Page 1

RETE DELLE GEO STORIE A SCALA LOCALE

A spasso lungo la via Roma Classi Seconde Scuola Primaria “I. Nievo” I.C. Spinea1 a.s. 2012 – 2013

Ins. Monica Bellin


Motivazioni della scelta del tema

Continuare l’esperienza di conoscenza del paesaggio di vita avviata lo scorso anno con l’UdA “A passeggio lungo la via Rossignago: osserviamo gli elementi, ascoltiamo i rumori, immaginiamo i cambiamenti nel tempo ” ampliando il campo d’indagine, consolidando la metodologia di lavoro e approfondendo il livello di osservazione

a.s. 12-13

Bellin M.


Traguardi per lo sviluppo delle competenze Da “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione del 2012” • • •

• • • • •

Storia L’alunno riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita Riconosce ed esplora in modo via, via più approfondito le tracce storiche presenti nel territorio (intuendo)…. l’importanza del patrimonio artistico e culturale Usa la linea del tempo per organizzare informazioni, conoscenze, periodi e individuare successioni, contemporaneità, durate, periodizzazioni Geografia L’alunno si orienta nello spazio circostante ……. utilizzando i riferimenti topologici (Si avvia ad…) Utilizza il linguaggio della geo-graficità per interpretare carte……. e realizzare semplici schizzi cartografici e carte tematiche, progettare percorsi e itinerari di viaggio ricava informazioni geografiche da una pluralità di fonti (cartografiche e satellitari, tecnologie digitali, fotografiche, artistico-letterarie) (Si avvia a …) Rendersi conto che lo spazio geografico è un sistema territoriale, costituito da elementi fisici ed antropici legato da rapporti di connessione e/o interdipendenza

a.s. 12-13

Bellin M.


Per cominciare: la Via Roma che conosco • • • • • • • • • • • • • • • •

la Via Roma è dove c’è l’incrocio con le giraffe inizia lì? Sì È dove c’è la chiesa, la farmacia So che è molto estesa, molto lunga Ci sono tante macchine C’è stocco Il negozio del pattinaggio, dove lavora il papà di Riccardo di B C’è il negozio di tutto calcio C’è il cinema dei Bersaglierei Ma non fanno più il cinema, è chiuso C’è anche la pizzeria C’è il macellaio La gioielleria Un bar La pescheria

a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


La Via Roma che conosco • • • • • • • • • • • •

La biblioteca Conosco la chiesa e ci passo ogni mercoledì perché vado a catechismo Ci passo tante volte, per andare nei negozi o per andare a danza e per andare da tante altre parti. So che c’è il negozio di Marceo, il nonno di Daniel Che è un negozio di scarpe, borse, portafogli Io so che quando ero più piccolo andavo all’asilo ai nostri caduti, davanti alla chiesa Ci passo praticamente tutti i giorni per andare dalla nonna, per venire a scuola, per andare alla Pam, in biblioteca Io ci passo per andare a Casa Nazareth Anche io Io non ci passo tante volte, quando andavo all’asilo ai nostri caduti ci passavo tutti i giorni. Ci vado quando devo andare dalla parrucchiera con la mamma Ci passo poche volte, conosco il negozio di Daniel La attraverso ogni martedì e venerdì perché vado a nuoto Ci passo qualche volta per fare le uscite con la ginnastica, quando andiamo a festeggiare

a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


La Via Roma che conosco • • • • • • •

• • • • • • • •

Con l’autobus ci passo a volte per andare a casa dei miei amici a Caltana Ci passo in bici, in automobile e anche a piedi: con la mamma in bici perché non guida l’auto, con la nonna a piedi, col papà in automobile Ci passo spesso, vado da Villa in pasticceria Ci passo tante volte, tutte le mattine Vado in edicola a prendere le bustine di figurine, per andare a catechismo e in negozio di papà C’è Stocco che è un negozio dove lavora la mamma di Matteo che vende le tende, asciugamani, cuscini e tante altre cose C’è Davide Sport che è un negozio di abbigliamento, vende magliette e jeans C’è un bar dei cinesi vicino all’edicola C’è il Paracadute che vende matite, penne, gomme, una cartoleria C’è anche un bar vicino alla profumeria, è il Bar Marconi Tanti negozi Vicino alla rotonda delle giraffe c’è un negozio che sviluppa le foto Vicino alla rotonda delle giraffe c’è la casa della nonna, quindi ci sono anche case in via Roma C’è la fermata dell’autobus….C’è il negozio dei vestiti da sposa C’è la pescheria, la biblioteca…..C’è il municipio, il comune

a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


La via Roma è importante a Spinea? • • • • • • • • • • • • • • • • • • •

C’è anche la banca, vicino alla rotonda delle giraffe Dove lavora mia mamma C’è la farmacia Ma non abbiamo detto che comincia dalla rotonda delle giraffe? Appunto dalla rotonda delle giraffe si va a destra e a sinistra, è tutta via Roma La Via Roma è importante perché porta il nome della capitale Sì ma non c’entra non è una via importante è come tutte le altre No è più lunga, ha più case Ha più negozi È più lunga perché magari non avevano altri nomi Non è detto che una via sia più importante solo perché ha più negozi, o è più lunga Ci sono altre vie che hanno molti negozi e sono molto lunghe Anche via Rossignago è molto lunga La via Rossignago ha più verde della via Roma Anche le macchine che ci passano mi fanno capire che una via è importante In via Roma ci andiamo con la mamma e il papà o i nonni Nella stradina sotto casa mia ci vado anche da solo Certe volte da sola vado in cortile Io vado per la via Rossignago da solo nei posti più vicino a casa mia, per esempio quando il nonno taglia la siepe o i rami degli alberi.

a.s. 12-13

Bellin M.


Che cosa è una via? Raccogliamo le idee alla lavagna

Riordiniamo le idee con uno schema a.s. 12-13

Bellin M.


La via dove abito • Io abito in via……

a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


La via dove abito: la scheda di analisi

a.s. 12-13

Bellin M.


Individuiamo le vie dove abitiamo • Usiamo la Lim e Google Earth

Prima di tutto troviamo la scuola Nievo

a.s. 12-13

Bellin M.


Poi andiamo alla ricerca delle vie dove abitiamo

a.s. 12-13

Bellin M.


A spasso lungo la via Roma • Usciamo alla scoperta della via Roma con il quaderno degli appunti e la fotocamera

a.s. 12-13

Bellin M.


Facciamo tanti incontri

a.s. 12-13

Bellin M.


Disegniamo la via Roma dopo l’uscita

a.s. 12-13

Bellin M.


Scriviamo • Oggi 19 marzo assieme ai miei compagni di classe e alle mie maestre siamo andati alla scoperta della via Roma. Abbiamo visto la rotonda delle giraffe. Abbiamo camminato lungo la via e ci siamo fermati davanti alla banca poi davanti al negozio della mamma di Daniel. Poi vicino a Stocco e davanti a Planet Sport, il negozio di mio papà. Abbiamo visto anche che in via Roma c’è il panificio l’edicola ed il barbiere. Dopo aver fatto qualche foto siamo tornati a scuola. Mi sono divertito molto • Riccardo a.s. 12-13

Bellin M.


Scriviamo •

Ieri mercoledì 20 marzo 2013 siamo usciti dalla nostra scuola e partiti dalla rotonda delle Giraffe lungo la via Roma. Siamo passati davanti a tanti negozi, case, la scuola materna “Ai Nostri Caduti” ed edifici. Poi abbiamo attraversato la strada accanto alla chiesa di S.S. Vito e Modesto. Infine siamo passati davanti a una specie di fornace: Il Forno A Vapore “Pasqualetto”e siamo tornati a scuola. Andrea

a.s. 12-13

Bellin M.


