Page 1

A PASSEGGIO LUNGO LA VIA ROSSIGNAGO OSSERVIAMO GLI ELEMENTI, ASCOLTIAMO SUONI E RUMORI, IMMAGINIAMO I CAMBIAMENTI NEL TEMPO Scuola Primaria Nievo Spinea 1 circolo Anno Sc. 2011-12

Classi Prime Ins: Monica Bellin

Documentazione a cura di Monica Bellin


COMPETENZA ATTESA Scoprire, leggere, analizzare aspetti del territorio attraverso l’osservazione e l’ascolto del luogo e la rielaborazione dei dati raccolti TRAGUARDI DI SVILUPPO •! •! •! •! •! •! •! •! •!

Osserva per cogliere gli elementi e ne dà una sua spiegazione Raccoglie i dati e li elabora tra loro. Racconta ciò che vede e lo rappresenta Analizza e confronta, cerca differenze e similitudine, individua il “ vecchio” e il “nuovo” Collega le informazioni ricevute da fonti orali e iconografiche con il luogo di oggi rilevando il cambiamento Dimostra di saper organizzare i fatti collocandoli in modo temporale Presta attenzione ai linguaggi del luogo: simboli e colori, suoni e rumori, immagini e situazioni. Coglie l’aspetto geometrico-spaziale della strada come linea che divide due parti un luogo Dimostra curiosità e interesse verso il territorio vicino a scuola nelle sue caratteristiche geografiche e storiche


Per avviare l’attività: Andiamo alla scuola Andersen….

….ma faremo un nuovo percorso Per i bambini delle classi prime è attività abituale recarsi alla Scuola Andersen perché qui si trova l’orto didattico che viene coltivato dai bambini delle due scuole insieme…basta attraversare il Parco Nuove Gemme e siamo subito alla scuola Andersen, non così accade in questa occasione


Usciamo dal cancello della scuola Osserviamo i diversi elementi che incontriamo


Usciamo dal cancello e… Ins.Dobbiamo andare da questa parte, in quale direzione? A destra, poi camminiamo sul marciapiede È stretto non ci stiamo in due Non scendere, passano le macchine Arriviamo alla fine del marciapiede Dobbiamo svoltare in questa direzione, quale? A destra, ancora a destra Camminiamo sempre sul marciapiede

Guarda c’è il parco, Lo conosco è il cancello del parco Ma non entriamo nel parco, svoltiamo da questa parte, a… A sinistra


Che strada stretta, non ci passano macchine Io ci passo per venire a scuola in bici con la mamma Per quello ci sono i…. Quelli lì, per non far passare le macchine I paracarri

Arrivati alla fine della via incontriamo un cartello, leggiamo…. Via Filande Si chiama via Filande

Un altro incrocio: Da che parte giriamo? Giriamo di qua, a… A destra E’ la via Filande questa?

No! È la via Rossignago


In classe ricostruiamo il percorso fatto


Lungo il percorso‌ i punti di riferimento


Disegniamo il percorso


La strada cos’è? La strada ha i marciapiedi, la strada ha le strisce è attraversata da tutti i pedoni, la strada è per andare in macchina, la strada è curiosa e ci trovi tante cose. Brum brum è il rumore della strada (Emy) La strada è con delle crepe, poi è un po’ liscia, passano le macchine, è fatta di asfalto, la strada da tutti è attraversata, e i rumori della strada sono forti. (Alice)

La strada è piena di macchine, la strada serve per le macchine, delle volte c’è sempre un po’ di traffico, la strada l’hanno costruita per le macchine, non i pedoni che vanno sul marciapiede (Giorgia)

La strada è fatta di asfalto serve per attraversare. Ci passano i pedoni, le bici e le macchine. Sulla strada ci sono i ponti, i cavalcavia e i marciapiedi (Giovanni)


