Page 1

il

PICCOLO Giornale di Cremona

Direzione e redazione: Via S. Bernardo, 37/A • Tel. 0372 45.49.31 - 45.13.14 • Fax 0372 59.78.74 • Numeri Arretrati: www.immaginapubblicita.it/archivioilpiccolo.html • E-mail: redazione@ilpiccologiornale.it Pubblicità: Immagina srl - Via S. Bernardo, 37 • Tel. 0372 45.39.67 - 43.54.74 • Fax 0372 59.78.60 - Cremona • Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96-Cremona

Anno IX • n° 32 • VENERDI’ 8 AGOSTO 2008

Settimanale • € 0,02 Copia Omaggio

GODERSI L'ESTATE IN CITTA' E PROVINCIA Una guida pratica per non annoiarsi mai. Per nuotate, relax e tintarella ci sono le canottieri. Ma che fare la sera? Sagre, feste, svago e possibilità di grandi mangiate non mancano certo. La mappa che vi proponiamo è molto dettagliata. Attenti ai ladri e alla zanzare: vi insegniamo a combatterli. E vincerli. La Cremonese in Coppa UEFA

Infrastrutture

Il consiglio provinciale dà l'aut aut a Trenitalia ▲

a pagina 5

Ladri in azione

Come evitare le incursioni in casa

La redazione de Il Pic si concede una breve colo sosta. Il settimanale tornerà in distribuzione Venerdì 29 agosto. Vi auguriamo buone va canze.

Tutte le novità normative e le battaglie istituzionali

Cento militari cremonesi in pattuglia a Milano a pagina 3

Cerchi casa? Alcune proposte scelte per voi ▲

da pag 14 a pag 16

a pagina 6

Sicurezza

Speciale Trasporti

Per telefono arriva la notizia: un’amica se n'è andata, si dice così, aveva più o meno la mia età. Mi è stata prodiga di consigli durante la mia prima importante esperienza lavorativa in Pavia, dove lei lavorava al Teatro Fraschini, pezzo forte della città universitaria. Era competente e per bene… ciao Rosanella. Cominciano a esser tanti gli amici e i colleghi che se ne sono andati, forse prima del dovuto, troppi. «Sono sempre i migliori che se ne vanno»: l’ho sempre considerata una frase fatta, ma comincio a convincermi che sia vera. I farabutti, i voltagabbana, i pezzi di merende, invece sono tanti e sono sempre in giro. Alla mia lista si è aggiunto, di recente, un tale: mi era stato presentato da un politico, una persona seria che stimo. Non me l’aspettavo… ci sono rimasto male. Continuo, comunque, a restare ancorato al detto: «Chi si comporta male, prima o poi ne paga il fio», è un mio principio. «Ricordati ragazzo, se non v’è giustizia terrena, v’è di certo quella divina» mi diceva nonna Adele con il suo dignitoso parlare tosco e schietto. Va beh, pensiamo alle vacanze. Godiamocele fino in fondo perché dicono che l’autunno sarà caldo, e gravido di problemi. Non ci prospettano niente di buono, c’è solo da rimboccarsi le maniche e penare, dura è la congiuntura. Però è di vitale importanza restare ottimisti e fiduciosi: non s’è mai visto un pessimista ottenete risultati. L’ottimismo è il profumo della vita diceva Tonino Guerra poeta in uno spot pubblicitario, poco efficace perché ricordo lo slogan, ma non il prodotto. Ottimismo e convinzione, ecco quello che ci vuole perché com’è il detto? «Gente allegra il Ciel l’aiuta». Con ottimismo convinto potremmo anche confidare che al rientro ci possa essere di che compiacersi e vedere ribaltate le previsioni, perché no? Potremmo riscontrare un’inflazione scesa ai livelli minimi, il tasso d’interesse sui mutui all’1%, scoprire che alla fine del mese alle famiglie restano dei soldi e il 31 ottobre è di nuovo la giornata del risparmio. Magari al ritorno dalle vacanze potremmo costatare che il premier Silvio Berlusconi sta facendo anche l’interesse del Paese. Ascoltare, euforici, le dichiarazioni dei petrolieri che, presi da una improvvisa crisi di coscienza per la vergogna di aver tanto speculato sul prezzo del greggio, hanno deciso di riportare il prezzo della benzina al 1990: 0,75 euro al litro. In più il Governo, resosi conto che non è più tempo di chiedere finanziamenti per la guerra in Abissinia e per la crisi di Suez del ’56, ha ulteriormente ridotto il prezzo di dieci centesimi al gallone. Potremmo trovare, di ritorno dal breve soggiorno al mare o ai monti, che il valore del denaro è, più o meno, lo stesso sia quando lo depositiamo sia nel momento in cui lo prendiamo in prestito: sempre denaro è. Che le coalizioni politiche nostrane hanno trovato l’unanimità nell’individuare i candidati alle prossime elezioni amministrative, che la Tamoil si è trasformata e produce un antizanzara ecologico e che la Cremonese disputerà la Coppa UEFA. Serene vacanze e buon rientro. Aldemario Bentini

a pagina 18

Coldiretti Cremona ribadisce la propria contrarietà all'autostrada Cremona-Mantova - A pagina 12

S.S. Paullese uscita Oscasale

info: 333 45.63.921

Orario dʼapertura periodo estivo: dalle ore 9,30 alle ore 19,00

CORSI DI NUOTO APERTI A TUTTI Pesca sportiva • Bar • Ristorante • Piscina • Solarium • Spogliatoi • Vasca idromassaggio


• CREMONA - Via Castelleone,112 - Tel.0372 46.02.88 / 0372 41.63.22 Fax 0372 45.82.33 • MADIGNANO - Via Mattei, 2 - Tel. 0373 23.09.15 - 0373 65.636 - Fax 0373 23.12.03 • MARTIGNANA DI PO - Via Bardellina, 117 - Tel. / Fax0375 26.00.36 E-mail: bianchessiauto@tin.it - Sito internet: www.bianchessiauto.it - www.toyota.it


Cronaca

Venerdì 8 Agosto 2008

3

A Milano cento militari cremonesi E a Cremona si continua a lavorare sul fronte della sicurezza, con polizza anti criminalità e Patto

Corada: «La presenza dei soldati non mi scandalizza, ma è un'operazione di facciata»

S

di Silvia Galli

ono partiti proprio in questi giorni per Milano, i cento militari cremonesi che prenderanno parte ai pattugliamenti del capologuo lombardo, come disposto dal governo. «Lavoreremo affiancati alle forze dell'ordine» spiegano dalla caserma, «ma non sappiamo ancora quanto durerà il servizio». Intanto, anche a Cremona si continua a lavorare sulla sicurezza. Il via libera del Comune alla polizza anti criminalità per tutti i cittadini, il parere favorevole del Viminale al Patto per la sicurezza varato dall'amministrazione provinciale e ora l'esercito cremonese per le strade di Milano. Tanta carrne al fuoco. Ma secondo un sindacato di polizia (il Siap), i soldati andrebbero impiegati anche in centri come il nostro. Il sindaco Gian Carlo Corada, che sull'impiego dei militari nel pattugliare le città va contro il suo stesso partito, non approvva ma nemmeno demonizza il ricorso all'esercito. Una presa di posizione che potrebbe provocare qualche reazione. «Da un lato» sottolinea, «la presenza dei soldati nelle città non mi scandalizza. Non lo considero un provvedimento da Stato re-

pressivo né il segnale, come sostengono alcuni, che siamo alla vigilia di qualcosa di antidemocratico. Quindi, da questo punto di vista, nessuna opposizione particolare da parte mia. Dall'altro lato, però, si tratta di un'operazione di facciata, propagandistica e inessenziale, che non porterà ad alcun risultato». Sin qui le dichiarazioni del sindaco. Ma il primo cittadino nel suo blog ha ripreso l’argomento. Si legge: «Voglio inviare ai soldati del X Reggimento Genio Guastatori di stanza a Cremona presso la caserma Col di Lana i miei migliori auguri ed il mio sincero apprezzamento per il servizio che si apprestano a fare nei prossimi giorni a Milano nell'ambito delle misure sulla sicurezza emanate dal governo». Scrive ancora Corada: «Ho ben presente quanto questo tipo di impegno, inusuale per l'esercito, possa preoccupare i nostri militari e, pur consapevole di quanto queste misure siano essenzialmente di immagine, rivolgo loro i sentimenti di vicinanza che animano la nostra città». Poi il giudizio politico sull'operazione voluta dal ministro alla Difesa, Ignazio La Russa: «Appare forzato ed incongruo, infatti, voler paragonare le odierne misure con quelle, ben più stringenti, assunte negli anni `70 sotto il

NOMINE

Segretario provinciale: scelto Giorgio Lovilli

I militari della Col di Lana

titolo "Vespri Siciliani". Mentre oggi l`impegno richiesto riguarda circa 3.000 militari sull'intero ambito nazionale, allora gli uomini impegnati nella sola regione siciliana ammontavano a ben 20.000 ed assolsero un ruolo davvero decisivo: liberare le forze di pubblica sicurezza da impegni poco appropriati (guardia e controllo di obiettivi sensibili) per dedicarle al compito più proprio dell`ordine pubblico. E la cosa, in quel periodo, sortì buoni risultati». Invece, questo impiego dei militari sul fronte sicurezza «corrisponde essenzialmente ad una volontà di "comunicare" messaggi tranquillizzanti e positivi, volti a modificare la

Politici cremonesi al Parlamento europeo Sacconi, presidente della Roberto Mariani, coordicommissione dei cambianatore della Consulta regiomenti climatici. «Avremo un nale dei presidenti di Consiincontro al Parlamento euroglio, ha organizzato dal 22 al peo con i parlamentari del 25 settembre una visita al nord-ovest per illustrare l’atParlamento Europeo di Stratività della Consulta» contisburgo. «Potrei chiamarlo un nua Mariani. «Poi ci saranno colpo di fortuna» ha spiegato una serie di incontri tematici lo stesso Mariani. «Ho scritto al Parlamento. I temi che aba Lilli Gruber che avevo coRoberto Mariani biamo individuato sono: le nosciuto in occasione della fonti di finanziamento nel sua campagna elettorale, campo del turismo, le fonti di energie rinnoparlandole della mia idea, e il giorno dopo i vabili e i rapporti con gli enti locali e il fedesuoi uffici mi hanno subito risposto». ralismo». Da lì è partito tutto. Tre giorni intensi di La delegazione incontrerà anche il sindalavoro per 22 politici, provenienti da tutte le co di Strasburgo e si terranno degli incontri province della Lombardia, che si apprestacon il Conseil General dell’Alsace e con il no a partecipare a una seduta del ParlaConseil General du Bas-Rhin. Per Cremona mento. Ma sarà anche l’occasione per inandranno Mariani e l’assessore provinciale contrare Lilli Gruber, Antonio Tajani (comFiorella Lazzari. sg missario europeo ai Trasporti) e Guido

Per la Vostra pubblicità su

0372.43.54.74

Direzione, redazione e prestampa Via S. Bernardo 37/A - 26100 Cremona Tel. 0372 45.49.31 - 45.13.14 Fax 0372 59.78.74

Autorizz. del Tribunale di Cremona n° 357 del 16/05/2000

Società editrice: Promedia Società Cooperativa Via del Sale, 19 - Cremona

Pubblicità Tel. 0372 43.54.74 Fax 0372 59.78.60 www.immaginapubblicita.it

Pubblicazione associata all’Uspi (Unione Stampa Periodica Italiana)

Amministrazione e diffusione Via S. Bernardo 37/A - 26100 Cremona Tel. 0372 43.54.74 - Fax 0372 59.78.60

Stampa: SEL - Società Editrice Lombarda 26100 Cremona

Settimanale di informazione direttore responsabile: Sergio Cuti redazione@ilpiccologiornale.it

Progetto Grafico: Gianluca Galli Numero chiuso in tipografia: Giovedì 7 Agosto ore 24,00

"percezione" dell'opinione pubblica. Ma, appunto perché tali, rimangono in superficie e sono ben lungi da prevedere misure concrete e reali, inserite in una visione complessiva ed organica della questione "sicurezza e legalità". Per di più, queste misure vengono incongruamente accompagnate da tagli agli organici ed alle spese delle forze dell'ordine». Il sindaco conclude il suo pensiero, ritornando alla Col di Lana: «Ciò non toglie che i ragazzi in divisa del Genio Guastatori siano chiamati ad assolvere un compito molto impegnativo, per il quale rinnovo loro la mia sincera vicinanza».

E' stato scelto il nuovo segretario dell'amministrazione provinciale. Si tratta di Giorgio Lovili che ha ricoperto il ruolo di segretario generale del comune dell’Aquila. Lo ha annunciato in giunta il presidente della Provinica, Giuseppe Torchio. Ci sono gli ultimi dettagli da definire, poi il neo segretario entrerà a pieno titolo al posto di Giovanni Gagliardi, che si è ritirato per raggiunti limiti di età lo scorso 21 marzo. Curriculum di ricca esperienza il suo, che va da incarichi di segretario in diversi comuni (a Salsomaggiore Terme, a Montecatini Terme, a Sant’Angelo Lodigiano, a Fiorenzuola D’Arda, a Broni), a segretario del consorzio socio-sanitario Val d’Arda e direttore amministrativo Usl n.3, capo ripartizione del personale e vice direttore amministrativo incaricato dell’ospedale regionale di Novara, vicesegretario generale del comune di Fiorenzuola D’arda. Ha svolto anche nume-

rosi altri incarichi e consulenze. Tra le curiosità, Lovili è iscritto all’albo dei giornalisti ed è abilitato all’insegnamento in diritto ed economia nelle superiori, ha sostenuto il concorso pubblico nel 1992. Dal 2004 è stato segretario generale del comune de L'Aquila, e dall’aprile 2007 è stato incaricato anche della direzione generale. Lovili ha avuto la meglio su Orazio Garofalo, classe 1942, residente a Roncadelle, segretario e direttore generale della Provincia di Lodi dal febbraio del 1999. Le richieste sono giunte un po’ da tutta Italia con “quote rosa”. Su 28 candidati sono state 6 le donne che avevano fatto richiesta per poter ricoprire l'incarico. DI questi 28, c'era stata una prima cernita che aveva portato a tre i candidati, da cui si è passati a due perché uno si era ritirato. In lizza, Lovili e Garofalo. Alla fine la scelta di Torchio è caduta sul segretario dell'Aquila.


4

Cronaca

Venerdì 8 Agosto 2008

Molti si rivolgono al pronto soccorso. Gianmarco Corbani: «Certe volte non è davvero necessario»

Insetti, come difendersi contro il flagello

S

di Laura Bosio

ole, vacanze e... insetti. Sono il flagello di ogni estate della Bassa dove, lungo le rive del Po, insieme all'umidità persistente, si annidano nugoli di zanzare pronte a colpire. L'incubo di migliaia di cremonesi, che spesso si trovano anche costretti a correre al pronto soccorso, a causa di infezioni o reazioni allergiche provocate dai vari insetti. «Di solito il periodo peggiore arriva dalla metà di agosto in poi» spiega Gianmarco Corbani, responsabile del pronto soccorso dell'Ospedale Maggiore di Cremona, «quando le api e le vespe diventano più cattive». E' poi vero che ci sono persone pronte a ricorrere al pronto soccorso anche quando non ve ne sarebbe necessità, e basterebbe una visita dal medico di famiglia. «Quando si creano infezioni è necessario intervenire con terapia antibiotica» spiega ancora Corbani, «mentre in caso di allergia bisogna trattare la persona punta con il cortisone». Sicuramente in merito agli insetti la paura della gente è alta. «In caso di punture di zanzare spesso è sufficiente applicare del ghiaccio sulla zona colpita» spiega il medico. Ma quali sono gli insetti che in questa stagione mettono a rischio la salute, e so-

prattutto il sistema nervoso, della gente? Le zanzare sono senz’altro i principali insetti “aggressori”, specialmente per quanto riguarda i bambini, ma anche altri insetti possono turbare le vacanze estive. La femmina della zanzara «culex pipiens» (la zanzara comune) punge l’uomo per nutrirsi del suo sangue, senza il quale non possono maturare le sue uova. La zanzara può pungere ripetutamente preferendo le parti esposte (viso, braccia e gambe), determinando fastidiosi pomfi pruriginosi, rilevati e spesso di grandi dimensioni, che possono infettarsi se ci si gratta, magari con le mani sporche. Semplici punture di zanzara sulle palpebre e sul dorso delle mani e dei piedi possono determinare un gonfiore importante, che può persistere per alcuni giorni. Come evitare le punture di zanzara? Le alternative in commercio sono molteplici: le lampade ultraviolette che attirano e uccidono gli insetti sono utili in spazi aperti, ma non al chiuso, i diffusori elettrici o a batteria di insetticida nell’ambiente hanno un buon effetto nei locali chiusi, ma è opportuno arieggiare adeguatamente prima di soggiornarci Se la zanzara ha già colpito bisogna evitare di grattarsi: anche piccole abrasioni possono causare una sovrainfezione. Inoltre non bi-

Manutenzione strade provinciali: un progetto di oltre 370mila euro

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

sogna spremere o pungere i pomfi. In caso di lesioni multiple ed estese, gonfiore importante, o sovrainfezione, il medico potrà consigliare l’applicazione locale di pomate o eventualmente la somministrazione di antistaminici per bocca. Le zanzare non sono gli unici insetti che minacciano la tranquillità estiva. Vi sono anche insetti che possono causare una reazione allergica. Soprattutto le api (che possiedono un pungiglione seghettato che rimane infisso nella sede della puntura) e le vespe, il calabrone ed il giallone: il loro potente pungiglione, essendo liscio, non rimane attaccato dopo la puntura e questi imenotteri possono pungere anche più volte. Api e vespe sono re-

sponsabili di punture estremamente dolorose; in soggetti sensibili le punture di questi insetti possono dare manifestazioni allergiche di entità e gravità variabile, da un gonfiore circoscritto fino al gravissimo shock anafilattico. Solo in alcuni casi, però, la loro puntura è allergizzante. Come non avere problemi? Meglio evitare gite sui prati e nelle campagne, evitare profumi e vestiti colorati che attraggono gli imenotteri, tener presente che questi insetti vengono attratti anche da alimenti e bevande zuccherine. In caso di puntura è utile disporre di antistaminici e pomate cortisoniche. Chi ha già avuto in precedenza una grave reazione allergica deve recarsi subito in ospedale.

Oltre 370mila euro per la manutenzione stradale della nostra provincia. Un progetto approvato dalla giunta provinciale, nell’ultima sua seduta. Interventi che rientrano nel piano provinciale di interventi necessari a mantenere in condizioni ottimale le reti viabilistiche. I cantieri apriranno lungo la provinciale n. 9 che collega S. Giovanni in Croce con Spineda, nel tratto di Casteldidone; lungo la 68 che unisce Pralboino e Gambara e lungo la 94, entrambe in comune di Ostiano. Il prossimo passo sarà bandire la gara e affidare i lavori. In tutti i casi si tratta di opere di sistemazione, risagomatura, consolidamento e ammodernamento del piano viabile mediante fresatura, fornitura, stesa e rullatura dell’asfalto. Si procederà anche alla riqualificazione delle banchine erbose non transitabili con la posa, dove si riveli necessario, di materiale di recupero dalla fresatura, così da eliminare le situazioni di dissesto e rendere più confortevole e scorrevole, ma soprattutto sicuro, il transito dei veicoli. «Abbiamo approvato lavori di manutenzione periodica in quanto, di norma, le pavimentazioni bituminose hanno una durata limitata nel tempo sia per l’invecchia-

mento del bitume sia per l’usura provocata dal traffico e dagli agenti atmosferici» spiega il presidente Torchio. «Gli interventi in questione, oltre ad agevolare e rendere più sicuro il traffico veicolare lungo i tratti suddetti, consentiranno di evitare, nei prossimi dieci-quindici anni, tutti i lavori di manutenzione ordinaria che risulterebbero oltremodo assidui ed impegnativi. Di conseguenza si avrà un cospicuo risparmio economico nonché maggiore sicurezza viabilistica». La Provincia di Cremona è all’avanguardia anche per quanto riguarda le tecnologie impiegate. «Sarà disposto un manto d’asfalto a bassa temperatura» spiega l’assessore Fiorella Lazzari. «Inoltre lo spessore dello strato bitumoso sarà valutato, in ogni tratto, in funzione delle necessità puntuali. Negli ultimi anni abbiamo sviluppato un metodo che permette di stendere i conglomerati bituminosi a bassa temperatura con l’aggiunta dei necessari additivi, con evidenti vantaggi sia in termini di risparmio energetico, sia per ciò che concerne la sicurezza dei lavoratori. Inoltre, in questo modo, si estende il periodo in cui è possibile eseguire i lavori che, oggi, non è più limitato alla stagione calda».


Cronaca

Venerdì 8 Agosto 2008

5

Dopolavoro ferroviario: il 10 settembre, una seduta dedicata al sostegno della causa dei pendolari

Aut aut a Trenitalia dal consiglio provinciale

S

di Silvia Galli

arà il consiglio provinciale della verità. Quello indetto il 10 settembre al Dopolavoro Ferroviario a sostegno dei pendolari. Un aut-aut. Ad annunciarlo è stato il presidente del consiglio, Roberto Mariani: «Vogliamo delle risposte, una volta per tutte» spiega. «Abbiamo invitato i vertici di Trenitalia, di Regione Lombardia, l’assessore regionale alla Mobilità, Raffaele Cattaneo, i comitati dei pendolari, le varie associazioni, Federconsumatori, i parlamentari e i consiglieri regionali. Inoltre, saranno presenti i sindaci dei comuni lungo la tratta CremonaMilano, i presidenti delle province di Milano, Lodi e Mantova, oltre ai segretari dei partiti politici. Il problema dei pendolari ci sta a cuore». Duro e deciso, il presidente Mariani non accetta più scusanti da parte dei soggetti interessati: «Con questo consiglio provinciale non vogliamo ripetere l'errore che c’era stato il 17 novembre del 2004 con Trenitalia e Regione Lombardia, quando vennero organizzati i consigli comunale e provinciale aperti a teatro Monteverdi. Stavolta vogliamo delle risposte». E Mariani fa riferimento a quel documento, una sorta di “Bibbia”, che venne stilato in quell’occasione con tutte le promesse fatte da Trenitalia e Regione Lombardia. «Prenderemo quel documento per vedere quello che non è stato realizzato chiedendo risposte certe. E lanceremo un'azione di sostegno alla causa dei pendolari». Una resa dei conti insomma, anche perché la Provincia, nel caso in cui

messe fatte dagli intervenuti: dal dirigente del programma e investimenti RFI Ezio Facchin, dal direttore divisione e trasporto regionale Trenitalia Federico Barbic, dal direttore infrastrutture e mobilità della Regione Lombardia Angelo Maria Lassini, che so che ora non c’è più». Mariani continua leggendo il il documento: «Si era addirittura fatto uno schema con tanto di grafici sull’andamento dei ritardi e puntualità dei treni. Ad esempio il picco più basso di ritardo si è verificato nel novembre 2004, quello più alto di puntualità ad agosto. E se si guarda alla causa dei ritardi, la principale risulta essere il materiale rotabile, cioè la rottura dei locomo-

SOSTEGNO POLITICO

Il Pd devolve il 10% degli incassi della festa all'azione legale

Il Partito democratico si schiera con i pendolari. Una presa di posizione forte, che è emersa nel corso dell’esecutivo provinciale del partito. Ad aprire la questione è stato un momento di confronto con Francesco Zilioli, presidente Federconsumatori che ha relazionato in merito Alcuni treni in stazione alle iniziative di protesta contro i disservizi ferroviari e di tutela degli interessi dei pendolari. non avesse risposte per ne di diversi sottopassi nelZilioli, in accordo con l'associazione spontanea di penquella data, è pronta a sole stazioni in modo di audolari della linea Mantova-Cremona-Milano «inOrario», ha stenere un’azione legale mentare la velocità dei treni parlato della necessità di tenere alta l’attenzione sul procontro Trenitalia e Regione da 30 a 60 chilometri orari, blema. Anche perché la situazione, con l’aumento dei Lombardia proprio per i ad esempio a Pizzighettoprezzi di circa il 2,5% e la riduzione delle corse non semcontinui ritardi dei treni e i ne e Acquanegra, di velobra essere migliorata. ripetuti disagi dei pendolari cizzare gli itinerari dimiCosì, ha spiegato Zilioli, continua l’odissea «di chi si muove su una tra le peggiori linee della Lombardia». Del problema sono stati messi al corrente gli stessi vertici nazionali e il presidente di Federconsumatori Caro direttore, umidità. L’aria condizionata, infatti, esanimi sui sedili in attesa della ‘ceha chiesto un incontro, che dovrebbe te«Che le FS abbiano anche un fa male e sudando e sudando tante lebrazione funebre’ da parte di noi nersi, a Cremona, con i vertici delle Ferrovolto umano, i viaggiatori lo perce- tossine vengono espulse dal corpo. viaggiatori. Inoltre i meravigliosi e vie. piscono. Forse non tutti sanno che E’ tutto compreso nel prezzo del puliti rivestimenti dei sedili invogliaNel frattempo, a livello locale, si sta lavono il viaggio in piedi: così i viaggiaquesto volto, il più delle volte, rima- biglietto! rando alla definizione del comitato che, più ne nascosto. Lavora in silenzio, con Si potrà viaggiare a contatto con tori che soffrono di mal schiena da vicino, seguirà la causa collettiva contro discrezione e grande professionali- la natura. I sedili sono addobbati ringraziano, in quanto la posizione le ferrovie. «Un percorso» ha spiegato Ziliotà». Ecco come inizia un comunica- con pezzi di foglie e di rami degli eretta è notoriamente migliore per li «che mira non solo al risarcimento del to stampa di Trenitalia del 5 ago- alberi adiacenti ai binari. E’ questo tale patologia. E dopo 60 minuti podanno, quanto piuttosto ad affermare il sto. il modo scelto da RFI per fare ma- tremo finalmente arrivare a destinaprincipio che la situazione va migliorata. Anche noi che viaggiamo quoti- nutenzione alle linee. zione, all’invidiabile velocità media Occorre un vero e proprio contratto di serE non dimentichiamo che si po- dei 50 km/h per ricominciare il giordianamente sul treno delle 17.28 da vizio, e vanno create le condizioni perché Brescia a Cremona percepiamo ta- trà allegramente condividere il viag- no successivo. Un sentito ringraziavenga rispettato». E, anche il Pd, ha voluto le umanità e professionalità. Su tale gio con varie specie di insetti. Pur- mento alle Ferrovie delle Stato. contribuire all'azione legale, offrendo il treno, noi fortunati viaggiatori pos- troppo non tutte riescono a soprav10% dell’incasso dell’ultima festa provinCoordinamento Viaggiatori siamo goderci un inaspettato ‘ba- vivere in questo ‘splendido’ habitat ciale. Linea FFSS Brescia – Cremona gno turco’ grazie ai 35°, con 80% di e per questo molte si accasciano Infine, Zilioli ha ribadito la necessità di interventi strutturali sui convogli e soprattutto sulle linee, mettendo in rilievo come tutto il nodo tori, con soppressioni e acche si sono verificati negli nuendo i tempi di percorcremonese evidenzi criticità. Se i collegamenti con Milacumuli di ritardi, proprio ultimi tempi. renza, di riposizionamento no, infatti, occupano spesso le pagine della cronaca non perché il parco mezzi è mol«Se si apre il faldone» di incroci, di interventi tecva dimenticato che anche le linee per Parma, Brescia e to vecchio». continua Mariani, leggendo nologici. E poi stiamo ancoPiacenza presentano non poche difficoltà. «Questa situazione, coil documento stilato in ocra aspettando le nuove carInsomma, la battaglia ora è aperta, a tutti i livelli: assome ho già più volte ribadito, casione della doppia sedurozze. C’era un piano di ciazionistico, sindacale, istituzionale, e ora anche politico. rappresenta un gravissimo ta dei consigli nel 2004 «ci rinnovo, era previsto che i A schierarsi a favore dei pendolari, con diversi interventi, danno per il nostro territosono un sacco di promesse nuovi treni Vivalto (fatti apsono stati anche i Circoli provinciali di Forza Italia. Sia rio» ha concluso il presidenper la linea Codogno-Creposta per il trasporto locale nella maggioranza che nella minoranza c'è voglia di fare te Mariani. La resa dei conmona-Mantova-Milano. Tra da Trenitalia, n.d.r.), giunqualcosa per chi, ogni giorno, si trova a confrontarsi con ti, dunque, il prossimo 10 le tante, si parla di raddopgessero già nel 2004, inveun disservizio sempre più grave e persistente. lb settembre. pi a Olmeneta, di costruzioce non si sono visti. Pro-

La lettera dei pendolari sulla tratta Cremona-Brescia

Lo ha chiesto il sindaco Letizia Moratti in una lettera indirizzata al presidente della Provincia Giuseppe Torchio

Cremona collaborerà per organizzare il Festival internazionale dell'alimentazione

Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha inviato una lettera al presidente della provincia, Giuseppe Torchio, proponendo a Cremona di collaborare all’organizzazione del Festival Internazionale dell’alimentazione. Una manifestazione che si terrà proprio in occasione dell’Expo 2015, e quindi una grandissima opportunità per la città di Cremona. «Caro presidente» scrive Letizia Moratti «sono a conoscenza dell’impegno suo personale e dell’amministrazione che presiede in favore di un’alimentazione sana e sicura per tutti i cittadini, di un’educazione in grado di orientare le abitudini alimentari verso stili di vita più sani, di un’alimentazione che riscopra le radici culturali dei nostri territori, impegno che sono sicura, si concretizza nella realizzazione di molteplici iniziative locali e nazionali di grande valore».

