Page 1

PIACERE MAGAZINE

NUMERO NOIR

#101


#coglilad


ifferenza


E ORA CHE I PRETI CI HANNO DETTATO LE REGOLE SULLA FAMIGLIA, ASPETTIAMO CHE I VEGANI CI DIANO I TEMPI DI COTTURA DEL CONTROFILETTO

L’ EDI TORI ALE

DI MATTEO GRANDI

Noir, come il film Suburra dove Giacomo Leopardi si trasforma nel Giovane Favoloso e fa fuori a badilate il Casamonica in versione steroidi, o dove la tossica stufa di vedere Claudio Amendola al Grande Fratello lo fredda sotto una pioggia romana che neanche a Manila durante i Monsoni; noir, come le ambientazioni cupe dei nostri servizi fotografici da scorrere tutti d’un fiato; noir come le cronache quotidiane che arrivano da Fontivegge; noir, come la crisi che stiamo vivendo; noir, come la Parigi di Fred Vargas; noir, come il racconto che avrei voluto scrivere al posto di questo editoriale. Qualcosa che creasse suspance, con un bel delitto e un giallo da risolvere, roba da tenervi col fiato sospeso che neanche Simenon. Questa era l’intenzione iniziale. Poi gli scricchiolii che ho sentito in soffitta mi hanno suggestionato e ho preferito lasciar perdere. Meglio tornare al solito editoriale. Solo che la suggestione ormai era già entrata in corso, come un veleno. E sono ancora convinto di sentire rumori strani. Che magari sono amplificati dal buio che mi circonda e dal silenzio della notte. Per esempio, proprio adesso, mi sembra di sentire dei passi alle mie spalle. Non so se trasalire o farmi una risata. Ma già ora mi sembra di sentirli di nuovo. Fottuta immaginaz

@matteograndi PM ~ L’editoriale 11


relax

fai godere le papille! Con olio, cose buone e cose belle. 5 weekend in Umbria.

dal 31ottobre al 29 novembre seguici su:

@Frantoi aperti

#frantoiaperti

Scarica la app Frantoi Aperti

www.frantoiaperti.net


PM*Contributi CLAUDIA ALFONSO

30 anni ma non li sente, lotta contro il tempo perché in realtà non vuole invecchiare. Quasi laureata. A volte recita. Ama il divano. Barese. Amante delle cime di rapa. Infinitamente curiosa. Con uno sguardo non ben definito sul futuro. Ma speranzosa e piena di fede.

AGNESE PRIORELLI

Perugina da sempre, passerebbe la sua vita dentro un cinema. O in alternativa allo stadio. Tenta di scrivere perché le altre cose le vengono peggio. Il suo sogno: intervistare DiCaprio sul red carpet della Notte degli Oscar.

JACOPO COSSATER

Arrivato a Perugia dal Veneto per motivi di studio ci vuole poco perchè si innamori del sangiovese, completi il percorso dell’AIS ed inizi a scrivere di vino. Dopo aver vissuto per troppo tempo a Milano e troppo poco a Stoccolma è tornato in Umbria, dove oggi lavora. Giornalista, scrive su alcuni dei più importanti wine blog italiani.

LUCREZIA SARNARI

Trentenne (o poco di più), fino ad un anno fa era solo una giornalista ora è una mamma che scrive. Lo fa per lavoro e un po’ anche per passione. E cerca di capire cosa farà da grande: nel frattempo è la responsabile di redazione di PM e si diverte a torturare i poveri stagisti.

MATTEO GRANDI

Scribacchino professionista ma favorevole all’abolizione dell’ordine, dirige PM ma vorrebbe dirigere un’orchestra, scrive per quotidiani, radio, web e tv; ha scritto un libro su Renzi (“su” non “per”), frequenta Twitter, ha più punti in testa che sulla patente. E se i monologhi di Pop-Hoolista, l’ultimo disco di Fedez, non vi fossero piaciuti è colpa sua.

CHIARA SILVESTRI

Curiosa per natura, inquieta per congiuntura astrale, amante delle arti per passione, si dedica all’esplorazione suburbana e alla coltivazione di libere opinioni. A un anno iniziava a parlare, a 10 parlava poco e scriveva su un diario segreto. Intorno ai 30 anni parlava troppo e iniziava a scrivere su Piacere Magazine, a quasi 40 inizia a parlare chiaro e scrive ancora i suoi segreti, seguendo le tracce di una città che si muove con lei... PM ~ Chi Siamo

13


RISTORANTE DEL SOLE

Via della Rupe, 1 - Perugia (Terminal Minimetrò Pincetto) Tel. 075-5735031 | Fax: 075-5732588 |ristorante@ristorantesole.com www.ristorantesole.com


PM ~ Up&Down 15

DOWN COLPEVOLE A PIEDE LIBERO

Il giudice Lidia Brutti ha rimesso in libertà Nabil Maaloul, ritenuto dalla procura di Perugia il responsabile dello scippo costato la vita al 72enne Loredano Maranini. Oltre alla versione dell’indagato – era con una donna – che sembra confermata, i dati delle celle telefoniche lo collocano lontano dal luogo del reato, e infine i tre testimoni oculari hanno reso “descrizioni dell’abbigliamento non collimanti”.

CAPITALE DELLA CULTURA: L’UMBRIA NON C’È

Né Terni né Spoleto. Come non è stata l’Umbria, e in particolare Perugia, a vincere nella competizione per Capitale europea della Cultura, non è l’Umbria a vincere nella competizione per la Capitale italiana della Cultura, titolo toccato invece, per il 2016, a Mantova che si aggiudica anche il milione di euro di premio. Le due città umbre, che erano arrivate tra le dieci finaliste, tuttavia sperano ancora: non è infatti chiusa la partita per il 2017 e la vincitrice sarà comunicata a gennaio prossimo. UN’OPERA DEL PERUGINO IN VENDITA PER SANARE I DEBITI

“Un bene non produttivo”. Così Alfredo Arioti, presidente del Sodalizio di San Martino, nobile istituzione nata nel 1574 per l’assistenza dei perugini più bisognosi, ha definito in un’intervista il “San Girolamo penitente”, tela dipinta dal Perugino attorno al 1515 e ospitata, dal 1863, nella Galleria dell’Umbria dopo esser stata nel Tempio di Sant’Ercolano. Proprio per questa sua “non produttività” l’opera potrebbe essere messa in vendita dall’ente che è in cerca di liquidità.

Una buona pratica già adottata da diversi Comuni. Su proposta del consigliere PD Tommaso Bori, forse il “baratto amministrativo” approda anche a Perugia: chi svolge attività di volontariato, manutenzione, decoro urbano, cura del verde e pulizia di aree pubbliche, può avere riduzioni o l’esenzione totale dalle tasse locali. La cosa vale anche per chi è in difficoltà economica, per pagare debiti e multe arretrate. Speriamo che il Consiglio approvi. A PERUGIA TORNA IL BARATTO… AMMINISTRATIVO

Degradato, sporco, pericoloso da attraversare addirittura di giorno, finalmente è stato recuperato il sottopassaggio di Fontivegge: via i quadri pubblicitari danneggiati dai vandali, nuovi intonaci e tinteggiatura. In via di conclusione è anche il nuovo impianto di video-sorveglianza dell’intera area della stazione con l’installazione di 75 telecamere a circuito chiuso. Bene, facciamo in modo, tutti, di mantenerlo così. SOTTOPASSAGGIO SALVATO

È un Perugia a due facce quello di questo avvio di campionato. Solido in difesa, ma drammaticamente sterile in attacco. Ma un derby è sempre un derby e il trionfo di Terni, da questo punto di vista, è un successo che riempie la città di gioia e che, soprattutto, fa morale. Speriamo sia anche la svolta per un campionato ancora troppo anonimo per le ambizioni biancorosse. UN PERUGIA FORMATO DERBY

UP


58

Il lato noir dell’arte

62

Numero 00

PM

#101 IN QUESTO NUMERO: 36 L’Art Bonus 40 Smart news 46 Roberta Ermini 48 Perugia, una nuova mobilità è possibile 54 Design Green Appeal #2

68

Le fil noir

80 Il “grande nero” verrà restaurato 82 L’ambientazione noir di “Angelo Ingordo” 86 Frantoi aperti 94 Villa Pucci Boncampi 96 Un weekend nella patria di Fred Vargas

74

The Gang is in Town PM ~ Sommario 17


PIACERE MAGAZINE

PIACERE MAGAZINE

#101

#99

PIACERE MAGAZINE

#98

MESSAGE IN A (BLU) BOTTLE

GREEN IS SMART

LE NOSTRE ULTIME COVER NUMERO NOIR

PM novembre 2015

#101 IN COPERTINA:

Andrò dove la mia natura mi conduce di Alessandra Baldoni

Direttore Responsabile Matteo Grandi

Redazione e Contributi

Alessandra Olivi, Chiara Silvestri, Claudia Alfonso, Valerio Buonumori, Lucrezia Sarnari, Viola Menicali, Marco Piscedda, Giorgia Cardinaletti, Daniele Aureli, Jacopo Cossater, Alessandro Paolucci, Laura Serra

Web Contents

Valerio Buonumori

Foto

Alessandro Pellicciari, Simone Rossi, Andrea Adriani, Gildo Giuliani

Anno 11 n°101 Novembre 2015 Registrazione Tribunale di Perugia N° 50/2004 R.T. Tribunale di Perugia in data 03/12/2004

Laura Serra lauraserra@piaceremagazine.it T. 347 5242246

Stampa

T. 075 9662854 piacere@piaceremagazine.it

Arti Grafiche Paciotti Strada delle Fratte, 2 - Perugia T. 075 5279902 www.artigrafichepaciotti.it

18

PM ~ Info

Per la vostra pubblicità

Ufficio commerciale:

Progetto grafico e impaginazione

Brainleaf Communication info@brainleaf.eu/brainleaf.eu

Editore

Big Projects SEDE OPERATIVA: EXELIOGRAFICA Via delle streghe, 11 A - Perugia T. 075 9662854 – Fax. 075 9662843 Email: piacere@piaceremagazine.it

DISPIACERE Le defaillance dell’ultimo numero: *L’articolo di pagina 36 a titolo “La Medioetruria e la mobilità in Umbria tra presente e futuro” è a firma di Jacopo Cossater. *Pagina 56, il cognome corretto del capitano del Sassuolo è Magnanelli e non Manganelli come scritto nel titolo. *Il ristorante “Brilli Bistrot” recensito a pagina 106 ha chiuso lo scorso 5 settembre. *A pagina 126 il nome del centro estetico “Il Primosole” è stato scritto in maniera errata. PM Piacere Magazine @PiacereMagazine @piaceremagazine

www.piaceremagazine.it


1

2

3

4

LE FOTO DEL MESE 1-2. Perugia al tramonto e Via Boncambi, Perugia (Foto: Cristina Martino) - 3. Lunedì autunnale al pincetto (Foto: @ceraunavodka) - 4. Zombie ad Halloween (Foto: Agnese Muccifori).

*Invia la tua “FOTO DEL MESE” a piacere@piaceremagazine.it la più bella sarà pubblicata. Tutte le foto inviate compariranno nella sezione apposita sul sito piaceremagazine.it

PM ~ FDM

19


FA C T O RY S H O P

V i a F r à F i l i p p o L o n g o 4 8 / g - M a g i o n e | T. 0 7 5 8 4 7 7 1 2 5 | l a m b e r t o l o s a n i . c o m


La linea d’ombra *di Claudia Alfonso

@claelly

IL MIO RACCONTO NOIR L’Imu la tasi la tari l’ici l’IVA il mutuo le tasse universitarie la tassa per la prima casa la dichiarazione dei redditi Barbara d’urso in TV 6 giorni su 7 Uomini e donne i femminicidi l’isis gli omicidi la disoccupazione i raccomandati i figli di papà i politici i disonesti la morte della meritocrazia i parenti delle vittime che si fanno pagare per andare in TV i libri di Fabio Volo i libri di Luca Bianchini i ritardi di Trenitalia i prezzi di Trenitalia i bugiardi i falsi amici la carne cancerogena le pensioni di 300 euro al mese i cattivi i molesti i broccoli l’uomo nero. Il mio racconto noir. PM ~ Cooltura 21


TR.acce

* di Chiara Silvestri

tr-acce.tumblr.com

A ME È SUCCESSO DI NOTTE Mi stavo riparando dal freddo che quell’inverno martoriava il Paese e che ogni mattina faceva contare i morti tra quelli come me. Quella notte avevo finalmente trovato un tetto sotto il quale chiudere gli occhi. Ero in città da pochi giorni e avevo letto di una villa abbandonata appena fuori il centro. Villa Palma, era questo il nome scritto sulle colonne del cancello che non è stato difficile oltrepassare. Non una villa qualsiasi, a giudicare dal giardino, dai soffitti affrescati e dallo stile, un tempo doveva esser stato un magnifico esempio di architettura rinascimentale e un edificio prestigioso, ma dallo stato in cui era ridotta doveva trattarsi di un tempo lontano: non era un caso che ne parlassero i giornali. Fu per questo che mi fermai. Perché anch’io un tempo ero stato un uomo diverso, uno abituato alle prime pagine, un uomo a cui il prestigio e le attenzioni non erano mai mancate. Mentre in quel momento, come la villa prigioniera dell’oblio, del degrado e di una natura che si stava selvaggiamente riappropriando di una ricchezza che fu, mi sentivo dilaniato dagli artigli di un destino che mi aveva rovinato. Da sette anni avevo perso tutto, ma ogni giorno lottavo per l’unica cosa che mi restava: la dignità. Quella notte sembrava che l’unica forma di vita tra le fredde mura della villa e le mie vene fossero i soffitti. Meravigliosi. Me li sono immaginati così: ai tempi del loro massimo splendore. Perché nel solo vederli alla luce della torcia gli occhi mi si sono riempiti di bellezza. La bellezza dell’arte, della storia, dell’ingegno. La bellezza che non si dimentica. E così che è successo. Cercando di cogliere tra quegli affreschi le trame giuste da seguire. Per immaginare storie e personaggi degni di accompagnarmi verso la fine. Per sfuggire al freddo che mi attanagliava dentro e fuori. Ho ancora un desiderio: che il mio ricordo non cada nell’oblio, come questa splendida villa abbandonata, che ormai da troppi anni accoglie segretamente i miei poveri resti.

