Issuu on Google+

in questo numero

Elezioni amministrative 2009

2

Il restauro del Castello di San Clemente raccontato in un libro 3

I Carabinieri di Morciano di Romagna al servizio della collettività 8 Spazio gruppi consiliari

10

Cambio al vertice per la Pro Loco di San Clemente

3

Gita tra le bellezze della Provenza e Camargue

11

Adozione del PUA per il Parco delle attività economiche della Valconca

4

Anche il comune di San Clemente servito dalla rete a banda larga

12

San Clementeinforma Periodico dell’Amministrazione Comunale di San Clemente

pag. 3 È uscito il nuovo volume della collana “I libri di San Clemente”. Curato dall’Architetto Andrea Ugolini ripercorre i diciannove anni dei lavori al Castello di San Clemente ed al suo patrimonio artistico e culturale. ..……““Questo libro non è solo un viaggio attraverso un percorso di recupero attraverso l’’analisi delle tecniche di realizzazione di questa fortificazione malatestiana, ma ha nelle sue pagine la rinascita di un borgo, la creazione di quella identità storico artistica che sfocia nella creazione di una comunità e di una cittadinanza……..””.

pag. 8 Se rincasate tardi, cercate, nei limiti del possibile, di farvi accompagnare da qualcuno che conoscete bene. Non fatevi mai accompagnare da sconosciuti, anche se si dimostrano particolarmente gentili e disponibili. Ricordate che i luoghi più insidiosi per un agguato sono quelli chiusi o appartati, come i garage e gli androni dei portoni. Se vi sentite seguiti dirigetevi verso la caserma più vicina oppure, se nella zona è presente, avvicinatevi ad un agente della forza pubblica, fermate qualcuno manifestando i vostri timori oppure entrate nel primo negozio in cui siano presenti altre persone (bar, ristorante, ecc.) e chiedete aiuto facendo chiamare un numero di pronto intervento (il 112 o il 113) dal vostro cellulare.

SETTEMBRE 2009 / ANNO IX - N.35

pag. 4 Il Parco delle attività economiche della Valconca, che dovrà sorgere nel territorio di San Clemente, in località Sant’Andrea in Casale, è oggi qualcosa di più di un sogno. Il Consiglio comunale di San Clemente ha infatti, in data 28 agosto 2009, adottato il Piano Urbanistico Attuativo (PUA, che consiste nella progettazione dettagliata dell’area) relativo alla nuova zona produttiva. ““Con l’’adozione del PUA – dichiara Il Sindaco Christian D’Andrea - inizia il percorso per la concretizzazione del Parco delle attività economiche della Valconca. Tutto quanto abbiamo letto e visto, è un obiettivo ormai a portata di mano...””

pag. 12 Nel comune di San Clemente è stata attivata una rete wireless che consentirà alla comunità di poter usufruire del servizio di connettività internet a banda larga (ADSL). Il progetto, realizzato e finanziato dalla S.I.S. spa con la collaborazione della Provincia di Rimini, della Regione Emilia-Romagna e dei Laboratori Marconi di Bologna, garantirà la copertura ADSL in otto Comuni della Valconca messi in rete fra loro. Dal 1 ottobre 2008 i primi Comuni ad usufruire del servizio di connettività sono stati Mondaino, Montegridolfo e Saludecio mentre nei Comuni di Gemmano, Montecolombo, Montefiore, Montescudo e San Clemente il servizio è attivo dal 1° maggio 2009.

San Clementeinforma Periodico dell’Amministrazione Comunale di San Clemente P.zza Mazzini, 12 - telefono 0541 862411 fax 0541 980710 www.sanclemente.it - mail@sanclemente.it Aut. Tribunale di Rimini n. 13/01 del 12/07/2001 Direttore responsabile: Emanuela Chinaglia Progettazione grafica e impaginazione: Paolucci Marketing - cell. 338 6546060 - www.paoluccimarketing.com Stampa: Modulitalia s.r.l.


