Page 1

il grande Sport

pagine di pura passione

(anno IX n. 11) diffusione gratuita quindicinale 2 giugno 2013

n. 181

visita il magazine web

www.ilgrandesport.it

35 KM 2880m D+ sull’ALTA VIA DEL TABACCO

9 GIUGNO 2013

da Costa di Valstagna a Bassano del Grappa

338 2987189

0424 383728

WWW.TRAILCONTRABBANDIERE.COM

Il successo del Giro ispira nuovi progetti

FESTA SPORT

I campioni dell’Altopiano in passerella

|||| a pagina 8

VOLLEY

Il sogno ora è Cima Pantani |||| pagina 10

Scuola di volo Air Park Bassano Piazza al Paradiso, 7 31030 Semonzo del Grappa Tel/Fax +39 0423 910445 Cell. +39 329 1597944 airpark@libero.it www.montegrappa-airpark.com

Signor: «Dura per Bassano mantenere la B»

|||| a pagina 5

HOCKEY

Rivoluzione in casa Geo&Tex Giudice rimane

|||| a pagina 6

La zoomata. Su ilgrandesport.it Sull’ottomila himalayano l’avventura di Zaffaroni

La Scuola di Volo AIR PARK BASSANO e la Birreria CAPOCACCIA

insieme il loro COMPLEANNO in piazza Al Paradiso di Semonzo con

buffet e musica Vietato mancare!

All’assalto del Manaslu, un ottomila himalayano: Marco Zaffaroni, dopo il duro colpo della morte dell’amico Mario Merelli, ha voluto tornare a scalare le montagne della loro amicizia. L’obiettivo, il Manaslu, da raggiungere insieme a uno sherpa, si è dimostrato ostico, e il clima pessimo ha reso ancora

più difficile l’impresa, sostenuta dall’azienda bassanese Masters, produttrice di bastoni, che ha sempre supportato Merelli nelle sue spedizioni e ha deciso di continuare l’avventura insieme a Zaffaroni. I particolari dell’impresa e i commenti di Zaffaroni nel magazine web www.ilgrandesport.it

Le più belle cucine italiane e tedesche su misura APERTO ANCHE LA DOMENICA

Via Capitano Alessio, 70 - Rosà (VI) - tel. 0424 85100 www.gasparottomobili.it - info@gasparottomobili.it

TI ASPETTIAMO PER UNA PROGETTAZIONE E UN PREVENTIVO GRATUITO

sabato 15 giugno DALLE 16 ALLE 18 festeggiano


il grande Sport

2 giugno 2013 - 2

sportivamente

R

B

mondo unning di Enrico Vivian, 35° alla New York Marathon 2010

La meteoropatia non c’è nel Dna dei veri runner

Avevo appuntamento con gli amici, alcuni dei È stata una strana primavera: per i meteorologi siamo all’interno della variabilità di periodo, per quali all’esordio sugli argini del Brenta e la camla memoria collettiva siamo nell’anomalia quasi pagna della sponda destra. Sono partito sotto la insopportabile. Un sintomo misurabile è lo sposta- pioggerellina, rassicurato dalla tendenza al mimento di una settimana di tutte le sagre delle ci- glioramento e sperando nello squarcio di sole. Ero liegie per seguire la maturazione in ritardo, causa comunque scafandrato nel completo impermeabile e traspirante che ho usato pochissimo per correre, mancanza di sole non certo di acqua. Chi programma con mesi di anticipo le manife- mentre in bici è la salvezza quando i veri appassiostazioni ovviamente non può prenotare il bel tem- nati del mezzo disertano le strade e preferiscono lo spinning o attendono po e incrocia quello che gli capita, cerun clima migliore. cando di garantire un Su due ruote mi gradevole servizio ai sono unito al fiume partecipanti. Penso di persone che ha ai tanti organizzatocorso a distanza di ri di podistiche, che sicurezza dalla brencambiano completatana ormai defluita, su sentieri scivolosi mente aspetto a sesenza essere pericoconda del meteo. Ecco la più recenlosi, dove basta non avere le suole lisce te in zona, prendenper rimanere in piedo a prestito pezzi di testo dal cronista lodi. Infangati finché si vuole, ma sani. cale. “Cuchi” bagnaPoi siamo passati ti a Nove: davvero una mattinata bigia all’asfalto e lo scroquella che ha accolto scio è stato quasi Zuppi ma felici alla marcia del Cuco di Nove provvidenziale per i tremila appassionati marciatori nei tre percorsi predisposti dall’organiz- lavare gli schizzi prima di entrare nella successiva zazione (6, 12 e 22 chilometri). L’edizione numero pozzanghera. 40 è stata contrassegnata dalle bizze del maltemIn compagnia passano meglio i chilometri, rinpo: prima scure nubi e pioggerellina intermittente, francati dai ristori e dagli incontri lungo la via, per scroscio quasi temporalesco durante la premiazio- rendersi conto di non essere così strambi nella vone e la quasi beffa finale dello squarcio di sole e glia di avviarsi in una domenica mattina non procielo azzurro a mezzogiorno, quando ormai era tut- prio favorevole: basta un minimo di attrezzatura e to concluso. In ogni caso l’organizzazione è stata buona volontà. perfetta con i 110 volontari schierati per assistenza al percorso e nei vari punti di ristoro. http://enricovivian.blogspot.it/

mondo enessere di Cosimo Gasparri, nutrizionista e docente di Dietologia/Alimentazione

Prevenzione cardiovascolare con i cibi giusti e lo sport E’ noto da tempo che dieta equilibrata ed attività fisica di tipo aerobico riducono l’incidenza del rischio di patologie cardio-cerebrovascolari, mentre uno stile di vita sedentario, la mancanza di attività fisica ed una dieta a base di cibo spazzatura ne aumentano il rischio. La più temibile tra le patologia a base aterosclerotica è la cardiopatia ischemica, prima causa di morte nei Paesi industrializzati e in continuo aumento anche in quelli in via di sviluppo, dove la morte per causa vascolare costituisce il 45% di tutti i decessi. Il decorso clinico della malattia ha una fase silente (senza manifestazioni cliniche, che può durare tutta la vita), seguita da una fase sintomatica. Se la lesione si localizza nei vasi coronarici avremo l’angina pectoris e/o l’infarto miocardico. Se l’aterosclerosi interessa un’arteria cerebrale può causare un’ischemia che può durare da pochi secondi ad alcuni minuti. Quando l’ischemia si prolunga per vari minuti, l’interruzione del flusso sanguigno al cervello provoca infarto o ictus cerebrale. Vista l’importanza sociale, in quanto interessa persone in piena

attività e non solo, la prevenzione svolge un ruolo fondamentale. E’ basata sul raggiungimento di uno stile di vita salutare: mantenere un peso adeguato, seguire una corretta alimentazione, svolgere attività fisica aerobica regolarmente.

Un’attività aerobica regolare unita ad un’alimentazione curata aiuta il nostro cuore

Uno strumento approssimativo, ma semplice da utilizzare per la valutazione del peso corporeo, è rappresentato dall’IMC o indice di massa corporea, in inglese BMI o Body Mass Index: si basa

sul rapporto tra il peso in chilogrammi e l’altezza in metri al quadrato di un individuo. Un valore di IMC compreso tra 18.5 e 24 indica la normalità, un valore inferiore indica il sottopeso, mentre se superiore indica sovrappeso e/o obesità. Alimenti ricchi di colesterolo, acidi grassi saturi e idrogenati sono contenuti in diversi alimenti: l’olio di palma e di cocco utilizzati nelle preparazioni dei cibi commerciali, burro, lardo, strutto, il grasso visibile delle carni, il tuorlo d’uovo, i formaggi grassi e il latte intero, crostacei, margarine e prodotti da forno come biscotti, cracker e snack fritti. Le attività sportive aerobiche più rappresentative all’aperto sono: jogging, footing, ciclismo, sci di fondo, ecc. Le più rappresentative in palestra sono: nuoto, ginnastica aerobica, danza ecc. L’importante è effettuarle regolarmente ad una intensità medio bassa, con respirazione profonda e per un tempo di almeno50-60 minuti. http://nutrizionistabassanodelgrappa.jimdo.com http://dietologia.oneminutesite.it dietologianutrizione@libero.it

MARCE E CORSE

si trovano sul web: da ilgrandesport.it si accede ai calendari veneti e nazionali sui siti: calendariopodismo.it calendariopodismoveneto.blogspot.it

Il trail del 9 giugno

����� Stage Trail & Desert Run 18/19/20 Ottobre 2013

������� Paolo Barghini ���������������� ��������������������������� ������������������������������� ��������������������������

���������������������������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������ �������������������������������������������������������������� ������������������������������������� ��������������������������������������������� ���������������������������� ������������������� ��������������������������������������������������� ������������������������������� �����������������������������������������������

Pensione completa con pernotto e servizi - Costo 250,00 € (3 giorni) MINIMO 15 PARTECIPANTI ������������������������������������������ LORENZO DORIS +39 3475462312 - akkawastage@gmail.com www.akkawa.info

ità dall’Origine Qual

Produzione pasta di mais e riso

Per un giorno tutti contrabbandieri sui 35 chilometri della corsa valligiana Di corsa, lungo la vallata del Brenta, sulle orme dei contrabbandieri. Domenica 9 giugno i 35 chilometri dell’Alta via del tabacco, con 2.880 metri di dislivello complessivo, faranno da scenario alla prima edizione dell’Antico Trail del Contrabbandiere, gara di velocità e resistenza che richiamerà a Bassano e in Valbrenta centinaia di runner da tutta Italia. L’Antico Trail del Contrabbandiere percorre l’Alta Via del Tabacco che si dirama dalla contrada Costa, a nord di Valstagna, sino al Ponte degli Alpini, a mezza costa, passando sopra le borgate affacciate sul fiume sottostante e tra i tipici terrazzamenti, fazzoletti di terra strappati alla montagna, dove per secoli veniva coltivato il tabacco. Lungo il percorso si possono ammirare innumerevoli scorci suggestivi della Valle e nel tratto sopra Campolongo s’interseca un altro itinerario di particolare interesse: il sentiero naturalistico «Antonia Dal Sasso». Ci sarà un’ottantina di volontari schierati per garantire la sicurezza della manifestazione, ha spiegato l’organizzatore Mirko Chemello, di Emme Running team, e si attendono circa 300 partecipanti. Il trail, alla sua prima edizione, è stato presentato in municipio a Bassano, con la presenza dell’assessore al turismo e allo sport, Alessandro Fabris, che ha sottolineato come l’even-

to sportivo consentirà di mettere in luce le bellezze e le ricchezze del territorio. La partenza sarà all’alba, alle 6.45 del mattino, da San Marino, di fronte a Costa di Valstagna, mentre l’arrivo è previsto a Bassano, in piazza Libertà. Saranno predisposti due cancelli orari: uno all’imbocco della Calà del Sasso e un altro a Campolongo.

«Prevediamo che i più veloci impiegheranno circa 4 ore a compiere il tragitto - ha spiegato Chemello - ma abbiamo concesso un tempo massimo di 8 ore». Il progetto nasce dalla volontà di riscoprire e valorizzare un itinerario antico e suggestivo, un tempo utilizzato dai valligiani che si davano al contrabbando del tabacco. Informazioni e iscrizioni: trailcontrabbandiere.com


il grande Sport

2 giugno 2013 - 3

primo piano Trasporti Logistica Depositi

L’Unione fa la forza! Dal 1976

via delle Industrie 31 - Cartigliano (Vi) Italy tel +39 0424 567686 fax +39 0424 567700 fax magazzino +39 0424 567682 www.ctmtrasporti.it - info@ctmtrasporti.it

Sleghe Lauf L’olimpionico del triathlon atteso alla quarta edizione della dieci chilometri in altura, l’8 giugno

Ad Asiago la stella è Fabian

Sarà lui la stella della quarta Sleghe Lauf, la dieci chilometri in altura di Asiago in programma sabato 8 giugno. Alessandro Fabian, olimpionico di Londra 2012 nel triathlon (ottimo il decimo posto conquistato nella gara olimpica) ha confermato la sua partecipazione, che già crea fermento tra i giovani atleti del triathlon altopianese. Padovano, ormai marosticense d’adozione perchè nella città scaligera, patria del coach azzurro Sergio Contin, ha posto le basi per l’allenamento in vista del traguardo olimpico, il 25enne azzurro e campione europeo e mondiale di Duathlon Under 23, e campione italiano assoluto di specialità dal 2009 al 2011, ha una lunga esperienza internazionale: 18. posto ai campionati del mondo di triathlon del 2006, 11. a quelli del 2007, nella categoria Juniores, quinto ai mondiali 2010 Under 23. Nel 2012 un exploit di gare, oltre all’appuntamento londinese, tra le quali il secondo posto in Coppa Europa a Palermo e il titolo italiano di Triathlon Olimpico a Tarzo. Con Fabian, spiegano gli organizzatori del Gs Alpini Asiago, è prevista la partecipazione

il grande Sport quindicinale

registrazione tribunale di Bassano del Grappa n. 8/2004 del 24.09.2004

Nordic walking, 9 giugno

Mezza maratona sul Grappa, da Lepre alla Cima

di altri nomi di prestigio del running a contendersi la vittoria e il record del circuito. E’ inoltre garantita la presenza di molte società che partecipano al circuito Vicentia Running e di numerosi atleti aderenti al circuito Grand Prix Strade d’Italia. Previsto un premio molto interessante per una società estratta tra le prime cinque più numerose. Nei pacchi gara, prodotti altopianesi e una maglietta tecnica. Il 35° assoluto verrà premiato con uno ski pass, un gad-

get per chi transita al traguardo come 50., 100., 150. classificato e così via. Al raggiungimento del tetto dei 500 partecipanti chiusura delle iscrizioni. Partenza da corso IV Novembre, in centro ad Asiago, alle 18. Come abbiamo già scritto, va ricordato il risvolto sociale che quest’anno acquisisce la “Sleghe Lauf Città di Asiago”: gli organizzatori infatti devolveranno l’importo delle iscrizioni femminili all’Associazione Malattie Rare

Scherma

Castellani sul podio tricolore: oro e bronzi

REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE VIA VERONA, 40, 36022 CASSOLA (VI) TELEFONO E FAX 0424 833717

www.ilgrandesport.it PER CONTATTARE LA REDAZIONE E INVIARE FOTO E COMUNICATI

ilgrandesport@libero.it DIRETTORE RESPONSABILE MICHELE ZARPELLON 338 2022152 CONSULENZA EDITORIALE CLAUDIO STRATI 338 3509386 COLLABORATORI Stefano Cirillo, Michelangelo Cecchetto, Enzo Casarotto, Rino Piotto, Barbara Todesco, Vincenzo Pittureri, Gabriele Zanchin EDITRICE LITTERA srl OFFICINA EDITORIALE

litteraeditoriale@libero.it STAMPA Centro Servizi Editoriali Grisignano di Zocco (Vi) Il Grande Sport è free diffuso in oltre 900 punti a:

Asiago Asolo Bassano del Grappa Borso del Grappa Breganze Caerano San Marco Campolongo sul Brenta Castelfranco Castello di Godego Cartigliano Cassola Cismon del Grappa Cittadella Conco Crespano del Grappa Enego Fontaniva Fonte Galliera Veneta Gallio Loria Lusiana Marostica Maser Mason Vicentino Montebelluna Molvena Mussolente Nove Pianezze San Lorenzo Possagno Pove del Grappa Pozzoleone Riese Pio X Romano d’Ezzelino Roana Rosa’ Rossano Veneto San Martino di Lupari San Nazario San Zenone degli Ezzelini Sandrigo Schiavon Schio Thiene Solagna Tezze sul Brenta Valstagna... e non solo!

Lo puoi sfogliare e leggere anche nel web www.ilgrandesport.it e in Facebook alla pagina Grande Sport

PUBBLICITA’ per le tue inserzioni

380 4326615

litteramarketing@libero.it

A Riccione, ai campionati italiani Under 14 di scherma, belle performance del Circolo Scherma Castelfranco Veneto con i suoi atleti nelle due specialità praticate nella sala scherma castellana, fioretto e spada. Il più splendido risultato è arrivato dalla “solita” Beatrice Cagnin (nella foto) che ha messo la firma in due gare, fioretto e spada Allieve. L’atleta castellana ha bissato il successo tricolore dello scorso anno laureandosi di nuovo campionessa italiana nel fioretto e poi ha fatto suo il bronzo nella spada. Assieme alla Cagnin hanno partecipato a questa parte di torneo altre tre schermitrici castellane, Ilaria Barbesin, Monika Mazzola e Francesca Zen. L’altro prestigioso risultato è arrivato da Piermaria Guglielmin, categoria Allievi, che dopo una giornata di gara condivisa fin dal mattino con altri 229 spadisti tra cui i suoi compagni di sala Francesco Gasparini e Tommaso Vian, ha trovato la necessaria calma per portare a casa la terza piazza finale. L’ultima coppa conquistata è stata quella del quinto posto di Nicola Barbesin (fratello minore di Ilaria) nei Giovanissimi di Spada.

Mauro Baschirotto e alla Associazione Italiana Neoplasie Endocrine Multiple 1 e 2. La gara è aperta alle categorie Fidal maschili e femminili dagli Allievi ai Master. Iscrizioni e informazioni al sito web www.gsaasiago.com; indirizzo e mail info@gsaasiago. com

L’azzurro Alessandro Fabian, olimpionico a Londra. In alto la partenza della Sleghe Lauf 2012

Ritorna, il 9 giugno, il Gran Prix del Grappa Seconda Edizione Fizan Trophy, con due percorsi di 20.5 e 8.3 chilometri. Due le soluzioni per gli appassionati, nell’ambito del Top of Nordic Walking in Tour. Da una parte una mezza maratona sprint lungo un percorso di 20,5 km e un trail da 8.3 km in ambiente alpino, con arrivo a Cima Grappa a 1770 metri di quota. La partenza verrà posta a 1200 metri e saranno perciò 570 i metri di dislivello lungo le mulattiere militari della Grande Guerra. A parte un chilometro di sentiero montano, per il resto terreno adatto alla pratica del nordic walking: tappa valida peri punteggi della classifica Top del circuito Nordic Walking in Tour 2013. Si correrà vicinissimi all’ossario di Cima Grappa e poi giù verso gli Asoloni. La partenza della tappa sarà in località Lepre a 1200 metri di quota. Nella stessa località anche l’arrivo. L’altra proposta è una tranquilla passeggiata di 8.3 chilometri adatta a qualsiasi persona e quindi aperta a tutti. L’altitudine minina è di 1200 metri alla partenza e la massima 1320, con un dislivello di 120 metri. Informazioni web al sito nordicwalkingmontegrappa.org


www.bpmarostica.it

Diamo

valore

alle eccellenze del nostro territorio

Miki Biasion

Polloniato - SocialVision

Campione mondiale rally 1988-1989


2 giugno 2013 - 5 il grande Sport le nostre big Calcio 2. divisione Giallorossi costretti a vincere per andare avanti. Tutti al Mercante a tifare Bassano

Soccer team, nulla è perduto

Zero a uno e palla al centro. Si comincia con un dolorosissimo sganassone tra i denti e insomma si poteva e forse si doveva partire meglio. Ma manteniamo tutti quanti la calma, è ancora tutto rimediabilissimo, non vi è alcuna rimonta da compiere ma semplicemente vincere la prossima al Mercante col Monza confidando che non sia l’ultima. Chiaro, Bassano adesso è spalle al muro, non ha alternative al successo, ma è anche la dura legge dei playoff, dove a traccheggiare non si fa mai della gran strada. Ma è pure il brivido degli spareggi, una specie di pedaggio dovuto, è qui che si vede chi ha stoffa e chi no e in passato questa squadra, a dirla tutta, non ne ha mai avuta granchè, ma stavolta questa formazione può sovvertire tutta una serie di finali malinconici e lacrimevoli. E dunque nell’occasione ci esimiamo dall’allestire processi sommari o anche solo abbozzati perchè non è il momento. Eventualmente ci sarà spazio tutta l’estate per mettere alla pubblica gogna l’operato di giocatori e staff, adesso è invece l’ora del fervido incoraggiamento e che tutta la città si stringa attorno ai fanti giallorossi perchè il match col Monza da dentro o fuori può indirizzare il Soccer Team a una meritata e tutto sommato imprescindibile finalissima per la C1. La società ha già chiamato a raccolta il suo popolo per domenica alle 16 al Mercante (i prezzi dei biglietti sono stabiliti rigorosamente dalla Lega Pro che organizza l’evento) e quindi è necessario infuocare di passione il vecchio Mercante, fronte comune eppoi i consuntivi lasciamoli per dopo. REGOLAMENTO: Chiariamo il regolamento perchè nonostante le ripetute spiegazioni, tra gli sportivi c’è ancora un mucchio

di spiegazioni. In Lega Pro non vale la norma vigente su scala internazionale dei gol segnati in trasferta. Qua fa fede il migliore piazzamento in classifica (nella fattispecie a vantaggio del Bassano sul Monza), perciò

foto Bosca

i virtussini per passare devono vincere con qualunque punteggio (1-0, 2-1 o 4-3 non fa differenza), ma segnare assolutamente una rete in più dei rivali, poichè a parità di vittorie verrebbe premiata la migliore posizione in graduatoria di quelli di Rastelli. Un pareggio o una sconfitta invece proiettereb-

bero i lombardi in finalissima. Qualunque cosa accada domenica al velodromo, non si disputeranno i tempi supplementari. RASTELLI OUT: “Io non ho offeso nessuno nè ho mancato di rispetto a chicchessìa”, giurava e spergiurava Rastelli nel dopogara di Monza. Ventiquattro ore più tardi si è beccato due giornate di stop dal giudice sportivo, alè. Dando per assodata la buonafede di Claudio, se gli fosse sfuggito un birbante all’indirizzo dell’arbitro, cosa si beccava, l’ergastolo? Occhio, perchè tira una brutta aria attorno ai giallorossi: Rastelli che mai in stagione era stato espulso o anche solo richiamato, ha protestato per un sacrosanto rigore negato al Soccer Team in Brianza, il penalty che peraltro avrebbe consentito ai suoi di pareggiare il primo round. Niente dischetto e niente Rastelli coi biancorossi ed eventualmente pure per garauno di finale. In panchina siederà il vice Andrea Turato, al debutto assoluto nel ruolo di capoallenatore proprio nello snodo cruciale del torneo. Due indizi non fanno ancora una prova, ma è un dato di fatto che lo scorso anno Bassano è sceso in C2 per riprovevoli colpe autonome e anche per marchiani erroracci altrui, poichè certi orrori (il rigore concesso alla Cremonese e quello negato alla Virtus sempre coi grigiorossi, i gol palesemente regolari annullati con Prato, Piacenza e Siracusa che sarebbero valsi 3 successi in più, la direzione pessima col Siracusa all’andata e la ripetizione mancata del match col Pergocrema, prima concessa eppoi incredibilmente cancellata) sono marchi indelebili di ingiustizia conclamata. Ma ora fa testo il campo. Il posto migliore in cui regolare i conti. Vincenzo Pittureri

Il Cittadella mantiene la serie dopo una stagione sofferta

Una trasferta della tifoseria granata a Sassuolo nel classico terzo tempo che ormai caratterizza i supporter del Cittadella

traguardo che a volte viene dato per scontato ed invece per una piccola realtà è un grande miracolo. Adesso ci sarà una pausa, poi un incontro con la società “perché c’è dell’altro su cui riflettere – ha detto Foscarini - indipendentemente dal fatto che per la prossima stagione ci sia io o qualcun altro sulla panchina granata”. Come negli anni scorsi le conferme di Stefano Marchetti e di Claudio Foscarini vivranno un periodo di souspance, mentre il popolo granata si augura nella sua quasi totalità che finisca come sempre. La rosa, invece, potrebbe subire una mezza rivoluzione con gli azzurrini Biraghi e Baselli dati per partenti, ma anche su parecchi altri giocatori i “rumors” sono movimentati.

L’Eurocalcio Cassola saluta Dal Bianco e chiama Zanon

Si ferma ai play off la corsa dell’Eurocalcio, battuto dal Nove davanti al pubblico amico, dopo essere rimasto in dieci per l’espulsione di Bortoli. Poco male, la squadra di Stelio Carletto non aveva ambizioni di salire in Eccellenza, bensì solo di ben figurare in Promozione, obiettivo che ha ampiamente raggiunto. Nel frattempo la società saluta Giuliano Dal Bianco. Nessuna frattura, i rapporti fra la società e il tecnico di Zugliano rimangono saldi, ma come in tutte le belle storie prima o poi arriva sempre la parola fine. Dal Bianco era approdato alla corte di patron Stelio Carletto ancora sei anni fa, quando gli fu affidato l’incarico di secondo allenatore di Cunico all’Eurotezze in serie D. L’anno successivo prese le redini della squadra juniores nazionale, quindi la ripartenza dalla Terza categoria per un’altra lunga cavalcata vincente. Dal Bianco ha inanellato tre salti di categoria consecutivi e ha portato la squadra in Promozione (dopo aver vinto anche

Giuliano Dal Bianco

una Coppa Veneto in Seconda), dove ha pure disputato lo spareggio dei play off. Un palmares di tutto rispetto che il tecnico vicentino si porterà in dote e che dimostra che la sua dipartita non è un esonero, bensì una presa di coscienza che era il momento di separare le strade. Al suo posto guiderà la prima squadra Paolo Zanon, che verrà aiutato da Denis Peruzzo, in pratica due pilastri della società visto che a Cassola sono praticamente cresciuti.

Volley B Dopo la salvezza è tempo di pensare al futuro

Calcio B

Ce l’ha fatta ! Il Cittadella giocherà in serie B anche la prossima stagione. Un gol di Baselli al 95’ ha consegnato la vittoria ai granata sull’Ascoli nell’ultima giornata di campionato. Ma quanta sofferenza! L’importante era però raggiungere l’obiettivo: non importa quando, ha precisato il presidente Andrea Gabrielli, non importa come ha aggiunto il tecnico Claudio Foscarini. Con 50 punti, due in più rispetto allo scorso campionato, la classifica finale è dignitosa per un Cittadella che nell’andata aveva sotto tiro addirittura i play off, mentre nel ritorno “prima di tutto per errori propri, poi anche per torti subìti, è riuscito a salvarsi lottando contro tutto e contro tutti”, come ha dichiarato il direttore generale Stefano Marchetti, ottenendo ancora un

Promozione

Intanto la cena di chiusura della stagione 2012/13 “Al Tezzon” di Camposampiero ha lasciato tutte le ipotesi aperte, compresa la “Festa per i 40 anni dalla fondazione” che vivrà un’altra tappa l’8 giugno con la “Notte Bianca” organizzata dal Comune di Cittadella per l’inaugurazione delle Mura medioevali, dove è incluso un programma di tornei fra squadre giovanili e il “Calciotto a 3” fra i 13 club granata, il tutto con la cornice di oltre due Km di nastro granata appeso alle mura. Sembra che non ci sia niente, invece, nel giorno dei 40 anni, il 21 giugno, in quanto i giocatori sono “in ferie”, mentre un mese dopo alla presentazione della stagione 2013/14 ci sarà il botto che chiuderà la serie di iniziative legate al quarantesimo. Rino Piotto

Bassano, il dilemma è da quale categoria è meglio ripartire

Passata agli archivi una salvezza che, seppur conquistata nell’ultima giornata di campionato, ha regalato una gioia enorme a tutto l’ambiente giallorosso, i dirigenti del Bassano Volley stanno già pensando a come allestire al meglio la prossima stagione agonistica. Ed il primo, complesso nodo da sciogliere riguarda proprio la categoria da cui ripartire. Stringere i denti, nonostante le difficoltà economiche, e ripercorrere la via della B1 o presentarsi ai nastri di partenza della serie C con una squadra di giovani bassanesi? E’ questo il primo dilemma. “Dipenderà tutto dal budget economico di cui potremo disporre – dichiara il diesse Fiorenzo Signor – ma certo è che se dovessimo prendere una decisione oggi si opterebbe per forza di cose per il torneo di serie C. Purtroppo abbiamo ricevuto delle risposte negative da nuovi potenziali sponsor, e quelli che ci hanno confermato il loro supporto, come la Golden Game, non offrono un sostegno sufficiente per affrontare al meglio un torneo impegnativo, anche economicamente, come quello di B1. D’altra parte, noi non vogliamo impegnarci in avventure che poi ci potrebbero mettere in difficoltà dal punto di vista economico. Insomma, o il budget viene coperto in toto, oppure meglio scendere di categoria”. Cosa è stato detto al tecnico Poletto? “Abbiamo incontrato coach Diego Poletto, e gli sono state prospettate le due opzioni. Ci ha chie-

sto un po’ di tempo per riflettere, e a breve ci darà una risposta. Se, come mi auguro, resterà ancora in giallorosso, ci metteremo subito al lavoro per organizzare al meglio la prossima stagione. Se invece ci comunicherà che resterà solo in caso di permanenza in B1, quando prenderemo una decisione definitiva sul nostro futuro ne riparleremo. Poletto è comunque molto attaccato all’ambiente bassanese, e quindi spero e credo rimarrà”. E ai giocatori? “Per quanto riguarda i giocatori, se resteremo in B1 la rosa attuale verrebbe confermata quasi per intero, altrimenti si punterà sui giovani del nostro vivaio, magari con l’innesto di qualche giocatore di esperienza. Giovani promettenti ce ne sono, per cui potremmo concentrarci su questi”. Per concludere, ci dobbiamo già preparare a seguire il Bassano in serie C? “Sinceramente – conclude Fiorenzo Signor – ci sono poche possibilità che nella prossima stagione si possa affrontare ancora il campionato di B1. Certo, io spero sempre che salti fuori qualcuno intenzionato a darci un aiuto concreto in grado di farci superare molte delle nostre difficoltà e di permetterci di ripartire dalla B1. Ma il tempo passa e le prospettive sono tutt’altro che rosee. Anche nelle altre società vedo molti dubbi e rinunce. Ai primi di luglio scadono le iscrizioni ai vari campionati, e non so cosa accadrà...”. Stefano Cirillo


il grande Sport

2 giugno 2013 - 6

le nostre big

Servizio immediato per qualsiasi destinazione fino a 8 posti Rugby Il club di via Cà Baroncello festeggia i risultati del proprio vivaio che ingrossa le file della Nazionale

Ferraro e Makelara in azzurro

Edoardo Ferraro e Engjel Makelara, classe 1996, sono stati chiamati da coach Brunello e dal suo staff per far parte della rosa della Nazionale under 17 con cui nello scorso mese di aprile disputano due incontri: uno a Liechfield contro l’England Schools con la vittoria degli Azzurri e uno a Piacenza contro la Francia terminato in parità. Facendo una chiaccherata con loro alla Club House del Rugby Bassano si scoprono i dettagli che contano. Non è sempre tutto oro ciò che luccica e a confermarlo all’unisono sono proprio i protagonisti di questa avventura. L’impegno e la dedizione rischiesti sono tanti e alla loro età non è poi così facile. Se del professionismo si vuole farne il proprio fututo è innanzitutto importante crescere con la mentalità giusta. La settimana di Edo e Engjel è scandita da ritmi caotici: sveglia all’alba, lavoro in palestra, colazione, scuola, pranzo, studio, allenamento in campo fino a sera, giusto il tempo di cenare e poi tra le braccia di Morfeo per ricaricare le batterie. A questo si aggiungono le partite, le trasferte, insomma, poco tempo per lo svago senza dimenticare che non c’è la mamma a casa ad aspettarli, già perché anche la lontananza da casa a volte è difficile da gestire. Ma a chiedergli se rinuncerebbero a tutto questo non esitano a sbarrare gli occhi e scuotere la testa, la passione per il rugby il traino di tutto, le iniziali difficoltà sono state superate con i compagni di squadra, con lo staff che li segue diventando una seconda famiglia su cui appoggiarsi. Certo, il lavoro è tanto e tosto, non basta avere del talento,

Hockey pista

La Geo&Tex cambia direzione

quello certo aiuta, ma il loro percorso è fatto di organizzazione, mentalità, maturazione, sacrificio, dedizione, umiltà,insomma non molto diverso dalle altre discipline, ma elementi indispensabili se si vuole raggiungere la meta e fare di una passione il lavoro di una vita. Negli “scampoli” di tempo è d’obbligo il passaggio per il quertier generele di Cà Baroncello, dove appena possono vengono e vedere i compagni, non li definiscono ex, che disputano le partite o anche solo un allenemento e altrettanta contentezza quando il “favore” viene restituito. Già, perché l’amicizia è rimasta con tutti e al Rugby Bassano si sentono a casa e agli allena-

tori con cui hanno cominciato a calcare i campi da gioco devono molto. Nei loro volti celano, a dispetto di una fisicità prorompente, la genuinità di chi è ben consapevole che la strada è lunga, ma l’aver intrapreso questo cammino è già una soddisfazione, che non mancano di condividere con le famiglie, primi sostenitori, che non esitano a seguirli, appena possono anche in trasferta. L’agenda dei due giovani rugbisti è già ricca di appuntamenti, uno stage estivo tra il Sud Afriva e l’Argentina è già in programma e nelle terre dove il rugby è un’istituzione, l’esperienza si preannuncia allettante, non solo sul piano tecnico, ma anche umano.

(V.P.) - Bassano revolution. Doveva essere un ritocco al trucco e via, un semplice maquillage, è diventata un’operazione di restyling vera e propria. Il Geo&Tex che cambia pelle e anche faccia. La rovinosa uscita playoff contro Forte dei Marmi, uno stop giunto in netto anticipo rispetto alle aspettative ha prodotto, oltrechè una lettera di richiamo inviata alla squadra, anche il drastico mutamento dei programmi del club che ha deciso di voltare radicalmente pagina a dispetto degli orientamenti iniziali. Sino a 15 giorni fa l’unica uscita avrebbe dovuto essere quella di Jimbo Taylor che aveva già da tempo annunciato urbi et orbi il suo ritorno in Inghilterra. E invece è scoppiata la rivoluzione. La proprietà, ingastrita e delusa dall’epilogo dell’annata ha preferito fare piazza pulita con alcuni tagli fragorosi. Così i primi a pagare il mancato lieto fine sono stati proprio Fernando Montigel e Gaston De Oro, le addizioni della scorsa estate: per entrambi, nonostante

il contratto in essere è arrivata la risoluzione dell’accordo. Come prima mossa in entrata la società giallorossa ha firmato lo spagnolo Alvaro Borja Gime-

Massimo Giudice riconfermato

nez, 24 anni, attaccante d’area lanciato nella Liga dal Vilanova e consacratosi in Italia al Forte dei Marmi dove ha recitato da protagonista nell’ultimo quadriennio, carnefice proprio del

Bassano nella serie playoff appena archiviata. Punta tecnicamente dotatissima e con grande confidenza col gol, nonchè specialista dei piazzati, Gimenez ha sottoscritto un biennale a scadenza 2015, ma non sarà l’unico ingresso del sodalizio del proprietari Scuccato. Bassano sta dragando il mercato spagnolo per agguantare un paio di nomi di primissima fascia (un difensore e un uomo d’area) per completare il roster visto che si è complicata nuovamente la strada che conduce a Davide Motaran, l’azzurro del Viareggio. Contestualmente la formazione del riconfermato coach Massimo Giudice, ha voluto continuare l’avventura con taluni degli alfieri attuali. Sicchè Massimo Cunegatti, Miguel Nicolas, capitan Giovanni Zen e Federico Ambrosio proseguiranno la loro esperienza con la casacca giallorossa. Rientreranno all’ovile Stefano Campagnolo e il portiere Mauro Dal Monte dal Trissino e forse il fratello Filippo Dal Monte dal Thiene.

Basket B Settimane decisive per il futuro dei club

Bassano e Marostica, c’è impasse

(V.P.) - Ufficialmente sottocanestro non si muove un accidente, ma qualcosa trapela. Maggio è il mese delle riflessioni e delle valutazioni su budget e programmi per Bassano e Marostica, a giugno finalmente tutti quanti assieme sapremo. Ma appunto, dicevamo

che qualcosa trapela sottotraccia e, anche se le riunioni decisive di qua e anche di là vanno in onda mentre stiamo andando in stampa, pare che almeno il Fiorese abbia sciolto i dubbi sui programmi prossimi venturi. In che modo? Scegliendo cioè di prendere parte ancora al campionato di serie B anche se i progetti vanno ancora approntati al dettaglio. Salvo contrordini a questo punto francamente clamorosi, Bassano sarà ancora protagonista nella cadetteria nazionale ed è di questi tempi una gran bella notizia se teniamo conto ad esempio che un club glorioso e plurititolato come la Fortitudo ripartirà a quanto pare dalla serie C.

Insomma, per il momento semplici indiscrezioni montanti mentre da Marostica attendiamo comunicazioni in attesa che si sblocchi la fase d’impasse. Infine una nota a margine: vedo nei playoff italiani di serie A l’uso dell’instant replay per le azioni controverse, ovvero la tecnologia che mette d’accordo tutti azzerando le polemiche e quasi mi commuovo. Il basket come fulgido modello di civiltà sportiva. E mi chiedo quando i parrucconi del calcio che è rimasto orgogliosamente al Medioevo decideranno di allinearsi all’era moderna uscendo dalla caverna in cui si sono ostinatamente rinchiusi.

Raduni

Tutti pazzi per le 500

(r.p.) Oltre 120 Fiat 500 hanno sfilato domenica 26 maggio per le vie di Fontaniva, lungo l’argine del Brenta e attorno le Mura di Cittadella; alcune rigorosamente di color rosa hanno anche salutato il passaggio del Giro d’Italia. Il “6. raduno della Mitica 500” è stato organizzato dalla E-Vent di Franca Lovisetto coinvolgendo un crescente interesse di pubblico con il sindaco Marcello Mezzasalma che ha fatto lo starter nell’affollatissima

Piazza Umberto I, mentre il parroco don Gianni Damini ha dato la benedizione. Apprezzato anche dall’amministrazione comunale di Cittadella l’angolo rosa con le miss Sofia, Sara e Tiziana.


il grande Sport

2 giugno 2013 - 7

altri sport

Ginnastica artistica La società di San Zeno di Cassola primeggia ai regionali

Associazioni

Birollo: «Tifiamo granata ma andiamo anche oltre» Silvano Birollo, presidente del Salf Granata Club, riceve l’orologio personalizzato dal super tifoso Gianni De Tranquilli

(r.p.) Educare attraverso l’evento sportivo, ovvero il primato dello sport-condivisione sullo sportcompetizione. Questo l’obiettivo del Salf Granata Club, costituito nel novembre 2012 a Fontaniva presso il Ristorante “Da Godi”, come spiega il presidente Silvano Birollo: «Abbiamo iniziato animati dalla passione sportiva per il Cittadella, ma fin dall’inizio avevamo chiari i nostri obiettivi che andavano ben oltre il tifo per la squadra granata. Il nostro club fonda le sue radici su due realtà storiche nel nostro territorio: Il Cittadella Calcio e la Polisportiva Salf Altopadovana in quanto aderiamo al Cccg e siamo un settore della Polisportiva di Fontaniva. L’esempio e gli insegnamenti del fondatore, il presidente Gabrielli, sono per tutte le componenti del Cittadella Calcio i principi su cui operare mettendo l’uomo prima del calciatore e i valori educativi prima del risultato. La tradizione della Salf segue un percorso analogo per una crescita della persona in tutti i suoi aspetti sportivi, umani, sociali e culturali”. «Il mondo sportivo è troppo spesso esasperato da una eccessiva competizione. Serve una cultura sportiva alternativa che controbilanci queste esagerazioni. Sul rettangolo di gioco le squadre si confrontano agonisticamente secondo regole precise, ma sugli spalti i loro sostenitori dovrebbero essere prima sportivi e poi tifosi. Il Salf Granata Club vuole coltivare i principi della lealtà sportiva e del fair play ponendosi l’obiettivo di apprezzare non solo la propria squadra ma anche quella avversaria. In questa ottica promuove il terzo tempo con le altre tifoserie e con le forze dell’ordine per una cultura di aggregazione e di amicizia che vuole ridurre le rivalità e sostenere la collaborazione. Interpretando la tradizione della Salf, la serata della nostra inaugurazione è coincisa con la “12. Festa della Fratellanza” per mettere in risalto il primitivo significato della bandiera olimpica e l’amicizia fra tutti i popoli di tutti i continenti. Abbiamo inserito nella Festa dello sport del 6 marzo 2013 la cena di solidarietà a favore della Fratres, una cooperativa che segue i diversamente abili, ragazzi che hanno un legame profondo e pluriennale con la squadra del Cittadella. Martedì 4 giugno ci

sarà la “fase 2 del Progetto Puapram” incontrando Suor Rosalba Battistella, ex campionessa della Salf e ora missionaria in Malawi, che si trova in Italia. L’incontro si tiene in Patronato a Fontaniva assieme al Gruppo Missionario e altre realtà che hanno aderito al “Progetto Sport-Solidarietà”. In settembre faremo visita con i ragazzi della Fratres all’Opera Immacolata Concezione di Padova, rispondendo all’invito di Silvana Sant. Le nostre iniziative –riprende Birollo- non sono riservate ai soli soci del club, ma aperte a tutti i club granata e alle associazioni e gruppi di volontariato del territorio». Non solo, quindi, tifosi del Cittadella, ma anche iniziative per uno sport a 360°. Conclude Silvano Birollo: «Abbiamo organizzato una bellissima trasferta a Modena per la partita con il Sassuolo integrandola con una apprezzata visita alla città».

Junior 2000 reginetta La Junior 2000 di ginnastica ritmica di San Zeno di Cassola fa incetta di medaglie al campionato regionale. Le squadre che hanno conquistato il podio durante la gara di ginnastica ritmica a squadre, svoltasi a Campagna Lupia, ottengono così l’ammissione alla finale nazionale che si svolgerà a Rimini tra il 31 maggio e il 3 giugno. Sono ben sei le squadre che, allenate con dedizione e professionalità dalle allenatrici Mirella Fusaro e Giorgia Stragliotto e dalla coreografa Alessia Zanella, si sono guadagnate un posto sul podio e insieme il biglietto d’accesso all’appuntamento imperdibile delle nazionali: due i gruppi che hanno occupato il gradino più alto, cioè il collettivo 5 cerchi della categoria Silver (composto da Silvia Cei, Zoe Dal Cengio, Giada Hart, Arianna Lunardon e Marta Marini) e le Joy giovanili col corpo libero (Giulia Bordignon, Sofia Cremonese, Giorgia Girolimetto, Sophia Ferraro, Camilla Pistorello, Gloria Guadagnin). Al secondo posto si sono classificate le giovani

Silver Open (Alexis Gazzola, Sofia Stefani, Valentina Stragliotto, Asya Zanandreis, Beatrice Zonta) col corpo libero, nonché le allieve Joy giovanili con il collettivo 3 cerchi (formato da Sofia Cremonese, Giorgia Girolimetto e Sophia Ferraro); della stessa categoria sono arrivate terze le ragazze del corpo libero (Sara Marie Bontorin, Elena Gazzola, Stefania Grimaldi, Greta Smaniotto, Nicoletta Ziino). Conquista infine un posto alle prossime nazionali anche la squadra 2 cerchi 1 nastro, quinta classificata (Joy giovanili: Chiara Bresolin, Sofia Cremonese, Anna Me). La preparazione in vista della gara è stata intensa, tanto che si è svolta non solo nelle strutture della società, ma anche in altre palestre per poter prolungare gli allenamenti, come nella nuova palestra di Pove, in via San Bortolo. Per le giovani ginnaste si prospettano dunque settimane di duri allenamenti, da affrontare con la felicità della vittoria e con gli occhi puntati verso un obiettivo più grande: sfidare le squadre più forti d’Italia.

