Issuu on Google+

Sorveglianza sanitaria in caso di infortunio a rischio biologico

A PAG.4

La salute della donna e della vita nascente

A PAG. 5

TÀ LE IA AL RIE EC TIV DA SP S LI FE SO A LL DE

Vita in Ospedale, eventi ed attività scientifica

A PAG. 6

Periodico bimestrale di informazione interna dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta Azienda Ospedaliera di Caserta S. Anna e San Sebastiano

CITTÀ DI CASERTA

di rilievo nazionale e di alta specializzazione

EDITORIALE di FRANCESCO BOTTINO*

PRIMA EDIZIONE

DAL 16 AL 24 LUGLIO 2012 - ORE 21.00 PARTECIPA ANCHE TU E DONA UN SORRISO

16 LUGLIO

ORNELLA VANONI 18 LUGLIO

ANTONELLA D’AGOSTINO 20 LUGLIO

FRANCESCO PAOLANTONI 22 LUGLIO

ORCHESTRA SINFONICA DI SHENZHEN 24 LUGLIO

FRANCESCO DE GREGORI Cinque concerti di beneficenza Posto numerato a sedere ad un costo complessivo minimo di 50 euro Prevendite abituali Circuito Go 2 Gli introiti della manifestazione saranno destinati all’acquisto di attrezzature per migliorare i servizi ed il comfort dei pazienti pediatrici, cardiopatici ed oncologici.

Info e vendita biglietti: www.festivaldellasolidarietace.it Tel. : 0823 -232505 - 232688 - 232704 E-Mail : comitatoeventi@ospedalecaserta.it

E

ccellenza delle prestazioni, ma anche solidarietà. Solidarietà di quella non parlata. Ed è in quest’ottica che sono orgoglioso di presentare la I Edizione del Festival della Solidarietà, che l’Azienda Ospedaliera di Caserta ha messo in campo dal 16 al 24 luglio per scopi che sarebbe riduttivo definire di semplice beneficenza. Gli introiti della manifestazione saranno destinati, infatti, all’acquisto di attrezzature per migliorare i servizi ed il comfort dei pazienti pediatrici, cardiopatici ed oncologici. Una settimana di musica, arte, spettacolo e cultura nella splendida cornice del Belvedere di San Leucio, che vedrà la partecipazione di artisti affermati nel panorama nazionale ed internazionale, lo svolgimento di una mostra multidisciplinare, visite guidate al Complesso Borbonico e workshop tematici. Encomiabile l’attività svolta dal Comitato Eventi, presieduto dal dottor Michele Izzo, che profonde grandissimo impegno per la realizzazione dell’iniziativa. *Direttore Generale AORN Caserta

AZIENDA OSPEDALIERA DI CASERTA - OSPEDALE DI CASERTA NEWS - ANNO V - N. 3 - luglio 2012

REAL SITO BELVEDERE DI SAN LEUCIO - CASERTA


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

“FESTIVAL DELLA SOLIDARIETÀ”: UNA KERMESSE GLI ARTISTI ORNELLA VANONI

PRIMA EDIZIONE

l’America jazz di George Benson, Gil Evans e Herbie Hancock, tanto per citarne alcuni. Vanoni presenterà al pubblico casertano un assaggio di tutto il suo repertorio Jazz, Pop, LatinoAmericano, e altro, accompagnata da un Trio di Musicisti.

ANTONELLA D’AGOSTINO Cantante, attrice e cantautrice è considerata una delle migliori interpreti della musica leggera italiana. Una carriera straordinaria con una discografia ricca ma di originale coerenza artistica, con la continua ricerca musicale che l’ha portata a collaborare e a duettare con i più “grandi” della musica, come Gino Paoli; con i produttori Sergio Bardotti e Mario Lavezzi; e poi con il Brasile di Vinicius de Moraes e Toquinho;

U

n Festival di musica, arte e spettacolo, che vedrà alternarsi dal 16 al 24 luglio presso il “Real Sito Belvedere di S. Leucio”, la migliore formazione artistica nazionale e internazionale.

SPECIALE FESTIVAL DELLA SOLIDARIETÀ

2

L’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta, attraverso questo straordinario evento di beneficenza ha l’obiettivo di istituire un fondo di solidarietà. L’evento è promosso e organizzato dalla UOC Comunicazione e Marketing, diretta dal dottor Michele Izzo e dal Comitato Eventi dell’Ospedale di Caserta, costituito senza alcun emolumento aggiuntivo. Le cinque serate di spettacolo, a cui è possibile partecipare ad un costo minimo di 50 euro, vedranno la partecipazione di Ornella Vanoni (16 luglio), Antonella D’Agostino (18 luglio), Francesco Paolantoni (20 luglio), Orchestra Sinfonica di Shenzhen (22 luglio) e Francesco De Gregori (24 luglio), che hanno accettato di esibirsi, riducendo il proprio cachet, nell’eccezionale cornice di San Leucio, patrimonio dell’Unesco e luogo perfetto per fondere cultura del territorio e promozione della salute. Per l’occasione sarà allestita una mostra d'arte contemporanea dal tema “Arte e Creatività” e sarà possibile visitare il Complesso Monumentale di San Leucio. Ma anche workshop e seminari. I giovani psicologi volontari dell’Azienda Ospedaliera di Caserta si confronteranno con grandi firme giornalistiche in tavole rotonde di approfondimento, tese a migliorare gli aspetti relazionali tra operatore sanitario e paziente.

