Page 1

Il

PICCOLO giornale del

CREMASCO

VENERDI’ 5 DICEMBRE 2008 • Supplemento settimanale al n° 47 de "Il Piccolo Giornale"

€ 0,02 Copia Omaggio

Direzione e redazione: Piazza Premoli, 7 - Crema • Tel. 0373 83.041 • Fax 0373 83.041 • E-mail: cremasco@cuticomunicazione.it Pubblicità: Immagina srl - Via S. Bernardo, 37 - Cremona • Tel. 0372 45.39.67 - 43.54.74 • Fax 0372 59.78.60 • Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96-Cremona

CREMA, ASSENTEISMO DIMEZZATO

La cura Brunetta, dunque, si è fatta sentire anche nella nostra città. Al comune c'è stato un forte calo del 48,8%. All'ospedale addirittura del 50%. Il responsabile del personale in municipio, Flavio Pajero, e Luigi Ablondi, direttore generale dell'azienda ospedaliera, spiegano perché si sono ridotte le assenze.

Nicola, dramma della solitudine

L

a notizia ci ha fatto rabbrividire. Il ritrovamento in settimana, nella nostra città, del cadavere di Nicola: poco più che cinquantenne, morto da almeno quattro mesi, a detta del medico legale, ma con ogni probabilità molti di più. La storia di Nicola è una vicenda triste, ma non rara: un matrimonio finito male, un bambino di 10 anni riabbracciato ogni tanto, sentito l’ultima volta, si legge, nel settembre 2007. A quel mese risalgono gli ultimi ricordi di chi lo conosceva. Poi il silenzio. Poi il vuoto. E’ una storia triste, un dramma della solitudine, che vorremmo cancellare subito, come si fa con un pensiero brutto o un’immagine sgradevole. Vorremmo dimenticare in fretta perché è una storia che in qualche modo offende il nostro perbenismo, il moralismo di tutti noi, quel nostro ritenerci sempre superiori e, in qualche modo, migliori degli altri. Quando succede in altre città, c’è almeno l’alibi della distanza a placare le nostre coscienze e rassicurarci: da noi queste cose non capitano, la nostra è una città a misura d’uomo, qui ci si conosce tutti, almeno di vista… Invece il corpo senza vita

di Nicola giaceva a poche centinaia di metri dalle nostre porte blindate, dalle gioiose feste di compleanno dei nostri figli, dalle tavole imbandite a festa di tante nostre domeniche, dal calore sicuro e confortante delle mura domestiche di ciascuno di noi. Nicola, uomo della porta accanto: nessuno si è accorto della sua assenza, nessuno si è interrogato sul suo conto, nessuno ha alzato la voce per denunciarne la scomparsa; anche coloro che hanno tentato di mettersi in contatto con lui, lo hanno fatto timidamente, forse più spinti dal dovere che per un effettivo interessamento. Anche il finale della storia ci lascia sgomenti e inquieti: il rinvenimento del cadavere di Nicola è avvenuto solo per l’azione di un ufficiale giudiziario, che doveva notificargli lo sfratto e ha fatto forzare la porta del suo bilocale, credendo che egli semplicemente si rendesse irreperibile per non ricevere l’ordine di sgombero. Oltre al danno, la beffa! Inutile negarlo, questa morte ci chiama tutti in causa, istituzioni e cittadini comuni: mette in discussione il nostro modo di vivere, sempre più avvitato su noi stessi e sempre più contraddistinto dalla fretta, dall’indifferenza, dal sospetto. Ma quanti sono i Nicola fra noi? Stefania Bonaldi

Sindaco, adesso devi dimostrare che ci sei

L CARITAS CONTRO LA SOCIAL CARD «I poveri non ne hanno bisogno» dice don Francesco Gipponi, responsabile della Caritas di Crema. «Lo Stato non è e non deve essere un ente di assistenza». Di parere opposto Maurizio Borghetti, assessore ai Servizi sociali: «Il governo deve fronteggiare una situazione che è davvero disastrosa».

a notizia: l'Ordine degli archietti, venerdì si riunirà nel comune di Casaletto Ceredano perché, per utilizzare la Sala degli Ostaggi di Crema, gli erano stati chiesti 60 euro. Incredibile. Gli architetti della provincia di Cremona, non un pincopallo qualsiasi, volevano solo un incontro con il sindaco, Bruno Bruttomesso, e con gli assessori per conoscerli, conoscersi e confrontarsi sui temi urbanistici della città. Come era già successo a Torre de' Picenardi e a Soncino qualche tempo fa. Un'iniziativa, in giro per il Cremonese, per approfondire le questioni che stanno a cuore all'Ordine e, naturalmente, ai comuni interessati. Il nostro sindaco, prima ha risposto che doveva riferire alla giunta, poi è arrivata la risposta: per utilizzare la sala del consiglio comunale, l'Ordine degli architetti, che dipende dal ministero di Grazie e Giustizia, doveva versare l'obolo di 60 euro. Non si fa così. Dispiace scrivere queste notizie che non rendono onore alla nostra città. E poi pensiamo che un sindaco debba avere l'autorità di sentire tutti. Senza chiedere il permesso a nessuno. Bruno, batti 'sto colpo.

Sulla rivoluzione agli «Stalloni», le forti preoccupazioni del dottor Sandro Zambelli. L'intervista - A pag. 7


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

CREMASCO Venerdì 5 Dicembre 2008

3

Dal Ministero le lettere ai cremaschi bisognosi. Caf, valanga di richieste. A confronto Borghetti e don Gipponi

Social card, Caritas: «E' vergognoso»

L

di Roberto Bettinelli

a social card, la carta acquisti ideata dal ministro Giulio Tremonti per aiutare le fasce meno abbienti, continua a far discutere. A Crema finora non è stato possibile sapere quante sono le lettere spedite dal Ministero ai cittadini che rientrano nei parametri indicati per avere la social card. Tremonti ha dichiarato che su scala nazionale il provvedimento riguarda un milione e 300mila italiani. Sta di fatto che le lettere

stanno arrivando proprio in questi giorni. I Caf sono già stati sommersi dalle domande. Un fenomeno che ha interessato anche l'Inps e le Poste Italiane. Ma sentiamo quali reazioni ha sollevato in città la tanto contestata carta degli acquisti. L'assessore ai Servizi Sociali Maurizio Borghetti ammette i pro e i contro e invita a una valutazione più ampia, legata al contesto internazionale della crisi e soprattutto alla maggiore debolezza italiana a causa del debito pubblico. «Chi rientra nei parametri

decisi dal Ministero riceverà subito 120 euro per i mesi di dicembre, novembre e ottobre» spiega Borghetti. «Non è poco. Ma è una soluzione tampone. Quando la social card andrà a regime, la cifra sarà di 40 euro al mese. Il governo deve fronteggiare una situazione economica disastrosa. Abbiamo il debito pubblico più alto del mondo. Ora, so che chi è in difficoltà pensa alla propria situazione e non a quella di tutto il Paese. E so che i soldi in famiglia non bastano mai. Non bastano a chi vive in un relativo benessere, figuriamoci per chi ha un reddito così basso e

La Social Card

A chi è rivolta, come funziona e dove si ritira

La social card viene concessa agli anziani over 65 anni o a bambini di età inferiore ai 3 anni (in questo caso il titolare della carta è il genitore) che siano in possesso di particolari requisiti. Per gli over 65 è necessario essere italiani o residenti in Italia e regolarmente iscritti all'anagrafe, essere un soggetto la cui imposta netta ai fini Irpef risulti pari a zero nell'anno di imposta antecedente al momento della richiesta della social card, o nel secondo anno di imposta antecedente al momento della richiesta della card. Indispensabile avere trattamenti pensionistici o assistenziali che, cumulati ai relativi redditi propri, siano di importo inferiore a 6mila euro l'anno o di importo inferiore a 8mila euro l'anno, se di età pari o superiore a 70 anni. Per i bambini di età inferiore a 3 anni, è necessario un Indicatore della situazione economica equivalente, in corso di validità, inferiore a 6mila euro. Per le domande fatte prima del 31 dicembre, la social card sarà inizialmente caricata dal ministero dell'Economia con 120 euro, relativi ai mesi di ottobre, novembre e dicembre 2008. Successivamente, nel corso del 2009, la Carta

Per la Vostra pubblicità su Il Piccolo Giornale del

CREMASCO Supplemento settimanale de "Il Piccolo Giornale"

sarà caricata ogni due mesi con 80 euro (40 euro al mese), sulla base degli stanziamenti via via disponibili. Con la Carta si potranno anche avere sconti nei negozi convenzionati che sostengono il programma Carta Acquisti, si potrà accedere direttamente alla tariffa elettrica agevolata e si potranno ottenere altri benefici e agevolazioni in corso di studio. La social card, che avrà una prima fase di sperimentazione prima di entrare a regime definitivamente, tiene conto delle esperienze che sono state fatte in altri Paesi: in particolare si è tenuto conto dell'esperienza britannica e di quella olandese. L'operazione avrà una fase di adattamento, ha spiegato il ministro Tremonti. Al servizio di questa operazione sono le Poste, l'Inps, i Caf e anche altri operatori che operano nella dimensione sociale (comunità come la Caritas e il Sant'Egidio, che gestiscono mense). Gli uffici postali a Crema dove ritirare la social card e inoltrare le richieste per chi non è stato contattato direttamente si trovano in piazza Madeo 3, via Brescia 48/50, via Rossi Martini 14.

CO

AS M E R C OLO

PICC

le del

giorna

Amministrazione e diffusione Via S. Bernardo 37/A - 26100 Cremona Tel. 0372 43.54.74 - Fax 0372 59.78.60

0372.43.54.74 Autorizz. del Tribunale di Cremona n° 357 del 16/05/2000

Direttore responsabile: Sergio Cuti cremasco@cuticomunicazione.it

Direzione e redazione Piazza Premoli, 7 - 26013 Crema Tel. 0373 83.041 - Fax 0373 83.041

Pubblicazione associata all’Uspi (Unione Stampa Periodica Italiana)

Direttore Editoriale: Daniele Tamburini promedia@fastpiu.it

Pubblicità Tel. 0372 43.54.74 Fax 0372 59.78.60 www.immaginapubblicita.it

Progetto Grafico: Gianluca Galli

Società editrice: Promedia Società Cooperativa Via del Sale, 19 - Cremona

Stampa: SEL - Società Editrice Lombarda 26100 Cremona

Numero chiuso in tipografia: Giovedì 4 Dicembre ore 16,00

non riesce ad arrivare a fine mese. Ma è ingiusto attaccare il governo che sta facendo il possibile. Un conto è avere la responsabilità reale del Paese e dei conti pubblici e un conto è stare all’opposizione dove si può dire quello che si vuole». Le maggiori riserve Borghetti le manifesta sulla “forma” della social card, una specie di tessera del povero. «Almeno è stata usata l’accortezza dell’anonimato. La persona la riceve a casa e funziona come una tessera prepagata. E’ lo Stato ad assumersi la responsabilità di ricaricarla e il cittadino non deve esporsi in prima persona solo al momento dell'acquisto». Molto duro è invece don Francesco Gipponi, responsabile della Caritas a Crema. «E’ vergognoso. Fermiamoci a riflettere sulla natura della social card». «Lo Stato ha rinunciato a fare un’iniziativa di tipo strutturale, la sola che compete davvero a un governo nazionale, per mettere in campo un intervento una tantum. I poveri non hanno bisogno di questo. Tanto più che è stato calcolato sul modulo Isee che a mio avviso non riflette in modo onesto la situazione d'indigenza delle persone. E’ il concetto che è sbagliato: lo Stato non è e non deve essere un ente di assistenza. Chi governa dovrebbe occuparsi di altro».

La Caritas Crema ufficializzerà oggi con un comunicato alla stampa la posizione verso il provvedimento che ha stabilito l'introduzione della carta acquisti. Le critiche di don Gipponi vanno nella stessa direzione di quelle già espresse da Francesco Marsico, vice direttore di Caritas Italia. «Una misura emergenziale, non una grande misura» spiega Marsico, «e, dal momento che si utilizza il reddito Isee, le persone in una situazione di disagio estremo non potranno entrare nella platea dei beneficiari. Quaranta euro al mese non tirano fuori le persone dalla povertà, ma sono una ciambella di salvataggio che non puo' essere fatta passare per grande misura». In secondo luogo, per Marsico, non è accettabile che «si prevedano forme di finanziamento come se i diritti sociali fossero un elemento aggiuntivo e solo per alcune categorie». Nel frattempo presso gli uffici competenti, come i Caf, fioccano le richieste dei cittadini che vogliono conoscere la loro situazione rispetto ai criteri usati per dare o meno la carta degli acquisti. «Arrivano almeno 20 telefonate ogni mattina» spiega Laura Pozzali, responsabile

del Caf Acli di Crema. «C’è molto interesse, le lettere del Ministero stanno arrivando e i cittadini si rivolgono a noi per avere informazioni e per compilare il modulo Isee». Sull’utilità o meno del prov-

L'assessore Maurizio Borghetti

vedimento, la Pozzali non si espone, ma di certo, il suo ruolo, la mette a contatto con la situazione di difficoltà che molte persone stanno vivendo oggi: «La crisi si sente, si lamentano in tanti». L'Acli ha riscontrato però che finora solo un quinto delle richieste permettono di avere accesso alla social card. Rispetto agli anziani e alle altre persone che si presentano agli sportelli, infatti, è questa la percentuale di chi alla fine può davvero accedere al servizio di assistenza messo a disposizione dal governo Berlusconi.


4

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco

Colletta Alimentare, raccolti più di 37mila chili Venerdì 5 Dicembre 2008

Donazioni record all'Ipercoop e alla Girandola. Don Inzoli: «E' un segno di speranza» COLLETTA 2008

1

PUNTI VENDITA 2008

CONAD Agnadello

CONFRONTO

Kg2007 Kg2008 391

%

99

34%

-27

-4%

2

La Girandola Bagnolo Cremasco

2817

110

4

Pellicano Castelleone Dordoni

488

-304

-38%

3 5

Punto SMA Castelleone Ferravilla Ipercoop Crema La pira

651

7663

602

4%

9%

6

Sma Crema Macello

1900

-437

-19%

8

LD MKT Crema Bandiera

413

-54

-12%

10

Penny Mkt Crema Capernianica

831

-169

-17%

12

FAMILA Crema Indipendenza

1697

-268

-14%

7

9

11

13 14 15

16

17

18

19

20

LIDL Crema Crespi

LD Mkt Crema Palimieri

929

712

Standa Crema Repubblica

1714

CONAD Offanengo Circ. SUD

930

SMA Offanengo

LD Mkt Offanengo Circ. Sud SMA Ombriano

LD Mkt Pandino Negri

396 694

574

-80

-12%

836

-118

-12%

600

-164

-21%

61

6%

UNES Rivolta d'Adda DaVinci

1362

SMA Spino D'Adda

875

DI MEGLIO Castiglione d'Adda (LO)

25

Zerbi Mkt castelleone

1048

Family Mkt Crema S.Carlo

400

27

Family Mkt Crema Ombriano

28

Punto Sma Crema

30

U2 Soresina

29

670

398

369

230 -99 1

-92

37%

36%

-13% 0%

-19%

-38%

812

29

4%

31

GS Rivolta D'Adda

538

33

Famila Soncino

1640

694

-89

-8%

ni. Chi desidera continuare ad aiutare il Banco Alimentare può telefonare allo 02.89.658.450 o visitare il sito www.bancoalimentare.it.

Nuovo sportello Linea Più

-1%

-132

1015

Punto Sma Paullo

-20

0%

216

Family Mkt Soresina

32

0

Italia, si occupano di assistenza e di aiuto ai poveri e agli emarginati. Si pone al servizio delle aziende, che abbiano problemi di stock, e delle associazio-

-21%

-8%

23

26

-106

Volontari durante la giornata della colletta alimentare

-25%

-89

1832

Family Mkt Castelleone

-318

Crema e nel Cremasco sono stati raccolti in 33 punti vendita 37.203 chili di prodotti alimentari con un incremento rispetto all'anno scorso del 3%. Ma durante la dodicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, svoltasi il 29 novembre negli oltre 7.500

risposta del popolo è stata più grande della paura e della crisi. I numeri, in crescita anche in questa edizione, sono un segno di speranza: il cuore degli italiani e la gratuita capacità di condividere il bisogno degli altri hanno compiuto un vero e proprio miracolo. In un momento in cui si parla di calo dei consumi, la Colletta Alimentare è andata in controtendenza. Un grazie va agli oltre 100.000mila vo-

-27%

988

479

Coop Soncino

24

-636

-4%

-15%

21

22

-30

7%

-119

Famila Pandino Tommasone

LD Mkt Rivolta d'adda Marx

62

A

di Chiara Dossena

supermercati e ipermercati, sono state donate 8.970 tonnellate di prodotti alimentari, per un valore economico stimato di oltre 27.000.000 di euro. Monsignor Mauro Inzoli, presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus ha dichiarato: «Nei supermercati dove sabato si è svolta la Colletta Alimentare la vera protagonista è stata la carità. La

lontari, tra cui molti giovani e pensionati che hanno reso possibile la Colletta, e al commovente apporto di oltre 5 milioni di persone, che nonostante il momento di difficoltà hanno comunque voluto donare parte della propria spesa». La Fondazione Banco Alimentare Onlus raccoglie le eccedenze alimentari e le ridistribuisce a enti e iniziative che, in

Dall'1 dicembre 2008 è attivo il nuovo sportello clienti Linea Più per il gas e SCS per l’acqua. Si è infatti trasferito dalla vecchia sede di via Terni 14, nella nuova di via Stazione 9/L in spazi nuovi più efficienti e accoglienti. La scelta della nuova sede è stata fatta per garantire un servizio sempre vicino al centro storico, ma in più con la garanzia di facile accesso anche ai portatori di handicap essendo collocato a piano terra, e molto comodo per i clienti per un’ampia disponibilità di parcheggio interno non a pagamento. Lo sportello garantisce i servizi di erogazione acqua potabile (SCS gestioni) e vendita gas metano ed energie elettrica (Linea Più). In questo modo e con questa scelta l’organizzazione dei servizi pubblici si rende ancor più disponibile nei confronti dei cittadini di Crema, come hanno testimoniato le autorità presenti alla inaugurazione: Bruno Bruttomesso, sindaco di Crema, Giuseppe Tiranti presidente di LGH, Fabrizio Scuri amministratore delegato di LG e Bruno Garatti presidente di SCS gestioni.


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

5

Cura Brunetta, assenteismo dimezzato I dati riguardano i dipendenti comunali nel mese di ottobre. Calo record: - 48.8%

C

di Tiziano Guerini

ome se la cavano i dipendenti pubblici cremaschi dopo il decreto Brunetta? Il comune di Crema ha un numero di dipendenti attualmente di 224 unità. Detto questo, vediamo alcuni dati, facendo un raffronto fra il 2007 e il 2008 in riferimento ai mesi da luglio a ottobre, che sono stati quelli in cui, a livello nazionale, gli uffici della pubblica amministrazione sembrano aver accusato maggiormente l'effetto della «cura" Brunetta». In questo periodo la media di assenze (solo per malattia) nel 2007 era del 4,16%, nel 2008 è stata del 2,93 con un calo, quindi, abbastanza sensibile. Ancora più evidente è il calo dell’assenteismo se si raffrontano i singoli mesi, con l’eccezione del mese di luglio (il decreto del ministro Renato Brunetta era ancora troppo recente forse per avere un effetto) in cui la percentuale delle assenze - valore assoluto - è stata del più 25,2%

Abbiamo chiesto un commento di questi dati a Flavio Pajero dirigente responsabile del personale del Comune di Crema. «Contraria-

Renato Brunetta, ministro per la Pubblica Amministrazione

mente a quanto si poteva immaginare, la sensazione è che il decreto Brunetta abbia influito sull’assenteismo, anche se questi primi dati attendono una conferma nel tempo per essere veramen-

Il palazzo comunale

rispetto allo stesso mese del 2007. Per gli altri mesi, invece, la differenza è sempre stata marcatamente a favore della riduzione dell’assenteismo: meno 26,2% in agosto; meno 14,8% in settembre; e un vistoso meno 48,8% in ottobre.

stro comune: per esempio, già venivano tolte le cosidette indennità accessorie, così come la visita fiscale poteva essere fatta fin dal

te significativi». Ma se il decreto funziona, quali sono state le norme che hanno fatto la differenza? «Difficile dirlo, perché alcuni fattori presi in considerazione del decreto Brunetta, erano già in atto nel no-

primo giorno dal momento che il dipendente in caso di assenza per malattia era tenuto a darne tempestiva comunicazione. Forse si è trattato “dell’effetto annuncio”, di un giro di vite contro gli assenteisti, senza che nessuno sapesse poi bene di che cosa si trattasse veramente». Nel comune di Crema qual è il tasso di assenteismo? «Non è mai stato alto essendosi sempre assestato attorno al 3% o 3,5% mensile sul totale dei dipendenti; certo fa specie il calo di circa il 50% dell’assenteismo nel mese di ottobre 2008 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente: è un dato che probabilmente dipende anche da circostanze diverse, magari eccezionali, per il dato veramente alto e del tutto atipico di assenteismo di ottobre 2007 calcolato del 7,18%. Sicuramente continueremo a monitorare questi dati anche per i prossimi mesi con un occhio più attento per vedere se il trend in calo verrà confermato, o se invece si sarà trattato solo di un effetto-annuncio momentaneo».

un decreto che fa discutere Con la nascita, la scorsa primavera, del nuovo governo di centrodestra, fra le diverse novità c’è stato l’annuncio del ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, che dichiarava guerra all’assenteismo dei dipendenti pubblici. L’annuncio ha colpito molto l’opinione pubblica che su questo tema è sempre stata sensibile, avendo direttamente spesso constatato lungaggini e anomalie nella burocrazia statale e locale. Quanto poi questo dipenda da funzionari e addetti e quanto invece dal “sistema” è difficile stabilire. Sta di fatto che il ministro Brunetta con questo annuncio ha smosso le acque del settore pubblico, secondo il vecchio principio «non c’è bisogno di usare il bastone, basta farlo vedere!» Almeno per un po' di tempo, perché nel tempo lungo le sole minacce non bastano più. Il “decreto Brunetta” ha soprattutto

introdotto, dove già non erano in vigore, due norme: la non erogazione delle indennità accessorie ai dipendenti anche per assenze brevi; l’aumento delle «fasce di reperibilità» per i dipendenti in malattia. Nei casi più gravi non si escludenemmeno il licenziamento (fatte salve le decisioni finali delle azioni legali). Tutto questo pare abbia influito notevolmente sulla diminuzione dell’assenteismo; almeno così dicono le statistiche generali, che però, come è noto, dipendono molto da come sono costruite, e soprattutto da come sono ottenute. Da parte nostra abbiamo voluto vedere bene le statistiche locali in riferimento all’Azienda ospedaliera ed agli uffici del comune di Crema: due strutture particolarmente significative nel panorama locale sia per la importante funzione che svolgono, sia per il numero di addetti coinvolti.

Ospedale: - 50%. Ablondi: «Ci sono però tante variabili»

Per quanto riguarda l’Azienda ospedaliera di Crema, pare che l'assenteismo sia nettamente diminuito. Per la precisione, i dati sono stati effettuati su 1.280 dipendenti (1.300 sono gli attuali dipendenti presso l’ospedale Maggiore di Crema) tra agosto ed ottobre 2008. I dati dicono che il 53,8% in meno dei dipendenti si è messo in malattia, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (agosto-ottobre 2007). Tra i numerosi giorni d’assenza effettuati nel 2007, certamente vi saranno molte malattie reali, ma presumibilmente altrettanti malanni non veri. A tal proposito, abbiamo sentito Luigi Ablondi, direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Crema, per sapere cosa ne pensa della netta diminuzione dei giorni di assenza. «Credo che i dati siano in linea con quanto si sta verificando in qualsiasi altro pubblico impiego. Anche se credo che i dati siano soggetti a diverse variabili. Il 53, 8% in meno è un dato approssimativo e non tiene conto delle diverse problemati-

che legate alla malattia. L’Ospedale di Crema ha 1.300 dipendenti, molti dei quali hanno anche gravi problemi di salute. Con queste persone, il confine è molto labile. Come si può non dare giorni di ferie a chi ha una malattia croni-

all’opera, va comunque pagato. E non si può nemmeno sperare che il ritorno al lavoro di tanti finti malati comporti una crescita proporzionale della produttività della macchina amministrativa. Ma recuperare almeno

L'ospedale Maggiore di Crema

ca? Allora, in certi casi, si va sulla fiducia». L’effetto Brunetta intanto si vede e come, per quel che riguarda i dipendenti dell’ospedale. Come ribadisce Brunetta, ovviamente, la riduzione dell’assenteismo non comporta in sé maggiori risparmi, perché il “fannullone”, tornato

un terzo dei 35 milioni di giornate di lavoro servirebbe a rendere ancora più severo il blocco del turnover, a beneficio dei conti pubblici. Si colloca proprio qui la misura “emergenziale” varata dal ministro, che, a quanto pare, criticata e non, comincia a dare i suoi frutti.


6

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

Un ospedale che sarà leader in Lombardia Cure all'avanguardia contro ictus e infarto. Ecco il piano, ambizioso, di Luigi Ablondi

U

n ospedale che vuole diventare leader in tutta la Lombardia. ll nuovo piano di organizzazione aziendale approvato dalla Regione vede delle straordinarie novità per quanto riguarda l’ospedale Maggiore di Crema. A parlarne è Luigi Ablondi, direttore generale dell’Azienda ospedaliera, a capo del Maggiore dal gennaio scorso: «Sono convinto che grazie ai progetti che diventeranno operativi a breve e all’introduzione di alcuni importanti cambiamenti, l’ospedale abbia fatto dei significativi passi avanti». Quali sono le maggiori novità del piano operativo? «Sono molte. La più importante certamente l’approvazione del nuovo dipartimento Cardiocerebrovascolare, a capo del quale sarà il dottor Giuseppe Inama. Importante perché praticamente riunisce in sé le competenze di 3 unità: neurologia, chirugia vascolare e cardiologia. Nascerà una Stroke Unit in grado di assistere i pazienti colpiti da ictus ischemico che ora si trovano nel reparto di neurologia. In questo modo la patologia possa essere specificatamente curata e il paziente avere un’assistenza migliore. L’abbiamo ritenuta una manovra necessaria, anche se i soggetti affetti da ictus ischemico risultano esser il 5% dei malati. Ma spesso, troppo spesso, chi a casa subi-

sce un ictus viene trasferito a Brescia, Cremona o Bergamo. In questo modo, noi siamo in grado di prestare un servizio in più, di conseguenza di intervenire celermente sul malato locale. La Stroke Unit prevede inoltre dei collegamenti telematici con gli ospedali di Cremona e Bergamo che sono dotati di un reparto di neurochirurgia.

quel che riguarda il Santa Marta già in primavera 2009 potrebbe essere operativa, dopo qualche piccolo lavoro di ristrutturazione».Anche la Medicina Generale aspetta dei cambiamenti? «La medicina si è conquistata l’approvazione per l’unità di Oncologia Medica. Sarà un reparto specifico per i malati di tumore che allo

Luigi Ablondi, direttore generale dell'Azienda ospedaliera

Così il malato colpito da ictus ischemico verrebbe visitato a Crema, gli esami digitalizzati, inviati agli ospedali con la neurochirurgia e solo successivamente, se ritenuto necessario, trasferiti per un eventuale intervento. Di certo la Cerdiocerrebrovascolare non sarà l’unica novità. Un altro importante passo avanti riguarderà Il dipartimento di Riabilitazione di Rivolta d’Adda che acquisterà l’unità di Riabilitazione NeuroMotoria, insieme alle già esistenti respiratoria, cardiologica e alcologica. Per

stato attuale si trovano distribuiti nei vari reparti della Medicina. Il fatto di crearne uno apposito significa concentrare le risorse e correre in una stessa direzione. I tempi e l’efficienza dei servizi vengono di gran lunga migliorati, agendo in questo modo. Un po’ tutta la filosofia degli interventi del POA ragiona così». Altre novità in questo senso? «Un'altra importante novità è la creazione dell’unità operativa semplice di Psicologia. Un servizio di psicolo-

Fiorini, primario di medicina ha sostituito Bobbio Pallavicini

Ingresso del nuovo primario di medicina interna, Gianfrancesco Fiorini. Operativo già da qualche settimana, Fiorini si trova a sostituire il dottor Bobbio Pallavicini, che ha raggiunto i limiti di età ma che resterà all’interno dell’Ospedale come consulente. Fiorini, classe 1953, era immunologo al Niguarda ed ha avuto importanti esperienze a Londra. Ricopre il ruolo di direttore dell’Unità dal 1° dicembre. L’unità di Medicina generale è uno dei rami

dell’azienda ospedaliera che richiede il massimo sforzo organizzativo, di collegamento, di collaborazione dato che i pazienti sono generalmente tutti coloro che non hanno ancora una diagnosi, e anche gli anziani, spesso con quadri clinici complessi e fragili. Uno dei neodipartimenti previsto dal Piano Organizzativo Aziendale sarà proprio quello di Medicina Generale, a cui verrà creata l’oncologia medica, strettamente interessata alla cura dei tumori.

gia clinica che, di fatto, avrà un capo psicologo di riferimento che utilizzerà le varie risorse umane e andrà a distribuirle là dove ritiene sia maggiormente necessario, in qualsiasi reparto». Quali sono allora i dipartimenti che restano praticamente identici? «La Chirurgia, l’Ostetriciaginecologia e il Presidio. In realtà i numeri di dipartimenti e unità semplici non verrà sconvolto più di tanto. E’ un discorso complesso. Verranno piuttosto create delle unità più specifiche all’interno di divisioni che già esistono. I dipartimenti saranno 10 (Presidio, Medicina, Chirurgia, Emergenza, Cardiocerebrovascolare, Materno Infantile, Riabilitazione, Diagnostica clinica, Salute Mentale, Amministrativo) e le strutture semplici 8 (Cure palliative, Day service, Chirurgia toracica, chirurgia, multidisciplinare, riabilitazione alcologica, rieducazione funzionale, psicologia clinica, neuropsichiatria infantile)». Quanto è stato investito per tutto questo? «Gli investimenti sono dell’ordine di 20 milioni di euro. Nuovi apparecchi per la risonanza (di fatto 3 volte più sensibili rispetto al precedente apparecchio e di fatto utilizzabili per tutti gli organi); digitalizzazione di diversi apparecchi collegati tra loro, per fare in modo che anche in ospedale i tempi di comunicazione tra un reparto e l’altro siano rapidi; 2 ecografi molto più potenti destinati ai reparti di Cardiologia ed Ostetricia-Ginecologia; apparecchi laser per i calcoli e centralizzazione dell’elettrocardiogramma. Questi investimenti, già avvenuti, hanno fatto calcolare il risparmio, oltre che di tempo, anche di materiale per il 50% rispetto al passato. Ciò significa che in 4/5 anni l’investimento iniziale verrà ripagato». Cosa dice delle modifiche imminenti? «Mi posso ritenere assolutamente soddisfatto. In un anno di lavoro credo di aver raggiunto buoni risultati, grazie anche all’équipe che lavora con me. Spero di poter continuare in questo modo».