22 PM ~ Cooltura


Fast Good

* di Jacopo Cossater

@jacopocossater

CORCIANO CASTELLO DI VINO, UNO SGUARDO AL TRASIMENO Quest’anno per la seconda volta ho avuto la possibilità di partecipare a una degustazione per certi versi unica. Quella che fa parte del programma di Corciano Castello di Vino è infatti una bellissima panoramica su una delle zone meno conosciute del vino regionale, quella del Trasimeno. Una degustazione organizzata sempre meglio il cui scopo è quello di premiare le realtà più virtuose del territorio, l’assaggio si conclude infatti con un trofeo dedicato al miglior vino bianco e al miglior vino rosso della manifestazione. Soprattutto una panoramica di rara completezza, in nessun’altra occasione è possibile confrontarsi con la quasi totalità dei vini prodotti in questa ampia zona della provincia di Perugia, da Magione fino a Castiglione del Lago da una parte e Città della Pieve dall’altra.Una denominazione, quella dei Colli del Trasimeno, che da sempre vive di chiaroscuri. Che può vantare una delle più interessanti unicità regionali, il gamay, ma il cui disciplinare prevede da sempre un numero ampissimo non solo di varietà ma anche di tipologie. Dal bianco frizzante allo spumante metodo classico, dal rosato al rosso, dal rosso riserva al vin santo. Un ventaglio davvero troppo ampio, comodo per chi vuole sempre e comunque etichettare un vino come DOC, eccessivamente disorganico per chi cerca di identificare le eccellenze uniche di un territorio. Senza infatti scomodare il Sagrantino di Montefalco molte altre zone dell’Umbria sono riuscite negli ultimi tempi a farsi notare puntando con decisione su un’unica specialità. Penso al ciliegiolo, a Narni, o al grechetto, a Todi (affrontato qui su PM solo il mese scorso). Stretto parente di uno dei vitigni più famosi al mondo quel cannonau che in Veneto viene chiamato tai rosso, in Francia grenache, in Spagna garnacha - il gamay grazie al costante lavoro della locale cantina sociale ha dimostrato nel tempo di potersi esprimere con grazia e con una certa personalità. Caratteristiche tutt’altro che banali, peculiarità (volendo) su cui puntare per raccontare tutto un territorio. È in questo contesto che l’evento di Corciano può essere centrale, luogo privilegiato per guardare a tutto il Trasimeno e ai suoi progressi. Chissà, è denominazione che con la giusta spinta propulsiva negli anni potrebbe riservare ben più di una sorpresa. PM ~ Cooltura 23


C’era una vodka *di Lucrezia Sarnari

www.ceraunavodka.it

CHI HA PAURA DEL BUIO? Era una notte buia e tempestosa. Era la notte qualunque di un bambino qualunque che dorme da solo nel suo lettino. Che si sveglia e nel buio scorge fantasmi e orchi, vampiri e streghe. Mostri che lo terrorizzano, lo immobilizzano a letto. Quel bimbo ha talmente paura che si rannicchia sotto le coperte, non ha il coraggio di mettere il naso fuori. Di lasciar penzolare un braccio nemmeno a pensarci, ché vai a capire che cosa si nasconde, di notte, sotto al suo letto. Ogni notte la stessa storia. La mamma lo rassicura, gli promette che il buio non nasconde nessuno scheletro, che di notte ci sono le stelle, la luna e i sogni a cullarlo. E invece lui, ogni notte si sveglia e si sente mancare il fiato, quel buio è troppo grande, troppo profondo, troppo scuro per poterlo affrontare. Serra gli occhi, si ricorda che la mamma gli ha detto che nella sua cameretta non può davvero entrare nessun brutto ceffo. Si concentra su un pensiero bello. Questo gli ripete la mamma. Si raggomitola di più, prova a convincersi che quel rumore non l’ha sentito davvero. Ha paura. Sa che non dovrebbe, che ormai è grande, ma la paura del buio è qualcosa di più grande. Trattiene le lacrime, il respiro, la voce. E poi esplode. “Mammmmaaaaa ho paura, vieniiiii”. Io apro gli occhi, come ogni volta rischio l’infarto e poi capisco che è solo la sua paura del buio. E, come ogni volta, penso che la vera paura del buio sarà la mia, fra una quindicina di anni quando, non trovandolo a casa e non avendo la più pallida idea di dove sia proverò a convincermi che va tutto bene, che lui mi ha ripetuto di non preoccuparmi, che di sicuro sta bene. E che alla fine lo chiamerò al telefono gridandogli: “Pietroooooo dove sei? Lo sai che ore sono? Quando che torni a casa, da me?” PM ~ Cooltura 25


UN NUOVO MENÙ E UN NUOVO LOGO, MA L’ATMOSFERA E LA QUALITÀ DI SEMPRE NELLA CITTÀ PROTAGONISTA DELLA MOVIDA UMBRA

Viale IV Novembre, 11 - 06034 Foligno (PG) Tel. 0742 359373 - 320 84 36 366 - www.mangiafucofoligno.it - mangiafuocofoligno


Chiave di G

* di Giorgia Bazzanti

@GiorgiaBazzanti

ROSSO NOIR “The thrill is gone”, ripete il disco. Gli assoli di B. B. King riempiono la stanza. I fumi dell’alcol si mischiano ai fumi della città. Luci e nebbia. Una serata perfetta per una festa a ritmo di blues e per una cena con delitto come gioco-attrazione. Sono stanca, non conosco né i sospettati né la vittima. Le persone tentano di risolvere il caso mentre mangiano pomodori ripieni. Si guardano l’un l’altro con aria di sfida e di mistero, alternando momenti di suspense a momenti di assordante silenzio. Qualcuno si passa informazioni da sotto il tavolo, cercando prove, indizi o magari solo un complice. Alcuni cercano alibi e moventi, altri le chiavi della macchina. Il morto ogni tanto apre un occhio, per assicurarsi che siano tutti intenti a dargli giustizia! Interrogatori che si accavallano, qualcuno che si alza a prendere un’altra coppa di Martini. Un’ubriachezza generale che lascia fuori la vittima, l’unica persona che non si diverte, glielo leggo a chiare lettere su quella faccia funerea! Un uomo si alza dal tavolo e dice “un altro bicchiere per il commissario!” e ricade sulla sedia per il troppo sforzo, ridendo da solo. Pacchetti di sigarette e qualche sigaro per analizzare ancor meglio il caso. A tratti provo ad immaginare delle scene in bianco e nero ma non funziona, sembrano tutti la parodia di detective improvvisati, ubriachi e ignari del fatto che l’assassino è già sfuggito sotto i loro occhi. E li guarda dal terrazzino di fuori, con un Manhattan in mano e una sciarpa rossa. La finta vittima sorride perché si è accorta e non può dire nulla! Qualcuno inizia a far volare accuse, qualcuno non ritrova il proprio block notes e incolpa il vicino, qualcun altro inizia a sbottonarsi la camicia e abbandona il caso. Qui fuori è freddo, il mio cocktail è finito e credo che ora entrerò e mi costituirò! L’assassina che risolve il caso, da sobria! Offro da bere alla vittima e me ne torno a casa a scontare finalmente qualche ora di sonno!

27 PM ~ Cooltura

PM ~ Cooltura 27


TRA I NOSTRI MARCHI: CHEVILLE INDI&COLD GRACE & MILA DES PETITS HAUTS THE NICE THINGS BY PALOMA

IL GUSTO BOHEMIEN RETRÒ SI FONDE CON LE TENDENZE CONTEMPORANEE

SADAMI STORE Via Alessi, 26 - Perugia • T. 347 3365791 • www.sadamibags.com Sadami Store Sadami bags


Gesù ha trovato traffico * di @lddio

@lddio

ARMARSI UN PO’ Complici alcuni fatti di cronaca, ultimamente è salita l’ansia di armarsi contro i ladri, nota misura di sicurezza che da sempre previene furti e incidenti in tutto il mondo. Quella di sentirsi sicuri con un’arma in casa è una vecchia favola, che raccontiamo agli anziani per farli dormire la notte, ma uscendo dal contesto fiabesco della virile difesa del maniero forse riusciamo a fare un discorso razionale. Un’arma in casa andrebbe tenuta sotto chiave, ma questo la renderebbe abbastanza inutile al momento della collutazione improvvisa con un ladro. Allo stesso modo, però, un’arma tenuta fuori dalla cassaforte potrebbe finire nelle mani del ladro che vi sorprende nel sonno, e non sarebbe carino. Tenere la pistola sotto il cuscino? Se vi concilia il sonno, fate pure, ma diciamo che avere una pistola in casa non è esattamente una garanzia di tranquillità. La vita vera non è un film americano: per usare bene le armi ci vuole addestramento, e capacità di affrontare situazioni di pericolo senza farsi prendere dal panico. Le armi non sono gingilli da autodifesa per il cittadino medio: sono dispositivi concepiti per lanciare pallottole a velocità che uccidono gli umani. E se poi uccidete un umano, non stupitevi se vi arrestano. Ci sono metodi più efficaci contro i ladri, tipo i sistemi di allarme moderni, domotica e case intelligenti: c’è tutto un settore di tecnologia che fa miracoli e che davvero aiuta a dormire sonni tranquilli. Investite due soldi in sicurezza seria, invece che in polvere da sparo. Se poi c’è troppa crisi, e non avete i soldi per automatizzare la sicurezza della casa, allora prendete un cane. Non serve un branco di dobermann, basta un cane piccolo e sensibile, che al minimo rumore sospetto comincia a fare un baccano infernale. Magari vi sveglia, ma almeno tiene lontani i ladri senza bisogno di sparatorie, costa poco, e durante il giorno vi tiene pure compagnia, vi fa sentire meno soli, vi fa passare le paranoie e i brutti pensieri. Quel tipo di pensieri che portano a comprare aggeggi che sparano, per sentirsi sicuri. PM ~ Cooltura 29


L’opinione *di Marco Bianchi

Sapersi nutrire è qualcosa di più e di diverso dal semplice dover mangiare: per questo motivo, da anni, lotto quotidianamente per una maggiore consapevolezza alimentare, ponendo sempre come imprescindibile punto di partenza la scienza. Cercando così di offrire degli strumenti per restare in salute senza rinunciare al gusto. Mentirei, pertanto, se mi definissi sorpreso dal recente allarme lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sui rischi della carne e, *Divulgatore scientifico (autore in particolare, di un certo tipo di carne. Si tratta di un alde “La Mia Cucina Italiana”) larme che non dovrebbe creare così tanto stupore. Faccio un esempio: abbiamo paura di un tetto pieno di amianto e facciamo di tutto per sistemarlo? Stessa paura ci dovrebbero fare le carni rosse processate. Là dove per carni processate intendiamo carni che hanno subito un processo di lavorazione che ne prolunghi la conservazione o ne alteri il gusto, come affumicatura, salatura, stagionatura, aggiunta di conservanti. Sono questi procedimenti, così come alcuni tipi di cottura come quella alla brace, ad aumentarne il rischio cancerogeno. Fra l’altro bisogna fare attenzione anche ai possibili distinguo che purtroppo non limitano il rischio. Non c’è allevamento che tenga: sono i processi di lavorazione e alcune “molecole” naturalmente presenti in queste carni ad esser incriminate. Sono diversi i dati sui consumi di carne in Italia (FAO, INRAN, ISTAT): poco importa perché si consumano più di 500g di carni rosse alla settimana e più di 50g di carni rosse processate. È vero, non sono i consumi USA ma sono sempre troppi! 
C’è persino chi, con un’arguta provocazione, è arrivato a sostenere che mangiare una fettina di tanto in tanto è come sniffare amianto saltuariamente. Vero! Non si muore ovviamente, ma aumenta la probabilità di ammalarsi. Se certe carni sono state classificate nel gruppo “cancerogeni certi”, questo, dati alla mano, significa soltanto una cosa: che all’interno ce ne sono. Insomma, è ora di finirla di trovare scuse, è arrivato il momento di mangiare con la testa e non con la gola!

“LOTTO QUOTIDIANAMENTE PER UNA MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA ALIMENTARE”

PM ~ Cooltura 31


Compri a Novembre e ricevi un Buono Acquisti del 25% valido fino al 31 Dicembre.

www.soniagalassi.it


Il Cecchino

*di Andrea Ceccarelli All’asta i cimeli di Craxi. Sarà ricettazione o incauto acquisto? La Signora in Giallo compie 90 anni. Ma a Cabot Cove non c’è rimasto nessuno con cui festeggiare. L’Economist: “Boschi sottovalutata”. Io veramente l’ho sempre detto che è bona. Salvini si veste da poliziotto. Mantovani invece sceglie la divisa da carcerato. Dimissioni Marino, il PD: “Atto di responsabilità”. Come nel caso De Luca. Marino: “Pur di cacciarmi mi avrebbero messo la cocaina in tasca”. Poi hanno capito che era uno spreco. La Germania nel 2006 ospitò i Mondiali grazie alla corruzione. Era proprio il nostro anno. McDonald’s è in crisi. Una brutta botta per i neolaureati. Berlusconi gira un film sui 20 anni di Forza Italia. Sarà un legal thriller.

Inviate le vostre freddure a: piacere@piaceremagazine.it

LA POSTA DEL DIRETTORE *di Matteo Grandi

Caro direttore, c’è una questione sulla quale vedo che ci si continua a interrogare, ma che temo stia passando un po’ troppo sotto silenzio: ed è la questione “città del cioccolato”. Davvero la possibilità di farla al mercato coperto è saltata? E lei, che cosa ne pensa? Meglio la città del cioccolato o un’operazione stile mercato San Lorenzo di Firenze? Alberto F.

Su quale fosse la nostra preferenza lo scrivemmo in tempi non sospetti: l’attuale amministrazione non si era ancora insediata e la destinazione del vecchio mercato coperto era uno dei temi all’ordine del giorno. Allora sostenemmo che se davvero Perugia per quegli spazi voleva immaginare una svolta, quella svolta non poteva che essere rappresentata dalla “Città del Cioccolato” tanto cara al Willy Wonka di casa nostra, alias Eugenio Guarducci. Pur sapendo che le chance sarebbero state davvero poche: l’amministrazione perugina sembra a volte spaventata dalla personalità ingombrante di Eugenio e (senza distinzione fra destra e sinistra) teme che cedere sulla Città del Cioccolato possa essere visto come un favore a un personaggio troppo dinamico e brillante per le nostre parche abitudini. In effetti l’attuale amministrazione, sul

tema specifico, non si è discostata troppo dalla precedente puntando su un mercato di stampo tradizionale. In fondo c’erano due chiavi di lettura entrambe legittime: rivolgersi al territorio oppure fare un’operazione dalla vocazione decisamente più turistica. Ha prevalso la prima linea. Ma, visto che ti sei detto interessato al mio parere, credo che la Città del Cioccolato in chiave turistica sia un jolly prezioso che vada assolutamente giocato. Se non là trovandole almeno un’altra collocazione. Si può sapere che fine hanno fatto i buoni propositi per “ripulire” Fontivegge? Paolo (via facebook)

L’ultima volta che sono stati avvistati erano in fila per il padiglione del Giappone.