Hockey inline

Asiago Vipers U17 campioni d’Italia

Facile trovare aggettivi positivi al termine del primo weekend di Finali Nazionali Giovanili svoltosi a Roana per definire il gruppo “della diciassette” guidato da coach Corà! Meno facile, sinceramente, pronosticare alla vigilia la vittoria visto il lotto delle concorrenti per lo scudetto di categoria. Una dimostrazione di forza, carattere e “attitudine” al gioco che, di fatto, anticipa di un anno le aspettative degli addetti ai lavori che indicavano i Vipers come principali candidati per lo scudetto U17, ma nel 2014! Percorso netto, si diceva, iniziato in stagione regolare (tutte vittorie e un solo pareggio) e proseguito con le gare “di qualificazione” del sabato dove capitan Micheal Rigoni e compagni hanno avuto la

meglio sul Forlì (8-3) e sul Treviso, vero spauracchio della vigilia, annichilito con un eloquente 7-0 frutto di una gara giocata con il cortello tra i denti (ma anche con una buona dose di “sale in zucca”) che è valsa quindi il primato nel gironcino e l’ipotetica semifinale “più semplice” (contro la seconda del girone opposto). Questo il roster dei campioni d’Italia. Portieri: Olando Filippo, Bonato Francesca. Esterni: Rigoni Micheal, Rigoni Nicola, Cantele Gianluca, Berthod Thomas, Marobin Tommaso, Cottignola Marco, Frigerio Emanuele, Longhini Davide, Tessari Sascha, Ambrosini Braian, Carli Marco, Lorito Grabiele, Cantele Riccardo. Allenatori: Corà Vittorio, Dall’Oglio Andrea.


il grande Sport altri sport Festa dello Sport Al Millepini parata di big e non solo di oggi e di ieri

L’Altopiano e i suoi campioni

2 giugno 2013 - 8 Atletica

Scuole a Staffetta, ecco le più veloci a Cassola

ro e vincitore di una gara di Coppa del Mondo. Tra i molti premiati, i pattinatori veloci Luca e Andrea Stefani, Nicola e Alessia Tumolero, Matteo Ambrosini, il nuotatore Gabriele Carli, il ciclista Ema-

Al Millepini si è svolta la Festa dello Sport 2013 a cura dell’assessorato allo Sport di Asiago in collaborazione con gli assessorati allo sport dei Comuni altopianesi e la Spettabile Reggenza.

Alla cerimonia hanno partecipato le società sportive dell’Altopiano e sono stati premiati gli atleti messisi in luce. Col sindaco Andrea Gios, l’assessore Franco Sella e i colleghi dei 7 Comuni, la presidente Roberta Marcolongo, l’assessore regionale Elena Donazzan, il presidente del Coni Veneto Gianfranco Bardelle, sono sfilati sul palco i big (ad ogni livello, dal giovanile all’amatoriale al professionistico). Il premio alla carriera è andato a Fabrizio Tescari, sciatore azzur-

nuele Rela, gli sciatori Giulia Gianesini, Asja Zenere, Davide Cantele, Luca e Sergio Rigoni, Marco Mosele, la pattinatrice Roberta Rodeghiero, il karateka Nicola Rossi, il climber Rocco Micheletto. In blocco premiato il comitato dei mondiali di sci nordico Master e i plurimedagliati Benetti, Martini e Crestani. Doppietta per l’Asiago Hockey, campione d’Italia assoluto e U14. Sul podio lo Stoccareddo calcio dei tanti Baù e il Volley Asiago delle ragazze Under 16.

Dall’alto e da sinistra: Sella e Deplano premiano le reginette dello sci Asja Zenere e del pattinaggio Roberta Rodeghiero. Da Gios il premio alla carriera a Fabrizio Tescari. Ancora Sella con Mantovani e l’hockey Asiago campione d’Italia, e Tagliaro con lo Stoccareddo calcio dei Baù, neopromosso. Infine la premiazioni degli U14 dell’Asiago Hockey, vincitori del titolo tricolore di categoria

Il maltempo non ha rovinato le due manifestazioni organizzate a Cassola dal Gs Marconi con 300 atleti in pista nella quarta edizione di “Scuole a staffetta Trofeo Città di Cassola”. Le coppe delle staffette più veloci sono andate alla Eis School di Rosà con una strepitosa doppietta per le elementari; per prime e seconde medie ha dominato invece il Comprensivo di Mussolente, vincendo sia al maschile che al femminile. Per le terze medie vittorie per il Comprensivo Marconi di Cassola al maschile e il Comprensivo Rodari di Rossano Veneto con le femmine. In pista e sui podi si sono viste anche le formazioni del Vendramini di Bassano, del Comprensivo di Mason Vicentino, del Comprensivo della Valbrenta. Le premiazioni si sono svolte il sabato successivo nell’ambito

del XII meeting giovanile Atletica & Simpatia Lunardon Sport. Il Gs Marconi e l’assessore Davide Tosatto, a nome del Comune che patrocinava gli eventi, hanno premiato: per le elementari Eis School, Mussolente e Rossano. Per le medie, Mussolente, Cassola, Rossano, Eis e Valstagna, rappresentati nell’occasione da insegnanti e atleti. Quanto al meeting, ha visto la consueta partecipazione da mezzo Veneto. Tra i risultati, da segnalare nell’alto l’1,78 superato da Simone Busnardo, atleta di casa, che ha così staccato il pass per i prossimi campionati italiani Cadetti.

PIsta L’anello cittadino è stato oggetto di uno studio

Velodromo Mercante, croce e delizia Un passaggio degli atleti al Velodromo Rino Mercante, teatro di moltissime manifestazioni ad alto livello

Velodromo Mercante, croce e delizia per la città di Bassano. Delizia perchè l’anello cittadino è stato in tante occasioni teatro di grandi eventi, in primis dei Mondiali su pista, ma anche di tantissime edizioni entusiasmanti delle Sei Giorni. Croce perchè i segni del tempo che passa purtroppo stanno affiorando in maniera più che evidente. E per correre ai ripari servono molti quattrini, che in questo momento è difficile reperire. Così l’impianto “Rino Mercante” è stato oggetto di un sopralluogo da parte di un team di esperti voluto per l’occasione dal presidente del Veloce Club Bassano 1892, Massimo Fantin. Dopo l’affidamento dell’impianto sportivo daparte dell’amministrazione comunale, la dirigenza giallorossa si è impegnata a verificare le condizioni del manto nell’ottica di un futuro intervento di manutenzione. “Abbiamo voluto capire qual è lo stato di salute del fondo e di che cosa necessita per tornare alla totale efficienza – spiega Massimo Fantin -. Basta un’occhiata per capire che il Mercan-

te ha bisogno di essere sistemato, ma abbiamo preferito avvalerci del parere dei migliori esperti in questo campo. Alcuni tecnici della Mapei e di un team specializzato nella realizzazione di velodromi hanno ispezionato tutti i 400 metri dell’anello, rilevando l’estensione delle parti scrostate e delle crepe. Il primo sopralluogo ci ha fornito pareri rassicuranti: il velodromo è agibile”. Gli esperti hanno prelevato alcuni campioni del materiale di rivestimento per analizzare il grado di deterioramento. Terminate le loro valutazioni prospetteranno alcune possibili soluzioni, tenendo conto della pendenza delle curve e del fatto che la pista è a cielo aperto. “Vogliamo consentire ai giovani ciclisti di allenarsi e di gareggiare in sicurezza – aggiunge -. Trovare i soldi per finanziare i lavori non sarà affatto facile ma intendiamo provarci, in sinergia con il Comune e con chiunque voglia dare il proprio contributo. Ho scritto una lettera a Squinzi, presidente del gruppo Mapei, proponendogli una collaborazione per ridurre al minimo i costi”.

