Mirano Magazine Aprile 2019

Page 1

Ristorante Pizzeria

APRILE 2019 - COPIA GRATUITA N. 4

Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare! seguici alla pagina

Mirano Magazine

Distribuz. gratuita - Direttore responsabile: Laura Colognesi Progetto grafico: Studio 2 di Dal Corso Massimiliano • Segretario di redazione: PAOLO TREVISANATO - tel. 041.430036 Associazione ricreativa senza scopo di lucro “Mirano al Pozzo” - Via Giudecca, 26/6 - 30035 Mirano (Ve)

privilege card

meteo mirano www.meteomirano.it

mi trovi anche ON-LINE www.miranomagazine.it

“Riflessioni su un valore: “la legalità”

“Parte il progetto Pedibus “Sicuri a scuola a piedi”

ITALIA NOSTRA per l’ampliamento del Bosco del Parauro

Interventi che saranno sottoposti alla discussione delle sedute del Consiglio Comunale di Mirano

pag. 5

pag. 6

pag. 9

pag. 19

EDITORIALE GLI AUGURI DI BUONA PASQUA DALLA REDAZIONE E’ arrivata la Pasqua, una festività con forti richiami religiosi, ma anche portatrice di belle tradizioni popolari. E come in tutte le festività, la Pasqua è un’occasione per farci gli auguri e simpatici regali. La redazione di questo giornale vuole, pure Lui, porgere i suoi auguri a tutti voi lettori affezionati. Buona Pasqua a tutti: cerchiamo di farci l’un l’altro auguri originali, belli, nuovi e sinceri. Per questo non troviamo il pelo sull’uovo. Apriamo la nostra casa e facciamo una bella gita con amici e famigliari fuori porta. E nel verde del prato lasciamo che l’agnellino bruchi l’erba vicino alla mamma, inoltre noi giochiamo a nascondino tra gli alberi fioriti con il cielo, che splende e gli aquiloni che sono sospinti in alto nel vento di primavera.

Provvedimenti da prendere per i nostri defunti

Che la colomba con l’ulivo sia un dolce, che ha messo le ali e ci faccia volare in alto, nell’azzurro di un cielo, che non ha confini, ma che è pieno della luce di un sole radioso. Dentro all’uovo di cioccolato, possiamo trovare sorprese, sogni e speranze desiderose, ogni giorno, di rinascere. Abbondiamo, pure, con il cioccolato. E nascondiamo la bilancia, per non sentirci in colpa se dopo le feste faticheremo ad entrare nel nostro solito vestito. Per la porta di casa ci passeremo sempre da li, dove alloggia la nostra felicità.

pag. 21

Open day calcio a 5 VIENI A GIOCARE CON NOI pag. 47

Buona Pasqua a tutti noi. Paolo Trevisanato E ci salutiamo con alcuni versi del poeta Li-Tie Min Non importa che tu sia vecchio o fanciullo. Se ti chiedono qual è la cosa più importante rispondigli la pace e la bontà.

Corsa Ludico motoria di beneficienza Pro Airet pag. 48

Buona Pasqua

I sapori del solidarietà e i Butchers for Children pag. 52


02

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Buona Pasqua! AGENZIA PRATICHE AUTO MIRANO

La consulenza è un’abitudine Studio PFM attenta alle esigenze specifiche dei suoi clienti, mette a disposizione un’organizzazione collaudata, garantita, fluida, efficiente, elastica ed in continua evoluzione.

I NOSTRI SERVIZI: • Passaggi di proprietà (con sportello telematico STA)

• • • • • • • • •

Immatricolazioni Targa ciclomotore Collaudi Importazioni Carte tachigrafiche Rinnovo e duplicati patenti Conversioni patenti estere Rinnovo patenti nautiche Rinnovo patenti commissione medica

• • • •

Visure pra Eliminazione fermi amministrativi Certificati varie Passaggi e immatricolazioni trattori e rimorchi agricoli • Passaggi e immatricolazioni macchine operatrici • Pagamento bolli auto (Sermetra pagamento bollo)

• Precontenzioso • Altri servizi

Collaboriamo con compagnie assicurative, e con lo studio di infortunistica stradale ASSISTUDIO di Mirano Via della Vittoria 19/1 - 30035 - Mirano (VE) T. 041 5727 700 - infostudiopfm@gmail.com Facebook: Studio pfm


03

www.miranomagazine.it

EDITORE Studio 2 di dal Corso Massimiliano Registrazione al Tribunale di Venezia N. 5/2018 / ROC 30594

aprile 2019

Il “Fungo d’oro”

In questo numero di APRILE 2019

Proprietario

pag.

Paolo Trevisanato

Editoriale

01

Direttore responsabile Laura Colognesi

XIX Festival del Volontariato - Festa della pace 06

Responsabile di redazione

Piano di intervento per la riduzione dell’infestazione da zanzare

08

Monitoraggio dei servizi cimiteriali

08

Aumento della tassa dei rifiuti

10

Tra una critica al presente e uno sguardo al futuro

23

Oscar De Gasperi. “Tonirocco”

23

Trattoria Ballarin “La cucina Veneta"

26

Paolo Trevisanato Tel.041/430036 / 348 3431191 Marketing & Comunicazioni Giorgio Pesce miranoalpozzo@gmail.com Progettazione grafica Studio 2 di Massimiliano dal Corso www.studio2web.it Stampa

Il Gruppo “AMICI MICOLOGI MIRANO” dell’Associazione Micologica Bresadola, ha consegnato, sabato 1° Marzo 2019, il tradizionale e prestigioso premio annuale. Il “Fungo d’oro” a Berti Sandro e Calzavara Giancarlo. I Soci Sandro Berti e Giancarlo Calzavara hanno ricevuto nella serata di sabato 1° marzo, durante l’annuale incontro conviviale del Gruppo “Amici Micologi Mirano” che si è tenuto al Ristorante “La Cicala” di Cappelletta di Noale. A fare gli onori di casa il Presidente Paolo Trevisanato con l’intero Consiglio Direttivo, il Direttore del Comitato di Studio Adriano Camoli. Il Presidente Trevisanato, nella sua breve relazione, ha ricordato in sintesi l’attività che il Gruppo svolge da oltre 39 anni, all’insegna della ricerca e dello studio sugli aspetti micologico-Naturalistico che ci hanno fatto riscoprire il valore dell’amicizia e il gusto dello stare insieme. Un ringraziamento, infine, rivolto ai tanti Soci e Simpatizzanti e a tutti coloro che si prodigano per portare avanti le iniziative e le attività del Gruppo Micologico

Il Presidente Paolo Trevisanato

Centro Stampa delle Venezie Padova Periodico Mirano Magazine Free Press - Distribuzione Gratuita

Pranzo di Pasqua 2019 Antipasto Capasanta lardellata su letto d’asparagi Tris di carpaccio: Tonno, Pesce Spada e Salmone con ratatouille di verdure Millefoglie di Platessa con mazzancolle gratinate al forno Primi Risotto VialoneNano con Scorfano e Asparagi di Badoere IGP Panciotti caserecci farciti alle Capesante e Gamberi rossi di Mazara su letto di concassé al pomodoro Sorbetto Secondi San Pietro al forno con carciofi e lime Cicchetto di Frittura e verdurine croccanti Flan alle verdure e Patate duchessa Dessert Semifreddo dello Chef Bevande Pinot Grigio DOC Venezia di ‘Paladin’ Prosecco DOC Millesimato Extra Dry di ‘Bosco del Merlo’ Caffè - Acqua San Pellegrino e Panna euro 60,00 a persona

Piazzale Pio XII, 1 - MIRANO (VE) Tel. 041 430826

Pizzeria e Ristorante

Via Belvedere, 14 - MIRANO - VE Tel. 041 5489986 - www.aimolinimirano.com


04

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Buon Pasqua!

IL TUO SALONE DI AUTO NUOVE E USATE MULTIMARCA

I NOSTRI SERVIZI SERVICE ASSISTENZA AUTO SOSTIRUTIVA SOCCORSO STRADALE ESTENSIONI DI GARANZIA FINANZIAMENTI PERSONALIZZATI

ACQUISTIAMO LA TUA AUTO

Vega Cars S.r.l. Viale Venezia , 3 30035 Mirano (VE) tel. 041 5703559


05

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Riflessioni su un valore: “la legalità” Questo nuovo numero di Mirano Magazine è l’occasione per rivolgervi gli auguri di buona Pasqua e per condividere alcune riflessioni su un valore, la legalità, ritornato al centro di tanti eventi in quest’ultimo periodo. Il più importante si è svolto 21 marzo scorso, quando oltre 50mila persone a Padova e circa un milione in tutta Italia hanno celebrato la XXIV edizione della Giornata nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico. Gli enti locali, le realtà del terzo settore, le scuole, la cittadinanza, assieme a centinaia di familiari delle vittime, si sono ritrovate per ricordare, nome per nome, i 1.011 innocenti morti per mano delle mafie, creando in tutto il Paese un ideale filo di memoria responsabile, che dal ricordo può generare impegno e giustizia nel presente. Anch’io ho partecipato con emozione alla cerimonia leggendo i nomi di alcune delle vittime e poi intervenendo ad un seminario sul ruolo degli amministratori locali nella lotta a mafie e corruzione. Già da alcuni anni il Comune di Mirano aderisce all’associazione “Avviso pubblico. Enti locali e Regioni per la formazio-

ne civile contro le mafie” perché ogni istituzione deve fare la propria parte. E tanto più devono farla le istituzioni più vicine ai cittadini, fortemente legittimate dal voto popolare diretto. La legalità dev’essere parte di quei valori che sono alle fondamenta non solo della democrazia e delle istituzioni, ma di un’intera comunità. Si tratta di un valore che va difeso, tutelato e promosso in ogni sua forma e sfumatura. La legalità non è prerogativa di un partito o di un altro, non deve diventare terreno di scontro politico e nessuno deve attestarsi patenti o certificati di onestà. La legalità è la stella polare che deve guidare ognuno di noi nel governo quotidiano delle amministrazioni. Purtroppo abbiamo visto che nemmeno la nostra regione, il Veneto, è immune dal fenomeno dalla mafia. Nelle ultime settimane le cronache giudiziarie ci hanno raccontato una realtà dalle tinte fosche. Ho firmato con orgoglio il manifesto-appello "Ribelliamoci, difendiamo la nostra terra" lanciato dal quotidiano Corriere del Veneto con Avviso Pubblico dopo la retata contro la Camorra a Eraclea, sottoscritto da 2mila persone e consegnato proprio il 21 marzo scorso al prefetto di Padova Renato Francescelli, in qualità di rappresentante di tutte le istituzioni. Rappresenta un segnale importante

sul fatto che il Veneto non abbassa la testa. Un segno concreto del fatto che l’attenzione deve rimanere alta. Un segno concreto del fatto che noi sindaci ci siamo. E vogliamo essere in prima linea. Ci tengo a ringraziare, anche da questa pagina, i magistrati, i prefetti, gli uomini e le donne delle forze di polizia e tutti i soggetti che ogni giorno lavorano per la legalità. Si tratta di eroi silenziosi che sono un baluardo della democrazia e ci ricordano come questo valore vada difeso e tutelato sempre e non solo a parole. Ho voluto riprendere queste tematiche fondamentali perché mi interessa che le luci su questo problema non si spengano dopo le splendide giornate di marzo. Sarebbe un errore imperdonabile accantonare la lotta alle mafie e rimetterla al centro del dibattito solo nel momento degli arresti. La lotta alla mafia non è un’opzione, ma è una necessità. Non serve la politica degli annunci e la dittatura dell’istante, ma un impegno di tutte le forze politiche, le associazioni di categoria, i sindacati ed i soggetti che hanno a cuore il nostro territorio per costruire un fronte comune compatto in grado di preservare il valore della legalità. Un’assunzione di responsabilità per dare alle future generazioni una terra di legalità. Voglio concludere con le parole di Giovan-

ni Falcone che ha dato la vita nella lotta alla mafia e la cui lezione è più che mai attuale e dev’essere un monito per tutti noi: «Bisogna rendersi conto che la mafia è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni».

Maria Rosa Pavanello Presidente dell’Unione dei Comuni del Miranese e Sindaca di Mirano

Interventi antisismici nelle scuole Nel corso della prossima estate saranno eseguiti i lavori di miglioramento del comportamento sismico ed adeguamento funzionale in quattro plessi scolastici comunali. Sono la scuola secondaria “Mazzini” di via Giudecca e le scuole primarie “Alfieri” di Zianigo, “Manzoni” di Ballò, “Pellico” di Campocroce. I cantieri saranno aperti al termine di questo anno scolastico e dovranno essere chiusi in tempo per non interferire con l’inizio delle lezioni a settembre. L’impegno economico da parte del Comune per potenziare la sicurezza di questi edifici scolastici è consistente: i lavori costeranno 680.000 euro alla “Mazzini”, 340.000 euro alla “Alfieri”, 230.000 euro alla “Manzoni” e 242.000 euro alla “Pellico”. I progetti erano stati finanziati a inizio 2018 grazie agli spazi finanziari ag-

Buona Pasqua!

giuntivi concessi dal Governo e poi erano stati affidati a professionisti esterni competenti in materia strutturale e di edilizia scolastica, che li hanno redatti sulla base di apposite verifiche sismiche. L’esecuzione dei lavori, invece, è stata finanziata con l’avanzo di amministrazione grazie alle concessioni ai comuni sull’utilizzo dell’avanzo contenute nella circolare MEF di fine 2018. In questo periodo si stanno concludendo le procedure di gara per assegnare gli appalti dei lavori. Ci siamo avvalsi della Stazione Unica Appaltante della Città Metropolitana di Venezia per i lavori riguardanti le prime tre sedi, mentre per la “Pellico” la gara è seguita direttamente dal nostro ufficio tecnico. Rendere più sicuri gli istituti scolastici è fondamentale per i ragazzi, gli insegnanti e il personale e allo stesso tem-

po è un’azione che dà nuovo ossigeno al mondo del lavoro e delle imprese. Con l’avanzo sono stati finanziati i lavori anche per un’altra importante opera: l’adeguamento antisismico di villa Belvedere, sede dell’Unione dei Comuni del Miranese, per un importo di 330.000 euro. L’intervento di miglioramento inizierà a maggio e riguarderà principalmente la copertura e l’ultimo piano della villa, dove saranno apportarti dei rinforzi strutturali. Gli uffici della Polizia Locale nei piani inferiori potranno continuare ad essere operativi. Nello stesso periodo partiranno i lavori di adeguamento antisismico, normativo e funzionale del campo da rugby comunale per un importo di 550.000 euro. Anche questo importo è stato finanziato sfruttando le concessioni della circola-

ESCLUSIVAMENTE PESCE: • RISOTTI • PASTICCI • SPAGHETTI • FRUTTI DI MARE • PESCE ALLA GRIGLIA • CICCHETTI DI PESCE

...e se telefoni tutto quello che vuoi... di GISA s.n.c. Sede: via Paolo Errera, 3 MIRANO (VE) - Tel. 041 433.666 CHIUSURA MERCOLEDÌ

re MEF del 2018, che ci ha permesso di mettere a bilancio entro lo scorso anno opere già in sufficiente grado di progettazione.

Giuseppe Salviato Vice Sindaco e Assessore alle Opere Pubbliche

ISCRIVITI E PARTECIPA ALLO


06

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Parte il Progetto Pedibus “Sicuri a scuola a piedi” Il Progetto Pedibus “Sicuri a scuola a piedi”, che abbiamo presentato lo scorso febbraio con Legambiente Mirano e i dirigenti degli Istituti Comprensivi Mirano 1 e Mirano 2, ha ricevuto l’adesione di oltre 150 alunni e anche di numerosi genitori e nonni come volontari accompagnatori. Hanno aderito alunni di tutte le scuole primarie del centro e delle frazioni, ad eccezione della scuola “Pellico” di Campocroce che, per le caratteristiche del territorio, poco si addice all’iniziativa. Il Pedibus, pertanto, partirà all’inizio di maggio per un mese di prova e poi riprenderà stabilmente con il nuovo anno scolastico 2019/2020. Nei punti di ritrovo stabiliti (presso parcheggi scambiatori) i bambini saranno accolti dai referenti volontari che accompagneranno il gruppo fino all’istituto di destinazione: chi proviene da lontano potrà essere accompagnato dai genitori presso il proprio punto di ritrovo e aggre-

garsi al gruppo, contribuendo così alla riduzione del traffico nei pressi della scuola. Sia i bambini che gli accompagnatori saranno dotati di copertura assicurativa e di pettorine ad alta visibilità per il riconoscimento da parte di ciclisti e autisti. Il servizio sarà completamente gratuito. Sono previsti due percorsi per le scuole “Dante Alighieri” e “Petrarca” e uno per la scuola “Azzolini” per quanto riguarda Mirano, uno per la scuola “Carducci” di Scaltenigo e uno per la “Alfieri” di Zianigo, tutti di lunghezza massima di circa 1 chilometro. I percorsi proposti saranno preventivamente vagliati dalla Polizia Locale per verificarne la sicurezza. Va sottolineata la forte valenza educativa del progetto, che stimola la riappropriazione della città da parte di bambini e bambine e accompagnatori, attraverso la conoscenza dell'ambiente nel quale viviamo, inteso non solo come spazio del consumo e dello sfruttamento delle risorse,

ma come luogo di relazioni e di comunità. La città è fatta di diversi elementi e soggetti con i quali i bambini attraverso il Progetto “Pedibus” possono avere l’opportunità di relazionarsi, imparando ad orientarsi nella viabilità e a conoscere l’ambiente e i suoi valori paesaggistici. Andare a scuola a piedi in compagnia di altri compagni è una ginnastica a costo zero (che, una volta diventato abitudine, resta per tutta la vita), che migliora l’umore e aiuta i bambini a socializzare meglio e a crescere in modo più autonomo rispetto ai genitori. Studi scientifici hanno provato che gli studenti che vanno a scuola a piedi e fanno attività motoria prima di entrare in classe sono molto più attenti e recettivi rispetto a quelli che vengono accompagnati in auto. I benefici del progetto sono anche collettivi: un aiuto concreto all’ambiente, riducendo l’inquinamento legato alla circolazione delle auto.

XIX FESTIVAL DEL VOLONTARIATO FESTA DELLA PACE “Preziosi come l’acqua” dal 3 al 12 maggio 2019

“Torna anche quest’anno l’appuntamento con il Festival del Volontariato (3-12 maggio 2019): un momento importante per tutto il mondo del Terzo Settore miranese, punto di partenza delle attività del nuovo anno ma anche momento in cui fare il punto di quanto è stato fatto e dei fili della solidarietà che si sono costruiti. E saranno proprio i legami e le relazioni tra associazioni ad essere protagonisti di questa edizione, avendo scelto come filo conduttore l’elemento “acqua”. Un festival, organizzato dalle associazioni della Consulta del volontariato, in sinergia con l’Amministrazione comunale, che occupa ben 10 giorni di iniziative, di mostra fotografica, conferenze, concerti per promuovere lo slogan “Preziosi come l’acqua”, nelle proprie sfaccettature associative. Il tutto culminerà, come consuetudine, il 12 maggio: il volontariato (insieme al Centro Pace) si affaccia anche quest’anno sulle vie e sulle piazze del centro storico cittadino per rendere visibile la propria azione quotidiana: generosa, instancabile, tenace. Questo affacciarsi non intende essere mera vetrina ma porta con sé un moto, una tensione, un’azione di “contagio” con i valori di cui il volontariato è trasversalmente portatore: responsabilità, solidarietà e libertà per l’accoglienza, l’inclusione, la lotta alle povertà, la pace. A breve il calendario dettagliato, con l’auspicio di tutti di coinvolgere in maniera massiva tutta la cittadinanza." Venerdi 3 maggio alle 18 al Teatro della Villa Belvedere con l’incontro la onlus “Famiglie e Abilità” in collaborazione con “Fondazione Antonietta e Riccardo Paoletti” per un aggiornamento su "Autismo: dalla diagnosi all'adolescenza. Famiglie in cammino" e l’intervento di psicologi, psicoterapeuti e famiglie. Sabato 4 maggio in Santa Bertilla alle 10.30 Inaugurazione della mostra a cura del CESVITEM che resterà aperta per tutta la durata del Festival e verranno proiettati filmanti sull’attività di EMERGEN-

CY. La sera alle 20.45 al Teatro della Villa Belvedere la onlus “Parkinsoniani Associati Mestre Venezia e provincia" presenterà alla città “La Malattia di Parkinson sulle ali del Gospel" con il coro "Voci in accordo" Domenica 5 maggio alle 10.15 nel Duomo di San Michele verrà celebrata la messa in occasione della festa per il 50esimo dell’AVIS cui seguirà la premiazione dei donatori più assidui e un rinfresco in patronato. La sera alle 20.30 al Teatro della Villa Belvedere presentazione dell’IPAB Mariutto con l’esibizione di gruppi musicali del nostro territorio tra cui le scuole ad indirizzo musicale, il Conservatorio, la scuola Boschello. Martedi 7 maggio alle 17 nella sala delle conferenze della Villa Errera verrà presentata l’ AIDO con un incontro sul valore sociale della donazione di organi. Mercoledi 8 maggio alle 20.30 nella sala delle conferenze della Villa Errera verrà presentata la CARITAS con un incontro sul tema “Sorella Acqua” con riflessioni, aggiornamenti e approfondimenti. Giovedi 9 maggio alle 17 nella sala delle conferenze della Villa Errera la presentazione dell’AVO con l’incontro su “L’attenzione del volontario verso i bisogni primari del malato”. Venerdi 10 maggio per tutta la mattinata in Piazza Nello Errera la Croce Rossa curerà il Mercatino degli oggetti vecchi: Alle 20.30 in Santa Bertilla il CESVITEM curerà un incontro-conferenza con il dott. Riccardo Petrella sull’acqua bene pubblico. Sabato 11 maggio alle 10.30 nella sala delle conferenze della Villa Errera il Centro Servizi di Venezia SCV incontrerà tutte le associazioni del terzo settore del miranese per un aggiornamento sulle innovazioni normative e sulle grandi opportunità che si aprono per il volontariato. Nel pomeriggio in Piazza Martiri verrà al-

lestito il Gran pavese con il Giardino delle Associazioni Alle 17.00 in Piazza Nello Errera esibizione del gruppo giovanile “Enrico+amici”. La sera alle 20.30 nel Duomo di San Michele la presentazione del Centro Aiuto alla Vita con un Concerto. Domenica 12 maggio alle ore 8.00 in piazza Martiri apertura degli stands delle Associazioni. Alle ore 10.15 nel cortile interno del Patronato verrà celebrazione la Messa Eucaristica in occasione del Festival del Volontariato, della Festa delle Famiglie e dei Giubilei di Matrimonio Dalle 10.30 alle 12.00 in Piazza l’associazione la COLONNA organizzerà giochi per i bambini. Alle ore 11.00 l’AVIS in collaborazione con l’associazione cinofila Gaci adozione levrieri Passeggiata con amici a 4 zampe e dimostrazioni di unità cinofila di Santa Maria di Sala Percorso di 1.5 km circa per le ville e piazze di Mirano. Ai primi 100 partecipanti sarà consegnata una bandana a ricordo della manifestazione. Iscrizione presso il gazebo del Gaci e dell'Avis gratuita. Alle ore 11.30 il lancio dei palloncini a cura del Centro Pace di Mirano. Alle ore 12.00 dimostrazioni della Croce Rossa in piazza. Alle ore 12.30 in Patronato il CIRCOLO NOI proporrà il Pranzo Sociale del Circolo previa prenotazione e iscrizione in canonica entro martedi 7 maggio. Alle ore 15.30 in Piazza Martiri l’AVID proporrà il concerto dei Fiorellini Dalle ore 15.30 nel Parco Belvedere inizieranno le visite guidate Castelletto Alle ore 17.30 nel Teatro della Villa Belvedere lo SPRAR presenterà lo spettagolo per bambini e ragazzi “Il viaggio di Cenerentola” con merenda. Gabriele Petrolito Assessore alle politiche sociali, Salute e diritti, Rapporti con il volontariato.

Per maggiori informazioni è a disposizione l’Ufficio Pubblica Istruzione tel. 041.5798484-475 e-mail istruzione@comune.mirano.ve.it

Anna Gnata Assessore alla Scuola e Biblioteca

Bando di concorso per alloggi ERP Fino al 18 aprile 2019 sarà possibile presentare domanda di partecipazione al Bando di concorso per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica del Comune di Mirano. Potranno presentare domanda i nuclei familiari in possesso dei requisiti per l’ammissione indicati nel bando. Bando e modulo di domanda sono disponibili presso lo Sportello Sociale, viale Rimembranze n. 1 (orario: lunedì e mercoledì 9.0012.00, giovedì 15.00-17.00); presso il Multi Sportello Mirano, via Bastia Fuori n. 54/56, (orario: da lunedì a venerdì 8.3013.00, martedì e giovedì 15.00-17.00); nel sito comunale www.comune.mirano.ve.it. Il Servizio Interventi Sociali fornisce assistenza alla compilazione. Sono invitati a partecipare, se ancora interessati, anche i nuclei familiari che hanno presentato domanda per la partecipazione al concorso per l’anno 2015 in quanto, con la pubblicazione della graduatoria definitiva del bando 2019, la precedente graduatoria perde efficacia.

Gabriele Petrolito Assessore alle politiche sociali, Salute e diritti, Rapporti con il volontariato


07

www.miranomagazine.it

aprile 2019

TOPONOMASTICA FEMMINILE Venerdì 8 marzo 2019, nella Giornata internazionale della Donna, è stata collocata nella nuova piazzetta di Ballò (Mirano) una stele intitolata a Tina Anselmi (Castelfranco 1927 - 2016), staffetta partigiana, insegnante, sindacalista, parlamentare, prima donna Ministro della Repubblica nel 1976. In 115 anni di storia dell’Italia Unitaria, dopo 836 uomini, la prima Ministra del lavoro e della previdenza sociale ha svelato il valore delle donne troppo spesso ignorato o negato. Del resto il voto le donne italiane l’avevano avuto solo nel 1946. Spetta a lei la legge 833/1978 su quella riforma sanitaria che diede all’Italia un sistema di prevenzione e cura eccellente in Europa. Esso è basato su tre principi fondamentali: universalità, solidarietà, uniformità, in base all’articolo 32 della Costituzione che recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti”. Questa donna profondamente cattolica e profondamente laica nel suo servizio allo Stato è stata un elemento di unione fra culture e idee politiche diverse. La toponomastica femminile, infatti, che chiede di intitolare vie, piazze, scuole alle donne, vuole colmare il vuoto di rappresentazione simbolica della storia e della memoria femminile che sono state mutilate, incomplete, quando non del tutto cancellate. Spesso le giovani generazioni non conoscono quanto, in passato, è stato costruito in termini di espressioni culturali, ricerche scientifiche, esperienze politiche, battaglie civili e sociali e quindi ignorano quanto le donne hanno contribuito alla definizione del mondo in cui viviamo. Illuminare di luce nuova i traguardi e le conquiste raggiunte dalle donne nel passato può guidare verso il rafforzamento dei rapporti intergenerazionali, verso la difesa delle eredità ricevute e può concorrere a far rispettare il valore delle differenze. Il nostro Comune, il 5 aprile del 2012, con deliberazione del Commissario Prefettizio, aveva aderito alla campagna per la memoria femminile locale, nazionale, straniera, denominata “8 marzo 3donne 3strade”. L’attuale Amministrazione successivamente insediatasi ha provveduto ad intitolazioni in questo senso. A Etty Hillesum, olandese, scrittrice, vittima della Shoah nel 1944, è stata dedicata una piazzetta tra via Vittoria e via Mascagni.

