Page 1

TRADE

GRUPPO EDITORIALE COLLINS SRL

MAGAZINE

DEL

GARDENING

ITALIANO

FILIALE DI MILANO - € 1,55

Collins Srl www.netcollins.com www.mondopratico.it

Anno V - N° 35/2011 - GIUGNO

> politiche sostenibili

La sostenibile leggerezza del gardening Il convegno “Green Retail Forum” ha illustrato le possibili applicazioni dell’eco-sostenibilità nel mercato italiano del gardening. I consumatori stanno già modificando le loro abitudini d’acquisto, come cambieranno i garden center nei prossimi anni? RIVISTA UFFICIALE DELLA



> ORTICOLA

> SPECIALE

> ZOOMARK

> GARDEN RETAIL

La casa dei gardener milanesi

Tutto sulla festa dei nonni

Il pet italiano si è incontrato a Bologna

Visita a Febo di Città Sant’Angelo

Briggs & Stratton



Florovivaismo



Buyer Point



Visual merchandising



Trade marketing


JOHN STANLEY

LA RINASCITA DEL GARDEN INDIPENDENTE

e

Il consumatore cambia, come deve cambiare il trade? E perchè aumenta l’amore per il verde e diminuiscono le vendite di piante? Come far crescere i garden center indipendenti e aumentare le vendite di verde vivo.

presentano

a Padova

giovedì

15 settembre ore 14.30

Pad 7 Sala 7B

Due giorni di incontri dedicati al futuro del gardening italiano

PAOLO MONTAGNINI

INNOVARE PER CRESCERE

pre-registrazione

Perchè non si può restare fermi in un mondo in cui cambiano gli stili di consumo, il mercato, i concorrenti. L’innovazione nel punto di vendita: dal funzionale all’esperienziale. Il trade marketing: come l’industria deve cambiare il rapporto con il dettagliante. Le aree di miglioramento: nuove formule espositive, il marketing di prodotto e il visual merchandising.

Il 15 e 16 settembre si svolgerà la 5a edizione di GREEN DATE, l’appuntamento organizzato da Greenline dedicato alla formazione dei manager dei garden center italiani. Per capire su quali direttrici si evolverà il garden center del futuro abbiamo invitato John Stanley, il più importante esperto mondiale di gardening, e Paolo Montagnini, l’analista italiano più acuto e più discusso.

Nome Cognome Azienda Indirizzo

nr civico

Città

Cap

Tel

Fax

Nelle prime edizioni i convegni erano all’insegna del “tutto esaurito”. Consigliamo la pre-registrazione che dà diritto alla prenotazione di un posto a sedere e dà accesso immediato al convegno, senza alcuna fila o iter di registrazione. La prenotazione ha validità fino a 30 minuti prima dell’inizio dei convegni. Inviare questo coupon via posta: (Collins Srl - via Pezzotti 4 - 20141 Milano) oppure via fax (02-58103891). GRUPPO EDITORIALE COLLINS SRL

E-mail CONVEGNO JOHN STANLEY

Nel nostro portale:

CONVEGNO PAOLO MONTAGNINI

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali in base a quanto disposto dal Codice della Privacy – D.Lgs.n.196/2003.

MAIN PARTNER

avete la possibilità di pre-registrarvi on-line.


Opinioni

“Davanzali di tutto il mondo, unitevi !”

Il consumatore corre veloce

di Paolo Milani

di Paolo Montagnini Montanini

Con questo slogan Serena Dandini invita gli italiani ad avvicinarsi al giardinaggio e stili di vita più naturali. Un libro che tutti gli operatori del settore dovrebbero leggere. Ecco perchè.

Il gardening italiano è conservatore, talvolta emula modelli superati e si rigenera troppo lentamente. Il consumatore, invece, agisce velocemente. Il rischio di perdere potenziale è reale? Secondo alcuni sì.

L

l consumatore da un lato cerca soluzioni, prodotti, emozioni e contesti commerciali innovativi. Dall’altro ricerca certezze, la tradizione, la specializzazione, la vendita personale (tradizionale) come fondamentale valore aggiunto per un punto vendita consultivo. Ciascun consumatore acquista uno stesso prodotto con modalità proprie e uno stile di consumo personale, persino contraddittorio, quando cambia il prodotto oggetto del desiderio o del bisogno. Per provare ad accontentare una fascia di mercato più ampia, in risposta a nuovi stili e bisogni, un negozio deve presentare una gamma innovativa associata a fattori altrettanto innovativi: l’immagine e la qualità dell’area di vendita, le soluzioni espositive. Prendendo in esame la situazione anche sotto il profilo della relazione con il consumatore va garantito il mix composto da competenze, per le vendite consultive; ambientazioni, per elevare il livello di esperienzialità; gestione del prodotto, per garantire la funzionalità a libero servizio. Piace il punto vendita in linea con i tempi, su tutte le variabili che creano valore per chi acquista e che adotti diversi stili di consumo. Ovviamente per sapere che cosa voglia ed a che punto sia lo stato dell’arte in merito alla soddisfazione del consumatore con i canali del giardinaggio servirebbe un minimo di ricerca. A parlare di ricerche di mercato si rischia quasi di passare per blasfemi e quindi, rifacendomi al rumor di mercato, provo a riferire dei sentimenti e delle sensazioni circolanti. La percezione che diversi imprenditori hanno della situazione è la seguente: da un lato il giardinaggio non cambia e copia, non sempre bene, da dove non dovrebbe, alla ricerca di nuovi sbocchi pseudo innovativi, dall’altro ha perso la connotazione di “negozio tecnico”, di punto vendita della passione, della consultività, della reale specializzazione. Si sta perdendo l’identità senza aver acquisito una connotazione precisa e sostitutiva nel contesto di mercato. Né carne né pesce, posizione che apre uno scenario competitivo con nuovi mercati : la “bazarizzazione” secondo alcuni. Siamo nel mondo della comunicazione istantanea e chiunque volesse comunicare una novità ha a disposizione un’infinità di opportunità: smart phone, laptop, ed ora i paddle. L’informazione corre, immediata e genera una diffusione repentina di nuove opportunità, stili di consumo e nuove tendenze animano le vendite: si pensi a Zara, per esempio. Ma nel gardening l’innovazione di prodotto langue e molti reparti decor competono, sullo stesso piano, con la gamma che diversi punti vendita made in china, ormai diffusi, propongono prezzi incredibilmente più bassi. Nelle gamme specifiche, quelle del core business la competenza e la specializzazione non sempre sono all’altezza delle aspettative. In questo contesto si dovrebbe essere velocissimi nell’essere all’avanguardia per l’effetto moda, immagine e innovazione. Andrebbe bene anche una “bazarizzazione” posizionata non sul prezzo ma sui trends di consumo e sull’immagine. Ma non accade. Il rischio è che il consumatore trovi risposte in altri canali. E se l’industria inizia a pensarla così investirà nei canali a più alto potenziale. Ma si tratta di solo di rumor...

a maggiore disponibilità degli italiani verso stili di vita più naturali continua a dare conferme di sé, portando nuova linfa al mercato del gardening italiano. I segnali più eclatanti sono sotto gli occhi di tutti: la moda di realizzare orti nei terrazzi delle grandi città, il nuovo ruolo del florovivaismo nell’ambito dell’architettura (non più come banale elemento decorativo ma come elemento caratterizzante e quindi portante, basti pensare al “ritorno” del verde pensile e verticale), la sviluppo del km O che inevitabilmente promuove l’agricoltura local e la tipicità, fino ad arrivare ai guerrilla gardeners che, a proprie spese e con sprezzo del pericoloso, coltivano abusivamente spazi pubblici abbandonati dalle amministrazioni locali. Tutti elementi che – riuniti e analizzati nella loro globalità – contribuiscono a creare “un’onda” che sta evidentemente montando. L’ultima novità in questo senso è il debutto letterario di Serena Dandini: al grido di “Davanzali di tutto il mondo, unitevi!” e stupendo molti (che si aspettavano un libro dedicato alla televisione), l’ha dedicato alla sua passione per il giardinaggio (“Dai diamanti non nasce niente - storie di vita e di giardini” Rizzoli). Grazie allo stile coinvolgente (e che ben conosciamo) di Serena Dandini, l’ho “bevuto” in un paio di giorni e posso dire che sono i 19 euro meglio spesi negli ultimi anni. Fra l’altro, mentre sto scrivendo (fine maggio), “Dai diamanti non nasce niente” è primo nelle classifiche di vendita e penso si tratti della prima volta che un libro di giardinaggio entri nella hit dei best sellers. Un merito sicuramente del lavoro di Serena Dandini, ma forse trainato da quella voglia di verde che sta travolgendo la nostra società, di cui questo successo letterario è uno dei tanti segnali. Dovete assolutamente leggere questo libro perchè per la prima volta si affronta il tema del giardinaggio in chiave culturale. Il libro infatti lega, nel suo viaggio immaginario, il rapporto dei “grandi” della storia con il gardening (Virginia Wolf, Emily Dickinson, Claude Monet, Maria Antonietta, Fryderyk Chopin, ma anche George Harrison, Fabrizio De Andrè e Peter Sellers) con i ricordi di esperienze personali, i viaggi dei cacciatori di piante d’altri tempi con le visite ai parchi più significativi e i vivai più specializzati. Con una trama ricca di citazioni, versi poesie, anedotti e curiosità. Non è un manuale di giardinaggio (meno male) ma – come scrive l’autrice - un libro dedicato “a chi voleva cambiare il mondo e invece dopo un po’ si è accorto che è stato il mondo a cambiargli i connotati”. Un invito a rimboccarsi le maniche per migliorare il nostro pianeta, partendo direttamente dalle nostre case, dai davanzali, dai balconi, dai giardini. Perchè – come ricorda la Dandini citando un antico proverbio cinese – chi pianta un giardino semina la felicità.

I

greenline

3


Nutriamo il vostro Amore

Natural Superpremium Quality

:˅leXdfi\Z_\…[\jk`eXkfX[liXi\klkkXcXm`kX% Ef`[`Dfe^\cfjXgg`XdfY\e\g\iZ_„[XXee`Zli`XdfcËXc`d\ekXq`fe\[\cmfjkifZXe\\[\cmfjkif^Xkkf% <[…g\ihl\jkfZ_\m`gifgfe`XdfDfe^\EXkliXcJlg\igi\d`ld#Jg\Z`Xc;f^\C\:_XkZfeZXie\]i\jZX# j\eqXZfcfiXek`\Zfej\imXek`#g\if]]i`i\X`efjki`g`ZZfc`Xd`Z`hlXcZfjX[`XeZfiXg`“^iXe[\1 `cY\e\jj\i\[`Zl`_XeefY`jf^efZfeleX]]\kkfjg\Z`Xc\%

Più avanti nel pet food www.monge.it


sommario

In questo numero

inserzionisti

3

  

ARTIS

Opinioni “Davanzali di tutto il mondo, unitevi!” Il consumatore corre veloce

di Paolo Milani di Paolo Montagnini

BARBIFLEX BAVICCHI

8



In primo piano

18



Annunci

20



Ambiente

22



CIB ITALBRICO CIFO DECO BY SONAFLOR

8

DEROMA FERRARI GROUP FERTIL FLORAGARD

Innovazione

ricerca e sviluppo

FLORINFO 

FLORMART

Il verde che non ti aspetti

FLORMERCATI GAFA

24



GUABER

Link

di Paola Tamborini

internet

GIORDANI

26



HORTUS SEMENTI

Cover Story

politiche sostenibili 

IPIERRE

di Paolo Milani

Green Retail Forum: il garden diventa sostenibile

JAL GROUP KEMPER

32



26 32

Living

di Paola Tamborini

MAGGIGROUP METALLURGICA FRIGERIO MITEC



34

MONGE

Incontri

produzione 

di Paolo Milani

Briggs & Stratton pensa all’ambiente

MONTECOLINO PETINITALY PRODAC



36

PVG



RABENSTEINER

38

RIBIMEX

42

di Paola Tamborini

Orticola 2011: il verde si incontra a Milano

Zoomark 

a cura della redazione

500 top manager a Buyer Point Brico

Orticola 

RICHEL

Eventi

Buyer point

di Paola Tamborini

Zoomark: il pet non conosce crisi

RP SOFT SERA ITALIA SONAFLOR

52



Acquisti green

pianta del mese

STA-FOR SUDEST EUROPE SUN TECNOVA TRIXIE

52

38 42

UFFICIO OLANDESE DEI FIORI VEBI VERDEMAX VIGLIETTA MATTEO greenline

5


53



Trade marketing

gestione

58 62

58



gestione 

62



di Valentina Bonadeo

L’esposizione a portata di cliente

Strutture

visual merchandising 

66

 

70

 



72

74

a cura di Dettagli

Reparto home decor: come creare un assortimento logico e innovativo?

Retail garden analisi Visita a Febo Garden

Retail brico Nuove aperture

Analisi

Ismea 

66

di Paolo Montagnini

Il business? Una partita da vincere

di Paola Lauricella

Marzo pazzerello: le vendite non decollano



New Line



Big Line

Collins s.r.l. Via G. Pezzotti, 4 20141 Milano Email: greenline@netcollins.com - www.netcollins.com Direttore Responsabile: David Giardino Direzione Commerciale: Natascia Giardino direzionecommerciale@netcollins.com Direttore editoriale Paolo Milani

paolo.milani@netcollins.com Coordinamento redazionale Paola Tamborini

paola.tamborini@netcollins.com Traffico impianti: Carlo Sangalli pubblicita2@netcollins.com La redazione: Marco Ugliano, Anna Tonet, Carlo Sangalli, Manuela Lai. Collaboratori: Enrico Bassignana, Edward Bent, Valentina Bonadeo (Studio Montagnini), Paola Lauricella (Ismea), Manuela Leonardi (fotografa), Lorenzo Luchetta, Marc Mignon (Meravigliosamente), Paolo Montagnini (Studio Montagnini), Andrea Pironi, Paolo Ricotti (Planet Life Foundation), Severino Sandrini (Mc Sinergie), Luisa Sovieni (Databank), John Stanley, Angelo Vavassori. Consulenti tecnici: Antonio D’Ambrosio (Rabensteiner), Arnaud Francheschini (Marchegay Richel), Cristian Pisoni (Rp Soft), Paolo Tenca (Tecnova), Fabio Torrini (Florinfo), Elisabetta Ferrari (Dettagli), Roberta Casartelli (Dettagli). Concessionaria esclusiva per la pubblicità: Collins Srl Via G. Pezzotti, 4-20141 Milano tel. 02/8372897 - 8375628 - fax 02/58103891 collins@netcollins.com - http://www.netcollins.com

45



A Zoomark vanno in scena le novità firmate Rinaldo Franco

75



Con G.F. piove sempre sul bagnato

Ufficio Commerciale: Elena De Franceschi - Marialuisa Cera marketing@netcollins.com - tel. 02/8372897 - fax 02/58103891 Ufficio Abbonamenti: Carlo Sangalli abbonamenti@netcollins.com Costo copia: € 1,55 Abbonamento triennale + contributo spese postali: Italia: € 45,00 Abb. annuale Paesi Europei UE: € 130,00 Abb. annuale Paesi Extraeuropei: € 170,00

Grafica e Impaginazione: Laserprint S.r.l. - Milano Fotolito: Laserprint S.r.l. - Milano Stampa: Pirovano s.r.l. - San Giuliano Milanese - Milano

45

Aderente al Sistema confindustriale

Associata all’USPI Unione Stampa Periodica Italiana

Associazione Nazionale Editoria Specializzata

Aut. Tribunale di Milano n. 420 del 2/7/2007 Iscrizione Roc n. 7709 Testata volontariamente sottoposta a certificazione di tiratura e diffusione in conformità al Regolamento C.S.S.T. Certificazione Stampa Specializzata Tecnica Per il periodo 01/01/2010 - 31/12/2010 Tiratura media: 8.200 copie Diffusione media: 7.951 copie Certificato CSST n° 2010-2079 del 28/02/2011 Società di revisione: Fausto Vittucci & C. s.a.s.

75

Il contenuto delle interviste rilasciate alla redazione di “GreenLine” è da ritenersi sempre espressione dei pareri propri delle persone interpellate. Tutti i testi ivi contenuti, sono riproducibili previa autorizzazione scritta da parte dell’editore e citando la fonte.

74 6

greenline

Informativa ex D. Lgs. 196/03 – Collins Srl titolare del trattamento tratta i dati personali liberamente conferiti per fornire i servizi indicati (n.d.r. gli abbonamenti).Per i diritti di cui all’art. 7 del D. Lgs. n.196/03 e per l’elenco di tutti i responsabili del trattamento previsto rivolgersi al responsabile del trattamento, che è l’amministratore. I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli abbonamenti, al marketing, all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società del Gruppo per le medesime finalità della raccolta e a società esterne per la spedizione della rivista e per l’invio di materiale promozionale. Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è il direttore responsabile cui, presso l’ufficio abbonamenti Collins Via Giovanni Pezzotti 4 – 20141 Milano, tel. 028372897, fax 0258103891, ci si può rivolgere per i diritti previsti dal D. Lgs. 196/03.


In primo piano

Il guerrilla gardening conquista le strade Il movimento guerrilla gardening, che si propone di denunciare le dimenticanze delle pubbliche amministrazioni in fatto di verde pubblico piantando fiori e arbusti nelle aree degradate delle città, ha trovato una nuova via di espressione: piantare fiori nelle buche delle strade. Il promotore è Pete Dungey, autodefinitosi “Britain’s pothole gardener” (il giardiniere inglese delle buche), e nel suo sito dichiara “Se piantassimo dei fiori in ogni buca, sarebbe come trasformare la strada in un prato”.

www.petedungey.com

Debutta la Magica Città Verde Il 4 giugno è stato presentato a Varese La Magica Città Verde, un progetto per la promozione del verde e del rispetto per la natura rivolto a tutte le età nato dalla collaborazione tra Color Your Life e PPH Italia (Plant Publicity Holland). Patrocinato da Promogiardinaggio e organizzato da Green City Italia, il progetto si articola in diverse iniziative, tra cui la collaborazione con PreNjmegen (la camminata che unisce adulti e bambini e che quest’anno festeggia la sua 40esima edizione) e il Raggio Verde Territoriale MILU (la tratta Milano-Lugano il cui percorso è immerso nel verde). Collaborazione al progetto anche altre realtà come il Castello di Pralormo, la Fondazione Don Gnocchi e la Fondazione I Felini. Il simbolo di La Magica Città Verde è l’Albero Guglielmo, che ha il compito di guidare i bambini nel viaggio di avvicinamento al verde. www.colour-your-life.it www.pph.nl www.alberoguglielmo.it www.promogiardinaggio.org www.greencity-italia.com


IL DISCO CHE INNAFFIA AL POSTO TUO!

L’innovazione tecnologica che si prende cura delle tue piante. Verdemagic® è realizzato in TerralenxTM, lҋinnoYatiYo Pateriale in ÀEra VXSeraVVorEente, VYilXSSato Gai Laboratori Lenzi Tecnologie per la protezione e lo VYilXppo Gelle piante 8na riYolXzione per la FXra, la protezione eG il PanteniPento Gelle tXe piante /o Vtrato Gi ÀEre aG alto potere aVVorEente rilaVFia lҋaFTXa in PoGo FoVtante e JraGXale JarantenGo la perIetta XPiGitj Gel terreno eG Xnҋ irriJazione ottiPale

Trattiene l’acqua e la rilascia gradualmente per giorni Fa risparmiare Àno al  di acqua Elimina le infestanti Mantiene costante temperatura e umidità per le radici Riutilizzabile per anni Riduce l’acqua nel sottovaso Uso ottimale per tutte le stagioni

XD I LQ

R  D     Y R O W H

L

O V

XR 

SHVR

$V

VRUEHDFT

WWW. VER D EMAX . I T

Via Provinciale per Poviglio, 109, 42022 Boretto (Reggio Emilia) Tel. 0522 481111 - Fax 0522 964577 verdemax@rama.it

0$'( ,1 ,7$/<


In primo piano

planning

Un 2011 ricco di iniziative per Mondo Verde 24/08/2011 - 27/08/2011 PLANTARIUM

Boskoop - Olanda - Plantarium Centre www.plantarium.nl

26/08/2011 - 30/08/2011 TENDENCE

Francoforte - Germania - Messe Frankfurt www.tendence.messefrankfurt.com

31/08/2011 - 03/09/2011 IPM MOSKA

Mosca - Russia - Exhibition Center www.ipm-moskau.com

02/09/2011 - 04/09/2011 MURABILIA

Lucca - Mura Urbane www.murabilia.com

04/09/2011 - 06/09/2011 SPOGA-GAFA

Colonia - Germania - KolnMesse

Segnaliamo tre interessanti iniziative del garden center Mondo Verde di Taneto di Gattatico (Re), membro del gruppo Giardinia. A febbraio ha inaugurato un impianto fotovoltaico da 100 kw, che presto sarà ampliato a 180 kw per permettere la totale autosufficienza del garden affiancandolo a un impianto geotermico. In primavera ha organizzato l’iniziativa La Natura nello Zaino dedicata ai bambini delle scuole primarie, con la distribuzione di bulbi, semi e piante aromatiche nelle scuole e l’organizzazione di giornate dedicate alle scuole per permettere bimbi di cimentarsi con il giardinaggio. In queste giornate un esperto insegna per circa due ore tutte le principali regole per coltivare le piante in casa. Infine il 21 maggio ha ospitato la tappa di Reggio Emilia di Miss Italia 2011, con l’assegnazione del titolo Miss Italia Mondo Verde valido per l’accesso alle finali regionali.

www.spogagafa.com

www.mondoverde.org

Cassetto portacenere

STUFE A PELLET Crogiuolo

Guarnizione in silicone

IDRO

Grande frontale in ghisa

Focolare in ghisa con aria 2ª combustione

CUCINE A LEGNA Grande vano porta legna

I prodotti Zibro a pellet e a legna sono caratterizzati da una tecnologia innovativa e da materiali di ottima qualità, per garantire una resa termica ottimale e una perfetta diffusione del calore. Le stufe a pellet permettono una programmazione settimanale e si avvalgono dell’esclusivo doppio o triplo scarico fumi, che consente maggiore libertà nella scelta della collocazione. Le stufe a legna, grazie alla seconda combustione, assicurano un riscaldamento “pulito” e senza sprechi. Il concetto tradizionale della cucina a legna viene rinnovato con la funzionalità dei più avanzati sistemi, per garantire una maggiore durata di calore e la realizzazione di ottime pietanze! Zibro rinnova il calore nel rispetto dell’ambiente.

Scopri tutta la gamma! Visita il sito www.zibro.it

CANALIZZABILE

STUFE A LEGNA


planning 08/09/2011 - 11/09/2011 MACEF

Leroy Merlin a caccia di manager in tutta Italia Per selezionare 40 futuri capi settore, Leroy Merlin ha partecipato il 26 maggio a Job Meeting tour a Roma. Un “viaggio” che toccherà tutta Italia e nel quale i responsabili delle risorse umane e dei punti vendita potranno incontrare e selezionare i manager dei futuro. Job Meeting è un evento partecipato delle più grandi aziende italiane e internazionali e ha come obiettivo la semplificazione dell’incontro tra l’industria e i migliori laureati. Dopo il debutto romano, il tour proseguirà a Bologna (19 ottobre), Padova (11 novembre) e Milano (1 dicembre).

Milano - FieraMilano Rho www.macef.it

09/09/2011 - 13/09/2011 MAJSON ET OBJETS

Parigi - Francia - Paris Nord Villepinte www.maison-objet.com

10/09/2011 - 12/09/2011 DEMOGARDEN

Segrate (MI) - Parco Esposizioni di Novegro www.demogarden.it

15/09/2011 - 17/09/2011 FLORMART

Padova - Padovafiere www.leroymerlin.it

www.flormart.it

15/19/2011-16/19/2011 GREEN DATE

Padova – Padovafiere www.mondopratico.it

l’agenda completa è su

i nostri vasi:

un piacere sceglierli

DECO by Sonaflor - Via Molina, 15 - 37060 SONA (Verona) Italy tel. +390456081462 - fax +390456081256 - www.sonaflordeco.com - info@sonaflordeco.com


Aperto a Milano un giardino ”temporaneo” Il 26 maggio è stato inaugurato un giardino temporaneo a Milano, in viale Montello, con l’obiettivo di dimostrare come si potrebbero recuperare aree degradate, utilizzando materiali riciclati e a basso costo, seguendo esempi ed esperienze di altre città europee. Progettato da Atelier delle Verdure, il giardino è stato realizzato da un gruppo di cittadini (tra cui architetti, paesaggisti e vivaisti), ma data l’assenza di significativi contributi economici e la forte incertezza nel destino dell’area (dovrebbe ospitare un parcheggio multipiano ma intanto è in completo abbandono), si è scelto di cominciare da pochi elementi riconoscibili, come la pulizia dell’area, un percorso di attraversamento e vasche per piccoli orti urbani. Speriamo che la maggiore sensibilità ecologica del nuovo sindaco porti alla creazione di un giardino “stabile”, invece di un ennesimo parcheggio multipiano. www.atelierdelleverdure.it

Ryobi leader in Usa nel 2010 Nel 2010 Ryobi si conferma leader di vendite nel segmento fai da te del mercato elettroutensili in Usa. Ryobi, che fa capo al Gruppo TTI, conferma così la posizione conquistata nel 2009. Ricordiamo che dopo gli Stati Uniti, l’espansione di Ryobi ha toccato l’Europa: negli ultimi tre anni, ha conquistato posizioni di rilievo in Francia, in Gran Bretagna e nella penisola Scandinava e si prepara ora alla conquista dell’Italia. Gli utensili a batteria (la gamma più completa di elettroutensili e macchine da giardino con batteria a ioni di litio del settore consumer) hanno un ruolo chiave nella crescita di Ryobi, grazie all’appartenenza al Gruppo TTI. In soli due anni ha rinnovato completamente la gamma, con nuove macchine dall’elevato rapporto qualità/prezzo, caratterizzate da un design attuale ed ergonomico e dalla nuova livrea Hypergreen.

www.ryobitools.it


In primo piano

Nuove adesioni per DemoGarden

Va in Emilia la Coppa Italia Federfiori Il 28 e 29 maggio si è svolta a Jesolo la 10a edizione della Coppa Italia Federfiori, vinta da Enrico Castelli (Emilia Romagna) precedendo Emiliano Amadei (Lombardia) e Irene Pareti (Liguria). La manifestazione, organizzata da Federfiori e Confcommercio, ha visto la partecipazione di 150 fioristi e più di 2.000 visitatori che hanno ricevuto in omaggio 3.000 fiori. Il vincitore della Coppa Italia avrà accesso alla Coppa Europa che si svolgerà in settembre nella Repubblica Ceca. Mentre il Veneto – vista l’ottima organizzazione di questa decima edizione - sarà candidato a ospitare la successiva edizione del trofeo europeo. www.federfiori.it

Con Grillo e Sabre si allarga il gruppo di aziende che sosterranno la seconda edizione di Demogarden, in programma da sabato 10 a lunedì 12 settembre presso il Parco Esposizioni di Novegro (a Segrate a due passi da Milano). Voluto e promosso da un gruppo di aziende leader, DemoGarden è il grande evento italiano dedicato alla motocoltura che, accanto agli stand espositivi al coperto, offre l’unicità di un parco di 95.000 mq per permettere ai visitatori (professionali e privati) di toccare con mano e provare le macchine. Per la seconda edizione è già previsto un importante ampliamento della parte formativa, con incontri dedicati ai manutentori, ai tecnici del verde (istituzioni) e agli hobbisti realizzato in collaborazione con la Fondazione Minoprio e Turf Europe (spinoff dell'Università di Pisa). www.demogarden.it


Chi investe nella crescita, vuole la soluzione più intelligente.

Magnaghi lascia Obi Italia Dopo l'avvicendamento tra Marco Montemerlo e Pietro Migliori alla guida di Bricocenter, un altro big del bricolage italiano cambia vertice: Antonio Magnaghi ha infatti lasciato l'incarico di amministratore delegato di Obi Italia. Per ora a sostituirlo ad interim sarà Paolo Alemagna, che ben conosce Obi Italia poichè l'ha guidata, insieme a Sergio Giroldi, nei primi anni Duemila. Oggi Alemagna e Giroldi fanno parte del Consiglio di Amministrazione della capogruppo Obi Germania. L'avvicendamento non procurerà conseguenze negative sul ruolo e sullo sviluppo di Obi in Italia, che anzi prevede un'intensificazione nei prossimi anni.

www.obi-italia.it

Il caldo spinge le vendite negli Usa Innumerevoli possibilità e sempre un risultato importante: la crescita fiorente della vostra azienda. Da oltre 30 anni forniamo in tutta Europa soluzioni individuali personalizzate, dalla progettazione fino alla consegna chiavi in mano.

www.rabensteiner.eu

LA SERRA

Il sito Usa www.diyweek.net rivela che la meteorologia ha avuto un effetto positivo sul mercato statunitense: secondo gli ultimi dati di GfK Retail & Technology le vendite di gardening dei centri bricolage sono aumentate del 6% nello scorso aprile (rispetto all’aprile 2010) con picchi del 27% in alcuni prodotti stagionali. Ma le crescite sono generalizzate: fertilizzanti per prato +9%, sementi per prato +19%, diserbanti +58%, compost +12%, irrigazione +19% e barbecue +70%.


Scott Professional diventa Everris La divisione Global Professional ceduta da Scotts a ICL Specialty Fertilizers lo scorso febbraio, opererà con un nuovo nome: Everris, che unendo i termini inglesi “ever” e “rising” vuole simboleggiare l’impegno della nuova società a migliorare sempre più le tecnologie e i prodotti per i professionisti del verde. “Per anni – ha spiegato Fred Bosch, direttore generale di Everris - abbiamo aiutato i coltivatori e i gestori di tappeti erbosi a mettere a punto programmi di concimazione o di gestione fitosanitaria sempre più intelligenti ed efficaci, spesso combinando tra loro le nostre tecnologie esclusive, per nutrire le piante esattamente con ciò di cui hanno bisogno e quando ne hanno bisogno. Everris combina l'esperienza tecnica e le risorse sia di Scotts che ICL, e questo ci consente di sentirci pronti a far ulteriormente evolvere la nostra - già fortemente marcata - attitudine all’innovazione”.

Pircher dona 30 alberi per un parco Il 29 aprile Pircher ha donato al Comune di Rolo 30 alberi che contribuiranno a riqualificare una zona verde, adiacente al lago di pesca sportiva Rubona, che il Comune vuole destinare a nuovo parco per i cittadini, attrezzato con panchine e giochi per i più piccoli. Il percorso imprenditoriale intrapreso da Pircher, caratterizzato da un impegno etico nei confronti del territorio e della collettività, ha dato vita un anno fa al progetto Green Dream che comprende azioni in diversi ambiti, tra cui la sicurezza sul posto di lavoro, l’attenzione per l’ambiente e il tessuto sociale.

www.everris.com

www.pircher.eu

www.scottsprobecomes.com

www.greendream.org


In primo piano

annunci Agriconsult, azienda specializzata nel settore arboricoltura, tappeti erbosi, vivaismo e floricoltura, CERCA UN AGENTE per le province di Asti, Alessandria, Torino, Cuneo e Aosta. Si garantisce un portafoglio clienti e si richiede professionalità e introduzione. Per informazioni contattare il numero 348-7112744 oppure lo 0332-289355.

Agrigard Ant, azienda leader nella produzione di quadri di comando, sensori e centraline elettroniche per l'irrigazione e per il controllo climatico nelle serre, CERCA FIGURE PROFESSIONALI, per ampliare e rafforzare la rete vendita, da inserire sul territorio Italiano. L’azienda curerà direttamente la selezione. Inviare dettagliato curriculum a info@antsrl.it autorizzando esplicitamente il trattamento dei propri dati personali.

Herbatech SELEZIONA GIOVANE AGENTE DI COMMERCIO da inserire nel settore dei prati professionali in Piemonte, Liguria, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Basilicata e Sicilia. Si richiedono un titolo di studio nelle discipline agricolo/forestali, un’esperienza nels ettore della manutenzione del verde e buone capacità relazionali. Inviare curriculum all’indirizzo info@herbatech.com.

HP Group Spa, azienda leader nello stampaggio rotazionale, RICERCA AGENTI DI COMMERCIO a cui affidare la rappresentanza dei prodotti a marchio HILARY'S GARDEN e HILARY'S PET, per le zone libere. Si garantisce portafoglio clienti già avviato. Si richiede professionalità, preparazione e forte motivazione, oltre a una comprovata esperienza maturata nel settore garden & pet. I candidati interessati possono inviare il curriculum via e-mail all'indirizzo: amministrazione@hpgroupspa.com

NEW

NEW

NEW

Sudest Europe RICERCA AGENTI per zone libere. Inviare curriculum all’indirizzo sudest@sudest.it.

Azienda in rapida espansione nel settore della vaseria ornamentale da interno ed esterno, CERCA PER IL POTENZIAMENTO DELLA PROPRIA RETE, AGENTI MONO O PLURIMANDATARI per le zone libere per il canale Garden Center in Italia. I professionisti interessati possono inviare richiesta a: Info@sonaflordeco.com oppure telefonare ai numeri 0456081462 o 3476661878.

Per informazioni contattare GF3 all’indirizzo master01@interfree.it. CEDESI IN LOCAZIONE VIVAIO con tunnel coperti di mq 1500 nell’entroterra riminese. Per informazioni contattare il numero 3391080424.

Vuoi pubblicare un annuncio? Invia un testo breve completo di tutti i tuoi dati all’indirizzo greenline@netcollins.com o via fax al nr 02-58103891. La pubblicazione degli annunci è gratuita.


in collaborazione con

Ambiente

commercio eco-consapevole La protezione diventa naturale Garantire un’abbronzatura sicura, durante l’ esposizione al sole è fondamentale, ma difficile senza usare prodotti con coloranti e conservanti. Natur&sun di BeMa Cosmetici protegge dai raggi UVA con l’utilizzo di filtri naturali ottenuti dalle alghe e di origine 100% biologica realizzata con estratti di agricoltura Bio. La linea Bio Natur&Sun, comprende prodotti per ogni tipo di esigenza, fra i quali 30 UVA: una lozione idratante e abbronzante indicata per le pelli molto sensibili o zone molto delicate, ideale per luoghi ad alta intensità solare. Tutte le creme BeMa Cosmetici sono testate al Nichel, Cromo e Cobalto, per una totale prevenzione contro allergie e irritazioni.

www.bemacosmetici.it

OrtoMio ci insegna a coltivare online Sul sito web www.ortomio.it è possibile seguire in diretta, istante per istante, tutte le fasi di crescita delle diverse piante da orto che si stanno trapiantando in questo momento. Sono sempre di più le famiglie che, alla ricerca di cibi naturali, affrontano la divertente esperienza di realizzare un orto. Chi ha un giardino ha qualche vantaggio, ma in questi ultimi anni sono apparsi molti orti anche sui terrazzi delle grandi città. Ma coltivare un orto è così facile? Per rispondere ai dubbi di molti neofiti, OrtoMio, azienda specializzata, con la più ampia gamma di piccole piantine da orto e presente in tutti i garden center, ha realizzato il primo “grande fratello” dell’orto. Attraverso il sito è possibile seguire in diretta lo sviluppo di un vero orto. Tre capienti vasche in legno contengono le più conosciute varietà da orto, come pomodori, peperoni, melanzane, lattuga, sedano, cipolle, peperoncini, ecc. Il primo trapianto è stato fatto il 22 aprile e attraverso le immagini - sempre in diretta - sarà interessante confrontare lo sviluppo delle proprie piante con quelle che OrtoMio coltiva a scopo dimostrativo. La telecamera si sposta e zooma, mostrando tutte le piante anche nei minimi particolari. www.ortomio.it


Innovazione

a cura della redazione

ricerca e sviluppo

Il verde che non ti aspetti > SeedBallz sono delle piccole palline di terra che, senza bisogno di interramento ma solo con l’ausilio di acqua, faranno germogliare un coloratissimo mazzo di fiori.

> Questa bacchetta irrigatrice permette di bagnare numerosi vasi contemporaneamente con un solo gesto: basta aggiustare la pressione dal rubinetto e il gioco è fatto!

> Ecco il perfetto gadget per chi non può fare a meno di mostrare la sua passione per il verde in ogni momento: con una struttura in plastica interna può essere usato come vaso o come borsetta!

> Con PotMover Caddy non bisogna più chiedere aiuto per spostare i pesanti vasi dal giardino o dal terrazzo: questo carrello porta fino a 50 kg ed è dotato di sistema di bloccaggio automatico.

> Un uccellino di vetro è in realtà un simpatico e originale sistema per tenere irrigato un vaso costantemente, perfetto per le vacanze estive contiene fino a 1 litro d’acqua.

22

greenline

Per ricreare un piccolo < giardino pensile in casa, ecco un sistema dal design semplice e funzionale per integrare fino a 10 piante differenti in un unica struttura.

Con un paio di questi fiori < piantati a terra, una colorata luce soffusa illuminerà il giardino al tramonto! Si alimentano a energia solare e sono dotati di sensore per accensione automatica.

Questo tubo elastico permette < di irrigare con tranquillità il prato senza il fastidio dell’ingombro e dei nodi. Disponibile in vari colori, si allunga fino a 15 metri.