«Al fine di sottolineare il percorso di avvicinamento all’Esposizione Universale a partire dal prossimo autunno e per i prossimi sei mesi, Expo

Milano 2015 intende organizzare il Festival Internazionale dell’Alimentazione un evento in grado di innescare una riflessione a più voci finalizzata

Il presidente della Provincia Giuseppe Torchio

alla ricerca di soluzioni sulle sfide alimentari più urgenti che il pianeta sta vivendo». L’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, le possibili innovazioni sui segmenti della filiera in grado di generare maggiore efficienza ed economicità a vantaggio del consumatore finale, la disponibilità di tecnologie innovative ed abilitanti, il consumo etico, sono alcuni dei temi che Expo Milano 2015 vuole affrontare. «Il Festival» continua nella lettera il sindaco Moratti «che quest’anno in concomitanza con la data scelta dalla FAO per celebrare la Giornata mondiale dell’alimentazione, si celebrerà a Milano, nel territorio delle Regione Lombardia e dell’intero paese dal 16 al 22 ottobre 2008, coinvolgerò istituzioni pubbliche, multilaterali, associazioni di categoria, di consumatori, organizzazioni non-profit, istituti di ricerca,

Il sindaco di Milano Letizia Moratti

imprese e grande distribuzione organizzata e offrirà a tutti i Comuni, le Province e le Regioni d’Italia una piattaforma di visibilità, comunicazione e di-

battito all’interno del sistema agroalimentare globale». Così la Moratti: «In quest’ottica, oltre ad invitarla fin d’ora a prendere parte alla manifestazione sono a chiederle di segnalare iniziative, eventi, bestpractice, approfondimenti tecnici, che potrebbero trovare adeguata visibilità all’interno del palinsesto del Festival internazionale dell’alimentazione in modo che le stesse possano contribuire alla risoluzione di problemi legati al disagio alimentare di centinai di milioni di persone sia del mondo in via di sviluppo, sia di quello sviluppato».

COMBINATA PER LEGNO MONOFASE, NORME CE, ACCESSORIATA, PIANI IN GHISA, CARRELLO A SQUADRARE, VENDO A € 749 • TEL 327-6586481


6

Cronaca

Venerdì 8 Agosto 2008

Angelo Lonardo (commissario capo della Questura): «Meglio evitare di far sapere a terzi i propri spostamenti»

Topi d'appartamento scatenati Ecco come evitare le incursioni

L'estate è spesso un invito a nozze per i cosiddetti “topi d'appartamento” che approfittano dell'assenza dei padroni di casa per introdursi indisturbati nelle abitazioni,

U

e razziare tutto quello che trovano. E come ogni estate, è bene seguire alcuni accorgimenti fondamentali per confondere le acque ed evitare di far sapere che la casa è

vuota. Di seguito raccontiamo gli ultimi casi di furto messi a segno in città, e come fare ad allontanare il più possibile il rischio di inopportune incursioni.

di Sara Pizzorni

na notte da incubo, quella tra mercoledì e giovedì, per due fidanzati cremonesi che si sono trovati faccia a faccia con un ladro nella loro abitazione al primo piano di via Burchielli. I due, lei 28 anni, lui 38, si erano addormentati sul divano dimenticandosi di chiudere imposte e finestre. Così il topo di appartamento ne ha approfittato e si è intrufolato in casa con estrema facilità. Ma il ladro ha fatto rumore, svegliando la giovane che se l'è trovato proprio di fronte, con grande sorpresa del malvivente, che evidentemente non si aspettava di scoprire i residenti sul divano, e con terrore da parte della proprietaria dell'appartamento che alla vista del ladro si è messa ad urlare. Il malvivente, preso dal panico, è scappato, ma con un gesto fulmineo è riuscito ad arraffare una borsa e un portafogli che si è trovato a portata di mano. Sul posto gli uomini della squadra Volante del commissario capo Angelo Lonardo a cui è stato raccontato l'accaduto e fornita una sommaria descrizione del ladro, di cui si sa che è una persona giovane, ma nulla di più.

Molte abitazioni prese di mira e razziate

Il commissario capo Angelo Lonardo

Quello dei topi di appartamento è un fenomeno che con la stagione estiva ha sempre avuto una grande impennata. Fortunatamente i casi in cui i predoni agiscono con la presenza dei residenti sono ancora pochi; più numerosi, infatti, sono quelli in cui i padroni di casa sono assenti o in vacanza e i ladri ne approfittano per rovistare dappertutto. E' successo in questi giorni in diverse abitazioni della città e soprattutto della provincia, quelle più isolate o nelle quali è più facile intrufolarsi, dove sono state segnalate le razzie dei predoni: le ultime, in una sola notte,

Tenta una rapina e aggredisce negoziante E' stato concesso l'obbligo di dimora notturno per M.A., il 28enne residente a Cremona arrestato il primo agosto scorso dai carabinieri con le accuse di tentata rapina, minacce e lesioni. Il giovane, quindi, non potrà uscire di casa nelle ore notturne. Così ha disposto il giudice. L'aggressione, secondo l'accusa, era stata accompagnata da un tentativo di rapina verso le 6 di mattina al distributore Agip di via Mantova. Un commerciante di Cremona, M.Q., era stato avvicinato dal 28enne mentre stava facendo il pieno di benzina alla sua auto con il self service. Il ragazzo, che lo stava controllando dall'altra parte della strada, d'un tratto aveva attraversato e lo aveva raggiunto, dopodiché gli aveva intimato di consegnargli la banconota da 20 euro che aveva in mano. Al rifiuto del commerciante, il 28enne si era innervosito, aveva comin-

ciato a minacciarlo, fino a che tra i due, sotto gli occhi atterriti della moglie della vittima che era rimasta in macchina, era nata una colluttazione. I due avevano lottato per qualche minuto, ma il malvivente aveva avuto la peggio e ad un certo punto aveva deciso che era meglio fuggire, anche se a mani vuote, in direzione del centro città. Mentre la moglie chiamava i soccorsi, il marito l'aveva inseguito, ma non era riuscito a raggiungerlo. A bloccare il bandito erano stati i carabinieri che, grazie alla descrizione fornita, l'avevano fermato nei pressi della casa di cura San Camillo. «Ero ubriaco», è invece la versione fornita al giudice da M.A., difeso dall'avvocato Enrico Forghieri. «Non volevo soldi, avevo chiesto un passaggio che però mi era stato negato e siccome avevo bevuto non ho più capito niente e l'ho aggredito».

sono state messe a segno in una villetta a Regona di Pizzighettone e in due abitazioni ad Annicco. Il bottino è di denaro e gioielli per un valore piuttosto ingente. I proprietari, rientrando, hanno avuto l'amara sorpresa e non hanno potuto far altro che rivolgersi ai carabinieri ai quali hanno sporto denuncia di furto contro ignoti. Arrivare a casa e trovare la porta scardinata, le stanze messe a soqquadro da mani che hanno frugato dappertutto, aprendo cassetti, rovesciando materassi, trovando perfino il tempo di bersi una birra, alla faccia di chi, rientrando, non troverà più quel braccialetto o quell'orologio a cui teneva tanto. Chi l'ha provato, e sono in molti, sa cosa vuol dire quel senso di impotenza e frustrazione che la rabbia non riesce ad attutire. «Mai fornire informazioni dettagliate dei propri spostamenti», è il consiglio del commissario capo della Questura Angelo Lonardo, «e nemmeno parlare delle proprie abitudini o dei preziosi che si hanno in casa. C'è sempre qualcuno che potrebbe sentire e approfittarne. Il fatto di avere orari sempre fissi, per il ladro è già una garanzia. In questi casi chi è davvero abitudinario o si sposta mol-

to dovrebbe chiedere ad una persona di estrema fiducia di passare ogni tanto a controllare se in casa sia tutto in ordine. E poi, importantissimo, dotarsi, come in tanti ormai hanno già fatto, di un sistema di allarme sicuro collegato alle forze dell'ordine». I numeri Istat dicono che ogni anno una famiglia su 110 riceve nel proprio appartamento la visita di un ladro, e che nell'80 per cento dei casi, soprattutto in città, quel ladro entra dalla porta. L'unico modo per di-

to. Installare una porta blindata é uno dei tanti, purché si abbia l'accortezza di scegliere una chiave che non sia facilmente duplicabile, e di affidarsi ad una persona di fiducia nel caso in cui l'operazione sia necessaria. Lasciare accesa la luce, o la radio, può servire a far credere che in casa ci sia qualcu-

A Costa S. Abramo

Via con 50 tonnellate di ferro Furto, nella notte tra martedì e mercoledì, alla M.G. prefabbricati di via Fornace a Costa Sant'Abramo. I ladri hanno rotto il lucchetto del cancello d'ingresso e sono penetrati con un autocarro all'interno del capannone di stoccaggio. Una volta all'interno hanno fatto saltare il quadro elettrico per poter utilizzare le attrezzature dell'azienda per caricare il bottino, una cinquantina di tonnellate di ferro, per un valore

fendersi, anche se non esiste alcuna garanzia totale, é dotarsi di porte blindate, tapparelle corazzate o impianti d'allarme, in grado, quanto meno, di scoraggiare i malintenzionati. Anche l'occhio del vicino resta uno dei migliori sistemi di difesa contro i topi d'appartamen-

che si aggira intorno ai 50mila euro. Solo questa mattina i responsabili si sono accorti del furto e hanno avvisato i carabinieri di Castelverde. «Sono senz'altro dei professionisti», ha detto il titolare Manuel Pesenti, «purtroppo il sistema di allarme funziona solo negli uffici, non per la parte dove viene depositato il ferro». E' la prima volta che la M.G. subisce un furto di questo tipo. I ladri di ferro hanno colpito ancora.

no. In commercio ci sono dei dispositivi a tempo che possono essere programmati per l'accensione e lo spegnimento in orari prestabiliti. Sulla targhetta del campanello e sulla cassetta della posta è meglio indicare solo il cognome, e non i nomi di battesimo, per evitare di far sapere

a tutti da quante persone é composto il nucleo familiare. Anche nel messaggio registrato sulla segreteria telefonica è sempre meglio parlare al plurale. La formula consigliata è “in questo momento non possiamo rispondere”, evitando il troppo esplicito “in questo momento siamo assenti”. Se, nonostante tutte le precauzioni, i ladri riescono comunque ad entrare, è bene sapere che i primi posti ad essere “visitati” sono gli armadi, i cassetti, i vestiti, l'interno dei vasi, i quadri, i letti e i tappeti, quindi non si dovrebbe nascondere proprio lì gli oggetti più preziosi. La finestra è un'altra via d'accesso, privilegiata dai ladri nel 15 per cento dei casi. E' il punto più debole se si abita in una casa indipendente, ma anche al pianoterra, o all'ultimo piano di un condominio. E' possibile rinforzare le persiane con dei lucchetti, sostituire gli scuri con modelli blindati o proteggere le finestre con inferriate ancorate al muro. Purtroppo i ladri sono sempre in agguato, non solo in estate, ma 24 ore al giorno 365 giorni all'anno. Certo, non si può sempre essere immuni da un furto con scasso, ma questi piccoli accorgimenti possono aiutare sicuramente ad essere meno esposti a questo genere di reato. Anche in questo caso il detto “meglio prevenire che curare” è da tenere presente.

Un cuore di maiale contro le olimpiadi di Pechino 2008 Un cuore di maiale dentro un pacco: è la provocazione di Forza Nuova di Cremona contro le olimpiadi di Pechino. Uno dei tre pacchi destinati alle redazioni dei giornali locali si è danneggiato alla Tnt Traco, ditta di spedizioni, durante le operazioni di smistamento. Quando è stato aperto, dentro c'era un cuore accompagnato da un volantino dove erano illustrate le ragioni della protesta: obiettivo del movimento di estrema destra è quello di protestare contro le olimpiadi in Cina e di boicottarle anche a livello di stampa, chiedendo ai giornali e alle televisioni di non pubblicare articoli o di non trasmettere immagini relative ai Giochi. I responsa-

bili della ditta hanno avvertito la polizia che a sua volta ha allertato i veterinari dell'Asl per esaminare il cuore che assomigliava molto ad un organo umano. E' risultato essere un cuore di maiale, che in effetti assomiglia molto a quello umano. Per i rappresentanti di Forza Nuova, «l'uomo a Pechino è come se fosse morto», ecco perché la simbologia con il cuore. Dell'episodio è stato informato il sostituto procuratore della Repubblica, Francesco Messina, ma comunque il gesto di Forza Nuova, anche se piuttosto sconvolgente, non costituisce alcun reato. «Questa è un’azione di protesta per lacerare il velo di ipocrisia che circonda

le olimpiadi di Pechino» si legge nel volantino. «Tra pochi giorni si accenderanno gli schermi delle televisioni nelle nostre case e vedremo celebrare in pompa magna la gloria della repubblica popolare cinese, i suoi trionfi nel campo economico e militare, la sua organizzazione mastodontica ed efficiente, il servilismo interessato dei governanti accorsi da tutti gli angoli del mondo per mostrarsi sodali con il regime rosso. Nessuno più ricorderà i discorsi vuoti, le vaghe promesse pubbliche sul rispetto necessario dei diritti umani, le parole sprecate per fare bella figura solo pochi mesi fa, ai tempi della repressione a lasha». sp


Cronaca

Venerdì 8 Agosto 2008

7

E la paura per la Tamoil? Mai avuta. Verona (Flora): «Sempre di più quelli che rimangono in città»

L'estate dei cremonesi? Alle canottieri

T

di Laura Bosio

intarella, relax, divertimento... qual'è l'estate dei cremonesi? Fanno parte delle fila di persone che rinunciano alla tanto sospirata vacanza perchè costa troppo, o riescono ancora a dedicarsi un viaggetto? Lo abbiamo chiesto a chi passa i pomeriggi alle canottieri cremonesi (Bissolati e Flora), dove centinaia di persone sostano sul bordo della piscina, si dilettano in rocamboleschi tuffi, organizzano veri e propri tornei di carte, si cimentano con le bocce, il tennis, il pingpong, o semplicemente si godono la tintarella e il sole pomeridiano. E sono tante,

Contro la calura estiva un bagno in piscina

tante persone a scegliere di passare in questo modo le proprie giornate. Che fine ha fatto la paura del "caso Tamoil". «Paura?

Mai avuta». Questa è la risposta di quasi tutti gli interpellati. «Sono quarant'anni che vengo qui, se ci fosse stato qualcosa avrei già dovuto esser morta» ridacchia una donna. «Nessuna paura, assolutamente» rincarano la dose due ragazze. Insomma, inquinamento o meno, le canottieri restano una meta irrinunciabile per i soci cremonesi, che approfittano di ogni ora libera, dopo il lavoro o nella pausa pranzo, per stendersi un'oretta a prendere il sole, o per un bel tuffo in piscina, che allontani lo spettro dell'afa estiva. Eppure le canottieri non sono l'unica meta dei cremonesi. Molti sono già stati, o devono ancora andare, in vacanza. La Sardegna risul-

Sole e tintarella alla Bissolati

ta senza dubbio la meta più gettonata, specialmente per le giovani generazioni seguita dalla Liguria e dalla Toscana. Seguono a ruota Ibiza e Formentera, una meta da sempre ambita. Ma anche tra i giovani non manca chi, per problemi vari, sceglie di stare a casa. Del resto più si va avanti con l'età, e meno si pensa a viaggiare: chi perché ha nipoti da tenere, chi perché con le pensioni di oggi non si può fare molto, la maggior parte preferiscono restare a Cremona, oppure andare in vacanza a settembre. Tuttavia nessuno rinuncia alle giornate di sole e piscina, usufruendo delle molteplici attrezzature, ai campi da gioco. Momenti di ritrovo, per stare insieme tra amici. «Noi giochiamo a carte, facciamo veri e propri tornei» racconta un gruppo di signore. «E' sempre bello venir qui e scambiare quattro chiacchiere in compagnia, o fare qualche bagno ristoratore». C'è poi chi viene perché è una buona opportunità per i bambini, o ancora chi nel corso degli anni si è trovato una vera e propria compagnia, alla quale non vuole rinunciare. A confermare che la tendenza dei cremonesi è quella di restare in città, da qualche anno a questa parte, è Mirando Verona, presidente del Flora. «E' da tre o quattro

Le canottieri sono un'occasione per incontri tra amici

anni che la frequenza nei week end è diventata incontenibile. All'inizio ci aveva anche dato problemi, poi ci

siamo attrezzati. Questo comunque prova che la gente tende sempre di più a rimanere in città».

Un po' di frescura a bordo piscina

PROVINCIA

Case cantoniere, scende il prezzo Prosegue la vendita, tramite bando d’asta pubblico, da parte della Provincia di beni immobili non strategici ai fini dell’azione amministrativa, quali le case cantoniere e i reliquati d’area. Le transazioni sono andate a buon fine per le cantoniere di Ostiano (stimata 150mila euro ed assegnata per 166.250 euro) e di Pozzaglio ed Uniti (stimata in 48mila euro ed assegnata per 53.010 euro). Per quanto concerne, invece, gli immobili ex Anas di Calvatone (stima 125mila euro) e Pessina Cremonese (stima 65mial euro), per il momento non è stata presentata nessuna offerta d'acquisto, e, pertanto si prov-

vederà ad indire una nuova asta riducendo del 20% il valore estimativo a suo tempo attribuito. Alla luce di questa decisione della giunta provinciale, il valore d’asta dei due immobili sarà il seguente: Pessina Cremonese 52mila euro, e Calvatone 100mila euro. La scelta di ridurre la base d’asta appare coerente sia con le consuetudini vigenti in caso di mancata offerta, sia con lo scarso interesse manifestato dai cremonesi per le case in questione. In particolare per quanto riguarda la casa cantoniera di Calvatone, che è rimasta invenduta per ben due volte.

Strada Asolana, presto un intervento di recupero Arrivano finalmente i fondi per la sistemazione della strada provinciale Asolana, nel centro abitato di Casalmaggiore. Una strada che da anni versa in pessime condizioni, a causa di un'intervento sbagliato posto in essere dall'Anas alcuni anni fa, quando era stato posto un manto d'asfalto sopra l'originario pavè. La Provincia di Cremona, quale ente proprietario della strada, si è attivata in questi anni tamponando le situazioni maggiormente critiche con una serie di interventi localizzati, attuabili però solo in presenza di particolari tipologie di ammaloramenti stradali. Per il resto dell'arteria in oggetto è necessario invece attuare un intervento maggiormente complesso che porterà alla definitiva risoluzione degli attuali problemi.

A tal proposito la Provincia, grazie ad una devoluzione di mutuo ed a un contributo regionale (per un totale di 470mila euro) ha potuto progettare un intervento definitivo che coinvolge tutta la ex statale Asolana ricompresa nell'abitato di Casalmaggiore». Tale progetto, ultimato il 31 luglio, è stato approvato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 5 agosto. Tempi strettissimi che permetterenno di espletare la gara d'appalto nella prima settimana di settembre ed un inizio dei lavori previsto tra fine ottobre e i primi giorni di novembre. Il progetto in questione prevede l'esecuzioni di lavorazioni diverse ed innovative in relazione della tipologia degli ammaloramenti ed alla stratigrafia del pacchetto stradale risultante dalle analisi e dai carotaggio effettuati. Soluzioni diverse, dai rici-

claggi a freddo all'utilizzo di bitumi addittivati per la stesa a basse temperature, per fronteggiare gli ammaloramenti derivanti da un'unica problematica: l'ingente traffico veicolare che transita ogni giorno all'interno dell'abitato. Dagli ultimi rilievi effettuati si sono registrati Tgm (traffico giornaliero medio) nell'ordine di 20mila mezzi/giorno, con una forte percentuale di mezzi pesanti in transito su un'arteria cittadina non progettata per sopportare tale carico di traffico. Al contempo si sono attivate sinergie con il sindaco di Casalmaggiore, Luciano Toscani, per individuare una soluzione che preveda anche il rallentamento del traffico pesante con una specifica ordinanza comunale in tale tratto sino al momento che si attuerà il progetto definitivo in autunno.


8

Venerdì 8 Agosto 2008

In Breve CONCORSO PER LA GUARDIA DI FINANZA La Guardia di finanza bandisce un concorso per titoli ed esami finalizzato al reclutamento di 50 allievi ufficiali in ferma prefissata, di cui: 30 sottotenenti ausiliari del ruolo speciale e 20 sottotenenti ausiliari del ruolo tecnico-logistico-amministrativo. Possono partecipare i cittadini con età non superiore ai 32 anni, che siano in possesso di una laurea specialistica, non abbiano precedenti penali, non siano stati riformati alla visita di leva. La domanda va redatta su modulo prestabilito, disponibile presso tutti i comandi del corpo, o sul sito www.dgf.it. Dovrà essere presentata a mano o inviata a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno presso il comando provinciale.

TROFEO SALVO D'ACQUISTO Appuntamento per sabato 30 agosto con l'Associazione nazionale carabinieri, che promuove la 12esima edizione del cicloraduno amatoriale «Trofeo Salvo d'Acquisto», già prevista per domenica 18 maggio, e quindi rinviata a causa di maltempo. Il ritrovo è previsto per le 13.30 in corso Vacchelli, presso il cortile dell'Associazione. Alle 15 è prevista quindi la partenza in bicicletta (Percorso: c.so Vacchelli, p.ta Romana, via Mantova, via dell'Annona, Maristella, Persichello, Dosimo, Levata, Gabbioneta Binanuova, Ostiano, Gabbioneta Binanuova, Pescarolo, Vescovato, Pieve Delmona, San MArino, Persichello, Maristella, p.ta Romana, c.so Vacchelli). L'arrivo è previsto per le 16.45 circa, e seguirà una premiazione dei partecipanti e un momento di ristoro. La quota di iscrizione è di 3 euro a testa, più eventuale offerta libera.

PER NON DIMENTICARE ANCHE A CREMONA Nei giorni scorsi ha fatto tappa in Cortile Federico II di Palazzo Comunale la staffetta podistica «Per non dimenticare». Come ogni anno a ricordo della strage del 2 agosto a Bologna, è partita il 31 luglio una staffetta podistica da Milano per poi raggiungere il 2 agosto Bologna. I podisti cremonesi Sergio Priori e Alberto Gennari hanno raccolto il testimone a Pontevico portandolo in piazza del Comune dove sono stati accolti dal Sindaco Gian Carlo Corada, dal Vice sindaco Luigi Baldani e dal Direttore Generale Vincenzo Filippini. Dopo un breve rinfresco e scambio di simboli la staffetta è passata a Giorgio Bodini per portarla a Castelvetro Piacentino.

PORTO, UN NODO INTERMODALE Alcuni giorni fa si è verificato l'ingresso al porto di Cremona di due convogli eccezionali, che trasportavano, ciascuno, un trasformatore da quasi duecento tonnellate. Le apparecchiature hanno proseguito quindi il loro viaggio via acqua, dopo essere state issate sulle chiatte Isa e Lily. «Il nostro porto» hanno spiegato soddisfatti il presidente della Provincia Giuseppe Torchio e il suo vice Agostino Alloni «grazie anche alle moderne attrezzature di cui è dotato, appare, sempre più come nodo intermodale di primaria importanza. Occorre ancora maggiore impegno per il rilancio della via d’acqua. Abbiamo voluto che questo progetto fosse inserito, in maniera chiara, anche nell’Aqst, approvato dalla Giunta regionale nei giorni scorsi. In particolare sono prioritari due azioni: la sistemazione multifunzionale del grande fiume, nel tratto compreso tra Isola Serafini e Foce Mincio e il sostegno al Polo produttivo di Tencara e al suo raccordo intermodale con il collegamento delle linee ferroviarie Cremona-Codogno e Cremona-Treviglio (Gronda Sud)».

LOCRIDE CHIAMA, LA CITTA' RISPONDE Locride chiama, Cremona risponde. Una cospicua delegazione di parrocchiani, giovani ed adulti, della città, guidati da don Francesco Cella della Parrocchia di San Pietro al Po, sono partiti Locride (Reggio Calabria) per una esperienza a contatto diretto con la Diocesi locale e le cooperative nate dall’idea di mons. Giancarlo Bregantini, che operano nel settore della legalità e lotta alla criminalità. Nel corso del viaggio, che si concluderà il 15 agosto, è previsto un appuntamento istituzionale: il presidente della provincia di Cremona, Giuseppe Torchio ed il presidente della provincia di Reggio Calabria Giuseppe Morabito, con il suo assessore ai servizi sociali Attilio Tucci. «Ho promosso questo incontro a carattere solidale e di forte idealità» ha precisato il presidente Torchio. «Un viaggio per favorire l’avvio di nuovi progetti, contatti istituzionali e relazioni che portino ad attuare servizi in campo sociale». Condivisione anche da parte del vice sindaco di Cremona Luigi Baldani, che parteciperà alla missione.

Cronaca

L'invasione delle nutrie: è allarme

Un animale che provoca ingenti danni alle colture agricole e alle strutture irrigue

E'

di Giulia Sapelli

un vero e proprio allarme per il territorio cremonese, e specialmente per il mondo agricolo: la nutria è il flagello delle coltivazioni, e il suo sovraffollamento ha messo in ginocchio parecchi agricoltori. Una proliferazione che non è più contenibile. «Ormai da innumerevoli mesi, Coldiretti sta segnalando a tutti gli organi competenti - provinciali, regionali e nazionali - la grave situazione del nostro territorio, a causa della massiccia presenza delle nutrie» ha dichiarato Roberto De Angeli, presidente dell'organizzazione. «Con chiarezza e tempestività abbiamo denunciato i forti danni causati da questa specie, dif-

idrogeologica delle zone interessate. I danni diretti li subiscono le colture agricole, in primis mais ed erba medica. Ma vi sono anche danni indiretti, come i maggiori costi per la manutenzione e il mantenimento del reticolo idrico, nonché i problemi alle attrezzature agricole, dovuti a cedimenti delle sponde e a sprofondamenti delle macchine operatrici durante le fasi di lavoro. Situazioni, queste ultime, che fanno notevolmente aumentare i rischi di infortuni. Ai problemi fin qui richiamati vanno aggiunti gli evidenti rischi di natura sanitaria cui sono esposti gli imprenditori agricoli che operano in campagna, specie nelle fasi di irrigazione, quando si lavora nel reticolo idrico. «A fronte delle nostre continue solleci-

condividendo l’esigenza di attuare efficaci interventi volti a contrastare l’espansione delle nutrie e i crescenti danni provocati alle attività agricole e alle arginature dei corpi idrici». In Regione si è svolto pro-

Roditore che si riproduce tutto l'anno

La nutria è un mammifero che vive in stretto rapporto con l’acqua per cui lo si ritrova, generalmente, in vicinanza di ambienti palustri, canali, fiumi e stagni. La folta pelliccia e lo spesso strato di grasso sottocutaneo hanno un’azione isolante e permettono il mantenimento della temperatura corporea anche nelle fredde acque invernali. A volte è possibile osservarla sulla terraferma ed in mezzo ai campi coltivati, di solito in caso di scarsità di cibo. Ad ogni modo il punto di riferimento rimane l’acqua e in caso di pericolo la nutria vi trova rifugio tuffandosi e nuotando velocemente. La nutria è un grosso roditore acquatico molto simile al castoro, dal quale si differenzia per le dimensioni corporee più modeste e per la coda cilindrica. Quest’ultima è robusta,

fusa sul territorio provinciale». Le nutrie provocano ingenti danni alle colture agricole e in particolare a strutture e infrastrutture irrigue (arginature, ponti, reticolo irriguo) mettendo a repentaglio la sicurezza

muscolosa, squamosa e coperta di setole piuttosto rade. Il corpo è tozzo e compatto. La pelliccia è composta di un soffice sottopelo ricoperto da una serie di peli più lunghi. La nutria è in grado di riprodursi durante tutto l’anno, anche se in inverno il tasso di fertilità è più basso e la mortalità neonatale molto elevata, sia a causa delle condizioni climatiche avverse sia per la scarsità relativa di cibo. La maturità sessuale viene raggiunta tra i 3 e i 9 mesi di vita, con una media ideale intorno ai 6 mesi sia per il maschio che per la femmina. Il periodo di gestazione dura in media 130 giorni ed è influenzato dal numero e dalla dimensione dei piccoli. La media è di due parti all’anno e per ogni parto nascono da 2 a 6 piccoli con un massimo di 10.

tazioni, alle quali successivamente si è aggiunta la voce di altre organizzazioni professionali» fa notare Assuero Zampini, direttore di Coldiretti. «La Regione ha attivato un piano straordinario per la lotta a questa specie alloctona,

prio nei giorni scorsi un incontro per fare il punto sulla situazione, sempre più drammatica: emerge infatti che il fastidioso roditore ha ormai colonizzato l'intero territorio regionale in ogni sua parte che presenti le

condizioni ambientali adatte, ossia fossi, canali, paludi, zone umide, fiumi, ecc. Dalla discussione, alla quale ha partecipato anche l'amministrazione provinciale, è emerso che, nonostante gli sforzi tecnici e finanziari sostenuti sino ad oggi per il controllo delle nutrie, in tutte le provincie tali animali sono in continua proliferazione visto che si riproducono tutto l’anno e che i piccoli già all’età di sei mesi iniziano la loro attività riproduttiva. Si è quindi proposto di definire un nuovo quadro giuridico, amministrativo e tecnico che consenta di puntare non a un mero “controllo” della specie nutria ma alla sua eradicazione dal territorio regionale. Coldiretti ha chiesto in Regione una presa di posizione a livello nazionale per un adeguamento legislativo che preveda: l’inclusione della nutria (e dei piccioni) tra le specie escluse dall’applicazione della L. n. 157/92, assieme ai ratti, topi e arvicole e la semplificazione delle azioni di prevenzione nelle aree naturali protette. Altra idea è quella di istituire un tavolo di coordinamento del controllo delle nutrie tra Regione, provincie, enti parco, organizzazioni professionali agricole e associazioni venatorie, che definisca un “protocollo” d’azione per il controllo delle nutrie da applicare in modo uniforme in tutte le provincie.

