Issuu on Google+

Il

PICCOLO giornale del

Cremasco

venerDI’ 3 Luglio 2009 • Supplemento settimanale al n° 27 de "Il Piccolo Giornale"

€ 0,02 Copia Omaggio

Direzione e redazione: Piazza Premoli, 7 - Crema • Tel. 0373 83.041 • Fax 0373 83.041 • E-mail: cremasco@cuticomunicazione.it Pubblicità: Immagina srl - Via S. Bernardo, 37 - Cremona • Tel. 0372 45.39.67 - 43.54.74 • Fax 0372 59.78.60 • Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96-Cremona

I vigili: «tutti i Permessi azzerati»

Ztl, la rivoluzione che ci cambia la vita

La vuole subito il sindaco: «Per una città più sicura». Come funzionerà? Quattro telecamere sorveglieranno 24 ore su 24 il centro storico per leggere le targhe delle auto. Multe a chi sgarra. I commercianti sono già in allarme. E l'opposizione parte all'attacco.

I

Tremonti, ecco che cosa ti sei dimenticato

l Tremonti Ter appare come uno dei Decreti Legge più leggeri rispetto a quelli emanati in passato ma comunque molto dettagliato nei suoi 26 Articoli che vanno dalla detassazione degli utili reinvestiti alla stretta sui capitali nei paradisi fiscali, dalle norme sulle commissioni bancarie all’accelerazione dei pagamenti della pubblica amministrazione alle imprese. Il decreto inoltre vara numerose norme anti-crisi, mirate soprattutto ad agevolare le imprese, stabilendo riduzioni per il costo del gas, lo sblocco degli investimenti per le reti elettriche e l’avvio di una serie di opere per le aree terremotate. Le valutazioni di tale decreto non possono che essere in larga misura positive e di tale tono sono stati i commenti della presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. Molte voci si sono però levate per lamentare la limitazione circa l’applicazione della norma sulla detassazione degli utili reinvestiti agli acquisti di nuovi macchinari, tralasciando la possibilità di detassare gli investimenti per il miglioramento degli impianti esistenti, così come voci critiche si sono levate dal presidente dell’Anfia, Eugenio Razelli, che ha sottolineato come l’esclusione dei mezzi di trasporto dalla norma di detassazione degli utili penalizzi pesantemente un settore come quello dei veicoli industriali che ha registrato una flessione del 31% nei primi 5 mesi del 2009.

Analoghi i commenti del presidente di Confagricoltura Vecchione che ha rilevato come il provvedimento interesserà solo il 10% delle aziende del settore agricolo, costituite in massima parte da aziende familiari a cui chiede che il provvedimento venga esteso, accompagnando inoltre tale richiesta ad una proposta di emendamento che riguardi il prolungamento dei mutui agrari. La norma sulla accelerazione dei pagamenti degli enti pubblici alle imprese tenta di sanare uno scandalo prettamente italiano che vede il nostro paese in testa alla classifica dei ritardatari con 135 giorni medi per l’arrivo dei pagamenti, contro i 71 della Francia, i 48 del Regno Unito ed i 40 della Germania, con un danno stimato per le imprese di 10 miliardi l’anno. Pesano notevolmente sul calcolo dei ritardi medi dei pagamenti i debiti della Sanità, debiti ripagati con ritardi che spesso si aggirano fra i 2 ed i 4 anni, soprattutto nel Lazio e nelle regioni del sud Italia. Tornando al decreto Tremonti Ter nel suo insieme non risulta affrontato il problema dei lavoratori momentaneamente in cassa integrazione ma che presto si troveranno a dover subire le pesanti ristrutturazioni di personale che molte aziende hanno sino ad ora solo dilazionato e che richiederanno un intervento sicuramente più incisivo da parte del governo perché non cresca il numero drammatico degli 8 milioni di poveri che vivono nel nostro paese.

verifica politica, alta tensione Bruttomesso picchia i pugni sul tavolo L'Ultimatum della Lega: «ora Si cambia»

O

Bruno, mangerai il panettone?

Il sindaco Bruno Bruttomesso

a pagina 7

ra siamo proprio… alle comiche. Allora, si sono riuniti i consiglieri di maggioranza e il sindaco. I primi hanno riferito al primo cittadino che la giunta non li ha mai informati di che cosa stava facendo. E, Bruno Bruttomesso: «Davvero? Non ci posso credere». Non si è mai accorto, insomma, in due anni che non c’è mai comunicazione fra chi siede, nel centrodestra, sui banchi del consiglio comunale e gli assessori da lui scelti. Incredibile, ma vero. Ma la chicca è un’altra. Mentre la giunta sembra intenzionata a far sorgere il palazzetto dello sport alla Pierina, il segretario del Pdl, Enzo Bettinelli, si dichiara contrario. Ma non era lui a criticare i vari Chironi e Lorenzetti perché remavano contro la giunta? Non solo: Bettinelli, che è architetto, ha pronto un progetto alternativo a quello dell’architetto Aschedamini. Insomma, chi dirige il maggior partito di maggioranza proporrà un progetto che per essere accettato dovrà essere votato dalla maggioranza. Così è. Ora (quasi) tutti nel centrodestra sono concordi: i cremaschi non sono soddisfatti, si lamentano, mugugnano. E sono passati solo due anni da quando Bruttomesso è stato eletto sindaco. «Che cosa succederà, ora?» si stanno chiedendo gli stessi cremaschi. I più riottosi fra i consiglieri di maggioranza non hanno dubbi: «Il rischio è che il sindaco non riesca a mangiare il panettone per Natale». Quando lo diceva l’ex assessore Renato Ancorotti («Se continua così, ci mandano a casa»), veniva accusato di disfattismo. Ora che lo sostengono (quasi) tutti, allora significa che è vero. E siamo ancora nella situazione in cui i veri problemi non sono ancora arrivati al pettine. Chissà dopo.

«Crema Jazz Festival»: i migliori musicisti del panorama internazionale si esibiranno al teatro San Domenico. Il meglio • A pag. 19


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

CREMASCO Venerdì 3 Luglio 2009

3

Ztl, come ci cambierà la vita

Lo promette Bruttomesso. Centro storico blindato. Peverelli: «Tutti i permessi annullati». Commercianti perplessi

U

di Roberto Bettinelli

na zona a traffico a limitato che includerà tutto il centro storico con una rete di telecamere che spieranno il traffico delle auto in entrata e in uscita. E’ la rivoluzione annunciata dal sindaco Bruno Bruttomesso e che sarà portata a termine entro la fine dell’anno. Anche Crema, quindi, avrà la sua Ztl. Come Milano dove la Lega, però, è già in assetto di guerra per eliminarla. Come Cremona dove il centrodestra si è da sempre mostrato contrario. Il centrodestra di Crema, invece, ora la vuole fare. Due le fasce urbane interessate: una per le vie più centra-

Bruno Bruttomesso, sindaco

li, e l’altra un po’ più ampia. E’ proprio sulla dimensione di questa seconda fascia che stanno lavorando gli uffici comunali. Allo stato attuale non c’è una risposta univoca. Di certo si tratta di un'area superiore all'attuale zona pedonale, ma non si pagherà alcun ticket. I permessi per la circolazione nel cuore della città saranno autorizzati dalla polizia locale. Le targhe autorizzare saranno inserite in un cervellone che consentirà di sapere in tempo reale se chi accede al centro storico può farlo oppure no. E se la risposta è no, scatterà la multa. Ma ecco che cosa ci dice il sindaco Bruttomesso. «E’ da tempo che chiedo ai miei assessori di presentare un progetto di questo tipo: non perché lo voglia io, ma perché sono i cittadini a chiederlo. Mi dicono che il centro è diventato un posto dove chiunque può entrare e uscire a suo piacimento, anche persone che non danno molta fiducia. In questo modo potre-

CREMASCO Supplemento settimanale de "Il Piccolo Giornale"

Telecamere per leggere le targhe

Le ZTL (Zona a Traffico Limitato) sono situate in alcuni punti delle città, per esempio nei centri storici, per limitare in alcuni orari il traffico. Gli scopi di questo provvedimento? Il mantenimento in sicurezza del centro storico durante gli orari di affluenza di un gran numero di pedoni o di maggiore traffico, mantenere bassi i livelli di inquinamento nelle zone centrali. Come si delimita l'area compresa nella ZTL? In alcuni casi le zone a traffico limitato sono delimitate da appositi varchi per il

Peverelli assicura che non si pagherà nulla, se non la marca da bollo per la pratica da compilare negli uffici di via Macello: «Di questo sono certo. Per quanto riguarda il carico e scarico, chi ne avrà bisogno verrà da noi al comando e noi rilasceremo il permesso». Chi entrerà in auto nel centro storico senza il nulla osta sarà multato. Peverelli non sa ancora quale sarà il numero di permessi compatibile con la conformazione del nostro centro storico. «Gli studi per individuare con sicurezza i flussi di traffico tollerabili sono ancora in corso, ma rendiamoci conto che la parte centrale della città assomiglia a un budello». Un problema: i commercianti. E’ lo stesso comandante ad affrontare la questione: «In città gran parte del traffico è dovuto alla forte attrazione dei negozi e dell’offerta commerciale. Questo va tenuto in debito conto». Un aspetto, quello dei commercianti e della reazione davanti a un piano che potrebbe limitare gli accessi al centro storico, che abbiamo affrontato con Antonio Zaninelli, presidente dell’Ascom. «Mi fa piacere» dice con un certo sarcasmo Zaninelli, «sapere che anche a Crema ci sarà una zona a traffico limitato. Peccato però che nessuno ci ha consultato prima, e credo che i negozianti e i commercianti della città abbiano tutto il diritto di dire loro e di capire se questo progetto è utile oppure no». Dopo lo “sfogo”, Zaninelli incalza il sindaco: «Non si può parlare di sviluppo della città, se prima non veniamo contatti anche noi. Il commercio è un asse portante, produce ricchezza, posti di lavoro, attira

Alberto Peverelli, polizia locale

nuove autorizzazioni solo sulla base di motivazioni e giustificazioni serie come la residenza, la presenza di disabili, operazioni di scarico e carico delle merci».

Per la Vostra pubblicità su Il Piccolo Giornale del

COME FUNZIONA

mo sapere chi entra e chi esce. E se qualcuno tenta di fare il furbo, potremo intervenire subito e punirlo». Più sicurezza, quindi: è questo il messaggio che lancia il primo cittadino. Le quattro telecamere nuove che saranno sistemate nei principali punti di accesso alla città saranno collegate alla centrale operativa della polizia locale in via Macello. Ma la rete del “grande fratello” sarà molto più estesa. In tutto gli agenti del comandante Alberto Peverelli avranno a disposizione 16 telecamere, visionabili 24 ore su 24 attraverso monitor presenti anche nel commissariato e nel comando dei carabinieri. «Le telecamere sono state ideate per creare una vigilanza continua. Nel tempo e nello spazio. Le faccio un esempio: ce ne sarà una nuova in piazza Garibaldi che si unirà a quella già presente in piazzale Rimembranze. Così si potrà tenere sotto controllo tutta la zona che comprende la stazione ferroviaria, i giardini di Porta Serio, il viale Santa Maria e la zona dei pub con la via IV Novembre». Peverelli, che insieme all’ufficio tecnico del comune dovrà seguire passo a passo il progetto, non se la sente di parlare dei tempi di attuazione. Ma ci spiega come funzionerà il meccanismo dei permessi. «Quelli che sono stati rilasciati finora, saranno tutti annullati. In passato, e non da me, sono stati dati permessi con validità annuale, biennale e anche quinquennale. O addirittura permessi che non avevano scadenza. Si è creato il caos. Procederemo alle

CO

AS M E R C OLO

PICC

le del

giorna

Amministrazione e diffusione Via S. Bernardo 37/A - 26100 Cremona Tel. 0372 43.54.74 - Fax 0372 59.78.60

0372.43.54.74 Autorizz. del Tribunale di Cremona n° 357 del 16/05/2000

Direttore responsabile: Sergio Cuti cremasco@cuticomunicazione.it

Direzione e redazione Piazza Premoli, 7 - 26013 Crema Tel. 0373 83.041 - Fax 0373 83.041

Pubblicazione associata all’Uspi (Unione Stampa Periodica Italiana)

Direttore Editoriale: Daniele Tamburini promedia@fastpiu.it

Pubblicità Tel. 0372 43.54.74 Fax 0372 59.78.60 www.immaginapubblicita.it

Progetto Grafico: Gianluca Galli Realizzazione: Michela Bosio

Società editrice: Promedia Società Cooperativa Via del Sale, 19 - Cremona

Stampa: SEL - Società Editrice Lombarda 26100 Cremona

Numero chiuso in tipografia: Giovedì 2 Luglio ore 16,00

Antonio Zaninelli, Ascom

visitatori». Molto cauto Enrico Zucchi dell'Asvicom, l'altra associazione che riunisce i commercianti: «Prima di esprimere valutazioni, vogliamo vedere il progetto definitivo, la proposta che intende attuare l'amministrazione. Solo dopo, in presenza di un testo concreto,

riconoscimento dei mezzi autorizzati all'ingresso, questi varchi possono essere costituiti da sbarre apribili con appositi pass o con permessi elettronici. Molto diffuso l'uso telecamere sistemate all'accesso. Quest'ultima sembra la soluzione che sarà attuata a Crema. Le telecamere poste ad ogni ingresso delle zone a traffico limitato registrano le targhe di ogni singolo veicolo entrante e trasmettono al comando dei vigili compentente eventuali trasgressioni da parte di mezzi non autorizzati all'ingresso.

ci attiveremo per dire la nostra e ottenere la soluzione migliore per i cittadini e i nostri iscritti». Molto perplesso sul metodo che sta usando l’amministrazione per portare a vanti l'intera operazione è Agostino Guerci, ex assessore all’Urbanistica nell’ultima giunta retta da Claudio Ceravolo e attuale consigliere comunale del Partito Democratico. «Ancora una volta ci troviamo di fronte a un fatto compiuto di cui né noi come opposizione né la città sono stati informati: è brutto dirlo, ma a Crema ormai non c’è possibilità di discussione sulle cose che riguardano tutti. Mi spiego meglio: va bene disciplinare il numero dei permessi per la viabilità nel centro storico. Ce ne sono troppi e non giustificati. Ma un cambiamento co-

Enrico Zucchi, Asvicom

me questo con il centro blindato dalle telecamere rischia di provocare dei danni a chi, come i commercianti, ha la necessità di attrarre più gente possibile. In ogni caso, il vero problema, è che non ci dicono nulla prima di prendere decisioni dalle quali dipende il destino di tutti».


4

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco

«Più Consiglio e meno Giunta»

C piùono da scia vic mo in li o

Venerdì 3 Luglio 2009

E' questa la ricetta di Francesco Martelli, capogruppo del Pdl. E' lui ad aver voluto la “verifica” per trovare un assetto più equilibrato nella maggioranza. Ma chi è Martelli? Un'intervista che rivela l'uomo e il politico.

C

di Tiziano Guerini

onsigliere comunale a Crema dal 2002, in minoranza nella passata amministrazione, ora in questa tornata amministrativa con la vittoria elettorale del centrodestra, capogruppo di maggioranza di Forza Italia prima, ed ora del Partito della Libertà. Francesco Martelli rappresenta, se si vuole, sia la continuità che l’innovazione: la continuità per l’esperienza acquisita nel ruolo di consigliere; e l’innovazione perché da quando è in maggioranza deve leggere le situazioni del presente e come immaginare le soluzioni per il futuro. Laureato all'Università Cattolica di Milano in «Economia dei mercati finanziari», dopo qualche anno di esperienza lavorativa come praticante commercialista prima a Cremona poi a Crema, ora da qualche mese è approdato allo staff dell’assessore al bilancio del comune di Milano. Dice di questo incarico: «Lo affronto con entusiasmo perché unisce due aspetti che mi interessano particolarmente, la politica e la materia economica; è oltretutto un lavoro gratificante perché di notevole livello, e le esperienza sia lavorative che politiche fatte a Crema, mi

stanno aiutando moltissimo». Diversamente da altri appartenenti a Comunione e Liberazione, se si esclude una prima giovanile simpatia con alcuni amici del Mo-

Suoi hobby sono: la lettura prevalentemente di saggi storici (storia della Chiesa, biografie di personaggi famosi, eccetera) con qualche spazio alla filosofia politica (le «Meditazioni sull’Europa»

sua casa di Romanengo. Tornando al suo impegno politico-amministrativo confessa: «Ho raggiunto più obiettivi concreti quando ero in minoranza invece di ora che appartengo alla mag-

Il cammino in Comunione e Liberazione

Francesco Martelli, capogruppo del Pdl in consiglio comunale

vimento e alcune solide letture, è arrivato prima all’impegno politico-amministrativo e solo in un secondo tempo alla appartenenza vera e propria al movimento fondato da don Giussani.

di Ortega y Gasset il filosofo spagnolo dell’esistenzialismo). Gli piace, inoltre, molto viaggiare, e soltanto in apparente contrasto, il giardinaggio, pratica che sperimenta direttamente nella

gioranza. Da capogruppo devo occuparmi meno dei singoli problemi e molto di più della mediazione. E' un incarico più politico, interno ai meccanismi della coalizione e del partito, che amministrativo. Così alcuni miei progetti specifici, come quello sul verde urbano, ad esempio, rimangono nel cassetto». Partiamo con qualche giudizio sulla politica comunale a Crema, che sta vivendo una fase molto delicata, attraversata da una “verifica”, partita ma non ancora conclusa, fra le forze di maggioranza. “Verifica” sollecitata dallo stesso capogruppo Martelli. Quale valutazione fa delle minoranze? «Mi trovo bene con i consiglieri giovani come Stefania Bonaldi o Matteo Piloni; con la vecchia guardia un

po’ meno perché la vedo troppo coinvolta polemicamente: servirebbe meno ideologia e meno partito preso e più pragmatismo». Ora la maggioranza: che giudizio ne dà? «Se si sta svolgendo una verifica politica è perché alcune cosa vanno aggiustate: occorre una maggior democrazia consiliare, cioè avvicinare le decisioni della giunta alle valutazioni e al coinvolgimento dei consiglieri. Un po’ alla vecchia maniera, prima che il ruolo del consiglio comunale venisse, dalle varie leggi, troppo mortificato. La giunta è entrata un po’ in sofferenza perché aveva perso troppo il contatto con i suoi consiglieri: ora si sta lavorando per recuperarlo». E le critiche rivolte al sindaco, accusato per mancanza di fermezza? «Il sindaco sta passando dalla totale fiducia nella giunta, mai venuta meno, ad un avvicinamento ai consiglieri di cui tra l’altro è parte, oltre che esserne il capo. E’ un passaggio importante che gli può dare maggiore autorevolezza: ha tutto da guadagnare in un rafforzamento del ruolo dei consiglieri». Come si uscirà dalla verifica politica? «Ridefinendo gli obiettivi, migliorando il rapporto fra giunta e consiglio, ma anche cambiando deleghe e per-

sone. Per quest’ultimo punto mi riferisco in particolare al fatto della necessaria sostituzione dell’assessore dimissionario Renato Ancorotti: il mio parere è che in consiglio comunale ci siano delle persone assolutamente in grado di assolvere al compito di assessore alla Cultura: Antonio Agazzi e Paolo Mariani, ad esempio».

Adesso lavora a Milano in Comune Martelli è anche molto vicino a Massimiliano Salini, n e o e l e t t o p re s i d e n t e dell'amministrazione provinciale. Enrambi vengono da Cielle. Può essere che qualcuno impegnato nella amministrazione di Crema venga chiamato nel ruolo di assessore in Provincia? «Può essere, ma chi va in provincia adesso, significa che si impegna in quel ruolo per i prossimi cinque anni». Messaggio chiaro. Vorrà pur dir qualcosa se fra i personaggi storici più ammirati da Martelli figurano in primo piano Richelieu e Mazarino.


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

CREMASCO Venerdì 3 Luglio 2009

5

«Aiutate questi bimbi»

Maria Sangiovanni, presidente dell'Associazione Canguro, il suo compito è formare i genitori adottivi

M

di Barbara Milanesi

aria Sangiovanni da due anni è presidente dell’associazione «Canguro», il gruppo che lavora a stretto contatto con l’Asl e i servizi sociali e che si occupa di preparare le coppie che desiderano prendere in affido dei bambini. La storia dell’associazione è recente eppure ha assunto un ruolo fondamentale per molti genitori in attesa di accogliere un bimbo nella loro famiglia. «Ho iniziato la mia esperienza in diocesi e mi sono subito legata alla campagna di sensibilizzazione della famiglia» ha spiegato Maria Sangiovanni. «L’iter per l’affido di un minore a una coppia non è semplice e il nostro ruolo è quello di aiutare i futuri genitori adottivi a vedere con chiarezza il ruolo che andranno a svolgere e il tipi di incarico che si impegnano a prendere». L’associazione «Canguro» ha sede alla Casa della Carità di viale Europa attivo con orari d’ufficio ma è possibile contattare sempre la presidente al numero 3385835230 e fissare un appuntamento. Ecco ci dica qualcosa di più su di lei: età, studi, lavoro… «Ho 50 anni, sono sposata e ho due figli: uno di 24 e uno di 20 anni. Sono laureata in pedagogia e specializzata in mediazione famigliare. Oggi sono una libera professionista, mi occupo appunto di consulenza e mediazione famigliare e ho uno studio in via Diaz. Oltre ad essere presidente dell’associazione "Canguro", sono presidente della Cooperativa Sociale Filikà, che si occupa di problematiche simili». Ha qualche hobby particolare, legge molto, che cosa fa nel tempo libero? «Non ho molto tempo libero, ma appena trovo l'occasione mi butto nella lettura. Mi interessano i diversi eventi culturali che spesso vengono organizzati nel territorio. Adoro passare le ore con i miei figli, anche se sono, ormai, cresciuti». Come è arrivata alla presidenza dell’associazione?

«Ho iniziato la mia esperienza in diocesi con la pastorale familiare. In questa sede ho maturato una particolare sensibilità alla problematica dei minori in istituto e alla tematica della famiglia. La legge del 1996 che ha previsto la chiusura degli istituti mi ha fatto capire che fosse il momento di realizzare un progetto, a cui in realtà pensavo da tempo: unire un gruppo di persone che insieme si preparassero ad accogliere l’altro. Nel nostro caso si tratta di minori. Il fine era inizialmente quello di prendere contatti con parrocchie, cittadini e istituzioni per proporre dei percorsi formativi allo scopo di preparare genitori e coppie interessate. Consapevolizzare la coppia e prepararla alla genitorialità doveva essere il primo obiettivo da perseguire». Quando sono cambiate veramente le cose per lei e la sua associazione?

nostro compito è quello di accompagnare gradualmente la famiglia all’esperienza dell’accoglienza». Come funziona il lavoro quotidiano all’associazione? «Noi abbiamo sede alla Casa della Carità in viale Europa e chiunque, in orario di ufficio, può rivolgersi a noi. Abbiamo anche un numero di cellulare sempre attivo. In genere fissiamo un appuntamento oppure chiediamo di partecipare a uno dei nostri incontri formativi, almeno per capire di cosa si tratta. Se la coppia è interessata, si iscrive all’associazione e comincia con noi il percorso. Una volta terminato lo step consapevolizzante, la coppia viene segnalata al servizio affidi che valuterà e ne terrà conto. La nostra associazione non si sostituisce al servizio affido, ma ci collabora in complementarietà». Cosa dice dell’attività durante gli anni: il lavoro è aumentato o

«Tanti piccoli sono in difficoltà e aspettano solo una famiglia»

«Gli affidi: completi, parziali, estivi, del fine settimana e contingenti» Maria Sangiovanni, laureata in Pedagogia, presidente dell'associazione «Canguro»

«Nel maggio del 2007 abbiamo costituito un gruppo, formato da 9 famiglie cremasche pronte ad affrontare questo percorso. Il progetto era il mio. Sono automaticamente diventata presidente. I primi passi sono stati difficili. Abbiamo cercato subito di agganciarci concretamente alla realtà cremasca per poi creare una rete con il servizio affido. Abbiamo trovato l’appoggio di un’associazione lodigiana che ci ha aiutati nel percorso formativo e che in passato aveva avuto un cammino iniziale simile al nostro». E poi che cosa è successo? «Sono partiti i primi corsi formativi per gli associati, ma aperti a tutti, volti a consapevolizzare il genitore e responsabilizzare il ruolo della parte affidataria. Con il tempo abbiamo ottenuto qualche finanziamento che ci ha permesso di creare una vera e propria rete

con i servizi pubblici e di fare una promozione pubblicitaria nelle scuole, nelle parrocchie, negli enti locali». Altre tappe importanti per la crescita del vostro gruppo di lavoro? «La successiva collaborazione con l’Aibi (Associazione bambini nel mondo) che ci ha, poi, consentito di iniziare un secondo percorso formativo con le famiglie iscritte. Abbiamo organizzato convegni che si sono tenuti nel 2008 e che avevano come tematiche le reali dinamiche psicologiche nell’affido». Avete trovato subito un riscontro positivo per le vostre proposte? «L’interesse del servizio affidi è stato automatico, tanto che proprio dal servizio ci sono state inviate due famiglie con già esperienza nel campo e che successi-

vamente sono diventate associate. Oggi siamo a un buon punto, vedo che l’idea iniziale sta lentamente diventando un progetto vero e ben articolato». Come è composta la vostra associazione e che cosa fate? «L’associazione "Canguro" ha un Cda composto da un presidente, che sono io, un tesoriere, e tre consiglieri. Conta circa una trentina di iscritti e la quota annua è di 10 euro. Ci rivolgiamo a tutte le famiglie o coppie o single che sentono il desiderio di prendere in affido dei minori che vivono situazioni di difficoltà e si preoccupano di formarle affinchè siano realmente pronte. Sono veramente molti i bambini che hanno bisogno di essere aiutati. Ci sono diversi tipi di affido, e diverso è il tipo di impegno che si richiede a seconda dei casi: affidi completi, parziali, estivi, del fine settimana e contingenti. Il

diminuito? Quale bilancio può tirarne? «Purtroppo sono veramente molti i bimbi che aspettano di essere collocati. La nostra associazione è ancora neonata, ma mi auguro possa operare in futuro a 360 gradi. Sono un’idealista, ma allo stesso tempo ritengo di essere dotata di una buona dose di realismo. L’idealismo mi porta a pensare che riusciremo a rendere concreta e sempre più ampia la nostra attività nel territorio. Il realismo mi aiuta a stare con i piedi per terra e a capire che si tratta di un cammino complesso che non tutti sono in grado di affrontare o che non tutti hanno tempo sufficiente da dedicare. Procediamo, quindi, per piccoli passi con umiltà e determinazione. E' il nostro modo di comportarci che, per ora, ha dato buoni risultati».