Basta un pò di senso pratico < per creare un piccolo giardino verticale “riciclato” da un pallet in legno, un’idea interessante per chi non ha spazio e vuole dare un tocco di originalità al proprio balcone.

Water Wiggler non è < solamente una fontanella da giardino ma anche una lampada pulsante che attira gli uccellini e allo stesso modo, allontana gli insetti dalla superficie.


Link

internet

È on line il nuovo sito Psenner Ben strutturato e studiato in tutte le sue sezioni, il sito Psenner rappresenta un esempio ben riuscito di comunicazione on line, disponibile nelle due declinazioni, per professionista (www.psenner.it) e per consumatore (www.provenwinners.it). Una navigazione semplice ma completa in cui scoprire le foto di tutte le piante, i consigli tecnici di coltura, il canale youtube con i video delle varietà e la ricerca dei punti vendita italiani.

www.psenner.it www.provenwinners.it

Tercomposti presenta il nuovo sito web Il nuovo sito Tercomposti presenta i prodotti in modo intuitivo e semplice, offre schede aggiornate e complete e aiuta a individuare il prodotto più adatto a qualsiasi esigenza attraverso la suddivisione per tipologia e le indicazioni nella scheda. La nuova grafica, più verde e allegra, comunica il piacere di dedicarsi al proprio hobby, attraverso un’impostazione pulita e immagini di persone felicemente immerse nel verde e nei lavori di giardinaggio. Tra le novità del sito, le aree dedicate ai florovivaisti e ai manutentori, con cataloghi, informazioni utili, e la sezione dedicata al pellet. Permangono nel nuovo portale le aree news, rassegna stampa e ricerca dei punti vendita, e naturalmente sono ben evidenti i link al blog Tivogliotantoverde.com, con i consigli e le curiosità sul giardinaggio, e la pagina Facebook del Dottor Belfusto. www.tercomposti.com www.tivogliotantoverde.com www.comunicazione.itsol.it

24

greenline

www.hozelock.it Tutti i prodotti Hozelock a portata di click: diviso in sei sezioni a seconda dell’argomento trattato: è possibile consultare la raccolta completa dei libretti di istruzioni ma anche ottenere una risposta a tutte le richieste di informazioni legate al mondo dell’irrigazione grazie alla ‘guida alla scelta’.

www.mcculloch.biz Moderno nella grafica e intuitivo nella navigabilità, il nuovo sito McCulloch offre la possibilità di visionare tutti i prodotti a catalogo e di viverli attraverso suoni realistici, per un’esperienza unica e suggestiva. McCulloch non ha trascurato niente, dando grande rilievo anche al servizio post-vendita, inserendo l’elenco dei centri assistenza autorizzati e dando anche la possibilità di scaricare i manuali d’uso e di manutenzione dei prodotti.


Adesso

con

fino al 31. 12.2 Valido 01 1

are 80 f

alcuni terricci specifi ci F lor ag

oto

€10,-

ar d

per un valore di ca.

u lo s

er stamp

So

BUONO SCONT O p

La sua felicità … potete vederla, toccarla e sentirla! Il nuovo terriccio biologico Floragard • Appropriato per il giardinaggio ecologico, senza alcun limite! • Naturale al 100% e con pura concimazione organica • Flora-Vital® garantisce l’approvvigionamento di elementi nutritivi e favorisce la salute delle piante. • I microrganismi attivano il terreno in maniera naturale

Dare il meglio. Dal 1919! www.floragard.com · Fon. 0049 (0) 441-2092-0


Cover story

politiche sostenibili

Green Retail Forum: il garden diventa sostenibile Il 17 maggio scorso abbiamo organizzato il convegno “Green Retail Forum” dedicato allo sviluppo delle politiche della sostenibilità nel mercato italiano del bricolage e del gardening. Ecco i principali contenuti e l’intervento di Michelangelo Rainone, direttore generale di Botanic Italia.

L’

ecosostenibilità sarà (o forse dovrei dire “è”) il driver di sviluppo più importante dei prossimi anni, sia per il sistema distributivo sia per il mondo industriale. Non possiamo più fare finta che le problematiche ambientali siano secondarie o frutto della fantasia di qualche ecologista ortodosso: il pianeta è a rischio e la promozione di comportamenti ecosostenibili è un dovere – e non solo un’opportunità – per tutti gli imprenditori. I consumatori sono sempre più attenti alle industrie e ai dealer che dimostrano sensibilità verso questi temi e verso il futuro delle giovani generazioni e tutte le statistiche ci dicono che – anche in Italia – il consumatore valuta con sempre maggiore attenzione queste variabili all’atto di selezionare gli acquisti. Proprio per creare un momento di confronto tra gli operatori del nostro mercato e per tracciare delle linee guida utili a tutti gli imprenditori, abbiamo deciso di organizzare il convegno Green Retail Forum - Il retail sostenibile nel Brico&Garden, lo scorso 17 maggio a Milano. Un momento di incontro di alto profilo, che ripeteremo nei prossimi anni proprio per accompagnare lo sviluppo dell’etica della sostenibilità nel nostro mercato e fornire elementi di analisi utili a tutti gli imprenditori. In occasione della prima edizione di Green Retail Forum abbiamo segmentato l’analisi in due momenti distinti: le esperienze di retail sostenibile (cioè le best practice, i buoni esempi) e i fattori chiave della sostenibilità nel retail (cioè i grandi temi sui quali iniziare a lavorare). Per le best practice abbiamo scelto tre esempi del mondo dei garden center, dei centri bricolage e della GDO, in particolare: • Michelangelo Rainone, direttore generale di Botanic Italia - la prima catena di garden center che ha fatto scelte sostenibili “forti”. • Eric Dewitte, responsabile supply chain di Leroy Merlin - l’insegna brico che maggiormente si sta distinguendo su questo fronte e che ha recentemente realizzato un decalogo sostenibile a favore dei propri fornitori. • Corrado Menozzi, responsabile attività sociali e ambientali di Crai Supermercati - la prima catena food che ha adottato i distributori di prodotti sfusi EcoPoint, prima nel nonfood (per esempio i detersivi) e oggi anche nel food (un esempio affine al nostro mercato sono gli alimenti secchi per cani e gatti). Nei fattori chiave siamo partiti dall’analisi di alcuni temi particolarmente significativi: • i materiali, con Mauro Masiero di FSC, il marchio che certifica la provenienza

26

greenline

di Paolo Milani


sostenibile del legno; • l’architettura, con l’architetto Giulio Ceppi di TotalTool, la società che ha curato la realizzazione del primo Autogrill ecosostenibile a Ravenna; • l’efficienza energetica, con Andrea Seminara di Azzero Co2; • i processi e l’organizzazione, con Emanuele Plata di Planet Life Economy Foundation ; • il Life Cycle Assessment LCA (cioè la “Valutazione del Ciclo di Vita”), con Roberta Alani di Ispra/Ecolabel. La LCA rappresenta uno degli strumenti fondamentali per l’attuazione di una Politica Integrata dei Prodotti e si tratta di un metodo oggettivo di valutazione e quantificazione dei carichi energetici e ambientali e degli impatti potenziali associati ad un prodotto lungo l’intero ciclo di vita, dall’acquisizione delle materie prime fino al “fine vita”. Di seguito vi proponiamo l’intervento di Michelangelo Rainone di Botanic Italia che a Green Retail Forum ha raccontato il cammino della catena francese sul fronte della sostenibilità e i progetti futuri. Un intervento che – ci auguriamo – possa essere di aiuto ad altri garden center per intraprendere un cammino più virtuoso.

Nella foto (da destra): Corrado Menozzi (responsabile attività sociali e ambientali di Crai Supermercati), Domenico Canzoniero (moderatore di Green Retail Forum), Michelangelo Rainone (direttore generale di Botanic Italia) ed Eric Dewitte (responsabile supply chain di Leroy Merlin).

fin dalla nostra creazione, nel 1995, i primi garden sono stati subito concepiti con materiali naturali (legno e vetro essenzialmente). Già allora per la comunicazione pubblicitaria utilizzavamo solo carta riciclata e nel reparto animali abbiamo evitato le specie protette, invasive o non addomesticabili. Passo dopo passo abbiamo proseguito su questa strada e, nel 1998, abbiamo lanciato in Francia il primo terriccio senza torba e nel 1999 una gamma di concimi al 100% naturali a marchio Botanic. Nel 2001 un altro passo importante: sempre orientati verso tutto ciò che è il rispetto per l’ambiente, abbiamo pensato di iniziare a eliminare alcuni prodotti che ritenevano invasivi. Per queMICHELANGELO RAINONE: UN PATTO CON L’AMBIENTE sta ragione abbiamo smesso di vendere i mobili in pvc. Nel 2004 Essendo venditori di articoli naturali, come i prodotti vegetali, già abbiamo detto stop alla distribuzione delle borse in plastica alle dalla nostra nascita abbiamo stabilito un patto con l’ambiente. Noi casse ben prima degli obblighi legislativi. In alternativa nei nostri di Botanic abbiamo però deciso di stabilire un patto con l’ambiennegozi proponiamo solo sacchetti in carta e cartoni riciclati. Nel te ancora più solido e rispettoso. 2005 Botanic diventa membro di TFT (Tropical Forest Trust) per Partiamo però dalla genesi: Botanic è stata creata nel 1995 nella garantire l’origine legale e la gestione responsabile della foresta regione della Savoia, una regione di agricoltori quindi gente che ha esotica. Nel 2006 un altro passo importante. Abbiamo creato la veramente il contatto con la terra. Fin dalla sua creazione ha vissulinea EcoGiardinaggio: “eco” come economico e come ecocompato un rapido sviluppo: è passata da 12 garden center nel 1995 tibile. Abbiamo scelto 700 prodotti per coltivare la passione per fino a 58 nel 2010, di cui 5 attualmente presenti in Italia. il giardinaggio nel modo più ecoresponsabile, cercando di offrire Lo sviluppo ecosostenibile rappresenta per Botanic una priorità: al cliente anche il prezzo più economico. Nel 2006 è stato addiritutilizzare materiali biodegradabili, puliti e riciclabili ed eliminare o tura instaurato in azienda un sistema di bonus malus per le auto ridurre i prodotti fabbricati con l’impiego di aziendali, basato sull’emissione della Co2: i petrolio o con un impatto ecologico troppo dipendenti Botanic che scelgono vetture invasivo. che inquinano meno vedono diminuire il Il nostro impegno, in sintesi, è promuovecontributo da versare, che può essere addire un nuovo modo di vivere, più rispettorittura azzerato. Sempre nel 2006 abbiamo so nei confronti dell’ambiente, più responinaugurato una nuova piattaforma a Auxine sabile ma anche - riteniamo - più appaganvicino a Lione: una struttura a basso te e innovativo. É nostro desiderio – utilizimpatto ambientale sia nella concezione zo la parola “desiderio” perchè di tale si che nel funzionamento. Il 2007 è una data tratta – trasmettere alle persone la importante per noi: abbiamo ritirato dalla Michelangelo Rainone, direttore voglia di orientarsi verso un nuovo modo vendita self service i prodotti fertilizzanti e i generale di Botanic Italia. di vivere. Fornire prodotti, consigli e servitrattamenti chimici, creando contestualzi che possano incoraggiare tutti ad mente i punto consiglio EcoGiardinaggio. In affrontare questo cambiamento. Italia abbiamo fatto questo passo nel 2008. Inizialmente la nostra ambizione è stata di offrire tutti i prodotti per A seguire abbiamo sviluppato e approfondito la gamma creare un bel giardino ecologico; è questo il nostro core business. EcoGiardinaggio e oggi non abbiamo più nessun concime chimiMa progressivamente abbiamo inserito prodotti ecologici per la co di sintesi in azienda. cura degli animali da compagnia, per la pulizia della casa e per Nel 2007, hanno veramente topico, non ci bastava questo grande il benessere dell’uomo. gesto e abbiamo pensato di offrire ai nostri clienti un assortimento di oltre 4.000 articoli biologici alimentari. Il 7 aprile del 2010, IL CAMMINO DELLA SOSTENIBILITÀ un anno fa, il nuovo reparto alimentari bio è stato aperto anche in Vogliamo che i nostri negozi siano un simbolo rispetto all’impatto Italia in area test a Vercelli. Oggi in Francia e Italia sono già 22 i sull’ambiente (quella che si usa chiamare l’impronta ecologica), garden center che vendono prodotti alimentari bio. sia nella loro ideazione e integrazione paesaggistica, sia nella Nel 2008 abbiamo cominciato ad applicare la sostenibilità anche gestione quotidiana. Il rispetto dell’ambiente è nei geni di Botanic: sulle piante, promuovendo il Roseto Ecologico: 200 varietà scelte

“Siamo convinti che l’insieme di queste concezioni sia sorretto dall’idea che l’economia deve essere al servizio dell’uomo e non il contrario”.

greenline

27


Un momento della relazione di Michelangelo Rainone a Green Retail Forum del 17 maggio scorso.

per la qualità dei profumi e la resistenza alle malattie, per ridurre drasticamente i trattamenti antiparassitari. I nostri rosai possono essere addirittura interrati con il vaso che è 100% biodegradabile e si decompone totalmente. Anche le etichette delle varietà sono biodegradabili. Sullo stesso concetto a seguire abbiamo realizzato altre 2 linee ecocompatibili: i Piccoli Frutti e le Rampicanti. Per Botanic il prodotto vegetale rappresenta circa il 35% del giro d’affari e ci è sembrato giusto affrontare anche questo mondo perchè la produzione vegetale è consumatrice di concimi, pesticidi, acqua, energia, ecc. Ci siamo iniziati a chiedere “noi facciamo molto e va bene, ma i nostri fornitori cosa fanno?”.

“Inizialmente la nostra ambizione è stata di offrire tutti i prodotti per creare un bel giardino ecologico; è questo il nostro core business. Ma progressivamente abbiamo inserito prodotti ecologici per la cura degli animali da compagnia, per la pulizia della casa e per il benessere dell’uomo”. Michelangelo Rainone, direttore generale di Botanic Italia.

Così abbiamo cercato una soluzione in linea con i nostri principi; dopo un’analisi di vari enti, abbiamo scelto l’ente certificatore MPS e abbiamo avviato una collaborazione. I produttori certificati MPS tengono sotto controllo e riducono considerevolmente il consumo di pesticidi: in Francia i produttori MPS in tre anni hanno ridotto del 34% il consumo di pesticidi e del 28% quello di azoto. Perchè MPS? Perchè propone una certificazione basata sulle performance ambientali ed è il referente in materia di certificazione florovivaistica. Fornisce un sistema programmato e progressivo, basato su una misurazione obiettiva delle performance ambientali, e assicura l’affidabilità dei risultati e della certificazione stessa.


Per capire il nostro impegno su questo fronte, guardiamo qualche numero. In Francia gli acquisti Botanic da produttori certificati MPS sono circa il 65% del totale: il 50% nelle piante da giardino, il 60% nelle fioriture stagionali e il 64% nelle piante da interno. Le piante da orto e le aromatiche bio rappresentano il 73% dell’offerta. In Italia cerchiamo di seguire l’esempio francese ma abbiamo più difficoltà nel trovare produttori certificati MPS: qui il 39% delle piante totali sono MPS, il 30% delle stagionali e il 50% delle piante da interno. Le piante da orto e le aromatiche bio rappresentano, oggi, il 50% della nostra offerta.

I PROSSIMI PASSI L’ho detto all’inizio: Botanic ha fatto un patto per il futuro. Per i prossimi anni abbiamo già stabilito un piano di sviluppo delle politiche commerciali incentrato in 35 punti, per cercare di trasmettere un’idea nuova e quindi portare il cliente a fare giardinaggio diversamente, a nutrirsi diversamente, a consumare diversamente, a commerciare diversamente. Tra i 35 punti i più significativi sono: • zero pvc negli imballaggi e nei prodotti in presenza di un’altrernativa affidabile, efficace e più ecologica; • privilegiare i prodotti durevoli, utili e affidabili; • sviluppare delle gamme di prodotti naturali, ecologici e biologici accessibili a tutti; • continuare il nostro impegno con i fornitori di prodotti vegetali. L’obiettivo è di arrivare al 100% dei prodotti certificati MPS; • 100% dei prodotti in legno esotico certificato FSC o TFT. Ma in particolare vorremmo anche pian piano ridurre l’importazione di questi legni e favorire il legno locale. Cercando, anche in questo caso, di realizzare una certificazione; • inoltre favoriremo nei nostri assortimenti i prodotti tessili realizzati con tinture con prodotti chimici il cui impatto ambientale sia minimizzato; • 100% del cotone certificato biologico; • infine intendiamo sviluppare una libreria con un’offerta centrata sull’ecologia e sullo sviluppo del sostenibile. Per arrivare a tutti questi traguardi, dobbiamo in primis sensibilizzare i nostri consumatori: questo è l’impegno in assoluto primario. Sviluppare una maggiore consapevolezza sulle tematiche ambientali e sul rispetto dei principi etici e sociali. Dobbiamo dare maggiori informazioni sul ciclo di vita dei prodotti: dalle materie prime utilizzate alle condizioni di lavoro garantite dal produttore, fino al suo smaltimento finale. Intendiamo fare dei nostri punti vendita un luogo conviviale, di incontro, di scambio e di sensibilizzazione appunto allo sviluppo del sostenibile. Puntiamo quindi a una nuova economia, per un nuovo modo di vivere. Siamo convinti che l’insieme di queste concezioni sia sorretto dall’idea che l’economia deve essere al servizio dell’uomo e non il contrario.

Tutto su Green Retail Forum Per guardare i video di tutti gli interventi e le slide di Green Retail Forum è sufficiente collegarsi al sito www.greenretail.it.


living 1

2

Motivi floreali, tinte originali, materiali innovativi: con l’arrivo dell’estate esplodono nuove idee in giardino

1 

Emu - Realizzata completamente in acciaio, la serie Ivy è una gamma di arredi dal design lineare e rigoroso. Estremamente comoda, la poltrona sinuosa e morbida aderisce perfettamente alle forme del corpo.

La parola d’ordine è: colore!

di Paola Tamborini

3


greenline

33

7

8









8 

6

Lechuza - Un modello Classico, che si adatta a tutti gli ambienti regalando un’eleganza non ostentata: distribuito da Dedi, è disponibile in varie misure e colori.

7

Serralunga - Il designer Rodolfo Dordoni e Serralunga hanno ridato vita a uno dei vasi di più grande successo dell’azienda: è il vaso Ming, che per l’occasione prende il nome Ming Extra High. Una nuova versione, in dimensioni oversize, adattabile a tutti gli ambienti.

6

Pircher - Tra le proposte di Pircher per il rivestimento esterno c’è questa pavimentazione antiscivolo rigata fine, un tocco elegante e ordinato per gli ambienti esterni.

5

Roberti - Una collezione che propone strutture leggere e “grafiche” nei colori bianco e caffè: è Hamptons Graphics, la collezione evoluta presentata all’ultimo Salone del Mobile.

4

Nardi - Aria è il piccolo sofà con elegante struttura dogata in polipropilene con pendant di cuscini imbottiti. In abbinato, è anche disponibile il tavolino.



3 Ethimo - La chaise longue Cruise è provvista di schienale regolabile in tre posizioni: in teak verniciato a poro aperto, è disponibile in tre tinte o al naturale.



D&M - Straight è una collezione contraddistinta da un design sobrio e lineare e realizzata con gomma flessibile e impermeabile, adatta per l’esterno ma anche per gli ambienti interni. La linea D&M Straight è disponibile in beige, cioccolato, verde, nero, rosso, arancio, bianco e fucsia. 2

4

5


Incontri

produzione

Briggs & Stratton per l’ambiente di Paolo Milani

I

l 28 marzo Briggs & Stratton ha annunciato il lancio della nuova gamma di motori E-Series, che saranno distribuiti in Europa a partire dal 2011 per la stagione 2012. Si tratta di cinque nuovi motori monocilindrici ad albero verticale studiati per una vasta gamma di applicazioni per il giardinaggio. Saranno adeguati allo standard E-Series anche le serie 600/700 e 800. I motori E-Series, come suggerisce la E iniziale, hanno l’obiettivo primario di ridurre le emissioni nocive. Per saperne di più abbiamo incontrato Alessandro Durante, direttore di Briggs & Stratton in Italia.

IL 79% DEI CLIENTI VUOLE UN RASAERBA MENO INQUINANTE

GreenLine: La nuova linea E-Series è focalizzata sulla riduzione delle emissioni inquinanti. Quanto è importante la sostenibilità per Briggs & Stratton? Alessandro Durante: I risultati delle nostre ricerche di mercato mostrano chiaramente un aumento della consapevolezza dei consumatori relativamente alle tematiche ambientali e il nostro impegno sarà di ridurre le emissioni inquinanti al di sotto dello standard europeo di almeno il 25%. Il fattore ambientale è sempre più importante anche nell’acquisto di un rasaerba: nei più sviluppati mercati dell'Europa occidentale, tra il 79% e il 98% degli utilizzatori intervistati hanno inserito il tema ambientale come un fattore signi-

34

greenline

Per oltre il 90% dei consumatori europei il tema ambientale è un fattore significativo nella selezione degli acquisti e il 79% sarebbe disposto a spendere di più per un rasaerba meno inquinante. Partendo da questi trend Briggs & Stratton ha lanciato la nuova gamma di motori E-Series, studiata per ridurre al minimo le emissioni inquinanti. Ce ne parla Alessandro Durante, direttore di Briggs & Stratton in Italia.

ficativo nella loro decisione d'acquisto. Fino al 79% degli intervistati ha affermato di essere disposta a pagare un prezzo più alto per un rasaerba meno inquinante. La gamma E-Series è nata per rispondere a queste esigenze: ed è interessante notare che non solo riduce in modo significativo le emissioni inquinanti, ma è ben al di sotto degli standard stabiliti dalla Normativa Europea. GreenLine: In che modo siete riusciti a ridurre le emissioni? Alessandro Durante: Posso citare il modello 550EX Eco Plus, che si contraddistingue per una serie di accorgimenti per la riduzione dei vapori dovuti all’evaporazione della benzina. Per esempio il serbatoio per la benzina in nylon trattato, il tappo del serbatoio con recupero dei vapori e i tubi del carburante a bassa per-

meabilità. L’evaporazione di benzina avviene sia quando la macchina è in funzione sia quando è a riposo: è per questa ragione che possiamo sentire odore di benzina nel magazzino dove viene riposto il rasaerba. La tecnologia Eco Plus riduce queste emissioni evaporative e quindi anche l'odore derivante. Riducendo le emissioni evaporative il motore Eco Plus garantisce la performance ideale per gli utilizzatori più attenti all'ambiente. GreenLine: Oltre agli aspetti ecologici, quali sono i plus di questi motori? Alessandro Durante: Per esempio l’avviamento più facile e la riduzione dei livelli di rumorosità. Il tutto con la garanzia di qualità, potenza, performance e affidabilità che sono ormai diventate sinonimo del marchio Briggs & Stratton.


Un programma completo per rettili e anfibi SOFFRE L’EUROPA MENTRE AUMENTANO LE IMPORTAZIONE DAL FAR EAST GreenLine: Fornendo i motori a moltissimi produttori di macchine per il giardino, avete un osservatorio privilegiato sullo stato di salute di questo comparto, che nel 2008 ha segnato un -10% delle vendite (a volume) e nel 2009 e 2010 non è riuscito a recuperare questo gap. Qual è il clima della motocoltura italiana? Alessandro Durante: Nel corso della presentazione della E-Series Initiative ad Heidelberg in Germania ci siamo confrontati con i principali produttori proprio su questo argomento. Direi che tutti hanno concordato che la stagione 2009 ha registrato una contrazione del 20% rispetto alla stagione 2008 a livello europeo. La stagione 2010 ha sofferto un'ulteriore riduzione del 5%, principalmente dovuta a un eccesso di stock sui canali.

particolare. I dati statistici, anche se non sempre di facile interpretazione, mostrano volumi che sono passati da qualche migliaio di macchine nel 2005 alle 650.000 macchine del 2010.

VERSO LE NUOVE TECNOLOGIE

Greenline: Nel 2009 avete realizzato un sito internet davvero completo e ricco di informazioni: come mai avete deciso di puntare su uno strumento come internet? Alessandro Durante: Conduciamo regolarmente ricerche di mercato per monitorare trend e comportamenti degli utilizzatori. In particolare emerge da qualche anno a questa parte che nel processo di scelta di un prodotto sempre più consumatori utilizzano internet come fonte di raccolta di informazioni. Negli USA le ricerche mostrano che il 46% dei consumatori utilizza regolarmente internet per ricercare informazioni sui

Mangimi e biocondizionatori in combinazione ottimale, insieme ad una tecnica innovativa, favoriscono il benessere dei rettili e garantiscono una vita lunga e sana. I SERA mangimi per rettili sono creati per le esigenze alimentari specifiche degli animali terrestri ed acquatici.

prodotti, effettuare comparazioni, ecc. Stiamo anche conducendo ricerche per valutare l'utilizzo dei codici QR nei nostri motori dato che la diffusione degli smartphones si sitma supererà nel 2013 il personal computer quale mezzo di accesso ad internet. Crediamo che internet sia un mezzo potente per entrare in contatto direttamente con i consumatori in modo da coglierne direttamente e più velocemente le tendenze e le richieste. Il mercato americano è oggi certamente più pronto a recepire queste innovazioni ma anche in Europa i comportamenti dei consumatori stanno evolvendo rapidamente. www.briggsandstratton.com

Per terrari secondo natura

era.it

www.s

41/03I

La stagione in corso mostra alcuni segnali di inversione di tendenza. Il sell in è stato in generale positivo rispetto all'anno precedente e il sell out, positivo nei mesi iniziali, sta subendo alcune battute di arresto nelle ultime settimane a causa delle condizioni atmosferiche non favorevoli. In ogni caso dovremmo aspettare ancora per avere una visione più precisa. Sicuramente in questi ultimi tre anni alcuni mercati hanno sofferto meno mostrando contrazioni inferiori alla media. Mi riferisco a Germania e all'area Scandinava. Un altro aspetto rilevante, che è stato oggetto di una discussione approfondita, sono i volumi di rasaerba con motore a scoppio importati in Europa dai paesi far east e dalla Cina in

Negli acquaterrari SERA reptil aquatan crea condizioni dell’acqua secondo natura. SERA reptibioclear e il materiale filtrante SERA siporax depurano l’acqua in modo bio-attivo. I terrari SERA sono completi dell’innovativa tecnica SERA e sono subito pronti per l’uso.


Eventi

buyer point

500 top manager a Buyer Point Brico Il 17 maggio 500 top manager del mondo del diy italiano, tra cui 40 Buyer delle più importanti catene specializzate, si sono incontrati a Milano per parlare d’affari. Non in un convegno, ma in uno speed date in rapidi meeting di 15 minuti. a cura della redazione

S

ono stati più di 500 i top manager che hanno accolto il nostro invito e hanno partecipato il 17 maggio a Milano a BUYER POINT BRICO, la borsa del bricolage che attraverso circa 500 business meeting personali ha messo in contatto 40 buyer (dei più importanti gruppi distributivi) con oltre 330 potenziali fornitori. Parliamo in prima persona perchè BUYER POINT è un progetto del Gruppo Editoriale Collins, che edita anche Greenline.

IL RAPPORTO PERSONALE IN PRIMO PIANO BUYER POINT ha privilegiato la concretezza e il business tout court con una formula innovativa per il nostro mercato ma già sperimentata con successo in altri mondi: 40 buyer selezionati fra le insegne più importanti hanno incontrato in rapida successione una serie di industrie italiane in brevi business meeting di circa 15 minuti. Con vantaggi per tutti. I Buyer hanno la possibilità di entrare in contatto con decine di nuove realtà, preselezionate, in una giornata fatta di brevi speed date e con la certezza di avere un rapporto diretto con i top manager delle varie aziende. Le Industrie hanno la possibilità di incontrare e conoscere i 40 Top Buyer del settore: è difficile 36

greenline

fare delle stime, ma crediamo di non sbagliare nel pensare che i gruppi presenti sviluppino più di qualche miliardo di euro. BUYER POINT non è dunque una “fiera”, in cui la predominante è l’esposizione dei prodotti di migliaia di brand, e non è un “convegno”, che privilegia l’approfondimento al business. BUYER POINT è un modo nuovo di relazionare gli attori più importanti del mercato e sottintende una chiave ludica: tutte le Industrie (gratuitamente) possono chiedere gli appuntamenti e - se hanno fortuna (ma anche il prodotto giusto, il giusto modo di presentarsi, il giusto prezzo, la giusta logistica, ecc.) - possono incontrare i più importanti buyer italiani in poche ore. “BUYER POINT - ha spiegato David Giardino, il promotore dell’evento - si sta dimostrando (perchè siamo alla 4a edizione) un trampolino fantastico (e gratuito) soprattutto per tantissime piccole e medie imprese e per il made in Italy, spesso in possesso di un’idea vincente ma senza le chiavi per accedere ai canali più importanti, cioè i Buyer dei grandi gruppi. I quali, avendo l’obiettivo di ridurre le importazioni dall’estremo oriente per innalzare la qualità a prezzi competitivi, hanno proprio la necessità di individuare dei partner nazionali, con cui instaurare collaborazioni proficue per entrambi”.

20-21 ottobre: non perdete BUYER POINT GARDEN! La prossima edizione di BUYER POINT sarà dedicata alle merceologie del gardening e dell’outdoor e si terrà giovedì 20 e venerdì 21 ottobre a Rimini, in collaborazione con la Mostra SUN. Le aziende e i buyer interessati a partecipare a BUYER POINT GARDEN possono iscriversi nel sito www.buyerpoint.it.


media partner

...RITORNA

Torna Buyer Point, nella sua declinazione garden e nella sua storica collocazione di Rimini. Nella cornice del SUN i più importanti buyer delle insegne del bricolage e del garden incontrano i brand più significativi. Un modo nuovo di concludere affari, adatto a un mercato moderno, articolato su rapidi incontri one-to-one il cui valore aggiunto è il contatto diretto.

GRUPPO EDITORIALE COLLINS SRL

Via G. Pezzotti 4 - 20141 Milano tel. 0039/028372897 fax 0039/0258103891 www.mondopratico.it - www.netcollins.com E-mail: marketing@netcollins.com

Registrati su

www.buyerpoint.it e richiedi gli appuntamenti con le insegne presenti

in collaborazione con


Eventi

orticola

Orticola 2011: il verde si incontra a Milano Nei Giardini Pubblici Indro Montanelli a Milano è andata in scena la XVI edizione di Orticola, in unâ&#x20AC;&#x2122;area di 10 mila mq. Tra colori e profumi di piante particolari e ricercate e un ampio spazio dedicato a orto e ortaggi, vi presentiamo una rassegna fotografica della mostra mercato. foto di Paola Tamborini

38

greenline


societĂ del gruppo Suba, svolge la propria attivitĂ  di commercio delle sementi dal 1992. Grazie a questa appartenenza la maggioranza delle varietĂ  presenti a catalogo sono moltiplicate su nostri portaseme, le produzioni sono tutte testate nei nostri campi prova da tecnici specializzati, le sementi sono analizzate nei nostri laboratori e in laboratori pubblici, il confezionamento avviene in ambienti idonei con macchinari ad alta tecnologia, la commercializzazione avviene tramite una rete vendita presente su tutto il territorio nazionale suddivisa per brand e per canali distributivi. Siamo quindi a presentarvi la seconda: Family brands specializzata per il canale tradizionale (agrarie, coop agricole)

dim. cm 12x16,5

dim. cm 13x20

Gr. 250 - dim. cm. 10,5x16,5x3,5 Gr. 500 - dim. cm. 12x19x4,5 Kg 1 - dim. cm. 14x22x5,2

dim. cm. 17,7x

6,4x27


Maggi, prodotti per passione

La comunicazione Maggi per il Supporto al personale di vendita

Informazioni e suggerimenti al consumatore

Cataloghi e guide alla vendita consapevole e alle tipologie di merchandising per consigliare gli acquisti e organizzare al meglio il punto vendita.

Depliant e mini-cataloghi che presentano le varie linee, spiegano i plus dei materiali e delle finiture, aiutano a conoscere la gamma e scegliere il prodotto giusto.

IS per voi GRATiali mater una guida sui

In questi settori: Bricolage lavori in casa - Giardinaggio lavori all’aria aperta - Vacanze, tempo libero e sport

per voi GRATIS una guida sui materiali

GUIDA STO ALL’ACQUI OLE GUIDA CONSAPEV ALL’ACQUISTO CONSAPEVOLE


La qualità della vita è fatta di tante piccole-grandi passioni, che accompagnano il tempo libero, gli hobby, la creatività, gli affetti, la voglia di libertà. Maggigroup® lo sa. Per questo propone soluzioni che rendono più facile, pratico e sicuro risolvere moltissime situazioni e necessità fuori e dentro casa, nel bricolage come nelle attività sportive, nella gestione intelligente dei veicoli e dei natanti. Corde, catene, fili e moltissimi accessori, realizzati con un’attenzione costante per la qualità dei materiali e delle lavorazioni. Perché l’impegno di Maggigroup® è

BIANCHI ERREPI ASSOCIATI

del tutto simile a quello di chi utilizza i suoi prodotti: pensati, realizzati e proposti con passione.

punto vendita Packaging che “parla”

Soluzioni espositive originali e razionali, personalizzate nelle dimensioni e nelle configurazioni merceologiche, per aiutare la vendita Do it Yourself.

Un vero e proprio progetto di dialogo con il consumatore che riporta con chiarezza tutte le informazioni più utili per una scelta consapevole in base alle esigenze e alle applicazioni, con una particolare attenzione dedicata all’uso corretto e alla salvaguardia ambientale.

Con questi prodotti: Corde, Catene, Fili e trecce, Accessori

®

®

Visual merchandising

42X

POLIPROPILENE - POLYPROPYLENE

mm

TRECCIA VERDE GREEN BRAID IDEALE PER - BEST FOR

Cima con anima in polipropilene rivestito con treccia multifilo in polipropilene 100% Carico di rottura 160 kg (+/- 5%) Kg/100mt = 4,250 kg. Polypropylene’s string covered with multithreads braid in polypropylene100%. Breaking load about 160 kg (+/- 5%). Kg/100mt = 4,250 kg.

STRUCTURE WITH CORE PROTECTS THE NATURE

IS NO 04 PE-LD

NO


Eventi

zoomark a cura della redazione

Zoomark International: il pet non conosce crisi Ciò che traspare dai risultati di Zoomark è un’aria di sostanziale ottimismo ed entusiasmo; aumentano espositori e visitatori, si innalza la qualità dei prodotti presentati e cresce l’interesse della fiera da parte di aziende e buyer stranieri. Vediamo i punti di forza di un settore che non conosce crisi.

42

greenline


C

on un grande successo di pubblico si è conclusa la 14esima edizione di Zoomark International, biennale di riferimento del settore pet, svoltasi a Bologna dal 12 al 15 maggio. Già prima di iniziare, il Salone dei prodotti per l’alimentazione e la cura degli animali da compagnia aveva registrato il tutto esaurito: 636 espositori, il 58% proveniente da 37 Paesi del mondo, hanno confermato la loro fiducia al Salone, impegnandosi nel creare prodotti innovativi e sempre più all’avanguardia, presentati all’interno di stand colorati, originali e molto curati. L’incremento di visitatori esteri è il dato che più balza all’occhio, con una crescita del 15%. I dati finali di bilancio, con i buyer italiani che superano la soglia delle 16mila presenze e gli stranieri oltre le 5mila, confermano la sensazione di soddisfazione e ribadiscono il ruolo centrale di Zoomark nel panorama fieristico internazionale. Il successo della fiera ha rispecchiato l’andamento di un settore che, nonostante la crisi, tiene molto bene e anche quest’anno registra risultati positivi: i dati di mercato presentati nel Rapporto Assalco-Zoomark sull'Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, indicano che il settore pet sia aumentato del +2,2% nel principale segmento, quello degli alimenti per cane e gatto. Nel 2010 il mercato pet ha raggiunto i 1.536 milioni di euro di cui, in particolare, 627 milioni per la vendita di alimenti per cani e 836 milioni per quella di alimenti per gatti sui due principali cana-


li distributivi, grande distribuzione organizzata e petshop specializzati. Per quanto riguarda gli alimenti per altri animali, che in totale valgono circa 21 milioni, il mercato mostra una flessione dell’1,1% secondo quanto rilevato nel canale GDO. Il settore non food, ovvero i prodotti per la cura, l’igiene, la bellezza, il comfort e il gioco fanno registrare una crescita del 4,5% nella GDO, per un valore complessivo di 59 milioni di euro. Positivo anche l’andamento delle lettiere per gatti, il segmento più forte del non food del canale

GDO che genera, da solo, un valore di quasi 63 milioni di euro, con una crescita del 3,7% rispetto all’anno precedente.

DAL LUSSO ALL’UTILE, LE NOVITÀ IN FIERA Diete personalizzate, giochi che tengono compagnia all’animale quando il padrone è assente, sistemi che permettono all’amico a quattro zampe di servirsi della toilette di casa, ma anche prodotti

che asportano germi e batteri, offrono un comfort eccezionale, migliorano l’ambiente in cui convivono uomo e pet; e poi lo spray antistress, le ciotole telescopiche, le mantelline riscaldanti o rinfrescanti, il seggiolone per cani e l’acquario appeso alla parete come fosse una tv. Ma anche l’urna-pocket per avere sempre in borsetta le ceneri dell’amico scomparso. Sono alcune delle più curiose novità presentate a Zoomark International 2011.