Gp Comunità

Le giovani leve scalpitano

Il Trofeo Rem Device, disputato al Velodromo Mercante di Bassano, ha visto scendere in gara oltre 80 atleti, tra allievi ed esordienti, per confrontarsi nella gare di velocità e nella corsa a punti. Ad aggiudicarsi le otto gare in programma sono stati, nella categoria allievi: velocità, 1. Andrea Zorzetto (Uc Mirano) davanti a Enrico Zanoncello (Luc Bovolone); corsa a punti allievi, 1. Enrico Zanoncello (Luc Bovolone) e 2. Moreno Marchetti (Bicisport); velocità donne, 1. Martina Stefani (Sc Vecchia Fontana) e 2. Nadia Quagliotto (Vc Schio 1902); corsa a punti donne, 1. Martina Stefani (Sc Vecchia Fontana) che ha preceduto Debora Silvestri (Vc Isolano Stella 81). Nella categoria esordienti: velocità, 1. Ivan Berto (Gs Cartura Nalin) davanti a Michael Minali (Vc Isolano Stella 81); corsa a punti, 1. Christopher Consolaro (Vc Isolano Stella 81) e 2. Lorenzo Giordani (Vc Isolano Stella 81); velocità donne, 1. Alessia Sartori (Sc Vecchia Fontana) che ha preceduto Francesca Selva (Industrial Moro); corsa a punti donne, 1. Ilaria De Beni (Vc Isolano Stella 81) e 2. Laura Tomasi (Industrial Moro).


il grande Sport

2 giugno 2013 - 9

ciclismo

Downhill

Bis di Basso (Team Dirty) alla Caluga-Sant’Eusebio

Gara di downhill all’insegna del bassanese Alessandro Basso (Team Dirty) che per il secondo anno consecutivo si aggiudica la competizione. Il tracciato, predisposto dagli organizzatori, prevedeva la discesa che dalla località Caluga di Bassano del Grappa conduceva a Sant’Eusebio. Il presidente provinciale della Fci Vicenza Luigi Comacchio, presente alle premiazioni, ha vestito le maglie dei campioni provinciali di Vicenza, ribadendo la rilevanza della disciplina del downhill nel territorio vicentino, sicuramente la più rappresentata a livello nazionale sia per numero di società e di tesserati. Classifica di categorie. Open 1. Basso Alessandro Team Dirty; Juniores 1. Cerato Riccardo - Lee Cougan Gravity Project; Allievi 1. Vallotto Andrea - 3 Stars; Esordiente 1. Masiero Giacomo - 3 Stars; Elite Sport 1. Giubilato Federico

- Reunion DH Team; Master 1/2 1. Mattos Niccolò - Team Dirty; Master 3/4/5/6 1. Dorigatti Marco - Team Dirty; Donne agoniste 1° Tagliapietra Camilla - ASD 3 Stars; Donne amatori 1. Tremul Denise - Lee Cougan Gravity Project. Campioni provinciali di Vicenza: Esordienti Masiero Giacomo - ASD 3 Stars; Allievi Vallotto Andrea - ASD 3 Stars; Juniores Cerato Riccardo - Lee Cougan Gravity Project; Under Basso Alessandro - ASD Team Dirty; Elite Sport Giubilato Federico - ASD Reunion DH Team; Master 1 Mattos Niccolò - ASD Team Dirty; Master 3 Dorigati Marco - ASD Team Dirty; Master 4 Giacomini Michele - AR6-Nicolai Dh Team; Master 5/6 Zen Pierangelo AR6-Nicolai Dh Team; Donne Agoniste Tagliapietra Camilla - ASD 3 Stars; Donne Amatori Tremul Denise - Lee Cougan Gravity Project.

Granfondo

Nove Colli vince Cunico, Zen terzo a Belluno E’ stata una prova di grande determinazione quella che, il 19 maggio, ha portato Roberto Cunico al successo nella 43a edizione della Nove Colli: il vicentino infatti ha saputo ben gestire la corsa e interpretare al meglio le fasi critiche della gara, rispondendo agli attacchi degli avversari e giocando la carta vincente sull’ultima salita di giornata, fino a conquistare la vittoria con una passerella trionfale sul rettilineo d’arrivo di Cesenatico (Fc). Al via 12 mila ciclisti, per la regina delle granfondo, con i pretendenti al successo che non hanno tardato a rivelare le proprie intenzioni: a circa metà percorso, sulle rampe del Barbotto, è evasa una fuga di cinque elementi in cui si è inserito anche Cunico. Il drappello ha proseguito di comune accordo fino alla salita di Pugliano, dove è stato Lombardi a tentare l’azione di sorpresa,

subito rintuzzato dal vivacissimo atleta del Team Beraldo since 1982. Il tentativo comunque non ha prodotto un’ulteriore selezione dei battistrada, che sono così giunti compatti all’imbocco del Gorolo, l’ultima asperità di giornata. E’ stato qui che Cunico ha sfoderato la propria grinta con un attacco perentorio che gli consentito di acquisire, in prossimità dello scollinamento, un margine di 25 secondi sui rivali. Continuando con decisione nella sua azione, il trentaquattrenne veneto ha così raggiunto in solitaria il traguardo, potendo festeggiare la vittoria più importante in carriera a braccia levate. Sempre domenica 19 maggio il Team Beraldo since 1982 ha festeggiato un altro ottimo piazzamento, con Enrico Zen terzo nellaGranfondo Bellunese Shockblaze di Belluno.

Dilettanti La gara organizzata dall’Us Angarano è in programma il 2 giugno

Irrompe il Degasperi

Il trofeo “Degasperi” compie 59 anni e il prossimo 2 giugno farà il suo ingresso a Bassano dopo che sarà partito da Trento, come ormai vuole la tradizionale legge dell’alternanza. La manifestazione è stata presentata a Palazzo Sturm, alla presenza dei dirigenti dell’Us Angarano e dell’Us Aurora che da sempre collaborano per organizzare questo evento storico, sportivo e culturale. Presente anche il sindaco Stefano Cimatti che non ha perso l’occasione per elogiare la corsa e la memoria di De Gasperi. Il trofeo Degasperi è una gara ciclistica internazionale per dilettanti Under 23 ed Elite che si snoda su un percorso di 170 chilometri. La manifestazione, che unisce Veneto e Trentino, nasce dalla collaborazione tra Us Angarano e Us Aurora di Trento, con lo staff di casa che da tempo è al lavoro per organizzare la manifestazione più importante tra tutte quelle che si vestono

dei colori gialloazzurri: oltrepassato il traguardo dei sessant’anni, la polisportiva con sede in destra Brenta consolida la volontà e la passione per una classica del ciclismo che vede aumentare di anno in anno la propria popolarità. La corsa prenderà il via da piazza Dante a Trento, davanti al Palazzo della Regione per poi dirigersi verso sud. I dirigenti dell’Angarano, stanno valutando la possibilità di proporre un circuito finale che vedrà impegnati i ciclisti a percorrere tre volte la salita della Rosina, con l’aggiunta dell’impegnativa ascesa di Contra’ Soarda a S. Michele di Bassano, e passare tre volte sotto lo striscione d’arrivo. I traguardi volanti a premio, previsti a ogni passaggio, renderanno la corsa più spettacolare e avvincente. Al terzo passaggio, dopo aver percorso le vie che fiancheggiano il centro città, i ciclisti termineranno la gara, con uno sprint in viale Delle Fosse.

59° 2 Giugno 2013

TROFEO ALCIDE DEGASPERI Corsa Ciclistica Internazionale per Dilettanti Elite - Under 23 Percorso da Trento a Bassano del Grappa Arrivo in V.le delle Fosse alle 17:00 circa

U.S. Angarano Bassano del Grappa

U.S. Aurora Trento

Un passaggio della corsa nelle passate edizioni

MAIN SPONSOR


2 giugno 2013 - 10

il grande Sport ciclismo Dopo l’evento rosa Si culla la nuova idea: Cima Pantani

Giro da incorniciare e Riese non si ferma: ecco il sogno segreto

Festa doveva essere e festa in grande stile è stata per Riese e tutta la comunità della Marca Trevigiana, che si è vestita di rosa salutando la partenza dell’ultima tappa da Riese a Brescia. Un successo di pubblico, baciato da un sole finalmente splendente. Ma dopo lo strepitoso successo, più di qualcuno già si chiede: cosa manca ancora, visto che a Riese Pio X il ciclismo ha regalato praticamente tutto? Dall’arrivo del Giro nel 2007, all’ospitalità del campionato italiano nel 2009 e alla partenza del Giro Rosa, e ora la partenza dell’ultima tappa del Giro d’Italia: insomma il ciclismo di alto rango è di casa a Riese. «No, ora basta, sono stanco e devo riposare e riprendermi da questo tritacarne che è stata l’organizzazione dell’evento» taglia corto Gianpietro Bonin, presidente del Comitato Tappa e artefice del successo riesino. Lui naturalmente non lo dice ma la realtà è che si sta accarezzando un’idea “segreta”. I sogni qui, essendoci di mezzo Riese, poi si traducono quasi sempre in realtà. Il “sogno” è quello di portare una cronometro del Giro in zona. E riunire diversi Comuni e far disputare questa crono con arrivo magari nel prestigioso centro storico di Asolo. Ma si pensa anche ad una crono lungo la Pedemontana, su un percorso ondulato e bellissi-

mo oltre che impegnativo. E poi, perché no, si sogna di far passare il Giro per il Col Mostacin, già famoso per il Gp Poggiana ma meritevole di diventare una delle salite di razza del Giro, e battezzarlo finalmente “Cima Pantani”… Insomma, possiamo stare cer-