In Breve

arrivano le quote rosa La Consulta delle pari opportunità, nella sua componente «Donne e politica», ha incontrato lunedì 1 dicembre la commissione per proporre un documento nel quale si invita la Commissione statuto e regolamenti, presieduta da Martino Boschiroli, a prendere in considerazione le quote rosa. Le donne che allora lo proposero ricordano l’impegno preso dai candidati in campagna elettorale, per garantire con gli adeguati strumenti la fattiva rappresentativa femminile all’interno delle istituzioni. Ora, secondo la consulta, preso atto anche di ulteriori impegni sottoscritti dall’amministrazione retta da Bruno Bruttomesso, vorrebbe concretizzare le promesse fatte. La coordinatrice della consulta, Fiammetta Baglivo, è stata accompagnata da Uliana Garoli, consigliere di Parità della provincia di Cremona.

nuova sala prove per panigada Dopo dieci anni dalla scomparsa del grande Feiez, Paolo Panigada, componente di Elio e le Storie Tese, la sala prove allo stesso dedicata è stata ufficialmente inaugurata sabato 29 novembre. Silvia Panigada, sorella di Paolo e presidente dell’associazione che in questi anni ha tenuto alta l’attenzione sulla sala prove per le giovani band (e non solo), non ha trattenuto la commozione nel ringraziare tutti coloro che hanno creduto in questo progetto. Tra questi l’amministrazione comunale di oggi e quella precedente. Crema da sabato ha una sala prove pubblica! All’inaugurazione erano presenti l'ex sindaco Claudio Ceravolo, gli assessori Laura Zanibelli, Mia Miglioli, Simone Beretta e il presidente del consiglio comunale Antonio Agazzi. La sala prove non è ancora completa, per ora è allestito il piano terra. Ma ben presto sarà operativa. Mamma Elda ha tagliato il nastro, tra la commozione generale.

un natale migliore con i pantelù Lo slogan dei Pantelù riassume perfettamente le iniziative del gruppo per il Natale 2008 che vede anche la collaborazione dell’amministrazione comunale. Il Comune, infatti, ci ha messo del suo e in questo modo è nato il patto dell’albero: alto sette metri, in posizione centrale alla piazza, con un piedistallo fisso che resterà negli anni futuri. I Pantelù promuoveranno le loro iniziative e raccoglieranno fondi a favore di un’associazione. Quest’anno la Mirea di Crema, che si occupa in particolare di dislessia e problemi dell'apprendimento. Le iniziative del gruppo, capitanato da Renato Stanghellini e per molti aspetti curato da Chiara Mondanì, sono cominciate lunedì 1° dicembre e si andrà avanti fino al 6 gennaio. Il 6-7-8 dicembre la consegna dei pacchi di Natale; il 12 dicembre, vigilia di Santa Lucia, zampognari in città, visita agli asili, al reparto di pediatria dell'ospedale con il dono di giocattoli per la nursery, e infine la grande cena al ristorante «Il Mezzo» con i ragazzi diversamente abili; il 14 dicembre pranzo e tombolata con gli anziani;il 20 dicembre i pacchi alimentari nelle case famiglia; dal 21 dicembre la mitica Fiorellina girerà per il centro con Babbo Natale per regalare caramelle ai bambini; alla vigilia, una delle visite più toccanti, che i Pantelù suggeriscono sempre di vedere: doni e sorrisi alla casa di riposo di Crema; il 25 dicembre, in collaborazione con l’Abio, Babbo Natale farà visita in ospedale a tutti i bambini ricoverati.


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

7

Stalloni, Zambelli: «Siamo preoccupati» Il presidente del Centro di Ippoterapia chiede spiegazioni sul futuro dell'area

I

di Tiziano Guerini

struzione di un albergo e quant’altro, come potrà conciliarsi tutto questo cantiere aperto con la continuità dell’azione dell’Ippoterapia? Chiudere l’attività per qualche mese, forse per anni, sarebbe cosa tragica, forse esiziale per lo stesso mantenimento dell’azione assistenziale del volontariato che vi opera. Abbiamo sentito al riguardo il dottor

l Centro di Incremento Ippico di Crema – per i cremaschi “gli Stalloni” – è al centro dell’attenzione degli enti pubblici locali – Provincia e Comune di Crema anzitutto – per la decisione formalizzata, sia pure nelle sue linee generali, dalla regione Lombardia – proprietaria del Centro - di mettere a reddito l’area posta nel centro storico di Crema, magari anche attraverso alienazione di parte della proprietà. E si sono sprecate le ipotesi: un parcheggio sotterraneo, una sede scolastica specializzata, un albergo… Anzi, qualcosa di più che semplici ipotesi dal momento che il Comune di Crema ha già messo in circolazione un planivolumetrico al riguardo. Fra i più preoccupati per queste voci, ci sono Sandro Zambelli, presidente del Centro i dirigenti e gli operatori Riablitazione Equestre del Centro di IppoteraSandro Zambelli, primario pia che ormai da molti anni in ospedale a Crema, e dal opera a favore della disabili1993 presidente del Centro tà all’interno degli “Stalloni”. di Riabilitazione equestre Qualche garanzia di conti«Setti Carraro Dalla Chiesa» nuità dell’azione del Centro che segue con passione e a favore dei disabili c’è stacompetenza. ta da parte della Regione, «Non nascondo» ci dice, che ne avrebbe garantito in «la mia preoccupazione per ogni caso la sopravvivenza. il futuro del Centro, anche Ma la preoccupazione è ora se la Regione fin dalla scorun’altra: se l'imponente prosa estate - informandomi getto andrà avanti, con pardella volontà di far cessare cheggio sotterraneo, co-

la presenza dell’Ersaf a Crema - mi aveva dato precise garanzie di voler mantenere in essere l’attività dell’Ippoterapia. Dopo queste rassicurazioni la stessa Azienda Sanitaria Provinciale si era dichiarata disponibile - nonostante una carenza legislativa al riguardo - a sostenerci in ogni modo la nostra azione a favore della disabilità: sostegno economico compreso per renderci autonomi soprattutto nell’ impegno al mantenimento dei nostri sei cavalli (attualmente in gestione all’Ersaf). Da allora purtroppo più nulla». Eppure qualche iniziativa ufficiale in questo periodo l’avete avuta… «Si è vero, ad una recente cerimonia per l’inaugurazione di una nostra nuova attività, abbiamo visto presenti i rappresentanti di Regione, Provincia e Comune: tutti ci hanno ripetuto le garanzie del caso. Ma siamo ugualmente preoccupati». Per quale motivo? «Ammesso anche un impegno preciso per la salvaguardia della nostra attività – cosa di cui non ho motivo di dubitare – penso a come sarebbe difficile se non impossibile una lunga convivenza dell’ ippoterapia con tutta una serie di grossi lavori in corso; ed anche dopo - qualsiasi cosa si voglia fare nell’area - non sarebbe automaticamente garantito il nostro lavoro». In che modo potreste

In Breve

Il piazzale Martiri di Nassiriya

Inaugurato domenica 30 novembre il piazzale Martiri di Nassiriya. Una decisione presa dalla giunta Bruttomesso per commemorare i caduti dell’attentato irakeno del 12 novembre 2003, quando in pieno peacekeeping in Irak un camion bomba fece strage di 12 carabinieri, 5 militari dell’esercito e 2 civili, impegnati in missione di pace in Irak e di altri 9 civili iracheni. Erano presenti molte autorità civili e militari alla cerimonia che si è svolta nel piazzale della “buca”. Da oggi in avanti si chiamerà Martiri di Nassiriya. Il sindaco Bruttomesso ha ricordato il coraggio e il sacrificio dei militari italiani, sacrificio per garantire la pace e la sicurezza dei popoli. Erano presenti tanti esponenti di tutte le parti politiche, impegnate a Crema e in provincia. La cerimonia è cominciata con l’inno di Mameli. Prima della scoperta dell’insegna stradale, la banda ha intonato il Silenzio. Poi il sindaco e il vicario del prefetto, Emilia Giordano, hanno fatto scendere il tricolore e scoperto la nuova intitolazione del piazzale. Erano presenti il capitano Antonio Savino, molti militari dell'Arma dei carabinieri e membri dell'Associazione nazionale dei carabinieri.

Borsa di studio Rotaract

Il 3 dicembre presso la Sala Direzione dell’Università Cattolica di Piacenza si è tenuta la consegna della borsa di studio istituita dal Rotaract per ricordare la prematura scomparsa di Girolamo Balestrieri, socio del Rotaract stesso e già studente della Facoltà di Agraria. Alla presenza del professor Giuseppe Bertoni, direttore dell’Istituto di Zootecnica della Facoltà di Agraria e del Direttore di Sede della Cattolica di PiacenzaCremona, Libero Ranelli, è sato premiato Lorenzo Stagnati, classe 1988, residente in provincia di Cremona e iscritto al secondo anno della laurea di primo livello in Scienze e Tecnologie Agrarie, che si è particolarmente distinto tra gli studenti della sua Facoltà.

ANPI ricorda i partigiani

Domenica 30 novembre ha avuto luogo la commemorazione per quattro martiri partigiani allo stadio Voltini: Ernesto Monfredini, Antonio Pedrazzini, Gaetano Paganini, Luigi Bestazza. Il ricordo del 29 novembre 1944 giorno della loro fucilazione deve essere per tutti noi un grande stimolo, un forte impegno per il raggiungimento più completo degli ideali fortissimamente voluti e conquistati con la Resistenza. Erano presenti il presidente ANPI Crema Paolo Balzari, il presidente ANPI castigliane d’Adda Giovanni Grioni, il professore Ettore Ongaro (dall’ANPI Provinciale di Lodi)

essere rassicurati? «Per ora in un modo solo: essere resi partecipi delle discussioni e delle scelte che Regione ed altri intendono compiere su quest’area. Se dobbiamo continuare a stare li – cosa per noi indispensabile – allora vogliamo partecipare ad altri le ragioni e le condizioni della nostra attività. Abbiamo avuto la precisa sensazione che ci sia un forte interesse nei confronti del nostro lavoro (90 ragazzi - 4 terapiste - la direttrice Carla Tolotti - una trentina di volontari…) - cosa che logicamente apprezziamo – di conseguenza vorremmo essere interpellati e possibilmente ascoltati almeno nelle nostre indispensabili condizioni minime di sopravvivenza».

In Breve

Lions, incontro su oncologia Giovedì 23 novembre, la dottoressa Giovanna Maria Gatti, dopo numerose specializzazioni ed esperienze, è oggi membro del Comitato Scientifico della Fondazione Umberto Veronesi ha fatto visita al Lions Club di Pandino. La serata dal titolo «Umanità nel guarire» ha visto l’intervento della dottoressa Gatti su diversi temi legati alle malattie oncologiche. Il continuo contatto con la sofferenza ed il dolore l’hanno portata a dare il massimo risalto agli aspetti umani. Proprio di questi ha parlato durante la serata con il Lions Club. La dottoressa Gatti, saputo dell’ impegno Lions con i “cani guida” non ha esitato alla generosa donazione dei libri dati durante la serata. «Ai malati di tumore piacerebbe sentirsi dire “guarirai”, ed al medico poterlo dire. Ma in oncologia non è possibile perché la malattia è caratterizzata dall’incertezza, per paziente e medico. Si è sperimentato che le condizioni a contorno possono agevolare o ostacolare la guarigione e gli atteggiamenti rispetto al male». Di queste cose ha discusso la dottoressa, della difficile situazione psicologica in cui si vengono a trovare i malati e dei possibili aiuti che si possono dar loro.


8

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

CREMASCO Venerdì 5 Dicembre 2008

Bravi, difensore civico, alle prese con il malumore dei residenti. Preoccupano i lavori per il teleriscaldamento

Viabilità: protesta di molti cittadini contro buche, rumore, smog e traffico

L

e polemiche sulla viabilità continuano. A confermarlo l’avvocato Giovanni Bravi, difensore civico per il Comune di Crema. «Abbiamo ricevuto circa 600 firme di protesta per il nuovo assetto viabilistico della città. A lamentarsi soprattutto i cittadini residenti nei quartieri interessati ai cambiamenti» dice Bravi. Nell’ultimo periodo, alle ormai vecchie polemiche sugli “isolati divenuti rotonde” di Crema, si sono aggiunti i disagi che il lavori del teleriscaldamento sta provocando: vie chiuse, cantieri aperti e code interminabili durante gli orari di punta. Abbiamo chiesto a Bravi di spiegare la situazione attuale dei cittadini cremaschi. Intorno a quale problema si concentrano le polemiche e come intende affrontarle? «Le principali critiche sono legate ai cosiddetti “isolatirotonda”. Mi riferisco alle zo-

problema per i residenti è quello dei rumori notturni. Entrambe le zone erano tranquille prima dei lavori. Ora molti cittadini si ritrovano a sentire il via vai di tir ed auto fino all’alba. E’ certamente una situazione complicata. Da una parte capisco le esigenze dei cittadini, dall’altra ho inteso la manovra dell’assessore Beretta. In molte città la soluzione degli “isolati-rotonda” è stata efficace. Forse a Crema però si potrebbe pensare ad altro. Io spesso mi sono rivolto all’assessore competente: le mie comunicazioni scritte non hanno ricevuto risposta. Le telefonate si sono concluse con il ribadire, da parte di Simone Beretta, che il suo agire trova l’approvazione del maggior numero dei cittadini cremaschi». Ha qualche idea alternativa per la viabilità in quelle zone da sostituire agli “iso-

L'incrocio tra via Cremona e via Cadorna, uno dei più contestati

ne di Via Cadorna-Cremona, di via Enrico Martini e di via Carlo Urbino. Sono soprattutto i residenti a lamentarsi. Spesso, in particolare negli orari in cui si concentra il traffico in uscita o in entrata, quindi la mattina presto e la sera al rientro dal lavoro, si formano delle code interminabili. I residenti si lamentano per la concentrazione di smog. Ho già chiesto di poter effettuare un accertamento tramite un apposito apparecchio ma non ho ancora ricevuto risposte. L’altro grande

lati-rotonda”? «Io faccio l’avvocato, non l’urbanista. Tuttavia, occupandomi spesso della questione viabilità, mi sono trovato a collaborare con gli assessori in carica. Una soluzione tecnica non sono in grado di suggerirla, di certo discutere insieme di alcune ipotesi potrebbe essere una via da percorrere. In passato diedi all’allora assessore alla viabilità Franco Bordo qualche consiglio: gli dissi di togliere alcuni semafori in città e di sostituirli con

L'ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI SIMONE BERETTA

«Capiamo i loro disagi ma il traffico in città è migliorato»

L'avvocato Giovanni Bravi

delle rotonde. La soluzione ha funzionato». Ci sono altri problemi? Cosa ne pensano i cittadini dei lavori del teleriscaldamento? «Anche questo è un temamolto sentito. Ma ogni volta che mi arriva una telefonata circa il teleriscaldamento tento di suggerire pazienza. Del resto i lavori sono cominciati, tanto vale aspettarne la conclusione e che la viabilità ritorni ad essere quella di prima. Certo, nell’ultimo periodo ho ricevuto diverse lamentele sulla chiusura di via Crispi, che collega i due assi principali del centro storico. Ma tutto sommato siamo in dirittura d’arrivo. Credo che problemi reali siano altri, per quanto riguarda il teleriscaldamento». A cosa si riferisce? «Le polemiche arrivate per la chiusura di via Crispi vengono risolte suggerendo pazienza. Putroppo ne giungono altre relative alle vie in cui i lavori del teleriscaldamento sono già conclusi. Ad esempio via Capergnanica. Mi risulta che ci siano troppe buche e viene spontaneo pensare che i lavori di asfaltatura non siano stati fatti nel migliore dei modi. Suggerirei all’amministrazione comunale di controllare bene l’operato della Fimet, la società a cui sono stati affidati i lavori. Buche e ghiaia di certo non aiutano la circolazione automobilistica, soprattutto in un periodo in cui neve ed acqua la fanno da padroni».

Lavvocato Giovanni Bravi ha riferito che sono state raccolte circa 600 firme di cittadini che contestano la viabilità della città. In particolare le proteste sembrano concentrarsi intorno agli “isolati-rotonda” (Zona via Cadorna- via Cremona; zona via E. Martini; zona via Adua- via C.Urbino). Abbiamo sentito l'assessore ai Lavori Pubblici Simone Beretta, fautore di gran parte dei cambiamenti che stanno sollevando le proteste dei cittadini. Cosa pensa delle firme e cosa risponde ai cittadini? «Le firme vengono tenute in debita considerazione. Le proteste stanno facendo parte delle verifiche oramai giunte a conclusione. Scelte, che a suo tempo, vennero proposte ed implementate per una più efficace mobilità e prioritaria messa in sicurezza di alcune delicate intersezioni e che oggi possiamo già confermare definitive per via Adua e via IV Novembre. Mentre per via Enrico Martini vi sarà un supplemento di sperimentazione per quanto, anche su quell’asse, il miglioramento dei flussi di traffico in entrate ed uscita dalla città è notevolmente migliorato». Il problema maggiore pare essere quello dell’inquinamento (per via delle colonne che si formano) e del rumore (per via del traffico notturno). Cosa risponde a queste specifiche critiche mosse dai cittadini residenti? «Sarebbe troppo semplice dire che prima di questi esperimenti qualcun altro doveva assorbirsi e sopportare un po’ di inquinamento in più. Ma la scelta non è avvenuta per questi motivi. Come già più volte richiamato, la scelta è avvenuta per migliorare il deflusso del traffico e la messa in sicurezza. E’ evidente che la modica della viabilità comporta una ridistribuzione dei disagi che andavano equamente ripartiti. In modo particolare, per chi risiedeva su via IV Novembre e senza avere modificato né il numero di parcheggi e tanto meno senza avere ripristinato il doppio senso di marcia su via Diaz». Il difensore civico ha chiesto un accertamento dell’inquinamento tramite un ‘apposito apparecchiatura. Pensa possa essere d’aiuto verificare il tasso di inquinamento di certe zone? Quando questa misura di controllo sarà esegui-

L'assessore Simone Beretta

ta? «Verificare il tasso di inquinamento è senz’altro utile, ma lo è per tutta la città al fine di migliorare l’ambiente e tutelare al meglio la salute dei cittadini. Non a caso questa amministrazione, non altre, ha avuto la determinazione e la volontà necessaria per chiudere via XX Settembre al traffico veicolare rendendola più fruibile e sicura per i cittadini e di spostare, attraverso il piano dei parcheggi, molti veicoli nella cintura esterna al centro storico. L’avvocato Bravi tende a non considerare le lamentele circa i lavori del teleriscaldamento perché ritenuti «problemi momentanei». Allo stesso tempo, però, chiede all’amministrazione l’accertamento che i lavori effettuati dalla società Fimet siano svolti a modo. L’avvocato Bravi sottolinea l’approssimazione con cui la strada è stata asfaltata in via Capergnanica. Cosa risponde? «I lavori sono svolti a modo e seguiti con particolare attenzione al fine di limitarne i disagi. Se c’è poi un merito di questa amministrazione comunale è stato quello di avere previsto all’interno della convenzione con la SCCA, la società di teleriscaldamento, il ripristino non solo del sedime interessato dagli scavi per la posa delle tubazioni, compresa la predisposizione dei tubi per la fibra ottica e la telesorveglianza del territorio, ma il rifacimento completo dei tappeti di usura dell’intera strada. Il 2009 vedrà parte della nostra città, per tutti i tratti interessati dai lavori, rimessa praticamente a nuovo. Se è poco… Ciò avverrà anche per via Capergnanica».


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

In breve accoltella l'ex marito Lite fra ex coniugi nella zona di Ombriano. Lei, una 31enne, prende il coltello dalla cucina e lo ferisce alla mano e al volto. L'uomo ha qualche anno di più. È dovuta intervenire la polizia di stato. È successo venerdì 28 novembre. L'ex marito ha bussato alla finestra mentre la donna era in casa. Lei ha provato a non ascoltarlo, ma quando lui ha insistito, la donna ha aperto la finestra. C'erano le inferiate di ferro che li dividevano. L'uomo le avrebbe chiesto di farlo entrare in casa in un modo che l'ha spaventata. Questo almeno ha raccontato la donna alla polizia. Sta di fatto che mentre l'ex marito le parlava attraverso le inferriate e con la finestra aperta, lei ha afferrato un coltello da cucina e l'ha colpito alla mano con cui si teneva alle sbarre di ferro. Un taglio fortunatamente superficiale. In quel momento un vicino di casa ha chiamato il 113. La volante si è presentata davanti alla casa di Ombriano nel giro di pochi minuti. I poliziotti sono scesi dall'auto di pattuglia e hanno soccorso l'uomo. Mentre un poliziotto attendeva insieme a lui l'arrivo dell'ambulanza, il collega ha disarmato la donna e l'ha calmata. Quindi è stata condotta in commissariato dove è stata denunciata per lesioni. Lui, invece, è stato denunciato per molestie.

Muore, trovato dopo mesi

Quattro per il medico legale. L'ufficiale giudiziario lo doveva sfrattare

I

di Roberto Bettinelli

l medico legale ha parlato di un decesso avvenuto da 120 giorni, ma con ogni probabilità Nicola Scarinci, 54 anni, è morto molto tempo prima.

periodo che è trascorso dopo la morte. Il fabbro aveva forzato la porta del bilocale per consentire l'ingresso all’ufficiale giudiziario. Entrambi sono stati investiti dal cattivo odore. Poi hanno visto il cadavere in terra. Hanno chiamato il

scontro mortale tra due auto Un milanese di 41 anni residente a Crema è deceduto in uno scontro frontale sulla Paullese a Pantigliate lunedì 1 dicembre. Gaetano Scollo Bonatti era alla guida della sua Y10 quando è andato a sbattere contro una Ford Escort durante un sorpasso. L’automobilista al volante della Ford, G.P., 57 anni, residente a Merlino, non ha riportato gravi ferite. Gaetano Scollo Bonatti si stava dirigendo verso Crema. E' deceduto sul colpo.

multe e patenti ritirate Controlli dei carabinieri durante tutte le 24 ore di venerdì 28 novembre sulle strade cremasche. Ecco i risultati: 74 automobilisti identificati di cui 23 stranieri, 47 veicoli sui quali sono stati eseguiti accertamenti, 9 contravvenzioni al codice della strada per un importo complessivo superiore ai mille euro, 2 patenti ritirate e 32 punti cancellati. Il capitano Antonio Savino ha impiegato 20 equipag-

preso con coltello a serramanico Un 19enne di Sergnano è stato denunciato per porto abusivo di armi dopo essere stato fermato alla guida dell'auto della madre. Il controllo è avvenuto domenica 30 novembre alle 18.30. Il 19enne, disoccupato, è risultato in possesso di un coltello a serramanico lungo 18 centimetri e con una lama da otto centimetri. Identificato, è stato poi denunciato dai carabinieri di Camisano. I carabinieri del nucleo radiomobile sono intervenuti per un incidente stradale a Spino d’Adda. Tra gli automobilisti coinvolti c’era anche un operaio di Vaiano Cremasco di 47 anni. E' risultato positivo al'etilometro. Denunciato per guida in stato di ebbrezza.

più volte di mettersi in contatto con l’ex marito senza riuscirci. L’ufficiale giudiziario era già stato in via Adua ma Nicola Scarinci non aveva mai riposto al citofono. Oggi il funzionario si è fatto accompagnare dal fabbro proprio per notificare l’ordi-

ne di sgombero del tribunale nel caso in cui il 64enne non avesse voluto aprire la porta. La stessa proprietaria del bilocale aveva tentato più volte di mettersi in contatto con il 54enne senza riuscirci. L’uomo non poteva più rispondere.

Volantini contro Nassiryia e scritte contro La Destra

Furto sventato in profumeria Furto in una profumeria sventato grazie alla collaborazione tra carabinieri e un cittadino. È stato infatti un residente a vedere i ladri sulla scala intenti ad armeggiare all’altezza del sistema d'allarme della profumeria di via Ungaretti a Spino d’Adda. Erano le 3.25 di sabato 29 novembre. Quando i carabinieri sono arrivati davanti alla profumeria, i ladri non c’erano già più. Erano spariti nella notte lasciando la scala davanti al negozio e tutti gli arnesi da scasso in terra, ai piedi della saracinesca del negozio.

9

La polizia in via Adua

Il suo cadavere è stato rinvenuto nella mattinata di venerdì 28 novembre dall’ufficiale giudiziario che doveva notificargli l’ordine di sfratto. Con il funzionario c’era il fabbro. Sono entrati nel bilocale di via Adua e hanno trovato il corpo in terra, sul pavimento, vicino alla porta d’ingresso. Era ormai mummificato. Uno stato di macerazione avanzato dovuto al lungo

113 e la volante della polizia è giunta in via Adua nel giro di pochi istanti. La polizia scientifica ha eseguito il sopraluogo sotto la supervisione dell’ispettore Michele Bulloni. I poliziotti hanno accertato che non c’è stata una morte violenta. Nicola Scarinci è deceduto per cause naturali. È stata subito contattata la moglie. Nicola Scarinci è divorziato e ha un figlio. Anche lei aveva cercato

Volantini contro i caduti di Nassiriya e il partito La Destra. Due fatti che sono stati denunciati venerdì 28 novembre in commissariato e sui quali ora sta indagando la Digos di Crema. Tutte le ipotesi ovviamente sono al vaglio degli investigatori specializzati nei reati politici. Sembra in ogni caso che a legare i due episodi sia una firma di matrice anarchica. I volantini sono stati appesi sui muri di Sala Alessandrini dove c’è la sede del giudice di pace. Non è la prima volta. Nello stesso luogo in passato avevano già fatto la loro comparsa alcune scritte contrarie alla sinistra riformista. I documenti sono stati tolti dai muri e sequestrati. Gli inquirenti stanno concentrando le proprie indagini sul confronto con altri materiali già contenuti nei fascicoli della Digos. L’ultimo episodio risale alla scorsa primavera quando scritte di matrice anarchica erano apparse di notte presso la sede della Croce Rossa. Anche in quel caso la firma era di origine anarco-insurrezionale. Per quanto riguarda le scritte fuori la sede del partito La Destra è stato il leader locale Giorgio Zucchi a denunciare il fatto. La polizia ha eseguito un sopraluogo. Non è stata violata la sede ma la scritta “a morte il fascio” era proprio di fianco all’ingresso. La Digos indaga ed è probabile che dietro i volantini contro i carabinieri morti a Nassiriya e contro La Destra ci sia la stessa mano.