Big line

A Zoomark vanno in scena le novità firmate Rinaldo Franco Nei 300 mq dello stand, uno dei più ampi della rassegna, Rinaldo Franco ha presentato sul palcoscenico di Zoomark 2011 un gran numero di novità, registrando l’apprezzamento dei numerosi visitatori giunti dall’Italia e dall’estero. Numerose novità e un’altissima affluenza di visitatori hanno caratterizzato la partecipazione di Rinaldo Franco a Zoomark di Bologna, la quattordiceStand Zoomark 2011 sima edizione del Salone Internazionale dei Prodotti e delle Attrezzature per gli animali da compagnia. In uno degli stand più ampi dell’intera manifestazione, diviso in quattro aree merceologiche distinte (prodotti per il riposo, cura e igiene, accessori cane, alimentazione e accessori per altri animali), l’azienda ha allestito anche una postazione con dimostrazioni di toelettatura e rifinitura del pelo di diverse razze canine, diventando un punto d’incontro per scambiare suggerimenti e consigli tecnici con clienti e visitatori. Presente fin dalla prima edizione di Zoomark del 1985 – la società ha registrato nelle quattro giornate della rassegna un gran numero di visite, molte provenienti dall’estero – cogliendo l’occasione di distribuire a dettaglianti, grossisti, pet-shop, garden e buyers della grande distribuzione una copia del nuovo catalogo generale RECORD, un volume di oltre 200 pagine con l’intera offerta di 5.000 articoli che spaziano nei settori della toelettatura, cura e igiene, accessori e alimentazione, giochi e abbigliamento, riposo e gadget, prodotti per uccellini, roditori, pesci e tartarughe.

Best Bone integratore Anima cute sana

LE NOVITÀ DI ZOOMARK 2011 Integratori alimentari Best Bone Anima - Linea di 9 referenze di integratori alimentari a base naturale che, grazie a specifiche formulazioni, favoriscono la salute di cani e gatti correggendo eventuali stati di carenza. I prodotti sono stati ideati per esempio per favorire la crescita, rinforzare il pelo, aiutare a combattere i problemi dermatologici, diminuire lo stress, combattere problemi urinari, regolarizzare l’intestino, favorire la guarigione nei soggetti convalescenti e dare nuova energia. La pratica confezione in barattolo da 240 gr contiene il misurino per un corretto dosaggio. Lettiera vegetale Siria - Lettiera vegetale 100% biodegradabile, ottenuta dai granuli del tutolo di mais trattato con un’esclusiva biotecnologia brevettata, che li rende agglomeranti, aumenta l’assorbimento dei liquidi ed evita il formarsi dei cattivi odori. Nel formato da 7 litri, è priva di polveri e si smaltisce facilmente nell’umido della raccolta differenziata. Mangimi per uccelli e roditori Darwin’s - Linea completa di 16 referenze di sticks, snack e mangimi per uccelli e roditori di alta qualità in diverse ricette selezionate per tipologia di animale. Gli sticks sono in confezioni sottovuoto con 2 bastoncini per busta mentre snack e mangimi sono in sacchetto flow pack salva freschezza richiudibile e confezionati in atmosfera protettiva. Alimenti per uccelli e roditori Darwin’s linea Porta crocchette Crock and Go - Accessorio completa di 16 referenze pratico e igienico che si aggancia comodamente alla cintura per contenere gli snack premio da dare al cane durante le passeggiate o l’addestramento. Estremamente semplice da utilizzare per estrarre e distribuire il contenuto.

Per ulteriori informazioni: www.recordit.com

greenline

45


3R`aN

QRV

;\[[V

*M  PUUPCSF EJ PHOJ BOOP TJ DFMFCSB MB 'FTUB EFJ /POOJ VOiNPNFOUP QFS DFMFCSBSF MJNQPSUBO[B EFM SVPMP TWPM UP EBJ OPOOJ BMMJOUFSOP EFMMF GBNJHMJF F EFMMB TPDJFUร‹ JO HFOFSBMFw DPNF TQJFHB MB -FHHF  EFM  DIF MIB JO USPEPUUB JO *UBMJB 6OB SJDPSSFO[B RVFMMB EFMMB 'FTUB EFJ /POOJ DIF JM NPOEP รธPSPWJWBJTUJDP DPOPTDF NPMUP CFOF QPJDIร FSBWBNP VTJ GFTUFHHJBSMB CFO QSJNB EFM SJDPOPTDJNFOUP TUBUBMF EFM  -P GBDFWBNP B HJVHOP HSB[JF BMMJOUVJ[JPOF EJ 'SBODP -PDBUFMMJ F EFMM6รณDJP 0MBOEFTF EFJ 'JPSJ DIF IBOOP TFNQSF DSFEVUP JO RVFTUB JOJ[JBUJWB VTBSF J รถPSJ DPNF USBJU EVOJPO USB OPOOJ F J OJQPUJ DIF TPOP HMJ BUUPSJ DPQSJNBSJ EJ RVFTUB GFTUB

#KPK2BBE?EKKH=J@AOA@AE#EKNE 1AOPE-=KHK*EH=JE

0NZ]NT[N QV P\Zb[VPNgV\[R  "ODIFRVFTUBOOPM6รณDJP0MBOEFTFEFJ 'JPSJ IB QSFQBSBUP VOB DBNQBHOB EJ DP NVOJDB[JPOFJOTUPSF DIFHJร‹MBOOPTDPSTP ร’ TUBUB BQQSF[[BUB TJB EBJ DPOTVNBUPSJ TJB EBJ

/FMMBGPUPJMLJUQFSMB'FTUBEFJ/POOJ GPSOJUPHSBUVJUB NFOUFEBMM6รณDJP0MBOEFTFEFJ'JPSJBรถPSJTUJFHBSEFO 6OCJHMJFUUPBVHVSBMFEBSFHBMBSFBPHOJCBNCJOPDIF MPQVร›DPMPSBSFFTDSJWFSFDPOEFEJDIFFBVHVSJ

DPNNFSDJBOUJ *O QBSUJDPMBSF MB GPSOJUVSB EJ VO CJHMJFUUP EBVHVSJEBJOรถMBSFOFMUFSSJDDJPEFMWBTPFDIFJCBNCJOJQPTTPOPQFS TPOBMJ[[BSF  QFS BDDPNQBHOBSF MB QJBOUB EB SFHBMBSF BJ OPOOJ * QVOUJ WFOEJUB DIF IBOOP BEFSJUP BMMJOJ[JBUJWB MBOOP TDPSTP IBOOP SFHJTUSBUP VO JNQPSUBOUF JODSFNFOUPEFMMFQJBOUFWFOEVUFDPNFSFHBMPJORVFTUPQFSJPEPNFOUSFMBWFO EJUBEJรถPSJร’SJNBTUBJOWBSJBUB MBWFOEJUBEFMMFQJBOUFBCCJOBUFBMCJHMJFUUPTPOP USJQMJDBUF4FDPOEPMBSJDFSDBDPOEPUUBEBMM6รณDJP0MBOEFTFEFJ'JPSJ MEFHMJ JOUFSWJTUBUJ IB EJDIJBSBUP EJ WPMFS OVPWBNFOUF QBSUFDJQBSF BMMB DBNQBHOB OFM *SJWFOEJUPSJ JOUFSFTTBUJQPTTPOPJTDSJWFSTJBMTJUPXXXVรณDJPEFJรถPSJPSH QFSSJDFWFSFJMLJUFJMNBUFSJBMFQSPNP[JPOBMF-FGBNJHMJF QPTTBOPVTBSFJMTJUP XXXGFTUBEFJOPOOJJU QFSDPOPTDFSFJMQVOUPWFOEJUBQJรกWJDJOPEPWFUSPWBSFJ CJHMJFUUJEBVHVSJQFSJCBNCJOJOFMTJUPDร’VOCJHMJFUUPJOUFSBUUJWP EBEFDPSBSF POMJOF

3JDIJFEFUFJWPTUSJLJUBMTJUP XXXVรณDJPEFJรถPSJPSH


"MDVOJNPNFOUJEFMMFQSFNJB[JPOJ EFM$PODPSTPi6OรถPSFQFSWPJ/POOJw UFOVUFTJB$FTFOBUJDP '$

*OVNFSJEFMMB 'FTUBEFJOPOOJ

.JMJPOJEJDPOUBUUJFEJPQQPSUVOJUร‹EFEJDBUFBMMB 'FTUB EFJ /POOJ DPO JM TFUUJNBOBMFi%POOB .PEFSOBw

$BQJUBSBSBNFOUF MBQPTTJ

/FMMFTUSBUFHJFEJDPNVOJDB[JPOFEFMM6รณDJP0MBOEFTFEFJ

CJMJUร‹EJBWFSFBQSPQSJBEJTQP

'JPSJ IBOOP QSFTP VOB TWPMUB FQPDBMF PSJFOUBOEPTJ DPNQMFUB

TJ[JPOFQJรกEJNJMJPOJEJDMJFOUJJOVO

NFOUFWFSTPJMQVCCMJDPDPOTVNBUPSF/PODIFRVFTUPGPTTFNBJ

VOJDPNPNFOUP NBRVFTUPTUBDBQJUBOEPJMPUUPCSF

TUBUPGBUUPQSJNB BO[J JOBMDVOJQBFTJFVSPQFJFOPO MBDPNVOJ

OFHMJVMUJNJBOOJ FOPOร’TPMBNFOUFMBDBUFHPSJBEFJOPOOJBE

DB[JPOFEFMM0MBOEBร’TFNQSFTUBUBSJWPMUBJONBHHJPSBO[BWFSTP

FTTFSFJOUFSFTTBUB  NBBORVFMMBEFJCBNCJOJ EFJHFOJUPSJFEJUVU

JMNFSDBUPDPOTVNFS GBUUPTUร‹DIFEBMMPCJFUUJWPQSJODJQB

UJRVFMMJDIFIBOOPBDIFGBSFDPOMPSP6OBNJSJBEFEJJOJ[JBUJWF

MF EJ UVUUF MF DBNQBHOF ร’ TUBUP JM DPOTVNBUPSF 1FS MB GFTUB EFJ

TPOPTUBUFQSFTFJOPOPSFEJRVFTUBGFTUB GSBRVFTUFXPSLTIPQ 

/POOJJO*UBMJB JMTFUUJNBOBMF%POOB.PEFSOB ร’TUBUPTDFMUPQFS

MBCPSBUPSJ TQFUUBDPMJ QJDDPMFGFTUF DPODPSTJ$MJDDBOEPTVHPP

DPNVOJDBSFBMHSBOEFQVCCMJDPVOOVPWPDPODPSTPEFEJDBUPBJ

HMFJOVNFSJTJWFEPOP CBTUJQFOTBSFBJSJTVMUBUJQSFTFO

/POOJ *M DPODPSTP TDFMUP QFS MPDDBTJPOF TJ JOUJUPMBWB i'BJ VOB

UBUJ  TDSJWFOEP TPMBNFOUFiGFTUB EFJ OPOOJw TVMMB SJHB EJ SJDFSDB 

EFEJDBQFSMB'FTUBEFJ/POOJF7JODJw"MDPODPSTPIBOOPBEF

BMMFJNNBHJOJDPSSFMBUFFWJEFPQSFTFOUJ

SJUP UBOUJ CBNCJOJ F BM WJODJUPSF ร’ TQFUUBUP JM QSJNP QSFNJP VO WJBHHJPDPOXFFLFOEBE"NTUFSEBNEBMBMHJVHOP

6OB'FTUBEFJOPOOJOPOTPMPBCBTFEJรถPSJ

QFSEVFQFSTPOF VOCBNCJOP EJFUร‹DPNQSFTBUSBJBOOJFHMJ

2VFTUBGFTUBOPOร’QBTTBUBJOPTTFSWBUBBMMFBMUSFDBUFHPSJFFTFU

BOOJDPNQJVUJ FEVOBEVMUP DPOWJTJUBBM(JBSEJOP#PUBOJDPF

UPSJ DPNF RVFMMF EFJ QBTUJDDFSJ DIF OFHMJ BOOJ QBTTBUJ BWFWBOP

BEVOB[JFOEBQSPEVUUSJDFEJPSDIJEFF%BMยกBMยกQSFNJPDPN

NFTTPJODBMFOEBSJPBODIFMBMPSPWFSTJPOFEFMMB'FTUBEFJ/POOJ 

QPTJ[JPOFDPTUJUVJUBEBQJBOUFEJPSDIJEFF

DPOVOBEBUBDPNQMFUBNFOUFEJWFSTB TFO[BDPOUBSFQPJMFWBSJF WFSTJPOJEJNPMUFBTTPDJB[JPOJ"NFUUFSFรถOFBUVUUFRVFTUFJOJ [JBUJWFJTPMBUFร’TUBUPMBSSJWPEFMMBMFHHFEFM$PNVO RVFJMTFUUPSFรธPSFBMFร’TUBUPJMQSJNPBEJOUSPEVSMBFBEFUUBEJ NPMUJDPOTVNBUPSJ QJBOUFFรถPSJTPOPJQSPEPUUJJEFBMJEBQPSUBSF BJ QSPQSJ OPOOJ  TJB QFS MF MPSP DBSBUUFSJTUJDIF FTUFUJDIF DIF QFS RVFMMFBรฒFUUJWFFTBMVUBSJ WJTUPDIFOPOGBOOPTBMJSFDPMFTUFSPMP  EJBCFUFPBMUSPBODPSB


$SFBMBUVB$BNQBHOBQVCCMJDJUBSJBQFSMBi'FTUBEFJ/POOJw *MNPOEPEFJ/POOJIBNPMUPJODPNVOFDPORVFMMPEFJCBNCJOJ GSBMFWBSJFRVBMJUร‹MBTFN QMJDJUร‹OFMWFEFSFMFDPTF FOFMNPEPEJQSFOEFSFMBWJUB/FMDSFBSFVOBWPTUSBDBNQBHOB QVCCMJDJUBSJBQFSTPOBMJ[[BUBEPWFUFUFOFSDPOUPOPOTPMPEJRVFTUP NBBODIFDIFBWFUF BDIFGBSFDPOEVFEJWFSTJUJQJEJTPHHFUUJEBVOBQBSUFQJรกJOHFOVJFTQFOTJFSBUJ EBMMBMUSB QJรก FTQFSUJ F DBQBSCJ %BMMB WPTUSB QBSUF BWFUF QFSร› MB GPSUVOB EJ QSPQPSSF VO QSPEPUUP TFNQMJDFDPNFMFQJBOUFFJรถPSJ JMWPTUSPDPNQJUPร’RVFMMPEJNFUUFSFJODPOUBUUPJEVF EJWFSTJHSVQQJDPOEFMMFQSPQPTUFTFNQMJDJ EJQJDDPMFEJNFOTJPOJ DVSJPTFFBQPSUBUBEJ UBTDIF *QJDDPMJLJUEFMM6รณDJP0MBOEFTFEFJ'JPSJ IBOOPBWVUPVOHSBOEFSJUPSOPOFMMBDBNQBHOB EFMMB'FTUBEFJ/POOJ UBOUPร’WFSPDIFWFSSBOOPSJQSPQPTUJBODIFQFSJM&DDP BMDVOFJEFFFQSPQPTUFTVDPNFVUJMJ[[BSMJFWFJDPMBSMJ

"TDVPMBEJNFTTBHHJWFSEJ (MJBTJMJ FMFTDVPMFNBUFSOF TPOPGSBJQVOUJNJHMJPSJEPWFQPUFUFQSPNVPWFSFMB'FTUB EFJ/POOJ.BFTUSJFEFEVDBUPSJTBSBOOPGFMJDJTTJNJEJBWFSFHSBUVJUBNFOUFJWPTUSJLJUEJ QBMFUUBFDPMPSJEBDPOTFHOBSFBJCBNCJOJEVSBOUFMFMPSPMF[JPOJEJEBUUJDIF*OWFOUBUFDPO HMJFEVDBUPSJVOQJDDPMPHJPDP EPWFJCBNCJOJEPWSBOOPBCCJOBSFVOBEFUFSNJOBUBWBSJFUร‹ EJQJBOUFPEJรถPSJ BEVONFTTBHHJPPVOEJTFHOPEBDPOTFHOBSFQPJJOTJFNFBMQSPQSJP OPOOP1SPQBHBOEBUFJMHJPDPDPOMPDBOEJOFFQJDDPMJEFQMJBOUQVCCMJDJUBSJQSFTTPOFHP[J FCBSEFMWPTUSPRVBSUJFSFPQBFTF"QBSUFTUBNQBUFDPVQPOPCVPOJTDPOUPEBDPOTFHOB SFBJCBNCJOJ QFSBDRVJTUBSFQSFTTPJMWPTUSPOFHP[JP MBQSPQSJBQJBOUBPNB[[PEJรถPSJP SFHBMPQFSJMQSPQSJPOPOOP

"SSVPMBUFJHFOJUPSJQFSJM0UUPCSF *O RVFTUB QSPQPTUB J HFOJUPSJ WFOHPOP DPJOWPMUJ DPNF QPSUBWPDFEFMMBDBNQBHOB1FSBSSVPMBSMJEPWFUFBMMFBS WJDPOB[JFOEFEJTQPTUFBDPMMBCPSBSFOFMEJTUSJCVJSFBJ EJQFOEFOUJ J LJU HSBUVJUJ EFMMF QBMFUUF EB DPMPSBSF "HMJ TUFTTJHFOJUPSJWBDPOTFHOBUPJOTJFNFBJLJUEBDPMPSBSF VOWPTUSPEFQMJBOUDPOMPรฒFSUBEJQJBOUFFCPVRVFUEJ TQPOJCJMJQFSJMPUUPCSFOFMWPTUSPOFHP[JP

%JTUSJCVUPSJEJFNP[JPOJ 4FO[BBOEBSFBTDPNPEBSFMFHSBOEJDPNQBHOJFQFUSP MJGFSF DPJOWPMHFUFJHFTUPSJEFJEJTUSJCVUPSJEJDBSCVSBOUF EFMMB WPTUSB [POB OFMMB EJTUSJCV[JPOF  EFMMF QBMFUUF EB DPMPSBSF BJQSPQSJDMJFOUJ"MMFHBUFTFNQSFBJLJUJWPTUSJ CVPOJTDPOUPFEFQMJBOUEJQVCCMJDJUร‹$IJFEFUFBMHFTUP SFEFMEJTUSJCVUPSFTFร’JOUFSFTTBUPBDSFBSFVOBQJDDPMB DBNQBHOBQSPNP[JPOBMFDPOWPJ EPWFJDMJFOUJGBDFOEP CFO[JOB  QPTTPOP SJDFWFSF VOP TDPOUP TVMMBDRVJTUP EJ QJBOUFPรถPSJQFSMBGFTUBEFJOPOOJ