PARTECIPA ANCHE TU E DONA UN SORRISO, ADERENDO ALL’INIZIATIVA

Finalità della Manifestazione

Per prenotazioni ed informazioni è possibile rivolgersi presso le ticketterie abituali o direttamente alla Segreteria del Comitato Eventi dell’Azienda Ospedaliera “S. Anna e S. Sebastiano” di Caserta ai seguenti numeri: 0823/232505 - 0823/232688 – 0823/232704 web: www.festivaldellasolidarietace.it; e-mail: comitatoeventi@ospedalecaserta.it

La Prima Edizione del Festival della Solidarietà promosso dall’Azienda Ospedaliera “S. Anna e S. Sebastiano” di Caserta intende realizzare un fondo di solidarietà finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di seguito elencati: Acquisto di attrezzature finalizzate a migliorare il benessere psicofisico ed il comfort dei pazienti oncologici ed oncoematologici sottoposti a trattamenti chemioterapici (es. istallazioni di poltro-

Cantante e attrice, debutta a Spoleto nel 1977 con “La Gatta Cenerentola” di Roberto De Simone, che per lei scrive il mitico brano Jesce Sole. Pur essen-

ne per infusioni dotate di efficaci impianti audiovisivi, mediante i quali fornire ai pazienti un idoneo supporto di musicoterapia). Migliorare l’ospitalità dei bambini dell’Unità Operativa di Pediatria, umanizzando l’ambiente grazie all’acquisto di poltrone letto, che consentono alle mamme di poter seguire da vicino i propri pargoli. Adeguare ai più recenti standard tecnologici i sistemi di rilevazione e monitoraggio delle funzionalità cardio-circolatorie presenti nell’U-

L’INTERVENTO/DIRETTORE RESPONSABILE Una grande kermesse di arte, musica, spettacolo e cultura che l’Unità Comunicazione e Marketing ed il Comitato Eventi hanno voluto fortemente e che vedrà la partecipazione di grandi artisti del panorama nazionale ed internazionale, nonchè il fattivo coinvolgimento di giovani psicologi tirocinanti e volontari dell'Azienda Ospedaliera di Caserta. L’evento, frutto di un grande entusiasmo che pone al centro, sempre e comunque, l’ammalato, consentirà di istituire un fondo di solidarietà destinato all’acquisto di attrezzature ospedaliere.

Entusiasti di questa premessa, siamo lieti di presentare la Prima Edizione del Festival della Solidarietà, un evento inedito per la nostra città, che ci auguriamo di poter ripetere ogni anno. Cinque serate di grande arricchimento artistico e culturale, che riceveranno, certamente, un grande consenso di pubblico in uno spirito di grande solidarietà. Dobbiamo saper cogliere le idee e le opportunità che ci vengono sollecitate anche dalla crisi: inventare cose nuove, imparare dalle difficoltà nelle quali è possibile trovare soluzioni inaspettate, proprio come questa kermesse. Un'intuizione di sensibilità, che mette ancora una volta la nostra Azienda al servizio della città di Caserta. dr. Michele Izzo


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

DI ARTE E SPETTACOLO do calabrese si considera partenopea di adozione e nell’anima, ed è proprio in questo viaggio nella canzone napoletana che ha l’ambizione di attraversare un percorso nella realtà storica, sociale e culturale di Napoli. D’Agostino non è solo un contralto naturale di straordinaria potenza, ha una voce viscerale e profonda, un temperamento verace, che arriva da lontano e che apre porte nascoste facendo riaffiorare i sentimenti.Si presenterà al pubblico casertano con il concerto spettacolo “A piedi nudi nel cuore” scritto e diretto da Velia Magno dedicato alla città di Napoli e alla grande canzone vesuviana d’autore.

Inizia la sua carriera con il teatro, per poi esordire in televisione in trasmissioni come “Mai dire Gol” o Indietro tutta. Si distingue, inoltre, nel teatro con La gente vuol ridere e Fuori nevica, spettacoli dei quali è coautore insieme a Vincenzo Salemme, e nel cinema con il film L’amore molesto, Hotel paura e Baci e abbracci. Si esibirà a Caserta, in collaborazione con l’attore Arduino Speranza, nello spettacolo “Che fine ha fatto il mio io?”, che aiuterà il protagonista a risolvere la sua crisi esistenziale attraverso una serie di terapie che coinvolgeranno anche il pubblico.

FRANCESCO PAOLANTONI Spontaneo e verace, il comico partenopeo ha interpretato, in maniera brillante, gli svariati linguaggi del palcoscenico: televisivo, teatrale, cinematografico e radiofonico.

nità di Terapia Intensiva Cardiologica – UTIC (es. acquisto monitor di ultima generazione per i pazienti infartuati).