Spedizione di notte contro l'artigiano

I carabinieri nella notte tra venerdì e sabato 29 novembre si sono presentati sotto la casa dell’artigiano a Ripalta Arpina e si sono imbattuti subito nelle due auto con gli egiziani. È stato lo stesso artigiano a chiamare il 112. L’operatore della centrale ha inviato la prima gazzella disponibile. I carabinieri hanno bloccato la prima auto, una Fiat Marea, auto e hanno fatto scendere il conducente. Lo straniero, 21 anni, clandestino, è stato trovato con un coltello da cucina con lama da 28 centimetri e con un bastone lungo 80 centimetri. I carabinieri gli hanno tolto le armi. È stato denunciato per porto abusivo di coltello. Con lui c’erano altri tre egiziani che viaggiavano su un’altra auto e che non hanno fornito i documenti

d’identità ai militari. Portati in caserma a Montodine, sono stati denunciati. Sembra che il gruppo di egiziani aveva raggiunto la casa dell’artigiano per farsi dare dei soldi di un lavoro svolto precedentemente. Ma quando li ha visti, l’artigiano si è spaventato e ha chiamato i carabinieri. Dalle indagini è emerso che gli stranieri erano molti di più e che quando hanno visto arrivare l’equipaggio dei carabinieri si sono dati alla fuga.

Rubata preziosa collezione di penne stilografiche Furto in abitazione il 3 a Casale Cremasco. I ladri hanno rubato una preziosa collezione di pene stilografiche. Il proprietario, un 57enne, è uscito di casa la sera e quando è tornato ha trovato la porta d’ingresso della casa scassinata. Ha controllato cosa era successo e ha visto che tutti gli ambienti erano a soqquadro. Ha chiamato subito il 112, il numero di pronto intervento dei carabinieri. I militari sono arrivati dopo pochi minuti. Un equipaggio della stazione di Camisano. C’era anche il maresciallo Giovanni Ciancilla, comandante della stazione. Insieme ai carabinieri il proprietario ha fatto l’inventario degli oggetti che custodiva nella sua abitazione. Ha scoperto che i ladri avevano agito rubando i gioielli che c’erano in casa. Orologi, preziosi, e una collezione di penne stilografiche del valore di 10mila euro.

Banda specializzata nei furti delle Mini Cooper I carabinieri indagano sulla banda delle Mini. Sono ladri che rubano Mini Cooper e le usano per portare a termine i furti in abitazione. La notte del 30 novembre hanno svaligiato la casa di un libero professionista in viale Repubblica a Madignano. Avevano una Mini Cooper che è risultata rubata alcuni giorni prima in provincia di Como. L’auto è stata abbandonata dopo il furto in località Madignanello: i carabinieri l’hanno trovata in un fosso. Un’altra Mini Cooper rubata a un commercialista castelleo-

La Mini Cooper rubata a Castelleone

nese di 61 anni è stata recuperata a Credera Rubbiano dai militari dopo un pericoloso inseguimento. Dentro l’auto c’erano un coltello da sub con lama di 15 centimetri, una cuffia di lana, due paia di guanti, una chiave a pappagallo e un cacciavite. Tutti arnesi da scasso che i malviventi stavano usando per violare una casa di San Michele. È successo ieri sera, ma un residente li ha notati e ha avvertito i carabinieri. I ladri sono scappati. Nei pressi di Credera il ladro alla guida del-

la Mini ha perso il controllo ed è uscito di strada. L’auto è finita contro un mucchio di letame che serviva a concimare il campo. Il letame ha attutito l’impatto e i tre malviventi sono riusciti ad aprire le portiere e a buttarsi fuori. Poi hanno iniziato a correre nel campo. Grazie al buio sono riusciti ad allontanarsi mentre diversi equipaggi dei carabinieri circondavano la zona. I militari hanno organizzato subito la battuta di ricerca che è proseguita fino alle 23. Sulla Mini hanno trovato di-

versi arnesi da scasso, gli stessi con i quali i ladri stavano cercando di forzare l’abitazione. Il successivo rastrellamento condotto da cinque equipaggi dell’Arma ha dato esito negativo. I malviventi sono riusciti a fuggire nel buio. Secondo il capitano Savino i ladri che hanno abbandonato la Mini Cooper a Madignanello sarebbero le stesse persone che hanno rubato l’auto del commercialista di Castelleone: ladri specializzati nel furto di Mini Cooper e nella razzia delle abitazioni private.


10

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

Giovinetti: «Bilancio di sacrificio»

Tagli ai servizi non essenziali e tariffe comunali adeguate all'inflazione. Ma non ci sarà nessun aumento delle tasse

N

di Roberto Bettinelli

tomesso, per sapere di più di un bilancio che sembra destinato a sollevare molte polemiche. on vuole fare false «E' un bilancio di sacrificio promesse l'assesperchè le spese ci sono, e molte, sore al Bilancio e ci sono sempre meno trasferiCesare Giovinetmenti. Poi c'è il patto di stabilità ti. da rispettare che non consente E a sentire lui altra via se non quella del risparanche quest'anno, come nel mio». 2007, il bilancio comunale non Ma già lo scorso anno i citporterà certo buone notizie per i tadini hanno sopportato un cremaschi. blancio non certo generoso. Una franchezza che gi fa onoProspettare altri sacrifici non re, anche se nel 2008 i cittadini significa chiedere troppo? pensavano di aver pagato abba«E' vero, ma se lo Stato censtanza dopo i 2 milioni di euro trale continua a trattenere così che lo scorso anno il comune ha tanto soldi, alla fine ci rimettono incamerato come entrata agi comuni. Soprattutto quelli virgiuntiva. Tanto più che nel frattuosi come il nostro». Dobbiamo aspettarci l'aumento di tasse e tariffe? Ci saranno dei tagli? «Procediamo con ordine: le tariffe subiranno, come in tutti gli altri comuni italiani, l'adeguamenCesare Giovinetti, Lega Nord, assessore comunale al Bilancio to alle stime dell'inflazione. Dico subito che non ci sarà tempo è arrivata la crisi econoalcun aumento delle tasse. In mica a complicare la situazione questo i cittadini possono stare dei cremaschi. I dati dell'econotranquilli. I tagli, quelli sì ci samia ormai parlano chiaro e il ranno». Cremasco non sembra esente I tagli interesseranno quale dalla recessione che ha colpito il settore? resto del Paese. Abbiamo inter«Stiamo ancora valutando le vistato Giovinetti, l'uomo che ha diverse soluzioni. Di certo saranin mano i conti della giunta Brut-

no garantiti i servi essenziali mentre queli non esenziali, se non ci saranno i soldi, saranno tagliati». Colpa dell'Ici eliminata dal governo Berlusconi? «L'Ici non c'entra niente. E' vero non abbiamo ancora visto tutti i soldi, ma il governo manterrà l'impegno preso con gli enti locali e in ogni caso l'abbiamo già inserita nel bilancio. Non è questo il problema. La difficoltà delle casse comunali deriva dal fatto che c'è una macchina statale enorme a livello centrale che va alimentata con spese pazzesche e toglie risorse a realtà come quella di Crema. Insomma, mancano i fondi. Bisogna tirare la cinghia». Ma il federalismo fiscale non doveva risolvere questo problema? «Il federalismo vero, l'ho già detto altre volte, sicuramente rappresenta la sola strada percorribile per venire fuori da una situazione come questa. A Roma dovrebbero pensare a realizzare qualcosa di serio in senso federalista e i conti delle realtà produttive, come è appunto Crema, ne trarrebbero beneficio. Troppe parole. La politica deve smettere di parlare e deve iniziare ad agire. Il federalismo fiscale è un approcio corretto ma è una riforma che deve andare a regime». Quando concluderà il bilancio del Comune? «Sotto Natale, non andremo oltre. Siamo al lavoro da tempo e stiamo definendo entrate e spese nel dettaglio».

le reazioni

Emilio Guerini, Pd: «Più controllo su spesa corrente e aiuti alle famiglie»

Emilio Guerini, consigliere comunale Pd

Emilio Guerini, consigliere del Partito Democratico, è consapevole che la situazione economica del Comune di Crema e di tuto il Paese non è rosea. La crisi morde. Ma proprio per questo motivo, fa notare Guerini, serve un controllo severo sui conti pubblici. E serve una politica di rigore proprio per dare di più nei settori che interessano le famiglie. Ma sentiamo l'esponente del Pd. «E' vero, il momento è molto dificile, ma è anche il momento in cui le famiglie cremasche vanno aiutate e sostenute. Possono e devono avere di più». Cosa la preoccupa del prossimo bilancio? «Già nella fase di assestamento avevamo notato un incremento della spesa corrente. La cosa ci ha preoccupato subito, soprattutto con l'economia nazionale e del territorio in queste condizioni. Non mi stupisco che il Comune non si trovi in acque tranquille e sia costretto a tirare la cinghia, ma sono soprattuto le famiglie a tirare la cinghia. Ci vuole un controllo ferreo sui conti pubblici. Qui

invece ognuno doveva portare a casa i soldi per i propri progetti...e intanto mancano i soldi per i servizi alle famiglie». Le previsioni dell'assessore Giovnetti parlano di un altro bilancio all'insegna del sacrificio. Si aspettava qualcosa di diverso? «Dopo i sacrifici dell'anno scorso mi aspettavo che i soldi in più chiesti ai cremaschi, che non erano pochi, venissero investiti in infrastrutture decisive per il futuro della città. E' evidente che non è andata così. Hanno imposto tariffe più alte per la piscina, per gli asili nido, provocando disagi a molte famiglie. In cambio hano promesso servizi migliori. Ma dove sono? Il ritorno non c'è stato». Cosa chiede il Partito Democratico ora che si avvicina il momento della presentazione del bilancio comunale? «Chiediamo che chi deve governare la città lo faccia e lo faccia bene, dimostrando rispetto verso la cosa pubblica, in questo caso il denaro dei cittadini, e sensibilità verso le famiglie che stanno vivendo un momento molto difficile e delicato. Prima di tutto questa città ha bisogno di opere strutturali, sulle quali qui finora ci sono stati solo grandi annunci e nessuna concretezza. Poi ci deve essere il controllo severo dei conti pubblici, con una strategia di risparmio che deve servire ad accantonare le risorse necessarie per aiutare le famiglie. I servizi di sostegno devono essere allargati il più possibile. Qui ci sono giovani coppie che ritirano i figli dagli asili nido perchè le tariffe sono state aumentate. Ci sono difficoltà con il prescuola e doposcuola. Insomma, Crema sta tornando indietro rispetto alle offerte di aiuto alla persona».


Cronaca

il PICCOLO

I diaconi laici presto anche a Crema? Chiarisce la questione don Luigi Ferrari, relatore della proposta

I

di Tiziano Guerini

n questi giorni il Consiglio pastorale della diocesi di Crema sta prendendo in considerazione - dopo alcuni approfondimenti degli ultimi mesi - l’istituzione della figura del Diaconato. Su 226 diocesi presenti in Italia, ben 191 hanno già istituito il diaconato e in Lombardia all’appello manca solo la diocesi di Crema. Credo che la stragrande maggioranza dei fedeli e degli stessi sacerdoti ormai guardi a questa istituzione ecclesiastica con favore, dal momento che tante sono le possibilità e le mansioni che essa può svolgere all’interno delle parrocchie. Quali in particolare? Lo chiediamo a don Pier Luigi Ferrari che è il relatore ultimo della proposta, la cui definitiva istituzione spetta poi al vescovo. «Dopo più di un millennio», ci dice don Pier Luigi, «in continuità con l'antica tradizione e per impulso del Concilio Vaticano II, torna ad esistere nella Chiesa di Occidente il diaconato permanente». Il Concilio Vaticano II (1965) ha stabilito che il diaconato potesse «essere restaurato come grado proprio e permanente della gerarchia, ed essere conferito a uomini celibi o anche sposati». La ragione di questa scelta: arricchire la Chiesa con le funzioni del ministero diaconale, perché le competenze affidate ai diaconi sono necessari alla vita della Chiesa. Paolo VI (1967) ha promul-

giornale del

Cremasco

a pieno servizio ricevono sostentamento e previdenze sociali». Qual è il compito specifico del diacono? Il Vaticano II (Lumen gentium, 29) sintetizza il ministero del diacono con una triade di compiti specifici: • diaconìa della Parola: è proprio del diacono proclamare il Vangelo, predicare la Parola e dedicarsi a tutte le più moderne forme di evangelizzazione; • diaconìa della liturgia: il servizio diaconale è originato dal sac r a m e n t o dell'Ordine; è ministro ordinario del battesimo; può benedire le nozze; • diaconìa della carità: nel ministero della carità il diacono deve configurarsi a Cristo-Servo, che rappresenta, con particolare attenzione ai più sofferenti e ai peccatori». Il vescovo di Crema, monsignor Oscar Cantoni Come deve essere il profilo dell’aspirante al diaconato? delle mani il diacono è costi«A livello generale, si rituito ministro sacro, membro chiedono ai diaconi doti andi una gerarchia che nella che umanamente apprezzate, Chiesa prevede tre gradi: vel’esercizio di virtù evangeliscovo, presbitero, diacono. che, il vitale inserimento in Con l’ordinazione, il diacono una comunità cristiana. Non viene incardinato nella diocesono ammessi al cammino si con vincolo giuridico; dovrà diaconi celibi prima dei 25 rimanere stabilmente nell’oranni, diaconi sposati prima dine diaconale senza accedei 35 anni. Nessuno oltre i dere al sacerdozio; dovrà ob55 anni. Il diaconato si riceve bedienza al Vescovo, cui a partire da una scelta di vita spetta definire l'ambito del che va considerata definitiva. suo servizio; infine, i diaconi gato le regole generali per la restaurazione del diaconato permanente, mentre le Congregazioni per l’educazione cattolica e per il clero (1998) hanno pubblicato una Ratio fundamentalis e un Direttorio per il ministero dei diaconi permanenti. La CEI ha dato disposizioni col documento I diaconi permanenti nella Chiesa in Italia (1994) Qual è lo stato giuridico del diacono? «Mediante l'imposizione

Tre sono gli stati di vita del diacono permanente: • diaconi coniugati (89,4% in Italia): quanti vivono il matrimonio già da diversi anni e hanno dimostrato di saper dirigere la propria casa ed hanno moglie e figli che conducano una vita veramente cristiana. Il cammino coinvolgerà anche la loro famiglia. • diaconi celibi (8,25%). Chi riceve il diaconato da celibe sceglie di restare celibe per sempre. Questo stato accentua una dedizione totale ed esclusiva alla Chiesa. • diaconi vedovi (2,19%): sono chiamati a dare prova di solidità umana e spirituale». Che tipo di formazione è chiesta per accedere al diaconato permanente? «L’ingresso nell'itinerario formativo può avvenire per iniziativa dell'aspirante stesso o su proposta della comunità di appartenenza, ovviamente con la libera adesione dell’interessato. Spetta al parroco farne richiesta al vescovo. Periodo propedeutico: una équipe educativa aiuta gli aspiranti ad approfondire il ministero diaconale e a fare un discernimento. Il vescovo deciderà se ammettere al 2° passo. Ammissione tra i candidati all'ordine del diaconato con rito pubblico che riconosce i segni positivi della vocazione al diaconato. Seguono tre anni di formazione a 4 livelli: umana, spirituale, dottrinale, pastorale con tirocinio pratico. Alla fine l’aspirante al diaconato viene ammesso al rito della Ordinazione e successivamente destinato ai vari servizi pastorali».

Venerdì 5 Dicembre 2008

11

Dalla luna alla terra Un grande evento a Crema, in programma per v e n e rd ì 5 d i c e m b re , all'università degli studi, sede di Crema, in via Bramante 65. Si discuterà di tecnologie per lo sviluppo del futuro. Il titolo del convegno è: «Dalla luna alla terra». Gli argomenti che saranno oggetto dell'iniziative (e della tavola rotonda) sono racchiusi in questi due interrogativi: «Quali opportunità rappresentano le molteplici tecnologie che la ricerca spaziale ha reso disponibili per lo sviluppo di nuovi prodotti e processi tecnologici/produttivi?» «E quali possono rappresentare una fonte di crescita per il nostro progresso e la nostra economia?» Importanti i relatori che si avvicenderanno. Ma ecco il programma. Ore 9.30: apertura dei lavori. Il convegno sarà introdotto da Vincenzo Piuri, direttore del Dipartimento di tecnologie dell'informazione. A seguire Giovanni Degli Antoni, sempre del Dipartimento di tecnologie dell'informazione. Il saluto delle autorità verrà portato da Giovanni Rossoni, vice presidente della regione Lombardia. Ore 10: gli interventi dei rappresentanti del mondo della ricerca spaziale. Quali: Osvaldo Piperno (Agenzia spaziale italiane), Gabrio Boerci (European space AgencyEstec), Giorgio Petroni

(Università di San Mari-

Giovanni degli Antoni

no), Adelio Salsano (Università di Roma Tor Vergata, Dipartimento di ingegneria elettronica), Marco Pascucci (Miur, delegato nazionale /mo programma quadro). Ore 13,30: interventi da parte dei rappresentanti aziendali del settore quali: Andrea Sacchetti (Carlo Gavazzi Space), Marco Stanghini (Galileo Avionica), Corrado Bottazzi (Harding-It Crema), Massimiliano Bottacini (ThalesAleniaSpace), Vittorio Orefici (UnimaticaConfapi), Fabio Biscotti (Spazio Venture capitalCss). Ore 15,30: la tavola rotonda dal titolo «Le linee guida per il futuro. Coordinatore del convegno è Francesco Di Tolle. Il convegno sarà trasmesso su Internet in streaming: http//www.dti. unimi.it/lunaterra.


12

Agricoltura

Venerdì 5 Dicembre 2008

Intervista a Francesco Giubelli, moderatore nell'incontro con il senatore Andria, responsabile nazionale politiche agricole Pd

Come sostenere la nostra agricoltura

N

uova iniziativa di confronto politico-programmatico lunedi scorso del Partito Democratico di Crema sul tema: “Una nuova politica per

l’agricoltura”. Relatore il sen. Alfonso Andria responsabile nazionale per le politiche agricole del partito di Veltroni; presente anche, ad introdurre i lavori, Francesco Giubelli esperto di agricoltura già assessore provin-

ciale all’Agricoltura ed ora membro del coordinamento cremasco del partito, ed il presidente della provincia Giuseppe Torchio. Abbiamo sentito Francesco Giubelli sui temi toccati nell’incontro.

MERCATI - SETTIMANA DALl 28/11/2008 AL 4/12/2008 UNITà DI MISURA

CREMONA

MILANO

MANTOVA

MODENA

Tonn.

123,00127,00

135,00140,00

139,00142,00

156,00159,00

Tonn.

113,50114,50

124,00125,00

118,00120,00

134,00136,00

Tonn.

N.q.

295,00297,00

290,00295,00

--

Tonn.

125,0-130,0 N.q.

alla rinfusa

Tonn.

103,00105,00

115,50117,00

128,00131,0

117,00118,00

FIENO maggengo agostano

Tonn.

160,00179,00

80,00-130,00 100,00-140,00

“”

--

Tonn.

55,0-59,5

44,00-55,00 28,00-33,00

lattonzoli locali

15 kg.

3,270

3,270

3,280

3,360

SUINI lattonzoli locali

25 kg.

2,390

2,360

2,370

2,430

SUINI lattonzoli locali

30 kg.

2,240

2,230

2,240

2,260

SUINI lattonzoli locali

40 kg.

1,970

1,930

1,960

1,990

Suini da macello

156 kg.

1,330

1,330

N.q.

1,300

Suini da macello

176 kg.

1,330

1,330

N.q.

1,330

Suini da macello

Oltre 176

1,330

1,265

N.q.

1,295

Vacche Frisone 1ª qualità (p.v)

Kg.

0,97-1,18

Montichiari peso vivo 0,95-1,10

0,950-1,050

--

Vacche fris. 2ª qualità (p.v)

Kg.

0,76-0,86

0,65-0,78

0,630-0,730

--

Manze scottone 24 mesi

Kg.

2,20-2,58

0,95-1,12

0,940-1,110

--

Kg.

0,70-0,90

0,80-1,00

0,800-1,100

--

(50-60Kg) pie blue belga

Kg.

3,00-4,95

4,50-5,00

4,000-4,400

--

BURRO pastoriz.

Kg.

1,60-1,65

1,45

1,40

--

PROVOLONE VALPADANA

Kg.

5,05-5,20

5,05-5,15

--

--

PROVOLONE VALPADANA

Kg.

5,30-5,50

5,25-5,45

--

--

Kg.

5,55-5,85

5,70-6,10

5,80-6,00

--

Kg.

6,85-6,00

6,15-6,65

6,20-6,45

--

Kg.

N.q.

--

--

--

PRODOTTO FRUMENTO

tenero buono mercantile

GRANOTURCO

ibrido naz. 14% um.

SEMI DI SOIA nazionale

ORZO NAZ.

peso spec. 55-60 peso spec. 66-68

CRUSCA

PAGLIA

press.rotoballe

SUINI

Vitelli Baliotti (50-60 kg) fris.

Vitelli Baliotti

149,0-154,0 123,0-128,0 128,0-138,0 159,0-161,0 143,0-148,0

--

fino a tre mesi

oltre tre mesi

GRANA Scelto stag. 9 mesi

GRANA Scelto stag. 12-15 mesi

Latte naz. Crudo

(16-30 giugno)

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il primo e terzo mercoledì del mese. Questo dato, conseguentemente, va letto ed interpretato con la dovuta attenzione rispetto agli altri dati pubblicati. Non è escluso che in futuro venga ripristinato il mercato settimanale. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono in due giorni separati: il martedì per il comparto dei cereali e derivati, il lunedì per quello zootecnico che fa riferimento a Montichiari. Anche questo aspetto va tenuto in considerazione nel confronto dei dati suindicati. Il mercato di Mantova avviene in un solo giorno e cioè il giovedì. Modena il lunedì.

Qual è lo stato dell’agricoltura a livello europeo, che è il luogo delle decisioni più importanti per questo settore produttivo? «Tema scottante quello dell’agricoltura; nell’ultima riunione europea sullo stato di salute della politica agricola comunitaria svoltasi a Bruxelles la scorsa settimana, si è però raggiunto un importante obiettivo per l’ Italia con un aumento di quasi il 6% della quota latte anche a seguito delle grandi manifestazioni contro la politica del governo di Confagricoltura a Bologna e della Cia a Roma» E per la nostra provincia, da sempre considerata importante per la produzione agricola e zootecnica? «Come ha detto durante l’incontro l’on. Torchio, ribadendo per l’ennesima volta di quanto sia importante il sistema agricolo per il nostro territorio e quanto contribuisca l’agricoltura alla formazione del reddito provinciale, si sono fatti notevoli sforzi per difendere quello che può essere considerato il più grande distretto lattiero caseario europeo: dalla difesa delle acque, alla valorizzazione dei fontanili ai centri di eccellenza, ai fondi europei di sviluppo rurale con i progetti concordati». Cosa è emerso dall'incontro con il senatore Alfonso Andria, responsabile nazionale delle politiche agricole per il partito Democratico?

«Il sen. Andria ci ha illustrato la sua esperienza di questi pochi mesi in commissione agricoltura e le difficoltà trovate in tale commissione. Il PD ha proposto provvedimenti straordinari e mirati a sostegno dell’agricoltura italiana che è a rischio recessione, ma il decreto sulla competitività del settore agroalimentare che è stato portato in Senato dalla commissione è stato tagliato del 90% e le risorse finanziarie per il prossimo anno sono minime. Il PD ha chiesto più di 200 milioni di euro, destinati al fondo di solidarietà nazionale e alla dotazione del piano irriguo nazionale, ma non c’è stato nulla da fare. Il ministro Tremonti ha tagliato di netto la finanziaria agricola». E' andata meglio con le quote latte… «Il sen. Andria ha spiegato come il ministro Zaia distribuirà queste quote. Dovrà vincere la legalità, si dovrà trovare una misura che possa far uscire l’Italia da questo problema dignitosamente, garantendo chi in questi anni ha comprato le quote e ha rispettato la legge e quindi merita di essere garantito e chi si trova ancora oggi in una situazione fuori dalla legalità per potersi assegnare un quantitativo di quote, in modo che possa produrre latte senza incorrere i n ulteriori multe». Il nostro patrimonio zootecnico che è fra i miglio-

ri del mondo, è a rischio? «Non si deve disperdere il patrimonio zootecnico e la capacità produttiva del nostro territorio. Si dovranno attuare misure in grado di risolvere definitivamente questo problema con sgravi fiscali e crediti di imposta per chi ha sostenuto spese per l’acquisto di quote e non le ha ancora ammortizzate e dilazioni di pagamento delle multe per chi si mette in regola». Molti gli interventi del pubblico, Moretti e Borella della Copagri, Pasquali e Groppelli della Libera che hanno chiesto maggiore attenzione da parte del governo ai pericoli della burocrazia e un attenzione particolare al progetto che e’ in commissione agricoltura alla Camera in merito alla diga sul canale Retorto. Il sen. Andria si è potuto rendere conto dell’importanza che il settore lattiero caseario ha nel nostro territorio; concludendo ha insistito che «l’azione che sta portando avanti il Partito Democratico è quella di far si che gli interessi dell’agricoltura siano gli interessi del paese e che il settore agricolo che è strategico per l’intero paese in questo momento di crisi finanziaria non può essere lasciato senza risorse; l’attuale governo avrà le sue responsabilità se non coglierà le istanze del mondo agricolo soprattutto in un momento contingente cosi difficile».


Paesi

il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

13

Cremasco

Il futuro della Bosch? L'ingegner Marotta ha parlato con Torchio ed Ernesto Cabrini

S

Solo nei primi mesi del 2009 si potranno fare valutazioni e previsioni più attendibili sulla crisi del settore auto. Solo allora anche la Bosch potrà avere un quadro più chiaro anche sulle sue potenzialità. Questo, in sostanza, il succo dell’incontro che il presidente della Provincia Giuseppe Torchio ha avuto con Giovanni Marotta, general manager della Vhit, che comprende lo stabilimento Bosch di Offanengo che conta 500 dipendenti. All’incontro era presente Ernesto Cabrini, direttore

dell’Associazione Industriali di Cremona. L’azienda tuttavia, ha precisato con orgoglio e determinazione Marotta, non starà, nel frattempo, con le mani in mano, dopo la flessione con cui si chiuderà il 2008 e che ha costretto l’azienda a chiedere e ottenere il ricorso alla Cassa integrazione. Intanto, secondo alcuni una ripresa produttiva potrebbe esserci già nei primi mesi del prossimo anno, quando le aziende avranno smaltito le scorte di prodotti che oggi stanno utilizzando. In tal caso, naturalmente, il ricorso alla Cig potrebbe essere ridotto o azzerato

Rivolta d'Adda

Lambreto Grilloti, sindaco di Rivolta d'Adda

Al di là di questo, la Bosch si sta preparando adeguatamente per essere pronta quando la crisi attuale sarà passata e verrà il tempo della ripresa e delle nuove sfide sui mercati internazionali. In che modo? Intanto riducendo i costi, puntando su nuovi materiali, innovazione nei processi produttivi, ottimizzando le risorse. Soprattutto, però, la Bosch porterà avanti un progetto di riorganizzazione e di ulteriore crescita dell’unità produttiva, che punti sulla qualità e su un intenso piano di formazione e di promozione dell’attitudine al cambiamento di tut-

to il personale. La Bosch, ha detto Marotta, deve prestare attenzione non solo alle aziende clienti, per acquisire nuovi ordini, ma anche alle aziende di sub fornitura che faticano a far fronte alla crisi soprattutto finanziaria. Se esse non fossero più in grado di garantire le forniture, la stessa Bosch non potrebbe produrre. A questo proposito sia il manager che Cabrini hanno chiesto a Torchio di farsi portavoce presso la Regione della necessità di un piano che si faccia carico dl settore che ruota intorno all’auto, come era stato fatto alcuni anni fa.