Centro fumetto e Provincia: torna il sereno

TELERISCALDAMENTO IN PIAZZA LIBERTA' Fino al 31 agosto piazza Libertà sarà interessata da lavori stradali per la posa del teleriscaldamento. I lavori si svolgeranno in due fasi. La prima comprende via Brescia-intersezione via Dante-piazza Libertà. La zona interessata ai lavori occuperà via Brescia nel tratto compreso tra l'incrocio (escluso) con via Cardinal Massaia e l'incrocio (incluso) con via Dante, nella sola corsia di marcia verso piazza Libertà. Vigierà il divieto di circolazione nel tratto interessato ai lavori eccetto l'accesso alle proprietà laterali e commerciali. Vi sarà la chiusura fisica dell'area di intersezione fra via Brescia e via Dante interessata dai lavori. I veicoli diretti verso piazza Risorgimento verranno deviati in via Brescia o in viale Trento e Trieste. La seconda fase, invece, riguarderà via Dante-piazza Libertà. La zona interessata ai lavori occuperà via Dante nel tratto tra l'incrocio con via Porta del Tempio (escluso) e l'incrocio con piazza Libertà (incluso), nella sola carreggiata verso piazza Libertà. Durante i lavori vigerà il divieto di circolazione nel tratto interessato ai lavori eccetto l'accesso alle proprietà laterali e commerciali. I veicoli diretti verso piazza Libertà verranno deviati in via Porta del Tempio o in via Orti Romani. Il transito pedonale in entrambe le fasi verrà garantito in totale sicurezza sui marciapiedi esistenti.

Le nutrie sono il flagello delle nostre campagne

La Provincia di Cremona

Torna il sereno tra il centro Fumetto «Andrea Pazienza» e la Provincia di Cremona. Nei giorni scorsi il presidente

Giuseppe Torchio e l’assessore Denis Spingardi, coadiuvati dai loro più stretti collaboratori, il capo di gabinet-

to Renato Crotti e il dirigente Franco Feroldi, hanno incontrato i rappresentanti nominati dall’ente Federico Marri, Fabio Canesi e Claudio Nuzzo, membro anche direttivo. I consiglieri della realtà dedicata ad Andrea Pazienza, hanno riconosciuto l’impegno dell'amministrazione provinciale e il rispetto degli accordi raggiunti. Torchio e Spingardi hanno auspicato un’ulteriore crescita del Centro che non può gravare solo sull’amministrazione. In proposito è stato suggerito un maggiore coinvolgimento territoriale, attraverso una progettualità che interessi in maniera più mar-

cata anche il Cremasco ed il Casalasco. Inoltre è stata segnalata l’opportunità di ricorrere ai bandi della Fondazione comunitaria, la cui scadenza è prevista per il 30 settembre, e della Fondazione Cariplo che ha fissato il termine per la presentazione delle domande alla fine del mese di ottobre. Solo in questo modo hanno convenuto gli intervenuti - sarà possibile realizzare i progetti di catalogazione dei 35mila documenti raccolti, proseguire l’esperienza del concorso e pianificare le commemorazioni del ventesimo anniversario della morte di Andrea Pazienza.


Cronaca

Venerdì 8 Agosto 2008

Quali sono i principali appuntamenti di agosto per il territorio cremonese

L'estate per chi resta in città

Q

ualcuno partirà per le vacanze, altri preferiranno invece passare agosto in città. E qualcuno dovrà farlo forzatamente, magari perché ha già concluso il periodo delle ferie. In ogni caso è sempre bene sapere quali opportunità offre il nostro territorio, in modo da non annoiarsi in casa nel corso delle giornate estive. E in effetti gli appuntamenti non mancano. Avvicinandosi alla metà di agosto, si moltiplicano le sagre e le feste nei paesi. Si comincia già il 9, con una serata medioevale a Crotta d'Adda, per celebrare il solstizio. Ormai tradizione storica, a Solarolo Rainerio, la sagra con spettacolo teatrale, organizzato dalla gente del circondario, per il 10 agosto, notte di San Lorenzo.

L'orchestra Beghini

Notte che viene celebrata anche a Rivarolo del Re, mentre a Genivolta si approfitta dell'occasione per la Sagra dei gnoc, che dura fino a Ferragosto. A Torre de Picenardi viene proposta anche quest'anno la «Festa de li tur», che prende il

I tortelli di zucca

via il 12 agosto, con un concorso canoro aperto a tutti, l'Incantatorre. Non mancheranno poi momenti musicali, con orchestre e cover band («Tributo ai Cantatutori anni 70/80» a cura di Michele Fenati, orchestra Franco e Valeriana, orchestra Alida Ferrarese ex Molino del Po, orchestra Alfens, orchestra Giliana Gilian & Maurizio Russo). Per Ferragosto è prevista una gara di pesca nella fossa, gare di briscola, cocomerata e super tombola. Un altro momento clou è a Crema dove, a p a r t i re d a l 1 4 , prenderà il via la tradizionale tortellata cremasca, un momento conviviale dedicato ai famosi tortelli cremaschi, e che vede numerosi momenti ricreativi, con la partecipazione delle seguenti orchestre: orchestra Spettacolo Marco la Voce di Radio Zeta, orchestra Ketty, orchestra Piva, Piero Galassi Grande Orchestra, Giusy Mercuri Grande Orchestra, orchestra Be-

DALLA PARTE DEI CITTADINI

di Damiano Talamazzini

Responsabile Provinciale Patronato Epaca

Questa rubrica rappresenta un luogo d'incontro a disposizione dei nostri lettori, nato per rispondere a dubbi e quesiti in materia di diritti previdenziali e assistenziali. Le lettere rivolte al Patronato Epaca possono essere indirizzate alla nostra redazione, per posta o via e-mail, oppure direttamente al Patronato (epaca.cr@coldiretti.it). Egregio Responsabile del Patronato Epaca, l’assegno per assistenza personale continuativa a chi spetta? Lettera firmata L’assegno per assistenza personale continuativa viene erogato dall’Inail, ad integrazione della rendita, nei casi di invalidità permanente assoluta conseguente alle menomazioni elencate in apposita casella (riportata in calce alla presente) nei quali sia indispensabile un’assistenza personale e continuativa. La finalità di tale prestazione è quella di soccorrere l’invalido, totalmente inabile al lavoro, nell’affrontare e risolvere esigenze indispensabili per la sua stessa vita. L’assegno compete anche quando l’assistenza sia prestata da un familiare, purché non in luogo di ricovero con spese totalmente a carico dell’Inail o di altro ente pubblico. Decorre dalla data di costituzione della rendita, se le condizioni per la concessione vengono accertate subito; decorre, invece, dal mese successivo alla richiesta del reddituario o dalla visita medica di revisione, se le

ghini. Sarà Ferragosto occasione per nuove celebrazioni: la festa dell'Assunta a Stagno Lombardo, con l'ormai tradizionale discesa della statua della Madonna dalla Canottieri Flora fino a Brancere, seguita dalla messa e processione mariana sulla via Alzaia. Un appuntamento imperdibile per tutti i fedeli. Il 16 agosto sarà invece il momento per festeggiare San Rocco, con gnoccate tradizionali, e tante altre prelibatezze culinarie. Da non perdere le feste a Pescarolo, Voltido e Cremona. A Casalmaggiore si festeggia invece la fine della bella stagione, con tre serate (dal 22 al 24) di svago. Sempre negli stessi giorni Acquanegra Cremonese festeggia la Sagra dei gnoc, mentre il 23 l'appuntamento è a Drizzona con una serata di piano bar, e a Sesto Cremonese, con la torta fritta in piazza. Sempre a Sesto, durante tutti i week end del mese, si alterneranno serate dedicate alla musica e al piano bar. Sempre il 23, a Castelleone, prenderà il via la Sagra delle Valli, momento di tradizione, convivialità e buona musica.

Domenica 24 la sagra dei gnoc prenderà il via anche a Grumello, con degustazione del tipico prodotto locale. Vescovato ospiterà invece la Festa di San Bartolomeo, mercatino dedicato alle peculiarità gastronomiche locali ed animazione. Arrivando verso fine mese, alcuni appuntamenti di particolare rilievo: la festa provinciale della Lega Nord prenderà il via a Cremona il 28, per poi concludersi al 31 agosto. Per l'occasione interverranno il parlamentare Andrea Gibelli (venerdì 29), il segretario nazionale Giancarlo Giorgetti (sabato 30) e il senatore Ro-

La torta fritta

berto Castelli (domenica 31). Nello stesso giorno a Pandino si svolgerà la festa denominata «Dalla birra al salame». Gli ultimissimi giorni di agosto Cremona ospiterà la tradizionale manifestazione «Scacchi sotto le stelle», una serie di serate dedicate al celebre gioco, per tutti gli appassionati. Infine, gli ultimi due giorni del mese, a Casteldidone, si terrà la celebre sagra del marubino, un'occasione per gustare uno dei più noti prodotti della cultura gastronomica del territorio.

Assistenza personale continuativa: a chi spetta l'assegno?

predette condizioni vengono accertate in tali occasioni. Detto assegno può essere concesso o soppresso anche oltre il termine massimo per la revisionabilità della rendita. Va rilevato l’aspetto profondamente negativo della tabellazione tassativa, che di fatto esclude praticamente dal diritto a percepire l’assegno tutti gli invalidi che, pur avendo un’effettiva necessità di assistenza personale, risultino affetti da menomazioni diverse da quelle indicate in tabella. Due interventi della Magistratura a livello di legittimità hanno ampliato la possibilità di accesso alla prestazione. Prima la Cassazione ha affermato che l’assegno per l’assistenza personale continuativa è prestazione autonoma distinta dalla rendita. Pertanto, non vi è limite di decadenza per la richiesta, che può essere effettuata anche oltre i termini di revisionabilità della rendita. Poi la Corte Costituzionale ha stabilito che della tabella va data interpretazione estensiva e non tassativa, in modo da ricomprendere nel diritto alla prestazione anche l’impossibilità a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore. L’assegno per l’assistenza personale continuativa per i casi di invalidità permanente assoluta, conseguente a menomazioni tassativamente elencate, ha carattere autonomo rispetto alla rendita per inabilità permanente e, quindi, per l’accertamento della richiesta invalidità non trovano applicazione i limiti previsti dalla disciplina della revisione della rendita. Per gli invalidi civili, invece, l'importo è molto più elevato.

Una Legge del 2006 ha stabilito che l’assegno per assistenza personale continuativa venga riconosciuto per gli infortuni sul lavoro verificatisi e le malattie professionali denunciate a decorrere dal 1/1/07, nei casi di invalidità conseguente a menomazioni elencate di seguito. Le menomazioni che possono dar luogo all’assegno per l’assistenza personale continuativa sono le seguenti: riduzione dell’acutezza visiva (tale da permettere soltanto il conteggio delle dita a distanza della visione ordinaria da vicino (30 cm) o più grave), perdita di 9 dita delle mani compresi i 2 pollici, lesioni del sistema nervoso centrale con paralisi totale flaccida dei 2 arti inferiori, amputazione bilaterale degli arti inferiori, perdita di una mano e di ambedue i piedi (anche se sia possibile l’applicazione di protesi), perdita di un arto inferiore e di uno superiore, gravi alterazioni delle facoltà mentali, malattie che rendono necessaria la continua o quasi continua degenza a letto.

Sempre disponibili per tutti i Cittadini interessati, per fornire un'adeguata informazione, consulenza e chiarimenti, i nostri uffici Epaca in Cremona e Provincia, si trovano: • CREMONA Via D. Ruffini, 28 (adiacente Hotel IBIS) Tel. 0372/435620 • CREMA Via Macello, 34 Tel. 0373/256501 • CASALMAGGIORE Via Cairoli, 3 Tel. 0375/42132 • SORESINA Via Matteotti, 12 Tel. 0374/342329 • CREMONA Via Ala Ponzone, 8 Tel. 0372/499811

9

edilizia pubblica

Case popolari: tre sfratti per gli inquilini morosi

Ed è linea dura contro gli abusivi

Il sindaco di Cremona Gian Carlo Corada

Continua la linea dura contro la morosità nelle case popolari. Ad annunciarlo il sindaco Gian Carlo Corada nella conferenza stampa post giunta comunale, nella quale la giunta ha deciso di sfrattare tre inquilini, due stranieri e un italiano. Gli arretrati vanno da un minimo di 800 euro a un massimo di 4000. Inoltre la giunta ha approvato il Piano per la sicurezza, relativo alle unità immobiliari di edilizia residenziale pubblica (Erp), di cui è proprietario il Comune di Cremona. L'ente proprietario di alloggi Erp è tenuto ad adottare tutte le misure volte a prevenire e a contrastare il fenomeno delle occupazioni abusive, così da salvaguardare la legittima destinazione delle varie unità

abitative. Da qui, la necessità di adottare un apposito Piano per la sicurezza. Le misure previste nel piano per la sicurezza di cui si verte è fondamentalmente strutturato in due parti. Attività di prevenzione, articolata, a sua volta, nella fase di acquisizione di informazioni rispetto alla quale sono coinvolte varie figure che sono già a diretto contatto con il territorio (vigili di quartiere, mediatori condominiali, custodi degli edifici, ecc:) e nella maggiore rapidità circa la manutenzione e l'assegnazione degli alloggi Erp. Attività di repressione, articolata in modo tale da assicurare, anche attraverso l'azione delle forze dell'ordine, un pronto ed efficace allontanamento degli occupanti abusivi.

gal oglio po

50mila euro per il risparmio energetico degli edifici Ha ottenuto un finanziamento di 50mila euro (l'intera somma richiesta) il progetto «Audit energetico degli edifici dei piccoli Comuni dell'Oglio Po», presentato dal comune di San Giovanni in Croce (capofila) in collaborazione con il Gal Oglio Po e i comuni di Piadena, Voltido, Rivarolo del Re e Acquanegra sul Chiese. Un'iniziativa ambiziosa, che prevede un costo totale 76mila euro, e punta a realizzare, su un territorio interprovinciale (a cavallo tra Cremona e Mantova) interventi di risparmio energetico presso alcuni edifici dei Comuni partecipanti (scuole, palestre, sedi comunali), insieme a processi di formazione dei tecnici comunali, e azioni di senzibilizzazione rivolte alle scuole e alla cittadinanza. «Si tratta di un grande successo per il territorio casalasco-viadanese, che conferma ancora una volta la sua grande sensibilità verso l'ambiente», ha affermato entusiasta il

presidente del Gal Giuseppe Torchio. «Un grande successo anche per il Gal, che all'interno del progetto darà assistenza tecnica al comune capofila. Si tratta di fatto del primo progetto finanziato da quando è stato eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione del Gal, il 20 giugno scorso. Una vittoria che ci spinge ad andare avanti con rinnovata forza nell'attuazione della nostra mission: lo sviluppo dell'area casalasca-viadanese a 360 gradi, con un'attenzione particolare all'ambiente, in linea con la Strategia di Goteborg incentrata sullo sviluppo sostenibile». Grande soddisfazione è stata espressa anche dal vicepresidente del Gal Giovanni Pasquali, secondo il quale: «Ancora una volta il Gal Oglio Po si dimostra un'agenzia di sviluppo territoriale a tutti gli effetti, capace di catalizzare sul territorio casalasco-viadanese finanziamenti extra rispetto al Piano di sviluppo locale».


10

Lettere

Venerdì 8 Agosto 2008

PARTITO DEMOCRATICO

Nessuno ha snobbato l'assessore Celestina Villa Egregio direttore, in merito all’articolo apparso con grande evidenza sul numero del 25 luglio, dal titolo «Villa esclusa dal congresso di Rifondazione», le chiedo cortese ospitalità, per ristabilire la verità dei fatti. Celestina Villa non è stata esclusa dal VII congresso straordinario del Partito della Rifondazione Comunista. Come a tutti gli iscritti del 2007, le è stato inviato regolare avviso di convocazione del congresso del circolo di appartenenza (quello della città), fissato per il 26 giugno., con la precisazione della regola congressuale, che avrebbe avuto diritto di voto l’iscritto 2007 che rinnovasse la tessera per l’anno in corso. Come ha dichiarato lei stessa all’autore dell’articolo, Villa ha deciso di non partecipare al congresso. Non vi ha partecipato – sono parole sue – perché “c’erano troppe frantumazioni, non su può andare al congresso del partito con 4 mozioni, bisogna stare uniti”. Posizione legittima, condivisa da quasi metà degli iscritti veri, ma appunto autoescludente e sterile di effetti. Se non – nel caso specifico – quello di dare eventualmente adito ad illazioni pretestuose. Perché infatti il “congresso di sabato scorso” (cioè del 19 luglio) era soltanto quello finale di Federazione, in cui i delegati votanti regolarmente dai sei congressi di circolo hanno eletto il nuovo comitato federale, e deciso i due nominativi a rappresentarla a Cianciano. Al quale congresso federale comunque i militanti desiderosi di assistervi - come da prassi consolidata e senza inviti formali – avrebbero liberamente potuto farlo, senza ovviamente avervi diritto di parola. Stupisce che Villa se ne sia dimenticata. La conclusione più serena è che davvero la fatica di un assessorato dalle molte e pesanti deleghe, gestite in un contesto di giunta e di maggioranza consiliare molte volte orientato in senso opposto e talora ostile, le abbia fatto scordare regole e prassi fino al passato congresso di soli tre anni fa naturalmente familiari. Enro Rangognini componente del direttivo del circolo cittadino del Prc Cremona * A SONCINO

Questa amministrazione arrogante e prepotente Egregio direttore, Soncino, un borgo meraviglioso, Soncino dichiarato tra i borghi uno tra i belli. E meno male: la bellezza, l’armonia, la convivenza civile tra i soncinesi è patrimonio di tutta la comunità maturata in anni di attività economica e culturale proficua che ha prodotto benessere e tranquillità sociale, con merito indubbio delle amministrazioni comunali che si sono succedute compresa la precedente, quella di centrosinistra che aveva eletto Pisati sindaco. Poi per un fatto politico legittimo, al governo del comune arriva un personaggio, un sindaco che con il gioco democratico sembra abbia poco a che fare, legittimamente eletto e quindi nulla di strano o di diverso dal governo nazionale. La democrazia e la partecipazione però sono ben altra cosa, certo questo sindaco al pari di altri sindaci di destra sono bravi ad assecondare gli interessi di pochi ed a concedere privilegi ai potenti. Non conosce l’umiltà e la pazienza di ascoltare i propri cittadini anche coloro che non l’hanno votato; è vero il sindaco è eletto da una parte ma poi dovrebbe essere il sindaco di tutti. A Soncino purtroppo non sembra essere così. Sulle questioni importanti come sulle piccole il Sindaco usa l’arroganza e la prepotenza, vuole tacitare tutte le voci del dissenso. Non basta la prepotenza individuale, si usa la prepotenza istituzionale, con banali motivazioni fa rimuovere dal palazzo comunale le bacheche delle

forze politiche presenti nella società, bacheche volute con forza ed ottenute con fatica dallo stesso Giorgio Stanghellini nel ruolo di consigliere comunale. Oggi si vuole con arroganza che le soli voci che giungano ai cittadini siano quelle del potere costituito. In altri tempi questo comportamento aveva un termine ben preciso: fascismo. Caro sndaco così proprio non va e noi siamo convinti che i soncinesi democratici sapranno riprendersi da questo torpore paralizzante e ritornare ad essere protagonisti del proprio futuro; ne va della democrazia e della libertà. La notte è lunga e nera ma dopo ogni notte qualunque sia la sua durata e la sua oscurità arriva l’alba, arriva la luce che porta con sè nuove speranze in un domani di giustizia. Comunisti Italiani Cremona * CASO OLMERT

In Israele il primo ministro può essere indagato Egregio direttore, Il premier israeliano Ehud Olmert si dimetterà dopo avere trovato un successore e non si candiderà alle elezioni primarie nel suo partito Kadima, il prossimo settembre. Olmert, sospettato di corruzione e per questo al centro di diverse inchieste, ha detto «Mi dimetterò da primo ministro quando un nuovo presidente (del partito Kadima) sarà scelto con le Primarie per permettere la creazione di un nuovo governo, rapidamente e con efficacia». Il premier, inoltre, si è detto «orgoglioso di essere cittadino di un Paese in cui anche un primo ministro può essere indagato dalla polizia come un semplice cittadino». Questo breve resoconto contiene due notizie positive ed importanti: la prima é che anche in Israele i candidati alla leadership vengono scelti coinvolgendo i cittadini in elezioni Primarie. In Italia ha iniziato a farlo solo il Pd, con parecchia fatica e con qualche malumore di troppo ancora non del tutto sopito. Mentre sul versante del centrodestra non se ne parla proprio, lì sceglie tutto... lui e lui solo. La seconda é che in Israele il Primo Ministro può essere indagato dalla magistratura, non essendo né sopra né sotto la legge e che Olmert, solo perché indagato (nemmeno condannato, si badi bene!) decide di dimettersi, per potersi difendere meglio nell'indagine e nel processo. In Italia, invece... beh, qui é meglio stendere un velo pietoso. Deo Fogliazza, Assemblea provinciale Pd Cremona * STRANIERI

Immigrati e clandestini sono nostri fratelli Caro direttore, l'immigrato, anche il clandestino, è nostro fratello. E lo è ancor di più a motivo del fatto che la miseria e la guerra da cui fugge è spesso legata alle ingiustizie di un'economia globale che rapina la loro terra (guerre per il petrolio, il coltan, l' uranio..) che fa speculazioni finanziarie sui cerali affamando chi già ha fame. Un'economia che fa stare bene solo il 20% della popolazione mondiale; che ha come scopo l'accumulo nelle mani di pochi (anche in italia) e che chiude fuori dalla porta i più poveri costringendoli spesso a lottare tra di loro per poter sopravvivere. Ma come possiamo durante la messa della domenica recitare il Padre nostro e restare tranquilli dentro questa economia di morte che fa pagare solo ai più poveri? Che ne facciamo dei nostri fratelli migranti? La politica e l'opinione comune - anche di tanti cattolici - li considera un'emergenza, un qualcosa che non ci dovrebbe essere, a cui prendere le impronte; da mandare in carcere perchè senza documenti, dei criminali; gente che ci porta via la terra, il lavoro, il benessere, le donne... In realtà è il mondo ric-

co, il nostro mondo, a prelevare le risorse chiuse nel loro suolo, i frutti della loro terra, a sfruttaro la loro mano d'opera nei nostri cantieri o nelle fabbriche delocalizzate nei loro paesi per fare più profitti; a sfruttare le loro donne sui marciapiedi delle nostre città.... Sul senso e la fatica della solidarietà con i frarelli migranti alleghiamo un'accorata riflessione del card. Sepe arcivescovo di Napoli. Pax Christi Cremona * LA VERITA' SVELATA

A nasconderla di nuovo ci pensa Berlusconi Egregio direttore, ora per non toccare la suscettibilità del pubblico medio (?!) il governo ha deciso di “coprire” il seno della «Verità svelata dal tempo» del Tiepolo.
Berlusconi aveva voluto quel quadro come sfondo alle conferenze stampa di palazzo Chigi. Ma poi si sono accorti che quel seno faceva capolino e disturbava la “melassa” che da quel palco si vuole a tutti i costi dispensare al “popolo bue”. Ha ragione Sgarbi: solo dei pazzi potevano pensare a mettere un velo sopra il seno dipinto dal Tiepolo! Una metafora perfetta della morale da "sepolcri imbiancati" che domina la classe di governo del centrodestra italico e padano. Se il Tempo, secondo il Tiepolo, aveva "svelato" la Verità, ci pensa Berlusconi a ri-velarla, cioé a ri-nasconderla con un velo posticcio. Un po' come il suo cuoio capelluto. Ormai ci hanno abituato a tutto: di tutto e di più. Come in Rai, la seconda casa del Cavaliere. Quando c'é accesa la lucina rossa della telecamera, sono tutte parole dolci, frasi assennate, sorrisetti ed ammiccamenti.
Non appena li puoi ascoltare "a telecamere chiuse", come si dice, tornano al loro livello abituale: turpiloquio a go-go, apprezzamenti pesanti per cani e porci, veleni e veline. Per questo vogliono proibire le intercettazioni, non per altro! Perché svelano chi veramente sono! Parlano sempre bene della famiglia. La amano talmente tanto che, di solito, ne frequentano due o tre. Senza tener conto delle dependances esterne... Sepolcri imbiancati. Ipocriti. Falsi come Giuda. O forse, anche un po' di più. Dario Antoniazzi Cremona * quote latte

Le norme vanno applicate per tutti indistintamente Egregio direttore, le norme per gli amici vanno interpretate mentre per gli avversari vanno applicate: stando ai resoconti giornalistici è questa l’impressione che si trae dalle affermazioni del Ministro della Lega Zaia. Sembra persino che da parte della Lega si voglia usare la cosiddetta tolleranza zero (che brutta espressione) nei confronti dei deboli o degli emarginati che sbagliano o non sono in regola mentre invece per chi è portatore di interessi ed ha una sua rappresentanza non solo si deve dialogare ma si devono necessariamente proporre soluzioni anche se non condivise. Nel caso delle “quote latte” sembra persino che si stia rievocando un pensiero che sembrava superato ovvero “i compagni che sbagliano vanno compresi e non puniti. E', il nostro, un periodo nel quale lo scarso timore di punizioni sembra dominare il nostro comportamento. Sembra persino che l’idea di punizione per regole o leggi non osservate si sia talmente indebolita fino quasi a dissolversi perché tanto prima o poi ci sarà qualcuno che ci salverà dalla punizione conseguenza della nostra trasgressione o inosservanza. È anche quest’altra l’impressione che si ricava sempre dai resoconti dei quotidiani. L’Udc non può accettare questa logica dove le leggi e la loro applicazione

sono percepite come qualcosa di ostile, una violenza alla quale il cittadino deve opporsi perché sembrano fatte apposta per colpire persone specifiche. L'esigenza di applicare norme valide per tutti non può sbriciolarsi in una valanga di particolari situazioni individuali dove alla fine queste sembrano prevalere sulle definizioni generali. E' ora di uscire da una situazione in cui chi osserva le regole e le leggi si debba sentire il fesso di turno. Se riteniamo di cambiare le regole o le leggi che ci siamo dati perché non vanno più bene oppure perché non sono più adeguate dobbiamo farlo senza, però, legittimare comportamenti o azioni mirate a trasgredirle. Mi auguro che il Ministro o chi per lui chiarisca al più presto come intende intervenire nel comparto agricolo perché per la nostra realtà territoriale è un settore strategico. Giuseppe Trespidi segretario provinciale Udc Cremona * AL LUNA PARK

Un'attrazione sulla pena di morte è assurda Egregio direttore, in questi giorni ha suscitato grande scandalo la presenza, in un luna-park del milanese, di una "attrazione" (tale nell'intento di chi l'ha ideata e di chi l'ha collocata lì) con un manichino che simula la morte eseguita su sedia elettrica. Ora la procura ha deciso di indagare e, quale che sia l'esito, mi sembra che un luna-park non sia il luogo adatto ad una serie riflessione sulla pena di morte, affrontabile secondo diversi punti di vista ma non certo quello del divertimento! Tutte le critiche rivolte a questo spettacolo vertono sulla dignità umana, sul rispetto della vita umana... A me, da animalista, viene spontanea una riflessione che non si ferma all'uomo, ma coinvolge anche gli animali: purtroppo, non si è ancora raggiunta una maturità culturale tale per cui nell'intrattenimento e nel divertimento vengano evitate sofferenze ad altri esseri viventi senzienti. Infatti, poco viene fatto per evitare che gli animali, come pesci e pulcini, vengano messi in palio nelle fiere; si fa della pesca un momento di aggregazione e di divertimento; si organizzano palii e feste paesane in cui si fanno correre cavalli, asini, buoi, galli, anatre, e altri animali; vengono permessi circhi con animali, zoo e delfinari, sempre per un presunto "divertimento" umano, fiere del cucciolo e... gli esempi sarebbero molti altri. L'indifferenza verso il trattamento degli animali e verso i loro diritti porta alla banalizzazione anche della dignità e dei diritti umani. Giulia Lodigiani Luca Castellini Cemona * LAVORI PUBBLICI