A Francesca Morvillo, magistrata, compagna di Giovanni Falcone, è stato dedicato il parco prospicente la Casa della Musica. Alla veneziana Elena Corner, prima donna laureata a Padova, e perciò in Italia e nel mondo, nel 1678, è stata intitolata una via contigua alla cittadella degli istituti superiori. A Ilaria Alpi, giornalista uccisa a Mogadiscio insieme al tecnico Miran Hrovatin il 20 marzo di 25 anni fa, senza che ancora si sia fatta luce e giustizia, è dedicata una via di Vetrego. Precedentemente, proprio a lato della chiesa san Leopoldo Mandic, una via era stata intitolata a Maddalena Lombardini, veneziana, violinista e compositrice vissuta nel ‘700 e, a Zianigo, dove visse liberata dalla schiavitù prima di diventare suora canossiana, una via è intitolata a Santa Giuseppina Bakhita. Per unanime consenso del Consiglio Comunale, in data 20 febbraio 2019, a seguito del Giorno del Ricordo, è stato deliberato di intitolare la prossima via o piazza, disponibili, a Norma Cossetto, studentessa universitaria vittima nelle foibe nel 1944. Ella fu insignita della laurea honoris causa post mortem dall’Università di Padova e della medaglia d’oro al valore dalla Presidenza della Repubblica. Toponomastica femminile è un’associazione con sede legale a Roma e attività in tutta Italia, il cui sito è: www.toponomasticafemminile.com Il gruppo conta oggi 9.000 partecipanti.

Renata Cibin Delegata alla Cultura

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA GRUPPO AMICI MICOLOGI MIRANO Iscriviti e partecipa alle attività del Gruppo “AMICI MICOLOGI MIRANO” Se ami la Natura, vieni a conoscerla attraverso la Micologia

TUTTI I LUNEDÌ SERA LEZIONI SUI FUNGHI

WONDER COMPANY 2019 MUSICA, SHOW E DIVERTIMENTO

Lunedì 31 dicembre a partire dalle ore 22.00 Vi è stato l’imperdibile evento di Capodanno in Piazza Martiri della Libertà. Radio Company e Contatto Show Events, in collaborazione con il Comune di Mirano, hanno presentano l’imperdibile appuntamento del 31 dicembre con l’evento di Capodanno in piazza Wonder Company 2019. Una straordinaria serata trascorsa sotto le stelle tra animazione, musica, gadgets e tanto divertimento. Sul palco installato in Piazza Martiri della Libertà a Mirano, direttamente da Radio Company, l’animazione e la musica di Stefano Ferrari e Antonello Cerri, hanno saputo coinvolgere il pubblico con simpatia e frizzante ironia, proponendo tutti i più grandi successi musicali tramessi da Radio Company nel corso del 2018, in attesa del count-down di fine anno, accompagnati dalle esibizioni live della B-Side Band. La musica e l’animazione sono continuate ininterrottamente fino alle 02.00. L’evento era ad ingresso libero e gratuito. WONDER COMPANY e MIRANO: un appuntamento da non perdere anche nei prossimi anni. Un grande successo che MIRANO vuole rinnovare anche nel futuro.

2° E 4° GIOVEDÌ DEL MESE LEZIONI SULLE "ERBE" inizio ore 21.00

SEDE SOCIALE Mirano (VE) Barchessa di Villa Errera Via Bastia Fuori Tel. 041 430036 - Cell. 348 3431191

Cristian Zara Assessore alla valorizzazione e promozione attività commerciali, promozione e valorizzazione attività sportive, politiche per il lavoro


08

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Piano di intervento per la riduzione dell’infestazione da zanzare Il Comune ha predisposto un piano di intervento per la riduzione dell’infestazione da zanzare in collaborazione con Veritas e il Dipartimento di Prevenzione dell’ULSS 3. Prevede 9 interventi (5 antilarvali e 4 adulticidi) che saranno effettuati a partire da metà aprile o inizio maggio fino a settembre o inizio ottobre, a seconda delle temperature dell’acqua e delle condizioni meteo. Nel sito comunale www.comune.mirano. ve.it si potranno reperire informazioni sulla prevenzione alla diffusione di questo insetto e sulle modalità di trattamento con aggiornamenti sulle date di intervento. Come per l’anno scorso verranno distribuite ai cittadini residenti delle pastiglie antilarvali a partire da inizio maggio. Inoltre, con una specifica ordinanza sindacale saranno precisate le misure per prevenire la proliferazione delle zanzare nelle aree private e durante le manifestazioni.

Monitoraggio dei servizi cimiteriali Cari concittadini, a circa due anni dall’inizio del mio mandato, quale Consigliere Delegato al “Monitoraggio dei servizi cimiteriali e demografici”, posso confermarvi i numerosi progressi svolti nella manutenzione dei luoghi di culto. Già da quest’anno nei cimiteri del capoluogo e delle frazioni di Mirano per la commemorazione dei defunti sono state introdotte delle migliorie: all’ ingresso dei cimiteri sono stati posti dei vasi con fiori bianchi e gialli, all’interno sono stati sistemati i percorsi pedonali, ripuliti e resi più agibili per tutte le persone che li percorrevano. Il manto erboso sui campi a verde è stato tagliato. Alcune tra le migliorie apportate riguardano non solo l’ingresso del camposanto di Vetrego in cui sono stati sostituiti i vecchi cipressi con altri arbusti, ma anche in quello di Scaltenigo in cui è stato ridipinto il muro di cinta, affinchè anche all’ester-

no sia garantito il decoro e la sacralità che vi ritroviamo all’interno. A Zianigo sono stati potati gli alberi e gli arbusti, sono state estirpate le erbacce e aggiunti ulteriori annaffiatoi Il Comune di Mirano si è impegnato a garantire la manutenzione delle strutture all’interno del cimitero, degli utensili e delle attrezzature. Gli annaffiatoi sono stati ripristinati nonostante i tipici problemi di usura. Progetto per il futuro è l’installazione del sistema di video-sorveglianza all’entrata del Luogo di Culto, garantendo maggior sicurezza, ostacolando atti di vandalismo e possibili furti che potrebbero avvenire all’interno. Mi auguro che queste iniziative siano apprezzate dai cittadini. Resto a disposizione, come sempre, per le Vostre segnalazioni e punti di miglioramento. Un cordiale saluto Fiorenzo Rosteghin

Piazza Martiri della Libertà "La storica targa che i Miranesi dedicarono ai Martiri della Libertà è ritornata al suo posto, sull’angolo a nord - est dell’ovale della piazza di Mirano. La cerimonia di scopertura si è svolta il 27 di Gennaio, alla presenza delle autorità comunali (Sindaca Maria Rosa Pavanello, Presidente del Consiglio Renata Cibin, Consiglieri Comunali Lorenzo Perale e Federica Pavanello), dei rappresentanti dell’ANPI e di numerosi cittadini.

La targa è stata riportata al suo aspetto originario con un attento restauro, grazie al prezioso contributo del sig. Piergiorgio Volpato, titolare della” Carrozzeria Miranese” e del sig. Giovanni Bertolini, dell’Ufficio Impianti del Comune. La Piazza, un tempo denominata “Vittorio Emanuele II di Savoia”, venne rinominata dopo il 1945 e dedicata ai Martiri della città di Mirano."

Federica Pavanello

Impianti Gas Impianti termo idro - sanitari Sostituzione caldaie Riparazioni varie

Via Formigo, 19 - Scaltenigo di Mirano (VE) Cell. 330 537912 - Tel. 041 436312 - P.Iva 02104000274


09

www.miranomagazine.it

aprile 2019

ITALIA NOSTRA PER L’AMPLIAMENTO DEL BOSCO DEL PARAURO L’Ente Mariutto nei mesi scorsi ha emesso un bando di gara per la vendita di terreni agricoli di sua proprietà in via Zinelli adiacenti al Bosco del Parauro. Il bando è andato deserto. Italia nostra ritiene che l’Amministrazione Comunale dovrebbe operare per l’ acquisizione di quest’area per permettere un significativo ampliamento del Bosco del Parauro. Un obbiettivo importante per il miglioramento della qualità ambientale del territorio comunale con positive ricadute sulla qualità della vita dei suoi abitanti. Un obbiettivo sempre più urgente per affrontare le varie problematiche conseguenti al cambiamento climatico in atto. L’ampliamento del Bosco del Parauro è una proposta che già nel 1996 Italia Nostra aveva avanzato al Comune, alla Amministrazione Provinciale ed all’ente Mariutto, convinta dell’importanza di questa area boscata per il miglioramento ambientale. Le ragioni di allora così come quelle che portarono la nostra Associazione a proporre negli anni ottanta la realizzazione del bosco di pianura sono oggi ancora più attuali. Riteniamo importante ricordare che il “Bosco del Parauro”, l’area boscata di 20 ettari di proprietà della Città Metropolitana che si estende nel territorio comunale fra l’abitato di Luneo e l’ospedale, primo esempio di forestazione urbana nel Veneto, deve la sua realizzazione a una proposta ed al forte impegno dei soci di Italia Nostra di Mirano. Furono infatti Vinicio Morini e Renzo Tonolo , tra i fondatori della sezione di Mirano, che nel 1984 lanciarono pubblicamente al Comune la proposta di realizzare “un parco naturale comprensoriale” acquistando dalla Provincia i 20 ettari di terreno agricolo per i quali era stata decisa la privatizzazione. Italia Nostra assegnò al futuro bosco il nome naturale del Parauro, piccolo e antico corso d’acqua che, alimentato dal Muson attraversa una ampia zona agricola a nord di Mirano, proprio perché significava la terra e l’acqua in cui sarebbe nato e cresciuto. Lo scopo era “ la creazione di una vasta macchia silvestre secondo un disegno che pre-

veda una serie di destinazioni ad essa congeniali, chiamando a provvedervi gli Enti e la popolazione attiva nel Comprensorio miranese. Si tratta di procedere alla creazione di un bosco organizzato destinato ad ospitare tutte le specie della fauna e della flora locali. La proposta tende a ricreare un ambiente naturale che assuma il significato di un grande rifiuto dell’uomo contro le nefaste conseguenze di un sistema che produce guasti all’equilibrio naturale affermando la necessità di incrementare le zone a verde in opposizione alla edificazione ed alle pratiche pseudo agricole offrendo ai cittadini di oggi e domani della Metropoli un laboratorio ecologico per forme di vita e di paesaggio tradizionali.” (da note per un progetto di Bosco in Città. Il Parco naturale del Parauro. Italia Nostra Mirano maggio 1985). Il confronto su questa proposta, avviato da Italia Nostra Mirano con le Amministrazioni, gli enti interessati e i partiti politici portò la Provincia a sospendere la messa in vendita dell’area e, nel 1990, a decidere di individuare per questi 20 ettari un utilizzo diverso dalla tradizionale agricoltura dando vita nel 1991, su progetto redatto dall’Azienda Regionale delle Foreste del Veneto, al “Bosco del Parauro”. Oggi, dopo quasi 30 anni, quest’area boscata non solo svolge una importante funzione per la salvaguardia della fauna e della flora locale e per il miglioramento della qualità dell’aria, con riduzione di polveri sottili e di CO2, ma anche rappresenta un efficace strumento di educazione ambientale. Il valore della proposta di Morini e Tonolo è inoltre confermato dai numerosi studi che negli anni hanno confermato l’importanza della riconversione di aree agricole in aree boscate in tutta la pianura padana come antidoto contro i pesanti guasti portati alla qualità dell’ambiente dalla sfrenata urbanizzazione. La Regione Veneto, convinta dell’importanza che i boschi di pianura possono avere per il miglioramento dell’ambiente e della qualità della vita dei cittadini, nel 2003 ha emesso una apposita legge in materia( N° 13/2003).

Dopo essere passati da 50 a 500 ettari di boschi di pianura si è posta l’obbiettivo di raggiungere i 5000 ettari entro il 2050. Gli “ Stati Generali dei Boschi di Pianura” promossi dalla Regione a Sandrigo nell’Ottobre del 2017 hanno prodotto un documento detto “ Carta di Sandrigo” nel quale sono riassunte le ragioni di questo impegno. Si sottolinea infatti che: “sono uno spazio sempre disponibile per l’acqua e possono svolgere un’importante funzione regimante in occasione di piogge eccezionali ed eventi alluvionali. Contribuiscono anche alla depurazione delle acque che li attraversano e contribuiscono a migliorare la qualità dell’aria. (forte capacità di abbattimento del PM10 e degli altri inquinanti atmosferici) Sono spazi a disposizione per le attività ricreative e per chi cerca uno stile di vita più in armonia con la natura. Hanno una benefica azione preventiva e terapeutica sulla salute e sul benessere fisico e psichico delle persone, contribuendo a ridurre i costi della sanità. Il carbonio fissato nei tessuti legnosi, nella lettiera e nel suolo, dà un contributo alla mitigazione del cambiamento climatico (un ettaro di bosco ha la capacità di abbattere da 10 a 15 ton. di CO2). In definitiva i boschi di pianura sono una componente del paesaggio essenziale per vivere bene in un territorio ricco, sano,inclusivo e bello. Per queste ragioni noi crediamo che l’espansione dell’attuale Bosco del Parauro porterebbe importanti e benefiche ricadute non solo sul territorio comunale e sui suoi abitanti ma anche su tutta l’area metropolitana caratterizzata da una diffusa cementificazione e da un elevato inquinamento. Abbiamo quindi chiesto all’Amministrazione comunale di intervenire per impedire la vendita a privati di quest’area operando per la sua acquisizione al pubblico e di attivarsi per un progetto di significativo interesse per la salute dei cittadini. Per i soci di Italia Nostra di Mirano Adriano Marchini


10

www.miranomagazine.it

aprile 2019

9° GIORNATA ECOLOGICA A MIRANO Domenica 31 marzo 2019, si è svolta la 9° giornata ecologica a Mirano, organizzata dal Gruppo “Amici Micologi Mirano”, avvenimento che si ripeterà ogni anno in questo periodo. Il Gruppo “A.M.M.”, lancia un forte appello a tutte le Associazioni e Gruppi Culturali e Sportivi, alle Scuole di ogni ordine e grado e a tutti i cittadini affinchè aderiscano e collaborino alla riuscita di questo importante avvenimento ormai annuale. Alcuni componenti il Ns. Gruppo, si sono dedicati alla raccolta delle bottiglie di plastica e vetro, in diverse vie e fossati del territorio Miranese. Risultato: 56 sacchi di plastica grandi, con centinaia e centinaia di bottiglie (di plastica e vetro) raccolti in poche ore, solo un una piccola parte di Mirano. La nostra città si ama curando e proteggendo il suo ambiente dal quale dipende la salute e la qualità della vita di tutti noi. Ma che cos’è la giornata ecologica? È un momento di aggregazione collettiva per ripulire quelle zone del territorio che, con il passare degli anni, si sono lentamente riempite di rifiuti di vario genere come lattine, bottiglie di plastica, sacchetti di polietilene, avanzi di ogni tipo che la maleducazione e l’incuria di cittadini, dimenticando ogni regola del vivere civile, distribuiscono a piene mani nella più serena tranquillità “tanto c’è chi pulisce” tanto cosa vuoi che faccia una lattina in più o in meno”: questi, generalmente sono i pensieri inconsci che passano fugacemente nelle menti delle persone che si comportano in questo modo. Ringraziamento all’ufficio Ambiente del Comune di Mirano e alla V.E.R.I.T.A.S., per la disponibilità e materiale concesso e ai componenti la ricerca. Il Presidente Paolo Trevisanato

Giornata ecologica 2019

AUMENTO DELLA TASSA DEI RIFIUTI A MIRANO Dall’inizio della nuova amministrazione, in più occasioni, ho sollevato la problematica di rifiuti abbandonati, aree ecologiche e cassonetti non puliti. Molto probabilmente, proprio per non essere visti, l’abbondono dei rifiuti avviene durante le ore notturne. Quando la città dorme materiali ingombranti, indumenti, elettrodomestici ma anche sostanze tossiche vengono lasciate all’esterno dei cassonetti, nel totale anonimato. Così l’indomani i cittadini subiscono questa totale mancanza di civiltà.Questo fenomeno genera degrado, inquinamento e danno estetico in tutte le zone che lamentano tali episodi. Vedere l’aumento della tassa dei rifiuti a fronte di continue lamentele da parte dei cittadini mi porta a tornare sull’argomento. In alcune zone della città l’abbandono di rifiuti è pressoché quotidiano e in alcuni casi trascorrono diversi giorni prima che gli stessi vengano rimossi in quanto il servizio VERITAS S.P.A deve organizzare le uscite e i passaggi in tutto il territorio. Evidentemente la colpa dei rifiuti abbandonati cade totalmente sui cittadini irrispettosi del bene comune ma tale situazione va affrontata e risolta. Lo scorso anno, per quanto è stato riferito in Consiglio Comunale, sembrava che l’amministrazione avesse concordato con VERITAS l’intervento di ispettori incaricati a vigilare nei pressi delle isole ecologiche. Tale soluzione non può essere risolutiva in quanto è intuibile che l’abbandono avvenga, almeno nella maggior parte dei casi, lontano da occhi indiscreti. Certo è che nessun cittadino dovrebbe permettersi di gettare rifiuti nel territorio, ma è altrettanto certo che è necessario intervenire con modalità e decisioni differenti rispetto a quanto fatto sino ad oggi. Sono sempre stata favorevole all’istallazione di videocamere, almeno nei “luoghi più a rischio”. Secondo l’amministrazione è una proposta difficile da attuare in quando il soggetto addetto alla visione dei video, essendovi la registrazione di immagini di cittadini, dovrebbe avere determinate competenze nel rispetto della normativa sulla privacy. Ritengo che l’istallazione di impianti di videocamere possa portare ad una possibile risoluzione del problema rispetto all’intervento di ispettori, in quanto mentre gli ispettori hanno un costo molto alto e non possono svolgere un controllo costante, le videocamere, con la sola incombenza di individuare la persona di competenza, avrebbero un costo mirato ma soprattutto un controllo costante. La sig.ra Sindaco ha comunicato, nell’ultimo Consiglio Comunale, che stanno vagliando alcune ipotesi da attuare entro l’anno 2019. Sta di fatto che la tariffa rifiuti è

una imposta comunale che dovrebbe garantire un servizio efficiente per tutti i cittadini. Ora i miranesi si vedono aumentare la tassa rispetto ad un servizio che quasi quotidianamente viene criticato. Attenderemo speranzosi le novità nel 2019, magari con una proposta di raccolta dei rifiuti diversa da quella sino ad oggi messa in uso, ad esempio con il “porta a porta”.

Maria Giovanna Boldrin Consigliere comunale di opposizione (Lista evoluzione Mirano; Lista Mirano 5.0; Forza Italia)

TRATTORIA TIROASEGNO "Tra tradizione e creatività" Via Belvedere 27, 30035 - MIRANO (VE) Tel. 041 579 1080


www.miranomagazine.it

11

aprile 2019


12

www.miranomagazine.it

aprile 2019

MENÙ 1

MENÙ 2

ANTIPASTI

ANTIPASTI

SFORMATO CON PERE, FONTINA E PISTACCHI TORTINO CON ZUCCHINE TRIFOLATE E PROVOLA

BICCHIERINI IN BELLA VISTA DI POLLO CON INSALATINA CAPPRICCIOSA ASPARAGI IN SFOGLIA CON CULATELLO

PRIMI CRESPELLE CON ASPARAGI E SPECK LASAGNE CON CARNI BIANCHE, PISELLI E FUNGHI

SECONDI COSTOLETTE D'AGNELLO CON POMODORO

PRIMI LASAGNE CON CARCIOFI, FORMAGGIO E PROSCIUTTO COTTO CRESPELLE AI QUATTRO FORMAGGI

SECONDI MAIALINO DA LATTE AL FORNO

CONTORNI

CONTORNI

FONDI DI CARCIOFO ALLA VENETA

CAPONATA DI VERDURE MISTE

€ 18,00

€ 18,00

Prenotazioni entro giovedì 18 aprile 2019 Tel 041 431050 - Email: info@gallomacellerie.it Ritiro in bottega sabato 20 aprile 2019 Via Beato Angelico, 3 Mirano - Ve www.gallomacellerie.it

Agenzia di Zona

IVANO BUSO

Climatizzazione Residenziale e Commerciale Caldaie a Condensazione

Via Barche, 23 30035 Mirano - Venezia 335-5937630

tecnico@busoivano.it

LASCIAMI COCCOLARE DAL CLIMA IDEALE

Soluzioni innovative e personalizzate per climatizzare ogni tipo di ambiente

Rimetti la casa al centro del tuo mondo


www.miranomagazine.it

13

aprile 2019


14

www.miranomagazine.it

aprile 2019

NEW AUDI A4 AVANT 2.0 tdi Aziend. e Km 0 anche cambio automat. da 27.900,00 €

NISSAN X-TRAIL 1.6-2.0 Tdci semestrali, vari colori, pochissimi km a partire da 23.800,00 €

AUDI A3 1.6 TDI aziendali e automatiche, Design in vari colori a partire da 22.900,00 €

RENAULT CAPTUR Anche Pronta Cons. vari colori e allest. da 12.900,00 €

FORD FIESTA 1.2/1.5 tdci nuove e km 0 da 9.900,00 €

NEW FIAT 500X 1.0 Benzina, 1.6 Mtj, aziendali e Km0, vari allestimenti e colori, a partire da 15.900,00 €

VW POLO 1.0 benzina, semestrali o nuove a partire da 12.900,00€

NEW MERCEDES CLASSE A 180 cdi sport Aziendali e km 0 da 19.900,00 €

ALFA ROMEO GIULIETTA, 1.4 benzina, 1.6 MTJ, Km 0 e semestrali, a partire da 14.900€

TOYOTA YARIS, semestrale o Km Zero, anche Hybrid, vari colori a partire da 9.750,00 €.

VW TIGUAN Aziendali e km 0 vari colori e allestimenti da 21.800,00 €

LAND ROVER EVOQUE vari allestimenti e colori da 37.900,00 €

NEW NISSAN QASHQAI Benzina o diesel, nuovo e km 0, a partire da 17.950,00 €

VW TOURAN 1.6 TDI Comfortline Aziend. e Km 0, 7 Posti da 21.900,00 €

AUDI A1 benzina e diesel km 0/ semest. vari allest. da 17.900,00 €

NEW JEEP RENEGADE 1.4, 1.6 Mtj o benzina, vari allestimenti e colori a partire da 15.900,00 €

FIAT 500 1.2/1.3 Mtj, vari colori e allestimenti, a partire da 9.800,00 €

PEUGEOT 108 1.0 benzina, semestrali, vari colori a partire da 7.900€

NEW FIAT 500 L 1.4/1.3mjt Aziendale e Km 0 vari colori da 12.900,00 €

VW T-ROC 2.0 TDI e 1.0 TSI nuovo, vari allestimenti e colori, a partire da 22.850,00 €

NISSAN MICRA 1.0 benzina /1.5 Dci, vari allestimenti e colori, a partire da 10.900,00 €.

VOLKSWAGEN GOLF 1.6 TDI semestrali vari colori a partire da 17.900,00 €

JEEP COMPASS 1.4 benzina 1.6 e 2.0 Mtj km0 e nuove a partire da 21.800,00 €

CITROEN C3 1.6 HDI, km Zero, vari colori a partire da 12.500,00€.

LANCIA YPSILON 1.2 anche a Gpl e Metano Km 0 vari allestim. da 8.900,00 €

NUOVA AUDI Q2 1.6 TDI a partire da 25.900,00 €

HYUNDAY TUCSON 1.6/1.7/2.0Vari allestimenti e colori da 19.450,00 €

FIAT PANDA 1.2 benzina o GPL, Km 0, a partire da 8.300€

KIA SPORTAGE 1.7 crdi nuovi e km 0 vari colori e allestimenti da 20.900,00 €

FORD KUGA 1.6/2.0 tdci vari allestimenti Aziendale e Km 0 da 23.450,00 €

Via della Vittoria, 132 Mirano Venezia Tel. 041 5701777 - www.ongaratomotors.it


15

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Buona Pasqua da tutti Noi

Pasqua

la festa di chi crede nella bellezza dei piccoli gesti e di chi sa che la vita può stupire oltre ogni aspettativa

MIRANO – Via Dante, 38

Tel. 0418891343 Cell. 3487156480 Mail – beggioprogetti2016@gmail.com Seguiteci su

clicca mi piace sulla pagina

Mirano - Via Scaltenigo, 89 Tel. 041. 5701524 - Cell. 335.8131018

originalità senza limiti


16

www.miranomagazine.it

aprile 2019

L’AVVENTURA ARRIVA IN CITTÀ.

VIENI A SCOPRIRLA DA STEFAR, NUOVA CONCESSIONARIA JEEP® . Jeep® è un marchio registrato di FCA US LLC. Gamma Jeep®: consumi ciclo combinato da 13,5 a 4,4 l/100km. Emissioni CO2 da 315 a 115 g/Km. I valori di CO2 e consumo carburante indicati sono aggiornati alla data del 30 giugno 2018; valori più aggiornati saranno disponibili presso la concessionaria ufficiale JEEP® selezionata. I valori di CO2 e di consumo carburante sono indicati a fini comparativi; i valori omologativi potrebbero non riflettere i valori effettivi.

Stefar

www.stefar-fcagroup.it

MIRANO (Venezia) - Via Cavin di Sala, 74 Tel. 041 5785411


www.miranomagazine.it

17

aprile 2019


18

aprile 2019

www.miranomagazine.it

Via Barche, 5 Mirano (VE) t./f. +39 041 431193 donnashoes@libero.it Donna Men & Women Fashion


19

www.miranomagazine.it

aprile 2019

In nome della Lista “Insieme per il bene comune” riporto di seguito alcuni degli interventi che saranno sottoposti alla discussione delle prossime sedute del Consiglio Comunale di Mirano. Con l’occasione, a nome di tutti i componenti della Lista “Insieme per il Bene comune”, porgo a tutti i cittadini di Mirano gli Auguri di Buona Pasqua.