Terzo Settore

Volontariato: Cisvol e i progetti nelle scuole La Delegazione di Crema del Cisvol raccoglie tutti i «progetti di promozione del volontariato» rivolti alle scuole di ogni ordine e grado, promossi dalle associazioni cremasche, con il fine di ordinarli e proporli poi agli istituti scolastici attraverso una pubblicazione da inviare alle scuole per il prossimo anno scolastico. Il Cisvol invita quindi le associazioni a far pervenire presso la propria sede di Crema i progetti realizzati, o in programma. Se la collaborazione con le scuole è un'attività che l'associazione non ha realizzato, ma vorrebbe realizzare, Cisvol offre un accompagnamento alla progettazione

d'interventi/percorsi in ambito scolastico. Le proposte vanno fatte pervenire entro sabato 11 luglio presso il Cisvol – Delegazione di Crema via Dante 33 Crema 26013, tel. 0373.25.76.12, e-mail crema@cisvol.it. La pubblicazione ha come obiettivo quello di aiutare le associazioni a: mettersi in comunicazione con il mondo della scuola in modo più capillare, continuativo ed organico; rendere visibile e “concreto” il lavoro di informazione e formazione che da anni è in corso. In pratica la pubblicazione sarà un nuovo strumento messo a disposizione della scuola, affinchè insegnanti e

dirigenti possano avere una descrizione chiara e funzionale dei progetti che il mondo del volontariato del Cremasco propone agli istituti scolastici del territorio. Una sorta di vademecum dei progetti che le associazioni propongono alla scuola. Per «progetti di promozione del volontariato» si intendono: percorsi di sensibilizzazione alla cultura della solidarietà e quindi al volontariato; progetti di inserimento di nuovi volontari (vd. stage, tirocini); tutto quello che la fantasia può suggerire. I Centri di Servizio per il Volontariato (CSV) sono enti previsti dalla legge quadro

sul volontariato per sostenere e qualificare il volontariato; sono gestiti da associazioni di associazioni di volontariato, finanziati dalle fondazioni di origine bancaria (in Lombardia: Cariplo e Banca del Monte di Lombardia). Tutti i servizi vengono resi di norma in modo gratuito a tutte le organizzazioni di volontariato, iscritte e non alle sezioni provinciali e regionale del Registro Regionale del Volontariato. I servizi sono disponibili anche per gli altri soggetti del Terzo Settore, Enti pubblici ed Enti non profit. Il C.I.S.Vol. (Centro Interprovinciale Servizi per il Volontariato Cremona-Lodi) è sta-

Una festa dei Volontari del Cisvol a Crema

to istituito nel dicembre 1997 ed è operativo dal gennaio 1998; fino al dicembre 2003 ha operato come Centro Servizi Interprovinciale, sul territorio delle province di Cremona e Lodi. Da Gennaio 2004, con la

costituzione del Laus Vol. nella provincia lodigiana si è trasformato in Centro Informazioni e Servizi per il Volontariato - Cremona, mantenendo l'acronimo C.I.S.Vol. A Crema il Cisvol è in via dante 13.


6

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

Le mozioni in Consiglio: 5 astenuti della maggioranza su quella del Pd

Approvata la convenzione con il «Centro San Luigi»

N

di Tiziano Guerini

ell'ordine del giorno del del consiglio comunale di Crema lo scorso martedì 30 giugno c'erano due importanti convenzioni per il comune, oltre ad altre questioni tutte di rilievo. Ma andiamo con ordine. La prima convenzione, proposta a nome della giunta dall’assessore Maurizio Borghetti, riguarda il comune e l’Opera pia oratorio San Luigi per la gestione e il funzionamento di servizi rivolti ai preadolescenti e agli adolescenti nell’ambito del centro di aggregazione giovanile. Per tale servizio, a parziale copertura delle spese, il Comune si è impegnato a versare all’Opera Pia un

dei 20 posti a disposizione gratuita per i servizi offerti dal centro San Luigi. Il consiglio si è espresso con approvazione unanime. La seconda convenzione, di natura sportiva, è stata presentanta al consiglio comunale dall’assessore Luciano Capetti. La convenzione riguarda l’affidamento in gestione del centro sportivo comunale di via Tuffetti (a Ombriano) al Rugby Crema: per tre anni con un canone annuo da parte del Comune di 7.500 euro. Anche qui è giunta l'approvazione unanime. Il Piano attuativo residenziale riguarda tre palazzine denominate «Cascina merlata» con sbocco su via Colombo, per un totale di una ventina di appartamenti per un numero teorica di abitanti pari a 61. Con qualche

Maurizio Borghetti, assessore ai Servizi Sociali

contributo annuo di 50.000 euro. La convenzione ha durata triennale. Su proposta, invece, della capogruppo del Partito Democratico Stefania Bonaldi è stata anche costituita una Commissione di valutazione (da riunirsi almeno tre volte l’anno) per valutare le proposte di inserimento e la composizione

osservazione in riferimento al parcheggio che parrebbe più destinato all’uso privato da parte dei residenti piuttosto che pubblico, il Piano è passato all’unanimità. Via, quindi, alla serie di mozioni. Stranamente disattesa dalla maggioranza quella proposta dalla capogruppo del Pd che proponeva la costitu-

Area Stalloni, nuovo terreno di scontro nel centrodestra

Gianni Rossoni, vice presidente della Regione Lombardia

Stefania Bonaldi, capogruppo del Pd

zioni di un tavolo tecnico con amministratori pubblici, insegnanti e genitori, per monitorare, a partire dal prossimo anno scolastico, eventuali disservizi nella scuola dell’obbligo a Crema. Problemi che potrebbero nascere con la cosiddetta «riforma Gelmini» e i tagli che prevede nel finanziamento della scuola. In particolare difficoltà potrebbero esserci la pausa mensa e il tempo pieno. La Bonaldi ha ripetuto che la «mozione non entra nel merito della “riforma” ma si preoccupa solo degli eventuali effetti». Ma la maggioranza non ha inteso pronunciarsi favorevolmente: su proposta dell’assessore Laura Zanibelli la mozione è stata bocciata con 10 voti contrari, 9 favorevoli e ben 5 astenuti. Questi cinque astenuti sono un ulteriore messaggio al sindaco Bruttomesso circa l'insofferenza di alcuni consiglieri di maggioranza verso la giunta? Interessante anche la mozione presentata dal

capogruppo dell’UdcMartino Boschiroli in merito al «futuro destino del tribunale di Crema». Mai ci si era spinti a pro-

Il Centro sportivo di via Toffetti al Rugby Crema porre, con il preciso fine di salvare il futuro del Tribunale a Crema, la realizzazione di un carcere o di una struttura per “semiliberi”. Invano il consigliere Gianni Risari ha sottolineato che la salvaguardia del tribunale, passa piuttosto per un ampliamento della circoscrizione (con Cassano verso il Milanese, con Treviglio verso Bergamo, eventualmente con la stessa Cremona). La maggioranza, favorevoli anche i rappresentanti della Lega, ha votato la mozione. Sarà interessante vedere adesso quali saranno gli sviluppi.

Uno dei temi entrati a forza nella “verifica” politica in corso nella magioranza riguarda il futuro dell’area degli Stalloni. Un futuro che continua a far discutere le file dell'opposzione, ma anche quelle della maggioranza. Per due motivi. Il primo perché si tratta di un’area strategica per il futuro del centrostorico della città; il secondo perché ben sette consiglieri di maggioranza hanno sollevato più di qualche dubbio sulla prima impostazione data dagli assessori Massimo Piazzi e Simone Beretta. Nei giorni scorsi si è tenuto addirittura un incontro specifico sul tema, che deve essere stato molto importante se vi hanno partecipato sia il vice Presidente della Regione, Gianni Rossoni, sia il neo eletto presidente della Provincia Massimiliano Salini. In effetti sia la Regione, proprietaria dell’area, sia la Provincia, sono state con il Comune di Crema i principali firmatari del relativo accordo di programma di qualche settimana fa. Il presidente dell'amministrazione provinciale pare sia stato soprattutto ad ascoltare, come è serio e doveroso fare per chi entra per la prima volta in una vicenda già iniziata. E’ toccato, quindi, soprattutto al vice presidente regionale illustrare la posizione della Regione che ha deciso che l’area degli Stalloni di Crema è comunque da alienare: «La Regione ha deciso che se ne vuol disfare». Questo il punto fermo di partenza. Diventa quindi essenziale il “cosa farne”. Sempre l’accordo di programma in particolare specificava: «Un parcheggio di circa 500 posti in concessione di realizzazione e gestione di durata trentennale la cui proprietà sarà del Comune e gli edifici dell’ex convento “verranno dati in concessione a seguito di gara pubblica svolta

da ILSPA per funzioni recettive e saranno a tal fine ristrutturati». La relativa discussione in Consiglio comunale a Crema non c’è ancora stata, e tanto meno è stata individuata l’area esterna al comparto che il comune di Crema dovrà dare in permuta alla regione. Ma già ben sette consiglieri comunali di maggioranza, oltre a quelli di minoranza, hanno sollevato dubbi e perplessità. Per sapere l’esito dell’incontro abbiamo sentito il consigliere del Popolo della Libertà Emilio Pini, uno dei sette firmatari di una proposta alternativa rispetto all’accordo di programma. «Alla fine dell’incontro» ha commentato Pini, «mantengo tutte le mie perplessità. Non si è arrivati a nessuna nuova intesa, ciascuno è rimasto sulle proprie posizioni. Né io né gli altri firmatari abbiamo cambiato parere rispetto al mantenimento dell’area in mani pubbliche, né vediamo per il momento salvaguardati precisi interessi della città». Ha continuato Pini: «Noi le nostre proposte le abbiamo avanzate: cancellazione della proposta di realizzare un parcheggio sotterraneo, ridimensionamento degli interventi più invasivi sugli edifici di pregio, spostamento del mercato all’interno dell’area ERSAF per liberare ad arredo urbano e a parcheggio l’attuale area occupata dal mercato coperto di via Verdi. Ora tocca alla giunta accoglierle o respingerle. Faccio comunque notare che lo stesso accordo di programma prevede esplicitamente all’art. 9 la possibilità di approvare eventuali integrazioni o modifiche e/o aggiornamenti. Mi auguro un nuovo incontro di maggioranza sul tema, in cui la giunta si decida a dare risposte più convincenti». Gli Stalloni sono diventati un nuovo terreno di scontro.


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

Cremasco

7

Verifica politica, il clima si è infiammato Venerdì 3 Luglio 2009

L'incontro fra il sindaco e i consiglieri sempre più arrabbiati. Fulvio Lorenzetti: «Azzerare la giunta»

L

di Tiziano Guerini

o scorso lunedi, dopo la falsa partenza di qualche giorno prima per una "incomprensione" fra il sindaco Bruno Bruttomesso e il suo vice Massimo Piazzi in riferimento all’ordine del giorno da discutere, finalmente c’è stato un incontro dei consiglieri di maggioranza con il sindaco per fare il punto su uno degli argomenti chiave della “verifica politica” in corso: il rapporto giunta-consiglio con particolare riguardo ai consiglieri di maggioranza. L’altro argomento è tutto interno ai rapporti fra il sindaco e la giunta, a partire dalla sostituzione del dimissionario assessore alla Cultura Renato Ancorotti. Ne parliamo con Fulvio Lorenzetti, uno dei consi-

Massimo Piazzi, entrato in collisione con il sindaco

glieri di maggioranza che a gran voce chiede da tempo una possibilità di allargare la capacità decisionale della squadra di Bruttomesso. Tutto chiarito? «Da un certo punto di vista sì. Non si è trovato un solo consigliere di maggio-

Fulvio Lorenzetti, uno dei consiglieri di maggioranza più scontenti

ranza che sia d’accordo totalmente con la giunta. Tutti sono invece solidali con il sindaco. Ci sarebbe un modo di uscirne e in modo chiaro. L'unica soluzione è azzerare la giunta da parte del sindaco e ripartire di nuovo». Parole fortissime quelle di Lorenzetti, consigliere, certo, in odore di eresia. Ma resta il fatto che non è il solo a dirlo, lo affermano anche altri. Tutti si rendono contro anche della contraddizione: come si fa ad essere scontenti della giunta e dichiararsi d’accordo col sindaco da cui la giunta dipenderebbe totalmente? In realtà una risposta ci sarebbe, anche se pesante: questa non è la giunta che vorrebbe il sindaco, e nemmeno i consiglieri come Lorenzetti. E’ la giunta dei partiti della maggioranza, a questo punto in disaccordo con i loro

stessi consiglieri comunali. La giunta di qualche potere forte, che però dà l’impressione di essere un poco nel marasma, forse per troppa forza, per eccesso di rappresentanza e di progetti che non riesce più a controllare del tutto. «E’ vero» afferma Antonio Agazzi, «mi hanno sollecitato a entrare in giunta sia a Crema che in provincia: dipendesse da me, la scelta, non avrei dubbi, è a favore di un incarico in Provincia». E' la frase del presidente del consiglio comunale, troppo “signore” per entrare in particolari. Lui però all’incontro fra il sindaco e i consiglieri di maggioranza c’era, ed ha sentito tutto. Un incontro al quale c'era anche Federico Pesadori, architetto e consigliere comunale di An, poi entrato nelle file del Pdl dopo la fusione fra il partito di Berlusconi e quello di Fini. «Non saprei dirlo; secondo me no, è stato fin troppo chiaro quello di lunedì scorso: se si voleva chiarezza, chiarezza c’è stata» dice Pesadori, «ma non tocca a noi consiglieri trarre le conseguenze». Il sindaco, che l’incontro ha voluto anche se qualche collaboratore ha cercato di dissuaderlo, lo giudica in modo positivo. «Ho voluto questo incontro solo con i consiglieri» spiega Bruttomesso, «perché volevo una risposta chiara e l’ho avuta. I consiglieri mi hanno riferito di non essere mai stati con-

sultati su alcuni importanti argomenti, mentre gli assessori mi avevano sempre detto il contrario: non ho motivo per non credere ai consiglieri. Convocherò un nuovo incontro per stabilire assieme

nemmeno i partiti siano più d’accordo con la giunta che per la verità sulla collocazione del nuovo palazzetto non si è ancora espressa in termini definitivi, anche se qualche simpatia per il progetto

Enzo Bettinelli, proporrà un “suo” progetto per il Palazzetto dello sport

modalità più precise per un reale coinvolgimento nelle scelte amministrative dei consiglieri comunali». Intanto una nuova grana è spuntata in settimana, e stavolta non da parte di qualche consigliere più o meno ortodosso. E’ stato lo stesso segretario del maggior partito della maggioranza a provocarla, Enzo Bettinelli. «La proposta di realizzare il nuovo Palazzetto dello sport nell’area della Pierina è sbagliata. Meglio un’area maggiormente servita dal punto di vista della viabilità. E anche il progetto in sé, non sarà l’unico che la giunta dovrà valutare: io stesso ne presenterà uno che è alternativo». A questo punto pare che

collocato alla Pierina si è manifestata. Ma la domanda è un’altra: «Che ci sia sotto un conflitto fra correnti nel Pdl?». Il dubbio è legittimo e a questo punto il sindaco sarà ulteriormente strattonato da una parte o dall’altra. Stare in equilibrio, per lui, diventerà più difficile. Che cosa dicono, invece, dai banchi dell'opposizione? Il consigliere comunale e coordinatore del Partito democratico Matteo Piloni risponde: «Più fanno incontri e più emergono contraddizioni. Si sta dimostrando sempre di più che il problema non era la presenza di Ancorotti in giunta, quanto piuttosto nella mancanza di un leader in grado di fare sintesi».

Lega scrive al sindaco: «C'è malcontento fra i cittadini, ora si deve cambiare rotta»

Matteo Soccini, segretario Lega

Come se non bastassero i problemi già aperti con la “verifica politica” la Lega Nord, a firma Matteo Soccini (segretario provinciale per il Cremasco) Cesare Giovinetti (assessore al bilancio), Felice Tosoni (consigliere comunale) e Walter Longhino (segretario cittadino), hanno inviato una lettera dal titolo «Le priorità della Lega Nord per il Comune di Crema» al sindaco Bruno Bruttomesso e per conoscenza agli altri segretari dei partiti di maggioranza: Francesco Martelli (PdL) Martino Boschiroli (UdC) e Luigi Doldi (Obiettivo Crema). Ne riassumiamo il contenuto negli aspetti che ci sembrano più importanti. «A due anni dalla vittoria elettorale della primavera 2007 è ormai palese come il lavoro messo in campo da giunta e maggioranza, seppur positivo nel complesso, abbia bisogno di uno scatto pro-

lungato e costante. Personalismi e distinguo dei singoli, litigiosità interne alle diverse componenti, hanno creato nella nostra amministrazione una situazione critica, al limite della crisi, il metodo talvolta dirigistico di alcuni assessorati, la mancanza di un vero coinvolgimento dei consiglieri nelle decisioni della giunta sono le cause che hanno portato alla situazione attuale. Il malcontento latente tra i cittadini sull’operato della giunta, richiede un cambiamento di rotta che deve avvenire da subito. Il ritrovarsi in riunioni di maggioranza, allargate a tutti i consiglieri per i temi più importanti, non deve essere l’eccezione ma la regola. I temi, all’ordine del giorno, sono tanti. Ecco quelli che la Lega Nord ritiene prioritari. LAVORI PUBBLICI Non essendo emerse alternative concrete e fattibili riteniamo di debba dare precedenza al sottopasso di Via Indipendenza con il relativo sottopasso pedonale. Si tratta di un’opera fattibile a breve che deve essere inquadrata nella struttura viabilistica della città come un mero collegamento tra i quartieri periferici e il resto del centro urbano. E.R.S.A.F.: va discusso e valutato più approfonditamente, ci sono

ancora da chiarire alcuni punti; individuazione dell’area da cedere alla Regione, parcheggi sotterranei, considerare la riqualificazione di Via Verdi un tutt’uno con il centro d’incremento ippico. Palazzetto dello sport: se intervengono i privati e per il Comune c'è la possibilità di contenimento molto forte dei costi, l’operazione è da incoraggiare e sostenere. Nel merito del progetto avanzato recentemente conveniamo che la soluzione migliore per la localizzazione debba essere quella della “Pierina”. Nello stesso tempo la struttura del “PalaBertoni” deve essere mantenuta in piedi e a disposizione di tutta la città. Alla mancanza di spazi sportivi non si sopperisce demolendo l’esistente. Gronda Nord: inquadrare questa opera come “alternativa” al sottopasso in Via Indipendenza è sintomo di una visione miope dello sviluppo urbanistico e viabilistico della città. Se il sottopasso, come già detto, s’inquadra nell’ambito del collegamento intraurbano; il prolungamento della gronda nord verso Santo Stefano (da stabilire se a sud o a nord del quartiere) s’inserisce nella viabilità di collegamento verso la zona PIP, il polo universitario e il progettato nuovo palazzetto dello sport, oltre che naturalmente come sbocco verso

il comune di Campagnola e di conseguenza la nascente Bre.Be.MI. Sovrappasso di Santa Maria: è indispensabile un incontro di maggioranza per far il punto della situazione, soprattutto alla luce dell’esposizione del progetto avvenuta in giunta. SICUREZZA La vera priorità è la messa in cantiere di tutte le opere per la sicurezza che mettono in moto tutti quei cambiamenti nella gestione delle risorse sia umane che materiali che ben conosciamo con l'esperienza fatta già da altri Comuni leghisti. Esistono progetti e idee mese a punto da professionisti del settore che si possono mettere in atto in breve tempo e a costi contenuti. Non c'è niente di inventare, c'è solo da applicare. SOCIETA’ PARTECIPATE Definitiva sistemazione delle Società partecipate con chiarimento sui bilanci e sulle capacità delle stesse di erogazione di servizi per la Città e, il più presto possibile, a servizio di tutto il circondario per l'abbattimento dei costi di gestione (ufficio tecnico – vigilanza urbana – pianificazione territoriale - trasporti locali – ecc.). La chiusura della Cremasca NordEst (ex-Creso) deve essere visto come il punto di partenza per

Cesare Giovinetti, assessore al Bilancio di Crema

giungere a una nuova struttura delle società partecipare non solo dal comune di Crema ma da tutte le amministrazioni comunali della provincia. FOLCIONI Se la prospettiva della piena integrazione gestionale dell’istituto civico nella Fondazione San Domenico non è in discussione, la questione della cessione della “titolarità” del nome dal comune alla fondazione stessa ha assunto nelle ultime settimane una prevalenza superiore alla reale importanza che riveste. La vera questione sul tavolo è quella del personale dipendente (gli insegnanti), che costituisce il vero “valore aggiunto” da tutelare per mantenere nel futuro il prestigio e la qualità della scuola. Una volta risolta la problematica “dipendenti” la questione della titolarità tornerà ad avere la sua reale importanza.


8

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco

Sovrappasso supera la prova della giunta Venerdì 3 Luglio 2009

Molto soddisfatto l'assessore Beretta: «Ferrovie d'accordo, ora mi aspetto un coinvolgimento finanziario»

N

di Tiziano Guerini

ell’ultima riunione di giunta l’assessore ai lavori pubblici S i m o n e Beretta ha posto sul tappeto una questione di grande rilievo, che pare essere arrivata, dopo infinite discussioni e polemiche, ad un punto fermo: il progetto di sovrappasso della barriera ferroviaria

spettiva rispetto alla proposta del sottopasso che invece aveva avanzato e iniziato a percorrere la maggioranza di centrosinistra. Un cammino giunto al capolinea con la recente decisione, dopo qualche valutazione critica da parte della Corte dei Conti, di sciogliere la società «Cremasca Nord Est» che della questione avrebbe dovuto occuparsi. Sul progetto specifico, finalmente

Simone Beretta, assessore ai Lavori Pubblici

verso S. Maria della Croce. Le discussioni in proposito sono state molte, a partire dal cambio radicale di pro(T.G.) - Il neo presidente dell’amministrazione provinciale Massimiliano Salini sta ormai definendo la “squadra” di collaboratori che lo affiancherà nei prossimi cinque anni. Naturalmente tutti stanno attendendo il varo della giunta, e qualche nome pare già di dominio pubblico, come il vice presidente leghista Federico Lena, l’assessore Chiara Cappelletti del PdL, sempre per il PdL Paola Orini per la Cultura, che sembra spuntarla sull’ipotesi Antonio Agazzi (che pur preferirebbe la Provincia al Comune di Crema dove sembra essere destinato) inoltre Matteo Soccini, cremasco, Jane Alquanti, casalasca, e forse Walter Longhino, anche lui cremasco, per la Lega. Ma

ufficiale, abbiamo rivolto alcune domande all’assessore di competenza. «Ho assolto» dice Beretta,

«al mandato ricevuto dalla giunta e ci sono dei progressi. Dal piano economico-finanziario generale di qualche mese fa, ora per il sovrappasso della ferrovia in via Stazione è pronto il progetto pressoché definitivo. Almeno per quanto mi compete: per la più ampia analisi urbanistica di tutta l’area Nord-Est bisognerà attendere ancora un paio di mesi». A che cosa si riferisce esattamente il progetto presentato in giunta? «Si tratta di un accordo di massima intervenuto fra Comune, Ferrovie, e il privato direttamente interessato (la società Athena), per l’unità minima di intervento su cui si realizzerà il sovrappasso. Ci sarà un abbassamento della linea ferroviaria in galleria per un tratto di 1.150 metri circa e un progressivo abbassamento per oltre 200 metri di galleria». Quale è stata la valutazione? «Per quanto riguarda la giunta si è espressa a favore con unanimità. Per il consiglio comunale non saprei dire, non so come si pronuncerà. Ma rispetto la sua sovranità. Questo, però, non potrà avvenire se non fra

Il passaggio a livello di via Indipendenza

qualche mese». Per i lavori si è ipotizzato una chiusura della linea ferroviaria per almeno un anno. Conferma? «In proposito devo affermare che non escludo che i lavori di abbassamento della linea ferroviaria si possano svolgere senza nessuna interruzione del transito dei treni. Certo bisognerà valutare la cosa sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista dei costi che naturalmente aumenterebbero». A proposito delle Ferrovie, c’è il loro assenso? «Sono state evidente-

mente già coinvolte, ma dal punto di vista formale. Ora il progetto passa a loro per un parere defintivo: non solo mi attendo una risposta positivo, ma spero anche in un loro coinvolgimento finanziario. In fondo eliminiamo totalmente l’attuale passaggio a livello sul viale di S.Maria». Riassumendo, questi i passaggi ancora da compiere: approvazione definitiva da parte delle Ferrovie; analisi urbanistica complessiva; procedura di vendita dei volumi da parte del Comune per la disponibilità finanziaria che attualmente

non c’è; analisi socio-economica della possibilità di effettuare i lavori senza interruzione della linea ferroviaria; confronto politicoamministrativo in commissione e in consiglio comunale. Insomma si tratta di un iter complesso, formato da molte tappe. Assessore, le sue di previsioni circa la conclusione? «Difficile dirlo, spero per la metà del prossimo anno. Nel frattempo si concluderanno i lavori dell’altra grande opera: il sottopasso della ferrovia su via Indipendenza».

La squadra di Salini. Ribatte Alloni non è senza importanza, tutt’altro, anche la composizione dei diretti collaboratori del presidente Salini che costituiranno il suo staff operativo. Si sa della volontà di ridurre al minimo indispensabile la composizione dello staff, con un problema su tutti, la nomina o meno di un direttore generale come figura staccata da quella del segretario generale. Pare proprio decisa la scelta per un nuovo direttore generale nella persona di Franco Finato già responsabile del Dipartimento Commercio, Fiere e Mercati della Regione Lombardia.