Grillotti: 4 milioni in opere pubbliche

L’amministrazione Grillotti dopo oltre due anni di ordinaria amministrazione e nessun intervento di rilievo – fatta eccezione la sistemazione di via Giulio Cesare, peraltro già preventivata a suo tempo dalla giunta Mondonico – in questi giorni ha reso noto che il piano triennale per le opere pubbliche 2009-2011 comprenderà ben 4 milioni di euro di investimenti. Ciò nonostante, se si escludono l’asfaltatura di alcune strade e interventi prettamente infrastrutturali inevitabili, le vere novità sono ben poche: innanzi tutto la realizzazione di marciapiedi in viale Montegrappa – opera importante e attesa da anni – poi il nuovo asilo che sorgerà nel 2011 per rispondere all’aumento del numero dei bambini iscritti (500mila euro di spesa), infine la nuova sala polifunzionale (che co-

sterà un milione di euro) e un nuovo impianto sportivo. Se quest’ultimo con tutta probabilità sarà una piscina scoperta e sulla cui utilità bisogna discutere, è certo che la sala polifunzionale non sorgerà nel vecchio cinema Ariston, confermando l’intenzione del centrodestra di ignorare gli sforzi della vecchia amministrazione per creare un importante polo culturale di aggregazione nel centro storico rivoltano. L’amministrazione Grillotti prosegue quindi promettendo grandi opere che da anni si tenta di costruire, senza proporre nulla di nuovo e realizzando, in concreto, semplice manutenzione dell’esistente; solo alla fine del mandato potremo verificare se quanto preannunciato oggi sarà realmente portato a termine. Davide Airoldi

Castelleone

Il mito di Mina al Teatro del Viale

Questa sera cinque dicembre ale 21.00 al Teatro del Viale va in scena Lo spettacolo “50 volte Mina”, un doveroso omaggio alla splendida carriera ed alla inimitabile voce della “Tigre di Cremona”, che proprio nel 2008 raggiunge il suo cinquantesimo anno di attività. Il repertorio, eseguito con arrangiamenti originali e personali, quindi nessuna sconveniente e banale imitazione, segue scrupolosamente la cronologia e racchiude alcuni dei migliori brani della nostra storia musicale. Nello spettacolo, della durata di circa 120 minuti, troveranno spazio le parti recitate dell'attore Alfonso Alpi.Elena Ravelli professionista da diversi anni, ha all'attivo numerosi concerti, circa 700 in tutto il nord d'Italia ed esperienza in vari generi musicali. Francesco Lazzari si è diplomato in pianoforte nel 2004 presso l'istituto di musica “C. Monteverdi” di Cremona.Massimo

Lo spettacolo dedicato a Mina

Ardoli, dopo essersi diplomato alla Scuola Internazionale di Liuteria di Cremona, esercita dal 1989 la professione di liutaio e dal 1996 è insegnante di Laboratorio presso la scuola stessa. Alan Zeli, dopo studi di pianoforte, ha optato per la batteria e le percussioni. Alfonso Alpi attore e regista cremonese, da oltre 30 anni opera a Cremona e zone limitrofe. In prevendita: Presso la biglietteria del Teatro del Viale Sala Giovanni Paolo II viale Santuario 7 Castelleone, aperta ogni martedì e sabato dalle 17 alle 19. Info 3486566386 – 0374/350944. Presso 747 dischi, via Matteotti 7 Crema, Tel. 0373/256545. E’ possibile effettuare prenotazioni di abbonamenti e biglietti al sito www.teatrodelviale.it, o ai numeri telefon i c i 0 3 7 4 / 3 5 0 9 4 4 o p p u re 348/6566386.

Soncino

Lo scorso anno, nei mesi di gennaio-febbraio, il circolo ACLI di Soncino e il circolo culturale ARGO hanno accettato la sfida di promuovere un corso di avvicinamento all’attività della pubblica amministrazione. In un momento di sbandamento e di relativo allontanamento degli aspetti politici, abbiamo creduto che ci fosse spazio per rilanciare la voglia di conoscere e di partecipare anche alla vita amministrativa. Il corso precedente era incentrato sulla conoscenza tecnica della “macchina comunale”, per capirne i meccanismi e le procedure più importanti: dalla conoscenza delle leggi fondamentali che ne regolano la vita, alla formazione di un bilancio, ai compiti dell’ufficio tecnico, alla normativa relativa ai servizi sociali. Quest’anno l’obbiettivo si sposta su questioni attinenti i principi ispiratori (alcuni almeno) che dovrebbero guidare l’agire di un buon amministratore. Un ciclo meno tecnico, ma più aperto alle ragioni del cuore e della passione per la cosa pubblica. I relatori sono importanti e qualificati e siamo certi risponderanno pienamente alle nostre esigenze. Le iscrizioni si raccoglieranno per tutto il mese di dicembre e per i primi quindici giorni di gennaio, presso gli indirizzi contenuti nel pieghevole. La sede verrà determinata in base al numero degli iscritti.

Rivolta/2 L’amministrazione comunale ha di recente reso noto l’ormai consueto programma di incontri e manifestazioni a tema natalizio che ha caratterizzato anche le feste invernali degli anni appena trascorsi: per il 2008 si prospettano diversi interessanti appuntamenti dedicati ai più piccoli e alle famiglie, che si concluderanno il giorno della vigilia, con la piva di Natale a cura della Banda cittadina S. Alberto. Se l’Onlus Camminiamo Insieme ha già presentato ai rivoltani la propria bancarella di Natale lo scorso fine settimana – e tornerà in Piazza Vittorio Emanuele II domenica 14 dicembre –, questa domenica sarà caratterizzata dalla vendita benefica di stelle di Natale a cura della Lega Italiana Lotta ai Tumori di Rivolta d’Adda, che si svolgerà in piazza dalle 8 alle 12. Nel tardo pomeriggio sarà poi la volta della cerimonia di accensione delle luminarie natalizie, accompagnata alle 18 dal gruppo vocale Terzo Suono, che si esibirà presso l’atrio del Palazzo Comunale. La settimana si concluderà giovedì 11 dicembre, quando la Cooperativa Altana Onlus proporrà il laboratorio di Natale per bambini, presso il centro socio culturale di via S. Renzi.

Capergnanica

Domenica 7 dicembre al teatro S. Giovanni Bosco si festeggiano i cento anni dell'asilo di Capergnanica. Fondato nel 1908, l'asilo ha accolto quasi tutti i bambini del paese nell'arco di un secolo. La sua storia è stata raccolta in un veloce libretto scritto da Pier Giorgio Ruggeri e che si basa sulla documentazione presente in archivio. Si passa dagli anni prima della fondazione dell'asilo, quando il parroco teneva nella sua dimora i bambini, fino all'erezione dell'asilo, grazie al regalo di un pezzo di terreno da parte di un nobile del paese, alle vicissitudini incontrate durante le due guerre, quando si andava di casa in casa a chiedere un pezzo di legno per poter scaldare i bambini esposti al freddo. Ma anche si ricordano i tempi in cui l'asilo era punto d'arrivo di chi non poteva permettersi neppure un piatto di minestra, l'arrivo delle suore e la loro partenza, dopo oltre mezzo secolo di servizio, a causa della scarsità di vocazioni, fino ai giorni nostri. Domenica con inizio alle 14.30 presso il teatro il parroco don Ezio Neotti e le maestre della scuola materna hanno allestito una piccola festa con spettacolo dei bambini. Nell'occasione ai presenti verrà distribuito il libretto che racconta la storia dell'asilo in questi cento anni, ottimamente stampato dalla tipografia Trezzi.

Capergnanica/2

Oltre 130 spettatori per la prima dei Barlafuss, compagnia dilettantistica di Agnello che hanno portato sul palco del teatro S. Giovanni Bosco la commedia in due atti Al sass del Paulù Piredda. La commedia, scritta dal milanese Andrea Zago, narra di un fratello e una sorella che hanno un’azienda di trasporti speciali, nel senso che smaltiscono illegalmente rifiuti tossici. Un esponente di un partito lo viene a sapere e costringe il fratello ad andare a prendere il cadavere di un parlamentare, morto in motel. Ma il fratello ha già un impegno con una giovane vedova piacente che vede il fantasma del marito e deve spostare dal suo giardino un sasso che le regalò il giardiniere, Paulù Piredda, del quale il marito era geloso. In tutto questo si mette anche un ufficiale giudiziario che vuole sequestrare il furgone dell’azienda, fermato dalla sorella che è innamorata di lui. Cento minuti di battute e colpi di scena. Ora l’anno si chiude con il quinto spettacolo di Remulas. Saranno a Capergnanica gli attori della compagnia di Treviglio che reciteranno in bergamasco la commedia Suche marche.


14

il PICCOLO

CREMASCO Venerdì 5 Dicembre 2008

Koch, inaugurata la palazzina L'amministratore delegato, Camillo Palazzi, ha ricordato la storia dell'azienda

S

Cronaca

giornale del

di Roberto Bettinelli

abato scorso, , a Bagnolo Cremasco, è stata inaugurata nuova palazzina per uffici di Koch Haet Transfer Company Srl, ex Officine meccaniche di Bagnolo Cremasco. Alla cerimonia erano presente i top manager dell'azienda, guidati dall'amministratore delegato Camillo Palazzi, i dipendenti con i loro familiari (lavorano alla Koch 214 persone) e alcuni politici, fra i quali il sindaco di Bagnolo, il presidente dell'amministrazione provinciale, Giuseppe Torchio, e il vice presidente Agostino Alloni. A benedire la nuova struttura è stato chiamato don Emilio Lingiardi, parroco della Cattedrale. Nella palazzina, disposta su tre piani, ora trovano spazio

tutta la parte ingegneristica, una fetta del reparto produttivo e il centro documentazione dell'azienda. Dopo la visita nella nuova struttura, è stato offerto ai presenti un

do aveva sede ancora a Crema in via Stazione. L'impresa era stata creata dalle famiglie Arpini e Scotti (quest'ultima sostituita in seguito dalla famiglia Zannoni).

Un momento dell'inaugurazione della palazzina

buffet. L'amministratore delegato, nel suo discorso, ha ripercorso la storia dell'azienda, nata come impresa familiare negli anni Cinquanta, quan-

Poi, il trasferimento a Bagnolo dove l'azienda ha preso il nome di Officine meccaniche di Bagnolo. All'interno dell'azienda lavorano ancora i figli e i nipoti delle

famiglie fondatrici. Il resto è storia di oggi. L'acquisizione dell'impresa cremasca da parte di Koch, gruppo americano che possiede oltre a quello di Bagnolo, altri tre stabilimenti a Houston (nel Texas) e in Canada (a Toronto e Sarnia) e produce scambiatori di calore. Koch Heat Transfer Company è il risultato di un merging con IBM e BrownFinttube Houston, ha un fatturato vhe supera i 70 milioni di euro ed è in continua espansione. La palazzina era necessaria perché, con l'aumentare dei ipendenti, gli spazi cominicavano ad essere stretti. L'amministratore delegato ha voluto, inoltre, ricordare che la Koch di Bagnola è una delle fabbriche più sicure perché notevoli sono stati gli investimenti nella sicurezza dell'azienda.

Paolo Landi, direttore PopCrema

Crema, 3 dicembre 2008 - Paolo Landi, espletate le ultime formalità relative alla nomina, si è insediato quale direttore generale della Banca Popolare di Crema. L'ex vicedirettore generale della Banca Popolare di Lodi, ha infatti assunto l'incarico lo scorso 1 dicembre. Lodigiano, 44 anni, sposato con tre figli, Landi ha percorso la sua carriera nella Banca Popolare di Lodi, partendo dalla rete commerciale e ricoprendo ruoli di crescente responsabilità, rincipalmente in ambito di coordinamento

commerciale, fino alla nomina a dirigente. Il nuovo direttore generale, che vanta già una conoscenza della Banca Popolare di Crema e del territorio in cui essa opera avendo ricoperto l'incarico di amministratore delegato per un periodo nel 2005, assume la guida operativa dell’Istituto affiancando l’ad Luciano Dollini nel rilancio commerciale della rete. “Il lavoro che ci aspetta a Crema è impegnativo e sono molto soddisfatto di poter ancora contribuire alla crescita

della Banca ” commenta il neo direttore generale Paolo Landi. “Gli appuntamenti attesi per il prossimo futuro, a cominciare dal progetto di riorganizzazione societaria destinato a portare in primo piano il ruolo della rete commerciale, rappresentano uno stimolo e un’opportunità. a questo proposito posso già garantire che i livelli di risorse eprofessionalità presenti a Crema non soltanto saranno tutelati, ma avranno modo di sviluppare le potenzialità in modo crescente all’interno del Banco Popolare”.

L'opinione di CINZIA FONTANA Interventi per il risparmio energetico: un grave colpo

Mentre si cominciano a vedere più nel dettaglio le misure contenute nel decreto anti-crisi, mentre vengono alla luce alcuni bluff rispetto a quanto dichiarato dai Ministri alla stampa, ecco emergere una misura di particolare gravità. Mi riferisco alla detrazione del 55% sugli interventi di manutenzione straordinaria per efficienza energetica. Questa misura, voluta dal Governo Prodi, ha avuto un riscontro positivo di vasta portata, dimostrando così che il grado di sensibilizzazione su questo tema è molto elevato: numerosi sono stati in questi due anni i cittadini che hanno deciso di eseguire lavori per la riqualificazione e la riduzione del fabbisogno energetico della propria abitazione, per interventi sull'involucro dell'edificio per la riduzione della dispersione, per l'installazione di pannelli solari, per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale. Il meccanismo era quello del recupero del 55% dell'importo delle spese sostenute. Sono state organizzate parecchie iniziative, anche nel nostro territorio, per diffondere informazioni su questa possibilità di agevolazione per le famiglie e le imprese e che dal Governo Prodi è stata prevista fino a tutto il 2010. Ora, con il decreto anti-crisi, arriva una vera e propria mazzata, che riguarda incredibilmente anche coloro che hanno già effettuato spese nel corso del 2008, convinti di poter usufruire dell'agevolazione. Il meccanismo che viene introdotto prevede che i soggetti presentino all'Agenzia delle Entrate per via telematica la

domanda per ottenere l'agevolazione. L'Agenzia valuterà la richiesta seguendo l'ordine cronologico di invio e sulla base delle risorse disponibili (quindi bisogna sperare che i fondi stanziati non siano ancora terminati). Se pensiamo che sono previsti 82 milioni di euro per il 2008 (pari a 1/10 di quanto usufruito nel 2007!) è evidente la portata devastante della norma. Viene introdotto anche il principio del "silenzio-rigetto" per cui, se entro 30 giorni l'Agenzia delle Entrate non risponde, significa che la detrazione non spetta. Un parziale riconoscimento dell'incentivo viene comunque destinato a chi ha già effettuato la spesa nel corso del 2008: solo per le persone fisiche viene infatti riconosciuta una detrazione del 36% fino ad un massimo di 48.000 euro di spesa (anche se non si dovesse presentare la domanda o se questa venisse rigettata). E' paradossale che proprio nel decreto anti-crisi sia stata inserita una norma che pone limiti così pesanti per l'accesso ai crediti di imposta (si tenga conto che nel decreto lo stesso meccanismo è stato introdotto anche per il credito di imposta per gli investimenti su ricerca e sviluppo da parte delle imprese), rischiando così di produrre ripercussioni economiche negative sulle famiglie, sulle imprese e sul settore dell'edilizia. Un duro colpo, inoltre, alla cultura del risparmio energetico, uno schiaffo alla linea politica dello sviluppo della sostenibilità ambientale, una vera mazzata alla crescita di investimenti in innovazione tecnologica. Tutto questo è inaccettabile!


Speciale Regali

il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

15

Natale: italiani pronti a spendere 380 euro. Per cacciare la crisi

La crisi è la crisi, ma Natale è Natale. I regali non si toccano, né si discute. Più di metà degli italiani, cremaschi compresi, spenderà per i regali la stessa cifra dell’anno scorso: la media si attesta intorno ai 380 euro e uno su tre impegnerà una cifra supe-

cembre? Al massimo cercheranno di cavarsela con un pensierino di poco valore, ma pur sempre un pensierino. Anche in America al Natale e ai regali non si rinuncia: file interminabili davanti ai negozi, in qualche caso risse. Tuttavia si tratta di dati parziali e

pare le capacità intellettive dei più piccoli. Per gli amici stretti un libro fa sempre la sua figura e basta entrare in una libreria per accorgersi che ce n’è davvero per ogni gusto e per ogni interesse. Per le persone più care (genitori, mariti, mogli, fidanzati) magari si è già cercato di risparmiare qualcosa nei mesi precedenti e allora ci si può concedere proprio quel oggetto tanto desiderato. Restano i conoscenti dai quali non si può evitare di fare un genoroso dono natalizio. E’

stella di Natale è una pianta che, con i suoi colori sgargianti, ben si addice agli addobbi e alle luci propri del periodo natalizio. La stella è un piccolo arbusto originario del Messico. Data la sua provenienza, possiamo essere stupiti del suo abbinamento con il nostro Natale, ma ciò è dovuto alla cultura statunitense, che l'ha eletta pianta simbolo delle festività. 
La stella di Natale ha il nome scientifico di Euphorbia pulcherrima, ma è conosciuta e classificata anche come

Ma uno su tre metterà a disposizione una cifra superiore a 400 euro

La Stella di Natale ha già fatto la sua comparsa in uffici e abitazioni

Il regalo di Natale, una tradizione alla quale gli italiani non rinunciano

riore ai 400 euro. Tagliare sui pacchi natalizi? Ci pensa solo il 20%, ma anche per loro è impensabile lasciare un parente o un amico a mani vuote il 25 dicembre. Il regalo di Natale non solo è una tradizione, ma è diventato un gesto quasi dovuto. Per non parlare dei più piccini: come si fa a lasciare che i piccoli non trovino la sorpresa sotto l’albero la mattina del 25 di-

vanno presi con cautela, perché la crisi e le turbolenze finanziarie hanno reso tutti più attenti. In ogni caso le vie del centro brulicanti di gente non fanno di certo pensare a qualcuno che si tiri indietro. Tutto al più si cercherà il regalo low cost. Qualche idea potrebbe essere di certo d’aiuto. Per i bimbi giocattoli a volontà, magari di quelli intelligenti che aiutino a svilp-

Molti hanno risparmiato prima per poter fare il regalo

sempre tradizionale e ben gradita la stella di natale. Già ai primi di dicembre fa la sua comparsa nelle abitazioni, negli uffici, nei negozi. La

Poinsettia pulcherrima. Appartiene alla famiglia delle Euphorbiaceae, famiglia comprendente numerosi generi di piante, anche molto

diversi tra loro, comprendendo ad esempio piante annuali, biennali e poliannuali, erbacee e legnose, con foglie decidue o sempreverdi, ed addirittura piante simili ai cactus, tutte accomunate però da particolari caratteristiche. Nella grande maggioranza dei casi le piante appartenenti a questa famiglia provengono da climi tropicali o temperati e caldi; nel caso di incisioni sul fusto o di rottura di qualche ramo, si osserva sempre la fuoriuscita di un lattice bianco e appiccico-

so, irritante per gli occhi e la bocca; infine, tutte le piante di questa famiglia sono caratterizzate da una infiorescenza detta "ciato" o "ciazio". Le infiorescenze a ciazio consistono in una estrema semplificazione dei fiori, i quali sono racchiusi da brattee colorate. Sono le brattee la caratteristica più rilevante della stella di Natale, come dopo avrò occasione di spiegare.
La stella di Natale è senza dubbio l'esponente più illustre della famiglia delle Euphorbiacee.


16

il PICCOLO

Speciale Regali

giornale del

Cremasco

Alla ricerca del dono perfetto Venerdì 5 Dicembre 2008

Che regali fare a Natale alle persone a noi più care? Di certo la caccia al regalo non è un’impresa semplice. Soprattutto se si ha a che fare con delle persone particolari e complicate. Qualche suggerimento, a seconda degli interessi, potrebbe aiutare nella scelta giusta. Se la persona a cui teniamo è particolarmente atratta dai viaggi, allora la nostra scelta potrebbe ricadere su un bel viaggio!
Viaggi ai caraibi, al mare, in zone calde quando in Italia si gela sarebbe un regalo sicuramente gradto. Ancor di più se a regalarlo è il patner. In questo modo il regalo diventa godibile per due.
Regalare un viaggio è sempre una soluzione speciale. Certo serve un certo budget, ma il risultato sarà sicuramente ottimo. Andare poi in luoghi

dove il clima è l'opposto di quello in Italia, è una sensazione piacevole e particolare. Se siete una coppia, perchè non fare (o farsi) un bel regalo di natale con un viaggio del genere? Non esiste solo il natale freddo, anche quello caldo ha il suo fascino particolare. Insieme alla basta che contiene il vaucher si potrebbe allegare una crema solare. I destinatario ne rimarebbe affascinato. A chi ama viaggiare, il tour non è la sola alternativa. Si potrebbe donare una borsa, valigia, set da viaggio, una radiosveglia portatile, un ombrello. Se tra gli amanti del turismo dovesse esserci una persona appassionata di avventura allora l’idea giusta potrebbe essere una tenda, una bussola, una torcia professionale, un kit di sopravvivenza, un set

pic-nic, delle ricetrasmittenti, un cestino per raccogliere i funghi, un manuale o libro sulla natura. Tra gli amici a cui dovere fare il regalo potrebbe esserci qualcuno appassionato di sport. Allora, i quel caso, si può scegliere tra delle scarpe, qualche abbigliamento dello sport preferito, gli accessori del suo sport, il contapassi, una bicicletta, un abbonamento per la palestra o lo sport che pratica o un libro con consigli o

ca di fiducia oppure online, un lettore MP3 o ancora meglio un fantastico IPOD, un libro sulla storia della musica o su un artista che gli piace maggiormente. Se tra gli amici c’è un amante folle del computer allora diventa ancor più semplice: un software particolare, una webcam, un hard disk da 1TB per salvare tutti i files che si vuole, un nuovo monitor lcd da 20 pollici, una scheda di acquisizione video per salvare i

semplici da accontentare: si potrebbero regalare dei biglietti per andare a vedere il film preferito a Natale, oppure un bel dvd o una raccolta

te particolari difficili da trovare. Il destinatario più semplice è certamente l’amante di libri: per gli amanti della lettura ci sono moltissimi libri

Cd e Dvd, la passione dei giovani e giovanissimi

Un'idea speciale: regalare un viaggio. Magari una valigia...

Prima di spendere per il regalo è bene informarsi sui gusti e le offerte

della storia sullo sport che più gli piace. Se tra i destinatari ci fosse qualcuno a cui piace la musica, allora il regalo giusto potrebbe essere dei biglietti ad un concerto, un buono per acquistare alcuni CD nel negozio di musi-

video del tuo televisore e poterli modificare a piacimento, un abbonamento adsl per internet, un software antivirus per proteggere il pc dai guai, un buono per stampare le immagini dai propri files. I destinatari cinefili sono i più

La voglia di evadere per passare le vacanze in viaggio

cofanetto speciale, un libro della storia del cinema o dell'attore o attrice preferito, un oggetto dedicato ad un film che gli piace. E per chi ama mangiare e bere? In quel caso si possono donare dei prodotti tipici di qualche località che gli piace, un vino o una serie degustazione vini particolari, un olio extravergine di qualità, una cena in un ristorante di lusso o speciale, un kit per sommelier, qualche attrezzatura da cucina che gli manca, un abbonamento ad una rivista di cucina oppure un libro con ricet-

da acquistare online o tramite le librerie più famose. Un altro regalo interessante e speciale potrebbe essere quello di regalare un abbonamento da una rivista settimanale o mensile. Infine ci sono i soliti regali per tutti, dall'uomo alla donna, ma direi che sono molto scontati anche se comunque sempre di buon livello: cravatte, profumi, sciarpe, guanti, camicie, biancheria intima, oggetti di gioco per adulti, portafoglio, borsetta. Ma per il Natale 2008 meglio puntare all’originalità!


18

il PICCOLO

Speciale Regali

giornale del

Cremasco

Santa Lucia, la grande festa per la gioia dei più piccoli Venerdì 5 Dicembre 2008

Santa Lucia è dietro l’angolo. A seguire il Natale. Che regalare ai più piccini? Quando si parla di regali, accontentare un bambino non è cosa da poco. Il bambino aspetta un dono che lo diverta, qualcosa di avvincente che stimoli la sua fantasia, un’oggetto desiderato con cui giocare.

È proprio la curiosità e il desiderio di provare delle nuove sensazioni che spingono il bambino a gioca-

re ed è proprio nel gioco che mette alla prova le sue capacità manuali e fisiche. Il bambino nel gioco è protagonista e non spettatore.

I bambini sono portati a giocare con tutto quello che gli capita tra le mani ed ogni giocattolo contribuisce alla sua crescita e lo aiuta ad una graduale conquista.
Ci chiediamo cosa regalargli, cosa sia più giusto fargli in dono e per prima cosa dobbiamo pensare

La curiosità è una caraterristica da soddisfare quando si pensa al regalo per un bambino

all’età del bambino.

Nel mercato vi sono tantissimi prodotti che potrebbero creare confusione a chi deve fare un regalo e l’errore più frequente è proprio quello di regalare giocattoli che non sono idonei all’età del bambino creando delusione e disinteresse.
Il giocattolo deve sempre

molare la creatività e lo spirito di imitazione come le macchinine e i piccoli utensili, o i giochi per stimolare il senso del ritmo musicale come gli strumenti musicali o i giochi di movimento come la bicicletta, i pattini o il pallone o i giochi tecnologici come i videogiochi.

I giochi migliori

rispecchiare il mondo reale del bambino e stimolare la sua fantasia e la sua creatività.

I giocattoli possono essere di diverso tipo, si va da quelli prettamente didattici utili alla primissima infanzia come le sagome, i cubi colorati, gli incastri, a tutta una serie di giocattoli per tutte le età. 
Spesso si scelgono quelli di tipo affettivo, come i pelouche, le bambole, gli orsacchiotti o i giochi per sti-

sono quelli che offrono la possibilità di divertirsi e di esprimersi in modo attivo, ma la cosa più importante è che il regalo deve corrispondere ai gusti e alle attitudini del bambino e non a quelle dei genitori o di coloro che fanno il regalo. Non si fa un regalo ad un bambino solo perchè va di moda o perchè noi adulti lo abbiamo sempre desiderato; è bene assecondare le preferenze dei bambi-

ni e le loro richieste (nei giusti limiti).

Molti adulti sostengono poi, che i bambini oggi abbiano troppi giocattoli e

perchè non suscitano sorpresa e divertimento.
Si possono regalare libri, CD musicali o DVD di cartoni animati pur-

I giocattoli sono esistiti in ogni epoca e civiltà

preferiscono regalare oggetti utili come capi di vestiario o regali legati alla scuola come cartelle, colori e così via; questi regali per i bambini non sono veri propri regali

chè assecondino il gusto e gli interessi del bambino che li riceve.
 Fare un regalo ad un bambino significa regalare gioia e divertimento.


Speciale Alimentazione

il PICCOLO

Giopescal, il pesce fresco per i cremaschi di Barbara Milanesi

Le feste si avvicinano. Spesso i pranzi natalizi prevedono menù a base di pesce. Senza considerare quanto l’alimento sia salutare e quante belle cenette si possono

di pesca locale. Presto la passione per la pesca si trasformò in commercio, con una sede fissa. Verso la metà degli anni ' 30 grazie all'intensa attività, l'azienda iniziò ad applicare su scala industriale la tecnica del freddo, per la con-

strutturati in modo da consentire l'immagazzinamento del pesce congelato e potenziando così la rete distributiva con il marchio "GIOPESCAL". Si diede il via ad un meccanismo che va, sempre più sviluppandosi. Fu in questo mo-

Grande qualità e prezzi contenuti nel negozio di via Borgo San Pietro servazione dei prodotti ittici. Fu così che nel 1970 avvenne una svolta decisiva per il mercato ittico del congelato. Nacquero proprio grossi magazzini a Genova e Livorno,

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

19

I titolari della pescheria seguono personalmente i clienti

Data la vicinanza alle feste Natalizie, Fabio e Marina danno qualche suggerimento culinario a base di pesce.