ARTE E WORKSHOP La visita al Complesso Monumentale di San Leucio richiede un’attenzione particolare in quanto le testimonianze artistiche s’intrecciano continuamente con quelle di una piccola città industriale. I nuclei più importanti sono: l’arco Borbonico, risalente al 1600,

Fondata nel 1982, si è affermata in breve tempo come una delle orchestre cinesi più apprezzate al mondo. Per il contributo dato allo sviluppo delle risorse culturali in Cina, questa formazione è considerata oggi il riferimento artistico della città di Shenzhen. Al suo attivo, collaborazioni con compositore cinese Tan Dun, i pianisti Lang Lang e Yundi Li, il tenore spagnolo Carreras. L'Orchestra, diretta dal maestro Shao En, si esibirà in musiche di Verdi, Rossini, Bizet con la partecipazione del mezzo soprano Anna Maria Chiuri.

anni una galleria di personaggi e una raccolta di fiabe che incarnano la parabola italiana dal ‘68 a oggi. Egli esprime lo spirito autentico del “cantautore” italiano, per il suo modo di comporre e interpretare le canzoni. Inizia la sua avventura musicale suonando e cantando sulla famosa sedia rossa della nota cantina di via Garibaldi, per diventare quello che da tutti è soprannominato il “Principe” della canzone italiana, grazie a canzoni, come Alice non lo sa, Rimmel, La donna cannone, Bufalo Bill, Il bandito e il campione.

3

FRANCESCO DE GREGORI Autore di testi tra i più suggestivi e rivoluzionari della canzone d’autore “made in Italy”, ha costruito negli

attraverso cui si accede al Complesso; l’appartamento reale; la sezione dell’archeologia industriale con l’esposizione degli antichi strumenti di lavoro; il museo della seta; i giardini del Belvedere e la casa del tessitore. Di notevole interesse, inoltre, i due grandi torcitoi, che una volta erano mossi da macchine idrauliche, oggi da motori.

Mostra d’arte contemporanea La mostra “Moriae Encomium, Arte e Creatività”, che si terrà dal 16 al 31 luglio dalle 9.30 alle 18.30 (nei giorni degli spetta-

coli fino alle 20.00) presso il Real Sito Belvedere di San Leucio, nasce dalla premessa che l’arte nel suo legame con la follia vuole insegnare ad osservare il mondo con occhi diversi, a godere del ritorno a modelli arcaici, l’universo del sogno o delle fantasie dei malati di mente, la riscoperta della materia, le pulsioni dell’inconscio. E soprattutto oggi, in tempi di crisi di valori morali, che si deve tenere conto di come alcune manifestazioni dissociative presenti nel pensiero dell’uomo e nello specifico nell’artista, siano sociologicamente specchio di una società che non distingue più ciò che è folle da ciò che è normale. Sembra quasi che la coscienza storica dell’arte sia andata anch’essa in crisi. E da tali motivazioni che alcuni artisti del territorio casertano, con riconoscimenti e consensi nel mondo dell’arte contemporanea, esporranno le proprie opere, mettendosi alla prova in un dialogo interiore e delicato.

Workshop tematici Nell’ambito del Festival della Solidarietà, l’Azienda Ospedaliera di Caserta ha previsto dei workshop sul miglioramento degli aspetti relazionali tra operatore sanitario e paziente. I seminari sono coordinati dalla dottoressa Luisa Parente responsabile della UOSD di Psicologia Clinica e dal dr. Michele Izzo, direttore della UOC Comunicazione e Marketing, con il coinvolgimento di giovani psicologi volontari ospedalieri. L'evento metterà a confronto giornalisti, esponenti del mondo sociale e scientifico. Aula Magna AORN “S. Anna e S. Sebastiano” di Caserta 16, 18, 20 luglio ore 11.00-12.00 TAVOLA ROTONDA "Arte e Psicologia - Paziente ed Operatore sanitario" I Giornata - 16 luglio "L’invisibile reso visibile: l’arte come espressione di emozioni" II Giornata - 18 luglio "L’Ospedale come luogo di cura e di relazione: gli aspetti centrali dell’attività psicologica" III Giornata - 20 luglio "Le dinamiche relazionali tra le professionalità sociali e sanitarie"

SPECIALE FESTIVAL DELLA SOLIDARIETÀ

Complesso Monumentale Belvedere di San Leucio

ORCHESTRA SINFONICA DI SHENZHEN


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

VITA IN OSPEDALE, EVENTI ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA 5 MAGGIO SEMINARIO SCIENTIFICO 25 MAGGIO INIZIATIVA

“PRIORITÀ DELLA FORMAZIONE DI PRIMO SOCCORSO SANITARIO”

Il seminario, cui ha fatto seguito la presentazione del progetto “Sordomuti”: con un Sms mai soli nell’emergenza sanitaria”, è stato organizzato dalla UOC 118 diretta dal dr. Roberto Mannella e dalla UOC Comunicazione e Marketing diretta dal dr. Michele Izzo. L’iniziativa migliorerà la qualità del Primo Soccorso per i cittadini audiolesi, che potranno richiedere assistenza con un sms inviato alla Questura di Caserta. Importante, per l’attuazione del progetto “Sordomuti”, il protocollo d’intesa firmato dal Direttore Generale dell’AORN di Caserta dr. Francesco Bottino ed il questore di Caserta dr. Guido Longo.