Elezioni amministrative 2009

Nelle elezioni amministrative del 6 e 7 giugno il sindaco uscente, Christian D’Andrea, è stato rieletto con il 56,73% delle preferenze. Lista n. 1 “Obiettivo San Clemente Oggi” Candidato Sindaco: VESCOVELLI MARCO - Tot. voti 469 (17,93%) Lista n. 2 “Per San Clemente” Candidato Sindaco: D’ANDREA CHRISTIAN - Tot. voti 1484 (56,73%) Lista n. 3 “Popolo della Libertà” Candidato Sindaco: CURRELI MIRCO - Tot. voti 663 (25,34%)

Con l’insediamento del nuovo Consiglio Comunale avvenuto il 23 giugno 2009, il Sindaco ha nominato la nuova Giunta. Questa la nuova composizione: Mariano Guiducci - Assessore al Patrimonio storico ed artistico

Riceve: martedì e giovedì dalle ore 11:30 alle ore 13 oppure su appuntamento

Riceve: tutti i lunedì in orario da concordare oppure su appuntamento

Mirna Cecchini – Vice Sindaco con delega alla Pubblica Istruzione e Cultura

Donato Meleti - Assessore al Bilancio, Programmazione economica e Servizi sociali

Riceve: martedì dalle ore 12 alle ore 13 e giovedì dalle ore 11 alle ore 13

Riceve: martedì e giovedì dalle ore 10 alle ore 12

Fabio D’Erasmo - Assessore all’Agricoltura ed Ambiente

Riceve: martedì e venerdì dalle ore 11 alle ore 12:30

Corrado Gaia - Assessore alle Attività economiche e produttive, Edilizia sociale e Sport

Riceve: lunedì, martedì e sabato dalle ore 12 alle ore 13 Alfio Gambuti – Assessore ai Lavori Pubblici e Personale

Riceve: martedì dalle 10.00 alle 12.30 e venerdì dalle 9.00 alle 11.00

Il nuovo Consiglio Comunale è così composto: Lista “Per San Clemente” Christian D’Andrea, Sindaco; MIrna Cecchini, Vice Sindaco; Fabio D’Erasmo, Assessore; Corrado Gaia, Assessore; Mariano Guiducci, Assessore; Donato Meleti, Assessore; Daniele Picone, Consigliere; Stefano Paolini, Consigliere; Matteo Bonetti, Consigliere; Fiorella Tagliaboschi, Consigliere; Luca Flacco, Consigliere; Stefania Tordi, Presidente del Consiglio.

Lista “Popolo della Libertà” Mirco Curreli, Consigliere; Sandro Ricci, Consigliere; Giovanni De Vincentiis, Consigliere. Lista “Obiettivo San Clemente Oggi” Marco Vescovelli, Consigliere; Pierino Falcinelli, Consigliere.

2

San Clementeinforma

La nuova Giunta di San Clemente

Christian D’Andrea – Sindaco


San Clementeinforma

È uscito il nuovo volume della collana “I libri di San Clemente”. Curato dall’Architetto Andrea Ugolini ripercorre i diciannove anni dei lavori al Castello di San Clemente ed al suo patrimonio artistico e culturale. ..……““Questo libro non è solo un viaggio attraverso un percorso di recupero attraverso l’’analisi delle tecniche di realizzazione di questa fortificazione malatestiana, ma ha nelle sue pagine la rinascita di un borgo, la creazione di quella identità storico artistica che sfocia nella creazione di una comunità e di una cittadinanza……..””. Questo è un breve stralcio dell’introduzione al volume che fa comprendere come il lavoro accurato e minuzioso di un percorso iniziato diciannove

anni fa sia divenuto importante per l’intera comunità. Il percorso di recupero però non è ancora terminato. Infatti, per valorizzare al meglio le mura malatestiane, con un investimento di 250.000 euro stanno proseguendo i lavori per la realizzazione di percorsi culturali e il rifacimento dell’accesso al centro storico. Il completamento dei lavori di restauro, che comprenderanno anche l’ultima parte rimanente delle mura e la scalinata d’accesso, sono previsti nel 2010/2011 utilizzando il contributo regionale di 345.000 euro assegnato al Comune di San Clemente lo scorso anno. Chi è interessato ad acquistare il volume può rivolgersi a Marco Mengozzi presso il Comune di San Clemente.

Il restauro del Castello di San Clemente raccontato in un libro

Cambio al vertice per la Pro Loco 3 di San Clemente Fiorella Tagliaboschi si è dimessa da Presidente della Pro Loco in seguito alla sua elezione di Consigliere comunale, per la lista di maggioranza, nelle ultime elezioni amministrative. A guidare la Pro Loco per i prossimi anni sarà Cinzia Buldrini.

