Issuu on Google+

BORSO DEL GRAPPA 1999 - 2004

5 anni di impegno per il nostro paese Il percorso, le azioni e i risultati dell'amministrazione Leghista del Comune di Borso del Grappa Siamo prossimi alla scadenza del mandato elettorale, che ha visto la lista “LEGA NORD – LIGA VENETA e NUOVI ORIZZONTI farsi carico dal giugno 1999 dell'amministrazione del Comune di Borso del Grappa. Allora abbiamo scelto un programma chiaro e definito, cercando chi fosse disposto a portarlo avanti senza attendersi nulla in cambio. Un programma con scelte applicative diverse, con persone disposte e disponibili, con lo spirito innovativo quale è il nostro movimento politico, nato per cambiare le cose e non per restaurare un non tanto lontano passato. Ci siamo proposti proprio come “novità” e abbiamo affrontato il mandato con entusiasmo e dedizione, consapevoli delle difficoltà che avremmo incontrato per raggiungere i difficili obbiettivi che ci eravamo posti. Il largo consenso ottenuto lo abbiamo vissuto come un debito di riconoscenza nei confronti dei cittadini ed ora crediamo di aver saputo tenere fede agli impegni assunti. Non sono mancati i momenti di difficoltà che hanno messo subito alla prova la solidità e la compattezza della compagine politico amministrativa, ma sono sempre stati affrontati con la passione e l'entusiasmo che ci hanno permesso

di superare molti ostacoli e raggiungere importanti traguardi.

E' così arrivato il momento di tirare le somme con onestà e serenità, di guardare alle cose fatte, consapevoli di aver sempre lavorato per la crescita di tutta la comunità. Ciò non toglie che non vi siano in futuro margini di miglioramento (5 anni passano veramente in fretta); miglioramento che intendiamo perseguire con obiettività ed umiltà, consapevoli che dallo Stato abbiamo avuto e avremo sempre meno se il nostro progetto di riforma costituzionale non verrà attuato. In poche parole noi siamo più portati alla libertà e alla giustizia che alla sudditanza, vogliamo cioè esser padroni a casa nostra. Ringrazio sentitamente chi mi ha aiutato in questi cinque anni di mandato amministrativo e tutti coloro che mi hanno confortato con suggerimenti e segnalazioni, ai quali ho cercato, nel limite del possibile, di dare una adeguata risposta. Igino Fabbian SINDACO numero unico autofinanziato e realizzato dalla lista “LEGA NORD – LIGA VENETA e NUOVI ORIZZONTI maggio 2004


Cinque anni fa il programma amministrativo, oggi un doveroso bilancio: massima trasparenza e soprattutto massimo interesse a verificare con ciascun cittadino, punto per punto, se ciò che avevamo sottoscritto è stato mantenuto.

Vogliamo ricordare che appena eletti e formata la nuova Giunta Comunale, il primo problema che abbiamo dovuto risolvere ha riguardato il bilancio comunale e in particolare il conto consuntivo dell'anno precedente. Chi aveva amministrato ci aveva lasciato una scomoda eredità , sull'orlo del “dissesto finanziario” e alla fine del mese di Luglio del 1999 si correva il rischio di essere governati da un Commissario nominato dal Prefetto. Con l'aiuto del revisore dei conti, che ci aveva avvisato dei problemi abbiamo cercato di sistemare l'assetto finanziario del Comune, e verso la metà del mese di Agosto abbiamo approvato il conto consuntivo sotto l'aspetto tecnico, utilizzando l'avanzo di amministrazione, che era di circa 120 milioni di lire non per investimenti, bensì per pagare debiti pregressi di varie ditte e professionisti per prestazioni eseguite dal 1994 in poi. Abbiamo inoltre dovuto ricostruire anche tutto il servizio economato partendo dall'anno 1996 perché, semplicemente, i conti non tornavano. Quanto sopra, per far capire in quale clima e in quale situazione abbiamo intrapreso il nostro mandato di Amministratori. Allora avevamo promesso e ci siamo impegnati per: – La ristrutturazione della Scuola Elementare di Semonzo ......................................... 1 – La costruzione di una nuova Scuola Materna di Sant'Eulalia .................................. 2 – La riqualificazione del centro urbano di Borso ........................................................ 3 – Un nuovo parcheggio per il Cimitero di Semonzo ................................................... 4 – La nuova piazza di Sant'Eulalia .............................................................................. 5 – La difesa dell'ambiente ................ ..................................................................... 6 – I Rifiuti ................................................................. ............................................ 7 – Servizi sociali ...................... ............................................................................... 8 – La Sanità ................................................................................................. ............ 9 – Lo Sport la Cultura le Associazioni ...................................................................... 10 – Le produzioni locali .............................. ............................................................. 11 – I Lavori Pubblici. ................................................................................................ 12 – Commercio Industria Artigianato ........................................................................ 13 – La finanza pubblica il Bilancio .......... ................................................................ 14 – L'Urbanistica e il P.R.G. .... ................................................................................... 15 – Una Scuola per l'Infanzia ...................................................................................... 16 – I rapporti con altri Enti.......................................................................................... 17

Questo, per sommi capi, quanto avevamo a suo tempo in animo di realizzare nei cinque anni trascorsi. Oggi vogliamo proprio documentare ciò che abbiamo potuto fare malgrado la burocrazia, operando quelle scelte strategiche che chi amministra deve per forza di cose privilegiare a scapito di altre, magari più visibili, forse meno impegnative.

Fatti non parole


(1) La ristrutturazione della scuola elementare di Semonzo Chi ci ha preceduto nell'amministrazione pubblica aveva in animo la vendita della scuola, probabilmente a una delle solite agenzie immobiliari. Questi sono ancora della stessa idea e cioè di rendere quell'edificio un condominio. magari di mini appartamenti o peggio monolocali. Appena eletti, anche con la approvazione del comitato che difendeva la scuola, noi abbiamo intrapreso un'azione puntuale e programmato di risanamento. Senza far perdere neanche un giorno di lezione ai ragazzi, siamo riusciti in 4 anni a ristrutturare tutta la scuola, curando dapprima gli impianti e le parti tecnologiche e poi, durante la chiusura delle attività scolastiche tutto il resto: serramenti, intonaci, scala di sicurezza e tutto l'esterno. Abbiamo anche avuto la conferma, a seguito di un'indagine statica, del buon grado di antisismicità del fabbricato. Oggi tutto ciò è ben visibile e fruibile. –

Una nuova Scuola Materna a Sant'Eulalia

Come per la scuola di Semonzo, anche a Sant'Eulalia ci siamo trovati con un progetto di ristrutturazione della scuola Elementare e Materna Statale. Dopo aver preso visione dello stabile, cosa probabilmente non fatta dalla precedente amministrazione, ci siamo rivolti a dei tecnici e agli addetti scolastici del settore. La struttura in questione è stata giudicata irrazionale , non idonea per una ristrutturazione, al limite delle regole di staticità e priva di qualsiasi presupposto per divenire una scuola moderna. In parole povere la ristrutturazione è stata giudicata una spesa irrazionale e sprecata. Preso atto di questo la costruzione di una scuola Materna nuova e moderna era la giusta soluzione, come promesso. Abbiamo prima acquistato l'area occorrente e poi abbiamo svolte tutte le pratiche burocratiche e soprattutto finanziarie occorrenti. Allo stato attuale siamo soddisfatti perché: I progetti preliminari sono approvati, 'opera completa che può accogliere fino a 90 bambini, è interamente finanziata. Abbiamo sottoscritto con La Regione del Veneto un accordo di programma ottenendo un contributo di € 669.979,57 a fondo perduto. L'intera opera avrà un costo di € 2.051.000,00 e verrà realizzata in circa 24 mesi. Un grazie particolare all'Assessore Regionale alla Cultura e all'Identità Veneta Prof. Ermanno Serrajotto della Lega Nord – Liga Veneta che ci ha aiutato per questo finanziamento, noi infatti siamo convinti che sia utile per una amministrazione essere politicamente schierati.