I piatti a base di pesce sono molto apprezzati durante le feste natalizie

preparare a base orate, branzini, scampi, cozze e quant’altro. Bene! Anche a Crema in Via Borgo San Pietro 7 è presente il primo punto vendita lombardo "GIOPESCAL", gestito dai fratelli genovesi Fabio e Marina Spano, che di pesce se ne intendono proprio. La società “GIOPESCAL” iniziò la propria attività ai primi del ' 900 con il commercio ambulante di pesce fresco e

turano tutt’oggi il pesce trattandolo immediatamente per mantenerlo fresco, organoletticamente integro e sano. I negozi "GIOPESCAL" costituiscono una grande opportunità al fine di distribuire in modo mirato un prodotto genuino e di qualità. Nel negozio "GIOPESCAL" il Cliente non è vincolato a confezioni, ma può acquistare per la quantità desiderata, avendo anche un servizio di taglio al banco. E anche la piccola Bottega di Borgo San Pietro ne è una dimostrazione. Fabio e Marina seguono pazientemente i clienti e spiegano spesso le proprietà dei loro prodotti. Il tutto accompagnato da consigli, ricette e da un ottimo vino. Insomma non resta che provarlo.

giornale del

do che da tutti i mari del mondo, pescherecci tecnicamente specializzati e dotati delle più sofisticate apparecchiature di analisi del prodotto, lavorazione e congelamento, cat-

BACCALA’ ALLA PANNA Pulite il baccalà dalla pelle e dalle lische; tagliatelo a pezzi regolari:infarina telo e friggetelo velocemente in una padella con olio d’oliva o, meglio, di semi di sesamo;scola telo su carta assorbente da cucina e tenetelo in caldo. A parte, in una padella, fate soffriggere la cipolla lavata e tritata con 20g di burro: quando sarà colorita bagnatela con il latte, insapori tela con un pizzico di sale e lascia tela bollire a fuoco moderato per 10 minuti. Mettete il baccalà in una padella con poco burro; versatevi la salsa alla cipolla, il prezzemolo lavato e tritato e fate cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti; a metà cottura bagnate il baccalà con la panna. Togliete dal fuoco, disponete i pezzi di baccalà sul piatto da portata, cospargete con il sugo di cottura; guarnite con alcuni ciuffi di prezzemolo fresco e servite in tavola caldo.


20

il PICCOLO

Lettere

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

social card

Un provvedimento che ritorna al passato Il Governo riesuma la tessera. Cosa d'altri tempi. Qualcuno, nella confusione anglofona, ha prontamrente paragonato la Social card alla Family card, ma non è così. Perchè il provvedimento presentato dal Ministro Tremonti non ha nulla di innovativo, anzi ricalca quanto adoperato nel secolo scorso. Infatti, già in passato, ai comuni spettava il compito di stilare 'l'elenco dei poveri' cioè quelli che avevano diritto all'assistenza sanitaria gratuita. Ora si ricorre a una parola nuova per fare quello che si è cancellato quaranta anni fa, perchè giudicato atto discriminatorio. Allora serviva per l'assistenza sanitaria e oggi, purtroppo, per mangiare. L'amara constatazione è che non basta una parola nuova, per determinare delle politiche nuove a favore delle famiglie. Per doveroso chiarimento si specifica che la family card, cosi' come la proponiamo noi, è uno strumento di promozione. Infatti dovrebbe essere rilasciata a tutte le famiglie con figli a carico ed ogni componente sarebbe titolare della sua carta. Il documento, oltre a dare l'accesso o la riduzione sulle tariffe dei servizi pubblici, come trasporti, mensa, rette per asili e scuole materne, servirebbe da volano per tutta una serie di attività. In particolare per le convenzioni e le scontistiche proposte dai privati nel campo della sanità, della formazione, del commercio e del tempo libero. Concludendo si ritiene che, in base alla misura dei parametri che definiscono le modalità di erogazione delle tessera, sia un'operazione discutibile, e non incida positivamente sul morale delle persone catalogate. Altresì sarebbe stato molto più dignitoso aumentare, di 40 euro al mese, le pensioni minime e gli assegni famigliari. Roberto Vitali Responsabile Politiche Famigliari UDC volantini anti nassirya

Lega Nord: memoria dei caduti va onorata In merito ai deliranti volantini contrari all’intitolazione della “buca” ai Caduti nell’attentato di Nassirya la Lega Nord esprime la propria ferma condanna a quanto accaduto. L’apparire sui muri della nostra città di vergognosi volantini inneggianti ad una presunta resistenza irachena, nonché contrari all’intitolazione di un piazzale a quanti persero la vita nell’attentato di Nassirya, è un gesto che la Lega Nord condanna con decisione tale atto oltre a denigrare la memoria di

quanti caddero in una missione di pace sotto l’egida delle Nazioni Unite è oltretutto irrispettoso di quanti combatterono la vera resistenza contro il nazifascismo, accomunando la loro lotta per la libertà a tutti i terroristi che in Irak, e purtroppo in queste ore anche in India, usano l’arma del terrorismo per perseguire i loro deliranti progetti. Matteo Soccini Lega Nord – Lega Lombarda Segreteria Provinciale di Crema opere pubbliche

Lista Gerundo: sì ai privati, ma indirizziamoli Il Direttivo della Lista Gerundo vara la sua proposta in tema di sottopassi e va oltre offrendo alla cittadinanza una soluzione anche per la questione “stalloni” con il “Lodo Gerundo”. Il lodo (riportato nel Grande Dizionario della Lingua Italiana) è una decisione con cui un arbitro o un collegio di arbitri dirime una controversia, dunque quale occasione migliore per porre fine al teatrino tragicomico che i partiti cremaschi stanno inscenando da troppe settimane sulla questione “sottopassi e sovrappassi” se non un’intelligente mediazione? Premesso che la Lista Gerundo non è affatto d’accordo con le dichiarazioni di certa maggioranza comunale che propone di dare il via ai lavori per il superamento dei passaggi ferroviari di Via Indipendenza e Viale Santa Maria senza passare dal Consiglio Comunale e a questa presa di posizione prepotente risponde con il proprio sostegno alle iniziative di interpellanza dei cittadini cremaschi. Ma per la Lista Gerundo, entrando nel merito tecnico della vicenda, o sono “sottopassi” o non sono. Pare assurdo pensare che si possa scegliere, per Santa Maria, tra un sottopasso da 3 milioni di euro ed un sovrappasso-ecomostro da 25 milioni di euro. A poco serve, da parte degli amministratori, dire che le spese del sovrappasso saranno a carico dei privati quando a questi verranno concessi i volumi, in una sorta di baratto, per la realizzazione, con tutta probabilità, di una metropoli di cemento e di una nuova “via Bramante” nel cuore rurale della città. Non se ne vedrebbe il motivo tra l’altro in quanto Crema possiede già un migliaio di case vuote, sfitte o invendute e non necessita per il momento dell’intervento di nuovi “palazzinari”. A soluzione della questione la Lista Gerundo propone alla cittadinanza e a questi investitori che tanto desiderano aiutare Crema a neutralizzare le barriere ferroviarie il “lodo Gerundo”, ovvero: si costruiscano per Via Indipendenza e Santa Maria i due sottopassi con il contributo dei privati ai quali in cambio dovranno essere

concesse delle aree per realizzare i parcheggi. Le aree individuate per la realizzazione dei parcheggi sono ben quattro: prima fra tutti si preveda la costruzione del secondo livello di posteggi alla “buca” di Santa Maria; il secondo sito individuato è nella zona di San Luigi; il terzo intervento preveda la realizzazione di parcheggi sotterranei al Campo di Marte; in ultimo la realizzazione di parcheggi sotterranei nell’area degli “stalloni” con conseguente riqualificazione dell’area sovrastante in parco pubblico con area giochi per bambini, campi da basket e calcetto, area relax alberata, una bella fontana e una bella piazzetta. Tutto ciò per indirizzare il prezioso contributo che questi facoltosi investitori vogliono offrire alla città dalla parte corretta, ovvero verso i servizi essenziali di cui necessitano i cremaschi senza snaturare l’identità della nostra bella città, che “bassa” è bellissima. Francesco Bozzi Portavoce politico LISTA GERUNDO listagerundo@libero.it pendolari

Il Partito Democratico lancia l'allarme Sono ancora undici le linee ferroviarie che nel mese di settembre, secondo gli ultimi dati appena resi disponibili in Regione, non hanno raggiunto la soglia minima di affidabilità, superando l’indice che darebbe ai pendolari diritto al bonus, ovvero allo sconto sull’abbonamento del mese successivo. Bonus ora sospeso perché la Regione non ha ancora rinnovato il contratto con Trenitalia, scaduto a fine 2007. Lo rende noto il Partito Democratico in Regione Lombardia, durante una conferenza stampa in cui ha illustrato l’esito del questionario sulla soddisfazione per il servizio ferroviario distribuito a fine ottobre in 50 stazioni lombarde. Sono stati analizzati i primi mille questionari pervenuti. “Nei pendolari c’è forte insoddisfazione – dichiara la responsabile regionale ambiente del PD Maria Berrini -. L’85% di coloro che ci ha risposto si dichiara poco o per nulla soddisfatto e il 53% ritiene peggiorata la qualità del servizio negli ultimi due anni. I problemi principali lamentati da chi prende il treno sono, in ordine, la pulizia e qualità delle carrozze (il 93% ha espresso insoddisfazione), il sistema di climatizzazione e riscaldamento che spesso non funziona bene (81,6%), la mancanza di informazioni su ritardi e soppressioni (76,4%). Complessivamente negativo anche il giudizio sulla gradevolezza del luogo di attesa (68,8%), sul prezzo del biglietto (66%) e sulla difficoltà a trovare posto a sedere (64,4%). Ciò significa che basterebbe tutto

sommato poco per migliorare il servizio agli occhi degli utenti”. Oltre a questi dati qualitativi, il PD punta il dito contro i dati quantitativi sulla affidabilità del servizio sulle diverse linee, ancora una volta sconfortanti, e propone di congelare gli aumenti tariffari per il 2009 e 2010 e di trasformare il mancato bonus in un abbonamento mensile gratis per i pendolari delle linee più penalizzate. “In queste condizioni – spiega il consigliere regionale Fortunato Pedrazzi – aumentare le tariffe è improponibile. Ancora a settembre le linee considerate inaffidabili sono undici, un terzo del totale, e questa situazione perdura dall’estate. In tutto ciò i pendolari non ricevono più il bonus. Occorre fare come in Liguria, dare gratis ai pendolari delle linee più problematiche l’abbonamento di dicembre, o scontare l’annuale di una mensilità”. Ma secondo Pedrazzi c’è anche un problema di risorse. “Negli ultimi nove anni la Regione ha investito di risorse proprie poco più di 42 milioni di euro e 30 pensa di investirne nei prossimi tre anni. Solo lo 0,37% del bilancio, troppo poco. Ma la Regione deve anche chiedere più risorse allo Stato (688,67 milioni in nove anni) perché, per la propria densità abitativa, deve poter ricevere almeno 200 milioni in più all’anno”. Secondo i dati diffusi dal PD, tratti dai documenti ufficiali della Regione, solo il 39% delle risorse messe a disposizione negli ultimi anni è stato effettivamente speso, e dei 92 nuovi treni ordinati ne sono arrivati, e quindi sono stati pagati, solo 26, poco più di un quarto. Fortunato Pedrazzi Maria Berrini Consiglieri regionali Pd assolta col burqa

Torazzi: «I cittadini devono essere riconoscibili» Il giudice per le indagini preliminari di Cremona Beluzzi ha assolto la donna musulmana che si recò in tribunale con il burqa. Siamo nel campo della logica, che apparentemente manca allo stesso Beluzzi. Lo Stato non può permettersi un carabiniere per ogni cittadino che decida di mascherarsi. La legge impone agli individui di essere riconoscibili quale funzione preventiva, impedendo che un malintenzionato possa circolare indisturbato, indipendentemente dal fatto che possa incontrare un poliziotto che ne verifichi l’identità. La sentenza di Beluzzi mette in moto un meccanismo omertoso che è estraneo allo spirito della legge e alla cultura della nostra gente, nei fatti è un aiuto a terroristi e mafiosi. Onorevole Alberto Torazzi Lega Nord

scuole di crema

No all'accorpamento del Marazzi a Cremona La proposta della Provincia di Cremona di modificare il sistema scolastico cremonese a causa della ridotta dimensione di alcuni istituti, non ci trova assolutamente d’accordo su una specifica questione. L’Amministrazione sta proponendo di aggregare l’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato Marazzi di Crema – che è sottodimensionato - all’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato Ala Ponzone Cimino di Cremona – che non è sottodimensionato e che ne acquisterebbe la presidenza. Noi non condividiamo tale proposta.Infatti il cremasco verrebbe privato di una presidenza che sarebbe spostata a Cremona con un disagio enorme sia per i docenti sia per la gestione quotidiana della scuola che, in assenza di un preside residente, mancherebbe prevedibilmente di una guida pronta e sicura. Una gestione fatta da Cremona a 40 chilometri di distanza non potrebbe che rivelarsi altro che una gestione di tipo burocratico-formale ben diversa da quella educativa ed immediata che solo un dirigente locale può garantire. Una scuola senza una dirigenza stabile e residente è destinata ad essere ancora di più sottodimensionata con l’inevitabile esito della sua chiusura in tempi brevi. La gestione del nuovo Istituto fatto da Cremona, a distanza di 40 chilometri metterebbe in difficoltà l’Ala Ponzone stesso che avrebbe un dirigente - nella pratica concreta quotidiana – dimezzato ed impegnato a correre tra Cremona e Crema con notevole spreco di energie e nessun vantaggio. Il problema del dimensionamento previsto dal Decreto 233 del 1998 non è nuovo – essendo appunto il Decreto del 1998 - e nel cremasco esistono soluzioni rispettose del decreto stesso che, privilegiando il criterio della territorialità invece che dell’omogeneità di indirizzi, possono lasciare il Marazzi ad una guida locale che può risolverne meglio i problemi specifici con la dovuta attenzione e presenza senza influire sulle scuole di Cremona. D’altra parte la soluzione prospettata assume un contorno di precarietà e di provvisorietà che genera incertezza. La soluzione prospettata dalla Provincia creerebbe, quindi, più problemi di quanti non ne risolverebbe ed a questo punto c’è da chiedersi perché mai la si dovrebbe adottare pensando anche che le prossime elezioni amministrative potrebbero portare amministratori nuovi con visioni diverse del problema rispetto a quelle degli amministratori in scadenza Prof. Fabiano Penotti Dirigente dell’Ala Ponzone Cimino


trovi CREMASCO anche da: il PICCOLO

giornale del

Distributore Tamoil

piazza Rimembranze Crema

Cultura &Spettacoli

Il giallo arriva sulla scena del San Domenico Q

Fausto Paravino nello spettacolo «Natura morta in un fosso». Regia di Serena Sinigaglia

di Tiziano Guerini

uesta sera, venerdi 5 dicembre, alle ore 21 al teatro S: Domenico di Crema parte di fatto – dopo il concerto di Sergio Cammariere dello scorso ottobre – la stagione di prosa con “Natura morta in un fosso” di Fausto Paravidino con Fausto Russo Alesi, regia di Serena Sinigaglia. Si tratta di un monologo, cioè di un genere di teatro fra i più difficili, quello che consente ad un attore di fare il suo “esame di maturità”, di mettersi in gioco totalmente, di dimostrare la sua capacità, come si dice, di reggere la scena. Solo davanti al pubblico. E nello stesso tempo, è una forma di teatro che viene da lontano, quando costava poco e non aveva bisogno di scene spe-

Lo settacolo al San Domenico

ciali: bastava l’angolo di una piazza. E’ un monologo sulla violenza; non quella straordinaria che desta l’attenzione, ma quella ordinaria, quotidiana, della quale tutti pensano “a me non capiterà mai”, ma che poi all’improvviso ti fa vittima o carnefice. Dice Serena Sinigaglia, la regista: «Natura morta in un fosso – è un noir a teatro, ovvero il luogo più inospitale per questo genere di fiction di cui pure è piena la televisione e il cinema. Probabilmente perché è ben difficile riuscire a creare della suspance in teatro». La differenza fra un giallo e un noir? Nel primo si dice chi è l’assassino, nel secondo ci si chiede anche il perché. Interessante. Tanto più che ad interpretare questo lavoro teatrale di un testo contemporaneo di uno scrittore giovane, è un attore altrettanto giovane.

PRO LOCO CREMA

Mostra sui viaggi nelle Alpi

L

a scorsa settimana la Pro Loco di Crema ha presentato la XI° edizione della mostra tradizionale di fine anno dedicata al collezionismo. Siccome questo è l’undicesimo anno di vita della pro Loco di Crema - presidente dott. Luigi Ferrigno – è facile arguire come questa mostra accompagni da sempre l’attività della stessa Pro Loco. Quest’anno

l’argomento è un poco insolito: il titolo è “Il viaggio nelle Alpi” tra ‘800 e ‘900 e presenta libri, stampe, manifesti, cataloghi, oggetti vari collegati con l’attività di viaggiatori, turisti ed alpinisti che hanno scoperto e valorizzato nel tempo le belle valli delle nostra montagne più importanti e famose. La mostra è curata dal Circolo Culturale Collezionistico “Beppe Ermentini” (presieduto dal dott.Francesco Dal Negro) e dalla sezione di Crema

Pro loco: presentazione della mostra di fine anno 2008

TEATRO DI ROMANENGO

Greta Giavedoni canta Brecht al Galilei

Domani sabato 6 dicembre alle ore 21,15 nuova rappresentazione musicale al teatro Galilei di Romanengo con la giovane voce di Greta Giavedoni che canta Brecht. Una cantante ventenne al suo primo concerto da solista, con una splendida voce dalle tonalità basse e graffianti. Proprio come si addice alle canzoni di Bertold Brecht mai fine a se stesse. E soprattutto frutto di una contaminazione eccezionale che va dalla storia alla politica, alla vita vissuta, per quanto

riguarda i testi; e che spazia dall’opera lirica, alla musica da circo, al cabaret tedesco, jazz e rock per quanto riguarda la musica. Eccezionale. «Sedici canzoni, sedici storie accompagnate da poesie e prose». La cantante-attrice impersona i personaggi più diversi: puttane, sante, madri, donne innamorate e donne politicamente impegnate… Un trionfo di figure femminili per un mondo complesso e difficile. Quello di sessant’anni fa, o quello di oggi?

del Club Alpino Italiano (presieduta da Marco Costi), ed ha ottenuto il patrocinio speciale del Touring Club Italiano. Naturalmente c’è anche il consueto patrocinio del Comune di Crema e della Provincia di Cremona. Dice il dott. Francesco Dal Negro: «La mostra presenta, sia pure sinteticamente, anche la nascita dell’industria alberghiera nelle Alpi, i primi mezzi di trasporto, in mostra ci sarà anche una carrozza d’epoca “vittoriana”, fino all’avvento dell’automobile». Un ringraziamento va agli sponsor fra cui il Rotary di Crema, ICAS, il gruppo Olimpia, e in particolare, per la loro assidua presenza per questa circostanza annuale INA-Assitalia. La mostra, allestita come da tradizione da Attilio Bianchi, verrà inaugurata domani 6 dicembre alle ore 17 presso la Cittadella della Cultura in via Dante (presso il museo del S. Agostino) e rimarrà aperta fino al 21 dicembre. Va detto, da ultimo ad avvalorare l’importanza della iniziativa, che la mostra è stata pubblicizzata dalle due riviste a diffusione nazionale del Touring Club e del CAI.

trovi CREMASCO anche da: il PICCOLO

giornale del

Ristorante la Palazzina

sp. Crema - Codogno 891

TEATRO E'...

L'amante e la coppia scoppiata di Pinter

Domenica sera in Sala Alessandrini Lo spettacolo della rassegna “Teatro è…” previsto per lo scorso venerdi, è stato aggiornato per colpa del maltempo, a domenica 7 dicembre sempre alla sala Alessandrini in via Matilde di Canossa 20 a Crema. In scena, alle ore 21, “L’amante” di Harold Pinter con interpreti Lorenza Grassi e Danilo Ferrari e la partecipazione di Fausto Lazzari. Il marito sa dell'amante della moglie, anzi ha cura di attardarsi in ufficio per permetterle di riceverlo in casa; la moglie concede al marito saltuarie scappatelle con una prostituta. Entrambi ne parlano, entrambi ne vivono. Lei concede, lui permette - e si organizzano al meglio per far coincidere sempre tutto e bene. Ma al marito questa situazione comincia a dar fastidio. Questa è la premessa, tutta fatta di straordinari capovolgimenti. La regia è di Danilo Ferrari. «Si tratta di

una operazione teatrale ricca di effetti scenici, danza, musica, e scommette sulle qualità del testo il cui autore è stato premio Nobel per la letteratura nel 2005». E’ un appuntamento importante anche perché è quello che chiude per quest’anno la

rassegna, che ha avuto fra l’altro il merito di valorizzare artisticamente alcuni luoghi diversamente collocati in città e per lo più insoliti per questo genere.

VIAGGIO E IMMAGINI

Alla scoperta degli angeli di Sumatra

Il viaggio come conoscenza interiore, di popoli e terre lontane. Torna martedì 9 dicembre la programmazione del “Viaggio attraverso le immagini” con una serata ricca di proposte. Saranno gli orangutan dell’isola di Sumatra ad augurare buone festività. Le foto degli “angeli della foresta” scattate da Nicola Tignonsini e il bel libro che è nato dall’esperienza vissuta in quella zona, dal titolo Orangutan. Angeli della foresta (FBE, 2006), ci portano sulle tracce di una specie in via di estinzione. A fine serata, in collabo-

razione con Grasch, verrà allestito un cocktail multietnico e ai partecipanti verrà data una copia del calendario che ritrae persone di ogni parte del mondo mentre mangiano. Il calendario, che rientra nel progetto World Meal Time, è in realtà il pretesto per far conoscere Reporter sans frontières e infatti i proventi della serata saranno devoluti a questa organizzazione. L'incontro è a ingresso libero e avrà inizio alle ore 21 presso la sala Alessandrini (via Matilde di Canossa) a Crema.

Fofografia: «Crema vista da noi» Lo scorso sabato 29 nella Galleria del Palazzo Comunale di Crema è stato presentato il libro “Crema vista da noi”. Un bel volume di fotografie della città scattate “dagli allievi che nell’anno scolastico 2006/7 hanno partecipato al concorso fotografico tenuto nella classi terze della scuola media “Vailati” durante l’insegnamento di educazione artistica della prof. Francesca Garau. Fotografie della città, ma anche inusuali che testimoniano l’estro dei giovani artisti della fotografia. Al complesso lavoro hanno partecipato anche il prof. Raffaele Maioli, insegnate di scienze presso le scuole

superiori, ed il fotoamatore Abramo Marinoni, presidente del fotoclubombriano. La presentazione del volume da parte di Carlo Piastrella, per parecchi decenni responsabile del museo e della biblioteca di Crema. Alla realizzazione del volume hanno partecipato 73 alunni delle classi terze, con più di 1500 fotografie analizzate, con la partecipazione ai concorsi della Pro Loco di Crema: grande la soddisfazione anche dei dirigenti scolastici che si sono succeduti, il prof. Valerio Lazzari e l’attuale prof. Giuseppe Di Sipio. “Crema vista da noi”, ed. Lito Press, novembre 2008.


22

il PICCOLO

Appuntamenti

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

Appuntamenti a Cremona e dintorni... ARTE & CULTURA

Fino al 5 dicembre 08 cremona Mostra AnticoVecchioModerno Incontro nel Museo di Storia Naturale di oggetti di epoche diverse. Orario: da martedì alla domenica dalle 9 alle 13 Museo Civico di Storia Naturale (parco del Vecchio Passeggio). Fino all'8 dicembre 08 cremona Mostra Rita Calzavia e Elena Bocchi: Opere Pittoriche Orario: giorni feriali dalle 17 alle 19, festivi dalle16 alle19-Adafa, Casa Sperlari (Via Palestro, 32). Fino all'11 dicembre 08 crema Mostra Viola en Plain Air Personale di pittura del''artista cremasco Gil Macchi. Orario: feriali dalle ore 15 alle ore 19 - Fe-

musica

5 dicembre 08 crema concerto Rappiers / Fabolous Ottomans in concert Rock & Roll a pieno ritmo. Orario: ore 21,30 - Fillmore (via Matteotti, 2). Orario: 15 euro.

SPETTACOLI

5 dicembre 08 crema - Teatro Natura morta in un fosso Piece teatrale diretta da Serena Sinigaglia. Orario: ore 21 - Teatro San Domenico (piazza Trento e Trieste).

ALTRO

7 dicembre 08 crema - Bancarelle di Natale sotto il Torrazzo Musica, animazione, gastronomia locale e... Tante luci. Orario: dalle 9 alle 19 Piazza Duomo e Vie del Centro Storico. Dal 6 all'8 dicembre 08 TORRE DE' PICENARDI

stivi dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 22. Crema, Sala Santa Maria di Porta Ripalta Via Matteotti, 47. Fino al 14 dicembre 08 cremona Mostra Enrico Della Torre «Prove» Orario: da mercoledì al sabato: 10,30-12,30 / 16,30-19,30; domenica: 16,30-19,30 - Galleria Daniela Rallo (piazza Sant' Abbondio, 1). Presentazione dei lavori del famoso pittore nativo di Pizzighettone. Fino al 14 dicembre 08 cremona mostra «Partiture» Pitture di Clara Matelli - Mostra pittorica della nota artista-architetto. Orario: dal lLunedì al sabato dalle 9 alle 18; domenica e festivi dalle 10 alle 18 - Sala Alabardieri di Palazzo Comunale. Fino al 30 dicembre 08 cremona Mostra L'Arte Italiana dal 1945 / Transavanguardia e Citazionismo Tradizionale appuntamento artistico dedicato all'arte italiana post bellica. Fondazione Città di Cremona piazza Giovanni XXIII, 1. Fino al 31 gennaio 08 cremona Mostra

5 e 8 dicembre 08 cremona Stagione Lirica Falstaff di Giuseppe Verdi Orari: ore 20.30 e 15 Teatro Ponchielli. 5 dicembre 08 crema concerto Natura morta in basso di F. Paradivino. Teatro San Domenico.

Alfonso Martini / Gran Gourmet Inaugurazione della mostra d'arte sabato 25 Ottobre alle ore 17,30. Osteria Garibaldi Caffè (corso G. Garibaldi, 38). 5 dicembre 08 cremona Incontro Crisi del Capitalismo e necessità della trasformazione sociale Convegno organizzato dalla rivista politico-culturale «l'Ernesto». Orario: ore 21 - Sala Bonfatti, sede Cgil (via Mantova, 25). Dal 6 al 28 dicembre 08 cremona mostra Cremona e le sue Torri Mostra fotografica dedicata a Cremona e al paesaggio urbano contraddistinto da decine di famose torri. Orario: dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18. Sabato e festivi dalle 10 alle 18, lunedì chiuso- Sala per le esposizioni temporanee del Museo Civico (Via U. Dati, 4) Dal 6 al 28 dicembre 08 crema mostra IL VIAGGIO NELLE ALPI TRA OTTOCENTO E NOVECENTO Mostra fotografica Via Dante Museo Civico di Crema - Orario feriali 15.30-17.30 sabato e festivi 10-12 e 16-19.

Con I Contaminati e Alfonso Alpi Cinetratro Giovanni Paolo II- Orario: ore 21. 6 dicembre 08 CREMONA «APOCALYPSIS CUM FIGURIS» Gruppo Musica Insieme Francois Kahn, voce recitante Musiche di Messiaen Letture dall'Apocalisse di Giovanni. Teatro Monteverdi - Orario: ore 21.

5 dicembre 08 castelleone concerto «ELENA RAVELLI 50 VOLTE MINA»

6 dicembre 08 CREMONA PRELUDIO D' ORGANO IN SAN LUCA Meditazioni musicali ante missam - Michele Bosio all' organo Rotelli (1901). Ang. Corso Garibaldi/Viale Trento Trieste Chiesa di San Luca- Orario: ore 17.30.