4

L’iniziativa, promossa dalle Unità Operative di Geriatria Endocrinologia e Malattie del Ricambio, diretta dal dr. M. Parillo, Diagnostica per Immagini, diretta dal dr. G. Belfiore, e Comunicazione e Marketing, diretta dal dr. M. Izzo, è stata promossa con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide e sulle loro ripercussioni, in particolare, sulla donna e sulla gravidanza. Per l’occasione sono state effettuate, nell’Azienda Ospedaliera di Caserta, visite endocrinologiche ed ecografie tiroidee gratuite.

27 MAGGIO GIORNATA NAZIONALE

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI E TESSUTI

L’evento, è stato condiviso e sostenuto dall’Azienda Ospedaliera di Caserta in sinergia con la UOC Comunicazione e Marketing, e la UOSD Coordinamento donazioni organi e tessuti diretta dalla dr.ssa Anna Fabrizio, con lo scopo di informare e sensibilizzare la popolazione sul tema del prelievo e trapianto di organi; promuovere una costante presa di responsabilità degli enti che devono rispondere ai bisogni dei cittadini in attesa di trapianto; incrementare le segnalazioni dei possibili soggetti candidati al prelievo; aumentare il numero di trapianti.

28 MAGGIO CONVEGNO “30 ANNI DI NEUROCHIRURGIA A CASERTA”

13 GIUGNO CONVEGNO

L’evento, promosso dall’UOC di Neurochirurgia diretta dal dr. Leonardo Caracciolo e dall’UOC Comunicazione e Marketing diretta dal dr. Michele Izzo, ha riscosso un notevole successo. Sono intervenuti: il Senatore Antonio Ventre, già storico Segretario Generale dell’Ente Ospedaliero Generale di Caserta, protagonista della Sanità in Campania e promotore della nascita della Neurochirurgia a Caserta; il prof. Massimo Schönauer, per 25 anni direttore della Neurochirurgia di Caserta; il prof. Franco Servadei, presidente della Società Italiana di Neurochirurgia (SINch).

Il convegno è stato moderato dal Prof. Luigi Piazza, Direttore del Dipartimento di Scienze Cardiologiche e Vascolari e dal dr. Michele Izzo, Direttore UOC Comunicazione e Marketing. Il prof. Luigi Piazza ha trattato le: “Tecniche chirurgiche di ricostruzione mitro-tricuspidale” , evidenziando i vantaggi legati alla riparazione della valvola mitralica e tricuspidale, rispetto alla sostituzione. Sono interventi, inoltre, il prof. Paolo Golino, Direttore UOC Cardiologia Clinica a Direzione Universitaria ed il dr. Alain Berrebi MD, Hospital Européen Georges Pompidou Parigi.

14 GIUGNO LE RELIQUIE DI

GIUSEPPE MOSCATI IN OSPEDALE

VITA IN OSPEDALE

“LA TIROIDE È DONNA”

Commovente la partecipazione alla “Peregrinatio” delle reliquie del “Medico Santo” S. Giuseppe Moscati presso l’Ospedale di Caserta. Le reliquie, la cui v i s it a è s t at a coordinata dalla Cappellania Ospedaliera, dai frati cappuccini Padre Rosario Perucatti e Padre Angelo Papa e dall’UOC Comunicazione e Marketing diretta dal dr. Michele Izzo, dopo l’accoglienza nella Cappella Ospedaliera, alla presenza del Direttore Generale e dello stesso dr. Izzo, hanno fatto tappa presso le Unità Operative Complesse dove è stato toccante dell’incontro con gli ammalati.

“LA VALVULOPATIA MITRO - TRICUSPIDALE”

15 GIUGNO PRESENTAZIONE

22 GIUGNO CORSO/CONVEGNO

L’evento è stato promosso dall’AIDO in collaborazione con l’UOC Comunicazione e Marketing dell’AORN di Caserta. Il progetto presentato prevede: un centro di ascolto per il sostegno psicologico ai pazienti in lista di attesa per il trapianto, ai trapiantati ed alle loro famiglie comprese quelle dei donatori di organi; uno sportello Legale per promuovere e tutelare i diritti dei trapiantati, un portale AIDO www. forumperlavita.it per favorire ed offrire spazi di comunicazione all’interno dei quali poter fornire anche informazioni pertinenti ed accurate sull’argomento a tutti gli interessati.

Il corso/convegno m o d e r at o d a l dr. Michele Izzo, Direttore UOC Comunicazione e Marketing d e l l’AO R N d i Caserta, ha illustrato i vantaggi legati all’impiego dei farmaci biosimilari, approfondendo gli aspetti legislativi, farmacoeconomici e le strategie per coniugare efficacia, qualità e sicurezza nella cura dei pazienti. Interessante la relazione di Armando Genazzani, Professore di Farmacologia Dipartimento di Scienze del Farmaco, Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”. A seguire la dr.ssa Francesca Nasti, Direttore UOC di Farmacia dell’AORN di Caserta.