In Via Roma Martedì 19 marzo

Mercoledì 20 marzo

Ci sono le bancarelle del mercato

Non ci sono le bancarelle del mercato

a.s. 12-13

Le bancarelle sono ELEMENTI MOBILI DEL PAESAGGIO Bellin M.


La via Roma dal satellite • Usiamo ancora la Lim e Google Earth

Individuiamo i nostri punti di riferimento: la scuola, la rotonda delle giraffe, la chiesa di SS Vito e Modesto, la via Roma a.s. 12-13

Bellin M.


Dall’immagine satellitare alla mappa • Un bambino chiede: Se clicco su mappa cosa succede?

a.s. 12-13

Bellin M.


La mappa di Spinea

Osserviamo la mappa di Spinea e individuiamo i nostri punti di riferimento: la Scuola Nievo, la via Roma, la via dove abito, il tratto della via Roma percorso durante l’uscita, la rotonda delle giraffe e la chiesa di SS. Vito e Modesto. a.s. 12-13

Bellin M.

Poi costruiamo la legenda della mappa


La scheda di analisi della Via Roma (il tratto percorso) • • • • •

Nome della via: via Roma. Ha un percorso: rettilineo La via è: piana. Il suo fondo è: asfaltato. Le abitazioni sono: – – – –

• • • •

case singole case a schiera palazzine ville

Ci sono anche: negozi e strutture commerciali (numerosi) Chiesa (S.S.Vito e Modesto) Scuola: “Ai Nostri Caduti”

a.s. 12-13

Bellin M.


La via Roma come un puzzle • Oggi con le foto degli edifici lungo la Via Roma abbiamo ricostruito la loro successione in ordine l’uno dopo l’altro, così come si trovano in realtà. • Non è stato semplice! Infatti gli edifici sono numerosi e bisognava capire se erano lungo il percorso di andata o di ritorno • Abbiamo dovuto fare un lavoro di squadra e mettere insieme le conoscenze di tutti per ricostruire il puzzle della Via Roma!

a.s. 12-13

Bellin M.


‌. la chiesa

Prima di tutto nostri punti di riferimento: la rotonda delle giraffe‌

Ne frattempo osserviamo le foto e spieghiamo

‌ poi tutti gli altri edifici

a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


Ecco il risultato finale

a.s. 12-13

Bellin M.


Disegniamo l’esperienza

a.s. 12-13

Bellin M.


Nel pomeriggio con la mamma • Sara: sono andata venerdÏ pomeriggio con la mamma a fare un giro per la Via Roma, poi insieme abbiamo fatto questo disegno

a.s. 12-13

Bellin M.


La relazione edificio - funzione EDIFICIO

FUNZIONE (serve per…)

RISPONDE AL BISOGNO DI…

ABITAZIONI (CASA SINGOLA, A SCHIERA, PALAZZINA, VILLA, CONDOMINIO

PER ABITARE, PER VIVERCI, PER STARE CON LA FAMIGLIA

DI PROTEGGERCI, DI RIPARARCI, DI AVERE UN POSTO PER VIVERE

NEGOZI E STRUTTURE COMMERCIALI

PER VENDERE E COMPRARE LE MERCI (CIBI, ABBIGLIAMENTO, MATERIALI…)

DI PRENDERE QUELLO CHE CI SERVE, PER PROCURARCI IL NECESSARIO

CHIESA

PER PREGARE, PER ASSISTERE ALLA MESSA O ALLE CERIMONIE RELIGIOSE

DI PREGARE

SCUOLA

PER IMPARARE, PER STARE INSIEME, PER CONOSCERSI

DI IMPARARE

PARCO PUBBLICO

GIOCARE, DIVERTIRSI

DI STARE INSIEME, DI TRASCORRERE IL TEMPO LIBERO

PALESTRA

FARE SPORT

DI ALLENARE, IRROBUSTIRE IL CORPO, DI IMPARARE UNO SPORT

CIMITERO

PER SEPPELLIRE O CONSERVARE

FARE STARE I DEFUNTI, PER

LE CENERI DEI DEFUNTI

PREGARE E RICORDARLI.

a.s. 12-13

Bellin M.