INTERPELLANZA: DISINFESTAZIONE ZANZARE Considerato che nella scorsa stagione estiva, in mezza Europa e in varie zone d’Italia, la diffusione della zanzara tigre e del contagio umano dal virus west nile ha assunto dimensioni mai registrate prima. Visto che la Regione Veneto il mese scorso ha varato un piano di “MONITORAGGIO, PREVENZIONE, COORDINAMENTO E INTERVENTI CONTRO LA WEST NILE E ALTRI POSSIBILI VIRUS” per l’estate 2019. Tale piano ha l’obiettivo di attuare una pianificazione sia tecnica che operativa in grado di rispondere in maniera più incisiva ed omogenea al problema per evitare, ovunque possibile, il proliferare dei vettori della febbre del Nilo. Per raggiungere questo obiettivo sono previsti interventi di disinfestazione antilarvali da aprile prossimo e adulticidi fino alla fine di ottobre nonché la costituzione di un tavolo tecnico con Comuni e Ulss per monitorare la situazione. Con la presente sono a chiedere alla Sindaca, che è responsabile della salute dei cittadini, se il Comune, secondo le previsioni del piano regionale, ha provveduto a censire tutte le aree oggetto di infestazione, ha individuato quelle da sottoporre agli interventi di disinfestazione, ha presentato il Piano d’intervento, ha adottato un’idonea Ordinanza Sindacale per avvisare la popolazione sui potenziali rischi di infezione indicando le misure di bonifica primaria e di igiene ambientale cui i cittadini devono attenersi (eliminazione dei focolai larvali rimovibili e copertura di quelli inamovibili, prevedere l’accesso anche alle aree private delle imprese di disinfestazione per il completamento delle bonifiche nelle aree pubbliche, ecc.). Chiedo inoltre se sono stati calendarizzati con i tecnici comunali gli sfalci dell'erba fino alla fine dell'autunno e se le aree verdi pubbliche (giardini delle scuole, parchi, campetti da gioco, rive dei fossi e canali, piste ciclabili ecc.), saranno trattate con regolarità per tutta l'estate e fino ad ottobre? Ritengo che solo attraverso la stretta collaborazione con Regione, Consorzio di

Bonifica, Veritas e Ulss, possa essere affrontato con serietà il problema, che però non può prescindere dalla volontà dell'Amministrazione di mettere a bilancio stanziamenti adeguati in grado di garantire una seria ed adeguata disinfestazione sul territorio dai pericolosi virus che le zanzare trasmettono INTERROGAZIONE: SICUREZZA A MIRANO In data 4 giugno 2017, in piena campagna elettorale a pochi giorni dalle ultime elezioni amministrative di Mirano, è apparso sulla stampa il seguente articolo: “Ieri (…. ossia il 3 giugno 2017) la sindaca Maria Rosa Pavanello ha ufficializzato l’avvio dei lavori per l’ampliamento della caserma dei carabinieri. Sarà costruito un nuovo fabbricato nel cortile, ricavando così uno spazio maggiore per gli uffici operativi dell’attuale edificio. Pavanello snocciola poi gli altri progetti legati alla sicurezza: “l’installazione delle telecamere nelle principali strade d’accesso alla città è ormai prossima, intendiamo poi favorire con agevolazioni fiscali i negozi che si muniranno di sistemi di videosorveglianza esterni. Intendiamo, infine, istituire un’anagrafe della bicicletta che preveda l’incisione del codice fiscale del proprietario sul telaio per agevolare la riassegnazione di bicilette ritrovate”. A distanza ormai di quasi due anni, con la presente, si chiede alla Sindaca: - alla luce dell’importanza di accrescere sul nostro territorio il presidio delle forze dell’ordine, di informare il sottoscritto ed i cittadini sui tempi effettivi di realizzazione dell’ampliamento della caserma dei carabinieri di Mirano dal momento che, dall’ufficializzazione dell’avvio dei lavori da parte dell’attuale sindaco, sono trascorsi già un anno e dieci mesi senza riscontri; - considerato che già nel 2015 il Comune di Mirano, nell’ambito del finanziamento sui distretti del commercio, disponeva di uno stanziamento di 65.000 euro destinati alla videosorveglianza e sicurezza che tuttavia non sono mai stati spesi per questa finalità, si chiede quali siano i tempi effettivi previsti per l’istallazione e per la messa in funzione dei dispositivi di videosorveglianza promessi, particolarmente utili per il territorio; - se, come annunciato durante il periodo elettorale, sono previse agevolazioni fiscali per i negozi che si muniranno di sistemi di

Via Galileo Galilei, 30

videosorveglianza esterni, - se, come annunciato prima delle elezioni, si intende istituire un’anagrafe della bicicletta che preveda l’incisione del codice fiscale del proprietario sul telaio per agevolare la riassegnazione di bicilette ritrovate. INTERROGAZIONE: COSTRUZIONE SALA DEL COMMIATO, SALA DI CREMAZIONE E REVISIONE REGOLAMENTO Mentre si attende ancora l’inizio dei lavori per la ristrutturazione del cimitero monumentale e degli ossari a Mirano, sottopongo a questa amministrazione comunale le seguenti richieste: 1) la costruzione di una sala del commiato per i funerali civili; 2) favorire la costruzione di una sala di cremazione; 3) che sia convocata l’apposita commissione per avviare l’aggiornamento del regolamento cimiteriale risalente al 2009, prevedendo il registro di cremazione e regole per la dispersione delle ceneri che rappresentano alcune delle questioni richieste dai cittadini da recepire nel regolamento cimiteriale, come fatto di recente dal Comune di Mira; Se generalmente nei nostri territori le celebrazioni funebri si svolgono prevalentemente in chiesa, deve essere rispettata e tutelata nel suo fine vita anche la volontà di chi sceglie il rito civile prevedendo spazi idonei a garantire riservatezza, decoro e assenza di promiscuità con locali e attività con finalità diverse. Per questi motivi non ritengo idoneo e funzionale l’utilizzo della sala Consiliare per i funerali civili, adiacente alla biblioteca e altre sale adibite ad usi e pubblico di natura totalmente diversa. Invito altresì l’amministrazione, visti i tempi lunghissimi a cui sono costretti i cittadini in questi ultimi anni, a favorire la previsione di una sala di cremazione. INTERROGAZIONE: REALIZZAZIONE ASCENSORE IN MUNICIPIO A MIRANO L’abbattimento delle barriere architettoniche e la fruibilità delle sedi comunali dovrebbero essere certamente due capisaldi di ogni amministrazione pubblica. Da anni i cittadini di Mirano attendono la realizzazione in Municipio di un elevatore che permetta di portare al primo piano le persone con difficoltà di movimento. Per questo il sottoscritto e la ex vice sindaca

Tomaello si sono ripetutamente adoperati per sollecitare l’opera. Dopo innumerevoli anni di attesa il lavoro è stato inserito e finanziato con circa 150.000 euro nel programma triennale delle opere pubbliche. Nel mese di maggio 2018 sono iniziati i lavori per una durata prevista di 138 giorni. Dopo pochi giorni dall’avvio, i lavori purtroppo si sono bloccati e ancora oggi tutto è fermo. E’ evidente che un cantiere all’entrata del Municipio causa notevoli disagi. La prospettiva che i tempi si dilunghino inutilmente aumenta ulteriormente i disagi. Tutto ciò premesso, si chiede al Sindaco di riferire in consiglio: - quali sono i motivi che hanno determinato l’interruzione dei lavori di realizzazione dell’ascensore; - quali sono le previsioni attuali sui tempi di ultimazione dell’opera; - quali saranno le previsioni di spesa alla luce delle difficoltà riscontrate; - se sia opportuno rinunciare al progetto molto costoso scelto da questa amministrazione e ricorrere invece ad una soluzione analoga al vicino Comune di Santa Maria di Sala che per la “progettazione, fornitura, trasposto e montaggio di n. 01 piattaforma elevatrice” installata all’interno del Municipio storico, che quotidianamente porta agli uffici dei piani superiori cittadini e dipendenti svolgendo un servizio eccellente, ha speso meno di 20.000 euro.

Per la Lista “Insieme per il bene comune” Giorgio Babato


20

www.miranomagazine.it

aprile 2019

CIBIEFFE RACING s.n.c. di Giacomin Giuseppe & Spolaor Michael

RICARICA ARIA CONDIZIONATA AUTODIAGNOSI COMPUTERIZZATE MULTIMARCHE CON AZZERAMENTO SERVICE REVISIONI BOMBOLE METANO INSTALLAZIONE AUTORADIO INSTALLAZIONE GANCI TRAINO

SERVIZIO REVISIONI AUTO Via Villafranca, 28B - 30035 Mirano (VE) Cell. 320.3465719 - cbf2006@libero.it


21

www.miranomagazine.it

aprile 2019

LA DISINFESTAZIONE DELLE ZANZARE :

“Tema troppo spesso sottovalutato”

Fra umani e zanzare, si sa, non scorre buon sangue e questi piccoli e fastidiosi insetti sono la rovina delle nostre serate estive, sia all'aperto che dentro casa, ma quel che è peggio, sono vettori di malattie pericolose, purtroppo in alcuni casi, anche mortali. Esistono in Italia circa settanta specie di zanzare, dalla più comune alla più aggressiva zanzara tigre,e negli ultimi anni sono stati numerosi gli allarmi sulla loro pericolosità; dal 2015 l'Italia è il paese europeo col maggior numero di casi di febbre del Nilo, anzi l'estate 2018 sarà ricordata per il virus West Nile, trasmesso attraverso la zanzara comune culex (17 morti in Italia, la maggior parte in Veneto ed Emilia Romagna). Quasi tutte le persone infettate non mostrano alcun sintomo e superano senza accorgersi, ma nei bambini piccolissimi, negli anziani e nelle persone fortemente debilitate, la sintomatologia può essere più grave, con febbre molto alta, debolezza, torpore, con qualche rarissimo caso di encefalite! Purtroppo fino ad ora, non sono stati trovati farmaci o terapie specifiche contro il virus! Il periodo in cui avviene la trasmissione va da maggio a novembre, però sono agosto e settembre i mesi in cui si osserva la maggior diffusione, perché ricordiamo che la zanzara Culex trasmette il virus alle sue uova, che saranno poi larve e infine zanzare infestanti ( da qui l'importanza della disinfestazione sia sulle larve che sugli adulti ). In febbraio di quest'anno la Regione Veneto (come aveva fatto l'anno scorso) ha varato un nuovo piano antizanzare per l'estate, con l'intento specifico di ridurre il più possibile questi insetti che, favoriti anche dai cambiamenti climatici, continuano a riprodursi sempre più! (A questo proposito mi sovvengono le sagge parole di mio padre che ribadiva l'importanza di grandi freddi e gelate invernali perché morivano insetti, batteri e tutto ciò che era dannoso alla natura. Altro che adesso, quando in primavera ci troviamo ancora cimici, zanzare, un po' intontiti, dell'estate precedente!).

Il piano regionale prevede interventi antilarvali da aprile e adulticidi fino alla fine di ottobre, monitoraggio costante e coordinamento tra Comuni sull'andamento dei virus, istituzione di un tavolo tecnico presso le aziende Ulss. Ogni Ulss poi deve dotarsi entro il 30 marzo di un proprio piano aziendale e trasmetterlo entro il 10 Aprile alla Direzione regionale Prevenzione. I Comuni devono censire tutte le loro aree oggetto di rischio infestazione, individuare quelle da sottoporre a disinfestazione, e aver presentato entro febbraio il piano di intervento; inoltre deve essere pubblicata la solita ordinanza sindacale con i consigli e le norme da seguire dai cittadini per evitare la proliferazione delle zanzare. I Consorzi di Bonifica dovranno supportare i Comuni nel censimento e mappatura di canali, fossi, ecc. segnalando in particolare, aree di incuria e ristagno d'acqua. Gli interventi di disinfestazione sono a carico dei Comuni ma la Regione si impegna a dare un contributo del 20% sulla rendicontazione presentata dal Comune e predispone bandi per questa attività! Dopo aver analizzato il Piano reg.le, torniamo a bomba nel nostro Comune per chiedere al Sindaco se ha fatto tutto il previsto per evitare la proliferazione delle zanzare (in Consiglio comunale la richiesta è stata presentata con interpellanza dal ns consigliere Giorgio Babato). Lei che come prima cittadina,è responsabile della salute dei Miranesi, ha sviluppato il piano antizanzare? Ha previsto una disinfestazione capillare e puntuale nelle aree verdi pubbliche (parchi e giardini delle scuole ecc.)? Ha accordato il suo piano di intervento con la Ulss? Ha provveduto per l'estate a fare regolari sfalci dell'erba, sia lungo i fossi che i canali, ma anche sulle piste ciclabili,già ora invase da erboni ? Ricordiamo che laddove c'è erba alta e magari ristagno d'acqua, più facilmente si annidano le zanzare, pertanto,se si vuole il benessere della Comunità, bisogna pensare da subito a disinfestare, non aspettare agosto, per vedere un tecnico (non si sa di quale

ente) che infila svogliatamente una pastiglietta nella caditoia o nel pozzetto in centro storico.....E BASTA! Questo è fare il solletico alle zanzare! Invitiamo il nostro sindaco, che da poco è anche titolare dell'ambiente, ad allargare i cordoni della borsa comunale e mettere a bilancio qualche cifra in più e garantire sfalci, tagli, pulizia di aree pubbliche e invitare i privati a fare altrettanto; anzi segnalare al Comune ed eventualmente sanzionare coloro che mantengono disordine ed incuria e possono essere causa indiretta di malattie! La zanzara è piccolissima ma non a caso è definito l'animale più pericoloso: non sottovalutiamo il problema!

Annamaria Tomaello coordinatrice “INSIEME PER IL BENE COMUNE”

PROVVEDIMENTI DA PRENDERE PER I NOSTRI DEFUNTI E' sempre difficile e poco piacevole parlare di fine vita, di funerali, di cimitero ecc., ma tutti prima o poi ci troviamo, nostro malgrado, ad affrontare uno di questi temi e tocchiamo con mano la troppa burocrazia e le tante carenze dell'Amministrazione in questi ambiti. A tutti sono note le ormai decennali proteste per la chiusura del cimitero monumentale a Mirano (ora si spera che con i soldi stanziati in bilancio e l'abbondanza di undici milioni di euro di cui il Comune dispone, finalmente partano i lavori di risanamento degli ossari, del monumentale, e che siano costruiti servizi igienici specie nei camposanti ancora sprovvisti) e a tutti sono note le innumerevoli proteste per la cattiva manutenzione e il passato disordine nei nostri cimiteri (l'incuria, le erbacce e il degrado avevano raggiunto il culmine l'altr'anno, sollevando le proteste in primis di chi frequenta sempre il cimitero, ma anche di chi, pur avendo la fortuna di non accedervi, non ritiene dignitoso per una Amministrazione, lasciare nel degrado un luogo sacro e comunale, che noi cittadini paghiamo con le nostre tasse. Quindi un monito all'Amministrazione e a Veritas (che ora ha preso l'appalto) affinché quanto accaduto non abbia più a ripetersi! Visto che siamo in tema, si sollecitano sindaco e vicesindaco a pensare alla costruzione di una sala di cremazione e una sala del commiato per i funerali laici. Riguardo la prima ci piace rilevare che la cremazione dei defunti è un'usanza antichissima, da sempre prevista per i buddisti e gli induisti, non è in conf litto con alcuna religione cristiana, protestante o cattolica, (non è consentita solo dall'Ebraismo ortodosso e dall' Islam) ed oggi è sempre più scelta e preferita, per questioni igieniche e per le difficoltà di trovare lo spazio necessario per la sepoltura. Purtroppo le sale di cremazione sono molto poche e

chi, in questi ultimi tempi, ha chiesto la cremazione per un proprio defunto, ha dovuto superare burocrazia e tempi di attesa veramente troppo lunghi, che inevitabilmente aggiungono dolore al dolore. Sarebbe ora e tempo che Mirano si dotasse di una sala di cremazione ! (anche convenzionandosi con privati). Ancor di più oggi sollecitiamo l'Amministrazione affinché provveda alla costruzione o all'ubicazione di una sala del commiato per i funerali laici ! Già per il passato avevamo sollevato questa questione, ritenendo poco idoneo, come avviene attualmente, l'utilizzo della sala consiliare, in villa Errera, a fianco della Biblioteca, dove si ritrovano studenti, bambini, anziani, e gli spazi sono usufruiti con scopi decisamente diversi e poco consoni a queste celebrazioni.

Poiché un decreto del Presidente della Repubblica del '97 delega ai Comuni l'autonomia per la costruzione della Sala del Commiato dei non credenti, visto che le casse comunali sono f loride,visto il grande appiattimento di questa Amministrazione, abbiamo chiesto al nostro consigliere comunale Giorgio Babato di interrogare a riguardo, e tutti riteniamo ormai indispensabile, l'individuazione di un sito o di una struttura, magari a fianco del crematorio, dove la celebrazione funeraria sia di grande rispetto per il defunto ma abbia anche la solennità del caso, qualsiasi sia il culto. Annamaria Tomaello coordinatrice “INSIEME PER IL BENE COMUNE”


22

www.miranomagazine.it

aprile 2019

MIRANO: TRA UNA CRITICA AL PRESENTE E UNO SGUARDO AL FUTURO Quando uscirà questo nuovo numero del Mirano Magazine, mancheranno poche settimane a giugno 2019 che segnerà i due anni dalle ultime elezioni amministrative del 2017 e il “7° compleanno” della giunta Pavanello. Di temi all’ordine del giorno ce ne sono in quantità, come altrettanto sono i problemi che vengono poco affrontati o totalmente ignorati. Mirano ha bisogno di una amministrazione propositiva, vivace, con idee nuove. Dalla viabilità alla sicurezza, dalla gestione del centro storico agli eventi culturali fino alla tutela del verde e dell’ambiente. Di viabilità abbiamo parlato più volte, concentrandosi spesso su come organizzare il traffico nelle nostre strade. Una proposta che può essere d’aiuto al traffico quotidiano è quello di proporre nuovi ed alternativi mezzi di trasporto, soprattutto pubblico. Per esempio, il servizio navette “Omnibus” con le due stazioni ferroviarie si potrebbe implementare e soprattutto ampliare collegando anche gli ospedali di Mirano e Dolo, entrambe della città metropolitana di Venezia che già contribuisce al servizio Omnibus. Un servizio simile sta per partire a Montebelluna e Castelfranco e prevede l’utilizzo di bus ecologici. Dobbia-

mo poi aiutare e sostenere l’iniziativa “Pedibus” per i più piccoli che si recano negli istituti scolatici e incentivare l’uso della bicicletta garantendo parcheggi adeguati e sicuri nelle aree di sosta. Altra importante tematica che si riproporrà con l’avvicinarsi dell’estate è la gestione dei parchi e del verde pubblico. Bene la costruzione del parco sgambettamento cani (sperando ci siano tutti i servizi adeguati), ma bisogna avere le idee chiare su come sviluppare gli altri. Villa Belvedere, villa Tessier, villa Bianchini, parco del Parauro e parco del Passante sono solo alcuni presenti nella nostra città che meritano di essere maggiormente vissuti dai residenti. Ipotizzare un collegamento tra questi parchi, metterli in “rete” creando una speciale destinazione ad ognuno possono rendere gli spazi verdi più fruibili e piacevoli. Da sempre siamo per l’apertura dei parchi, compreso parte di villa Belvedere (lato Barchessa magari) dove i cittadini possono stendersi e rilassarsi nelle giornate di sole, evitando così gli spostamenti forzati verso altre zone. I nostri parchi devono riempirsi di persone, devono essere “vivi”, solo così possiamo, oltre che garantire un buon servizio, evitare spiacevoli situazioni di degrado e

insicurezza che da molto tempo ormai si riscontrano in alcuni parchi, come quello di villa Tessier. Per scriverci e proporre: andrea.tomaello@comune.mirano.ve.it matteo.cappelletto@comune.mirano.ve.it

Andrea Tomaello – Matteo Cappelletto andrea.tomaello@comune.mirano.ve.it matteo.cappelletto@comune.mirano.ve.it Consiglieri comunali Lega Mirano

PROGETTO VENETO CITY, A CHE PUNTO SIAMO Qualcuno ricorda il progetto Veneto city, la cittadella dell’industria? Nelle campagne del veneziano, tra Dolo e Pianiga è prevista l’edificazione di 500mila metri quadrati di immobili destinati ad attività industriali, commerciali e terziario, su un lotto di terreno di 718mila. Il progetto, presentato nel 2003, è stato approvato e sottoscritto dalla Regione Veneto il 30 dicembre 2011 dopo che il Comune di Dolo aveva dato il proprio via libera a suo tempo, riconfermato dall’assemblea straordinaria del 7/12/2011. I lavori dovevano articolarsi in due stralci. Uno, di avvio nel 2013, l’altro con data da destinarsi. Poi è subentrato l’oblio. Che in ogni caso macina costi per la collettività. Resta il fatto che Regione Veneto e Comune di Dolo hanno messo la loro firma sul progetto che se realizzato, lo possiamo immaginare come un immenso capannone lungo 12 chilometri e largo 40. La più spaventosa colata di cemento che il Veneto possa ricordare dopo Porto Marghera. Certo, avrà le sue aree verdi, le zone attrezzate, parcheggi, ma tutto a scapito della natura.

Plastico di Veneto city

Il terreno agricolo sparirà per sempre. Qualcuno potrebbe obiettare che noi siamo di Mirano e quindi il progetto non ci riguarda. Invece dobbiamo sempre tener presente che qualsiasi macroscopica innovazione economica ai confini di uno specifico territorio, ha sempre ricadute positive o negative sui Comuni limitrofi. Basti pensare alla necessità di modificare la viabilità per tanti comuni confinanti, al livello di traffico, pendolarismo e inquinamento che Veneto city esporterebbe anche nel miranese, o mestrino o padovano. Per non parlare poi del fatto che se venisse realizzato un simile mostro di cemento si scatenerebbero appetiti immobiliari anche nelle aree vicine. Speculazioni immobiliari che assumerebbero il gentile termine di opere complementari (nuove strade, alberghi, officine di artigianato, rotatorie, ristoranti.) Innescando anche il brutto termine di rischio tangenti. Oggi il progetto Veneto city è in stand by. Pur essendo venuto a mancare il suo mentore e ideatore, Luigi Endrizzi, il mostro è ancora in grado di catturare altri potenziali investitori allettati dalla prospettiva di facili profitti, le Istituzioni sarebbero

compiacenti perché ben disposte a riscuotere oneri di urbanizzazione e future Imu, i sindacati applaudirebbero acceccati dai nuovi posti di lavoro che frutterebbe loro maggiori tessere, artigianato e piccola ristorazione vedrebbero incrementarsi il fatturato. Insomma, il grasso che potrebbe generarsi dalla grande speculazione colerebbe per tutti. Un’ipotesi questa tutt’altro che campata in aria dal momento che la variante urbanistica per Veneto city scadrà nel 2022 e non è mai stata revocata, quindi perfettamente legale ed operativa alla data odierna. A questo punto le Istituzioni che a titolo diversi hanno autorizzato il progetto (Regione Veneto, Comune di Dolo, Provincia di Venezia) dovrebbero autonomamente deliberare per un ritiro delle competenti deliberazioni rendendo pubblici i costi che la collettività ha subito dal 2003 a oggi. Quante ore di Consiglio regionale sono state necessarie per le autorizzazioni? Quanto hanno lavorato gli uffici tecnici pubblici per la valutazione del progetto? Quanti funzionari pubblici sono stati mobilitati’ Quante trasferte e sopralluoghi sono stati fatti? C’è bisogno di trasparenza. Di ritrovata fiducia nella politica. Di riconoscimento da parte delle Istituzioni che anche i propri errori possono essere sanati e che qualsiasi delibera non è volere di Dio e quindi perfettamente e legalmente revocabile o modificabile. Insomma, serve un certificato di morte per Veneto city.

Oscar De Gaspari


23

www.miranomagazine.it

aprile 2019

TONIROCCO soldato, agricoltore, operaio, uomo di fede

La vita e la figura di Antonio Busato (1899 -1992) sono indissolubilmente legate alla Parrocchia di Catene di Chirignago. Per tutta la comunità questo piccolo e forte uomo era Tonirocco.Il soprannome era stato accollato alla sua famiglia per via della gigantesca immagine di San Rocco che troneggiava sopra il focolare della casa contadina di Catene dove Antonio era nato il 20 dicembre 1899, pochi giorni prima del santo Natale. Forse un caso. O anticipazione di una vita destinata alla Fede. Il fatto curioso era che nome e cognome, foneticamente parlando, facevano tutt’uno. Per la borgata di Catene, non esisteva Antonio, né Busato, né Rocco. Il sagrestano era universalmente chia-

mato Tonirocco. Ragazzo del 99, partecipò alla prima guerra mondiale e fu testimone della disfatta del nostro esercito a Caporetto. Tornò a casa sano e salvo. Cosa fece al fronte, come riuscì a portare a casa la pelle nella carneficina generale, non ci è dato sapere. Forse è la legge della storia e della riservatezza dell’uomo che, vivi i testimoni, inibisce la curiosità delle generazioni successive di conoscere gli avvenimenti di una lontana epoca. Salvo poi - per la stessa nuova generazione - accorgersi con rimpianto che, scomparsi i protagonisti, tutto è andato perduto e nessuno potrà più rispondere alla nostra sete di curiosità e sapere. Tonirocco visse una vita semplice ma esemplare. Agricoltore dal 1918 al 1935. Operaio all’Italsider di porto Marghera dal 1936 al 1963, anno del naturale pensionamento. Profondo uomo di fede, assieme alle famiglie Ceretta Dino e Golfetto Bruno, rappresentò l’ala più sensibile e cattolica del paese, lo zoccolo duro diremmo oggi della voglia di fede del paese e della necessità di dare al parroco, don Giuseppe Molin, un supporto logistico nell’attività parrocchiale di questi. Uomo appassionato della verità, sempre e volontariamente al di sopra delle parti nelle naturali contese, dedicò il crepuscolo della sua lunga e laboriosa vita alla Parrocchia, con l’incarico di sagrestano, insegnante di catechismo e campanaro. Le sue amate campane. Due corde penzolavano dall’altissimo soffitto del

campanile e sotto le sapienti mani di Tonirocco sapevano trasmettere agli alti bronzi, dolcissimi suoni modulati ad arte dai diversi momenti spirituali e sociali della comunità. Non campanaro, ma musicista che suonava per la gente e per la chiesa di Catene. Docente di catechismo, ideatore di piccole commedie per bambini che si tenevano direttamente in chiesa, era il fondatore delle Crociatine. Piccoli ragazzini, dai cinque agli otto anni, vestiti da crociati appunto (ma del soldato di Cristo avevano solo la gran croce rossa appuntata alla meglio sul petto, mancando alle famiglie i mezzi per ottenere veri costumini d’epoca), seguivano, affiancavano e precedevano le processioni parrocchiali e i più importanti avvenimenti religiosi del paese. Chi scrive, improvvisato e maldestro biografo di Tonirocco, ricorda con rammarico di non essere stato soldatino di Cristo perché esisteva una gran competizione tra bambini per accappararsi la carica che veniva assegnata a rotazione. Segno evidente di quanto abbiano inciso in termini di positiva educazione i crociatini del laborioso sagrestano. Nessuno di quei ragazzini che ora ricordo adulti ha deviato dalle regole dell’amore, della Fede e dell’onestà. Tonirocco morì nella sua casa serenamente, attorniato dai figli, il 27 settembre 1992 all’età di 93 anni. Certamente il più gradito dono della Madonna per questo suo devoto figlio. Per oltre quarant’anni persi di vista il sagrestano di Catene.

