Società di Studi Fiumani, Archivio-Museo storico di Fiume, Rim/Roma Ponton/Pontone, 1934., 39,8 x 29,7 cm (objavljeno i u katalogu/pubblicato anche nel catalogo Mostra del Decennale 1934.) Fiume/Fiume, 1934.–1940., 39,8 x 29,7 cm Na gradilištu/In cantiere, 1934.–1940., 39,4 x 29,7 cm Pramci/Prue, 1934.–1940., 39,6 x 29,8 cm U luci/Nel porto, 1934.–1940., 39,8 x 29,7 cm Molo Napoli, 1934.–1940., 31,2 x 29,4 cm, na papiru/su carta 39,7 x 29,4 cm Tra~nice/Rotaie, 1934.–1940., 31,4 x 29,9 cm, na papiru/su carta 39,8 x 29,9 cm

O Drenigovu fotografskom radu Sull'opera fotografica di Drenig

Ba~ve i grede/Botti e travi, 1934.–1940., 31,4 x 29,4 cm, na papiru/su carta 39,5 x 29,4 cm

Ervin Dubrovi}, Amateri fotografi u Rijeci 1860–1940, Zbornik Dometi 2, Izdava~ki centar Rijeka, Rijeka, 1993., str./pagg. 101.–122.

Most/Ponte, 1934.–1940., 39,7 x 29,6 cm

Ervin Dubrovi}, Povijest rije~kog fotografa (pobjeda modernih fotografa), u/in: Arte miracolosa, Izdava~ki centar Rijeka, Rijeka, 1995., str./pagg. 97.–99. Ervin Dubrovi}, Rije~ki fotoamaterski pokret, 1890.–1940./ Amateur photography in Rijeka 1890–1940 u/in: Fotografija u Hrvatskoj, Muzej za umjetnost i obrt/Museo per l'Arte e l'Artigianato di Zagreb, Zagreb, 1995., str./pagg. 251.–265. Ervin Dubrovi}, Francesco Drenig – predvodnik mladih, u/in: Na kraju stolje}a, Izdava~ki centar Rijeka, Rijeka, 1996., str./pagg. 83.–86. Anita Antoniazzo Bocchina, Fotografi dilettanti nella prima metà del secolo/Fotografi amateri u prvoj polovici dvadesetog stolje}a, u/in: Arte miracolosa, Izdava~ki centar Rijeka, Rijeka, 1995., str./pagg. 174.–184.

Rezervoari/Serbatoi, 1934.–1940., 39,4 x 29,7 cm, na papiru/su carta 39,4 x 29,7 cm Dizalica/Gru, 1934.–1940., 31,2 x 29,7 cm Stubište/Scale, 1934.–1940., 31,4 x 29,3 cm, na papiru/su carta 39,5 x 29,3 cm Svjetla i sjene/Luci e ombre, 1934.–1940., 39,7 x 29,6 cm Prozori/Finestre, 1934.–1940., 39,5 x 29,7 cm Djevojka/Ragazza, 1934.–1940., 38,3 x 27,3 cm Portreti/Ritratti, 1934.–1940., 30,7 x 29,7 cm, na papiru/su carta 39,7 x 29,7 cm Jaja/Uova, 1940., 30,5 x 29,7 cm, na papiru/su carta 39,6 x 29,7 cm Boca i ~aša/Bottiglia e bicchiere, 1940., 39,6 x 29,4 cm, na kartonskoj podlozi/su cartone 41 x 30,5 cm

Molo Napoli, 1934.–1940.

27


Katalog/Catalogo

Izložba /Mostra

Francesco Drenig – fotografije

Drenig, talijansko-hrvatski kulturni dodiri 1900.–1950.

Francesco Drenig – fotografie

Drenig, contatti culturali italo-croati 1900–1950

Izdava~i/Editori Muzej grada Rijeke/Museo della città di Fiume Dru{tvo za istra`ivanje povijesti Rijeke, Rim/Società di Studi Fiumani, Rim Za izdava~e/Per gli editori Ervin Dubrovi} Amleto Ballarini

Autor/Autore Ervin Dubrovi} Dizajn/Designer Vesna Rožman Prijevod na talijanski/Traduzione italiana Iva Gašparac Lenac

Urednik/Redattore Ervin Dubrovi}

Lektura i korektura hrvatskog teksta/Revisione e correzioni del testo croato Gordana Ožbolt

Autor/Autore Ervin Dubrovi}

Tehni~ki postav/Supporto tecnico Safet Ba{trakaj Željko Žuža

Dizajn/Designer Vesna Rožman Suradnici u Archivio Museo-storico di Fiume, Rim/Collaboratori presso l'Archivio Museo storico di Fiume, Roma Marino Micich Emiliano Loria Suradnici u Državnom arhivu u Rijeci/Collaboratori presso l'Archivio di Stato Fiume Ivan Perani} Mladen Urem Boris Zakošek Suradnici u pripremi/Collaboratori nella fase di preparazione Ema Ani~i} Jasna Milinkovi} Višnja Višnji}-Karkovi} Prijevod na talijanski/Traduzione italiana Iva Gašparac Lenac Lektura i korektura hrvatskog teksta/Revisione e correzioni del testo croato Gordana Ožbolt Tisak/Stampa Zambelli, Rijeka, listopad 2013./ottobre 2013. Naklada/Tiratura 500 primjeraka/copie Izložbu su sufinancirali/Hanno co-finanziato la mostra Grad Rijeka/Città di Fiume Società di Studi Fiumani Rim Talijanska unija – Unione Italiana, Rijeka – Fiume Zajednica Talijana Rijeke/Comunità degli Italiani Fiume

Fotografija na naslovnici/Fotografia in copertina Francesco Drenig, Fiume, 1934.–1940. Società di Studi Fiumani, Rim/Roma

Zahvaljujemo na suradnji Generalnom konzulatu Italije. Ringraziamo per la collaborazione il Consolato Generale d'Italia a Fiume.

