Issuu on Google+

CM

MY

CMY CY

K

Tariffa R.O.C.: Poste Italiane spa - Spedizione in abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art.1, comma 1, DCB Milano TAXE PERCUE (tassa riscossa) Uff. Milano CMP/2 Roserio - ISSN 1827-4102

Via Ballerini, 66 - SEREGNO (MB) tel. +39 0362 244182 - 0362 244186 - www.editricezeus.com

ERAZ

Y

IO

NE  2012

5

novità e panorama dei fornitori di macchine, impianti, prodotti e attrezzature per l’industria alimentare

COG

M

03/10/12

C SPE IA

LE

C

1

EN

RA_COP_5-12.pdf 10.37


Insieme,  possiamo  trovare  le  soluzioni  ad  ogni  esigenza di filtrazione di processo.   

 

Distributore Ufficiale Process Filtration : 

ASCO Filtri S.r.l.  Via G. Brodolini, 1  20089 Rozzano (MI) ‐ Italia  Tel.:  +39 02 89703.1  Fax:  +39 02 89703.410  E‐mail:  asco@ascofiltri.com  Web:  www.ascofiltri.com 


UNIDRIVE M Azionamenti per Manufacturing Automation

Una gamma•Sette funzionalità dedicate•Infinite soluzioni

Ethernet Onboard

Control Techniques vi attende a SPS IPC DRIVES, Norimberga 27-29 Novembre 2012, Pad.1 Stand 310. Potrai essere tra i primi a vedere LA NUOVISSIMA gamma di azionamenti AC e Servoazionamenti che cambierà la prospettiva delle tue scelte applicative.

Per visionare in anteprima la NUOVA gamma visita www.UnidriveM.com

The Emerson logo is a trademark and service mark of Emerson Electric Co. © 2012


SOMMARIO Rassegna Alimentare Novità e panorama dei fornitori di macchine, impianti, prodotti e attrezzature per l’industria alimentare­­ anno XXXII - n.5 - Novembre 2012

5-38

Direttore Responsabile Enrico Maffizzoni ­ oordinamento Redazione C S.V. Maffizzoni Redazione Sonia Bennati

CONFEZIONAMENTO 39-63

Contabilità Elena Costanzo Progetto grafico Dario Ficarazzi Grafica e Impaginazione ZEUS Agency Tipografia Faenza Industrie Grafiche Rassegna Alimentare (fascicolo singolo/bimestrale): 20 € (Europa) 27 US$ (fuori Europa). Abbonamento annuale (sei fascicoli): 110 € (Europa) 160 ­­US$ (fuori Europa) Il pagamento degli abbonamenti può essere eseguito a mezzo vaglia o assegno intestato a EDITRICE ZEUS SAS

NEWS

64-79

AUTOMAZIONE

80-89

IMBOTTIGLIAMENTO 90-95

Rassegna Alimentare panorama dei fornitori di macchine impianti, prodotti e attrezzature per l’industria alimentare. Periodicità: bimestrale. Autorizzazione del tribunale di Milano, n°25 del 24/1/1981. Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane Spa Spedizione in abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano

ISSN 1827-4102 Vietata la riproduzione anche parziale di articoli o fotografie (articoli e fotografie non vengono restituite dalla redazione). La redazione non si assume nessuna responsabilità su eventuali errori di fotocomposizione relativa ad articoli pubblicati su riviste della EDITRICE ZEUS SAS

MOVIMENTAZIONE 96-108

FIERE

109-127

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com *SOMMARIO RA 5-12.indd 2

03/12/12 15.12


IBT GROUP 25/29 Efficenza energetica nell’industria alimentare

redazione, sede legale e amministrazione: via Ballerini 66, 20831 Seregno (MB) - ITALY Tel. +39 0362 244182 0362 244186 web site: www.editricezeus.com e-mail: redazione@editricezeus.com portale: www.itfoodonline.com e-mail: marketing@itfoodonline.com skypeTM: editricezeus

PACKOLOGY 50 Una nuova idea di fiera

cerca su: VERONESI FLOTTWEG 64-65 Chiarifica dei mosti e trattamento dei fondi di feccia con i decanter Flottweg

l’unico portale in 10 lingue, le tecnologie per il food & beverage

FESTO 80-85 Veloce in viaggio, preciso al’arrivo. Sistemi correttamente dimensionati con attuatori elettrici e pneumatici tengono sotto controllo ogni movimento.

ACI 90 Miglioramento dell’efficienza presso l’industria di lavorazione della carne Scandia Food grazie all’asciugatore di lattine ACI azionato a soffiante

L’AZIENDA DEL MESE

I.C.F. & Welko sa che le sfide sono opportunità strategiche e si propone come partner per l’innovazione, che significa partner chiave per il successo

OM STILL 97/101 qualità e sicurezza per la movimentazione industriale: la risposta a tutte le esigenze di trasporto e magazzinaggio.

parteciperemo a...

SIGEP 109/111 Sigep Cake design. Competizioni, eventi, formazione e dimostrazioni sull’arte della decorazione nel nome della professionalità www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com *SOMMARIO RA 5-12.indd 3

05/12/12 11.09


MAGAZINES AND MORE MACHINES AND TECHNOLOGY FOR THE FOOD AND BEVERAGE INDUSTRY

PagINA WEB: PAROLE CHIAVE, LINK, FOTO INGRANDIBILI, ARTICOLI IN PDF, CONTATTI, clip

DESCRIZIONE DELLA PRODUZIONE, ARTICOLI E CATALOGHI IN: ItalianO, INGLESE, FrANCESE, TEDESCO SpaGNOLO PortOgese, RussO Cinese, ArabO TurCO. INSERIMENTO IN DECINE DI CATEGORIE MERCEOLOGICHE

INSERIMENTO DI ARTICOLI , COMUNICATI STAMPA E NOVITA’ ANCHE SUL BLOG INTERNAZIONALE ITFOODONLINEBLO.COM, AGGIORNAMENTO CONTINUO!

l SEO SERVICE: POSIZIONAMENTO PAROLE CHIAVE SU GOOGLEß l CONTATTO Skype l SERVIZI web: INVIO DI RICHIESTE DI MACCHINARI , CONTATTI COMMERCIALI, mailing, Social NETWORK

in 10 lingue

depliant.indd 3

29/11/12 16.50


COPERTINA speciale cogenerazione RA 5.indd 1

29/11/12 10.29


UNIDRIVE M: LA NUOVA FAMIGLIA DI CONVERTITORI DI CONTROL TECHNIQUES dedicati all’automazione della produzione industriale

A

lla Fiera SPS/IPC/DRIVES che si terrà a Norimberga

macchina ad alte prestazioni di nuova generazione. La

dal 27 al 29 Novembre 2012 (Hall 1, Stand 310),

soluzione è pensata per fornire un sistema completo di con-

Control Techniques, società del Gruppo Emerson

trollo delle macchine utilizzando l’avanzato ambiente di

(NYSE: EMR), presenterà Unidrive M: l’innovativa gamma

programmazione CoDeSys, con linguaggi di programma-

di convertitori progettati per soddisfare le esigenze specifi-

zione conformi IEC 61131-3, standard Ethernet per la co-

che dei clienti nel settore dell’automazione della produzio-

municazione tra convertitori, I/O, HMI, PLC e altri dispo-

ne industriale.

sitivi industriali. L’offerta ad alte prestazioni è completata

Progettando la nuova generazione di convertitori in modo

dalla struttura multi-tasking sincronizzata, dal motion control

specifico per i clienti dell’industria manifatturiera, Control

avanzato di Control Techniques ed è integrata dall’utilizzo

Techniques è riuscita a fornire la soluzione più completa

di tecnologie aperte o standard industriali.

e mirata mai pensata per questo particolare segmento di

Il protocollo Ethernet real time integrato (secondo IEEE

utenti. I programmi di ricerche di mercato, di progettazione

1588 V2) incrementa il controllo macchina con comuni-

e sviluppo dell’azienda, hanno prodotto una famiglia di

cazioni rapide e flessibili per ottenere velocità di sincroniz-

sette convertitori, ognuno con livelli di prestazioni e funzio-

zazione in rete inferiori a 1 µs, velocità di aggiornamento

nalità senza precedenti. Ogni convertitore è stato attenta-

fino a 250 µs e numero di nodi praticamente illimitato. Il

mente progettato per soddisfare le esigenze ed aumentare

nuovo protocollo Ethernet avanzato di Control Techniques

la produttività di un settore specifico del mercato manifat-

utilizza lo standard Ethernet TCP/IP e UDP per fornire una

turiero.

struttura di comunicazione altamente efficiente e compat-

Unidrive M800, il prodotto di punta della nuova gamma

ta, che libera capacità e alleggerisce il carico della rete

Control Techniques, integra nel convertitore un controllore

Ethernet. Il sistema consente la comunicazione diretta tra

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com EMERSON RA 5-12.indd 1

16/10/12 16.48


i modelli Unidrive M, senza necessità di indirizzare tutte

componenti di comunicazione e possono funzionare con-

le comunicazioni attraverso un router esterno tradizionale.

temporaneamente utilizzando numerosi protocolli.

Ogni convertitore con capacità Ethernet comprende un

La gamma Unidrive M è supportata da PC tools di Con-

nodo Ethernet a due connettori RJ45 standard, per un colle-

trol Techniques sviluppati per incontrare le esigenze degli

gamento in rete delle macchine molto più semplice.

utilizzatori. Questa nuova generazione di PC tools rende

Alcune applicazioni, come gli “alberi elettrici”, possono

ancora più semplice la configurazione ottimale del conver-

essere configurate senza alcuna operazione di program-

titore e del motore. I software di programmazione utilizza-

mazione. In questi casi, i convertitori iniziano a comuni-

no i linguaggi in ambiente CoDeSys basati sullo standard

care tra loro in modo automatico, sincronizzando i propri

aperto IEC 61131-3, per soddisfare i requisiti applicativi

loop di controllo per ottenere un funzionamento coordina-

dell’automazione industriale. Tom Alexander spiega: “Non

to e continuo. Lo standard Ethernet consente ai protocolli

abbiamo semplicemente aggiornato la suite esistente di

Control Techniques di comunicare con altri sistemi come

strumenti software per adattarla al nuovo prodotto, ma ab-

PROFINET RT, Ethernet/IP e Modbus TCP/IP.

biamo sviluppato nuovi PC tools basandoci sui risultati di

Tom Alexander, Vice Presidente E & D di Control Techni-

un innovativo programma di progettazione (“human-cen-

ques, dichiara: “Unidrive M è il progetto più innovativo

tred design”), che fin dalle fasi iniziali ha tenuto conto delle

a cui abbia mai partecipato. Il nuovo protocollo Ethernet

effettive esigenze degli utilizzatori. I nostri nuovi strumenti

avanzato di Control Techniques è stato progettato pensan-

sono pensati per soddisfare requisiti operativi specifici e

do alle fabbriche del futuro e attualmente è, senza dubbio,

permettono all’utente di svolgere compiti come la configu-

il protocollo più innovativo presente sul mercato. La ca-

razione del convertitore e dell’applicazione, il monitorag-

pacità dei convertitori della famiglia Unidrive M di comu-

gio del sistema e del convertitore, l’ottimizzazione delle

nicare direttamente tra loro utilizzando questo protocollo

prestazioni del motore o addirittura la scrittura di program-

è particolarmente interessante e aiuterà certamente tutti i

mi di sistema avanzati, senza disporre di una conoscenza

nostri clienti del settore manifatturiero a sviluppare metodi

specifica dei convertitori o dei menu di parametrizzazione.

di produzione più avanzati”.

“Inoltre, le operazioni di messa in servizio e manutenzione

Un’altra area di innovazione nello sviluppo di Unidrive M

sono state notevolmente semplificate grazie ad un’interfac-

è rappresentata dagli strumenti di interfaccia uomo/mac-

cia utente che prioritizza i task più frequenti, semplificando

china. I PC tools di Control Techniques facilitano l’accesso

il lavoro di tutti gli utilizzatori ed offrendo ai più esperti il

all’intera gamma di funzioni dei prodotti. Questi strumenti

vantaggio di disporre di diagrammi dinamici della logica

software permettono all’utilizzatore di ottimizzare la messa

del convertitore e dati interrogabili ottimizzati. Le prestazio-

a punto del convertitore, creare un backup dei parametri

ni del convertitore e del motore possono essere ottimizzate

di configurazione ed eseguire più rapidamente la diagnosi

anche disponendo di conoscenze specifiche minime sui

dei guasti. Tutti gli strumenti software si basano sugli stessi

convertitori”. Control Techniques è nota per i sistemi avan-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com EMERSON RA 5-12.indd 3

16/10/12 16.48


zati di controllo motore; i suoi convertitori sono da sem-

serie di interviste approfondite con Costruttori e altri utiliz-

pre utilizzati nelle applicazioni più complesse. La nuova

zatori finali per individuare con precisione le esigenze del

famiglia Unidrive M compie un ulteriore passo avanti in

mercato manifatturiero. A questa fase ha fatto seguito un

termini di prestazioni, raddoppiando abbondantemente la

vasto programma di ricerca quantitativa che ha aggiunto

capacità degli anelli di controllo. Gli esclusivi algoritmi di

informazioni ai risultati delle interviste per offrire a Control

controllo motore di Control Techniques, abbinati alla più re-

Techniques un esatto quadro delle caratteristiche dei con-

cente tecnologia dei microprocessori, garantiscono che la

vertitori richieste da ogni specifico segmento del mercato

gamma Unidrive M offra i massimi livelli di stabilità e pre-

manifatturiero. La ricerca quantitativa ha previsto una serie

stazioni per tutti i tipi di motori industriali. Per l’utilizzatore,

di indagini ‘combinate’, vale a dire sofisticate ricerche an-

questo si traduce in massima produttività della macchina

che sul web che definiscono la motivazione di acquisto in

con qualsiasi applicazione e tipo di motore, dai motori

funzione dei bisogni del cliente.

a induzione in c.a standard, ai motori lineari altamente

Jay Wirts, Vice Presidente del Marketing Strategico di Control Techniques, spiega: “La ricerca ci ha permesso di comprendere il mercato manifatturiero con un livello di precisione senza precedenti; le informazioni che abbiamo acquisito sono state essenziali per decidere a quali clienti rivolgerci e con quali prodotti. Abbiamo potuto suddividere i clienti del settore manifatturiero in sette grandi gruppi, ognuno con esigenze altamente specifiche. In base ai risultati della ricerca, abbiamo deciso di sviluppare una gamma di sette convertitori: uno per ogni gruppo di clienti.

dinamici, motori a magneti permanenti, ad alta efficienza

“Con un’ampia scelta di convertitori e opzioni, Control

o servomotori ad alte prestazioni.

Techniques potrà offrire ai propri clienti una gamma di pro-

Tom Alexander dichiara: “Crediamo che Unidrive M offra

dotti altamente ottimizzati e più vicini alle loro esigenze di

le migliori prestazioni del motore rispetto a qualsiasi conver-

qualsiasi altro convertitore disponibile sul mercato. Sono

titore attualmente presente sul mercato”. Il piano globale di

convinto che la nuova gamma trasformerà le prestazioni e

progettazione e sviluppo di Control Techniques ha prodotto

la produttività dei nostri clienti”.

finora trenta richieste di brevetto per proteggere l’enorme

Enrique Miñarro Viseras, Presidente di Control Techniques,

varietà di tecnologie avanzate sviluppate per Unidrive M.

aggiunge: “Dopo l’uscita di Unidrive M, Control Techni-

Per creare la famiglia Unidrive M, Control Techniques ha

ques lancerà altre gamme di convertitori specifici per

condotto il più vasto programma di ricerche di mercato nel-

ognuno dei nostri principali segmenti di mercato. In questo

la storia dell’azienda. L’obiettivo delle ricerche era quello

modo potremo adattare i prodotti alle precise esigenze di

di consentire l’elaborazione di un piano di progettazione

tutti i nostri clienti in tutti quei settori, come mai prima d’ora.

interamente focalizzato sulle esigenze dei clienti. Nella

L’obiettivo della nostra azienda è ‘semplicemente’ quello di

fase iniziale di ricerca qualitativa, è stata condotta una

rivoluzionare il mercato dei convertitori”.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com EMERSON RA 5-12.indd 5

16/10/12 16.48


SPES CONTRIBUISCE AL RISPARMIO ENERGETICO DI COOP ADRIATICA Inaugurato a Mestre (VE) il primo punto vendita Coop&Coop attrezzato con il sistema di monitoraggio per la gestione dell’energia.

H

a aperto sabato 17 novembre a Mestre il supermercato sostenibile Coop&Coop Campo Grande, il primo in Italia realizzato con il nuovo

formato dei punti vendita Coop nell’ambientazione e nell’offerta. Un supermercato ricco di prodotti tipici, lo-

cali e biologici, e dotato di servizi ecologici e sociali come i distributori dell’acqua pubblica liscia e gasata e dei detersivi sfusi, la parafarmacia, lo spazio per il book-crossing, il recupero a fini solidali degli alimenti invenduti, la vendita di pannelli fotovoltaici. Per abbattere i consumi, lo stesso negozio sarà illuminato da lampade a led e tutti i banchi frigo saranno

Mauro Angelini e Franco Boldreghini Spes light

chiusi da sportelli. Si tratta del primo punto vendita di Coop Adriatica re-

dalità di consumo e gestire di conseguenza in modo

alizzato in collaborazione con la cooperativa Spes di

intelligente l’utilizzo di energia, secondo i parame-

Fabriano (AN), attiva nella progettazione elettronica

tri definiti dalla certificazione Iso 50001: aumento

e informatica di soluzioni tecnologiche innovative. Il

dell’efficienza e costante riduzione dei costi.

punto vendita è dotato quindi di un sistema di gestio-

La struttura di Mestre ha richiesto investimenti per 3,8

ne integrato dell’energia e di monitoraggio puntuale

milioni di euro e occuperà 85 persone, per lo più

dei consumi energetici.

giovani e neoassunti.

Il supermercato di Mestre è il primo all’interno di un

“Efficienza energetica e riduzione dei consumi stanno

accordo quadro siglato con Coop Adriatica per l’in-

diventando parole d’ordine – commenta il presidente

stallazione del sistema di monitoraggio e gestione

di Spes, Franco Boldreghini –, ma perché possano

dell’energia nei diversi punti vendita della Coopera-

tradursi in realtà sono necessari sistemi tecnologici

tiva. Si tratta di un sistema, software e hardware, che

che consentano un’analisi continua e ragionata delle

controlla tutti gli utilizzi energetici: la climatizzazione

modalità di utilizzo e una conseguente gestione ra-

degli ambienti, il riscaldamento, il raffrescamento, la

zionale dell’energia. Per questo abbiamo messo a

deumidificazione, l’illuminazione interna ed esterna,

punto il sistema Spes Energy Suite. Il fatto che una

la produzione di acqua sanitaria, l’alimentazione di

realtà importante come Coop Adriatica abbia deciso

forni e frigoriferi e degli uffici. Grazie a questo stru-

di attrezzare i propri punti vendita nella direzione di

mento, l’energy manager può tenere sotto controllo,

un consumo intelligente dell’energia rappresenta un

sia da remoto che in azienda, la quantità e le mo-

segnale molto positivo”.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CS SPES.indd 1

19/11/12 11.30


CGT E LA DISTILLERIA SACCHETTO L’IMPORTANZA DEL SERVIZIO NELLA COGENERAZIONE E NEL BIOGAS Grazie al Servizio di Manutenzione verificato in nove anni di attività, la Distilleria Sacchetto ha voluto replicare e ha commissionato a CGT un nuovo cogeneratore, alimentato a biogas.

L

a Distilleria Sacchetto, con sede in Piemonte, è una

riale e storia. L’impianto installato prevede un cogeneratore

delle aziende italiane a conduzione familiare, leader

Caterpillar da 1,1 MWe modello G3516B.

nel settore della produzione di amidi derivati.

L’energia elettrica prodotta viene utilizzata dallo stabilimen-

Nel 2002 decide di dotarsi di un impianto di cogenera-

to, mentre l’energia termica viene recuperata dai circuiti

zione per migliorare le proprie performance sul mercato.

del motore e dai gas di scarico. Dai circuiti motore si recu-

Risparmiare sui consumi energetici infatti si rivela essere la

pera acqua calda che viene scambiata con delle batterie

strada che sempre più imprese decidono di percorrere per

acqua/aria per produrre aria calda utilizzata nel proces-

migliorare la propria competitività.

so. Mentre i gas di scarico sono utilizzati direttamente.

Per la progettazione e la realizzazione dell’impianto l’a-

Dal 2003, anno di messa in servizio dell’impianto, con

zienda si affida a CGT che si mostra essere partner affida-

72.500 ore di moto complessive (al 31/10/2012) e

bile sia per la proposta del motore a marchio Caterpillar,

una media di 8050 ore di funzionamento all’anno, l’im-

che per quanto riguarda il Servizio. La sua organizzazione

pianto ha dato una disponibilità sulle ore di attesa di fun-

infatti è unica in Italia per professionalità, presenza territo-

zionamento molto alta. La distilleria Sacchetto, sulla base

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CGT.indd 1

19/11/12 15.20


Energia efficiente

CGT Energia fornisce la migliore tecnologia al mondo, supportata dal miglior servizio oggi disponibile. I nostri uomini vi assistono dalla progettazione fino all’installazione e nella manutenzione degli impianti, garantendo la massima efficienza energetica ed economica.

Una gamma completa

CGT è in grado di soddisfare tutte le esigenze di richiesta energetica in modo affidabile e sicuro.

GRUPPI ELETTROGENI E DI CONTINUITÀ Gruppi elettrogeni Diesel Prime e Stand-by La più ampia gamma di potenze, con l‘esperienza del più grande costruttore al mondo.

Gruppi Caterpillar: da 10 a 2400 kW

Sistemi UPS

Dalla tecnologia Caterpillar, energia elettrica di qualità per le telecomunicazioni, gli ospedali e l’industria di precisione. Sistemi UPS Caterpillar: moduli componibili da 120 a 2000 kW

La solidità di un grande Gruppo

CGT Energia è una divisione di CGT, dal 1934 dealer italiano di Caterpillar.

Presenza capillare in tutta Italia

CGT è presente sull’intero territorio nazionale con una rete di 40 filiali.

Esperienza su forniture di ogni dimensione

Dai grandi impianti ai piccoli gruppi, soluzioni su misura per ogni esigenza.

Una grande squadra di progettazione

Oltre 50 ingegneri che affiancano il Cliente dalla progettazione fino alla manutenzione.

La convenienza dei grandi numeri

Il rapporto privilegiato con Caterpillar

consente di proporre soluzioni ad alto contenuto innovativo e motori a costi competitivi.

IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTE RINNOVABILE Olio Vegetale e Animale*

Una vasta gamma di prodotti alimentati da una fonte rinnovabile incentivata dalle normative vigenti. * valido solo per motori a giri lenti. Gruppi elettrogeni Caterpillar lenti/veloci: da 400 a 14400 kW

Biogas

Una gamma che risponde alle esigenze di affidabilità richieste dall’utilizzo del Biogas, combustibile alternativo e rinnovabile che soddisfa i parametri CE per il 2020. Gruppi elettrogeni Caterpillar: da 400 a 2000 kW a 1500 rpm

IMPIANTI DI COGENERAZIONE Gas Metano

Produzione combinata di energia elettrica e calore, riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera, una miglior efficienza energetica con conseguente riduzione dei costi in bolletta. Gruppi elettrogeni Caterpillar: da 400 a 2000 kW a 1500 rpm DA 3000 A 4000 KW A 1000 RPM FINO A 6500 KW A 750 RPM

www.cgt.it cgt_energia_motori4.indd 1

09/10/12 09.18


di questi risultati, ha così deciso di realizzare un nuovo impianto di cogenerazione di potenza simile a quello già

I PUNTI FORTI DEL SERVIZIO CGT

in essere, ma alimentato con biogas proveniente da un

24/24 ore per 365 giorni all’anno: la diffusione

biodigestore anaerobico.

sul territorio e la reperibilità garantita dai tecnici CGT

Anche questa volta, CGT è stata coinvolta per progettare

consentono immediata gestione delle emergenze,

il nuovo sistema. È certo che nella scelta di ampliare gli

manutenzioni personalizzate e riduzione dei fermi

impianti di cogenerazione nella distilleria, ha contato l’ec-

macchina.

cellente servizio di manutenzione di CGT. Solo una buona

Una grande squadra di progettazione: oltre 50 in-

organizzazione e un buon servizio permettono di ottenere

gegneri affiancano il Cliente dalla progettazione fino

i risultati attesi nella cogenerazione.

alla manutenzione. Proposte di servizio ad hoc: commissioning, manutenzione preventiva, analisi fornitura ricambi, service e assistenza estesa all’impiantistica complementare al motore. Assistenza a costi certi: contratti di assistenza studiati ad hoc per mettere il cliente al riparo da ogni sorpresa. Ricambi sempre disponibili: i collegamenti tra i centri di smistamento in Europa e le 37 filiali in Italia garantiscono di procurare il ricambio in 24-36 ore. Formazione costante del personale: CGT Energia programma 8000 ore di formazione all’anno, per offrire tecnici in grado di affrontare ogni problema, con la stessa qualità e professionalità in tutta Italia.

CGT Energia CGT Energia, Divisione di CGT, dealer italiano di Caterpillar dal 1934, è una delle realtà più innovative e dinamiche nel mondo dell’energia. La proposta di prodotti Caterpillar si unisce a una collaudata capacità di progettazione, realizzazione e assistenza, in grado di rispondere alle richieste più sofisticate dei mercati dell’energia. CGT Energia opera in cinque segmenti: Yacht, Marine Commercial, Industriali, Generazione Energia e Petroleum. L’azienda in Italia si avvale di una rete diretta di 37 filiali e 50 officine autorizzate per l’assistenza nel settore marino.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CGT.indd 3

19/11/12 15.20


Il più universale dei contabilizzatori di energia

SIMPOSIO TECNOLOGICO Soluzioni per il risparmio energetico ed efficienza energetica nelle macchine per il confezionamento ed il packaging

P

roseguendo nella sua intensa attività convegnistica tecnica che sta sempre più caratterizzando il ruolo di UCIMA (Unione Costruttori Italiani Macchine per

il Confezionamento e l’Imballaggio), quale unico riferi-

mento nazionale per l’aggiornamento tecnico e normativo di settore, l’Associazione ha organizzato giovedì 8 novembre un simposio tecnologico per fare il punto sulle nuove soluzioni per il risparmio energetico ed efficienza

T1

energetica nelle macchine per il confezionamento ed l’imballaggio. L’argomento, particolarmente attuale in un momento in

T2

cui l’analisi dei fattori dei costi di produzione diventa

Flow meter

assolutamente determinante per restare competitivi, ha richiamato a Villa Marchetti, sede di Ucima, un folto pubblico di tecnici di tutte le principali aziende del settore. Il tema del risparmio energetico sta assumendo infatti sempre più importanza non soltanto in ambito europeo, ma mondiale. E questo non soltanto per un fattore (determinante) correlato alle dinamiche dei costi di produzione, ma anche con riferimento al binomio “Energia e Ambiente”. In particolare nel settore del confezionamento e packaging si è assistito in questi ultimi tempi al crescere e svilupparsi di sempre più importanti proposte e soluzioni tecnologiche in materia, per le quali le imprese italiane si sono dimostrate ancora una volta all’avanguardia nella fornitura delle soluzioni più ottimali e performanti. Come già in altre occasioni, il simposio tecnologico,

valutazione dell’efficienza energetica dei prodotti.

gandini-rendina.com

legati alle normative e standard internazionali per la

Omologato per le “transazioni finanziarie” a norma EN 1434, (MID 004)

Calcolo delle calorie e frigorie con switch automatico o con abilitazione esterna

Protocolli RS232, RS485, MODbus, BACnet, Mbus

Utilizzabile con sonde di temperatura selezionate a coppia PT100/500/1000 da 2 a 4 fili

prima di approfondire le tecnologie, ha voluto aggiornare i presenti sui più recenti sviluppi normativi e tecnici

Compatibile con misuratori di portata a turbina, Woltman, ultrasuoni e elettromagnetici

I/O impulsivi e analogici.

Cinisello-B.Mi (Italy) tel. +39 0266027.1 www.isoil.com - isothermic@isoil.it

Le soluzioni che

contano

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com UCIMA-ISOIL RA 5/12.indd 1

27/11/12 12.35


IL CASEIFICIO LA CASARA

I

l Caseificio veneto fonda le sue origini nei lontani

cette casearie e tutti gli aspetti dell’arte della produzio-

anni venti a Brenton, tra le colline di Roncà nel nordo-

ne e della stagionatura dei formaggi. La produzione de

vest veronese dove Ermenegildo

La Casara varia dal formaggio

Roncolato, insieme ai figli Romano

fresco ai formaggi tipici e lattici-

e Angelo, dà inizio all’attività di ca-

ni di latte di vacca e di capra,

saro turnario. Con il tempo, il piccolo caseificio di fami-

ai salumi veneti ottenuti da suini allevati direttamente in

glia, che nel frattempo ha preso il nome „La Casara“ si

azienda.

trasforma in azienda artigianale dove Gildo, Giovanni e Letizia portano avanti l’attività con la stessa passione

La riqualificazione della centrale termica

del padre Romano, mantenendo invariate le antiche ri-

Nel 2011 i titolari del caseificio hanno deciso di ri-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com Viessmann RA 5-12.indd 1

26/11/12 14.00


qualificare la centrale termica esistente sostituendo la

Vitoplex 100 LS è una caldaia a tre giri di fumo per

caldaia a vapore esistente, installata oltre vent’anni

la produzione di vapore a bassa pressione; per La

fa e ormai obsoleta e inefficiente. La riqualificazione

Casara è stata scelta la versione con una potenza

doveva rispondere all’esigenza di produrre il vapore

utile di 580 kW.

necessario per alimentare i pastorizzatori del latte e

È stato installato un generatore di potenza superio-

per i processi di cottura di alcuni prodotti. Per soddi-

re rispetto al precedente, dal momento che si è reso

sfare tali esigenze Viessmann ha fornito una caldaia

necessario aumentare la contemporaneità di alcuni

Vitoplex 100 LS.

cicli di lavorazione e accrescere la produzione di formaggi. La caldaia installata, alla quale è abbinato un bruciatore a gas metano modulante, è in grado di produrre 0,9 t/h di vapore ad un bar. Inoltre, le grandi dimensioni della camera di vapore e l’elevata superficie di evaporazione hanno permesso di migliorare la qualità del vapore; la caldaia si caratterizza inoltre per le ridotte dispersioni termiche e per le emissioni inquinanti particolarmente contenute con basso contenuto di ossidi di azoto. La sostituzione del generatore è stata affiancata a una serie di interventi sull’intera impiantistica esistente, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza dell’impianto nel suo complesso. I risultati finali conseguiti sono stati in linea con le aspettative iniziali dei proprietari, dal momento che hanno portato a un miglioramento del rendimento stimabile intorno al 15%-20%, con conseguenti benefici sui costi di esercizio.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com Viessmann RA 5-12.indd 3

26/11/12 14.00


PROSWEETS COLOGNE 2013 OFFRE UN’AMPIA PANORAMICA DI TECNOLOGIE E PROCESSI DI PRODUZIONE E TRASFORMAZIONE PER DOLCIUMI E SNACK – OTTIMO LIVELLO DI ISCRIZIONI

N

el gennaio 2013 si terrà la sesta edizione di

di Barsinghausen della Bahlsen. La produzione annua

ProSweets Cologne: parallelamente al Salone

dello stabilimento ammonta a 35.000 tonnellate di dol-

Internazionale dei Prodotti Dolciari (ISM) dal 27

ciumi. Per i quadri di comando della linea di produzione

al 30 gennaio 2013 circa 350 aziende da una trenti-

“PiCK UP!” i responsabili hanno optato per una serie

na di paesi si presenteranno nei padiglioni espositivi di

di scatole rigorosamente impostate su principi igienici.

Colonia.

Costruite in acciaio legato secondo un progetto studiato

Il buon livello di iscrizioni lascia prevedere di nuovo una

fin nei dettagli, assicurano il massimo di igiene grazie

manifestazione dai contenuti molto variegati, che rap-

all’assenza di zone morte e impedendo l’infiltrazione di

presenterà l’intera gamma delle forniture finalizzate alla

polvere e umidità. Il materiale isolante impiegato può

produzione, lavorazione e confezionamento di prodotti

assicurare una protezione di classe IP 66. La superficie

dolciari e snack e offrirà soluzioni per i problemi posti

della scatola presenta una rugosità inferiore a 0,8 mi-

dalle diverse fasi di produzione. Un tema di capitale

crometri ed è spazzolata nel senso del gocciolamento

importanza, indipendentemente dal tipo di prodotto

offrendo così le migliori premesse per il deflusso sicuro

lavorato – cioccolato, praline o wafer – è l’“Hygenic

dei liquidi.

Design”. La produzione dolciaria richiede tecnologie di ingegneria di processo sofisticate di alto livello. Per le

La legittimazione igienica

aziende produttrici i criteri di hygienic design sono di-

Può sembrare semplice e ovvio quanto realizzato presso

ventati prioritari, specialmente per i processi aperti, nei

la Bahlsen, ma in pratica soddisfare i criteri di hygienic

quali prodotto e strumenti di produzione entrano in con-

design è tutt’altro che facile. Le aziende dolciarie posso-

tatto. La preferenza va alle macchine progettate specifi-

no avvalersi dell’aiuto dell’European Hygienic Enginee-

catamente per rendere i processi più sicuri e prolungare

ring & Design Group (EHEDG). I criteri che consentono

la conservazione dei prodotti.

di definire una macchina di facile pulizia e i requisiti che

I criteri di hygienic design hanno svolto quindi un ruolo

le parti devono soddisfare per essere certificate sono

preminente durante la ristrutturazione dello stabilimento

definiti in una serie di direttive. La certificazione è con-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com PROSWEET RA 5-12.indd 1

29/11/12 17.04


www.prosweets-cologne.com

LA PAGINA DEL

CIOCCOLATO DELLA PRODUZIONE

siderata un sigillo di qualità ed ha il valore di legittimazione in fatto di igiene. Si sta anche diffondendo sempre più. “Constatiamo un continuo aumento di certificazioni”, spiega il Dr.

DOLCIARIA 4 giornani za mit

di conco con

ISM !

Jürgen Hofmann. Lo specialista della Weihenstephan è responsabile del gruppo tedesco all’interno dell’EHEDG. Inizialmente venivano certificati soprattutto parti di condotti quali sensori, valvole e pompe, ma oggi nei centri per i test pervengono componenti sempre più complessi, quali saracinesche e deviatori per il convogliamento pneumatico. componenti in termini di pulizia, perché tutti gli impianti utilizzati

IL SALONE INTERNAZIONALE DELLA SUBFORNITURA PER L’INDUSTRIA DOLCIARIA

devono essere sottoposti obbligatoriamente a periodiche pulizie in-

COLONIA,

tensive. Tale operazione ricorrente deve essere però realizzabile nel

27. 01. – 30. 01. 2013

Oltre alla scelta dei materiali, è fondamentale la funzionalità dei

più breve tempo possibile, perché “la produzione sarà tanto più redditizia, quanto più efficiente sarà il processo di pulizia”, commenta Hofmann. Ad esempio i sensori: se integrati a filo di parete nei tubi

Processi efficienti. Soluzioni intelligenti. Idee

in una scatola sferica richiederanno tempi di pulizia molto più brevi.

creative. Confezioni allettanti e ingredienti raffinati. ProSweets Cologne presenta la com-

La via reale del cleaning in place

petenza della fornitura dedicata all’industria

Dire pulizia è come dire cleaning in place, la cui sigla è CIP. I mo-

dolciaria. Lasciatevi ispirare dalle innovazioni

derni processi di produzione dolciari oggi sono inconcepibili senza

per avere più successo sul mercato.

questa via reale della pulizia. Con questo tipo di procedimento le

Potete trovare ulteriori informazioni in

soluzioni detergenti circolano negli impianti pulendoli in modalità

internet sul sito www.prosweets-cologne.com

completamente automatica senza richiedere lo smontaggio prelimi-

e prenotare gratuitamente i vostri biglietti

nare di parti dell’impianto.

d’ingresso.

Ai fini di un risciacquo efficace i serbatoi, i condotti e le pompe devono essere costruiti senza alcun punto morto e devono essere completamente svuotabili. Inoltre, le superfici di tutti i componenti che entrano in contatto con il prodotto devono essere il più lisce possibile per prevenire depositi di sporco, prodotto e microrganismi in fessure e nicchie.