Non tutti i negozianti vengono considerati uguali Egregio direttore, approfitto della sua rubrica per esprimere il mio pensiero sulla polemica insorta in questi giorni tra Corso Garibaldi e Ascom, a cui mi sono associato dal 1994. Sono titolare di un negozio a Borgo Loreto, ed anch'io sono stato coinvolto dai lavori pubblici in modo pesante, e non ne sono ancora uscito, in quanto attorno a me ci sono tre cantieri avviati. Al di là delle discutibilissime scelte viabilistiche fatte dal Comune, perché l'Ascom non si è prodigata in egual misura per tutti i suoi associati? Io non ho ottenuto la chiusura del cantiere in anticipo, non ho avuto alcuna riduzione delle tasse sui rifiuti, non ho ottenuto nessun dialogo col Comune, se non un imbarazzante silenzio. Dall'Ascom ho avuto solidarietà ma niente di più. Se una parte di commercianti di corso Garibaldi si sente di serie B, io come pensate che mi senta? L'attenzione

Per dire la vostra, scrivete a redazione@ilpiccologiornale.it Siate contenuti in 20, al massimo 30 righe. Le lettere più lunghe verranno tagliate. Le lettere senza nome, indirizzo e numero telefonico verranno cestinate. Le lettere giunte il giovedì potrebbero essere pubblicate non il giorno dopo, bensì la settimana successiva.

dell'Ascom è focalizzata sulle Botteghe del centro, ma non esistono solo loro. Perché prima che aprissero tutti i cantieri non è stato fatto fronte comune, magari assieme ad altri sindacati di categoria, per ottenere celerità dei lavori e piani predefiniti? Si è giocato solo alla trattativa delle luminarie natalizie e dei giovedì d'estate? Indipendentemente da chi vincerà le prossime elezioni, si dovrà uscire da una politica miope e soprattutto affrontare tavoli di discussione “globali” e non particolari”, perché il valore della tessera è uguale per tutti. O no? Angelo Casali Cremona * olimpiadi

Boicottaggio e disinformazione Egregio direttore, non ci crederete, ma é vero. Situazione: TG1 delle 13,30 di mercoledì 6 agosto. Soggetto: servizio su boicottaggio olimpiadi. Nessun accenno al fatto che l'ipotesi di chiedere agli atleti di fare boicottaggio é stata avanzata dalla ministra Meloni e dal capogruppo PdL Gasparri. Corrispondenza da Pechino: gli atleti vogliono partecipare alla sfilata, i dirigenti del Coni polemizzano, giustamente, contro la «politica che vuol far fare allo sport ciò che non é capace di fare lei» (nessun riferimento diretto a Gasparri ed alla Meloni). Si rientra in Italia. Commenti dei politici. Marina Sereni (Pd), spiega il suo disaccordo con l'ipotesi del boicottaggio richiesto agli atleti (ma non fa riferimenti né a Gasparri, né alla Meloni). Daniele Capezzone (presentato nel sottopancia come *Partito delle Libertà*): «Gli atleti devono essere liberi di esprimere la propria voglia di partecipazione e di fare sport. Nessun boicottaggio. Siamo contrari a questi boicottaggi voluti dalla sinistra». Io e mia moglie ci guardiamo, trasecolati! Gasparri e la Meloni sono diventati di sinistra?! No. E' che la disinformazione avanza come un rullo compressore. Amen. Mario Galletti Cremona * NUCLEARE

Caorso ebbe tutti i benefici e un miliardo di lire l'anno Egregio direttore, il sindaco di Caorso continua a lamentarsi e per gli enormi disagi e danni lasciati in eredità dal Nucleare, asserendo che la centrale nucleare ha bloccato lo sviluppo commerciale e industriale del suo paese (sic!). Mi risulta che il nucleare abbia portato solo dei vantaggi per il suo comune, è grazie alla legge n°8 del 1983, che prevedeva compensazioni economiche a quei territori che accettavano insediamenti di centrali nucleari, il comune di Caorso ogni anno incassava un miliardo delle vecchie lire. [...] Grazie ai cospicui finanziamenti Caorso si dotò di asilo nido, scuole elementari, medie, campo di atletica, mense ecc, mentre tutti gli altri paesi situati anche a distanza inferiore dalla centrale rispetto a Caorso, e quindi più esposti ad un’eventuale incidente non videro allora mai neppure l’ombra di una lira e adesso nemmeno un euro arrugginito. [...] Elia Sciacca Cremona


Libere Opinioni

Venerdì 8 Agosto 2008

Robin Hood

Giuseppe Scalisi

di Maurizio Guerrini

Meno fondi all'editoria: un colpo alla democrazia La finanziaria tremontiana contiene, tra le sue preziose perle antipopolari e antidemocratiche, anche la cancellazione dei fondi destinati ai contributi diretti per l'editoria, o meglio per quella parte dell'editoria a cui fanno riferimento i giornali politici, le cooperative di giornalisti e i soggetti no profit. E' fin troppo evidente che l'obbiettivo di quel decreto non è il risparmio o la razionalizzazione dei fondi, bensi la fine di un centinaio circa di testate giornalistiche, la metà delle quali quotidiane, tra cui vi sono sì giornali di partito, ma anche organi di minoranze linguistiche e delle comunità di italiani all'estero, oltre alle già citate testate no profit e giornali editi da coopertive. Insomma le voci più scomode, ma che sono anche il sale della democrazia. E allora appare chiarissima l'intenzione di voltare pagina e privilegiare la grande stampa e i grandi giornali, uccidendo contemporaneamente l'autonomia e il dissenso. Si perchè

www.aclicremona.it Piazza e partecipazione politica non sono sinonimi, soprattutto se la piazza è un prolungamento della televisione. Qual è il luogo appropriato dove un cittadino può far sentire la sua voce? La piazza o il Parlamento? Molti cittadini si devono essere posti questa domanda nelle scorse settimane, temo senza risultato. Cerchiamo di capirne il motivo. Nelle democrazie moderne il Parlamento è divenuto lo spazio privilegiato della democrazia rappresentativa, che dovrebbe assicurare a tutti la possibilità di veder esposte le proprie opinioni, sia pure nei limiti imposti dall’esercizio indiretto di parte dei propri diritti politici. In Italia, però, questa limitazione si è ampliata a dismisura negli ultimi anni, dal momento che il cittadino è stato spogliato del potere di scelta dei propri rap-

all'articolo 44 della finanziaria si abolisce il diritto soggettivo delle testate a percepire fondi e si stabilisce, al successivo articolo 60, che il fondo dei contributi diretti per l'editoria è destinato ad estinguersi: Il cadavere che questo governo vuole veder passare nel fiume è quello della libertà di stampa e di informazione. Per questo vengono chiusi i rubinetti dei contributi e non quelli delle agevolazioni, quelle agevolazioni che consentono a molti rotocalchi, tra cui non pochi editi dalle aziende di Berlusconi, di godere di tariffe particolari nelle spedizioni postali, incrementando così di fatto tirature, vendite e introiti. Anche al surrogato di opposizione rimasta in parlamento dovrebbe interessare questa ennesima decisione del governo di destra tesa a ridurre gli spazi democratici nel nostro paese, speriamo che faccia sentire la sua voce. Una voce che invece non si ode è quella di aziende del settore tra cui

Mondadori, Il Sole 24 ore e Rcs, che da sole incamerano appunto agevolazioni e contributi postali per le spedizioni pari a quasi 305 milioni di euro. Non si chiede certo la reiterazione di contributi a pioggia o a testate inesistenti; non siamo certo a favore dello sperpero di denaro pubblico, o tantomeno delle clientele, ma chiediamo finanziamenti trasparenti ed equi, chiediamo che vengano tolti dalla contribuzione i giornali che non posseggono i requisiti (finte cooperative o finti soggetti no profit) e che nei tagli vengano compresi anche i grandi gruppi editoriali. Il pluralismo della informazione è elemento fondamentale per la democrazia e per una società libera, indipendentemente dalle opinioni espresse; ucciderlo o restringerlo confermerebbe i tratti autoritari ed anti democratici di questo governo. Il Partito Democratico non può e non deve sottrarsi, in Parlamento, a questa elementare battaglia di civiltà e democrazia.

Piazza e partecipazione politica

presentanti, concedendo ai partiti politici, soggetti purtroppo non più necessariamente democratici, la selezione dei candidati. Inoltre il modello elettorale, forse anche legittimamente, vista la situazione di frammentazione politica del nostro Paese, ha escluso dal Parlamento forze storicamente vivaci, a destra come a sinistra, facendo sì che per la prima volta dopo molti anni si affacciasse la categoria degli 'extraparlamentari', un po’ inquietante per chi è appassionato di storia patria. Se a questo problema 'fondativo' si aggiunge la situazione in cui versa l’attuale Parlamento, espropriato di gran parte delle sue funzioni da esecutivi sempre più arroganti, che procedono per decretazione e a colpi di voto di fiducia, si ha un quadro abbastanza desolante della nostra democrazia. Ci rimane

la piazza, allora? In qualsiasi sistema democratico la 'cessione di rappresentanza' fatta con le elezioni non impedisce ai cittadini di riappropriarsi, in specifiche circostanze e nei limiti stabiliti dalla legge, del diritto di esprimere direttamente le proprie opinioni attraverso manifestazioni, scioperi e ogni altra forma pacifica di espressione di pensiero. Anche in questa direzione esistono però problemi, ampliati, tanto per cambiare, nella nostra bella Italia. La piazza, infatti, da sempre può essere strumentalizzata da parte di chi non ha interesse che siano i cittadini a far sentire la propria voce, ma al contrario che tutti ascoltino la loro. In una situazione di democrazia mediatica, non sociale e partecipativa, la piazza diviene un prolungamento della televisione, un fondale per uno spettacolo di una

minoranza. Ne abbiamo avuto ampie rappresentazioni in campagna elettorale e, più recentemente, in piazza Navona a Roma, con lo spettacolo di alcuni showman dell’opposizione ed il silenzio della folla, che pur avrebbe voluto prender parola. Quali strade percorrere, allora, per non arrenderci al tramonto della democrazia? Ricordarci, davanti alle urne, ma anche gli altri giorni che, in Parlamento come nelle piazze, la democrazia è tale se ai cittadini non solo è garantita la possibilità di esprimersi, ma anche di contare nei processi che determinano il governo. Nessuna delega in bianco, né ai politici di professione, né ai vati dell’antipolitica: lavorare per il bene comune richiede partecipazione, confronto, uso della propria testa. Andrea Olivero

Federalismo per la lombardia: abbiamo bisogno di risposte sollecite Al termine della seconda guerra mondiale vennero concessi dei privilegi economici e fiscali a cinque Regioni (Val d’Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia) e l’autonomia a due Province: Trento e Bolzano. Le varie motivazioni che 62 anni fa hanno portato alla concessione di privilegi sono state ormai in buona parte risolte ed è ora che venga finalmente attuato il Federalismo Fiscale previsto dall’art. 119 della Costituzione, in modo che ciascuna regione possa stabilire le proprie priorità di bilancio senza dover “mendicare” risorse dallo stato centrale e trattenere parte della ricchezza sul territorio ove questa viene prodotta. Il Consiglio Regionale della Lombardia il 19/06/07 ha approvato la proposta di legge al Par-

lamento n. 0040 riguardante appunto il Federalismo Fiscale, che prevede tra le altre cose, di trattenere l’80% dell’iva, il 15% dell’irpef oltreche l’intero gettito delle accise sulla benzina. Un pacchetto di risorse in più per la Regione Lombardia di circa 15 miliardi. Devono terminare l’ingiustizia e la discriminazione costituzionale a danno dei lombardi, la cui tassazione pro capite è di circa 7000 euro all’anno ed il rientro in termine di trasferimenti di servizi dallo Stato è poco più di mille euro! Molti paesi ubicati vicino ai confini delle Regioni a statuto speciale hanno fatto domanda in Parlamento per esservi annessi e poter così approfittare dei privilegi (anacronistici per i motivi che li hanno determinati) di cui godono. Perciò è urgente per lo sviluppo dell’Italia, della quale la Lombardia è il moto-

11

re trainante, che il Parlamento dia risposte sollecite e serie alla legittima domanda di risorse e d’autonomia, per non penalizzarci ulteriormente e consentirci d’intraprendere un percorso di modernizzazione infrastrutturale e di rilancio economico. I Circoli della Libertà sentono proprio questo percorso e queste legittime istanze che da iniziale cavallo di battaglia della Lega (con merito indiscusso) sono ormai patrimonio politico e culturale di tutta la coalizione di centrodestra. Auspichiamo che questo governo passi in breve dalle parole ai fatti realizzando ciò che ha promesso agli italiani in campagna elettorale dai quali ha ricevuto chiara ed amplissima delega. Carlo Rusca consigliere provinciale Gruppi della Libertà

Questa pagina è aperta a tutti coloro che - rappresentando un'associazione di cittadini di varia natura ed estrazione - vogliano dire la loro in totale autonomia, nel rispetto della legge e della civile convivenza. Per questo "Libere Opinioni" non necessariamente rappresenta la linea editoriale de Il Piccolo Giornale.

Idennizzo, uno sfregio ai lavoratori

Nessuno stupore per l’ennesimo sfregio del governo Berlusconi sul lavoro. Uno sfregio è anche un imbroglio e un via libera alla irresponsabilità delle imprese. Perché se una impresa usa in modo irregolare i contratti a termine la conseguenza non è l’assunzione né a termine né a tempo indeterminato, ma un indennizzo. La memoria corre al risarcimento che nel 2001 l’allora governo Berlusconi proponeva al posto dei diritti previsti dall’articolo 18. Oggi di fronte all’insorgere dei sindacati contro la norma antiprecari, imbarazzati ministri si nascondono dietro alla responsabilità del parlamento. Perché la norma è stata concepita lì come emendamento al testo del governo che non l’aveva direttamente generata. Ma in quel testo la norma antiprecari ci sta bene in mezzo a tante altre che minuziosamente smontano le scelte positive del governo Prodi sul lavoro, insufficienti certo ma divaricate rispetto alla cultura politica liberista dell’attuale governo e per questo obiettivo da colpire. Molti in queste ore si affannano a spiegare che la norma antiprecari si riferisce al contenzioso annoso aperto soprattutto nei confronti delle Poste, da lavoratori precari: come se la limitazione ad un settore migliorasse il senso di una lesione ai diritti delle persone che rasenta l’incostituzionalità. Ora mettendo in fila le scelte fatte fin qui dal ministro Sacconi - dalla detassazione degli straordinari, alla cancellazione della legge sulle dimissioni in bianco, a tutto il decreto 112 - e poi le scelte fatte dal ministro Brunetta - di accanimento nei confronti dei lavoratori del pubblico impiego e attraverso di essi nei confronti dei servizi pubblici - e aggiungendo il profilo della manovra economica tutta di tagli proprio in quei settori necessari per lo sviluppo scuola, università e ricerca - e il consenso entusiasta a tutto ciò di Confindustria, il quadro che ne viene fuori è preciso. Così come il segno recessivo dell’azione di governo per la verità coerente con il programma elettorale del centro destra. Mentre il paese è sempre più disuguale, salari e pensioni sono mangiati dall’inflazione e la precarietà come condizione dell’esistenza aumenta. Allora il punto è uno solo. Mentre tutto ciò succede, i congressi della sinistra non sono un bel vedere. Non lo è stato il congresso di Rifondazione Comunista rispetto al quale la nostra delusione è tanta più che mai se il clima di quel congresso lo si confronta con i bisogni del paese. Ci vorrebbe una sinistra, di governo, autonoma, libera, capace di fare una opposizione concreta ed efficace: perché anche la critica a come il PD fa opposizione diventa un ritornello logoro se ad essa non si affianca una nostra idea di paese, di futuro, di società cui ispirare una opposizione con gli strumenti che abbiamo.

Taglio netto ai costi La semplificazione ha un ruolo centrale nell’azione di Governo, con norme capaci di incidere sulla competitività del nostro sistema produttivo e sulla qualità della vita dei cittadini. La puntuale applicazione, entro il 2012, del complesso delle norme in questione, riferite anche all’azione in tal senso degli altri dicasteri, determinerà un impatto complessivo in termini di Pil di 75 miliardi di euro. Di seguito vi riporto le disposizioni approvate dal Parlamento, legate da un fine comune: il taglio drastico di leggi inutili, enti inutili, oneri e costi inutili. Art. 24 (Taglia-leggi). Grazie al taglia-leggi abbiamo tagliato più del 30% delle leggi vigenti, eliminandone circa 7000 tra quelle ritenute obsolete, inutili o già implicitamente abrogate. Art. 25 (Taglia-oneri amministrativi). Per le pubbliche amministrazioni è previsto l’obbligo di predisporre piani taglia-oneri per conseguire l’obiettivo europeo di una riduzione del 25% degli oneri amministrativi entro il 2012. Art. 26 (Taglia-enti). Entro il 31 marzo 2009, verranno finalmente eliminati senza ulteriori dilazioni gli enti inutili che i governi di tutti i tempi hanno vanamente tentato di chiudere. Art. 27 (Taglia-carta). Si riducono i costi attualmente sostenuti dalle amministrazioni per il mantenimento dei documenti in cartaceo. Art. 29 (Trattamento dei dati personali). Per diminuire gli oneri informativi, gravanti sulle imprese, è prevista: l’autocertificazione per i dati non-sensibili, la notifica del trattamento dei dati personali , la semplificazione del modello per la notificazione del trattamento dei dati personali. Art. 31 (durata e rinnovo della carta d’identità). Viene elevata la

durata della carta d’identità da 5 a 10 anni. Art. 32 (Strumenti di pagamento). Si abrogano le assurde disposizioni relative ai pagamenti in contanti e alla girabilità degli assegni. Articolo 33 (Applicabilità degli studi di settore e elenco clienti fornitori). Abbiamo abrogato l’elenco dei clienti e dei fornitori e introdotto l’anticipazione della pubblicazione degli studi di settore. Art. 35 (Semplificazione della disciplina per l’installazione degli impianti all’interno degli edifici). Art. 38 (Impresa in un giorno). Si introducono gli strumenti normativi per coronare finalmente il sogno dell’impresa in un giorno e di un vero sportello unico, dopo anni di inutili tentativi. Art. 39 (Adempimenti di natura formale nella gestione dei rapporti di lavoro); Art. 40-41 (Tenuta dei documenti di lavoro ed altri adempimenti formali; modifiche alla disciplina in materia di orario di lavoro). Art. 46 (Collaborazioni e consulenze nella Pubblica amministrazione). Abbiamo introdotto requisiti più stringenti per il conferimento di incarichi esterni. Cessione quote S.R.L. Abbiamo liberalizzato il trasferimento delle quote di srl. Queste e altre numerose misure vanno a semplificare la vita di tutti i giorni e fanno risparmiare un sacco di soldi che fino ad oggi venivano buttati, i classici sprechi all'italiana hanno vita breve Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, Ministro per la Semplificazione Normativa e Coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord.. Giacomo Zaffanella capogruppo della Lega in Consiglio Comunale


12

Agricoltura

Venerdì 8 Agosto 2008

Coldiretti di Cremona ribadisce la propria contrarietà all'infrastruttura. Bellandi: «Intervento non prioritario»

Cr-Mn: «Quell'autostrada non s'ha da fare»

«

Il progetto definitivo dell’autostrada regionale Cremona–Mantova è stato approvato. Rileviamo che pochissime sono le novità rispetto al progetto di massi-

presentate entro il 29 agosto. Coldiretti Cremona, come già evidenziato più volte, è a disposizione degli imprenditori agricoli per un’analisi del tracciato e delle conseguenze che esso avrà sulle nostre aziende».

delle imprese agricole. «Ci siamo attivati prendendo l’impegno di offrire ai nostri imprenditori la più completa informazione sull’argomento. Il tracciato su base catastale è consultabile presso la nostra Sede

«Forniremo agli imprenditori ogni informazione»

ma, novità che non interessano il tracciato principale dell’autostrada ma alcuni raccordi con i Comuni. Le nuove osservazioni vanno

A parlare è Aldo Bellandi, funzionario di Coldiretti Cremona, che torna a ribadire l’impegno dell’organizzazione a tutela del territorio e

centrale e presso gli uffici zona di Cremona e Casalmaggiore» prosegue Bellandi. «I soci potranno verificare, foglio per foglio, particella per particella, l’impatto che l’infrastruttura avrà sul territorio e sulle loro aziende». «Coldiretti Cremona ha ribadito la propria contrarietà a questa autostrada in tutte le sedi, a partire dai lavori del

Vacanze 2008 e “made in Italy”: perché scegliere gli agriturismi

«Gli italiani non rinunciano alle vacanze, ma cambiano le loro mete, puntando sulle destinazioni Made in Italy, scelte da ben tre connazionali in ferie su quattro. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti che conferma come, accanto alle mete canoniche quali spiagge, montagna e città d’arte, si fa strada un sempre maggiore interesse per la campagna, i parchi e i cosiddetti centri “minori”, dove si riesce meglio a concilia-

I prodotti del nostro territorio

re risparmio e qualità del soggiorno, anche grazie all’offerta a tavola. Partendo da queste considerazioni Coldiretti Cremona rilancia l’invito, rivolto alle famiglie cremonesi e italiane, a concedersi qualche giornata in agriturismo, fra sapori tipici e contatto con la natura». L’invito giunge da Assuero Zampini, direttore di Coldi-

retti Cremona, che rimarca l’impegno dell’organizzazione teso a far conoscere le proposte e i prodotti delle aziende agricole locali. «Oltre alla distribuzione gratuita della guida “Territorio e tradizione …in tavola”, nella quale sono raccolti tutti gli agriturismi della Coldiretti in provincia di Cremona, accanto alle aziende con vendita diretta, alle fattorie didattiche e ai distributori di latte del territorio, torniamo a sottolineare un’importante opportunità messa in campo da Coldiretti Lombardia: la possibilità di trovare oltre trecento agriturismi lombardi tramite satellitare. Da oggi è infatti possibile scaricare dal sito www.coldiretti.lombardia.it i file da installare sui principali navigatori satellitari che consentono di visualizzare l’elenco delle aziende agrituristiche, selezionare l’azienda desiderata e quindi visualizzare il percorso guidato per raggiungerla». La vacanza Made in Italy rappresenta sempre più una convinta scelta di tante persone, motivata in primis dall’enogastronomia locale, l’unica nel mondo a poter offrire 171 prodotti a denominazione di origine protetta (Dop/ Igp), 469 vini a denominazione Doc/Docg/Igt che vengono valorizzati durante l’estate nelle città del vino (546 comuni), dell’olio (284), del biologico (60) e del pane (42) o lungo le 135 strade del vino e dei sapori che percorrono praticamente tutto lo Stivale. «La vacanza in Italia è un’opportunità preziosa anche per i turisti stranieri, spesso costretti nei loro Paesi a confrontarsi con il falso Made in Italy» conclude Zampini.

Aldo Bellandi, funzionario Coldiretti

“Patto per lo sviluppo” della Provincia di Cremona» rimarca Bellandi. «Riteniamo questo intervento inutile, e certamente non prioritario, per la nostra provincia». Se sul piano politico-sindacale Coldiretti Cremona ribadisce l’intenzione di mantenere la propria ferma contrarietà all’opera, sul piano “tecnico” ci si è attrezzati per assicurare alle imprese agricole tutta la consulenza necessaria per approntare specifiche osservazioni per ogni singola realtà aziendale: nelle scorse settimane gli Uffici Coldiretti hanno predisposto il tracciato su base catastale, un lavoro che servirà per le eventuali osserva-

zioni che gli associati intendessero presentare entro venerdì 29 agosto. «Siamo a disposizione, per offrire tutte le informazioni e tutto il supporto necessario, così da dar modo ad ogni azienda agricola di valutare quale sarà l’impatto dell’intervento sui propri appezzamenti» ribadisce Bellandi. «Confermo l’intenzione di organizzare, intorno alla metà di settembre, un convegno nel quale, oltre a ribadire le ragioni del nostro no, illustreremo anche le possibili alternative esistenti. Sarà un’ulteriore occasione per dare risposte precise anche a quanti stessero va-

lutando la strada del ricorso legale in opposizione all’autostrada». «Quanto alle perizie per i danni fondiari alle imprese, essere saranno predisposte, per chi lo richiedesse, una volta che dovessero giungere le comunicazioni d’esproprio. Prospettiva che, naturalmente, Coldiretti non auspica» conclude Bellandi. «Intendiamo giocare tutte le carte a nostra disposizione, per impedire un’opera tutt’altro che prioritaria, che rappresenterà uno sfregio del territorio ed un ingente danno per le imprese agricole e, con esse, per l’economia della nostra provincia».


Salute

Venerdì 8 Agosto 2008

GLI ORARI

PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì dalle 7.30 alle 18.00 in orario continuato, il sabato dalle ore 8.00 alle ore 12.00; Prenotazioni telefoniche: è possibile telefonare al numero verde 800 448 800, da lunedì a sabato dalle 08.00 alle 20.00. PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unità operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati Dove: piano Rialzato, padiglione 5 Orario: da lunedì a venerdì, dalle 08.00 alle 16.00 Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. • ANATOMIA PATOLOGICA: consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari è prevista, presso il padiglione 5, da lunedì a venerdì, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Dove: piano 1, corpo H (ala destra), monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Fax: 0372 405742. • RADIOLOGIA: Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Dove: piano 1, corpo H (ala destra), monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-70 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. • SENOLOGIA: prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M, monoblocco ospedaliero (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso). Orario: da lunedì a venerdì dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni è stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. FISIOTERAPIA Esclusa la visita specialistica che si prenota presso il CUP-Cassa, le prenotazioni vanno effettuate di persona. Dove: piano 1, corpo C (ala sinistra), monoblocco ospedaliero. Orario: lunedì dalle 08.00 alle 14.00; da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00. Tel: 0372 405346 per informazioni. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario:da lunedì a venerdì dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO Allergologia per sospetti professionali Dove: piano Terra, padiglione 10 Da lunedì a venerdì, da 9.30 alle 13.00. Negli stessi orari è possibile prenotare al numero 0372 408178. • MEDICINA DEL LAVORO: visite specialistiche di medicina del lavoro Dove: piano Terra, padiglione 10 Da lunedì a venerdì, dalle 8.00 alle 17.00. Negli stessi orari è possibile prenotare al numero 0372 405777. CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero.

Orario: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche) Telefono: 0372 405715. Per le prime visite è preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da lunedì a venerdì, dalle 11.00 alle 13.30. SERVIZIO DIETETICO valutazioni e controlli nutrizionali La prima visita si prenota al CUP. Dove: piano 4, ala sinistra monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.00. Telefono: le prenotazioni per il controllo nutrizionale può essere effettuata telefonicamente da lunedì a venerdì dalle 09.30 alle 15.30 ai numeri 0372 405732, 0372 405634, 0372 405631. LABORATORIO ANALISI previsto per il prelievo l'accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da lunedì a venerdì dalle ore 07.00 alle 09.00. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio della terapia anticoagulante orale. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: dalle ore 07.00 alle 14.00 da lunedì a venerdì (prelievi e visite specialistiche). CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Dove: presso la Medicina del Lavoro, Padiglione 10 Accesso avviene mediante impegnativa del medico curante. Le prenotazioni vengono effettuate telefonando al 0372 408178 da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00; oppure personalmente presso la Medicina del Lavoro dalle 7.30 alle 13.00 da lunedì a sabato e il martedì pomeriggio dalle 14.00 alle 16.30. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: emotrasfusioni, autotrasfusioni, salassi, terapia marziale endovenosa Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da lunedì a venerdì Rivolgersi alla segreteria del servizio negli orari sopra indicati, muniti della relativa impegnativa al fine di stabilire un appuntamento, in base alle necessità del paziente. GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da lunedì a venerdì dalle ore 13.00 alle ore 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: piano Rialzato, ala sinistra. Prenotazioni da lunedì a venerdì dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. MEDICINA GENERALE E ONCOLOGIA MEDICA Dove: piano 4 ala Destra Prenotazione in reparto da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248 TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da lunedì a venerdì. Negli altri orari è possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al più presto sarete richiamati.

