Page 1

Anno 28 /G.A.A. Camorino

15 marzo 2019 /

09

Opinione Liberale Settimanale del Partito Liberale Radicale Ticinese

Locarno, città da vivere

02 / Alain Scherrer / sindaco di Locarno Locarno promuove con forza la sua vocazione turistica, investendo in infrastruttura di qualità ed eventi di grande richiamo.

Lugano, città di cultura

05 / Karin Valenzano Rossi / vicepresidente PLR Lugano ha fatto tanto negli anni per giocare la partita “cultura”, anche dal profilo turistico, e ravvivare la visibilità nazionale e mondiale.

le a i c e p S rra e G o asc n g u C

Editoriale / Petra Gössi / presidente PLR svizzero

Sul clima il sondaggio Negli ultimi mesi, l’ambiente e il clima sono diventati temi sempre più importanti. Ho ricevuto molte lettere che ci chiedono di non lasciare il tema soltanto in mano alla sinistra, con i suoi divieti e sussidi. Il PLR vuole riportare in primo piano la politica ambientale e climatica e darle forma con ricette liberali e innovative. Per il PLR, il concetto di sostenibilità è fondamentale in questo contesto; è sempre stato parte del DNA liberale radicale. Per noi, sostenibilità significa che una politica ambientale e climatica efficace deve essere ecologicamente corretta, socialmente accettabile ed economicamente sostenibile. La sostenibilità ha quindi tre aspetti. Non vogliamo indulgere in utopie ma siamo alla ricerca di soluzioni fattibili ed efficaci. Vogliamo una politica vicina alla gente; non una politica che scavalchi la popolazione e quindi destinata al fallimento. Il PLR vuole dare alla sua posizione un ampio consenso. Per questo motivo, la Conferenza dei presidenti cantonali ha deciso di lanciare un sondaggio tra i membri del partito. Quindi lo chiediamo anche a te: vorremmo conoscere la tua opinione! Il sondaggio avrà inizio alla fine del mese di marzo. Riceverete una lettera del PLR svizzero con i vostri dati d’accesso personali. I risultati del sondaggio saranno integrati in una presa di posizione che verrà presentata ai delegati PLR nel mese di giugno. Sarei molto lieta se partecipassi a questo sondaggio e ti assumessi così la responsabilità di definire la nostra posizione nella politica ambientale e climatica. Aiutaci a definire la giusta posizione su questo importante tema, impegnati a favore della nostra Patria: che sia sostenibile e attraente. Anche il Ticino necessità di una via liberale allo sviluppo competitivo e sostenibile. Il prossimo 7 aprile si voterà per il rinnovo di governo e parlamento. Il PLR ticinese ha definito progetti concreti e persegue obiettivi reali, che permettono di dare risposte a temi che continuano ad essere prioritari; formazione, posti di lavoro, sicurezza, agglomerati e valli. Ma in politica non bastano le idee. Ci vogliono donne e uomini preparati e competenti

che con umiltà, senso del dovere, spirito di servizio e soprattutto tanta buona voglia approfondiscono, analizzano e lavorano a soluzioni praticabili e sostenibili. Cittadine e cittadini che pensano cosa possano fare a favore della propria Patria prima di chiedersi cosa lo Stato debba fare per loro. Il partito cantonale ha fatto i suoi compiti presentando una squadra di personalità valide e competenti. Adesso tocca a voi sostenerli con il vostro voto. Grazie dal profondo del cuore!


2

ladue

Opinione Liberale

Locarno e turismo, una carta vincente? Sì!

P

er la nostra regione il turismo costituisce un’imprescindibile risorsa finanziaria ed è fondamentale: a fronte di un totale di 2’280’339 pernottamenti in tutto il Ticino nel 2018, addirittura 1’067’886 di questi sono stati effettuati nel Locarnese, grazie anche alla presenza delle numerose strutture alberghiere che con tradizione, accoglienza ed ospitalità rendono attrattiva la nostra regione. Il Municipio di Locarno ha compreso da tempo il potenziale di questo settore trainante e proprio per questo motivo ha scelto di investire in infrastrutture di qualità per ampliare l’offerta e l’attrattiva della regione. Cito quali esempi il rinnovato Lido di Locarno e il PalaCinema, che negli ultimi anni hanno costituito audaci ed impegnativi cantieri, e oggi ci permettono di godere di infrastrutture innovative e di grande pregio che molti ci invidiano.

Alain Scherrer sindaco di Locarno

Abbiamo affrontato queste decisioni coinvolgendo Comuni ed enti del comprensorio. Non è però stato facile convincere tutti gli attori nella bontà delle opere citate: l’iter di discussione, di raccolta fondi del Centro Balneare Regionale e del PalaCinema hanno richiesto 10 o più anni, mentre stiamo ancora attendendo una sala per ospitare le settimane musicali di Ascona e altri concerti o un centro congressuale. Si tratta di incontestabili e sicuri elementi che conferiscono un valore aggiunto, eppure faticano a procedere con la celerità che sarebbe utile per restare al passo coi tempi e aggiornarci costantemente. Un’aggregazione fornirebbe di sicuro un vantaggio in questo senso: sarebbe tutto molto più semplice se si arrivasse ad una collaborazione maggiore che porti alla costituzione di uno o due Comuni del Locarnese, per concepire i progetti e crescere con una mentalità meno eterogenea e unendo le

Il turismo è un settore trainante per Locarno, la Città lo ha capito da tempo investendo in infrastrutture di qualità ed eventi di richiamo: la parola al sindaco Alain Scherrer. forze già presenti sul territorio. Comunque, nel limite delle proprie possibilità finanziarie, la Città negli ultimi anni ha ampliato la sua offerta di eventi che affiancano le manifestazioni di grande richiamo e di portata internazionale come il Locarno Festival o Moon&Stars che si rinnovano e si migliorano di anno in anno. Moon&Stars ad esempio ha proposto un nuovo concetto estendendo in Largo Zorzi l’attività di animazione che ha portato pubblico più giovane e molti ticinesi riscuotendo un successo oltre ogni aspettativa. A Locarno proponiamo manifestazioni per tutti i gusti: da Luci e Ombre, alla Notte Bianca, alle esposizioni delle Camelie, alla Festa delle Fragole, a Locarno On Ice e alla novità dell’anno scorso, per il quale sono fiero di aver potuto contribuire alla nascita, dell’evento Locarno, City of Guitars. Il Municipio ha inoltre intenzione di ristrutturare il Palexpo FEVI per renderlo più consono a ospitare assemblee e congressi, aiutando il turismo a crescere anche in questo segmento. Mi rendo conto che non sempre la lungimiranza e gli sforzi del Municipio compiuti per promuovere nuove iniziative che vogliono attirare un turismo più giovane e dinamico, trovano terreno fertile nella popolazione. Da un lato perché come in ogni territorio convivono esigenze diverse: quelli per cui la musica non è mai troppo alta e quelli per cui è sempre un disturbo; quelli che cercano un’esperienza esclusiva e quelli che se non ci sono migliaia di persone non riescono a godersela; quelli che non spenderebbero un franco perché si offre già troppo e quelli che ritengono non si faccia quasi nulla. E’ quasi divertente che regolarmente nel giro di una settimana incontro persone che mi dicono “La Piazza Grande è sempre vuota”, e “Si fa troppo, smettetela di riempire la Piazza Grande”, quasi fosse la metafora di vita del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Noi comunque andiamo avanti.

laproposta

Verso il LocarnoTech Un Centro di competenze applicate in robotica, meccatronica e industria 4.0. L’idea concreta e innovativa prende il nome di LocarnoTech e nasce dalla base e da un’attenta valutazione delle esigenze del territorio grazie ad un vivo dialogo con gli attori principali: le aziende. Il progetto è stato presentato lunedì e traduce la volontà della Città “di essere più attrattivi non solo per cittadini e turisti, ma anche per le aziende e per gli imprenditori” ha rilevato il sindaco Alain Scherrer. “E questo certo senza dimenticare quelle realtà aziendali che già oggi affrono preziosi posti di lavoro, risorse fiscali e indotto economico; aziende che, con qualche nuovo arrivo, forse si sentiranno meno sole e potranno sviluppare nuove opportunità di collaborazione”. L’impegno e la propositività dimostrata dal Locarnese sono valutate positivamente dal consigliere di Stato Christian Vitta. La regione vanta una concentrazione di aziende storiche, votate ai mercati internazionali e all’innovazione, in uno dei meta-settori economici promettenti per il futuro: la meccanica e l’elettronica. LocarnoTech ha un valenza strategica anche per il Cantone, un altro passo verso Switzerland innovation, iniziativa federale in cui il Ticino intende inserirsi con la presentazione a breve della candidatura per una sede di rete associata al Parco tecnologico di Zurigo.


lasquadra

Opinione Liberale

15 marzo tra cultura e scioperi, ascoltiamoli! Alessandro Speziali

Abitiamo dove le persone prenotano le proprie vacanze, accolti da un paesaggio naturale che a pochi minuti di distanza unisce tratti mediterranei e ambienti alpini. Nel tempo siamo stati capaci di costruire strutture di accoglienza, organizzare eventi internazionali e offrire proposte culturali aperte a tutti. Ma guai a restare fermi. E allora mi piacerebbe una nuova scuola alberghiera e del turismo nel Locarnese, dove gli studenti respirano l’aria dei propri studi. Un istituto con una specializzazione in gastronomia e prodotti del territorio: la cultura, oltre che dai musei, dai festival, dagli incontri letterari o dai monumenti, passa anche dalla tavola e da chi coltiva la nostra terra.

Cristina Maderni «Agite ora!» È questo il grido con cui giovani di ogni età si mobilitano oggi nel mondo intero per chiederci di intervenire con atti concreti, volti a arrestare il cambiamento climatico prima che sia troppo tardi. Ben 22 anni sono trascorsi dal Protocollo di Kyoto: troppo tempo è stato sprecato, troppo poco è stato fatto. Chi fra noi ritiene che difendere l’ambiente sia un tema di responsabilità personale, fa propria la recente svolta del PLR a favore di una politica climatica efficace, si impegna in prima persona nella relativa consultazione interna. #facciamolo per salvaguardare il nostro Paese!

Christian Vitta La salvaguardia dell’ambiente passa da uno sviluppo equilibrato e sostenibile, un concetto che interessa in modo trasversale diversi ambiti e politiche settoriali. La sostenibilità riguarda anche le singole aziende, sempre più chiamate ad agire nel rispetto del territorio e della responsabilità sociale. Si tratta di tendenze che bisogna sapere cogliere e per questo sono state inserite nella strategia di sviluppo economico del Cantone ed è stato promosso un lavoro di sensibilizzazione. Tocca poi ad ognuno di noi agire per favorire lo sviluppo di una cultura attenta alla sostenibilità, a tutto vantaggio dell’ambiente e delle generazioni future.

Alex Farinelli Oggi gli studenti si mobiliteranno per il clima, una dimostrazione di come i giovani si interessino del futuro e in particolare chiedano alla politica di avere delle visioni a lungo termine. Condivido questo approccio che deve essere concretato realizzando quei progetti che cambieranno radicalmente il nostro modo di vivere. Il primo fra questi deve essere il completamento di AlpTransit con il prolungamento a sud di Lugano e l’aggiramento di Biasca e Bellinzona: solo così potremo attuare veramente il trasferimento del traffico di persone e merci dalla strada alla ferrovia. Una rivoluzione nei trasporti in favore dell’ambiente e della qualità di vita nel nostro Cantone.

Sebastiano Gaffuri Come nel resto dell’economia, anche il turismo è basato sulla regola della domanda e dell’offerta. La domanda deve essere favorita grazie all’attrattività del nostro territorio, grazie alla promozione pubblicitaria, ma soprattutto grazie alla raggiungibilità. L’offerta deve invece comporsi di infrastrutture alberghiere moderne e a prezzi accessibili. Indispensabile è però ancora il lato umano e la propensione ad accogliere l’ospite, facendolo sentire a casa propria.

3


Hotel - Ristorante

LA TURETA Bellinzona -Giubiasco +41 91 857 40 40

Opinione liberale.indd 1

Niccolò Salvioni

in Gran Consiglio nel 2019 con impegno

Lista 5

Candidato 62

12.03.19 17:49

di scar i V na van ra uscente o. 5 Gio n lie ig Lista cons 26 / Gran ino no. a t il Tic a did mo Can ccia a f e iem #ins


I’ospite

Lugano, città di cultura Ravvivare il panorama culturale per rilanciare la visibilità nazionale e internazionale: Lugano ha fatto tanto negli anni per giocare la partita “cultura” anche dal profilo turistico. Le considerazioni di Karin Valenzano Rossi, capogruppo in Consiglio comunale a Lugano.

Opinione Liberale

Caro PS... ... e dare prova di un minimo di autocritica, no? Lo hanno capito proprio tutti che il PS cerca lo scontro frontale con il PLR nel tentativo di ricompattarsi e difendere il seggio in Consiglio di Stato. Colpa del PLR se l’unico vero progetto presentato dal PS, una riforma della scuola che voleva rottamare il modello attuale, è stato bocciato dal popolo? Colpa del PLR se avete trattato tutti a pesci in faccia durante il quadriennio? Forse prima un po’ di autocritica non guasterebbe.

Karin Valenzano Rossi vicepresidente PLR

Non penso di peccare di immodestia, affermando che Lugano possa ora essere definita anche una Città di cultura. Si è fatto tanto negli anni per fare in modo di promuovere la cultura su tutto il territorio cittadino. È bello constatare lo stupore di molti fruitori delle offerte museali, teatrali, musicali e delle gallerie sul territorio in merito alla qualità proposta e messa in mostra. Se la musica aveva già un conquistato un posto di rilievo a pieno titolo in questo grande mosaico, viaggiando benissimo con le sue gambe grazie, per esempio all’OSI (Orchestra della Svizzera italiana), non si poteva dire altrettanto per il teatro di un certo livello. Con l’apertura del LAC… tutto è cambiato. Se prima si andava a Milano per assistere ad una pièce importante o un balletto d’autore, ora li possiamo andare a vedere a pochi passi da casa e di ottima qualità. L’Offerta è ampissima e il rischio concreto, per il fruitore un po’ distratto, è di essere inefficace nella scelta. Sarebbe forse bene trovare un modo innovativo di accompagnare il fruitore in questo percorso

Cara RSI... culturale variegato, in modo tale che ogni cittadino, di qualsiasi ceto o età, possa usufruirne a 360 gradi. Bellissima, per esempio, la mostra di Maigritte che ha saputo coinvolgere un vasto pubblico, non solo del nostro cantone, ma anche d’Oltralpe e proveniente dall’estero. Occasioni da cogliere anche per promuovere altri settori della Città e del Cantone. Mi piacerebbe in futuro che si creassero sempre più sinergie, unendo la cultura all’offerta turistica, come già si fa in altri cantoni, magari prenotando una camera d’albergo e ricevendo un buono per un esperienza culturale e magari culinaria. Sarebbe un modo per legare a doppio filo i nostri paesaggi da favola all’offerta culturale da sogno che Lugano è in grado di offrire. Chissà, magari di questo passo, nel circuito Basel Art potrebbe rientrare anche la splendida città sul Ceresio.

... il tuo fare informazione ha un qualche obiettivo particolare? La “nostra” RSI su taluni approfondimenti è andata davvero lunga. Anche il professor Mauro Baranzini, loro primo sostenitore e avversario di No-Billag, ha avuto considerazioni critiche che non possiamo che condividere. Tutta questa informazione manifestamente sbilanciata su temi noti da tempo ma stranamente concentrati nel periodo pre-elettorale ha forse qualche obiettivo particolare?!

5


6

Opinione Liberale

ale i c e p S ra r e G sco a n g u

C

Un punto di riferimento in Gran Consiglio Raniero Devaux presidente PLR Cugnasco-Gerra

L

a Sezione PLR di Cugnasco-Gerra, presenta per il rinnovo del Gran Consiglio, come già 4 anni fa, un valido candidato disposto a offrire il proprio tempo e una vasta esperienza politica e di uomo di scuola, motivato ad assumere questa carica in rappresentanza del nostro Comune e dell’intera regione. A Giuliano Maddalena esprimo i miei più sentiti rin-

graziamenti per la sua disponibilità a voler fornire un contributo concreto per rappresentare il nostro territorio affinché le necessità future della nostra regione non siano trascurate. La forza finanziaria e il dinamismo del nostro Comune meritano da tempo una rappresentanza in Gran Consiglio. Il Piano di Magadino, in cui Cugnasco-Gerra si inserisce come uno dei punti di riferimento è stato e sarà vieppiù un territorio carico di progetti e di iniziative di interesse globale sia a livello politico, economico e ambientale (Parco del Piano di Magadino, collegamento A2-A13, semaforizzazione, progetto di aggregazioni comunali) che richiedono una visione lungimirante e un forte attaccamento alla regione. In quest’ambito Cugnasco-Gerra ambisce ad assumere un ruolo attivo e propositivo facendo sentire la propria voce, laddove vengono prese le decisioni importanti in rappresentanza di tutta la comunità. Sosteniamo tutti Giuliano Maddalena per avvicinare il nostro Comune alle importanti sfide che ci attendono.

Lavoriamo per il Locarnese C

i siamo: le urne sono aperte! Il PLR del Locarnese si presenta a questo appuntamento non solo con una squadra di valore – composta da persone riconosciute e affidabili che rappresentano capillarmente territorio, generazioni, professioni e sensibilità – ma anche con delle proposte concrete per la nostra regione, frutto di un workshop in due fasi sviluppato con il coinvolgimento della base liberale radicale. Fra le priorità condivise vi sono la messa in rete delle Valli (sia fisica, con iniziative comuni e trasporti performanti, sia virtuale, con il collegamento internet veloce) e delle iniziative culturali (attraverso la creazione di un unico pass culturale che preveda l’accesso all’integralità dei musei sparsi nella regione). Prioritari anche il potenziamento dell’offerta formativa (istituzione di un polo formativo turistico-alberghiero e sviluppo del polo dell’audiovisivo) e la realizzazione di uno o più progetti di paesaggio comprensoriale. Fra gli ambiti toccati anche la valorizzazione delle montagne attorno a Locarno, in particolare quella di Cardada-Cimetta, del comparto della caserma a Losone, attraverso la realizzazione di un Centro polifunzionale regionale, e dei commerci nei centri cittadini attraverso l’approfondimento di nuovi incentivi o iniziative (come ad esempio le licenze temporanee pop-up). Per favorire la creazione di posti di lavoro si propone infine la promozione attiva delle aree industriali, lo snellimento della burocrazia e il miglioramento della mobilità regionale (realizza-

Nicola Pini presidente PLR Locarnese, granconsigliere

zione del collegamento veloce con l’autostrada e dei piani di mobilità aziendale di comparto). #facciamolo!


cantonali2019

Opinione Liberale

7

Con noi per essere al sicuro Giuliano Maddalena è candidato al Gran Consiglio. È stato attivo in politica a Cadenazzo dal 1988 al 1992 quale municipale e vicesindaco, poi sindaco dal 1992 al 2008. È inoltre stato membro del Comitato cantonale PLR. Si è messo a disposizione perché la passione non è mai venuta meno e, nonostante il momento difficile, crede fermamente nelle istituzioni e nel ruolo di queste per affrontare e risolvere i problemi. Lista 5, candidato #55 Giuliano Maddalena. Come sta vivendo la campagna elettorale? È una bellissima e affascinante esperienza. Con un gruppo molto coeso, che rema nella stessa direzione e con obiettivi chiari. Quali sono le ragioni che l’hanno spinta a scendere in campo? Guardare chi opera attivamente dal di fuori cominciava a starmi stretto… Non ci si può limitare a osservare e a giudicare, ma occorre dare il proprio contributo. Inoltre, l’interesse per la cosa pubblica è sempre molto forte. Desidero

Giuliano Maddalena lista 5, candidato #55 Domicilio: Cugnasco-Gerra Data di nascita: 14 ottobre 1954 Professione: già direttore del Pretirocinio e del Semestre di motivazione, oggi pensionato Politica: municipale e vicesindaco di Cadenazzo dal 1988 al 1992, sindaco dal 1992 al 2008

mettere a disposizione dei cittadini l’esperienza accumulata in un ventennio di politica attiva a livello comunale. Quando ha iniziato a fare politica e qual è stato il suo percorso? Sin da giovane sono sempre stato attento alle vicende politiche, seguendo le orme di mio padre, che per diversi anni è stato vicesindaco a Brontallo. Quando nel 1982 sono arrivato a Cadenazzo, mi è stato chiesto di entrare in comitato. Alle elezioni comunali del 1984 sono stato sollecitato a candidarmi per il Consiglio comunale. Ho però ritenuto fosse troppo presto e mi sono riservato un po’ di tempo per conoscere meglio la realtà del Comune. Nel 1988 ho quindi dato la mia adesione per il legislativo e, a causa di una rinuncia poco prima della presentazione delle liste, anche per il Municipio. E come è andata? Non senza stupore sono stato eletto nell’esecutivo. Alle successive elezioni, a seguito della rinuncia a ricandidarsi del sindaco uscente, il compianto Aurelio Lafranchi, ho assunto la carica di sindaco, che ho mantenuto per 16 anni. A quel momento ho ritenuto opportuno lasciare il posto ad altri. È stata un’esperienza bellissima ed entusiasmante, che mi ha arricchito molto sul piano umano. Ho avuto l’occasione di conoscere molte persone, dentro e fuori il Comune, dentro e fuori il partito. Un aspetto che ho sempre prediletto, che potrebbe magari sembrare scontato,

è la vicinanza ai cittadini sia a livello personale sia di enti e società. Come vede il Ticino nel contesto federale? Abbiamo spesso la sensazione di godere di poca considerazione a livello nazionale, ma non è così. E gli esempi si sprecano. Personalmente, quale presidente della Federviti e quindi membro del comitato della Federazione svizzera dei Viticoltori, lo vivo in prima persona. È evidente che per essere ascoltati occorre essere attivi, partecipando regolarmente alle riunioni dei vari consessi e i nostri dieci parlamentari a Berna in questo senso sono un bell’esempio.


8

Opinione Liberale

Finanze sane, non è il frutto del caso L

a sana gestione di un ente pubblico passa anche da una corretta gestione delle finanze. Imprescindibile è la collaborazione di tutto l’esecutivo, che deve collaborare con il capo dicastero nella definizione della strategia finanziaria e comprendere che il controllo della spesa pubblica è un’attività costante, che esula dalla politica in senso stretto. Gli amministratori comunali dovrebbero seguire con coerenza un piano finanziario, condiviso e sostenuto da tutte le forze in campo. Devono inoltre sapere cogliere per tempo tutti i segnali che potrebbero impattare sulle finanze comunali, valutare le risorse che hanno a disposizione e adattare le strategie alle future eisigenze. Per il Comune di Cugnasco-Gerra le scelte strategico-finanziare e un ferreo controllo della spesa si sono rivelate molto paganti. Si è infatti riusciti ad attuare un recupero infrastrutturale atteso da tempo, e tutto questo mantenendo stabile il moltiplicatore politico. Il mantenimento del moltiplicatore al 90% ha significato inizialmente un sacrificio a sostegno della politica finanziaria prospettata, per poi tramutarsi in un beneficio strutturale senza ulteriori aggravi per il Cittadino. Attualmente la salute delle finanze comunali di Cugnasco-Gerra è ottima: il debito pubblico pro

le a i c e a Sp r r e G oc s a n g

Cu

capite è inferiore alla media cantonale. Inoltre il capitale proprio e gli importanti ammortamenti supplementari effettuati daranno il necessario ossigeno a sostegno di ulteriori investimenti. Tutto questo non è stato frutto del caso.

Michele Dedini vicesindaco PLR

Associazioni culturali e sportive, vitali per la collettività L a politica comunale sappiamo gode di limitati margini di manovra. L’autonomia comunale evolve nell’ambito della ripartizione dei ruoli con il Cantone. Requisiti sempre più complessi in tutti gli ambiti di gestione comunale suggeriscono professionalizzazione e di conseguenza collaborazioni intercomunali, aggregazioni o deleghe alle istanze superiori. Un aspetto fondamentale della politica comunale che rimane fermamente ancorato alla prossimità è la cura e il mantenimento di un ambiente di vita sano, dove i cittadini si possano sentire a loro agio e a casa loro.

Dino Cauzza municipale PLR

La squadra del Municipio di Cugnasco-Gerra ha perseguito questo obiettivo nell’ambito della propria autonomia, ad esempio agendo: sui principi alla base della revisione del piano regolatore, sui progetti di moderazione del traffico, sulla lotta alla zanzara tigre con il coinvolgimento dei cittadini, sulla promozione di percorsi sicuri casa-scuola, sulla promozione della mobilità lenta con il progetto bike-sharing, sugli incentivi per gli abbonamenti arcobaleno, sulla certificazione di Città dell’Energia, sulla sicurezza delegata al Corpo di Polizia della Città di Locarno, sull’attenzione particolare all’ufficio controllo abitanti e alla gestione delle persone in assistenza, su una scuola comunale vicina alla popolazione. Il tutto naturalmente con una spiccata responsabilità finanziaria verso le generazioni future. Uno dei tasselli fondamentali per una vita comunitaria sana è il tempo libero dove si mantengono i legami tra chi vive nello stesso paese. Le associazioni a Cugnasco-Gerra hanno assunto il ruolo di promotori di un calendario di eventi coordinati tra loro che anima il paese lungo tutto l’arco dell’anno. Il Municipio volutamente lascia molta auto-

nomia e assume il ruolo di facilitatore della coordinazione e mette a disposizione le infrastrutture. La vita sana di un paese si ottiene solo con un’ampia adesione e la coordinazione delle associazioni di paese è rivelata essere una carta vincente per raggiungere lo scopo.


cantonali2019

Giovani in politica, investiamo su di loro!

F

are politica da neomaggiorenne non è sempre una sfida facile, indipendentemente dal livello comunale o cantonale al quale si vogliono mettere a disposizione le proprie conoscenze ed esperienze. La politica rappresenta però un percorso che permette di arricchire il proprio bagaglio culturale in modo non indifferente come pure permette di imparare ad affrontare e cogliere in modo sempre più naturale le opportunità. Nella maggior parte dei casi i giovani che si lanciano in politica lo fanno parallelamente alla costruzione della propria carriera, ovvero all’attività professionale oppure agli studi, le quali attività richiedono loro un importante carico di lavoro; tali sforzi vengono sostenuti per rappresentare tutta la popolazione, ma con un occhio di riguardo per i coetanei i quali hanno la medesima visione di “futuro”. Ritengo che questi sacrifici debbano essere supportati, grazie ad una collaborazione bilaterale tra giovani leve. In prima persona mi ritengo molto soddisfatto ed appagato del viaggio politico che sto affrontando da sette anni a questa parte, quale consigliere

...la Sezione Cugnasco-Gerra si racconta a cura del Comitato sezionale PLR

L

a voglia di partecipare attivamente alla vita del proprio Comune – nelle sue numerose sfaccettature – è il cuore pulsante della Sezione PLR di Cugnasco-Gerra. Tenere viva e animata una Sezione resta tuttavia una sfida, che il Comitato sezionale ha deciso di cogliere pianificando una giornata speciale, aperta a tutti gli interessati. L’iniziativa è stata un successo! Il 27 novembre 2018, la Sezione PLR di Cugnasco-Gerra ha organizzato una gita a Berna

Opinione Liberale

9

Alain Devaux consigliere comunale di Cugnasco-Gerra

comunale a Cugnasco-Gerra con la funzione di Commissario della gestione. Come disse Marcel Proust, “il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”. La politica dà ai giovani nuovi occhi per vedere, come in ogni viaggio, nuovi tramonti, permette loro di imparare nuove culture nuove lingue e conoscere nuove persone.