Koelnmesse S.r.l. Viale Sarca 336/F, Edificio 16, 20126 Milano Tel. +39 02 8696131, Fax +39 02 89095134 info@koelnmesse.it, www.koelnmesse.it

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com PROSWEET RA 5-12.indd 3

29/11/12 17.04


fonte: Energy Resources

EFFICIENZA ENERGETICA ED ENERGIE RINNOVABILI: VIS Industrie Alimentari avvalendosi della collaborazione con Energy Resources, bonifica le proprie aree, abbatte i consumi e produce energia pulita

I

l mondo dell’industria alimentare si affaccia con sem-

produzione dal 1978 ed ha subito nel corso degli anni

pre maggior interesse sul settore dell’efficienza ener-

numerose modifiche. Attualmente, la VIS è specializzata

getica e delle energie rinnovabili. I motivi di questo

in produzioni panate e pastellate di varie merceologie di

crescente interesse sono diversi, primo fra tutti la volontà di

prodotti: ittiche, formaggi, verdure, prosciutto, acquisendo

riqualificare energeticamente le proprie strutture cercando

un importante know-how per i rinvenimenti in forno, tosta

soluzioni integrate chiavi in mano per far sì che i vecchi

pane, friggitrice, padella ecc.Nel 2011 l’azienda decide

stabilimenti, spesso caratterizzati da coperture in amianto,

di dedicare il tetto del suo stabilimento di Noale (VE) ad

possano rigenerarsi grazie ad un approccio che vede la

una centrale di produzione di energia elettrica da fonte

bonifica delle superfici di copertura, la creazione di nuovi

solare, bonificando in questo modo le vecchie superfici in

sistemi di coibentazione e l’utilizzo di impianti di produzio-

amianto. La Energy Resources di Jesi ha proposto, in base

ne di energia elettrica da fonti rinnovabili in un mix il cui obiettivo finale è quello di abbatere i consumi, sia elettrici che termici, e produrre energia pulita e gratuita. stabilimento di Noale (VE). Lo stabilimento sorge su un terreno di 33.000 mq di cui 10.000 mq sono coperti sui quali sono stati realizzati oltre ai reparti produzione, amministrazione e servizi 9.000 m3 di celle di conservazione per stoccaggi differenziati. Lo stabilimento è in

fonte: Energy Resources

È questo il caso della VIS Industrie Alimentari e del suo

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ENERGY RESOURCES RA 5-12 (1pag).indd 1

20/11/12 11.47


sources sottolinea che “ogni impianto installato per i nostri clienti è come un vestito su misura, progettato e realizzato in base alle reali necessità e potenzialità delle strutture sulle quali andiamo ad operare. Nel caso dell’impianto per la VIS abbiamo messo a punto un sistema innovativo per l’integrazione architettonica dell’impianto in grado di soddisfare, in un’unica soluzione, le necessità di bonifica dell’amianto, impermeabilizzazione delle nuove superfici di copertura ed installazione dei moduli fotovoltaici grazie ad una struttura di montaggio brevettata. La massima valorizzazione delle opportunità di ogni singola commessa garantisce al cliente un investimento efficiente ed efficace oltre che sicuro.” Ad un anno circa dalla messa in funzione dell’impianto la produzione di energia “verde” ha raggiunto i 400.000 kWh (dato rilevato al 7 novembre 2012) pari a circa 213.000 kg di CO2 non immessa in atmosfera ed un risparmio, in termini economici, di circa 90.000 euro all’anno. Grazie alla bonifica delle copertura all’amianto la tariffa incentivante riconosciuta alla VIS è pari a 44 centisimi di euro alte ottenibili dal GSE. fonte: Energy Resources

fonte: Energy Resources

per ogni kW prodotto, tra le più Le energie rinnovabili e l’efficienza energetica nell’industria alimentare rappresentano un ottimo investimento anche in termini di comunicazione e green marketing: infatti il consumatore

a questo progetto d’intervento, l’offerta più competitiva sia

di oggi è sempre più attento, oltre che

in termini tecnici che economici. Questo approccio ha

alla sostenibilità della filiera del prodotto, anche all’impat-

permesso all’azienda di accedere, oltre che agli incentivi

to dell’azienda sull’ambiente, valore che si riflette in modo

per la produzione di energia “verde”, anche un ulteriore

diretto sul prodotto finale aumentandone la percezione

premio per la bonifica dell’amianto. In questo modo l’im-

di qualità e genuinità. VIS Industrie Alimentari ed Energy

pianto fotovoltaico totalmente integrato da 292,5 kWp

Resources hanno stabilito un nuovo livello di qualità nell’in-

ha garantito all’azienda una nuova fonte di guadagno,

dustria alimentare e confidiamo che si moltiplichino gli

traducendo i costi fissi per l’approvvigionamento energe-

esempi virtuosi di questo tipo.

tico in nuovi risparmi dati dal notevole abbattimento dei

www.energyresources.it

consumi elettrici. Enrico Capanera, CEO di Energy Re-

planet.energyresources.it

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ENERGY RESOURCES RA 5-12 (1pag).indd 3

20/11/12 11.47


AB ENERGY PRESENTA A FIERA CREMONA “LINEA ROSSA”

In occasione della fiera del Bovino da latte e di Italpig a Cremona e di Ecomondo a Rimini, il Gruppo leader in Italia nel settore della cogenerazione presenta LA RISPOSTA ALLE NUOVE NORMATIVE riguardanti la produzione di energia da biogas.

I

l Gruppo AB di Orzinuovi (BS), leader nel settore degli

agro-zootecniche, con tutta la riconosciuta e collaudata

impianti di cogenerazione in Italia (con oltre il 70% del

affidabilità che contraddistingue le soluzioni in modulo

mercato per quanto riguarda gli impianti alimentati da

AB. Impianti che assicurano la massima efficienza ener-

biogas) ha scelto gli appuntamenti di Cremona e Rimini

getica, in particolare per quanto riguarda la produzione

come vetrine per presentare la sua nuova linea di impianti

e l’impiego dell’energia termica.

progettati appositamente per rispondere in modo efficace

Con la tecnologia e le potenzialità degli impianti LINEA

alle esigenze del mercato delineate dalle nuove normative

ROSSA si crea un ciclo virtuoso: energia dai reflui e calo-

riguardanti la produzione di energia da biogas.

re utile alla filiera agro-zootecnica.

“LINEA ROSSA” propone impianti di piccole dimensioni

I moduli di cogenerazione della Linea Rossa sono alimen-

(da 63 a 600 kW), ideali in particolare per le imprese

tati a biogas prodotto da reflui animali, ai quali possono essere aggiunti colture dedicate o sottoprodotti di origine biologica. Installabili facilmente in aziende agro-zootecniche di ogni dimensione, uniscono vantaggi economici sicuri ed ecostenibilità: si produce energia elettrica per la cessione in rete e contemporaneamente si ottiene calore per riscaldare le stalle e per le tante necessità della filiera degli allevamenti zootecnici. Considerando il mercato di riferimento, la gestione dei moduli di cogenerazione LINEA ROSSA è particolarmente semplice, grazie anche ad una accessibilità totale al vano motore e a tutta la componentistica. Inoltre l’’assistenza è garantita direttamente da AB grazie alla propria società dedicata AB Service, presente in tutta Italia. Ogni impianto, anche il più piccolo, è monitorabile in remoto su personal computer, tablet o smarthphone. L’esperienza AB e la qualità del prodotto garantiscono il massimo dell’affidabilità e il top delle performance nel lungo periodo (durata incentivo 20 anni). Un investimento facilmente ammortizzabile e destinato ad elevati rendimenti sia in termini di produzione di energia elettrica che di efficienza termica.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com mastro speciale cogenerazione RA 4-12 (1pag).indd 1

12/11/12 16.36


COGENERAZIONE E FOTOVOLTAICO PER IL COMPARTO DELLA CERAMICA articolo tratto da Quale Energia.it

I

l comparto ceramico del distretto di Modena e Reg-

sumo di gigajoule per tonnellata di prodotto che va in

gio Emilia vorrebbe puntare sulla cogenerazione

magazzino è passato da 10 a 6, grazie a innovazio-

e sul fotovoltaico, ma chiede regole certe e stabili

ni tecnologiche, cicli di produzione migliori, efficien-

allo Stato. Il settore delle ceramica e delle piastrelle di

za energetica delle macchine. L’efficienza energetica

distretto spende 500 milioni di euro in energia ogni

e il controllo dei costi dell’energia è una chiave per la

anno, di cui 380 milioni in gas, e queste cifre pesano

competitività, specialmente in settori energivori e vo-

per il 20% sui costi di produzione. Il consumo del

cati all’export. Il settore della ceramica ha una quota

settore di aggira sui 1.150 metri cubi standard di gas

di esportazioni pari all’80%.

all’anno e 1.200 GWh di elettricità. È per questo,

Per questo motivo il comparto, ha spiegato il rappre-

che già da anni, le imprese del territorio si impegnano

sentante di Confindustria, lavora da tempo per miglio-

per la riduzione dei consumi. Lo ha detto sabato 27

rare la qualità degli acquisti energetici e diminuire i

ottobre Andrea Canetti, responsabile Ambiente Con-

fabbisogni ricercando maggiori efficienze, anche se,

findustria Ceramica, al convegno “Green energy, nuo-

afferma “incontra oggettivi limiti tecnologici e necessi-

vi scenari energetici per il distretto ceramico”, che si è

ta di un contesto normativo favorevole”. In questi anni

svolto a Formigine, in provincia di Modena, nell’ambi-

si sono adottate macchine e impianti a minore con-

to del Festival green economy di distretto, organizzato

sumo energetico, c’è stato un vero e proprio cambio

e voluto da otto Comuni del territorio e appunto da

tecnologico con il passaggio a forni molto più effi-

Confidustria Ceramica.

cienti per i quali si usano materiali refrattari e isolanti

Per capire questo graduale processo di efficienza

e sono stati installati bruciatori di nuova concezione,

energetica c’è un dato: dagli anni 70 a oggi il con-

con maggior efficienza dello scambio termico. “Nelle

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com quale energia.indd 1

23/11/12 15.37


aziende ceramiche del distretto di Modena e Reggio

per lo scambio sul posto per l’acquisto dell’energia

Emilia si è realizzata l’automatizzazione dei cicli ter-

elettrica.

mici e si è avviato il recupero: sia quello del calore

Quanti altri settori industriali in Italia potrebbero bene-

dei fumi, che l’aria di raffreddamento, che il calore da

ficiare di uno sviluppo spinto della cogenerazione e

condensazione del vapore acqueo”, ha detto Canetti.

della microcogenerazione ad alto rendimento? E per-

A oggi sono 30 gli apparecchi di cogenerazione in

ché non creare le premesse, con un crescente mercato

questo territorio, con una potenza di 120 MW e una

domestico ed europeo di questa tecnologia, anche

produzione di 450 GWh/anno e 4 gli impianti di

per una produzione domestica di queste apparecchia-

fotovoltaici. Il settore dovrebbe e potrebbe concentrar-

ture?

si soprattutto sulla cogenerazione ad alta efficienza, ma per farlo “servono investimenti e quindi, a livello di norme, occorre un contesto chiaro, stabile e favorevole”. Tuttavia il distretto ceramico e delle piastrelle di Modena e Reggio Emilia non vuole rinunciare al fotovoltaico, poiché ci sono notevoli potenzialità e anche Banche pronte a investire, ha detto Carlo Sinatra, avvocato specializzato nel settore dell’energia, infrastrutture e project financing. L’avvocato sembra così voler rispondere al presidente di Confindustria Ceramica, Franco Manfredini, che all’esordio del Festival aveva criticato il forte e recente sviluppo del fotovoltaico, che “ aumenta i costi in bolletta per le aziende e porta ad acquistare pannelli dall’estero”. Un leitmotiv ripetuto spesso acriticamente da alcuni esponenti di Confindustria e purtroppo fatto proprio anche da questo Governo. Nel distretto tra Modena e Reggio Emilia, ha detto Carlo Sinatra, si potrebbero realizzare impianti fotovoltaici con una potenza di almeno 12 MW, utilizzando circa 240.000 metri quadrati di tetti delle imprese del settore. Servirebbe una cifra che si aggira sui 40 milioni di euro, aggiunge, “ma posso dire con certezza che ci sono importanti istituti bancari interessati a investire con il project financing”. Un settore energivoro come quello delle ceramiche, insomma, per l’esperto legale ne ricaverebbe grandi vantaggi, utilizzando la possibilità degli incentivi

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com quale energia.indd 3

23/11/12 15.37


SINERGIE FRA TECNOLOGIE ENERGETICHE INNOVATIVE: PROSEGUIRE UNO SVILUPPO SOSTENIBILE A FAVORE DI UN’ECONOMIA LOW-CARBON

U

n contributo rilevante in questa direzione è forni-

Strategia Energetica Nazionale, sono stati fatti enormi

to da The Innovation Cloud, nuova piattaforma

passi in avanti in direzione di uno sviluppo in chiave

espositiva di respiro internazionale che intende

green.

favorire la creazione di una forte massa critica e pro-

Una rivoluzione che ha cambiato il mondo dell’e-

muovere tutte le sinergie possibili all’interno dell’intero

nergia, introdotto tecnologie energetiche sempre più

spettro dell’eccellenza tecnologica in ambito energy

innovative e determinato nuove opportunità per le im-

Vivere in maniera sostenibile è diventata una consape-

prese in favore di una progressiva decarbonificazione

volezza per il cittadino moderno, oltre che una vera

dell’economia e della società.

e propria necessità per proteggere l’ambiente in cui

Oggi le parole chiave per continuare questo svilup-

viviamo.

po e per rispondere alle nuove sfide competitive e

E in oltre un decennio, dal Protocollo di Kyoto, fino

dinamiche del mercato sono ‘innovazione’, ‘interna-

alla recente proposta del governo italiano relativa alla

zionalizzazione’ e ‘sinergia’. Perché questo è ciò che

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com The innovation code RA 5-12 (1pag).indd 1

27/11/12 13.56


richiedono tecnologie e mercati sempre più globaliz-

professionali devono essere in grado di padroneggia-

zati e interconnessi.

re approcci sempre più interdisciplinari (si pensi ad

Si tratta di individuare, cogliere e saper valorizzare le

esempio alle opportunità che offrirà l’obbligo, ormai

nuove opportunità offerte dai Paesi emergenti, dove il

imminente, di progettazione di edifici a consumo ener-

mercato dell’energia è ancora acerbo.

getico quasi nullo), dall’altro i clienti devono essere

È questa la direzione verso cui lavorare, una completa

consapevoli delle migliori soluzioni per realizzare i

integrazione dell’eccellenza tecnologica in tutti quei

propri obiettivi di investimento nella direzione della

settori in grado di favorire lo sviluppo di un’economia

sostenibilità e di risparmio sulla bolletta.

verde, dal comparto delle rinnovabili elettriche e ter-

Gli investitori, infine, sono chiamati a sviluppare una

miche, a quello dell’architettura ed edilizia sostenibile,

attenzione sempre più mirata alle nuove opportunità

dalle reti intelligenti alla mobilità elettrica e ibrida fino

per una diversificazione nei tanti comparti delle tecno-

alle smart cities.

logie energetiche.

E l’industria ha già compreso l’importanza di riuscire

Il nuovo progetto espositivo e a forte vocazione inter-

a generare e saper sfruttare in maniera sinergica tutte

nazionale The Innovation Cloud (8-10 maggio, Rho

le integrazioni possibili tra le migliori e più avanzate

Fiera Milano) nasce con una finalità ben precisa: pro-

tecnologie energetiche per proseguire un rapido svi-

muovere e accelerare la transizione ad un’economia low-carbon a partire dalla generazione di una forte massa critica e di sinergie all’interno dell’intero spettro delle tecnologie energetiche innovative. Un concept multi-tecnologico che nasce a partire dall’esperienza di 13 edizioni di successo di Solarexpo, tra i primi 3 eventi

luppo verso un’economia low-carbon.

al mondo specializzati nel solare, e dal patrimonio di

Basti pensare ad esempio ai moderni impianti foto-

6 anni di GreenBuilding, evento di riferimento sull’effi-

voltaici che, in un’ottica di raggiungimento dell’indi-

cienza energetica negli edifici e l’architettura sotenibi-

pendenza energetica, puntano sui sistemi di accumulo

le - che si evolve in chiave innovativa con la prima edi-

oppure alla climatizzazione a pompa di calore che

zione di NEXTBUILDING - e si sviluppa coinvolgendo

può essere integrata da solare termico o biomasse.

anche tutte le altre tecnologie energetiche ad esempio

A fronte di un contesto di mercato in cui l’industria

per l’energy storage (E±STORAGE), la mobilità elettri-

energetica è chiamata ad offrire tecnologie sempre

ca e ibrida (E:MOVE), l’integrazione del fotovoltaico

più interconnesse, tutti gli attori - siano essi professioni-

e del solare termico nell’architettura (SOLARCH), le

sti, consumatori o investitori - devono essere preparati

novità nel mondo della cogenerazione e trigenerazio-

a cogliere questa sfida. Se da un lato gli operatori

ne (POLYGEN) e tanto altro ancora.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com The innovation code RA 5-12 (1pag).indd 3

27/11/12 13.56


Gr Oup

IBT

La nuova App “Capstone World”

EFFICIENZA ENERGETICA NELL’INDUSTRIA ALIMENTARE

L

a cogenerazione a turbina è particolarmente adatta

rospaziale, è frutto di oltre dieci anni di ricerca della so-

al settore manifatturiero dell’industria alimentare in

cietà americana Capstone Turbine Corporation, leader

quanto rappresenta l’applicazione esemplare delle

mondiale nei sistemi energetici con microturbine a gas,

energie alternative a sostegno delle industrie altamente

di cui IBT Group è partner esclusivo per l’Italia.

energivore, come quelle del food appunto, che presen-

Il brevetto più importante di Capstone, infatti, che ne

ta crescenti costi energetici e problemi di dispersioni

differenzia il suo prodotto da tutte le altre tecnologie

termiche che potrebbero invece essere impiegate nei

cogenerative, è quello che fa riferimento alla completa

processi produttivi.

assenza di olio lubrificante grazie all’impiego di cusci-

In particolare, la tecnologia cogenerativa a turbina “oil

netti ad aria (air-bearings) in grado di sostenere l’albero

free”, ovvero senza liquidi lubrificanti al suo interno, of-

della turbina in rotazione senza contatto meccanico. I

fre ulteriori vantaggi all’industria alimentare rispetto a

cuscinetti funzionano su un film d’aria che viene gene-

quelli tipici della cogenerazione, tra i quali: maggiore

rato da particolari profili aerodinamici presenti sull’asse

risparmio energetico, emissioni nocive tra le più basse,

della turbina stessa.

flessibilità del range di potenza offerta dalle soluzioni

Ne derivano numerose caratteristiche quali: una minore

(da 0.03 fino a 5 MWe), e soprattutto la possibilità di

manutenzione, la tutela dell’ambiente grazie alla ridotta

produrre maggiore energia termica sotto forma di vapo-

emissione di gas nocivi (NOx e CO), la modulazione

re rispetto alle tecnologie tradizionali.

da 0 a 100% della potenza elettrica data la velocità di

La tecnologia cogenerativa “oil free”, di derivazione ae-

rotazione variabile in funzione dell’energia elettrica pro-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ITB GROUP RA 5-12.indd 1

08/10/12 15.02


dotta e la possibilità di impiego con diversi combustibili. Inoltre, gli impianti a turbina Capstone vengono gestiti secondo i più avanzati criteri ambientali e sono dotati di un servizio di manutenzione, garantito dallo stesso produttore, che vede impegnato personale tecnico qualificato che assicura la continuità, l’affidabilità e le costanti performance nel tempo dell’impianto. Grazie alla particolare tecnologia, anche il numero di operazioni dedicate alla manutenzione sono estremamente ridotte: ordinaria ogni 8.000 ore di funzionamento e straordi-

La sezione del motore di una turbina C65

naria a 40.000 ore di funzionamento.

LE NUOVE APPLICAZIONI SPECIFICHE PER L’INDUSTRIA ALIMENTARE

L

a ricerca costante nelle più innovative applicazioni

Utilizzando la nuova serie di turbine Capstone da 600,

nel settore della generazione energetica ad alta ef-

800 e 900 Kwe, IBT Group - con la collaborazione

ficienza sta alla base della filosofia Capstone e di

di Panini, leader nella progettazione di apparecchi a

IBT Group, in qualità di integratore di sistemi specializ-

pressione e sistemi di recupero energia per l’industria

zato da oltre 12 anni nella generazione energetica ad

- ha infatti messo a punto una soluzione che permette

alta efficienza. Nel corso degli anni IBT Group ha in-

di massimizzare la produzione di vapore mediante l’im-

fatti sviluppato molteplici applicazioni per far fronte agli

piego di una tecnologia di post-combustione dei gas di

specifici bisogni di determinate industrie, come quella

scarico esausti della turbina. Essi, oltre ad avere tenori

alimentare appunto. Due le applicazioni di recente svi-

di NOx e CO molto bassi ed ampiamente al di sotto

luppo particolarmente interessanti per questo comparto

dei limiti previsti dalle normative nazionali e regiona-

dove è richiesta la produzione di vettore termico, neces-

li, presentano un contenuto di ossigeno pari a circa il

sario per il processo produttivo, sotto forma di vapore

17%, che consente di utilizzarli come aria comburente

saturo a varie pressioni.

a circa 300 °C all’interno di post-bruciatori che elevano la temperatura dei gas combusti fino ad un max di 700

APPLICAZIONI PER LA PRODUZIONE DI VAPORE

°C. Tali gas, che rappresentano anche l’unico vettore

Capstone è l’unica turbina a gas modulare senza olio

termico di scarto delle turbine Capstone, vengono quin-

ad alto rendimento e zero emissioni con potenze per la

di utilizzati in una normale caldaia per la produzione di

singola macchina da 30 a 1000 kWe che massimizza

vapore saturo.

efficienza e risparmio energetico, grazie alla possibilità

Il sistema così realizzato consente di usare tutta l’energia

di produrre maggiore energia termica sotto forma di

termica di scarto della turbina a gas Capstone, a diffe-

vapore rispetto alle tecnologie tradizionali.

renza di quanto normalmente accade con le tecnologie

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ITB GROUP RA 5-12.indd 3

08/10/12 15.02


Gr Oup

IBT

SOLUZIONI CLEAN & GREEN PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE Applicazioni specifiche per il comparto food Capstone: l’unica turbina a gas modulare senza olio ad alto rendimento e zero emissioni con potenze da 30 a 1000 kWe che massimizza efficienza e risparmio energetico, grazie alla possibilità di produrre maggiore energia termica sotto forma di vapore rispetto alle tecnologie tradizionali. Gr Oup

IBT

12 AN N I AL S ERV IZ IO D ELL’ EFFICI ENZA EN ERG ETICA

Per informazioni: +39 0422 616311 - www.ibtgroup.it

Save the Planet & Start the Future! Cogeneration - Trigeneration - Ultra Low Emissions - Scalable - Low Maintenance - Durable - Natural Gas & Biofuels - Energy Power Quality

ibtADValimentare3.indd 1

17/09/2012 22:47


tradizionali a motore alternativo, dove il recupero termi-

Il risparmio è quindi quantificabile in circa 330.000

co è molto inferiore, in quanto buona parte dell’energia

Euro annui con un funzionamento di circa 5400 ore/

termica si presenta sotto forma di acqua calda a circa

anno del sistema.

90 °C, proveniente dai circuiti di raffreddamento delle

La soluzione permette di beneficiare anche degli incen-

camicie e dell’olio lubrificante dei motori.

tivi riconosciuti alla CAR (certificati bianchi e defiscalizzazione del gas metano) concessi alla cogenerazione ad alta efficienza. APPLICAZIONI CON ORGANIC RANKINE CYCLE (ORC) Il generatore Capstone Clean Cycle da 125 kW, attraverso l’utilizzo del Ciclo Organico di Rankine, consente il recupero del calore di scarto da svariate fonti, che altrimenti verrebbe disperso nell’ambiente, per la produzione di energia elettrica che può essere riutilizzata in loco o immessa in rete. La tecnologia ORC, se abbinata

Capstone C1000 con recupero termico

ad un impianto di cogenerazione, consente di aumenta-

Le soluzioni cogenerative con Turbine Capstone serie

re infatti in maniera determinante l’efficienza dell’appa-

C1000, equipaggiate con post-combustore e genera-

rato stesso attraverso il recupero del calore normalmente

tore di vapore, risultano quindi particolarmente vantag-

non utilizzato. Grazie all’applicazione ORC, si è infatti

giose per tutte le utenze industriali che non presentano

n grado di aumentare il rendimento elettrico di circa il

la necessità di utilizzare acqua calda.

10%: ciò significa avere la possibilità di produrre circa

A titolo di esempio, riportiamo i dati relativi ad un im-

il 10% di energia elettrica in più a parità di consumi o

pianto realizzato presso un’industria alimentare costituito da una turbina Capstone da 1.000 kWel alimentata a metano (315 smc/h) e da un nuovo generatore di vapore saturo della producibilità di 3000 kg/h di vapore saturo a 10 bar con ritorno condense a 90°C. Il sistema realizzato prevede l’utilizzo di un bruciatore in vena d’aria (post-combustore) posto a monte del generatore di vapore il quale, iniettando del metano aggiuntivo in vena d’aria (121 smc/h), eleva la temperatura dei gas esausti in uscita dalla Turbina @17% di O2 da 280°C a circa 450°C. Tale flusso viene poi convogliato nel generatore di vapore a tubi di fumo opportunamente dimensionato per la produzione di 3000 kg/h di vapore @ 10 bar richiesto dal ciclo produttivo del cliente.

Capstone Clean Cycle 125 kW

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ITB GROUP RA 5-12.indd 5

08/10/12 15.02


di ridurre di circa il 10% i consumi a parità di energia elettrica prodotta. Capstone Clean Cycle è un modulo integrato - turbina e generatore elettrico – da 125 kW elettrici, in grado di lavorare con qualsiasi fonte di calore, purché superiore ai 125/140°C. Come le microturbine Capstone, non richiede impianto di lubrificazione, in quanto il generatore ruota ad altissima velocità su speciali cuscinetti magnetici auto allineanti. Inoltre, sfrutta un modulo elettronico di potenza in grado di portare l’energia elettrica ad alta frequenza proveniente dal generatore esattamente alla frequenza di rete, eliminando la necessità di costosi condensatori e garantendo al sistema un’ottima modulabilità.

Il motore di una turbina Capstone C65

LA NUOVA “APP” INTERATTIVA E MULTIMEDIALE: AIUTERA’ A CALCOLARE L’EFFETTIVO RISPARMIO ENERGETICO Capstone Turbine Corporation ha da poco lanciato “Cap-

Sacramento, in California, passasse dal prelevare ener-

stone World 2.0”, la piattaforma multimedia che offre la

gia dalla rete ad un mix di fonti di energia pulite - coge-

possibilità di entrare in modo interattivo nel mondo delle

nerazione, fotovoltaico, eolico - si potrebbero risparmiare

microturbine Capstone.

oltre 10 milioni di dollari ogni anno riducendo le emissioni

La nuova App, specificatamente ottimizzata per iPad, è la

di CO2 di circa 82.000 tonnellate. Un’ulteriore funzione

prima al mondo che aiuta a determinare l’effettivo rispar-

interattiva di “Capstone World 2.0” consente agli utenti di

mio economico e la conseguente riduzione di emissioni

esplorare specifiche applicazioni con microturbine Cap-

nocive derivanti dall’adozione di tecnologie per la ge-

stone grazie alla possibilità di cliccare sulla struttura che

nerazione energetica ad alta efficienza. In pochi tocchi,

più interessa (siti produttivi, ospedali, hotel, discariche,

chiunque, ovunque può determinare il potenziale rispar-

ecc.) situata in una ipotetica città modello ed avere così

mio in termini di costi energetici semplicemente inserendo

accesso a video, case study, interviste, ecc.

alcuni parametri come il tipo di struttura per cui si vuole

La App “Capstone World 2.0” è attualmente disponibile

effettuare il calcolo, il mix energetico con altre tecnologie

per il download sull’Apple Store. L’applicazione è gratuita

quali il solare e l’eolico usate in loco, ecc. I risultati di que-

e supporta l’alta risoluzione del nuovo display Retina della

sta simulazione possono essere sorprendenti: se per esem-

terza generazione iPad. Il software è inoltre disponibile

pio solo l’1% degli edifici che utilizzano grandi quantità

per PC e Mac all’indirizzo http://distributedenergycalcu-

di energia, in una città di 2.2 milioni di abitanti come

lator.com/capstone/.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ITB GROUP RA 5-12.indd 7

08/10/12 15.02


Impianto a osmosi inversa per il trattamento del digestato

UN INNOVATIVO SISTEMA DI TRATTAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEL DIGESTATO

I

l sempre maggior numero di aziende agricole che

non è in grado di ridurre in modo consistente il volume

produce energia dalle biomasse si trova a dover

del digestato né il suo contenuto di azoto. Un trat-

affrontare il problema degli alti costi di stoccaggio

tamento per la riduzione della percentuale di azoto

e di smaltimento del digestato derivante dal processo

presente nel refluo è dunque una soluzione che si con-

anaerobico di produzione del biogas.

figura come quasi obbligata, ma rappresenta inoltre

La direttiva nitrati dell’Unione Europea (91/676) pone

un’opportunità di guadagno economico grazie alla

infatti delle strette limitazioni alle percentuali di azoto

possibilità di riutilizzo delle sostanze ottenute tramite

spargibili nei campi per fert-irrigazione. La maggior

lo stesso processo di trattamento.

parte delle aziende agricole, tuttavia, non è in posses-

TECAM, società operante nel settore del trattamento

so di un’estensione sufficiente di campi dove spargere

dei reflui industriali, è in grado di proporre quello che

il digestato in ottemperanza ai parametri indicati da

ad oggi è il più innovativo e completo sistema di trat-

tale normativa.

tamento del digestato, che, per mezzo dell’applica-

Il semplice trattamento di separazione dei solidi so-

zione di differenti tecnologie, permette di recuperare

spesi non consente di risolvere il problema, in quanto

e riciclare molte parti di esso.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com TECAM RA 5-12.indd 1

25/10/12 16.01


Il processo comincia con un pretrattamento del refluo volto alla rimozione dei solidi sospesi. La frazione solida così estratta può essere impiegata come fertilizzante o, previo essiccamento, come combustibile con il quale alimentare un inceneritore per la generazione di energia termica. La frazione liquida fuoriuscente dal trattamento di separazione dei solidi sospesi non può essere sparsa sui campi a causa del contenuto troppo elevato di azoto. La fase successiva consiste dunque nello strippaggio

Impianto di ultrafiltrazione

dell’ammoniaca dalla frazione liquida, che permette il recupero di una soluzione di solfato ammonico commercializzabile come fertilizzante. La frazione liquida uscente dalla sezione di strippaggio è ricca di COD (Chemical Oxygen Demand), sali e metalli pesanti: essa necessita dunque di un trattamento di concentrazione in un impianto di ultrafiltrazione/nanofiltrazione, che permette il recupero della frazione carbonica del refluo, ricca di azoto, che, aggiunta alla biomassa nell’impianto di digestione, può incrementare la produzione di biogas.

Sistema di trattamento MBR per biomasse liquide

La restante componente liquida può essere impiegata

più basse rispetto a quelle necessarie in condizioni di

in agricoltura come fertilizzante o ulteriormente trattata

normale pressione atmosferica). Il concentrato estratto

in un impianto di evaporazione sottovuoto (che con-

per evaporazione, ricco in sali minerali, può essere

sente il raggiungimento dell’ebollizione a temperature

essiccato e commercializzato come fertilizzante. L’acqua ottenuta dai trattamenti di evaporazione e di essiccazione può essere impiegata per l’irrigazione o scaricata nelle acque superficiali. I principali vantaggi di questo sistema di trattamento sono: la riduzione anche fino al 100% delle estensioni agricole per lo spargimento del digestato; la riduzione dei costi di gestione, grazie alla possibilità di recupero di molte frazioni del digestato, vendibili come fertilizzanti; la riduzione del volume di inquinanti da smaltire grazie alla loro concentrazione; la possibilità di supervisionare il funzionamento dell’impianto

Evaporatore a triplice effetto per il trattamento del digestato_ALAN Srl

da una sala di controllo dell’azienda.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com TECAM RA 5-12.indd 3

25/10/12 16.01


Risparmiate 2.310 tonnellate di petrolio l’anno

ULIVI: NON SOLO OLIO MA ANCHE COMBUSTIBILE

E

NERGIA ELETTRICA E TERMICA DALLE POTATURE

il progetto ha visto l’adesione entusiasta del Comune di

DI ULIVO

Calimera, della Provincia di Lecce, di Arpa Puglia e del

Nessuna colonna di fumo nero salirà più dai campi

Ministero delle Sviluppo Economico.

di Calimera, paese nella campagna del salentino in Puglia. I contadini, infatti non bruceranno più all’aperto

COME FUNZIONA: CALORE ED ENERGIA

gli scarti di potatura degli ulivi, la coltura più diffusa

L’impianto produce 1 MW di energia elettrica e 4 MW

nella zona, creando inquinamento, ma ne ricaveranno

di energia termica ogni ora. L’energia pulita prodotta

un reddito vendendole ad un’azienda agricola, la Fiusis

viene venduta all’Enel che la immette nella cittadina di

srl guidata da Marcello Piccinni. Che le brucerà sì, ma

Calimera con una tariffa incentivante. La cogenerazio-

non all’aperto. Bensì in un impianto di cogenerazione

ne, cioè la generazione nello stesso impianto di ener-

per ottenerne energia elettrica e termica.

gia termica e elettrica, è un processo che permette di ottimizzare l’utilizzo del combustibile ma anche di mi-

TUTTI CONTENTI… ANCHE L’AMBIENTE

gliorare la resa economica, tale da rendere la spesa

Ha ottenuto la quadratura del cerchio Uniconfort che,

dell’impianto ammortizzabile in pochi anni.

con la sua caldaia, scalda un’azienda, produce energia elettrica e offre un reddito alle decine di coltivatori

MAGGIOR RENDIMENTO CON UN’IMPIANTO

che in precedenza eliminavano i loro scarti bruciandoli

SU MISURA

o pagando per il loro smaltimento. Inoltre, l’impianto

L’impianto è frutto di un complesso iter di progettazio-

lavora con combustibile a chilometri zero. Non a caso

ne, che ha visto l’ufficio ricerca e sviluppo di Uniconfort

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com UNICONFORT RA 5-12.indd 1

17/10/12 12.55


testare le potature di ulivo nella caldaia per le prove di combustione. Quindi, valutati il grado di umidità, la pezzatura e le caratteristiche fisico chimiche dello scarto agricolo, è stato progettato l’impianto migliore in termini di funzionalità, resa e abbattimento delle emissioni. IL RISCATTO DELLO SCARTO

Stoccaggio della biomassa nel piazzale esterno

Uniconfort è attualmente l’unica in grado di fornire caldaie che bruciano diversi materiali, anche fuori stan-

umidità molto alte (fino a M55) e con residui di ceneri

dard, in risposta alle particolari esigenze del cliente, sia

cinque volte più alte del cippato: torsoli di mela, sansa

che si tratti di materiale acquistato sia che derivi

di olive, lettiere di fungaie, potature di vite e vinaccia,

dagli scarti di lavorazione della sua attività. Impianti in

scarti di segheria, residui di lavorazione che rappre-

grado di bruciare senza problemi e ad alta resa ma-

sentavano un costo per il loro smaltimento e che sono

teriali che altre caldaie non riescono a lavorare: con

invece diventati risorsa.

Caldaie a biomassa per le primizie

A BIBIONE ASPARAGI A FEBBRAIO

A

nticipare di due mesi la stagionalità degli aspa-

di prodotto immessa sul mercato. Ottenere un raccol-

ragi, con evidenti vantaggi nella loro commercia-

to anticipato, dunque, presenta indubbi vantaggi dal

lizzazione. Un’utopia? No, una realtà economi-

punto di vista economico, qualora la produzione “arti-

camente sostenibile se si utilizzano le biomasse. Gli

ficiale”, naturalmente, abbia però costi sostenibili.

asparagi vengono raccolti dal 15 aprile al 30 maggio, stagione più mite che aiuta la crescita naturale del

LA COOPERATIVA AGRICOLA CHIEDE AIUTO

turione. Crescono tutti insieme in poche settimane, così

A UNICONFORT

vengono immessi sul mercato quasi simultaneamente,

L’idea è venuta ai soci della Cooperativa Agricola

con un andamento dei prezzi che da molto alto nei

Bibione che lavorano nell’ambito della produzione

primi giorni, si abbassa rapidamente per la quantità

agricola a pochi chilometri dal mare, a Bibione in provincia di Venezia. Hanno chiesto aiuto a Uniconfort, il terzo produttore al mondo di caldaie alimentate a biomasse solide e insieme hanno progettato un impianto che utilizza combustibili a bassissimo costo: le biomasse solide. Un’esperienza unica in Italia e che permette di raccogliere i primi

La raccolta degli asparagi

asparagi a febbraio.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com UNICONFORT RA 5-12.indd 3

17/10/12 12.55


La caldaia modello CMT

CON LE BIOMASSE SI PUÒ! Una caldaia alimentata a cippato con una potenza di 700 kW produce acqua calda che va ad alimentare un circuito posto sottoterra, a 5 centimetri dalle radici degli asparagi, per cinque ettari di coltivazione.

stagione che ven-gono venduti, in genere alle grandi

E’ possibile così mantenere una temperatura a 35 °C

catene di supermercati, al doppio del normale prezzo

che permette di anticipare di molto la stagionalità. Il

di vendita.

cippato che alimenta la caldaia, 250 chilogrammi all’ora, viene acquistato a basso costo da una coo-

NON SOLO ASPARAGI…

perativa che lo ricava dalla manutenzione dei boschi

Uniconfort non è nuova a questo tipo di esperienze. In

e permette un risparmio sul costo dell’energia di oltre

Francia caldaie Uniconfort permettono di scaldare serre

un terzo e di ammortizzare l’investimento in soli cinque

dove crescono tutto l’anno piantine di melone, di pro-

anni.

prietà del mag-giore produttore francese di questo pregiato frutto; mentre in Irlanda più che all’allun-gamento

FINANZIAMENTI PUBBLICI

della stagionalità si è badato al risparmio: le serre dove

L’iniziativa ha visto il plauso anche dell’UE che, attra-

si coltivano i funghi vengono scaldate a costo zero bru-

verso il Piano di Sviluppo Rurale e grazie alla colla-

ciando la lettiera dove questi crescono.

borazione di Veneto Agricoltura, ha erogato finanziamenti a fondo perduto che hanno coperto circa il 40% dell’investimento. IL RISULTATO Ora a Bibione è possibile fare la raccolta dal 20 febbraio al 1 aprile: 430 chilogrammi di asparagi a

I NUMERI DELL’IMPIANTO Modello caldaia

CMT

Potenza termica

700 kWt

Contributo PSR

40%

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com UNICONFORT RA 5-12.indd 5

17/10/12 12.55


CONFINDUSTRIA ANIE: SOSTITUIRE GLI IMPIANTI PER RILANCIARE L’INDUSTRIA ITALIANA Il presidente Gemme: “revamping energetico primo passo per dare concretezza alla Strategia Energetica Nazionale”

“I

l Paese ha bisogno di un grande piano di ef-

concreta e subito attuabile: sostituire il parco elettrico

ficientamento energetico. L’industria italiana

esistente, sia in ambito industriale che nel building.

vuole lavorare. Intervenire sugli impianti già

Basti pensare a quanto lavoro ci sarebbe da fare

esistenti ma obsoleti con un grande progetto di re-

sugli impianti elettrici, di illuminazione, di domotica

vamping energetico potrebbe rimettere immediata-

e sugli apparecchi domestici.

mente in moto il sistema produttivo del Paese”.

L’efficienza energetica è un’opportunità per l’indu-

Lo ha detto, intervenendo in audizione al Ministero

stria nazionale, che sul tema può assumere una lea-

dello Sviluppo Economico, Claudio Andrea Gemme,

dership anche al di là dei confini nazionali”.

presidente di Confindustria ANIE, la Federazione che riunisce oltre 1200 aziende di elettronica ed

“Nel piano di manutenzione e innovazione del siste-

elettrotecnica e che con i suoi 450 mila addetti e

ma - ha concluso Gemme - rientra a nostro avviso an-

un fatturato di 71 miliardi rappresenta il settore più

che la grande partita dello stoccaggio dell’energia

strategico e avanzato tra i comparti industriali.

e delle reti smart.”