5 dicembre 08 casalbuttano Teatro Una Coppia Infedele Appuntamento con la storica coppia Cochi Ponzoni e Renato Pozzetto. Orario: ore 21 Teatro V. Bellini (via Jacini, 25).

6 e 7 dicembre 08 cremona IL....FILO DEI BURATTINI «GIACOMINO E IL FAGIOLO CHE CREBBE FINO AL CIELO» Con la Compagnia Marco Lucci Teatro FilodrammaticiOrario: ore 16.30 e 15.30.

11 dicembre 08 crema Cabaret Spettacolo a richiesta Spettacolo brillante di e con Teo Teocoli. Orario: ore 21 Teatro San Domenico (piazza Trento e Trieste).

6 dicembre 08 ROMANENGO SEERAUBERGRETA Greta Giavedoni canta Brecht Al pianoforte Giuseppe Olivini Testi di Bertold Brecht. Auditorium Galilei Orario: ore 21.15.

SAGRA DI SANT'AMBROGIO Mercatini di Natale, animazione.

MARATONINA DI SANTA LUCIA Manifestazione podistica.

7 dicembre 08 OSTIANO - MERCATINO DI NATALE Oggettistica, artigianato, gastronomia Piazza Garibaldi - Orario: dalle 8 alle 20.

8 dicembre 08 SORESINA - MERCATINO STRAORDINARIO DI SANTA LUCIA Tradizionale mercatino di giocattoli, dolciumi e prodotti artigianali, in occasione di Santa Lucia. Spettacolo pirotecnico (ore 18.30). - Piazza Garibaldi.

7 dicembre 08 SAN BASSANO MERCATINO DI NATALE Mercatino di prodotti natalizi ed artigianali. Istituto Vismara. 7 dicembre 08 TORRE DE' PICENARDI MERCATINO DI NATALE Oggettistica, artigianato, gastronomia Orario: ore 9-19. 7 dicembre 08 CASALMAGGIORE

8 dicembre 08 MONTODINE LA NOTTE DI SANTA LUCIA Arrivo di Santa Lucia con l' asinello e distribuzione di dolci ai bambini. Piazza XXV Aprile - Orario: ore 17. 11 e 12 dicembre 08 CREMA - FIERA DI SANTA LUCIA Tradizionale mercatino in occasione della festa dei bambini Piazza Duomo.

Apocalypsis cum figuris al teatro Monteverdi

Appuntamento il prossimo 6 dicembre alle 21 presso il teatro Monteverdi, con l'esibizione del gruppo Musica insieme, nel concerto «Apocalypsis cum figuris». Voce recitante sarà François Kahn, attore teatrale e regista. Il Gruppo Musica Insieme di Cremona debutta nel 1973 con un concerto al Palazzo Cittanova di Cremona dando vita a una delle iniziative più significative musicali italiane degli ultimi anni. Un’esperienza in continua evoluzione attraverso un percorso lungo oltre 600 concerti nei quali è stato affrontato il repertorio cameristico da Monteverdi ai rappresentanti del “dopo le avanguardie”. Il

Gruppo è organizzatore della Rassegna Spazionovecento che quest’anno giunge alla XXVIII edizione e che da sempre è dedicata ampiamente alla musica del Novecento e a quella più recente. Prestigiosi solisti hanno collaborato con il Gruppo Musica Insieme: Cathy Berberian, Antony Pay, Antonio Ballista, Pierre Pierlot, Alide Maria Salvetta, Will Humburg, Anner Bijlsma, Massimiliano Damerini ecc. Il Gruppo ha tenuto concerti nelle più prestigiose sedi nazionali e internazionali, ha partecipato a numerose trasmissioni televisive e radiofoniche e ha inciso diversi dischi, fra i quali due cd monografici.

L’Oroscopo Della Settimana di Romeo

Nel lavoro, impegnatevi molto per ottenere piccoli risultati perché è proprio dal piccolo che otterrete il massimo; agite nel dettaglio ma pensate in grande. Cercate di staccare dalle fatiche del mese trascorso dedicandovi a voi stessi e al vostro mondo interiore. Avete bisogno di ritrovare intimità più profonda con gli altri. Aspettate qualche giorno prima di lasciarvi andare a qualche nuovo sentimento che ha già fatto capolino nella vostra vita. Le cose arrivino da sé. Nella vita affettiva vi è un vago senso d’inquietudine e insoddisfazione che dovrete cercare di gestire al meglio. Passerà presto e quindi non preoccupatevi. Concentratevi nelle piccole cose di ogni giorno, date il meglio di voi negli impegni che dovete portare a termine. Non fatevi distrarre troppo. Giornata altalenante, un po' apatica e un po' malinconica, siete voi che non siete dell'umore giusto per dialogare serenamente con le altre persone. Attingete alla vostra attitudine sociale ed estroversa, in questo periodo decisamente potenziata: tutto serve a consolidare la vostra posizione nel mondo. In questo periodo i pianeti consigliano tempismo e coraggio, buttarsi in certe situazioni a volte è rigenerante. Siate d’umore generoso e compiacente. Approfittate per andare di corsa incontro agli altri con nuovi piacevoli rapporti, felici collaborazioni, unioni proficue sotto tutti i punti di vista. La cosa migliore è badare al lavoro, ma nello stesso tempo un certo rapporto può darvi da pensare, quindi cercate di valutare bene chi avete davanti. Se avete in mente di andare a chiedere aumenti o passaggi di ruolo, fatelo pure. Quello che vi frena è solo una fiducia non perfetta nelle vostre possibilità. Periodo che crea facilità di rapporti nel mondo del lavoro e possibilità di nuovi, entusiasmanti contatti sociali, sempre attinenti alla vostra professione.


Coffee Break

il PICCOLO

Venerdì 5 Dicembre 2008

La cantante canadese rivela di aver subito uno stupro

U

n atto di grande coraggio o soltanto una scelta d'effetto per rilanciare la propria carriera? Soltanto la protagonista della vicenda può sapere la verità. Il soggetto è la cantante canadese Alanis Morisette (34 anni), che in un’intervista rilasciata al “Daily Mirror” ha rivelato di aver scritto un’autobiografia nella quale confessa di essere stata vittima di uno stupro. Una vicenda tragica, che forse avrebbe meritato maggior di-

giornale del

CREMASCO

Autobiografia choc di Alanis Morisette screzione, ma nel mondo dello spettacolo dei giorni nostri il sensazionalismo ha travolto qualsiasi tipo di privacy. La Morisette, per anni la star della musica più apprezzata dai giovanissimi, ammette nel suo libro di essere stata violentata a 14 anni e ha aggiunto che «divulgarlo mi aiuterà a liberarmi dalla vergogna». Per giustificare la scelta, dettata solo da motivi morali, la cantautrice di Ottawa rivela che il disagio e la rabbia per quanto accaduto sono ancora forti tanto

Alcune immagini della cantante canadese Alanis Morisette

23

Alba Parietti litiga allo stadio con un ultrà

Caduta di stile per Alba Parietti. Al termine della partita Inter-Juve, la tifosa bianconera è stata insultata all’uscita dallo stadio di San Siro, da un ultrà che poco educatamente le ha urlato pesanti offese sulla sua moralità. La showgirl torinese, invece di snobbare il cafone di turno, avrebbe risposto con altrettanta volgarità, mostrando certamente poca classe. La professione di ospite a tutte le trasmissioni tv non sembra averle giovato…

da condizionare molti testi delle sue canzoni, nei quali si colgono riferimenti ai sensi di colpa e alla disperazione da lei sofferti. In particolare, la Morisette avrebbe cercato di scaricare la sua sofferenza mentre componeva il suo primo album dal titolo

“Jagged little pill”, che ha venduto più di 30 milioni di copie in tutto il mondo. Vedremo come reagiranno i tanti fans di Alanis, che certamente non avranno colto il suo dolore nelle canzoni che tanto hanno amato.

La Badescu attaccata dai rumeni

IL CASO - La partecipazione alla trasmissione ha favorito la cantante palermitana

Giusy Ferreri, il fattore X del successo

Giusy Ferreri è il fenomeno musicale del momento

Giusy Ferreri è la cantante italiana del momento. Ma avrebbe ottenuto tutto questo successo senza la partecipazione a “X Factor”? Difficile dirlo, ma il battage pubblicitario condotta dalla Rai e dai produttori della trasmissione con la Ventura ha sicuramente influenzato il mondo della musica. La canzone “Non ti scordar di me”, scritta da Roberto Casalino e Tiziano Ferro, è diventata un autentico tormentone estivo, grazie

alla tambureggiante messa in onda su tutte le radio private. Così facendo, ottenere il successo è certamente più agevole. La stessa cosa è avvenuta per il nuovo singolo “Novembre”, che assomiglia forse troppo al primo brano della Ferreri, che è comunque spinta da tutte le trasmissioni musicali. Se la cantante palermitana ha la stoffa, durerà a lungo, altrimenti anche con tanta pubblicità diventerà una delle tante meteore.

I rumeni d’Italia contestano la connazionale Ramona Badescu. Scelta dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in qualità di consigliere sulla questione degli immigrati dalla Romania, è stata definita dai suoi stessi compatrioti «una donna priva di competenze oltre a quella di essere stata miss Romania». La soubrette non si è scomposta e ha ribattuto: «Le critiche sono ben accette, sto cercando di imparare». La Badescu ha già imparato l’arte della politica.


trovi Cremasco anche da: il PICCOLO

giornale del

Arci Crema Nuova

via Bacchetta, 2 -Crema

Televisione &Cinema

trovi

il PICCOLO

giornale del

Cremasco

anche da:

Bar Ospedale

largo Dossena, 2 Crema

Programmi televisivi da Sabato 6 a Venerdì 12 Dicembre

I

l successo di “Friends” non sembra scemare. La sit-com statunitense, creata da Marta Kauffman, David Crane e Kevin Bright e prodotta dalla Warner Bros, continua ad affascinare il pubblico italiano. Malgrado vengano mandate in onda le puntate delle ultime stagioni, lo share continua a premiare la scelta di Raidue. Il telefilm è stato trasmesso per la prima volta nel settembre del 1994 e l’ultimo il 6 maggio 2004. La trama Ross (David Schwimmer) e Monica (Courteney Cox) sono fratelli e conoscono Chandler (Matthew Perry) dai tempi del college, poiché quest’ultimo era

“Friends” ha ancora tantissimi… amici

e le due all’epoca erano molto legate; con il passare degli anni, però, Rachel e Monica si erano perse di vista, anche a causa della loro differente condizione sociale. Ross si sposa con Carol; Monica, ancora single, va a vivere nel vecchio appartamento della nonna e conosce Phoebe (Lisa Kudrow), che diventa la sua coinquilina.

il compagno di stanza di Ross. I due conoscono anche Rachel (Jennifer Aniston, apprezzata attrice in molti film), compagna di liceo di Monica,

tv

raiuno

raidue

raitre

la 7

Nell'appartamento di fronte vivono Chandler e il suo coinquilino, un ragazzo ebreo. Quest'ultimo però, decide di cambiare casa e dunque

sabato 6

“Mamma ho preso il morbillo” è un film del 1997 di Raja Gosnell, terzo capitolo della saga di “Home Alone”. La trama vede all’opera una banda composta da quattro criminali internazionali, che ha portato a termine un colpo, cerca di rivendere un preziosissimo microchip contenente un

Scarlett Johansson

La sit-com americana ottiene buoni ascolti anche con le puntate delle ultime stagioni

I sei protagonisti della serie televisiva “Friends”

MAMMA HO PRESO IL MORBILLO Criminali sconfitti da un bambino

Chandler è alla ricerca di qualcuno con cui dividere l'affitto: è a questo punto che arriva Joey (Matt Le Blanc), un aspirante attore di origini italiane. Allo stesso tempo Phoebe, che trova difficile la convivenza con Monica, sta decidendo di tornare a vivere da sua nonna, ma non ha il coraggio di dirglielo: alla fine le due ragaz-

domenica 7 Lunedi’ 8

ze si separano, ma restano amiche, in quanto Phoebe lavora al Central Perk, un bar dove i ragazzi si riuniscono spesso. Da allora i sei ragazzi sono protagonisti di numerose situazioni comiche, condite da litigi e pettegolezzi. Raidue, sabato-domenicamartedì ore 19.30

Martedi’ 9

segreto militare dell’aviazione statunitense per milioni di dollari. Per passare inosservati, nascondono questo microchip in una macchinina telecomandata giocattolo. I pacco che la contiene, viene scambiato però con un sacchetto simile, regalato ad Alex Pruitt, un bambino di otto

mercoledi’ 10

anni, che si ammala di morbillo. Alex, bloccato a casa, ne approfitta per guardare che cosa succede nel suo quartiere e nota per due volte un ladro in due case diverse. I quattro ladri, stanno cercando la macchina telecomandata e scoprono che ce l’ha il bambino: decidono allora di entrare in casa sua per riprendersela, ma scopriranno presto che la missione è più dura del previsto. Nel cast troviamo una giovanissima Scarlett Johansson. Italia 1, sabato ore 21.10

giovedi’ 11

venerdi’ 12

11.30 12.30 13.30 14.00 14.30 16.15 17.00 17.15 17.40 20.00 20.35 21.30 23.50 23.55 00.35

occhio alla spesa la prova del cuoco Tg 1 easy driver. Attualita' lineablu. Attualita' dreams road. Doc. tg1 - che tempo fa a sua immagine tg1 l.i.s Tg1 - tg1 sport affari tuoi. Quiz serata d'onore lirica tg1 telegiornale applausi. Attualita' tg1 notte

10.30 10.55 12.20 13.10 14.00 15.15 16.20 16.35 18.00 20.00 20.40 21.30 23.35 00.30

a sua immagine ss messa - angelus linea verde diretta Tg1 - benjamin domenica in - l'arena domenica in... sieme tg1 - che tempo fa domenica in - 110 e lode domenica in - 7 giorni Tg1 - Rai Tg Sport affari tuoi. Quiz tutti pazzi per amore. Film TV - 1a puntata. tg1 - speciale tg1 oltremoda. Attualita'

10.00 11.30 11.25 12.00 12.20 13.30 14.10 15.50 16.50 18.50 20.00 20.30 21.30 23.25

ss. messa da roma a sua immagine speciale che tempo fa/Tg 1 recita dell'angelus la prova del cuoco Tg 1 / tg1 economia festa italiana. Varieta' omaggio del papa alla statua dell'immacolata tg parlamento - tg 1 l'eredita' . Quiz Tg1 affari tuoi. Quiz lourdes. Film TV tg1 telegiornale

10.00 11.00 11.25 12.00 13.30 14.10 16.15 18.50 20.00 20.30 21.20 23.15 23.25

verdetto finale. Attualita' occhio alla spesa che tempo fa/Tg 1 la prova del cuoco Tg 1 / tg1 economia festa italiana. Varieta' la vita in diretta. Att. (16.50 - tg parlamento 17.00- che tempo fa/tg 1) l'eredita'. Quiz Tg1 affari tuoi. Quiz cinderella man. Film tg1 telegiornale porta a porta. Attualita'

10.00 11.00 11.25 12.00 13.30 14.10 16.15 18.50 20.00 20.30 21.10 23.15 00.55

verdetto finale. Attualita' occhio alla spesa che tempo fa/Tg 1 la prova del cuoco Tg 1 / tg1 economia festa italiana. Varieta' la vita in diretta. Att. (16.50 - tg parlamento 17.00- che tempo fa/tg 1) l'eredita'. Quiz Tg1 affari tuoi. Quiz carramba che fortuna tg1 - porta a porta tg1 notte/turbo

11.00 11.25 12.00 13.30 14.10 16.15 18.50 20.00 20.30 21.10 23.05 23.15 00.55

occhio alla spesa che tempo fa/Tg 1 la prova del cuoco Tg 1 / tg1 economia festa italiana. Varieta' la vita in diretta. Att. (16.50 - tg parlamento 17.00- che tempo fa/tg 1) l'eredita'. Quiz Tg1 affari tuoi. Quiz genitori in trappola. tg1 telegiornale porta a porta. Attualita' tg2 notte - le idee

11.00 11.25 12.00 13.30 14.10 16.15 18.50 20.00 23.15

occhio alla spesa che tempo fa/Tg 1 la prova del cuoco speciale telethon Tg 1 / tg1 economia festa italiana. Varieta' speciale telethon la vita in diretta. Att. speciale telethon (16.50 - tg parlamento 17.00- che tempo fa/tg 1) l'eredita'. Quiz Tg1 affari tuoi. Quiz speciale telethon tg1 - tv7

11.35 13.00 13.25 14.00 17.00 18. 00 18.15 19.10 19.30 20.00 20.25 21.05 22.40 23.20 23.30

mezzogiorno in famiglia tg 2 Giorno dribbling scalo 76. Musicale sereno variabile tg2 notizie - meteo 2 the district. Telefilm x factor - i casting friends. Telefilm piloti. Sit Com LOTTO - Tg 2 notizie cold case. Telefilm sabato sprint tg2 notte tg2 dossier - storie

11.30 13.00 13.25 13.45 15.40 17.10 18.05 18.10 19.25 19.50 20.30 21.05 21.50 22.45 01.00

mezzogiorno in famiglia Tg 2 Giorno tg2 motori - eat parade quelli che... aspettano quelli che il calcio e... stadio sprint. Sportivo tg2 notizie - dossier 90° minuto friends. Telefilm piloti. Sit Com Tg 2 notizie N.c.i.s. Telefilm criminal minds. Telefilm la domenica sportiva tg 2 notte

13.00 13.50 14.00 14.40 16.15 17.15 18.00 19.00 19.35 20.15 21.05 22.30 22.45

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica scalo 76 cargo italia allo specchio ricomincio da qui julia. Soap opera tg 2 Sport - Tg2 - meteo x factor - i casting squadra speciale cobra 11. Telefilm Tg 2 notizie i tuoi, i miei e i nostri tg2 - tg2 punto di vista i segreti di brokenback mountain. Film

13.00 13.50 14.00 14.40 16.15 17.15 18.00 18.50 19.10 19.35 20.15 21.00 22.40 23.25

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica scalo 76 cargo italia allo specchio ricomincio da qui julia. Soap opera tg 2 Sport - Tg2 - meteo x factor - i casting friends. Telefilm squadra speciale cobra 11. Telefilm lotto - Tg 2 notizie private practice. Tf desperate housewives tg2 notte - champions

13.00 13.50 14.00 14.40 16.15 17.15 18.00 18.50 19.35 20.30 20.45 23.05 23.50

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica scalo 76 cargo italia allo specchio ricomincio da qui julia. Soap opera tg 2 Sport - Tg2 - meteo x factor - i casting squadra speciale cobra 11. Telefilm Tg 2 NOTIZIE - sport calcio. Champions League Juve - bate borisov tg2 notizie -champions la storia siamo noi

13.00 13.30 13.50 14.00 14.40 16.15 17.15 18.00 18.50 19.35 20.15 21.05 23.05 23.20

tg2 giorno tg2 costume e societa' medicina 33. rubrica scalo 76 cargo italia allo specchio ricomincio da qui julia. Soap opera tg 2 Sport - Tg2 - meteo x factor - i casting squadra speciale cobra 11. Telefilm lotto - Tg 2 notizie annozero. Attualita' TG2 - punto di vista stacult show. Varieta'

13.00 13.50 14.00 14.40 16.15 17.15 18.00 19.00 20.00 20.25 21.05 21.50 23.15 23.05 23.40

tg2 - costume e societa' tg2 si' viaggiare. rubrica scalo 76 cargo italia allo specchio ricomincio da qui julia. Soap opera tg 2 Sport - Tg2 - meteo speciale telethon x factor - i casting tg 2 notizie close to home. Telefilm justice. Telefilm tg2 notte tg2 punto di vista speciale telethon

12.00 12.25 13.05 13.20 14.00 14.50 16.10 17.30 17.05 18.10 19.00 20.00 21.05 23.15

tg3 sport - meteo tgr settimanale tgr speciale bellitalia tgr mediterraneo Tg Regione - meteo - tg3 tgr ambiente italia magazine champions pallanuoto: campionato Tufano Posillipo- Pro Recco calcio a 5: campionato 90° minuto serie b Tg Regione - tg3 - meteo blob - che tempo che fa speciale ballaro' Tg Regione - tg3

12.00 12.25 12.50 13.20 14.00 14.30 15.05 18.00 19.00 20.00 20.10 21.00 23.10 23.40

tg3 sport - meteo telecamere salute racconti di vita.Attualita' passepartout. Attualita' Tg 3 - tgr - meteo in 1/2 h. Attualita' alle falde del kilimangiaro. Doc per un pugno di libri Tg Regione - tg3 - meteo blob. Varieta' che tempo che fa elisir. Attualita' tg3 regione - tg3 glob. Varieta'

13.05 14.00 14.50 15.00 15.10 15.15 17.05 17.50 20.00 20.10 20.30 20.30 23.05 24.00

terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 tgr leonardo tgr neapolis tg3 flash L.I.S. trebisonda. Varieta' cose dell'altro geo geo & geo. Documentario - tg3 - tg regione Blob. Varieta' agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap chi l'ha visto? Attualita' replay. Sportivo tg3 - tg regione

13.05 14.00 14.50 15.00 15.10 15.15 17.05 17.50 20.00 20.10 20.30 21.05 23.20 24.10

terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 tgr leonardo tgr neapolis tg3 flash L.I.S. trebisonda. Varieta' cose dell'altro geo geo & geo. Documentario - tg3 - tg regione Blob. Varieta' agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap ballaro'. Attualita' parla con me. Varieta' tg3 - Tg Regione

13.05 14.00 14.50 15.00 15.10 15.15 17.05 17.50 20.00 20.10 20.30 21.30 23.10 24.00

terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 tgr leonardo tgr neapolis tg3 flash L.I.S. trebisonda. Varieta' cose dell'altro geo geo & geo. Documentario - tg3 - tg regione Blob. Varieta' agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap un caso per due. Tf parla con me. Varieta' tg3 linea notte - tgr

13.05 14.00 14.50 15.10 15.15 17.05 17.50 20.00 20.10 20.30 21.05 23.10 23.50 01.10

terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 tgr leonardo -neapolis tg3 flash L.I.S. trebisonda. Varieta' cose dell'altro geo geo & geo. Documentario - tg3 - tg regione Blob. Varieta' agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap che tempo che fa. Varieta' parla con me. Varieta' Tg3 - tg3 regione cultbook. Attualita'

13.05 14.00 14.50 15.00 15.10 15.15 17.05 17.50 20.00 20.10 20.30 21.05 23.10 23.50

terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 tgr leonardo tgr neapolis tg3 flash L.I.S. trebisonda. Varieta' cose dell'altro geo geo & geo. Documentario - tg3 - tg regione Blob. Varieta' agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap mi manda raitre. Attualita' parla con me. Varieta' Tg3 - tg3 regione

09.20 09.50 10.30 12.30 13.00 14.00 16.00 18.00 20.00 20.30 21.10 23.20 00.05 01.05

l'intervista. Attualita' i segreti della archeologia. Doc. il riposo del guerriero tg la7 - sport 7 mai dire si. Telefilm jack frost soldato sotto la pioggia operazione crossbow tg la7 crozza italia exclusive il sorpasso. Film la valigia dei sogni hustle. Telefilm tg la7/m.o.d.a.

09.20 09.35 10.00 12.30 13.00 14.05 16.00 17.45 20.00 20.30 20.35 21.30 23.40 00.30

la settimana . Attualita' segreti della archeologia. Doc. hollywood hollywood 3 tg la7 - sport 7 mai dire si. Telefilm l'ispettore barnaby intermezzo. Film scusi dov'e' il west? Film Tg La7 sport 7 chef per un giorno. Att. crozza italia live. Var. reality. Attualita' sport 7/tg la7

10.10 10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 17.00 19.00 20.00 20.30 21.30 00.20 00.50

punto tg due minuti un libro il tocco di un angelo matlock. Telefilm Tg La7 - sport 7 cuore e batticuore l'appartamento. Film mac gyver. Telefilm atlantide. Documentario stargate sg-1. Telefilm Tg La7 l'infedele. Attualita' LA FABBRIca dei tedeschi two twisted. Telefilm TG LA7 - l'intervista

09.15 10.10 10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 16.15 19.00 20.00 20.30 21.30 23.15

OMNIBUS LIFE. Attualita' punto tg due minuti un libro il tocco di un angelo matlock. Telefilm Tg La7 - sport 7 cuore e batticuore pianura rossa. Film mac gyver. Telefilm atlantide. Documentario stargate sg-1. Telefilm Tg La7 otto e mezzo. Attualita' impero. Attualita' sex & the city. Telefilm

10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.30 00.30

due minuti un libro il tocco di un angelo matlock. Telefilm Tg La7 - sport 7 cuore e batticuore marlowe, il poliziotto privato. Film mac gyver. Telefilm atlantide. Documentario stargate sg-1. Telefilm Tg La7 otto e mezzo. Attualita' exit. Attualita' murder call. Telefilm two twisted. Telefilm

10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 00.55

due minuti un libro il tocco di un angelo matlock. Telefilm Tg La7 - sport 7 cuore e batticuore la bandera - marcia o muori. Film mac gyver. Telefilm atlantide. Documentario stargate sg-1. Telefilm tg la7 otto e mezzo. Attualita' gli ammutinati del bounty. Film tg la7

10.10 10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.55 00.55

punto tg due minuti un libro il tocco di un angelo matlock. Telefilm Tg La7 - sport 7 cuore e batticuore weekend con il morto mac gyver. Telefilm atlantide. Documentario stargate sg-1. Telefilm tg la7 otto e mezzo. Attualita' le invasioni barbariche victory. Sport tg la7 - la 25^ ora


il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

cinema programmazione settimanale cremona Megacine CremonaPo (199.404.406) www.cremona.megacine.it • Saw V • La Fidanzata Di Papà • Bolt • Never Back Down • Max Payne • Nessuna Verità • Solo Un Padre • Twilight • Changeling Tognazzi (0372 458892) • Bolt • Twilight • Torno A Vivere Da Solo

crema Porta Nova (0373 218411) www.multisalaportanova.it • Bolt • Saw V • Twilight • La Fidanzata Di Papà • Nessuna Verità • Changeling

Filo (0372 411252) • Racconto di Natale • Giovedì 4: Teatro Multi Starplex Gadesco (0372 838295) • Saw V • Torno A Vivere Da Solo • Bolt • Never Back Down • Passengers • Max Payne • Nessuna Verità • Solo Un Padre • Twilight castelleone Cineteatro Giovanni Paolo II (0374 56052) • Miracolo a Sant'Anna

"Ora o mai più" • Sospeso festività (lunedì) "Circolo Culturale" • The Orphanage (martedi') "Over 60" • Amore Che Vieni Amore Che Vai (mercoledi') "Cineforum" • Amore Che Vieni Amore Che Vai (giovedi')

pieve fissiraga Cinelandia (0371 237012) www.cinelandia.it • Saw V • Io Non Ci Casco • Torno A Vivere Da Solo • L'ospite Inatteso • Stella • La Coniglietta Di Casa • Diari • La Felicità Porta Fortuna • Stare Fuori • Passengers • The Millionaire • Racconto Di Natale • Un Attimo Sospesi

ostiano Cinema Don Rosa (0372 840405) • La Fidanzata Di Papà

LA CONIGLIETTA DI CASA Di Fred Wolf

Le avventure di una ragazza di Playboy nella commedia “La coniglietta di casa”. Shelly sta vivendo una vita spensierata quando viene cacciata dalla Playboy Mansion a causa dell’arrivo di una rivale. Senza un posto dove andare, il destino la porta tra le ragazze della confraternita femminile “Zeta Alpha Zeta”. Le impopolari ragazze stanno per perdere la propria casa che finirà alle intriganti ragazze della “Phi Lota Mu”, se non riescono a far iscrivere delle nuove consorelle. Per raggiungere il loro obiettivo, avranno bisogno che Shelley gli insegni a truccarsi e come comportarsi con gli uomini; allo stesso tempo, Shelley avrà bisogno di qualcosa che possiedono le sorelle Zetas – lo spirito di identità. La combinazione porterà tutte le ragazze ad imparare a badare meno all’apparenza e ad essere sé stesse.

CINEMA – Il film commedia di Danny Boyle è ambientato in India

“The Millionaire”, ovvero il fascino del quiz

Il fascino dei quiz televisivi contagia anche il grande schermo ed è al centro del film dal titolo “The Millionaire”. La commedia brillante è ambientata in India, negli studi dello show televisivo di “Chi vuol esser milionario?”