Nella strada ci passano le macchine, le moto, le bici e i pedoni. La strada è fatta di asfalto e righe pedonali (Andrea)

Nella strada passano macchine, moto e bici. La strada è di asfalto. La strada ti porta a Scorzè, Cibitavecchia, in Giappone, Milano e in Cina (Oscar)

La strada è piena di macchine e dritta, ha le strisce pedonali, la trovi dappertutto è utile per le macchine anche se troviamo tanto traffico passano anche i motorini; le strisce pedonali servono per i pedoni e per i ciclisti. (Giustina) La strada è dove passano le macchine. La strada è quella di asfalto e piccoli sassolini. La strada può portarti a Milano, Mirano, Portogallo, Spinea, Germania e da tante altre parti. Nella strada ci sono anche ponti, ciclisti, moto motorini e calciatori della Juventus a Torino, Stankovic, Milito, Julio Cesar Snajder e Zanetti, questi sono giocatori dell’Inter, anche loro vanno per la strada. (Gianmarco)


A passeggio lungo la Via Rossignago

•! Decidiamo di fare una passeggiata insieme lungo la Via Rossignago, ci incontriamo all’angolo di Via Filande


Un grande prende per mano un piccolo

e via tutti in fila!


I bambini della scuola dell’Infanzia ci insegnano il gioco “dell’ascoltare”

Clicca sulla foto per guardare il video


In classe ricostruiamo l’esperienza attraverso il ricordo •! Disegna ciò che ricordi della passeggiata lungo la Via Rossignago

Mi ricordo degli uccellini e il canto…


Mi ricordo il pollaio..


Mi ricordo che ci siamo incontrati‌


Mi ricordo la fontana della Lola‌e il capitello


Mi ricordo la chiesetta‌

‌i cartelli stradali lungo la strada


‌ma soprattutto la gru


Io mi ricordo che i lavoratori prima spostano i pesi e dopo andavano a lavorare‌


Vediamo insieme le fotografie scattate durante la passeggiata per ricordare la sequenza.. Quello che abbiamo visto prima .. durante …dopo i nostri ricordi diventano i punti di riferimento per ricostruire il percorso Da scuola incontro la via Rossignago…

•!L’incrocio con Via Filande dove ci siamo incontrati •!le strisce pedonali ( dal parcheggio al marciapede) •!La fila degli alberi e il cartello della chiesetta •!La chiesetta e il campo arato •!Il cartello di Via Rossignago •!La curva piccola •!La gru e il cantiere con le case in costruzione •!La casa di Francesco e accanto la casa nuova •!La curva grande •!La fontana e il capitello

…dalla fontana.. poi torno alla scuola…


Con le foto ricostruiamo il percorso in un cartellone


Scriviamo con il computer i punti di riferimento individuati e gli elementi

Poi leggiamo e inseriamo sul cartellone al posto giusto


Riordiniamo le idee e sintetizziamo

•! Lungo la Via Rossignago VEDO:


Lungo la Via Rossignago SENTO: •! •! •! •!

Diamo un nome ai suoni e ai rumori Proviamo a scriverli A riprodurli con la voce Li disegniamo

WRR WRRM

•! Il ROMBO delle automobili CIP, CIP CIP,

•! Il CINGUETTIO degli uccellini •! Il RUMORE della gru •! Il SUONO delle campane

RRR, RRR BIP, BIP, BIP TUM DIN, DON, DAN!


TUM, TUM

SCC, SCC SCC,SCC

BUONGIO RNO!

BUM, BUM TAC, TAC CIAO, CIAO

CO, CO, COO


In Via Rossignago, PRIMA, ADESSO, DOPO


PRIMA c’erano campi coltivati, l’erba, gli alberi ADESSO c’è la casa in costruzione e la gru DOPO ci sarà la casa costruita pronta per essere abitata


Chi costruisce le case? •! •! •! •! •! •! •! •! •! •! •! •! •!