Tale scelta, se confermata, prelude alla volontà del nuovo presidente di procedere ad una ristrutturazione della struttura organizzativa della Provincia, anche se gli attuali dirigenti risultano per il momento confermati nei loro ruoli. Si sa già, però, di incontri informali ma importanti del presidente e di qualche suo primo collaboratore, con i dirigenti dell'amministrazione provinciale, che ne hanno ricavato impressioni diverse. Di nuova nomina anche l’incarico di responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione affidato al giornalista Rossano Salini,

mentre non si concretizza l’altra ipotesi che era trapelata nei giorni scorsi per un incarico nello staff a Cristiano Guarneri che ha invece deciso di rimanere a capo dell’ufficio stampa del vice presidente regionale Gianni Rossoni. Squadra del presidente ridotta quindi all’essenziale. Tutto sarà comunque definitivamente ed ufficialmente definito nel corso della prima convocazione del consiglio provinciale stabilita per lunedi prossimo 6 luglio. Il consigliere provinciale Agostino Alloni, a conoscenza per il suo precedente ruolo di vice presi-

dente della Provincia, dei problemi del territorio che urgono, morde il freno. «Sta passando veramente troppo tempo per la costituzione degli organismi consultivi e deliberativi: giunta e commissioni. Intanto sul territorio alcuni problemi si aggravano: penso al tema dei trasporti pubblici con particolare riguardo ai pendolari i cui disagi continuano nonostante il periodo sempre più feriale. Oppure ai temi dell'occupazione e del lavoro che vedono ormai oltre 300 aziende in cassa integrazione, di cui un centinaio in cassa integrazione in deroga. Non si può più

Massimiliano Salini

rimanere fermi. Ho una proposta: per evitare lo svuotamenti di compiti del consiglio provinciale, si potrebbe immaginare di dare un potere proponente direttamente alle commissioni consiliari, oltre che al presidente e alla giunta. Così si potrebbero costruire progetti e proposte con più celerità ed incisività».


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

CREMASCO Venerdì 3 Luglio 2009

9

Raid contro ambulanti e parcheggiatori

Carabinieri e vigili sequestrano merce e denunciano cinque clandestini. Multe per più di 30mila euro

O

di Roberto Bettinelli

perazione «Senegal». Martedì 30 giugno raid di carabinieri e polizia locale al mercato di via Verdi e al parcheggio dell’ospedale Maggiore. Nel mirino vucumprà e parcheggiatori abusivi. Sono stati fermati 10 stranieri. Di questi, cinque sono risultati clandestini. Privi di permesso di soggiorno. Sono stati denunciati per aver violato la legge sull’immigrazione. Alcuni dei fermati risultavano inoltre già espulsi. Si tratta soprattutto di senegalesi, ma c’erano anche marocchini, egiziani e un giovane della Mauritania. La loro merce è stata sequestrata. Più di 360 arti-

coli fra accendini, incensi, ombrelli, rasoi elettrici, portafogli e altri articoli di pelle. Polizia locale e carabinieri hanno emesso contravvenzioni per quasi 27mila euro. Le multe hanno raggiunto i 5mila euro. I carabinieri hanno identificato gli stranieri presso il comando di via Macallè. La polizia locale si è occupata del sequestro della merce. Il piano, come ci spiega il comandante della polizia locale Alberto Peverelli, era già stato stabilito in precedenza. Voluto con forza dal sindaco Bruno Bruttomesso. Ha dato il proprio contributo anche il capitano dei carabinieri Antonio Savino. Da tempo infatti, ha detto il comandante Peverelli, i cittadini si lamentavano perchè erano continuamente

Il capitano Antonio Savino

All'operazione «Senegal» ha partecipato anche il comando dei carabinieri. Diversi gli equipaggi messi a disposizione dal capitano Antonio Savino che si è occupato invece della fase più investigativa dell’operazione. I suoi uomini sono degli specialisti in questo campo. Mentre

Rapina con pistola, “biondina” e bandana

La merce sequestrata

agganciati al mercato e in altri punti della città dai vucumprà che cercavano di vender loro qualcosa. A volte in modo fin troppo insistente e invadente. Gli immigra-

«Niente racket»

gli agenti della polizia locale hanno predisposto la mappa dei luoghi in cui intervenire, i carabinieri hanno indagato sulla provenienza degli stranieri fermati. E soprattutto hanno cercato di capire se, alle loro spalle, ci fosse un racket che li sfruttava. Ecco le conclusioni del capitano: «Vengono tutti dal Milanese. Non c’è nessun racket nel loro caso. Certo, sono sfruttati, ma solo per le misere condizioni in cui vivono e tentano di lavorare. Sono figure isolate, sparute, non sono inserite in un piano più ampio. Raggiungono la città al mattino e ripartono la sera. Questa è la loro vita. Non rappresentano certo agli occhi della crimi-

nalità organizzata una preziosa fonte di reddito. Se poi i cittadini ritengono di essere più sicuri se non vengono fermati a ogni metro da questi ambulanti abusivi, è un altro discorso. Qui entriamo nel campo della percezione della sicurezza piuttosto che in quello della criminalità. Il racket non c’entra niente». Savino, incalzato dalle domande, ci ha tenuto molto a specificare che in città non è attiva una rete di sfruttamento. Una certezza, questa, che i carabinieri hanno raggiunto ascoltanto le esperienze degli stranieri fermati e svolgendo indagini più approfondite in collabotrazione con i comandi di altri territori.

ti si proponevano anche come aiutanti nel trovare i posteggi agli automobilisti aspettandosi in cambio qualche moneta. Comportamenti che hanno sempre più esacerbato gli animi dei cremaschi. Al punto che è stato necessario intervenire. Così, quando le segnalazione dei cittadini si sono moltiplicate, Peverelli e Savino, sollecitati dal sindaco, si sono attivati. Il raid è stato programmato per martedì mattina. Ha spiegato il comandante Peverelli, «le pattuglie si sono mosse simultaneamente in diverse zone della città con lo scopo di fermare gli ambulanti». Ingenti i sequestri di articoli venduti senza autorizzazione. «I cittadini avevano ragione, abbiamo trovato una situazione di emergenza che ora speriamo non si ripresenti più. Siamo qui a vigilare proprio per questo» ha concluso Peverelli, «abbiamo semplicemente dato ascolto ai cittadini: sono stati loro a richiedere maggior sicurezza. Sto parlando di gente normale, che ci ha segnalato un disagio persistente. Che cosa dovevamo fare, ignorarli?»

Peruviano espulso, ma costretto a restare

Che la legge italiana fosse simile a una giungla, o a un colabrodo se preferite, lo si sapeva. Ma i casi che questo caos riesce a generare non smettono mai di stupire. Uno veramente singolare è avvenuto ieri in città, dove un peruviano clandestino è stato sorpreso dai carabinieri. Il giovane, 25 anni, non aveva il permesso di soggiorno. Vive in Italia da diversi anni come clandestino. La sua irregolarità è stata accertata la prima volta a Gallarate (Va) nel 2007. Fermato anche in quella occasione dai carabinieri durante un controllo di routine. Dopo la segnalazione, gli fu ordinato, come prevede la legge, di lasciare il paese entro pochi giorni. Cosa che il peruviano

il palazzo di giustizia di Crema

non fece. I carabinieri persero le sue tracce. Più niente su di lui fino al 2008 quando viene bloccato mentre guida una macchina senza patente. Un episodio che insieme al fatto di essere clandestino gli costa una denuncia e un processo con condanna a 5 mesi e 8 giorni. La sentenza viene emessa nel marzo del 2008. Contemporaneamente il peruviano viene colpito dall’ordine di espulsione. A questo punto sembrerebbe arrivata la resa dei conti, con la legge italiana che riesce ad avere ragione del peruviano rimandandolo al suo paese. Ma non è così. Lo straniero scompare nel nulla ancora una volta.

Rapinata la farmacia di via Roma a Palazzo Pignano. I due banditi sono entrati alle 19.20 di lunedì 29 giugno, proprio mentre la titolare si preparava alla chiusura. Con lei c’era una dipendente. I due uomini sono piombati nel negozio all’improvviso. Avevano il volto coperto per metà da bandane e parlavano italiano. Uno di loro ha estratto una pistola e l’ha puntata contro le due donne. Ha ordinato di tirare fuori il denaro dal registratore di

Carabinieri in azione

cassa. La titolare ha obbedito e ha consegnato nelle mani dell’uomo 400 euro. Il rapinatore ha infilato le banconote nella tasca dei jeans ed è uscito seguito dal complice. Fuori ad aspettarli c’era l’auto con cui poi sono fuggiti: una Polo Volkswagen grigia, con alla guida una “biondina”. Secondo i testimoni era una giovane che indossava una parrucca. Questa, almeno, l’impressione suscitata nelle persone che hanno visto i due banditi uscire di corsa dalla farmacia e salire sulla Polo. L’auto è partita a forte velocità.

Cellulare suona nel marsupio rubato

Due minorenni sono stati denunciati per il furto di un marsupio. Sono stati scoperti grazie alla suoneria del telefono cellulare che era dentro il marsupio e che i due ladri non avevano spento. Il fatto risale a qualche giorno fa. Ecco com'è andata. Quando il maresciallo dei carabinieri della stazione di Pandino è arrivato in piscina, si è fatto accompagnare nello spogliatoio. Qui, infatti, era avvenuto il furto del marsupio. Con lui c’era la vittima del furto, un professionista di 27 anni, e il responsabile dell’impianto sportivo.

Si tratta della piscina comunale “Blu Pandino” di via Roggetto. Il professionista ha raccontato rapidamente l'accaduto: si era tolto il marsupio lasciandolo incustodito soltanto per pochi istanti e l'oggetto era scomparso. No, non aveva visto nessuno prenderlo. Semplicemente non c’era più. Il marsupio conteneva il suo portafoglio, un telefono cellulare, i documenti d’identità e una fede nuziale. Il maresciallo ha chiesto se per caso il telefono era acceso. Il 27enne ha risposto di sì, che non lo spegneva mai perché poteva essere contattato per motivi di lavoro.

I carabinieri hanno ricevuto subito dopo la chiamata di aiuto. Gli uomini del capitano Antonio Savino si sono mossi all’istante. Alcuni equipaggi hanno raggiunto la farmacia di via Roma mentre altri hanno bloccato le principali vie di comunicazione. Posti di controllo sono spuntati sulla Paullese in direzione di Milano. Controllata anche la Melotta. Ma i carabinieri non sono riusciti a intercettare la Polo con i rapinatori. Un sospetto circolanel comando di via

Macallè. Dice Savino: «Il 9 giugno c’è stata una rapina a Trescore Cremasco, nella farmacia Zambiasi, e anche in quel caso c’era una pistola di mezzo e una donna con un taglio di capelli decisamente fuori della norma. Per noi è legittimo pensare che tra i due episodi ci possa essere un collegamento». Il taglio di capelli della giovane era molto singolare: lunghi da una parte e rasati a zero dall’altra. Un taglio “punk” Anche alla farmacia di Trescore i banditi erano in due, di cui uno armato di pistola.

“Bene” ha detto allora il carabiniere, “proviamo a farlo squillare”. Il maresciallo ha composto il numero sul display del proprio cellulare e ha schiacciato il pulsante di avvio. Un istante dopo dall’interno di un armadietto chiuso a chiave con un lucchetto si è sentita squillare una suoneria. L’uomo l’ha riconosciuta immediatamente. Il maresciallo, attraverso il responsabile della piscina, è risalito ai proprietari dell’armadietto. Erano due sedicenni che alla fine hanno ammesso tutto. Portati in caserma, sono stati identificati e denunciati per furto.


10

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

CREMASCO

Cna: Boiocchi presidente dei Giovani Venerdì 3 Luglio 2009

Ha 36 anni, impiantista di Castelleone. Succede a Venturini: «Lascio, ma questo è un gruppo eccezionale»

M

di Luigi Arnaldi

ercoledì 25 giugno nel corso dell’assemblea elettiva di CNA Giovani Imprenditori che si è svolta presso la sala Mercanti della Camera di commercio di Cremona, Valentino Boiocchi, 36 anni, impiantista di Castelleone è stato eletto presidente del Gruppo. Succede a Vittorio Venturini che rimane all’interno della presidenza. «L’avventura di CNA Giovani Imprenditori» ha affermato Venturini nella sua relazione di apertura, «è iniziata tre anni fa quando eravamo dei giovani che in comune avevano la vocazione del "fare impresa". Lungo il percorso abbiamo condiviso idee, problemi e proposte, ci siamo formati, scontrati e sostenuti. Oggi siamo un Gruppo che

Da sinistra: Giuseppe Ghisani, Valentino Boiocchi, Vittorio Venturini e Fausto Cacciatori

dà voce al mondo delle giovani imprese ... una scommessa della CNA che non è stata disattesa». CNA Giovanni Imprenditori di

Banca di Credito Cooperativo dell'Adda e del Cremasco

Assemblea approva Consulta dei Soci

Giorgio Merigo, presidente del Credito Cooperativo dell'Adda e del Cremasco

Credito Cooperativo dell’Adda e del Cremasco in assemblea, sabato 27 giugno alle 20,15, nel podere di Ombriano a Crema. I soci dell’istituto di credito sono stati chiamati a discutere e votare un ordine del giorno composto da una parte ordinaria e una straordinaria. Per quest’ultima è necessaria la presenza di almeno il 10 per cento dei 3.900 soci dell’istituto. L’assemblea si è resa necessaria per adeguare lo statuto della Cassa Rurale alle norme del nuovo diritto societario applicabili anche alle banche di piccole dimensioni. Nell’ordine del giorno spicca, tra le altre cose, l’approvazione del regolamento della consulta dei soci, organismo già presente nella Cassa Rurale del Cremasco, che il presidente Giorgio Merigo, insieme all’intero

consiglio di amministrazione, ha inteso riproporre nella nuova realtà originata dalla fusione. La consulta sarà rappresentativa di tutte le aree presidiate dalla BCC che esprimeranno da uno a tre membri, scelti trasversalmente nelle diverse categorie sociali, a seconda della rilevanza della filiale. Non ha poteri amministrativi ma, in un certo senso, stimola e ‘vigila’ su tutta l’attività della banca. «La consulta dei soci» recita infatti l’articolo 2 del regolamento, «è organo consultivo di costante collegamento con i soci e i clienti delle diverse comunità dove la banca svolge la sua attività. Ne recepisce tempestivamente le esigenze e le proposte, nello spirito di rafforzare il rapporto con la base sociale ed il radicamento della banca con il territorio”.

Cremona in soli tre anni di attività ha già fatto molti passi in avanti, creando e realizzando diversi eventi, corsi di formazione indiriz-

zati alla giovane imprenditoria e momenti di confronto che hanno visto anche la partecipazione a missioni imprenditoriali all’estero come ad esempio Lione e Dubai. Ora spetta al neo presidente Valentino Boiocchi, eletto all’unanimità dall’assemblea cremonese, portare avanti questo percorso. «Sono molto onorato» ha affermato un emozionato Boiocchi nel suo discorso di insediamento, «di poter assumere questo incarico che comporta anche grandi responsabilità. Abbiamo formato un gruppo unito e siamo consapevoli che il

lavoro da fare è ancora molto. Abbiamo solo mosso i primi passi, adesso dobbiamo continuare a camminare con l’obiettivo di essere sempre di più funzionali e propositivi, carichi di voglia di fare, per dare il nostro contributo all’interno della nostra associazione e del nostro territorio».

Itis Galilei e i percorsi «Learning Week» Liceo Scientifico Tecnologico «G. Galilei» di Crema si sono da poco conclusi alcuni percorsi di «Learning Week» tra i quasi 400 approvati dalla Regione Lombardia. La scuola diretta da Vincenzo Cappelli continua la sua vocazione di istituto all'avanguardia. Sei le proposte didattiche dell’Istituto per questa settimana full immersion: - WISE UP, una settimana presso la George Spencer School di Nottingham in cui i ragazzi, accompagnati dal responsabile professor Gianmario Gambaretti e dalla professoressa Antonia Tedoldi, hanno potenziato il loro Inglese grazie ad ore di lezione curricolare in presenza con gli studenti del posto e sono venuti a conoscenza del patrimonio artistico e culturale locale; - AUTOCAD 2D e AUTOCAD 3D, organizzata dal prof. Ermes Tassi con il prof. Mauro Calzari, che, grazie a partnership con Open Mind, AICA, Autodesk e Reindustria ha permesso agli studenti di conseguire la certificazione ECDL “specialised” CAD. Da segnalare il fatto che le certificazioni 3D sono le prime mai rilasciate in Italia da AICA; - CARTA:WEB:TV://NUOVE SCRITTURE PER NUOVI LINGUAGGI, da un’idea della docente responsabile Donatella Tacca con la collaborazione dei professori Carolina Riboli, Massimo Vailati e Paolo Gennari

Il preside dell'Itis Vincenzo Cappelli

(esperto della redazione di ‘Nonsolomoda’ – Canale 5), finalizzata alla realizzazione di prodotti giornalistici destinati a 3 media diversi: articoli di giornale, siti web e servizi televisivi (poi trasmessi da CremaLodiTV). Un seminario laboratoriale è stato tenuto dal prof. Valerio Bellandi, ricercatore presso il Polo Universitario di Crema; - CIBO E COCKTAILS MOLECOLARI, percorso segnalato dalla Regione per l’originalità, la cui referente professoressa Giovanna Benelli, supportata dai professori Eugenio Ceriali, Daniela Falcone, Lorena Martinelli e Davide Vitali (esperto galenico della Farmacia Granata), ha guidato gli studenti nella sperimentazione della scienza

applicata all’ambito alimentare, non per inventare un nuovo modo di cucinare, ma per comprendere meglio i processi di trasformazione del cibo. Partners di fama internazionale del progetto il professor Davide Cassi, docente di fisica molecolare all’Università degli Studi di Parma, lo chef Ettore Bocchia e il barman cremasco Marco Pistone; - MISSIONE ALBANIA, coordinata dal professor Davide Pagliarini con i professori Vittorio Cisarri e Vittorio Cirioni, che ha portato i ragazzi a mettere in funzione un laboratorio di informatica nella parrocchia di Puka in Albania (determinante in questo senso il supporto del parroco don Giovanni Fiocchi). Un intervento sociale, oltre che tecnico, in un contesto multi-etnico e multireligioso, che ha assunto il valore di gesto di solidarietà internazionale. Il feedback per ogni percorso (40 ore full immersion per una didattica “rivoluzionaria” rispetto al tradizionale modo di “fare scuola”) è stato decisamente positivo sia da parte degli organizzatori, sia soprattutto degli studenti coinvolti, curiosi e soddisfatti di aver avuto un’occasione unica per apprendere sperimentando “sul campo”. Intanto al Galilei si sta già pensando a nuovi percorsi da proporre il prossimo anno scolastico. G.P.

«Confidi Day»: Gorlani e Zucchetti a Verona

Al «1° Confidi Day» promosso a Verona dal Banco Popolare per dare risposte chiare e costruttive a uno dei principali problemi che affligge il mondo imprenditoriale, cioè l’accesso al credito, c’era anche Artfidi Lombardia, secondo Confidi dell’artigianato in Lombardia e Consorzio di garanzia fidi protagonista nel territorio cremasco. Insieme ai vertici (il presidente Battista Mostarda e il direttore generale Francesco Gabrielli) sono anche intervenuti i cremaschi Giacomo Gorlani, vice presidente di Artfidi con Marco Bressanelli ed Angelo Valota, membri del comitato tecnico di Crema, e Giuseppe Zucchetti, direttore generale della Libera Artigiani di Crema e membro del Consiglio d’Amministrazione di Banca Popolare di Crema. «E’ stato importante partecipare a questi momenti di confronto perché Artfidi Lombardia

Giuseppe Zucchetti, direttore generale della Libera Artigiani

si sta mostrando sempre di più come uno strumento valido di garanzia per le banche e per le imprese» ha sottolineato Gorlani. «Il Banco Popolare» ha commentato Zucchetti, «ha effettuato una scelta decisa che può incrementare ancor più la collaborazione tra Confidi e banche. Ogni suo rafforzamento è un miglioramento del servizio offerto alle imprese che rappresentiamo».

E’ stato, insomma, un momento importante di dibattito tra il gruppo veronese, che partecipa anche le Popolari di Crema e di Cremona, e i Confidi. «Il momento è difficile» ha infatti sottolineato il presidente del Consiglio di sorveglianza del Banco Popolare, Carlo Fratta Pasini, «ma deve anche essere occasione per le imprese per cogliere le opportunità che sono insite in queste situazioni. In quest’ottica anche noi come banca ci sentiamo impegnatissimi». Il Banco Popolare opera con 192 Confidi con affidamenti garantiti che ammontano a 1,6 miliardi di euro, il 70 per cento dei quali a piccole imprese. La necessità di un ulteriore rafforzamento della partnership che lega le banche ai Confidi è stata così richiamata da Fratta Pasini: «I Confidi contribuiscono da anni al contenimento dei rischi per le banche grazie alla

Giacomo Gorlani, vice presidente di Artfidi

valutazione del merito di credito delle imprese che effettuano a monte. Occorre ora più flessibilità, meno burocrazia e un accorciamento dei tempi tecnici fra la presentazione della domanda e la risposta della banca, specie in un momento in cui le piccole e medie imprese hanno voce meno forte delle grandi, meno marginalità e meno flussi di cassa per ammortizzare l’indebitamento».


Cronaca

il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

11

Torna alla carica il comitato dei residenti di via Cadorna e via Martini: «Una viabilità che rovina la vita»

«Caro sindaco, sospendi questo famigerato rondò»

S

di Barbara Milanesi

ono circa 500 i cittadini che, uniti nel comitato di via Cadorna, avevano chiesto, più o meno un anno fa di sospendere la sperimentazione del “rondò quartiere” tra via Cadorna, appunto, via Cremona e via Enrico Martini. Richiesta mai esaudita e verso la quale, come specificato dagli stessi in una lettera inviata al sindaco Bruno Bruttomesso il 22 giugno scorso, «è stata dimostrata

che delle promesse ormai non sappiamo cosa farcene». «Il sindaco ha promesso di darci una risposta entro la prossima settimana» spiega la moglie di Fabiano Fa-

I negozianti: «C'è stato un calo del fatturato»

Sono circa 500 i firmatari della lettera inviata al sindaco

ciocchi, membro del comitato e residente in via Enrico Martini, una delle via più trafficate dopo la sperimentazione del rondò quartiere. «Speriamo possano esserci date delle risposte perché la situazione sta diventando davvero insostenibile. Anche la passata amministrazione Ceravolo aveva proposto la sperimentazione, ma non è mai stata attuata. Forse perché avevano capito in anticipo quali sarebbero state le conseguenze». La lettera dei cittadini del comitato spiega quali sono le problematiche legate alla sperimentazione che in corso: «Dal lunedì al venerdì, nel periodo scolastico, alle 8 e alle 13, così come alle 17 nelle vie in oggetto si formano delle code chilometriche creando anche maggiore difficoltà a pedoni e ciclisti che devono attraversare via Cremona». Continua la donna: «Il mercoledì, il venerdì ed il sabato notte la zona è affollata di auto e di giovani che transitano per raggiungere alcuni luoghi di divertimento situati non lontani da noi. Schiamazzi, auto a grande velocità e traffico non ci fan-

completa indifferenza, in particolare dall’assessore alla Viabilità e dal suo funzionario responsabile». Ora i cittadini sono tornati alla carica e sono convintissimi delle loro ragioni, disposti a tutto per cambiare una viabilità che ritengono sbagliata e nociva. Nella lettera si chiede al sindaco della città di prendere una posizione e di dare una risposta alla petizione. «Basterebbe» si legge nel documento, «un suo vero e genuino interessamento con la speranza che questo incubo finisca presto e dato

no dormire tranquilli. Se a queste problematiche visibili si aggiungono l’odore degli scarichi e l'aumento dell’inquinamento atmosferico e il rumore provocato dai continui cambi di marcia, rallentamenti ed accelerazioni, si intuisce quanto noi cittadini cominciamo ad essere davvero stanchi». Anche i commercianti della zona con attività su via Cadorna, tempo fa avevano fatto sentire la loro voce lamentandosi soprattutto del calo degli incassi. «Abbiamo certamente diminuito il fat-

sioni e caos sono all’ordine del giorno». Nella zona, le attività che richiedono la sosta rapida e il ritiro sono diverse: oltre alla lavanderia, una pizzeria d’asporto, un panettiere, un macellaio, una farmacia. La lettera del comitato di

turato. Il passaggio per un tipo di attività come la nostra era fondamentale» spiega Katiuscia Colombo, titolare della lavanderia Bolle di Sapone. «Il cliente passava e ritirava i capi pronti. Sono diminuiti i parcheggi, quindi c’è meno possibilità per la gente di fare la sosta per il ritiro. Non esistono strisce pedonali verso il ponte e spesso le auto da San Bernardino arrivano a tutta velocità. Incidenti, piccole colli-

cittadini ribadisce le problematiche e chiede al sindaco di verificare pure quanto detto presso L’Arpa di Cremona, l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, che ha effettuato rilevi e studi di settore basati su modelli empirici. I cittadini del comitato nella lettera propongono eventuali soluzioni: «Riteniamo, magari da incompetenti, che la soluzione come prospettata in uno studio degli anni

Il comitato è in attesa della risposta del sindaco

'90 sul traffico di piazzale Rimembranze, sia da una parte la realizzazione del sovra-sottopasso sul viale Santa Maria che eliminerebbe la coda in entrata in città; e dall’altra la sostituzione del semaforo di via Cadorna-via Cremona con un nor-

I residenti lamentano l'aumento di smog e inquinamento acustico

male semplice rondò. Infatti» recita la lettera, «l’utilizzo del rondò, anche con spazi ridotti, è già operante nelle via Stazione, e Mercato, via Piacenza, via Urbino e via Crispi con positivi riscontri sia da parte dei cittadini residenti sia da parte degli automobilisti in transito. Perché intestardirsi contro l’evidenza?» scrive sul finale della lettera il Comitato. Ora sono tutti in attesa di una risposta di Bruttomesso.