“Anie sognava da tempo un pia-

“È necessario inquadrare i siste-

no nazionale energetico come

mi di accumulo nell’ambito di

quello messo in campo dal Go-

un piano nazionale di sviluppo

verno - ha proseguito Gemme - e

infrastrutturale - ha dichiarato in

ne condivide e sostiene con con-

audizione Nicola Cosciani, re-

vinzione gli ambiziosi obiettivi.

sponsabile del gruppo Sistemi

Ma i condivisibili principi della

di accumulo di Anie – È una

SEN non possono da soli risolve-

tecnologia dalle grandi poten-

re i problemi di un’industria che

zialità, che può affiancare i si-

oggi ha come necessità primaria

stemi già noti per ampliare la

quella di rimanere viva. Il mani-

gamma di soluzioni. ”Durante

fatturiero italiano è un comparto

l’audizione Anie ha evidenziato

all’avanguardia e competitivo,

il ruolo strategico che i sistemi

ma in questa fase rischia di ri-

di accumulo giocheranno in fu-

manere soffocato dalla tenaglia

turo. Si attende ora un piano di

del costo del lavoro da un lato e

sperimentazione in cui la filiera

del costo dell’energia dall’altro. La nostra proposta è quanto mai

Claudio Andrea Gemme Presidente Anie

italiana potrà dimostrare la propria eccellenza.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ANIE RA 5-12 (1pag).indd 1

28/11/12 15.06


IL PROGETTO E-CO2 SELEZIONATO TRA LE 10 MIGLIORI IDEE DELLA REGIONE VENETO NELL’AMBITO DEL CONCORSO DI ITALIACAMP “LA TUA IDEA PER IL PAESE”

I

l progetto E-CO2 per il recupero dell’anidride carbo-

e concorrerà con gli altri progetti finalisti - in occasione

nica in campo enologico, promosso dal Consorzio

degli Stati Generali del Centro Nord, che avranno luo-

di Tutela dei Vini del Soave e Collis Veneto Wine

go sabato 1 dicembre, presso l’Università degli Studi

Group, con la partnership di tre importanti enti di ricer-

di Verona, a partire dalle ore 11,30.

ca nazionale - il dipartimento di Biotecnologie dell’Uni-

L’evento, promosso dall’Associazione Italia-

versità degli Studi di Verona, il laboratorio di Biosintesi

Camp in collaborazione con oltre 60 uni-versità italia-

Vegetali di Pisa e il dipartimento di Scienze degli Ali-

ne allo scopo di sostenere progetti ed idee innovative

menti dell’Università di Napoli - ed in collaborazione

in favore dello sviluppo sociale, darà spazio ai  migliori 

con Air Liquide, è stato selezionato tra le 10 migliori

progetti  delle  12  Regioni  del  centro-nord  emersi  nel 

idee della Regione Veneto nell’ambito del concorso di

concorso  “La  tua  idea  per  il  Paese”  e  sarà  aperto 

ItaliaCamp “La tua idea per il Paese”.

dall’autorevole  intervento  del  Presidente  del Consi-

E-CO2 sarà dunque oggetto di presentazione ufficiale -

glio Mario Monti. I lavori avranno inizio alle 11.30

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com E CO2.indd 1

30/11/12 11.04


con il saluto di Alessandro Mazzucco, Rettore dell’U-

dell’uva in vigna o dei pigiati) che in altri settori indu-

niversità di Verona, Antonio Catricalà, Sottosegretario

striali (per la gasatura delle bevande, la creazione di

alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Presiden-

atmosfera modificata per il confezionamento degli ali-

te Onorario dell’Associazione ItaliaCamp, e Fabrizio

menti al fine di controllare la proliferazione microbica

Sammarco, Presidente di ItaliaCamp.

ed aumentarne la shelf life, ecc).

Seguiranno 12 sessioni di dibattito in contemporanea

Davide De Vita, Direttore Sviluppo Attività Bulk On Site

sui progetti finalisti selezionati in ciascuna Regione ed

di Air Liquide - multinazionale francese leader mondiale

un confronto tra i Governatori delle Regioni coinvolte

nei gas tecnici e industriali, coinvolta nel progetto - ha

per la valorizzazione delle idee vincitrici in ogni aula

dichiarato: «Con la partecipazione al progetto E-CO2,

regionale. Il Progetto E-CO2 si pone l’obiettivo di recu-

stiamo valutando le potenzialità di questa nuova forma

perare e riutilizzare l’anidride carbonica che si svilup-

di recupero dell’anidride carbonica: rilasciata nel cor-

pa naturalmente durante il processo di fermentazione

so del processo di fermentazione; la CO2 viene infatti

dei mosti, consentendo al contempo la riduzione delle

captata, purificata, compressa e resa disponibile per

emissioni in atmosfera ed il riutilizzo della CO2 sia nel

essere riutilizzata in molteplici applicazioni industriali.

settore enologico (ad esempio per il raffreddamento

Guardando al futuro, l’obiettivo è di valutare l’eventuale fattibilità di mettere in atto partnership con importanti stabilimenti enologici al fine di disporre di diverse fonti, dislocate sul territorio, per un approvvigionamento di CO2 naturale differente da quelli tradizionali utilizzati finora». «Siamo molto orgogliosi che il progetto E-CO2, realizzato in partnership con realtà di primo piano del settore enologico e con la collaborazione di enti di ricerca nazionali, sia stato selezionato tra i 10 migliori progetti della Regione Veneto ed abbia quindi l’opportunità di partecipare agli Stati Generali del 1 dicembre 2012, appuntamento di prestigio per quanti facciano dell’innovazione una leva strategica della propria attività quotidiana; – afferma Michele Gritti, Direttore della Business Line Industrial Merchant di Air Liquide Italia – Il progetto E-CO2 coniuga in sé due aspetti fondamentali, il recupero di prodotti di scarto da un processo industriale e la conseguente riduzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera; la nostra partecipazione a tale progetto è dunque perfettamente in linea con l’impegno di Air Liquide in vista di uno sviluppo realmente sostenibile che guarda con priorità all’ambiente».

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com E CO2.indd 3

30/11/12 11.04


TESSARI ENERGIA: DIVENTARE IMPRENDITORI ENERGETICI CON LA COGENERAZIONE L’azienda veneta, con oltre 60 anni di esperienza sui gruppi elettrogeni, è diventata un punto di riferimento anche nel mercato del biogas offrendo alle imprese agricole impianti personalizzati dalle elevate prestazioni

A

zienda leader nel settore energia, la Tessari Ener-

Impianti ad hoc altamente personalizzati

gia Spa negli anni ’50 si è specializzata nella co-

Grazie agli incentivi statali, la richiesta di impianti di

struzione dei primi gruppi elettrogeni per ospedali,

produzione di biogas è in netto aumento, soprattutto nel

aziende, centri commerciali, alberghi. Una realtà che si

comparto agricolo. Sistemi che, oltre a dare un contributo

è sempre distinta per l’affidabilità dei propri sistemi, stu-

concreto alla salvaguardia dell’ambiente, permettono an-

diati per offrire rendimenti elevati e massima sicurezza di

che agli agricoltori, così come agli allevatori, di diventare

utilizzo. Grazie alla sua politica di evoluzione continua,

imprenditori energetici. La Tessari Energia, forte di una lun-

oggi la Tessari Energia è impegnata anche sul versante

ga esperienza industriale e di un’operatività basata sulla

del biogas: un settore già esplorato negli anni’60, quan-

massima flessibilità, è oggi in grado di realizzare impianti

do i primi impianti costruiti in Italia montavano proprio i

“ad hoc” progettati sulla base delle specifiche esigenze

motori dell’azienda.

di ciascuna impresa agricola. Le motorizzazioni proposte trovano la loro applicazione ideale nei sistemi di cogene-

Massima affidabilità con le motorizzazioni Man

razione con produzione di energia elettrica e contempo-

La Tessari Energia si distingue nel settore delle energie al-

raneo recupero del calore o

ternative grazie ad una filosofia mirata alla massima qua-

di autoproduzione continua

lità. In quest’ottica, l’azienda garantisce l’alto livello della

di energia elettrica, con ali-

propria produzione con l’impiego di motorizzazioni Man.

mentazione a gas metano

Un marchio affidabile, leader a livello mondiale nell’am-

da rete o con biogas ottenuti

bito dei motori con alimentazioni a gas metano/bio-gas,

da reflui di depurazione, di-

su gamme di potenza medio piccole con potenza unitaria

scarica, biomasse ecc.

modulare a partire da 30 kWe sino a 350-380 kWe fino a 1 MW.

Supporto costante col servizio post vendita

In un momento in cui la produzione di energia deve ricor-

Forte di un ufficio tecnico che analizza e personalizza

rere a fonti combustibili alternative rispetto alle tradizionali,

il prodotto e grazie ad uno staff commerciale altamente

la Tessari Energia ha scelto Man, confermando la propria

qualificato, la Tessari Energia offre un servizio post vendi-

vocazione verso un settore ricco di sfide che necessita di

ta di massimo livello. Grazie a questa organizzazione, il

serietà e di una solida professionalità.

cliente viene costantemente supportato nell’utilizzo degli

Grazie a questa collaborazione, la Tessari Energia offre il

impianti, dei gruppi elettrogeni di emergenza e dei gruppi

servizio ufficiale di officina autorizzata Man, con ricambi

di co-generazione che funzionano 24 ore su 24.

originali; il tutto, supportato dall’esperienza del personale

Una filosofia aziendale che – superando il concetto di

interno acquisita attraverso corsi di formazione tenuti pres-

vendita fine a se stessa – è basata sulla vicinanza al clien-

so la casa madre.

te e sulla costituzione di un rapporto di fiducia.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com TESSARI RA 5-12.indd 1

30/11/12 12.40


LA MIGLIORE TECNOLOGIA PER IL CONFEZIONAMENTO DEI FORMAGGI IN ATMOSFERA CONTROLLATA L’attuale scenario dell’industria lattiero casearia propone prodotti estremamente diversi in relazione all’area geografica di produzione. Anche poca distanza può determinare sostanziali differenze peculiari del prodotto finale. Tecno Pack S.p.A. mette a disposizione la propria tecnologia di vertice con FP 027 BB per creare un vestito su misura per ogni tipo di formaggio.

IL SISTEMA DI CONFEZIONAMENTO FLOW PACK OTTENIBILE CON LE MACCHINE TECNO PACK ASSICURA: • Shelf Life: un lungo tempo di vita del prodotto mantenendo inalterate le qualità iniziali. • Protezione: una confezione blindata che preserva il prodotto anche dagli agenti esterni e meccanici quali urti e spostamenti. • Tracciabilità: sistemi di codifica del film stampabile e di etichettatura assicurano sempre la correttezza e completezza dei dati sensibili quali peso, prezzo, codice a barre, ora e turno di confezionamento, scadenza, etc..

PERCHÉ CONFEZIONARE IL FORMAGGIO CON FP 027 BB TECNO PACK: • •

Tutti i formati: FP 027 BB permette una flessibilità enorme che consente di spaziare dal cubetto alla forma in pochi minuti con la stessa macchina confezionatrice orizzontale totalmente servo assistita. Performances: alte velocità operative e grande flessibilità ci consentono, a dipesa dei formati, di confezionare il Vostro prodotto con cadenze fino a 140 confezioni al minuto.

• •

Economicità: realizzando buste perfettamente ermetiche a tre saldature da film barriera si ha un costo confezione nettamente inferiore rispetto a qualsiasi altro sistema come, ad esempio, la termoformatura. Lunga vita al tuo prodotto: le confezioni flow pack in atmosfera controllata garantiscono testate e comprovate certezze di lunga conservazione del prodotto grazie anche al preriscaldamento dei gas immessi nella busta ed alla tenuta ermetica delle saldature.

TANTI VESTITI POSSIBILI: La vasta gamma delle confezionatrici Tecno Pack, nelle varie versioni ed allestimenti, offre le seguenti opzioni: • Flow pack classica per tutti i formati: tre saldature con pinna centrale con o senza effetto vuoto in M.A.P. • Flow pack “L” per tagli medio piccoli: tre saldature con pinna laterale con o senza effetto vuoto in M.A.P. • Flow pack apri e chiudi: tre saldature con zip consigliata per tagli medi e piccoli in M.A.P. • Busta a “L” termo retratta: tre saldature con film a pelle sul prodotto per presentare al consumatore e preservare dalla digitazione no M.A.P.

• •

Due vestiti allo stesso prezzo: grazie al controllo di alta precisione della temperatura dei gas, Tecno Pack riesce a garantire l’ottenimento, con la stessa macchina, sia della confezione esteticamente abituale, che della versione con effetto sottovuoto. Sanitizzazione: la costruzione a sbalzo delle confezionatrici Tecno Pack, detta anche cantilever, consente una separazione assoluta fra i gruppi in movimento della macchina, le motorizzazioni e l’impianto elettrico; questo sistema consente all’utente finale una facile e rapida pulizia e sanitizzazione del macchinario.

Via Lago di Albano, 76 · 36015 · Schio (Vicenza)

www.tecnopackspa.it


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura “PACKAGINGS & ALTERNATIVES REMARQUABLES” HA PREMIATO I GIOVANI TALENTI INTERNAZIONALI DELL’IMBALLAGGIO SALONE INTERNAZIONALE DELL’IMBALLAGGIO – PARIGI

19 > 22 Nov. 2012

na giuria di professionisti internazionali del packaging design e dell’imballaggio – presieduta da Fabrice Peltier – ha premiato i giovani talenti ad

EMBALLAGE 2012. Provenienti da 6 scuole di design internazionali, questi giovani designer hanno proposto alcu-

* Tutto ciò che dovete conoscere.

U

FRANCIA

ne alternative ai packaging ormai considerati emblematici della nostra quotidianità. Le 4 realizzazioni premiate in base a 4 criteri - sviluppo sostenibile, utilizzo, seduzione e comunicazione – sono : 1°premio : la rivoluzione della bustina da the University of Applied Sciences and Arts – FH Hannover / Product Design Questa alternativa (alla bustina da the) considerevole è stata ritenuta la migliore secondo i criteri fissati dal concorso

si integra con il sacchetto per ilINNOVATIONS trasporto (grazie ad uny o u CON

Ever y thing need to KNOW !*

: riduzione dei materiali ed integrazione di un occhiello

& SOLUTIONS cordoncino-maniglia). E’ costituita da un una scocca e

per l’inserimento del cucchiaino al posto della cordicella

da un cassetto interno che consente di proteggere e di

e consentire l’infusione del the. Questa soluzione utilizza

stoccare il prodotto e, una volta acquistato, di essere ri-

materiali riciclati al 100%, propone praticità d’utilizzo,

utilizzata (nuova sistemazione impilabile). È realizzata in

presenta design e informazione grafica chiara e sempli-

pasta di cellulosa (materiale biodegradabile).

ULTERIORI INFORMAZIONI?

I l v o s t r o p a s s s u w w w. e m b a l l a g e w e b . c o m

Codice: P22057

Saloni Internazionali Francesi S.r.l. – Tel.: 02/43 43 53 26 – Fax: 02/46 99 745 – e-mail: mtajroldi@salonifrancesi.it

EMB12FOO_RassegnaAlim_P22057_210x297.indd 1

16/05/12 12:27

ce realizzata con inchiostri vegetali su tutte le facciate del packaging, ….

3° premio : l’imballaggio per spazzolino da denti che si scioglie in acqua UQAM - Université du Québec à Montréal / 2° premio : la scatola di scarpe Superga

Ecole de Design

Politecnico di Milano / School of Design

Oggi gli imballaggi degli spazzolini da denti sono costituiti

Considerevole e considerato per il suo concept : « easy

da due materiali (cartone + plastica). Questo lavoro con-

to understand » e « easy to use ». L’imballaggio primario

siderevole ed audace è guidato dall’esigenza radicale di

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com Packagings & Altenatives Remarquables RA 5-12.indd 1

05/12/12 11.11


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

pervenire all’utilizzo di un solo materiale. La cellulosa PVA,

Per la Danimarca, Jacob KESTNER (Pack Markedet)

cioè un materiale di origine bio che sparisce completamen-

Per la Spagna, Carlos SOLSONA GONZALEZ (News

te in meno di 15 secondi a contatto con l’acqua.

Packaging) Pour la Francia, Véronique SESTRIÈRES (Salone EMBALLAGE) Per l’Italia, Stefano LAVORINI (ItaliaImballaggio), Professore Giovanni BRUNAZZI (Master in Packaging, Università di Parma) e Alessandra ALESSI (Istituto Italiano Imballaggio) Per gli USA, Joan PIERCE (AMERIPEN) e Andrew GIBBS (The Dieline)

4 premio: la scatola per ami Rapala Lahti University of Applied Sciences / Institute of Design Oltre ad essere mono-materiale e a proporre quindi una riduzione alla fonte, questo progetto propone una presentazione eccezionale del prodotto evocando il luogo in cui viene utilizzato : l’esca è presentata all’interno di un ritaglio a forma d’onda, per un utilizzo « pronto all’uso ». La scuola francese di design Strate Collège, che ha co-

EMBALLAGE 2012 : 40 edizioni di progressi e

ordinato il progetto, è stata entusiasta per l’interesse una-

innovazioni

nime dimostrato dalle 6 scuole internazionali che hanno

La 40ª edizione di EMBALLAGE si è svolta da Lunedì 19

accettato di far parte del progetto già un anno fa. « Da

a Giovedì 22 novembre 2012 presso il Quartiere Esposi-

riproporre fra due anni ! », ha dichiarato Cécilia Talopp,

tivo di Paris Nord Villepinte in Francia nei padiglioni 4, 5

responsabile internazionale della scuola che ha inoltre

e 6. Lo svolgimento in contemporanea con il salone MA-

aggiunto di essere entusiasta dei primi contatti professio-

NUTENTION, alle stesse date e all’interno dello stesso

nali inerenti i progetti stabiliti durante il salone.

polo fieristico, ha registrato la partecipazione di 1.500 espositori e 500 aziende rappresentate. Sono attesi più di 100.000 operatori del settore (100 paesi). Il gruppo COMEXPOSIUM, uno dei leader europei nell’organizzazione di eventi, organizza 114 fiere aperte al pubblico e professionali, che rappresentano 17 settori di

La giuria internazionale dell’esposizione «

attività. Ospita ogni anno 36.000 espositori di cui 1/3 di

Packagings & Alternatives Remarquables » è

provenienza internazionale e 3,3 milioni di visitatori di cui

composta da:

330.000 internazionali.

Presidente della giuria: Fabrice PELTIER (INDP, Design-

Con più di 400 collaboratori e un fatturato di 208 milioni

packGallery)

di euro nel 2010, il gruppo organizza 5 dei 10 principali

Per la Germania, Brigitte BAEHR rappresentata da Edou-

eventi francesi: SIAL, Intermat, Equip’Auto, SIMA, Foire de

ard COSTEMEND (Packaging Journal)

Paris.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com Packagings & Altenatives Remarquables RA 5-12.indd 3

05/12/12 11.11


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

DALL’ALLEVAMENTO ALLA TAVOLA: MILLE SOLUZIONI SOTTO LO STESSO TETTO

P

ackforum® festeggia i dieci anni di attività confer-

lanta con l’apertura del Packforum® Asia e del Pack-

mando la sua formula vincente: assistenza inter-

forum® Americas. Quest’anno, i siti Packforum® hanno

nazionale ai clienti e prestazioni su misura, dalla

integrato nella loro gamma le soluzioni per l’igiene

“A” alla “Z”.

Diversey™ che costituiscono un aspetto vitale dell’im-

Packforum , il Centro espositivo permanente per i

pegno Sealed Air per quanto riguarda la sicurezza

clienti Sealed Air, festeggia i dieci anni di attività. Da

dei cibi, la conservabilità prolungata, l’efficienza ope-

ottobre 2002, oltre 4.000 società del settore cibi e

rativa e il branding.

®

bevande dei cinque continenti, hanno potuto rendersi conto del valore aggiunto di questo impianto che

Eventi mirati e differenziati

occupa 2.500 m2 e presso il quale sono in funzione

Gli inviti rivolti a varie categorie di operatori del mer-

20 sistemi di packaging. I visitatori vedono le proprie

cato, dall’industria alimentare, alla grande

idee trasformarsi in realtà su vere linee di confeziona-

distribuzione e al settore del foodservice, si ispirano a

mento, in uno studio di design creativo, in una cucina

diverse concezioni di successo ma il loro denomina-

interamente equipaggiata e sullo sfondo di un

tore comune resta la personalizzazione, grazie a pro-

supermarket i cui lineari accolgono tutta una serie di

grammi pensati su misura per comparti specifici, allo

prodotti internazionali. Nel 2008 questa stessa solu-

sviluppo di nuovi processi o alla risposta a concrete

zione espositiva è stata applicata a Shanghai e At-

esigenze di innovazione. Le visite individuali contribu-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com PACKFORUM RA 5-12.indd 1

30/10/12 11.30


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

iscono al numero complessivo degli incontri, intorno

loro rispettive attività. I visitatori di Packforum lasciano

a 1.000 visitatori ogni anno, che rappresentano una

il Centro con una o più soluzioni per le loro sfide di

gamma estremamente ampia di attività commerciali.

marketing e con le premesse di future innovazioni.

“Abbiamo ospitato eventi di ogni genere, da workshop sul packaging del futuro per uno dei maggiori

Attività estremamente differenziate

distributori al mondo a dimostrazioni gastronomiche

Le formule a tema e l’organizzazione stessa degli

fatte da famosi chef de cuisine”, spiega Luca Cerani,

eventi tenuti a Packforum® sono molto

Vice President Portfolio and Business Development, Se-

diversificate ma sempre improntate all’individuazio-

aled Air Europe. Packforum permette inoltre la visibi-

ne di soluzioni concrete. Nel corso degli ultimi dieci

lità dei visitatori su tutti i mercati mondiali.

anni questa concezione ha permesso lo sviluppo di

“Siamo in grado di riprodurre contesti realistici che

un punto di gravità nel knowhow del packaging con

consentono di adottare decisioni operative a tutti i li-

applicazioni che spaziano dalla sostenibilità al confe-

velli; per uno dei nostri clienti, abbiamo organizzato,

zionamento degli snack. Relatori di riconosciuta com-

ad esempio, una dimostrazione che ha permesso di

petenza, che fanno capo alla ricerca piuttosto che al

introdurre una nuova soluzione di packaging, renden-

mondo commerciale, e che sono considerati opinion

do la pasta della pizza croccante invece che molle,

leaders nei rispettivi campi, offrono ai visitatori idee

con evidenti vantaggi sul piano commerciale”, prose-

nuove e stimolanti. Ciò implica la presenza di un’infra-

gue Luca Cerani.

struttura che permetta dimostrazioni per unità industria-

L’idea del “luogo di dibattito” (Forum) che sta alla base

li e consumatore e che sia all’altezza delle esigenze

di un centro espositivo aperto tutto l’anno è condivisa

del settore piatti pronti, ormai divenuto un megatrend

da operatori europei ed extraeuropei che vengono

dell’industria alimentare. Una sala riunioni con capien-

a Parigi per incontrare esperti e colleghi con i quali

za di 150 posti e i locali adiacenti costituiscono il co-

procedere a uno scambio di esperienze e punti di

ronamento di questa struttura esemplare, in grado di

vista destinato ad aumentare il valore intrinseco delle

ospitare eventi differenziati, individuali e interattivi.

®

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com PACKFORUM RA 5-12.indd 3

30/10/12 11.30


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura MAI SOTTOVALUTARE L’IMPORTANZA DEL PACKAGING a colloquio con Dario Ficarazzi Martini, brand strategist e product creator

A

ttualmente le imprese non possono trascurare alcun

più aspra, soprattutto in ambito nazionale e per quanto

elemento, anche il minimo, che possa influire in sen-

riguarda i mercati esteri, pur essendo sempre alta la ri-

so positivo sulle vendite o che contribuisca a facilita-

chiesta di prodotti Italiani, la concorrenza dei falsi prodotti

re l’approccio a nuovi mercati. Disporre di un brand forte,

“italiani” è agguerrita. La soluzione? Realizzare dei brand

d’impatto ed efficace, che stimoli il consumatore allettato

forti, riconoscibili e dalle chiare identità e credibilità, cre-

e colpito dalla giusta confezione, ad acquistare, incre-

are cioè una filosofia aziendale e soprattutto comunicarla

menta indiscutibilmente le vendite di un prodotto. Dario

nel modo giusto. Stile e grafica del packaging dovranno

Ficarazzi Martini, designer e brand strategist, con all’at-

corrispondere alla creatività e al gusto italiano e trasmet-

tivo una carriera ventennale ed una vasta esperienza nel

tere al consumatore la garanzia di un prodotto di qualità.

mondo del marketing e della comunicazione, ci illustra il

Lei ha parlato di rivitalizzare con poche risorse economi-

proprio punto di vista relativamente alla

che. Come è possibile?

forza espressiva e commerciale di una

È possibile creando un restyling del brand e del prodotto,

confezione ben progettata.

riposizionarlo, fare dei piccoli ma interessanti cambia-

Sig. Martini, cosa suggerisce alle

menti ad un costo assolutamente sostenibile, soprattutto

aziende per tentare di superare lo stal-

per le piccole e medie imprese. Un prodotto ben con-

lo dei consumi, su cosa e in che misura dovrebbero inve-

fezionato induce il consumatore ad avvicinarsi e a pren-

stire cercando di stimolare il consumatore ad acquistare?

dere in mano la confezione. Lo convince poi con una

Evidentemente la contrazione delle vendite è una situa-

descrizione chiara, gratificazione e garanzie. Una copia

zione condivisa da parecchi mercati, Italia compresa e

è pur sempre una copia certo, ma costa meno, quindi è

non c’è una formula magica che garantisca l’incremen-

fondamentale differenziarsi, inserire elementi di coinvolgi-

to delle vendite, tuttavia il mio consiglio è non trascurare

mento e di comunicazione, soprattutto per i prodotti “non

alcun elemento che contribuisca ad aumentare l’appeal

necessari”. E’ strategico ridurre gli articoli proposti, per

del prodotto, a cominciare dalla confezione. Spesso è

concentrarsi su quelli che portano un vantaggio non solo

sufficiente rivitalizzare il proprio prodotto, proponendolo

economico, ma anche d’immagine o che contribuiscono

in maniera diversa, in modo più convincente, attraverso

ad una presenza in reti e canali strategici per il futuro. E’

una comunicazione più efficace e d’impatto, per dare

importante che l’azienda dia alla rete commerciale l’op-

un nuovo impulso alle vendite. È inoltre utile e necessario

portunità di avere sempre una motivazione e delle argo-

cercare nuovi target ed ampliare gli scenari di mercato.

mentazioni da “giocarsi” con i buyer per dare dinamicità

L’export del “made in Italy” nel food ha visto un incremento

ai prodotti,dimostrandosi così attenta ai cambiamenti dei

del 10% ed è importante sottolineare che si stimano circa

gusti e degli stili.

200 mln. di nuovi possibili acquirenti nei paesi emergenti. Tuttavia la lotta con la concorrenza sul prezzo è sempre

Nelle foto prodotti progettati e creati da Dario Ficarazzi Martini (www.brand-target.com), brand design, confezioni, etichettature.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com DARIO RA 3-12 (1pag).indd 1

06/06/12 16.12


art: dario ficarazzi martini

concept: identity: design: packaging:

ente: il pac kaging vinc i margini e d to n e m u a l’ e _permett d _rafforza il bran municativa o c ia c a ic ff e l’ ta _aumen all’acquisto o ls u p im l’ la o m _sti localizzazione la e rt o p x e l’ e c _favoris dotto _garantisce il pro atore um _gratifica il cons _ottimizza i costi distribuzione a ll u s i rm a p s ri _produce

Siete soddisfatti del vostro packaging? Volete lanciare un nuovo prodotto? Desiderate ampliare target e mercati? Interpellateci, con un costo minimo si possono ottenere grandi benefici...

milan - italy office@brand-packaging.eu www.brand-packaging.eu www.brand-target.com ...PIÙ VALOR€ AL PRODOTTO


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura METTLER-TOLEDO PRESENTA LE SUE NOVITÀ SULLA DUE DILIGENCE E SULLA SICUREZZA ALIMENTARE E FARMACEUTICA AL SALONE INTERNAZIONALE EMBALLAGE

I

l 2012 ha visto entrare in vigore nuove e rigorose norme in campo alimentare e farmaceutico, ma si prevede che nei prossimi anni ne saranno introdotte

altre, tese a tutelare i consumatori dal rischio di prodotti contraffatti o contaminati dalla presenza di corpi estranei. Per questo è indispensabile che le aziende alimentari e farmaceutiche potenzino i controlli e la sicurezza delle linee di produzione, così da poter dimostrare la conformità alle normative nazionali e internazionali e la messa in opera di misure atte a tutelare il consumatore e l’immagine aziendale. Al salone internazionale Emballage 2012 che si terrà a Parigi dal 19 al 22 novembre, la Divisione Ispezione Prodotti di Mettler-Toledo esporrà le sue soluzioni innovative per la sicurezza dei prodotti alimentari e farmaceutici al padiglione 5a, stand E029, dove dimostrerà come le sue

plastica ad alta densità e gomma. L’azienda ha anche

tecnologie di ispezione a raggi-X, rivelazione di metalli,

sviluppato una tecnologia di ispezione visiva all’avan-

controllo peso e ispezione visiva possano potenziare il

guardia per controllare che le confezioni di alimenti e

rilevamento dei contaminanti e ottimizzare la tracciabilità

farmaci siano etichettate in conformità con le norme di

e il controllo dell’etichettatura. Questi aspetti sono fonda-

settore applicabili, verificando che siano state applicate

mentali per rispondere alle nuove e rigorose normative

le etichette, i codici a barre e a matrice 2D corretti, per

in materia di sicurezza alimentare e serializzazione far-

migliorare le funzionalità di track and trace. Questi aspetti

maceutica, ridurre il rischio di contraffazione e di danni

sono importanti per combattere la sempre maggiore diffu-

all’immagine aziendale legati a campagne di ritiro, e in

sione di farmaci contraffatti. Le nuove tecnologie proposte

ultima analisi per tutelare il consumatore.

garantiscono la sicurezza della filiera alimentare e farma-

Mettler-Toledo ha di recente lanciato svariate innovazioni

ceutica e permettono alle aziende di dimostrare la due di-

nel campo dei rivelatori di metalli e della tecnologia a

ligence in qualsiasi punto della linea di produzione, dalla

raggi-X che sarà possibile ammirare al salone internazio-

lavorazione delle materie prime fino al confezionamento

nale Emballage 2012. Si tratta di tecnologie concepite

e al trasporto.

per l’ispezione di prodotti alimentari e farmaceutici al fine

Al salone internazionale Emballage Mettler-Toledo Safeli-

di individuare contaminazioni da corpi estranei, compresi

ne X-Ray presenterà per la prima volta il suo recentissimo

metalli ferrosi e non ferrosi, oltre a vetro, pietra, ossa,

sistema a raggi-X X3310. Questa tecnologia a raggi-X di

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com METTLER RA 5-12.indd 1

05/12/12 11.45


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

prossima generazione offre gli stessi livelli di rivelabilità

ideale per le aziende che dispongono di aree di produ-

di un sistema tradizionale, ma consumando appena un

zione limitate. Al salone verrà presentata anche la nuova

quinto dell’energia. In questo modo ottimizza la sicurez-

tecnologia di ispezione visiva di Mettler-Toledo CI-Vision,

za degli alimenti massimizzando nel contempo l’efficien-

capace di verificare le informazioni stampate sulle etichet-

za produttiva e la redditività. Lo stand presenterà anche

te e di controllarne posizione e leggibilità. Oltre che ga-

l’InspireX2 R40C500, un sistema a raggi-X studiato per

rantire alle aziende la conformità con le rigide normative

confezioni di dimensioni medie o grandi, che offre alle

in materia di etichettatura, presentare informazioni chiare

aziende alimentari e farmaceutiche funzioni di rivelazione

e accurate sugli ingredienti garantisce la sicurezza dei

di corpi estranei ad elevata velocità e accuratezza e fun-

consumatori nei confronti di allergeni o dosaggi inadatti.

zioni di ispezione per l’individuazione di altri difetti come

Anche la Pharmacontrol Electronic Gmbh (PCE), di recen-

livello di riempimento, integrità delle chiusure e controllo

te acquisizione, presenterà le sue soluzioni di track and

di parti mancanti, ad esempio il foglio illustrativo. Tutto

trace e serializzazione per le linee di confezionamento

questo per migliorare la tutela dei consumatori.

dei farmaci. La sua tecnologia di ispezione visiva contras-

Anche il nuovo Profile Select di Mettler-Toledo Safeline

segna e traccia tutte le unità lungo la linea di produzione,

Metal Detection, sviluppato per potenziare la rivelazione

comprese scatole singole, flaconi e fiale, fardelli, casse

dei metalli in prodotti umidi e conduttivi, farà bella mostra

e pallet, garantendo la completa tracciabilità e la con-

di sé allo stand E029. La sua tecnologia a frequenza va-

formità alle normative del settore, oltre che la tutela del

riabile seleziona automaticamente la frequenza ottimale

marchio contro le contraffazioni.

per contrastare l’effetto causato dai segnali elettrici indotti

Per spiegare in che modo le aziende possono integrare i

nel prodotto mentre attraversa la macchina, senza com-

sistemi di ispezione prodotti per migliorare l’efficienza nel

promettere la sensibilità di rivelazione dei contaminanti.

monitoraggio dei dati Mettler-Toledo presenterà il softwa-

La configurazione automatizzata del sistema consente

re ProdX. Capace di connettere rivelatori, sistemi a rag-

di ispezionare prodotti nuovi e diversi, garantendo

gi-X e di controllo peso Mettler-Toledo per raccogliere i

la sicurezza degli alimenti e aumentando nel

dati sulla produttività in un ambiente centralizzato,

contempo la flessibilità della linea di produ-

comprese le informazioni sugli scarti e sul livello

zione. Mettler-Toledo Garvens presenterà il

di riempimento, ProdX migliora notevolmente la

suo sistema di controllo peso XS2 MV per

gestione delle linee di produzione. Tutti i sistemi

le linee di produzione

Mettler-Toledo assicurano accura-

farmaceutiche. Il siste-

tezza e ispezione prodotti ad

ma combina pesatura

alta velocità, permettendo

accurata, marcatura

alle aziende alimentari e

e ispezione visiva di

farmaceutiche di dimostra-

codici lotto e date di

re la conformità a norma-

scadenza per la conformità

tive di sicurezza e qualità

alle normative in materia di frode e

sempre più rigorose au-

tracciabilità e il rispetto delle dispo-

mentando nel contempo

sizioni di legge in materia di metro-

l’efficienza delle linee di

logia. L’ingombro ridotto lo rende

produzione.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com METTLER RA 5-12.indd 3

05/12/12 11.45


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura ACMA: INTEGRATED FLOW WRAPPING SYSTEM AL PMMI DI CHICAGO

Personal Care, HC / Home Care, C / Chimico e P / Pharma.

A

Acma-Volpak presenterà a Chicago l’ultima evoluziocma - azienda del Gruppo Coesia - fornisce

ne della SP1, confezionatrice orizzontale flowpack

linee complete, in grado di far fronte all’intero

per lotti singoli o multipack a media ed alta velocità,

processo di confezionamento ed imbottiglia-

in grado di effettuare saldature a caldo e a freddo.

mento, producendo direttamente macchine automa-

SP1 si rivolge ai settori del backery, confectionery e

tiche per il packaging - primario e secondario – nei

chocolate, ed è proposta con sistemi di distribuzione

settori alimentari, cosmetico, chimico e tè.

a ranghi modulari e sistemi di alimentazione a nastro

A partire dal 2012, Acma è stata integrata dal punto di vista operativo e commerciale con Volpak, azienda del gruppo Coesia leader nella produzione e vendita di macchine per la formatura e riempimento di buste; Acma e Volpak , pur mantenendo la propria identità di brand, si presentano sul mercato in forte sinergia, offrendosi come un unico interlocutore in grado di sviluppare soluzioni linee complete incluso lo sviluppo di packaging innovativi. L’offerta Acma-Volpak si articola sulla base di cinque differenti centri di competenza, afferenti a singoli settori merceologici quali il FB Food & Beverage, PC /

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ACMA RA 4-12.indd 1

03/12/12 14.40


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

dedicati, a seconda del tipo di prodotto che si deve incartare. La nuova serie flowpack SP può essere dotata di un sistema recentemente sviluppato, chiamato “Energy Management”: lo scopo è quello di proporre una macchina energeticamente efficiente, che garantisca miglioramenti tangibili nell’utilizzo dell’energia al cliente finale consentendo, a parità di prestazioni complessive, una ottimizzazione dei consumi, la riduzione sprechi di energia, l’abbattimento dei costi, la massimizzazione del rendimento della linea, il miglioramento delle au-

pneumatico per il tensionamento del film che consente

tomazioni: in sintesi un utilizzo “responsabile” della

prestazioni superiori ai tradizionali sistemi a rulli ed è

linea produttiva.

particolarmente adatto a film sottili e delicati. Appun-

Completano la gamma di flowpack Acma la SP0

tamento a Chicago, dal 28 al 31 ottobre, presso lo

e la SP2, quest’ultima caratterizzata da un sistema

Stand di Coesia - South Hall, Booth nr. 1201.

È FACILE PER UN OEM UTILIZZARE IL SISTEMA AS-INTERFACE La tecnologia AS-Interface è semplice, così come lo

prodotti successivi. Dopo l’installazione del software

sviluppo di dispositivi AS-i. Naturalmente tutto è sem-

fornito, un progettista ha immediatamente accesso

plice quando si sa come farlo. E “come fare” è facile

ad uno strumento impostato per testare la tecnologia

da imparare, quando si ha a disposizione un kit di

AS-Interface.

sviluppo. Il kit di sviluppo AS-Interface dà una buona

appropriato?” o “Quali sono i parametri?” possono

Domande come: “Qual è il profilo

visione dei dettagli del sistema AS-Interfa-

trovare facili risposte senza necessità di

ce: dalle informazioni di base, a tutto ciò

una sperimentazione.

che un progettista ha bisogno di sapere.

Il Kit consente anche di fare un test di

Il programma AS-Interface è un’impor-

comprensione generale. I micropro-

tante strumento a disposizione perché

cessori originali AS-Interface utilizzati,

i master AS-i possano interrogare e

consentono al progettista di effettuare

controllare gli slaves collegati. Con le

valutazioni importanti con l’hardware

schede di valutazione contenute nel

AS-Interface.

kit e pronte per l’uso, si è in grado di costruire i primi prototipi che possono avere la stessa funzionalità dei

Il Kit AS-Interface contiene oltre all’Hardware e Software, il materiale informativo generale su AS-Interface.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ACMA RA 4-12.indd 3

03/12/12 14.40


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura PACKOLOGY: UNA NUOVA IDEA DI FIERA

I

I contenuti della fiera definiti attraverso consultazioni

getti di ricerca su packaging innovativi; ricca offerta

coi costruttori di macchine per il confezionamento e

convegnistica e formativa per espositori e visitatori sulle

l’imballaggio e fornitori di tecnologia e componen-

tematiche più attuali; mostre e premi su innovazioni tec-

tistica. Target preciso di visitatori e servizi ad hoc per

nologiche e nuove soluzioni di packaging.

facilitare la partecipazione di espositori e visitatori.