13

Cremonalcubo per finanziare l'acquisto di macchinari che permettano di realizzare terapie ad hoc per il paziente

Gelati e aperitivi per solidarietà

L

di Laura Bosio

a ricerca per realizzare cure "ad hoc" per ogni paziente, è la frontiera della medicina futura. E Cremona vuole essere protagonista a tutti gli effetti, dotandosi di tutti i macchinari necessari per realizzare quegli esami in base ai quali si capisce la responsività di un paziente ad una determinata cura. «Facendo determinati esami, è possibile capire esattamente come risponde un paziente ad una determinata cura, e di conseguenza calcolare il dosaggio migliore» spiega Daniele Generali, direttore del centro di medicina molecolare dell'Ospedale Maggiore di Cremona, e promotore dell'iniziativa. «Analisi di questo tipo necessitano di macchine molto costose, nell'ordine di centinaia di migliaia di euro. Abbiamo quindi voluto coinvolgere la cittadinanza, attraverso l'iniziativa “Cremonalcubo”, che stiamo riproponendo proprio in questo periodo, con una nuova formula». Chi ha sviluppato l'iniziativa? «E' un'evento promosso in partnership con Arco (Associazione Ricerca in Campo Oncologico), il pub 21W.a.y. e il Pierrot caffetteria e gelateria, entrambi gestiti dalla famiglia Volta. Tutte le persone che andranno a mangiare un gelato o a prendere un aperitivo nei due locali, durante i sabati dal 1 agosto al 15 settembre, oltre a trovare informazioni riguardo gli studi in campo oncologico, aiuteranno la ricerca: infatti, una parte della consumazione verrà devoluta al Centro di Medicina Molecolare dell’Azienda Ospedaliera di Cremona». Cosa significa un tipo di ricerca simile? «Significa sicuramente

una miglior risposta alle esigenze del paziente, creandogli una cura "su misura". Inoltre un tale approccio comporta anche un risparmio per l'ospedale». Qual'è stato il bilancio della prima edizione di Cremonalcubo? «Decisamente buono. Abbiamo raccolto 47.980 euro, e soprattutto abbiamo reso noto ai cittadini il significato di questa iniziativa. E' stata una giornata dedicata allo sport, che ha visto la partecipazione di auto d'epoca, basket, golf, ciclismo, ju-

tiva per la quale una percentuale sulla consumazioni di aperitivi e gelati va in beneficenza per questa causa» spiega Alessandro Volta, proprietario del 21 e fratello della proprietaria del Pierrot, Federica. «Noi abbiamo sempre fatto beneficenza, e in questo modo trovo sia particolarmente importante, in quanto è destinata alla città. Così abbiamo fatto preparare delle locandine per promuovere l'iniziativa, e del materiale informativo, nei giorni previsti, è presente su tutti i tavoli».

tumori, mi sembra giusto che un servizio del genere parta proprio da qui. Dunque, visto che i fondi che il ministero fornisce alla ricerca non sono molti, abbiamo creato un associazione, composta da un gruppo di amici, per raccogliere i fondi necessari. Una specie di Telethon alla cremonese». Quanti macchinari dovete acquistare? «Cinque sono già stati acquistati, un po' con fondi inglesi, un po' grazie al contributo di privati. Il prossimo obiettivo è acquistarne altri tre, il cui

In piedi Alessandro Volta, Matteo Tedoldi, Danilo Dilda, Daniele Generali, Stefano Mondini. Seduti Carlo Azzini, Federica Volta, Massimo Rizzi

do, bocce, moto e vespe d'epoca. Sono stati in molti a partecipare, e le offerte sono state generose. Uno dei nostri obiettivi è che i cittadini vengano resi partecipi di questa iniziativa, in modo che il patrimonio dei macchinari acquistati sia un misto tra il pubblico e il privato. Questa nuova iniziativa firmata “Cremonalcubo” invece, cos'è? «Mi è stato proposto, sia per il locale 21Way che per la gelateria Pierrot, di aderire ad un'inizia-

Ma da dove è nata l'idea dell'associazione? «Ho avuto la fortuna di lavorare all'estero» continua Generali «per la precisione in Inghilterra, dove ho visto un metodo di selezione della terapia mirata al paziente. Così ho deciso di importarlo anche qui da noi. E per farlo si è presentata la necessità di acquisire determinati macchinari, particolarmente costosi, e presenti in Italia solo in pochi centri. Essendo Cremona città con un triste primato nei

valore complessivo si aggira attorno ai 250mila euro. Contiamo di acquistarne almeno due entro fine anno, e arrivare a lavorare a pieno ritmo entro i primi mesi del 2009. Intanto Cremonalcubo continuerà, promuovendo altre iniziative per raccogliere fondi. Il nostro lavoro parte dall'oncologia, ma studi di questo tipo potranno essere utilizzati anche dagli altri reparti dell'ospedale, per lo studio di terapie mirate relative anche ad altre malattie».


14

Venerdì 8 Agosto 2008

I disastri cui sono incorsi i questi giorni i treni, in particolare le linee utilizzate dai pendolari, l’enorme problema delle aziende di trasporto pubblico locale su gomma che hanno visto schizzare i loro costi a causa dell’aumento del prezzo del carburante hanno riportato violentemente alla ribalta il tema del trasporto pubblico, della sua capacità di rispondere adeguatamente alle richieste dei cittadini e in particolare dei pendolari. Viene meno l’ottimismo sempre mostrato dall’assessore provinciale Agostino Alloni? «Anche se sembra difficile sostenerlo nella situazione di queste settimane» risponde lo stesso Alloni «devo dire di no. Resto ottimista, e non solo perché è il mio carattere. Ma prima di tutto vorrei ribadire la mia e la nostra, come amministrazione, solidarietà ai pendolari, soprattutto a quelli che utilizzano la ferrovia, per i troppo numerosi epi-

Speciale Trasporti

Trasporto pubblico, finalmente qualcosa si sta muovendo sodi di ritardi che si sono susseguiti. Alcuni di tali episodi sono stati determinati da cause esterne, come i violenti temporali che hanno interrotto le linee. Ma è inaccettabile la totale mancanza di informazioni denunciata dai viaggiatori. E’ inaccettabile che in casi come questi non si attivi una unità di crisi anche per l’aspetto informativo: i viaggiatori non possono essere lasciati soli, senza sapere che cosa succede e che cosa si sta facendo per risolvere l’emergenza. Se esiste una fragilità del territorio, delle li-

Un treno fermo nella stazione di Cremona

nee, dei mezzi circolanti, occorre affrontarla anche nelle misure per fronteggiare le emergenze che tale fragilità può provocare. Concretamente tale solidarietà delle istituzioni locali sarà ribadita nel consiglio provinciale aperto che si terrà, probabilmente nei locali del dopolavoro ferroviario, nel mese di settembre». Torniamo al suo ottimismo: da che cosa è giustificato? «Intanto ottimismo non significa soddisfazione. Vengo da una riunione del Tavolo regionale del Trasporto pubblico locale, e troppe cose ancora mi lasciano insoddisfatto, o sono ancora da definire. Tuttavia qualcosa si sta muovendo, qualche risultato si comincia a vedere». Quali risultati? «“Intanto le Province lombarde hanno vinto con la Regione la “battaglia dell’Iva”, che la Regione non avrebbe voluto riconoscere, creando forti sofferenze nei confronti del trasporto pubblico locale: la Regione ha accettato di erogare l’intero importo per il 2008, riducendolo poi negli anni successivi. Sempre riguardo al Tpl su gomma, la Regione si è impegnata ad utilizzare in parte le risorse messe a disposizione dal governo Prodi, circa 100

Agostino Alloni, vice presidente della Provincia e assessore ai trasporti

Bonus per le aziende di trasporto e investimenti per nuovi convogli milioni, per riconoscere alle aziende di trasporto un bonus che compensi l’aumento dei costi per il 2008, e riconoscerà per il 2009 una indicizzazione dei finanziamenti rispetto ai contratti di servizio in cambio della rinuncia, da parte delle aziende, alle azioni legali per centinaia di milioni da esse intentate. Se questi im-

pegni verranno mantenuti e se le aziende accetteranno l’accordo, il trasporto pubblico locale potrà superare questo difficile momento e pensare a una riforma organica. Per quanto riguarda i treni, la Regione ha messo in campo l’impegno a ulteriori 100 milioni di investimento per l’acquisto di nuovi convogli».

E l’insoddisfazione? «Non basterebbe un intero giornale. Ma cerchiamo di essere sintetici. Credo che uno degli elementi centrali sia la visione milanocentrica, o metropolicentrica, della Regione, che secondo me ha conseguenze negative non solo sui territori periferici come il nostro, ma sulla stessa area metropolitana». Può fare degli esempi di questo milanocentrismo? «Partiamo dai nuovi treni. Il piano ne prevede la destinazione pressoché interamente all’area milanese e del Nord della regione. E’ vero che sono le aree a domanda più forte, ma possiamo lasciare le cose come stanno negli altri territori? Ho chiesto perciò che la priorità nell’assegnazione dei nuovi treni vada alle linee con le peggiori performance, fra cui la Mantova-Cremona-Milano. E l’assessore regionale Cattaneo non ha potuto che definire la mia richiesta come sensata e quindi, spero, da prendere in considerazione. Poi c’è il tema dell’integrazione tariffaria e degli orari cadenzati dei treni…» Sono temi su cui lei insiste molto e da molto tempo... «Sì, perché credo che il miglioramento del trasporto pubblico abbia bisogno di investimenti, ma anche di idee


Speciale Trasporti

Venerdì 8 Agosto 2008

Treni: in arrivo l'orario cadenzato su alcune linee fondamentali

Alcuni autobus per il trasporto extraurbano

che a volte costano poco ma possono moltiplicare la qualità del servizio. L’integrazione tariffaria è uno di questi. Una sola tariffa e un solo biglietto per fasce chilometriche che consenta di utilizzare sia i bus che i treni. Sembra l’uovo di Colombo. In realtà è piuttosto complesso da realizzare, ma se lo si facesse potrebbe migliorare a livello esponenziale la qualità del trasporto e si potrebbe anche risparmiare sui costi generali: perché, per esempio, far partire cinque, sei bus dalla zona dell’alto cremasco verso Milano, se è invece possibile istituire servizi navetta verso Lodi, o Treviglio, e da lì utilizzare i treni che ogni 15 minuti vanno nel capoluogo? Abbiamo fatto, alcuni mesi fa, un esperimento in tal senso, con risultati ottimi». E perché non si fa? «Noi siamo pronti, almeno su alcune linee, e lo abbiamo detto. Ma la Regione prevede l’inizio della sperimentazione solo nel Milanese nel 2009, mentre noi dovremmo aspettare almeno il 2010. Perché non dare invece la possibilità di partire a chi è pronto a farlo? Oltretutto penso che la minore dimensione del nostro

territorio possa essere più utile per studiare e capire il meccanismo e per migliorarlo in vista della sua applicazione su larga scala. Invece di impedirci di cominciare, dovrebbero aiutarci a farlo». E l’orario cadenzato? «Siamo più o meno nella stessa situazione. Abbiamo lavorato e insistito molto con le Ferrovie. Abbiamo ottenuto investimenti sui binari, gli scambi, le stazioni, abbiamo strappato impegni a Trenitalia. Siamo pronti a partire anche subito con l’orario cadenzato sulla linea Cremona-Treviglio e quasi subito sulla Cremona-Brescia e sulla Mantova-Cremona-Milano. La Regione ha stanziato un centinaio di milioni di euro per il cadenzamento degli orari, ma non abbiamo ancora visto il programma, le linee dalle quali iniziare. Anche per questo non ho dato l’assenso, al Tavolo regionale, al documento definito “Patto per il trasporto pubblico locale”: voglio prima vedere che cosa dice riguardo all’orario cadenzato». Perché è così importante un orario organizzato un questo modo? «La certezza di avere un

treno allo stesso minuto di ogni ora è un vantaggio di non poco conto anche in sé. Ma l’importanza va oltre, e va di pari passo con l’integrazione tariffaria. Mettendo insieme questi due elementi si può davvero costruire un sistema di trasporto pubblico integrato, che evita doppioni, che può essere più veloce. Che, in una parola, sia più adeguato alle esigenze di una mobilità moderna sull’intero territorio regionale, conseguendo anche risparmi economici e ambientali. Ed è un traguardo possibile!» Sembra la descrizione del Paradiso del trasporto. Ma si scontra con la realtà dei treni vecchi e sporchi, che si guastano solo a guardarli, che sono perennemente in ritardo, e con un servizio di bus che non riesce a compensare queste carenze... «“E’ vero, questa è la situazione, che si trascina da tempo e non si può risolvere in un giorno. Ma se mai si comincia… Noi, per le competenze che le Province hanno, abbiamo cominciato. Abbiamo la delega al Tpl su gomma. Ebbene, da quando ci lavoriamo, cioè dal 2002, possiamo certamente dire che il servizio è migliorato. Nei due bacini che ci riguardano è stato cambiato, in questi anni, il 40 per cento dei mezzi, che oggi hanno un’età media inferiore

ai sei anni, e le aziende sono pronte a impegnarsi a cambiare entro il 2009 tutti i bus Euro zero rimasti se la Regione, come si è impegnata a fare, fornirà aiuti sotto forma di anticipazione del mutuo. Abbiamo instaurato un sistema di controllo della flotta e delle linee e un sistema “bonus-malus” che premia le

avviato servizi innovativi come il servizio a chiamata che sta incontrando ovunque un ampio gradimento. Il risultato è l’aumento costante dei viaggiatori e un voto positivo, 7, da essi dato complessivamente al servizio. Resta critica la situazione del servizi ferroviario, il cui contratto di servizio è gestito dalla Regione. Non voglio strumentalizzare le critiche, mi rendo conto che è una situazione molto più complessa, ma la Regione poteva e può fare di più. E comunque anche in questo campo non siamo stati fermi». Che cosa avete fatto? «Abbiamo stimolato, proposto, insistito, rotto le scatole. E questo nostro atteggia-

15

cosa fra Cremona e Olmeneta, la sostituzione degli scambi per velocizzare gli ingressi nelle stazioni, il nuovo scalo merci di Casalmaggiore, il raccordo Casalmaggiore-Viadana, in fase di realizzazione da parte di privati in project financing. Tutti progetti inseriti nel Patto per lo sviluppo e considerati strategici anche nell’Aqst, l’Accordo quadro per lo sviluppo territoriale definito proprio nei giorni scorsi con la Regione e che sarà formalmente firmato nelle prossime settimane». Dunque il Paradiso dei trasporti è a portata di mano? «Realisticamente direi che avremo ancora un po’ di Purgatorio da scontare. Ma l’otti-

Linee ferroviarie in prossimità di Cremona

aziende che si comportano bene e penalizza i disservizi; ascoltiamo e rispondiamo alle critiche e alle richieste dei viaggiatori, abbiamo effettuato interventi di messa in sicurezza delle fermate, abbiamo

mento positivo ha aperto alcune porte in Rfi, che ha stipulato con noi accordi importanti: la progettazione e poi la realizzazione del raddoppio del tratto fra Cremona e Cavatigozzi, ed ora la medesima

mismo di cui parlavo non è solo un atto di fede: si basa su più di qualche fatto concreto, anche se dovrà restare altissima l’attenzione delle istituzioni locali e, direi soprattutto, dei cittadini utenti del servizio».


16

Venerdì 8 Agosto 2008

Una svolta dal mondo dell'autotrasporto italiano arriva grazie a Fita Cna, membro forte di Unatras, che raggruppa tutte le associazioni italiane degli autotrasportatori. E' stato infatti firmato nei giorni scorsi il provvedimento che contiene alcuni dei punti salienti dell'accordo tra il governo e le associazioni di categoria. Il testo del maxi emendamento ricalca nella sostanza quanto concordato con Unatras. L'intesa ribadiva, dal punto di vista normativo: l’adeguamento automatico della parte di costo del trasporto dipendente dalle variazioni del prezzo del gasolio, la definizione di una tariffa minima obbligatoria che remuneri i servizi di trasporto eseguiti senza la presenza di un contratto scritto di durata superiore ad un mese, il pagamento a 30 giorni delle fatture dei servizi di trasporto, la definitiva modifica della legge 32 di riforma del settore e dei suoi provvedimenti applicativi, la

Speciale Trasporti

Approvato l'emendamento richiesto dai trasportatori

degli imballaggi, l'introduzione di un'apposita norma sulla disciplina del recupero e della restituzione dei pallets. Nel maxi emendamento è stato mantenuto il meccanismo della clausola gasolio sia per la parte contrattualmente coperta sia per quella oggetto di contratto non scritto E' stato riscritto, perché originariamente poco chiaro, il passaggio in cui si specificavano le varie percentuali di incidenza del gasolio sui costi dell'impresa, evitando in questo modo interpretazioni diverse. E' arrivata altresì la conferma delle sanzioni per la non cor-

Nuove norme per gli autotrasportatori

verifica sul se e come introdurre una norma per disciplinare le operazioni di messa a disposizione della merce e

retta applicazione della clausola gasolio, e l'eventuale deroga dalle sanzioni (non dal meccanismo) in caso di con-

Frutto di un'intesa tra le associazioni di categoria (Cna capofila) e il Governo

tratto scritto a seguito di accordi volontari sottoscritti dalla maggioranza delle associazioni dei vettori. «Dove invece abbiamo dovuto registrare un arretramento rispetto a quanto concordato è la parte relativa ai tempi di pagamento» spiegano i vertici di Fita Cna. «Questo passaggio ha dovuto da una parte fare i conti con la normativa comunitaria in materia mentre dall'altra a fronte della garanzia, confermata dal Governo, della tenuta complessiva della rimanente parte del testo, si è ritenuto che questo, passaggio, pur importante, non potesse rimettere in discussione l'intero provvedimento». Sul versante delle risorse, nel testo approvato alla Camera compaiono: 60 milioni di euro per gli interventi sulle trasferte e le misure di decontribuzione del lavoro straordinario, 40 milioni di euro per la riduzione delle tasse automo-

bilistiche per i veicoli non inferiori a 7,5 ton, 16 milioni di euro per interventi a favore delle aggregazioni e della formazione professionale. Fanno parte di altri provvedimenti il recupero delle somme a suo tempo stanziate a favore delle "autostrade del mare", così come sono state avviate le procedure per riavere a disposizione la somma di 30 milioni di euro per la riduzione compensata dei pedaggi autostradali e è stata definita con una recente circolare della Agenzia delle Dogane l'intervento sulla accise. «Rimane invece da definire, necessariamente entro la fine del 2008, la procedura e la spendibilità delle risorse che, assieme alla agricoltura e alla pesca, sono state messe a disposizione dell'autotrasporto attraverso i fondi di Sviluppo Italia» continua Cna. Inoltre il comitato esecutivo Unatras ha dato mandato

La sede della Cna di Cremona

all'ufficio di segreteria di inviare una lettera al ministro e al sottosegretario una nota con la quale si richiama la attenzione al rispetto dell'accordo anche nei passaggi successivi nonché alla necessità di dare corso allo sblocco del regolamento per gli incentivi all'acquisto dei veicoli euro 5. Infine nella stessa lettera si sollecita il ministero dello sviluppo economico a dare corso alle procedure per la definizione del prezzo del gasolio al fine di poter procedere alla attivazione del meccanismo della "clausola gasolio". Ultima, ma importantissima annotazione, nell'ultima riunione della consulta, Unatras ha posto, con estrema forza, la necessità di sbloccare la proce-

dura di costituzione dell'Osservatorio, strumento determinante per poter attivare le procedure previste dall'accordo stesso. Sono state preannunciate per settembre una serie di iniziative unitarie sul territorio, al fine di dettagliare meglio i contenuti e le procedure operative previste dall'accordo stesso. «La discussione avuta nella Presidenza Nazionale è stata sostanzialmente in linea con quanto affrontato in Unatras» continua Fita Cna: «in particolar modo si è soffermata sul ruolo che la Cna-Fita ha svolto in questi ultimi anni e sullo sforzo di ricostituzione di un soggetto unitario che si è ritrovato su quelle che, da anni, erano le nostre posizioni».


I progetti della provincia per una mobilità efficace e sostenibile

Provincia di Cremona

Raddoppio selettivo della Cremona - Cavatigozzi sulla linea Cremona - Milano con soppressione dello scalo merci di Cremona, potenziamento di quello di Cavatigozzi, soppressione dei passaggi a livello e velocizzazione di entrata alla stazione di Cremona. Terminal logistico pubblico - privato nel parco di Cremona per il potenziamento dell'intermodalità ferro/acqua/gomma.

Raddoppio della Cremona - Olmeneta per il miglioramento del traffico merci e passeggeri sulla Cremona - Brescia

e sulla Cremona - Crema - Treviglio. Raddoppio degli scali terminali della realtà produttive Arvedi e Zucchi per permettere la sostenibilità ambientale attraverso l'intermodalità. Infrastrutturazione con il sistema ferro, del polo di Tencara.

Settore Programmazione Territoriale eTrasporti della Provincia di Cremona Via Dante,134 - 26100 Cremona trasporti@provincia.cremona.it Tel. 0372 406508 www.provincia.cremona.it


Cerchi Casa?

Alcune proposte scelte per voi Sospiro

In villa si vende libero appartamento con entrata indipendente così composto: soggiorno, cucina, due stanze da letto, bagno, lavanderia/ ripostiglio, balcone, terrazza, garage e giardino. Riscaldamento a pavimento con caldaia a condensazione, predisposizione pannelli solari e aria condizionata

€ 130.000

Bosco Ex Parmigiano

Su lotto di terreno di 1.200 mq. si vende libero Rustico da ristrutturare a corte chiusa. Possibilità edificatoria fino a 600 mq. ad uso residenziale e/o commerciale e oltre 100 mq. di locali accessori.

Zona V.le Trento e Trieste Si vende al 1° piano libero appartamento ristrutturato così composto: ingresso, ampia sala, cucina, due stanze da letto, bagno, balcone, cantina, soffitta e garage.

Zona Po

Al 1° piano si vende libero appartamento così composto: soggiorno, cucinotto, stanza da letto, bagno, balcone e cantina. Pronto da abitare.

Vicinanze P.ta Venezia

Al piano terra si vende ufficio di mq. 160 con sei ampie stanze con servizi e locale accessorio di 40 mq. al piano interrato. Dotato di aria condizionata e riscaldamento autonomo.

Parallela via Dante

Al piano rialzato si vende libero appartamento cosi composto: soggiorno, ampia cucina con terrazza, tre stanze da letto, doppi servizi, ripostiglio, balcone, cantina, garage e oltre 150 mq. di giardino. Possibilità altro garage.

vicinanze chiesa S.Agata Al 1° piano si vende libero appartamento composto da: soggiorno, cucina, due letto, doppi servizi, ripostiglio, soffitta ed uso terrazza in comune.

Si vende al 1° piano libero appartamento composto da: ingresso, ampio soggiorno, cucina abitabile, due stanze da letto, bagno, balcone e cantina.

Al 1° piano si vende libero appartamento: soggiorno, cucinotto, due letto, bagno, balcone e garage.

€ 118.000

Si vende al 2° e ultimo piano libero bilocale completamente arredato composto da: soggiorno con angolo cottura, stanza da letto, bagno e ripostiglio. e cortiletto.

Ufficio, già finemente arredato, composto da un’unica stanza di circa 50 mq. oltre il servizio.

Castelverde

Si vende in palazzina bifamiliare al 1° piano e ultimo piano, libero appartamento composto da: ingresso, sala, tre stanze da letto, bagno, due balconi, doppio garage lavanderia e cantina.

Si vende libera villa indipendente con abitazione di 150 mq. così composta: soggiorno, cucina, tripli servizi, lavanderia, tre letto, ripostiglio, portico, balcone, oltre100 mq. di cortile e ampio garage. Possibilità acquisto allo stato rustico.

Località S.Felice

Persichello

SI AFFITTA

Zona S. Ambrogio

Corso Garibaldi

Immediate vicinanze P.zza Roma

Via Solferino

Immediate vicinanze Centro Commerciale Cremona Po

Si vende nuova villa d’angolo disposta su due piani così composta: soggiorno, cucina, tre stanze da letto, doppi servizi, terrazzino, portico, balcone, ripostiglio, garage e giardino.

€ 207.000

€ 76.000

Laterale via Dante

Al piano rialzato si vende libero appartamento di mq. 70 così composto: soggiorno, cucina, stanza da letto, bagno, ripostiglio, due terrazzini, giardino, cantina e garage.

Zona Maristella

Libera casa indipendente formata da due appartamenti ristrutturati. Uno al piano terra di circa 60mq, l’altro al 1° piano di circa 150 mq, oltre a terrazzo, portico, cortile e garage di 60 mq.

Laterale via Giordano

Al piano terra si vende libero appartamento di 70 mq. così composto: soggiorno con angolo cottura, stanza da letto, bagno, giardinetto e cantina. Possibilità garage.

Castelvetro Piacentino

Si vende nuova villa bifamigliare su due piani cosi composta: soggiorno, cucina, due letto, studio mansardato, doppi servizi, terrazzino, balcone, garage e area verde.

Zona Duomo Si vende libero appartamento ristrutturato posto al 1° piano composto da: soggiorno, cucina, due stanze da letto doppi servizio, ripostiglio, balcone, terrazzino e cantina.

AFFITTIAMO: appartamenti arredati, vuoti – studi - uffici – negozi – magazzini – capannoni, eccetera.. ampia disponibilità. L’acquisto della casa è un momento importante.

Facciamo in modo che sia un investimento prezioso.

Via Ghinaglia, 75 - CREMONA Cell. 329 69.486.69 - Cell. 335 61.62.267


Cultura&Spettacoli

In scena l'11 agosto con la Spellbound Dance Company

«Carmina Burana» in danza tra il sacro e il profano

S

di Silvia Galli

aranno i «Carmina Burana», interpretati dalla Spellbound Dance Company di Mauro Astolfi, a firmare l’appuntamento dell’11 agosto al festival di mezza Estate. Uno spettacolo ispirato ai testi poetici del XIII secolo, dove vengono descritte varie situazioni della vita quotidiana in epoca medievale. Musiche e scenografia contribuiscono in modo incisivo a ricreare un’atmosfera che spazia dal sacro al profano molto coinvolgente. L’esibizione dei ballerini è caratterizzata dai contrasti tra: la disciplina dello studio metodico all’interno del monastero (sofferenza e costrizione) e la ricerca dell’evasione attraverso il sesso, l’erotismo e il banchettare davanti al buon cibo (gioia e liberazione). La continua sperimentazione nel campo della danza fa nascere l’unicità delle creazioni coreografiche di Mauro Astolfi. Coreografie in stile contemporaneo che rispec-

Un momento dello spettacolo

chiano i nostri tempi. La scelta dei «Carmina Burana», una delle più importanti sillogi di documenti poetici e musicali del Medioevo - 315 componimenti di cui è possibile ricostruire l'andamento melodico solo di 47 canti - nasce dal desiderio della Compagnia di reinterpretare liriche che sempre hanno conquistato una propria autonoma dignità teatrale in sede concertistica per vitalità e ritmo dirompente. Nella raccolta, accanto a versi che esaltano il vino e l’amore, altri cantano la natura, altri

condannano la dissolutezza del clero del tempo o incoraggiano le fanciulle a godere del piacere dei sensi; alcuni versi richiamano all’amore ingenuo e popolaresco, o lodano la taverna. Non mancano infine “canti crociati” con violenti attacchi alla corruzione di allora e alla avidità di denaro: temi che esprimono grande vivacità di sentimenti ma che sottendono anche un’inquietudine spirituale e una forma di pessimismo. In questo contesto s’inserisce la danza nel tentativo di fondere la

«L'impresario della Smirne» il 9 agosto Giuseppe Pambieri e e Maximilian Nisi sono interpreti de «L’Impresario della Smirne», di Carlo Goldoni, sabato 9 agosto alle 21,15 all’Arena Giardino. Molto popolare nell'Ottocento, questa commedia fu riscoperta fuori negli anni 50 da Luchino Visconti. La vicenda è quella molto divertente e nel suo fondo amara di una misera compagnia di guitti-cantori che, senza lavoro, sono disponibili, dilaniandosi a vicenda, a ogni tipo di compromesso pur di avere una scrittura. Un ricco impresario arriva dalla Turchia e porta per un poco delle illusioni al gruppetto. Dopo una serie di baruffe, di camuffamenti, di commedie recitate fuori dalla ribalta, il sogno svanisce. Alì, il mancato impresario, se ne riparte. Ne trae profitto il Conte Lasca, un equivoco viveur che fa sua la compagnia. E' Massimo Belli che mette in scena con

estro e fantasia, sempre mantenendo vivo il divertimento ma anche cogliendo quel parte satirica che è sottesa al lavoro. Fa dei personaggi mediocri creature che vivono fra leziosaggini e libertinaggio di basso cabotaggio. Sulla scena il terzetto delle “virtuose”: Maria Letizia Gorgia, Tiziana Bagattella e Barbara Abbondanza. Da parte sua Maximilian Nisi dà giusto disegno al viscido e torvo trafficone Conte Lasca. Giuseppe Pambieri, recita invece nel ruolo protagonista. E’ un affresco sul teatro e quindi sulla vita, se vale ancora l’indissolubile legame che vede nella decadenza dell’arte la crisi di una società che non dà più nessun significato al dibattito intorno ai temi eterni dell’uomo, occupata com’è nel mestiere dell’arrivismo, della ricerca del profitto ottenuto con qualsiasi mezzo, anche con la perdita della dignità e del rispetto per se stessi.

sua forza narrativa con quella della musica mirando a riunire e completare lo spirito originario dei Canti. Dieci i danzatori (Alessandra Chirulli, Fabrizio Clemente, Maria Cossu, Gianmaria Giuliattini, Nicholas Poggiali, Marianna Ombrosi, Silvia Rizzo, Sofia Barbiero, Francesco Gammino, Eva Grieco) impegnati a tracciare il faticoso percorso contemporaneo tra i sentieri dei Carmina, viaggio ballato ideato da Mauro Astolfi, cammino poetico tra le musiche di Orff, Caracciolo e Vivaldi, disegno luminoso con le luci di Marco Policastro, linguaggio scenografico a cura di Stefano Mazzola per i costumi di Ferrone e Halfon. La Spellbound Dance Company, che inizia la sua attività nel 1994 sotto la direzione di Astolfi, ha mantenuto costante fin dagli esordi una forte spinta alla ricerca coreografica e alla commistione di generi per far sì che ogni spettacolo fosse un contenitore di emozioni, immagini, suoni e gesti in costante evoluzione. La scelta è di non restringere la definizione entro uno specifico stile ma dare spazio alla sperimentazione e alla rielaborazione di tutte le possibili gestualità del balletto per rinforzare l’originale valore comunicativo della danza, la sua valenza artistica come linguaggio muto fatto di movimenti, frammenti di immagini solo suggerite dalle linee dei corpi per lasciare spazio alla fantasia e trasposizione creativa della sensibilità di chi guarda ma anche di chi ama e studia la danza. Attraverso una rete di seminari in diversi centri di formazione, la Compagnia pone l’innovazione stilistica, che è la base del lavoro creato dal suo direttore, al centro di un laboratorio di idee posto al servizio di un gruppo di allievi.