(3) La riqualificazione del centro urbano di Borso Questa nostra iniziativa è stata ed è particolarmente osteggiata da chi oggi si ripropone per “governare” il nostro paese ritenendo sbagliate le nostre scelte. Forse pochi sanno la lunga storia di quanto stiamo per realizzare e a questo punto riteniamo opportuno rendere edotti tutti i cittadini del Comune di Borso del Grappa. La Scuola Elementare era stata costruita negli anni 30 e anche la adiacente casa del fascio che dopo varie destinazioni è diventata Centro Sociale. Nel 1989 a seguito della costruzione di una nuova Scuola Elementare vicino alla palestra e alla Scuola Media l'edificio scolastico veniva abbandonato. Sempre in quel periodo veniva adottato il PRG “Piano Regolatore Generale”, tra le altre cose veniva approvato anche un PP “Piano Particolareggiato” relativo all'area della vecchia scuola e del centro sociale, sul quale veniva commissionato uno studio di massima che prevedeva la demolizione della scuola, la costruzione di un nuovo edificio residenziale/direzionale e una piazza quale centro di aggregazione. Il piano prevedeva di “cedere” tutta l'area e la cubatura prevista dal PP in cambio della realizzazione della piazza. Il 17 giugno 1996 la Lega Nord (minoranza in Consiglio) ha presentato una bozza di progetto per la riqualificazione di tutto il centro urbano di Borso, distribuito allora anche ai cittadini (vedi prospetto allegato. Tale bozza era stata apprezzata dal Consiglio Comunale di allora il quale nel 1998 indiceva un concorso di idee, con un costo preventivato dell'opera di circa 8 miliardi di vecchie lire, e anche all'ora si parlava di “cessione” dell'area al miglior offerente. Nel 1999 la nostra amministrazione Lega Nord – Liga Veneta e Nuovi Orizzonti una volta eletta riprendeva in esame il proprio progetto del 1996 elaborando sul Piano Particolareggiato dell'area della scuola e del centro sociale un progetto di indirizzo che prevede una zona residenziale – commerciale – direzionale, con la piazza per il mercato e parcheggi pubblici. E' stata redatta da un tecnico di fiducia una perizia di stima del valore dell'area e indetta un'asta pubblica per la conseguente vendita dell'area stessa. L'introito di tale alienazione ci ha permesso di progettare la riqualificazione del centro compreso l'ampliamento del Municipio e l'acquisizione della vecchia sala parrocchiale. La ristrutturazione del Municipio, che è carente di sala


consigliare, archivio, altri uffici e ascensore per i disabili, viene finanziato interamente con i proventi dalla vendita dell'area ex scuole. Piccola osservazione: Piazza Paradiso e centro sociale a Semonzo costo 1miliardo e 33 milioni (anno 1999); nuova piazza mercato, parcheggi e nuovo edificio comunale a Borso costo zero per i cittadini un nuovo parcheggio per il cimitero di Semonzo Che nel cimitero di Semonzo non vi sia mai stato un parcheggio è cosa vecchia. Da anni si sentiva l'esigenza di tale opera, ma come al solito, a furia di parlarne nulla veniva realizzato. La richiesta venuta dai nostri consiglieri di Semonzo ha avuto dei tempi abbastanza lunghi perché le possibilità di intervento erano più di una. Premesso che siamo contrari ad eventuali espropri per qualsiasi intervento, abbiamo intrapreso l'iniziativa di convincere chi avrebbe dovuto cedere il terreno per la realizzazione dell'opera. Di ciò si è fatto carico l'Assessore ai Lavori Pubblici Alfonso Battilana che ha trovato la disponibilità dei proprietari del terreno a Sud del cimitero. Dopo aver concordato la quantità del terreno e il costo, abbiamo commissionato ad un Professionista di Semonzo il progetto dell'intervento per un costo totale di 90 milioni di lire. Avuti tutti i permessi necessari da parte dei Beni Ambientali e acquistato il terreno abbiamo realizzato l'opera. Oggi possiamo dire che un dignitoso parcheggio per chi si reca in cimitero a Semonzo c'è e anche questo significa Fatti e non parole. .

(5) Piazza di Sant'Eulalia La progettazione e la copertura finanziaria è pronta e anche Sant'Eulalia che gode di una posizione strategica importante, avrà la sua piazza.

(6)

I Lavori Pubblici

Nonostante le recenti normative sui lavori pubblici abbiano imposto procedure più burocratiche e complesse per l'approvazione dei progetti e l'esecuzione delle opere, l'Amministrazione Comunale in questo quinquennio ha progettato e realizzato alcune opere significative e altre in fase di progettazione e di esecuzione. Qui di seguito saranno elencate le opere più significative realizzate o in corso di realizzazione: Viabilità Al settore viabilità è stata posta un'attenzione particolare con l'obbiettivo principale di rendere più sicure le nostre strade. I lavori sono stati realizzati attraverso numerosi progetti approvati nel


corso di questi cinque anni, e precisamente: RIASFALTATURE Vie Appocastello (in parte), Busa, Crosera Borso (in parte), Don Italo Girardi, Madonna dell'Aiuto (in parte), Monte Grappa (in esecuzione), Roma, San Pietro nella frazione di Borso; Vie Asolana. Caio Vettonio (in parte), Duca (in parte) nella frazione di Sant'Eulalia; Vie Casale (in parte), Casale Nuovo (in parte), Caserboli (in parte), Cenghia (in parte), Chiesa (in parte), Giovanni da semonzo (in parte), Molinetto (c/o Canal) MARCIAPIEDI Via Valentinetti/Corte, Prai (parte) Martiri del Grappa, Molinetto (parte), Piave (parte), Roma. Inoltre con appropriata segnaletica abbiamo individuato zone pedonali in Via Madonna dell'Aiuto e Via Crosera a Borso. ILLUMINAZIONE PUBBLICA Nel corso del mandato amministrativo sono stati realizzati ampliamenti della rete di illuminazione pubblica che hanno interessat le seguenti Vie: Appocastello, Busa, Crosera Borso, Italo Girardi, Lanchio, Lavazze, Martiri del Grappa, Monte Grappa, Ospitale, Roma, Rore, San Pietro, San Pio X° , Caose, Casale Nuovo, Casale, Celli, Cenghia, Chiesa, Dei Prai, Giovanni da Semonzo, Pere, Valentinetti, Misquile, Raffaello da Sant'Eulalia. FOGNATURA E ACQUEDOTTO

in questo caso riteniamo giusto far notare che fino a tre anni fa il Municipio non aveva lo scolo fognario e così anche gran parte del nostro comune non ha le fognature.In questi anni abbiamo programmato progettato e realizzato alcuni tratti di fognatura e nel contempo, abbiamo anche cambiato alcuni tratti di acquedotto realizzati circa 50 anni fa e più precisamente:FOGNATURE Vie Appocastello, casale, Crosera, Italo Girardi, P.zza Marconi, Monte Grappa, Roma. INCROCI PERICOLOSI In collaborazione e con il sostegno della Provincia di Treviso abbiamo risolto l'annosa questione degli incroci sempre previsti e mai realizzati. Pertanto abbiamo approvati i progetti e realizzati tutti gli interventi previsti e precisamente: Via Molini e Lavazze; Via Molinetto, Via Valentinetti e Via Corte; Via Molinetto e Via Prai.


STRADE SILVO PASTORALI E MONTANE

A parte la strada Provinciale Giardino, l'incuria e l'abbandono di tutte le strade silvo pastorali e montane era evidente e sotto gli occhi di tutti. Vogliamo anche qui ricordare certe inefficienze di chi ci ha preceduto, basti pensare che per ben 5 anni 1992 – 1997 sono rimasti fermi 60 milioni di vecchie lire per la sistemazione della vecchia “Strada Giardino” che collega la Valle dei Lebi con la Provinciale 140 in località 4 strade vicino al confine con il Comune di Crespano. Solo nel 1997 e per merito anche della Comunità Montana e in particolare con il Servizio Forestale Regionale sono stati sistemati quei 4 Km di strada (oggi da risistemare).Nel corso del nostro mandato, ci siamo attivati per poter realizzare quanti più interventi possibili, attingendo da contributi regionali e con fondi nostri. Con la collaborazione e in parte con i contributi avuti tramite la Comunità Montana abbiamo realizzato e sistemato sempre con la competenza e altrettanto preziosa collaborazione del Servizio Forestale Regionale le seguenti strade silvo pastorali e montane: Strada Monte Oro, da incrocio Gallerie de Anselmo a Malga Moda; Strada dei Prai de Borso da Albergo Campo Croce fino alla casera Bonato; Strada delle Bolle (o dei talpon) dietro Cassanego; Strada Val Poise da Curva della teleferica a Malga Osteria Vecia e Strada Giardino; Inoltre recentemente abbiamo “pulito” la Strada Cavallera fino al Col di Trattora e tutta la strada frangifuoco dopo località Albo. INTERVENTI ESEGUITI SU EDIFICI ED IMMOBILI COMUNALI

La manutenzione ordinaria e straordinaria delle proprietà comunali dovrebbe essere una prassi del buon amministratore. In questi cinque anni siamo dovuti intervenire radicalmente in alcune situazioni per mettere a norma di legge gli impianti e risanare gli edifici. Abbiamo tinteggiato praticamente tutti gli immobili comunali, scuole comprese; Messo a norma gli impianti elettrici di tutte le scuole, della palestra e del municipio; Come già accennato al 1° punto abbiamo riqualificato tutto l'edificio scolastico di Semonzo rendendolo a norma sotto tutti i punti di vista ; Tinteggiato e risanato gli spogliatoi del campo sportivo; Per quanto riguarda la sede municipale sono stati effettuati i seguenti interventi: tinteggiatura interna dei locali, messa a norma dell'impianto elettrico, nuovo cablaggio della rete informatica, nuovo impianto telefonico, rinnovata tutta l'attrezzatura informatica e realizzato un sito internet :

www.comune.borsodelgrappa.tv.it

VILLA AZALEA

Per quanto riguarda Villa Azalea abbiamo concordato con la Sovrintendenza di Venezia, approvato e realizzato un nuovo progetto, diverso da quello fatto dalla precedente amministrazione. Abbiamo inoltre realizzato degli interventi esterni (campi da bocce) e sedi delle associazioni non previste nel primo progetto in quanto riguardava solo il centro diurno per anziani.


LE VALLI

Ci siamo attivati fin da subito e predisposto con il Genio Civile e i Servizi Forestali Regionali tutti quelli interventi che sono in corso d'opera in questi mesi per la messa in sicurezza di tutte le valli e i corsi d'acqua del Comune. Un doveroso ringraziamento ai dirigenti e tecnici del Genio Civile e del Servizio Forestale Regionale che hanno progettato e seguono i lavori.

LA ELETTRIFICAZIONE DEL GRAPPA

Abbiamo dapprima intrapreso contatti con l'ENEL e poi interessato il Sottosegretario On. Giampaolo Dozzo per la realizzazione della tanto sospirata elettrificazione del Monte Grappa. Oggi possiamo con orgoglio dire che ciò sta avvenendo grazie soprattutto al Sottosegretario che ha procurato con la legge finanziaria statale del 2002 un contributo di 1 milione di € per il primo stralcio dei lavori che sono già partiti dalla cabina ENEL di Via Corte a Semonzo e grazie anche alla Giunta della Regione del Veneto che con la finanziari del 2003 ha impegnato un altro milione di €. L'appalto per la realizzazione del primo intervento, cioè da Semonzo a Campo Croce – Ca Mol è stato vinto da una ditta Campana, la “Di Gennaro” e hanno circa un anno di tempo per eseguire i lavori. (7) Commercio Industria Artigianato Abbiamo aderito e collaboriamo con la Confartigianato, assieme ad altri comuni del comprensorio asolano, nel “Consorzio per il recupero ex fornace di Asolo” che ha l'obbiettivo di fornire ai nostri imprenditori proposte di sviluppo, agevolazioni e stimoli. Il progetto è finalizzato al completamento di un “Centro di Eccellenza” che ospiterà diversi laboratori dove gli imprenditori potranno così avere assistenza e spazi per quei processi innovativi rivolti al mondo della Piccole e Medie Imprese al fine di affermare le nostre produzioni anche verso i paesi emergenti dell'Est e della Cina in particolare, dove la realtà economicocommerciale è notevolmente diversa dalla nostra, che sta attraversando un momento di crisi non solo economica ma di identità. Il nostro paese, come del resto tutta la nostra zona, negli ultimi 20 anni ha subito un cambiamento da rurale a fortemente industrializzato che è sotto gli occhi di tutti. Le industrie e le piccole medie imprese non mancano, le aree destinate alla loro crescita sono già state individuate nel passato, anche se oggi stentano a decollare i progetti per la realizzazione delle strutture anche a causa di una crisi che aleggia nell'aria. Da parte nostra in questi cinque anni anni possiamo dire di esserci limitati ad alcuni studi relativi alla viabilità per quanto riguarda le aree artigianali e industriali in collaborazione anche con la Provincia di Treviso che citeremo in seguito, mentre abbiamo risolto probabilmente alcuni problemi che si protraevano nel tempo. Di recente siamo riusciti a far arrivare la condotta principale del metano sull'area artigianale “Vallina Orticella”. Abbiamo inoltre preso contatti con dei tecnici per l'istituzione dello Sportello Unico per le Imprese. Lo scorso anno siamo stati contattati dall'amministratore unico di una grossa catena alimentare il quale ci chiedeva di costruire nel nostro territorio comunale un supermercato. Non abbiamo esitato e ringraziandolo per la sua disponibilità gli abbiamo negato questa possibilità, anche se esisteva un'area disponibile, per la semplice ragione che nel nostro


programma elettorale si ribadiva la difesa delle nostre piccole realtà commerciali – negozi esistenti nel nostro Comune. Sempre verso la metà del 2003 una importante azienda, la “SCOTTON S.P.A.” leader nel campo mondiale del settore piccolo imballaggio, si rivolse al SINDACO per poter dislocare la sua attività sul territorio del nostro Comune con previsto impiego di circa una cinquantina di operai. Dopo diversi incontri che sono serviti per mettere a punto le basi di un futuro accordo, venne individuata l'area a Sud – Est della De Longhi S.p.a. Sulla quale far sorgere questo complesso e previa autorizzazione da parte della Dirigenza Urbanistica Regionale, sta per essere firmato a breve un ACCORDO DI PROGRAMMA che prevede da parte dell'azienda la costruzione di una moderna struttura produttiva e la realizzazione a costi zero a favore del Comune di quanto segue: 1 – Realizzazione di un nuovo magazzino comunale di circa 500 mq; 2 – Realizzazione di una nuova piazzola ecologica secondo il progetto stabilito dal Consorzio Intercomunale di Bacino Treviso tre; 3 – Realizzazione di un'area a servizio (docce, bar e servizi igienici) per gli addetti ai lavori di tutta l'area artigianale. (8) Servizi sociali Sono rivolti a dare prestazioni che aiutino i cittadini a superare situazioni di bisogno e difficoltà, escluse le competenze del servizio sanitario e previdenziale. Sono in genere servizi integrati e cioè sovracomunali, ai quali i comuni partecipano con quote capitarie correlate ai livelli di assistenza. Hanno varie sigle (ADI – ADIMES – SIAD ) e gli assistiti nel nostro comune sono in numero variabile dalle 30 alle 50 persone in genere anziani. Un mese fa sono stati approvati anche i nuovi piani di zona 2004/2006 che riguardano la organizzazione dei servizi sociali per i giovani – i minori – i disabili – gli anziani. Per quanto riguarda strettamente il nostro Comune, all'inizio del nostro mandato i servizi sociali erano rappresentati da un solo assistente domiciliare. Sono stati, nel corso di questi anni potenziati con l'assunzione di una assistente sociale e una seconda assistente domiciliare attraverso una cooperativa . I servizi normalmente erogati sono tutti gratuiti con una spesa non indifferente. Da sottolineare inoltre che da parte del servizio e la collaborazione dei gruppi Alpini da quattro anni viene organizzata una grande “festa degli anziani” che trova sempre maggiori adesioni. Per la lotta alla droga partecipiamo al piano triennale 2003/2005 “Nuovi stili di vita” con una spesa di circa 10.000 € all'anno. Per due ragazzi che vivono in comunità protette la spesa si aggira sui 90 € al giorno a testa. Questi sono solo alcuni esempi, ma altre sono ancora le iniziative e una delle più importanti riguarda certamente la sperimentazione del Progetto Giovani e dello Studio Assistito degli anni precedenti e alla risposta positiva da parte del territorio e dei giovani interessati. Con la Cooperativa Adelante di Bassano abbiamo concordato e finanziato delle iniziative: – potenziamento del Progetto Giovani con maggiore attenzione alla Comunità; – proseguimento del progetto Estate Ragazzi, integrandolo con le attività proposte durante tutto l'anno; – Promozione della possibilità di creare un gruppo di volontari e adulti interessati al mondo giovanile, con la proposta di progettare e realizzare un corso di formazione per adulti. L'esperienza di questi mesi di apertura del “Centro Aggregativo” nelle tre frazioni del comune , è stata nel complesso valutata positivamente, ciò alla luce di un numero di presenze che è andato progressivamente crescendo, hanno frequentato una ottantina circa di ragazzi, e delle continue richieste di dare una continuità all'iniziativa proponendo attività durante i mesi di giugno e luglio all'interno del centro aggregativo. Tali iniziative hanno evidenziato che la realtà del Comune di Borso del Grappa presenta una disomogeneità delle caratteristiche nelle tre frazioni ,ciò potrebbe essere dovuto anche alla


conformazione morfologica del territorio. A tal proposito nel nuovo progetto si è pensato proprio di strutturare le attività in modo che valorizzino le caratteristiche proprie delle tre frazioni, con lo sviluppo di microprogetti tra loro collegati e anche con la realizzazione di un sito web sui giovani creato dai giovani del Comune di Borso. Per quanto riguarda la popolazione anziana possiamo dire che nel corso del nostro mandato abbiamo ultimato i lavori di “Villa Azalea” apportando delle varianti significative al progetto iniziale di solo centro diurno per anziani. Nella villa, oltre al centro anziani hanno trovato posto anche alcune associazioni di volontariato e ricordiamo inoltre a chi lo desidera che in date prestabilite, cioè il primo e il terzo mercoledì del mese alle ore 17.00 si possono fare gratuitamente un elettrocardiogramma, mentre il controllo della glicemia, del colesterolo, del peso e pressione del sangue ogni secondo mercoledì del mese alle ore 8.00. Inoltre, sempre per quanto riguarda il sociale, facciamo parte dei piani territoriali del progetto “DIAPASON” gestiti dalla Comunità Montana del Grappa. L'intento è quello di fare un centro unico di carattere amministrativo – burocratico per espletare tutte le pratiche inerenti ai bisognosi e ai disabili che essendo simili in tutti i comuni, liberano gli assistenti sociali che possono stare così più facilmente a contatto con le persone. (9) LA SANITA' Il nostro è un territorio decentrato rispetto alle sedi ospedaliere della nostra USL, per questo noi abbiamo cercato di potenziare i servizi territoriali. E' chiaro che si tratta di servizi che interessano più comuni. In questi anni, abbiamo interessato i nostri rappresentanti presso la Regione in particolare e fatto un piano che interessava sia l'emergenza che l'urgenza medica, i poliambulatori e la casa di Riposo di Crespano del Grappa , tutto questo per migliorare il rapporto costo/beneficio di un servizio fondamentale per il nostro territorio. Purtroppo il progetto non è stato ancora realizzato principalmente per eventi politici indipendenti dalle nostre volontà, ma rimane ancora valido, come ancora valido rimane l'intento di aggregare il nostro territorio all'ASL di Bassano se i cittadini daranno il loro consenso con un referendum.