FINALE DEL PROGETTO: “RETI SOLIDALI PER LA VITA”

“FARMACI OLTRE IL BREVETTO”


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

SORVEGLIANZA SANITARIA IN CASO DI INFORTUNIO A RISCHIO BIOLOGICO

I

l Servizio del Medico Competente svolge attività di sorveglianza sanitaria nei confronti dei dipendenti ospedalieri. Ha l’obiettivo di preservare la salute di tutto il personale prevenendo malattie e/o sintomatologie correlate alle attività lavorative. Si occupa, a tal proposito, di attivare protocolli di sorveglianza sanitaria da attuare in caso di infortunio a rischio biologico. «L’infortunio a rischio biologico – spiega il dottor Giovanni Rossi, responsabile del Servizio – inteso come qualsiasi contatto accidentale con strumenti o materiali contaminati da sangue o altri liquidi biologici di pazienti infetti o potenzialmente infetti, espone

Gli incidenti più comuni Gli incidenti più comuni sono rappresentati da punture o tagli con aghi, bisturi o altro strumentario contaminato; contaminazione con qualsivoglia modalità, di mucose o cute lesa con materiali biologici a rischio. Nel rispetto di quanto raccomandato dalle “precauzioni universali” devono essere considerati a rischio: sangue o altro materiale biologico contenente sangue, liquido cerebrospinale, sinoviale, pleurico, pericardio ed amniotico, sperma e secrezioni vaginali, materiale di laboratorio rappresentato da colture cellulari, sospensioni, concentrati di virus, ecc.

Alcune semplici manovre contribuiscono a ridurre il rischio di infezione. In caso di puntura si consiglia di aumentare il sanguinamento,

detergere abbondantemente con acqua e sapone, procedere ad accurata disinfezione della cute. In caso di contaminazione della mucosa congiuntivale procedere ad abbondante lavaggio dell’occhio con acqua corrente. Al verificarsi dell’evento infortunistico, il lavoratore deve avvertire il direttore dell’Unità Operativa o il medico di guardia o il caposala e deve recarsi presso il Pronto Soccorso nel più breve tempo possibile. Il medico di P.S., dopo aver prestato le cure del caso, dispone il prelievo all’operatore sanitario per gli esami a tempo zero, verifica che sia stato praticato il prelievo al paziente fonte e ne richiede i risultati al dirigente medico.

I protocolli diagnostici Dopo aver ottenute tutte le informazioni possibili, il medico di Pronto Soccorso, prima di procedere alle valutazioni conclusive, dovrà richiedere la consulenza infettivologia per avviare correttamente la profilassi post-esposizione in tutte le circostanze in cui sussiste fondato sospetto di contagio. In particolare è prevista per i casi a rischio AIDS con farmaci antiretrovirali (da praticare entro 1-4 ore dall’esposizione e, comunque, non oltre le 24 ore); a rischio EPATITE B con la somministrazione di gammaglobuline specifiche ed eventualmente di vaccino; per tutti gli altri casi con procedure di profilassi ritenute utili (vaccinazione o somministrazione di gamma-

globuline antitetaniche, etc.). Il medico di P.S. invia il primo certificato di denuncia INAIL alla Direzione Medica del Presidio nel più breve tempo possibile, dove il personale incaricato completa la scheda INAIL per la parte dovuta e trasmette la denuncia al datore di lavoro, al RSPP ed al medico competente. Gli esami di laboratorio per l’operatore sanitario al tempo zero sono i seguenti: Markers epatite B; Anticerpi Anti HCV; Anticorpi anti HIV; GOT,GPT. Gli esami di laboratorio da eseguire al paziente fonte per accertarne l’eventuale condizione di infettività sono: Markers epatite B; Anticorpi Anti HCV; Anticorpi Anti HIV. Nel caso in cui un soggetto rifiuti di sottoporsi ai test sierologici, o è sconosciuto o non identificabile (es.: puntura con siringa abbandonata o con ago in un contenitore contenente altri aghi), lo stesso è da considerarsi, per quanto riguarda le misure di profilassi e di sorveglianza, alla stregua di un paziente potenzialmente infetto.

5

SORVEGLIANZA SANITARIA

Le procedure per ridurre i rischi

l’operatore sanitario al contagio di malattie infettive. Nell’ambito della sorveglianza sanitaria dei lavoratori è stabilita 1’attuazione di interventi di prevenzione idonei ad impedire, per quanto possibile, l’insorgenza di malattie professionali. Affinché essi possano essere efficaci, ciascuna professionalità coinvolta deve intervenire con ordine e tempestività in modo tale da non interrompere “la catena della prevenzione” ed assicurare all’operatore infortunato la migliore assistenza. Contemporaneamente devono essere attuati tutti i passaggi di ordine amministrativo (obbligatori), utili a garantire la segnalazione dell’evento infortunistico agli uffici preposti alla prevenzione ed alla tutela assicurativa».