CIP zapis dostupan u ra~unalnom katalogu Sveu~ilišne knjižnice Rijeka pod brojem 130226062 ISBN 978-953-6587-68-1

Dokumentaristica izložbe/Documentarista della mostra Marija Lazanja-Duševi} Odnosi s javnoš}u/Rapporti con il pubblico Jelena Dunato

Vlasnici izložbenih predmeta/Proprietari delle opere esposte

Dru{tvo za istra`ivanje povijesti Rijeke, Rim/Società di Studi Fiumani Rim

Muzej grada Rijeke/Museo della città di Fiume

Muzej moderne i suvremene umjetnosti Rijeka/Museo dell'arte moderna e contemporanea Fiume

Sveu~ilišna knjižnica Rijeka/Biblioteca universitaria di Fiume

Gradska knji`nica Viktor Car Emin, Opatija/Biblioteca civica Viktor Car Emin, Abbazia


Katalog/Catalogo

Izložba /Mostra

Francesco Drenig – fotografije

Drenig, talijansko-hrvatski kulturni dodiri 1900.–1950.

Francesco Drenig – fotografie

Drenig, contatti culturali italo-croati 1900–1950

Izdava~i/Editori Muzej grada Rijeke/Museo della città di Fiume Dru{tvo za istra`ivanje povijesti Rijeke, Rim/Società di Studi Fiumani, Rim Za izdava~e/Per gli editori Ervin Dubrovi} Amleto Ballarini

Autor/Autore Ervin Dubrovi} Dizajn/Designer Vesna Rožman Prijevod na talijanski/Traduzione italiana Iva Gašparac Lenac

Urednik/Redattore Ervin Dubrovi}

Lektura i korektura hrvatskog teksta/Revisione e correzioni del testo croato Gordana Ožbolt

Autor/Autore Ervin Dubrovi}

Tehni~ki postav/Supporto tecnico Safet Ba{trakaj Željko Žuža

Dizajn/Designer Vesna Rožman Suradnici u Archivio Museo-storico di Fiume, Rim/Collaboratori presso l'Archivio Museo storico di Fiume, Roma Marino Micich Emiliano Loria Suradnici u Državnom arhivu u Rijeci/Collaboratori presso l'Archivio di Stato Fiume Ivan Perani} Mladen Urem Boris Zakošek Suradnici u pripremi/Collaboratori nella fase di preparazione Ema Ani~i} Jasna Milinkovi} Višnja Višnji}-Karkovi} Prijevod na talijanski/Traduzione italiana Iva Gašparac Lenac Lektura i korektura hrvatskog teksta/Revisione e correzioni del testo croato Gordana Ožbolt Tisak/Stampa Zambelli, Rijeka, listopad 2013./ottobre 2013. Naklada/Tiratura 500 primjeraka/copie Izložbu su sufinancirali/Hanno co-finanziato la mostra Grad Rijeka/Città di Fiume Società di Studi Fiumani Rim Talijanska unija – Unione Italiana, Rijeka – Fiume Zajednica Talijana Rijeke/Comunità degli Italiani Fiume

Fotografija na naslovnici/Fotografia in copertina Francesco Drenig, Fiume, 1934.–1940. Società di Studi Fiumani, Rim/Roma

Zahvaljujemo na suradnji Generalnom konzulatu Italije. Ringraziamo per la collaborazione il Consolato Generale d'Italia a Fiume.

CIP zapis dostupan u ra~unalnom katalogu Sveu~ilišne knjižnice Rijeka pod brojem 130226062 ISBN 978-953-6587-68-1

Dokumentaristica izložbe/Documentarista della mostra Marija Lazanja-Duševi} Odnosi s javnoš}u/Rapporti con il pubblico Jelena Dunato

Vlasnici izložbenih predmeta/Proprietari delle opere esposte

Dru{tvo za istra`ivanje povijesti Rijeke, Rim/Società di Studi Fiumani Rim

Muzej grada Rijeke/Museo della città di Fiume

Muzej moderne i suvremene umjetnosti Rijeka/Museo dell'arte moderna e contemporanea Fiume

Sveu~ilišna knjižnica Rijeka/Biblioteca universitaria di Fiume

Gradska knji`nica Viktor Car Emin, Opatija/Biblioteca civica Viktor Car Emin, Abbazia


SocietĂ di Studi Fiumani

Francesco Drenig

ISBN 978-953-6587-68-1

cijena u Hrvatskoj 50 kn

Profile for Rijekamgr

DRENIG – FOTOGRAFIJE  

DRENIG – FOTOGRAFIJE autor Ervin Dubrović Izdavač: Muzej grada Rijeke, 2013. Dvojezično izdanje: hrvatski i talijanski Format: 32 x 23 cm,...

DRENIG – FOTOGRAFIJE  

DRENIG – FOTOGRAFIJE autor Ervin Dubrović Izdavač: Muzej grada Rijeke, 2013. Dvojezično izdanje: hrvatski i talijanski Format: 32 x 23 cm,...

Profile for rijekamgr
Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded