Page 1

Magazè STUDIO FANTASY NEWS

Anno VII n° 2 - MAGGIO 2005


L’editore Care lettrici e cari lettori, già da alcuni anni seguiamo gli avvenimenti più importanti di Cammarata e San Giovanni Gemini, mettendo in campo la nostra esperienza, la nostra professionalità e le nostre capacità organizzative. Nelle precedenti elezioni amministrative, abbiamo tentato di lasciare un segno con delle iniziative uniche e particolari molto apprezzate dalla popolazione locale. Grazie a un gruppo di validi collaboratori, anche per questa tornata elettorale, abbiamo preparato un programma davvero speciale. Diamo seguito a questa pubblicazione di magaze.it per far conoscere i due candidati a sindaco, i 29 candidati al consiglio comunale e i programmi delle due concorrenti coalizioni politiche. I nostri sponsor ci garantiscono la possibilità di stampare a colori e di distribuire anche questa edizione gratuitamente. Per la prima volta sul sito internet www.magaze.it, abbiamo

dato vita alla sezione “Elezioni On Line”, iniziativa unica sul territorio regionale. In questo spazio, oltre a trovare tutte le informazioni sulle precedenti elezioni amministrative, dei nostri due centri, potrete seguire lo spoglio, con continui aggiornamenti riguardanti ogni singolo candidato e provenienti da tutte le sezioni e tutto avverrà in tempo reale. I nostri servizi, forniti da www.magaze.it e da Radio Gemini vi consentiranno di seguire costantemente le vicende dello scrutinio elettorale in maniera precisa e dettagliata, ovunque voi siate. Tutti coloro vicini e lontani che volessero collaborare con suggerimenti, articoli e foto, possono farlo utilizzando il nostro sito e l’apposito forum, oppure tramite fax, o mettendosi in contatto diretto: i nostri recapiti li trovate nel riquadro sottostante. Auguro ai candidati una campagna elettorale serena e diamo appuntamento a lunedì 14 maggio sulle frequenze di Radio Gemini e in contemporanea sul nostro sito internet www.magaze.it; e poi martedi 15 Maggio un’altra edizione speciale di magaze.it: risultati, interviste, cuorosità e le foto di tutti i protagonisti. Certi di dare un’informazione leale, puntuale e precisa. Tommaso Maggio

In questo numero

7

Intervista al candidato Sindaco Riolo Vincenzo Intervista al candidato Sindaco Manetta Mario

9

I candidati della lista n° 1 Insieme per il futuro di San Giovanni

5

I candidati della lista n° 2

11 Vivere San Giovanni

La Fratres compie Ventanni

12 La Misericordia avvia il Servizio Civile 14 Lo Sport

S T U DIO FA N TAS Y ASSOCIAZIONE

S T U D I O FA N TA S Y N E W S

TESTATA GIORNALISTICA AUT. DEL TRIBUNALE DI AGRIGENTO N°212 DEL 3-10/06/95

Ass. Studio Fantasy Editore: TOMMASO MAGGIO Condirettore: AGOSTINO TUZZOLINO Coordinatore: FRANCESCO LO PRESTI

1 maggio 2005 - 1 maggio 2007 Due anni di www.magaze.it Hanno collaborato: N. CONSIGLIO N. LO BUE progetto grafico e impaginazione TOMMASO MAGGIO FRANCESCO LO PRESTI copertina GERO DI PIAZZA

stampa “RS” ArtiGrafiche S.G.Gemini VIA CAMPANIA ,2 92022 CAMMARATA (AG) CELL. 3349466857 - FAX 0922 900717 Email: info@magaze.it

3


Vincenzo Riolo “Quando si vive una situazione di emergenza, nessuno può estraniarsi e tirarsi fuori dagli impegni anche i piu gravosi.” Vincenzo Riolo 41 anni, esponente della Margherita, candidato a sindaco della lista “INSIEME per il futuro di San Giovanni” costituita dal gruppo Insieme per San Giovanni (Ds e Margherita) dai Socialisti, dall’Udeur e dal gruppo Uniti per il Futuro. Sposato, padre di tre figli, funzionario della Condotta Agraria di Cammarata. E’ stato attivo in diverse associazioni di volontariato, impegnato in politica fin dagli anni della POLIS (1990), movimento che ha seguito come sostenitore. Tra i fondatori del gruppo politico Insieme per San Giovanni, in occasione delle amministrative del 1993. Candidato al consiglio comunale nel 1997, viene eletto e svolge il ruolo nella maggioranza fino al 2002. Rieletto nel 2002, è consigliere uscente del gruppo consiliare Insieme per San Giovanni. È stato Commissario della sezione locale del partito Popolare Italiano che ha condotto al congresso cittadino il 4 marzo 2001, divenendone segretario e mantenendo la carica fino al 24 marzo del 2002, quando il partito Popolare è confluito nella Margherita, coordinatore fino al 21 giugno 2002, quando, dopo il suo insediamento come consigliere comunale, ne ha lasciato la guida al prof. Pino La Magra. La sua candidatua, espressione unitaria del gruppo Insieme per San Giovanni, ha raccolto il sostegno del gruppo Uniti per il Futuro determinando così la coali-

zione che lo sostiene. Perchè ha accettato la candidatura alla carica di sindaco? Quando si vive una situazione di emergenza, nessuno può estraniarsi e tirarsi fuori dagli impegni anche i piu gravosi. San Giovanni oggi vive una grave crisi istituzionale e nessuno può far finta di niente, a maggior ragione chi come me è già impegnato nelle istituzioni. Alla richiesta di dare la mia disponibilità alla candidatura, sebbene carico di preoccupazione, per la gravosità dell’impegno, ho ritenuto di spendermi con tutto lo slancio possibile e necessario per far bene. Quale la coalizione politica che lo sostiene? Il gruppo politico di Insieme per il futuro di San Giovanni, costituitosi in occasione di queste elezioni, è il frutto della positiva collaborazione che in quasi tre anni si è svolta in consiglio comunale tra il mio gruppo politico di Insieme per San Giovanni e il gruppo di Uniti per il Futuro. Quest’ultimo nato nel 2004 quando si è manifestata la definitiva crisi dell’amministrazione Panepinto, causata dall’abbandono di quell’esperienza da parte di tre consiglieri comunali. Seppur si tratta di una coalizione che raggruppa forze del centro sinistra e spezzoni dei partiti di centro destra, si vuole condividere unitariamente il progetto politico per lo sviluppo di San

GLI ASSESSORI DESIGNATI

PELLITERI ANTONIO

SOTTILE SEBASTIANO

SCIBETTA SALVATORE

VIOLA VALERIO

Giovanni. L’esperienza amministrativa che, con il consenso dei sangiovannesi, mi accingo a portare avanti mi piace collegarla idealmente alla positiva esperienza che abbiamo vissuto negli anni dell’amministrazione Giracello, ai suoi valori, ai suoi principi e ai suoi risultati. Quale le priorità previste nel suo programma? Diverse sono le emergenze che attanagliano San Giovanni e grandi sono le difficoltà amministrative e finanziarie per affrontarle tutte e subito come meritano. Tuttavia non posso non riconoscere l’attenzione prioritaria a questioni, tutt’ora aperte, come la gestione ed il costo dello smaltimento dei rifiuti, il traffico urbano, l’ordine pubblico sopratutto nel centro storico, e i problemi del disagio e delle devianze giovanile; occorre potenziare le strutture viarie esterne, promuovere iniziative che siano di stimolo all’economia locale, soprattutto per la ricerca di sbocchi di mercato esterno. E’ più difficile vincere le elezioni o amministrare? Sono stato da sempre convinto che ciò che bisogna davvero pensare non è una vittoria elettorale ed il resto poi si vedrà. La giunta Panepinto, fuor da ogni dubbio, ci consegna un prezioso consiglio: vincere a man bassa senza formare un gruppo politico serio e responsabile, fa soltanto danno alla comunità. Il mio impegno, già da adesso e’ volto principalmente ad assicurare a San Giovanni una duratura ed operosa amministrazione comunale che sarà mossa e motivata soltanto dall’interesse collettivo, per soddisfare le legittime istanze della comunità, scevri da qualunque interesse personale o di gruppo, nel segno della legalità, della trasparenza e dei principi etici e morali che devono sempre pervadere ogni nostro comportamento.

5


Mario Manetta “Tutti hanno aderito al progetto ed al programma di Vivere San Giovanni accettandone simbolo e candidato Sindaco, in un rapporto improntato sulla pari dignità e lealtà reciproche.” Mario Manetta è nato a Palermo il 10-8-1963, ha vissuto a San Giovanni Gemini fino al conseguimento del diploma presso il Liceo Scientifico di Cammarata e conseguito la laurea in Ingegneria Civile sezione Edile presso l’Ateneo di Palermo nel 1994. Ha sposato nel 1995 Maria Francesca Guanà, imprenditrice agricola, responsabile provinciale Coldiretti “Donna Impresa” e componente del Coordinamento per l’imprenditoria femminile presso la C.C. I. A. A. di Agrigento. Dopo alcuni anni di libera professione ha superato un concorso per titoli presso il comune di Palermo, settore Centro Storico, dove lavora dal 2000. Ha arricchito la sua preparazione con significative esperienze tecniche all’interno dello stesso ente, e frequentato numerosi corsi di formazione e di aggiornamento professionale specializzandosi in particolare nei seguenti ambiti: restauro dell’architettura storica; progettazione e manutenzione delle aree a verde; diritto e tecnica degli appalti pubblici. E’ componente della Commissione Regionale LL-PP presso la Consulta dell’Ordine degli Ingegneri.Dal 1982 al 1992 svolge il ruolo di consigliere comunale e durante questo periodo ha ricoperto a più riprese la carica di assessore. Dalla scorsa estate si fa promotore, assieme ad un gruppo di amici, del movimento civico “Vivere San Giovanni” che lo propone candidato alla carica di sindaco. Quale motivazione lo ha spinto ad accettare la candidatura? La consapevolezza personale di poter fare qualcosa di utile e, anzi

di necessario, per il mio paese al quale sono profondamente attaccato. Su questo, ho potuto riscontrare il consenso della gente ed in particolare di un gruppo di amici che fin dal primo momento hanno creduto in me e mi hanno sostenuto nella costituzione del nostro movimento “ Vivere San Giovanni”. Ci parli della coalizione che lo sostiene. La lista civica che sostiene la mia candidatura a sindaco, presenta candidati del nostro movimento, gli esponenti di Forza Italia vicini all’on. Angelino Alfano ed all’on. Michele Cimino, un candidato di AN vicino all’on. Giancarlo Granata e due indipendenti. Tutti hanno aderito al progetto ed al programma di “Vivere San Giovanni” accettandone simbolo e candidato Sindaco, in un rapporto improntato sulla pari dignità e lealtà reciproche. Il suo programma ha individuato quali sono le priorità per il paese? Revisione delle imposte comunali per pervenire ad una equa e ridotta

tassazione. Tempestiva ed accurata manutenzione della viabilità interna e di accesso al paese. Riorganizzazione dei servizi comunali e creazione di nuovi uffici, primo fra tutti un “Ufficio Europa”, per l’identificazione e l’utilizzo delle risorse comunitarie a disposizione degli enti locali e dei privati. Iniziative volte al superamento del disagio sociale. Valorizzazione delle risorse ambientali, storiche, artistiche e culturali, per dare impulso all’offerta turistica a sostegno dell’economia locale. E’ più difficile vincere le elezioni o amministrare? Il successo elettorale dipende dalla capacità di convincere i cittadini circa la bontà dei programmi e la credibilità delle candidature. Amministrare è diventato veramente difficile e per questo è necessario ricorrere a soggetti professionalmente qualificati e disposti a sacrificare gran parte del proprio tempo nella gestione della cosa pubblica.

GLI ASSESSORI DESIGNATI GUARINO MASSIMO

MARGAGLIOTTA ANTONINO

RUSSO FABRIZIO

7


LISTA N°1 Candidato a Sindaco

Vincenzo Riolo ALI’ GIOVANNA

ANCONA FABRIZIO

DI PIAZZA SALVATORE

Insegnante

Studente

Insegnante

nata il 30-9-1955

nato il 11-3-1987

nato il 27-5-1960

DI VITALE CARMELO

GIRACELLO DANILO

LA GRECA PALMIRO

Commerciante

Avvocato

Imprenditore

nato il 10-7-1954

nato il 22-2-1972

nato il 24-9-1956

LO GUASTO GABRIELE

LOMBINO SALVATORE

LUPO FRANCESCO

Geometra

Insegnante

Geometra

nato il 17-10-1979

nato il 10-4-1962

nato il 9-9-1966

MUNI’ GIUSEPPE

PANEPINTO PIETRO FRANCESCO Ragioniere Commercialista nato il 12-5-1959

PANEPINTO SALVATORE

Artigiano nato il 7-12-1974

PELLITTERI ANTONIO Avvocato nato il 16-6-1972

Ingegnere nato il 29-10-1955

ZIMBARDO CUSTODE (DINO) Dott. Scienze Forestali nato il 11-5-1977

9


LISTA N째2 Candidato a Sindaco

Mario Manetta ALESSI ROSSANA

ALONGI CARMELO

BARBASSO CALOGERO

Imprenditrice

Medico

nata il 7-12-1976

nato il 28-11-1956

Dott. Servizi Sociali nato il 11-1-1972

CAMILLERI ALESSANDRO

CAMMARATA ALFONSO

CENTINARO GIUSEPPE

Commerciante

Impiegato

Imprenditore

nato il 11-8-83

nato il 18-5-1970

nato il 11-8-1959

IMPEDUGLIA ROBERTO

INFANTINO SALVATORE

LO PRESTI SALVATORE

Impiegato

Commerciante

Veterinario

nato il 16-9-1963

nato il 8-3-1956

nato il 16-3-1967

MAGGIO ALFONSO

RAPPISI CALOGERO

REINA ANTONINO

Ragioniere

Imprenditore

nato il 14-6-1976

Libero Professionista nato il 10-8-1958

RUSSOTTO FRANCESCO

SCIBETTA PAOLINO

TATANO SALVATORE

Agronomo

Ingegnere

Impiegato

nato il 11-7-1964

nato il 25-6-1960

nato il 19-5-1958

nato il 12-2-1962

11


VENTI ANNI DI ATTIVITA’ DONATORI DI SANGUE Nel 1987 nasceva a Cammarata l’associazione donatori di sangue Fratres. Allora un gruppo di persone attivo nella chiesa di San Vito, parroco don Liborio Russotto, diede il via a quella che si sarebbe rivelata poi una bella ed importantissima esperienza. Inizialmente non fu incoraggiante, il primo anno di attività furono effettuate appena dieci donazioni. La realtà della donazione era in quel periodo vissuta ancora come un fatto esclusivamente personale, esistevano infatti dei donatori, ma erano occasionali, non c’era stata ancora l’iniziativa di riunirli in una associazione. Occorreva soprattutto fare proselitismo, informazione ed i luoghi adatti erano le parrocchie, le scuole e gli uffici pubblici. La Fratres ebbe uno spazio nei corsi prematrimoniali organizzati dalle parrocchie di Canmmarata e San Giovanni Gemini, partecipò a diversi incontri con gli studenti delle locali scuole superiori, organizzò delle manifestazioni sportive, culturali, musicali e convegni divulgativi perché in ogni luogo esiste un potenziale donatore o donatrice, venne modificato lo statuto dell’associazione perché le due collettività si

“FRATRES”

Sua Eccelenza Mons.Luigi Bommarito con il primo presidente dell’associazione dott. Clemente Lo Curcio all’innagurazione della sede nel 1987 fusero naturalmente nell’associazione e si sentì il bisogno di identificarla fin dall’intestazione. Da allora l’associazione è un gruppo intercomunale. Nuovi soci si inserirono in consiglio direttivo e il loro inne-

sto apportò nuove energie e nuove idee. L’associazione crebbe numericamente e aumentarono le donazioni annuali e venne raggiunto un obbiettivo importantissimo, quello della stipula della convenzione con il CTO di Agrigento ASL n°1. In seguito durante la manifestazione VOLONTARIATO E’ l’associazione è stata titolata al magistrato Paolo Borsellino. I dati del 2006 sono più che buoni quasi 500 donazioni, anche se nel volontariato si spera sempre di fare meglio. In questo 2007 la Fratres festeggerà i venti anni di attività, soprattutto le nostre due comunità festeggeranno. E’ stato approntato già un programma, del quale diamo alcune anticipazioni: nel mese di maggio sono organizzate: la presentazione del libro Il codice Provenzano degli autori Salvo Palazzolo e Michele Prestipino, diverse giornate di emodonazione, un concorso gastronomico e di pesca, un torneo delle locali scuola calcio giovanili, un torneo di briscola e di pesca sportiva, a giungo la messa del donatore con la seguente festa all’aperto. Nel prossimo numero sarà pubblicato il programma definitivo.

Si intensifica l’attività della Misericordia Verso la fine del 2006 la Misericordia aveva avviato quattro unità nel progetto “Poliassistenza” naturalmente dopo l’approvazione da parte dell’Ufficio Nazionale Servizio Civile di Roma. Diversi sono i servizi offerti agli anziani e ai diversamente abili delle due cittadine, come per esempio il disbrigo di pratiche quotidiane, negli uffici pubblici, acquisto di medicine, recapito della spesa ecc. Attualmente vengono assistiti quindici anziani tra Cammarata e Sa Giovanni Gemini. Nei mesi scorsi,inoltre, nell’ambito dell’attuazione del progetto “Formazione ed informazione a carattere socio-sanitario” sono stati svolti anche tre corsi di formazione, riguardanti il primo la guida mezzi di soccorso in emergenza; il secondo corso l’immobilizzazione e soccorso del politraumatizzato, il terzo è stato quello di BLSD –rianimazione cardio-polmonare. I quattro volontari del servizio civile as-

12

sieme ai volontari della Misericordia assicurano anche il servizio di trasporto programmato di ammalati con l’ambulanza e assicurano anche il servizio durante le manifestazioni sportive. “ Sono soddisfatto degli obiettivi che abbiamo raggiunto; - dice il dott. Roberto Vinti, Governatore della Misericordia - abbiamo costituito - continua - il gruppo della protezione civile e al riguardo organizzeremo quanto prima dei corsi specifici; inoltre abbiamo presentato il progetto per il servizio civile per il 2007 e ci auguriamo di infoltire le fila della

nostra associazione. Un rimgraziamento va fatto soprattutto ai nostri volontari.” La Confraternita di Cammarata e San Giovanni Gemini ha la propria sede in Via S.M.A.Longo a Cammarata.


La terribile matricola

Eccellente Kamarat, verso i play off Dopo l’elettrizzante campionato dello scorso anno con la meritata promozione in Eccelenza, il Kamarat ad inizio di questa, stagione per gli scettici avrebbe dovuto essere un fuoco di paglia, per chi invece conosceva bene l’ambiente cammaratese, la meta raggiunta era invece il frutto dell’attenta programmazione del presidente Migliore. Sin dalle prime giornate del nuovo campionato la squadra ha dimostrato il proprio valore, esprimendo un giuoco spettacolare ed efficace, risultato del lavoro di mister Maggio che da alcuni anni ha focalizzato la sua attenzione sui giovani locali e dell’hinterland. La squadra imbatutta fino alla decima gioranata (28 considerando le 18 del campionato precedente) ha mantenuto la testa della classifica per diverse giornate, stabilizzandosi poi nei quartieri alti della classifica e confrontandosi senza timore con squadre blasonate. Il girone di andata con 6 vittorie 8 pareggi e soltanto una sconfitta è stato quello più eccitante, mentre quello di ritorno è stato altalenante, e comunque la squadra è rimasta sempre in zona play off. Rimangono adesso due scogli per giocarsi un sogno, quello degli spareggi per la promozione in serie D. L’obiettivo iniziale era quello della salvezza, oggi il Kamarat vola nella speranza di un grandissimo risultato storico. Dobbiamo riconoscere alla società ancora un altro merito, oltre quello sportivo, quello di aver fatto conoscere in tutta la regione il proprio paese.

Ricominciamo! Un imperativo necessario per fondare il nuovo calcio sangiovannese

Gli ultimi giorni prima dell’inizio del campionato di Promozione, erano serviti per dare forma alla nuova giovane società biancorossa, con presidente Mario Guerra. Il 2007 è stato per il Gemini un anno deludente anche se la squadra ha lottato con tenacia per rimanere in promozione. Qualche errore è stato commesso, come per esempio il cambio dell’allenatore, l’alternasi di diversi giocatori, e questo più di una volta, senza ottenere comunque un risultato favorevole. Si è sperato fino all’ultimo di raggiungere la lotteria dei play-out, ma dopo la sconfitta nella 29ª giornata contro la Dattilo per 4-3, è arrivata la certezza matematica della retrocessione in 1ª categoria. Occorreva forse un maggiore sostegno dall’ambiente sangiovannese, con molta più convinzione, la stessa dei tempi d’oro quando il Gemini militava in Eccellenza. Certo quando si vince tutto è più semplice, diversamente accade quando la strada è tortuosa e impone sacrifici. Qualcuno ha detto “nella vita si può cambiare tutto, anche il sesso, tranne due cose la mamma e la squadra del cuore”. E’ il momento questo di programmare e con umiltà iniziare a lavorare per delineare il nuovo gruppo, quello che potrà guardare al futuro con l’obiettivo di ritornare il Grande Gemini.

IL NUOVO IMPIANTO SPORTIVO SOTTO I RIFLETTORI

foto Pippo Di G. Cammarata per la prima volta nella sua storia, ha ospitato una squadra di serie A, il Catania che per il proprio ritiro ha scelto il nostro paese. La squadra rossoblu dopo aver svolto un entusiasmante girone di andata, stava attraversando un momentaccio, con una media retrocessione, causato anche dall’eccessiva penalizzazione inflitta dalla lega. E’ stato necessario allontanare il gruppo da ogni distrazione alla ricerca di concentrazione e soprattutto di tranquillità, fortunatamente ritrovate. Tutto questo è avvenuto grazie alla società del Kamarat che, contatta dal direttore sportivo Lo

14

Monaco, si è adoperata affinché il Catania potesse usufruire dei nuovi impianti sportivi e di tutto ciò che era indispensabile per il team di mister Marino. Durante il ritiro i ragazzi di mister Maggio hanno vissuto dei momenti esaltanti, essendo stati a stretto contatto con calciatori professionisti. I giocatori hanno disputato alcune partitelle di allenamento in preparazione dei turni successivi nei rispettivi campionati. Sicuramente è stata un’ottima occasione per il paese e per il Kamarat, dato che sono stati attenzionati dai media nazionali. L’economia del paese ha tratto vantag-

gio da questo evento e non solo, nelle settimane successive l’impianto dei Salaci è stato scelto dalla lega nazionale dilettanti per disputare il I° Torneo dell’amicizia.Gli atleti juniores provenienti da Veneto, Sicilia, Liguria, Toscana, Campania e Trentino Alto Adige sono stati ospitati nelle strutture alberghiere locali. Segnaliamo la convocazione nelle fila della rappresentativa siciliana di Antonio Mazzotta , classe’89, giocatore del Kamarat. Nel piccolo “grande” centro montano per il periodo estivo sono programmate altre manifestazioni sportive di grande interesse.

Magaze Aprile 2007  

Magaze Aprile 2007