.PNFOUJEJBMMFHSJBJOVOTJNQBUJDP XPSLTIPQPSHBOJ[[BUPQFSOPOOJFCBNCJOJ

-BGFTUBEFJOPOOJร’TFHVJUBDPOHSBOEFFOGBTJBO DIF OFMMF TDVPMF  RVFTUP ร’ NFSJUP EFMMB SJWJTUB 0, VOBSJWJTUBDPOPTDJVUJTTJNBEBBMMJFWJFNBFTUSJEJUVUUB *UBMJBTQFDJBMJ[[BUBOFMQPSUBSFBMNPOEPTDPMBTUJDPJOJ[JB UJWFFQSPQPTUFEJDBSBUUFSFTPDJBMF DVMUVSBMFFSJDSFBUJWP 1FSJM0,":*OTJFNFBMM6รณDJP0MBOEFTFEFJรถPSJ BM$PNJUBUP'FTUBEFJ/PO OJ JODPMMBCPSB[JPOFDPOJM$PNVOFEJ$FTFOBUJDPF-6รณDJP5VSJTNPEJ$FTFOBUJDP QSPQPOHPOPMB9**FEJ[JPOFEJi6OรถPSFQFSWPJ /POOJw JOJ[JBUJWBSJWPMUBBMMFTDVPMF QSJNBSJFFTFDPOEBSJF QSJNPHSBEP EJUVUUB*UBMJB'JOBMJUร‹EFMMJOJ[JBUJWBร’RVFMMBEJ BQSJSF VO EJBMPHP  DPO MB QPFTJB  USB MF QFSTPOF BO[JBOF F MF OVPWF HFOFSB[JPOJ *M DPODPSTPQPFUJDPJOWJUBSBHB[[JFSBHB[[FBQBSMBSFEFJQSPQSJOPOOJJNNBHJOBOEP DPNFHFTUPEJBUUFO[JPOFEJPรฒSJSFMPSPJMEPOPEJVOรถPSF TJNCPMPVOJWFSTBMFEJ BNPSF BNJDJ[JB TJNQBUJB SJTQFUUPFTUJNB

6OBOVPWBJOJ[JBUJWBEFEJDBUBBMMFQJBOUFFBJOPOOJ *MDPODPSTPi-BQJBOUBDIFNJQJBDFw 6OBMUSPDPODPSTPMBODJBUPOFMEBi0,":w "TTJFNFBMM6รณDJP0MBOEFTFEFJ'JPSJ ร’i-BQJBOUBDIFNJQJBDFw*MUFNBEJRVFTUPDPODPSTPร’PTTFSWB DPOPTDJ QFOTBF EJTFHOBi-BQJBOUBDIFNJQJBDFw "ODIFRVFTUPDPODPSTPร’TUBUPQSPQBHBOEBUPBUUSBWFSTPJMDJSDVJUPEFMMFTDVPMFJO TJFNFBRVFMMPEFMMF1PFTJFQFSJOPOOJ1FSJCBNCJOJร’VOPDDBTJPOFQFSJNQBSBSFB DPOPTDFSFJMNPOEPNFSBWJHMJPTPNPOEPEFMMFQJBOUF รถPSJUFPWFSEJ SJDDPEJWBSJFUร‹ FEJTPSQSFTF*OQBMJPBJWJODJUPSJTPOPTUBUJNFTTJNPMUJQSFNJBTPSQSFTB JOGBUUJB TDVPMFTBSร‹JOWJBUBJOPNBHHJPVOBCFMMJTTJNBQJBOUB DIFQPUSร‹FTTFSFEPOBUBBEVO OPOOPQFSJMPUUPCSF*NJHMJPSJEJTFHOJTBSBOOPJOPMUSFFTQPTUJB$FTFOBUJDPOFMMB NBOJGFTUB[JPOFรถOBMFEJi6O'JPSFQFS7PJw.BOPOTPMP(MJFMBCPSBUJQJรกCFMMJBWSBO OPMPOPSFEJFTTFSFJONPTUSBEBMBM/PWFNCSFOFMMPTUBOEEFMM6รณDJP0MBOEFTF EFJ'JPSJQSFTTPMB'JFSBJOUFSOB[JPOBMFEJ'MPSB)PMMBOEBE"BMTNFFSFJO0MBOEB1FSMF TDVPMFQJรกCSBWFBMUSJCFMMJTTJNJQSFNJ DIFTWFMFSFNPOFJQSPTTJNJOVNFSJ

i0LBZwร’VOBTJNQBUJDBSJWJTUBTJ SJWPMHFQSJODJQBMNFOUFBCBNCJOJDIF GSFRVFOUBOPMBTDVPMBEFMMPCCMJHP  FQSJODJQBMNFOUFBRVFMMJDPOGBTDJB EJFUร‹EBJBJBOOJ&JOWJBUBB TDVPMFNFEJF TDVPMF FMFNFOUBSJ TDVPMFNBUFSOF  JTUJUVUJTVQFSJPSJ0HOJDPQJBEJ 0,":ร’VUJMJ[[BUBJOVOBDMBTTFPJO QJรกDMBTTJ QFSVOCBDJOPEJMFUUPSJ TUJNBUPJOBMNFOPSBHB[[J &FEJUBUBEBVOBTTPDJB[JPOFPOMVT %BQJรกEJBOOJi0LBZwPSHBOJ[[BJM DPODPSTPi6OรถPSFQFS7PJ 1PFTJFQFS J/POOJw .PMUJTTJNFTPOPMFBEFTJPOJ BMDPODPSTPEBQBSUFEFJCBNCJOJEFMMF TDVPMFFMFNFOUBSJEJUVUUB*UBMJB CBTUJ QFOTBSFDIFMBOOPTDPSTPTPOPTUBUF QSFTFOUBUFQJรกEJQPFTJF


Acquisti green

la pianta del mese In collaborazione con Ufficio Olandese dei Fiori

L’Ufficio Olandese dei Fiori è l'agenzia di marketing dell’industria floricola olandese, costituita da e per il settore della floricoltura. Consente al consumatore di vedere e provare quanto siano speciali i fiori e le piante, e come possano arricchire sia la nostra vita sia quella altrui. Di conseguenza, l’Ufficio Olandese dei Fiori incoraggia l’aumento della domanda di fiori e di piante, sia a livello nazionale che all’estero.

Phalaenopsis, il regalo ideale

www.flowercouncil.org

L

a Phalaenopsis somiglia a una farfalla in volo e questo spiega l'origine del suo nome, una parola greca che significa "simile a una falena". I suoi fiori colorati dalla forma particolare rendono la Phalaenopsis la pianta perfetta per un regalo. La Phalaenopsis è una pianta di fiori in vaso facile da curare e che può essere fatta fiorire diverse volte. Per quanto riguarda le forme e i colori, le varietà della Phalaenopsis sono infinite, e ciò rende estremamente semplice trovarne una che si adatti al proprio gusto e stile personale, o a quello della persona alla quale la si offre. Questa "falena" è stata importata nell’Europa occidentale circa 400 anni fa in seguito alle spedizioni condotte nelle foreste tropicali asiatiche. Da allora, è divenuta un simbolo di femminilità, cooperazione, affetto, dedizione e autostima.

COME CURARLA L’amicizia con la pianta di Phalaenopsis può durare per anni. Poca acqua, ogni tanto un po' di concime speciale per orchidee e infine un posto luminoso (ma non esposto ai raggi solari diretti): è tutto ciò che serve per godere della reciproca compagnia per molto tempo a venire. Gli steli in media possono rimanere fioriti fino a 2 o 3 mesi.

52

greenline


Irri-gò. La riserva d’acqua che disseta le tue piante.

Irri-gò è rivoluzionario: con un semplice gesto garantirai alle tue piante la scorta d’acqua necessaria per una crescita sana e rigogliosa, anche quando non è possibile annaffiare. La sua speciale formulazione in gel, contenente acqua complessata, assicura infatti un’idratazione graduale e costante fino a 30 giorni. www.fito.info


Trade marketing

gestione

Il business? Una partita da vincere di Paolo Montagnini

Quali ragionamenti stanno alla base della nascita di un nuovo progetto? Dall’idea iniziale al piano di rientro, qualche riflessione sulla delicata fase di start up.

54

greenline

D

i norma alla base di qualsiasi nuovo investimento la parola che sta sulla bocca di tutti è business plan. Trovo che molti ne parlino senza in effetti sapere di cosa si tratta, sono molti i business plan tali solo di nome ma non nei contenuti. Di fatto, i quattro argomenti base che costituiscono un piano aziendale per un nuovo progetto riguardano la strategia, il piano di marketing (che non vuol dire fare i volantini), il piano organizzativo e quindi il piano economico finanziario. Chi legge un business plan, per esempio una banca, deve comprendere che cosa accade e quindi capire il progetto, il contesto di mercato e il ruolo che si vuole sostenere e raggiungere. Nel caso di un nuovo punto vendita si stabilisce il posizionamento di mercato e di prezzo, il piano di marketing si occupa di definire i dettagli, le gamme, la relazione con il cliente. Infine vengono messe a punto le variabili di merchandising, ossia

il micro marketing che considera un negozio come un mercato a cui applicare, in un contesto circoscritto, le medesime leggi adottate per il mercato esterno. C‘è poi il piano organizzativo: chi direttamente agisce, come, quando, e in quale ambito, cercando di utilizzare il principio della delega e le varie job description che descrivono ruoli e mansioni. Insomma le solite cose che vanno messe a punto affinché la macchina funzioni. Il tutto deve essere coerente e ben amalgamato: le mansioni, per esempio, devono essere coerenti con le decisioni di marketing e congrue con il piano economico e finanziario. È importante disporre di un piano di rientro e dell’analisi del punto di pareggio. Per le banche o gli investitori conta molto il calcolo di alcuni indici connessi al ritorno e/o alla redditività dell’investimento, come per esempio il TIR (che è anche il Tasso Interno di Rendimento e non solo un sinonimo di camion).


In buona sostanza, secondo la prospettiva economica, serve sapere se al terzo mese il fatturato è pari 100, quale percentuale di costi copra questo 100 e soprattutto se è in linea con le previsioni. Quindi il business plan permette a qualsiasi lettore di fornire chiare ed esaurienti informazioni su un progetto, a 360°, senza trascurare alcun aspetto. Ma è anche una dichiarazione che l’imprenditore fa a se stesso nel annunciare quello che vuole fare, con chi e per chi lo vuole fare, determinando come vuole relazionarsi al mercato e stabilendo dei precisi parametri economici di previsione. Il business plan è un documento rigoroso per se stesso e per il mercato: permette che non si cambi continuamente idea, come una bandiera al vento, cambiando rotta in corso d’opera, questo genera confusione e costi aggiuntivi. Va anche evitato di emulare la trovata dell’ultima, di seguire il pettegolezzo per sopperire alla mancanza di idee sicure e ben ponderate, tutto ciò genera confusione, anche nel cliente. Ma attualmente il business plan è messo in discussione, non si tratta di un “evergreen” in un mercato in cui invecchia tutto, pure lui. Steven Gary Bianche (detto Blank), è un imprenditore in pensione e docente in varie università americane, (fra cui l’UCLA e Stanford), luminare nei modelli di start up ed autore di “Customer Development”: un modello per le imprese nella fase iniziale della loro vita. Gary Bianche sostiene che sia meglio adottare un “business model” piuttosto che un business plan: “nessun piano di business sopravvive al primo contatto con il cliente”. Il modello di impresa deve tenere conto dell’integrazione del cliente e del suo sviluppo. In pratica serve più empatia per far sì che la progettualità di un business plan consideri le reazioni, le risposte dei clienti obiettivo e la loro evoluzione nel tempo, per generare un ritorno di informazioni utili a tenere in linea l’azienda. Il “business model”, a cui daremo uno sguardo attento, che Blank adotta e intende perfezionare, è stato creato dall’austriaco Alexander Osterwalder nel cui libro "L’innovazione del Modello di Business” propone e spiega degli schemi interessanti. Ormai il numero di progetti e business plan che vengono scritti e pensati all’insegna del «non sincronismo con il mondo» è impressionante e rinuncio a capire, in questa ed altre sedi, come mai le idee più strampalate e bizzarre siano anche, le più deduttive, quindi chissà che questo nuovo approccio non aiuti.

Il business plan è un documento rigoroso per se stesso e per il mercato: permette che non si cambi continuamente idea, come una bandiera al vento, cambiando rotta in corso d’opera, questo genera confusione e costi aggiuntivi.


IL BUSINESS MODEL DI ALEXANDER OSTERWALDER

Fonte: A. Osterwalder: Business Model Innovation: adattamento Studio Montagnini

Il modello di Blank comprende otto concetti di core business, tutti da prendere in esame prima di iniziare, se non altro perché costa meno che correggere dopo: capacità di base, struttura dei costi, rete di partner, configurazione del valore dell’offerta, clienti ed il mercato obiettivo, relazione con i clienti, distribuzione dei canali, flussi di cassa. • Le capacità di base: ciascun progetto richiede degli standard di competenza, si deve (dovrebbe) fare solo quello che si sa fare in modo eccellente. Analizzate gli standard dell’offerta, i concorrenti, e le aspettative dei potenziali clienti, oltre che misurare il divario e iniziare a coprire il gap. Oggi ogni attività deve partire con tutte le carte in regole e nulla va trascurato o banalizzato. • Struttura dei costi: il budget deve essere rigoroso e va rispettato. Se non avete un piano di rientro preciso, non avete la copertura finanziaria, proponete un valore che ha dei costi ma non riuscite a legittimare nel prezzo di vendita, fate un passo indietro. • Rete di partner: non si può fare tutto da soli, la condivisione di risorse e costi ed il comarketing servono. Questo è molto impopolare per la mentalità italiana, ma costruire valori in “compagnia” è più semplice e costa meno, genera sinergie e permette di acquisire competenze a costi accessibili. • La configurazione del valore dall’of-

56

greenline

ferta: per quale ragione i consumatori entrano nel vostro negozio? Perché siete simpatici e vicini? Regalate o quasi i prodotti? Perché avete personale competente e preparato? Oppure perché avete una gamma innovativa e di qualità o una struttura bellissima? Si deve comprendere cosa genera valore per il cliente target e se questo rientra nelle aspettative, è importante comprendere questi aspetti perché il valore proposto ha un costo che va remunerato. Spesso si generano costi occulti e se manca la copertura oppure il valore prospettato non serve, si rischia di compromettere tutta l’impresa. Dovete comprendere con cosa fate fatturato e che cosa effettivamente “vendete” poiché non sempre o due valori coincidono. • I clienti e il mercato obiettivo: per chi state facendo il vostro progetto? I bambini, gli anziani o per gli appassionati? Per coloro che cercano prezzo? Quale modello di acquisto adotta il cliente obiettivo? Si deve avere un posizionamento, un’ identità ed essere in linea con le aspettative proponendo un mix di offerta che generi un’area di vendita multi relazionale e quindi che soddisfi clienti diversi in uno stesso tempo. • La relazione con i clienti: c’è chi compra a libero servizio e chi vuole idee. Altri amano la sensorialità, alcuni l’innovazione che va a gestire l’area di vendita. Molti negozi non sono attrezzati

per sostenere il libero servizio, mancano i fondamentali: i concetti di base come il cross selling e il category management sono ampiamente disattesi, spesso vince la bizzarria e si perde il conto economico. Fra punto vendita e consumatore serve una relazione precisa che va pensata, costruita e gestita. • La distribuzione dei canali : la scelta dei canali interessa di più le imprese industriali e richiede ragionamenti mirati e precisi. In ogni caso a canali diversi corrispondono costi di competenza e modelli di relazione ad hoc. Spalmare le risorse uniformemente non paga più anche se è ciò che succede, il disallineamento fra esigenze di canale e offerta è un problema reale. • I flussi di cassa: ci deve essere pertinenza fra i flussi di cassa e i costi sostenuti per il valore dell’offerta. Il prezzo di vendita, per una serie di ragioni, non sempre riesce a remunerare i costi e di norma questo aspetto emerge con leggero ritardo, sopratutto quando chiudere le falle diventa più difficile. Qualsiasi nuovo progetto dovrebbe aver superato l’esame di questi otto punti per ottenere il ritorno atteso. Conviene spendere un po’ di tempo in una serie di valutazioni preliminari che permettano di avere una visione completa dello scenario entro cui si dovrà operare. Costa di meno pensare attentamente per poi agire in sicurezza.


Trade marketing

gestione L’esposizione dei prodotti: il punto vendita deve “parlare”al consumatore e comunicare in modo corretto e chiaro la propria offerta.

L’esposizione a portata di cliente di Valentina Bonadeo

L

a gestione dell’esposizione dei prodotti è un elemento fondamentale per il successo di un’attività commerciale. Se analizziamo altri settori merceologici rispetto a quelli in cui opera un garden center, noteremo quanto è percepibile l’utilizzo di tecniche di esposizione del prodotto e quanto sono evidenti gli investimenti sul merchandising. Nel settore moda e food è una pratica consolidata quella di usufruire di “espedienti” per migliorare la presentazione del prodotto (e del marchio). In tutti i settori per così dire di vendita specializzata è importante lavorare su questi aspetti, per stimolare l’interesse del consumatore. Perché nei garden i metodi di esposizione non sono una variabile così importante come per altri? Nella maggior parte dei casi le realtà dei garden center derivano da una lunga esperienza nel settore della flo-

72

greenline

ricoltura e basano il proprio successo proprio sulla credibilità “personale”, sulla esplicita esperienza e su una solida percentuale di clienti affezionati. Ora questo non basta più, perché sono troppe le realtà che possono essere o diventare concorrenti.

PROGETTARE IL MERCHANDISING Ogni dettaglio della presentazione dei prodotti deve essere studiato. Dobbiamo seguire delle regole per progettare un allestimento, in modo tale da garantire visibilità al prodotto, migliorare l’appeal verso i clienti potenziali e assecondare le esigenze d’acquisto di coloro che visitano il punto vendita. Avere una griglia di esposizione chiara e definita ci permette di poter programmare e pianificare le azioni di comunicazione e marketing, gestire l’area vendita più velocemente e semplificare i processi.

Perché è importante lavorare sull’esposizione? - migliorando l’esposizione rendo maggiormente invitante il prodotto; - semplifico i processi di rifornimento; - rendo più chiara ed esplicativa l’offerta aumentando l’indipendenza del consumatore; - posso costruire un planogramma di interventi sul punto vendita in base alla stagionalità piuttosto che in base a particolari momenti di maggior flusso; - Ottimizzo il lavoro degli addetti vendita e rendo ogni parte dell’area espositiva congruente con le strategie aziendali.