PM ~ Cooltura 33


CENTRO SPECIALIZZATO IN OCCHIALI PER UFFICIO E PROGRESSIVI CONTATTOLOGIA SEMPLICE E AVANZATA – IPOVISIONE – TOPOGRAFIA CORNEALE VISUAL TRAINING – LABORATORIO INTERNO DI MONTAGGIO


ALL’OTTICA DI VIA OBERDAN UN CONTATTOLOGO SPECIALIZZATO GUIDA I CLIENTI ALLA SCELTA DELLA LENTE A CONTATTO PIÙ ADATTA PER OGNI OCCHIO

OPTICAL CASO Giovanni Caso: “Non è vero che le lenti morbide usa e getta vanno bene per tutti” Negli ultimi anni sono state pubblicizzate in modo intensivo lenti a contatto morbide usa e getta, generando la convinzione che una lente così possa andar bene a tutti. A smentire questa idea è Giovanni Caso di Optical Caso che spiega come queste lenti “pur utili in casi specifici, non sono adatte a tutti”. Cosa consiglia di fare, dunque, a chi intende utilizzare lenti di quel tipo? L’applicazione di lenti a contatto necessita di controlli accurati pre e post-applicativi per valutarne la specificità a seconda del singolo soggetto portatore. Per questo motivo Optical Caso si avvale della collaborazione di un contattologo specializzato che segue il cliente in un vero e proprio percorso di applicazione, il tutto sostenuto da visite di controllo programmate. Molti soggetti sono penalizzati nell’utilizzo delle lenti da una scarsa lacrimazione, ci sono delle soluzioni? Nel nostro studio potete trovare lenti a contatto specifiche per chi

soffre di ipolacrimia e di dislacrimia, oltre che la maschera riscaldabile Eye Doctor e la linea completa di integratori per il film lacrimale, che permettono anche ai soggetti con scarsa lacrimazione di risolvere i fastidiosi disturbi causati da secchezza oculare.

completamente reversibile.

È in forte crescita l’interesse nei confronti dell’ortocheratologia. Di che si tratta e come viene impiegata? Le lenti a contatto per ortocheratologia notturna si portano solo mentre si dorme, al risveglio vengono rimosse: l’effetto è un modellamento dell’epitelio corneale, che elimina temporaneamente il difetto visivo. La cornea mantiene la sua forma modificata e si continua a vedere bene ad occhio nudo per tutto il giorno, senza occhiali e senza lenti a contatto. Rimettendo le lenti ogni notte si mantiene un effetto stabile nel tempo. Questo trattamento è

Nel vostro negozio applicate lenti anche a soggetti con patologie diverse dal semplice difetto refrattivo? Certamente. Da noi potete trovare lenti a contatto specialistiche per cheratocono, post chirurgia refrattiva lasik o prk, post trapianti corneali. L’assegnazione di queste lenti a contatto specializzate ed il percorso applicativo programmato sono basati su uno studio del paziente a 360° grazie all’utilizzo della topografia corneale computerizzata, all’aberrometria oculare e all’analisi del film lacrimale.

OPTICAL CASO CENTRO DI ECCELLENZA ZEISS Via Oberdan, 44-46-48 Perugia / Tel. 075 573 15 98 / info@opticalcaso.it / www.opticalcaso.it


IL RESTAURO DELLA FONTANA DI MAESTÀ DELLE VOLTE

L’ART BONUS Testo: Lucrezia Sarnari - Brano: “That’s What My Heart Needs” - Otis Redding

Una scelta in linea con la filosofia aziendale, ma anche con il profondo legame che la famiglia Cucinelli ha con la propria terra. È proprio l’amo36 PM ~ L’iniziativa

re per l’Umbria, e per i tesori che custodisce che ha, infatti, spinto Camilla Cucinelli e Riccardo Stefanelli a decidere di regalare, in occasione del

loro matrimonio, il restauro di una delle opere più suggestive di Perugia: la fontana di Maestà delle Volte. La raccolta di fondi ha coinvolto gli invitati


alla cerimonia e si colloca all’interno d e l l’ i n t e re s s a n te iniziativa del Comune di Perugia Art Bonus, la norma destinata a promuovere la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo attraverso la partecipazione attiva di tutti i cittadini e delle imprese. A due mesi dalle nozze PM li ha intervistati. La vostra scelta di regalare alla città di Perugia il restauro di uno dei monumenti forse più “romantici”, da dove è nata? RICCARDO STEFANELLI E CAMILLA CUCINELLI via Maestà delle L’idea nasce Volte era l’unico dall’amore per il CI RACCONTANO LA DECISIONE, PRESA tratto “intimo” del territorio in cui vi- IN OCCASIONE DEL LORO MATRIMONIO, tragitto... viamo, per l’Um- DI REGALARE A PERUGIA L’OPERA bria, per Perugia, Gli invitati al vofino al nostro picstro matrimonio colo borgo di Solomeo. Poi, la frequentavamo l’università, come hanno preso la vostra bella iniziativa dell’Art Bonus (Riccardo Giurisprudenza e iniziativa? del Comune di Perugia ha fat- Camilla Lettere). La sede della Hanno tutti capito perfettato il resto: dare la possibilità ai facoltà di lettere era in piazza mente lo spirito e per questo cittadini di contribuire in ma- Morlacchi e i primi appunta- vogliamo ringraziarli. Ma c’è niera diretta all’abbellimento menti avvenivano lì. Terminate di più: abbiamo ricevuto dodella propria città. le lezioni, si finiva la giornata nazioni anche da persone non con una passeggiata in corso invitate al matrimonio, che per Come mai la scelta è ricaduta Vannucci ma, visto che vole- puro spirito di liberalità hanno proprio sulla fontana di Mae- vamo tenere “segrete” le prime voluto contribuire al restauro. stà delle volte? uscite insieme e nasconderci Questo dimostra quanto l’iniCi siamo conosciuti mentre dietro una “buona amicizia”, ziativa sia “sentita”. PM ~ L’iniziativa 37


honda.it

Honda Auto Italia


Siete riusciti a raggiungere il budget necessario? Non solo siamo riusciti a raggiungere il budget ma lo abbiamo superato abbondantemente. Per questo, abbiamo deciso di restaurare anche le statue e l’arco dei giardini del frontone, altro bellissimo an-

golo di Perugia. Il vostro gesto vuole essere da esempio e da stimolo. Cosa avete da consigliare, da questo punto di vista, agli altri imprenditori? Per tutte le imprese, il nostro territorio è uno dei valori ag-

giunti più importanti, sotto ogni sua forma, quella culturale, paesaggistica e umana. Valorizzarlo significa valorizzare le imprese che ci lavorano, significa lasciare un’eredità ai nostri figli. Fare la propria parte è un dovere perché la bellezza, alla fine, è contagiosa. PM ~ L’iniziativa 39


→Mash Up

SMART NEWS

Il nuovo contenitore di innovazione di PM Testo: Giulia Bianconi e Isabella Zaffarami Brano: “Heal the world” - Michael Jackson Torna l’appuntamento con le notizie smart dall’Umbria Idee, progettualità, tecnologia e innovazione si fondono per portare il futuro nella nostra terra. In queste pagine vi raccontiamo nuovi progetti, passioni forti e di un’Umbria che è sempre più all’avanguardia.

APERTI PER VOI Il Touring Club apre le porte del patrimonio culturale “negato”

A

ssicurare la fruizione di luoghi di interesse artistico-culturale solitamente chiusi al pubblico. Questo l’obiettivo di Aperti 40 PM ~ Smart news

per Voi, l’iniziativa del Touring Club Italiano che si avvale dei Volontari per il Patrimonio Culturale. Dal 2005, quando è nato, Aperti per Voi ha permesso


a oltre 4.400.000 visitatori, italiani e stranieri, di godere di un eterogeneo patrimonio di 60 luoghi d’eccellenza, distribuiti su 23 città e 12 regioni, grazie all’impegno di 2mila volontari. Da Milano a Parma, da Napoli a Bologna, passando per Roma, Torino, Trieste, Brescia, Rimini, sempre più città e luoghi d’arte italiani sono stati resi visitabili o hanno potuto ampliare orari e giorni di apertura. Il Touring, oltre a garantire l’apertura, “adotta” il sito realizzando, dove possibile, concerti, visite guidate, mostre, incontri e letture col fine di promuovere la valorizzazione e la conoscenza dei luoghi. A Perugia il progetto è arrivato nel 2014 con l’apertura dell’Oratorio

della Confraternita di San Francesco. I giorni concordati

con la proprietà sono il giovedì e il venerdì dalle 9.30 alle 12.30. L’impegno richiesto ai volontari è di circa 4 ore alla settimana a seconda della disponibilità e delle necessità. Chi aderisce ha diritto al rimborso dei biglietti di bus o metrò e deve partecipare a incontri formativi e informativi.

GEOTERMICO A ZERO emissioni Progetti pilota a Castel Giorgio e Acquapendente

E

strarre calore dal cuore della Terra per produrre energia, ma sen-

za rilasciare in atmosfera gas o anidride carbonica. È in questo

aspetto green l’elemento di avanzamento tecnologico contenuto nei due progetti pilota che dovrebbero essere realizzati a Castel Giorgio di Terni e ad Acquapendente di Viterbo.

A ideare gli impianti è stata un’azienda romana, la Itw&Lkw diretta da Diego Righini. Per evitare le emissioni i progettisti hanno studiato un sistema a circuito chiuso. Gli impianti costano 40 milioni di euro l’uno e dovrebbero essere realizzati nel giro di qualche mese. In particolare, per quanto riguarda l’impianto di Castel Giorgio, il cantiere dovrebbe partire entro dicembre mentre quello di Acquapendente è in Valutazione di Impatto ambientale. In merito alla realizzazione degli stessi tuttavia sono nate numerose contestazioni. PM ~ Smart news 41


C

onta circa 20 dipendenti, ha sede nel Comune di Collazzone (circa 3mila anime) e spicca a livello nazionale e internazionale per il livello di innovazione tecnologica dei suoi servizi e prodotti. Teamdev ha fatto parlare di sé anche di recente grazie a TripStories, una suite per il turismo e la mobilità ecologica con cui l’azienda ha rappresentato l’Italia al Global City Teams Challenge, evento tenutosi a Washington e che ha visto la partecipazione di progetti innoApplicazioni innovative vativi da tutto per agricoltura, il mondo.

territorio, ambiente e Gis

Le aree specifiche di specializzazione di TeamDev sono l’agricoltura, con lo sviluppo di sistemi di precision farming integrate con sensori, droni e immagini satellitari, ma anche smart city e smart land , le cui applicazioni consentono la gestione integrata del territorio tra applicazioni web, mobile, social e Internet of Things.

TEAMDEV

L’azienda si occupa inoltre di sistemi di supporto ai temi ambientali, come la 42 PM ~ Smart news

gestione idrica e i rifiuti, e collabora con Ong e organizzazioni internazionali alle quali offre servizi Gis (Geographic information system) e di sviluppo per la realizzazione di piattaforme di analisi dei dati e di visualizzazione cartografica.


MARCO CAPPELLA Nella sua edicola una stampante 3D mostra l’esempio di una tecnologia destinata a rivoluzionare la produzione industriale

C

lasse 1974, proprietario con il fratello Maurizio dell’edicola di Viale San Sisto (PG), Marco Cappella ha una vera passione per le nuove tecnologie e per le loro

implicazioni rivoluzionarie. Tanto

da aver trasformato il punto vendita di giornali, riviste e gratta e vinci in una vetrina per mostrare ai propri concittadini come funziona una

stampante tridimensionale: lavora

sette materiali diversi, dalla plastica all’argilla, producendo manufatti di piccole e

medie dimensioni, esposti sopra il macchinario. Marco, che collabora con una Start up di Ravenna che si occupa di questi macchinari ed ha contatti con tecnici umbri esperti del settore, ritiene fondamentale: “diffondere le conoscenze legate alle tecnologie innovative, a cominciare dalla PM ~ Smart news 43


Il presidente, Luca Tomassini, è stato nominato Cavaliere del Lavoro

VETRYA scuola primaria, per consentire ai nostri bambini di essere competitivi, in futuro, con il resto del mondo”. Secondo Marco sono infinite, e fino a poco tempo fa inimmaginabili, le concrete

possibilità di utilizzo delle stampanti 3D, un settore in pieno

sviluppo che coinvolge tante nuove Start up, spesso finanziate da bandi europei. “Dobbiamo favorire la nascita di nuove figure professionali in grado di rapportarsi con questa tecnologia green che ridurrà al minimo scarti e consumi”.

V

etrya è un’azienda, fondata nel 2010 e con sede a Orvieto, il cui impegno principale è realizzare l’innovazione nel mon-

do dei servizi a banda larga. In soli 5 anni questa realtà

è cresciuta in modo importante tanto che, lo scorso mese di maggio, il suo presidente, Luca Tomassini, è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tomassini è dunque tra i primi, se non il primo, imprenditore

umbro del settore tecnologia a essere insignito di

questo riconoscimento. Vetrya, la sua creatura, è nata dalla voglia di fare e dalla curiosità di Tomassini, precedentemente senior vice presidente di Telecom Italia. L’innovazione di cui

l’azienda si fa portatrice è applicabile a molti diversi settori di mercato: media, telecommunication, broadband, product, outsourcing e content. “Accompagniamo i nostri clienti verso la nuova era digitale – spiega la mission aziendale – semplificando tutte le attività di gestione dei nuovi canali di distribuzione, riducendone i costi e sviluppando l’efficienza”. Circa un anno fa Vetrya ha inaugurato, sempre a Orvieto, la sua nuova sede: un vero e proprio campus che, oltre agli uffici, ospita molti servizi tra i quali una pa-

lestra e un’area ricreativa per i 75 dipendenti e addirittura un museo.

Un modo per “mettere al centro la persona”, componente fondamentale della filosofia aziendale che punta tra l’altro ad alfabetizzare il territorio dal punto di vista tecnologico e dell’innovazione: da qui le iniziative portate avanti negli anni con alcune scuole orvietane. PM ~ Smart news 45


PREMIO “DONNA IMPRESA 2015”

ROBERTA ERMINI Testo: Lucrezia Sarnari - Brano: “Desert Rose” - Sting Roberta Ermini è una manager di successo. La sua azienda, la Sunday Project srl (con sede a Tolentino, nelle Marche) ha come core business la smerigliatura e la verniciatura di metalli ferrosi e quest’anno è lei la vincitrice del premio “Donna Impresa”. Ma Roberta non ce l’avrebbe fatta senza l’aiuto di un partner speciale: la BCC di Spello e Bettona. Roberta, il premio “Donna Impresa 2015” a te. Con quali motivazioni? Il premio “Donna Impresa 2015” è un riconoscimento rivolto alle imprenditrici che hanno svolto la loro attività imprenditoriale con professionalità, evidenti risultati e notevole impegno. Il relativo concorso è indetto dalla Camera di Commercio che, insieme al Comitato per l’imprenditoria femminile, effettua uno screening sulle donne imprenditrici che hanno posto in essere delle particolari policy aziendali volte a valorizzare il ruolo della donna e della propria azienda all’interno del territorio. Io, in particolar modo, sono l’unica donna in Italia alla guida di un’azienda aven46

PM ~ L’intervista


te come core business la smerigliatura e verniciatura di metalli ferrosi, la Sundays Project srl, con sede a Tolentino (Mc).

do le assenze per maternità delle dipendenti.