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

UNITÀ DI GERIATRIA, UN'ORGANIZZAZIONE EFFICENTE

L’

Unità Operativa di Geriatria Endocrinologia e Malattie del Ricambio, diretta dal dottor Mario Parillo, è una struttura di alta specializzazione che tratta le patologie dell’anziano acute e croniche, patologie endocrinologiche, diabetologiche e del metabolismo, utilizzando i più moderni strumenti diagnostici e le più avanzate soluzioni terapeutiche. «Nella struttura – spiega Mario Parillo – vengono trattate le malattie acute dei pazienti anziani portatori di più patologie che assumono più farmaci, prevenendo la disabilità che deriva dall’ospedalizzazione e trattando le sindromi correlate agli allettamenti prolungati ivi comprese le piaghe da decubito. Dal ricovero i pazienti anziani superata la fase critica, vengono smistati: a domicilio con piani di riabilitazioni e follow up, verso lungodegenze laddove superata l’acuzie il carico assistenziale supera le capacità del territorio o verso cliniche riabilitative». L’attività clinica diagnostica e terapeutica è articolata in diversi settori operativi, quali: l’Unità di valutazione geriatria generale (valutazione geriatrica in particolare per i pazienti in post dimissione); l’Unità di valu-

6

tazione per le demenze compresa Alzheimer (Valutazione neuropsicologica e trattamento terapeutico dei disturbi comportamentali nei pazienti con demenza tipo Alzheimer); l’Unità di valutazione per il paziente anziano con diabete e malattie metaboliche; l’Unità di valutazione per il diabete mellito e iperlipidemie; l’Unità di valutazione per le patologie tiroidee; l’Unità di valutazione per le patologie endocrinologiche l’Unità di dietetica e nutrizione clinica; il Centro di riferimento per i disturbi del comportamento alimentare (l’equipe ambulatoriale svolge compito di prima accoglienza, consulenza, rinforzo della motivazione ed orientamento ai pazienti), oltre che l’ambulatorio di riferimento per la valutazione medico legale dell’auto sufficienza del paziente anziano. L’Unità è, inoltre, centro di riferimento per: le demenze, impianti di microinfusori insulina ipopituitarismi, adenomi ipofisari, iperlipidemie, disturbi del comportamento alimentare e garantisce il ricovero in regime di day-hospital a scopo diagnostico; day-hospital a scopo terapeutico; day service. Tra gli obiettivi scientifici, importante è quello

della realizzazione di protocolli di ricerca per lo studio della fisiopatologia e della terapia delle malattie geriatriche ed endocrino metaboliche.

GERIATRIA / ONCOLOGIA

UNITÀ DI ONCOLOGIA: UN COLLEGAMENTO WEB SUL CARCINOMA GASTRICO Presso la UOC di Oncologia, diretta dal dottor Giovanni Pietro Ianniello si è tenuto un incontro scientifico sul trattamento del carcinoma gastrico metastatico dal titolo “Metastatic Gastric Cancer in WEB, focus on malattia HER2 positiva”, a cui hanno partecipato specialisti in Anatomia Patologica, Gastroenterologia ed Oncologia dell’Ospedale di Caserta. L’evento, svolto con la metodologia di cooperative learning in collegamento WEB con altri nove Centri Oncologici di Rilievo Nazionale (Belluno, Ferrara, Bergamo, Varese, Sesto San Giovanni, Genova, Pesaro, Perugia, Potenza), ha affrontato l’analisi sistematica di situazioni cliniche anche complesse e la valutazione dei parametri fondamentali per l’utilizzo clinico ragionato di una terapia con anticorpo monoclonale nel tumore gastrico metastatico, nell’ottica della razionalizzazione delle

risorse e dell’utilizzo del miglior trattamento possibile. Questa metodologia di lavoro permette un confronto diretto e rapido tra realtà cliniche operanti in diversi ambiti territoriali nazionali senza costringere i medici a trasferte costose che privano, tra l’altro, il reparto di una o più unità. In un momento di difficoltà economiche come quello che stiamo vivendo la possibilità di aggiornarsi e confrontarsi senza allontanarsi dal posto di lavoro rappresenta sicuramente una metodologia da implementare ulteriormente. A tal proposito la UOC di Oncologia in occasione de prossimo ASCO meeting (Chicago 1-5 giugno 2012), la più importante riunione oncologica mondiale, si è collegata sempre via WEB direttamente con la sede congressuale con la possibilità di seguire i lavori in diretta o in differita.