(condotto in Italia da Gerry Scotti). Davanti ad un pubblico sbalordito, e sotto le abbaglianti luci dello studio, il giovane Jamal Malik affronta l’ultima domanda, quella che potrebbe fargli vincere la somma di 20 milioni di rupie. Il conduttore dello show, Prem Kumar, non ha molta simpatia per questo concorrente venuto dal nulla. Avendo faticosamente risalito la scala sociale, provenendo lui stesso dalla strada, Prem non ama l’idea di dover dividere la ribalta del “Milionario” con qualcuno come lui, e rifiuta di credere che un ragazzo dei quartieri poveri possa sapere tutte le risposte. Arrestato perché sospettato di imbrogliare, Jamal viene interrogato dalla polizia. Mentre ripassa le domande una per una, inizia ad emergere la storia straordinaria della sua vita vissuta per le strade, e della ragazza che ama e che ha perduto.

sabato 6

canale 5

italia 1

rete 4

SOL REGINA po

25

Genere: Commedia

di Danny Boyle

Cast: Dev Patel, Anil Kapoor, Freida Pinto, Madhur Mittal, Irfan Khan, Mia Drake, Imran Hasnee, Faezeh Jalali, Shruti Seth, Anand Tiwari. Durata: 120 minuti Produzione: Lucky Red, Gran Bretagna-Usa 2008.

Giovanni Biondi

Dentro le notizie...

Nell'ambito della trasmissione «Dentro le notizie», in onda su Telesolregina, l'assessore provinciale Giovanni Biondi parlerà dei principali eventi del territorio. • Cappella Cantone: Discarica, l'ira di Biondi;• Cremona: sentenza depurazione - il presidente dell'Ato: «Premiato chi inquina»; • Soresina: Robbiani, il 70% dei soresinesi vuole che venga ristrutturato; • Cremona: "Quei dati choc non sono veri" - Leucemia, Asl e ospedale diffondono i numeri ufficiali; • Soresina: Successo per l'apertura della mostra del pittore Verani; • Soresina: Bocciodromo, crisi e timori. La trasmissione va in onda sono il venerdì alle ore 23.10, replicata il sabato alle ore 12 e la domenica alle ore 17.30.

Dev Patel, protagonista del film diretto da Danny Boyle

domenica 7 Lunedi’ 8

Martedi’ 9

mercoledi’ 10 giovedi’ 11

venerdi’ 12

08.00 08.50 09.50 09.20 13.00 13.45 14.10 15.30 18.50 20.00 20.30 21.10 00.40 01.30

tg5 mattina loggione. Musicale amici libri. Attualita' maurizio costanzo show tg5 - meteo 5 il supermercato. Sit-com AMICI. Reality verissimo. attualita' chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 STRISCIA LA NOTIZIA titanic. Film nonsolomoda: globish news. attualita' tg5 notte/meteo5

08.00 08.50 09.40 09.45 13.00 13.35 14.35 16.30 18.50 20.00 20.40 21.30 23.45 01.40

tg5 mattina LE FRONTIERE DELLO SPIRITO. attualita' tgcom verissimo . attualita' - r Tg 5 - meteo 5 belli dentro. Telefilm AMICI. Reality questa domenica. Varieta' chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint amiche mie. Fiction la neve nel cuore tg5 notte/meteo5

08.50 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 17.55 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 01.30

sorellina e il principe del sogno. Film forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. soap il miracolo di natale di jonathan toomey tg5 minuti - meteo chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 striscia la notizia zelig. Varieta' matrix. attualita' tg5 notte - meteo 5

08.50 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.55 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30

mattino cinque. attualita' forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. soap uomini e donne. attualita' AMICI. Reality pomeriggio cinque tg5 minuti - meteo chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 striscia la notizia l'amore e' eterno finche' dura. Film mari del sud. Film

08.50 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.55 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 01.30

mattino cinque. attualita' forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. soap uomini e donne. attualita' AMICI. Reality pomeriggio cinque tg5 minuti - meteo chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 striscia la notizia the wedding date. Film matrix. Attualita' tg5 notte - meteo 5

08.50 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.55 18.50 20.00 20.30 21.10 23.20 01.20

mattino cinque. attualita' forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. soap uomini e donne. attualita' AMICI. Reality pomeriggio cinque tg5 minuti - meteo chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 striscia la notizia il capo dei capi. Film 2a pt terra! attualita' tg5 notte - meteo 5

08.50 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 16.55 17.55 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 01.30

mattino cinque. attualita' forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. soap uomini e donne. attualita' AMICI. Reality pomeriggio cinque tg5 minuti - meteo chi vuol essere milionario Tg 5 - meteo 5 striscia la notizia paperissima. Varieta' matrix. attualita' tg5 notte - meteo 5

06.55 10.45 11.15 12.25 13.00 13.40 14.15 16.30 18.05 18.30 19.05 21.10 23.10

cartoni animati una pupa in libreria v.i.p. Telefilm studio aperto - meteo studio sport - tg.com la vita secondo jim last acton hero. Film hannah montana miley cyrus: best of... Film la tata. Telefilm studio aperto - meteo i flintstones. Film mamma, ho preso il morbillo. Film rewind. Varieta'

10.50 11.20 11.50 12.25 13.05 14.00 16.35 17.40 18.30 18.55 19.30 21.30 23.30

raven. Telefilm willy principe di bel air grand prix studio aperto - meteo guida al campionato merlino. Film barbie e il canto di natale. Film la tata. Telefilm studio aperto - meteo tutto in famiglia. Tf mr. bean e l'ultima catastrofe. Film black knight. Film taken. Telefilm

10.10 12.15 12.25 13.00 13.40 14.00 16.15 18.30 19.05 19.35 20.05 20.45 21.10 23.55 01.05

supercar. Telefilm secondo voi. attualita' studio aperto - meteo studio sport cartoni animati asini. Film poliziotto a 4 zampe studio aperto - meteo don luca c'e'. Tf medici miei. Sit-Com camera cafe'. Sit-Com ruota della fortuna godzilla. Film mr. olympia 2008 californication. Telefilm

10.10 12.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.50 18.30 19.05 19.35 20.05 20.45 21.10 23.55

supercar. Telefilm secondo voi. attualita' studio aperto - meteo studio sport cartoni animati paso adelante. Tf zack & cody. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo don luca c'e'. Tf medici miei. Sit-Com camera cafe'. Sit-Com ruota della fortuna il re scorpione. Film saturday night live

12.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.50 18.30 19.05 19.35 20.05 20.45 21.10 22.05

secondo voi. attualita' studio aperto - meteo studio sport cartoni animati paso adelante. Tf zack & cody. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo don luca c'e'. Tf medici miei. Sit-Com camera cafe'. Sit-Com ruota della fortuna terminator: the sarah connor cronichles. Film bionic woman. Telefilm

12.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.50 18.30 19.05 19.35 20.05 20.45 21.10 23.50 01.00

secondo voi. attualita' studio aperto - meteo studio sport cartoni animati paso adelante. Tf zack & cody. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo don luca c'e'. Tf medici miei. Sit-Com camera cafe'. Sit-Com ruota della fortuna matricole & meteore poker1mania studio sport - meteo

12.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.50 18.30 19.05 19.35 20.05 20.45 21.10 22.05 23.05

secondo voi. attualita' studio aperto - meteo studio sport cartoni animati paso adelante. Tf zack & cody. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo don luca c'e'. Tf medici miei. Sit-Com camera cafe'. Sit-Com ruota della fortuna c.s.i miami. Telefilm standoff. Telefilm quo vadis, baby? Telefilm

11.00 12.40 13.30 14.00 15.00 17.00 18.00 18.55 19.35 21.30 23.30 00.15 01.30

cuochi senza frontiere (Tg 4 - notizie traffico) pianeta mare. Doc. Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum poirot. Film detective monk. Telefilm documentario Tg 4 - meteo 4 walker texas ranger wallander - prima del gelo. Film guida al campionato sipario notte. attualita' tg4 rassegna stampa

09.35 10.00 11.00 11.30 12.10 14.00 16.00 18.05 18.55 21.10 22.35 01.30 02.10

storie di confine. Doc. Santa Messa Pianeta mare Tg 4 - notizie traffico Melaverde / Tg 4 - meteo le comiche di stanlio & ollio. Film airport. Film colombo «Un Delitto Perfetto». Telefilm tg4 - meteo 4 siska. Telefilm controcampo sipario notte. attualita' tg4 rassegna stampa

10.30 11.30 11.40 12.40 13.30 14.00 15.00 15.50 18.40 20.20 21.10 23.20 01.40

bianca. Soap opera tg4 notizie traffico my life 2. Telefilm un detective in corsia Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum hamburg distretto 21 la vedova allegra. Film tempesta d’amore. Soap (all’interno 18.55 tg4) walker texas ranger il mastino dei baskerville. Film mad city. Film tg4 rassegna stampa

09.30 10.30 11.30 11.40 12.40 13.30 14.00 15.00 15.50 16.10 18.40 20.20 21.10 23.50

febbre d'amore. Soap bianca. Soap opera tg4 notizie traffico my life 2. Telefilm un detective in corsia Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum wolff. Telefilm sentieri. Soap carmbola. Film tempesta d’amore. Soap (all’interno 18.55 tg4) walker texas ranger due nel mirino. Film vite straordinarie

10.30 11.30 11.40 12.40 13.30 14.00 15.00 15.50 18.40 20.20 21.10 23.55 01.55 02.25

bianca. Soap opera tg4 notizie traffico my life 2. Telefilm un detective in corsia Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum wolff. Telefilm il ragazzo sul delfino tempesta d’amore. Soap (all’interno 18.55 tg4) walker texas ranger fino a prova contraria she's so lovely. Film tg4 rassegna stampa g. Film

11.30 11.40 12.40 13.30 14.00 15.00 15.55 16.15 18.40 20.20 21.10 23.35 03.05

tg4 notizie traffico my life 2. Telefilm un detective in corsia Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum wolff. Telefilm sentieri. Soap opera piccola principessa. Film tempesta d’amore. Soap (all’interno 18.55 tg4) walker texas ranger prima ti sposo, poi ti rovino. Film l'uomo del giorno dopo la moglie giapponese

10.30 11.30 11.40 12.40 13.30 14.00 15.40 18.40 20.20 21.10 23.25 01.25 01.50 02.50

bianca. Soap opera tg4 notizie traffico my life 2. Telefilm un detective in corsia Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum il campione. Film tempesta d’amore. Soap (all’interno 18.55 tg4) walker texas ranger tempesta d’amore. Soap un perfetto criminale tg4 rassegna stampa canzoni d'inverno la neve cade sui cedri

08.30 redazionali vendite 12.00 Obiettivo Notizie - TG 12.45 Cucinoone 13.30 Obiettivo Notizie - TG 14.30 Videoone 16.00 Obiettivo Notizie - TG 17.45 Viaggioone 18.00 Cinemaone 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.15 Truccoone 20.30 Obiettivo Notizie - TG 21.00 Dentro le notizie 22.30 Obiettivo Notizie - TG

08.30 Redazionali - Vendite 12.00 Obiettivo Notizie - TG 12.30 Obiettivo territorio 13.30 Obiettivo Notizie - TG 15.00 obiettivo show 16.00 Obiettivo Notizie - TG 18.00 Sport 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.25 Dentro le notizie 20.30 Obiettivo Notizie - TG 20.50 Domani e' un altro giorno 21.00 Obiettivo territorio 22.30 Obiettivo Notizie - TG

10.00 Dentro le Notizie 11.00 Santa messa 12.00 Obiettivo Notizie - TG 12.30 Il vangelo alla prova 13.30 Obiettivo Notizie - TG 14.00 Film 16.00 Obiettivo Notizie - TG 17.30 Obiettivo Judo 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.25 Obiettivo Show 20.30 Obiettivo Notizie - TG 21.00 Obiettivo territorio 22.30 Obiettivo Notizie - TG

06.55 oroscopo settimanale 08.30 Redazionali - Vendite 12.00 Obiettivo Notizie - TG 13.00 Cucinoone 13.30 Obiettivo Notizie - TG 14.00 Videoone 16.00 Obiettivo Notizie - TG 17.45 Viaggioone 18.00 Cinemaoone 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.15 Truccoone 20.30 Obiettivo Notizie - TG 21.00 Pizzighettone calcio 22.30 Obiettivo Notizie - TG

06.55 oroscopo settimanale 08.30 Redazionali - Vendite 12.00 Obiettivo Notizie - TG 13.00 Cucinoone 13.30 Obiettivo Notizie - TG 14.00 Videoone 16.00 Obiettivo Notizie - TG 17.45 Viaggioone 18.00 Cinemaoone 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.15 Truccoone 20.30 Obiettivo Notizie - TG 21.00 Cremonese calcio 22.30 Obiettivo Notizie - TG

06.55 oroscopo settimanale 08.30 Redazionali - Vendite 12.00 Obiettivo Notizie - TG 13.00 Cucinoone 13.30 Obiettivo Notizie - TG 14.00 Videoone 16.00 Obiettivo Notizie - TG 17.45 Viaggioone 18.00 Cinemaoone 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.15 Truccoone 20.30 Obiettivo Notizie - TG 21.00 Cocktail in tv 22.30 Obiettivo Notizie - TG

06.55 oroscopo settimanale 11.00 Millevoci 12.00 Obiettivo Notizie - TG 13.00 Cucinoone 13.30 Obiettivo Notizie - TG 14.00 Videoone 16.00 Obiettivo Notizie - TG 17.45 Viaggioone 18.00 Cinemaoone 19.00 Obiettivo Notizie - TG 19.15 Truccoone 20.30 Obiettivo Notizie - TG 21.00 Super tombolone 22.30 Obiettivo Notizie - TG


trovi

il PICCOLO

giornale del

Cremasco

anche da:

Ristorante La Villa

via Cremona, 42 - Crema

Sport&Sport

Pergo aspetta il “Lume”

Al Voltini, con tutta la famiglia. Ingresso ridotto a un euro per bambini e genitori

L'

di Angelo Raider

assessore alla famiglia Maurizio Borghetti chiama, l’Unione sportiva Pergocrema risponde: domenica, in occasione della sfida casalinga tra il team gialloblù e il Lumezzane, i bambini fino a 12 anni e i loro genitori accederanno al Voltini, tribuna laterale (con idonea animazione) a ridosso delle cosiddette poltroncine vip, al prezzo simbolico di 1 euro ciascuno. «Abbiamo aderito con entusiasmo all’iniziativa e sicuramente vedremo di riproporla in futuro» dichiara al telefono l’addetto stampa “canarino” Claudio Falconi che prosegue: «Siamo attenti e sensibili verso tutte le proposte proiettate a portare la gente e le famiglie comodamente allo stadio». In effetti, il Pergo da anni periodicamente, in determinati momenti strategici della stagione ha lanciato campagne promozionali ad hoc nel (lodevole) tentativo di riempire le gradinate del Voltini. Mercoledì prossimo 17 dicembre, alle ore 19.15, il sodalizio caro al presidente Stefano Bergamelli, presso l’incantevole tenuta Colle Piajo di Nembro (Bergamo) celebrerà le festività natalizie: collaboratori, tecnici, dirigenti, calciofili e calciatori (compreso il settore giovanile) hanno già ricevuto l’ambito invito. Aspettando i botti del calciomercato, a quanto pare il “Berga” avrebbe in cantiere

almeno tre colpi, la stretta attualità agonistica ha in cartello l’eterna sfida (in auge praticamente dalla stagione scorsa, ndr) con i bresciani del Lumezzane. Sulla carta i ragazzi allenati da Oscar Piantoni hanno la ghiotta opportunità di accendere il Lume su una classifica, co-

chapeau per l’incoraggiante risultato ottenuto, i Piantoni Boys possono quindi allungare ulteriormente. Senza dubbio, dall’avvento dell’esperto trainer bergamasco, il reparto difensivo e, la graduatoria hanno tratto significativi benefici: la salvezza diretta è alla portata di

Il presidente del Pergocrema Stefano Bergamelli

munque, allo stato attuale, più che soddisfacente. Questo mentre in giro, società professionistiche blasonate soffrono per problemi tattici e, soprattutto economici. Reduci dal buon pareggio esterno in quel di Padova,

L'AVVERSARIA Soltanto quattro anni fa, a Lumezzane, calcisticamente parlando si sognava a occhi aperti la serie B. Adesso, più realisticamente, da quelle parti della laboriosa provincia di Brescia si pensa ad una serena permanenza in Prima Divisione. Il presidente Renzo Cavagna e il direttore sportivo Luca Nember hanno allestito una rosa in grado di puntare ad una tranquilla salvezza. Sulla panchina del Lume siede il trainer vip Leonardo Menichini, ex storico vice del leggendario Carlo Mazzone detto Carletto. Sicuramente “Leo” Menichini affronterà la trasferta cremasca con lo scopo principale di coprirsi e… non per-

Michele “Macho” Tarallo e soci. Nell’ultimo viaggio agonistico in Veneto, agli onori della cronaca è balzato (meritatamente) l’interessante portiere Danilo Russo. Visibilmente dimagrito e… decisamente più sicuro rispetto

dere. Insomma, tradotto in termini pratici, un pareggio ai Menichini Boys, al Voltini andrebbe tutto sommato anche bene. Solitamente l’equipe bresciana attua un elastico 4-3-1-2, ma contro il Pergocrema, memore dei tanti accorgimenti ricevuti dal vecchio capo e maestro Mazzone, “Leo” Menichini cambierà qualcosa per adattarsi alla truppa griffata Oscar Piantoni. Una curiosità? Nell’inverno 2004, il presidente del Genoa Enrico Preziosi era interessato al Lumezzane che, secondo le intenzioni del patron genoano doveva diventare il club satellite dei suoi rossoblù liguri. L’affare però non è mai andato in porto. Forse non è neppure mai stato pre-

alla sua precedente esperienza cremasca datata annata 2005- 2006, l’ex estremo difensore del Genoa potrebbe rivelarsi l’ennesima scommessa vinta di Bergamelli. Reduce da una buona esperienza in Toscana (al Viareggio) e… da una Coppa Carnevale (sempre a Viareggio, ndr) vinta da protagonista, Russo è seguito con estrema attenzione da tanti (e attenti) osservatori. Filippo Sambugaro invece ha il broncio perché nella sua Padova è partito dalla panchina. Tempo fa, pure gli allenatori Maurizio Braghin e “Vulcano” Sannino, per scelte tecniche avevano concesso qualche turno di riposo al generoso “Pippo”. In campo vanno soltanto undici calciatori, ma la stagione è lunga e tutti, prima o poi troveranno spazio, l’importante è lavorare sodo con umiltà e intensità. Il laterale offensivo Facchinetti lamenta qualche acciacco, Finetti e “Crespo” Andreini viaggiano verso un lento ma concreto recupero. Questo è quanto, adesso è meglio pensare esclusivamente alla contesa interna al Voltini. Il momento è topico ma non delicato: il Pergocrema sulla carta ha discrete chance di spegnere il Lume rossoblù e accendere d’incanto magiche, seducenti luminarie gialloblù per preparare il terreno ad una serena Santa Lucia. Detto questo, affrontare il Lumezzane guidato dal “volpone” Menichini, accorto e copertissimo in difesa, non sarà proprio una dicembrina passeggiata salutare.

so sul serio. Risalita nella categoria più visibile della Lega Pro grazie alla lotteria playoff sei mesi fa, la compagine cara a Cavagna e soci non attira di sicuro grandi folle di pubblico, ma è considerata il simbolo positivo di un certo modo di fare calcio a queste latitudini. Il centrocampista ex Nuorese Emerson, bestia nera del Pergo specialmente nelle punizioni e nei tiri da fuori area, oggi milita proprio nel Lumezzane. Pure gli attaccanti Lorenzo Dal Rio e Massimiliano Pesenti e l’esperto portiere Massimo Gazzoli vanno tenuti nella massima considerazione. Alla corte di Cavagna non ci sono tante primedonne ma sottovalutare il gruppo rossoblù potrebbe costare carissimo.

Giacomo Ferri, la bandiera del Crema

Ex calciatore e (tuttora) bandiera del Torino, Giacomo Ferri, fratello d’arte dell’interista Riccardo, nei giorni scorsi pare abbia ricevuto un’offerta importante e assai prestigiosa: Walter Cottini, candidato alla presidenza del Comitato Figc lombardo, gli avrebbe offerto l’opportunità di diventare consigliere e ambasciatore del calcio cremasco e cremonese.

Dirigente serio e preparato, Cottini, in caso di elezione (si voterà a metà gennaio 2009, ndr) intende dare spazio e ribalta al football nostrano. Tecnico pragmatico e diplomato, il buon Giacomo non riesce a trovare una panchina degna di tale nome per allenare e “coltivare” un progetto proiettato nel lungo periodo. Peccato, una chance in una piazza importante, Ferri

se la meriterebbe tutta. Tra un allenamento in palestra, una corsa in bicicletta, qualche consiglio al Crema di Francesco Barbaglio, un convegno sportivo in giro per l’Italia e, molte presenze da opinionista sulle frequenze di Italia Sette Gold, Ferri segue sempre e, con qualche sofferenza, le gesta del suo amato “Toro”. Tempo fa, ai tempi della gestione granata griffati Francesco Cimminelli, Gia-

como, da allenatore della leggendaria Primavera del Torino ha seguito parecchi atleti interessanti; tra i tanti calciatori “incontrati” ai tempi del vivaio del Toro, figura l’attuale punta dell’Udinese e della nazionale di Marcello Lippi Quagliarella, il quale, una volta, in un’intervista televisiva ha pubblicamente elogiato l’ex maestro Ferri Giacomo per i tanti e incisivi consigli ricevuti.

trovi

il PICCOLO

giornale del

Cremasco

anche da:

Luna Express Piazza via Crispi, 4 - Crema

Crema Football Club

Ennio Valdameri: «Sono un cremino verace»

C’è l’Ac Crema 1908 di Francesco Barbaglio che viaggia bene in Promozione e… c’è il Crema Football Club del cremino romantico Ennio Valdameri che va forte in Terza categoria. Settimana scorsa abbiamo scambiato due parole con Barbaglio. Questa settimana diamo spazio a Valdameri. Un primissimo bilancio parziale della stagione? «Il raggiungimento dei playoff è il nostro primo obiettivo stagionale. Abbiamo allestito una squadra che sappiamo essere all'altezza della situazione, con il gruppo storico integrato da alcuni giocatori nuovi di valore ed un bel gruppetto di giovani che stanno dando un bel contributo alla causa. La squadra è consapevole di essere competitiva, ma la cosa che ci fa più piacere è che, grazie a mister Roberto Chiodo, al vice Angelo Snielli, a vecchi e nuovi collaboratori si è costituito un ottimo ambiente, un clima indispensabile per ottenere gli obiettivi prefissi. Ad oggi occupiamo l’ultimo posto per la zona playoff ma, senza un paio di gare sfortunate (Palazzo Pignano e Sergnano), avremmo potuto essere in una posizione migliore. Intanto domenica sfideremo il S. Francesco, compagine di buon livelloa noi ostica. Comunque stiamo rispettando i programmi prestabiliti. Siamo alla terza stagione insieme, iniziamo a raccogliere i frutti del lavoro svolto nei due anni precedenti». Festeggerai il Centenario del Crema? «Naturalmente, da cremino verace, sarò ben felice di assistere ai festeggiamenti dei cento anni del Crema 1908». Hai parlato con Francesco Barbaglio? «Si, abbiamo fatto quattro chiacchiere. Un incontro molto cordiale». Walter Cottini, candidato alla presidenza del Comitato regionale lombardo della Federcalcio, in caso di elezione a gennaio ha detto che seguirà con attenzione il calcio cremasco. Magari coinvolgendo Giacomo Ferri come consigliere? «Considero Walter Cottini un ottimo dirigente sportivo. Ovviamente sappiamo che in periodo "elettorale" si sottolineano tutte le cose positive e si fanno tanti propositi. Dobbiamo solo attendere la prova dei fatti, ad elezioni avvenute».

casale vidolasco

Il Premio Inter Club Ferri a Barbaglio

Mercoledì prossimo, nella cornice del ristorante “Rosetta” (Passarera di Capergnanica), l’Associazione Calcio Crema 1908 riceverà il prestigioso “Premio Inter Club Crema Riccardo Ferri”. Ovviamente sarà il patron cremino (e juventino) Francesco Barbaglio a ritirare, dalle mani del presidentissimo Leonardo Mingione l’ambito riconoscimento. Nato nel 2000 da un’intuizione di Leo Mingione e dei suoi stretti collaboratori (tra i quali il pragmatico Ettore Bettinelli, ndr), in tutti questi anni, il “Premio Inter Club” è diventato un appuntamento fisso nell’ambito del tradizionale e benefico (quest’anno gli interisti cremaschi aiutano l’Etiopia) “Natale Nerazzurro”. Barbaglio e il suo Crema, nell’albo d’oro del trofeo interista succedono a nomi importanti del

calibro di Silvano Usini, Luca Facchetti, Riccardo e Giacomo Ferri, Dario Hubner e tanti altri ancora. Barbaglio e i suoi fidati consiglieri, con il loro premio (uno splendido quadro raffigurante lo splendido e storico platano di Ricengo, ndr) vogliono ringraziare quanti, nello sport, fanno qualcosa di concreto e significativo. L’Inter Club “Riccardo Ferri”, con i suoi oltre 300 iscritti è uno dei più numerosi e attivi d’Italia, trova ospitalità nella sede cittadina di via Delle Grazie 9 (infoline: 0373 87961). Mercoledì prossimo da Rosetta, provenienti dalla sponda nerazzurra dei navigli meneghini arriveranno sicuramente ospiti illustri e… (Mourinho permettendo) qualche calciatore dell’Inter che, compie cent’anni come il Crema.