Qual è la sua personale ricetta di donna in carriera? Che ruolo ha avuto BCC in queInnanzi tutto organizzazione: è sto traguardo? fondamentale sapersi e potersi La Bcc, e nello specifico la BCC organizzare. È sempre più difdi Spello e Bettona, ha avuto ficile riuscire a conciliare la geun ruolo determinante nel ragstione della famiglia con quella giungimento del mio personale del lavoro ma è bene tenere traguardo ma ancor prima nelsempre separate le due sfere. la nascita e nello sviluppo della Io, sul lavoro sono un manaSundays Project srl. La nostra ger, questo naturalmente non azienda è nata nel 2008, anno vuol dire rinnegare che io sia in cui è letteralmente esplosa la una donna, una mamma, una crisi economica che ha tramoglie, un’appassionata volto la maggior parte dei di musica, una sportiva e ALLA GUIDA DELL’AZIENDA paesi industrializzati. Noi, molte altre cose; vuol dire tre giovani soci (Vallesi semplicemente che quanSUNDAYS PROJECT SRL, Andrea, Marinozzi Mario sono in ufficio il mio DEVE L’AVVIO DEL SUO BUSINESS do ed io), armati solo di tanto ruolo è di manager e sono ALLA BCC DI SPELLO E BETTONA “valutata” sulle mie perforcoraggio, motivazione e un bel business plan, ci siamo mance e sui miei risultati visti chiudere tante porte e come tale. È comunque La BCC è sensibile a temi come nel contempo assistevamo allo conciliazione e maternità. In importante sapersi sacrificare, sfiorire di altrettante speranze. che modo, negli anni, sta soste- obiettivi ambiziosi e crescita L’unico istituto, lungimirante, nendo le donne? professionale implicano spesso coraggioso e sicuramente perun trade off tra qualità della vita spicace è stato la BCC di Spello Si, la Bcc è molto sensibile al privata e qualità e rapidità dello e Bettona che ha creduto fin tema della valorizzazione delle sviluppo professionale. Fondada subito nel nostro ambizioso donne all’interno del mondo del mentale è riuscire a trovare un progetto imprenditoriale. Ci ha lavoro, tanto che la metà delle equilibrio: uno di vita e uno con sostenuto, ha avuto fiducia nelle sue risorse è costituita da don- se stessi per generare quelle abinostre idee supportando la fase ne, impegnate anche in ruoli lità necessarie a guidare i propri di start up; da quel momento ci chiave come quello di direttori collaboratori. Inoltre, è necesha accompagnato in ogni mo- di filiale. Lo stesso cda della BCC sario sempre curare il proprio mento della gestione e della di Spello e Bettona, è costituito sviluppo professionale in modo crescita della nostra azienda. da 9 membri, di cui 2 sono don- continuativo; la formazione è Oggi, la Sundays Project ha una ne. Stanno investendo in manie- indispensabile per sviluppare compagine lavorativa di 18 per- ra importante sulla formazione, le capacità individuali sia tecnisone; 17 uomini ed una donna. agevolando anche la partecipa- che che comportamentali. Non E sempre al suo fianco c’è quel- zione delle dipendenti mamme fermarsi mai, non considerarsi lo che a noi piace chiamare “il ai meeting attraverso un servizio mai arrivati, guardarsi sempre quarto socio”: la Bcc di Spello e di baby sittering. E, cosa ancor intorno ed essere sempre cupiù rilevante è che sta agevolan- riosi. Bettona! PM ~ L’intervista

47


BIKE SHARING, BLABLACAR, MYTAXI, CAR2GO E MOOVIT

PERUGIA, UNA NUOVA MOBILITÀ È POSSIBILE Testo: Alessandro Paolucci - Brano: “Stop Me” - Planet Funk Alla Notte Green del 25 settembre ci siamo divertiti, ma i più attenti non si sono fatti sfuggire un interessante incontro tenutosi alla Borsa Merci di via Mazzini, che ha concentrato tutte le 48

PM ~ Trasporti

tematiche dell’evento: ecologia, sostenibilità, risparmio, e insomma approccio smart. L’incontro, dal titolo Un’altra mobilità è possibile?, verteva

infatti sui trasporti alternativi, resi possibili dalle nuove tecnologie. Chiunque, oggi, con uno smartphone e una connessione a internet, può avere nel palmo della mano il potere di sceglie-


sharing, condivisione di bici pubbliche a pedalata assistita, sempre disponibili per tutti (previa registrazione al servizio con contratto). Con sei stazioni in cui trovare le bici – Pian di Massiano, Facoltà di Ingegneria, PalaEvangelisti, Centova, Borgonovo e Percorso Verde – e un servizio integrabile con il Minimetrò (si può salire a bordo con le bici), ora cittadini e turisti possono davvero girare ovunque in bicicletta, anche in centro. Costo dell’abbonamento: 30€ annuale, 8€ per 24 ore, 12€ per due giorni. Andare in bici a Perugia una volta sembrava fantascienza,

DOPO L’INCONTRO ALLA NOTTE GREEN, VALUTIAMO LE PROPOSTE re come e dove spostarsi, in un modo – è proprio il caso di dirlo – più intelligente. All’incontro, moderato dal direttore di Metro Giampaolo Roidi, hanno partecipato Gianni Martino, Ceo di Car2Go Italia; Barbara Covili, general manager di MyTaxi Italia; Samuel Sed Piazza, Md di Moovit Italia, e la responsabile di BlaBlaCar Silvia Conti. Non poteva mancare ovviamente il sindaco Andrea Romizi, che ha dimostrato un certo interesse per l’argomento. Da quando esiste il Minimetrò, ogni perugino è portato a fantasticare sui nuovi sistemi

di mobilità, su come affrontare le salite, schivare il traffico, percorrere in minor tempo le distanze che separano l’acropoli dalla pianura. Sono solo fantasie? Niente affatto: negli ultimi due anni, per esempio, a Perugia si è affermato il bike

ma ora si fa, perciò nulla è impossibile, e nulla ci vieta di prendere in considerazione queste nuove app per la mobilità alternativa, attive già da anni nel resto del mondo e nelle grandi città. Vediamole da vicino. PM ~ Trasporti

49


BLABLACAR Chi lo confonde ancora con Uber (il taxi pirata che tanto ha fatto e farà discutere) non ha capito bene di che cosa si tratta. Il car sharing di BlaBlaCar parte da un’idea molto semplice: ognuno di noi spesso si mette in viaggio usando un’automobile vuota, con tre o quattro posti inutilizzati per tutto il viaggio. Sarebbe possibile usarli in un modo più conveniente? Sì, se gli automobilisti avessero un’app in cui ritrovarsi e pubblicare annunci di “passaggi”. Chi vuole dare un passaggio, non deve fare altro che pubblicare un annuncio su BlaBlaCar: il tale giorno, alla tale ora, andrò nella tale città, con questi posti liberi, a questo prezzo e a queste condizioni (si/no fumatori, si/no animali, ecc). Chi vuole farsi dare un passaggio, 50

PM ~ Trasporti

©BlaBlaCar

invece, deve solo cercare se nella tratta desiderata ci sono autisti BlaBlaCar disponibili. Un paio di messaggi, una telefonata per darsi appuntamento, e il passaggio è pronto. Chi prende la macchina, si fa rimborsare un po’ di carburante. Chi sale a bordo, approfitta di un viaggio low cost. BlaBlaCar è l’ideale per i lunghi viaggi, quindi a Perugia non è molto utilizzabile, ma a chi percorre spesso l’Umbria in lungo e in largo può certamente tornare utile.


MYTAXI Qui il paragone con Uber non ha proprio senso: MyTaxi è l’anti-Uber per eccellenza, il servizio che ti permette di scegliere il miglior tassista sulla piazza, oppure, se sei un tassista, di diventare il migliore e avere tanti clienti. MyTaxi si appoggia alla rete di taxi esistente, quindi legali e autorizzati, e tutto il servizio è gestito e monitorato dall’app: dov’è il taxi, quanto impiega ad arrivare, quanto costa, che reputazione ha il tassista. Puoi pagare con prepagata, carta di credito, Paypal, puoi prenotare giorni prima, avere un preven-

tivo chiaro e senza cattive sorprese, e alla fine lasciare un giudizio e un punteggio, e questa è la cosa fondamentale. I tassisti che ottengono giudizi migliori salgono in classifica, hanno più visibilità e più clienti, pertanto sono interessati a fornire un servizio perfetto per farsi lasciare buoni giudizi su Mytaxi, mentre i clienti possono finalmente contare su qualche certezza e su un taxi totalmente affidabile. Perugia non ha i problemi di una metropoli, in fatto di taxi, ma un po’ di approccio smart non può che giovare, sia ai tassisti che ai clienti. PM ~ Trasporti

51


CAR2GO Qua le cose si fanno serie: se MyTaxi riguarda i tassisti, e BlaBlaCar l’auto personale, Car2Go è il car sharing vero e proprio, ideale per le grandi città. Ci si iscrive al servizio, si ottiene una tessera e un pin, e da quel momento si può noleggiare la vettura Car2Go più vicina, parcheggiata da qualche parte in città dall’ultimo che l’ha usata, e facilmente rilevabile dalla app. Parcheggi gratis, carburante gratis nelle stazioni convenzionate, e accesso ad alcune ZTL: tutto ciò che ti si chiede, a parte il prezzo di noleggio per il tempo effettivo di utilizzo, è di non danneggiarla e tenerla pulita per il prossimo utente. Presente in Italia a Milano, Firenze, Roma, Torino, pensando a Perugia forse l’ideale sarebbe una Car2Go che dà totale acces- triche, però il cliente che arriva so alla ZTL del centro, quindi e trova la batteria scarica poi del tutto green e con auto elet- dovrà perdere molto tempo a 52

PM ~ Trasporti

ricaricare. Forse Car2Go non fa al caso nostro, ma ci si può lavorare su.


MOOVIT Un’app molto interessante e flessibile, che ottimizza i trasporti pubblici, e in Italia ha già avuto un successo notevole. Moovit ti dice quali mezzi prendere e che percorso fare senza complicazioni, chiedendoti semplicemente l’indirizzo di partenza e quello di arrivo, semplificando così la grande ricchezza di contenuti dell’app, specie in una città dove si sovrappongono molte linee diverse. Moovit, infatti, contiene tutta la rete di autobus, metro e tram della tua città, grazie al lavoro svolto gradualmente dagli utenti. Sono proprio loro a inserire continuamente nuovi dettagli, linee e modifiche varie, “mappando” e aggiornando la situazione dei trasporti, soprattutto in caso di guasti, scioperi, problemi di qualunque tipo: un utente lo segnala e tutti gli altri lo sanno, così come segnalano anche la posizione in tempo reale dei mezzi stessi, permettendo di ridurre le attese. Non dover aspettare l’autobus per venti minuti, d’inverno o sotto la pioggia, può tornate decisamente utile. Pensando a Perugia, quello che manca è proprio un sistema di ottimizzazione degli autobus, per raggiungere meglio le numerose zone periferiche dal centro, o viceversa. Se poi gli stessi perugini possono aggiornare la mappa e modellarla continuamente a seconda delle esigenze reali, quello che si ottiene è ciò che serve davvero a chi usa i

mezzi. È questa la grande forza di Moovit: è semplicemente impossibile che la “social map” dei mezzi cittadini sia inutile, perché se gli utenti la creano spontaneamente, e la aggiornano con informazioni che loro stessi scoprono e condividono, allora non può che essere uno strumento utilissimo, comodamente a portata di clic nel proprio smartphone. Sembra contorto, ma è più facile a farlo che a dirlo. Aiutatevi, che la tecnologia vi aiuta. PM ~ Trasporti

53


DURANTE LA NOTTE PIÙ GREEN DELLA CITTÀ

DESIGN GREEN APPEAL #2 Testo: Lucrezia Sarnari - Brano: “With My Own Two Hands” - Ben Harper

BRENIA

Ispirazioni e prodotti dall’anima green. La seconda edizione della mostra “Design Green Appeal” curata dal designer umbro Luca Binaglia è andata in scena durante la “Notte Green” di Perugia, lo scorso 25 settembre. Esposti materiali, utilizzi, progetti sostenibili. E ancora ri54 PM ~ Arte e dintorni

uso, riciclo e comunicazione “responsabile” che avevano l’intento di ricordarci che rispettare l’ambiente fa bene proprio a tutti. In mostra oggetti “responsabili” ovvero progettati in modo tale che siano in grado di evitare sprechi, inquinamento e impatto ambientale.

E che abbiano nella loro nuova progettazione un uso diverso, una finalità intrisa di solidarietà come, ad esempio, Foroba Yelen di Matteo Ferroni, una sorta di lampione mobile pensato per le notti buie del Mali. Oggetti che non servono più, che vengono riconvertiti, trasformati in qual-


UNA MOSTRA CURATA DAL DESIGNER LUCA BINAGLIA HA PORTATO A PERUGIA PROGETTI DI RIUSO, RICICLO E DESIGN RESPONSABILE cosa di diverso, ma comunque funzionale come Simbiosi di La Quercia 21, laboratorio artigianale di Narni che ha esposto il suo mobile-scultura creato utilizzando legni di recupero di vecchi mobili in disuso.

EASYDIA EASYLO

SIMBIOSI

E ancora materiali eco-sostenibili che possono sostituire plastica e acciaio senza che questo vada a discapito dell’estetica, filoFOROBA YELEN sofia raccontata bene dalle poltrone in cartone di Luca Binaglia e prodotte da B-Trade, Brenia e Brenia plus con tavolino e micro libreria integrata. Green4humanity di Gradosei è, invece, il piano di comunicazione esposto in mostra, bello da vedere e graficamente “impegnato”, che GREEN4HUMANITY insegna ai dipendenti di un’azienda ad assumere comportamenti eco. Evitare gli sprechi, ottimizzare l’utilizzo delle risorse, consumare in modo responsabile: questi gli obiettivi. Un esempio calzante delle buone pratiche proposte è scegliere le scale anziché l’ascensore, ovviamente se si può. L’esposizione ha coinvolto anche i più piccoli con il design colorato e facile di Easydia Easylo di Arcadia Design. Design Green Appeal, per imparare che il bello e il buono possono andare a braccetto. PM ~ Arte e dintorni 55


IL NUOVO SITO

WWW.NOIBIO.IT Testo: Lucrezia Sarnari - Brano: “A mano a mano” - Rino Gaetano Un anno di novità e di successi quello di NoiBio, locale vegan ormai conosciuto ed amato, con sede a Ponte San Giovanni, che ha fatto dell’alimentazione naturale la sua cifra di riconoscimento. Ristorante, biobar e 56

PM ~ Food

negozio, NoiBio da oggi trova la sua massima espressione nel sito internet www.noibio.it che è la risposta all’esigenza del cliente di avere informazioni e contatti diretti con l’attività e il suo staff.

