Issuu on Google+

IN BOCCA AL LUPO A…. ULTRAS RAVENNA per i play-out che li vedrà impegnati nella sfida contro il Sud-Tirol (a partire dal giorno 29 Maggio saremo con loro presenti in quel di Bolzano) ULTRAS BOCHUM per lo spareggio promozione contro il Borussia Mönchengladbach, con il ritorno in data 25 Maggio dove speriamo di essere presenti al fianco dei nostri amici tedeschi Ricordiamo che resta sempre attivo il nostro indirizzo mail: ultrasliberi@urb74.it

DIFFIDATI CON NOI FANZINA MENSILE

Forever Ultras 1974 & Freak Boys Bologna – Maggio 2011

Ragazzi siamo all’ultima giornata di questa stagione 2010/2011…che dire è stato un anno difficile sotto molti frangenti dalla applicazione della “carta del tifoso” passando per tutti i problemi societari in casa BFC. Di una cosa siamo certi, ci siamo sempre dati da fare, sempre a testa alta… e possiamo citare tanti episodi che ci hanno visti come protagonisti, come non scordare l’accoglienza sotto la neve pre-Chievo alla squadra oppure la dura contestazione ai Menarini-Porcedda sotto la tribuna ma ci piace ricordare soprattutto le trasferte da “non tesserati” e qua non scordiamo Palermo in 40 nei distinti, Catania in 9 restati fuori dall’impianto per protesta contro la Tdt e inoltre con orgoglio sottolineiamo i due impegni di Coppa Italia, Cagliari in 7 e Napoli in 22… Grazie a chi si è sbattuto, a chi c’è stato e a chi ci ha sostenuto… è anche merito vostro !!! Come ricorderemo questo anno, sicuramente sotto il profilo Ultras un grande anno…. soprattutto fuori dalle gradinate sempre pronti e sempre decisi a farci rispettare e a far capire chi siamo noi!!!

MATERIALE Il materiale FOREVER ULTRAS e FREAK BOYS è in vendita in Curva presso i “banchetti” nei pressi delle balaustre… Ricordiamo che per noi l’ULTRAS non fa business, la vendita del materiale è solamente una forma di autofinanziamento!!! Come sempre il nostro vivere Ultras non si ferma dopo la partita contro il Bari… antenne sempre dritte sugli sviluppi della tessera sperando che siano buone notizie!! E iniziate a rompere le scatole ad amici e conoscenti…niente Tessera del Tifoso il prossimo anno…. Siamo liberi cittadini!!!

AVANTI ULTRAS NON CI AVRETE MAI, COME VOLETE VOI!!!!!


PARLANDO di….

PARLANDO di….

ORDINARIA REPRESSIONE: Lettera e commenti da Sportpeople

TESSERA DEL TIFOSO: "Report" del 15/05/2011

Domenica in occasione di Lecce-Napoli assisto ad un altro abuso sulla libertà dei cittadini. In pratica, superati i tornelli e sottoposti a controlli atti ad evitare l’ingresso di oggetti contundenti, alcuni ragazzi vengono bloccati dalle Forze del (dis)Ordine, del corpo della “Polizia” per essere precisi, con a capo delle operazioni il responsabile della Digos. Tutti i ragazzi che indossavano una maglietta con su scritto “No alla tessera” venivano fermati, alcuni identificati, alcuni costretti a girare la maglia per rendere illeggibile il messaggio, ovviamente minacciati a rispettare la disposizione forzata pena la diffida…