(10) I RIFIUTI All'inizio del nostro mandato, abbiamo dovuto assieme agli altri comuni del Consorzio TV3 pagare la progettazione di una discarica che poi non è mai stata fatta, perché rivelatasi non necessaria. La introduzione della raccolta “porta a porta” infatti ha ridotto di moltissimo i rifiuti destinati allo smaltimento portando il recupero abbondantemente sopra il 50%. Nel passaggio dalla tassa alla tariffa sono lievemente lievitati i costi, ma abbiamo cercato di distribuire con la massima equità la nuova tariffa. Ci siamo battuti con tutte le nostre forze per convincere gli altri sindaci del Consorzio TV3 a non fare l'impianto prospettato del C.D.R. (combustibile da rifiuto) inutile, non educativo e antieconomico come dimostra la situazione rifiuti della Regione Campania. Impianto del costo di 5 miliardi di vecchie lire, con l'aggiunta di altre 120 lire pro Kg. di rifiuto lavorato. Siamo soddisfatti perché abbiamo evitato ai nostri cittadini questo pesante balzello. Speriamo proprio che non si ripresenti in futuro, perché ciò fa parte delle mire dell'eco mafia.

(11) Le produzioni locali Come uno dei fiori all'occhiello di questa amministrazione ci sentiamo di citare tutte quelle iniziative volte alla salvaguardia, alla coltura, alla giusta collocazione dei nostri prodotti agricoli. Prodotti di nicchia va di moda dire oggi, prodotti genuini e come si legge in qualche dispensa ricavati da un'avara terra. In questi passati cinque anni ci siamo impegnati proprio per valorizzare tali prodotti investendo sul buon senso e sulla capacità delle persone e delle loro associazioni.


Le produzioni di bisi, del miele, dell'olio e del formaggio morlac in particolare, stanno avendo sempre più consensi da tutti. Abbiamo non solo patrocinato le iniziative per la produzione dei prodotti, ma ci siamo anche impegnati economicamente perché tali iniziative possano avere un giusto seguito e per i produttori una giusta remunerazione. Ai Gruppi Alpini delle tre frazioni che con tanta passione stanno portando avanti una serie di iniziative culturali e gastronomiche di notevole impegno quali il Gustagiro nei colmelli di Semonzo il giorno di Pasquetta, la Mostra mercato dei Bisi le due prime domeniche di Giugno a Sant'Eulalia e la Rassegna dei formaggi la prima domenica di Agosto a Campo Croce un plauso e un ringraziamento particolare per quello spirito di volontariato e servizio attivo. Siamo sempre stati convinti che la strada giusta sia proprio questa e al di la del plauso per chi organizza le manifestazioni un encomio ai produttori onesti e lavoratori che consentono di far conoscere la nostra comunità anche con le loro eccezionali produzioni. (12) Lo sport la cultura le associazioni Nel nostro paese le occasioni per fare attività sportive non mancano. Nella palestra comunale, gestita dalla Polisportiva Borso del Grappa , da quando è stata costruita prosegue l'attività sportivo – ricreativa a favore di tutta la popolazione. Le discipline praticate, con particolare riferimento ai giovani della scuola dell'obbligo sono principalmente: Pallavolo con tre squadre femminili di diverso livello; una scuola di mini volley per bambini/e dai sette ai dieci anni con la partecipazione di circa 80 ragazzi/e. Inoltre sono stati organizzati con le scuole elementari i corsi di gioca volley e sono stati coinvolti circa 150 ragazzi/e. Viene inoltre organizzato un corso di Karate al quale partecipano una trentina di ragazzi della scuola dell'obbligo. Usufruiscono della palestra inoltre tre squadre di calcetto di cui 2 partecipano a regolari campionati federali e una squadra formata da un gruppo di amatori. Oltre alle attività diciamo agonistiche vi è anche una consistente presenza nei corsi di ginnastica aerobica e di mantenimento per adulti. Il campo sportivo comunale è sempre stato gestito dall'Associazione UNION98 (prima USSe Semonzo) che gestisce anche il campo sportivo parrocchiale di Semonzo, la quale partecipa al campionato di 3 categoria FIGC girone di Bassano. La squadra è formata da un gruppo di giovani giocatori provenienti anche da paesi limitrofi, frutto anche di una fusione tra due società, la Union98 di Borso e la Virtus Romano chiamata appunto UNION VIRTUS dove sono confluiti tutti i giovani che praticano l'attività calcistica che per ragioni di opportunità hanno lo stesso numero di matricola in seno alla FIGC per potere avere i riconoscimenti a livello federale più appropriati in quanto la Virtus Romano disputa e ha vinto il campionato di I^ categoria. La società ha oggi iscritte 4 squadre di Pulcini, 2 squadre di Esordienti, 1 di Giovanissimi, 1 di Juniores e 2 di Piccoli Amici una a Borso e una a Romano. Al di la dei risultati di classifica che anche se positivi non riteniamo indispensabili, è da sottolineare l'attività dell'Associazione per quello che riguarda il progetto scuola di calcio “Sport a Scuola” svolto in collaborazione con scuole elementari che ha anche avuto un ottimo riscontro in sede nazionale della FIGC


dove è stato giudicato come esempio da divulgare per l'impegno educativo e sociale su cui i giovani possono fare affidamento. Vi sono inoltre due altre associazioni sportive amatoriali relative al gioco del calcio cioè gli Amatori Semonzo 1983 e Associazione Amatori Semonzo Juniores che assieme hanno circa 40 tesserati. Oltre alle attività citate vi sono altre attività sportive da segnalare e in particolare l'attività della marcia che quest'anno ha visto anche la organizzazione della 25^ edizione della “Camminada ai piè del Grappa” organizzata dal Gruppo Alpini di Borso. Tanti erano i propositi di questa amministrazione per migliorare la qualità degli impianti sportivi in particolare ma altre esigenze e altri lavori pubblici hanno causato i rinvii degli interventi prospettati, per raggiunti limiti di indebitamento, non potevamo spendere di più. Da sottolineare che nell'anno 2000 CONTRIBUTO abbiamo dovuto restituire un contributo ASSOCIAZIONE A.C. UNION 98 € 6.000,00 a fondo perduto di 75 milioni di lire che Volo Libero Montegrappa € 2.800,00 era stato assegnato al nostro comune € 1.000,00 per la costruzione allora di campi da Polisposrtiva Borso del Gr. A.C. Fortior calcio a 5 € 700,00 tennis mai realizzati. Tale contributo Amatori Semonzo 1983 € 700,00 portava la data del 1990, l'anno dei Amatori Semonzo Juniores € 700,00 Campionati del Mondo di calcio. Circolo ANSPI Borso € 300,00 Purtroppo le precedenti amministrazioni Parrocchia Semonzo € 300,00 non hanno usufruito di tale opportunità Dipingere a Borso € 300,00 e la Regione ha recuperato tutti questi Ass. Cult. Misquillesi € 200,00 contributi non utilizzati e destinati ad Coro Edelweiss € 500,00 € 200,00 altri comuni. Da parte nostra abbiamo fatto Ass. Ciclistica € 1.000,00 richieste di contributi sempre alla Regione ma A.N.A. Semonzo € 300,00 non siamo mai entrati in graduatoria per le Ana Don. Sangue Semonzo A.N.A. Borso € 1.000,00 assegnazioni. L'amministrazione, oltre ai € 1.000,00 contributi economici alle associazioni, nel A.N.A. Sant'Eulalia corso di questi 5 anni ha cercato, nel limite delle disponibilità di bilancio di mantenere efficienti le strutture esistenti. Dobbiamo inoltre dire che già nell'estate del 1999, cioè appena eletti e stato rinnovato il prato erboso del campo da calcio e lo stesso è stato fatto anche nel corso dell'ultimo autunno. Per quanto riguarda i contributi economici alle associazioni, abbiamo approvato e messo in atto un nuovo regolamento, semplice, snello e concreto in quanto gli uffici stessi potranno gestire i contributi senza favoritismi per chi può o non può avere un contributo. Con tale regolamento si intende dare a chi fa e ha bisogno, sempre nel limite delle possibilità economiche del bilancio comunale. Ci sia permesso di trattare un capitolo a parte per l'argomento VOLO LIBERO. Un capitolo a parte proprio per la specificità dell'argomento in quanto non si tratta solo di un'attività sportiva praticata dai residenti, ma anche e soprattutto una disciplina che interessa diversi settori del nostro comune, da quello turistico a quello economico, da quello sportivo a quello della convivenza . Che volare sia un'attività sportiva affascinante crediamo sia superfluo ricordarlo, ma alcune regole di buon senso le riteniamo anche indispensabili. Quando siamo stati eletti abbiamo dovuto affrontare la situazione che si era creata in un modo anomalo, come anomalo ritenevamo la soluzione del problema allora.