Questa la composizione del Consiglio: Presidente, Cinzia Buldrini; Vice Presidente, Marisa Trebbi; Segretario, Gaetano Monterubbianesi; Tesoriere, Daniele Zanzi; Consiglieri, Palmiro Bartoli, Simone Esposito, Giovanna Gennari, Luigi Iachini, Loris Pecci, Manuela Pecci, Antonio Perilli.


““Con l’’adozione del PUA – dichiara Il Sindaco Christian D’Andrea - inizia il percorso per la concretizzazione del Parco delle attività economiche della Valconca. Tutto quanto abbiamo letto e visto, è un obiettivo ormai a portata di mano, la cui realizzazione comporterà, oltre che l’’assegnazione a San Clemente di un ruolo centrale nell’’ambito della Valconca, anche notevoli benefici in termini di occupazione e di servizi per tutta la comunità, fino ad oggi impensabili per una realtà delle nostre dimensioni. L’’iter però non si conclude con l’’adozione del Piano. Infatti, l’’obiettivo è l’’approvazione del PUA entro marzo 2010””. Sono passati solo pochi anni da quando la Provincia di Rimini, approvando il proprio PTCP (piano territoriale di Coordinamento Provinciale), ha previsto la nuova zona produttiva di San Clemente e da allora il Comune non ha mai fatto mancare la giusta attenzione al fine della sua realizzazione trasformando un freddo numero (il nome del comparto “D4 19”) in qualcosa di tangibile ed utile per la comunità di San Clemente. L’anno 2009, in particolare, ha visto il concretizzarsi della mole di lavoro precedente. Infatti, il 14 aprile 2009 è stato firmato (unico caso tra le tre aree produttive previste dal PTCP provinciale) tra lo stesso Comune, la Sant’Andrea Servizi srl, società attuatrice della realizzazione dell’area e la Provincia di Rimini, il nuovo “Accordo di Programma in variante al PRG del Comune di San Clemente per la realizzazione del parco delle attività economiche della Valconca”. L’Accordo di Programma è stato quindi approvato il 15 maggio 2009 con Decreto del Presidente della Provincia, decreto pubblicato sul BUR dell’Emilia Romagna n. 106 del 17/6/2009. Ciò ha comportato la produzione degli effetti delle variazioni agli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica. Non solo, il nuovo accordo ha definito anche i contorni di quello che tale area dovrà essere, un’Area Ecologicamente Attrezzata, che comporta precisi obblighi, e relative garanzie per i cittadini, in tema ambientale.

Per rendere concreta ed attuabile l’area produttiva di Sant’Andrea in Casale è stato naturalmente necessario articolare le previsioni della variante urbanistica su un piano concreto. E ciò, appunto, per mezzo del piano attuativo appena adottato dal Consiglio comunale. Questi due importantissimi risultati, approvazione del nuovo Accordo di Programma e adozione del Piano Urbanistico Attuativo, lanciano l’area produttiva della Valconca verso la sua concreta realizzazione, nella considerazione, altresì dell’appalto dei lavori al nuovo ponte sul Conca che avverrà in autunno. L’area (con esclusione del comparto Ghigi, estraneo alla pianificazione attuativa di cui trattasi, e di alcune realtà già edificate) si sviluppa su un comprensorio di circa 67 ettari, pressoché pianeggianti, posizionato alle spalle del centro abitato, direttamente accessibile dal nuovo tracciato della strada provinciale, che collegherà, una volta realizzato il citato nuovo ponte sul fiume Conca, l’area produttiva al casello A14 di CattolicaSan Giovanni in pochi minuti. I dati dimensionali previsti dal PUA sono i seguenti: Comparti produttivi: 46 lotti; superficie fondiaria mq 206.095, superficie utile mq 155.220, ampliabili fino a mq 176.400 con meccanismi incentivanti di varia natura; Comparto direzionale e servizi: 4 lotti; superficie fondiaria mq 33.110, superficie utile mq 44.103; Aree residenziali: 14 lotti; superficie fondiaria mq 30.215, superficie utile mq 13.446. Da un punto di vista squisitamente urbanistico, scopo del PUA è stato ed è quello di configurare il nuovo comparto in modo che le aree residenziali e di servizi fossero il più possibile limitrofe all’attuale abitato, oggi estremamente frammentato e non adeguatamente strutturato, di fatto una serie di case lungo una trafficata strada provinciale. Le nuove aree residenziali e quella di servizi risolveranno invece questo problema costituendo, assieme alle zone residenziali già esistenti, un nuovo e reale centro abitato, ricco di verde, piazze e di servizi. Il complesso residenziale si articola su due aree principali. Un primo gruppo di abitazioni sarà alimentato da un unico viale alberato a due corsie che si innesta su via Cerro in direzione del Parco Urbano; lungo questo viale si distribuiscono i parcheggi e gli