Ma da una recente conversazione con il figlio Carlo ho potuto constatare come la sua figura non abbia subito alcuna offesa dal tempo nel ricordo degli anziani del paese. E forse, riflettendo di più e meglio, ho capito perché quel diciottenne ragazzino ebbe salva la vita a Caporetto. Doveva lui per primo, prodigarsi per estrarre la statua della Madonna, miracolosamente illesa, dalle macerie della chiesetta di Catene distrutta dal bombardamento del 1944. Doveva esaltare, come il poeta Virgilio, i valori della madre - terra e l’opera nell’industriale officina, svolgendo al meglio il lavoro - dovere che gli veniva chiesto dalla società. Doveva aiutare la comunità di Catene a ritrovare fede e amore in Dio per ricostruirsi la vita, dopo la tragedia della guerra, nel cuore e nelle cose. Doveva entrare nelle case di tutti i suoi paesani con il dolce suono delle campane per annunciare momenti di preghiera, di gioia, di lutto, di festa. Doveva essere per i tanti bambini del paese compagno di giochi, amico, insegnante, padre, nonno. Doveva essere esempio e riferimento di come impostare, educare e vivere la propria famiglia. Doveva essere sempre e solo lui: Tonirocco. Non poteva morire sotto il piombo austriaco. Troppi doveri lo attendevano. Oscar De Gaspari (continua) Nel prossimo numero. Vittorio Simeoni, portalettere

PORT LOUIS: MAURITIUS Non solo giornate in spiaggia ed escursioni in barca, ma anche visite per scoprire in che modo Mauritius è diventata quello che è oggi, ovvero un variegato cocktail di culture, popoli e tradizioni che convivono pacificamente in questa terra meravigliosa. La capitale stessa, Port Louis, è in grado di offrire numerose testimonianze che danno forma e consistenza al tessuto essenzialmente cosmopolita della destinazione. Situata sulla costa nord-occidentale dell’isola, Port Louis si caratterizza per un profilo multiforme: dagli intensi profumi e vivaci colori sprigionati tra i banchi del Central Market agli ampi orizzonti che si prospettano alla vista di chi decide di salire fino a Fort Adelaide. La città venne fondata nel 1735 dal governatore francese e pioniere Bertrand-François Mahé de La Bourdonnais: questa traccia dell’eredità francese dell’isola viene ricordata in una statua situata all’ingresso della Place d’Armes, la piazza principale che collega il lungomare al Palazzo del Governo. Proseguendo a piedi in direzione dell’oceano, si giunge in poche centinaia di metri a un vecchio edificio in pietra situato nei pressi del Caudan Waterfront: qui ha sede il Museo Postale di Mauritius, che propone un viaggio nella storia della comunicazione, raccontando come si è evoluto questo servizio sull’isola. Procedendo per circa 200 metri lungo Quay street, si arriva a un sito imperdibi-

le per chi desidera scoprire di più sul crogiolo di culture che compone Mauritius: Aapravasi Ghat (Magazzino dell’immigrazione in hindi), classificato come Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, era il punto in cui sbarcavano gli immigrati dall’India, che poi si stabilirono definitivamente sull’isola. Nella stessa area c’è anche il BRICS (Beekrumsing Ramlallah Interpretation Centre), in cui sono conservati oggetti provenienti dagli scavi e la riproduzione di una nave simile a quelle su cui si svolgeva il viaggio di circa sei settimane dall’India a Mauritius. La raccolta di reperti include inoltre pipe, fiale per farmaci (in loco c’era un ospedale) e bottiglie vuote di gin e di rum, probabilmente bevute da ufficiali britannici. Altro reperto conservato è lo scalo per tirare a secco le imbarcazioni, utilizzato tra il 1846 e il 1856. Tornando verso il centro città, vale una visita il Mercato Centrale, dove poter trovare frutta e verdura fresca, ma anche parei colorati e altri oggetti di artigianato locale. Per gli amanti del gusto non c’è che l’imbarazzo della scelta: oltre alla cucina creola, è possibile assaggiare il “gateau piment” mauriziano, dolci indiani e musulmani e molti altri cibi e bevande presso il quartiere islamico, a Plaine Verte, oppure specialità della tradizione cinese a Chinatown, dove si svolge, tra l’altro, un festival annuale dedicato al cibo e alla cultura. Un altro luogo che contribuisce a conservare e trasmettere la storia multiculutu-

rale dell’isola è il Blue Penny Museum, che racconta delle grandi esplorazioni dell’Oceano Indiano, dei tre periodi coloniali nella storia di Mauritius e propone anche un focus sulla storia dei servizi postali. Chi non si lascia spaventare dall’altezza, può infine spingersi fino a Fort Adelaide, la Cittadella di Port Louis, una fortificazione costruita tra il 1834 e il 1840 utilizzata oggi per concerti locali e internazionali e spettacoli artistici. Da qui si può vedere dall’alto lo Champ de Mars, il più antico ippodromo dell’emisfero australe.

Rudy De Pol


24

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Punto Medico Mirano Centro di Medicina Polispecialistica e di Riabilitazione

Grazie! Un doveroso grazie da parte di Punto Medico Mirano a tutti gli utenti che ci hanno dato e continuano a darci fiducia. Siamo arrivati al quinto anno di attività sotto la gestione della sottoscritta, Laura Crivellari, con degli obiettivi che abbiamo costruito momento per momento. I professionisti che collaborano con noi ora sono circa 90: un'equipe che eroga prestazioni di tutte le specialità. Ecco le nostre specialità mediche/paramediche e i relativi professionisti: Anestesia e Terapia del Dolore: Dr. P. Brandi Allergologia-Dermatologia: Dr. A. Scarpa, Dr. H. Zarian Angiologia e Medicina Interna: D.ssa O. Barbato Cardiologia: Dr. L. Artusi, Dr. M. Gregori Chirurgia: Dr. P. Da Pian, Dr. U. Sicari, Dr. M. Biral Chirurgia – Senologia: Dr. G. Tacchetti Chirurgia Plastica ed Estetica: D.ssa C. Toffanin, Dr. A. Graziano, Dr. A. Morelli Coghi Diagnostica Vascolare: Dr. Nelson Domingo Ojeda Diagnostica per Immagini: Dr. F. Brusatin, Dr. N. D. Ojeda Endocrinologia: D.ssa M. Moisé - Fisiatria: Dr. M. Trevisan, Dr. D. Padoan, Dr.ssa A. Talarico Gastroenterologia: Dr. F. Minniti, Dr.ssa A. Vitalba Ginecologia e Ostetricia: Dr. A. Di Lazzaro, Dr. F. Di Giovanni, Dr.ssa L. Bertazzo, Dr.ssa A. Cacace Geriatria: Dr. G. Di Giovannantonio Medicina dello Sport: Dr.ssa F. Conte, Dr. A. Conti (Medico Chirurgo associato FMSI), Dr. F. Roman Neurologia: D.ssa C. Zuliani, Dr. C. Fattorello Salimbeni Oculistica e Oftalmologia: Dr. V. Persichina, Dr.ssa E. Annunziata, Dr. R. Altafini, Dr.ssa A.R. Daniele Oncologia: Dr. M. Bari Ortopedia e Traumatologia: Dr. L. Londei, Dr. A. Dei Rossi, Dr. G. Carta, Dr. A. Girotto, Dr. G. Novello, Dr. A. Bernabei, Dr. D. Varotto, A., Dr. G. Mazzarol, Dr. G. Caci, Dr. A. Zornetta, Dr. A. Camporese, Dr. S. Candiotto Otorinolaringoiatria: Dr. G. Petrolito, Dr. M. Vascotto Pedagogia clinica: Dott. G. Masiero - Pneumologia: Dr. L. Saccarola Proctologia: Dr. M. Biral - Psichiatria: Dr. G. Scaggiante Reumatologia: D.ssa A. Bullo Scienze dell’Alimentazione e Dietologia: Dott.ssa M. Mitaritonna, Dott.ssa S. Dagnolo, Dott.ssa M. Veronese, Dott.ssa E. Da Ros, Dott. G. Baldan Senologia: Dr. Z. Tchaprassian Sessuologia/Urologia: Dr. G. Drago

Vendita vini in bottiglia e sfusi nazionali e internazionali

Le prestazioni e gli esami strumentali che eseguiamo sono sempre in aumento: la novità ora è il servizio di Holter cardiaco. Tra i servizi che continuiamo ad erogare trovate: - Elettrocardiogramma; - Ecografia specialistica ed ecocolordoppler; - Ossigenozono terapia; - Test prenatali; - Pedana Baro-podometrica/Stabilometria. Altro settore rilevante nel nostro Polimabulatorio è il settore riabilitativo/fisioterapico. Trattiamo tutte le patologie cercando di ottimizzare i tempi nei pazienti post-operati. Il nostro staff collabora per dare la miglior qualità rispettando i tempi richiesti e garantendo servizi economicamente vantaggiosi. Si compone di: Fisioterapia e terapia manuale: Dott.ssa Ft L. Crivellari, Dott.ssa Ft D. Milinkovic, Dott.ssa Ft E.Celegon, Dott. Ft A. Pasqualetto, Ft. D. Tracogna, Dott. FT L. Polo; Osteopatia: D.ssa Ft L. Crivellari, A. Costantini, G. Diaz, D. Chirilà; Massofisioterapia: Mft. A. Costantini, Mft. M. Sartirana, Mft. L. Vianello; Podologia: A. Bonato. Relativamente al settore riabilitativo siamo vincenti anche per la creazione di gruppi di recupero all'interno della nostra palestra. Abbiamo inoltre creato dei gruppi di ginnastica correttiva per scoliosi (con e senza busto) seguiti da personale sanitario, e dei gruppi di ginnastica back school. Sono ormai avviati tutti i corsi che permettono il passaggio e la continuità tra il trattamento riabilitativo/curativo e il mantenimento in autonomia. Uno staff di professionisti laureati in Scienze Motorie tiene corsi di: ginnastica posturale - pilates - panca fit - sedute di personal e sedute di personal con l'ausilio del Reformer. Ciclicamente partono i corsi di “Massaggio del Bambino” tenuti da personale sanitario iscritto regolarmente all' AIMI, Associazione Italiana Massaggio Infantile, che stanno riscuotendo un ottimo successo. Siamo fieri del successo che la Stanza del Sale/Haloterapia sta riscontrando, raccogliendo consensi positivi dall'utenza che ne usufruisce migliorando nettamente i problemi respiratori e le patologie della pelle. Ricordiamo che è attivo il servizio di Punto Prelievi. É un servizio privato che prevede uno sconto sul tariffario regionale. L'accesso può essere diretto o per appuntamento (la prenotazione è preferibile).

Non è necessaria la prescrizione e si può eseguire qualsiasi tipo di esame. Sono disponibili pacchetti di esami per varie esigenze. Non esitate a contattarci per avere ulteriori informazioni, il nostro staff è a vostra completa disposizione. Altro settore molto attivo al Punto Medico Mirano è quello della Psicologia e Psicoterapia. La nostra equipe, che è ben organizzata per rispondere a tutte le esigenze, si compone dei seguenti professionisti: Dott.ssa M. Sarto, Dott.ssa A. Trevisanato, Dott.ssa M. Vallotto, Dott.ssa S. Casciaro, Dott. G. Buiatti, Dott.ssa S. Girotto, Dott.ssa C. Bellinato, Dott.ssa M. Vartolo, Dott.ssa R. Cazzolaro, Dott.ssa M. Stevanato, Dott. M. Boldrin, Dott.ssa C. Bugin, Dott.ssa E. Soffiato. Vengono spesso organizzate delle serate informative o dei corsi di gruppo su svariate tematiche. Rimanete aggiornati sul nostro calendario eventi seguendo il stro sito e la nostra pagina Facebook, troverete tutte le informazioni necessarie. Un Grazie infine, ma non per minore importanza, va al mio gruppo di reception, che cerca di soddisfare tutte le richieste e le esigenze degli utenti. Credetemi se vi dico che a volte l'organizzazione risulta molto difficile, ma in qualche modo Donatella, Giulia, Marco, Martina e Serena riescono a trovare una soluzione. Anticipiamo che in autunno Punto Medico Mirano organizzerà una “Giornata della Salute”, occasione in cui offriremo una serie di servizi gratuiti e alcuni a prezzi veramente vantaggiosi per permettervi di conoscere la plurisettorialità del nostro lavoro.

Buona Pasqua! info@enotecalecantinedeidogi.com www.enotecalecantinedeidogi.com

Chiuso martedì mattina e domenica - Orari: 8:30-12:30 - 15:30-19:30 - Via Dante, 40 - Mirano (Ve) - Tel: 041.5489920


25

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Punto Medico Mirano Centro di Medicina Polispecialistica e di Riabilitazione

D.S. Dott. Londei Luca

Punto Medico Mirano S.r.l Via Della Vittoria, 88 int. 11 - 30035 Mirano (VE) Tel. +39 041 5701995 - Cell. 334 5866031 - Fax. +39 041 5727651 e-mail: puntomedicomirano@gmail.com

Buone Pasqua!!

Agenzia principale di Noale/Mirano Rappresentanti Procuratori BERNARDI SILVANO E MARCATO PIERPAOLO SAS Via della Bova, 4 - 30033 Noale (VE) Tel. e Fax 041.4433933

Via Barche, 16 - 30035 Mirano (VE) Tel. e Fax 041.430656

E-mail: noale-mirano@agenzie.generali.it


26

aprile 2019

www.miranomagazine.it

Il giorno 2 dicembre 2018, presso la scuola S. Giovanni Evangelista di Venezia, EMILIO VOLTAN BALLARIN e PLINIO MILAN sono stati premiati "Maestri nella Ristorazione" dalla Confcommercio Imprese per l'Italia e dalla Associazione "50 e più Venezia", con l'Aquila d'Oro e con la consegna dei relativi diplomi nel settore del commercio.

Trattoria

Ballarin di VOLTAN EMILIO

30035 MIRANO (VE) - Via Porara, 2 Tel. 041 431500 - www.trattoria-ballarin.it Trattoria “ BALLARIN “ La cucina Veneta doc

A Mirano la Trattoria “Ballarin” è molto conosciuta ed è un punto di ritrovo “storico”, perché è la più vecchia osteria di Mirano, nata nel secolo scorso come fiaschetteria in alcuni spazi del dismesso albergo “Erico”, vicino al centro storico. Ora si trova in Via Porara, 1. Appena si varca la soglia, ci si sente quasi a casa propria, anche se si respira l’aria dell’antica trattoria locale. L’ambiente infatti è accogliente e arredato anche con mobili d’epoca. In esso trovi tutte le qualità e le caratteristiche tipiche di una vera trattoria; piatti del territorio cucinati con molta professionalità e con sempre un pizzico di creatività. Le sue specialità sono: “Il mitico Baccalà mantecato, Gnocchi al Castelmagno,

fegato alla Veneta, e coscie d’oca con polenta”. Buona pure la varietà di contorni con prodotti di stagione. Tutta una famiglia gestisce il servizio: Andrea ai fornelli sua moglie in sala e al bar e la preziosa esperienza della mamma Maria e di papà Emilio. La Trattoria “Ballarin” offre anche serate conviviali a tema, come quelle dedicate ai funghi in ottobre e alla “festa dell’oca” in novembre. La Confcommercio ha voluto premiare la storia, la professionalità e l’eccellenza della Trattoria “Ballarin” assegnandole il riconoscimento “L’Aquila d’Oro” Sicuramente tale onorificenza per il gestore “Emilio Voltan” e i suoi famigliari e uno stimolo per continuare e per migliorare. E la storia a Mirano scriverà sempre nuovi e interessanti capitoli.

BAR da Plinio

Domenica 2 Dicembre 2018 Nella splendida cornice della Città di Venezia, al Museo Scuola Grande san Giovanni Evangelista di Venezia, è stata consegnata l’onorificenza di “Maestro del Commercio” con “ l’Aquila d’oro ” a Milan Plinio, per i suoi quaranta anni di attività ininterrotta che attualmente svolge con immutata passione. Premio ricevuto dai massimi vertici della Confcommercio imprese per l’Italia e della associazione “50 e più”. Alla presenza del Sindaco di Mirano, Mariarosa Pavanello, dell’Assessore al commercio e dello sport Cristian Zara, alla Direttrice Confcommercio del comprensorio del miranese Tiziana Molinari, non ché del Presidente dei commercianti di Mirano, Ennio Gallo. Un riconoscimento che corona un lungo percorso iniziato con la collaborazione dell’attività dei genitori, Aldo e Malvina a Zianigo, e proseguito, da oltre 32 anni con la gestione del “Bar da Plinio” a Mirano.

Via Cavin di Sala, 20, 30035 Mirano VE Tel. 041 432516

Gioia e riconoscenza, a tutti, per il risultato raggiunto, è il commento del festeggiato.


27

www.miranomagazine.it

aprile 2019

ONORANZE FUNEBRI LAVORAZIONI CIMITERIALI

ONORANZE FUNEBRI LAVORAZIONI CIMITERIALI

DA 70 ANNI E 4 GENERAZIONI AL VOSTRO SERVIZIO 24 ORE SU 24, 7 GIORNI SU 7

www.celegon.net Da sempre impegnati per sostenervi in quello che rappresenta uno dei momenti più difficili da affrontare nella vita di ogni famiglia. Disbrigo Pratiche Funebri - Passaporti mortuari - Lavorazioni Cimiteriali - Rendering 3D Addobbi Floreali - Funerali Religiosi e Civili - Accompagnamento - Rimpatrio ed Estradizione Trasporti Internazionali - Cremazioni - Necrologie - Elaborazione Grafica Personalizzata

Tel 041.430173 - info@celegon.net Via Bastia Fuori n. 16, 30035 Mirano (VE)


28

aprile 2019

www.miranomagazine.it

La Tipografia Miranese, in Via Taglio SX, 65/G, a Mirano, è una delle attività più conosciute e rinomate della nostra Città, ormai un nome storico nell’attività commerciale del Paese, iniziata nel 1969. Borina Giovanni, nato a Bojon (VE), ha studiato alle Edizioni Paoline a Roma dove ha imparato a fare il tipografo. Terminati gli studi, ha trovato lavoro in una tipografia di Mirano. Nel 1969, ha deciso di mettersi in proprio, e adesso, dopo 50 anni di intensa attività e con tante soddisfazioni , continua il proprio lavoro. La Tipografia Miranese, rappresenta dunque una realtà nel territorio e ora, dopo tanti anni di lavoro svolto con passione e competenza, Giovanni, coadiuvato da sempre dalle figlie, che lo hanno affiancato, continua la propria attività con tanta dedizione. Paolo Trevisanato


29

www.miranomagazine.it

aprile 2019

1969-2019

50 anni di professionalità e dedizione all’artigianato

• Studio di progettazione grafica • Stampa offset e digitale • Stampati fiscali, commerciali e pubblicitari • Timbri • Banner • Calendari personalizzati • Planning • Agende • Annunci nozze MIRANO (VE) Via Taglio Sinistro, 65/G - Tel. 041.430708 - 041.5702777 grafica@tipografiamiranese.it - amministrazione@tipografiamiranese.it

www.tipografiamiranese.com


30

www.miranomagazine.it

aprile 2019

TUTTI I MESI IN OCCASIONE DEL MERCATINO DELL’ANTIQUARIATO

PANINI GOURMET FESTEGGIA DA NOI IL TUO EVENTO SPECIALE! (COMPLEANNO FESTA DI LAUREA...)

Piazza Martiri, 4 - 30035 MIRANO (VE) tel. 041 430055 - caffereditalia08@gmail.com


31

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Buona Pasqua! PUNTO

Per altri marchi richiedete un preventivo all'indirizzo: preventivi@officineruffatto.it

PRESENTANDO QUESTO COUPON AVRAI DIRITTTO ALLO

SCONTO del 20

% SU TUTTI I MARCHI

*

*ESCLUSE LE MARCHE GIAPPONESI E AMERICANE


32

www.miranomagazine.it

aprile 2019

DUE PIOPPI di Favaretto MIRANO

Via Cavin di Sala, 127 Cell. 331 9532 500 www.spacciodallamonica.it

Orario: Mercoledì dalle 15.00 alle 19.00 Venerdì e Sabato dalle 9.00 alle 13.00

L'AZIENDA AGRICOLA FAVARETTO All’altezza degli impianti sportivi a Mirano, lungo via Cavin di Sala, si volta la prima strada bianca, tra la campagna, si trova l’Azienda Agricola “2 Pioppi”, proprietà della famiglia Favaretto, che da decenni si dedica alla lavorazione della terra e all’allevamento bovino. Ad iniziare da nonno Giovanni detto “Nenei” dai primi anni cinquanta del secolo scorso, poi papà Mario, per giungere ad oggi attraverso il figlio Lorenzo. La famiglia Favaretto ha dedicato impegno, forza, lavoro continuo. É sorto così l’Azienda specializzata inizialmente nell’allevamento di mucche da latte, per aprirsi poi ad ulteriori interessi quali l’attenzione per i suini e il pollame. Con l’arrivo in casa Favaretto di “Monica” sposa di Lorenzo, l’orizzonte prettamente “Bovino”, è stato allargato e rinnovato con l’avvio e la presenza di uno spaccio per la vendita dei prodotti della fattoria a km zero. E se Lorenzo continua innanzitutto a dedicarsi all’Azienda, Monica cura e segue con attenzione e dedizione il nuovo comparto che si avvale di prodotti genuini provenienti da allevamento “all’antica”. Sono prodotti quali insaccati vari, salami, soppresse, cotechini, ossocolli e pancette con stagionatura di anche oltre l’anno, grazie all’ambiente favorevole delle vecchie mura, pollame ruspante all’aperto e uova. Prodotti che non conoscono l’uso di conservanti, di manipolazioni che invece riportano alla luce il metodo “contadino”; prima dell’evento industriale nell’agricoltura. L’ambiente ove sono conservati tali prodotti è un’antica cascina risalente al 1700; chi arriva ha così la possibilità di unire il presente, comprare prodotti genuini, al passato ammirando una cascina e alcune sue stanze risalenti al “700”. Lorenzo e Monica quindi si dedicano con attenzione e amore alla loro nuova attività produttiva ove la qualità è interesse primario, qualità che si avvale di una produzione “de casada”, di prodotti legati alla ricerca del benessere e quindi per nulla legati alla “Quantità”. Sono prodotti naturali, che mirano al benessere di chi si presenti allo spaccio “Dalla Monica”, e che non resterà deluso, ma ne sarà così soddisfatto da ritornare in compagnia di amici che anch’essi faranno esperienza di quanta bontà presentino i prodotti dello “Spaccio dalla Monica”. L’Azienda è aperta anche per incontri con scolaresche e amanti della natura. L’esempio di Lorenzo e Monica sia di stimolo, perché tutti ci impegniamo a rispettare il nostro ambiente e a desiderare alimenti sani, gustosi e “belli”, quali sono quelli prodotti nel nostro territorio e nel nostro caro Veneto. Paolo Trevisanato


33

www.miranomagazine.it

aprile 2019

L’IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE: UN INVESTIMENTO PER LE AZIENDE

Il principio che il miglior investimento per le aziende sia investire sul proprio personale è sempre valido. Possiamo paragonare l’azienda a una vera e propria catena di produzione: per ottenere il prodotto finale è fondamentale che tutti gli elementi siano pronti, efficienti e al posto giusto al momento giusto, che ogni ingranaggio sia funzionale al meccanismo nel suo complesso e che tutti siano coscienziosamente responsabili del proprio ruolo e della propria importanza. La formazione del personale deve rientrare in un contesto d’investimento. Se fatta in modo preciso e puntuale, consente all’azienda di rimanere sul mercato, e competitiva dato che l’evoluzione dei modelli produttivi, organizzativi e normativi è decisamente rapida. E’ innegabile che oggi serva una maggiore consapevolezza anche da parte dei dipendenti, volta ad una maggiore flessibilità professionale e l’attitudine ad adeguarsi a cambiamenti

tecnologici, culturali e sociali. I dipendenti sono elementi imprescindibili per il corretto funzionamento di questo delicato “ecosistema”, perciò è importante che si sentano partecipi nella realtà dove operano. Per questo motivo, oggi si richiede a ogni azienda un approccio alla formazione e allo sviluppo delle risorse umane sensibile e aperto, che sia in grado di fare fronte sia alle esigenze di sviluppo aziendali, sia alle necessità di crescita personale che di conoscenza delle normative vigenti. Se sommiamo che negli ultimi anni sono state emanate specifiche norme europee e nazionali che mirano a migliorare e tutelare la qualità di vita delle persone attraverso percorsi di formazione, campagne promozionali e d’informazione legati alla sicurezza sui luoghi di lavoro, alla sicurezza sugli alimenti, alla sicurezza sull’ambiente e, come di recente, alla sicurezza del trattamento dei dati (GDPR), il quadro si

completa. In Italia, esistono norme che regolano le attività dei lavoratori e comprendono una formazione obbligatoria per i dipendenti, titolari e figure responsabili preposte. Diventa quindi, inevitabile, dopo le premesse iniziali, dar luogo e attivare questo un processo; tra l’altro, la formazione indirizzata a far acquisire al personale le conoscenze normative, organizzative, informatiche e procedurali, rendere la macchina “azienda” più efficiente, efficace e sicura nell’ambito della responsabilizzazione. Affermiamo, come anche sostenuto dalla moderna giurisprudenza, che “l'applicazione delle misure di prevenzione hanno lo scopo di evitare che l'errore umano si manifesti…”, pertanto, “vista la possibilità di verificarsi nel contesto lavorativo, una delle attività rese obbligatorie è la formazione permanente… se tutti i dipendenti fossero sempre diligenti ed esperti non sarebbe necessario dotare i luoghi di lavoro e le macchine di sistemi di protezione…”; e “se tutti fossero sempre diligenti ed esperti non sarebbe neanche necessario informare, formare, addestrare, con aggiornamenti periodici, i lavoratori, come anche i responsabili preposti e i dirigenti...” Così non è: non tutti sono diligenti ed esperti e anche chi lo è, ha la tendenza a sottovalutarne l'importanza e diventa dunque fondamentale la conoscenza della normativa e formazione specialistica, adeguata e idonea a propria tutela e a tutela dell’azienda. Ma se ogni percorso di formazione e aggiornamento consente da un lato al datore di lavoro di pretendere che la prestazione sia fornita con la massima diligenza, esso è di sicura importanza anche per il lavoratore dipendente, che ha il diritto di essere formato dal proprio datore di lavoro,

al fine di svolgere al meglio le mansioni affidate, e ad avverare ogni previsione finalizzata a conservare l’occupazione, ad acquisire una diversa professionalità e tendere al miglioramento delle condizioni di lavoro e di vita. I corsi di formazione, in definitiva, sono un’ottima opportunità per dipendenti e aziende: permettono di approfondire alcuni aspetti pratici e teorici del proprio lavoro, essere consapevoli dei diritti e doveri in ambito professionale e naturalmente sono un’occasione per apprendere le norme, un insieme di tasselli insostituibile per la crescita personale e professionale visto che per le motivazioni descritte sono stati resi obbligatori. L’importanza della formazione del personale, oltre ad essere un obbligo per il datore di lavoro e un diritto per il lavoratore dipendente, è da ritenersi un investimento per tutte le aziende.