La fiera avrà inoltre un target principale di visitatori:

Prosegue l’organizzazione di Packology 2013, il sa-

end-users provenienti da Italia, bacino del mediterra-

lone delle tecnologie per il packaging in programma

neo, dall’Est Europa, e dall’Europa occidentale. Per

dall’11 al 14 giugno 2013.

completare l’offerta espositiva per i visitatori, Packology

Rimini Fiera e Ucima, organizzatori della manifestazio-

dedicherà inoltre una sezione espositiva al mondo degli

ne, in questi mesi hanno avviato dei gruppi di lavoro

imballi. Saranno inoltre offerti pacchetti di servizi chiavi

con le aziende del settore per definire un nuovo concept

in mano per espositori e visitatori. Per le aziende esposi-

di fiera che risponda in maniera precisa ed efficace alle

trici tali facilitazioni includeranno spazi espositivi, allesti-

esigenze delle aziende espositrici e degli operatori che

mento, servizi accessori e di comunicazione, pacchetti

visiteranno la manifestazione, e offra un’organizzazio-

di alloggio e ospitalità a prezzi definiti. In questo modo

ne snella e a costi definiti sfruttando i vantaggi ricettivi

le aziende potranno contare su un facility manager vir-

della location.

tuale che faciliterà la partecipazione delle aziende in

Sulla base delle esigenze emerse, saranno quattro i

fiera. Parimenti verranno offerti pacchetti di viaggio e

macro-filoni di attività su cui si articolerà la preparazio-

ospitalità ai visitatori italiani e stranieri. Per tutti verranno

ne della fiera: presentazione di soluzione tecnologiche

inoltre offerte occasioni di networking durante e dopo

complete già industrializzate; spazio a start-up e pro-

la fiera.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com PACKOLOGY RA 5-12.indd 1

07/11/12 10.00


Italstand: via Pizzo Camino, 47 - 24060 Chiuduno (BG) Tel. +39 035 4427228 Fax. +39 035 4427225 Italstand 2 : zona industriale - Francavilla Fontana (Br) Tel. +39 0831 843640 Fax. +39 0831 84360 Italstand Dep.to commercial Espana : Elche (E) Tel. +34 677990308 info.espana@italstand.it Italstand - Teko stand France : St - Denis La Plaine (F) T el. +0033 148224766 tekostand@gmail.com


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura MIGLIORARE LA FRESCHEZZA DEI PRODOTTI CON IL CONFEZIONAMENTO IN ATMOSFERA PROTETTIVA Tecnologie di packaging che prolungano la freschezza dei prodotti di Marcel Volk, Product Manager, Bosch Packaging Technology

U

no dei metodi più efficaci di conservazione dei pro-

logie MAP consentono di confezionare i cibi freschi con

dotti alimentari consiste nell’impiego di tecnologie

una quantità inferiore di conservanti. Per il settore alimen-

di confezionamento in atmosfera protettiva (MAP),

tare il vantaggio delle tecnologie MAP consiste nell’evita-

ovvero nell’immissione e nella regolazione di varie miscele

re il deterioramento dei prodotti durante il trasporto e nel

di gas all’interno della confezione. Attraverso il control-

migliorare l’immagine del brand quanto a freschezza dei

lo dell’ambiente di confezionamento, le tecnologie MAP

cibi commercializzati, con conseguente aumento della fe-

consentono di ridurre o di eliminare numerosi fattori di cre-

deltà dei consumatori e del volume potenziale di vendite.

scita per i microrganismi che determinano il deterioramen-

I cibi freschi possono rivelare gradi differenti di deterio-

to dei cibi. Queste tecnologie rappresentano un’alternati-

ramento e il metodo su cui si basano le tecnologie MAP

va rispetto ad altri metodi di conservazione degli alimenti,

consiste nel miscelare nella percentuale corretta i gas pre-

quali la sterilizzazione o la surgelazione, e consentono di

senti nell’ambiente di confezionamento. I tre gas più comu-

prolungare la freschezza dei prodotti senza comprometter-

nemente utilizzati per le tecnologie MAP sono l’ossigeno

ne il sapore, la qualità, l’aspetto o le proprietà nutrizionali.

(O2), l’anidride carbonica (CO2) e l’azoto (N2). L’immis-

Le macchine per il confezionamento che sono state pro-

sione di questi gas in un ambiente chiuso (ad esempio una

gettate per sfruttare al massimo le tecnologie MAP attra-

confezione con pellicola ad elevato effetto barriera) con-

verso la sigillatura ermetica possono migliorare la fre-

sente di sostituire l’atmosfera all’interno della confezione

schezza dei prodotti, ridurre la quantità di conservanti che

con una miscela di gas protettivi che inibisce le reazioni

vengono solitamente aggiunti e prolungare la durata di

chimiche responsabili del deterioramento degli alimenti.

conservazione. L’utilizzo combinato di macchinari per il confezionamento avanzato e di tecnologie MAP consente

Ottenere la giusta miscela

di soddisfare sia le esigenze logistiche di produzione e

Si stima che un confezionamento corretto, eseguito alla

trasporto, sia le richieste di mercato. Così, mentre i consu-

temperatura ottimale, possa ritardare il deterioramento

matori sono sempre più attenti alla propria salute, le tecno-

dei cibi fino all’800 percento. I cibi freschi sono prodotti

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com BOSCH RA 5-12.indd 1

17/10/12 14.52


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

“vivi”, che consumano ossigeno e producono anidride car-

crescita di taluni microrganismi mentre inibisce la crescita

bonica, acqua e calore. Nel caso di frutta e verdura viene

di altri.

prodotto anche etilene, quale componente del processo

Formaggio stagionato: a causa della ridotta percentuale

di maturazione. L’anidride carbonica inibisce la crescita

di acqua, il formaggio stagionato (ad esempio il cheddar)

di numerosi microrganismi, l’ossigeno consente a frutta e

è soggetto alla formazione di muffe. Ambienti caratterizzati

verdura di respirare mentre l’azoto, per le sue proprietà di

dal 100 percento di anidride carbonica possono prolun-

gas inerte, agisce da “filler” poiché non interagisce con

gare la durata di conservazione anche di dieci settimane.

gli alimenti. Il grado corretto di miscelazione dei gas e il

Formaggio fresco: l’acqua contenuta nei formaggi freschi

controllo del livello di umidità sono fattori determinanti per

può reagire con l’anidride carbonica per ridurre il volume

prolungare la data di conservazione degli alimenti.

dei gas nella confezione, provocandone lo “sgonfiamen-

La miscela gassosa è specifica e dipende dall’alimento

to”. L’immissione di azoto all’interno della confezione agi-

da confezionare. La tabella sottostante fornisce alcune

sce da “filler” e consente di evitare questo effetto.

indicazioni rispetto agli alimenti più comuni e alle relati-

Frutta e verdura: la frutta e la verdura frescha, come la

ve miscele ideali, utilizzate per prolungarne la durata di

lattuga, consumano ossigeno e producono di conseguen-

Alimento

Miscela di gas

Carni

70% O2 + 30% CO2

Prolungamento della durata di conservazione

za anidride carbonica e acqua. Per prolungare la durata di conservazione, è necessario che le temperature di imma-

Nota: le percentuali riportate possono 2 – 5 giorni variare a seconda del tipo di carne Pesce fresco

40% CO2 + 30% O2 + 30% N2

3 – 10 giorni

Formaggio stagionato

100% CO2

3 – 10 settimane

Formaggio fresco

70% CO2 + 30% N2

8 – 21 giorni

Frutta e verdura

80% CO2 + 5% O2 + 15% N2

3 – 8 giorni

Pane precotto

100% CO2

5 – 20 giorni

Sandwich

70% CO2 + 30% N2

2 – 10 giorni

gazzinamento e i livelli di ossigeno siano mantenuti su valori ridotti. Una certa quantità di ossigeno è necessaria per impedire i processi anaerobici che sono responsabili della produzione di etanolo

conservazione:

e del deterioramento dei cibi. Alcuni tipi di frutta e verdura

Carni fresche: di norma la conservazione delle carni

non possono essere commercializzati in confezioni erme-

fresche richiede una notevole quantità di ossigeno. Ciò

tiche. Infatti richiedono lo scambio di ossigeno attraverso

spiega perché un numero crescente di rivenditori al det-

appositi fori, presenti nella confezione.

taglio commercializza le carni in ambiente protettivo ad

Pane precotto: il pane si deteriora per la formazione di

alto tenore di ossigeno (70 percento) e anidride carboni-

muffe, generate dalla bassa percentuale di acqua. Poi-

ca (30 percento). Tuttavia, la conservazione in ambiente

ché le muffe sono organismi aerobici e prosperano grazie

protettivo di carni diverse richiede miscele differenti. Per

all’ossigeno, le tecnologie MAP sostituiscono l’ossigeno

le carni che contengono un’elevata quantità di grasso è

con l’anidride carbonica in modo da ritardarne la forma-

necessario che la percentuale di ossigeno sia ridotta al

zione. Le applicazioni più comuni comprendono varie for-

minimo, poiché l’ossigeno provoca il deterioramento del

me di pane cotto, tortillas, baguette e pane pita.

colore e del sapore.

Sandwich: a causa dei differenti ingredienti presenti nei

Pesce fresco: l’attento equilibrio di anidride carbonica e

sandwich, individuare la migliore atmosfera protettiva può

ossigeno è importante per la conservazione del pesce,

rappresentare una vera sfida. Solitamente la miscela di ani-

dato che in esso sono presenti microrganismi sia aerobi-

dride carbonica e azoto è in grado di prolungare la durata

ci che anaerobici. Ciò significa che l’ossigeno stimola la

di conservazione dei prodotti di cinque o sei giorni.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com BOSCH RA 5-12.indd 3

17/10/12 14.52


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura DIVIETO DEI SACCHETTI DI PLASTICA: CI VUOLE CHIAREZZA E CONFORMITÀ CON LE DIRETTIVE DELL’UNIONE EUROPEA

Lo chiede il Consorzio CARPI, uno dei principali protagonisti del mercato della raccolta e del riciclo degli imballaggi in plastica terziari

S

i torna a discutere del divieto, in Italia, di produrre

tradizionali, quanto le modalità con cui l’amministrazione

sacchetti di plastica non biodegradabili, un proble-

pubblica ha deciso di operare, più precisamente senza

ma che preoccupa gli operatori del settore fin dal

effettuare i dovuti accertamenti per valutare il possibile

2007. E’ arrivata infatti una seconda lettera di richiamo

danno economico e sociale che si andava generando.

al nostro Paese, la prima risale a luglio 2011, da parte

Senza nulla togliere alla più che lodevole e condivisibile

della Commissione Europea, che contesta all’Italia la leg-

lotta all’inquinamento, a cui contribuisce lo stesso Con-

ge che vieta di produrre e commercializzare sacchetti di

sorzio CARPI promuovendo politiche di sensibilizzazione

plastica non biodegradabili a partire dal primo gennaio

su tematiche inerenti la gestione e il riciclo dei rifiuti in

2011. Un divieto del tutto ingiustificato, dal momento che

plastica, è innegabile che la messa al bando dei sac-

non è possibile vietare la circolazione di un bene che

chetti in plastica non biodegradabili ha creato non pochi

rispetta i requisiti di conformità agli standard europei, tra

problemi alle aziende del settore.

i quali non compare la biodegradabilità.

Infatti, se alcune di queste sono riuscite a riconvertire i

In questo contesto il Consorzio CARPI vuole mettere in

propri impianti di lavorazione per adeguarsi alle nuove

evidenza come il divieto di commercializzazione dei sac-

richieste del mercato, altre stanno soffrendo gravi diffi-

chetti di plastica non biodegradabili da parte del Gover-

coltà economiche che, in alcuni casi, potrebbero portare

no italiano, sia in aperto contrasto con le regole di una

addirittura alla chiusura.

qualsiasi economia di mercato che si definisca libera.

Tutto questo in un contesto in cui non è ancora stata fatta

Non è infatti necessario l’intervento dell’Unione Europea,

piena chiarezza sui reali benefici dei sacchetti biodegra-

che punta a colpire ancora una volta le troppe criticità

dabili rispetto a quelli tradizionali.

di adeguamento del nostro sistema legislativo a quello

Il vero problema non risiede tanto nel tipo di materiale

comunitario, per capire che il bando dei sacchetti di pla-

con cui sono prodotti i sacchetti, quanto piuttosto nella

stica non può essere l’origine di tutti i mali contro l’inqui-

mancanza da parte dei cittadini, e a volte degli ammi-

namento. Imporre la commercializzazione o meno di un

nistratori, di una corretta cultura e conoscenza delle mo-

prodotto, a favore della salvaguardia e tutela ambientale,

dalità di smaltimento delle bioplastiche, dei processi di

deve essere il risultato di una scelta mirata, altamente stu-

riciclo della plastica e del suo riutilizzo come materia pri-

diata e non dettata da scelte di convenienza. La vicenda

ma seconda.

si arricchisce ulteriormente se si fa riferimento all’aspetto

Per quanto la bioplastica rappresenti un materiale inno-

tecnico dell’intera vicenda.

vativo, è necessario tenere presente che non tutte le pla-

Il decreto interministeriale in esame prevede infatti degli

stiche sono compatibili tra loro e che i sacchetti biode-

spessori precisi in base all’utilizzo finale dei sacchetti stes-

gradabili devono essere considerati come rifiuti organici.

si. La posizione del Consorzio CARPI contesta quindi non

Questo per evitare seri problemi sia all’ambiente, sia nelle

tanto l’oggetto del bando, ossia i sacchetti di plastica

fasi di riciclo.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CARPI RA 5-12.indd 1

03/12/12 14.30


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura GLI IMPACCHETTATORI DI CARNE OTTENGONO NUOVE PROSPETTIVE SULLE SOLUZIONI PIÙ RECENTI IN FATTO DI SKIN PACKAGING LINPAC, G. Mondini e Bemis offrono un Fresh Innovation Workshop

P

iù di trenta aziende di lavorazione e di impac-

marchiatura e della gestione efficiente dello spazio negli

chettamento della carne si sono riunite la scorsa

scaffali. La soluzione che abbiamo elaborato risolve tutti

settimana per un Fresh Innovation Workshop orga-

questi problemi e, inoltre, offre all’impacchettatore una li-

nizzato da LINPAC Packaging, G. Mondini e Bemis allo

nea di impacchettamento flessibile e altamente efficiente

scopo di saperne di più sugli sviluppi in fatto di skin

adatta a dimensioni diverse. La soluzione che offriamo

packaging.

dà la possibilità ai rivenditori di avere

Relatori di LINPAC Packaging, pro-

una confezione di ottimo aspetto che

duttore leader in Europa nel settore

può venire marchiata in modo accatti-

del packaging multi-materiale, di G.

vante ed esposta in maniera sfalsata,

Mondini, principale produttore di

verticale oppure – grazie alla presen-

macchinari per l’impacchettamento

za di un Euroslot – appesa per massi-

con sistema tray skin, e di Bemis, pro-

mizzare l’efficienza dello spazio sulla

duttore internazionale di pellicole, si

mensola”.

sono riuniti per mostrare un’alternativa

Alan Bickerton, Ammini-

innovativa ed entusiasmante al modo

stratore delegato di G.

in cui la carne, il pesce e il polla-

Mondini per il Regno Uni-

me vengono attualmente impacchettati usando lo skin

to, afferma: “La tecnologia che abbiamo sviluppato fa

packaging nel Regno Unito e in Irlanda.

sì che la nostra gamma di macchinari per l’impacchetta-

Aziende di lavorazione della carne e del pesce attive

mento con sistema tray skin possa supportare diversi for-

in tutto il Regno Unito e in Irlanda hanno potuto assistere

mati di materiali per il packaging su un’unica piattafor-

a una dimostrazione del macchinario per la sigillatura

ma di sigillatura per vassoi. Un aspetto cruciale consiste

Mondini Trave 340 utilizzato in associazione con la

nel fatto che lo stesso macchinario può impacchettare

nuova gamma di vassoi VSP di LINPAC Packaging e

con sistema tray skin vassoi normali (per carni a fette o

con la pellicola SkinTite di Bemis. Questa dimostrazione

cotte), vassoi che presentano protrusioni (per bistecche,

ha mostrato loro un’alternativa convincente alle opzioni

costate e petti di pollo) e vassoi che presentano protru-

attualmente disponibili per lo skin packaging.

sioni accentuate (tagli che comprendono articolazioni e

Joanna Stephenson, Vicepresidente al marketing e all’in-

polli interi)”.

novazione di LINPAC Packaging, riferisce: “Le opzioni

Bickerton e il suo team hanno fornito in seguito una di-

per lo skin packaging tradizionali, sebbene offrano una

mostrazione di Mondini Trave 340 VG, un macchinario

maggiore commerciabilità del prodotto, non sempre ga-

multi-formato in grado di produrre MAP e tutti formati per

rantiscono che questo abbia il migliore aspetto possibile

lo skin packaging, compresa la sigillatura per confezioni

e inoltre mettono il rivenditore di fronte al problema della

che presentano protrusioni lievi o rilevanti.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com LINPAC RA 5-12.indd 1

26/10/12 11.08


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura ROTOPRINT, IL RICICLO ANTISPRECO FA RISPARMIARE E VIENE PREMIATO NEGLI USA L’azienda di Lainate (MI), con il suo metodo unico per modificare gli imballaggi stampati, ha vinto il Golden Cylinder della Gravure Association of America nella categoria Technical Innovation Packaging

È

un’azienda italiana, la Rotoprint Sovrastampa di Lai-

of America, nata nel 1987 dalla fusione di due realtà

nate (MI), la vincitrice del Golden Cylinder Award

analoghe esistenti fin dal dopoguerra, è la più importan-

della GAA, Gravure Association of America, nella

te associazione americana che riunisce le aziende che

categoria Technical Innovation Packaging. Gian Carlo

si occupano dei processi di stampa. Ogni anno premia

e Giovanni Luca Arici, i titolari della Rotoprint, hanno

le migliori aziende del settore, non solo americane, con

ritirato il premio a Chicago, Illinois, nel corso della ce-

i Golden Cylindre Awards: nel 2012, anno della 26a

rimonia annuale che si è tenuta l’11 ottobre. «La GAA

edizione del premio, hanno partecipato alla finale 75

è un punto di riferimento per quanti, come noi, operano

candidati da tutto il mondo.

nel settore della stampa rotocalco -commenta Gian Car-

Rotoprint Sovrastampa è fra le imprese premiate il

lo Arici, fondatore di Rotoprint-. Siamo quindi felicissimi

Golden Cylinder nella categoria Technical Innovation

di aver visto riconosciuto oltreoceano il carattere unico e

Packaging per il suo metodo esclusivo di sovrastampa

innovativo del nostro procedimento brevettato: un siste-

con macchine rotocalco, in grado di adattarsi a qual-

ma per sovrastampare, con precisione millimetrica, gli

siasi materiale e a ogni modifica richiesta dal cliente.

imballaggi già stampati, rendendo possibile correggere

L’impegno di Rotoprint per l’ambiente e la qualità del suo

errori, modificare grafiche e testi o addirittura cambiare

lavoro sono riconosciuti in tutto il mondo: l’Associazio-

completamente volto a un materiale non più utilizzabile».

ne Americana PLGA Global ha conferito una menzione

Una manna per le aziende, soprattutto italiane ma non

d’onore a Rotoprint all’ultima edizione dei Print Quality

solo, che devono fare i conti con rimanenze di imbal-

Awards, tenutasi a Miami (Florida) e la E.R.A (European

laggi perfetti ma che per vari motivi diventano obsoleti

Rotogravure Association) ha premiato l’azienda con l’In-

o “sbagliati”. «Siamo orgogliosi di rappresentare l’Italia

novation Award 2011.

con questo premio –continua sempre Gian Carlo Arici–: anche in un momento di crisi come questo dimostriamo che la carta vincente del Made in Italy sta nell’innovazione e nella creatività, valori per i quali all’estero siamo già conosciuti, uniti all’affidabilità e alla garanzia di un risultato perfetto». Riutilizzare gli imballaggi vuol dire anche fare bene all’ambiente: ogni anno Rotoprint salva dal macero qualcosa come 18mila km di materiale, come dire un viaggio di andata e ritorno fra Milano e Rio de Janeiro. Tutte emissioni di CO2 in meno e di spazio non occupato in discarica. La GAA – Gravure Association

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ROTOPRINT RA 5-12.indd 1

24/10/12 09.45


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura COME PREDISPORRE IL FASCICOLO TECNICO SECONDO LA DIRETTIVA MACCHINE ( DIR. 2006/42/CE) NEL CASO DI MACCHINE PER IL CONFEZIONAMENTO E IMBALLAGGIO

S

i è tenuto giovedì 25 ottobre davanti a un pub-

strando case history reali, hanno evidenziato al nutrito

blico di oltre 60 tecnici di aziende del settore il

pubblico presente i reali obiettivi che la redazione di

seminario tecnico organizzato da Ucima (Unione

tale documentazione si deve prefiggere.

Costruttori Italiani Macchine per il Confezionamento e

In seguito Matteo Marconi (AC&E Consulting, uno dei

l’Imballaggio) per analizzare i contenuti e le modalità

massimi esperti italiani in materia di sicurezza delle

di predisposizione del Fascicolo Tecnico.

macchine), partendo dall’analisi dei contenuti obbli-

Questa documentazione inerente la sicurezza del

gatori del Fascicolo Tecnico previsti all’Allegato VII

macchinario, con la quale si attesta il percorso pro-

della Direttiva 2006/42/CE, ha illustrato ai presenti

gettuale interno compiuto (principalmente l’analisi dei

prove, calcoli, verifiche, progetti, disegni della mac-

rischi) per rilasciare macchine conformi alle normative

china necessari per costituire tale documentazione e

CE, è richiesta obbligatoriamente per legge ai sensi

le modalità di presentazione.

della Direttiva Macchine (Dir. 2006/42/CE) e rap-

Si è poi passati all’analisi di Fascicoli tecnici reali per

presenta il primo e fondamentale strumento di dife-

valutare come nel concreto per specifiche macchine

sa per il fabbricante a fronte di contestazioni di non

da packaging (etichettatrici, pallettizzatori, trasporti,

conformità della macchina ovvero in sede penale in

ecc.) si possa configurare un Fascicolo tecnico real-

caso di infortunio su macchine. L’importanza dell’ar-

mente aderente ai contenuti imposti dalla Direttiva

gomento è data anche dai costi elevati necessari per

macchine, ma, nello stesso tempo, utile allo scopo

la realizzazione del fascicolo tecnico e dell’impegno

per cui viene predisposto.

richiesto per l’attivazione di procedu-

L’appuntamento organizzato da Uci-

re di raccolta documentale anche nei

ma è stato un fondamentale momento

confronti dei fornitori di parti di mac-

di approfondimento e formazione su

chine, componentistica, ecc.

una tematica di importanza cruciale

Troppo volte infatti si è evidenziata

per i costruttori di macchine. Queste

una scarsa consapevolezza delle

occasioni rappresentano infatti ottime

aziende sulla corretta redazione di

occasioni per far crescere la consape-

tale documentazione, che ha conse-

volezza e l’importanza riservata alle

guentemente richiesto, al momento

tematiche di sicurezza del macchina-

del bisogno, una sostanziale revisio-

rio che Ucima continuerà a promuove-

ne dei materiali elaborati e raccolti.

re anche nel 2013 per proseguire il

Per questo, Stefano Lugli (responsabi-

percorso di formazione continua alle

le del Servizio tecnico di UCIMA) e

aziende del settore avviato nel corso

Cristina Alba (AC&E Consulting), mo-

dei dodici mesi passati.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com UCIMA RA 5-12.indd 1

26/11/12 13.16


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

© Walki

WALKI AFFIANCA LA MALONGO, PRODUTTRICE FRANCESE DI CAFFÈ DI ALTO PREGIO, NEL PROTEGGERE L’AMBIENTE

I

Il lancio del nuovo prodotto per caffè della Malongo è previsto per il mese di dicembre e rappresenterà la prima cialda di caffè completamente riciclabile ed ecologicamente sostenibile disponibile sul mercato.

l Gruppo Walki, produttore leader di laminati tec-

zienda. Il fatto allarmante è che le cialde finora realiz-

nici e di materiali per l’imballaggio, ha accolto

zate, erano in plastica.

un’importante sfida. Come conseguenza, a dicem-

bre 2012, Malongo, produttrice francese di caffè

Caffè di alta qualità senza compromettere

di alto pregio, introdurrà un nuovo modo di confe-

l’ambiente

zionare le cialde di alta qualità utilizzando materiali

Il compito di Walki, nel progetto di sviluppo, è stato

eco-sostenibili e riciclabili. Il nuovo packaging è stato

complesso. All’azienda è stato chiesto di fornire un

realizzato grazie alla collaborazione tra Walki, il pro-

materiale-barriera per gli involucri delle cialde e, allo

duttore svedese di carta Korsnäs, e Malongo e, in

stesso tempo, un prodotto di confezionamento a base-

futuro, ciò potrebbe aprire nuove porte a Walki.

carta per le singole cialde che rispetti sia la riciclabi-

L’azienda produttrice di caffè Malongo è stata fonda-

lità, sia la delicatezza del caffè. Korsnäs ha fornito il

ta nel 1934 a Nizza, in Francia. Sebbene il caffè

materiale termo-formabile e, partendo da esso, Walki

macinato e le fave di caffè siano ancora il core busi-

ne ha sviluppato un rivestimento speciale.

ness della Malongo, le vendite di cialde sono esplose

È molto difficile confezionare il caffè poiché pro-

arrivando oggi a costituire il 36% delle vendite dell’a-

duce molti gas e perché è necessario che l’aroma

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com WALKI RA 5-12.indd 1

25/10/12 14.54


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

Walki®Pack Bio X, un rivestimento su cartoncino realizzato con polimeri non tossici e oxo-biodegradabili. La cialda viene poi confezionata in un unico involucro che non deve essere solo riciclabile, ma soprattutto, deve fornire una barriera ai gas, a umidità e vapore e che mantenga l’aroma. Inoltre, deve essere termoformabile, termosaldabile e pelabile, deve garantire una buona stampabilità e deve essere oxo-biodegrabile. Diverse possibilità per un packaging termoformabile Questo progetto aprirà a Walki una nicchia di mercato del tutto nuova poiché ora siamo in grado di offrire ai nostri clienti un nuovo tipo di carta termoformabile. Fino a questo momento non avevamo ancora

© Walki

operato in questo tipo di mercato, ma ora abbiamo

Il nuovo materiale di confezionamento termoformabile della Walki aiuta a mantenere gli aromi del caffè nella cialda per ottenere buona tazza di caffè.

l’opportunità di offrire packaging termoformabili per il confezionamento di prodotti alimentari come per formaggi e altri prodotti lattiero-caseari, anche ad altri clienti.

sia mantenuto nella cialda così da poter ottenere una tazzina di caffè perfetta, ha dichiarato Marie Barge, direttore Vendite per Walki France. Nuovi materiali di confezionamento di alta qualità Nell’ultimo decennio, la Malongo, azienda a conduzione familiare, ha lavorato strenuamente per ridurre la quantità dei propri imballaggi e per riuscire ad utilizzare prevalentemente materiali riciclabili. prodotto. Alla fine siamo riusciti a creare un rivestimento speciale che soddisfa le esigenze della Malongo in termini di sostenibilità e di garanzia dell’alta qualità del suo caffè, ha affermato Marie Barge. Il materiale scelto per il bordo delle cialde di caffè è

© Walki

Abbiamo fatto diverse prove durante lo sviluppo del

Malongo, azienda produttrice di caffè, è stata fondata nel 1934 a Nizza, ed è sempre stata orgogliosa del proprio impegno per la qualità, l’etica e la sostenibilità ambientale.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com WALKI RA 5-12.indd 3

25/10/12 14.54


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

NUOVI SOLUZIONI DI CONFEZIONAMENTO PER PRODOTTI SICURI E PIÙ A LUNGO CONSERVABILI

D

a una panoramica dell’offerta produttiva che l’in-

della lavorazione della carne. Di pari passo con la

dustria del confezionamento presenterà a IFFA dal

crescente densità di popolazione nei centri urbani si

4 al 9 maggio 2013 a Francoforte risulta eviden-

continuerà a registrare la tendenza a fornire generi ali-

te che le tendenze in questo comparto soddisfano nel

mentari confezionati a un numero sempre maggiore di

complesso i più importanti requisiti richiesti nel settore

persone. Ciò richiede una logistica ancora più sofistica-

della lavorazione della carne. In generale il settore in-

ta abbinata a offerte di carne e insaccati adeguate alle

tende contribuire a lanciare sul mercato prodotti sicuri e

esigenze dei consumatori dal punto di vista quantitativo.

più a lungo conservabili.

Allo stesso tempo si deve porre un freno al deteriora-

Con le innovazioni introdotte nel campo della produ-

mento e allo spreco di generi alimentari e si devono

zione, della lavorazione e del confezionamento igieni-

garantire prodotti sicuri e di alta qualità a più persone.

camente a norma, con le offerte delle aziende produt-

Mentre attorno alla vecchia “data di conservazione”,

trici di macchine per il confezionamento per processi

per molti versi ancora poco conosciuta, imperversa un

a basso consumo energetico e con gli sviluppi conse-

dibattito pubblico, l’industria alimentare sta lavorando

guiti dalle aziende di materiali per il confezionamento

intensamente alla realizzazione di procedure e confe-

nell’ambito delle confezioni barriera, l’offerta espositiva

zioni più efficienti insieme ai suoi partner del settore del

di IFFA rispecchia le principali sfide dell’intero settore

confezionamento.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IFFA RA 5-12.indd 1

30/11/12 10.35


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

Le confezioni flessibili conquistano nuovi settori d’impiego

con le aziende di materiali plastici, che sviluppano ma-

La conservazione dei prodotti nel settore della lavo-

terie prime sempre più efficienti e adeguate a specifici

razione della carne ha una lunga tradizione. Le pro-

settori d’impiego, i produttori di materiali per il con-

cedure moderne, come il trattamento in autoclave, la

fezionamento stanno lavorando con successo a nuovi

sterilizzazione o la pastorizzazione di numerosi prodot-

progetti basati sull’uso di pellicole per realizzare confe-

ti, sono molto efficienti, spesso tuttavia poco flessibili.

zioni innovative. Oltre a una maggiore conservabilità

Il desiderio di introdurre nuove soluzioni di confezio-

e a un utilizzo pratico da parte del consumatore (p.es.

namento basate su materiali leggeri, sicuri a livello di

buona apertura/peel o anche richiudibilità), essere of-

lavorazione, trasparenti e soprattutto flessibili, presup-

frono soprattutto interessanti opzioni di design. Anche

pone un cambiamento di atteggiamento da parte di

nel settore della lavorazione della carne crescono infatti

molte aziende attive nell’ambito della lavorazione della

le richieste del marketing di garantire ai propri marchi

carne. Sul mercato sono già disponibili soluzioni che

una presentazione inconfondibile nei punti vendita. A

consentono di ottimizzare gli impianti già esistenti in

tale scopo è necessario poter contare su una maggiore

termini di efficienza energetica e flessibilità. In questo

varietà di confezioni che soddisfi anche le nuove abitu-

modo sarà sempre più possibile utilizzare confezioni

dini ed esigenze dei consumatori.

basate sull’uso di pellicole che resistano alle elevate sollecitazioni di un trattamento in autoclave e consentano

La battaglia contro i microorganismi

di realizzare varianti totalmente nuove.

A promuovere lo sviluppo di soluzioni per il confeziona-

Nuovi progetti di macchinari tengono conto a priori

mento ottimizzate è come sempre il desiderio di avere

della possibilità di produrre, oltre alle classiche confe-

generi alimentari sicuri. Soprattutto nei generi alimentari

zioni a base di metalli, anche delle confezioni adegua-

freschi confezionati, si può ottenere un’elevata umidi-

tamente rivestite di materiali plastici. In collaborazione

tà relativa dell’aria all’interno della confezione tramite processi di traspirazione e/o respirazione. Di conseguenza si forma dell’acqua di condensazione ovvero l’acqua si distribuisce nel prodotto provocando una perdita di freschezza e difetti di qualità. L’elevata umidità relativa dell’aria e l’acqua di condensazione favoriscono la crescita di microorganismi (muffe, batteri o lieviti). Un’umidità dell’aria troppo bassa non è ugualmente auspicabile poiché i prodotti freschi si seccherebbero. All’Istituto Fraunhofer per l’ingegneria dei processi e del packaging (IVV) è in corso un lavoro di progetto che si pone esattamente questo quesito: come può una confezione garantire esattamente il “clima” adatto al suo contenuto, ovvero un’umidità relativa nello spazio di testa della confezione? L’Istituto Fraunhofer IVV sta lavorando a diversi metodi per regolare l’umidità relativa in una confezione in maniera mirata e per ade-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IFFA RA 5-12.indd 3

30/11/12 10.35


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura

guarla all’alimento contenuto. La procedura consiste

riduzione degli scarti e dei resi, dovrebbe essere il risul-

nella regolazione della permeabilità al vapore acqueo

tato di tutto ciò.

attraverso la selezione e l’alterazione di polimeri, la

Nuovi regolamenti evidenziano che lungo tutte le cate-

microperforazione/macroperforazione e l’inserimento

ne di produzione del valore occorre lavorare seriamen-

di sostanze attive nella matrice polimerica. I risultati di

te agli aspetti che concernono l’igiene e la sicurezza.

questo lavoro di ricerca saranno resi noti nel 2013.

Poiché nel commercio al dettaglio si trasforma e si confeziona sempre più carne fresca, con la formulazione

Le iniziative per la sicurezza dei generi alimentari por-

di nuovi standard (p.es. International Featured Stan-

tano a nuovi regolamenti

dards IFS 6, valido dal 1.7.2012) si affermano in par-

La battaglia contro la deperibilità dei generi alimentari

te nuove regole del gioco. Confrontando la versione 6

o la perdita di qualità nelle confezioni viene condotta

dell’IFS Food con quella precedente risulta evidente che

anche con altre procedure, come ad esempio l’high

il commercio impone parametri di riferimento molto più

pressure processing (HPP). Oltre a fondamentali sem-

severi in materia di sicurezza alimentare. Non si tratta

plificazioni che riguardano una gestione dei processi

più solo della gestione della qualità da parte di azien-

ottimizzata dal punto di vista igienico, i produttori di

de certificate, ma si devono compiere anche numerosi

macchinari per il confezionamento hanno realizzato al-

sforzi mirati per documentare la sicurezza alimentare.

tre soluzioni che rendono ancora più sicura per l’utente

Ogni cambiamento su un prodotto esistente o sulla sua

la controllabilità delle confezioni sottovuoto, in atmosfe-

confezione deve essere valutato e attuato in conformità

ra protettiva e skin. Un incremento dell’efficienza per

alle norme in vigore.

l’industria della lavorazione della carne, dunque una

Una panoramica completa delle novità e delle tendenze nel settore del confezionamento sarà offerta da IFFA, la fiera n. 1 dell’industria della carne. Per la prima volta i principali fornitori di tecnologie per il confezionamento e sistemi di misurazione e pesatura così come altre aziende leader del segmento della lavorazione e del taglio della carne saranno ospitati nel padiglione 11 del quartiere fieristico di Francoforte. Le aziende dei settori macellazione, trinciatura e lavorazione saranno riunite come sempre nei padiglioni 9.0 e 9.1, mentre nel padiglione 8.0 troverà posto anche in questa edizione il settore espositivo dedicato alla lavorazione della carne. Gli espositori del settore “vendita – tutto per le macellerie” e le aziende di materiali per il confezionamento saranno ospitati per la prima volta nel padiglione 4.1. Nel piano sottostante (4.0) varie aziende leader sul mercato presenteranno un’offerta internazionale di prodotti per il segmento ingredienti, spezie e additivi.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IFFA RA 5-12.indd 5

30/11/12 10.35


CONFEZIONAMENTO etichettatura . pesatura AICE/ANIE: IL COSTO DELLE MATERIE PRIME AGGRAVA LA CRISI DEL COMPARTO CAVI

È

una vera e propria emergenza quella che si tro-

nente metallo, come ad esempio il rame, il cui valore

vano ad affrontare i produttori di fili per avvolgi-

negli ultimi anni e’ addirittura raddoppiato. Resta in-

mento che fanno capo ad AICE, associazione

fine il problema del costo dell’energia elettrica, che

aderente a Confindustria ANIE. Il comparto è costitu-

ricopre un ruolo preponderante nel processo produt-

ito da aziende elettromeccaniche

tivo: in media nell’ultimo anno

che producono fili metallici smal-

l’aumento e’ stato del 26%, in un

tati per motori elettrici, trasforma-

contesto nazionale in cui il costo

tori e bobine con un fatturato glo-

per KW/h e’ già ampiamente su-

bale di 700 milioni di euro.

periore alla media europea.”