Tutti i consigli per fare acquisti in sicurezza

Saldi: partenza il 4 luglio

Luglio è tempo di saldi. In Regione Lombardia inizieranno sabato 4 luglio e domenica 5 tutti gli esercizi commerciali potranno rimanere aperti per i clienti che vorranno approfittare della lunga ondata di vendite straordinarie che durerà 60 giorni. Ogni famiglia, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio, spenderà, in media, poco più di 240 euro per l’acquisto di articoli in saldo, per un valore complessivo di circa 3,6 miliardi di euro (il 12% circa del fatturato totale annuo del settore abbigliamento). «Le vendite estive» ha dichiarato Alessandro Bandera, presidente del Gruppo Moda di Ascom della provincia di Cremona, «non stanno andando bene sia per una generalizzata crisi dei consumi che interessa tutti i settori e, in maniera particolarmente pesante,

il comparto abbigliamento, accessori e calzature, sia per fattori legati a condizioni climatiche poco favorevoli. Un parziale recupero potrà avvenire grazie ai saldi estivi che rappresentano, indubbiamente, un’importante occasione per le famiglie di poter acquistare articoli con sconti che in media saranno

superiori al 30%. C’è comunque una aspettativa ottimistica che conferma come la fiducia delle famiglie sia in ripresa. Ci auspichiamo, quindi, un buon andamento delle vendite». Per il corretto acquisto degli articoli in saldo, Confcommercio ricorda alcuni principi di base. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi

dalla data della scoperta del difetto. Prova dei capi: non c’è obbligo. E’ rimesso alla discrezionalità del negoziante. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante qualora sia esposto nel punto vendita l'adesivo che attesta la relativa convenzione. Prodotti in vendita: i capi che

vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.


12

il PICCOLO

Cronaca

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

S

di Barbara Milanesi

i è tenuto venerdì 26 giugno il corteo dei lavoratori contro la crisi ed il licenziamento. E’ partito da piazza Garibaldi ed ha percorso le vie del centro: via Mazzini, Piazza Duomo, via XX Settembre, giro intorno a Porta Ombriano e il ritorno ancora in Piazza Duomo. Hanno sfilato le bandiere rosse della Fiom, di Sinistra e Libertà, di Rifondazione Comunista e quelle bianche e verdi della Cisl e del Pd. Nel corteo c’erano Anna Rozza, Franco Bordo, Gabriele Piazzoni, Antonio Miglio, Serse e Anna Mostosi, Mauro Fanti, Alex Corlazzoli, l'ex presidente della Provincia di Cremona Giuseppe Torchio, la senatrice Cinzia Fontana. Oltre ai dipendenti della Saco, con uno striscione e decine di cartelli, c’era anche una rappresentanza della Bosch e della Nova di Castelleone. La notizia della chiusura della Sa-

Lavoratori in sciopero contro la crisi. Da tutta la provincia

co era arrivata all'improvviso. Non c'era stata nessuna avvisaglia. I dipendenti hanno partecipato al corteo manifestando arrabbiati, indossando una maglietta dell'azienda. Rita Orsini, segretaria generale Cgil-Fiom di Cremona ha fatto il discorso introduttivo: «I dati della cassa integrazione parlano chiaro. Sono più di 300 le aziende che hanno fatto richiesta d'accesso alla cassa e solo nel primo semestre, senza contare quelle che hanno già chiesto la proroga ad otto mesi. La crisi è generalizzata. Ha sconvolto tutti i settori produttivi: meccanica,

Il corteo dei manifestanti in via XX Settembre

chimica, legno, edilizia e ho il timore che possa coinvolgere anche il settore alimentare. Il nostro territorio è stato colpito molto gravemente, proprio perché nel Cremasco ci sono fabbriche che lavorano per altre aziende, soprattutto nel settore della meccanica. Il caso della

Saco è solo l’ultimo di una lunga serie». I manifestanti, tutti tra i 35 ed i 40 anni con famiglia e con stipendi di 700-800 euro al mese, hanno proposto lo sblocco dei finanziamenti, la reintroduzione della scala mobile dei salari per contrastare l'aumento

dei prezzi e l'orario a 35 ore con parità di salario. Ma anche l’abolizione del precariato e di ogni forma di flessibilità, 35 anni per le pensioni per garantire il lavoro ai giovani. Nessun tipo di distruzione dei contratti nazionali e nessun tipo di gabbie salariale.

Vincenzo Gamba confermato presidente di Cna-Fita Cremona

D

Guiderà l’unione provinciale degli autotrasportatori fino al 2013

omenica 28 giugno presso la sede della CremaDiesel di Cremona, si è svolta l’assemblea elettiva di CNA Fita, l’unione degli autotrasportatori della CNA di Cremona. Vincenzo Gamba, autotrasportatore cremonese, è stato rieletto all’unanimità presidente e presiederà la Fita fino al 2013. L’assemblea, che ha visto la partecipazione del presidentedella Cna, Giuseppe Ghisani, del presidente Cna-Fita Lombardia Daniele Caffi e del direttore Bruno Cavagnoli, è stato anche il momento per discutere dei problemi che attanagliano la categoria. «Quella che stiamo vivendo» afferma il presidente Gamba, «è una

crisi pesante per il trasporto. A Cremona a tutt’oggi registriamo un calo di imprese del 5%, uno dei valori più alti in Lombardia. A complicare la situazione vi è poi la complicata vertenza con il governo che non ci fa vedere chiaro nel futuro, e non escludendo la possibilità di un fermo. Noi diciamo che siamo attenti e vogliamo scongiurare un nuovo clamoroso fermo, ma per farlo occorre che ognuno faccia la propria parte. Noi dobbiamo operare con sempre maggiore responsabilità. La politica faccia la sua, di soluzioni ne abbiamo già prospettate tante, finora tutte senza risposta». Che il mercato sia ormai cronicamente malato è testimoniato anche dalla situazione finanziaria delle nostre imprese. Le aziende di autotrasporto in esercizio denunciano un

indebitamento medio, più o meno consolidato, che ha superato di gran lunga la soglia di guardia: 250mila euro per impresa. E' un settore che, per riemergere, ha bisogno di regole certe e diritti certi. «Per quanto riguarda la sicurezza» continua Gamba, «noi continuiamo a sostenere che la corresponsabilità dei committenti deve essere un dato fermo. Non può essere che si lavori sempre sotto ricatto “o fai il sovraccarico, non fai i riposi non rispetti i tempi di guida oppure non lavori più per me”. Occorre aprire una verifica sulle varie concause: limite di velocità, sovraccarico, manutenzione del veicolo, tutti aspetti di cui il committente può essere responsabile. Chiediamo di attivare subito e urgentemente il fondo di garanzia per l'autotrasporto, garantire tempi e modalità

di pagamento dei servizi, rendere operativa per mezzo di qualificati controlli la nuova disposizione sul cabotaggio stradale e migliorare gli attuali strumenti normativi per la trasparenza del mercato. C’è un ultimatum che scade nei primi giorni di luglio». Dopo un acceso dibattito incentrato sullo stato della vertenza con il Governo sui problemi della legalità. della viabilità e della sicurezza, la conclusione dei lavori è affidata al Presidente di Cna-Fita Lombardia Daniele Caffi che relaziona sullo stato dell’arte della vertenza che sta conducendo in prima persona come membro della Presidenza di CnaFita nazionale. «Condividendo l’opportunità» conclude Caffi, «di approfondire alcune tematiche relative alla tariffa

Vincenzo Gamba

minima di sicurezza e alla emanazione della scheda di trasporto, mi auspico che tutti a partire da noi si faccia la propria parte per riportare il settore a livelli minimi di competitività in uno scenario le cui regole siano uguali per tutti».


Tribunali

il PICCOLO

giornale del

Cremasco VenerdĂŹ 3 Luglio 2009

13


14

il PICCOLO

Cronaca & Lettere

giornale del

Cremasco

Il bollino “rosa” all'ospedale Maggiore E’ Venerdì 3 Luglio 2009

Premiata al Senato la struttura diretta da Luigi Ablondi. Per l'attenzione e la cura verso le pazienti ricoverate

la terza edizione del progetto «Ospedaledonna» promosso da O.N.Da, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, che premia con i bollini rosa le strutture attente alle esigenze delle donne che, con 5 milioni di ricoveri ogni anno, per un totale di 9 milioni di italiani, rappresentano l’utenza maggiore dei servizi sanitari. La premiazione il 30 giugno alle ore 13 al Senato della Repubblica. Le strutture premiate sono state monitorate per verificare che i requisiti siano mantenuti. Sanità “a misura di donna” sempre più diffusa in Italia: 93 le strutture che quest’anno si sono aggiudicate i prestigiosi bollini rosa (su 103 candidate) e che si aggiungono alle 96 premiate nel bando 2008 e alle 44 del 2007 per un totale di oltre 230 ospedali “in rosa” sull’intero territorio nazionale. Nello specifico, sono stati assegnati 3 bollini a 27 strutture, 2 a 38 e 1 bollino a 28. Il Nord è ancora la realtà geografica più rappresentata con il 52% delle candidature e il Sud è in recupero con il suo 25%.

Luigi Ablondi

Un dato interessante: sono state svelate eccellenze nelle strutture italiane all’estero come al Cairo (Egitto) e Bellinzona (Svizzera). L’Ospedale Maggiore di Crema è stato individuato tra i tre migliori

“bollini rosa” di quest’anno, in particolare per un percorso a 360° per il trattamento della patologia della mammella con psico-oncologia e prevenzione in rosa e con alcuni progetti rivolti alle donne: Unità di senologia «Insieme» con percorso diagnostico terapeutico per il trattamento della patologia della mammella, che assicura continuità delle cure nei diversi passaggi delle terapie oncologiche; incontri di gruppo «La forza e il sorriso», «Saperne di più»; «I mille sentieri del sollievo»; «Narrazione e cura di sé». Questi gli altri aspetti “premiati» per la l’Azienda Ospedaliera di Crema: • la presenza di reparti di

ostetricia e ginecologia con metodiche di ultrascreen, chirurgia uro ginecologica mininvasiva, laparoscopia ginecologica avanzata • presenza di strutture a misura di donna: rooming-in (con vicinanza della madre al bimbo appena nato) • 5 pubblicazioni scientifiche in area neonatologica-pediatrica nel 2008 • 5 donne in posizione apicale, 4 donne nel comitato etico • prevalenza del personale femminile in azienda • presenza di documentazione informativa multilingue rivolta alle donne, manuale multilingue e opuscolo “ Venuto al mondo”

L'ospedale Maggiore di Crema

• sportello accoglienza per gestanti migranti • presenza di mediatore culturale

• cucina multietnica • applicazione della normativa vigente sull’ospedale senza dolore.

Agricola, cardiologo, insignito del titolo di Fellow of Acc

Pietro Maria Agricola

palazzetto dello sport

Rota, se ci sono altri progetti, tirateli fuori Nel prendere atto, con soddisfazione, del fatto che anche il consigliere Gianni Risari ritiene interessante e degno di attenzione il progetto presentato da Reima e Crema Volley, mi permetto di precisare che l'impianto progettato da Archistudio consente - tecnicamente - il simultaneo allenamento di due squadre: grazie infatti ad un pannello sezionale estraibile che divide il campo centrale in due campi regolari (soluzione già adottata in diversi impianti, sia in Italia che all'estero), sarà possibile per due squadre allenarsi in contemporanea. Dunque, anche nell'ipotesi di alienazione della Bertoni, la città di Crema sarebbe dotata comunque di una "palestra" in più rispetto ad oggi, perlomeno 6 giorni su 7, perchè è ovvio che le gare di campionato delle squadre maggiori dovranno svolgersi sul campo centrale. Dunque il nuovo palazzetto potrà ridurre - e non lasciare invariato, come sostiene Risari - il problema della carenza di palestre in città. In merito poi a quanto scritto nell'articolo apparso su La Cronaca venerdì 26, mi permetto di considerare che se è vero, come è stato scritto, che "vi sono altri progetti" alternativi da considerare, ritengo giusto che questi vengano presentati all'opinione pubblica come è stato fatto da parte nostra. Reima e Crema Volley hanno voluto condividere con la città non solo un'idea, ma un vero e proprio progetto, presentandolo con la massima chiarezza e spiegando anche nei dettagli non solo l'opera, ma anche il senso ed i vantaggi economici discendenti dall'operazione nel suo complesso considerata: ad esempio, l'assenza di spesa pubbli-

Il Dott. Pietro Maria G. Agricola, cardiologo dell'Ospedale Maggiore di Crema, lo scorso 30 Marzo, nel corso dello svolgimento del Congresso dell'America College of Cardiology (ACC), che si è tenuto ad Orlando in Florida, è stato insignito del titolo di FELLOW da parte dell'ACC.

ca e il reinvestimento, da parte dei privati, di parte dei ricavi a sostegno della attività sportiva delle società preponenti. Se dunque c'è, da qualche parte, un progetto alternativo vero (non solo idee o parole...) attendiamo che venga mostrato alla città e discusso. Avv. Michele Rota lions crema host

Grazie Campari, inizia un nuovo cammino Nell’atmosfera fiabesca di Villa S. Michele, nell’omonima frazione di Crema, il LC Crema Host ha ringraziato il Presidente Pierfranco Campari per aver svolto il suo incarico con gioia, vera amicizia e spirito di servizio: durante la sua annata il club è stato molto vicino alla gente ed al territorio, con la donazione di due cavalli bardigiani al Centro di Recupero Equestre di Crema (voluto e fondato trent’anni fa proprio dall’Host), con il cospicuo aiuto alla “Culla per la Vita” (service curato soprattutto dalla generosità delle consorti dei Soci), con l’offerta di una bicicletta elettrica al Centro antidiabetico e con la sponsorizzazione dell’opera di Bottesini “Ero e Leandro”. Tra i services di Zona spicca il patrocinio alla presentazione dell’UNICrema e del libro sulla “Cittadinanza Umanitaria attraverso la voce dei Classici”. “Un poster per la pace”, “Telethon” e la proposta di un piano di interventi sul Territorio in occasione dell’Expo 2015 hanno completato il ragguardevole e consistente quadro di servizio della Presidenza Campari. Ora tocca alla nuova Presidente, Severina Donati, signora della cultura, esperta conoscitrice d’arte e cultrice del bello, in virtù di queste sue doti, dare la sua impronta a questo Club, molto operativo e

L'American College of Cardiology (ACC) è la più importante Società Scientifica Cardiologica al mondo, e l'assegnazione del titolo di FACC (acronimo per Fellow of American College of Cardiology) è quanto di più prestigioso possa esserci per un Cardiologo. In Italia i FACC sono me-

ricco di iniziative. L’IPCC Rocco Tatangelo ha espresso il suo orgoglio di appartenenza a questo sodalizio, che ha più di 50 anni e che ha espresso un DG storico (Giancarlo Cesaris) ed un Presidente del Consiglio dei Governatori. Ha sottolineato il fatto che molti soci, pur svolgendo attività professionali molto impegnative, si sono spesi per il servizio con spirito di collaborazione e generosità. Sono questi i presupposti da cui partirà la nuova Presidente, animata da volontà, decisione e determinazione. Durante la serata, Pierfranco Campari ha consegnato al Presidente del Leo Club Crema, Simone Chiodo, il patch del trentennale, con una grande riconoscenza e lode per la collaborazione e l’aiuto concreto che questi giovani dimostrano costantemente a tutti i clubs della Zona ed al Territorio. La serata è stata allietata da una splendida performance di musica dal vivo ad opera del socio Cesare Valsecchi. Adriana Cortinovis Sangiovanni

no di 200 (tenendo che i cardiologi italiani sono più di 8000). Il riconoscimento di tale onorificenza avviene dopo che il Consiglio dell'ACC, riceve sia la richiesta del candidato che le lettere di presentazione da parte di due FACC (uno internazionale e uno italiano).

Questi ultimi attestando la validità del curriculum formativo e dell'attività medico-scientifica (pubblicazioni internazionali), si fanno mallevadori di tale istanza. La nomina di Agricola rende onore sia alla Cardiologia che all'Ospedale Maggiore di Crema.

Energia Torazzi, Lega: «Bisogna rilanciare il settore e rimuovere i veti» «Questo Disegno di legge è necessario per affrontare alcune problematiche strutturali rimaste bloccate nei due anni dell’esecutivo Prodi. Non è possibile che chi lavora e produce in Italia debba farlo superando non solo la concorrenza, ma spesso sopportando anche il carico di una burocrazia inutile, quando non ostile. Ora finalmente si mette mano al rilancio del settore energetico, rimuovendo la politica dei veti e delle strumentalizzazioni, logiche che nessuna forza politica seria e responsabile dovrebbe tollerare e che invece per troppi anni hanno tenuto in ostaggio il nostro Paese». Lo ha dichiarato l’on. Alberto Torazzi, della Lega Nord, intervenendo nella dichiarazione di voto sul Disegno di legge in materia di sviluppo ed energia. In questo senso va realizzata un'alleanza fra nuclerae ed energie alternative. «Nell’ambito dei provvedimenti sul comparto energetico» ha spiegato Torazzi, «il ritorno al nucleare ri-

lancerà la creazione del valore dell’azienda Italia, senza abbandonare le fonti di energia alternative. Pochi mesi fa l’esecutivo ha dovuto intervenire per finanziare l’incentivo fiscale del 55% a favore del fotovoltaico perché, chi ci accusava nelle piazze e dalle pagine dei giornali di non sostenerlo, non aveva provveduto a farlo». «Non abbiamo abbandonato le famiglie» ha proseguito il parlamentare leghista, «e man mano che il governo procede, nonostante le drammatiche condizioni economiche internazionali, si nota sempre di più la differenza tra due modi di intendere la politica: chi chiacchiera e chi lavora, chi fa promesse e chi invece le mantiene. Non possiamo continuare a tollerare regole o illegalità, imposte dalle lobbyes internazionali del commercio, che consentono l’importazione nel nostro Paese di manufatti prodotti sfruttando lavoratori/schiavi e distruggendo l’ambiente».

Moto Club Crema: dal rally Fmi alla Milano-Taranto

Prosegue il calendario delle attività del moto club Crema. Dopo aver partecipato Il 24 maggio al IV Shopping e Sport di Offanengo, festa in cui ogni disciplina ha a disposizione un’area apposita per presentare il proprio sport e le proprie iniziative, realizzando una mostra statica di moto nella piazza del comune, i soci Luigi Bondioli, Bianchini Riccardo e Ivo Bertolasi hanno partecipato Dopo aver partecipato il 28-29-3031 maggio al rally FMI, che quest’ anno si è svolto in Croazia. Hanno percorso 800Km per raggiungere Zador sulla costiera andando cosi ad aggregarsi al gruppo di motociclisti italiani. L’evento durato 3 giorni ha dato loro la possibi-

lità di visitare luoghi caratteristici dell’entroterra e di conoscere gente proveniente da tutte le nazioni. La manifestazione si è poi conclusa con le premiazioni dei motociclisti a livello nazionale. L’ Italia con 289 moto si è classificata al secondo posto dopo la Finlandia come lo stato più partecipe. Tra le prossime iniziative che coinvolgeranno il club vi è il primo controllo orario della Rievocazione storica della Milano-Taranto. La gara a tempo che attraversa l’intera Italia con partenza da Milano e arrivo a Taranto, vedrà la prima sosta nella cittadina di Crema presso Centro moto Crema nella notte tra il 5 e 6 luglio dalle 24:15 in poi

orario in cui è previsto l’arrivo dei primi partecipanti per un totale di 200 piloti. Tra i partecipanti ben 5 soci del club stesso: Bussoleni Jonatan in sella a una Motobi 250cc. Assandri Adriano con guzzi Airone 250cc. Serina Roberto con gilera 175cc rosso extra. Torri Angelo e Foppa Uberti Giuseppe con jawa 350cc sidecar. Il moto club Crema invita tutti gli appassionati di moto d’epoca a venire numerosi, per chi volesse maggiori informazioni in merito al club e alle sue attività si può recare tutti i venerdì sera dalle ore 21:30 presso la sede del club sita in via Bergamo 1 a Santa Maria della Croce Crema.


Sposi

il PICCOLO

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

Partecipazioni: una scelta di classe

L'eleganza dei caratteri e della carta

Se si sta pianificando un matrimonio, uno degli step da non sottovalutare nell’organizzazione è il momento in cui si dovranno inviare le partecipazioni. La scelta degli invitati non è affare semplice perché non si può correre il rischio di tralasciare qualcuno. Il primo passo da fare, il più presto possibile, praticamente poco dopo la decisione del si, è stilare un elenco di parenti, in genere anche quelli di terzo grado, amici, conoscenti e colleghi di lavoro con famiglia o compagni annessi. Una volta stilata la lista, sarebbe bene

giornale del

selezionare tutti gli invitati d’obbligo, quelli che, per un motivo o per un altro, è praticamente impossibile escludere. Poi, dopo aver contato e controllato gli ospiti selezionati, si dovrebbero scegliere anche gli ospiti da invi-

tare sulla base di aspetti pratici come ad esempio il rischio di sforare il budget e l’impossibilità di esclusione (perché ad esempio eravate state invitati al loro matrimonio, oppure perché sarebbe davvero scortese non invitare). Il passo successivo è distinguere quante persone si vogliono invitare non solo alla cerimonia, ma anche al pranzo. Finiti gli aspetti pratici si passa alla scelta del modello di partecipazione da inviare. Sarebbe carino personalizzare il più possibile le partecipazioni dato che verranno considerate il biglietto da visita del matrimonio. Infatti, vedendole, chi le riceverà dovrà capire quale tono avrà la cerimonia. Questa è la parte più creativa e divertente ma non è affatto compito semplice. Esistono svariati tipi di partecipazioni. Solitamente per il proprio matrimonio si sceglie la linea tradizionale: cartoncino a libro con bordi tagliati a mano o carta raffinata; co-

lore rigorosamente bianco o avorio; caratteri corsivi grigio scuro o seppia; fedi intrecciate disegnate. Eppure esistono anche partecipazioni fantasiose, addirittura via mail o web. La tradizione vuole che di tutto si occupino i genitori degli sposi, in particolare la famiglia della sposa. In questo caso sono i genitori ad annunciare il matrimonio dei rispettivi figli, indicando il nome degli sposi, al centro la data, l’ora e il luogo in cui si svolgeranno le nozze. In fondo a sinistra l’indirizzo dello sposo, a destra quello della

sposa, in mezzo quello della nuova casa. Nel caso in cui fossero proprio gli sposi ad annunciare il matrimonio, il nome dello sposo va indicato in alto a sinistra, quello della sposa a destra; per le altre indicazioni vale quanto detto sopra. Per quanto riguarda l’invito gli sposi dovrebbero indicare il luogo del ricevimento, la sigla R.S.V.P. (Répondez s'il vous plaît) per chiedere la conferma e, sul retro, come arrivare. Un suggerimento: sarebbe meglio inserire il numero di cellulare del capofila perchè puntualmente qual-

15

cuno si perderà appena usciti di città. Per spedire le partecipazioni solitamente si ricorre a posta, corriere o consegna a mano. In ogni caso, le partecipazioni con invito devono giungere a destinazione non più tardi di un mese e mezzo dal giorno delle nozze, mentre quelle senza invito al massimo due settimane prima. Un ultimo consiglio. Nella lista compilata probabilmente sarà sfuggita almeno una persona. Proprio per questo motivo sarebbe meglio ordinare partecipazioni in abbondanza.


16

il PICCOLO

Sposi

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

di Barbara Milanesi Il galateo non prevede una lista nozze anche se oggi l'idea è diffusa e accettata comunemente. Il fatto di non preparare una lista nozze presuppone di mettere gli invitati nella condizione di pensare da soli al regalo più appropriato. Capita spesso allora che gli ospiti versino in busta chiusa dei soldi. Saranno poi gli sposi a decidere che uso farne. Per evitare di metter gli ospiti nella condi-

poi essere integrata o modificata secondo il gusto dell’invitato che sceglierà il regalo. Insomma, la lista nozze oggi serve per evitare doppioni, imbarazzi, difficoltà nei regali. Normalmente è possibile aprire una lista nozze in un negozio di oggettistica per la casa e in un negozio di casalinghi/elettrodomestici. La lista nozze deve essere stilata, quando si spediscono gli inviti e con indicato dove si è scelto di farla. Bisogna comunque fare attenzio-

la lista è un modo per risparmiare tempo e denaro

zione di versare una cifra, gli si può facilitare il compito e toglierli dall’imbarazzo stilando una mini lista che potrà

ne. E’ necessario offrire a tutti la possibilità di acquistare secondo il loro budget. Quindi, sarebbe corretto

Matrimonio: l'idea della lista nozze

scegliere vari articoli di diverso prezzo e valore. Il negozio dovrebbe aggiornare periodicamente sullo stato delle prenotazioni. Una lista classica prevede: un servizio di piatti formale, un servizio di piatti per tutti i giorni, un servizio di posate formale , un servizio di posate per tutti i giorni, un servizio da pesce, argenteria, cristalleria, accessori per tavola e cucina, accessori da bar, set di pentole, elettrodomestici, accessori per la casa, biancheria da tavola e da cucina, biancheria per il letto, biancheria per il bagno e valigeria. In alternativa delle liste più originali. Se già si convive oppure in casa non manca nulla, è possibile aprire una lista nozze in un'agenzia di viaggi, in una libreria oppure in una galleria d'arte, dove collettivamente gli invitati contribuiscono all'acquisto dei biglietti degli sposi o di un quadro o una scultura. Per un viaggio di luna di miele indimenticabile la scelta è veramente ampia: una crociera nel Mediterraneo, una crociera tropicale, in vela tra gli arcipelaghi del Mediterraneo,tour vari in diversi paesi del mondo,ecc. Il viaggio di nozze ovviamente dovrebbe essere il viaggio più importante della vita. Quindi è necessario sceglie-

Per aiutare gli invitati a scegliere un regalo utile e importante re secondo i propri sogni e secondo la curiosità che lega alla vista di un luogo in particolare. Il viaggio di nozze è importante, sarà legato ai ri-

cordi migliori. L’altra lista si potrebbe fare in una galleria d’arte. Se si ha un’opera in particolare che si vorrebbe possedere, allora il matrimo-

nio è l’occasione migliore. Questa alternativa, così come quella del viaggio conviene in genere a chi già convive o a chi già possiede casa ed arredamento. Insomma, non è detto che la lista nozze debba essere quella tradizionale. Il senso del regalo del matrimonio è proprio quello di ricordare quanto parenti, amici, colleghi siano stati felici dell’unione e di come ci tengano a farsi ricordare come presenti durante una giornata così importante.


Sposi

il PICCOLO

«Amore, è questa la casa dei nostri sogni?»