LA GESTIONE DEI SUPPORTI ESPOSITIVI In un punto vendita coesistono differenti supporti espositivi: scaffali lineari, gondole bifacciali, tavolini, vetrine, isole,


pedane, banchi e altro ancora. Ogni tipologia di “espositore” è adatto per una determinata presentazione e va utilizzata per essere funzionale al prodotto. Spesso ci si trova a definire in prima battuta le attrezzature espositive e successivamente la definizione merceologica del punto vendita. Questo vuol dire che ci si trova ad avere un negozio fatto e finito che va riempito. La regola sarebbe ragionare esattamente al contrario: prima definisco il dettaglio merceologico e poi, in conseguenza, acquisto e sistemo i supporti espositivi in funzione del prodotto. Abbiamo la possibilità di lavorare in modo tale da rendere accattivante al massimo il punto vendita e per questo è necessario seguire alcune regole. Partiamo dal concetto che differenti categorie merceologiche hanno la esigenze espositive differenti e, cercando di andare nello specifico, all’interno dello stesso universo merceologico, si avrà la necessità di differenziare il posizionamento e l’esposizione di ogni singolo prodotto in conseguenza all’importanza e alla visibilità che decidiamo di dare.

L’ESPOSIZIONE A SCAFFALE All’interno di uno scaffale, il posizionamento del prodotto acquisisce differente visibilità e accessibilità. L’attrazione che i diversi settori di uno scaffale esercitano sui clienti sono dati consolidati e sarebbe opportuno, per migliorare le potenzialità di un’attività commerciale, tenerli presenti e utilizzarli come dato di partenza per la progettazione di un’esposizione. La posizione che privilegia la visibilità è la zona centrale, e nel dettaglio la por-

zione di scaffale più “produttiva” è sicuramente centrale e ad altezza “mani” e ad altezza “occhi”. Le porzioni di scaffale oltre i 170 centimetri e quelle ad altezza terra sono le più svantaggiate in termini di produttività perché il prodotto è meno leggibile nonché raggiungibile. Questo non vuol dire che è inutile avere scaffalature alte, anche perché in un punto vendita è necessario avere grande spazio espositivo. Alcune zone degli scaffali hanno meno “produttività”, ma è anche vero che nelle zone alte si possono esporre prodotti di dimensioni medie che attirano l’attenzione del fruitore dello spazio anche a distanza. È buona regola posizionare scaffalature alte (200-220 cm) lungo i perimetri, ed utilizzare quelle ad allessa media (160-170 cm) all’interno della superficie espositiva. Questo permette al consumatore di avere una visuale più aperta e migliorare il proprio orientamento.

più possibile verticale, e, qualora avessimo uno o più metri lineari di prodotti con medesime caratteristiche fisiche e medesimo marchio, cercheremo di seguire questa semplice regola basandoci su un accostamento cromatico piuttosto che dimensionale.

Il tempo medio di permanenza in un punto vendita è maggiore per il pubblico femminile. Le donne sono naturalmente propense alla ricerca del prodotto e sensibili agli allestimenti tematici e alle ambientazioni scenografiche. Il pubblico maschile è tendenzialmente impaziente nella ricerca del prodotto. Predilige avere tutto a portata di mano, l’atteggiamento d’acquisto ORGANIZZARE IL DISPLAY Dal punto di vista della dispoè maggiormente funzionale sizione fisica del prodotto si e più propenso ad abbandonare può adottare una disposizione l’idea di acquisto se non sussistono le verticale o orizzontale. A livello di percezione visiva il posiziosopradette condizioni. namento verticale aumenta la leggibilità. Se dovessimo esporre seguendo una logica orizzontale, lo sguardo correrebbe più velocemente e la clientela sarebbe portata in automatico, a guardare verso un livello espositivo “comodo” (livello occhi appunto) e perderebbe la visuale della maggior parte dell’offerta merceologica senza averne coscienza. Dobbiamo, per questo, organizzare un’esposizione il

DINAMISMO E FLESSIBILITÀ: L’UTILIZZO DI ISOLE ESPOSITIVE Le isole espositive sono utilizzate per diversi motivi: - spezzare la monotonia e la linearità degli scaffali; - rendere l’allestimento flessibile e implementabile senza snaturare l’im-


magine del punto vendita; - creare ambientazioni per renderle più accattivante l’offerta; - creare composizioni di prodotti complementari (per esempio nella zona della serra calda dove avrò l’esposizione di piante da appartamento e dei vasi di complemento, potrò utilizzare dei banchi per esporre la pianta all’interno del proprio vaso in alcune varianti colori, così da predisporre il consumatore a fare acquisti accoppiati). È importante, quando si definisce la griglia espositiva delle isole o dei banchi singoli, che le dimensioni rispettino alcuni dettami. L’altezza non deve superare i 110-130 cm, per evitare di chiudere la vista dell’area circostante e per rendere il prodotto esposto facilmente accessibile e visionabile. In un garden center è importante l’esposizione a isola per dare movimento e rendere l’ambiente stimolante, ma è necessario anche creare una zona dove il prodotto viene massificato. La vocazione dell’isola espositiva non è unicamente quella di supporto per ambientazioni di prodotti esposti a scaffale, può anche essere, creando uno o più piani sottostanti, un elemento di esposizione permanente.

LE PEDANE L’immagine generale per un punto vendita è importante. Per questo motivo è sconsigliabile esporre prodotti a terra. Si possono utilizzare pedane per creare un esposizione più ordinata, pulita e organica. Inoltre, l’utilizzo di pedane a terra, facilita la delimitazione dello spazio espositivo ed evita che si occupi molto più dello spazio destinato in partenza per l’esposizione del prodotto. E’ facile farsi prendere la mano e tendere a occupare tutto lo spazio che ci si trova a disposizione. E’ un errore, in quanto il consumatore deve avere ben definiti e liberi i percorsi di circolazione e non deve fare deviazioni per evitare merci a terra. Lavorare sull’estetica e sull’ergonomia del punto vendita è fondamentale. Non è uno spreco di risorse investire sul merchandising, perché l’esigenza di avere un punto vendita progettato per essere funzionale e comunicativo è una delle chiavi del successo.


Strutture

visual merchandising

Reparto home decor:

come creare un assortimento logico e innovativo? a cura di Elisabetta Ferrari e Roberta Casartelli

Differenziare e innovare l'offerta merceologica è la strategia vincente per migliorare le potenzialità del punto vendita. Vediamo come si crea un corretto assortimento.

P

er rendere il reparto home decor una delle principali attrattive del punto vendita è necessario seguire alcuni passi importanti per la creazione dell'assortimento merceologico. Il punto di partenza è sicuramente quello di una corretta scelta dei fornitori da inserire e, per fare ciò, è indispensabile un'attenta e scrupolosa analisi dell'offerta studiata sulla propria clientela-obiettivo al fine di realizzare un negozio che sia in grado di differenziarsi rispetto ai propri competitors. Questa prima analisi è fondamentale dal momento che determina il tipo di specializzazione, l'identità e l'immagine stessa del punto vendita. Nella fase di "selezione dei fornitori" è necessario tenere presente che, oltre ad avvalersi di aziende il cui marchio è conosciuto a livello nazionale, occorre inserire fornitori considerati più di "nicchia" con prodotti particolari, di qualità e meno diffusi. L'errore più diffuso, riscontrato in diversi punti vendita visitati, è sicuramente quello di rivolgersi ai medesimi fornitori che trattano la concorrenza acquistando persino gli stessi prodotti, senza quindi approfondire e valutare con attenzione tutte le alternative possibili, che non sono poche!

Cip Garden, Como - Particolare della zona dedicata alla decorazione giardino del reparto home decor.

62

greenline


Una volta definita la scelta dei fornitori si può procedere con la selezione della merce per la creazione dell'assortimento che sarà proposto nel reparto home decor. Per un corretto assortimento è indispensabile avere una panoramica di tutti gli articoli che le aziende ci offrono al fine di creare delle aggregazioni merceologiche comunicative quanto più possibile logiche e intuitive per il cliente. Esse possono essere guidate da criteri differenti, quali l'affinità o la complementarità delle destinazioni d'uso, la stagionalità, l'occasionalità ecc. Gli assortimenti devono essere valutati anche in funzione della superficie che si vuole destinare a questo reparto. Nei garden, che decidono di dedicare un ampio spazio al rep. home decor, è possibile inserire più settori merceologici quali la tavola e cucina, decorazione casa e giardino, arredo esterno, bagno e bambino, selezionando prima i prodotti definiti "continuativi" o "basici" ai quali ruoteranno intorno le collezioni dedicate a ogni tema e stagione. In spazi più ridotti suggeriamo invece di proporre articoli destinati alla tavola e cucina, alla decorazione casa e giardino, creando delle collezioni stagionali e avvalendosi dell'arredo e dei complementi in vendita per l'esposizione dei singoli prodotti. In questa fase è bene ricordarsi sempre cosa ricerca oggi il cliente finale ovvero atmosfera, emozioni, calore, idee e consigli.

Ogni prodotto dedicato alla tavola si sposa perfettamente con gli articoli rivolti all'arredo esterno e alla decorazione. In questo caso attrae molto il contrasto tra le tonalità del viola e del verde.

Qui sopra viene proposto un tavolo da esterno, dal design moderno, allestito con diversi prodotti: piatti, bicchieri, posate, tessile, accessori tavola, decorazioni, piante e fiori artificiali. Tutti i prodotti scelti sono ben coordinati tra loro, nello stile e nei colori e rendono molto primaverile questo angolo. Nella seconda foto vediamo nel particolare la tavola apparecchiata che risulta decisamente molto ricca e curata in ogni particolare.

greenline

63


In questa pagina illustriamo una delle zone dedicate alla decorazione casa dove dominano i toni naturali. L'assortimento, molto ricco e diversificato anche nei materiali, è composto da una linea di mobili in legno dal gusto country e molto particolari, da accessori e complementi in ferro color crema, cesteria, lampade, ecc. Per la tavola è stato scelto un servizio di piatti in porcellana dal design classico che si armonizza perfettamente con tutti i prodotti. A destra un particolare di questa esposizione.

Rispettando sempre i colori naturali proposti in questa zona, nelle due foto sotto vediamo come sia possibile integrare differenti tipologie di prodotti come fermaporta, contenitori in tessuto, scatole in legno e bauletti che vediamo nelle etagere. Sopra il divano oltre ai cuscini d'arredo, sono stati inseriti articoli rivolti al mondo del bambino.

64

greenline


Retail Garden

analisi

L’INGRESSO

Visita al nuovo garden Febo

 L’hotel e il garden Febo hanno gli ingressi adiacenti.

66

greenline

Il 10 marzo è stato inaugurato il nuovo garden center Febo a Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara. Un progetto singolare che crea sinegie tra diverse attività: un agriturismo, la vendita di prodotti alimentari a km 0 e naturalmente un garden center. È nato il garden italiano del futuro?


A

Città Sant'Angelo, in provincia di Pescara, gli abitanti hanno storicamente sempre avuto come punto di riferimento la cantina sociale, una cooperativa che produceva i migliori vini della zona. Un punto di riferimento non solo produttivo ma anche culturale, se vogliamo considerare “cultura” l'arte di mangiare e di bere bene che caratterizza la storia e l'immagine del nostro Paese. Ormai da molti anni la cantina sociale di Città Sant'Angelo aveva cessato la sua attività e il suo ruolo di punto di riferimento del paese, ma il 10 marzo scorso ci ha pensato la famiglia Febo (un nome storico del gardening italiano) a restituirla agli antichi splendori e alla cittadinanza, inaugurando una struttura polifunzionale decisamente all'avanguardia pur rispettando la storia e la struttura delle vecchia cantina. Su un'area di 20.000 mq sono così sorti

un albergo, un ristorante, un locale destinato alla vendita e alla degustazione di prodotti tipici abruzzesi e – naturalmente - un garden center. Il garden center rappresenta un'evoluzione dell'attività storica di Febo Garden: la vecchia sede, dopo molti ampliamenti, non poteva più essere migliorata ed è nata l'esigenza di trasferirla in una sede più adeguata alle esigenze attuali dei consumatori. Nasce così il nuovo Garden Center Febo su 5.000 mq coperti e 3.000 mq scoperti; il garden comprende al suo interno un bar ed è complemente integrato con tutte le altre attività. E nel 2012 è previsto l'inserimento di un reparto pet di 350 mq. L'integrazione di un garden center con strutture ricettive, la ristorazione e la vendita prodotti a km 0 rappresenta una vera – e gradita – novità per il gardening italiano. Sia perchè richiama alla mente le esperienze di successo dei garden center interna-

zionali (pensiamo all'Inghilterra), sia perchè sottolinea l'importante ruolo che potrebbe avere in Italia il garden center per promuovere l'agricoltura locale (made in Italy) e le pratiche dell'ecosostenibilità (il km 0). Un garden center inteso non solo come “banale negozio” ma come strumento di promozione di stili di vita più rispettosi dell'ambiente e di recupero e valorizzazione delle attività agricole che sono sempre state un segno distintivo dell'italianità nel mondo. Una chiave di volta che – se compresa dagli amministratori locali – potrebbe dar vita al “nuovo garden center italiano”, di cui la famiglia Febo con questo progetto si è fatta promotrice.

COMUNICAZIONE Ogni area della struttura è indicata da una funzionale cartellonistica che riporta l’immagine coordinata dell’azienda. Segnaliamo, inoltre, che una comunicazione ben studiata sta alla base del sito internet www.febogarden.com. 

LE CASSE

Lo spazio pensato per casse e uscita è arioso, ben strutturato e illuminato. Un accorgimento che rende speciale la visita, fino alla fine.



greenline

67


LA ZONA GARDEN 

Un’ampia esposizione di piante da interno regala tante idee per gli acquisti.

SERRA CALDA



SERRA FREDDA



68

I reparti sono ben studiati, suddivisi e completi. Le aree dedicate ai vasi e all’home decor, in particolare, sono complete e offrono al consumatore una vasta scelta su cui fare acquisti.

greenline

L’area esterna del punto vendita è resa particolarmente scenografica dalla struttura del garden.


Fiera del giardino, Colonia 04.-06.09.2011

LA ZONA BOTTEGA

Il ristorante “Laboratorio del gusto” può ospitare fino a 100 ospiti e offre esclusivamente piatti tipici abruzzesi realizzati con prodotti del territorio.



www.spogagafa.it

Il mercato del gardening fiorisce qui Dal 04 al 06 settembre 2011 spoga+gafa diverrà di nuovo il punto d‘incontro del settore gardening. Alla fiera leader internazionale del gardening vi aspetta il verde in tutte le sue sfaccettature. Gli eventi clou spazieranno dalle tecniche & macchine ai mobili da giardino, piante, BBQ e grill oltre a conferenze, show ed eventi.



Il mercato permanente del prodotto tipico ospita una selezione di 130 produttori tra i 700 che in regione si occupano di prodotti tipici, per un totale di 1.200 prodotti.

ulteriori informazioni in

www.spogagafa.it



Il personale della bottega EKK viene formato direttamente anche dai produttori, affichè diventi un vero e proprio consulente nell’orientamento all’acquisto.

Koelnmesse S.r.l. Telefono +39 (02) 8696131 info@koelnmesse.it


Retail Brico

nuove aperture

Le nuove aperture sono segnalate sul sito www.mondopratico.it

Leroy Merlin di Palermo La superficie del nuovo punto vendita Leroy Merlin posizionato a Palermo Mondello è sicuramente notevole: ben 8.500 mq, in cui sono suddivise le 48.000 referenze. Per essere più vicini alle esigenze del bacino d’utenza, Leroy Merlin ha attivato nei mesi scorsi un “ascolto tour”, finalizzato a organizzare incontri personali con le persone del luogo per scoprire gli effettivi bisogni e tarare di conseguenza l’offerta nel punto vendita. Per chi lo desidera è visibile su YouTube un video del lancio della nuova apertura di Palermo. Partendo dalle suggestive fotografie del bel capoluogo siciliano, si vedono le prime immagini dell’esterno del punto vendita ma anche dello staff che accoglierà i clienti. Per rendere ancora più unico l’evento, i tradizionali colori dell’insegna di Leroy Merlin sono stati sostituiti da quelli della squadra di calcio della città e il claim tradotto in dialetto.

Bricocenter di Città Giardino (Sr) Tante proposte e idee per la casa e il giardino, dall’illuminazione all’arredo nel nuovo punto vendita Bricocenter inaugurato il 19 maggio. Situato a Città Giardino Melilli (Siracusa), presenta un’area espositiva di 2.500 mq cui si aggiungono 700 mq di area esterna. Disponibili diversi servizi pensati su misura del cliente: dai progetti alla scelta della tinta pronta in cinque minuti ma anche una soluzione originale per decorare con fantasia. E non mancano il taglio legno su misura o la duplicazione delle chiavi. Varie le offerte che si susseguono nei diversi reparti e da cogliere al volo. Un personale qualificato per assistere e consigliare secondo le diverse necessità è a disposizione per la clientela. Da segnalare: la riapertura del 26 maggio, del punto vendita di Terni, completamente rinnovato, per rendere ancora più ampie le proposte di offerte e le occasioni di risparmio.

Brico Io di Cervignano del Friuli (Ud) Situato a Cervignano del Friuli (Ud), il nuovo centro Brico Io, secondo nella regione friulana dopo Ronchi dei Legionari (Go), sarà gestito da Dalka Group, società al suo secondo centro bricolage in affiliazione con Marketing Trend. Con l’inaugurazione, avvenuta il 26 maggio, si aprono quindi 2.100 mq espositivi su cui sono a disposizione della clientela oltre 30 mila referenze, suddivise nei 15 reparti e al termine del giro sono 3 le casse a cui accedere. Classici i servizi offerti: taglio legno gratuito, pvc, corde, reti, e cavi elettrici al taglio, tintometro, tovagliati e pizzi al taglio, veneziane su misura, vendita a catalogo, metri di carta, preventivi gratuiti, finanziamenti agevolati e, con un piccolo contributo, la consegna a domicilio. È disponibile un parcheggio con circa 100 posti auto. Dodici addetti presenti nel punto vendita accolgono e seguono la clientela.