19

ARENA GIARDINO/1

Manfrè porta in scena l'Aulularia di Plauto

Una commedia di comicità classica

«Esistono pochi modi, non più di due, “giusti”, a nostro avviso, per mettere in scena una commedia di Plauto» spiega il regista Walter Manfrè, che giungerà a Cremona il 26 agosto all’Arena Giardino con al commedia Aulularia di Tito Maccio Plauto. «Uno di questi modi è quello della ricostruzione filologica. L’altro modo, sempre a nostro avviso, è quello genialmente intuito da Pasolini e teorizzato nella sua prefazione alla versione in italiano del plautino “Vantone” laddove egli sostiene che il corrispondente modello moderno della comicità plautina è quello del nostro avanspettacolo. Ed è a questo indirizzo che vorremmo rifarci nell’affrontare Plauto consci del fatto inequivocabile che tutta una precisa tecnica del meccanismo “comicospalla” è intanto presente nella costruzione delle singole scene delle sue commedie. E’ dunque a questo teatro che vorremmo aderire nel realizzare questa versione di “Aulularia”». Si vuole dunque tentare una traduzione dai canoni classici

in quelli di un linguaggio colorito, dialettale, irriverente , musicale, divertito e divertente. Riproporre i tempi della classica comicità dove comico e spalla si ruberanno a vicenda i ruoli provocando ora l’uno ora l’altro la risata e dove la “situazione” sarà spesso a provocare il divertimento. Euclione, vecchio avaro, ha scoperto nel giardino di casa una pentola piena d'oro, è ossessionato dal timore che gliela si voglia rubare e ostenta un'assoluta povertà. Il vecchio scapolo Megadoro, suo vicino, si offre di sposarne, senza dote, la figlia Fedra. Euclione accetta con entusiasmo, ma non sa che la ragazza, violentata durante le passate feste di Cerere dal nipote di Megadoro, Liconide, sta per partorire. Intanto Strobilo, servo di Liconide, riesce ad impossessarsi della pentola. Quando al disperato Euclione verrà restituita la pentola, egli consentirà alle nozze tra il giovane e la figlia, e l'oro servirà da dote a Fedra per il matrimonio giusto e riparatore con Liconide.

ARENA GIARDINO/2

Il balletto per le più belle colonne sonore

Bianco e nero, colori portanti della serata Ritratti di cinema è in programa il 20 agosto all’Arena Giardino: un omaggio al mondo del cinema in cui la danza incontra la musica dal vivo ed insieme ripercorrono i più grandi temi e le più grandi colonne sonore scritte per i grandi films. Le melodie composte da grandi autori quali, Ennio Morricone, Nino Rota, John Williams, Nicola Piovani, per citarne alcuni, danzate con forza ed eleganza dalla compagnia di Mvula Sun-

gani ed eseguite dal vivo dal Nino Rota Ensemble. La regia, vuole evocare e riattualizzare nello svolgersi della serata, films che hanno superato la prova degli anni. Impostata sulla scelta di privilegiare l’emozione visiva e sonora, porta la danza a volare velocemente come la pellicola, facendole così assumere un intensa emozione cromatica. Il sofisticato uso del bianco e nero che diventa per magia colore sarà un tema portante della serata.


20

Cultura

Venerdì 8 Agosto 2008

Il 23 agosto appuntamento con i Camut

Appuntamenti a Cremona e dintorni... SPETTACOLI

9 agosto 08 cremona Festival di Mezza Estate L'impresario delle Smirne Di Carlo Goldoni. Regia di Massimo Belli. Arena Giardino. - Orario: ore 21.15. 11 agosto 08 cremona Festival di Mezza Estate Carmina Burana Spellbound Dance Company - Regia e coreografia di Mauro Astolf. Arena Giardino. - Orario: ore 21.15.

musica

Dal 2 al 31 agosto 08 sesto cremonese Serate musicali e piano bar Orario: ore 21. Piazza Garibaldi. • Sabato 2 e domenica 3 agosto • Sabato 9 agosto • Domenica 10 agosto • Domenica 24 agosto • Sabato 30 e domenica 31 agosto. 10 agosto 08 cremona Festival delle Muse La notte di San Lorenzo Tiziana Fabbricini, soprano - Ensemble Santa Cecilia. Orario: ore 21. Piazza Sant'Antonio Maria Zaccaria.

ALTRO

13 agosto 08 cremona Burattini d'estate 2008 Fair play Presso l'aia del Museo della civiltà contadina "Cambonino Vecchio" Via Castelleone, 51. Orario: ore 21.30. 20 agosto 08 cremona Burattini d'estate 2008 Jacopo e i pirati mammalucchi Presso l'aia del Museo della civiltà contadina "Cambonino Vecchio" Via Castelleone, 51. Orario: ore 21.30. 20 agosto 08 cremona Festival di Mezza Estate Ritratti di Cinema Compagnia di Mvula Sungani e Nino Rota Ensamble - Regia e Coreografie di Mvula. Arena Giardino. Orario: ore 21.15.

13 agosto 08 moscazzano Festival delle Muse La Dirindina Intermezzo buffo di Domenico Scarlatti Rina Rossi, soprano, Alessandro Calamai, baritono, Gianluca Pasolini, basso, Cristiano Paluan, pianoforte Orario: ore 21. Chiesa Madonna dei Prati. 14 agosto 08 san giovanni in croce Festival delle Muse Chi vuol esser lieto sia! Quando l'opera fa sorridere Linda Campanella, soprano, Michele Govi, baritono, Matteo Peirone, basso. I Virtuosi di Milano Villa Medici del Vascello. Orario: ore 21. 16 agosto 08 cremona Preludio d'organo in Cattedrale Meditazioni musicali ante missam. Orario: ore 17.45.

Orario: ore 20.30. Corte Davini - Cascina S.Antonio 10 agosto 08 rivarolo del re Fiera di San Lorenzo Musica dal vivo, degustazioni, animazione Piazza Roma.

Dal 2 al 10 agosto 08 madignano Sagra Patronale Giochi serate danzanti, gastronomia. Piazza Portici. Orario: ore 21. 9 agosto 08 pizzighettone Sagra di San Fermo Gnoccata in piazza. Frazione Regona. Orario: ore 21. 9 agosto 08 crotta d'adda Solstizio d'Estate Serata Medioevale Parco del Principio Ore 18.30: Navigazione gratuita sull'Adda Ore 21.00: Duello Medioevale, a cura della confraternita del Dragone. Ore 21.30: Solstizio d'Estate. Spettacolo medioevale con trampolieri effetti pirici. 9-10 agosto 08 san daniele po Festa di Rifondazione Comunista Ballo liscio e orchestre. Ampio servizio di cucina e bar. Dalle ore 19. Parco Comunale della Mela Verde. 9-10 agosto 08 solarolo rainerio Sagra di San Lorenzo Sagra all'insegna di Musica, animazione e gastronomia - 09 agosto: Tombolata - 10 agosto: Spettacolo.

Dal 10 al 15 agosto 08 genivolta Festa del gnoc Festa patronale di San Lorenzo Degustazione gratuita di gnocchi e serate di intrattenimento e animazione. Dalle 19. Parco di Via Castello. Dal 12 al 18 agosto 08 torre de' picenardi Festa de' Li Tur Festa all'insegna di cucina Tirolese, birra frst, mojito e tanta musica. 14 agosto 08 pizzighettone Anguriata in musica Degustazione di angurie, concerto bandistico e animazione. Orario: ore 21. Piazzale parcheggio Coop (via Piemonte). 15 agosto 08 stagno lombardo Festa dell'Assunta Discesa della statua della Madonna dalla Canottieri Flora e attracco in località Brancere (Ore 16) - Messa al campo - Processione mariana sulla via Alzaia e bendezione delle acque (Ore 18). Dalle 16 alle 19.30. Località Brancere. Dal 15 al 17 agosto 08 pizzighettone Festa patronale di San Rocco Tombalato in piazza, degustazioni e processione lungo il fiume Adda con la statua di San Rocco. Piazza Mercato di Gera.

23 agosto 08 cremona Festival di Mezza Estate La vida es ritmo Arena Giardino. Orario: ore 21.15.

ARTE & CULTURA

Dal 2 agosto al 30 settembre 08 CREMONA APERTURA STRAORDINARIA DI SANTA MARIA MADDALENA Organizzata dal Touring Club. Orari: ore 10-13 e 16-19.

19 agosto 08 cicognolo Festival delle Muse Giro del mondo con la lirica Nadiya Petrenko, mezzosoprano, Lino Binda-Corrado Braga, duo di chitarra. Castello Manfredi Orario: ore 21. 20 agosto 08 torre de' picenardi Festival delle Muse Castelli e Regge: scenari per l'Opera Romantica Castello di San Lorenzo Orario: ore 21. 24 agosto 08 drizzona Festival delle Muse 50 anni di Nel blu dipinto di blu Omaggio alla canzone italiana più famosa del mondo Gruppo Caronte. Piazza IV Novembre Orario: ore 21.

16 agosto 08 pescarolo Festa del Rione San Rocco Tradizionale festa con incanto e grande gnoccata. Chiesa di San Rocco. 16 agosto 08 voltido Festa di San Rocco Tradizionale sagra del paese, serate musicali e danzanti . Festa della spalla cotta. Frazione Recorfano. 16 agosto 08 cremona gnoccata di San Rocco Momento ricreativo con la gnoccata di San Rocco Centro Anziani Cascinetto Orario: dalle 16 alle 21. Dal 22 al 24 agosto 08 acquanegra cremonese Sagra dei gnoc Serate gastronomiche con degustazione di gnocchi e altre tipicità. Campo Sportivo Comunale. Orario: ore 19.30. 23 agosto 08 sesto cremonese Torta fritta in piazza Casanova del Morbasco Orario: ore 20. 24 agosto 08 grumello cremonese Sagra dei gnoc Degustazione gratuita del tradizionale piatto locale, musica, giochi e spettacolo. Piazza Leonardo da Vinci. Orario: ore 21. 24 agosto 08 vescovato Festa di San Bartolomeo Mercatino dedicato alle peculiarità gastronomiche locali ed animazione. Parco Cà de' Stefani.

Tribale all'Arena Giardino I protagonisti di sabato 23 agosto all’Arena Giardino saranno I «Camut», che mescolano per più di un’ora vari tipi di sonorità: ritmi jazz africani, tip-tap, jungle e flamenco, ingrediente irrinunciabile data l’origine catalana del gruppo. La compagnia è composta da percussionisti e ballerini, ma i loro ruoli si scambiano continuamente perché in realtà non esiste linea di demarcazione fra il momento musicale e quello della danza. I performer non solo ballano seguendo un ritmo ma lo generano danzando su enormi tamburi, o ricorrendo a singolari espedienti. E’ il caso della danza sulla sabbia, nella quale un movimento ora lieve ora frenetico, raggiunge un suono inaspettatamente simile allo “skretch” su dischi in vinile. Particolare è inoltre l’assolo di “udu”, uno strano strumento nigeriano in grado di creare una risonanza che unisce i toni gravi del basso e quelli alti prodotti dal tintinnare del cristallo. E ancora il gramelot ritmico degli artisti attorno ad un tavolo d’osteria che dà vita ad un tempestoso concerto per bocca. Sulla scena la Camut Band si dimostra una squadra estremamente affiatata e ciò la rende forte e capace di instaurare un rapporto di simpatia e sintonia con il pubblico stesso. L’interazione tra platea e palcoscenico non cessa mai: per il pubblico, sedotto dalla verve della performance, è davvero difficile resistere alla voglia di battere piedi e mani. Si tratta di suggestioni forti, prodotte senza nessun tipo di supporto tecnologico, a parte un essenziale gioco di luci.

BREVI DAL SECOLO BREVE di Giuseppe Azzoni

CALATRONI E ROSSINI PRIMI SINDACI DELLA REPUBBLICA Con la Liberazione si chiude, alla fine di aprile del 1945, tra entusiasmi, speranze, lutti e macerie, anche per il Comune di Cremona l’infausto periodo del dominio fascista. Il Municipio, per lunghi anni svuotato di potere e di rappresentanza, riacquista prestigio ed autorevolezza, ridiventa uno dei principali riferimenti per affrontare i drammatici problemi che incombono. E’ il CLN che nomina, con proprio decreto del 28 aprile 1945, il Sindaco: il Socialista Bruno Calatroni, età 39 anni. Di professione avvocato, era stato ufficiale dell’esercito: tale esperienza che già gli era servita nella partecipazione alla attività antifascista gli tornò utile anche come Sindaco in una situazione in cui l’ordine pubblico era davvero precario. Agli inizi di maggio comincia a funzionare la Giunta, vi sono rappresentati tutti i partiti del CLN: democristiani, comunisti, socialisti, liberali, azionisti e repubblicani. Per quel Sindaco e quella Giunta esercitare le proprie funzioni, non sarà facile anche per l’atteggiamento del Comando Alleato (AMG) col Commissario provinciale, il Maggiore Lund, che esprime diffidenza e contesta la rappresentatività del CLN, pur avendo ratificato le sue nomine, ponendo consistenti limiti ai poteri locali. In questi mesi i problemi da affrontare sono drammatici. Un Comune praticamente senza

risorse si trova a fronteggiare quotidiane esigenze primarie come l’ alimentazione, molti sono letteralmente ridotti alla fame, le penose condizioni igienico – sanitarie, le carenze abitative (e poi il riscaldamento nel primo inverno post-bellico), la massiccia disoccupazione il gran numero di bambini abbandonati mentre aperte sono le ferite e le lacerazioni nella convivenza civile. Si dovette procedere subito al ripristino delle stesse sedi comunali (Municipio e Palazzo Ala Ponzone di Corso Vittorio Emanuele) per riavere un minimo di funzionalità. Pur con i limiti inevitabili in una situazione del genere, verrà da tutti riconosciuto al Sindaco Calatroni ed alla Giunta del CLN di aver operato uno sforzo eccezionale (peraltro davvero disinteressato e non fazioso) per uscire dalla fase più acuta dell’emergenza, portando la città a svolgere positivamente le elezioni comunali democratiche – in cui per la prima volta voteranno anche le donne - che hanno luogo a Cremona il 24 marzo del 1946. Nelle elezioni del marzo ’46 in città il Partito Socialista è il primo partito, con 13.210 voti e 14 eletti, La D.C. ha 200 voti in meno e un pari numero di consiglieri, segue il PCI con 9 Consiglieri, quindi i repubblicani ed i liberali. Nella seduta del 9 aprile il Consiglio comunale elegge quale Sindaco il socialista Luigi Rossini. [continua...]


Taccuino

Venerdì 8 Agosto 2008

21

VIABILITA’ Zona Incrociatello (Via Valcamonica) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Durata alcuni mesi

Zona Borgo Loreto (via San Bernardo, via Ceccopieri) Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 9 agosto

Via Fiorino Soldi Via Mocchino Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Agosto

Via Acquaviva Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 30 Settembre

Via Dante Lavori stradali attuati per conto di A.E.M S.p.a Fine lavori: 14 Agosto

Via Piave, Via Cattaro Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 31 Luglio

Corso Mazzini Lavori stradali attuati per conto di A.E.M. S.p.A. Fine lavori: 8 Agosto

• Corso Mazzini: intervento di sistemazione e consolidamento di parte della pavimentazione. (Fine lavori: 8 agosto). • Borgo Loreto: (via San Bernardo, via Ceccopieri): cantiere per il rifacimento dei sottoservizi e della sede stradale nell'ambito della riqualificazione di Borgo Loreto (Fine lavori: 9 agosto). • Zona Incrociatello (via Valcamonica): Ristrutturazione della rete di distribuzione di energia elettrica e illuminazione pubblica (Durata lavori: diversi mesi). • Via Acquaviva: cantiere per la posa della nuova tubazione del gas metano (Fine lavori: 30 settembre). • Via Piave, Via Cattaro: ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine lavori: 30 settembre). • Via Dante: ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica e illuminazione pubblica, rifacimento della condotta della fognatura (Fine lavori: 14 agosto). • Via S.Predengo: rifacimento della condotta della fognatura (Fine lavori: 30 ottobre). • Via Fiorino Soldi, Via Mocchino: ristrutturazione della rete di distribuzione energia elettrica (Fine lavori: 30 agosto).

L’Oroscopo Della Settimana

di Romeo

FARMACIE DI TURNO Dall'8 al 15 Agosto 2008

In gran forma, nel fisico e nella mente. Se siete sotto l’ombrellone rilassatevi, se siete rimasti in Città, la settimana scorrerà serena.

Settimana da trascorrere in compagnia. Lasciate alle spalle le i problemi e divertitevi con amici e parenti. Un occhio di riguardo a salute e alimentazione.

Il calo della tensione, anche per il periodo vacanziero, vi fa sentire sotto tono. Cercate di riposare. Non sono escluse novità in arrivo.

Evitate discussioni e contenziosi, non è il vostro momento più favorevole. Non ostinatevi nel pretendere attenzione e nel voler sempre ragione.

Settimana all’insegna del buon umore. Evitate situazioni complicate che richiedono discussioni. Rimandate tutto a Settembre.

Settimana positiva in cui vi sentirete sereni. Le soluzioni sono vicine e il momento potrebbe aiutarvi a risolvere una questione che vi affanna.

Passano i giorni e vi sentirete sempre meglio e a vostro agio in questa calda estate. Se potete, godetevi il sole e il riposo.

Perseverate nei vostri convincimenti e seguite la strada che avete intrapreso. La vostra ostinazione e forza di volontà non vi faranno mancare il traguardo.

Ancora un po’ d’impegno e di energie e raggiungerete finalmente i vostri obiettivi, Tra non molto potrete riposarvi meritatamente.

Allargate in questa settimana il giro delle conoscenze e delle frequentazioni. Possibili incontri con persone che potrebbero aiutarvi nei vostri progetti.

ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:00 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: MERCOLEDÌ POMERIGGIO

La vostra energia vi consente miglioramenti in ambito lavorativo e/o sociale. Novità piacevoli in arrivo, forse il mese prossimo.

Evitate decisioni repentine, non meditate. Niente colpi di testa. Il momento non è facile, mantenete la calma e la soluzione arriverà quando meno ve l’aspettate.

PIEVE D´OLMI SINELLI MARIA GIACOMINA Via Quaini, 10 26040 Pieve d´Olmi

SORESINA SEGALINI CAMILLO Piazza Garibaldi, 1 26015 Soresina Tel. 0374-342624 ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: SABATO PESCAROLO FRATELLI PEZZINI S.N.C Piazza Garibaldi, 23 26033 Pescarolo Tel. 0372-836026

ORARI DI APERTURA Mattino: 08:10 - 12:10 Pomeriggio : 15:00 - 19:00 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO SESTO CREMONESE PORTESANI ANNA Viale Matteotti, 12 26028 Sesto Cremonese Tel. 0372-76013 ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: GIOVEDÌ CORTE DE´ FRATI BODANA ALESSANDRO Piazza Roma, 17 26010 Corte de´ Frati Tel. 0372-93123 ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30

Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO CREMONA - CAVATIGOZZI A.F.M. - FARMACIA 8 PIAZZA DELLA SORGENTE, 7 26100 Cremona Tel. 0372-491118 ORARI DI APERTURA Mattino: 08:30 - 12:30 Pomeriggio: 15:30 - 19:30 Giorno di chiusura settimanale: SABATO POMERIGGIO CREMONA - FARMACIA 2 A.F.M. DI CREMONA S.P.A. VIA GUARNERI DEL GESÙ, 2 26100 Cremona Tel. 0372-27581 ORARI DI APERTURA Mattino: 09:00 - 13:00 Pomeriggio : 15:30 - 19:30 Sabato 15:00 - 20:00 Giorno di chiusura settimanale: LUNEDÌ MATTINA

IL VENERANDA

METEO WEEK-END

TEMPERATURE MASSIME PREVISTE IN LOMBARDIA Città Venerdì Sabato Domenica Bergamo 26 27 28 Brescia 29 30 30 Como 26 27 28 CREMONA 30 31 31 Lecco 26 27 28 Lodi 29 29 30 Mantova 30 31 31 Milano 30 30 31 Pavia 28 29 30 Sondrio 28 30 30 Varese 27 27 28

Tel. 0372-626204

SABATO 9 AGOSTO 2008

DOMENICA 10 AGOSTO 2008

A Mombello, tra Milano e Varese, c’è una casa di riposo del tutto simile a quella di Sospiro. Qualche giorno fa due cronisti seguivano l’auto dell’ex senatore Bossi, che da quelle parti accompagnava a casa un amico. Due chiacchere sul cancello della villetta e ritorno verso la macchina blu canticchiando «Roma non fa la stupida stasera…no sprizzico de luna tutta pe nnoi…» Radio 22 dà la notizia mentre entra l’Adalgisa col solito the. Me lo versa nella tazza e tutta seria. «Già che era lì non poteva prenotare una bella stanza tutta per lui, eh dottore? Forse ci si ndrissava la bocca, eh dottore?».

Per la Vostra pubblicità su 0372.43.54.74


Programmi televisivi da Sabato 9 a Venerdì 15 Agosto

C inema&T elevisione in TV PSERATA RIMA FILM Programmazione Settimanale

PARTNERPERFETTO.COM Lunedì 11 Agosto - Canale 5 Attori: Diane Lane, John Cusack.

C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA

Trama: Sarah, una giovane insegnante appena divorziata, é in cerca di un nuovo amore e in questo verrà aiutata dalla sua stravagante famiglia e dagli amici che con un annuncio on line provano a trovare la persona adatta. Attenzione però, perchè il candidato dovrà essere un amante dei cani...

Sabato 9 Agosto - Rai 3 U.S.A. / Italia, 1984 - Durata 218' Genere: Drammatico Regia: Sergio Leone Attori: Robert De Niro, James Woods, Joe Pesci, Danny Aiello.

COLPO GROSSO AL DRAGO ROSSO Martedì 12 Agosto - Italia 1

Trama: New York, anni '20, una banda di ragazzetti, mette a segno i primi furtarelli e le prime estorsioni nel quartiere ebreo. I ragazzi crescono ed anche le loro malefatte ed i loro affari fanno un salto di qualità. Noodles, accorgendosi della pericolosità di un colpo che Max stava organizzando, per salvargli la vita, avverte la polizia. Nella sparatoria tre banditi muoiono e si pensa sia morto anche Max...

Attori: Jackie Chan, Chris Tucker, Don Cheadle. Trama: I detective Lee e Carter si trovano ad Hong Kong per rilassarsi. Ma molto presto la loro vacanza viene interrotta da il capo di una famosa gang criminale cinese, Ricky Tan, ex agente partner di Lee, sospettato di un colpo avvenuto all'American Embassy dove sono rimasti uccisi du agenti americani.

ENTRAPMENT

MEDITERRANEO

Domenica 10 Agosto - Canale 5

Venerdì 15 Agosto - Canale 5

Attori: Catherine Zeta Jones, Sean Connery.

Attori: Claudio Bigagli, Diego Abatantuono, Giuseppe Cederna, Ugo Conti, Gigio Alberti, Memo Dini, Vasco Mirandola, Vanna Barba.

Trama: Robert "Mac" MacDougal (Sean Connery) è il più grande ladro di opere d'arte al mondo, per intrappolarlo una compagnia di assicurazione gli mette alle calcagna la seducente detective Virginia "Gin" Baker (Catherin Zeta-Jones), la quale però subirà il fascino dell'avvenente ladro.

TV

SABATO 9 10.15 11.45 12.40 13.30 14.00 15.45 16.30

RAIUNO

17.00 17.15 17.45 18.50 20.00 20.30 21.20 09.05 10.00 10.05 10.30 11.30 12.30

RAIDUE

13.00 15.35 17.35 20.30 21.05 23.15 01.00 02.30 12.00 12.25 13.00 14.00 14.45 15.20

RAITRE

15.35 17.20 18.55 20.00 20.30 20.10 23.10

LA 7

Trama: Rivalità, sogni e amori di un gruppo di soldati italiani, stanziati e abbandonati su una piccola isoletta greca dell'Egeo. Alla fine della guerra però qualcuno preferirà restare nell'isola.

DOMENICA 10

LUNEDI’ 11

UN CICLONE IN CONVENTO LADY COP. Telefilm LA SIGNORA IN GIALLO TG 1 LINEABLU. Attualità QUARK ATLANTE OVERLAND 7 - RITORNO IN SIBERIA. Documentario TG1 - CHE TEMPO FA A SUA IMMAGINE SPECIALE EASY DRIVER REAZIONE A CATENA TG1 - TG1 SPORT SUPERVARIETA’. Varietà SENZA ZUCCHERO. Film

10.55 12.00 12.20 13.10 14.00

SS MESSA RECITA DELL’ANGELUS LINEA VERDE DIRETTA POLE POSITION - TG1 SPECIALE RAFFELLA CARRA’. Varietà ASPETTANDO MISS ITALIA 08 TG1 - CHE TEMPO FA LADIES IN LAVENDER IL COMMISSARIO REX. Tf TG1 - RAI TG SPORT SUPERVARIETA’. Varietà PROVACI ANCORA PROF 2 TG1 - SPECIALE TG1 OLTREMODA RELOADED

11.30 11.40 13.30 14.10 14.45 16.50 17.00 17.10 17.20 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 22.50

TIRO: Finale pistola M TG OLIMPICO CICLISMO su strada M TG2 MATTINA L.I.S. CANOTTAGGIO: eliminatorie NUOTO: eliminatorie - SCHERMA: finale sciabola F TG2 GIORNO - TG OLIMPICO BEACH VOLLEY OLIMPIA MAGAZINE LOTTO - TG 2 20.30 OLIMPICHE EMOZIONI TG2 NOTTE BUONGIORNO PECHINO GARE LIVE

09.00 TG2 - TG OLIMPICO 10.05 CICLISMO su strada F - TIRO CON L’ARCO Femm. - PALLANUOTO: Croazia- Italia (all’interno TG2 MATTINA) 12.30 NUOTO: eliminatorie - SCHERMA: finale spada M - CALCIO: Italia - Corea Sud - BASKET: Usa - Cina (ALL’INTERNO: TG2 ) TG OLIMPICO) 18.10 OLIMPIA MAGAZINE 20.30 TG 2 20.30 21.05 NUMB3RS. Telefilm 22.40 THE DEAD ZONE. Telefilm

08.30 10.00 10.05 10.30 12.25 13.30 15.30 15.35 17.35 20.30 21.05 22.40

TG3 SPORT - METEO TGR SETTIMANALE CORREVA L’ANNO. Doc TG REGIONE - METEO - TG3 TGR SPECIALE LEONARDO TOTO’ OSPITE A “STUDIO UNO 1966”. Doc. RUGANTINO. Film TOLGO IL DISTURBO. Film METEO - TG3 - TG REGIONE SPECIALE TOUR DE FRANCE BLOB. Varietà C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA. Film TG3 - TG REGIONE

12.00 12.15 12.50 13.20 14.00 14.30 16.10 18.05 19.00 20.00 20.20 21.00

09.50 DOC: I SEGRETI DELL’ARCHEOLOGIA 10.30 L’ARTE DI ARRANGIARSI 12.30 TG LA7 - SPORT7 13.00 IN TRIBUNALE CON LYNN 14.00 LA DONNA SCIMMIA. Film 16.00 THE HUSTLE: I SIGNORI DELLA TRUFFA. Telefilm 18.00 HIGH SPIRITS: FANTASMI DA LEGARE. Film TV 20.00 TG LA7 20.30 DOCTOR*OLOGY 21.10 JACK FROST. «Sul filo del rasoio». Telefilm 23.05 CAPRICORN ONE. Film

MARTEDI’ 12

MERCOLEDI’ 13

GIOVEDI’ 14 11.30 12.05 13.30 14.10 14.45 16.45 16.50 17.00 17.20 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.30

TG1 - CHE TEMPO FA LA SIGNORA IN GIALLO TG 1 / TG1 ECONOMIA JULIA. Soap DON MATTEO 4. Telefilm COTTI E MANGIATI. Sit-com TG PARLAMENTO CHE TEMPO FA - TG 1 LE SORELLE MCLEOD. Tf IL COMMISSARIO REX REAZIONE A CATENA. Quiz TG1 LA BOTOLA. Varietà SABRINA. Film TG1

TG1 - CHE TEMPO FA LA SIGNORA IN GIALLO TG 1 / TG1 ECONOMIA JULIA. Soap DON MATTEO 4. Telefilm TG PARLAMENTO CHE TEMPO FA - TG 1 COTTI E MANGIATI. Sit-com LE SORELLE MCLEOD. Tf IL COMMISSARIO REX REAZIONE A CATENA. Quiz TG1 LA BOTOLA. Varietà UNICO TESTIMONE. Film TG1

11.30 12.05 13.30 14.10 14.45 16.45 16.50 17.00 17.20 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20

TG1 - CHE TEMPO FA LA SIGNORA IN GIALLO TG 1 / TG1 ECONOMIA JULIA. Soap DON MATTEO 4. Telefilm COTTI E MANGIATI. Sit-com TG PARLAMENTO CHE TEMPO FA - TG 1 LE SORELLE MCLEOD. Tf IL COMMISSARIO REX REAZIONE A CATENA. Quiz TG1 LA BOTOLA. Varietà UNO SCONOSCIUTO ALLA MIA PORTA. Film