Già nei primi nove mesi del 2012, l’industria italiana dei cavi

“I produttori sono quindi costretti

ha fatto registrare un calo su base

ad incrementare – conclude Bul-

annua del fatturato del mercato

letti - le richieste di credito per

interno del 20%, in ragione dei

finanziare il processo produttivo

più recenti aumenti dei prezzi dei

in un periodo difficile come l’at-

materiali. Anche l’export ha già

tuale, in cui la stretta creditizia

iniziato a registrare i primi rallen-

delle banche ha aumentato con-

tamenti. “Nel corso dell’ultimo anno – se-

Stefano Bulletti Presidente di AICE

gnala Stefano Bulletti, Presidente

siderevolmente i tassi di interesse. L’impatto finale degli aumenti e’ stimabile in circa il 5%. È ragione-

di AICE – i produttori di fili metallici, in particolare di

vole pensare che le aziende non riescano ad assor-

rame smaltato, hanno subito degli aumenti significa-

bire questi aumenti, se non incrementando i prezzi

tivi per ognuna delle principali voci di costo, aggra-

di vendita.”

vando così la situazione causata dalla contrazione

Confindustria ANIE, con oltre 1.200 aziende asso-

del mercato nazionale, che si stima del 20% rispetto

ciate e circa 450.000 occupati, rappresenta il setto-

all’anno scorso”.

re più strategico e avanzato tra i comparti industriali

“L’incremento del prezzo del petrolio ha condiziona-

italiani, con un fatturato aggregato di 71 miliardi di

to - prosegue Bulletti - i trasporti che sono aumentati

euro (di cui 28 miliardi di esportazioni).

del 4%, e gli smalti per isolamento, principale mate-

Le aziende aderenti a Confindustria ANIE investono

riale di acquisto, causandone un aumento medio del

in Ricerca e Sviluppo il 4% del fatturato, rappresen-

3% in funzione della tipologia.

tando più del 30% dell’intero investimento in R&S

Non e’ trascurabile inoltre l’incidenza della compo-

effettuato dal settore privato in Italia.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com AICE RA 5-12.indd 1

18/10/12 16.20


NEWS

notizie in breve

CHIARIFICA DEI MOSTI E TRATTAMENTO DEI FONDI DI FECCIA CON I DECANTER FLOTTWEG

N

elle cantine, la chiarifica dei mosti è una delle applicazioni tipiche in cui si utilizzano i decanter. A tale pro-

posito, nel processo in esame ad essere di grande importanza non sono solo gli aspetti economici, bensì anche la qualità del prodotto ottenuto risulta essere un fat-

tore fondamentale. Il contenuto di feccia in un mosto è variabile e dipende, in particolare, dal tipo e dall’intensità di pressatura dell’uva. Difatti, il mosto prodotto con presse a vite tende ad avere un contenuto più elevato di feccia rispet-

rina fossile. Comparata alla decantazione centrifuga,

to al mosto prodotto con presse soffici a membrana.

questa pratica non è in grado di separare altrettanto

Tradizionalmente, la chiarifica dei mosti viene effettuata

rapidamente le fecce dai mosti senza usare coadiuvanti di filtrazione, né di ottenere il più elevato grado di secco possibile. Tale risultato è invece ottenibile con i decanter grazie all’elevata accelerazione centrifuga sviluppata. Inoltre, la tradizionale filtrazione comporta elevati costi di smaltimento degli scarti, oltre al costo stesso di acquisto dei vari coadiuvanti di filtrazione, e notevole impiego di manodopera per la preparazione, la gestione e la manutenzione dei filtri. Infine, va considerato il rischio potenziale per la salute e le relative precauzioni da adottare nel maneggiare la farina fossile. Pur essendo il costo di investimento per un decanter più elevato rispetto al costo di un filtro rotativo sotto vuoto, i ridotti costi operativi del decanter offrono vantaggi

per sedimentazione statica delle fecce; queste vengono

economici evidenti:

poi trattate mediante successiva filtrazione su appositi

il decanter richiede tempi molto più ridotti sia di pre-

filtri rotativi sotto vuoto che utilizzano uno strato di fa-

parazione all’uso che di pulizia, dal momento che non

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com VERONESI RA 1-12.indd 1

13/11/12 12.34


NEWS

notizie in breve

sono richiesti coadiuvanti di

sono raggiunte da opportuni

filtrazione. Inoltre, non vi sono

circuiti di lavaggio ad ugelli.

costi aggiuntivi di smaltimento,

Portate indicative dei decan-

mentre le farine fossili sono in-

ter Flottweg, in m3/ora:

vece classificate come rifiuto speciale, con costi sempre crescenti di smaltimento.

Modello di macchina

Z4E

Z5E

Z6E

Inoltre, dal momento che il decanter scarica un solido

Mosto:

5-10

8-17

12-22

molto asciutto, si può considerare la possibilità di re

Fondi di feccia:

2-5

2-8

4-11

impiegarlo come fertilizzante nei vigneti, reintroducendolo, quindi, nel naturale ciclo produttivo.

In sintesi, i decanter Flottweg, progettati per operare

I decanter Flottweg sono progettati per rispondere agli

in modo continuo ed automatico, assicurano massima

elevati standard igienici vigenti nelle cantine; pertanto,

resa in mosto, eccellente qualità del prodotto, massima

tutte le parti a contatto con il prodotto sono in acciaio

compatibilità ambientale del processo di sfecciatura

inox di alta qualità e le parti interne ed esterne al rotore

dei mosti e notevole risparmio sui costi di gestione.

FLO-12002_Anz Wein IT 01_12_210 x 150 10.01.12 09:33 Seite 1

SEPARATORI E DECANTER FLOTTWEG per la chiarifica dei mosti e dei vini • trattamento rapido • funzionamento continuo • massima resa • costruzione igienica

Veronesiwww.itfoodonline.com Separatori S.p.A. • Via Don Minzoni, 1 • 40055 Villanova di Castenaso (Bo), Italia • Tel.: + 39 051 6054 511 • Fax: + 39 051 6053 183 www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com info@veronesi.separatori.com • www.flottweg.com

VERONESI RA 1-12.indd 1

13/11/12 12.34


NEWS

notizie in breve

TECNOLOGIE ED ATTREZZATURE PER PRODOTTI ALIMENTARI : CONSUNTIVI 2011 E PRECONSUNTIVI 2012 DI SEGNO POSITIVO SOSTENUTI DALL’EXPORT Prudente attesa per il 2013

I

I dati congiunturali predisposti dall’Ufficio Studi di

tivo e pessimistico, le aziende dei comparti afferenti

ANIMA per il settore delle macchine alimentari,

Assofoodtec – per lo più piccole e medie imprese

che trovano in Assofoodtec l’associazione di riferi-

- hanno dimostrato come determinazione, tenacia e

mento, fanno delineare un quadro complessivamen-

capacità di fare impresa siano le armi vincenti capa-

te positivo della produzione 2011. Dopo il crollo

ci di fare la differenza”

del 2009 conseguente alla crisi

Ne sono riprova i dati riferiti a

mondiale, il comparto ha recu-

buona parte dei comparti merce-

perato già a partire dal 2010 e

ologici rappresentati da Assofo-

ha proseguito nel 2011. Merito

odtec.

di questo in gran parte è dell’ex-

Il consuntivo 2011 evidenzia un

port: .Il Made in Italy soprattutto

trend complessivamente positivo

nel prodotto alimentare e nelle

(+2,8%) della produzione, che

macchine per la produzione, la

scaturisce in particolare da trend

conservazione e la lavorazione

molto favorevoli come quello del-

degli alimenti è sempre molto

le macchine per pastifici ed estru-

richiesto e apprezzato all’estero

si alimentari (+10,3%), dei molini

. Lo stesso trend si è conferma-

(+8,6%), delle macchine per dol-

to anche nei primi dieci mesi del

ci (+7,4%), per la trasformazione

2012, anno che ha visto le aziende del compar-

della frutta e dei vegetali (+6,3%), delle macchine

to dover contrastare un pacchetto ordini nazionale

per caffè espresso (+5%) e delle attrezzature frigori-

pressoché inesistente a vantaggio di mercati esteri

fere per il commercio (+3,9%).

fruttiferi e profittevoli.

Buono anche l’andamento dei comparti delle affet-

In questo quadro di luci e ombre, dove il mercato

tatrici e tritacarne (+1,3%), delle macchine per la

domestico continua ad accusare i colpi della crisi,

lavorazione delle carni (+1,2%) e dei compressori

aggravata da altri elementi negativi come la stretta

frigoriferi (+1,2%).

creditizia e la pressione fiscale, anche il dato occu-

Fanno da contraltare i trend negativi degli impianti

pazionale ne risulta compromesso. Il 2012 non è

frigoriferi industriali (-3,2%) e delle macchine per ge-

stato un anno incoraggiante e molte imprese hanno

lato (-8%), gli unici due comparti non supportati da

dovuto ricorrere alla Cassa Integrazione per mante-

un export forte: le esportazioni per il primo comparto

nere inalterati i livelli di occupazione.

risultano infatti in palese difficoltà nel 2011 (-6,6%),

La Presidente di Assofoodtec Emilia Arosio ha com-

stabili per le macchine per gelato.

mentato: “In un quadro congiunturale alquanto nega-

Scorrendo i dati di consuntivo 2011 delle espor-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ASSOFOODTECK RA 5-12.indd 1

06/11/12 11.09


NEWS

notizie in breve

tazioni relative agli altri comparti, spicca la forte

nua ad essere l’ancora di salvezza con una crescita

espansione registrata per le macchine per pastifici

media dello 0,7% nei Paesi del Bacino del mediter-

ed estrusi alimentari (+17,9%), seguite a ruota dalle

raneo, Paesi dell’Est e in Europa.

macchine per i dolci (+8,5%), dai molini (+8,4%),

Considerando i dati di commercio estero (fonte Istat)

dai compressori frigoriferi (+7,1%), dalle macchine

dei primi sei mesi 2012, si rileva in generale che i

per la trasformazione di frutta e vegetali (+7%), dalle

paesi dell’ UE rimangono fra i principali destinatari

macchine per il caffè (+5,9%), per la panificazione

di questi prodotti.

(+4,4%), per la lavorazione delle carni (+2,9%) e

Per alcune produzioni, come i molini, una discreta

dalle affettatrici (+2%).

percentuale si evidenzia per Sud America (+14%)

I preconsuntivi per il 2012 non sono buoni: non si

e per l’Africa (+13%). Le macchine per i dolci sono

sono registrati incrementi per la produzione (-0,7) e

invece richieste nei paesi asiatici per una buona per-

per l’export, anzi il margine positivo sembra essersi

centuale (+23%). Rimane ben posizionata nei paesi

ridotto, a conferma dell’espandersi della crisi - dopo

dell’Ue una quota rilevante dell’export di attrezzature

l’exploit dei primi sei mesi del 2011 – che sta coin-

frigorifere per il commercio (+70%) e compressori fri-

volgendo settori rimasti finora immuni. L’export conti-

goriferi (+65%).

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ASSOFOODTECK RA 5-12.indd 3

06/11/12 11.09


NEWS

notizie in breve

RAEE, PILE E ACCUMULATORI: ECOLIGHT NON BUTTA VIA (QUASI) NIENTE

Il consorzio che raccoglie oltre 1.500 aziende presenta il Bilancio Sociale 2011: 25mila tonnellate di rifiuti elettronici raccolte, più del 95 per cento inviato a recupero

Q

uasi 25mila tonnellate di RAEE (rifiuti da ap-

superiore al 95 per cento. Secondo: l’impegno nei

parecchiature elettriche ed elettroniche) rac-

confronti della collettività garantendo, nella rappre-

colte delle quali 23.300 inviate a recupero.

sentanza di una pluralità di soggetti, le giuste rispo-

Questi i principali numeri contenuti nel Rapporto

ste in un ambito nuovo e in costante evoluzione.

Sociale 2011 pubblicato da

Non ultimo, l’impegno nel tra-

Ecolight, consorzio no pro-

smettere una cultura ambienta-

fit che raccoglie oltre 1.500

le».

aziende. Grazie all’attività svolta nella gestione dei

La crescita non è stata solamente in termini di volumi

rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche,

di rifiuti gestiti, ma anche di associati: il numero

nel corso del 2011 Ecolight ha permesso di avviare

delle aziende consorziate ad Ecolight è cresciuto

a recupero più di 12mila tonnellate di ferro, 5mila

del 25 per cento, arrivando a 1.427 imprese alla

tonnellate di plastica, mille di alluminio e 800 di

fine dell’anno scorso e raccogliendo il 90 per cento

vetro. Buoni risultati anche dalla gestione delle pile

delle aziende della Grande Distribuzione Organiz-

e degli accumulatori esausti: il sistema di raccolta,

zata. Il consorzio si è confermato a livello nazionale

avviato in forma volontaria, ha permesso al consor-

come secondo sistema collettivo per quantitativi di

zio di gestire 204 tonnellate di rifiuti assicurando un

immesso e primo per numero di aziende consorzia-

tasso di recupero del 96,5 per cento.

te. Sul fronte della gestione dei RAEE, Ecolight ha

«A distanza di cinque anni dall’entrata in vigore

operato nella raccolta dei RAEE domestici presso

del sistema multi-consortile di gestione dei RAEE,

2.775 punti di prelievo dislocati nei centri di raccol-

Ecolight ha saputo crescere tenendo fede ai propri

ta comunali e presso i negozi attraverso il servizio

impegni», osserva Walter Camarda, presidente di

Uno contro Uno dedicato alla distribuzione; e nella

Ecolight. «Innanzitutto l’impegno per l’ambiente nel

raccolta dei rifiuti elettronici professionali diretta-

gestire con attenzione risorse importanti. Ecolight ha

mente presso le aziende.

raggiunto una quota media di recupero dei RAEE

Ecolight si è confermato consorzio di riferimento per

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ECOLIGHT RA 5-12.indd 1

05/12/12 11.29


NEWS

notizie in breve

R4, ovvero il raggruppamento RAEE che comprende

Accanto alla gestione dei RAEE, delle pile e degli

piccoli elettrodomestici, cellulari, pc ed elettronica

accumulatori, Ecolight si è mosso in ambito culturale

di consumo: più del 37 per cento quanto raccol-

sensibilizzando il recupero dei rifiuti attraverso l’ar-

to dall’intero sistema è stato gestito da Ecolight.

te con il Museo del Riciclo (www.museodelriciclo.

Importante anche la quota di gestione per R5: il

it) e con il concorso di pittura e design “Rifiuti in cerca d’autore”. È stato attivato inoltre un progetto dedicato alle scuole e realizzato con il WWF per sensibilizzare sul recupero delle lampadine a fluorescenza. «Nel complesso il sistema può e deve crescere», aggiunge Camarda. «In Italia si sono raggiunti i 4,3 kg pro capite per abitante di RAEE raccolti quando in altri Paesi europei si raggiungono i 10 kg. Se la nuova direttiva europea ci pone in una prospettiva di crescita, siamo convinti che l’intero sistema RAEE necessiti di regole precise per fermare

consorzio si è occupato di quasi il 40 per cento

lo smaltimento illegale di questi rifiuti e di controlli

delle sorgenti luminose giunte a fine vita. «Ecolight

nel rispetto della norma che assegna ai Produttori -

ha contraddistinto la propria operatività intervenen-

e di conseguenza ai consorzi - la proprietà, quindi

do in quel raggruppamento che, meno di altri, dà

la gestione, dei rifiuti elettronici».

significativi risultati se valutato in kg o tonnellate. I piccoli elettrodomestici sono molto dispersi e la loro raccolta richiede maggiori sforzi non solamente in termini di missioni, ma anche in termini culturali», continua il direttore generale di Ecolight, Giancarlo Dezio. «Sono ancora pochi i cittadini consapevoli della necessità di avviare ad un corretto recupero il vecchio cellulare o il frullatore portandoli al centro di raccolta o consegnandolo al punto vendita in virtù del decreto “uno contro uno”». La capillarità dell’azione è indicata dal numero di missioni operate: più di 14.000 per dirette ai centri di raccolta comunali, oltre 108mila per servire i punti vendita della distribuzione. Per quanto riguarda le pile e gli accumulatori giunti a fine vita, Ecolight ha operato su base volontaria avviando a recupero 204 tonnellate di rifiuti, di queste oltre il 67 per cento è composto dalle comuni pile nichel-cadmio.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ECOLIGHT RA 5-12.indd 3

29/11/12 10.01


NEWS

notizie in breve

NATIONAL STARCH E CORN PRODUCTS ADOTTANO IL NUOVO MARCHIO INGREDION NELLA REGIONE EMEA

L

e società del gruppo National Starch hanno an-

don, Presidente, Direttore Generale e Amministratore

nunciato l’adozione del nuovo marchio Ingredion

Delegato di Ingredion Incorporated. “Siamo fieri di

per la regione EMEA (Europa, Medio Oriente e

avere conquistato una solida reputazione come for-

Africa). In seguito all’acquisizione di National Starch

nitori affidabili di ingredienti di elevata qualità e di

da parte di Corn Products International, Inc.

promuovere il successo della nostra vasta clientela in

nell’ottobre 2010, tutte le società del gruppo hanno

settori nuovi offrendo prodotti esclusivi ed innovativi.

avviato un processo di allineamento delle strutture

Continueremo ad ampliare la nostra esperienza set-

produttive, operazioni e linee di prodotti.

toriale e ad arricchire il nostro portfolio di soluzioni

Uno degli aspetti chiave di questo pro-

ingredientische per aiutare i clienti a soddisfare

cesso ha riguardato la creazione di

nuovi trend di mercato e a restare competitivi in

un marchio aziendale unico e globa-

tutto il mondo.”

le per le società dei gruppi National

“Il nostro servizio di assistenza nella regione

Starch e Corn Products Inter-

EMEA

national. La conversione del

rotto nel corso dell’intero

marchio è stata inizialmente

processo di adozione del

implementata negli Stati Uniti,

nuovo marchio Ingredion”

dove Corn Products Internatio-

aggiunge

proseguirà

Jorgen

ininter-

Kokke,

nal Inc. è diventata Ingredion Incorporated nel giu-

Vice Presidente e General Manager, Ingredion

gno 2012.

EMEA. “Negli ultimi due anni, la nostra clientela ha

In base al programma di adozione globale del nuo-

usufruito dei vantaggi offerti dai due gruppi in termini

vo marchio, le società del gruppo National Starch

di completezza della gamma, competenze e portata

adotteranno la denominazione commerciale Ingre-

globale.

dion nella regione EMEA a partire dal mese di ot-

Oggi siamo lieti di dare una chiara identità a que-

tobre 2012.

sto valore, adottando un unico nome e un’identità

In particolare, Corn Products UK Limited diventerà

precisa in questa regione commerciale. Coniugan-

Ingredion UK Limited, National Starch & Chemical

do il meglio di National Starch e Corn Products,

GmbH diventerà Ingredion Germany GmbH e CPI

continueremo a fornire amidi altamente funzionali,

Ingredients South Africa (Proprietary) Limited divente-

ingredienti nutrizionali e dolcificanti di elevata qua-

rà Ingredion South Africa Pty Limited.

lità, nonché un’assistenza tecnica all’avanguardia,

“La nuova denominazione Ingredion riflette meglio

innovazioni in grado di influenzare le tendenze del

la nostra presenza globale e il forte impegno nel

mercato e formulazioni avanzate per promuovere il

settore dei ingredienti alimentare” spiega Ilene Gor-

successo presente e futuro dei nostri clienti.”

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com NATIONAL STARCH RA 5-12.indd 1

08/11/12 15.17


Le possibilità sono ovunque. Appena fuori dalla tua porta vi sono enormi possibilità. Non importa quale sia la tua applicazione – dai latticini ai prodotti da forno, dalle bevande alla nutrizione clinica e per l’infanzia, abbiamo tutte le soluzioni in materia di struttura, prodotti naturali e ad etichetta pulita, nutrizione ed edulcoranti necessari per rimanere aggiornati con i trend più recenti e un passo avanti rispetto alla concorrenza. Inoltre, conosciamo il segreto per incrementare l’efficienza e accrescere i tuoi margini. Tutto questo dalle persone in cui hai avuto fiducia per anni. Parla con i nostri esperti su ciò che è possibile oggi, in Europa, in Medio Oriente, in Africa e in tutto il mondo.

Il meglio di National Starch e Corn Products

Cominciamo: ingredion.com/emea e-mail: food.enquiries@ingredion.com LE NOSTRE RISORSE: CULINOLOGY è un marchio di fabbrica depositato della Research Chefs Association. Utilizzabile previa autorizzazione. Il marchio ed il logo INGREDION sono marchi di fabbrica delle societa’ del gruppo Ingredion e sono utilizzati in Europa da Ingredion UK Ltd. ed Ingredion Germany GmbH. Tutti i diritti riservati. Tutto il contenuto copyright © 2012

FULLPAGE_EMEA_Launch_A4_IT.indd 1

20/09/2012 14:55


NEWS

notizie in breve

RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE E SOSTENIBILITÀ: NUOVO ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA ECOVADIS (FRANCIA) E CARBON DISCLOSURE PROJECT (GB)

E

coVadis (Francia) e Carbon Disclosure Project (CDP)

clienti di ìCDP Supply Chainî potranno anche utilizzare

hanno annunciato oggi di aver siglato un accordo

la piattaforma di valutazione Social Responsability Eco-

di collaborazione che mira a migliorare il servizio

Vadis, contribuendo cosÏ ad accelerare líacquisizione e

proposto ai loro clienti e a ridurre le procedure di repor-

líutilizzo di queste informazioni nellíambito delle relazio-

ting relative alla gestione delle emissioni di carbonio da

ni con le strutture díacquisto.

parte delle industrie fornitrici.

´Siamo molto contenti di collaborare con CDP. Líabbia-

Questa collaborazione si basa sulle competenze com-

mo sempre considerata come il leader del reporting sul

plementari delle due soluzioni: CDP Ë specializzata nel

cambiamento climatico. Grazie a questa collaborazio-

campo della sostenibilit‡ (emissioni di gas serra, cam-

ne, vogliamo fornire il nostro sostegno sia ai fornitori,

biamento climatico e acqua), mentre EcoVadis Ë attiva

sia agli acquirenti. Gli Acquisti Responsabili sono una

sui temi legati alla responsabilit‡ sociale delle imprese

preoccupazione crescente in tutti i settori. Con questo

(Social Responsability), grazie ad una piattaforma on

accordo vogliamo accelerare la convergenza degli

line di valutazione dei fornitori.

standard e minimizzare gli sforzi per i fornitori di tutto il

Grazie a questo accordo, i fornitori che fanno comu-

mondoª, ha dichiarato Pierre-FranÁois Thaler, Co-Presi-

nicazione a CDP sui temi ambientali e di RSI potranno

dente di EcoVadis.

limitare i propri obblighi in materia di reporting, trasferendo automaticamente le informazioni contenute nelle

Informazioni su CDP

loro risposte a CDP verso il sistema di EcoVadis.

Carbon Disclosure Project (CDP) Ë un Ente internazio-

´Grazie a questo accordo di collaborazione con EcoVa-

nale senza scopo di lucro che fornisce líunico sistema

dis, i fornitori che abbiano gi‡ comunicato a CDP dati

globale che consente alle aziende e alle citt‡ di misura-

in materia di emissioni di carbonio e di cambiamento

re, pubblicizzare, gestire e condividere le informazioni

climatico non dovranno inserirli di nuovo nel sistema

essenziali sullíambiente. CDP sfrutta le potenzialit‡ dei

EcoVadis. Questi due sistemi sono, infatti, fortemente

dati degli operatori di mercato, compresi 655 investitori

complementari. EcoVadis fornisce dati di alta qualit‡

istituzionali i cui capitali ammontano a 78 miliardi di

che riguardano 21 criteri chiave di Social Responsabili-

dollari, per raccogliere informazioni presso le imprese

ty, mentre CDP Supply Chain consente un esame appro-

sulle loro emissioni di gas serra e per una valutazione

fondito dei problemi legati alle emissioni di carbonio,

dei cambiamenti climatici, e dei rischi ed opportunit‡

al cambiamento climatico ed allíacquaª, ha dichiarato

riguardanti líacqua. CDP possiede attualmente il pi˘

Dexter Galvin, Direttore di CDP Supply Chain.

importante data base su scala mondiale per quanto ri-

Líaccesso alle dettagliate informazioni di CDP permet-

guarda i cambiamenti climatici e líacqua. Pone queste

ter‡ di migliorare la qualit‡ dei dati relative alle presta-

informazioni al centro delle decisioni politiche, díinvesti-

zioni ambientali dei fornitori esaminati da EcoVadis. I

mento o delle strategie díazienda.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ECOVADIS RA 5-12.indd 1

29/11/12 14.35


Pavi m e nti e r ivesti m e nti pe r l’i n dustr ia ali m e ntar e DAL 1962 24043 CARAVAGGIO (BG) ITALY via Leonardo da Vinci, 88 Tel.0363 50449/049 Fax 0363 350714 www.mombrini.it info@mombrini.it


NEWS

notizie in breve

L’INDUSTRIA ITALIANA DELL’IMBALLAGGIO PENSA POSITIVO PER IL SECONDO SEMESTRE. Il report congiunturale dell’Osservatorio Ipack Ima: i dati su fatturato, export e occupazione legittimano a pensare che il peggio sia alle spalle

A

nche se è prematuro parlare di ripresa, la congiuntura semestrale della filiera industriale italiana dell’imballaggio lascia trasparire segnali

che legittimano un cauto ottimismo per la seconda metà dell’anno. È quanto emerge dal report congiunturale semestrale dell’Osservatorio Ipack-Ima, progetto di ricerca che prende il nome dalla fiera internazionale di settore che si tiene a Milano ogni tre anni (prossimo appuntamento nel 2015, in coincidenza con l’Expo). Il documento evidenzia, a consuntivo del primo semestre, una certa tenuta del fatturato per le imprese del comparto, che hanno consolidato la miniripresa del 2010-2011 e adesso attraversano una fase di sostanziale stabilità in attesa dell’evoluzione della congiuntura internazionale. L’export continua a rappresentare una componente importantissima, nonostante le difficoltà che colpiscono anche la maggior parte dei mercati di sbocco, e si registra la buona tenuta dell’occupazione, segno di fiducia nel futuro dei nostri imprenditori, confermata dalle attese di segno positivo per il secondo semestre. Questa la situazione fotografata dall’Osservatorio nel documento congiunturale sviluppato dal prof. Giampaolo Vitali, del Gruppo Economisti d’Impresa. L’analisi si sofferma sulla filiera industriale completa dell’imballaggio (macchine, materiali e servizi) e presenta prevalenza di imprese che nel primo semestre indicano fatturato stabile (43%) o in aumento (20%) rispetto alla seconda metà del 2011, su quelle che hanno registrato diminuzione (37%).

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ipackima RA 5/12.indd 1

29/11/12 14.14


NEWS

notizie in breve

Il campione Ipack-Ima, a cui fa riferimento l’Osser-

con le esportazioni, dove prevale di gran lunga la

vatorio, è particolarmente rappresentativo, per due

stabilità, in ciascuno dei comparti.

ordini di motivi.

Quanto alle attese per la seconda metà dell’anno, si

È ampio (255 imprese che aggregano un fatturato di

evidenziano tendenze tutte a migliorare i risultati del

6 miliardi di euro e 23mila addetti circa) ed è ben

primo semestre, con il dato positivo (stabile o in cre-

assortito nelle nove business community industriali,

scita il fatturato, per il 70% delle imprese, e l’export,

sulle quali vengono sviluppate indagini verticali. In

per il 78%) che va a stemperarsi nel passaggio dai

pratica, le rilevazioni acquistano maggiore significa-

servizi, sempre meglio proiettati, verso i macchinari,

to perché l’analisi del grande comparto della mec-

per i quali la previsione resta di stabilità e comunque

canica strumentale italiana avviene per settore di de-

non negativa. Su tutte le percentuali, la migliore è

stinazione (Beverage, Chemicals industrial & home,

quella riguardante l’occupazione (stabile o aumento

Confectionary, Dairy, Grain Based Food, Hygiene &

per l’85% del campione aggregato).

Beauty, Meat, Vegetable & Fruit e Pharma, secondo

“I dati dell’analisi evidenziano aspettative di cresci-

le etichette internazionali che identificano le diverse

ta per il secondo semestre, con minore intensità del

business community), diversamente dalle tradizionali

saldo negativo nel caso del fatturato e un saldo leg-

indagini congiunturali che si riferiscono al solo set-

germente positivo per le esportazioni, probabilmente

tore di produzione. Le analisi, e conseguentemente

più favorevoli di quanto i consuntivi dei primi 6 mesi

i dati, mettono in rilievo andamenti non omogenei

potessero far immaginare - sottolinea il prof. Giam-

nelle tre tipologie settoriali delle imprese della filiera.

paolo Vitali -.

Più vivace, nel primo semestre, è stato l’andamento

È interessante mettere in evidenza il dato di grande

del fatturato per le imprese che offrono servizi (pe-

tenuta dell’occupazione, che esprime la consapevo-

sano sul campione per l’8%), mentre sia le impre-

lezza degli imprenditori di quanto il capitale uma-

se di materiali/imballaggi che quelle produttrici di

no sia una componente importante per il vantaggio

macchinari presentano un saldo negativo. Va meglio

competitivo delle imprese del campione Ipack-Ima - conclude Vitali -, al punto di trattenere il più possibile la manodopera in azienda, anche nel momento di difficoltà congiunturale”. Il dettaglio delle singole business community fa registrare prevalenza di dati non positivi per fatturato ed esportazioni soprattutto in settori come la chimica che producono beni intermedi. Migliori la tenuta e le prospettive per i comparti al servizio dei beni di consumo finali, come Dairy, Beverage e Grain Based Food.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ipackima RA 5/12.indd 3

29/11/12 14.14


NEWS

notizie in breve

RIVOIRA E L’AGENZIA SEVERINO GAS, INSIEME PER GARANTIRE IL MASSIMO IN CAMPO ALIMENTARE

D

al confezionamento in “atmosfera protettiva” per

la strategia di Severino Gas che, pur mantenendo la vo-

la conservazione dei prodotti al settore vitivinico-

cazione iniziale, successivamente consolida l’espansio-

lo, dove l’utilizzo dei gas tecnici contribuisce ad

ne in altri settori, l’industria alimentare, appunto, dove

elevare la qualità finale del prodotto .

diventano sempre più importanti i confezionamenti in

Il sistema migliore per aggredire i mercati e consolidare

“atmosfera protettiva” per prolungare la conservazione

le proprie strategie è ‘fare rete’, un credo che Rivoira,

dei prodotti, e il settore vitivinicolo, dove l’utilizzo dei

società del gruppo multinazionale Praxair leader nel-

gas tecnici in modo innovativo contribuisce ad elevare

la distribuzione dei gas industriali, ha fatto proprio da

la qualità finale dei prodotti.

tempo, spingendo sul pedale delle alleanze sui terri-

In questo sviluppo quantitativo e qualitativo si inserisce

tori, alla ricerca di partner affidabili con cui crescere.

il rafforzamento del legame con Rivoira.

È il caso, per esempio, della Severino Gas di Gua-

“Grazie a Rivoira - conclude Prandi - in questo ambito

rene (Cuneo) da 6 anni agenzia autorizzata Rivoira,

assoluta protagonista, abbiamo proposto sul merca-

traguardo raggiunto dopo una lunga collaborazione.

to prodotti innovativi che hanno avuto un buonissimo

La Severino Gas, punto di riferimento per le province di

riscontro”. Rivoira ha recentemente ottenuto il rinnovo

Cuneo e Asti e Torino dagli anni ’50, abbraccia ormai

delle certificazioni ISO 22000 e FSSC 22000, un ri-

da tempo una clientela diversificata, che spazia dal-

conoscimento che rappresenta il massimo previsto in

le industrie metal meccaniche alle aziende vitivinicole,

campo alimentare, segno di quella attenzione che l’a-

dall’industria alimentare ai laboratori chimici e costrutto-

zienda dimostra da anni per i propri clienti. La società

ri di impianti frigoriferi. “Negli ultimi anni, nonostante

è stata tra le prime aziende ad ottenere entrambi le

le obiettive difficoltà - sottolinea il titolare, Fulvio Prandi

certificazioni alimentari.

- abbiamo continuato a crescere, grazie al servizio e

La certificazione oltre ad assicurare la bontà del prodot-

alla professionalità che ci contraddistingue, alla nostra

to consente di garantirne la rintracciabilità in tutte le fasi

storia e, soprattutto, alla collaborazione con Rivoira,

della catena di produzione per una ulteriore tutela della

che si è rivelata una scelta vincente”. La crescita dei vo-

salute dei consumatori finali. L’immagine aziendale non

lumi e la diversificazione dei settori caratterizza dunque

può che uscirne rafforzata.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com RIVOIRA RA 5-12.indd 1

25/10/12 16.48


RIVISTE E PORTALE SPECIALIZZATI SULLE TECNOLOGIE PER L’INDUSTRIA ALIMENTARE E DELL’ORTOFRUTTA Magazines

and more

Editrice Zeus Sas via Ballerini 66, 20831 - SEREGNO (MB) - ITALY Tel. +39 0362 244182 - 0362 244186 www.editricezeus.com - www.itfoodonline.com

210x297.indd 1

30/11/12 13.35


NEWS

notizie in breve

INNOVA: DEIONIZZATORI E DEMINERALIZZATORI AD OSMOSI INVERSA PER LA PRODUZIONE DI ACQUA PER USO INDUSTRIALE

I

nnova è una azienda di Bareggio, Milano, fonda-

settore alimentare e farmaceutico per la produzione

ta dal Dr. Carlo Cavicchi e dal figlio Riccardo.

di acqua ultrapura.

Il Dr. Carlo Cavicchi sin dal 1978 costruisce siste-

mi a Osmosi Inversa. Oltre 500 impianti e machine

SETTORE CIVILE E AGRICOLO

sono state prodotte e vendute in tutto il mondo attra-

In questo settore sono stati forniti centinaia di dissala-

verso una rete di agenti qualificati.

tori ad osmosi inversa per produrre acqua dolce pota-

Gli impianti dell’Innova sono completamente progetta-

bile da acqua salmastra e di mare per case, palazzi

ti da uno staff interno all’azienda. La ditta Innova pos-

familiari, villaggi residenziali e turistici. Inoltre abbia-

siede ogni macchinario per saldare e lavorare l’accia-

mo fornito DEIONIZZATORI AD OSMOSI INVERSA

io della migliore qualità, come richiesto dalle linee ad

per le caldaie delle lavanderie a vari complessi alber-

alta pressione dei dissalatori ad osmosi inversa.

ghieri e turistici.

La produzione è orientata verso tre settori principali: SETTORE MARINO SETTORE INDUSTRIALE

In questo settore abbiamo fornito DISSALATORI per im-

Innova ha fornito centinaia di DEIONIZZATORI O DE-

barcazioni da diporto, navi mercantili e a grandi navi da

MINERALIZZATORI ad osmosi inversa per la produ-

crociera. Per informazioni www.innovaitaly.com

zione di acqua per caldaie e molti usi industriali dove l’acqua deionizzata è richiesta come materia prima. Tra i nostri clienti ci sono industrie chimiche, alimentari, delle bevande, tessili e meccaniche di dimensioni grandi, medie e piccole in Europa, Nord e centro Africa, Medio Oriente, Asia, Nord e Sud America. Abbiamo anche fornito macchine di processo con membrane semipermeabili nel

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com INNOVA.indd 1

04/10/12 10.01


Innovative membrane water systems HIGH QUALITY - RELIABLE PEOPLE

SPECIALISTI IN MACCHINE E TECNOLOGIE CON MEMBRANE SEMIMPERMEABILI

OSMOSI INVERSA E NANOFILTRAZIONE

ULTRAFILTRAZIONE E MICROFILTRAZIONE TANGENZIALE

• Produzione di acqua demineralizzata per caldaie • Produzione di acqua per - umidificatori - rabbocco nelle torri evaporative e di raffreddamento • Produzione di acqua per il risciacquo nelle lavatrici e sciacquatrici • Produzione di acqua demineralizzata sterile per usi industriali in genere • Concentrazione a freddo di mosti, succhi di frutta, latte, siero e alimenti in genere • Produzione di acqua da imbottigliare a partire da qualsiasi acqua (anche salmastra e di mare) • Produzione di acqua farmaceutica.

• Filtrazione dei vini, succhi di frutta e alimenti in genere al posto della farina fossile • Rimozione a freddo di tannini - anidride solforosa - limonina - acidi o sali - altre sostanze indesiderate nei liquidi alimentari in genere • Separazione di sostanze a diversa dimensione molecolare per i più svariati processi industriali.

Via F. Baracca, 15/B - 20010 BAREGGIO (MI) - Italy Tel. +39 02 90361802 - +39 02 90364635 - Fax +39 02 90361803 E-mail: innovait@tin.it - www.innovaitaly.com

Innova_Specialisti_in_macchine_e_tecnologie.indd 1

26-09-2012 16:43:49


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

Soluzioni robotizzate pre-assemblate, motion control, soluzioni high-speed con portali H, T oppure tripode oggi sono tutte realizzabili.

VELOCE IN VIAGGIO, PRECISO ALL‘ARRIVO

Sistemi correttamente dimensionati con attuatori elettrici e pneumatici tengono sotto controllo ogni movimento.

V

elocità e precisione: applicando queste due caratteristiche solo dove sono effettivamente richieste, il sistema handling diventa nettamente più ve-

loce. Con un sensibile vantaggio economico, perché un asse veloce a cinghia dentata è più conveniente di un asse a vite, più preciso ma costoso. Questa è solo una delle soluzioni intelligenti realizzate con attuatori elettrici, utilizzati anche in combinazioni meccatroniche con cilindri pneumatici, offerte da Festo a migliaia di clienti in tutto il mondo. La risposta vincente spesso è solo una questione di dimensionamento. La combinazione ideale potrebbe essere la seguente: l’asse elettrico a cinghia dentata ELGA assicura l’alta velocità

Il dimensionamento corretto di attuatori elettrici e pneumatici assicura maggiore controllo e costi minori spiega Michael Fraede, direttore vendite attuatori elettrici per l’Europa occidentale.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FESTO RA 5-12.indd 1

27/11/12 17.25


A4 Soluzioni Food & Beverage _Festo 08/03/11 15.12 Pagina 1

Soluzioni Food & Beverage Festo, il partner qualificato lungo tutta la catena produttiva: dai processi continui a quelli in zone a contatto con gli alimenti e splash, fino al confezionamento end-line. Tutto da un unico fornitore.

www.festo.it


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

di movimento, la videocamera intelligente SBOI-Q de-

Software di dimensionamento, pratico ed affidabile

termina la posizione attuale ed assicura la precisione

Come riescono gli ingegneri di progetto Festo a svi-

di posizionamento del pezzo trasportato. Un esempio

luppare queste soluzioni personalizzate convenienti,

dimostrativo è il sistema handling pre-assemblato per

valide per efficienza energetica e pronte per l’instal-

il collaudo di componenti elettronici, nel quale devono

lazione? Facile: con il pacchetto di strumenti per la

essere gestite numerose postazioni di collaudo garan-

messa in funzione degli assi, tra i quali il software di

tendo la necessaria precisione e velocità.

dimensionamento per attuatori elettrici PositioningDrives e il ProPneu per quelli pneumatici. Inoltre, i clienti

La videocamera è il controllore

particolarmente interessati all’efficienza energetica,

Ma come fanno l’asse con il modulo di presa e i com-

possono utilizzare un nuovo pratico calcolatore di effi-

ponenti da collaudare a trovare le esatte posizioni del-

cienza disponibile nel nostro sito.

le postazioni di collaudo libere? Qui interviene la vide-

I progettisti dei nostri clienti hanno a disposizione il

ocamera intelligente SBOI-Q Festo, che controlla l’unità

vasto assortimento Festo di attuatori, motori, controllori

elettrica di handling mediante un PLC integrato. La vide-

e firmware, unità diagnostiche e operative, sistemi di

ocamera analizza l’immagine dei dati di riferimento e

comando per il Motion Control fino ai comandi a logi-

li utilizza per calcolare la posizione corretta per l’asse

ca programmabile Festo. Ottenendo tutto dallo stesso

X e Y dell’handling. La videocamera SBOI-Q, montata

fornitore, le soluzioni proposte sono sempre compati-

sul Frontend dell’unità cantilever elettrica, assume il con-

bili, senza problemi di interfacciamento. In funzione

trollo completo dell’handling, grazie al PLC CoDeSys

delle esigenze applicative è possibile ricorrere alle

integrato con funzionalità CANopen-Master. Non è

diverse tecniche di azionamento: cilindri pneumatici e

necessario alcun sistema di comando supplementare,

servo-pneumatici, attuatori elettrici nelle diverse varianti

l’intero impianto risulta quindi meno complesso, più

a cinghia dentata, a vite e a ricircolo di sfere, fino agli

conveniente e più veloce rispetto ad una soluzione con

assi a motore lineare.

asse a vite, più precisa e più costosa. Motion Control Grazie alle interfacce verso tutti i componenti, come i sistemi di comando per attuatori e le unità di valvole, le possibilità sono infinite: movimenti da punto a punto, salto di una posizione o controllo completo di traiettorie per soluzioni robotizzate. Il mondo della tecnica di comando Festo è scalabile e modulare, ed è parte integrante del sistema meccatronico modulare per la tecnica di manipolazione. La continua espansione del programma di prodotti, dalla tecnologia pneumatica fino alla tecnica di azionamento elettrica, che nel frattempo conta ormai più di Meno complesso, più conveniente e più veloce: il portale handling con asse a cinghia dentata e video-camera è più conveniente di una soluzione con asse a vite, più precisa ma più costosa.