Il plastico della Via Roma • • • • • • • • • • a.s. 12-13

Che cos’è un plastico? Il plastico è come quello delle macchinette C’è la pista e la caserma dei pompieri È quello che fai con i lego È come una mappa, tu devi costruire la strada, con i cartelli, il semaforo le strisce pedonali… E ci devi fare anche le case? E i negozi, la chiesa e il municipio Come quello della via Rossignago Lo avevano fatto i bambini della Andersen Come potremo fare il plastico della via Roma? Bellin M.


I nostri edifici per il plastico

a.s. 12-13

Bellin M.

Abbiamo portato un sacco di scatole!


Come abbiamo fatto il plastico? Scriviamo insieme la procedura

• A coppie disegniamo la facciata di un edificio alla volta osservando tutti i particolari nella foto • Poi scegliamo la scatola adatta che assomiglia alla forma dell’edificio e subito dopo incolliamo bene il foglio alla scatola • Infine appoggiamo il nostro edificio al posto giusto sul tavolone che le bidelle ci hanno preparato in atrio a.s. 12-13

Bellin M.


Gli edifici

• Alcuni edifici sono molto lunghi, altri sono molto alti: una scatola non basta!

a.s. 12-13

Bellin M.

5 piani! E’ il grattacielo della Via Roma!


E’ necessario ricostruire piÚ volte la successione degli edifici della Via Roma

a.s. 12-13

Bellin M.


Mentre si fa il plastico emergono alcuni problemi: • • • • • • • •

Ma gli edifici sono tutti attaccati? No, ci sono le vie che arrivano in Via Roma Si chiamano vie laterali dove sono le vie laterali? come facciamo a sapere quali sono? Come si chiamano? Dove devo mettere questo edificio? Dove dobbiamo disegnare le strisce pedonali? C’è solo un semaforo? La soluzione: andiamo a vedere!

a.s. 12-13

Bellin M.


Un’altra uscita lungo la Via Roma Le vie laterali Il cartello della Via Roma

Il semaforo a.s. 12-13 sull’incrocio della

Bellin M.

Le strisce pedonali


Durante l’uscita • Ascoltiamo suoni e rumori della Via Roma

• Facciamo altri incontri

• Prendiamo appunti a.s. 12-13

Bellin M.


Un bambino osserva… Lì c’è scritto “Macelleria” ma quello è un negozio di abbigliamento! Sarà il nome del negozio No, si chiama Alda Butiq

Non vedi che la scritta è cancellata Ma si vede un po’

a.s. 12-13

Forse una volta c’era una macelleria… Bellin M.


Con la Lim e Google Earth • Ritroviamo le vie laterali: sono le vie che incrociano la via Roma

a.s. 12-13

Bellin M.


Sulla mappa • Cerchiamo le vie laterali, le segniamo con un colore diverso e completiamo la legenda

a.s. 12-13

Bellin M.


Ora è possibile completare il plastico

a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


Dal plastico alla mappa • Su un foglio bianco tracciamo i contorni di tutti gli edifici della Via Roma cosÏ come sono in successione, partiamo dalla Chiesa di S.S. Vito e Modesto

a.s. 12-13

Bellin M.


Osserviamo • Che cosa abbiamo ottenuto? • Che cosa rappresenta il disegno sul cartellone bianco? Sono gli edifici della via Roma, E le vie laterali Sono visti dall’alto È una mappa! a.s. 12-13

Bellin M.