Report non ha deluso le attese. Il servizio andato in onda domenica sera sulla tessera del tifoso ha definitivamente sputtanato il progetto economico di Maroni &C., lasciando ben poco spazio all’interpretazione. La Tessera del tifoso è stata definitivamente sputtanata anche agli occhi degli italiani e pure coloro che lo stadio non lo frequentano, che non sono interessati al calcio ma che anzi pensano che potremmo benissimo occuparci di problemi più importanti . Non si può non riconoscere che un solo dato di fatto: la tessera del tifoso non è servita assolutamente a nulla, non ha risolto il problema della violenza negli stadi, non ha riportato le famiglie allo stadio, non ha tutelato i tifosi per bene. In compenso ha mosso parecchi soldi per le banche, che in molte città (Firenze docet) la facevano vendere ai propri commerciali come un qualsiasi servizio bancario anche a gente non interessata al calcio, dietro la promessa di agevolazioni per ottenere i mutui… E’ stata solo una grande fregatura, che ha svuotato gli stadi. I tifosi hanno protestato a ragione, finendo per essere etichettati come facinorosi; le società hanno timidamente alzato la voce finendo poi per abbassarla subito sotto la minaccia di giocare tutte le partite a porte chiuse. Le tanto sbandierate “agevolazioni” per i tifosi che avessero sottoscritto la tessera non si è mai capito in cosa consisterebbero: da una parte c’è Masucci che chiede alle società di “farla diventare qualcosa di diverso”, dall’altra ci sono le stesse società di calcio che l’hanno subita e che non ne vogliono sapere. Insomma, siamo a un punto morto

Ma c’è una legge in cui lo Stato può vietarmi un semplice indumento solo perché reca una scritta che non aggrada al sistema? “Domanda retorica, caro amico: no, lo Stato non “ti” può vietare, anzi più espressamente non te lo vieta con alcuna legge specifica. In teoria vige e vale il famoso art. 21 sulla libertà di parola e di pensiero con ogni mezzo di diffusione possibile. Nella pratica sappiamo invece bene che lo stadio è un luogo di sospensione dei diritti, il laboratorio sociale di sperimentazione delle tecniche di repressione, dove le cavie sono gli “ultras”, soggetti che dopo campagne di serrata demonizzazione mediatica valgono meno dei topolini da laboratorio e forse poco più dei pedofili. La storia ci ha poi insegnato che tutto ciò che si è “elaborato” all’interno di questo “repressificio” ce lo siamo ritrovati pari pari nella vita di tutti i giorni, nella società civile: dai manganelli “tonfa”, i lacrimogeni Cs e Cn poi esportati al G8 di Genova o la “tessera del tifoso” che adesso stanno con tutti i mezzi tentando di “promuovere” anche per le manifestazioni di piazza. Per anni gli ultras sono sempre stati visti con una punta di puzza al naso da quella parte di società civile che dovrebbe, il condizionale è d’obbligo, battersi per i diritti civili e le libertà personali, sacre ed inviolabili di TUTTI i cittadini. Guardati insomma come dei subumani, dei sanguinari tagliatori di gole e dediti ai sacrifici umani, secondo qualcuno di questi garanti della libertà è giusto però che la libertà cessi di esser tale non per qualcuno che è davvero socialmente pericoloso, ma che si presume lo sia, per giunta stando agli stessi dati di quei mass-media che solitamente vengono giudicati inattendibili e di parte in tutte le altre occasioni, salvo d’improvviso diventare fonti di verità assolute e indiscutibili quando si tratta di fenomeni pur così complessi come il mondo ultras: quando qualcosa sfugge alla propria conoscenza, ecco che anche i più (a parole) “illuminati” si affidano al pregiudizio masticatoli e instillatoli sotto corteccia cerebrale in maniera subdola. Per la libertà ci si batte sempre, senza se e senza ma, anche con piccoli gesti: questo il nostro piccolo contributo, la risonanza alle vostre parole; voi per strada e allo stadio, non piegate mai la schiena, non chiudete mai gli occhi, non smettete mai d’indignarvi.” LEGGI SPECIALI, OGGI PER GLI ULTRA’, DOMANI PER TUTTA LA CITTA’ (striscione esposto nella stagione 2000/2001)