5000 prodotti, offre a livello mondiale una molteplicità di applicazioni per la manipolazione di pezzi di

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FESTO RA 5-12.indd 3

27/11/12 17.25


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

peso variabile dai pochi grammi fino ai 100 kg, dai

consente l’esecuzione di test per applicazioni con

microchip agli spazzolini da denti fino a pesanti pezzi

pezzi pesanti, ma anche con servo-motori e motori

in ghisa o ai cartoni poco maneggevoli.

lineari, come pure test di applicazioni con il vuoto ed elaborazione immagini.

Rapide soluzioni di sistema I clienti possono certamente scegliere singoli elementi dell’offerta di componenti elettrici, ma soprattutto hanno l’opportunità di ricorrere a sistemi di manipolazione pre-assemblati, integrabili direttamente negli loro impianti. Per le soluzioni di sistema rapide come il tripode, i portali High Speed P oppure T, ma anche i portali cartesiani multi-asse personalizzati secondo le specifiche esigenze, gli ingegneri Festo utilizzano l’Application Center, per ottimizzare i sistemi, spesso in collaborazione con i clienti stessi, fino a raggiungere il livello tecnologico ottimale per il loro utilizzo. L’ Application Center permette la valutazione dei tempi ciclo, utilizza postazioni di collaudo verticale,

La combinazione ideale: asse elettrico a cinghia dentata ELGA, che assicura la velocità del movimento, e video-camera intelligente SBOIQ, che determina la posizione attuale e garantisce il posizionamento preciso del pezzo trasportato.

EFFICIENZA DELLE RISORSE IN AMBITO PRODUTTIVO: LA SCELTA DELLA TECNOLOGIA DIPENDE DALL’APPLICAZIONE

G

li addetti agli impianti, che si pongono l’obiettivo dell’efficienza energetica, devono decidere quale tecnologia sia più conveniente utilizzare. Festo

ha illustrato durante una una presentazione al Motek 2012, la fiera internazionale del settore dell’assemblaggio e della manipolazione, le misure, prodotti e servizi che hanno ricadute cruciali sull’utilizzo efficiente dell’energia. Le decisione su quale sia la tecnologia più appropriata dipende dai requisiti dell’impianto di produzione che si intende razionalizzare o installare. La conoscenza di questi requisiti permette agli utilizzatori di scegliere la soluzione pneumatica, elettrica o ibrida da adottare.

I software di progettazione facilitano il dimensionamento dei sistemi.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FESTO RA 5-12.indd 5

27/11/12 17.25


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

Sfruttare i vantaggi derivanti dalla diversità tecnolo-

di lavoro, con un compressore tarato a 160 kW po-

gia. “Ciascun impianto di produzione è sviluppato in

trebbe ridurre i propri costi d’esercizio del 16% sempli-

risposta alle esigenze individuali e dovrebbe sfruttare

cemente installando dei generatori di vuoto (principio

i vantaggi di tutte le tecnologie disponibili,” spiega

Venturi) con circuito economizzatore integrato.

il Dr. Peter Post, Responsabile della divisione Ricerca

Appositi software di progettazione permettono un cor-

presso Festo AG & Co KG, mettendo in guardia contro

retto dimensionamento dei componenti, in modo da

le soluzioni universali e aspecifiche. “Gli utilizzatori fa-

evitare un’ inutile sovrapposizione dei fattori di sicu-

rebbero bene a diffidare di soluzioni che privilegiano

rezza. Festo offre un supporto per l’implementazione

una sola tecnica di azionamento, che non si basano sulla conoscenza approfondita di tutti gli aspetti del processo in questione. Questo tipo di soluzioni esclude la possibilità di trarre vantaggio dalle altre tecnologie.” Prima di decidere se impiegare attuatori pneumatici o elettrici, dovrebbe essere condotta un’accurata valutazione delle operazioni che avvengono all’interno del’impianto di produzione. “Nel settore dei beni di consumo i diversi dispositivi sono identificati secondo la classe di efficienza, in modo da fornire all’utilizzatore informazioni trasparenti per esempio sull’assorbimento elettrico di una lavatrice. Le condizioni operative all’interno dei processi di produzione possono essere molto diverse e un sistema di etichettatura non costituirebbe comunque uno strumento sufficiente per selezionare la tecnologia di azionamento più appropriata”, spiega Post. Il suo consiglio è di utilizzare test di simulazione per calcolare il consumo di energia e di farsi consigliare dai produttori sul quadro generale dei requisiti dell’intero sistema. Trasparenza sui consumi di energia fin dalla fase di progettazione Oltre alla scelta della tecnologia di azionamento, vi sono altri fattori da considerare per la loro ricaduta sulla riduzione dei costi e delle emissioni di CO2 dei processi produttivi. Gli utilizzatori possono ricavare risultati attendibili grazie ad un modello sviluppato da Festo. Per esempio, un’azienda che opera su tre turni

Energy Saving Services Festo: rilevamento e valutazione dei dati di un compressore per analizzarne l’efficienza energetica

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FESTO RA 5-12.indd 7

27/11/12 17.25


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

di queste misure o per l’adozione di un sistema di ge-

In sintesi: la scelta della tecnologia più appropriata,

stione delle perdite con il pacchetto Energy Efficiency

la manutenzione ottimale dell’impianto e l’utilizzo di

Service. Questa offerta modulata di servizi aiuta gli

prodotti di ultima generazione riducono il consumo

utilizzatori di componenti pneumatici a riconoscere e

di energia nei processi di produzione. Le case-history

sfruttare i potenziali di risparmio lungo tutta la catena

presentate in fiera, ad esempio il recente progetto di

di produzione, dalla generazione di aria compressa

ricerca denominato “Green Car Body Technologies”,

fino all’applicazione finale.

sono pratici esempi di questa teoria.

ACCELERAZIONE POTENTE, AMMORTIZZAZIONE CONTROLLATA Cilindro compatto ADN-PPS, ora con ammortizzazione auto-regolante

U

n attuatore potente presuppone un tipo di am-

tecnici, che prolungano il tempo di messa in funzione

mortizzazione che garantisca una lunga durata

dei sistemi, per il numero elevato di attuatori su cui

delle macchine. Festo ha colto questa esigenza

intervenire.

e sviluppato una variante del cilindro compatto ADN

Il sistema auto-regolante PPS assicura ottime presta-

con ammortizzazione pneumatica PPS, che riduce

zioni di ammortizzazione e nessuna necessità di in-

l’impatto a finecorsa e aumenta l’affidabilità dei pro-

terventi manuali.

cessi grazie al sistema auto-regolante. L’ammortizzazione auto-regolante di finecorsa riduce le vibrazioni e consente quindi di operare a velocità e frequenze maggiori. L’attuatore ADN con PPS riduce i costi e l’incidenza di guasti. Il sistema di ammortizzazione pneumatica auto-regolante dell’ADN-PPS non richiede regolazioni successive, escludendo così il rischio di modifiche accidentali o errate. L’ammortizzazione PPS assorbe efficacemente l’energia e sopporta carichi elevati, si adatta automaticamente al carico e alla velocità dell’attuatore, anche variabili. Finora gli utilizzatori dovevano regolare manualmente l’ammortizzazione pneumatica integrata del cilindro, con ricadute negative su tempi ciclo e rumorosità. La regolazione manuale richiede inoltre tempi

Attuatore pneumatico compatto ADN-PPS con ammortizzazione autoregolante di finecorsa per una maggiore protezione delle macchine e prestazioni più elevate.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FESTO RA 5-12.indd 9

27/11/12 17.25


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

Rinvio preciso ed esente da lubrificazione di nastri di trasporto con rulli per terminali a coltello igus – disponibili attualmente in tre materiali standard: il robusto e universale iglidur P210 e i due materiali conformi alle specifiche FDA iglidur A180 e A350. Quest’ultimo fa valere i suoi vantaggi in condizioni di carico elevate e temperature fino a 180 °C, rivelandosi perfettamente indicato soprattutto per l’applicazione in forni continui, ad es. in panifici industriali.

RULLI PER PENNE A COLTELLO PER UN RINVIO DEL NASTRO SENZA BISOGNO DI LUBRIFICAZIONE

P

enne a coltello a strisciamento o anche a roto-

senza il minimo problema. Il materiale standard dei

lamento nei sistemi di trasporto di materiale tro-

rulli per terminali a coltello igus, è iglidur P210, ro-

vano impiego soprattutto su nastri di trasporto

busto e d’impiego universale, che si distingue per un

industriali per alimenti e bevande. In questo contesto

basso assorbimento di umidità e una buona resisten-

gli appositi rulli realizzati da igus con materiali plastici

za ai fluidi di esercizio nonché per una lunga durata

ad alte prestazioni aiutano in molte applicazioni a

utile. I materiali universali iglidur A180 conformi alle

trasferire il prodotto alla linea di trasporto successiva

specifiche FDA si dimostrano ideali per applicazioni

senza recargli alcun danno.

con carichi medio-bassi a diretto contatto con gli ali-

Igus mette a disposizione dell’utente una gamma di rul-

menti; per carichi medio-alti sono invece più indicati

li per le penne a coltello progettata in proprio e adat-

gli iglidur A350. Mentre iglidur A180 è impiegato

tata a requisiti specifici come temperatura d’impiego

a temperature fino a 90 °C, l’applicazione di iglidur

e conformità FDA. Gli elementi meccanici realizzati

A350 è indicata fino ai 180 °C.

con i materiali iglidur altamente resistenti all’usura ed

I sottili rulli per terminali a coltello permettono di otte-

esenti tanto da manutenzione quanto da lubrificazio-

nere dei raggi di rinvio piuttosto stretti, a beneficio di

ne sono in grado di eseguire i compiti a loro richiesti

uno sfruttamento massimo degli spazi di progettazione

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IGUS RA 4-12.indd 3

27/11/12 13.03


Zeus Advertising IGUS_ZEUS ADVERTISING.indd 1

11/09/12 15.20


AUTOMAZIONE

componentistica . elettronica industriale

e di un trasferimento morbido alla linea successiva

movimento è compensato dal precarico di collare e

di prodotti particolarmente difficili da trattare. Il fatto

linguette ad incastro.

che i rinvii a coltello a rotolamento, rispetto a quelli a strisciamento, richiedano una potenza motrice ridotta

Per spazi ristretti e ambienti ostili

rappresenta inoltre un ulteriore punto a favore di questi

Essendo interamente in materiale plastico, i cuscinetti

prodotti. Altri vantaggi sono poi l’assoluta assenza di

sono non solo particolarmente leggeri ma anche e

lubrificazione e l’elevatissima vita utile come anche

soprattutto anticorrosivi,

una maggiore durata del nastro di trasporto.

resistenti alle sostanze chimiche e insensibili allo

Inseribili a scatto e altamente sollecitabili Cuscinetti articolati in tecnopolimero per lamiere, precaricati e rapidi da montare I cuscinetti in materiale plastico autoregolanti ed esenti da manutenzione della famiglia “igubal” sono molto facili da montare, compensano differenze di angolazione e, in molte applicazioni, possono rimpiazzare in tutto e per tutto i cuscinetti metallici. Su questi vantaggi possono contare anche i nuovi cuscinetti articolati fissabili ad incastro “igubal” in versione HD (Heavy Duty). Di straordinaria compattezza e idonei per il montaggio in lamiere di spessore da 4 a 8 mm, questi leggeri cuscinetti sono in grado di assorbire forze particolarmente elevate che, a seconda del diametro, possono arrivare anche a 12,5 kN in senso radiale o 350 N in senso assiale. Il gioco in entrambe le direzioni di Semplicemente inseribile ad incastro eppure estremamente robusto e in grado di sostenere forze elevate che, a seconda del diametro, possono arrivare anche a 12,5 kN in senso radiale o 350 N in senso assiale.

sporco e alla polvere. La nuova serie è stata sviluppata per macchine e im-

Struttura semplice quanto robusta: sezione di calotta e corpo del cuscinetto montati.

pianti con poco spazio a disposizione sia per il montaggio che per il cuscinetto stesso. Anche per i casi in cui il punto di applicazione del cuscinetto sia accessibile solo da un lato, come ad esempio in rivestimenti di macchine chiusi o nella costruzione di facciate, questi cuscinetti articolati, inseribili ad incastro con un semplice intervento manuale, sono la soluzione ottimale. Il fatto che non sia necessario un fissaggio assiale, semplifica l’installazione. I cuscinetti articolati inseribili ad incastro “igubal” HD partecipano a tutti i tipi di movimenti, rotativi, lineari o rototraslanti che siano. In questo modo si può fare a meno di una regolare manutenzione ed evitare così i tempi di fermo ad essa legata. Il peso ridotto garantisce inoltre un esercizio decisamente più efficiente. La possibilità di calcolare la durata utile e la disponibilità dei più svariati materiali per la calotta offrono ai progettisti un’enorme flessibilità e sicurezza già in fase di progetto. I nuovi cuscinetti snodati sono disponibili a magazzino per alberi di 10 e 20 mm di diametro e, per versioni da 8 e 12 mm, in preparazione.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IGUS RA 4-12.indd 1

27/11/12 13.03


A4+ 5 mm.pdf 1 14/03/2012 12:28:20

SPECIALISTI IN SENSORI E SOLUZIONI PER L’AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

SENSORMATIC SRL

VIA DELLA BEVERARA 13 | 40131 BOLOGNA TEL. 051 6353511 | FAX 051 6345925 WWW.SENSORMATIC.IT | SMBOX@SENSORMATIC.IT


IMBOTTIGLIAMENTO macchine . attrezzature MIGLIORAMENTO DELL’EFFICIENZA PRESSO L’INDUSTRIA DI LAVORAZIONE DELLA CARNE Scandia Food grazie all’asciugatore di lattine ACI azionato a soffiante

“A

vevamo bisogno di un sistema di asciugatura migliore perché uno dei fattori più importanti durante il processo di etichettatura

è rappresentato dal livello di asciugatura delle lattine. Con il sistema di asciugatura di ACI, ci siamo completamente dimenticati di questo problema”, ha affermato Daniel Mitrofan, responsabile tecnico presso Scandia Food, riguardo alla riuscita installazione del tunnel per l’asciugatura delle lattine di Air Control Industries nell’impianto manifatturiero di prodotti a base di carne a Judet Sibiu, in Romania. Scandia Food è la principale azienda produttrice di carne in scatola della Romania nel cui mercato ha superato il 50% delle vendite, con i suoi prodotti a base di carne: pasticcio di fegato, conserve di carne e piatti della cucina tradizionale romena sotto i marchi di Scandia Sibiu, Bucegi e Sadu. Il tunnel per l’asciugatura delle lattine di ACI prevede

dell’azienda. Questo sistema comprende un tunnel

un’installazione di retroadattamento sulla linea di in-

per lattine e un soffiante alloggiato in una scatola

scatolamento della carne con una velocità massima

fonoassorbente montata su staffe. Le lattine passano

di 12000 lattine all’ora. Anche se le lattine utilizzate

attraverso il tunnel per lattine e l’aria viene convo-

presentano vari diametri (73 mm, 83 mm e 99 mm)

gliata attraverso fessure appositamente configurate.

e altezze comprese tra 48 mm e 110 mm, il sistema

Tale disposizione garantisce che l’umidità venga ri-

ACI riesce a trattare tutti questi formati diversi con la

mossa e contenuta in modo da evitarne la dispersio-

medesima efficienza.

ne e impedire che essa si depositi nuovamente nelle

Con l’introduzione del sistema ACI, le operazioni di

lattine o altrove.

pulizia sono risultate semplificate, aiutando a miglio-

L’opzione di montaggio su staffe del soffiante offre

rare gli standard igienici. Inoltre, grazie alla superio-

flessibilità di posizionamento e un ambiente semplice

re efficienza fornita dal nuovo tunnel per l’asciugatu-

da pulire grazie all’accesso facilitato da tutti i lati.

ra delle lattine rispetto al sistema precedente, i costi

Questa installazione viene eseguita a cavallo della

operativi sono stati notevolmente ridotti.

linea di inscatolamento in modo da evitare un inutile

Il sistema ACI è una versione EL della serie DRI-Line

ingombro di spazio.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ACI RA 6-12.indd 1

29/11/12 11.22


IMBOTTIGLIAMENTO macchine . attrezzature COINTREAU PRESENTA UNA LIMITED EDITION FIRMATA ALEXIS MABILLE Il Fashion Designer francese trasforma la bottiglia in un prestigioso accessorio di tendenza

C

ointreau, il liquore all’arancia più famoso e più

mento prezioso che si spinge oltre il design senza

amato dalle charismatic women di tutto il mon-

tempo di questa incantevole diva, la bottiglia di

do, presenta la sua nuova bottiglia in Limited

Cointreau.” Ha affermato Alexis Mabille.

Edition vestita con un abito firmato dal Fashion Desi-

Per il designer il papillon non è semplicemente un ac-

gner francese Alexis Mabile.

cessorio ma è un vero e proprio stile di vita. Con la

Per vestire la bottiglia di Cointreau lo stilista ha pun-

sua aria dandy e la sua eleganza dei veri gentlemen

tato sulla trasparenza giocando sul giusto equilibrio

americani in stile Grande Gatsby, il papillon ricor-

tra femminilità estrema e intriganti tocchi maschili.

da il guardaroba maschile del XIX secolo che presto

Ispirato da pizzi e merletti dell’alta moda, l’abito

venne adottato da Louise Brooks, Marlene Dietrich e

di metallo traforato ha un sobrio motivo a papillon

Coco Chanel.

intagliato che avvolge il corpo della bottiglia con

Per le famose flapper degli Anni Venti divenne il sim-

eleganza e sinuosità.

bolo dell’emancipazione femminile. Alexis Mabille

Il design in metallo crea un gioco di specchi

celebra quindi il papillon, riservandogli il posto

e trasforma la bottiglia in un prestigioso ac-

d’onore attorno all’esile collo delle sue muse.

cessorio da esibire in casa e da utilizzare per

Donne come Dita Von Teese, Ambasciatrice

preparare cocktail durante i party più trendy.

mondiale di Cointreau, hanno fatto proprio

“Vestire una bottiglia di Cointreau è come vestire una donna:

questo fantastico accessorio vintage. La Limited Edition – in distribuzione

un’esperienza straordinaria. È stato

esclusiva per l’Italia da 10 corso

un onore valorizzare la bellezza

como a Milano – vuole essere un

della bottiglia senza eccedere,

tributo alle donne di ieri e di oggi

ponendo l’accento sulla silhouette

e un modo per riaffermare lo stile

ambrata impreziosita da papillon

dei barman degli inizi del secolo

argentati che luccicano come mil-

scorso che indossavano camicie

le specchi. La bottiglia di Coin-

di popelin bianche e papillon di

treau è un gioiello raffinato dalle

seta nera. La bottiglia di Cointre-

curve perfette, un po’ come una

au firmata Alexis Mabille è un ac-

borsetta-gioiello minaudiere: l’ac-

cessorio couture a tutti gli effetti,

cessorio fashion essenziale dalla

un lusso da sfoggiare e con cui

femminilità assoluta. Anche se

preparare cocktail. Che si tratti di

ispirato da uno smoking da uomo,

miscele semplici o più sofisticate,

il mio papillon diventa un orna-

l’eleganza è immancabile.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CONTREAU RA 5-12.indd 1

17/10/12 16.33


IMBOTTIGLIAMENTO macchine . attrezzature SOLUZIONE LOGISTICA PER LE AZIENDE DEL SETTORE VINICOLO E AGROALIMENTARE dal nostro twitter

S

ilwa® è il software realizzato da Stesi Srl per ri-

Management System) e MES (Manufacturing Execution

costruire la storia di ogni singolo prodotto, a ga-

System) rilevando in tempo reale i dati dai Magazzini e

ranzia di sicurezza e trasparenza per il produttore

dagli Stabilimenti e gestendo tutto il flusso logistico della

ed il consumatore. silwa® è la

merce,

soluzione ideale per le aziende

alla Spedizione, compresi

operanti nel settore agroalimen-

anche i flussi relativi alla

tare ed in particolar modo nel

gestione dell’avanzamento

dall’accettazione

vinicolo (aziende vinicole, cantine sociali, distillerie, di-

di Produzione, con la rilevazione dei relativi tempi.

stributori). silwa® consente di monitorare alimenti, man-

silwa®3 rappresenta l’evoluzione di silwa®, con nuove

gimi, animali o sostanze destinate al consumo umano,

funzionalità mirate a ridurre i costi, minimizzare i tempi,

attraverso tutte le fasi di produzione, trasformazione e

e migliorare la qualità del servizio. Con l’introduzione

distribuzione. silwa® garantisce il totale controllo dei

di silwa®3 per la gestione del vostro sistema logistico

flussi e dei processi consentendo una facile ed imme-

otterrete i seguenti vantaggi:

diata raccolta di dati a supporto della tracciabilità come

Affidabilità delle giacenze di Magazzino

richiesto dalle vigente normativa europea Reg. (CE) n.

Massimo sfruttamento dello spazio fisico del Magaz-

178/2002 sulla Tracciabilità. Silwa® è la soluzione

zino

per la gestione di tutti i processi logistici di magazino

Rintracciabilità puntuale della merce

basato su tecnologia wireles e radiofrequenza. silwa®

Gestione di lotti e matricole secondo le esigenze

controlla le fasi di ingreso merce, stoccaggio, movimen-

aziendali e normative

tazione interna, prelievo e spedizione, con particolare

Eliminazione degli errori di prelievo e di spedizione

attenzione a:

Riduzione dei tempi delle movimentazioni di versa-

Tracciabilità dei otti

mento e di prelievo

Logiche Fifo-Lifo-Fefo Etichetta logistica SSCC

L’integrabilità

Inventario

silwa®3 è stato progettato e realizzato per essere in-

Giacenze e disponibilità

terfacciabile con qualsiasi sistema ERP (integrazioni già

Rapporti GDO e Ho.re.ca

realizzate con SAP, sistemi IBM AS400, Zucchetti, Unix e sistemi proprietari) e con tutti i sistemi di controllo e di

Logistica e Produzione

gestione per la movimentazione automatica e di bordo

silwa®3 è l’acronimo di Stesi Integrated Logistics & Wa-

linea produttiva. silwa®3 è un’applicazione certificata

rehouse Automation, ed è una soluzione completa ti tipo

Microsoft ed è integrata in maniera nativa con le soluzio-

SCES che combina le funzionalità WMS (Warehouse

ni Microsoft Dynamics ERP (AX and NAV).

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com STESI 4-12.indd 1

29/11/12 09.55


IMBOTTIGLIAMENTO macchine . attrezzature

Le caratteristiche applicative

ciabilità degli articoli.

silwa®3 è:

La Movimentazione: All’interno del Magazzino è

Multiazienda

spesso necessario effettuare delle movimentazioni di base

Multistabilimento

per Articolo/UDC, per gestire prodotti in transito, per ri-

Multilingua

organizzare lo stoccaggio e per la gestione automatica

Web Oriented (Web Services)

degli abbassamenti fra stock e pick con logiche diverse.

Funzionamento altamente configurabile e facilmente adat-

Il Prelievo: Una volta pianificata in maniera attenta la

tabile a tutte le realtà aziendali

spedizione è indispensabile procedere al prelievo di tutta la merce necessaria, creando delle liste di prelievo e per-

L’Interfaccia Utente

corsi ottimali secondo logiche personalizzate, diminuen-

silwa®3 è dotato di Interfaccia Utente di facile apprendi-

do i tempi di picking ed eliminando gli errori di prelievo.

mento da parte delle figure aziendali coinvolte nel proces-

La Spedizione: Il programma simula la disponibilità e

so, con un lato Workstation (in stile Microsoft Outlook) ed

crea la distinta colli. Di seguito controlla le spedizioni con

un lato Mobile semplice ed ergonomico (“Touch screen”

la spunta colli, stampa le etichette ed invia i dati all’ERP

e menù ad oggetti).

per la generazione dei Documenti di Trasporto.

Il Flusso Logistico: “Gestire e organizzare il Magazzino può sembrare un lavoro senza fine” Il modello appli-

La Mappatura

cativo utilizzato da silwa®3 è quello relativo all’effettivo

silwa®3 permette la suddivisione dello stabilimento in aree

flusso fisico della merce all’interno dello stabilimento:

logistiche funzionali e la creazione delle Locazioni e del-

L’Accettazione: silwa®3 gestisce il flusso logistico

le Ubicazioni secondo una struttura ad “albero” definibile

d’ingresso della merce da acquisto, da produzione, da

dall’Utente.

conto lavoro, da resi e da conto deposito. Il Versamento: La merce deve essere posizionata

I Lotti

all’interno del Magazzino (aree logistiche e locazione)

silwa®3 gestisce le informazioni di nominazione (proto-

secondo logiche di stoccaggio e modalità personaliz-

collo configurabile), logistiche (giacenza e ubicazione),

zabili in funzione delle esigenze del cliente, cercando

stato (accettato, da analizzare,…), fisiche (peso, volume,

di sfruttare al massimo gli spazi e di garantire la rintrac-

dimensioni,…) e gestionali (Lotto Fornitore, data arrivo, data scadenza). In ogni flusso operativo il sistema tiene traccia dei Lotti utilizzati e di quelli eventualmente generati (dichiarazione di produzione). Infine il programma permette l’analisi ed il controllo di giacenze/impegni di articoli divisi per Lotto, eventualmente per ubicazione, Lotti in scadenza, Lotti nei vari stati e Lotti che soddisfano particolari caratteristiche. La Tracciabilità silwa®3 assicura la tracciabilità e rintracciabilità della merce dalla Sorgente e dalla Terminazione, dal Fornitore

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com STESI 4-12.indd 3

29/11/12 09.55


IMBOTTIGLIAMENTO macchine . attrezzature

al Cliente, attraverso l’identificazione e la documentazione

Hyper, Analisi Dati OLAP di tipo Business Intelligence

dei processi di formazione e trasformazione dei materiali

Service, servizio di manutenzione software ed assistenza

impiegati e dei soggetti intervenuti nella sua realizzazione,

telefonica

monitorando tutti i flussi della filiera produttiva. L’Automazione silwa®3 permette l’interfaccia tra la parte di gestione dei flussi logistici con la parte di gestione dei sistemi di Handling, Magazzini automatici, Bordo e Fine Linea. Il programma consente l’interrogazione delle operazioni in corso e dello stato macchine, la gestione di tutti i sistemi di movimentazione (concentratori, PLC,…) e di eventuali errori o anomalie. informativo aziendale per la chiusura dei processi, chiusura dell’ordine fornitore e controllo delle relative fatture). I Moduli

L’Architettura

I moduli applicativi di silwa®3 sono:

Le Tecnologie adottate si basano su:

Workstation, sempre presente, supervisione delle attività

Server dipartimentale

Mobile, per la gestione dei flussi operativi con i termi-

Stazioni di lavoro di tipo fisso (Workstation)

nali radio 4ERP, per la comunicazione con il sistema ERP Tracer, per la Tracciabilità dei Lotti

Dispositivi radiofrequenza palmari e veicolari (Mobile) Wi.Fi. (802.11b\g) per la loro gestione I Dispositivi per i Mezzi di Movimentazione utilizzati sono:

Dispatcher, per l’ottimizzazione delle missioni dei mezzi

Terminali Radio / “On Board” Computer

3D, per la gestione tridimensionale dello spazio logistico

Videocamere

Warehouse Management System

Sensori

Navigator, per l’assistenza al carrellista per la scelta del percorso Voice, per la gestione e modalità vocale dei terminali radio Automation, per la gestione dei dispositivi automatici Manufacturing, per la rilevazione dell’avanzamento della Produzione Sinchro, per la gestione dei dispositivi di bordo e fine linea Intercompany, per lo scambio dei dati logistici in formato elettronico Subcontractor, per la gestione delle operazioni logistiche c/o Terzisti

L’architettura di silwa®3 è di tipo client/server a 3 livelli ed è suddivisa in 4 moduli software: Server, Client Console, Client Workstation, Client Mobile. Le piattaforme operative di silwa®3 sono sviluppate utilizzando l’ambiente Microsoft.NET e supportate da: Database Microsoft SQL Server 2005 / 2008; Sistemi Operativi Server supportati: Microsoft Windows 2008 Server/2003 Server / 2000 Server; Sistemi Operativi Client Microsoft Windows 7/ Microsoft Windows Vista / XP Professional / 2000 Professional Sistemi Operativi Mobile supportati: Microsoft Windows Mobile / Windows CE / Pocket PC.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com STESI 4-12.indd 5

29/11/12 09.55


IMBOTTIGLIAMENTO macchine . attrezzature

OPERAZIONI DI CONFEZIONAMENTO SEMPLICATE CON LE NUOVE INCARTONATRICI WRAP AROUND E LE FARDELLATRICI BAUMER

L

a nuova generazione di Incartonatrici Wrap

guida il prodotto senza pressione e mantiene la ve-

around e di Fardellatrici sono state le protago-

locità costante permettendo di lavorare a moto con-

nista dello stand Baumer in occasione del Brau

tinuo ed in spazi assai ridotti non necessitando di

Beviale che si è svolta a Norimberga dal 15 al 15

un divisore per l’incanalamento dei prodotti. Tale

novembre. Particolarmente studiate per facilitare le

dispositivo assicura inoltre l’assorbimento di due o

operazioni di confezionamento, le ultime realizza-

più linee di produzione. Un altro esempio è l’innova-

zioni di incartonatrici e di fardellatrici Baumer sono

tivo pannello operatore che, caratterizzato da un’in-

dotate di innovativi sistemi che hanno riscosso un

terfaccia grafica semplice ed intuitiva, semplifica le

grande successo tra gli ospiti di Baumer al Brau Be-

operazioni di cambio formato, di diagnostica sulla

viale. Ad esempio, l’inserimento alveari non prefor-

macchina e di analisi della produttività.

mato dal basso. Questo sistema brevettato consente

Tra le caratteristiche apprezzate dai visitatori del-

di inserire gli alveari, tra le file delle bottiglie, quan-

lo stand Baumer spiccano poi la sincronizzazione

do queste sono distanziante, evitando di danneggia-

dei vari movimenti meccanici tramite servo motori, il

re le etichette. Inoltre l’alveare non preformato ha un

cambio formato rapido, la possibilità di confeziona-

costo decisamente inferiore a quello preformato ed

re il quarto di pallet e il quinconce, il cambio bobina

è reperibile presso qualsiasi produttore di scatole di

completamente automatico senza saldatura adatto

cartone. Un altro esempio è il sistema brevettato di

anche per alte velocità e per film stampati e che

alimentazione bottiglie a 90°.

consente un risparmio di film dal 10 al 15% ed infine

È adatto al confezionamento di qualunque prodotto,

il sistema per l’inserimento degli alveari dal basso.

da quello parallelepipedo, a quello ovale o dalle

Baumer propone anche macchine Multifunzione per

forme più originali e particolarmente instabili. Lavora

confezionare i prodotti in cartone wrap around, vas-

con film termoretraibile o con cartone wrap-around

soio, vassoio+coperchio e solo film con una sola

ed è dotato di un dispositivo di spinta rotante che

macchina

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com BAUMER RA 5-12.indd 1

28/11/12 16.00


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO: LA COMMISSIONE SBLOCCA PIÙ DI 1,2 MILIARDI DI EURO PER FINANZIARE PROGETTI ESSENZIALI TEN-T

L

a Commissione europea ha

euro. Gestione del traffico aereo

pubblicato due inviti a presen-

(ATM), che rende possibile la rea-

tare proposte nel quadro dei

lizzazione del cielo unico europeo

programmi annuali e pluriennali

e gli obiettivi di modernizzazione

della Rete transeuropea di traspor-

della gestione del traffico aereo:

to (TEN-T) per il 2012, mettendo a disposizione 1,265

bilancio indicativo pari a 50 milioni di euro.

miliardi di euro per finanziare, in tutti gli Stati membri,

Autostrade del mare (MoS), che offre alternative effi-

progetti relativi a infrastrutture concernenti tutti i modi di

cienti alla congestione del traffico stradale spostando le

trasporto: aereo, ferroviario, su strada e marittimo/vie

merci sulle rotte marittime: bilancio indicativo pari a 80

navigabili, oltre a sistemi di logistica e di trasporto intel-

milioni di euro. Sistema di trasporto intelligente (STI), che

ligenti. Il Vicepresidente della Commissione Siim Kallas,

comprende il Servizio europeo di telepedaggio (SET),

responsabile per i trasporti, ha dichiarato: “Mettendo a

promuove l’intermodalità e il miglioramento della sicu-

disposizione un finanziamento di questa importanza, la

rezza e dell’affidabilità della rete: bilancio indicativo

Commissione mira a un rilancio competitivo dell’econo-

pari a 50 milioni di euro. Il programma annuale inte-

mia europea per sostenere e favorire la crescita. Indiriz-

gra il programma pluriennale e indirizza i finanziamenti

zando questi fondi verso le infrastrutture TEN-T, contri-

verso quattro priorità distinte con un bilancio indicativo

buiamo inoltre alla realizzazione dell’intera rete TEN-T,

totale pari a 250 milioni di euro:

offrendo vantaggi concreti ai cittadini e alle imprese

Realizzazione rapida dei progetti TEN/T (studi e lavori

che potranno usufruire di un sistema di trasporti più effi-

per progetti relativi a tutti i modi di trasporto, che rientra-

ciente, sostenibile ed efficace”. Il programma di lavoro

no in progetti di interesse comune): bilancio indicativo

pluriennale finanzia le priorità della rete TEN-T. Il bando

pari a 150 milioni di euro.

pluriennale di quest’anno è incentrato su sei settori per i

Misure per promuovere l’innovazione e le nuove tecno-

quali è messo a disposizione un bilancio indicativo tota-

logie per l’infrastruttura dei trasporti, nonché impianti in

le pari a 1,015 miliardi di euro. I 30 progetti prioritari

grado di contribuire alla decarbonizzazione o alla ridu-

TEN-T: bilancio indicativo pari a 725 milioni di euro.

zione dei costi esterni in generale: bilancio indicativo

Sistema europeo di gestione del traffico ferroviario

pari a 40 milioni di euro.

(ERTMS), che permette l’interoperabilità sulla rete ferro-

Sostegno a partenariati pubblico-privato (PPP) e a stru-

viaria europea: bilancio indicativo pari a 100 milioni

menti finanziari innovativi: bilancio indicativo pari a 25

di euro.

milioni di euro.

Servizi d’informazione fluviale (RIS), che comporta un’in-

Sostegno alla realizzazione a lungo termine della rete

frastruttura di gestione del traffico sulla rete delle vie na-

TEN-T, in particolare per quanto riguarda i corridoi: bi-

vigabili interne: bilancio indicativo pari a 10 milioni di

lancio indicativo pari a 35 milioni di euro.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com COMM. EUROPEA RA 5-12.indd 1

30/11/12 11.22


Intervista OM STILL

CARRELLI OM STILL: QUALITÀ E SICUREZZA PER LA MOVIMENTAZIONE INDUSTRIALE

OM STILL - Headquarter Lainate

OM STILL: la risposta a tutte le esigenze di trasporto e magazzinaggio, soluzioni adatte a tutti i settori industriali.

M

ovimentare, stoccare, magazzinare: tre momen-

La fusione tra STILL e OM, annunciata nel 2010,

ti fondamentali e necessari nell’attività produtti-

ma realizzata nel 2011, ha offerto all’industria una

va di un’industria. Per ciò che riguarda in par-

concreta risposta all’incertezza di dover scegliere tra

ticolare quella del food&beverage è

due grandi marchi, che nei decen-

indispensabile gestire la movimenta-

ni si sono affermati sia sui rispettivi

zione dei propri prodotti, delle più

mercati nazionali sia su quelli inter-

svariate tipologie e negli ambiti più

nazionali.

disparati, con mezzi non inquinanti.

OM, fondata nel 1917 è un mar-

Ecco quindi l’esigenza di avvalersi

chio che per il mercato italiano rap-

di veicoli caratterizzati da un’evo-

presenta da quasi un secolo motivo

luta tecnologia, affidabili, resisten-

di orgoglio, tradizione e sicurezza,

ti e che prevedano un’assistenza

qualità che negli anni lo hanno affer-

rapidamente risolutiva, in caso se

mato anche a livello internazionale.

ne presenti la necessità. Per anni

STILL storica azienda tedesca, fon-

il panorama del settore della movimentazione, in particolar modo dei carrelli, è stato ampio ed articolato.

Angelo Zanotti, Direttore Commerciale di OM STILL

data nel 1920, garanzia di solidità e affidabilità, sia in Germania che all’estero.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com om still intervista RA 5-12.indd 1

27/11/12 12.17


Intervista OM STILL

Pur facendo parte dello stesso gruppo, OM e STILL

all’estero, come due grandi marchi ben connotati

convivono sul mercato da alleate, ma con reti distri-

e differenziati, alleati ma non uniti. In seguito alla

butive, marchi, prodotti e logiche commerciali ben

fusione avvenuta nel 2011 sono diventati un’unica

separati e distinti sino al 2011, quando diventano

realtà industriale, OM STILL appunto, che propone

invece un’unica azienda.

un’ampia gamma di carrelli, contraddistinta da un

Per acquisire una visione più precisa di questa siner-

unico marchio.

gia e di come si sia articolata nel corso degli ultimi

L’azienda, il cui quartiere generale è ad Amburgo,

anni, RASSEGNA ALIMENTARE ha intervistato il Sig.

ha quindi intrapreso un percorso di ottimizzazione

Angelo Zanotti, Direttore Commerciale di OM STILL,

sia per ciò che riguarda il panorama dei prodot-

nella sede di Lainate.

ti, sia per quanto riguarda la parte relativa alle reti commerciali, distributive e di assistenza.

D: Sig. ZANOTTI la fusione OM STILL è certo un av-

Questa fusione ha coniugato i valori e le forze di

venimento significativo nel mondo dei carrelli eleva-

entrambe le società che con due obiettivi preceden-

tori. Cosa è avvenuto e come si propone oggi l’azien-

temente separati, hanno poi realizzato un unico pro-

da al mercato italiano e a quello internazionale?

gramma fondato su forti sinergie industriali.