4

San Clementeinforma

Adozione del PUA per il Parco delle attività economiche della Valconca

Il Parco delle attività economiche della Valconca, che dovrà sorgere nel territorio di San Clemente, in località Sant’Andrea in Casale, è oggi qualcosa di più di un sogno. Il Consiglio comunale di San Clemente ha infatti, in data 28 agosto 2009, adottato il Piano Urbanistico Attuativo (PUA, che consiste nella progettazione dettagliata dell’area) relativo alla nuova zona produttiva.


accessi carrabili alle abitazioni. Un secondo gruppo di abitazioni si articola tra il centro servizi all’impresa ed il Parco Urbano, con affaccio diretto su quest’ultimo. L’area intermedia tra residenza e centro servizi è organizzata come una successione di parcheggi, con ampia dotazione di verde. Dal punto di vista tipologico, la residenza è organizzata come case in linea, privilegiando la dotazione di aree verdi pubbliche e private rispetto ad una urbanizzazione più capillare, sicuramente più costosa e meno rispettosa di un equilibrato rapporto con l’ambiente. In relazione alle altezze, le norme di Piano fissano un numero massimo di piani fuori terra pari a 4, con altezza massima ml 13,50. Come per il comparto produttivo, si prevede anche per l’edificato residenziale un generale orientamento verso sud, in modo da ottimizzare le possibilità di risparmio energetico e di uso delle risorse rinnovabili. Relativamente al comparto direzionale, esso precede la realizzazione di un centro servizi privati per l’impresa, integrato da alcune strutture di servizio pubblico. Il centro servizi per l’impresa costituirà una sorta di cerniera tra l’abitato di Sant’Andrea e il comparto produttivo, sviluppandosi per settori circolari attorno ad una ampia rotonda, che ne costituisce il fulcro. La configurazione proposta dal Piano è articolata su differenti livelli. L’elemento caratterizzante è una ampia piastra continua che si sviluppa a uno/due piani fuori terra, interrotta da ampi patii e da lucernari che illuminano i locali sottostanti. La copertura della piastra è a giardino pensile praticabile e si prevede che sia utilizzabile per l’affaccio di strutture a forte concorso di pubblico (bar, ristoranti, eventuali locali di intrattenimento, ecc.). Le diverse terrazze potranno essere collegate tra di loro con ponti pedonali, in modo da rendere completamente accessibili le varie strutture, e integrabili tra di loro le differenti attività.

un ambiente che valorizzi la dignità del lavoro umano, anziché deprimerla. Si è già detto dell’esposizione verso sud così da ottimizzare l’irraggiamento solare e incentivare l’utilizzo di pannelli fotovoltaici, favorendo quindi la produzione di energie alternative. Si prevedono, come visto, 46 lotti riuniti in sette unità di intervento, per complessivo mq 206.095. Saranno escluse dal comparto produttivo tutte le attività classificate insalubri di prima classe, come individuate dal D.Min. Sanità 5/5/94. L’Amministrazione tenderà, a questo proposito, sempre e in ogni caso a selezionare le proposte che giungeranno per poter disporre dei lotti dell’area produttiva.

San Clementeinforma

“L’area si sviluppa su un comprensorio di circa 67 ettari...”