Il sito è strutturato in modo che si possa prenotare un tavolo, per pranzo o per cena, e ricevere una risposta immediata. Le prenotazioni online sono attive anche per quel che riguarda il servizio di take away. Oltre agli


PRENOTAZIONI ONLINE, RICETTE, CONSIGLI E TUTTE LE INFORMAZIONI SUL LOCALE VEGAN DI PONTE SAN GIOVANNI appuntamenti e agli eventi legati alle varie serate organizzate da NoiBio, tra le pagine del sito potrete trovare, nel blog scritto direttamente dalla chef Sara Mastrella, ricette, consigli, informazioni utili sugli ingredienti e le materie prime utilizzate per creare i piatti offerti dalla cucina del ristorante. Qualità e bontà si fondono nei menù che si potranno consultare anche online dove troverete anche i prodotti homemade in vendita nel negozio NoiBio. Da non dimenticare il biobar dove poter assaggiare gustosi succhi, colazioni nutrienti con dolci con o senza zucchero, smooties e cocktail vegan.

per il Natale di NoiBio si compone anche della possibilità di organizzare cene aziendali e di prenotare cesti di prodotti da regalare.

Tra questi, nel periodo natalizio, ci saranno panettoni e dolci tipici fatti artigianalmente seguendo ricette vegan. L’offerta

Da non perdere il prossimo 9 novembre l’apertura di NoiBio University in Via Elce di sotto, juice bar che fonde la qualità e

benesere garantiti da NoiBio. Per info: NOIBIO Via della Valtiera, 293 – Perugia T. 392 3504226/327 3818033 saramastrella@yahoo.it FB: NOIBIO www.noibio.it PM ~ Food

57


DAL 7 NOVEMBRE AL 28 FEBBRAIO

“IL LATO NOIR DELL’ARTE” Testo: Chiara Silvestri - Brano: “Lotus Flower” - Radiohead Un viaggio artistico nelle profondità dell’inconscio, nell’oscurità delle perdite e nella parte più nascosta e inaspettata di una città. Se stessimo scrivendo un romanzo noir potrebbero essere questi i punti cardine intorno ai quali costruire la trama, perché il noir per essere credibile deve parlare di gente vera in un mondo vero, ma lasciare spazio anche all’elemento fantastico. E cosa, meglio dell’arte, può restituire una dimensione a metà tra la realtà e la fantasia? Come nelle pagine di un romanzo, il cui autore è in questo caso Gianluca Marziani, Palazzo Collicola si trasforma in un universo in costante trasformazione che grazie ai suoi protagonisti crea, ritrae e propone geografie artistiche inaspettate. Come le trame figurative e gli scenari emotivi attraverso i quali si snoda un’altra emozionante stagione artistica: due 58 PM ~ Arte e dintorni

personali al Piano Mostre e una grande collettiva che vedrà il Piano Nobile di Palazzo Collicola trasformarsi in un laboratorio di generi.

On the road - GRANDI ALI PER PICCOLE RADICI

FAUSTO MANARA SINCRONIE Da psichiatra di professione a fotografo dell’anima, Fausto Manara è l’autore di un complesso progetto che si pone tra fotografia e linguaggio elettronico e che disegna un personalissimo universo digitale. Lo scatto spasmodico di clic rapidi dal gusto diaristico immortala l’istante. Dalla fotografia originale, l’azione artistica passa attraverso la decostruzione e la ricostruzione, dando vita a nuovi piani prospettici e spiazzanti alterazioni compositive. I quadri di Manara raccontano la vita invisibile, quella immaginata e forse immaginaria, fotogrammi eterogenei che filtrano la fotografia d’inizio, creando una geografia inconscia. Opere


in cui s’intravedono i corpi, i paesaggi, gli oggetti, le nature e le storie, ma dove tutto sconfina nell’inconscio, quel luogo non luogo, dove niente è come sembra in foto, ma dove tutto somiglia a qualcosa che la psiche intuisce.

PALAZZO COLLICOLA ARTI VISIVE PRESENTA: SINCRONIE DI FAUSTO MANARA, FRATELLI DI SALE DI CLAUDIO MARINI, SPOLETO CONTEMPORANEA CLAUDIO MARINI FRATELLI DI SALE Fare arte significa entrare nel labirinto dei sentimenti, varcando soglie inconsuete e dolorose, camminando al buio per afferrare i brandelli di luce fuggevole. “Fratelli di Sale” nasce nel contesto emotivo e figurativo di una privata dimensione del lutto e presenta opere in cui l’artista ricorda il fratello recentemente scomparso. Lo fa disegnando la luce immersa nel nero catramoso della mancanza. “Le zone luminose somigliano a vele ma anche a polmoni, non a caso due forme che hanno bisogno di aria,

Barche - GLI OCCHI DEL MARE

di un flusso continuo per gonfiarsi e vivere” (Gianluca Marziani). “Nella mostra di Spoleto il lavoro di Marini assume la dimensione di una sinfonia che inizia con toni gravi, quelli di una tragedia individuale e intima (la perdita dell’amato fratello), evocata in modi pacati e misurati, mai personalistici, tanto da tramutarsi quasi spontaneamente e poi saldarsi all’apocalisse collettiva delle bandiere nere e delle opere dedicate ai mi-

granti.” (Gabriele Simongini). SPOLETO CONTEMPORANEA Rivelare una città a tratti nascosta, ricca di talenti e idee, di stimoli e pulsioni creative, di persone che progettano e viaggiano: una Spoleto inaspettata nei contenuti e nelle diverse identità, silenziosa ma presente, ispirata dall’armonia tra le azioni umane e i cicli stagionali in natura. La mostra collettiva “Spoleto ConPM ~ Arte e dintorni 59


FALĂ’ 2015

la tradizione si rinnova

Visita il sito www.lungarotti.it/falo2015


Dipinto prezioso - CARDINALE

temporanea” offre uno sguardo sul recente passato, per ragionare sul presente, per indicare le ipotesi adulte di un futuro condiviso. Una mostra come laboratorio d’idee e confronti, una sorta di prontuario culturale che darà ordine ad un contesto unico. Una “geografia delle arti” in cui sarà possibile ammirare le opere di artisti ma anche di architetti, designer, illustratori, videomaker e di tutti coloro che producono fattori culturali ispirati alla contemporaCampagna francese - NOSTALGIA DELLE ORIGINI neità. “Perché raccontare un territorio culturale significa tracciare una rete umana di visioni, intrecci, indicazioni, connessioni, cortocircuiti… significa avere il coraggio di fare il punto, con la coscienza dell’errore e il vantaggio dell’intuizione”. La mostra occuperà le sale del Piano Nobile, secondo un allestimento scenografico curato dallo stesso Marziani. “La scelta sottolinea la preziosità del presente dentro le trame settecentesche di un appartamento speciale, dentro un fulcro di aristocrazie che vuole essere un OPENING circuito di necessaria memoria, sabato 7 novembre, ore 12.00 planimetria reale ma anche ide--ale per accogliere e proteggere la www.palazzocollicola.it fluidità del contemporaneo.” (Gianluca Marziani). PM ~ Arte e dintorni 61


NOIR ON THE ROAD

THE FUTURE IS A DARE The future is a dare questo è il motto della nuova collezione Numero 00 di Valerio Farina. E come dargli torto. È proprio vero, il futuro è una sfida, una continua competizione, una costante gara, un’eterna lotta. E questo sentimento di forza è espresso nella nuova collezione autunno/inverno tutta rigorosamente black già presente in numerosi negozi. Numero 00: Just be yourself.

F/W 2015 COLLECTION


THE FUTURE IS A DARE


F/W 2015 COLLECTION


JUST BE YOURSELF


www.numero00.it info@numero00.it Numero 00 Numero00


Le fil noir Concept e foto: Valeria Pierini - Brano: “Young man dead”, Black Angels Grazie a: Roberta e Officina 34 Retròscena (Foligno) per aver ospitato uno degli shooting.

“Forse la vedova”

68 PM ~ Fotografia


“Forse il killer” Se mettiamo ‘pausa’ ad un film la storia svanisce, restano solo delle espressioni e delle scenografie. Ogni cosa fermata e congelata diviene un ritratto spogliato della sua identità narrativa. Ciò che resta sono delle ipotesi a riguardo. Ecco qui forse dei fermo immagine, forse sei personaggi, forse, di un ipotetico film noir. PM ~ Fotografia 69


na”

n “Forse l’amante do

70 PM ~ Fotografia


re “Forse l’informato

PM ~ Fotografia 71


o”

m “Forse l’amante uo

72 PM ~ Fotografia


“Forse il detective”

PM ~ Fotografia 73


POCHINI O I Z I R B FA PHOTOS: ELL’OGLIO D O C R A EM

I L A I H C C O OF A PRESENT


G N A THE G OWN IN T IS


S E S S A L G THE ARE


E N O Y L N THE O

N O S A RE


YOU

E M E V I CAN BEL OR

NOT


EAR

BR

AL EYEW Z A C : D N A

70/D , I L L A V E VIA SETT 08834 0 5 5 7 0 . ISTA T R HIALI T C E C M O O F T O : OP FB

I L A I H C C OF O


UN OMAGGIO DEL COMUNE AL MAESTRO BURRI

IL “GRANDE NERO” VERRÀ RESTAURATO Testo: Isabella Zaffarami - Brano: “Black” - Pearl Jam Ripulitura e ripristino del meccanismo rotatorio del “Grande nero”, la monumentale scultura in ferro dell’artista tifernate 80 PM ~ Arte e dintorni

Alberto Burri: questo prevede il progetto approvato lo scorso ottobre dalla giunta comunale. Realizzata nel 1980 come parte

del ciclo intitolato “Orti” e ideata per essere esposto nella Fabbrica di Orsanmichele a Firenze, la scultura fu in seguito donata


IL PROGETTO SI INSERISCE NEL QUADRO DEGLI INTERVENTI DI PERUGIA CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2015 dallo stesso Burri alla città di Perugia, che la collocò in uno dei luoghi simbolo della città, la Rocca Paolina. L’opera è composta da sei elementi d’acciaio sovrapposti e verniciati in nero dei quali il superiore è caratterizzato da una lunetta rotante azionata da un meccanismo elettrico. Il “Grande nero” presenta tuttavia una precaria situazione di conservazione, a causa dei depositi di polvere e dei fenomeni corrosivi che hanno intaccato il meccanismo stesso. Per questo l’amministrazione comunale ha deciso di provvedere a un significativo intervento sull’opera. Non solo, ma si intende anche a provvedere a valorizzare la funzionalità dell’area all’interno della Rocca Paolina, il tutto in omaggio al Maestro Burri, di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita. Il progetto si inserisce nel quadro degli interventi di Perugia Capitale Italiana della Cultura 2015 per la “valorizzazione dei luoghi culturali” della città. 30mila euro la spesa stimata per i lavori, già prevista nel bilancio 2015 del Comune e in parte coperta dalla sponsorizzazione privata dell’azienda perugina Cancellotti Srl, per 17mila euro. PM ~ Arte e dintorni 81


L’AMBIENTAZIONE NOIR DI

“ANGELO INGORDO” Testo: Chiara Silvestri - Brano: “On The Beach” - Neil Young Pubblicato per la prima volta nel 2013, il romanzo noir “Angelo Ingordo” uscirà di nuovo nelle librerie i primi di dicembre per conto di Edizioni Dalietta. Centonovantadue pagine ambientate in una piccola città di provincia segnata da una vita tranquilla, da cui emergono elementi e per82

PM ~ L’intervista

sonaggi legati all’arte e alla cultura. Anche se non viene mai citato direttamente, l’ambiente è quello di Terni, delle colline circostanti e di Carsulae, il parco archeologico dove avvengono strane incursioni notturne. Un “non eroe” e un “personaggio di qualità” si contenderanno la scena

in un crescendo di suspense ed emozioni, in una coinvolgente trama in cui si racconta l’inatteso per mettere a nudo difetti e vizi dell’essere umano. PM ha incontrato l’autore, Roberto Vallerignani, narnese, titolare di uno studio leasing di giorno e brillante penna di notte.


Dal mondo della finanza al giallo. Come si spiega: sei abituato ai contesti torbidi o volevi sconfinare verso panorami inconsueti? “Sono un lettore seriale e mi sono dato una regola: ogni due letture “impegnate”, un giallo. Distende, aiuta a tenere in allenamento la mente. Inoltre, il noir oramai è stato sdoganato a pieno titolo nella letteratura con la L maiuscola. Ho scritto per il cinema, per il teatro, altri romanzi, mi piaceva cimentarmi col genere”.

ri, una nipote, un cane e un gatto. Un solo stipendio, e la fatica di tirare avanti. Una sonnacchiosa provincia italiana dove accade poco o nulla. Lui è a un passo dalla pensione ed è arrivato alla omicidi per raccapezzare qualche euro in più con gli straordinari. Una morte turba la quiete della città e viene incaricato dal suo superiore e amico, il commissario Tomassini, a gestire la vicenda. Sembra di viaggiare su un binario morto, finché altre vicende scuotono il torpore della squadra che dirige. Vuole che sia il suo canto del cigno, confessa alla moglie. Questo lo smuove. E anche una certa voglia di farsi apprezzare dai ragazzi della sua squadra, cresciuti a play station e a CSI. E siccome l’appetito vien mangiando, ci ha preso gusto e si troverà a gestire, in un prossimo futuro, altre vicende molto interessanti”.