OM e STILL fino a pochi anni fa, pur facenti par-

Le due organizzazioni, oggi congiunte ed integrate,

te dello stesso gruppo, si presentavano, in Italia e

hanno mantenuto e potenziato il meglio di ciascuna.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com om still intervista RA 5-12.indd 3

27/11/12 12.17


Intervista OM STILL

La presenza già capillare dei due marchi, in parti-

D: Quali soluzioni proponete alle aziende che voles-

colare di OM, sul territorio nazionale, ha reso più

sero acquistare dei carrelli, ma per ragioni di costi

incisiva oggi la presenza dell’azienda nel nostro pa-

non fosse in grado di acquistarli?

ese, che conta quarantasei concessionari e sei filiali

R: OM STILL è un’azienda attenta all’evolversi dei

dirette, in esclusiva per il marchio OM STILL.

tempi e alle necessità dei clienti, sia sotto il profilo tecnologico sia sotto quello pratico.

D: La fusione di due società così importanti ha inciso

Con questa visione dinamica del lavoro e dei merca-

anche dal punto di vista delle tecnologie?

ti ha concepito quindi varie soluzioni di noleggio, la

R: La soluzione vincente per affermarsi sui mercati

cui durata media è di 60 mesi. Il cliente quindi può

è proporre un ampio ventaglio di prodotti qualitati-

noleggiare i carrelli, invece che acquistarli, sceglien-

vamente ottimi e una tipologia di carrelli inimitabile

do tra un ampio e differenziato parco macchine e

dal punto di vista tecnologico, oltre ad un servizio

trovando sempre il modello più adatto alle proprie

efficiente e tempestivo sotto il profilo dell’assistenza.

esigenze, anche in caso di immediato bisogno.

Su questo abbiamo puntato negli ultimi anni, rag-

Non solo, oltre a disporre di macchine efficientissime

giungendo ottimi risultati.

si avvale di un’assistenza che assicura un tempesti-

Chiaramente la sinergia di questi grandi marchi ha

vo intervento, se necessario. Dal momento della se-

reso possibile il potenziamento di qualsiasi fascia

gnalazione del guasto infatti l’assistenza OM STILL

produttiva, sotto tutti gli aspetti.

interviene entro le otto ore, risolvendo il guasto entro

OM STILL Stabilimento Luzzara

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com om still intervista RA 5-12.indd 5

27/11/12 12.17


Intervista OM STILL

la giornata stessa. Il potenziamento della rete legata

dei veicoli. FLEET MANAGER permette di monitorare

all’assistenza ha avuto l’obiettivo di limitare al massi-

i parchi macchina, supervisionare l’andamento del

mo il fermo macchina, con tutti i disagi che ne conse-

lavoro e l’uso delle macchine, controllare se queste

guono, mettendo il cliente nella posizione di lavorare

siano utilizzate in maniera corretta o meno e se l’o-

con tranquillità, senza perdere tempo né danaro.

peratore sia autorizzato all’uso della macchina, così da avere un monitoraggio completo dei mezzi, cosa

D: Sig. ZANOTTI ci parli del Vostri prodotti.

assai importante, soprattutto con le grandi flotte.

R: Le tipologie dei carrelli che proponiamo sono va-

Il cliente stabilisce l’autorizzazione dell’utente ed è

rie, adatte alle più disparate attività di trasporto e

così in grado di ottenere precise informazioni sull’uso

magazzinaggio, per qualsiasi tipo di industria.

dei veicoli.

Chiaramente le aziende alimentari necessitano di

Con precise analisi, vengono evidenziati inoltre po-

soluzioni particolari, per questo è stata studiata una

tenziali risparmi e ottimizzazioni della flotta.

soluzione elettrica per i carrelli impiegati in questo

Stiamo da tempo fornendo a grandi clienti consistenti

ambito. Ci sono anche carrelli studiati per rispondere

quantità di macchine comprensive di questo sistema

a specifiche esigenze, come per esempio la logistica

con loro grande soddisfazione.

del freddo. Per lavorare nelle celle frigorifere infatti i carrelli de-

D: Sig.Zanotti, OM STILL tratta l‘usato?

vono avere determinate caratteristiche che li renda-

R: La vita dei nostri carrelli è molto lunga, data la

no adatti ad operare in condizioni particolari ed

loro solidità e attualità tecnologica, ragion per cui

estreme. Abbiamo poi altre tipologie di carrelli che

è stata creata una formula che consente alle azien-

dispongono di sistemi di pesatura che certificano il

de di acquistare carrelli revisionati, sicuri e garantiti

peso della merce, cosa utilissima in qualsiasi ambito

come i nuovi. Sono stati studiati tre standard di re-

industriale. Questo consente alle aziende di certifica-

visione che garantiscono un mezzo affidabile, sino

re che il peso della merce arrivata sia coerente con

al punto da considerarlo come nuovo, ma con un

quanto effettivamente ordinato.

risparmio nell’acquisto notevole, per un prodotto

Disparate poi sono le applicazioni dei nostri mezzi

perfettamente revisionato e garantito.

in ambito alimentare. Recentemente abbiamo fornito

Questo ci permette di non avere un problema di di-

importanti flotte a grandi e prestigiose società, che

stribuzione dell’usato, di creare un prodotto accatti-

operano nel settore dolciario e abbiamo realizzato

vante nel prezzo e soddisfacente al 100% sul lavoro

ad hoc importanti progetti, con eccellenti risultati e

e ci consente di andare incontro a tutte le necessità

grande soddisfazione del cliente. Tra le nuove recenti

del cliente sia dal punto di vista dell’attività, ma an-

soluzioni che proponiamo alle aziende, ce n’è una

che da quello dei costi.

che sta riscuotendo notevoli successi e consensi dai clienti, soprattutto da coloro i quali dispongono di un

Si conclude così l’incontro con OM STILL, dopo aver

parco macchine di centinaia di mezzi. Questa so-

chiarito la fisionomia dell’attuale azienda, ci propo-

luzione, denominata FLEET MANAGER, è un nuovo

niamo di approfondire e ampliare le applicazioni

sistema, che fornisce tutte le informazioni riguardo la

per l’industria del food&beverage, nei prossimi nu-

distribuzione, gli incidenti o i carichi di lavoro e l’uso

meri.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com om still intervista RA 5-12.indd 7

27/11/12 12.17


Intervista OM STILL

OM STILL RX 70 HYBRID

ulteriore passo in avanti verso una maggiore efficienza e

La tecnologia ibrida, già presentata di serie al CeMAT

responsabilità nei confronti dell’ambiente.

2008, è diventata interessante nel frattempo non solo per gli aspetti legati alla salvaguardia dell’ambiente, ma

Efficiente tecnica ibrida

anche dal punto di vista economico. Calcolando un fun-

Il carrello elevatore riceve l’energia motrice dal serba-

zionamento annuo della durata di 1500 ore i costi di

toio diesel e dai cosiddetti Ultra-Caps (Condensatori

questo investimento vengono ammortizzati in meno di

a doppio strato a grande rendimento) posizionati nella

due anni.

parte posteriore del veicolo. Gli Ultra-Caps si caricano

I nuovi RX 70 HYBRID hanno una portata da 3,0 a 3,5

con l’energia generata dal veicolo in frenatura. Acce-

tonnellate e sono stati sviluppati sulla base del carrello

lerando, la spinta d’energia proveniente dai conden-

elevatore RX 70, che si caratterizza per l’essere il car-

satori fornisce ulteriore potenza. L’elemento di congiun-

rello con il minor consumo energetico della sua classe.

zione di tutti i sistemi è rappresentato dall’elettronica

La tecnica ibrida ora disponibile riduce ora il consumo

di potenza che comanda anche il carico e lo scarico

di carburante, a seconda dell’impiego, di un ulteriore

dell’accumulatore d’energia supplementare.

15%. Questo è un altro contributo di OM STILL alla so-

Gli Ultra-Caps si distinguono per la loro capacità di

stenibilità della logistica di magazzino, perché un consu-

assorbire velocemente correnti elevate e anche di ri-

mo energetico ridotto significa anche minori emissioni di

lasciarle in modo altrettanto veloce per i processi di

CO2. L’RX 70 HYBRID sfrutta l’energia che viene ottenuta

accelerazione. Grazie al supporto proveniente dall’ac-

dall’energia cinetica nel momento in cui il carrello frena.

cumulatore, il motore a combustione viene alleggerito,

Questa energia viene immagazzinata temporaneamen-

durante l’accelerazione, di ca. il 30 per cento del ca-

te per poi essere riutilizzata nell’accelerazione successi-

rico di lavoro. Grazie al contributo del motore elettrico

va. Ulteriori vantaggi: L’RX 70 HYBRID lavora ancora più

il numero di giri del motore a combustione si riduce, in

silenziosamente. E per quanto riguarda il motore invece

accelerazione, di circa il sei per cento .

di 44 Kilowatt (KW) l’RX 70 HYBRID necessita soltanto

L’RX 70 HYBRID è l’ideale per l’impiego in quei settori

di un motore diesel 30 KW – continuando a mantenere

in cui sono necessari frequenti processi di frenatura e di

la stessa prestazione.

accelerazione, come ad esempio il carico e lo scarico

I movimenti di marcia e di sollevamento sono regolati

di camion nell’industria delle bevande.

intelligentemente. Una pompa idraulica regolabile elettricamente riduce il consumo d’energia nelle operazioni di sollevamento. LRX 70 HYBRID rappresenta quindi un

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com om still intervista RA 5-12.indd 9

27/11/12 12.17


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio Mobilita’ delle merci tra innovazione e ambiente

ULTIMO MIGLIO: VERSO UN MANIFESTO DELLA LOGISTICA URBANA SOSTENIBILE La crisi frena scelte e iniziative strategiche delle imprese a favore di un trasporto ecologico

L

e aziende sono consapevoli che il trasporto del-

Sono questi i principali risultati dell’indagine effet-

le merci sia un elemento di forte criticità econo-

tuata da Nomisma per Pentapolis, associazione per

mica, sociale e ambientale, tanto da mettere la

la responsabilità sociale e lo sviluppo sostenibile,

ricerca di una logistica sostenibile al primo posto

che, insieme ad EcCo! – Ecological Courier, pro-

(34,8%) nelle priorità dell’agenda futura. Anche se,

muove “ULTIMO MIGLIO - Logistica urbana soste-

per ragioni di costo-opportunità, non lo vedono un

nibile” (www.ultimomiglio.org), un progetto presen-

tema attualmente percorribile.

tato in un seminario tenutosi oggi a Roma, al quale

Solo 1 impresa italiana su 4, al contempo, risulta

hanno partecipato le più importanti associazioni di

interessata ai nuovi sistemi di mobilità elettrica ap-

categoria.

plicati allo spostamento delle merci.

Un’occasione per mettere le politiche ambientali e

Crisi economica (33,7%) ed eccessiva burocrazia

della mobilità al centro del dibattito, presentando le

(28,3%) sono i principali ostacoli agli investimenti

soluzioni concrete intraprese dalle amministrazioni

in questo settore, in un momento in cui la recessione

pubbliche e dalle imprese, in uno scenario in cui il

morde forte e le tematiche relative alla sostenibilità

sistema dei trasporti è uno dei fattori che più contri-

sono viste più come una leva di marketing che come

buisce alla crescita e alla competitività delle città.

un driver per il profitto.

Un momento di confronto e conoscenza fra i vari at-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ULTIMO MIGLIO RA 5-12.indd 1

30/11/12 12.26


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio

tori coinvolti, e che vedrà la nascita di un Osserva-

sporto sostenibili devono diventare sempre più

torio permanente per arrivare alla redazione di un

parte della nostra cultura, perché solo comprenden-

vero e proprio Manifesto, che incentivi e diffonda

done a fondo l’impatto sul quotidiano si potranno

le best practices.

raggiungere risultati fondamentali per una conver-

Un rinnovato livello di attenzione nei confronti della

sione ecologica dell’intera economia di settore»,

mobilità sostenibile delle merci può dunque essere

ha dichiarato Massimiliano Pontillo, Presidente di

favorito da un crescente interesse, culturale e poli-

Pentapolis.

tico, verso nuove dimensioni di centralità urbana: rigenerazione, riqualificazione, efficientamento, valorizzazione; e dal conseguente aumento della distribuzione dei prodotti e servizi in ambito urbano. Sulla base delle tendenze in atto e dell’evoluzione dello scenario futuro, il Libro Bianco 2011 della Commissione Europea sui trasporti avverte che “lo status quo non è sostenibile”. In particolare, in assenza di nuove politiche messe in campo su tutti i livelli di governance (dal pubblico al privato, dal locale al sovranazionale), l’attività totale di trasporto continuerà presumibilmente a crescere di pari passo con l’attività economica. Per il trasporto merci, le proiezioni indicano, rispetto

«Ultimo Miglio vuole promuovere un network dedi-

al 2005, un aumento dell’attività di circa il 40% nel

cato alla ricerca di soluzioni efficienti ed efficaci, in

2030 e di poco superiore all’80% entro il 2050. In

grado di raggiungere elevati e soddisfacenti livelli

base alle proiezioni, i costi della congestione, non

di servizio, che riducano tutti gli sprechi di risorse

solo urbana, aumenterebbero di circa il 50% entro

per l’industria del trasporto merci.

il 2050 fino a raggiungere quasi 200 miliardi di

L’obiettivo è quello di stabilire reti complesse ed

euro all’anno.

estese tra diverse entità, riconoscerne i fabbisogni

In questo scenario, la quota delle emissioni di inqui-

comuni individuando soluzioni intelligenti che porti-

nanti atmosferici riconducibile ai trasporti continue-

no a un reciproco vantaggio, raggiungendo in tal

rebbe ad aumentare, raggiungendo il 38% entro il

modo dimensioni e masse critiche sufficienti per ac-

2030 e quasi il 50% entro il 2050, rispetto al totale

crescere la competitività del sistema e delle imprese

delle emissioni in ambito UE.

ad esso correlate».

A causa dell’assenza di politiche incentivanti, l’uso

Contestualmente al convegno, è’ stata organizzata

delle energie rinnovabili nei trasporti salirà a un mo-

una mostra di veicoli commerciali d’epoca con foto

desto 13% entro il 2050 e la propulsione elettrica

provenienti dagli archivi storici di Renault e Merce-

non riuscirà ad affermarsi in maniera significativa

des-Benz, nonché un’esposizione di mezzi elettrici

nel trasporto stradale.

forniti da EcCo! – Ecological Courier, Renault Italia

«Innovazione, qualità e sviluppo di sistemi di tra-

e POMOS - Polo per la Mobilità Sostenibile.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com ULTIMO MIGLIO RA 5-12.indd 3

30/11/12 12.26


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio CGM PRESENTA PRESENTA I NUOVI PRODOTTI CAT LIFT TRUCKS 2012

U

go Turchetti, amministratore unico di Cgm (Compagnia Generale Macchine Spa, distributore unico di Cat® Lift Trucks  in Italia), comunica che Cat® Lift

Trucks ha presentato in anteprima una serie di nuovi prodotti che verranno lanciati sul mercato quest¹anno: La Nuova Gamma di Transpallet Elettrici Uomo a Terra da 16, 18 e 20 q.li che verrà completata da un modello ErgoLift, con le forche a pantografo con sollevamento a 800 mm per il commissionamento leggero. La  Nuova Gamma Transpallet Elettrici con Pedana. Include 3 modelli: il modello NPP20N2R, da 6 km/h,

commissionatore

senza barre di protezione laterali, che andrà a sostituire

orizzontale. Siamo convin-

l¹attuale NPP20MR; il modello NPV20N2, da 9 o 12

ti che rappresenterà un¹importante opportunità di vendita

km/h, che andrà a sostituire l¹attuale NPV20N; il modello

presso quella clientela che privilegi la massima produttività.

NPV25NH2, portata 25 q.li, da 12 km/h, con le pro-

Dopo l’estate uscirà la Nuova Gamma Sollevatori Elettrici

tezioni laterali fisse e la guida semi trasversale. Abbiamo

Uomo a Terra. Include 4 modelli, da 10, 12, 14 e 16 q.li,

potuto vedere e provare queste macchine: l¹impatto estetico

declinati nelle versioni standard, con alzata iniziale e a raz-

è notevole, macchine davvero molto belle, dal design estre-

ze allargate, con un’ampliata disponibilità di montanti ed

mamente curato. Il nuovo NPP20N2R con pedana, senza

altezze. Sono state migliorate le prestazioni, in particolare

protezioni laterali, presenta una struttra robusta e resistente,

la velocità di discesa dei montanti. Anche queste macchine

particolarmente adatta ad applicazioni anche intensive nel-

si presentano con un look notevolmente migliorato, moder-

la movimentazione su medie percorrenze.

no e accattivante. I modelli da 12, 14 e 16 q.li saranno

Il nuovo NPV20N2 si presenta con larghezza macchina

disponibili anche con pedana, senza protezioni laterali, per

(b1) 920 mm, più compatto dell¹attuale versione, con una

la movimentazione più agevole nelle medie percorrenze.

manovrabilità molto migliorata nella versione senza servo-

Dopo l’estate usciranno inoltre i Nuovi Modelli di Commis-

sterzo elettrico. Molto migliorata è la pedana operatore,

sionatori Orizzontali. Sulla base dello straordinario commis-

più larga e confortevole, così come le protezioni laterali. Il

sionatore orizzontale NO20NE, usciranno le versioni con

sollevamento forche è stato portato a 220 mm.

pedana, o forche, o entrambi sollevabili. Queste macchine

La nuova macchina NPV25NH2 da 25 q.li e 12 km/h pre-

andranno a sostituire i modelli attuali NO10NSP, NO10N-

senta protezioni laterali fisse a parete, rialzate plasticamente

SPF ed NO20NSP. Tutte le nuove macchine si collocano

da un lato per consentire l¹appoggio in una posizione di

all’apice della loro categoria, e rappresentano quanto di

guida semi trasversale. La guida è a volantino, derivato dal

meglio oggi il mercato possa offrire.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CGM RA 4-12.indd 1

17/10/12 13.40


30-12-2009

10:24

Pagina 1

© 2010 Costacurta S.p.A.-VICO

AD: www.graficadueprint.com

Pagina 03 italiano

DAL 1921... E ANCORA CI APPASSIONIAMO Da oltre ottant'anni, in Costacurta, ci dedichiamo con immutato impegno e passione allo sviluppo ed alla produzione di speciali componenti in filo e lamiera di acciaio, utilizzati in numerosi processi industriali. Ogni giorno, in Costacurta, lavoriamo per migliorare la qualità dei prodotti e dei servizi e la sicurezza di tutti i collaboratori prestando una crescente attenzione alla salvaguardia dell'ambiente. All'interno della vasta gamma dei prodotti Costacurta vi sono anche le LAMIERE PUNZONATE, TRAPANATE E FRESATE e i “WEDGE WIRE SCREENS”, alcuni dei quali sono specificatamente utilizzati nel settore del trattamento dei rifiuti quali elementi filtranti in presse per la rimozione dei liquidi. Per maggiori informazioni potete visitare il nostro sito o contattare la divisione 'A' elementi filtranti e manufatti derivati all'indirizzo tca@costacurta.it. Lamiere punzonate, trapanate, fresate e ‘wedge wire screens’

Costacurta S.p.A.-VICO via Grazioli, 30 20161 Milano, Italy tel. +39 02.66.20.20.66 fax: +39 02.66.20.20.99

Management systems certified by LRQA: ISO 9001:2008 ISO 14001:2004 OHSAS 18001:2007

www.costacurta.it


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio NUOVI ALIMENTATORI SITOP SMART MONOFASE, GLI UNIVERSALI DALLE ELEVATE PERFORMANCE

L

a Divisione Industry Automation di Siemens ha am-

mento diretto alle reti di alimentazione universali da 120

pliato la propria gamma di alimentatori monofase

V e 230 V. Un livello di soppressione radio di Classe

Sitop smart con tre nuovi modelli a 24 V con cor-

B e una limitazione delle armoniche consentono l’uso

rente di uscita di 2,5 A, 5 A e 10 A e due versioni da

anche nelle installazioni civili. La certificazione GL (Ger-

12 V con uscite di 7 A e 14 A. La tensione di uscita

manische Lloyd), richiesta in ambito navale, e ATEX, per

dei nuovi alimentatori PSU100S è regolabile tra 24 e

l’impiego in ambienti pericolosi, rendono gli alimentatori

28 V nelle versioni da 24 V e tra 12 e 15,5 V in quelle

Sitop smart estremamente universali.

da 12 V. Tutti i dispositivi possono erogare 1,5 volte la

I nuovi alimentatori Sitop smart possono essere usati in

corrente nominale per cinque secondi per minuto, assi-

ambienti gravosi con temperature da -10 a +70 °C e si

curando così partenze sicure per carichi che assorbono

distinguono per un elevato livello di efficienza, sino al

un’ elevata corrente di spunto. In condizioni di tempera-

90%, dissipando quindi una minima quantità di calore

tura ambiente di fino 45 °C, le versioni da 24 V sono in

nella cabina di controllo. Per la prevenzione dai guasti

grado di fornire continuativamente una corrente pari al

della rete o del circuito di uscita, i moduli add-on Sitop

120% della nominale.

offrono maggiore affidabilità alle alimentazioni a 24 V,

Gli alimentatori della linea Sitop smart sono progettati,

per esempio attraverso l’utilizzo di alimentatori di conti-

nel rispetto dei requisiti standard, per l’impiego negli

nuità DC-UPS o, per il controllo dei rami di alimentazio-

impianti e nelle macchine automatizzate. Come per gli

ne, del modulo selettivo PSE200U.

alimentatori Sitop smart già presenti sul mercato, i nuovi Sitop PSU100S monofase si caratterizzano per la presenza del contatto di segnalazione che indica lo stato operativo “Output Voltage OK”. Con una larghezza di solo 32,5 mm (24 V/ 2,5 A), 50 mm (24 V/ 5 A e 12 V/ 7 A) e 70 mm (24 V/ 10 A e 12 V/ 14 A) e nessun requisito di spazio libero laterale, gli alimentatori richiedono meno ingombro sulla guida di montaggio. Questi alimentatori “slim size” si caratterizzano per lo switch automatico che permette il collega-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com SIEMENS RA 5-12.indd 1

17/10/12 13.53


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio

Il nuovo portone a scorrimento rapido Iso Speed Cold Hörmann è ideale per separare zone con elevate differenze di temperatura, per esempio all’interno dell’area surgelati (fino a - 34 °C)

Portoni a scorrimento rapido Hörmann

ISO SPEED COLD: LA SOLUZIONE HÖRMANN PER LE AREE DI SURGELAZIONE

I

I surgelati devono essere trasportati dal produttore al con-

menti esterni ed interni con taglio termico, Iso Speed Cold,

sumatore finale in una catena del freddo ininterrotta; tale

raggiungendo un valore U di max. 0,3 W/ m² K, è alta-

catena comprende ovviamente anche il magazzinaggio

mente isolante.

di questi prodotti in ambienti refrigerati, con un elevato fab-

Come tutti i portoni a scorrimento rapido Hörmann, anche

bisogno di energia.

Iso Speed Cold è dotato di serie di una tecnologia d’avan-

Grazie ai pannelli riscaldati e alle speciali guar-

guardia: la barriera a raggi infrarossi, in grado

nizioni verso l’edificio e il pavimento - accessori

di riconoscere gli ostacoli ben prima del con-

permettono una facile apertura e chiusura del

tatto nonché di rendere le porte a scorrimento

portone anche a temperature al di sotto dello

rapido ancora più affidabili.

zero - il portone a scorrimento rapido Hörmann

Diversamente da altri dispositivi di sicurezza,

Iso Speed Cold è la solu-zione ideale per tutti gli

la nuova barriera a raggi infrarossi Hörmann

ambienti che presentano differenze di temperatu-

è integrata nel telaio, impedisce danni deriva-

ra elevate, come ad esempio l’interno delle celle

ti da collisioni ed è protetta contro gli spruzzi

frigori-fere.

d’acqua (può quindi essere pulita con appa-

Grazie al manto a doppia parete di 80 millime-

recchi ad alta pressione).

tri di spessore e al telaio sigillante perimetrale, questo portone Hörmann riduce al minimo la dispersione termica, mantenendo la consueta stabilità. Arricchito dall’aggiunta di guarnizioni sull’architrave e a pavimento, nonché dagli ele-

Se il portone Iso Speed Cold viene installato sul lato dell’area sur-gelati, viene applicato un riscaldamento a resistenze elettriche integrato negli elementi in acciaio e sulle guide, per garantire la mobilità del portone anche in caso di temperature inferiori allo zero.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com hoermann RA 5-12.indd 1

20/11/12 15.15


MOVIMENTAZIONE trasporto . stoccaggio

Porte per garage e portoni industriali Hörmann.

© Hörmann

PORTINA PEDONALE INSERITA A SOGLIA RIDOTTA

I portoni sezionali con portine pedonali inserite a soglia ridotta riducono il rischio di inciampare e la fatica di sollevare transpallet e carrellini.

C

on la portina pedonale inserita a soglia ridotta,

il portone con due sensori; essa provvede a inverti-

Hörmann presenta una vera innovazione sia per

re la direzione di marcia, quando c’è un ostacolo,

le porte da garage che per i portoni industriali.

prima che si verifichi una collisione. Il contatto della

Le portine pedonali inserite risultano molto pratiche

portina pedonale inserita garantisce che l’apertura

quando non vi è sufficiente spazio per una porta pe-

del portone sia possibile solo a portina chiusa.

donale laterale. La portina pedo-nale inserita consente infatti di accedere al garage o al capannone in modo facile e comodo senza aprire il portone stesso. Finora, per motivi strutturali, la portina pedonale doveva necessa-riamente avere una soglia di 180 o 300 millimetri d’altezza. Alla co-stante ricerca di soluzioni sempre innovative e all’avanguardia, Hörmann propone oggi una nuova soglia in acciaio inox, caratteriz-zata da bordi arrotondati e soli dieci millimetri di spessore al centro e cinque millimetri ai lati, in grado di offrire un’ottima stabilità al portone. Per motivi di robustezza del manto, nei portoni dotati di portina con soglia ridotta il profilo traversa deve essere largo 91 millimetri. Ri-spettando tutte le principali norme al riguardo, i portoni con portina pedonale inserita hanno inoltre tutti i requisiti necessari per essere considerati una via di fuga. I portoni motorizzati con portina pedonale sono in più provvisti di una barriera fotoelettrica che precede

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com Hormann RA 5-12.indd 1

07/11/12 14.10


Approved Event

Logotype Institutionnel


FIERE

appuntamenti . convegni

SIGEP CAKE DESIGN

COMPETIZIONI, EVENTI, FORMAZIONE E DIMOSTRAZIONI SULL’ARTE DELLA DECORAZIONE NEL NOME DELLA PROFESSIONALITÀ

C

ake Design valorizza da sempre a Sigep (Rimini

dedicata alle nuove professionalità del cake-design che

Fiera 19-23 gennaio 2013) il binomio estetica e

incontrano la tradizione dell’arte del decoro in pasticceria.

sostanza, ossia il bello e il buon del dolce artigia-

Saranno affrontati aspetti tecnici, professionali, legislativi e

nale. E lo farà anche quest’anno all’interno del padiglione

nuove opportunità imprenditoriali.

fieristico D3 ospitando pasticceri e cake-designer i quali,

E poi Pro-Workshop, convegni e seminari a forte valenza

attraverso gare, eventi e momenti di formazione professio-

professionale e proattiva, e sarà a disposizione uno Spor-

nale, mostreranno come nasce e come si sviluppa l’arte

tello informativo rivolto ai neoimprenditori del cake design.

della decorazione.

Tutte queste proposte si riveleranno occasioni di formazio-

Cake Design è un’opportunità di confronto e di possibili

ne, aggiornamento e informazione per i nuovi operatori

collaborazioni tra le due figure del settore, il Pasticcere

(soprattutto donne) di questo segmento del comparto dol-

e il Cake-designer, una professionalità quest’ultima che è

ciario, che così possono essere incentivati a trasformare

sempre più gettonata sull’onda dell’emergente tendenza di

quella che è una passione o un’idea imprenditoriale in

personalizzare dolci e torte, tendenza che sta alimentando

un’attività regolare e professionale vera e propria.

una nuova domanda foriera di opportunità lavorative.

Sempre all’interno del Villaggio del Decoro le Aziende del

Tutti i giorni, all’interno de Il Villaggio del Decoro di Cake

settore troveranno spazio per presentare i loro prodotti e

Design si svolgeranno corsi di formazione su tecniche

le novità, e inoltre sarà ospitata una Mostra sul packaging

dell’arte del decoro e approfondimenti su temi specifici.

creativo, confezionamento e vetrinistica, e si terranno an-

In particolare si segnala, sabato 19 gennaio, il workshop

che Sfilate e Happy-hour.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com SIGEP RA 5-12.indd 1

27/11/12 15.13


FIERE

appuntamenti . convegni

sticceria Italiana. 580 Medaglie in Concorsi Internazionali e Mondiali”. In pratica, Grandi maestri trasformeranno semplici ingredienti, come zucchero, cioccolato, ghiaccio, burro, vegetali, in spettacolari opere d’arte che il pubblico potrà ammirare. Ice-Bar/Il bar di ghiaccio è invece l’iniziativa ideata per suggellare le novità proposte dai neo professionisti ed esperti del cake design. Maestri pasticceri e decoratori saranno di scena nel forum della decorazione dedicato al cake design dalla domenica al martedì, alle ore 18.00. Verranno proposti happy-hour con drink abbinati alle inedite creazioni della giornata. Il mondo del dolciario incontra il cinema con l’appuntamento “Ciak si gira: l’arte pasticcera interpreta il cinema”, previsto per domenica, 20 gennaio 2013. Cake Design è organizzato da Rimini Fiera in collaborazione con Pasticceria Internazionale, Accademia Con.ve.it L’arte del decoro prenderà forma nelle competizioni tra pro-

Pasticceria, e il patrocinio di Conpait, Confederazione

fessionisti: da sabato 19 a mercoledì 23 gennaio 2013,

che è coordinatrice della manifestazione insieme a Rimini

è previsto il concorso “Bimbi in festa”, durante il quale 20

Fiera.

finalisti si contenderanno il Trofeo di migliore cake designer dell’anno. A Rimini si sfideranno 10 finalisti selezionati tramite concorso web a cura di Glamour Italian Cake e 10 pasticceri decoratori, provenienti da tutta Italia, selezionati da Conpait. In questa edizione il pubblico in sala oltre ad ammirare le delizie prodotto seguiranno in diretta anche la loro realizzazione. I dolci saranno anche degustati e una giuria di esperti li valuterà. E tutto questo per non scindere mai la forma dal contenuto, il bello dal buono, la professionalità del pasticcere da quella del cake-designer. Sabato 19 gennaio sarà la volta di Speciale Sigep Giovani, Memorial Luciano Pennati. L’iniziativa vedrà giovani provenienti da Istituti Professionali di varie Regioni italiane presentare il progetto SigepGiovani, e si presteranno ad affiancare i professionisti all’opera a Cake-design. Da domenica 20 a martedì 22 gennaio, dalle ore 14,00 alle 17,30 si animerà anche La Galleria d’Arte della Pa-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com SIGEP RA 5-12.indd 3

27/11/12 15.13


FIERE

appuntamenti . convegni

NUOVA CONFIGURAZIONE DEI PADIGLIONI A IFFA 2013: MIGLIORE ORIENTAMENTO, PIÙ SUPERFICIE E PERCORSI OTTIMALI

Novità: presentazione di nuove tecnologie per il confezionamento nel padiglione 11 Superficie espositiva già quasi completamente prenotata

I

FFA – la fiera n. 1 dell’industria della carne, si presen-

vo dedicato alla lavorazione della carne. Gli espositori

terà dal 4 al 9 maggio 2013 sul quartiere fieristico di

del settore “vendita – tutto per le macellerie“ e le aziende

Francoforte con una nuova ottimizzata configurazione

di materiali per il confezionamento saranno ospitati per

dei padiglioni. Per la prima volta saranno usati entrambi

la prima volta nel padiglione 4.1. Nel piano sottostante

i piani (11.0 e 11.1) del padiglione 11. Qui i principali

(4.0) saranno presenti gli espositori del segmento ingre-

fornitori di tecnologie per il confezionamento, impianti di

dienti, spezie e additivi.

distribuzione e sistemi di misurazione e pesatura presente-

Wolfgang Marzin, presidente del comitato direttivo di

ranno le loro novità. Inoltre nel padiglione 11.1 saranno

Messe Frankfurt, ha dichiarato: “A IFFA 2013 proporre-

presenti anche i più importanti produttori di impianti di

mo una nuova ottimizzata configurazione dei padiglioni.

lavorazione e tagliatrici. Le aziende dei settori macella-

Con l’integrazione del padiglione 11 concentreremo l’in-

zione, trinciatura e lavorazione saranno riunite come sem-

tera offerta di macchinari e impianti nella parte ovest del

pre nei padiglioni 9.0 e 9.1, mentre nel padiglione 8.0

quartiere fieristico. Ai visitatori garantiremo così percorsi

troverà posto anche in questa edizione il settore espositi-

brevi e una strutturazione di più facile orientamento. Con

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IFFA RA 5-12.indd 1

29/11/12 09.48


FIERE

appuntamenti . convegni

il rappresentativo Portalhaus offriremo inoltre ai parteci-

sette padiglioni, non ha eguali a livello mondiale per va-

panti un nuovo ingresso centrale nell’area ovest. Il padi-

stità e varietà. Nel padiglione 11.0 le aziende fornitrici

glione 11 è il più recente e il più moderno del quartiere

di tecnologie per il confezionamento, impianti di distribu-

fieristico di Francoforte ed è caratterizzato da un ambien-

zione e sistemi di misurazione e pesatura presenteranno

te elegante. Con la nuova strutturazione dei padiglioni ri-

le loro novità. Tra gli espositori presenti vi saranno Espera

usciremo non da ultimo a soddisfare al meglio il desiderio

Werke, Ishida Europe, Ulma, Sealpack e VC999 Verpa-

espresso da tempo da numerosi espositori di aumentare

ckungssysteme. Nel piano sottostante (11.1) i produttori

la superficie dei loro stand.“

di tecnologie per il confezionamento, impianti di distribu-

A IFFA 2013 si sono già iscritte tutte le aziende leader

zione, sistemi di misurazione e pesatura, impianti di la-

del settore – la superficie espositiva è già stata quasi com-

vorazione e taglio proporranno interessanti innovazioni.

pletamente prenotata. Messe Frankfurt prevede la parteci-

Tra questi vi saranno ad esempio Bizerba, Multivac, CSB

pazione di circa 950 espositori provenienti da 47 paesi

System, Tipper Tie, Treiff e Webomatic.

che presenteranno le loro innovazioni su una superficie di

Il settore produttivo dedicato alla lavorazione della carne

oltre 100.000 metri quadrati. Sono attesi circa 58.000

continuerà a essere concentrato nel padiglione 8.0. I pro-

visitatori.

duttori dei settori macellazione e trinciatura, lavorazione, sistemi di trasporto e magazzinaggio, refrigerazione e

Nuova strutturazione dei padiglioni: migliore orienta-

automazione mostreranno le loro innovazioni nel padi-

mento – vasta offerta espositiva

glione 9.0. Nel padiglione 9.1 saranno riuniti invece i

A IFFA i singoli settori produttivi saranno organizzati in

fornitori di sistemi per la macellazione, la trinciatura e la

modo analogo alla catena del processo di lavorazione

lavorazione, attrezzature per la pulizia, igiene aziendale,

della carne. L’offerta produttiva, presentata all’interno di

sicurezza sul lavoro, EDP e soluzioni informatiche.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com IFFA RA 5-12.indd 3

29/11/12 09.48


FIERE

appuntamenti . convegni

LIFE HEALTHCARE INTERNATIONAL MEDICAL & HOSPITALITY GROUP (LHI SPA) È STATO PRESENTATO PER LA PRIMA VOLTA DURANTE IL MAPIC A CANNES 14.-16. NOVEMBRE 2012.

I

l primo progetto pilota di un marchio SPA di marca

ed altri paesi emergenti come il Brasile e la Turchia,

con la Divisione Hotel & Medical si apre in estate

avendo lavorato duramente per rappresentare le pro-

2013 a Lecce Italia.

prie sane economie nel retail all’interno di una realtà

Nonostante un contesto economico molto preoccu-

europea in lotta.

pante in Europa e in tutto il mondo, il MAPIC quest’an-

Un’altra sorpresa di quest’anno è stato l’aumento im-

no è riuscito a ospitare un evento di grande successo,

pressionante dei retailer americani.

con oltre 8.500 partecipanti (6,2% in più rispetto al

Keynote speaker e responsabile dei servizi retail di

2011), e 2.430 rivenditori, di cui 400 nuovi mar-

Cushman & Wakefield, Maxim Karbasnikoff, ha detto

chi. Tra i partecipanti, vi erano 850 investitori e 730

che il MAPIC è tutto incentrato sulle novità nel retail.

aziende espositrici. Uno dei nuovi marchi presenti alla

Ha aggiunto: “Non si tratta di commercializzare la

MAPIC è LHI SPA Life HealthCare International Medi-

Russia, ma di fare affari.” Sulla domanda di cosa il

cal & Hospitality Group.

MAPIC abbia portato alla Russia quest’anno, Maxim

I tre giorni di mostra sono stati un grande successo,

ha detto, “più ottimismo ed il desiderio di essere più

circa 700 degli investitori, tra visitatori ed esposito-

professionali.” Per rispondere al tema ricorrente circa

ri, sono stati invitati ad incontrare LHI SPA presso il

il digitale, ha osservato “Il centro commerciale è il luo-

proprio stand e difatti, a dimostrazione del grande

go di incontro e di divertimento, non solo per attirare

interesse per questo primo progetto pilota, sono stati

nuovi clienti, ma per creare un dialogo attraverso le

circa 200 i contatti incontrati dal Team LHI SPA nei

nuove tecnologie”.

tre giorni.

Dal pool di investitori c’è Tonny Nielsen, CEO e re-

Il progetto di mixed use di LHI SPA si basa su servizi

sponsabile IM di Aberdeen AM Danimarca, Copen-

medici d’eccellenza, unitamente a servizi alberghieri,

hagen. Nielsen guarda al mercato dell’est Europa

ristoranti, bar e take away con cibi e bevande saluta-

come uno dei mercati di maggior rilievo e crescita

ri, scuola per l’infanzia con programmi di formazione

nei prossimi anni. Egli ha sottolineato il fatto che gli

e prevenzione. Il progetto è stato considerato come

investitori non siano ancora disposti a correre dei ri-

una innovazione molto interessante nel contesto dei

schi: “La parola rischio non è la parola giusta per gli

“soliti” centri commerciali o progetti di mixed use. Vi

investitori in questo momento.” Il suo messaggio non

è la necessità di trovare nuove soluzioni e nuove idee

è stato roseo. Ha messo in chiaro che “la spesa dei

di progetto ed LHI SPA ha soddisfatto questa esigenza

consumatori è carente ed il mercato è relativamente

di novità.

piatto.” Detto questo, Tonny sente che ci siano ancora

Particolarmente sorprendente è stata la presenza di-

buone ragioni per essere positivi circa il futuro. “La

versificata ed internazionale degli espositori e dei vi-

qualità è migliorata rispetto a qualche anno fa e per

sitatori. Erano presenti Russia, quale Paese d’onore

questo motivo rimaniamo ottimisti.”