Giuseppe Favaron Studio Legale Avvocato Favaron www.avvocatofavaron.it Maurizio Foffano Tecnosoft Servizi e Soluzioni Informatiche www.tecnosoft.it

DALLA NOTTE BIANCA AL CAPODANNO IN PIAZZA

MANIFESTAZIONI TUTTO L’ANNO, I COMMERCIANTI FANNO GRANDE MIRANO Un 2018 strepitoso per la delegazione dei commercianti di Mirano, che prelude a un 2019 altrettanto ricco di iniziative. La primavera porta con sé le prime novità dell’anno, che vedrà ancora Mirano teatro di manifestazioni e iniziative capaci di mettere i commercianti della piazza in prima linea, vero motore di vivacità del centro storico, richiamando in città migliaia di visitatori in ogni occasione. Alle spalle un anno appena trascorso che, a detta di molti, è stato uno dei più soddisfacenti e ricchi di opportunità. Il primo della nuova delegazione guidata da Roberto Rossato ha permesso infatti di portare a termine importanti progetti e intraprendere nuove collaborazioni, in linea con il progetto di rete intrapreso sul territorio da Confcommercio del Miranese e in perfetta sintonia con le linee del Distretto del commercio di Mirano. «Possiamo dire – spiega Rossato - di aver chiuso l’anno con un successo strepitoso, la festa di Capodanno in piazza, che non si celebrava da anni in città. Avevamo iniziato affrontando molte difficoltà e qualcuno ha cercato anche di ostacolare i nostri progetti, ma uniti, determinati e cercando di fare del nostro meglio siamo

riusciti portare a termine tutti gli obbiettivi che ci eravamo prefissati». L’elenco, fortunatamente, è lungo e variegato: la Notte Bianca ha vissuto nel 2018 un’edizione straordinaria, sia come affluenza di persone (stimate oltre 50 mila) che come qualità della manifestazione e contenuti. Anche “A piedi in Centro”, nella giornata della mobilità sostenibile a settembre, ha avuto un’affluenza senza precedenti, con il coinvolgimento di tutte le frazioni del comune. E’ tornato anche il Black Friday, anticipato di una settimana, preludio a tutte le iniziative del periodo di Natale che hanno concluso in bellezza il 2018 della delegazione Confcommercio: prima l’installazione della filodiffusione, che permette di garantire una colonna sonora in occasione di particolari manifestazioni pubbliche, ma può essere anche un servizio utile alla popolazione in caso di necessità o emergenza, poi il pacchetto Natale con i mercatini caratterizzati quest’anno dalle scenografiche casette permanenti in legno, dal Giardino delle Feste e da numerose attrazioni, infine il calendario con tutte le iniziative del 2019, realizzato dai commercianti e distribuito gratuitamente

ai clienti. Vera novità è stata la combinata Capodanno-Epifania, due chicche rese possibili grazie alla collaborazione di altre ferventi realtà locali, in primis l’Associazione Volare di Paolo Favaretto, che organizza anche il Mirano Summer Festival. «Più carichi che mai siamo ora pronti per una nuova avventura in questo 2019 - conclude Rossato - con un programma ancora più ricco. Un ringraziamento particolare per il risultato ottenuto mi sento di farlo a tutta

la delegazione, il gruppo di lavoro e tutti i commercianti che hanno creduto in noi: senza il loro contributo non sarebbe stato possibile arrivare a questo risultato. Grazie alla Confcommercio, sempre presente e sempre al nostro fianco, all’Amministratore comunale e all’Associazione Volare, in particolare a Paolo Favaretto per la collaborazione nata ai primi del 2018 e che continuerà anche per tutta quest’anno».


34

www.miranomagazine.it

aprile 2019

ASSOCIAZIONE NAZIONALE BERSAGLIERI L’Associazione Nazionale Bersaglieri – Sezione di Mirano, nell’augurare alle istituzioni ed a tutti i cittadini di Mirano i più sentiti auguri di una Buona Pasqua, con la consueta partecipazione d’intenti che sempre caratterizza questa associazione, evidenzia, con il dovuto orgoglio, di aver partecipato e contribuito nel 2018 alla piena riuscita (a ricordo anche la bellissima esibizione serale della fanfara di Lecco in Piazza Mirano) della grande e solenne manifestazione bersaglieresca “Piave 2018” di San Donà di Piave a suffragio del centenario della fine della Grande Guerra; nel contempo porta a conoscenza la cittadinanza che i prossimi impegni vedranno la sezione Bersaglieri di Mirano presenziare il prossimo 10 marzo alla giornata dedicata ai bersaglieri caduti e dispersi in Russia che, come ogni anno, si svolgerà presso il Tempio di Cargnacco (UD). Occasione questa per rafforzare il ricordo di quei giovani morti per la Patria e la necessità di custodire e trasmettere la memoria alle generazioni più giovani affinchè quel sacrificio di oltre 100.000 soldati italiani morti o dispersi in terra di Russia non venga mai dimenticato. A seguire seguirà la presenza alle celebrazioni ufficiali del

25 Aprile e del 4 Novembre in quel di Mirano ed al 67° Raduno Nazionale Bersaglieri di Matera il 19 Maggio, senza contare la presenza ad altre ricorrenze commemorative o manifestazioni d’arma nel territorio comunale (vedi IPAB Mariutto) e nei territori limitrofi. Un grazie va rivolto a tutte le autorità civili, ai cittadini e simpatizzanti che con la loro presenza sempre hanno inteso testimoniare comunione di sentimenti, condivisione e vicinanza ai bersaglieri di Mirano. Un ringraziamento, per altro doveroso, ed un augurio di Buona Pasqua anche all’agenzia “Consulenza Viaggi Vacanze” di Mirano per l’encomiabile supporto tecnico che fornisce alle trasferte più lontane di questa associazione, ed a questo giornale che sempre accoglie e dà risalto alle nostre iniziative. L’Associazione Nazionale Bersaglieri – Sezione di Mirano all’unisono rinnova, quindi, il più sincero e sentito augurio di Buona Pasqua a tutti. A.N.B. – Sez. di Mirano MM/mm

“COME RISPARMIARE SUL PREZZO DEL CARBURANTE” Con questi semplici consigli si può risparmiare fino al 40% del carburante per l'auto equivalente a circa 300 euro l'anno Risparmiare benzina è molto importante non solo per ridurre le spese, ma anche per prestare attenzione alla sostenibilità ambientale. Il fatto di risparmiare sui carburanti dovrebbe rientrare all’interno di una strategia ecoresponsabile, che va inquadrata nell’ambito dei comportamenti ecosostenibili della vita quotidiana. Ci sono vari metodi da applicare per risparmiare benzina: mantenere una guida ecocompatibile, ricorrere alle varie possibilità di mobilità sostenibile e usufruire dei distributori low cost. I CONSIGLI PER IL GUIDATORE 1 Regolare il proprio stile di guida Ad incidere sul risparmio del carburante è sicuramente il nostro stile di guida : preferire una guida fluida e lineare, oltre a salvare la vostra vita, vi permette di ottenere un risparmio pari al 30% della spesa annua. Questo significa premere sull'acceleratore in maniera graduale viaggiando sempre ad una velocità moderata evitando decelerazioni brusche, così da non far andare su di giri il motore inutilmente. Vi consigliamo di impostare una velocità di crociera da mantenere il più a lungo possibile, controllandola per i primi chilometri ed evitando sgasate e partenze a razzo (una delle cause maggiori di spreco del carburante ).

2 Scegliere la marcia giusta Uno dei primi rudimenti che ven-

gono insegnati a scuola guida è quello che la macchina è dotata di cinque marce, allora perchè non utilizzarle tutte? Ricordate infatti , una delle regole base per risparmiare benzina è quella di passare al momento opportuno alla marcia superiore. Le marce andrebbero regolate in modo da mantenersi tra i 1600 ed i 1800 giri al minuto, in questo modo il consumo cala del 20% circa, sembra infatti che mantenere basso il numero di giri del motore è una delle abitudini di guida più efficaci per risparmiare sul consumo di carburante. Attenzione: non viaggiate troppo giù di giri altrimenti otterrete l’effetto contrario.

3 Non correre, e in autostrada usare le marce alte In autostrada bisognerebbe evitare di correre troppo, perché il motore utilizzerebbe una maggiore quantità di benzina e inquinerebbe di più. Mettere quando possibile delle marce alte riduce il consumo di carburante e quindi le emissioni di CO2.

4 Anticipare il traffico Un ottimo modo per evitare frenate e partenze che sprecano maggiore carburante è sempre quello di anticipare il traffico che abbiamo davanti, analizzando continuamente la situazione e cercando di evitare di frenare all’ultimo minuto. 5 Usa il navigatore Secondo uno studio Navteq l’impiego del

navigatore satellitare può ridurre le percorrenze annuali medie di un automobilista di circa 2.500 chilometri l’anno, consentendo una riduzione dei consumi di carburante del 12%, pari a un risparmio di denaro di oltre 400 euro l’anno. Inoltre alcuni produttori (per primo Garmin) hanno messo in commercio software che assistono l’automobilista nella scelta di

mete eco (EcoRoute), valutano lo stile di guida (Driving Challenge) facendo comparire una fogliolina verde sul display per indicare l’ecosostenibilità della nostra guida. Per facilitare la vita di chi ha scelto un carburante meno inquinante, c’è anche una funzione con tutti distributori di metano e GPL d’Italia.

6 Non frenare Ovviamente, non è un invito a guidare come

negli autoscontro, ma a pensare che ogni volta che si frena tutta l’energia cinetica accumulata si dissipa – e poi la si deve pure riguadagnare consumando! Tre casi esemplificativi. Uno, prendi esempio dai camion in autostrada, che pur con le loro dieci e più marce tendono a mantenere il loro placido passo, evitando inutili accelerate e frenate. Due, non attaccarsi mai al sedere dell’auto davanti, nemmeno se si ha fretta e il guidatore davanti è una “vecchietta rimbambita”: la necessaria e nervosa sequenza sincopata di accelerate e frenate è molto dispendiosa. Parallelamente, fregarsene di quelli che ti si appiccicano al sedere: ti tallonerebbero anche sfondando di 100 all’ora i limiti di velocità. Tre: per rallentare è bene prendere l’abitudine di usare il freno motore, ovvero l’effetto frenante del motore per inerzia che si nota quando si solleva l’acceleratore: in rilascio si taglia l’afflusso di carburante. Rallentando poi non mettere in folle, perché un motore in folle gira e continua a consumare.

7 Spegnere il motore durante le soste prolungate Quante volte

ci capita di incontrare quel semaforo che sembra durare un'infinità? Evitate assolutamente di rimanere in sosta con il motore acceso, questa pratica rappresenta infatti una delle principali cause del consumo di carburante, spegnendo il motore riuscirete a risparmiare fino al 30% per cento. Ovviamente questa regola vale anche quando vi trovate nel bel mezzo di un ingorgo, sembra un'osservazione banale ma quando la vettura è ferma non serve tenere il motore acceso.

8 Una manutenzione corretta dell'automobile Tenere sotto

controllo lo stato di funzionamento della propria vettura, effettuando una manutenzione periodica, rappresenta uno dei segreti per contenere il consumo di carburante. Fondamentale badare alla pressione dei pneumatici, basandovi sul valore prescritto all'interno del libretto dell'auto, regolate la pressione considerando che dei pneumatici sgonfi hanno un maggiore attrito con l’asfalto agendo come elemento frenante al moto della vettura. E' buona norma controllare questi valori almeno ogni due settimane, ricordando di dare un'occhiata anche alla convergenza dell'auto dal gommista. A contribuire al consumo del carburante anche avere un filtro dell'aria intasato o l'olio lubrificante troppo vecchio entrambe infatti comportano uno sforzo maggiore al motore consumando un 10-15% in più sul totale. Cercate quindi di pianificare un check up della vettura ogni anno recandovi nella autofficina di fiducia.

9 Evitare di caricare la macchina Spesso scambiamo il portabagagli dell'auto con uno sgabuzzino infilandoci oggetti inutili che incrementano solo il peso della vettura. Dovete pensare invece che ogni chilo in meno vi farà risparmiare molti euro in carburante. Maggiore è il peso portato, maggiore è il con-

sumo di benzina, quindi smontate porta-pacchi e porta-sci che penalizzano fortemente l’aerodinamicità dell’automobile, riposizionarli al bisogno al massimo vi farà solamente sprecare qualche minuto. Lo stesso vale per il numero di persone a bordo: evitando di portare passeggeri al di fuori di quelli previsti otterrete un vantaggio economico che può arrivare perfino al 30%.

10 Togliere accessori inutili Inoltre quando non serve è sem-

pre opportuno togliere il portapacchi ed evitare accessori capaci di penalizzare il corretto movimento dell’automobile. Così potremo ridurre anche del 10% le emissioni, perché ridurremo la resistenza dell’aria.

11 Non abusare del climatizzatore Il climatizzatore rappre-

senta sicuramente una grande invenzione pronta a donarci un po' di sollievo in macchina durante la stagione estiva, ma sappiate che il suo utilizzo comporta un aumento di consumo del carburante del 20%. E' necessario quindi non abusarne troppo, evitando di preferirlo al classico finestrino o al tettuccio apribile.

12 Spegni il climatizzatore negli ultimi due minuti Per ar-

rivare a 18 gradi nell’abitacolo quando fuori ce ne sono 10 il consumo aumenta di circa il 16% per un motore benzina, e di circa il 20% per un motore Diesel. Percentuali testate su strada, che possono raddoppiare durante la circolazione in città. Certo, è impensabile non usare mai il condizionatore. D’estate, proviamo a rallentare, abbassare tutti i finestrini e godiamoci la brezza. D’inverno basta usarlo il 10% in meno, ovvero - facendo un viaggio di venti minuti, spegnerlo già gli ultimi due minuti.

13 Fa’ il pieno di sera D’inverno è ininfluente, ma d’estate e nei mesi caldi quella pur minima dispersione dovuta all’evaporazione della benzina o del gasolio dalla pompa al serbatoio può arrivare all’1% in aerosol (velenosi), a causa del calore. Se si può, evitiamo di fare il pieno all’una del pomeriggio d’agosto: meglio la sera. I distributori low cost 14 Distributori senza marchio. Bisogna fare attenzione anche a quali distributori si ricorre per fare benzina. In particolare sono da tenere in considerazione i distributori senza marchio. Si tratta di pompe di benzina che fanno capo a piccoli imprenditori, i quali gestiscono soltanto pochi impianti distribuiti nel territorio locale. Il fatto che l’impianto è gestito autonomamente permette anche di avere dei costi più snelli, anche perché non ci sono spese legate alle grandi campagne di promozione. Tra l’altro i piccoli imprenditori intervengono anche sul margine lordo del costo dei carburanti, consentendo ai consumatori di risparmiare. Considerando un consumo di 100 litri al mese il risparmio può arrivare a 70 euro annui. Giorgio Pesce


35

www.miranomagazine.it

aprile 2019

LE FORTIFICAZIONI DI CA' ROMAN La Serenissima Repubblica, soprattutto a partire dal '500, si attivò per proteggersi contro l'eventuale entrata delle navi nemiche all'interno della laguna costruendo possenti forti alle bocche di Lido e di Malamocco. Nel 1571, incalzata dalla minaccia turca, avviò l'edificazione anche di una seconda linea difensiva costituita da bastioni a forma ottagonale. La distanza da Venezia rendeva meno necessarie le difese della bocca di Chioggia che rimase, per molto tempo, affidata al solo forte di S. Felice (a Sottomarina) e all'ottagono Caroman. Forte Caroman Fu la Serenissima ad edificare, attorno al 1700, un primo forte nell'estremità sud-ovest dell'attuale Oasi. I francesi, nel corso della loro prima dominazione vi costruirono una batteria (1800-1801). Successivamente l'impero Asburgico, impegnato in un complesso progetto difensivo dei litorali veneziani, ne rafforzò la struttura. L'opera, a forma irregolare, è circondata da un fossato con acqua largo tra i 7 e i 15 metri e profondo quasi 2. All'interno sono presenti una costruzione a prova di granata, due magazzini e una cisterna. Era armato con tre cannoni da 16 cm e poteva contare su una guarnigione di 150 uomini. I progressi nel campo della tecnologia militare, intervenuti dalla seconda metà del 1800, resero rapidamente obsoleto questo sistema difensivo, costringendo il Regno d'Italia a un profondo programma di ammodernamento. In quest'ambito, nel 1912, fu costruita, all'interno del Forte Caroman, la batteria costiera intitolata al Doge Agostino Barbarigo (1486-1501) armata con quattro cannoni da 152/40* su affusto girevole scudato e con portata massima di 12.500 metri. Ottagono Questi bastioni, costruiti interrando piccole porzioni di laguna, erano inespugnabili: venivano, infatti, posti in prossimità dei canali d'entrata al porto in modo da colpire agevolmente le navi nemiche che tentavano d'entrare, ma allo stesso tempo erano collocati in fondali di pochi centimetri d'acqua che impedivano, in tal modo, al nemico di raggiungere i bastioni stessi. Erano chiamate dal popolo "cani da guardia", perché posti davanti ai porti considerati le porte d'entrata in casa**. L'ottagono di Ca' Roman prese la sua attuale forma tra il '600 e il '700. Rafforzato nel corso della seconda dominazione austriaca, fu utilizzato sino al secondo conflitto mondiale. Oggi è abbandonato e quasi interamente sommerso dalla vegetazione.

Lettera aperta di un figlio “ottantenne” al genitore, per il suo 120° compleanno (09 febbraio 1899 / 09 febbraio 2019) Caro papà Guido,

Bunker Dopo l'8 settembre 1943, le forze tedesche costruirono a Pellestrina numerose opere in cemento che andarono a rafforzare l'apparato difensivo italiano. A Ca' Roman rimangono in buono stato di conservazione quattro bunker per cannone antinave. Altre strutture coeve sono disseminate in tutta l'isola: in particolare si notano due tobruk***, alcuni ricoveri/depositi e, vicino al bordo lagunare, una grande torre telemetrica che serviva la batteria. *Le cifre indicano il calibro dell'arma (152 millimetri) e la lunghezza della canna (40 volte 152 mm = 6.08 m). **Elena Fongher: I forti della nostra isola. *** Appostamenti fissi per mitragliatrici e per l'alloggiamento di munizioni e personale. Il nome trae origine dalla città libica dove furono approntati per la prima volta.

Oggi ricorre il tuo 120° compleanno, pur mancandoci da 34 anni, voglio dirti che la tua famiglia non ti ha dimenticato, sei sempre nei miei e nostri ricordi, per la tua onestà, la tua bontà, la tua generosità, la tua fede, per l'attaccamento al lavoro della tua poca terra, aiutato dall'instancabile mamma Emma, facendo crescere con amore la vostra famiglia e noi vi dobbiamo tanta gratitudine. Nella tua vigna, caro papà, che tanto amavi e coltivavi con passione, da tempo sorge un insediamento industriale, per il proseguimento dell'attività che anche tu hai contribuito alla sua nascita e al suo sviluppo, realizzando intorno a d'esso, un bel prato verde, in tuo ricordo. Avrei desiderato che anche la nuova strada, per ingresso alla fabbrica, costruita in parte sul terreno da te coltivato, fosse a te intitolata, (giusti accordi sottoscritti con la PDM) in ricordo degli anni da te trascorsi al fronte della 1° Guerra Mondiale, quale: “RAGAZZO DEL 99”. (avevi soli 17 anni). Si é vero, il giorno 05 maggio 1971 ti è stata conferita: l'Onorificenza di Cavaliere di Vittorio Veneto. Onorificenza della quale ne eri orgoglioso appuntandoti, la domenica nel vestito bello, la Croce al merito e la medaglia d'oro ricevuta nella ricorrenza del 50° della fine della guerra (1918/1968). Allora, “I RAGAZZI DEL 99” suscitavano molto rispetto, oggi sono dimenticati, fortunatamente non da tutti. Lo scorso anno si é celebrato il 100° anniversario della fine della già citata, 1° guerra mondiale. Tanti bei discorsi dai politici e poi basta, si gira pagina. Ma voi “ragazzi del 99” ormai non avete potuto sentire più quegli “elogi”, non ci siete più, siete stati dimenticati, anche se con la vostra “Immolazione” siete stati “Voi” i veri salvatori della PATRIA. Io non l'ho dimenticato ed é per questo che desidererei ricordare te, caro papa e tutti i martiri di quella guerra, con una semplice insegna stradale. Purtroppo, caro papà, il tempo scorre e anche io sono diventato anziano, grazie al cielo, con molta più fortuna dei miei fratelli ed amici che mi hanno lasciato, e spero tanto che “prima” sia esaudito il mio desiderio, proprio nel rispetto tuo e dei tuoi commilitoni. Grazie di cuore papà Guido. Tuo figlio

Federico Antinori

Via Bastia Entro, 12 - Mirano - Tel. 041 431466 - chiuso domenica e lunedì

All’affezionata clientela


36

www.miranomagazine.it

aprile 2019

CHE COS’E’ IL MASSAGGIO METAMERICO Mi chiamo Antonio Caravello sono un operatore olistico nello specifico massaggiatore rif lessologo e proprio di questa mia professione coltivata da tempo per i massaggi e ad aiutare le persone sofferenti, che oggi cari lettori vi voglio parlare proprio delle proprietà dei massaggi olistici e di quanto beneficio possono portare alle persone sofferenti di varie tipologie sia di disturbi sia articolari che viscerali senza passare e sostituire la figura medica che la medesima resta sempre al primo posto sia per diagnosi che per avallare interventi come la mia professione, che a volte si ottengono risultati per mia esperienza e di molti altri colleghi veramente straordinari ,anche senza l’ausilio nei casi limiti dei farmaci.

Oggi in particolare vi voglio parlare di uno dei tanti massaggi che eseguo che mi lega più di tutti e dai risultati eccellenti si chiama massaggio “metamerico”. Che cosa sono i metameri (nome del massaggio) sono delle fasce nervose all’ incirca di 5 centimetri orizzontali nel dorso della schiena, che si collegano ai vari nervi spinali tramite delle radici nervose. Le manipolazioni esercitate in queste zone si rif lettono sulle varie parti del corpo collegate al metamero in esame. questo tipo di massaggio può essere fondamentale per alleviare o curare diversi tipi di disturbi. Questi metameri si ottengono dividendo la schiena in segmenti immaginari

ma legati in maniera indissolubile alle varie parti del corpo è come leggere una cartina geografica. Ogni metamero è compreso tra due vertebre e si collega con i nervi ad un organo deputato all’eliminazione o alla depurazione corporea. Il massaggio metamerico, si esegue lavorando sulla colonna vertebrale che esercitando questo tipo di manipolazione sui metameri si possono apportare svariati benefici. La compressione profonda di questi distretti nella colonna vertebrale infatti essendo collegati ad esempio all’apparato digerente, all’esofago, al fegato , alla pelle ecc ecc…… una volta rilassati tramite la manualità del massaggio permettono di eliminare o risolvere moltissimi problemi fisici,

che stimolando opportunamente questi segmenti del corpo oltre ad un immediato senso di benessere delle zone collegate si potrà portare ad una liberazione di endorfine e quindi ad una sensazione di serenità e vero rilassamento. Quindi cari amici lettori se avrete il piacere in base alle vostre sofferenze fisiche di ricevere questo tipo di trattamento olistico, oltre ad altre tipologie di massaggio che eseguo tipo rif lessologia plantare, tecniche di sblocco immediato, tecnica vertebrale, e molti altri sarei lieto di potermi confrontare con voi una volta ricevuto il trattamento di quanto beneficio riceverete. Un grazie di cuore a voi tutti e Buona Pasqua.

Antonio Caravello Cell. 338/3260750 E-mail: caravelloa@libero.it

Buona Pasqua a tutta la clientela!!