5

Il centro servizi è destinato all’insieme di attività di supporto all’impresa e alle attività connesse: attività terziarie specializzate; artigianato dei servizi alla persona, alla casa, ai beni di produzione, alle imprese; attività di servizio; servizi sociali di base; istruzione superiore e universitaria; attività ricettive alberghiere e alle attività commerciali di vicinato con un massimo di 1500 mq di superficie di vendita. È inoltre consentita la localizzazione di quelle attività produttive, o loro porzioni organizzate, che non determinino emissioni nocive e/o impatto acustico significativi. A titolo esemplificativo (e non certo esaustivo): call-center, laboratori di ricerca, produzione di software, ecc. Inoltre, è previsto che possano localizzarsi nel centro servizi quelle attività di esposizione e diretta commercializzazione dei propri prodotti da parte di imprese manifatturiere, con priorità a quelle localizzate nell’area D4-19 di Sant’Andrea in Casale. Anche la progettazione del comparto produttivo vero e proprio guarda ad una seria ed adeguata qualità del lavoro, intendendo realizzare

Per tutti i dettagli sul progetto: www.sanclemente.it (sezione Sant’Andrea Servizi).

Segue Planimetria   


Suggerimenti di carattere generale - Fatevi installare una porta blindata con spioncino e serratura di sicurezza. - Munite l’accesso al complesso residenziale di videocitofono. - Dotatevi di un sistema d’allarme, possibilmente sia volumetrico sia “con contatti” su ogni varco di accesso, con funzionamento a geometria variabile (zona notte – zona giorno, piano superiore – piano inferiore, ecc). Sappiate che è possibile collegare, gratuitamente, il vostro antifurto al 112. - Se abitate in un piano basso o in una casa indipendente, mettete delle grate alle finestre oppure dei vetri antisfondamento. - Illuminate con particolare attenzione l’ingresso e le zone buie. Se all’esterno c’è un interruttore della luce, proteggetelo con una grata o con una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa disattivare la corrente. - Cercate di conoscere i vostri vicini, scambiatevi i numeri di telefono per poterli contattare o per essere rintracciati in caso di necessità. - Ricordate di chiudere il portone d’accesso al complesso residenziale. - Non aprite il portone o il cancello automatico se non sapete chi ha suonato. - Accertatevi che la chiave non sia facilmente duplicabile. Se avete bisogno della duplicazione di una chiave, provvedete personalmente o incaricate una persona di fiducia. - Evitate di attaccare al porta chiavi targhette con nome e indirizzo che possano, in caso di smarrimento, far individuare immediatamente l’appartamento. - Mettete solo il cognome sia sul citofono sia sulla cassetta della posta per evitare di indicare il numero effettivo di inquilini (il

nome identifica l’individuo, il cognome la famiglia). - Non lasciate mai la chiave sotto lo zerbino o in altri posti facilmente intuibili e vicini l’ingresso. - Non fate lasciare messaggi attaccati alla porta che stanno ad indicare che in casa non c’è nessuno. - Se notate la presenza di autovetture o persone sospette, non esitate a telefonare al 112 o allo 0541/988134. - Al mercato, al supermercato o sui mezzi pubblici, tenete sempre le borsette chiuse e, se a tracolla nella parte anteriore del corpo, non lasciarle appese ai carrelli della spesa. I portafogli possibilmente nella tasca anteriore dei pantaloni. - Quando scendete dall’auto, anche per pochi secondi, chiudetela e portate con Voi le chiavi di accensione.

“Se rincasate tardi, cercate di farvi accompagnare da qualcuno che conoscete bene.”

Piano di inganno - Non informate nessuno del tipo di apparecchiature di cui vi siete dotati né della disponibilità di eventuali casseforti. - Non mettete al corrente tutte le persone di vostra conoscenza dei vostri spostamenti (soprattutto in caso di assenze prolungate). - Nei casi di breve assenza, o se siete soli in casa, lasciate accesa una luce o la radio in modo da mostrare all’esterno che la casa è abitata. In commercio esistono dei dispositivi a timer che possono essere programmati per l’accensione e lo spegnimento a tempi stabiliti. - Sulla segreteria telefonica, registrate il messaggio sempre al plurale. La forma più adeguata non è “siamo assenti”, ma “in questo momento non possiamo rispondere”. In caso di assenza, adottate il dispositivo per ascoltare la segreteria a distanza. Alcuni accorgimenti utili Considerate che i primi posti esaminati dai ladri, in caso di furto, sono gli armadi, i cassetti, i vestiti, l’interno dei vasi, i quadri, i letti ed i tappeti. Occultare in posti difficilmente accessibili il grosso del danaro e dei preziosi che sia assolutamente indispensabile detenere in casa, lasciando piccole somme di danaro ed i monili di minor valore in posti facilmente accessibili (cassetti,portagioie, casseforti). Se avete degli oggetti di valore, fotografateli e conservate le riproduzioni in luogo sicuro. Conservate con cura le fotocopie dei documenti di identità e gli originali di tutti