Ora che si farà? Mi sembra evidente che il governo sta navigando a vista, senza saper bene in realtà che pesci pigliare… In questo finale di campionato stanno appunto vietando parecchie trasferte per far si che la gente sia spinta a sottoscrivere la Tessera. Purtroppo siamo in un paese di ritardati, e qualcuno che si mette a pecorina pur di vedere una partita di pallone lo si trova sempre… Maroni, troppo ottuso per tornare sui suoi passi, continuerà a dipingerla come un grande successo ed andrà avanti ad imporla anche l’anno prossimo… Lui vorrebbe che tutti i tifosi d’Italia si tesserassero, e saremmo tutti felici e contenti. Ma non ha capito che il giorno che tutti i tifosi d’Italia si tesserano, soprattutto se lo dovessero fare tifoserie come i napoletani o i romanisti (non fate i finti tonti, parlo della vera tifoseria, non di quella che va allo stadio quando la squadra va bene!) sarebbe la sua fine. Penso che l’evento valga la pena di un minimo d’attesa… Purtroppo siamo stati buoni profeti, mi chiedo se esiste qualcuno che ha trovato degli aspetti positivi in questa “carta di credito”…. Ribadiamo il nostro concetto NO ALLA TESSERA DEL TIFOSO!!!!! Non abbassiamo l’attenzione su questo problema perché presto, annusando l’aria, tornerà in auge il famoso articolo 9 che vieterà l’acquisto dei biglietti a chi ha commesso “reati da stadio” anche se questi dopo regolare processo si sono dimostrati infondati!!! Ricordiamo che l’ordinamento giudiziario italiano dice che una volta che viene riconosciuta colpevolezza e scontata la pena, il cittadino deve essere aiutato a tornare nella società…… a voi le considerazioni!!!!


OVUNQUE TU ANDRAI….

TESSERA DEL TIFOSO: Intervista all’Assessore con delega allo Sport della Provincia di Bologna Marco Pondrelli, “Tempi Supplementari”

MILAN-BOLOGNA La vendita dei biglietti è vietata ai residenti in Emilia Romagna, qualcuno ci dovrebbe spiegare con quali criteri il CASMS ha preso questa decisione…siamo sempre più convinti che la cosa venga decisa a casaccio e sorridiamo scuotendo la testa leggendo che riescono a vietare trasferte a tifoserie gemellate da vent’anni, a chiudere stadi di Eccellenza in cui andranno si e no 500 spettatori, a limitare presenze di tifosi ospiti nel basket e nell’hockey. E con questa siamo a 5 trasferte VIETATE…. Optiamo per la vecchia radiolina e dopo una abbondante grigliata ci ascoltiamo il match….

Cosa pensa del provvedimento con cui è stato permesso ai tifosi del Cesena di venire a Bologna, dopo che la trasferta era stata inizialmente vietata? Faccio un ragionamento sulla tessera del tifoso: lo trovo un provvedimento sbagliato anche rispetto all’obiettivo che si pone, ovvero prevenire la violenza. La tessera del tifoso rischia di essere più pericolosa, oltre ad essere un danno per gli sportivi che tranquillamente vogliono seguire la loro squadra. Non credo sia questa la strada per risolvere i problemi. L’ho sempre pensata così, frequento lo stadio e anche quest’anno ho visto mischiarsi tifosi di squadre ospiti con tifosi del Bologna: non è mai successo niente, se non qualche urlo o qualche offesa, ma anche da questo punto di vista mi domando la tessera del tifoso che senso abbia. E’ sempre piacevole che un politico esprima candidamente e liberamente la propria opinione su questo obbrobrio… anche se pensiamo che difficilmente si possa avere una posizione favorevole sull’argomento!!!!

FIORENTINA-BOLOGNA Era iniziata così la nostra trasferta a Viola “gli ultras bolognesi hanno creato qualche problema prima della partita, scesi dagli autobus che li conducevano allo stadio, in Viale Fanti hanno inscenato un corteo, oltre ai cori sono stati accesi torce e fumogeni ed è stato lanciato un grosso petardo” Eravamo carichi a mille…. e poi dopo il pre-filtraggio alcuni ragazzi della curva sono stati fermati e portati all’interno dell’ufficio mobile della polizia per dei controlli…. e da lì in poi la nostra trasferta è finita. “Per chi fa dei propri valori alcune parole fra le quali gruppo, aggregazione, solidarietà e libertà non si poteva entrare tranquillamente allo stadio, attaccare le proprie ”pezze” e cantare come se nulla fosse accaduto o stesse accadendo. Alcuni valori li riteniamo più importanti che assistere ad una partita di pallone e quando alcuni dei nostri ragazzi, quelli con cui da anni condividiamo km e km su e giù per l’Italia, sono stati trattenuti per un preventivo quanto sgradevole controllo di polizia abbiamo preferito starli vicino piuttosto che presenziare sui gradoni. ULTRAS LIBERI DI ESSERLO”