37

www.miranomagazine.it

aprile 2019

LE PAROLE IN PSICOTERAPIA: SEMANTICA TESTUALE E LESSICALE Lo psicoterapeuta utilizza le parole come strumento elettivo durante il suo lavoro, e con esse genera e costruisce nuovi mondi, mondi e realtà relative e soggettive che producono effetti tangibili sulla vita delle persone e su egli stesso fintanto che la realtà generata permane nei discorsi e nei dialoghi dei soggetti coinvolti. Tra le tante azioni possibili lo psicoterapeuta può ristrutturare, parafrasando e restituendo all’individuo, i contenuti che gli vengono portati generando nuovi scenari che facciano emergere nuovi significati, alternativi, inattesi. Questo suggerisce una lettura del mondo in chiave “generativa” o, meglio ancora, costruttivista: le cose lì fuori esistono nella misura in cui le pensiamo. Il costruttivismo è una posizione filosofica ed epistemologica che considera la rappresentazione della realtà, e quindi il mondo in cui viviamo, come il risultato dell'attività delle nostre strutture cognitive, assumendo una prospettiva, spesso, relativistica e soggettiva. Ciò premesso, dal titolo di questo articolo emerge un quesito interessante: in che misura le due semantiche, testuale e lessicale, possono influenzare quello che la persona dice di se stesso, nel caso in cui abbia accolto e condiviso anche le parole icastiche* o le narrazioni con le quali gli altri lo hanno definito? In prima battuta, d’istinto, verrebbe voglia di categorizzare - contrapponendole - le due semantiche, e spesso viene fatto proprio così. Ma sarebbe un errore, infatti entrambe sono rivelatrici del mondo dell’altro ed entrambe possono essere utilizzate per produrre e generare cambiamento. Cambiamento in senso assoluto ovvero una nuova “realtà” generata rispetto al punto di partenza iniziale. La semantica testuale tiene conto del contesto relazionale, del testo, del genere discorsivo e attiva una lettura che consente all’ascoltatore di cogliere l’intenzione comunicativa dell’interlocutore; un tipo di ascolto che attribuisce al dialogo significati condivisi frutto di una sorta di accordo tra i parlanti. Ecco che allora è possibile per il terapeuta “manipolare” i significati e condurre la persona su discorsi alternativi, e costruire realtà differenti utili allo scopo di restituire nuovi mondi; è una attività di continua ri-significazione. La semantica lessicale, per certi aspetti, è più immediata e non necessita contestualizzazione, interpretazione e ac-

cordo locale tra i parlanti in quanto, facendo uso di parole icastiche non ha bisogno d’altro in quanto è già portatrice di senso e significato. Questo in virtù del fatto che le parole sono usate in “economia”, cioè racchiudono in sé il significato condiviso a priori tra i parlanti, secondo una conoscenza di senso comune, e ciò è ritenuto sufficiente per lo scambio comunicativo. Dire “quella è una persona pesante” può avere molteplici significati in una semantica testuale, mentre in una semantica lessicale potrebbe certamente averne molti, ma non più di uno alla volta, ovvero l’unico significato possibile, che in quel momento è condiviso e condivisibile dai parlanti. Infatti non potendo accedere al contesto/testo ci si limita al solo significato predefinito e dal quale non ci si discosta in quanto è già stato definito a priori. Le parole icastiche, infatti, sono costitutive della semantica lessicale e sono più rilevanti della frase che fa loro da sostegno formale e sintattico. Lo psicoterapeuta, consapevole di quanto sopradescritto, può utilizzare le due semantiche, testuale e lessicale, in funzione degli scopi che si prefigge di ottenere. Ovviamente si tratta di scopi funzionali agli obiettivi della persona, scopi non necessariamente esplicitati in quanto fanno parte del “lavoro di retrobottega” del terapeuta, ma che perseguono la soluzione ai “problemi” che hanno fatto sì che la persona si rivolgesse al professionista. La semantica testuale è utile, direi necessaria, per comprendere quelle che sono le “teorie del soggetto”, che con molta probabilità egli/ella racconterà usando una semantica lessicale carica di parole icastiche (sono depresso, sono ansioso, ecc. ecc.). La semantica lessicale, tuttavia può essere utilizzata dal terapeuta come strumento utile a generare nuove teorie e nuove realtà, riformulando e riconfigurando le storie della persona utilizzando, lessicalmente, nuove parole che possono generare alternative possibili. Ad esempio la “profezia che si auto avvera” viene proposta usando una semantica lessicale, una frase che viene recepita dal soggetto verbatim, parola per parola, e che inizia a far lavorare la persona su nuove “realtà” che scoprirà possibili. Ciò avviene in virtù della forza icastica della profezia in quanto viene comunicata come un dato di fatto e come tale non viene discusso poiché non necessita

LA DIETA DEL DIABETE CHE FA BENE Olio di oliva, pesce e fibre fanno bene. Burro, troppa carne rossa e olio di palma sono bocciati. Contro il diabete vince la dieta del contadino, che altro non è che quella dieta mediterranea. Chi soffre di diabete dovrebbe mangiare anche molte fibre, come legumi ortaggi e insalate. Le fibre hanno un duplice effetto: da un lato rallentano l’assorbimento degli zuccheri semplici, contenuti ad esempio in dolci, pasta e pane, e dall’altro rallentano l’assorbimento dei grassi con un effetto anticolesterolo, per questo gli esperti consigliano di consumarle anche prima del pasto. Promosso il pesce azzurro e i polifenoli, che aiutano a controllare la glicemia, contenuti ad esempio nella buccia della mela, nel tè verde ma anche in alcuni componenti del caffè. La pasta è una componente della dieta mediterranea. Ma chi soffre di diabete deve consumarne quantità limitate preferendo, come nel caso del pane, quella integrale. Attenzione anche alla frutta, che può contenere troppi zuccheri. Bocciata la carne rossa, il burro ed i formaggi stagionati. No pure ai dolci, alle patate, alla pizza ed alle bevande zuccherate, anche quelle a base di fruttosio, che aumentano comunque la glicemia. Infine meglio non abusare dell’olio di palma, già sotto accusa per i suoi effetti discutibili sulla salute. Meglio un cucchiaio di più di quello di oliva per condire le pietanze, se si deve.

di esserlo. In conclusione possiamo affermare che aver diviso le due semantiche è stato un semplice stratagemma utile per descriverle ma che in realtà non sono scindibili in quanto sono due facce della stessa medaglia. L’una utile a comprendere tutti i possibili significati, l’altra necessaria ed indispensabile per un’economia di espressione socialmente condivisa. Il terapeuta, consapevole della forza esplicativa e generativa delle due semantiche, le utilizza entrambe ma deve stare attento a conoscerle e padroneggiarle con grande competenza in quanto il rischio di effetti iatrogeni sull’individuo è sempre in agguato. * icàstico: che descrive, rappresenta o ritrae nei tratti essenziali, e quindi in modo efficace e spesso asciutto, tagliente. [rif. Vocabolario Treccani]

Dott. Marco Boldrin, Psicologo - Psicoterapeuta Membro e socio fondatore della Società Italiana di Psicologia Interazionista. e-mail: info@marcoboldrin.it web: www.marcoboldrin.it

QUANTA VOGLIA DI MANGIARE SANO Gli italiani sempre più attenti alla qualità del cibo, ma senza rinunciare al fast food Sempre più preoccupati dalla qualità degli alimenti e attenti all’uso degli ingredienti artificiali nelle ricette. Oltre 2 italiani su 3 guardano con scrupolo quello che mangiano e vorrebbero trovare sugli scaffali dei supermercati più alimenti alternativi alla carne, ad esempio fatti di proteine di origine vegetale. Non solo: per il 66% dei consumatori italiani il cibo fatto in casa è considerato più sano e per il 62% più sicuro, ma un italiano su 4 sceglie di andare, comunque, al ristorante almeno una volta la settimana, fast food compreso, se non più spesso. Ma è la qualità degli alimenti a preoccupare maggiormente gli italiani, connessa alla paura di manifestare alcune malattie croniche come l’obesità, il diabete, il colesterolo alto o l’ipertensione. Secondo la ricerca il 53% si dichiarerebbe disponibile a pagare un prezzo più alto per cibi che non contengono alimenti indesiderati. Ma è solo il 37% ad essere disposto a sacrificare il gusto per avere un cibo più salutare.


38

www.miranomagazine.it

aprile 2019

BARIZZA FILIPPO CAMPIONE MONDIALE DI CORSA CON RACCHETTE DA NEVE Barizza Filippo classe 1981 veneziano doc miranese d’adozione attualmente gestisce un negozio tecnico sportivo nel Centro della Vittoria a Mirano assieme al padre Giuliano. Definito dalla stampa sportiva e dagli amici “La Saetta delle Alpi” lo scorso 5 Gennaio in Val di Non per l’organizzazione della Podistica Novella nella classica Ciaspolada valida per il Campionato del mondo di specialità corsa con “Racchette da neve ”ha centrato il titolo mondiale di categoria. Sotto l’egida della WSSF la Federazione Internazionale di corsa con le racchette da neve ha visto alla partenza circa 300 atleti provenienti da oltre 30 nazioni in rappresentanza delle Federazioni degli Stati Uniti d’America ,Spagna , Francia ,India, Canada, Germania, Cile, Portorico, Regno Unito e naturalmente un folto gruppo di atleti provenienti da tutte le Regioni d’Italia. La specialità della corsa con le racchette da neve oltre agli atleti agonisti ,vanta

numerosi appassionati che durante la stagione invernale si avvicinano all’ambiente montano fuori dalle piste affollate di sciatori e gustano il classico fascino dell’alta montagna a stretto contatto con la fauna e la flora incontaminata. Per volere del CONI da quest’anno la specialità verrà ufficialmente riconosciuta a livello Federale e agganciata per ora all”Orienteering”. Filippo già medaglia d’argento nel Campionato del mondo in Svezia nel 2014 e Vezza d’Oglio 2016 alle spalle del francese Sthephane Ricard, lo scorso 5 Gennaio oltre al titolo mondiale di categoria, ha centrato anche la medaglia d’oro a squadre con gli iridati Cesare Maestri e Alessandro Rambaldini. Buon sangue non mente anche Giuliano padre di Filippo ha centrato la medaglia d’oro nella categoria over 70 sull’americano Bates Allan. Nel 2020 la WSSF ha programmato l’appuntamento mondiale in Giappone.

MENÙ DI CARNE

MENÙ DI PESCE

ANTIPASTI Crostino con petto d’oca Torta salata con verdure di stagione Involtino di prosciutto crudo e fichi Fagottino di bresaola con ricotta e rucola

ANTIPASTI Crostino di baccalà mantecato Antipasto di mare Polpettina di tonno Capa santa gratinata

PRIMI PIATTI Pasticcio di asparagi Pasticcio di carne e funghi

PRIMI PIATTI Pasticcio di pesce Rigatone alla cernia in salsa di peperoni rossi

SECONDI PIATTI Rotolo di agnello farcito Anitra ripiena al profumo d’arancio DUE CONTORNI A SCELTA TRA: Verdura in tecia Patate novelle al forno Piselli gioiosi Funghi trifolati € 25 A PERSONA

Me

nù d i P a s q u a

SI ACCETTANO PRENOTAZIONI FINO AL 19/04/19 NEGOZIO APERTO 8:30 - 11:00 IL GIORNO DI PASQUA PER CONSEGNARE ED EVENTUALI ACQUISTI

SECONDI PIATTI Filetto di orata alla mediterranea Spiedino di gamberi e zucchine DUE CONTORNI A SCELTA TRA: Verdura in tecia Patate novelle al forno Piselli gioiosi Funghi trifolati € 35 A PERSONA

Auguri di Buon Pasqua


39

www.miranomagazine.it

aprile 2019

OSTERIA THERRA A Mirano, in via Bastia Fuori, 9, negli ambienti dell’ex Ristorante K2, è stata aperta l’Osteria THERRA. Osteria che ha come regina la carne, cotta attraverso una particolare cottura alla brace, il tutto però accompagnato da antipasti, primo e secondi, prestando anche attenzione ad alcune proposte vegetariane. I gestori, sono i fratelli Marco e Daniele Rubin, ben conosciuti a Mirano, per il River Pub in via Mariutto 10 (Mirano), che gestiscono da 20 anni, assieme alla mamma Ornella. (Locale che accompagna tutte le età). Ma torniamo all’Osteria THERRA, qui i fratelli Rubin, sono accompagnati dall’esperienza dal padre Adriano. Le carni sono fornite dalla macelleria De Gobbi (Mussolini PD) del suocero di Daniele, e provengono dai loro allevamenti km zero, con alimentazione biologica. Il nostro territorio del Miranese è conosciuto anche per queste offerte enogastronomiche e tutti noi ne siamo orgogliosi! Grazie a Marco e Daniele e ai loro famigliari. Paolo Trevisanato

VIA BASTIA FUORI, 9, 30035 MIRANO VE TEL. 041 5728984 - osteriatherra@gmail.com


40

www.miranomagazine.it

aprile 2019

I MENÙ DI PASQUA Per i tuoi pranzi pasquali, scegli i menù di Sale e Pepe - La Gastronomia. I nostri chef ti propongono due tipologie di menù e tante sfiziose ricette per festeggiare la Pasqua con gusto e fantasia. Ingredienti selezionati di prima qualità e ricette stagionali per accontentare i gusti di tutti… anche dei più piccoli! E’ possibile prenotare i menù di Pasqua presso i punti vendita Sale e Pepe - La Gastronomia di Mirano e di Mestre oppure per telefono. Per maggiori informazioni, rivolgiti al punto vendita più vicino. Via della Vittoria, 59 - Mirano 041 570 2000 mirano@saleepepe.it

Viale Garibaldi, 1F - Mestre 041 898 0002 mestre@saleepepe.it

www.saleepepe.it


41

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Franzato Gianni SCALE • RECINZIONI CARPENTERIA METALLICA LAVORAZIONI FERRO LAVORAZIONI ACCIAIO INOX

FRANZATO GIANNI S.R.L. Via A. Meucci, 10 - 30035 Mirano (VE) Tel. 041 5728030 - info@franzatogianni.it www.franzatogianni.it

Auguri di Buona Pasqua www.coccolateria.it Via Bastia Fuori, 1 • Mirano (VE) • 041 5700390


Piombino Dese (Padova) Italy Via Pozzetto, 71 Tel. +39 049 9365037 info@roncato.it

.... e la signora è tranquilla perchè Roncato risolve

* Divani a partire da €uro 480,00

CUCINE - ARMADI - DIVANI - SOGGIORNI - LETTI

* Letti a partire da €uro 690,00

Vi invitiamo a visitare la nostra esposizione nella quale troverete un vasto assortimento di cucine, camere, camerette, soggiorni e salotti delle migliori marche più prestigiose per soddisfare anche le esigenze più particolari. E’ attivo il servizio falegnameria nel quale si possono realizzare soluzioni artigianali su misura. I nostri arredatori sono a vostra disposizione per sviluppare progetti personalizzati per i vostri ambienti e fornirvi preventivi senza alcun impegno.

* Cucine a partire da €uro 2000,00

R I S PA R M I O

ASSISTENZA

QUALITA’

aprile 2019

www.roncato.it

42 www.miranomagazine.it


43

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Tabacchi - Giornali Articoli da Regalo da Gomirato Elvira Via L. Mariutto, 64 - Mirano (Ve) Tel. 041 434476

Buona Pasqua! Ortofrutta

Simionato di Simionato Lino

Buona Pasqua!

Via Luigi Mariutto, 62 Mirano - Venezia Tel. e Fax 041 434476


44

www.miranomagazine.it

aprile 2019

63257,9$ ',/(77 ( 1 $ =,2

$662 &,$

,&$ ,67 17

9 ringraziano gli amici delle aziende... MIRANO - Via Gramsci 28

Il partner unico per le fondazioni speciali

Opere di fondazione su pali prefabbricati e gettati in opera Consulenze geotecniche e progettazione esecutiva

MALCONTENTA (VE)

mail: emmennesrls@gmail.com

TEL./FAX 041.8944027

MALCONTENTA (VE)

žžÄžŜŜÄž Ä?Ĺ˝Ć?ĆšĆŒĆľÇŒĹ?ŽŜĹ? Äž žĂŜƾĆšÄžĹśÇŒĹ?ŽŜĹ? ŜĂǀĂůĹ? www.emmennesrl.it

dZ ^WKZd/ /KE >/ ^W / /KE/ /Ed ZE /KE >/ D ' /E ''/K /E h^dZ/ >

HM +IRXMPI 6SWEVMS

ZANELLA

MIRANO

DOLO - SPINEA

Telefonia Internet fibra per lĘźazienda ed il privato windzanella@gmail.com

Lo sport fa sempre bene ma sicuri è meglio

SNACK - BAR CAFFETTERIA - COLAZIONI PRANZI VELOCI E PIATTI FREDDI VARIETĂ€ DI PANINI - TRAMEZZINI

Vetorix Engineering S.r.l. Unipersonale Advanced Techniques in Non-Destructive Inspection

Via dell'Artigianato, 12 30020 Marcon - Ve - ITALY P. +39 041 5951457 - info@vetorixndi.com - www.vetorixndi.com

PIZZERIA RISTORANTE

4 CANTONI

Nordest

TEKIMP sas di Colorio Pierantonio & C.

Servizi Finanziari Servizi alle Imprese - Leasing - Mutui

$*5,&21) 6 5 /

...per il sostegno che ci hanno dato in questo anno sportivo. GRAZIE! dal 19 a tavo 85 la con vo i

PAVIMENTI - RIVESTIMENTI ARREDAMENTO BAGNO - POSA IN OPERA

9LD 3RUDUD $ 0,5$12 9(

&HOO LQIR#DJULFRQI QHW KWWS ZZZ DJULFRQI QHW

$00,1,675$725( 81,&2 )5,62 )5$1&(6&2


45

www.miranomagazine.it

aprile 2019

ASD MIRANO AL POZZO: ANNO ZERO www.meteomirano.it

www.tecnosoft.it

L I N O VA IMPIANTI di Chinellato Sandro

ASD MM AL POZZO

www.miranomagazine.it

INSTALLAZIONE IDRO TERMO SANITAR GAS, CONDIZIONAMENTO E RIP

MM AL POZZO: ANNATA DIFFICILE MA COSTRUTTIVA Nel mese di Maggio terminerà questa ennesima annata di Calcio a 5, che ha visto la compagine veneziana del MM AL POZZO partecipare con le proprie squadre a due difficili campionati FIGC di calcio a 5, quale la serie C2 regionale e la serie Under 21 regionale. Le due formazioni sono state ‘costruite’ con obiettivi diametralmente opposti, da una parte la squadra, che doveva esercitare un ruolo da protagonista della serie C2, composta da giocatori di esperienza e da qualche giovane che aveva già calcato i vari ‘terreni’ delle palestre regionali, dall’altra un gruppo di ragazzi reclutati durante l’estate, per iniziare questa nuova avventura nel panorama giovanile del calcio a 5, senza grandi esperienze nel mondo del calcio a 5, ma desiderosi di imparare e di dimostrare il loro vero valore. La formazione della ‘prima squadra’ si è dimostrata, purtroppo, un groviglio di personalità e di caratteristiche diverse così è risultato assai difficile amalgamare le diverse esigenze e, nonostante la buona volontà e la determinazione del mr De Santis Mario, i risultati hanno faticato ad arrivare, tanto che nell’ultima parte della stagione ci si giocherà la permanenza in categoria, evitando la roulette dei play out, fino all’ultima giornata. Sarebbe stato semplice sostituire l’allenatore, come fanno, ormai, quasi tutte le squadre che non raggiungono determinati risultati, ma più di una volta Mario ci ha dimostrato il suo attaccamento alla società e la

volontà di trovare soluzioni alternative per ‘salvare’ la stagione. Si è deciso, quindi, di terminare tutti assieme e tirare le opportune conclusioni a campionato finito. Ben diverso, invece, l’approccio della nostra Under 21, partita senza grosse pretese, ha pian piano trovato un amalgama ed una consapevolezza dei propri mezzi in-

Nella foto Davide zecchini

Via Scaltenigo, 89 - MIRANO (VE) Tel. 041/5701524

sperato dopo le prime amichevoli, riuscendo ad ottenere risultati positivi soprattutto nella seconda parte di stagione, contendendo la terz’ultima piazza al Marco Polo. Il buon lavoro del mr Lazzarini Filippo e di tutto lo staff under ha permesso di inserire in pianta stabile, in prima squadra, alcuni elementi che saranno sicuri protagonisti delle prossime annate del Pozzo. Il campionato è terminato con ottime aspettative, che dovranno essere confermate nella manifestazione Coppa Veneto, a cui i nostri ragazzi parteciperanno con passione ed entusiasmo. Proprio da queste caratteristiche bisogna ripartire un’altra volta e consolidare quanto di buono è stato costruito, mettendo a disposizione della società, il lavoro costante e professionale della dirigenza veneziana. La strada è tracciata e sarà un impegno di tutta la società terminare nella maniera più gloriosa possibile questa stagione, cooperando con l’amministrazione comunale per poter trovare ulteriori spazi nelle palestre comunali, così da offrire alla comunità miranese e ai numerosi ragazzi che la compongono, un’opportunità unica di giocare questo splendido sport nel proprio territorio. Ufficio stampa MM AL POZZO Presidente Favaretto Federico

Via Fante d’Italia ,92 Tel.0422/774165 Giavera del Montello (TV) E-mail: info@mg-groupsrl.com • www.mg-groupsrl.com

STUDIO OTTICO FMC P.zza M. della Libertà, 10 - MIRANO (VE) - Tel. e Fax 041 5702124 E-Mail: fmc@soafmc.it Orari: dal martedì al sabato 9.00 -12.30 / 15.45 - 19.30

I-MAR FINITURE

VERNICIATURE A POLVERE LUCIDATURE / SATINATURA SABBIATURA METALLI DECORAZIONI CAMPIONATURA

30030 NOALE - VENEZIA - VIA E. FERMI, 3 TEL. 041 442473

PENTA SRL Busatto Flavio

Legale Rappresentante

Via Pertini, 42 - 30030 Martellago (VE) - Tel. 041 5403004 Cell. 335 7860071 - Fax 041 5402922


46

www.miranomagazine.it

aprile 2019

IL DIAMANTE INCANTATO DI RITA FELICE

VIA PADOVA, 115 - SCORZÈ (VE) TEL. 347/3232794 orari di apertura : 9:30 – 19:00 il diamante incantato

TAGLIO

COLORAZIONE

Sappiamo conquistarci la fiducia necessaria a non aver timore del cambiamento! Professionalità e sicurezza, comunicazione interpersonale e aggiornamenti costanti per un risultato assoluto.

Non è tutto bianco e nero. E fortunatamente nemmeno solo biondo o castano! La nostra gamma di colori dona pienezza e luminosità per cambiare, personalizzare o ravvivare al meglio il proprio hairstyle. Ultimo ma non meno importante passo nel nostro salone, a conclusione di un percorso di anti-age per mani e piedi curati, perfetti ed eleganti..

TRATTAMENTI PELLE E CORPO

MANICURE E PEDICURE

Trattamenti per la cura della pelle e massaggi personalizzati per una nuova silhouette, con prodotti ad azione cellulare di ultima generazione.

Trattamenti idratanti e anti-age per mani e piedi curati, perfetti ed eleganti

MAKE-UP SAUNA FINLANDESE

Scopri le nuances moda più adatte al tuo viso e un trucco realizzato da un make up artist per qualsiasi evento

TRATTAMENTI CUTE E CAPELLI Non esiste mai una tipologia di capello uguale ad un altro, per questo offriamo un trattamento adatto ad ogni tipo di esigenza

TRATTAMENTI VISO La bellezza e il benessere iniziano con una pelle sana, luminosa e idratata.

• Riflessologia plantare stimolando tutti i centri nervosi riflessi nel piede dal corpo.

• Sauna filandese + massaggio di 15 minuti localizzato gambe, addome, glutei...

• Più di 20 tecniche di sblocco immediato olistico per trattamenti del tipo mal di testa, sciatalgia, lombalgia, cervicalgia, gonalgia ecc. e viscerali del tipo stitichezza, reflusso gastrico, cistite, dolori mestruali, psoriasi…..

• Massaggio drenante per favorire lo spostamento dei liquidi (gonfiore) da edema, da post intervento chirurgico generale o anche del tipo estetico tipo mastoplastica additiva, addominoplastica e anche sotto direttiva medica casi di post neoplasie al seno.

• Applicazione di cerotti elastici per alleviare dolenze del tipo neuromuscolari


47

www.miranomagazine.it

aprile 2019

ASD MM AL POZZO: “PERCHÉ IL CALCIO A 5 NELLA SCUOLA CALCIO” Uno dei problemi del calcio in Italia è la scarsa tecnica degli atleti. Lo dice un’indagine della Federazione Calcio, condotta a Coverciano. Sacchi e Viscidi, Rocca e Ulivieri hanno detto a più riprese che, negli stage delle nazionali, i ragazzi di 12-18 anni sono scarsi nel compiere questi gesti: dribbling, colpo di testa, tiro, palleggio, utilizzo di entrambi i piedi. Sono convinto che una giusta soluzione sia, nelle scuole calcio delle società dilettanti, proporre il calcio a 5, facendo giocare i bambini in spazi ridotti. Un atleta di calcio a 5 può giocare a calcio a 11, non sempre è vero il contrario: il calcio a 5 e quello a 11 sono due sport che hanno, da piccoli, molti punti in comune, mentre crescendo percorrono strade diverse. Il calcio a 5 è propedeutico al calcio a 11 ed è importante praticarlo fin da piccoli, nel settore giovanile, come avviene in Spagna e Brasile. Tanti e diversi sono i pregi della pratica sportiva del calcio a 5 nel settore giovanile: - migliora la tecnica e la tattica individuale; - migliora il dominio della palla, perché si gioca su distanze minime, che condizionano maggiormente l’esecuzione e obbligano il bambino a pensare e decidere più velocemente, così da adattarsi, molto prima, al gioco; - non obbliga a posizioni fisse, che possono essere un limite per il bambino, ognuno può spostarsi di continuo e provare diversi ruoli; - il bambino tocca di più la palla, ha così modo di migliorare più rapidamente nel gioco individuale e collettivo, migliora le capacità fisiche e coordinative; - in spazi ristretti, si segna molto di più e segnare molte reti procura gioia e soddisfazione, aumenta l’autostima; - nel calcio a 5, di fatto, manca il centrocampo, e allora si imparano più velocemente la fase d’attacco (fare gol) e quella di difesa (non prenderlo). Avviene anche, per gli spazi ristretti e l’esiguo numero di giocatori, che le situazioni importanti accadono più di frequente, così anche l’allievo meno dotato, col tempo, impara; - migliora i tempi di smarcamento; - obbliga i giovani ad apprendere il controllo orientato, controllo e protezione, avere grande velocità di pensiero. La moderna formazione dei tecnici del settore giovanile deve comprendere una solida base di conoscenze interdisciplinari e polisportive. Non si può proporre lo sport a un bambino, come fosse un adulto in miniatura, facendolo giocare molto presto 11 contro 11. I bambini di una scuola calcio (5-12 anni) si sono trovati per molti anni, e si trovano ancora, a giocare in condizioni difficili, in campi troppo grandi e così via, e comunque non adatte alle loro caratteristiche fisiche, mentali, emozionali e di relazione tipiche di queste età. Il calcio a 5 diventa propedeutico per il calcio a 11 e bisogna cominciare a insegnarlo e farlo praticare nel settore giovanile, così come accade in altri Paesi, dove la tecnica nel calcio la fa da padrona. Ed allora si devono “educare” le società sportive a praticarlo nella scuola calcio, a rendere magari obbligatorio un allenamento alla settimana, stringendo un’alleanza con la scuola e la federazione, così come avviene in Spagna, dove il calcio a 5 è molto importante ed è lo sport più praticato a scuola. I tornei scolastici sono altamente competitivi e rappresentano la quasi totalità dell’attività giovanile: Iniesta e Xavi sono due giocatori che, da piccoli, hanno praticato per anni il calcio a 5. E’ proprio guardando alle esperienze positive degli altri, che puoi meglio comprendere l’importanza di far praticare, nel settore giovanile, il calcio a 5. In Brasile il futsal (futebol de sala) è molto popolare ed i campionati giovanili sono molto diffusi, incentivati sempre più dalla federazione di calcio, e dove quasi tutte le società professionistiche alternano, nel proprio settore giovanile, il calcio a 5 e quello a 11. Anche in questo paese, il calcio a 5 riveste un’importanza fondamentale, è motivante perché, all’interno di una squadra composta da cinque elementi, il singolo incide di più, si assume maggiori responsabilità e si sente più importante. Horst Wein, studioso e autore di diverse pubblicazioni, è il promotore di un programma seguito da anni dalla Federazione spagnola nel settore giovanile, ed il suo metodo ha dei punti che fanno capire bene, come il calcio a 5 sia propedeutico al calcio a 11. Per formare il calciatore di livello, occorre arrivarci per gradi. Si deve partire dal 3 contro 3 e adattare i modelli di prestazione alle caratteristiche psico-fisiche dei bambini in età evolutiva. Il suo motto è: giocare per imparare dai 5 ai 9 anni e imparare a giocare dai 10 ai 14 anni. Questi

concetti rappresentano i cardini della sua filosofia, orientata non tanto alla costruzione del talento precoce, bensì offrire ad ognuno la possibilità di esprimere il massimo del proprio potenziale personale, senza fretta, nel rispetto dei tempi di sviluppo individuali. Punto importante, per lo sviluppo delle sue teorie è stato lo studio del calcio di strada e l’importanza che ha avuto nello sviluppo relazionale ed emozionale dei bambini. Nel passato, il calcio di strada ha contribuito a sviluppare i giocatori naturalmente dotati e creativi, perché il gioco era più semplice, con un numero minore di giocatori e senza l’interferenza dell’allenatore. Wein ha studiato la maniera nella quale giocano i bambini, ne ha catturato l’essenza, e ha aggiunto alcune strutture nello sviluppo del gioco. Poi ha reso meno eccessivi gli esercizi, i tecnici non devono insistere con istruzioni costanti, ma utilizzare percorsi di scoperta guidata per incoraggiare i bambini a riconoscere, in modo interattivo, i problemi di gioco. Il calcio di strada era l’ambiente naturale e spontaneo per imparare, si giocava per ore di giorno, senza bisogno di trasporto e particolari attrezzature, senza iscrizioni a società che trattano i bambini da adulti. Wein afferma che in tutto il mondo si dovrebbe giocare così: - 3 contro 3 per i bambini di 7-9 anni - 5 contro 5 a 10 anni - 7 contro 7 a 11-12 anni - 8 contro 8 a 13 anni - 11 contro 11 a partire dai 14 anni In questo modo si potrebbero sviluppare le capacità di gioco dei giovani, iniziando a disputare dei campionati competitivi, all’età di 12 anni, lasciando negli anni precedenti il giusto tempo per far lavorare i vari allenatori. Il tecnico deve facilitare il gioco e non essere l’attore principale, essere innovativo per raggiungere un livello di miglioramento successivo, facendo proprio il seguente concetto: il miglior allenatore del mondo è il gioco del calcio stesso. I bambini, a volte, vengono allenati in maniera eccessiva, spesso sono per gli allenatori tele bianche da riempire, invece occor-

re capire che i giovani hanno un incredibile potenziale e un’intelligenza da stimolare, dalla quale attingere. L’allenatore deve utilizzare le partite facilitate, tramite le quali i bambini scoprono, da soli, i segreti del gioco e devono creare un ambiente nel quale i giovani crescono in modo naturale. Così facendo, i giovani migliorano l’intelligenza tattica, che diventa la caratteristica più importante di un giocatore di calcio. Senza intelligenza tattica, il giocatore forte o veloce perde molto del suo potenziale. Viceversa con questa caratteristica, anche il giocatore meno dotato fisicamente, può superare qualsiasi avversario. L’intelligenza tattica è la capacità di ‘leggere’ la partita e prendere le migliori decisioni nei tempi più rapidi possibili. Per questo, dai 7 ai 9 anni bisogna giocare 3 contro 3, con due porte per lato, anziché una. Ci sono più possibilità a disposizione, in quanto una delle due porte è sempre meno difesa rispetto l’altra. Vengono così favorite la percezione, la comprensione, le capacità decisionali: giocare, piuttosto che svolgere esercizi isolati, aiuta a sviluppare i senso tattico e la capacità di decisione in campo. Segreti in pillole 1 Proporre il calcio a 5 nella scuola calcio migliora la tecnica dei bambini 2 Far giocare i bambini 3 contro 3 in spazi ridotti. 3 Sviluppare il calcio a 5 in ambito scolastico, sfruttando gli spazi ricreativi 4 Il calcio a 5 è propedeutico al calcio a 11. Migliora l’intelligenza tattica dei bambini, soprattutto se l’istruttore li lascia liberi di giocare e non si impone di continuo. Se sei un dirigente sportivo, rifletti se il calcio a 5, per le sue caratteristiche, riesce a colmare queste esigenze. Poi decidi se farlo praticare nell’attività di base della tua società, ne gioverà il gioco della società e di tutti i giocatori coinvolti. Giorgio Pesce

OPEN DAY CALCIO A 5 VUOI PARTECIPARE ALLA NUOVA AVVENTURA TARGATA MM AL POZZO C5? Stiamo selezionando ragazzi per la prossima stagione sportiva 2019/2020 di calcio a 5 al campionato f.I.G.C. Under 17 e under 21 PALESTRA CORNER MAJORANA MIRANO PALESTRA 8 MARZO - MIRANO

Alla base della nostra attività di calcio A5, c’è il gioco, il divertimento, il rispetto delle regole e del gruppo. Crediamo nei valori, che lo sport di squadra sa trasmettere ai ragazzi, in campo e fuori dal campo.