Gli operai Sono loro che lo hanno deciso? NOOO! Quelli che vogliono abitarci Una persona vuole un posto per una casa, allora chiama gli operai e gli dice di fare una casa per abitarci Forse lo decide il sindaco, quello che decide e controlla la città Il Comune, dove c’è il sindaco Qui a Spinea c’è il Comune? È vicino alla nostra scuola, alla scuola media, Al parco Nuove Gemme Nel centro di Spinea dove c’è la fontana Quel posto si chiama municipio All’asilo siamo andati a portare il San Martino al sindaco Ma non c’entra… lo decidono le persone che stanno dentro al Comune, al municipio


Perché hanno costruito le case in Via Rossignago? •! Perché il Comune ha detto che tutti devono abitare là •! Il Comune ha detto facciamo le case perché così chi vuole può abitarci •! Io penso che chi non ha una casa chiede al sindaco di fare una casa per abitarci •! Una persona che è senza casa chiede a un costruttore, quelli che costruiscono le case, gli operai, di costruirgli una casa •! Ma prima bisogna finirla tutta, pitturarla, farla bella e dargli i soldi agli operai, bisogna pagare •! Anche per la casa delle vacanze devi pagare •! Se uno trova una casa in vendita che gli piace poi deve portare i mobili, fare trasloco •! Ci vuole tempo per costruire le case •! Per abirarci con mamma e papà •! Ma non solo in Via Rossignago, ma in altri posti, a Spinea, a Fornase, a Mestre •! Perché lì c’era un posto libero, era un peccato lasciarlo lì •! Perché era un bel posto tranquillo, dove passano poche macchine •! Dove stare bene •! Ma prima c’era il campo, serviva a qualcosa? •! Per fare i frutti che fanno bene •! I campi si possono coltivare, verdure, insalata, frumento…


Dopo la discussione: Cosa ricordi di ciò che hai sentito dire? Con che cosa sei d’accordo? Disegna


La casa serve per abitarci con mamma e papĂ

Casa in vendita


…che bella casa, avete scelto un posto tranquillo Sì Sì, in tono con la mia maglietta E già… E le chiavi di casa? Ecco


Una strana immagine… È la foto dal satellite

È vista dall’alto

Ci sono le case e le strade

C’è il parco e il pattinodromo!


Vogliamo vedere meglio, cogliere i particolari, capire di pi첫. Usiamo lo zoom e proviamo ad avvicinare e allontanare cosa succede?

Se ti avvicini vedi meglio

Ma vedi poco

Se ti allontani vedi tutto

Ma non distingui bene


Cerchiamo i “nostri� punti di riferimento e li indichiamo con un segnaposto


Per trovare la Via Rossignago cerchiamo la nostra scuola e segniamo in blu il percorso fatto


Google Earth Dopo aver osservato insieme sulla Lim l’immagine di Via Rossignago e aver individuato i punti di riferimento ne stampiamo una copia per ogni bambino


Analizziamo insieme l’immagine Partiamo dalla rotonda delle giraffe e seguiamo il percorso della Via Rossignago prima con il dito e poi lo ripassiamo in rosso Individuiamo la nostra scuola e la cerchiamo in blu

Scriviamo un breve testo collettivo Intorno alla Via Rossignago vediamo le case tutte vicine e qualcuna è sparsa, ci sono i campi, le altre strade, il parco e il pattinodromo


Nonna Mafalda racconta‌


Via Rossignago una volta‌ •! Abbiamo invitato nonna Mafalda a scuola e ci siamo incontrati tutti insieme per ascoltare il suo racconto, le abbiamo chiesto: come era la Via Rossignago quando tu eri una bambina? •! Ci ha raccontato molte cose noi abbiamo subito rappresentato con un disegno


Come sempre, un grande prende un piccolo‌

‌e si disegna insieme!