8

San Clementeinforma

I Carabinieri di Morciano di Romagna al servizio della collettività

In questo numero di San Clemente Informa pubblichiamo con grande piacere i suggerimenti che i Carabinieri di Morciano di Romagna ci hanno gentilmente inviato.


gli atti importanti (rogiti, contatti, ricevute fiscali, etc.). Non fatevi ingannare Se rincasate tardi, cercate, nei limiti del possibile, di farvi accompagnare da qualcuno che conoscete bene. Non fatevi mai accompagnare da sconosciuti, anche se si dimostrano particolarmente gentili e disponibili. Ricordate che i luoghi più insidiosi per un agguato sono quelli chiusi o appartati, come i garage e gli androni dei portoni. Se vi sentite seguiti dirigetevi verso la caserma più vicina oppure, se nella zona è presente, avvicinatevi ad un agente della forza pubblica, fermate qualcuno manifestando i vostri timori oppure entrate nel primo negozio in cui siano presenti altre persone (bar, ristorante, ecc.) e chiedete aiuto facendo chiamare un numero di pronto intervento (il 112 o il 113) dal vostro cellulare. Tenete presente che, anche se non possedete un cellulare, il fatto di portare all’orecchio un qualsiasi oggetto di piccole dimensioni può essere scambiato da lontano per un telefonino e mettere in fuga un eventuale aggressore; rientrate a casa soltanto quando siete sicuri di non essere più seguiti (un soggetto malintenzionato, una volta a conoscenza del vostro indirizzo, potrebbe aspettare il momento più opportuno per passare all’attacco). Se all’esterno dell’abitazione vedete delle persone che vi insospettiscono oppure temete che qualcuno vi stia aspettando, non uscite da soli ma attendete che qualcun’altro abbia finito ed uscite insieme. Non salite in ascensore da soli con estranei che vi insospettiscono, siate cauti nel salire o nel richiedere passaggi in auto a sconosciuti, soprattutto se siete soli o di notte o in luoghi isolati. Nel caso in cui vi accorgete che la serratura sia stata manomessa o che la porta sia socchiusa, non entrate in casa e chiamate immediatamente il 112, il 113 o il 117. Comunque, se appena entrati vi rendete conto che la vostra casa è stata violata, non toccate nulla, per non inquinare le prove, e telefonate subito al Pronto Intervento. Se notate una persona in apparente difficoltà siate prudenti, in quanto potrebbe trattarsi di un espediente per aggredirvi. In generale, le circostanze di tempo e di luogo saranno comunque per voi un ottimo indicatore per capire cosa stia effettivamente accadendo. Se rientrate sempre alla stessa ora evitate di fare la medesima strada. Se prendete un taxi, scendete con le chiavi in mano e chiedete all’autista di attendere fino a che non avete varcato la soglia del portone. Se vi trovate di fronte ad una persona che vi minaccia con un’arma, ricordatevi che niente vale più della vostra vita: conservate la calma ed assecondatelo, soprattutto se vi minaccia con un’arma. Se vi chiede la catenina, l’orologio o gli anelli, consegnateli evitando di farveli strappare con violenza. Cercate di ricordare dei segni di identificazione utili alla sua successiva cattura da parte delle forze dell’ordine (per esempio, confrontate

la vostra altezza con quella del malvivente, guardatelo bene in viso, quando scoperto, soffermatevi sul tono della voce, l’inflessione dialettale, scrutate la presenza di tatuaggi, segni particolari sul corpo ricordate l’abbigliamento, la via ed il mezzo di fuga). Se l’aggressore vuole usarvi violenza 1) Gridate il più possibile e difendetevi cercando di colpire, con tutta la vostra forza, le parti più vulnerabili. 2) Se vi trovate in luogo isolato, in cui nessuno può sentirvi, cercate di prendere tempo, parlate e mostrate una certa sicurezza e padronanza della situazione. 3) Mantenete la calma e cercate di individuare una possibile via di fuga. 4) Cercate di ricordare dei segni di identificazione utili alla sua successiva cattura da parte delle forze dell’ordine.