70

greenline


Self di Fiume Veneto (Pn) Si è svolta il 25 maggio l’inaugurazione del nuovo punto vendita Self a Fiume Veneto (Pn). Seconda apertura in Friuli dopo quella di Udine, questo punto vendita è il ventottesimo della catena Self in Italia. L’area espositiva si estende su 5.000 mq in cui sono suddivise oltre 50.000 referenze, che comprendono 16 aree merceologiche: dalla ferramenta all’utensileria, dai complementi d’arredo agli articoli per il bagno, dal giardinaggio alle vernici. Inoltre sono presenti prodotti per la casa, tessuti e tendaggi. Completano l’offerta articoli più tecnici quali: legno, falegnameria, impianti per illuminazione, belle arti e decoupage, serramenti e porte blindate. Molte delle novità proposte nel nuovo punto vendita rappresentano un vero e proprio “test” in vista delle prossime aperture. L’ampia zona centrale, forte di una ricca offerta di prodotti, è dedicata a ferramenta, utensileria, elettricità eidraulica. All’interno del punto vendita è possibile trovare tutti gli articoli necessari per realizzare un progetto completo per l’interno o l’esterno della casa. Il design e l’innovazione sono l’altro elemento di novità. Durante l’anno sono organizzati servizi di dimostrazione in cui viene mostrato e sperimentato il funzionamento degli articoli esposti. Il team è composto da 46 giovani e il numero delle casse a disposizione è 6.

Mercatone Uno di Castelfranco Emilia e Rubiera In due giorni consecutivi, il 21 e il 22 maggio, hanno aperto nuovamente al pubblico due punti vendita Mercatone Uno. Il primo è a Castelfranco Emilia (Mo) e il secondo a Rubiera (Re), completamente ristrutturati e rinnovati per offrire spazi espositivi riorganizzati, nuove aree vendita e nuovi servizi. L’area di Castelfranco Emilia è di 5.500 mq, mentre Rubiera di 6.500 mq, entrambi con oltre 40.000 articoli in assortimento. Nel primo punto vendita sono operativi 40 addetti alla vendita e 60 nel secondo, ma per entrambi sono 6 le casse a disposizione. Qualche centinaio di posti auto sono presenti nei relativi parcheggi. Per i clienti sono attivi vari servizi dalla consegna a domicilio al montaggio e installazione a domicilio fino al servizio colorazione idropitture con tintometro, per citarne alcuni.


Analisi

Ismea

Marzo pazzerello: le vendite non decollano di Paola Lauricella (ricercatrice Ismea)

Risultati ancora poco convincenti per le vendite di marzo: a causa del maltempo e della scarsa disponibilità di spesa degli italiani, il settore stenta a decollare.

L’

acquisto di piante, alberi e arbusti da parte delle famiglie italiane secondo i dati del campione Ismea-AC Nielsen, composto da 4.160 individui dai 18 anni in su, è stato in linea con quello dello scorso anno e cioè su livelli minimi dal 2004 ad oggi. La spesa infatti pari a 98,7 milioni di euro è risultata più bassa rispetto alla spesa del marzo del 2010 in tutto il Centro-sud Italia, all’incirca stabile nel Nord Ovest e più elevata solo nel Nord Est. L’indice di penetrazione del 10,4% è leggermente più elevato di quello del 2010 ma inferiore a quello degli anni addietro; molto più penalizzante il risultato della spesa di fiori recisi pari a 115 ,5 milioni di euro in forte calo tra il 14% e il 16% sia in termini di spesa sia in termini di acquirenti. Se per le piante è solo il Centro-sud Italia a spendere di meno persino rispetto ai livelli già bassi del 2010 per i fiori recisi, il maltempo da un lato e la scarsa disponibilità alla spesa dall’altro, hanno determinato una contrazione in tutte le aree geografiche con riduzioni superiori al 10% in tutte le aree e tranne nel Nord Est. La festa della donna e quella del papà sono state poco celebrate. I primi tre mesi dell’anno lasciano quindi deboli possibilità di ottimismo: il settore dei fiori e fogliame recisi è al di sotto come livello di spesa a quello del primo trimestre

72

greenline

del 2010 e quello delle piante vi si allinea. Solamente il Nord Italia nel caso delle piante, alberi e arbusti mostra un accenno alla ripresa con percentuali di incremento rilevanti soprattutto in termini di numero di acquirenti nel Nord Est, unica area la cui economia nel noto “triveneto” è strutturalmente meglio inserita nel contesto europeo. Il profilo del consumatore di piante, alberi e arbusti nel mese di marzo è stato meno spesso una donna rispetto a marzo ’10, pensionata per il 27% dei casi, seguita dalla casalinga (26%) dal lavoratore o lavoratrice dipendente (20%) e dal lavoratore autonomo, quest’ultimo in crescita, per una quota del 12,5%. L’età è più spesso, anche rispetto allo scorso anno, della fascia 55 anni e oltre. Il canale prescelto è nella prevalenza dei casi, il garden center (32%) la cui quota di acquirenti si accresce di quasi 6 punti percentuali e quella del negozio si abbassa nella stessa misura. Sul triennio (marzo ’09, marzo’10 e marzo’11) il garden presenta il livello più elevato, mentre l’iper-supermercato insieme al negozio sono ai livelli più bassi. In termini di spesa solo la GDO arretra in misura significativa rispetto al mese di marzo del 2011. La spesa media per canale aumenta a livello tendenziale nel negozio di fiori e nel chiosco mentre nel garden center è diminuita rispetto a marzo ‘2010 passando da 24,63 centesimi a 22,80. Le piante più acquistate, come ci riferiscono anche le aziende di produzione del panel Ismea, sono quelle di minor prezzo e quindi anche se si è accresciuta la quota di coloro che hanno acquistato per se stessi rispetto a marzo 2010, la preferenza è andata alle stagionali, aromatiche e secondariamente su altre tipologie da esterno.


% di penetrazione presso i canali calcolata sugli acquirenti Base: Acquirenti piante

* La somma delle percentuali di acquirenti può essere superiore a 100% a causa del fenomeno di sovrapposizione. Tale è l’uso di più tipologie di canali d’acquisto da parte dello stesso acquirente da cui deriva l’indice di sovrapposizione o indice di utilizzo dei canali. **I valori relativi al canale ‘Catalogo, Internet.., super/iper, mercato rionale/periodico ecc.’, sono soggetti a sensibili variazioni a causa della esigua numerosità campionaria per questo si è scelto di realizzare l’espansione all’universo anche per un’aggregazione “altro” più ampia. *** Peso % del canale super/iper già compreso nel canale aggregato Altro.

Fonte: Ismea per Greenline

TIPOLOGIE DI PIANTE FIORITE ACQUISTATE - MARZO 2011


New line

Le vetrine sono disponibili sul sito

technology, brand & products

www.mondopratico.it

Sempre al fresco! 

Nella vasta gamma di prodotti Keter distribuiti da Escher c’è anche Cool Bar, il contenitore termico per ghiaccio che consente di avere sempre a disposizione bevande fresche. Facile da montare, è provvisto di tavolo estensibile: è la soluzione ideale per intrattenere gli amici durante una festa in giardino. Cool Bar è disponibile in verde o nero.

Fusione di sobrietà e delicatezza 

Design a portata di barbecue 

Il barbecue Santiago arricchisce la gamma 2011 di Sunday: con la sua struttura in marmo granulato e piano liscio finitura “crystal” regala un tocco di eleganza e innovazione per l’arredo del giardino. Santiago funziona sia a legna sia a carbonella ed è dotato di griglia biologica inox anti grasso. Il braciere ventilato regola il calore per una cottura controllata e costante. In linea con gli altri prodotti, Santiago è costruito con materiali robusti di alta qualità e strumentazione altamente performante.



Performance, senza sforzo

Il tosaerba 48V RYOBI aggiunge la praticità della batteria senza perdere la potenza caratteristica del motore a scoppio. Progettato per garantire potenza, praticità ed elevate performance, ha un’autonomia di 90 minuti, regolazione centralizzata con 7 altezze di taglio e diverse possibilità di scarico o contenimento della tritura. Il sistema è dotato di chiave di sicurezza, protezione da avviamento accidentale e pannello respingente.

74

greenline

La linea Fusion di D&M è composta da vasi dalle forme sobrie e delicate. I colori pieni e brillanti mettono in risalto il design minimale di questi vasi che possono essere utilizzati non solo nella loro funzione principale ma anche vuoti, come complemento di arredo. Sono disponibili nei colori bianco, naturale marrone beige e fucsia.



Un estate in bianco

L’estate si tinge di bianco per Lechuza, che lancia sul mercato una serie di vasi da esterno dalla linea elegante caratterizzata da un raffinato decoro a intreccio. I vasi Trend Cottage comprendono cinque modelli disponibili in diverse misure e forme per completare arredi da giardino o costruire atmosfere raffinate. Realizzati completamente in polipropilene, sono concepiti per essere puliti e maneggiati con semplicità senza rinunciare a una struttura resistente a raggi UV, gelo, urti e intemperie. Inoltre e sono dotati di inserto per la piantumazione e set di auto irrigazione.


out_style sun_contract urban_style out_floor sea_style sunaquae

OUTDOOR PASSION Rimini Fiera, 20-22 ottobre 2011 solo per operatori 12 PADIGLIONI con 700 ESPOSITORI di: I arredamento I contract garden cooking leisure I arredo urbano I pavimentazioni per esterno I attrezzature per la spiaggia I piscine I case mobili e campeggio 12 EVENTI SPECIALI 25.000 OPERATORI I

I

®

per esporre:

I

in contemporanea:

29° Salone Internazionale dell’Esterno. Progettazione, Arredamento, Accessori

26° Salone Internazionale del Giocattolo e dei Giochi all’Aria Aperta

&

SHOW

6a Biennale Internazionale

www.sungiosun.it

Fiere e comunicazioni Srl via San Vittore, 14 - 20123 Milano tel. 02.86451078 - fax 02.86453506 gcapella@fierecom.it www.fierecom.it per visitare:

Rimini Fiera SpA Via Emilia, 155 - 47921 Rimini tel. 0541.744111 - fax 0541.744200 riminifiera@riminifiera.it www.riminifiera.it




Mai più pulci nell’orecchio

Pioggia, vento, freddo e acqua possono essere frequente causa di otiti e malattie alle orecchie dei nostri amici a quattro zampe a pelo lungo, Unconventional Dog di Rinaldo Rinaldi propone una simpatica linea di proteggi orecchie frutto di un innovativo brevetto internazionale. Il prodotto è ideale anche per le passeggiate fuori città, per prevenire spiacevoli incidenti causati da spighe o spine che accidentalmente potrebbero entrare nelle orecchie. Questo originale proteggi orecchie è fatto a mano, in Italia, e utilizza solo tessuti tecnici di altissima qualità.

Anche il pet… Sfrutta la frutta! 

Per mantenere in forma il gatto, Trainer di Novafoods utilizza ingredienti funzionali di origine vegetale con importanti proprietà salutistiche, che conferiscono alla frutta e ai vegetali il loro caratteristico colore: rosso, giallo e verde. La linea è suddivisa in tre grandi famiglie contraddistinte dal colore del nutraceutico ad azione prevalente. Trainer Natural: alimenti fisiologici con ingredienti funzionali di colore rosso ricchi di antiossidanti, in grado di preservare la funzionalità renale (mirtillo) del gatto. Trainer Fitness: alimenti monoproteici con ingredienti funzionali di colore giallo ricchi di antiossidanti, in grado di contrastare le manifestazioni allergiche. Trainer Personal: alimenti speciali con ingredienti funzionali di colore verde ricchi di antiossidanti realizzati per soddisfare i fabbisogni unici dei gatti con esigenze particolari e specifiche formulazioni in grado di: esaltare la bellezza del mantello e la forma fisica; risolvere il problema della sensibilità intestinale; ridurre il problema del sovrappeso; favorire la rimozione e l’espulsione del pelo ingerito; preservare la funzionalità renale.


+'VZY^o^dcZ


Big line

“Piove sempre sul bagnato?”

con GF adesso tocca a te! Continua il grande appuntamento proposto da G.F., azienda specializzata nei sistemi di irrigazione, per la stagione 2011: si tratta del concorso a premi “Piove sempre sul bagnato? Con GF adesso tocca a te!” che coinvolge direttamente il cliente finale che acquista uno dei prodotti in promozione. Una stagione arricchita da 100 favolosi premi istant win e una super estrazione finale! I protagonisti di questa promozione sono best seller della produzione GF come la doccia solare SUNNY PREMIUM e l’interessante new entry 2011: l’avvolgitubo automatico murale REWALL 25, unico della categoria con ben 25 metri di tubo.

COME SI GIOCA Partecipare è semplicissimo: all’interno delle confezioni di Sunny Premium e REWALL 25 è contenuta una cartolina con un codice di partecipazione ricoperto da una patina argentata. Basterà inviare via sms il codice al numero indicato sulla cartolina e attendere l’immediata risposta (il costo dell’sms è quello normalmente praticato dal piano tariffario del proprio gestore, senza alcuna tariffa aggiuntiva). In caso di vittoria inviare entro 5 giorni la cartolina vincente e lo scontrino d’acquisto nell’apposita busta precompilata a GF concorso piove sempre sul bagnato, per ricevere il proprio premio. Ma non è tutto! In caso il cliente finale non vinca subito un premio potrà registrarsi al sito www.gfpiovesempresulbagnato.it completando l’apposito modulo che permetterà di partecipare alla super estrazione finale di 3 Apple I-pad e 1 TV 40”LCD 3D. La promozione prevede sul punto vendita una comunicazione mirata con flyer informativi, video espositori che evidenziano il tema del concorso. Piove sempre sul bagnato? Con GF adesso tocca a te!

Per ulteriori informazioni: www.gfpiovesempresulbagnato.it

78

greenline


$BMFOEBS$PMPSTÂ¥  &BTZ0GGFS  MFQFSFOOJEJ   4ZOHFOUB QFSMFTUBUF

*ODSFNFOUBSF MF WFOEJUF EJ mPSJ BODIF JO FTUBUF F DPO NBHHJPSF TFNQMJDJUÃ&#x2039;  %B PHHJ TJ QVÃ&#x203A; 4ZOHFOUB 'MPSJ1SP 4FSWJDFT5. QSFTFOUB $BMFO EBS$PMPSTÂ¥&BTZ0GGFSo4FMF[JPOF&TUJWB VO FTDMVTJWPBTTPSUJNFOUPEJQFSFOOJDIFmPSJTDPOP OFJ NFTJ EJ HJVHOP F MVHMJP  JEFBMF QFS JM DSFTDFOUF NFSDBUP EFMMF WFOEJUF EJNQVMTP -B TFMF[JPOF JODPOUSBTJBMFFTJHFO[FEFMMBEJTUSJCV[JPOF HSB[JF BVOBGBDJMFHFTUJPOFEFMMFQJBOUF TJBRVFMMFEFMMB DMJFOUFMB QFSMBNQJBEJTQPOJCJMJUÃ&#x2039;WBSJFUBMF

UJNBOBQFSMBWFOEJUBBNFUÃ&#x2039;HJVHOP MBTFUUJ NBOBQFSMBWFOEJUBBmOFHJVHOP MFTFUUJNBOF oQFSMBWFOEJUBEBMVHMJP -FTDFMUBQFSMBDMJFOUFMBTJQSFTFOUBFTUSFNBNFOUF WBSJB DPORVBUUSPEFDMJOB[JPOJEJWFSTFEJ$PSFPQTJT HSBOEJnPSB  EVF EJ -BWBOEVMB BOHVTUJGPMJB  BMUSF EVF EJ -BWBOEVMB TUPFDIBTy F QPJ BODPSB %FMQIJOJVNFMBUVN %JBOUIVTCBSCBUVT (BJMMBSEJB BSJTUBUB  -FVDBOUIFNVN NBYJNVN  1FOTUFNPO IBSUXFHJJ  1IMPY QBOJDVMBUB  4BMWJB OFNPSPTB F 4BMWJB Y TVQFSCB /PO DÃ&#x2019; DIF MJNCBSB[[P EFMMB TDFMUB

-BNBHHJPSQBSUFEFMMFWBSJFUÃ&#x2039;DIFGBOOPQBSUFEJ RVFTUB TFMF[JPOF JOJ[JB B mPSJSF USB NFUÃ&#x2039; HJVHOP FMJOJ[JPEJMVHMJP PGGSFOEPMBQPTTJCJMJUÃ&#x2039;EJDSFBSF BTTPSUJNFOUJ QFSTPOBMJ QFS NFHMJP SJTQPOEFSF BM QSPQSJPNFSDBUPEJSJGFSJNFOUP

$PO4ZOHFOUB'MPSJ1SP4FSWJDFT5.MFTUBUFÃ&#x2019;VO HJBSEJOPmPSJUP GBDJMFEBQSPQPSSFFTFNQMJDF EBSFBMJ[[BSF

1FS PUUJNJ[[BSF MB $BMFOEBS $PMPSTÂ¥ &BTZ 0GGFS o 4FMF[JPOF&TUJWBEJ4ZOHFOUB'MPSJ1SP4FSWJDFT5.  TJDPOTJHMJBOPQSJODJQBMJEBUFEJUSBQJBOUPMBTFU

4ZOHFOUB4FFET4Q" 7JB(BMMBSBUF .JMBOP XXXnPSJQSPTFSWJDFTJU


Maggi. Nuovi per evoluzione, speciali per passione. Tutte le migliori idee nascono per realizzare desideri. Per questo Maggigroup® dedica al punto vendita sempre nuove opportunità per soddisfare le esigenze della vostra clientela, con l’attenzione di sempre alla qualità. Maggi, prodotti per passione. Nuova linea Cinghie in poliestere con fibbie metalliche Le nuove cinghie per fissaggio carichi di Maggigroup® fanno davvero la differenza. Il nastro in poliestere ad alta resistenza e le fibbie metalliche in acciaio zincato o verniciato, rendono il prodotto particolarmente resistente e durevole. La gamma offre portate da 300 a 3000 Kg.

Prodotti: Corde - Catene - Fili e trecce - Accessori

www.maggigroup.com

Nuova linea Cintini per tapparelle in polipropilene e cotone Una gamma di cintini Maggigroup® per tapparelle, disponibili anche in versione “doubleface” per dare ai vostri clienti la più ampia possibilità di scelta cromatica. Disponibili in tre diverse grammature: dalla più leggera per tapparelle standard a quella più pesante per i modelli blindati.

Settori: Bricolage lavori in casa - Giardinaggio lavori all’aria aperta - Vacanze, tempo libero e sport


il giardino si evolve “ Ogni giardino si fonda sul proprio sistema di irrigazione: questo sistema circolatorio, indispensabile alla sua crescita, ha due cuori. Il primo è il vostro, che nel giardino ponete speranze e lavoro. Il secondo è il nostro, frutto di decine d’anni di ricerca e di esperienza, è il caso di dirlo, sul campo. L’evoluzione migliora la vita.” (Riccardo Menegazzi)

IPIERRE SIROTEX S.p.A. Via Monte Carega, 25 37057 S. Giovanni Lupatoto (VR) Italy Tel. +39 045 8750388 Fax +39 045 9251091 info@ipierre.eu www.ipierre.eu


Greenline - Giungo 2011  

Rivista di Giardinaggio