Quali sono le tre regole che si devono rispettare per realizzare un romanzo dai toni noir? “Intanto, lo stile: asciutto, sottile, anche un po’ furbo. La co- un “non eroe”, volevo creare un struzione: piccoli indizi lasciati soggetto lontano dagli stereoticasualmente lungo la storia. I pi tradizionali ed è venuto fuori personaggi. In un bel romanzo così: famiglia classica, padre, ma– non solo giallo – la differenza dre, due figli disoccupati o precala fanno i personaggi, la loro descrizione interiore è fondamentale. Simenon I DIFETTI E I VIZI DELL’ESSERE UMANO è maestro in questo”. NEL SECONDO ROMANZO A proposito di personaggi, l’ispettore Antonelli è un uomo mite e inizialmente sembra distaccato dalla sua sfera lavorativa, mosso più dal senso del dovere che da una vera passione, in attesa di una pensione che gli confermi una vita senza grandi pulsioni. Eppure andando avanti nella storia emerge un personaggio nuovo. Che cosa è cambiato e cosa cambierà in lui? “L’idea si basava su due elementi: un “non eroe” e un personaggio di qualità. L’ispettore Antonelli è

DI ROBERTO VALLERIGNANI

Quanto al personaggio di qualità? “Ovviamente è l’assassino, a cui viene dato ampio spazio nel romanzo. Lui è intelligente, colto, ricco, innamorato della Bellezza intesa come arte, come cultura, un uomo che si è fatto da solo, senza affetti, quindi cinico, spregiudicato, ambizioso, estremamente determinato. Un angelo, sotto certi aspetti, ingordo, perché vuole a tutti i costi raggiungere quello che ama”. Angelo Ingordo PM ~ L’intervista

83


FOOD & DRINK SERVICE

ROBERTO BOCCI

UNICA AZIENDA INDIPENDENTE DEL TERRITORIO AD OPERARE NEL SETTORE DELLE BEVANDE ALL’INGROSSO Roberto Bocci è alla guida dell’unica azienda umbra indipendente nel settore delle bevande all’ingrosso, alcoliche e analcoli84

PM ~ Provato per voi

che. Un’azienda divenuta ormai solida, con un nome conosciuto ed apprezzato: quello di chi ha deciso di puntare tutto sull’ottima

qualità dei prodotti selezionati. Solo per dare un’idea, sono ben trenta i tipi diversi di gin che è possibile ordinare, accanto ai


vari rum, distillati, vini e birre artigianali. Bocci Roberto Food & Drink Service è anche concessionario del Caffè Vergnano. “Oltre alla vasta possibilità di scelta spiega Roberto Bocci, titolare dell’azienda - non vengono imposti quantitativi rispetto alle merci in vendita ed è garantito un tempo di consegna che non supera le 24 ore”. Roberto prosegue l’attività di famiglia lasciatagli in eredità dal padre e, negli anni, ha maturato esperienza e capacità nel settore. La selezione dei prodotti è svolta personalmente da Roberto, frequentando fiere nazionali e internazionali alla scoperta delle novità appena approdate sul mercato, o andando alla ri-

cerca di qualcosa che assecondi il proprio gusto. L’impresa offre servizi aggiuntivi per divulgare le conoscenze nel settore beverage: organizza corsi a pagamento per i commercianti, briefing per le aziende cui rivolge consigli sulla formazione del personale e, naturalmente, consulenze gratuite alle attività

sulla scelta dei prodotti, soprattutto per chi si avvicina all’apertura di un nuovo locale. Per info: ROBERTO BOCCI Via Soriano, 38 – Perugia T. 075 5287476 info@bocciroberto.it www.bocciroberto.com PM ~ Provato per voi

85


FINO AL 29 NOVEMBRE

FRANTOI APERTI Testo: Francesca Masotti - Brano: “Oro” - Mango

Dal 31 ottobre al 29 novembre in Umbria, come di consueto da ormai diciotto anni, si celebra l’olio nuovo, con l’evento Frantoi Aperti, una manifestazione a tutto tondo consacrata all’olio extra vergine di oliva, che coinvolge agriturismi, piazze, teatri e richiama esperti ma anche semplici curiosi da tutto il mondo. Una gustosa occasio86 PM ~ Eventi

ne, lunga ben cinque weekend, per assaporare prodotti alimentari di grande qualità e andare alla scoperta dei borghi meno conosciuti della Regione più verde d’Italia. Frantoi Aperti sarà l’occasione per partecipare a concerti di musica tradizionale nelle piazze, per fare passeggiate tra ulivi

secolari, per assistere a rievocazioni popolari, raccolta delle olive, visite guidate, scuole di cucina, fattorie didattiche, attività per grandi e piccini ma soprattutto per imparare a scoprire e riconoscere il sapore genuino dell’olio extravergine di oliva Dop Umbria e di altri prodotti della terra. Cuore dell’evento sarà, ovviamente, il


frantoio dove vivere l’esperienza unica della spremitura delle olive e il tanto agognato assaggio dell’olio novello, dal sapore unico e inconfondibile, in compagnia del frantoiano che accoglierà gli ospiti davanti a un caldo focolare e con una sfiziosa bruschetta. Dopo la difficile annata del 2014, che ha colpito anche i produttori locali, quest’anno le olive ci sono state e in abbondanza, per fortuna. “Sarà l’annata della rivincita” ha affermato Paolo Morbidoni, presidente dell’Associazione Strada dell’olio Dop Umbria “nella quale celebreremo, nei cinque weekend dedicati all’olio extravergine di oliva e ai prodotti agroalimentari di qualità, anche i piccoli borghi ad alta vocazione olivicola”. Frantoi Aperti sarà anche un’occasione per scoprire alcuni dei paesaggi meno conosciuti dell’amena Umbria, grazie alla rassegna d’arte #chiaveumbra, una mostra itinerante di arte contemporanea, allestita anche quest’anno in luoghi poco frequentati come cascine, chiesette di campagna, borghi medievali, piccoli musei e castelli immersi in paesaggi circondati da ulivi che regalano immagini da cartolina. Per l’occasione saranno attivi anche servizi di navette che dalle città d’arte conducono ai principali frantoi della zona dove è ancora viva l’antica cultura contadina e la storica tradizione della produzione dell’olio. All’interno della manifestazione saranno

UN EVENTO LISCIO COME L’OLIO organizzati anche corsi e degustazioni di pani e dolci della tradizione umbra realizzati con la farina locale del Molino sul Clitunno di Trevi, azienda leader nel mercato delle farine speciali per panificazione, pizzeria e pasticceria. Numerosi anche i laboratori di cucina. All’interno della manifestazione, in alcune città si svolgeranno eventi particolari. Come UNTO (Unesco Natura Territorio Olio) ad Assisi, che punta a valorizzare il patrimonio storico e culturale della

città legandolo alle produzioni tipiche del territorio. A Trevi, invece, andrà in scena Festivol tra mercatini, caccia al tartufo e degustazioni da leccarsi i baffi. Numerose le visite nei frantoi del comprensorio spoletino tra Spoleto, Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi e Giano dell’Umbria. Per info: FRANTOI APERTI www.frantoiaperti.net www.stradaoliodopumbria.it PM ~ Eventi 87


CONTA SU CNA

FORNITORI DI RISPOSTE


ENERGIA IN UN CLICK SCOPRI COME RISPARMIARE

UMBRIA

A

ANZ T N E

ES

PR RAP

CAF PAT E RON ATO FOR MA ZIO NE

DIT O

AM E S BIENT ICU E REZ ZA

VI

IE D N BA

CRE

TI N E C

IN

SER IMP VIZI A RES LLE E

ITÀ N U RT RMIO O P OP ISPA DI R T

OR P X E

www.cnaumbria.it / info@cnaumbria.it


TORNA ALLA LUCE L’INCANTEVOLE

VILLA PUCCI BONCAMPI Testo: Giulia Bianconi - Brano: “Young and Beautiful” - Lana Del Rey Un maestoso viale di tigli secolari anticipa l’incanto e l’eleganza di Villa Pucci Boncambi, abitazione signorile seicentesca situata in località Collestrada di 94 PM ~ Architettura

Perugia, vocabolo Madonna di Campagna, che sta tornando alla luce dopo anni di incuria. Il progetto di restauro è portato

avanti dalla passione e dall’amore per la bellezza degli attuali proprietari, una famiglia di imprenditori assisani che ha scongiurato il peggio, salvando


dall’oblio un bene prezioso per l’intera collettività. L’edificio è stato realizzato nel Seicento attorno ad una torre quattrocentesca, poi ampliato i primi dell’Ottocento secondo i gusti tipici del secolo appena trascorso e la struttura, costituita da un corpo centrale e due edifici laterali, presenta tutte le caratteristiche di una casa di campagna. Ricerche storiche informano che la villa apparteneva inizialmente alla nobile famiglia dei Ranieri e, successivamente, ai Conti Pucci Boncambi, aristocratici perugini che la adibirono, oltre che a residenza estiva, anche a setificio. Le ricche fa-

UN RESTAURO IMPEGNATIVO PER CONSERVARE UN EDIFICIO CUSTODE DEL NOSTRO PASSATO

miglie dell’epoca, come da consuetudine, hanno apportato modifiche in seguito ai passaggi di proprietà, rivoluzionando le decorazioni interne - con ogni probabilità datate tra la seconda metà del Settecento e la prima dell’Ottocento - in base ai gusti ed alle mode del tempo.

La villa ha sofferto i molti anni di completo abbandono: crolli della copertura, di alcuni solai intermedi e delle volte del piano nobile hanno compromesso le pregevoli finiture dell’edificio fino a metterne a rischio la stabilità complessiva. Ci sarà molto da fare. PM ~ Architettura 95


PARIS JE T’AIME

UN WEEKEND FUORI PORTA NELLA PATRIA DI FRED VARGAS Testo: Claudia Alfonso - Brano: “Non, je ne regrette rien” - Edith Piaf Avete un week end libero e volete trascorrerlo circondati dalla bellezza? Benissimo. Allora un consiglio spassionato ve lo do io. Parigi è la vostra meta. Patria della 96 PM ~ Viaggi

scrittrice Fred Vargas, che ha ambientato tutti i suoi romanzi noir nella capitale francese, Parigi è una delle città più visitate al mondo: nel 2010 erano stimati

28 milioni di turisti all’anno. E in effetti Parigi val bene una visita. Se volete un consiglio, appena nel cuore di Parigi, buttate via


COLETTE

HOTEL ROYAL SAINT HONORE

glio di pernottare presso l’Hotel Royal Saint Honore situato appunto in Rue Saint Honore a pochi metri dal museo del Louvre e dal negozio di tendenza Colette. HOTEL COSTES

CONSIGLI PRATICI PER TRASCORRERE DUE GIORNI IN UNA DELLE CITTÀ PIÙ BELLE DEL MONDO le vostre Lonely Planet, le vostre mappe, cartine e i navigatori dei vostri smartphone, e muovetevi così, senza meta precisa. Perdetevi e fatelo felicemente, perché solo in questo modo potrete essere certi di sorprendervi alla vista di angolini suggestivi e segreti, alla vista delle piccole vie piene di boutique tipiche del posto e non i soliti negozi in franchising che invadono gli Champs-Elysées facili da trovare anche in Italia. A Parigi bisogna perdersi, per poi ritrovarsi im-

provvisamente in luoghi memorabili, perché dietro l’angolo si nasconde un panorama segreto che aspetta solo i vostri occhi. Noi di PM ci focalizzeremo su una delle vie più storiche e famose della città: Rue Saint Honore, sede anche dello storico Palazzo dell’Eliseo, residenza del Presidente della Repubblica Francese. Se volete soggiornare con tranquillità, ma siete interessati all’arte e allo shopping vi consi-

Per un pranzo davvero indimenticabile, recatevi all’Hotel Costes a due passi da Place Vandome. Vi colpiranno lo stile barocco, le luci soffuse che vi faranno pensare a quei luoghi più discutibili della Parigi di un tempo, il meraviglioso terrazzo dove mangiare e bere con tranquillità, e il servizio impeccabile. Queste sono le caratteristiche di un luogo suggestivo che merita sicuramente la vostra attenzione. Per la cena vi consiglio di orientarvi su una delle tante boulangerie cittadine, perché dopo l’Hotel Costes il vostro portafogli sarà sicuramente più leggero. PM ~ Viaggi 97


Chi ha mai detto di voler campare 100 anni? CACCIA GROSSA AL GIORNALE DELL’UMBRIA

Si chiama “Caccia all’errore” ed è stata lanciata dalla nuova direzione del GdU: in pratica chi trova un refuso e lo segnala avrà un anno di abbonamento gratuito alla testata. Un po’ come se un ristorante si promuovesse con un’iniziativa del tipo “Caccia al capello: se ne trovi uno nel piatto mangi gratis per un anno”. Una roba mai vista e che suona inaccettabile in primis per il decoro professionale dei giornalisti che lavorano nella testata. A insorgere per la campagna “venatoria” sono stati un po’ tutti: il Comitato di redazione, ma anche l’Associazione stampa Umbria, l’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria e addirittura il presidente nazionale dell’OdG, Enzo Iacopino. L’iniziativa, più che di caccia all’errore, ha il sapore di caccia al giornalista e infatti, in seguito all’avvento di questo nuovo corso del quotidiano, avviato dopo il recente passaggio di proprietà, a sentirsi nel mirino sono molti, se non tutti, i redattori e collaboratori della testata. E a nulla sono valse le unanimi sollevazioni: la proprietà la trova infatti un’idea troppo azzeccata per rinunciarci. Ma se invece iniziassimo a vietarla la caccia? Anche quella agli editori corretti: una specie in via di estinzione. 98 PM ~ Cooltura

NEW YORK CELEBRA BURRI E LA REGIONE VA IN GITA

Mentre il Guggenheim Museum celebra Burri con la mostra “Alberto Burri: The Trauma of Painting”, che, iniziata il 9 ottobre andrà avanti fino al 6 gennaio, anche la Regione partecipa all’esaltazione del pittore tifernate cercando di rafforzare l’immagine dell’Umbria. Ma quella della Regione sembra essere stata soprattutto una piacevole scampagnata “istituzionale”. Infatti tra selfie e piccatine via social, l’arrivo della presidente Marini e dell’assessore Cecchini non sembra aver trasmesso alcun valore aggiunto. In ogni caso un evento di tale importanza per l’Umbria non poteva che essere inaugurato stappando dell’ottimo vino: ottima idea! Che cosa chiedere di meglio ad una delle regioni leader nel settore vitivinicolo? E invece no! Infatti pare che il vino scelto per celebrare Burri al Guggenheim Museum provenga dal Veneto. Sì, proprio dal Veneto. A testimonianza di questa “gossippata di bassa lega (veneta, s’intende)” un tweet della Cantina Allegrini di Verina con la dicitura “enjoy the opening of the Albert Burri exhibit” e tanto di foto dal Guggenheim Museum. Nulla da togliere a una regione bella e importante come il Veneto, ma ci saremmo aspettati almeno uno sforzo maggiore da parte della Regione Umbria nell’esportare e far conoscere le eccellenze del territorio. Si riempiono la bocca con la locuzione “fare sistema” e poi l’unico sistema che trovano è quello di andare a NY a spese nostre... UNA POLTRONA PER DUE CARLA CASCIARI E GIUSEPPE BIANCARELLI (DELLA COALIZIONE VINCITRICE PRO-MARINI) SI STANNO