Siamo stati accusati di aver vinto le elezioni perché non volevamo che tale sport si praticasse a Borso. Sono state anche intraprese azioni legali nei nostri confronti perché non abbiamo continuato gli iter espropriativi dei terreni per la pratica di tale attività. Siamo stati accusati di tutto e di più. Oggi possiamo dire, ed è visibile a tutti che non solo si è sempre continuato a volare sul nostro territorio, ma proprio recentemente, a prova anche delle scelte di questa amministrazione, si è disputata una gara internazionale di volo libero proprio a Borso del Grappa , e non solo per il terzo anno consecutivo è stato organizzato il Meeting del volo libero che precedentemente aveva preso altre strade. Tutto ciò a riprova che se le cose si fanno con i piedi per terra si riesce sempre. L'importante è proprio la convivenza e con la convinzione che quando le cose non raggiungono un accordo bisogna ricominciare a discutere trovando il modo di trovare la soluzione più idonea , senza creare ne allarmismi ne guerre, perché sono proprio le guerre e non le battaglie che impoveriscono i popoli. Certamente le soluzioni fin qui intraprese non sono definitive, ma le opportunità nel prossimo futuro non mancheranno per risolvere in modo definitivo le cose. Non stiamo qui a dire che la pista di decollo a Campo Croce è stato un banalissimo errore costato all'amministrazione circa 50 milioni, e tanto meno che se invece di fare una lottizzazione dove vi è ora il campo di atterraggio il problema sarebbe risolto, ma oramai il danno fatto dagli altri, cioè da chi oggi vorrebbe di nuovo risolvere il problema a modo loro come allora fa parte della storia di questo sport che è sempre più simbolo di Borso del Grappa. La cultura: In questi 5 anni sono state organizzate molte “occasioni culturali”, così vogliamo definirle, relative al nostro territorio, alla nostra storia, al nostro modo di essere cittadini. Normalmente sono le associazioni culturali e non che organizzano manifestazioni di questo tipo, e il tutto è legato soprattutto anche agli spazi disponibili per tali eventi. Malgrado la carenza di spazi pubblici adatti per grandi eventi il tutto si muove con l'organizzazione di manifestazioni culturali e pubblicazioni anche di notevole livello e in collaborazione con altri enti. Tralasciando l'elencazione delle numerose occasioni culturali, per ragioni di importanza ci limitiamo a citare, in questo resoconto, le serate dedicate ai ritrovamenti paleoveneti che hanno avuto un notevole richiamo anche al di fuori del nostro Comune e la grande manifestazione del 2001, culminata con la rievocazione storica nel centenario della salita del Cardinale Giuseppe Sarto a cima Grappa. Il


tutto con la fattiva collaborazione della Pro Loco e il Comune di Riese Pio X° e il Gruppo Alpini di Borso. Tale manifestazione ha anche avuto per la sua importanza una importante eco a livello nazionale. Sempre nello stesso anno abbiamo collaborato fattivamente alla realizzazione del libro del Prof. Antonio F. Celotto “MONTE GRAPPA 1900 – 2000 Testimonianze di un secolo” .

Quanto sopra per citare quelle che possiamo considerare manifestazioni non ripetibili a breve distanza, mentre tante altre, patrocinate dall'amministrazione comunale fanno parte di una concreta e fattiva collaborazione tra comune , scuole e associazioni che anche sinteticamente non si possono elencare tutte quali convegni per conoscere il nostro passato, incontri culturali con la partecipazione di relatori appropriati, concerti corali e strumentali, ecc.... Per quanto riguarda il Centro Sociale di Sant'Eulalia abbiamo commissionato un progetto di massima per la costruzione di un nuovo fabbricato nell'area adiacente alla nuova Scuola Materna e a chi ci sta accusando di aver venduto sia il vecchio Centro Sociale e ambulatorio medico senza interessare nessuno ci sia consentito di dire che: Con le Associazioni di Sant'Eulalia vi è un accordo scritto che qui riportiamo integralmente, mentre per quanto riguarda l'ambulatorio medico, vogliamo sottolineare che i medici non hanno da anni nessun rapporto con le amministrazioni locali in quanto sono liberi professionisti e convenzionati con le ASL e non esistono più gli ambulatori comunali.

(13) La difesa dell'ambiente Per ambiente si intende “lo spazio che ci circonda” che interessa tutti. Imparare a