Sposarsi implica, nella maggior parte dei casi, acquistare una casa che diventerà il nido d’amore dei futuri coniugi. Uno tra i primi problemi da affrontare insieme è

Uno stile moderno e essenziale

dunque la scelta dell’abitazione. Le prime domande che verranno in mente saranno: dove sarebbe meglio acquistare casa? Che tipo di abitazione? Quanto grande

dovrà essere? Ma soprattutto quanto costerà? Se l’idea è quella di acquistare una nuova casa o ristrutturarne una di cui si è già in possesso, è possibile fare un mutuo.

Il mutuo è fondamentalmente un finanziamento che viene concesso da banche o istituti di credito a quanti devono sostenere ingenti spese nell’ambito immobiliare. In genere il mutuo permette di coprire una somma pari ai tre quarti delle spese totali; ha una durata variabile, solitamente compresa tra i cinque e i vent’anni.
Una volta scelta casa, passato il mutuo e fissata la data del matrimonio, non resta che scegliere l'arredamento.
Dal momento che, presumibilmente, anche il matrimonio è alle porte, si potrebbe pensare di

inserire nella lista nozze parte dell’arredo che più vi aggrada. 
 Il massimo sarebbe scegliere un architetto che, a seconda delle necessità, vi indirizzi sulle scelte migliori da fare nel campo dell’arredamento, anche a seconda della casa che avrete a disposizione. Agli sposi non resterebbe che scegliere lo stile con il quale si vorrebbe arredare casa, comprare l’arredo fondamentale (letto, cucina, bagni) e inserire altro nella lista nozze. Se l’architetto risulta troppo dispendioso è possibile anche organizzarsi da soli.

Ma da dove iniziare? Innanzitutto è bene valutare la grandezza della casa e dal numero di stanze. Per questo è necessario prendere bene le misure. Poi bisognerebbe pensare di minimizzare gli arredi ma non l’estetica. In genere è suggeribile puntare all’essenziale, ai moduli componibili e, soprattutto, ai colori. Lo stile da scegliere è fondamentale. Sono tanti gli stili che si rifanno alla storia dell’arte e alla fenomenologia degli stili. Lo stile gotico viene influenzato dall’architettura medioevale delle chiese, con archi aguzzi e una forte tendenza alla verticalità.
Lo stile rinascimentale punta sulla funzionalità, sulla

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

17

Tutte le fasi per costruirla: dal mutuo in banca alla scelta dei muri e dell'arredamento mobilia in quercia ed enfatizza, in antitesi al gotico, le linee orizzontali e gli arabeschi.
 Lo stile barocco punta tutto sulla sfarzosità, la fantasia, la spettacolarità. L’avorio, gli argenti, i legni pregiati sono i protagonisti.
 Lo stile rococò è esuberante, predilige le curve rispetto alle linee, i motivi floreali, anticipa la rigidità neoclassica.
Lo stile neoclassico segna il ritorno al classicismo e oltre: le linee rette sostituiscono le curve del rococò, dal quale viene eliminato qualsiasi imbelletto.
Lo stile impero è lo stile napoleonico: mogano e bronzo sono i materiali prediletti.
Lo stile biedermeier è lo stile della Vienna borghese: linee rettilinee, legni curati ma privi di eccessivi ornamenti. La comodità

prende il posto dell’ostentazione.
Lo stile art noveau è lo stile in cui arte e disegno sono influenzati dalla natura, dallo stile giapponese e dalle linee femminili fluenti.
Infine c’è l’arte moderna che segna la rottura con il passato, introduce l’utilizzo delle tecnologie, del nuovo nelle forme, nelle pratiche, nei materiali. Il rispetto della coerenza fa di una casa l’aspetto principale. Per questo è giusto avere idea dello stile che si vuole seguire per evitare di avere ogni stanza differente dall’altro con il risultato di una casa pacchiana e pesante. Il fatto di introdurre nella lista nozze oggetti o mobili d’arredo faciliterà le spese e inoltre si avrà la certezza che venga rispettato lo stile che si è scelto per la propria casa.


18

il PICCOLO

Paesi

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

Romanengo

Il Carroccio apre la sua nuova sede Sarà un luglio ricco N di eventi e di grandi film Tutti i segretari dei comuni cremaschi: «E' qui che ci sono le nostre radici»

egli ultimi due mesi molte sono state le sezioni della Lega Nord impegnate nei congressi per le elezioni dei rispettivi segretari e direttivi. Nel dettaglio si sono svolti i seguenti congressi: Il 12 maggio a Spino d’Adda, segretario Eugenio Dolfini. Il 15 maggio a Ripalta Cremasca, segretario Raffaele Volpini. Il 17 maggio a Romanengo, segretario Eugenio Cerioli. Il 29 maggio a Capergnanica, segretario l’ex-sindaco Cristian Chizzoli. In particolare a Romanengo la Lega ha messo su casa. Nel giorno del congresso, il lavoro e la generosità di numerosi romanenghesi si sono concretati con l'apertura della nuova sede nel centro storico del paese, dedicata alla memoria di Pietro Calatrò Bruni. All'evento, arricchito dall'affluenza massiccia della popolazione, ha partecipato l'On. Alberto Torazzi, oltre a sindaci e autorità della zona. Prima della cerimonia si è svolto il 1° Congresso della neonata sezione di Romanengo sotto la presidenza dell’assessore del comune di Crema Cesare Giovinetti, della quale Eugenio Cerioli è stato eletto segretario, mentre nel diretti-

Spino d'Adda Nei giorni 2,3,4,5 Luglio a Spino d’adda (20 Km da Milano) si terrà la 19° «FESTA DELL’INCONTRO» Organizzata dai vari Gruppi di volontariato di Spino d’Adda, di seguito Vi alleghiamo il nostro programma ed evidenziamo chi siamo : A.V.I.S. Associazione che svolge un servizio di raccolta

La sede della Lega di Romanengo

vo sono stati eletti Dino Losa, Francesca Denti. «L'apertura di una sede della Lega Nord era, fino a qualche tempo fa, impensabile in una realtà come quella di Romanengo» afferma Cerioli, «ma il sostegno e l'incoraggiamento della nostra gente ci hanno permesso di accettare questa grande sfida». Nei prossimi giorni sarà un’altra sezio-

Festa dell'incontro 2009

del sangue nel territorio di Spino d’Adda e tutela la salute del donatore organizzando azioni di medicina preventiva ed educativa. ADMO Svolge un servizio di segreteria per donatori disponibili ad offrire parte del midollo osseo per aiutare bambini ed adulti malati di leucemia.

Offanengo Il sindaco Gabriele Patrini ha prestato giuramento davanti al consiglio leggendo la formula prevista dallo statuto comunale. Sono stati eletti con votazione segreta il Presidente del consiglio comunale nella persona del dott. Pierangelo

ne del cremasco a eleggere il proprio segretario, quella di Montodine. Terminata la pausa estiva, a settembre tutti i leghisti del cremasco saranno chiamati a scegliere il nuovo segretario provinciale che subentrerà a Matteo Soccini, giunto alla scadenza del secondo e ultimo mandato alla guida del carroccio in terra cremasca.

Forner ed il Vice Presidente sig. Rodolfo Cappelli del gruppo Progetto Offanengo. Il Sindaco ha comunicato di avere nominato i componenti della giunta comunale assegnando a ciascuno la delega per alcune materie. La giunta risulta composta da:

Patrini Gabriele

Sindaco

Edoarda Benelli

Vice Sindaco - Urbanistica, edilizia privata, scuola

Andrea Valdameri

GRUPPO VITA è una Associazione che svolge attività di prevenzione ad ogni forma di disagio giovanile (alcool, fumo, droga, delinquenza, ecc.) organizzando incontri pubblici e seminari nelle Scuole Materna, Elementari e Media. Il ricavato di questa mani-

festazione sarà suddiviso fra le associazioni per la realizzazione dei loro progetti. Sono quattro serate in cui si vive un momento di solidarietà e amicizia nella bellissima Cascina Carlotta, una cascina in centro al paese ripristinata dal comune per svolgere manifestazioni culturali.

Il sindaco Patrini: «Ecco la mia squadra» Nella prima seduta dopo le elezioni del 6 e 7 giugno 2009 il consiglio comunale ha riscontrato le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità degli eletti. Entrano a far parte del nuovo consiglio: lista

nominativo

Uniti per Offanengo

Patrini Gabriele

Assistenza sociale e ambiente

Uniti per Offanengo

Capetti Alessandro

Alessandro Capetti

Giovani, sport, sicurezza del cittadino

Uniti per Offanengo

Forner Pierangelo

Marino Severgnini

Mobilità e viabilità, manutenzione, gestione del patrimonio, pulizia del territorio

Uniti per Offanengo

Cantoni Alessandro

Uniti per Offanengo

Benelli Edoarda

Uniti per Offanengo

Valdameri Andrea

Uniti per Offanengo

Severgnini Marino

Uniti per Offanengo

Fusar Poli Sara

Uniti per Offanengo

Cabini Emanuele

Uniti per Offanengo

Premoli Umberto

Uniti per Offanengo

Tonetti Rossano

Uniti per Offanengo

Uberti Foppa Alessandra

Progetto Offanengo

Scartabellati Maria

Progetto Offanengo

Cappelli Rodolfo

Progetto Offanengo

Viscardi Elena

Progetto Offanengo

D'Alessandro Alfredo

Quelli che Offanengo

Corlazzoli Alex

Umberto Premoli

Opere pubbliche, valorizzazione e sviluppo attività commerciali

Si sono costituiti anche i gruppi consiliari del comune di Offanengo con i relativi capi gruppo: per «Uniti per Offanengo», Rossano Tonetti, per «Progetto Offanengo» Maria Scartabellati, per «Quelli che Offanengo» Alex Corlazzoli. Il sindaco ha poi presentato le linee programmatiche per il quinquennio, illustrando i programmi e i progetti previsti, dichiarandosi aperto alla collaborazione e all’ascolto di

tutte le proposte e contributi dei consiglieri. E’ seguito un dibattito nel quale vi sono stati numerosi interventi in cui è prevalsa la volontà di collaborazione e confronto. Almeno per ora. All’ordine del giorno anche l’elezione della commissione elettorale comunale e la ratifica di una deliberazione di variazioni di bilancio, assunta dalla giunta per motivi di urgenza.

Rivolta d'Adda

Tanti gli appuntamenti di questo luglio rivoltano. Sabato sera la Filodrammatica rivoltana Carlo Bertolazzi mette in scena «I cavai dala bisnona», nell’ambito della tredicesima Rassegna della Commedia Dialettale, presso il cortile del centro socioculturale. Domenica invece appuntamento con la tradizione, per la festa patronale di Sant Alberto: sfilata della banda comunale attraverso il centro e immancabile spettacolo pirotecnico nell’area verde di viale Ponte Vecchio. La sera di lunedì, tempo permettendo, sarà la volta della rassegna «Cinema & Stelle», al centro socio-culturale La Chiocciola. In programma l’attesissima pellicola «Gran Torino», con la

regia di Clint Eastwood. Poi giovedì tutti in piazza per l’ormai classica notte bianca, con le bancarelle dei Mercatini Italiani e I Cantamilano. Ma l’evento che tantissimi rivoltani aspettano con trepidazione avrà luogo sabato 11 in piazza Vittorio Emanuele, che per l’occasione diverrà teatro all’aperto. Si prospetta il pienone infatti per lo spettacolo dei Legnanesi, storica compagnia dialettale lombarda, che presenterà sul palcoscenico «Una vita nei cortili». L’iniziativa, organizzata dalla Croce Bianca rivoltana in collaborazione col Comune, sarà a scopo benefico, con il ricavato che verrà utilizzato per acquistare una nuova auto ambulanza.

Bagnolo Cremasco

Peretti: «Ringrazio tutti i cittadini»

Il gruppo Rinnova Bagnolo, la giunta ed il sindaco uscente Peretti intendono ringraziare tutti i cittadini per il contributo offerto durante i cinque anni di amministrazione e per il riconoscimento dimostrato dai 1168 voti delle recenti elezioni comunali. Negli anni di governo di Bagnolo Cremasco è stato fatto molto. Tutto questo resta patrimonio di tutto il paese: l’asilo nido, il servizio infermieristico, il centro anziani, il piano di governo del territorio, il parco del Moso, l’illuminazione pubblica, la creazione di nuovi parcheggi, le iniziative per il recupero della identità del paese, l’acquisto della casa dei Bravi e tanto altro realizzato. Lo abbiamo costruito con Voi ed oggi è patrimonio comune e crescita sociale del nostro paese. Nel nostro nuovo ruolo di minoranza consigliare resteremo al servizio dei cittadini così come lo siamo stati durante il questi cinque anni di amministrazione. Arrivederci a presto,con l’impegno immutato di servire il bene comune. Carlo Peretti ed il gruppo Rinnova Bagnolo

Moscazzano

Raduno di auto e moto d'epoca Il comune di Moscazzano, la locale associazione della Pro Loco e il gruppo Amatori di auto e moto d’epoca organizzano per domenica 12 luglio il «XVI automotoraduno d’epoca». Questo il programma: iscrizione in piazza Aisery (30 euro) alle ore 8 e dalle 9,30 la sfilata per Moscazzano, Chieve,

Vaiano, Scannabue, Pandino (aperitivo nel castello offerto dalla Pro Loco), Dovera, Lodi (sosta in piazza Duomo), Bagnolo, Crema (aperitivo in piazza Duomo), Santuario del Marzale, Ripalta Guerina, Montodine, Moscazzano. Infine, alle 13, pranzo presso la trattoria «Salsamenteria Verdiana» di Moscazzano.

Vaiano

Continua la Festa del Pd

Continua fino al 6 luglio la Festa del Pd di Vaiano Cremasco che ha avuto inizio dal 26 giugno. Ancora, quindi, serate di musica, giochi, divertimenti e gastronomia. L’appuntamento è sempre presso l’area anfiteatro del centro sportivo del paese Il servizio ristorante-pizzeria apre ogni sera dalle 19,30 e ha a disposizione 850 posti al coperto. Due gli spazi musicali: uno è quello tradizionale del liscio, l’altro organizzato dai giovani del Pd, dedicato al mondo rock e giovanile, denominato «Allarme rosso». Numerosi i piatti del menù: salamele e patatine, pizza, fritto misto, tortelli, salva con le tighe, carne alla brace, lasagne, risotti di pesce. E altro ancora.


Per la Pubblicità su

SCO CREMA ale LO giorn

il PICCO

del

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Cultura &Spettacoli

Con uno spettacolo-concerto dedicato alla grande Mina

Elena Ravelli a CremArena

L

di Tiziano Guerini

a stagione estiva a CremArena prosegue il 4 luglio alle ore 21 con la cantante Elena Ravelli. Si tratta di uno spettacolo musicale dedicato alla grande Mina ed alla sua splendida carriera incominciata nel lontano 1958. Elena Ravelli con la sua splendida voce, rivisita i grandi successi della “tigre di Cremona” senza cedere all’impossibile banale imitazione, con arrangiamenti personali e originali, attualizzandoli senza tradirli. «Il gruppo dei “ContaMINAti”» vuole regalare anche al pubblico di Crema un viaggio nel tempo attraverso la musica e le belle canzoni

Elena Ravelli e i ContaMINAti

che Mina ha reso celebri in cinquant’anni di carriera in Italia e nel mondo”. Musica e parole (anche attraverso la recitazione dell’attore Alfonso Alpi) delle canzoni di Mina sanno dare ancora oggi in chi le riascolta l’emozione delle prime volte. Elena Ravelli è ormai una certezza nel panorama degli interpreti più sensibili delle musica leggera italiana: ha al suo attivo ormai quasi 700 concerti ed ha avuto lo scorso anno l’onore di aprire in mondovisione il «Soong Clung Ling Festival» daL Foro Italico in Roma e da Piazza S. Marco a Venezia. E’ accompagnata da validissimi musicisti: Francesco Lazzari al piano, Massimo Ardoli alla chitarra acustica, Alan Zeli alle percussioni.

FESTIVAL DELLA VALLE DELL'OGLIO

Teatro e natura al Parco del Tinazzo

D

ue appuntamenti a Soncino nei prossimi giorni per il Festival della Valle dell’Oglio «Odissea». Il primo per domenica 5 luglio al Parco del Tinazzo, ore 16, per «La leggenda dell’uomo selvatico» del Teatro Invito con Valerio Maffioletti , regia di Luca Radaelli. Una figura misteriosa si aggira tra i boschi…metà boscaiolo e metà filosofo. Spiega a tutti come si stia perdendo il rapporto con la natura… L’altro appuntamento sempre a Soncino è per Martedì 7 luglio, ore 21 nel piazzale del Castello. «L’Oca del mulino: guarda che lune», conferenza di Silvie Coyaud fra sci-

enza e natura all’ombra di un mulino. Giornalista parigina, divulgatrice scientifica, collaboratrice di diverse riviste in Italia, Francia e Svizzera e commentatrice radiofonica. E’ questa la prima di quattro conferenze che la relatrice terrà nel corso della programmazione dell’ Odissea. «A quarant’anni dallo sbarco dell’uomo sulla luna, nell’anno mondiale dell’astronomia, a quattro secoli da quando Galileo puntò il suo cannocchiale verso la luna per scoprirvi tutto un mondo nuovo, si racconterà delle nuove scoperte di oggi, seguendo una audace missione spaziale che in questo momento si trova dalle parti di Titano e di Enceladus…». L’avventura continua.

Per la Pubblicità su

del

SCO

CREMA ale LO giorn

il PICCO

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

SIMPOSIO DELLE MUSE

SONNAMBULI Il nuovo libro di Puccio Chiesa

Ci pare interessante presentare il nuovo lavoro letterario di un giovane poeta cremasco Puccio Chiesa Il libro dal titolo «Sonnambuli» esce con una prefazione di Alberto Mori. «La scrittura di Puccio Chiesa» scrive Mori, «aveva avuto già esiti interessanti con raccolte in versi fantasiosi/fantastici, dalle caratteristiche spiccate di invenzione fiabesca, spesso nella forma della canzone a refrain: nel caso specifico di Sonnambuli, la poesia si organizza in episodi singoli che tendono ad un vero e proprio svolgimento romanzesco. La conduzione della lettura, ha comunque ancora una concentrazione di poesia, appena più diluita nel frammento, dove i "salti" sequenziali del susseguirsi delle scene, sono sempre raccordati dalla condizione straniata del protagonista». SONNAMBULI è stato presentato con successo mercoledì 24 giugno presso la libreria «Il Simposio delle Muse» di Crema.

AMENIC CINEMA

Cartoon d'autore C'è la sfilata

MUSICA & CULTURA

Festival del Jazz al S. Domenico

Nei giorni scorsi è stato presentato dal presidente della Fondazione del teatro S. Domenico Umberto Cabini, accompagnato dal pianista jazz Mario Piacentini, cremasco, direttore artistico, il programma della rassegna SanDomenicoJazz 2009. La rassegna si svolgerà al Teatro San Domenico nelle giornate 11, 12 e 13 Settembre 2009 sostituendo il Crema jazz festival dei due anni precedenti. Sottotitolato «Tracce d’identità», il programma proporrà artisti che, hanno saputo mantenere un’identità musicale: musicisti che sono la musica che suonano. Aprirà la rassegna l’11 Settembre il quartetto del clarinettista Gabriele Mirabassi con Canto di ebano che ha vinto il referendum annuale della rivista Musica Jazz nella categoria miglior disco dell’anno 2008. Nella seconda parte della serata, in un concerto solo, Miro-

Mario Piacentini

slav Vitous, considerato uno dei più grandi contrabbassisti jazz di tutti i tempi. E’ a Crema proprio a 120 anni dalla morte del grande contrabbassista cremasco Giovanni Bottesini. La seconda serata, Sabato 12 settembre, il trio del pianista Enrico Intra incontrerà il trom-

bettista svizzero Franco Ambrosetti. Il concerto di Crema sarà una delle prime performance di questa nuova avventura musicale di questi due grandi jazzisti contemporanei. Introdurrà il concerto il critico musicale Maurizio Franco. La terza ed ultima serata, Domen-

ica 13 settembre , sarà la volta della tradizione jazzistica più nera con Abraham Burto – Eric McPherson Quartet. Il programma prevede anche due eventi pomeridiani. Sabato 12 settembre al pomeriggio, nel Ridotto del Teatro, “Master class” con Abraham Burton (sax), Eric McPherson (batteria), David Briant (pianoforte) e Dezron Douglas (contrabbasso). Domenica 13 settembre, al pomeriggio la proposta visiva e musicale di Roberto Masotti (già fotografo ufficiale del Teatro alla Scala) in cui immagini e improvvisazione musicale dal vivo coesistono dialogando tra strumenti acustici, in questo caso con Tiziano Tononi alla batteria e Daniele Cavallanti al sax. Veramente un programma d’eccezione che il Teatro San Domenico propone per la prima volta sotto la sua completa responsabilità.

Si rinnova l’appuntamento col cinema da parte della Associazione Amenic Cinema. Lunedi 6 luglio ore 21,30 negli spazi del Centro Culturale S. Agostino in via Dante 49, serata dedicata all'animazione americana indipendente degli anni '50 e '60 con una selezione dei migliori cortometraggi del periodo. A partire dalla UPA, che ha rivoluzionato lo stile dei cartoon dando finalmente un'alterna-

tiva alla Disney con capolavori quali Gerald McBoing Boing (1951) e Rooty Toot Toot (1952), per arrivare al surreale umorismo di Deitch e Pintoff che, negli anni '60, portano la nuova scuola alle estreme conseguenze. Tra i titoli scelti, un film d'animazione tratto dal racconto di E.A. Poe (The Tell-Tale Heart) e una spassosa parodia del cinema astratto, con voce prestata da Mel Brooks.


20

il PICCOLO

Appuntamenti

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

ARTE & cultura

Mercoledì 8 luglio CREMONA Incontro Ruolo delle tecnologie informatiche nelle Imprese Confronti ed analisi nelle industrie alimentari cremonesi, dalle ore 16 presso il Politecnico di Cremona in via Sesto 41. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 0372-499113 567758. *** Fino al 3 luglio Cremona Mostra Opere di Etienne Geeurickx Personale del pittore Etienne Geeurickx nella Galleria d'arte "Love2Arts" presso Palazzo Cattaneo in via Oscasali 3. Orario: Dal martedì alla domenica ore 15-20 Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 340-7947623. *** Sabato 4 luglio Casalmaggiore evento Fiera di Piazza Spagna 2009 Tradizionale appuntamento estivo dedicato a sport, musica, danza e rappresentazioni teatrali. Dalle ore

SPETTACOLO Venerdì 3 luglio CREMONA Danza Festival Mezza Estate "CARMEN" Balletto in due atti di Luciano Cannito. Musiche di George Bizet e Marco Schiavoni, con Rossella Brescia, Antonio Aguila e i solisti del Teatro Massimo di Palermo. Alle ore 21.30 presso l'Arena Giardino in via della Ceramica (16 euro posto unico). *** Fino al 26 settembre Crema Eventi Cremarena 2009. E...state in citta' Tradizionale appuntamento estivo di spettacoli e musica presso la CremArena di via Dante Alighieri 45. Ecco le prossime date: 4 luglio 50° volte Mina 11 luglio Cin Ci Là 26 luglio Finalmente Ambeta 2 agosto Brividi... la musica si fa leggera

zoom

Pendleton e i Momix illumineranno l’Arena

Dopo la "Carmen", il Festival di mezza estate 2009 ha in serbo un altro spettacolo di danza molto atteso: ovvero "Momix in Bothanica". Un doppio appuntamento per venerdì 10 e sabato 11 luglio dalle ore 21.30 a Cremona presso l'Arena Giardino (per informazioni: 0372407230 - 407048). LA SCHEDA Geniale coreografo ecologico, questa volta Moses Pendleton (da anni considerato uno dei coreografi più innovativi della scena mondiale ci guida, dopo il notturno ed alieno "Sun Flower Moon", in un viaggio dentro una natura meravigliosa ed affascinante, fortemente minacciata dalle costanti incursioni disequilibratrici dell'uomo. Con il suo usuale ed ineguagliabile linguaggio visuale e coreografico, suggestivo e seducente, ci porterà in trepidanti mondi nascosti, costantemente in fermento; con delicatissimo umore si addentrerà fino ad esplorare la particolare sessualità delle api o l'algida voluttuosità di creature arcane. Stupefacenti ed emozionanti, Pendleton e i Momix ci prepareranno certamente un altro spettacolo inebriante e struggente (nella foto), che ci farà soffermare forse un attimo sulla bellezza e la meraviglia di un mondo da preservare. Alla base della straordinaria fortuna che il pub-

21.30 in Piazza Garibaldi e Piazza Marini. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 0375-284411. *** Da giovedì 9 a lunedì 13 luglio Soncino Evento Festa della solidarietà Settima edizione della tradizionale festa dedicata alla solidarietà e al volontariato nell'Area feste "Castel-

Una coreografia del gruppo Momix

blico internazionale tributa alla danza allegra e surreale dei Momix, ci sono indubbiamente il suo talento e la sua inventiva, uniti a un grande senso del ritmo teatrale e a un sicuro istinto registico che sceglie la via della semplicità per arrivare in modo diretto e immediatamente

giardino". Ingresso libero con contributo volontario. Per informazioni: 0374-837811. *** Giovedì 9 luglio Cremona Incontro I Giovedì d'autore Antonio Cabrini presenta "Ricatto perfetto". Appuntamento presso il gazebo di Piazza Roma.

29 agosto Madame Butterfly 7 settembre Base per altezza diviso due 10 settembre After Dinner 26 settembre Sogno... notte di tango Per informazioni: 0373-893340. *** Sabato 4 luglio Motta Baluffi Teatro Fratello clandestino Spettacolo teatrale ideato e diretto da Mimmo Sorrentino. Inizio alle 21.30 in località Ronchetto. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 0375-968191. *** Fino a domenica 26 luglio Soncino Teatro Odissea 2009 Appuntamenti nell'ambito del Festival della Valle dell'Oglio, giunto alla nona edizione presso gli spazi al Parco del Tinazzo. Orario: ore 21.30 i giorni feriali, ore 23 giorni i festivi. Prossimo appuntamento: domenica 5 luglio alle ore 16 "La leggenda dell'uomo selvatico".