Sport

il PICCOLO

Venerdì 5 Dicembre 2008

mondiali di Ciclismo

Varese, secondi solo al Tour E' stata la manifestazione sportiva dei record: fino a 350mila persone in un giorno

I

di Fortunato Chiodo

Mondiali di Stoccarda hanno mostrato, quanto è grande il disagio nel quale il ciclismo versa e quanti nodi vengono al pettine, a causa della pessima gestione del movimento, e l’assoluta incapacità dell’ Uci accompagnata dal perverso progetto di tramutare lo sport del ciclismo in una macchina da soldi. Questi argomenti dovrebbero servire per aprire un dibattito costruttivo tra le persone che hanno a cuore i proble-

sbriciolare, come una sorta di baraccone mobile. Dovevate sentire il boato del Mondiale di Varese, suggellato dalla stoccata vincente di Alessandro Ballan, quando lo speaker ha annunciato lo scatto bruciante dell’azzurro all’ ingresso del” Cycling Stadium”, ovvero l’ ippodromo “Le Bettole” opportunamente risistemato. Un’ esperienza unica è suffragata più che da un indizio, a dimostrazione che questo sport tanto bistrattato, interessa, e come alla gente. Sarà interessante, da

stituito il fondo per la successiva asfaltatura realizzata in due strati distinti di materiale. E’ così nato il nuovo ciclodromo (6000 posti a sedere) attorno al quale è sorto il Worlds’ Village, 12.000 mq, teatro di oltre 100 iniziative collaterali. E’ qui la megafesta. Gli organizzatori hanno parlato di circa 350.OO0 spettatori presenti sul tracciato in occasione della gara professionisti. Se confermati, si tratterebbe di un record per un evento sportivo di un solo giorno. Esaminando la tabella delle manifestazioni sporti-

questo punto di vista, analizzare i dati relativi il pubblico presente nei diversi giorni di gara, cominciando dalla trasformazione dell’ impianto che fino a metà agosto sullo stesso tondino correvano i cavalli, ricoperto da un telo speciale, il Geo & Tex 2000, (che drena la pioggia impedendo all’acqua di tornare in superficie e ripartisce i carichi) sopra il quale è stato successivamente steso un composto frantumato di cava. Tutto questo ha co-

ve più seguite, evince che gli sport con maggior seguito dal vivo sono F1 e Nascar (Indianapolis per capirci). Questi riescono a portare sui circuiti dai 150.000 ai 250.000 spettatori. Quindi il Mondiale di Varese si collocherebbe davanti agli eventi succitati, subito dietro la media per tappa del Tour de France, circa 500.000 spettatori ( il Tour de France è l’ evento sportivo più seguito al mondo). Potenza del ciclismo e,

Alessandro Ballan

mi tra i quali si dibatte uno sport caro a milioni e milioni di persone. Non c’ è tempo da perdere. L’ assalto al ciclismo “ vero” è cominciato, noi ci auguriamo che anche il Coni, con la sua forza, si stringa vicino alla federazione italiana per consentire di battersi, tra le consorelle storiche, per rovesciare un potere che sta solo creando guasti enormi, difendere con tutte le forze le radici e i valori di uno sport che Verbruggen e la sua banda intendono

giornale del

Cremasco

Coppa del mondo su pista: la soldo a melbourne

Mentre il ciclismo agonistico su strada va in letargo, è cominciata la Coppa del Mondo su Pista, necessaria alle qualificazioni ai campionati del mondo, con la prima delle cinque prove previste dal calendario Uci 2008- 2009, a Manchester (Gran Bretagna) dal 31 al 2 novembre, le altre prove sono programmate a Melbourne ( Australia), dal 20 al 22 novembre, a Cali (Columbia), dall’ 11 al 13 dicembre, a Pechino (Cina ) , dal 16 al 18 gennaio 2009, a Copenaghen (Danimarca ), dal 13 al 15 febbraio 2009. La spedizione azzurra con Eleonora Soldo, Elisa Frisoni, e Annalisa Cucinotta, torna da Melbourne con due medaglie d’argento (Cucinotta nello scratch e la Frisoni nel Keirin), a qui vanno aggiunti il quinto posto di Annalisa nella corsa a punti, e senza ombra di dubbio la “leonessa” della battaglia è stata la bravissima Eleonora, più forte di una cassaforte svizzera, pronta a sobbarcarsi l’ impegno e proteggere le compagne azzurre. alberto Contador sarà al tour

Alberto Contador, spagnolo della Astana che ha vinto nella Grande Boucle, Tour de France, Vuelta, e Giro d’ Italia, ha annunciato la sua intenzione di non difendere la maglia rosa, conquistata lo scorso giugno, ma di correre il Tour ammesso che la squadra sia invitata.

nel caso del Mondiale di Varese, potenza di un gruppo di organizzazione e imprenditori che vivono il ciclismo con profonda passione, come Giorgio Squinzi, al secolo signor Mapei, che ha subito creduto nel progetto Varese 2008 e che, pur essendo formalmente uscito dal nostro sport dopo i fasti degli anni passati, di fatto è sempre rimasto in gruppo. Come Franco Polti e Amedeo Colombo, quest’ ultimo presidente della società organizzatrice, Varese 2008 spa. Colombo ha avuto modo di dichiarare: «Ogni utile proveniente da questi mondiali sarà destinato ad azioni d’ interesse sportivo e sociale sul territorio». Varese ha risposto alla grande, portando sul tracciato di gara un numero record di spettatori, ai quali va aggiunto la Tv, gli ultimi chilometri di Ballan hanno fatto registrare uno share del 26,79%. Questo vuol dire che (quasi) uno spettatore su tre ha visto il successo dell’ azzurro. La media di quanti hanno seguito la diretta è stata di circa 2 milioni di persone, pari ad uno share di oltre il 12%. Si tratta di dati in linea con le altre gare di ciclismo, a conferma che il nostro sport continua ad esercitare un fascino difficile da scalfire. Ma prima di chiudere, dobbiamo anche raccontarvi, con un pizzico di compiaciuta malizia, quello che è successo in Spagna dopo il Mondiale di Varese. Quando le furie rosse di una fortissima gestita perfettamente da Paolo Bettini, sono tornati a casa e lì hanno incominciato a rinfacciarsi il fiasco dei mondiali aizzati da una furibonda campagna stampa. Una resa dei conti senza misericordia a capo della quale hanno però riconosciuto che la squadra azzurra era stata in pratica imbattibile.

sprinter cup allo scozzese chris hoy Nei primi tre giorni della Sei Giorni meneghina gli organizzatori hanno inserito lo “ Sprinter Cup” con i migliori specialisti mondiali della pista: lo scozzese Chris Hoy, un “mostro” tre ori alle Olimpiadi di Pechino e tre oro ai Mondiali di Manchester, il francese Arnaud Tournant,14 titoli di campione del mondo e una Olimpiade, l’olandese Teun Mulder, iridato del chilometro, e Roberto Chiappa, l’ unico italiano ai vertici dello sprint, con 41 titoli italiani impegnati nelle qualificazioni con 500 metri lanciati a crono, poi semifinali e finali. Il britannico Hoy, fresco dell’ oro olimpico di Pechino, più veloce del “motorino” ha battuto il francese Tournant per il terzo e quarto posto l’italiano Roberto Chiappa ha avuto la meglio sull’ iridato olandese Teun Mulder. Hoy, laureato in Scienza dello Sport, abita e si allena a Manchester, va in pista, due volte la settimana anche in palestra, ha un suo staff: allenatore, team manager,agente, compagni e avversari con cui confrontarsi. Pista povera? Ma neanche per sogno. Hoy guadagna 1,5 milioni di euro l’anno fra stipendi, ingaggi, premi e sponsorizzazioni: guadagna più di Cunego, e Basso, per esempio, in patria è un dio, anche perché si adopera per operazioni umanitarie. Si allena due mesi e sei settimane di competizioni in giro per il mondo.

27

Pro Tour

Arriva il team Continental cremasco guidato da Gabriele Missaglia

Fabio Sacchi

Potrebbe nascere un team Continental con base nel cremasco, gruppo guidato dal lodigiano Gabriele Missaglia, pronto a ingaggiare Sacchi, vagone del treno di Petacchi, un progetto e una nuova creazione, che lascia tutti quanti di stucco, ma dove manca solo l’ufficialità dell’ Uci. “Sedici” saranno le squadre professionistiche del Pro Tour, tra le quali ci sono le italiane “ Lampre- Ngc di Beppe Saronni, con i gioielli : l’iridato Ballan, Cunego, Bruseghin, Gasparotto, Manuele Mori, e Caucchioli, e la Liquigas di” patron” Paolo Del Lago, del trainer Roberto Amadio, pronta a schierare: Ivan Basso, Bennati, Pellizzotti, Nibali, Keruziger, e il neo pro’ Jacopo Guarnieri. Tra le Professional (team di seconda fascia) spicca la Lpr del trainer Fabio Bordonali: le stelle sono, Di Luca, Petacchi, e altri 15 corridori, tra cui Bosisio e Bernucci. L’ Acqua&Sapone-Mokambo conferma Garzelli e Paolini e accoglie Ruggereo Marzoli dopo la squalifica. La Flaminia–Bossini conferma il tricolore Simeoni e potrebbe prendere Rujano, mentre ha già firmato Diego Nosotti. La Csf Group- Navigare, scottata dal caso Sella, punta sui neo pro’ ( tra cui Gaia, vincitore del Val d’ Aostra, ex dilettante della Cremasca). Il team italo- sudafricano del team manager Claudio Corti continuerà a chiamarsi Barloworld : cerca il rilancio di Soler e spera nei giovani. La rinuncia della squadra tedesca Gerolsteiner, società che avrebbe comunque cessato l’attività a fine stagione per i casi di doping di Schumacher e Kohl, ha spinto il manager Hans Michael Holczer a chiudere i battenti anzitempo, e quindi ha lasciare a spasso Davide Rebellin argento olimpico e uomo chiave degli ultimi tre campionati del mondo, il veronese ha trovato un ingaggio alla Diquigiovanni–Androni insieme a Simoni. Mauro Gianetti, team manager ticinese della ex Saunier Duval, poi diventata Scott- American Beef dopo gli scandali doping al Tour de France, è intenzionato a una fusione con l’ austriaca Volk. Sbanck, con bici Fuji, ha sotto contratto, tra gli altri, Ca-

pecchi (che però non ha ancora comunicazione del team), il bergamasco Capelli, Tonti, Nardello e Vigano. I tedeschi della Gerolsteiner: Robert Fòrster, Ronny Scholz, Markus e Thomas Fothen, Johannes Fròhlinger, Matthias Russ, Fabian Wegmann e Peter Wrolich, indosseranno nel 2009 la maglia della Milram. L’eredità del magnate russo Tinkoff, l'ha presa la russa” Katuscha”, responsabile sarà Andrei Tchmil, punte Pozzato, McEwen e Steegmans, 15 milioni di budget e progetto di ampio respiro. Così come importante è la sfida che lancia la neonata Isd (colosso ucraino dell’acciaieria): Cipollini consulente tecnico e uomoimmagine, Luca Scinto direttore sportivo, Visconti capitano, e con lui ci sono anche : Cioni, Grivko, Grabovsky. Ambiziosa è pure la novità Amica ChipsKnauf, con Beppe Martinelli in ammiraglia: ci sono Anzà, Bertagnolli e Carrara. Bailetti e Dematteis sono approdati alla neonata H20 di Francesco Frattini, che ha anche Bertogliati, Pidgorny e il figlio di Criquelion, Mathieu. Baden Cooke, australiano della Barloworld, e lo spagnolo Francisco Mancebo della ex Fercase, sono stati ingaggiati della Rock Racing, la squadra del magnate americano della moda Mike Ball, che quest’ anno non si è fatto scrupoli a ingaggiare Hamilton, Sevilla e Botero. E’ stata annunciata la nascita del Team Piemonte: squadra Continental, con corridori italiani e lituani, Pietro e Matteo Algeri in società. Gianluigi Stanga, costretto a rimandare al 2010 il suo progetto- giovani. Continuano la Miche-Silver Cross, con Giunti e Niemiec. Va avanti L’Amore& Vita- McDonald’s : Giaggioli in ammiraglia per le corse negli Stati uniti, in organico Gasparre e Metlushenko. Chiude la Ngc. Otc, mentre la Cinelli-Opd prova l’ennesimo rilancio di Vandenbroucke ed è vicina a ingaggiare Camper e Jaksche. Marino Basso vuole puntare ancora con gli sponsor Preti Mangimi e Prima Stufe, team che nel 2008 era stato sospeso per inadempienze.


28

il PICCOLO

Sport

giornale del

Cremasco Venerdì 5 Dicembre 2008

volley

Reima, rimonta e vittoria

A

Al di là della vittoria e dei due punti conquistati, oggi sono d’obbligo i ringraziamenti a tutti coloro che hanno consentito una ormai impossibile rimonta. Crema infatti sotto per due set a uno, sprofonda sul 22-14 nel quarto ma qui piazza una fiammata che polverizza Città di Castello. Chiaramente uno svantaggio del genere si recupera anche per errori degli avversari però una squadra così falcidiata dagli infortuni e reduce da tre sconfitte senza punti merita il plauso per una reazione e un risultato che

Giulio Silva, schiacciatore

possono pesare come un macigno sul prosieguo della stagione. Primo set da incubo per i cremaschi che dopo il sostanziale equilibrio iniziale (11-10) subiscono un break di 9-1 con i padroni di casa che sfruttano la vena in battuta di Cuda. La Reima non

riesce più a rialzarsi e Città di Castello ottiene l’1-0 (2513) sul velluto. Nella seconda frazione Finazzi e compagni piazzano il primo allungo sul 10-12 e poi raggiungono il +3. Gherardi però impatta subito (14-14) e successivamente mette il naso avanti sul 17-16. Monti allora inserisce Sgrò per Batista, ma la musica non sembra cambiare con gli umbri che si portano sul 22-20. Con le spalle al muro i Blues reagiscono alla grande piazzando un parziale di 5-0 per il 22-25 finale. Set palpitante il terzo. Città di Castello conquista un minibreak sul 10-8 e lo difende fino al 24-22, a questo punto la Samgas con un colpo di coda annulla i set point agli avversari e addirittura si porta sul 2425. Il parziale rivede i locali tornare in vantaggio e poi chiudere sul 31-29. I padroni di casa galvanizzati dal 2-1 sembrano assicurarsi la vittoria finale nel quarto dove si portano prima sul 14-7, poi sul 20-13 ed infine sul 22-14. A questo punto inizia la rimonta di Crema che sfrutta il servizio di Cazzaniga per arrivare sul 24-22. La Reima impatta poi con un muro di Silva e poi ai

GHERARDI CITTA’ DI CASTELLO 2

samgas Reima

3

25-13 (20‘), 22-25 (27‘), 31-29 (38‘), 26-28 (35‘),12-15 (16‘).

Franceschini 6, Marra L, Lipparini, Spanakis 2, Marconi L, Cuda 15, Marino, Sabo 13, Pistovic 18, Zampetti, Di Manno 22, Gustinelli, Cester. All:Radici.

Cazzaniga 29, Sgrò 1, Alletti 3, Patriarca 8, Batista 16, Jacobsen, Finazzi 14, Botto, Caprotti L, Silva 11, Orel 1, Baranowicz 4. All: Monti.

Reima in attacco

vantaggi il numero uno dei Blues regala i due punti che significano un insperato tiebreak. Al quinto i ragazzi di Monti sfruttano l’inerzia favorevole e accumulano un buon vantaggio al cambio campo (4-8). La Samgas tiene poi a

distanza i rivali e nel finale ci pensano Finazzi, Baranowicz e Alletti (due punti fra i quali il match point) per il 1215. Due punti d’oro per i Blues e per tutti coloro che amano, aiutano e soffrono con e per questa società.

Victor Batista

Il diesse Rota

«Match compromesso, ma ce l'abbiamo fatta»

Il commento alla gara vinta dopo un'emozionante tiebreak Samgas Crema: «Ringrazio a nome di tutti i ragazzi che hanno vinto una partita praticamente compromessa, dimostrando grande combattività e grande cuore» commenta il diesse Michele Rota. «In questi giorni sentivamo intorno a noi un po' di sfiducia legata alle sorti di questa delicata trasferta: a questa sensazione la squadra ha voluto rispondere alla grande, dimostrando di non abbandonare mai, ed ha portato a casa 2 punti importantissimi, soprattutto per il morale. E' una di quelle vittorie che il gruppo si meritava; consentitemi un cenno speciale ad Alberto Caprotti, che è rimasto in campo nonostante l'infortunio alla mano, lottando come un leone, a Roberto Cazzaniga ed a Danilo Finazzi che hanno dato una grande prova di carattere e lanciato un segnale importante: la Reima c'è. Non è il caso che ti fa vincere una gara quando sei sotto 2-1 e 22-14: nel momento difficile, in un momento che sembrava irreversibile, è uscito il carattere, il cuore, la grinta, magari anche un po' di incoscienza, ed alla fine abbiamo gioito su un parquet difficilissimo come quello umbro. Credo che quella di ieri sia stata la migliore risposta della squadra alle critiche ed alla diffidenza che aleggiava a Crema in questi giorni che

precedevano la partita. Purtroppo anche ieri la nostra gioia è stata mitigata dall'ennesimo serio infortunio: quello occorso al libero Caprotti: con ogni probabilità Alberto dovrà stare fermo almeno un mese, dato che sembra aver riportato una frattura al pollice della mano. E da qui nasce una considerazione: in una stagione come questa, in cui la sfortuna ci sta letteralmente massacrando (fuori Botto, Ricardo, adesso Caprotti) c'è solo un modo per andare avanti: crederci. I nostri ragazzi ieri ci hanno creduto sino in fondo: hanno creduto che c'era ancora una possibilità per vincere la partita anche sul 2-1 e 22-14 per l'avversario, quando altri al loro posto avrebbero pensato a quale tipo di shampoo usare sotto la doccia, se quello alla camomilla o all'ortica, più utile per contrastrare l'insorgere della forfora nel cambio di stagione. I ragazzi invece hanno voluto andare sotto la doccia mezz'ora più tardi, con due punti conquistati ed il morale più alto. Questo è un segnale importante, spero che il nostro pubblico lo colga nella sua importanza e venga, copioso, domenica al palazzetto a sostenerci in un'altra sfida difficilissima contro Loreto, lanciato verso i piani alti della classifica. I ragazzi meritano di giocare in un palazzetto bollente, ogni domenica, per regalarci ancora tante soddisfazioni».


Sport

il PICCOLO

Venerdì 5 Dicembre 2008

Pallacanestro

Crema domina i padroni di casa

S

arà la Vivigas Costa Volpino a fare visita domani sera alla Pallacanestro Crema. Alle ore 21, al Palazzetto Cremonesi, andrà in scena un altro scontro con una concorrente diretta per la salvezza: la formazione orobica, dopo un disastroso inizio di stagione, è ora in netta ripresa,

speciali dovranno essere gli esterni Fantinato (17,5 punti a gara) e Rinaldi, entrambi micidiali dalla lunga distanza. Sotto i tabelloni, invece, assisteremo a un derby in famiglia fra i Trentini, visto che il nostro Hernan se la vedrà con il più giovane fratello Luciano (9 punti e 8 rimbalzi di media). Per quanto riguarda la formazione di casa, coach

Colonnello con i giocatori nella pausa tecnica

e occupa l’undicesima posizione in classifica a otto punti. La scorsa settimana ha fatto sudare le fatidiche sette camice a Villafranca, riuscita a imporsi solo negli ultimi minuti con il punteggio di 85-77. Quella di Costa Volpino è certamente una formazione da temere, perché ricca di talento, soprattutto in fase offensiva e guidata in regia da un play super, sia come realizzatore che come organizzatore di gioco (oltre tredici punti e cinque assist a partita). Altri “sorvegliati”

giornale del

Cremasco

Colonnello avrà a disposizione la rosa al gran completo: anche Tarzan Annoni pare sulla via del recupero dopo il lieve infortunio muscolare che l’ha costretto ai box nell’ultima partita. Da segnalare, in particolare, lo straordinario momento di forma di Gigio Ciocca, tornato ai livelli dello scorso campionato, sempre ben coadiuvato dal duo Pellini - Malavasi, micidiale nell’innescare i lunghi vicino a canestro. Nell’ultimo turno di campionato la formazione cre-

Calolziocorte 72

29

Tennis da tavolo

GGS, competitivi in tutte le serie

Erogasmet Crema 79

15-25, 30-36, 46-57 Paduano 17, Meroni 2, Todeschini 1, Molteni 8, Francioni 14, Bassani 19, Rossetti 6, Cesana 0, Merli ne, Milan 14. Allenatore Redaelli masca ha colto un’importantissima vittoria sul campo del Calolziocorte, anch’essa diretta concorrente per la salvezza. Partiva alla grande l’Erogasmet, guidata in attacco dal duo Malavasi - Trentini e con il baluardo Ciocca a presidiare il proprio canestro. Al primo mini intervallo il vantaggio ospite era già in doppia cifra (15-25). Nel secondo quarto il canestro si faceva piccolissimo e il punteggio rimaneva bloccato per molti minuti, consentendo un mini rientro alla formazione di casa (2630); due bombe consecuti-

La squadra dopo la partita

Malavasi 19, Pellini 6, Riccioni 0, Boffini 13, Perego 3, Annoni ne, Aschedamini 0, Rota 0, Ciocca 24, Trentini 13. Allenatore Colonnello ve di Pellini e Trentini fissavano il punteggio del primo tempo sul 30-36. Nel terzo periodo, dopo una folata offensiva di Malavasi (5 punti consecutivi e 19 in totale) cominciava il Ciocca show. Il lungo cremasco (10/10 dal campo) convertiva in canestro ogni giocata dei compagni, smorzando sul nascere ogni tentativo di rimonta dei lecchesi. Gli ultimi minuti erano pura accademia, con la Pallacanestro Crema a controllare il ritmo e mettere in cassaforte altri due fondamentali punti.

Atleti GGS Ripalta

Ripartono i Campionati in cui è impegnato il GGS Ripalta Cremasca TT dopo la pausa riservata a vari tornei Nazionali ed Internazionali. Inziamo dalla Serie D2 con il campionato interprovinciale Milano-Cremona dove i nostri pongisti occupano la seconda posizione dietro il Parabiago con 3 vittorie ed una sconfitta. Un buon risultato per Inzoli e compagni in vista del match clou proprio contro i capiclassifica in terra ripaltese il 6 dicembre. La squadra del presidente Bologna naviga a metà classifica con 2 vittorie e due sconfitte e sabato sarà opposta in terra bresciana con la prima in classifica per un match quasi proibitivo. La squadra guidata dal tecnico Tomasoni Andrea occupa la prima posizione dl girone con tutte e quattro le partite vinte e sabato giocherà ad Angera per mantenersi al primo posto mentre la squadra dei giovani occupa l'ultima posizione nel loro girone con zero vittorie. Salendo ancora di un gradino ecconi alla Serie C2 dove le nostre tre squadre si stanno comportanto in modo egregio; nel girone H Facchi e compagni inseguono il TT Benaco a due lunghezze con una striscia di tre vittorie ed una scon-

fitta proprio ad opera del Benaco, sabato test match contro il TT Olimpia a Bergamo per confermare la posizione. Nel girone F, Pedrinoni, Negri e Vitaloni a due punri dalla vetta giocano con il Guanzate mentre Braguti e soci cercheranno di allontanarsi dal fondo classifica. Le Serie Nazionali vedono in A2 il GGS in trasferta a Treviso in un match che potrebbe voler dire la sicurezza infatti il Duomofolgore ha una classifica con il GGS ovvero tre vittorie e tre sconfitte ed una vittoria varrebbe tanto oro per Zsilard, Ricci e Giuliani in attesa del rientro di capitan Guerrini. In Serie B match casalingo contro il Sarentino che oppura l'ultima posizine della classifica. Un incontro difficile che viene dopo una brutta sconfitta contro l'Asola; è un match, secondo il tecnico Bottelli, che vale il riscatto e l'aggancio alla posizioni nobili della classifica per Manukian, Guerrini Federico, Davide Rossini e Siimone Persico. L'incontro è in programma per sabato 6 dicembre a partire dalle ore 20.30 presso la Palestar Comunale di Ripalta Cremasca con ingresso libero e gratuito, siete tutti inviati per tifare e sostenere il GGS.


30

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco

Scuola, i nostri edifici i più sicuri Venerdì 5 Dicembre 2008

La Provincia ha investito 40 milioni di euro dal 2004. I certificati di staticità sono più del doppio della media nazionale. Torchio: «Abbiamo raggiunto un livello di eccellenza riconosciuto in tutto il Paese»

Q

di Laura Bianchessi

uasi 33 milioni di euro, pari al 80,75%, investiti dalla Provincia di Cremona con 4 milioni di euro (pari al 9,84%) di fondi provenienti da Cariplo e solo 3,825 milioni di euro, pari al 9,41% provenienti da Stato e Regioni: questi i numeri significativi di quanto sia stato investito nella sicurezza degli edifici scolastici a livello locale, come hanno

cora completato – ha precisato il presidente Torchio –Il Patto di Stabilità da un lato, che frena gli investimenti che potremmo raddoppiare avendo le risorse e dall’altro l’esiguità dei trasferimenti da Governo e Regione, pur nella consapevolezza di quanto affermato dal Sottosegretario Bertolaso, che definisce in 13 miliardi di euro la somma urgente per la sicurezza nelle scuole, ci penalizzano fortemente. Ma, nonostante ciò, abbiamo investito per la sicurezza dei cittadini, degli stu-

Pietro Morini, Giuseppe Torchio e Agostino Savoldi

precisato nel corso della conferenza stampa il presidente della Provincia, on. Giuseppe Torchio con l’assessore all’istruzione Pietro Morini, alla presenza dell’assessore al bilancio Agostino Savoldi. «L’allora Ministro Fioroni nel sopralluogo dello scorso anno ha definito il nostro territorio e l’Amministrazione virtuosa per gli investimenti fatti per la sicurezza nelle scuole. I numeri parlano da soli, anche se il piano va an-

denti concretamente, con interventi sul piano della rimozione delle barriere architettoniche, di applicazione ella 626, del rifacimento di strutture, tetti ed impianti ad energia solare, con attenzione quindi anche all’ambiente». Ha continuato Torchio: «Siamo pronti ad investire altre 8 milioni di euro per il 2009, ma il Patto di stabilità ce lo vieta. Andremo avanti con il nostro Piano, ma il Governo deve andare al di là

degli slogan e procedere operativamente». Come ha evidenziato il presidente della Provincia, la deroga richiesta dallo Stato relativamente ai limiti posti da Maastricht, servirà solo per le spese correnti dei Ministeri, per nuove assunzioni al Sud o al ripiano dei buchi di Catania e Roma o potrà essere rivolta agli Enti locali per poter aumentare, in deroga al Patto di Stabilità, gli investimenti da farsi come nel caso della sicurezza. Notevoli i dati presentati dall’Assessore Morini: «40 milioni di euro dal 2004 al prossimo anno non sono pochi e tutti a carico della Provincia, che qualcuno definisce “ente inutile”, perché stando ai fondi arrivati da Governo e Regioni, saremmo indietro anni luce. Contro una media nazionale del 35% per i certificati di statisticità siamo arrivati oggi al 62% con un ulteriore 11%; per i CPI ovvero certificati di prevenzione incendi siamo oltre il 51% con un ulteriore 15% a breve, rispetto alla media nazionale del 15%. Basti pensare che all’Itis di Cremona la sostituzione delle lampade di emergenza ogni tre anni costa alla Provincia 100.00 euro. Per quanto riguarda i disabili, siamo all’80% della riduzione delle barriere architettoniche, quando nel 2004 eravamo solo ad oltre il 30%. Certamente rimangono lavori da fare, ma contiamo entro i prossimi tre anni di chiudere il

piano che ci siamo posti sulla sicurezza. Rimane l’onerosa partita della manutenzione, dove anche le altre Istituzioni Superiori devono fare la loro parte». Ha concluso Morini: «In periodo di profonda recessio-

ne e difficoltà, tra le poche voci del bilancio provinciale, che salirà nel 2009, è proprio quella relativa alla sicurezza negli edifici scolastici, pur nella mutevolezza della legge, che da 582.000 euro passerà a 770.000 euro il prossi-

mo anno. Questi son dati, non parole». Infine, vi sono ulteriori 500.000 euro per la vigilanza e sicurezza negli edifici della Provincia, tra cui le scuole di pertinenza, contro vandalismi e intrusione.

Ecco tutti gli interventi negli Istituti a Crema

Complesso scolastico di via Libero Comune. Importo: € 7.000.000,00. Complessivamente nell’intero fabbricato, nuovo e completo di tutte le certificazioni richieste dalla normativa, si sono realizzati i seguenti locali: 62 aule didattiche; 31 aule per esercitazioni e laboratori; 17 locali per la presidenza, segreteria, insegnanti. Il numero totale di alunni che sono ospitati nel fabbricato è pari a 1.390 studenti di cui 990 dell’istituto “Sraffa” e 400 del liceo artistico. Lavori terminati nel 2006. Liceo Classico “Racchetti” di via Terni. Importo: € 140.955,00. Lavori di rifacimento impianti elettrici consegnati ed ultimati nel 2005. Liceo «Rachetti» Magistrali. Importo: € 400.000,00. La copertura dell’edificio presentava ampie zone degradate, con infiltrazioni che incidevano anche sui locali sottostanti. Si erano anche infiltrati numerosi piccioni, con conseguenti problemi di igienicità dei locali attigui. Lavori consegnati nel Maggio 2006 e terminati in Settembre 2006. Itis Galilei. Importo: € 1.100.000,00. Le ampie coperture dell’intero complesso scolastico erano ancora in fibrocemento-amianto: si è completamente rimosso pertanto tutta la copertura, predisponendo anche del-

la barre adeguate per un successivo aggancio di pannelli fotovoltaici.. Lavori consegnati nell'ottobre 2004 e terminati in ottobre 2005. Istituto Marazzi e Pacioli. Importo: € 62.000,00. L’intervento ha riguardato il rifacimento di alcune porzioni dei fabbricati ove erano ancora presenti lastre in fibrocementoamianto. Liceo Classico «Racchetti» e scientifico «Leonardo Da Vinci». Importo: € 600.000,00. Si stanno eseguendo tutti gli interventi necessari per l’adeguamento alle norme di prevenzioni incendi, di eliminazione della barriere architettoniche e di messa in sicurezza dei locali scolastici, in particolare del liceo classico. Lavori in corso, ultimazione prevista: agosto 2009. Liceo Classico «Racchetti» e scientifico «Leonardo Da Vinci». Importo: € 1.100.000,00. Si stanno eseguendo tutti gli interventi necessari per l’adeguamento alle norme di prevenzioni incendi, di eliminazione della barriere architettoniche e di messa in sicurezza dei locali scolastici, in particolare del liceo scientifico. Lavori in corso, ultimazione prevista: novembre 2009


Il Piccolo Giornale del Cremasco  

5 dicembre 2008

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you