governare l'ambiente vuol dire “rispondere alle necessità del presente senza compromettere le necessità future”. Nel programmare gli interventi nel nostro territorio abbiamo sempre tenuto presente il rispetto dell'ambiente anche perché ad esso è legata la qualità della vita. Sono diversi i provvedimenti che abbiamo preso: All'inizio del nostro mandato, per non trasformare in dormitorio la lottizzazione “Canal” a Semonzo abbiamo adottato una variante al PRG al fine di ridurre il numero e aumentare la superficie dei mini appartamenti progettati (da 38mq a 58 mq) e avere due posti macchina a disposizione. Per rendere più vivibile la nostra montagna ci siamo impegnati per portare la corrente elettrica sul Grappa. Per rendere l'ambiente più sicuro abbiamo stipulato con il corpo dei “Rangers d'Italia” di Treviso una convenzione affinché il controllo del nostro territorio sia più capillare. Abbiamo assunto anche un secondo vigile urbano. Per la manutenzione ordinaria di un territorio ampio, con 33 Km di strade, piazze, parcheggi, aree pubbliche e illuminazione sempre in aumento, abbiamo assunto due operai, dotati di idonee attrezzature anche per il pronto intervento. Tutto questo è stato fatto in presenza di sempre minori trasferimenti statali e di continua crescita demografica. (14) Una Scuola per l'Infanzia Alcuni anni orsono, per interessamento del Sindaco Fabbian Igino la parrocchia di Borso beneficiò di un lascito finalizzato a contribuire alla costruzione di un nuovo asilo parrocchiale essendo l'attuale, ormai fatiscente a causa della vetustà, e non più adeguato alle giuste e sempre maggiori esigenze della Scuola Materna. Questo patrimonio immobiliare, con il cambio di destinazione da area agricola ad area residenziale, effettuato dalla nostra amministrazione, servirà alla parrocchia per progettare una nuova, moderna, sicura struttura e in un tempo che noi tutti ci auguriamo relativamente breve possa essere realizzata per accogliere i piccoli ospiti. In un Consiglio Comunale un consigliere di minoranza ci ha accusato “di aver dato troppo a questo parroco” e come abbiamo risposto allora, in merito a questa sua insinuazione, ripetiamo oggi che i piccoli utenti sono figli della nostra gente e meritano tutto il nostro interesse, anche se frequentano una struttura privata. Aggiungiamo che se sarà necessario dare ancora una mano alla parrocchia per completare l'opera, saremo sempre a disposizione. (15) LA FINANZA PUBBLICA IL BILANCIO Il nuovo ruolo del Comune e dell'Amministrazione Comunale: Le innovazioni dettate dalle ultime leggi relative al nuovo assetto istituzionale degli enti locali hanno fatto si che sempre di più gli amministratori debbano fare delle scelte particolarmente di tipo finanziario, sempre più legate ad una gestione di tipo privatistico. La riduzione ormai costante dei trasferimenti dallo Stato agli enti locali determina un ricorso inevitabile alle entrate provenienti direttamente o indirettamente dai cittadini. Questa necessità, naturale conseguenza dell'affermarsi del principio di autonomia finanziaria, ha inciso fortemente sui rapporti tra amministrazione comunale e collettività amministrata. Giustamente si chiede che chi amministra le risorse economiche messe a disposizione direttamente dai cittadini, garantiscano servizi efficienti e si evitino inutili sprechi. In questi ultimi anni è noto a tutti che sono cambiate moltissime cose a riguardo della spesa pubblica e per i comuni come il nostro, che 10 anni fa contava 3.730 abitanti mentre oggi siamo 5.126, le cose sono cambiate radicalmente. In questo opuscolo non possiamo pubblicare il bilancio vero e proprio del comune non solo perché sarebbe incomprensibile alla stragrande maggioranza delle persone, ma ci permettiamo di trascrivere un sunto dettagliato di quello che è oggi il bilancio del Comune di Borso del Grappa. Premettiamo che il bilancio non riguarda solo le entrate e le uscite economiche, ma anche altri dati significativi del territorio e della comunità.


IL BILANCIO 2004

Il Bilancio di previsione del comune risulta in pareggio; il volume delle previsioni di entrata è uguale, infatti alle previsioni di spesa, in particolare la manovra complessiva di bilancio per l'anno 2004 è pari a € 4.313.479,75.

Dati territoriali Superficie complessiva Strade comunali Rete Fognaria Mista Rete Acquedotto Rete Metano

ENTRATE PARTE CORRENTE INVESTIMENTI 1.721.193,41 SERVIZI CONTO TERZI

Kmq Km Km Km Km

€ 2.334.436,97 Strutture € Scuole Materne Scuole Elementari € 257.849,37 Scuole Medie Centri Sociali Per la parte corrente da sottolineare: Entrate Tributarie (ici – irpef ecc.) € 1.670.680,80 Entrate extratributarie € La popolazione 314.409,10 Popolazione al 31.12.2003 Contributi dallo Stato € 121.739,70 Nuclei familiari Contributi dalla Regione € 83.827,41 Alunni scuole materne Per gli investimenti da sottolineare: Alunni scuole elementari Alienazioni € 10.000,00 Alunni scuola media Contributi dallo stato € 13.950,30 Popolazione per età Contributi dalla Regione € 669,979,57 Altre entrate € 263.493.50 Età prescolare 0 – 6 anni Età scolare 7 – 14 anni Le spese correnti previste si possono così riassumere: Età d'occupazione 15 – 29 anni Età adulta 30 – 65 anni Amministrazione generale € 905.522,39 Età sopra 65 anni Sicurezza pubblica € 68.454,00 Istruzione € 429.203,78 Cultura € 13.500,00 Sport e tempo libero € 36.771,50 Viabilità e pubblica illuminazione € 182.316,83 Ambiente e territorio € 114,799,36 Sociale € 386.033,06 Sviluppo economico € 10.145,00 Mutui in ammortamento € 187.191,05 Anticipazioni € 500,00

33 36 12 65 29

3 2+1 1 3

5126 1852 154 250 120

365 438 883 2688 752

Le spese in conto capitale o per investimenti più significative si possono riassumere: Scuola Materna Sant'.Eulalia Piazza Sant'Eulalia Viabilità Sport e tempo libero Ambiente e territorio

€ €

€ 2.051.000,00 234.900,00 346.500,00 € 26.000,00 € 67.689,46

Queste in estrema sintesi le voci più significative del bilancio di previsione relative al 2004 ma ci sia consentito di sottolineare che per arrivare a far quadrare i conti non è sufficiente scrivere dei numeri. Se oggi il comune ha un bilancio abbastanza equilibrato malgrado i tagli imposti dallo stato per far quadrare i propri conti e il patto di stabilità imposto dalla Comunità Europea, ciò è dovuto ad un non facile lavoro durante questi 5 anni passati. Come già detto le prospettive non erano rosee e siamo dovuti intervenire anche pesantemente sia sulle entrate ma soprattutto sulle spese per la gestione dell'ente malgrado l'abbandono e l'incuria regnasse sovrana sugli edifici e strutture pubbliche del nostro paese. Secondo noi siamo riusciti a migliorare tante cose, ad incrementare lo stato patrimoniale del comune, a dare servizi e opportunità che nessuno era in grado o perlomeno pensava di dare e non per ultimo siamo proprio riusciti a far quadrare anche i conti con un discreto margine di sicurezza.