Coloriamo Problema: come coloriamo? come si vuole? No!Bisogna mettersi d’accordo Bisogna scegliere dei colori uguali per tutti • La strada con il grigio • Le abitazioni con l’azzurro • I negozi con l’arancione • Gli edifici pubblici con il rosso Altro problema: e le banche di che colore le facciamo?

Rosse? Sono edifici pubblici Arancione? Sono negozi a.s. 12-13

Bellin M.


Che cos’è una banca? • Problema: Di che colore coloriamo le banche? • • •

• •

• •

Per me non va rosso, non è un edificio pubblico, perché in banca ci può andare solo chi ha una busta paga, chi ha un conto Cos’è la banca? È un posto dove tu puoi andare là, ti puoi fare un conto e quando tu torni dal lavoro i soldi te li mettono là sul tuo conto e quando tu hai finito i soldi che hai in casa, vai lì nella banca e ti prendi i tuoi soldi dal tuo conto corrente La banca è un posto dove certe persone devono andare perché hanno un conto corrente, tipo un giorno sono andata con mia mamma e la mamma ha chiesto dei soldi e loro li hanno dati, quindi è un posto dove tengono i soldi per sicurezza Sì la banca è un posto dove invece di tenere i soldi nei pantaloni che te li possono rubare, in banca te li tengono al sicuro, quando ti servono vai lì Io, mia mamma tutti quei soldi che mi danno i nonni per i compleanni o per… adesso non sto qui a dire.. Li mette in banca e io ho pensato – E’ strano che io non ho più i soldi in portafoglio – allora le ho chiesto e lei mi ha detto che ho tanti soldi in banca, ho seicento… Possiamo allora colorare le banche con i colori che abbiamo a disposizione: azzurro, arancione, rosso? Nooo! Bisogna scegliere un altro colore: coloriamo le banche di verde!

a.s. 12-13

Bellin M.


Verifica • Il colore ha cancellato tutte le scritte e non si riconoscono più gli edifici della via Roma! • Nominiamo tutti gli elementi della via Roma (edifici e vie laterali) e li individuiamo sulla mappa • Ogni bambino pensa un elemento, lo scrive sul cartellino bianco, poi lo va a collocare al posto giusto sulla mappa • Problema: se non mi ricordo dov’è? • Soluzione di Giovanni: vai a vedere sul plastico! a.s. 12-13

Bellin M.


Com’era la Via Roma una volta? Dobbiamo RICOSTRUIRE IL TEMPO PASSATO come gli STORICI

a.s. 12-13

Bellin M.


Cosa vuol dire RICOSTRUIRE IL TEMPO PASSATO come gli STORICI? •

• • • • • • • • • •

Come un puzzle devi mettere tutti i pezzi al posto giusto cosi ti viene la figura (Matteo) Ricordare i fatti (Francesca) Rivedere quello che abbiamo fatto (Alice) Ricercare le tracce per ricostruire i fatti (Andrea) I nostri ricordi col tempo si perdono ma se noi costruiamo quello che e successo e la scriviamo su un libro ci rimane scritto (Taspia) Ripercorrere quello che è successo (Giovanni) Prima bisogna trovare le informazioni, cioè quello che rimane, le tracce, poi metterle insieme per far venire fuori i fatti, infine bisogna conservare le tracce (Marta) Possiamo usare foto, video, oggetti, ricordi, delle maestre, dei genitori, dei nonni (Benedicta) Ricostruire è come costruire di nuovo, il tempo che è passato (Daniel, Sofia) Bisogna fare il puzzle del tempo, mettere insieme i pezzi (Sara) I fatti sono come i mattoni di una casa, vanno messi in ordine uno dopo l’altro (Emma)

a.s. 12-13

Bellin M.


Invitiamo a scuola il nonno di Daniel, il nonno Marcello

a.s. 12-13

Bellin M.

Lo abbiamo invitato perchĂŠ vogliamo che ci racconti come era Via Roma una volta


La TESTIMONIANZA di nonno Marcello • Il nonno Marcello ha visto come era la Via Roma una volta, è un TESTIMONE • Il suo racconto è una TESTIMONIANZA

a.s. 12-13

Bellin M.


Durante l’incontro con il nonno… • Ascoltiamo il suo racconto, facciamo delle domande, prendiamo appunti

Dopo l’incontro… • Usiamo gli appunti e il nostro ricordo per scrivere testi, disegnare in coppia a.s. 12-13

Bellin M.


• C’erano tanti campi vicino alla via Roma • C’erano le strisce e non era asfaltata • Passavano i trattori, tante biciclette, la gente andava a piedi • C’erano i negozi e vendevano il pane, i grissini, la carne • Il nonno faceva il calzolaio, vendeva e aggiustava le scarpe in un negozio piccolino in fondo vicino alla Bella Venezia dove adesso c’è la pasticceria • Passava il gelataio con il carretto e lui chiedeva alla sua mamma i soldini per comprarsi il gelato, lui i soldi non li aveva perché era piccolino, qualche volta la mamma gli diceva sì e qualche volta gli diceva no. • Agnese a.s. 12-13

Bellin M.


• Oggi è venuto il nonno di Daniel,il signor Marcello e ci ha detto come era Via Roma quando lui era giovane. • C’erano solo negozietti piccoli e piccole case e solo i più ricchi si prendevano la macchina,la 500. • In Via Roma c’era un laghetto e i bambini andavano di nascosto perché era pericoloso. • Per strada si vedevano i cavali e pochissime macchine . • I bambini andavano a scuola e le maestre erano severe, non si poteva parlare perche davano le frustate con la canna di bambù. • A 10 anni era obbligatorio fare un lavoro. Matteo a.s. 12-13

Bellin M.


Oggi è venuto a scuola il nonno Marcello e ci ha raccontato tante cose sulla Via Roma com’era una volta quando lui era piccolo. Noi gli abbiamo fatto tante domande ed è stato bravo a risponderci perché è anziano e ha tanti anni ma è anche per questo che sa tante cose. Quando ha iniziato a raccontare abbiamo fatto delle domande per alzata di mano e la maestra ci chiamava uno ad uno.

Ci ha detto che aveva un piccolo negozio di calzature e borse, c’erano pochi calzolai, e che a dieci anni ha iniziato a lavorare con il papà, c’erano pochi soldi, gli abitanti di Spinea erano 1700; Piazza Fermi era un laghetto con un giardino vicino, c’erano 7 negozi di abbigliamento, le maestre erano cattivissime, c’erano tanti bambini birichini, la strada non era asfaltata, i semafori erano solo con i colori rosso e verde, si poteva giocare sulla strada, non passavano macchine solo qualche cavallo e pochi animali. Dopo averci dato tutte queste risposte abbiamo fatto una foto e a me ha dato un bacino e mi ha chiesto è simpatico io gli ho risposto sì ed è andato via. SARA P. a.s. 12-13

Bellin M.


La Via Roma in passato

Secondo la TESTIMONIANZA di Nonno Marcello a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


a.s. 12-13

Bellin M.


Speriamo che non manchi la corrente se no dobbiamo spingere il filobus a.s. 12-13

Bellin M.


No, non lo sapevo!

Lo sai che a Spinea ci sono 1700 abitanti?

a.s. 12-13

Bellin M.


Ciao, sono Angelica e mi vado a comprare il gelato

Che bella giornata!

E’ vero, oggi è domenica eda.s.è12-13 aperto

Bellin M.

Siamo aperti anche la domenica, fino alle 14,00


Altre tracce della Via Roma nel passato

• Il nonno Marcello ci ha portato delle foto di Spinea del passato, le osserviamo alla Lim e scegliamo quelle che riguardano la Via Roma

a.s. 12-13

Bellin M.