San Clementeinforma

“Non salite in ascensore da soli con estranei che vi insospettiscono...”

9

Vi ricordiamo che molti altri consigli e servizi sono disponibili sul nostro sito istituzionale www.carabinieri.it Per qualsiasi necessità, non esitate a contattarci, faremo il possibile per esservi d’aiuto. L’Arma dei Carabinieri è al servizio della comunità. Da sempre. Stazione Carabinieri Morciano di Romagna Via Spallicci, 9 - 47833 Morciano di Romagna (RN) - tel. 0541/988134 - fax 0541/856363 e-mail: strn525230@carabinieri.it


Spazio gruppi consiliari

Per San Clemente le elezioni amministrative dello scorso giugno, sicuramente, hanno segnato un importante passo verso il cambiamento, poiché per la prima volta, hanno consentito ad un gruppo di centro destra, il PDL, di insediarsi in amministrazione comunale. Il 25,34% rappresenta per noi un primo grande risultato, raggiunto con tanta fatica e impegno, per questo motivo intendiamo ringraziare i nostri elettori e i componenti della lista per il lavoro svolto in campagna elettorale. Noi del PDL fin dall’inizio, ci siamo presentati come un gruppo alternativo alle sinistre, che da troppo tempo amministrano questo comune, e così intendiamo continuare. Il nostro lavoro sarà incentrato soprattutto in un attento controllo dell’operato della Giunta D’Andrea: pronti a contestare eventuali anomalie o favoritismi e ad opporci fortemente a progetti e delibere che non siano vicine alle esigenze

reali di San Clemente e dei suoi cittadini. Questo non vuol dire opporci sempre e comunque, in quanto saremo ben disposti a collaborare con la giunta e dare il nostro appoggio, qualora il progetto posto all’attenzione del Consiglio sia un progetto valido, vicino alle esigenze di San Clemente. Inoltre auspichiamo l’instaurazione di un importante clima di collaborazione tra maggioranza e minoranza, che sicuramente non può che andare a vantaggio del Nostro Paese. In conclusione, noi del PDL intendiamo essere considerati come un nuovo gruppo politico di minoranza e non di opposizione, rappresentanti di oltre 600 cittadini di San Clemente che hanno voluto darci fiducia con il proprio voto.

In questo articolo vorremmo ringraziare tutti i nostri elettori che ci hanno manifestato il loro appoggio e confermata la loro preferenza con il voto durante l’ultima tornata elettorale. Ricordiamo inoltre che il nostro impegno di opposizione costruttiva proseguirà anche nei prossimi cinque anni di amministrazione, sperando che ci sia la più ampia partecipazione dei cittadini nelle decisioni dell’amministrazione, in quanto il nostro paese dovrà affrontare dei grandissimi temi sia di ulteriore sviluppo urbanistico (nuovo PSC, zona industriale Sant’Andrea, nuova viabilità di vallata), sviluppo sociale (crisi economica per le famiglie e le aziende, richieste di servizi alla persona ASP-IPAB del Bianco, asilo nido, centri di aggregazione), e tantissimi investimenti già programmati dall’amministrazione (per qualche milione di euro a carico di tutti i cittadini). Ora visto che il consiglio comunale si è insediato, ci aspettiamo tutte le risposte che non ci sono state fornite nell’ultima seduta di consiglio, in quanto la maggioranza aveva ritenuto opportuno non rispondere a delle richieste dei consiglieri comunali, approvando varianti urbanistiche e modifiche al bilancio corrente, senza neanche

discuterne il merito. Riteniamo che la democrazia passi in primis nella discussione di temi importanti per la gestione della macchina amministrativa, ma anche le piccole richieste quali: spazi pubblici per affissioni consiliari, collaborazioni costruttive, riconoscimenti di supporti tecnici alla macchina amministrativa; siano essenziali per poter, migliorare il nostro paese. Pertanto il nostro obiettivo sarà quella di soddisfare il mandato conferitoci, tenendo al centro della discussione sempre il cittadino indistintamente dalla sua appartenenza politica, e chiediamo lo stesso sforzo all’amministrazione, in quanto deve essere “di tutti” e cioè più vicina alle esigenze delle persone e non a quelle della politica. Per saperne di più vi invitiamo a visitare il nostro sito e se volete a scriverci la “vostra”. www.obiettivosanclemente.it - e-mail obiettivosanclemente@libero.it