Da sabato 4 a mercoledì 22 luglio Cremona Mostra Opere Gruppo Corea Collettiva di opere d'arte del gruppo artistic "Corea". Dal martedì alla domenica dalle ore 15 alle 20 presso la Galleria d'arte "Love2Arts" in Palazzo Cattaneo in via Oscasali 3. Ingresso libero. Per informazioni: 340-7947623.

MUSICA Venerdì 3 luglio Ostiano Concerto La Rotta della Musica tra Ebraismo e Cristianesimo Concerto del quartetto Mishmash tra melodie klezmer, sefardite e persiane alle ore 21 presso il Castello Gonzaga. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 0373-729263. *** Giovedì 9 luglio Crema Concerto Tradizionale appuntamento musicale dell'Orchestra di Trigolo e San Bassano per il grande concerto d'estate. Appuntamento alle ore 21 nell'Area spettacoli CremArena in via Dante 49. Ingresso libero e gratuito. Per informazioni: 335-8215824 *** Da venerdì 10 a domenica 12 luglio Robecco d'Oglio Concerto Cantando sotto le stelle Tradizionale concorso canoro a premi organizzato in tre serate. Appuntamento dalle ore 20 presso i Giardini di Villa Barni della Scala Per informazioni: 339-1894182.

fuori provincia

Il tour della Pausini fa tappa a Bergamo

Da anni è tra le cantanti più amate e lo conferma il successo del "World Tour 2009" che giovedì 9 luglio alle ore 21 fa tappa a Bergamo sul palco dell'Arena estiva della Fiera di Bergamo. In questo tour Laura Pausini (nella foto) canta oltre ai grandi successi del suo repertorio, i nuovi brani di "Primavera in anticipo", l’album che, grazie a vendite da record, ha ottenuto sei dischi di platino. Sul palco la Pausini sarà accompagnata da una band di otto elementi: alle chitarre Paolo Carta (a cui è affidata anche la direzione musicale) e Gabriele Fersini, Emiliano e Matteo Bassi, rispettivamente alla batteria e al basso, Bruno Zucchetti alle

comprensibile a qualsiasi spettatore. INTERPRETI Tsarra Bequette, Jennifer Chicheportiche, Simona Di Tucci, Sarah Nachbauer, Cassandra Taylor, Joshua Christopher, Jon Eden, Donatello Iacobellis, Robert Laqui, Steven Marshall.

tastiere, mentre la seconda linea voci è formata dai back vocalist Roberta Granà, Emanuela Cortesi e Gianluigi Fazio. Il concept design è a cura di Francesco De Cave e Luigi Vallario che per il tour estivo hanno ideato un palco più grande (40 per 16 metri) rispetto a quello utilizzato per i palazzetti con l’aggiunta di 2 mega schermi laterali. I biglietti sono disponibili presso tutte le rivendite autorizzate e presso il circuito TicketOne. Informazioni sulla tournèe di Laura Pausini sono disponibili sul sito ufficiale dell’artista www.laurapausini.com oppure sul sito www.livenation.it

Giovedì 9 luglio Cremona Festival/Rassegna Burattini d'estate - Areste Paganòs e lo strano caso del paese di Trastullas Spettacolo di Is Mascareddas dalle ore 21.30 nel Cortile Federico II (portici di Palazzo Comunale), che partecipa all'iniziativa "Libruzzo: un libro per l'Abruzzo". Ingresso libero.

L’Oroscopo Della Settimana a cura di: www.oroscopo-2009.com

La maggior parte delle vostre energie saranno assorbite dal lavoro, per cercare di capire i possibili risvolti professionali ed economici nel prossimo futuro. Tutto procede al meglio senza bisogno di dover necessariamente ricorrere a dimostrazioni d’amore eclatanti per rassicurare il partner, che sa quanto siete impegnati. Aaccontentatevi di ciò che avete, anche se non vi sembrerà molto. Eventuali tentativi di cambiamento o miglioramento rispetto alla situazione attuale saranno vani. L’estate potrebbe riservare gradite sorprese in campo sentimentale e rivelarsi assai propizia alla nascita soprattutto sul posto di lavoro di simpatie. Cercate di superare con intelligenza e maturità le vostre insicurezze circa l’interesse verso di voi manifestato da una persona che desiderate. Novità in arrivo sul lavoro. Questo periodo è caratterizzato da ingenti movimenti di denaro da parte vostra, sia in entrata che in uscita ma fortunatamente il saldo sarà sempre positivo. Le coppie non richiedono cambiamenti e coloro che sono da poco tornati ad essere single desiderano vivere questo momento senza ulteriori sbalzi emozionali. Il lavoro non rappresenterà un ostacolo alla realizzazione di alcune idee, anzi, garantirà la disponibilità di tempo e di denaro, un bene in questo momento. Una delusione vi butterà un po’ giù di morale. Forse non si trattava di vero e proprio amore, ma è quanto basta ad incupirvi. Sul lavoro valutare una nuova offerta. Riscoprirete una grande sicurezza in voi stessi, che vi renderà autorevoli e ben voluti in tutti contesti sociali. Tale brillantezza vi renderà intriganti agli occhi degli altri. Lo stress tenderà gradualmente ad affievolirsi specialmente nella seconda metà del mese, periodo in cui sarà anche possibile riscuotere buoni guadagni. La stanchezza generale che appesantisce le vostre giornate vi rende irritabili ed intransigenti con chi vi circonda. Riflettete e troverete la tranquillità che andate cercando.


Coffee Break

il PICCOLO

Venerdì 3 Luglio 2009

LA STORIA Continua la battaglia televisiva a base di trash

Q

ualità televisiva? Per carità. Trash e solo trash, anche per i rinnovi nel palinsesto. Per restare fedele a questa corsa al ribasso qualitativo, Mediaset ha pensato bene di recuperare del “cestino” un programma che nel 2001 ha fatto un clamoroso flop. LA SCELTA Archiviate le ipotesi “La Pupa e il Secchione 2” e “La Talpa 4”, Canale 5 ha deciso di puntare sul ritorno di “Survivor”. Il flop datato 2001 su Italia 1, complice una penalizzante differita tra il commento in studio e il girato sull’isola, dovrebbe tornare a sett e m b re c o n s e i puntate, come antipasto del Grande Fratello. Alla conduzione, ovviamente, Paola Perego, specializzata nei reality di matrice trash. BOICOTTAGGIO Alla base di questa decisione pare vi sia un intento di boicottaggio in piena regola dell’Iso-

Mediaset costretta a rilanciare un reality che ha fatto flop

la dei Famosi, che quest’anno si è presa un periodo sabbatico, per tornare in grande spolvero a gennaio. Approfittando dell’astinenza da Isola, Mediaset spera di accaparrarsi il pubblico del reality di Raidue, in modo che arrivi già stanco all’appuntamento condotto da Simona Ventura. Quel che stupisce è la guerra sempre più spietata inscenata dalla tv commerciale alla seconda rete Rai, che a quanto pare sta riuscendo ad erodere target giovanile al Biscione e a diventare sempre più temibile. Battaglia che non favorisce certamente il telespettatore…

Paola Perego si è specializzata nella conduzione di reality

Una foto osé per lanciare il nuovo disco diventata una consuetudine, come gli ingombri pubblicitari. Ma è triste che sia assurta a chiave preferita per riaprire le porte del successo.

21

sportcafè

Le contraddizioni di un Milan ridimensionato

Silvio Berlusconi, presidente del Milan

IL CASO Anche la cantante Syria cede alla tentazione del nudo

Cosa c’è di meglio per rilanciare la propria immagine nel mondo della musica? Una foto osé, naturalmente. Ormai il nudo sulle copertine di tutte le riviste è

giornale del

CREMASCO

MEGLIO TARDI CHE MAI A cedere alle lusinghe dei fotografi è stata la cantante Syria (all’anagrafe Cecilia Cipressi), che proprio in concomitanza con il lancio del suo nuovo disco e della scelta di abbracciare il genere electro-dance, ha deciso di spogliarsi sulla rivista "Rolling Stone", mostrando l’ottimo lavoro del chirurgo plastico. Lanciata dal Festival di Sanremo nel 1996 grazie alla vittoria nella categoria giovani con “Non ci sto”, Syria è sposata col produttore Pierpaolo Pieroni, è mamma di Alice ed ha scelto nel 2009 di dare una svolta alla propria carriera. Come mai questa scelta sexy? «E’ un regalo che mi sono concessa a 32 anni, visto che non l'ho mai fatto prima – ha rivelato -. Soprattutto essere immortalata in topless su Rolling Stone mi sembra più intrigante che su altri

Due immagini della cantante Syria (32 anni)

giornali. E’ stata una proposta della direzione e ho accettato perché mi sentivo nella condizione di farlo. Forse a questa età ho una consapevo-

lezza di tante cose che prima non avevo, mi sento meno pudica». Vedremo se la scelta frutterà nella vendita del disco.

Sembra di essere tornati indietro di trent’anni. Il Milan che arranca e si pone come massimo obiettivo il terzo posto. E pensare che solo due anni fa ha alzato la coppa con le orecchie (alias Champions League). In pochi mesi l’impero rossonero, costruito con i denari di Berlusconi e la sagacia di Galliani e Braida, è crollato senza che nessuno riuscisse ad evitarlo. SEGNO DI RESA Nessuno pensava però che il vecchio Diavolo fosse morto, fino a quando si è materializzata la cessione di Kakà. Il brasiliano era la cambiale in bianco che confermava la volontà di restare a grandi livelli, ma con il passaggio del carioca al Real Madrid, Berlusconi ha certificato la resa. Non fanno scalpore le voci che danno per partenti sia Pirlo che Pato, tanto niente può più peggiorare la delusione dei tifosi. Il Milan, purtroppo, non ha perso solo potere economico, ma anche quell’appeal che lo ha reso celebre nel mondo. Una volta i giocatori più corteggiati sceglievano il Milan per il suo fascino, mentre ora riceve un secco rifiuto anche da elementi di seconda fascia come il bosniaco Dzeko. I MOTIVI Tutto quanto sta accadendo al Milan è spiegabile con il disinteresse di Berlusconi, super affaccendato in politica in un momento storico molto complicato, al quale aggiungiamo il disimpegno dei figli, poco affascinati dal calcio. In più mettiamoci pure una certa stanchezza di Galliani e C. che porta a scelte poco comprensibili. Risultato, il Milan è diventato una società di seconda fascia e all’orizzonte non sembrano esserci spiragli positivi. Ma una cosa stride in tutto questo: la denuncia di Berlusconi nei confronti di un mercato a suo dire esagerato. Verità sacrosante, ma il presidente dimentica che proprio lui ha contribuito a far lievitare i prezzi quando non badava a spese per ingaggiare campioni, ma anche giocatori di medio livello (vedi Lentini). La scusa quindi non regge. Sarebbe meglio dire la verità ai tifosi, che hanno già capito l’antifona. fa


Per la Pubblicità su

sco Crema ale LO giorn

il PICCO

del

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Televisione &Cinema

Per la Pubblicità su

del

sco

Crema ale LO giorn

il PICCO

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Programmi televisivi da Sabato 4 a Venerdì 10 Luglio 2009

A

volte ritornano. Ve lo ricordate “Beverly Hills 90210”, il telefilm tanto amato dai giovani negli anni ’90 imperniato sulle vicende della famiglia Walsh? Ora la Rai propone la prima visione del remake intitolato “Meet The Mills”. NOVITA’ La versione 2009 segue le vicende della famiglia Mills (padre, madre e due figli della stessa età, un maschio ed una femmi-

“BEVERLY HILLS 90210” Un remake legato al passato

per i problemi di alcool della madre del protagonista, Tabitha Mills (Jessica Walters), star cinematografica degli anni ’70. Sono ovviamente i due figli della coppia, interpretati da Shenae Grimes e

La nuova versione ricalca le orme del telefilm tanto amato negli anni ’90

A lato il cast della nuova serie e sopra quello del telefilm degli anni '90

na) che dal Kansas si spostano a Beverly Hills non solo per il lavoro del capofamiglia, Henry (Rob Estes), ex alunno del Beverly Hills High ed ora preside della stessa scuola, ma anche

tv

raiuno

raidue

raitre

la 7

Tristan Wilds, i protagonisti della serie, ambientata in un liceo molto più interraziale del suo predecessore, proprio per riflettere la realtà di alcune scuole americane dove il 40% degli stu-

sabato 4

denti sono stranieri. I VETERANI Diversi i personaggi della vecchia serie che hanno preso parte anche alla nuova, tanto per mantenere un legame con il passato di grande successo: sin dalla prima puntata abbiamo visto Kelly Taylor (Jennie Garth), consulente scolastica, ma qua e là sono rispuntati anche Brenda Walsh (Shannen Doherty), diventata una famosa regista che dirigerà il musical della scuola e an-

domenica 5 Lunedi’ 6

che Donna Martin (Tori Spelling), diventata una famosa stilista trapiantata in Giappone, che ha problemi di coppia con David. Ruoli minori anche per Nat Bussichio (Joe E. Tata), rivisto nei panni del proprietario del mitico locale “Peach Pit Diner”, mentre Jason Priestley (Brandon Walsh, gemello di Brenda) è tornato solo dietro la macchina da presa. Raidue, martedì ore 21.50

Martedi’ 7

ZLATAN IBRAHiMOVIC si racconta a “SFIDE” Lo sport può essere spettacolo in molti modi. Uno dei più intensi è quello di ripercorrere le vicende umane e di cronaca legate a una serie di eventi sportivi, trovando le ragioni più profonde che ne hanno decretato il successo o la sconfitta. Proprio questo è il modo seguito da “Sfide”, il programma nato dall’intelligenza e dalla sensibilità di Simona Ercolani, che ha saputo ritrovare – e raccontare – il volto umano nelle vicende sportive e i personaggi più importanti del passato e del presente. “Sfide” è arrivata nel 2009 all’undicesimo anno di programmazione, segno di un successo e una professionalità che non teme smentite. Va in onda in una fascia orario molto tarda, ma per gli appassionati di sport vale la pena dormire qual-

mercoledi’ 8

Zlatan Ibrahimovic, detto Ibra, con la maglia dell'Inter

che ora in meno, soprattutto al venerdì sera. La puntata del 10 luglio vede protagonista Zlatan Ibrahimovic, uomo copertina del campionato italiano di calcio. L’attaccante svedese di origine slava racconta in un’intervista esclusiva la sua infanzia, il rapporto con i genitori, le prime partitelle al campetto sotto casa e i primi gol “veri” con la squadra del Balkan. Raitre, venerdì ore 0.05

giovedi’ 9

venerdi’ 10

12.35 13.30 14.00 15.45 17.00 17.10 17.40 17.45 18.50 20.00 20.30 21.20 23.25 23.30

la signora in giallo Tg 1 lineablu. Attualita' quark atlante. docum. tg1 - che tempo fa a sua immagine. Attualita' tg1 l.i.s. L'ISPETTORE DERRICK l'eredita'. Quiz Tg1 - tg1 sport SUPERVARIETA' Notte a sirmione - premio catullo. varieta' tg1 giochi mediterraneo 2009

10.55 12.20 13.30 14.00 16.30 16.35 18.05 19.05 20.00 20.40 21.30 23.30 00.30 01.15 01.30

ss messa - angelus linea verde estate tg1 varieta' tg1 l.i.s. eredita' d'more. film l'ispettore derrick. Tf il commissario rex. Tf Tg1 - Rai Tg Sport supervarieta' provaci ancora prof! speciale tg1 oltremoda reloaded tg1 notte che tempo fa

11.40 13.30 14.10 15.00 16.50 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.15 23.20 01.20 02.00

la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 4 tg parlamento/tg1/meteo le sorelle mcleod. Tf il commissario rex reazione a catena. quiz Tg1 - telegiornale supervarieta' ho sposato uno sbirro tg1 telegiornale speciale porta a porta tg1 notte/meteo sottovoce. Attualita'

11.40 13.30 14.10 15.00 16.50 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.10 23.15 00.20 01.05

la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 4 tg parlamento/tg1 le sorelle mcleod. Tf il commissario rex. Tf reazione a catena. quiz Tg1 supervarieta'. Varieta' alice nevers. Telefim tg1 telegiornale porta a porta. Attualita' tg1 notte/meteo sottovoce. Attualita'

11.45 12.00 13.00 13.30 14.10 15.00 16.50 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.15

Tg 1/che tempo fa speciale tg1 tebe. documentario tg1/economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 4 tg parlamento/tg1/ meteo le sorelle mcleod il commissario rex reazione a catena. quiz Tg1 - tg sport supervarieta' il segno della libellula passaggio a nord ovest

10.40 11.30 11.40 13.30 14.10 15.00 16.50 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.15 00.20

14° distretto. telefilm Tg 1 telegiornale la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 4 tg parlamento/tg1/meteo le sorellemcleod. Tf il commissario rex reazione a catena. quiz tg1 telegiornale supervarieta' superquark TG1 telegiornale sottovoce. Attualita'

10.40 11.25 11.40 12.30 14.10 15.00 17.00 17.15 18.00 18.50 20.00 20.30 21.20 23.25 23.30

14° distretto. Telefilm Tg 1/che tempo fa la signora in giallo Tg 1 / tg1 economia verdetto finale. Attualita' un medico in famiglia 4 che tempo fa/tg 1 le sorelle mc leod il commissario rex. Tf reazione a catena. quiz Tg1 telegiornale supervarieta' festival castrocaro tg1 telegiornale pianeta terra. Doc.

13.25 14.00 15.30 16.00 18.00 18.10 18.30 19.35 20.30 21.05 22.30 23.25 00.25 00.40

sereno variabile estate l'africa nel cuore. Tf due uomini e mezzo. Tf ciclismo tour de france tg2 notizie/meteo2 la complicata vita di christine jag-avvocati in divisa law & order. Telefilm tg2 notizie mcbride. Telefilm anna winter. Telefilm tg2 notte tg2 si viaggiare. Attualita' tg2 STORIE

13.00 13.45 17.30 18.00 18.25 18.50 19.35 20.30 21.05 22.45 23.45 00.55 01.15

tg2/motori ciclismo tour de france due uomini e mezzo. Tf tg2/meteo la complicata vita di christine. Telefilm la peggiore settimana della nostra vita. Tf law & order. Telefilm tg2 notizie after the sunset. Film life on mars. Telefilm la domenica sportiva tg2 notte sorgente di vita. rubrica

13.00 13.55 14.00 14.45 17.35 18.00 19.00 19.25 19.35 20.30 21.05 22.40 23.40 23.55 01.15

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica 7 vite. Sit Com ciclismo tour de france due uomini e mezzo. Tf tg 2 - flash/sport 7 vite. Sit Com piloti. Sit Com squadra speciale lipsia tg2 notizie criminal minds. Telefilm life on mars tg2 notte stracult show. varieta' tg parlamento

13.00 13.50 14.45 14.25 17.45 18.05 19.00 19.25 19.35 20.25 20.30 21.05 21.50 23.25 23.40

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica ciclismo tour de france one tree hill. Telefilm shaun vita da pecora tg 2 - rai sport 7 vite Sit com. piloti Sit com. squadra speciale lipsia estrazioni del lotto tg2 notizie ghost whisperer-presenze 90210. Telefilm tg2 notte la linea d'ombra. docum.

13.00 13.55 14.00 14.45 17.30 18.00 19.00 19.25 19.35 20.30 21.05 22.45 23.30 23.45

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica 7 vite. Sit Com ciclismo tour de france tg sport tg 2 speciale g8 7 vite. Sit Com piloti. Sit Com squadra speciale lipsia Tg 2 notizie squadra speciale cobra 11. Telefilm the dead zone. Telefilm tg2 notte la storia siamo noi. docum

13.00 13.50 14.00 14.45 17.35 17.55 18.55 19.25 19.35 20.25 20.30 21.05 21.50 23.30 23.45

tg2 - costume e societa' medicina 33. rubrica 7 vite. Sit Com ciclismo tour de france tg sport/flash l.i.s. tg2 speciale g8 7 vite. Sit Com piloti squadra speciale lipsia estrazione del lotto tg2 notizie ghost whisperer. Telefilm brothrts & sisters. tf tg2 notizie primeval. Tf.

13.00 13.50 14.00 14.25 17.30 18.05 18.30 19.00 19.25 19.35 20.30 21.05 22.50 23.05 00.40

tg2 - costume e societa' tg2 eat parade 7 vite. Sit Com ciclismo tour de france due uomini e mezzo. Tf tg2 flash - sport tg2 notizie 7 vite Sit-com. piloti squadra speciale lipsia tg2 notizie terapia d'urgenza. Tf tg2 notizie il grande gioco. Attualita' tg parlamento

12.25 13.00 14.00 14.50 15.20 16.00 18.00 19.00 20.00 20.20 21.05 22.55 23.15 01.35

tgr l'italia del settimanale arsenio lupin. telefilm tgr meteo -tg3 - pixel tgr spec. leonardo tg3 flash l.i.s. sport il vento e il leone. film ritratti. documentario meteo - Tg Regione - tg3 blob. Varieta' i misteri di murdoch. tf sapore di mare. film Tg Regione - tg3 una 44 magnum per l'ispettore callagahan fuori orario

12.25 12.55 13.25 14.00 14.50 15.00 16.25 17.50 19.00 20.00 20.20 21.00 23.15 23.30

telecamere. Attualita' racconti di vita timbuctu. Documentario Tg 3 - tgr - meteo il segno di venere. film tg3 flash l.i.s. i nuovi mostri. film arsenio lupin. Telefilm Tg Regione - tg3 - meteo blob. Varieta' pronto elisir. att alle falde del kilimangiaro Tg Regione - tg3 il mio paese. film

12. 00 13.05 14.00 14.50 15.05 17.00 17.45 18.30 19.00 20.10 20.35 21.05 21.10 23.15 23.55

tg 3 - Sport - meteo terra nostra Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate trebisonda squara speciale vienna geo magazine 2009. Doc tg 3 meteo tg3 - tg regione - Blob agrodolce. Soap un posto al sole. soap tg3 telegiornale circo massimo show tg regione linea notte bellissime. docum

12. 00 13.05 14.00 14.50 15.00 17.00 17.45 19.00 20.10 20.35 21.05 21.10 23.00 23.40

tg 3 - Sport - meteo terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate trebisonda squara speciale vienna geo magazine 2009. Doc tg3 - tg regione - Blob agrodolce. Soap un posto al sole tg3 telegiornale trappola sulle montagne rocciose. film tg regione notte viziati 3. attualita'

11.00 12. 00 13.05 14.00 14.50 15.00 17.00 17.45 19.00 20.10 20.35 21.10 23.10 23.50 00.15

cominciamo bene estate tg 3 - Sport - meteo terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate trebisonda squadra speciale vienna geo magazine 2009. Doc tg3 - tg regione - Blob agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap chi l'ha visto? Attualita' tg3 notte speciale tg3 c'era una volta. docum

12. 00 13.00 13.05 14.00 14.50 15.05 17.00 17.45 19.00 20.10 20.35 21.05 21.10 23.25 00.05

tg 3 - Sport - meteo cominciamo bene estate terra nostra. soap Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate trebisonda squadra speciale vienna geo magazine 2009. Doc tg3 - tg regione - Blob agrodolce. Soap Un posto al sole. Soap tg3 telegiornale le quattro piume. Film tg3 notte doc 3. Documentario

10.55 12. 00 13.05 14.00 14.50 15.05 17.00 18.00 19.00 20.10 20.35 23.05 00.05 1.05

cominciamo bene estate tg 3 - Sport - meteo terra nostra. Telenovela Tg Regione - tg 3 cominciamo bene estate trebisonda. Varieta' squadra speciale vienna geo magazine 2009. Doc tg3 - tg regione - Blob agrodolce. Soap atletica leggera tg3 regione notte sfide. documentario big-la via del cuore Attualita'

07.30 09.40 10.45 12.30 13.00 14.00 16.00 18.00 20.00 20.30 21.10 23.05 1.00

la bisbetica domata cuore e batticuore.Tf i tromboni di fra' diavolo tg la7 - sport 7 new tricks. Tf hustle. telefilm che cavolo mi combini papa'? Film e' arrivato mio fratello tg la7 doctorology. telefilm l'ispettore barnaby Telefilm white sands. film tg la7/m.o.d.a.

07.30 09.40 10.00 12.00 13.00 14.00 15.50 16.25 17.50 20.00 20.30 21.30 23.45 00.40 1.25

concerto la settimana. Attualita' tre straniere a roma tg la7/sport7 anni luce assassinio sul ponte. film prigionieri dell'onore superbike gara 2 duello al sole. Film tg la7 s.o.s. tata missione natura reality sport 7 la vita agra. film

10.10 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 22.55

punto tg cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 l'ispettore tibbs. Tf tempi nostri. Film star trek enterprise la7. Doc. due south - due poliziotti a chicago murder call. Telefilm Tg La7 otto e mezzo-diario un americano a roma la valigia dei sogni

10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 23.35 00.45

cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 l'ispettore tibbs. Tf col cuore in gola.film star trek enterprise la7 doc due south - due poliziotti a chicago murder call. Telefilm speciale Tg La7 grazie al cielo sei qui the district. Telefilm complotti. Attualita' tg la7

10.10 10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.00 18.00 19.00 20.00 20.30 21.10 23.30

punto tg due minuti un libro cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 l'ispettore tibbs. Tf compagni d'avventura. Film star trek enterprise la 7 doc. Doc due south. Telefilm murder cal. Telefilm speciale Tg La7 victor victoria. varieta' atlantide. Documentario capitani coraggiosi

10.15 10.30 11.30 12.30 13.00 14.00 16.00 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 0.15

due minuti un libro cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 l'ispettore tibbs. Tf la sfinge d'oro. film star trek enterprise la7 doc due south-due polizziotti a chicago murder call. Telefilm tg la7 grazie al cielo sei qui' i giovani leoni. film cold squad. telefilm

10.15 10.25 11.30 12.30 13.00 14.00 16.05 17.10 18.05 19.00 20.00 20.30 21.10 23.25

due minuti un libro cuore e batticuore mike hammer. Telefilm Tg La7 - sport 7 l'ispettore tibbs. Tf cuore d'africa. telefilm star trek enterprise la7 doc. Doc. due south-due polizziotti a chicago murder call. Telefilm Tg La7 speciale tg la7 un eroe borghese. film verso sera. film


il PICCOLO

giornale del

Cremasco Venerdì 3 Luglio 2009

cinema programmazione settimanale Cremona Megacine Cremonapo (199.404.406) www.cremona.megacine.it • Angeli & Demoni • Borderland • Coraline E La Porta Magica • La Ragazza Del Mio Migliore Amico • Terminator Salvation • Transformers La Vendetta Del Caduto • Una Notte Al Museo 2: La Fuga • Una Notte Da Leoni • Uomini Che Odiano Le Donne

Filo (0372 411252) • Look Both Ways - Amori e Disastri Tognazzi (0372 458892) • La Ragazza Del Mio Migliore Amico • Transformers La Vendetta Del Caduto Multi Starplex Gadesco (0372 838295) • La Donna Di • Transformers La Vendetta Del Caduto

• Una Notte Al Museo 2:La Fuga • Una Notte Da Leoni • Un'estate Ai Caraibi • Uomini Che Odiano Le Donne pieve fissiraga Cinelandia (0371 237012) www.cinelandia.it • Il Superpoliziotto Del Supermercato • St. Trinians • La Rivolta Delle Ex • Outlander • Miss Marzo • Tutti Intorno A Linda

crema

OUTLANDER – L’ULTIMO VICHINGO

Porta Nova (0373 218411) www.multisalaportanova.it • Transformers 2 • Una Notte Da Leoni • Vincere • Terminator Salvation • Outlander - L'ultimo Vichingo • Miss Marzo • Tutti Intorno A Linda

Regia: Howard McCain Il film d’avventura è ambientati in Norvegia nel 709 d.C. nel pieno delle guerre tra Vichinghi, una nave spaziale precipita dal cielo sulle coste della nazione scandinava. A bordo c’è Kainan (James Caviezel), che sopravvive allo schianto, ma che si accorge presto di non essere l’unico ad averlo fatto. Dalla carcassa nella nave emerge un Moorwen, un creatura spaziale simile ad un drago che inizia a seminare panico e distruzione sul suo cammino. Kainan dovrà lottare fianco a fianco con i Vichinghi per cercare di uccidere la bestia prima che la bestia uccida tutti loro.