è partito il Giro, probabilmente 30 mila lungo il percorso), ora si sposterà nuovamente l’obiettivo o il sogno, in attesa che diventi realtà. A Riese il giorno del Giro proprio la sede di Pasta Zara della famiglia Bragagnolo ha aperto i cancelli, tramuntandosi in vil-

Le autorità con Nibali prima del via e la maglia rosa tra il pubblico festante di Riese (foto R.Scanferla photors.net e Publiweb)

Si sogna una crono rosa tra Asolo e il Col Mostacin Di solito qui le idee diventano realtà

ti che, passato questo “tsunami” sportivo che ha investito Riese Pio X ma anche Loria (si parla di circa 10 mila persone dentro lo stabilimento di Pasta Zara dove

laggio rosa, casa di tutti i cittadini e degli sportivi. Palloncini e coccarde rosa, bandiere tricolori, una folla festante, biciclette e cicloturisti si sono impadroniti

delle strade per un giorno. Dopo un Giro caratterizzato dal maltempo, dalla pioggia e dal freddo, a Riese è sbocciata l’estate. Per la prima volta il Giro è

partito all’interno di un edificio produttivo: il villaggio di partenza è stato assediato dai tanti tifosi ed appassionati, che hanno poi attorniato il palco della presentazione per salutare ed omaggiare i campioni, quasi accarezzarli, e fotografarli da vcicino. Dalla maglia rosa Vincenzo Nibali (Astana), all’uomo più veloce in bicicletta, Mark Cavendish (Omega-Quickstep), ad un commosso Stefano Garzelli (Vini Fantini) che a Brescia ha appeso la bici al chiodo, fino al ragazzo di casa Oscar Gatto (Vini Fantini). Ma per tutti i protagonisti “girini” c’è stato un applauso, nell’ultima alba del-

Via Salute, 48 ROSSANO V.TO (VI) Tel. 0424 84.80.92 4.000 mq di esposizione

www.magazzinibizzotto.it

la corsa rosa che ha scaldato i corridori dopo il tremendo gelo delle Dolomiti. E’ rimasto estasiato il sindaco Gianluigi Contarin, che ha omaggiato con un premio la maglia rosa, godendosi poi la cittadinanza festosa: “Questo è un evento sportivo storico per il nostro comune. Un ringraziamento particolare va a tutto il comitato di tappa per la fantastica organizzazione. Un grazie anche a RCS Sport e al Giro per l’omaggio fatto alla nostra comunità che a breve inizierà i festeggiamenti per l’ultimo Papa Santo della Storia: Pio X». Visibilmente raggiante anche Giampietro Bonin, promotore e presidente del Comitato tappa guidato dall’Asolo Bike Poggiana: «Una festa bellissima e colorata, con tantissima gente sulle strade. Un grande successo per la nostra macchina organizzativa e per il nostro comune. Una domenica rosa da ricordare a lungo per Riese». Gabriele Zanchin


2 giugno 2013 - 11

il grande Sport Dilettanti Gran finale per la corsa internazionale del Gp Città Murata

L’Alta Padovana vola

È Michael Bresciani il vincitore dell’Alta Padovana Tour, seconda tappa del Tofeo Internazionale Grand Prix Città Murata, con 153 atleti iscritti delle maggiori squadre Elite-Under 23. Il portacolori della Marchiol Emisfero Site si è imposto in volata davanti al compagno di squadra Fabio Chinello dopo 138 Km del percorso con spettacolare raduno-ritrovo allo Stadio Tombolato in gemellaggio col Cittadella Calcio e successiva partenza da Porta Treviso davanti alle maestose Mura di Cittadella con starter il sindaco Giuseppe Pan e l’assessore allo sport Francesco Pozzato assieme ai colleghi di Galliera Veneta Stefano Bonaldo e Paolo Bianco ed al referen-

te allo sport di Tombolo Enzo Andretta e quindi il traguardo fissato all’arrivo nella lunga via Roma di Galliera Veneta con il pubblico delle grandi occasioni. Parecchio movimentata la corsa su un terreno totalmente pianeggiante con alcuni tentativi di fuga ben presto sempre rientrati. Dopo il primo giro di 34 Km, il gruppo dei corridori si è spaccato al quarto dei sei giri di 17,6 Km in due tronconi con un distacco di 40” per ricompattarsi al 65° Km di gara. L’unico traguardo volante a quattro giri dalla conclusione è stato appannaggio di Stefano Perego su Andrea Cordioli, mentre un gruppetto di quindici al comando ha imposto un ritmo piuttosto elevato rag-

La visita

Cancellara da Gazzola tifa per il made in Italy Fabian Cancellara, il ciclista svizzero del Team Radioshack Leopard Trek, uno degli atleti più famosi del panorama ciclistico attuale, ha fatto visita agli stabilimenti Gaerne a Coste di Maser, storico marchio italiano nella produzione di scarpe da ciclismo. Fabian ha trascorso un’intera giornata nell’azienda e ha visitato il reparto di produzione. Per l’occasione Gaerne, si legge in un comunicato aziendale, ha voluto dedicargli una versione speciale della Carbon G.Chrono personalizzata con i colori della bandiera svizzera, paese di origine di Cancellara e, nella parte posteriore le sue iniziali in color oro, come le medaglie conquistate quest’anno. Scarpa che sarà disponibile a breve dai rivenditori. Per Fabian c’è stata inoltre un’ulteriore sorpresa: patron Ernesto Gazzola (le iniziali danno il nome all’azienda) ha voluto regalare al campione svizzero la scarpa n. 1 dell’esclusiva serie numerata “Ernesto’s carbon G. chrono 80th Special Edition” prodotta in sole 80 paia. Un pezzo davvero prezioso - prosegue il ccomunicato stampa - che racchiude la tradizione e la qualità del made in Italy: tomaia in vera pelle, con impresse le tre date storiche attraverso una punzonatura a caldo: 1932, anno di nascita del titolare Ernesto Gazzola; 1962, anno di Fondazione dell’azienda e 2012, a rappresentare il presente e il futuro, con sfide e traguardi da affrontare e da vincere. A completare il tutto, l’autografo di Ernesto Gazzola. Il Patron di Gaerne, Ernesto Gazzola, tutto il suo staff, il fon-

Due momenti della visita di Cancellara a Maser, ospite di Ernesto Gazzola

datore e presidente di Boa Technology, marchio californiano che collabora con l’azienda veneta, giornalisti e rivenditori intervenuti, hanno potuto congratularsi con Fabian brindando alle vittorie di questa stagione, iniziate con il GP di Harelbeke e proseguite con il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix. Gazzola si è detto orgoglioso di avere come testimonial Cancellara e il suo team. L’atleta svizzero, da parte sua, ha apprezzato la visita alla produzione delle “sue” scarpe, fatte a mano da gente che, ha detto, dà il massimo ogni giorno, come un corridore: «Corriamo su due strade uguali, quando vinco io vincono anche le scarpe Gaerne». Gary Hammerslag, fondatore e presidente di Boa Technology, ha infine spiegato che la collaborazione con l’azienda trevigiana procede a gonfie vele: «Ci siamo incontrati perchè le nostre filosofie produttive collimano».

La volata finale con la vittoria di Michael Bresciani mentre a destra le premiazioni ufficiali dopo la gara

giungendo 2’ di vantaggio. Ad un giro dalla conclusione il terzetto composto da Daniele Cavasin, Paolo Lunardon e Stefano Perego ha tentato l’ultima fuga, ma a sei Km dall’arrivo è stato ripreso

mentre i velocisti si preparavano alla volata finale, che è stata dominata dalla Marchiol Emisfero Site già nell’albo d’oro col nome prestigioso dell’argento-iriato su pista Elia Viviani ei protagonista

tra i professionisti. Perfetta l’organizzazione del Veloce Club Tombolo con in testa il presidente Angelo Berno coadiuvato dal vice Sergio Pivato, eccellente il servizio d’ordine e di centinaia di volontari che hanno concorso al successo di questa iniziativa patrocinata da numerosi enti istituzionali e sportivi e che assegna il Premio di Rappresentanza della Repubblica. Molto ammirata la madrina della manifestazione Giulia Pegoraro campionessa delle Lupe Basket Fila San Martino di Lupari, neo

promosse in A1 che ha seguito la gara dall’ammiraglia di Pierluigi Basso (direttore di corsa con l’ex-iridato Cipriano Chemello) e che ha donato una sgargiante maglietta sociale ai corridori sul podio. Prossimo appuntamento il Medio Brenta di domenica 7 luglio con la classica estiva che partendo da Villa del Conte e scalando l’Altopiano di Asiago prevede lo splendido traguardo dentro le Mura di Cittadella per la 3. prova del Grand Prix che vede la Zalf Fior in testa con 20 punti, Marchiol 17, Colpack 11.


Il Grande Sport n. 181 del 02.06.2013  

pagine di pura passione, quindicinale sportivo

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you