in occasione della sessione invernale alle Camere federali. Un bel gruppo di iscritti – nonostante fosse un giorno lavorativo – ha preso parte a una giornata indimenticabile, alla scoperta del fermento che caratterizza i lavori del parlamento federale. La comitiva, partita presto dal Ticino, è giunta a Palazzo federale dove una guida li ha condotti sulle tribune del Consiglio degli Stati, per seguire il dibattito in corso. In seguito, il consigliere nazionale Giovanni Merlini ha accompagnato i presenti sulle balconate della Sala del Consiglio nazionale, cogliendo l’occasione per svelare qualche “segreto” della vita di Palazzo. Dopo una visita guidata della cupola, le discussioni sono proseguite nel corso del pranzo al ristorante di Palazzo federale, in compagnia del consigliere nazionale Rocco Cattaneo.

Avvicinati alle idee e alla politica liberale radicale


Nicole Volontè Pagani Al Gran Consiglio

Daniel Buser Gran Consiglio Lista 5 Candidato 41

Lista 5 Candidata 38 Sindaco di Ponte Tresa

PLR_NicoleVolontePagani_Santino_85x55mm.indd 1

Maurizio Anghileri in Gran Consiglio

Economista, Sindaco di Gravesano, riato Responsabile Segreta ni ed Eventi PLRT, 30 an

06.02.19 10:21 PLR_DanielBuser_Santino_85x55mm.indd 1

11.02.19 15:23

Dr. med. Ricardo Pereira Mestre

Specialista in medicina interna e oncologia. In Gran Consiglio Lista 5 Candidato 11

Lista 5 - Candidato 28

PLR_RicardoPereiraMestre_Santino_85x55mm.indd 1

Alessandro Cedraschi

iglio Candidato al Gran Cons LISTA 5 - Candidato 32 #facciamolo

Emanuele Rusconi

iglio Candidato al Gran Cons LISTA 5 - Candidato 14 #facciamolo

PerchĂŠ no

Massimo Cerutti in Gran Consiglio

www.plrt.ch

il Massimo in Gran Consiglio massimocerutti.ch

13.02.19 13:53


incomune

Opinione Liberale

11

Bellinzona

Il parco fluviale, una visione forte per Bellinzona

È

uno dei progetti strategici del nuovo Comune di Bellinzona. Nato dalla necessità di intervenire per ridare stabilità agli argini messi a repentaglio dalla forza erosiva del fiume che ha abbassato di molto l’alveo, il progetto – portato in dote dall’aggregazione comunale grazie al coinvolgimento dei Municipi degli allora Comuni di Bellinzona, Giubiasco, Monte Carasso, Sementina e Gudo – ora promosso dalla nuova Città di Bellinzona con il Consorzio correzione fiume Ticino (CCFT), l’Ufficio cantonale dei corsi d’acqua (UCA) e l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), prevede la rinaturazione di ampie zone golenali, aumentandone la biodiversità e migliorandone l’accesso da parte della popolazione. Un progetto da 80 milioni di franchi, finanziato per oltre l’80% dalla Confederazione, che nei prossimi anni cambierà il rapporto dei bellinzonesi con il loro fiume e avvicinerà maggiormente le future generazioni al loro territorio, da valorizzare in modo sostenibile anche grazie ad interventi come questo.

Simone Gianini municipale di Bellinzona, capo dicastero Territorio e Mobilità

Ecologia da capire con scienza L e cuore Christian Paglia municipale di Bellinzona, capodicastero Opere pubbliche e Ambiente

’interno della Terra ribolle. Catastrofi naturali incontrollabili si sono succedute nei tempi geologici. Con lo sviluppo dell’attività umana il clima è mutato con maggiore rapidità: uragani in Inghilterra, ghiacciai sciolti, smog, tempeste intense. Segnali da capire con la scienza e con il cuore. Bellinzona cura il verde, le energie rinnovabili, i risanamenti energetici, le illuminazioni Led, lo smaltimento di acque, i trasporti pubblici e altro. Ha progetti pilota di riciclaggio di scarti da cucina e della plastica. Quest’ultimo per verifica dei benefici ambientali e costi. Poi decideremo il nostro futuro con coscienza. Quella ecologica, che non è sufficiente menzionare, ma che deve essere pensata in modo globale.

Gran Consiglio Lista 5 Candidato 39

Daniele Bisang

erto • Lungimirante Concreto • Leale • Ap • Analizzo o orm inf Ascolto • Mi o cid De • o ng po Pro

www.plrt.ch


12

icandidati

Opinione Liberale

Stefano Lappe Quando leggiamo “pop-up” il primo pensiero va alle finestre che “spuntano” sul nostro schermo quando navighiamo sul web. Il termine non è però solo utilizzato nell’informatica ma è stato associato in America a negozi, ristoranti e progetti culturali temporanei che si insediano per alcune settimane o alcuni mesi spazi commerciali non occupati. Si tratta di vere e proprie realtà transitorie che “spuntano” in un quartiere o in una zona di una città e attraggono l’attenzione non solo dei turisti ma anche dei residenti. Un evento effimero, certo, che tuttavia se inserito in una vera e propria strategia di occupare locali che sarebbero vuoti porterebbe inevitabilmente a ridare vita a molti centri che purtroppo non sono più il cuore pulsante delle nostre città. Tale fenomeno potrebbe permettere ai titolari di questi commerci di testare l’interesse del mercato locale per uno specifico settore e a chi li ospita di esplorare realtà imprenditoriali interessanti. Data la loro durata limitata, essi non si pongono generalmente in concorrenza con i commerci “classici”, che potrebbero anzi prendere spunto da esempi virtuosi. Se in molte parti del mondo tutto ciò è già realtà, in Svizzera non sono ancora molti gli imprenditori che si sono lanciati in un tale progetto. A Zurigo il presidente dei giovani liberali radicali ha chiesto al Municipio di