DANDO BATTAGLIA A COLPI DI RICORSI PER UN SEGGIO IN CONSIGLIO REGIONALE. IL TAR HA INFATTI RECENTEMENTE ACCOLTO QUELLO PRESENTATO DALLA ESPONENTE PD (EX IDV ED EX VICEPRESIDENTE DELLA REGIONE) CHE PENSAVA DI AVER RICONQUISTATO DUNQUE IL POSTO OCCUPATO, NEI PRIMI MESI DI MANDATO, DA BIANCARELLI (SINISTRA PIÙ UGUALE). QUEST’ULTIMO È RICORSO TUTTAVIA AL CONSIGLIO DI STATO CHE HA DISPOSTO LA SOSPENSIONE DEL PROVVEDIMENTO DEL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. LA CAMERA DI CONSIGLIO SI RIUNIRÀ IL 5 NOVEMBRE PER DECIDERE E NOI INTANTO SUGGERIAMO DELLE POSSIBILI SOLUZIONI. CASCIARI E BIANCARELLI POTREBBERO DARSI IL CAMBIO, CIOÈ PARTECIPARE, ALTERNANDOSI, ALLE SEDUTE DEL CONSIGLIO. VOLENDO POTREBBERO ANCHE ANDARE ENTRAMBI PORTANDO, UNA VOLTA L’UNO, UNA VOLTA L’ALTRA, UNO SGABELLINO SU CUI APPOGGIARSI. POTREBBERO ANCHE CONDIVIDERE LA POLTRONA E BIANCARELLI, RISPOLVERANDO UN PO’ DI CAVALLERIA, POTREBBE DECIDERE DI FAR SEDERE SULLE SUE GINOCCHIA LA CASCIARI. E PER QUANTO RIGUARDA STIPENDIO E INDENNITÀ SI POTREBBE FARE ALLA ROMANA: ANCHE DIVIDENDO PER DUE GUADAGNEREBBERO, OGNI MESE, MOLTO DI PIÙ DI GRAN PARTE DEI CITTADINI UMBRI… SEMPRE PER IL BENE DELLA REGIONE, SIA CHIARO!

limpiccione.it

BOCCI, CHIATTI E LO SCANDALO DEI PIATTI Marco Bocci gira un film con scene hot insieme a Claudia Gerini, la Gerini esagererebbe con messaggi e telefonate al collega, la moglie Laura Chiatti sarebbe gelosissima e le conseguenti liti andrebbero a finire, secondo quanto scritto da Dagospia, con piatti volanti in casa. Ma la Chiatti non ci sta e smentisce tutto su Instagram portando anche una prova schiacciante della falsità dei gossip usciti: loro i piatti in casa nemmeno ce li hanno! Come? Due umbri che non hanno piatti in casa? E gli umbricelli dove glieli serve al povero Marco, direttamente sulla padella? Passi la torta al testo col prosciutto, ma per i piccioni alla ghiotta e la parmigiana di gobbi almeno una scodellina è indispensabile! E con l’arvoltolo i Bocci come fanno, lo vanno a mangiare solo alla sagra? Ma non sarà che la Lauretta le grigliate le fa solo con Del Piero? La Chiatti ci voleva mettere una pezza, ma a volte è peggio la correzione della stampa! Forse per questo già si parla di crisi tra i due: Marchino non è affamato di sesso, è solo affamato! E allora quale Gerini? Tutt’al più la moglie dovrebbe preoccuparsi di Benedetta Parodi!

UN DUELLO “MEDIEVALE”

“È una stron… e anche grande”. Così Eugenio Guarducci, intervistato dalla Nazione, bolla la rievocazione medievale voluta dall’assessore alla Cultura del Comune di Perugia, Teresa Severini, previsto a giugno prossimo. Il patron di Eurochocolate non è stato di certo diplomatico, ma ha dato voce al pensiero di tanti perugini. Quest’idea di tornare ai tempi di Braccio Fortebraccio non sembra infatti suscitare molto favore. Qualcuno parla di ritorno al passato, qualcuno di soldi buttati. E soprattutto ci si chiede con quali fondi verrà realizzato l’evento, visto che l’assessore continua a smentire che si toccheranno le risorse di Perugia Capitale Italiana 2015. A molti sembra non piacere neanche l’idea della rievocazione della sassaiola, episodio storico controverso. E comunque nulla del genere è mai stato fatto prima, il che dà vita a un paradosso: un evento senza storia che vuole affondare le proprie radici nella storia. Ma l’assessore Severini è decisa: “Parlandone con perugini di tutte le età mi capita addirittura di sentire in loro un vero giubilo per questo progetto”. Diciamo che se è un’operazione di marketing per il lancio dell’evento, per adesso è riuscita: una sassaiola verbale fra il nostro Willy Wonka e il nostro assessore. PM ~ Cooltura 99


RILEGATURA VOLUMI RILEGATURA LIBRI CARTONATI PUNTI METALLICI PER RIVISTE

TUTTO PER DEPLIANTS

PROGETTAZIONE REALIZZAZIONE

STAMPA ricerca costante

www.artigrafichepaciotti.com

CARTOTECNICA

CELLOFANATURA

LAVORAZIONI IN PELLE

SPIRALI PER CALENDARI

CARTELLE CON ANELLI

PLASTIFICATURA www.legatoriaumbra.com Legatoria Umbra sas di Picchietti Stefano e C. T. 075 8010095 | F. 075 8004883


A.D. MOTOR HA PRESENTATO IN ANTEPRIMA LA NUOVA #MINICLUBMAN. IL VIZIO, PERUGIA

PM ~ Conciati per le feste 101


NOTTE GREEN 2015. CENTRO STORICO, PERUGIA FOTO DI GILDO GIULIANI

PM ~ Conciati per le feste 103


#POST IT Miscellanea di appunti per vivere il meglio dell’Umbria


10 e 11 novembre

BILLY ELLIOT - IL MUSICAL

Rivive al Lyrick di Assisi il sogno del ragazzino undicenne ----Il 10 e 11 Novembre va in scena al Teatro Lyrick di Assisi (PG), ore 21.15, il musical Billy Elliot, regia di Massimo Romeo Piparo, prodotto dalla Peep Arrow Entertainment, in associazione con Il Teatro Sistina. Rivive così la storia del ragazzino undicenne che sogna di diventare ballerino classico ma vede questa aspirazione scontrarsi con la difficile realtà inglese degli anni Ottanta. Il protagonista è interpretato da Alessandro Frola accompagnato da un cast di trenta straordinari performers.

BILLY ELLIOT - IL MUSICAL Teatro Lyrick – Assisi (PG) 106 PM ~ Post It ~ Appuntamenti


12 novembre

ENIGMA

Niente significa mai una cosa sola

----Sullo sfondo di una Berlino circa vent’anni dopo la caduta del muro, l’incontro casuale tra Ingrid (Ottavia Piccolo) e il professor Hilder (Silvano Piccardi), che le presta soccorso nella propria casa, farà nascere un confronto tra vite, esperienze, certezze, lutti e speranze. Un enigma da decifrare, legato ad un passato irrisolto. Di Stefano Massini, regia Silvano Piccardi, ci si interroga su quello che è forse il più grande degli enigmi: la Storia stessa. ENIGMA Foligno Teatro Cucinelli – Solomeo (PG)

Dal 16 al 19 novembre

TRADIMENTI

Ambra Angiolini e Francesco Scianna diretti da Michele Placido ----Diretti da Michele Placido, due attori molto amati della scena italiana, Ambra Angiolini e Francesco Scianna, portano sul palco il cliché dell’infedeltà, grazie ad una delle opere più note del Premio Nobel Harold Pinter. Robert ed Emma sono una coppia felicemente sposata, fino al tradimento di Emma con l’amico di famiglia Jerry. La relazione dura finché Robert si accorge dell’infedeltà della moglie, che infine confessa. Un’indagine sulle bugie, l’abitudine e la stanchezza dei rapporti, e sul dopo-tradimento. TRADIMENTI Teatro Secci – Terni Teatro Morlacchi, Perugia PM ~ Post It ~ Appuntamenti 107


Via Montebalacca, Passaggio di Bettona (PG) T. 075 9869023 - 347 3779804 info@poggiodegliolivi.com

“Il bello dell’autunno: i porcini freschi, la chianina alla brace, la nuova selezione di formaggi Calcabrina, e naturalmente il nostro olio novello�.


18 novembre

NEGRAMARO IN CONCERTO La rivoluzione in musica arriva a Perugia

----Fa tappa al Palaevangelisti di Perugia, mercoledì 18 novembre, il tour dei Negramaro che segue la pubblicazione dell’acclamato nuovo album “La rivoluzione sta arrivando”. Il disco, uscito lo scorso 25 settembre e già in vetta alle classifiche di vendita e certificato Disco d’Oro, arriva a cinque anni dal pluripremiato “Casa 69”. I biglietti per la data perugina, nel cartellone della Stagione dell’Associazione Umbra della Canzone e Musica d’Autore, sono in vendita su www.livenation.it e www.ticketone.it. NEGRAMARO Palaevangelisti – Perugia

19 novembre

BIG ONE

The European Pink Floyd Show al Teatro Lyrick di Assisi ----Per celebrare i quarant’anni dalla pubblicazione dell’album capolavoro dei Pink Floyd “Wish you were here”, arriva in Umbria, giovedì 19 novembre al Teatro Lyrick di Assisi, la superband Big One, definiti dalla stampa italiana e dalla critica musicale più autorevole “la migliore Tribute Band europea per l’esecuzione integrale della musica dei Pink Floyd”, in particolare per le versioni live dei migliori concerti della band inglese. BIG ONE Teatro Lyrick – Assisi (PG) info@musicaeventiautore.com PM ~ Post It ~ Appuntamenti 109


Dal 24 al 29 novembre

LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO Alda Merini rivive al Morlacchi di Perugia

----Un’appassionante storia d’amore che rompe gli schemi sociali: nata tra i muri di un ospedale psichiatrico, vede protagonisti la malinconica ex paziente Alda Merini, in profondo conflitto con un mondo che non la comprende e di cui non accetta le etichettature, e un altro giovane ospite. Il testo di Claudio Fava si affianca alla sapiente regia di Alessandro Gassmann per un lavoro che saprà emozionare il pubblico. A dare voce e volto alla poetessa - una tra le più importanti figure letterarie del XX secolo - Anna Foglietta. LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO Teatro Morlacchi – Perugia

Venerdì 6 e venerdì 20 novembre

IMPRÒ

Torna l’improvvisazione teatrale a Perugia ----È iniziata il 9 ottobre con una prima sold out la nuova stagione di Imprò, la gara tra attori professionisti a colpi di improvvisazione ospitata da Voci e Progetti sul palcoscenico del Teatro di Rebecca a Perugia. Né scenografie, né costumi, tanto meno un copione: il sipario della manifestazione calerà, come sempre, solo sulla fantasia degli artisti. Assoluto protagonista resta il pubblico, investito dell’arduo compito di decretare il vincitore del campionato. IMPRÒ Teatro di Rebecca, Oasi Sant’Antonio Via Canali 14 – Perugia M. 3476518028. www.vocieprogetti.it 110 PM ~ Post It ~ Appuntamenti


PIXEL ABBIGLIAMENTO

In via Cortonese, lo stile per i ragazzi ----Già diffuso in tutta Italia, e ora anche a Perugia: il 14 novembre inaugura in via Cortonese Pixel Abbigliamento, catena specializzata nel mondo dei giovanissimi, che cerca di interpretare la voglia di indipendenza, il dinamismo e il desiderio di scoperta delle nuove generazioni. Il nuovo negozio, comodo da raggiungere e servito anche dal Minimetrò, sarà aperto al pubblico tutto il giorno, e alle ore 17 inizierà il party di apertura, con intrattenimento per grandi e piccini.

PIXEL ABBIGIAMENTO PERUGIA Via Cortonese 115/A T. 075 505 7665 PM ~ Post It ~ Appuntamenti 111


Dal 31 ottobre al 24 dicembre

#CHIAVEUMBRA

15 comuni, 15 luoghi inediti, 15 opere di artisti contemporanei per riflettere e raccontare l’eredità di un’identità Umbra ----Una mostra diffusa in ambienti poco noti e accessibili sul territorio olivato umbro: #chiaveumbra nasce come spinoff delle manifestazioni legate a Frantoi Aperti e che hanno luogo in 15 comuni umbri per tutto il mese di novembre a date differenziate. Ne rappresenta il versante di ricerca e sperimentazione e, come dice il titolo, il suo scopo è quello di individuare inedite chiavi di lettura del territorio. Quest’anno raccoglie opere e testimonianze provenienti dalla prima edizione, quella dello scorso anno. #CHIAVEUMBRA Palazzo Lucarini Contemporary – Trevi (PG) www.palazzolucarini.it

Fino al 10 gennaio

REBIRTH

Lello Torchia è stato scelto per la seconda istallazione presso la trecentesca Fonte di San Nicolò ----Torchia, artista partenopeo, dopo essere stato preceduto lo scorso anno dalla scultore romano Alberto Timossi, si confronta con l’acqua. La manifestazione Unto per la seconda volta crea l’occasione per restituire alla città un luogo particolarmente intenso, la Fonte appunto. L’opera, una scultura in gesso attorniato da quattro boe galleggianti, è una testa sofferente che affiora dall’acqua e che resta faticosamente a galla. L’immagine è emblematica delle vicende drammatiche che da tempo increspano le coste del Mediterraneo. REBIRTH Fonte Di San Nicolò, Via Portica – Assisi (PG) www.minigallery.it PM ~ Post It ~ Arti visive 113


Ingredienti bio, freschi di stagione, a km 0

L’ERBAVOGLIO

Ristorante vegan in centro a Perugia ----L’Erbavoglio nasce con l’intenzione di promuovere e far conoscere la cucina vegan. “Mangiare con gusto senza rinunciare al benessere e all’etica – è la mission indicata dall’attività – avendo rispetto per il pianeta e di tutte le creature che lo abitano. Per la preparazione dei piatti scegliamo ingredienti bio, freschi di stagione, a km 0, pasta e pane autoprodotti. Mangiare vegan non è una rinuncia, ma una piacevole scoperta”.

L’ERBAVOGLIO Via della Stella, 6 – Perugia T. 075 573 6358 www.ristorantelerbavoglio.it

Ambiente caldo e familiare

REGINA

La cucina familiare un nuovo ristorante aperto nel centro storico di Perugia ----Piatti semplici di cucina verace preparati con ingredienti freschi di stagione, cucina a vista. Ideale dal pasto veloce di pranzo fino alla sera quando la Regina si trasforma in un ambiente familiare e caldo, dove poter mangiare a lume di candela. Completa l’offerta di questo nuovo ristorante un aperitivo caldo, con prelibate pietanze di finger food ed altre gustose opzioni per rendere l’happy hour sempre nuovo e invitante. REGINA Via dei Priori, 36 – Perugia T. 075 5736671 114 PM ~ Post It ~ Cibo


Dal carteggio con la cuoca “Suor Intingola”

LA CUOCA DI D’ANNUNZIO

Un racconto sui gusti gastronomici del “Vate” -----

Per quasi vent’anni Gabriele d’Annunzio comunicò con la sua cuoca per mezzo di una miriade di biglietti inviati a ogni ora del giorno e della notte. Messaggi indirizzati da d’Annunzio alla fedelissima Albina Lucarelli Becevello, alias “Suor Intingola”. Di questo straordinario rapporto e altre curiosità sui gusti gastronomici del “Comandante” racconta, con dovizia di documenti, “La cuoca di d’Annunzio” scritto da Maddalena Santeroni e Donatella Miliani. 160 pagine, con una “golosa” prefazione di Giordano Bruno Guerri, presidente del Vittoriale, su cibi, menù, desideri e inappetenze al Vittoriale.