Gruppo consiliare Popolo della Libertà

San Clementeinforma

Gruppo consiliare Obiettivo San Clemente Oggi

10


Spazio gruppi consiliari

In occasione della pubblicazione del primo numero post elezioni amministrative desideriamo ringraziare tutti gli elettori che con il loro appoggio hanno permesso alla nostra lista di raggiungere un grande risultato. Il 56,73% delle preferenze non è solo l’espressione di un voto, è soprattutto la consapevolezza che i cittadini hanno voluto premiare il lavoro svolto dal centrosinistra nella passata legislatura. Poter governare per i prossimi cinque anni significa per noi proseguire nel lavoro intrapreso negli ultimi anni, significa continuare il percorso di sviluppo della comunità sanclementese per una maggiore crescita sociale mettendo in primo piano i bisogni di tutta la comunità: nuovi servizi, nuovi luoghi di aggregazione, attenzione alle esigenze dei cittadini. Questi sono solo alcuni impegni che ci attendono. Per fare questo proporremo e ci confronteremo con tutta la cittadinanza con

l’obiettivo di continuare nello sviluppo di crescita della nostra comunità. Si ringraziano i gruppi consiliari di minoranza che nei primi confronti hanno dimostrato spirito collaborativo. Questo è il fulcro centrale di qualsiasi amministrazione. Tutti siamo stati eletti dai nostri concittadini e quindi abbiamo il compito di rappresentarli con serietà per l’interesse di tutta la comunità. Il Capogruppo di Maggioranza Luca Flacco

San Clementeinforma

Gita tra le bellezze della 11 Provenza e Camargue Dal 29 aprile al 3 maggio 2009 si è svolta la consueta gita in Provenza e Camargue, organizzata come ogni anno dal Comune di San Clemente in collaborazione con il circolo “G. Villa” e la Pro Loco. Una trentina di persone sono partite alla volta della Francia per trascorrere qualche giorno tra le bellezze storiche di due Regioni che offrono paesaggi meravigliosi. Nella prima giornata i partecipanti hanno visitato Avignone, Arles e Rousillon. Ad Arles hanno potuto ammirare il Teatro romano, monumento che fa parte dei patrimoni mondiali dell’umanità dell’UNESCU. Il giorno seguente hanno visitato una fattoria tipica a Manade Saint Louis e il comune di Les Saintes Marie de la Mer, situato nel cuore della Camargue immerso nel parco naturale. L’ultimo giorno visita al castello medioevale di Auigues-Mortes e al piccolo paesino medioevale con sorgente e cascate, di cui non si conosce l’origine, di Fontaine-de-Vaucluse.


Anche il comune di San Clemente servito dalla rete a banda larga

Nel comune di San Clemente è stata attivata una rete wireless che consentirà alla comunità di poter usufruire del servizio di connettività internet a banda larga (ADSL). Il progetto, realizzato e finanziato dalla S.I.S. spa con la collaborazione della Provincia di Rimini, della Regione EmiliaRomagna e dei Laboratori Marconi di Bologna, garantirà la copertura ADSL in otto Comuni della Valconca messi in rete fra loro. Dal 1 ottobre 2008 i primi Comuni ad usufruire del servizio di connettività sono stati Mondaino, Montegridolfo e Saludecio mentre nei Comuni di Gemmano, Montecolombo, Montefiore, Montescudo e San Clemente il servizio è attivo dal 1° maggio 2009.

Questa rete wireless consentirà al territorio della Valconca di garantire la fornitura di servizi che permettono di ridurre il divario tecnologico con gli altri Comuni ove l’accesso alla banda larga è, da tempo, assicurato dai principali gestori di telefonia. Questo servizio, fortemente voluto dai Comuni dell’entroterra, è fornito dalla società “S.I. Sole srl” il cui socio unico è la S.I.S. spa, società a totale capitale pubblico la cui compagine sociale è composta dai Comuni di: Riccione, Misano Adriatico, Cattolica, Gabicce Mare, San Giovanni in Marignano, Morciano, San Clemente, Saludecio, Mondaino, Montegridolfo, Gemmano, Montefiore, Montecolombo e Montescudo. Per info: www.sisole.it - tel. 0541.833360


SanClemente Informa 09 2009