Da buoni Leghisti ci sia permessa anche una particolare riflessione relativa a ciò che ognuno di noi versa allo Stato e quanto lo Stato ci ritorna: Proponiamo questo indovinello: Se con l'addizionale IRPEF dello 0,4 % il nostro Comune incassa € 162.932,80 Lo Stato, cioè per noi Roma ....... con il restante 99.6% quanto incassa dai nostri cittadini contribuenti? Secondo noi specialmente in campo finanziario e della fiscalità non si tratta di condividere o no quello che dicono gli esponenti della Lega Nord, ma di fare solo e semplicemente quattro conti e trarre le naturali conclusioni di chi può avere ragione o torto. UN ULTIMO DATO: Cosa si “guadagna” a fare il Sindaco a Borso: € 1.576,21 netti al mese il Vice Sindaco il 20% di ciò che prende il Sindaco; gli assessori il 15% di ciò che prende il sindaco. Per chi ha un lavoro da dipendente la “paga” è ridotta del 50%. La “paga” inoltre viene dichiarata nella dichiarazione dei redditi Mod. 730 o unico e viene fatto il conguaglio fiscale sui redditi. (16) Urbanistica e Piano Regolatore Generale Il primo PRG porta la data del 1989 ed aveva ed ha tuttora come obbiettivo il raggiungimento di 7.500 abitanti. Ora, maggio 2004, siamo a quota 5.180 abitanti. Pertanto è “FALSO” affermare che “L'ASSETTO URBANISTICO E' STATO COMPLETATO” . Le risorse territoriali avute in eredità dalle precedenti generazioni, sono state sfruttate senza criterio, senza buon senso e in maniera disordinata. Basti pensare all'ultima variante del 1999, cioè della precedente amministrazione la quale prevedeva e prevede tuttora oltre 150.000 nuovi mq che a causa di una norma voluta dalla stessa amministrazione, aumentava di altri 20.000 mq la capacità edificatoria, non computando : i porticati, i garage e i muri perimetrali delle abitazioni. Contestualmente non sono stati previsti investimenti nella viabilità, luce acqua, fognature ecc. . Tutte le lottizzazioni che andremo ad elencare in seguito erano sul libero mercato e senza alcuna imposizione fuori dell'ambito. In questi anni e in modo particolare in questi ultimi tempi, siamo accusati di aver permesso uno scempio del territorio, favorendo anche un componente della Giunta Comunale . Rimandiamo in questo caso al mittente queste accuse e vi informiamo che l'Assessore Battilana Alfonso può costruire in località Chiesure PER GRAZIA RICEVUTA nell'anno 1993 e a governare non era la LEGA ma altri. Ribadiamo che in nessuna occasione i componenti dell'attuale Giunta Comunale sono stati coinvolti in altre lottizzazioni, edificazioni o nuove aree residenziali. Le lottizzazioni che sotto elenchiamo, documentate agli atti, sono il frutto delle amministrazioni precedenti e sono: 1 – Condomini Canal 7 – Lottizzazione “Cassanego” 2 – Area Girardi e vecchia Farmacia 8 – Lottizzazione “Lanchio” 3 – Lottizzazione “Bondoli” 9 – Lottizzazione “Ai Masaroi” 4 – Lottizzazione area “Ex Governini” 10 – Lottizzazione “Malan” 5 – Lottizzazione “Rore – Chiesure” 11 – Lottizzazione (da realizzarsi ) Viazzola -S.Pio X° 6 – Lottizzazione Via Semonzetto e Caose Il nostro impegno profuso in questi 5 anni è stato quello di dare a tutti i cittadini nonostante le difficoltà finanziarie, più servizi. Con le nostre tredici mini varianti abbiamo inteso apportare delle correzioni che ci permetteranno di intervenire come segue:


a – Nuova viabilità di accesso alla Scuola Elementare di Semonzo e alla palestra di futura realizzazione; b – Nuova Scuola Materna Statale di Sant'Eulalia; c – Nuova Scuola per l'Infanzia Parrocchiale a Borso; d – Nuovo magazzino comunale ed area ecologica. Lo abbiamo sempre detto e sostenuto, che il nostro obbiettivo prioritario è favorire la permanenza degli abitanti, non una immigrazione senza regole e senza avere la pur minima possibilità di dare servizi certi. Ciò non vuol dire che chi è venuto a Borso del Grappa non sia ben accettato, anzi, il nostro rammarico è invece quello di non poter dare, per ragioni finanziarie, tutti quei servizi dei quali hanno diritto tutti i cittadini. Le 13 varianti, con la formula della perequazione sono il frutto di operazioni urbanistiche che sicuramente daranno nuovi servizi a tutti i cittadini del Comune. (16)I RAPPORTI CON ALTRI ENTI Quando si amministra si hanno diversi rapporti con altre enti sia a livello territoriale come la Comunità Montana, l'ASL, Provincia e anche con altre strutture come la Regione. In questi 5 anni abbiamo instaurato rapporti con tutte le realtà territoriali perché proprio per loro natura sono a diretto contato con i comuni. Con la Regione del Veneto e con i vari Assessorati abbiamo cercato di stipulare un rapporto di collaborazione finalizzato a portare nel nostro comune più risorse possibili per poter realizzare non solo opere pubbliche ma anche aiuti ai singoli cittadini finalizzate alla realizzazioni anche di infrastutture particolari, come per esempio strutture per il superamento delle barriere architettoniche per i disabili per le quali è possibile avere un contributo regionale. Un altro importantissimo fatto è stata la stipula di un Accordo di Programma per la costruzione dell'Asilo Statale di Sant'Eulalia che come già detto ci ha portato un contributo di € 669.979, mentre purtroppo altre iniziative non hanno potuto avere seguito per mancanza di fondi da parte della Regione e secondo noi altre aree sono maggiormente sponsorizzate. Da non dimenticare inoltre che dalla Regione abbiamo avuto tramite la Comunità Montana 1 milione di € per la elettrificazione del Grappa. In Comunità Montana siamo rappresentati sia in Giunta che in Consiglio anche perché è il nostro è il più ampio territorio montano in percentuale con gli altri comuni e vi operano circa il 75% delle malghe del versante trevigiano del Massiccio del Grappa. I rapporti sono stati di leale e costruttiva collaborazione anche se non sono mancate divergenze e per noi delle delusioni, per esempio per quanto riguarda l'acquisizione da parte della Comunità Montana di “Malga Campo Croce” per la quale avevamo intravisto una possibilità, ma purtroppo il gioco democratico dei numeri non ha permesso l'acquisto anche se riteniamo ancora valida l'ipotesi di una acquisizione da parte di un ente pubblico di tale struttura. Con la ASL n.8 abbiamo quel rapporto dettato dalle leggi, ci siamo battuti per il mantenimento delle strutture a Crespano presso l'ex ospedale in particolare per il pronto intervento (118) di cui abbiamo già parlato nel capitolo sanità e abbiamo


contribuito con cospicui aiuti finanziari all'Associazione Pedemontana Emergenza per l'acquisto delle ambulanze e del materiale sanitario. Comunque la collaborazione con i comuni della Comunità Montana continua in altri campi e con altri obbiettivi, non ultimo quello della sicurezza e del controllo del territorio. Capitolo a parte la collaborazione tra Comune di Borso del Grappa e Provincia di Treviso dove i contatti con il Presidente Zaia e gli assessori provinciali non sono solo un fatto di reciproca fede politica ma si basano su condivisioni e collaborazioni finalizzate alla realizzazione di sinergie politico amministrative forti e costruttive per il nostro territorio.Gli accordi sottoscritti sono stati diversi e spaziano su tutti i campi. Da quello culturale a quello turistico sportivo, ma soprattutto per la viabilità e le strutture, per le quali la Provincia è notoriamente impegnata. Abbiamo firmato, assieme anche agli altri comuni pedemontani l'accordo per la costruzione della nuova strada “Pedemontanina” che in pratica collegherà Pederobba con Romano d'Ezzelino e da noi il tracciato si svilupperà sotto la Zona artigianale e poco sopra la Tecnigold. Inoltre anche con i contributi della provincia abbiamo sistemato i due muri pericolanti di Via San Pio X° e realizzato gli incroci di Via Lavazze , Via Prai e il marciapiede di Via Valentinetti.

Fatti non parole


Borso del Grappa 1999-2004