PER INFORMAZIONI : mmalpozzoc5@gmail.com miranoalpozzo@gmail.com


48

www.miranomagazine.it

aprile 2019

CORSA LUDICO-MOTORIA DI BENEFICIENZA PRO AIRETT Associazione per la cura della malattia rara delle “bimbe dagli occhi belli”

VUOI DIVENTARE UN FERROMODELLISTA?

SALI IN CARROZZA CON NOI!!

sezione PRO LOCO di Martellago presso stazione ferroviaria di Maerne di Martellago Maurizio Berto 339 2900743 Maurizio Manni 333 8880657 Si terra' il prossimo 14 aprile la prima edizione della XRUN, una corsa podistica non competitiva che si ripeterà negli anni avvenire sempre nel mese di aprile nel territorio di Mirano. Si tratta di un progetto ambizioso nato dalla volontà di alcune persone di raccogliere fondi per la ricerca della sindrome di Rett, malattia rara che colpisce in media 1 bambina ogni 10.000 e che comporta gravi disabilita'. Con la precisa volontà di creare un evento e non solo una semplice corsa si è deciso di individuare un tema, ogni anno diverso, che possa coinvolgere i bambini/ragazzi. Per il 2019 si è pensato al bullismo utilizzando la lettura di un libretto scritto dal deejay e conduttore Nicola Savino, testimonial per anni dell'AIRETT, (il cui ricavato è stato interamente devoluto già all'associazione AIRETT) e intitolato "Lacrime di fragola". Il progetto prevede la consegna di un libretto ad ogni classe della scuola primaria e media inferiore dei due circoli dl'attività del nostro Comune, affinchè gli insegnanti possano leggerlo in classe e condividere con i ragazzi alcuni riflessioni sul tema. L'obiettivo principe che ci prefiggiamo negli anni è quello di offrire alle giovani generazioni un modo nuovo di approcciarsi alla "diversità", facendo comprendere che se consideriamo noi stessi diversi dagli altri perchè siamo unici ecco che la diversità scompare e piuttosto parleremo di unicità. Quest'anno contemporaneamente al progetto sopra evidenziato, è stato realizzato anche un altro progetto che vede la collaborazione del Ceod

di acli coop e la scuola media di Martellago per la realizzazione di 300 medaglie in creta da regalare ai bambini/ragazzi che parteciperanno alla corsa. Durante lo svolgimento della corsa in piazza Martiri si potranno trovare piacevoli intrattenimenti: due laboratori ludico-artistici offerti dall'Acli Coop e da Includimi, per gli appassionati di lettura saranno a disposizione le meravigliose interpreti dei Contastorie, i Sognattori invece ci allieteranno con balletti e musica, mentre la presenza divertente dei Piccoloprincipe clown ci farà sorridere, il tutto colorato dai meravigliosi palloncini di Fuori di Festa. Vi aspettiamo affinchè il sogno diventi realtà tutti insieme.

DI SEGUITO IL PROGRAMMA: Ritrovo in piazza Martiri ore 9.00 partenza percorsi km 18 e 10; ore 10.30 partenza percorso km 3,5 Sarà possibile iscriversi, versando in contributo di euro 5, il giorno stesso dalle 8 alle 9 in piazza, e preiscriversi fino al 29 marzo presso: - Allianz Assicurazioni Via A. Gramsci, 19 Mirano; - Barizza Sport Via della Vittoria, 88 Mirano - Moby Clic Via Barche, 30/a Mirano - Cart. Corò Via Nicolò Paganini, 7 - Mirano

VENDO

SPECCHIERA STILE CLASSICO

FRASSON EUGENIO Via Olmo, 3 MIRANO Tel. 041 431196

acquerelli di

MARCO TAGLIARO "Frutta Thai" dal 12 aprile al 13 maggio TRATTORIA BALLARIN - MIRANO Via Porara, 2


49

www.miranomagazine.it

aprile 2019

FRANCESCO LAMON SOGNA L’ORO OLIMPICO Francesco Lamon, 25 anni, abita a Zianigo di Mirano. Come tutti i giovani, sarà ricco di sogni, di impegni e anche di difficoltà, perché trovare la propria strada e percorrerla con facilità e con una certa velocità, non è mai stata facile, ieri e tanto meno oggi. Eppure Francesco, con il suo impegno e mettendoci tanto entusiasmo, credendoci e facendosi “allenare” da persone convincenti e veramente professionali, ci è riuscito. Cui è di esempio a tanti giovani, a tante persone come Lui, che vorrebbero guardare lontano, ma a loro sembrano mancare gli stimoli, di esempi e le opportunità. “Ce la possiamo fare”; sembra dire a tutti Francesco con le mani alzate verso il cielo, in segno di vittoria. Francesco Lamon, infatti, allenato dal C.T. Villa, fa parte della Nazionale Ciclistica nell’inseguimento a squadre, è stato il trascinatore del quartetto azzurro che, ad Hong Kong nella prova di Coppa del Mondo su pista, ha conquistato 2 meravigliose medaglie d’oro, sconfiggendo le rappresentative degli Stati Uniti, dell’Australia e della Francia. Ora si sta preparando per qualificarsi per le Olimpiadi; che nel 2020 si svolgeranno a Tokyo. Per questo traguardo, Francesco sarà aiutato anche, dalla nostra simpatia e dal nostro entusiasmo. Siamo vicini ai nostri concittadini, che fanno conoscere il nome e le realtà di Mirano, in tutto il Mondo. Grazie Francesco. Paolo Trevisanato

UNIONE CICLISTICA MIRANO: ECCO LE FORMAZIONI 2019 Una tradizione che si ripete da 51 anni fondata su questi: passione, rispetto,impegno. Sono i motivi dominanti ai quali i corridori dell'Unione Ciclistica Mirano devono ispirarsi. A ribadirlo tra gli applausi è stato il presidente del sodalizio bianconero, Paolo Mario Bustreo, in occasione della presentazione delle squadre che si è svolta domenica 17 marzo all'interno del gremitissimo teatro di Villa Belvedere della città veneziana alla presenza dei vertici della Federciclismo tra i quali il consigliere regionale onorario Italo Bevilacqua, il responsabile della Fci di Venezia, Gianpietro Bonato, il vice, Sandro Bettuolo, il consigliere Paolo Bassanello ed il segretario Nicola Pennazzato. A portare il saluto della città, l'assessore allo sport, Cristian Zara che oltre che a congratularsi con la società per i risultati ottenuti, ha ribadito l’impegno della costruzione della pista ciclistica presso il pattinodromo di Scaltenigo. “Stiamo partendo per una nuova annata che oramai si ripete da decenni" ha esordito il presidente Paolo Mario Bustreo, e questo la dice lunga sulla forza e sulla passione di tutti coloro che hanno contributo a scrivere la storia di questa società”. Un ringraziamento particolare lo devo al Vice presidente Giorgio Manera, uno dei fondatori del sodalizio e che continua a seguire i ragazzi infinita passione. Il presidente ha proseguito il suo intervento lanciando un messaggio ai ragazzi “ avete scelto uno sport difficile faticoso e di sudore, ma ricordate che la cosa essenziale non è vincere ma dare il massimo di se stessi , se fate questo otterrete importanti risultati oltre che nello sport anche nello studio e nella vita. “Sono particolarmente orgoglioso che l'Unione Ciclistica Mirano appartenga al nostro Comitato – ha osservato Gianpietro Bonato Per come operano i vostri tecnici, il calore e l'entusiasmo espressi dalla dirigenza e la compattezza della squadra sono certo che il 2019 sarà un altro anno di grandi soddisfazioni”. Successivamente i tecnici hanno presentato uno per uno tutti i componenti le varie squadre composte da 14 allievi, 6 esordienti (4 del 1. Anno e 2 del secondo anno), 8 giovanissimi e 40 cicloturisti. Sono proprio questi ultimi, che qualcuno ha definito anche "gli Angeli Custodi dei nostri ragazzi", che saluto e ringrazio per la collaborazione, l'attenzione e il contributo che danno all'attività giovanile e dico a loro di vivere la bici come un divertimento e un modo per creare amicizia e vita sociale, ma sopratutto deve essere di esempio e di stimolo per i giovani che sono e rappresentano il futuro.

Proprio per questo mi sento di dire a tutti coloro che fanno parte della nostra società che la nostra è una maglia storica e importante e che bisogna saperla amare, rispettare e se possibile onorare. PRESIDENTE: Bustreo Paolo Mario VICE PRESID: Manera Giorgio SEGRETARIO: Cazzin Gianfranco CASSIERE: Gallo Gianni CONSIGLIERI: Bevilacqua Italo - Bettuolo Marino - Giacomello Oscar - Milan Sandro -Pennazzato Otello - Salviato Fabrizio - Simionato Maurizio – Favaretto Emilio DIRETTORE DI GARA: Giorgio Manera COORDINATORI SETTORE TECNICO: Sandro e Marino Bettuolo CAPOGRUPPO CICLOTURISTI: FABRIZIO SALVIATO ADETTO AI RAPPORTI CON LA FEDERAZIONE: Nicola Pennazzato UC. MIRANO CORRE CON CICLI DYNATEK E VESTE GIESSE DI SIMONE FRACCARO SPONSOR: TECNO TRADE SRL DI VIVIAN MICHELE - STUDIO ASSOCIATO BUSTREO - LINOVA IMPIANTI DI CHINELLATO SANDRO - IMPRESA EDILE ZAMPIERI LUIGI - EDIL 2 B DI BARACCO MICHELE - RISTORANTE IL BURCHIELLO DI GIUSEPPE CARRARO WERRENT- G.M.O. GOMMISTA - NEPTUNE SRL BAR DA PLINIO PIZZERIA MYOSOTIS ATLETI GIOVANISSIMI (7) Direttori Sportivi: LUIGI ZAMPIERI- BARACCO MARCELLO - ACCOMPAGNATORE CAZZIN GIANFRANCO Baracco Erik - Chiarello Gian Marco - Giacomello Marco - Rizzo Thomas - Sarto Alessandro - Tasso Cristian - Vecchia Pietro - Zamengo Miele Marco ESORDIENTI 1/2° ANNO (6) Direttore Sportivo: SANDRO BETTUOLO – OSCAR GIACOMELLO – EMILIO FAVARETTO Beda Filippo - Bernardi Lorenzo - Garato Davide - Povolato Rodolfo - Sporzon Eros - Truccolo Mattia ALLIEVI (14) Direttore Sportivo: MARINO BETTUOLO – OTELLO PENNAZATO – MILAN SANDRO Birello Nicolò - Bordon Riccardo - Calzavara Mattia - Carraro Sebastiano - Delle Vedove Alessio - Galardi Giulio Guidolin Loris - Mion Samuele - Pasqualato Francesco Scremin Alessandro - Toniolo Gabriele - Venturini Andrea - Zanetti Enrico - Zanta Daniel


50

www.miranomagazine.it

aprile 2019

CENTENARIO U.S. MIRANESE CALCIO Il 2019 per l’U.S. Miranese Calcio sarà un anno storico, questa gloriosa e blasonato Società calcistica, compie infatti 100 anni, un evento importante per il sodalizio bianconero, per tutta la popolazione di Mirano e per tutte quelle persone ed appassionati che in questi 100 anni l’hanno sempre orgogliosamente sostenuta e in qualche modo vissuta. Ma vediamo di entrare un po' più nel dettaglio dando solamente qualche accenno di questi 100 anni di Miranese. Le prime notizie sulla Miranese risalgono al 1917, in piena prima guerra Mondiale, anche se la sua ufficializzazione avviene per l’appunto nel 1919, mediante l’iscrizione alla F.I.G.C., proprio con il nome di Miranese. Il sodalizio Bianconero partecipò allora a vari Campionati calcistici grazie al contributo di famiglie storiche miranesi, come Coin, Bortoletti, Frasson e Niero. La gloriosa Miranese resistette indenne anche all’avvento della Seconda Guerra Mondiale, di cui abbiamo traccia fotografica e stiamo ricercando più dati possibili. Nel 1957/58 la Miranese venne promossa in IV° Serie e dopo svariate peripezie, rivinse un Campionato nel 1970-71 ritornando così nel Campionato di Promozione. E’ però a cavallo degli anni 1973-1974 che la Miranese, con l’allora Presidente Cav. Ennio Frasson, raggiunse il suo apice di maggiore splendore Calcistico, aggiudicandosi a Montecatini, la Coppa Italia per Dilettanti. Quattro anni più tardi, nel 1978 altra grande soddisfazione per i colori Bianconeri, il CONI infatti gli assegnò la “Stella d’Argento” per meriti sportivi. Nel 1980-82 sotto l’allora Presidenza di Ruggero Agostini, la Miranese conquistò l’Interregionale e Successivamente nel 1990-91 vinse nuovamente il Campionato di Eccellenza. Nel Campionato 1991-92 si laureò Campione Veneto dei Dilettanti ritornando in questo modo nel Campionato Interregionale ed ancora nel Nazionale Dilettanti. Nei primissimi anni ’90 la Miranese, tramite un gruppo imprenditoriale Salese, prese la denominazione di MiraneseSalese, rappresentando in questo modo tutto

il Comprensorio al centro del triangolo industriale PD-VE-TV, dove sono tutt’ora fiorenti attività sia industriali che artigianali. In quegli anni la MiraneseSalese militò prevalentemente nel Campionato di Eccellenza. In quegli anni la MiranseSalese operò con impegno sia con cosiddetta prima squadra che nel Settore Giovanile, e sarà proprio quest’ultimo nel 1994-95 a dare le maggiori soddisfazioni, vincendo la Coppa Veneto Allievi. Gli anni 2000 la Miranese torna ad essere solamente la squadra di Mirano, assumendo la denominazione di U.S. Miranese Calcio ed il resto è storia recente. Da sempre il sodalizio Bianconero pur operando sapientemente e diligentemente in ambito sportivo, opera altresì nel sociale-educativo, annoverando un vasto e prestigioso settore Giovanile che in tanti anni ha forgiato migliaia e migliaia di ragazzini che, sebbene non siano certamente assurti alle ribalte calcistiche nazionali, continueranno ad avere per sempre il Cuore Bianconero. Per ricordare i 100 anni della Miranese, e fare così una degna festa di Compleanno a questa “signora attempata” sono previste per il 2019 parecchie iniziative che sfoceranno nella grande festa che si terrà il 2 giugno per l’intera giornata presso lo stadio Comunale di Mirano. QUESTO IL PROGRAMMA - Ore 09,00 - Ritrovo dei partecipanti alla partita “Commemorativa” e di tutti i tifosi Bianconeri - Ore 09,30 - Santa Messa allo Stadio - Ore 10,00 - Apertura piccola Mostra fotografica Storica - Ore 11,30 - Presentazione Libro Commemorativo fotografico del Centenario - Ore 12,30 - Pranzo allo Stadio - Ore 14,00 - Consegna Riconoscimenti alle Autorità ed agli Amici della Miranese - Ore 15,00 – Inizio Partita della Solidarietà - Ore 16,30 – Brindisi di “commiato e Auguri per i prossimi 100 anni in Bianconero” Paolo Antigo


51

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Dai Laghi Masuri (Polonia) a Vetrego - puntata Pasquale La Pasqua di solito è portatrice di buone notizie. E per Vetrego forse è giunta l’ora della resa dei conti. In questi giorni si è fatto un gran parlare del raggiunto accordo finanziario con la Regione che stabilisce per Vetrego il rispetto degli accordi stipulati “illo tempore” con la costruzione del Passante. In effetti i Vetreghesi attendono da oltre dieci anni i famosi (…o fumosi) indennizzi a seguito della deturpazione del loro territorio e pare (e ripeto “pare”) che qualcosa a livello burocratico si stia lentamente muovendo. Auguri!!! Naturalmente il mensile “Evviva Vetrego”, di cui è direttore responsabile Giuseppe Vesco, ci terrà opportunamente aggiornati sugli sviluppi della situazione e del procedere dei lavori. Per adesso l’unica cosa certa al 100% è che la chiacchierata TAV non passerà mai per Vetrego!!! Trasferendoci poi nei meandri polacchi è doveroso in primis augurare al nostro buon Mauro B. un lento ritorno al tappeto erboso. Tutti i Gornik stanno aspettando, con la dovuta cautela, la rentrèe del loro terzino fluidificante… Per quanto riguarda il nostro mister Renzo Groppello ci piace ricordare l’avvenuto e tanto desiderato raggiungimento pensionistico. A tale piacevole notizia segue anche la chiamata come nuovo allenatore della squadra di calcio di Nervesa della Battaglia (Eccellenza girone B). Conoscendo il Mister siamo sicuri che l’impegno per la nuova avventura sarà come sempre al massimo livello. E’ doveroso ricordare inoltre la ricorrenza dei 100 anni della Miranese Calcio. Un pensiero va al suo “mentore” Pino Moggian che per decenni è stato la vera voce della Miranese. Ci piace ricordarlo anche perché era un tifoso della nostra squadra amatoriale-polacca: nel suo ufficio, presso il bar “da Plinio”, si interessava sempre all’andamento della nostra equipe e al comportamento dei nostri giocatori. Per concludere, a tutti i nostri lettori e loro familiari, giunga un augurio per una Buona Pasqua piena di sorprese gradite. Evviva il Gornik FC Mirano! Silvano Bertoldo Presidente Gornik F.C.

Mangiare e bere da Gino...dove (non) occorre il palato sopraffino! Mangiare e bere da Gino…dove (non) occorre il palato sopraffino! Ed eccoci al consueto appuntamento culinario con lo chef de “noantri”. Cosa mai ci preparerà questa volta il nostro cuoco amatore polacco? È inutile cercare nei libri di cucina o nei vari ricettari! Qui si tratta solamente di pura inventiva e verifica sul campo (fornelli da cucina) di codesta ed altre ricette da lui create. Qui non si fa pubblicità a qualche famoso ristorante o agli chef dai nomi altisonanti che quotidianamente compaiono in tutte le televisioni a qualsiasi ora. Il nostro Gino, da buon pensionato, si diletta nel provare e riprovare le varie miscele di ingredienti ed i molteplici componenti di ogni sua ricetta. Quest’ultima sua creazione si adatta in maniera specifica a questo periodo primaverile-pasquale. Seguitela attentamente e… buona degustazione! CARTOCCIO DI BRANZINO AGLI ASPARAGI AL PROFUMO DI TIMO INGREDIENTI PER 6 PERSONE 3 branzini; 10-12 asparagi bianchi; 10-12 asparagi verdi; 3-4 patate; 20 pomodorini ciliegini; vino bianco secco; olio extravergine di oliva; sale fino e grosso pepe; uno scalogno; uno spicchio d’aglio piccolo; qualche rametto di timo; 6 fogli di carta fata.

PROCEDIMENTO Dal pescivendolo far preparare i filetti di branzino senza pelle, con una pinzetta togliere con attenzione le eventuali spine rimaste. Tritare molto finemente aglio e scalogno. Tagliare a piccoli cubetti le patate, a pezzetti gli asparagi utilizzando le parti meno coriacee- Tagliare a metà i pomodorini e in 3 pezzi ogni filetto di branzino. Disporre al centro del foglio di carta fata 2 cucchiai di olio evo, un cucchiaino del trito di aglio e scalogno, il filetto di branzino tagliato in 3 pezzi, un pizzico di sale grosso. Poi gli asparagi, le patate a cubetti, i pomodorini, una spruzzata di vino bianco, un filo d’olio, Sale e Pepe e un rametto di timo fresco. Chiudere il cartoccio con spago da cucina non troppo stretto, disporlo in una padella antiaderente, lasciarlo sul fuoco a fiamma bassa per 15 minuti da quando l’interno inizierà a bollire. Lasciare fuori per circa 5 minuti dal fuoco e servire il cartoccio ancora chiuso. Prosit (stolat-stolat) e buon appetito. Buona Pasqua e Tantissimi Auguri da Gino. Arrivederci alla prossima PORTATA!!!

Gino Camporese

Mr Groppello Renzo

Veneta Lampadari di Dainese Costante

Via Cesare Battisti, 77 - 30035 Mirano (Ve) Tel. 329 5635269


52

www.miranomagazine.it

aprile 2019

Usd Miranese con il Patrocinio del Comune di Mirano organizza

ENRICO E FRANCESCO MEMORIAL

Si svolgerà sabato 20 Aprile 2019 presso gli impianti di Via Matteotti a Mirano il torneo di calcio categoria esordienti dedicato a Enrico Maso e Francesco Beccarello, due promettenti giovani atleti della Miranese calcio scomparsi per due differenti forme tumorali, rispettivamente nel 2008 nel 2018 in giovane età. Enrico aveva 12 anni e Francesco di anni ne aveva 16 ed erano accumunati dalla stessa passione del gioco del calcio ed è per questo che la società USD Miranese in collaborazione con le rispettive famiglie hanno deciso di dedicare a loro il torneo. Oltre a ricordare i due ragazzi, lo scopo della manifestazione sportiva è quello di raccogliere fondi da destinare a due importanti associazioni onlus impegnate nella ricerca e nell’assistenza per la lotta contro le malattie dell’infanzia.

I genitori di Enrico e Francesco allestiranno all’ingresso dello stadio uno stand dove saranno raccolte offerte per la Fondazione Città della Speranza che finanzia la ricerca contro le malattie tumorali infantili e all’associazione “L’Isola che c’è” che si occupa di bambini con problematiche di dolore, guaribilità e delle loro famiglie. Dimostrando sensibilità all’evento, hanno aderito al torneo le seguenti squadre: - USD Miranese Calcio - Venezia Academy - Padova Academy - US Triestina Calcio 1918 Vi aspettiamo numero Sabato 20 Aprile a partire dalle ore 15.00

I SAPORI DELLA SOLIDARIETA E I BUTCHERS FOR CHILDREN VI ASPETTIAMO DOMENICA 12 MAGGIO A MIRANO IN PIAZZA ALDO MORO

Torna, dopo la riuscitissima edizione del 2017, con le sue specialità gastronomiche, il gruppo di amici-macellai denominati butchers for children professionisti del settore, provenienti da diverse regioni d’Italia. Questa associazione, fondata nel 2001, organizza manifestazioni eno-gastronomiche con lo scopo di raccogliere fondi da destinare in beneficienza a favore dei bambini. Negli anni passati sono state diverse strutture ospedaliere che hanno beneficiato delle donazioni dei butchers. Nelle varie edizioni svolte a Mirano (questa è l’ottava) tutto il ricavato è stato donato alla Fondazione Città della Speranza, una onlus che da anni finanzia il centro di oncoematologia pediatrica di Padova e che nel 2012 ha inaugurato la Torre della Ricerca, il più grande centro europeo di ricerca sulle malattie infantili. Grazie al vulcano Moreno Favaretto, butchers con negozio in Piazza Aldo Moro e al suo gruppo di collaboratori, la manifestazione torna a Mirano per ripetere, se non migliorare, l’edizione del 2017 che ha visto donare alla fondazione la bella cifra di € 11.300,00. I butchers presenti metteranno a dosposizione le loro specialità per tutti colori che porteranno al polso il braccialetto della solidarietà. Segno di un contributo. Il braccialetto potrà essere ritirato il giorno stesso all’ingresso degli stand. La festa si avvale del patrocinio del Comune di Mirano e della collaborazione della Pro Loco di Mirano.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA: - Ore 11.30 inaugurazione, presentazione e saluto ai partecipanti

- Musica a cura di Emotional live dj set e live band con la partecipazione di Fulvia Pin

- Area per i più piccoli con giochi e trucca bimbi by “La Trottola” di Mirano

- Ore 12,00 apertura stand gastronomici

- Spettacolo teatrale a cura dell’associazione culturale “Non Solo Note”

- Esposizione di vespe d’epoca a cura del Vespa Club Mirano - Esposizione di moto

Vi aspettiamo numerosi per passare assieme una giornata all’insegna del buon cibo e della solidarietà!!