L’analisi delle foto Osserviamo le foto della Via Roma alla Lim e individuiamo • Quali sono gli elementi che vedo? • Dove si trovano? • Quali elementi/indizi mi fanno capire che la foto rappresenta la Via Roma? • Che cosa c’è ancora oggi? • Che cosa non c’è più? • Che cosa manca rispetto ad oggi? a.s. 12-13

Bellin M.


Caccia alla traccia… • • • • • • • •

• • • • • • • • •

a.s. 12-13

Si vede un lago, Degli alberi La staccionata Il riflesso nell’acqua C’è scritto Spinea, il lago Ne sappiamo qualcosa? Ne avevamo già sentito parlare? Ne avevo sentito parlare quando ero piccolo dalla mia nonna che diceva che a Spinea c’era un lago e i bambini anche scappavano da casa per andare a giocare e dopo le loro mamme quando tornavano a casa gli dicevano un mucchio di parole Il nonno ci aveva parlato del lago Era in Piazza Fermi Invece del mercato, della piazza del mercato Del parcheggio C’era la villa E adesso c’è ancora la villa? No Sì C’è la villa ma non ci abitano persone, ci sono negozi, uffici Bellin M.


• •

C’è scritto Villa Fornoni Ancora villa Fornoni

• • • •

Che villa è secondo voi? Ah ho capito è la villa della biblioteca! Sì, è vero Però, non c’è il cancello, quello della biblioteca Possono averlo costruito dopo, sempre nel passato ma dopo della foto

• • • • • • • • • • •

Assomiglia alla villa della biblioteca? Quali elementi ve lo fanno capire? Le finestre Potrebbe essere il Comune

Provate a osservare se c’è qualche indizio che vi aiuta a capire Sì, in fondo ci sono gli alberi

Il Municipio dici? Il Comune non è Però guarda le finestre del primo piano Ma non ci sono le bandiere Magari le hanno messo dopo Io ho chiesto al nonno Marcello, mi ha detto che questo era il Municipio Facciamo due ipotesi: la biblioteca e il municipio a.s. 12-13

Da questa parte, a destra sembra che c’è un orticello le statue

Bellin M.


Confronto presente - passato C’è e c’era

C’era e non c’è più

C’è e non c’era

•la chiesa di S.S. Vito e Modesto e il campanile •il municipio •la Bella Venezia •le biciclette, i ciclisti e i pedoni •Cestaro e Marceo •L’edificio vicino alla chiesa •La scuola “Ai Nostri Caduti” •Il giardino davanti al municipio •La villa Tasso •La via Roma!

•Il negozio di generi alimentari vicino alla chiesa •Le rotaie del tram •La strada di sassi •Il laghetto •Gli alberi lungo la via Roma •Il filobus •Le palme davanti al municipio •Il grande negozio di abbigliamento

•La pasticceria •Il parcheggio di Piazza Fermi •Le automobili •La fontana, le panchine e lo stemma davanti al municipio •Stocco •Le fermate dell’autobus •La rotonda delle giraffe

a.s. 12-13

Bellin M.


Verifica: lavoro a coppie la descrizione della foto e il disegno • • •

• • • •

In questa foto vediamo la chiesa a destra della via Roma e a sinistra la Bella Venezia. Un po’ più avanti a sinistra ci sono le case e in alto a sinistra ci sono i fili del filobus. Sopra il campanile c’è un galletto a vento . Un po’ più avanti sembra che ci sono i resti di una casa demolita. La strada non è asfaltata. Oggi nella via Roma c’è ancora la chiesa e la Bella Venezia. Adesso non ci sono più i fili del filobus , il galletto sopra la chiesa e il pino a sinistra.

a.s. 12-13

Bellin M.


E il plastico della via Roma nel passato? Appuntamento al prossimo anno!

a.s. 12-13

Bellin M.

A SPASSO LUNGO LA VIA ROMA - Spinea (VE)  

Percorso didattico di Scuola primaria. Ricostruzione della storia della più antica strada di Spinea dalla metà del '900 ad oggi attraverso p...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you