Ci piace tanto lavorare insieme‌


Ecco i nostri capolavori‌


Il plastico •! I bambini della scuola dell’infanzia ci mostrano il plastico che hanno costruito e ci spiegano come funziona


Il disegno ci parla •! Dopo qualche giorno riprendiamo il disegno, lo osserviamo e ricordiamo: •! Questo disegno lo avevamo fatto alla scuola Andersen con un bambino piccolo •! Per disegnare la via Rossignago ai tempi di nonna Mafalda •! Al tempo di nonna Mafalda i bambini non andavano a scuola con la mamma ma andavano a scuola da soli •! Tanto tempo fa le strade dove passavano e anche la via Rossignago non avevano l’asfalto e avevano la terra e i sassi e quando pioveva c’erano le pozzanghere •! In via Rossignago c’erano alberi molto grandi, gli ippocastani •! Andavano a piedi a scuola


Il disegno ci parla •! Tanto tempo fa c’era un fiume con tante rane •! Passavano pochissime automobili e c’erano poche case •! I bambini non avevano le biciclette, solo i grandi che le usavano per andare a lavorare •! Non c’erano le taglie giuste di biciclette per bambini •! I bambini non avevano tanti giochi come adesso •! I bambini giocavano sulla strada •! Lungo la via Rossignago passavano le moto antiche, erano che delle biciclette con un piccolo motore, c’era tipo una cassa e un tubo che usciva, la marmitta e faceva fumo e scoppiettava •! Servivano per essere un po’ più veloci e arrivare un poco prima


Il disegno ci parla •! Passavano anche i cavalli che trainavano i carri trasportavano le persone, le provviste, i bagagli •! Ai lati della via Rossignago c’erano due fossati con tante rane •! Anche pesci e bisce •! C’erano tanti campi •! La nonna Mafalda abitava vicino alla ferrovia e per andare a scuola doveva andare a piedi fino ad Asseggiano camminando lungo i binari, ma stava attenta che non arrivasse il treno •! I genitori non si preoccupavano quando i bambini andavano a giocare in strada perché sapevano che c’erano poche automobili •! C’era il vento che spostava gli alberi più fragili e faceva freddo, c’erano anche gli uccelli •! Sulla strada c’erano le buche.


Una foto, diamo un titolo

Le tracce di via Rossignago Una traccia di via Rossignago una volta La via Rossignago al tempo di nonna Mafalda


Osserviamo la foto •! Questa è una foto di una volta, del tempo passato •! Si vede come era la Via Rossignago •! La strada al centro è di sassi •! Ai lati c’erano i fossi •! Lungo la strada ci sono i pali della luce e intorno poche case (sono ville) •! Davanti ci sono due castagni molto grandi •! Si vedono i campi •! È come ci ha detto la Nonna Mafalda


Gli elementi e‌

Usiamo la carta da lucido e ripassiamo i diversi elementi


…le posizioni Individuiamo le posizioni dei diversi elementi •! I castagni sono a destra e a sinistra •! I pali della luce sono a destra e a sinistra della strada •! i campi sono a destra e a sinistra della strada e davanti alle case •! La strada di sassi è in mezzo •! I fossi sono ai lati della strada •! Le case sono in fila in fondo •! La ciminiera è in mezzo, dietro a tutto


La via Rossignago: Presente e Passato •! Cosa è cambiato? Cosa è rimasto uguale? •! Non era uguale ad adesso, non abbiamo più i fossi •! Non abbiamo più gli alberi grandi di castagno •! Oggi ci sono molte case e pochi campi tante automobili •! Non ci sono più le rane, pesci e le bisce in via Rossignago ma negli altri fossi •! Ora la strada è di asfalto e non ci sono le buche •! Al posto dei fossi adesso ci sono i marciapiedi •! La via Rossignago è cambiata tanto

A passeggio lungo via Rossignago classe 1  

Materiali percorso didattico Scuola Pimaria "Nievo", classe 1

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you