53

www.miranomagazine.it

aprile 2019

MIRANO

Piazza Martiri, 38

Tel. (+39) 041.5701983 www.hbhairbeauty.it - info@hbhairbeauty.it

HairbeautyItalia

Hairbeautysrl

HB Hair Beauty

PRIMO PIANO

È ARRIVATA LA PRIMAVERA DA BEAUTY HOME VIENI A SCOPRIRE TUTTE LE NOVITÀ!!

PIANO TERRA

I TROVI C E L I R DA AP ANCHE A ISO I TREV D O T N I QU ARIA, 2 G A Z A I IN V


54

www.miranomagazine.it

aprile 2019

App. MARSARDATO 2 camere 2 bagni

€ 165.000,00 SANTO STEFANO DI CADORE

Comodo ai servizi Appartamento al P. Terra rialzato, soggiorno pranzo ang. cottura, disimpegno, camere matr., cameretta, bagno, terrazza panoramica. Rif. 5185 Prezzo 118.000 Cl. En. E IPE 205,38 ARREDATO

SANTO STEFANO DI C. Loc. COSTALISSOIO

App.ti di NUOVA COSTRUZIONE CON AMPIA Z GIORNO, 2 CAMERE, 2 BAGNI. Posto Auto COPERTO cantina. TERRAZZA PERIMERTALI CLASSE A Rif. 5042 Rif. 5033 COMELICO loc.CANDIDE

Centrale Panoramica. In tipica Casa Cadorina SOFFITTA da Riattare con facile ristrutturazione completamente travata a vista comoda metratura di 135 mq. Rif. 8024b Prezzo 38.000 Cl. En. Non Soggetto

App. MANSARDATO 2 camere 2 bagni COMELICO S. PADOLA

€ 148.000,00 SAN PIETRO

RISERVATO UNICO CONTESTO SIGNORILE Recentissima ristrutturazione al P T e 1 ind. da soggiorno pranzo bagno, STUBE, al P 1 tre camere Bagno Ampio Parco Comune con BAITA ARREDATO Rif. 8131 Prezzo 336.000 Cl. En. D IPE 158,32

Centrale Grazioso appartamento monolocale mansardato al piano secondo con cucina soggiorno e angolo cottura bagno, soppalco con camera. Ottima esposizione e panorama ARREDATO Rif. 5116 Prezzo 75.000 Cl. En. F IPE 163,40

VALLE DI CADORE

Posizione riservata. App.to al p primo con ingresso indip. Ampia zona giorno angolo cott sep, camera matrim, cam.tta e bagno. Terrazza, p auto e cantina. CICLABILE DELLE DOLOMITI. Rif. 2082 Prezzo 113.000 Cl. En. G IPE 242,87

loc.CASAMAZZAGNO

DANTA DI CADORE

Posizione panoramica. Stile Tabià, Appartamento al p terra duplex, ingresso indip, ampia cucina soggiorno, camera matrimoniale, cameretta e bagno. Garage e cantina. TRAVATO A VISTA Rif. 9059 Prezzo 153.000 CL. En. C IPE 112,78

OFFERTE IMMOBILIARI

Loc. Costalta

Panoramico. App. al piano primo indipendente composto da soggiorno pranzo, salotto/ camera, camera matrimoniale, bagno garage. ARREDATO Rif. 6053 Prezzo 93.000 Cl. En. G IPE 490,02

CADORE - COMELICO SAN PIETRO DI CADORE

SANTO STEFANO DI CADORE

COMELICO S.

Casa singola Terra cielo indipendente composta da tre unità immobiliari indipendenti con terrazze aterrazze completa di n. 2 box auto con cantine e ampio giardino di 450 MQ. PANORAMICA Rif. 8105 Prezzo 245.000 CL. En. F IPE 250,20

SANTO STEFANO DI CADORE

Riservato e Panoramico. Appartamento al p primo in elegante contesto con cucina soggiorno angolo cottura, camera matrim, cam.tta e bagno. Poggiolo, p auto e cantina Rif. 5157 Prezzo 108.000 Cl. En. F IPE 151,31

Caseggiato dallo stile cadorino, appartamento al p primo con ingr indipendente, composto da cucina soggiorno angolo cott, camera matrimoniale e bagno. Terrazza abitabile pauto e Cantina Rif. 6035 Prezzo 85.000 Cl. En. D IPE 125,00

SAN NICOLO’ di C. Loc. COSTA APPARTAMENTO P PRIMO rialzato comodo graziosa abitazine composto da disimpegno salottino, camera matrimoniale, cucina prano separata, soggiorno, Cantina , magazzino, Soffitta, Giardino Rif. 7032 Prezzo 78.000 CL. En. F IPE 390,45

SANTO STEFANO DI CADORE

Loc.Costalissoio Nuova Costruzione App. al P 1° ingresso indip servito da terrazza con soggiorno pranzo 2 camere matrimoniali e bagno. Posto auto coperto Cantina. Panoramico riservato ARREDATO Rif. 5153 Prezzo 165.000 CL. En. A IPE 75,30

SANTO STEFANO DI CADORE

DOMEGGE DI CADORE

SANTO STEFANO DI CADORE

Residenziale. Caseggiato di 4 unità, appartamento al p secondo, composto da cucina, ampio soggiorno, 2 camere matrimoniali, bagno e lavanderia (possibilità 2° bagno) Tre poggioli. Arredato

Posizione riservata in piccolo contesto, Grazioso appartamento al PT° e 1° con soggiorno ang. cottura, bagno, ripostiglio, due camere matrimoniali. Posti Auto. Risc Aut Gas e Stufa, Arredato

Cl. En. F IPE 223,25

Cl. En. E IPE 320,20

Rif. 2078

Prezzo 65.000

Rif. 5187 Prezzo 100.000

COMELICO

loc. CASAMAZZAGNO

Panoramica e soleggiata. App Mansardato al P 2°con cucina soggiorno angolo cott, bagno, due camere matrimoniali, Terrazza Legnaia Ampio Giardino Box Auto Cantina Arredata Rif. 8107 Prezzo 120.000 Cl. En. F IPE 230,40

COMELICO S. Loc. CANDIDE

COMELICO S. Loc. PADOLA

Rif. 8116 Prezzo 88.000

Rif. 8129

Posizione Centrale e Panoramica. Appartamento al p primo su un unico livello, con cucina angolo cottura, zona pranzo, ampio soggiorno, 3 camere e bagno. Terrazza, balcone e cantina. Cl. En. F IPE 225,40

Nuova Costruzione favolosa Mansarda Mozzafiato ampio soggiorno con zona cottura, 2 bagni, 2 camere matr, 1 Camera doppia, terrazza. Risc Aut. Doppio Garage Cantina ARREDATA

Prezzo 320.000

Cl. En. B IPE 65,32

SAN PIETRO DI CADORE

Posizione riservata, LUMINOSA Panoramica, in piccolo caseggiato GRAZIOSA MANSARDA composta da ampio soggiorno pranzo, camera, bagno, cameretta separata, terrazza, Cantina Posto Auto Rif. 6061 Prezzo 83.000 Cl. En. E IPE 292,35

Recentissima. Posizione Riservata Panoramica. Mansarda Duplex, al p 1° ampia zona giorno separata ang cott e zona pranzo, bagno, scala al p 2° bagno, 2 camere e quattro Terrazze. n. 2 P.auto e Cantina. RiscAut e Stufa Rif. 5178 Prezzo 198.000 Cl. D En. IPE 161,80 ARREDATA

Panoramico. Elegante contesto. App.to al P 1° con ingresso ind, sogg. cucina pranzo, camera matrim, cam.tta e bagno. Terrazza, Cantina P. Auto coperto. Rif. 4008 € 148.000,00 Cl. En. G IPE 175,00

COMELICO S. Loc. CANDIDE

Posizione Centrale e Panoramica. Appartamento al p secondo con cucina angolo cottura, zona pranzo, ampio soggiorno, 3 camere e bagno. balcone e cantina. Rif. 8117 Prezzo 93.000 Cl. En. F IPE 225,40

SANTO STEFANO DI CADORE Loc. Casada Recentissima Costruzione. Panoramico. Elegante caseggiato dalle ottime finiture. Stupendo appartamento al piano terra con ingresso indipendente servito da scala esterna e terrazza, composto da ampio soggiorno, cucina zona pranzo separata, disimpegno, camera matrimoniale, seconda camera matrimoniale padronale con bagno e secondo bagno completo. Terrazza frontale, p auto e giardino esclusivo.

DANTA DI CADORE

Centrale comodo e grazioso Appartamento al p primo, disimpegno, cucina pranzo, soggiorno, 2 camere matrimoniali e bagno. Garage e Cantina. Rif. 9019 Prezzo 98.000 Cl. En. F IPE 209,75

Loc. Costalissoio. In piccolo contesto di recentissima costruzione soleggiata ben curata Abitazione al p 1° soggiorno pranzo, bagno, camera matri, ripostiglio, Bagno. P. Auto e cantina. Risc Aut Gas ARREDATO Rif. 5008 Prezzo 68.000

SANTO STEFANO DI CADORE Loc. Casada CASA SINGOLA disposta in tre livelli con possibilità di n. 3 abitazioni indipendenti da riattare, Magazzini al Piano Sottostrada Generosa metratura GIARDINO Privato e Posto auto LUMINOSA PANORAMICA Rif. 5201 Prezzo 105.000

+

COMELICO S. Loc. CANDIDE

SAPPADA B.ta Lerpa

SANTO STEFANO DI CADORE

Rif. 5130

Le nostre sedi

Posizione Centrale e Panoramica. Appartamento al P 1° con cucina angolo cottura, zona pranzo e ampio soggiorno, 3 camere, Studio/guardaroba bagno. Balcone frontale e cantina. Rif. 8116 Prezzo 88.000 Cl. En. F IPE 225,40

SANTO STEFANO DI CADORE

Recente Ristrutturazione Casa bifamiliare App al P 2° autonomo soggiorno cucina pranzo tre camere matrimoniali doppio bagno doppia terrazza. Posto auto Legnaia Magazzino Arredato STUBE

SAN PIETRO DI CADORE ACCOGLIENTE GRAZIOSO APPARTAMENTO AL PIANO PRIMO IDEALE CASAVACANZA SOGGIORNO PRANZO, CAMERA, BAGNO, CANTINA 4 POSTI LETTO, P.AUTO RIF. 6065 Cl. En. E

Prezzo 245.000 FINEMENTE ARREDATO Cl. En. C IPE 144,24

- Santo Stefano di Cadore - Padola di Comelico Superiore

€ 48.000

Via Udine,22 (BL) P.zza San Luca, 25 (BL)

mail: info@santostefanoimmobiliare.com

SANTO STEFANO DI CADORE

Loc. Costalissoio Recentissimo Luminoso Soleggiato, App al P. Secondo, Ampio Soggiorno pranzo, Camera matr, cameretta, Bagno, P.Auto e Cantina, Due terrazze OCCASIONE Rif. 5203 Prezzo 148.000 Cl. En. D IPE 190,85 ARREDATO

DANTA DI CADORE

Nuova Costruzione. Elegante contesto. App.to al p terra ingr indip, con ampia zona giorno, 2 camere matrim, cam.tta e doppio bagno. Giardino e terrazza 100mq. P. Auto Coperto Cantina Rif. 9066 Prezzo 168.000 Cl. En. E IPE 238,60 ARREDATO

SAN PIETRO

Loc. Costalta

Posizione Unica, Baita Fienile Abitazione Mansardata, al p primo zona giorno, camera e bagno, scala al p secondo con 2 camere. Terrazza perimetrale, doppio p auto e magazzino. Rif. 6044 Prezzo 143.000 Cl. En. G IPE 175.00

SAN NICOLO’

Loc. Costa

Casa singola. Stile Rustico. Posizione Unica. In 3 livelli, al p terra zona giorno e bagno, al p primo salotto e bagno, al p secondo 5 camere ed altri 2 bagni. Giardino 5.400mq., piazzale con 6 p auto e cantina

Rif. 7023 Prezzo 430.000 Cl. En. G IPE 175,00

SAN PIETRO

Loc. Presenaio

CASA Trifamiliare indip su 3 livelli con ingresso, cucina soggiorno, 4 camere matrimoniali e 2 bagni. Terrazza in lastricato, doppio poggiolo, Garage, magazzino cantina e giardino

Rif. 6037 Prezzo 148.000 Cl. En. E IPE 212,30

DANTA DI CADORE MANSARDA NUOVA COSTRUZIONE, ANG COTTURA, SOGGIORNO, CAMERA MATRIMONIALE, CAMERETTA, DUE TERRAZZE , GARAGE E CANTINA. PRONTA CONSEGNA Rif. 9036

SANTO STEFANO DI CADORE Soleggiata P anoramica Mansarda su due livelli con Soggiono angoo cottura, 2 camere, 2 bagni, 2 terrazze. P.Auto Coperto e Cantina Rif. 5174 Prezzo 128.000

CASAMAZZAGNO

Cl. En. E IPE 215,10

Elegante bifamiliare. Mansarda al p primo duplex con ampio sogg cucina, camera matrim e 2 cam.tte e bagno, p secondo con 3 camere e bagno. Terrazza, 2 poggioli, 2 p auto e giardino. Rif. 8112 Prezzo 285.000 Cl. En. E IPE 291,55

SANTO STEFANO DI CADORE

SANTO STEFANO DI CADORE

SAN PIETRO

Loc. Costalta

Centrale e soleggiata. Mansarda al p terzo con ampio soggiorno zona pranzo, 2 camere matrimoniali, studio cameretta e bagno completo. Ampia terrazza e doppio poggiolo. Rif. 6031 Prezzo 148.000 Cl. En. F IPE 250,63

€ 150.000

Promozione SANTO STEFANO DI CADORE Centrale Riservato. In tipica Casa Cadorina APPARTAMENTO da Riattare con facile ristrutturazione, composto di tra vani per 65 mq. complessivi oltre a cantina. Presenti scarichi e impianto idrico. OCCASIONE Rif. 5200 Prezzo 38.000 Cl. En. Non Soggetto

COMELICO Loc. DOSOLEDO PROMOZIONE : N UOVA COSTRUZIONE, MANSARDA CON AMPIA Z GIORNO, 3 CAMERE, 2 BAGNI. 2 POSTI AUTO. CLASSE B

Ultimo APPARTAMENTO PRONTA CONSEGNA

AURONZO DI CADORE

Nuova Costruzione. Piccolo Residence. Soleggiato. App.to al piano terra con ingr indipendente, cucina soggiorno, 2 camere, 2 bagni. Doppia terrazza, giardino, 2 posti auto e cantina. Rif. 3048 Prezzo 215.000 Cl. En. B IPE 91,79

SANTO STEFANO DI CADORE

SANTO STEFANO DI CADORE

Posizione Panoramica, GRAZIOSA MANSARDINA ing indipendente zona giorno con ang cottura, disimpegno, camera matrimoniale e Bagno. Cantina RECENTISSIMA RISTRUTTURAZIONE Rif. 5186 Prezzo 88.000 Cl. En. E IPE 195,80

Recente Ristrutturazione. Riservato. App.to al p terzo duplex, con ampio soggiorno zona pranzo, camera e bagno, al p quarto 2 camere matrim, cam.tta e bagno. Terrazza, balcone e p auto. Rif. 5163 Prezzo 245.000 Cl. En. G IPE 329,00

SANTO STEFANO DI CADORE

SANTO STEFANO DI CADORE

DOMEGGE DI CADORE

Ottima posizione panoramica. Residenziale. Appartamento al piano primo, stile tipico cadorino, con cucina, soggiorno, 2 camere matrim e 2 bagni. Ampia terrazza abitabile, p auto esterno. Rif. 2077 Prezzo 155.000 Cl. En. D IPE 163,40

SAN NICOLO’ DI C.

Nuova Costruzione. Stupenda Mansarda totalmente travata a vista curata nei dettagli, soggiorno pranzo con ang. cottura, due camere, bagno. P Auto Coperto e Cantina. ARREDATA Rif. 5189 Prezzo 155.000 Cl. En. B IPE 105,50

App.ti di NUOVA COSTRUZIONE CON AMPIA Z GIORNO, 2 CAMERE, BAGNO. 2 Posti PAuto e cantina CLASSE A Rif. 7005 e 7007

Posizione Riservata Centrale panoramica, elegante contesto, Mansarda P.2° soggiorno, pranzo cottura separati, 2 camera matrim, 1 cam.tta, bagno. P Auto n.2, Cantina ARREDATA Rif. 4004 Prezzo 220.000 Cl. En. D IPE 187,45

SANTO STEFANO Campolongo Posizione Riservata. Piccolo contesto, appartamento P. Terra rialzato con soggiorno, cucina separata, 2 camere matrim e bagno. Doppio poggiolo, garage, cantina e P auto. Giardino Rif. 5155 Prezzo 75.000 Cl. En. G IPE 614,70

SAN PIETRO Loc. Valle

Panoramica, Riservata. App.to mansardato al p secondo dpx con ampia cucina ang cott, 2 camere matrim e doppio bagno. Terrazza, doppio balcone e p auto RECENTE RISTRUTTURAZIONE Rif. 6041 Prezzo 165.000 Cl. En. B IPE 57,00

SANTO STEFANO DI CADORE

LAGGIO DI CADORE

DANTA DI CADORE

Centrale e comodo ai servizi, App.to al p terra con ingresso indipendente e terrazza, zona giorno con ang cott, camera matrimoniali, cameretta e bagno. Posto Auto Coperto e Cantina Rif. 5193 Prezzo 88.000 Cl. En. E IPE 181,15

PRONTA CONSEGNA

€ 198.000 SANTO STEFANO DI CADORE

Posizione Riservata e Panoramica. Mansarda al piano secondo con ampio soggiorno, cucina z pranzo, 2 camere matrimoniali e bagno. Terrazza, giardino con casetta in legno, legnaia e cantina. Rif. 5154 Prezzo 120.000 Cl. En. D IPE 175,30

SANTO STEFANO Di CADORE

Loc. Campolongo. Porzione Casa terra cielo posizione centrale, composta da n. 2 ABITAZIONI P. 1° e 2° + p. 3° mansarda, Garage Terrazza Qualche Miglioria da fare abitabile Scoperto privato. Risc. Aut. Rif. 5177 Prezzo 89.000 Cl. En. G IPE 210,30 Interessante

SANTO STEFANO DI CADORE

Posizione centrale, accogliente app.to al piano primo con soggiorno cucina e angolo cottura, disimpegno, 1 camera matrimoniale e bagno completo. ARREDATO E CURATO NEI DETTAGLI Rif. 5131 Prezzo 83.500 Cl. En. G IPE 175,00

DANTA DI CADORE

Nuova Costruzione. Elegante contesto. App.to al p primo con ampia zona giorno angolo cott, camera matrim con 3° p letto e bagno completo. Doppio balcone, p auto e cantina. ARREDATO Rif. 9080 Prezzo 128.000 Cl. En. D IPE 27,68

COMELICO Loc. PADOLA

Nuova Costruzione Trifamiliare Appartamento al P Terra con ingr indip, cucina sogg angolo cott, 2 cam matrim, cam.tta e 2 bagni. Giardino, doppio posto auto coperto e cantina. PRONTA CONSEGNA Vendita € 275.000 Rif. 8077 Cl. En. A da Progetto

FIENILE servito da strada ad uso estivo Posizionato a 2 km dal centro abitato in una zona Riservata Panoramica. Dislocato su due livelli già parzialmente utilizzabile Possibilità di ristrutturazione Rif. 5182 Prezzo 50.000 Cl. En. Non Soggetto

SAN NICOLO’ DI COMELICO

AURONZO DI CADORE

Ottima esposizione, Casa SINGOLA Generosa metratura parzialmente da Ristrutturare abitabile Piano terra e primo con scoperto e posto auto. 3 piani + soffitta. PANORAMICA Rif. 7029 Prezzo 108.000 Cl. En. G IPE 560,50

PADOLA Rif. 8140-8148 Cl D 152,30 OPPORTUNITA’ ! In piccolo contesto caratterizzato dalla Stupenda VEDUTA e SOLEGGIAMENTO Nuova ristrutturazione disponiamo ABITAZIONI dall’AMPIA ZONA GIORNO con possibilità di 2/3 CAMERE, 2 BAGNI. Accessori POSTO AUTO e CANTINA. POSSIBILITA’ DI SCELTA DELLE FINITURE e Personalizzazione Prezzo da € 200.000 - BENEFICI FISCALI DETRAIBILI

Acquistare e vendere casa con noi sarà facile e sicuro Chiamaci per saperne di più...

PORZIONE Indipendente Posizione riservata centrale casa terra cielo in tre livelli comoda metratura composta 4 camere, salotto, soggiorno cottura , ampia soffitta, Bagno, ripostiglio, terrazzino Rif. 3001 Prezzo 200.000 Cl. En. G IPE 390,72

SAN PIETRO DI CADORE

Cl. En. F IPE 154,88

Posizione riservata, LUMINOSO Panoramico, in piccolo caseggiato ABITAZIONE Ben tenuta composta da ampio soggiorno pranzo, zona pranzo, camera, bagno, terrazza, Cantina, Posto Auto Rif. 6060 Prezzo 86.000 Cl. En. E IPE 280,42

SANTO STEFANO DI CADORE

LORENZAGO DI CADORE

Elegante contesto in stile montano, app.to al p primo con ampia zona giorno, camera matrimoniale, cameretta e bagno. Poggiolo frontale, p auto e cantina RISTRUTTURAZIONE INTEGRALE 2013. Rif. 5148 Prezzo 152.000

Posizione Unica Appartamento con ampio soggiorno e ang cottura, camera, cameretta, Bagno Terrazza Abitabile P. Auto Coperto, Ampia Cantina, Risc e Stufa a Legna. ARREDATO Rif. 5188 Prezzo 132.000 Cl. En. E IPE 265,38

Panoramico, Recentissima costruzione. Elegante villetta trifamiliare, app.to al piano primo con ampia zona giorno, 2 camere matrim e bagno completo. Posto auto coperto e cantina. Terrazza Rif. 2076 Prezzo 158.000 Cl. En. D IPE 102,43

SAPPADA

Posizione riservata in caseggiato stile montano Grazioso Appartamento al P 2° soggiorno ang cottura, camere matrimoniale, e bagno. Cantina Risc Autonomo

Rif. 5191

Chiamaci per conoscere anche le altre offerte disponibili e concordare una visita

Prezzo 65.000

Cl. En. G IPE 215,50 ARREDATO

SANTO STEFANO DI CADORE Recentissima Costruzione

Appartamento al piano secondo in due livelli In posizione comoda ai servizi e a due passi dal centro, sviluppato su due livelli, composto al piano secondo piano da ampio soggiorno con zona pranzo e angolo cottura, corridoio, camera matrimoniale, bagno completo, scala verso piano primo, seconda camera matrimoniale e secondo bagno completo con lavanderia Luminoso ARREDATO Metratura 88 mq. com + accessori Posto Auto Coperto, cantina, doppio balconeRisc. Aut con cont e Stufa a Pellets Ascensore collegato dall’ autorimessa Rif. 5172 Prezzo 182.000 Cl. En. C IPE 96,40

B.gta Bach

Recentissima Ristrutturazione in Elegante edifico, app.to al piano secondo con ampia zona giorno, 2 camere e 2 bagni. 2 Posti auto e cantina. ARREDATO Rif. 2072 Prezzo 140.000 Cl. En. D IPE 131,50

Casa singola. Panoramica. Su 3 livelli con soffitta, al p terra cucina z pranzo e salottino, al p primo 2 camere matrim, cam.tta e bagno, al p secondo soffitta. poggioli, p auto e giardino. Rif. 9070 Prezzo 215.000 Cl. En. G IPE 175,00

SANTO STEFANO DI CADORE Loc. Campolongo Centrale. In tipica Casa Cadorina APPARTAMENTO Piano terra composto ingresso cucina zona pranzo, ampia camera matrimoniale, e bagno. Riscascldamento Calda Aut Termosifoni e Stufa a Pellets Accessori magazzino esterna e sottoscala cantina.

Rif. 5207 Prezzo € 33.000 OCCASIONE Cl. En. G IPE 341,59

AVVISO

LUMINOSO SOLEGGIATO

PER NOSTRA CLIENTELA GIA’ SELEZIONATA

RICERCHIAMO IMMOBILI


55

www.miranomagazine.it

aprile 2019

MIRANO

LENTI DA VISTA ( una lente e’ in omaggio )

-50%

OFFERTA LANCIO

CAMBIA IL TUO MODO DI VEDERE!!

OCCHIALI DA VISTA E DA SOLE DELLE MIGLIORI MARCHE

VIENI A SCOPRIRE LO SCONTO A TE RISERVATO MISURAZIONE DELLA VISTA GRATUITA N e l n o s t r o s t o r e , t r o v e r a i o c c h i a l i e p r o d o t t i d e l l e m i g l i o r i m a r c h e a p r e z z i s e m p r e i m b a t t i b i l i ! T u t t o q u e s t o i n u n o s p a z i o a c c o g l i e n t e e f a m i l i a r e , d o v e p o t r a i e f f e t t u r e a n c h e u n c o n t r o l l o g r a t u i t o d e l l a v i s t a . T i g a r a n t i a m o u n r i s p a r m i o f i n o a m e t à p r e z z o g a r a n t e n d o t i q u a l i t à , a s s i s t e n z a , s e r v i z i o e n a t u r a l m e n t e c o n v e n i e n z a .

S C O R Z E - N O A L E P A D O V A

P e r u l t e r i o r i e p i ù s p e c i f i c h e i n f o r m a z i o n i , s c r i v i a S P I N E A

M a i l . : i n f o @ o t t i c a v i t t o r i a . c o m T e l . : 0 0 3 9 3 9 1 3 1 6 7 9 9 2

M I R A N O O t t i c a V i t t o r i a

D O L O - A U T O S T R A D A

V i a D e l l a V i t t o r i a 8 0 / A 3 0 0 3 5 M i r a n o ( V e )


ZANELLA Finanziamenti tasso 0% tan e taeg 0%

BARBECUE

ELETTRODOMESTICI

CORSO DI COTTURA OMAGGIO A CASA VOSTRA SU OGNI BARBECUE*

NESPRESSO compatibili ZANELLA FILIPPO E GIACOMO SNC Via A. Gramsci, 10-12 - 30035 Mirano - Tel. e Fax 041.5700684 - info@zanellacasa.com ORARI DI APERTURA: MATTINA: 9-12.30 POMERIGGIO: 15.30-19.30 - CHIUSO MARTEDI’ MATTINA E DOMENICA * vedi regolamento in negozio