Michela Ris Il 30 marzo ad Ascona verrà inaugurata la mostra “Ascona Cracking Art” promossa dal dicastero cultura e sostenuta dal Municipio che farà interagire animali di ogni sorta e grandezza con le vie del Borgo, del Lungolago, per arrivare sino al Golf e al Porto Patriziale. Lo scopo è quello di portare la cultura e l’arte tra la gente, come occasione di riflessione su temi urgenti dell’oggi ma anche e soprattutto di condivisione per tutti in quanto le opere sembrano fatte apposta per essere fotografate e postate sui social network condividendo così anche la destinazione turistica. Questo movimento artistico, noto in tutto il mondo, nato nel 1993 con l’obiettivo di cambiare la storia dell’Arte attraverso un forte impegno sociale e ambientale che, unito a un innovativo uso dei materiali plastici, evoca la stretta relazione tra natura e realtà artificiale. Il termine “Cracking Art” deriva dal verbo inglese “to crack”, che descrive l’atto di spezzarsi, crollare. Il cracking catalitico è la reazione chimica che trasforma il petrolio grezzo in plastica: per gli artisti è questo il momento in cui il naturale permuta in artificiale, l’organico

in sintetico, ed è tale processo che essi intendono rappresentare attraverso la loro arte. Cracking il divario dell’uomo contemporaneo, dibattuto tra la naturalità originaria e un futuro sempre più artificiale. Cracking è il processo che serve a trasformare il petrolio in virgin nafta, composto di molecole semplici alla base di migliaia di prodotti di sintesi, quali la plastica. Rigenerare la plastica significa sottrarla alla distruzione tossica e devastante per l’ambiente donandole nuova vita, farne delle opere d’arte significa comunicare attraverso un linguaggio estetico innovativo una particolare sensibilità nei confronti della natura. Il progetto “L’Arte Rigenera l’Arte” si fonda

«Pop-up, una realtà da esplorare»

adoperarsi affinché venga costituita una base legale per licenze per l’utilizzo temporaneo di spazi commerciali. A Locarno abbiamo affrontato il tema nel corso del workshop distrettuale… adesso è tempo di discuterne anche a Bellinzona!

«L’Arte rigenera l’Arte, e porta turisti!»

sulla convinzione che l’Arte contemporanea di Cracking Art debba anche essere veicolo promotore di interventi concreti a sostegno del patrimonio artistico e culturale nonché alla diffusione del sapere; ed è per questo che le Installazioni Cracking Art vengono affiancate dalla donazione di mini sculture, attraverso le quali si promuovono raccolte fondi da devolvere a favore del restauro di monumenti e opere d’arte o a sostegno di progetti sociali e culturali. Per l’inaugurazione verrà organizzata su Piazzale Torre una spettacolare invasione di coloratissime rane (atossiche, biodegradabili e che verranno recuperate al termine dell’evento) che verranno lanciate nel Lago Maggiore da parte dei partecipanti che attraverso un piccolo contributo contribuiranno alla raccolta fondi da destinare al restauro delle cappelle e degli affreschi di Ascona. L’Arte rigenera l’Arte! E porta turisti!

emilio.pozzi@atmm.ch

EMILIO POZZI

Municipale PLR, Brione s/Minusio Direttore Istituto Scolastico, Muralto Docente Educazione Musicale, Locarno


cantonali2019

Opinione Liberale

Ecco i vincitori del concorso “abbonati” promosso da OL Mercoledì si è proceduto all’estrazione, alla presenza dell’avvocato Matteo Quadranti, del concorso promosso da Opinione Liberale per la campagna abbonamenti 2019. Ecco i vincitori.

La partita è iniziata, il risultato dipende da te

1. premio, pernottamento, cena e degustazione whisky alla Locanda Fior di Campo a Campo Vallemaggia: la sorte ha favorito Nicola Pini

Il 7 aprile si gioca una partita importante. Non si vince una coppa ma si afferma, in Consiglio di Stato e in Gran Consiglio, un metodo di fare politica, un modo di interpretare dei valori quali libertà, coesione, progresso, responsabilità. Dopo mesi di allenamento i giocatori sono scesi sul ghiaccio, ognuno con le proprie esperienze e sensibilità, tutti con determinazione ed entusiasmo. Ora tocca a chi crede in questi valori, nei progetti proposti. Il risultato dipende dalla capacità dei sostenitori, non tifosi ma sindaci, municipali, consiglieri comunali, liberali radicali e cittadini nel sostenere la lista 5. Vota e porta alla vittoria la squadra PLR. #facciamolo

3. premio, 10 buoni benzina da 50 franchi messi in palio da City Carburoil. Mario Gasparini Jrma Zala Diana Tenconi Daniele Moccetti Bixio Caprara Gianni Gada Barenco Arnaldo Negri Ana Djurovic Matteo Arcuri Anita Banfi

2. premio, volo con la mongolfiera PLR: Chiara Fulmini Ferraresi

Un pomeriggio da trascorrere in allegria con musica, merenda per i bambini e ricco aperitivo per gli adulti, bibite, ampia area di svago dove verranno proposte le seguenti attività: • animatrice con truccabimbi e palloncini; • percorso gonfiabile con scivolo e ostacoli per bambini da 3 a 8 anni; • ampia terrazza per correre e giocare; • campetto da basket con giocatori professionisti. Partecipa con la famiglia! Possibilità di raggiungerci con i trasporti pubblici • in 16 minuti a piedi dalla stazione FFS di Lugano; • in 6 minuti a piedi dalla fermata Praccio a Massagno, linea 5 bus TPL.