11.30 12.05 13.30 14.10 14.45 16.45 16.50 17.00 17.20 18.00 18.50 20.00 21.20

TG1 - CHE TEMPO FA LA SIGNORA IN GIALLO TG 1 / TG1 ECONOMIA JULIA. Soap DON MATTEO 4. Telefilm COTTI E MANGIATI. Sit-com TG PARLAMENTO CHE TEMPO FA - TG 1 LE SORELLE MCLEOD. Tf IL COMMISSARIO REX REAZIONE A CATENA. Quiz TG1 CALCIO: Champions League JUVENTUS - VINC. 2° TURNO 23.05 TG1

11.30 12.05 13.30 14.10 14.45 16.45 16.50 17.00 17.20 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.30

TUFFI: 10 metri TG OLIMPICO TIRO CON L’ARCO Finale TG2 MATTINA TG OLIMPICO SCHERMA: Finale fioretto F. TG2 GIORNO - TG OLIMPICO NUOTO: eliminatorie OLIMPIA MAGAZINE TG 2 20.30 - TG2 SPORT LOST. Telefilm IL MEGLIO DI “VOYAGER ESTATE”. Documentario 23.40 TG2 NOTTE 23.55 JERICHO. Telefilm

09.05 10.00 10.30 12.25 13.00 15.30 15.35

CANOA: Finale slalom TG OLIMPICO TG2 NOTIZIE TG OLIMPICO SCHERMA: finale sciabola M TG OLIMPICO EQUITAZIONE: Finale salto individuale OLIMPIA MAGAZINE LOTTO - TG 2 20.30 CALCIO: Champions League FIORENTINA- SLAVIA PRAGA TG2 NOTTE SUPERNATURAL. Telefilm APPUNTAMENTO AL CINEMA

07.30 CICLISMO: Cronometro M CALCIO: Italia - Camerun PALLANUOTO F.: Italia -Usa 10.00 TG OLIMPICO 10.30 TG2 NOTIZIE 12.25 TG OLIMPICO 13.00 SCHERMA: finale fioretto M SCHERMA: finale spada F 15.30 TG OLIMPICO 16.30 JUDO: Finali 17.35 OLIMPIA MAGAZINE 20.30 TG 2 20.30 21.05 CLOSE TO HOME. Telefilm 22.40 THE NINE. Telefilm 23.15 TG2 NOTTE

06.05 GINNASTICA ARTISTICA: Finale Maschile (08.00 TG) 09.20 PALLANUOTO M.: Italia-Cina 10.00 TG OLIMPICO 10.05 TIRO CON L’ARCO: Finale F. 12.15 TG OLIMPICO 12.25 SCHERMA: Finale sciabola a squadre Femminile 14.35 EQUITAZIONE: Dressage 17.15 OLIMPIA MAGAZINE 20.25 LOTTO - TG 2 20.30 21.05 GHOST WHISPERER. Tf 21.50 BROTHERS & SISTERS. Tf 23.25 TG2 NOTTE 23.40 STRACULT. Attualità

08.30 PALLAVOLO FEMMINILE: Italia - Serbia 10.05 TIRO CON L’ARCO: Finale M PALLANUOTO F: Italia - Cina (all’interno TG2) 12.05 CICLISMO su pista masch. (all’interno TG OLIMPICO) 14.00 TENNIS: Semifinali Masch. 16.00 TG OLIMPICO 17.35 OLIMPIA MAGAZINE 20.30 TG 2 20.30 21.05 OLIMPICHE EMOZIONI 23.15 TG2 NOTTE 01.00 BUONGIORNO PECHINO 02.30 OLIMPIADI: GARE LIVE

TG 3 SPORT - METEO TELECAMERE SALUTE GEO MAGAZINE 2008 PASSEPARTOUT. Attualità TG 3 REGIONE - METEO ANIMA PERSA. Film CHIMERA. Film ARSENIO LUPIN. Telefilm TG REGIONE - TG3 - METEO BLOB. Varietà PRONTO ELISIR. Attualità ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO. Doc. 23.10 TG3 - TG REGIONE 23.35 IL SEGRETO DI ESMA. Film

14.00 14.40 14.55 15.00

TG REGIONE - TG 3 COMINCIAMO BENE ESTATE TG3 FLASH L.I.S. TREBISONDA. Varietà SCREENSAVER LA MELEVISIONE ARSENIO LUPIN. Telefilm GEO MAGAZINE 2008 TG3 - TG REGIONE BLOB. Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap AMORE CRIMINALE. Att. TG3 - TG REGIONE TG3 PRIMO PIANO RACCONTI DI VITA SERA

13.10 14.00 14.40 14.55 15.00

TERRA NOSTRA. Telenovela TG REGIONE - TG 3 COMINCIAMO BENE ESTATE TG3 FLASH L.I.S. TREBISONDA. Varietà SCREENSAVER LA MELEVISIONE ARSENIO LUPIN. Telefilm GEO MAGAZINE 2008 TG3 - TG REGIONE BLOB. Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap BELLE MA POVERE. Film TG3 - TG3 PRIMO PIANO LA STAGIONE DEI BLITZ

13.10 14.00 14.40 14.55 15.00

TERRA NOSTRA. Telenovela TG REGIONE - TG 3 COMINCIAMO BENE ESTATE TG3 FLASH L.I.S. TREBISONDA. Varietà SCREENSAVER LA MELEVISIONE ARSENIO LUPIN. Telefilm GEO MAGAZINE 2008 TG3 - TG REGIONE BLOB. Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap CIRCO MASSIMO SHOW TG3 REGIONE - TG3 FRESCHI DI TINTORIA

13.10 14.00 14.40 14.55 15.00

TERRA NOSTRA. Telenovela TG REGIONE - TG 3 COMINCIAMO BENE ESTATE TG3 FLASH L.I.S. TREBISONDA. Varietà SCREENSAVER LA MELEVISIONE ARSENIO LUPIN. Telefilm GEO MAGAZINE 2008 TG3 - TG REGIONE BLOB. Varietà UN POSTO AL SOLE. Soap DELITTO ALLA CASA BIANCA. Film TG3 - TG3 PRIMO PIANO

12.55 TGR IL CONCERTO DI FERRAGOSTO 14.00 TG REGIONE - TG 3 14.40 COMINCIAMO BENE ESTATE 14.55 TG3 FLASH L.I.S. 15.00 TREBISONDA. Varietà SCREENSAVER LA MELEVISIONE 17.15 ARSENIO LUPIN. Telefilm 18.00 GEO MAGAZINE 2008 19.00 TG3 - TG REGIONE 20.10 BLOB. Varietà 20.30 UN POSTO AL SOLE. Soap 21.05 LA GRANDE STORIA. Doc 23.05 TG3 - TG REGIONE

09.35 DOC: I SEGRETI DELL’ARCHEOLOGIA 10.15 CASA RICORDI. Film 12.30 TG LA7 - SPORT 7 13.00 IN TRIBUNALE CON LYNN 14.00 ASSASSINIO A BORDO 16.00 CUORE E BATTICUORE: VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE 18.00 IL GRANDE CIRCO. Film 20.00 TG LA7 - SPORT 7 20.30 AUSTIN STEVENS. Doc 21.30 LA VENDETTA DELL’UOMO CHIAMATO CAVALLO. Film 23.40 TWO TWISTED. Telefilm 00.45 SPORT 7 - TG LA7

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00

LE VITE DEGLI ALTRI. Att. MAI DIRE SI. Telefilm MATLOCK. Telefilm TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST ACHTUNG! BANDITI! Film IL RITORNO DI MISSIONE IMPOSSIBILE. Telefilm STREGHE. Telefilm MURDER CALL. Telefilm TG LA7 LA VALIGIA DEI SOGNI. Att LA VITA AGRA. Film VIAGGIO IN CORSO NEL CINEMA DI CARLO LIZZANI

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00

LE VITE DEGLI ALTRI. Att. MAI DIRE SI. Telefilm MATLOCK. Telefilm TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST L’ISOLA SUL TETTO DEL MONDO. Film IL RITORNO DI MISSIONE IMPOSSIBILE. Telefilm JEFF & LEO. Telefilm MURDER CALL. Telefilm TG LA7 CROZZA ITALIA EXCLUSIVE LA7 DOC: THE BIG ONE SEX & THE CITY. Telefilm

10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00

MAI DIRE SI. Telefilm MATLOCK. Telefilm TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST LA GRANDE ILLUSIONE IL RITORNO DI MISSIONE IMPOSSIBILE. Telefilm CUORE D’AFRICA. Telefilm MURDER CALL. Telefilm TG LA7 NIENTE DI PERSONALE REMIX. Attualità IL VERDETTO DELLA PAURA. Film SEX & THE CITY. Telefilm

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00

LE VITE DEGLI ALTRI. Att. MAI DIRE SI. Telefilm MATLOCK. Telefilm TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST IL GLADIATORE CHE SFIDO’ L’IMPERO. Film IL RITORNO DI MISSIONE IMPOSSIBILE. Telefilm IL COMMISSARIO SCALI. Tf MURDER CALL. Telefilm TG LA7 MARKETTE DOPPIO BRODO STARGATE SG-1. Telefilm SEX & THE CITY. Telefilm

09.30 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00

15.45 16.30 16.40 18.20 20.00 20.40 21.30 23.25 00.35

17.15 18.00 19.00 20.10 20.30 21.05 23.05 23.25 23.45

17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.05

17.35 20.20 20.35 22.50 23.05 00.40

17.15 18.00 19.00 20.10 20.30 21.05 23.00 23.25

16.00 17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.15

17.15 18.00 19.00 20.10 20.30 21.30 23.00 23.45

17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.15

17.15 18.00 19.00 20.10 20.30 21.05 22.45

16.00 17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.45

TG1 - CHE TEMPO FA LA SIGNORA IN GIALLO TG 1 / TG1 ECONOMIA JULIA. Soap DON MATTEO 4. Telefilm COTTI E MANGIATI. Sit-com TG PARLAMENTO CHE TEMPO FA - TG 1 LE SORELLE MCLEOD. Tf IL COMMISSARIO REX REAZIONE A CATENA. Quiz TG1 LA BOTOLA. Varietà SUPERQUARK. Doc. TG1 TELEGIORNALE

VENERDI’ 15

17.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.05 01.15

LE VITE DEGLI ALTRI. Att. MAI DIRE SI. Telefilm MATLOCK. Telefilm TG LA7 - SPORT 7 ALLA CONQUISTA DEL WEST COLPO SU COLPO. Film IL RITORNO DI MISSIONE IMPOSSIBILE. Telefilm NOI SIAMO ANGELI. Telefilm MURDER CALL. Telefilm TG LA7 LE INTERVISTE BARBARICHE MISSIONE NATURA. Doc. I FAVOLOSI BAKER. Film TG LA7


Venerdì 8 Agosto 2008

CINEMA programmazione settimanale CREMONA Megacine Po (199.404.406) www.cremona.megacine.it • Agente smart-casino totale • Hellboy 2: the golden army • Il cavaliere oscuro • Ombre dal passato • Perfect creature • Wanted - scegli il tuo destino • Piacere dave (sabato 9) • X-files voglio crederci (mercoledì 13) DA GIOVEDÌ 14 • Io vi troverò • Le cronache di narnia: il principe caspian • Lui, lei e babydog Tognazzi (0372 458892) CHIUSURA ESTIVA

Filo (0372 411252) CHIUSURA ESTIVA

RASSEGNE ESTIVE A 3EURO CINEMA QUALITA’ • Sogni e delitti (venerdi')

CASTELLEONE Cineteatro Giovanni Paolo II (0374 56052) Riposo

• Tideland il mondo capovolto (lunedì) • Gomorra (martedi') • Quel treno per yuma (mercoledi') • Un'altra giovinezza (giovedi')

CREMA Porta Nova (0373 218411) www.multisalaportanova.it • Funny games v.m. 14 • Il cavaliere oscuro • Shutter - ombre dal passato • Once • Hellboy2 ANTEPRIME NAZIONALI • Piacere dave (sabato) • X files - voglio crederci (mercoledì) • Le cronache di narnia: il principe caspian (giovedì)

PIACERE DAVE (Fantascienza)

BRIVIDI D’ESTATE • La terza madre (sabato) PICCOLI SPETTATORI • Iron man (domenica) RIDIAMOCI SOPRA •Sex & the city (domenica)

DAL 1 AGOSTO AL CINEMA

PIEVE FISSIRAGA Cinelandia (0371 237012) www.cinelandia.it • Love Guru • Grace Is Gone • Andersen - Una Vita Senza Amore • Il Peggior Allenatore Del Mondo • Nella Rete Del Serial Killer • Ombre Dal Passato

«Lui, lei e babydog» Di Marcel Sarmiento

DA GIOVEDÌ 14 • Le Cronache Di Narnia • Il Principe Caspian • Identikit Di Un Delitto • Io Vi Troverò • Lui, Lei E Babydog

Genere: Commedia Cast: Malin Akerman, Brendan Hines, Juan Carlos Hernández, Kevin Sussman, Karen Shallo, Mason Pettit, Steve Rosen, Sam Coppola, Eric Zuckerman

SPINO D’ADDA Vittoria (0373 980106) • CHIUSURA ESTIVA

X-FILES - VOGLIO CREDERCI (Fantascienza)

23

Le persone si dividono in due generi: quelle che amano i cani e quelle che non gli sopportano... Charlie appartiene proprio a questo secondo gruppo, e non vuole saperne di quadrupedi. Così quando un giorno incontra Daphne, la ragazza che ha sempre sognato di incontrare, dovrà fare i conti con il suo "cucciolo" Babydoll. Il cane rischia addirittura di compromettere il loro

IO VI TROVERO’ (Thriller/azione)

rapporto... ma non per i motivi che potremmo aspettarci, infatti, Charlie si accorge che alla fine quello di cui aveva bisogno non era una ragazza, ma un "fedele amico dell'uomo". La situazione ora é paradossale, Charlie, non riesce a separarsi da Babydoll, e per vederlo deve continuare a frequentare Daphne, pur non avendone affatto voglia.

Cena della legalità: raccolti 5.570 euro Una squadra di piccoli alieni sta vagando per lo spazio alla ricerca di un luogo sicuro in cui trasferirsi per salvarsi dall'estinzione, perchè nel loro pianeta non possono più rimanere. Arrivano così sulla terra con un perfetto travestimento, la loro astronave infatti, ha le sembianze di un perfetto umano. Le loro intenzioni colonizzatrici però si interrompono, quando hanno vengono in contatto... con una donna.

n seguito alla misteriosa scomparsa di alcune ragazze nella campagna della Virginia, la polizia indaga seguendo gli indizi forniti da un prete che parla di un possibile esperimento medico e seguendo la pista di alcuni resti umani ritrovati sotto la neve al bordo della strada. Il caso é complesso, si potrebbe dire quasi "paranormale". Così entrano in gioco gli agenti Fox Mulder e Dana Scully, che si metteranno sulle tracce della verità, o di quella che potrebbe essere la verità...

SABATO 9 08.50 09.20 10.20 13.00 13.45

CANALE 5

RETE 4

SOLREGINA LODI CREMA TV

23.30

REDAZIONALI - VENDITE OBIETTIVO NOTIZIE - TG OBIETTIVO TERRITORIO OBIETTIVO NOTIZIE - TG OBBIETTIVO SHOW OBIETTIVO NOTIZIE - TG SPORT OBIETTIVO NOTIZIE - TG DENTRO LE NOTIZIE OBIETTIVO NOTIZIE - TG DOMANI È UN ALTRO GIORNO 21.00 OBIETTIVO TERRITORIO 22.30 OBIETTIVO NOTIZIE - TG

11.40 12.20 13.30 14.00 15.00 16.00 16.30 18.55 19.35 19.50 20.20 21.10 23.30 02.20 01.45

FEBBRE D’AMORE. Soap KOJAK. Telefilm TG 4 - METEO 4 IL TRIBUNALE DI FORUM BALKO. Telefilm SENTIERI. Soap opera RIN TIN TIN. Film TG4 - METEO 4 IERI E OGGI IN TV TEMPESTA D’AMORE. Soap RENEGADE. Telefilm ALASKA. Film IL SEGRETO DEL SUCCESSO TG4 RASSEGNA STAMPA CANZONI D’ESTATE

11.30 11.40 12.20 13.30 14.00 15.00 16.00 16.45 18.55 19.35 19.50 20.20 21.10 23.35 01.25

TG4 NOTIZIE TRAFFICO FEBBRE D’AMORE. Soap KOJAK. Telefilm TG 4 - METEO 4 IL TRIBUNALE DI FORUM BALKO. Telefilm SENTIERI. Soap opera WANDA, LA PECCATRICE TG4 - METEO 4 IERI E OGGI IN TV TEMPESTA D’AMORE. Soap RENEGADE. Telefilm LO SQUALO. Film MATRIMONIO CON VIZIETTO TG4 RASSEGNA STAMPA

11.30 11.40 12.20 13.30 14.00 15.00 16.00 18.55 19.35 19.50 20.20 21.10 23.35 01.45

TG4 NOTIZIE TRAFFICO FEBBRE D’AMORE. Soap KOJAK. Telefilm TG 4 - METEO 4 IL TRIBUNALE DI FORUM BALKO. Telefilm VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA. Film TG4 - METEO 4 IERI E OGGI IN TV TEMPESTA D’AMORE. Soap RENEGADE. Telefilm L’IDOMABILE ANGELICA ASSASSINIO SUL NILO TG4 RASSEGNA STAMPA

06.55 08.30 12.00 13.00 13.30 14.00 16.00 17.45 18.00 19.00 19.15 20.30 21.00 22.30

OROSCOPO SETTIMANALE REDAZIONALI - VENDITE OBIETTIVO NOTIZIE - TG CUCINOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIDEOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIAGGIOONE CINEMAOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG TRUCCOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG CREMONESE CALCIO OBIETTIVO NOTIZIE - TG

06.55 08.30 12.00 13.00 13.30 14.00 16.00 17.45 18.00 19.00 19.15 20.30 21.00 22.30

OROSCOPO SETTIMANALE REDAZIONALI - VENDITE OBIETTIVO NOTIZIE - TG CUCINOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIDEOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIAGGIOONE CINEMAOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG TRUCCOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG COCKTAIL IN TV OBIETTIVO NOTIZIE - TG

06.55 11.00 12.00 13.00 13.30 14.00 16.00 17.45 18.00 19.00 19.15 20.30 21.00 22.30

OROSCOPO SETTIMANALE MILLEVOCI OBIETTIVO NOTIZIE - TG CUCINOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIDEOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIAGGIOONE CINEMAOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG TRUCCOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG SUPER TOMBOLONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG

10.00 11.00 12.00 12.30 13.30 14.00 16.00 17.30 19.00 19.25 20.30 21.00 22.30

DENTRO LE NOTIZIE SANTA MESSA OBIETTIVO NOTIZIE - TG IL VANGELO ALLA PROVA OBIETTIVO NOTIZIE - TG FILM OBIETTIVO NOTIZIE - TG OBIETTIVO JUDO OBIETTIVO NOTIZIE - TG OBIETTIVO SHOW OBIETTIVO NOTIZIE - TG OBIETTIVO TERRITORIO OBIETTIVO NOTIZIE - TG

06.55 08.30 12.00 13.00 13.30 14.00 16.00 17.45 18.00 19.00 19.15 20.30 21.00 22.30

OROSCOPO SETTIMANALE REDAZIONALI - VENDITE OBIETTIVO NOTIZIE - TG CUCINOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIDEOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIAGGIOONE CINEMAOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG TRUCCOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG PIZZIGHETTONE CALCIO OBIETTIVO NOTIZIE - TG

11.40 12.20 13.30 14.00 15.00 16.00 16.30

08.30 12.00 12.30 13.30 15.00 16.00 18.00 19.00 19.25 20.30 20.50

21.30

BUFFY. Telefilm SMALLVILLE. Telefilm STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT CARTONI ANIMATI PASO ADELANTE. Tf SUMMER CRUSH. Telefilm SUMMER DREAMS. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO - METEO FRIENDS. Telefilm CAMERA CAFE’ CELEBRITY LA VITA SECONDO JIM. Tf STANDOFF. Telefilm PRISON BREAK. Telefilm

23.30

DOCUMENTARIO SANTA MESSA PIANETA MARE 2005 TG 4 - NOTIZIE TRAFFICO MELAVERDE / TG 4 - METEO STANLIO & OLLIO. Telefilm IN VIAGGIO CON PAPA’ 1999: CONQUISTA DELLA TERRA. Film TG 4 - TELEGIORNALE IL COMMISSARIO CORDIER «Il diavolo nel cuore». Tf MAIGRET E I TESTIMONI RETICENTI. Film ASSASSINIO SULL’EIGER

REDAZIONALI VENDITE OBIETTIVO NOTIZIE - TG CUCINOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIDEOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG VIAGGIOONE CINEMAONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG TRUCCOONE OBIETTIVO NOTIZIE - TG DENTRO LE NOTIZIE OBIETTIVO NOTIZIE - TG

18.55 19.35

10.25 11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.25 17.15 18.30 19.05 20.05 20.45 21.10 23.55

TG4 NOTIZIE TRAFFICO FEBBRE D’AMORE. Soap KOJAK. Telefilm TG 4 - METEO 4 IL TRIBUNALE DI FORUM BALKO. Telefilm SENTIERI. Soap opera URSUS. Film TG4 - METEO 4 IERI E OGGI IN TV TEMPESTA D’AMORE. Soap RENEGADE. Telefilm CUORE DI TUONO. Film BASTARDO DENTRO. Film TG4 RASSEGNA STAMPA

11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.25 17.15 18.30 19.05 20.05 20.45 21.10

08.30 12.00 12.45 13.30 14.30 16.00 17.45 18.00 19.00 19.15 20.30 21.00 22.30

16.00

BUFFY. Telefilm SMALLVILLE. Telefilm STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT CARTONI ANIMATI PASO ADELANTE. Tf SUMMER CRUSH. Telefilm SUMMER DREAMS. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO - METEO FRIENDS. Telefilm CAMERA CAFE’ CELEBRITY LA VITA SECONDO JIM. Tf COLORADO. Varietà THE HIYCHER II. Film

11.30 11.40 12.20 13.30 14.00 15.00 16.00 16.30 18.55 19.35 19.50 20.20 21.10 23.40 01.55

BUFFY. Telefilm SMALLVILLE. Telefilm STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT CARTONI ANIMATI PASO ADELANTE. Tf SUMMER CRUSH. Telefilm SUMMER DREAMS. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO - METEO FRIENDS. Telefilm CAMERA CAFE’ CELEBRITY LA VITA SECONDO JIM. Tf CANTA E VINCI! Varietà TUTTO IN UNA NOTTE. Att.

18.00 18.55 19.35 21.30 23.30 01.25

09.00 11.30 11.40 12.40 13.30 14.00

10.25 11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.25 17.15 18.30 19.05 20.05 20.45 21.10 23.00

FEBBRE D’AMORE. Soap KOJAK. Telefilm TG 4 - METEO 4 IL TRIBUNALE DI FORUM BALKO. Telefilm SENTIERI. Soap opera L’ALTALENA DI VELLUTO ROSSO. Film TG4 - METEO 4 IERI E OGGI IN TV TEMPESTA D’AMORE. Soap RENEGADE. Telefilm IL GIUDICE MASTRANGELO: «La settimana Santa». Tf GENTES. Attualità

10.25 11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.25 17.15 18.30 19.05 20.05 20.45 21.10 23.35

09.35 10.00 11.00 11.30 12.10 14.00 14.30 16.30

20.45 21.05 23.20

SMALLVILLE. Telefilm STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT CARTONI ANIMATI PASO ADELANTE. Tf SUMMER CRUSH. Telefilm SUMMER DREAMS. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO - METEO FRIENDS. Telefilm CAMERA CAFE’ CELEBRITY LA VITA SECONDO JIM. Tf IL PRINCIPE CERCA MOGLIE HEROES. Telefilm STUDIO SPORT

11.20 12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.25 17.15 18.30 19.05 20.05 20.45 21.10 23.35 02.15

CARTONI ANIMATI WILLY, PRINCIPE DI BEL-AIR STUDIO APERTO - METEO RTV - LA TV DELLA REALTA’ CONTINUAVANO A CHIAMARLO BEETHOVEN. Film L’ARCA DI NOE’. Film STUDIO APERTO - METEO SETTIMO CIELO. Telefilm IL MAMMO. Telefilm I CESARONI. Telefilm UGLY BETTY. Film STUDIO SPORT JOAN LUI -MA UN GIORNO NEL PAESE ARRIVO IO DI LUNEDI’

AMORE IN PRIMA CLASSE TG 4 - NOTIZIE TRAFFICO FORNELLI D’ITALIA DOC. Telefilm TG 4 - METEO 4 NERO WOLFE: DELITTI D’AMORE. Film PSYCH - «Duetti americani» «Dinosauro Assassino». DONNAVVENTURA TG 4 - METEO 4 RENEGADE. Telefilm CRIMINAL INTENT. Telefilm IL COMMISSARIO MOULIN TG4 RASSEGNA STAMPA

17.50 18.30 19.00

18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 01.20

08.50 TUTTI AMANO RAYMOND 09.20 IL FIDANZATO DI MIA FIGLIA. Film 11.00 FORUM. Attualità 13.00 TG5 - METEO 13.40 MY LIFE. Soap 16.00 UNA MAMMA PER AMICA 16.55 TG5 MINUTI - METEO 5 17.00 INVISIBILE PER AMORE 18.50 EVERWOOD. Telefilm 20.00 TG 5 - METEO 5 20.30 VELINE. Varietà 21.10 MEDITERRANEO. Film 23.20 DILLO CON PAROLE MIE 01.20 TG5 NOTTE - METEO5

SMALLVILLE. Telefilm STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT CARTONI ANIMATI PASO ADELANTE. Tf SUMMER CRUSH. Telefilm SUMMER DREAMS. Telefilm CARTONI ANIMATI STUDIO APERTO - METEO FRIENDS. Telefilm CAMERA CAFE’ CELEBRITY LA VITA SECONDO JIM. Tf COLPO GROSSO AL DRAGO ROSSO. Film 23.00 UN CICLONE IN FAMIGLIA 2

18.50 20.00 20.30 21.10 23.05 01.35

18.55 19.35 19.50 20.20 21.10

16.55 17.00 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 00.20

VENERDI’ 15

TUTTI AMANO RAYMOND UN BAMBINO IN TRAPPOLA FORUM. Attualità TG5 - METEO MY LIFE. Soap UNA MAMMA PER AMICA TG5 MINUTI - METEO 5 ROSAMUNDE PILCHER: UN GRANDE AMORE. Film EVERWOOD. Telefilm TG 5 - METEO 5 VELINE. Varietà UNA MOGLIE PER PAPA’ AMORI & INCANTESIMI TG5 NOTTE - METEO5

16.55 17.00 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 01.20

07.45 11.20 12.30 13.00 14.05 16.00 18.30 19.00 20.00 20.30 22.45 00.35 01.15

GIOVEDI’ 14 08.50 09.20 11.00 13.00 13.40 16.00 16.55 17.00

PIU’ FORTE RAGAZZI! STUDIO APERTO - METEO STUDIO SPORT - TG.COM RTV - LA TV DELLA REALTA’ LA PRINCIPESSA E IL MARINE. Film DUE GEMELLE QUASI FAMOSE. Film A CASA DI FRAN. Telefilm STUDIO APERTO - METEO MOWGLI - IL LIBRO DELLA GIUNGLA. Film RTV - LA TV DELLA REALTA’ JUMANJI. Film GLOBAL EFFECT. Film

16.35

MERCOLEDI’ 13 TUTTI AMANO RAYMOND FUGA DALLA CASA BIANCA FORUM. Attualità TG5 - METEO MY LIFE. Soap INSIEME APPASSIONATAMENTE. Telefilm TG5 MINUTI - METEO 5 INNAMORARSI A VENEZIA EVERWOOD. Telefilm TG 5 - METEO 5 VELINE. Varietà DONNE SBAGLIATE. Film MATRIX. Attualità TG5 NOTTE - METEO5

09.20 11.00 13.00 13.40 15.55

08.50 09.20 11.00 13.00 13.40 15.55 16.55 17.00

11.15 12.25 13.00 13.40 14.10

MARTEDI’ 12

TUTTI AMANO RAYMOND I TESTIMONI. Film FORUM. Attualità TG5 - METEO MY LIFE. Soap UNA MAMMA PER AMICA TG5 MINUTI - METEO 5 INSIEME APPASSIONATAMENTE. Telefilm EVERWOOD. Telefilm TG 5 - METEO 5 VELINE. Varietà PARTNERPERFETTO.COM LITIGI D’AMORE. Film TG5 NOTTE - METEO5

09.30 CIRCLE OF LIFE. Telefilm 10.30 ALL’INSEGUIMENTO DELLA PIETRA VERDE. Film 13.00 TG 5 - METEO 5 13.35 BEACH GIRLS - TUTTO IN UN’ESTATE. Telefilm 14.40 QUESTA E’ LA MIA TERRA VENT’ANNI DOPO. Film TV 16.35 NATI IERI. Telefilm 17.40 UNO STRANO CASO. Film 20.00 TG 5 - METEO 5 20.40 SUPERSHOW. Varietà 21.10 ENTRAPEMENT. Film 23.30 SOUND OF FEAR. Film

15.40 16.40 17.40 20.00 20.30 21.10

Un ex agente segreto (Liam Neeson) dovrà mettere in campo tutta la sua esperienza ed un'implacabile ferocia, per cercare di salvare la figlia che, durante un viaggio a Parigi, viene sequestrata da un'organizzazione criminale che rapisce giovani donne per inserirle in un giro di prostituzione dopo averle drogate. Una caccia all'ultimo sangue, senza quartiere senza pietà, sulle tracce della figlia scomparsa.