LA CUOCA DI D’ANNUNZIO Maddalena Santeroni e Donatella Miliani Utet editore – 14 euro PM ~ Post It ~ Luoghi 115


Cellulo.idee *di Agnese Priorelli

CONSIGLI PER UN MESE DI CINEMA

BLOCKBUSTER Alejandro Amenábar torna al cinema il 12 novembre con il thriller “Regression” con Emma Watson ed Ethan Hawke. L’indagine del detective Bruce Kenner porta a un caso di riti satanici e con lo psicologo Dr. Raines si troverà a investigare negli angoli bui della psiche umana e nel mondo dell’occulto. “Scuro, intelligente e coinvolgente” (Hollywood Reporter), “Un thriller psicologico abbastanza guardabile, ma poi barcolla nel territorio horror” (Daily Mail). FILM D’AUTORE M. Night Shyamalan, con l’horror “The visit” (in sala il 26 novembre), torna alle sue radici. Due fratelli vengono mandati nella fattoria dei loro nonni, ma appena si accorgeranno che l’anziana coppia è coinvolta in qualcosa d’inquietante, vedranno diminuire le loro possibilità di tornare a casa. “Un efficace thriller psicologico” (Washington Post), “È una macchina di paura efficace” (Entertainment Weekly). PER LA FAMIGLIA Appuntamento al cinema, il 10 e l’11 novembre, con “La tomba delle lucciole”, uno dei capolavori di Isao Takahata. Il film d’animazione, uscito in Giappone nel 1988, racconta la guerra e l’infanzia. Ambientato a Kobe, nel 1945, narra le vicende di Seita e Setsuko, due fratelli che perdono la madre durante un bombardamento e non hanno più notizie del padre. Il trasferimento presso una zia, poi la fuga in un cava fino a un drammatico epilogo. PER LUI E PER LEI “A bigger splash”, di Luca Guadagnino (in sala il 26 novembre) con Tilda Swinton e Ralph Fiennes, è un thriller con protagonisti la rock star Marianne Lane e il compagno Paul, in vacanza a Pantelleria. La visita di un vecchio amico e di sua figlia trascinerà tutti in un vortice di passione e gelosia. Per il Telegraph è “Un serbatoio scintillante di romanticismo, gelosia e intrighi”, “Un’esperienza lussureggiante e intrigante” (TheWrap). 116 PM ~ Cooltura


#AGENDA La tua segretaria personale


MOSTRE

GERUSALEMME! IMMAGINI LA PERCEZIONE DEL FUTURO Fino all’ 8 novembre DEI FRANCESCANI IN TERRA

Fino all’8 novembre Assisi (PG) Palazzo Bonacquisti

Perugia Museo Civico di Palazzo della Penna / Galleria Nazionale dell’Umbria

GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE Fiera dei morti Pian di Massiano e Centro storico, Perugia Festival Immaginario Perugia Mediterraneo nel mito e nella realtà delle musiche contemporanee Trevi (PG) VENERDÌ 6 NOVEMBRE Festival Immaginario Perugia Sapori d’autunno Tordandrea (PG) Imprò – Campionato di improvvisazione teatrale Teatro di Rebecca, Perugia Festa dei falò San Martino dei colli (PG) Imre Nagy, un ungherese comunista Perugia Trevi nel Segno del Rinascimento, I venerdì della Storia Trevana Villa Fabri, Trevi (PG) Giordana Benazzi: Mastro Rocco da Vicenza, architetto e scultore Trevi (PG) Jazz Club Perugia Jarrod Lawson & The Good People Hotel Giò, Perugia - ore 21.15 118 PM ~ Agenda

CERAMICA E CIBO

FORESTE

Fino al 29 novembre Trevi (PG) Palazzo Lucarini

Enrico e Quinto Teatro Brecht, San Sisto (PG) - ore 21.15 Les Marinellis Urban Live Music Club, Perugia (PG) SABATO 7 NOVEMBRE Festival Immaginario Perugia

Fino all’11 novembre Deruta (PG) Museo Regionale della Ceramica di Deruta

Musei aperti anche di notte a Perugia Galleria Nazionale dell’Umbria/Palazzo della Penna/Palazzo Baldeschi, Perugia DOMENICA 8 NOVEMBRE Festival Immaginario Perugia

Bombastik: Mecna Urban Live Music Club, Perugia (PG)

Mostra convegno nazionale di filatelia e numismatica Ponte san Giovanni (PG)

Sapori d’autunno Tordandrea (PG)

Mercatino dell’antiquariato Assisi

Mostra convegno nazionale di filatelia e numismatica Ponte san Giovanni (PG)

Frantoi Aperti Luoghi vari (PG)

Frantoi Aperti Luoghi vari (PG)

Voci ritrovate - Archeologi italiani del Novecento Museo Archeologico “Claudio Faina”, Orvieto

Voci ritrovate - Archeologi italiani del Novecento Orvieto, Museo Archeologico “Claudio Faina”

Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

Festa dei falò San Martino dei colli (PG) Mercatino dell’antiquariato Foligno (PG) XIII Pellegrinaggio degli universitari ed accoglienza delle matricole Assisi (PG) Enrico e Quinto Teatro Brecht, San Sisto (PG) - ore 21.15

Festa del Bigonzone Monterubiaglio (TR) Sui sentieri del gusto Gualdo Tadino (PG) Le domeniche della strada del Sagrantino Montefalco (PG) Vitaliano, amore mio… Teatro Franco Bicini, Perugia - ore 17.15


MOSTRE

LA MADONNA DELLA CINTOLA

I BRONZI ETRUSCHI

Fino al 12 dicembre Perugia Museo Archeologico dell’Umbria

I PITTORI DAL CUORE SACRO IL LINGUAGGIO UNIVERSALE DELL’EMOZIONE

Fino al 30 dicembre Montefalco (PG) Museo di San Francesco

Fino al 31 dicembre Gualdo Tadino (PG) Chiesa Monumentale di San Francesco

Quartetto Modigliani Sala dei Notari, Perugia - ore 17.30

Festa del vino e delle castagne San Martino in Colle (PG)

Modern Age Party Urban Live Music Club, Perugia

Federico Buffa: Le Olimpiadi del 1936 Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21

Enigma Teatro Cucinelli, Solomeo (PG) - ore 21

Bellaciao Urban Live Music Club, Perugia

VENERDÌ 13 NOVEMBRE Umbrialibri 2015 Perugia

SABATO 14 NOVEMBRE Frantoi Aperti Luoghi vari (PG)

LUNEDÌ 9 NOVEMBRE Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

Borgobello in fiera Corso Cavour, Perugia

Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

Umbrialibri 2015 Perugia

Germania autunno - Dj set Perugia

Umbria Sposi Bastia Umbra (PG)

Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

MARTEDÌ 10 NOVEMBRE Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

Le ragioni di Alma Perugia

I Novelli d’autunno San Venanzo (TR)

Billy Elliot - Il Musical Teatro Lyrick, Assisi (PG) - ore 21.15

Trevi nel Segno del Rinascimento, I venerdì della Storia Trevana Villa Fabri, Trevi (PG)

Umbria Sposi Bastia Umbra (PG)

MERCOLEDÌ 11 NOVEMBRE Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

Mario Squadroni: Il Monte di Pietà e altre Opere Pie Trevi (PG)

Sagra del Vino Novello Avigliano Umbro (TR)

Noto e ignoto a Perugia- Tra Ossaia, Sanguineto e Pian di Marte: dov’è i carro di Annibale? Perugia - ore 21

Sapori della terra Perugia Billy Elliot - Il Musical Teatro Lyrick, Assisi (PG) - ore 21.15

Jazz Club Perugia Christian Scott Septet Hotel Giò, Perugia - ore 21.15

GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE Sapori d’autunno Tordandrea (PG)

Rapporto occasionale Teatro Clitunno, Trevi (PG) - ore 21.15

Festa dei falò San Martino dei colli (PG)

The Jon Spencer Blue Explosion Serendipity, S.Eraclio (PG) - ore 22.30

La Pantomima rinata Teatro Cucinelli, Solomeo (PG) - ore 21 Independent preview Teatro Brecht, San Sisto (PG) - ore 21.15 Musei aperti anche di notte a Perugia Galleria Nazionale dell’Umbria/Palazzo della Penna/Palazzo Baldeschi, Perugia Aucan Urban live music club, Perugia DOMENICA 15 NOVEMBRE Frantoi Aperti Luoghi vari (PG)

PM ~ Agenda 119


MOSTRE

TINGATINGA RIFLESSIONI AFRICANE

Fino al 6 gennaio 2016 Deruta (PG) Galleria di Storia naturale manifattura ex tabacchi Casalina

L’ÂGE D’OR

Fino al 10 gennaio 2016 Trevi (PG) Pinacoteca di Trevi

Cantine Aperte a San Martino Luoghi vari (PG) Umbrialibri 2015 Perugia Mercatino dell’antiquariato Bevagna (PG) Festa dei falò San Martino dei colli (PG) Umbria Sposi Bastia Umbra (PG) Vitaliano, amore mio… Teatro Franco Bicini, Perugia - ore 17.15 SIGNUM saxophone quartet Sala dei Notari, Perugia - ore 17.30 A proposito di Piter Pan Teatro Brecht, San Sisto (PG) - ore 21.15 LUNEDÌ 16 NOVEMBRE Tradimenti Teatro Secci, Terni - ore 21 Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) MARTEDÌ 17 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) Tradimenti Teatro Secci, Terni - ore 21

120 PM ~ Agenda

REBIRTH - L’ISTALLAZIONE DI LELLO TORCHIA

LA DIVINA COMMEDIA NELL’ARTE CONTEMPORANEA

Fino al 10 gennaio 2016 Assisi (PG) Fonte di San Nicolò

Fino al 10 gennaio 2016 Foligno (PG) Centro Italiano Arte Contemporanea

MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG)

SABATO 21 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG)

Negramaro in concerto Perugia - ore 21

Frantoi Aperti Luoghi vari (PG)

Tradimenti Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21

Terra fuori mercato Perugia

GIOVEDÌ 19 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG)

Sinfonie d’autore Foligno (PG)

Tradimenti Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21 Big One - The European Pink Floyd Show Teatro Lyrick, Santa Maria degli Angeli (PG) - ore 21 VENERDÌ 20 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) Imprò – Campionato di improvvisazione teatrale Teatro di Rebecca, Perugia Alice Dragstore Teatro Subasio, Spello (PG) - ore 21.15 Trevi nel Segno del Rinascimento, I venerdì della Storia Trevana Villa Fabri, Trevi (PG) Stefano Bordoni: Il “mondezzaro” rinascimentale Palazzo Lucarini, Trevi (PG)

Zahi Hawass Lectio Magistralis Sala dei Notari, Perugia - ore 15 Ultimo atto Teatro Clitunno, Trevi (PG) - ore 21.15 Musei aperti anche di notte a Perugia Galleria Nazionale dell’Umbria/Palazzo della Penna/Palazzo Baldeschi, Perugia Twist and shout! A 50’s and 60’s night Afterlife, Perugia DOMENICA 22 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) Orvieto Sposi Orvieto (TR) Frantoi Aperti Luoghi vari (PG) Pane e olio Stroncone (TR)


MOSTRE

IL CENTENARIO DELLA NASCITA DI ALBERTO BURRI

Fino al 16 marzo 2016 Città di Castello (PG) - Palazzo Albizzini/Ex Seccatoi del Tabacco Spoleto (PG) - Palazzo Collicola

DINOSAURI A GUBBIO, SULLE TRACCE DELL’ESTINZIONE

Fino al 1 luglio 2016 Gubbio (PG)

IL LUSSO DEL SONNO

Fino al 31 agosto 2016 Corciano (PG) Antiquarium comunale

E se le donne - Magical Citerna (PG)

Milite ignoto Teatro Secci, Terni - ore 21

Pieno di vita Teatro Clitunno, Trevi (PG) - ore 21.15

Nati in casa Teatro Comunale Giuseppe Manini, Narni (TR)

La pazza della porta accanto Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21

Vitaliano, amore mio… Teatro Franco Bicini, Perugia – ore 17.15

Forbici e follia Teatro Lyrick, Assisi (PG) - ore 21.15

Musei aperti anche di notte a Perugia Galleria Nazionale dell’Umbria/Palazzo della Penna/Palazzo Baldeschi, Perugia

Grigory Sokolov Teatro Morlacchi, Perugia - ore 17.30

VENERDÌ 27 NOVEMBRE Trevi nel Segno del Rinascimento, I venerdì della Storia Trevana Villa Fabri, Trevi (PG)

Bellaciao Urban Live Music Club, Perugia LUNEDÌ 23 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) MARTEDÌ 24 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) La pazza della porta accanto Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21 MERCOLEDÌ 25 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG) Milite ignoto Teatro Secci, Terni - ore 21 La pazza della porta accanto Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21 GIOVEDÌ 26 NOVEMBRE Mese del tartufo di Gubbio Gubbio (PG)

Andrea Capaccioni e Carlo Roberto Petrini: L’incunabolo del Perdono di Assisi Trevi (PG) Noto e ignoto a Perugia - Partorire in casa: continuità con i mondo etrusco Perugia La pazza della porta accanto Teatro Morlacchi, Perugia - ore 21 Pieno di vita Teatro Clitunno, Trevi (PG) - ore 21.15 SABATO 28 NOVEMBRE Mercatino dell’antiquariato Spello Festival Arte e Fede Orvieto (TR) La pazza della porta accanto Teatro Morlacchi, Perugia - ore 18

Il teatro degli orrori Urban live music club, Perugia - ore 22 DOMENICA 29 NOVEMBRE Festival Arte e Fede Orvieto (TR) Il mercato dei quattro ponti Ponte Felcino (PG) La pazza della porta accanto Teatro Morlacchi, Perugia - ore 17 Vitaliano, amore mio… Teatro Franco Bicini, Perugia - ore 17.15 Festival Strings Lucerne Sala dei Notari, Perugia - ore 17.30 Home sweet home Teatro Subasio, Spello (PG) - ore 21.15 LUNEDÌ 30 NOVEMBRE Festival Arte e Fede Orvieto (TR) Nuove scoperte a Colfiorito Biblioteca Sperelliana, Gubbio (PG) Mercatini di Natale Terni PM ~ Agenda 121


noi bi o UNIVERSITY

- new opening 9 novembre via Elce di sotto, 9

www.noibio.it BRAINLEAF

Piacere Magazine n.101 / Novembre 2015  

Sfoglia PM n.101 di Novembre 2015

Advertisement