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

LA SALUTE DELLA DONNA E DELLA VITA NASCENTE

I

I PROGETTI

l recente trasferimento dell’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia e Chirurgia della Donna presso il DEA (edificio N) ha favorito, in questi ultimi due anni, il raggiungimento di importanti obiettivi: la riduzione delle percentuali di taglio cesareo; l’ampliamento del progetto sulla “Genitorialità”, con fasce di orario più elastico per il partner e per le donne che hanno subito un intervento chirurgico; un’organizzazione multispecialistica dedicata alla donna. «L’obiettivo che stiamo portando a termine con la nostra Direzione Strategica - spiega Sergio Izzo, direttore dell’Unità Operativa di Ginecologia - è quello di offrire alla città

di Caserta, al territorio provinciale e al Sud Italia “L’Ospedale Donna”». Ma cosa si intende per “Ospedale donna”? «L’obiettivo è quello di offrire alle donne un’unica struttura in cui possa compiersi tutto l’iter preventivo-diagnostico (informazio-

ne, educazione sanitaria, visita specialistica, mammografia, ecografia, esami cito-istologici, colposcopia, prevenzione e follow-up ginecologico, screening e vaccinazione HPV, esame delle malattie sessualmente trasmesse e molto di più), terapeu-

tico (interventistica mini-invasiva, chirurgia demolitiva e plastica ricostruttiva), riabilitativo psico-fisico sociale. In una unica frase “Un’Area interdipartimentale per la Tutela della Salute della Donna e della Vita nascente”. E tra le attività operative si annoverano due progetti di grande interesse: il primo la “Nutrizione in gravidanza ed in allattamento, e non solo”, il secondo, ancora in fase di studio, “La Violenza sessuale sulla Donna, e non solo”». Migliorare il problema della “Salute Donna e della Vita Nascente”, significa migliorare la “Salute della Famiglia”, cardine della nostra Costituzione ed elemento essenziale per il mantenimento della nostra specie.

7

“NUTRIZIONE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO, E NON SOLO”

L’equipe

“LA VIOLENZA SESSUALE SULLA DONNA, E NON SOLO” Il secondo progetto, che a breve sarà presentato, è denominato “Lessico Familiare”. Si tratta di un percorso diagnostico terapeutico per l’assistenza a quanti sono vittime di “Violenza Sessuale”, donne ed uomini, indipendentemente dall’età, in cooperazione con la dottoressa Luisa Parente ed alcune specializzandi particolarmente sensibili al problema. Esso vede come punto cardine, la costituzione di un vero e proprio “percorso diagnostico terapeutico” che permetta, grazie alla nostra collaborazione con gli psicologi e naturalmente numerose altri operatori, dalla Medicina Legale al Medicina di Pronto Soccorso, alla Diagnostica clinica, una assistenza in emergenza (di breve durata), ma soprattutto vorrebbe offrire un adeguato percorso psicologico e clinico, ginecologico e/o ostetrico, specializzato in Malattie sessualmente trasmesse, che le aiuti in modo tangibile non solo a dare voce alla loro sofferenza, ma a dare supporto alle loro necessità di salute psicologica e fisica.

MENO PARTI CESAREI La riduzione delle percentuali di taglio cesareo nell’Azienda Ospedaliera di Caserta si stima intorno al 42%, dato non molto significativo, ma che assume notevole interesse, se confrontato con il 62% della media della Regione Campania e soprattutto alla condizione che il tutto si verifica da un lato ad uno stato di implementazione del numero dei parti, che raggiunge la quota dei 1400 per l’anno 2011, e dall’altro alla notevole riduzione di morbilità (valore di riferimento sia per la madre che per i neonati), in condizione di azzeramento di mortalità maternoinfantile.

OSTETRICIA E GINECOLOGIA

La nutrizione materna ha un ruolo fondamentale sia sul corso che sull’esisto della gravidanza. Un buono stato di nutrizione della madre ancor prima dell’inizio della gravidanza, nonché una corretta e adeguata alimentazione prima e durante il periodo gestazionale, sono condizioni essenziali per la prevenzione di una gran parte delle patologie neonatali, tra cui l’obesità, e soprattutto delle patologie della coppia (alterazioni comportamentali e sessuali nell’ambito della Coppia dopo il parto). Prevenire, rappresenta un obiettivo primario, onde evitare la causa principale di malattia e di morte in gran parte del mondo. L’obesità pre-gravidica è associata a complicanze a breve e lungo termine della madre e del bambino. Ciò può essere in parte causato da una dieta poco bilanciata e da una mancanza di attività fisica. E si è dimostrato che l’obesità materna rappresenta un rischio per il bambino rispetto a diabete, sovrappeso e alcune forme di cancro (vedi cancro dell’endometrio). «Per tutti questi motivi, insieme alla Dottoressa Rosa Capriello ed al Dottor Mario Parrillo, e di comune accordo con tutto lo staff Ostetrico Ginecologico, - spiega Sergio Izzo - abbiamo di recente proposto alla Direzione Strategica un percorso diagnostico terapeutico che possa venire in aiuto della Donna e della Vita nascente. Fulcro di questo percorso è l’ambulatorio per la nutrizione dedicato alla donna. Tale progetto rappresenta un’indagine conoscitiva sulle abitudini alimentari di un gruppo di gestanti e puerpere e sulle effettive conoscenze sull’alimentazione in gravidanza e allattamento.