TESSERA DEL TIFOSO: Ricorso corte di giustizia europea Alcuni avvocati parlamentari stanno valutando se esistono le condizioni per un ricorso alla corte di giustizia europea sulla legittimità dei continui divieti alla tifoserie. L’iniziativa parte da Roma, dove giornalisti, politici locali, si muovono da tempo contro i divieti di trasferta, che ricordiamo esistono solo in Italia. Contraria da sempre L’UEFA. Fra il pronunciamento a noi favorevole del Garante sulla privacy e in attesa del ricorso sull’incostituzionalità…. ci si muove anche oltre i confini….

FESTA FREAK Veramente una festa lussuriosa, abbiamo cantato, bevuto e fatto baldoria tutta la notte…. Fra torce, torte e le immancabili gag è stato degnamente festeggiato il compleanno dei FREAK BOYS BOLOGNA Ricordiamo la presenza degli ultras Ravenna e quella di una “crazy” macchinata da Bochum partita nella notte di giovedì!!!

DIFFIDATI Ennesimo giro di repressione sulla nostra tifoseria, dalla trasferta di Firenze ci “portiamo a casa “ altre 2 diffide e un arresto…. il tutto senza un minimo incidente!!!! E con queste superiamo quota 30 nuovi diffidati all’interno della nostra curva solo questa stagione!!!! Se questa non si chiama repressione….. Fanculo!!! Diffidati non mollate…. E per chi c’è al ventesimo fuori la voce anche per loro!!! DIFFIDATI SEMPRE PRESENTI


A BOLOGNA

BOLOGNA-PARMA Di bellissimo impatto la coreografia non autorizzata dei 25 anni dei Freak Boys con quell’immancabile foglia verde…. ma anche torce, fumogeni e bomboni!!!

BOLOGNA-CESENA E’ inutile nasconderselo, per noi è la partita dell’anno; è il derby che ritorna al Dall'ara in serie A dopo più di 20 anni. Circa 3000 gli ospiti sistemati nel settore tra loro tesserati e non, dopo che in settimana il loro presidente aveva chiesto richiesto giustamente al Casms di avere tutti i propri sostenitori in questa trasferta. Andrea Costa gremita e calda, disputiamo un buon primo tempo con cori potenti...ma la squadra in campo gioca male come ormai da tempo e il Cesena si deve salvare...risultato finiamo sotto due a zero. Nella ripresa, purtroppo il tifo cala dettato solo ed esclusivamente dalla pietosa prestazione della squadra alla quale però NOI non rechiamo ne fischi ne contestazioni inutili…. provando come sempre a tenere alti i nostri colori fino al 90°.

FREAK IN MY TOWN FLOWERS UNDERGROUND, dal 1986… UNA SCELTA DI CAMPO

In una giornata calda, l’annunciata invasione parmense risulta un bluff…a parte il solito carico nucleo centrale (non tesserato ma come consuetudine introdotto nel settore ospiti) saranno circa 400 gli ospiti. La partita a ritmi bassi non aiuta il tifo, non molliamo comunque mai soprattutto nel quadratino magico davanti ai lancia cori dove c’è una sfida su chi molla per ultimo!! Viene esposto dalla balaustra centrale uno striscione a ricordare i lacrimogeni sparati fra i bambini dalla sera dello spareggio-retrocessione A fine partita parte della curva fischia (e ci può anche stare per quanto offerto) ed invita i giocatori ad andare a lavorare (ma fino ad 1 mese fa non erano gli dei scesi in terra???? un po’ di coerenza????? Ma per favore!!!!) salvo poi rimangiarsi il tutto per un giocatore che viene sotto la curva a lanciare la maglia….. Mah!!!!!! Allibiti…..

Ringraziamo i cesenati per avere parlato tutta la stagione, per averci criticato e insultato ma all’ora dei fatti si sono dimostrati veramente poca roba…. e qua chiudiamo il discorso!!! Pensavamo che per certe cosa avessero un pelo più di mentalità ma forse avevano ragione i “vecchi” che non li hanno mai considerati più di tanto


Diffidati con noi maggio 2011