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com LHI RA 5-12.indd 1

26/11/12 13.34


MODERN BAKERY MOSCOW

MODERN BAKERY MOSCOW

mb_anzeige_it_210x297.indd 1

12.10.2012 12:45:29 Uhr


FIERE

appuntamenti . convegni

drinktec 2013 presenta tecnologie di riempimento innovative per grande aziende e medie imprese

FLESSIBILITÀ E SICUREZZA DEL PRODOTTO CON I SISTEMI DI RIEMPIMENTO MODERNI

I

produttori di bevande dei Paesi industrializzati

in mano. Questo sviluppo richiede nuovi impianti

propongono sempre nuove creazioni in rapida

completi ad alte prestazioni conformi allo stato più

successione. Nei Paesi emergenti, il miglioramen-

avanzato della tecnica. Le aziende di medie dimen-

to degli standard di vita porta a un’esplosione della

sioni vogliono a loro volta cogliere i vantaggi dell’in-

domanda di bevande di qualità pregiata e igienica-

novazione tecnologiche nelle singole macchine. A

mente impeccabili. Particolarmente sostenuta la cre-

drinktec 2013 saranno in vetrina tutte le novità più

scita del consumo di bevande confezionate in Cina

interessanti e gli sviluppi innovativi per le medie im-

e in Africa.

prese come per le grandi aziende.

In tutto il mondo gli analisti prevedono una crescita media annua del 3,4% fino al 2013. Insieme ai

Disponibilità degli impianti in primo piano

consumi crescono le richieste e le aspettative delle

Le direttrici di sviluppo della tecnica di riempimento

aziende rispetto agli impianti di riempimento. Le ri-

vengono sintetizzate dal Prof. Dott. Ing. Matthias Ni-

sposte dei costruttori di macchine e impianti alle sfide

emeyer, Presidente del Consiglio di Amministrazione

della flessibilità, della sicurezza dei prodotti, della

di KHS GmbH: A drinktec 2013 i riflettori saranno

sostenibilità e della facilità d’utilizzo si troveranno a

puntati ancora una volta sull’attenzione alla richieste

drinktec 2013, il salone internazionale delle tecnolo-

dei clienti e sulla conseguente ottimizzazione dell’u-

gie per le bevande e gli alimenti liquidi.

tilizzo degli impianti. In questo contesto, un ruolo di

Nell’imbottigliamento delle bevande, una tendenza

primo piano spetta al tema della sostenibilità. Un al-

evidente ormai da tempo è, da un lato, l’incremento

tro tema centrale sarà la modularità degli impianti di

della velocità delle linee nella produzione di gran-

imbottigliamento, che porta con sé il miglioramento

di lotti e, dall’altro, l’installazione di impianti chiavi

della qualità di riempimento, l’aumento della disponi-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com DRINKTEC RA 4-12.indd 1

03/12/12 14.48


World’s Leading Trade Fair for Beverage and Liquid Food Technology

drinktec is the pacemaker for the beverages and liquid food industry. The whole industry comes together at drinktec—companies large and small, regional and global. This is the place to find solutions. Be inspired by innovations, world premieres and new thinking. drinktec—Go with the flow.

D

16 –20 September 2013 New Munich Trade Fair Centre

info@drinktec.com | Tel. +49 89 949-11318 | Fax +49 89 949-11319

110512 dt13_FoodProcess_210x297_E.indd 1

10.10.11 10:38


FIERE

appuntamenti . convegni

bilità degli impianti e la riduzione dei costi di manu-

lecamere ad alte prestazioni per l’identificazione di

tenzione, energia, acqua e detergenti. Benefici che,

danni nella parte interna del collo delle bottiglie vuo-

fra l’altro, possono essere generati anche dall’imple-

te. Nei sistemi di ispezione a tutta altezza, che con-

mentazione del cosiddetto Hygienic Design.

sentono di individuare livelli di riempimento eccessivi

Requisiti igienici più severi

o insufficienti, si possono integrare apparecchiature

Secondo stime della VDMA, attualmente i tempi de-

acustiche che rilevano lo scoppio della bottiglia.

dicati alla pulizia nell’industria alimentare oscillano fra il 20 e il 30 percento, un valore notevole. L’o-

La modularità cambia il panorama

biettivo è dunque migliorare continuamente la puli-

dell’imbottigliamento

zia di macchine, impianti, componenti e processi,

La marcia trionfale della bottiglia di PET ha carat-

perseguendo la riduzione dei tempi di pulizia a pa-

terizzato l’evoluzione della tecnica di riempimento

rità di qualità e sicurezza del prodotto. La risposta è

e della tecnica di misurazione del flusso utilizzata

il design igienico, che tiene conto delle condizioni

per controllare il volume. L’appuntamento con drin-

igienico-sanitarie fin dalla fase di progettazione e

ktec 2013 proietta i riflettori sull’ulteriore sviluppo di

costruzione degli impianti.

sistemi modulari con possibilità di aggiungere suc-

A drinktec 2013 verranno presentate soluzioni evo-

cessivamente la chiuditrice, la soffiatrice e l’etichet-

lute e sostenibili per la riduzione dei costi sotto forma

tatrice, oppure di integrare tut-

di tempi di pulizia, energia, acqua e prodotti chimi-

te le macchine fin

ci. Nella pulizia di bottiglie riciclabili, ad esempio,

dall’inizio.

l’ottimizzazione dei consumi di energia e acqua è in primissimo piano. Anche per i produttori di bevande di medie dimensioni, gli espositori di drinktec proporranno macchinari per la pulizia con funzionalità analoghe alle macchine ad alte prestazioni, come ad esempio nastri di pulizia inclinati, uno o due stadi di pretrattamento o spruzzatura di liscivia. Altre innovazioni interessanti si trovano nel campo dell’ispezione continua di bottiglie vuote e piene. Oltre all’ispezione ottica completa, i nuovi sistemi di verifica delle bottiglie vuote sono provvisti, ad esempio, di unità a raggi Röntgen all’ingresso e all’uscita. Altrettanto

interessanti

le tecnologie con te-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com DRINKTEC RA 4-12.indd 3

03/12/12 14.48


FIERE

appuntamenti . convegni

Il riempimento guadagna così in flessibilità, efficien-

de esattamente alle nostre esigenze. Come salone

za energetica e disponibilità. Le nuove riempitrici

leader, drinktec è la vetrina ideale per presentare

flessibili sono adatta sia per il riempimento a caldo

le soluzioni più innovative e, al tempo stesso, è la

di bottiglie di PET e vetro, sia per l’imbottigliamento

piattaforma perfetta per stabilire e coltivare relazioni

a freddo di bevande lisce. Condizione importante in

internazionali. Petra Westphal, Project Manager di

presenza di un’ampia gamma di prodotti è la velo-

drinktec, riformula lo stesso concetto con altre pa-

cità di regolazione dei livelli di riempimento senza

role: drinktec è come una rete che raccoglie tutto il

cambiare il tubo di riempimento. I succhi di frutta e

settore, dove ognuno si sente a casa.

le bevande a base di latte con pezzi di frutta pos-

Visitando il salone internazionale delle tecnologie

sono essere prodotti e confezionate con la massima

per le bevande e gli alimenti liquidi dal 16 al 20

delicatezza. Particolarmente interessante per i conte-

settembre 2013, tutte le aziende di imbottigliamen-

nitori in PET il tema dell’alleggerimento, che punta a

to, i tecnici, gli studi di ingegneria e i costruttori di

risparmiare sui costi e sul consumo di risorse e com-

impianti potranno trovare spunti e suggerimenti. Li at-

porta alcuni interventi sulla tecnica di riempimento,

tende una rassegna di sistemi di riempimento moder-

ad esempio l’iniezione di azoto.

ni che offrono massima flessibilità, assoluta sicurezza microbiologica del prodotto e facilità di utilizzo, ga-

Sistemi di riempimento moderni con la

rantendo la riduzione dei consumi energetici e un’e-

massima flessibilità

levata disponibilità delle macchine e degli impianti.

Per un costruttore di impianti di riempimento e imbal-

Come appare il futuro nel campo delle macchine e

laggio di livello mondiale come KHS, drinktec è “la

delle apparecchiature per l’imbottigliamento?

fiera più importante”, come sottolinea il Prof. Nie-

Venite a scoprirlo a drinktec 2013.

meyer: La forte connotazione internazionale rispon-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com DRINKTEC RA 4-12.indd 5

03/12/12 14.48


FIERE

appuntamenti . convegni

LE POTENZIALITA’ PER IL FOOD ITALIANO NEL SUD EST ASIATICO

N

uovi mercati esteri che si apriranno all’esportazione

nel Sud Est asiatico ha raggiunto i 200 milioni di euro,

di prodotti italiani sono quelli del Sud Est asiatico.

con un aumento del 15,5% sullo stesso periodo del 2011.

La loro crescita economica, infatti, è significativa e

Se prendiamo in esame i soli Paesi dell’Asean (una sorta

costante da diversi anni, e fanno di questa regione una

di mercato comune dell’area, vedi elenco più avanti) la

delle aree del mondo maggiormente attrattive e ad alto

crescita è ancora maggiore, toccando il 30%. Per avere

potenziale di progressione nell’attuale contesto di merca-

un termine di paragone immediato, l’export italiano verso

to globale. E la richiesta di prodotti alimentari italiani dal

l’Asean è quasi equivalente a quello verso la Cina: 120

Sud Est asiatico è già una realtà che lascia prevedere una

milioni di euro milioni dall’Asean e 142 milioni dalla Cina.

crescita importante dell’export

Le prospettive di un forte aumen-

delle nostre aziende.

to dell’export del food made in

Di scambi commerciali e strate-

Italy sono confortate dalle pre-

gie per l’espansione dell’espor-

visioni di crescita economica

tazione di food made in Italy si

elaborate dall’Ocse quest’an-

è parlato oggi al “Cibus Export Seminar – Focus Asean &

no: nel prossimo quinquennio il Laos avrà una crescita

Sud Est asiatico” presso Fiere di Parma, cui hanno parte-

media annua del 7,4%, l’Indonesia del 6,4%, il Vietnam

cipato rappresentanti istituzionali, aziende alimentari e 13

del 5,6%, le Filippine del 5,5%, la Tailandia del 5,1%, la

buyer della distribuzione provenienti dal Sud Est Asiatico

Malesia del 5,1%, Singapore del 3,1%, Brunei del 2,4%.

che nel pomeriggio hanno discusso nel corso di incontri

Perfino Paesi che hanno superato da poco situazioni di

B2B con le aziende italiane la possibilità di accordi com-

criticità, come la Cambogia e la Birmania (Myanmar) sono

merciali.

previsti crescere rispettivamente del 6,9% e del 6,3%.

Nei primi sette mesi del 2012 l’export alimentare italiano

Su queste prospettive sono intervenuti nel corso dell’in-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CIBUS RA 5-12.indd 1

29/11/12 09.50


FIERE

appuntamenti . convegni

contro: Roberto Lovato, dirigente Area agroalimentare

Sud Est asiatico presenti a Parma, che hanno visitato gli

dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’inter-

impianti di diverse aziende alimentari sul territorio ed han-

nazionalizzazione delle imprese italiane; Carlo Marina,

no partecipato agli incontri odierni B2B: “Sugli scaffali

Dipartimento Internazionalizzazione Ministero Sviluppo

dei supermercati della mia catena distributiva – ha riferito

Economico; Daniele Rossi, direttore generale Federalimen-

Adrian Lanter di The Mall Group di Bangkok, Tailandia –

tare; Annibale Pancrazio, vice presidente Internazionaliz-

si vendono bene prodotti italiani come pasta, olio, aceto

zazione Federalimentare; Thomas Rosolia, amministratore

balsamico e condimenti vari. I tailandesi in genere iniziano

delegato Koelnmesse Italia; Ruben Sacerdoti, responsabile

a conoscere i prodotti italiani nei ristoranti italiani e poi

Servizio SPRINT Regione Emilia Romagna; Pim-Orn Pana-

vengono a cercarli al supermercato. Man mano che la

pruksachart, Central Food Retail, Tailandia; Adrian Lanter,

conoscenza della vasta gamma del food made in Italy

The Mall Group, Tailandia; Franco Boni, presidente Fiere

aumenta, crescono le possibilità di vendere anche altri pro-

di Parma; Antonio Cellie, amministratore delegato Fiere di

dotti. L’interesse è alto e le prospettive sono ottime”.

Parma.

Mercati non facili quelli del Sud Est asiatico, perché gli

Ma che tipo di prodotti alimentari italiani possono interessa-

ostacoli non sono pochi: barriere doganali, usanze reli-

re i mercati del Sud Est Asiatico? “I prodotti che già acqui-

giose, scarsa conoscenza della ricchezza e qualità della

stano – ha spiegato Roberto Lovato, dirigente Area agro-

produzione alimentare italiana.

alimentare dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero

I salumi, per esempio, hanno poco successo in questi mer-

e l’internazionalizzazione delle imprese italiane – sono

cati, per motivi religiosi e di gusto (con l’eccezione dei

generalmente pasta, olio d’oliva, conserve di pomodoro,

prosciutti di qualità). La tradizione alimentare è importante

vino, formaggi, conserve vegetali, ma anche cioccolato e

perché mediamente un consumatore asiatico digerisce a

caffè perché i consumatori di fascia medio-alta iniziano a

fatica la caseina contenuta nei formaggi freschi (preferisce

scoprire e ad apprezzare i nostri prodotti più tipici”.

quelli stagionati come il parmigiano reggiano e il grana

Una conferma in questo senso è giunta dai 13 buyer del

padano) o i tannini del vino rosso. Curiosamente, il suo in-

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CIBUS RA 5-12.indd 3

29/11/12 09.50


FIERE

appuntamenti . convegni

teresse passa per la rinomata dieta mediterranea italiana e

sfiorato la quota di 205 milioni di euro, con un aumento

per prodotti di griffe importanti e conosciute nel mondo in-

del +15.5% sullo stesso periodo del 2011. In particolare,

tero. Serve dunque una sempre maggiore promozione dei

la Thailandia è uno dei paesi più promettenti: nei primi

nostri prodotti alimentari, sempre abbinata all’informazione

sette mesi del 2012 l’export su questo mercato ha raggiun-

(sulla loro storia, sul territorio di provenienza, sui metodi

to la quota di 31,6 milioni di euro, con una crescita del

produttivi, sulle qualità intrinseche, e sui valori nutrizionali).

+31,1%, mentre nel 2011 l’export alimentare italiano sul

La pizza, per esempio, in molti di questi Paesi viene vissuta

mercato thailandese ha raggiunto la quota di 46,3 milioni,

come un prodotto americano, vista la diffusa distribuzione

con un aumento del +26,2% sull’anno precedente. Per

delle pizze surgelate made in Usa.

questo insieme a Fiere di Parma favoriamo la partecipa-

Si potrebbe promuovere la migliore qualità delle pizze

zione a Thaifex 2013, dove le nostre aziende potranno

surgelate italiane (che hanno iniziato a farsi conoscere in

misurarsi con le potenzialità di un mercato ancora in parte

India ed altrove, illustrando anche le tecnologie che con-

inesplorato”.

sentono di fare un buon prodotto, nonché la storia tutta

“Anche nel primo semestre 2012 i tassi di sviluppo dell’In-

italiana della pizza.

dustria Alimentare nell’area ASEAN si confermano tripli ri-

“Posso anticipare che importanti e diverse azioni promo-

spetto a quelli già eccellenti del settore (+ 30% rispetto al +

zionali pubbliche saranno realizzate l’anno prossimo – ha

8% worldwide) – ha dichiarato Antonio Cellie, amministra-

riferito Carlo Marina, Dipartimento Internazionalizzazione

tore delegato di Fiere di Parma - ciò conferma l’intuizione

Ministero Sviluppo Economico - finanziate con fondi stra-

di Federalimentare, Fiere di Parma e Koln Messe di pun-

ordinari ( i Progetti “Made in Italy”).Tali interventi si concen-

tare su questi mercati co-organizzando a maggio 2013

treranno nel promuovere l’immagine dell‘ italian style nei

la più importante fiera dell’area: il Thaifex di Bangkok.

Paesi ASEAN (che nel 2015 dovrebbero realizzare pie-

Solo grazie ad una collaborazione sempre più stretta con

namente la comunità economica unica) con una dotazione

gli espositori di Cibus possiamo oggi ospitare a Parma i

economica accresciuta rispetto al passato, e saranno de-

principali retailers e importatori di un mercato strategico in

stinati nell’anno prossimo a Paesi ASEAN quali Indonesia,

un’ottica che vede le Fiere come culmine di una relazione

Thailandia, Vietnam, Filippine e Myanmar”.

continuativa e di lungo periodo tra le aziende e i loro mer-

Molto attiva anche l’Agenzia ICE per la promozione all’e-

cati obiettivo”.

stero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane che

Particolarmente attiva sul fronte promozionale è la Regio-

ha programmato diversi interventi nella regione: dalla ap-

ne Emilia-Romagna, la sola ad aver istituito un Comitato

pena conclusasi Collettiva Food & Hospitality China tenu-

Export e Internazionalizzazione: “Abbiamo sviluppato un

tasi la scorsa settimana a Shangai alla prossima di Hofex

nuovo programma promozionale triennale – ha spiegato

2013 che si terrà ad Hong Kong nel maggio prossimo,

Ruben Sacerdoti, responsabile Servizio SPRINT Regione

con un contorno di altre 11 iniziative non meno importanti

Emilia Romagna – nel periodo 2013-2015, denomina-

che si svolgeranno nella medesima area geografica.

to BRICST PLUS che toccherà, oltre i Paesi Brics anche

A fianco ed in sinergia con Ministero e Agenzia ICE si

Turchia, Vietnam, Indonesia e Messico. Ci stiamo coordi-

muovono Federalimentare e Fiere di Parma.

nando con la Cabina di Regia delle Regioni Italiane per

“ Il nostro export alimentare in quest’area è in costante cre-

missioni internazionali di accompagnamento delle nostre

scita – ha precisato Annibale Pancrazio, vice presidente

imprese, come quella prevista in Indonesia nel marzo del

di Federalimentare - e nei primi sette mesi del 2012 ha

2013”.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com CIBUS RA 5-12.indd 5

29/11/12 09.50


FIERE

appuntamenti . convegni

SIAB A IBA: FACCIA A FACCIA CON LA PROFESSIONALITÀ

A

Monaco, per sei giorni, gli organizzatori di SIAB

li, per i settori di riferimento di ciascuna manifestazione.

hanno incontrato gli operatori internazionali dell’ar-

Con la sua rete, Veronafiere raggiunge aziende, profes-

te bianca per illustrare loro tutte le novità che li ac-

sionisti e istituzioni in oltre 60 nazioni tra Europa, Asia,

coglieranno a Veronafiere nel 2013 (25-29 maggio) in

Africa, Americhe e Oceania. La manifestazione tedesca è

occasione della decima edizione della principale manife-

stata ancora una volta la testimonianza di questo deciso

stazione italiana sulla panificazione.

orientamento all’internazionalità: Siab rappresenta del re-

Per Siab, un ricco carnet di incontri ha caratterizzato le

sto da sempre l’opportunità per gli operatori di creare un

giornate della manifestazione tedesca: espositori poten-

legame ideale tra i mercati di maggiore sviluppo grazie

ziali e già consolidati hanno avuto modo di verificare le

ad un’intensa e capillare attività di promozione nazionale

novità della prossima edizione ed i rappresentanti della

ed estera. Da sempre, una presenza importante di delega-

stampa hanno manifestato una grande curiosità per quella

zioni estere provenienti da tutto il mondo vengono a Siab

che viene considerata la manifestazione italiana di riferi-

per creare relazioni di business con le aziende del settore

mento. In occasione di Siab, Veronafiere, centro fieristico

e la manifestazione tedesca ha confermato l’interesse de-

a forte vocazione agroalimentare e leader europeo, nel

gli addetti ai lavori nei confronti della rassegna veronese.

2013, oltre ad un panorama completo delle tecnologie,

Occasioni come Iba in Germania e manifestazioni in Fran-

offrirà agli operatori una serie di risposte sullo stato del

cia, Spagna, ma anche Russia, Turchia, Brasile ed Egitto

mercato e l’indicazione su come affrontarlo con succes-

sono alcune delle tappe del tour promozionale che Siab

so, in un momento economico caratterizzato da profondi

sta attuando. Senza tralasciare i paesi di riferimento per il

cambiamenti. E iba di Monaco è stata l’occasione ideale

settore, Siab si rivolge a quei paesi in costante sviluppo e

per confrontarsi con un mercato internazionale con il quale

particolarmente attenti alle evoluzioni nei settori panifica-

SIAB dialoga da ormai 10 edizioni.

zione, pasticceria, pizza e pasta; mercati dalle potenziali-

Da sempre Siab si fa portavoce dei mercati rappresentati

tà importanti e di grande interesse per i produttori italiani di

sia in qualità di piattaforma espositiva che come link tra i

macchinari, tecnologie e semilavorati per l’arte bianca, da

produttori ed i consumatori alla ricerca di tecnologia ed

sempre all’avanguardia per la loro riconosciuta versatilità.

elevata professionalità.

La partecipazione alle maggiori rassegne del comparto a

La forte vocazione all’internazionalità affonda le sue radici

livello mondiale, anche nei paesi in cui l’industria alimen-

nella fitta e consolidata rete di delegati che operano sotto

tare è attualmente in pieno boom economico, è volta ad

la guida di Veronafiere per promuovere ed

espandere

assicurare ottime prospettive di business alle nostre imprese

le proprie manifestazioni in tutto il mondo. Selezionati tra

grazie allo sviluppo di contatti con i principali operatori del

Camere di Commercio e Studi di Consulenza dalla com-

settore, associazioni di categoria e opinion leader prove-

provata professionalità, i delegati operano in tutti i cinque

nienti da tutto il mondo. Un messaggio importante per un

continenti rivolgendosi ai mercati di riferimento e potenzia-

mercato ha ancora grandi potenzialità di ripresa.

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com SIAB RA 4-12.indd 1

03/10/12 10.57


FIERE - EXHIBITIONS

Выставки

china east europe meeting • events • fairs

congressi

russia middle east • asia

семинары • china • asia • middle east • east europe SIGEP

ANUGA FOODTEC

21-25/01/2012 RIMINI Salone Internazionale gelateria, pasticceria e panificazione artigianali International exhibition for the artisan production of ice-cream, pastry, confectionery and bakery

27-30/03/2012 COLONIA Salone Internazionale delle tecnologie alimentari e delle bevande International Food and Beverage Technology Exhibition

PROSWEET 29/01-01/02/2012 COLONIA Salone internazionale della subfornitura per l’industria dolciaria The international supplier fair for the confectionery industry

IPACK-IMA 28/02-03/03/2012 MILANO Mostra Internazionale per l’industria del confezionamento International Exhibition for the Packaging Industry

EUROPAIN 03-07/03/2012 PARIGI Salone Internazionale sulla tecnologia per la panificazione e la pasticceria International Show for the Bakery and Confectionery Industry

BIAS 8-11/05/2012 MILANO Convegno Mostra Internazionale dell’Automazione, Strumentazione e Microelettronica Conference International Exhibition of Automation, Instrumentation and Microelectronics

HISPACK 14-18/05/2012 BARCELLONA Manifestazione Internazionale su Macchine, Impianti e Tecnologia per il Packaging International Packaging Exhibition

BTA 15-18/05/2012 BARCELLONA Salone per le tecnologie, i macchinari, le materie prime per l’industria alimentare, delle bevande e del packaging Fair for Technologies and Machines for the Food, Beverage and Packaging Industry

SPS/IPC/DRIVES/ ITALIA 22-24/05/2012 PARMA Salone delle Tecnologie per l’Automazione Industriale Trade fair for manufacturers and suppliers in the industrial automation sector

EUROCARNE 24-27/05/2012 VERONA Manifestazione Internazionale sulle tecnologie per l’industria della carne International Trade Fair for the meatprocessing industry

IBA 16-21/09/2012 MONACO Salone Internazionale per l’ind. della panificazione e della pasticceria International Fair for the Bakery and Confectionery Industry

INTERMOPRO 23-25/09/2012 DÜSSELDORF Fiere internazionali per i prodotti lattiero-caseari, alimenti surgelati, gelati, tecnologia, carne e salsiccia International Trade Fairs for Dairy Products, Frozen Food, Ice Cream, Technology, Meat and Sausage

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FIERE EU- RA_1-11.indd 1

08/11/12 12.35


FIERE - EXHIBITIONS china

Выставки east europe

congressi meeting • events • fairs middle east • asia

russia

семинары • china • asia • middle east • east europe FACHPACK

EMBALLAGE

25-27/09/2012 NORIMBERGA Salone Internazionale su soluzioni e tecnologie per il confezionamento International Exhibition of technologies and solutions for the packaging

19-22/11/2012 PARIS NORD VILLEPINTE Salone Internazionale dell’imballaggio Exhibition for Packaging

MACFRUT 26-28/09/2012 CESENA Mostra Intenazionale di macchinari e impianti per l’industria ortofrutticola International Exhibition of Machinery and equipment for the Fruit and Vegetable processing

IPA 21-25/10/2012 PARIGI Salone internazionale dei processi alimentari International exhibition for food processing

SAVE 24-25/10/2012 VERONA Mostra Convegno delle Soluzioni e Applicazioni Verticali di Automazione, Strumentazione, Sensori International exhibition for food processing

BRAU BEVIALE 13-15/11/2012 NORIMBERGA Fiera delle Materie Prime Tecnologie, Logistica e Vendita per la produzione e commercializzazione di birra e bevande Fair of Raw Materials, Technologies, Logistics and Marketing for production and sales of beer and soft drinks

VINITECH 27-29/11/2012 BORDEAUX Fiera internazionale sulla filiera vitivinicola International exhibition for vinegrowing and wine-producing sector

SIGEP 21-25/01/2013 RIMINI Salone Internazionale gelateria, pasticceria e panificazione artigianali International exhibition for the artisan production of ice-cream, pastry, confectionery and bakery

ENOLITECH 7-10/04/2013 VERONA Salone Internazionale delle tecniche per la Viticultura, l’Enologia e delle tecnologie Olivicole e Olearie International Exhibition of Technologies for Viticulture, Oenology and Technologies for Olive Growing and Oil Production

ENOMAQ 12-15/02/2013 ZARAGOZA Salone Internazionale del Macchinario ed Attrezzature per Cantine e Imbottigliamento International Exhibition of Machinery and Equipment Winery and Bottling

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FIERE EU- RA_1-11.indd 3

08/11/12 12.35


FIERE - EXHIBITIONS china

Выставки east europe

congressi meeting • events • fairs middle east • asia

russia

семинары • china • asia • middle east • east europe INTERVITIS INTERFRUCTA 24-27/04/2013 STOCCARDA Fiera internazionale delle tecnologie per vino, frutta e succhi di frutta Technology fair for wine, fruit and fruit juices

IFFA 4-9/05/2013 FRANCOFORTE Manifestazione Internazionale sulletecnologie per l’industria della carne International Trade Fair for the meatprocessing industry

SPS/IPC/DRIVES/ ITALIA 21-23/05/2013 PARMA Salone delle Tecnologie per l’Automazione Industriale Trade fair for manufacturers and suppliers in the industrial automation sector

PULIRE 21-23/05/2013 VERONA Mostra internazionale delle produzioni e delle tecnologie per le attività dell’igiene ambientale International exhibition of products and technologies for environmental hygiene

SIAB 25-29/05/2013 VERONA Salone Internazionale per l’ind. della panificazione e della pasticceria. International Fair for the Bakery and Confectionery Industry

PACKOLOGY 11-14/06/2013 RIMINI Salone delle tecnologie per il packaging e il processing Exhibition of Technology for Packaging and Processing

DRINKTEC INTERBRAU 16-21/09/2013 MONACO Salone Internazionale della tecnologia per l’industria delle bevande International Show for the Beverage Industry Technologies

FACHPACK 24-26/09/2013 NUERNBERG Salone Internazionale su Soluzioni e tecnologie per il confezionamento Trade Fair for Packaging Solutions

ANUGA 05-09/10/2013 COLONIA Salone Internazionale delle tecnologie alimentari e delle bevande International Exhibition of food and beverages

IBIE 06-09/10/2013 LAS VEGAS Salone Internazionale per l’ind. della panificazione e della pasticceria International Fair for the Bakery and Confectionery Industry

HOST 18-22/10/2013 MILANO Salone tecnologico per la panificazione e la produzione di pasta e pizza Show for Bakery and Fresh Pasta and Pizza Industry

PROCESS EXPO 03-06/11/2013 CHICAGO Salone Internazionale delle tecnologie alimentari e delle bevande International Food and Beverage Technology Exhibition

SIMEI 12-16/11/2013 MILANO Fiera internazionale sulla filiera vitivinicola e sulle tecnologie per l’industria dell’imbottigliamento International exhibition for vine-growing,wine-producing and bottling industry

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FIERE EU- RA_1-11.indd 3

08/11/12 12.35


FIERE - EXHIBITIONS china

east europe

meeting • events

Выставки

fairs

russia

congressi

middle east • asia

семинары • china • asia • middle east • east europe UPAKOVKA UPAK ITALIA 24-27/01/2012 MOSCA Salone Internazionale delle macchine per imballaggio International Packaging Machinery Exhibition

SINO-PACK/CHINA DRINKTEC 07-09/03/2012 GUANGZHOU Fiera internazionale per il confezionamento, l’imballaggio e le bevande International fair for packaging, packing machines and beverage technology

INTERFOOD 03-05/04/2012 S. PIETROBURGO Salone Internazionale di prodotti alimentari, di bevande e ingredienti International Exhibition for food beverages and ingredients

CHINAPLAS 18-21/04/2012 GUANGZHOU Mostra internazionale sull’industria delle materie plastiche International Exhibition on plastic and rubber industries

BAKERY CHINA 10-12/05/2012 SHANGHAI Fiera internazionale della panificazione e dell’industria dolciaria in Cina International Trade Fair for the Bakery and Confectionery Trades in China

MODERN BAKERY 13-15/06/2012 MOSCA Salone internazionale delle attrezzature per la panetteria e degli ingredienti alimentari International trade fair for bakery equipment and food ingredients

ROSUPAK 18-22/06/2012 MOSCA Saloni internazionali per l’imballaggio alimentare ed industriale International Food and Industry Packaging Exhibition

PROPACK China 18-20/07/2012 SHANGAI Mostra internazionale delle tecnologie per l’industria alimentare e per il confezionamento International exhibition for the food industry and for packaging technologies

BEVTEK & BREWTEK China

WORLD FOOD MOSCOW 17-20/09/2012 MOSCA Salone Internazionale dei prodotti alimentarie delle bevande International Exhibition for Food and Drink products

AGROPRODMASH 08-12/10/2012 MOSCA Salone Intern. dei macchinari e delle attrezzature per il settore agroindustriale International Trade Exhibition of Machinery and Equipment for Agroindustrial industry

WORLD FOOD UKRAINE 31/10-02/11/2012 KIEV Salone Internazionale dei prodotti alimentarie delle bevande International Exhibition for Food and Drink products

18-20/07/2012 SHANGAI Salone Internazionale della produzione di bevande e della tecnologia per l’imbottigliamento International Exhibithion for the beverage production and bottling technology

FOODSIB&SIB PACK

INPRODMASH

UPAKOVKA UPAK ITALIA

11-14/09/2012 MOSCA Fiera Internazionale sulle tecnologie per l’industria alimentare International Specialized Trade Fair of Equipment and Technologies for Food Processing Industry

06-09/11/2012 NOVOSIBIRSK Salone Internazionale sulle tecnologie per l’industria alimentare e del packaging International Food Industry Exhibition

29/01/2013- 01/02/2013 MOSCA Salone Internazionale delle macchine per imballaggio International Packaging Machinery Exhibition

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com FIERE RU-12.indd 1

29/10/12 11.28


INSERZIONISTI ABBIAMO OSPITATO AZIENDE

INDICE

CONTATTI

AB ENERGY SPA 20 Via Gabriele D’Annunzio, 16 25034 Orzinuovi - Brescia ACI 90 Millwey Industrial Estate EX13 5HU Axminster, UK ACMA 48-49 501 Southlake Boulevard 23236 Richmond - USA AICE 63 Viale V. Lancetti 43 20158 Milano ANIE 35 Viale Lancetti 43, 20158 Milano ASCO FILTRI II Copertina Via G. Brodolini, 1 20089 Rozzano - Milano ASSOFOODTEC 66-67 Via S. Pellico, 6/8 I 20089 Rozzano - Milano BEUMER GMBH & CO. KG 95 Oelder Strasse 40 59269 Beckum - Germany BIZERBA IV Copertina Postfach 100264 72301 Balingen - Germany BOSCH 52-53 Via M. A. Colonna, 35 20149 - Milano CARPI 54 Via Tasca, 1/I 31059 Zero Branco - Tivoli CGM 104 Via Lazio, 1 40069 Zola Predosa - Bologna CGT 10/12 Strada Statale Padana Superiore, 19 20090 - Vimodrone - Milano COSTACURTA SPA 105 Via Grazioli, 30 20161 Milano

CS SPES 9 Via Broganelli, 84 60044 Fabriano - Ancona ECOLIGHT 68-69 Via Monte Rosa, 96 20149 Milano EMERSON 1/6-8 Via Montello, 71/73 20038 Seregno - Monza Brianza ENERGY RESURCE 18-19 Via Ignazio Silone, 10 60035 Jesi FESTO 82/85 Via Enrico Fermi 36-38 20090 Assago - Milano FIERA Di PARMA 120/122 Via Rizzi, 67/A 43031 Baganzola - Parma FIERA DI VERONA 123 Viale del Lavoro, 8 - C.P. 525 37100 - Verona GENERAL SYSTEM PACK SRL - GSP 39 Via Lago di Albano, 82 36015 Schio - Vicenza HOERMANN 107-108 Via G. Di Vittorio, 62 8015 Lavis - Trento IBT GROUP 25/29 Via Marconi, 51 31050 Villorba - Treviso

ISOIL 13 Viale F.lli Gracchi, 27 20092 Cinisello Balsamo Milano ITALPAN II Copertina Via Braglio, 68 36010 Schio - Vicenza

ITALSTAND 51 Via Pizzo Camino, 47 24060 Chiuduno - Bergamo LHI 114 C.so Vittorio Emanuele II 30 20122 Milano LINPAC GROUP 55 3180 Park Square Birmingham Business Park B37 7YN Birmingham - GB MESSE FRANKFURT ITALIA SRL 60-62/112-113 Via Quintino Sella, 5 20121 Milano MESSE MUENCHEN GMBH 116-119 Messegelande 81823 - Muenchen - Germania METTLER TOLEDO SPA 46-47 Via Vialba, 42 20026 Novate Milanese - Milano MOMBRINI SRL 73 Via Giovanni XXIII, 29 24043 Caravaggio - Bergamo NATIONAL STARCH 70-71 Via Roma 29 20050 Mezzago - Milano

KOELNMESSE GMBH 50-51 Messeplatz, 1 50679 Koeln - Germania RIVOIRA SPA 50-51 Via Cardinal Massaia, 75/1 10147 Torino ROTOPRINT 56 Via Puccini, 25 20020 Lainate - Milano SENSORMATIC 89 Via della Beverara, 13 40131 Bologna SIEMENS 106 Viale Piero e Alberto Pirelli, 10 20126 - Milano STESI 92/94 Vicolo Cadore 29/7 31020 San Vendemiano - Treviso TECAM I Copertina/ 30-31 Via Cavallotti, 24 33170 Pordenone TESSARI 38 Via Venezia, 69 35129 Padova UCIMA 13-57 Viale Fulvio Testi, 128 20092 - Cinisello Balsamo Milano UNICONFORT SRL 32-34 Via dell’Industria, 21 San Martino di Lupari - Padova

IGUS SRL 86/88 Via delle Rovedine, 4 23899 Robbiate - Lecco

OM STILL CARRELLI ELEVATORI SPA 97-101 Via De Gasperi, 7 20020 Lainate - Milano

VERONESI SEPARATORI SPA FLOTTWEG 64-65 Via Don Minzoni,1 40055 Villanova di Castenaso Bologna

INNOVA SRL 78-79 Via F. Baracca, 15/B 20010 Bareggio - Milano

OWP OST WEST PARTNER GMBH 115 Ulmenstraße 52 f 90443 Nürnberg - Germania

VIESSMANN 64-65 Via Brennero, 56 37026 Pescantina - Verona

IPACK-IMA SPA 74-75 C.so Sempione, 4 20154 Milano

RIMINI FIERA 50/109-111 Via Emilia, 155 47921 Rimini

WALKI 58-59 P.O. Box 40 FIN-37601 Valkeakoski - Finlandia

www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com www.itfoodonline.com **INDICE RA 5-12.indd 1

05/12/12 11.40


www.imagination.it

Semplicità, Affidabilità, Qualità

Italpan sas - 36010 Zanè (VI) - Via Pasubio, 170 - Tel. 0445 314.236 - Fax 0445 314.237 - info@italpan.com

www.italpan.com


SQUADRA

FOCUS

PERFETTA

PRECISA

SICURA

CWP NEPTUNE

CWF

Per merce non confezionata quale ad esempio pesce, pollame, carne macinata, salumi, formaggi, prodotti da forno, latte e prodotti caseari. Estremamente igienica, resistente e facile da pulire.

Riduce le eccedenze di prodotto già nella fase iniziale del processo di produzione. Eccellenza garantita per quanto riguarda igiene e integrità di prodotto al 100%.

Gamma Industria: Massime prestazioni e ampia gamma di modelli ed esecuzioni.

UNA TRADIZIONE DI INNOVAZIONI. Bizerba si occupa di tecnologie di pesatura dal 1866. Forniamo soluzioni di pesatura all’avanguardia basate sulle ultime tecnologie informatiche hardware e software per l’intera linea di produzione e per i reparti di preconfezionamento, con l‘obiettivo primario di aumentare le vostre vendite e profitti. Closer to your business...flessibili rispetto alle vostre necessità e sempre pronti ad affrontare le sfide di un‘economia globale. www.bizerba.com

FOCUS


RASSEGNA ALIMENTARE - 2012 - 5