ANNO V - N. 3 - luglio 2012

informazioni in pillole sull’Azienda Ospedaliera di Caserta a cura dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico

NUMERI UTILI

CENTRALINO 0823.231111

AMBULATORI ISTITUZIONALI MODALITÀ DI PRENOTAZIONE

MODALITÀ DI ACCESSO

Per prenotare le prestazioni ambulatoriali, l’utente può: z telefonare gratuitamente, da telefono fisso, al numero verde 800.911818 (tasto 1); z recarsi agli sportelli del Centro unico di prenotazione (Cup)

Per accedere alla prestazione ambulatoriale prenotata, l’utente deve recarsi prima al Cup, dove:

 +

Via del Trifoglio, edificio B.

z

presenta la tessera sanitaria e un documento di riconoscimento;

z

consegna l’impegnativa del medico di base; (L’impegnativa non occorre in occasione della prima visita di controllo successiva al ricovero, che si effettua entro 30 giorni dalla dimissione.)

1 Per effettuare la prenotazione, l’utente deve essere obbligatoriamente munito dell’impegnativa del medico di base. Il servizio di prenotazione telefonica e gli sportelli sono attivi: z da lunedì a venerdì, ore 8:00 - 17:00 z sabato, ore 8:00 - 12:00

z

paga il ticket, quale quota di partecipazione alla spesa sanitaria. (L’utente non paga il ticket, se appartiene a una delle categorie esenti.)

AMBULATORI IN LIBERA PROFESSIONE INTRAMURARIA L’Azienda ospedaliera di Caserta dispone anche di ambulatori in libera professione intramuraria, che sono a pagamento, con onere a totale carico del cittadino, e si attivano su richiesta specifica dell’utente, il quale ha, in questo caso, il diritto di scegliere lo specialista cui affidarsi. L’attività ambulatoriale libero-professionale intramuraria è esercitata dai medici al di fuori dell’orario di lavoro. Nell’Azienda ospedaliera di Caserta l’attività libero-professionale intramuraria è svolta da alcuni specialisti presso gli ambulatori che hanno sede in Ospedale, da altri presso i propri studi.

MODALITÀ DI PRENOTAZIONE

z

telefonare gratuitamente, da telefono fisso, al numero verde 800.911818 (tasto 2);

COME E DOVE PAGARE Per pagare la tariffa fissata dallo specialista prescelto, l’utente può: z

z

z

effettuare il versamento con bollettino di conto corrente postale, intestato a: Azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta - Via F. Palasciano - 81100 Caserta - C/C: 10022812, causale: prestazione ALPI;

z

effettuare il versamento con bonifico bancario intestato a: Azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta presso UniCredit Spa Agenzia Caserta Vanvitelli - Piazza Vanvitelli, 24 81100 Caserta, codice IBAN: IT17B0200814903000400006504, causale: prestazione ALPI;

Via del Trifoglio, edificio B;

rivolgersi allo specialista prescelto, il quale, entro il giorno di erogazione della prestazione, provvede a trasmettere al Cup l’elenco delle prenotazioni acquisite.

INFORMAZIONI UTILI

Il servizio di prenotazione telefonica con il numero verde e gli sportelli del Cup sono attivi: z da lunedì a venerdì, ore 8:00 - 17:00 z sabato, ore 8:00 - 12:00

recarsi agli sportelli del Centro unico di prenotazione;

o, se impossibilitato a raggiungere il Cup, può:

recarsi agli sportelli del Centro unico di prenotazione (Cup)

 +

UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO + Piazza degli Abeti edificio A, piano 0

Tel./Fax. 0823.232448

+ Via delle Rose edificio D, piano 0

Tel. 0823.232216 Giorni e orari di ricevimento: lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì: 9.00-13.30 martedì: 9.30-13.30/15.30-17.30

MODALITÀ DI ACCESSO Prima di accedere alla prestazione ambulatoriale prenotata, l’utente deve pagare la tariffa fissata dallo specialista prescelto.

Per prenotare le prestazioni ambulatoriali in libera professione intramuraria, l’utente può: z

800.911818 (numero verde) Fax 0823.232500

e-mail: urp@ospedale.caserta.it

1 L’utente è invitato a rispettare l’appuntamento fissato per la prestazione ambulatoriale. Diversamente, è pregato di disdire la prenotazione in tempo utile, per consentire l’accesso a un altro utente.

8

CENTRO UNICO DI PRENOTAZIONE

z

versare l’onorario allo specialista, che emette fattura sul bollettario aziendale.

UFFICIO STAMPA Tel. 0823.232704 Fax. 0823.232725 e-mail: segreteriaufficiostampa@ ospedalecaserta.it ufficiostampa@ospedalecaserta.it

Registrazione Tribunale di Santa Maria Capua Vetere n° 731 del 20 maggio 2009 Anno V - Numero 3 - luglio 2012 Direttore Responsabile Michele Izzo Direttore Editoriale Francesco Bottino Condirettore Editoriale Michele Izzo Comitato di Redazione Massimo Barresi Raffaella Bizzarro Giuliana Buompane Anna Caccavale Nicoletta Caparco Annamaria Fizzotti Loredana Guida Maria Luisa Piscitelli Ilaria Riefoli Nunzia Russo Marisa Vitale Redazione Via F. Palasciano - 81100 Caserta Stampa Grafica Nappa - Aversa Realizzazione

Tel. 328.30.90.442 e-mail: guidalor@gmail.com web www.guidaediting.it


Periodico Caserta News