p.ortelli67@ hotmail.com

13


Al momento opportuno il giusto specialista

IMPRESA COSTRUZIONI GENERALI S.A

GIANINI&COLOMBO

SA

Sede c.p. 2147 6830 Chiasso Succursale 6900 Lugano

Sopra e sottostruttura - Cemento armato Lavori di scavo e trasporto - Ufficio tecnico IMPRESA COSTRUZIONI

UFFICIO TECNICO info@gc-sa.ch

CADEMPINO - LUGANO Tel Uff. 091 961 60 80 Tel Mag. 091 961 60 98

Tel. 091 / 683 03 45 Fax 091 / 683 58 35

info@quadri-sa.ch - www.quadri-sa.ch

LUGANO - BALERNA

DOMOTICA

CORRENTE FORTE E DEBOLE

CENTRALIZZAZIONI

TELEMATICA

www.electrasim.ch ELECTRASIM SA Via Berna 2 - 6900 Lugano Tel. 091 923 39 46

Ufficio e magazzino Via Sottobisio 26 6828 Balerna

ELECTRASIM SA Via Sottobisio 42 - 6828 Balerna Tel. 091 683 04 54

info@electrasim.ch


l’agendaelettorale

Venerdì 15 marzo

Opinione Liberale

Mercoledì 20 marzo

SOCIETÀ OPERAI LIBERALI LUGANESI Assemblea con aperitivo – ore 18.30 Padiglione Conza, Lugano

PLR GUDO, MONTE CARASSO E SEMENTINA Comizio elettorale – ore 19.00 Albergo Cereda, Sementina

PLR BALERNA Assemblea – ore 18.30 Teatro Sociale, Balerna

PLR MENDRISIO Cena elettorale – ore 18.30 Hotel Coronado, Mendrisio

PLR SANT’ANTONINO Comizio elettorale – ore 20.00 Sala multiuso, Sant’Antonino

PLR CIRCOLI CERESIO E PARADISO Comizio elettorale – ore 19.00 Swissminiatur, Melide

Sabato 16 marzo

Domenica 17 marzo

Giovedì 21 marzo

PLR DISTRETTO BELLINZONA Colazione al mercato– ore 09.00 Centro storico, Bellinzona

PLR DISTRETTO VALLEMAGGIA Comizio elettorale – ore 10.30 Centro scolastico Ronchini, Aurigeno

PLR BREGGIA Assemblea – ore 18.00

PLR DISTRETTO LUGANO Bancarella in piazza – ore 09.30 Piazza Dante, Lugano

PLR CADENAZZO Comizio elettorale – ore 11.00 Scuole elementari, Cadenazzo

Venerdì 22 marzo

PLR DISTRETTO LOCARNO Incontra il candidato ore 09.30 Scuole comunali, Brissago ore 11.30 Caserma, Losone ore 15.30 Corte Palazzo SES, Locarno PLR LUMINO Colazione elettorale – ore 09.30 Piazza centrale, Lumino PLR VALLE DEL CASSARATE Progetto ciclopiste del Luganese ore 10.00 Sala multiuso, Sonvico PLR DISTRETTO BLENIO Comizio elettorale – ore 19.00 Scuole medie, Acquarossa

PLR DISTRETTO LUGANO Incontro con i candidati – ore 14.00 Scuole Nosedo, Massagno ALRA Green aperò – ore 17.00 Ristorante Enigma, Rancate PLR ONSERNONE Comizio elettorale – ore 20.00 Ristorante della Posta, Russo

Lunedì 18 marzo PLR LUGANO Smart City Liberale – ore 18.00 Ristorante Al Lido, Lugano

Numero IVA IDI CHE–108.135.503 IVA

Direttore editoriale Andrea Nava

Abbonamento annuale Fr. 100.–

Redazione Massimo Schira Vania Castelli

AVS/ AI/ Studenti Fr. 50.–

Redazione CP 154, 6528 Camorino T. 091 821 41 85 F. 091 821 41 88 oplib@plrt.ch

PLR CLARO, MOLENO, PREONZO, GNOSCA E GORDUNO Comizio elettorale – ore 19.00 Ristorante Pizzeria Preonzo, Preonzo PLR AIROLO E I LEPONTI Comizio elettorale – ore 19.00 Caseificio del Gottardo, Airolo

Sabato 23 marzo PLR DISTRETTO LUGANO Bancarella in piazza – ore 09.30 Piazza Dante, Lugano PLR LUGANO Evento Non Stop – ore 11.30 Padiglione Conza, Lugano

Domenica 24 marzo Grafica e design redesign.swiss Camorino Stampa Centro Stampa Ticino SA Muzzano

GLR MENDRISIOTTO Colazione con i giovani candidati ore 10.00 Ex Consiglio comunale, Melano PLR CUREGLIA Assemblea e comizio – ore 18.00 Sala Volte Casa Rusca, Cureglia

«Sostenitore» Da Fr. 200.– CCP 69-7730-5 Pubblicità Laura Codiroli

PLR GAMBAROGNO Comizio elettorale – ore 18.30 Ristorante Miraflores, Quartino

GLR BELLINZONESE Risottata al Mercato – ore 12.00 Centro storico, Bellinzona

Opinione Liberale Responsabile politico Bixio Caprara

Ristorante Posta, Cabbio

CARTA SVIZZERA

Agenda completa su www.plrt.ch.

15


IL NOSTRO PROGRAMMA

Profile for Opinione Liberale

Nr. 09 - Opinione Liberale - 15 marzo 2019  

Nr. 09 - Opinione Liberale - 15 marzo 2019