CINEMA – Una commedia divertente che spazia nella sfera sentimentale

MISS MARCH

Il mondo delle ex presentato da Mark Waters

La rivolta delle ex è una divertente commedia che propone un viaggio nel mondo delle relazioni amorose e dei suoi problemi. In particolare in quello della seconda chance e dell’opportunità riparatrice, che impegna il protagonista a riformulare la propria vita e a compiere il desiderio inesaudito dell’amore. Il regista è Mark Waters, famoso per le sue com-

medie che esibiscono un’estrosa freschezza, nonché per quel vivace sarcasmo che tanto piace al pubblico giovane. LA TRAMA Connor Mead (interpretato da Matthew David McConaughey) è un celebre fotografo di moda col vizio delle donne e della poligamia. Costretto suo malgrado a partecipare alle nozze del fratello minore, lo sciupafemmine incallito torna alla tenuta del defunto zio Wayne (Michael Douglas). Allergico all’istituzione del matrimonio e fermamente deciso a far saltare in aria nozze e torta nuziale, sarà al contrario costretto a rivedere il suo cinismo e il suo antisentimentalismo da tre fantasmi in gonnella. A bordo di un letto a due piazze viaggerà avanti e indietro nel tempo alla ricerca del suo cuore perduto. Tra fughe e viaggi metafisici, Connor rivedrà Jenny (Jennifer Garner), ex amata, lasciata e mai dimenticata. Forse per il seduttore impenitente è tempo di amare.

sabato 4

canale 5

italia 1

rete 4

23

Genere: Commedia

di Mark Waters

Cast: Matthew McConaughey, Jennifer Garner, Breckin Meyer, Lacey Chabert, Robert Forster, Anne Archer, Emma Stone, Michael Douglas, Daniel Sunjata. Durata: 100 minuti Produzione: Warner Bros Italia - Usa 2009

Sopra una scena del film e a lato la locandina

domenica 5 Lunedi’ 6

Martedi’ 7

mercoledi’ 8

I due adolescenti Eugene e Tucker hanno in comune solo un’amicizia di lunga data. Tanto è casto e strenuo promotore dell’astinenza sessuale il primo, quanto il secondo è un erotomane innamorato di Playboy. La sera del ballo scolastico, dopo aver deciso di consumare la prima volta con la sua ragazza Cindy, Eugene si ubriaca e cade dalle scale. Si risveglia dopo quattro anni di coma e il suo primo e unico pensiero è ritrovare Cindy, che d’improvviso appare nel paginone centrale del nuovo numero di Playboy.

giovedi’ 9

venerdi’ 10

7.55 traffico - meteo 5 08.00 tg5 mattina 08.50 documentari 09.50 finalmente arriva kalle 10.55 il misterioso mondo di charlotte. film 13.00 tg5 - meteo 5 13.45 elisa di rivombrosa parte seconda 16.00 the starter wife. telefilm 18.00 carabinieri 5. Telefilm 20.00 Tg 5 - meteo 5 20.30 paperissima sprint 21.25 scherzi a parte story 23.30 vita da paparazzo. Film

7.55 08.00 08.50 09.55 10.55 13.00 13.40 16.00 18.00 20.00 20.45 22.50 00.30 01.30

traffico - meteo 5 mattino 5. attualita' documentari finalmente arriva kalle. Tf il tesoro dei templari. Film Tg 5 - meteo 5 elisa di rivombrosa parte seconda il club degli imperatori wimbledon. Film Tg 5 - meteo 5 i cesaroni 2. fiction zelig off. Varieta' big shots. Telefilm tg5 notte/meteo5

09.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.35 17.30 17.40 18.50 20.00 20.30 21.10 23.45

fia, piccola maga. film forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap manager per due settimane. Film settimo cielo. Telefilm Tg 5 - 5 minuti carabinieri 6. Telefilm sarabanda Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint mio fratello e' figlio unico le fate ignoranti. film

09.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 17.30 17.40 18.50 20.00 20.30 21.10 23.30 01.30

estate di george. film forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap inga lindstrom. Film settimo cielo. Telefim tg5 - 5 minuti carabinieri 6 sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint mystere. Fiction damages. Telefim tg5 notte/meteo 5

11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 17.30 17.35 18.50 20.00 20.30 21.10 23.20 01.30

forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap l'amore a portata di mouse. Film settimo cielo. Telefilm tg5 - 5 minuti carabinieri 6 sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint la scelta di laura. Fiction matrix. Attualita' tg5 notte/meteo 5

11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 17.30 17.35 18.50 20.00 20.30 21.10 21.30 00.30

forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap rosamunde pilcher: prova d'amore settimo cielo. Telefilm tg5 - 5 minut carabinieri 6 sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint zig zelig. Varieta' terra! estate. attualita' tg5 notte

09.00 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.30 17.30 17.35 18.50 20.00 20.30 21.10 23.40 01.30

un fratello a 4 zampe forum. attualita' Tg5 - meteo beautiful. soap centovetrine. Soap il destino di charlotte settimo cielo. Telefilm tg5 - 5 minuti carabinieri 6 sarabanda. Quiz Tg 5 - meteo 5 paperissima sprint l'isola dei sogni. Film danza mortale. Film tg5 notte/meteo5

07.00 10.45 11.45 12.25 13.40 14.00 16.00 18.00 18.30 19.00 20.50 22.50 00.05 1.15 1.30

cartoni animati perche' a me. telefilm aliens in america. tf studio aperto - meteo le regole dell'amore detective a due ruote emma e missi. film give me five. telefilm studio aperto/meteo scuola di polizia 7. film the mask 2. Film motociclismo poker1mania. Varieta' mediashopping rent. film

07.00 07.45 11.15 11.50 12.25 13.00 13.55 15.55 17.45 18.30 19.00 20.45 22.45 24.00

cleopatra 2525. Telefilm cartoni animati aliens in america. tf GRand prix sport studio aperto/meteo le regole dell'amore tremors. film ed-un campione per amico. film give me five. Sit-com studio aperto - meteo un ciclone in famiglia librarian 3. Film motociclismo grand prix

11.15 12.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.50 17.30 18.30 19.25 19.40 20.15 21.10 22.50

baywotch. Telefilm secondo voi. Attualita' studio aperto - meteo studio sport dragon ball gt dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf hannah montana. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima. Sit-Com mercante in fiera mai dire candid sette notti in arena

10.20 11.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.55 17.30 18.30 19.25 19.40 20.15 21.15 23.00

xena. Telefilm baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf hannah montana. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima. Sit-Com mercante in fiera eli stone. Telefilm chuck

11.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.55 17.30 18.30 19.25 19.40 20.05 20.15 21.10 23.30

baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf hannah montana. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima camera cafe'. Sit-Com mercante in fiera mistero. Attualita' la terra dei morti viventi

11.15 12.25 13.00 13.40 15.00 15.50 16.55 17.30 18.30 19.00 19.25 19.40 20.15 21.10 23.00

baywatch. Tf studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek. Telefilm il mondo di patty. Tf hannah montana. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo studio sport love bugs 3 Sit-com buona la prima mercante in fiera c.s.i. scena del crimine the closer. telefilm

12.25 13.00 13.40 15.00 15.55 16.50 17.30 18.30 19.25 19.40 20.15 21.10 22.50 0.55 1.10

studio aperto - meteo studio sport cartoni animati dawson's creek il mondo di patty. Tf hannah montana. Tf cartoni animati Studio Aperto - meteo love bugs 3 Sit-com buona la prima mercante in fiera fico+fico show. varieta' la terza stella. film studio aperto talent 1 player. reality

9.40 11.30 11.40 12.25 13.30 14.05 16.10 17.55 18.55 19.35 21.10 23.05 24.00 01.50 02.00

i misteri di cascina vianello tg4/ notizie traffico cuochi senza frontiere distretto di polizia 4 Tg 4 - meteo 4 perry mason. Telefilm psych. Telefilm donnavventura. docum. Tg 4 - meteo 4 nikita. Telefilm law & order. Telefilm shark. Telefilm n.y.p.d. Telefilm tg4 rassegna stampa azzurro '89. varieta'

09.30 10.00 11.00 11.30 12.10 13.30 14.05 15.00 18.55 19.35 21.10 23.20 0.15

lazio-da tivoli a roma. Documentario Santa Messa Pianeta mare Tg 4 - notizie traffico Melaverde tg4 telegiornale/meteo le comiche di stanlio e ollio wyatt earp. Film tg4/meteo colombo. Telefilm maigret. Telefilm miss padania boccaccio '70. film

11.30 11.40 12.25 13.30 14.05 15.10 16.10 16.30 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.20 00.25

tg4 notizie traffico doc. Telefilm distretto di polizia 4 Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum balko. Telefilm sentieri. Soap come le foglie al vento tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm fuga da absolom. Film top secret Terrorism robber bride. Film

11.30 11.40 12.25 13.30 14.00 15.10 16.10 16.30 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.55 01.35

tg4 notizie traffico doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum balko. Telefilm sentieri. Soap torna a casa lassie! Film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm a beautiful mind. Film la notte della verita' tg4 rassegna stampa

11.30 11.40 12.25 13.30 14.00 15.10 16.25 18.55 19.35 19.50 20.20 21.10 23.05 00.50

tg4 notizie traffico doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum balko. Telefilm un maledetto imbroglio. film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm la sai l'ultima. Varieta' the unit. Telefilm n.y.p.d. Tel.

11.30 11.40 12.25 13.30 14.00 15.10 16.10 17.05 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.10 01.05

tg4 notizie traffico doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum balko. Telefilm sentieri. Soap la mao sinistra di dio. Film tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm over the top. Film papa' dice messa. Film tg4 rassegna stampa

11.30 11.40 12.25 13.30 14.00 15.10 16.10 18.55 19.35 19.50 20.30 21.10 23.10 01.05 1.30

tg4 notizie traffico doc. Telefilm distretto di polizia 5 Tg 4 - meteo 4 il tribunale di forum balko. Telefilm complotto di famiglia tg4 - meteo 4 ieri e oggi in tv tempesta d’amore. Soap nikita. Telefilm facile preda. film conan il barbaro. film tg4 rassegna stampa spogliamoci cosi'. film

OVER THE TOP

UN AMERICANO A ROMA Lunedì 6 - La7 - Ore 21.20

Giovedì 9 - Rete 4 - Ore 21.20

Ambientato a Roma, dove il giovane Nando (Alberto Sordi), affascinato dagli eroi del cinema americano, fa di tutto per assomigliare a uno yankee. Ma finisce per rendersi davvero ridicolo. Il film è del 1954 ed è diretto da Steno.

Per racimolare denaro, un ex camionista (Sylvester Stallone) al quale l'ex moglie vuole togliere il figlio, decide di partecipare al campionato mondiale di braccio di ferro. Un'avventura che permetterà ai due di costruire un bellissimo rapporto.

i FILM in TV


Per la Pubblicità su

sco Crema ale LO giorn

il PICCO

del

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

Sport&Sport

«Una grande stagione»

Per il Pergo la prevede Alessandro Pizzoli, responsabile dei giovani della Samp

A

di Stefano Mauri

lessandro Pizzoli, origini milanesi, è un frizzante (e bravo) calciofilo emergente. Attualmente ricopre il ruolo strategico di responsabile del settore giovanile della Sampdoria, è considerato, dagli addetti ai lavori, un dirigente preparato e competente: una bella “faccia” giovane, rampante nel panorama dei nuovi addetti ai lavori calcistici italiani di tendenza e prospettiva. Lavora a Genova dallo scorso mese di settembre il lanciatissimo Pizzoli, con lui, abbiamo scambiato quattro chiacchiere sull’attualità calcistica e, ovviamente, sul Pergocrema di Stefano Bergamelli. Fotografa, per i lettori, brevemente la tua interessantissima carriera sportiva. «Dirigo il vivaio blucerchiato della Samp. In precedenza ho collaborato con le prime squadre di Livorno e Teramo, all’epoca, rispettivamente, militanti in serie A e nell’ex C1. Vanto inoltre trascorsi, da direttore sportivo, a Voghera e Cologno al Serio (nella Colognese allora allenata dall’ex gialloblù Stefano Vecchi, ndr) nel campionato nazionale dilettanti. Prevalentemente ho sempre cercato di lavorare con gruppi di giovani calciatori». La stagione agonistica 2009 – 2010 ormai è alle porte ed il Pergo è chiama-

to al difficile compito di confermarsi in Prima Divisione. Potrebbero addirittura puntare ai playoff nella Crema gialloblù… «Sicuramente, per una piazza come quella cremasca, densa di tradizione e passione, le prospettive, per forza di cose devono essere importanti». Il presidente Bergamelli non si affida ad un diesse, preferisce fare tutto da solo agendo in prima persona. «Beh, mi pare che Alessio Delpiano, al quale, tra l’altro, ho avuto il piacere di tenere una lezione al master federale per direttori sportivi a Coverciano, collabori attivamente con il patron. E’ un preciso diritto della proprietà seguire le operazioni di mercato. Personalmente ritengo

Lucio Vecchi, ex gialloblu

si debba rimanere in un contesto teso al rispetto dei ruoli, ma è un pensiero generale, non mi riferisco a nessun caso particolare».

Fa bene il “Berga” a puntare sui giovani da valorizzare? «Esigenze di bilancio e normative federali, tra le altre

Alessandro Pizzoli, responsabile del settore giovanile della Samp

cose, spingono i club a intraprendere queste direzioni. Io tuttavia ritengo che i giovani bravi debbano giocare sempre, indipendentemente da regole e incentivi». Hai assistito a qualche gara del «Trofeo Angelo Dossena»? «Quest’anno no, ero a Salerno per seguire le finali nazionali del campionato “Allievi”, ma solitamente non manco mai al “Dessena”». La Cremonese può ambire al salto in serie B diretto? «Certamente: società e città meriterebbero la promozione. Vincere subito però non è facile». Genoa e Pergocrema vantano un feeling specia-

le: è dunque questo il percorso da percorrere per le società di provincia? «Le collaborazioni, laddove fatte seguendo fedelmente una proficua, forte programmazione, possono soltanto considerarsi positive». Lavori nella Genova blucerchiata: città nota ai cremaschi e ai cremonesi anche grazie ai vari Attilio Lombardo, Gianluca Vialli e alla meteora doriana Mattia Marchesetti… «Opero in una compagine seria dove programmazione e cura dei particolari sono di casa ed è possibile lavorare sereni e crescere. Giuseppe Marotta persona splendida, tanto dal punto di vista umano, quanto da quello professionale è il mio prezioso riferimento. Posso inoltre confrontarmi quotidianamente con validi personaggi del calibro di Asmini e Paratici». Ha le idee chiare il bravo Alessandro Pizzoli, recentemente premiato, a Villa Toscanini, alla kermesse «Lo Sportivo dell’Anno» griffata Lucio “Biscardi” De Vecchi. E… pure il Pergocrema, prontissimo ad intraprendere la stagione agonistica 2009 – 2010. Largo ai giovani quindi: se sono bravi è giusto facciano la loro strada nel football.

Il “Berga” e la serata amarcord al maosi Lunedì sera, nella splendida cornice del ristorante “Maosi” di Crema, il Pergocrema ha presentato la scuola calcio “canarina”. Il presidente Stefano Bergamelli, lungimirante vuole lavorare bene e, soprattutto a 360 gradi, per questo investe, nel lungo periodo, sui giovani. Stefano Ghisleni, responsabile del vivaio gialloblù, agisce dunque secondo precisi input presidenziali e ha il chiaro mandato di potenziare ulteriormente la linea verde del sodalizio di viale De Gasperi. L’ex difensore Claudio Finetti e Antonio Cremonesi seguiranno dal vivo lo stage calcistico formativo (main sponsor il brand R.p.R di Roberto Pitrotto) riservato ai baby calciatori in

erba. La quota d’iscrizione alla scuola calcio è di 220 euro, la data d’inizio è fissata per il 15 settembre. Informazioni presso la sede sociale (viale De Gasperi, infoline: 0373 200311). Questi i nomi degli allenatori delle rappresentative giovanili “cannibali”: Carlo Piraino (Giovanissimi Nazionali), Andrea Carioni (Giovanissimi Regionali), Stefano Bazzarin e Cristian De Marchi (Giovanissimi sperimentali 1997), Ruggiero Baldon (Esordienti); Carlo Abbiati, Paolo Carminati, Miguel Pavesi e Mauro Bertoglio si occuperanno, insieme ai rispettivi collaboratori, delle varie selezioni “Pulcini”. Continua a dilagare intanto la Pergomania: la campagna abbonamenti, (accattivante lo slogan – spot: “Manda

in goal il Pergo”, ndr) prosegue ed ha già registrato parecchie adesioni. Prossimamente la città, per reclamizzare la sottoscrizione popolare, sarà invasa da simpatici cartelloni (con alcune foto realizzate da Angelo Peia, fotografo Rock). Il luogo idoneo per fare l’abbonamento è sempre la sede sociale. Bergamelli infine, lontano da occhi indiscreti è impegnato nella campagna acquisti – cessioni. Settimana prossima, con il raduno ufficiale, partirà la stagione agonistica 2009 – 2010 caratterizzata dalla guida tecnica affidata a Claudio Rastelli. L’obiettivo societario, almeno sulla carta, è quello di lottare per un posto al sole nella zona playoff. La parola al campo.

Vito Cerullo, tifoso canarino doc

A San Carlo, quartiere cittadino radical chic, (secondo il leggendario paparazzo Giulio “King” Giordano, ndr) lo chiamano il “Mago di Napoli”. Forse perché azzecca (quasi) sempre le previsioni sportive? Mah! In effetti, quando il Pergo gioca al Voltini e lui, puntuale si presenta in gradinata a ridosso dell’ora di inizio del match, il più delle volte, interpellato ad hoc, indovina il risultato finale.

Vito Cerullo, campano di nascita, ma ormai cremasco d’adozione è un calciofilo… scaltro a leggere le partite e il futuro. Imprenditore affermato nel campo della logistica (collabora, tra l’altro, con la Lega Pro e lo stesso Pergo, ndr) , Cerullo, un passato remoto da calciatore di tutto rispetto, in città è un volto noto: il Napoli è la sua grande passione e il presidente azzurro Aure-

lio De Laurentiis lo fa sognare e quando non si fa vedere al Voltini, o è incollato alla tv per assistere alle esibizioni dei Donadoni Boys, oppure è al comunale di Bergamo, per seguire l’Atalanta, l’altra passione di famiglia. Nel recente passato, il buon Vito, nelle vesti di libero consulente (e osservatore) ha collaborato con Andrea Bottazzi, deus ex machina del Carpenedolo, nonché ex tes-

serato “cannibale”. Durante l’intenso e vincente biennio “canarino” griffato Valentino Angeloni (direttore generale dal 2004 al 2006, ndr), Cerullo, qualche dritta, ad Angeloni e al suo stretto entourage l’ha data. Il football, l’arte, l’enogastronomia campana, la famiglia e il mare di Ischia: queste le passioni sanguigne del “Mago di Napoli” Made in … San Carlo alias Vito Cerullo.

Per la Pubblicità su

sco Crema ale LO giorn

il PICCO

del

telefona allo 0372.43 54 74 • 45 39 67

crema FC

Rosa conclusa, si punta ai playoff Il Crema Fc di Ennio Valdameri (e del suo affiatato, storico staff) si appresta a disputare una Terza categoria da protagonista. Per fare il punto della situazione abbiamo parlato proprio con il presidente Valdameri, cremino sincero, nonché calciofilo appassionato, capace e competente. Finita la campagna acquisti–cessioni? «La struttura portante della squadra è a buon punto. Mancano ancora alcuni tasselli, ma credo che il grosso del lavoro sia fatto. Contiamo molto sulla "vecchia guardia", quei giocatori che sono stati lo zoccolo duro negli ultimi anni e dai quali ci attendiamo molto». Gli obiettivi societari? «Anche per la stagione che va a cominciare ritengo sia importante darsi un obiettivo. Il nostro per il prossimo campionato è quello di migliorare il piazzamento della stagione scorsa, quando, abbiamo fallito l'ingresso ai playoff all'ultima giornata, per un pelo. Ecco, Se verrà qualcosa di più ne saremo ben lieti. I presupposti per far bene ci sono tutti». Il «Trofeo Dossena»? «Purtroppo vari impegni non mi hanno consentito di assistere direttamente alle gare. Tuttavia qualche spezzone l'ho visto su una tele locale. Mi sembra che le cose siano andate bene. Del

Ennio Valdameri

resto con l'esperienza più che trentennale del comitato organizzatore non potrebbe essere altrimenti». Mai sfiorato l’idea di accorparvi ad altre squadre? «No! Come ho già ribadito in altre occasioni, sono sempre stato contrario alle fusioni in linea generale. A maggior ragione se fatte solo per "sfruttare" situazione che con lo sport hanno ben poco a che vedere». La pesante recessione economica minaccia il futuro calcio… «Credo che la crisi generale sia sentita a tutti i livelli, in maggior modo nel campo puramente dilettantistico. Si fa sempre più fatica a tirare avanti, gli sponsor, a causa della crisi, stringono i cordoni della borsa e quindi bisogna arrabattarsi per disputare i campionati. Penso che, anche ai nostri livelli, bisogna cominciare a fare i dilettanti in tutto e per tutto, cosa che, ahimè, non sempre succede».

calcio mercato

Tutte le novità di Ac Crema

Innanzi tutto una correzione di rotta relativa alla rubrica «Il Personaggio» di settimana scorsa. Ebbene, mister Gian Paolo Sperolini, non è l’allenatore del Codogno (come erroneamente riportato) ma dell’ambizioso Cavenago. Dato a “Paolo” ciò che è di Paolo sotto con le altre pillole di news nel pallone. E’ saltato letteralmente per aria il Palazzolo (fallimento economico) di Federico “Pinturicchio” Cantoni nonostante la recente promozione in Campionato nazionale dilettanti, salto, giunto, per la cronac, dopo una cavalcata trionfale lunga tutti i playoff promozione. Nel corso degli spareggi, vinti anche grazie ad un Cantoni in versione superstar, il sodalizio bresciano caro alla presidentessa (ormai “senza trono”) Betty Piantoni aveva sfidato, superandolo, il Sancolombano allenato da Domenico Tassiero detto “Mimmo”. Che ne sarà ora del Palazzolo? Lo scopriremo vivendo. Non mancano invece richieste e ammiratori calcistici per il bravissimo “Pinturicchio” del Serio. Anche Tiziano Confuorto (sulle sue tracce Luisiana, Sergnanese, Salvirola, Clacio Spino e Casale, ndr) è ancora sul mercato alla ricerca della squadra giusta. Dovrebbe invece restare al suo posto, al servizio del Salvirola, il fantasista Matteo Tacchini, ex promessa del Brescia. Definiti praticamente gli acquisti per la prossima annata agonistica, ora, il Crema di Francesco Barbaglio deve pensare a sfoltire la rosa. Il jolly Andrea Spinelli, se riuscisse a svincolarsi sembrerebbe orientato a cambiare “aria”. Sul mercato infine i casalaschi Martignoni e Max Severgnini.


Sport

il PICCOLO

giornale del

CREMASCO Venerdì 3 Luglio 2009

VOLLEY: Reima e gli acquisti per la stagione 2010

Mattia Rosso: «Un sogno essere qui»

M

attia Rosso è ufficialmente un giocatore dei Blues; dopoalcuni anni in cui la Reima e l’atleta si sono sfiorati, Rosso e Crema sono convolati a nozze. Allora Mattia finalmente a Crema… «Confermo il finalmente, dopo tanti anni in cui siamo stati vicini ora giocare a Crema è una realtà. Tanti amici sono passati di qua ed avere la possibilità di far parte di questa squadra e la realizzazione di un sogno». L’anno passato è stata dura per te... «Ho dimostrato troppa generosità e buonismo rispetto alla situazione. Non ho però voluto fuggire ed è stata una esperienza che mi ha fatto crescere. Con il senno del poi, posso dire che ho

Mattia Rosso

fatto bene visto che la squadra si è riscattata nel finale di stagione». Non sei però riuscito a conquistare i playoffs, quindi in questo campionato… «Per scaramanzia non faccio più pro-

nostici. La A2 è sempre equilibrata e lo dimostra il campionato scorso di Castellana. Chiaramente Crema ha allestito una squadra di livello, ma per fare bene il segreto è il gruppo e trovare l’amalgama». Passiamo al Mattia Rosso giocatore, in che aspetti devi migliorare? «Dal punto di vista tecnico, anche per aver giocato due anni da opposto, in ricezione. Poi devo trovare una costanza di rendimento sia nella singola partita sia nella stagione, tutte cose che voglio acquisire giocando». Siamo ancora a luglio, la prossima stagione sarà lunga però adesso è anche tempo di vacanze; quali sono le tue? «Per ora sono stato una settimana a Ponza e vorrei passare un’altra settimana al mare ad agosto».