LUNEDI’ 11

DOCUMENTARIO CIRCLE OF LIFE MARITI IN AFFITTO. Film TG5 - METEO 5 BEACH GIRLS - TUTTO IN UN’ESTATE. Telefilm E POI C’E’ FILIPPO. Telefilm NATI IERI. Telefilm POLIZIOTTO SUPERPIU’ TG 5 - METEO 5 VELINE. Varietà CIAO DARWIN - L’ANELLO MANCANTE. Varietà ANGELA’S EYES. Telefilm TG5 NOTTE

24.00 00.30

ITALIA 1

DOMENICA 10

Con l'iniziativa «Cena della legalità», tenutasi lo scorso 7 giugno, nell'ambito del progetto «Differenze, generi, generazioni, geografie» sono stati raccolti 5.570 euro a favore dell'associazione «Libera» di Don Luigi Ciotti. In considerazione del positivo risultato - ha spiegato l’assessore Caterina Ruggeri anche per il prossimo anno saranno valutati altri progetti da realizzare con l'associazione.

LA NEVE IN AGOSTO. Film FORUM. Attualità TG5 - METEO MY LIFE. Soap INSIEME APPASSIONATAMENTE. Telefilm TG5 MINUTI - METEO 5 INGA LINDSTROM - OMBRE DAL PASSATO. Telefilm EVERWOOD. Telefilm TG 5 - METEO 5 VELINE. Varietà DIRTY SEXY MONEY. Tf BIG SHOTS. Telefilm SEX & LAW. Telefilm

08.50 09.25 11.00 13.00 13.40 15.55


Sport&Sport Da Pergine al Catai Amichevole a Pergine 24

il calcio

Con la Ferrari via Cremona

M

arco Polo, figlio di Niccolò, intraprese il viaggio della vita con il padre e lo zio: aveva 40 anni circa. A cavallo, a piedi, su asini e cammelli, partendo da Venezia, seguendo gli itinerari già battuti da altri mercanti attraverso l’Asia Minore e Centrale, giunse in Catai, Cina, che in una versione de «Il Milione» viene chiamato Cipango, Cina e Giappone. Si trovò bene tanto che si fermò 17 anni. La sede principale era a Nanking capitale dell’epoca, che solo con la dinastia Ming venne trasferita all’attuale Pechino. Sembra che Marco Polo impiegasse più di un annetto a raggiungere il Cipango. Oggi Roma Pechino in reoplano dura più o meno 8/10 ore dipende dalla compagnia, dal traffico, dai piloti, da qualche terrorista mai dall’agenzia che ti ha venduto il biglietto. L’occhiello sotto il titolo scelto dai redattori non si riferisce ai bolidi rossi oggi un tantino in affanno, vuole essere un omaggio a una campionessa che ha appena abbandonato l’età dell’infanzia, ma che vive la sua fanciullezza piena di successi: poi diventerà grande di età. Vanessa è già grandissima e a dar retta ai molti articoli che la vedono protagonista non ci sono dubbi. Non siamo solo noi italianuzzi “de la ma-

scherpa”, non è solo il China Daily sul quale Mr. Rupert M. non potrà mai mettere le mani, sono qualcosa come 22 articoli pubblicati in nove lingue (non li abbiamo tutti) a preoccuparsi della sua tendinite a un piede…Noi speriamo nel Lasonil, oltre non sappiamo né possiamo. Perri, nove Olimpiadi di cui tre da atleta e le altre da CT, ha raggiunto la sede assegnata insieme a Benedini (Bissolati). A noi risulta che gli altri componenti la comitiva “del remo e della pagaia” fossero già sul posto, compreso Simone Rainer, ma il Coni non ha emesso comunicati. Anche i non innamorati dello sport sanno che ci sono e cosa sono le Olimpiadi. ma nemmeno tutti gli appassionati sanno quante e quali discipline sono olimpiche. Nel 1896 su proposta del Barone Pierre de Coubertain era nato il Cio, votato da tutti i presidenti delle organizzazioni sportive delle nazioni all’epoca ritenute tali. Ogni nazione aderente oggi ha regolamenti propri ma non in dissenso con quello originale che è andato aggiornandosi col mutare delle situazioni sociali e sempre a maggioranza dei votanti. Tredici le discipline considerate obbligatorie: atletica leggera, canottaggio, ciclismo, ginnastica, lotta grecoromana e libera, nuoto, pentathlon moderno, pugilato, scherma, sollevamento pesi, sport equestri, tiro a segno, a volo, con l’arco, vela. A

INTERMEZZO

Mi era scaduta la patente, e pur essendo stato avvertito dal competente ministeriàl ufficio, vado domani che non piove, ho da fare quindi dopodomani…, così fino alla dimenticanza e al primo controllo senza aver commesso infrazioni di sorta, ciao documentino. Più che giusto! Luca Pedroni, troppo presto chiamarlo amico, troppo riduttivo chiamarlo autista, cede alle mie lusinghe e mi accompagna per la seconda volta in Trentino: non ama il calcio ma le montagne. L’appuntamento è alle nove e, come suo diritto, decide i percorsi. Definitivo, «Niente autostrade, neanche di qui a Brescia, che passo da Pontevico  a vedere i capannoni della mia ex, ne avrei acquistato uno a prezzo di favore…». Senza nostalgia e parlando di canti della montagna percorriamo i nuovi intricati geroglifici  stradali che portano verso Verona. Superiamo qualche volta la Serenissima, e sempre il lungo serpente di auto in coda e quasi ferme o ferme del tutto lo obbligano al gesto dell’ombrello. Dopo il primo mi offro come sostituto che l’è mej: non siamo i soli ad aver scelto le provinciali. La velocità media fa invidia solo a quella di un birroccio: Dopo vari ponti su Adige e Serenissima, e altrettanti ombrelli miei sennò mi interroga con lo sguardo (perché no?), lasciamo sulla destra Rovereto e arriviamo in Trento. E’ passato mezzogiorno, le strade sono deserte e dopo il maniero austriaco che fu il patibolo di Battisti, spenta l’aria condizionata che ruba potenza al motore, Luca sempre autista ma un po’ più amico, dirige su Pergine. In lontananza intravedo la Paganella. L’orario e l’istinto famelico di due viandanti ci spingono alla ricerca di un posto per nutrirci: lui punta un’osteria, io no.

queste si sono via via aggiunte altre come calcio, canoa, hokey su prato, judo, pallamano - basket, wolley -. Il tennis dopo essere stato espulso è stato riconfermato. Molte di queste discipline, (tutte?), infrangono la prima regola olimpica: “tutti gli atleti devono essere dilet-

tanti”. De Coubertain, grande educatore e grande sportivo è stato presidente del Cio dalla fondazione fino al 1925 (morì a Ginevra nel 1937): presente oggi inorridirebbe solo per il doping e fonderebbe un organismo internazionale per stroncarlo.

pallacanestro Vanoli e JuVi pronte al rimbalzo

Comincia al meglio la stagione 2008-2009

B

di Giovanni Zagni

reve prembolo alle considerazioni tecniche e di altro genere, vuole ci si soffermi sull'accordo, “quasi storico”, tanto per volare bassi, tra le squadre cremonesi che si contendevano l'uso del pomeriggio domenicale del Palasomenzi, quello che garantisce l'opportunità di un maggior numero di presenze,a livello di spettatori e tifosi: grazie ai buoni uffici del vicesindaco Luigi Baldani ed alla collaborazione tecnica degli uffici comunali, tutto è andato per il meglio, con qualche piccola rinuncia delle società, tanto che alla fine la soddisfazione è stata espressa da tutte le parti : Vanoli eJuvi per il basket ed Esperia per il volley femminile. Difficile far quadrare il cerchio, ma alla fine è andata bene e troviamo motivo per brindare alle fortune sempre maggiori dello sport di casa nostra. Ma torniamo alle considerazioni sulla pallacanestro, lo sport di cui principalmente ci occupiamo. La Vanoli di Cioppi,ringiovanendo molto, ha perso probabilmente per tasso tecnico individuale, ma ha acquisito in freschezza, fisicità e voglia di emergere, qualità quet'ultime che possono portare lontano, magari ancor più di quanto ci si immaginerebbe leggendo statistiche e "numeri" dei nuovi venuti.ed il basket moderno per fortuna, o purtroppo, non è più

quello del secondo dopo guerra, ma fisico e velocità di esecuzione ne han cambiato i tempi ed i ritmi. Noi nostalgici del bello ci divertiamo meno a vederlo, ma lo accettiamo volentieri considerandolo una evoluzione non cassabile. Con questa premessa, siamo curiosissimi di andare a sbirciare la nuova-Vano-

li, non appena, bontà sua, ce ne darà l'occasione, per cercare di approfondire il discorso, anche in chiave tecnica, che è sempre quella cha scalda maggiormente gli animi e mette le opinioni in contrasto Ci si conceda un augurio : speriamo di vedere difendere "come dio comanda" e non con il colabrodo della passata stagione !

Nuova A dilettanti: porta aperta per Adami e la sua squadra

Trionfo in B2, per Adami ed i suoi e porta aperta per la nuova A dilettanti. Un bel rebus? Una impresa difficilissima ? Una stagione esaltante perchè "nuovissima" da vivere al massimo dell'intensità e della concentrazione. Si dice che quando una squadra raggiunge un traguardo importante, la stagione successiva debba cercare di riconfermarsi senza troppi patemi, al fine di rendere stabile posizione e risultato acquisito. In quest'ottica probabilmente s'è mosso Matteo Bonetti, senza strizzare l'occhio a risultati ancora molto appaganti. La squadra affidata a ncora una volta ad Adami ci pare molto com-

petitiva e perciò in grado di dare ampie soddisfazioni a dirigenza e tifosi in in contesto molto complicato com'è la B1, pardon, la A dilettanti, che aspetta a braccia aperte di vedere le gesta dei "cavalli" di casa nostra. Scrutando tra i "magnifici sei senior" non vediamo falle che comunque potrebbero essere terreno...da arare, per i giovani virgulti approdati alla Vitor's. Ed allora perchè non provare a sognare ad occhi aperti, magari per intravvedere, là, lontano, quando ci si risveglia, un doppio salto all'insù. In fondo mancherebbe solo la seconda parte perchè la prima è già in cantiere con grandi meriti.

di Eugenio Grignani

Cremo - Pice 2 a 1

Pergine (Valsugana) 2 agosto,                                                                     Premessa. Questa volta è consigliabile leggere l’Intermezzo prima della cronaca fedele di una gita in Valsugana per assistere alla partita amichevole Cremonese - Pizzighettone.   l  Bar Mozart: ci accoglie un giovanotto dall’aria intelligente che dice subito di non aver più pane ma solo due brioches. Marco, questo è il suo nome, è lì per dare una mano a suo papà, confessa di saper poco di bar, e non sa nulla della Cremo. Scoperto che sono dell’Inter parla del suo Milan. Devo confessargli la mia amicizia con Rivera, incredulo e garrulo ci versa due bianchini, un modo un po’ così per nutrirsi. Una vecchia coppia di genoani, sentito del mio lieve appoggio nerazzurro, straparla di Mancini, che sin da piccolo era un rompiballe, che solo Mantovani l’aveva lanciato, che poi tutto il merito era di Vialli ecc. Saluto con gentile fermezza e mi avvio: l’amico autista paga i due bianchini  per precedermi subito al locale di fronte: Circolo degli Anziani, via Cesare Battisti ,3. «Aperto solo ai Soci»: ma la Carmen (nome strano per una trentina, ma gentile la sua parte) si affretta a dire che è solo per le cene. Si parla, mentre si mangiucchia qualche cosa, il bianco è diventato rosso, Indico Luca… lui è di Cremona, ma io sono di Bergamo…»  «Maria c’è qui un bergamasco come te». Giuro  che è vero: La Signora Maria è in gamba e dice subito «I miei erano bergamaschi, ma io sono nata a Pizzighettone e…». Di quell’incontro non posso fare un romanzo ma ripeto, nessuna fantasia in questo breve inciso. Grazie a voi, amici del Circolo. Manterrò la promessa di inviarvi Il Piccolo. Luca dovrà mantenere la sua, costruire un gemellaggio col Circolo Conca di via San Francesco a Cremona: non è per anziani, solo per adulti, un modo più… bassaiolo per dire la stessa cosa. A Pergine, graziosa cittadina timbrata Cecco Beppe, nel Nuovo Stadio ha luogo l’amichevole Cremo-Pice, un arrivederci tra amici stanchi per i duri allenamenti fisici ma cordiali, visto che l’ex premier di quelli dell’Adda oggi è VP della Cremo. Già scritto settimana scorsa, ma è utile  ripeterlo, né mi atteggerò a vice Turotti, DG, se preferite scritto per intero direttore generale in  grigiorosso. Questo personaggio esercita le sue indispensabili funzioni anche tra la  società e lo spogliatoio, inteso come giocatori comandati da un Signor allenatore. Il calcio di oggi non si basa solo sul rapporto atletico-economico tra allenatore e giocatore, pacca sulla spalla e assegno del Presidente, ma su una serie di regole europee e mondiali, visto che entra nel mondo Olimpico. Regole. Così le ho definite per una specie di nostalgica difesa del calcio d’antan, fazzoletto bianco sulla fronte e via a raccogliere il premio della partita, i bacioni della bella della casa di fronte: oh basta là, direbbero dalle parti di Biella. Sono andato addirittura alle origini e vengo subito ai giorni nostri.  Le regole attuali sono leggi e come tali devono essere rispettate; per fare questo ci vuole una persona con un piede piantato sulla pignoleria delle interpretazioni legali  e l’altro sui vari interessi di una società del calcio odierno. Intuitivo come deve marciare il  primo piede, utile dare uno sguardo a quello che deve fare il secondo. Per uscir di parafrasi ed entrare in via Persico, Sandro Turotti collega pareri ed esigenze del VP Fogliazza con le sue e quelle di Ivo Iaconi Allenatore: questa trimurti decide il va e vieni dei giocatori, sa come, dove quando e perché; sanno perfettamente chi occorre e chi no e al momento del "tutto concluso" intorno al quale loro lavorano con molta riservatezza ce lo comunicheranno. Non essendo una falena non rincorro le luci dei vuoi vedere che: attendo la fine di agosto. A quel punto il Ivo Iaconi  avrà a disposizione la “sua rosa” e di volta in volta ne disporrà i petali  - oh come son gentile - sotto la sua totale responsabilità. E allora scatenatevi, cari duemila vice allenatori, però solo al bar dello sport.

I

Le Partite amichevoli. Pretendere di assistere a partite vere è un assurdo in termini. Questi i incontri appartengono a due categorie. Per le squadre di rango costituiscono un ulteriore cespite di entrate oltre gli abbonamenti, la vendita settimanale dei biglietti, il merchandising e  i copiosi introiti   derivanti dalla pubblicità. Per le squadre  di minor livello  sono un diario per gli allenatori, per le loro scelte, per le conferme, per le  cessioni. Intorno alle amichevoli si muovono decine e decine di persone, a Pergine ne ho viste sei o sette, due alle mie spalle sicuramente da sotto Firenze. L’amore per i colori dei contendenti non ha nulla da spartire con la loro presenza se non a posteriori e in linea legittima col mercato.


Sport

Venerdì 8 Agosto 2008

OLIMPIADI: I cremonesi a Pechino 2008

25

PUGILATO/1

Preoccupano le condizioni della Ferrari Un grande ritorno

B

di Cesare Castellani

rutte notizie da Pechino: preoccupano le sue condizioni tutto il clan della ginnastica di Vanessa Ferrari in vista dell`appuntamento olimpico. E` caduta tre volte sulle diagonali del corpo libero. Nel giorno della prova generale delle ginnaste azzurre nel National Indoor Stadium, l`ex campionessa del mondo non è riuscita nell`impresa: troppo difficile, per la sua attuale condizione fisica (problemi al tendine destro), l`esercizio che ha effettuato su indicazione del tecnico azzurro, Enrico Casella il quale ha spiegato come d'accordo con l'atleta si sia provato a vedere se la stessa fosse in grado di compiere determinati esercizi risultati impossibili per le sue attuali condizioni di salute. «In gara sarà un'altra cosa, e comunque l`esercizio più difficile lo togliamo per le eliminatorie, poi vediamo» afferma il tecnico Casella. «Di sicuro meglio un esercizio meno difficile, ma fatto bene». Già alla prima giornata, oltre a Vanessa, anche un altro atleta cremonese è pronto a scendere in lizza: Simone Raineri. Per Raineri, già oro otto anni fa a Sydney nella stessa specialità, il quadruplo in cui si presenta quest’anno, l’appuntamento è per domenica alle 11,50 con le batterie (eventuali ripescaggi il 12 alle ore 11,40; semifinali il 14 agosto alle 10,30; finali, do-

menica 17 agosto alle 10,50). Fortissimo l’equipaggio di cui Simone è capovoga. Con lui un altro monumento del canottaggio azzurro, Rossano Galtarossa, alla sua quinta olimpiade e col quale ha condiviso l’oro di Sydney, Simone Venier e Luca Agamennoni. Un equipaggio affiatatissimo e sempre a medaglia in tutte le grandi competizioni di quest’anno. A Pechino da qualche giorno, i quattro stanno sostenendo allenamenti durissimi (il gran caldo li costringono ad indossare speciali giubbotti refrigeranti), ma sembrano in grandissime condizioni di forma. Vanessa invece parte domenica (ore 7,30 in Italia) con la sua prima avventura olimpica nel concorso a squadre. Parliamo di Concorso I, dal quale scaturiscono le 24 finaliste del Generale (Concorso II), le otto delle varie specialità (Concorso III) e altrettante squadre per la Team Final (Concorso IV). In qualifica vale la formula del 6-5-4 (da una rosa di sei ginnaste, cinque salgono su ciascuno dei sei attrezzi con la possibilità di scartare il punteggio più basso), mentre in finale vale il 6-3-3 (tre ginnaste per apparato senza scarti). L’Italia rosa è finita nella seconda di quattro suddivisioni e pertanto girerà con Gran Bretagna, Giappone e Stati Uniti. A Cina e Romania l’onere e l’onore del girone iniziale. Russia, Germania, Ucraina e Australia sono nel terzo, mentre Francia e Brasile

Benedini (il terzo da sinistra) con il K4 azzurro

Vanessa Ferrari

chiudono il quarto con due gruppi misti. Le azzurre, come si è detto, trovano subito la trave, alle 13.30 (7.30 ora italiana) di domenica 10 ago-

no duri, la Ferrari comincia a giocare», ha titolato il quotidiano cinese. L'articolo ha compiuto un excursus nella carriera della giovane atleta azzurra, prima italiana a vincere un oro ai campionati mondiali, ad Aarhus 2006, in Danimarca, ricordando che ai mondiali del 2007 di Stoccarda, nonostante una frattura al piede, Vanessa Ferrari ha conquistato la medaglia di bronzo. Infine, Franco Benedini. il bissolatino delle Fiamme Oro, che continua la tradizione delle pagaie cremonesi, è stato l’ultimo dei nostri a raggiungere Pechino, solo un paio di giorni fa, in tempo

per Simona Locatelli

Simona Locatelli sul ring

di Cesare Castellani

Raineri, Galtarossa, Venier, Agamennoni

sto. Vanessa è una delle atlete più attese, soprattutto dai cinesi: a lei sono state dedicate parecchie pagine dell’inserto «Olimpico» del China daily. «Quando i giochi diventa-

per permettere al suo coequipier Antonio Rossi di partecipare come portabandiera alla cerimonia di inaugurazione dei giochi. Franco e i suoi, guidati da Oreste Perri, avranno tutto il tempo di smaltire le fatiche del viaggio e l’emozione della cerimonia inaugurale dato che le gare di canoa in inizieranno solo nella seconda settimana dei giochi, lunedì 18, una volta terminate le gare di canottaggio che si svolgono sullo stesso bacino. Anche Benedini è da medaglia ed è l’unica, quella del K4, che manca sia ad Antonio Rossi, sia ad Oreste Perri che l’ha fallita da atleta nell’ormai lontano 1972 per un sol decimo di secondo e con la quale il tecnico cremonese vorrebbe chiudere la sua carriera.

Prosegue il buon momento del pugilato cremonese anche se, per una ventina di giorni, sin dopo ferragosto, l'attività si fermerà completamente per un giusto periodo di riposo dopo le notevoli fatiche cui si sono sottoposti tutti nei mesi di giugno e luglio. Intanto in città si fa ancora sentire l'eco della riunione svoltasi il 31 luglio in Piazza Stradivari e che ha chiuso ufficialmente la stagione estiva che l'Accademia Boxe Cremona ha chiuso con un buon bilancio costituito da 64 incontri disputati di cui 29 vinti, 15 pareggiati e 20 persi. Tra le noti positive, l'ottimo comportamento dei giovanissimi e il rientro all'attività, dopo 13 mesi di stasi, di Simona Locatelli. L'ex campionessa d'Italia ha voluto in ritorno in grande stile affrontando la seconda classificata agli ultimi campionati italiani, la piemontese Pamela Sala e l'ha superata chiaramente dimostrando che agli Assoluti avrebbe potuto dire la sua e che rimane ai vertici delle graduatorie nazionali. Per quanto concerne i giovani, Fulvio Dernini e Massimo Avosani si sono guadagnati il diritto a partecipare agli Interregionali della categoria juniores in programma ai primi di ottobre, grazie ai punteggi acquisiti nelle ultime settimane. Florin Udrea e Lodovico Orsini, invece, sono stati invitati alla disputa del «Guanto d'Oro», torneo federale ad inviti riservato agli Under 21 che avrà la

valenza di un vero e proprio campionato italiano cui prenderanno parte i migliori 16 elementi di ciascuna categoria (stranieri residenti in Italia compresi). L'unico escluso dalle grandi manifestazione, nonostante gli ottimi risultati conseguiti (14 incontri con tre sole sconfitte) resta Yurji Nickolsckji per via della nazionalità, ma l'allievo di Luca Avosani diventerà presto italiano, al compimento dei 18 anni, quindi il prossimo anno lo vedremo partecipare a tutti i tornei di carattere nazionale. Infine, Cristian Marchetti: in soli due mesi, con quattro incontri all'attivo tutti vinti in maniera perentoria, l'unico pugile professionista cremonese ha fatto un bel salto avanti nelle classifiche: in quella italiana è al 9° posto, nell'europea al 91°, in quella mondiale è salito dal 704 al 271°. Il 1° settembre per il titolo italiano della sua categoria, quella dei mediomassimi, si batteranno il calabrese Francesco versaci e il piemontese Maurizio Lovaglio: due pugili che Marchetti ha già superato un paio di anni fa, quando militavano tra i dilettanti. Il ritorno all'attività di Marchetti è previsto per il 18 settembre in una riunione che si terrò all'Autodromo di Adria (Rovigo) contro un avversario non ancora designato. Poi, il 26 novembre, dovrebbe combattere a Piacenza contro il piacentino Massimiliano Saiani, pugile di lunga militanza professionistica (è professionista dal 1993) già campione d'Italia e del Mediterraneo.


26

Sport

Venerdì 8 Agosto 2008

Nella categoria C/D successo di Santini e Penotti sui compagni di società Ciappei e Bellardi

Splendida performance di Rossi e Guindani al Fadigati

C

di Massimo Malfatto

on una sorpresa (la sconfitta di Saleri e C.) e con una conferma (la bocciofila Le Querce) si è concluso il 3° trofeo “Termotec” e 2° Memorial Pugnetti Mario, gara regionale (con due finali separate) organizzata dal

G.S. Fadigati. Nella categoria A/B (solo 45 formazioni iscritte!) i migliori Angelo Guindani e Pierluigi Rossi della stagione archiviano la pratica con un successo tanto sofferto quanto prestigioso. I portacolori del Cral Aziende Sanitarie superavano in semifinale i “ferrovieri” Bonetti e Ghidoni (12-9) ed in finale avevano la meglio sui big Danilo Saleri e

Rossi e Guindani, vincitori di Categoria A/B

CLASSIFICA GENERALE 3° Trofeo “Termotec”

CLASSIFICA GENERALE 2° Memorial Mario Pugnetti 1° Penotti-Santini (Le Querce) 2° Ciappei-Bellardi (Le Querce) 3° Generali-Ziliani (Coop Castelvetro) 4° Morenghi-Gerevini (Puntoraffavolo) 5° Lussignoli-Mammoliti (Ferroviario) 6° Ferrari-Pedrini (Fadigati) 7° Borlenghi-Frigoli (CASC) 8° Celardo F.-Ferrari (Bissolati)

1° Rossi-Guindani (CASC) 2° Benedetti-Saleri (Brescia Bocce) 3° Bonetti-Ghidoni (Ferroviario) 4° Bassotti-Lodigiani (CASC) 5° Ripari-Cesena (Fadigati) 6° Ronda-Gaimarri (Stradivari)

Gianpietro Benedetti al termine di un incontro emozionante, ricco di errori e di colpi di scena: in vantaggio 11-8 i bresciani sciupavano l’occasione di chiudere il match e venivano “puniti” dai sorprendenti Rossi-Guindani sul filo di lana. Al quarto posto Vanni Bassotti e Alessandro Lodigiani sconfitti in semifinale da Benedetti-Saleri per 12-4. Nella categoria C/D (58 coppie partecipanti) en plein della bocciofila Le Querce, molto “affezionata” a questa manifestazione. Sul gradino

più alto del podio sono saliti Ugo Santini e Palmiro Penotti che si facevano largo nei quarti eliminando i “ferrovieri” Lussignoli-Mammoliti (12-9) ed in semifinale superando Generali-Ziliani per 12-6. In finale approdavano anche Vanni Bellardi e Mauro Ciappei; i vincitori dello scorso anno superavano i quarti senza giocare per assenza degli avversari (i beniamini di casa Ferrari e Pedrini) mentre in semifinale avevano la meglio sui pur bravi Morenghi-Gerevini con il punteggio di 12-5.

Santini e Penotti, vincitori nella categoria C/D

Finale tutta in famiglia, senza storia ed agevole successo di Penotti-Santini su BellardiCiappei per 12-2. Precisa la direzione di gara di Ennio Cle-

memorial bertoni

TRATTORIA MULINO

Nel "Memorial Bertoni" trionfano Pozzali - Zorza Il cielo sopra la Tamoil si tinge di Dopolavoro Ferroviario. Con l’autorevolezza dei forti, Ennio Pozzali e Mauro Zorza sono saliti sul gradino più alto del podio nel 13° Memorial Bertoni A.-Bertoni G., tradizionale gara regionale a coppie. Un cammino limpido coronato da un meritato successo quello ottenuto dai “ferrovieri” che stanno attraversando un ottimo periodo di forma; per loro si tratta del secondo successo stagionale, un risultato sorprendente per una formazione da molti anni sulla breccia, ma mai con grandi risultati. La gara, programmata a giugno ma rinviata per le note vicende am-

bientali delle canottieri, ha visto la partecipazione di 88 formazioni (ben 100 in meno rispetto al precedente sorteggio!), un discreto livello del gioco ed un notevole concorso di pubblico, nonostante il periodo estivo. Dopo aver superato lo scoglio dei quarti di finale senza giocare per mancanza degli avversari, Pozzali-Zorza si sbarazzavano in semifinale dei cremaschi SevergniniGalantini per 12-3. Nella parte alta del tabellone in evidenza Giorgio Bertoni e Paolo Reghenzani. I bissolatini infliggevano un “cappotto” fuori stagione a Boccali-Ghidelli ed approdavano in

Ennio Pozzali e Mauro Zorza, primi classificati nella gara della Tamoil

finale superando Favalli-Bianchessi con il punteggio di 12-4. Il match di finale è stato equilibrato solo nelle prime tornate (4-4), poi i beniamini di casa si smarrivano e si dovevano arrendere al miglior gioco di Pozzali-Zorza, alla fi-

menti, arbitri di corsia Primo Massarini e Mauro Poli mentre il comitato era rappresentato dal vice-presidente Roberto Miglioli.

ne vittoriosi con il punteggio finale di 12-4. Ha diretto la gara Livio Scaratti, arbitri di corsia Maurizio Barozzi e Mauro Poli, mentre il comitato FIB era rappresentato dal vice-presidente Giovanni Piccioni. MM

E’ iniziata lunedì 4 agosto la tradizionale gara organizzata dalla omonima bocciofila di Casalbuttano. La manifestazione, diretta da Ennio Clementi, vuole anche ricordare i soci Luciano Albanesi e Ferruccio Ghidetti prematuramente scomparsi ed avrà il suo epilogo sabato 9 agosto con inizio alle ore 20 presso la sede di via Bergamo. I recuperi della gara si svolgeranno alle ore 19 sulle corsie della bocciofila Amica di Mirabello Ciria.


Venite a scoprirla presso: CONCESSIONARIA PER CREMONA E PROVINCIA

Sede: CREMONA Via Castelleone, 134 Tel. 0372 471422 - 0372 471071 - info@giorgiomarrauto.it Punto aggiuntivo service: CASALMAGGIORE Via della Repubblica, 41 Tel. 0375 42401 - Fax 0375 41495

(CHIUSO PER FERIE DAL 9 AL 17 AGOSTO)

Il Piccolo Giornale  

8 agosto 2008

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you