Accordo raggiunto. Resta solo da formalizzare il trasferimento da Treviso

E' Ricci Petitoni il libero blues

Mauro Ricci Petitoni sarà il libero della formazione blues guidata dalla coppia Monti-Verderio. Dopo la partenza di Alberto Caprotti per Segrate (B1), la Reima ritrova il libero giunto a Crema nel 2008-09 a stagione iniziata, per sostituire proprio Caprotti, rimasto vittima di un infortunio alla mano. «Siamo molto soddisfatti dell'accordo raggiunto con Mauro» dichiara il team manager

Mauro Ricci Petitoni

Andrea Mombelli, «che, oltre a ritrovare tanti compagni della scorsa stagione (Baranowicz, Patriarca, Cazzaniga, Finazzi, Alletti, Silva, Ricardo) tornerà a giocare anche con Mattia Rosso, suo compagno di squadra alla Materdomini per la prima parte della passata stagione: il gruppo, con il suo arrivo, è ormai quasi completo, in attesa di definire gli accordi con il quarto ricevitore ed il secondo palleggiato-

re». Una conferma importante anche in prospettiva futura. «Mauro ha deciso di continuare la sua formazione di libero con la nostra società: sarà un cammino che spero condivideremo per più stagioni». Sul fronte mercato, proseguono le trattative per la quarta banda ed il palleggiatore che completeranno la rosa a disposizione di Luca Monti e Vittorio Verderio.

25

CREMA VOLLEY

Elena Drozina nuovo capitano

Elena Drozina con Claudio Cogorno (a destra) ed Enrico Madona

Si è conclusa la trattativa che porterà la palleggiatrice Elena Drozina a vestire la casacca viola-rosa. Il presidente Claudio Cogorno, il consigliere del Crema Volley Enrico Madona e la giocatrice si sono incontrati a Venezia e in poche ore hanno raggiunto l’accordo. La società si dice soddisfatta per l’importante acquisto, queste le parole di Leo Barbieri: «Era quello che volevamo. Conosco molto bene Elena in quanto abbiamo lavorato insieme a Rivergaro per due anni conquistando promozione, campionato e Coppa Italia. Era uno dei nostri obbiettivi principali per la prossima stagione e siamo contenti di aver raggiunto un accordo in così poco tempo. Data la sua grande esperienza sono lieto di comunicare che Elena sarà

il nostro capitano per la prossima stagione così che le ragazze potranno avere un punto di riferimento importante, come è stato quest’anno per Barbara Fagioli. So come lavora l’impegno e la passione che ci mette quando viene stimolata da obbiettivi così importanti come il nostro, sarà sicuramente una pedina fondamentale». Anche il patron Claudio Cogorno esprime tutta la sua soddisfazione per l’accordo preso. «Ho riscontrato in Elena una persona molto seria e determinata» commenta Cogorno, «abbiamo stipulato un accordo annuale e siamo sicuri della scelta. Inoltre Leo la conosce molto bene, sa come lavorare con personalità forti e caparbie come la sua. Insomma non possiamo che esserne soddisfatti».

Nella nazionale organizzata dal Dopolavoro Ferroviario battuti in finale Cavazzuti e Brandoli

A Rossi e Govoni una splendida “Donato”

P

di Massimo Malfatto

arla emiliano il 56° trofeo “Donato”, gara nazionale a coppie ben organizzata dal Dopolavoro Ferroviario. Sul gradino più alto del podio sono saliti i bolognesi Marco Rossi ed Alberto Govoni che iscrivono così per la prima volta il loro nome nell’albo d’oro di questa prestigiosa manifestazione. Ben 109 le formazioni iscritte (nessun forfait!) in rappresentanza di 58 società e 23 comitati provinciali, ottimo il livello del gioco, pubblico abbastanza numeroso, organizzatori ampiamente soddisfatti, in primis il “factotum” Gianfranco Bonetti, in ansia fino all’ultima bocciata per qualche goccia di pioggia che ha rischiato di compromettere la conclusione della gara. Non sono mancate le sorprese nei gironi eliminatori che hanno visto la “debacle” di tutti i nostri bocciofili, ma questa ennesima disfatta del boccismo cremonese ormai non fa più notizia. Ci sono stati diversi risultati che hanno fatto scalpore già dagli ”spareggi”, il più clamoroso dei quali senz’altro il “cappotto” subito da

Le due formazioni finaliste del 56° trofeo Donato. I bolognesi Rossi e Govoni, i reggiani Cavazzuti e Brandoli.

Formicone-Di Nicola ad opera di Rinaldi-Bagnoli. Molto sofferto il successo di Cavazzuti-Brandoli su Alessi-

Selogna (12-11) e sempre sul filo di lana vittoria di Benedetti-Saleri sui fratelli Luraghi, mentre Perotti-Biglieri

s’imponevano sui pur bravi parmensi Riva-Paglioli per 12-10. Anche nei quarti di finale si sono verificati alcuni risultati inaspettati: gli emiliani Rinaldi-Bagnoli superavano i fratelli D’Alterio (12-4), GovoniRossi i bresciani TreccaniPalazzi (12-8), BenedettiSaleri i ”reggiani” Perotti-Biglieri mentre Cavazzuti-Brandoli avevano la meglio su Cambieri-Crespi per 12-11. Nella prima semifinale Cavazzuti-Brandoli si sbarazzavano di Bagnoli-Rinaldi per 12-4, mentre sull’altra corsia Govoni-Rossi avevano la meglio sui bresciani Benedetti e Saleri con il punteggio

CLASSIFICA GENERALE “56° Trofeo Donato”

1° Rossi-Govoni (Lavinese-BO) 2° Cavazzuti-Brandoli (Rubierese-RE) 3° Benedetti-Saleri (Brescia Bocce-BS) 4° Rinaldi-Bagnoli (Lavinese-BO) 5° Treccani-Palazzi (Inox Macel-BS) 6° Cambieri-Crespi (Colombo-MI) 7° Perotti-Biglieri (Campagnolese-RE) 8° D’Alterio-D’Alterio (Monastier-TV) 9° Paleari-Ceresoli (Tritium-BG) 10° Alessi-Selogna (Rinascita-MO) 11° Luraghi-Luraghi (Inox Macel-BS) 12° Formicone-Di Nicola (Virtus-AQ) 13° Riva-Paglioli (Audace-PR) 14° Vandelli-Berselli (Formiginese-MO)

di 12-8. Finale a senso unico che si è dipanata per sole sette tornate letteralmente dominate da Rossi-Govoni che surclassavano Cavazzuti-Brandoli con un eloquente 12-4. Ha diretto la gara il bergamasco Gianbattista Esposito assistito da Gabriele Ceriati e dagli arbitri di finale Bongiorni, Barozzi, Capelli, Pelizzi e

Scaratti. Alle premiazioni ha presenziato il vice-presidente regionale Giancarlo Soldi, il presidente della Fib Lazio Vincenzo Santucci, il presidente del comitato provinciale Giovanni Piccioni, mentre gli onori di casa sono stati fatti dal presidente del Dlf Virgilio Ferrari e dal suo responsabile settore-bocce Fiorenzo Nicoli.


22

il PICCOLO

Sport

giornale del

CREMASCO Venerdì 3 Luglio 2009

CICLISMO: FIORENZUOLA D'ARDA

Risi e Guarnieri, a loro la prima gara della Sei giorni delle Rose, ma al velodromo «Pavesi» c'è in agguato l'olimpionico Perez

L

di Fortunato Chiodo

a magica coppia Bruno Risi e Jacopo Guarnieri non delude e strappa la prima gara della sei giorni. Basta chiacchiere e proclami, dispettucci e ripicchiane, i più astuti seigiornisti del mondo, si giocano il tutto per tutto, lottano alla morte, con volate straordinarie e chiedere in maniera dei modi, la «6 Giorni Internazionale delle Rose» dal 1° al 6 luglio al velodromo «Attilio Pavesi» di Fiorenzuola d’ Arda (Piacenza). Claudio Santi, direttore generale della manifestazione “stellare” ha ingaggiato tutti i migliori specialisti, una rosa forte di venti coppie in rappresentanza di 14 nazioni. Nessuno ha mai visto una

il velodromo di Fiorenzuola

schiera di nomi così celebri, a cominciare dal “ mostro” del pianeta l’ elvetico Bruno Risi, sette volte campione del mondo, alla soglia dei 41 anni, si appresta all’ ultima chiamata della sua lungimirante carriera seigiornistica ( un palmarès di 56 vittorie delle quali tre a Fiorenzuola), farà coppia con il “principe” dei velocisti, il piacentino Jacopo Guarnieri, già campione Europeo Madison juniores, neo professionista alla Liquigas. Credo che sapranno fare bene e contendersi il successo, dovranno tenere sotto controllo l’argentino Walter Perez medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pechino accoppiato con l’argento spagnolo Toni Tauler, gli svizzeri MarvulliAesbach e Keisse-Stam coppie teste di serie e pronosticati della vigilia. Tante sono coppie che hanno esperienza alle spalle e riescono a leggere la corsa, ci sono senza dubbio l’iridato dell’omnium Kankovski, insieme con Lazar, molto veloci sono pure Blaha- Honchmann della Repubblica Ceca. Confermata la rosa dei corridori con Samuele Marzoli che sa muoversi abbastanza bene davanti al pubblico amico, correrà con il danese Mark Hester, saranno certamente protagonisti insie-

Giovanissimi CC Arvedi Magica vittoria al Boschetto

Bruno Risi e Jacopo Guarnieri

me agli argentini: Sebastian Donadio e Dario Colla. In avanspettacolo alla 6 giorni delle Rose edizione numero 12 gareggeranno i giovani Talents Cup Internazionale, con i nostri Edoardo Costanzi e Piero Baffi del “ CC Cremonese Arvedi”. Ciclismo a “ go-gò” dalle 19 alle 23, musica, spettacolo, tango argentino, gastronomia, e ristorante nel parterre, insomma ci sono tutti i migliori ingredienti.

La Trento-Boldone a Lombardi della Lucchini-Arvedi Chi semina raccoglie, non ci sono dubbi. I “ pulen” di Bruno Leali fanno sfaceli con gli Under 23 della Lucchini Arvedi nella classicissima Trento-Bordone che ha portato al successo Omar Lombardi. La corsa è entrata nel vivo sulla salita con una quindicina di corridori, e nella parte selettiva è avvenuta la scrematura imposta dal bresciano Omar Lombardi con ai mozzi Damiano Ferraro (Cyber Team) e Cristiano Colombo (Palazzago). Lombardi ha tagliato il traguardo tutto solo, coprendo 98 Km di gara alla media di 40, 394 Km/h, ha preceduto i compagni di avventura, quarto a 15” Paolo Castelnuovo, a 30” il colombiano Agudelo Torres, poi i distacchi si sono fatti più pesanti.

Anselmo Francesconi, ha la meglio su Diego Bosini (CC Cremonese Arvedi). Michele Guarnieri (CC Cremonese Arvedi) si riscatta nella corsa dei nati della G2, battendo Filippo Bertesago e Andrea Marletta della Cremasca. Mica male neppure ragazzini bresciani fanno centro nella G4 con Michele Gazzoli (Pedale Bresciano) ha messo in riga Andrea Manini (CC Cremonese Arvedi), Mattia Vitali (Imbalplast Soncino), Giacomo Donida (Cremasca), e Chistian Visioli (Imbalplast). Tra gli undicenni della G5 Matteo Furlan (Pedale Bresciano ha vinto su Stefano Baffi (Cremasca), Alberto Valenti (Gs. Corbellini), Alberto Bombelli (Imbalplast) e Leo nardo Urgnani (CC Cremonese). Infine della corsa della G6 Riccardo Gallasio (CC Cremonese Arvedi) ha gabbatp Mirko Gjoni ( Pedale Bresciano), Felix Meo (Cremasca), Andrea Pisaroni (Gs Corbellini) e Luigi Lorenzini (Pedale Bresciano).

BRUGNA VINCE ALLO SPRINT A CAPRIATE Volatone pressoché generale nella 37° Targa Don Nazzario Villa a Capriate San Gervasio (Bergamo) dominato allo sprint del cremasco Alessio Brugna esordiente del secondo anno, tra i piazzati David Visioli e Giovanni Luisi al 9° e 10° posto.

Omar Lombardi taglia il traguardo

Samuele Marzoli ingaggiato dal CC Cremonese Arvedi

Il CC Cremonese-Arvedi ha ingaggiato il velocista piacentino di Roveleto di Cadeo, Samuele Marzoli, che va forte su strada e su pista ( tra le quali si è laureato campione europeo dello scratch e una Sei Giorni delle Rose).

Nel «Trofeo Amici del Boschetto» riservato alla categoria Giovanissimi, con il patrocinio del CC Cremonese 1891- Arvedi, una settantina di concorrenti hanno dato vita a sei gare entusiasmanti. Ha farla da padroni sono stati i virgulti della UC Cremasca del presidente Albino Ferla, hanno lasciato le bricciole, vincendo sia il trofeo a punti che quella con il maggior numero di partecipanti Il ciclismo è un grande paesetto vagante, come una famiglia allargata, che vive di miopie e di dolori, di crucci e di allegrie, a secondo di come la vita presenta i suoi conti. Ma poi arriva il giorno in cui sono tutti allineati sotto gli stessi pensieri. Sfacciatamente forti, e soprattutto facilmente riconoscibili i minicorridori della “Cremasca” al Boschetto di Cremona, fanno centro con Andrea Morandi della G1 che precede Davide Distasio (Imbalplast Soncino) e Mattia Sclosa (Cremasca); poi tra i nove anni nella corsa della G3, vince il campione provinciale

Marzoli, leggero come una piuma, esordirà con il team biancorosso del trainer Bruno Leali, alla Sei Giorni delle Rose, che comincia con il prologo riservato alle categorie giovanili. Sono previsti del primi sprint per virgulti da 7 ai 12

anni, più scratch e corsa a punti esordienti ed eliminazione e corsa a punti allievi. Nell’ occasione queste ultime categorie concluderanno il Gran Premio Cariparma Boccioli di Rose 2009, che prima dell’ ultimo round , le classifiche vedono al co-

mando: Andrea Cornacchione (Torrile) tra gli esordienti, con Giovanni Pedretti (CC Cremnonese 1891- Arvedi ) 7° e tra gli allievi Hamza Dallagi ( Codifiume) con Marco De Vitis e Matteo Calcagni (CC Cremonese 1891- Arvedi) al 5° e 6° posto.

EDOARDO COSTANZI A CONCESIO Festival dei velocisti nel 52° Gran Premio Sportivi di San Virgilio di Concesio (Brescia) corsa riservata ai dilettanti vinta dal plurivincitore della stagione Giacomo Nizzolo (Bottoli) davanti a Andrea Guardini (Neri Conauto) Edoardo Costanzi (CC Cremonese Arvedi). Nicola Buffoni (Gavardo Tecmor), Marco Zanotti (Casati NGC), e Erminio Gatti (Delio Gallina) nono. Restando al CC Cremonese Arvedi, a Prevalle lo junior Alberto Ghidini è giunto al quinto posto, nella gara vinta da Ivan Bellotti (Team Giorgi). ALBERTO RIPAMONTI DELLA CREMASCA SUL PODIO A SARONNO Alberto Ripamonti allievo della Uc. Cremasca è giunto terzo nel 41° Gp: Città di Saronno” risoltosi allo sprint forte du sette corridori, con la vittoria di Matteo Pozzoli ( Team Aurora). TROFEO SPORTIVI CREDERA RUBBIANO Si corre domenica 5 luglio a Credera Rubbiano il Trofeo Sportivi organizzato dall’Unione Ciclistica Cremasca presieduta da Albino Ferla. La partenza è stata stabilita alle ore 9. In programma sei gare riservate alla categoria giovanissimi.

SETTIMANA TRICOLORE Cala il sipario sulla Settimana Tricolore di Imola , con l’assegnazione dei titoli di campioni italiani della specialità, qualcuno prende quota, confermando la crescita, meritavano qualcosa di più i ragazzi della «Bergamasca De Nardi Colpack» e della «Lucchini Unidelta Arvedi» con sulla plancia di comando Stefano Pedrinazzi e Bruno Leali, hanno dato modo di mettere la ciliegina sulla torta del lavoro eccellente svolto dai team, non è stato facile tenere a freno le ambizioni del bergamasco Paolo Locatelli e del trentino Moreno Moser, ci hanno provato, peccato tutto è filato storto. JUNIOR, ZORDAN ALLO SPRINT Il veneto Andrea Zordan (Contri- AutozaiLiotto) ha inaugurato la rassegna Tricolore laureandosi campione juniores, nello sprint dei migliori ha avuto ragione sul trentino Enrico Dalla Costa. Tra i protagonisti anche il nostro Alessandro Cipolla della Polisportiva Madi-

gnanese, intruppato nel drappello di testa forte di una quindicina di unità, è rimasto coinvolto in una caduta, fortunatamente senza gravi conseguenze a soli a 2 Km dall’ arrivo all’ autodromo Dino Ferrari. MONIA BACCAILLE ALLA GRANDE Monia Baccaille (Gs. Fiamme Azzurre), si è laureata campionessa italiana donne èlite. Ha staccato la bergamasca Laura Bozzolo e la piacentina Giorgia Bronzini, iridata della corsa a punti. GIANMARIO PEDRAZZINI AL FOTOFINISH C’è voluto il fotofinish per decretare il successo del piacentino Gianmario Pedrazzini (Petroli Firenze Granano), 25 anni, campione d’ Italia di elite senza contratto su Margutti, Frusto e Iattici, con cui aveva accelerato nell’ ultimo passaggio sul Monte Frassinetto. Pedrazzini ha già un passato da professionista al Team Piemonte, vive a Ospedaletto Lodigiano.

MATTEO RABOTTINI TUTTO SOLO, MORENO MOSER 4° Matteo Rabottini, 21 anni, pescarese che gareggia con i colori della Aran, è il nuovo campione italiano Under 23, ha messo il turbo a 4 chilometri dal traguardo sulla salita dei Tre Monti, ha preceduto di 32” il campione tricolore Alfredo Balloni (AGI Neri), Gianluca Brambilla (Zalf Desirèe Fior ) e Moreno Moser ( Lucchini- Unidelta- Arvedi), che ha appena 18 anni. Con un azione di forza ci aveva provato Paolo Locatelli (Bergamasca-De Nardi-Colpack) diretto dal trainer cremasco Stefano Pedrinazzi, è stato inghiottito, non ha trovato collaborazione e ha dovuto arrendersi, mentre decisamente sopra ogni aspettativa è stata la fuga del quartetto comprendente il trentino Moser, nipote del grande Francescco. E’ stata una corsa resa dura dalla pioggia, con solo 35 dei 160 partenti all’arrivo.

IL VICENTINO FILIPPO POZZATO CAMPIONE D’ ITALIA Era tra i favoriti della vigilia e non ha deluso. Filippo Pozzato, 28 anni, di Sandrigo (Vicenza), portacolori della formazione russa Katuska si aggiudica la “59ª Coppa Placci,” inserita nella Settimana Tricolore di Imola, e si laurea campione italiano. In volata ha regolato Damiano Cunego ( Lampre Ngc ) e Luca Paolini ( Acqua & Sapone – Caffè Mokambo). Sullo stesso circuito che nel 1968 vide Vittorio Adorni vestire la maglia iridata, Pozzato succede a Filippo Simeoni. Ha bruciato un plotoncino forte di una ventina di unità. «E ’ stata molto dura» le prime parole di Pozzato”. Il ct Franco Ballerini si congratula: «Contento per lui, si merita questo successo». Felice il presidente della Federiclo Renato Di Rocco: «Settimana Tricolore una formula vincente».


Cucina

il PICCOLO

Gastronomia italiana

Le ricette gustose alla portata di tutti

Venerdì 3 Luglio 2009

Primo piatto: Spaghetti alle vongole

Difficoltà facile Tempo 15 minuti - Per 6 persone Ingredienti: • 1 peperone giallo • 3 pomodori sodi • 2 cetrioli • 1 cucchiaio di capperi dissalati • 1 cipollotto

• 1 cucchiaio di prezzemolo tritato • foglie di basilico 3 cucchiai di olio extravergine di oliva sale

preparazione • Lavate bene la verdura. Tagliate il peperone a lamelle, affettate i pomodori, i cetrioli e il cipollotto afette sottili. Disponete su un piatto, a giri concentrici, i pomodori, i cetrioli e il peperone. • Distribuiteci sopra il cipollotto a fettine, il prezzemolo e i capperi dissalati. • Condite con l'olio emulsionato col sale e decorate il centro del piatto con delle foglioline di basilico.

Difficoltà facile - Tempo 30 minuti Per 4 persone Ingredienti: • 1 Kg di vongole • 15 rametti di prezzemolo • 2 spicchi d'aglio • 4 cucchiai d'olio extravergine

di oliva • pepe • 300 g di spaghetti • sale grosso

preparazione • Lavare accuratamente le vongole sotto acqua corrente e metterle in un capace contenitore. Porle sul fuoco a fiamma vivace fino a che si aprano. Occorrono circa 5-7 minuti. Mescolare di tanto in tanto.Quando sono pronte sgusciarle lasciandone qualcuna intera per decorare e filtrare il liquido di cottura. Lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente con la mezzaluna su un tagliere assieme all’aglio spellato. In una capace padella mettere l'olio, il trito e farlo soffriggere a fiamma bassa facendo molta attenzione a che l'aglio non bruci. Unire le vongole e mescolare accuratamente. Aggiungere 2 cucchiai di liquido di cottura, far insaporire qualche istante, aggiungere un poco di pepe, spegnere il fuoco e coprire.

• Lessare la pasta in abbondante acqua salata e, poco prima di scolarla, aggiungere mezzo mestolo di acqua di cottura nella padella del condimento, quindi accendere il fuoco.

Dessert: Torta Paradiso Difficoltà media - Tempo 90 minuti Per 12 persone Ingredienti: • 6 uova • 125 g di farina 00 • 125 g di amido di mais • 1 bustina di lievito per dolci

• 250 g di burro • 200 g di zucchero semolato • burro e farina per lo stampo zucchero a velo

preparazione • Preriscaldare il forno a 170° C. Rompere le uova in modo da tenere i 6 tuorli e mettere 4 albumi in una ciotola. In un’altra ciotola setacciare la farina, l’amido di mais ed il lievito, miscelandoli bene. In una terrina far ammorbidire il burro lavorandolo con una forchetta. Montarlo quindi con la frusta elettrica fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo. Aggiungere lo zucchero, un cucchiaio alla volta, fino ad amalgamarlo al burro. • Quando si è ottenuto un composto omogeneo, unire i tuorli uno alla volta. Unire il composto di farina, amido di mais e lievito fino ad ottenere una crema densa. Lavorarla accuratamente e dolcemente. Lavare molto bene le fruste elettriche e montare gli albumi

27

jan davidsz de heem Natura morta 1650 ca. Particolare

Il menù della settimana

Antipasto: un’insalata elegante

giornale del

Cremasco

Saltare la pasta scolata a fiamma vivace nella padella del condimento per qualche minuto, girando di frequente. Servire caldo con un filo d'olio a crudo e decorare con foglie di prezzemolo.

a neve. Incorporare gli albumi al composto un cucchiaio alla volta, mescolando piano ed accuratamente, fino ad ottenere un composto chiaro ed omogeneo. Imburrare uno stampo da 24-26 cm, infarinarlo e versarvi dentro l’impasto. Infornare per 40-45 minuti, prolungando di qualche minuto la cottura se saggiando la torta con uno stecchino non esce completamente asciutto. • A fine cottura, spegnere il forno e socchiudere leggermente lo sportello. Lasciare 5 minuti in questa posizione, quindi sfornare il dolce. Quando la torta si è un po raffreddata toglierla dalla forma e metterla in un piatto da portata. Decorare spolverizzandola di zucchero a velo passato attraverso un setaccio.

Secondo piatto: Branzino al vino Difficoltà media - Tempo 45 minuti Per 2 persone

Ingredienti: • 2 piccoli branzini • 2 rametti di rosmarino • 4 spicchi d'aglio • sale grosso

• olio extravergine di oliva • 1 bicchiere di vino bianco • salamoia bolognese • pepe

preparazione Lavare accuratamente i branzini, aprirli per rimuovere le viscere e squamarli. Tagliare tutte le pinne. Mettere nella pancia del pesce il rosmarino, metà aglio affettato, qualche grano di sale grosso ed un filo d'olio di oliva. Ungere bene una capace padella antiaderente con l'olio e mettete il pesce. Bagnare con il vino, unire il restante aglio spellato ed affettato, un pizzico abbondante di salamoia bolognese, una abbondante grattugiata di pepe ed un altro filo d'olio sul pesce. Mettere la padella sul fuoco a fiamma vivace, quando l’oilio comincia a friggere abbassare la fiamma a metà, coprire e cuocere per 10 minuti. Controllare di tanto in tanto e

con un cucchiaio bagnare il branzino con il fondo di cottura. Trascorsi i dieci minuti girare il pesce, delicatamente senza romperlo aiutandosi con una paletta larga. Cuocere per altri 10 minuti. Se il fondo di cottura dovesse asciugarsi troppo unire un po' di brodo vegetale o brodo di pesce. Servire con il fondo di cottura come salsina di accompagnamento

Per la salamoia bolognese ingredienti • 100 g di sale grosso

• 10 g di foglie di rosmarino • 5 g di foglie di salvia • 1 spicchio d'aglio

La Bottiglia Moris Vermentino 2008 Colore: giallo paglierino. Bouquet: intenso e fruttato con sentori tipici di albicocca e fiori gialli. Gusto: fresco ed elegante con ottima bevibilità, caratterizzato da una spiccata sapidità in bocca. Uve 100% Vermentino. Un vino di buon livello e particolare finezza. Ottimo l’abbinamento con pesce e antipasti a base di pesce. Temperatura di servizio 14°.



Il Piccolo del Cremasco